WorldWideScience

Sample records for contributo italiano alla

  1. L’invenzione linguistica alla scuola primaria : La didattica dell’italiano nell’esperienza montessoriana

    Bonazzoli, C.; Gastaldi, F.; Gobbo, F.

    2017-01-01

    In questo contributo presentiamo gli aspetti relativi alla didattica dell’italiano all’interno del laboratorio linguistico sperimentale presso la Scuola Montessori Milano. Il laboratorio prevede una serie di incontri tra le insegnanti e i ricercatori, con interventi mirati di questi ultimi in

  2. IMPARARE L’ITALIANO L2 CON LE CANZONI. UN CONTRIBUTO DIDATTICO

    Elisabetta Mauroni

    2011-07-01

    Full Text Available Il presente contributo si inserisce nel filone degli studi che hanno messo in evidenza la potenziale ricchezza della canzone come strumento di facilitazione dell’apprendimento della L2, e come mezzo per l’approccio al testo letterario per studenti di italiano L1, additandone il carattere di attività particolarmente efficace e ‘consonante’ con una prospettiva umanistico-affettiva, comunicativa, nonché socio-costruttivista. In queste pagine sono presentate alcune attività didattiche (pensate ora per gli apprendenti di italiano L2, ora per gli studenti di italiano L1 formulate a partire da alcuni testi del cantautore Claudio Baglioni (Io sono qui, Le vie dei Colori, Bolero, Fammi andar via tratti dall’album Io sono qui, 1995, edizioni CBS. I testi qui didattizzati sono utilizzabili in diverse prospettive: grammaticale, lessicale, retorica, socio-culturale, ecc.; e per diversi livelli di competenza linguistica (L2: A1-C1; L1.     Learning italian l2 through song.  A didactic contribution   This article is part of a series of studies which focus on the potential richness of songs as tools for facilitating L2 learning, as well as being a way to approach literary texts for L1 Italian students, being a particularly effective activity from a humanistic-affective, communicative and socio-constructivist point of view.  A few didactic activities are presented (designed for L2 Italian learners, or for L1 Italian learners based on songs by Claudio Baglioni (Io sono qui, Le vie dei Colori, Bolero, Fammi andar via from the album Io sono qui, 1995, edizioni CBS.  The texts were adapted for diverse didactic uses: grammatical, lexical, rhetorical, socio-cultural, etc and for different levels of linguistic competence (L2: A1-C1, L1

  3. Storia del contributo italiano alla viticoltura sudafricana dalle origini alla contemporaneità

    Claudio Sessa

    2017-07-01

    Full Text Available Italians over time have formed a symbiotic relationship with the plant of the vine, with its fruit, the grape and its product, the wine. Exported in the world the skills and quality craftsmanship, the know-how of useful knowledge to the development of winemaking in any place or region of the world, as in South Africa. The great skill matured over the centuries has been a useful tool, a “business card” with which to enter into society and different national contexts other than through an integration and comparison process which contributed to the evolution and modification of the screws viticulture sector of South African food and costumes. This article aims to reconstruct the South African wine-making history through the analysis of the Italian contribution to the development of the sector itself in a long-term perspective that goes from the XVII century to contemporary deepening episodes neglected and free from scientific-academic discussion.

  4. Il diritto alla salute dello straniero nell’ordinamento italiano

    Monego, Davide

    2017-01-01

    The author provides a framework of the application of the provisions set up by the legislative decree no. 286/1998 on immigration, that is the most effective measure to protect migrants’ right to health. L'autore fornisce un quadro di applicazione delle disposizioni istituite dal decreto legislativo n. 286/1998 sull'immigrazione, che è la misura più efficace per proteggere il diritto dei migranti alla salute.

  5. Contributo allo studio della composizione delle parole : Raffronto contrastivo italiano-croato, croato-italiano. Primi risultati

    Zorica Vučetić

    1999-12-01

    Full Text Available Nel presente lavoro si considerano le parole composte italiane e croate, e più pre­ cisamente nella fase moderna dell'italiano e del croato. L'approccio allo studio della composizione delle parole nelle due lingue è sincronico. Si prendono in considerazione solo parole motivate nella coscienza linguistica dei parlanti di oggi. La composizione delle parole, che unisce due o più elementi costitutivi, creando in tal modo nuove unità lessicali, è molto importante nella lingua italiana. Si distinguono due casi: in un gran numero di composti ii parlante continua ad identificare i due ele­ menti costitutivi dopo che la fusione è avvenuta (A+B=AB: in questo caso ii signifi­ cato del composto è la somma dei significati dei membri costitutivi e il composto è motivato nella consapevolezza linguistica dei parlanti di oggi; mentre in altri composti la fusione dei due elementi costitutivi dà origine a un nuovo significato (A+B=C, per cui i composti non sono motivati nella consapevolezza linguistica dei parlanti di oggi, quindi non sono trasparenti e dal punto di vista sincronico non sono parole composte, ma vanno studiati dal punto di vista diacronico.

  6. L’INCHIESTA ITALIANO 2010. ANTEPRIMA DI ALCUNI RISULTATI

    Claudio Giovanardi

    2011-02-01

    Full Text Available L’inchiesta Italiano 2010, promossa dal Ministero degli Esteri, mette in luce una forte crescita della domanda di lingua italiana nel mondo. I corsi svolti nel 2009-2010 dagli Istituti Italiani di Cultura sono in tutto 6.429, mentre dalla rilevazione eseguita nel 2000 sotto la guida di Tullio De Mauro (Italiano 2000 ne risultavano 3.548, poco più della metà. L’aumento dei corsi si riflette sul numero degli studenti, che in dieci anni è salito di 22.073 unità, ovvero di quasi il 50%, passando da 45.699 a 67.772. Fra le motivazioni che spingono gli stranieri a studiare l’italiano, prevale più nettamente che nel 2000 il fattore «Tempo libero e interessi vari» (56%, a conferma dell’immagine tradizionale della lingua italiana come lingua di cultura. Al secondo posto si colloca lo «Studio» (21%, seguita dal «Lavoro» (13% e dai «Motivi personali e familiari» (10%. Oggi più di ieri, la crescita dell’interesse per la lingua italiana nel mondo è in stretta relazione con la crescita dell’interesse per la nostra cultura. Rispetto alla precedente inchiesta Italiano 2000, il progetto Italiano 2010 ha aggiunto la somministrazione agli studenti universitari di due test linguistici di diverso livello. Grazie alla collaborazione dei lettori MAE si è potuto ricavare un corpus di oltre 1700 test che costituisce un importante contributo allo studio dei “punti di crisi” dell’italiano per gli apprendenti stranieri. Per questo articolo ci si sofferma sulle indicazioni linguistiche e testuali che si ricavano dal testo libero previsto per il livello avanzato: un riassunto tratto da un brano della Guida del Touring Club per la regione Abruzzo.     Italiano 2010: initial results of an enquiry   The survey Italiano 2010, promoted by the Foreign Ministry, highlights the strong demand for the Italian language in the world. There were 6,429 courses offered in 2009-2010 by the Italian Cultural Institutes, compared to the data collected in

  7. La “grande bellezza” del paesaggio italiano nel cinema contemporaneo: tra falsificazione e finanziamento locale / The “great beauty” of Italian landscape in contemporary movies: between falsification and local funding

    Eleonora Mastropietro

    2016-05-01

    Full Text Available I film hanno rappresentato l’evoluzione del paesaggio italiano per gran parte del novecento. Negli ultimi due decenni i film italiani hanno però smesso di esplorare le trasformazioni del territorio. La debolezza dell’industria cinematografica spiega in parte l’assenza del contemporaneo dagli schermi. Inoltre il diffuso ricorso al supporto economico degli enti pubblici, che spesso vedono i film come strumenti di promozione turistica, sembra influenzare le modalità di rappresentazione del paesaggio. Il contributo presenta una ricerca condotta sui film di maggior successo tra il 1990 e il 2014 alla ricerca dell’immagine del paesaggio italiano in essi prevalente e evidenzia alcune cause alla base di questa rappresentazione omogenea. Films have portrayed the evolution of the Italian urban landscape in the last 100 years. Nevertheless, contemporary movies partially ignore the recent transformations and represent instead a stereotyped image of Italian landscapes. The structure of the local movie industry could provide a first explanation of this phenomenon. Moreover, the financial support of productions provided by local government influences the choice of including or excluding elements of the landscape in the movies screen. The paper explores the new representations of landscape in Italian movies, in order to show which features of the changing contemporary Italian landscapes are visible and which are hidden.

  8. Sottoscrizioni autografe nelle più antiche carte del monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X Autograph subscriptions in the oldest cards of the monastery of S. Liberatore of the Maiella. A contribution to the history of the relationship between writing and literacy in Abruzzo in 10th Century

    Mariano Dell'Omo

    2005-06-01

    Full Text Available

    Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX della “Introduzione storica, paleografica e archivistica” al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassinese nell’Italia centro-meridionale. L’obiettivo più generale è quello di far conoscere l’intero fondo archivistico di S. Liberatore, sia quello di età medievale con il citato volume, sia quello di età moderna con il successivo, apparso nel 2006. Questa specifica serie dell’Archivio cassinese, gravitante intorno a S. Liberatore ma relativa anche ad altri centri monastici minori di area abruzzese, e che occupa oggi le capsule da XCIX a CIV, racchiude complessivamente 801 documenti.

    Tra questi se ne annoverano alcuni particolarmente noti agli studiosi – specialmente dopo i lavori di Enrico Carusi (1929, 1932 e Herbert Bloch (1986 –, come il “Memoratorium” dell’abate Bertario († 883 e il “Commemoratorium” – inventario testamentario – del preposito maiellese, poi abate di Montecassino Teobaldo († 1035/1037.

    Alcuni hanno riservato interessanti scoperte, come l’attuale caps. XCIX, fasc. I, n. 4, una carta del luglio 936, che racchiude la più antica sottoscrizione autografa (“Ego qui supra Arechisi iudex” di Arechi, giudice della città di Capua, lo stesso che sottoscrisse il celeberrimo placito del 960, prima testimonianza ufficiale di volgare italiano.

    Altri costituiscono un nucleo di documenti omogenei (nn. 7, 8, 9, 10, 12, 13 la cui edizione integrale ha offerto finalmente in modo completo la più antica collezione di contratti agrari di Montecassino (dal 950 al 984, specialmente sotto forma di

  9. Vestite alla turchesca. Travestimenti orientali nella drammaturgia italiana e francese tra Sei e Settecento

    Stefano Agostino Moretti

    2011-11-01

    Full Text Available Da secoli il Mar Mediterraneo rappresenta un confine tra due mondi. Gli orientalisti li chiamavano e continuano a chiamarli mondo “arabo” e mondo “cristiano”. Questo contributo vuole mostrare come, in tempi non sospetti, l’Italia rappresentasse un ponte tra queste due culture. Grazie agli strumenti della storiografia contemporanea, attenta alla vita quotidiana e agli “archivi del corpo”, scopriamo che durante il XVI e il XVII secolo gli incontri tra musulmani e cristiani fossero molto frequenti e spesso felici. Il teatro comico italiano fu il genere letterario che, prima e meglio di ogni altro, riuscì a cogliere e a descrivere tale fenomeno con tutte le implicazioni politiche, religiose e identitarie, restituendone in pieno uno degli elementi sovente sottaciuti e censurati, ovvero la perturbante carica erotica del “diverso”. Uno degli espedienti che riassumono con maggiore efficacia questo  rapporto identitario e culturale è rappresentato dall’uso del travestimento. Paragonando alcune commedie italiane della prima metà del Seicento con il teatro “orientalista” di Bonarelli, Molière e Goldoni, possiamo osservare la nascita e la crescita di una visione stereotipata e libresca dell’altro, là dove i “panni turcheschi” generavano negli spettatori paura e desiderio.

  10. Contributo alla conoscenza della flora lichenica epifitica dell'Umbria

    Ravera, Sonia

    2017-01-01

    CONTRIBUTION TO THE EPIPHYTIC LICHEN FLORA OF UMBRIA (C. ITALY). 47 species of epiphytic lichens are reported as additions to the poorly known lichen flora of Umbria. The ecology and distribution of selected species are discussed.

  11. Dal materiale all’immateriale. Verso un approccio sostenibile alla gestione nel contesto glocale / From material to immaterial: towards a sustainable approach to management in the glocal context

    Mara Cerquetti

    2015-02-01

    Full Text Available Il saggio ripercorre le principali tappe del dibattito internazionale che negli ultimi anni ha condotto ad una nozione di cultural heritage aperta e dinamica, volta al superamento del dualismo tra materiale e immateriale e attenta al ruolo delle comunità locali nei processi di riconoscimento, tutela e valorizzazione del patrimonio stesso. Dopo aver preso in esame l’apporto degli studi giuridici, con specifico riferimento al contesto italiano, si analizza il contributo delle scienze sociali, soprattutto manageriali, particolarmente sensibili al tema della sostenibilità delle politiche e delle azioni finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale anche attraverso l’applicazione di strumenti partecipativi. In quest’ottica, riconoscendo un ruolo centrale alla governance e alla collaborazione tra attori pubblici e privati che operano in un medesimo contesto, si porta infine l’attenzione sugli ecomusei, come caso esemplare dell’“immateriale che vive nella materialità”, evidenziando i nodi problematici che emergono dall’analisi della realtà italiana e suggerendo possibili linee di ricerca future.   The paper traces the main steps of the international debate that during the last years lead to an open and dynamic notion of cultural heritage, overcoming the dualism between tangible and intangible and considering the role of local communities in the processes of heritage recognition, safeguarding and enhancement. After examining the contribution of legal studies, above all in Italy, the approach of social sciences is analysed, focusing on management. These studies have explored the sustainability of policies and actions towards tangible and intangible cultural heritage enhancement, also through the application of participatory tools. In this perspective, governance and collaboration among different actors working in the same context gain a central role. Finally, the attention is focused on eco

  12. nel cinema italiano contemporaneo

    italiano come era rappresentato nel cinema italiano del passato, per esempio in Rocco e i suoi ..... parole che Michele rivolge a Ioan ad un certo punto del film, “Si può .... temporaneo equilibrio e supporto in una inusuale relazione che va.

  13. MADRELINGUA E ITALIANO L2: UN’INDAGINE SU BILINGUISMO E PERSONALITÀ

    Rosangela Milazzo

    2016-02-01

    Full Text Available L’articolo presenta i risultati di una ricerca che trae origine dalla lettura di un saggio di Camilla Bettoni, Usare un’altra lingua. Guida alla pragmatica interculturale (Laterza, Roma-Bari 2006 in cui affronta, tra gli altri, il tema della doppia personalità nell’ambito di uno studio sul bilinguismo e il biculturalismo, e si chiede se esista una relazione tra bilinguismo e personalità, ovvero se l’alternanza delle lingue conosciute comporti cambiamenti nella personalità dei bilingui. In questo contributo, un cambiamento di personalità, intesa nel senso più esteriore degli atteggiamenti e dei comportamenti messi in atto nell’alternare la madrelingua con l’italiano L2, ma anche intesa nella sua  dimensione più interiore che coinvolge gli stati affettivi fino al senso di identità personale, è stato indagato direttamente su alcuni soggetti bilingui residenti in Italia e con una conoscenza dell’italiano come lingua seconda attestata a livelli di progresso e padronanza, secondo il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Mother tongue and Italian L2: a survey on bilingualism and personalityThe article presents the results of a study inspired by from an essay by Camilla Bettoni, Using Another Language. Pragmatic Intercultural Guide (Yale University Press, Rome-Bari 2006 which addressed, among other issues, the theme of split personality in a study on bilingualism and biculturalism, and poses the question of whether there is a relationship between bilingualism and personality, and whether switching between languages causes personality changes in bilinguals. In this paper, personality change meant the most outward attitudes and behaviors adopted when alternating between the mother tongue and Italian L2, as well as less visible changes involving affective states and personal identity. The participants were bilingual subjects residing in Italy with a knowledge of Italian as a second language measured according to the

  14. Risk from exposure to natural and artificial ultraviolet radiation; Il rischio di esposizione alla radiazione ultravioletta naturale e artificiale

    Matzeu, M. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Fisica

    1998-12-31

    The association between exposure to ultraviolet (UV) and damage to the skin and eyes is today generally accepted. Exposure to UV radiation may occur in several ways. Apart from the sun, there is a wide range of artificial sources used in different fields of industry, research and medicine, the exposure to which adds to the total exposure of an individual during his life-span. The potential effects of ozone layer depletion on the increase of the solar UV radiation at earth`s surface, and therefor on human health, have recently been emphasized. Moreover, great attention has been devoted to the often uncontrolled use of UV lamps for tanning. This report shows the basis on which short and long term UV risk is assessed, and indicates some parameters necessary to its evaluation. The UV effects, both at molecular and cellular levels and on humans, are described together with their respective action spectra. The most common UV sources are then analyzed and their use in different fields is shown. Finally, some methods in dosimetry, which are useful for the correct measurement of exposure values, are described. [Italiano] E` oggi generalmente accettata l`assciazione tra l`esposizione alla radiazione UV e alcuni danni alla pelle e agli occhi (carcinomi e cataratta). Le occasioni di esposizione sono molteplici; oltre al sole, anche una grande varieta` di sorgenti artificiali impiegate per scopi diversi nell`industria, nella ricerca e in medicina danno un contributo, non sempre valutabile, all`esposizione totale di un individuo nell`arco della sua vita. Recentemente e` stato posto l`accento sulle possibili conseguenze della riduzione dello stato di ozono stratosferico sull`aumento della frazione di UV solare al suolo e quindi sulla salute umana; particolare attenzione ha inoltre suscitato l`uso, spesso incontrollato, delle lampade UV per scopi estetici. Sono illustrate le basi sulle quali viene riconosciuto il rischio a breve e a lungo termine e sono definiti i parametri

  15. Risk from exposure to natural and artificial ultraviolet radiation; Il rischio di esposizione alla radiazione ultravioletta naturale e artificiale

    Matzeu, M [Istituto Superiore di Sanita` , Rome (Italy). Lab. di Fisica

    1999-12-31

    The association between exposure to ultraviolet (UV) and damage to the skin and eyes is today generally accepted. Exposure to UV radiation may occur in several ways. Apart from the sun, there is a wide range of artificial sources used in different fields of industry, research and medicine, the exposure to which adds to the total exposure of an individual during his life-span. The potential effects of ozone layer depletion on the increase of the solar UV radiation at earth`s surface, and therefor on human health, have recently been emphasized. Moreover, great attention has been devoted to the often uncontrolled use of UV lamps for tanning. This report shows the basis on which short and long term UV risk is assessed, and indicates some parameters necessary to its evaluation. The UV effects, both at molecular and cellular levels and on humans, are described together with their respective action spectra. The most common UV sources are then analyzed and their use in different fields is shown. Finally, some methods in dosimetry, which are useful for the correct measurement of exposure values, are described. [Italiano] E` oggi generalmente accettata l`assciazione tra l`esposizione alla radiazione UV e alcuni danni alla pelle e agli occhi (carcinomi e cataratta). Le occasioni di esposizione sono molteplici; oltre al sole, anche una grande varieta` di sorgenti artificiali impiegate per scopi diversi nell`industria, nella ricerca e in medicina danno un contributo, non sempre valutabile, all`esposizione totale di un individuo nell`arco della sua vita. Recentemente e` stato posto l`accento sulle possibili conseguenze della riduzione dello stato di ozono stratosferico sull`aumento della frazione di UV solare al suolo e quindi sulla salute umana; particolare attenzione ha inoltre suscitato l`uso, spesso incontrollato, delle lampade UV per scopi estetici. Sono illustrate le basi sulle quali viene riconosciuto il rischio a breve e a lungo termine e sono definiti i parametri

  16. Dal caos... alla coscienza

    Prattico, Franco

    1989-01-01

    Attraverso i domini della fisica, della genetica e della biologia, fino alle neuroscienze, alla ricerca dei percorsi che hanno portato alla nascita del cervello umano : frutto di una singolare serie casuale o di una necessità inscritta nelle leggi del Cosmo?

  17. La coesione in italiano e in russo: alcune tendenze nell’espressione dei rapporti di caratterizzazione

    Edyta Bocian

    2017-08-01

    Full Text Available L’obiettivo dell’articolo è quello di analizzare i mezzi metaforici esistenti nella lingua italiana volti a verbalizzare le emozioni. L’analisi è stata effettuata ricorrendo alla teoria cognitiva della metafora di Lakoff e Johnson su un corpus che consta di risorse metaforiche convenzionali presenti nei dizionari italiani monolingue. Nello specifico si è cercato di delineare un quadro della concettualizzazione emotiva in italiano, riflettendo su problematiche quali i domini origine adoperati, i possibili limiti posti alla concettualizzazione, nonché l’immagine linguistica che scaturisce dalle emozioni.

  18. L’ACQUISIZIONE DEI SEGNALI DISCORSIVI IN ITALIANO L2

    Elisabetta Jafrancesco

    2015-07-01

    Full Text Available Il contributo presenta i risultati di una ricerca sull’acquisizione dei segnali discorsivi (SD in italiano L2, condotta su un corpus di parlato di studenti universitari in mobilità accademica, presenti nell’università di Firenze e inseriti in percorsi formativi di italiano L2 presso il Centro Linguistico di Ateneo. Il principale obiettivo dello studio è indagare l’italiano di stranieri relativamente a questo tratto specifico al fine di individuare eventuali sequenze acquisizionali, contribuendo a delineare lo sviluppo della competenza sociopragmatica degli apprendenti nei livelli di competenza proposti nel Quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER Si analizza, in particolare, l’uso dei SD nel parlato dialogico degli informanti nei Livelli basico, indipendente e competente del QCER – con riferimento al modello tassonomico dei SD proposto da Bazzanella nella Grande grammatica italiana di consultazione (1995, integrato, in relazione allo specifico contesto, con nuove funzioni – evidenziando i principali macrofenomeni emersi, con l’intento inoltre di riflettere su come i dati dell’acquisizione dell’italiano L2 possono rappresentare un punto di riferimento per la definizione di percorsi formativi coerenti con i processi naturali di sviluppo della competenza.Acquisition of discourse markers in Italian L2The paper presents the results of a study on the acquisition of discourse markers (SD in Italian L2 students, conducted on a corpus of spoken language by university students at the University of Florence who attended Italian L2 language course at the University Language Center. The main objective of the study was to investigate the Italian of foreigners in relation to this specific trait in order to identify possible acquisitional sequences, helping shape the development of learners' socio-pragmatic competence levels proposed in the Common European Framework of Reference for Languages (CEFR. In particular, we

  19. Problematiche normative della presenza islamica nello spazio sociale italiano ed europeo. Le difficoltà del pluralismo culturale nel modello di laicità contemporaneo

    Marco Parisi

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione nella "Revista Crítica de Derecho Canónico Pluriconfesional", curata da Manuel Juan Pelaez Albendea (Facultad de Derecho, Universidad de Málaga.SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Laicità dello Stato, libertà religiosa e comunità islamiche nella società italiana: tra diritto comune e legislazione pattizia. 3. I nodi giuridici di maggior rilievo in Italia e in Europa. 4. Conclusioni.

  20. META-ANALISI E APPLICAZIONE DI UNA PROPOSTA DIDATTICA ORIENTATA ALL’AZIONE PER L’APPRENDIMENTO DEI SEGNALI DISCORSIVI IN ITALIANO LS

    Roberta Ferroni

    2016-09-01

    Full Text Available Nel presente contributo si riportano i risultati di uno studio i cui obiettivi sono: a verificare come vengono trattati i segnali discorsivi (SD in un manuale di italiano LS il cui approccio è orientato all’azione; b analizzare come questi SD vengono percepiti e ritualizzati nel parlato dialogico di studenti di italiano LS di livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. La ricerca è stata svolta fra studenti universitari del corso di Laurea di Lingua e Letteratura Italiana della Facoltà di Filosofia, Lettere e Scienze Umane dell’Università di San Paolo del Brasile. Dall’analisi delle proposte didattiche, tratte dall’unità 6 del corso d’italiano per stranieri Bravissimo! 3-B1(Birello e Vilagrasa, 2014, si evince che le attività incentrate sui SD presuppongono un costante reimpiego in un contesto di lavoro significativo, attraverso degli «spazi interattivi» in cui gli apprendenti prendono consapevolezza e mettono alla prova le regole che gestiscono la co-costruzione conversazionale in LS. L’esposizione e la riflessione sui SD, abbinate a proposte di attività interattive significative, in cui lo studente ha un preciso scopo da raggiungere, offrono delle opportunità di riutilizzo dei SD simile a quello che può prodursi in una situazione al di fuori dell’aula. Meta-analysis and application for action-learning italian fl discourse signals In this paper we report the results of a study whose objectives were: a to determine how discourse markers (DMs are addressed in an action-oriented Italian FL textbooks; b to analyze how these DMs are perceived and ritualized in the spoken conversation of students studying Italian as a FL at the B1 level as defined by the Common European Framework of Reference for Languages. The study was carried out among university students majoring in Italian Language and Literature at the School of Philosophy, Letters and Humanities of the University of São Paulo, Brazil

  1. Il volgare e il principe. Politica culturale e questione della lingua alla corte di Cosimo

    Margherita Quaglino

    2015-09-01

    Full Text Available Il principato di Cosimo I rappresenta un periodo di snodo fondamentale per la questione della lingua italiana. Il contributo ripercorre la bibliografia degli ultimi vent’anni con l’intento di definirne le principali traiettorie e individuarne l’originalità e le prospettive future rispetto agli studi precedenti. Sono esaminati in particolare gli studi relativi all’opera di Benedetto Varchi e Vincenzio Borghini; ai volgarizzamenti di Giovan Battista Gelli e Cosimo Bartoli; alla redazione e all’edizione delle Vite di Vasari e al rapporto tra letterati e artisti nella celebrazione del potere.

  2. Un sistema di supporto alla decisione per facilitare nuove azioni di finanziamento in ambito pubblico

    Maria Franca Norese

    2014-12-01

    Full Text Available Un approfondimento analitico sulle modalità di finanziamento che hanno interessato la Regione Piemonte, sviluppato con il contributo di chi vi ha operato direttamente, ha permesso di acquisire, codificare e organizzare importanti elementi di conoscenza e di proporne l’uso per accrescere la cultura valutativa in Regione. Un accresciuto interesse a rendere più efficienti le azioni di finanziamento pubblico ha spinto ad utilizzare i risultati dell’analisi effettuata in un modello multicriteri di valutazione e in un sistema di supporto alla decisione rivolto a facilitare i nuovi processi di finanziamento e rendere operative attività di monitoraggio in un contesto di apprendimento organizzativo.

  3. Razionalismo, politica e teoria della conoscenza. Un contributo alla filosofia arabo-islamica del presente

    Mohammed Abed Al-Jabri

    2011-01-01

    Full Text Available Rationalism, Politics, and Theory of Knowledge. A Contribution to Contemporary Arab-Islamic Philosophy - The present text is a significant excerpt from the interview released in 1981 by the Moroccan philosopher Mohamed Abed Al-Jabri in the journal al-thaquafa- al-djadida [The New Culture]. The text was later revisited by Al-Jabri himself and published in 1991 with the title li'anna al-aqlaniya darura [Why rationalism is necessary] in a book on the relationship between tradition and modernity in the Arab-Islamic culture, At-turat wa-I-hadatha [Tradition and Modernity]. The interview deals with some of the central points in the contemporary debate on the social, political and cultural renewal of the Arabic world. Al-Jabri thinks that a critical perspective on Arab-Islamic culture must be developed. He maintains that in the Arab-Islamic world there is an enormous need for philosophy – discussion and rational argumentation – and for rationalism. Rationalism would contribute, among other things, to freeing politics and science from the chains of dogmatism, religion and tradition.

  4. Agire affettivo, carisma e ascesi intramondana. Il contributo weberiano alla sociologia delle emozioni

    Gregor Fitzi

    2012-03-01

    Full Text Available Max Weber has often been depicted as a rationalistic thinker, who did not acknowledge the role of emotions for social interaction. By contrast to that interpretation the paper shows what the theoretical significance of the analysis of emotions in Weber’s sociology is. Starting from the level of social action, emotional action is seen by Weber as the most important motive for the breakout of new frames of interaction in premodern societies. The development of Weber’s sociological theory of emotions can therefore be reconstructed following the architecture of his posthumous work “Economy and society”. There Weber exposes how the emotional motivation of action becomes on the one hand the leading impulse for the building of the horizontal social structure of Vergemeinschaftung and on the other for the vertical structures of the charismatic power. Latter is the most developed social structure based on emotional action. Its endurance is however limited in time. Everyday forms of social life must replace the charismatic ties if the social group wants to last over the period of emergency. Weber attention for this issue evidences his particular understanding of the sociological status of emotions that can be defined as a “liminal status”. Emotions can give impulsion to the developing of social relationships but in the long run they have to be replaced by other action forms as e. g. tradition or rationality. This assumption could lead to claim that especially in modern times the role played by emotions in the social domain is vanishing. Taking a look to Weber’s sociology of religion, this assumption may however be contradicted in a surprising way.

  5. Il contributo dell'Ecu alla stabilità dei cambi: un ulteriore commento

    F. FORNARI

    2013-10-01

    Full Text Available Following recent articles by Jager and de Jong on the one hand, and Sarcinelli on the other, the present work offers additional analysis on the topic of the ECU and exchange-rate stability.  The author shows that the effect of the ECU on exchange-rate stability mainly depends on the presence of arbitrage activity, i.e. the flows of national currencies which the ECU market gives rise to in order to counterbalance an excess demand for Ecus on the Euromarket. When arbitrage is introduced into the analysis, the relationship between the dollar and mark and pound gets worse (so creating instability whereas the contribution of the ECU to European currencies’ stability remains positive, though reduced.  JEL Codes: F15, F36, E42 

  6. CORSO DI ITALIANO PER STUDENTI ANGLOFONI NEGLI USA: L’IMPORTANZA DEL LIBRO DI TESTO

    Ilaria Sacchini

    2011-02-01

    Full Text Available L’insegnamento dell’italiano all’estero si colloca all’interno di un contesto specifico che deve essere tenuto in considerazione al momento della pianificazione di un corso di italiano LS. Dopo una analisi delle specifiche caratteristiche dell’ambiente universitario americano e delle difficoltà che lo studente incontra nell’apprendimento della lingua italiana in relazione alla sua lingua madre, l’attenzione si focalizza poi sul libro di testo, strumento fondamentale per lo studio e l’insegnamento/apprendimento della lingua straniera. Avanti!, manuale di lingua italiana utilizzato nei corsi di lingua italiana presso un’università americana, viene analizzato dal punto di vista glottodidattico attraverso una descrizione e una valutazione dettagliata della sua struttura, degli obiettivi linguistico- comunicativi e dei materiali didattici presenti, con particolare attenzione alla tipologia degli esercizi, nonché alla varietà di italiano presentata. Infine, vengono elencate alcune attività extra a completamento del corso di italiano da proporre agli studenti per un loro più ampio coinvolgimento nella lingua e nella cultura italiana.     Italian lessons for american english-speaking students: the importance of the textbook   Teaching Italian abroad takes place in a specific context which needs to be considered in planning Italian as a Foreign Language courses.  After analyzing the specific characteristics of the American university environment and the difficulty students have in learning the Italian language in comparison to their mother tongue, attention is focused on the textbook used, a fundamental tool for the study and learning/teaching of a foreign language. Avanti! is the textbook utilized in Italian language courses in American universities.  It is analyzed from a glottodidactic point of view through the detailed description and evaluation of its structure, the linguistic-communicative objectives and the didactic

  7. italianos

    Rodrigo Reynaldo-Carmona

    2008-01-01

    italiana en el plano nacional y regional. Posteriormente se analiza la arquitectura institucional y los distintos actores y niveles que conforman el proceso decisional (governance de la política industrial en el plano territorial. Por último, se hacen algunas conclusiones tentativas sobre la importancia del distrito industrial y sus implicaciones en el ámbito de las políticas públicas y del desarrollo local.

  8. Le radici culturali della diagnosi (Pietro Barbetta

    Orazio Maria Valastro

    2003-12-01

    Full Text Available Questo libro costituisce il primo approccio italiano alla costruzione di un discorso culturale sulla diagnosi e intende offrire un significativo contributo alla riapertura di un dibattito avviato da Michel Foucault e da Gregory Bateson e precocemente abbandonato: quello sull'importanza della storia sociale, dell'antropologia culturale e degli studi sulla comunicazione in relazione all'insorgenza, alla definizione e alla cura della psiche.

  9. LIPSI. IL LESSICO DI FREQUENZA DELL’ITALIANO PARLATO IN SVIZZERA

    Massimo Prada

    2010-09-01

    Full Text Available L'articolo illustra le caratteristiche del LIPSI, il lessico di frequenza dell'italiano parlato in Svizzera.  Il LIPSI, elaborato con metodi di linguistica computazionale sulla base di  materiali linguistici raccolti sul campo, è il risultato di una ricerca durata quattro anni realizzata nell'ambito dei progetti dell' OLSI (Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, istituito per la promozione della lingua e della cultura del Cantone Ticino.  Il LIPSI non solo fornisce la lista di frequenza di circa 13.000 parole dell'italiano parlato nel Cantone Ticino e nelle Valli Grigioni italiane, ma la confronta con quella del LIP e di altri strumenti di statistica linguistica  apparsi in Italia, e approfondisce alcuni aspetti che chiariscono meglio i contorni dell'italiano "statale" svizzero. Tale denominazione  si fonda su ragioni di natura sia geografica-politica-amministrativa sia interne alla varietà e propone una considerazione dell'italiano come una lingua pluricentrica, una lingua cioè che presenta accanto al tradizionale centro metropolitano italiano, imperniato sul modello fiorentino assorbito nella lingua letteraria con apporti di altre varietà, un altro centro almeno parzialmente autonomo di irradiazione e di sviluppo, quello della Svizzera italiana. Il LIPSI si configura inoltre come strumento metodologico importante per la ricerca e la didattica nell'ambito dell'italiano L1/L2.   This article illustrates the characteristics of LIPSI, the frequency lexicon of Italian spoken in Switzerland. LIPSI was compiled using computational linguistics methods based on materials collected in the field. It is the result of a four-year study carried out as part of OLSI (Osservatorio linguistico della Svizzera italiana, an institution which promotes the language and culture of Canton Ticino. LIPSI not only supplies a frequency list of about 13,000 Italian words spoken in Canton Ticino and the Italian Grigioni Valley, but it also compares this

  10. Garibaldi e l'epopea garibaldina nel cinema muto italiano. Dalle origini alla I guerra mondiale

    Giovanni Lasi

    2011-03-01

    Full Text Available The first film producted by an italian studio was "La presa di Roma - 20 settembre 1870" (Albertini & Santoni, 1905 and the Italian Risorgimento will continue to be one of the most favoured subjects of italian cinematography. In the period of silent screen films, between 1905 and 1927, aproximately 60 films were produced in Italy concerning the Risorgimento, of which at least 30 were regarding Garibaldi and his epic actions. Even in the cinema, Garibaldi continued to be the most representative and emblematic figure of the Risorgimento, and his popularity is often exploited in misleading ways by the figures of power during the first decades of the twentieth century to ideologize the figure of Garibaldi, still through cinema.

  11. DIFFUSIONE E MOTIVAZIONI ALLO STUDIO DELL’ITALIANO NELL’AFRICA SUB-SAHARIANA FRANCOFONA: UNA PRIMA INDAGINE

    Gilles Kuitche

    2012-07-01

    Full Text Available Negli ultimi decenni la richiesta di corsi di italiano L2 in generale è in espansione, come testimoniano le indagini condotte da gruppi di esperti del settore (De Mauro et al. 2002, Giovanardi e Trifone 2010 ma anche le statistiche pubblicate regolarmente dal Ministero degli Affari Esteri italiano. Nell’area geografica di cui si occupa la presente inchiesta sono in corso dei cambiamenti radicali per quanto riguarda l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2, come dimostrano ad esempio l’inserimento della lingua italiana nei curricoli delle scuole superiori in Senegal o l’apertura di un dipartimento di italiano nella Scuola Normale Superiore inaugurata di recente in Camerun. L’indagine “Italiano 2000” (De Mauro et al. 2002, uno dei più autorevoli lavori sui pubblici e sulla diffusione dell’italiano L2 nel mondo, segnalava una netta diminuzione del numero di apprendenti e dei corsi in Africa, ma tale dato si basava su un campione di paesi prevalentemente nord africani in cui, alla fine degli anni Novanta, si registrava una generale “situazione di sofferenza” con addirittura un’allarmante diminuzione del 100% delle proposte didattiche e quindi degli apprendenti in alcune realtà. Con un’attenzione particolare alle caratteristiche del contesto e alla modalità di rilevazione, la presente indagine conoscitiva porta in luce una straordinaria vitalità dell’italiano nell’Africa sub-sahariana francofona, caratterizzata da un’importante crescita del numero di persone che si avvicinano a tale lingua nonché da una proliferazione e da una maggiore diversificazione delle proposte formative. Oltre ai dati statistici aggiornati sulla diffusione dell’italiano L2 in questa parte del mondo, l’inchiesta fornisce una descrizione dei contesti didattici e dei principali attori del processo didattico.THE SPREAD AND MOTIVATION FOR STUDYING ITALIAN IN FRENCH-SPEAKING SUB-SAHARAN AFRICA: A PRELIMINARY SURVEYOver the past decades

  12. Alla scoperta della crittografia quantistica

    Filoramo, Eva; Pasquero, Claudia

    2006-01-01

    La crittografia si sviluppa e perfeziona per rispondere all'esigenza di segretezza nella trasmissione delle informazioni. La crittografia quantistica consente, al contrario di quella correntemente usata, di inviare messaggi che non potranno essere decifrati e di vanificare al massimo i tentativi di una loro intercettazione. Partendo dalla storia dei codici segreti, il libro affronta gli sviluppi pertinenti della teoria quantistica, per approdare infine alla più avanzata ricerca scientifica e tecnologica. Lo scopo è quello di richiamare l'attenzione su un tema le cui applicazioni pratiche coprono molti settori d'interesse strategico e sono destinate, nel prossimo futuro, a rivoluzionare i metodi di scambio delle informazioni.

  13. Dall’estetica alla teoria. Note sulla transestetica della letteratura

    Lorenzo Oropallo

    2012-12-01

    Full Text Available Come ha messo in rilievo Paul De Man, la teoria della letteratura nasce insieme alla letteratura stessa, dunque a partire dal primo romanticismo tedesco e la sua riflessione intorno alla natura dell'arte. In questo senso, la teoria letteraria non si oppone alla pratica della scrittura, ma alla sua estetica, che quindi è necessario superare.

  14. L’ITALIANO LINGUA STRANIERA IN IRLANDA

    Marco Zeni

    2010-09-01

    Full Text Available L'Irlanda è recentemente divenuta un paese di immigrazione. Se la presenza di immigrati italiani non è significativa lo studio dell'italiano LS è invece discretamente diffuso, sebbene non ai livelli ben  maggiori del francese, del tedesco e dello spagnolo. L'articolo presenta un'analisi quantitativa dell'offerta e dello studio dell'italiano LS nelle scuole e nelle università irlandesi. L'analisi è stata condotta raccogliendo dati  da fonti istituzionali,  da siti internet, da materiale cartaceo, ma si fonda anche su esperienze dirette di insegnamento dell'italiano in Irlanda da parte dell'autore. Il risultato è il computo numerico degli studenti che studiano l'italiano come LS nelle scuole superiori e dell'offerta didattica delle maggiori università irlandesi e in particolare della National University of Ireland di Galway di cui si presentano i diversi corsi di lingua e di cultura italiana.    Ireland has recently attracted more and more immigration. Even if there are not many Italian immigrants living in Ireland, the study of Italian as a foreign language is quite wide-spread, although not quite as popular as French, German and Spanish. This paper is a quantitative analysis of the study of Italian as a foreign language in Irish schools and universities. The survey was carried out using data from institutional sources, internet sites, printed materials as well as the author's personal experience teaching Italian in Ireland. The results illustrate the number of students studying Italian as a foreign language in high schools and the courses offered in the main Irish universities, in particular at the National University of Ireland in Galway, which offers numerous courses on Italian language and culture. 

  15. La ricerca attuale sui rapporti tra il primo Cristianesimo e la cultura classica alla luce di un recente contributo

    Ilaria Ramelli

    2005-01-01

    Full Text Available El presente artículo, que se configura principalmente como una amplia recensión, examina las relaciones entre la primera cultura cristiana y la cultura clásica a la luz de un reciente y rico volumen miscelaneo que aporta numerosas e importantes contribuciones al problema y que también proporciona un estado de la cuestión de la investigación en este terreno. El estudio se realiza no sólo desde el contexto del trasfondo cultural griego y romano de las primeras obras cristianas, sino también del eventual conocimiento del primero pensamiento y de los primeros escritos cristianos por parte de los autores paganos.The present review article considers the relationship between the early Christian culture and the classical one in the light of a recent and rich miscellaneous volume that brings many important contributions to this question, and also provides a status quaestionis of the research in this field. It is desirable that scholars investigate not only the Graeco-Roman cultural and philosophical context of the early Christian writings, but also the possible knowledge of the early Christian thought and writings by the pagan authors.

  16. Il museo partecipativo sul web: forme di partecipazione dell’utente alla produzione culturale e alla creazione di valore culturale / The participatory museum on the Web: forms of user participation in cultural production and the creation of cultural value

    Elisa Bonacini

    2012-05-01

    Full Text Available Obiettivo di questo lavoro è un inquadramento sia del nuovo rapporto fra il museo partecipativo e l’utenza che delle forme di partecipazione dell’utenza alla produzione culturale e alla creazione di valore culturale, alla luce delle potenzialità offerte dalle ICT, soprattutto dal web e dai vari social media. Questo nuovo rapporto, che ha le sue radici più profonde proprio nell’ampia adozione di tutte le piattaforme tecnologiche oggi in uso, consente anche una reinterpretazione del significato stesso di cultural value. Il quadro, che viene qui delineato ed arricchito da numerosi esempi soprattutto stranieri, chiarisce anche quanto l’aspetto partecipativo e l’utilizzo di tags, folksonomie e user generated contents possano incidere sulla fidelizzazione dell’utenza. Infine, in una tabella presentata a fine del contributo, si evidenziano le maggiori componenti che caratterizzano il definitivo passaggio dalla fase Museo 1.0 alla fase Museo 2.0. The aim of this paper is a framework both of the new relationship between the participatory museum and the audience and a framework of multiple forms of audience participation in cultural production and in the creation of cultural value, given the potential offered by ICTs, especially the web and various social media. This new relationship, which has its deepest roots just in the adoption of all technology platforms in use today, also allows for a reinterpretation of the meaning of cultural value. The framework, outlined here and enriched by numerous examples especially foreigners, also makes clear that participation and use of tags, folksonomies and user-generated contents may have an impact on users loyalty. Finally, presented in a table at the end of the paper, we highlight the most important features characterizing the transition from the Museum 1.0 phase to the Museum 2.0 one.

  17. NON SOLO LINGUA. I CORSI DI ITALIANO L2 PER DONNE MIGRANTI TRA BISOGNI LINGUISTICI E DESIDERIO DI INTEGRAZIONE.

    Viviana Solcia

    2012-02-01

    Full Text Available Come si organizza un corso di italiano L2 per donne migranti? Perché questi corsi si differenziano dalle altre proposte formative rivolte ad adulti immigrati? Basandosi sulle indicazioni del vademecum Tutte le mamme a scuola, il presente contributo cerca di rispondere a queste domande analizzando i bisogni linguistici delle donne migranti, interrogandosi su quale italiano insegnare, su quale metodo didattico adottare con particolare attenzione all’approccio autobiografico e all’“imparare facendo” e presentando i libri di testo rivolti a questa tipologia di apprendenti. Le tre interviste in appendice, raccolte in tre diversi centri che si occupano di corsi di italiano L2 per donne immigrate, raccontano come tutte queste indicazioni possano essere messe in pratica per cercare di soddisfare quel desiderio di integrazione e promozione sociale di cui le allieve si fanno portatrici,  che rende la classe di lingua non solo il luogo in cui si impara a parlare italiano, ma anche un laboratorio sociale in cui sperimentare modi diversi di approcciarsi e di considerare la diversità.     Not only language. Italian L2 for migrant women between linguistic needs and the desire for integration.   How is an Italian L2 course organized for migrant women? Why are these courses different from other classes designed for adult immigrants? Based on the indications in the handbook Tutte le mamme a scuola, this article tries to answer these questions analyzing the linguistic needs of migrant women, considering what Italian should be taught, what teaching method should be used with special attention placed on the autobiographical approach and “learning by doing”. The three interviews in the appendix, from three different centers which offer Italian L2 courses to immigrant women, tell about how these indications can be put into practice to satisfy the desire for the integration and social inclusion of these students, making the language class more than a

  18. Bollettino Sismico Italiano: novità

    Nardi, A.; Marchetti, A.; Modica, G.; Battelli, P.; Berardi, M.; Castellano, C.; Melorio, C.; Pirro, M.; Rossi, A.; Spadoni, S.; Arcoraci, L.; Lozzi, G.; Battelli, A.; Thermes, C.; Ciaccio, M.G.

    2015-01-01

    I parametri dei terremoti registrati dalla Rete Sismica Nazionale Italiana, localizzati nella sala di sorveglianza sismica dell’INGV, sono immediatamente disponibili sul web alla pagina http://cnt.rm.ingv.it/ e nell’Italian Seismological Instrumental and parametric Data-base (ISIDe; Mele et al. 2007) http://iside.rm.ingv.it/iside/standard/index.jsp. Questi eventi sono in seguito revisionati dagli analisti del Bollettino. Gli analisti ricontrollano i parametri di tutti i terremoti ottenuti ins...

  19. Contributos da escola para a inclusão digital

    Silva, Bento Duarte; Barbosa Pereira, Maria da Graça Caridade

    2011-01-01

    Este texto pretende analisar o contributo da escola para a inclusão digital, um tema fundamental uma vez que vivemos na era da Sociedade da Informação e Comunicação. Tendo em conta as estratégias de inclusão expressas em iniciativas institucionais que aliam tecnologia e educação, analisamos a relação dos jovens com as TIC, em particular com o computador/Internet, nas suas vivências diárias em contexto formal (escolar) e informal (familiar), expressa nos usos, competências e valori...

  20. Censura e doppiaggio nelle forme narrative del cinema italiano, nel cruciale passaggio al sonoro degli anni Trenta

    Antonio Catolfi

    2015-10-01

    Full Text Available Il cinema italiano durante gli anni Venti conosce una profonda crisi determinata da vari fattori, tra cui il fallimento dell’Unione cinematografica italiana. I film muti prodotti in Italia passano dai 1029 del 1911 ai 415 del 1920. Sono solo 23 nel 1929. Nel 1930 si tocca il fondo con 18 film italiani e 374 stranieri. Dal 1932 al 1933 invece riprendono in modo lento a crescere: 1931 (27 italiani e 262 stranieri, 1932 (31 italiani e 229 stranieri, 1933 (36 italiani e 260 stranieri probabilmente grazie al cinema sonoro che inizia a diffondersi e ad altre concause. Dopo il successo negli Stati Uniti del film il Cantante di Jazz l’industria si converte rapidamente alla possibilità di rendere sonora la pellicola. In Italia il Cantante di Jazz arriva due anni dopo, il 19 aprile 1929. Appena nato il sonoro nel cinema, l’industria cinematografica italiana deve affrontare subito il problema delle barriere linguistiche che causava una difficoltà enorme per la commerciabilità dei prodotti italiani fuori dai confini nazionali. L’avvento del regime fascista non aiuta la situazione della crisi generale del cinema italiano perché nella sua prima fase il regime non si occupa del cinema in maniera diffusa.

  1. COMPETENZA DIGITALE E GLOTTOTECNOLOGIE PER L’INSEGNANTE DI ITALIANO L2/LS

    Diego Santalucia

    2015-07-01

    Full Text Available L’articolo, prendendo spunto da recenti progetti che spingono per un utilizzo sempre più esteso di tablet e strumenti digitali in classe, fa riferimento alla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea (2006 per discutere alcuni degli elementi rappresentativi della “competenza digitale” che la Raccomandazione delinea. Alla luce di questi elementi si sviluppano alcune indicazioni sull’uso ragionato dei motori di ricerca e di alcune risorse offerte dalla rete, come Google Docs e Google Drive.Seguono una breve illustrazione di Edmodo, una piattaforma didattica social, e alcune indicazioni sull’utilizzo degli smartphone per l’accesso a risorse utili e semplici da condividere in classe. Sono tracciate alcune linee guida sulla gestione di risorse già accessibili in rete e che sono, quindi, a disposizione di quegli insegnanti di Italiano L2/LS che vogliano utilizzare sistemi di condivisione online a sostegno della didattica in presenza.Digital competence and digital language teaching for Italian L2/FL teachersThe article, inspired by recent projects that push for an ever-wider use of tablets and digital tools in the classroom, refers to the Recommendation of the European Parliament and of the Council of the European Union (2006 discusses some of the representative elements of “digital competence” that the Recommendation outlines. In light of these elements, some guidelines on the use of search engines and some resources offered by the network, such as Google Docs and Google Drive, are offered.This is followed by a brief description of Edmodo, a social learning platform, and information on the use of smartphones to access helpful resources that are easy to share in class. Finally, some guidelines on the management of resources already available on the Internet for Italian L2/FL teachers who want to use online sharing systems to support of frontal lessons are given.

  2. O contributo das TIC para a melhoria da escrita

    Montes, Patrícia Isabel dos Santos

    2016-01-01

    O presente projeto de investigação tem como temática o contributo das TIC para a melhoria da escrita, tendo sido focada na utilização do processador de texto. O meu objetivo principal foi compreender de que forma o processador de texto poderia ser um recurso auxiliador no processo de escrita dos alunos, nomeadamente, na correção ortográfica, na construção frásica e no desenvolvimento do vocabulário. Esta investigação desenvolveu-se através de três tipos de atividades, em pares: escrita de pal...

  3. Il rumore elettrico Dalla fisica alla progettazione

    Pallottino, Giovanni Vittorio

    2011-01-01

    L’opera fornisce una trattazione chiara, agile ed essenziale, ma completa, del rumore elettrico, argomento considerato generalmente oscuro e specialistico. Molto più breve (circa 275mila battute) dei testi attualmente disponibili. Il contenuto copre gli aspetti essenziali della matematica e della fisica del rumore (termico, shot. 1/f, …), e della sua rappresentazione nei circuiti. Discute quindi il rumore nei dispositivi passivi e attivi, e introduce i criteri di progettazione a basso rumore. Affronta infine brevemente questioni quali l’estrazione del segnale dal rumore e gli impieghi utili del rumore. L’attenzione è generalmente rivolta alla strumentazione fisica a bassa frequenza, in relazione alla pluridecennale esperienza specifica dell’autore. Si tratta di una estensione delle dispense, utilizzate per anni, di un corso universitario. Pertanto la trattazione è fortemente didattica, con particolare attenzione a rimuovere ambiguità e incertezze, discutendo il materiale in termini fisici intuit...

  4. IL FILM A LEZIONE DI ITALIANO L2: GLI ESAMI AL CINEMA

    Michela Albizzati

    2014-02-01

    Full Text Available Può il film rivelarsi uno strumento utile a lezione di italiano L2? Quali sono i limiti ed i vantaggi dell’utilizzo di materiale audiovisivo autentico in aula? Come strutturare un’attività basata sulla visione di un film italiano in lingua originale? Quali strategie mette in atto l’apprendente per comprendere un film nella L2? “Il film a lezione di italiano L2: gli esami al cinema” cerca di rispondere a queste domande attraverso una riflessione sull’utilità del cinema a lezione e proponendo un’attività didattica basata sulla visione di sequenze tratte da film italiani. Considerando la pellicola come documento di civiltà, veicolo di una lingua viva e “in situazione” ed esperienza di apprendimento plurisensoriale, l’articolo mette in luce come l’apprendimento dell’italiano L2 possa trarre beneficio dall’utilizzo in aula di materiali audiovisivi autentici quali i film, se opportunamente selezionati e didattizzati. Dalla riflessione alla pratica: dopo aver identificato obiettivi, destinatari ed i loro bisogni linguistico-comunicativi, viene presentata un’attività basata sulla didattizzazione di tre sequenze che hanno come tema centrale l’esame universitario orale. Ponendo i bisogni linguistico-comunicativi dei discenti al centro si scoprirà che, se opportunamente didattizzato, un film o parte di esso può trasformarsi in materiale didattico estremamente utile ai fini dell’apprendimento di una L2, nonché fonte inesauribile di spunti a partire dai quali l’insegnante può creare attività didattiche originali e stimolanti non solo linguistiche ma anche interculturali. Movies during italian l2 lessons: exams at the cinemaAre movies useful tools during Italian L2 lessons? What are the limits and advantages of using authentic audio-visual materials in the classroom? How can an activity based on viewing an Italian film in the original language be structured? What strategies do learners use to understand movies in

  5. CONTRIBUTO AL DIBATTITO SUL PRINCIPIO DI EGUAGLIANZA DEI MEZZI PROCESSUALI

    Dejan Bodul

    2017-01-01

    Full Text Available Il principio di eguaglianza dei mezzi processuali presuppone l’esistenza di una ragionevole possibilità in capo ad entrambe le parti di esporre e comprovare i fatti, in un modo che non metta alcuna delle parti in posizione sfavorevole rispetto alla controparte (caso LB INTERFINANZ A.G. v. Croazia, sentenza del 27.03.2008, riscorso n. 29549/04.. Un tanto rappresenta, nella sua espressione di equilibrio tra le parti processuali, uno degli elementi costitutivi del diritto ad un giusto processo. Tuttavia, con l’entrata in vigore della (nuova legge fallimentare (GU, n. 71/15. in avanti LF la questione dell’eguaglianza sul piano processuale diviene nuovamente di attualità. Precisamene, la LF ha mantenuto una soluzione in base alla quale il creditore ha la possibilità di instaurare il procedimento fallimentare qualora renda probabile l’esistenza del proprio credito e la sussistenza del fondamento fallimentare così che è trattenuto ed eccepito il provvedimento in base al quale la probabilità della sussistenza del credito non può venire dimostrata dal creditore sulla base di una decisione dell’autorità giudiziale o amministrativa che non sia passata in giudicato. Posto che esistono diverse soluzioni con riguardo alle questioni illustrate, gli autori si limiteranno a delle constatazioni di carattere generale sulla base di esperienze comparate, senza una dettagliata disamina delle variegate e peculiari soluzioni giuridiche straniere. Nel lavoro si disaminano sia le implicazioni pratiche che quelle teoriche della soluzione giuridica di diritto positivo, analizzando la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo nei procedimenti in base all’art. 6 (diritto ad un giusto processo della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, poiché partiamo dal presupposto che le conoscenze sul punto possono essere fondamentali per la comprensione dell’oggetto dell’indagine condotta

  6. Un modello italiano per l’economia nel Brasile di Getúlio Vargas: la «Carta del Lavoro» del 1927

    Mario G. Losano

    2012-01-01

    Full Text Available Il corporativismo fu uno degli elementi caratterizzanti dello Stato fascista, che con esso intendeva ricollegarsi alla tradizione medievale italiana. Oscillando tra storia e «invented tradition», con esso il governo fascista proponeva una soluzione alla crisi economica degli anni Trenta e un’alternativa allo Stato tanto liberale quanto comunista, cioè una «terza via». Del corporativismo italiano vengono sinteticamente esaminate le origini, l’evoluzione e la struttura, dedicando particolare attenzione alla Carta del Carnaro del 1920, il documento che lo preparò durante l’avventura di Fiume di Gabriele d’Annunzio. Il corporativismo, come modello di gestione economica che negava la lotta di classe, si diffuse in Europa e fuori di essa nell’epoca delle dittature. L’attenzione si concentra sul Brasile, nella sua transizione dalla República Velha alla dittatura di Getúlio Vargas, iniziata nel 1930 e durata fino al 1954, anche se in modo istituzionalmente non unitario. All’interno del movimento che l’accompagnò, l’«Integralismo», il filosofo Miguel Reale (1910–2006 propugnò un corporativismo democratico. Il modello corporativo italiano si riflette in alcune parti della vasta «Consolidação das Leis do Trabalho», emanata da Vargas nel 1943. Essa costituisce un chiaro esempio della legislazione sociale che accompagnò molte dittature del XX secolo e che, nel caso del Brasile, ebbe effetti anche dopo la caduta del regime. La «Consolidação» riguardava però soltanto i lavoratori urbani, mentre il Brasile era una società prevalentemente agraria. Per questo vengono passare in rassegna le misure a favore dei diritti sociali dei lavoratori urbani e agrari prese dai governi di Juscelino Kubitschek (1902–1976 e di João Goulart (1919–1976, nonché, infine, la tutela accordata nel 1964 ai lavoratori agrari dallo Statuto della Terra.

  7. Ad populum. Parlare alla pancia: retoriche del populismo in Europa

    Yulia Ivanova

    2016-12-01

    Full Text Available Recensiamo il libro Ad populum. Parlare alla pancia: retorica del populismo in Europa. Eds. Bruno Capaci e Giuditta Spassini. Bologna: I libri di Emil di Odoya srl., 2016. Stampa. Review of Ad populum. Parlare alla pancia: retorica del populismo in Europa. Eds. Bruno Capaci and Giuditta Spassini. Bologna: I libri di Emil di Odoya srl., 2016. Print

  8. INSEGNARE L’ITALIANO L2 NELLA SCUOLA SUPERIORE DI PRIMO GRADO. IL LABORATORIO HOGWARTS: GIOCARE PER IMPARARE

    Melissa Sala

    2012-07-01

    Full Text Available L’articolo propone un progetto didattico per l’insegnamento dell’italiano L2 nella scuola superiore di primo grado che prevede l’inserimento di studenti stranieri, provenienti da paesi diversi, in un gioco di ruolo didattico ispirato alla saga di Harry Potter.Particolare attenzione è data al laboratorio Hogwarts, un laboratorio specifico il cui obiettivo è quello di promuovere l’interazione, la socializzazione, ma soprattutto l’apprendimento dell’italiano come lingua di comunicazione. La didattica del laboratorio fonde insieme elementi del metodo comunicativo ed elementi del metodo audiolinguale richiamando la didattica ludica in quanto il gioco è assunto come modalità strategica di apprendimento. L’idea che sta alla base del laboratorio Hogwarts è quella di coinvolgere gli apprendenti, stimolarne l’interesse e la curiosità attraverso l’utilizzo di materiale video (visual stimuli e attraverso l’attività ludica che mantiene viva la loro attenzione e la loro motivazione favorendone l’apprendimento linguistico attraverso il divertimento.TEACHING ITALIAN L2 IN MIDDLE SCHOOL. THE HOGWARTS LAB: LEARNNG BY PLAYINGThe article illustrates a project aimed at teaching Italian as a second language. The target audience is middle school students from different countries and with different L1 backgrounds. Students take part in didactic role-plays inspired by the Harry Potter series. Special emphasis is given to the Hogwarts Language Lab, which aims to promote interaction, socialization and second language acquisition. The Lab teaching strategy combines elements of the communicative approach and the audio-lingual method with role-playing. The principle behind the Hogwarts Lab is that the students have to be active participants rather than passive observers. Their involvement can be increased and their interest can be raised through the use of the video input (visual stimuli and role-playing as a teaching strategy. Students are

  9. l'italiano che cambia: apocalisse o palingenesi? alcune riflessioni ...

    User

    idea that a real linguistic apocalypse is to be found on one hand, in what. Calvino ... nell'italiano contemporaneo da una prospettiva che, audacemente, definiamo ...... 'terrore semantico', cioè la fuga di fronte a ogni vocabolo che abbia di.

  10. IL WORKSHOP DI FONETICA IN ITALIANO L2/LS: ACCENTO DI PAROLA E DURATA SILLABICA

    Lidia Calabrò

    2016-09-01

    Full Text Available Lavorare sugli aspetti fonetico-fonologici di una lingua straniera risulta quanto mai importante e fondamentale, soprattutto se la L1 degli apprendenti la L2/LS è molto distante. Attraverso un’esperienza iniziata con studenti sinofoni del progetto Marco Polo / Turandot, le attività inserite nel workshop di fonetica nell’italiano L2 si presentano come proposta di didattica integrativa al fine di sensibilizzare gli studenti ai tratti soprasegmentali della L2 a contrasto con quelli della loro L1. Nel presente contributo verranno presentate alcune attività riguardanti la percezione e la realizzazione della durata vocalica e della sillaba accentata attraverso attività collaborative e il movimento del corpo. Tutte le attività prevedono un coinvolgimento personale e totale del singolo apprendente e di tutta la classe in quanto il workshop si avvale di multimodalità, multimedialità e apprendimento collaborativo al fine di scoprire i suoni della L2 e riflettere sulla loro percezione e produzione. Italian L2/LS phonetic workshops: word accent and syllable duration Working on phonetics and the phonolgical aspects language is considered important and fundamental, above all if a learner’s L1 is distant from the SL. The activities described in the paper took place during a phonetic workshop in Italian as a second language with Chinese students enrolled in the Marco Polo/Turandot project. They can be considered a teaching technique aimed at raising student awareness about the SL supra-segmental aspects in contrast to their L1. Some activities related to vowel length and stress will be presented: perception and production, cooperative learning and body movement aimed at discovering and practicing vowel length in stressed syllables (phonic stress. The activities involved the students in a more personal, total and physical collaboration together with their classmates. The multimedia workshop was designed to be multimodal and cooperative, in order to

  11. Non solo quotidiani in classe: considerazioni sull’italiano dei mass media.

    Silvia Morgana

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} L’articolo suggerisce che la scuola, sede dell’educazione linguistica,  deve insegnare a riflettere sulla ‘norma implicita’ dei media, a cui i ragazzi sono esposti quotidianamente  nel mondo extrascolastico. La formazione di capacità critiche rispetto alla lingua veicolata dai media può avere come punto di partenza l’esperienza del quotidiano in classe alle superiori, che oggi coinvolge più di  44.000 docenti e quasi un milione e ottocentomila studenti. L’osservazione di fenomeni innovativi rispetto all’italiano standard descritto dalle grammatiche, la riflessione sulle varietà e sul dilagare della dimensione orale nello scritto, il riconoscimento di tendenze ‘trasversali’ che coinvolgono diversi ambiti testuali, possono fornire validi strumenti  alla pratica didattica.  Ma tutto il sistema massmediatico  oggi punta alla complementarietà, ai rimandi  tra i vari media, con passaggi continui: i giornali dalla Tv e dal web,  il cinema dal fumetto, il fumetto dal cinema, la pubblicità dal fumetto. Appare allora importante l’esigenza di introdurre nella pratica scolastica anche la capacità di riflettere sulla lingua di altri media che entrano nella esperienza quotidiana giovanile, come il fumetto.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font

  12. NUOVE DIAMESIE: L’ITALIANO DELL’USO E I NUOVI MEDIA (CON UN CASO DI STUDIO SULLA RISALITA DEI CLITICI CON BISOGNARE

    Massimo Prada

    2017-03-01

    Full Text Available L’articolo si sofferma sulle tendenze evolutive manifestate dall’italiano negli ultimi decenni, in particolare in relazione alle possibilità offerte e ai bisogni indotti dalle nuove tecnologie. Nel dettaglio, analizza gli effetti linguistici operati dalla ridefinizione delle caratteristiche della scrittura, che ha portato, almeno in alcuni contesti, anche a una semplificazione generale dei testi scritti, producendo una sorta di italiano scritto medio, varietà alla base dei testi neomediali. Essa pare caratterizzata da notevole variabilità e mutevolezza, in parte dipendenti dalle caratteristiche dell’utenza, in parte alla sua storia, in parte alla situazione comunicativa in cui viene usata. Dopo aver considerato che l’etichetta sociolinguistica più adatta a descriverla, tra quelle attualmente a disposizione, è modo d’uso della lingua, se ne sottolinea la natura di costrutto della comunità degli utenti (di varietà di Ausbau, entro certi limiti. Si tratta di un modo d’uso in cui trovano espressione anche fenomeni marginali o d’avanguardia, come la risalita del clitico con il verbo bisognare, la cui diffusione viene studiata sia nei testi neomediali, sia in quelli tradizionali, mostrando che i primi, in cui essa è più frequente, potrebbero avere la capacità di autorizzare fenomeni di margine anche solo per l’esposizione garantita ad essi dalla frequenza con cui occorrono.   New diamesia: l’italiano dell’uso and new media (with a case study on the resurgence of clitics with bisognare The article focuses on evolutionary trends in Italian in recent decades, particularly in relation to the possibilities offered and the needs brought about by new technologies. In particular, it analyzes the linguistic effects of the redefinition of the characteristics of written language. This has led, at least in some contexts, to a general simplification of written texts, producing a sort of italiano scritto medio the variety at the base

  13. L’interconnessione dei registri europei della proprietà immobiliare: il caso italiano e spagnolo a confronto

    Agostina Lodde

    2017-06-01

    Full Text Available La necessità che le informazioni detenute dai Registri Immobiliari possano liberamente circolare all’interno dello spazio dell’Unione rappresenta un obiettivo prioritario nell’ambito della strategia delineata dal Consiglio UE in materia di giustizia elettronica europea 2014-2018, la quale prevede di incentrare l’azione “sulla interconnessione dei registri che presentino un interesse per i cittadini, le imprese, gli operatori della giustizia e i magistrati”. Pertanto, si afferma che “si dovrebbero assicurare i presupposti tecnici e giuridici necessari per rendere possibile tale interconnessione”. La realizzazione dei “presupposti tecnici” di cui si parla, grazie agli sviluppi straordinari delle tecnologie informatiche, rappresenta il traguardo meno difficile da raggiungere, mentre è di gran lunga più complicato risolvere le difficoltà giuridiche derivanti dalla storica diversità dei Registri, tenendo anche in considerazione il limite posto dall’art. 345 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, secondo il quale “I trattati lasciano del tutto impregiudicato il regime di proprietà esistente negli Stati membri”. Per meglio comprendere le suddette diversità e facendo seguito alla panoramica sui diversi sistemi europei di registrazione immobiliare illustrata da Lodde (2016, si è cercato di fornire un quadro comparato dei sistemi di registrazione italiano e spagnolo, sistemi che poggiano su tradizioni giuridiche comuni (quelle di civil law ma che, per diversi percorsi evolutivi, sono pervenuti a una regolamentazione completamente differente dei rispettivi Registri.

  14. Il contributo dell'ECU alla stabilità dei cambi: una replica. (The contribution of the ECU to exchange-rate stability. A comment

    M. SARCINELLI

    2013-12-01

    Full Text Available L'articolo è una breve nota critica alcuni elementi essenziali di Jager e De Jong del potenziale impatto del dell'ECU privato sulla stabilità dei tassi di cambio mondiale ed europeo ( 1988 . L'autore fornisce tre punti di critica che minano l'analisi di quel articolo. In primo luogo , l'ECU deve essere considerata in tutte le sue funzioni di una valuta di riserva internazionale e non solo come valuta di investimento . In secondo luogo, la restrittività delle assunzioni sottostanti l'approccio di portafoglio fanno esito degli autori inutile nella pratica . In terzo luogo, il risultato dei loro calcoli favorisce l'ipotesi che la centralina crea stabilità dei cambi The article is a brief note criticising some essential elements of Jager and De Jong’s The private ECU’s potential impact on Global and European exchange-rate stability (1988. The author provides three points of criticism which undermine that article’s analysis. Firstly, the ECU ought to be considered in all its functions of an international reserve currency and not only as an investment currency. Secondly, the restrictiveness of the assumptions underlying the portfolio approach make the authors’ outcome useless in practice. Thirdly, the outcome of their calculations favours the hypothesis that the ECU creates exchange-rate stability.JEL: F33, F36

  15. IL CONTRIBUTO DI INNOCENZO III ALLA FORMAZIONE DELLA CULTURA GIURIDICA OCCIDENTALE: IN PARTICOLARE IN RELAZIONE AL NOTO PRINCIPIO «REI PUBLICAE INTEREST NE CRIMINA REMANEANT IMPUNITA»

    Cesare Edoardo Varalda

    2016-12-01

    Full Text Available Within the period so called renovatio, many principles contained in the Roman legal sources have been explained in a new and innovative way, influencing the history of juridical thought and contributing to the development of the European legal experience. In fact, the principle "Rei publice interest it crimina remaneant impunita" (mentioned in two decretals of Innocent III: i.e. the Inauditum in 1199 and i.e. the Ut famae in 1203 has an essential role in the development of the conceptual system of modern criminal law. The content of this study will be, on the one hand, the detailed study of historical iter by which this principle has been consolidated and has been embraced by canonical experience and, more generally, in the Western one; on the other hand, it will analyse both from a technical and a metagiuridico point of view the origin of such formula and on the contribution that Christian theology might have given by clarifying and specifying its meaning. Therefore, it’s clear the importance of this principle in the development of the European legal system and, broadly, in the Western legal experience.

  16. Il contributo dell'ECU alla stabilità del tasso di cambio: una risposta. (The contribution of the ECU to exchange rate stability. A reply

    H. JAGER

    2013-12-01

    Full Text Available Una breve risposta alle critiche di Sarcinelli dell'art degli autori sul potenziale impatto del dell'ECU privato sulla stabilità dei tassi di cambio mondiale ed europeo ( 1988 . Gli autori confutano le critiche e cercano di chiarire il loro ragionamento. Mantenendo la loro ipotesi di base che la crescita della ECU non necessariamente migliorare la stabilità dei cambi , ma può anche portare ad instabilitàA brief reply to Sarcinelli’s criticism of the authors’ article The private ECU’s potential impact on Global and European exchange-rate stability (1988. The authors rebut the criticisms and seek to clarify their reasoning. They maintain their core hypothesis that the growth of the ECU does not necessarily enhance the stability of exchange rates but may lead to instability too.JEL: F33, F36

  17. La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI

    Fabio Franceschi

    2011-11-01

    Full Text Available Versione riveduta e ampliata, nel testo e nell’apparato bibliografico, della relazione presentata con il titolo “L’impegno dei fedeli laici nella vita pubblica tra responsabilità propria, libertà e dovere di obbedienza al magistero. L’insegnamento di Benedetto XVI” al Convegno di studi “Il fedele laico: realtà e prospettive”, organizzato dalla Pontificia Università della Santa Croce (7-8 aprile 2011. Il contributo è destinato alla pubblicazione negli Atti del Convegno. SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena– 7. (segue L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

  18. La fine del colonialismo italiano tra storia e memoria

    Antonio M. Morone

    2016-07-01

    Full Text Available The loss of the colonies during the Second World War is usually related to the end of the Italian colonial rule in Africa. In fact the existence of a “Ministero Italiano dell’Africa” until 1953 and of a Italian Amministration of Somalia (AFIS until to 1960 show a long transition: this could be considered as a decolonization case which ended only with the independence of the country on 1th July 1960. The AFIS experiment played a key role in the making of some of the most popular and enduring themes Italian narrative about the colonialism.

  19. Il diritto di voto nell'ordinamento albanese e italiano

    Vangjeli, Olsi

    2017-01-01

    L’Albania legifera in un Parlamento unicamerale composto da 140 deputati, eletti per un periodo di quattro anni. Il diritto di voto è ancora un argomento molto discusso in Albania Chiarire quello che è stato finora il viaggio e la dimensione del diritto di voto nella Repubblica dell’Albania, è un impegno importante, perché permette al popolo albanese e i suoi politici di guardare al futuro senza ripetere gli stessi errori del passato e di vedere al futuro e alla necessità di miglioramen...

  20. La mostra “Pietro Porcinai (1910-1986. Il lavoro di un paesaggista italiano nelle immagini e nei disegni dell’archivio fiesolano”

    Tessa Matteini

    2015-11-01

    Full Text Available La Mostra, inaugurata all’Istituto Italiano di Cultura a Colonia il 3 marzo 20041 e riproposta, nella stessa città, nel settembre successivo alla Kölnmesse, colma una lacuna importante per la conoscenza della figura e delle opere di uno dei maggiori paesaggisti del Novecento. La vicenda umana e professionale di Pietro Porcinai viene presentata per la prima volta al di fuori dei confini nazionali, attraverso i documenti e le immagini fotografiche conservati nell’Archivio di Villa Rondinelli a Fiesole, atelier del paesaggista, laboratorio culturale e centro operativo per lo studio e la creazione di giardini e paesaggi. L’esposizione, curata da Luigi Latini2 con la collaborazione di Tessa Matteini e Marco Cei, è suddivisa in tre parti. La prima si occupa di delineare la figura di Pietro Porcinai, analizzando la sua formazione ed il contesto culturale in cui si è mosso, tra tradizione e modernità; la seconda indaga sullo sviluppo della complessa macchina professionale che gli ha consentito l’invenzione di alcuni tra i più straordinari paesaggi italiani del dopoguerra; la terza infine é dedicata allo studio di cinque progetti esemplari, diversi per ubicazione, tematiche, cronologia, disegno e materia, ma uniti dall’intima ed etica coerenza che pervade tutto il lavoro di Porcinai. 

  1. Bailini, Sonia (2016. La interlengua de lenguas afines. El español de los italianos, el italiano de los españoles. Milano: LED.

    Floriana di Gesù

    2017-07-01

    Full Text Available El volumen del que se ofrece una reseña analiza el fenómeno de la interlengua de lenguas afines: el español de los aprendientes italianos y el italiano de los aprendientes españoles. El objetivo principal del volumen es el análisis cuantitativo y cualitativo de la interlengua de estas dos tipologías de aprendientes, a través del estudio de dos corpus paralelos y longitudinales.

  2. Idraulica dei sistemi fognari dalla teoria alla pratica

    Gisonni, Corrado

    2012-01-01

    La progettazione dei sistemi fognari e dei manufatti in essi presenti richiede un’attenta conoscenza delle leggi che regolano i fenomeni idraulici, con particolare riferimento alle correnti idriche a superficie libera. Partendo dalle nozioni fondamentali dell’Idraulica, il testo intende colmare alcune importanti lacune che ancora caratterizzano la letteratura italiana nel settore e che spesso sono alla base di errori progettuali, con ovvie conseguenze sulla sicurezza dei centri abitati (come testimoniato dai frequenti fenomeni di allagamento che sono stati registrati negli ultimi anni). Il libro è rivolto agli allievi dei corsi di studio nel settore dell’ingegneria Civile ed Ambientale. Particolare interesse è rivolto ai professionisti operanti nel settore della ingegneria idraulica e della pianificazione urbana, per i quali è forte l’esigenza di testi che contengano indicazioni di carattere sia teorico sia pratico, finalizzate alla progettazione di sistemi di drenaggio nei centri abitati.

  3. Il diritto alla salute dei migranti nei Paesi Bassi

    Romeo, Graziella; Palazzo, Nausica

    2017-01-01

    L’articolo affronta il tema del diritto alla salute del migrante nei Paesi Bassi. Nel far ciò si propone innanzitutto di fornire un inquadramento riguardante la condizione dello straniero dal punto di vista lato sensu costituzionale, e le politiche di assimilazione dello straniero poste in essere dal governo in anni recenti. L’articolo intende in seguito di ricostruire le peculiarità del sistema sanitario olandese e le tipologie di migranti riconosciute a livello domestico, al fine di incroc...

  4. Camminabilità e capacità urbane: valutazione e supporto alla decisione e alla pianificazione urbanistica

    Ivan Blečić

    2015-06-01

    Full Text Available L’articolo propone una metodologia di valutazione della camminabilità (walkability urbana ed il rispettivo strumento software di supporto alla decisione ed alla pianificazione urbanistica. Nella parte introduttiva discutiamo la rilevanza del concetto di camminabilità per la qualità urbana ed offriamo un suo inquadramento teorico all’interno dell’approccio alle capacità (capability approach. La parte centrale è dedicata alla presentazione del modello spaziale e multicriteriale di valutazione della camminabilità. La nostra costruzione della camminabilità nel modello propone un certo ribaltamento di prospettiva rispetto ai metodi sinora proposti: anziché valutare quanto un determinato luogo è in sé camminabile, il punteggio di camminabilità calcolato riflette come e verso dove una persona può intraprendere una camminata a partire da quel luogo; in altre parole, non quanto è camminabile, ma invece qual è la camminabilità di cui il luogo è dotato. Per questo, il punteggio di camminabilità combina tre componenti: (1 il numero di destinazioni di interesse/opportunità urbane raggiungibili a piedi; (2 le loro distanze; (3 la qualità dei percorsi pedonali verso queste destinazioni. La qualità dei percorsi pedonali è valutata in base a diversi attributi rilevanti per la camminabilità, che fanno riferimento a caratteristiche proprie della strada e dell’ambiente circostante in grado di contribuire a rendere il percorso piacevole, sicuro ed attrattivo. A titolo illustrativo viene nella terza parte dell’articolo presentato un esempio di applicazione del modello alla città di Alghero.

  5. Proteste ed emancipazione alla frontiera europea. Il caso di Lampedusa

    Annalisa Lendaro

    Full Text Available Riassunto Questo articolo si propone di approfondire a livello teorico i legami tra proteste ed emancipazione dei migranti senza status legale, che si trovano in situazione di detenzione amministrativa sull’isola italiana di Lampedusa. Il presente contributo mette in evidenza il fatto che l’agency dei migranti, seppur privi di libertà e di uno status legale, è determinante per sbloccare una situazione di crisi in un contesto simile allo stato di eccezione descritto da Agamben. Più precisamente, la protesta dei migranti di Lampedusa mostra in che modo la sospensione dello stato di diritto apra degli spiragli per, non solo denunciare l’ingiustizia di alcune norme, ma anche per agire.

  6. NUOVE DIAMESIE: L’ITALIANO DELL’USO E I NUOVI MEDIA (CON UN CASO DI STUDIO SULLA RISALITA DEI CLITICI CON "BISOGNARE"

    Massimo Prada

    2017-03-01

    Full Text Available L’articolo si sofferma sulle tendenze evolutive manifestate dall’italiano negli ultimi decenni, in particolare in relazione alle possibilità offerte e ai bisogni indotti dalle nuove tecnologie. Nel dettaglio, analizza gli effetti linguistici operati dalla ridefinizione delle caratteristiche della scrittura, che ha portato, almeno in alcuni contesti, anche a una semplificazione generale dei testi scritti, producendo una sorta di italiano scritto medio, varietà alla base dei testi neomediali. Essa pare caratterizzata da notevole variabilità e mutevolezza, in parte dipendenti dalle caratteristiche dell’utenza, in parte dalla sua storia, in parte dalla situazione comunicativa in cui viene usata. Dopo aver considerato che l’etichetta sociolinguistica più adatta a descriverla, tra quelle attualmente a disposizione, è modo d’uso della lingua, se ne sottolinea la natura di costrutto della comunità degli utenti (di varietà di Ausbau, entro certi limiti. Si tratta di un modo d’uso in cui trovano espressione anche fenomeni marginali o d’avanguardia, come la risalita del clitico con il verbo bisognare, la cui diffusione viene studiata sia nei testi neomediali, sia in quelli tradizionali, mostrando che i primi, in cui essa è più frequente, potrebbero avere la capacità di autorizzare fenomeni di margine anche solo per l’esposizione garantita ad essi dalla frequenza con cui occorrono. New diamesia: l’italiano dell’uso and new media (with a case study on the resurgence of clitics with "bisognare" The article focuses on evolutionary trends in Italian in recent decades, particularly in relation to the possibilities offered and the needs brought about by new technologies. In particular, it analyzes the linguistic effects of the redefinition of the characteristics of written language. This has led, at least in some contexts, to a general simplification of written texts, producing a sort of italiano scritto medio the variety at the base

  7. LA ICLASSE – SMARTPHONE E ITALIANO L2/LS

    Filippo Zanoli

    2012-02-01

    Full Text Available Mai come oggi le classi (di Italiano L2, ma non solo sono così fortemente colonizzate dal digitale. L’invasione si è palesata sotto forma di telefonini cellulari (smartphone e tablet dotati di connessione internet e infinite potenzialità sotto forma di applicazioni che possono sia aiutare il discente sia, se male impiegati, ostacolarlo dall’intraprendere un proficuo percorso di apprendimento. Compito dell’insegnante di lingua è circoscrivere l’influenza e l’uso di tali strumenti – che non sono mero techné, ma un modo di funzionare di una generazione – non  per vietarli ma per proporre un approccio e un loro utilizzo costruttivo quali mezzi dalle grandi potenzialità nell’apprendimento di una lingua straniera.     The 1st class – Smartphones and Italian L2/FL   Classrooms (for Italian L2, but not only have never before been so strongly digitally oriented. This invasion is made tangible by smartphones and tablets equipped with internet connections and infinite potential thanks to applications which can help students in their studies, or hinder them if used incorrectly. The language teacher’s task is to circumscribe the influence and use of these tools– which are not mere techné, but the way an entire generation functions – not to prohibit using them but to propose using them constructively, thanks to their great potential for foreign language learning.

  8. Lo Stato italiano e la Chiesa cattolica: indipendenza, sovranità e reciproca collaborazione (a proposito dell’art. 1 Accordo di revisione concordataria

    Ombretta Fumagalli Carulli

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, accettato dal Direttore, riproduce il testo della Relazione tenuta presso l'Arcisodalizio della Curia Romana (Roma, Palazzo della Cancelleria, 16 gennaio 2014.SOMMARIO: Premessa - 1. Alle radici della duplice sovranità: il dualismo cristiano - 2. La questione della sovranità della Chiesa - 3. La sana cooperatio nell’Accordo di revisione concordataria - 4. Dialettica con gli Episcopati e Ecclesia Communio - 5.Sana cooperatio e res mixtae: in particolare 8 per mille e matrimonio - 6. Nuove sfide alla sovranità della Chiesa?Abstract In the article the Author takes stock of the situation regarding the sana cooperatio between State and Catholic Church 30 years after revision of the Italian Concordat. After dealing with the concept of Christian dualism and its historical development, the essay pays attention to the sovereignty of Catholic Church and highlights how in last years the CEI (Italian Conference of Catholic Bishops - in conjunction with the Holy See - has taken on particular importance in the relationship between State and Catholic Church. Then there is a comparison between two issues which have had unexpected results: the Eight per thousand and the marriage. With regard to the Eight per thousand, in consideration of the economic crisis, the Author proposes that Catholic Church may accept a temporary reduction of the sums devolved to her or may use such sums in order to strengthen the projects in favor of the common good. With regard to the marriage, in consideration of the violation of religious marriage freedom, the Author hopes for a clarification by the State or, otherwise, the adoption of the personal statutes.

  9. Panorama dell´italiano in San Paolo nel contesto plurilinguistico brasiliano

    Loredana de Stauber Caprara

    2004-12-01

    Full Text Available O italiano, ou variedades dialetizadas de italiano, no início do século XX era falado aproximadamente pela metade da população de São Paulo. Posteriormente, por diferentes motivos, entre os quais a chegada de outros grupos étinicos e diminuição progressiva de onda imigratória italiana, essa porcentagem diminuiu muito. Agora, quase quarenta anos após o fim do movimento imigratório, a permanência do italiano em São Paulo depende do ensino formal em cursos livres, às vezes com contribuições financeiras italianas, em escolas e universidades públicas brasileiras. Para a atualização linguistica deve-se considerar o suvsídio de RAI International.

  10. Pratiche di Social Networking: una prima sperimentazione nei corsi di italiano L2 per studenti Erasmus

    Emanuela Cotroneo

    2012-04-01

    Full Text Available Tre Social Network realizzati con ilPratiche di social networking:  web service Ning in affiancamento alla didattica presenziale di alcuni corsi di lingua italiana per studenti Erasmus

  11. L’adozione del nuovo sistema di riferimento geodetico Italiano

    Renzo Carlucci

    2012-06-01

    Full Text Available Sulla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2012 (supplemento ordinario n. 37 è stato pubblicato il DM con cui è stato adottato un nuovo sistema di riferimento denominato ETRF2000 (2008.0. I precedenti sistemi di riferimento, ancora in uso in Italia, sono il Roma40 (più conosciuto come Gauss-Boaga o MonteMario, l'ED50 (European Datum 1950 spesso chiamato semplicemente UTM e l'ETRF89 (WGS84. Molti si chiederanno il perchè e quale sia la motivazione di fondo che ha portato lo Stato italiano ad adottare un quarto sistema di riferimento in meno di 100 anni. Adoption of a new geodetic reference system On  the  Official  Gazette  no.  48  of  27 February  2012 (ordinary  supplement no.  37  was  published    the  Ministerial Decree which was adopted a new geodetic reference   system   called ETRF2000  (2008.0.  The previous  ref-erence systems, still in use in Italy, are the Roma40 (better known as Gauss-Boaga and often called MonteMario, the  ED50  (European  Datum  1950, often called  only  UTM  and  ETRF89 (WGS84. Many will wonder why and what  the  underlying  motivation  that led  the  Italian government  to  take fourth  reference  system  in  less than 100 years.

  12. L’adozione del nuovo sistema di riferimento geodetico Italiano

    Renzo Carlucci

    2012-06-01

    Full Text Available Sulla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2012 (supplemento ordinario n. 37 è stato pubblicato il DM con cui è stato adottato un nuovo sistema di riferimento denominato ETRF2000 (2008.0. I precedenti sistemi di riferimento, ancora in uso in Italia, sono il Roma40 (più conosciuto come Gauss-Boaga o MonteMario, l'ED50 (European Datum 1950 spesso chiamato semplicemente UTM e l'ETRF89 (WGS84. Molti si chiederanno il perchè e quale sia la motivazione di fondo che ha portato lo Stato italiano ad adottare un quarto sistema di riferimento in meno di 100 anni.Adoption of a new geodetic reference systemOn  the  Official  Gazette  no.  48  of  27 February  2012 (ordinary  supplement no.  37  was  published    the  Ministerial Decree which was adopted a new geodetic reference   system   called ETRF2000  (2008.0.  The previous  ref-erence systems, still in use in Italy, are the Roma40 (better known as Gauss-Boaga and often called MonteMario, the  ED50  (European  Datum  1950, often called  only  UTM  and  ETRF89 (WGS84. Many will wonder why and what  the  underlying  motivation  that led  the  Italian government  to  take fourth  reference  system  in  less than 100 years.

  13. L’ITALIANO ALL’UNIVERSITÉ DE SAVOIE

    Andrea Costantini

    2014-02-01

    Full Text Available Il lavoro traccia un profilo degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Lingua, letteratura e cultura italiana della facoltà di Lettere, lingue e scienze umane dell’Université de Savoie (Chambéry, Francia. Basandosi su informazioni raccolte presso un campione di ventisei studenti tramite un apposito questionario, l’articolo delinea un ritratto degli apprendenti e ne analizza le esperienze passate e presenti di apprendimento linguistico; i contatti che essi hanno con l’Italia e con parlanti italofoni; le motivazioni di ordine culturale, professionale e personale che li hanno spinti all’apprendimento della lingua italiana. A partire dal loro profilo che i dati fanno emergere si stabilisce un confronto, in merito alle dinamiche di studio e alle motivazioni all’apprendimento dell’italiano, tra gli studenti di Chambéry e l’utenza dei corsi di lingua italiana organizzati dagli Istituti italiani di cultura nel mondo.  Italian at the Université de Savoie The article profiles students enrolled in the undergraduate program in Italian language, literature and culture at the Faculty of Arts, Languages and Humanities at the Université de Savoie (Chambéry, France. Based on information gathered from a sample of twenty-six students through a questionnaire, the article outlines a portrait of the learners and analyzes their past and present experience regarding language learning, contact they have with Italy and Italian speakers and the cultural, professional and personal reasons that brought them to study the Italian language. Based on the data, a comparison regarding the dynamics of Italian language learning and motivation among students in Chambéry and users of Italian language courses organized by the Italian Cultural Institutes in the world can be made.

  14. The Italian Lightning Detection System of CESI and its applications; Il sistema italiano di rilevamento fulmini del CESI e le sue applicazioni

    Iorio, R. [CESI Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano, Milan (Italy)

    1998-03-01

    Aim of the paper is to give a description of the CESI lightning detection system SIRF. The system allows the real time localization (latitude, longitude) of the striking point of a cloud-to-ground lightning flash. Electrical parameters of the impulsive currents related to the flash strokes are calculated as well. Based on sensors covering the whole Italian territory, SIRF configuration and of the basic calculation criteria for passing from the sensor raw data to the final flash data is given together with the evaluation of the system expected performance parameters (accuracy, detection efficiently, signal/noise ratio). Main uses of lightning data in several fields are then reported, with special reference to electrical applications. Mention is done about the different modalities adopted for data distribution, according to that either real time or passed time applications have to be carried out. In this latter case (e.g. statistics), a huge amount of data archived within the Lightning Data Base of SIRF is available. [Italiano] Oggetto della memoria e` la descrizione del Sistema Italiano Rilevamento Fulmini del CESI, denominato SIRF, unico sistema attualmente esistente in Itallia in grado di localizzare in tempo reale e su tutto il territorio nazionale i punti di impatto di fulmini di tipo nube-suolo e le caratteristiche principali delle correnti impulsive ad essi associate. Vengono quindi riportati una descrizione della rete nella sua configurazione attuale ed i suoi collegamenti con le reti di Paesi confinanti (Francia, Svizzera, Austria). Si accenna ai criteri alla base dei calcoli dei dati finali di fulmine, a partire dai dati rilevati dai sensori, e si riportano i valori stimati dei tipici parametri di valutazione delle prestazioni di un sistema di rilevamento fulmini (precisione, efficacia di rilevamento, rapporto segnale/disturbo). Sono successivamente descritte le principali applicazioni dei dati di fulmine nei vari settori, con particolare riferimento al

  15. Gesti convenzionali e arte mimica nell’Ottocento italiano

    Noemi Massari

    2015-03-01

    Full Text Available The present essay aims at reviewing the issues and methodologies faced in my PhD research. The first step will be the analysis of the theoretical assumptions that underlie the emergence of ballet pantomime and the rediscovery of classical pantomime. The essay will proceed outlining the artistic and cultural landscapes of the two Italian cities examined, Milan and Naples, aiming at defining, from a didactic viewpoint, the teaching of pantomime in the two largest Italian academies, the Teatro alla Scala in Milan and the Teatro di San Carlo in Naples. The third step will be the recording of the few references to the mime art contained in the treaties and documents relating to the dance in Italy during the Nineteenth century (Carlo Blasis, Vincenzo Buonsignori, Giulio Pompeo Ferrario. These references will be compared to the major mime treatises for actors (Giovanni Emanuele Bideri, Antonio Morrocchesi, Angelo Canova, Alemanno Morelli and opera singers (Manuel Garcia, Fernando Pelzet, Leone Giraldoni, Enrico Serafino Torelli, Augusto Delle Sedie in order to analyze the development of gesture during the Nineteenth century and the different use that each interpreter did of the expressive mime.

  16. ALLA SCOPERTA DEL PACKAGING DESIGN CON IL WEBQUEST

    Antonietta Gobbis

    2013-01-01

    Full Text Available Il seguente saggio tratta le possibilità di presentazione in Università straniere, dove si insegna l’ItalianoL2, di un aspetto culturale italiano di forte impatto all’estero come il design, attraverso l’innovativa metodologia del webquest. L’iniziale parte teorica descrive il webquest come metodo didattico costruttivista, con particolare riferimento alle sue caratteristiche, parti costituenti e tipologie. Nella seconda parte vengono dati esempi concreti di webquest di breve e lunga durata su due prodotti italiani molto famosi di packaging design, che hanno festeggiato il loro anniversario nel 2012: il Bacio Perugina e il Campari Soda. I risultati positivi di entrambi i progetti intendono mostrare i vantaggi di una didattica centrata sull’alunno basata su attività di problem-solving e strategie di cooperative learning.  Discovering packaging design through webquest The following essay deals about the possibilities to introduce a very successful cultural topic like Italian Design in Universities abroad, where Italian is taught as second foreign language, through the innovative methodology of WebQuests. The theoretical part describes WebQuests as constructivist didactic method with reference to its characteristics, main constituent parts  and typologies. In the second part we give concrete examples of short and long term WebQuests about two very famous packaging design Italian products which celebrated in 2012 their anniversary: BacioPerugina and Campari Soda. The positive results of both projects aim to show the advantages of learner-centered teaching methods based on problem-solving activities and cooperative learning strategies.

  17. Production of biogenic amines in "Salamini italiani alla cacciatora PDO".

    Coı X0308 Sson, Jean Daniel; Cerutti, Caterina; Travaglia, Fabiano; Arlorio, Marco

    2004-06-01

    Various fermented and seasoned foods such as cheese, sauerkraut, wine, beer and meat products may contain biogenic amines. The aim of this paper was to describe the presence of some biogenic amines (histamine, tyramine, tryptamine, 2-phenylethylamine) in "Salamini italiani alla cacciatora PDO", a typical fermented-ripened dry sausage widely consumed in Italy. Total level of biogenic amines in commercial samples ranged from 71 to 586 mg kg(-1). The amine recovered in higher concentrations was tyramine (372 mg kg(-1)) followed by histamine (165 mg kg(-1)). The second aim of this work was the quality control of the production in order to determine the parameters influencing the presence of biogenic amines in ripened salami. Sausages sampled for analysis during production, manipulation and ripening showed the presence of tyramine (64.4 mg kg(-1)) only after 15 days of fermentation. All investigated biogenic amines were detected in "Salamini" after 21 days of fermentation. We suggest the control of biogenic as important tool to establish the better condition of preservation of "Salamini italiani alla cacciatore PDO" during their shelf-life.

  18. Entre Mussolini e Plínio Salgado: o Fascismo italiano, o Integralismo e o problema dos descendentes de italianos no Brasil

    João Fábio Bertonha

    2001-01-01

    Full Text Available O objetivo desse artigo é avaliar o relacionamento entre o Fascismo italiano e o Integralismo brasileiro. O texto tenta mostrar a importância do Fascismo de Mussolini na formação e construção da ideologia integralista, assim como na formação de sua base social. Nesse sentido, o texto foca com especial ênfase a questão dos brasileiros filhos de italianos, público privilegiado tanto da propaganda fascista como da integralista.The purpose of this article is to evaluate the relationship between Italian Fascism and Brazilian Integralism. The text seeks to show the very important contribution of Mussolini’s movement to the formation and construction of Brazilian Integralist ideology and popularity. The question of the "oriundi" (Brazilians of Italian heritage and their relationship with Fascism and Integralism is especially stressed.

  19. LINGUA E TEATRO: L’ITALIANO, UN DRAMMA?

    Sara Faggiano

    2011-02-01

    Full Text Available L’articolo ha lo scopo di mostrare, attraverso esempi e proposte didattiche, come si possa, attraverso l’esperienza teatrale, sviluppare l’apprendimento della lingua italiana come LS  contemporaneamente alla consapevolezza interculturale degli apprendenti stranieri  e creare un contesto  di accoglienza e inclusione.  La “glottodidattica teatrale” è un metodo che non consente solo di agire sull’apprendimento della lingua straniera e sulle difficoltà linguistiche e comunicative che gli allievi possono incontrare in tale processo, ma anche di affrontare e cercare di superare problemi determinati dalla condizione di discriminazione linguistica, culturale, religiosa, relazionale e sociale in cui spesso si viene a trovare lo studente immigrato.  Fare teatro con finalità formative e per favorire il processo di inclusione degli apprendenti stranieri è una modalità didattica da proporre a scuola originale ed efficace. Grazie a questa esperienza l’immigrato raggiunge lo scopo di conoscere la lingua italiana attraverso il teatro coniugando formazione e divertimento.   Language and theater: italian, a drama? This article aims at showing through examples and didactic activities, how the theater can develop learning Italian as a foreign language together with the intercultural awareness of foreign learners and create contexts for inclusion and learning.  “Theatrical glottodidactics” is a method that does not only allow for  dealing with learning a foreign language and the linguistic and communicative  difficulties students may encounter, but also for dealing with and attempting to overcome these problems caused by the linguistic, cultural, religious, relational and social discrimination which foreign students may be subject to.  Doing theater in a didactic setting and to encourage the inclusion of foreign students is an original and effective method to employ in the school setting.  Thanks to this experience the foreigner can

  20. IMPARARE L’ITALIANO L2/LS CON TESTI TEATRALI

    Erminia Ardissino

    2010-09-01

    Full Text Available Il saggio tratta dell'impiego di testi teatrali come fonti di esercizi per l'apprendimento dell'italiano L2/LS. Dopo alcune riflessioni teoriche, si presentano sei proposte di lavoro, con relative soluzioni, adatte a studenti del livello B2-C2 del quadro di riferimento. Si tratta di esercizi ricavati da drammi in un unico atto di Pirandello (La morsa e Lumìe di Sicilia, da Verga (un confronto fra Cavalleria rusticana nella forma drammatica e novellistica, e da Tommaso Landolfi (Ombre. Ogni proposta sfrutta una peculiarità del testo teatrale che si costituisce nell'incontro di dialoghi con didascalie. Anzitutto si tratta di comprendere come si costruiscono i personaggi, quindi di vedere la funzione delle didascalie in relazione al testo, infine di riflettere sulle diverse modalità in cui avvengono i dialoghi, includendo le forme di silenzio. Il testo teatrale appare così molto adatto ad esercizi di lingua, perché mette in gioco le capacità interpretative e immaginative degli studenti, li fa discutere e parlare sulla base delle loro intuizioni.   This paper investigates the use of play scripts as inspiration for Italian L2/FL exercises. After a brief discussion on theory, six project proposals and their solutions, suitable for B2-C2 level students, are presented.  These exercises are based on one-act plays by Pirandello (La Morsa and Lumìe di Sicilia, Verga (a comparison between Cavalleria Rusticana in drama and narrative forms and Tommaso Landolfi (Ombre.  Each project focuses on a specific aspect of the script  and is made up of dialogues with captions. After the way the characters are constructed is investigated, then the function of the captions in relation to the texts is considered, and finally students reflect on the different ways the dialogues are presented, including the pauses. Play scripts lend themselves to language exercises, because they encourage students to use their interpretation skills and imaginations to talk about

  1. Longevity of Cane Corso Italiano dog breed and its relationship with hair colour

    Evžen Korec

    2017-06-01

    Full Text Available The Cane Corso Italiano belongs among the new dog breeds that were fully recognised by Federation Cynologique Internationale (FCI in 2007. For the first time, this study describes a median lifespan using the data of 232 dogs of the Cane Corso Italiano breed collected from kennels and individual owners from 25 countries. The median lifespan of the whole examined group is 9.29 years (IQR 6.98-11.12, IQR = Interquartile Range. This paper is the first to describe the possible relationship between median lifespan and hair colour within one breed. The longest living group is formed by black brindle coloured dogs, with a median of 10.30 years (IQR 8.33-13.00, and brindle coloured dogs, with a median of 10.13 years (IQR 7.12-11.25. The median lifespan of black brindle dogs exceeded the overall median lifespan of all dogs by 1.01 year and the median lifespan of other colour dogs by 2.21 years. Our results suggest a possible way for a prolongation of age at death of the Cane Corso Italiano breed using appropriate breeding. The median lifespan of male Cane Corso Italiano dogs is 9.25 years (IQR 6.97-11.00 and female Cane Corso Italiano dogs 9.33 years (IQR 7.00-11.31. The statistical analysis using the Independent Samples Student’s t test confirmed that the lifespan of female dogs did not exceed the median lifespan of male dogs (P>0.01.

  2. Italiano per Cinesi – Didael. Corso di lingua italiana online.

    Franca Bosc

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Per gli apprendenti sinofoni la lingua italiana, con la sua complessità e fragilità morfologica, rappresenta  un ostacolo notevole. Il corso  pone attenzione alla lontananza tipologica delle due lingue con schede grammaticali in cinese e, soprattutto, i livelli A1 e A2 hanno una progressione molto controllata per fissare le basi della lingua italiana. Sono disponibili un Glossario, tre diversi tipi di dizionario (il dizionario automatico, il dizionario, visuale e il dizionario fraseologico e approfondimenti culturali. Si tratta di un corso completo che consente di sviluppare le competenze previste  dal Quadro Comune Europeo; il modello formativo è flessible e prevede varie opzioni di erogazione.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} For Chinese speakers Italian, in all its complexity and morphological fragility, represents a great obstacle.  This course takes into careful account the distance between the two language types, with grammar fact cards in Chinese and, above all, progression at levels A1 and A2 which is very carefully controlled in order to establish the bases of the Italian language.  A Glossary, three different types of dictionary (an automatic dictionary, a visual dictionary and a dictionary of phrases

  3. I capricci del caso Introduzione alla statistica, al calcolo delle probabilità e alla teoria degli errori

    Piazza, Roberto

    2009-01-01

    I metodi probabilistici e statistici giocano un ruolo di primo piano sia nella scienza teorica e sperimentale che nelle applicazioni ingegneristiche, costituendo pertanto un elemento essenziale del bagaglio culturale che uno studente deve acquisire fin dai primi anni di apprendimento universitario. Questo libro, che nasce dall’esperienza didattica accumulata dall’autore nell’insegnamento dei metodi sperimentali, si propone di fornire un’introduzione al calcolo delle probabilità e alla teoria degli errori facendo uso di uno stile di presentazione volutamente informale e traendo spunto da concrete applicazioni sperimentali, spesso attraverso esempi di notevole importanza storica. Così, per esempio, argomenti quali il moto browniano, la diffusione di luce, il decadimento radioattivo, la fisiologia della visione, le statistiche quantistiche e di fotorivelazione, vengono utilizzati per delucidare concetti chiave dell’analisi statistica e probabilistica. Un'enfasi particolare è posta sull’origine e l...

  4. Baltimaade rahvusraamatukogude direktorid kirjutasid alla koostööleppele / Annika Koppel

    Koppel, Annika, 1964-

    2014-01-01

    23. aprillil 2014 kirjutasid Eesti Rahvusraamatukogu peadirektor Janne Andresoo, Läti Rahvusraamatukogu direktor Andris Vilks ja Leedu Rahvusraamatukogu peadirektor Renaldas Gudauskas alla koostööd tihendavale memorandumile. Artiklile on lisatud koostöömemorandumi tekst

  5. Viljandimaal läheb kaitse alla viis kanakulli pesa / Renno Nellis ; interv. Liisi Seil

    Nellis, Renno, 1982-

    2005-01-01

    Vestlus Kotkaklubi eksperdi Renno Nellisega, kes aitab organiseerida kanakulli püsielupaikade kaitse alla võtmist. Vt. samas ka artiklit: Seil, Liisi "Metsaülemad suhtuvad pesade kaitsmisse mitut moodi"

  6. L’italiano L2 : auto-apprendimento e narratività. Materiali multimediali di italiano L2 per bambini e ragazzi.

    Graziella Favaro

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Normal 0 14 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Insegnare l'italiano come seconda lingua ai bambini e ragazzi di recente immigrazione è un percorso  delicato e complesso che  fa ormai parte  dei compiti professionali ";ordinari"; dei docenti che operano nelle classi sempre più multiculturali e plurilingui. La modalità di insegnamento/apprendimento della L2 più diffusa ed efficace è quella integrata: l'alunno non italofono è inserito nella classe comune e, parallelamente, in determinati momenti, frequenta il laboratorio  di italiano L2. Per  sostenere  questo modello integrato e accompagnare il  viaggio dentro l'italiano dei bambini e dei ragazzi neoarrivati, servono materiali didattici flessibili e ricchi di proposte, utilizzabili in maniera autonoma e in piccolo gruppo; proponibili in maniera tradizionale o anche attraverso la LIM; adatti a sviluppare competenze diverse, proprie della lingua per comunicare, dell'italiano scritto e propedeutiche all'apprendimento del curricolo comune. I due corsi di italiano L2  che vengono presentati nell'ultima parte dell'articolo rispondono a queste esigenze, in quanto a sono rivolti l'uno ai bambini e l'altro ai ragazzi stranieri neo arrivati; b si propongono  il passaggio dal livello prebasico ai livelli A1, A2 e B1 del QCERL; c si

  7. The deregulation of the Italian natural gas industry and diversification processes in the down-stream sector; I riflessi dell'apertura del mercato italiano del gas naturale sul riposizionamento strategico degli operatori nel settore down-stream

    Fazioli, R. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy); Quaglino, S. [Cap Gemini Ernst and Young, Energy Division, Milan (Italy); Di Domenico, M. [Milan Bocconi Univ., Milan (Italy). Istituto di Economia delle Fonti di Energia

    2000-07-01

    The opening of the italian gas market , due to the privatisation and liberalisation process, has been implemented by the important normative evolution of this sector both at european and national level. The debate following this process in the gas market has focussed, basically, on the up-stream sector leaving aside the important down-stream sector also concerning gas local distribution and sales. In this article it is paid more attention to the down-stream sector considering the firms' evolution from a basic mono utility to multi utility and multi services organisational structure. This potential firms' evolution in the italian gas market will be considered also referring to specific international experience in this market. [Italian] L'apertura del mercato italiano del gas naturale e' la conseguenza, principalmente, dei processi di privatizzazione e liberalizzazione che sono seguiti alla normativa europea e nazionale che disciplinano tale mercato. Il dibattito seguito a questo processo si e' essenzialmente focalizzato sul settore up-stream e poca attenzione e' stata invece rivolta all'importante settore down-stream, ossia la distribuzione locale e la vendita. Su tale settore si focalizza l'attenzione di questo articolo nell'intento di delineare i possibili scenari di sviluppo delle imprese operanti che, da una semplice strutura mono-utility, si evolvano verso una struttura multi-utility e multi-service.

  8. Fenomeni d’interferenza nell’apprendimento dell’italiano da parte di parlanti spagnolo. Un’indagine a partire da un test a scelta multipla per gli studenti dell’Università Complutense di Madrid.

    Francesco Zurlo

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} È noto che nell’apprendimento di lingue affini come italiano e spagnolo, il fenomeno del transfer linguistico gioca spesso un ruolo fondamentale. La percezione di vicinanza e di congruenza tra i due sistemi linguistici è alla base del frequente trasferimento da parte degli apprendenti, di regole, espressioni ed abitudini proprie della loro L1 nella L2, che non inficiando in molti casi il successo comunicativo rischiano alla lunga di cristallizzarsi e fossilizzarsi. Nella ricerca, svolta a partire da un test a scelta multipla proposto ad alcuni alunni dei corsi di italiano dell’Università Complutense di Madrid, si rilevano e descrivono alcune delle tipologie più ricorrenti di errori dovuti ad interferenza della L1, mettendo in rilievo la loro incidenza e la loro influenza nel determinare la specificità del percorso di apprendimento dell’italiano da parte degli ispanofoni, contraddistinto da accelerazioni e rallentamenti, arresti e stabilizzazioni.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} It is known that when learning similar languages, such as Italian and Spanish, the phenomenon of linguistic transfer often plays a fundamental role.  The perception of the two language systems as close and congruent is at the basis of

  9. Microblogging: quale valore per l’educazione? Presentazione per il pubblico italiano

    Filippo Bruni

    2013-03-01

    Full Text Available Questo numero di Form@re raccoglie, come indicato dall’editoriale di Carmen Holotescu e Gabriela Grosseck, sei interventi, tutti relativi al microblogging, in cui si documenta come a livello europeo esistano una serie di esperienze e di risorse da un lato consolidate, dall’altro in forte evoluzione. In relazione al contesto italiano, quale tipo di pratiche e di osservazioni è possibile presentare? E quali stimoli è possibile trarre per ulteriori sperimentazioni? Il prossimo numero di Form@re offrirà una versione in lingua italiana dei contributi qui proposti, ma vorrebbe essere anche l’occasione per un’ulteriore riflessione attenta alle esperienze e ai dibattiti legati al contesto italiano. In tal senso i contributi presenti in questo numero aprono e offrono delle prime risposte a tutta una serie di questioni. Provando, sia pure con una modalità fin troppo sintetica, a individuare i punti essenziali, possono essere segnalate tre domande.

  10. GLI ERRORI DI ITALIANO L1 ED L2: INTERFERENZA E APPRENDIMENTO

    Rosaria Solarino

    2011-02-01

    Full Text Available Si può oggi affrontare il tema degli errori di italiano da una prospettiva che possa giovare contemporaneamente a docenti di italiano L1 ed L2? Noi pensiamo di sì: la ricerca glottodidattica sembra aver ormai apprestato un terreno comune alle due situazioni di apprendimento, sgombrando il campo da vecchi pregiudizi e distinzioni che appaiono ormai superate. Attraverso la contrapposizione di concetti quali “lingua parlata/lingua scritta”,  “errori di lingua / errori di linguaggio”, “apprendimento spontaneo/apprendimento guidato”, “italiano L1/italiano L2”, “errori di apprendimento/errori di interferenza, si indicano diversi criteri per la interpretazione degli errori e la loro valutazione in relazione alle cause, alle situazioni comunicative, ai contesti o allo stadio di evoluzione dell’apprendimento della lingua.     Errors in italian L1 and L2: interference and learning   Can errors in Italian be approached in a way that benefits both L1 and L2 Italian teachers? We believe so: glottodidactic research seems to have prepared a common terrain for these two learning situations, clearing the field of old prejudices and obsolete distinctions.  Through the juxtaposition of concepts like “spoken language/written language”, “language errors/speech errors”, “spontaneous learning/guided learning”, “L1 Italian/L2 Italian”, “learning errors/interference errors”, different criteria for interpreting errors and evaluating them in relation to their causes, to communicative situations, to contexts and the developmental state in learning a language are singled out.

  11. Un approccio “sociale” e ontologico alla catalogazione

    Oreste Signore

    2011-12-01

    Full Text Available ItLa catalogazione è basata sulla conoscenza e sulla comprensione dei legami interdisciplinari tra gli elementi informativi. L’avvento del Web ha modificato profondamente i meccanismi di accesso all’informazione, mentre Web 2.0 e Semantic Web sono due evoluzioni del Web che stanno rivoluzionando i canoni di gestione del patrimonio informativo. Il primo spostando l’accento sul contributo portato dagli utenti, il secondo enfatizzando il ruolo dei dati e dell’interconnessione tra fonti diverse di conoscenza. Il web ha fatto prestare maggiore attenzione all’interoperabilità semantica e ha portato all’adozione di schemi comuni di metadati, mentre il Web 2.0 ha spostato l’accento sull’aspetto “sociale” e sulle folksonomy. Entrambi questi approcci presentano delle limitazioni intrinseche, che vengono superate dall’adesione a principi del Semantic Web e quindi all’adozione di un approccio ontologico, con il superamento della catalogazione centrata sull’oggetto. È possibile coniugare i vantaggi dell’approccio “sociale” (partecipazione degli utenti, ampliamento delle fonti di informazione con quelli puramente ontologici (formalizzazione e condivisione della conoscenza, possibilità di dedurre nuova conoscenza mediante un’opportuna opera di mapping della scheda catalografica e l’implementazione di ambienti sociali che utilizzino le tecnologie del Semantic Web. Un’esperienza in merito è stata condotta in un progetto.EnKnowledge and linking among several disciplines are the basis of cataloguing. The Web has been a revolution in accessing information, while Web 2.0 and Semantic Web are two evolutions of the web which are changing the ways of managing information. Web 2.0 puts much emphasis on user generated content (UGC, and Semantic Web emphasizes the role of data and their linking among different knowledge bases. The web leaded to greater attention paid to the semantic interoperability, with the adoption of common

  12. Linguagem e tradição em Carlo Levi: marcas do arcaico no sul italiano

    Amarilis Gallo Coelho

    2011-10-01

    Full Text Available Carlo Levi, escritor italiano que objetiva documentar as peculiaridades e a diversidade social de seu país, utiliza, além do léxico colorido constante em sua obra, outros artifícios de expressão, tais como o emprego de formas-símbolo, como pedra, e amostras de linguagem, que caracterizam não só o plurilinguismo italiano, mas também a manutenção do arcaico e da história, através dos hábitos lingüísticos e sociais. Pelo uso estilístico e a constatação real de formas greco-latinas, assim como seus reflexos nos dialetos locais, Levi retrata com autenticidade o apego à tradição e a imobilidade espaço-temporal do homem meridional italiano.Carlo Levi raggiunge, nel contatto amoroso con le immagini ed i suoni meridionali, il passato arcaico presente, “dipinto” con spontaneità e autenticità, attraverso la gente, le cose e le voci di quello che lui chiama affettuosamente “mia terra” e miei “contadini”.

  13. Il manoscritto miniato Collectanea del cardinale Nicolás Rossell dell´Archivio Vaticano Arm. XXXV, 70. Contributo sulla questione dell´attivita dei miniaturisti boemi alla corte degli antipapi avignonesi Clemente VII e Benedetto XIII

    Studničková, Milada

    2008-01-01

    Roč. 6, - (2008), s. 73-90 ISSN 1214-9438 R&D Projects: GA AV ČR IAA8033202 Institutional research plan: CEZ:AV0Z80330511 Keywords : Czech book illumination * Avignon book illumination * master of the missal of Klement VII * Vatican archive * Holkham Hall Subject RIV: AL - Art, Architecture, Cultural Heritage

  14. Quando gli investimenti rappresentano un vincolo. Contributo alla discussione sulla crisi italiana nella crisi internazionale.(When investments represent a constraint. A note on the discussion on Italy’s crisis within the international crisis

    Stefano Lucarelli

    2013-07-01

    Full Text Available The article continues the debate on the "crisis within the crisis" that characterises Italy's economy. The authors argue that while the international and specifically the European crisis greatly contributed to the deterioration of Italy's economic prospects, the country is affected by longer term issues of its own. To analyse such problems, the article focuses on the growing inability of the Italian private sector to innovate. It does so by analysing in a comparative perspective private sector expenditure for fixed investments and for research and development. The policy conclusions are surprising in so far as a surge of investments would seriously risk to negatively contribute to Italy's current account, thus further aggravating.    

  15. Contributo di dati di gravità nella valutazione del vulcanismo CAMP in Africa Nord-Occidentale

    Fabbri, Julius

    2015-01-01

    2013/2014 La domanda alla base di questa ricerca è stata se il metodo della gravimetria satellitare possa essere utilizzato per seguire le unità geologiche anche in luoghi difficilmente accessibili. L’obiettivo di questa ricerca è di verificare se le missioni satellitari di nuova generazione permettano di identificare la più grande delle province ignee della Terra (Bertrand et al., 2013), nota come CAMP (Central Atlantic Magmatic Province) in Africa nord-occidentale. Oltre alle motivazioni...

  16. La Carta Geomorfologica d’Italia alla scala 1:50.000 Un fondamentale strumento per la pianificazione territoriale

    Roberto Graciotti

    2007-04-01

    Full Text Available Con l’avvio del Progetto CARG (Cartografia geologica e geotematica alla fine degli anni Ottanta ad opera del Servizio Geologico Nazionale (SGN, la cartografia geomorfologica assume per il nostro Paese una particolare importanza per la sua rilevanza scientifica, soprattutto nel campo della conoscenza fisica del territorio applicata alla pianificazione territoriale.

  17. Valutazione dei parametri ecocardiografici di funzionalità atriale in cavalli dell’Esercito Italiano

    Carta, Sergio

    2017-01-01

    In cardiologia equina, nonostante la fibrillazione atriale rappresenti l’aritmia di più frequente riscontro nei cavalli atleti, le metodiche ecocardiografiche per valutare le dimensioni dell’atrio sinistro non appaiono ancora ben standardizzate. Lo scopo della presente tesi è stato quello di contribuire alla standardizzazione della valutazione ecocardiografica delle dimensioni dell’atrio sinistro e dei parametri di funzionalità atriale, calcolati sulla base delle misure bidimensionali (dia...

  18. Principales problemas de traducción en el doblaje italiano-español

    Ortega Paredes, Laura

    2015-01-01

    La traducción para doblaje resulta especialmente complicada debido a las restricciones causadas por la cohesión entre el texto y la imagen. En el presente trabajo trataremos ciertos problemas generales de traducción cuya dificultad se ve acentuada en el caso del doblaje y también otros problemas propios de este tipo de traducción. Trabajaremos con la combinación italiano-español, por lo que algunos de los problemas a tratar serán problemas específicos de esta lengua La traducció pel doblat...

  19. USO DE NATAMICINA NO CONTROLE DO DESENVOLVIMENTO DE FUNGOS EM SALAME TIPO ITALIANO

    Jean Carlos Brustolin

    2009-01-01

    Este trabalho teve como objetivo avaliar o comportamento da natamicina em diferentes concentrações e forma de aplicação no controle do desenvolvimento de bolores e leveduras em salames tipo italiano maturados em salas de maturação de madeira. O acompanhamento foi realizado através de contagem de bolores e leveduras com swabs e acompanhamento fotográfico semanal. Também foi avaliado o efeito da natamicina em relação a aspectos físico químicos como a atividade de água, umidade, gordura e pro...

  20. La chiesa di Richard Meier a Tor Tre Teste e il suo contributo al consolidamento identitario dei nuovi quartieri romani oltre il GRA / The church designed by Richard Meier in Tor Tre Teste and the identity consolidation in the new roman neighbourhoods beyond the Great Circular Road

    Giuseppe Bonaccorso

    2014-06-01

    Full Text Available Il contributo proposto ha l’obiettivo di analizzare alcuni significativi brani del tessuto urbano della periferia est di Roma, adottando metodi interpretativi legati alla storia, alla società, alla programmazione urbanistica e alla costruzione. Gli aspetti salienti del quadrante orientale della periferia romana verranno così delineati partendo “dal di dentro”, sottolineandone i percorsi, gli spazi e i nuclei compositivi che sono all’origine della struttura e della forma stessa dei quartieri disposti a cavallo del Grande Raccordo Anulare. In questo ambito, si pone l’attenzione su alcuni episodi chiave che vedono protagoniste le nuove chiese che riescono a creare una centralità all’interno dei quartieri periferici sostituendo le biblioteche, le piazze e i centri commerciali.  Analizzando da vicino questi esempi, si scopre come di recente sono state realizzate chiese firmate da architetti di fama internazionale proprio allo scopo di rafforzare, o meglio di costruire, un fattore identitario per ciascun quartiere ubicato nel settore orientale della città. Partendo quindi dal generale si arriva a indagare una chiesa e un quartiere che possono essere considerati un modello da seguire per tutta la periferia a ridosso del GRA: la chiesa giubilare di Dio Padre Misericordioso progettata da Richard Meier nel quartiere di Tor Tre Teste. La sequenzialità degli eventi che hanno contraddistinto il concorso per la progettazione della chiesa, la scelta della proposta di Richard Meier, la complessità del cantiere, l’analisi tecnica, stilistica e simbolica della realizzazione finale sono quindi analizzate nell’ambito del rapporto con il quartiere e del tentativo di realizzare (attraverso di essa un centro di attrazione per tutta la periferia.   The article analyses some significant parts of the urban tissue at the eastern periphery of Rome, using the interpretative methods inherent to history, society, urban programming and construction

  1. LA IMAGEN DE SANTIAGO DE COMPOSTELA EN EL MERCADO TURÍSTICO ITALIANO

    Lucrezia Lopez

    2009-01-01

    Full Text Available El sector turístico se está convirtiendo en uno de los sectores económicos más importantes en la economía gallega y compostelana. Durante los últimos años se han desarrollado nuevas y exitosas políticas turísticas para diversificar la oferta turística de Santiago y al mismo tiempo para renovar su imagen. En la actualidad, Santiago deja de ser sólo meta religiosa o de peregrinaje, y la presencia turística es cada vez más internacional; por su parte las motivaciones de viaje se van diversificando. Para comprobar el éxito de estas políticas hacia el exterior, el presente trabajo toma en consideración la imagen que la ciudad de Santiago proyecta hacia el mercado italiano (uno de los más importantes en la actualidad gracias a un trabajo de campo mediante encuestas y entrevistas dirigido a los turistas italianos en Santiago.

  2. Lapimaal alla kukkunud kopterit juhtis Eesti piirivalve piloot / Küllike Rooväli

    Rooväli, Küllike, 1969-

    2005-01-01

    21. septembril Soomes Lapimaal Vuotso küla lähedal alla kukkunud väikekopterit Schweizer 300C juhtis eestlane - piirivalve lennusalga päästekopteri teine piloot Rannel Vassiljev. Lisa, kaart: Kopteriõnnetus Lapimaal

  3. XX sajandi väärtarhitektuuri hakatakse kaitse alla võtma / Alo Lõhmus

    Lõhmus, Alo

    2011-01-01

    Muinsuskaitseameti ja kultuuriministeeriumi käivitatud "Eesti XX sajandi arhitektuuri kaitsmise ja väärtustamise" projekti käigus valminud XX sajandi väärtarhitektuuri registrist, mis on eelduseks möödunud aastasaja huvitavamate ehitiste riikliku kaitse alla võtmisele

  4. uomo e galantuomo dai testi alla scena. esperienze di filologia e ...

    User

    Dalla scena virtuale alla scena reale, in Miscellanea eduardiana in memoria di. Franco Carmelo Greco, Napoli, ESI, 200O. Sono in corso di pubblicazione altri due miei lavori rispettivamente su L'officina di Eduardo: esperienze di filologia e semiotica (titolo della relazione da me tenuta al Convegno Maschere e Metamorfosi ...

  5. Väärtuslikud setted jääksid kavandatava gaasitoru alla / Tanel Mazur

    Mazur, Tanel, 1971-

    2007-01-01

    Ilmunud ka: Narva Postiljon 1. sept. lk. 2. Akadeemik Anto Raukase sõnul ladestuvad Soome lahte Eesti majandustsooni raua- ja mangaanivarud, mis jääksid Vene-Saksa gaasijuhtme alla. Lisa: Maavara. Vt. samas: Gaasijuhtme rajaja külastus lõppes tulemusteta

  6. La legge della Regione Lombardia sull’edilizia di culto alla prova della giurisprudenza amministrativa

    Natascia Marchei

    2014-03-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. L’edilizia di culto tra tutela della libertà religiosa e governo del territorio: la legge n. 12 del 2005 della Regione Lombardia - 2. segue: Gli interventi “correttivi” della legge regionale n. 12 del 2005 - 3. La giurisprudenza amministrativa sul cambio di destinazione d’uso tra Tribunali amministrativi e Consiglio di Stato: la prevalenza del rispetto della normativa urbanistica sul diritto di libertà religiosa 4. L’interpretazione del requisito della necessaria “convenzione” con il comune: l’attuazione giurisprudenziale del diritto di libertà religiosa - 5. Brevi conclusioni.

  7. Campania: territorio e città di fronte alla sfida della logistica

    Giuseppe Mazzeo

    2010-07-01

    Full Text Available All’interno del sistema territoriale meridionale la Regione Campania si presenta come un polo importante nel settore del trasporto e dello smistamento delle merci. Questo ruolo si è venuto rinforzando in seguito alla realizzazione di infrastrutture dedicate alla logistica, connesse ad infrastrutture di supporto. Il sistema campano presenta punte di eccellenza di livello nazionale che possono incentivare il ruolo della Regione in questo settore, ma presenta anche fattori negativi che possono rallentare il decollo del settore. Si fa riferimento alle strozzature infrastrutturali e gestionali che ne inceppano l’efficienza, ma anche alla debolezza del sistema produttivo regionale che non garantisce una massa critica locale alla logistica campana. Un terzo aspetto è la mancanza di un chiaro disegno di programmazione degli investimenti e una maggiore chiarezza dei ruoli da assegnare alle diverse iniziative, nate soprattutto sulla base di spinte localistiche non coordinate. Il paper analizza la situazione della logistica territoriale in Campania e delle sue interrelazioni territoriali individuando punti di forza e di debolezza e potenziali fattori evolutivi. Gli aspetti della logistica che vengono affrontati sono di tipo territoriale e si differenziano da quelli della logistica urbana per la quantità di merci movimentate e per la concentrazione in pochi poli strategici, in quanto queste piattaforme logistiche richiedono attrezzature specializzate e ampi spazi per la movimentazione e il deposito. L’analisi del rapporto tra territorio e logistica individua quelli che sono i principali elementi di interconnessione e, spesso, di crisi, nell’uso dello spazio fisico, in ragione degli obiettivi a volte divergenti tra il governo del territorio ed i soggetti economici. Si passa successivamente ad analizzare lo stato del movimento merci in relazione alla portualità mediterranea e lo stato del sistema logistico campano (non ancora definito in tutte le

  8. Predicting glass-forming compositions in the Al-La and Al-La-Ni systems

    Gargarella, P.; de Oliveira, M.F.; Kiminami, C.S.; Pauly, S.; Kuehn, U.; Bolfarini, C.; Botta, W.J.; Eckert, J.

    2011-01-01

    Research highlights: → The glass-forming ability of the Al-La and Al-La-Ni systems was studied using the λ* and the λ.Δe criteria. → Both criteria predicted with just 1% at. of error the best glass-former verified so far in the Al-La system. → Four new glass-former compositions could be predicted in the Al-La-Ni system using the λ.Δe criterion. → The best glass-former reported so far in the Al-La-Ni system was found. - Abstract: In this work, a criterion considering the topological instability (λ) and the differences in the electronegativity of the constituent elements (Δe) was applied to the Al-La and Al-Ni-La systems in order to predict the best glass-forming compositions. The results were compared with literature data and with our own experimental data for the Al-La-Ni system. The alloy described in the literature as the best glass former in the Al-La system is located near the point with local maximum for the λ.Δe criterion. A good agreement was found between the predictions of the λ.Δe criterion and literature data in the Al-La-Ni system, with the region of the best glass-forming ability (GFA) and largest supercooled liquid region (ΔT x ) coinciding with the best compositional region for amorphization indicated by the λ.Δe criterion. Four new glassy compositions were found in the Al-La-Ni system, with the best predicted composition presenting the best glass-forming ability observed so far for this system. Although the λ.Δe criterion needs further refinements for completely describe the glass-forming ability in the Al-La and Al-La-Ni systems, the results demonstrated that this criterion is a good tool to predict new glass-forming compositions.

  9. Contributos da psicanálise para a educação e para a relação professor-aluno

    Vítor Franco

    2016-02-01

    Full Text Available A Psicanálise trouxe uma nova forma de olhar a criança e a infância. O maior contributo de Freud, para os profissionais da educação, reside no facto de ter conduzido a uma forma nova de olhar a infância, que contrasta fortemente com a crença vitoriana de que o mau comportamento ou os problemas de personalidade da criança eram o resultado do pecado original, só corrigíveis por uma disciplina severa e rígida (Fontana, 1986. Ao longo dos últimos cem anos, a Psicanálise teve um papel incontornável na compreensão do funcionamento mental e, inevitavelmente, os seus contributos foram sendo progressivamente integrados no domínio educativo. Este artigo centrar-se-á sobre a descrição deste contexto.

  10. Construção sustentável : contributos do gesso para a sustentabilidade da construção

    Torgal, Fernando Pacheco; Jalali, Said

    2010-01-01

    Este artigo apresenta uma revisão da literatura sobre o contributo do gesso para a sustentabilidade da indústria construção. A utilização de gesso obtido como sub-produto em vários processos industriais, o reaproveitamento do gesso quer durante a fase de construção ou demolição ou mesmo a produção de materiais à base de gesso incorporando resíduos industriais, são temas abordadas no presente artigo os quais constituem contributos inequívocos para uma construção mais sustentável....

  11. Il mito dell’Olanda. Politiek en geschiedschrijving in vroegmodern Italië

    Cees Reijner

    2015-12-01

    Full Text Available Il mito dell’Olanda. Politica e storiografia in Italia nella prima età moderna Nell’Europa della prima età moderna la storiografia era utilizzata di consueto come strumento per ricollegarsi alle questioni politiche locali. Mentre gli storici dei secoli più recenti hanno preso in esame anzitutto gli autori che scrivevano direttamente della propria storia nazionale, nella prima età moderna l’opinione pubblica di un Paese si formava tenendo anche conto di avvenimenti storici stranieri o transnazionali, che portavano un contributo importante al dibattito storico locale. In quale misura la storiografia italiana asservì a tal fine? Questo contributo verifica se la storiografia italiana sulla guerra degli ottant’anni (1568-1648 abbia offerto un contributo, seppur velato, al dibattito politico italiano contemporaneo. La Rivolta dei Paesi Bassi e la Repubblica delle Province Unite erano, non di rado, elevate a modello o a termine di confronto per la situazione politica ed economica dell’Italia. Questo articolo prova ad individuare l’agenda politica sottostante a tre opere storiografiche scritte, rispettivamente, da Francesco Bocchi, Giovanni Costa e Gerolamo Conestaggio. A tal fine i dibattiti che si colgono in filigrana, sullo sfondo della materia storica, vengono interpretati alla luce del contesto politico italiano contemporaneo.

  12. MADRELINGUA E ITALIANO L2: UN’INDAGINE SU BILINGUISMO E PERSONALITÀ

    Milazzo, Rosangela

    2016-01-01

    L’articolo presenta i risultati di una ricerca che trae origine dalla lettura di un saggio di Camilla Bettoni, Usare un’altra lingua. Guida alla pragmatica interculturale (Laterza, Roma-Bari 2006) in cui affronta, tra gli altri, il tema della doppia personalità nell’ambito di uno studio sul bilinguismo e il biculturalismo, e si chiede se esista una relazione tra bilinguismo e personalità, ovvero se l’alternanza delle lingue conosciute comporti cambiamenti nella personalità dei bilingui. In qu...

  13. Prove di dialogo con Sabino Cassese sulla storia dello Stato italiano

    Pierangelo Schiera

    2014-07-01

    Full Text Available Il saggio è un lungo confronto con la ricostruzione che Sabino Cassese ha recentemente fornito della vicenda dello Stato in Italia. Muovendo dalla specificità della storia costituzionale dello Stato italiano e mettendo in discussione che esista un modello più o meno puro con il quale confrontarla, l'autore rivendica la rilevanza costituzionale dell'azione amministrativa nell'istituzionalizzazione stessa dello Stato. I limiti pratici della vicenda costituzionale italiana, la sua mancata integrazione complessiva, il carattere contingente di molte misure, il carattere in definita asistematico ed eclettico di molti istituti e dottrine, sono tuttavia considerati come la prova del carattere storicamente declinante della vicenda complessiva dello Stato moderno e della possibilità che sia la stessa amministrazione a fornire gli strumenti adatti ai presenti scenari globali.

  14. Menetlejate küsitlemistehnikad : alla 14-aastaste laste ülekuulamisprotokollide analüüs / Kristjan Kask

    Kask, Kristjan, 1980-

    2010-01-01

    Alla 14-aastaste laste kohtueelse ülekuulamise videosalvestiste analüüsist. Ülevaade põhineb Justiitsministeeriumi poolt 2009. aastal läbi viidud uurimisprojektil "Alaealiste ülekuulamine kriminaalmenetluses". Tabelid

  15. Sicurezza nazionale e diritto di libertà religiosa. Alcune considerazioni alla luce della recente esperienza statunitense

    Pasquale Annicchino

    2017-02-01

    SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. La sorveglianza di massa alla luce del caso “Snowden” – 3. Il caso del New York Police Department – 4. Primo emendamento costituzionale e nuove tecnologie – 5. Conclusioni.

  16. UNA LINGUA “SECONDA E ADOTTIVA”. L’ITALIANO DELLE SECONDE GENERAZIONI

    Graziella Favaro

    2011-02-01

    Full Text Available Si assiste nella scuola italiana  ad un cambiamento  importante che riguarda i bambini e i ragazzi stranieri inseriti: aumentano di anno in anno  coloro che sono nati in Italia e che entrano nel sistema scolastico  nei tempi e modi comuni ai coetanei autoctoni  mentre  diminuisce il numero di  coloro che arrivano qui dal paese d’origine per ricongiungersi ai famigliari. Ma come parlano i bambini stranieri nati in Italia ? Quali caratteristiche interlinguistiche ha l’italiano dei “futuri cittadini”? Una ricerca osservativa  ha coinvolto alcuni  bambini stranieri di cinque anni inseriti nella scuola dell'infanzia  e ha  cercato di  descrivere l’italiano delle  seconde generazioni, tra esitazioni, silenzi, conquiste e  creatività linguistica.     A “second and adopted” language. Second generation Italian speakers.   In Italian schools there is an important change which regards foreign children enrolled: every year there are more and more of them who were born in Italy and they enter the school system following the same rhythms as their native classmates while fewer and fewer foreigners arrive from their home countries to reunite with their families.  How do foreign children, born in Italy, speak?  What interlinguistic characteristics does the Italian spoken by these “future citizens” have?  This observational study focused on some foreign 5-year-old children in Italian preschools and attempted to describe the language used by these second-generation speakers, between hesitations, silences, achievements and linguistic creativity.

  17. Il Centro Nascita Montessori. Dal neonato in famiglia al bambino e alla famiglia nel servizio educativo

    Laura Franceschini

    2010-02-01

    Full Text Available Intervento al Workshop Internazionale “Infanzie e Famiglie in Europa”, del 16 ottobre 2009, presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Via Filippo Re, 6 Bologna (Aula Magna. L’intervento illustra i valori fondativi del Centro Nascita Montessori dalle sue origini ai giorni nostri attraverso un percorso che si è allargato nel tempo: dalla focalizzata attenzione e cura al neonato in famiglia o nel brefotrofio fino agli anni ’60 alla cura della crescita del bambino nei servizi educativi e alla cura della relazione con le famiglie dagli anni ‘70 in poi. Tale espansione del campo di interesse e d’indagine operativa ha arricchito il patrimonio di competenze e di conoscenze del C.N.M..

  18. «... Cercare l'esperienza alla sua fonte». Il dono della verità

    Vincenzo Vitiello

    2011-11-01

    Full Text Available Un cammino nel territorio della conoscenza, da Wittgenstein a Kant, da Aristotele a Platone, con finale apertura all’etica dell’«accanto», dell’io tu a se medesimo e di se medesimo, ovvero: alla filosofia come testimonianza, alla verità come dono d’altri. «...Look for the experience at its source». The gift of truth A path into the territory of knowledge, from Wittgenstein to Kant, from Aristotle to Plato, with a final opening to the ethics of 'beside', of the I (that is «You» towards Himself and of Himself; that is, to philosophy as witness, to truth as others' gift.

  19. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  20. Grey Water Reuse for Agricultural Purposes in the Jordan Valley: Household Survey Results in Deir Alla

    Al-Mashaqbeh, Othman A.; Ghrair, Ayoup M.; Megdal, Sharon B.

    2012-01-01

    Installation of decentralized grey water treatment systems in small rural communities contributes to a more sustainable water supply. In order to gauge community attitudes about collection and use of grey water, a door-to-door survey in the farming community of Deir Alla, Jordan was conducted by Royal Scientific Society interviewers. Outcomes of a detailed survey, designed specifically for this project, offer insights on people’s views on general water and wastewater issues, as well as their ...

  1. Archivi e biblioteche alla fine del Granducato di Toscana in uno scritto di Galeotti

    Carlo Vivoli

    2016-12-01

    Full Text Available In 1855 Leopoldo Galeotti publishes an important essay on the recently established Central State Archive of Florence in Archivio Storico Italiano. The lawyer from Pescia, also thanks to the advice provided by the director of the Archive, Francesco Bonaini and his collaborators, constructs an effective summary of the works to be done to gather together and organise the Florentine public archives, and provides important suggestions to connect not only the archives but also the libraries of the Tuscan capital to the new threads emerging in historical research.

  2. Architettura e/è Geometria: dalla forma architettonica alla costruzione geometrica

    Mariateresa Galizia

    2012-06-01

    Full Text Available L’avvento delle tecnologie digitali di acquisizione dati 3D ha proiettato gli studiosi dell’architettura in una dimensione del tutto inaspettata. Milioni di punti hanno travolto ricercatori e professionisti ancora culturalmente impreparati ad affrontare la rivoluzione digitale nel campo del Rilievo. Le nuvole di punti acquisite documentano e allo stesso tempo rappresentano la spazialità degli oggetti reali, tuttavia, nulla rivelano su forma e geometria, architettura e materia se non attraverso una successiva interpretazione. Il contributo vuole soffermarsi sulle implicazioni teoriche e applicative del processo di interpretazione dei dati acquisiti per la comprensione della geometria e sulla funzione euristica della modellazione digitale, nel passaggio dal “noto all’ignoto”, nella “ri-scoperta” della forma e quindi dell’idea progettuale.

  3. PER L’IMPIEGATO MILANESE E IL BUON COSTUME DEI GIOVANETTI: IL "VOCABOLARIO MANTOVANO-ITALIANO" DI FRANCESCO CHERUBINI

    Mario Piotti

    2016-09-01

    Full Text Available Produzione minore nell’ambito della produzione cherubiniana, il Vocabolario mantovano-italiano consente di mostrare una tappa intermedia del lavoro di Cherubini e della sua riflessione lessicografica tra le due edizioni del Vocabolario milanese. Pur se i contemporanei non mancarono di sottolinearne alcuni limiti, l’interesse dell’opera emerge fin dalla delineazione dei destinatari: da un lato la scuola e dall’altro i funzionari pubblici che, spostandosi entro i confini del regno Lombardo-Veneto, si confrontavano con un dialetto che non comprendevano. For employees in Milan and proper behavior of young men: Francesco Cherubini’s "Vocabolario mantovano-italiano" This minor work within Cherubini’s production, the Vocabolario mantovano-italiano, represents an intermediate stage in Cherubini’s work and his lexicographical reflections between the two editions of the Vocabolario milanese. Although his contemporaries did not fail to point out some limitations, the work is striking when considering who it was intended for: schools and public officials who, moving around the Lombard-Venetian Kingdom, were confronted with a dialect they did not understand.

  4. Rituais políticos e a transformação do Partido Comunista Italiano

    David Kertzer

    2001-07-01

    Full Text Available Os rituais exercem um papel central na vida política contemporânea, mesmo que, freqüentemente, este papel não seja reconhecido. Demonstramos, através da análise da transformação, entre 1989-1991, do Partido Comunista Italiano (PCI em um partido pós-comunista, o papel-chave do ritual na política moderna. Ao longo deste caminho, examinamos e ilustramos as maneiras pelas quais os rituais são empregados para propósitos políticos. Após a queda do muro de Berlim, líderes do PCI decidiram que a identidade comunista tornou-se demasiadamente estigmatizada, e que uma nova identidade era necessária para o Partido, para que se evitasse o seu declínio. Desde a metade dos anos 1979, o segundo maior partido da Itália, o PCI, vinha constantemente perdendo suporte eleitoral. Na tentativa de mudar sua identidade, no entanto, os líderes do PCI deparam-se com a grande força do simbolismo associado ao Comunismo na Itália. Para muitos membros, o ser "Comunista" era parte central de sua própria auto-imagem. A oposição dentro do Partido tirou vantagem da força deste simbolismo, e dos ritos associados a ele, para opor-se à mudança. A inabilidade para inventar novos ritos e símbolos que tivessem o mesmo poder, deixou a liderança vulnerável. Este artigo examina esta disputa, pensada através do simbolismo e do ritual, olhando para o processo pelo qual o Partido Comunista Italiano tornou-se o Partido Democrático da Esquerda (PDS.Rituals occupy a central role in contemporary political life, although this role is often not recognized. Through the examination of the transformation, in 1989-1991, of the Italian Communist Party (PCI into a post-communist party, the key role of ritual in modern politics is demonstrated. Along the way, the ways in which rituals are employed for political purposes are examined and illustrated. Following the fall of the Berlin wall, PCI leaders decided that a Communist identity had become too stigmatic, and that a new

  5. Bisogni linguistici dei discenti di italiano alla scuola di lingua e cultura italiana per stranieri di Siena (Linguistic Needs of Students of Italian at the School of Italian Language and Culture for Foreigners of Siena).

    Maggini, Massimo; Parigi, Valerio

    1986-01-01

    Presents the results of a questionnaire administered to students of Italian at the School for Foreigners of Siena to determine the following: (1) student characteristics; (2) student motivations for studying Italian; (3) student interests; (4) student linguistic needs; and (5) student evaluation of the program. (CFM)

  6. Giuseppe E. Sansone traduttore di lirica romanza medievale. Contributo per una storia della traduzione poetica in Italia

    Speranza Cerullo

    2013-07-01

    Full Text Available La traduzione di poesia medievale in Italia ha avuto notevole sviluppo negli ultimi venti anni, attraverso l’incremento dell’attività dei traduttori e la promozione di un confronto su questioni di ordine teorico o metodologico, strettamente legate al tema dell’attualizzazione del testo medievale. In questo quadro, il contributo di Giuseppe Sansone ha svolto un ruolo di primo rilievo, attraverso un’attività ininterrotta che conta la pubblicazione di scritti di indirizzo critico-teorico e di cinque antologie di lirica medievale di diversi ambiti linguistici – occitano, spagnolo, catalano, galego e, in misura minore, francese –, offrendo modelli e appunti di metodo nei quali competenze scientifiche e filologiche si coniugano con una sensibilità estetica d’autore, guidata dall’obiettivo primario di una rifondazione del testo poetico nella sua letterarietà, dove la traduzione in versi si propone come testo dotato di una propria autonomia estetica.Over the last twenty years the translation of medieval poetry in Italy has had considerable development due to the increased activity of the translators; besides, a debate on theoretical or methodological issues closely related to the theme of updating medieval texts has been promoted. In this context, the contribution of Giuseppe Sansone and his continuous activity has played a key role: he published critical-theoretical essays and five anthologies of medieval lyrics from different linguistic areas – Provençal, Spanish, Catalan, Galician and, to a lesser extent, French – thus offering models and methodological suggestions in which scientific and philological skills combine with aesthetic sensibility, driven from the primary method of re-founding the poetic text in its literary property, in which the verse translation is proposed as a text with its own aesthetic autonomy.

  7. Sui pronomi personali di prima e seconda persona plurale in italiano

    Rosanna Sornicola

    1991-12-01

    Full Text Available Nella sua fondamentale Grammatica storica dell'italiano Tekavčić accoglie come spiegazione delle forme pronominali italiane noi, voi una trafila che parte dalle forme nominativo-accusative latine NŌS, VŌS ed esibisce un successivo sviluppo fonetico caratteristico dei monosillabi con uscita in -s, ovvero /si-> /y/. La tesi di una evoluzione di /s/ in posizione finale in /y/, nell'area che include toscano, dialetti italiani centro-meridionali e balcano-romanzo (veglioto, romeno era già stata avanzata da Reichenkron (1939. In tale area sia parole monosillabiche che polisillabiche presenterebbero questo sviluppo. Ad esemplificare le prime sono chiamate in causa forme come rom. e it. dai < DAS, rom. e it. stai < STAS, rom. e it. poi < POS ( < POST, it. centr. e merid. crai < CRAS, it. merid. ccuy e it. più < PLUS, rom. e it. merid. trei < TRES, oltre per l'appunto, alle forme pronominali rom., vegl. e it. noi < NOS e voi < VOS. Nei polisillabi questo sviluppo si mostrerebbe con minore evidenza, perché qui /y / si sarebbe fusa con la vocale atona precedente, o sarebbe caduta: si pensi all'it. ant. cante (it. mod canti, tosc. sett. canta, rom. cânţi < CANTAS; it. vedi, rom. vezi < VIDES, e così via.

  8. Il Brasile, i Brasili e Brasilia: o desafio de traduzir Gilberto Freyre para o italiano

    Nicoletta Cherobin

    2015-12-01

    e não preponderantemente cívico ou nacional”. Devido ao estilo típico do intelectual nordestino, a discussão concentra-se primeiramente na reflexão teórica ligada à importância da presença ativa do tradutor dentro do texto traduzido e, em seguida na demonstração dos exemplos considerados mais representativos e das soluções encontradas acerca da complexa sintaxe freyriana e do uso de construções verbais que não têm correspondência direta em língua italiana. Nesse caso, a tradução pode apresentar alterações da estrutura sintática do texto de partida, levando à criação de um texto novo. No caso específico desta análise, em Brasis, Brasil e Brasília a riqueza léxico-semântica e a complexa estrutura sintática se fundem em uma língua de grande força expressiva, e especialmente rica do ponto de vista da identidade nacional brasileira, que nem sempre foi fácil traduzir em italiano.

  9. Spreading knowledge in medical informatics: the contribution of the hospital Italiano de Buenos Aires.

    Gonzalez Bernaldo de Quiros, F; Luna, D; Otero, P; Baum, A; Borbolla, D

    2009-01-01

    Medical Informatics (MI) is an emerging discipline with a high need of trained and skillful professionals. To describe the educational experience of the Department of Health Informatics of the Hospital Italiano de Buenos Aires. A descriptive study of the development of the Medical Informatics Residency Program (MIRP) and the e-learning courses related to medical informatics. A four-year MIRP with 15 rotations was started in 2000, and was awarded national educational accreditation. Eight residents have been fully trained and their main academic contributions are shown in this study. The e-learning courses related to medical informatics (Healthcare Management, Epidemiology & Biostatistics, Information Retrieval, Computer Literacy started, 10x10 Spanish version and HL7 introductory course) started in 2006 and were followed by more than 2266 students from all over the world, with an increase trend in foreign students. These educational activities have produced skilled human resources for the development and maintenance of the health informatics projects at our Hospital. In parallel, the number of students trained by e-learning continues to increase, demonstrating the worldwide need of knowledge in this field.

  10. O pensamento corporativo em Miguel Reale: leituras do fascismo italiano no integralismo brasileiro

    João Fábio Bertonha

    2013-12-01

    Full Text Available O jurista Miguel Reale se destacou no movimento integralista brasileiro por vários motivos. Em primeiro lugar, pelo cuidado especial com que se dedicou à questão da organização do futuro Estado integralista. Em segundo, pela sua preocupação social, de atingir os operários e resolver a chamada 'questão social' a partir da reorganização do Estado e da aplicação da doutrina corporativista. E, por fim, pela sua formação, tanto pessoal como educacional, a qual foi muito marcada pela cultura italiana, o que levou a uma especial influência do fascismo italiano em seu pensamento e em sua ação política. Este artigo procura explorar a concepção de Estado em Miguel Reale, a diferença entre o seu pensamento e o dos outros líderes do integralismo (como Plínio Salgado e Gustavo Barroso no tocante ao Estado, e como ele elaborou o programa corporativista do movimento.

  11. O romanesco no cinema italiano do pós-guerra

    Annita Gullo

    2017-12-01

    Full Text Available Este artigo analisa o uso do romanesco, a variedade dialetal urbana de Roma, no cinema italiano do pós-guerra, utilizando três fi lmes como corpus de referência: Roma città aperta (1945, de Roberto Rossellini; Il sorpasso (1962, de Dino Risi; e Viaggi di nozze (1995, de Carlo Verdone. Os objetivos principais são: a observar o uso do romanesco nos fílmes dos três períodos históricos abordados, tendo o apoio teórico de Sergio Raffaelli (1992, Eusebio Cicotti (2001 e Fabio Rossi (1999, 2006, 2007; b verifi car o grau de formalidade/informalidade das falas fílmicas. O critério de seleção dos três fi lmes foi a presença dos fenômenos fonéticos, considerados reveladores da variação diafásica. A maior ou menor frequência de tais traços permitiu identifi car o nível de formalidade/informalidade nas falas dos atores de cada fi lme e constatar como se manifesta o continuum linguístico romano.

  12. I giovani e la democrazia in Portogallo: alla ricerca di un nuovo paradigma?

    Marco Lisi

    2012-08-01

    Full Text Available In Portogallo, al pari degli altri paesi europei, la disaffezione e l’apatia politica sono assai sviluppate, soprattutto tra le giovani generazioni. L’articolo utilizza i dati dell’indagine sulla qualità della democrazia per analizzare la relazione tra giovani e politica in Portogallo. La partecipazione non convenzionale e la mobilitazione cognitiva si stanno affermando, ma in maniera minore rispetto ad altri paesi, sebbene anche in Portogallo le mobilitazioni di protesta siano aumentate a seguito della crisi economica. La peculiarità del caso portoghese può essere spiegata come facendo riferimento alla breve storia democratica e alle caratteristiche del sistema politico.

  13. Approcci innovativi alla mobilità urbana: il caso di Istanbul

    Cecilia Scoppetta

    2010-02-01

    Full Text Available  L'attuale assetto dell'area metropolitana di Istanbul evidenzia con chiarezza il rapporto tra sistema della mobilità urbana ed espansione incontrollata del costruito. Gli strumenti di pianificazione utilizzati nel passato si sono rivelati inefficaci ed hanno prodotto una città in larga parte illegale che oggi appare ingovernabile. Tuttavia anche i nuovi strumenti del piano strategico e del progetto urbano sembrano mostrare i propri limiti. Una maggiore integrazione tra politiche urbane ancora troppo settoriali può contribuire alla definizione di approcci realmente innovativi.

  14. La crescita di Gesù nello Spirito Santo alla luce di Lc 4, 1. 14

    Piotr Florencjan Szymański

    2006-01-01

    L’autore analizza i due versetti di Lc (4, 1. 14) in cui appare in modo evidente il legame fra Gesù e lo Spirito Santo nel contesto della tentazione del Signore da parte del diavolo. L’indagine di Lc 4, 1 mostra che Gesù, come in Mt e Mc, fu condotto nel deserto dallo Spirito che Egli ha ricevuto al battesimo. Grazie alla forza dello Spirito, Gesù è capace di affrontare il diavolo nella lotta iniziale decisiva e poi compiere fedelmente la sua missione. Realizzandola il Sig...

  15. The Help-line "Invito alla Vita": a new project for suicide prevention in Trentino region.

    Di Napoli, Wilma; Andreatta, Olaf

    2014-11-01

    "Invito alla Vita" is a community-based suicide prevention project that officially started in Trentino in late 2008. The project was promoted by the local Health Services, trying from the beginning to involve other community subjects, and has been working over five years and a half in different directions, particularly promoting a phone help-line. The aims of the Invito alla Vita (IaV) Help Line have been clear from the beginning: decrease the sense of loneliness, offer encouragement and support, promote engagement with health services, reduce stigma and prejudice. Contrary to popular misconceptions, talking with people about suicide will not increase suicide risk, neither will it induce patients to commit suicide.The volunteers involved in the IaV help-line offer people empathic listening without judgment and easy tips, to reduce loneliness, sadness and supply reassurance that other people care. In this study we tried to deepen our knowledges about the volunteers' motivations and necessities to use them for creating a better system of support: we realized indeed that continuous training and supervision, along with official awards given by community institutions, are basic factors to sustain the volunteers' motives to cooperate with the help line.

  16. Um exemplo de análise contrastiva: o grafema r/rr em português e italiano

    Lúcia Fulgêncio

    2011-10-01

    Full Text Available Neste trabalho é apresentado um exemplo de análise contrastiva entre a língua italiana e o português falado no Brasil, do ponto de vista fonético. Tomam-se os sons grafados ou e examinam-se as suas possibilidades re realização fonética em cada língua, individualmente, identificando o contexto de produção de cada realização fonológica. Posteriormente, comparam-se os sistemas fonológicos das duas línguas quanto a esse aspecto, indicando os ambientes de simetria ou dissimetria estrutural. A evidência dos ambientes onde ocorre dissimetria na realização de / pode ser útil para o professor de italiano para brasileiros (ou vice-versa, já que provavelmente esses ambientes constituirão pontos de maior dificuldade na aprendizagem da produção.In questo studio si presenta un essempio di analisi contrastiva a livello fonetico tra la ligua italiana e quella portoghese parlata in Brasile. Per ognuna delle due lingue vengono analizzate le possibilità di realizzazione fonetica dei grafemi o definendo il contesto di ogni realizzazione fonologica. In seguito sono comparati i sistemi fonologici dell’italiano e del portoghese per quanto concerne il tema proposto, e vengono indicati gli ambienti di simmetria e asimmetria strutturale. Mettere in risalto gli ambienti di asimmetria nella realizzazione di / può riverlarsi di grande utilità al professore di italiano a brasiliani o viceversa, dato che l’apprendimento dei suoni che ne risulta costituisce, probabilmente, non poca difficoltà.

  17. Plan de Marketing para la implantación de la cadena minorista Día en el mercado italiano

    Sánchez-Molina Pando, Aarón

    2015-01-01

    RESUMEN: La empresa Día es una de las principales líderes de la distribución en España que decide estudiar la posibilidad de entrar en el mercado italiano. Está presente en España, Portugal, Brasil, Argentina y China. Tras analizar la situación actual en los mercados en los que se encuentra y la situación del mercado potencial tanto a nivel de macroentorno (PIB, deuda, paro, demografía y salario medio) como de microentorno (competencia, proveedores y clientes), la empresa elaborará un anál...

  18. Enseñanza y aprendizaje del italiano para profesores de español como lengua extranjera en la Universidad de Oriente

    MSc. Yessy Villavicencio-Simón

    2015-11-01

    Full Text Available El objetivo del artículo es ofrecer algunas particularidades de laenseñanza y el aprendizaje del italiano para los profesores deespañol como lengua extranjera (ELE en la Universidad deOriente, debido a que en muchas ocasiones deben impartir español a hablantes nativos de italiano. El conocimiento de las características y el funcionamiento de la lengua italiana le posibilitan al profesorado de español, la comprensión de las dificultades de sus estudiantes italófonos.

  19. CONTRA O FASCISMO E CONTRA MUSSOLINI: AS ESTRATÉGIAS DOS SOCIALISTAS ITALIANOS DE SÃO PAULO NA LUTA CONTRA O FASCISMO, 1923-1934

    Bertonha, João Fábio

    2011-01-01

    Entre 1923 e 1942, os fascistas italianos agiram sistemática e consistentemente na tarefa de conquistar os corações e as mentes dos italianos e seus descendentes que habitavam o Estado de São Paulo.' Seu esforço foi, de fato, intenso: ampliação da rede consular, implantação de organismos fascistas (como os 'Dopolavoro' e os 'fasci ali estero') em São Paulo, conquista da imprensa, das associações e das escolas italianas (...) O fascismo não poupou tempo e dinheiro na conquista da coletividade ...

  20. Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede

    Daniela Milani

    2013-10-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora: una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede  – 5. (segue contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

  1. Pono tibi istam: “Tu curris”.Uno sguardo alla teoria medievale delle obbligazioni

    Riccardo Strobino

    2008-12-01

    Full Text Available La teoria delle obbligazioni rappresenta un significativo esempio di come un insieme di tecniche logiche possa essere applicato, in maniera feconda, a contesti disputazionali in cui la dimensione dialogica e l’interazione tra soggetti coinvolti in un confronto dialettico hanno un ruolo di primo piano. L’attenzione che numerosi studiosi hanno manifestato nei confronti di questa parte della logica modernorum negli ultimi quarat’anni testimonia la profondità e la difficoltà dei problemi teorici che stanno alla base della teoria. Molte interpretazioni sono state avanzate circa le motivazioni che spingono i logici medievali a scrivere trattati in cui il portato delle loro dottrine logiche – come, ad esempio, la teoria delle consequentiae - viene declinato ed elaboratamente applicato al gioco dialettico tra due disputanti. La gamma di tali letture comprende differenti ipotesi: la teoria delle obbligazioni potrebbe fornire un nucleo di regole per l’impostazione di un metodo assiomatico rudimentale così come rappresentare un tentativo di elaborare esercizi volti a valutare le capacità logiche degli studenti o, ancora, un gioco teorico, svincolato dall’effettiva applicazione a contesti concreti, la cui finalità sarebbe il mantenimento della coerenza logica. E’ stata sostenuta da più interpreti la funzione pedagogica svolta dalla teoria, al di là del fatto che si tratti o meno di un metodo per la conduzione effettiva di dispute reali. Un’altra linea interpretativa collega la teoria delle obbligazioni al contesto della letteratura dei sophismata e degli insolubilia, dal cui repertorio, in effetti, sono spesso tratti molti degli esempi che si incontrano nella lettura dei trattati de obligationibus. In questo senso, la teoria offrirebbe regole e schemi di risposta che un interlocutore deve utilizzare per risolvere o rispondere a enunciati problematici o paradossali. Non si può escludere, inoltre, che nella teoria si realizzi un

  2. Ciudades y aldeas del Nuevo Mundo en los documentos de los mercaderes y viajeros italianos del Quinientos

    Orlandi, Angela

    2016-06-01

    Full Text Available The aim of this paper is to examine the formation of urban and rural centers and agricultural landscapes in the New World through the accounts of Italian travelers to the Americas during the sixteenth century, whereby they described the building techniques used in towns and villages. Although not exhaustive, the picture that emerges presents an interesting perspective on the architectural style of houses, manufacturing facilities and public or religious buildings, which in some cases seem to be by inspired by the Italian Renaissance.Se intenta aclarar la formación de los centros urbanos y agrícolas del Nuevo Mundo a través de los documentos de los viajeros italianos en las Américas durante el siglo XVI. Los viajeros describían los procesos constructivos de ciudades y aldeas. De estos relatos emerge una situación que, aunque no exhaustiva, presenta interesantes aspectos de las arquitecturas de las casas, de las estructuras productivas y de edificios públicos o religiosos que, en algunos casos parecían influenciadas por el gusto del Renacimiento italiano.

  3. LA INCURSIÓN DE LA SALSA CHIMICHURRI EN EL MERCADO ITALIANO: ANÁLISIS DEL POTENCIAL EXPORTADOR

    María Guadalupe Arredondo-Hidalgo

    2017-10-01

    Full Text Available La presente investigación tuvo como objetivo evaluar la factibilidad de una pequeña empresa guanajuatense que produce salsa chimichurri para incursionar en el mercado italiano. Se realizó un análisis del potencial exportador a partir de cuatro dimensiones: a desarrollo del producto, b eficiencia en la producción, c estructura comercial y de mercadotecnia internacional, y d gestión comercial. Se analizaron también diferentes aspectos tales como la semejanza entre México y el país de destino para vender el producto. Se parte de la hipótesis de que la empresa es sujeta de internacionalizarse a partir de las adaptaciones al mercado italiano, y de la planeación interna de la misma. Se trata de una investigación de alcance descriptivo de corte mixto, basada en la aplicación de un cuestionario y de revisión documental.

  4. LE PAROLE DEI LIBRI NEL "VOCABOLARIO MILANESE-ITALIANO" DI FRANCESCO CHERUBINI. RIFLESSI DEL MONDO EDITORIALE (MILANESE NEL LESSICO DIALETTALE

    Edoardo Buroni

    2016-09-01

    Full Text Available Oltre che come lessicografo e dialettologo, Francesco Cherubini spese gran parte della sua vita professionale occupandosi di libri: il vasto mondo editoriale di stamperie, tipografie e cartiere costituisce uno dei settori specialistici più rappresentati nel Vocabolario milanese-italiano, opera contraddistinta da una particolare attenzione alle voci di arti e mestieri. Questo saggio fornisce un regesto ragionato e commentato di tali lemmi, sottolineando la grande competenza del compilatore e la forte componente autobiografica che emergono dalle “parole dei libri”. Words about books in Francesco Cherubini’s “Vocabolario milanese-italiano”. Reflections of the (milanese world of publishing in dialect As well as being a lexicographer and dialectologist, Francesco Cherubini spent much of his professional life dealing with books: the vast world of publishing, printing and the paper industry was one of the most specialized sectors represented in the Vocabolario milanese-italiano, a work characterized by a particular focus on arts and crafts terminology. This paper provides an annotated summary and comments on such items, emphasizing the great responsibility of the compiler and the strong autobiographical component emerging from the “words of books”.

  5. Sulle ipotesi che stanno alla base della geometria e altri scritti scientifici e filosofici

    Riemann, Bernhard

    1994-01-01

    Il volume raccoglie, oltre al testo della lezione del 1854 che dà il titolo all'opera, alcuni scritti di carattere scientifico e filosofico di Riemann. A saggi di argomento scientifico si affiancano scritti di argomento più direttamente metodologico. La concezione della scienza che ci viene offerta da questi scritti è assai significativa del personaggio e della sua epoca. Per Riemann la matematica non è un mero strumento esteriore da applicare, appunto dall'esterno, ai fenomeni. Al contrario, essa consente di spingersi con il rigore necessario oltre alla superficie dei fenomeni e di penetrare sempre più a fondo nella realtà, nell'ottica di un sistema unitario e quasi metafisico del sapere scientifico.

  6. La nuova Carta Geologica d’Italia alla scala 1:1.250.000

    Marco Pantaloni

    2007-03-01

    Full Text Available Una carta così concepita ha come scopo quello di diffondere in ambito scientifico ma anche, e soprattutto, in ambito didattico, la conoscenza geologica del territorio. L’obiettivo che l’APAT si è impegnato a raggiungere tramite di essa è infatti quello di far arrivare ad un pubblico molto ampio di studiosi, di insegnanti, di studenti e di appassionati, una sintesi delle conoscenze finora raccolte nell’ambito della più recente realizzazione cartografica, la già citata carta geologica alla scala 1:50.000. L’ultima, in ordine di tempo, delle carte a piccola scala realizzate dal Servizio Geologico d’Italia è rappresentata dalla Carta Geologica a scala 1:500.000 pubblicata in 5 fogli durante il periodo 1976-1983.

  7. La teoria della radiazione termica dalla fisica classica alla fisica quantistica

    Planck, Max

    1999-01-01

    La venuta alla luce, nella scienza fisica dei primi anni del Novecento, di elementi assolutamente nuovi prefiguranti il futuro mondo quantistico, è concordemente attribuita all'opera prevalente di Planck e di Einstein, secondo due linee di ricerca profondamente diverse, anche se non lontane risultano le loro concezioni del mondo fisico. Tuttavia, mentre del secondo è facilmente accessibile e sufficientemente nota la produzione scientifica, del primo risulta ancora scarsamente sconosciuta l'ingente produzione di quegli anni, anche perché reperibile, per la maggior parte, solo in lingua originale. Se si tiene presente, inoltre, la comparsa in tempi recenti, della ricostruzione storiografica non tradizionale di T. Kuhn, che ritiene di cogliere, negli scritti di Planck, la permanenza di una struttura integralmente classica fino ad anni successivi al 1906, data di pubblicazione delle Lezioni, risulta naturale convenire sull'opportunità di rendere più agevole l'accesso alle fonti planckiane di quegli anni. ...

  8. Coleridge e il Novecento italiano: Luzi, Fenoglio e Giudici traduttori della Rime of the Ancient Mariner

    Laura Organte

    2015-05-01

    Full Text Available Questo lavoro propone un’analisi stilistica comparativa delle prime tre versioni “d’autore” novecentesche della Rime of the Ancient Mariner – quella di Mario Luzi (1949, quella di Beppe Fenoglio (1955, e quella di Giovanni Giudici (1987, con lo scopo di valutare i rapporti di forza che agiscono di volta in volta fra la tradizione letteraria del testo di partenza, quella della cultura di arrivo e gli idioletti dei traduttori. Verranno dunque messe a confronto in primo luogo le scelte – radicalmente diverse – adottate per trasporre il complesso e rigoroso meccanismo metrico della Rime, i suoi versi brevi e fortemente cadenzati e il fitto sistema delle rime e delle rispondenze foniche. In un secondo momento verrà esaminato l’atteggiamento di ciascun traduttore di fronte alla lingua, e la rassegna delle scelte lessicali sarà, infine, mirata a vagliare le tonalità utilizzate per rendere la difficile miscela messa a punto da Coleridge tra vocabolario poetico e «language really used by men».This paper provides a comparative stylistic analysis of the first three translations “d’autore” of the Rime of the Ancient Mariner published in Italy in the 20th century by Mario Luzi (1949, Beppe Fenoglio (1955 and Giovanni Giudici (1987. Such analysis aims to appraise the relationships acting in the translation process among the literary tradition of the original text, the Italian culture, and the translators’ idiolects. Therefore, the essay will compare the differences among the choices adopted to transpose the complex and rigorous metric mechanism of Coleridge’s Rime, the short and strongly rhythmic verses, and the dense system of rhymes and phonic correspondences. Secondly, the attitude of each translator will be addressed concerning the language, while the review of the lexical choices will finally aim to examine the tonalities deployed to convey the difficult mixture of poetic dictionary and “language really used by man”.

  9. Práticas amigas da família : contributos para a compreensão da sua adesão e eficácia

    Brandão, Ana Filipa Sousa; Silva, Isabel Maria Soares da

    2011-01-01

    O estudo apresentado visa contribuir para a compreensão dos fatores suscetíveis de explicar a adesão às Práticas Amigas da Família (PAF), assim como analisar a eficácia das mesmas. Especificamente, foi analisado o contributo de dimensões como a perceção de apoio à família por parte da organização e a existência de “fontes de apoio” ao nível da adesão às PAF e o compromisso organizacional afetivo, o conflito trabalho-família e o conflito família-trabalho ao nível da sua eficácia. Os dados f...

  10. Atividades Agrícolas dos Imigrantes Italianos e seus Descendentes na Microrregião Oeste do Vale do Taquari, Rio Grande do Sul/Brasil

    Janaíne Trombini

    2017-12-01

    Full Text Available Os imigrantes italianos que chegaram a partir das últimas décadas do século XIX no RS estabeleceram-se na encosta superior do planalto, precisamente entre os vales dos Rios Caí e das Antas, e dedicaram-se às atividades agropecuárias. Após esta ocupação avançaram sobre novas terras e a partir do final da década de 1880, atingiram áreas que posteriormente passaram a denominar-se Vale do Taquari. O objetivo do estudo consiste em analisar as atividades agrícolas dos imigrantes italianos e seus descendentes na Microrregião Oeste do Vale do Taquari e as relações com o ambiente. A metodologia da pesquisa é qualitativa e os procedimentos metodológicos consistem na pesquisa bibliográfica e documental, pesquisa de campo com elaboração de diários e entrevistas com descendentes de italianos. Constatou-se que as práticas envolvendo atividades agrícolas, tais como cultivo do milho, trigo, uva, feijão e a criação de animais como gado, porcos e galinhas em áreas da Microrregião Oestes pelos imigrantes italianos e seus descendentes acarretaram significativos impactos ambientais.

  11. Il grido di Abacuc. La questione ecologica alla luce delle istanze del giusnaturalismo cristiano contemporaneo

    Cristiana Maria Pettinato

    2014-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Ecologia e religioni. Il rapporto uomo-natura nella visione escatologica dell’unità tra creazione e storia. Critiche all’antropocentrismo cristiano e derive panteistiche - 2. Chiesa cattolica e questione ecologica. Il nuovo imperativo categorico: l’ecologia umana nel Magistero pontificio post-conciliare - 3. L’ecologia umana come preoccupazione comune alle principali Chiese cristiane- 4. Riflessioni sulla causa del disastro ecologico umano-ambientale: la soluzione del problema nella natura giuridica della persona umana. Abstract In the present work – based on a suggestion coming from the Scriptures- we investigated the relashionship between human disobedience to the commands of God and the revolt of the creation that manifests in the natural upheavals.Become one of the most challenging cultural issues for the modern world, even the religious faiths reflect on the ecological question, because it regards the deep relashionship between man and all over the world created.But the ebraic-christian monotheism develops an ontological doctrine of creation purposeful orientated toward redemption.The christian revolution is that man is the centre of the universe and ontological different from the others creatures, in respect of which is vested of responsability. But humanity power has become limitless, consequently new methaphisic and religious tendences offer a vision of nature deified (Deep ecology-Gaia, in which man depersonalized is privated of moral and legal responsibility.In post-conciliar magisterium Catholic Church addresses the ecological problem interpreting it as an anthropological question.It’s useless taking care of the environment without priority to the human rights. This is one of the most important principle of Social Doctrine of Catholic Church. The ecological disaster is an human fault, and the solution of this emergency is a revaluation of natural law, a duty for the common

  12. La lingua2 nel Web. Prospettive digitali per la didattica dell’italiano a stranieri

    Roberto Quaggia

    2013-07-01

    Full Text Available L'articolo si compone di due parti. Nella prima si espongono alcuni punti focali del dibattito sul rapporto tra glottodidattica e tecnologie digitali (dai dispositivi mobili ai software per la comunicazione, fino agli attuali socialnetwork. In particolare l’attenzione è rivolta sul fatto che la lingua della comunicazione digitale costituisce una varietà linguistica dal confronto con la quale l’insegnamento di una L2 non può ormai prescindere, e che le tecnologie digitali della comunicazione, se correttamente adottate fuori e dentro la classe, consentono di ridurre il confine tra apprendimento guidato e acquisizione spontanea di una lingua seconda. Filo conduttore della riflessione è il concetto di “competenza comunicativa digitale”, che si aggiunge alle componenti della competenza linguistico-comunicativa indicate dal Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. Nella seconda parte del lavoro, dal taglio più didattico, si presenta una serie di strumenti e di esperienze di insegnamento/apprendimento della L2 con l’uso delle tecnologie digitali. In particolare ci si sofferma sulle opportunità offerte dal Web 2.0, simulando la creazione di una piattaforma per l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2 completamente online. Non si tratta di una semplice piattaforma per l’e-learning (o d-learning, ma di una vera e propria rete per l’insegnamento, l’apprendimento, la comunicazione e la formazione che trasforma il modo in cui si usa, si apprende e si insegna una L2. L2 on the Web. Digital perspectives for teaching italian to foreignersThe article consists of two parts. In the first we illustrate some focal points in the debate on the relationship between language teaching and digital technologies (from mobile devices to communication software and current social networks. In particular, we focus on the fact that the language of digital communication is a linguistic variety which L2 teaching can no longer ignore, and

  13. Funzioni identitarie dell'alternanza linguistica in apprendenti di italiano durante lo svolgimento di attività in gruppo

    Roberta Ferroni

    2013-12-01

    Full Text Available Questo articolo indaga, servendosi degli strumenti teorici messi a disposizione dall’analisi della conversazione, coadiuvata da una serie di nozioni e riferimenti tratti dagli studi che esaminano la struttura dell’interazione nella classe di lingua, i diversi usi che gli apprendenti di italiano LS fanno delle lingue presenti nella classe, specialmente della loro LM, durante lo svolgimento di attività di gruppo per dare voce alle multiple identità che costituiscono ciascun individuo. Dallo studio emerge che l’identità degli apprendenti è in continua trasformazione. Infatti, per potersi affermare, gli apprendenti dovranno “interpretare” un insieme di ruoli che cambiano e che dovranno negoziare in base al contesto d’interazione

  14. Italiano a São Paulo: lingua materna, etnica, o lingua straniera da imparare e da insegnare? Come insegnarla?

    Loredana Caprara

    2006-08-01

    Full Text Available O italiano no Brasil, de língua materna e étnica, torna-se cada vez mais língua estrangeira a ser aprendida em cursos formais, escolas e universidades. Coloca-se o problema da formação adequada, cultural e lingüística dos professores, à qual os cursos universitários atuais reservam, a nosso ver, um número insuficiente de horas aula. Pensa-se na possibilidade de ampliar informalmente a oferta de aulas complementares para proporcionar uma melhor assimilação lingüística e cultural, mediante conversação e leitura, e chegar, assim, a um ensino mais amplo e rico.

  15. La materialización del Circuito Italiano de Turismo Rural (CITUR, Colombo–PR: verticalidades, horizontalidades e intencionalidades

    Luciano Zanetti Pessôa Candiotto

    2009-10-01

    Full Text Available Este artículo aporta algunas consideraciones teóricas de Milton Santos que han servido a esta investigación, y también la búsqueda por explicar empíricamente los conceptos de verticalidades, horizontalidades e intencionalidades debatidos por el autor. Teniendo como tema de investigación una ruta turística llamada Circuito Italiano de Turismo Rural (CITUR, con sede en la ciudad de Colombo-PR y la inclusión de los agricultores familiares en el mismo, se habla acerca de las verticalidades, horizontalidades e intencionalidades en la génesis y la implementación del CITUR. Con base en la manifestación empírica de estos tres conceptos, se procura conocer e interpretar las acciones y las personas interesadas en el lugar y sus habitantes, a través de las horizontalidades; las acciones de interés para los actores hegemónicos y las personas que difunden éstos a través de las verticalidades; y los objetivos (intencionalidades que están implícitos en estas acciones y que a menudo no se producen en la simple retórica de los sujetos sociales. Con el fin de presentar algunos resultados de la investigación, se han identificado los actores y las acciones que condicionaron la materialización del Circuito Italiano de Turismo Rural (CITUR. Por tanto, se explican aquí las principales verticalidades y horizontalidades presentes en la génesis e implantación del CITUR, así como las intenciones de los actores e instituciones involucrados.

  16. Le Comunità greca e illirica di Trieste: dalla separazione ecclesiastica alla collaborazione economica (XVIII - XIX secolo)

    Miklic, Vanja

    2014-01-01

    2012/2013 Nel XVIII secolo, in seguito alla dichiarazione del Porto franco, Trieste si trasformò in una città-porto cosmopolita. Le nuove comunità etnico-religiose, e in particolar modo i greci, gli illirici e gli ebrei usufruirono della favorevole politica economica, dei privilegi commerciali ma soprattutto dell’alto livello di tolleranza religiosa garantiti dal governo asburgico. Questo atteggiamento imperiale contribuì a consolidare la fiducia delle comunità immigrate nel governo centra...

  17. Il caso della letteratura ucronica italiana. Ucronia e propaganda nella narrativa italiana.

    Emiliano Marra

    2014-05-01

    Full Text Available Oggetto dello studio sono le narrazioni ucroniche italiane del secondo dopoguerra, in comparazione con le principali opere anglosassoni del genere e in relazione con i movimenti di estrema destra. La problematica viene inquadrata con un approccio storico e le opere sono confrontate con i modelli stranieri in un'ottica comparativa. La prima parte offre un quadro generale e sintetico dello stato degli studi intorno a questa forma narrativa, la seconda è la descrizione della panoramica storica del genere nell'ambito italiano, mentre la terza parte si focalizza sulle polemiche ideologiche sollevate da alcune opere esaminate e sul confronto fra queste e i principali romanzi in lingua inglese a cui si rifanno esplicitamente. Lo studio si propone come contributo originale alla questione ed è basato su una raccolta documentaria oltre che sull'analisi tematica dei testi presi in esame.

  18. Il giorno della laurea di Giovanni Meola. Dal testo alla scena

    Armando Rotondi

    2016-06-01

    Full Text Available Quando Giovanni Meola, drammaturgo e regista indipendente, mi ha chiesto di seguire la genesi de Il giorno della laurea, andato poi in scena con Cristiana Dell‟Anna ed Enrico Ottaviano dal 26 aprile al 1 maggio 2016 presso la Sala Ridotto del Teatro Stabile di Napoli-Teatro Nazionale (noto molte volte semplicemente come Teatro Mercadante, ho accettato con grande entusiasmo. E seppure io abbia avuto modo di seguire solo parzialmente le prove, ho raccolto comunque materiale prezioso per questa piccola monografia. Il lavoro critico che segue è stato anticipato da una serie di articoli giornalistici da me firmati e pubblicati su “EffettoNapoli.it” il 17, il 24 e il 30 Aprile e da un seminario dal titolo “Nuova letteratura drammatica contemporanea – Incontro con Giovani Meola, Cristiana Dell‟Anna ed Enrico Ottaviano” (28 aprile 2016, da me organizzato e che si è svolto nell'ambito dell‟insegnamento di Letteratura Italiana presso l‟Università degli Studi di Napoli “L‟Orientale”. Nell'approcciarmi alla stesura di questa breve monografia, ho utilizzato pertanto i precedenti articoli come primo schema per ampliare alcuni elementi che, in taluni casi, erano stati appena toccati per motivi propri di spazio, necessariamente limitato nel giornalismo on-line.

  19. L’AUTOBIOGRAFIA LINGUISTICA NELL’INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELL’ITALIANO L2/LS

    Andrea Groppaldi

    2010-09-01

    Full Text Available L'autobiografia linguistica è una attività particolarmente utile nell'insegnamento-apprendimento di una lingua straniera. L'apprendente immigrato è invitato a narrare in prima persona le esperienze linguistico-comunicative nella propria L1, nella L2 /LS che sta apprendendo e/o nella lingua seconda che ha acquisito come lingua di comunicazione e di studio nel suo paese di origine, le relazioni umane ed emotive che accompagnano  o hanno accompagnato queste esperienze, le situazioni che ne hanno favorito o ostacolato l'apprendimento. Con l'autobiografia linguistica l'apprendente straniero costruisce, attraverso la scrittura e quindi attraverso un processo di esplicitazione e di riflessione consapevole,  un ponte tra "là" e "qui", tra paese d'origine e il paese di arrivo, tra la vita "prima" e la vita "dopo" lo strappo della migrazione. Ricompone e dà senso alla propria storia, nelle due lingue, esprime affetti ed emozioni, rinomina il mondo e se ne riappropria ricostruendo insieme la propria identità, esplora se stesso e si fa conoscere ai suoi pari e all'insegnante in un rapporto di condivisione e di comprensione reciproca: si crea un contesto non di integrazione, ma di inclusione. A sua volta il docente può meglio comprendere le strategie di apprendimento dell'apprendente, la sua personalità, le sue difficoltà e progettare strategie didattiche più efficaci, perché più individuali e orientate al successo nella comunicazione e nell'apprendimento.   Linguistic autobiography is especially useful in the teaching and learning of a foreign language. The foreign learner is asked to narrate, in the first person, his/her linguistic-communicative experiences in their L1 and in the L2/FL which they are learning and/or in the second language they have acquired for communication or study in their home country, focusing on the emotional and human relationships which accompanied this experience and the situations which encouraged or blocked the

  20. L’ITALIANO DELLE GUIDE TURISTICHE: UNO STUDIO DELLA LINGUA ORALE DEL TURISMO

    Elena Mauri

    2014-07-01

    Full Text Available Oggetto di questo articolo è il linguaggio orale delle guide turistiche, una produzione linguistica «speciale», difficilmente reperibile e scarsamente analizzata, e si pone come obbiettivo quello di evidenziarne alcuni dei tratti più tipici in relazione ad una delle figure professionali tra le più rappresentative di una comunicazione orale turistica tra esperto e pubblico: la guida turistica. La prima parte dell’articolo è dedicata alla definizione del linguaggio del turismo e, in particolare, alle caratteristiche dal discorso orale delle guide turistiche, esito della mediazione tra linguaggio di specialità e lingua comune. Nella seconda parte viene introdotta e sviluppata l’analisi linguaggio orale delle guide turistiche a partire da un corpus costituito da diciotto file di trascrizione di registrazioni di visite guidate, in lingua italiana, svolte da guide turistiche straniere all’estero. Dallo studio effettuato è emerso come le scelte linguistiche dell’operatore professionale si declinino in funzione delle esigenze e delle caratteristiche del destinatario: ad un turista desideroso di «vedere», «conoscere» e «identificare» nello spazio ciò di cui si parla, la guida turistica risponde con un ampio impiego del verbo «chiamarsi» e di componenti grammaticali e lessicali (verbi, avverbi e preposizioni di luogo, aggettivi dimostrativi con un forte valore locativo.   Tourist guide italian: a study of the oral language of tourism   Elena Mauri    The object of this article is the oral language of tourist guides, a “special”, hard to find and poorly analyzed type of language production. The objective is to highlight some of the most typical features in relation to one of the most representative professionals in oral tourist communication, between expert and public: tourist guides. The first part of the article is devoted to the definition of the language of tourism and, in particular, to the characteristics of the

  1. Efficacia della scuola paritaria e della scuola statale in Italia: un confronto alla luce dei dati delle prove Invalsi 2016

    Andrea Bendinelli

    2018-03-01

    Full Text Available Obiettivo del lavoro è fornire un’analisi del rendimento degli studenti nei tests nazionali di italiano e matematica in relazione al tipo di scuola frequentata, pubblica o privata, utilizzando il dataset delle indagini Invalsi. Dapprima sono state esaminate le caratteristiche degli studenti che frequentano rispettivamente la scuola pubblica e la scuola privata. Successivamente i dati sono stati elaborati mediante modelli di regressione multilevel a due livelli, studente e scuola. Tenendo sotto controllo le caratteristiche degli studenti, non vi è differenza di risultati nei test di italiano e matematica tra scuola pubblica e privata nella scuola primaria e secondaria di primo grado, mentre nella scuola secondaria di secondo grado gli istituti statali, in particolare i licei, raggiungono in genere risultati migliori degli omologhi istituti privati. This paper aims to provide an analysis of Italian students performance in language and mathematical tests in relation to the public or private nature of the school they attend, using the dataset of the Invalsi national surveys. First the characteristics of pupils attending public schools in comparison of those of pupils attending private schools are examined. Secondly a series of multilevel analysis have been carried out on the same data. The results show that controlling for pupils characteristics such as social background and level of competence in entrance there is no appreciable difference in standardized tests performance between public and private schools in primary and lower secondary education. Instead in upper secondary education, public schools perform better than private ones.

  2. Interoperabilità dei dati territoriali: il GN si dota di un nuovo servizio per la trasformazione di coordinate per l’intero territorio italiano

    Salvatore Costabile

    2013-03-01

    Full Text Available Il servizio di trasformazione di coordinate (CTS, Coordinate Transformation Service è uno dei servizi ditrasformazione geometrica previsti dall’implementazione della direttiva 2007/2/CE INSPIRE. Le applicazioniWEB e WCTS messe a disposizione dal Geoportale Nazionale consentono a tutti gli utenti di eseguiretrasformazioni di coordinate sull’intero territorio italiano impiegando i grigliati rilasciati dall’IstitutoGeografico Militare Italiano (IGM.Abstract The Coordinate Transformation Service (CTS is one of theservices provided by the implementation of the geometric transformation of the INSPIRE Directive 2007/2/EC. WEB applications and WCTS service are provided by the National Geoportal (Geoportale Nazionale allowing all users to perform coordinate transformations on the entire Italian territory using also detailed grid value released by IGM (Italian Military Geographical Institute.  

  3. Interoperabilità dei dati territoriali: il GN si dota di un nuovo servizio per la trasformazione di coordinate per l’intero territorio italiano

    Salvatore Costabile

    2013-03-01

    Full Text Available Il servizio di trasformazione di coordinate (CTS, Coordinate Transformation Service è uno dei servizi ditrasformazione geometrica previsti dall’implementazione della direttiva 2007/2/CE INSPIRE. Le applicazioniWEB e WCTS messe a disposizione dal Geoportale Nazionale consentono a tutti gli utenti di eseguiretrasformazioni di coordinate sull’intero territorio italiano impiegando i grigliati rilasciati dall’IstitutoGeografico Militare Italiano (IGM. Abstract The Coordinate Transformation Service (CTS is one of theservices provided by the implementation of the geometric transformation of the INSPIRE Directive 2007/2/EC. WEB applications and WCTS service are provided by the National Geoportal (Geoportale Nazionale allowing all users to perform coordinate transformations on the entire Italian territory using also detailed grid value released by IGM (Italian Military Geographical Institute.

  4. I beni immobili confiscati alla criminalità organizzata in Lombardia

    Mattia Maestri

    2016-07-01

    Full Text Available L’articolo compie una ricognizione della presenza e della distribuzione geografica dei beni immobili confiscati alla criminalità organizzata in Lombardia. Ne propone un’analisi quantitativa, utilizzando i dati messi a disposizione da ANBSC (Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati e da Libera Lombardia. E integra questa prospettiva con una analisi qualitativa condotta sul campo che permette di evidenziare significativi esempi di best practices nel riutilizzo sociale degli stessi beni. Nell’ambito di questa sezione della ricerca vengono anche considerati alcuni fondamentali indicatori: le caratteristiche strutturali del bene immobile, il suo rapporto con la memoria collettiva, la sua notorietà pubblica e le funzioni e le attività che vi vengono svolte. Ne emerge un modello lombardo del riuso sociale contrassegnato da alcune interessanti criticità. The paper analyzes the presence and the geographical distribution of real estate confiscated assets from organized crime. Using data made available by The National Agency of Confiscated Property and Libera association, it provides a quantitative analysis integrated with a qualitative approach on the field with the purpose to highlight examples of best practices in the social re-use of these confiscated assets. In this qualitative analysis are also taken into account some key indicators: the asset’s structural features, its relationship with memory, its public reputation and the activities made inside it. Finally, it emerges a Lombard model of social reuse marked by some interesting criticalities. Key words: Confiscated property, Lombardy, Social business, Best practices, Memory

  5. Il sorriso del conte zio. Manzoni, Sade e l’omaggio alla Vergine

    Fabio Camilletti

    2016-07-01

    Full Text Available Il saggio esamina la figura della Lucia di Manzoni alla luce del ‘tipo’ letterario della ‘fanciulla perseguitata’, al crocevia fra agiografia, letteratura libertina, romanzo sentimentale, narrativa gotica e letteratura romantica. In particolare si sofferma, anche attraverso un’analisi comparata dei frontespizi de I promessi sposi e dell’edizione del 1791 di Justine, sulle affinità e le divergenze fra la Lucia di Manzoni e l’eroina di Sade, sostenendone la parentela intertestuale e la specularità, nell’essere entrambe risposte (solo apparentemente antitetiche al problema metafisico del male. In questo senso si sottolinea l’influenza, su Manzoni e Sade, del modello mariano, nei decenni in cui si assiste, per reazione al laicismo illuminista e rivoluzionario, a un rinnovato culto per la Vergine, che culminerà con il dogma dell’Immacolata Concezione (1854 e le apparizioni di Lourdes (1858.   The essay examines the figure of Manzoni’s Lucia in the light of the literary ‘type’ of the ‘persecuted maiden’, at the intersection between hagiography, libertine literature, sentimental novel, Gothic narrative, and Romantic literature. In particular, through a comparative analysis of the frontispieces of I promessi sposi and of the 1791 edition of Justine, it focuses on the similarities and differences between Manzoni’s Lucia and Sade’s eponymous heroine, arguing for an intertextual relationship between the two and suggesting their reciprocal specularity, in being both answers (only apparently antithetical to the metaphysical problem of evil. From this angle, the essay analyzes the influence, on both Manzoni and Sade, of the figure of Mary, in the years witnessing – as a reaction against the secularization promoted by the Enlightenment and the French revolution – to a renewed worship for the Holy Virgin, later culminating in the promulgation of the Immaculate Conception dogma (1854 and the apparitions at Lourdes (1858.

  6. Disputa teologica in un mondo alla rovescia: il dramma su Abramo di Moshè Zacuto

    Ariel Rathaus

    2011-06-01

    The foundation of the world (Yessod 'Olam is believed to be the first Biblical drama written in Hebrew.  It was composed in the first half of the 17th century by the mystical and rabbinical author Moshe Zacuto, who immigrated to Italy from Amsterdam.  In fact the work is mostly based on rabbinic legends about Abraham and his struggle against idolatry, and includes many theological debates between the patriarch and King Nimrod, the pagan tyrant who condemns him to be burnt for his ideas. This paper deals with the ideological background of the drama and the peculiar and paradoxical atmosphere created by the theological debates.  As asserted by several scholars (Berliner, Schirmann. Levy, Zacuto, who was born in a refugees family of  Marrano origin,  alluded in his play to the persecutions of the Jews by the Inquisition in Spain and Portugal. On the other hand, it seems that the play also alludes to 17th Century materialistic philosophy and hedonism, symbolized by the words of Nimrod and his sages.  At any rate, the struggle between Abraham and Nimrod takes place in a highly absurd ideological frame, in which right and wrong are meaningless concepts and true faith is considered as a sort of moral perversion: a reversed world. The paper underlines this hidden and ironic aspect of the play and discusses it, on the basis of some classic works on Carnival reversion, like Cocchiara's Il mondo alla rovescia  and Bakhtin' s Rabelais and his world.

  7. Renewable energy sources and their contribution to gross domestic energy consumption in Italy in years 1992 and 1993; Censimento per il territorio italiano dei dati relativi alle fonti rinnovabili di energia ed al loro contributo al bilancio energetico per gli anni 1992 e 1993

    Menna, P [ENEA, Centro Ricerche, Portici (Italy). Dip. Energia

    1995-11-01

    In 1992, the gross domestic energy consumption in Italy was 167.5 MTOE (including bunkers) while in 1993 it decreased to 165.9 MTOE. The overall electricity demand passed from 244.8 TWh in 1992 to 246.6 TWh in 1993. In the same period, the overall contribution from Renewable Energy Sources (RES) kept almost constant at 5.y consumption. The RES contribution represented a share larger than gross National production of energy in 1992.

  8. Renewable energy sources and their contribution to the gross domestic energy consumption in Italy in the year 1994; Censimento per il territorio italiano dei dati relativi alle fonti rinnovabili di energia ed al loro contributo al bilancio energetico per l`anno 1994

    Menna, P.; Manzo, R. [ENEA, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy). Dip. Energia

    1996-11-01

    The gross domestic energy consumption in 1994 (including bunkers) decreased to 165.8 Mtoe from the 1993 figure of 166.6 Mtoe. At the same time the overall electricity demand reached 253.6 TWh from 246.6 TWh, closely reflecting the 2 contribution of renewable energy sources (hydroelectricity, geothermal, biomasses, solar, wind) to the national energy consumption has been 9 1994. It represented more than 34% of the domestic energy production.

  9. La tutela cautelar del fiador como garantía del futuro reembolso en el derecho italiano

    Francesco Gambino

    2010-06-01

    Full Text Available En este artículo se señalan algunos problemas interpretativos alrededor de las medidas cautelares preventivas y de la acción de relevo por caución en el derecho civil y procesal italianos (la acción de relevo en el derecho colombiano encuentra su similar en el art. 2394 del Código civil. El secuestro y embargo preventivos se fundan en un crédito que ya existe; la acción de relevo en un crédito eventual e incierto. La cuestión está en preguntarse si el deudor, frente a una pretensión crediticia todavía incierta (la del fiador que podría llegar a pagar, deba en todo caso tolerar la invasión en su esfera patrimonial y sufrir la indisponibilidad de los bienes por un valor igual al futuro crédito de regreso.

  10. La tutela cautelar del fiador como garantía del futuro reembolso en el derecho italiano

    Francesco Gambino

    2010-07-01

    Full Text Available En este artículo se señalan algunos problemas interpretativos alrededor de las medidas cautelares preventivas y de la acción de relevo por caución en el derecho civil y procesal italianos (la acción de relevo en el derecho colombiano encuentra su similar en el art. 2394 del Código civil. El secuestro y embargo preventivos se fundan en un crédito que ya existe; la acción de relevo en un crédito eventual e incierto. La cuestión está en preguntarse si el deudor, frente a una pretensión crediticia todavía incierta (la del fiador que podría llegar a pagar, deba en todo caso tolerar la invasión en su esfera patrimonial y sufrir la indisponibilidad de los bienes por un valor igual al futuro crédito de regreso.

  11. Apuntes sobre la exportación del libro italiano en España durante el ventennio fascista

    Rubén Domínguez Méndez

    2013-07-01

    Full Text Available RESUMEN: El presente artículo analiza la introducción de libros italianos en España como parte de la estrategia de propaganda cultural en el extranjero establecida por el fascismo. Como se comprueba en el texto, aunque no fue uno de los objetivos prioritarios en la difusión de una imagen benévola del régimen en el país, si hubo un interés visible en usar este instrumento, aunque fuera de forma remota, como elemento de proselitismo entre la población local. ABSTRACT: This article analyzes the introduction of Italian books in Spain as part of the strategy of cultural propaganda abroad established by fascism. As seen in the text, although it wasn’t one of the priorities in the dissemination of a benevolent image of the regime in the country, if there was a visible interest in using this instrument, even in a remotely way, as a part of the proselytism among the local population.

  12. Grey Water Reuse for Agricultural Purposes in the Jordan Valley: Household Survey Results in Deir Alla

    Sharon B. Megdal

    2012-08-01

    Full Text Available Installation of decentralized grey water treatment systems in small rural communities contributes to a more sustainable water supply. In order to gauge community attitudes about collection and use of grey water, a door-to-door survey in the farming community of Deir Alla, Jordan was conducted by Royal Scientific Society interviewers. Outcomes of a detailed survey, designed specifically for this project, offer insights on people’s views on general water and wastewater issues, as well as their motivation, practices and concerns related to using grey water treatment for a portion of their household wastewater and reuse of the treated grey water for irrigation. A total of 47 respondents from different socio-economic background, aged over 18 years, from this community in the Jordan valley took part in the survey. The level of formal education of the respondents was low, and most of households’ incomes were below the poverty line in Jordan. Most of the respondents reported that the quality of water supplied by public network is acceptable, but the quantity is insufficient to meet their demand, with supplies being delivered to the household once a week. Respondents relied on the public water network as a first-most important resource (85.1%, and 57.4% of the respondent relied on private water tankers as a second-most important resource in addition to the public network. However, 6% of the respondents relied only on private water tankers with no access to the public network. Storage tanks are common practice in all the houses in order to store enough water for at least one week. The survey responses provide evidence that rural communities are willing to accept reuse of treated grey water for irrigation. Furthermore, some of people in the studied area are willing to learn more about grey water treatment and reuse in order to operate grey water systems for irrigation purposes. Water scarcity in this rural area of Jordan is the main determinant of

  13. El acceso de los administradores “no ejecutivos” a la información social en el ordenamiento italiano

    Gianluca Perone

    2013-12-01

    Full Text Available El poder de los consejeros de administración de sociedad por acciones que se encuentren desprovistos de delegación, de adquirir información sobre la gestión social, debe ser bien circunscrito. Este se limita a la potestad de exigir que los órganos delegados comuniquen al consejo todo dato cuya adquisición sea necesaria para el control de la conducta de los administradores ejecutivos y para la concienzuda coparticipación de todos los consejeros en las decisiones de la gestión tomadas colegiadamente. En ausencia de una específica atribución estatutaria, los administradores no ejecutivos resultarían privados de poderes de investigación individual por virtud de los cuales podrían buscar información mediante la realización de inspecciones autónomas en las oficinas de la sociedad, la consulta directa de actas y documentos sociales y/o la interrogación personal de dependientes y colaboradores de la empresa. El ejercicio de poderes de investigación tan extensos e ilimitados no parece, de hecho, coherente con el rol que el nuevo estatuto de la información al interior del órgano administrativo, introducido por el legislador italiano, ha entendido asignar a los consejeros no ejecutivos. Y, más en general, contrasta con la rigurosa delimitación de los deberes de vigilancia y control de los consejeros sobre la actuación de los órganos delegados que, por específica elección legislativa, distingue el renovado equilibrio del órgano administrativo de la sociedad accionaria italiana.

  14. Steps towards an organizational study on human communication and relations: contributions to the ergonomic research on human well-being; Per uno studio della comunicazione e delle relazioni in un sistema organizzato: Contributo alla ricerca ergonomica del benessere dell`individuo

    Salerno, Silvana [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente; Guglielmino, Sabrina [Comune di Roma, Rome (Italy); Valerio, Camillo; Valitutti, Carlo [Centro Studi Sistemi e Relazioni, Rome (Italy)

    1997-02-01

    Human relations and communication have always been studied by bio-disciplines interested in family pathology. Organized work has tied relations with family environment that is the reason why it is possible to project new work environment taking into account the theory of organizational action and the theory of human communication. This preliminary study underlines the theory linkage and show how it is possible the application of techniques used in family relations and communication to work environment. The analysis of human communication, the application of the map of the structure, the test of cohesion and adaptability examples in this direction. The results are really interesting and open new panorama on ergonomic of the human well-being in all organized context.

  15. María Teresa Andruetto: «soy descendiente de italianos, soy mujer, soy latinoamericana, soy del interior, soy de provincia...»

    Ansó, Valeria

    2017-01-01

    Entrevista realizada por Valeria Ansó María Teresa Andruetto es actualmente una de las escritoras argentinas más estudiadas en el ámbito académico italiano en relación a la literatura de migración y los estudios de género. En esta entrevista indagamos acerca de la relación de la autora con la literatura italiana y con su ascendencia de inmigrantes, así como sus ideas sobre la escritura femenina y su experiencia como escritora proveniente del interior del país que, sin embargo, ingresó al circ...

  16. O papel do contraponto no desenvolvimento da harmonia : uma abordagem a partir do baixo contínuo italiano no século XVII

    Gustavo Angelo Dias

    2015-01-01

    Resumo: Neste trabalho propomos uma investigação acerca do desenvolvimento da harmonia entre os séculos XVI e início do século XVIII, com especial ênfase no baixo contínuo italiano do século XVII, segundo algumas das fontes primárias mais relevantes publicadas na Itália neste período. Utilizando o tratado Le Istitutioni harmoniche (1558), de Gioseffo Zarlino como referência principal da teoria harmônica e contrapontística do renascimento, a tese está centrada na comparação entre estes procedi...

  17. Efficacia e indicazioni del counseling e delle strategie educative nel miglioramento della compliance alla ventilazione a pressione positiva continua – CPAP

    Elena Peila

    2017-07-01

    Conclusioni: Le strategie educative sono tecniche efficaci per migliorare l'adrenza alla CPAP anche in popolazioni che abitualmente presentano bassa compliance come i pazienti senza beneficio soggettivo dalla terapia con CPAP o pazienti con comorbilità psichiatrica o cognitiva. Tuttavia sono raccomandati interventi educativi brevi.

  18. L’esilio antifranchista e l'antifascismo italiano. Le relazioni tra José Martínez, Ruedo Ibérico e l’azionismo torinese.

    Bottai, Alessio

    2016-01-01

    Síntesis L’esilio antifranchista e l'antifascismo italiano. Le relazioni tra José Martínez, Ruedo ibérico e l’azionismo torinese. Esta investigación tiene como objeto la historia de las relaciones que se mantuvieron durante más de dos décadas entre un grupo de intelectuales italianos, pertenecientes sobre todo a los azionisti, y algunos exponentes del antifranquismo español. Más específicamente, la tesis se centra en las relaciones activas de solidaridad humana y política que vincular...

  19. L'evoluzione della fisica sviluppo delle idee dai concetti iniziali alla relatività e ai quanti

    Einstein, Albert

    1965-01-01

    Pubblicato in inglese alla vigilia della Seconda guerra mondiale e subito proposto in traduzione, L’evoluzione della fisica dovette aspettare la fine del conflitto per vedere la sua pubblicazione in Italia. Da allora (1948) questo testo non ha più smesso di rappresentare un punto di riferimento obbligato per il concetto stesso di divulgazione scientifica e per la fisica in particolare. Scritto dai protagonisti assoluti della rivoluzione della fisica relativistica e quantistica, ma destinato a un pubblico di non specialisti, il libro che avete tra le mani è il testo fondativo della moderna divulgazione delle idee, la pietra di paragone di ogni altro libro di fisica, che permette di intuire la straordinaria importanza e il valore rivoluzionario della svolta della fisica del Novecento.

  20. Critical load of acid precipitations. Mapping of Italian regions; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, R.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level O method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The results show that the sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions. These areas are in the north-east of Italy, in Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel rapporto vengono riportati i risultati della mappatura, riferita agli ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi critici e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stokholm Environment Institute; a questo metodo semi-quantitativo sono state apportate alcune modifiche per meglio adattarlo alle caratteristiche del territorio italiano. Dall'analisi dei risultati ottenuti, si evince come la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide. Tali aree sono localizzate nell'Italia nord-orientale, in zona alpina e prealpina.

  1. Mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, C.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level 0 method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions in the north-east Italy, Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel presente relazione vengono riportati i risultati della mappatura riferita ad ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stockholm Environment Institute con alcune modifiche per adattarlo meglio alle caratteristiche del territorio italiano. Si dimostra che la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide nelle zone del Nord Est, in zona alpina e prealpina.

  2. SPERIMENTAZIONE DI UNA PROVA INVALSI: PER COSTRUIRE UN CURRICOLO DI LETTURA

    Augusto Campagnolo

    2013-01-01

    Full Text Available Che cosa sono le prove INVALSI? Che cosa valutano e a che cosa servono? E ancora, quale contributo possono offrire alla didattica della lettura? Mentre la scuola italiana è investita da una fase di grandi cambiamenti, docenti e dirigenti devono confrontarsi anche con un nuovo sistema di valutazione che, attraverso le prove Invalsi, sta delineando la scuola del futuro. L’articolo offre un contributo di riflessione sul modello di valutazione proposto dalle prove e aiuta a chiarire il quadro teorico della lettura e comprensione del testo; analizza, infine, una prova di lettura e propone un possibile utilizzo delle prove somministrate di italiano nel curricolo scolastico. New INVALSI testing: building a curriculum for reading  What are INVALSI tests? What do they assess and what are they for? And again, what can they contribute to the teaching of reading? Italian schools are undergoing great change, and teachers and administrators are faced with a new evaluation system, the INVALSI tests, which are shaping the future of the school system. The article offers a reflection on the evaluation model proposed by the tests, helping to clarify the theoretical framework for reading and understanding texts and also analyzes a reading test.  Suggestions for a possible way to use the Italian language tests administered as part of the school curriculum are made.

  3. UNO STUDIO DI CASO SULL’ELABORAZIONE E L’UTILIZZO DEL FEEDBACK SCRITTO IN APPRENDENTI DI ITALIANO L2

    Livia Alberti

    2015-02-01

    Full Text Available Attraverso uno studio di caso che coinvolge due studentesse di italiano L2 di livello elementare/intermedio, si prendono in esame alcuni dei fattori che possono influire sull’utilizzo del feedback scritto da parte degli apprendenti. La raccolta dei dati si è svolta in tre giornate: nella prima le partecipanti hanno scritto un testo collaborativo a partire da una storia per immagini; nella seconda i testi, corretti con un intervento di feedback implicito, sono stati riconsegnati e la coppia ha prima analizzato le segnalazioni ricevute e poi riscritto il testo; nella terza le apprendenti hanno prodotto testi individuali a partire dallo stesso stimolo visivo. Oltre a confrontare le diverse stesure del testo, si analizzano le interazioni avvenute tra le apprendenti durante il lavoro di coppia finalizzato a utilizzare il feedback per produrre il secondo testo collaborativo. I risultati mostrano da un lato che un elevato livello di coinvolgimento nell’elaborazione del feedback non ne garantisce un utilizzo efficace, dall’altro che hanno un peso non trascurabile anche fattori più “personali” come le convinzioni sulla lingua bersaglio e l’atteggiamento nei confronti del lavoro di coppia.  A case study on the development and use of written feedback in Italian L2 learners  Through a case study involving two female elementary/intermediate Italian L2 students, we examine some of the factors that may affect the use of written feedback by the learners. Data collection took place over three days: on the first day, the participants wrote a collaborative text from a picture story; on the second the texts, corrected using implicit feedback, were returned, and the students first analyzed the reports received and then rewrote the text; on the third day the learners produced individual texts from the same visual stimulus. In addition to comparing the various drafts of the text, we analyzed the interactions between the learners during pair work aimed

  4. Las características de los órganos italianos en la época de Antonio de Cabezón

    Donati, Pier Paolo

    2014-12-01

    Full Text Available In 1548 Antonio de Cabezon was able to take a trip to Italy. On that occasion, he could certainly learn and play the organ Italian. New sources and unpublished documents have recently enabled us to identify a new and reliable profi le of the organs of Italian origins. Eliminated false history, errors of chronology and clichés, the acquisition of technical data other than those handed down by tradition have opened a new historical perspective of which is here given an account. Updated illustration of the characteristics of the organs of the Italian Renaissance follow the guidelines of performance practice entailed and a comparison with the Spanish instruments practiced by Antonio de Cabezon.En 1548 Antonio de Cabezón fue capaz de hacer un viaje a Italia. En esa ocasión, él sin duda podría aprender y tocar el órgano italiano. Las nuevas fuentes y documentos inéditos, nos han permitido recientemente para identifi car un perfi l nuevo y confi able de los órganos de origen italiano. Eliminado los errores históricos, falsos de fecha y clichés, la adquisición de los datos técnicos distintos de los transmitida por tradición han abierto una nueva perspectiva histórica de la cual aquí se da cuenta. Ilustración actualizada de las características de los órganos del Renacimiento italiano sigue las directrices de la práctica interpretativa que derivan de ella y un enfrentamiento con los instrumentos españoles practicadas por Antonio de Cabezón. [it] Le caratteristiche degli organi italiani al tempo di Antonio de Cabezón Nel 1548 Antonio de Cabezón ebbe modo di compiere un viaggio in Italia. In quell’occasione poté sicuramente conoscere e suonare gli organi italiani. Nuove fonti e inediti documenti hanno recentemente permesso di delineare un nuovo ed attendibile profi lo degli organi italiani delle origini. Eliminati falsi storici, errori di cronologia e luoghi comuni, l’acquisizione di dati tecnici diversi da quelli tramandati

  5. Federico Italiano (Galliate, 1976

    Juan Pérez Andrés

    2017-01-01

    Full Text Available Nací en la ribera del Ticino en junio de 1976. He estudiado filosofía en Milán e imparto clases de Literatura Comparada desde hace más de una década en Múnich (Baviera. Desde 2016 vivo en Viena con mi mujer y dos hijos, y trabajo como investigador de la Academia Austriaca de las Ciencias. He publicado algunos libros de poesía: los más recientes son L'invasione dei granchi giganti (Marietti, 2010, L'impronta (Aragno, 2014 y Un esilio perfetto. Poesie scelte 2000-2015 (Feltrinelli, 2015. Mis poemas han sido traducidos al alemán, español, inglés, hebreo, albanés y rumano; y han formado parte de varias antologías, tanto en Italia como en el extranjero. He publicado ensayos de teoría y crítica literaria; también he traducido poetas modernos y contemporáneos del español, del inglés, del francés y del alemán. He editado antologías y volúmenes colectivos, entre ellos una antología de la poesía italiana publicada en alemán por Hanser en 2013. He amado, estudiado y devorado muchísimos poetas, pero los más importantes en mi formación no parece que hayan dejado indicios en mis versos: Vittorio Sereni, el primer Zanzotto, René Char, Celan, Montale, Brodskij, Milo De Angelis, Heaney, Gelman, Derek Walcott, el joven Grünbein y Paul Muldoon

  6. Oana Sălişteanu Cristea, Introduzione alla dialettologia italiana, Tra lingua e dia­ letto, Editura DAIM, Bucureşti 2002, 160 pagine

    Pavao Tekavčić

    2002-12-01

    Full Text Available La professoressa dall'Ateneo di Bucarest, in cui insegna lessicologia, filologia e dialettologia italiana, ci ha regalato due anni fa un primo volume dedicato all'italiano, Prestito latino - elemento ereditario nel lessico de/la lingua italiana. Doppioni e va­ rianti, Praga 2000. Adesso la studiosa ci offre un' altra opera, citata nel titolo della nos­ tra recensione. 11 libro, diciamolo subito, trascende i limiti della filologia italiana, essendo di notevole interesse e importanza per varie altre discipline linguistiche.

  7. “Mne govorjat, kakaja bednost’ slovarja...” Il protosamizdat del periodo staliniano alla ricerca di un’espressività

    Massimo Maurizio

    2015-07-01

    Full Text Available L’estetica della letteratura afferente al circuito samizdat dopo il XX congresso del PCUS (1956 è strettamente legata alla produzione non ufficiale del periodo staliniano, a sua volta definitasi secondo una relazione antitetica alla poesia proletaria degli anni Venti. Molte delle figure di rife- rimento di questo periodo hanno attinto il proprio linguaggio e gli strumenti poetici dall'arsenale espressivo e formale del Secolo d’Argento, sebbene differenziadosene notevolmente e adattan- dolo all'estetica che essi perseguivano, intimamente alternativa a quella realsocialista. La com- plessa poetica di autori quali E. Kropivnickij, Jan Satunovskj (come anche, in un periodo succes- sivo, il “discepolo” del primo G Sapgir e molti altri hanno attinto i tratti distintivi della propria produzione dalla rielaborazione dell’arte proletaria della prima metà degli anni Venti alla luce di una visione dissacrante e grottesca della contemporaneità, che emerge in primo luogo dall'aspetto delle loro opere poetiche.

  8. Jogos da verdade. A nova gestão pública e a modernização do Sistema Educacional Italiano

    Emiliano Grimaldi

    2015-09-01

    Full Text Available RESUMO: Nas últimas duas décadas, o sistema educacional italiano vem vivenciando um período de incontáveis reformas. Nesse sentido, a nova gestão pública (NGP, enquanto um discurso globalizante, assim como suas ideias e ferramentas, tem desempenhado um papel relevante. Este artigo busca propor uma leitura dinâmica tanto das transformações como do papel do discurso da NGP e de suas ferramentas. Como pontos de partida analíticos, adotamos a construção de três problematizações políticas e as soluções relacionadas, que se referem a: (a a governança do sistema educacional; (b a avaliação de sua qualidade; e (c a regulamentação de seus profissionais. Tais problematizações são interpretadas como os pontos de entrada da NGP e o cerne do processo de modernização do sistema educacional italiano. Em resumo, esses processos de aglutinação têm colocado em vigor práticas conflitantes e tensões relacionados a: 1 a criação de quase-mercados no campo da educação; 2 reformulações das relações entre o Estado, as escolas, os profissionais e públicos de acordo com um objetivo racional e um modelo neogestionário; 3 a adoção de um processo progressivo, porém incansável, de privatização endógena da educação pública italiana.

  9. The contribution of the european project loop to the photochemical pollution in Lombardy; Il contributo del progetto europeo loop allo studio dell'inquinamento fotochimico in Lombardia

    Longoni, M.G.; Maffeis, G. [TerrAria S.r.l., Milan (Italy); De Martini, A. [Regione Lombardia, Ufficio Prevenzione Rischi, Milan, (Italy); Balasso, A.; Borelli; Rimoldi, A.; Zabot, S.; Zanella, G. [Regione Lombardia, Direzione Generale Tutela Ambientale, Milan (Italy); Lanzani, G. [Amministrazione Provinciale di Como, Settore Ecologia, Como (Italy); Tamponi, M. [Azienda Sanitaria Locale, Lecco (Italy); Cattaneo, R.; Ghezzi, F.; Toscani, D.

    2000-06-01

    During the last years, in Lombardy, the concentrations of primary pollutants such as CO and SO{sub 2} have diminished thanks to some acts to abate emissions. On the other hand, the concentrations of pollutants, belonging to the photochemical mixture, have increased. The continual monitoring of photochemical pollutants and their measure on the ground level, but also along the vertical profile, present costs so high that they become no utilizable in a wide area. The experimental campaign PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono) has been carried on in the late spring in 1998 and it belongs to the European project LOOP (Limitation Of Oxidant Production). This campaign is an example of intensive campaign of measurement in which institutions of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of costs in continual monitoring has been obviated. PIPAPO has confirmed the criticity of photochemical smog in the Lombardy area. A modellistic approach, complementary to that of measurements, permits to verify the territory representativity of the points of measurement and to carry on evaluations of the politics to abate emissions. [Italian] In Lombardia durante gli ultimi anni le concentrazioni di inquinanti primari quali CO ed SO{sub 2} hanno subito una diminuzione grazie all'efficacia di alcuni interventi di abbattimento delle emissioni. D'altro lato si e' avuto un incremento delle concentrazioni degli inquinanti appartenenti alla miscela fotochimica di cui l'ozono e' considerato il principale tracciante. Il monitoraggio in continuo di tutti gli inquinanti fotochimici e la loro misura a livello sia del suolo, ma anche lungo la verticale, avrebbero dei costi per quanto riguarda le risorse strumentali e umane tali da renderli irrealizzabili su un'area estesa come quella lombarda. La campagna sperimentale PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono), avvenuta nella tarda

  10. The contribution of the european project loop to the photochemical pollution in Lombardy; Il contributo del progetto europeo loop allo studio dell'inquinamento fotochimico in Lombardia

    Longoni, M G; Maffeis, G [TerrAria S.r.l., Milan (Italy); De Martini, A [Regione Lombardia, Ufficio Prevenzione Rischi, Milan, (Italy); Balasso, A; Borelli,; Rimoldi, A; Zabot, S; Zanella, G [Regione Lombardia, Direzione Generale Tutela Ambientale, Milan (Italy); Lanzani, G [Amministrazione Provinciale di Como, Settore Ecologia, Como (Italy); Tamponi, M [Azienda Sanitaria Locale, Lecco (Italy); Cattaneo, R; Ghezzi, F; Toscani, D

    2000-06-01

    During the last years, in Lombardy, the concentrations of primary pollutants such as CO and SO{sub 2} have diminished thanks to some acts to abate emissions. On the other hand, the concentrations of pollutants, belonging to the photochemical mixture, have increased. The continual monitoring of photochemical pollutants and their measure on the ground level, but also along the vertical profile, present costs so high that they become no utilizable in a wide area. The experimental campaign PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono) has been carried on in the late spring in 1998 and it belongs to the European project LOOP (Limitation Of Oxidant Production). This campaign is an example of intensive campaign of measurement in which institutions of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of costs in continual monitoring has been obviated. PIPAPO has confirmed the criticity of photochemical smog in the Lombardy area. A modellistic approach, complementary to that of measurements, permits to verify the territory representativity of the points of measurement and to carry on evaluations of the politics to abate emissions. [Italian] In Lombardia durante gli ultimi anni le concentrazioni di inquinanti primari quali CO ed SO{sub 2} hanno subito una diminuzione grazie all'efficacia di alcuni interventi di abbattimento delle emissioni. D'altro lato si e' avuto un incremento delle concentrazioni degli inquinanti appartenenti alla miscela fotochimica di cui l'ozono e' considerato il principale tracciante. Il monitoraggio in continuo di tutti gli inquinanti fotochimici e la loro misura a livello sia del suolo, ma anche lungo la verticale, avrebbero dei costi per quanto riguarda le risorse strumentali e umane tali da renderli irrealizzabili su un'area estesa come quella lombarda. La campagna sperimentale PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono), avvenuta nella tarda primavera 1998 ed avviata all

  11. DIDATTICA DELLA CHIMICA E TRASPOSIZIONE DIDATTICA Parte seconda - Un’approccio didattico alla costruzione del concetto di trasformazione chimica

    Elena Ghibaudi

    2016-12-01

    Full Text Available Questa seconda parte illustra un esempio di trasposizione didattica realizzata in Italia, in classi della scuola secondaria di II grado. Oggetto della trasposizione sono i concetti di trasformazione chimica, di reazione chimica e di equazione di reazione; un risultato di questo percorso è l’introduzione della distinzione fra le nozioni di atomo e molecola da parte degli allievi stessi, come ipotesi necessaria per interpretare la fenomenologia osservata. L’approccio adottato in questa sequenza è di tipo storico-epistemologico e la prassi mediante la quale viene realizzata è socio-costruttivista. Lo strumento didattico è la situazione-problema. Nella prima parte di questo articolo vengono presentate le attività che consentono agli studenti di elaborare il concetto di trasformazione chimica a partire dal concetto di identità di una sostanza chimica e dall’utilizzo del modello particellare. Nella seconda parte vengono presentate le attività di apprendimento che partendo dal contrasto fra le idee di Dalton (atomo indivisibile e quelle di Gay-Lussac (legge di combinazione dei gas portano alle ipotesi di Avogadro e alla distinzione fra molecole e atomi operata da Cannizzaro.

  12. Il concetto e l’evoluzione del museo come premessa metodologica alla progettazione di modelli 3D

    Benedetto Benedetti

    2013-03-01

    Full Text Available ItQuesto contributo tocca alcuni aspetti primari del “museo” (inteso nel senso più ampio per valutarne la storia, la formazione, l’evoluzione e le funzioni caratteristiche. L’analisi si svolge attraverso sezioni diverse: 1. la storia del museo: origine e funzione; i primi musei; 2. la formazione storica dei maggiori musei; 3. il pubblico dei musei, in Italia e nel mondo: il numero dei visitatori; 4. la struttura del museo e la qualità dei musei; 5. il monumento musealizzato: conoscenza – percezione – rappresentazione; 6. le forme storiche del monumento musealizzato: reale - originale – virtuale; 7. un’applicazione sperimentale: la memoria storica e la rappresentazione 3D dello scavo archeologico. La prospettiva critica, e allo stesso tempo sperimentale, qui proposta è rivolta, principalmente, ai giovani professionisti che vogliano impegnarsi in progetti di modellazione 3D di manufatti artistici e di complessi monumentali perché possano affrontarli con consapevolezza scientifica e capacità di previsione dei possibili sviluppi e ricadute sia culturali sia economiche nel settore museale (reale e virtuale, così diversificato e in continua evoluzione nel mondo.EnI aim at treating here some main aspects concerning the “museum” (here meant in the broadest sense in order to analyse and debate its history, origin, developments, and primary functions. The analysis is set out in different sections: 1. The history of the “museum”: origin and function; the first museums; 2. The historic formation of the major museums; 3. The visitors in the museums in Italy and in the world: the number of the visitors; 4. The structure and quality of museums; 5. The “monument” as an exhibited object in museum: perception – knowledge – representation; 6. The historical perception of a monument as “musealised” artefact: real - original – virtual; 7. An experimental application: the historical memory and the 3D representation of an

  13. Quantification of character-impacting compounds in Ocimum basilicum and 'Pesto alla Genovese' with selected ion flow tube mass spectrometry.

    Amadei, Gianluca; Ross, Brian M

    2012-02-15

    Basil (Ocimum basilicum) is an important flavourant plant which constitutes the major ingredient of the pasta sauce 'Pesto alla Genovese'. The characteristic smell of basil stems mainly from a handful of terpenoids (methyl cinnamate, eucalyptol, linalool and estragole), the concentration of which varies according to basil cultivars. The simple and rapid analysis of the terpenoid constituents of basil would be useful as a means to optimise harvesting times and to act as a quality control process for basil-containing foodstuffs. Classical analytical techniques such as gas chromatography/mass spectrometry (GC/MS) are, however, slow, technically demanding and therefore less suitable for routine analysis. A new chemical ionisation technique which allows real-time quantification of traces gases, Selected Ion Flow Tube Mass Spectrometry (SIFT-MS), was therefore utilised to determine its usefulness for the assay of terpenoid concentrations in basil and pesto sauce headspace. Trace gas analysis was performed using the NO(+) precursor ion which minimised interference from other compounds. Character-impacting compound concentration was measured in basil headspace with good reproducibility and statistically significant differences were observed between cultivars. Quantification of linalool in pesto sauce headspace proved more difficult due to the presence of interfering compounds. This was resolved by careful selection of reaction product ions which allowed us to detect differences between various commercial brands of pesto. We conclude that SIFT-MS may be a valid tool for the fast and reproducible analysis of flavourant terpenoids in basil and basil-derived foodstuffs. Copyright © 2011 John Wiley & Sons, Ltd.

  14. Sustainable development applied to the Italian territorial planning, sustainable management of the renewable and un renewable resources; Problematiche territoriali relative al suolo, al sottosuolo, alle acque e contributo allo sviluppo sostenibile nazionale

    Basili, M; Colonna, N; Del Ciello, R; Grauso, S; Napoleoni, S; Zarlenga, F [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The paper carries out on analysis on the state of the art about sustainable development applied to the territorial planning. Tree types of approach to the sustainability are described: social, economic and environmental, using a large bibliography starting from the Bruntland report. The Italian situation is discussed. An operative proposal on the sustainable management of the renewable and un renewable resources: groundwater, soil and building materials are defined for the Italian context. [Italian] Nel lavoro vengono descritti i principi generali dello sviluppo sostenibile ed i tre tipi di approccio derivanti dall'analisi dell'imponente bibliografia degli ultimi quindici anni, a partire dal rapporto Bruntland che per primo ne ha preso in considerazione i concetti. Vengono proposte tre architetture logiche per procedure di gestione sostenibile delle risorse nel contesto istituzionale italiano.

  15. Sustainable development applied to the Italian territorial planning, sustainable management of the renewable and un renewable resources; Problematiche territoriali relative al suolo, al sottosuolo, alle acque e contributo allo sviluppo sostenibile nazionale

    Basili, M.; Colonna, N.; Del Ciello, R.; Grauso, S.; Napoleoni, S.; Zarlenga, F. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The paper carries out on analysis on the state of the art about sustainable development applied to the territorial planning. Tree types of approach to the sustainability are described: social, economic and environmental, using a large bibliography starting from the Bruntland report. The Italian situation is discussed. An operative proposal on the sustainable management of the renewable and un renewable resources: groundwater, soil and building materials are defined for the Italian context. [Italian] Nel lavoro vengono descritti i principi generali dello sviluppo sostenibile ed i tre tipi di approccio derivanti dall'analisi dell'imponente bibliografia degli ultimi quindici anni, a partire dal rapporto Bruntland che per primo ne ha preso in considerazione i concetti. Vengono proposte tre architetture logiche per procedure di gestione sostenibile delle risorse nel contesto istituzionale italiano.

  16. Il contrasto alla pedopornografia online: esperienze italiane e francesi a confronto / La lutte contre la pédopornographie en ligne : expériences italiennes et françaises comparées / Fighting against online child pornography: a comparison between Italian and French experiences

    Macilotti Giorgia

    2011-04-01

    exploitation sexuelle des mineurs liée à la dimension virtuelle. Una delle realtà criminali che ha maggiormente fruito delle innovazioni introdotte dalla “società dell’Informazione” è, senza dubbio, quella dell’abuso sessuale sui minori. Tra le differenti forme di abuso sessuale sui minori, si è scelto di affrontare il fenomeno della pedopornografia online in ragione del preoccupante diffondersi di questa forma di criminalità che, grazie all’implementazione delle tecnologie dell’informazione, ha assunto caratteri nuovi, per alcuni versi difformi dai “tradizionali” profili della pedofilia, che sollevano interrogativi e nuove sfide sia sul versante della repressione di queste condotte illecite, sia sul piano della prevenzione. Nell'ambito di questo contributo, saranno esaminate in particolare le politiche penali elaborate in due diverse realtà nazionali, l'Italia e la Francia, a partire da differenti punti di vista e ponendo particolare attenzione agli strumenti, normativi ed operativi, introdotti per reprimere lo sfruttamento sessuale dei minori legato alla dimensione virtuale.

  17. Promoting energy efficiency: supporting Public Administration and Local Bodies; Promuovere l'efficienza energetica : il supporto alla Pubblica Amministrazione e agli Enti Locali

    Fasano, G; Manila, E [Dipartimento tecnologie per l' energia, le fonti rinnovabili e il risparmio energetico, ENEA (Italy)

    2008-11-15

    ENEAS's institutional tasks include technical and scientific support to Public Administration and Local Bodies in the field of energy. Recently such a role has been strengthened by setting up the Agency for Energy Efficiency which ENEA is responsible for. [Italian] Tra i compiti istituzionali dell'ENEA vi e quello di fornire un supporto tecnico scientifico alla PA e agli Enti Locali in tema di energia. Tale ruolo e stato di recente rafforzato con l'istituzione dell'Agenzia per l'Efficienza Energetica affidata all'Ente.

  18. La regulación de los daños informáticos en el código penal italiano

    Ivan Salvadori

    2013-06-01

    Full Text Available En el presente trabajo se analiza la regulación de los delitos de daños informáticos introducidos en el Código penal italiano por la Ley nº. 48, de 18 de marzo de 2008, que ratifica y da ejecución al Convenio Cibercrimen del Consejo de Europa. El objetivo es averiguar si la legislación penal italiana en materia de daños informáticos cumple con las recomendaciones internacionales y en particular si se adecua a las técnicas de protección adoptadas por otros legisladores europeos. En primer lugar se analizarán los tipos delictivos de daños a datos y a sistemas informáticos “privados” (art. 635-bis y 635-quater c.p. y de daños a datos y a sistemas informáticos de carácter “publico” (art. 635-ter y 635-quinquies c.p.. Se pasará luego a estudiar su peculiar estructura típica y se determinarán los bienes jurídicos protegidos por los mencionados delitos. Por último, se formularán algunas consideraciones críticas en perspectiva de lege ferenda.

  19. Dall’economia della cultura al management per il patrimonio culturale: presupposti di lavoro e ricerca / From cultural economics to cultural heritage management: work and research assumptions

    Mara Cerquetti

    2010-10-01

    Full Text Available Dopo aver indagato le possibili ragioni e gli equivoci che ancora oggi continuano troppo spesso a tenere l’economia lontana dal “tempio” della cultura, il presente contributo cerca in primis di chiarire il significato di alcuni termini oggetto degli studi (cultura ed economia, ma anche marketing ed azienda, focalizzandosi sulle differenze tra le arti (visual arts e performing arts e il patrimonio culturale, per poi prendere in esame l’approccio che gli studi economici hanno avuto con il tema. Lungi dal voler effettuare un’esaustiva ricognizione della letteratura sull’argomento, verranno analizzati i principali topics e i nodi del dibattito a livello internazionale e nazionale, individuando i progressi fatti, ma senza tacere gli argomenti di studio e discussione ancora scarsamente indagati, affinché le scienze manageriali possano contribuire utilmente alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale italiano e alla soluzione delle difficoltà incontrate nella gestione ordinaria. After analysing the possible reasons and misunderstandings which still today leave the economics outside the “temple” of culture, this paper tries to clarify the meaning of some terms which are the object of study (culture and economics, marketing and business. We will focus on differences between arts (visual arts and performing arts and cultural heritage, in order to examine the economical approach to culture. We will not make an exhaustive reconnaissance of the literature on this matter, but analyse the topics and problems that scholars have dealt with and cruxes of the debate on an international and national level. We will identify progresses, without neglecting topics of study and discussion which have not been sufficiently investigated. Therefore business economics could usefully contribute to the preservation and enhancement of Italia cultural heritage and to the solution of management needs .

  20. Introduzione alla fisica matematica

    Persico, Enrico

    1960-01-01

    Cinematica dei mezzi continui, campi scalari e vettoriali ; funzioni armoniche, rappresentazioni confomi ; teoria dell'elasticità ; elettromagnetismo ; conduzione del calore (e diffusione) ; le equazioni a derivate parziali della fisica matematica ; cenni sulla teoria della relatività (ristretta).

  1. Dalla microfisica alla macrofisica

    Caldirola, Piero

    1974-01-01

    La scoperta delle leggi che reggono il micromondo, effettuata dai creatori della fisica quantistica, rappresenta, assieme a quella della relatività, il maggior progresso compiuto dalla fisica nel XX secolo. Fino a poco fa però, malgrado i suoi successi, la meccanica quantistica era ancora mal compresa soprattutto nelle sue conseguenze filosofiche, e fonte di dibattiti senza fine. Spiaceva infatti, come spiace ancora, a molti il dover usare due linguaggi del tutto diversi per descrivere il micro- e il macromondo, per cui la fisica quantistica appariva come un incidente, uno stadio provvisorio nel cammino della scienza. Fu però la stessa ricerca a mettere in evidenza l'esistenza di sistemi macroscopici, quali l'elio liquido, i superconduttori, il laser, descrivibili solamente attraverso le leggi quantistiche. Si comprese allora essere queste un ponte gettato fra il micro- e il macromondo. Il libro vuole illustrare queste leggi in maniera non divulgativa ma concettuale, cioè limitando al minimo l'uso del for...

  2. Dal “modello 3D” alla “scena 3D”. Prospettive e opportunità per la valorizzazione del patrimonio culturale architettonico e urbano.

    Elena Ippoliti

    2010-12-01

    Full Text Available La multimedialità è fatta di “ricchezza audiovisiva, profondità conoscitiva e informativa, interattività”[i] e, ancora, un prodotto multimediale dovrebbe essere “ricco, profondo e mobile, avvincente come un film, sistematico come un libro e interattivo come un videogioco”[ii]. A partire da tali definizioni, il contributo proposto intende indagare su alcune delle opportunità che le più recenti innovazioni tecnologiche offrono per l’ampliamento e la diffusione delle conoscenze sul patrimonio culturale, in particolare soffermandosi sulle applicazioni che privilegiano la “scena digitale 3D” del bene culturale, architettonico e urbano, sia in quanto interfaccia di accesso ai contenuti culturali e sia in quanto luogo in cui si costruiscono informazioni. Tale modalità di approccio, analoga e interattiva, incardinata sul coinvolgimento sensoriale ed emozionale, si costituisce di fatto come un valore aggiunto per la comunicazione, la fruizione e l’elaborazione di informazioni e contenuti, qualificandosi utilmente per la valorizzazione del patrimonio culturale. [i] Negroponte N., Essere digitali, Sperling & Kupfer, Milano, 2004. [ii] Maragliano R., Manuale di didattica multimediale, Laterza, Roma-Bari, 1994. p.43.

  3. Condições higiênico-sanitárias de sorvetes do tipo italiano (soft, comercializados em Pombal, Paraíba

    Yaroslávia Ferreira Paiva

    2016-08-01

    Full Text Available No mercado alimentício novas tecnologias são lançadas em busca de maior praticidade para população, um exemplo é a máquina de sorvete italiano (soft que pode ser inserida em locais com grandes fluxos de pessoas, ocupando espaços pequenos e servindo os produtos com uma maior rapidez. No entanto, a forma como são comercializados pode representar riscos à saúde do consumidor, portanto, objetivou-se avaliar as condições higiênico-sanitárias desses produtos, comercializados em Pombal, Paraíba. Foram coletadas amostras de sorvetes do tipo italiano, sabor “misto”, diariamente durante cinco dias, em três diferentes estabelecimentos, sendo submetidos a análises de Coliformes a 35º e 45ºC, Escherichia coli, Salmonella sp, Staphylococcus spp, Contagem total de Bactérias aeróbias Mesófilas e Psicrotróficas. Os resultados obtidos para coliformes a 45ºC nos três pontos de venda SP1, SP2 e SP3 tiveram valores médios de 0,72 NMP/g, 1,3 NMP/g e 9,8 NMP/g, respectivamente. Para Staphylococcus spp. os resultados encontrados foram 3,266 x10³ UFC/g, 1,931 x10³ UFC/g e 0,114 x10³ UFC/g nas amostras respectivamente. Escherichia Coli e Psicotróficos não foram identificados nas amostras. Os resultados de Salmonella sp. apontam presença em todos os estabelecimentos. Apesar das respostas para os demais microrganismos apresentarem bons resultados, a presença de Salmonella sp. e Staphylococcus spp. demonstram que todos os pontos de vendas estão inaptos à comercialização dos produtos, funcionando em condições higiênico-sanitárias não satisfatórias.Hygienic and sanitary conditions of the ice creams type Italian (soft marketed in Pombal, ParaíbaAbstract: In the food market new technologies are launched in search of greater convenience for people , an example is the Italian ice cream machine (soft that can be inserted in places with large flows of people , occupying small spaces and serving products with greater speed. However

  4. A Pale Reflection of Fascism: Primo de Rivera’s Dictatorship in Italian Diplomatic Reports | Un pálido reflejo del fascismo: la dictadura de Primo de Rivera en los informes diplomáticos italianos

    Juan Avilés Farré

    2017-12-01

    Full Text Available This essay analyses the information on and the assessments of home politics in Spain during the Primo de Rivera regime (1923-1930. Those reports provide interesting first-hand accounts on the regime and have the additional value of offering a comparison with the simultaneous experience of the Italian fascist regime. They confirm that Primo de Rivera had a persistent tendency to seek inspiration in the fascist model. This eventually led to the unsuccessful attempt to institutionalize the regime in 1929, although according to the Italian diplomats Primo de Rivera’s dictatorship reached no further than a pale reflection of fascism. | Este ensayo analiza las informaciones y las valoraciones de los diplomáticos italianos sobre la política interior de España durante el régimen de Primo de Rivera (1923-1930. Sus informes ofrecen interesantes referencias de primera mano sobre el régimen y presentan el interés adicional de ofrecer una comparación con la simultánea experiencia del régimen fascista italiano. Confirman que Primo de Rivera tuvo una persistente tendencia a inspirarse en el modelo fascista, que culminó en el fracasado intento de institucionalizar el régimen en 1929, aunque en opinión de los diplomáticos italianos la dictadura de Primo de Rivera sólo llegó a representar un pálido reflejo del fascismo.

  5. Item Analysis di una prova di lettura a scelta multipla della certificazione di italiano per stranieri CILS (livello B1; sessione estiva 2012

    Paolo Torresan

    2014-10-01

    Full Text Available Nell’articolo presentiamo un’analisi degli item di una prova di lettura a scelta multipla di livello B1 della certificazione CILS (Università per Stranieri di Siena. L’indagine si muove da una prima ricognizione del testo su cui si basa la prova, con uno studio delle modifiche cui è andata soggetta per mano dell’item writer, per poi ragionare sull’analisi di ogni singolo item, grazie ai dati emersi dalla somministrazione della prova a 161 studenti di italiano di livello corrispondente sparsi per il pianeta. Dalla nostra ricerca si evince che si danno un item ambiguo (# 1, per via della presenza di due chiavi, e un item di difficile risoluzione, per via della mancanza di informazioni utili per desumere il significato del vocabolo cui si riferisce (# 4.In this article we present an analysis of items in a reading multiple-choice test, B1 level, of the CILS certification (Università per Stranieri di Siena. The research starts with a preliminary recognition of the text on which the test is based, with a study of the modifications it has undergone by the item writer’s hand, and proceeds to reason about the analysis of every single item, using data from the ministration of the test to 161 students of Italian in the corresponding level, from all over the planet. From our research it emerges that the test presents an ambiguous item (# 1, with two keys, and a difficult item, without enough information to make clear the meaning of the word it refers to (# 4.

  6. Renal vascular lesions as a marker of poor prognosis in patients with lupus nephritis. Gruppo Italiano per lo Studio della Nefrite Lupica (GISNEL).

    Banfi, G; Bertani, T; Boeri, V; Faraggiana, T; Mazzucco, G; Monga, G; Sacchi, G

    1991-08-01

    The frequency of renal vascular lesions (RVL) and their relevance in the progression of renal damage were evaluated by the Pathology Group of the "Gruppo Italiano per lo Studio della Nefrite Lupica" (GISNEL). Of 285 patients with lupus nephritis collected from 20 nephrology centers in Italy and classified according to World Health Organization (WHO) criteria, 79 cases (27.7%) with RVL were identified and classified as follows: (1) lupus vasculopathy (n = 27); (2) hemolytic-uremic syndrome/thrombotic thrombocytopenic purpura (HUS/TTP) malignant hypertension-like lesions (n = 24); (3) vasculitis (n = 8); (4) arterio-arteriosclerosis (n = 20). At the time of renal biopsy, patients with RVL had mean serum creatinine levels significantly higher than patients without RVL (201.8 +/- 195.9 mumol/L [2.2 +/- 2.2 mg/dL] v 108.1 +/- 108.0 mumol/L [1.2 +/- 1.2 mg/dL]; P less than 0.01). Hypertension was more frequent in patients with RVL than in those without (68.4% v 30.5%; P less than 0.01). The probability of kidney survival assessed according to the Kaplan-Meier method at 5 and 10 years was, respectively, 74.3% +/- 5.9% and 58.0% +/- 8.9% in patients with RVL, compared with 89.6% +/- 2.7% and 85.9% +/- 3.7% in patients without RVL. However, the two groups did not differ significantly as regards overall survival, the probability of survival at 5 and 10 years being 86.5% +/- 4.5% and 78.8% +/- 6.6% in patients with RVL and 92.2% +/- 2.2% and 83.3% +/- 4.4% in patients without RVL.(ABSTRACT TRUNCATED AT 250 WORDS)

  7. IL FENOMENO DELL’ALTERNANZA L1/L2 NELL’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO COME LINGUA STRANIERA. ANALISI DI UN CORPUS DI INTERAZIONI DIDATTICHE

    Paola Arrigoni

    2012-02-01

    Full Text Available La modalità plurilingue della comunicazione in classi di lingua straniera può rientrare tra le strategie pedagogiche a disposizione dell’insegnante per il raggiungimento di precisi scopi didattici e formativi. Partendo da una breve analisi sul significato di parlante plurilingue e plurilinguismo stesso, in questo articolo si è voluto esaminare come si attua una educazione al plurilinguismo in contesti formativi e, in particolare, se e come l’utilizzo della L1 può costituire uno strumento di supporto all’insegnamento e all’apprendimento di una lingua straniera. A questo scopo sono stati analizzati i dati raccolti presso l’Università di Coventry durante corsi di italiano L2 per studenti anglofoni. I fenomeni di contatto linguistico L1/L2 più frequenti e significativi sono stati suddivisi in base al parlante e alle loro funzioni.   The phenomena of l1/l2 alternation in the teaching of italian as a foreign language. analysis of a corpus of didactic interactions Multilingual communication in foreign language classrooms can be considered as one of the teacher’s pedagogical  strategies to achieve specific educational aims. Through a brief analysis of the meaning of multilingual speakers and multilingualism, this article examines how an education to multilingualism in teaching contexts is carried out and, in particular, if and how the use of the L1 can be a helpful tool for the foreign language teaching and learning. For this purpose the data collected at Coventry University during Italian (L2 classrooms for English students were examined. The more common and meaningful phenomena of linguistic contact between L1 and L2 were grouped according to the speaker and to their functions.

  8. EL PARTIDO COMUNISTA ITALIANO Y EL OTRO "COMPROMESSO STORICO": LOS SIGNIFICADOS POLÍTICOS DE LA SOLIDARIDAD CON CHILE (1973-1977

    Alessandro Santoni

    2010-12-01

    Full Text Available Este artículo aborda el tema de la solidaridad con el exilio chileno en Italia a lo largo del periodo 1973-1977. Muchos dirigentes de la actual Concertación han insistido en la influencia que el eurocomunismo, el gramscismo y el "compromesso storico" tuvieron en la renovación de la izquierda. En esta línea, el autor destaca cómo los comunistas italianos tuvieron un específico interés político por la causa de los exiliados, lo que se tradujo en un esfuerzo para influir en los contenidos y significados de la solidaridad y no solo en la ayuda material. El enfoque adoptado busca relacionar la temática de la renovación con los procesos de transformación que vivieron las izquierdas europeas a partir de los setenta y, sobre todo, con el papel simbólico qué estas atribuyeron a la causa chilena.This article deals with the theme of solidarity with the Chilean exile in Italy from the years 1973-1977. Many of the leaders of the actual Concertación have insisted on the influence that Eurocommunism, Gramscism, and the "compromesso storico" had during the renovation of the left. Along this line the author highlights how the Italian communists had a specific political interest for the cause of the exiled, which resulted in the effort to influence the contents and the meanings of the solidarity and not only with material help. The focus adopted looks to relate the theme of la renovación with the processes of transformation that lived within leftist Europeans from the seventies and especially, with the symbolic role that they attributed to the Chilean cause.

  9. El neomalthusianismo ibérico e italiano: un precedente de la ecología humana contemporánea

    Eduard Masjuan Bracons

    2009-12-01

    Full Text Available El artículo realiza un estudio comparativo sobre los fundamentos y desarrollo del neomalthusianismo ibérico e italiano. Este artículo profundiza en los contenidos del neomalthusianismo ibérico que hasta ahora carecían de un estudio completo desde un análisis ecológico humano el cual nos ofrece nuevas perspectivas conceptuales y metodológicas para recuperar las raíces históricas del ecologismo popular. En la misma línea de análisis avanza las primeras conclusiones a cerca del neomalthusianismo en un país como Italia en el cual se comenzó a divulgar a partir de 1910 hasta que el fascismo impidió su extensión en los años veinte. La comparación de los tratados teóricos y las actividades de ambos movimientos y sus repercusiones políticas, nos permiten interpretar sus divergencias y similitudes ante cuestiones de relevancia muy actual como pueden ser los discursos demográficos nacionalistas._____________________ABSTRACT:This paper is a comparative study about the origin and development of Iberian and Italian neomalthusianism. It looks deep into the contents of Iberian neomalthusianism, which lacked a complete study from a human-ecology perspective, which would offer new conceptual and methodological visions that might help us rediscover the historical origins of grassroots environmentalist movements. Within the same kind of analysis we find the first conclusions about Italian neomalthusianism which lasted from 1910 until the rise of facism in the 1920’s. The comparisons between theoretical treaties and activities of both movements, as well as their political influence, offers the posibility of a deep understanding of the similarities and differences between them, in face of some of importan questions of our times, like demographic nationalist discourses.

  10. Processos de territorialização de variedades dialetais do italiano como línguas de imigração no nordeste do Rio Grande do Sul

    Luciana Santos Pinheiro

    2014-01-01

    A presente pesquisa contribui com os estudos de plurilinguismo e contatos linguísticos, enfocando as relações entre língua e espaço pluridimensional. Seu tema são os processos de territorialização do italiano como língua de imigração na Região de Colonização Italiana no Nordeste do Rio Grande do Sul (RCI). Com base em um corpus organizado e disponibilizado por Frosi & Mioranza (1975; 1983), e complementado por dados de acervos diversos, pretende-se 1) mapear a diversidade dialetal dos imigran...

  11. LUCI ED OMBRE NELL’ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI RISOLUZIONE ALTERNATIVA DELLE CONTROVERSIE NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO ITALIANO ED IN QUELLO CROATO

    Marco Greggi

    2017-01-01

    Full Text Available Nel lavoro gli autori esaminano il sistema della risoluzione alternativa delle controversie (ADR - Alternative Dispute Resolution nelle questioni fi scali in un’ottica comparatistica, ovvero alla luce delle legislazioni e delle dottrine italiana e croata. Nella prima parte del lavoro l’attenzione è rivolta all’esperienza italiana di attuazione del sistema ADR; mentre la seconda parte del lavoro è dedicata all’evoluzione del quadro normativo croato nei tentativi di costruzione di meccanismi di ADR. Il lavoro in entrambe le sue parti contiene una rassegna degli orientamenti dottrinali e attraverso i vari capitoli si sottolinea l’aspetto storico e teorico della questione esaminata. Gli autori dibattono ed espongono sul piano comparatistico anche le implicazioni dell’attuazione del sistema in esame; mentre l’infl uenza della dottrina di diritto pubblico sulla comparsa e lo sviluppo del sistema ADR viene evidenziata mediante l’esposizione della recente prassi italiana e croata del sistema di risoluzione dei contenziosi tributari.

  12. Sopravvivenza e dispersione della lepre comune (Lepus europaeus Pallas, 1778 in relazione alla densità di popolazione e alle caratteristiche ambientali

    Francesca Pella

    2003-10-01

    Full Text Available La presente ricerca è stata effettuata con lo scopo di valutare la sopravvivenza di lepri autoctone non traslocate in relazione alle caratteristiche ambientali e alla densità di popolazione. Inoltre è stata analizzata la capacità delle lepri di colonizzare territori a bassa densità, al di fuori delle aree protette, al fine di ricavare indicazioni utili per una gestione della lepre basata sulla corretta pianificazione delle aree protette. Lo studio è stato effettuato dal gennaio del 1999 al luglio del 2001 in due Zone di Ripopolamento e Cattura della Pianura Padana, caratterizzate da colture a seminativi irrigui una (Vistarino e colture a seminativi asciutti l?altra (Portalbera. Per determinare la densità di popolazione sono stati effettuati, in primavera ed autunno, censimenti notturni da autovettura, con proiettore alogeno orientabile manualmente. Per analizzare la sopravvivenza, l?uso dello spazio e la dispersione sono state catturate, con reti a tramaglio, valutate (peso, sesso, classe d?età e condizioni sanitarie e radiomarcate 16 lepri a Vistarino e 20 a Portalbera. I censimenti hanno evidenziato una differenza tra le due aree nelle densità che sono risultate comprese tra gli 11 ed i 20 individui per km² a Vistarino e tra i 29 e gli 83 a Portalbera. La sopravvivenza media delle lepri radiomarcate è stata di 295,5 giorni (ES=43,2, considerando le aree cumulate, e la probabilità di sopravvivenza nel periodo di studio è risultata pari a 0,36 (ES=0,094. Nell?area di studio di Vistarino la sopravvivenza media è stata di 426,4 giorni (ES=61,6 e la probabilità di sopravvivenza di 0,67 (ES=0,12 mentre a Portalbera la sopravvivenza media era di 142,2 giorni (ES=13,9 con una probabilità di sopravvivenza di 0,00 (ES=0,00. La dimensione media dell?area vitale per tutte le lepri catturate in entrambe le aree è stata pari a 47,9 ha (ES=6,08; minimo=0,01; massimo=171,1 se calcolata con il metodo del Minimo Poligono Convesso, mentre era di

  13. Propiedades psicométricas del «Cuestionario para la Evaluación del Síndrome de Quemarse por el Trabajo» (CESQT en profesionales de la salud italianos: una perspectiva de género

    Pedro R. Gil-Monte

    2017-12-01

    Full Text Available El objetivo de este estudio fue analizar las propiedades psicométricas del Cuestionario para la Evaluación del Síndrome de Quemarse por el Trabajo (CESQT en una muestra de profesionales de la salud italianos. La muestra estuvo formada por 695 participantes (453 profesionales de enfermería y 242 médicos. Según el género se identificaron 451 mujeres (64.9% y 244 hombres (35.1%. El CESQT está formado por 20 ítems que se distribuyen en cuatro dimensiones: Ilusión por el trabajo (5 ítems, Desgaste psíquico (4 ítems, Indolencia (6 ítems, y Culpa (5 ítems. La estructura factorial se analizó mediante análisis factorial confirmatorio. Todos los ítems presentaron valores adecuados para los parámetros estadísticos y psicométricos, al igual que las cuatro escalas. El modelo de 4 factores que reproduce la estructura original del cuestionario presentó un ajuste adecuado a los datos, con invarianza factorial entre la muestra de hombres y la muestra de mujeres. Se concluye que el CESQT tiene propiedades psicométricas adecuadas para el estudio del síndrome de quemarse por el trabajo (burnout en profesionales de la salud italianos con independencia del género de esos profesionales.

  14. IMPARARE IN RUOLO: UN’ESPERIENZA DI PROCESS DRAMA PER L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO AGLI STUDENTI DEL PROGETTO STRANIMEDIA

    Alessandra Pezza

    2011-07-01

    Full Text Available L’articolo tratta di come, all’interno della metodologia process drama applicata all’insegnamento delle lingue straniere, l’immedesimazione nel ruolo drammatico influenzi la produzione linguistica degli studenti. Ad una prima parte teorica in cui il process drama  viene posto a confronto con i più tradizionali esercizi di role play, utilizzati da nell’approccio comunicativo segue una parte in cui si analizza un ciclo di lezioni condotte in base alla metodologia process drama, svoltosi all’Università degli Studi di Milano con una classe di studenti di madrelingua cinese nel mese di giugno 2010. L’analisi dell’esperienza mostra come le attività proposte secondo questa metodologia abbiano spinto gli studenti, durante la lezione, ad immedesimarsi ciascuno in un particolare personaggio e come questo abbia influenzato il coinvolgimento affettivo e comunicativo degli studenti, migliorandone la produzione linguistica e fungendo da stimolo a valorizzare le loro conoscenze pregresse.     Learning according to roles: a process drama exerience for the teaching of italian to students in the stranimedia project   This article discusses how, within the process drama methodology applied to foreign language teaching, the identification through the dramatic role influences the linguistic production of students.  After the first theoretical part where process drama is compared to more traditional roleplay activities used in the communicative approach, there is a second part which analyzes a cycle of lessons conduced using process drama, carried out at the University degli Studi di Milano with a class of Chinese mothertongue students in June 2010. The analysis of the experience shows how the activities proposed uing this method pushed the students to identify with their characters and this in turn influenced the emotional and communicative involvement of the students, improving their linguistic production and acting as a stimulus for giving

  15. Aminas bioativas e características físico-químicas de salames tipo italiano Bioactive amines and physico-chemical characteristics of Italian sausages

    J. Caccioppoli

    2006-08-01

    Full Text Available Amostras de seis lotes de sete marcas de salames tipo italiano foram analisadas quanto a aminas bioativas e características físico-químicas de qualidade. Oito das 10 aminas pesquisadas foram detectadas em todas as amostras com teores totais de 28,33 a 53,27mg/100g. A tiramina foi a amina predominante seguida da putrescina e da cadaverina. Todas as marcas apresentaram teores de tiramina capazes de causar efeito tóxico em indivíduos sensíveis dependendo da quantidade ingerida. Duas marcas apresentaram também teores potencialmente tóxicos de histamina e de feniletilamina. Nenhuma das marcas atendeu à legislação em pelo menos um parâmetro físico-químico. Os teores de umidade e de açucares totais foram as características com maior percentual de não-atendimento. Os teores de cinzas variaram de 5,54 a 7,12g/100g, sendo os cloretos 66 a 79% desses teores. As amostras apresentaram valores de pH de 4,86 a 5,78, acidez de 16,61 a 55,03ml NaOH N/100g e índice de peróxidos de não detectado a 334,82mEq/kg.Six batches of seven brands of Italian sausages purchased in Belo Horizonte, MG were analyzed for bioactive amines and physico-chemical characteristics. Eight out of 10 amines investigated were detected in every sample with total levels varying from 28.33 to 53.27mg/100g. Tyramine was the predominant amine followed by putrescine and cadaverine. Every brand contained toxic tyramine levels for sensitive individuals depending on the amount of sausage consumption. Two brands also contained toxic levels of histamine and phenylethylamine. No brand was in conformity to legislation levels for at least one physico-chemical parameter. The highest discrepancies to legislation levels were observed for moisture and total sugar contents. The levels of ash varied from 5.54 to 7.12g/100g, with chlorides representing 66 to 79% of the levels.The pH varied from 4.86 to 5.78, acidity from 16.61 to 55.03ml NaOH N/100g and peroxide values from 0.0 (no detected

  16. Neoliberty & co. The Architectural Review frente al historicismo italiano de los años cincuenta = Neoliberty & co. The Architectural Review against 1950s Italian historicism

    Manuel López Segura

    2013-10-01

    Full Text Available ResumenTomando como punto de partida la polémica sobre el Neoliberty (segunda mitad de los años cincuenta, el presente artículo ofrece una revisión del debate sobre la historicidad de la arquitectura que enfrentó de modo particularmente intenso a destacados círculos intelectuales en Italia y el Reino Unido. Mientras que la contribución italiana ha sido ampliamente estudiada, la literatura existente no se ha adentrado en los motivos que llevaron a los británicos a rechazar toda recuperación operativa de la historia, carencia que el presente artículo intenta suplir. Desde el punto de vista metodológico, dada la naturaleza mediática del debate, el análisis llevado a cabo ha sido fundamentalmente textual, centrado en las dos revistas que sirvieron de soporte para los intercambios: la milanesa Casabella y la londinense Architectural Review. El artículo resulta igualmente de interés por cuanto analiza un episodio temprano que anunciaba ya dos de las vías por las que discurriría la arquitectura de las siguientes décadas: el historicismo postmoderno y la alta tecnología.Las razones de la incomprensión fueron de diversa naturaleza. Primero, las diferentes culturas urbanas de uno y otro país explicarían la divergente valoración que merecía el provincianismo paradójicamente cosmopolita de Milán o Turín, admirador de la ciudad burguesa decimonónica. Además Reyner Banham, desde la revista inglesa, estaba empeñado en orientar la arquitectura contemporánea según los postulados de su querido Futurismo: rechazo de la tradición y asimilación tecnológica. Sin embargo, una lectura sosegada de sus escritos pone en evidencia que su antihistoricismo no era tan irredento como comúnmente se piensa. El papel jugado por J. M. Richards, editor de Architectural Review, resulta más problemático. Si bien compartía muchas de las inquietudes de los italianos, no apaciguó la virulencia de la campaña encabezada por su revista. Finalmente

  17. Riflessioni sull’evoluzione metodologica delle discipline Diritto ecclesiastico e Diritto canonico, dal 1929 a oggi

    Vittorio Parlato

    2014-05-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce l’intervento, corredato da note, presentato al Convegno Nazionale dell’ADEC sul tema “Per una disciplina che cambia. Il diritto canonico e il diritto ecclesiastico nel tempo presente”(Bologna, 7-9 novembre 2013 ed è destinato alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. La metodologia internazionalista e storicista: rilevanza del diritto canonico - 2. Il metodo pubblicistico e la legislatio libertatis - 3. La metodologia comparatista in campo statale e religioso - 4. Le nuove tematiche legate a principî confessionali. Abstract : Nel breve intervento si evidenzia, per sommi capi, il cambiamento di metodologia e di tematiche relative allo studio e didattica del Diritto ecclesiastico e del Diritto canonico, con riferimento ad alcuni eventi che hanno segnato queste discipline. Dapprima i Patti Lateranensi con i problemi interpretativi connessi; poi la promulgazione della Costituzione repubblicana e il Concilio Vaticano II, con l’affermarsi dei diritti di libertà religiosa; successivamente la comparazione giuridica in campo secolare e religioso a seguito della apertura dell’ordinamento italiano verso altri ordinamenti; infine l’interesse non tanto degli istituti confessionali, quanto dei principî etici, specie cattolici, proposti alle legislazioni statuali

  18. Metodologie innovative per il supporto alla progettazione e all’analisi delle prestazioni di impianti ad energia solare a concentrazione ed eolici off-shore utilizzando immagini satellitari ottiche e SAR

    Morelli, Marco; Masini, Andrea; Alberto, Marco; Potenza, Marco Alberto Carlo

    2014-01-01

    In questo lavoro presentiamo delle nuove metodologie, sviluppate nell’ambito del progetto SATENERG (Servizi sATellitari per le ENergie Rinnovabili di nuova Generazione) finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, sia per il supporto alla progettazione/pianificazione che per il monitoraggio quasi in tempo reale e l’analisi delle prestazioni degli impianti ad energia rinnovabile di nuova generazione (CSP, CPV ed eolici off-shore) utilizzando immagini satellitari. In particolare pe...

  19. Influencia del Inglés sobre cuatro lenguas europeas : anglicísmos crudos y semánticos en francés, italiano, neerlandés y rusoi

    Pino Romero, Francisco Javier del

    2013-01-01

    En esta tesis se analiza la influencia de la lengua inglesa sobre cuatro lenguas europeas con el fin de entender su evolución desde 1945 hasta nuestros días, conocer la reacción social y gubernamental en los países estudiados, y presentar las buenas prácticas que han funcionado en algunos países en defensa de sus lenguas nacionales. Esta tesis está dividida en cuatro capítulos: francés, italiano, neerlandés y ruso. En cada uno se estudia la evolución de la influencia del inglés, las causa...

  20. Long-distance nationalism: Italian emigrants and the fascism in Mexico (1922-1945 | Nacionalismo en la distancia: los italianos emigrados y el fascismo en México (1922-1945

    Franco Savarino Roggero

    2012-12-01

    Full Text Available The Italian community in Mexico often overlooked in the field of migration and political studies in the interwar years, due to low numbers involved, is actually an interesting and significant example of relations between the regime of Mussolini and Italian diaspora in Latin America. Here we examine the particular features of this community and its evolving relationship with the mother country, in the context of relations between Mexico and Italy. The data suggest that the settlement of fascism as an active version of Italian nationalism abroad had a great capacity to attract migrants and their descendants, conditioned by the excited nationalist environment stimulated by the post-revolutionary state and by the analogies and differences that exist between the Mexican nationalist regime and the Italian fascist regime. | La comunidad italiana en México, generalmente soslayada en el ámbito de los estudios sobre emigración y política en los años de entre guerras, por su escasa consistencia numérica, es, en realidad un ejemplo interesante y significativo de las relaciones entre el régimen de Mussolini y la diáspora italiana en América Latina. Aquí se examinan los rasgos peculiares de esta comunidad y la evolución de su relación con la madre patria, en el ámbito de las relaciones entre México e Italia. Los datos sugieren que el asentamiento del fascismo como una versión activa de nacionalismo italiano en el exterior ejerció una gran capacidad de atracción hacia los emigrados y sus descendientes, condicionada por el entorno de efervescencia nacionalista estimulado por el Estado posrevolucionario y por las analogías y diferencias que existían entre el régimen nacionalista mexicano y el régimen fascista italiano.

  1. El régimen preposicional en español e italiano: breve estudio contrastivo y traductológico / The prepositional system in Spanish and Italian: towards a brief contrastive and translation study

    Giuseppe Trovato

    2013-01-01

    Full Text Available RESUMEN: El presente artículo pretende ofrecer una sistematización en lo que atañe al régimen preposicional en dos lenguas afines: español e italiano. Por ello, el trabajo se inscribe dentro de un marco didáctico, con el objeto de brindar a todo docente de español algunas pautas metodológicas de interés e utilidad a la hora de abordar el tema en la clase de E/ LE. Para nuestros propósitos, pasaremos someramente revista a los estudios contrastivos más emblemáticos con los que contamos y, a continuación, para nuestro análisis, adoptaremos un enfoque contrastivo y traductológico (español-italiano, con miras a encuadrar la cuestión en un ámbito específico y determinar hasta qué punto las dos lenguas estudiadas guardan parentesco desde el punto de vista sintáctico y morfológico. ABSTRACT: This article aims to offer a systematization with regard to the prepositional system in two related languages: Spanish and Italian. To this end, this study adopts a didactic framework in order to provide every teacher of Spanish with useful methodological guidelines when it comes to addressing this grammar point with students in an SSL class. For our purposes, we will analyze the most important studies on this subject and we will then adopt a contrastive and translation approach (Spanish-Italian, in order to frame the question within a specific field and determine to what extent the two languages are related from a syntactic and morphological point of view.

  2. Açores - Fauna e flora - Contributo.

    Furtado, Duarte

    1986-01-01

    Situado a mais de 1500 kilómetros da Europa à latitude de Lisboa, o arquipélago dos Açores de origem vulcânica estende-se ao longo dum eixo (SSE-NNW) por 600 kilómetros com nove ilhas repartidas por três grupos distinctos. Povoado nos meados do século XV pelos portugueses, a população actual é de 270.000 habitantes, aproximadamente. Uma origem recente e um vulcanismo muito activo, fazem com que os relevos sejam muito jovens, existindo em cada ilha uma ou mais caldeiras centrais. O clima...

  3. Additivation of polyamide fibers by means of micro- and nano-particles containing jojoba oil

    Persico, Paola

    2006-01-01

    [Italiano] Obiettivo del Progetto di Dottorato, finanziato dalla Nylstar-Italia (azienda produttrice di poliammide), era realizzare fibre ad azione cosmetica per produrre calze, guanti e maglieria intima a nuovo valore aggiunto da introdurre nel mercato dei tessili skin care. Il primo passo dell’attività di ricerca è consistito nell’individuazione dell’agente cosmetico in base alla sua affinità con lo strato cutaneo e alla sua resistenza alla degradazione termica, tenendo conto che la poli...

  4. Influenze lunguistiche romanze nello sloveno letterario di Trieste. La lingua di Boris Pahor

    Mitja Skubic

    1984-12-01

    Full Text Available L'autore esamina la lingua dello scritto e t iestino Boris Pahor, urio de li eminenti creatori letterari in sloveno del secondo dopoguerra. Gli anni di scuola ed una  parte della giovinezza di Boris Pahor, nato nel 1913, appartengono ad un periodo nel quale lo sloveno a Trieste, e nelle province di Trieste       e di Gorizia, non godeva di uno  status pubblico ufficiale, salvo in chiesa. L influsso linguistico dell'italiano, normale in un territorio etnicamente e linguisticamente misto, spinto in una situazione anormale, creatasi nel primo  dopoguerra, non sorprende. Lo scrittore fu in  stretto contratto con l'italiano e il legame linguistico (e certo anche culturale è 'di doppia natura: esisstono, da una parte, influenze della parlata locale triestina -veneta, con qualche venatura tergestina, vale a dire friulana; dell'altra, lo scrittore ebbe a subire numerose influenze dell'italiano letterario. Non è facile scindere queste due fonti dei romanismi linguistici, che chiamiamo genericamente italianismi; il termine è fallace, perchè è fallace la grafia la quale rare volte palesa l'origine veneta: ščaveta, škojera, mandrijer, čožotska bragoca. L'interesse di questo contributo si concentra su prestiti, per lo più adattati al sistema fono-morfologico che vige per lo sloveno, e, soprattutto7 su calchi, quelli semantici e quelli sintattici. Una quantità non trascurabile di calchi ci convince della loro provenienza popolare, del fatto, cioe, che bisogna cer­ carne l'origine nel contatto linguistico diretto delle due etnie. Il materiale raccolto contraddice, dunaue. l'asserzione alquanto apodittica della provenienza popolare, immediata, dei soli presti­ ti e della provenienz letteraria, dotta, dei calchi. I calchi semantici sono parecchi: si tratta sempre dell'uso di un termine sloveno che in sloveno letterario e nei dialetti centrali esiste, ma che in Pahor viene usato con un significate sconosciuto allo sloveno centrale

  5. La Chiesa tra politica e religiosità popolare nei primi decenni del XX secolo. Alcune suggestioni

    Domenico Bilotti

    2011-11-01

    Full Text Available Il contributo è stato sottoposto alla valutazione del Prof. Antonino Mantineo, che ne ha attestato la scientificità e l’originalità. SOMMARIO: 1. Apparente desuetudine dell’analisi - 2. La Prima Guerra Mondiale e le sue conseguenze nella società italiana. Questioni irrisolte – 3. Il contributo cattolico prima e dopo il Fascismo. Alcune ipotesi di continuità?

  6. Dalla «più difforme congerie di oggetti» ad un «perfetto ambiente spirituale» per l’opera d’arte. L’allestimento del Museo Nazionale di Palermo alla fine degli anni Venti del Novecento / From the “più difforme congerie di oggetti” (most dissimilar jumble of objects to a “perfetto ambiente spirituale” (perfect spiritual environment for the work of art. The display of Palermo National Museum at the end of the 1920s

    Ivana Bruno

    2016-12-01

    Full Text Available Nel panorama dei musei italiani del terzo decennio del Novecento, delineato da Francesco Pellati nella Enquête internationale sur la réforme des galeries publiques, si distingue il Museo Nazionale di Palermo, dove la giovane ispettrice Maria Accascina aveva appena completato il riordinamento e l’allestimento della sezione di arte medievale e moderna. La storica dell’arte, allieva di Adolfo Venturi, aveva elaborato un progetto di restyling – da lei stessa pubblicato sul «Bollettino d’Arte del Ministero dell’Educazione Nazionale» –  che rispondeva, per molti aspetti, agli orientamenti museografi ci espressi in quegli anni dall’Offi ce International des Musées (OIM e oggetto di approfondita rifl essione nell’ambito del dibattito europeo. L’intervento di Maria Accascina cambiò il volto del Museo Nazionale di Palermo – fi no a quel momento caratterizzato da sale e corridoi occupati «dalla più difforme congerie di oggetti» – anticipando indirizzi museografi ci che trovarono una concreta e tangibile applicazione durante il secondo dopoguerra nel più noto intervento di Carlo Scarpa all’interno di Palazzo Abatellis. Il contributo intende quindi analizzare l’allestimento di fi ne anni Venti del Museo Nazionale palermitano – di cui recentemente è stato sottolineato il carattere innovativo per quel momento – alla luce sia del ricco materiale documentario e fotografi co, in gran parte inedito, sia delle posizioni della critica del tempo e dei nuovi criteri di ordinamento dei musei che si andarono affermando nel periodo tra le due guerre mondiali. Museo Nazionale di Palermo distinguishes itself in the scope of Italian museums in the 1920’s as outlined by Francesco Pellati in Enquête internationale sur la réforme des galeries publiques. The young inspector Maria Accascina had just completed the reordering and installation of the medieval and modern art section. The art historian, a pupil of Adolfo Venturi, had

  7. A glorious, yet almost forgotten, mathematical theory, and some possibly new applications of it to physics; Una gloriosa ma quasi dimenticata teoria matematica e certe sue inedite applicazioni alla fisica

    Lo Surdo, C. [ENEA, Divisione Fusione Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Hardly the role and the importance of Classical-Invariant Theory is the history of mathematics (say, between - 1850 and - 1920) can be fully appreciated by a nonspecialist. In this study, it was firstly purposed to provide a compact sketch of its foundations starting from (and keeping the framework of) some very basic ideas in the equation theory; and then, after reviewing a couple of classical examples, to illustrate a number of (presumably new) applications to physics, with special reference to constitutive relations in continuous material media. As a significant example of the latter type (amongst other ones), it shall be completely worked out the problem of the a priori structure of linear viscous-stress tensor in a magnetoplasma. [Italian] Non e' facile, da parte del non-specialista, apprezzare pienamente il ruolo e l'importanza della Teoria degli Invarianti Classici nella storia della matematica (diciamo all'incirca tra il 1850 e il 1920). In questo studio, il lettore trova anzitutto una rassegna, succinta ma largamente improntata alla generalita', dei suoi fondamenti a partire da poche idee di base della teoria delle equazioni, oltre ad un breve inquadramento storico e alla illustrazione di un paio di esempi classici. Seguono poi alcune applicazion - presuntivamente nuove - alla fisica matematica, con particolare riferimento alle relazioni costitutive in mezzi materiali continui. Come significativo esempio di applicazione di quest'ultimo tipo, e' infine completamente sviluppato il calcolo della struttura a priori del tensore di viscosita' lineare in un magnetoplasma.

  8. Geophysical surveys and velocimetric measures in the Cerreto di Spoleto (Perugia) area, aiming at a seismic microzoning; Indagini geofisiche e misure velocimetriche finalizzate alla microzonazione sismica dell'area di Cerreto di Spoleto (Perugia)

    Bongiovanni, G.; Martino, S.; Paciello, A.; Verrubbi, V. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Csaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Geophysical prospectings and velocimetric measures, aiming at the seismic microzoning of Cerreto di Spoleto area, are presented. Starting from the data obtained by previous geological-geomechanical surveys, seismic-refraction prospectings were carried on in order to obtain a dynamic characterisation and a geometrical description both of soil and rock materials. The velocimetric measures were performed by temporary free-field arrays, recording both environmental noise and small-magnitude seismic events. The analysis of the obtained records is still in progress, in order to evaluate the local seismic wave amplification. [Italian] Vengono illustrate le indagini geofisiche e le misure velocimetriche condotte nell'area di Cerreto di Spoleto (PG) per la microzonazione sismica. In particolare, sulla base dei dati geologici e geomeccanici precedentemente acquisiti, sono state effettuate indagini di sismica a rifrazione che hanno portato alla caratterizzazione dinamica dei litotipi ed alla definizione delle loro geometrie. Le misure velometriche sono state condotte installando array temporanei in free-field per la registrazione di rumore ambientale ed eventi sismici di piccola magnitudo. E' in corso l'elaborazione delle registrazioni ottenute, finalizzata all'analisi degli effetti di amplificazione sismica locale.

  9. William Franke, Sulla verità poetica che è superiore alla Storia: Porfirio e la critica filosofica della letteratura William Franke, On the Poetic Truth that is Higher than History: Porphyry and the Philosophical Interpretation of Literature

    Laura Lucia Rossi

    2010-06-01

    Full Text Available

    In this article we propose the translation of William Franke’s paper On the Poetic Truth that is Higher than History: Porphyry and the Philosophical Criticism of Literature, in which the American scholar presents the hermeneutic method of the ancient commentators of Homer, with particular reference to the critic practice applied by the Neoplatonic Porphyry in his De Antro Nympharum. With this treatment Franke proposes and hopes for the return to an interpretive method, called philosophical or speculative, also for contemporary criticism.

    In questo articolo è presentata la traduzione del saggio di William Franke Sulla verità poetica che è superiore alla Storia: Porfirio e la critica filosofica della letteratura, in cui lo studioso americano presenta il metodo ermeneutico degli antichi commentatori di Omero, con particolare riferimento alla critica praticata dal neoplatonico Porfirio, proponendo e auspicando il ritorno ad una modalità interpretativa, detta filosofica o speculativa, anche per la critica contemporanea.

  10. Prime osservazioni in tema di rappresentanza sindacale: dal protocollo del 31 maggio 2013 alla sentenza della Corte Costitu­zionale n. 231 del 2013

    Marina Capobianco

    2013-07-01

    áti­cas divisiones averiguadas en los últimos años entre los sindicatos. El Protocolo se pone en perfecta línea de continuidad con el anterior Acuerdo Interconfederal del 28 junio del 2011, diferenciándose de ello, sin embargo, en algunas partes. Dentro de este escenario, se analiza la reciente pronunciación de la Corte Constitucional sobre la legitimidad constitucional del art. 19 del Estatuto de los Trabajadores hoy, recorriendo las etapas de progresiva afirmación de la nueva orientación jurisprudencial dirigida a encontrar soluciones de compromiso para poner punto final a la añosa cuestión de la representación "irrisorta", en el ámbito del vacío legislativo en materia sindical. Riassunto - L'Autore affronta lo spinoso tema della rappresentanza sindacale alla luce del­la stipulazione della recente Intesa recante indicazioni in tema di misurazione della rappresen­tatività, sottoscritta unitariamente dalle parti sociali per porre fine alle drammatiche divisioni verificatesi negli ultimi anni sul fronte endo-sindacale. Il Protocollo si pone in perfetta linea di continuità con il precedente Accordo Interconfederale del 28 giugno del 2011, differenziando­sene, tuttavia, su alcune parti. Entro tale scenario, si analizza la recente pronuncia della Con­sulta sulla legittimità costituzionale dell'art. 19 dello Statuto dei Lavoratori oggi, ripercorren­dosi le tappe di progressiva affermazione del nuovo orientamento giurisprudenziale volto a trovare soluzioni di compromesso per porre fine alla annosa questione della rappresentanza “irrisorta”, nell'ambito del vuoto legislativo in materia sindacale. Sommario – 1. L'Accordo del 31 maggio 2013 nel quadro dei previgenti accordi interconfe­derali – 2. Le nuove misure di rappresentatività – 3. L'efficacia soggettiva ed i criteri di votazio­ne - 4. La clausola di esigibilità e di tregua sindacale – 5. La portata e gli effetti del nuovo accordo – 6. La recente decisione della Consulta e le "soluzioni" al

  11. Estereotipos y prejuicios como manifestación ideológica en el discurso lexicográfico: la definición de los hispanismos en los diccionarios italianos modernos.

    Sergio García Sierra

    2008-01-01

    Full Text Available ENGLISH: This paper represents an attempt to demonstrate the vitality of some stereotypes about the hispanic culture through the analysis of the spanish loan-words in the italian dictionaries. Stereotypes, as a manifestation of ideology, are specially able to be traced in the definitions of spanish loan-words related to the political or social life. SPANISH: El siguiente artículo pretende demostrar la vitalidad de ciertos estereotipos sobre el mundo hispánico a través de las definiciones de los hispanismos modernos en los diccionarios de uso del italiano. La vigencia de los estereotipos como manifestaciónideológica concreta emerge sobre todo en los préstamos referidos a los campos onomasiológicos de la política y la sociedad, donde pervive el tópico de la “leyenda negra” española y del atraso social de los países de habla hispana.

  12. Geometrie del senso. Ripensare la semiotica dell’immagine a partire da La macchina della pittura

    Lucia Corrain

    2012-12-01

    Full Text Available Il contributo intende ripercorrere il ruolo che Omar Calabrese ha avuto nella fondazione della Semiotica dell’arte. Una disciplina che, in Italia, vede la sua nascita a partire dall’ultimo ventennio del secolo scorso e che lo studioso, recentemente scomparso, ha contribuito a delineare con precisione. Il volume La macchina della pittura è sicuramente il suo contributo più innovativo, più sistematico e anc’oggi attuale. All’epoca in cui è stato pubblicato, nel 1985, lanciava una duplice sfida: alla storia dell’arte tradizionale e alla semiotica. Alla prima perché imponeva un altro tipo di sguardo, capace di decifrare il modo in cui attraverso la forma è costruito il senso pittorico. Alla semiotica perché dimostra come la pittura sia in grado di produrre senso e addirittura contenga al suo interno i meccanismi per interpretarla.

  13. Korpikuusen kannon alla : Hahmosuunnittelun anatomia

    Toivola, Laura

    2012-01-01

    Teksti on tutkimus hahmosuunnittelun metodeista ja siitä, mistä muodostuu ja kuinka luodaan ”hyvä” hahmo. Käytännön osiossa muunnetaan sarjakuvastripeissä käytetty hahmo tekijän alter egosta itsenäiseksi 3D-animaatiohahmoksi. Hahmon suunnittelu on jaettu kahteen osaan; hahmon taustan ja henkilöhistorian suunnitteluun sekä hahmon visuaalisen ulkomuodon ja habituksen luomiseen. Tekstissä käsitellään erilaisia näkökulmia, joita voi käyttää hyväkseen hahmoa luodessa ja pohditaan viitekirjal...

  14. Plagiaatorist Saksa minister andis alla

    2011-01-01

    Saksamaa kaitseminister Karl-Theodor zu Guttenberg astus plagiaadiskandaali tõttu tagasi. Karl Theodor zu Guttenberg on veebilehe GutenPlag Wikia andmetel pea sõna-sõnalt ilma viitamata teistelt autoritelt maha kirjutanud viiendiku oma doktoritööst

  15. Pluss ja miinus / Hendrik Alla

    Alla, Hendrik, 1976-

    1998-01-01

    Jõuluteemalistest ja jõuluvanalistest arvutireklaamidest. Halb: MicroLink (idee: MicroLink, teostus: Division) 'Arreteeriti jõuluvana!', Assert (Limit Reklaam) 'Viktor (57), näärivana'. Parem: PCT (Snaiper) 'Sa ju lubasid...'.

  16. Kuidas kirjutada kunstiajalugu? / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2010-01-01

    14. ja 15. mail 2010 Tallinnas toimunud USA Clarki instituudi ja Eesti Kunstiakadeemia Kunstiteaduse Instituudi seminarist "Thinking Art History in East-Central Europe" (Arutlusi Kesk- ja Ida-Euroopa kunstiajaloo teemal)

  17. Movimento Sociale Italiano, Alleanza Nazionale, Popolo delle Libertà: do neofascismo ao pós-fascismo em Itália Italian Social Movement, National Alliance, People of Freedom: from neo-fascism to post-fascism in Italy

    Riccardo Marchi

    2011-10-01

    Full Text Available Este artigo apresenta a evolução da extrema-direita italiana no segundo pós-guerra, focando o seu principal partido político. Os objectos de análise são o Movimento Sociale Italiano (1946-1995, o seu sucessor Alleanza Nazionale (1995-2009 e as suas derradeiras estratégias originadas pela fusão com o partido de Silvio Berlusconi (2009. A descrição do percurso histórico do partido é acompanhada pela análise das modificações da sua cultura política. O objectivo assenta na explicação de como e porquê um dos partidos anti-sistema, com maior longevidade no panorama político italiano, abandonou o seu radicalismo e aceitou os valores demoliberais.This article discusses the evolution of the Italian extreme right after the Second World War, with an emphasis on its leading political party, the Movimento Sociale Italiano (Italian Social Movement, its successor, Alleanza Nazionale (National Alliance - 1995-2009, and the latest strategies arising from its merger with the party of Silvio Berlusconi (2009. An outline of the Party’s history is coupled with an analysis of the changes in its political culture. We seek to account for how and why an anti-establishment party - the longest-lived party in Italian politics - renounced its radicalism in favor of popular liberalism values.

  18. Italian students' social representation on aging: an exploratory study of a representational system Representações sociais de estudantes italianos sobre o envelhecimento: um estudo exploratório de um sistema representacional

    João Wachelke

    2011-01-01

    Full Text Available In various countries there are studies aimed at characterizing social representations on aging, but little is known about their relations with other representations. The present study proposes to characterize those relations through the notion of representational systems. An exploratory survey has been conducted with 151 Italian undergraduate students. They have completed evocation tasks about seven social objects linked to aging and also rated the distances among them. Distance ratings went through similarity analysis, while a prototypical analysis was carried out for aging and three objects: death, health and family. The results indicate possible content connections among representation elements and suggest a conjunction relationship between aging and family. The notion of representational systems opens possibilities for more refined representational characterizations.Há pesquisas em diversos países sobre representações sociais sobre envelhecimento, mas pouco se sabe sobre suas relações com outras representações. O presente estudo visa caracterizar essas relações através da noção de sistema representacional. Um levantamento de dados exploratório foi conduzido com 151 universitários italianos que completaram tarefas de evocações sobre sete objetos sociais ligados ao envelhecimento e avaliaram as distâncias entre eles. As avaliações de distância passaram por análise de similitude, enquanto que análises prototípicas foram realizadas para envelhecimento e três objetos: morte, saúde e família. Os resultados indicam possíveis conexões de conteúdos entre elementos das representações e sugerem uma relação de conjunção entre envelhecimento e família. A noção de sistemas representacionais abre possibilidades para o refinamento de caracterizações representacionais.

  19. Imigração e médicos italianos em São Paulo na primeira república Immigration and Italian physicians in São Paulo during the First Republic

    Maria do Rosário R. Salles

    2007-05-01

    Full Text Available A imigração européia para a região sudeste do país, que foi responsável pela introdução da mão-de-obra assalariada, para atender às necessidades da cultura cafeeira, nas últimas décadas do século XIX e primeiras do século XX, tem sido suficientemente estudada pela historiografia da imigração. O que tem sido explorado em menor grau, é a inter-relação entre a imigração e a reforma sanitária que ocorreu no período. O estado de São Paulo, particularmente, foi palco de uma triste história de imigrantes italianos chegados e expostos à virulência das epidemias. Esse foi o ponto de partida para o início do movimento de reforma da saúde pública. Os fazendeiros consideravam a imigração uma necessidade vital para a economia cafeeira, havendo um consenso bastante forte entre as elites e o governo da necessidade de mostrar ao mundo que o Brasil estava disposto a combater sua má reputação em matéria de saúde pública. O pensamento reformista e a ação elegeramos imigrantes como principal alvo da política de saúde. Desta forma, o presente trabalho apresenta dados sobre essas ações e discute a maneira como os países estrangeiros – particularmente a Itália – enviaram ao Brasil agentes e inspetores, médicos, engenheiros e outros profissionais, no sentido de verificarem as reais condições de vida, de trabalho e de saúde de seus conterrâneos tanto nas áreas rurais como nas urbanas. Um dos fenômenos que resultaram dos esforços dos inspetores sanitários foi a consolidação de um mercado de trabalho para médicos italianos e a abertura de hospitais italianos em São Paulo e outras regiões do estado. O impacto da imigração e a consolidação da profissão médica, afetados pela vinda desses profissionais a São Paulo, são os focos principais deste trabalho. Palavras-chave: Imigração italiana. Imigrantes. Política de saúde. Epidemias. Profissionais. Médicos. Estado de São Paulo, Saúde pública. The

  20. I Fioretti de San Francesco como instrumentos de comunicação do cristianismo no trecento italiano = indícios de um contexto cultural = I Fioretti de San Francesco as communication tools of Christianity in the Italian Trecento: evidence from a cultural context

    Marques, Luís Henrique

    2014-01-01

    Este trabalho tem como objetivo apresentar uma leitura crítica da obra I Fioretti de San Francesco, de autor desconhecido, vista aqui como instrumento de comunicação do cristianismo e, mais precisamente, do Movimento Franciscano para a causa da evangelização e, sobretudo, como meio de representação cultural (especialmente, da religiosidade) do Trecento italiano, período inicial do Renascimento, época em que foi produzida e publicada essa obra. Para tanto, fundamentalmente, a leitura de I Fior...

  1. Privilegio petrino e “legge suprema”: considerazioni minime sul can. 1752 del CIC

    Francesco Zanchini di Castiglionchio

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione sul prossimo numero della rivista Diritto e religioniSOMMARIO: 1. Giurisdizione contenziosa e giurisdizione volontaria in materia matrimoniale - 2. Un intervento del Decano della Rota - 3. Alcune considerazioni prospettiche - 4. Riflessioni finali

  2. Il comico come strategia in Gianni Celati & Co

    2012-01-01

    in danese. Lene Waage Petersen ha organizzato l’incontro di Copenaghen insieme a Pia Schwarz Lausten, con la collaborazione del comitato scientifico composto da Marco Belpoliti, María J. Calvo Montoro e Anna Wegener, che ringraziamo per il loro contributo sostanziale alla realizzazione del convegno...

  3. Edmondo De Amicis e la proposta al Ministro dell’Istruzione Pubblica. Un recupero bibliografico

    Michela Dota

    2016-01-01

    Full Text Available Il presente articolo riporta alla luce un contributo dimenticato di Edmondo De Amicis al dibattito post-unitario intorno alla scuola, avviato dalla Relazione manzoniana. In dialogo con quest’ultima e con la letteratura pedagogica coeva, Una proposta al ministro dell’istruzione pubblica (1869 auspica la realizzazione di un libro per gli allievi della scuola primaria, calibrato per i contenuti e per la lingua sulle risorse mentali dei piccoli lettori. Con l’ausilio di alcuni stralci epistolari finora inediti, il presente intervento contestualizza lo scritto deamicisiano, in relazione alla biografia storico-letteraria dello scrittore e al dibattito linguistico e educativo coevo, offrendone infine una trascrizione.

  4. Contributo dos músculos respiratórios para a fisiopatologia da hipercápnia na doença pulmonar obstrutiva crónica estabilizada

    Cristina Bárbara

    2001-05-01

    Full Text Available RESUMO: Os doentes com Doença Pulmonar Obstrutiva Crónica (D.P.O.C. podem desenvolver hipercápnia crónica, em dado momento da sua história natural, correspondendo o aparecimento desta condição a uma fase de maior gravidade clinica. Os mecanismos fisiopatológicos que levam à hipercapnia crónica, são ainda hoje incompletarnente compreendidos. Apesar da retenção de CO2 estar na dependência da gravidade da obstrução das vias aéreas, existe uma variabilidade consideravel na relação entre os valores de PaCO2 eo Volume Expiratório Forçado em urn segundo (FEV1. Existem outros factores, como alteraçãoes de ventilação-perfusão, perturbações do comando ventilatório, fraqueza dos músculos respiratórios, o próprio padrão respiratório e a hiperinsuflação pulmonar, que tern sido referidos como condicionadores de retenção de dióxido de carbono. Este estudo teve como objectivo avaliar o contributo dos muscúlos respiratórios para a fisiopatologia da hipercapnia na D.P.O.C. estabili zada. Para isso estudámos a drive ventilatória, o padrão respiratório, as trocas gasosas e a forç dos mlisculos respirat6rios em 50 doentes com D.P.O.C. (sendo 27 normocapnicos e 23 hipercápnicos. Os resultados foram comparados com um grupo controlo constituido por 17 indíviduos sem doença cardiorespiratória.Os volumes pulmonares foram avaliados por pletismografia. O Volume de Gás Intratorácico (TGV foi utilizado como a medição mais aproximada da Capacidade Residual Funcional (FRC. A obstrução das vias aéreas foi avaliada mediante a determinação dos débitos forçados e da conductancia especifica (SGaw. O estudo do controlo da ventilação assentou na determinação, em repouso, da Pressão de Oclusão (PO,l, da Ventilação minuto (V’E e ainda na variaçãao destas vari

  5. Architettura e arte pubblica in Italia dopo il 1945. About and Context

    Paola Valenti

    2017-05-01

    - Lisa Parola, storica dell’arte, curatrice, membro dell’Associazione culturale a.titolo, Arte e sfera pubblica: l’esperienza di Nuovi Committenti in Italia. - Cesare Viel, artista, docente presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, Spazi di pubblica riflessione. I mutevoli confini della relazione tra intimo e collettivo, provvisorio e durevole, latente e manifesto nella pratica artistica contemporanea. Al fine di restituire la complessità dei temi affrontati e la ricchezza del dibattito che ha accompagnato le relazioni, per il numero della rivista “on the w@terfront” si è deciso di operare una selezione degli interventi presentati al convegno riferiti al contesto italiano (Claudia Collina, Alessandra Barbuto, Lisa Parola, Cesare Viel e di integrarla con alcuni saggi, affidati ai giovani studiosi che hanno collaborato alla redazione del volume Arte negli edifici pubblici. L’applicazione della “legge del 2%” in Liguria dal 1949 ad oggi, che illustrano la metodologia seguita nell’ambito della ricerca sulla applicazione della legge del 2% in Liguria (Rocco Spigno, che presentano i più importanti interventi e progetti culturali che hanno interessato la città di Genova dal 1992, anno dell’Esposizione Colombiana che ha segnato una inversione di rotta per il capoluogo ligure, ad oggi (Alessandra Piatti, che riflettono su come l’arte pubblica abbia trovato, in Italia, un terreno di controcultura nel World Wide Web (Francesca Bulian. Il contributo di Paola Valenti, che apre la raccolta di saggi, si propone di presentare al lettore la realtà del capoluogo ligure da un punto di vista storico, architettonico, urbanistico e culturale, evidenziando soprattutto la sua peculiare condizione di città policentrica e in costante evoluzione.

  6. Paolo Sylos Labini, 1920-2005

    Alessandro Roncaglia

    2012-04-01

    Full Text Available In questo articolo, Alessandro Roncaglia rende un attento e dettagliato omaggio intellettuale alla memoria di Paolo Sylos Labini. Il contributo di Roncaglia fornisce allo stesso tempo un racconto biografico e racconta la traiettoria intellettuale del suo collega italiano. Mentre la teoria di Sylos Labini sull’ oligopolio e le sue forme di mercato costituisce, ovviamente, il centro della scena in queste riflessioni, essi vanno anche molto più lontano, includendo l'economia politica, dinamiche economiche, interrelazioni tra occupazione, crescita e distribuzione del reddito, l'economia dello sviluppo e la storia del pensiero economico. Questo lavoro mette in evidenza, in egual misura, i contributi e le realizzazioni dell'economista, così come le qualità della persona e del cittadino imparziale ed impegnato Paolo Sylos Labini.   In this article, Alessandro Roncaglia renders a careful and detailed intellectual tribute to the memory of Paolo Sylos Labini. Roncaglia’s contribution provides at once a biographical account and recounts the intellectual trajectory of his Italian colleague. While Sylos Labini’s theory of oligopoly and his market forms obviously take centre stage in these reflections, they also reach much further afield, including political economy, economic dynamics, interrelations between employment, growth and income distribution, development economics and the history of economic thought. This paper highlights, in equal measure, the contributions and achievements of the economist, as well as the qualities of the person and the impartial and engaged citizen Paolo Sylos Labini.  JEL Codes: B31Kyewords: Biography; Economic Thought; History of Economic Thought

  7. La migración, la discapacidad intelectual y la educación intercultural. Un estudio cualitativo de los jóvenes inmigrantes de origen italiano en Alemania

    Agostino Portera

    2014-01-01

    Full Text Available El documento resume los resultados de un estudio cualitativo que tuvo como objetivo identificar los resultados y oportunidades positivas, así como los riesgos relacionados con la migración en un contexto multicultural. La investigación consistió en un estudio de caso longitudinal de 7 años, en el que se analizó las historias de vida, los conflictos, la crisis y las estrategias de resolución de problemas de 23 jóvenes de origen italiano con experiencias migratorias (algunos de los cuales todavía estaban viviendo en el sur de Alemania y algunos habían regresado al sur de Italia. La muestra se compone de dos adolescentes con discapacidad intelectual y adolescentes que parecían haberse beneficiado de vivir y crecer en una cultura diferente psicológica y socialmente. Los resultados sugieren que la educación puede desempeñar un papel importante en la determinación de si los sujetos experimentan el enriquecimiento y el crecimiento o, el aumento de las dificultades, las enfermedades mentales y los trastornos sociales. Por tanto, el documento adopta la posición de que la educación puede ser una medida preventiva eficaz contra los problemas de salud mental que experimentan los jóvenes inmigrantes que viven en sociedades complejas. Teniendo en cuenta los resultados de la investigación y el fenómeno actual de la globalización, la educación intercultural, desarrollada y aplicada en un contexto europeo, podría ser el método más adecuado. El documento propone una mayor investigación para verificar la aplicación del enfoque intercultural como una medida preventiva contra los otros trastornos psicológicos y sociales relacionados con la migración.

  8. Prognostic Impact of Diabetes and Prediabetes on Survival Outcomes in Patients With Chronic Heart Failure: A Post-Hoc Analysis of the GISSI-HF (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nella Insufficienza Cardiaca-Heart Failure) Trial.

    Dauriz, Marco; Targher, Giovanni; Temporelli, Pier Luigi; Lucci, Donata; Gonzini, Lucio; Nicolosi, Gian Luigi; Marchioli, Roberto; Tognoni, Gianni; Latini, Roberto; Cosmi, Franco; Tavazzi, Luigi; Maggioni, Aldo Pietro

    2017-07-05

    The independent prognostic impact of diabetes mellitus (DM) and prediabetes mellitus (pre-DM) on survival outcomes in patients with chronic heart failure has been investigated in observational registries and randomized, clinical trials, but the results have been often inconclusive or conflicting. We examined the independent prognostic impact of DM and pre-DM on survival outcomes in the GISSI-HF (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nella Insufficienza Cardiaca-Heart Failure) trial. We assessed the risk of all-cause death and the composite of all-cause death or cardiovascular hospitalization over a median follow-up period of 3.9 years among the 6935 chronic heart failure participants of the GISSI-HF trial, who were stratified by presence of DM (n=2852), pre-DM (n=2013), and non-DM (n=2070) at baseline. Compared with non-DM patients, those with DM had remarkably higher incidence rates of all-cause death (34.5% versus 24.6%) and the composite end point (63.6% versus 54.7%). Conversely, both event rates were similar between non-DM patients and those with pre-DM. Cox regression analysis showed that DM, but not pre-DM, was associated with an increased risk of all-cause death (adjusted hazard ratio, 1.43; 95% CI, 1.28-1.60) and of the composite end point (adjusted hazard ratio, 1.23; 95% CI, 1.13-1.32), independently of established risk factors. In the DM subgroup, higher hemoglobin A1c was also independently associated with increased risk of both study outcomes (all-cause death: adjusted hazard ratio, 1.21; 95% CI, 1.02-1.43; and composite end point: adjusted hazard ratio, 1.14; 95% CI, 1.01-1.29, respectively). Presence of DM was independently associated with poor long-term survival outcomes in patients with chronic heart failure. URL: http://www.clinicaltrials.gov. Unique identifier: NCT00336336. © 2017 The Authors. Published on behalf of the American Heart Association, Inc., by Wiley.

  9. Application of life cycle assessment to production processes of environmentally sustainable concrete, prepared with artificial aggregates; Applicazione della metodologia life cycle assessment alla produzione di conclomerati cementizi di qualita' contenenti aggregati artificiali

    Vaccaro, R. [Italrecuperi, Pozzuoli (Italy); Colangelo, F. [Basilicata Univ., Poteza (Italy). Dip. di Ungegneria e Fisica dell' Ambiente; Palumbo, M. [Federico II Univ., Napoli (Italy). Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell' Ambiente; Cioffi, R. [Parthenope Univ., Napoli (Italy). Dipartimento per le Tecnologie

    2005-08-01

    This paper is about the application of Life Cycle Assessment (L.C.A.) on environmentally sustainable concrete production processes. The goal of this experimentations is to assess environmental impact and energy demand related to concrete production, by using, in different admixtures, natural and artificial aggregates, belonging from treatments of different kind of industrial wastes characterized by very small particle sizes. Particular attention was concentrated on the utilization of fine fraction since it is difficult to recover in usual fields of recycling (i.e. aggers, crowl spaces, etc.). This study follows the approach from cradle to cradle. This experimentation was conducted in relation to four concrete admixtures produced, one of them containing only natural aggregate, and the other ones obtained by substituting the 10% of aggregate respectively with inert wastes as construction and demolition waste (CeD waste). cement kiln dust (CKD) and marble sludge. For all admixtures six different end-life scenarios have been proposed, one of them considers all materials transported in landfill while the other ones consider a partial transportation on landfill (15%) and a recycle of the 85% of wastes obtained after demolition of structures. [Italian] Il presente lavoro ha come oggetto l'applicazione della metodologia Life Cycle Assessment (L.C.A.) ai processi produttivi di calcestruzzi eco-compatibili. L'obiettivo dello studio e' quello di valutare il carico ambientale ed il consumo energetico associato alla produzione di calcestruzzo impiegando, in differenti miscele, aggregati artificiali provenienti dal trattamento di differenti tipologie di scarti industriali di pezzatura molto piccola. E' stata posta particolare attenzione all'utilizzo della frazione fine in quanto quest'ultima risulta piu' difficilmente recuperabile nei consueti campi d'impiego (es. rienpimento per sottofondi stradali, vespai, etc.). L

  10. Reddito minimo e piena occupazione. Note sull'idea dei "piani di lavoro garantito" e di "occupazione di ultima istanza"

    Foggi, Jacopo

    2016-01-01

    L'articolo costituisce una rapida disamina di una proposta politica per la piena occupazione e la lotta alla povertà, poco nota nel dibattito politico, filosofico ed economico italiano. L'interesse della proposta, sviluppata inizialmente da Hyman Minsky e ripresa indipendentemente da diversi economisti in particolare di indirizzo post-keynesiano, sta essenzialmente nell'affrontare congiuntamente lotta alla povertà e perseguimento della piena occupazione, all'interno di un quadro macroeconomic...

  11. Riscritture del romance nel secondo Novecento italiano

    Stefano Nicosia

    2013-01-01

    Full Text Available Many authors in the last century offer us the possibility to look at romance through their rewriting of Italian tradition, but they also offer the possibility to look at rewriting through romance. A systematic examination of every single work would need an article itself. Here the focus is rather on the phenomenon and its implications with tradition and its transformations; and on the intellectual context where they take place. Despite the very core of the poetics of rewriting can be located between the Sixties and the Eighties, these palimpsests go further, into the Nineties. From Calvino, Manganelli and Sanguineti, to Celati, Bufalino and Santagata, we are able to look at different declensions of rewriting. Through these texts and the techniques they are built with, it is possible to verify the strength and the qualities of some cultural and intellectual practices, which can be related to a coherent Italian postmodern poetics, which operates through the reuse of traditional materials. These reuse should be seen – and this is one of the cues and conclusions the article would like to offer – as a vital way of reproducing stories and genres in the postmodern era.

  12. CARACTERIZAÇÃO FÍSICO-QUÍMICA, NUTRICIONAL E INSTRUMENTAL DE QUATRO ACESSOS DE TOMATE ITALIANO (LYCOPERSICUM ESCULENTUM Mill DO TIPO ‘HEIRLOOM’ PRODUZIDO SOB MANEJO ORGÂNICO PARA ELABORAÇÃO DE POLPA CONCENTRADA

    Cintia Leticia da Silva ROSA

    2011-12-01

    Full Text Available O tomate é uma planta pertencente à família das solanáceas, denominada cientificamente Lycopersicum esculentum Mill, potencialmente perene e com facilidade de adaptação a uma grande variedade de climas. O presente estudo teve como objetivo, caracterizar quanto às características físico-químicas, nutricionais e instrumentais de cor e textura quatro acessos de tomate italiano (Lycopersicum esculentum Mill do tipo ‘heirloom’, produzidos sob manejo orgânico para elaboração de polpa concentrada. Foram utilizados os tomates não híbridos (Lycopersicum esculentum Mill San Marzano, Chico Grande, Amish Paste e o denominado EUA 05. Os frutos foram produzidos no período de maio a setembro de 2010, no setor de Horticultura do Departamento de Fitotecnia, da UFRRJ. Foram realizadas as análises de sólidos solúveis (SS, acidez titulável (AT, pH, quantificação e identificação dos carotenoides, cor da casca e da polpa, textura instrumental e quantificação de pesticidas. O teor médio de sólidos solúveis, de grande importância para o rendimento na indústria de produtos de tomate, foi de 5,2ºBrix nos acessos Chico Grande e San Marzano, seguido pelos acessos Amish Paste e EUA 05 com os valores médios de 4,7ºBrix. O balanço entre acidez e o teor de açúcar no fruto, estabelecido pela relação SS/AT (°Brix/% foram de 12,7, 19,2, 15,5, 15,7 para os acessos San Marzano, Chico Grande, Amish Paste e EUA 05, respectivamente. Frutos de alta qualidade contêm a relação SS/ AT maior que 10. Tomates com boa coloração apresentam teores de licopeno na faixa de 5 a 8mg/100 gramas (5000 a 8000μg/100g de polpa. O acesso San Marzano apresentou maior teor médio deste carotenoide (6029μg/100g, seguido do acesso EUA 05 (4073μg /100g, não diferentes signi- ficativamente (p>0,05. Os acessos com maiores teores de licopeno também se destacaram por apresentar coloração mais vermelha. O acesso San Marzano apresentou casca com colora

  13. Después de la abolición del marco: tres tendencias del cine italiano sobre arte alrededor del 1948 / After the Abolition of the Frame: Three Tendencies of Italian Cinema on Art around 1948

    Guillermo G. Peydró

    2016-08-01

    Full Text Available La consciencia de un diálogo entre dos artes, donde el cine no es un mero sirviente que se limita a documentar la obra o artista representado, sino que aporta algo nuevo, había surgido a fines delos 30; será, sin embargo, una década después cuando se desarrolle una verdadera edad de oro de este nuevo género que centró muchos de los debates sobre las posibilidades del cine. En cuanto a número de obras, Italia aparece como el principal productor de films sobre arte del momento, y se producen intensos debates sobre las tomas de posición a seguir al hacer dialogar el legado cultural con el nuevo medio de masas. Historiadores del arte y cineastas discuten sobre el respeto a las obras, sobre la pertinencia de la fragmentación y distorsión de estas para analizarlas mejor, y en una fecha tan temprana como 1948, año clave donde se reúnen varios acontecimientos cruciales relacionados con este tema, encontramos en Italia al menos tres tendencias ya perfectamente definidas. En este artículo repasaré dichas tendencias a partir de tres películas de 1948, realizadas por los principales autores italianos de este género en la época: Luciano Emmer, el tándem Roberto Longhi / Umberto Barbaro y Carlo L. Ragghianti. Antes de ello, contextualizaré los primeros pasos de esta toma de conciencia del cine sobre arte, en un escenario internacional que incluye también a Bélgica, Francia, Suiza y España. Este artículo pretende cubrir en parte un vacío notable en este campo para los estudios de cine sobre arte en castellano.Palabras clave: film sobre arte, Emmer, Longhi, Barbaro, Ragghianti, Bazin, FIFA, UNESCO, Resnais, Storck.AbstractThe awareness of a dialogue between two arts, where cinema is not a mere servant of the work or artist represented, but a device that adds something new, had merged in the late 30s, but it will be a decade later when a true golden age of this new genre will arise, centering many of the debates on the possibilities of

  14. Influência das condições de armazenamento sobre os pigmentos cárneos e a cor do salame italiano fatiado Influence the storage conditions on the meats pigments and the color of the sliced italian salame

    Cristiane Michele Marches

    2006-09-01

    Full Text Available O consumo de produtos cárneos fatiados tem aumentado nos últimos anos, particularmente os produtos curados como o salame. Os vários tipos de salame existentes são fatiados pelas indústrias de carne e/ou pelos supermercados, sem levar em conta as possíveis alterações que possam vir a ocorrer com tal procedimento. As alterações que ocorrem nos pigmentos cárneos totais e nitrosos repercutem na cor, que é detectada pelo consumidor e influencia diretamente no consumo de produtos desta natureza. O presente estudo teve como objetivo investigar o efeito da intensidade de luz, do oxigênio e da temperatura na conversão dos pigmentos cárneos em nitrosos, na quantidade de pigmentos cárneos totais e nitrosos e no índice de cor vermelha, nas fatias de salame tipo italiano. Tais fatias foram acondicionadas em quatro modelos de embalagens diferentes quanto à permeabilidade à luz e ao oxigênio e armazenadas durante 32 dias em temperaturas de 10 °C e 15 °C sob 930 LUX, continuamente, sendo estas condições similares às empregadas em gôndolas de supermercados. A quantidade dos pigmentos cárneos totais e nitrosos, o índice de cor vermelha (a*, determinado pelo método CIE* Lab, foram mensurados nas fatias no zero, 4º, 6º, 12º, 14º, 19º, 25º, 27º e 32º dia de armazenamento. Os resultados obtidos foram avaliados estatisticamente por análise de variância e teste de Tukey, adotando nível de confiança de 95% (p The consumption of sliced meat products has grown in the last few years, especially for cured products as pastrami. The different kinds of pastrami are sliced by meat industry or in the supermarkets, without concern on possible alterations that may occur in the product. The changes on the total and nitrous meat pigments influence the color of the product, which is detected by the consumer, and thus directly influences the consumption of this kind of product. The present study aimed to investigate the effect of light

  15. PO.RA project. An analysis on gas radon concentrations in soil versus fluctuations in the groundwater table; Progetto PO.RA.. Analisi della concentrazione di gas radon nel non saturo in relazione alla soggiacenza della falda freatica

    Serentha' , C.; Torretta, M. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente della Lombardia, Dipartimento di Monza, Monza (Italy)

    2001-09-01

    Man is daily exposed to natural radiation, mainly due to cosmic rays and natural radioactive elements, whose most important radioactive daughters are {sup 222}Rn (radon) and {sup 220}Rn (thoron). Being these ones gaseous, they can spread through the ground, reaching the atmosphere and accumulating in rooms, where their concentrations may be very high. As radon exhalation is strongly connected with the hydrogeological features of the environment, this study tried to find a relationship between fluctuations in the groundwater table and gas radon concentrations in soil, in order to try estimates of indoor radon concentrations. [Italian] L'uomo e' quotidianamente esposto ad una radioattivita' di origine naturale, dovuta principalmente ai raggi cosmici ed alla presenza di alcuni elementi radioattivi naturali, i cui discendenti radioattivi piu' importanti sono il {sup 222}Rn (radon) e il {sup 220}Rn (thoron). Tali elementi, a causa della loro natura gassosa, si possono diffondere attraverso il terreno e raggiungere l'atmosfera sovrastante; cio' puo' provocarne l'accumulo in ambienti chiusi, dando luogo a concentrazioni anche elevate con possibili conseguenze sulla salute. Poiche' l'esalazione del gas radon e' foremente legata alle caratteristiche idrogeologiche dell'ambiente, in questo lavoro si e' cercato di definire una relazione che legasse le variazioni della soggiacenza della falda freatica alle variazioni della concentrazione del gas radon nel non saturo, al fine di verificare se sia possibile effettuare un'attivita' previsionale applicabile ai rilievi di gas radon indoor.

  16. Questione Meridionale And Global South: If The Italian South Meets ...

    Il saggio prova ad affrontare la vexata questio meridionale alla luce di quello che è stato il dibattito italiano negli ultimi anni a partire dai benevoli influssi degli studi postcoloniali e del cosiddetto “pensiero meridiano”. Partendo dall'imagery africana dominante (orientalista e non) con cui spesso il sud d'Italia è stato descritto ...

  17. 'presence' in the poetry of giorgio caproni

    User

    Sommario. Giorgio Caproni è ormai considerato uno dei più importanti poeti del. Novecento italiano. Qui mi occupo soprattutto delle raccolte da Il congedo del viaggiatore cerimonioso fino al postumo Res Amissa, proponendo una lettura della poesia caproniana alla luce di concetti quali presenza, erranza e potenzialità.

  18. Erring in Poetry: The issue of 'presence' in the poetry of Giorgio ...

    Giorgio Caproni è ormai considerato uno dei più importanti poeti del Novecento italiano. Qui mi occupo soprattutto delle raccolte da Il congedo del viaggiatore cerimonioso fino al postumo Res Amissa, proponendo una lettura della poesia caproniana alla luce di concetti quali presenza, erranza e potenzialità. Mi pare che ...

  19. Enti ecclesiastici e ammissibilità alle procedure concorsuali: profili interordinamentali

    Giuseppe Rivetti

    2014-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione. Il contributo è destinato alla pubblicazione nella RivistaGiur. Comm., Giuffrè, Milano 2014SOMMARIO: 1. Enti ecclesiastici e stato di insolvenza: presupposti giuridici e conseguenze economiche. La rilevanza dei controlli canonici. 2. La disciplina giuridica delle «attività diverse». Specialità di regime tra sistema concordatario eius commune. 3. Le categorie giuridiche dell’ente ecclesiastico-imprenditore, in rapporto a recenti orientamenti giurisprudenziali. 4. Attività religiose e attività diverse: criteri di coesistenza strutturale.

  20. Produção de tomate italiano (saladete sob diferentes densidades de plantio e sistemas de poda visando ao consumo in natura Production of Italian tomato (saladete in different plant densities and pruning systems aiming at in natura consumption

    Adriana Q Machado

    2007-06-01

    Full Text Available Verificou-se o efeito de três espaçamentos entre plantas e três sistemas de poda sobre a produção de frutos de tomateiro do tipo italiano (saladete, visando ao consumo in natura. O delineamento experimental foi blocos ao acaso, com três repetições. Os tratamentos foram dispostos em parcelas subdivididas, com os híbridos Heinz 9780 e Kátia alocados às parcelas e, um fatorial de três espaçamentos entre plantas (20; 35 e 50 cm e três números de cachos por planta (2; 4 e 8, às subparcelas. As plantas foram conduzidas sem tutoramento. Houve incremento da produção total e comercial com a redução do espaçamento entre plantas e com o aumento do número de cachos por planta, com interação significativa entre essas duas variáveis, que apresentaram produção total e comercial de 202,6 t ha-1 e 165,9 t ha-1 respectivamente no espaçamento entre plantas de 20 cm e em plantas conduzidas com oito cachos. Apenas o híbrido Kátia apresentou redução significativa do número de frutos por planta quando o espaçamento entre plantas foi reduzido de 50 cm para 35 cm. Houve efeito depressivo da redução do espaçamento entre plantas no peso médio de frutos, a partir de 35 cm para o híbrido Heinz 9780 e, 20 cm, para o híbrido Kátia. Já a poda das plantas após o segundo cacho elevou o peso médio dos frutos em 54% no híbrido Heinz 9780 e 48,6% no híbrido Kátia, quando comparado ao tratamento com oito cachos por planta. Os resultados indicam a possibilidade de aumentar o peso médio de frutos de tomateiro com o emprego do espaçamento entre plantas de 50 cm para o híbrido Heinz 9780 e, 35 ou 50 cm, para o híbrido Kátia, e da poda apical após dois ou quatro cachos. Os híbridos mostraram-se adequados para a produção de tomate destinado ao consumo in natura, por apresentarem frutos com tamanho exigido por esse mercado.This experiment was carried out to study the effect of three spacings between plants and three pruning systems in

  1. Seed germination and seedling vigour of italian ryegrass, cocksfoot and timothy following harvest and storage Germinação de sementes e o vigor de plantas jovens de azevem italiano, dactilis e timóteo após a colheita e o armazenamento

    Rade Stanisavljevic

    2011-12-01

    Full Text Available During post-harvest maturation, different species vary in the length of dormancy breaking or germination increases. Seed dormancy and slow seedling development often limit establishment of forage grass stands. Seed germination and seedling vigour of Italian ryegrass (Lolium italicum A. Braun, Synonym Lolium multiflorum L., cocksfoot (Dactylis glomerata L. and timothy (Phleum pretense L. were observed after harvest and storage. After harvest in June, seeds were stored under standard storage conditions and sampled every 30 days after harvest (DAH, up to 270 DAH, and then every 60 days up to 990 DAH. At each date, seeds were tested for final germination percentage and for seedling vigour traits. Timothy seeds had a maximum germination (88% and the best seedlings vigour at 90 DAH, which implies that early autumn (September-October is the best sowing period for freshly harvested seeds of timothy. Timothy seed germination was poor from 270 DAH (73%. The best germination and vigour of Italian ryegrass and cocksfoot seedlings were between 270 and 330 DAH, which equates to spring sowing time (March-April in the succeeding year. Cocksfoot and Italian ryegrass seeds maintained satisfactory germination levels up to 630 DAH (81% and 810 DAH (81%, respectively. The data can serve for the determination of a proper storage duration management between harvest and sowing of the tested species under ambient conditions of south-eastern Europe.Durante o armazenamento, diferentes espécies comportam-se diferentemente quanto à dormência e crescimento de plântulas. A dormência o desenvolvimento lento das plântulas limitam a época do plantio das gramíneas forrageiras plurianuais. A germinação de sementes e o crescimento das plântulas de azevem italiano (Lolium italicum A. Braun sin. Lolium multiflorum L., Dactilis (Dactilis glomerata L. e de timoteo (Phleum pratense L. foi pesquisada durante a maturação pós-colheita e a silagem. Após a colheita, em junho

  2. Features and problems in the construction of the postunitary Italian banking system = Características y problemas en la construcción del sistema bancario postunitario italiano

    Stefano Palermo

    2016-12-01

    conformación del sistema bancario. Y dentro de tal contexto, estudiando el período entre la unificación de Italia y el "fin de la crisis del siglo", da la impresión particularmente importante, ya que es durante esta fase, que algunas de las líneas a través de las cuales el modelo de Italia utilizó para unirse al proceso de la Segunda Revolución Industrial ya estaban diseñadas. Tal situación pondrá a prueba las futuras reformas, como un preludio del despegue de Italia durante la era Giolittiana. Esta contribución tiene la intención de poner de relieve algunas de las características de la conformación del sistema bancario italiano en el marco de la construcción de la nación italiana, entre 1861 y 1893. Con el fin de hacer esto, además de ofrecer un análisis de la situación política, económica y financiera de ese momento, se examina la trayectoria, los usos y los movimientos de capitales, partiendo de los movimientos financieros registrados entre el final de la década de 1860 y principios de la década de 1870, entre el centro-norte de Italia, Alemania y Austria, e incluyendo las actividades de la banca Tiberina, con sede en Roma como uno de los protagonistas principales del creciente fenómeno de unión bancaria y empresarial durante ese periodo. Por lo tanto, este trabajo no sólo se centra en la moraleja resultante de la experiencia de Banca Tiberina (algo bien conocido en la historiografía económica, sobre todo cuando al examinar el final de la crisis del siglo, sino más bien en las tres décadas anteriores completas, desde el principio hasta la fase de expansión. Por ello, surge un nuevo marco, esforzándose en destacar los principales rasgos de las características políticas, sociales y económicas de Italia, con los eventos sólo aparentemente de origen local, y entre ellos y la evolución del sistema bancario tras la unificación italiana.

  3. L'Italia di fronte alla mafia

    Elisabetta Cesqui

    2018-03-01

    Full Text Available La realtà odierna delle mafie è in forte evoluzione e assume fra l’altro forme concrete diverse. Il lavoro compiuto dagli Stati Generali promossi dal Ministero della Giustizia ha messo in luce la complessità dei rapporti tra mafie e società, illuminando le zone di debolezza del sistema legale. Questo viene dunque chiamato oggi a sviluppare strategie di contrasto e di prevenzione sorrette da una nuova consapevolezza del fenomeno mafioso, che dimostra sempre più di non avere confini, né sul piano geografico né sul piano sociale o culturale. Parole chiave: criminalità organizzata, mafie, Stati Generali, strategia, prevenzione, consapevolezza, legalità   Nowadays mafias are seeing a phase of strong expansion, in a variety of different directions and shapes. The work carried out by the General States promoted by the Ministry of Justice has highlighted the complexity of the relations between mafia and society and underlined the weak areas of the existing law. The legal system is now facing the necessity of developing new strategies and tools for tackling and preventing the mafia phenomenon which increasingly proves to have no borders, either geographically or socially or culturally. Keywords: organized crime, mafias, General States , strategy, prevention, awareness, legality

  4. Mimesis: dalla riflessione teoretica alla prassi educativa

    Gilberto Scaramuzzo

    2013-10-01

    Full Text Available The article reflects on Aristotle’s Poetics, 4.1448 b4-19. It examines how the definition of man as a mimetic animal (b5-9 is underestimated in educational praxis, and then, according to Aristotle, points to mimesis as the core of the understanding/learning processes. Arguing a revaluation of mimesis as necessary to educational praxis, the article presents a project delivered through this principle in a multi-ethnic school context.

  5. An artist and his double / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2010-01-01

    Marko Raadi portreefilmist kunstnik Jaan Toomikust "Toomiku film" (Allfilm, 2008) ning näitlejast, lavastajast ja elukunstnikust Alar Sudakust (kunstnikunimega Elaan) "Isa, Poeg ja Teatri Vaim" (Allfilm, 2009) sarjast "Eesti lood"

  6. Deceptive pictures and revealing sounds / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2009-01-01

    2009. aasta Ars Fennica kunstipreemia pälvinud eesti kunstniku ja fotograafi Mark Raidpere videokunstist, muusika ja heli tähtsast rollist tema videotes (videod "Pühendus/Dedication" (2008), "5 Guards" (2006), "Wailing Woman" (2007), "Majestoso Mystico" (2007), "Vekovka" (2008) jt.)

  7. Allan Allmere: tulevane Meelis Atonen / Henri Allas

    Arras, Henri

    2009-01-01

    Liberalismi Akadeemia juht ja Tallinna reforminoorte esimees Allan Allmere keskendub 2009. aastal Tallinna linnavolikokku kandideerides peamiselt noortele ja nende probleemidele. Noormehe hobiks on väärtpaberiturgudel mängimine ning oma eeskujudena nimetab ta USA majandusteadlast Milton Friedmani ja Meelis Atoneni

  8. Lihtsalt kunst ja kapital / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2007-01-01

    Saksa galeristi ja kollektsionääri Rolf Ricke kogu põhjal koostatud näitusest "Das Kapital - Blue Chips & Masterpieces" Frankfurdi Moodsa Kunsti Muuseumis. Kunstikogumisest ja kunstipoliitikast Lääne-Euroopas

  9. Tehnoloogiakaotus Eestis alla 50 miljoni / Kaja Koovit

    Koovit, Kaja, 1968-

    2000-01-01

    Nokia, Sonera ja Ericssoni aktsiate hinnad on kuuga langenud ligi 30%, millest Eesti investorid on saanud 30 miljonit krooni kahju. Tabel: Lemmikaktsiate hinnad on kuuga langenud 30%. Ilmunud ka: Delovõje Vedomosti 18. okt. lk. 34

  10. Quando i romanzi facevano male alla salute

    Stefano Calabrese

    2016-07-01

    Full Text Available Come sostengono neuroscienziati e cognitivisti, attualmente le narrazioni finzionali svolgono un ruolo essenziale nell'aiutare gli individui a elaborare schemi predittivi circa la realtà; inoltre, la fruizione immersiva nelle narrazioni attuali costituisce una palestra in cui i lettori indossano empaticamente le emozioni dei personaggi. Questo accade perché oggi il dinamismo del contesto storico-culturale della globalizzazione ha reso necessaria una maggiore abilità nel mind reading e una profonda competenza nelle metarappresentazioni. Al contrario, nel secolo diciannovesimo le narrazioni producevano nei lettori cattive identificazioni perché il contesto storico-culturale non era per così dire all'altezza delle finzioni narrative. Lo dimostra il caso della ricezione normanna di Madame Bovary. As neuroscience and cognitive psychology assert, nowadays fictional narrative holds an essential role helping individuals elaborating predictive schemes of reality; furthemore, immersive fruition of fiction constitutes a mental training in which readers wear characters’ emotions through empathy. This happens because the dynamic historical and cultural context of globalization requires an always more sophisticated ability in mind reading and a strong competence on meta-representations. On the contrary, during 19th Century narrations produced in readers incomplete identifications, due to a context still historically and culturally backward for narrative fiction, as exemplarily demonstrated by Madame Bovary’s Norman reception.

  11. Leedus pandi homoinfo keelu alla / Kaivo Kopli

    Kopli, Kaivo

    2009-01-01

    Leedu parlament kiitis teist korda heaks seaduse "Alaealiste kaitsmisest negatiivse informatsiooni eest" (Law on the Protection of Minors against the Detrimental Effect of Public Information ; Nepilnameciu apsaugos nuo neigiamo viešosios informacijos poveikio). Lisa: Grybauskaite näeb homofoobiat

  12. Teletrasporto dalla fantascienza alla realtà

    Castellani, Leonardo

    2011-01-01

    Chi di noi correndo nell’ansia di un ritardo non ha desiderato per un attimo di teletrasportarsi nel luogo dell’appuntamento? Proprio come facevano i personaggi di Star Trek entrando nella sala teletrasporto dell’ Enterprise e ricomparendo immediatamente in qualche altro punto dell’universo. Forse ci siamo anche chiesti se la scienza e gli sviluppi della tecnologia ci porteranno mai a questo. Gli autori propongono un viaggio nel mondo dei quanti, dove si nascondono possibilità sorprendenti: non solo il teletrasporto di particelle, ma sistemi crittografici a prova della più abile spia, e calcolatori che usano singoli atomi come registri di memoria, capaci di calcoli ritenuti fino a oggi impossibili. I fondamenti della fisica microscopica vengono descritti senza tecnicismi; se ne illustrano applicazioni che, come è successo in passato con il transistor e il laser, trasformeranno radicalmente i nostri calcolatori, le transazioni commerciali e le carte di credito, le comunicazioni, insomma una parte im...

  13. Alla cerca della particella di dio

    Caprara, Giovanni

    2007-01-01

    "Keep in mind her name, Fabiola Gianotti. She is the head of a team of 1'800 physicists from all over the world, and work in an historic experiment: to product in a laboratory the initial energy of the Big Bang. She said it will be like to discover an unknown flower. And perhaps, the secret of matter." (2 pages)

  14. Elektrooniline raamat iga padja alla / Aavo Kokk

    Kokk, Aavo, 1964-

    2010-01-01

    Autor arutleb, kuidas muudavad uued tehnilised lahendused raamatute lugemise harjumusi ning raamatuturgu. Elektroonilisest raamatust Sony Reader. Avo Kokk juhatab Balti raamatumessi raames toimuvat konverentsi "E-raamat: evolutsioon või revolutsioon"

  15. Nõukogulik Gruusia annab alla / Heiki Suurkask

    Suurkask, Heiki, 1972-

    2003-01-01

    Hääletustulemuste võltsimisest Adzhaarias 2. novembril toimunud parlamendivalimistel. Adzhaaria autonoomne vabariik ei tunnista uut võimu Gruusias. Tagasiastunud presidendi Eduard Shevardnadze lähikond on uuele võimule järele andnud. Lisa: Gruusia

  16. Dai suoni alla lingua in uso

    Pierucci, Giulia

    Being able to understand and produce the sound system of the target language is a building block in the process of language learning. In spite of this, pronunciation is often neglected in FL/SL curricula and teaching practice. This project’s goal is to contribute to the field of FLT by designing...... on the whole process of FL learning, this project will integrate intensive training in pronunciation with activities aimed at a range of language components, from grammar to comprehension to pragmatic competence, always based on authentic material. The project’s methodology is based on design research...

  17. Davanti alla grande macchina della legge

    Remo Ceserani

    2012-06-01

    Full Text Available La letteratura e le sue rappresentazioni del mondo della legge. Differenze profonde tra l’amministrazione della giustizia nei paesi eredi del diritto romano e quella nei paesi di tradizione anglosassone. I protagonisti della scena giudiziaria: l’imputato, il procuratore, gli avvocati, i testimoni, il perito di parte, il giudice, la giuria, il pubblico. La macchina della giustizia, i suoi funzionamenti, l’atmosfera delle udienze nelle metafore letterarie. La frequente incomprensione dei suoi meccanismi da parte di imputati e pubblico. Gli esempi di molti testi letterari e filmici, dal Libro di Giobbe ai romanzi di Grisham.

  18. Davanti alla grande macchina della legge

    Remo Ceserani

    2012-01-01

    La letteratura e le sue rappresentazioni del mondo della legge. Differenze profonde tra l’amministrazione della giustizia nei paesi eredi del diritto romano e quella nei paesi di tradizione anglosassone. I protagonisti della scena giudiziaria: l’imputato, il procuratore, gli avvocati, i testimoni, il perito di parte, il giudice, la giuria, il pubblico. La macchina della giustizia, i suoi funzionamenti, l’atmosfera delle udienze nelle metafore letterarie. La frequente incomprensione dei suoi m...

  19. Dalla crisi finanziaria alla crisi reale

    CARLO D’ADDA

    2010-01-01

    Full Text Available The financial crisis of 2008 is put in relation with two bubbles, financial and housing. Easy credit is at the origin of both bubbles. Risky bonds were issued to mobilize mortgages originated in the housing market, and bad bonds entered a fantastic number of institutional and private portfolios all over the world without any perception of the their risk. Unfortunately, bank credit to speculators was abundant and fed the final growth of the bubbles. When fears started to spread, the fall was immediate and expectations impaired very rapidly. The main aggregate demand components were severely curtailed and production fell as well. This is the crisis of the real economy. Fortunately, as opposed to what happened in 1929, the interventions of central banks and governments have been of an unprecedented size. The bail out of insolvent banks in particular has been providential. The exit from the current crisis, however, will surely be slow.

  20. Põlva poisid teevad filmiga ilma / Tiia Allas

    Allas, Tiia

    2000-01-01

    Põlvas elavad kooliõpilased Christian Kask ja Daniel Müntinen said Theodor Lutsu filmipäevadel parima animafilmi auhinna oma filmiga "UFO" ja kandideerisid lühimängufilmidega "Voitkajaht" ja "Snaiper" peaauhinnale

  1. Filosofare alla fine dei tempi. Riflessioni agambeniane

    Scotti, Alessandra

    2012-12-01

    Full Text Available This work focuses on the apocalyptic nature of Giorgio Agamben's philosophical works. The dialogue with Agamben is full of references to St. Paul's letters, Kafka's literary works and Benjamin's messianism. This work tries to define the criteria of the kairological time, considered as a section of the chronological time which deactivates the discretionary mechanism, along the same lines as St. Paul's lessons, which reformulate the distinction between Jews / non-Jews. In this diacritic strategy lies the secret of any future philosophy, that is profanation, meant as the abolition of any sacred limit and the return to a human use.

  2. Il ruolo degli arbëreshë nella messa a punto del modello albanese di rapporti tra le comunità religiose e lo Stato

    Giovanni Cimbalo

    2014-05-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, riproduce il testo della Comunicazione presentata alla Konferencë Shkencore Ndërkombëtare Albanologjike, Një rilindje para Rilindjes (Gjirokastër, 22 maj 2013 con il titolo albanese Roli i arbëreschë në zhvillimin e modelit shqiptar të marrëdhënieve ndërmjet bashkësive fetare dhe shtetit, ed è destinata alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Caratteristiche dell’insediamento delle popolazioni arbëreshë in Italia - 2. Il contributo del pluralismo religioso nella fondazione dello Stato albanese - 3. L’uso degli arbëreshë per l’espansione della Chiesa cattolica a Oriente: un progetto abortito - 4. Considerazioni conclusive.

  3. La cura della professionalità nei servizi per l’infanzia.

    Vanna Gherardi

    2007-07-01

    Full Text Available Il presente contributo riporta fasi e risultati di un’indagine empirica sulla percezione di cura di insegnanti di scuola dell’infanzia considerando il loro lavoro di cura, ossia in rapporto alla propria professionalità in istituzioni pubbliche rivolte alla cura dell’infanzia. Il principio teorico di riferimento sta nella reciprocità della cura all’interno di una istituzione educativa in una società democratica. I teorici di riferimento sono: Dewey (1937; Lewin (1948; Bernstein (1975; Bronfenbrenner (1979; Bruner (2002.

  4. L’ULTIMO ASSOLUTO DELLA RELATIVITÀ

    Roselli, Andrea

    2014-01-01

    Si mostra come la celebre disputa tra Einstein e Bohr riguardi i concetti di realtà retrostanti le loro relative concezioni della realtà fisica; conseguentemente, viene suggerita una significativa connessione tra le teorie di Copenaghen e la relatività einsteiniana. Bohr considerava la descrizione della realtà offerta dalla meccanica quantistica completa; Einstein, al contrario (nonostante il contributo apportato alla sua nascita), continuava a cercare una teoria deterministica. Quando nel 19...

  5. Liberté de religion (art. 9 CEDH: droit de ne pas être contraint de révéler ses convictions religieuses et prélèvement à la source de l’impôt cultuel. L’affaire Wasmuth c. Allemagne

    Nicolas Hervieu

    2011-03-01

    Full Text Available Il contributo, apparso su Actualités Droits-Libertés del 20 février 2011 (CREDOF, http://credof.u-paris10.fr/ e destinato anche alla rivista telematica “Combats pour les droits de l’homme”, è pubblicato per la cortese disponibilità del Centre de Recherches et d’Études sur les Droits Fondamentaux - Université Paris Ouest Nanterre La Défense.

  6. Oggetti e memoria domestica

    Marina Brancato

    2011-12-01

    Full Text Available Questo contributo è un ideale viaggio nella memoria attraverso le stanze che compongono le nostre case. Un itinerario fra gli oggetti che fanno da sfondo quotidiano alla nostra scenografia domestica. Nello specifico indagheremo album fotografici, souvenir, ninnoli (mnemoteche domestiche. Sin dall’inizio abbiamo considerato gli ambienti domestici veri e propri serbatoi di memorie individuali e collettive. In tali serbatoi i soggetti depositano tracce delle proprie biografie, esprimendo e confermando progetti identitari.

  7. Omosessualità maschile: una chiave di lettura

    Salvatore Polito

    2005-12-01

    Full Text Available Questo contributo, dunque, tenta di offrire una prima chiave di lettura del rapporto scambievole tra omosessualità maschile e società, analizzato in riferimento a una domanda pubblica di conoscenza non più trascurabile dalle scienze sociali. Soprattutto se si prende atto del fatto che l’omosessualità maschile rappresenta a tutti gli effetti un’alternativa stabile alla maschilità egemone eterosessuale per le sue specificità storiche, politiche e culturali.

  8. Neutralità della scuola e ruolo dei genitori nelle attività extra-scolastiche

    Daniele Ferrari

    2011-12-01

    Full Text Available Il contributo è stato sottoposto alla valutazione del Prof. Francesco Margiotta Broglio, che ne ha attestato la scientificità e l’originalità. SOMMARIO: 1. Introduzione – 2. Ordine pubblico, laicità, principio di non discriminazione, libertà di coscienza, libertà di religione e istruzione pubblica: un complesso quadro costituzionale – 3. Il genitore-accompagnatore può essere considerato un funzionario pubblico di fatto? – 4. Le fonti internazionali ed europee.

  9. Il Basic Agreement tra la Santa Sede e la Bosnia- Erzegovina nel quadro delle dinamiche concordatarie ‘post-comuniste’

    Germana Carobene

    2011-05-01

    Full Text Available Contributo destinato alla pubblicazione negli Studi in onore del Professore Piero Pellegrino. SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Configurazione giuridica delle attuali dinamiche concordatarie nei Paesi di recente strutturazione politico-giuridica - 2. L’Accordo del 2006 ed il suo contenuto normativo - 3. Evoluzione storica della Bosnia- Erzgovina fino all’attuale strutturazione politica - 4. Confronto con le regolamentazioni concordatarie degli altri Paesi dell’area balcanica e socialista. Conclusioni.

  10. Constitutional osteochondrodysplasias identifiable a birth. A short review on the state of the art in radiodiagnostic in the late 20. century; Le osteocondrodisplasie costituzionali riconoscibili alla nascita. Una breve rassegna sullo studio dell'arte radiodiagnostica sul finire del 20. secolo

    Gugliantini, P.; Maragliano, G.; Piscione, M.; Licata, G. [Azienza Ospedaliera San Giovanni - Addolorata, Rome (Italy)

    1999-03-01

    The value of a systematic radiologic analysis in constitutional osteochondrodysplasias remains underestimated by both neonatologists and radiologists. The authors report the clinical experience of the Department of Neonatology and Neonatal Intensive Cure Unit of St. John Hospital in Rome with constitutional osteochondrodysplasias identifiable at birth. The authors justify the relatively high incidence of constitutional osteochondrodysplasias in this study (66% versus an average incidence of 0,076% reported in the world population) on the basis of: a) an increasing number of high-risk newborns in the intensive cure; b) an improvement in our clinical and radiologic diagnostic skill. They conclude that the state of the art of diagnostic of constitutional osteochondrodysplasiasin still based on the first plain X-ray examination performed at birth because of cardiorespiratory and/or abdominal diseases in the newborn. [Italian] L'importanza dell'analisi radiologica sistematica delle osteocondrodisplasie costituzionali e' tutt'ora sottostimata sia dai neonatologi che dai radiologi. Pertanto riferiamo l'esperianza clinico-radiologica di osteocondrodisplasie costituzionali identificabili alla nascita nel Dipartimento di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell'Ospedale San Giovanni di Roma. L'articolo conclude giustificando la relativamente alta incidenza di ostecondrodisplasie costituzionali della casistica in esame (0,66% contro l'incidenza media dei 0,076% riferita alla popolazione mondiale) sulla base di: a) crescente numero di neonati con alto rischio ricoverati nella unita' di terapia intensiva; b) miglioramento delle capacita' diagnostiche, sia cliniche che radiologiche.

  11. Prognostic Impact of Elevated Serum Uric Acid Levels on Long-Term Outcomes in Patients with Chronic Heart Failure: A Post-Hoc Analysis of the GISSI-HF (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nella Insufficienza Cardiaca-Heart Failure) Trial.

    Mantovani, Alessandro; Targher, Giovanni; Temporelli, Pier Luigi; Lucci, Donata; Gonzini, Lucio; Nicolosi, Gian Luigi; Marchioli, Roberto; Tognoni, Gianni; Latini, Roberto; Cosmi, Franco; Tavazzi, Luigi; Maggioni, Aldo Pietro

    2018-02-22

    The prognostic impact of hyperuricemia on long-term clinical outcomes in patients with chronic heart failure (HF) has been investigated in observational registries and clinical trials, but the results have been often inconclusive. We examined the prognostic impact of elevated serum uric acid levels on long-term clinical outcomes in the GISSI-HF (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nella Insufficienza Cardiaca-Heart Failure) trial. We assessed the rates of all-cause death, cardiovascular death, cardiovascular hospitalization and the composite of all-cause death or cardiovascular hospitalization over a median follow-up of 3.9 years among 6683 ambulatory patients with chronic HF. Patients in the 3rd serum uric acid tertile (>7.2 mg/dl) had a nearly 1.8-fold increased risk of all-cause death and cardiovascular death, and a nearly 1.5-fold increased risk of cardiovascular hospitalization and of the composite endpoint compared to those in the 1st uric acid tertile (uric acid ≥7 mg/dl the risk of outcomes increased sharply and linearly. The significant association between elevated serum uric acid levels and adverse outcomes persisted after adjustment for multiple established risk factors, HF etiology, left ventricular ejection fraction, medication use and other potential confounders, with an adjusted hazard ratio of 1.37 (95% CI 1.22-1.55) for all-cause death, 1.48 (1.29-1.69) for cardiovascular death, 1.19 (1.09-1.30) for cardiovascular hospitalization and 1.21 (1.11-1.31) for the composite endpoint, respectively. Elevated serum uric acid levels are independently associated with poor long-term survival and increased risk of cardiovascular hospitalization in patients with chronic HF. Copyright © 2018. Published by Elsevier Inc.

  12. From ‘Death Knights’ to the ‘Struggle for Life’. Italian Arditi, from War to Anti-fascism | De “caballeros de la muerte” a la “lucha por la vida”. Los arditi italianos, de la guerra a la militancia antifascista

    Eros Francescangeli

    2016-12-01

    Full Text Available This article deals with the history of the Italian Arditi –elite troops in the Italian Army since 1917– after World War I. Postwar Arditi became a violent political group in the Italian Army often related directly to Fascism. This articles explores a much more complex reality by focusing on the trajectory of antifascist groups (Arditi del popolo, created as a response to Fascism threat. It examines the Arditi’s mentalities during Italian postwar focusing on veteran societies. It also highlights both the connections and the disconnections between those former Arditi who supported Fascism and those converted to antifascism. | El artículo aborda la historia de los arditi en la Italia posterior a la Primera Guerra Mundial: tropas de elite desarrolladas en el ejército italiano desde 1917. Los arditi en la posguerra se convirtieron en un violento grupo político que suele relacionarse en la historiografía de manera unidireccional con el fascismo. El artículo demuestra una realidad mucho más compleja, centrándose en la trayectoria de grupos antifascistas llamados Arditi del popolo, creados en reacción a la amenaza fascista. Se examinan las características de las mentalidades de los arditi durante la posguerra italiana en el marco de las asociaciones de excombatientes, señalando concomitancias y puntos de ruptura entre aquellos ex-arditi que decidieron apoyar el fascismo, y aquellos que se convirtieron al antifascismo.

  13. Contribution to Validation of the Student–Teacher Relationship Scale (STRS Italian Version in the Italian Educational Setting Contribución para la validación de la Escala de relaciones entre estudiantes-profesores (STRS versión italiana en el entorno educativo italiano.

    Michela Fraire

    2009-11-01

    Full Text Available The quality of the relationship teacher-pupil represents a relatively new field of research, both nationally and internationally. Our principal objective is the development and the evaluation of the Student-Teacher Relationship Scale (Pianta, 1996, which aims to assess the quality of the teacher-pupil relationship from the point of view of the latter; our own goal is consequently to recognize the applicability of the STRS to an Italian context, especially by analysing in depth the psychometric characteristics of the Scale. Thanks to the use of the STRS, it is possible to identify precise relational patterns between teacher and pupil, therefore the questionnaire is of decisive importance both for teachers and for whoever else is involved in the field of primary education. Key words: Teacher-pupil relationship, STRS, educational contexts, test.

    La calidad de la relación maestro-alumno es un tema de investigación relativamente reciente, tanto en el contexto nacional, como en el ámbito internacional. Nuestro objetivo es desarrollar y validar el cuestionario Student-Teacher Relationship Scale, instrumento que se propone valorar la calidad de la relación maestro-alumno desde el punto de vista del maestro. La finalidad es, por lo tanto, descubrir la aplicabilidad del instrumento al contexto italiano, analizando las cualidades psicométricas de la escala. Gracias al uso del STRS, es posible localizar estilos relacionales específicos entre el maestro y el alumno. El cuestionario se presenta como un instrumento útil para los maestros y para los que trabajan en el campo educativo.

    Palabras clave: Relación maestro-alumno, STRS, contextos escolares, test.

  14. FOCALIZZARE LA FORMA: SVILUPPO DELLA COMPETENZA LINGUISTICA NELLA CLASSE MULTILINGUE DELLA SCUOLA PRIMARIA

    Anna Whittle

    2016-02-01

    Full Text Available L’obiettivo di questo contributo è la descrizione di modelli di didattica della grammatica all’interno di un approccio comunicativo all'insegnamento della L2. L’etichetta focus on form raccoglie alcune strategie di interazione che promuovono l’accuratezza linguistica all'interno di un dispositivo che non perde di vista l’aggancio con la dimensione del significato. Per delineare i tratti di questo approccio sono stati proposti degli esempi, tratti da trascrizioni di interventi in classe, che illustrano opzioni diverse di insegnamento della grammatica nella classe multilingue: da un modello deduttivo e decontestualizzato (focus on forms, ad un intervento di riflessione sulla lingua utile a notare delle regolarità linguistiche e una focalizzazione sulla forma basata sul feedback correttivo (focus on form. Per chiarire il ruolo che la focalizzazione sulla forma può avere in un task comunicativo sono state messe a confronto due sequenze di insegnamento, una di L1 e l'altra di L2 nella stessa classe di scuola primaria frequentata dal 50% di bambini non italofoni di cui 5 di livello basico. I due approcci sono stati ricondotti alla distinzione fra focus on meaning (didattica della L1 e focus on form (didattica della L2. Tutti gli esempi sono tratti da tre classi seconde della stessa scuola coinvolte in un esperimento didattico sull’acquisizione di tre forme del presente indicativo italiano. Focusing on the form: the development of expertise in multilingual primary school classesThe paper describes communicative grammar teaching models in L2 teaching. The label “focus on form” collects some interaction strategies that promote linguistic accuracy without losing sight of the link with the dimension of meaning. Examples taken from transcripts of speeches in class outline the features of this approach, showing different options for teaching grammar in the multilingual classroom: from a deductive and decontextualized model (focus on forms

  15. Alla fine della vita: bioetica e medicina alla ricerca di un confine

    Barcaro, Rosangela

    2015-09-01

    Full Text Available [At the end of life: bioethics and medicine looking for a boundary]. Bioethics, neuroscience, medicine are contributing to a debate on the definition and criteria of death. This topic is very controversial, and it demonstrates clashing views on the meaning of human life and death. Official medical and legal positions agree upon a biological definition of death as irreversible cessation of integrated functioning of the organism as a whole, and whole-brain criterion to ascertain death. These positions have to face many criticisms: some scholars speak of logical and practical inconsistency, some others of invalid scientific theory about the supreme integrator. In this paper some criticisms are exposed and discussed in order to reconstruct the state of the art in bioethical debate.

  16. Il contributo delle scienze criminologiche per la formazione degli esperti nel settore della sicurezza / La contribution des sciences criminologiques à la formation des professionnels dans le domaine de la sécurité / The contribution of criminological sciences to the training of experts in the field of security

    Balloni Augusto

    2013-03-01

    Full Text Available L’evolversi della criminalità comune e organizzata comporta un maggior grado di vulnerabilità per tutte quelle realtà pubbliche e private che producono ricchezza di tipo economico, culturale o di altro tipo. Di conseguenza la sicurezza diventa centrale e fondamentale e si presenta come un problema complesso, a volte di difficile interpretazione e soluzione, a causa della molteplicità dei fattori in gioco, delle esigenze di budget e della necessità di adeguarsi continuamente alle diverse richieste che sono in rapporto anche al manifestarsi di nuove forme di criminalità e di altri eventi dannosi.E’ necessario sottolineare come, in tema di sicurezza, sia indispensabile che l’esperienza pratica giunga ad una chiara comprensione della realtà. Quando si affronta il problema della sicurezza occorre tentare di tradurre diverse opinioni (per esempio quelle dei fisici, dei criminologi, degli economisti, degli imprenditori, ecc. in un linguaggio scientifico.E’ evidente che la sicurezza, inserita nella dinamica degli eventi sociali, dipende da molti fattori, tanto che in Italia il concetto di sicurezza si è sviluppato, ad esempio, in diverse direttive: la locuzione pubblica sicurezza; la sicurezza sociale; la sicurezza intesa come security. Risulta quindi impellente attuare strategie di difesa e di prevenzione che si colleghino ad elevati standard di sicurezza ed a scelte oculate per quanto riguardo l’aspetto economico e l’attenzione a minacce reali. In una tale prospettiva emerge il concetto di rischio che diventa di fondamentale importanza nel collegamento all’attività di prevenzione del crimine e alla difesa dei beni e delle persone da eventi dannosi di natura volontaria. Perciò sicurezza, dinamica del rischio, strategie di tutela dei beni e delle persone sono in stretta connessione così che nella loro analisi non si può prescindere dallo sviluppo delle tecnologie e delle scienze umane e sociali, tenendo conto della

  17. Towards a Collective Intelligence: Transmediality and the Wu Ming Project

    Melina Anne Masterson

    2014-11-01

    Full Text Available Dagli albori della Seconda Repubblica in Italia,  le strategie di dominio sui mass media dell’ex premier Silvio Berlusconi hanno avuto un effetto considerevole sull’immaginario culturale italiano. In un approccio multisensoriale e multimediale alla scrittura, il collettivo Wu Ming mette in questione i paradigmi culturali che negli ultimi venti anni sono diventati egemonici. L’esperienza di un romanzo dei Wu Ming va ben oltre la parola stampata poiché cerca di stimolare tutti i cinque sensi per arricchire il modo in cui il lettore vive quello che c’è sulla pagina, dimostrando esempi chiari della «convergence culture» coniata da Henry Jenkins. Questo saggio esamina l’interazione tra parola e immagine messa in atto dal collettivo tramite il sito Pinterest e illustra come questo aspetto del loro progetto rappresenti un microcosmo di un approccio complessivo alla creazione estetica e alla pratica culturale. Inoltre, questo saggio descrive in che modo il processo collettivo di consumo portato avanti dai Wu Ming contribuisca alla formazione delle «communities of sentiment» di Arjun Appadurai e alla «intelligenza collettiva» di Jenkins. Queste sono formazioni che rivitalizzano il concetto di cultura popolare per la nostra epoca digitale e offrono un’alternativa ad un immaginario culturale italiano sovra-determinato dalle pratiche del Berlusconismo.

  18. Misure alternative alla detenzione e promozione dei diritti tra prossimità e sollecitudine / Mesures alternatives à l’incarcération et promotion des droits entre proximité et sollicitude / Alternative measures to detention and promotion of the rights between proximity and concern

    Bisi Roberta

    2016-12-01

    Full Text Available I percorsi che portano ad usufruire di misure alternative alla detenzione sollecitano riflessioni circa l’importanza delle relazioni, dei processi ed anche delle modalità di costruzione degli interventi. Pertanto, è oltremodo necessario che, grazie a comparazioni verificate in altri Paesi e il progetto europeo di ricerca al quale è dedicato questo numero della Rivista ne è un esempio, vengano formulate e trasferite sul piano operativo contenuti e proposte che dovranno scaturire ed essere rilevate con iniziative di studio, di ricerche, di verifiche e di sperimentazioni poiché l’esigenza di libertà, che è alla base della detenzione, pone problemi di fondo e ne sollecita soluzioni, trattandosi di beni raramente e adeguatamente recuperabili o ricostruibili in pieno. Les parcours qui conduisent à bénéficier de mesures alternatives à l’incarcération sollicitent des réflexions sur l’importance des relations, des processus, mais aussi sur les modalités d’élaboration des interventions. Par conséquent, grâce aux comparaisons avec d’autres pays, et au projet de recherche européen auquel ce numéro de la « Revue de Criminologie, Victimologie et Sécurité » est consacré, il est plus que nécessaire que les propositions et les suggestions formulées soient mises en ɶuvre. Ces dernières devront être élaborées à partir d’études, de recherches, de vérifications et d’essais puisque l’exigence de la liberté, qui est à la base de l’incarcération, pose des problèmes majeurs et demande des solutions, s’agissant de biens rarement et adéquatement récupérables ou pouvant être pleinement reconquis. The routes leading to benefit from alternative measures to detention encourage to reflect on the importance of those relationships and procedures involved in the development of the relevant required interventions. Thanks to the comparisons made in other countries (and the European research project examined in this

  19. Accessibilità e fruibilità del patrimonio architettonico: occasioni per una sostenibilità “sociale” del recupero

    Alessandro Greco

    2012-12-01

    Full Text Available Il tema dell’accessibilità e della fruibilità del patrimonio storico – architettonico sta assumendo sempre più rilevanza nel contesto nazionale, e in quello europeo più in generale, anche per le importanti funzioni che normalmente vengono inserite in contenitori edilizi dall’elevato valore culturale e documentale, collocati spesso nel centro storico delle città oppure in aree di elevato pregio ambientale.Il contributo propone riflessioni di carattere generale sull’importanza “sociale” dell’accessibilità al patrimonio edilizio storico e offre spunti per un approccio alla progettazione dell’accessibilità secondo un metodo consapevole della complessità del tema, partecipato e multidisciplinare. Il testo si completa con l’illustrazione di due ricerche applicate (una alla scala urbana e una alla scala edilizia sviluppate secondo tale metodo.

  20. Stima del valore di trasformazione utilizzando la funzione di stima. Il Market Comparison Approach a tabella dei dati ridotta

    Maurizio d’Amato

    2015-06-01

    Full Text Available Il contributo propone l’utilizzo di una rielaborazione dell’uso del Market Comparison Approach per la determinazione del valore di beni immobili che sono stati oggetto di una trasformazione. Esso è focalizzato sulla determinazione valore di un bene immobile in seguito a una trasformazione finalizzato alla determinazione del valore di un suolo nell’ambito dell’applicazione dell’extraction method. I risultati, basati su dati di compravendita e riferiti a un caso reale in provincia di Bari, possono essere estesi anche alla valutazione degli immobili in costruzione e alla determinazione del valore di beni immobili in costruzione (investment property under construction con il metodo del valore futuro.

  1. “Umilissimi, devotissimi servi”. Correspondencia de cantantes de ópera italiana con la Duquesa de Osuna. (Apuntes para el estudio de la circulación de la música y los músicos italianos en España entre el siglo XVIII y XIX

    Heilbron Ferrer, Marc

    2002-12-01

    Full Text Available This text brings to the fore certain matters concerning the relationship between Italian opera singers and members of the Spanish Nobility towards the end of XVIII and the beginning of the XIX centuries, based on the example to be gleaned from the surviving correspondence attributed to the Duquesa de Osuna. The said documentation underlines the importance of the system of patronage and protection accorded to Italian music and musicians in the Iberian Peninsula within the framework of the consolidation of Italian Opera in Spain. Despite the liberty enjoyed by non-Spanish musicians they were still obliged to seek out the protection of the most noble families to be found in Spain at that time. The example shown by the Duquesa de Osuna can be seen as emblematic in this regard. A model that could be favourably compared to other relations of patronage and protection as practised in the rest of Europe.

    Este trabajo plantea algunas cuestiones en torno a la relación de cantantes de ópera italiana con la nobleza española a finales del siglo XVIII y principios del XIX, a partir del ejemplo proporcionado por la correspondencia conservada de la duquesa de Osuna. Esta documentación pone de relieve la importancia de las relaciones de patronazgo y protección en el entorno de la circulación de música y músicos italianos en la Península Ibérica, y en el marco de la consolidación de las representaciones de ópera italiana en España. A pesar de la existencia de una circulación libre de músicos extranjeros, éstos seguían necesitando de la protección de los personajes más notables de la sociedad española de la época, del que el caso la duquesa de Osuna puede ser considerado un modelo emblemático. Modelo también equiparable al de otras relaciones de mecenazgo y protección en el resto de Europa.

  2. I sistemi locali del credito in regioni a diverso stadio di sviluppo

    Pietro Alessandrini

    1996-01-01

    Il lavoro si inserisce nella problematica dell'articolazione territoriale del sistema finanziario italiano, prendendo in esame i problemi di integrazione dei sistemi locali del credito operanti in regioni decentrate e diversamente sviluppate. A fronte di un quadro operativo in forte evoluzione, i sistemi locali del credito debbono divenire terreno di interscambio secondo un approccio che abbiamo definito "possibilista" , alla ricerca d'ogni possibilita' di raccordo interattivo tra reale e fin...

  3. Verbo come elemento della frase in friulano ed in frances

    David Bizjak

    2003-12-01

    Full Text Available Il presente lavoro e dedicato a una parte della sfera del verbo nel friulano  lettera­ rio della seconda meta del ventesimo secolo, alla perifrasi verbale e alla locuzione verbale. Nella definizione della perifrasi verbale (PV ho seguito il modello dei lin­ guisti spagnoli Javier Garcia Gonzales, Fernandez de Castro e Leonard Gomez Torrego, essendo ilpunto di partenza ilmio postulato che la PV rappresenti in friu­ lano una categoria grammaticale a parte o, almeno, una categoria in via di gramma­ ticalizzazione. Parallelamente alla situazione in friulano osservo quella nel francese scritto contemporaneo, con lo scopo di constatare delle eventuali somiglianze e diffe­ renze. Tenendo in considerazione la realta linguistica nella regione Friuli-Venezia Giulia, dove le interferenze fra l'italiano, il friulano ed il veneto sono tali che un non-friulanofono non riesce facilmente a distinguere quando si tratta di un sintag­ ma di origine friulana e quando di un calco sintattico sull'italiano, sembra oppor­ tuno, in numerosi casi, confrontare ilsintagma friulano e quello francese anche con la variante corrispondente in italiano letterario moderno; inoltre, nel capitolo in cui sono trattati i cosiddetti tempi bicomposti, vengono citati alcuni esempi nelle diver­ se varieta venete.

  4. Analisi dei cicli del mercato immobiliare: un applicazione sui dati italiani

    Maurizio Festa!

    2012-06-01

    Full Text Available Utilizzando i dati italiani, sulla base dell'approccio teorico del ciclo "a nido d'ape" proposto da Janssen, Kruijt e Needham nel 1994, questo articolo propone un ulteriore contributo allo studio delle dinamiche del mercato immobiliare italiano. Utilizzando alcuni indicatori del mercato, si presentano i grafici del ciclo a nido d'ape per tutte le regioni e per le principali città. Tecniche di cluster analysis sono utilizzate per raggruppare le regioni che mostrano andamenti simili. L'obiettivo finale dell'analisi è quindi quello di esaminare il territorio nazionale in termini di sviluppo ed evoluzione del mercato delle abitazioni.

  5. La semplificazione nell’italiano per studenti stranieri

    Immacolata Tempesta

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – In language education for learners of Italian as an L2 it is important to use appropriate didactic strategies. Simplification, in teaching how to understand and produce a text, is very useful. The Italian legislation does not allow for special books for foreign students, therefore simplified materials facilitate the learning process. A literacy plan of appropriate lexis, based on basic vocabulary is the first step. It is necessary that teaching makes use of appropriate and understandable aids. Only by being understood can input become intake, that is taken in and reused later on. A written text can prove difficult for many reasons: because of the handwriting, of the type of words used, of the type of linking words, of the logical-conceptual organization. The indices of readability highlight the difficulty of reading a text that has many unusual, archaic or specialist words or long sentences. Simplification does not indicate a random clearing or reduction of a text. According to some researchers, the elimination of complex terms and structures can mean an impoverishment of the input, resulting in an unnatural model text. An alternative approach may be to elaborate a text thus solving the limitations of simplification. However, several studies have shown that, unlike other strategies, such as the modification of a text through elaboration, the production of a simple text, respecting the basic criteria that distinguish a text from a non-text (e.g. cohesion, coherence, appropriateness can be a useful teaching tool in the approach to Italian as a L2, and also to other languages studied, as shown by various experiments in the Salento with some immigrant groups.

  6. L’immigrato, l’italiano e il burocratese

    Annarita Miglietta

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – This chapter deals with difficulties and complexity in written institutional communication. Particularly, it focuses on the obstacles that immigrants encounter in decoding institutional texts from the initial stages of integration into the host country. The right to citizenship, the right to health, to work, are achievable only if the input offered to foreign nationals is proportional to the skills needed to decode texts, especially bureaucratic ones, which are often obscure, even for native speakers. In this regard, we examine some texts directed to immigrants, to assess the readability, the effectiveness according to the skills acquired and required, to review what is expected of immigrants and how the immigration policies of Italy manage to implement to ensure the active and conscious participation of foreign nationals in public domains: work, school, health, housing, etc.

  7. VII Workshop Italiano sulla fisica pp a LHC

    LHCpp2016 è la settima edizione dell'incontro nazionale sulla fisica p-p a LHC. Questa serie di incontri è nata a Pisa nel 2003 con lo scopo di stimolare lo scambio di idee tra le comunità sperimentali di ATLAS, CMS e LHCB e la comunità teorica. Caratteristica fondamentale di questi incontri è la preparazione di larga parte dei talk in collaborazione tra i vari esperimenti e la comunità teorica. Largo spazio nella preparazione e presentazione dei talk viene dato ai giovani ricercatori. In questa settima edizione, che si tiene di nuovo a Pisa, vogliamo concentrare l'attenzione sulle potenzialità di scoperta offerte dai dati raccolti durante il runII di LHC.

  8. Recursos bibliográgicos sobre los estudios en italiano

    Caprara, Giovanni

    2009-01-01

    Este artículo bibliográfico busca ofrecer una visión panorámica actualizada (y representativa) de los Estudios de Traducción en lengua italiana. En ella se clasifican por temas objeto de estudio toda una serie de obras (libros, monografías colectivas, etc.) que inciden sobre el estudio de la Traducción e Interpretación desde la perspectiva de la lengua y la cultura italianas o que, aunque hayan sido realizados por autores extranjeros, su publicación utiliza como lengua vehicular de comunic...

  9. Teoria letteraria e scienze cognitive: un quadro italiano

    Simone Rebora

    2014-12-01

    Full Text Available Il presente saggio propone una rassegna dei principali contributi sul rapporto tra letteratura e scienze cognitive, pubblicati in Italia tra il 2009 e il 2013. I volumi presi in esame mostrano un ampio spettro di approcci metodologici, tra cui dominano la narratologia e la teoria della ricezione. Con riferimento alle loro possibili applicazioni nell’ambito della critica letteraria, si discutono gli esiti più recenti e le prospettive per questo campo di ricerca. This paper provides an overview of the main contributions on the relationship between literature and cognitive sciences, published in Italy between 2009 and 2013. The works examined show a wide spectrum of methodological approaches, dominated by narratology and reception theory. With reference to their possible applications in literary criticism, I discuss the most recent results and the prospects in this field of research.

  10. Memorie difficili. Antifascismo italiano, volontariato internazionale e guerra civile spagnola

    Enrico Acciai

    2011-07-01

    Full Text Available Since the end of the civil war the Italian antifascist intervention in Spain has generated several memories often conflicting with each other. Between 1936 and 1939 the Italian contribution to the republican cause was a joint one, involving all the antifascist political groups as it was for none of the other national groups. In order to understand the origin of what could be defined a real ‘atomization of memory’, the manifold legacies of the Spanish experience are to be analyzed both in the difficult two-year period 1943-1945 and during the first years of the postwar period.

  11. Teoria dello sviluppo economico e il caso italiano.

    G. VACIAGO

    2014-08-01

    Full Text Available In this brief survey, the three most recent contributions to the discussion of growth rate differentials are considered. All three, using different arguments, arrive at the conclusion that such a disparity should be considered as exceptional. Some argue, on the one hand, that the highest growth rates have been reached thanks to a very elastic labour supply. On the other hand, it has been maintained that the highest growth rates attained in the postwar period can be explained as being due to exceptional opportunities for the reallocation of resources and economies of scale. Using the recent Italian experience, the author argues that these assumptions of convergence are somewhat dubious. Rather, in the long run, fast growing countries will likely reach a stage at which the sectors with a low productivity level will begin to increase again. It is for this reason, more than for the effects of the elasticity of the labour supply, that the convergence of the growth rate assumption would appear to be confirmed.JEL: J22, J20, O11, O40 

  12. Giorgio Perlasca, 'Giusto tra le nazioni' e 'eroe italiano'

    Jansen, M.M.

    2008-01-01

    Giorgio Perlasca che, fingendosi console spagnolo, nel 1944 salvò più di cinquemila ebrei ungheresi a Budapest, è stato proclamato “Giusto tra le Nazioni” a Yad Vashem nel 1989, dopo di che è seguito il suo riconoscimento all’estero ed in Italia come “uomo giusto” e come “eroe italiano”. Dopo il

  13. Il doppiaggio: interferenze linguistiche sulla soglia tra inglese e italiano

    Angela Sileo

    2015-01-01

    Full Text Available TV has played a fundamental role in unifying Italy and the Italian language (cfr. D’Achille 2006: 225; cfr. Maggini 2011: 131 and has recently turned into a medium for linguistic and cultural globalization and colonization. As a consequence, dubbing and “doppiaggese” (a sort of Italian equivalent of dubbese, though carrying a negative connotation have assumed crucial importance in the evolution of the Italian language, especially if we consider that the great majority of TV products broadcast in Italy are dubbed from English. “Doppiaggese” is not only the language of bad or unskilled dubbing from English into Italian, but also a significant component of the language of fictional TV programs in Italian itself, which often unintentionally use scripts full of calques and influence the everyday spoken and written discourse of Italian speakers. The aim of the present article is to open a window on the mutation undergone by the Italian language often due to inaccurate dubbing, the so-called “doppiaggese”. By taking into consideration the research and surveys carried out by the present writer on some cases of interference (cfr. Sileo 2010 and Sileo 2012, this study aims to convey the image of AVT translation as a window which puts two different linguo-cultural systems in contact and influences the target language system.

  14. Democracia y partidos: el caso italiano desde una perspectiva comparativa Democracia y partidos: el caso italiano desde una perspectiva comparativa

    Oreste Massari

    2010-03-01

    Full Text Available La democracia italiana –desde después de la segunda guerra mundial hasta hoy– ha estado marcada, para bien y para mal, por el papel dominante de los partidos políticos. La relación entre democracia y partidos políticos se analiza a nivel teórico, comparativo e histórico. Concretamente se analiza la difícil transición, que todavía hoy está en marcha, desde la democracia proporcional (1945-1992 caracterizada primero por los partidos de masas y más tarde por la partitocracia, hacia la democracia mayoritaria (1994-, caracterizada primero por el bipolarismo de coalición y más tarde por el intento de conformar partidos mayoritarios. La última parte del artículo se detiene en analizar críticamente el PDL (Popólo della Libertá, dominado por el populismo de Berlusconi y el PD (Partito Democrático, planteado inicialmente como partido del líder y por esa razón todavía en crisis.The Italian democracy –from the second post-war period to today– has been marked, in the good and in the evil, from the dominant role of the political parties. The relationship between Italian democracy and political parties is analyzed on the theoretical, comparative and historical ground. Particularly the difficult passage is examined, still in progress, from the proportional democracy (1945-1992, characterized by the mass parties before and the partitocracy then, to the majority democracy (1994-, characterized before by the coalition bipolarism and by the attempt to build majority parties in recent times. In the last part of the article the PDL (People of the Liberty, dominated by the populism of Berlusconi, and the PD (Democratic Party, initially planned as party of the leader and for this still in crisis, are critically examined.

  15. Contributos da intervenção de enfermagem de Cuidados de Saúde Primários para a transição para a maternidade Contribuiciones de una intervención de enfermería de Atención Primaria para la transición a la maternidad Contributions of primary health care nursing intervention to the motherhood transition

    Luís Carlos Carvalho Graça

    2011-07-01

    Full Text Available A transição para a maternidade caracteriza-se por um compromisso intenso e envolvimento ativo que requer a reestruturação de responsabilidades e comportamentos. Engloba tarefas relacionadas com a satisfação pessoal, relação com a família de origem e com o cônjuge/companheiro, aceitação do bebé e reestruturação da identidade materna. Enquanto a mulher não desenvolve a perícia e formas particulares de gerir as necessidades, os profissionais de saúde são um recurso importante para o desempenho do novo papel. No estudo analisamos o contributo de intervenções de enfermeiras de Cuidados de Saúde Primários, na promoção da transição para a maternidade. Trata-se de um desenho quasi-experimental, longitudinal, com uma amostra de 134 primíparas, com colheita de dados ao terceiro trimestre de gravidez, primeiro e sexto mês após o parto, tendo-se utilizado a escala Maternal Adjustment and Maternal Attitudes (Kumar, Robson e Smith, 1984, na versão portuguesa de Figueiredo, Mendonça e Sousa (2004. A variável independente assumiu os modos: consulta individual; curso de preparação para o parto/parentalidade; e visita domiciliária. Os resultados evidenciam evolução positiva do ajustamento à maternidade nas dimensões sintomas somáticos e atitudes perante a gravidez e o bebé e evolução negativa da imagem corporal e relação conjugal. A intervenção de Enfermagem não teve efeitos significativos.La transición a la maternidad se caracteriza por un compromiso intenso y una participación activa que requiere la reestructuración de responsabilidades y comportamientos. Incluye tareas relacionadas con la satisfacción personal, relación con la familia de origen y con su cónyuge/pareja, aceptación al bebé, y reestructuración de la identidad materna. Hasta que la mujer no desarrolle conocimientos y formas particulares de gestión de las necesidades, los profesionales de la salud son un recurso importante para el desempe

  16. Libraries and Wikimedia: common strategies for open access to knowledge and collaborative construction of free knowledge

    Luigi Catalani

    2017-09-01

    Full Text Available Il contributo presenta un quadro aggiornato delle diverse forme di collaborazione tra le biblioteche e il mondo targato Wikimedia. L'articolo indica i numerosi punti di convergenza tra l'attività dei bibliotecari e quella dei wikimediani. Descrive poi il movimento The Wikipedia Library, la campagna #1Lib1Ref, il progetto Biblioteche di Wikimedia Italia, le attività svolte in questo ambito da BNCF e da altre biblioteche italiane. Relativamente alla questione del riuso dei dati bibliografici, il contributo si concentra su Wikidata e sui progetti WikiBib e Wikicite. L'articolo spiega infine la funzione dei wikipediani in residenza nelle operazioni di caricamento delle collezioni digitali su Wikimedia Commons.

  17. Concordati e intese, diritto pattizio e diritto comune: le diverse possibili declinazioni dinanzi alle trasformazioni delle confessioni religiose e della società civile

    Giovanni Battista Varnier

    2014-05-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce il testo integrale, corredato delle note, della relazione al Convegno Nazionale dell’ADEC sul tema “Per una disciplina che cambia. Il diritto canonico e il diritto ecclesiastico nel tempo presente” (Bologna, 7-9 novembre 2013, ed è destinato alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Una riflessione introduttiva – 2. La crisi della sovranità e dello Stato nazionale – 3. Lo sbandamento della Chiesa cattolica – 4. La finalità più sociale che cultuale del fenomeno religioso – 5. L’antinomia tra enunciato e comportamenti – 6. I paradossi della contemporaneità e il conseguente superamento delle sistematiche tradizionali – 7. Il contributo della dottrina ecclesiasticistica – 8. La necessità di fare il punto, con la speranza di ripartire – 9. Per un diverso regolamento della normativa relativa al fenomeno religioso.

  18. ILLUSTRAZIONE MONUMENTALE. Il “canone letterario” di Mario Sironi su La Rivista 1924-1943

    Marta Sironi

    2016-11-01

    Full Text Available Nell’agosto 1923 il sistema editoriale del Partito Fascista incentrato sul quotidiano Il Popolo d’Italia lancia un nuovo mensile illustrato, La Rivista illustrata del Popolo d’Italia, subito nota come La Rivista con il proposito d’inserirsi e imporsi tra i mensili illustrati – avendo quale concorrente maggiore La Lettura del Corriere della sera. Il presente contributo intende analizzare le illustrazioni di Mario Sironi per gli interventi letterari mostrando il progressivo definirsi di un canone visivo in linea con la contemporanea sperimentazione del pittore: un’illustrazione monumentale intesa come riscrittura della realtà in linea con la rivoluzione fascista e direttamente ispirata alla tradizione artistica nazionale che lo stesso Sironi presentava in alcuni articoli pubblicati sullo stesso mensile tra il 1934 e il 1936. Una selezione di pagine illustrate dal 1924 al 1943, sostiene una rilettura critica del contributo di Sironi all’illustrazione editoriale, finora valutato soprattutto sul versante della satira politica.

  19. L’esperienza MoULe dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca

    Michelle Pieri

    2013-03-01

    Full Text Available Questo contributo si focalizza sull’esperienza di mobile learning, con l’ambiente per l’apprendimento cooperativo MoULe, realizzata dall’Università degli studi di Milano- Bicocca in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Palermo. Un questionario1 sulle tecnologie e l’uso delle tecnologie è stato somministrato ai partecipanti prima dell’inizio dell’esperienza e alla fine dell’esperienza è stato realizzato un focus group con i partecipanti per valutare l’esperienza.

  20. Quam maximis potest itineribus: andata e ritorno della costruzione tra immagine e modello nello spazio grafico della geometria descrittiva

    Matteo Ballarin

    2012-06-01

    Full Text Available Il contributo testimonia una strategia d'insegnamento congiunto del rilievo architettonico, della geometria descrittiva e del disegno digitale concepita come un viaggio di andata e ritorno tra immagine e modello. Iniziando dalla fotogrammetria elementare e dalle tecniche di foto-modellazione offerte da software (gratuiti e dotati di un'interfaccia sufficientemente  intuitiva si possono poi introdurre – col metodo di Monge – le tecniche del rilievo topografico, giungendo alla costruzione interdefinita di un unico modello digitale degli oggetti del rilievo. Il circolo didattico si chiude poi costruendo rappresentazioni tabulari tradizionali dei modelli.

  1. Il pensiero e lo spazio estetico. Osservazioni sull’opera pittorica del caregiver di una persona affetta dal morbo di Alzheimer

    Gian Luca Barbieri

    2010-12-01

    Full Text Available Nel contributo vengono studiate, attraverso una prospettiva psicoanalitica, le dinamiche psichiche attivate dalla produzione pittorica del caregiver di un paziente colpito da morbo di Alzheimer. In particolare si indagano i modi in cui la creazione di uno spazio estetico ha reso possibile al pittore elaborare il trauma e il lutto connessi alla ricaduta della malattia sulla mente della moglie e si osservano le potenzialità insite nell’attività artistica di costituire una protezione per il caregiver nei confronti di una potenziale simmetrica atrofizzazione mentale.

  2. Libertà religiosa e multiculturalismo

    Carlo Cardia

    2011-05-01

    Full Text Available Relazione tenuta al Convegno organizzato dal Dipartimento di Diritto Privato Generale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo sul tema “La dimensione giuridica della libertà religiosa”, in occasione della Presentazione del Volume degli Atti del convegno su “Il contributo di F. Scaduto alla scienza giuridica” (11-12 marzo 2008. SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Identità e simboli religiosi – 3. Eguaglianza di diritti e di doveri – 4. Evoluzione e ottimismo antropologico – 5. Evoluzione e religione.

  3. Islam, rappresentanza degli interessi religiosi e diritto comune europeo *

    Gianfranco Macrì

    2011-03-01

    Full Text Available Contributo destinato alla pubblicazione negli Atti del Convegno: Europa e Islam. Ridiscutere i fondamenti per la disciplina delle libertà religiose, svoltosi a Salerno il 3 dicembre 2007. SOMMARIO: Premessa - 1. La società «reticolare» europea: sistema di governance e valori unificanti - 2. Europa e fenomeno religioso - 3. La sostanza del Trattato di Lisbona e il ruolo delle organizzazioni religiose - 4. Il dibattito interno all’Islam europeo - 5. La Carta dei musulmani d’Europa - 6. La rappresentanza degli interessi religiosi dell’Islam in Europa - Conclusioni.

  4. Meccanica quantistica relativistica introduzione alla teoria quantistica dei campi

    Maiani, Luciano

    2012-01-01

    Tra gli argomenti trattati: le simmetrie dello spazio-tempo; la particella libera classica; teoria lagrangiana dei campi; quantizzazione dell' equazione di Klein Gordon; quantizzazione del campo elettromagnetico; l'equazione di Dirac; i propagatori dei campi liberi; interazioni; evoluzione nel tempo dei sistemi quantistici; teoria relativistica delle perturbazioni...

  5. Il danno alla persona del lavoratore: il mobbing orizzontale

    Riccardo Gentile

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario:1. Il mobbing tra diritto civile e diritto del lavoro – 2. Il fenomeno mobbing: gli studi iniziali e la definizione – 3. Le concrete condotte integranti fattispecie di mobbing – 4. Onere della prova – 5. Il mobbing orizzontale – 6. L’elemento soggettivo di colpevolezza del da­tore di lavoro nella responsabilità ex art. 2087 c.c. per mobbing orizzontale

  6. Galeriid - mälestusi tegelikkusest / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2005-01-01

    August Künnapu näitus "Ledoux' ja Boullee tagasitulek" Tallinna Linnagaleriis kuni 13. III; Karl Nageli näitus "Kodumaa tütar kutsub!" (portreteeritud limonovlasi) Hobusepea galeriis kuni 14. III; Maksim Gorki/Rainer Sarneti etendus "Ema" Von Krahli teatris; Leo Expressi turvafirma reklaamplakat bussiootepaviljonides/ajalehtedes "Kas sinu kodu on kindlus?/Oled väsinud kauplemast?"

  7. USA dollar langes eile alla 12 krooni / Andris Feldmanis

    Feldmanis, Andris, 1982-

    2004-01-01

    Odavast dollarist kaotavad Eesti ettevõtjatest dollaritsooni eksportijad, võidavad importijad. Skeem: Dollari kurss tagasi 90ndate aastate keskpaiga tasemel. Vt. samas: Tõnis Oja. Ameerikale nõrk dollar meeldib

  8. Le Cascine di Firenze: dall’Isola alla tramvia

    Leonella Pecchioli

    2015-11-01

    Full Text Available When Alessandro de’ Medici, Duke of the Florentine Republic, he recognized the possibility of creating a Royal Estate destined for his own use and enjoyment for agriculture and hunting, and ordered purchase of this vast area on the right bank of the Arno River. The area was outside the city walls, isolated by a dense network of canals, streams and ponds, and characterized by thick, spontaneous, riparian woodlands. Thus, in 1531 the first nucleus of the “Tenuta dell’isola” (Island Estate was born. Today, it is the largest public park in Florence, with a total of 122 Ha, including the various sports instalments, roads, avenues and squares which alternate with large woodland areas. In 1985 an inventory was taken of the entire arboreal and shrubby vegetation of the park from a pathological, forestry and botanical point of view, following an agreement between the Municipality of Florence and the University of Florence. Based on the material and information gathered from the study, it is possible to outline a rather broad picture of the vegetative situation which can then be used to predict evolutionary trends.  

  9. Põlvas näeb Ove Mustingu filmi / Tiia Allas

    Allas, Tiia

    2006-01-01

    8. jaan. linastub Põlva kultuurikeskuses lühimängufilm "Vanameeste paradiis" : stsenaristid Ove Musting (ka idee autor), Urmas Lennuk : režissöör Ove Musting : operaator Mait Mäekivi : helilooja Arian Levin : kunstnik Eva-Marina Gramanovski : näitlejad Tõnu Aav, Aleksander Eelmaa, Tõnu Oja, Ants Ander, Henry Kõrvits : Downtown Pictures 2005

  10. Vanast Palace'ist alles alla viiendiku / Peeter Raidla

    Raidla, Peeter, 1955-

    2004-01-01

    Tallinna ringkonnakohtu tellimusel valminud mahukas ekspertiis annab aluse hotelli tagastamiseotsuse tühistamiseks. Kohtumäärusega on peatatud ka Tallinna linnavalitsuse 11. veebruari korraldus tühistada hotelli kasutusluba. Lisa: Hotell Palace ehitustööd

  11. Dalla crisi finanziaria alla crisi reale. ( Financial and real crisis

    Carlo D'Adda

    2010-03-01

    Full Text Available  The financial crisis of 2008 is put in relation with two bubbles, financial and housing. Easy credit is at the origin of both bubbles. Risky bonds were issued to mobilize mortgages originated in the housing market, and bad bonds entered a fantastic number of institutional and private portfolios all over the world without any perception of the their risk. Unfortunately, bank credit to speculators was abundant and fed the final growth of the bubbles. When fears started to spread, the fall was immediate and expectations impaired very rapidly. The main aggregate demand components were severely curtailed and production fell as well. This is the crisis of the real economy. Fortunately, as opposed to what happened in 1929, the interventions of central banks and governments have been of an unprecedented size. The bail out of insolvent banks in particular has been providential. The exit from the current crisis, however, will surely be slow.  JEL: E44, G01, G10

  12. Savisaar jäi alla Savisaarele / Andres Ammas

    Ammas, Andres, 1962-2018

    2001-01-01

    Välissuhtlus on olnud Savisaare ja Keskerakonna Achilleuse kand algusest peale. Savisaar pidurdab Keskerakonna arengut. Autor: Isamaaliit. Ilmunud ka: Lääne Elu, 15. veebr. 2001, lk. 4; Hiiu Leht, 16. veebr. 2001, lk. 2; Vooremaa, 17. veebr. 2001, lk. 4; Nädaline, 17. veebr. 2001, lk. 2; Koit, 17. veebr. 2001, lk. 6; Võrumaa Teataja, 17. veebr. 2001, lk. 2; Järva Teataja, 20. veebr. 2001, lk. 2

  13. Alice Kask : Maalid ja joonistused = Paintings and drawings / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2007-01-01

    Maalikunstnik Alice Kase loomingust, mis on pälvinud usalduse tänu oma suveräänsusele, süvenemisele ja tõsidusele. Tema tööde jõud seisneb teose ja füüsilise objekti lahutamatuses, iga nüanss maali pinnal sünnib kuju võtnud materjalist enesest. Tema maalid on väga avatud, kohati isegi ohtlikult avatud kõikvõimalikele tõlgendusviisidele, neis on tasakaalustatud segu ilust, täiuselubadusest, hirmutavusest ning kaosest

  14. Meccanica è vita. Da Calvino alla robotica evolutiva

    Cristian Fuschetto

    2014-06-01

    Full Text Available Often the scientific innovations are better explained by literature than scientific essay. In the stories of writers they acquire an identity otherwise so forced to remain contradictory. This was the case of Italo Calvino and Primo Levi about “thinking machines” arrived on stage of the History of the late 20th century. In another perspective, this was also the case of another unusual observer of Cybernetics: Charles Darwin.

  15. Más alla del concepto: desarrollo sostenible

    Benavides López, Laura

    2013-01-01

    El artículo tiene la finalidad de promover la reflexión con respecto al desarrollo sostenible, como un marco de referencia para el educador, que le permita comprender la Década de la Educación para el Desarrollo Sostenible y la Declaratoria Paz con Naturaleza.  La autora describe y reflexiona sobre el concepto, desde una perspectiva basada en la alteridad; por lo tanto, parte de una posición ética donde se potencializa a la persona para que sea constructora del desarrollo sostenible que requi...

  16. Strengthening S&T journalism: Musa Fadl Alla Elkheir (Sudan ...

    2010-12-10

    Dec 10, 2010 ... ... that matched 16 seasoned science journalists from Africa, America, Europe, and the Middle East with 60 of their less-experienced peers from 35 African and Middle Eastern ... CASE STUDY: Egypt — Privatization alone is not enough ... CASE STUDY: Jordan — Dealing with the water deficit in Jordan.

  17. Sulle sponde del Mediterraneo alla ricerca dell’amore perduto

    Chemi, Tatiana

    2002-01-01

    Review to the Odin Teatret’s last performance, Sale, from a short story of the Italian novelist Antonio Tabucchi. A melancholic and self-ironic love story.......Review to the Odin Teatret’s last performance, Sale, from a short story of the Italian novelist Antonio Tabucchi. A melancholic and self-ironic love story....

  18. Duši alla sauna / Margit Aedla

    Aedla, Margit, 1970-

    2007-01-01

    Duraviti multifunktsionaalne värviline duširuum. Electroluxi Design Lab'07 konkursi finalisti Joao Diego Schimansky Fog Shower (ududuš). Väiksematesse kodudesse sobiv Muoto mobiilne aurusaunatool Muoto-Steam Deluxe

  19. Uus tulumaksuseadus teel kohtuhaamri alla / Sten-Aleks Pihlak

    Pihlak, Sten-Aleks

    2007-01-01

    Uuest tulumaksuseaduse eelnõust. Lisatud: Rahandusminister Ivari Padar: eesmärk pole komisjoni "ära petta" ; KPMG Baltics ASi maksu- ja juriidilise osakonna juhataja Joel Zernaski ja peaminister Andrsu Ansipi kommentaarid ; Euroopa Komisjon oma nõudmistest ei tagane

  20. Terroristlik vundament paisati maa alla koobastesse / Heiki Suurkask

    Suurkask, Heiki, 1972-

    2006-01-01

    Terrorirünnak USA-s 2001. aasta 11. septembril sai alguseks terroristide vastasele sõjale. Kolm päeva pärast rünnakuid olid tuvastatud kaaperdatud lennukites viibinud isikud, keda arvati terroristideks. Vt. samas: Esiterroristi staarilend - bin Laden tunnistas üles; 1. vaatus - Kabul; 2. vaatus - Iraak; 3. vaatus - Iisrael ja naabrid; 4. vaatus - Guantanamo; Terroristide sõnum levib, kuid kaotab ka toetajaid

  1. Voyeuristi alla finestra: Peeping Tom, dalla leggenda al cinema

    Laura Staiano

    2015-01-01

    Full Text Available This essay deals with voyeuristic attitudes and ʹscopic powerʹ, i.e. the power to gaze at forbidden things and people without being seen. Indeed, its object par excellence coincides with female nakedness, while its subject is an invisible masculinity, which takes delight in looking. The paper is based on a study of the Anglo-Saxon legend of Lady Godiva and it is strictly connected with the subject of my dissertation in progress – metaphorical and physical blindness in 18th century French literature (since several voyeurs got blind because of their instincts and desires. Lady Godiva’s voyeur, called Peeping Tom, is struck blind for having looked out of his window and seen the noblewoman riding naked. This legend has inspired many artists in different fields, and nowadays its heroine is very famous and venerated. In particular, this essay focuses on the relation between this legend and compulsive looking (or scopophilia in two renowned films, Rear Window by Alfred Hitchcock, and Peeping Tom by Michael Powell.

  2. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  3. Raffermir le journalisme scientifique: Musa Fadl Alla Elkheir (Soudan)

    C'est ainsi que j'en suis venu à penser qu'au lieu de me contenter d'exercer la médecine, je pourrais aussi contribuer à faire connaître la science au grand public. ... À l'époque, j'ai lancé, avec d'autres médecins et journalistes, un réseau en ligne pour favoriser l'échange d'idées, d'opinions et d'information. Un de ces ...

  4. Nel tunnel alla ricerca di una nuova fisica

    Durante, Elisabetta

    2003-01-01

    The Large Hadron Collider is at the top of world-wide science for particle physics. It promises to open the road to a new knowledge of the universe and its nature. Luciano Maiani and Robert Aymar, actual and future Director Generals of CERN, explain the aims of this most powerful instrument, the difficulties and the industrial repercussions, among which will be the "Grid", that will change the telecommunications (4 pages)

  5. Muutused transiidis panid uusi lahendusi otsima / Roger Allas

    Allas, Roger

    2008-01-01

    Transiidikonverentsil Transestonia tehti kokkuvõte 2007. aasta transiidimahtudest ja otsiti lahendusi tulevikuks. Vt. samas: Tanel Raig. Juhtparteid vaatavad transiidi arendamisel eri suundades; Isamaa ja Res Publica Liidu kommentaar transiidi ja konteinerterminali rajamise kohta

  6. Roheline logistika seisab mõtteviisi taga / Roger Allas

    Allas, Roger

    2008-01-01

    Ülevaade Tallinna Tehnikakõrgkooli 3. kursuse logistikaüliõpilaste poolt korraldatud 9. logistikaseminarist "Go Green", kus toodi välja kitsaskohad, mis takistavad Eesti ettevõtteid keskkonnasõbralikuks muutumast. Lisa: Taust; Tasub teada; Number

  7. Dal calore all'entropia una introduzione alla termodinamica

    Vicentini Missoni, Matilde

    1992-01-01

    Panta rei : processi ed equilibrio ; l'universo termodinamico : l'aspetto processuale ; il punto di vista dei processi come bilancio tra proprietà dell'equilibrio ; il fluire dell'energia ; automobili, frigoriferi e pompe di calore : informazioni tecnologiche ; e allora ? l'entropia ; la termostatica come teoria assiomatica ; la termodinamica dei processi.

  8. Gilbert ja George lasevad oma kunstiteose alla laadida

    2007-01-01

    9.05.2007 öösel on kõigil soovijail võimalik tasuta interneti vahendusel omandada Londonis tegutseva kunstnikepaari Gilbert & George (Gilbert Proesch ja George Passmore) teos "Planed". Aadressid: www.bbc.co.uk/imagine ja www.guardian.co.uk/art

  9. Alla kukkunud lennukiga on reisinud ka Eesti president / Kristi Leppik

    Leppik, Kristi

    2010-01-01

    Smolenski lähedal Venemaal 10. aprillil 2010 toimunud lennuõnnetusest, milles hukkus Poola president Lech Kaszynski, tema abikaasa Maria ja rohkearvuline kõrgetasemeline Poola ametlik delegatsioon. Sama lennukiga TU-157 lendasid Poola president L. Kaczynski, Leedu president Valdas Adamkus, Eesti president Toomas Hendrik Ilves ja Läti välisminister Maris Riekstinsh 12. augustil 2008 toetusvisiidile Gruusiasse

  10. L'Universo alla ricerca delle sue origini

    Picasso, Emilio

    2000-01-01

    Sommario : La Cosmologia è una disciplina storica e come avviene per la storia più si allontana dalla nostra epoca il periodo che vogliamo studiare più rari si fanno i documenti e più difficile è l'interpretazione. Il grande anello di collisione elettrone-positrone, il LEP, permette ai fisici di risalire indietro nel tempo e di studiare i fenomeni che sono avvenuti circa un decimo di miliardesimo dopo il Big Bang. In questo senso limitato il LEP è una finestra sul tempo. In questa conferenza sono brevemente presentati gli argomenti di cosmologia e le costruzione del LEP è descritta in dettaglio.

  11. 2133-IJBCS-Article-ALLA-N'NAN Oulo

    admin

    bombardement de particules enrobées d'ADN. Wilmar et al. (1968) ont été les premiers à montrer à partir d'hypocotyle d'Asparagus officinalis que la capacité de régénération de plantes à partir des suspensions cellulaires est fonction du temps de culture de celles-ci. Depuis ces travaux, de nombreuses études ...

  12. Avatud ja suletud Ida-Euroopa / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2009-01-01

    Näitus "Me näeme teid. Foksali galerii tegevus 1966-1989" Kumu Kunstimuuseumis 20. septembrini. Kuraator Karolina Łabowicz-Dymanus. Kujundaja Jaanus Samma. Lääne ja endise Ida-bloki riikide kunst on eksponeeritud kõrvuti

  13. Kõik failid on juba alla laetud! / Eve Arpo

    Arpo, Eve

    2008-01-01

    Berliini iga-aastasest kunsti- ja digitaalkultuuri festivalist "Transmediale" alapealkirjaga "Conspire...", kus käsitleti privaatsuse kadumist, info vaba levikut, hirmu, kopeeritavust, unikaalsust. Võitis ameeriklaste Julia Meltzeri ja David Thorne video "Not a Matter of If but When". Raivo Kelomehe kommentaarid

  14. Approccio dal basso, servizi alla persona e memorie interculturali

    Orazio Maria Valastro

    2003-06-01

    Full Text Available Valorizzare le memorie dei migranti risponde ad una precisa esigenza di riconoscimento, nella storia collettiva e nello spazio politico nazionale, della memoria interculturale di intere collettività ... Queste condizioni implicano l'esigenza del riconoscimento della memoria dei migranti traducendosi in uno stimolo per lo sviluppo di nuove politiche sociali e culturali e di nuovi interventi focalizzati su questo stesso riconoscimento che interessa direttamente anche gli operatori sociali e culturali delle amministrazioni pubbliche e del terzo settore.

  15. Jalakäijad aetakse ju alla / Leo Kunnas

    Kunnas, Leo, 1967-

    2009-01-01

    Autori sõnul on ainus argument, millega idanaabri sõjalist juhtkonda veenda, sõjaaja relvajõud. Selleks on vaja tõestada, et suudame need vajaduse korral mobiliseerida, seda aga on võimalik teha suurõppuste korraldamisega

  16. Moodne aeg käib alla / Valner Valme

    Valme, Valner, 1970-

    2008-01-01

    Arvustus: Beigbeder, Frédéric. Armastus kestab kolm aastat : romaan / prantsuse keelest tõlkinud Anti Saar. Tallinn : Varrak, 2008 ; Cusk, Rachel. Arlington Park / tõlkinud Kersti Unt. Tallinn : Varrak, 2007

  17. Kodune energiakulu kontrolli alla / Leo Backman, Heigo Ensling

    Backman, Leo

    2012-01-01

    Energiakulumõõturite test: Axxel HH-549, Efergy e2 (juhtmevaba mõõtur), Electric EMT707CTL, Electronic PM 498, Electronic UPM DEM1379, Energy Meter LX-0805, Eco Line EM235, Energy Saving Meter HH-549, Art.35-617 (multifunktsionaalne mõõtur), EMT7110/EMR7370 (juhtmevaba mõõtur)

  18. Kosmiline eksimus : Vene kapsel kukkus alla vales kohas / Heiki Suurkask

    Suurkask, Heiki, 1972-

    2008-01-01

    Vene kosmoseaparaat laskus Kasahstanis kavandatud kohast 420 kilomeetri kaugusele, kuid korealasest teadlane Yi So-yeon, ameeriklasest astronaut Peggy A. Whitson ja venelasest pardainsener Juri Malantshenko pääsesid eluga

  19. Más alla del concepto: desarrollo sostenible

    Laura Benavides López

    2013-05-01

    Full Text Available El artículo tiene la finalidad de promover la reflexión con respecto al desarrollo sostenible, como un marco de referencia para el educador, que le permita comprender la Década de la Educación para el Desarrollo Sostenible y la Declaratoria Paz con Naturaleza.  La autora describe y reflexiona sobre el concepto, desde una perspectiva basada en la alteridad; por lo tanto, parte de una posición ética donde se potencializa a la persona para que sea constructora del desarrollo sostenible que requiere el país, donde la educación, la justicia social y la democracia conforman la plataforma para el logro de este. Se señalan aspectos fundamentales, como cuál fue el origen de desarrollo sostenible y como está idea se fue encuadrando dentro de una nueva ética centrada en la gente y para la gente. Se parte de que el desarrollo sostenible es un proceso de cambio y de transición hacia nuevas formas de producir, de consumir, pero también hacia nuevas formas de ser.  Es un proceso multidimensional y complejo, que debe caracterizarse por su innovación, creatividad y apertura. Sin embargo, la dependencia de la política nacional e internacional de la economía micro y macro, de la cultura regional y global, hacen que el concepto se torne difícil de visualizar como un proceso autóctono y que obedezca a las necesidades reales de las personas y comunidades de un país.

  20. Järvi plaanib laulukaare alla hiigelteost / Janar Ala

    Ala, Janar, 1979-

    2009-01-01

    ERSO kunstilise juhi ja peadirigendi kohale asuva dirigendi tulevikuplaanidest, sealhulgas G. Mahleri 8. sümfoonia ettekandmisest 2011. aastal Tallinna lauluväljakul Noorte laulu- ja tantsupeo eelõhtul

  1. Anche una nave alla fonda viaggia... - Anchored ships also travel...

    Antonio Luigi Palmisano

    2011-09-01

    Full Text Available When travelling, reflections and considerations – more or less structured – are about being “elsewhere”. The subject finds himself physically, socially and politically in this “elsewhere” as an Ego and finds or maybe finds again another Ego, other Ego each of them being still the subject’s own but different from the previous. The structure of travelling is transition and the transitive structure of the Ego also comes to the fore. It is anyway a transition which stimulates reflections, a transition which complicates the Ego. Travelling is therefore the art of complicating the everyday life in order to reach the unexpected. Just as philosophy. But the relation between travelling and philosophy is still deeper: travelling is the praxis of philosophy. The encounter with the “Other” becomes an opportunity to communicate between Seienden which constitute themselves as such actually through the encounter. It is an encounter between men which does not exclude the encounter with Divinity.

  2. Blog.tr.ee ei anna alla / Raigo Neudorf

    Neudorf, Raigo

    2007-01-01

    Veebikeskkonna blog.tr.ee arengust ja majandamisest räägivad keskkonna looja Andris Reinmann ja firma OÜ Tr.ee osaniku Mobi Solutions'i esindaja Rain Rannu. Vt. samas: Mis on blog.tr.ee; Kaljundi: blog.tr.ee on hobiprojekt. Kommenteerib nagi.ee juhataja Jüri Kaljundi. Lisatud joonis: Blog.tr.ee unikaalsete külastajate arv nädalas

  3. Alla scoperta di TV-Glad prima emittente per disabili

    Chemi, Tatiana

    2006-01-01

    the moving story of the first tv-channel for and made by collaborators with handicaps. The Danish broadcast, which is quickly expanding globally, exporting its unique example of tolerance, fantasy and hard work....

  4. Nõukogude absurd : 1960. aastate eesti kunst eksistentsialismi taustal / Anu Allas

    Allas, Anu, 1977-

    2010-01-01

    Vaadeldakse eksistentsialismi kui üht võimalikku tausta 1960-ndate eesti kunstis, eksistentsialismi ja absurdi suhet ning esilekerkimiste rütmi läbi tolle aja noorte kunstnike korraldatud happening'ide, ka arutelusid kunsti filosoofilisuse, kunstilise kujundi ja inimese kujutamise ning kunstniku rolli üle

  5. Kinnisvara pakkumishinda saab oluliselt alla kaubelda / Andres Hall

    Hall, Andres

    2005-01-01

    Ilmunud ka: Molodjozh Estonii : Nedvizhimost 26. jaan. lk. 1, Delovõje Vedomosti 16. märts lk. 16. . Kinnisvara pakkumishinnad sisaldavad olulisel määral "õhku", mida ostjal on võimalik hinnast maha kaubelda

  6. Pakistan andis Osama bin Ladeni jahtimisel alla / Heiki Suurkask

    Suurkask, Heiki, 1972-

    2004-01-01

    Pakistani president Pervez Musharrafi sõnul on Osama bin Ladeni otsingud Lõuna-Waziristanis tulemusteta. Edaspidi keskendutakse otsingutel Põhja-Waziristani, oletatakse, et bin Laden võib olla ka Tora Bora koobastikus. Lisa: USA hambutu luureteenistus

  7. L’utilizzo della ricostruzione nella comunicazione del patrimonio archeologico. L’approccio, il metodo, le finalità e alcuni spunti di discussione.

    Elena Bacci

    2010-05-01

    In questo contributo si focalizza l’attenzione sulla ricostruzione grafica e virtuale del patrimonio e sulle sensazioni che la ricostruzione evoca nel fruitore del messaggio culturale. La ricostruzione si attua mediante la collaborazione tra archeologo e illustratore e costituisce un momento di verifica visiva dell’interpretazione archeologica e uno strumento di comunicazione del dato archeologico fruibile a più livelli. Ciò avviene grazie allo scambio costante di informazioni (dati scientifici e proposte di ricostruzione e il confronto che ne deriva determina i metodi e le fasi di avanzamento del progetto. Il metodo si basa sull’integrazione delle immagini 3D con il disegno tradizionale ed è finalizzato alla trasposizione del dato archeologico, in modo tale da garantire alla ricostruzione il duplice requisito di soddisfazione estetica e credibilità scientifica.

  8. Fisica e conoscenza

    Pauli, Wolfgang

    2007-01-01

    Questo libro, curato da Pauli poco prima della morte, raccoglie un insieme di saggi che ben testimoniano la consapevolezza, che egli sempre ebbe vivissima, del significato più generale di ogni ricerca scientifica, valida non solo per il risultato singolo ma per il contributo più ampio al sapere. I saggi, percorsi dal tema comune del valore e dei limiti della conoscenza umana, possono essere distinti in due categorie: la prima puntualizza i personali apporti dell'autore e di altri grandi fisici alla scienza contemporanea; la seconda è dedicata a riflessioni sul potere del pensiero e alla validità di alcuni concetti fondamentali della teoria dell'evoluzione biologica e della psicologia dell'inconscio. Lo stile asciutto e rigoroso è animato dal ricordo personale di uomini ed episodi che fanno oggi parte della leggenda della fisica e, più in generale, della conoscenza umana.

  9. HT_BIM: La modellazione parametrica per l’analisi del rischio nei centri storici

    Assunta Pelliccio

    2017-06-01

    Full Text Available I centri storici minori sono dei monumenti d’ambiente da salvaguardare perché vulnerabili sia dal punto di vista sismico che ambientale. La gestione di queste realtà urbane è particolarmente complessa a causa dell’eterogeneità dei dati relativi alle singole unità edilizie, aggregati strutturali e intero ambito urbano. Negli ultimi anni i sistemi parametrici BIM hanno dato un enorme contributo alla progettazione, pianificazione, costruzione etc. di nuovi edifici e anche alla gestione del patrimonio culturale. L’obiettivo di questo lavoro è lo sviluppo del sistema Historical Town Building Information Modeling (HT_BIM, ovvero di un sistema BIM specifico per gli aggregati di edifici storici che, sulla base del rilievo, consente di individuare vulnerabilità legate sia ad aspetti strutturali sia a fenomeni di degrado da vento e soleggiamento.

  10. Le soluzioni di logistica urbana sono sostenibili? L'esempio di Cityporto

    Jesus Gonzalez-Feliu

    2010-07-01

    Full Text Available La logistica urbana è un campo di riflessione volto ad approfondire le soluzioni ottimali per la distribuzione delle merci in ambito urbano e i relativi obiettivi ambientali. Ad oggi, molte azioni sono state intraprese dalle pubbliche autorità senza tenere conto, tuttavia, degli impatti che i nuovi schemi organizzativi possono avere sull’ attuale organizzazione delle imprese. Il contributo incentra la riflessione sul caso studio relativo alla città di Padova, in Italia: il sistema di logistica urbana CityPorto. In particolare, se ne analizzano le caratteristiche dal punto di vista della sostenibilità del sistema proposto, sia in riferimento alla dimensione imprenditoriale che a quella collettiva, mettendo in relazione le peculiarità della logistica urbana e le più estese catene distributive, di scala globale, di cui le prime sono parte integrante.

  11. La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012

    Simona Attollino

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli atti del Convegno nazionale ADEC "Insegnamenti e insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana" (Catanzaro, 25-27 ottobre 2012. SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un’offerta formativa aperta. ABSTRACT This essay regards the new professional status of teacher's religion in public school, in the light of juridical discipline approved in 2012. It analyses the rules as well as the abundant case-law in this field, underling the trend that considers the cultural value of catholicism teaching in public school in respect to the context of religious and social pluralism.

  12. Psicoanalisi ed educazione: il lavoro di Vera Schmidt e di Sabina Spielrein nell’asilo sperimentale di Mosca (1921-1925

    Merete Amann Gainotti

    2012-12-01

    Full Text Available Negli anni 1921-1923 a Mosca, sulla scia delle profonde trasformazioni politiche e sociali innescate dalla Rivoluzione di ottobre si colloca un esperimento educativo originale, promosso da Vera Schmidt, una pedagogista formata alle idee psicoanalitiche, che si proponeva di cercare nuove vie educative per la prima infanzia sulla base delle recenti conquiste e conoscenze fornite dalla teoria psicoanalitica di S. Freud. Obiettivo di questo contributo è di fornire un breve excursus storico relativo alla diffusione della psicoanalisi in Unione sovietica e alla fondazione dell'asilo sperimentale di Mosca, di ricordare le figure delle due studiose Vera Schmidt e Sabina Spielrein che hanno animato l'iniziativa, il cui lavoro scientifico è rimasto in ombra rispetto a quello dei loro più famosi colleghi S. Freud e di C.G. Jung; infine si intende rendere conto dei principi educativi che esse cercarono di mettere in pratica nell'asilo sperimentale di Mosca.

  13. Il Novecentismo: »Un’impresa contro il diavolo«. Note sul progetto culturale ed estetico bontempelliano

    Patrizia Farinelli

    2014-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo, sulla scorta degli interventi teorici e polemici raccolti ne L’avventura novecentista (1938 si ripercorrono le posizioni di Bontempelli legate al progetto di rinnovamento culturale (il Novecentismo di cui questo intellettuale fu promotore negli anni Venti. Vi si segnalano le battaglie difese e la lungimiranza delle vedute, ma anche i nodi problematici o piuttosto le sfide che quel progetto lanciava. E qui rientrano l’utopica battaglia contro il relativismo, la difesa dell’autonomia dell’arte assieme alla contemporanea richiesta di una sua apertura alle esigenze del proprio tempo, la ricerca di conciliare un fare estetico orientato alla rottura di norme e attese con un concetto di arte e letteratura popolari.

  14. Fare corpi con immagini : Il contributo visuale della velina al carisma di Berlusconi

    Martinez Tagliavia, Francesca

    2015-01-01

    In the late 2000s, the image of the velina – hyper-eroticised soubrette of the Italian television – becomes the symbol of the commodification of the female body and of the female subordination in the public space, characterising Berlusconi’s ventennio. Thanks to the epistemological tools of Visual Studies and to the images of contemporary visual culture, the dissertation aims first to analyse how images build the velina’s body. Her visual genealogy brings together iconic and opposed images of...

  15. Os contributos do teatro na educação de adolescentes

    Marta Graça

    2014-12-01

    Full Text Available Adolescence is widely documented as a stage of conflict. In this study, we aim to identify and understand teenagers’ challenges; and to encourage communication between them, peers and significant adults (parents and teachers. We conducted an action research project with a group of eight teenagers. Through theatre techniques and group dynamics, teenagers entered in a discovery experience of themselves and others, and put on stage, to an audience of adults and peers, their experiences, feelings and dilemmas. The findings indicate that theatre is an educational tool, which is fundamental for skills’ development. A adolescência encontra-se amplamente documentada como uma fase de conflito. No sentido de identificar e compreender quais os desafios dos adolescentes; e promover uma melhoria na comunicação entre estes, o grupo de pares e adultos significativos (pais e professores, empreendemos um projeto de investigação-ação com um grupo de oito adolescentes. Através de técnicas de teatro e de dinâmica de grupos, os adolescentes ingressaram numa experiência de descoberta de si mesmo e do outro, e colocaram em palco, diante de uma audiência de adultos e pares, as suas vivências, dilemas e sentimentos. Os resultados indicam que o teatro assume-se como uma ferramenta educativa, fundamental ao desenvolvimento de competências. La adolescencia es ampliamente documentada como una etapa de conflicto. Para identificar y entender lo que desafía los adolescentes; y promover una mejor comunicación entre ellos, el pares y adultos significativos (padres y profesores, que llevó a cabo un proyecto de investigación-acción con un grupo de ocho adolescentes. A través de técnicas teatrales y dinámicas de grupo, los adolescentes entraron en una experiencia de descubrimiento de sí mismo y de los demás, y se colocan en el escenario ante un público de adultos y compañeros, de sus experiencias, sentimientos y dilemas. Los resultados indican que el teatro se asume como una herramienta educativa fundamental el desarrollo de habilidades. Adolescence est largement documenté comme une étape du conflit. Dans le but pour identifier et comprendre les défis auxquels les adolescents; et de promouvoir une meilleure communication entre eux, de pairs et les adultes significatifs (parents et enseignants, nous avons entrepris un projet de recherche-action avec un groupe de huit adolescents. Grâce à des techniques de théâtre et la dynamique de groupe, les adolescents sont entrés dans une expérience de découverte de soi et des autres, et placés sur scène devant un public d'adultes et leurs pairs, leurs expériences, leurs sentiments et les dilemmes. Les résultats indiquent que le théâtre est pédagogique, contribue au développement des compétences.

  16. Contributo para a produção em viveiro de plantas lenhosas ribeirinhas de qualidade

    Fabião, António; Faria, Carla; Fabião, André; Pereira, Mafalda; Almeida, Maria Helena

    2008-01-01

    Este documento foi elaborado com o objectivo de divulgar um conjunto de orientações técnicas para a produção em viveiro de plantas lenhosas ribeirinhas de qualidade. Nele são sintetizados os resultados provenientes das actividades desenvolvidas no âmbito do Protocolo INAG – ISA/UTAD “Valorização e Requalificação das Galerias Ribeirinhas na Área do Empreendimento de Odelouca” (Contrato n.º 2004/057/INAG).

  17. Bioetica, biodiritto e il contributo scientificamente legittimato, en juriste, dell’ecclesiasticista

    Salvatore Berlingò

    2015-09-01

    The pattern of complementarity/distinction, that the scholar of ecclesiastical law draws from this kind of experience, can contribute at the articulation of bio-law according to procedural-justice, which facilitate the substantial concretization of the fundamental value of the dignity of every human reality.

  18. Ordem jurídica, desordem mundial. Um contributo para o estudo do Direito Internacional

    José Manuel Pureza

    2012-10-01

    Full Text Available O ensino e o estudo do Direito Internacional aqui e neste tempo são, neste texto, objecto de um duplo esforço de contextualização. Por um lado, relacionando-os com o que tem sido a sua trajectória singular em Portugal. Esse primeiro exercício confere visibilidade não só ao descompasso entre a “nossa” agenda substantiva do Direito Internacional e a que tem sido internacionalmente desenvolvida, como também aos défices teóricos e práticos dessa agenda „nacional”. Por outro lado, contextualização pela dinâmica de transformação do próprio Direito Internacional, que conduziu do tradicional direito vestefaliano ao direito da humanidade.

  19. Contributos da geografia para a cidadania no território de Baltar-Paredes

    Santos, Maria João Rodrigues dos

    2007-01-01

    Uma das tarefas mais importantes da educação para a cidadania é preparar os alunos para o seu futuro papel como cidadãos activos que contribuam para a coesão social. O meio mais eficaz para alcançar este objectivo é oferecer-lhes uma oportunidade de experimentar directamente o que significa uma acção cívica responsável, favorecendo a mediação entre a escola enquanto paradigma miniatural da sociedade e o "mundo real" exterior, que fica além dos muros. Aprender a aprender em Geografia é não só ...

  20. Alle origini della conservazione del paesaggio in Belgio: il contributo originale di Louis Van der Swaelmen

    Rapalo, Maria Chiara

    2017-01-01

    La ricerca che si propone si inserisce nell’ambito di alcuni studi condotti nel quadro di una collaborazione Italia-Belgio sulle tematiche della conservazione e tutela dei beni architettonici e del paesaggio, collegate e talvolta intrecciate a quelle dell’urbanistica. Essa nasce dall’esigenza di comprendere gli interessanti e meno approfonditi contributi che, in ambito belga, hanno concorso al delinearsi delle attuali linee di orientamento internazionale nel campo della conservazione e della ...

  1. O assédio moral na enfermagem: contributos para a gestão organizacional

    Marques, Patrícia Sofia da Assunção

    2014-01-01

    Dissertação de mestrado em Gestão das Organizações: Ramo de Gestão de Unidades de Saúde (parceria com a APNOR) apresentada na Escola Superior de Saúde do Instituto Politécnico de Viana do Castelo O presente estudo aborda a temática do assédio moral em enfermagem, através de uma metodologia qualitativa de natureza descritiva fenomenológica. Pretende compreender o contexto laboral em que ocorre o fenómeno, analisar os elementos que directamente nele intervêm e conhecer e dar a conhe...

  2. OS VINHOS DE MÚRCIA: CONTRIBUTO DE JOSÉ LUIS ANDRÉS SARASA

    Victor Dordio

    2011-01-01

    Full Text Available José Luis Andrés Sarasa y su equipo de investigadores de la Universidad de Murcia hizo un excelente análisis estructural de la producción de vino en la Región de Murcia en el marco del proyecto «Filières Innovantes» (2002-2005. Los temas del espacio y tiempo, la tipología de los productores, bajo la óptica del savoir-faire, han sido minuciosamente estudiados y presentados. Nuestra contribución a este estudio consistió en un capítulo sobre el turismo del vino, que no se trató anteriormente debido a la falta de tiempo.

  3. Il contributo della idro-geomorfologia nella valutazione delle piene in Campania

    Cuomo, Albina

    2012-01-01

    2010 - 2011 Italy and, in particular, the Campania region, has been exposed to Hydraulic Risk since long ago. In hydraulic risk analysis the definition of maximum flood discharge with a specific return time (T) is crucial and, to this aim, the VAPI- Campania procedure (1995) was adopted in the Campania region. The VAPI method is based on a geo-morphoclimatic model, identifying 7 climatic homogenous areas with respect to the rainfall probability density function and 3 clas...

  4. Contributo alle conoscenze sismo-tettoniche della regione istmica a Sud di Catanzaro

    G. M. CAMELI

    1966-06-01

    Full Text Available This paper reports the study on the physical nature of
    t h e earthquake in Squillace Gulf (5th May 1947.
    The results are compared with the gravimetrie and seismic-tectonic
    characteristics of the istlimus between Sant'Eufemia and Squillace Gulfs

  5. Contributos para uma crítica da aceleração do tempo

    Duque, Eduardo

    2012-01-01

    Gilles Deleuze (1992: 178) escreveu que nenhum pintor “(...) pinta numa tela virgem, nem o escritor escreve numa página branca, mas a página ou a tela estão desde logo de tal modo cobertas por “clichés” preexistentes, preestabelecidos, que é necessário antes de mais apagar, limpar, laminar, ou até rasgar para fazer passar uma corrente de ar vinda do caos, que nos traz a visão”. Razão pela qual apresentamos, inicialmente, um pequeno poema de Miguel Torga para, de seguida, emp...

  6. Rastreio do desenvolvimento psicomotor: influência dos fatores de risco e contributo da psicomotricidade

    Afonso, Carla Sandra Carneiro

    2015-01-01

    Tese de Doutoramento em Ciências do Desporto O desenvolvimento psicomotor é um processo dinâmico e contínuo que resulta das transformações que vão ocorrendo no ser humano ao longo da sua vida, e que depende da inter-relação entre os fatores genéticos e ambientais. Para se proceder à verificação e avaliação do desenvolvimento, é necessária a utilização de testes válidos, práticos e precisos que nos permitam obter resultados fidedignos, essenciais para que a criança cumpra em ...

  7. Green Chemistry; Sviluppo sostenibile. L'industria ha bisogno del contributo di tutti

    Ingallina, P. [EniTecnologie SpA, San Donato Milanese, MI (Italy)

    2001-02-01

    Everyone acknowledges that chemistry is a key science in order to study and solve the problems of the environment: a successful arranging technological progress with environment protection is one of the main challenge of the next millennium. The Green Chemistry (or Sustainable Chemistry) represents the specific contribution that chemists can supply for an environmentally compatible development. [Italian] Fabrizio d'Adda, attualmente Presidente di EniChem e membro di Cefic (European Chemical Industry Council), ha aperto il seminario {sup T}he Greening of Chemistry{sup (}EniTecnologie - 31 Ottobre 2000) con un breve discorso. Ha espresso parole di fiducia riguardo al futuro dell'industria chimica, l'unica a suo giudizio, in grado di avviare un nuovo modello di sviluppo nel rispetto delle implicazioni ambientali, sociali ed economiche.

  8. L'argomento comparatistico. Un contributo allo studio del ragionamento giuridico

    Canale, Damiano

    2016-01-01

    Il saggio affronta il tema dell'uso del diritto straniero da parte delle corti dal punto di vista della teoria dell'argomentazione giuridica. Per un verso questa pratica è stata al centro del un vivace dibattito, svoltosi nell'ultimo ventennio, dedicato al tema del "dialogo tra le corti"; per altro verso, tuttavia, è mancata nella letteratura sul tema una ricostruzione sistematica di questo fenomeno dal punto di vista della teoria dell'argomentazione giuridica. Il saggio cerca di colmare ques...

  9. Passione o leggerezza? Un’analisi contrastiva di pubblicità italiane e tedesche

    Federica Ricci Garotti

    2014-02-01

    Full Text Available Quale relazione esiste tra i gusti e le abitudini alimentari e l’identità? E in che modo il testo pubblicitario può aiutare a svelare la propria cultura e quella degli altri? Questo è uno degli interrogativi a cui il contributo cerca di dare una risposta analizzando un corpus di campagne pubblicitarie non esteso, ma significativo. Sono stati presi in esame, infatti, testi pubblicitari in italiano e in tedesco riguardanti le stesse marche di prodotti alimentari distribuiti in Italia e in Germania. I testi sono stati analizzati in chiave contrastiva attraverso le componenti linguistiche e visive, seguendo l’impostazione di alcuni tra gli studi più recenti sul testo multimodale. Il confronto tra le strategie utilizzate permette di confrontare sia il rapporto delle due culture con il cibo sia le tendenze attuali delle abitudini alimentari dei destinatari del messaggio. Di particolare interesse sono i testi pubblicitari di prodotti italiani (Barilla per un pubblico tedesco e, viceversa, anche se meno numerosi, di prodotti tedeschi (ad esempio Müller per un pubblico italiano. La presenza di stereotipi linguistici e culturali arricchisce l’analisi interculturale del rapporto, sempre complesso ma mai banale, tra i due Paesi e svela che, sorprendentemente, il linguaggio tedesco utilizzato per il gusto è molto più tradizionale e informativo di quello italiano, che contiene maggiori ambiguità e dunque esercita un’influenza più autoritaria sul gusto nella cultura italiana.

  10. Pronuncia e altre abilità linguistiche

    Pierucci, Giulia

    In questa sede si intende illustrare e discutere alcuni interventi didattici nell’ambito del progetto di ricerca “ Dai suoni alla lingua in uso: sviluppare consapevolezza fonologica per favorire l’acquisizione e l’interazione nell’apprendimento dell’italiano LS a livelli iniziali”, presentato...... in occasione del X Congresso degli Italianisti Scandinavi a Reykjavik nel giugno 2013. In particolare verranno proposti percorsi didattici finalizzati all’acquisizione della competenza e consapevolezza fonologica in relazione allo sviluppo delle altre abilità linguistiche che saranno state sperimentate...... in classe, nei corsi di laurea in italiano dell’Università di Århus, con gruppi principianti e non. Si illustreranno anche interventi seminariali rivolti a insegnanti di lingua straniera nelle scuole superiori danesi, in programma per gennaio presso l’Universitá di Århus. Saranno presi in visione video e...

  11. Immagini dietro le sbarre: l’utilizzo della fotografia per lo sviluppo dell’intelligenza emotiva dei detenuti

    Emanuela Saita

    2015-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo verrà descritto un intervento che utilizza tecniche fotografiche in attività trattamentali rivolte a soggetti in condizione di detenzione, attività le cui finalità sono la risocializzazione e la rieducazione del reo. Scopo dell'intervento è favorire lo sviluppo dell'intelligenza emotiva (IE, intesa come la capacità di comprendere e riconoscere i propri e gli altrui stati emotivi; essa infatti è associata in letteratura ad una riduzione della recidiva e ad un aumentato benessere dei soggetti reclusi. Le tecniche fotografiche costituiscono uno strumento in grado di superare barriere linguistico-culturali ed eventuali resistenze individuali per far emergere contenuti simbolici connessi a stati emotivi, credenze o percezioni. L'intervento descritto prevede incontri di gruppo, una tipologia di setting che diviene possibile strumento di apprendimento, riflessione sul sé, oltre che luogo di confronto e possibile cambiamento. La struttura degli incontri è tale da perseguire sia l'obiettivo generale (sviluppo dell'IE che obiettivi più specifici, calibrati su differenti categorie di detenuti. Ad esempio, favorire il reinserimento dopo la detenzione in caso di pene medio/brevi, piuttosto che l’accettazione della pena e l’adattamento alla vita carceraria, nel caso di pene più lunghe. Il contributo si chiude con un’apertura sulle possibili modalità di valutazione di tale intervento, al fine di giungere alla formulazione di un protocollo generalizzabile e applicabile a differenti contesti.

  12. La media literacy in Spagna

    Josè Manuel Pérez Tornero

    2013-03-01

    Full Text Available In questo contributo si ripercorre la storia della media literacy in Spagna e si descrivono i molti cambiamenti avvenuti sinora: tutti i soggetti coinvolti (educatori, autorità regolatrici, industria, società civile sono ben consapevoli dell’importanza della media literacy e della media education, e le azioni intraprese mirano a un ulteriore potenziamento di questa importanza. Tuttavia, malgrado gli sforzi compiuti, occorre un maggiore coordinamento e una più accurata programmazione. Lo sviluppo della media literacy viene qui descritto a partire dagli anni Sessanta, quando alcune scuole cominciano a usare i media come strumenti didattici in classe, sino ai Novanta con il boom delle nuove tecnologie digitali e della convergenza mediale e con l’affermarsi dei concetti di digital literacy e, più tardi, di media literacy. Per quanto riguarda l’educazione permanente, in questo contributo si solleva la questione della formazione degli insegnanti e delle specializzazioni postlaurea. Si accenna anche al processo di introduzione della materia nel curricolo. Rispetto alla ricerca e a progetti particolari, si citano alcune esperienze realizzate sia da istituzioni nazionali che da associazioni della società civile. Infine, si auspicano sviluppi futuri per la media literacy in Spagna grazie alla promulgazione della Ley General de la Comunicación Audiovisual (LGCA 2010 e all’istituzione del Consejo Estatal de Medios Audiovisuales (CEMA.

  13. Dentro il casinò: quando il gioco si fa “malato” / Dans le casino : quand le jeu devient pathologie / Inside the casino: when the game becomes “pathological”

    Molin Valentina

    2011-07-01

    Full Text Available The purpose of this contribution is to highlight similarities between the pure clinical conception of excessive gamblingand the “practical” side of it – though free from any specific theoretical knowledge – as witnessed by employees in thegambling field, specifically employees of one Italian casino. The aim of the analysis is to highlight how workers in thegambling field can be considered as bearers of a particular knowledge in the clinical diagnosis of PG (PathologicalGambling “experts of the industry” in the same way as doctors, psychologists and psychiatrists. The analysis also aimsat revealing how this “experience” in identifying patients with problems related to excessive or unbalanced gambling isnot, in any way, used for identifying and possibly expelling these subjects from the Gambling House because it wouldbe in contrast with the economic interests of the company and of individual workers.Con questo contributo si intende porre in luce l'affinità fra la concezione tipicamente clinica del gioco d'azzardoeccessivo e quella “pratica” – seppur scevra da ogni conoscenza teorica specifica – di alcuni lavoratori di gioco,specificamente alcuni impiegati di un Casinò italiano. L'obiettivo dell'analisi è dunque quello di porre in luce comealcuni lavoratori che operano nell'ambiente del gioco d'azzardo possano essere considerati portatori di una particolareconoscenza nell'ambito della diagnostica clinica del PG (Pathological Gambling, “esperti del settore” alla stregua dimedici, psicologi e psichiatri. L'analisi condotta mira inoltre a rilevare come tale “esperienza” nell'individuazione disoggetti con problematiche connesse ad una pratica di gioco eccessiva o non equilibrata non venga utilizzata, poichél'individuazione e l'eventuale allontanamento dalla Casa da Gioco di tali soggetti si pone in contrasto con gli interessieconomici dell'azienda e dei singoli lavoratori.Le but de cet article est de mettre en lumi

  14. La teoria della letteratura di Nicolas Calas. Surrealismo, marxismo e psicanalisi in Foyers d’incendie

    A. D'Urso

    2013-10-01

    Full Text Available ENThis contribution – probably the first specifically concerning Nicolas Calas to be published in Italian – intends to examine some particular topics of Foyers d’incendie [Hearths of Arson] (1938, a work that hardly can be found, by now. So this study will try to partially fill the absence at an international level of a detailed analysis of this book which is usually considered to be ‘difficult’ and therefore often hastily put under the label of ‘Freudo-Marxism’. Not only does this label appear confusing when we look more care-fully at the historical context of the Thirties, but it also does not allow to understand in what both Marxism and Freudism are criticized indeed, this aspect defining more clearly the surrealist character – eluded or taken for granted by critics – of Foyers d’incendie. In the first half of this paper, we will underline the role of Surrealism in Calas’ critical evolution in relation to orthodox Communism, whose language he still used before becoming indubitably a Surrealist. Then we will show the enthusiastic reception of Foyers d’incendie among the Surrealists and also the reasons of their appreciation. In the second half, we will go deep inside some pages of this book which concern more spe-cifically the theory of literature and the critique of ideology we can draw from Foyers d’incendie. This is why – for the first time – we will summarize Calas’ understanding of the literary and philosophical history, and show the role that Dialectical Materialism (chiefly that of Engels’ Origin of the Family, Private Property and the State and psychoanalysis (as it is considered by Surrealism play in his analysis.>>Questo contributo – apparentemente il primo studio specificamente dedicato a Nicolas Calas ad essere pubblicato in italiano – intende affrontare alcuni particolari contenuti dell’ormai quasi introvabile Foyers d’incendie (1938, tentando così di colmare, almeno parzialmente, l

  15. Dal divario Nord-Sud alla convergenza: il modelo dell'intervento straordinario a l'azione della Cassa per in Mezzogiorno, durante e oltre la golden age = From the North-South gap to the convergence: The model of the extraordinary intervention and the...

    Amedeo Lepore

    2012-07-01

    delle aree del Paese che già possedevano un’armatura industriale, ma si ottenne, contemporaneamente, il risultato, per nulla scontato, di una modernizzazione della struttura economica del Mezzogiorno –attraverso la politica delle opere pubbliche, prima, e dell’industrializzazione vera e propria, poi– nonché, di un recupero del divario accumulato con le regioni settentrionali. In questo modo, l’intervento straordinario, indirizzato verso obiettivi macroeconomici e guidato da una tecnostruttura come quella della Cassa, al tempo stesso autonoma e reattiva alle scelte strategiche del governo, si dimostrò lo strumento più efficace e innovativo per fare dell’Italia intera una potenza industriale. L’allontanamento da questi esiti, nella fase successiva dominata dalla crisi petrolifera e dalle politiche di ristrutturazione industriale, pur determinando una netta inversione di tendenza, non ha messo in discussione il valore dell’esperienza iniziale della Cassa per il Mezzogiorno, capace di aprire la strada alla crescita economica italiana negli anni del boom.Historiography focusing on the Cassa per il Mezzogiorno is indeed vast and developed not only in regard to the main issues concerning the extraordinary intervention, but also to the various sectorial and territorial articulations public interventions for the recovery of Southern Italy undertook. Achieving a punctual reconstruction of the goings-on of the Cassa, an istitution that, for more than forty years –despite some differences in planning during its various phases– operated as an instrument to implement the strategies focusing on developing Southern Italy, requires a very deep commitment. However, an effective overall view can be reconstructed by interpreting a public intervention model strictly linked to the concrete economic events and to the trends of those industrial processes implemented in Southern Italy, even without going through a detailed chronicle of this entity.The choice of a long

  16. Modern design methods of hydraulic machines according to a quality system; Moderne tecniche di progettazione delle macchine idrauliche a garanzia della qualita`

    Rossi, G.; Romolotti, F.; Lazzaro, B. [Voith Riva Hydr s.p.a., Milan (Italy)

    1998-03-01

    The article underlines how the adoption of a Quality System in line with the ISO 9001 Code is an essential instrument that is necessary to safely manage the complexity of the calculation, control and organization methods connected to the unavoidable sharing out of competence relevant to design, construction and installation of modern hydraulic machines. [Italiano] L`articolo sottolinea come l`adozione di un Sistema Qualita` in linea con la norma ISO 9001, sia strumento indispensabile per la sicura gestione della maggior complessita` dei metodi di calcolo, di controllo e di organizzazione legati all`inevitabile frazionamento delle competenze relative alla progettazione, costruzione e installazione delle moderne macchine idrauliche.

  17. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  18. Unionismo fiorentino negli anni Venti. L’Associazione Cristiana dei Giovani di Firenze

    Letizia Pagliai

    2013-02-01

    Full Text Available Scarni sono i riferimenti storiografici sulla sezione fiorentina dell’Associazione Cristiana dei Giovani (ACDG, il corrispettivo italiano della Young Men’s Christian Association (YMCA, costituita dopo la Grande Guerra da quel Giovanni Battista Giorgini (1898-1971, noto piuttosto come talento imprenditoriale della ‘moda italiana’ negli anni del Miracolo economico. Sotto la presidenza di Giorgini (1924-1933, di formazione religiosa valdese, la sezione fiorentina dell’ACDG divenne punto di riferimento di tutta l’organizzazione italiana. Questo contributo, attraverso documenti esemplificativi, segue alcune fondamentali tappe e aspetti della vita dell’Associazione fino al 1931, quando il governo fascista ne intimò drasticamente lo scioglimento con ordinanza prefettizia.

  19. I contratti a contenuto patrimoniale nel diritto canonico

    Emiliano Nicolini

    2011-05-01

    Full Text Available Il contributo è stato segnalato dal Prof. Vittorio Parlato, già ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. SOMMARIO: 1. Il tema - 2. Il contratto di alienazione e la canonizzazione del diritto civile territoriale – 2.1. Gli atti di alienazione come atti di straordinaria amministrazione – 2.2. Tipi di rinvio al diritto civile territoriale, in specie italiano, e limiti - 2.3. I contratti in genere - 2.3.1. Criteri di collegamento con il diritto civile territoriale - 2.4. – I criteri di collegamento con il diritto civile territoriale nei contratti ‘in specie’ - 3. Le condizioni di validità e liceità della fattispecie alienatoria – 3.1. L’alienazione  canonicamente invalida - 3.2. L’applicazione del limite del diritto divino - 4. La prescrizione.

  20. A silence full of noises: The aural environment in a miner’s life history

    Francesco Bachis

    2017-12-01

    Full Text Available L’opera 4’33” di John Cage può essere letta come un tentativo di dissacrare lo spazio dell’ascolto attento della musica “colta” attraverso l’eliminazione del “suono” in un luogo in cui paradigmaticamente si punta a ridurre il “rumore”. Il setting delle storie di vita viene costruito come un luogo “del silenzio”, in cui la predisposizione tecnica e l’abilità dell’etnografo concorrono alla riduzione dei rumori di fondo e dei disturbi. Il silenzio in etnografia non può, tuttavia, essere letto soltanto come una assenza di comunicazione, per quanto “significativa” (Basso 1970, ma come un campo da esplorare anche uditivamente, che lascia emerge soundscapes e segnali corporei. A partire dalla sfida della sensory ethnography come contributo alla «risensibilizzazione» dell’antropologia (Herzfeld 2006 l’articolo presenta un frammento di storia di vita di Giovanni, anziano minatore sardo. La descrizione etnografica si concentra sulla voce di Giovanni e sull’intero spettro sonoro del luogo e dei corpi presenti, registrati tramite una videocamera. Il «silenzio pieno di rumore» (Cage 1977: 221 che emerge dall’“ascolto differito” del video consente di offrire una maggiore densità alla rammemorazione e al racconto di Giovanni.

  1. Il difficile rapporto tra cultura e mercato in Italia. Note a margine della ricerca "Le attività culturali e lo sviluppo economico: un esame a livello territoriale" / The difficult relationship between culture and market in Italy. Notes on the research “Le attività culturali e lo sviluppo economico: un esame a livello territoriale” (Non industrial cultural activities and economic growth: a territorial study

    Ginevra Domenichini

    2013-01-01

    Full Text Available Il contributo presenta gli esiti della ricerca condotta da Enrico Beretta e Andrea Migliardi sulle interdipendenze tra il settore culturale italiano e il sistema produttivo del Paese; oggetto di analisi sono, in particolare, le attività culturali a contenuto non industriale – arti visive, spettacolo dal vivo, patrimonio artistico-culturale. Partendo dal presupposto che tali risorse possono in vari modi concorrere allo sviluppo, gli Autori propongono una analisi delle dimensioni e caratteristiche del settore da un punto di vista economico e gestionale-amministrativo. Le considerazioni avanzate in merito allo sfruttamento di tale risorsa e gli interventi di policy proposti per una sua corretta valorizzazione offrono un significativo contributo sotto il profilo teorico-conoscitivo e applicativo al dibattito, estremamente attuale, sul valore e le potenzialità di sviluppo, anche economico, del settore.   The paper presents the output of the research conducted by Enrico Beretta and Andrea Migliardi on the connections between the Italian cultural sector and the Country’s economy; the study focuses, in particular, on non industrial cultural activities which include the visual and performing arts and the heritage. Acknowledging their contribution to development, the Authors analyse the dimensions and characteristics of the sector both from an economic and administrative/managerial perspective. Their remarks on the current level of exploitation of such resource and the suggested policy recommendations for its enhancement represent a valuable contribution to the current debate on the value and development potentials of the sector.

  2. Dopo il Grande Evento: politiche “utili” per la mobilità Beyond the Mega Events: “Useful” Policies for Urban Mobility

    Andrea Ceudech

    2008-08-01

    Full Text Available Il contributo indaga i limiti delle politiche urbane e in particolare di quelle sulla mobilità attuate per i Grandi Eventi, evidenziando in molti casi la tendenza a privilegiare la realizzazione di infrastrutture, più che politiche sui servizi, la cui reale utilità è spesso messa in dubbio dalla pratica e i cui costi manutentivi divengono spesso nuovi carichi per la collettività. Sulla base di una breve rassegna delle politiche sulla mobilità maggiormente implementate nella preparazione e gestione dei Grandi Eventi, il contributo evidenzia in maniera critica punti di forza e punti di debolezza delle esperienze analizzate in riferimento sia alla gestione del grande evento, sia in riferimento alla loro reale utilità per la collettività dopo che il grande evento è terminato. Nell’ultima parte del contributo si evidenziano i principali requisiti che le politiche sulla mobilità devono possedere affinché apportino reali vantaggi alla città anche una volta che il Grande Evento è terminato.The paper analyses, through different examples, the limits of the urban mobility policies implemented for mega events, highlighting the tendency to privilege the infrastructure realization, more than policies on services, whose real usefulness is often put in doubt from the practice and whose maintenance often become a new cost for the community. On the base of a short review of the mobility policies mainly implemented in the preparation and management of the mega events, the paper highlights, from a critical point of view, the strengths and weaknesses of some experiences with reference to the real usefulness of urban mobility for the community beyond the mega event. The outcomes and the so-called “legacy” of the mega events for the cities are very different. Mega sport events, like the Olympic Games, have often involved only the realization of works for the event while events like the International Expositions have determined the acquisition of

  3. Negligência afetiva e parentalidade : contributo(s) de pais e crianças para a elaboração de um programa de prevenção do risco na infância

    Gomes, Marta Filipa Mendonça

    2014-01-01

    A família é o primeiro grupo social e a primeira forma de relação social da criança. Assim, delega-se nesta um papel central no desenvolvimento do menor visto que o relacionamento familiar tem o papel central de construir o autoconceito e a autoestima, além de ter um impacto muito significativo nos seus comportamentos sociais, éticos, morais e cívicos. Numa organização familiar saudável os pais devem apresentar estilos parentais baseados no uso de atitudes positivas, assegurando assim as cond...

  4. Democrazia e partecipazione in America Latina: il contributo del Defensor del pueblo al rispetto dei diritti dei popoli indigeni

    Sabrina Lanni

    2014-12-01

    Full Text Available The Latin-American constitutional reforms, concerning the recognition of indigenous people’s rights, promote a multicultural state and a participatory concept of democracy, it makes the European constitutional law hallmarks. historically dated. By analyzing those reforms, the need to move from the ‘acknowledgment’ level to the ‘guarantee’ one has been recognized: the Defensor del pueblo, being a strong figure of Latin-American legal tradition, shines out new light in terms of the indigenous peoples rights respect. 

  5. contributos para a justificação da intervenção social em rede

    Ferreira, Cláudia Gonçalves

    2012-01-01

    Dissertação apresentada à Universidade Fernando Pessoa como parte dos requisitos para a obtenção do grau de Mestre em Serviço Social O fenómeno da violência doméstica é uma realidade profundamente complexa e fortemente presente em Portugal. A diferenciação de género transmitida pelo discurso essencialista no passado deixou marcas simbólicas presentes. A dominação e o poder masculinos não são indissociáveis a esta realidade. No entanto, importa questionar a crença de um mundo na...

  6. Gerir a diversidade: contributos da aprendizagem cooperativa para a construção de salas de aula inclusivas

    Cláudia Tavares

    2013-01-01

    Full Text Available The action-research we have held at the primary education, in a school placed near the town of Tomar, in 2009-2010, under the master's degree in Special Education, was the starting point for writing this article. The research had as main objective to promote the successful learning of a heterogeneous group of students, where a child considered with longstanding special educational needs is included – diagnosis of galactosaemia and cognitive impairment. Starting from the educational context of a particular classroom of 2nd and 3rd grades, where we were working as special education teacher, we had created an inclusive learning environment for each student in the class. Through effective collaboration between fellow teachers, we generated changes in methodologies, breaking with some traditional practices in the classroom, when regular teachers and special education are in the same learning space. By a systematic implementation of cooperative learning strategies among students, and applying qualitative data gathering techniques of research, before and after the intervention – interview, naturalistic observation, sociometry and documental research –, we have increased the quality and quantity of learning and promoted another way of ‘looking to’ the difference.

  7. Repensar os modelos de governação dos portos de Setúbal e Lisboa: um contributo

    Estrela, João Maria Pitta da Cunha Calçada

    2014-01-01

    Mestrado em Gestão / CLASSIFICAÇÃO JEL: L91 - Transportation: General; L98 - Government Policy Numa envolvente em que os portos são essenciais para o tráfego mundial de mercadorias e em que Portugal pretende melhorar o sistema portuário e expandir as respetivas infraestruturas, torna-se primordial repensar o modelo de governação dos portos. É pois relevante e atual o objeto deste estudo, que em última análise preconiza a implementação de um novo modelo de governação dos portos de Setúba...

  8. O Contributo do controlo interno na gestão de recursos humanos – estudo de caso

    Pinto, Elsa Maria Vieira

    2013-01-01

    Dissertação apresentada no Instituto Superior de Contabilidade e Administração do Porto para a obtenção do Grau de Mestre em Auditoria ORIENTADOR: DOUTORA MARIA CLARA DIAS PINTO RIBEIRO As organizações devem cada vez mais procurar a sua eficiência produtiva. Neste sentido, necessitam de uma avaliação mais eficaz sobre o cumprimento das metas e objectivos das mesmas. O controlo interno visa assegurar que as diferentes unidades da organização estão a trabalhar de acordo com o previsto. ...

  9. Contributos para a Gestão de Energia em Serviços de Águas

    Boavida, Sara Maria Quaresma

    2016-01-01

    O nexo água-energia reveste-se de grande importância nos serviços de águas. A água é o seu core business e a energia é essencial às suas atividades. O crescente ritmo de urbanização, a escassez de água e a legislação mais exigente no tratamento de águas residuais fazem prever um aumento das necessidades energéticas das entidades gestoras. O aumento da fatura energética nas entidades gestoras compromete a sua sustentabilidade financeira e as emissões de gases de efeito de estufa decorrentes do...

  10. Área curricular de "Estudo Acompanhado". Contributos para a discussão de uma metodologia

    Pedro Rosário Sales Luís

    2001-01-01

    Full Text Available Flexible Curriculum Management Project proposes "Accompanied Study" as a new curriculum area. In this paper, major issues involved in this new curricular tool are analysed. Learning strategies, metacognition and self-regulation concepts are discussed. Recent reviews on study-skills, their conclusions and implications to practice are analysed. A socio-cognitive framework is proposed and its guidelines are discussed in order to promote seIf-regulation learning.

  11. Escolha vocacional em adolescentes : contributos para um programa de competências sócio-emocionais

    Soares, Sara Medeiros; Nunes Caldeira, Suzana; Sousa, Marina; Barreto Carvalho, Célia

    2015-01-01

    Trabalho apresentado em XIII Congreso Internacional Galego-Portugués de Psicopedagoxía, Área 3 Desarrollo vocacional y carrera. Universidad da Coruña, 2 de Setembro de 2015. Este estudo pretendeu compreender em que medida a participação em duas sessões de um programa de competências sócio-emocionais terá tido impacto na atitude dos jovens face à escolha vocacional. A amostra contou com 220 alunos do 8.º ano de escolaridade, de cinco escolas da ilha de S. Miguel. Os dados foram recolhidos a...

  12. Museus do feminino, museologia de género e o contributo da história

    Irene Vaquinhas

    2014-06-01

    Full Text Available Os museus da mulher, criados num determinado contexto sociocultural, são relativamente recentes, datando os primeiros casos de meados dos anos 1980, embora se multipliquem nas décadas posteriores. Neste artigo é feito o levantamento dos principais museus da mulher e/ou género existentes ao nível mundial, assim como é problematizada a relação entre museus e história das mulheres e o conceito recente de museologia de género. Equacionam-se igualmente os principais vetores, as missões e as linhas estratégicas dessa tipologia de museus e abordam-se os principais conteúdos das respetivas exposições permanentes.

  13. O Sistema de segurança interna em Portugal: contributos para uma estratégia nacional contraterrorista

    Matos, Hermínio Joaquim de

    2013-01-01

    Doutoramento em História, Defesa e Relações Internacionais A questão da Segurança, incluindo os diversos fenómenos criminais a ela associados, tem repercussões, directas ou indirectas, na vida em sociedade. A Segurança é, por isso, tema obrigatório na agenda política de governos para os quais Liberdade e Segurança são pilares indispensáveis à prossecução dos fins últimos do Estado e ao primado dos direitos, liberdades e garantias dos cidadãos. A presente investigação tem com...

  14. Um contributo do marketing sensorial para o marketing da experiência turística rural

    Dora Lúcia Agapito

    2014-01-01

    Full Text Available The importance of the five human senses - sight, hearing, smell, taste and touch on the positive, unique and memorable visitor experiences marketing has been emphasized in research on tourism. Particularly, multisensory richness and vulnerability of existing local resources in rural areas, with differing features of the urban environment and enhancer activity connected to nature and rural assets, justify marketing suitable for sustainable development of rural tourism experience. Considering the contribution of sensory marketing to design an environment enhancer desirable tourist experiences and for targeting tourists, this paper aims to reflect on the role of the five senses in tourist experiences that enhance the sustainable development of rural marketing destinations.

  15. Ciências da Educação e Ciências Cognitivas. Contributos para uma abordagem transdisciplinar

    Teresa N. R. Gonçalves

    2012-01-01

    Full Text Available El desarrollo de la investigación científica en el ámbito de las Ciencias Cognitivas ha contribuido para una nueva y más compleja perspectiva sobre el sujeto de la educación, la cognición y el aprendizaje. La naturaleza del fenómeno educativo y las rápidas transformaciones por las que ha pasado recientemente remeten para la necesidad de incorporar una teoría del cambio que permita afrontar las múltiples cuestiones y problemas con los que se depara la reflexión en educación y la práctica educativa. Estos aspectos tornan necesarios nuevos paradigmas de investigación y nuevos modos de cooperación que ultrapasen las barreras entre los saberes. Considerando la teoría de la complejidad como paradigma emergente en el ámbito de las Ciencias Naturales y las Ciencias Sociales y Humanas, se presentan algunos argumentos en defensa de la cooperación entre Ciencias de la Educación y Ciencias Cognitivas, clarificando su necesidad y implicaciones, bien como las posibilidades que representa para la investigación y la acción educativas.

  16. Do silêncio à polifonia : contributos da teoria sociocultural para a educação online

    Aires, Luísa

    2003-01-01

    No presente artigo exploram-se as potencialidades da teoria sociocultural e a sua aplicação à análise dos processos educativos online. Parte-se da seguinte questão básica: qual é a relevância teórico-metodológica da teoria sociocultural para a interpretação da acção educativa, em geral, e da acção educativa online, em particular? A forte imbricação entre indivíduos, contextos e instrumentos mediadores ganha especial consistência nas investigações desenvolvidas no âmbito desta corr...

  17. Sobre o Desenvolvimento do Talento no Desporto : um Contributo dos Modelos Teóricos do Desenvolvimento Desportivo

    Barreiros, André; Côté, Jean; Fonseca, António Manuel

    2013-01-01

    Com este artigo, pretende-se, em termos globais, sintetizar conceptualmente alguns dos mais importantes avanços das últimas décadas no âmbito da temática do talento no desporto, mas também contribuir para que os diferentes agentes desportivos, particularmente dirigentes e treinadores, os possam reconhecer e aplicar nos seus quotidianos. Nesse sentido, apresenta-se inicialmente uma breve evolução histórica que procura explorar como se passou de uma perspectiva assente na crença da detecção de ...

  18. “Storm Landscape”: from the reality effect to the moralized mimesis. The examples of Apollonius Rhodius and Quintus of Smyrna. "Le paysage de tempête" : de l'effet de réel à la mimesis moralisée. Les exemples d'Apollonios de Rhodes et de Quintus de Smyrne 'Il paesaggio della tempesta': dall'effetto realistico alla mimesi moralizzante. Gli esempi di Apollonio Rodio e Quinto Smirneo

    Laury-Nuria André

    2013-05-01

    omerico. La tempesta è concepita come una punizione divina, una nemesis che punisce la hubris dei conquistatori: la descrizione impiega un vocabolario assiologico che non tarda a fare di questo paesaggio epico un’apertura alla riflessione filosofica. La mimesis non è più sinonimo di effetto realistico ma si approssima a una dimensione etica nel momento in cui si allontana dalla riscrittura omerica.Come comprendere il fatto che la potenza evocativa dell’effetto realistico assicurata dalla mimesis (nel senso di imitatio, costitutiva del paesaggio epico, non passi più per un “paesaggio in movimento” che presenta in modo patetico la violenza e la morte, ma per un pathos che non è più percepibile che attraverso l’uso di un vocabolario assiologico e filosofico? Questa comunicazione intende perciò mostrare come il concetto di mimesis evolva da un senso d’imitazione e di effetto realistico a una comprensione più etica e moralizzata alla fine dell’antichità. Il paesaggio costituisce dunque uno dei luoghi di ossservazione privilegiati per la messa in opera di una mimesis evolutiva in età ellenistica e imperiale.The ancient lanscape as represented in the hellenistic epic and later is a privileged field of investigation to examine the role and evolution of the ancient concept of mimesis. An epic landscape in particular, that of the sea storm, will hold our attention: the transition at the Symplegades in Apollonius Rhodius (Argonautica II, 549-610 and the final storm which closes the Posthomerica of Quintus Smyrnaeus offer one of the most significant comparative studies. Indeed, the landscape of the Symplegades, landscape of extremes, is a place where all elements are reversed, and the poet portrays a scene of chaos, near the unrepresentable. Yet to reread the passage, we can see that it is anything but chaotic: very constructed through regular narrative rhythm organized in three phases that mimic the movements of the waves, it creates a real

  19. L'altro 'Fuori' E L'altro 'Dentro' Nel Cinema Italiano Contemporaneo ...

    ), Carmine Amoroso's Cover Boy: l'ultima rivoluzione (2005) and Marco Simon Puccioni's Riparo (2006), immigrants and Italians are portrayed as similarly embodying the other within an Italy that is depicted as a foreign country to both these ...

  20. La traduzione della parola altrui nel discorso giudiziario italiano e spagnolo, tra mediazione e ricodificazione

    Giovanni Garofalo

    2012-10-01

    Full Text Available This paper deals with the use of reported speech (RS in Spanish criminal lawsuits (querellas and police reports (denuncias and argues about the most suitable strategies to translate such RS into Italian. In line of principle, the written record of the statements made by the individual(s who filed the complaint is often the result of an oral cooperation between the plaintiff and the police officer and/or their attorney, whose subjectivity is reflected on the texts in a quite different fashion in the two legal cultures. The so-called ‘verbatim assumption’ of quotations in direct speech (DS turns out to be a fallacy in the discussed genres, insofar as the locutor (i.e. the police officer or the attorney responsible for the drafting of the document often normalizes the original utterances of the enunciator (i.e. the plaintiff whose point of view is represented in the report in terms of cohesion, register and sentence length. Usually, these texts are translated following a strictly ‘interlinear approach’, so much so as to result almost illegible. An adequate command  of genre conventions – both in the source and in the target language – and the abidance by the translation universals of simplification and explicitation may help the translator produce a more efficient and readable target text, consistent with the expectations of a jurist in the target culture.

  1. La lengua de signos: aspectos traslativos y sociolingüísticos desde un observatorio italiano

    Dianella Gambini

    2016-06-01

    Full Text Available El propósito de este artículo es mostrar cómo la figura del intérprete de lengua de signos (LS y la interpretación lengua vocal (LV ↔ lengua de signos (LS han evolucionado en la época contemporánea sobre la base de dos factores: 1 el cambio de la situación sociocultural y sociolingüística de la comunidad sorda debido al reconocimiento de la lingüisticidad de la LS y a la dignidad y prestigio que la misma ha adquirido penetrando en contextos antes inaccesibles, gracias a la labor de los intérpretes; 2 las teorías lingüístico-traductivas de la segunda mitad del siglo XX que han demolido la aproximación traslativa tradicional (intérprete caritativo, asistencial y han llevado a la elaboración y aplicación de nuevos modelos del proceso de interpretación de LS. Debido a la investigación lingüística y traductológica, se ha producido una creciente comprensión del funcionamiento de las LS: esto ha obligado a una constante reconsideración del papel del intérprete de LS y del servicio de interpretación que los usuarios requieren. Las autoras abordan el tema desde una óptica diacrónica y comparativa, partiendo de la realidad sociolingüística italiana y ampliando el análisis a la de otros países europeos.

  2. “Un fenomeno di sdoppiamento” : Riso, emozioni e logica simmetrica nel modernismo italiano

    Godioli, Alberto

    2017-01-01

    This paper focuses on four major exponents of Italian modernism: Luigi Pirandello, Italo Svevo, Aldo Palazzeschi, and Carlo Emilio Gadda. Individual differences aside, their work is characterized by what can be defined as absolute laughter – i.e., a tendency to question the overall seriousness of

  3. Parametri pedologici e applicazioni per modelli in ambito ambientale: il quadro europeo ed italiano

    Flavio Lupia

    2010-03-01

    Full Text Available Soil parameters as a key point for environmental modeling: the European and Italian situationSoil parameters are key information for environmental modelling and simulation activities. Soil data demand grows contemporary to the need of supporting the decision processes at the different administrative levels. Models application requires collection, harmonization and integration of soil database at the various geographic levels as well as the assessment of the characteristics of data accuracy and quality. The contribution explores the European and Italian situation concerning soil databases by stressing their features, issues and future perspectives.

  4. Parametri pedologici e applicazioni per modelli in ambito ambientale: il quadro europeo ed italiano

    Flavio Lupia

    2010-03-01

    Full Text Available Soil parameters as a key point for environmental modeling: the European and Italian situation Soil parameters are key information for environmental modelling and simulation activities. Soil data demand grows contemporary to the need of supporting the decision processes at the different administrative levels. Models application requires collection, harmonization and integration of soil database at the various geographic levels as well as the assessment of the characteristics of data accuracy and quality. The contribution explores the European and Italian situation concerning soil databases by stressing their features, issues and future perspectives.

  5. Efecto de la nisina sobre la conservación del helado tipo italiano

    Romero-Machado, Efrain

    2016-09-01

    Full Text Available Nisin, antibiotic synthesized by Lactococcus lactis, has been widely used in food conservation; however, there is no history of its use in the preservation of ice cream. This study aimed to investigate the effect of nisin in preserving Italian style ice cream. Four treatments (control without nisin, and nisin 10, 50 and 100 ppm were designed. The presence of E. coli, Salmonella, coliforms and mesophilic aerobics was determined by microbiological techniques at 0, 30, 60 and 90 days. The following organoleptic properties were evaluated: surface appearance, hardness, presence of ice, creamy, gumminess, presence of fat, presence of foam, strage flavors and sweetness. The evaluation was carried out by a panel of 15 tasters, using hedonic scales. No Salmonella, E. coli or coliforms were detected in the samples, apparently for the cleanliness of raw materials, the process of preparation and storage at low temperatures. Nisin reduced the growth of aerobic mesophilic bacteria, particularly at 90 days. Nisin treatment did not cause significant changes in the organoleptic properties, except for sweetness after 60 days, probably due to the incorporation into the ice cream of products from microbial cell disintegration.

  6. SIGNIFICADO DE LAS FUNCIONES FAMILIARES EN ADOLESCENTES ITALIANOS. NUEVAS FRONTERAS ENTRE PATERNO Y MATERNO

    Maricela Osorio Guzmán

    2008-07-01

    Full Text Available El presente estudio tuvo como objetivo explorar el significado que una muestra de adolescentes y adolescentes tardíos del sur de Italia atribuye a las funciones familiares, para analizar la relación entre la percepción de las transformaciones de las funciones paternas y maternas —en particular la carencia de roles normativos y de contención afectiva— y la agresividad como modalidad preferencial de gestión del conflicto. Se aplicó un diferencial semántico (DF, De Rosa, Parrello, & Sommantico, 2006 y un instrumento de agresividad, adaptado a población europea (AQ, Buss & Perry, 1992, 2003 a 259 sujetos, de edad comprendida entre los 17 y los 35 años, divididos en dos grupos, 139 de bachillerato y 120 de licenciatura. Los resultados del análisis del DF indicaron un perfil monofactorial, a diferencia del trifactorial obtenido por Osgood, Suci y Tannembaum (1957, mientras que en el AQ se encontraron diferencias significativas entre la media de la agresividad general (ξ=2,73 y factores del instrumento como agresividad verbal (ξ=3,29, la rabia (ξ=2,86 y hostilidad (ξ=2,86. Se concluye que las cualidades de tamaño y seguridad le son atribuidas específicamente a la madre, y que el nivel de agresividad verbal supera el índice de agresividad general.

  7. Anglofonia globale, subalternità culturale e progetti di dissoluzione della lingua nel sistema formativo italiano

    Generali, Dario

    2014-10-01

    Full Text Available Global anglophony, cultural subordination and projects of language dissolution in the Italian education system. This article points out the risks associated with the proliferation of courses taught in English language in the Italian universities and high schools. This policy, argues the author, is not adequate to solve the problem of the lack of knowledge of foreign languages by Italian students and, on the other hand, it threatens to de-qualify the teaching of non-linguistic disciplines. A further deterioration of higher education in Italy seems to be the predictable outcome.

  8. Interpunzione in ottica traduttiva tedesco-italiano. Studio di un caso

    Marcella Costa

    2015-12-01

    Full Text Available The paper focuses on the contrastive analysis, applied to translation, of the Gedankenstrich/trattino lungo or lineetta. Starting from the normative point of view of grammars of German and from the actual use of the dash in different text types, the article outlines the most recurrent textual and cognitive features of in its use as single mark and as dash-interpolation. In a second step it will be shown that the same mark occurs in contemporary Italian usage, though grammars and style handbooks do not quote this sign. The aim of this second part is to fill a gap in the description of the usage of the Italian dash/trattino lungo. The last part shows the translation strategies of this multifunctional punctuation mark in professional and non-professional translations German-Italian/Italian-German.

  9. On the Paleobiogeography of Pleistocenic Italian Mammals / Osservazioni sulla paleobiogeografia dei mammiferi del Pleistocene italiano

    Lucia Caloi

    1986-06-01

    Full Text Available Abstract In this paper the main Italian Pleistocene mammalofaunas are examined and a chronological sequence of the main deposits is proposed. Centers of spreading, times of first appearence in Italy and ranges through the peninsula of the more representative species are indicated, as far as possible. The insular faunas and the different degrees of endemism they show, are particularly discussed. Riassunto Vengono esaminate sinteticamente le principali faune a mammiferi del Pleistocene d'Italia e viene proposta una successione cronologica per i principali giacimenti. Per le specie più rappresentative vengono indicati, per quanto possibile, le aree di provenienza, il momento della comparsa e la loro diffusione nella penisola. Particolare attenzione viene posta alle forme insulari ed al loro carattere endemico.

  10. Polycythemia vera: the natural history of 1213 patients followed for 20 years. Gruppo Italiano Studio Policitemia.

    1995-11-01

    To reassess the natural history of polycythemia vera and to obtain reliable estimates of both incidence of thrombosis and survival for use in defining the sample size for therapeutic clinical trials. Retrospective cohort study of patients with polycythemia who had been followed for 20 years. 11 Italian hematology institutions. 1213 patients with polycythemia vera, which was diagnosed according to criteria established by the Polycythemia Vera Study Group and commonly used in clinical practice. All-cause mortality, venous and arterial thrombosis, and hematologic and nonhematologic neoplastic disease. Myocardial infarction and stroke were classified as major thrombotic events, and venous and peripheral arterial thrombosis were considered minor thrombotic events. The number of patients who died and the number of those who had major thrombotic events (combined end point) were used as a comprehensive measure of the benefit-risk ratio associated with the use of myelosuppressive agents. 634 fatal and nonfatal arterial and venous thromboses were recorded in 485 patients (41%); 36% of these episodes occurred during follow-up in 230 patients (19%), and 64% occurred either at presentation or before diagnosis. Thrombotic events occurred more frequently in the 2 years preceding diagnosis, suggesting a causal relation between the latent myeloproliferative disorder and the vascular event. The incidence of thrombosis during follow-up was 3.4%/y; older patients or those with a history of thrombosis had a higher risk for thrombosis. Overall mortality was 2.9/100 patients per year; thrombotic events and hematologic or nonhematologic cancers had similar effects on mortality. Patients receiving chemotherapy died three to four times more frequently than those not receiving chemotherapy. The increased risk for cancer in patients receiving myelosuppressive agents was seen approximately 6 years after diagnosis. In addition, the combined end point, computed as the sum of the hardest available events (death, nonfatal myocardial infarction, or stroke), suggests that myelosuppressive agents have an overall unfavorable effect. Cytoreduction favorably affects the incidence of thrombotic events, but aggressive treatment seems to be associated with increased risk for neoplasm. These results provide a basis for reevaluating the therapeutic strategy in patients with polycythemia vera and for estimating the size of clinical trials aimed at testing new therapeutic approaches.

  11. Low-dose aspirin in polycythaemia vera: a pilot study. Gruppo Italiano Studio Policitemia (GISP).

    1997-05-01

    In this pilot study, aimed at exploring the feasibility of a large-scale trial of low-dose aspirin in polycythaemia vera (PV), 112 PV patients (42 females, 70 males. aged 17-80 years) were selected for not having a clear indication for, or contraindication to, aspirin treatment and randomized to receive oral aspirin (40 mg/d) or placebo. Follow-up duration was 16 +/- 6 months. Measurements of thromboxane A2 production during whole blood clotting demonstrated complete inhibition of platelet cyclooxygenase activity in patients receiving aspirin. Aspirin administration was not associated with any bleeding complication. Within the limitations of the small sample size, this study indicates that a biochemically effective regimen of antiplatelet therapy is well tolerated in patients with polycythaemia vera and that a large-scale placebo-controlled trial is feasible.

  12. "Ecco la primavera". Francesco Landini e la ballata nel Trecento italiano

    Stefania Roncroffi

    2012-11-01

    Full Text Available Francesco Landini (or Landino approx. 1325/35-1397 was one of the most important figures of the Ars nova Italian. Composer, poet, organist and organology expert was blind since childhood. He spent most of his life as organist and choirmaster at the church of San Lorenzo in Florence. He is an author representative of an era and a place, the Florence that has lived the nightmare of the Black Death in 1348. The great reputation which he enjoyed among his contemporaries allows the use of iconographic sources of him, of literary quotes that describe his work, of illuminated manuscripts that transmit its music. Like other contemporary authors he carried out an independent and parallel compositional activity from his job in San Lorenzo and wrote primarily secular music, in particular dealt with the kind of ballad, which radically transformed. The teaching unit presented here examines the ballad Ecco la primavera. It is divided into several independent sections and at the same time closely related: through reflective listening and conscious to conduct the class to identify the structure and character of the ballad (teaching of listening. The analysis of historical sources can then shed light on the context of production and fruition of the piece, as well as the personality of the composer (teaching of history. Finally, the data acquired will facilitate execution aware of the ballad itself, that is in line with his style and inserted into the soundscape for which it was produced (teaching of execution.

  13. O estudo das fontes estrangeiras na obra de Machado de Assis e o caso italiano

    Eugênio Vinci de Moraes

    2008-04-01

    Full Text Available Os estudos das fontes italianas na obra de Machado de Assis ainda são uma esquecida árvore no meio da floresta dos estudos machadianos. Três aspectos explicam talvez a posição marginal dessas pesquisas: primeiro, o número menor de refer~encias italianas perante as inglesas e francesas, por exemplo; segundo, a ausência de estudos de maior fôlego; por último, por essa fonte não tocar nas questões centrais da obra de Machado. Neste artigo pretende-se mostrar de que forma trabalhar com as fontes em Machado, com base em três modelos de análise, e também de que forma esses estudos podem tocar, sim, em pontos fundamentais da obra de Machado, desde que não se desdenhe a já alentada e qualificada fortuna crítica do escritor fluminense.

  14. Il design italiano attraverso moda, arte, cinema, grafica e musica dal Secondo Dopoguerra al 1969

    LAGHEZZA, Eugenia

    2016-06-01

    Full Text Available This paper investigates the relationship between Italian design and the wider cultural context in which it is rooted. Italian design has witnessed social, cultural and economical transformations since the Post War reconstruction. In doing so, it has interacted with contemporary cultural forms like art, fashion design, cinema, graphic design, advertising and music in a mutual and fertile exchange. This paper shortly describes the first phase in which the profession of the designer was defined and consolidated, during the Post War reconstruction. After the Second World War, Italy needed to reconstruct its social, political and economic systems. New buildings for new working families needed to be furnished; the early generation of architects/designers like Castiglioni or Magistretti found a fertile dialogue with bright entrepreneurs from Northern Italy like Cesare Cassina or Ernesto Gismondi (Artemide. Designers started to acquire a professional identity and in 1956 ADI (Association for the Industrial Design was born. Moreover, this paper describes how Italian design interacted with the national popular culture, contributing to the construction of myths and cultural symbols.

  15. Os imigrantes italianos em São Paulo, na perspectiva de Alcântara Machado

    Vera Lúcia de Oliveira

    2004-12-01

    Full Text Available Il libro Brás, Bexiga e Barra Funda, di Alcântara Machado, pubblicato nel 1927, tratta della vit di alcuni quartieri poplari di San Paolo (indicati nel titolo dell´opera, obitari da immigranti italiani. Il narratore rappresenta questo universo - ora con simpatia ora con ironia - rivelando, in modo chiaro o tra le righe, gli sterotipi in voga in quel periodo sugli italiani arrivati da poco, che non conoscevano ancora la lingua e le tradizioni del Brasile, ma desideravano raggiungere rapidamente una posizione social ed economica elevata, per conquistare un posto nella nuova società. Nell´articolo si propone una lettura dello scontro fra gli immigranti e la società brasiliana, scontro filtrato nei racconti che presentano - con straordinaria vivacità - il quotidiano dei quartieri popolari di San Paolo, proprio nel momento in cui vari gruppi di immigranti stanno vivendo il processo di integrazione e assimilazione.

  16. Gli infortuni lavorativi in minori: risultati di uno studio multicentrico italiano

    G. Aggazzotti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: gli infortuni lavorativi, in particolare quelli subiti da minorenni, rappresentano un problema di notevole importanza sociale: in Italia, da dati INPS, risultano lavorare circa 68 adolescenti su 1000. L’obiettivo di questo studio è stato quello di raccogliere informazioni sugli infortuni lavorativi avvenuti a minori (14-17 anni in 14 città italiane nel periodo gennaio-giugno 2000. Metodi: si tratta di uno studio epidemiologico descrittivo, basato sulle informazioni raccolte consultando direttamente le cartelle cliniche presso centri di Pronto Soccorso (PS attivi nelle città coinvolte. Sono stati presi in considerazione tutti gli infortuni avvenuti a minori: tra questi sono stati considerati come lavorativi quelli accaduti nel corso di attività descritta come lavorativa e quelli occorsi “in itinere”. Le analisi statistiche sono state condotte con SPSS; è stata effettuata una cluster analysis per evidenziare eventuali sottogruppi omogenei. Risultati: la popolazione residente nelle aree indagate di età tra 14 e 17 anni è stata stimata in circa 850.000 soggetti, pari al 31% della popolazione italiana della stessa età: gli infortuni totali sono risultati 13423 di cui 317 lavorativi (2.4%. I soggetti di sesso maschile, diciassettenni, impiegati nel comparto industriale sono risultati il gruppo maggiormente coinvolto: la prognosi è risultata per lo più inferiore a 8 giorni. Sono apparse due diverse tipologie di infortunio: una riguarda i casi avvenuti in itinere, con caratteristiche molto simili agli incidenti stradali, e un’altra, più specifica, riguarda gli eventi sul posto di lavoro, dove si registrano lesioni al polso, alle mani, al capo e agli occhi con frequenza superiore rispetto agli infortuni in genere.

    Conclusioni: il fenomeno è risultato non trascurabile, soprattutto tenendo conto del fatto che si riferisce solamente al lavoro minorile regolarmente denunciato. Nonostante le notevoli lacune nelle informazioni si è potuto rilevare come vi sia una tipologia di infortunio minorile peculiare, che merita provvedimenti di prevenzione specifici.

  17. Il particolare italiano da Guicciardini a Banfield. Tra l’autoriconoscimento e l’etero-riconoscimento

    Pierluca Birindelli

    2011-11-01

    Full Text Available Nel 1958 la pubblicazione dell’indagine di Edward Banfield The Moral Basis of a Backward Society, suscitò un fervente dibattito nella comunità dei sociologi italiani e stranieri — la disputa sull’amoral familism, il concetto esplicativo centrale, è ancora aperta. Considerare primigenia l’interpretazione dello studioso statunitense è tuttavia un errore. Ampliando lo sguardo analitico si rintracciano spiegazioni analoghe e di gran lunga antecedenti dell’arretratezza sociale, economica e politica italiana: il “paese del tornaconto personale” di Leon Battista Alberti; il particulare di Guicciardini. L’idea di una mancanza strutturale (culturale? di senso civico da parte degli italiani affonda nei secoli e appartiene innanzitutto al momento dell’auto-riconoscimento identitario. Solo in un secondo tempo, con le note di viaggio del Grand Tour, questa rappresentazione entra a far parte dell’etero-riconoscimento nordeuropeo e molti anni dopo nordamericano. Quando un tratto identitario ottiene un “doppio riconoscimento” di così lunga durata, diviene un tòpos, un punto cardinale delle rappresentazioni individuali e collettive di un popolo. Chi sostiene tesi contrarie a Banfield si deve misurare con un altro ostacolo: la forza retorica dell’espressione “familismo amorale”. Tentare di costruire nuove e altrettanto efficaci locuzioni sintetiche, ovviamente frutto di buone interpretazioni teoriche, pare l’imprescindibile via ermeneutica da imboccare. A tal fine è necessario “dar battaglia” sullo stesso campo di indagine: un questionario difficilmente scalzerà i dispositivi narrativi costruiti attraverso le osservazioni etnografiche di un ricercatore che va sul campo — e che ci rimane per un anno. Se è chiaro che si può far meglio di Banfield, è pure chiaro che bisogna provarci. Esiste un’ulteriore barriera per chi intenda proporre diverse letture del processo di modernizzazione italiana: il peso della realtà sociale italiana, esperita sia in prima persona sia attraverso i media, tende a rinforzare l’interpretazione familista-particolarista. Tenere insieme l’approccio strutturale e quello culturale — evitando qualsiasi operazione di rimozione nevrotica — sembra l’unica via di fuga per superare un’impasse teorica che dura oramai da mezzo secolo.

  18. Il tempo e l'aspetto nel discorso. Italiano e olandese a confronto

    Luisa Meroni

    2017-01-01

    Full Text Available Time and aspect in speech. Italian and Dutch in comparisonThe Italian and Dutch verbal systems differ not only in the richness of the forms exhibited by Italian, but also in the way in which aspect is realized in the two languages. Despite a number of similarities, the Italian past tense is potentially problematic for a Dutch speaker from both an aspectual and a pragmatic point of view. The present study aims to highlight a possible differentiating factor on the use of past tenses in the two languages. In particular we follow Boogart (1999, who studied the verbal system of Dutch and English, and propose that while the ‘discursive mode’ (i.e. the speaker’s intentions is relevant in determing the choice between different past tenses in Dutch, it is irrelevant when the same choice has to be made in Italian. In order to evaluate this hypothesis we report the results of a study conducted with monolingual speakers of Dutch and Italian. The results show that while the ‘discursive mode’ is crucial in Dutch, Italian responds solely to aspectuality. Furthermore, our data suggest that aspect is in Dutch mainly a pragmatic phenomenon. In highlighting a clear difference between the two languages, our study consitutes an important contribution to the study of cross linguistic interference in learning a second language, since it explains the nature and direction of linguistic interference in Dutch native speakers (L1 learning Italian (L2.

  19. Strategie di rifuto in Italiano: uno studio etnografico (Refusal Strategies in Italian: An Ethnographic Study).

    Frescura, Marina

    1997-01-01

    After reviewing previous research on speech acts, this article describes a study that analyzed the behavior of speakers of standard Italian in refusing an offer of food. The importance of "face" is explained, and the refusal strategies are classified into four categories: explicit, tactical, decisive, and conclusive. (CFM)

  20. Con Annibale alle porte. L’internazionalizzazione del sistema bancario e il caso italiano

    Lorenzo Esposito

    2014-09-01

    Full Text Available The paper analyses the process of internationalisation of the banking sector from the perspective of firms' strategies under conditions of oligopoly. The Italian case is interesting from this point of view for its simultaneous dynamics of entry of several foreign players in the market and internationalisation of domestic groups. The work discusses the appropriate industrial policy in terms of armonization of the supernational legislation and the development needs of the domestic market.

  1. El pabellón italiano en la Expo-70, de Osaka

    Valle, T.

    1970-11-01

    Full Text Available This pavillion has six elements, each on a 14.5 x 5 m rectangular site, and the axis inclined 30° to the horizontal; and a further four, also rectangular, on a 4x3 m base, similarly inclined, but in the opposite sense to the first six. The first six are devoted to exhibitions zones, and the latter four contain vertical communications, installations, conduits, air supplies, etc. This structural system is an attractive expression of novel space and dimensional arrangements, and conveys a highly dynamic and plastic impression.Consta de seis cuerpos, de sección rectangular de 14,5 x 5 m, con su eje inclinado 30° respecto al plano horizontal; y de otros cuatro, de sección también rectangular, de 3 x 4 m e inclinados, asimismo, 30°, pero en posición contraria a la de los precedentes. Los seis elementos primeros contienen las zonas destinadas a exhibición; y los cuatro últimos albergan: las comunicaciones verticales, las diferentes instalaciones, canalizaciones, tomas de aire, etc. El organismo estructural creado es la expresión atrayente de una dimensión y de un espacio distinto y estimulante de gran dinamismo y plasticidad.

  2. Significado de las funciones familiares en adolescentes italianos. Nuevas fronteras entre paterno y materno

    Massimiliano Sommantico

    2008-01-01

    Full Text Available El presente estudio tuvo como objetivo explorar el significado que una muestra de adolescentes y adolescentes tardíos del sur de Italia atribuye a las funciones familiares, para analizar la relación entre la percepción de las transformaciones de las funciones paternas y maternas -en particular la carencia de roles normativos y de contención afectiva- y la agresividad como modalidad preferencial de gestión del conflicto. Se aplicó un diferencial semántico (DF, De Rosa, Parrello, & Sommantico, 2006 y un instrumento de agresividad, adaptado a población europea (AQ, Buss & Perry, 1992, 2003 a 259 sujetos, de edad comprendida entre los 17 y los 35 años, divididos en dos grupos, 139 de bachillerato y 120 de licenciatura. Los resultados del análisis del DF indicaron un perfil monofactorial, a diferencia del trifactorial obtenido por Osgood, Suci y Tannembaum (1957, mientras que en el AQ se encontraron diferencias significativas entre la media de la agresividad general (E=2,73 y factores del instrumento como agresividad verbal (E=3,29, la rabia (E=2,86 y hostilidad (E=2,86. Se concluye que las cualidades de tamaño y seguridad le son atribuidas específicamente a la madre, y que el nivel de agresividad verbal supera el índice de agresividad general.

  3. O pensamento corporativo em Miguel Reale: leituras do fascismo italiano no integralismo brasileiro

    Bertonha,João Fábio

    2013-01-01

    O jurista Miguel Reale se destacou no movimento integralista brasileiro por vários motivos. Em primeiro lugar, pelo cuidado especial com que se dedicou à questão da organização do futuro Estado integralista. Em segundo, pela sua preocupação social, de atingir os operários e resolver a chamada 'questão social' a partir da reorganização do Estado e da aplicação da doutrina corporativista. E, por fim, pela sua formação, tanto pessoal como educacional, a qual foi muito marcada pela cultura italia...

  4. Partito comunista italiano e "socialismo reale". I casi romeno e polacco

    Stefano Santoro

    2013-01-01

    Full Text Available From the 1960s to the 1980s, the Italian Communist Party developed new contacts with Eastern Europe: this article considers the Romanian and the Polish cases, which gave a significant contribution in highlighting the increasing distance existing between the Italian communist ideology and its practical implementation in the countries of “real socialism”. After the condemnation of the USSR’s invasion of Czechoslovakia and especially with the beginning of Berlinguer’s secretariat, the Italian Communist Party came as far as to declare the end of the “propulsive drive” of the October Revolution.

  5. Inmigrantes italianos en Argentina: la Correspondencia entre Oreste, Abele y Luigi Sola (1901-1922

    María Teresa Sanhueza

    2015-01-01

    Full Text Available Los estudios históricos de la inmigración generalmente se concentran más en el análisis de datos y números que dan cuenta del comportamiento de masas de individuos y menos en las experiencias individuales. Es por eso que la correspondencia epistolar de la familia Sola, intercambiada sin interrupción a lo largo de 22 años, 1901 a 1922, debe ser analizada no solo como documento histórico sino también en sus dimensiones sociales y políticas ya que, en su conjunto, ofrece una instantánea de la experiencia inmigratoria, en el momento en que evidencia la comunicación bidireccional establecida entre los miembros de una familia particular y muestra una perspectiva transnacional de cómo la inmigración transformó a Italia y a Argentina, es decir, entendida como discurso público al tiempo que como discurso privado.

  6. Lo stato regionale italiano nel XXI secolo, tra globalizzazione e crisi economica

    Tania Groppi

    2015-04-01

    Full Text Available This article deals with the evolution of the Italian regional system, since its establishment in 1947 up to the recent constitutional reform passed by the Senate in August 2014. The article indicates that there were three waves of decentralization between these dates, each of them followed by one reverse wave. In 2001, a quasi-federal model was adopted. However, since then this institutional settlement has been voided by the national legislature and the constitutional court, determining a re-centralization process, especially after 2008, when the economic crisis begun. This recent development showed that the quasi-federal system established in 2001 was not in tune with the Italian society which was asking for good governance at any level, rather than for more regional autonomy. The constitutional reform proposed in 2014 is aimed at responding to these needs, moving towards a “new regionalism” mainly focussed on regional administrative government.

  7. Riscrivere la storia. Modalità di rappresentazione del colonialismo italiano in Albania

    Daniele Comberiati

    2013-07-01

    Full Text Available Departing from the contemporary work of migrant authors of Albanian origin − OrnelaVorpsi, Anilda Ibrahimi and Elvira Dones − as well as from the theatrical monologueItalianesi by Saverio La Ruina, this article delves into the question of identity within postcolonial discourse. What role, in fact, do the Italian colonizers that remainedbehind in the liberated colonies play? How does their ‘hybrid’ identity help us toreflect upon colonial violence and upon the difficulties the colonizers themselves would have experienced internally when faced with accepting this violence? Additionally, the specific discussion of Albania, vis-à-vis narratives of contemporary migrants, allows us to reflect upon the Italian situation in particular, which, from unification to the present day offers specific material for the discussion of the relationship to, and the confronting of, the theme of ‘otherness’. A broad definition of ‘European’ colonialism − that goes beyond the alleged African otherness and runs along the same lines as a redefinition vehemently proposed by new groups of migrants in Italy (in particular by those from the Albanian immigration wave of 1991− allows one to question the Italian ambitions in regards to the Balkans and the Eastern expansion across national borders.

  8. uno sguardo sul colonialismo italiano: gli scritti di erminia dell'oro

    User

    un'esperienza vissuta accompagnando il mio nipotino al museo di. Storia Naturale di Milano. Da allora ho continuato a scrivere per i ragazzi l'ultimo mio libro s'intitola Il gatto rapito, edito dal Battello a. Vapore”. Nonostante abbia lasciato l'Eritrea a vent'anni e da quel momento abbia sempre vissuto a Milano, nel corso della ...

  9. Longevity of Cane Corso Italiano dog breed and its relationship with ...

    The median lifespan of the whole examined group is 9.29 years (IQR 6.98-11.12, IQR = Interquartile Range). This paper is the first to describe the possible relationship between median lifespan and hair colour within one breed. The longest living group is formed by black brindle coloured dogs, with a median of 10.30 years ...

  10. Italian as lingua franca, the law of connected vessels and the improvement of the results into the multilingual class. About a teaching experience

    Alessia Terrusi

    2017-01-01

    Full Text Available This contribution takes cue from a teaching experience of Italian L2 to A1-level immigrant students within the SPRAR project in Lucca from November 2015 to May 2016. During lessons, the class has been enriched with students from different places in the world and who talked very different languages. Multilingualism had only one underlying theme: the Italian language used during the lessons. It was the same Italian language which they got accustomed to by living in Italy since about a year. The experience started from the hard fact that the only common knowledge was this basic-level Italian language. So a new strategy was tested: to create couples or small groups made up with students linguistically different (like anglophones with francophones. They were forced to use Italian language and let other students understand through their previous knowledges due to the daily contact with the Italian reality. This brought very positive results such as the creation of discussions about the activities, the mutual correction of mistakes, the increase of communication skills through alternative strategies (like mime or drawing. Despite the different individual and initial levels, Italian language as lingua franca let them understand Italian language more efficiently.L’italiano come lingua franca, il principio dei vasi comunicanti e il miglioramento dei risultati nella classe plurilingue. Un’esperienza didatticaIl presente contributo trae spunto da un’esperienza di insegnamento di italiano L2, livello A1, a immigrati adulti all’interno del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Lucca svoltasi tra novembre 2015 e maggio 2016. Il gruppo di corsisti era formato da adulti provenienti da diverse zone del mondo e parlanti lingue distanti tra loro. Tutti vivevano in Italia da circa un anno e poiché l’unica conoscenza comune e di eguale livello era proprio quella – basilare – dell’italiano, si è sperimentata la

  11. Educazione alla legalità, alla responsabilità sociale e all’inclusione. Una ricerca sui temi dell’antimafia sociale

    Laura Corazza

    2016-11-01

    Full Text Available This research is part of an agreement with the regional government. The study focused on education for democratic lawfulness and civic responsibility by observing educational courses run by Libera on property confiscated from organized crime. The first outcome consisted of setting out pedagogical paradigms for education on democratic lawfulness and anti-mafia education. In order to do this, volunteers from schools were observed over a number of weeks while they lived in properties confiscated from mafia and worked on the land, which had been entrusted to co-operatives as part of an anti-mafia social training Program. Three Italian regions were involved: Piemonte, Emilia Romagna and Puglia. The second outcome was the production of multimedia materials for teaching, and specific courses, which were held in local secondary schools.

  12. Verifica di costruibilità in sicurezza con l’ausilio di strumenti grafici

    Pietro Capone

    2013-10-01

    Full Text Available Il tema del presente contributo si inserisce a cavallo di due filoni di studi propri del Construction Management: la Sicurezza Cantieri e la Costruibilità. Per affrontare la questione si fa riferimento ad  un approccio che riconosce un ruolo chiave all’attività progettuale in generale ed, in particolare, alla evoluzione del Progetto Esecutivo in Costruttivo. Il metodo proposto consente, intervenendo sulla rappresentazione grafica degli elaborati progettuali, da una parte la valutazione specifica e dettagliata delle condizioni di sicurezza per la realizzazione dell’elemento in oggetto, e contestualmente di verificarne le condizioni di cantierabilità, in una fase precedente il cantiere e quindi in un momento in cui è ancora possibile intervenire, se del caso, con modifiche, più o meno significative sul progetto senza che esso ne risulti snaturato nella sua primitiva impostazione.

  13. Tecniche integrate di rilievo per la comprensione di contesti archeologici e paesaggistici: note metodologiche per un approccio multi-scalare.

    Giorgio Verdiani

    2017-12-01

    Full Text Available   Il patrimonio archeologico dell’area mediterranea è una delle manifestazioni più intense della volontà delle molte società che popolano questa zona fin dall’antichità. È un patrimonio culturale complesso e articolato che presenta enigmi difficili e possibilità impressionanti. Ciò crea la necessità di una comprensione accurata del soggetto della ricostruzione, delle sue connessioni e del suo contesto. In questo viaggio alla conoscenza, il “disegno” è il principale strumento di guida e operazione, dai primi schizzi al modello virtuale finale è il modo per scoprire le tracce della trama originale, la cosa per suggerire possibili soluzioni. Basando le sue considerazioni su dodici anni di indagini digitali e vari tentativi di ricostruzione digitale, questo contributo proporrà una discussione e definirà un percorso per questo tipo di procedure architettoniche specifiche nell’era digitale.

  14. Comporre conoscenza: il collage come strategia meta-riflessiva

    Elisabetta Biffi

    2015-09-01

    Full Text Available Il presente contributo intende riflettere sull’utilizzo di una tecnica artistica, il collage, all’interno della formazione degli insegnanti e degli educatori. Si tratta di una differente modalità di azione da parte dei formatori che è inserita nell’ambito dell’art-based research (McNiff, 2008, e dell’arts-informed research (Cole & Knowles, 2008. Per comprendere in modo approfondito questa scelta è necessario conoscere la nascita di questa tecnica e l’utilizzo che di questa hanno fatto vari artisti. Questo consente di delineare alcuni processi cognitivi riflessivi connessi alla pratica del collage che lo rendono strumento efficace in contesti formativi, soprattutto quando rivolti a insegnanti ed educatori. In chiusura, pertanto, si andranno presentando alcuni esempi di esperienze formative che hanno visto il ricorso al collage come strategia riflessiva.

  15. Il modello parametrico in architettura: la tecnologia B.I.M. di Autodesk Revit

    Simone Garagnani

    2011-06-01

    Full Text Available Revit è il software di Autodesk destinato al mondo delle costruzioni, che permette ad architetti, progettisti e ingegneri di produrre e documentare in maniera coerente e coordinata un edificio, dalla fase concettuale alla realizzazione esecutiva. In questo contributo verranno analizzate le peculiarità che fanno di Revit un modellatore B.I.M., attraverso cui è possibile generare il modello virtuale di una costruzione per mezzo di “elementi intelligenti” che interagiscono con l’ambiente di progetto. La maturità raggiunta da Revit negli ultimi anni ha permesso ad un numero sempre maggiore di studi professionali di abbandonare ambienti CAD più generalisti, paragonabili ai classici tecnigrafi tradizionali, in favore di un contesto integrato che agevola l’interscambio informativo tra le discipline coinvolte nel processo edilizio, seppure con alcune criticità ancora da superare.

  16. Camões e Tasso: l’Oriente nel poema eroico

    Anna Cerbo

    2011-11-01

    Full Text Available Questo contributo si è proposto lo studio della presenza dell’Oriente nel poema epico europeo del Cinquecento. La struttura e l’elaborazione del discorso si sono basate soprattutto sul confronto di due opere: la Gerusalemme liberata di T. Tasso e I Lusiadi di L. de Camões . L’analisi testuale e la metodologia comparatistica hanno portato alla conoscenza storico-ideologica, culturale-letteraria e linguistica dei due poemi, e hanno consentito di rilevare le affinità e le differenze nel rapporto con l’’altro’ e nella rappresentazione dell’‘altro’ da parte dei due Poeti, entrambi attenti allo sguardo incrociato dell’Occidente e dell’Oriente. Tra i risultati conseguiti aggiungiamo che  è stato possibile individuare una comune retorica dell’‘alterità’ nella letteratura europea del Rinascimento.

  17. The environmental project of the enhancement of the fluvial area: L’Aquila and the Aterno River

    Luciana Mastrolonardo

    2016-06-01

    Full Text Available Il contributo si colloca in un programma interdisciplinare volto alla valorizzazione e la tutela del fiume, attraverso il controllo dei flussi e l’attivazione di simbiosi. Si integrano, con un approccio che parte dalla progettazione ambientale, le tematiche urbane, paesaggistiche, tecnologiche ed ecologiche, per orientare lo sviluppo del territorio in termini di tutela e valorizzazione delle risorse, e per recuperare le discontinuità rappresentata oggi dal fiume, in alcuni contesti urbani, conferendole maggiore riconoscibilità e potenzialità. Nello specifico si indaga il rapporto tra L’Aquila e il fiume Aterno per individuare, a livello locale, le strategie perseguibili per il recupero delle connessioni tra l’ambito fluviale e urbano, per la valorizzazione del territorio e il ripristino della funzionalità dell’acqua nel suo ciclo vitale. 

  18. Per una poetica del plagio: il caso di Kathy Acker

    Claudia Cao

    2012-10-01

    Full Text Available Dopo una breve introduzione intorno alla produzione letteraria di Kathy Acker e dopo una panoramica su alcuni saggi in cui l’autrice si sofferma sulla stretta relazione esistente tra scrittura e potere, e tra scrittura e desiderio, l’articolo esamina il significato assunto dal plagio in una delle sue opere più sperimentali: Great Expectations. Prendendo le mosse da un concetto centrale nella riflessione elaborata da Deleuze e Guattari all’interno del loro L’Anti-Œdipe. Capitalisme et Schizophrénie, come quello di “macchina desiderante”, questo contributo intende illustrare la relazione esistente tra l’atto del plagio e il pensiero schizofrenico elaborato dai due pensatori francesi.

  19. La ricostruzione grafica del pavimento musivo di una villa romana

    Caterina Gattuso

    2015-01-01

    Full Text Available Nel processo di analisi conoscitiva finalizzato alla conservazione e/o al restauro di un manufatto storico, la documentazione grafica offre un contributo importante ai fini della redazione del quadro anamnesico. Essa costituisce uno strumento conoscitivo che, nel rappresentare e registrare lo stato di conservazione nonché gli eventuali interventi di restauro cui il bene è stato sottoposto, permette di completare e di integrare le informazioni già ottenute mediante il dossier fotografico. In questo contesto si vuole dimostrare l’importanza del disegno informatico, da intendere come strumento utile per l’elaborazione di un corretto piano diagnostico, illustrando la ricostruzione grafica di una complessa pavimentazione musiva che decora un particolare ambiente di una villa di epoca romana posta sulle rive del lago d’Esaro nel comune di Roggiano Gravina (CS, ottenuta attraverso l’uso di un particolare software di design grafico e disegno vettoriale.

  20. Eleonora Duse interpreta Gor'kij (Parigi-Milano, ottobre 1905

    Maria Pia Pagani

    2013-06-01

    Full Text Available Questo contributo porta alla luce alcuni problemi relativi a traduzione e allestimento de I bassifondi (L’albergo dei poveri di Maksim Gor’kij – l’unico dramma russo che Eleonora Duse riuscì a includere nel suo repertorio. La grande attrice lo portò in scena due volte, a distanza di pochi giorni, al Théâtre de l’Oeuvre di Parigi con la compagnia di Aurelien Lugné-Poe (23 ottobre 1905, e al Teatro Manzoni di Milano con la compagnia Talli-Gramatica-Calabresi (28 ottobre 1905. Il critico Gaio (pseudonimo di Adolfo Orvieto assistette a entrambe le rappresentazioni e scrisse un’attenta recensione per «Il Marzocco» evidenziandone le differenze.

  1. Extraction, identification and quantification of heavy metals in Venice lagoon sediments using toxicity tests with microorganisms

    Passarini, F.; Rampazzo, G.; Volpi Ghirardini, A.; Sperni, L.; Salizzato, M.; Pavoni, B. [Venice Univ., Venice (Italy). Dipt. di Scienze Ambientali

    2000-02-01

    Sediments are the major sink for metal pollutants in the aquatic ecosystem but also an important source for the release of them in the water. In order to assess the contribution of heavy metals to the total sediment toxicity, a methodology that permits to integrate the chemical approach with a direct toxicological approach has been ste up. Toxicological results using Microtox test are compared with analytical results. [Italian] I sedimenti sono il principale deposito per contaminanti metalli nel''ecosistema acquatico, ma anche una fonte importnate di rilascio nell'acqua. Al fine di valutare il contributo dei metalli pesanti alla tossicita' totale del sedimento, e' stata messa a punto una metodologia che permette di integrare l'appoccio chimico con un approccio tossicologico diretto. I risultati dei test di tossicita' Microtox vengono confrontati con i risultati analitici.

  2. Un approccio multidisciplinare per l’archeologia digitale

    Rodolfo Maria Strollo

    2017-12-01

    Full Text Available Obiettivo del contributo è quello di indagare le potenzialità offerte da una metodologia multidisciplinare volta alla creazione di un database digitale facilmente interrogabile, sempre disponibile e scientificamente valido da impiegare per le diverse finalità legate al patrimonio culturale immobile (ricerca scientifica, interventi di manutenzione e restauro, valorizzazione culturale, promozione turistica. La banca dati è composta da modelli infografici elaborati con riferimento a rilievi tridimensionali affidabili dal punto di vista metrico e cromatico e rappresentativi di una realtà virtuale ‘aumentata’ delle informazioni storiche, iconografico-documentali e archivistiche riferite al bene. Caso studio su cui è stato sperimentato tale approccio metodologico è l’area archeologica di Tuscolo, sui Colli Albani a sud di Roma.

  3. Rappresentare e gestire patrimoni immobiliari: il BIM per il Facility Management

    Massimiliano Lo Turco

    2015-12-01

    Full Text Available Il presente contributo intende esplorare le potenzialità delle metodologie di Building Information Modeling (BIM applicabili alle diverse fasi del processo edilizio, con specifico riferimento a linee guida e best practice di respiro internazionale che avvalorano flussi operativi virtuosi: la componente informativa, prevalentemente grafica in fase di progetto, si integra e si rinnova in formato prevalentemente alfanumerico, divenendo parte integrante dell’apparato gestionale e manutentivo dei manufatti. I casi studio sviluppati in collaborazione con il Servizio Edilizia e Logistica del Politecnico di Torino sostanziano tali procedure che, seppur ancora poco diffuse, traguardano obiettivi di interoperabilità: si illustrano approcci integrati di condivisione delle informazioni atti a definire una corretta programmazione degli interventi, applicabili dalla grande alla piccola scala, definendo strategie progettate per limitare l’attuazione di errate soluzioni.

  4. Analisi dell’utilizzo di Twitter nella costruzione di un seminario sperimentale

    Wolfgang Reinhardt

    2013-03-01

    Full Text Available Nonostante i massicci cambiamenti sociali e tecnologici che si sono verificati a causa del Web negli ultimi anni, i corsi universitari spesso enfatizzano metodi di insegnamento da tempo consolidati e basati su strumenti di apprendimento e risorse tradizionali. Durante tali corsi gli studenti spesso acquisiscono una conoscenza che non è aggiornata e che è lontana da un apprendimento realistico, basato su problemi. L'uso di strumenti e metodi più recenti spesso rimane fuori dalla padronanza degli studenti. In questo contributo si descrive brevemente l’impostazione sperimentale di un seminario in due università tedesche dove l’uso di Social Media per la comunicazione e la collaborazione è stato saldamente integrato alla progettazione di un percorso di apprendimento formale. Si illustra, inoltre, l'utilizzo di Twitter durante il seminario, usando metodologie riprese dalla Social Network Analysis.

  5. Lo Studio d’Arte Palma: Storia di un’impresa per il commercio artistico nell’Italia del dopoguerra

    Viviana Pozzoli

    2016-12-01

    Full Text Available Inaugurato a Roma nel maggio 1944, a poche settimane dalla Liberazione, lo Studio d’Arte Palma ha costituito un inedito esperimento di organizzazione artistica capace di coniugare attività espositive, mercantili e di centro di restauro, nell’ottica congiunta di un’esigenza di valorizzazione del patrimonio e delle produzioni d’arte italiane e della proposta di un nuovo gusto, espressione dei valori del mondo contemporaneo. Questo contributo intende, per la prima volta, tracciarne il profilo, mettendo in luce la specificità dell’iniziativa nel coevo panorama delle gallerie d’arte. A partire dall’analisi delle fonti d’archivio, si precisano la storia, la progettualità e la programmazione della “Palma”, a cui collaborarono, raccolte attorno alla figura del suo fondatore, Pietro Maria Bardi, alcune tra le personalità di maggiore rilievo del sistema delle arti del tempo.

  6. Gli strumenti di contrasto all'economia mafiosa

    Simona Romanò

    2016-12-01

    Full Text Available Il contributo analizza i risultati di una ricerca empirica sulle misure di prevenzione patrimoniale applicate dal Tribunale di Milano negli ultimi quindici anni (2000-2015 nei confronti delle persone indiziate di appartenere a organizzazioni mafiose. Accanto agli aspetti quantitativi della ricerca, viene approfondito il versante qualitativo delle misure di contrasto alla ricchezza mafiosa attraverso lo studio dei casi più significativi. Parole chiave: misure di prevenzione patrimoniale; confisca; amministrazione giudiziaria; economia mafiosa The essay analyzes the results of an empirical research on preventive measures imposed by the Court of Milan in the last fifteen years (2000-2015 on persons suspected of being members of Mafia-type organizations. Alongside quantitative aspects, it has been carried out a qualitative analysis of confiscation measures against organized crime, through a study of the most significant cases. Keywords: preventive measures; confiscation; organized crime

  7. Evoluzioni psicoanalitiche e cambiamento in psicoterapia psicoanalitica

    Rosario Di Sauro

    2009-06-01

    Full Text Available In questo articolo si prende in considerazione l’evoluzione teoretica della psicoanalisi, passando dal modello freudiano monadico ad un approccio di matrice relazionale.  Altresì  viene evidenziato il contributo della psicologia clinica come elemento costitutivo della psicoterapia psicoanalitica, come espressività del continuum psicologia clinica-psicoterapia. Tutto ciò rappresenta, inoltre, la conditio sine qua non per il cambiamento terapeutico. Se ne evidenziano, infatti gli elementi caratteristici per una buona riuscita del processo terapeutico. L’Autore inoltre, mette in rilievo il ruolo della psicocorporeità nel trattamento psicoanalitico, sia come comunicazione del ‘non verbale’ sia come costrutto epistemologico di un nuovo apporto alla scienza psicoanalitica.

  8. Pantani di Marco Martinelli: una narrazione polifonica

    Franco Nasi

    2014-05-01

    Full Text Available In questo articolo si analizza il testo drammaturgico Pantani di Marco Martinelli, una veglia epica teatrale di uno dei più noti eroi dello sport italiano degli ultimi anni. Il dramma rilegge anche la storia di Pantani e ricostruisce gli strani avvenimenti che portarono alla sospensione, alla estromissione del ciclista dal Giro d’Italia nel 1999, e in seguito alla sua profonda crisi psicologica e tragica morte in solitudine in un hotel, a soli 34 anni. Oltre alle modalità proprie della veglia rituale, il dramma utilizza anche i metodi del processo giudiziario, e offre testimonianze dettagliate che conducono a una riflessione critica sulla società italiana negli anni del potere politico di Berlusconi e della sua filosofia del consumismo. I tre diversi generi della retorica classica (epidittico, giudiziario e deliberativo si mescolano in questa complessa tessitura teatrale. Coniugando informazioni (processo e rito (veglia, Martinelli riesce a fondere la tragedia greca (forma mimetica e corale e il moderno teatro di narrazione (forma diegetica monologante. Combinando assieme scene intensamente drammatiche, ricordi di imprese sportive epiche, passaggi giocosi e parodici, e giustapponendo vari stili e registri (giornalistico, lirico, parodico, elegiaco, Martinelli crea momenti di forte “straniamento” e sorpresa, e rende particolarmente efficace il rito funebre, la ricostruzione storica della tragica vicenda di Pantani e la critica all’ideologia che ha dominato l’Italia negli anni di Berlusconi.

  9. Lo Gnomone Clementino Astronomia Meridiana in Basilica

    Sigismondi, Costantino

    2014-05-01

    Costruito per chiara volontà del papa 70 anni dopo il caso Galileo, lo Gnomone Clementino è un grande telescopio solare che non fa uso di lenti a 92 anni dall’invenzione del cannocchiale. Queste due caratteristiche basterebbero da sole a giustificare l’interesse verso questo strumento. L’astronomia meridiana è alla base dell’astrometria e dell’astrofisica moderna. Lo Gnomone Clementino sta oggi all’astronomia, come il veliero “Amerigo Vespucci” sta alla Marina Italiana. E’ possibile svolgere ogni genere di osservazione e studio su questo strumento, e dal 2002 vi tengo lezioni teorico-pratiche del corso di Storia dell’Astronomia e La Terra nel Sistema Solare della Sapienza, Università di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia. Questo testo aggiunge alcuni tasselli alla ricerca storica sulla meridiana, appoggiandosi, com’è naturale, sulle spalle di giganti che mi hanno preceduto in questi studi. In particolare la misura dell’azimut della meridiana, ed il suo inquadramento tra gli strumenti simili ed alcuni studi di astrometria sui dati del 1701-1703 di Bianchini, che sono apparsi fin’ora soltanto su riviste specializzate ed in Inglese vengono qui proposti in Italiano e semplificati, per valorizzare sempre più questa straordinaria opera d’arte e di scienza.

  10. Valorizzazione e promozione cineturistica delle destinazioni: opportunità e rischi del marketing territoriale / Enhancement and cine-touristic promotion of destinations: opportunities and risks of territorial marketing

    Rosy Scarlata

    2016-05-01

    Full Text Available Lo scopo principale di questo contributo consiste nel proporre uno spunto di riflessione circa le relazioni che intercorrono fra la proiezione di un film o di una serie televisiva, il cineturismo e la creazione dell’identità di un luogo. La disamina della letteratura esistente ha confermato l’esistenza di numerosi studi focalizzati sui forti impatti prodotti dal cineturismo, con il rischio di compromettere la capacità di carico dei territori e la sostenibilità delle attività turistiche. Minore interesse, invece, è stato rivolto a casi di studio che riguardano le ripercussioni di paesaggi non attrattivi, di trame negative e screditanti, con il risultato di veicolare un’immagine avversa alla destinazione, anche indipendentemente dal fenomeno cineturistico che potrebbe prodursi. Il presente contributo è il tentativo iniziale di approfondire questo aspetto, citando alcune esperienze italiane, e prendendo in considerazione il ruolo delle Film Commission nella creazione di immagini che siano confacenti alla identità territoriale che si intende promuovere all’esterno. The main focus of this article is to provide an opportunity to reflect upon the relationship between the production of a movie (or a tv series, the film-induced tourism and the creation of the identity of a place. A review of the existing literature revealed that many studies focused on the strongest impacts of film-induced tourism, with the risk of endangering the carrying capacity of territories and the  sustainability of tourist activities. Less attention has been paid to case-studies showing the effects of unattractive landscapes or negative and discrediting storylines portraying an image which is adverse to the destination. This paper is an initial attempt to discuss this issue and to fill this gap, by showing some recent Italian experiences and by taking into consideration the role of the Film Commissions in order to govern the creation of images which are fitting

  11. Un incontro con Mattia Crespi docente di Geomatica alla Sapienza di Roma

    Renzo Carlucci

    2015-03-01

    Full Text Available A meeting with Mattia Crespi Mattia Crespi, full professor of Geomatics at La Sapienza University in Rome, to talk about the evolution of Geomatics, the new line of research in the field of 3D sensors and the content of the Italian Spatial Data Infrastructure.

  12. Viking Line toob Rosella uuest aastast Eesti lipu alla / Signe Kalberg

    Kalberg, Signe, 1959-

    2005-01-01

    Viking Line'i parvlaev Rosella hakkab kulude kokkuhoiu, äritegevuse tasuvuse ja konkurentsivõime taastamise huvidest sõitma uuest aastast Eesti lipu all ning vahetab välja senise laevameeskonna. Viking Line'i infojuhi Johanna Boijer-Svahnströmi kommentaare

  13. Uudiste lõpp ehk kuidas Facebook ajakirjanduse alla neelas / Priit Hõbemägi

    Hõbemägi, Priit, 1957-

    2016-01-01

    Priit Hõbemägi refereeris Cambridge ülikooli professori ja Columbia ajakirjanduskooli digitaalse ajakirjanduse keskuse direktori Emily Belli meedia­maailmas laineid löönud kõnet sotsiaalmeedia ettevõtete mõju kasvust uudiste levitamise ja sellega raha teenimise üle

  14. Considerazioni sulla receptio legis alla luce del m.p. Mitis Iudex Dominus Iesus

    Maria Chiara Ruscazio

    2018-03-01

    ABSTRACT: Reception of law can be described as the process by which the recipients of a canonical law verify its reasonableness. This process appears mostly in the material observance of the law. The essay examines firstly the theological and ecclesiological legitimacy of reception, and then it explores which are its effects upon the binding force of the law and when they occur. Finally, it tries to employ this concept in describing the way in which the m.p. Mitis Iudex has been accepted and implemented in some local Churches.

  15. La disciplina dello SME ha contribuito alla convergenza dell'inflazione?

    L. BINI SMAGHI

    1994-06-01

    Full Text Available The paper focuses on the cross-section comparison of inflation performance inside and outside the EMS. The evidence contained in the literature is first reviews. The author then examines some of the limitations of the analysis contained in the literature and presents new empirical evidence that takes into account some aspects that were previously ignored.

  16. La leadership politica in Italia alla luce della tradizione comica nazionale

    Maria Pia Pozzato

    2014-01-01

    Political leadership in Italy in the light of the national comical traditionThis essay deals with humour and satire in politics. The issue of humour is contextualized within a wider cultural phenomenon called ‘show civilisation’ or ‘schermopolis’, i.e. the pervasiveness of screens in our everyday life. In doing so I will consider the role of new media and social networks in fostering the use of humour in political discourse. Next I will try to find a new framework for forms of popularity in p...

  17. Dalla creazione alla programmazione. Il concetto di vita nell’era della biologia sintetica

    Luca Lo Sapio

    2014-06-01

    Full Text Available This paper aims to organize a reflection about the recent developing field of synthetic biology. It is structured into three main parts. The first one tries to point out the features of this emerging field (the analogies and the differences with the genetic engineering; the second one analyzes the terms and the concepts we can find in the fundamental article by Venter et al. (and in the recent article published by La Jolla Institute’s researchers; the third one delineates the principal outcomes of synthetic biology’s applications, in particular, for the formulation of the concept of life. Therefore it is proposed a connection between artificial life’s science and human enhancement. In fact I think it is possible to clarify human enhancement problem by a specific investigation of synthetic biology’s main characteristics.

  18. “La Svizzera. Una prigione?” Reazioni letterarie e pittoriche alla ristrettezza elvetica

    Maurizio Basili

    2011-05-01

    Full Text Available The border is not just a line; it's a space which shows a sense of belonging to a community and to a region. Swiss borders appear extremely strict and insurmountable if we consider the essay by Friedrich Dürrenmatt Die Schweiz: ein Gefängnis (1990 in which he compares the small country to a prison: the Swiss themselves choose this detection because only in this prison they feel safe from outward aggression. Neutrality is a source of suffering and has an ambivalent connotation: it makes sure to be free from the worldwide conflicts but, at the same time, it makes prisoners because it limits the freedom to act. What emerges from the words of one of the most important Swiss writers of the twentieth century and from the most part of the Swiss intelligentsia is the indication of a deep identity crisis, a desire to escape the narrowness Paul Nizon wrote about in 1973 in his essay Diskurs in der Enge, in which he also implies a lack of freedom in Swiss Literature: in Swiss daily life nothing happens. The Swiss writer could describe his daily life, but he would be obvious, meaningless or simply boring. Narrowness is therefore the main precondition for a Swiss artist and it causes the escape. Escape and isolation are recurring themes in the art of painting (for example in the works of Giacometti and Meret Oppenheim too.

  19. Notarikandidaadiks sai alla viiendiku soovijatest : Notarite Koja viimase aja üritused / Eve Strang

    Strang, Eve

    1999-01-01

    20. veebruaril 1999. a. Tallinnas toimunud pärimisseaduse alasest seminarist, 8.-9. märtsil 1999. a. Tallinnas toimunud notarikandidaatide konkursist, 13. märtsil 1999. a. Pärnus toimunud Notarite Koja aastakoosolekust ning 25.-26. märtsil 1999. a. Šveitsis toimunud Notarite Kodade ühisseminarist

  20. Domingo de Ramos, dalla violenza urbana alla solidarietà marginale

    Riccardo Badini

    2016-12-01

    Full Text Available The article aims to analyze the poetry of Domingo de Ramos (Peru 1960 through themes like violence, urban decay and migration and presents the translation of an unpublished poem. A path is traced from the vanguards to the socio historical and political context of the  80s Peru, not to mention the innate inclination of the poet for marginal realities.

  1. Bioetica dal comandamento. Intorno alla riflessione ebraica sulla fecondazione assistita e l’eutanasia

    CAPORALE, MARIANGELA

    2017-06-01

    Full Text Available Bioethics from Commandment. Concerning Jewish Reflection on FIVET and Euthanasia This paper focuses on the specific nature of the Jewish bioethical thought. My interest regards the peculiarity of the biblical Jewish approach to biomedical questions like FIVET and euthanasia. The paper points out the relationship between Jewish and Christian bioethical view about these questions and it shows the analogies and the differences typical of two creationist faiths.

  2. Il fascino oscuro dell’inflazione alla scoperta della storia dell’universo

    Fré, Pietro

    2009-01-01

    È dalla più remota antichità che l’uomo si interroga sulla struttura dell’Universo e sulle leggi che lo governano. Ma il progresso compiuto all’inizio del XX secolo non ha paragoni rispetto a quello di tutti i secoli precedenti: nel 1915 fu formulata la relatività generale, indispensabile per inquadrare tutti i fenomeni cosmici e astrofisici; tra il 1920 e il 1930 furono determinate le reali dimensioni dell’Universo visibile e fu scoperta la sua costante espansione. La cosmologia ha poi fatto un grande salto di qualità a cavallo tra la fine del XX secolo e l’inizio del XXI, quando una serie di osservazioni ha confermato che: L’Universo è spazialmente "piatto", in seguito all’inflazione cosmica che, una frazione di secondo dopo il Big Bang, ne ha gonfiato le dimensioni di decine o centinaia di miliardi di volte. L’Universo è costituito al 70% da energia oscura e al 24% da materia oscura: la materia visibile, cioè stelle e galassie, rappresenta solo il 6% del totale. Attualmente l’espa...

  3. Dalla trasmissione interculturale alla transculturalità dei Diritti Umani nella filosofia arabo-islamica contemporanea

    Sarhan Dhouib

    2011-01-01

    Full Text Available From Intercultural Mediation to the Transculturality of Human Rights in Contemporary Arab-islamic Philosophy - This article explores the point of view of Arab-Islamic philosophy with respect to the problem of human rights: their transcultural value and their intercultural transmission. The main focus of the argument is on the problems that hinder the universal validity of human rights from being established. The investigation explores primarily the following questions: How is it possible to achieve an intercultural extension of the basic laws on which human rights are grounded? How is it possible to ensure that human rights are universally acknowledged and respected? Is there a contradiction between cultural pluralism and the universal acknowledgment of human rights? What arguments might support the idea of the universal value of human rights?

  4. Implicazioni pratiche legate alla ritenzione di solvente nei p.v. reticolabili a Tamb

    Lewin, L. A.; Douglas, C. B.; Dušek, Karel; Dušková, Miroslava; Vlasák, P.

    2005-01-01

    Roč. 81, č. 1 (2005), s. 21-29 Institutional research plan: CEZ:AV0Z40500505 Keywords : polymer coatings * solvent evaporation * polyurethane film formation Subject RIV: CD - Macromolecular Chemistry http://www.gbp.it/copiasitopv_inlinea/1_paginapv.html

  5. Incentivi reputazionali alla cooperazione in un gioco competitivo tra adolescenti : Uno studio sperimentale

    Giardini, Francesca; Guazzini, Andrea; Duradoni, Mirko; Paolucci, Mario; Brigida, Lucia; Vilone, Daniele; Bagnoli, Franco

    2016-01-01

    Reputation is one of the most effective solutions to the so-called «puzzle of cooperation», but it is usually studied in contexts in which information is not ambiguous and there are no incentives towards strategically using it. In this study, we test wheter the possibility of being evaluated (with a

  6. Ipotesi di variazioni del clima correlate alla precessione dei nodi lunari

    de Donà, Giuseppe

    2005-04-01

    The paper shows the existence of a striking correlation between seasonal and yearly mean temperatures, recorded from 1925 through 2003 at the Arabba Avalanche Center, and the Moon's latitude over the ecliptic during the same period. Also the mean amount of rain in the same time period may be controlled by the Moon, but this quantity shows an anti-correlation to the lunar latitude instead of the direct correlation displayed by the mean temperatures.

  7. Här är alla lika! Jämlikhetsideologi och konstruktion av den

    Tommaso M. Milani

    2009-01-01

    Full Text Available Here we’re all equal! The ideology of equality and the constructionof ‘Otherness’ in media and educational settings. The focus ofthis article lies on the question of how linguistic diversity is talked about and dealt with in contemporary Sweden. More specifically, we examine media utterances which target the linguistic practices of young men who are perceived as “non-Swedish”. We also investigate the ways in which these young men who are the object of media attention actually use language in the classroom. The key argument of the article is that media utterances and classroom interactions have a common denominator: they are underpinned by a shared discursive constraint – a well-established ideology of equality, according to which individuals should be treated as equal irrespective of their social, ethnic and linguistic backgrounds. Our aim is to show the ways in which this ideology is normative insofar as it defines the discursive conditions for the creation of boundaries between “Us” and “Them”.

  8. Alla ska ha kul! : Parodisk barnkultur och publik i nutida kommersiell animation

    Milia, Mirella

    2006-01-01

    Barnfilmen har länge haft en undanskymd plats inom filmteori. Man har tidigare intresserad sig för den i termer av ideologisk påverkan eller pedagogisk nytta alternativt onytta, men intresse för frågor som rör mer specifika textmekanismer har hittills dröjt. En sådan fråga är, exempelvis, hur barnfilmen konstruerar eller implicerar sin egen åskådare. Med tanke på att motsvarande problema¬tik har dragit till sig många barnlitteraturforskares intresse, är det märkligt att en liknande omsorg int...

  9. Eesti koondas Aasia uurijad ühise mütsi alla / Karin Dean

    Dean, Karin

    2014-01-01

    Tallinna Ülikool, Tartu Ülikool ja Tallinna Tehnikaülikool lõid Aasia Uuringute Kompetentsikeskuse (AUKK), et koondada Aasia tänapäevase majanduse, poliitika ja ühiskondade teemal teadustööd tegevad teadlased Eesti ülikoolides ühte võrgustikku et pakkuda info- ja ideevahetust ülikoolide, avaliku sektori ja ettevõtjate vahel

  10. Dalla neuroeconomia alla neuroetica: verso una neuroscienza delle decisioni individuali e socio-morali

    Maria Arioli

    2017-08-01

    Full Text Available Neuroeconomics and neuroethics are subfields of cognitive neuroscience that address the neural correlates of distinct, although strongly intertwined, facets of decision-making. While neuroeconomics investigates the neural mechanisms underlying the maximization of personal economic utility, neuroethics integrates such knowledge with that provided by social neurosciences, in order to address typical questions in ethics and moral philosophy. We review the available research to contrast the hypothesis that both individual economic and socio-moral choices rely on a common brain network receiving domain-specific inputs (Extended Common Currency Schema and the claim that a specific brain network underpins choices in a socio-moral context (Social-Valutation-Specific Schema. In line with the former model, currently available evidence supports the existence of a single brain network associated with both choice types, regardless of the economic individual vs. socio-moral decisional context.

  11. Pangad võtavad laenusoovijad põhjalikult luubi alla / Kaire Uusen

    Uusen, Kaire

    2008-01-01

    Pankades rakendatavast uue süsteemist Basel 2, mis on kohustuslik kõigile Euroopa Liidu pankadele. Pangatöötajate arvamusi laenuandmise tingimuste kohta. Kommenteerib Priit Kiilmaa. Vt. samas: Pangad hoiatavad SMS-laenu eest

  12. 'Prima furon le cose e poi i nomi'. Riflessioni attorno alla filosofia del linguaggio di Galileo

    Palmerino, C.R.

    2016-01-01

    This article addresses an aspect of Galileo’s thought that has hitherto attracted little attention, that is to say, his philosophy of language. First of all, we try to show that Galileo’s reflections on the ambiguous and conventional nature of verbal language, though not expounded systematically,

  13. H. Sapiens digitale: dagli immigrati digitali e nativi digitali alla saggezza digitale

    Marc Prensky

    2010-01-01

    Full Text Available This is the translation of a paper by Marc Prensky, the originator of the famous metaphor digital natives - digital immigrants. Here, ten years after the birth of that successful metaphor, Prensky outlines that, while the distinction between digital natives and immigrants will progressively become less important, new concepts will be needed to represent the continuous evolution of the relationship between man and digital technologies. In this paper Prensky introduces the concept of digital wisdom, a human quality which develops as a result of the empowerment that the natural human skills can receive through a creative and clever use of digital technologies.

  14. Saksa teadlane hoiatab: "Tallinn jääb vee alla!" / Dieter Meissner ; intervjueerinud Maris Sander

    Meissner, Dieter, 1954-

    2011-01-01

    Intervjuu Eestis päikesepaneelide tehnoloogiat arendava professoriga. Teadlase hinnangul pole tuumaenergia Eestis võimalus, kaugemas perspektiivis on Eestil energia tootmiseks kaks võimalust: kasutada põlevkivi või minna üle päikese- ja tuuleenergiale. Päikeseenergia kasutamisest Saksamaal

  15. Sõjatandri puudumine ajab Eesti sõdurid Riia alla / Peeter Kuimet

    Kuimet, Peeter

    2006-01-01

    Õppusteks vajaliku suure polügooni puudumise tõttu pidi elukutselistest sõduritest koosnev Scoutspataljon korraldama õppuse Gungnir 2006 Lätis asuval Adazhi polügoonil, kus on võimalik kasutada ka reaalset lahingumoona. Kaart: Adazhi polügoon. Lisa: Scoutspataljon

  16. Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo

    Nicola Colaianni

    2011-06-01

    The European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

  17. Afganistan jääb USA sõduriteta terrori alla / Heiki Suurkask

    Suurkask, Heiki, 1972-

    2011-01-01

    Afganistanis on sagenenud Talibani korraldatud enesetapurünnakud, surma on saanud president Hamid Karzai vend ja mitu mõjukat nõunikku. Autori sõnul on mitu võimalust, et Afganistanis puhkeb taas kodusõda

  18. Mundrimehe alla ajanud politseiniku varem joobnult tehtud avarii vaikiti maha / Oliver Rand

    Rand, Oliver, 1971-

    2008-01-01

    Politsei vaneminspektor Kalle Kolk, kes sõitis Tartu abipolitseinikule otsa, tegi avarii ka 2003. aastal. Lõuna politseiprefekt Aivar Otsalt põhjendab Kalle Kolgile teenistusmärgi andmist 2007. aastal

  19. Krediidipank läks Vene kapitali kontrolli alla / Peeter Raidla

    Raidla, Peeter, 1955-

    2005-01-01

    Ilmunud ka: Delovõje Vedomosti 10. aug. lk. 2. Vene kapitalile kuuluv Latvian Business Bank omandas aktsiaostude tulemusena enamuse Eesti Krediidipangast. Diagramm: Krediidipanga aktsionärid. Vt. samas lühiintervjuud Krediidipanga juhatuse esimehe Andrus Klugega

  20. Teorie corporativiste nella Grecia del primo dopoguerra (1922-1940: dalla teoria alla prassi

    Spyridon Ploumidis

    2017-03-01

    Full Text Available In Greece, during the first postwar period, similarly to what happened in Italy and Germany, a new way of understanding the relationships among State, economy and society appeared: the so-called “authoritarian” corporatism. The fall of the political liberalism in the hellenic country came with a deep crisis in the certainties about solidity and utility of economic liberties which derived in the establishment of the Kondylis and Metaxas dictatorships, who are the supporters of the greek government control. This paper wants to analyze, through the normative innovations and the attempts of interventions in the hellenic productive system, how the public authorities have tried to aligned themselves with the control government manners which evolved and established in the rest of Europe.