WorldWideScience

Sample records for cura di massimo

  1. Baruch Spinoza, Compendio di grammatica della lingua ebraica (a cura e con introduzione di Pina Totaro, traduzione e note di Massimo Gargiulo, Firenze, Olschki Editore, 2013, 204 pp. ISBN 978-88-222-6212-7

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sara Ferrari

    2014-11-01

    Full Text Available Baruch Spinoza, Compendio di grammatica della lingua ebraica(a cura e con introduzione di Pina Totaro, traduzione e note di Massimo Gargiulo, Firenze, Olschki Editore, 2013, 204 pp. ISBN 978-88-222-6212-7

  2. Baruch Spinoza, Compendio di grammatica della lingua ebraica (a cura e con introduzione di Pina Totaro, traduzione e note di Massimo Gargiulo, Firenze, Olschki Editore, 2013, 204 pp. ISBN 978-88-222-6212-7)

    OpenAIRE

    Sara Ferrari

    2014-01-01

    Baruch Spinoza, Compendio di grammatica della lingua ebraica(a cura e con introduzione di Pina Totaro, traduzione e note di Massimo Gargiulo, Firenze, Olschki Editore, 2013, 204 pp. ISBN 978-88-222-6212-7)

  3. Massimo Rizzante, Walter Nardon, Stefano Zangrando (a cura di, La poesia della prosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Marfè

    2012-12-01

    Full Text Available Poesia e prosa, da almeno un secolo e mezzo, non smettono di intrecciare i propri confini. Metterne in discussione l’eterogeneità, tuttavia, per lungo tempo ha suscitato quanto meno diffidenza. Del resto, se mai fosse possibile, nel mare magnum delle forme letterarie, identificare delle frontiere condivise, forse la più palese e intuitiva parrebbe essere proprio questa: ciò che è scritto in versi non è scritto in prosa e viceversa. Mescolare i confini tra poesia e prosa rischierebbe allora di porre in dubbio anche altre frontiere della critica, in gran parte meno immediate e apparentemente solide. Forse anche per questo, tradizionalmente, la differenza tra poesia e prosa era definita, prima ancora che da motivi di ordine estetico, su una base gerarchica: si trattava di dimensioni ritenute costituzionalmente diverse, incommensurabili. 

  4. Plebe, pontefice massimo, tribuni della plebe: a proposito di Liv. 3.54.5-14

    OpenAIRE

    Rinolfi, Cristiana Maria Anastasi

    2006-01-01

    Sommario: 1. Premessa: Liv. 3.54.5-14 e la restaurazione del tribunato della plebe. – 2. La possibile impasse per il rinnovo del tribunato della plebe. – 3. I motivi della scelta del pontefice: a) la tutela pontificale dei sacra e l’integrazione della plebs. – b) una possibile capacità di sostituzione del pontefice massimo? – 4. Il silentium. – 5. Conclusioni.

  5. Massimo Rizzante, Walter Nardon, Stefano Zangrando (eds., Al di là del genere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Martemucci

    2011-11-01

    Full Text Available Pubblicato nel 2010, il volume Al di là del genere raccoglie gli interventi che si sono tenuti tra l’autunno del 2007 e la primavera del 2008 nel quadro del Seminario Internazionale sul Romanzo (sir svoltosi presso il Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Filologici dell’Università degli Studi di Trento. In tutti i saggi centrale è la questione del rapporto fra il romanzo e le varie espressioni artistiche, in particolare la musica, il teatro, il saggio, il racconto, la narrazione orale, il cinema. Come sostiene Massimo Rizzante nella premessa al volume, «la sfida è stata quella di cercare di comprendere e di segnare la frontiera delle diverse arti, piuttosto che soccombere all’ideale, oggi tanto in voga quanto illusorio, della loro contaminazione» (p. 7. Consapevoli del fatto che il romanzo sia un genere aperto, piuttosto onnicomprensivo, ma comunque dotato di proprie caratteristiche, gli studiosi hanno cercato di capire come le diverse arti dialogano con esso.

  6. In pluribus unum? Sul concetto di integrazione nei processi di cura

    OpenAIRE

    2011-01-01

    Lo sforzo nel cercare di integrare le varie forme di cura, in medicina e in psicoterapia, sembra essere ormai prevalente su quello, più vecchio anche se non estinto, del differenziarle. Oggi si dà per lo più per scontato che integrare sia bene, differenziare sia male. Fioriscono scuole e centri di medicina integrata, di psicoterapia integrata, di approcci olistici (il termine olistico e quello integrato talvolta appaiono usati, scorrettamente, come sinonimi).

  7. La trasformazione dell’esperienza. Antropologia e processi di cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivo Quaranta

    2012-01-01

    Full Text Available Abstract – IT Sulla base di un approccio antropologico, l’incontro terapeutico verrà ripensato come un processo di produzione partecipativa del significato della realtà, capace di promuovere una rielaborazione dell’esperienza di malattia, consentendo inoltre l’individuazione di possibili forme di intervento capaci di generare socialmente tale trasformazione. Introducendo il concetto di “diritto al significato” come terreno per l’individuazione di quali altri diritti promuovere, il concetto di efficacia terapeutica verrà ripensato in termini di trasformazione: non solo nei termini delle possibili trasformazioni sul piano anatomico-fisiologico che le tecniche di intervento biomedico possono realizzare; non solo nei termini delle trasformazioni nei rapporti di senso che la relazione di cura incentrata sul diritto al significato può promuovere; ma anche nei termini di una trasformazione dei rapporti sociali in cui i pazienti sono coinvolti.  Abstract – EN In anthropological terms the therapeutic encounter will be reconsidered as a process of participatory production of the meaning, promoting a reformulation of the experience of illness and allowing the identification of possible forms of intervention capable of socially generating such a reformulation. The concept of “right to meaning” as a basis for the identification of other rights helps us to reframe the issue of therapeutic efficacy. The latter will be reconsidered through the concept of transformation, not only in terms of the possible transformations on the anatomo-physiological plane that can be performed by biomedical intervention, or in terms of the changes in the relationships of meaning that the right to meaning can promote, but also in terms of a transformation in the patients’ social relationships.

  8. La ristorazione nelle case di cura convenzionate di una ASL romana. Verifica dell'adeguatezza nutrizionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Cairella

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione dell’adeguatezza nutrizionale dei menù di case di cura convenzionate e formulazione di raccomandazioni finalizzate al raggiungimento della sicurezza nutrizionale dell’utente ricoverato.

    Metodi: alle Direzioni Sanitarie delle case di cura convenzionate sono stati richiesti i menu invernali ed estivi del vitto comune e speciale. La valutazione giornaliera media dell’energia totale, l’apporto giornaliero medio di macronutrienti, la ripartizione % fra i nutrienti e fra proteine e lipidi di origine animale e vegetale sono stati effettuati utilizzando come banca dati le tabelle di composizione degli alimenti INRAN; i valori ottenuti sono stati classificati adeguati o non adeguati, in accordo con i LARN e le Linee Guida delle specifiche patologie. Per quanto riguarda il parametro variabilità della dieta, il giudizio di adeguatezza è stato formulato considerando la presenza di opzioni di scelta nel menu, la presenza di menu estivo ed invernale e la frequenza settimanale degli alimenti, secondo le Linee Guida per una Sana Alimentazione.

    Risultati: I risultati, relativi all’85% (n. 7 delle case di cura convenzionate presenti nella ASL, evidenziano: 1 quota energetica giornaliera media adeguata nell’85% delle strutture; ripartizione in macronutrienti inadeguata nel 50% dei casi; inadeguata ripartizione % tra proteine di origine animale e vegetale nella totalità delle strutture 2 Relativamente al vitto comune, l’opzione di scelta è presente nel 65% delle Case di Cura ed il menu non è coerente con le Linee Guida per una Sana Alimentazione nel 30%. 3 Le diete speciali sono presenti nel 65% delle strutture: la tipologia è adeguata alle caratteristiche dell’utenza, ma l’adeguatezza nutrizionale si riscontra solo nel 25% dei casi. I risultati di tali valutazioni, integrati da proposte operative, sono stati comunicati alle Direzioni Sanitarie delle

  9. La filosofia pratica e l’ascesi nelle Quaestiones ad Thalassium di Massimo il Confessore

    OpenAIRE

    Spacagna, Valentina

    2016-01-01

    2014 - 2015 The purpose of this study is to demonstrate how within the Quaestiones ad Thalassium the monk Massimo the Confessor’s reasoning is structured in two different perspectives: practical philosophy and mystical ascension. The idea behind this type of research is determined by two needs: the first one, obvious and tangible, is based on the scarceness of thorough studies on this worthy philosopher and theologian, whom for a long time was only considered for his suggestive critical in...

  10. Ludger Müller-Wille, a cura di, Franz Boas, Diari e lettere (1883-1884) tra gli Inuit dell'Isola di Baffin, edizione italiana a cura di Enzo Vinicio Alliegro, Firenze, SEID Editori, 2014, pp. 438

    OpenAIRE

    Antonino Colajanni

    2017-01-01

    Book review of Ludger Müller-Wille, eds, Franz Boas, Diari e lettere (1883-1884) tra gli Inuit dell'Isola di Baffin, edizione italiana a cura di Enzo Vinicio Alliegro, Firenze, SEID Editori, 2014, pp. 438.

  11. Guardarsi per incontrarsi: la costruzione della relazione di cura con il migrante

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivo Lizzola

    2013-12-01

    Full Text Available Questa introduzione apre la seconda parte del numero monografico, i cui interventi focalizzano la loro attenzione sugli operatori impegnati nel lavoro di cura con persone che appartengono a culture Altre o sulla società d’accoglienza. Nella giornata congressuale, invece, il Prof. Lizzola apriva la giornata con un saluto e qualche riflessione; riflessioni riportate ora qui sotto.

  12. Ludger Müller-Wille, a cura di, Franz Boas, Diari e lettere (1883-1884 tra gli Inuit dell'Isola di Baffin, edizione italiana a cura di Enzo Vinicio Alliegro, Firenze, SEID Editori, 2014, pp. 438

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonino Colajanni

    2017-01-01

    Full Text Available Book review of Ludger Müller-Wille, eds, Franz Boas, Diari e lettere (1883-1884 tra gli Inuit dell'Isola di Baffin, edizione italiana a cura di Enzo Vinicio Alliegro, Firenze, SEID Editori, 2014, pp. 438.

  13. Intervista a Massimo Bacigalupo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Leiduan

    2012-07-01

    Full Text Available Massimo Bacigalupo, l’un des plus éminents représentants du cinéma underground italien, retrace, au cours d’un entretien avec Alessandro Leiduan, l’histoire de son expérience cinématographique et livre aux lecteurs quelques clés pour interpréter les films de l’un des courants artistiques les plus créatifs et anticonformistes du cinéma italien. Sont passés en revue les rapports entre cinéma underground et public, entre cinéma d’expérimentation et cinéma numérique et, enfin, entre création littéraire et création cinématographique.Massimo Bacigalupo, uno dei più illustri rappresentanti del cinema underground italiano ricostruisce, nel corso di un’intervista rilasciata ad Alessandro Leiduan, la storia della sua esperienza cinematografica e fornisce al lettore qualche chiave di lettura di una delle correnti artistiche più creative e anticonformiste del cinema italiano. Vengono passati in rassegna i rapporti tra cinema underground e pubblico, tra cinema sperimentale e cinema dell’era digitale e, infine, tra creazione letteraria e creazione cinematografica.

  14. Book review. Semeiologia Clinica Veterinaria. (a cura di Paolo Ciaramella

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2014-09-01

    Full Text Available Il grado di specializzazione raggiunto nel settore clinico veterinario non è dissimile da quello presente in campo umano, soprattutto se si pensa agli animali d'affezione che sono oramai considerati parte integrante di una società moderna e civile in cui anche il fattore benessere animale ha acquisito importanza non secondaria, in particolare nell'allevamento degli animali da reddito. In questo contesto è sempre più richiesta la figura di uno specialista competente e aggiornato, in grado di risolvere in modo adeguato le problematiche che gli vengono proposte, in un mercato in concorrenza che non contempla imperizia, inesperienza e ignoranza professionale. Lo studio della semeiologia clinica è uno dei primi passi di questo lungo e affascinate cammino che permette di apprendere un metodo di analisi sistematico, affidabile, efficiente e accurato per educare il futuro medico veterinario verso le procedure della buona pratica clinica. La semeiotica insegna ad allenare i propri sensi: a guardare attraverso l'osservazione diretta e indiretta, a sentire ascoltando suoni o rumori, a percepire sensazioni tattili e, non da ultimo, a saper discernere con cognizione e competenza quando ricorrere alle indagini strumentali e di laboratorio; sempre e comunque nella consapevolezza che non possono in nessun modo sostituire l'esame fisico diretto del paziente. Paolo Ciaramella, professore ordinario di Clinica Medica Veterinaria all'Università Federico II di Napoli, presenta così il volume che ha curato: "L'idea di questo libro ha preso forma durante un simposio di medicina interna tenutosi a Torino nel 2008. Con alcuni colleghi presenti si pensò alla possibilità di elaborare un nuovo testo di Semeiotica Medica che potesse ampliare e aggiornare il glorioso Messieri e Moretti, non tanto perché esso avesse perduto il suo valore intrinseco, quanto piuttosto perché nel corso degli anni sono cambiate la patologia animale e con essa la semeiotica e la clinica

  15. La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002

    OpenAIRE

    Paola Guglielmotti

    2003-01-01

    Review of La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002 .

  16. La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Guglielmotti

    2003-06-01

    Full Text Available Review of La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002 .

  17. Nascita e destino della soggettività. Dai ruoli professionali ai processi di cura, attraverso una lettura di "Quel che resta del giorno" di Kazuo Ishiguro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele Profita

    2017-07-01

    Full Text Available Questa riflessione affronta un tema assai rilevante per le professioni di cura, con uno sguardo particolare alla psicoterapia. Per chiarire il ruolo della soggettività e della nascita e maturazione di un ruolo professionale riporterò un’analisi di un testo letterario attraverso il quale sarà più agevole scoprire come si forma l’identità di un ruolo professionale e come si avvia alla sua maturazione e alla sua codificazione. In particolare quali sono i rischi legati ad una sua rigida codificazione rivolta alla sua normatività tecnica? Mi propongo di tracciare un confronto con alcune forme di costruzione della soggettività che nel corso dei secoli hanno fondato il modello dell’uomo occidentale nelle sue articolazioni professionali.

  18. Didattica etnografica sperimentale (Massimo Canevacci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Di Massa

    2003-03-01

    Full Text Available Massimo Canevacci, insegnante di Antropologia culturale alla Sapienza di Roma, con questo libro visionario e audace ci racconta delle trasformazioni del ruolo del professore universitario nel rapporto con l'evoluzione della cultura contemporanea. Sulla base di queste considerazioni generali, Canevacci afferma la necessità di un forte ripensamento dell'attuale impostazione didattica dell'Università, almeno nel campo delle scienze sociali e in particolare nell'ambito antropologico, affermando che 'è quindi necessario ripensare le forme della didattica, per esplorarne le nuove multiple possibilità, nella sua meta-connessione con le scelte dei nuovi territori che coinvolgono la ricerca e i paradigmi ad essa connessi. L'Università non deve essere il luogo della riproduzione del sapere; l'Università è lo spazio dell'innovazione dei saperi.

  19. Book review, Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale Giampaolo Colavita (a cura di

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2008-09-01

    Full Text Available Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale si avvale del contributo di 33 autori, tutti soci dell’Associazione Italiana Veterinari Igienisti (AIVI, che garantiscono l’appropriata trattazione di una materia estremamente vasta e dinamica. Il manuale nasce da un’iniziativa finalizzata alla realizzazione di un testo che rifletta e possa soddisfare le esigenze didattiche degli insegnamenti di un’ampia serie di materie universitarie: Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria, di Agraria, nei corsi di Scienze e Tecnologie Alimentari, di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali, nel corso di laurea in Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei Luoghi di Lavoro, nonché in altri corsi di studio dove si insegnano le discipline relative all’igiene e alla sicurezza degli alimenti.Sono stati trattati gran parte degli alimenti di origine animale, i prodotti a base di carne, il latte e i prodotti derivati, i prodotti della pesca freschi e trasformati, i prodotti dell’alveare, le uova e gli ovoprodotti. Di particolare interesse appare il capitolo riguardante la diagnostica analitica degli alimenti, considerato che le moderne metodologie analitiche risultano fondamentali per affrontare le tematiche legate all’igiene e alla sicurezza alimentare.Il volume ha una finalità prevalentemente didattica ma è comunque rivolto a tutti coloro che operano nel campo dell’Igiene e delle Tecnologie Alimentari. Infatti, visti gli argomenti trattati come le tossinfezioni e le intossicazioni alimentari, la conservazione, il confezionamento e l’etichettatura dei prodotti alimentari, anche i professionisti del settore possono trarre dal testo elementi utili per la loro attività. Per esempio argomenti quali l’analisi del rischio, le attività di audit ed i sistemi di accreditamento e di certificazione sono particolarmente utili per chi opera nelle Aziende Sanitarie Locali e negli Istituti

  20. D. Felini (a cura di, Video game education. Studi e percorsi di formazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alex Tribelli

    2013-03-01

    Full Text Available Nei confronti di una trattazione scientifica dei videogame c’è tuttora qualche scetticismo. I pregiudizi, più volte denunciati, ancora hanno qualche sussistenza: persiste qualche analisi sociale che considera i videogame oggetti diabolici che provocano isolamento e comportamenti violenti nei teenager. Pur constatando una progressiva inversione di tendenza, Video game education. Studi e percorsi di formazione, curato da Damiano Felini, si propone di sgretolare la concezione che la società contemporanea ha dei videogame, dimostrando come questi oggetti mediali possono addirittura divenire uno strumento di formazione e crescita delle persone.

  1. Lavoro di cura, famiglie e futuro: riflessioni per uno strumento di ricerca.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Felice Carugati

    2007-07-01

    Full Text Available Il presente contributo riguarda le riflessioni teoriche che hanno portato alla costruzione di uno strumento di ricerca sul tema delle cure educative che le madri pensano ed agiscono nella vita quotidiana nei confronti dei figli. Utilizzando una prospettiva che studia i contesti sociali come unità d’analisi a più livelli, dall’individuale al collettivo (Bronfenbrenner, 1979, dalle azioni alle rappresentazioni (Doise, 1982, integrando in questa prospettiva anche lo studio delle Rappresentazioni Sociali (Mugny, Carugati, 1985, vengono descritti i principali contenuti di un questionario somministrato ad un campione di madri con figli di età tra i 5 e gli 11 anni.

  2. Book review. Manuale di ematologia veterinaria e medicina trasfusionale. (a cura di Magda Gerou-Ferriani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2013-09-01

    Full Text Available Il volume curato dalla dott.ssa Magda Gerou-Ferriani dell'Ospedale veterinario "Portoni Rossi" di Bologna e dell'Università di Liverpool viene presentato come il primo manuale di ematologia veterinaria italiano. Un volume realizzato per essere utilizzato dagli studenti e dai veterinari nella pratica quotidiana. Da qui deriva la scelta della sua struttura organizzata per capitoli autonomi in modo che il lettore possa consultare le tematiche di proprio interesse indipendentemente dal resto. I primi due capitoli del manuale sono dedicati alle nozioni di base e forniscono informazioni concrete per ciò che riguarda i prelievi del sangue nella pratica veterinaria, l'allestimento e la corretta lettura del vetrino e tutto quanto è necessario sapere sulle trasfusioni. Nel terzo capitolo viene illustrata nel dettaglio l'interpretazione dell'eritrogramma, del leucogramma e del siderogramma. A seguire, nei capitoli 4 e 5, vengono trattate le patologie più spesso riscontrate dei globuli rossi, dei globuli bianchi e delle piastrine. Il sesto capitolo è dedicato alla coagulazione, un argomento spesso difficile da comprendere e da applicare, vengono illustrati i vari test, quando e come eseguirli ed interpretarli. Il manuale si conclude con un capitolo dedicato all'interpretazione dell'esame del midollo e con l'ultimo capitolo che contiene esempi pratici di casi clinici. Manuale di ematologia veterinaria e medicina trasfusionale è un testo pratico, di facile consultazione, ben curato sia sotto l'aspetto della presentazione dei contenuti che sotto l'aspetto editoriale: dal grande formato A4, alla copertina rigida. Alla curatrice Magda Gerou-Ferriani sono affiancati come autori Erika Carli, Stefano Comazzi, Silvia Tasca e Andrea Zoia, tutti medici veterinari.

  3. Instituto Massimo, en Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rebecchini, Salvatore

    1965-12-01

    Full Text Available This school complex, known as the Massimo Institute, involves ten separate buildings, where the various forms of teaching are held (both primary and secondary education, and there is also a large court, a gymnasium, two chapels, the priests quarters, also a nunnery, and various secondary facilities, such as stores, porter's lodge and washrooms. The Institute can deal with 1500 pupils, who can move from one section of the school to another along covered passages, which also help to give unity and a pleasant pattern to the total project.El conjunto escolar que constituye el Instituto Massimo, comprende: diez edificios, en los cuales se desarrollan actividades docentes—enseñanza primaria y secundaria—con un gran atrio de distribución; gimnasio; una capilla mayor y una menor; el edificio para los padres rectores del conjunto; el de las monjas; el de los almacenes y servicios; la portería; etc. La capacidad del Instituto es de 1.500 alumnos, y lo más característico de su composición es la red de pasajes cubiertos que enlaza, con gran agilidad plástica, los diferentes edificios.

  4. Sulle Orme Del Gigante: Cristina Scarlat (A Cura Di), Mircea Eliade Once Again, Lumen, Iasi, 2011

    National Research Council Canada - National Science Library

    Lara SANJAKDAR

    2012-01-01

    Negli ultimi anni il crescente interese per la persona e l’opera di Mircea Eliade ha originato una vera e propria esplosione di pubblicazioni dedicate allo studioso, e anche la comparsa postuma di molti scritti inediti...

  5. Commozione e cura:

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Parnisari

    2008-04-01

    Full Text Available La commozione, quale perturbamento ed empatia, si connota come condizione favorevole in tutte le dimensioni di cura. In ambito psichiatrico diviene necessaria per favorire un clima di condivisione, di ascolto e quindi di riconoscimento dell’unicità dell’altro. Il comune sentire crea una situazione di complicità e accettazione che permette la sperimentazione di sentimenti a volte sopiti e coartati. Fin dalla prima accoglienza è dunque fondamentale favorire la commozione di sé e dell’altro che sottintende accettazione anche delle antinomie e possibilità di contatto con il reale.

  6. Sulle Orme Del Gigante: Cristina Scarlat (A Cura Di, Mircea Eliade Once Again, Lumen, Iasi, 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lara SANJAKDAR

    2012-09-01

    Full Text Available Negli ultimi anni il crescente interese per la persona e l’opera di Mircea Eliade ha originato una vera e propria esplosione di pubblicazioni dedicate allo studioso, e anche la comparsa postuma di molti scritti inediti. Alcune di questi lavori, peraltro di rilievo, sono apparsi in occasiione delle celebrazioni del ventennale della morte dell’ intelectuale romeno (2006, altre ancora in tempi recentissimi non soltano in Italia, ma anche in Romania, Germania, Stati Uniti d’America, Spagna e Russia.

  7. Elisa Mandelli e Valentina Re (a cura di, Fate il Vostro Gioco, Terra Ferma, 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivan Girina

    2012-03-01

    Full Text Available “Fate il vostro gioco”: un’esortazione – ma, soprattutto, una possibilità – che ci pare possa descrivere molto bene lo scenario mediale in cui questo volume cerca di collocare il rapporto tra cinema e videogame. Realizzato in occasione della giornata di studi I Play Videogame organizzata dall’Università Ca’ Foscari di Venezia nel novembre del 2010, questo libro si propone di investigare le relazioni tra cinema e videogiochi all’interno del panorama mediatico contemporaneo.

  8. Ricavare un'opera viva da una soffitta: scrittura e teatro in balia di una cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Uber

    2008-04-01

    Full Text Available Il laboratorio di scrittura della Soffitta dura dall’autunno 2005 alla primavera 2006. In quell’anno l’Unità Operativa in cui lavoro, appartenendo diversi suoi operatori alla Società Italiana per lo Studio dei Comportamenti Alimentari (S.I.S.D.C.A., assume l’impegno di organizzare a Piacenza uno dei convegni nazionali annuali della Società stessa. Sulla scorta d’un consolidato piacere della mia équipe di valorizzare le risorse espressive dei suoi membri, progetto d’allestire con la collaborazione di un gruppo teatrale piacentino uno spettacolo a partire dal testo prodotto con il gruppo. Quest’ultimo viene rielaborato e ne viene ricavata una drammaturgia dove la soffitta diviene la stiva d’una nave nella quale A., la protagonista, compirà il suo viaggio “verso il mondo che l’aspetta là fuori”.

  9. T. Mott (a cura di, A. Dresseno (ed. it., 1001 videogiochi da non perdere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Paggiarin

    2013-03-01

    Full Text Available 1001 videogiochi da non perdere è un ambizioso volume che mira a raccogliere e catalogare alcuni tra i videogiochi più significativi pubblicati dal 1979 al 2010: 1001 giochi selezionati, 1001 schede dettagliate in cui vengono riportati titolo, data di pubblicazione, piattaforma, sviluppatore e genere

  10. Giammario Borri (a cura di, Fermo città egemone. Il dominio vescovile su Ripatransone nel Duecento / Giammario Borri (edited by, Fermo, a haegemonic city. The bishop supremacy on Ripatransone in the 13th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Pirani

    2014-04-01

    Full Text Available Recensione / Book review Borri G., a cura di (2012, Fermo città egemone. Il dominio vescovile su Ripatransone nel Duecento, Spoleto: Fondazione Centro italiano di studi sull’alto medioevo («Fonti documentarie della Marca medievale», 6, lxiv+202 pp.

  11. La cura della professionalità nei servizi per l’infanzia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vanna Gherardi

    2007-07-01

    Full Text Available Il presente contributo riporta fasi e risultati di un’indagine empirica sulla percezione di cura di insegnanti di scuola dell’infanzia considerando il loro lavoro di cura, ossia in rapporto alla propria professionalità in istituzioni pubbliche rivolte alla cura dell’infanzia. Il principio teorico di riferimento sta nella reciprocità della cura all’interno di una istituzione educativa in una società democratica. I teorici di riferimento sono: Dewey (1937; Lewin (1948; Bernstein (1975; Bronfenbrenner (1979; Bruner (2002.

  12. JEAN-JACQUES EIGELDINGER, Chopin visto dai suoi allievi, a cura di Costantino Mastroprimiano, Roma, Astrolabio-Ubaldini, 2010

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Rostagno

    2013-12-01

    Full Text Available L’accurata raccolta e sistemazione di testimonianze scritte riguardanti Chopin, attuata da Eigeldinger, si rivela utile su entrambi i piani storico e didattico-pedagogico. Importante punto di riferimento per la didattica strumentale e per la didattica della musica in generale, il volume offre dettagliate e approfondite informazioni su aspetti peculiari del pensiero compositivo chopiniano.

  13. Françoise Lavocat (a cura di La théorie littéraire des mondes possibles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Furci

    2012-04-01

    Full Text Available I testi raccolti ed introdotti da Françoise Lavocat nel suo La théorie littéraire des mondes possibile (2010 ambiscono tutti a colmare una lacuna. Quella causata dal cosiddetto tournant cognitiviste, caratterizzato dal consolidarsi di un dialogo fra scienze umane e scienze esatte – nell’intento, certo, di ridurre lo scarto fra ambiti disciplinari distinti, seppur accomunati da uno stesso interesse per il lascito post-strutturalista –, ma anche promotore di una politica editoriale senza precedenti, destinata ad escludere dal canone contemporaneo buona parte di quei contributi, il cui punto di forza non potesse consistere nell’ulteriore avanzamento della rivoluzione epistemologica in corso.

  14. Giovanni Pedrini (a cura di), Studia Orientis. Venezia e l’Oriente: un’eredità culturale

    OpenAIRE

    2015-01-01

    Fin dalle origini della sua potenza marinara Venezia è stata definita “porta d’Oriente”, non solo per i suoi stretti rapporti politico-diplomatici e commerciali con i Basileus Bizantini o con i Sultani Ottomani, ma soprattutto per l’ampia mole di transfer culturali che la Repubblica Veneta ha saputo tracciare tra la laguna e il Mediterraneo Orientale. Di questi scambi ampie tracce sono conservate negli archivi della Serenissima, come ci testimonia l’interessante contributo curato da Giovanni ...

  15. Pratiche di cura fra relazione e conoscenza: l’approccio montessoriano e l’osservazione del bambino al nido

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuela Gallerani

    2010-02-01

    Full Text Available Il contributo affronta una possibile analisi inerente al rapporto tra infanzia, famiglia ed istituzione educativa a partire da un’indagine osservativa condotta nella realtà di un nido ad indirizzo montessoriano. Attraverso la rappresentazione della vita quotidiana dei bambini - inseriti al nido aziendale “La Casa del Cedro”, organizzato dal Centro Nascita Montessori (CNM di Roma - viene restituita la valenza euristica dell’approccio montessoriano e il suo inconfondibile contributo all’educazione globale ed estetica, per l’infanzia del tempo presente.

  16. Book review, Animali da compagnia: tutele – diritti – responsabilità, Elena Bassoli (a cura di

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2012-12-01

    Full Text Available L'avvocato, docente universitario e presidente dell'Associazione Nazionale Giuristi Informatici e Forensi, Elena Bassoli, ha curato un manuale che affronta le problematiche relative ai diritti degli animali, approfondendo prima la legislazione internazionale e poi le singole pieghe di quella italiana. Il dato da cui si parte sembra secondario ma, invero, è assai rilevante, ovvero che nel nostro Paese si è passati molto lentamente da una concezione esclusivamente utilitaristica degli animali (tutelati in quanto proprietà di qualcuno all'affermazione dei diritti propri dell'animale in quanto tale.Animali da compagnia: tutele – diritti – responsabilità è utile soprattutto alla luce dei Trattati internazionali (D.U.D.A., Trattato di Amsterdam, Trattato di Lisbona che nel corso degli anni hanno introdotto la tutela dell'animale nelle legislazioni di tutto il mondo. La curatrice e i collaboratori hanno analizzato la recente giurisprudenza sugli animali da compagnia e le varie fonti del diritto nazionale, europeo e internazionale, passando in rassegna le norme di riferimento e indicandone l'applicabilità e le procedure con il fine dichiarato di: "Offrire al lettore uno strumento utile, rigoroso e scritto in modo chiaro e comprensibile anche per chi, per la prima volta, si trovi ad affrontare questa parte del diritto". Il manuale si presenta precipuamente come uno strumento di lavoro per i professionisti che trattano le problematiche relative al mondo degli animali domestici. Va segnalata, in proposito, la chiarezza non solo nell'esposizione dei concetti ma anche nell'architettura editoriale. I 10 capitoli che lo compongono forniscono un inquadramento sistematico delle implicazioni amministrative e penali, con rimandi a diverse note per una maggiore chiarezza del testo: dalle origini del diritto animale (dall'antica Grecia all'animalismo contemporaneo, con in mezzo Medioevo, Rinascimento e Darwinismo passando alla tutela degli animali nell

  17. La qualitá percepita dei pazienti con infezione da HIV presso il servizio di diagnosi e cura dell' AIDS di Novara

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Renna

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: costruire e sperimentare un modello per lo studio della qualità percepita dai pazienti affetti da HIV/AIDS.

    Metodi: è stato condotto uno studio di tipo osservazionale descrittivo mediante un’indagine con l’utilizzo di un questionario di soddisfazione presso il Servizio di diagnosi e terapia dell’AIDS dell’UOA di Malattie Infettive dell’ASO “Maggiore della Carità” di Novara. I dati sono stati analizzati mediante l’analisi fattoriale e l’analisi dei cluster.

    Risultati: il campione è stato rappresentato da 62 soggetti (35 uomini e 27 donne, età media di 39,40 anni. Sono stati identificati tre fattori principali determinanti la soddisfazione dei pazienti: l’assistenza infermieristica (che ha spiegato il 24,03% della variabilità delle risposte, l’assistenza medica (21,18% e l’organizzazione del servizio (22,22%. Nel dettaglio livelli di soddisfazione elevati sono stati registrati per la qualità dell’assistenza del personale, la competenza dei medici ed il funzionamento della terapia, mentre i più bassi sono stati misurati per il rispetto della privacy e la disponibilità di servizi accessori. L’analisi dei cluster ha permesso di aggregare gli utenti in 3 gruppi in base al livello di soddisfazione. I fattori che hanno maggiormente determinato il diverso livello di soddisfazione misurato nei tre gruppi sono stati: la prima accoglienza presso il servizio, il livello di informazione ricevuto e l’efficacia nel controllo del dolore e dei sintomi.

    Conclusioni: il modello di analisi adottato ha reso possibile l’identificazione dei determinanti della soddisfazione degli utenti afferenti al servizio, evidenziando gli elementi di criticità del percorso assistenziale. I risultati hanno dimostrato la necessità per gli studi di valutazione della qualità percepita di adottare i metodi e gli strumenti della ricerca

  18. Massimo Gezzi (Sant’Elpidio a Mare, 1976

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolino Nappi

    2017-01-01

    Full Text Available Massimo Gezzi ha publicado los libros de poesía Il mare a destra (Edizioni Atelier, 2004, L’attimo dopo (Luca Sossella Editore, 2009, Premios Metauro y Marazza Giovani, Il numero dei vivi (Donzelli, 2015, Premio Carducci, Premio Tirinnanzi y Premio suizo de literatura 2016 y Uno di nessuno. Storia di Giovanni Antonelli, poeta (Edizioni Casagrande, 2016, además del opúsculo en tres idiomas In altre forme/En d’autres formes/In andere Formen, con traducciones al francés de Mathilde Vischer y de Jacqueline Aerne al alemán (Transeuropa, 2011. Sus poemas han sido traducidos al inglés, castellano, francés, alemán, croata y polaco. Ha realizado una edición comentada de Diario del ’71 e del ’72 de Eugenio Montale (Mondadori, 2010 y ha editado el volumen Poesie 1975-2012 de Franco Buffoni (Mondadori, 2012. En Tra le pagine e il mondo (Italic Pequod, 2015 ha recopilado diez años de entrevistas a poetas y reseñas de libros de poesía. Vive en Lugano, donde trabaja como profesor de italiano en el Liceo 1.

  19. Self-censorship in Massimo Bontempelli’s Magical Realism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wissia Fiorucci

    2015-05-01

    Full Text Available This article aims to investigate the interplay between censorship, self-censorship and the narrative strategies of magical realism in Il figlio di due madri by Italian author Massimo Bontempelli (1878–1960.Having been head of the National Fascist Writers Union from the mid- to late-1920s, critics have noted that Bontempelli’s detachment from the Fascist credo emerges in his work from the mid- to late-1930s. I intend to problematise this perspective, by recognising the significance of Il figlio di due madri (1929 in the development of Bontempelli’s anti-Fascist sentiment. This work preceded (by several years Bontempelli’s official break with Fascism in 1936, when he published an article against the political control of the arts and caesarianism in La gazzetta del popolo. An anti-Fascist sentiment had, however, in my view already been expressed in Bontempelli’s works of magical realism Il figlio di due madri (1929 and Vita e morte di Adria e dei suoi figli (1930. These two novels deal with controversial topics that, I would claim, refute some of Fascism’s foremost principles, an appraisal that was disguised through deliberate acts of self-censorship. More precisely, it is through his deconstruction of mimetic writing that Bontempelli’s critique of the regime comes into existence, as the narrative strategies I deem instrumental to his self-censorship (e.g. authorial reticence, metaphor, mythopoiesis reflect the poetics of magical realism in «its inherent transgressive and subversive qualities» (Bowers 2004: 63. By conveying a rejection of the systematised understanding of literature that Bontempelli associates with literary realisms, at the same time he conveys his ideological refusal of dogmatic views of reality. Thus, in his mystifying realism, magic acts as both a tool for concealing his ideology—a tool for self-censorship, that is—and as the very means by which this ideology can be generated.

  20. Atti del convegno "Questioni di storia inglese tra Cinque e Seicento: cultura, politica e religione", (Scuola Normale Superiore di Pisa, 11-12 aprile 2002, a cura di Stefano Villani, Stefania Tutino, Chiara Franceschini.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Villani

    2003-01-01

    Full Text Available Mario Rosa, Introduzione. Paolo Cristofolini, Ricordo di un amico. Daniela Bianchi, L'intero libro di Dio, chiamato Bibbia. Alle origini dell'identità puritana. Ginevra Crosignani, Thomas Wright, i suoi scritti ritrovati e il dibattito con Robert Parsons, S. J., sulla partecipazione al servizio e al sermone anglicano. Stefania Tutino, Thomas Pounde, Andrew Willet e la questione cattolica all'inizio del regno di Giacomo I. Chiara Franceschini, Nostalgie di un esule. Note su Giacomo Castelvetro (1546-1616. Eleonora Belligni, Marcantonio De Dominis tra l'Inquisizione romana e Giacomo I: nuove prospettive storiografiche dopo Cantimori. Mauro Simonazzi, La melanconia nell'Inghilterra moderna: Edward Jorden, Timothie Bright e Thomas Adams. Mario Caricchio, Giles Calvert, un "editore d'area" nella rivoluzione inglese. Stefano Villani, "Una piccola epitome di Inghilterra". La comunità inglese di Livorno negli anni di Ferdinando II: questioni religiose e politiche. Luisa Simonutti, William Popple e William Penn. Dalla libertà di coscienza alle libertà civili. Giovanni Tarantino, Libertà di coscienza, 'aritmetica politica' e interesse nazionale: le ragioni economiche della tolleranza nel regno di Giacomo II Stuart. Guglielmo Sanna, Contrattualismo e obbedienza politica nella cultura anglicana degli inizi del Settecento. Dario Pfanner, Charles Blount (1654-1693: la voce di un libero pensatore nella Londra di fine Seicento. Tomaso Cavallo, Aggressore dell'umanità e apologeta della tirannide? L'Hobbes degli enciclopedisti.

  1. Pengaruh Tipografi pada Era Massimo Vignelli terhadap Tipografi Michael Bierut

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irwan Harnoko

    2011-09-01

    Full Text Available Massimo Vignelli is a senior graphic designer lived in New York, as a vocal modernism against postmodernism. His statement firmly opposing post-modernism in several occasions: interview in Helvetica the movie, type radio, talk show, and some articles in Looking Closer or AIGA Journal. Graphic design works of Massimo Vignelli reflected his characteristic, which is firmly choosing typeface. Typefaces of Vignelly are around 5 typefaces: Bodoni, Helvetica, Times Roman, Century, and Futura. The article uses formal analysis method. The writers collected materials about Michael Bierut, Massimo VIgnelli and Tibor Kalman from books and websites. The writers compare the typeface opinion of Massimo Vignelli (modernism designer, Michael Bierut designer (transition era designer from modernism to post-modernism, and Tibor Kalman (a designer in A Century of Graphic Design, as the influence of Bieruts betrayal over Vignelli.

  2. Pengaruh Tipografi pada Era Massimo Vignelli terhadap Tipografi Michael Bierut

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irwan Harnoko

    2011-10-01

    Full Text Available Massimo Vignelli is a senior graphic designer lived in New York, as a vocal modernism against post-modernism. His statement firmly opposing post-modernism in several occasions: interview in Helvetica the movie, typeradio, talkshow, and some articles in Looking Closer or AIGA Journal. Graphic design works of Massimo Vignelli reflected his characteristic, which is firmly choosing typeface. Typefaces of Vignelly are around 5 typefaces: Bodoni, Helvetica, Times Roman, Century, and Futura. The article uses formal analysis method. The writers collected materials about Michael Bierut, Massimo VIgnelli and Tibor Kalman from books and websites. The writers compare the typeface opinion of Massimo Vignelli (modernism designer, Michael Bierut designer (transition era designer from modernism to post-modernism, and Tibor Kalman (a designer in A Century of Graphic Design, as the influencer of Bierut’s betrayal over Vignelli. 

  3. Massimo Bontempelli: trajetória intelectual

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Arivane Augusta Chiarelotto

    2010-11-01

    Full Text Available http://dx.doi.org/10.5007/2175-7917.2010v15n2p239 O italiano Massimo Bontempelli [1878-1960] é um escritor que, ao longo da carreira, conquistou uma fama controversa. Classificado de intelectual a serviço do fascismo, sua abordagem no campo literário é de natureza contestadora em relação a tradição Oitocentista. Além disso, sua trajetória resulta polêmica porque demarca a associação às vanguardas italianas insurgentes nas primeiras décadas do século XX. Tomadas as vanguardas pela sua gênese conceitual, Bontempelli esteve ligado a dois movimentos de grande impacto no contexto italiano: o futurismo e o fascismo. Neste trabalho abordaremos a sua inserção política, analisando aspectos de sua participação no cenário italiano que envolve a adesão e, posteriormente, o rompimento com o partido fascista.

  4. Buoni maestri: una replica a Massimo Fusillo, Daniele Scalise, Filippo La Porta e Gianluigi Rossini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierpaolo Antonello

    2013-12-01

    Full Text Available Che questa discussione su Dimenticare Pasolini si trovi in un numero speciale di «Between» dedicato all’insegnamento e agli ottant’anni di Remo Ceserani, è una felice intuizione dei suoi redattori. Si tratta certamente della sua collocazione più adatta e un giusto tributo a uno dei comparatisti e teorici della letteratura che con più acume e più apertura critica ha saputo radiografare  e discutere le emergenze letterarie e culturali di quella fase storica che è stata definita, a vario titolo, come postmoderna. In questo senso ringrazio sia Niccolò Scaffai come responsabile della sezione, sia soprattutto Massimo Fusillo per l’attenta, pertinente e generosa recensione, nonché Daniele Scalise, Filippo La Porta e Gianluigi Rossini per le repliche e i contributi del tutto concordi.

  5. I tribunali interdiocesani secondo il m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus. Riflessioni circa la "sorte" del m.p. Qua cura di Papa Pio XI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Ganarin

    2016-03-01

    This work attempts to identify what is the fate of the tribunals established by the Apostolic See in the context of the m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus of Pope Francis, who reformed the nullity of marriage process, with particular reference to the italian regional tribunals erected by Pope Pius XI with the m.p. Qua cura in 1938. These tribunals, after the different statements of the Decan of the Roman Rota and of the Pontifical Council for Legislative Texts, seem to have been suppressed by the rescript issued by Pope Bergoglio on December 7, 2015. A decision that still does not prevent the constitution of new interdiocesan tribunals, according to a declaration of the mens legislatoris of November 4, 2015, if it can not be guaranteed a greater proximity of the Church’s tribunals to the faithful.

  6. AA.VV., Musical Networks. Parallel Distributed Perception and Performance, a cura di Niall Griffith e Peter M. Todd, MA: MIT Press, Cambridge, 1999

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Gabrieli

    2013-12-01

    Full Text Available In un periodo in cui le nuove tecnologie stanno trovando una sempre più vasta diffusione nella quasi totalità degli ambiti della produzione e della ricerca musicale, anche il settore dell'analisi musicale sembra essere coinvolto in questo lento ma inesorabile processo. Una delle ricerche più interessanti è quella che ha portato ad utilizzare, per scopi analitici, tecnologie legate alla cosiddetta Intelligenza Artificiale (IA, una disciplina nata verso la fine degli anni Cinquanta con lo scopo di simulare l'intelligenza mediante un sistema computerizzato. In mancanza di una definizione univoca di intelligenza, un primo gruppo di ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Tecnology, diretti da Marvin Minsksy, assunse come paradigma di riferimento l'intelligenza umana e, in una delle ricerche più avanzate nel campo, le cosiddette reti neurali (neural networks.

  7. L’Uomo (Informato. Percorsi nella ‘paideia’ ieri e oggi, a cura di Angelo Campodonico e Letterio Mauro, Milano, FrancoAngeli, 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Barbara Colombo

    2013-12-01

    Full Text Available Il volume s’incentra su un’immagine di paideia come percorso di crescita che incarna l’ideale di perfezione morale, culturale e di civiltà cui l’uomo dovrebbe tendere. In tale cornice, i saggi di Donatella Restani ed Elisabetta Cattanei approfondiscono il ruolo della musica per la formazione della persona. Così concepito, il libro guida a una riscoperta della musica quale strumento principe per un’educazione globale dell’essere umano e al contempo, riallacciandosi tanto alla tradizione omerica e aristotelica quanto alle tendenze più attuali del pensiero pedagogico, pone le basi per una rilettura della letteratura e della filosofia classica in una prospettica non solo educativa ma anche psicologica.

  8. Gianfranco Folena, Vocabolario del veneziano di Carlo Goldoni, Redazione a cura di Daniela Sacco e Patrizia Borghesan. Regione del Veneto - Fondazione Giorgio Cini - lstituto di Enciclopedia ltaliana, Venezia 1993; pp. 718.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    1995-12-01

    Full Text Available E' con profonda commozione che mi accingo a stendere una  breve recensione dell' opera postuma che porta il nome di Gianfranco Folena, scomparso prematuro nel 1992. Con l'italianistica di Ljubljana Folena ebbe rapporti amichevoli. A due riprese aveva fatto conferenze molto sentite e ci ha conquistati, oltre che con la sua dettagliata esposizione dei fatti e la perspicace analisi linguistica e filologica (ricordo ancora la conferenza sulla lingua nel Piovano Arlotto, anche con la sua affascinante pronuncia toscana. A me personalmente ha sempre elargito consigli (ebbi con lui un primo incon­ tro nel lontano 1952 a Firenze, lui, allora, assistente di Bruno Migliorini, e l'ultimo, solo telefonico, nel 1991 quando io, novello, incominciavo a produrre. Folena ha reso possibile la pubblicazione nelle riviste linguistiche italiane dei miei primi scritti e gliene sono sinceramente grato.

  9. I modelli istituzionali di integrazione musulmana in Europa e il caso dell’ “Islám italiano”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Prisco

    2011-02-01

    Full Text Available Il testo (ultimato il 24 febbraio 2011 fonde - aggiornandoli nella considerazione degli sviluppi successivi alle circostanze che hanno dato occasione alle rispettive trattazioni originarie - i temi svolti durante l’intervento nella tavola rotonda finale sul tema La Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione (alla quale parteciparono, con chi scrive, Michele Lepri Gallerano, Massimo Papa e Giuseppe Verde, moderatore Raffaele Coppola al Convegno delle Università di Bari e del Salento sul tema Libertà religiosa e Multiculturalismo (Gallipoli, 29 febbraio-1 marzo 2008, i cui Atti sono in corso di pubblicazione nel volume omonimo, a cura di R. Coppola, V. Tondi della Mura, V. Turchi, ESI, Napoli, e nella relazione al Convegno sul tema La tutela dei minori di cultura islamica nell’area mediterranea. Aspetti sociali, giuridici, medici, organizzato dalla Facoltà di Studi arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Università L’Orientale (Napoli, 28-29 ottobre 2009, i cui Atti sono anch’essi in via di pubblicazione. Il presente lavoro è destinato alla pubblicazione anche negli Studi in onore di Aldo Lojodice.

  10. Sviluppi di catalizzatori per l'abbattimento di NOx in presenza di ossigeno

    OpenAIRE

    Livi, Massimiliano

    2008-01-01

    Il traffico veicolare è la principale fonte antropogenica di NOx, idrocarburi (HC) e CO e, dato che la sostituzione dei motori a combustione interna con sistemi alternativi appare ancora lontana nel tempo, lo sviluppo di sistemi in grado di limitare al massimo le emissioni di questi mezzi di trasporto riveste un’importanza fondamentale. Sfortunatamente non esiste un rapporto ottimale aria/combustibile che permetta di avere basse emissioni, mentre la massima potenza ottenibile dal motore corri...

  11. Francesco Bruni (a cura di, L'italiano nelle regioni. Lingua nazionale e identità regionali; La Nostra Lingua, Biblioteca storica di linguistica italiana, UTET, Torino 1992; XXXIII + 1038 pp.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavao Tekavčić

    1994-12-01

    Full Text Available Gli italianisti di tutto il mondo sanno quanto ricca sia in Italia la tradizione della filologia, della critica e della perenne Questione della lingua. Recentemente questi domini scientifici si sono arricchiti di un' opera davvero monumentale come materia, impostazione, trattazione e mole: il volume di formato enciclopedico che qui recensiamo. È un'ennesima storia della lingua italiana, impostata tuttavia da un angolo visuale diverso, quello cioè della diffusione progressiva dell'italiano dalle origini ai giorni nostri nelle regioni dello stato italiano e in certe altre aree (Dalmazia e stria, Canton Ticino, Valle d'Aosta, Malta, Corsica. Si esaminano le caratteristiche dell'italianizzazione delle singole aree: da qui il sottotitolo.

  12. Jan Baudouin de Courtenay, Materiali per la dialettologia e l'etnografia slava meridionale /za južnoslovansko dialektologijo in etnografijo, IV, inediti, pubblicati a cura di/ pripravila za prvo objavo Liliana Spinozzi Monai, con commento folklorico di/ f

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    1988-12-01

    Full Text Available I testi raccolti dal de Courtenay,  finora inediti, interessano I'etnologo e attirano illinguista, non fosse che peril  nome illustre dell'autore. La linguistica teorica rico­ nosce allinguista polacco una visione sostanzialmente  conforme a quello che dal Saussure in poi sarà il concetto di fonema: Baudouin parlava di equivalente psichico del suono acustico e postulava come psicofonetica Ia scienza che doveva occuparsi del fonema. E' giusto vedere nel polacco un precursore di alcune idee fondamentali del Cours de linguistique générale. Sia detto anche, che al Saussure Io legava una re­ ciproca stima ben visibile nella seppur scarsa corrispondenza  tra i due.

  13. Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi

    OpenAIRE

    Massimo Campanini

    2012-01-01

    Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi (Convegno internazionale “Otre l’orientalismo e l’occidentalismo. La rappresentazione dell’Altro nello spazio euromediterraneo” Facoltà di Scienze della Comunicazione, Sapienza Università di Roma, 16 novembre 2007) di Massimo Campanini

  14. Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi

    OpenAIRE

    Massimo Campanini

    2012-01-01

    Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi (Convegno internazionale “Otre l’orientalismo e l’occidentalismo. La rappresentazione dell’Altro nello spazio euromediterraneo” Facoltà di Scienze della Comunicazione, Sapienza Università di Roma, 16 novembre 2007) di Massimo Campanini

  15. Qualche considerazione sulle "Pensées" di Montesquieu

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiana Fraulini

    2011-02-01

    Full Text Available The paper examines the the books: Montesquieu, "Pensieri diversi", a cura di D. Felice, Napoli, Liguori, 2010; Montesquieu, "Riflessioni e pensieri inediti (1716-1755", tr. it. di L. Ginzburg, intr. di D. Felice, Bologna, CLUEB, 2010.

  16. Italiano e dialetti nel tempo, Saggi di grammatica per Giulio C. Lepschy, a cura di Paola Beninca', Guglielmo Cinque, Tullio De Mauro, Nigel Vincent; Università di Roma "La Sapienza", Dipartimento di Scienze del Linguaggio; Bulzoni Editore, Roma, 1996, XI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavao Tekavčić

    1996-12-01

    Full Text Available La presente Miscellanea, dedicata al grande linguista italiano da tempo resi­ dente e docente in Gran Bretagna, autore di volumi fondamentali (La linguistica strut­ turale 1966, La lingua italiana 1981 (originale inglese 1977, La linguistica del Nove­ cento 1992 e di numerosi saggi, riflette l'ampiezza dei suoi interessi scientifici e, con le parole dell'autrice della Presentazione (V-IX, bibliografia scelta X-XI, Anna Mor­ purgo Davies, racchiude «una serie di lavori di linguistica italiana scritti da punti di vista teorici diversi, senza dogmatismo» (V: grammatica generativa e descrittiva, dialettologia, linguistica storica, filologia ecc. Gli autori dei contributi sono linguisti italiani e stranieri, e gli idiomi studiati sono l'italiano (standard, regionale e tutti i dialetti della Penisola.

  17. Entre la autoridad eclesiástica y el liderazgo local: los curas párrocos de la diócesis de Tucumán durante el primer peronismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucía Santos Lepera

    2015-01-01

    Full Text Available La historiografía sobre la relación de la Iglesia católica y el peronismo en Argentina se enfocó en los vínculos entre las altas esferas de la institución eclesiástica y el Estado desde una perspectiva político-institucional. Tributario de los enfoques socioculturales desarrollados en los últimos años en torno a la Iglesia y el catolicismo, el presente estudio busca ampliar y complejizar el abordaje de este tema. Con ese fin, analiza el derrotero de los curas párrocos de Famaillá y Monteros –pueblos ubicados en el centro del cordón agroindustrial azucarero de la provincia de Tucumán– entre 1946 y 1952. Teniendo en cuenta los cambios introducidos por la emergencia del peronismo en la dinámica política y social de las comunidades azucareras, el estudio se pregunta por el rol de los curas párrocos, sus formas de intervención en las poblaciones locales y las implicancias de sus opciones políticas en el ámbito parroquial. De ese modo, indaga en las tensiones que recorrieron ambas trayectorias, atravesadas por la disyuntiva entre la obediencia a la jerarquía eclesiástica y la afirmación de un liderazgo local.

  18. “L’arte differente: MOCAK al MAXXI”. Mostra a cura di Anna Maria Potocka, Roma, MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, 7 dicembre 2016 – 22 gennaio 2017

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agnieszka Smigiel

    2017-09-01

    Full Text Available Il presente testo è una recensione della mostra "L'arte differente: MOCAK al MAXXI" ospitata presso il Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma tra il 7 dicembre 2016 e il 22 gennaio 2017. Questo evento d’arte fa parte del grande progetto del MAXXI, intitolato " Expanding the Horizon". L’obbiettivo è quello di presentare le collezioni provenienti da diverse istituzioni al fine di dare l'opportunità ai visitatori italiani e internazionali di entrare in contatto diretto con le diverse realtà culturali ed artistiche. La mostra è dedicata alla collezione del MOCAK (Museo d'Arte Contemporanea di Cracovia, della quale numerose opere mostrano la storia e lo stato attuale dell'arte contemporanea in Polonia. Come ha evidenziato il curatore dell'evento e la direttrice del MOCAK, Anna Maria Potocka, non è solo una collezione di opere d'arte, ma piuttosto di idee. La presente recensione descrive alcune opere esposte e la loro accurata selezione che riflette la strategia curatoriale del museo cracoviano.

  19. Sepino, Altilia, loc., edificio di culto

    OpenAIRE

    Scocca, Valeria

    2015-01-01

    Lungo il decumano massimo, accanto al macellum, si trova una struttura di carattere pubblico che è possibile annoverare tra gli edifici di culto in ragione di alcune sue caratteristiche, nonostante sussistano margini di incertezza circa la sua effettiva destinazione d’uso (figg. 83.6 e 95). Fig. 83 Sepino, località Altilia. Pianta di Saepinum (rielab. da La dea, il santo, una terra 2004): 1. Porta Tammaro, 2. Teatro romano, 3. Cardo, 4. Terme, 5. Porta Bojano, 6. Edificio di culto, 7. Capito...

  20. Il diritto come «cura». Suggestioni dall’esperienza canonistica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edoardo Dieni

    2011-03-01

    Full Text Available La pubblicazione postuma di questo scritto di Edoardo Dieni, rimasto in lettura al Prof. Salvatore Berlingò, intende ricordarne nell’anniversario della scomparsa la figura di studioso.SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Dalla «rocca sull’onda» ai «diritti sbagliati»: la giuridicizzazione dei rapporti inter-personali come problema - 2.1. L’ «atomismo sociale» e i «diritti egoistici» - 2.2. I «diritti egoistici» nella tradizione canonistica: il caso del matrimonio - 3. Creonte e Antigone: diritto vs. morale o diritto «maschile» vs. diritto «femminile»? - 3.1. Gender Studies e modelli di genere nel diritto. - 3.1.1. Etica dei diritti ed etica della cura - 3.1.2. Dal non-diritto al diritto «altro»: categorie, tipi di  ordinamento, stili «femminili» - 3.1.3. Dimostrazione vs. argomentazione,rigidità vs. flessibilità - 3.2. Il lato «femminile-materno» del diritto canonico e il diritto come «cura» – 3.2.1. «Maschile» e «femminile» nel cattolicesimo - 3.2.2. Diritto canonico, stereotipi sessuali e tipi di diritto - 3.3. L’esigenza di ricomporre la scissione - 4. Lo sfondo filosofico-politico del diritto post-moderno (radici ebraicocristiane della critica interna al liberalismo - 5. Uno jus o potestas pro persona come categoria della «cura»? - 5.1. Cura, responsabilità, diritti: l’opportunità di ripensarele categorie giuridiche tradizionali - 5.1.1. La responsabilità verso l’altrodell’amicizia. - 5.1.2. Un diritto («debole», e della cura dell’amicizia? - 5.2. La pista ricoeuriana della collaborazione tra amore e giustizia (e l’«economia della gratitudine» - 5.3. La pista levinasiana del visage (e la razionalità concreta dell’empatia - 5.4. Per un’ipotesi di nuove categorie positive.

  1. David Frapiccini, L’età aurea di Giulio II. Arti, cantieri e maestranze prima di Raffaello

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Capriotti

    2014-04-01

    Full Text Available Recensione / Book review Frapiccini D. (2014, L’età aurea di Giulio II. Arti, cantieri e maestranze prima di Raffaello, Roma, Gangemi Editore («Helicona. Collana di monografie di storia dell’arte», a cura di Marco Gallo, 206 pp.

  2. Effetto delle condizioni di stress gastrointestinali sulla validità di batteri lattici di interesse salutistico

    OpenAIRE

    Russo, Antonio

    2016-01-01

    Numerose formulazioni probiotiche sono reperibili sul mercato e vendute sotto forma di integratori alimentari in grado di migliorare il benessere fisico del consumatore. In realtà, per molti preparati probiotici esistono specifici health claims, preventivamente approvati dall’EFSA, che vengono utilizzati per indirizzare il consumatore al loro impiego nella prevenzione o la cura di differenti malattie. Dunque, in presenza di un effetto salutistico dichiarato, il formulato probiotico dovrebbe c...

  3. Roberto Gusmani, Itinerari linguistici, Scritti raccolti in occasione del 60. compleanno, a cura di Raffaella Bombi, Guido Cifolrtti, Sara Frdalto, Fabiana Fusco, Lucia Innocente, Vincenzo Orioles; Edizioni dell'Orso, Alessandria, 1995; XXVII+382 pagine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavao Tekavčić

    1997-12-01

    Full Text Available Oggigiomo al centro degli studi linguistici non è più il sistema astratto bensì il linguaggio in società e nei vari contatti di popoli, lingue, culture, con le differenze non soltanto «orizzontali» (areali, geografiche, ma anche «verticali» (sociali e diafasiche, diamesiche ecc. Conseguenza di contatti linguistici sono il bilinguismo e la diglossia (anche coesistenti, fenomeni dovuti a quello che si designa con il termine inglese intercourse. Sono tutti aspetti della vita del linguaggio che si danno in ogni società e ad ogni epoca; eppure, come è risaputo, sono stati più o meno trascurati dalle dottrine linguistiche che studiavano ii linguaggio in vitro, come sistema idealizzato e astratto: neogrammatici, strutturalisti, generativisti.

  4. Problemi di Fisica

    CERN Document Server

    Fazio, Michelangelo

    2008-01-01

    L’introduzione delle lauree triennali ha in molti casi costretto i docenti a ridurre drasticamente il numero di ore di insegnamento e quindi l’estensione dei programmi dei corsi di Fisica. In questo volumetto l'autore si è proposto di esporre sinteticamente ma con il massimo rigore possibile il corso di Fisica Generale I evitando le dimostrazioni delle leggi fisiche, ma dando la priorità alle applicazioni di tali leggi e allo svolgimento di esercizi che in genere viene trascurato in molti corsi. Ha cercato pertanto di presentare i fenomeni fisici sottolineando, dove possibile, la loro presenza nella vita quotidiana e le loro più semplici e immediate applicazioni, consentendo in tal modo agli studenti di vedere la Fisica non più come una interminabile serie di formule ma come un nuovo modo di interpretare e di capire i fenomeni naturali inanimati (del resto non dobbiamo dimenticare che il termine greco da cui deriva il suo nome è fisis, fisis, ovvero natura). Il contenuto è completo, comprendendo anc...

  5. Marketingová stratégia spoločnosti Massimo Dutti na českom trhu

    OpenAIRE

    Luteránová, Tereza

    2015-01-01

    The aim of this thesis is to analyze the marketing strategy of the company Massimo Dutti and focus on the Czech market. Bachelor thesis consists of three parts. The first section explains important terms that are used in the work and the reader is apprised of the theoretical knowledge of the basics of marketing, marketing strategy, marketing plan, SWOT analysis and marketing mix. The second part includes basic information about the holding company Inditex and Massimo Dutti, on which marketing...

  6. La cura dell'incurabilità: l’esperienza dell’hospice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Elena Bellini

    2008-04-01

    Full Text Available Tra i diversi lemmi che il termine “malattia” porta con sé, quello di malattia incurabile è forse tra quelli che suscita più emozioni e più significati di rabbia, dolore, paura. Parlare di incurabilità, significa infatti parlare di quella difficile fase della storia del paziente in cui la medicina “dichiara la sua sconfitta” e si arrende di fronte all’avanzare della malattia stessa. Quella fase in cui nulla sembra più possibile fare. In hospice, massima espressione della moderna medicina delle cure palliative, viene riscoperto il significato originario del termine Cura, quello della sollecitudine, rendendo possibile “curare” ciò che è stato dichiarato non più tale. La logica e la neutralità affettiva del curare (nel senso di to cure, cedono il posto all’empatia e alla com-passione del prendersi cura (to care. La malattia che nella storia del paziente è stata fino a quel momento l’hostes, il nemico da sconfiggere, diviene così l’hospis, l’ospite da accogliere nel difficile percorso incontro alla morte.

  7. Mastrogregori, Massimo. El manuscrito interrumpido de Marc Bloch. Apología para la historia o el oficio de historiador : México, Fondo de Cultura Económica, 1998, 140 páginas

    OpenAIRE

    Hernán Antonio Sorgentini

    1999-01-01

    Apología para la historia o el oficio de historiador de Marc Bloch es hoy una obra ineludible para quienes se inician en el estudio de la historia. Una nueva historia que reconoce haber experimentado un amplio proceso de renovación en el siglo XX, en el que "los Annales" fundados por Marc Bloch y Lucien Febvre han cumplido un papel central. El manuscrito interrumpido de Marc Bloch de Massimo Mastrogregori [director de la Revista di Storia della Storiografia Moderna] forma parte de las renovad...

  8. Massimo De Giuseppe, La rivoluzione messicana, Bologna, Il Mulino, Universale Paperbacks, 2013, 248 p.

    OpenAIRE

    Traffano, Daniela

    2014-01-01

    Las conmemoraciones del bicentenario del proceso de Independencia y del centenario de la Revolución, que en México motivaron a lo largo del 2010 la difusión de discursos e imágenes, eventos políticos, culturales y deportivos así como la creación de espectáculos, videos y proyectos académicos, trascendieron el Atlántico y encontraron una voz y un espacio muy particulares en Italia, gracias a la última publicación del historiador Massimo De Giuseppe. Se trata de “La rivoluzione messicana”, un v...

  9. CURA MÉDICA DE ALMAS (CMA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ancisar Restrepo Toro

    2001-01-01

    Full Text Available La «Cura médica de almas» tiene como objetivo señalar otra zona de aplicación de la Logoterapia, el acercamiento al hombre que sufre, al homo patiens, pero no ya a su sufrimiento en sí mismo sino a su humanidad. Si la Logoterapia, en su sentido más estricto, es la terapia indicada para las neurosis noógenas o en otros casos es complementaria de las psicoterapias, en el caso de la «Cura médica de almas» ya no es intervención terapéutica sino, específicamente, ejercicio de la humanidad del terapeuta en contacto con la humanidad de su paciente.

  10. L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aleksandr Voronskij

    2014-10-01

    Full Text Available Traduzione italiana del saggio di Aleksandr Voronskij L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo (Iskusstvo videt’ mir. Sbornik statej, 1928, a cura di Cinzia De Lotto e Adalgisa Mingati.  

  11. Dalla tutela della religione di Stato alla difesa della libertà dei culti: la svolta liberale del codice Zanardelli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Loredana Garlati

    2011-03-01

    Full Text Available Testo, corredato delle note, della relazione al IV Convegno della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca (9-10 febbraio 2006 su Laicità e stato di diritto, destinato alla pubblicazione negli Atti (a cura di A. Ceretti e L. Garlati per la casa editrice Giuffrè. Ora nel volume collettaneo, a cura di A. Ceretti e L. Garlati, Laicità e Stato di diritto, Addi del IV Convegno di Facoltà (Università di Milano-Bicocca, 9-10 febbraio 2006, ed. Giuffrè, Milano, 2007, p. 73 ss.

  12. ‘Non sto quindi a Napoli sicura di casa’. Percorsi critici in memoria di Fabrizia Ramondino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Natalie Dupré

    2015-07-01

    Full Text Available Recensione di: Adalgisa Giorgio (a cura di, ‘Non sto quindi a Napoli sicura di casa’. Identità, spazio e testualità in Fabrizia Ramondino, Perugia, Morlacchi Editore, 2013, 393 p., ISBN: 9788860745668, € 18,50.

  13. Il processo di cambiamento nelle pubbliche amministrazioni e il percorso verso l'eccellenza: il caso del comune di Pisa

    OpenAIRE

    Stile, Concetta

    2014-01-01

    2011 - 2012 La ricerca si propone di analizzare, attraverso lo studio di un caso pratico riguardante una Amministrazione Comunale italiana che ha intrapreso con successo il percorso verso l'eccellenza utilizzando il Common Assessment framework, gli innumerevoli processi di riforma che hanno investito la pubblica amministrazione nel suo complesso... [a cura dell'autore] XI n.s.

  14. «Il piccolo vascello solca i mari». Tommaso Landolfi e i suoi editori. Bibliografia degli scritti di e su Landolfi (1929-2006

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Roccella

    2015-07-01

    Full Text Available Recensiamo il volume «Il piccolo vascello solca i mari». Tommaso Landolfi e i suoi editori. Bibliografia degli scritti di e su Landolfi (1929-2006 a cura di Idolina Landolfi. Firenze: Cadmo, 2015.

  15. Eritrea: l'Acqua Santa di S. Michele

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Menicocci

    2006-06-01

    Full Text Available Le Acque Sante sono un tipico istituto terapeutico eritreo. Si tratta di fondi di acqua usata, variamente, per la cura di alcune malattie e poste sotto la "protezione"di uno o più santi, cristiani o musulmani.Quella di S. Michele è considerata curativa per le possessioni, le malattie mentali, quelle veneree e reumatiche. Viene descritto l'itinerario curativo percorso dai pazienti in una giornata: dalla registrazioni iniziali sino ai bagni nelle due pozze.

  16. The Birds of Aruba, Curaçao, and Bonaire

    NARCIS (Netherlands)

    Voous, K.H.

    1957-01-01

    This is the second and concluding part of a report on the birds of the Netherlands Antilles, the first part dealt with the birds of St. Martin, Saba, and St. Eustatius (Studies fauna Curaçao Car. Is. 6, no. 25, 1955, p. 1-82). The present part will give a full account of the birds of Aruba, Curaçao,

  17. Brachyuran Crabs collected at Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Rathbun, Mary J.

    1924-01-01

    In 1920 a report ¹) on Dr. BOEKE’S collection of crabs and shrimps from Curaçao and other Dutch West Indian Islands was published. Dr. VAN DER HORST’S collection forms an important addition to the fauna of Curaçao, especially as to the Xanthids and Majids, or spider crabs. Four new species were disc

  18. Massimo Dutti 25周年庆推出慈善黄麻环保袋

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2011-01-01

    著名西班牙时装品牌Massimo Dutti(Zara姐妹品牌)近目宣布了一项慈善项晷,以庆祝品牌创立25周年。该品牌联手孟加拉首位国际名模兼时装设计师拉塞尔(Bibi Russell)和孟加拉Notherumbria University,推出名为黄麻环保方案(Jute Dutti Project),希望通过与发展中地区合作生产黄麻制成的购物袋以取代塑料袋及纸质包装来呼吁人们使用环保材料。

  19. Geomatic Methodologies for the Study of Teatro Massimo in Palermo (italy)

    Science.gov (United States)

    Dardanelli, G.; Allegra, M.; Giammarresi, V.; Lo Brutto, M.; Pipitone, C.; Baiocchi, V.

    2017-05-01

    This work illustrates the use of geomatics techniques for the documentation of Teatro Massimo in Palermo (Italy), one of the most important and big in Italy and in Europe. The theatre is characterized by a very complex structure and is realized also using innovative solution, studied at the time of the project specifically for this building; for example, an original system was realized for a natural air-conditioning system of the auditorium. Due to his complexity, the documentation of the Teatro Massimo requires studying specific survey solutions for the different parts of the building. In this paper, some studies on two of the most representative parts of the building were described. In particular, a 3D survey of the auditorium was carried out to obtain a first 3D model of the most important internal part; a very accurate monitoring of structure inside the dome of the theatre was also carried out. The survey of the auditorium was realized by a Terrestrial Laser Scanning (TLS), that has allowed the creation of a digital archive of point clouds, showing, however, the some level of criticality due to the complex shapes of building and of architectural details. The work has highlighted that specific strategy to optimize the number of acquisitions needed for the complete documentation of the auditorium. The monitoring of the structure inside the dome was carried out by topographic and photogrammetric techniques. The monitoring was aimed at measuring the displacements of the support devices connecting the iron structure of the dome. The monitoring has allowed to understand and to test the proper functionality of this complex system. Some tests were carried out also by a thermal camera to correlate the displacements of the support devices with the dilatations produced by steel thermal gradients.

  20. Feticismo e desiderio in Poulet aux prunes di Marjane Satrapi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Rimini

    2013-05-01

    Full Text Available Il saggio si propone di individuare e descrivere le sfumature erotiche e sentimentali del film Poulet aux prunes di Marjane Satrapi, felice adattamento dell’omonima graphic novel. Il racconto procede per scarti, ellissi, anticipazioni e flasback, dando luogo a una narrazione labirintica dalla singolare trama arabescante. Le sottili dinamiche seduttive messe in campo dal complesso stile di regia di Satrapi-Paronnaud vengono analizzate alla luce delle categorie feticistiche individuate da Massimo Fusillo, che offrono interessanti modelli di interazione fra desiderio e creatività. L’esito di tale indagine consente di ampliare il dibattito relativo al rapporto di scambio e interferenza fra oggetti, pulsioni e sguardi nel cinema contemporaneo.

  1. Unioni civili e stepchild adoption. A proposito del dibattito in corso, ricordando la lezione di Norberto Bobbio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2016-03-01

    È una semplificazione ricorrente quella che riconduce alla contrapposizione tra “laici” e “cattolici” il confronto – serrato, talora aspro – che nel Paese e nel Parlamento si sta svolgendo a proposito della regolamentazione delle unioni civili, segnatamente per quanto concerne la stepchild adoption estesa alle coppie di omosessuali. Lo stesso avviene, non di rado, rispetto alle più importanti questioni di bioetica. Sul tema è intervenuto di recente Massimo Salvadori in un articolo comparso su la Repubblica del 18 febbraio 2016 (“Unioni civili, non parliamo di laici contro cattolici”, che offre interessanti spunti di riflessione.

  2. The Universe of Digital Sky Surveys : Meeting to Honour the 70th Birthday of Massimo Capaccioli

    CERN Document Server

    Longo, Giuseppe; Marconi, Marcella; Paolillo, Maurizio; Iodice, Enrichetta

    2016-01-01

    These are the proceedings of a meeting in honour of Massimo Capaccioli at the occasion of his 70th birthday. The conference aimed at summarizing the results from the main current and past digital sky survey projects and at discussing how these can be used to inspire ongoing projects and better plan the future ones. Over the last decades, digital sky surveys performed with dedicated telescopes and finely-tuned wide-field cameras, have revolutionized astronomy. They have become the main tool to investigate the nearby and far away universe, thus providing new insights in the understanding of the galaxy structure and assembly across time, the dark components of the universe, as well as the history of our own galaxy. They have also opened the time domain leading to a new understanding of the transient phenomena in the universe. By providing public access to top quality data, digital surveys have also changed the everyday practice of astronomers who have become less dependent on direct access to large observing ...

  3. Entrevista de Domenico Bilotti a Massimo La Torre sobre Goliarda Sapienza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2014-07-01

    Full Text Available No se ha dicho ni escrito mucho (y quizás menos se ha leído sobre Goliarda Sapienza (1924-1996, actriz de cine y de teatro, escritora y poetisa que ha atravesado, con una gracia inaudita, los restos de una Italia que había soñado con el boom económico y, veinte años después, las ruinas de una Italia que había soñado con la revolución. Merecidamente, la editorial de Turín Einaudi está publicando de nuevo su catálogo de obras completas, dando a la autora siciliana finalmente el escaparate que habría merecido ya en vida. Conversamos sobre ello con Massimo La Torre, profesor de Filosofía del Derecho en la Universidad de Catanzaro, columnista de Critica Liberale, y, por pasión, conocedor de las artes cinematográficas y de la literatura siciliana.

  4. Quando il legislatore predilige un punto di vista etico/religioso: il caso del divieto di donazione dei gameti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Di Cosimo

    2013-06-01

    Full Text Available Il contributo - in corso di pubblicazione in La fecondazione vietata, a cura di A. Cossiri e G. Di Cosimo, Aracne, Roma, maggio 2013 - è stato sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Laicità – 2. Eguaglianza e pluralismo – 3. La questione – 4. Strategie: riformulazione – 5. Parallelo – 6. Strategie: minimizzazione – 7. Controvertibilità – 8. Norme – 9. Paternalismo.

  5. Checklist of the birds of Aruba, Curaçao and Bonaire, South Caribbean

    NARCIS (Netherlands)

    Prins, T.G.; Reuter, J.H.; Debrot, A.O.; Wattel, J.; Nijman, V.

    2009-01-01

    We present an updated checklist of the birds of the islands of Aruba, Curaçao and Bonaire, and the islets of Klein Curaçao and Klein Bonaire, southern Caribbean, and compare this with earlier checklists (K.H. Voous, Stud. Fauna Curaçao Carib. Isl. 7: 1-260, 1957; Ardea 53: 205-234, 1965; Birds of

  6. On some Polychaetous Annelids from Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Horst, R.

    1922-01-01

    Though we know already a rather large number of Polychaetous Annelids from the Caribbean Sea, hitherto, as far as I know, no Annelids have been described from the coast of the island Curaçao and I therefore was very glad, that my colleague Dr. VAN DER HORST kindly placed in my hands for identificati

  7. Reptiles and Amphibians of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Rooij, de Nelly

    1922-01-01

    The Zoological Museum of Amsterdam received some collections of reptiles from Curaçao made by Dr. J. BOEKE in 1905, by Dr. C. J. VAN DER HORST in 1920 and by Mr. G. J. H. MOLENGRAAFF „Engineer” in 1921. I had the opportunity of studying them and will here give an enumeration of all the reptiles know

  8. The Foraminifera of Piscadera Bay, Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Hofker, J.

    1971-01-01

    Piscadera Bay is situated 4 km West of Willemstad, Curaçao, between two limestone hills which have a height of about 100 m. It is a drowned river system, the entrance of which is almost completely blocked by a bar of coral debris reaching to about 2 meters above sea level. The following parts may be

  9. Ps.-Prospero di Aquitania, La Provvidenza divina, a cura di Michele Cutino

    OpenAIRE

    Vinel, Françoise

    2015-01-01

    Le poème de 973 vers édité et traduit en italien par M. Cutino (M.C.) est au cœur de plusieurs questions, abordées par M.C. dans une longue introduction puis dans le commentaire suivi du poème (p. 159-368). Depuis l’editio princeps de l’œuvre, publiée à Lyon en 1539, plusieurs éditions se sont succédé jusqu’à celles, les plus récentes, de Mc Hugh en 1964 et de Marcovich en 1989. M.C. reprend le travail pour plusieurs raisons : il y a d’abord l’intérêt littéraire du texte, dans le contexte de ...

  10. Applicazione delle linee guida nazionali nell'attivitá di notifica di casi di legionellosi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: é noto che effettuare diagnosi di Legionellosi risulta difficile a causa della sovrapposizione della sintomatologia con altre forme di polmonite. Questo spiega, in parte, perché i casi di Legionellosi siano sottostimati. I metodi diagnostici disponibili, sebbene richiedano tempi relativamente lunghi, sono necessari per l’esatta stima di prevalenza della Legionellosi e per gli eventuali interventi preventivi.

    Metodi: nell’Azienda Ospedaliera “G. Panico” di Tricase, seguendo i criteri delle Linee Guida della Legionellosi (G.U. 5 maggio 2000 n. 103 durante la degenza dei pazienti che presentavano segni clinici ed obiettivi di polmonite sono state eseguite indagini radiologiche (Rx Torace, TAC, esami di laboratorio (espettorato, sangue, urina ed avviata terapia antibiotica (macrolidi e cefalosporine di III generazione. L’antigene urinario e le IgG anti-Legionella (metodo IFA, sono stati determinati in collaborazione con il Laboratorio di riferimento Regionale.

    Risultati: nel periodo ottobre 2001 gennaio 2003 sono stati notificati nel nostro ospedale 11 casi di Legionellosi accertati da indagini clinico-strumentali e di laboratorio: tutti i casi avevano titoli anticorpali abbastanza elevati, confermati poi da un secondo controllo a distanza di tempo. Solo due hanno presentato una positività per l’antigene urinario. All’atto della dimissione, per il 63.6% dei casi è stato documentato un miglioramento delle condizioni clinico-laboratoristico-strumentali, nel 18.2% si è avuta una effettiva guarigione. La letalità è stata pari al 18.2%. In tutti casi si è provveduto alla sorveglianza ambientale.

    Considerazioni: i nostri dati evidenziano che i casi di Legionellosi registrati sono stati tutti di tipo comunitario. Una corretta applicazione delle Linee Guida nel sistema di notifica permette l’avvio dell’attività di prevenzione oltre

  11. Week hospital: una sperimentazione organizzativa in un centro oncologico di riferimento regionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Canu

    2013-06-01

    Full Text Available Background. All’interno dell’ospedale di riferimento regionale di oncologia medica in Sardegna è stata avviata una riorganizzazione basata sull’intensità di cura. In questo contesto è stato sperimentato il Week Hospital (WH, modello organizzativo dell’attività oncologica per aree ad intensità di cura omogenea che, superando la logica dei reparti e articolandosi nei 5 giorni feriali della settimana, mette al centro le esigenze del paziente e al tempo stesso ottimizza le risorse. Obiettivi. Razionalizzare le risorse dell’assistenza ospedaliera in oncologia medica migliorando la qualità del servizio per i pazienti. Metodi. Sono stati analizzati i ricoveri dal 15 marzo 2009 (data di apertura del WH al 1 aprile 2010 in relazione alla loro aderenza ai criteri di appropriatezza definiti, codificati nella proposta di ricovero e nelle schede di dimissione ospedaliera. Risultati. Nel periodo analizzato sono stati eseguiti 1313 ricoveri ordinari, di cui 665 (50.6% nel WH. Il 7% dei ricoveri in WH è stato giudicato inappropriato per mancata aderenza ai criteri di ammissione della proposta di ricovero: la causa di inappropriatezza più frequente (3,4% è la durata dell’ospedalizzazione più lunga di quanto pianificato. Limiti. Sono legati principalmente alla necessità di standardizzare le procedure e all’utilizzo di protocolli operativi, oltre che a una generica resistenza al cambiamento da parte di professionisti e operatori sanitari. Conclusioni. Il modello assistenziale sperimentato rappresenta una nuova forma di ricovero, che si inserisce fra day hospital e degenza ordinaria. Esso riorganizza gli spazi e l’attività dell’ospedale creando un’area ad omogenea intensità di cura, in cui si trovano pazienti che necessitano di un livello omogeneo di assistenza Il WH è applicabile, oltre che all’area oncologica, anche in chirurgia e a tutte le realtà caratterizzate da ricoveri programmabili.

  12. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available

    Report of PhD Dissertations.

    Massimo Della Misericordia

    Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003

     

    Mariano Dell’Omo

    Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004

     

    Giulia Lorenzoni

    Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004

     

    Federica Monteleone

    Il viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo

     

    Francesca Pucci Donati

    Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004

    Alberto Ricciardi

    L’Epistolario di Lupo

  13. The Curaçao Cohort Studies : An analysis of the implementation of combination antiretroviral therapy in Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    de Groot-Hermanides, Hillegonda

    2015-01-01

    In dit proefschrift geven we een overzicht van de HIV epidemie in Curaçao en analyseren we de uitkomst van antiretrovirale combinatie therapie (cART) in personen met HIV-1 infectie die behandeld worden in Curaçao. Uiteindelijk concluderen we dat de uitkomsten van cART suboptimaal zijn als gevolg van

  14. [Cura sui--selfcare and its relationship to nursing].

    Science.gov (United States)

    Schnell, Martin W

    2010-02-01

    Self care is an answer to the response of finiteness, which is given through the fact of the human body. The article demonstrates in reference to the Selfcaredeficit-Theory (Orem, 2006) how self care in everyday life, ancient roman called it cura sui, is related to nursing practice, specially to acutecare. Self care turns out as an category of ambivalence between ethics and power.

  15. L’attualità di un Poema. La testimonianza pedagogica di Anton Semenovic Makarenko

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federico Zannoni

    2011-06-01

    Full Text Available In occasione della nuova edizione del Poema pedagogico di Anton Semenovic Makarenko (a cura di Nicola Siciliani de Cumis, Roma, Albatros, 2009 il presente articolo prova a riferire alcuni spunti che, ricavati dal testo e dai contributi critici che lo precedono, testimoniano quanto ancora attuale e attualizzabile possa essere la lezione del grande pedagogista sovietico. Si metteranno particolarmente in evidenza le riflessioni relative all’importanza del collettivo come forma identitaria e di concezione della socialità, del lavoro come parte del processo educativo e della dignità umana come bene supremo da tutelare e su cui riporre fiducia.

  16. D. QUIXOTE À PRO-CURA DE UM LUGAR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Celia Matos

    2015-01-01

    Full Text Available ResumoVítima da massifi cação produzida pela leiturade novelas de cavalaria, D. Quixote perde-sede si mesmo. Sai da fi gura do fi dalgo, abandonasua casa e parte buscando “outro” em“outro” lugar. À pro-cura da cura, D. Quixote,querendo apropriar-se do que lhe é próprio,mas in-sistente na representação inquietae agitada de um cavaleiro, desviando-se domistério da vida, cai em errância até que aexperiência da angústia o reconduza espontaneamenteao seu lugar de origem – o seu lar,espaço ontológico onde ele habita.Palavras-chave: Cura; próprio; mistério; errância.AbstractDeeply involved by the massifi cation producedby the reading of chivalry novels, DonQuijote lost himself. He forgot himself asa noble, left his house and went searching“another” being in “another” place with theintention of fi nding the cure for himself. Inthe process of searching, he insisted in gettingwhat he already owned in the anxiousand troubled fi gure of a knight. Avoiding themystery of life, he became an errant until theexperience of the anguish led him naturallyback to the place of his origin – his home.Th e ontological place where he lived in.Keywords: Care; self; mystery; straying

  17. La institución de la cura.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jesús Ibáñez

    1984-01-01

    Full Text Available Antes de indagar qué sea institución y qué sea cura, vamos a confrontar dos situaciones instituidas de cura. La primera se refleja en el relato de TURNER (1: se trata de la cura shamanística realizada por un hechicero ndembu. El enfermo manifiesta estos síntomas: palpitaciones, dolores en la espalda y gran debilidad -en relación al cuerpo -retirada de la vida comunal porque tiene la sensación de que los habitantes de la aldea están contra él -en relación al nombre o al alma-, una conjugación de perturbaciones psíquicas y somáticas. El médico ejerce estas acciones terapéuticas: en sesiones en las que se discuten los conflictos entre el enfermo y sus vecinos -la hostilidad del enfermo hacia los vecinos y la hostilidad de los vecinos hacia el enfermo -se investiga el pasado de la aldea; y se practica una técnica de curación que consiste en sajar la carne del enfermo y simular la extracción de una muela.

  18. Checklist of the birds of Aruba, Curaçao and Bonaire, South Caribbean

    NARCIS (Netherlands)

    Prins, T.G.; Reuter, J.H.; Debrot, A.O.; Wattel, J.; Nijman, V.

    2009-01-01

    We present an updated checklist of the birds of the islands of Aruba, Curaçao and Bonaire, and the islets of Klein Curaçao and Klein Bonaire, southern Caribbean, and compare this with earlier checklists (K.H. Voous, Stud. Fauna Curaçao Carib. Isl. 7: 1-260, 1957; Ardea 53: 205-234, 1965; Birds of th

  19. Freshwater Bryozoa (Phylactolaemata) from Curaçao, Aruba and Bonaire

    NARCIS (Netherlands)

    Lacourt, A.W.

    1955-01-01

    The Phylactolaemata-fauna of Curaçao, Aruba and Bonaire, as it appears from the samples collected by dr P. Wagenaar Hummelinck, is connected with the fauna of the South-American mainland. The material belongs to three species only: Hyalinella agilis — Curaçao, Aruba, Bonaire — in temporary or

  20. The nature of ethnic identity among the people of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Dijs, N.M. van der

    2011-01-01

    This qualitative research explores the nature of ethnic identity among the people of Curaçao. The questions that are of fundamental interest to this study are: how do the people of Curaçao perceive themselves ethnically, how do they experience their sense of belonging to an ethnic group and what

  1. The nature of ethnic identity among the people of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Dijs, N.M. van der

    2011-01-01

    This qualitative research explores the nature of ethnic identity among the people of Curaçao. The questions that are of fundamental interest to this study are: how do the people of Curaçao perceive themselves ethnically, how do they experience their sense of belonging to an ethnic group and what fac

  2. Attitude toward contraception and abortion among Curaçao women. Ineffective contraception due to limited sexual education?

    NARCIS (Netherlands)

    Brink, M.J.; Boersma, A.A.; Meyboom-deJong, B; Bruijn, de J.G.M.

    2011-01-01

    Background In Curaçao is a high incidence of unintended pregnancies and induced abortions. Most of the induced abortions in Curaçao are on request of the woman and performed by general practitioners. In Curaçao, induced abortion is strictly prohibited, but since 1999 there has been a policy of

  3. Attitude toward contraception and abortion among Curaçao women. Ineffective contraception due to limited sexual education?

    NARCIS (Netherlands)

    Brink, M.J.; Boersma, A.A.; Meyboom-deJong, B; Bruijn, de J.G.M.

    2011-01-01

    Background In Curaçao is a high incidence of unintended pregnancies and induced abortions. Most of the induced abortions in Curaçao are on request of the woman and performed by general practitioners. In Curaçao, induced abortion is strictly prohibited, but since 1999 there has been a policy of conni

  4. Attitude toward contraception and abortion among Curaçao women. Ineffective contraception due to limited sexual education?

    NARCIS (Netherlands)

    Brink, M.J.; Boersma, A.A.; Meyboom-deJong, B; Bruijn, de J.G.M.

    2011-01-01

    Background In Curaçao is a high incidence of unintended pregnancies and induced abortions. Most of the induced abortions in Curaçao are on request of the woman and performed by general practitioners. In Curaçao, induced abortion is strictly prohibited, but since 1999 there has been a policy of conni

  5. Il “corridoio etnico”. Vicissitudini di una nozione centrale negli studi di antropologia linguistica della Cina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hongkai Sun

    2016-08-01

    Full Text Available L’articolo si presenta in forma di una conversazione tra i due autori sulla nascita e lo sviluppo del dibattito scientifico sul “corridoio etnico” in seno alla tradizione antropologica cinese. È integrato da diversi riferimenti alla vita personale e accademica del noto etnolinguista Hongkai Sun, professore emerito dell’Istituto di Etnologia e Antropologia presso l’Accademia Cinese di Scienze Sociali (CASS nonché massimo esponente nel campo delle lingue minoritarie Qiangic, parlate nelle regioni di frontiera sino-tibetane. Registrata il 17 febbraio 2015 a Pechino nell’appartamento del prof. Sun, l’intervista si è svolta interamente in cinese. Il testo è stato trascritto, tradotto, riadattato e curato da Tommaso Previato sulla base delle dichiarazioni originali. Illustra le difficoltà insite nel programma statale di categorizzazione etnica lanciato nei primi decenni che seguirono la fondazione della Repubblica Popolare Cinese (RPC, così come le peculiarità culturali delle società di confine nella Cina occidentale. Particolare attenzione è rivolta alla distribuzione geografica dei gruppi etnici della famiglia tibeto-birmana e alle dinamiche di interazione nelle varie epoche storiche. Le applicazioni più recenti di questo emergente ramo di studi vengono brevemente riassunte nella sezione conclusiva.

  6. Distribuzioni di tensione per intagli soggetti a torsione in condizioni elastiche ed elastoplastiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Zappalorto

    2009-01-01

    Full Text Available Il lavoro riporta delle soluzioni analitiche in forma chiusa per le distribuzioni di tensione generate da intagli circonferenziali in componenti assialsimmetrici soggetti a torsione, in condizioni lineari elastiche ed elastoplastiche. Il problema teorico in condizioni lineari elastiche è stato impostato e risolto utilizzando la teoria dei potenziali nel dominio complesso e una serie di opportuni sistemi di riferimento in coordinate curvilinee, evitando l’uso di mappature conformi. Le soluzioni proposte hanno un ampio range di applicabilità, in termini di dimensioni e forma dell’intaglio e di diametro dell’albero. Il problema elastoplastico è stato invece risolto utilizzando la tecnica delle trasformazioni odografiche, al fine di rendere lineari le equazioni nonlineari fondamentali del problema.Il contributo rappresenta la sintesi di una serie di lavori più ampi a cura degli stessi autori.

  7. Diritti fondamentali, condizione dello straniero e declinazione odierna del diritto di libertà religiosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe D'Angelo

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Immigrazione, integrazione, diritto ecclesiastico: la rilevanza del collegamento – 2. Il duplice verso della relazione: in particolare, la ricollocazione del diritto alla libertà di religione nell’ambito del modello di democrazia pluralista delineato dalla Costituzione repubblicana e la sua potenziale incidenza nella prospettiva di una più coerente definizione della condizione giuridica dello straniero – 3. Questione migratoria e libertà religiosa: la complessità del quadro di riferimento – 4. Le “soluzioni” previste dal T.U. in materia di immigrazione al vaglio della giurisprudenza: il ricongiungimento familiare – 5. Il permesso di soggiorno per motivi religiosi – 6. Valutazioni di sintesi e prospettive di indagine.Ora nel volume collettaneo (a cura di V. TOZZI e M. PARISI,Immigrazione e soluzioni legislative in Italia e Spagna. Istanze autonomistiche, società multiculturali, diritti civili e di cittadinanza, ed. Arti Grafiche la Regione, Ripalimosani, 2007, p. 159 ss.

  8. Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Olivito

    2011-05-01

    Full Text Available Il contributo è destinato alla pubblicazione nel volume “La tutela dei diritti fondamentali tra diritto politico e diritto giurisprudenziale: ‘casi difficili’ alla prova”, a cura di M. Cavino, C. Tripodina, 2011.SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi - 5. Giudici-antropologi e legislatori paternalisti: cultural defense, leggi manifesto, eguaglianza di genere - 6. Chi decide delle culture?

  9. Additions to the marine algal flora of Curaçao, Netherlands Antilles

    NARCIS (Netherlands)

    Stegenga, H.; Vroman, M.

    1988-01-01

    Nine species of benthic marine algae are reported from the Caribbean island of Curaçao for the first time: Chlorophyta: Derbesia marina and Trichosolen longipedicellata; Phaeophyta: Ectocarpus rhodochortonoides, Feldmannia elachistaeformis, Hecatonema floridanum, Herponema tortugense and Sphacelaria

  10. Antecedents to the Perpetration of Domestic Violence in Curaçao

    OpenAIRE

    Wijk; Bruijn, de, CHMM Chris

    2015-01-01

    ABSTRACTPrevious international studies have found collectivism and low gender empowerment to contribute to higher domestic violence perpetration by males, compared to females. Little is known about gender differences in domestic violence perpetration prevalence in collectivist countries with high gender empowerment, for example Curaçao. Curaçao demonstrates gender similarity in committing domestic violence, resembling Western countries: 25–33 % have committed psychological domestic violence, ...

  11. Antecedents to the Perpetration of Domestic Violence in Curaçao

    OpenAIRE

    Wijk, van, C.A.P.; Bruijn, de, M.E.

    2015-01-01

    ABSTRACTPrevious international studies have found collectivism and low gender empowerment to contribute to higher domestic violence perpetration by males, compared to females. Little is known about gender differences in domestic violence perpetration prevalence in collectivist countries with high gender empowerment, for example Curaçao. Curaçao demonstrates gender similarity in committing domestic violence, resembling Western countries: 25–33 % have committed psychological domestic violence, ...

  12. Configurações corporais e afetivas em rituais carismático-católicos: cura, salvação e memória.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emerson José Sena Silveira

    2014-05-01

    Full Text Available A partir do estudo de um ritual católico denominado cura interior, vivenciado entre católicos carismáticos de uma cidade do estado de Minas Gerais, ressalta-se a importância da articulação entre corpo, emoção e memória. No ritual da cura interior, ocorre a produção de uma tecnologia de constituição do sujeito em que a transferência e expansão semântica de termos e procedimentos da psicologia junguiana (e outras, da medicina e da tradição católica instituem um “fluxo intersubjetivo”, transversal e simétrico, de um fazer-saber simultaneamente terapêutico e religioso. A cura interior praticada pelos “especialistas da cura” torna-se um campo no qual tendências contraditórias dialogam entre si. Um diálogo que tem como palco a trajetória, a memória e as emoções dos praticantes, apontando para novas formas de articulação entre as pequenas narrativas biográficas (pontuais e as grandes narrativas da religiosidade católica (difusas e míticas. Observações etnográficas e conceituações antropológicas permitirão compreender como a tradição é arranjada em contextos individualizantes.

  13. L’etica degli altri. Violenza e riconoscimento nelle relazioni di cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianluca Giachery

    2012-12-01

    Full Text Available - The Others Ethics. Violence and Recognition in Healths relationships - The theme of recognition is central in the development of the educational relationship. It involves those social and health practices which – based on normativity, keep the bond between the individual and collectivity going. Starting from Hegel, intersubjectivity is unveiled in its double adaptive and conflictual function, setting out the problematic relation – already delineated by Kant, between autonomy and heteronomy.The essay referring to Hegel as well as to experts in contemporaneity such as Kojève, Foucault, Habermas and Honneth, analyses the different facets through which, in the health practices, the fabric of educational dialectic is woven.

  14. Dalla pizza alla cura dell'uomo: le abilità di RoDyMan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nunzia Bonifati

    2014-12-01

    Full Text Available RoDyMan, acronym for Robotic Dynamic Manipulation, is a research project funded by the European Research Council to the CREATE Consortium and carried out at PRISMA Lab in the Department of Electrical Engineering and Information Technology of the University of Naples Federico II. The goal is the development of a service robot able to manipulate elastic and soft objects, which change continuously density and shape. These robots will be used not only in manufacturing but also as an aid to elderly or disabled people, for medical and surgical use, and in other manual activities. Preparing a pizza involves an extraordinary level of manual dexterity: for this reason a pizzaiolo robot has been conceived. It is also a tribute to Naples, at the forefront of technology, robotics and automation, but especially of culture and gastronomy, of which pizza is a symbol and tradition. Creating a robot able to manipulate objects like humans is one of the most sought and difficult challenges of robotics. It means to replicate skills that are the result of human biological and cultural evolution. This goal is arduous, mainly for two issues. First, we do not have a total knowledge of human nature, but this is the condition to be able to replicate the human functions in a machine. Second, there are many technical limits to implement a bio‐inspired robot, not the least those making it user‐friendly and aesthetically appreciated.

  15. Cirus Rinaldi (a cura di, Alterazioni. Introduzione alle sociologie delle omosessualità, MIMESIS, pp. 423

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Antonietta Selvaggio

    2013-10-01

    Full Text Available The book review offers a reading of the work Alterazioni. Introduzione alle sociologie delle omosessualità (Alterations. Introduction to the sociologies of homosexuality, Cirus Rinaldi (ed., who highlights the basic idea: the need to "alter" the sociology and overcome completely the limitations of the traditional approach to the homosexuality issue, characterized indeed influenced by the research for regularity. The difficulty of differences recognition is the great theme that runs through the whole volume in the multidisciplinary joint of the eighteen essays that compose it and answer, according to the explicit criteria of the editor, the need to multiply the glances and solicit the broadest comparison between academic and non-academic knowledge. The asymmetric and hierarchizing request of the established social order is the key by which we analyze the various forms of anti-homosexual violence in the context of an in-depth discussion about homophobia.

  16. A new species of Hemicyclops (Crustacea, Copepoda, Poecilostomatoida, Clausidiidae) associated with hermit crabs in Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Stock, Jan H.

    1992-01-01

    STOCK, J. H. 1992. A new species of Hemicyclops (Crustacea, Copepoda, Poecilostomatoida, Clausidiidae) associated with hermit crabs in Curaçao. Stud. Nat. Hist. Caribbean Region 71, Amsterdam 1992: 69-78. Hemicyclops geminatus n. sp. is described from the upper infralittoral zone of Curaçao (Antille

  17. El cura y sus hijos osos o el recorrido civilizador de los hijos de un cura y una osa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    1997-01-01

    Full Text Available LE CURE ET SES ENFANTS OURS OU LE PARCOURS CIVILISATEUR DES ENFANTS D’UN CURE ET D’UNE OURSE. Cet article constitue un essai d’interprétation de deux versions quechuas cuzquéniennes du récit panandin connu comme “Jean de l’Ours” ou “Le fils de l’ours”. A partir d’une analyse du symbolisme du récit, la logique profonde qui l’ordonne est mise en lumière: la société humaine et civilisée ne peut se perpétuer sans établir des échanges et une coopération avec les êtres sauvages de l’au-delà. Les protagonistes, fils d’un curé et d’une ourse, ainsi que le curé lui-même, sont les héros médiateurs d’un récit mythique dont la logique prétend aussi s’appliquer aux relations interethniques dans les Andes. Este artículo presenta un ensayo de interpretación de dos versiones quechuas cuzqueñas del relato panandino conocido como “Juan Oso” o “El hijo del oso”. A partir de un análisis del simbolismo del relato, se saca a luz la lógica profunda que lo ordena: la sociedad humana y civilizada no puede perpetuarse sin establecer un intercambio y una cooperación con los seres salvajes del más allá. Los protagonistas, hijos de un cura y una osa, así como el cura mismo, son los héroes mediadores de un relato mítico cuya lógica pretende también aplicarse a las relaciones interétnicas en los Andes. THE PRIEST AND HIS BEAR CHILDREN OR THE PASSAGE TO CIVILIZATION OF THE CHILDREN OF A PRIEST AND A SHE-BEAR. This article sets out to interpret two Cuzco Quechua versions of the pan-Andean tale known as “Juan Oso” or “The Bear’s Son”. The analysis of the story’s symbolism sheds light on the profound logic on which it is based: human and civilized society cannot survive without establishing interchange and cooperation with wild beings from the other world. The protagonist, the son of the priest and the she-bear, as well as the priest himself, are the mediator heroes of a tale whose logic also applies to interethnic

  18. Deep-water sponges (Porifera) from Bonaire and Klein Curaçao, Southern Caribbean.

    Science.gov (United States)

    Van Soest, Rob W M; Meesters, Erik H W G; Becking, Leontine E

    2014-10-29

    Four submersible dives off the coast of Bonaire (Caribbean Netherlands) and Klein Curaçao (Curaçao) to depths of 99.5-242 m, covering lower mesophotic and upper dysphotic zones, yielded 52 sponge specimens belonging to 31 species. Among these we identified 13 species as new to science. These are Plakinastrella stinapa n. sp., Pachastrella pacoi n. sp., Characella pachastrelloides n. sp., Geodia curacaoensis n. sp., Caminus carmabi n. sp., Discodermia adhaerens n. sp., Clathria (Microciona) acarnoides n. sp., Antho (Acarnia) pellita n. sp., Parahigginsia strongylifera n. sp., Calyx magnoculata n. sp., Neopetrosia dutchi n. sp., Neopetrosia ovata n. sp. and Neopetrosia eurystomata n. sp. We also report an euretid hexactinellid, which belongs to the rare genus Verrucocoeloidea, recently described (2014) as V. liberatorii Reiswig & Dohrmann. The remaining 18 already known species are all illustrated by photos of the habit, either in situ or 'on deck', but only briefly characterized in an annotated table to confirm their occurrence in the Southern Caribbean. The habitat investigated-steep limestone rocks, likely representing Pleistocene fossil reefs--is similar to deep-water fossil reefs at Barbados of which the sponges were sampled and studied by Van Soest and Stentoft (1988). A comparison is made between the two localities, showing a high degree of similarity in sponge composition: 53% of the present Bonaire-Klein Curaçao species were also retrieved at Barbados. At the level of higher taxa (genera, families) Bonaire-Klein Curaçao shared approximately 80% of its lower mesophotic and upper dysphotic sponge fauna with Barbados, despite a distance between them of 1000 km, indicating high faunal homogeneity. We also preliminarily compared the shallow-water (euphotic) sponge fauna of Curaçao with the combined data available for the Barbados, Bonaire and Klein Curaçao mesophotic and upper dysphotic sponges, which resulted in the conclusion that the two faunas show only

  19. Cura de heridas quirúrgicas: protocolo de actuación

    OpenAIRE

    2014-01-01

    El siguiente trabajo intenta ser una aproximación al análisis de las mejores pruebas científicas relacionadas con el desarrollo de la cura de heridas quirúrgicas. La cura de este tipo de heridas se trata de un procedimiento que los profesionales de enfermería realizan con asiduidad, en el cual, se puede encontrar una variabilidad introducida por el profesional sanitario muchas veces no basada en la mejor evidencia científica de la práctica clínica, entorpeciendo la calidad de los cuidados pre...

  20. The Ashkenazi Jews of Curaçao, a trading minority

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eva Abraham-Van der Mark

    2000-07-01

    Full Text Available First describes the early Sephardi presence in Curaçao, the arrival of the Ashkenazi in the 20th c., and the relations between these 2 groups. Author goes on to discuss the Ashkenazis' economic success and the exodus of the 1980s. She asks whether the success and the exodus can be attributed to the characteristics of the group itself or whether conditions and developments in Curaçao account for economic fortune and the departure of the Ashkenazi.

  1. Tenebrionid Beetles of Curaçao, Aruba, Bonaire, and Venezuela

    NARCIS (Netherlands)

    Marcuzzi, Giorgio

    1959-01-01

    This contribution may be considered as an Appendix to my paper on “Tenebrionid Beetles of Curaçao, Aruba, Bonaire, and the Venezuelan Islands”, which was published in the fifth volume of this series (1954). The addition has proved to be justified after study of: 1. a collection of Tenebrionids gathe

  2. Social behavior of the Paguridae and Diogenidae of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Hazlett, Brian A.

    1966-01-01

    1. The social behavior patterns of twelve species of hermit crabs found in the waters around Curaçao, N.A. are described. All species showed marked similarity in their aggressive displays, the most common of which are movements of the appendages, called here the ambulatory raise and cheliped extensi

  3. Molecular Evidence for Dissemination of Unique Campylobacter jejuni Clones in Curaçao, Netherlands Antilles

    NARCIS (Netherlands)

    Duim, B.; Godschalk, P.C.R.; Braak, N. van den; Dingle, K.E.; Dijkstra, J.R.; Leyde, E.; Plas, J. van der; Colles, F.M.; Endtz, H.P.; Wagenaar, J.A.; Maiden, M.C.J.; Belkum, A. van

    2003-01-01

    Campylobacter jejuni isolates (n = 234) associated with gastroenteritis and the Guillain-Barré syndrome (GBS) in the island of Curaçao, Netherlands Antilles, and collected from March 1999 to March 2000 were investigated by a range of molecular typing techniques. Data obtained by pulsed-field gel ele

  4. Biology of the Graysby, Epinephelus cruentatus, of the coral reef of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Nagelkerken, W.P.

    1979-01-01

    Epinephelus (Cephalopholis) cruentatus (Lacépède, 1802) [Petrometopon cruentatum], the Graysby, is one of the most common groupers on the coral reef at the southwest coast of Curaçao. They are very abundant at a depth from 7½ to 9 m. A second, lower maximum in their vertical distribution is found at

  5. A new species of the Rodent Baiomys from Aruba and Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Husson, A.M.

    1960-01-01

    In his paper on the mammals of the islands of Aruba, Curaçao, and Bonaire (situated off the north coast of Venezuela), WAGENAAR HUMMELINCK (1940 a, p. 69) mentioned a juvenile specimen of a cricetine rodent which was identified by Mr. M. A. C. HINTON and Mr. R. W. HAYMAN as probably belonging to the

  6. High prevalence of dermal parasites among coral reef fishes of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    M.A. Bernal; S.R. Floeter; M.R. Gaither; G.O. Longo; R. Morais; C.E.L. Ferreira; M.J.A. Vermeij; L.A. Rocha

    2015-01-01

    During expeditions to Curaçao in August and October of 2013, a large number of fish infected with dermal parasites was observed. Infected individuals presented black spots and white blemishes on their skin and fins that were easily observed by divers, and which have been associated with infections b

  7. Molecular Evidence for Dissemination of Unique Campylobacter jejuni Clones in Curaçao, Netherlands Antilles

    NARCIS (Netherlands)

    Duim, B.; Godschalk, P.C.R.; Braak, N. van den; Dingle, K.E.; Dijkstra, J.R.; Leyde, E.; Plas, J. van der; Colles, F.M.; Endtz, H.P.; Wagenaar, J.A.; Maiden, M.C.J.; Belkum, A. van

    2003-01-01

    Campylobacter jejuni isolates (n = 234) associated with gastroenteritis and the Guillain-Barré syndrome (GBS) in the island of Curaçao, Netherlands Antilles, and collected from March 1999 to March 2000 were investigated by a range of molecular typing techniques. Data obtained by pulsed-field gel

  8. Mammalian remains from an Indian site on Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Hooijer, D.A.

    1963-01-01

    The animal remains (mostly of shells, fish, and turtles) collected by Mr. H. R. VAN HEEKEREN and Mr. C. J. DU RY at the Indian site Sint Jan II, Curaçao, in March, 1960, include a few specimens of mammals. As was the case with the Indian site Santa Cruz, on Aruba (HOOIJER, 1960), several forms are r

  9. High prevalence of dermal parasites among coral reef fishes of Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Bernal, M.A.; Floeter, S.R.; Gaither, M.R.; Longo, G.O.; Morais, R.; Ferreira, C.E.L.; Vermeij, M.J.A.; Rocha, L.A.

    2016-01-01

    During expeditions to Curaçao in August and October of 2013, a large number of fish infected with dermal parasites was observed. Infected individuals presented black spots and white blemishes on their skin and fins that were easily observed by divers, and which have been associated with infections b

  10. Pseudoscorpions of the genus Aphelolpium (Pseudoscorpionida, Olpiidae) from Curaçao, Aruba and Bonaire

    NARCIS (Netherlands)

    Tooren, van den D.

    1995-01-01

    Tooren, D. van den, 1995. Pseudoscorpions of the genus Aphelolpium (Pseudoscorpionida, Olpiidae) from Curaçao, Aruba and Bonaire. Studies Nat. Hist. Caribbean Region 72. Amsterdam, 1995: 69-97. A large number of new localities of the pseudoscorpion Aphelolpium scitulum Hoff, 1964 from Curacao, Aruba

  11. Migrazioni di archetipi: tradizioni e rapimenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Valsecchi

    2014-07-01

    Full Text Available Quel che resta di una trasmissione orale o scritta sono tracce multiple e mai estinte. I segni e i simboli che la rinnovano, secondo influsso e revisione dei confini di tradizione, traduzione o plagio, sono oggetto del volume collettaneo Archetypes in Literatures and Cultures – Cultural and Re- gional Studies a cura di Rahilya Geybullayeva (Baki Slavian Universiteti, Azerbaijan. Un’analisi a più voci degli attraversamenti identitari per migrazioni di archetipi nello spazio-tempo delle lettera- ture ed epopee. Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Garamond","serif";}

  12. Termofluidodinamica di un Getto di Litio

    OpenAIRE

    Nitti, Francesco Saverio

    2010-01-01

    Calcolo della superficie curvilinea di scorrimento di un getto di litio in maniera che la pressione lungo il getto vari in maniera lineare. Formulazione di un codice di calcolo per la determinazione delle diverse possibili superfici. Studio termofluidodinamico del getto con codici CFD. Accoppiamento tra codici di sistema e codici CFD. Valutazioni delle condizioni di Incipient Boiling per il litio.

  13. Cura da infecção por HIV : conceitos e aplicações

    OpenAIRE

    Esteves, Margarida Gonçalves

    2014-01-01

    Dissertação para obtenção do grau de Mestre no Instituto Superior de Ciências da Saúde Egas Moniz Após 30 anos da identificação do HIV (Vírus da Imunodeficiência Humana), a cura permanece por alcançar. Com 35 milhões de pessoas infectadas em todo o mundo e estimando-se que esses números continuem a aumentar, a necessidade de uma cura é algo pelo qual se deve continuar a batalhar. Apesar dos avanços na terapêutica anti-retroviral terem diminuído a sua toxicidade e melhorado a sua tole...

  14. AV e attività di eccellenza. Nuove opportunità localizzative nel sistema Roma-Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2008-06-01

    , al fine di identificare le localizzazioni ottimali per disporre di un mercato di riferimento il più possibile esteso. Più specificamente, l’indicatore di accessibilità è stato definito in riferimento alla realizzazione della rete AV che collegherà Roma e Napoli in un tempo di 55 minuti. Pertanto, il sistema di aree per la localizzazione delle attività di eccellenza in ciascuna delle due polarità urbane considerate viene individuato ipotizzando un tempo massimo di percorrenza tra i due sistemi urbani pari a 90 minuti. Tale intervallo temporale si ritiene accettabile per il tipo di spostamenti connessi alle attività in esame: non si tratta, infatti, di spostamenti pendolari quanto, piuttosto, di una mobilità connessa alla fornitura di servizi altamente specializzati. Come ben evidenziato in una recente rassegna sul termine accessibilità, il tempo che si è disposti ad impiegare per raggiungere una data destinazione è, infatti, funzione del tipo di utenza e del tipo di attività o, più in generale, della convenienza per un dato individuo o per una data impresa (Litman, 2007. L’indicatore proposto tiene conto, oltre che del tempo di spostamento calcolato sulla rete su ferro sia nella tratta AV di connessione tra i due centri che nella tratta urbana della qualità del viaggio, considerando il numero e il tipo di scambi che è possibile effettuare sulla rete urbana, nell’arco temporale definito. L’applicazione dell’indicatore al sistema urbano integrato Roma-Napoli ha consentito l’individuazione, nelle due polarità urbane, di aree a diverso grado di “accessibilità” a partire dai due punti focali posti nelle stazioni AV e nell’arco temporale individuato e, conseguentemente, delle aree che, in ragione del solo parametro di accessibilità, risultano le più idonee per la localizzazione delle attività in esame.

  15. Paesaggio e Restauro: modello di studio e metodologia applicativa per i giardini del castello di Fosdinovo (Ms

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Virginia Neri

    2015-06-01

    Full Text Available Molti manufatti storici si trovano in stretto rapporto col paesaggio, basti pensare ai numerosi esempi di ville, castelli, fortezze o borghi fortificati in Italia ed in Europa. La cura, la gestione e la valorizzazione dell'uno va a ripercuotersi sull'altro, creando una sinergia di cui il caso di studio del castello di Fosdinovo, in provincia di Massa Carrara, e dei suoi giardini è un esempio. Questo saggio rielabora i contenuti della tesi di Master in Paesaggistica discussa nell'Aprile 2013 (Università degli Studi di Firenze, UniSer di Pistoia. La ricerca si è posta l'obiettivo di analizzare gli aspetti della vulnerabilità tipica dei manufatti storici, prevedendo interventi progettuali di “valorizzazione sostenibile” che possano migliorare  le condizioni di conservazione, senza tralasciare gli aspetti della manutenzione. Tale approccio, analitico e progettuale, può costituire linee guida e piani di gestione da poter seguire per altri manufatti storici, comparabili per caratteristiche e criticità.  Many historical artifacts are in close relationship with landscape: there are many examples of villas, castles, fortresses and fortified villages in Italy and Europe. The care, management and enhancement of these artifacts, have repercussions in landscape and vice versa, creating a synergy in which the case of Fosdinovo Castle and its gardens is an example. This article elaborates the contents of the Master's thesis in Landscape architecture discussed in April 2013 (University of Florence, Uniser of Pistoia. The research has the objective to analyze the aspects of the typical vulnerability in these artifacts, providing project interventions of "sustainable exploitation" that can improve the conservation conditions, without neglecting the aspects of maintenance. The analytical and design approach, can set up guidelines and management plans useful for other historical artifacts, comparable in features and criticality.

  16. Subordinate but proud: Curaçao's free blacks and mulattoes in the eighteenth century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wim Klooster

    1994-07-01

    Full Text Available Focuses on the socio-economic position of free non-whites in 18th-c. Curaçao. The manumission rate was relatively high and consequently a large group of free non-whites was created. Blacks and mulattoes enjoyed religious freedom as well as considerable economic freedom. Their growing numbers and social and economic assertiveness alarmed the whites, who gradually admitted the most successful mulattoes in their circles.

  17. Hans Kelsen- Umberto Campagnolo: Diritto internazionale e Stato sovrano, con un in edito di Hans Kelsen e un saggio di Norberto Bobbio, a cura di Mario G. Losano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oscar Sarlo

    2014-11-01

    Full Text Available La obra que comentamos está tejida en tomo a un acontecimiento académico aparentemente ordinario (al menos en universidades que mantienen estos criterios de exigencia: la presentación de una tesis doctoral y su discusión por el tribunal de tesis en diciembre de 1937. Sólo que en este caso el Prof. Losano -curador de esta publicación- ha sabido descubrir muchas más cosas importantes. Para empezar, los autores no son ordinarios: el doctorando es Umberto Campagnolo (1904-1976, un intelectual italiano de cierta relevancia, y uno de los miembros del tribunal es Kelsen (1881-1973, cuya presentación no es necesaria. Pero además, ocurre que Campagnolo habría sido, según asegura Losano "el único alumno italiano que tuvo Kelsen". Y para seguir con las particularidades, el comentario de Kelsen a la tesis de su alumno es bastante más extenso que lo usual, constituyendo un verdadero ensayo de unas 20 páginas, frente a las 156 de la tesis. Por si todo esto fuera poco, el contenido de la discusión es de gran actualidad, porque refiere a la organización internacional para asegurar la paz.

  18. PER LA DIDATTICA DI UNA SCRITTURA ESPOSITIVA: LA RELAZIONE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Prada

    2014-07-01

    Full Text Available In questo articolo si descrive – con una specifica attenzione alle ricadute didattiche – la relazione in quanto tipo testuale, discorsivo e linguistico e si forniscono indicazioni operative utili alla stesura di relazioni corrette, adeguate ed efficaci. Il testo delinea così un possibile percorso formativo per migliorare – in un ambito ben determinato dello “scrivibile” – le competenze scrittura degli studenti della scuola secondaria di secondo grado. La prima parte del documento sottolinea le caratteristiche generali della relazione in quanto classe di testi e individua i tratti distintivi di sue forme particolarmente utili e praticabili in ambito scolastico: il verbale, il rapporto e la relazione di ricerca, il saggio breve e la recensione. La seconda parte, invece, si focalizza sul processo cognitivo e operativo che rende possibile la scrittura di relazioni funzionali, individuando un possibile itinerario compositivo distinto in fasi: quella della lettura dei testi fonte e della loro manipolazione; quella della vera e propria stesura progettuale; quella della revisione. Teaching expository writing: a report  Massimo Prada  With a specific focus on educational implications, this article describes the report as a textual, discursive and linguistic type and provides useful guidance useful for writing correct, appropriate and effective reports. In the well-defined area of “writablility”, the text outlines a possible way to improve teaching writing skills to secondary school students. The first part of the paper outlines the general characteristics of the report as a class of text and identifies the distinctive features of its form that are particularly useful and practicable in schools: memorandums, reports and research reports, short essays and reviews. The second part focuses on the cognitive and operational processes that makes it possible to write functional reports, identifying a possible distinct compositional stages

  19. Applicazione di un sistema di monitoraggio informatico per la valutazione dei percorsi diagnostico-terapeutici: l'esperienza dell'ASO S. Giovanni Battista di Torino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Lauretta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: da alcuni anni sta emergendo come
    l’organizzazione per processi sia un elemento decisivo
    per il governo e la gestione delle strutture
    aziendali. Tale orientamento sta assumendo sempre
    più credito anche in campo sanitario dove si registrano
    una serie di attività sperimentali tra le quali è
    un esempio il programma di ricerca proposto dal
    Cergas-Bocconi denominato “Il percorso assistenziale
    del paziente in ospedale”, che vede la partecipazione
    dell’ASO S. Giovanni Battista di Torino.

    Obiettivi: governare la complessità gestionale deipercorsi diagnostico-terapeutici e assicurarne la  qualità del dato. Costruire un sistema di indicatori utile a favorire il razionale confronto tra percorso di riferimento e percorso effettivo.

    Metodi: il primo passo è stato quello di elaborare un report informatico, mediante il nostro sistema informativo, che evidenziasse tutte le attività eseguite dal paziente in ospedale attraverso la raccolta “longitudinale” dei dati clinici. Per identificare eventuali scostamenti tra i percorsi di riferimento e i percorsi effettivi, sono stati costruiti degli indicatori di monitoraggio che, messi in rete, hanno permesso un’agevole valutazione degli iter diagnostico-
    terapeutici rispetto alla “tradizionale” consultazione delle cartelle cliniche.

    Risultati: é stato attivato un apposito modulo informatico
    che consente il controllo automatico dei percorsi di cura. Il medico viene facilitato nell’inserimento delle prestazioni erogabili e dei farmaci da somministrare utilizzando quanto definito nel percorso di riferimento. Viene lasciata la discrezionalità di potersi scostare dal protocollo, inserendo e/o eliminando specifiche prestazioni. L’output finale è
    costituito dalla possibilità di analizzare gli scostamenti
    tra

  20. Avaliação do processo de cura da borracha nitrílica (NBR) pela resina fenólica através do cálculo da constante de cura

    OpenAIRE

    Furtado Ana Maria; Peres Augusto C. C.; Nunes Regina C.R.; Visconte Leila L. Y.; Furtado Cristina R. G.

    2001-01-01

    O processo de cura envolve reações de múltiplos mecanismos e sua investigação pode ser feita por meio de várias técnicas. Este trabalho apresenta a comparação entre dois métodos que utilizam parâmetros reométricos para o cálculo da constante cinética de cura (k) relacionada com a cura da borracha nitrílica com a resina fenólica, tendo o policloropreno e o óxido de zinco como sistema ativador. Foi utilizado o planejamento de experimentos fatorial completo (2³ + ponto central) como base para a ...

  1. An Interview with Massimo Iosa Ghini%从产品设计到建筑设计——马西默·尤萨·基尼访谈录

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2006-01-01

    马西默·尤萨·基尼(Massimo losa Ghini),意大利中生代建筑师,才华横溢,对流线型的理解让他在这个奇妙的设计世界独放光彩。本刊在2005年12期曾经刊登了他为法拉利设计的两家专卖店(罗马旗舰和杭州店)。

  2. La política de la cura, según Lacan

    OpenAIRE

    Ortiz, Facundo; Giussi, Juan

    2013-01-01

    El presente trabajo se enmarca en la investigación interna de la Cátedra de Psicoterapia I referida al estatuto de la acción analítica en el escrito “La dirección de la cura y los principios de su poder”, de J. Lacan. A tal efecto se tomarán algunos de los desarrollos de los apartados IV y V para situar el lugar del ser y el deseo como ordenadores de la política en psicoanálisis.

  3. Inferência bayesiana em modelos discretos com fração de cura

    OpenAIRE

    Fernandes, Luísa Martins

    2014-01-01

    Este trabalho apresenta inferências do modelo Weibull discreto para dados de sobrevivência com fração de cura. As inferências foram realizadas dentro de um cenário bayesiano fazendo-se o uso das técnicas de MCMC (Markov Chain Monte Carlo). São apresentadas estimativas pontuais dos parâmetros do modelo e seus respectivos intervalos de credibilidade HPD (Highest Posterior Density), assim como um teste de significância genuinamente bayesiano – FBST (Full Bayesian Significance Test) como uma form...

  4. El Cura Juan Fernández de Sotomayor y Picón y los catecismos de la Independencia

    OpenAIRE

    Ocampo López, Javier

    2010-01-01

    Este libro presenta el entorno revolucionario de finales del siglo XVIII y primera mitad del siglo XIX, a través del pensamiento y la acción del cura cartagenero Juan Fernández de Sotomayor y Picón, Cura de Mompós y rector del colegio Mayor de Nuestra Señora del Rosario, quien vivió en los años que dieron nacimiento a la República de Colombia. Se desempeñó como cura revolucionario, como político de Mompós, de Cartagena de Indias, ante el Congreso de las Provincias Unidas del Congreso Nacional...

  5. Massimo Bontempelli y la crítica española de entreguerras: nota sobre la recepción de Nostra Dea en Madrid (1926

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martín Rodríguez, Mariano

    2004-06-01

    Full Text Available Massimo Bontempelli's plays are of highly historical importance in the avant-garde. Among them. Nostra Dea (1925 achieved considerable fame and Margarita Xirgu even decided to present it to the public in Madrid as early as 1926. The critics welcomed the innovative experience and praised both the acting and the staging, colourful and consistent with the modern symbolical features of the text, but many did not conceal their disappointment in front of the alleged superficiality of the plot and the characters of the play, whose frivolous humour appeared to conflict with the intended allegory. Only some pointed out that no consistency was to be asked from a play whose main interest was the «pure form». The play was considered nevertheless little more than a modern farce, what may illustrate the mixed reception in Madrid of the supposedly lighter manifestations of the avant-garde theatre.Las obras de Máximo Bontempelli revisten gran importancia histórica en las vanguardias. Nostra Dea (1925, por ejemplo, se hizo bastante famosa y Margarita Xirgu decidió presentarla al público madrileño ya en 1926. Los críticos aplaudieron la innovadora representación, especialmente por la interpretación y la puesta en escena, colorista y ajustada a las características simbólicas modernas del texto, aunque muchos no pudieron ocultar su decepción por la presunta superficialidad del argumento y los personajes de la obra, cuya comicidad frívola parecía disonar de la alegoría pretendida. Sólo algunos señalaron que no había que buscar coherencia alguna en una pieza cuyo interés principal residía en la «pura forma». Aun así, la obra se consideró poco más que una farsa moderna, lo que puede servir de ejemplo de la contradictoria recepción en Madrid de las manifestaciones supuestamente más ligeras del teatro de vanguardia.

  6. Influência do nanotubo de carbono no processo de cura da resina epóxi

    OpenAIRE

    Luciana De Simone Cividanes Coppio

    2012-01-01

    Recentemente, nanotubos de carbono (CNTs), em especial os funcionalizados, têm sido adicionados em matrizes epóxi devido às suas extraordinárias propriedades mecânicas, elétricas e térmicas. Entretanto, não está claro como os nanotubos, funcionalizados ou não, influenciam o processo de cura da resina epóxi. Assim, o objetivo deste trabalho é estudar a influência de CNTs, funcionalizados ou não, no processo de cura da resina epóxi, utilizando em especial a técnica de espectroscopia de luminesc...

  7. O enfermeiro e o cuidar da criança com câncer sem possibilidade de cura atual El enfermero y el cuidar del niño con cáncer sin posibilidad de cura actual The nurse and the care provided for child with cancer without the possibility of cure at the moment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Claudia Moreira Monteiro

    2012-12-01

    Full Text Available O estudo objetivou analisar compreensivamente o cuidado do enfermeiro à criança hospitalizada portadora de doença oncológica fora de possibilidade de cura atual. A fenomenologia sociológica de Alfred Schutz fundamentou a análise possibilitando a apreensão desse cuidado como uma conduta humana. Os sujeitos foram 12 enfermeiros do setor de internação pediátrica de um hospital público federal especializado em oncologia, do município do Rio de Janeiro, cuja aprovação no CEP deu-se com o Registro nº 43/11. As falas foram captadas no período de junho a julho de 2011, com a entrevista fenomenológica guiada pela questão orientadora: O que você tem em vista quando cuida de crianças fora de possibilidade de cura atual? Na análise compreensiva surgiram duas categorias: conforto e minimização da dor. A partir dessas ações direciona-se o cuidar para o familiar ali presente, com o intuito de apoiá-lo, proporcionando atitudes de carinho, afeto e respeito.El estudio objetivó analizar comprehensivamente el cuidado del enfermero al niño hospitalizado portador de enfermedad oncológica sin posibilidad de cura actual. La fenomenología sociológica de Alfred Schutz fundamentó el análisis, posibilitando la aprehensión de ese cuidado como una conducta humana. Los sujetos fueron 12 enfermeros del sector de internación pediátrica de un hospital público federal especializado en oncología, en el municipio de Rio de Janeiro, cuya aprobación en CEP se hace con Registro N. 43/11. Los diálogos fueron captados en el período de junio a julio de 2011, con la entrevista fenomenológica guiada por la cuestión orientadora: ¿Qué usted tiene en vista cuando cuida de niños sin posibilidad de cura actual? En el análisis comprehensivo surgieron dos categorías: confort y minimización del dolor. A partir de esas acciones, se dirige el cuidar para el familiar presente con el objetivo de apoyarlo, proporcionando actitudes de cariño, afecto y

  8. Il vescovo e la città. Interessi e conflitti di potere dall’età di Dante a Sant’Antonino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo Tanzini

    2014-04-01

    Full Text Available Il saggio delinea una storia dell’episcopato a Firenze dal primo XIV alla metà del XV secolo, in particolare nella prospettiva dei rapporti tra vescovo e governo cittadino. L’obiettivo è quello di comprendere l’originalità del caso fiorentino nel quadro della storia dei rapporti tra vescovi e poteri cittadini nell’Italia tardomedievale. Il punto di partenza è offerto dalla legge statutaria che vietava la nomina di fiorentini a vescovi di Firenze; la norma venne disattesa nel pieno Trecento, quando anzi si venne a creare una forte contiguità dei vescovi con il ceto dirigente cittadino: questo fenomeno alquanto contraddittorio consentì un livello molto alto di controllo politico sulla Chiesa, a sua volta foriero di forti conflitti con il papato. La situazione cambiò nel pieno ’400, quando la figura di Sant’Antonino introdusse un profilo di vescovo per certi versi ‘nuovo’, meno ‘politico’ e molto più dedito alla cura spirituale.

  9. Narrativas de curas e exorcismos de Jesus: Uma expressão da linguagem religiosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    João Luiz Correia Júnior

    2016-06-01

    Full Text Available As narrativas de curas e exorcismos de Jesus ocupam lugar de destaque nos Evangelhos e, de modo especial, no Evangelho de Marcos. Esses relatos escritos têm por base tradições orais, comuns do ambiente do Mar Mediterrâneo, em que havia grande familiaridade com curandeiros, exorcistas e taumaturgos. Além disso, na Palestina do tempo de Jesus, primeira metade do século I, havia grande expectativa messiânica e apocalíptica; Deus estaria prestes a revelar sua face misericordiosa, enviando finalmente o Messias, capaz de restaurar a dignidade do povo de Israel. Nesse contexto, não tardou para que as ações e as palavras de Jesus fossem interpretadas como as de um taumaturgo que, gradativamente, vai sendo proclamado como o Messias esperado. Tendo presente todos esses elementos, o objetivo deste artigo é demonstrar que as narrativas de curas e exorcismos de Jesus podem ser interpretadas como expressão da linguagem religiosa de tradição judaica, que serviu de base para os respectivos textos encontrados nos Evangelhos, fundamentos da cultura religiosa cristã.  

  10. La cura chamánica: una interpretación psicosocial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pelcastre-Villafuerte Blanca

    1999-01-01

    Full Text Available Este trabajo constituye básicamente un análisis teórico de la cura chamánica en el que se propone la comunicación como base del proceso de curación, descrito este último a partir de los actos comunicativos, con énfasis en la interpretación de los elementos simbólicos. Se da cuenta de la dimensión en la cual se inscribe este proceso, la modalidad lingüística que se emplea, el tipo de relación que se establece entre el/la chamán, el/la paciente y el grupo, la manera como se construye una realidad simbólica compartida, la visión de mundo del chamán y el efecto que tiene sobre las personas. Se toma el enfoque psicosocial como marco interpretativo y se propone una explicación en términos de la fundación de un acto comunicativo como escenario donde se construye una realidad simbólica, constituida por la cura propiamente, a la que ingresa el paciente en cada sesión. Se analiza la visión mágica del chamanismo y su influencia sobre el proceso salud-enfermedad.

  11. "Ir às curas": discurso terapêutico versus práticas de lazer

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Schossler, Joana Carolina

    2010-01-01

    Full Text Available Na Europa, desde o século XVIII, as práticas de banhos terapêuticos em águas termais ou marítimas, foram utilizadas pela medicina para o tratamento de uma variedade de doenças. No Rio Grande do Sul, a difusão das técnicas hidrominerais, obteve repercussão no final do século XIX. No entanto, seu uso passou a ser empregado e intensificado no início do século XX, quando a procura pelas águas “milagrosas” de Iraí ou os banhos nas águas geladas das praias do Rio Grande do Sul, tornaram-se frequentes, conforme a prescrição médica, para a cura das moléstias ou simples profilaxia. O presente trabalho pretende mostrar, através da bibliografia especializada, fonte Oral, anúncios em jornais (Correio do Povo e o Almanaque Kalender e matérias da Revista do Globo, como a difusão das práticas hidroterapêuticas em voga no início do século XX foram incorporadas por curistas, que adotaram inicialmente o tratamento de cura, que sem demora passou a ser praticado nos modos ludoterápicos

  12. Oltre la nostalgia. Per un'etica postumana affermativa. Intervista a Rosi Braidotti, a cura di Libera Pisano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosi Braidotti

    2014-06-01

    Full Text Available Starting from her last book Il Postumano. La vita oltre l’individuo, oltre la specie, oltre la morte, Rosi Braidotti outlines new modes of relation between zoe and bios, life and death, subject and technologically mediated societies, monism and differences. Rather than perceiving the post-human condition as a crisis or a loss, Braidotti argues that it is an opportunity and a challenge for new ethical and social forms of bonding.

  13. CuRa: Cooperation on non-polluting resource exchange for cost reduction. Final report; CuRa: Cooperation fuer umweltschonenden Ressourcenaustausch zur Nutzung von Kostenreduktionspotenzialen. Abschlussbericht

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Schoen, M.; Delahaye, F.; Hiessl, H.; Kotz, C.; Kuntze, U.; Matuschweski, A.; Schuenke, P.; Zoche, P.; Hafkesbrink, J.; Rebhan, A.; Schroll, M.

    2003-02-01

    The project CuRa: (German acronym for Cooperation for Environmentally Friendly Exchange of Resources) aimed to design elements to put into practice the model of sustainable development. The focus was on the participation of industry and business on a regional level and two model regions were chosen for the analysis of case studies. It was intended to give impulses for regional material flow networks between companies, for example by bundling similar material flows to achieve a better profitability and by one-to-one cooperation between companies, one of them using the waste of the partner as raw material. In addition, the potential for reducing material throughput using modern information technology was investigated in a case study. A set of theses derived from institutional theory was verified on the basis of the empirical results. Useful for the development and the stabilization of networks are, among others, expected economic benefits for the partners, common socio-cultural values and traditions, and using existing institutional arrangements as a basis. Different forms of market and policy failures were identified as obstacles, e.g. the established system of waste disposal services, the focus among the responsible actors on compliance with existing rules, and different regulatory obstacles. Nevertheless, in spite of the insufficient number of successful examples and demonstration projects, a shift in orientation from focusing on mere waste disposal towards a closed loop recycling economy and even towards sustainable development was identified within the commercial sector. (orig.) [German] Im Projekt CuRa: (Cooperation fuer umweltschonenden Ressourcenaustausch) sollten in zwei Modellregionen Bausteine fuer die operative Umsetzung des Leitbildes nachhaltiger Entwicklung durch regionale Akteure aus Industrie und Gewerbe entwickelt werden. Es sollte ein Anstoss zu zwischen- und ueberbetrieblicher Vernetzung von Materialfluessen sowie zu einer Umgestaltung der

  14. The Rise of Women's Rights in Curaçao : The potential of the Women's Convention to the empowerment and equal rights of women in Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Rodriguez, A.M.L.

    2015-01-01

    In this study ways are put forward for implementing the standards and norms in the Women’s Convention at the national level of Curaçao. The central question is how this Convention can be used as a tool to improve the position of women. Special attention is paid to the implementation of the provision

  15. The Rise of Women's Rights in Curaçao : The potential of the Women's Convention to the empowerment and equal rights of women in Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Rodriguez, A.M.L.

    2015-01-01

    In this study ways are put forward for implementing the standards and norms in the Women’s Convention at the national level of Curaçao. The central question is how this Convention can be used as a tool to improve the position of women. Special attention is paid to the implementation of the provision

  16. The Rise of Women's Rights in Curaçao : The potential of the Women's Convention to the empowerment and equal rights of women in Curaçao

    NARCIS (Netherlands)

    Rodriguez, A.M.L.

    2015-01-01

    In this study ways are put forward for implementing the standards and norms in the Women’s Convention at the national level of Curaçao. The central question is how this Convention can be used as a tool to improve the position of women. Special attention is paid to the implementation of the

  17. Attivitá di prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere nell'azienda ospedaliera nell’azienda ospedaliera “G. Panico” di Tricase

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: nell’ambito di programmi di prevenzione
    e controllo delle infezioni ospedaliere (IO la
    Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera
    “Card. G. Panico” di Tricase ha pianificato studi di
    prevalenza per valutarne la frequenza e l’andamento.
    Si riportano i risultati di tre indagini realizzate
    negli anni 2001, 2002 e 2003 secondo la
    metodica del “one day study” (CDC 1988.

    Metodi: i tre studi di prevalenza sono stati condotti a
    circa un anno di distanza l’uno dall’altro. Sono stati
    compresi tutti i pazienti ricoverati in ciascun reparto
    il giorno dell’indagine, ad esclusione di quelli in
    dimissione. Si sono definite ospedaliere tutte le infezioni
    che insorgevano 48 ore dopo il ricovero.

    Risultati: nel corso delle tre indagini la prevalenza
    delle IO è stata pari al 6.6% (14 casi su 213 pazienti,
    nel 2001, al 5.1% (11 casi su 214 pazienti nel 2002 e
    al 4.3% (11 casi su 254 pazienti nel 2003. Il tratto urinario
    (36.4% nel 2002 e 2003 e le basse vie respiratorie
    (50.0% nel 2001, 9.1% nel 2002 e 2003 hanno
    rappresentato le sedi più comuni di localizzazione delle IO. La riduzione al 9.1% delle infezioni delle basse vie respiratorie si è registrata prevalentemente nelle Unità di Medicina e Cardiologia. Nel 2001 e 2002, l’uso di catetere vescicale, l’intervento di tipo contaminato o pulito contaminato, la ventilazione assistita e l’utilizzo di catetere venoso centrale sono risultati significativamente associati alla insorgenza di IO. Tale associazione nel 2003 si è dimostrata significativa per l’uso del catetere venoso ombelicale.

    Considerazioni: l’applicazione di appropriati protocolli assistenziali, l’individuazione dei punti critici dei processi di cura e l

  18. Sopravvivenza e dispersione della lepre comune (Lepus europaeus Pallas, 1778 in relazione alla densità di popolazione e alle caratteristiche ambientali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Pella

    2003-10-01

    Full Text Available La presente ricerca è stata effettuata con lo scopo di valutare la sopravvivenza di lepri autoctone non traslocate in relazione alle caratteristiche ambientali e alla densità di popolazione. Inoltre è stata analizzata la capacità delle lepri di colonizzare territori a bassa densità, al di fuori delle aree protette, al fine di ricavare indicazioni utili per una gestione della lepre basata sulla corretta pianificazione delle aree protette. Lo studio è stato effettuato dal gennaio del 1999 al luglio del 2001 in due Zone di Ripopolamento e Cattura della Pianura Padana, caratterizzate da colture a seminativi irrigui una (Vistarino e colture a seminativi asciutti l?altra (Portalbera. Per determinare la densità di popolazione sono stati effettuati, in primavera ed autunno, censimenti notturni da autovettura, con proiettore alogeno orientabile manualmente. Per analizzare la sopravvivenza, l?uso dello spazio e la dispersione sono state catturate, con reti a tramaglio, valutate (peso, sesso, classe d?età e condizioni sanitarie e radiomarcate 16 lepri a Vistarino e 20 a Portalbera. I censimenti hanno evidenziato una differenza tra le due aree nelle densità che sono risultate comprese tra gli 11 ed i 20 individui per km² a Vistarino e tra i 29 e gli 83 a Portalbera. La sopravvivenza media delle lepri radiomarcate è stata di 295,5 giorni (ES=43,2, considerando le aree cumulate, e la probabilità di sopravvivenza nel periodo di studio è risultata pari a 0,36 (ES=0,094. Nell?area di studio di Vistarino la sopravvivenza media è stata di 426,4 giorni (ES=61,6 e la probabilità di sopravvivenza di 0,67 (ES=0,12 mentre a Portalbera la sopravvivenza media era di 142,2 giorni (ES=13,9 con una probabilità di sopravvivenza di 0,00 (ES=0,00. La dimensione media dell?area vitale per tutte le lepri catturate in entrambe le aree è stata pari a 47,9 ha (ES=6,08; minimo=0,01; massimo=171,1 se calcolata con il metodo del Minimo Poligono Convesso, mentre era di

  19. Disentangling an Invisible Trade : state interventions in Dutch and Dutch-Curaçaoan single-mother families

    NARCIS (Netherlands)

    Verhallen, T.L.

    2015-01-01

    The doctoral thesis sheds light on the interactional and institutional processes through which child welfare and child protection practices are delivered to fifteen Dutch and fifteen Dutch-Curaçaoan single-mother families with multiple problems in the Netherlands in order to reveal structures of pow

  20. Slavernij en vrijheid op Curaçao : de dynamiek van een achttiende-eeuws Atlantisch handelsknooppunt

    NARCIS (Netherlands)

    Jordaan, Henri Romondus

    2012-01-01

    This dissertation is predicated upon the hypothesis that the agency of the non-whites in 18th century Curaçao in realising their freedom and bringing about the improvement of their economic and social situation is largely underestimated in the historiography. The specific nature of the colony’s econ

  1. Caribbean Bryozoa: Anasca and Ascophora Imperfecta of the inner bays of Curaçao and Bonaire

    NARCIS (Netherlands)

    Fransen, C.H.J.M.

    1986-01-01

    The present paper deals with the Anasca and Ascophora Imperfecta of the inland bays of Curaçao and Bonaire. Collections were made by P. WAGENAAR HUMMELINCK (1930, 1936/ 37, 1948/49, 1955, 1963/64, 1968, 1970, and 1973) and by the author (1982), and stored in the collections of the Rijksmuseum van

  2. Notes on some Ceramiaceae (Rhodophyta) from Curaçao, especially those from the exposed northeast coast

    NARCIS (Netherlands)

    Stegenga, H.; Vroman, M.

    1987-01-01

    Twenty-five species of the red algal family Ceramiaceae are reported from the exposed northeast coast of the Caribbean island of Curaçao. Some of the more interesting finds are discussed in some detail, and one species, Spermothamnion antillarum, is described as new to science. Twelve species are re

  3. Notes on Agave in Aruba, Curaçao, Bonaire and some parts of the South American continent

    NARCIS (Netherlands)

    Wagenaar Hummelinck, P.

    1936-01-01

    This publication deals with some agaves which were collected by me participating as biologist in a geological excursion under Prof. Dr. L. M. R. Rutten and Mrs. Dr. C. J. Rutten-Pekelharing, in the beginning of 1930, to the West Indies. From 14 April to 4 May we camped in the western part of Curaçao

  4. Da Ellen Key a Maria Montessori: la progettazione di nuovi spazi educativi per l’infanzia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Pironi

    2010-02-01

    Full Text Available In questa prima fase della ricerca - ancora in itinere - si compie un’analisi storico-pedagogica del rapporto infanzia/famiglie/istituzioni. L’indagine si focalizza sulle trasformazioni dei modelli familiari, visti nella loro interdipendenza con l’elaborazione di nuove pratiche educative. Al riguardo, l’avvento del’900 si profila come un passaggio importante, che trova un suo esito nel volume di Ellen Key, Il secolo dei fanciulli. Proprio in quest’opera, la scrittrice svedese elabora una nuova idea di “maternità” e di “paternità” che pone al centro i bisogni e le esigenze infantili. La sua prospettiva diventa oggetto di dibattito, agli inizi del secolo scorso, sia in campo pedagogico, sia in campo femminista, soprattutto in merito al dilemma per la donna di coniugare insieme sfera pubblica e sfera privata, maternità e autonomia individuale. Secondo l’ipotesi qui evidenziata è in particolare Maria Montessori a raccogliere la sfida di Ellen Key, con il suo esperimento pedagogico della “Casa dei bambini”, in cui lo spazio domestico, “privato” si trasforma in uno spazio scolastico, “pubblico”, a misura di “bambino” (valenza estetica degli ambienti, cura delle relazioni umane, ecc..

  5. O enfermeiro e a criança no contexto da doença oncológica fora de possibilidade de cura atual

    OpenAIRE

    Ana Claudia Moreira Monteiro

    2012-01-01

    O estudo emergiu da minha experiência profissional como enfermeira de um hospital especializado em oncologia, no qual me deparei com crianças internadas e consideradas fora de possibilidade de cura atual acompanhadas de um familiar. É considerado fora de possibilidade de cura atual, o paciente para o qual foram esgotados todos os recursos atuais conhecidos para sua cura, a incorporação dessa concepção de cuidar, possibilitou o desenvolvimento do cuidado paliativo. Cuidados paliativos são os c...

  6. Lezioni di fisica teorica

    CERN Document Server

    Caldirola, Piero

    Richiami di meccanica analitica ; richiami di termodinamica ; richiami di elettromagnetismo ; appunti sulla teoria della relatività ; la non validità delle teorie classiche nel mondo microscopico ; la meccanica atomica di Bohr e Sommerfeld ; I fondamenti della meccanica quantistica ; applicazioni nell'equazione di Schroedinger ; meccanica quantistica dei sistemi l'atomo di idrogeno ; particella in un campo elettrico e magnetico ; il calcolo delle perturbazioni nella teoria quantistica ; teoria dell'emissione e dell'assorbimento della luce ; sistemi di particelle identiche ; il legame chimico omopolare nella molecola di idrogeno ; la teoria di Dirac.

  7. Questioni di fisica

    CERN Document Server

    Bernardini, G; Polvani, G; Wick, G

    1947-01-01

    Gli articoli contenuti in questo primo volume di Questioni di fisica, come in quelli che prossimamente seguirano, non richiedono una prefazione, ma una avvertenza. Essa si riferisce al carattere di questa raccolta che non ha, nè aspira ad avere, quei requisiti di omogeneità e di completezza che si pretendono in un trattato....

  8. The recent decline of Montastraea annularis (complex coral populations in western Curaçao: a cause for concern?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. W Bruckner

    2006-12-01

    del oeste de Curaçao están dominados por extensas poblaciones de Montastraea annularis (complejo. Estas especies son mayores en tamaño (promedio= 66 cm de diámetro que las otras especies, con algunas colonias pequeñas (10 cm observadas en transectos y la mayoría exhibió bajos niveles de mortalidad parcial (prom= 22.5%. En el 2005, fueron menos abundantes (38% de las colonias. La mortalidad parcial en colonias vivas de M. annularis y M. faveolata se incrementó en un 85% (promedio= 42% de mortalidad parcial y se observaron numerosas colonias de M. annularis y M. faveolata muertas; las colonias de M. franski generalmente se encontraron en excelentes condiciones (14% de mortalidad parcial. Se documentó una alta prevalencia de enfermedades de coral (3-30% en M. annularis y M. faveolata, mientras que las otras especies se vieron afectadas con menor frecuencia. La enfermedad de banda amarilla (BA emergió poco después del blanqueamiento de 1995 y se dispersó rápidamente en todas las profundidades, alcanzando su mayor prevalencia entre 1997-1999. La BA causó mortalidades lentas (= 1cm/mes, con aparición de múltiples lesiones focales en colonias individuales; estas lesiones fueron creciendo progresivamente al tiempo que mataban las colonias. Para el año 2005, el 44% de los corales que se etiquetaron habían muerto; los restantes exhibían infecciones activas de BA (21%, o estaban en remisión (31.6% pero habían perdido un promedio de >90% de su tejido. Aunque la incidencia de BA disminuyó a partir del 2000, la prevalencia de la plaga blanca (PB fue inusualmente alta (4-12% en el 2001 y 2005, provocando mortalidades recientes de hasta un 70% en las colonias afectadas. Las superficies muertas de Montastraea spp. han sido colonizadas por otros corales, incluyendo porítidos, agarícidos y otros fávidos, mientras que continúa la ausencia de reclutas de M. annularis (complejo. Si las enfermedades y otros estresores bióticos persisten en estos arrecifes, las

  9. Storie di genere, storie di partito

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Bellè

    2012-04-01

    Full Text Available Lo studio delle narrazioni di genere all'interno di questo tipo di organizzazione desta inoltre un particolare interesse anche in ragione della sottorappresentazione delle donne nella sfera della politica. Si tratta di un deficit democratico che coinvolge i sistemi politici moderni nel loro complesso, ma che interessa l'Italia con una particolare gravità ed evidenza. La questione della sottorappresentazione politica delle donne è stata sinora affrontata prevalentemente in termini tecnico-legali (politiche di pari opportunità ed azione positiva, o di teoria politica (la dicotomia pubblico-maschile e privato-femminile come fondamento del contratto sessuale della politica. Mancano invece contributi che guardino ai partiti come organizzazioni largamente responsabili dei processi di selezione e promozione delle carriere politiche, dunque come luoghi di quotidiana produzione di pratiche e culture di genere, più o meno egualitarie o, viceversa, discriminatorie. Sulla base di tale vuoto di ricerca e riflessione, il presente articolo si propone di mettere in luce le pratiche e le culture di genere che emergono dai racconti di uomini e donne all'interno di due organizzazioni partitiche, una di destra e una di sinistra, situate nel contesto territoriale della provincia di Trento. La ricerca è stata condotta attraverso lo strumento dell'intervista semi-strutturata, coinvolgendo quattro donne e quattro uomini, divisi per coppie di età (un uomo ed una donna giovani ed un uomo ed una donna da lungo presenti nel partito, accostabili per quanto concerne ruolo e posizione nelle organizzazioni partitiche considerate. L'attenzione analitica si è concentrata sulla costruzione del genere di uomini e donne intervistati/e, intesa sia come dimensione ed esperienza individuale (le storie di genere dei/lle singoli/e, sia come dimensione organizzativa più ampia (le storie di genere delle organizzazioni, narrate dalle diverse voci. Un'ulteriore dimensione analitica

  10. Il mestiere di tradurre 4: César Palma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    César Palma

    2014-07-01

    Full Text Available Si toda entrevista a un traductor es una invitación directa a la lectura, no cabe duda de que recordar algunas de las traducciones que han salido de las manos de César Palma justifica aún más si cabe esta intención. De hecho, con una trayectoria que abarca casi ya las tres décadas, se deben a César Palma la traducción de títulos tan interesantes de la narrativa italiana del siglo pasado y principios del presente como, por poner unos ejemplos, El tablero ante el espejo de Massimo Bontempelli, La infancia de Nivasio Dolcemare de Alberto Savinio, La cofradía de los celestinos de Stefano Benni o tres de los mejores títulos de Mario Rigoni Stern, una “especie de envés de Jünger” según nos declaraba, El sergente en la nieve, Estaciones e Historia di Tönle. Entrevista de Juan Carlos Postigo Ríos y Juan Pérez Andrés.

  11. Viabilidade da Brucella abortus durante a cura de queijo parmesão fabricado com leite experimentalmente contaminado

    OpenAIRE

    2012-01-01

    A legislação brasileira permite o uso de leite cru na fabricação de queijos curados se o período de cura for superior a 60 dias (a 5°C ou mais). Entretanto, não há evidência científica sólida de que durante a cura ocorre suficiente inativação de Brucella abortus, sob a perspectiva da segurança dos alimentos. Além disso, não há metodologia oficial para quantificação de brucelas em matriz alimentar. Desta forma este projeto propõe um protocolo para estudos da curva de decaimento de Brucella abo...

  12. Attitude toward contraception and abortion among Curaçao women. Ineffective contraception due to limited sexual education?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Meyboom-de Jong Betty

    2011-06-01

    Full Text Available Abstract Background In Curaçao is a high incidence of unintended pregnancies and induced abortions. Most of the induced abortions in Curaçao are on request of the woman and performed by general practitioners. In Curaçao, induced abortion is strictly prohibited, but since 1999 there has been a policy of connivance. We present data on the relevance of economic and socio-cultural factors for the high abortion-rates and the ineffective use of contraception. Methods Structured interviews to investigate knowledge and attitudes toward sexuality, contraception and abortion and reasons for ineffective use of contraceptives among women, visiting general practitioners. Results Of 158 women, 146 (92% participated and 82% reported that their education on sexuality and about contraception was of good quality. However 'knowledge of reliable contraceptive methods' appeared to be - in almost 50% of the cases - false information, misjudgements or erroneous views on the chance of getting pregnant using coitus interruptus and about the reliability and health effects of oral contraceptive pills. Almost half of the interviewed women had incorrect or no knowledge about reliability of condom use and IUD. 42% of the respondents risked by their behavior an unplanned pregnancy. Most respondents considered abortion as an emergency procedure, not as contraception. Almost two third experienced emotional, physical or social problems after the abortion. Conclusions Respondents had a negative attitude toward reliable contraceptives due to socio-cultural determined ideas about health consequences and limited sexual education. Main economic factors were costs of contraceptive methods, because most health insurances in Curaçao do not cover contraceptives. To improve the effective use of reliable contraceptives, more adequate information should be given, targeting the wrong beliefs and false information. The government should encourage health insurance companies to reimburse

  13. Optimal strategies for the abatement of gaseous air pollutant emissions produced by human mobility. The Rome case study; Strategie ottimali per la riduzione delle emissioni di inquinanti gassosi prodotte dalla mobilita' urbana. Un'applicazione al caso di Roma

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Santostefano, S.; Cirillo, M.C. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    lineare classica, essendo l'obiettivo quello di trovare la diversione del traffico veicolare attuale verso delle tecnologie alternative con emissioni minori a costo minimo. E' stato considerato un insieme di misure di trasporto alternative e la minimizzazione dei costi e' stata assunta come funzione obiettivo; specifici abbattimenti per le emissioni di CO (monossido di carbonio), di NO{sub x} (ossidi di azoto) e di COV (Composti organici volatili) sono stati di volta in volta introdotti come vincoli di problema, sulla base di fissati livelli di riduzione a partire dalle emissioni attualmente stimate nell'area considerata. I risultati del modello mostrano la distribuzione dell'attuale capacita' di trasporto tra le alternative possibili secondo le diverse ipotesi di riduzione delle emissioni (25%, 50%, 75%, 85% ed il massimo realizzabile entro i vincoli specificati), e i costi relativi.

  14. Sogno, immagini e disagio psichico: una cura per l'anima

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ferdinando Testa

    2006-12-01

    Full Text Available Nella dimensione concettuale e terapeutica della psicologia analitica il lavoro con le immagini si pone come una sorte di spartiacque che caratterizza la specificità e l’identità della clinica junghiana, terreno di incontro col mondo delle psicosi, avvicinandosi al mondo dei deliri e delle allucinazioni come aspetti fenomenologici dove la dimensione personale si interseca con quella archetipica e il senso della propria esistenza ha potuto trovare un contenitore forse unicamente attraverso la voce dei deliri e delle immagini patologizzanti. In tal senso, le immagini accompagnano lungo il viaggio della vita, albergano nei ricordi delle storie prive di fiducia e di amore e possono condurre alla follia oppure rappresentare una ancora di salvezza in un mare tempestoso su una nave senza nocchiero. L'immaginazione è quindi da intendersi come attività creatrice, forza propulsiva che spinge e conduce l'individuo a mettersi in gioco e a valorizzare la dimensione interna non solo come portatrice di aspetti distruttivi e mostruosi, ma anche come possibilità di immaginare e non fantasticare la possibilità che ci possa essere uno spazio per la trasformazione del proprio passato in una storia riscritta in un altro modo, con un altro significato che sia quello dell'unione e non della frantumazione schizofrenica.

  15. Induced abortion is not associated with a higher likelihood of depression in Curaçao women.

    Science.gov (United States)

    Boersma, Adriana A; van den Berg, Desirée; van Lunsen, Rik H W; Laan, Ellen T M

    2014-10-01

    To investigate the risk of developing a depression after induced abortion. A prospective cohort study conducted in Curaçao which involved 92 women having an induced abortion and 37 women delivering after an unplanned or unwanted pregnancy, who served as controls. All participants completed the Center of Epidemiological Studies Depression (CES-D) scale before and two to three weeks after the abortion or delivery. Following the abortion, significantly fewer women were at risk of depression (30%) as compared to when still pregnant (60%). Mean depression scores were significantly lower after- than before the procedure. The likelihood of depression post-abortum (30%) was similar to that after delivery of an unplanned/unwanted child (22%). Even though women in the abortion group more often reported having suffered from depression in the past than controls, they were not at greater risk of depression after their pregnancy had ended. Curaçao women's risk of developing a depression following an (early) induced abortion is not greater than that after carrying to term an unplanned/unwanted pregnancy. We recommend that the results of this study be taken into account in case the Curaçao government should consider legalisation of induced abortion in the near future.

  16. Proposta di utilizzo di metodologie termografiche per il controllo di qualità di componenti meccanici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto D’Andrea

    2010-04-01

    Full Text Available In base all’esperienza maturata in anni di sperimentazione sull’analisi delle caratteristiche meccaniche dei materiali mediante indagine termografica, nel presente lavoro è proposta una procedura per il controllo di qualità di componenti meccanici in linea di produzione, che è già stata argomento di brevetto. Lo sviluppo di questo lavoro si colloca nell’ambito del progetto FIRB Smart Reflex “Sistemi di produzione intelligenti, flessibili e riconfigurabili”. L’attività svolta dal DIIM riguarda il controllo avanzato dell’affidabilità di componenti meccanici per l’industria automobilistica. Viene proposta, quindi, la realizzazione di una cella di controllo in linea di produzione capace di valutare la presenza di eventuali componenti difettosi attraverso l’analisi termica degli stessi, sollecitati secondo un modello predefinito. L’attività, svolta in questa prima fase in laboratorio, è facilmente trasferibile in linea di produzione, considerando la possibilità di realizzare celle di prova in ambiente controllato, con condizioni praticamente identiche a quelle di laboratorio, eliminando gli effetti di disturbo che possono influenzare la risposta dell’indagine termografica in ambiente non strutturato.

  17. Fondamenti di fisica dei plasmi

    CERN Document Server

    Golant, V E; Sacharov, I E

    1983-01-01

    Introduzione ; collisioni del plasma ; equazioni cinetiche per particelle cariche ; plasmi in equilibrio termodinamico ; funzione di distribuzione di particelle cariche in un campo elettrico ; equazioni dei momenti della funzione di distribuzione ; processi di trasporto nel plasma in assenza di campi magnetici ; moto di particelle cariche nel plasma in presenza di campi magnetici ; processi di trasporto in campo magnetico ; confinamento del plasma mediante campi magnetici.

  18. Elaborazione di un documento di programmazione aziendale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Giannotta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: elaborazione documento programmazione aziendale. Introduzione: nella programmazione sanitaria si possono distinguere tre livelli: pianificazione strategica, pianificazione gestionale, pianificazione operativa. Uno degli strumenti della pianificazione gestionale è il Piano Attuativo Locale (PAL, l’atto di programmazione dell’azienda sanitaria basato sugli indirizzi del Piano Sanitario Regionale (PSR e sulle esigenze della popolazione. Tuttavia, pur in assenza di PSR e PAL, l’Azienda non è esentata dal predisporre un atto di programmazione generale. In tal senso si è mossa la ASL di Latina elaborando un Documento di programmazione annuale, nel quale in attesa del PSR (emanato nel 2002 è stato dato rilievo ai principali atti di politica sanitaria emanati dalla Regione.

    Materiali e metodi: il processo si è sviluppato attraverso diverse fasi. I fase - quadro di riferimento: descrizione, per l’intera ASL ed, in modo analitico, per ogni presidio e distretto di: - strutture presenti - domanda di assistenza sanitaria ospedaliera, ambulatoriale e di riabilitazione fruita all’interno dell’Azienda e in mobilità dai residenti, - offerta di assistenza sanitaria ospedaliera, ambulatoriale e di riabilitazione, - dati e indicatori di attività, risorse, costi, ricavi, confronti con dati regionali. II fase - analisi complessiva dei dati: esame delle criticità emerse dall’analisi della domanda e dell’offerta. III fase programma annuale: individuazione degli obiettivi da raggiungere, delle azioni necessarie, delle strutture coinvolte. È stata delineata la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale i cui elementi fondamentali consistono in: potenziamento degli ospedali sede di DEA, diversificazione delle attività di ospedali vicini, riconversione di strutture ospedaliere, ampliamento delle offerte territoriali, integrazione ospedale

  19. PROSPECÇÃO TECNOLÓGICA SOBRE A CURA DO DIABETES MELLITUS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gláucia Acioli

    2014-12-01

    Full Text Available O Diabetes Mellitus é considerado um problema de saúde pública mundial, uma vez que causa impactos à produtividade e à qualidade de vida de milhões de pessoas, além de onerar o serviço público de saúde com o tratamento e suas frequentes complicações. Atualmente, pesquisas científicas e tecnológicas são desenvolvidas para a resolução dessa problemática. Nesse sentido, o presente trabalho visou realizar uma prospecção tecnológica com o intuito de verificar os avanços tecnológicos a respeito da cura do Diabetes Mellitus, no cenário internacional, a partir da análise dos depósitos de pedidos de patentes dispostos, nos últimos 05 anos, no Banco Europeu de Patentes e no Banco da Organização Mundial de Propriedade Intelectual. Considerando os dados coletados, verificou-se que a China é a maior detentora de número de patentes, com destaque para os depósitos nas subclasses A61K (22 e A61P da Classificação Internacional de Patentes, em ambos os bancos tecnológicos, havendo, no entanto, redução no quantitativo geral de patentes depositadas no decorrer do período em estudo.

  20. LOS PASQUINES DE HUICHAPAN, EL CURA TORAL Y EL ESPACIO PÚBLICO (1794–1821

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriel Torres Puga

    2014-12-01

    Full Text Available Unos pasquines obscenos alteraron la tranquilidad de un pueblo de Nueva España en tiempos de la revolución francesa. El cura atacado buscó responder con la prédica y la justicia a un desafío público. Casi veinte años después el mismo clérigo se enfrentaría en términos semejantes al movimiento de independencia. A partir de este caso, el artículo reflexiona sobre los cambios y continuidades de los fenómenos de publicidad y en particular sobre el papel de los pasquines como detonadores del debate público.THE LEAFLETS OF HUICHAPAN, PRIEST TORAL AND PUBLIC SPHERE (1794–1821Some obscene leaflets (pasquines disturbed a small-town of New Spain at the time of the French Revolution. The attacked priest tried to answer the public challenge by preaching and asking for justice. Almost twenty years later the same priest would face in similar terms the independence movement. From this case, the article reflects on the changes and continuities of public opinion and in particular on the role of the pamphlets as triggers of public debate.

  1. Reflections around "Deorum iniurias dis curae " (Tap. Ann. 1. 73: how can we interpret this sententia?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jose Mambwini Kivuila‑Kiaku

    2014-12-01

    Full Text Available The study of the sententia "Deorum iniurias dis curae" of the Annals 1. 73, variously interpreted by specialists of Tacitus, dresses in a big importance in the understanding not only of political, philosophic and religious thought of Tacitus, but also its writing of the history the influence of the rhetoric of which is not to be any more demonstrated. At the same time as it returns on eternal question of the nature of the motives which, in the Tacitus’s Annals, justifies it resorts systematic by Tiberius of the lex maiestatis, the present article opens some tracks of the refletions on the main questions that some people settle on and around this sententia. One of these tracks consists in presenting this formula as an invitation or a kind of call to order of the historian towards the emperor not to confuse the ius, the right human being, and the fas, the divine justice, in other words to avoid the confusion between the ius humanum and the religio. In another context, this sententia can be considered warning on the way the imperial cult is exerced in Rome.http://dx.doi.org/10.14195/2183-1718_66_10

  2. Osservazioni in cattività sul ciclo stagionale del peso corporeo e sull'efficienza digestiva di Pipistrellus kuhlii e Hypsugo savii (Chiroptera: Vespertilionidae

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianna Dondini

    2003-10-01

    . Un campione di 10 vermi della farina è stato soppresso e successivamente disidratato per 36 ore a 90 C° in forno determinandone così il contenuto in acqua. La comparazione dei dati relativi alla variazione del peso, benché il numero di campioni sia limitato, offre la possibilità di evidenziare alcune differenze tra le due specie: 1 l'andamento del peso nel periodo compreso tra lo svezzamento e l'incremento autunnale: in P. kuhlii, dopo un massimo nel peso raggiunto allo svezzamento, tende evidentemente a calare. In H. savii invece si è osservato un leggero incremento nel peso. 2 È evidente che l'inizio del processo di accumulo di grasso è molto più rapido in P. kuhlii che in H. savii. In quest'ultima specie il processo appare più graduale nel tempo. 3 In ambedue le specie osserviamo un leggero decremento del peso nel periodo successivo al momento in cui raggiungono il massimo peso per poi aumentare la velocità di decremento nel periodo terdo-invernale. 4 Il peso medio alla raccolta in P. kuhlii è di 2.6 g (1.9 - 3.3 il peso massimo medio di 11.7 g (11.5 - 12; il peso medio alla raccolta in H. savii è di 3.7 g (3.2 ? 4.2 il peso massimo medio di 10.3 g (11.4 ? 9.3. 5 Si evidenzia un ciclo circannuale. L?efficienza digestiva, valutata a 90.5% per H. savii e 89.7% per P. kuhlii, non evidenzia una differenza significativa tra le due specie e neppure durante le varie stagioni.

  3. Influenza della velocità di deformazionenel carico di rottura di moschettoni in lega di alluminio e di acciaio

    OpenAIRE

    Salvatori, Francesco; Menichetti,Marco; Sergio, Celesti; Poderini, Luca; Bocchio, Domenico

    2013-01-01

    Si analizzano i dati sulla deformabilità, sul lavoro alla rottura e sulla resistenza ottenuti con prove di caduta a velocità di deformazione variabile (Torre CRASC) su moschettoni in lega di alluminio e in acciaio, evidenziando come all’aumentare della velocità di deformazione le caratteristiche di resistenza diminuiscano marcatamente. Queste variazioni vengono messe in relazione ai diversi intervalli dei valori della velocità di deformazione propri della progressione ...

  4. Triangolo di pensieri

    CERN Document Server

    Connes, Alain; Schützenberger, Marcel Paul

    2001-01-01

    Le grandi scoperte scientifiche del XX secolo, come la relatività generale, la meccanica quantistica o il teorema di Godel, modificano profondamente la nostra percezione della realtà. Questo libro intende offrire a un pubblico largo, ma colto, la possibilità di superare il divario crescente fra le sottigliezze di queste modificazioni, apprezzate dai soli specialisti, e l'immagine spesso deformata che ne danno i media o le opere di divulgazione. Il libro cerca di dare delle risposte attraverso uno scambio di idee fra tre studiosi, ciascuno dei quali rappresenta un vertice del 'triangolo di pensieri'.

  5. Calculation of Co2 emissions from the italian energy system; Calcolo delle emissioni di CO2 dal settore energetico italiano. 1990-2000. Metodo di riferimento IPCC

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Contaldi, M. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy); La Motta, S. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The calculation of Co2 emissions from the Italian energy system is the object of this work. The inventory method used is the Reference Approach from the Intergovernmental Panel for Climate Change (IPCC, 1996 revised Guidelines for National Greenhouse Gas Inventories) and the energy consumption data are taken from the Italian Energy Balance edited by the Ministry of Industry. The years analysed are those from 1990 to 2000. [Italian] Lo scopo di questo lavoro e' quello di contabilizzare le emissioni di CO2 provenienti dal settore energetico per fonte di utilizzo dell'energia, a partire direttamente dal Bilancio Energetico Nazionale (Bilancio Energetico Nazionale, BEN, a cura del Ministero Industria, Commercio ed Artigianato) ed applicando all'Italia la metodologia di riferimento per il calcolo delle emissioni della CO2 elaborata dall'Intergovernmental Panel for Climate Change (IPCC, 1996 revised Guidelines for National Greenhouse Gas Inventories). Gli anni presi in considerazione in queto lavoro sono quelli dal 1990 al 2000.

  6. Lezioni di Cosmologia Teorica

    CERN Document Server

    Gasperini, Maurizio

    2012-01-01

    Il libro è basato sulle lezioni attualmente tenute dall'autore presso l’Università di Bari, ed è progettato in modo da rappresentare un testo di riferimento il più possibile moderno, completo e autosufficiente per i corsi semestrale di Cosmologia, Astrofisica o Fisica Astroparticellare che compaiono nel piano di studi della Laurea Magistrale in Fisica e in Astronomia. Contiene gli elementi di base della cosmologia relativistica, del modello cosmologico standard e del suo completamento inflazionario. E' organizzato per servire da traccia ad un corso di cosmologia di stampo teorico, ma cerca di non perdere mai di vista il confronto con i principali risultati osservativi: molta attenzione viene infatti dedicata alla fenomenologia dei fondi cosmici, e in particolare alla  radiazione gravitazionale fossile perché la sua rivelazione, diretta o indiretta, potrebbe dare indicazioni  cruciali sulla scelta del corretto modello per l'Universo primordiale. Non mancano infine alcuni accenni ad argomenti di inter...

  7. LE STAZIONI DI APPRENDIMENTO: ESEMPI DIDATTICI PER UN APPROCCIO DI TIPO GLOBALE ALL’INSEGNAMENTO DELLA LINGUA ITALIANA A STRANIERI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonietta Gobbis

    2015-02-01

    Full Text Available Il metodo, che si rifà alle teorie pedagogiche di Maria Montessori (1870-1952, è un esempio di lezione “aperta” fondato su pratiche che attivano la sfera emozionale, sensoriale e relazionale oltre a quella logico-razionale della mente. Nel processo di apprendimento di conoscenze acquisite non solo attraverso l’ascolto delle parole dell’insegnante, ma anche attraverso esperienze scelte autonomamente e consapevolmente da soli e in gruppo, l’ambiente delle stazioni didattiche offre tutto il materiale di sviluppo cognitivo in maniera che sia liberamente fruibile dal discente per favorirne la socializzazione e l’autonomia (secondo il motto di Maria Montessori ‘Aiutami a fare da solo’. A lezione esse non solo offrono varietà, comunicazione e divertimento ma, e in ciò è il loro massimo pregio, differenziazione interna al gruppo degli studenti, che possono, senza alcuna pressione da parte dei compagni, lavorare al proprio ritmo e livello scegliendogli esercizi secondo le preferenze individuali lungo un percorso aperto a canali diversi di apprendimento e orientato ad un vivace interscambio con gli altri.Il nostro contributo fa riferimento a tre esempi di stazioni didattiche legate alle feste che più richiamano l’attenzione degli studenti stranieri sul nostro paese: il Natale e il Carnevale. Tali tematiche mostrano come il modello della stazioni didattiche riesca a rapportarsi al vissuto degli studenti motivandoli al raffronto interculturale. Le abbiamo sperimentate in gruppi di studenti dell’Università delle Lingue Mondiali di Tashkent che frequentano il primo e secondo anno del corso di Italiano, studiato come seconda lingua.   Learning stations: didactic examples for a global teaching method This method, based on Maria Montessori’s educational theories, is an example of “open” lessons based on activities that activate emotions, senses and relationships, besides logic and reason. In the learning process knowledge is

  8. Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2010-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato. Andrea Brugnoli Una storia locale: l’organizzazione del territorio veronese nel medioevo: trasformazioni della realtà e schemi notarili (IX-metà XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Scienze Storiche e Antropologiche (XXII ciclo, Università degli Studi di Verona, 2010   Luca Filangieri Famiglie e gruppi dirigenti a Genova (secoli XII-metà XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XXII ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2010   Jakub Kujawi ski Wernakularna kolekcja historiograficzna z rękopisu francuskiego nr 688 z Biblioteki Narodowej w Paryżu. Studium źródłoznawcze (La raccolta dei volgarizzamenti delle opere storiografiche nel manoscritto francese 688 della Biblioteca Nazionale di Parigi, Tesi di dottorato, Università “Adam Mickiewicz”, Facoltà di Storia, Pozna, a.a. 2009/2010   Marta Longhi I signori “de Radicata”. Strategie di affermazione familiare e patrimoniale nel Piemonte dei secoli XII-XIV, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, Società, Religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo (XX ciclo, Università di Torino, 2008

  9. Climate Factors as Important Determinants of Dengue Incidence in Curaçao.

    Science.gov (United States)

    Limper, M; Thai, K T D; Gerstenbluth, I; Osterhaus, A D M E; Duits, A J; van Gorp, E C M

    2016-03-01

    Macro- and microclimates may have variable impact on dengue incidence in different settings. We estimated the short-term impact and delayed effects of climate variables on dengue morbidity in Curaçao. Monthly dengue incidence data from 1999 to 2009 were included to estimate the short-term influences of climate variables by employing wavelet analysis, generalized additive models (GAM) and distributed lag nonlinear models (DLNM) on rainfall, temperature and relative humidity in relation to dengue incidence. Dengue incidence showed a significant irregular 4-year multi-annual cycle associated with climate variables. Based on GAM, temperature showed a U-shape, while humidity and rainfall exhibited a dome-shaped association, suggesting that deviation from mean temperature increases and deviation from mean humidity and rainfall decreases dengue incidence, respectively. Rainfall was associated with an immediate increase in dengue incidence of 4.1% (95% CI: 2.2-8.1%) after a 10-mm increase, with a maximum increase of 6.5% (95% CI: 3.2-10.0%) after 1.5 month lag. A 1 °C decrease of mean temperature was associated with a RR of 17.4% (95% CI: 11.2-27.0%); the effect was inversed for a 1°C increase of mean temperature (RR= 0.457, 95% CI: 0.278-0.752). Climate variables are important determinants of dengue incidence and provide insight into its short-term effects. An increase in mean temperature was associated with lower dengue incidence, whereas lower temperatures were associated with higher dengue incidence.

  10. Dai luoghi della cura alla cura dei luoghi. I servizi sanitari come spazi narrativi di autoriflessività istituzionale - From the places of care to the care of places: the Aziende Sanitarie Locali as narrative spaces of institutional reflexivity

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Pistone

    2014-11-01

    Full Text Available In its historical parabola from safeguard to control, from hospitals to their surroundings, from institutions to facilities, from diseases to actual human people, the function of health facilities in Italy has progressively become that of decrypting the complex social context in which they act. In accordance with this historical development, the author debates on how disability questions the whole political and social space of health services and interprets the demand for care and the need for socialization within a more general relational system. The questioning of human bodies as cultural and political predicates, the regard for the subjectivity of citizens and for a consequent socio-cultural calibration of health services, are the main anthropological goals in which the care of disability can be involved. The ethnographic case study of a “A.s.l.” in Rome is presented and discussed by the author as an example of such a turning from a “public” to a “communal” institution where narrative and autoreflexivity can be used as a project shift toward a destination culture of institutions where anthropology (its gaze and even its expographic writing can be involved in a multidisciplinary équipe.

  11. Laboratorio di Cartografia Archeologica di Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Redazione

    2007-03-01

    Full Text Available Il Laboratorio di Cartografia Archeologica nasce per Roma e nei suoi meandri, per così dire, si nasconde. Situato al 28 di via del Monte Testaccio, in quella che la notte diventa la protagonista della vita notturna della Capitale, il Laboratorio passerebbe inosservato se non fosse per la porticina chereca impressa la sua targa. Oltrepassata la soglia, però, quelloche si incontra è un gigantesco mondo di materiale cartografico e di informazioni dedicate alla vasto patrimonio archeologico (ma non solo che caratterizza Roma.

  12. Influencia do ciclo de cura da resina fenolica nos testes de inflamabilidade, densidade e emissão de calor

    OpenAIRE

    Cristiane Cossermelli Haik

    1995-01-01

    Resumo: Com o intuito de se estudar os materiais compostos utilizados em interiores de aeronaves, a EMBRAER (Empresa Brasileira de Aeronáutica SIA), juntamente com o Departamento de Tecnologia de Polímeros da Engenharia Química da Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP), resolveu se dedicar a um estudo mais detalhado sobre o efeito do processo de cura de compósitos com resina fenólica e das variáveis principais do processo, que influencia nas propriedades de flamabilidade (Inflamabilidade...

  13. Práticas de cura místico-religiosas, psicoterapia e subjetividade contemporânea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Abílio da Costa-Rosa

    2008-12-01

    Full Text Available Analisamos os resultados de uma pesquisa sobre as práticas de cura místico-religiosas (Evangélicas e Católica Renovadas e Umbanda e sua comparação com o tratamento dos Ambulatórios de Saúde Mental públicos, para indivíduos com queixas de sofrimento psíquico. A análise estatística revelou que as práticas de cura místico-religiosas são eficazes na solução dos problemas que as procuraram, superando, a curto prazo, a eficácia obtida pelas práticas ambulatoriais. Um dos principais meios da eficácia das práticas de cura místico-religiosas consiste na adição de sentido de vários matizes, com destaque para o sentido radical de teor imaginário, que implica em adesões institucionais do tipo fanático ou ritualístico, em boa parte dos casos. As práticas de cura místico-religiosas parecem funcionar como ortopedias das "doenças" do individualismo contemporâneo, repondo com meios sintônicos aos sintomas alguma funcionalidade da categoria indivíduo. Como desdobramento da análise chegamos à hipótese sobre a existência de uma "Cultura do Misticismo" em estado avançado de formação no contexto brasileiro, como conseqüência das características culturais e dos efeitos da perturbação das relações do sujeito com o campo do simbólico, nas sociedades de consumo globalizado: de acentuada exclusão social e afetadas por uma importante crise de sentido conseqüente ao abalo dos ideais mais basilares do liberalismo.

  14. A globalização da cura espírita Biomedicina, João de Deus e seus seguidores australianos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Rocha

    2015-06-01

    Full Text Available João de Deus é um médium curador espírita que se tornou bastante conhecido fora do Brasil. A Casa de Dom Inácio, seu centro de cura em Abadiânia, perto de Brasília, recebe milhares de estrangeiros do mundo inteiro e o médium viaja constantemente à Europa e aos Estados Unidos para participar de eventos de cura organizados por seguidores estrangeiros. Este artigo baseia-se em pesquisa etnográfica realizada no Brasil, Austrália e Nova Zelândia e em entrevistas com os australianos em Sydney. Foram analisadas duas narrativas de doença de australianos e suas razões para procurarem João de Deus. Concluiu-se que o conceito de cura da medicina alternativa e da Nova Era produz uma disposição para a cura "tradicional" de terras exóticas. Em outras palavras, a atração dos estrangeiros pelo sistema de cura de João de Deus deve-se ao seu própriohabitus, influenciado por uma visão de mundo da Nova Era. Além disso, o artigo indica que o estabelecimento da conexão entre cura e religião, a construção de um contexto que dá significado à doença e o empoderamento por meio da renúncia a uma força maior são três fatores importantes, que fazem as pessoas rejeitarem a medicina ocidental em favor de terapias alternativas.

  15. A trajetória do câncer contada pela enfermeira: momentos de revelação, adaptação e vivência da cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eveline Treméa Justino

    2014-03-01

    Full Text Available O objetivo deste estudo foi descrever a trajetória de pessoas com câncer colorretal do diagnóstico ao fim da quimioterapia. Métodos: Pesquisa qualitativa desenvolvida em uma clínica de oncologia de Curitiba/Paraná. A coleta dos dados ocorreu mediante entrevista narrativa por meio da técnica relatos de vida, de janeiro a maio/2011, com dez participantes adultos de 35 a 60 anos. Resultados: Evidenciaram-se três categorias: revelação, adaptação e vivência da cura. Nestas observou-se o abandono de hábitos inadequados e preocupação com a famíliadiante do diagnóstico recebido. Contudo, ao inserir a doença na sua rotina diária foram necessárias adaptações para enfrentar as dificuldades diante do tratamento, mas, após o término deste, muitos sujeitos sentiram-se bem para retornar a sua função profissional, sendo esta correlacionada à sensação de autonomia que lhes era comum antes da doença. Conclusão: Verificou-se que os relatos de vida possibilitaram conhecer os cuidados, a vivência e os sentimentos dos participantes na tentativa de encarar positivamente a trajetória do câncer.

  16. Kingdom of the Netherlands–Curaçao and Sint Maarten: 2014 Article IV Consultation-Staff Report; and Press Release

    OpenAIRE

    International Monetary Fund.

    2014-01-01

    KEY ISSUES Context: The union’s current account deficit–the key economic vulnerability flagged in the previous (2011) consultation–has declined over the past few years, including thanks to fiscal adjustment in Curaçao. But it remains large. Curaçao’s growth and job creation remain lackluster, due to weak competitiveness, adverse sectoral trends (e.g., in the international financial center), red tape, and rigid labor laws. Sint Maarten’s tourism-based economy is recovering but remains vulnerab...

  17. Katt och hund ska bli vår kund! : En studie om Cura apotekets ambition att bli husdjursägarnas favoritapotek

    OpenAIRE

    2010-01-01

    Datum: 2010-03-22 Nivå: Kandidatuppsats i företagsekonomi, 15 hp Författare: Kristina Flintull, Malin Severin Handledare: Nazeem Seyed-Mohamed Titel: Katt och hund ska bli vår kund! En studie om Cura apotekets ambition att bli husdjursägarnas favoritapotek. Syfte: Med Cura apoteket som uppdragsgivare syftar studien till att undersöka vilka kvaliteter företaget bör framhäva i sin marknadsföring för att bearbeta och bli ICA Maxi:s kundsegment husdjursägares favoritapotek. Studien utreder även h...

  18. Elementi di teoria delle funzioni e di analisi funzionale

    CERN Document Server

    Kolmogorov, Andrej N

    1980-01-01

    Elementi di teoria degli insiemi ; spazi metrici e topologici ; spazi lineari topologici e normati ; funzionali e operatori lineari ; misura, funzioni misurabili, integrale ; integrale indefinito di Lesbegue, teoria della derivazione ; spazi di funzioni sommabili ; serie trigonometriche, trasformata di Fourier ; equazioni integrali lineari ; elementi di calcolo differenziale negli spazi lineari ; algebre di Banach.

  19. La realizzazione di RDA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tom Delsey

    2016-05-01

    Full Text Available L'autore ripercorre lo sviluppo di RDA dal principio, nel 2005, fino alla sua prima pubblicazione, nel 2010. L'impegno di sviluppo è inserito nel contesto di un ambiente digitale in evoluzione che trasforma sia la produzione sia la diffusione delle risorse informative e delle risorse utilizzate per creare, immagazzinare e accedere ai dati che descrivono tali risorse. L'autore esamina l'interazione tra l'impegno strategico ad allineare RDA con i nuovi modelli concettuali, le strutture di database emergenti e lo sviluppo dei metadati nelle comunità alleate, da una parte, e la compatibilità con l'eredità di AACR2 e dei database esistenti dall'altra. Gli aspetti esaminati comprendono la strutturazione di RDA come linguaggio di descrizione delle risorse, l'organizzazione del nuovo standard come uno strumento di lavoro e il raffinamento delle linee guida e delle istruzioni per la registrazione dei dati secondo RDA.

  20. La puzza di zolfo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marina Foramitti

    2015-12-01

    Full Text Available Il dialogo fra osservazione del sintomo, inteso come penetrazione ed emersione dell’attività inconscia nel dispiegarsi delle quotidiane funzioni della sfera conscia -sia esso lapsus, atto mancato, sogno, gioco, motto di spirito- e costruzione di un modello di funzionamento psichico, teso a individuare le direttrici che reggono la relazione con il sé e l’altro da sé, disvela precocemente, nell’evoluzione delle teorie psicoanalitiche, l’illusorietà della sovranità di un ego cosciente. Così come l’anidride solforosa si leva dal cono vulcanico a terrorizzare i nostri antichi progenitori con il suo messaggio di inferno sotterraneo, di fuoco e pericolo, segnale di forze insopprimibili e ingovernabili associate in epoche più recenti ai segni della presenza satanica, la psicoanalisi reca con sé, in questo metamessaggio eversivo, la sua peculiare puzza di zolfo.

  1. Frammenti di un rito mutilato. Analisi di "Pagine di gloria" di Valentino Zeichen

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mattia Jacopo Majerna

    2016-07-01

    Full Text Available Il presente articolo intende analizzare una delle raccolte centrali della produzione di Valentino Zeichen, Pagine di gloria (1983, nel tentativo di offrire spunti critici per un suo inquadramento nella scena poetica più recente. Si concentra, dapprima, sulla fisionomia eteroclita dell’io poetante, che, in controtendenza rispetto alle esperienze poetiche coeve, riveste un ruolo d’indiscussa centralità, cui corrisponde, nella prassi versificatoria, un impianto saldamente monologico. Si procede, quindi, alla ricerca delle costanti figurative che paiono fondare la poesia di Zeichen e che permettono l’accesso al cuore del suo immaginario. In tal senso ci si soffermerà su alcuni aspetti linguistici salienti di Pagine di gloria, con particolare attenzione all’impiego dei tecnoletti in sede di metafora, per passare, poi, alle ricorrenze più propriamente figurative, come l’iconografia classicheggiante o metafisica e le immagini di derivazione economica.

  2. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    DEFF Research Database (Denmark)

    Cecchini, Leonardo

    dei testimoni secondo la fortunata formula di Marianne Hirsch), mettono l’accento sul valore di attiva e impegnata cittadinanza che assumono le testimonianze delle vittime in Italia, un paese in cui il passato rappresenta spesso una ferita ancora aperta per la società, caratterizzato com’è da troppi...

  3. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    DEFF Research Database (Denmark)

    Cecchini, Leonardo

    Testimonianze di vittime degli anni di piombo In un articolo pubblicato nel 2008 sulla webzine Nazione indiana Christian Raimo criticava quello che poi Giovanni De Luna qualche anno dopo nel suo libro La Repubblica del dolore (2011) ha chiamato “paradigma vittimario”; cioè la presenza predominante...

  4. Taratura di un 'apparecchiatura per misura di piccole percentuali di uranio in soluzione acida di acqua distillata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    d. Diana

    1965-06-01

    Full Text Available Si descrive una tecnica elio permette di misurare ilnumero di atomi di Uranio di una soluzione, con un errore non superioreal 10%.Il sistema consiste in un tubo di Geiger (Philips 18503 sistemato inun contenitore di vetro nel quale viene diluita una certa quantità di peso dinitrato di Uranile, misurato con una precisione migliore dell'1%. Al variaredella diluizione si registra il numero di particelle che il Geiger conta, e quindisi riporta in grafico. Da questi per diverse quantità di sale sciolto si determinala retta di taratura.

  5. Nella stanza di Asperger...

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi, del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo. Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  6. Manuale di farmacoeconomia

    OpenAIRE

    Papadia, Gregorio

    2013-01-01

    La Farmacoeconomia è la disciplina che descrive e analizza costi e conseguenze di una terapia farmacologica: questo manuale, frutto di una pluriennale esperienza didattica, ha lo scopo di introdurre ai concetti fondamentali della materia. La prima parte è dedicata a note generali sulla scienza economica e sull’economia sanitaria, introdotte da esempi elementari di valutazione economica tratti dalla vita quotidiana. Nella seconda parte, riguardante la Farmacoeconomia e i vari ti...

  7. Nella stanza di Asperger...

    OpenAIRE

    Alessandra Gilardini

    2011-01-01

    Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi), del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine) e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo). Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  8. Il Carmide di Platone

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2014-03-01

    Full Text Available L’ipertesto dedicata al Carmide di Platone, composto per l’uso degli studenti dell’ateneo pisano, è a disposizione di tutti qui. Il Carmide è – canonicamente – un dialogo aporetico. Ma almeno dei suoi paradossi – quello di una superscienza che pretende...

  9. Il Cratilo di Platone

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2015-06-01

    Full Text Available La guida ipertestuale alla lettura del Cratilo di Platone composta per gli studenti della facoltà di Scienze politiche dell’università di Pisa è ora visibile a tutti qui. L’ipertesto ha tratto vantaggio dall’Introduzione alla linguistica generale del professor Manuel Barbera dell’università...

  10. Compreendendo a experiência do cuidador de um familiar com câncer fora de possibilidade de cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Natália Fernandes Cruzeiro

    2012-12-01

    Full Text Available Este estudo buscou compreender a experiência do cuidar de um familiar com câncer fora de possibilidade de cura. Trata-se de estudo de abordagem qualitativa. Participaram cinco cuidadores familiares de pacientes oncológicos fora de possibilidade de cura, internados em um Hospital do interior de São Paulo. Os dados foram coletados no período de outubro a janeiro de 2009/2010, por meio de entrevistas, e utilizou-se análise de conteúdo. Identificaram-se as categorias: Motivo para ser cuidador; Mudanças com o papel de cuidador; Ambiente para morte; Sentimentos gerados no ser cuidador; e Redes de apoio para o cuidador. O presente estudo possibilitou a compreensão dos cuidadores familiares no seu contexto histórico e sociocultural que é particular, relativo e condicional. Observou-se que o cuidador familiar precisa ser alvo de atenção da equipe de saúde, incluindo o significado atribuído à doença e tratamento paliativo para o planejamento da assistência da unidade familiar na fase final da vida.

  11. Direito e justiça em Hegel: via da cura e da expiação

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mateus Salvadori

    2015-04-01

    Full Text Available Há duas teorias na filosofia hegeliana que justificam a punição: a via da expiação e a via da cura. A via da expiação parte do agente da punição e afirma que a responsabilidade do crime é do criminoso. Essa via ocupa-se essencialmente com o dever e as regras. Hegel difere da posição retributivista kantiana, pois, segundo Kant, a pena é uma necessidade ética (imperativo categórico e para Hegel, a pena é uma necessidade lógica (negação do crime e afirmação da pena. Kant permanece preso à subjetividade; Hegel supera-o através de uma explicação objetiva do direito penal. Já a via da cura parte do paciente da punição e defende que a punição é um direito do criminoso. Assim, o dever é secundário e o castigo é visto como gerador do sofrimento.

  12. Primi dati sull'uso dello spazio e sui ritmi di attività della donnola Mustela nivalis in Italia centrale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Magrini

    2003-10-01

    Full Text Available La donnola Mustela nivalis, è il più piccolo carnivoro conosciuto. È distribuita in Italia su tutta la penisola fino ai 2000 m di quota e sulle isole maggiori, e, benché sia una specie largamente diffusa anche in ambienti antropizzati, pochi sono gli studi di campo condotti in Italia, che ne mettano in luce presenza, densità, ecologia di base (dieta, uso dello spazio e dell'habitat, e genetica. La presente ricerca avviata nel gennaio 2003, prevede una raccolta di dati mensile con una presenza costante nell'area di studio, e interessa un territorio, all'interno della Riserva Regionale Parziale dei Laghi Lungo e Ripasottile, in provincia di Rieti (Lazio, caratterizzato da colture estensive e dalla presenza di una fitta rete di canali e di aree lacustri. La metodologia di studio si basa su sessioni di trappolaggio di durata variabile e a scadenza mensile. Vengono utilizzate trappole di legno incruente (in media n = 30 con esca morta (Mus musculus; gli animali catturati vengono marcati con trasponder sottocutaneo per il riconoscimento individuale, e provvisti di trasmittente radio (del peso di 1,5 g posizionata tramite collare o zainetto. La radiolocalizzazione avviene tramite "homing", il segnale viene ricevuto a una distanza massima di 200 m, ma in media molto inferiore a causa degli ostacoli naturali e delle abitudini fossorie della donnola che diminuiscono notevolmente la capacità di ricezione del segnale. Sono stati catturati e seguiti 4 animali maschi adulti per un totale di 318 localizzazioni, 184 durante le ore diurne, 108 nelle ore notturne, e 18 durante le ore crepuscolari, prese con un intervallo di 15 minuti l'una dall'altra, e distribuite in maniera non omogenea tra gli individui. Il massimo periodo di telemetria continuativa per un animale corrisponde a 5 giorni, questo a causa della frequente perdita della radio trasmittente nelle prime 48 ore dopo il posizionamento (62,5% dei casi, perdita dovuta da un lato

  13. Considerazioni sui lettori di Montesquieu (XVIII-XX secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piero Venturelli

    2009-05-01

    Full Text Available This article in meant to bring a contribution to the study of the penetration of Montesquieu’s ideas and theories starting from Montesquieu e i suoi interpreti (a cura di D. Felice, 2 tt., Pisa, ETS, 2005. The most relevant interpretations or uses of the philosopher’s work of the last two hundred and fifty years will be put together with particular reference to the Esprit des Lois (1748. We consider France, Great Britain, North America, Germany and Italy as the linguistic and cultural areas where Montesquieu’s thought is stronger and more lasting. Over forty authors have been taken into consideration: J.-B. le Rond d’Alembert, D. Hume, J.-J. Rousseau, C. Beccaria, A. Genovesi, E. Personè, D. Diderot, L. de Jaucourt, E. Gibbon, J.G. Herder, G. Filangieri, Th. Jefferson, A. Hamilton, J.-A.-N. Caritat de Condorcet, L. Saint-Just, B. Constant, G.W.F. Hegel, A. de Tocqueville, H. Taine, F. Sclopis di Salerano, É.-R. Lefebvre de Laboulaye, F. Meinecke, Ch. Eisenmann, J. Starobinski, L. Althusser, H. Arendt, R. Aron, R. Shackleton etc. In this article, Voltaire, E. Burke, L.-C. Destutt de Tracy, A. Comte, É. Durkheim and S. Cotta have been considered more in detail.

  14. La costruzione de Il sistema periodico di Primo Levi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Bertoldi

    2016-11-01

    Full Text Available Tra le opere prodotte nel laboratorio del chimico-scrittore Levi quella che meglio rappresenta l'insensatezza della separazione tra letteratura e scienza e la volontà leviana di ricomporre tale frattura è senz'altro Il sistema periodico. Qui infatti, come sostanze chimiche tra loro reagenti, le due discipline partecipano al processo creativo, consentendo allo scrittore la realizzazione di un'opera la cui forma è data dalla successione di una serie di elementi ed il cui contenuto è costituito da un amalgama significativo di spunti autobiografici, storie chimiche ed inserti metaletterari, in un continuo gioco di rinvii tra le due culture. “Costruire”, verbo che accomuna chimica e scrittura, è quanto fa Levi nell'ideare l'architettura del Sistema periodico, che vede rispecchiate nella disposizione dei suoi componenti tematiche costitutive dell'opera stessa, di conseguenza conferendo ai testi un significato che trascende il loro contenuto specifico per risultare dall'analisi dell'ordinamento della raccolta. Un approccio filologico al testo mostra come la particolare conformazione della raccolta sia il risultato di successivi interventi sull'assetto dei testi. In particolare il quadro variantistico ottenuto dal confronto di un gruppo di racconti anticipati su quotidiani o riviste e dei dattiloscritti originali conservati nell'Archivio storico della casa editrice Einaudi con la loro redazione definitiva, testimonia la cura di Levi nel non lasciare alcun racconto irrelato nell'intento di costruire una struttura ordinata e di per se stessa significante, che veicolando elementi tematici offra un ulteriore simbolo di quanto avviene nei testi, sfumando la distinzione tra forma e contenuto. Among Levi’s works, the The Periodic Table is the one which best represents the senselessness of the division between science and literature and the author’s will to achieve a necessary recomposition between the two. Just like chemical substances that react

  15. A portable neutron source for landmines detection; Un generatore portabile di neutroni per la rilevazione delle mine nel terreno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rapisarda, M.; Samuelli, M. [ENEA, Divisione Fusione, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2001-07-01

    simulazioni Monte Carlo fatte col codice MCNP per progettare ed ottimizzare il dispositivo per la ricerca di mine nel terreno. I neutroni da 2.1 MeV generati dal Plasma Focus sono focalizzati e moderati da strati di piombo e polietilene verso il suolo e schermati da strati di polietilene borato e cadmio verso l'aria. La forma e gli spessori degli schermi sono ottimizzati per produrre il massimo flusso termico di neutroni nei primi 15 cm di suolo, tenendo conto di diverse concentrazioni di umidita' (da 10% a 30% di acqua). I risultati indicano che e' possibile produrre un flusso di almeno 10{sup -}5/cm{sup 2} neutroni termalizzati (tra 0.01 e 0.1 eV), per neutrone di sorgente, nel metro quadrato di suolo piu' vicino al dispositivo, un livello sufficiente a generare un numero adeguato di raggi gamma da 10.8 MeV dall'esplosivo sepolto.

  16. Analisi di un campione significativo di Learning Objects.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available Il lavoro analizza sul piano pedagogico e didattico il concetto di Learning Object (LO a partire dalla rilevazione diretta dei modelli formativi sottostanti, in forma esplicita o implicita, un campione significativo di Learning Objects identificato all’interno di rilevanti esperienze di e-learning universitarie e non universitarie prodotte in diverse nazioni, allo scopo di giungere alla messa a punto di una modellistica problematica di tipo didattico dei Learning Objects, funzionale alla costruzione di algoritmi differenziati di progettazione, realizzazione, erogazione e valutazione di LO, anche nella prospettiva dei Learning Artifacts.

  17. Equazione di Dirac

    CERN Document Server

    Monti, Dalida

    1996-01-01

    Relativamente poco noto al gran pubblico, il premio Nobel Paul Adrien Maurice Dirac appartiene a quel gruppo di uomini di ingegno che nei primi decenni del secolo contribuirono a dare alla nostra concezione del mondo fisico la sua impronta attuale. Assolutamente cruciali, per una valutazione dell'opera di Dirac, sono gli anni compresi tra il 1925 e il 1931: un periodo in cui il fisico fornisce la prima spiegazione chiara e coerente delle proprietà di spin dell'elettrone (equazione di Dirac) e perviene, in forza della pura deduzione matematica, alla scoperta dell'esistenza dell'elettrone positivo o positrone.

  18. Il Codice di autodisciplina

    OpenAIRE

    Cuccu, Francesco

    2013-01-01

    SOMMARIO: 1. Il nuovo Codice di Autodisciplina delle Società Quotate. – 2. Un breve sguardo di insieme. – 2.1. Composizione del consiglio di amministrazione. – 2.2. Ruolo e funzionamento del consiglio di amministrazione. – 2.3. L’organizzazione e i compiti dei comitati interni al consiglio. – 2.4. Sistema di controllo interno. – 3. Le raccomandazioni del Codice. – 3.1. Una nuova impostazione chiarificatrice. – 3.2. L’impulso dato dal d. lgs. 39/2010. – 4. I punti deboli del Codice. – 4.1. La ...

  19. Che genere di diritto?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Delia La Rocca

    2014-04-01

    Full Text Available Il recente decreto legge sul femminicidio nasce in un clima, soprattutto mediatico, nel quale la violenza sulle donne viene letta come “emergenza”. Questa chiave di lettura del fenomeno presenta alcuni rischi: in primo luogo, quello di riproporre un modello di intervento pubblico centrato soprattutto sull’approccio repressivo. Il decreto assegna, infatti, una valenza residuale ad una strategia di sostegno delle azioni di prevenzione e di assistenza delle vittime di violenza, al momento rinviate ad un “Piano d'azione straordinario” per il quale non viene previsto alcun finanziamento. E’ tempo di uscire dalla logica emergenziale: la questione della violenza di genere non è solo problema di ordine pubblico. E’ un fenomeno che colpisce al cuore la riscrittura delle regole sulla convivenza tra i generi avviata nel secolo scorso. Ciò che serve è un nuovo momento di elaborazione delle teorie e delle prassi delle donne sul ruolo del sistema giuridico e sulle forme più adeguate per garantire la libertà femminile.

  20. Barsten in het glazen plafond : Opgeleide vrouwen op de curaçaose arbeidsmarkt: Mogelijkheden, barrières en strategieën

    NARCIS (Netherlands)

    Kibbelaar, P.M.E.

    2005-01-01

    This research focuses on the experiences of women, as regards their opportunities for advancing to executive positions within the Curaçao community and its organisations. The term ´glass ceiling´ has a central place in this. To begin, the research backgrounds will be stated, after which the goals wi

  1. Hyperferritinemia is a potential marker of chronic chikungunya: A retrospective study on the Island of Curaçao during the 2014–2015 outbreak

    NARCIS (Netherlands)

    F. Anfasa (Fatih); L.B.V. Provacia (Lisette); C.H. Geurts van Kessel (Corine); Wever, R. (Robert); I. Gerstenbluth (Izzy); Osterhaus, A.D.M.E. (Albert D.M.E.); B.E.E. Martina (Byron)

    2017-01-01

    textabstractBackground Recently Chikungunya virus (CHIKV) outbreaks have been reported in the Carribean. There is no data regarding the outbreak in Curaçao. In addition, to date there is no biomarker that could be used to predict chronic infection. Objectives To characterize the first CHIKV outbreak

  2. Long-term Shifts in Coral Communities On Shallow to Deep Reef Slopes of Curaçao and Bonaire: Are There Any Winners?

    NARCIS (Netherlands)

    de Bakker, D.M.; Meesters, E.H.; Bak, R.P.M.; Nieuwland, G.; van Duyl, F.C.

    2016-01-01

    Tropical coral reefs are among the most biologically diverse and economically important ecosystems on earth. Nevertheless, we found dramatic changes in coral communities on the reef slopes of Curaçao and Bonaire since 1973. Cover and abundance declined for virtually all coral species. The data show

  3. Long-term Shifts in Coral Communities On Shallow to Deep Reef Slopes of Curaçao and Bonaire: Are There Any Winners?

    NARCIS (Netherlands)

    Bakker, De Didier M.; Meesters, Erik H.; Bak, Rolf P.M.; Nieuwland, Gerard; Duyl, Van Fleur C.

    2016-01-01

    Tropical coral reefs are among the most biologically diverse and economically important ecosystems on earth. Nevertheless, we found dramatic changes in coral communities on the reef slopes of Curaçao and Bonaire since 1973. Cover species. The data show a shift from communities dominated by framework

  4. On the ecology of Coenobita clypeatus in Curaçao with reference to reproduction, water economy and osmoregulation in terrestrial hermit crabs

    NARCIS (Netherlands)

    Wilde, de P.A.W.J.

    1973-01-01

    1. This paper deals with various aspects of the life-history, ecology, water management and osmoregulation of the West-Indian land hermit crab Coenobita clypeatus (Herbst) in Curaçao, Netherlands Antilles. 2. Land hermit crabs belonging to the family Coenobitidae may be considered as one of the most

  5. Barsten in het glazen plafond : Opgeleide vrouwen op de curaçaose arbeidsmarkt: Mogelijkheden, barrières en strategieën

    NARCIS (Netherlands)

    Kibbelaar, P.M.E.

    2005-01-01

    This research focuses on the experiences of women, as regards their opportunities for advancing to executive positions within the Curaçao community and its organisations. The term ´glass ceiling´ has a central place in this. To begin, the research backgrounds will be stated, after which the goals

  6. On the ecology of Coenobita clypeatus in Curaçao with reference to reproduction, water economy and osmoregulation in terrestrial hermit crabs

    NARCIS (Netherlands)

    Wilde, de P.A.W.J.

    1973-01-01

    1. This paper deals with various aspects of the life-history, ecology, water management and osmoregulation of the West-Indian land hermit crab Coenobita clypeatus (Herbst) in Curaçao, Netherlands Antilles. 2. Land hermit crabs belonging to the family Coenobitidae may be considered as one of the most

  7. Long-term Shifts in Coral Communities On Shallow to Deep Reef Slopes of Curaçao and Bonaire: Are There Any Winners?

    NARCIS (Netherlands)

    Bakker, De Didier M.; Meesters, Erik H.; Bak, Rolf P.M.; Nieuwland, Gerard; Duyl, Van Fleur C.

    2016-01-01

    Tropical coral reefs are among the most biologically diverse and economically important ecosystems on earth. Nevertheless, we found dramatic changes in coral communities on the reef slopes of Curaçao and Bonaire since 1973. Cover species. The data show a shift from communities dominated by framework

  8. Long-term Shifts in Coral Communities On Shallow to Deep Reef Slopes of Curaçao and Bonaire: Are There Any Winners?

    NARCIS (Netherlands)

    de Bakker, D.M.; Meesters, E.H.; Bak, R.P.M.; Nieuwland, G.; van Duyl, F.C.

    2016-01-01

    Tropical coral reefs are among the most biologically diverse and economically important ecosystems on earth. Nevertheless, we found dramatic changes in coral communities on the reef slopes of Curaçao and Bonaire since 1973. Cover and abundance declined for virtually all coral species. The data show

  9. Deficient Merlia normani Kirkpatrick, 1908, from the Curaçao reefs, with a discussion on the phylogenetic interpretation of sclerosponges

    NARCIS (Netherlands)

    Soest, van R.W.M.

    1984-01-01

    A specimen of the sclerosponge Merlia lacking a basal skeleton of calcareous chambers (corresponding to the description of Merlia deficiens Vacelet, 1980) is reported from the underside of the coral Agaricia at a depth of 10 m on the reef of Curaçao, Netherlands Antilles. Its spiculation is identica

  10. Hyperferritinemia is a potential marker of chronic chikungunya: A retrospective study on the Island of Curaçao during the 2014–2015 outbreak

    NARCIS (Netherlands)

    F. Anfasa (Fatih); L.B.V. Provacia (Lisette); C.H. Geurts van Kessel (Corine); Wever, R. (Robert); I. Gerstenbluth (Izzy); Osterhaus, A.D.M.E. (Albert D.M.E.); B.E.E. Martina (Byron)

    2017-01-01

    textabstractBackground Recently Chikungunya virus (CHIKV) outbreaks have been reported in the Carribean. There is no data regarding the outbreak in Curaçao. In addition, to date there is no biomarker that could be used to predict chronic infection. Objectives To characterize the first CHIKV outbreak

  11. Densità di energia di deformazione locale e resistenza a fatica di giunti saldati di geometria complessa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Lazzarin

    2008-01-01

    Full Text Available Un recente criterio basato sul valore medio della densità di energia di deformazione (SED inun volume di controllo è applicato a diverse serie di dati sperimentali tratti dalla letteratura, relativi a giuntisaldati di geometria complessa realizzati in acciaio. Il volume di controllo è rappresentato da un settore circolare di raggio pari a 0.28 mm, centrato sul piede o sulla radice dei cordoni di saldatura. Entrambe le regioni sono modellate come intagli V non raccordati con differenti angoli di apertura. La densità di energia di deformazione viene valutata direttamente da modelli agli elementi finiti tridimensionali. I dati sperimentali, riconvertiti in termini energetici, si posizionano all’interno di una banda di dispersionerecentemente proposta in letteratura. La banda sintetizzava più di 650 dati sperimentali relativi a giunti saldati con cordone d’angolo, con rotture innescate indifferentemente al piede o alla radice dei cordonidi saldatura.

  12. L'applicazione dei Sistemi Informativi Geografici per la valutazione dei bisogni di salute della popolazione pediatrica immigrata residente a Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. G. De Belvis

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: lo studio applica i GIS per l’analisi dei bisogni di salute della popolazione immigrata in età pediatrica regolarmente residente a Roma e per la costruzione di bacini di utenza a livello di Municipio, ASL e Comune rispetto alle corrispondenti strutture di offerta.

    Materiali e Metodi: i dati sono stati acquisiti dall’Ufficio Statistica del Comune di Roma (popolazione in età 0-18 anni residente al 31/12/2002 per Municipio, Distretto e ASL. I dati relativi all’offerta dei servizi per l’infanzia delle ASL sono stati reperiti dalle ASL, dal Comune e dalla Caritas di Roma. I dati sono stati successivamente inseriti, verificati ed analizzati attraverso i programmi Excel e Stata7. L’utilizzo delle applicazioni GIS è stato realizzato attraverso il software Arc-View.

    Risultati: dei 169.064 immigrati presenti al 31/12/2002, quelli in età pediatrica (29.629 sono variabilmente distribuiti rispetto al totale degli immigrati e alla popolazione pediatrica residente.
    Ad esempio, la proporzione immigrati minori/immigrati varia da un minimo del 7,3% in Municipio I, ad un massimo del 20,1% nei Municipi VII e VII (Media: 13.26, I.C.95%: 11.46-15.05.
    L’analisi ha permesso di caratterizzare i bisogni socio-sanitari per Municipio, distretto e ASL. Una valutazione quantitativa della relazione bisogno/offerta è stata realizzata georeferenziando la popolazione immigrata in età pediatrica con le corrispondenti strutture di offerta censite.

    Conclusioni: l’utilizzo dei GIS in epidemiologia e sanità pubblica si presenta sempre più prezioso, per la capacità di sintetizzare, rappresentare efficacemente i fenomeni, suggerire ipotesi di correlazioni tra i fenomeni e indirizzare le decisioni in sanità.
    L’applicazione dei GIS sulla popolazione immigrata in età pediatrica – regolarmente residente a Roma - si è prestata in maniera efficace

  13. Esercizi scelti di algebra

    CERN Document Server

    Chirivì, Rocco; Dvornicich, Roberto

    2017-01-01

    Questo libro – primo di due volumi -  presenta oltre 250 esercizi scelti di algebra ricavati dai compiti d'esame dei corsi di Aritmetica tenuti dagli autori all'Università di Pisa. Ogni esercizio viene presentato con una o più soluzioni accuratamente redatte con linguaggio e notazioni uniformi. Caratteristica distintiva del libro è che gli esercizi proposti sono tutti diversi uno dall'altro e le soluzioni richiedono sempre una piccola idea originale; ciò rende il libro unico nel genere. Gli argomenti di questo primo volume sono: principio d'induzione, combinatoria, congruenze, gruppi abeliani, anelli commutativi, polinomi, estensioni di campi, campi finiti. Il libro contiene inoltre una dettagliata sezione di richiami teorici e può essere usato come libro di riferimento per lo studio. Una serie di esercizi preliminari introduce le tecniche principali da usare per confrontarsi con i testi d'esame proposti. Il volume è rivolto a tutti gli studenti del primo anno dei corsi di laur ea in Matematica e Inf...

  14. Autobiografia di un fisico

    CERN Document Server

    Born, Max

    1980-01-01

    Questa non è solo un'autobiografia scientifica. Il ritratto che Max Born ci offre di se stesso va oltre il profilo dell'uomo di scienza, che pure è stato tra i maggiori del nostro secolo. Di lui veniamo a sapere tutto ciò che occorre per accostarsi alle teorie che gli valsero il premio Nobel, ma anche i tratti di una normale vita borghese nella quale si intrecciavano le influenze dell'ambiente intellettuale e commerciale. Il tono è quello di una rievocazione piana e distesa che ci accompagna per le varie fasi della carriera dello studente, del docente, dello scienziato, nelle università tedesche e inglesi, negli anni delle persecuzioni naziste, alle quali l'ebreo Max Born ebbe la fortuna di sopravvivere, e nel dopoguerra, quando egli tornò in Germania e seppe dare un contributo di idee e di iniziative ai movimenti pacifisti. E' la lunga e operosa vita di un uomo di genio, del quale si ricorda la profonda umanità, la vastità degli interessi culturali, l'acutezza dei giudizi sulle persone, sulle vicend...

  15. Il diritto civile di libertà religiosa e l’immigrazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L’interesse al confronto Italia Spagna – 2. Schizofrenia italiana fra centralismo ed autonomie in materia di fenomeno religioso - 3. La centralizzazione dell’intera “politica ecclesiastica” -4. Il fenomeno dell’immigrazione e della articolazione pluralistica delle culture nel Paese – 5. La disciplina dell’emigrazione – 6. La concessione della cittadinanza – 7. Provvedimenti riferibili all’ordine pubblico: a la legge Bossi-Fini; b la Consulta dei musulmani d’Italia – 8. Immigrazione e discipline del fenomeno religioso: a immigrati islamici e regimi convenzionali; b l’applicazione della politica concordataria ai rapporti con i musulmani; c i contenuti delle proposte di intesa – 9. Conclusioni.Ora nel volume collettaneo (a cura di V. TOZZI e M. PARISI,Immigrazione e soluzioni legislative in Italia e Spagna. Istanze autonomistiche, società multiculturali, diritti civili e di cittadinanza,  ed. Arti Grafiche la Regione, Ripalimosani, 2007, p. 5 ss.

  16. El volcanismo del complejo Marifil en Arroyo Verde, vertiente suroriental del Macizo de Somún Cura, Chubut The volcanism of the Marifil Complex in Arroyo Verde, Southeastern slope of the Somun Cura Massif, Chubut

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcelo J Márquez

    2010-05-01

    Full Text Available Se describen en este trabajo las facies volcánicas pertenecientes al Complejo Marifil que afloran en la localidad de Arroyo Verde, vertiente suroriental del macizo de Somún Cura, provincia del Chubut. Se discriminan facies de ignimbritas riolíticas, brechas piroclásticas, domos y domos vítreos traquíticos y diques riolíticos. Las relaciones de campo indican que las ignimbritas fueron el primer evento eruptivo que se alternaron con esporádicas coladas de bloques y cenizas. Luego se produjo la intrusión de las facies dómicas y por último la de los diques riolíticos. Las facies descriptas tienen composiciones que varían entre riolitas y traquitas con altos contenidos de K, característicos de las rocas pertenecientes a este complejo. Teniendo en cuenta las características observadas se propone un mecanismo fisural de erupción en esta localidad.Marifil Complex volcanic facies that crop out in the locality of Arroyo Verde, SE slope of Macizo de Somún Cura, are described here. Rhyolitic ignimbrite facies, pyroclastic breccias, traquitic domes and vitreous domes, and rhyolitic dikes are distinguished. Field relationships point out the ignimbrites as the first effusive event. Some sporadically block and ash flows are intercalated within the ignimbrites. These deposits were intruded by domes; the latest event is represented by the intrusion of the rhyolitic dykes. Chemical composition of these rocks varies between high K rhyolites and traquites, which correspond to typical characteristics of the Marifil Complex rocks. The observations allow proposing a fissural mechanism of eruption for these facies in this locality.

  17. Design e valutazione di una esperienza di mobile learning

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Arrigo

    2008-01-01

    Full Text Available Analisi dello sviluppo scientifico e tecnologico nel campo di mobile learning, con particolare riferimento ai problemi di progettazione e valutazione nelle esperienze. Vengono analizzate le caratteristiche di metodologia didattica innovativa insieme a delle proposte per strumenti operativi concreti che consentano di progettare interventi didattici di mobile learning.

  18. RICERCHE DI STATISTICA METEOROLOGICA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    EZIO ROSINI

    1956-06-01

    Full Text Available statistica
    non ha goduto di buona stampa nel passato anche recente; particolarmente
    poco apprezzata è stata la statistica meteorologica e climatologica.
    Occorre riconoscere che tale atteggiamento era almeno in
    parte frutto di un preconcetto errato sul significato della statistica, ma
    che d'altra parte la natura dei lavori di tal genere che venivano alla
    luce sembrava a volte confermare la giustezza del preconcetto. Il fatto
    è che una parte degli studiosi di meteorologia avvertiva più di altri,
    probabilmente per la propria stessa costituzione mentale, l'astrattezza
    dei metodi fisico-matematici applicati alla grandiosa e al tempo stesso
    minuta complessità dei fenomeni meteorologici, sentendo dunque maggiormente
    la necessità di far costante ricorso alla realtà delle osservazioni
    effettivamente eseguite.

  19. Translation, copying and variation in two Castilian copies of the Epistola de cura rei familiaris by Pseudo Bernardus

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ruth Miguel Franco

    2011-12-01

    Full Text Available In this paper we attempt to analyse the differences between two copies, a printed exemplar (Burgos, Fadrique de Basilea c. 1495-1499 and a manuscript one (Madrid, BNE, 10445 of a Castilian translation of the Epistola de cura rei familiaris, a pseudo Bernardine tractate that belongs to the genre of the Oeconomica. Firstly, we will compare these two translations to a Latin copy of the Epistola printed by the same editor at around the same time. Secondly, we will compare the Castilian texts with one another in order to describe their main features. Last, on the basis of that description, we will try to distinguish between translation and copying mistakes, so that we are able to determine whether one of the Castilian texts may be a direct translation from Latin or whether both exemplars are copies of a former translation.

  20. La revolución del cura Botero: Una disputa por las fuentes del derecho. Antioquia, 1835-1848.

    OpenAIRE

    Herrera Arroyave, Diana Paola

    2014-01-01

    En esta investigación se estudian los conflictos nacidos en la progresiva definición de las formas jurídicas y de saber que acompañaron el re-asentamiento de instituciones y grupos de poder después de la ruptura política con España. Este análisis se conduce mediante un estudio de caso, la historia de un sacerdote ilustrado que emprendió en 1835 una querella contra la enseñanza del materialismo y el ateísmo prevista en la reclasificación republicana de saberes. La Revolución del cura Botero se...

  1. Introduzione alle teorie di gauge

    CERN Document Server

    Cabibbo, Nicola; Benhar, Omar

    2016-01-01

    "Introduzione alle Teorie di Gauge" completa la serie di tre volumi basati sulle lezioni dei corsi di Meccanica Quantistica Relativistica, Interazioni Elettrodeboli e Teorie di Gauge, impartite dagli autori agli studenti delle Lauree Magistrali in Fisica e Astronomia & Astrofisica dell'Universita "La Sapienza" di Roma, nell'arco di qualche decennio. L'obiettivo principale del volume è di introdurre i concetti di base della rinormalizzazione nella teoria quantistica dei campi e i fondamenti delle moderne teorie di Gauge. Anche se collegato ai volumi precedenti, il libro si presta ad una lettura indipendente, che presume solo conoscenze generali di relativita speciale, della seconda quantizzazione e della fenomenologia delle interazioni elettrodeboli. Lo strumento di base è l'integrale sui cammini di Feynman, introdotto nei capitoli iniziali e sistematicamente impiegato nel seguito. L'esposizione segue un percorso pedagogico, che parte dal caso semplice dell'ampiezza di transizione in meccanica quantistic...

  2. Ricercatori di successo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-01-01

    Full Text Available Grazie a Rangle mi è lecito segnalare i risultati di una ricerca ad accesso semiaperto. Secondo Daniele Fanelli, ricercatore dell’Institute for the Study of Science, Technology and Innovation (ISSTI presso l’Università di Edinburgh, un modo per verificare l’obiettività con cui i risultati della ricerca vengono prodotti e proposti è quello di selezionare i lavori in [...

  3. LABLOG. Laboratorio di logica

    OpenAIRE

    Matassi, Elisabetta; Lucilli, Giuseppe

    2009-01-01

    La scelta di costruire un percorso incentrato sulla logica/logica matematica è stata motivata dalla constatazione di un fatto piuttosto comune nella Scuola Secondaria Superiore italiana: l’insegnamento della logica, e della logica matematica in particolare, quando non viene accuratamente evitato, trasmette spesso un’immagine di grande rigidità. Generalmente, vengono proposti attività e contenuti che veicolano un’immagine quasi “strumentale” del calcolo logico basati su una s...

  4. Medicina moderna: rumo à prevenção, à cura, ao bem-estar e à longevidade

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ajai Singh

    2010-06-01

    Full Text Available A medicina moderna tem realizado muitas coisas nos campos de doenças infecciosas e de emergências para assistir a cura. Na maior parte dos outros campos, ela visa, sobretudo, ao controle, que é outro nome para o tratamento paliativo. A farmacologia, na qual se inclui a psicofarmacologia, é igualmente dirigida ao controle e ao alívio. Está na hora de profissionais da área e pesquisadores voltarem-se decisivamente para a prevenção e para a cura. Ademais, o outro grande desafio da medicina moderna é a longevidade aliada ao bem-estar. Avanços em vacinas contra hipertensão, diabetes, câncer etc. merecem atenção, bem como o papel da meditação, yoga, espiritualidade etc. na prevenção de doenças em vários níveis. Pesquisas sobre longevidade, mudanças no estilo de vida e centenários saudáveis merecem um exame especialmente minucioso na busca dos fatores que contribuem para a longevidade com bem-estar. Um olhar de perto para a medicina complementar e alternativa é necessário para encontrar modelos apropriados que esta possa vir a ter, à parte seus grandes discursos ou sua hostilidade para com o cuidado médico tradicional. A medicina é uma manifestação do Eros humano, e não deve tornar-se instrumento de seu Tanatos. Ela deve realizar seu verdadeiro potencial, de forma que Eros prevaleça, e Tanatos prevaleça apenas finalmente, não prematuramente.

  5. Estratigrafía y facies volcánicas y volcaniclásticas de la Formación Valle del Cura: magmatismo paleógeno en la Cordillera Frontal de San Juan Stratigraphy and volcanic facies of the of the Valle del Cura Formation: Paleogene volcanism in the Frontal Cordillera of San Juan

    OpenAIRE

    V. D. Litvak; S. Poma

    2005-01-01

    En la región del Valle del Cura, Cordillera Frontal de San Juan, aflora una espesa secuencia de rocas volcánicas y volcaniclásticas, en facies piroclásticas y epiclásticas, que representa el desarrollo de un importante episodio volcano-sedimentario eoceno-oligoceno inferior. Esta unidad, la Formación Valle del Cura, incluye espesos paquetes de tobas, conglomerados gruesos, areniscas líticas medianas a gruesas, areniscas volcánicas y escasas pelitas. Los niveles volcánicos están formados por f...

  6. Programmazione del Network di 'Virologia Ambientale': Stato di avanzamento

    OpenAIRE

    Carlesi, Carlo

    2004-01-01

    Presentazione 'Power Point' dell'intervento all'incontro di lavoro 'VIRAMB II incontro del Network di Virologia Ambientale', presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana. Nell'intervento si presenta lo stato di avanzamento dei lavori riguardo la realizzazione dell'infrastruttura telematica del 'Network di Virologia Ambientale' promosso dal 'Dipartimento di Patologia Sperimentale, Biotecnologie Mediche, Infettivologia ed Epidemiologia' dell'Universit? di Pisa.

  7. Le statue di Dedalo: le riviste di filosofia politica italiane di serie A

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-03-01

    Full Text Available Roars ha puntualmente segnalato l’ancipite vicenda delle nuove liste di riviste last minute per l’abilitazione scientifica nazionale. E’ cambiato qualcosa fra le riviste di filosofia politica italiane di serie A, di cui avevamo già avuto modo di discutere?

  8. Tapped In: un incubatore di comunità di pratica di insegnanti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Persico

    2003-01-01

    Full Text Available Descrizione del progetto TAPPED IN, iniziativa del californiano Center for Technology in Learning, dedicato a promuovere l'innovazione tecnologica nell'ambito dell'apprendimento e della formazione degli insegnanti. Lo scopo del progetto e' quello di sviluppare e sperimentare un ambiente virtuale capace di ospitare le attivita' di una o piu' comunita' di pratica di insegnanti.

  9. Reti professionali di insegnanti su Facebook: studio di un caso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Ranieri

    2013-03-01

    Full Text Available Questo lavoro presenta i risultati di due indagini esplorative sull’uso dei SN nell’ambito di alcune comunità professionali di insegnanti. Un primo studio basato sulla somministrazione di un questionario rivolto a dieci fondatori e amministratori di gruppi online ha investigato le motivazioni, le finalità e i livelli di partecipazione. Un secondo studio, che ha riguardato i membri di cinque gruppi in Facebook, ha comportato la somministrazione di un questionario volto a esplorare alcune ipotesi di ricerca relative alla relazione tra tipologie di gruppi e dinamiche socio-relazionali, da un lato, e implicazioni professionali, dall’altro. I risultati mostrano che i manager di gruppi tendono a fondarli non solo per la condivisione di risorse professionali ma anche per ragioni etico- partecipative o sociali. I dati rilevati permettono anche di riscontrare l’esistenza di differenze tra diverse tipologie di gruppi, oltre all’attivazione di processi continui di contaminazione tra reale e virtuale in grado di dar vita a nuove iniziative professionali.

  10. PENDIDIKAN NILAI KEBANGSAAN MELALUI BUDAYA SEKOLAH DI SMA TARUNA NUSANTARA DAN SMA KOLESE DE BRITTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emmanuel Kus Eddy Sartono

    2016-10-01

    Full Text Available Penelitian ini bertujuan untuk menemukan pola pendidikan nilai kebangsaan hasil sintesis dari pola pendidikan nilai kebangsaan melalui budaya sekolah di SMA Taruna Nusantara dan SMA Kolese De Britto. Jenis penelitian ini adalah penelitian kualitatif-fenomenologi. Subyek penelitian adalah pengurus yayasan, kepala sekolah, wakil kepala sekolah, guru, siswa, karyawan dan orang tua. Data dikumpulkan melalui wawancara mendalam, observasi, dan dokumentasi. Teknik analisis data menggunakan model analisis interaktif, meliputi: reduksi data, penyajian data dan kesimpulan. Hasil penelitian menunjukkan bahwa ada perbedaan dan persamaan pola pendidikan nilai-nilai kebangsaan melalui budaya sekolah antara SMA Taruna Nusantara dengan SMA Kolese De Britto, meskipun demikian penelitian ini menemukan budaya sekolah efektif untuk membentuk karakter kebangsaan siswa. Sintesisnya penggabungan Sistem Among, cara Tutwuri Handayani, budaya kedisiplinan, Paradigma Pedagogi Ignasian, cura personalis dan budaya pendidikan bebas akan meningkatkan penanaman nilai kebangsaan siswa tidak sekedar pada ranah kognitif dan afektif tetapi sampai pada ranah perilaku kebangsaan.

  11. Progetto QUADIS (Qualit di Servizio)

    CERN Document Server

    Ferrari, T; Vistoli, C

    1999-01-01

    Le applicazioni distribuite di nuova generazione richiedono servizi di rete garantiti. La rete Internet fornisce tuttora un servizio di tipo ³best effort² e perciò non adatto a soddisfare le nuove esigenze che provengono dalle $9 applicazioni. E' necessario studiare nuove architetture che facciano interagire applicazioni e rete in modo più stretto per ottenere più garanzie di affidabilit ed efficienza.Questo documento introduce i concetti base della qualit di $9 servizio sulla rete e i meccanismi in fase di studio o di sperimentazione finora esistenti. Definisce inoltre un programma di lavoro che prevede l'analisi di alcune applicazioni specifiche dell'INFN e la sperimentazione di servizi di $9 rete QoS adatti all'applicazione in esame.Questo documento è allegato al progetto "QUAdiS" di Gruppo V.

  12. Paleogene and Neogene magmatism in the Valle del Cura region: New perspective on the evolution of the Pampean flat slab, San Juan province, Argentina

    Science.gov (United States)

    Litvak, Vanesa D.; Poma, Stella; Kay, Suzanne Mahlburg

    2007-09-01

    The Valle del Cura region is characterized by a thick volcanic and volcaniclastic sequence that records the Tertiary arc and backarc magmatic evolution of the Argentine Main Cordillera over the modern Pampean flatslab at 29.5-30°S. During the Eocene, a retroarc basin developed, represented by the Valle del Cura Formation synorogenic volcanosedimentary sequence, which includes rhyolites and dacitic tuffs. These silicic volcanic rocks have weak arc chemical signatures and high lithophile element concentrations and are isotopically enriched relative to the late Oligocene-early Miocene volcanic rocks that followed them. Their chemical characteristics fit with eruption through a thin crust. The Valle de Cura Formation was followed by the Oligocene-early Miocene Doña Ana Group volcanic sequence, which erupted at and near the arc front west of the border with Chile. The Doña Ana Group volcanic rocks have calc-alkaline chemical characteristics consistent with parental magmas forming in a mantle wedge and erupting through a normal thickness crust (35 km). Subsequent shallowing of the downgoing Nazca plate caused the volcanic front to migrate eastward. The volcanic sequences of the middle Miocene Cerro de las Tórtolas Formation erupted at this new arc front, essentially at the Argentine border. Two stages are recognized: an older one (16-14 Ma) in which magmas appear to have erupted through a normal thickness crust (30-35 km) and a younger one (13-10 Ma) in which the steeper REE pattern suggests the magmas last equilibrated with higher pressure residual mineral assemblages in a thicker crust. Isotopic ratios in the younger group are consistent with an increase in original crustal components and crust introduced into the mantle source by forearc subduction erosion. A peak in forearc subduction erosion near 12-10 Ma is consistent with when the main part of the Juan Fernandez Ridge began to subduct beneath the region. In addition to late Miocene Tambo Formation dacitic

  13. Consumo di pesce e salute.

    OpenAIRE

    Moretti, V.M.; Parisi, G.; A. Dal Bosco

    2014-01-01

    E’ oggigiorno universalmente riconosciuto che, in virtù del suo elevato valore nutrizionale, il consumo di pesce assume un ruolo fondamentale nella dieta dell’uomo. Il pesce è infatti un alimento facilmente digeribile, apportatore di proteine ad elevato valore biologico, di minerali, vitamine e soprattutto di acidi grassi polinsaturi, specie della serie omega-3. Al consumo di questi ultimi è attribuita una grande importanza nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e di altre numerose ...

  14. Elementi di chimica fisica

    CERN Document Server

    Atkins, Peter W

    1994-01-01

    Elementi di chimica physica mira a presentare i concetti e le tecniche basilari della materia. I primi trovano utilizzazione in molte altre branche della chimica - la biochimica, l'ingegneria chimica, e (sempre di più) le scienze biologiche e mediche - mentre la materia in sé mette a disposizione procedimenti idonei ad esprimere idee qualitative in forma quantitativa e verificabile.

  15. Elementi di fisica teorica

    CERN Document Server

    Cini, Michele

    2006-01-01

    Le idee e le tecniche della Fisica Teorica del XX secolo (meccanica analitica, meccanica statistica, relatività e meccanica quantistica non relativistica) non sono più appannaggio esclusivo dei fisici. Ormai, specialmente con la recente introduzione di nuovi corsi di laurea, le conoscenze di base rientrano nel bagaglio culturale comune ai laureati in materie scientifiche e tecnologiche affini alla Fisica e alle sue applicazioni. Un laureato in queste materie non può non conoscere l’equazione E=mc2 e la media di Gibbs; inoltre deve avere i concetti e i metodi fondamentali della meccanica quantistica che ha cambiato la concezione del mondo ed è alla base della rivoluzione tecnologica in corso. Eppure quelle idee rimangono distanti dal comune modo di pensare e richiedono molto studio e un insegnamento ben mirato. La trattazione in questo libro, è meno formale rispetto ai tradizionali corsi di Istituzioni di Fisica Teorica. Lo scopo è comunque quello di raggiungere una reale comprensione dei concetti fisi...

  16. Dommer Di og jomfrujagten

    DEFF Research Database (Denmark)

    Clausen, Søren

    2006-01-01

    Anmeldelse af den kinesiske eksilforfatter Dai Sijie's roman "Muo og de kinesiske jomfruer" (oversat fra fransk: Le complexe de Di, 2005). Udgivelsesdato: Forår 2006......Anmeldelse af den kinesiske eksilforfatter Dai Sijie's roman "Muo og de kinesiske jomfruer" (oversat fra fransk: Le complexe de Di, 2005). Udgivelsesdato: Forår 2006...

  17. Reti di città, mobilità e ambiente: il Preliminare di PTCP di Avellino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Gargiulo

    2010-02-01

    Full Text Available  L’articolo propone la lettura dei contenuti del Preliminare del PTCP di Avellino, un piano per molti aspetti innovativo, soprattutto per aver coniugato pianificazione di area vasta di tipo tradizionale e logica “strategica”. In particolare, l’articolo descrive idee guida, contenuti e strategie del piano orientate, prevalentemente, a stimolare lo sviluppo sostenibile di un’area in ritardo di sviluppo come la provincia irpina, attraverso la salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e storico-culturali, la costruzione di reti di medie e piccole città e reti di mobilità alle diverse scale, da quella urbana a quella internazionale, e interventi sul sistema della mobilità. Nel 2004, ormai più di cinque anni fa, è stato adottato, a maggioranza assoluta (solo due gli astenuti, il Preliminare di Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Avellino, dopo un lavoro di oltre due anni che ha visto impegnati gli uffici provinciali con due dipartimenti universitari. Il lavoro, che va ben oltre il significato e la valenza di un preliminare e che coniuga due pratiche di piano diverse (quella tradizionale e quella strategica ruota attorno a tre idee di fondo, tra loro strettamente interrelate, che costituiscono i criteri guida che finora ha inteso seguire la provincia di Avellino nell’attività di governo delle trasformazioni. Tali idee, quindi, costituiscono le fondamenta su cui è stato costruito il Preliminare e sono la griglia di specificazione delle strategie e degli obiettivi di piano. Esse sono alla base delle scelte elaborate per lo sviluppo compatibile del territorio, e sono riferibili alle azioni operative di trasformazione del territorio che gli Enti locali, cui è demandato tale compito, nel prossimo futuro dovranno affrontare. Le tre idee forza del Preliminare, descritte nel seguito, sono riferibili ai sistemi di risorse principali della provincia di Avellino, oggetto di una indagine analitico

  18. Lezioni di meccanica razionale con elementi di statica grafica

    CERN Document Server

    Sbrana, Francesco

    1950-01-01

    Elementi di calcolo vettoriale ; riduzione di un sistema qualunque di vettori applicati ; trattazione analitica dei sistemi di vettori applicati ; uso dei poligni funicolari per la composizione di più vettori applicati complanari ; vettori variabili ; cinematica del punto ; studio del moto di un punto in un piano in coordinate polari ; cinematica de sistemi rigidi ; moto di un sistema rigido con un punto fisso (moto rigido sferico) ; moto relativo ; sistemi di punti in general, vincoli ; concetti e postulati fondamentali della meccanica ; unità mecchaniche, omogeneità, modelli ; equilibrio di un punto e di un sistema di punti materiali ; statica dei solidi indeformabili (sistemi rigidi) ; sistemi deformabili, travature reticolari ; equilibrio dei poligoni funicolari e delle curve funicolari ; nozioni sull'attrito ; integrazione grafica ; baricentri ; momenti d'inerzia ; calcolo grafico dei momenti statici e dei momenti d'inerzia dei sistemi piani ; dinamica del punto libero ; dinamica del punto vincolato ;...

  19. Elaborazione didattica di Learning Objects.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available L’idea di un modello didattico problematico per la realizzazione di Learning Objects riprende i temi del problematicismo pedagogico e si impegna a definire un’ipotesi formativa complessa capace di valorizzare la possibile positiva compresenza integrata di strategie didattiche diverse (finanche antitetiche ma componibili in una logica appunto di matrice problematicista. Il punto di partenza del modello proposto è rappresentato dalla opportunità di definire tre tipologie fondamentali di Learning Objects, rispettivamente centrati sull’oggetto, sul processo e sul soggetto dell’apprendimento.

  20. MECCANISMI DI DECOMPOSIZIONE DI IEDROCARBURI SU CATALIZZATORE INTERMETALLICO E FOTOSTBILITA DEI PRODOTTI DI REAZIONE

    OpenAIRE

    SCOTTI, GIORGIO

    2011-01-01

    STUDIO DI INTERAZIONE TRA FASCI MOLECOLARI SUPERSONICI E SUPERFICIE PER LO STUDIO DELLA DECOMPOSIZIONE DI PROPANO SU CATALIZZATORE DI NDNI5. STUDIO DELLA FOTODISSOCIAZIONE A 248 NM DEL RADICALE ISOPROPILICO MEDIANTE SPETTROSCOPIA TRASLAZIONALE DEI FOTOFRAMMENTI.

  1. Il rifornimento della rete commerciale al dettaglio della Provincia di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marino de Luca

    2010-07-01

    Full Text Available Nella nota vengono sintetizzate le principali conclusioni cui è pervenuta una ricerca finanziata dalla Camera di Commercio di Napoli e realizzata da Uniontrasporti e dal dipartimento di Ingegneria dei trasporti della Federico II. Il lavoro ha riguardato il settore prevalente della city logistics e cioè il rifornimento di quegli esercizi della rete commerciale al dettaglio che non dispongono di organizzazioni autonome già oggi sotto controllo come, ad esempio, hanno la Grande distribuzione, il trasporto dei giornali, dei prodotti farmaceutici, degli ortofrutticoli ecc. Il lavoro è stato caratterizzato da alcune specificità: • è basato su una conoscenza quantitativa diretta della domanda di rifornimento merci nell’area metropolitana di Napoli ottenuta da una rilevazione campionaria sul campo (2000 interviste • si riferisce ad un’area metropolitana e non ad una singola città, prevedendo che una diversa organizzazione del rifornimento deve riguardare tutti gli esercizi del territorio sul quale operano le aziende del settore, territorio che, per le grandi città, coincide con l’area metropolitana • prevede la realizzazione di due tipologie di “nodi” nei quali effettuare manipolazione delle merci: centri merci inseriti negli interporti dell’area per i flussi provenienti o destinati in zone molto distanti (Italia del centro, del nord e del sud e transit point “di quartiere” dai quali partire per raggiungere il destinatario finale con mezzi a mano o ad emissione zero o anche con ritiro a cura del destinatario stesso. Le principali dimensioni della domanda desunte dall’indagine eseguita possono essere sintetizzate nelle seguenti cifre: 27.000 consegne/giorno-medio (0,87 per esercizio per 260.000 colli (9,72 a consegna su tutto il territorio della provincia; il 44% destinate alla città di Napoli, il 45% destinato al resto dell’area metropolitana di Napoli e l’11% al resto della provincia; il 34% proviene invece da

  2. Studio del comportamento di agenti di contrasto in campi ultracustici per tecniche di ecografia diagnostica

    OpenAIRE

    Biagioni, Angelo

    2011-01-01

    Il presente lavoro di ricerca è stato articolato intorno a temi attinenti l’ingegneria biomedica, riguardando, in particolare, lo studio del comportamento di agenti di contrasto in campi ultracustici per tecniche di ecografia diagnostica. Nell’ambito di tale settore scientifico, un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla diagnostica medica per immagini e in particolare dalle tecniche ecografiche. Queste ultime rappresentano un ottimo compromesso tra la pericolosità per l’organismo e l...

  3. Il ricordo di Bernardo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Full Text Available Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio, io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché l’amico DiEmidio aveva condiviso in tutto il tempo in cuiabbiamo lavorato insieme, ogni preoccupazione,tensione, soddisfazione e progettualità.Difficile, per me, è stato ricordarlo proprio ilgiorno dopo la sua morte, in apertura di unconvegno, con la platea piena della gentedell’Istituto e ognuno con gli occhi rossi, losgomento e la solitudine già forte della perditascolpita sul volto. L’abbiamo salutato lì, gli hodetto grazie e ciao da parte di tutti gli altri, manon l’abbiamo mai salutato davvero.Non l’ha ancora fatto nessuno di noi, echissà se lo faremo mai, perché da Bernardonon vogliamo separarci.Sulle pagine di questa rivista, che rendonomerito e onore a tanti ottimi professionisti,proprio su una rivista scientifica, che per ilnostro ambiente è il momento del confronto,spesso «della verità», voglio ricordareBernardo Di Emidio.Voglio ricordarlo all’intera comunitàscientifica per quel grande lavoratore che èstato, per quella piena fiducia che i suoicollaboratori gli davano, per quel bellissimo rapporto che con loro aveva saputo costruire,ricominciando ad ogni nuovo arrivo. Loro, isuoi collaboratori, l’hanno sostenuto fino allafine, hanno continuato a considerarlo il lorocapo, anche durante i momenti più brutti edurante gli ultimi.Non hanno mai fatto a meno del suoparere, della sua approvazione, non si sono allontanati, non si allontano nemmeno oggi, da quel solco di umanità e scientificità che Di Emidio, in anni e

  4. Os Saberes do Corpo: A âMedicina Caseiraâ e as PrÃticas Populares de Cura no Cearà (1860-1919).

    OpenAIRE

    Georgina da Silva Gadelha

    2007-01-01

    O presente trabalho de pesquisa busca refletir sobre as prÃticas populares de cura e a ciÃncia mÃdica no Cearà durante a segunda metade do sÃculo XIX. Tomamos o livro Medicina Caseira de Juvenal Galeno como fonte e objeto de anÃlise, uma vez que o livro se apresentou como uma produÃÃo inquietante, por se tratar de um livro de receitas caseiras, com prÃticas populares de cura, coletadas durante a segunda metade do sÃculo XIX e organizado em 1919, perÃodo em que a medicina cientÃfica no Cearà c...

  5. Estudo da reocinética de cura de resinas epoxídicas por meio de diferentes técnicas de análise

    OpenAIRE

    Mariane Martim Sobrosa Passos de Abreu

    2008-01-01

    As aplicações comerciais e científicas das resinas epoxídicas dependem diretamente da combinação entre resina/endurecedor/acelerador, tornando-o um sistema reativo bastante complexo, cuja determinação dos seus parâmetros de cura é um problema multivariável de tempo, temperatura e concentração de reagentes. É necessário o conhecimento de suas etapas de cura e de seu mecanismo cinético para obtenção das melhores propriedades mecânicas, elétricas e térmicas, com a finalidade de conseguir uma res...

  6. Cura de compósitos de sistemas epóxi via irradiação de micro-ondas.

    OpenAIRE

    Daniel de Freitas Kersting

    2014-01-01

    De modo geral, os ciclos de cura para resina epóxi demandam algumas horas e elevadas temperaturas. Em busca de novas soluções para a otimização de processos sem perda de qualidade, bem como a economia de energia, diversos processos de cura de resina epóxi não convencionais foram desenvolvidos ao longo dos anos. O uso de irradiação de micro-ondas teve início após a Segunda Guerra Mundial, com a invenção do RADAR. A radiação de micro-ondas é uma radiação não-ionizante, com bom poder de penetraç...

  7. Fabio Corbisiero (a cura di, Comunità omosessuali. Le scienze sociali sulla popolazione LGBT, FrancoAngeli Editore, pp. 287

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Antonietta Selvaggio

    2013-10-01

    Full Text Available The book review shall examine the work Comunità omosessuali. Le scienze sociali sulla popolazione LGBT (Homosexual community. The social sciences on the LGBT population, Fabio Corbisiero (ed., offering a detailed survey of the points of view expressed by various disciplines on issues related to LGBT people’s identity and rights in a heterosexist society. It is highlighted the critical and proactive approach with which the male and female authors of the fifteen essays in the volume analyze homosexuality as a plural condition, spread and mobile of the  human existence. What that is exceeded in the theory and practice is the dichotomous homosexuality/ heterosexuality principle which for long time structured the social knowledge, ensuring an effective instrument of control and social order. Nowadays, the instance that is imposed on the planes of the knowledge and reality is that of a necessary "pluralization", without which it can’t be guaranteed a  true citizenship to people and homosexual communities.

  8. Beyond the Soundtrack: Representing Music in Cinema, a cura di Daniel Goldmark, Lawrence Kramer e Richard Leppert, Berkeley, University of California Press, 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Finocchiaro

    2012-11-01

    Full Text Available Beyond the Soundtrack: Representing Music in Cinema (edited by Daniel Goldmark, Lawrence Kramer and Richard Leppert, Berkeley, University of California Press, 2007, viii-324 pp. offers sixteen essays of various authors about film music. These papers were presented in 2004 in a study congress at the University of Minnesota. In introducing the book, the editors assert an assumption, today broadly accepted: indeed they affirm, that music has traditionally been regarded as a subordinate element in cinematographic text: film music literature still has a marginal position in the much larger field of film studies which focuses on image, narrative, film history. In this theoretical and historiographic context, the expression “Beyond the Soundtrack” is meant to be more than a title: it is the manifesto of a conceptual shift. We can summarize this change in reconsidering the importance of film music, in order to understand a movie not only as a visual, but also as a musical medium. The change of paradigm brings renewed questions and completely new issues. If we abandon the assumption, at this point obsolete, that film music has a mere functional role, it will be necessary to ask not how to conceptualize the use of music in film, but rather how the film conceptualizes music: how films imagine music, how films represent music as an artistic and social phenomenon, and how films position music as an integral parts of a fictional world. Such questions aim to consider film music not as an atmospheric expedient, but «as an agent, a force, and an object engaged in ongoing negotiations with image, narrative, and context», as the editors assert at the very beginning of their book.

  9. Cacciatori di particelle

    CERN Document Server

    Ne'eman, Yuval

    1988-01-01

    Capostipite dei "cacciatori di particelle" fu J.J. Thomson, il quale nel 1897 scoprì la prima particella subatomica, l'elettrone. Poco dopo, negli anni tra il 1910 e il 1932, veniva rivelata la natura del nucleo atomico, grazie al lavoro di Rutherford. Partendo da queste prime storiche conquiste della fisica, gli autori introducono gradualmente il lettore nel micromondo delle particelle: dall'elettroscopio a foglie d'oro al dualismo onda-particella, all'enigma di una asimmetria destra-sinistra in natura, all'invenzione dei grandi acceleratori. Poi tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta, l'esplosione di nuove specie particellari sembra vanificare ogni speranza di spiegazione. Lo schema di classificazione introdotto nel 1964 da Ne'eman (e, indipendentemente, da Gell-Mann), pone fine a tale confusione, consentendo una sistemazione coerente: quella che porta al concetto di quark e alle ultime conquiste, teoriche e sperimentali. Oggi, che i fisici sono divenuti più "coltivatori" che "cacciatori...

  10. Note di fotonica

    CERN Document Server

    Degiorgio, Vittorio

    2012-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le più importanti applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blue-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali, l’illuminazione con i LED e la chirurgia. Questo volume ha come obiettivo quello di colmare un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Lo scopo principale è quello di esporre in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, e di descrivere i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplificatori, i modulatori e i rivelato...

  11. O custo da cura: vivências de conforto e desconforto de mulheres submetidas à braquiterapia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Míbsam Lysia Carvalho Alves Soares

    2016-06-01

    Full Text Available RESUMO Objetivo: Descrever as vivências de conforto e desconforto de mulheres que se submeteram à braquiterapia para tratamento de câncer do colo uterino. Métodos: Estudo qualitativo, desenvolvido em 2013, embasado na Teoria do Conforto de Kolcaba e realizado por meio de entrevistas semiestruturadas com oito mulheres que concluíram o tratamento há, no mínimo, seis meses. Resultados: Sobressaíram os seguintes desconfortos: dor do procedimento e dos efeitos pós-tratamento, no contexto físico; medo do desconhecido e do sofrimento, falta de acompanhante, estresse por sentir-se constrangida durante o tratamento, baixa autoestima e trauma psicológico pós-terapia, no contexto psicoespiritual. As medidas de conforto consistiram no diálogo com o profissional, administração de medicações e uso da fé e espiritualidade. Conclusão: Os resultados oferecem subsídios para a prática de profissionais de saúde em relação aos confortos e desconfortos que merecem ser alvo de intervenções na assistência à mulher com câncer.

  12. Predicazione e cura pastorale. I Sermoni della clarissa veneziana Chiara Bugni (1471-1514

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Zarri, Gabriella

    2012-06-01

    Full Text Available This article analyzes the Sermons of the Venetian Clarissian nun Chiara Bugni (1471-1514 based on a recent edition of the Libro della beata Chiara, composed in the mid-sixteenth century. The sermons document the practice of the preaching of the abbess of the monastery and they are distinct from the visions and revelations affi rmed in the Vita composed by her confessor. This confi rms a double function of feminine preaching: that of the prophetess, oriented outward, and that of an ex officio kind of a hortatory and pastoral character.[it] Si analizzano i Sermoni della clarissa veneziana Chiara Bugni (1471- 1514 a partire dalla recente edizione dal Libro della beata Chiara, composto alla metà del Cinquecento. I Sermoni documentano la prassi della predicazione dell’abbadessa all’interno del monastero e sono distinte dalle visioni e rivelazioni affi date alla Vita composta dal confessore. Si conferma così una duplice funzione della predicazione femminile: quella profetica, rivolta all’esterno, e quella ex officio di carattere esortativo e pastorale.

  13. LA PRATICA E LA GRAMMATICA: CHERUBINI GLOTTODIDATTA E AUTORE DI MANUALI PER LA SCUOLA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michela Dota

    2016-09-01

    Full Text Available Questo contributo considera la produzione cherubiniana di manuali allestiti per i maestri delle scuole elementari nel Regno Lombardo-Veneto post-napoleonico. Dopo aver individuato il corpus, l’analisi profila gli obiettivi e il contenuto di questi testi, nonché il metodo glottodidattico per veicolarli, comprese alcune tecniche avanguardistiche di feedback correttivo, ritenute proficue per il buon esito dell’interazione didattica. Dunque se ne osserverà l’applicazione per le micro-competenze dell’ortografia e dell’ortoepia, in quanto settori inerenti all’attività lessicografica del Cherubini, e il secondo, in particolare, in quanto testimonianza della cura didattica per un italiano parlato locale pre-unitario.  Practice and grammar: Cherubini as language teacher and author of textbooks This paper considers Cherubini’s textbooks, written for primary schoolteachers in the Lombardo-Venetian region during the post-Napoleonic Era. After selecting the corpus, the analysis outlines the objectives and content of these textbooks as well as the language teaching method, which featured some avant-garde techniques like corrective feedback, aimed at augmenting the efficacy and success of teaching interaction. The application of these techniques to develop correct pronunciation and good spelling skills will be observed. These fields are significant because they are related to Cherubini’s lexicographical work, proof the attention placed on teaching a local spoken Italian before Unification.

  14. Intervento di replica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianluigi Rossini

    2013-12-01

    Full Text Available Già dalla discussione che si sta sviluppando su questa rivista intorno al libro di Antonello credo si veda bene una contrapposizione che mi capita spesso di rilevare nel dibattito nostrano: da un lato la sacrosanta irritazione verso un certo conservatorismo di sinistra e verso la lamentosa condanna “crisologica” della contemporaneità, atteggiamenti tanto diffusi quanto sterili; dall’altro una condivisibile preoccupazione: non diventeremo, per dirla con Milan Kundera, gli «allegri alleati dei nostri stessi becchini»? Nell’affrancarci da posizioni che sembrano obsolete, cosa ci rimane da contrapporre al dominio dell’ideologia mercantile e brutalmente quantitativa del neoliberismo?

  15. Métodos de estudo da cinética de cura de resinas epóxi Study methods of the cure reaction kinetics of epoxy resins

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michelle L. Costa

    1999-06-01

    Full Text Available Nas últimas décadas tem-se estudado a cinética da reação de cura de resinas epóxi por meio de técnicas analíticas como por exemplo a calorimetria exploratória diferencial. O uso desta técnica permite utilizar vários métodos de estudo da cinética de cura, divididos em: métodos dinâmicos e isotérmicos, e cada pesquisador escolhe o que melhor se adapta às suas necessidades. O presente trabalho tem como objetivo orientar na escolha de qual método deve ser utilizado, em função dos sistemas poliméricos em estudo, bem como sumarizar os principais métodos utilizados, auxiliando, dessa forma, no estudo da cinética de cura de resinas epóxi.The cure reaction kinetics of epoxy resins has been the object of many studies during the last decades. The cure process parameters can be obtained by using isothermal and dynamic differential scanning calorimetry analysis (DSC. The choice of the most suitable method depends on the requirements established by the researcher regarding the extent of the reaction. The main objective of the present work is to provide guidelines for the most appropriate method to be used in cure kinetics studies of epoxy matrix systems.

  16. La cura chamánica: una interpretación psicosocial The shamanic cure: a psychological interpretation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Blanca Pelcastre-Villafuerte

    1999-05-01

    Full Text Available Este trabajo constituye básicamente un análisis teórico de la cura chamánica en el que se propone la comunicación como base del proceso de curación, descrito este último a partir de los actos comunicativos, con énfasis en la interpretación de los elementos simbólicos. Se da cuenta de la dimensión en la cual se inscribe este proceso, la modalidad lingüística que se emplea, el tipo de relación que se establece entre el/la chamán, el/la paciente y el grupo, la manera como se construye una realidad simbólica compartida, la visión de mundo del chamán y el efecto que tiene sobre las personas. Se toma el enfoque psicosocial como marco interpretativo y se propone una explicación en términos de la fundación de un acto comunicativo como escenario donde se construye una realidad simbólica, constituida por la cura propiamente, a la que ingresa el paciente en cada sesión. Se analiza la visión mágica del chamanismo y su influencia sobre el proceso salud-enfermedad.The present paper is basically a theoretical analysis of the shamanic cure, which proposes communication as the basis of the healing process. This process is described as a communicative act focusing on the interpretation of symbolic elements. The context is the social dimension in which the process is inscribed, the linguistic mode employed, and the type of relationship established between the shaman, the patient and the people. We also recount the way in which a shared symbolic reality is built, and how the shaman's world view has important effects on people. The interpretative framework is the psychosocial focus and an explanation is offered in terms of the establishment of a communicative act as a scenario in which the symbolic reality is constructed, and in itself constitutes the cure into which the patient enters every session. The magical vision of shamanism is analyzed and its influence on the health-illness process.

  17. Stratigraphy, sedimentology, and geothermal reservoir potential of the volcaniclastic Cura-Mallín succession at Lonquimay, Chile

    Science.gov (United States)

    Pedroza, Viviana; Le Roux, Jacobus P.; Gutiérrez, Néstor M.; Vicencio, Vladimir E.

    2017-08-01

    The Tolhuaca Volcano near Lonquimay in south-central Chile has been the subject of several studies due to its geothermal manifestations, but little is known about the stratigraphy and reservoir potential of the Cura-Mallín Formation forming its basement. Field work and U-Pb dating of detrital zircons allow us to redefine this succession as the Cura-Mallín Group, consisting of the volcano-sedimentary Guapitrío Formation, sedimentary Río Pedregoso Formation, and volcano-sedimentary Mitrauquén Formation. The Río Pedregoso Formation can be subdivided into three formal units, namely the Quilmahue Member, Rucañanco Member, and Bío-Bío Member. The base of the Quilmahue Member interfingers laterally with the base of the Guapitrío Formation, for which a previous K/Ar date of 22.0 ± 0.9 Ma was apparently discarded by the original authors. However, this date is consistent with the stratigraphic position of the Quilmahue Member and new zircon dates from the overlying units, also coinciding with the initiation of an extensional phase in the Bíobío-Aluminé Basin. Deposition of the Quilmahue Member continued throughout the early Miocene, as confirmed by dates of 17.5 Ma reported by previous authors and 16.5 Ma obtained in this study. The Rucañanco Member was deposited during the Serravalian around 12.6 Ma, whereas the Bío-Bío Member was dated at the Serravalian-Tortonian limit (11.6 Ma). Although all three members were deposited in a fluvio-lacustrine environment, they were dominated respectively by flood plains with crevasse splays, lake margins with distributary mouth bars and Gilbert-type deltas, and distal braided and meandering rivers. Whereas the Quilmahue Member was deposited during basin extension, the Rucañanco Member was formed during a period of basin inversion and compression. Temporary tectonic quiescence during deposition of the Bío-Bío Member allowed denudation of the landscape, but around 9.5 Ma tectonism was renewed again during deposition of

  18. Sistema geotermal de despoblados determinado a partir de datos magnetotelúricos, valle del Cura, San Juan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hernan Barcelona

    2014-12-01

    Full Text Available El Valle del Cura se emplaza dentro de un sistema de corrimientos N-S en la alta cordillera de San Juan. Este valle presenta manifestaciones geotermales variadas destacándose los manantiales hipertermales de Despoblados. El objetivo de este trabajo fue estudiar el fenómeno geotermal mediante magnetotelúrica de alta resolución para resolver la geometría del sistema en profundidad. Se midió alta frecuencia (1000 - 10 Hz en 47 sitios y banda ancha (10 - 0,03 Hz en 18 sitios. Se efectuó un procesamiento robusto de la señal y un análisis estándar de sus propiedades. Inversiones 2-D permitieron caracterizar la distribución de la resistividad eléctrica del subsuelo mediante 5 modelos luego integrados en uno pseudo 3-D. Los modelos definen dos anomalías conductivas, una de ellas directamente vinculada con los manantiales calientes y la otra sin expresión superficial. Ambas evidencian un fuerte control estructural y una circulación profunda de fluidos geotermales. El modelo del sistema geotermal propuesto para Despoblados implica zonas de surgencia tipo plumas canalizadas por las fallas que controlan la geometría del valle y zonas de recarga asociadas a los corrimientos principales, por donde se infiltra agua meteórica. No existe evidencia de un nivel estratigráfico somero que conforme el reservorio, aunque no se descarta la existencia de uno más profundo. La circulación profunda de fluidos bajo un gradiente geotérmico normal favorecería la convección, aunque no se descarta que esté localmente controlada por una anomalía térmica remanente del volcanismo del Cerro de Vidrio (1,5Ma. Finalmente, se abren interrogantes sobre la existencia de un sistema geotermal mayor que integre todas las manifestaciones de Valle del Cura.

  19. Elementi di trasmissione del calore

    CERN Document Server

    Guglielmini, Giovanni

    1990-01-01

    Introduzione ; concetti fondamentali di conduzione termica ; conduzione termica in regime stazionario ; conduzione termica in regime variabile ; analisi numerica nei problemi do conduzione ; concetti fondamentali di convezione termica ; convezione forzata ; convezione naturale ; scambio termico in ebollizione e condensazione ; concetti fondamentali di radiazione termica ; scambio termico per radiazione ; scambiatori di calore ; problemi termici negli edifici.

  20. Album di famiglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Donati

    2016-11-01

    Full Text Available In un articolo del 1821 dedicato al grande satirico tedesco Jean Paul, Thomas de Quincey – il celebre autore di Confessions of an English opium-eater, libro amatissimo da Baudelaire e Poe – asseriva che «[...] in ogni atto dell'umore umoristico c'è un influsso di natura morale: raggi, diretti e rifratti, generati dalla volontà e dagli affetti, dall'indole e dal temperamento, penetrano in ogni umorismo; e da qui deriva che l'umorismo è di carattere diffusivo, pervadendo un intero corso di pensieri». Un'osservazione che mi pare consentanea al panorama tracciato da Giancarlo Alfano ne L'umorismo letterario. Una lunga storia europea, volume dove...

  1. Manuale di ottica

    CERN Document Server

    Giusfredi, Giovanni

    2015-01-01

    Questo libro costituisce un fondamento solido per la conoscenza dell’Ottica Fisica, presentando vari modi di trattare la propagazione di onde elettromagnetiche e indicando quali siano i metodi utili a specifici casi. Iniziando dall’elettromagnetismo, la riflessione, la rifrazione e la dispersione delle onde, espone argomenti quali l’Ottica Geometrica, l’Interferenza, la Diffrazione, la Coerenza, i fasci Laser, la Polarizzazione, la Cristallografia e l’Anisotropia. Tratta componenti ottici come lenti, specchi, prismi, interferometri classici, Fabry-Perot e cavità risonanti, multistrati dielettrici, filtri interferenziali e spaziali, reticoli di diffrazione, polarizzatori e lamine birifrangenti. Vi sono inoltre argomenti poco reperibili, come il metodo delle matrici 4x4 per lo studio di fronti d’onda generalmente astigmatici, i metodi numerici tramite FFT per il calcolo della diffrazione, e la Bi-anisotropia, che tratta relativisticamente l’attività ottica e gli effetti Faraday e Fresnel-Fizeau....

  2. Stili di pensiero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Robert Sternberg

    1996-01-01

    Full Text Available Discussioni degli stili dell’autogoverno mentale e le potenzialita' che presentono per comprendere meglio i vari modi di pensare e apprendere e a scoprire le nostre preferenze individuali.

  3. Appunti di meccanica relativistica

    CERN Document Server

    Cattaneo, Carlo

    1972-01-01

    Gli assiomi della fisica classica ; esame di alcuni esperimenti ottici alla luce dei principi della fisica classica ; i fondamenti generali della relatività ; conferme sperimentali della cinematica relativistica ; dinamica del punto materiale.

  4. Il libro di fisica

    CERN Document Server

    Asimov, Isaac

    1986-01-01

    Isaac Asimov, illustre studioso e brillante divulgatore scientifico, ma anche grandissimo scrittore di science fiction, ha costruito questa volta una vera e propria «biografia delle scienze fisiche». Il presente volume, che nel mondo anglosassone è diventato una «bibbia della fisica», ci introduce, in forma semplice ma rigorosa, ai segreti dei quasar e dei buchi neri, dei quark e degli acceleratori di particelle, dell'intelligenza artificiale e delle fonti di energia, sia essa quella «sporca» sia quella «pulita». Un vero, completo manuale, ma anche un «romanzo» affascinante sia per il profano sia per l'uomo di scienza.

  5. Note di fotonica

    CERN Document Server

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  6. A theological model for pastoral anthropology within the dynamics of interculturality: Cura animarum and the quest for wholeness in a colo-spirituality

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniël J. Louw

    2012-11-01

    Full Text Available Healing is embedded in relational and systemic networks. In order to heal life (cura vitae human relationships as determined by paradigms (patterns of thinking and conceptualisation emanating from cultural settings, should be healed. In order to apply a holistic approach to healing in pastoral therapy, a systemic, relational and qualitative interpretation of soul in cura animarum [cure and care of human souls] was proposed. The notion of a colo-spirituality [spiritual culture] was developed in order to link interculturality to the trans-cultural notion of grace (the eschatological paradigm. The latter is the prerequisite for an intimate space of unconditional love in order to heal the quality of our human identity and attitude or habitus [being functions] within the existential realities of life (i.e. anxiety, guilt or shame, despair, helplessness or vulnerability, anger.’n Teologiese model vir ’n pastorale antropologie binne die dinamika van interkulturaliteit: Colo-spiritualiteit as integrale pastorale terapie binne cura animarum. Die konsep van heling is ingebed binne relasionele en sistemiese netwerke. Ten einde die lewe self te genees (cura vitae moet menslike verhoudinge soos wat dit bepaal word deur paradigmas (patrone van rasionele denkkonstrukte en kulturele kontekste genees word. Ten einde ’n omvattende en integrale benadering tot pastoral terapie te volg, word ’n sistemiese, relasionele en kwalitatiewe verstaan van die menslike siel in ’n pastorale model vir cura animarum voorgestel. Ten einde ’n interkulturele benadering in pastorale terapie te volg en heling te verbind met die trans-kulturele konsep van genade (die eskatologiese paradigma word die konsep van ’n colo-spiritualiteit ontwikkel. Die verstaan van genade as ’n transkulturele konsep is nodig met die oog op die vestiging van ’n ruimte van onvoorwaardelike liefde wat die kwaliteit van menswees en houdinge (habitus binne verskillende eksistensi

  7. cimitero di Praga' di Umberto Eco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Grazia Cossu

    2012-12-01

    Full Text Available Examples of Cultural Anti-Semitism in Umberto Eco’s Novel Il cimitero di PragaThe article draws upon Umberto Eco’s recent novel, Il cimitero di Praga, in the consideration of the relationship between narrative fiction and the collective imagination in regards to the genesis and dispersion of The Protocols of the Elders of Zion in the second half of the nineteenth century. A dangerous and mysterious text, The Protocols evoked general clamor and persecutory backlash, as it appeared to document the existence of a Judeo-Masonic conspiracy.In the work, the author also reconstructs sources of the fictional text and traces the historical, political and editorial events surrounding it, plunging into them with a gritty and irreverent realism in a chronicle of the obsession that flowed into the madness of the Shoah.Treating the subject, which is found elsewhere in the scholar’s oeuvre, requires mention of the repertoire of prejudicial accusations against the Jews throughout history, which creates, toward the end of the book, a heated and contentious debate regarding whether such delicate and reckless statements should even be made public at all. This article questions the authorial strategy in Il cimitero di Praga, and considers the novel’s literary agenda, which can be almost interpreted as a call for vigilance against manifestations of anti-Semitism still present in today’s cultural imagination.

  8. ProCura - a arte da vida: um projeto pela humanização na saúde

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leticia Rosevics

    Full Text Available As modificações da medicina tornaram o conhecimento biomédico soberano, gerando a perda da relação médico-paciente, o que fomentou o movimento pela humanização. Na Universidade Federal do Paraná (UFPR, formou-se o projeto de extensão "ProCura - a arte da vida", a fim de implementar a humanização entre os alunos e em suas relações profissionais. Seus objetivos se baseiam nos pilares: relação estudante-paciente, relação estudante-estudante e formação teórico-reflexiva, e se subdividem nos grupos Cineclube, Clown e Contação de Histórias. De 2010 a 2012, 79 alunos participaram e atenderam 905 pacientes, 505 acompanhantes e 107 funcionários. Apesar de limitações de alcance no que concerne a atingir todos os alunos do Setor de Ciências da Saúde, o projeto pretende fomentar a discussão entre grupos e que seus ideais e atividades se espalhem e permeiem o meio acadêmico.

  9. El volcanismo del complejo Marifil en Arroyo Verde, vertiente suroriental del Macizo de Somún Cura, Chubut

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcelo J Márquez

    2010-05-01

    Full Text Available Se describen en este trabajo las facies volcánicas pertenecientes al Complejo Marifil que afloran en la localidad de Arroyo Verde, vertiente suroriental del macizo de Somún Cura, provincia del Chubut. Se discriminan facies de ignimbritas riolíticas, brechas piroclásticas, domos y domos vítreos traquíticos y diques riolíticos. Las relaciones de campo indican que las ignimbritas fueron el primer evento eruptivo que se alternaron con esporádicas coladas de bloques y cenizas. Luego se produjo la intrusión de las facies dómicas y por último la de los diques riolíticos. Las facies descriptas tienen composiciones que varían entre riolitas y traquitas con altos contenidos de K, característicos de las rocas pertenecientes a este complejo. Teniendo en cuenta las características observadas se propone un mecanismo fisural de erupción en esta localidad.

  10. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Niccolò Scaffai

    2012-04-01

    Full Text Available A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista, che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitazione», «copia», «plagio psichico», o addirittura di «sottrazione di manoscritto»

  11. Stress indotto dalla guida di autoveicoli: studio di parametri psicofisiologici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Vivoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    La guida di un autoveicolo, specie in condizioni di intenso traffico o di cattive condizioni meteoclimatiche, è considerata uno dei principali fattori stressanti della vita odierna. Durante la guida si possono infatti osservare significative risposte simpatoadrenergiche e cardiovascolari con la comparsa anche di episodi coronarici. Tali risposte presentano un’ampia variabilità interindividuale in quanto sono influenzate da vari fattori (stile di vita, personalità etc..

    In questa rassegna, vengono presentati i principali risultati degli studi da noi condotti sulle risposte psicofisiologiche indotte dalla guida di diversi tipi di autoveicoli. In conducenti di autobus urbani è stato registrato un sensibile aumento del tasso urinario di adrenalina durante il turno lavorativo rispetto alla stessa fascia oraria di un giorno di riposo. Tale risposta adrenergica era esaltata dall’abitudine tabagica e dall’assunzione di caffè e bevande alcoliche. In soggetti che alla guida di camion coprono lunghe distanze, i più elevati tassi urinari di catecolamine e i più alti livelli di frequenza cardiaca sono stati registrati quando la guida era particolarmente stressante per la presenza di nebbia o di intenso traffico. In soggetti che partecipano, a livello amatoriale, a manifestazioni agonistiche di velocità su pista, abbiamo osservato che durante la gara, rispetto al periodo pre-gara, l’escrezione urinaria di catecolamine aumenta in misura molto rilevante. Analogamente a quanto osservato in autisti di camion, l’attivazione del sistema adrenergico è risultata direttamente associata ai livelli di ansietà. Dall’elettrocardiogramma dinamico è emerso che durante la gara la frequenza cardiaca raggiunge un valore medio di 163.5±7.4 battiti/min. (range: 146,180 battiti/min..

    Un significativo peggioramento della percezione visiva stereoscopica, con potenziale ricaduta negativa sulla performance dei guidatori, è stato osservato in

  12. La Madonna delle Grazie di San Pietro di Silki. Problemi di un’iconografia mariana

    OpenAIRE

    Maria Grazia Scano Naitza

    2012-01-01

    Il piccolo simulacro in terracotta policroma della Madonna con il Bambino della chiesa di S. Pietro di Silki a Sassari, venerato come Madonna delle Grazie , pone problemi riguardo sia all’intitolazione, solitamente riferita alla Virgo lactans  e qui ad indicare il suo ruolo di mediatrice di grazie, sia alla datazione. Secondo le fonti agiografiche la statuetta, sepolta da secoli, fu ritrovata scavando su indicazione di Bernardino da Feltre presso una colonna stazionaria crollata nel 1472 su u...

  13. ll paesaggio agrario italiano: nuove forme di analisi. Il caso di studio del Comune di Roma.

    OpenAIRE

    Di Somma, Andrea

    2016-01-01

    Il seguente contributo si pone l'obiettivo di fornire strumenti utili a descrivere l'attuale struttura del paesaggio agrario italiano attraverso l'impiego del Corine Land Cover 2006, un programma in grado di offrire una visione organica e completa dell'evoluzione di un territorio. I risultati prodotti hanno permesso di elaborare una sintesi cartografica e statistica per la comprensione dei fenomeni riguardanti la struttura paesaggistica agraria italiana a scala regionale. La produzione di que...

  14. Elementi di interfaccia per l’analisi di strutture murarie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jessica Toti

    2009-04-01

    Full Text Available Il presente articolo riguarda la modellazione del comportamento meccanico di elementi in muratura intesi come sistemi eterogenei composti da malta, blocchi ed interfacce di connessione. La strategiacomputazionale che viene adottata consiste nel modellare separatamente i blocchi, i letti di malta ed le interfacce responsabili di fenomeni di decoesione malta-blocco; a tale scopo, si propone uno speciale modello di interfaccia che combina il danneggiamento con l’attrito. Si sviluppa una procedura numerica, basata sull’algoritmo backward di Eulero, per risolvere il problema evolutivo; per il passo temporale si utilizza invece la tecnica predictor-corrector a controllo di spostamenti. Si effettuano alcune applicazioni numeriche con lo scopodi verificare la capacità del modello e dell’algoritmo proposto nel riprodurre la risposta non lineare della muratura dovuta a fenomeni di degrado localizzati. Infine, si conduce lo studio della modellazione di un arco murario, confrontando i risultati numerici con quelli sperimentali; si dimostra la abilità del modello proposto nel simulare il comportamento globale della struttura ad arco in termini di carico ultimo e di meccanismo di collasso.

  15. In ricordo di Vittorio Bianchi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Cutolo

    2011-09-01

    Full Text Available Vittorio Bianchi fu Ernesto e fu Mary Sbertoli naque a Cogoleto (Genova il 17 febbraio 1919. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova nel 1943 con lode fu Allievo interno della Clinica Medica di Genova negli anni 1942 e 1943, Assistente Volontario alla Clinica Medica di Perugia, quindi della Clinica Medica di Genova negli anni seguenti dove fu nominato Assistente di ruolo per concorso nel 1950. Successivamente Assistente di ruolo alla Patologia Medica diretta dal prof. Aminta Fieschi nel periodo 1954- 1969....

  16. Gli atomi di Boltzmann

    CERN Document Server

    Lindley, David

    2002-01-01

    Ludwig Boltzmann (1844-1906) è il fisico e matematico austriaco che negli ultimi decenni dell'Ottocento e ancora ai primi del Novecento lottò contro l'opinione dominante tra gli scienziati dell'epoca per affermare la teoria atomica della materia. È noto come con Albert Einstein e fino a oggi la fisica si sia sviluppata e abbia celebrato i propri trionfi lungo le linee anticipate da Boltzmann. La controversia con Mach non riguardava soltanto l'esistenza degli atomi, ma l'intero modo di fare fisica che Boltzmann non riteneva di dover limitare allo studio di quantità misurabili, introducendo invece spiegazioni più elaborate basate su ipotesi più ampie.

  17. Relationship between anthropogenic impacts and bleaching-associated tissue mortality of corals in Curaçao (Netherlands Antilles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    I Nagelkerken

    2006-12-01

    Full Text Available Chronic anthropogenic impacts can have a negative effect on coral health and on coral energy budgets needed for regeneration of lesions. I therefore hypothesise that during massive bleaching events, the degree of corals showing bleaching-related tissue mortality is higher in areas subject to chronic anthropogenic impacts than in relatively pristine areas. In the present study, the degree of bleaching and bleaching-related tissue mortality was estimated for eight abundant coral species in Curaçao, at the onset of a massive Caribbean bleaching event in 1995, and three months afterwards. To study the possible effects of anthropogenic disturbances, the study was done at four unpolluted control sites, two polluted sites (sedimentation, sewage, and four sites at the mouth of lagoons with outflow of nutrient-rich, warm and turbid seawater. No pattern of an overall difference in bleaching between impacted and control sites was found for the degree of bleaching. However, the percentage of corals showing bleaching-related tissue mortality was higher at the impacted sites than at the control sites for the total number of corals and for corals with Los impactos antropogénicos crónicos pueden tener efectos negativos en la salud y en las cantidades de energía necesarias para la regeneración de lesiones en los corales. Mi hipótesis fue que durante los casos de blanqueamiento masivo, el grado en que los corales muestren mortalidades de tejido relacionadas con el blanqueamiento, será mayor en áreas sujetas a impactos antropogénicos crónicos que en áreas relativamente prístinas. Estimé los grados de blanqueamiento y mortalidad tisular en ocho especies de coral abundantes en Curaçao, durante el comienzo de un de blanqueamiento masivo en el Caribe en 1995 y tres meses después. El estudio se realizó en cuatro sitios control no contaminados, dos sitios contaminados (sedimentación, aguas residuales, y cuatro sitios en la boca de lagunas con aguas

  18. Investimento em unidades de cura para tabaco tipo Virginia = Investments in tobacco curing barn for Virginia variety

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ricardo Luiz Boettcher

    2017-01-01

    Full Text Available A fumicultura na região Sul do Brasil está fundamentada no sistema integrado de produção. Ao longo do processo produtivo, há a necessidade de utilização de unidades de cura e secagem (estufas, sendo um investimento oneroso ao produtor. Dois sistemas de estufas predominam e de funcionamento distintos, os de estufas convencionais (convecção natural do ar e com circulação forçada do ar. O sistema de circulação forçada é o modelo preferido pelos produtores que optam por fazer novos investimentos. A decisão em investir demanda criteriosa análise da viabilidade econômica por parte do produtor, para minimizar risco de endividamentos. O objetivo do trabalho foi determinar a viabilidade financeira de unidades de cura para tabaco nas modalidades de financiamento com juros de crédito rural e juros de crédito rural subvencionados. As ferramentas financeiras utilizadas foram Valor Presente Líquido [VPL], Taxa Interna de Retorno [TIR], payback simples e análise de sensibilidade do investimento em relação à variável produtividade (kg ha-1. Utilizando taxa mínima de atratividade [TMA] 7,16%, o investimento não apresenta viabilidade econômica nas duas modalidades de juros, considerando a produtividade média histórica, o modelo de estufa selecionado e prazo de amortização. A análise de sensibilidade confirmou a produtividade (kg ha-1 como fator determinante da viabilidade do projeto. O incremento de >10% na produtividade média, reverte o quadro e o projeto passa a ser economicamente viável nas duas modalidades de juros de amortização do investimento. = The tobacco production in the south of Brazil is based on the integrated production system. Along with this system, there is a need to use curing barn to cure and dry, bringing an expensive investment for farmers. Two distinct curing systems are predominant which are the conventional (convection and air force circulation system. The air force system is the preferred model by

  19. Spatiotemporal and species-specific patterns of diseases affecting crustose coralline algae in Curaçao

    Science.gov (United States)

    Quéré, G.; Steneck, R. S.; Nugues, M. M.

    2015-03-01

    Distribution and abundance of coral diseases have been well documented, but only a few studies considered diseases affecting crustose coralline algae (CCA), particularly at the species level. We investigated the spatiotemporal dynamics of diseases affecting CCA along the south coast of Curaçao, southern Caribbean. Two syndromes were detected: the Coralline White Band Syndrome (CWBS) previously described and the Coralline White Patch Disease (CWPD) reported here for the first time. Diseases were present at all six study sites, and our results did not reveal a relationship between disease occurrence and human influence. Both diseases were more prevalent on the shallower reef flat than on the deeper reef slope, and during the warm/rainy season than during the cold/dry season. The patterns observed were consistent with a positive link between temperature and disease occurrence. Reef flat communities were dominated by Neogoniolithon mamillare and Paragoniolithon solubile, whereas deeper habitats were dominated by Hydrolithon boergesenii. Diseases affected all the species encountered, and no preferable host was detected. There was a significant relationship between both disease occurrences and CCA cover. Monitoring of affected patches revealed that 90 % of lesions in CWBS increased in size, whereas 88 % of CWPD lesions regenerated over time. CWBS linear progression rate did not vary between seasons or species and ranged from 0.15 to 0.36 cm month-1, which is in the same order of magnitude as rates previously documented. We conclude that diseases have the potential to cause major loss in CCA cover, particularly in shallow waters. As CCA play a key role in reef ecosystems, our study suggests that the emergence of diseases affecting these algae may pose a real threat to coral reef ecosystems. The levels of disease reported here will provide a much-needed local baseline allowing future comparisons.

  20. The recent decline of Montastraea annularis (complex coral populations in western Curaçao: a cause for concern?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. W Bruckner

    2006-12-01

    Full Text Available Shallow leeward reefs off the western end of Curaçao are dominated by extensive populations of M. annularis (complex. These species are larger in size (mean= 66 cm diameter than all other species, with few small colonies (10 cm observed within transects, and most exhibited low levels of partial mortality (mean= 22.5%. These species were less abundant (38% of all colonies in 2005. Partial mortality among live colonies of M. annularis and M. faveolata increased by 85% (mean = 42% partial mortality and numerous dead colonies of M. faveolata and M. annularis were observed; M. franksi colonies were generally in excellent condition (14% partial tissue mortality. A high prevalence of coral diseases (3-30% was documented among M. annularis and M. faveolata, while all other species were less frequently affected. Yellow band disease (YBD emerged shortly after the 1995 bleaching event, and rapidly spread throughout all depths, with the highest prevalence between 1997-1999. YBD caused slow rates of mortality (=1 cm/month, but multiple focal lesions appeared on individual colonies, and these progressively radiated outward as they killed the colonies. By 2005, 44% of the tagged corals were dead; the remainder exhibited active YBD infections (21% or were in remission (31.6% but were missing on average >90% of their tissue. Although the incidence of YBD has declined since 2000, white plague (WP prevalence was unusually high (4-12% in 2001 and 2005, with affected colonies exhibiting recent mortality of up to 70%. Dead Montastraea spp. surfaces are being colonized by other corals, including poritids, agaricids, and other faviids, while recruits of M. annularis (complex are absent. If diseases and other biotic stressors persist on these reefs, M. annularis and M. faveolata populations may undergo a decline similar to that observed in the 1980s among Caribbean acroporids. Rev. Biol. Trop. 54 (Suppl. 3: 45- 58. Epub 2007 Jan. 15.

  1. Os casos de cura divina e a construção da diferença

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simoni Lahud Guedes

    1998-10-01

    Full Text Available Resumo Estudando os processos de transmissão do “saber prático”, entre os trabalhadores urbanos, discute-se o lugar e o significado dos “casos” retidos na memoria familiar e local. Tais “casos”, ainda que particulares e específicos, representam a retenção e o recorte de determinadas experiências vividas na memória, atestando a importância coletiva das idéias e valores que colocam em atuação. Sua retenção, circulação e transmissão constitui-se numa pedagogia, extensamente utilizada nos processos de construção das identidades. Neste artigo são analisados “casos de cura divina”, provenientes de material etnográfico produzido pela autora, classificados em dois tipos principais: os “casos de desengano” e os “casos de doenças espirituais”. Através deste material empírico discute-se a questão da inter-relação e do confronto de saberes no que se refere às interpretações do corpo e da doença, sob a forma “nativa” da oposição entre o “saber prático e saber teórico”. A análise destes “casos” permite, além disso, refletir sobre o lugar da oralidade nas sociedades em que a escrita e a literalidade conformam os modos dominantes de conhecimento, contribuindo, simultaneamente, para a discussão sobre os processos de construção da memória familiar e local.

  2. Estratigrafía y facies volcánicas y volcaniclásticas de la Formación Valle del Cura: magmatismo paleógeno en la Cordillera Frontal de San Juan Stratigraphy and volcanic facies of the of the Valle del Cura Formation: Paleogene volcanism in the Frontal Cordillera of San Juan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V.D. Litvak

    2005-06-01

    Full Text Available En la región del Valle del Cura, Cordillera Frontal de San Juan, aflora una espesa secuencia de rocas volcánicas y volcaniclásticas, en facies piroclásticas y epiclásticas, que representa el desarrollo de un importante episodio volcano-sedimentario eoceno-oligoceno inferior. Esta unidad, la Formación Valle del Cura, incluye espesos paquetes de tobas, conglomerados gruesos, areniscas líticas medianas a gruesas, areniscas volcánicas y escasas pelitas. Los niveles volcánicos están formados por flujos lávicos e ignimbritas de alto grado de composiciones riolíticas, las cuales representan flujos piroclásticos de alta temperatura y alto grado de soldadura. La Formación Valle del Cura también incluye espesos niveles de flujos piroclásticos primarios formados por tobas cristalinas, líticas y/o vítreas, tobas lapillíticas e inclusive facies gruesas como aglomerados y brechas volcánicas. Vinculados a estos depósitos piroclásticos se interdigitan facies epiclásticas de composición dominante volcánica, que representan el retrabajo del material piroclástico primario. Los depósitos ignimbríticos muestran evidencias que indican su proximidad respecto al centro de emisión, el cual se encontraría en el extremo sur de la cordillera de la Brea. Esta secuencia se puede correlacionar con secuencias equivalentes que afloran hacia el norte en el río de la Sal y en las nacientes del río Blanco, en Macho Muerto, y cronológicamente, con los intrusivos mesosilíceos de la Unidad Bocatoma que afloran en territorio chileno -a la misma latitud- y que están emplazados a lo largo del frente magmático eoceno. En constraste, la Formación Valle del Cura representa una intensa actividad volcanodesimentaria sinorogénica depositada en una cuenca de retroarco.A thick volcanic and volcaniclastic sequence, which includes epiclastic and pyroclastic facies, was recognized in the Valle del Cura region in the Frontal Cordillera of San Juan. The Valle

  3. Concepções de saúde, doença e cura entre os Madema e Nyungwe de Moçambique

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Alone Maia

    2012-06-01

    Full Text Available Introdução: Este trabalho visa apresentar as concepções de saúde, doença e cura presentes no universo cultural do povo Madema e Nyungwe de Moçambique, como concepções que tem uma profunda relação com o sistema cultural. Entender as etiologias relacionadas à doença é necessário para entender o sentido do modelo terapêutico presente entre esses povos e a articulação dos modos de produção de saúde. O que é saúde? O que é estar doente? Quando é que a cura acontece? Esses são alguns questionamentos a serem levados em conta quando o tema é a tríade (saúde, doença e cura no contexto africano moçambicano. Dado que o modelo exegético local sobre a doença segue parâmetros socioculturais, para a nossa pesquisa interessa uma analise do fenômeno “duplo vinculo”, isto é, a busca do sentido da doença e concomitantemente a busca pela cura, tanto na biomedicina assim como na etnomedicina. Para a nossa analise importa entender a hipótese de que se trata de dois sistemas de saúde, isto é, a medicina dos sentidos e o sistema biomédico. No quotidiano Madema e Nyungwe, quando o assunto é doença na família, as pessoas fazem de tudo para trazer de volta a saúde, mesmo que isso implique num duplo vinculo. Método: O presente trabalho é resultado de uma pesquisa de campo feita em Moçambique, que permite uma leitura das representações de saúde e de praticas de cura tradicionais, que coexistem na sociedade moçambicana ao lado da biomedicina. Trata-se de perceber que num país onde a população viveu 16 anos de guerra civil, sem assistência bimedico-hopitalar para todos, a população com os seus conhecimentos botânicos tradicionais conseguiu inúmeras vezes combater as doenças. Quando chegava o serviço medico convencional, havia agregação, articulação e complementação e não rejeição. Como o entendimento das concepções nativas de saúde, doença e cura podem contribuir para um serviço publico de sa

  4. Estabelecimento de ciclo de cura de pré-impregnados aeronáuticos Establishment of cure cycle of aeronautic prepregs

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michelle L. Costa

    2005-07-01

    Full Text Available Os compósitos poliméricos podem ser produzidos via moldagem em autoclave, onde as condições de processamento podem ser otimizadas a partir do conhecimento físico-químico da matriz polimérica. A evolução da cinética da reação de cura ocorre simultaneamente com as modificações no comportamento reológico do sistema polimérico, sendo comum denominar o fenômeno de comportamento reo-cinético. O presente trabalho tem como objetivo conhecer os parâmetros de cura, cinéticos e reológicos, de três diferentes sistemas de pré-impregnados de resina epóxi (cura a 177 °C, conhecidos como F161, F584 e 8552, hoje usados na indústria aeronáutica brasileira. Este estudo foi realizado com o auxílio das técnicas de DSC e reologia, utilizando-se análises dinâmicas e isotérmicas. Com isso, foi possível estabelecer a ordem de reação e a cinética de cura dos sistemas estudados. Neste estudo, foram utilizados como modelos matemáticos o de ordem n e o autocatalítico com ordem total de aproximadamente 2. A temperatura de gel foi de ~100 °C, e o tempo de gel correspondente foi de 135 segundos. A partir do conhecimento da cinética de cura e dos parâmetros reológicos dos sistemas de pré-impregnados foi possível estabelecer um ciclo de cura destinado à consolidação das peças aeronáuticas via moldagem em autoclave.Autoclave molding produces polymer composites, where the processing conditions can be optimized with physicochemical knowledge of the polymeric matrix. The cure reaction evolves simultaneously with changes in rheology, which is normally refered to as rheo-kinetic behavior. With the knowledge of the appropriate cure cycle one can identify the steps in which pressure should be applied and when to raise the temperature. This paper is aimed at investigating the cure, kinetics and rheological parameters of three prepreg epoxy systems, namely F161, F584 and 8552, which are currently used in the Brazilian aeronautic industry

  5. Avaliação do processo de cura da borracha nitrílica (NBR pela resina fenólica através do cálculo da constante de cura Evaluation of phenolic resin vulcanization of nitrile rubber (NBR through determination of the cure constant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Maria Furtado

    2001-03-01

    Full Text Available O processo de cura envolve reações de múltiplos mecanismos e sua investigação pode ser feita por meio de várias técnicas. Este trabalho apresenta a comparação entre dois métodos que utilizam parâmetros reométricos para o cálculo da constante cinética de cura (k relacionada com a cura da borracha nitrílica com a resina fenólica, tendo o policloropreno e o óxido de zinco como sistema ativador. Foi utilizado o planejamento de experimentos fatorial completo (2³ + ponto central como base para a preparação das formulações e análise dos resultados. Os resultados obtidos identificaram a influência da temperatura, da quantidade de cada um dos componentes das formulações e da adequação dos métodos de avaliação para o processo de cura da borracha nitrílica pela resina fenólica.The cure process involves reactions with multiple mechanisms and its investigation can be followed by using different techniques. This work compares two methods in which rheometric parameters are used to calculate the cure rate constant (k, related to the cure of nitrile rubber with phenolic resin and having polychloroprene and zinc oxide as the activators. A complete factorial (2³ + central point experimental design was used as base to prepare the formulations and to analyse the results. The results obtained identified the influence of the temperature, the amount of each component in the formulation and the suitability of the evaluation methods for the cure process of nitrile rubber with phenolic resin.

  6. Sospensione di potestà

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Fausta Maternini

    2011-03-01

    Full Text Available La voce è destinata alla pubblicazione, in lingua spagnola, nel Diccionario general de Derecho canónico edito dall’Instituto Martìn de Azpilcueta, Universidad de Navarra. SOMMARIO: 1. Il concetto di potestà nella Chiesa – 2. La sospensione di potestà quale atto amministrativo - 3. … in relazione al munus santificandi - 4. … in relazione alla potestà di magistero - 5 … in relazione alla potestà di governo.

  7. Sospensione di potestà

    OpenAIRE

    Maria Fausta Maternini

    2011-01-01

    La voce è destinata alla pubblicazione, in lingua spagnola, nel Diccionario general de Derecho canónico edito dall’Instituto Martìn de Azpilcueta, Universidad de Navarra.SOMMARIO: 1. Il concetto di potestà nella Chiesa – 2. La sospensione di potestà quale atto amministrativo - 3. … in relazione al munus santificandi - 4. … in relazione alla potestà di magistero - 5 … in relazione alla potestà di governo.

  8. Avere di sé...

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Bevilacqua

    2012-12-01

    Full Text Available Non è da tutti mettersi a disposizione degli altri. Lo si può fare in molti modi. Uno di questi è la testimonianza competente. Sergio Bevilacqua, medico chirurgo specializzato in farmacologia clinica, ha deciso di raccontare su BrainFactor la propria esperienza. Di malato. Lo farà, da oggi, con una serie di contributi "in soggettiva": una Fenomenologia reale, con la maiuscola. Grazie sin d'ora per quanto ci vorrà insegnare.

  9. Le collezioni di Mammiferi del Museo Civico di Zoologia di Roma: una sintesi storica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Svampa

    2003-10-01

    Full Text Available Il Museo Civico di Zoologia di Roma è sorto nel 1932 all?interno del Giardino Zoologico dell?allora Governatorato di Roma, di cui ha condiviso la direzione tecnica ed amministrativa sino al 1998. Il nucleo centrale delle collezioni è costituito dal materiale di proprietà universitaria, di quello che fu il Museo di Zoologia della Regia Università, a sua volta diretto discendente delle collezioni del Museo di Zoologia ed Anatomia Comparata del Pontificio Archiginnasio Romano. La quasi totalità degli esemplari tassidermizzati risale al periodo in cui l?Istituto di Zoologia fu diretto da Antonio Carruccio (1883-1914. Dal 1932, la collezione teriologica si è andata arricchendo, in particolare di materiale osteologico, soprattutto con acquisizioni provenienti dal Giardino Zoologico e da rare spedizioni scientifiche, come quella organizzata dal CNR nell?Alto Rio Negro del 1962-3, guidata da Ettore Biocca. Anche a causa del fatto che per molti anni il Museo è stato privo di curatori, mancano importanti collezioni teriologiche da studio, fatta eccezione per quella cetologica. In molti casi, singoli esemplari potenzialmente di grande valore scientifico, mancano di dati esatti sulla località di cattura. Nell?ambito di un programma di ricatalogazione della collezione recentemente intrapreso, particolare attenzione è stata posta all?acquisizione di tutti i dati legati alla storia dei singoli esemplari, rintracciabili attraverso i resoconti di viaggio dei singoli esploratori. Nel periodo universitario, infatti, il Museo della nuova capitale d?Italia fu oggetto di grande attenzione da parte di privati ed enti, a partire dai Savoia, che donarono le loro collezioni o il materiale raccolto durante le spedizioni effettuate. Il lavoro di revisione in corso sta mettendo in luce una serie di esemplari meritevoli di ulteriori, dettagliate ricerche. È probabile che molto del materiale del Museo, pervenuto a Roma attraverso donazioni della famiglia reale

  10. High incidence of intermittent care in HIV-1-infected patients in Curaçao before and after starting cART.

    Science.gov (United States)

    Hermanides, H S; Holman, R; Gras, L; Winkel, C N; Gerstenbluth, I; de Wolf, F; Duits, A J

    2013-01-01

    Retention in care is one of the major challenges to scaling up and maximizing the effectiveness of combination antiretroviral therapy (cART). High attrition rates have been reported in the Caribbean region, varying from 6% to 23%. We studied the incidence of and risk factors for intermittent care in a cohort of adult HIV-1-positive patients, who entered into care in Curaçao between January 2005 and July 2009. A total of 214 therapy-naïve HIV-1-infected patients aged 15 years or older, entered HIV care between January 2005 and July 2009. Intermittent care was defined as at least one period of 365 days or longer in which there was no HIV care contact in Curaçao. Cox regression models were used to identify characteristics associated with time to intermittent care. In all, 203 (95%) patients could be classified as having intermittent or continuous care. The incidence of intermittent care before starting cART was 25.4 per 100 person years observation (PYO), whilst it was 6.1 per 100 PYO after starting cART. Being born outside Curaçao was associated with intermittent care before and after starting cART. Time from diagnosis to entry into care was an independent predictor for intermittent care before starting cART. Younger age was independently associated with intermittent care after starting cART. Half of the patients returned to care after intermitting care. Upon returning to care, median CD4 count was 264 cells/mm(3) (IQR, 189-401) for those who intermitted care before starting cART, and 146 cells/mm(3) (IQR, 73-436) in those who intermitted care after starting cART. In conclusion, the incidence of intermitting care is high in Curaçao, especially before starting cART, and intermitting care before starting cART is an independent predictor for starting cART late.

  11. Desenvolvimento de matrizes epoxídicas e estudo dos parâmetros de cura por feixe de elétrons para fabricação de compósitos poliméricos

    OpenAIRE

    Delmo Amari Nishitsuji

    2008-01-01

    O objetivo deste trabalho foi desenvolver matrizes epoxídicas e estudar os parâmetros de processo de cura para fabricação de compósitos poliméricos curados por feixe de elétrons. A fabricação de compósitos poliméricos estruturais pelo processo térmico necessita de um ciclo de cura de algumas horas e elevada temperatura, implicando num alto custo de produção. A tecnologia de cura por feixe de elétrons permite curar matrizes epoxídicas em poucos minutos à temperatura ambiente e proporcionar tem...

  12. Breve Manuale di Geografia Umana

    NARCIS (Netherlands)

    Minca, C.; Colombino, A.

    2012-01-01

    Il percorso per andare al lavoro, la scelta sul dove trascorrere le prossime vacanze, le nostre opinioni sulla politica estera, le nostre preoccupazioni per la crisi economica, le nostre affermazioni di identità, il nostro desiderio di fuga dal quotidiano, perfino la scelta di acquistare una casa in

  13. Breve Manuale di Geografia Umana

    NARCIS (Netherlands)

    Minca, C.; Colombino, A.

    2012-01-01

    Il percorso per andare al lavoro, la scelta sul dove trascorrere le prossime vacanze, le nostre opinioni sulla politica estera, le nostre preoccupazioni per la crisi economica, le nostre affermazioni di identità, il nostro desiderio di fuga dal quotidiano, perfino la scelta di acquistare una casa in

  14. I problemi di matematica della Scuola Normale Superiore di Pisa

    CERN Document Server

    Profeti, Alessandro

    1998-01-01

    Nasce come aggiornamento del volume precedente ("I problemi di Matematica della Scuola Normale", 1984) e raccoglie gli esercizi di matematica assegnati all'esame di ammissione alla Scuola Normale Superiore di Pisa dal 1985 al 1997, con la loro risoluzione. Per rendere più efficace lo scopo didattico viene anche presentata una scelta di problemi relativi al periodo precedente (1905-1984). Il libro si rivolge a studenti e docenti della Scuola Secondaria, e si chiude con un Glossario in cui vengono richiamati i termini usati.

  15. Il Simposio di Platone

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-01-01

    Full Text Available Pensate che i testi antichi siano semplicemente vecchi? Che l’amore platonico non vada mai  al sodo? Leggere il Simposio di Platone confrontandosi direttamente col testo, com’è possibile fare grazie al Perseus Project, vi farà cambiare idea.

  16. Determinan Kebahagiaan Di Indonesia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Theresia Puji Rahayu

    2016-08-01

      Tujuan penelitian ini adalah untuk menganalisis faktor-faktor penentu kebahagiaan di Indonesia. Dengan menggunakan data antar ruang/silang tempat dari Indonesia Family Life Survey (IFLS wave 4, 2007, studi ini mengambil 17,650 pengamatan yang diestimasi menggunakan model Oprobit. Model Oprobit dipilih karena adanya variabel respon ordinal dan asumsi normal dalam distribusi kesalahan. Hasil penelitian menunjukkan bahwa kebahagiaan di Indonesia secara positif dipengaruhi oleh pendapatan, tingkat pendidikan, status kesehatan yang dirasakan dan modal sosial. Namun demikian, modal sosial yang berkaitan dengan agama dan etnis tidak memiliki pengaruh yang signifikan terhadap kebahagiaan. Semua prediktor bersifat robust. Karakteristik demografi menginformasikan bahwa orang yang menikah, bukan kepala rumah tangga, tinggal di daerah perkotaan, berada di luar pulau Jawa-Bali dan dari suku Jawa lebih bahagia daripada yang lain. Riset ini juga menemukan bahwa tidak terdapat perbedaan dalam tingkat kebahagiaan antara pria dan wanita. Kemudian, hubungan antara kebahagiaan dan usia menunjukkan kurva yang berbentuk U. Terakhir, efek marjinal menunjukkan efek yang berbeda untuk setiap tingkat kebahagiaan karena perubahan unit variabel independen.

  17. Per una definizione di apprendimento cooperativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittorio Midoro

    1994-01-01

    Full Text Available Questa nota propone una riflessione e una proposta di definizione di lavoro cooperativo che possa fornire un quadro di riferimento utile per collocare i diversi contributi di questo numero, senza pretendere in alcun modo di contribuire alla costituzione di una teoria per i ricercatori del settore.

  18. I fondamenti di principio di un’economia islamica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hossein Askari

    2005-12-01

    Full Text Available Il Corano costituisce la fonte primaria per gli insegnamenti e le credenze dell’Islam. Mentre la comunità può modificare le politiche sociali ed economiche ispirate ai valori islamici al fine disoddisfare le mutevoli esigenze socio-economiche della società, i princìpi di base dell’economia islamica e il sistema sociale, tuttavia, devono essere preservati. Ci si attende che rappresentantiliberamente eletti collaborino con la società per formulare politiche a sostegno della stabilitàeconomica e sociale, della prosperità economica, dell’istruzione pubblica, delle cure sanitarie,dell’equità economica, di una giusta distribuzione del reddito e di una rete di sicurezza sociale.Tutti i musulmani fisicamente e mentalmente abili sono tenuti a lavorare per il propriosostentamento, e coloro che dispongono di un sufficiente livello di ricchezza hanno l’obbligo dipagare tasse che contribuiscano al finanziamento statale di programmi di welfare o di altra utilitàsociale. La nostra illustrazione del sistema economico islamico è sostenuta da numerosi studiosimoderni di Islam e di economia islamica, non concorda tuttavia del tutto con quelle offerte daesponenti e apparati religiosi legati a un’autorità statale.

  19. Maniere di deambulazione poetica: i dintorni di tre generazioni di poeti ungheresi

    OpenAIRE

    1994-01-01

    Itinerario interpretativo della poesia ungherese degli anni Settanta e Ottanta del Novecento. Studio delle condizioni di possibilità della poesia, ovvero della soggettività postmoderna, nelle opere in questione situata concretamente nel contesto della modernità del socialismo sovietico, nell'Ungheria del recente secondo dopoguerra. Si introducono, con valore euristico, le categorie di 'falso movimento' e 'maniere di deambulazione' (poetica).

  20. Per una nuova traduzione di Winnie Ille Pu: da libro per l’infanzia a “classico latino”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Scuotto

    2016-06-01

    Full Text Available Il seguente contributo prende in considerazione la traduzione latina del classico della letteratura per l’infanzia Winnie-the-Pooh di A.A. Milne, fatta dall’ungherese Lénárd Sándor come Winnie Ille Pu. L’attenzione si soffermerà nello specifico sulla nuova edizione francese del romanzo a cura di Florient Azoulay che traduce dal latino e non dall’inglese, considerando quindi la versione di Lénárd come un classico autonomo. The following contribution aims at analysing the Latin translation of the children literature classic Winnie-the-Pooh by A.A. Milne, made by Hungarian Lénárd Sándor as Winnie Ille Pu. In particular, I will focus my attention on the new French edition of the novel edited by Florient Azouly, who has translated it from Latin and not from English, considering Lénárd’s version as an autonomous classic itself.

  1. Musica e società, 2. Dal 1640 al 1830, a cura di Paolo Fabbri, Alessandro Roccatagliati e Paolo Russo; e volume 3. Dal 1830 al 2000, a cura di Virgilio Bernardoni e Paolo Fabbri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Della Seta

    2016-12-01

    Full Text Available Musica e Storia is a project for a textbook, conceived and supervised by Paolo Fabbri. The second volume consists of six chapters and addresses the period between 1640, which marks the rise of public opera theatre, and 1830, when the Romantic sensibility had become established. The third volume spans the period from 1830 to today, and includes two parts, dedicated to the years before and after the watershed date of 1920. The first volume has already been examined by Dinko Fabris in this periodical (III, 2013, pp. 139-142.

  2. Integrazione rigorosa di dati provenienti da fonti di acquisizione differenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leandro Bornaz

    2011-04-01

    Full Text Available La geomatica mette oggi a disposizione di esperti di diverse discipline un’ampia gamma di strumenti e tecniche che vengono utilizzate estensivamente come sostegno per l’acquisizione, la contestualizzazione e la georeferenziazione di informazioni molto diversificate come ad esempio dati georadar, geosismici, interferometrici, provenienti da strumenti di misura spesso utilizzati in diversi ambiti e con sistemi di riferimento differenti, talvolta non direttamente compatibili tra loro. Questa problematica, spesso trascurata utilizzando un approccio di tipo classico, è stata affrontata e risolta in modo rigoroso dagli autori permettendo così l’integrazione corretta di dati di differente natura e provenienza.Integration of data acquired from different sourcesGeomatics today offers to experts from different disciplines a wide range of tools and techniques, which are used extensively as technical support for the acquisition, context and geo-refer-encing data coming from different investigations: geo radar, interpherometry, geophysics analysis. Each technology gener-ally provide data with different reference systems, often not di-rectly compatible each other. This problem, often overlooked by using a classical approach, has been resolved in a rigorous way by the authors thus allowing proper integration of data of different nature.

  3. Mifepristone followed by home administration of buccal misoprostol for medical abortion up to 70 days of amenorrhoea in a general practice in Curaçao.

    Science.gov (United States)

    Boersma, Adriana A; Meyboom-de Jong, Betty; Kleiverda, Gunilla

    2011-04-01

    To evaluate the efficacy and safety of home administration of buccal misoprostol after mifepristone for medical abortion up to 70 days' gestation in a general practice in Curaçao, where induced abortion is severely restricted by law. In a prospective study 330 women received 200 mg mifepristone and were instructed to take four tablets (800 μg) of misoprostol via the buccal route 24-36 h later, at home. One week later, follow-up took place. The outcome could be evaluated in 307 of the 330 women. The efficacy of the mifepristone-buccal misoprostol procedure was 97.7% (300/307). In seven women vacuum aspirations for continuing pregnancy or incomplete abortion following treatment were required. Success rates at 64-70 days' gestation were the same as for gestations of less than 64 days duration. The main adverse effects were nausea and diarrhoea. Home administration of buccal misoprostol 24-36 h after mifepristone is a safe and effective method of medical abortion up to 70 days. It could be applied in a general practice in Curaçao, where induced abortion is legally restricted.

  4. Doença, cura e serviços de saúde. Representações, práticas e demandas Baníwa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luiza Garnelo

    2001-03-01

    Full Text Available A pesquisa foi realizada no Município de São Gabriel da Cachoeira, noroeste amazônico, junto ao povo indígena Baníwa, em parceria com as organizações indígenas, visando compreender a correlação entre a cosmologia do grupo, seu sistema de representações de doença e práticas de cura e sua dinâmica de transformação em situação de contato interétnico. O levantamento dos mitos explicativos da origem da doenças demonstrou a existência de diversas categorias tradicionais de doença que orientam as práticas tradicionais de cura e a incorporação dos saberes biomédicos. A cosmologia Baníwa opera como sistema de acolhimento das informações de biomedicina, que são apropriadas e ressignificadas segundo a lógica do pensamento mítico; estratégias cognitivas similares são utilizadas para a geração das demandas que as lideranças indígenas encaminham aos Conselhos de Saúde e Serviços de Saúde.

  5. Doença, cura e serviços de saúde. Representações, práticas e demandas Baníwa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Garnelo Luiza

    2001-01-01

    Full Text Available A pesquisa foi realizada no Município de São Gabriel da Cachoeira, noroeste amazônico, junto ao povo indígena Baníwa, em parceria com as organizações indígenas, visando compreender a correlação entre a cosmologia do grupo, seu sistema de representações de doença e práticas de cura e sua dinâmica de transformação em situação de contato interétnico. O levantamento dos mitos explicativos da origem da doenças demonstrou a existência de diversas categorias tradicionais de doença que orientam as práticas tradicionais de cura e a incorporação dos saberes biomédicos. A cosmologia Baníwa opera como sistema de acolhimento das informações de biomedicina, que são apropriadas e ressignificadas segundo a lógica do pensamento mítico; estratégias cognitivas similares são utilizadas para a geração das demandas que as lideranças indígenas encaminham aos Conselhos de Saúde e Serviços de Saúde.

  6. Caracterização por FT-IR de agentes de cura utilizados em resinas epoxídicas-II-polimercaptana, poliaminoamida e amina modificada

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Romão Benedita M. V.

    2003-01-01

    Full Text Available Amostras de resina epoxídica (EP curadas com compostos à base depolimercaptana (SH, SH na presença de poliamino amida, e amina modificada, constituindo, respectivamente, os sistemas epoxídicos (SE 1, 2 e 3, foram preparadas segundo condições estabelecidas pelas curvas de calorimetria exploratória diferencial (DSC de EP e agentes de cura, ou endurecedores (AC e analisadas, antes e após preparação do SE, por espectroscopia no infravermelho com transformada de Fourier (FT-IR por meio de técnicas de transmissão (pastilha de KBr, pirólise por bico de Bunsen, e pirólisecontrolada (CONTROLPIR/FT-IR dentro da faixa de temperatura fornecida pela análise termogravimétrica (TG dos SE 1, 2 e 3, para a caracterização de cada AC. Para tal fim, as absorções FT-IR do pirolisado líquido obtido pela metodologia CONTROLPIR/FT-IR foram avaliadas, em comparação ao espectro do AC de referência. A caracterização dos agentes de cura foi feita com a técnica TG/FT-IR do gás liberado de cada SE, em comparação ao espectro de referência do produto de degradação do respectivo AC.

  7. A new Haptoclinus blenny (Teleostei, Labrisomidae from deep reefs off Curaçao, southern Caribbean, with comments on relationships of the genus

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carole Baldwin

    2013-06-01

    Full Text Available A second species of the blenniiform genus Haptoclinus is described from deep reefs off Curaçao, southern Caribbean. Haptoclinus dropi sp. n. differs from the northwestern Caribbean H. apectolophus Böhlke and Robins, 1974, in29 total dorsal-fin elements—III-I-XIII, 12 (vs. 31—III-I-XIV, 13 or III-I-XIII, 14; 19 anal-fin soft rays (vs. 20-21; 12 pectoral-fin rays (vs. 13; 12 precaudal vertebrae (vs. 13; and the first dorsal-fin spine longer than the second (vs. the second longer than the first. It further differs from H. apectolophus in lacking scales (vs. three-quarters of body densely scaled, ina distinctive pattern of spotting on the trunk and fins in preservative (vs. no spotting, and in lacking a fleshy flap on the anterior rim of the posterior nostril (vs. flap present. Color in life is unknown for H. apectolophus, and the color description presented for the new species constitutes the first color information for the genus. Familial placement of Haptoclinus remains questionable, but the limited relevant information obtained from morphological examination of the new species provides additional support for a close relationship with the Chaenopsidae. Haptoclinus dropi represents one of numerous new teleost species emerging from sampling to 300 m off Curaçao as part of the Smithsonian Institution’s Deep Reef Observation Project (DROP.

  8. El tratamiento de la locura entre los siglos XIX y XX: los discursos sobre la cura en la medicina mental española, 1890-1917

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Javier Plumed Domingo

    Full Text Available Resumen En el trabajo se estudian los discursos sobre la cura que elaboraron los médicos mentalistas españoles en la transición del siglo XIX al XX. Si en las décadas de los años 1870 y 1880 el discurso preponderante promulgado por los médicos pertenecientes a instituciones privadas era extremadamente optimista, posteriormente cambió y se orientó hacia un mayor pesimismo terapéutico. Sin embargo, dadas las necesidades profesionales de los frenópatas, siguieron mostrando una confianza más o menos firme hacia las capacidades terapéuticas de la psiquiatría. La recepción de las nuevas nosologías, como la de Kraepelin, estuvo condicionada, en parte, por la actitud hacia la cura de los médicos mentalistas de la época y fue aceptada de forma ambivalente.

  9. Atti del convegno internazionale "Traduzioni e circolazione delle idee nella cultura europea tra '500 e '700" (Firenze, Dipartimento di Studi storici e geografici, 22-23 Settembre 2006, a cura di Girolamo Imbruglia, Rolando Minuti e Luisa Simonutti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Imbruglia, Girolamo

    2007-06-01

    Full Text Available Proceedings of a 2006 colloquium in Florence on the problem of circulation of ideas in modern Europe through translations mainly in the field of philosophy, science, political thought. Authors and works dealt with: Leonardo Bruni, Theodor Bibliander, De Vigenère, George Buchanan, La Mothe le Vayer, Locke, Lazzaro Spallanzani, Charles Bonnet, Niccolò Pagliarini, William Robertson. Contributions by: G. Imbruglia, R. Minuti, L. Simonutti, C. Le Blanc, L. Felici, R. Mazzei, C. Secretan, L. Bianchi, A. Thomson, G. Cipariani, N. Guasti, L. Kontler

  10. Giornata di Studi Paleontologici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Davide Bassi

    2005-09-01

    Full Text Available This book results fromk one-day meeting "Giornata di Studi Paleontologici Prof.ssa C. Loriga Broglio", held in Ferrara on June 18th, 2004 and dedicated to Prof. Carmen Loriga Broglio who was full Professor of Paleontology and Paleoecology at the University of Ferrara.This special volume includes twelve papers dealing with systematic paleontology of calcified cyanobacteria, invertebrates (sponges and vertebrates (fishes, taphonomy, biostratigraphy, paleoecology and paleobiogeography.

  11. Meccanismi di censura e rapporti di potere nelle autobiografie collaborative

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Romeo

    2015-10-01

    Full Text Available Il genere delle autobiografie collaborative è stato oggetto di una complessa teorizzazione negli ultimi decenni, soprattutto in ambito statunitense, ed è il genere che più di altri segna l'inizio, nei primi anni Novanta, della letteratura postcoloniale italiana e l’incontro linguistico e culturale tra migranti e culture di “accoglienza.” Il presente saggio intende indagare i rapporti di potere presenti all'interno delle autobiografie collaborative e i meccanismi di censura e autocensura operati nella costruzione del testo. Il saggio mette in discussione la presunta trasparenza del ruolo dell'editor e analizza come il rapporto tra narratore ed editor sia al contempo un rapporto di collaborazione e solidarietà, ma anche di sfruttamento coloniale e resistenza postcoloniale.Partendo da una riflessione sui due termini "autobiografia" e "collaborativa" – apparentemente aproblematici ma in realtà fortemente problematici – questo saggio sviluppa un'analisi delle questioni che questo genere letterario pone dal punto di vista teorico – scissione della posizione autoriale, e quindi dell’autorità del soggetto che scrive, rapporti di potere all’interno della collaborazione, censure operate, questioni etiche e rapporti con la critica, resistenza postcoloniale alle grandi narrazioni e riscrittura della storia.L'impianto teorico del presente saggio è costruito soprattutto a partire da testi statunitensi (dagli studi sul testimonio di John Beverley, a quelli sui rapporti di collaborazione come rapporti di sorellanza femminista di Caren Kaplan, agli studi sulle autobiografie native americane. Per quanto riguarda i testi presi in esame, la presente analisi mette a confronto due coppie di testi. I primi due sono l’autobiografia di Nassera Chohra, Volevo diventare bianca (con Alessandra Atti Di Sarro, 1993 e un’importante autobiografia collaborativa italoamericana, Rosa: Life of an Italian Immigrant (con Marie Hall Ets, 1970. Gli altri due

  12. I "Sistemi di Filosofia Fenomenologica" - traduzione italiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edmund Husserl

    2015-03-01

    Full Text Available Vengono qui presentate le bozze di tre piani per una sistematica di filosofia fenomenologica. Il primo è di Husserl, delineato nel 1921 con il titolo “Articolazione di una fenomenologia sistematica”. Il secondo e il terzo sono le traduzioni, rispettivamente di un progetto husserliano databile al 1930 e denominato “Sistema di filosofia fenomenologica” e di una bozza dello stesso rivista successivamente da Eugen Fink.

  13. I "Sistemi di Filosofia Fenomenologica" - traduzione italiana

    OpenAIRE

    Edmund Husserl; Gaetano Iaia

    2015-01-01

    Vengono qui presentate le bozze di tre piani per una sistematica di filosofia fenomenologica. Il primo è di Husserl, delineato nel 1921 con il titolo “Articolazione di una fenomenologia sistematica”. Il secondo e il terzo sono le traduzioni, rispettivamente di un progetto husserliano databile al 1930 e denominato “Sistema di filosofia fenomenologica” e di una bozza dello stesso rivista successivamente da Eugen Fink.

  14. Il problema della costruzione di senso nel Trattato di Sociologia Generale di Vilfredo Pareto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Millefiorini

    2017-08-01

    Full Text Available Pareto ci spiega come i residui siano al centro del complesso ordine sociale che viene a costituirsi dalla combinazione tra questi, gli interessi, l’eterogeneità della società e le derivazioni. Ai fini della costruzione di senso, vi è un genere di residui, quello definito «bisogno di sviluppi logici», il quale comprende «la maggior parte dei residui che determinano le derivazioni» . Sono poi queste ultime che, venendo diciamo così a “vivere di vita propria”, perimetrano, definiscono, determinano, conferiscono i significati individuali e collettivi sui quali l’interazione quotidiana tra gli uomini fonda la trama principale delle proprie routines, delle proprie pratiche, delle proprie condotte all’interno di ambiti di convivenza, di istituzioni, di comunità nazionali. Vi è stato chi, come Norberto Bobbio, ha tratto da questo indubbio assetto concettuale nella teoria sociologica paretiana, conseguenze e deduzioni che ci restituiscono il pensiero di Pareto come una versione socio-psicologica della teoria marxista della “falsa coscienza”. In sostanza, scrive Bobbio, «alla concezione storicistica delle ideologie propria di Marx, Pareto contrappone una concezione naturalistica dell’uomo come animale ideologico». Tuttavia bisogna intendersi. È certamente vero che le ideologie del Novecento possono essere spiegate seguendo l’approccio paretiano, ma la sua sociologia non si risolve e non si esaurisce in una semplice teoria delle ideologie. Essa è un qualcosa di ben più ampio e ben più complesso, che abbraccia tutto l’arco storico delle civiltà umane, e che quindi si pone come uno dei tentativi più ambiziosi, sino ad oggi concepiti dalle scienze sociali, di spiegare quel complicatissimo processo sociale che va sotto il nome di “costruzione di senso”.

  15. Valutazione della capacità di rientro alla base di un elicottero in presenza di danno balistico ad un albero di trasmissione della linea rotore di coda

    National Research Council Canada - National Science Library

    L Giudici; A Manes; M Giglio

    2010-01-01

      Nella progettazione di un elicottero militare, destinato ad operare a bassa quota e in ambiente ostile, il danneggiamento di componenti critici, conseguente ad impatto balistico, riveste un ruolo...

  16. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  17. Thermodynamic black di-rings

    CERN Document Server

    Iguchi, Hideo

    2010-01-01

    Previously the five dimensional $S^1$-rotating black rings have been superposed in concentric way by some solitonic methods and regular systems of two $S^1$-rotating black rings were constructed by the authors and then Evslin and Krishnan (we called these solutions black di-rings). In this place we show some characteristics of the solutions of five dimensional black di-rings, especially in thermodynamic equilibrium. After the summary of the di-ring expressions and their physical quantities, first we comment on the equivalence of the two different solution-sets of the black di-rings. Then the existence of thermodynamic black di-rings are shown, in which both iso-thermality and iso-rotation between the inner black ring and the outer black ring are realized. We also give detailed analysis of peculiar properties of the thermodynamic black di-ring including discussion about a certain kind of thermodynamic stability (instability) of the system.

  18. “It Is Really a Big Achievement for a Small Community Like the One of Curaçao.” Jan Greshoff (1888–1971 and De Stoep (1940–1951: An Exploration

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bant Willem

    2016-11-01

    Full Text Available During the Second World War, both in the Dutch East Indies and in Curaçao, journals were published in which Dutch authors could publish their works unhampered by German censorship. In addition, literary works in Dutch were published in the Dutch East Indies, South Africa and New York. A man involved in all these initiatives was Jan Greshoff, an author who had played an important role in Dutch literature during the time between the two world wars. In this article, the role of Greshoff in relation to the literary journal De Stoep, which originated in Curaçao after the German occupation of Holland in 1940, will be explored. Although he never went to Curaçao and never met the journal’s founder, Luc. Tournier, in person, Greshoff played an important role in the history of De Stoep during the years of the war, and thus indirectly in the development of Dutch literature in Curaçao.

  19. Esercizi di metodi matematici della fisica

    CERN Document Server

    Angilella, G G N

    2011-01-01

    Il testo richiama i principali concetti, definizioni e teoremi relativi agli spazi vettoriali, agli sviluppi in serie di Fourier, alle equazioni alle derivate parziali, alle trasformate integrali di Laplace e di Fourier, ad alcune classi di equazioni integrali (con specifico riferimento alla funzione di Green). Si danno altresi' cenni di funzioni di variabile complessa, di teoria dei gruppi, e di spazi funzionali. Di ciascun argomento vengono ampiamente discusse le motivazioni e le applicazioni nel campo della fisica e, talora, di altre discipline scientifiche. Tali argomenti vengono approfonditi da esercizi (perlopiu' svolti, o con soluzione), spesso tratti da effettivi temi d'esame del corso di Metodi matematici per la fisica del corso di laurea in Fisica (Catania).

  20. Analisi basata sugli sforzi locali della resistenza a fatica di giunzioni incollate di materiali compositi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Moroni

    2009-07-01

    Full Text Available Il lavoro prende spunto dai risultati di un’analisi sperimentale del comportamento a fatica di giunzioni incollate di materiali compositi laminati di elevato spessore formati da strati di unidirezionale e di tessuto di fibra di carbonio. I giunti sono stati realizzati in modo tale da saggiare l’influenza della lunghezza di sovrapposizione (da 25,4 mm a 110,8 mm, della forma del giunto (con e senza rastremazione, e della composizione degli aderendi (sostituzione di uno degli aderendi in composito con uno in acciaio. Mediante analisi 2D elastiche con il metodo degli elementi finiti sono state ricavate le distribuzioni degli sforzi all’interno dello strato di adesivo, al fine di individuare un parametro utile alla descrizione del comportamento a fatica in termini di sforzi locali - numero di cicli a rottura. Il ruolo della fase di propagazione viene discusso alla luce di osservazioni dell’avanzamento della frattura, condotta su alcuni dei giunti testati.

  1. Status of aspergillosis and sea fan populations in Curaçao ten years after the 1995 Caribbean epizootic

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. M Nugues

    2006-12-01

    Full Text Available In 1995, a survey of sea fan corals was conducted in Curaçao during a Caribbean-wide outbreak of the sea fan disease aspergillosis. The survey was repeated in 2005 using the same methodology and identical sites to examine changes in sea fan populations 10 years after the initial epizootic. Necrotic lesions typical of aspergillosis were present on as many sea fans in 2005 as in 1995 (mean ± SE: 52 ± 6 vs 43 ± 10%. The disease also showed no significant variation in virulence (9.6 ± 1.2 vs 8.8 ± 1.0% tissue loss per diseased colony. However, the average number of sea fan colonies per 10 m² decreased from 2.7 ± 1.1 to 0.7 ± 0.2 over the 10-year period, a decline of almost 75%. This decrease occurred for all colony sizes, but was more pronounced among small colonies, resulting in an overall trend of domination by large colonies. These results support that aspergillosis can have a significant, long-term impact on sea fan population size and structure. The continued presence of the disease in 2005 could be contributing to reduced recruitment and/or selective mortality among the smallest colonies. This study provides no indication that host resistance against aspergillosis could reverse the decline of Caribbean sea fan corals. Rev. Biol. Trop. 54 (Suppl. 3: 153-160. Epub 2007 Jan. 15.En 1995, se realizó un sondeo de los abanicos de mar durante un brote de aspergilosis, una enfermedad de abanicos de mar extendida en todo el Caribe. En el año 2005 se repitió el sondeo utilizando exactamente la misma metodología y los mismos sitios para examinar cambios en las poblaciones tras 10 años del inicio del brote. Se presentaron lesiones necróticas típicas de la aspergilosis en tantos abanicos en el 2005, como en 1995 (promedio ± ES: 52 ± 6 vs 43 ± 10%. La enfermedad tampoco mostró variaciones significativas en la virulencia (9.6 ± 1.2 vs 8.8 ± 1.0%, pérdida de tejido por colonia enferma. Sin embargo, el número promedio de colonias de

  2. Diálogos

    OpenAIRE

    Pereira, Constança Bettencourt

    2016-01-01

    O presente documento escrito tem como objetivo, a reflexão sobre alguns dos temas abordados no meu percurso artístico, durante o Mestrado de Artes Plásticas. O meu trabalho tem-se debruçado sobre as questões da escultura e do desenho, coexistindo estas práticas, num diálogo próprio, tanto em conjunto como separadas. O desenho inscreve-se no espaço virtual da folha como sombra da escultura, e tem tido como referência as filosofias orientais – centra-se no momento, na economia do...

  3. Diane Di Prima

    OpenAIRE

    Livingston, McKenzie

    2016-01-01

    Diane di Prima was one of the few female Beat writers, but she was just as prolific as her male contemporaries. Her writing style reflected the social upheavals of the day - like the other Beats, she dabbled in stream of consciousness and spontaneous prose, but gradually moved to more structured verse, like Haiku, published in 1967. She experimented heavily with form and diction to set herself apart from the male poets - exemplified in her epic poem, Loba. Her early texts focused heavily on p...

  4. Narrazioni di narrazioni: orientamento narrativo e progetto di vita (Federico Batini, Gabriel Del Sarto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuela Ladogana

    2007-03-01

    Full Text Available Il volume, denso di contenuti e ricco di riferimenti teorici, traccia con chiarezza le sue linee di sviluppo ed apre alla riflessione, anche pedagogica, sull’esigenza di recuperare la dimensione narrativa e autobiografica per la realizzazione di una pratica orientativa che guidi e sostenga il soggetto in orientamento verso la riscoperta e ricostruzione del proprio progetto di vita.

  5. KARAKTERISTIK PENGGUNA ???TATTO??? DI KALANGAN PEREMPUAN (Study Karakteristik Pengguna ???Tatto??? Di Kalangan Perempuan Di Kota Makassar

    OpenAIRE

    SARDJU, MARCHELLINO EKO PRASETYO

    2008-01-01

    Nama penulis, Marchellino Eko Prasetyo Sardju. Jurusan Sosiologi di Fisip Unhas. Skripsi ini di bimbing oleh Rahmat Muhammad dan Andi Sangkuru Tato merupakan salah satu karya seni yang memiliki daya tarik tersendiri bagi para peminatnya khusus pada kaum perempuan di kota Makassar. Tato ini juga telah berkembang dari tahun ke tahun. dimana perkembangannya juga diikuti dengan berkembangnya kemajuan teknologi yang memudahkan seseorang untuk membuat Tato. Fenomena Tato pada perempuan ini tent...

  6. Review

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Cavani

    2014-09-01

    Full Text Available Territori in controluce (A. Giorgi, S. Giunta, E. Coppola, G. Lo VersoRecensione a cura di: Paola Cavani Il diritto di essere bambino (F. MazzucchelliRecensione a cura di: Simone Bruschetta 

  7. Caratterizzazione molecolare di ceppi di HAV isolati in Albania

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Gabrieli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: il virus dell’epatite virale di tipo A (HAV, classificato nella famiglia dei Picornavirus, genere Heparnavirus, presenta un unico sierotipo antigenico, mentre l’analisi molecolare di ceppi isolati in diverse aree geografiche ha evidenziato una certa variabilità genetica che ne ha permesso la classificazione in 7 genotipi (I-VII di cui I, II, III e VII isolati esclusivamente dall’uomo. Al genotipo I appartengono circa l’80% di tutti i ceppi isolati.

    La classificazione genotipica è stata fatta basandosi sulla sequenza di 168 nucleotidi della regione genomica VP1/2(1. Lo scopo del presente studio è stato quello di caratterizzare mediante metodi molecolari i diversi ceppi di HAV circolanti in Albania.

    Metodi: In modo random, sono stati raccolti, dall’Istituto di Sanità Pubblica di Tirana, 202 campioni di sieri prelevati da 12 diverse città dell’Albania. Tutti i campioni sono stati saggiati per la ricerca di anticorpi anti- HAV-HBV-HCV-HEV.

    L’analisi molecolare per HAV è stata effettuata solo sui campioni IgM anti-HAV positivi. L’RNA è stato estratto da 100 ul di siero utilizzando TRIzol LS Reagent (Invitrogen, secondo il protocollo della ditta produttrice; mentre la reazione RT-PCR è stata eseguita secondo metodiche standard.

    Risultati: L’analisi sierologia ha evidenziato una positività
    del 66,2% per IgM anti-HAV, contro il 17,3% per HBV. Un solo campione presentava anticorpi anti-HCV, ma era RT-PCR negativo, mentre nessun siero era positivo per anticorpi anti-HEV. Sei sieri erano HBV ed HAV positivi. L’analisi genomica deI campioni RT-PCR positivi per HAV ha evidenziato un unico genotipo circolante: IA, con pochissime mutazioni nucleotidiche.
    Due mutazioni erano responsabili della sostituzione di due aminoacidi nei codoni 22 e 34.

    Conclusioni: I dati dimostrano la bassa circolazione dell

  8. MASALAH KESEHATAN DI INDONESIA BAGIAN TIMUR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. M. Meliala, SKM, DSP

    2012-09-01

    Full Text Available Makalah ini akan mencoba menelaah ujud dan distribusi masalah kesehatan di beberapa propinsi di Indonesia, khususnya Irja, Maluku, Sulawesi, NTB, NTT dan Timtim. Dalam pembahasan disajikan faktor-faktor yang mempengaruhi situasi kesehatan di wilayah tersebut.

  9. El cura doctrinero en la antigua jurisdicción de la ciudad de Cali. Siglo XVIII. Dinámicas y conflictos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Héctor Cuevas Arenas

    2012-01-01

    Full Text Available Luego de un breve contexto del surgimiento de las comunidades indias en la ciudad, éste artículo ofrece una interpretación sobre la labor de los curas doctrineros en los pueblos de indios de la Ciudad de Cali, teniendo en cuenta su función intermediaria entre los distintos intereses y necesidades de su feligresía india y agregada, así como de la institucionalidad civil y eclesiástica. Dicho oficio muchas veces generaba conflictos, los cuales permitieron explorar los distintos matices y dinámicas en la configuración de la vida social y política local.

  10. Il viaggio gastronomico di Paolo Monelli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Salarelli

    2013-01-01

    Full Text Available Il ghiottone errante di Paolo Monelli, pubblicato nel 1935, rappresenta uno dei primi esempi di narrativa di viaggio in tema di enogastronomia, un genere destinato a grande successo nel secondo dopoguerra. In questo articolo, oltre a ripercorrere la vicenda biografica di Monelli, si sottolineano le relazioni tra Il ghiottone e la cultura gastronomica del regime fascista, e si evidenziano alcuni tratti caratteristici del suo stile di scrittura.

  11. Heeft di wel een betekenis?

    NARCIS (Netherlands)

    Boer, M.G. de

    2010-01-01

    SAMENVATTING Alvorens een analyse van het Italiaanse voorzetsel di te maken, stelt de auteur eerst het begrip ‘leeg voorzetsel’ aan de orde, dat in laatste instantie te herleiden is tot de lege karakters van de Chinese grammatica. Voor di wordt voorgesteld, naast enkele rudimenten van andere

  12. Heeft di wel een betekenis?

    NARCIS (Netherlands)

    Boer, M.G. de

    2010-01-01

    SAMENVATTING Alvorens een analyse van het Italiaanse voorzetsel di te maken, stelt de auteur eerst het begrip ‘leeg voorzetsel’ aan de orde, dat in laatste instantie te herleiden is tot de lege karakters van de Chinese grammatica. Voor di wordt voorgesteld, naast enkele rudimenten van andere beteke

  13. A new Liopropoma sea bass (Serranidae, Epinephelinae, Liopropomini) from deep reefs off Curaçao, southern Caribbean, with comments on depth distributions of western Atlantic liopropomins

    Science.gov (United States)

    Baldwin, Carole C.; Robertson, D. Ross

    2014-01-01

    Collecting reef-fish specimens using a manned submersible diving to 300 m off Curaçao, southern Caribbean, is resulting in the discovery of numerous new fish species. The new Liopropoma sea bass described here differs from other western Atlantic members of the genus in having VIII, 13 dorsal-fin rays; a moderately indented dorsal-fin margin; a yellow-orange stripe along the entire upper lip; a series of approximately 13 white, chevron-shaped markings on the ventral portion of the trunk; and a reddish-black blotch on the tip of the lower caudal-fin lobe. The new species, with predominantly yellow body and fins, closely resembles the other two “golden basses” found together with it at Curaçao: L. aberransand L. olneyi. It also shares morphological features with the other western Atlantic liopropomin genus,Bathyanthias. Preliminary phylogenetic data suggest that western Atlantic liopropomins, includingBathyanthias, are monophyletic with respect to Indo-Pacific Liopropoma, and that Bathyanthias is nested within Liopropoma, indicating a need for further study of the generic limits of Liopropoma. The phylogenetic data also suggest that western Atlantic liopropomins comprise three monophyletic clades that have overlapping depth distributions but different depth maxima (3–135 m, 30–150 m, 133–411 m). The new species has the deepest depth range (182–241 m) of any known western Atlantic Liopropomaspecies. Both allopatric and depth-mediated ecological speciation may have contributed to the evolution of western Atlantic Liopropomini.

  14. Isu Perkawinan Minoritas di Thailand

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nur Triyono

    2016-06-01

    Masyarakat dalam sebuah negara biasanya terbagi dalam dua kelompok besar, kelompok mayoritas dan kelompok minoritas. Kelompok mayoritas biasanya memegang kendali dalam setiap kebijakan yang akan dilaksanakan dalam lingkungan masyarakat tersebut, sementara kelompok minoritas terkadang dapat ikut berperan di dalamnya dan terkadang juga tidak mendapatkan peran apapun dalam melaksanakan sebuah kebijakan di lingkungan tersebut. Negara Thailand merupakan memiliki keunikan tersendiri, karena selain tetap memegang kebijakan dalam melaksanakan perkawinan adat ketimuran yang kental dengan nilai-nilai budaya Thailand, negara gajah putih ini juga memberikan ruang kepada perkawinan kelompok minoritas yang ada di negara itu. Perkawinan minoritas yang terjadi di negara ini antara lain adalah isu perkawinan sejenis yang dilakukan oleh kelompok minoritas LGBT dan isu perkawinan beda agama yang umumnya terjadi antara mereka yang beragama Islam dan Buddha di wilayah Thailand Selatan.

  15. Legge professioni: il commento di Ordine Psicologi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Grimoldi

    2013-01-01

    Full Text Available E oggi mi invento una professione... Di per sé il decreto 3270 "in materia di professioni non regolamentate in Ordini o collegi" introduce il seme, o se si vuole il germe, di un'iniziativa autonoma in merito alle professioni. E forse, da un certo punto di vista, ci voleva. Serve, nell'intendimento del legislatore, a sanare il caso degli informatici e degli amministratori di condominio, ad oggi privi di regolamentazione, di percorsi formativi e di carte etiche da rispettare. Dunque, bene? Non proprio tutto.

  16. I dolori di Claudia Seeliger

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Uta Treder

    2015-01-01

    Full Text Available La protagonista di questo romanzo dice “io”, si confida con noi, ci conduce attraverso la sua rocambolesca vicenda tenendoci avvinti e costringendoci ad esserle complici. Più di una volta restiamo col fiato sospeso, ci sentiamo a tratti confusi e smarriti, scuotiamo la testa disapprovando le sue scelte avventate, ma non ce la sentiremmo mai di abbandonarla al suo destino. Troppo forte è la sua personalità, perfino laddove scopre il suo lato fragile, troppo coinvolgente la sua passione, troppo disarmante la sua intelligenza. Non c’è niente da fare: Claudia Seeliger ci tiene in pugno. Claudia Seeliger, o chi per lei, bisognerebbe dire… In questo romanzo poliziesco, psicologico, erotico, politico, interculturale e intertestuale, Uta Treder si rivela narratrice sapiente, colta, ma anche ironica e assai irriverente. Profilo biograficoUta Treder (Amburgo 1943 – Firenze 2013 è stata professore ordinario di Storia della cultura tedesca a Firenze e di Letteratura tedesca a Trieste e a Perugia. Da germanista si è occupata di autori quali Goethe, Schiller, Hölderlin, Novalis, Heine, Droste-Hülshoff, Fontane, Keller, Lasker-Schüler, Kafka, Bachmann, Mayröcker. Il suo principale interesse ha riguardato la letteratura delle donne che sono state "dimenticate" dal Canone. Come autrice di narrativa ha pubblicato la raccolta di racconti Luna Aelion (München 1989 e i romanzi Die Alchemistin (Frankfurt a.M. 1993, Die Bäume von Babelsberg (Pfalzfeld 2005, audiolibro letto da Petra Pawel, 2007; anticipazione italiana in "LEA", 1-2004, Der Schwarze König (Pfalzfeld 2007. È stata socia fondatrice della Società Italiana delle Letterate. I dolori di Claudia Seeliger è la prima traduzione italiana dell'opera narrativa di Uta Treder.

  17. Tecniche di ricerca qualitativa: percorsi di ricerca nelle scienze sociali (Mario Cardano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Di Massa

    2003-12-01

    Full Text Available Le tecniche di ricerca qualitativa offrono allo scienziato sociale un insieme composito di strumenti, capaci di rilevare le più minute sottigliezze della vita quotidiana, colte ora nella trama di un'interazione, ora tra le pieghe di una narrazione. Il volume tratteggia una mappa di questo territorio e si sofferma sulle principali tecniche di ricerca qualitativa: l'osservazione partecipante, l'intervista discorsiva e il focus group. L'autore procede alla loro presentazione in chiave critica, prestando particolare attenzione al tema della plausibilità del sapere che l'impiego di queste tecniche consente di acquisire. Alla compilazione di una serie di 'ricette' su come fare ricerca qualitativa, l'autore preferisce la ricostruzione della rete di decisioni cui è chiamato chi intenda cimentarsi in questa impresa. Limitandosi di indicare - laddove possibile - i pro e i contro di ciascuna scelta.

  18. 1. Questioni di metodo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Arcari (a cura di

    2015-06-01

    Full Text Available In questa prima parte della sezione si affrontano questioni metodologiche più generali in merito a concetti come identità, etnicità, collettività, religioni, partendo dal dibattito che si è andato conducendo in seguito agli scambi occorsi tra storici e antropologi almeno dall’ultimo cinquantennio del Novecento in poi, e dalle sue ricadute soprattutto nello studio dell’etnicità e delle identità collettive e (cosiddette religiose in Grecia antica. Un ulteriore aspetto riguarda la prospettiva inaugurata dalla cosiddetta “Scuola di Vienna” in merito alle costruzioni identitarie collettive in chiave etnica, soprattutto in rapporto ai testi biblici e alla loro multifor

  19. Compendio di meccanica razionale

    CERN Document Server

    Levi-Civita, Tullio

    1948-01-01

    Questa seconda edizione, pur conforme nel suo complesso alla precedente, ha subìto un'accurata revisione generale e svariati ritocchi particolari. Ci limitiamo qui a rivelare che nella I Parte abbiamo aggiunto un'analisi della nozione di "tempo", diretta a lumeggiare il momento preciso del distacco fra l'impostazione classica della Meccanica e della Fisica e quelle relativistica; e, per quel che concerne la Statica, vi abbiamo inquadrato, senza ammissioni estranee, la determinazione delle reazioni nel cosidetto "arco a tre cerniere" e ridotto a forma didatticamente più semplie ed espressiva il paragrafo sull'"attrito volvente". Nella II Parte abbiamo ulteriormente semplificato la teoria elementare dei "fenomeni giroscopici", seguendo G. Bisconcini.

  20. Ricordo di Arturo Rigillo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Coletta

    2013-07-01

    Full Text Available Nel pieno imperversare della stagione invernale  del 2010 Arturo Rigillo se ne è andato; in silenzio, così come ha vissuto, lasciando ai familiari, agli amici, ai colleghi dell’ateneo napoletano Federico II, alla comunità scientifica nazionale ed internazionale, al centro di ricerca interdipartimentale L.U.P.T. che lo ha avuto per un decennio  direttore e successivamente presidente, al comitato scientifico e redazionale della rivista  “TRIA”, che con generosa dedizione ha contribuito a fondare, un vuoto che la sola memoria della sua «silenziosa operatività» non potrà certo colmare per i tanti che lo hanno conosciuto, frequentato ed apprezzato condividendo con Lui stima, amicizia ed affetto

  1. I confini di Cipro: il muro di Nicosia

    OpenAIRE

    Emma Tagliacollo

    2011-01-01

    Il muro di Nicosia e di tutta l'isola è solo un segno verde tracciato su una mappa, eppure ha una sua fisicità che non si può non percepire, o subire, nel percorrere il territorio. Il muro è un luogo da non attraversare - per tutti i ciprioti - che taglia in due un'unica popolazione, separandola attraverso i temi della cultura, della religione e della lingua. La storia del muro di Cipro, confine tra Nord e Sud, nasce nel 1974: da quel momento in poi saranno evidenziate in modo prevalente le d...

  2. Caratterizzazione strutturale di polimeri derivanti dalla polimerizzazione di monomeri dienici

    OpenAIRE

    Esposito, Simona

    2006-01-01

    [ITALIANO] / Nella presente tesi di dottorato si sono effettuati studi per la caratterizzazione strutturale e del comportamento polimorfo di polimeri stereoregolari derivanti dalla polimerizzazione del butadiene e dei suoi derivati metilici sostituiti, che hanno caratteristiche tipiche dei materiali termoplastici e/o elastomerici. Studi strutturali sono stati condotti su campioni di 1,2-poli(1,3-butadiene) -[CH2CH(CH=CH2)]n- (PBD12), 3,4-poli(2-metil-1,3-butadiene) -[CH2CH(C(CH3)=CH2)]n- ...

  3. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2005-12-01

    Full Text Available Report of PhD Dissertations.Anna Airò La scrittura delle regole. Politica e istituzioni a Taranto nel Quattrocento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 Pasquale Arfé La Clavis Physicae II (316-529 di Honorius Augustodunensis. Studio ed edizione critica, Tesi di dottorato in Storia della filosofia medievale, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", 2005 Alessandro Azzimonti Scrittura agiografica e strutture di potere nell'Italia centro-settentrionale (X-XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Forme del sapere storico dal medioevo alla contemporaneità, Università degli Studi di Trieste, 2004 Domenico Cerami Il "Confine conteso". Uomini, istituzioni, culture a Monteveglio tra VIII-XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli studi di Bologna, 2005 Federica Chilà Ostaggi. Uno strumento di pacificazione e governo tra i secoli VIII e XII, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, società, religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo, Università degli Studi di Torino, 2004 Enrico Faini Firenze nei secoli X-XIII: economia e società, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005Alessio FioreStrutture e pratiche del potere signorile in area umbro-marchigiana (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato ricerca in Storia, Università degli studi di Pisa, 2004Giampaolo FrancesconiTra Riforma, vescovo e clientes. Camaldoli e le società locali (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 [09/05] Giuseppe Gardoni "Episcopus et potestas". Vescovi e società a Mantova nella prima metà del Duecento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia del Cristianesimo e delle Chiese (antichità, medioevo, età moderna, Università degli Studi di Padova, 2005 Nicola Mancassola La gestione delle campagne tra Langobardia e Romània in età carolingia e post

  4. Esercizi di fisica meccanica e termodinamica

    CERN Document Server

    Dalba, G

    2006-01-01

    La risoluzione di esercizi rappresenta uno strumento indispensabile per raggiungere una comprensione sicura e approfondita dei concetti di Fisica appresi dai corsi e dai testi di teoria. Frutto di una lunga esperienza didattica dei due autori nell'insegnamento universitario della meccanica e della termodinamica, questa raccolta contiene 188 esercizi, di cui 91 completamente risolti ed accompagnati da un ampio corredo di figure. Il peimo capitolo presenta un'introduzione ai sistemi di unità di misura, al calcolo dimensionale, all'uso corretto delle cifre significative e degli arrotondamenti, ai grafici. Gli altri capitoli contengono gli esercizi, suddivisi per argomento e preceduti da una serie di paragrafi riassuntivi dei concetti fondamentali. Criterio ispiratore di questo lavoro è l'adozione di una metodologia per la soluzione degli esercizi basata sempre sull'analisi accurata dei dati a disposizione e sul riferimento ai principi e alle leggi della Fisica, mai alla sola intuizione.

  5. Teoria dei quanti di luce

    CERN Document Server

    Einstein, Albert

    1992-01-01

    In questo scritto un’intuizione storica limpida e penetrante, con la quale il giovane Einstein pose le basi per i successivi studi sulla teoria della relatività, è consegnata al lettore in forma chiara ed essenziale. Nel 1905, appena ventiseienne, Einstein intervenne nel dibattito sulle leggi di distribuzione della radiazione luminosa che all’epoca animava gli ambienti scientifici e che si inseriva nel più ampio processo di revisione delle scienze fisiche e naturali. Il giovane scienziato tentò di dimostrare come «...una radiazione monocromatica di densità ridotta... si comporta, per quanto riguarda la termodinamica, come se fosse composta da quanti di energia indipendenti l’uno dall’altro». In altre parole, nel caso limite di basse temperature e piccole lunghezze d’onda, la teoria ondulatoria della luce, tradizionalmente accettata e riconosciuta dai fisici, sembrava destituita di ogni fondamento, e si faceva strada l’ipotesi che la radiazione viaggiasse “a pacchetti”. Lo sviluppo succe...

  6. Well-being perceived and working conditions at ENEA research center; La valutazione soggettiva del benessere lavorativo in un campione di dipendenti ENEA dell'area bolognese

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cenni, P.; Fagarazzi, G. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente; Sarchielli, M.; Zanobini, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. di Psicologia

    1999-07-01

    The aim of this research on 143 workers of the ENEA area in Bologna, has been to survey the degree of well-being perceived and expressed by these workers with respect to different factors of the work environment. This study follows some training/information seminars on environment, health and safety organized in ENEA by Occupational Medicine Group to comply with Leg. Decr. 626/94. In a multidisciplinary approach the health idea has been interpreted not as lack of illness but as pursuit and preservation of the well-being in the work environment. For this purpose, also the involvement and participation of the workers seem to be very useful for subjective reports about individual task, equipment, interfaces, workplace and work organization. In this research, we have adopted an ergonomic checklist based on guiding principles to be applied to the design of optimal working conditions with regard to human well-being, safety and health (see UNI ENV 26385, 1991). Data processing and analysis have requested occupational medicine, ergonomics and statistics competencies. [Italian] La ricerca condotta su un campione ENEA di 143 dipendenti dell'area bolognese ha inteso verificare il grado di benessere percepito ed espresso dai lavoratori in rapporto alle diverse variabili presenti nel contesto lavorativo. Tale indagine e' stata preceduta da specifici seminari di formazione/informazione su ambiente, salute e sicurezza, organizzati a cura della Medicina del Lavoro di Bologna presso le sedi ENEA, a seguito delle disposizioni contenute nel D.Lvo. 626/94. In un'ottica multidisciplinare, il concetto di salute e' stato interpretato non tanto come assenza di malattia quanto come ricerca e mantenimento del benessere lavorativo e, per raggiungere questo scopo, sembra essere molto utile anche il diretto coinvolgimento e la partecipazione dei lavoratori per valutazioni soggettive sulle mansioni assegnate, le attrezzature, le interfacce, la postazione di lavoro e l

  7. Per un manuale di storia: diacronie e sincronie cronologiche. Una proposta di lavoro di storia regionale sull’Adriatico orientale

    OpenAIRE

    Spazzali, Roberto

    2010-01-01

    L’autore fa inizialmente notare come le conoscenze delle rispettive storie e culture nazionali che oggi possediamo sia di carattere scolastico e fissa per lo più personaggi o fatti appartenenti alla cultura di tipo nazionale. Si tratta di un processo che comporta esclusione e oblio quindi la “non conoscenza”, da cui la necessità di una nuova percezione di cultura e storia. Di seguito passa alla considerazione delle conseguenze fondamentali di alcuni fatti storici che hanno mostrato come sia u...

  8. La bottega di uno psicoanalista: autobiografia di un mestiere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Menconi

    2015-12-01

    Full Text Available L'articolo vuole essere la narrazione del percorso dell'autore, dall'analisi personale alla decisione di diventare analista e alla costruzione della propria "pratica" originale. Verranno messe in luce in particolare le modalità di apprendimento del "mestiere" dell'analista attraverso la frequentazione di un maestro, inteso come colui che, proprio perché non ha nulla da dare, può fornire con la sua testimonianza uno stimolo decisivo per trovare la propria strada a chi si rivolge a lui. Per sfatare alcuni luoghi comuni e per proporre l'idea che il percorso per diventare analista affondi le sue radici nell'antica esperienza dell'"andare a bottega" e in un rapporto assolutamente "carnale" con la lettura e la scrittura della propria esperienza, unita all'incontro con numerosi compagni di viaggio, spesso inattesi.

  9. Il Tanztheater di Pina Bausch

    OpenAIRE

    Randi,Elena

    2015-01-01

    L’articolo si occupa del metodo di costruzione degli spettacoli creati da Pina Bausch a partire circa dal 1978. La prima fase del processo consiste nella creazione di brevi partiture gestuali o verbali ad opera dei danzatori, cui segue una fase di drastica selezione dei moltissimi materiali proposti, selezione che spetta a Pina Bausch. Quindi, si iniziano a pulire quelli prescelti, attività, questa, che viene compiuta, assieme, da lei e da chi ha creato una certa sequenza. In una tappa succes...

  10. I dolori di Claudia Seeliger

    OpenAIRE

    Uta Treder

    2015-01-01

    La protagonista di questo romanzo dice “io”, si confida con noi, ci conduce attraverso la sua rocambolesca vicenda tenendoci avvinti e costringendoci ad esserle complici. Più di una volta restiamo col fiato sospeso, ci sentiamo a tratti confusi e smarriti, scuotiamo la testa disapprovando le sue scelte avventate, ma non ce la sentiremmo mai di abbandonarla al suo destino. Troppo forte è la sua personalità, perfino laddove scopre il suo lato fragile, troppo coinvolgente la sua passione, troppo...

  11. Analisi (classica, Rasch, dei distrattori di una prova di lettura a scelta multipla della certificazione di italiano per stranieri CILS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Torresan

    2015-08-01

    Full Text Available Nell’articolo che segue svolgiamo un’analisi degli item di una prova di lettura a scelta multipla di livello B1 della certificazione di italiano per stranieri CILS (Centro CILS, 2009, allestita dall’omonimo centro dell’Università per Stranieri di Siena. Operiamo inoltre uno studio della manipolazione del testo autentico avvenuta per mano del certificatore; da tale studio emerge una criticità di rilievo che, a nostro giudizio, pregiudica la coerenza del testo. Nel suo insieme, l’indagine consente al lettore di prendere coscienza delle difficoltà che la progettazione di un’esercitazione ampiamente usata, sia in sede di testing che nella didattica di ogni giorno, qual è il quesito a scelta multipla, comporta

  12. KUALITAS BAHAN MAKANAN DAN MAKANAN JAJANAN YANG DIJUAL DI PASAR TRADISIONAL DI BEBERAPA KOTA DI INDONESIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Supraptini Supraptini

    2015-03-01

    Full Text Available Pasar tradisional merupakan fasilitas umum untuk tempat jual beli bahan makanan/ makanan jajanan yang banyak dikunjungi masyarakat . Di Indonesia terdapat sekitar 13.450 pasar tradisional dengan 12.625 juta pedagang beraktivitas di dalamnya.  Selama ini masih sering terjadi keracunan makanan di masyarakat, oleh karena itu perlu diteliti kualitas makanan/ bahan makanan yang dijajakan. Penelitian ini bertujuan mengukur kualitas makanan (bahan makanan dan makanan jajanan yang dijual di pasar tradisional. Populasi adalah pasar tradisional yang sudah pernah dibina oleh Ditjen PP-PL. Sampel diambil secara purposif dari pasar yang telah dibina, kemudian diambil pasar yang mewakili daerah Jawa (Kab.Sragen dan Bali (Kab.Gianyar karena daerah Sumatera yang tadinya akan diwakili pasar Payakumbuh tidak dapat dilakukan akibat gempa yang menghancurkan pasar tersebut. Penelitian diaksanakan buan Februari – Nvember 2010. Metode pemeriksaan cemaran bakteriologi pada sampel makanan dengan Profile Method. Pemeriksaan cemaran kimia pada sampel uji petik makanan dengan Comparation Method, dan amino antipirin method. Dari hasil pemeriksaan beberapa makanan jajanan baik di pasar yang dibina maupun belum dibina mengandung bahan pewarna Rhodamin-B pada kue mangkok merah, cenil warna merah, kue ku merah, geplak merah, roll cake merah-kuning kerupuk warna-warni, kembang goyang orange mengandung Rhodamin-B. Methanyl Yellow ditemukan pada kerupuk warna-warni. Selain itu pengawet bahan makanan formalin ditemukan pada mie kuning di pasar yang dibina. Hasil pemeriksaan bakteriologis E. coli dan Coliform pada semua sampel daging negatif, tetapi ada beberapa sampel total mikroba positif antara 104 sampai dengan 107, yang artinya masih ada pencemaran mikroba lain selain E. coli dan Coliform. Kualitas air bersih yang digunakan di sebagian besar pasar tradisional masih memenuhi persyaratan Permenkes No.41/1999. Kesimpulan : Beberapa bahan makanan dan makanan jajanan yang dijual

  13. Fertilitas Remaja di Indonesia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mugia Bayu Raharja

    2014-08-01

    Full Text Available Fertilitas remaja merupakan isu penting dari segi kesehatan dan sosial karena berhubungan dengan tingkat morbiditas serta mortalitas ibu dan anak. Tujuan penelitian adalah mempelajari faktor-faktor yang memengaruhi fertilitas remaja di Indonesia. Data yang digunakan adalah hasil Survei Demografi dan Kesehatan Indonesia tahun 2012 dengan unit analisis wanita usia subur yang termasuk dalam kategori usia remaja (15 - 19 tahun. Jumlah sampel sebanyak 6.927 responden. Analisis dilakukan dengan metode deskriptif dan inferensial menggunakan model regresi logistik biner. Hasil analisis menunjukkan bahwa satu dari sepuluh remaja wanita tersebut pernah melahirkan dan atau sedang hamil saat survei dilakukan; sebesar 95,2% dari remaja yang sudah pernah melahirkan, memiliki satu anak sisanya sebesar 4,8% memiliki dua atau tiga anak; sebesar 11,1% dari remaja wanita yang pernah kawin, pertama kali kawin pada usia 10 - 14 tahun. Secara statistik, terdapat hubungan yang signifikan antara kejadian fertilitas remaja dengan daerah tempat tinggal, pendidikan, status bekerja, serta tingkat kesejahteraan keluarga. Wanita berisiko tinggi mengalami fertilitas pada usia remaja adalah mereka yang tinggal di perdesaan, berpendidikan rendah, tidak bekerja dan berstatus ekonomi rendah. Rekomendasi berdasarkan hasil penelitian adalah akses ke tingkat pendidikan formal yang lebih tinggi bagi remaja wanita, penyediaan pelatihan usaha ekonomi kreatif terutama pada daerah perdesaan, peningkatan pengetahuan kesehatan reproduksi bagi remaja melalui pendidikan. Adolescent fertility is an important issue in terms of health and social care as it relates to the morbidity and mortality of mothers and children. This study aimed to know the factors that influence adolescent fertility in Indonesia. The data used was the result of Indonesian Demography and Health Survey in 2012 with units of analysis included women of childbearing age in the adolescent age group (15 - 19 years. Total

  14. Manuale di esercizi in fisica delle particelle

    CERN Document Server

    Cartiglia, Nicolo

    2015-01-01

    Questi esercizi nascono come raccolta delle esercitazioni preparate per il corso in Fisica delle particelle" tenuto dalla prof.ssa R. Cester all'università di Torino e quelle per il corso in Particle Physics offerto all'Universita della California (UCSC) dal prof. A. Seiden. Durante gli anni del corso, il numero e gli argomenti trattati nei problemi sono cresciuti fino a far diventare questa collezione uno strumento a se stante, utile per la preparazione sia di esami che di prove di dottorato. Il livello di difficoltà dei problemi varia da elementare a decisamente complessi, per offrire un'ampia possibilita di scelta. Gli argomenti affrontati negli esercizi seguono quelli del corso base in Fisica delle particelle, mentre non si trovano esercizi avanzati di QCD e teoria elettrodebole. Una breve introduzione teorica permette di rivedere i concetti di base, mentre la bibliografia riporta una collezione di testi che servono per gli approfondimenti.

  15. Environmental analysis of a tourist development project; Analisi ambientale per un progetto di sviluppo turistico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Forni, A.; Colonna, N.; Olivetti, I. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    trattamento rifiuti e delle discariche, il sistema produttivo, l'attuazione delle normative ambientali EMAS sui siti industriali, il contributo del progetto al raggiungimento degli obiettivi di Kyoto e la tutela e riqualificazione del paesaggio. Al fine di esplicitare la particolare cura che va messa nel monitorare la situazione, sono state inseriti nella ricerca alcuni esempi di proposte sui principali temi socioambientali rilevati nell'area del cagliaritano, derivati dalle linee guida per la valutazione ambientale strategica (V.A.S.).

  16. ATLANTE ON-LINE DI GEOGRAFIA: FACILITAZIONE DI TESTI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Baccella

    2015-02-01

    Full Text Available Al centro di questo lavoro vi è la proposta di un intervento di facilitazione su un testo di geografia contenuto nell'Atlante online Unimondo, un sito che si rivolge a studenti delle scuole primarie e secondarie. Obiettivo di questo lavoro è individuare quelle che sono in generale le criticità dei testi disciplinari e gli ostacoli che essi pongono dinnanzi a uno studente straniero (e non solo, proponendo in seguito alcuni interventi didattici mirati ad accompagnare il discente nella comprensione del testo e nello sviluppo della lingua dello studio. Dopo aver presentato brevemente le due opzioni della semplificazione e della facilitazione e aver fatto alcune considerazioni sulla preferibilità dell’una piuttosto che dell’altra, si è preso in esame il testo in questione. Ad una dettagliata analisi linguistica delle principali difficoltà ivi contenute, segue la proposta di un percorso di facilitazione mediante attività tese a permettere allo studente un approccio di successo con il testo autentico. Obiettivo della proposta è presentare un modello applicabile ad altri testi dello stesso tipo, mirato allo sviluppo da parte dello studente di una sempre maggiore consapevolezza circa i propri processi cognitivi e le strategie di lettura che può mettere in atto, puntando verso una sempre maggiore autonomia.   Online Geography Atlas: facilitation of texts This paper focuses on the proposal to facilitate use of a geography text contained in the online Unimondo Atlas. This site caters to primary and secondary school students. This paper aims to identify the critical aspects of disciplinary texts and the obstacles they pose to foreign students (and not only, proposing some educational interventions aimed at accompanying the student in understanding the text and in developing the language of study. After a brief presentation of two ways to simplify and facilitate the materials, and a discussion of how one or the other might be preferable, we

  17. Profil Merokok pada Pelajar di Tiga SMP di Kota Padang

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yessy Susanti Sabti

    2015-09-01

    Full Text Available Abstrak   Merokok merupakan kontributor utama kematian.  Jumlah perokok semakin meningkat di seluruh dunia dan sebagian besar berada dinegara berkembang, termasuk Indonesia. Sebagai negara dengan perokok terbanyak ketiga di dunia, prevalensi perokok remaja di Indonesia semakin meningkat setiap tahun. Dengan menggunakan kuesionerGlobal Youth Tobacco Survey, kami meneliti profil merokok pada pelajar di tida SMP di kota Padang. Desain peneitian adalah crossectional. Data diperoleh dari kuesioner Global Youth Tobacco Survey, berbahasa Indonesia. Didapatkan sampel 240  murid dari 3 SMP dipilih secara acak di Kota Padang. Hasil : 27,7% murid pernah merokok, dan semuanya adalah laki-laki. 29%  mencoba rokok pada usia kurang dari 10 tahun. 37%  murid masih merokok sampai sekarang, 46% diantaranya sudah ketagihan rokok. Sebanyak 77,1% murid yang pernah merokok mempunyai orang tua perokok. Sebagian besar dari total sampel terpapar asap rokok lingkungan baik di rumah dan di tempat-tempat umum. Kesimpulan: Lebih dari seperempat pelajar di tiga SMP di kota Padang pernah merokok dan semuanya laki laki, dan mencoba merokok padausia kurang dari 10 tahun. Hampir seperlima sudah ketagihan merokok.Kata kunci: Pelajar, Merokok, Global Youth Tobacco SurveyAbstract Smoking is the mayor contibutor of death, and the number of smoker is growing overworld. More of them live in the developing country, including Indonesia. As the third of most smoker number, the teenager smoker prevalence in Indonesia is increase over year. By using Indonesian language adapted of Global Youth Tobacco Survey quessionaires, we researched smoking teenager behaviour and realted factors at Junior High School of Padang. Design of study is crossectional, datas collected from 240 students of three randomized selected Junior High School, by  Global Youth Tobacco Survey quessionaires that has adapted to Indonesian language. Results : 27,7% of students reported that they ever smoked cigarettes

  18. Un improbabile precursore di Gutenberg?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Sartori

    2010-03-01

    Full Text Available The reconsideration of the small silver foil epigraph of the so called “Tesoro di Marengo” clarly demonstrates that the inscription has been made not “per mezzo di punzoni e stampi”, as proposed by the first publisher and never more discussed, but using a deep-drawing technique applied to the upper side, which the succeeding phases of deepening, rethink, corrections to many imperfections can be followed of.

  19. Breve guida didattica e metodologica all'elaborazione di una tesina e alla lettura di un testo di studio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando Cipriani

    2013-08-01

    Full Text Available Non ci occuperemo di didattica di una determinata disciplina in senso stretto ma di metodologia di studio, di lettura critica di un testo sociologico in vista della formazione dello studente e del suo obiettivo globale finale: la redazione di una tesina, primo passo verso la tesi. Inoltre siamo convinti che non ci può essere una buona formazione dell’insegnante senza una buona formazione a monte, quella dello studente ch’egli è stato, e che si conclude con la discussione della tesi, intesa come la conclusione di un lungo processo  cognitivo, di un tirocinio sistematico e accurato che inizia sui libri di studio.       Qui non diamo la bibliografia sul modo di redigere una tesi, per la vastità bibliografica sull'argomento (che generalmente lo studente ricava da Internet, a partire dal libro magistrale di Umberto Eco (Come si fa una tesi di laurea, “Tascabili” Bompiani, Milano, 1977 poiché non è nostra intenzione vagliare quanto scritto in materia, ma fornire per mancanza di tempo e di spazio un'introduzione al problema, un minimo contributo di poche pagine nel campo empirico, piuttosto che nel campo teorico, in quanto già ampiamente sfruttato dalla retorica classica dell'argomentazione, su cui da Aristotele in poi molto è stato detto e scritto.    Come abbozzare innanzi tutto alcuni punti di un lavoro che, per quanto non ancora del tutto definito, si va delineando nella nostra mente come alcune linee di base, programmatiche e concrete, mirate a definire i momenti di un’ulteriore riflessione dello studente? Poco importa per ora la successione degli argomenti ma è necessario fornire i punti salienti di questo nostro intervento mediante un breve sommario non ancora articolato, proprio come faremmo per elaborare una tesina.     Ricerca bibliografica: soggetto, autori e sigle; progettazione di un piano di lavoro: indice, capitoli e sottocapitoli. – Scheda di lettura, scheda critica di un libro per la recensione; tipi e

  20. SVILUPPO DI SOLUZIONI SOFTWARE PER LA SISMOLOGIA

    OpenAIRE

    Lanucara, Piero; Ruggiero, Vittorio; Zampini, Stefano; Ferraro, Luca

    2012-01-01

    Sviluppare soluzioni software per la sismologia è diventato, ormai, indispensabile per comprendere i complessi fenomeni che regolano il funzionamento del sistema Terra, come ad esempio: lo studio degli effetti di Sito che consentono di caratterizzare con estrema precisione l’impatto in superficie di un terremoto potenzialmente distruttivo; la derivazione di modelli per lo studio della deformazione cosismica prodotta da grandi terremoti; le simulazioni dirette per il calcolo dei campi di defor...

  1. LE SESSE DEL LAGO DI VICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    g. pannocchia

    1951-06-01

    Full Text Available Nel presente lavoro si determinano con i metodi di Defant e diHidaka i periodi delle sesse nni-bi e tri-nodale del lago di Vico, lerelative distanze dei nodi e le curve rappresentanti l'andamento delleampiezze di oscillazione con i metodi detti. Con il metodo indicatoda Neumann si determina di nuovo il periodo della sessa uni-nodale.

  2. EGNOS: è ora di usarlo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  3. Itinerários de cura e cuidado de idosos com perda auditiva Routes of healing and care of elderly individuals with hearing loss

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Josiane Cristina Scheffer

    2009-09-01

    Full Text Available A perda auditiva é um dos problemas de saúde que mais limitam a qualidade de vida da crescente população idosa do país e, como em outras situações de doença, buscam-se diferentes formas de solucionar o problema, envolvendo ou não os serviços de saúde formais. Este estudo qualitativo-exploratório visou compreender os itinerários de cura e cuidado de um grupo de idosos com perda auditiva. Realizamos entrevistas semiestruturadas com sujeitos com prescrição médica para uso de Aparelho de Amplificação Sonora Individual (AASI e que frequentavam um grupo de apoio a idosos em um serviço de audiologia. Os dados foram apresentados em duas categorias de análise: 1 A percepção da perda auditiva pelos sujeitos e seus familiares; 2 Itinerários de cura e cuidado. Os relatos apontaram as implicações negativas da perda auditiva no convívio com seus familiares. Observamos a busca de soluções nos setores informal, popular e profissional. Em todas as situações, os sujeitos relataram a busca da "cura", não encontrada em nenhum desses setores. No setor profissional, receberam indicação do AASI como única "solução". Identificamos a dificuldade de acesso ao tratamento indicado e a falta de apoio e acompanhamento após a aquisição do AASI. Como aspectos positivos, houve a participação no grupo de idosos e uma estratégia que propiciou acolhimento, compreensão da doença e adesão ao tratamento. Compreender o problema de saúde a partir da forma como o idoso vê sua doença pode melhorar a comunicação entre profissional de saúde e paciente, essencial em qualquer encontro no sistema de saúde.Hearing loss is one of the greatest problems affecting the health quality of the constantly growing elderly population in Brazil. When it occurs, as in other disease situations, people seek for different solutions, whether they lie in professional health care or not. This qualitative study aimed to understand the routes of healing and care

  4. Efeito do tempo de cura na rigidez de argamassas produzidas com cimento Portland Effect of the curing time on the stiffness of mortars produced with Portland cement

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. C. R. Garcia

    2011-03-01

    Full Text Available O concreto de cimento Portland é um dos materiais mais usados no mundo inteiro, entretanto, devido a sua estrutura ser muito complexa, torna-se imprescindível estudar suas propriedades com bastante profundidade. O concreto é produzido a partir de uma argamassa, de areia e cimento, com adição de agregados graúdos, sendo que suas propriedades estão basicamente suportadas nessa argamassa de constituição. O objetivo deste trabalho foi estudar a variação da rigidez de duas argamassas de composições com razão cimento:areia de 1:2 e 1:3 em função do tempo de cura, tendo como parâmetro a variação do módulo de Young. Os resultados mostraram que o módulo de Young cresce até atingir o valor máximo no oitavo dia, sendo que nos três primeiros dias esse crescimento é mais acentuado. A análise dos resultados indica que grande parte do processo de hidratação do cimento, com formação das ligações químicas responsáveis pela rigidez da argamassa, acontece nos primeiros dias de cura.Concrete produced with Portland cement is one of building materials most widely used worldwide. However, due to its highly complex structure, its properties require in-depth studies. Concrete is a mortar consisting of a mixture of cement, sand and coarse aggregates, and its properties are represented basically by the mortar base. The aim of this work was to study the change in stiffness of two mortar compositions cured at 25 ºC with a cement-to-sand ratio of 1:2 and 1:3, as a function of curing time using the variation of Young modulus as the measuring parameter. The results showed that Young modulus increases up to a maximum value on the 8th day, and that this increase is more pronounced during the first three days. An analysis of the results indicates that a large part of the cement hydration process, involving the formation of chemical bonds that are responsible for the mortar stiffness, takes place in the early days of curing.

  5. Il restauro di Casa d’Annunzio nei disegni di Antonino Liberi (1921-1929

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pasquale Tunzi

    2015-01-01

    Full Text Available Il desiderio del poeta Gabriele d’Annunzio di rinnovare la sua casa natale in Pescara con un intervento di ‘re - styling’, fu affrontato nel 1921 dal cognato l’ingegnere Antonino Liberi, progettista di numerose opere. Perl’antica casa, bisognosa di interventi di manutenzione straordinaria alquanto urgenti, l’ingegnere propose una serie di modifiche interne utili a migliorare la vivibilità degli ambienti, ma anche due soluzioni di facciata che ne avrebbero modificato radicalmente l’aspetto. Il presente saggio intende affrontare, più che gli interventi programmati sulla casa, il modo di comunicare il progetto di restauro dell’ingegnere Liberi, considerando la grafica, le scale delle rappresentazioni, il metodo progettuale. Di supporto sono i documenti depositati presso l’Archivio del Vittoriale degli Italiani e l’Archivio di Stato di Pescara

  6. AUTOBIOGRAFISMO E DIALOGO FILOSOFICO: IL CASO STORIOGRAFICO DE LA FESTA DI NATALE DI FRIEDRICH SCHLEIERMACHER

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca D'Alberto

    2014-01-01

    Full Text Available Die Weihnachtsfeier. Ein Gespräch di Friedrich Schleiermacher è uno degli esempi più interessanti di come, nel romanticismo, forma letteraria, contesto vitale e autobiografico, tesi filosofiche costituissero un complesso unitario e spesso di difficile interpretazione. Nel caso del dialogo schleiermacheriano sul Natale è possibile distinguere due livelli di lettura storiografica: uno, rivolto soprattutto al contesto, consente di identificare i riferimenti biografici e l'ambiente reale a cui allude l'autore; un secondo, strettamente legato al primo, ma non necessariamente riducibile ad esso, ha invece un valore, per così dire, "autointerpretativo". Alla luce di questo secondo livello di lettura, questa breve opera di Schleiermacher mostra di essere ben più di uno scritto occasionale per il Natale del 1806. Esso nasconde e rivela al contempo, nelle trame di un gioco di rimandi e allusioni biografiche, la volontà...

  7. I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Carnì

    2015-06-01

    SOMMARIO: 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3.(segue Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

  8. Pluralità di etnie, di religioni, di Stati in Medio-oriente; il terrorismo islamico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittorio Parlato

    2017-05-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Le ripartizioni islamiche – 2. La realtà cristiana mediorientale - 3. Gli Yazidi - 4. Chiese etniche e realtà statuali in Medio-oriente – 5. Il sistema degli statuti personali - 6. Valutazione negativa da parte dell'Islam della laicità dello Stato - 7. Irrealizzabilità di uno stato laico in Medio-oriente - 8. Atti terroristici e fondamentalismo islamico. È guerra di religione?

  9. BUDIDAYA LOBSTER (Panulirus sp. DI VIETNAM DAN APLIKASINYA DI INDONESIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Akhmad Mustafa

    2013-12-01

    Full Text Available Desa Xuan Tun di Kecamatan Van Ninh Kota Nha Trang Provinsi Khanh Hoa merupakan lokasi pertama kegiatan budidaya lobster di Vietnam yang dilakuan pada tahun 1992. Secara umum di Kota Nha Trang, ada tiga jenis lobster yang dibudidayakan yaitu lobster mutiara (Panulirus ornatus, lobster pasir (Panulirus homarus, dan lobster batik (Panulirus longipes, karena benih lobster tersebut mudah didapat pada awalnya, cepat tumbuh, berukuran besar, warna cerah, dan memiliki harga yang tinggi. Kegiatan budidaya lobster pada dasarnya terdiri atas: penangkapan benih lobster, produksi tokolan lobster, dan pembesaran lobster yang masing-masing merupakan segmen usaha tersendiri. Pakan yang digunakan dalam produksi tokolan dan pembesaran lobster adalah berupa udang, kerang, tiram, cumi-cumi, dan ikan rucah, di mana sebagian besar dari pakan tersebut digunakan ikan rucah terutama pada pembesaran lobster. Sebagai akibat penggunaan pakan tersebut dan peningkatan jumlah keramba jaring apung yang cukup signifikan berdampak pada penurunan kualitas perairan yang memicu berkembangya penyakit susu (milky haemolymph disease sehingga terjadi penurunan produksi. Terkait dengan hasil yang didapatkan tersebut, ke depan diperlukan berbagai kegiatan termasuk untuk dapat diaplikasikan di Indonesia. Kegiatan tersebut meliputi: produksi benih lobster secara buatan di hatcheri dan penggunaan pakan buatan berupa moist pellet. Upaya pencegahan penyakit susu dan perlakuan-perlakuan praktis untuk mencegah perkembangan serangan penyakit susu juga perlu mendapat perhatian. Perkembangan budidaya lobster yang begitu cepat memicu terjadinya penurunan daya dukung lahan. Oleh karena itu, kegiatan untuk menentukan daya dukung lahan dan kesesuaian lahan menjadi penting untuk dilakukan untuk menentukan lokasi dan jumlah keramba jaring apung yang dapat dioperasikan. Penentuan daya dukung lahan dan evaluasi kesesuaian lahan tidak hanya dilakukan pada daerah yang

  10. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2002-06-01

    Full Text Available

    Report of PhD dissertation.

    Laura Baietto

    Una politica per le città. Rapporti fra papato, vescovi e comuni nell'Italia centro-settentrionale da Innocenzo III a Gregorio IX, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli Studi di Torino, 2002

     

    Giuseppe Banfo

    Compresenze e sovrapposizioni di poteri territoriali di qualità diversa tra X e XIII: il caso del basso Monferrato, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Torino, 2002

     

    Francesca Dell'Acqua

    La vetrata tra l'età tardo imperiale e l'altomedioevo: le fonti, l'archeologia, Tesi di Perfezionamento in Storia dell'Arte Medievale, Scuola Normale Superiore di Pisa, 2001

     

    Primo Giovanni Embriaco

    I vescovi di Albenga e gli sviluppi signorili nella Liguria occidentale (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Torino, 2001

     

    Antonella Ghignoli

    Documenti e proprietà altomedievali. Fondamenti e problemi dell'esegesi storica delle fonti documentarie nello specchio della tradizione delle carte pisane dei secoli VIII-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Firenze, 2002

     

    Vito Loré

    Espansione monastica e mutamenti politici. La Trinità di Cava nei suoi rapporti con i sovrani longobardi e normanni e con l'aristocrazia territoriale. Secoli XI-XII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Firenze, 2002

     

    Rosaria Stracuzzi

    Messina nel '400, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2001

     

    Stefania Tamburini

  11. CHE COSA RESTA DI CHERUBINI OGGI? DUE CASI DI STUDIO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Miola

    2016-09-01

    Full Text Available A partire dagli anni Duemila, il fenomeno delle cosiddette risorgenze dialettali si è manifestato, nel panorama linguistico italiano, anche attraverso l’emergenza dei dialetti negli ambiti propri della Comunicazione Mediata dal Computer e, specialmente, sui siti internet creati ‘dal basso’, come l’enciclopedia libera e multilingue online Wikipedia. In questo articolo, si esaminerà il lascito di Cherubini e del suo Vocabolario milanese-italiano sull’edizione regionale lombarda della Wikipedia: gli articoli di quest’ultima saranno passati in rassegna, sia dal punto di vista ortografico, comparando le scelte del lessicografo milanese con quelle più in voga online, sia dal punto di vista morfo-sintattico, discutendo in questo secondo caso la presenza e la produttività di alcuni verbi sintagmatici. What remains of Cherubini today? Two case studies Since the beginning of the twenty-first century, the phenomenon of dialect resurgence has manifested in Italy through the emergence of dialects in Computer Mediated Communication, especially, on bottom-up created Web sites, like the free, multilingual, online encyclopedia Wikipedia. In this article, we will examine the legacy of Cherubini and his Milanese-Italian dictionary on the regional Lombard version of Wikipedia. We will review the articles both in terms of spelling, comparing the choices of Milanese lexicographer with those most utilized currently online, and from a morpho-syntactic point of view, discussing the presence and the productivity of some phrasal verbs.

  12. Esercizi di relatività generale

    CERN Document Server

    De Felice, Fernando

    2007-01-01

    La teoria della Relatività Generale ha la duplice funzione di descrivere la gravitazione come fenomeno fisico in sé e di fornire al contempo un algoritmo adeguato a descrivere tutte le altre leggi della fisica in presenza di gravitazione, sia essa reale o semplicemente indotta da uno stato di accelerazione. A tale scopo la teoria si presenta con una struttura matematica molto elaborata che richiede come requisito indispensabile conoscenze di geometria differenziale e di calcolo differenziale assoluto. La maggiore difficoltà nell'uso della teoria è riconoscere il legame fra la sua struttura formale e i fenomeni fisici che essa descrive, potendo in tal modo procedere alla loro verificabilità sperimentale. Gli esercizi sono essenziali al raggiungimento di tale obiettivo; lo scopo del libro pertanto è quello di fornire a studenti e cultori della materia una guida all'applicazione dei concetti teorici della Relatività Generale a una vasta gamma di situazioni fisiche.

  13. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittorio Brizzi

    2006-06-01

    Full Text Available Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si può ipotizzare che si tratti di una cuspide destinata ad una freccia per la caccia, utilizzabile da un arco efficiente e forte.

  14. L'amicizia negli scritti di Aelredo di Rievaulx. Una conoscenza puntiforme

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo Braca

    2010-06-01

    Full Text Available L'amicizia, per il cistercense inglese Aelredo di Rievaulx (1110-1167, rappresenta il principale veicolo di conoscenza divina: la fusione dello spirito di due amici è il primo gradino di una scala di perfezione che conduce all'unione con Dio. Secondo alcuni storici, però, alla base della sua teologia starebbe il bisogno di canalizzare una mal sofferta pulsione sessuale. Questo articolo analizza la teologia di Aelredo come dottrina della conoscenza raggiunta attraverso l'amore e discute la possibilità di trovare nei suoi scritti segni del suo orientamento sessuale.

  15. Na busca da cura do corpo, a oração opera milagres: uma discussão sobre eficácia simbólica, perspectivismo, cura e religião (In the search for the healing of the body, prayer works miracles: a discussion on symbolic efficacy, perspectivism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irene de Jesus Silva

    2013-09-01

    Full Text Available Na busca da cura do corpo, a oração opera milagres: uma discussão sobre eficácia simbólica, perspectivismo, cura e religião (In the search for the healing of the body, prayer works miracles: a discussion on symbolic efficacy, perspectivism - DOI: 10.5752/P.2175-5841.2013v11n31p965O artigo busca descrever, compreender e interpretar o caso observado de uma jovem portadora de teratoma ovariano maligno, internada em hospital do câncer na cidade de Belém, estado do Pará. A jovem foi desenganada diante do diagnóstico da doença, mas sua mãe agarrou-se na “fé em Deus”, pois “Ele opera milagres”, dizendo que dela retiraram “coisa feia”, cheia de dentes, cabelos e gorduras, que não sabia inteiramente explicar, mas que “Jesus cura”. A mãe, evangélica, mantinha a Bíblia na enfermaria, orando em voz alta diante do leito da menina. Aos poucos, amenizou-se a gravidade do caso, deixando perplexo o saber biomédico, diante do reconhecimento de outras buscas de cura, como através da oração, que levou aquela jovem a sair de alta hospitalar. Esse episódio, observado atentamente pela coautora deste artigo, permite uma discussão que transcende o âmbito da biomedicina, do ponto de vista antropológico, especialmente no campo da chamada “eficácia simbólica”, em que xamanismo e psicanálise podem ser chamados para conferir sentido a esse drama, cujo desfecho mostrou-se favorável para a jovem e sua mãe, até o ponto que foi possível observar. Palavras-chave: Cura. Religião. Eficácia Simbólica.   Abstract This article aims to describe, understand and interpret the observed case of a young woman with ovarian malignant teratoma, hospitalized in the cancer hospital in the city of Belém, State of Pará, Brazil. The young woman was thought as incurable on the diagnosis of the disease, but her mother clung in “faith in God”, because “He works miracles”, saying that “ugly things”, full of teeth, hair and grease

  16. L’Oratorio di Santa Croce di Borutta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Fadda

    2014-06-01

    Le fonti, che testimoniano l’antico utilizzo della struttura in qualità di parrocchiale del paese intitolata a Santa Maria Maddalena, riportano la predilezione che gli ultimi vescovi di Sorres mostrarono verso la chiesa boruttese all’indomani della decadenza della villa e della sede episcopale di Sorres The Oratorio of Santa Croce is in the old town of Borutta (Sassari, ITALY. The church dates from the eleventh century - according to archaeologist. Inside the structure there are an interesting apse, Catalan gothic elements, painted cross of consecration and painted wooden furniture, in particular a simulacrum of the dead Christ. Historic documents reveal the original use of this church as the ancient parish of Borutta, but it played some way the role of cathedral after the decline of the original episcopal seat.

  17. The European free-tailed bat, Tadarida teniotis, in a suburban area of Latina, Latium (Central Italy / Il Molosso di Cestoni, Tadarida teniotis, nell'ambiente suburbano di Latina, Lazio (Italia centrale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Corsetti

    1990-07-01

    fumaria dell'impianto centralizzato di riscaldamento. I1 numero massimo di esemplari osservati contemporaneamente è stato di un maschio e due femmine. Sono stati rilevati alcuni caratteristici richiami emessi dal maschio in momenti di massima eccitazione, probabilmente nelle fasi pre-copula, principalmente nei mesi primaverili (marzo-maggio ma anche autunnali (ottobre-novembre. L'involo si è verificato generalmente con temperature dell'aria non inferiori ai 16 °C e da 25 a 60 minuti dopo il tramonto, eccetto in un caso dove un esemplare in volo, alto e diritto, è stato osservato pochi minuti dopo il tramonto del sole e dopo aver ascoltato i forti richiami provenienti dal ricovero abituale della specie.

  18. Studio del comportamento di Acanthamoeba. polyphaga in presenza di Legionella pneumophila e di altri batteri ad habitat acquatico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Bondi

    2003-05-01

    Full Text Available Le amebe a vita libera sono state oggetto di diversi studi negli ultimi anni, non solo per le loro potenzialità patogene nei confronti dell’uomo, ma anche per l’importante ruolo che svolgono in natura, dove agiscono come predatori in grado di controllare le popolazioni batteriche. Alcuni degli organismi fagocitati però possono evitare la lisi fagosomiale e mantenere la loro condizione vitale a livello intracellulare, divenendo endosimbionti. Le amebe fungono così da riserva per questi batteri, proteggendoli da difficili condizioni extracellulari e provvedendo ad un ambiente consono alla loro replicazione. Tale tipo di interazione è particolarmente studiata in Legionella pneumophila, dal momento che l’ampia diffusione di questo germe, nonché la sua virulenza, pare siano fortemente influenzate dalla capacità di parassitare protozoi appartenenti ai generi Acanthamoeba, Naegleria e Balamuthia. Al fine di ottenere maggiori informazioni sui fattori favorenti o inibenti lo sviluppo di questi protozoi, è stato studiato il comportamento di un ceppo di Acanthamoeba polyphaga coltivato, in solido e in liquido, in associazione con L. pneumophila ed altri batteri ad habitat acquatico (Pseudomonas, Aeromonas, Achromobacter, Burkholderia. Su tappeti di cellule batteriche allestiti in Non Nutrient Agar (NNA, A.polyphaga si è mostrata in grado di moltiplicarsi utilizzando come nutrimento tutti i ceppi testati, nonostante alcuni, come Burkholderia cepacia SSV6 e Achromobacter xylox SS28, risultino più idonei al suo sviluppo. In piastre a pozzetti addizionate di acqua condottata autoclavata, il protozoo ha mostrato una buona capacità di sopravvivenza, non risultando inoltre influenzato dalla presenza di legionella o dei batteri acquatici testati. Dal momento che, fra i batteri descritti come capaci di vita intra-amebica, sono inclusi patogeni quali Chlamydia, Legionella, Listeria e Rickettsiae, risulta necessario riconsiderare la rilevanza clinica

  19. Incidência de tuberculose e taxa de cura, Brasil, 2000 a 2004 Tuberculosis incidence and cure rates, Brazil, 2000-2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Luiza Bierrenbach

    2007-09-01

    Full Text Available OBJETIVO: Descrever a distribuição geográfica da incidência de tuberculose, a partir de um conjunto de indicadores epidemiológicos e operacionais de dados de notificação oficial. MÉTODOS: Dados sobre incidência de tuberculose foram coletados no Sistema de Informação de Agravos de Notificação, após processo de pareamento e depuração de registros repetidos. As taxas de incidência de tuberculose foram calculadas segundo unidade geográfica, grupo etário, sexo, forma clínica e regime de tratamento, e padronizadas para a distribuição etária da população com base no Censo de 2000. RESULTADOS: Em 2004, o Brasil apresentou taxa de incidência de 41/100.000 habitantes, com 74.540 casos novos notificados. Desses, 52,8% eram casos pulmonares com baciloscopia positiva, 24,1% estavam em tratamento supervisionado, 63,5% eram provenientes de capitais ou das regiões metropolitanas e 54,9% eram casos curados. Excluindo-se os registros sem preenchimento da variável de desfecho, a proporção de cura alcançou 72,4% para casos novos, 47% para casos novos HIV positivos, 64,9% para recidivas, 64,5% transferências e 40% para reingressos após abandono. A taxa de cura para os casos novos em tratamento supervisionado foi de 77,1%. A proporção de registros sem informação sobre desfecho foi maior em anos mais recentes. CONCLUSÕES: Houve extensas diferenças estaduais em relação à incidência e às categorias de desfecho. Para alcançar a meta de 85% de cura para casos novos e aumentar a cura dos casos HIV positivos e reingressos são necessários esforços adicionais por parte do Programa Nacional de Controle da Tuberculose, incluindo a expansão da estratégia de tratamento diretamente supervisionado.OBJECTIVE: To describe the geographical distribution of tuberculosis incidence rates based on a set of epidemiological and operational indicators from information system database. METHODS: Data from the Sistema de Informação de Agravos

  20. Entre a cura e o divertimento: as viagens de férias junto à natureza em estâncias hidrominerais (1930-1940

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Cristina Carqueijeiro de Medeiros

    Full Text Available Resumo A natureza e seus elementos, como o sol, a água e o clima –considerados regeneradores –, afirmam-se nos discursos médicos como destinos apropriados aos viajantes durante as férias, estabelecidas legalmente aos trabalhadores com a Consolidação das Leis do Trabalho (CLT em 1943. Este artigo trata das viagens de férias em estâncias hidrominerais e toma como objeto principal de análise um dos destinos: Poços de Caldas (MG. Seu objetivo foi analisar, a partir de um conjunto de revistas de vulgarização científica e guias de viagens das décadas de 1930 e 1940, o lugar da cura e do divertimento nessa estância. Analisa, assim, o lugar da educação do corpo nas prescrições voltadas para os destinos escolhidos.

  1. Quehacer y planteamientos del cura Luis Friedrich en el oasis de Pica durante la chilenización de Tarapacá, 1903-1907

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Castro Castro

    2015-02-01

    Full Text Available Este artículo busca indagar las características que tuvo el proceso de chilenización en el oasis de Pica abordando a uno de los actores menos estudiado en este contexto: los curas. A este efecto, se centra en la labor y los planteamientos del sacerdote Luis Friedrich utilizando la correspondencia que envió a sus superiores jerárquicos entre los años 1903 y 1907. A través de esta documentación, no sólo se describe el quehacer de Friedrich destinado a potenciar los rasgos endógenos contenidos en las modalidades tradicionales de organización religiosa y secular de los campesinos piqueños, matillanos y quismeños para enfrentar los vaivenes impositivos de la chilenización, sino también su visión política respecto a la mirada prejuiciada en la que sustentaba la administración estatal chilena el ejercicio de su soberanía política y administrativa.

  2. Quehacer y planteamientos del cura Luis Friedrich en el oasis de Pica durante la chilenización de Tarapacá, 1903-1907

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Castro Castro

    2015-01-01

    Full Text Available Este artículo busca indagar las características que tuvo el proceso de chilenización en el oasis de Pica abordando a uno de los actores menos estudiado en este contexto: los curas. A este efecto, se centra en la labor y los planteamientos del sacerdote Luis Friedrich utilizando la correspondencia que envió a sus superiores jerárquicos entre los años 1903 y 1907. A través de esta documentación, no sólo se describe el quehacer de Friedrich destinado a potenciar los rasgos endógenos contenidos en las modalidades tradicionales de organización religiosa y secular de los campesinos piqueños, matillanos y quismeños para enfrentar los vaivenes impositivos de la chilenización, sino también su visión política respecto a la mirada prejuiciada en la que sustentaba la administración estatal chilena el ejercicio de su soberanía política y administrativa.

  3. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con

  4. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Science.gov (United States)

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  5. Studio di prototipo di calorimetro per neutroni per l'esperimento ALICE

    CERN Document Server

    Arnaldi, R; Cicalò, C; Cortese, P; De Falco, A; Dellacasa, G; De Marco, N; Gallio, M; Macciotta, P; Masoni, A; Musso, A; Oppedisano, C; Piccotti, A; Puddu, G; Scomparin, E; Siddi, S; Serci, E; Soave, C; Usai, G L; Vercellin, Ermanno

    1999-01-01

    ALICE e uno dei quattro esperimenti previsti ad LHC, al CERN, il cui scopo e lo studio delle osservabili che danno informazioni rilevanti sulla formazione del quark gluon plasma, che potrebbe essere prodotto in collisioni centrali Pb-Pb, di energia nel centro di massa di 5.5 A TeV.Il parametro di impatto di tali collisioni verra determinato grazie ad un insieme di calorimetri per protoni e neutroni che misureranno l'energia portata in avanti dai nucleoni non interagenti(spettatori).E' stato costruito un prototipo di calometro per neutroni, formato da piani di fibre di quarzo, posti a 45 gradi rispetto all'asse del fascio e inframmezzati da piani di materiale passivo denso(tungsteno). La luce Cerenkov prodotta nelle fibre dallo sciame sviluppato nel materiale passivo,viene raccolta da guide ottiche in aria.Verranno presentati i rilustati di un test previsto al CERN SPS per il luglio 1999.

  6. Studio di prevalenza delle polmoniti in un'Azienda opsedaliera di Bologna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Leoni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: nell’ambito di un progetto di sorveglianza attiva dei casi di polmonite da legionella, è stata studiata la prevalenza di tutti i casi di polmonite ricoverati in un ospedale di Bologna, allo scopo di definirne la distribuzione per origine (comunitaria o nosocomiale, eziologia, caratteristiche individuali e di confrontarle con le polmoniti da legionella.

    Metodi: per ogni caso con diagnosi clinica e/o radiologica di polmonite è stato compilato un questionario, raccogliendo le informazioni dalle cartelle cliniche. Tutti i casi di polmonite non specificata sono stati inoltre sottoposti al test per la ricerca dell’antigene di legionella nelle urine.

  7. Problemi di traduzione della Politica di AristoteleIl caso della traduzione in francese di Nicole Oresme

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Fiocchi

    2008-07-01

    Full Text Available Necessità pratiche e riflessioni teoriche accompagnano il lavoro di Oresme, nella consapevolezza che la traduzione delle grandi opere è uno strumento fondamentale per la grandezza di un popolo.

  8. Elementi di management dei programmi spaziali

    CERN Document Server

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  9. Definizione di un modello di prioritá clinica per la gestione dei tempi e delle liste di attesa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Bruno

    2003-05-01

    Full Text Available La gestione dei tempi di attesa, per la complessità dei determinanti che vi concorrono, costituisce una delle criticità del SSN frequentemente affrontata come un’emergenza. Per individuare soluzioni appropriate, garantendo tempi di attesa non tanto brevi quanto certi e adeguati al bisogni clinici, la Regione Lazio recependo gli indirizzi nazionali ha dato mandato ai Direttori Generali di definire e realizzare un’azione di governo clinico, che adegui l’offerta al bisogno reale. A tal fine la ASL Roma E ha progettato il presente studio pilota per la definizione di un modello di sperimentazione di priorità clinica, focalizzato su alcune prestazioni ambulatoriali critiche e sulle patologie oncologiche della mammella, del polmone e dell’apparato gastroenterico. Materiali e metodi: è stato costituito un gruppo di Progetto multidisciplinare per il coordinamento, il monitoraggio e la valutazione dello studio che ha coinvolto i medici prescrittori (MMGG e specialisti ambulatoriali, i medici dei Presidi ospedalieri, i Distretti, il CUP. In considerazione dell’estensione del territorio della ASL, della elevata densità di popolazione, della distribuzione dei presidi erogatori, la sperimentazione è stata circoscritta ad un ambito territoriale ristretto, corrispondente a quello del Municipio XVII. Sono stati arruolati 24 MMGG, individuati fra quelli inseriti in forme associative, con una popolazione di circa 30.000 assistiti. Sono state coinvolte sei strutture a gestione diretta insistenti nel Municipio. È stato previsto l’adattamento della procedura informatica di prenotazione, il coinvolgimento e la formazione degli operatori interni ai reparti ospedalieri interessati e del personale addetto al front - office. Risultati: definizione dei criteri clinici di arruolamento nelle classi di prioritarizzazione delle prestazioni ambulatoriali e delle patologie oncologiche con esplicitazione della graduazione del bisogno clinico. Creazione di un

  10. Storie di piante, di ricerca e di persone nella rappresentazione documentaristica e audiovisiva contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Testa

    2013-11-01

    Full Text Available E’ noto che, ben prima dell’esordio con le pubbliche proiezioni del 28 dicembre 1895 aParigi, il cinema aveva già mosso i suoi primi passi. A dispetto di una storia che l’haconsacrato ai più come mezzo di intrattenimento, quei primi passi erano all’insegnadel supporto alla ricerca scientifica. Il capitolo più conosciuto di questa pre-storia èforse quello degli studi sulla dinamica delle zampe di un cavallo in corsa che ha fatto lafortuna del fotografo Eadweard J. Muybridge e ha persino guadagnato una copertinadi Scientific American nell’ottobre 1878. Ma dall’astronomia alla fisiologia, dallamedicina alla matematica gli esempi non si contano. In botanica, a cavallo tra ‘800 e‘900, Wilhelm Pfeffer in Germania applicò per la prima volta la ripresa intervallata allostudio delle piante: è così che movimenti difficilmente percepibili dall’occhio umanopotevano essere osservati e, soprattutto, registrati. In pochi istanti si rivelava all’occhiodello studioso la storia – lunga giorni, mesi, anni – della crescita di una pianta.

  11. FOTOGRAFIA DI STRUMENTI MUSICALI METODO DI DOCUMENTAZIONE QUOTIDIANO E PROVE ELEMENTARI DI FILOLOGIA DIGITALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Marconi

    2012-04-01

    Full Text Available

    Il restauro virtuale, inteso come manipolazione 2d di un’immagine attraversoprogrammi di grafi ca o elaborazione digitale, può essere, in alcuni casi, unvalido aiuto per la ricerca ontologica per ottenere una visione di insieme diun'opera prima di un intervento di restauro o per ricostruire parti che non sonopervenute. In alcuni casi la manipolazione dell’immagine diviene un supporto perla ricerca organologica.

     

    Digital photo of musical instruments

    Digital photography is a great support in musical instruments conservation forms filling. Video documentation, still not much used, contributes a great amount of details that doesn’t written text or still images. Digital image manipulation,or virtual restoration (defined as the manipulation of 2D image through digital imaging processing, in some cases can be a great help to get a fi rst overview of a restoration, or to reconstruct parts of an artwork that are missed. Some case studies are presented, showing differents application ofsimple techniques to on the field activities regarding musical instruments.

  12. PENGEMBANGAN MODUL KEWIRAUSAHAAN DI SMK

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wening Patmi Rahayu

    2016-02-01

    Abstrak: Pengembangan Modul Kewirausahaan di SMK. Penelitian ini bertujuan untuk menghasilkan modul kewirausahaan SMK yang siap pakai. Penelitian pengembangan dilakukan di empat SMK negeri dan swasta, kabupaten dan kota Malang dalam dua tahap. Hasilnya menunjukkan bahwa modul kewirausahaan untuk siswa dan panduan pembelajaran kewirausahaan untuk guru kelas satu dan kelas dua SMK telah siap pakai, karena memenuhi unsur  efektif, efisien, layak, individualized, dan aplicable. Modul dan panduan ini dapat digunakan sebagai salah satu media peningkatan kemampuan guru pengajar mata diklat kewirausahaan, dan sebagai salah satu metode pembelajaran modular yang sesuai dengan tuntutan kurikulum.

  13. Un prete colpevole di genocidio?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Moneta

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. La sentenza di condanna del Tribunale internazionale per il Ruanda - 2. Il conflitto etnico nel Ruanda ed il genocidio dei Tutsi. La costituzione del Tribunale internazionale - 3. L’eccidio nella chiesa di Nyange ed il comportamento del responsabile della parrocchia - 4. Inquadramento giuridico dei crimini commessi e commisurazione della pena - 5. Le perplessità suscitate dalla sentenza e l’originario impianto accusatorio contro il sacerdote - 6. La Chiesa cattolica, il Sinodo dei vescovi per l’Africa ed il cristianesimo nelle popolazioni africane.Ora pubblicato in Il Diritto ecclesiastico, Casa Editrice Giuffrè, 2006, I,  pp. 18 - 38.

  14. [Progress in c-di-GMP inhibitors].

    Science.gov (United States)

    Xiang, Xuwen; Liu, Xingyu; Tao, Hui; Cui, Zining; Zhang, Lianhui

    2017-09-25

    The cyclic dinucleotide c-di-GMP is known as an important second messenger in bacteria, which controls various important cellular processes, such as cell differentiation, biofilm formation and virulence factors production. It is extremely vital for the development of new antibacterial agents by virtue of blocking c-di-GMP signal conduction. Current research indicates that there are three potential targets for discovering new antibacterial agents based on c-di-GMP regulated signal pathway, which are c-di-GMP synthases, c-di-GMP degrading enzymes and c-di-GMP receptors. Herein, we review small molecules that have been developed to inhibit c-di-GMP related enzymes and indicate perspectives of c-di-GMP inhibitors.

  15. Fisica del nucleo stelle di neutroni

    CERN Document Server

    Bernardini, Carlo

    1982-01-01

    Studio sistematico delle masse nucleari ; energia di legame ; raggi nucleari dai nuclei speculari ; il nucleo in approssimazione di Thomas-Fermi ; introduzione allo scattering : caratterizzazione cinematica degli urti ; la sezione d'urto ; il fattore di forma dei nuclei ; gli atomi u-mesici ; proprieta elettromagnetiche statiche dei nuclei (momenti di multipolo) ; momento di quadrupolo elettrico dei nuclei ; momento d dipolo magnetico dei nuclei ; metodo delle risonanze magnetiche nucleari (NMR) ; misura del fattore giromagnetico e del momento di quadrupolo ; modelli nucleari a particelle indipendenti, il modello a shell ; l'interazione spin-orbita ; il modello a shell e le linee di Schmidt per il momento magnetico dei nuclei con "A" dispari ; nuclei non sferici (deformati) ; stelle di neutroni.

  16. BIODIVERSITAS IKANKARANG DI PERAIRANTAMANNASIONALKARIMUNJAWA, JEPARA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yayuk Sugianti

    2016-03-01

    Full Text Available Taman Nasional Karimunjawa merupakan salah satu kawasan pelestarian alamdi Kabupaten Jepara, dikelola dengan sistemzonasi yang dapat dimanfaatkan untuk tujuan penelitian, ilmu pengetahuan, pendidikan,menunjang budidaya, pariwisata dan rekreasi. Terumbu karang dan komunitas ikannyamerupakan ekosistemyang kompleks dengan keanekaragaman hayati yang tinggi. Penelitian ini bertujuan untukmengetahui kelimpahan dan biodiversitas ikan karang yang tersebar di zona inti, zona perlindungan dan zona pemanfaatan Taman Nasional Karimunjawa, Jepara. Penelitian dilakukan dengan metode transek 2,5 meter x 2,5 meter. Pencatatan jenis dan penghitungan ikan menggunakan metode sensus visual. Hasil yang diperoleh dari pengamatan ikan karang di zona inti, zona perlindungan dan zona pemanfaatan adalah ditemukannya 10 famili dengan 59 spesies dan 1369 individu ikan karang di ketiga lokasi penelitian, dengan rincian ikan karang di zona inti ditemukan 9 famili, 25 spesies dan 491 individu, di zona perlindungan terdapat 6 famili, 29 spesies dan 370 individu ikan karang dan terakhir di zona pemanfaatan ditemukan 5 famili, 27 spesies dan 508 individu ikan karang. Distribusi jenis ikan karang di zona perlindungan dan zona pemanfaatan lebih tinggi dibandingkan dengan di zona inti. Tingginya jumlah jenis ikan karang di zona perlindungan dan zona pemanfaatan dikarenakan bervariasinya habitat yang terdapat di terumbu karang. Kelimpahan spesies ikan karang tertinggi di tiga lokasi penelitian adalah Pomacentrus alexanderae sebesar 222 ind/m2. Karimunjawa National Parks is one of nature conservation area in the district of Jepara, which is managed by the zoning system can be utilized for the purpose of research, science, education, culture, tourism and recreation. Coral reefs and fish communities is a complex ecosystem with high biodiversity. The aims of this study is to determine abundance and biodiversity of reef fish species are scattered in the core zone

  17. TINGKAT KEMATANGAN MANAJEMEN PROYEK: SURVEI DI BEBERAPA TEMPAT DI INDONESIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Achmad Fuad Bay

    2005-01-01

    Full Text Available This paper presents the results of a pilot survey aimed at ascertaining the level of project management maturity in Indonesian companies. Kerzner’s Level 2 assessment tool was used, which basically assesses maturity levels throughout the various phases of an organization’s project management life cycle. This study compare maturity of current situation and expectation of 70 respondents working in 6 different types of organizations in Indonesia. Differences were identified between types of organisations, with the Financial Institutions, Consultants and Manufacturers belonging to a group with higher current maturity scores, while Consultants, Manufacturers and Service Providers belonging to a group with higher expected future maturity scores. There were no significant differences between the results for the various stages of the project life cycle. The results indirectly confirm that the organisations of the participants of the survey are less effective/excellent than they could be. Abstract in Bahasa Indonesia : Makalah ini menyajikan hasil survei awal yang bertujuan untuk menentukan tingkat kematangan perusahaan-perusahaan di Indonesia dalam menggunakan metodologi manajemen proyek. Alat ukur yang digunakan adalah Kerzner Tingkat 2, yang mengukur tingkat kematangan melalui berbagai tahapan dari siklus manajemen proyek sebuah organisasi. Studi ini membandingkan tingkat kematangan saat ini dan harapan di masa mendatang terhadap 70 responden yang bekerja di enam jenis organisasi di Indonesia. Hasil survei menunjukkan adanya perbedaan antara berbagai jenis organisasi. Institusi financial, konsultan dan industri barang termasuk dalam kelompok yang nilai kematangannya lebih tinggi untuk kondisi saat ini, sedangkan konsultan, industri barang dan industri jasa termasuk kelompok yang mengharapkan kematangan lebih tinggi di masa mendatang. Tidak ada perbedaan yang signifikan antara tingkat kematangan pada berbagai tahapan pada siklus proyek. Hasil

  18. Principi generali di gestione della manutenzione

    CERN Document Server

    Furlanetto, Luciano; Macchi, Marco

    2006-01-01

    In questo volume vengono fornite le premesse per il superamento della tradizionale visione della manutenzione, quale inevitabile accidente e costo da ridurre, a favore di un'immagine culturale innovativa in cui la manutenzione consente un superamento del modello consumistico delle sostituzioni verso una ecosostenibilità del patrimonio di impianti e infrastrutture. Sulla base di queste premesse, ci si rivolge a manager, imprese, studiosi e studenti del campo dei servizi di manuntenzione.

  19. Epidemiologia molecolare di Listeria monocytogenes: genotipizzazione, sierotipizzazione molecolare e analisi dei profili di espressione di geni implicati nei meccanismi di patogenesi e virulenza

    OpenAIRE

    Vitullo, Monia

    2012-01-01

    Listeria monocytogenes è un patogeno intracellulare responsabile di severe infezioni caratterizzate da un elevato tasso di letalità, soprattutto in soggetti con deficit del sistema immunitario. Data la diffusa presenza e l’estrema variabilità nella virulenza dei ceppi, molteplici tecniche molecolari sono utilizzate per individuare le differenze esistenti all’interno della specie. In questo studio, 250 ceppi di L. monocytogenes di differente origine sono stati caratterizzati mediante single En...

  20. Perkembangan Pendidikan Meunasah dan Dayah di Aceh

    OpenAIRE

    Mujianto Solichin

    2015-01-01

    Meunasah dan Dayah dalam masa perjalanannya tumbuh seiring perkembangan kerajaan-kerajaan Islam di Aceh yang memiliki peran strategis dalam pembentukan kebudayaan Islam di wilayah kekuasaan mereka masing-masing. Ini membuktikan bahwa kerajaan-kerajaan Melayu baik di Malaka (Malaysia) maupun di Aceh (Nangroe Aceh Darussalam) memiliki jaringan arkeologi sejarah kebudayaan dan peradaban yang terbentuk berdasarkan motivasi agama dan menjadikan tradisi Melayu sebagai identitas pemersatu mereka. Ke...

  1. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    OpenAIRE

    Vittorio Brizzi

    2006-01-01

    Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena) è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si...

  2. La ragione flessibile di Giovanni Bottiroli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elio Franzini

    2013-12-01

    Full Text Available Recensione a Giovanni Bottiroli, La ragione flessibile. Modi d’essere e stili di pensiero. Torino: Bollati Boringhieri, 2013. Sulla possibilità di una «logica della flessibilità» (Bottiroli ovvero di una «logica che segua la vita» (Franzini. 

  3. Lezioni di fisica teorica meccanica quantistica

    CERN Document Server

    Verde, Mario

    Ottica geometrica ed ottica ondulatoria ; risoluzion spettrale di Fourier ; meccanica classica e meccanica ondulatoria ; esempi di alcuni moti semplici in meccanica ondulatoria ; operatori lineari e loro rappresentazioni ; formulazione più generale della nuova meccanica ; costanti del movimento ; l'atomo di Idrogeno ; teoria delle perturbazioni.

  4. Le narrazioni come metodo di indagine sociologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Bichi

    2012-04-01

    Full Text Available L'incontro trentino ha dimostrato l'interesse crescente dei giovani sociologi per lo sviluppo dei metodi narrativi e la capacità che questi hanno di essere efficaci nell'analisi di svariati temi, dai racconti di malattia alle narrazioni identitarie, dallo studio di lavoro e organizzazioni a quello delle migrazioni, di genere e memoria. Tuttavia, l'interesse della sociologia italiana va visto in un quadro di sviluppo più ampio a livello europeo e americano dove, a partire dagli anni '90, l'intervento di alcuni autori come Lyotard, Bruner e Macintyre, ha sancito quella che alcuni autori hanno definito svolta narrativa. La sociologia, infatti, tende sempre più a valorizzare la narrazione come processo di conoscenza peculiare che è attivato costantemente nella vita quotidiana; la "rivoluzione" risiede nel fatto che la narrazione diventa oggetto della sociologia e la disciplina stessa valorizza il suo uso sia come strumento di indagine scientifica, sia come modo di conoscere che come modo di comunicare, rivendicando la legittimità scientifica all'ascolto della parola diretta degli individui coinvolti all'interno delle ricerche di stampo sociologico.

  5. Transisi Demografi di Indonesia; Seabad ?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dr. Kemal N. Siregar

    2012-09-01

    Full Text Available Transisi demografi adalah proses perubahan kematian dan kelahiran yang berlangsung dari tingkatan yang tinggi ke tingkatan yang rendah dalam suatu kurun waktu pada masyarakat tertentu. Transisi ini muncul dengan terjadinya banyak perubahan di masyarakat, diantaranya adalah perubahan sosio-ekonomi yang berhubungan timbal balik dengan kesehatan.

  6. "Ho voglia di te." Proposta di traduzione in islandese, con analisi, di un brano tratto dal romanzo di Federico Moccia

    OpenAIRE

    Hanna Lára Kristjánsdóttir 1983

    2010-01-01

    Þýðing á hluta úr "Ho voglia di te" sem er unglingabók eftir Federico Moccia. Í ritgerðinni koma fram nokkrar helstu kenningar í þýðingafræði ásamt umfjöllun um helstu vandamálin sem komu fram við þýðinguna.

  7. Le storie di vendetta come racconti di formazione nel cinema americano post 11 settembre

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Ciarpaglini

    2006-09-01

    Full Text Available L’abuso d’informazioni ansiogene nei sistemi democratici, al fine di controllare l’emotività dei cittadini e d’impedirne comportamenti critici, ha evidenziato l’importanza di un sentimento quale la paura nell’educazione umana. Le storie di riscatto ed emancipazione che il cinema ha raccontato negli ultimi anni si sono fatte carico di questo limite imposto svelandone il tranello e mostrando allo spettatore protagonisti consapevoli, liberi dalla paura, tesi alla salvaguardia della propria autonomia e possibilità di scelta, piuttosto che alla rigida difesa di una presunta identità. La lettura di questi film come novelli romanzi di formazione ha messo in luce alcuni luoghi comuni della narrazione, ma allo stesso tempo ha così segnato l’attualità, in tempi di guerra globale, del problema di uno sviluppo più cosciente del sé.

  8. Uno strumento per la creazione di valore nella realizzazione di edifici sostenibili: la certificazione LEED

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Rick Fedrizzi

    2014-06-01

    Full Text Available Il presente lavoro ha l’obiettivo di delineare gli aspetti chiave della sostenibilità in ambito edilizio focalizzando l’attenzione sul sistema di certificazione LEED® quale strumento “universale” di supporto per la realizzazione, gestione e valutazione di edifici sostenibili. Nella prima parte del lavoro si descrive la rapida diffusione della certificazione LEED nel recente passato quale diretta conseguenza della capacità di questo strumento di rating di adattarsi sia alle specifiche tipologie di edifici, sia alle diversità climatiche e morfologiche dei siti. Nella seconda parte si procede invece a presentare ed analizzare gli aspetti economico-finanziari degli edifici sostenibili con riferimento sia alle metodologie valutative applicabili, sia ai dati della letteratura. Partendo dalle esperienze internazionali in tema di sostenibilità, si procede successivamente a descrivere la situazione italiana, evidenziando la percezione del mercato e le opportunità di sviluppo future.

  9. 15th Incontri di Fisica delle Alte Energie

    CERN Document Server

    2016-01-01

    La XV Edizione di IFAE - Incontri di Fisica delle Alte Energie - si terrà presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova L'edizione 2016 comprenderà numerose sessioni dedicate alla discussione degli aspetti di maggiore interesse attuale e di prospettiva nella fisica delle alte energie.

  10. Tesi di dottorato PhD Dissertations

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2000-06-01

    Full Text Available

    Segnalazione di tesi di dottorato.

     

    Miguel Calleja Puerta

    El conde Suero Vermúdez, su parentela y su entorno social. La aristocracia leonesa en los siglos XI y XII, Tesis de doctorado en Historia, Universidad de Oviedo (España, 2000

     

    Adele Cilento

    Potere e monachesimo nella Calabria bizantina: relazioni e interferenze (secc. IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (X ciclo, Università degli Studi di Torino, 2000

     

    Amedeo De Vincentiis

    Firenze e i signori. Sperimentazioni istituzionali e modelli di regime nelle signorie fiorentine degli Angioini (fine XIII - metà XIV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medioevale (XI ciclo, Università degli Studi di Milano, 1999

     

    Marco Folin

    Il sistema politico di un antico Stato italiano: i ducati estensi nella prima Età moderna (1452-1598, Tesi di dottorato di ricerca in Storia, Scuola Normale superiore di Pisa, 2000

     

    Barbara Frale

    Guardiani del Santuario. Le radici orientali del processo contro l’ordine del Tempio (1128 - 1314, Tesi di dottorato di ricerca in Storia sociale d’Europa (XI ciclo, Università "Ca’ Foscari" di Venezia, 2000

    Report of PhD Dissertations.

     

    Miguel Calleja Puerta

    El conde Suero Vermúdez, su parentela y su entorno social. La aristocracia leonesa en los siglos XI y XII, Tesis de doctorado en Historia, Universidad de Oviedo (España, 2000

     

    Adele Cilento

    Potere e monachesimo nella Calabria bizantina: relazioni e interferenze (secc. IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (X ciclo, Università degli Studi di Torino, 2000

     

    Amedeo De Vincentiis

    Firenze e

  11. La gestione dei flussi turistici tramite sistemi di trasporto innovativi: l’esempio di Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Naldini

    2010-10-01

    Full Text Available La città di Perugia ha, fin dagli anni ’70, unito alla sua capacità di attrazione turistica, dovuta al patrimonio storico ambientale plurimillenario, una volontà di affrontare il tema della mobilità urbana in maniera profondamente innovativa ed ambientalmente sostenibile. Il concetto della creazione di parcheggi di attestazione, serviti da percorsi meccanizzati di risalita verso l’acropoli, è stato recentemente ampliato dalla creazione del Minimetro, mezzo di trasporto innovativo, dal ridottissimo impatto ambientale, che unisce in soli 12 minuti, con un servizio semicontinuo, l’area di valle di Pian di Massiano, dotata di un capace parcheggio da circa 2800 posti auto, al centro cittadino, servendo diversi quartieri urbani. Tale sistema di trasporto, corridoio forte del trasporto pubblico urbano, ha fornito lo spunto per attuare una nuova modalità di gestione dei flussi turistici, che individua nel Minimetro la modalità principale di accesso al centro storico sia per i gruppi a numero ridotto, sia per i gruppi organizzati in arrivo con i bus turistici. L’organizzazione della mobilità turistica che ne è derivata costituisce un ulteriore passo in avanti lungo quell’itinerario di gestione della città che cerca di coniugare l’attrattiva turistica, con le sue ricadute in termini di crescita economica, e la salvaguardia del patrimonio storico artistico e della qualità della vita dei cittadini. Gli scenari futuri vedono un’iniezione di tecnologia in questo contesto, con l’introduzione nella gestione dei flussi turistici dei concetti di accreditamento, dell’infomobilità come supporto alle politiche urbane, del controllo unito alla fornitura di servizi georeferenziati.

  12. Appunti sulle recenti proposte di legge in tema di libertà religiosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Considerazioni di massima – 3. Finalità di una legge sulla libertà religiosa – 4. Obblighi di tutte le confessioni religiose – 5. Problemi attuali - 6. Gli effetti civili dei matrimoni religiosi ed il presunto problema della poligamia – 7. L’uguale libertà di tutte le confessioni religiose – 8. Riassetto normativo in materia di pari opportunità - 9 - Norme “finali”.

  13. Sviluppo di sistemi di visione stereoscopici per la ricostruzione tridimensionale in scenari industriali ed automotive

    OpenAIRE

    Buzzoni, Michele

    2013-01-01

    La visione stereoscopica occupa un vasto campo di ricerca della visione artificiale. Questa tecnica infatti permette la ricostruzione tridimensionale della scena utilizzando due immagini riprese da due punti di vista leggermente diversi, estraendo ulteriori informazioni spaziali sulla profondità della scena. In questa tesi di dottorato si sono sviluppati quattro nuovi sistemi di visione stereoscopici per la ricostruzione tridimensionale della scena inquadrata. L’ambito di applicabilità ...

  14. Un commento al Teseida di Boccaccio di provenienza salentina (II metà del XV secolo)

    OpenAIRE

    Maggiore, Marco

    2013-01-01

    Lo studio è incentrato sull'anonimo commento volgare al Teseida di Boccaccio trasmesso dal manoscritto It. 581 della Biblothèque Nationale de France di Parigi, testimone unico ricopiato in salento entro il 1487. Del commento, finora inedito e ignorato dagli studi sul Boccaccio, si offre l'edizione critica integrale corredata di studi filologici, di profilo linguistico e di lemmario. L'indagine filologica, volta al recupero delle fonti del commento, e l'analisi linguistica condotta su tutti i ...

  15. Modulazione del differenziamento osteogenico di precursori mesenchimali umani per applicazioni di ingegneria tissutale

    OpenAIRE

    2012-01-01

    Lo scheletro è un tessuto dinamico, capace di adattarsi alle richieste funzionali grazie a fenomeni di rimodellamento ed alla peculiare proprietà rigenerativa. Tali processi avvengono attraverso l’azione coordinata di osteoclasti ed osteoblasti. Queste popolazioni cellulari cooperano allo scopo di mantenere l’ equilibrio indispensabile per garantire l’omeostasi dello scheletro. La perdita di tale equilibrio può portare ad una diminuzione della massa ossea e, ad una maggiore suscettibilità all...

  16. Reconciliação: o caminho para a cura de feridas e superação de divisões religiosas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Aparecida da Silva

    2008-05-01

    Full Text Available Reconciliação: o caminho para a cura de feridas e superação de divisões religiosasReconciliation: The way to the healing of wounds and the overcoming of religious divisionsReconciliación:el camino para la cura de Heridas y superación de divisiones religiosas1ResumoEsse artigo apresenta os resultados da pesquisa de iniciaçãocientífica com o mesmo título, desenvolvida na Faculdade deTeologia da Universidade Metodista de São Paulo e financiadapela Fundação de Amparo à Pesquisa do Estado de São Paulo(Fapesp. Estuda, de forma pontual, o cristianismo como umareligião fragmentada desde sua formação. Essa fragmentaçãose acentua a partir da Reforma Protestante. No Brasil o ramoprotestante é o que mais se divide provocando feridasemocionais nos mais diversos grupos de fieis. A tentativa deidentificar os fatores que provocam as divisões e algumaspistas para um processo de reconciliação é a possibilidadedas Igrejas preservarem o ideal de fraternidade que,juntamente com a salvação, formam a proposta da fé cristã.AbstractThis article presents the results of the scientific initiationresearch that bears the same title and was carried out atthe Faculty of Theology, Universidade Metodista de SãoPaulo and funded by the Fundação de Amparo à Pesquisado Estado de São Paulo (Fapesp. It studies, in a preciseway, Christianism as a religion fragmented since itsformation. This fragmentation becomes accentuated sincethe Protestant Reformation. In Brazil, the protestantsector is the one in which most divisions take place,causing emotional wounds in the several groups offollowers. The attempt to identify the factors that causethe divisions and some hints to reconciliation process isthe possibility of churches preserving the ideal ofbrotherhood that, along with salvation, form the proposalof the Christian faith.ResumenEse artículo presenta los resultados de la pesquisa deiniciación científica con el mismo título. Desenvuelto en la

  17. Dati di traffico telefonico e politiche urbane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Pucci

    2013-11-01

    Full Text Available Il paper propone una riflessione sulle possibilità offerte dai dati di traffico telefonico nel fornire conoscenze utili a costruire politiche per la mobilità più efficaci ed eque. A partire dai risultati di una esperienza di ricerca avviata presso il Dastu Politecnico di Milano sulla significatività dei dati di traffico telefonico di Telecom Italia nel restituire le densità d’uso del territorio (Manfredini, Pucci & Tagliolato, 2012 e 2013 e le origini e destinazioni dei movimenti giornalieri di mobilità (Tagliolato, Manfredini & Pucci, 2013, si evidenziano le potenzialità analitiche e interpretative offerte da questi dati nel descrivere le modalità con cui differenti popolazioni urbane usano il territorio e le possibili ricadute sulle politiche per la mobilità.Nella ricerca condotta, il trattamento dei dati di traffico telefonico ha consentito di restituire la variabilità spazio-temporale delle pratiche d’uso in Lombardia, a partire dalle quali si sono individuati “comunità di pratiche” e “territori contingenti”, generati cioè dalle pratiche di diverse popolazioni temporanee, che si sono assunti come perimetri utili per una diversa articolazione delle competenze e distribuzione delle risorse disponibili. Nel paper l’individuazione di popolazioni urbane temporanee attraverso i dati di traffico telefonico non ha unicamente una finalità interpretativa, ma rappresenta la condizione attraverso cui riconoscere le nuove domande disaggregate per “comunità di pratiche”, su cui costruire politiche di offerta più efficaci e meno onerose finanziariamente, poiché non generaliste.

  18. 40 Years of benthic community change on the Caribbean reefs of Curaçao and Bonaire: the rise of slimy cyanobacterial mats

    Science.gov (United States)

    de Bakker, Didier M.; van Duyl, Fleur C.; Bak, Rolf P. M.; Nugues, Maggy M.; Nieuwland, Gerard; Meesters, Erik H.

    2017-06-01

    Over the past decades numerous studies have reported declines in stony corals and, in many cases, phase shifts to fleshy macroalgae. However, long-term studies documenting changes in other benthic reef organisms are scarce. Here, we studied changes in cover of corals, algal turfs, benthic cyanobacterial mats, macroalgae, sponges and crustose coralline algae at four reef sites of the Caribbean islands of Curaçao and Bonaire over a time span of 40 yr. Permanent 9 m2 quadrats at 10, 20, 30 and 40 m depth were photographed at 3- to 6-yr intervals from 1973 to 2013. The temporal and spatial dynamics in the six dominant benthic groups were assessed based on image point-analysis. Our results show consistent patterns of benthic community change with a decrease in the cover of calcifying organisms across all sites and depths from 32.6 (1973) to 9.2% (2013) for corals and from 6.4 to 1% for crustose coralline algae. Initially, coral cover was replaced by algal turfs increasing from 24.5 (1973) to 38% around the early 1990s. Fleshy macroalgae, still absent in 1973, also proliferated covering 12% of the substratum approximately 20 yr later. However, these new dominants largely declined in abundance from 2002 to 2013 (11 and 2%, respectively), marking the rise of benthic cyanobacterial mats. Cyanobacterial mats became the most dominant benthic component increasing from a mere 7.1 (2002) to 22.2% (2013). The observed increase was paralleled by a small but significant increase in sponge cover (0.5 to 2.3%). Strikingly, this pattern of degradation and phase change occurred over the reef slope down to mesophotic depths of 40 m. These findings suggest that reefs dominated by algae may be less stable than previously thought and that the next phase may be the dominance of slimy cyanobacterial mats with some sponges.

  19. Strategie di occupazione dello spazio urbano: il caso delle chiese pentecostali di Kampala (Uganda

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Gusman

    2016-08-01

    Full Text Available Basato su una ricerca di lungo periodo a Kampala (Uganda iniziata nel 2005, l’articolo si focalizza sulle strategie di occupazione dello spazio urbano da parte delle chiese pentecostali, le compara con le confessioni cristiane di epoca coloniale e le analizza nell’ottica teorica dello “spatial turn”. Negli ultimi tre decenni le chiese pentecostali sono sorte a centinaia in città, con strategie non centralizzate: in questo modo si osserva la compresenza di semplici strutture costruite con materiali di fortuna con altre di dimensioni maggiori e più stabili, per arrivare in alcuni casi alle dimensioni di “mega-churches”, con congregazioni di decine di migliaia di fedeli. Queste modalità differenziate di presenza nello spazio urbano sono considerate nell’articolo parte del processo di entrata progressiva del movimento pentecostale nella sfera pubblica ugandese. Attraverso l’analisi del caso di studio di Kampala, l’articolo mostra il ruolo delle religioni nel connotare e significare lo spazio urbano, sia attraverso la presenza fisica, sia con la retorica della lotta spirituale per la “conquista” di tale spazio.

  20. La logistica nei processi di trasformazione dell’area orientale di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2010-07-01

    Full Text Available Stoccaggio e trasporto merci hanno assunto, già da alcuni anni, un ruolo rilevante nell’area orientale di Napoli, con impatti significativi sulla qualità urbana ed ambientale dell’area. In quest’area, anche grazie alla sua vicinanza ai principali nodi della mobilità (porto, aeroporto, stazione ferroviaria e alla significativa presenza di aree produttive dismesse o in dismissione, trovano oggi spazio numerose attività di stoccaggio e spedizione merci, in molti casi localizzate all’interno di ex aree industriali, in assenza di una reale ottica “sistemica”. Pertanto, a partire da una breve disamina dell’evoluzione dell’area orientale e di quanto previsto dagli strumenti urbanistici vigenti per la sua trasformazione, il contributo focalizza l’attenzione sul ruolo attuale dslle attività di stoccaggio e trasporto merci nell’area. Quindi, sulla base di alcune recenti esperienze di italiane e in riferimento ad ipotesi già avanzate per l’organizzazione di una piattaforma logistica nell’area orientale di Napoli -quale strumento per ottimizzare le necessità di stoccaggio e trasporto merci riducendone le esternalità negative- valuta la compatibilità di tali scelte con le prospettive di evoluzione/trasformazione dell’area e il potenziale ruolo che l’area potrebbe svolgere in una prospettiva di ri-organizzazione del trasporto merci in ambito urbano.

  1. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  2. Black di-ring and infinite nonuniqueness

    CERN Document Server

    Iguchi, H; Iguchi, Hideo; Mishima, Takashi

    2007-01-01

    We show that the $S^1$-rotating black rings can be superposed by the solution generating technique. We analyze the black di-ring solution for the simplest case of multiple rings. There exists an equilibrium black di-ring where the conical singularities are cured by the suitable choice of physical parameters. Also there are infinite numbers of black di-rings with the same mass and angular momentum. These di-rings can have two different continuous limits of single black rings. Therefore we can transform the fat black ring to the thin ring with the same mass and angular momentum by way of the di-ring solutions.

  3. Pagine di storia linguistica Istrianas VII

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Crevatin

    1979-12-01

    Full Text Available Nella prima di queste Pagine (= "Bollettino del Centro per lo Studio dei Dialetti Veneti dell'Istria" 2, 1973-74, pp.31-42 è stato toccata quello che a mio avviso è un argomento di grossa rilevanza storica, ossia la presenza in Istria. dei Lon­ gobardi e la loro incidenza linguistico-culturale: ivi discu­ tevo uno di tali riflessi linguistici (plovīna "aratro asim­ metrico "; ora credo di poter riaprire il discorso più gene­ rale introducendo un nuovo elemento di giudizio.

  4. BURNOUT DI KALANGAN GURU PENDIDIKAN LUAR BIASA DI KOTA BANDUNG

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dayne Trikora Wardhani

    2012-04-01

    Full Text Available Penelitian ini bertujuan untuk mengetahui hubungan antara perilaku koping dan kepuasan kerja dengan burnout pada guru SLB di Kota Bandung. Sumber data penelitian ini adalah guru SLB di Kota Bandung sebanyak 202 orang yang dipilih menggunakan teknik simple random sampling. Instrumen penelitian yang digunakan diadaptasi dari Maslach Burnout Inventory (Maslach, 1976 dan skala Perilaku Koping dan skala Kepuasan Kerja dalam Occupational Stress Indicator dari Cooper, Sloan, & William (1986. Data hasil penelitian dianalisa menggunakan uji statistik Multi Regression Analysis. Hasil penelitian menunjukkan; (1 perilaku koping (X1 berhubungan secara negatif dan signifikan dengan burnout yang dialami guru SLB (Y, (2 kepuasan kerja  (X2 berhubungan secara negatif dan signifikan dengan burnout yang dialami guru SLB (Y, dan  (3 Perilaku koping (X1 dan Kepuasan Kerja (X2 secara bersama-sama dapat memprediksi secara signifikan terhadap burnout guru SLB (Y. Kata Kunci: Pendidikan, Guru, Burnout, Kepuasan Kerja, Perilaku Koping

  5. L’identificazione di virus citopatogeni isolati dall’ambiente:ricerca ed applicazione di protocolli analitici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Carducci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la ricerca dei virus enterici in matrici ambientali, soprattutto nei reflui urbani, risulta di grande interesse sia per la valutazione del rischio di natura virale sia per compiere studi epidemiologici.

    Lo scopo di questo lavoro è stato l’applicazione parallela di diverse tecniche attualmente in uso in virologia clinica a isolati citopatogeni ambientali al fine di ottenere una precisa identificazione degli agenti rilevati.

    Metodi: sono stati analizzati 21 campioni di aerosol, provenienti da impianti di depurazione di reflui civili a fanghi attivi, e risultati citopatogeni in colture di cellule BGM.

    Dopo una nuova semina in “shell vials”, su tre linee cellulari continue per mettere in evidenza eventuali differenze nello spettro di citopatogenicità. Per l’identificazione degli isolati virali, sono state adottate in parallelo: microscopia elettronica, tecniche biomolecolari di amplificazione genica, elettroforesi su gel di poliacrilamide (PAGE, test immunoenzimatici, sieroneutralizzazione.

    Risultati: la semina in “shell vials” ha confermato la
    presenza di particelle virali infettive in tutti i campioni
    tranne uno; inoltre ha permesso di ridurre il
    tempo di comparsa dell’effetto citopatico a 3-4 giorni
    contro i 6-8 giorni necessari seminando in fiasche.
    La microscopia elettronica ha individuato la presenza
    di particelle enterovirus-simili in 18 dei 21
    campioni e di virioni della famiglia Reoviridae in 8.
    La positività dei campioni è stata ottenuta, inoltre,
    con la RT-PCR, per 2 campioni di enterovirus e 2 di
    reovirus e con la PAGE in 6 campioni. Il presente
    studio ha portato ad un’identificazione sufficientemente
    certa di reovirus in 2 campioni e di enterovirus
    in 1 campione.

    Conclusioni: l’identificazione di isolati ambientali si

  6. Attilio Scuderi, Il paradosso di Proteo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulio Iacoli

    2013-05-01

    Full Text Available L’intima instabilità delle versioni di un mito laterale, e tuttavia esemplare e persistente, come quello di Proteo, e finanche il suo «strabismo semantico» (originatosi con la discrepanza fra le visioni di Virgilio e di Ovidio, come vedremo; 72 testimoniano una ricchezza rappresentativa e di significazione ben attestata, e attingibile, già nella classicità. Il critico interpella il mito in quanto «catena di rappresentazioni culturali», «campo inesauribile di dibattito e di scontro speculativo» (13, per saggiare in profondità le variazioni e le dissonanze alle quali dà vita, le innovazioni semantiche e le calcificazioni nelle quali incorre, nei secoli; il discorso procede agganciando la storia culturale di Proteo a un suo nucleo letterario fondativo, quella vicenda di naufragio e ritorno definibile come «novella» (in quanto gli autori successivi vi si sarebbero riferiti trattandolo come un racconto a sé stante, incastonata all’interno del libro iv dell’Odissea, letta alla luce di un contatto tra culture, quella egizia, nella quale l’episodio è ambientato, e quella greca. 

  7. Life cycle assessment applied to two different municipal solid waste processes; Analisi del ciclo di vita di due diverse possibilita' di smaltimento di rifiuti solidi urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Corti, A. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Energetica Sergio Stecco; Sirini, P. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile

    2001-12-01

    The application of Life Cycle Assessment (LCA) methodology as environmental balance tool is particularly suitable for the study of complex system such as municipal solid waste (MSW) collection, treatment and disposal systems. In this case a detailed analysis is carried out referring to an overall environmental balance based on two different waste treatments: land filling and incineration. The comparison carried out based on the LCA methodology and referring to specific process assumptions allowed to foreground that waste to energy treatments get a net overall balance lower than all the different land filling options, referring also to energy recovery from collected biogas. [Italian] La applicazione di metodologie di bilancio ambientale LCA (Life Cycle Assessment) si adatta particolarmente allo studio disistemi complessi quali quelli di raccolta, trattamento e smaltimento di rifiuti. In questo caso viene affrontata nel dettaglio la valutazione in termini di bilancio complessivo di diverse opzioni di trattamento basate su posa a discarica e trattamento termico. Il confronto effettuato mediante il percorso metodologico seguito, ha permesso di valutare, sulla base delle ipotesi di processi fatte, come il trattamento termico con recupero energetico abbia un bilancio netto ambientale inferiore rispetto a qualsiasi opzione di posa a discarica, anche dotata di recupero energetico dal biogas.

  8. Valeria Pala, Tommaso Landolfi traduttore di Gogol’

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cinzia Guadalaxara

    2011-04-01

    Full Text Available L’indagine condotta da Valeria Pala sull’opera landolfiana, con particolare riguardo all’attività di traduttore svolta da Landolfi, appare interessante in ogni suo aspetto; fin dalle prime pagine viene posto in rilievo lo stretto legame tra gli scritti di Landolfi e la cultura russa, oggetto di studio dell’autore dagli anni universitari e fonte di perenne ispirazione delle proprie opere. La crisi del sistema culturale italiano,  forte negli anni in cui Landolfi si dedica all’attività di traduttore, induce diversi intellettuali del tempo alla traduzione di testi stranieri, allo scopo di importare nella cultura nazionale elementi mutuati da altri sistemi culturali; la traduzione prende dunque a configurarsi come strumento utile per fornire agli scrittori italiani nuovi modelli su cui improntare la propria produzione poetica e letteraria.

  9. La Madonna delle Grazie di San Pietro di Silki. Problemi di un’iconografia mariana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Grazia Scano Naitza

    2012-06-01

    Full Text Available Il piccolo simulacro in terracotta policroma della Madonna con il Bambino della chiesa di S. Pietro di Silki a Sassari, venerato come Madonna delle Grazie , pone problemi riguardo sia all’intitolazione, solitamente riferita alla Virgo lactans  e qui ad indicare il suo ruolo di mediatrice di grazie, sia alla datazione. Secondo le fonti agiografiche la statuetta, sepolta da secoli, fu ritrovata scavando su indicazione di Bernardino da Feltre presso una colonna stazionaria crollata nel 1472 su una donna e il suo bambino, miracolosamente illesi. Esclusa una datazione ad epoca medioevale e considerate le differenze dalle Schoenen Madonnen, se ne ipotizza l’esecuzione prossima agli anni 1469-70, quando giunsero il B. Bernardino o S. Giacomo della Marca per fondare conventi dei Minori Osservanti.   The small simulacrum in polycrhome terracotta of the Virgin and Child of S. Pietro church in Silki (Sassari, venerated as the Virgin of Graces, poses problems regarding both the title, usually referred to the Virgo lactans and here indicative of a role as mediator for graces, and the dating. According to the hagiographic sources, the statue, buried for centuries, was retrieved following the indication of Bernardino da Feltre, near a column fallen in 1472 over a woman and her child, miraculously unharmed. Excluded a medieval dating and given the differences with the transalpine Schoenen Madonnen, an execution between 1469 and 1473 was hypothesized, close to its arrival through one of the “Minori Osservanti”, like B. Bernardino or S. James of the Marches, come to found convents of the Order.

  10. Aspetti di continuità di lungo periodo dell’architettura di Venezia e osservazione sulla tipicità di alcuni processi di stratificazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Trovò, Francesco

    2010-12-01

    Full Text Available In order to interpret the links between Venice and Byzantium, it is firstly described how earliest houses in Venice were decorated by using sculptures coming from trading places. It is described the use of disassembled elements and the replacement of others, such as cornices, windows’ elements, coats of arms, among others. These were used firstly as a revival (Neo-Byzantine, 15th century, and later as reflection of the Venetian society «prudence», related to its behaviours and traditions. This prudence is mainly shown in the Renaissance. Besides this, other aspects such as the type of building and the façades, which are the main transformed surface, are analysed with the aim of researching periodical and characteristic dynamics, mainly in those façades showing stylistic renewal and new elements. Some external façades have maintained specific and easy observable characteristics, so they can be associated to a determined stylistic and morphological period. Other façades are stratified, as it is shown by the presence of elements (windows, cornices, … of different building phases. After tracing the main stratifying processes in about 40 study-cases, thanks to a macroscopic analysis, some ways of new composition elements and different stratified units are described. According to this, it is clear that the main principle is the searching for symmetry. Finally, some ways of intervention on the façades are described, highlighting some significant cases.[it] Nella prima parte dell’articolo viene descritto il modo di adornare le prime case veneziane con sculture importate dai luoghi del commercio, come ricostruzione del legame fra Venezia e Bisanzio. Si descrive l’uso di disaggregare e riposizionare vari elementi, come cornici, elementi di finestre, stemmi, prima come un iniziale revival, sia esso neobizantino o riferito al XV secolo, poi come manifestazione di «prudenza» della società veneziana, legata ai costumi, alle tradizioni. La

  11. Estratigrafía y facies volcánicas y volcaniclásticas de la Formación Valle del Cura: magmatismo paleógeno en la Cordillera Frontal de San Juan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V.D. Litvak

    2005-06-01

    Full Text Available En la región del Valle del Cura, Cordillera Frontal de San Juan, aflora una espesa secuencia de rocas volcánicas y volcaniclásticas, en facies piroclásticas y epiclásticas, que representa el desarrollo de un importante episodio volcano-sedimentario eoceno-oligoceno inferior. Esta unidad, la Formación Valle del Cura, incluye espesos paquetes de tobas, conglomerados gruesos, areniscas líticas medianas a gruesas, areniscas volcánicas y escasas pelitas. Los niveles volcánicos están formados por flujos lávicos e ignimbritas de alto grado de composiciones riolíticas, las cuales representan flujos piroclásticos de alta temperatura y alto grado de soldadura. La Formación Valle del Cura también incluye espesos niveles de flujos piroclásticos primarios formados por tobas cristalinas, líticas y/o vítreas, tobas lapillíticas e inclusive facies gruesas como aglomerados y brechas volcánicas. Vinculados a estos depósitos piroclásticos se interdigitan facies epiclásticas de composición dominante volcánica, que representan el retrabajo del material piroclástico primario. Los depósitos ignimbríticos muestran evidencias que indican su proximidad respecto al centro de emisión, el cual se encontraría en el extremo sur de la cordillera de la Brea. Esta secuencia se puede correlacionar con secuencias equivalentes que afloran hacia el norte en el río de la Sal y en las nacientes del río Blanco, en Macho Muerto, y cronológicamente, con los intrusivos mesosilíceos de la Unidad Bocatoma que afloran en territorio chileno -a la misma latitud- y que están emplazados a lo largo del frente magmático eoceno. En constraste, la Formación Valle del Cura representa una intensa actividad volcanodesimentaria sinorogénica depositada en una cuenca de retroarco.

  12. Apósito posquirúrgico convencional frente a apósito interactivo transparente de cura en ambiente húmedo: evaluación comparativa piloto en pacientes quirúrgicos oncológicos

    OpenAIRE

    Ana Garnica Goyanes; Carmen Gil Lorenzo; Mónica Nieto Alonso; Aránzazu Ruiz López; Leticia Muñoz García; Joan-Enric Torra i Bou

    2014-01-01

    Objetivos: comparar las prestaciones clínicas de un apósito quirúrgico interactivo transparente de cura en ambiente húmedo frente al apósito quirúrgico convencional de gasa y esparadrapo en pacientes quirúrgicos oncológicos de cirugía abdominal. Método: estudio de cohortes prospectivo, realizado en el MD Anderson Cancer Center (Madrid). Se evalúan, de forma piloto, 24 pacientes quirúrgicos oncológicos, intervenidos de cirugía mayor abdominal de las especialidades digestiva y ginecológica. Doc...

  13. Un singolare caso di rifrazione letteraria. A proposito di una generazione di autori di origine russa che scrive nella lingua del paese di adozione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Gigante

    2016-01-01

    Full Text Available Dall’esame di alcuni esempi di contesti narrativi e procedimenti stilistici caratteristici di diversi autori russi contemporanei che hanno scelto di scrivere nella lingua del paese in cui sono emigrati emerge una tendenza comune nella rappresentazione della Russia natia. Pur nella diversità delle loro opere, questi scrittori rappresentano la cultura delle loro radici avvalendosi di una visione ‘caleidoscopica’ in cui i riferimenti storici, letterari, artistici vengono rivisitati attraverso ricordi, sogni e riflessioni e filtrati attraverso la lingua e la cultura della loro terra adottiva.From the investigation of some examples of narrative contexts and stylistic processes typical of various contemporary Russian authors who have chosen to write in the language of the country where they emigrated, a common tendency emerges concerning the representation of Russia. Despite the differences of the works considered, these authors represents the culture of their roots in a ‘kaleidoscopic’ way, reconsidering the historical, literary and artistic references through memories, dreams and reflections, filtering them through the language and culture of their chosen country.

  14. Allacciare i fili spezzati: analisi di tre autobiografie di persone divenute disabili

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosalba Perrotta

    2011-04-01

    Full Text Available Leggere autobiografie consente di conoscere esperienze e momenti della vita che restano ignoti a chi non li ha vissuti. Le autobiografie ci svelano un mondo e, nello stesso tempo, ci introducono in esso. Illustrano e spiegano senza illustrare e senza spiegare. Catturano il lettore nella narrazione e, rendendolo protagonista di quello che accade, gli fanno provare le emozioni di chi racconta e gli mostrano la realtà attraverso i suoi occhi. La corrente sociologica dell’Interazionismo simbolico, un approccio che dà particolare rilievo ai significati attribuiti dagli uomini agli oggetti di cui hanno esperienza, considera le storie di vita uno strumento di indagine prezioso. Il racconto di un tratto della vita, o della vita in genere, consente di raggiungere una conoscenza della realtà soggettiva di chi narra molto superiore rispetto a quella ottenuta attraverso questionari o interviste strutturate.

  15. Teoria dell'elettromagnetismo fenomeni e leggi fondamentali : energia dei campi e delle distribuzioni di carica, applicazioni di meccanica analitica e statistica, teoria della relatività, emissione e propagazione di onde elettromagnetiche

    CERN Document Server

    Tenaglia, Livio

    1956-01-01

    Leggi fondamentali dell'elettromagnetismo ; le equazioni di Lagrange, di Hamilton e di Jacobi, il principio di Fermat ; applicazioni di meccanica analitica all'elettromagnetismo ; teoria statica dell'irraggiamento ; fondamenti di teoria della relatività ; propagazione delle onde elettromagnetiche proprietà elementari dei conduttori ; emissione di onde elettromagnetiche ; richiami analitici ; unità di misura per le grandezze del campo elettromagnetico.

  16. KEBIJAKAN PENEMPATAN APOTEKER DI PUSKESMAS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sudibyo Supardi

    2013-03-01

    pharmacist assignment: (a District Health Office was aware of the need of pharmacist, but in panning pharmacist was not regarded as a priority compared to other health workers, (b the request for pharmacist was not based on the real organization needs resulted from the analysis of work burden such as regulated, (c limited formation given by BKN, and such that the assignment of health workers was not based on their competencies, ang (d Training of health personnel has not been done because of budget limitations. Key words: pharmacist, community health center, assignment policy ABSTRAK Dalam Peraturan Pemerintah RI Nomor 51 tahun 2009 disebutkan pelayanan resep dokter di pelayanan kefarmasian (salah satunya puskesmas harus dilakukan oleh apoteker. Saat ini hanya 10% puskesmas yang memiliki apoteker. Belum diketahui bagaimana kebijakan penempatan apoteker di puskesmas dan permasalahan yang terkait penempatan apoteker di puskesmas. Tujuan penelitian adalah mendapatkan informasi tentang peran institusi daerah terkait dengan kebijakan penempatan apoteker di puskesmas dan hambatannya. Hasil penelitian diharapkan sebagai masukan bagi pihak yang terkait untuk meningkatkan jumlah dan peran apoteker di puskesmas. Penelitian potong lintang (cross sectional dengan pendekatan kualitatif dilakukan terhadap instansi daerah yang terkait dengan peran apoteker di puskesmas pada tahun 2011. Lokasi penelitian dipilih berdasarkan keberadaan perguruan tinggi farmasi yang terakreditasi A atau B di Pulau Jawa, dengan asumsi ketersediaan apoteker memadai untuk bekerja di puskesmas, yaitu Provinsi Banten, Jawa Barat, Daerah Istimewa Yogyakarta, Jawa Timur. Dari masing-masing provinsi diambil satu kota, yaitu Kota Tangerang, Kota Bandung, Kabupaten Bantul dan Kota Surabaya. Informan untuk wawancara mendalam adalah pejabat dari Dinkes Provinsi, Dinkes Kabupaten/Kota, Badan Kepegawaian daerah, dan Kepala Puskesmas. Sedangkan informan diskusi kelompok terarah adalah para apoteker yang mewakili Dinkes

  17. The "Bestie di Satana" murders.

    Science.gov (United States)

    Birkhoff, Jutta; Candelli, Chiara; Zeroli, Stefania; La Tegola, Donatella; Carabellese, Felice

    2013-11-01

    In recent years, satanic groups have been responsible for various types and degrees of crimes. We report the case of a number of murders committed in Italy by a group of young people calling themselves the "Bestie di Satana". Forensic psychiatric assessment of the members of a satanic sect charged with the crime revealed that all the young people had a fragile, immature personality, a very low level of education and were socially disadvantaged. The trial of the members of the "Bestie di Satana" sect was concluded with the verdict of deliberate murder, and all the members were given long jail sentences. This report should lead us to explore social and cultural responses to juvenile satanism, statistically shown to be a relatively rare phenomenon but with a high criminal potential.

  18. La teoria letteraria di Freud

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Pinto

    2013-05-01

    Full Text Available A partire dal momento in cui il sintomo nevrotico gli appare come travestimento fantastico del trauma psichico (cfr. il saggio “Le mie opinioni sul ruolo della sessualità nell’etiologia delle nevrosi”, la letteratura diventa per Freud un terreno privilegiato di analisi ai fini della ricostruzione della esperienza inconscia. In quanto entrambi dettati dalla funzione fantastico-immaginativa, tanto il sintomo quanto la letteratura sono descrivibili come elaborazioni simbolico-discorsive della pulsionalità, ma con questa essenziale differenza, che il sintomo (e il sogno, il lapsus, il witz è innanzitutto espressione di un inconscio individuale, mentre la letteratura esprime un inconscio sociale, essendo sempre fluido il passaggio da una dimensione all’altra.

  19. MASALAH ABORSI DI KALANGAN REMAJA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Soenanti Zalbawi

    2012-10-01

    Full Text Available Dari data-data yang dihimpun menunjukkan bahwa kehamilan tidak dikehendaki dan perilaku aborsi dikalangan remaja bukan saja merupakan masalah medis melainkan juga telah menjadi masalah sosial yang besar dan nyata. Masalah yang menyangkut kehidupan seksualitas remaja dan menjelaskannya terhadap kehidupan sosial masyarakat belum mendapat perhatian memadai dalam perumusan kebijakan pemerintah undang-undang Nomor 23/1992 tentang Kesehatan belum mengatur tentang reproduksi secara menyeluruh dan perlu sosialisasikan. Masyarakat pun ragu-ragu dalam menangani masalah ini karena masih kuatnya anggapan bahwa masalah seksualitas tabu dan sensitif untuk dibicarakan di tingkat individu maupun menjadi issue nasional. Oleh karena itu masalah seks aborsi di kalangan remaja perlu penanganan serius dari semua pihak mulai pemerintah (Pendidikan, Kesehatan dll dan masyarakat. Dari pemerintah diharapkan dikeluar­kannya peraturan program yang betul-betul dilaksanakan dan disosialisasikan pada masyarakat dan khususnya para remaja, secara formal dan non-formal. Dan para pemuka agama dan keluarga demi masa depan bangsa.

  20. Il Maestro della Commenda di Meldola e la magione ospitaliera di San Giovanni Battista

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Cova

    2012-02-01

    Full Text Available L’intervento propone, attraverso l’indagine di alcuni dipinti di area forlivese, una prima ricostruzione della personalità di un interessante interprete locale del XV secolo, provvisoriamente denominato Maestro della Commenda di Meldola. Lo studio, parte integrante della mia tesi di dottorato, prende le mosse dall’analisi dell’affresco dell’Oratorio di San Giovanni Battista a Meldola, per poi allargarsi ad altre emergenze del territorio circostante, fino ai lacerti pittorici emersi nella chiesa della Santissima Trinità di Forlì. Nella prima parte dell’articolo viene ricostruita la storia dell’Oratorio di San Giovanni Battista presso Villa Fronticelli a Meldola: già magione templare di Santa Maria Biacque, nel 1312, in seguito al processo ai templari, passò alle dipendenze della precettoria dei cavalieri gerosolimitani di San Giovanni di Palareto. La realizzazione dell’affresco deve essere probabilmente inserita all’interno dei lavori di ristrutturazione intrapresi dai giovanniti dopo la metà del XV secolo. Nella seconda parte dell’articolo invece si procede alle indagini tecniche e stilistiche relative alla pittura murale che rappresenta la Madonna col Bambino e San Giovanni Battista. L’affresco mutilo è opera di un interessante maestro che agisce nella sfera del tardogotico locale, mostrando però tenui accenti rinascimentali caratteristici alla pittura forlivese tra sesto e settimo decennio del Quattrocento. Muovendo dalle ricerche di Anna Tambini e Giordani Viroli, attraverso l’analisi di diverse testimonianze del territorio, viene così proposta la ricostruzione di un corpus pittorico caratterizzato da stringenti affinità stilistiche, che, confermando l’appartenenza del suo anonimo pittore ad un milieu stilistico caro ad altri interpreti forlivesi del periodo, come il Maestro di Castrocaro o il Maestro di San Pier Damiani, aiuta ulteriormente a chiarire il panorama artistico romagnolo all’avvento della

  1. METAMORFOSIS PESANTREN DI ERA GLOBALISASI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Muhammad Jamaluddin

    2012-07-01

    Full Text Available Abstrak: Tulisan ini mendeskripsikan perkembangan peran dan fungsi pesantren sejak awal "kelahirannya" yang terjadi pada kehidupan masyarakat tradisional sampai pada perubahan model pesantren yang menyesuaikan dengan kemajuan teknologi informasi. Model pendidikan pesantren menjamur jauh sebelum lembaga pendidikan formal didirikan di Indonesia, sehingga kontribusinya sangat besar dalam pembangunan bangsa ini. Mempertahankan eksistensinya di tengah tren perkembangan masyarakat modern tentunya tidak mudah. Karena pesantren, di satu sisi, merupakan lembaga penguatan keagamaan dan moral, tetapi di sisi lain ia harus mampu beradaptasi dan bermetamorfosis sesuai dengan perkembangan masyarakat modern. Tantangan besar dalam masyarakat modern adalah dekadensi moral dan agama, lambatnya laju perkembangan ekonomi masyarakat, dan tingginya angka konsumerisme masyarakat. Berdasarkan tantangan ini, pesantren dapat melakukan revitalisasi peran dan fungsinya sebagai lembaga pendidikan dan pusat pemberdayaan masyarakat.     Abstract: This paper describes the development of the role and function of pesantren starting from the beginning of "its birth"  in traditional society to model of pesantren the advancement of information technology. Pesantren has flourished long before the formal educational institutions established in Indonesia. Thus, it has great contribution to the development of this nation. Maintaining its existency  in the middle of the development trend of modern society is certainly not easy for pesantren. In one side, it is an institution for strengthening of religious and moral issues but on the other hand it must be able to adapt and metamorphose in accordance with the development of modern society. The major challenges in modern society is the moral and religious decadence, the slow pace of economic development, and the high rate of consumerism. For these challenges, pesantren can revitalize its role and function as educational institutions

  2. KONSUMSI GULA RUMAHTANGGA DI INDONESIA

    OpenAIRE

    Nahdodin, Nahdodin

    2016-01-01

    Sejak tahun 1984 Indonesia menghadapi usaha pelestarian swasembada gula. Dalam hal ini perlu diketahui perilaku konsumsi gula di Indonesia. Penelitian ini bertujuan untuk melengkapi informasi perilaku konsumsi gula rumah tangga dengan menaksir elastisitas permintaan gula atas pendapatan dan atas harga dengan memperhatikan gejala "diseconomies of scale" dan "economies of scale", Hasil analisis menunjukkan bahwa elastisitas permintaan alas pendapatan sebesar 0,59, elastisitas permintaan atas ha...

  3. Introduzione al Laboratorio di Fisica

    Science.gov (United States)

    Ciullo, Giuseppe

    La Fisica (dal greco τὰ ϕυσικὰ: le cose naturali) si pone l'obiettivo di descrivere e prevedere il comportamento dei fenomeni naturali, nonché degli apparati e degli strumenti, che hanno reso e rendono la nostra vita più comoda ed efficiente. Tale obiettivo viene perseguito mediante un'attenta osservazione dei fenomeni, con una conseguente schematizzazione dell'osservazione, per fornire una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

  4. Atti del convegno internazionale "The Problem of Human Diversity in the European Cultural Experience of the Eighteenth Century", (Trieste, 14-15 February 2002, a cura di Guido Abbattista e Rolando Minuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Abbattista

    2003-01-01

    Full Text Available Guido Abbattista - Rolando Minuti, Introduction. Ann Thomson, Issues at stake in eighteenth-century racial classification. Annette Meyer, The experience of human diversity and the search for unity. Concepts of mankind in the late Enlightenment. Silvia Sebastiani, Race and national characters in eighteenth-century Scotland: the polygenetic discourses of Kames and Pinkerton. Monika Niewójt, Races humaines et liberté dans la pensée politique de Jan Potocki à la veille de la Révolution. Carminella Biondi, Le problème des gens de couleur aux colonies et en France dans la seconde moitié du XVIIIe siècle.

  5. Edizione critica, traduzione e commento del Mulierum Virtutes di Plutarco

    OpenAIRE

    Tanga, Fabio

    2011-01-01

    2009 - 2010 Dopo aver recensito, analizzato sotto vari aspetti e collazionato tutti i testimoni del Mulierum Virtutes di Plutarco, si è stabilito un testo critico dell’opera provvisto di apparato e note filologiche e di traduzione italiana corredata di note esegetiche a carattere stilistico, filosofico e letterario. Il vaglio codicologico ha consentito di indagare i passaggi di proprietà e gli spostamenti subìti da alcuni codici nel corso dei secoli ma non di costituire...

  6. Contenuto vs. contenitore? Criteri predittivi di impatto e soglie di resilienza nella prospettiva del recupero sostenibile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Morandotti

    2012-12-01

    Full Text Available Uno dei terreni sul quale si gioca la prospettiva del recupero sostenibile del patrimonio costruito è oggi costituito dalla valorizzazione del patrimonio stesso. Né un approccio intransigentemente refrattario alle istanze di riuso del bene, né quello opposto, orientato al contrario al suo sfruttamento economico, a carico di una troppo gravosa compressione delle stesse esigenze di conservazione, appaiono di fatto perseguibili in una prospettiva di medio periodo. A partire dagli esiti di una ricerca recentemente conclusa, si intende affrontare la questione con una prospettiva organica, in una logica “life cycle oriented”.

  7. Misure di tenacità a frattura su acciai utilizzando velocità di deformazione elevate

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Lucon

    2007-10-01

    Full Text Available La conoscenza delle proprietà meccaniche di tipo dinamico per i materiali metallici è utile ogniqualvolta la sensibilità alla velocità di deformazione è di rilevanza per un acciaio, e qualora le condizionireali di carico per una struttura (in caso di normale esercizio o di situazioni d'emergenza siano diverse dal caso statico. Inoltre, in alcuni studi l'aumento della velocità di deformazione serve a simulare gli effetti di altri meccanismi di fragilizzazione quali l'invecchiamento termico (thermal ageing o l'irraggiamento.La presente memoria fornisce una panoramica dell'esperienza maturata al Centro Nucleare Belga (SCK•CEN nel campo delle misure di tenacità a frattura su acciai in condizioni di velocità di deformazione elevata, con particolare riguardo alle prove di resilienza strumentata su provini Charpy precriccati (PCVN.Dopo una breve dissertazione sui meccanismi fondamentali che aiutano a comprendere gli effetti della velocità di deformazione sulla tenacità degli acciai in regime fragile e duttile, vengono presentate le procedure sperimentali ed analitiche per misurare la tenacità a frattura con velocità di deformazione elevata, prendendo in considerazione da un lato le principali normative internazionali (ASTM e ISO e dall'altro il lavoro di normazione attualmente in corso sotto il coordinamento di SCK•CEN: la revisione della norma ASTM E1921 (metodo della Master Curve per la misura della tenacità in regime di transizione duttile/fragile e lo sviluppo di una nuova norma ISO sulle prove di tenacità dinamica con provini PCVN. Quest'ultimo documento è presentato in maggior dettaglio, concentrando l'attenzione sulla determinazione della tenacità dinamica in campo fragile con il metodo dell'Impact Response Curve e in campo duttile (curve di esistenza J-R mediante l'uso di metodi mono- e multi-campione.In conclusione, vengono presentati alcuni esempi tratti dalla banca dati sviluppata da SCK•CEN per le misure di tenacit

  8. Ruoli pragmatici di "sì" : modello di analisi dei segnali discorsivi nell'italiano parlato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jana Kenda

    2008-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo osserveremo i diversi ruoli pragmatici assunti dal segnale discorsivo sì nella lingua italiana parlata. è nostro intento servirci di questo esempio concreto per illustrare la pluralità di funzioni e di forze illocutorie di un segnale discorsivo che possono renderne difficoltosa l’elaborazione e l’interpretazione. il metodo adottato per l’individuazione dei diversi ruoli pragmatici svolti dal segnale prescelto, si propone di costituire un modello di analisi applicabile anche ad altri elementi linguistici aventi simili proprietà pragmatiche.

  9. Ricerche sugli enterobatteri nelle feci di Chirotteri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available Dal 2002, grazie al protocollo stipulato tra il gruppo di studio chirotteri del Museo di Onferno e l?Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell?Emilia, sezione di Forlì, si è iniziato un progetto di studio sulla enteroflora di varie specie di Chirotteri. I campioni fecali o più raramente da carcassa, sono stati procssati mediante sistemi standardizzati e tipizzati mediante Enterotubes, creando anche una collezione di riferimento. Le ricerche ad oggi hanno interessato campioni provenienti da diverse regioni e da un certo pool di specie: Myotis daubentonii, M. blythii, M. myotis, Miniopterus schreibersii, Nyctalus noctula, Pipistrellus kuhlii, Rhinolophus ferrumequinum, R. hipposideros. Non sono stati mai identificati vettori di zoonosi o altri batteri che siano di alcun interesse per la salute umana, mentre si descrivono qui alcune specie nuove per la fauna italiana in relazione ai Chirotteri quali Providencia alcalifaciens in N.noctula, Serratia marcescens in M. schreibersii e Klebsiella oezaenale in R. hipposideros. Il lavoro invita inoltre ad una maggiore collaborazione e a stringere accordi per ampliare la possibile raccolta dei campioni.

  10. Anna Masecchia, Metropolis. Quaderni di Synapsis IX

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Niccolò Scaffai

    2011-04-01

    Full Text Available Giunta alla nona edizione (Pontignano, 8-15 settembre 2008, la Scuola Europea di Studi Comparati fondata da Roberto Bigazzi, Laura Caretti e Remo Ceserani conferma la sua ispirazione originaria, che la vuole luogo d’incontro tra studiosi di diverse nazionalità e competenze, pronti a far reagire i soggetti delle proprie ricerche con prospettive di metodo aggiornate; e fucina di idee e confronti tra i docenti, i tutor e i più giovani partecipanti alle lezioni e ai seminari che si svolgono durante la settimana di comune residenza, ad anni alterni presso le due sedi ‘storiche’: la certosa di Pontignano vicino Siena e la rocca di Bertinoro in Romagna. L’argomento dell’ultimo Quaderno, Metropolis, è stato declinato come sempre nelle varie forme sollecitate dai molteplici percorsi intellettuali degli intervenuti: come spiega infatti Anna Masecchia nella Premessa al volume, la metropoli è stata intesa tanto quale «spazio associativo e di organizzazione di una civiltà e dell’identità di una intera cultura», quanto come «rapporto del soggetto con lo spazio concreto e simbolico» della città. Questo prendendo in considerazione non solo la letteratura scritta, ma anche la fotografia, il cinema e naturalmente il teatro, che offre una «rappresentazione della metropoli come spazio ‘scenico’» (pp. VI-VII.

  11. Caravaggio e il Maccheronico di Teofilo Folengo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bernardo Piciché

    2013-06-01

    Full Text Available Il presente studio ipotizza un’affinità tra Caravaggio e Teofilo Folengo, argomentando che la pittura del primo presenta analogie estetiche e etiche con la produzione in latino maccheronico del secondo. Il Baldus costituisce un tipico esempio di quella che Genette definirà come «parodia seria»: attraverso il rovesciamento e la irrisione beffarda Folengo ingaggia tenzone contro l’arte paludata e il travisamento dei valori cristiani. Non si tratta qui di stabilire un’influenza di Folengo su Caravaggio, bensì un’analogia, in virtù di un filo di congiunzione ideale, la cui presumibilità viene corroborata anche dal substrato biografico-culturale e da comune spirito religioso. Sia in Folengo che in Caravaggio sono stati individuati i caratteri di un certo modo della cultura lombarda di essere “contro” al punto che il duo Folengo-Caravaggio sembra epitomizzare l’antitesi al decorum curialcortigianesimo di Castiglione e Raffaello. Il Cristo-paradosso costituisce la vera fonte ispiratrice per entrambi. La comparazione tra due arti deve tenere conto dei diversi strumenti espressivi, e questo costituirà uno dei soggetti di riflessione nel testo. Se l’ipotesi della consentaneità viene ragionevolmente difesa, perché non individuare una componente maccheronica anche nell’arte di Caravaggio? Agli storici d’arte, tuttavia, decidere se si possa considerare il maccheronico come categoria pittorica

  12. L’azione penale nell’ordinamento canonico. Uno studio di Diritto comparato. Collana di Studi di Diritto Canonico ed Ecclesiastico [RECENSIÓN

    OpenAIRE

    Roca, M.J. (María José)

    2012-01-01

    Recensión de: "BIBLIOGRAFÍA" Enrica MARTINELLI, L’azione penale nell’ordinamento canonico. Uno studio di Diritto comparato. Collana di Studi di Diritto Canonico ed Ecclesiastico, G. Giappichelli Editore, Torino 2011, XIX + 211 pp."

  13. Le Metamorfosi di Ovidio e la Saffo di Alessandro Verri nelle stanze di Palazzo Azzolino a Fermo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessia Donati

    2015-06-01

    Full Text Available Palazzo Azzolino, appartenuto ad una importante famiglia gentilizia di Fermo, viene restaurato nel 1779. In seguito, nella prima metà dell’Ottocento, è interessato da una campagna decorativa di cui restano solo due stanze: la prima con soggetti mitologici tratti in gran parte dalle Metamorfosi di Ovidio, la seconda con temi che derivano dalla Saffo di Alessandro Verri. La prevalenza in entrambe le stanze del tema amoroso permette di ipotizzare una committenza legata ad un’occasione matrimoniale. Grazie ad una ricerca d’archivio, condotta nell’Archivio di Stato di Fermo, nell’Archivio Storico Arcivescovile di Fermo e nell’Archivio Azzolino di Jesi, è stato possibile proporre per questi dipinti murali almeno due ipotesi di committenza, che vedono nelle figure di Giovan Battista Azzolino e di suo figlio Pompeo i probabili ideatori del ciclo.   Palazzo Azzolino, which belonged to an important family of Fermo, was restored in 1779. During the first half of the XIXth century, it was then subject to a decorative campaign. The available proof is represented by two rooms only. One room represents Ovidio’s Methamorphosis, the second one Alessandro Verri’s Saffo. Since in both rooms the main theme is love, it’s possible to suppose that they were created because of a marriage. Thanks to an archival research, conducted in the State Archives of Fermo, in the Historical Archiepiscopal Archives of Fermo and in the Azzolino Archives of Jesi, it was possible to figure out two ipothesis about the commissioners. The first refers to Giovan Battista Azzolino, while the second refers to his son Pompeo. They were probably the creators of the iconographical project of the cycle.

  14. Ideazione di un apparato sperimentale per la misura della deformazione di una barra a flessione e verifica della lettura estensimetrica

    OpenAIRE

    Nogales González, Antonio

    2011-01-01

    Questo progetto intende calcolare la deformazione di una trave di acciaio a mensola di cui disponiamo in laboratorio. La trave è attaccata al tavolo di lavoro, insieme al dispositivo che eserciterà diverse forze puntuali sull’estremo libero della trave, forze esercitate in modo verticale e verso il basso. Lo scopo principale di questo tipo di studi, relativi alla deformazione di materiali, è che, grazie a detta deformazione, insieme agli sforzi ai quali la provetta è sottomessa, possiamo stab...

  15. Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2012-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia – 10. Sintesi conclusiva.ABSTRACT:The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1. The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

  16. I COLEOTTERI TENEBRIONIDI DI ROMA (Coleoptera, Tenebrionidae

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Fattorini

    2013-10-01

    Full Text Available In base alla revisione dei dati di letteratura e all’esame di circa 2000 esemplari raccolti a Roma dal 1880 ai nostri giorni, è stata accertata la presenza in questa città di 45 specie di Tenebrionidi, ovvero oltre il 26% delle specie e sottospecie di Tenebrionidi note per l’Italia peninsulare. Altre 18 specie, di cui è stato esaminato materiale cartellinato “Roma” o citato di questa città, sono da considerarsi certamente o verosimilmente estranee. 11 specie citate da Gardini (1997 sono rimosse dalla fauna di Roma, mentre ne vengono segnalate per la prima volta altre 29. Di ogni specie sono indicati: i dati riguardanti il materiale esaminato, i dati di letteratura, la distribuzione, l’ecologia, la distribuzione ambientale nella città di Roma. In base all’estensione temporale delle ricerche, l’elenco fornito dovrebbe essere considerato pressoché completo. Specie rare sono B. gigas, B. lethifera, C. atropos, M. tibialis, G. obscurum, S. metallica, Corticues spp. e N. picipes. Per alcune di esse sono noti pochi reperti, prevalentemente di vecchia data. Alcune specie presenti a Roma mostrano una generale rarefazione, anche in ambienti naturali, probabilmente a causa di pressioni antropiche. Specie considerate un tempo comuni a Roma (come T. italica, A. bacarozzo, Gonocephalum spp., O. sabulosum o N. planippennis sono oggi piuttosto rare o localizzate, mentre specie con una più ristretta tolleranza ecologica (come C. atropos, M. tibialis, S. metallica, P. violacea, Corticeus spp. sono probabilmente divenute molto rare o si sono estinte a Roma. Le specie che hanno avuto maggior successo nella colonizzazione degli ambineti urbani sono elementi xerotermofili, o con ampia tolleranza ecologica, come A. luigionii, S. striatus, B. gibba e P. meridianus., specie tipiche di ambienti aperti ed aridi, comuni nei giardini, nei parchi, nei siti archeologici, nelle aree ruderali, ecc. La presenza nella città di queste specie, tuttora

  17. MRI versus scintigraphy with {sup 99m}Tc-HMPAO-labelled granulocytes in the diagnosis of bone infection; Confronto RM e scintigrafia con granulociti tecneziati nella diagnosi di infezione ossea

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Vittolini, Enrico; Del Giudice, Eleonora; Caudana, Roberto [Azienda Ospedaliera Carlo Poma, Mantova (Italy). Dipartimento di diagnostica per immagini; Pizzoli, Andrea [Azienda Ospedaliera Carlo Poma, Mantova (Italy). Divisione di ortopedia e traumatologia

    2005-04-01

    maschi e 9 femmine) di et? compresa tra 22 e 72 anni (et? media 48 anni) con sospetto clinico-anamnestico di IO. Gli arti inferiori sono risultati pi? frequentemente colpiti (20/25 oss.). Tutti i pazienti sono stati sottoposti a RM (sequenze T1 e T2-pesate, entrambe senza e con soppressione del grasso; sequenza T1-pesata con soppressione del grasso dopo somministrazione di Gadolinio) e ad indagine Scintigrafica (valutazione dopo 30', 150' e 24 h dalla somministrazione ev dei granulociti marcati con 99mTc). L'intervallo massimo tra le due metodiche ? stato di 15 giorni. La diagnosi ? stata verificata chirurgicamente (18/25 oss.) o con follow-up clinico-laboratoristico (7/25 oss.). Risultati: In 10/25 oss. il sospetto di IO ? stato confermato con RM, Scgrm e chirurgicamente. In 12/25 oss. il sospetto non ? stato confermato n? con Imaging, n? chirurgicamente (5/12 oss.) o con follow-up clinico-laboratoristico (7/12 oss.). In 3/25 oss. le indagini sono risultate discordanti: in 1/3 oss. con osteomielite cronica il quadro RM di IO ? stato confermato all'intervento chirurgico, mentre la Scgrm ? risultata normale con errore di falsa negativit?; in 2/3 oss. il quadro RM negativo per IO confermato all'intervento chirurgico, la Scgrm ? risultata per contro indicativa di IO con errore di falsa positivit? dovuto all'infezione presente nelle parti molli adiacenti. Conclusioni: La RM ? risultata essere la metodica pi? affidabile nell'identificare la IO e nel definirne l'estensione loco-regionale. Per contro, quando siano presenti presisi metallici che provocano artefatti ferro-magnetici nelle immagini RM, la Scgrm costituisce valida alternativa diagnostica.

  18. La necropoli neolitica a domus de janas di S. Pietro di Sorres in Comune di Borutta - Sassari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pier Paolo Soro

    2009-05-01

    Full Text Available La necropoli di Sorres si trova nel territorio del Comune di Borutta in provincia di Sassari. E’ ubicata lungo il versante SE del colle di Sorres, sul quale sorge imponente la chiesa in stile romanico di San Pietro di Sorres (XI-XII sec. sede dell’antica diocesi medievale. La necropoli è composta attualmente da cinque tombe a grotticella artificiale del tipo a domus de janas, scavate nella roccia calcara durante il neolitico recente ed in uso per tutto l’eneolitico. Si presume che fosse l’area sepolcrale dell’insediamento in grotta di Ulàri, una cavità carsica di notevoli dimensioni il cui ingresso si apre lungo il versante Nord del colle; la grotta ha restituito testimonianze archeologiche che vanno dal neolitico media fino al medioevo. La necropoli di Sorres, sebbene sia stata rimaneggiata nella forma degli ambienti ipogei e nella destinazione d’uso, costituisce una delle principali testimonianze del capillare tessuto insediativo del territorio del nord Sardegna.

  19. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-06-01

    Full Text Available

    Report of PhD Dissertations.

    Francesco Barone

    Istituzioni, società ed economia a Catania nel tardo medioevo (XIV-XV secolo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Laura Berti Ceroni

    Il territorio e le strutture di Cesarea e Classe tra tarda antichità e alto medioevo in rapporto con Ravenna, Tesi di dottorato di ricerca in Storia e Informatica, Università degli studi di Bologna, 2002-2003.

     

    Marco Bicchierai

    Poppi dalla signoria dei conti Guidi al vicariato del Casentino (1360-1480, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Emanuela Garimberti

    Spatiosa ad habitandum loca. Luoghi e identità nella Historia Langobardorum di Paolo Diacono, Tesi di dottorato in Storia medievale (XV ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004

     

    Lorenzo Tanzini

    Sistemi normativi e pratiche istituzionali a Firenze dalla fine del XIII all’inizio del XV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Stefania Tarquini

    Pellegrinaggio e asseto urbano di Roma, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo, Università degli studi di Lecce, 2003

    Segnalazione di tesi di dottorato.

    Francesco Barone

    Istituzioni, società ed economia a Catania nel tardo medioevo (XIV-XV secolo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Laura Berti Ceroni

  20. L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

  1. Mineralogical and textural evidences of melt transfer in a granulite from the Paleoproterozoic Itabuna-Salvador-Curaça belt (Salvador da Bahia, Brazil)

    Science.gov (United States)

    Goncalves, Philippe; Santos de Souza, Jailma; Barbosa, Johildo; Bourque, Hugo; Floess, David

    2014-05-01

    In pelitic rocks, the effect of melt transfer (loss and/or gain) on phase relations can be successfully predicted via phase equilibrium modeling and more particularly using pseudosections with bulk composition as a variable (e.g. White et al., 2001). One of the most obvious effect of melt loss is the dehydration of the rock that limits further melting and favors the preservation of peak metamorphic assemblage. However, in most cases, melt loss has a limited effect that can be hardly seen mineralogically. Indeed, composition of phases like garnet, cordierite or plagioclase, that are first-order metamorphic phase, will not be affected significantly by melt loss. Therefore, evidences of melt extraction must be evidenced texturally. The goal of this contribution is to present an example where both mineralogical and textural evidences of melt extraction have been inferred. The studied sample is a pelitic granulite from the Paleoproterozoic Itabuna-Salvador-Curaça belt (Salvador da Bahia, Brazil). It is located in the city of Salvador da Bahia, next to the Farol da Bara. Structurally, it is located in a steeply deeping high strain zone that could have play a major role on the segregation and transfer of melt. The gneissic foliation is marked by a compositional banding with centimer-wide quartzo-feldspathic leucosomes in a garnet-bearing granulite. Leucosomes are almost systematically surrounded by a darker layer that is quartz-undersaturated and enriched in spinel and primatic sillimanite. This silica undersaturation is interpreted as the effect of extreme melt extraction and was modeled using phase diagram section. An interesting feature of the rock is that garnet grain size decreases and the number of garnet grains increases in the melanosome away from the leucosome. Furthermore, the type, amount and shape of inclusions in garnet, chemical composition and zoning in garnet also varies greatly and continuously across the gneissic foliation. Texturally, the presence of

  2. Le antinomie del concetto di cooperazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Filippini

    2014-07-01

    Full Text Available Il saggio ricostruisce il carattere contraddittorio del concetto di cooperazione, evidenziando storicamente alcune antinomie che rimangono latenti anche nell'uso moderno di tale concetto. Attraverso l'analisi e il confronto di alcuni testi di Adam Smith, Karl Marx, Émile Durkheim e Alfred Marshall vengono evidenziati in particolare due assi problematici del concetto: cooperazione come ampliamento delle potenzialità umane in opposizione alla cooperazione come oggettivazione e sfruttamento; cooperazione come norma societaria in opposizione alla cooperazione del movimento cooperativo. Tali antinomie non vengono superate in un armonico e onnicomprensivo concetto di cooperazione, ma al contrario vengono messe in gioco per restituire la complessità e l'interna contraddittorietà di un concetto che attraversa il dibattito sociologico, economico e politico contemporaneo.

  3. Macchine per giuoco nella proposta di Leopardi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Neri

    2017-06-01

    Full Text Available Un’operetta morale di Leopardi, la Proposta di premi fatta dall’Accademia dei Sillografi, adotta il linguaggio tecnico di un bando di concorso per proporre tre premi agli inventori di tre macchine umane perfette: l’amicizia, la magnanimità, la fedeltà coniugale sono gli obiettivi delle invenzioni scientifiche. Il tono serio cela in realtà la  polemica contro l’antropocentrismo e soprattutto contro l’ottimismo del suo tempo.  One of Leopardi’s Operette morali, Proposta di premi fatta dall’Accademia dei Sillografi, adopts the gergon of a competition notice to propose three prizes to the inventors of three perfect human machines: friendship, magnanimity, conjugal fidelity are the aims of scientific inventions. The serious tone really conceals the controversy against anthropocentrism and above all against the optimism of its time.

  4. Blog e tornei di scrittura collettiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Abrardi

    2013-03-01

    Full Text Available L’articolo prende in esame i tornei di scrittura collettiva e grafica per le scuole condotti tramite blog negli anni 2007/2008 e 2008/2009. Tali tornei, coordinati dall’associazione culturale «Progetto e Materia» in collaborazione con il 3° Circolo Didattico di Ivrea, hanno vinto il premio «Gold 2009» come esperienza didattica più innovativa nell’area dell’educazione linguistica. La costruzione delle fiabe è stata strutturata in base agli schemi narrativi e alle funzioni dei personaggi individuati da Propp e Greimas ed è avvenuta mediante l’interazione tra classi-squadra che inserivano i propri contributi sotto forma di commento nei blog predisposti dall’associazione. La scelta del blog come mezzo di costruzione collettiva della fiaba faceva invece riferimento a considerare internet come una fonte di informazioni da utilizzare in modo attivo e per favorire la condivisione di idee e risorse.

  5. O sistema médico Yawanáwa e seus especialistas: cura, poder e iniciação xamânica The Yawanáwa medical system and its specialists: healing, power, and shamanic initiation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Pérez-Gil

    2001-03-01

    Full Text Available Uma das particularidades do xamanismo Yawanáwa é a multiplicidade de termos existentes para designar seus especialistas, bem como a associação com diversas técnicas de cura e agressão, característica que lhe dá aparência heterogênea e complexa. Contudo, uma unidade subjaz a esse aspecto, já que todas essas técnicas compartilham concepções idênticas a respeito da realidade e baseiam sua eficiência nos mesmos conceitos de poder e de conhecimento. Para pesquisar a forma como o poder e o conhecimento - alicerces das práticas relacionadas com a cura - são concebidos entre os Yawanáwa, o artigo explora e analisa o processo por meio do qual o especialista os adquire: a iniciação xamânica.A wide variety of terms are used in Yawanáwa shamanism to name both healers and the relations between these specialists and techniques of healing and aggression, a characteristic that appears heterogeneous and complex. However, there is unity behind this appearance, because all the techniques are based on the same concepts of power and knowledge. To show how these ideas are conceived by the Yawanáwa, this article explores the process by which power and knowledge are acquired: shamanic initiation.

  6. La ricostruzione grafica del pavimento musivo di una villa romana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Gattuso

    2015-01-01

    Full Text Available Nel processo di analisi conoscitiva finalizzato alla conservazione e/o al restauro di un manufatto storico, la documentazione grafica offre un contributo importante ai fini della redazione del quadro anamnesico. Essa costituisce uno strumento conoscitivo che, nel rappresentare e registrare lo stato di conservazione nonché gli eventuali interventi di restauro cui il bene è stato sottoposto, permette di completare e di integrare le informazioni già ottenute mediante il dossier fotografico. In questo contesto si vuole dimostrare l’importanza del disegno informatico, da intendere come strumento utile per l’elaborazione di un corretto piano diagnostico, illustrando la ricostruzione grafica di una complessa pavimentazione musiva che decora un particolare ambiente di una villa di epoca romana posta sulle rive del lago d’Esaro nel comune di Roggiano Gravina (CS, ottenuta attraverso l’uso di un particolare software di design grafico e disegno vettoriale.

  7. Breve riflessione sulla Dissimulazione onesta di Torquato Accetto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosario Villari

    2009-11-01

    Full Text Available Colgo questa occasione per fare qualche riflessione sulla validità e sui limiti del mio commento di alcuni anni fa alla Dissimulazione onesta di Torquato Accetto. Nel modo più sintetico posso dire di avere tentato allora di richiamare l’attenzione, oltre che sul contenuto individuale-universale (intendo dire etico di quella opera, anche sul suo significato pubblico e politico. Il suo punto di riferimento è, a mio avviso, la ricerca di un modo efficace di opposizione e di resistenza alla tira...

  8. Analisi dell’utilizzo di Twitter nella costruzione di un seminario sperimentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wolfgang Reinhardt

    2013-03-01

    Full Text Available Nonostante i massicci cambiamenti sociali e tecnologici che si sono verificati a causa del Web negli ultimi anni, i corsi universitari spesso enfatizzano metodi di insegnamento da tempo consolidati e basati su strumenti di apprendimento e risorse tradizionali. Durante tali corsi gli studenti spesso acquisiscono una conoscenza che non è aggiornata e che è lontana da un apprendimento realistico, basato su problemi. L'uso di strumenti e metodi più recenti spesso rimane fuori dalla padronanza degli studenti. In questo contributo si descrive brevemente l’impostazione sperimentale di un seminario in due università tedesche dove l’uso di Social Media per la comunicazione e la collaborazione è stato saldamente integrato alla progettazione di un percorso di apprendimento formale. Si illustra, inoltre, l'utilizzo di Twitter durante il seminario, usando metodologie riprese dalla Social Network Analysis.

  9. La costruzione di un profilo di santità femminile nella Firenze del XVII secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Scattigno

    2014-04-01

    Full Text Available Nella prima metà del XVII secolo prendono avvio a Firenze i processi di canonizzazione per Domenica da Paradiso, Caterina de’ Ricci, Maria Maddalena de’ Pazzi. Le cause delineavano un profilo di santità femminile ispirato ai temi della riforma della vita religiosa e della professione monastica e rinnovavano la tradizione di santità della Chiesa fiorentina a partire dalla storia religiosa recente, ancora segnata dalla figura di Girolamo Savonarola. La costruzione di memoria delle monache, testimoni dirette o depositarie di tradizioni orali alimentate all’interno delle comunità femminili di appartenenza, ebbe un rilievo fondamentale nel fissare i tratti di una santità femminile che, se pure rispondeva ai nuovi modelli post-tridentini, manteneva non risolte anche le difformità.

  10. La costruzione di una moschea: l’esempio di Colle Val d’Elsa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano Zannotti

    2014-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il diritto della minoranza musulmana a disporre di luoghi di culto - 3. La realizzazione e la gestione della moschea.

  11. Financial incentives in energetic-environmental projects; Strumenti di finanziamento di progetti energetico-ambientali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Monti, G.M.; D' Errico, E.; Funaro, G.; Mebane, W.M. [ENEA, Rome (Italy); Cavallari, F.; Salinetti, M.; Bordoni, A.; De Pasquale, G.; Sagnotti, A. [Banca Nazionale del Lavoro, Roma (Italy)

    1998-07-01

    This report describes the most important financial tools of energy-environmental projects by summarizing cards. [Italian] Il presente volume descrive i principali strumenti di finanziamento dei Progetti Energetico-Ambientali (PEA), attraverso schede riassuntive di semplice lettura.

  12. JENIS LOBSTER DI PANTAI BARON GUNUNGKIDUL, YOGYAKARTA

    OpenAIRE

    Verianta, Mesi

    2016-01-01

    Penelitian dilakukan di pantai Baron Gunungkidul, Yogyakarta selama 1 bulan mulai 3 Mei sampai 3 Juni 2016. Penelitian ini untuk mempelajari jenis lobster apa saja yang terdapat di pantai Baron dan mempelajari jenis lobster yang paling banyak terdapat di pantai Baron. Metode penelitian dilakukan dengan penentuan wilayah penelitian yaitu pada pantai Baron Gunungkidul kemudian dilakukan pengambilan sampel lobster, sampel lobster yang didapatkan diidentifikasi, pengukuran sampel lobster denga...

  13. Il caso di Via Anelli a Padova

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Ostanel

    2012-03-01

    Full Text Available Via Anelli a Padova: una via che diventa un quartiere, un quartiere che diventa una città nell’immaginario collettivo. Una zona lasciata libera dalla distrazione del potere e delle discipline dello spazio (La Cecla, 1997, dove gli abitanti hanno prodotto territori dell’abitare capaci di mettere in crisi le forme consolidate di residenza e di uso dello spazio pubblico.

  14. Il caso di Via Anelli a Padova

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Ostanel

    2012-03-01

    Full Text Available Via Anelli a Padova: una via che diventa un quartiere, un quartiere che diventa una città nell’immaginario collettivo. Una zona lasciata libera dalla distrazione del potere e delle discipline dello spazio (La Cecla, 1997, dove gli abitanti hanno prodotto territori dell’abitare capaci di mettere in crisi le forme consolidate di residenza e di uso dello spazio pubblico.

  15. KONSERVASI BERUANG MADU DI KWPLH BALIKPAPAN

    OpenAIRE

    Sri Ngabekti

    2013-01-01

    AbstrakBeruang madu (Helarctos malayanus) merupakan salah satu fauna  yang dilindungi  perundang-undangan Indonesia. Upaya yang dapat dilakukan untuk mencegah kepunahan beruang madu adalah melalui konservasi. Kawasan Wisata Pendidikan Lingkungan Hidup (KWPLH) beruang madu di Balikpapan dinilai memiliki cara konservasi ex-situ yang terbaik di Asia. Penelitian ini bertujuan mengkaji cara konservasi beruang madu di KWPLH Balikpapan. Metode penelitian yang digunakan adalah metode survei langsung,...

  16. HASILTANGKAPANTERIPANG(Sea cucumber) DI PERAIRANKARANGSCOTTPULAUDATUAUSTRALIA

    OpenAIRE

    Anthony Sisco Panggabean; Ralph Thomas Mahulette; Jim Prescott

    2016-01-01

    Perairan karang Scott (Scott Reef) yang terletak disekitar Pulau Datu berada di Perairan Laut Timor – Australia khususnya di lokasi MoU Box 74. Banyak nelayan tradisional Indonesia yang berasal dari Pulau Rote Alor dan Madura menangkap teripang di kawasan tersebut sebagai mata pencahariannya secara turun temurun. Suatu penelitian merupakan kerjasama antara Pemerintah Indonesia (Badan Penelitian dan Pengembangan Kelautan dan Perikanan) dan Pemerintah Australia (Australian Fisheries Management ...

  17. Singkatan Dan Akronim Dalam Chatting Di Internet

    OpenAIRE

    Hervina M. S.

    2010-01-01

    Penelitian ini menganalis pola singkatan dan akronim dalam chatting di internet. Tujuan penelitian ini adalah mendeskripsikan pola singkatan dan akronim dalam chatting di internet dan mendeskripsikan pola singkatan dan akronim yang paling dominan digunakan dalam chatting di internet. Teori yang digunakan adalah singkatan, akronim, bahasa dalam chatting, sosiolinguistik. Pengumpulan data digunakan dengan metode simak, yaitu penyimakan terhadap penggunaan bahasa (Sudaryanto,1993:133), dan tekni...

  18. Manifestasi Anemia Pernisiosa Di Rongga Mulut

    OpenAIRE

    Nona Aini

    2008-01-01

    Anemia pernisiosa adalah salah satu penyakit kronis berupa berkurangnya produksi sel darah merah akibat defisiensi vitamin 812 dan asam folat, Salah satu fungsi vitamin 812 adalah untuk pembentukan sel darah merah di dalam sum-sum tulang menjadi aktif. Akibat defisiensi vitamin 812 dapat menyebabkan terganggunya sintesa DNA dan RNA. Terganggunya sintesa DNA akan menyebabkan anemia di sum-sum tulang dalam bentuk anemia makrositik dan di dalam darah dalam bentuk anemia megaloblastik. Sedangk...

  19. La nozione di Analiticità e di conoscenza A Priori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Teresa Bradascio

    2015-05-01

    Full Text Available Le nozioni di analiticità e di conoscenza a priori continuano ad essere impiegate nella filosofia contemporanea nonostante siano state oggetto di critiche e dibattiti per dimostrarne l’inutilità. Le domande alle quali si è cercato – e si cerca tuttora – di dare una risposta sono: quali tipi di proposizioni possono essere giustificate e conosciute a priori? Che rapporto c’è tra l’analiticità e l’a priori? Il mio intento è offrire un’analisi della nozione di analiticità presente in Frege e in Quine utilizzando come riferimento, rispettivamente, “I fondamenti dell’aritmetica” (1884 e l’articolo “Due Dogmi dell’Empirismo” (1953. Nell’opera di Frege si trova una prima riformulazione della coppia di nozioni ereditate dalla tradizione kantiana e leibniziana: per Leibniz una verità di ragione, sviluppando semplicemente il contenuto di una proposizione che già conosciamo, non amplia le nostre conoscenze, e dunque è analitica; mentre una verità di fatto amplia le nostre conoscenze, aggiungendo qualcosa che non avremmo potuto scoprire contemplando solamente i concetti e i loro rapporti logici. Le proposizioni logiche, aritmetiche e certe verità concettuali – quelle ottenute mediante definizione nominale – sono considerate proposizioni analitiche. Per Kant, invece, sia le proposizioni aritmetiche sia quelle geometriche ampliano la nostra conoscenza e sono sintetiche. L’obiettivo di Frege è mostrare l’errore della concezione kantiana dell’analiticità: l’incremento conoscitivo ottenibile dalle proposizioni aritmetiche non è in opposizione al loro carattere analitico. Egli, infatti, legando il carattere analitico o sintetico di un enunciato al tipo di giustificazione che possiamo portare a sostegno della sua asserzione, non definisce l’analiticità come una caratteristica evidente del significato di un enunciato. Nel caso degli enunciati dell’aritmetica la loro giustificazione consiste nella loro

  20. Le proposte di riforma normativa a sostegno delle vittime di reato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulio Vasaturo

    2007-04-01

    Full Text Available La frammentarietà e la lacunosità della normativa vigente in materia di sostegno alle vittime di reato rende obiettivamente approssimativo il sistema di tutela di quanti, nel nostro Paese, subiscono gli effetti - spesso devastanti sotto il profilo personale, economico, psicologico, familiare, relazionale – di un’azione criminosa. Con questa consapevolezza, già da diversi anni numerose componenti dell’associazionismo spontaneo ed alcune importanti realtà accademiche hanno avviato un vivace dibattito che ha finito col coinvolgere le varie forze parlamentari e vasti strati della società civile. Al di là delle divergenze di sensibilità e di opinioni, è unanimemente avvertita l’esigenza di pervenire, in maniera oramai improcrastinabile, all’adozione di una piattaforma normativa omogenea, con lo scopo di fornire alla vittima (diretta ed indiretta di una fattispecie delittuosa gli strumenti più efficaci per vedersi riconosciuto il diritto al risarcimento del danno materiale, biologico e morale che è stato patito; il diritto all’assistenza istituzionale; il diritto all’inclusione sociale; il diritto all’accesso a forme di mediazione in grado di condurre realmente all’attuazione di un modello diffuso di restorative justice. Il presupposto di un simile progetto di riforma, tanto ambizioso quanto necessario, va senz’altro rinvenuto nella modifica/integrazione dell’art. 111 della Costituzione che, nel delineare i princìpi del c.d. giusto processo, inspiegabilmente omette ogni riferimento al soggetto passivo del reato. Agli atti del Parlamento sono depositate diverse proposte con cui si intende definire la cornice di quella legge quadro per l’assistenza, il sostegno, la tutela delle vittime di reati sulla base della quale dovrà elevarsi, conformemente a quanto disposto dalla decisione europea 2001/220/GAI del 15.3.2001, il nostro ordinamento di tutela delle persone lese da azioni criminose. All’esame critico delle varie