WorldWideScience

Sample records for sztuczne materialy implantacyjne

  1. Artificial implantation materials; Sztuczne materialy implantacyjne

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lewandowska-Szumiel, M. [Akademia Medyczna, Warsaw (Poland)

    1997-10-01

    The radiation techniques for sterilization of orthopedic materials and high performance biomaterials have been reviewed. The radiation formulation of synthetic biomaterials for implantation and other medical use have been also performed. 18 refs, 3 tabs.

  2. PORÓWNANIE WYBRANYCH WŁAŚCIWOŚCI ZAPRAW ŻYWICZNYCH ZAWIERAJĄCYCH ODPADOWE TWORZYWA SZTUCZNE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bernardeta DĘBSKA

    Full Text Available Racjonalna gospodarka odpadami stanowi jeden z priorytetowych kierunków szeroko rozumianej ochrony środowiska. Fakt umiejętnego zagospodarowania odpadów jest także ważny w kontekście zrównoważonego rozwoju społeczeństw. Do odpadów wyjątkowo uciążliwych dla środowiska zaliczyć należy tworzywa sztuczne. Wzrastające nieustannie ilości tego typu odpadów powodują występowanie problemów zarówno ekologicznych, jak i gospodarczych, co związane jest ze słabą biodegradacją tworzyw. Odpady te zaczęto wykorzystywać do produkcji materiałów budowlanych. Badania nad zagospodarowaniem odpadów z tworzyw sztucznych prowadzone są obecnie w różnych ośrodkach naukowych na świecie. W literaturze można znaleźć opisy wykorzystania odpadów m.in. polietylenu i polipropylenu, styropianu, poliuretanów, poliwęglanu, poliamidu, czy poli(chlorku winylu, jako modyfikatorów betonów i zapraw cementowych. W niniejszym artykule przedstawiono wyniki porównania wybranych właściwości czterech serii zapraw żywicznych zawierających różne odpady tworzyw sztucznych tj.: polipropylen (PP, polietylen (PE, piankę poliuretanową (PU oraz ekspandowany polistyren (EPS. Odpady te pochodziły odpowiednio z kubków po jogurtach, pianki podkładowej pod panele, pianki montażowej oraz płyt styropianowych. Zostały one rozdrobnione i stanowiły częściowy zamiennik kruszywa w zaprawach epoksydowych. Zbadano takie właściwości zapraw, jak: wytrzymałość na zginanie i ściskanie, gęstość objętościowa oraz nasiąkliwość. Wskazano materiał odpadowy, umożliwiający otrzymanie zaprawy cechującej się najkorzystniejszymi wartościami oznaczonych parametrów. Na podstawie uzyskanych wyników badań stwierdzono, że nawet przy 20% substytucji piasku odpadami tworzyw sztucznych, można otrzymać kompozyt charakteryzujący się bardzo dobrymi parametrami wytrzymałościowymi oraz niską nasiąkliwością wodą.

  3. Studio dell’ossidazione a caldo di materiali altolegati per caldaie industriali

    OpenAIRE

    Rizzi, M.; Guerrini, E.; Trasatti, S. P.

    2013-01-01

    Al fine di migliorare la durabilità di caldaie ad elevata efficienza per la produzione di energia, alimentate daipiù diversi combustibili, è essenziale sviluppare ed applicare materiali per alte temperature con caratteristiche diresistenza a corrosione che ne garantiscano una “life time” elevata anche nelle condizioni di servizio più severe.Scopo di questo studio è quello di investigare il comportamento a corrosione, con particolare attenzione aimeccanismi di ossidazione a caldo, di alcuni ac...

  4. Recycling of cementitious scrap inert in the manufacture of fiber composite materials; Riciclo dei materiali inerti cementizi per la produzione di materiali compositi fibrosi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Buccolieri, G. [Lecce Univ. (Italy). Dipt. Scienza dei Materiali; De Luca, F.; De Stefano, L. [Ente Nazionale per l' Energia Elettrica, Brindisi (Italy). Area Ambiente; Paglietti, F. [ECOTEC Srl, Rome (Italy); Plescia, P. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Rome (Italy). Istituto Trattamento Minerali

    1999-04-01

    The disposal of cementitious scrap materials, coming from demolition and construction actives, it is a problem of enormous environmental impact, either for the quantities in play, either for the lack of the fit sites to receive them. In the present work is described a recycling technology of such residual for the production of fiber composites, as thermo acoustical insulating materials or fiber-reinforced, that could be applied also to the cement-asbestos like the eter nit. In this case, inertization and re-use of refusal, also otherwise classified like special or dangerous according to his state of preservation, is archived. [Italian] Lo smaltimento dei materiali inerti cementizi, derivanti da attivita' di demolizione e costruzione, e' un problema di enorme rilevanza ambientale, sia per i quantitativi in gioco sia per la mancanza di siti a riceverli. Nel presente lavoro e' descritta una metodologia di riciclo di tali residui per la produzione di materiali compositi fibrosi, come isolanti termoacustici e fibrorinforzanti, che puo' essere applicata anche al cemento animato tipo eternit. In questo caso si ottiene anche l'inertizzazione ed il riutilizzo di un rifiuto altrimenti classificato come speciale o pericoloso a seconda del suo stato di conservazione.

  5. Materiali acustici fonoisolanti e fonoassorbenti di origine vegetale - Acoustic materials of vegetable origin for sound absorption and sound insulation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Asdrubali

    2015-10-01

    Full Text Available I materiali acustici di origine vegetale possono rappresentare delle valide alternative sia dal punto di vista prestazionale che ambientale ai materiali sintetici e minerali, ma al momento attuale un esiguo numero di essi è già pronto da essere commercializzato. La presente memoria propone uno stato dell’arte su questa famiglia di materiali, fornendo le caratteristiche di fonoisolamento/assorbimento a partire dai materiali più diffusi fino a quelli meno convenzionali. Tali prodotti sono realizzati dagli scarti delle coltivazioni e delle aziende di trasformazione: ciò comporta un impatto ambientale basso se i materiali sono disponibili localmente e non in conflitto con colture alimentari. ------ Acoustic materials of vegetable origin can be a good alternative to traditional ones both from the technical and environmental point of view but very few of them are technologically mature enough to be commercialized. The present paper reports a state of the art of this family of materials, providing the acoustic characteristics starting from the most widespread and promising products to the unconventional ones. These products are realized using the residuals of the cultivation process or of the processing industry so their environmental impact is very low, if the raw materials are local and are not in contrast with food crops.

  6. La Grotta del Cozzo Palombaro (PA: rivisitazione dell’edito e materiali inediti del Bronzo Antico e Medio siciliano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viviana Ardesia

    2009-12-01

    Full Text Available Si presenta una rivisitazione della tipologia e della cronologia dei materiali ceramici editi provenienti dalla grotta di Cozzo del Palombaro (PA, alla luce dello studio completo del complesso, reso possibile dallo studio dei reperti inediti. Si chiarisce l’attribuzione culturale del deposito sulla base di numerosi confronti effettuati con altri contesti del bronzo antico e medio siciliano.

  7. Potential of polymeric materials for packaging; L'impiego dei materiali polimerici nell'imballaggio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lanchi, M. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    'ambito della produzione, l'industria italiana del packaging si colloca tra i settori piu' efficienti e competitivi. Per quanto riguarda i campi di utilizzo, la destinazione degli imballaggi e' principalmente verso il settore alimentare, che da solo copre una quota di circa il 42%, mentre, considerando anche il comparto delle bevande, tale quota sale al 65%. Le materie plastiche vengono largamente impiegate in questo settore, grazie alla proprieta' molto diversificate: leggerezza, inerzia e resistenza alla corrosione, facile formabilita', buona trasparenza, capacita' di attenuazione delle vibrazioni meccaniche e sonore, elevata conservabilita' nel tempo, elevate caratteristiche dielettriche, ecc. I numerosi metodi di trasformazione attualmente in uso e le diverse tecniche di lavorazione dei materiali polimerici consentono di ottenere i prodotti estremamente variegati. Restringendo il campo di interesse al settore agroalimentare, fortemente sviluppato nel sud-italia, si possono individuare numerose prospettive di crescita per i polimeri utilizzati nell'imballaggio: sviluppo di films polimerici a bassa permeabilita' e ad alta selettivita'; sviluppo della tecnologia dell'atmosfera modificata; sviluppo di films polimerici attivi quali i films antimicrobici o i films trasferitori di odore e di colore. Altra linea di ricerca promettente e' lo sviluppo di imballaggi in plastica ecocompatibili mediante la produzione di materiali ad alte prestazioni specifiche che riducano i volumi dei rifiuti e agevolino le operazioni di smaltimento, e/o la realizzazione di confezioni alimentari in materiale il piu' possibile biodegradabile, attraverso il ricorso a blend di plastiche e polimeri bioderivati.

  8. Impiego di materiali plastici nell'industria alimentare: rilascio di 'Endocrine Disruptors' valutato mediante test a breve termine in vitro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Reali

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione del rischio di esposizione della popolazione a composti chimici estrogenomimetici rilasciati da materiali plastici utilizzati nell’industria delle bevande e nel packaging di alimenti

    Metodi: messa a punto di un metodo di estrazione di composti organici da flussi acquosi tramite l’uso di resine di amberlite® XAD®-2 con passaggio di matrice acquosa (50ml/min attraverso tubi di adduzione. L’analisi chimica di eventuali composti chimici migranti da tubi e contenitori per bevande è stata effettuata con GC/MS e arricchimento con tecnica SPME. L’attività estrogeno mimetica degli estratti è stata saggiata con un test biologico a breve termine, il Yeast Estrogen Screen. Il costrutto di Saccharomyces cerevisiae è vettore di sequenze di DNA che codificano il recettore estrogenico alfaumano e i rispettivi response elements legati alla regione promotrice del gene reporter LacZ per la ßgalattosidasi. L’induzione di sintesi di ß-galattosidasi dipende dall’attivazione del gene reporter conseguente all’affinità di legame ligando-recettore e viene misurata spettrofotometricamente. La potenza estrogenica viene calcolata in riferimento all’attività elicitata dall’ormone naturale 17ß-estradiolo nelle stesse condizioni sperimentali preso come controllo positivo di riferimento (RIE.

    Risultati preliminari e Conclusioni: l’analisi tossicologica in vitro ha evidenziato che nell’acqua che è stata a contatto con silicone e PVC in condizioni dinamiche sono presenti composti chimici (1-10 μg/lt: con attività estrogeno-mimetica (RIE= 87.31;44.28. Sono emersi aspetti interessanti da studiare ulteriormente nell’ottica della promozione della sicurezza alimentare.

  9. Mechanochemical treatment of polymeric materials. A low environmental impact solution for mixed plastic waste recycling; Il trattamento meccanochimico di materiali polimerici: una soluzione a basso impatto ambientale per il riciclaggio di plastiche eterogenee

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Padella, F.; Magini, M.; Masci, A. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    Standard polymeric materials as well as mixtures of them coming from urban wastes, were milled at near room temperature in suitable milling conditions. All the experiments carried out gave a material having a homogeneous fibrous aspect. Structural and thermal analysis of the resulting material clearly shows that the mechanochemical action is able to promote a deep destructuring of the starting networks with a very high energy storage in the milled materials. Further, the fibrous material can be easily consolidated whatever the starting composition of the mixture. preliminary results, coming from mechanical tests on compacted materials, lead to an optimistic conclusion as far as plastic recycling by ball milling is concerned. [Italian] Materiali polimerici standard, cosi' come miscele di materiali plastici provenienti da rifiuti solidi urbani, sono stati macinati a temperatura pressoche' ambiente in opportune condizioni operative. Tutti gli esperimenti hanno prodotto un materiale morfologicamente omogeneo di aspetto fibroso. Le analisi termiche e strutturali condotte sui prodotti mostrano chiaramente come l'azione meccanochimica sia in grado di promuovere una forte destrutturazione del materiale di partenza, accompagnata da un evidente accumulo di energia nel prodotto macinato. In aggiunta, il materiale fibroso puo' essere facilmente consolidato in forme finite, indipendemente dalla composizione di partenza. I risultati preliminari delle prove meccaniche eseguite sui materiali consolidati inducono a conclusioni ottimistiche relativamente all'utilizzo di tecniche di macinazione ad alta energia per il riciclaggio di materiali plastici.

  10. L’italiano L2 : auto-apprendimento e narratività. Materiali multimediali di italiano L2 per bambini e ragazzi.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Favaro

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Normal 0 14 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Insegnare l'italiano come seconda lingua ai bambini e ragazzi di recente immigrazione è un percorso  delicato e complesso che  fa ormai parte  dei compiti professionali ";ordinari"; dei docenti che operano nelle classi sempre più multiculturali e plurilingui. La modalità di insegnamento/apprendimento della L2 più diffusa ed efficace è quella integrata: l'alunno non italofono è inserito nella classe comune e, parallelamente, in determinati momenti, frequenta il laboratorio  di italiano L2. Per  sostenere  questo modello integrato e accompagnare il  viaggio dentro l'italiano dei bambini e dei ragazzi neoarrivati, servono materiali didattici flessibili e ricchi di proposte, utilizzabili in maniera autonoma e in piccolo gruppo; proponibili in maniera tradizionale o anche attraverso la LIM; adatti a sviluppare competenze diverse, proprie della lingua per comunicare, dell'italiano scritto e propedeutiche all'apprendimento del curricolo comune. I due corsi di italiano L2  che vengono presentati nell'ultima parte dell'articolo rispondono a queste esigenze, in quanto a sono rivolti l'uno ai bambini e l'altro ai ragazzi stranieri neo arrivati; b si propongono  il passaggio dal livello prebasico ai livelli A1, A2 e B1 del QCERL; c si

  11. Technical working criteria about the retrieval and the waste disposal of materials containing amanita's (MCA); Criteri tecnici operativi per la bonifica e lo smaltimento dei materiali contenenti amianto

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coduti, A. [Eco International Service S.r.l., Foggia (Italy)

    2000-04-01

    The retrieval of the MCA (Materials Containing Amiantus) is a complex operation either to realize in an operative way or to be subject to a restrict regulation. The risks for the public health because of the amiantus are well-known, even if not well done acts of the retrieval can increase the concentration of the air lost fibres by consequently increasing the risk for workers. Recently concerning the regulation in force, the market has been addressing to the MCA maintenance which surely reduces either the risk of releasing the air lost fibres or the costs. It is important, at last, that the removal operations produce a large amount of wastes containing amiantus which will represent a real and big danger for the environment and the public health if they are not wasted as well as possible. [Italian] La bonifica dei materiali contenenti amianto e' un'operazione complessa sia da realizzarsi operativamente sia perche' soggetta ad obblighi normativi rigidi. I rischi sulla salute pubblica indotti dalla presenza di amianto sono ormai risaputi, anche se le operazioni di bonifica, se non adeguatamente eseguite, possono incrementare la concentrazione di fibre aerodisperse accrescendone il rischio per gli addetti alle operazioni di lavoro. Di recente con l'entrata in vigore di nuove regolamentazioni, il mercato si sta orientando sugli interventi di manutenzione dei materiali contenenti amianto, che senz'altro, riducono la possibilita' di rilascio di fibre aerodisperse oltre ovviamente ad una riduzione dei costi. Si ricorda, infatti, che le operazioni di rimozione generano ingenti quantitativi di rifiuti contenenti amianto che, se non adeguatamente smaltiti, rappresentano un vero e grosso pericolo per l'ambiente e la salute pubblica.

  12. Material Flow Cost Accounting (Mfca – Tool for the Optimization of Corporate Production Processes Materialiųjų srautų sąnaudų apskaita (MSSA: įrankis bendriesiems gamybos procesams optimizuoti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jaroslava Hyršlová

    2011-06-01

    Full Text Available

    The paper focuses on the Material Flow Cost Accounting method (hereinafter the “MFCA”. It presents an application of the MFCA within a manufacturing plant of the largest manufacturer of ceramic tiles in the Czech Republic – the company Lasselsberger. It shows the importance of data acquired from the MFCA system as well as their application for an optimization of manufacturing processes for specific conditions of a manufacturing plant of the company.

    Article in English

     

    Straipsnyje nagrinėjamas materialiųjų srautų sąnaudų apskaitos metodas (toliau „MSSA“. Šiam metodui praktiškai pritaikyti pasirinkta didžiausia Čekijos keraminių plytelių gamintoja „Lasselsberger“. Tyrimo rezultatai parodė tiek taikomo MSSA metodo specifiką, tiek šio metodo praktinį pritaikomumą, remiantis konkrečios įmonės pavyzdžiu, gamybos procesams optimizuoti.

    Straipsnis anglų kalba

     

  13. Allestimenti museali, mostre e aura dei materiali tra le due guerre nel pensiero di Amedeo Maiuri / Museum displays, exhibitions and aura of materials between WWI and the WWII in Amedeo Maiuri’s thinking

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriella Prisco

    2016-12-01

    Full Text Available Obiettivo di questo studio è l’approfondimento di un aspetto poco noto dell’attività del soprintendente archeologo della Campania Amedeo Maiuri, ossia il suo pensiero e le sue realizzazioni in campo museale negli anni Trenta, sia attraverso allestimenti stabili, sia la partecipazione ad alcune grandi mostre-evento. Nessuno di tali allestimenti è sopravvissuto; ci si è avvalsi pertanto di immagini, documenti d’archivio e testi d’epoca, con particolar riguardo a quanto Maiuri stesso illustrò in contributi dedicati ai singoli allestimenti, ma soprattutto nel rapporto redatto in occasione della conferenza di Madrid del 1934 dedicata ai musei. Da questo percorso emerge il ritratto di un Maiuri ben informato sulle più aggiornate linee di tendenza sul tema, alcune delle quali – come il doppio percorso dedicato a grande pubblico e studiosi, il diradamento degli oggetti da esporre, lo schiarimento delle pareti – egli applicò costantemente, all’interno di allestimenti dove si coglie un’eco dei musei di ambientazione. Nella sua partecipazione alle due grandi mostre (quella “Augustea della Romanità” e la “Prima Mostra Triennale delle Terre Italiane d’Oltremare” che videro protagonista l’archeologia, si coglie infi ne un attaccamento all’esposizione di originali che contrasta con la prevalente volontà dell’epoca di abdicare all’aura dei materiali a favore di allestimenti più liberi, ma anche maggiormente piegati alle necessità della propaganda, fi no a confl iggere con i fondamenti stessi della disciplina di cui pure Maiuri fu un insigne rappresentante. The aim of this study is the deepening of a little-known aspect of the activity of the Superintendent Archaeologist of Campania, Amedeo Maiuri, his thinking and his accomplishments on the museum fi eld in the ‘30, both through permanent displays, both for participation in some large exhibitions-event. None of these displays has survived; there has therefore made

  14. SZTUCZNE SUBSTANCJE SŁODZĄCE – WYSTĘPOWANIE W ŚRODOWISKU

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piotr REZKA

    2016-03-01

    Full Text Available W pracy przedstawiono zagadnienie występowania sztucznych substancji słodzących w ściekach oraz ich obecności w środowisku wodnym. Ze względu na zastosowanie w produkcji żywności i napojów o zmniejszonej wartości kalorycznej, związki te pojawiają się w ściekach w coraz większych ilościach. Najczęściej stosowanymi substytutami cukru jest acesulfam K, aspartam, cyklaminian sodu, sacharyna i sukraloza. Każda z tych substancji jest kilkadziesiąt razy bardziej słodka niż standardowy cukier (sacharoza, jednakże praktycznie nie podnoszą one wartości kalorycznej produktu. Dokonano przeglądu literatury, skupiając się na zawartościach rozpatrywanych substancji w ściekach surowych i oczyszczonych. Wykazano, że skuteczność eliminacji tych związków ze ścieków jest niewystarczająca i na skutek tego dochodzi do zanieczyszczenia środowiska wodnego. Przedstawiono w tabeli potwierdzone doniesienia dotyczące obecności tych związków w rzekach, jeziorach i wodach podziemnych. W przypadku gdy w wodzie ujmowanej przez stacje uzdatniania wody obecne są wyżej wymienione związki, w szczególności acesulfam i sukraloza, istnieje ryzyko przedostania się ich do wody przeznaczonej do spożycia, co znalazło potwierdzenie w literaturze. Mimo dostępnych wyników badań nie wykazujących wpływu na ekosystem i zdrowie człowieka, konieczne wydaje się przeprowadzenie badań nad wpływem długotrwałego narażenia organizmów wodnych i organizmu człowieka na działanie sztucznych substytutów cukru.

  15. Adesione batterica e fungina a materiali protesici del cavo orale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Cavallini

    2005-12-01

    Full Text Available Introduction.The microbial adhesion to dental material was studied employing a acrylic resin and representative microrganisms. Method. Bacterial suspensions (about 108 CFU/ml were mixed to dental material with different surface finishes. Bacterial counts were carried out before and after 1 hour at 37°C.A tube without dental material was used as control.The same experiments were also performed at the presence of saliva. Results. Candida albicans demonstrated to adhere to free energy material at an incidence 64% while Staphylococcus aureus and Streptococcus oralis showed more adhesive properties for roughness material (34 and 52% respectively. The presence of saliva influenced the adhesiveness to all materials with the exception of S. aureus that increased from 20 to 29% the number of cells on the surface of free energy material. Conclusion. The surface finishes appeared did not significantly influence the adhesion of microrganisms to this material.

  16. Analisi dell’anisotropia microstrutturale in materiali compositi rinforzati con fibre corte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Dreossi

    2008-01-01

    Full Text Available La microtomografia con luce di sincrotrone si è rivelata una tecnica particolarmente efficace per l’analisi della struttura risultante dalla distribuzione degli orientamenti assunti dalle fibre di rinforzo di compositi rinforzati con fibre di vetro. La ricostruzione dell'immagine tridimensionale ha consentito la visualizzazionedella distribuzione spaziale delle fibre all'interno della matrice polimerica anche nel caso di fibre di piccole dimensioni (diametro medio di 10 micrometri. E' stato quindi possibile misurare le differenze nell'orientamento delle fibre nei differenti strati di un campione utilizzando metodi basati sulla valutazione del Mean Intercept Length (MIL e del fabric tensor. La tecnica descritta è stata applicata a un campione di poliammide 6 rinforzato con il 30% di fibre corte di vetro ricavato da lastra.

  17. Ricostruzione 3D e caratterizzazione dei materiali delle statue Moai dell’Isola di Pasqua

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Marsella

    2009-03-01

    Full Text Available Integration of advanced geomatic and geophysics surveys for characterization of Moai statues in Easter Island (ChileBetween 15 and 27 July 2008 a field campaign aimed at collecting topographical and geophysical data useful for geometric reconstruction and material characterization of a Moai Statue was carried out on the Ester Island (Rapa Nui,Chile. The scientific activity, conducted by a team of researchers of Sapienza University of Rome (DITS and of the Institute for Environmental Protection and Research (ISPRA, is part of the “MOAI AL MONDO” Project, coordinated by Marenostrum Foundation and sponsorized by Louis Vuitton Malletier. which promote the dissemination of the cultural and archeological heritage of Easter Island’s people to Europe and to the world.

  18. Ricostruzione 3D e caratterizzazione dei materiali delle statue Moai dell’Isola di Pasqua

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Marsella

    2009-03-01

    Full Text Available Integration of advanced geomatic and geophysics surveys for characterization of Moai statues in Easter Island (Chile Between 15 and 27 July 2008 a field campaign aimed at collecting topographical and geophysical data useful for geometric reconstruction and material characterization of a Moai Statue was carried out on the Ester Island (Rapa Nui,Chile. The scientific activity, conducted by a team of researchers of Sapienza University of Rome (DITS and of the Institute for Environmental Protection and Research (ISPRA, is part of the “MOAI AL MONDO” Project, coordinated by Marenostrum Foundation and sponsorized by Louis Vuitton Malletier. which promote the dissemination of the cultural and archeological heritage of Easter Island’s people to Europe and to the world.

  19. Approccio pedagogico alla dimensione partecipativa per l’integrazione tra saperi materiali e immateriali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna Del Gobbo

    2011-11-01

    Full Text Available The present contribution is placed in the frame of international research project (Italy, Brazil, Cuba, Guatemala, Nicaragua that, from 2006 until 2010 with the involvement of ten Universities, developed the elaboration and the application of interdisciplinary theoretical and methodological models for the analysis and the valorization of human capital and territorial patrimony for the endogenous sustainable development. In the Project, the appeal to heuristic methodologies, for experiences’ analysis, has allowed to individualize interpretative categories that can represent criterions for transfer and dissemination of the research outputs. The dimension of “participation” appears surely an interesting category, especially if it is in relationship to the idea of development of the communities and the subjects. The contribution, further to a theoretical-methodological reflection on the “participation”, introduces the analysis of a research experience in the Mayan communities of Guatemala.

  20. Proceedings of international school-conference on lasers and its applications. Materialy mezhdunarodnoy shloly konferentsii po primeneniyu lazerov

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    1982-01-01

    Seventy six reports were presented at the conference. Of them, the larger part was dedicated to the use of lasers in science and technology: to laser equipment, plasma diagnosis, interferometry, spectroscopy of atoms, molecules and radioactive substances thermochemical processes, the fission of isotopes, detection of gravitational waves, the effect of powerful light beams on targets, the generation of optical harmonics, fiber technology and optical communications, study of pollutants in the atmosphere and a study of the nonlinearity in crystals and new optically transparent materials. The creation of new lasers which operate in the ultraviolet and infrared wave ranges is examined in the remaining reports, as well as powerful waveguide and adjustable dye lasers, solid state lasers and a study of the active medium of lasers.

  1. Applicazione di film sottili per il controllo della diffusione e della permeabilità di materiali polimerici per UHV

    CERN Document Server

    Bellachioma, Maria Cristina; Kenny, Josè M

    The solubility and transport behaviour of low molecular weight substances in polymeric materials are topics of interest for many fields of science and technology. The importance and relevance of such behaviour has become more apparent in recent years because of the large number of conceivable applications, such as gas barriers or gas separation membranes in the medical or industrial field. For instance, polymers with high barrier properties are required for packaging of carbonated soft drinks, where the permeation of carbon dioxide, oxygen and water should be suppressed. Products containing fats and oils require protection against oxygen and in gas separation processes polymeric membranes presenting both high permeability and selectivity are applied. In the biomedical area, materials used in contact lenses require high oxygen permeability, surface hydrophilicity and biocompatibility. Moreover, polymers present many attractive properties for the construction of vacuum components. They are easily formed, light,...

  2. I materiali della collezione Altobello del Museo di Zoologia dell'Università di Bologna 1. Mammiferi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dino Scaravelli

    1994-05-01

    Full Text Available Abstract Materials of Altobello collection in the Zoological Museum, University of Bologna 1. Mammals - Mammals of Altobello Collection of the Zoologica1 Museum, University of Bologna, are listed. 165 stuffed specimens of 26 species are now present, coming from Central Italy (years 1889 - 1929. Only a specimens of Sciurus vulgaris coming from Tuscany is not comprised in the "Catalogo manoscritto della fauna dell'Abruzzo e del Molise" of the Author. Riassunto Sono passati in rassegna i Mammiferi della Collezione Altobello presenti nel Museo di Zoologia dell'Università di Bologna. 165 esemplari naturalizzati appartenenti a 26 specie e provenienti dal centro Italia (anni 1889 - 1929 sono attualmente presenti. Solo un esemplare di Sciurus vulgaris proveniente dalla Toscana non fa parte del "Catalogo manoscritto della fauna dell'Abruzzo e del Molise" dell'Autore.

  3. Materials from seminar session of the 3.general assembly of Polish Nuclear Society; 3.Walny Zjazd Polskiego Towarzystwa Nukleonicznego. Materialy sesji seminaryjnej

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1995-12-31

    This publication edited as a scientific report of the Institute of Atomic Energy contains papers presented on the seminar session accompanying the 3rd General Assembly of Polish Nuclear Society. Five of these are dealing with the present situation in Poland in the framework of the following subjects: foreseeing electricity demand as a significant factor of development of electricity generation sector and nuclear option choice; present state and development trends of nuclear technique applications in industry, agriculture, health and environment protection; radioactive waste management especially related to the storage of spent fuel from EWA and MARIA research reactors; present educational problems in nuclear science and technology. The problems of nuclear power could not be excluded from the session, although it does not exist in Poland and no plans foresee it currently. The paper on nuclear power contains an extensive summary of nuclear power development worldwide, its safety problems, economic competitiveness and public acceptance. The so called ``Sellafield phenomenon`` considering the growth of leukaemia deaths of children living near that reprocessing plant in England has been commented in mass media criticizing nuclear energy application. The paper on this problem present the results of investigations and hypotheses on reasons having caused this phenomenon. The declaration of the International Council of Nuclear Societies on the role of nuclear science and technology in supporting the development is also included in the report.

  4. Materials of 3. scientific-technical seminar: Materials Investigation for Power Industry; Materialy 3. seminarium naukowo-technicznego: Badania Materialowe na Potrzeby Elektrowni i Przemyslu Energetycznego

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1996-12-31

    The report is an assembly of the papers concerning material problems during the exploitation of power stations as well as during construction and exploitation of gas pipelines. The accreditation problems according to the European Standards and Office of Technical Inspection prescription are also discussed.

  5. 2. National scientific conference on process engineering in environment protection. Conference materials; 2. Ogolnopolska konferencja naukowa ``inzynieria procesowa w ochronie srodowiska``. Materialy konferencyjne

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1994-12-31

    The national conference on `Process engineering in environment protection` Jachranka 1994 has been divided into three sessions. Section 1 has been devoted to flue gas purification and collects 13 papers. Section 2 on liquid purification gathered 8 presentation. Section 3 - the poster session with 12 posters on related topics. During the conference 2 lectures and 3 posters have been devoted to the application of nuclear techniques to the solution different problems connected with environment protection.

  6. Materials of 4. Spring School of Radiation Sterilization of Medical Materials, Grafts, Pharmaceutics and Cosmetics; Materialy 4. Wiosennej Szkoly Sterylizacji Radiacyjnej Sprzetu Medycznego, Przeszczepow, Farmaceutykow i Kosmetykow

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1997-10-01

    The state of art in well developed in Poland radiation technologies has been done. The legal and economical aspects have been discussed for radiation sterilization of health care products, drugs, biomaterials and grafts. Industrial plants and radiation procedures have been described. The perspectives for further development and other industrial applications have been also discussed.

  7. Management of human resources, materials and organization processes in radiation protection; La gestione delle risorse umane e materiali e dei processi organizzativi nella radioprotezione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coppola, V. [Naples Univ. Federico 2. (Italy). Ist. di Scienze Radiologiche

    1999-06-01

    The present work provide some practical management hints keeping in mind that radiation protection must not be considered a simple (o annoying) technical task, but rather an extraordinary positive element for the radiologist's cultural differentiation and professional identity. [Italian] Nel presente lavoro verranno forniti alcuni suggerimenti applicativi di tipo manageriale tenendo ben presente che, per moteplici aspetti, la radioprotezione non deve essere delegata al campo di semplice (o fastidiosa) incombenza tecnica, bensi' deve considerarsi straordinario elemento positivo di discriminazione culturale o di identita' professionale per lo specialista radiologo.

  8. L’occasione e l’eterno: la tenda di Tolomeo Filadelfo nei palazzi di Alessandria. Parte prima. Materiali per la ricostruzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Calandra

    2008-05-01

    Full Text Available The banquet canopy, erected by Ptolomaeus II in the Alexandrian palaces, is described by Athenaeus of Naukratis (in a text newly translated here, writing at the end of the 2nd century A.D., on the base of the account of Callixeinos Rhodios, who probably lived in the last decades of the 3rd century B.C.; in his turn, he would have relied on documents of the royal archives, i.e. reports and, hypothetically, figurative evidence.The structure, likely built on the occasion of the first Ptolemaia in 279-278 B.C., was meant for a limited number of guests: court dignitaries, but especially ambassadors from all the oikoumene and probably the seventy Jewish translators – the aim was a cultural encyclopaedism and a worldwide policy. The marquee is analysed in parallel with the procession, intended instead for the Greek population of Alexandria and of the chora, and suggests to place, tentatively, the stadion where the procession took place, not too far from the palaces. The pavilion, maybe related with Sostratus of Cnydos, the designer of the Lighthouse and the inventor of the two-level porticoes, is, ideologically, the final expression of the Persian canopies and of Alexander’s tent at Susa; nevertheless, the study of the apadanas and of the Greek hypostyle halls shows the typological and functional independence of the Ptolemaic tent from these buildings, often mentioned as its models.

  9. Materials presented at the 26. All-Polish Seminar on the Nuclear Magnetic Resonance and its application; Materialy 26 ogolnopolskiego seminarium na temat magnetycznego rezonansu jadrowego i jego zastosowan

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hennel, J.W. [comp.

    1994-12-31

    In this report the contributions to the 26. All-Polish seminar on the Nuclear Magnetic Resonance and its Application are presented. They cover wide range of problems as NMR instrumentation, the NMR and spin relaxation theory, image analysis and computerized control systems for NMR spectrometers. The results of investigation using NMR on different scientific fields are also presented.

  10. [Vostochnoslavianskie zagovory : materialy k functional'nomu ukazateliu siuzhetov i motivov : annotirovannaia bibliografiia : ed. by T. A. Agapkina, A. L. Toporkov] = East Slavic charms : materials for a functional index of plot structures and motifs

    Index Scriptorium Estoniae

    Ryan, William F.

    2014-01-01

    Tutvustus: Агапкина, Т. А., Топорков, А. Л. Восточнославянские заговоры: Материалы к функциональному указателю сюжетов и мотивов : Аннотированная библиография. Москва : Индрик, 2014

  11. Materials presented at the 27 All-Polish Seminar on the Nuclear Magnetic Resonance and its application; Materialy 27 ogolnopolskiego seminarium na temat magnetycznego rezonansu jadrowego i jego zastosowan

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hennel, J.W. [comp.

    1995-12-31

    In this report the contributions to the 27 All-Polish seminar on the Nuclear Magnetic Resonance and its Application are presented. They cover wide range of problems as NMR instrumentation, the NMR and spin relaxation theory, image analysis and computerized control systems for NMR spectrometers. The results of investigation using NMR on different scientific fields are also presented.

  12. Utilization of industrial solid wastes able to generate calcium trisulphoaluminate and silicate hydrates in stabilization processes and for the manufacture of building materials; Utilizzazione di residui solidi industriali in grado di generare trisolfoalluminato e silicato di calcio idrati nei processi di stabilizzazione e nella produzione di materiali da costruzione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Santoro, L. [Naples, Univ. `Federico II` (Italy). Dipt. di Chimica; Cioffi, R. [Naples, Univ. `Federico II` (Italy). Ditp. di Ingegneria dei Materiali e della Produzione

    1998-01-01

    In this work the stabilization of hazardous solid wastes containing heavy metals has been studied by means of novel matrices able to generate calcium trisulphoaluminate and silicate hydrates. The process is based on the hydration of two different mixtures containing blast furnace slag, coal ashes, chemical gypsum and Portland cement. The stabilization capacity of the two mixtures has been checked with regard to both a residue from an incinerator of municipal solid wastes and model systems obtained by adding 5 and 10% of soluble nitrates of Cd, Cr, Cu, Ni, Pb and Zn. The stabilized products have been validated from the point of view of mechanical properties by determining the unconfined compressive strength, and from the environmental point of view by means of static and dynamic leaching tests. Both matrices have proved to have great potentiality for the stabilization of hazardous solid wastes, the one based on blast furnace slag being better. Finally, evidence is given that different leaching tests are necessary to fully understand the immobilization mechanism responsible for stabilization. [Italiano] In questo lavoro e` stata studiata la atbilizzazione di residui tossici e nocivi contenenti metalli pesanti per mezzo di matrici leganti innovative capaci di generare trisolfoalluminato e silicato di calcio idrati. Il processo e` basato sull`idratazione di due diverse miscele contenenti scoria d`alto forno, ceneri di carbone, gessi chimici e cemento Portland. Le capacita` stabilizzanti delle due miscele sono state verificate sia nei confronti di un residuo solido generato a seguito dell`incenerimento di RSU, che nei confronti di sistemi modello ottenuti aggiungendo singolarmente il 5 e 10% dei nitrati solubili di Cd, Cr, Cu, Ni, Pb e Zn. I prodotti solidi stabilizzati sono stati validati dal punto di vista delle prestazioni meccaniche mediante prove di resistenza a compressione, e dal punto di vista ambientale mediante test di rilascio sia statici che dinamici. Entrambe le matrici hanno mostrato grande potenzialita` nella stabilizzazione di residui solidi tossici e nocivi, ma quella a base di scoria d`alto forno ha fornito prestazioni migliori. Infine, e` apparsa evidente la necessita` di utilizzare differenti test di rilascio per comprendere appieno i meccanismi di immobilizzazione che intervengono nei processi di stabilizzazione.

  13. Bibliography of Soviet Laser Developments, Number 77, May - June 1985.

    Science.gov (United States)

    1986-09-01

    okeana i atmosfera . CPRGOOKA, 6th, Baku, 29 Oct - 3 Nov 1979. Materialy. KPMOAN. Baku, 1983, 109-114. (RZGFA, 85/5V48). 367. Belen’kiy, M.S. 0. Effect...products. Optika okeana i atmosfera . CPRGOOKA, 6th, Baku, 29 Oct - 3 Nov 1979. Materialy. KPMOAN. Baku, 1983, 51-57. (RZGFA, 85/5V78) .1 43 378. Birger...reflected radiation. Optika okeana i atmosfera . CPRGOOKA, 6th, Baku, 29 Oct - 3 Nov 1979. Materialy. KPMOAN. Baku, 1983, 58-66. (RZGFA, 85/5V79). 379

  14. La strada e il suo doppio. Le vetrine di Albe Steiner per La Rinascente a Milano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Casero

    2011-01-01

    Full Text Available Una analisi delle vetrine progettate da Albe Steiner per la Rinascente di Milano nella prima metà degli anni Cinquanta basata sui materiali dell'archivio Albe e Lica Steiner conservato presso il Politecnico di Milano.

  15. Particelle

    CERN Document Server

    Franzinetti, Carlo

    1982-01-01

    Introduzione, cenni storici ; la natura delle particelle materiali ; le interazioni fra particelle e campi ; leggi di conservazione e simmetrie ; simmetrie unitarie speciali e multipletti ; gli strumenti della ricerca sperimentale.

  16. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    CERN Document Server

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  17. Fotokromne tiskarske barve na osnovi resorufina

    OpenAIRE

    Drnovšek, Petra

    2017-01-01

    Pametni materiali pod vplivom zunanjega dejavnika na predvidljiv in navadno uporaben način spremenijo svoje lastnosti. Takšni materiali so fotokatalitsko aktivne tiskarske barve, pri katerih se pod vplivom ultravijoličnega sevanja (v nadaljevanju UV) in/ali vidne svetlobe sproži fotokataliza, čemur sledi sprememba barve. Ena izmed možnih aplikacij fotokatalitsko aktivnih tiskarskih barv je ta, da uporabnika s spremembo barve opozarjajo na količino izpostavljenosti potencialno škodljivemu UV s...

  18. Structural analysis within the Rožná and Olší uranium deposits (Strážek Moldanubicum) for the estimation of deformation and stress conditions of underground gas storage

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Ptáček, Jiří; Melichar, R.; Hájek, Antonín; Koníček, Petr; Souček, Kamil; Staš, Lubomír; Kříž, P.; Lazárek, J.

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 237-246 ISSN 1214-9705 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : structural analysis * deformation * stress * underground gas storage Subject RIV: DH - Mining , incl. Coal Mining Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_13_Ptacek_237-246.pdf

  19. Letem termojaderným světem, část III

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Řípa, Milan

    2013-01-01

    Roč. 1, č. 4 (2013), s. 8-9 ISSN N Institutional support: RVO:61389021 Keywords : fusion * tokamak * stelarator * L. Arcimovič * E- cat * fusor Subject RIV: BL - Plasma and Gas Discharge Physics http://www.materialy21.cz/

  20. Pilk kahe keelemehe pikale kirjavahetusele / Paul Alvre

    Index Scriptorium Estoniae

    Alvre, Paul

    2004-01-01

    Arvustus: Baudouin de Courtenay, Jan. Briefwechsel zwischen Jan Baudouin de Courtenay und Jooseppi J. Mikkola aus den Jahren 1898-1926 = Jan Baudouin de Courtenay i Jooseppi J. Mikkola korespondencja z lat 1898-1926 / herausgegeben von Raimo Pullat in Zusammenarbeit mit Magdalena Smoczynska. Krak̤w : Polska Akademia Umiejetnosci, 2004. (Studia i materialy do dziej̤w Polskiej Akademii Umiejetnosci ; 4)

  1. Metaservizi per la produzione collaborativa di moduli didattici in ambienti sociali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Mesiti

    2014-08-01

    In tal prospettiva la piattaforma s’identifica con una social network per utenti esigenti, appunto i docenti, che si aspettano di reperire nel sistema materiali autorevoli e appropriati, essendo capaci di valutarne tali aspetti e al contempo desiderosi di venire guidati nella loro ricerca all’interno dell’ampio repertorio messo a disposizione dalla piattaforma.

  2. Porous poly (L-lactic acid) scaffolds are optimal substrates for ...

    Indian Academy of Sciences (India)

    Prakash

    1Dipartimento di Ingegneria Chimica dei Processi e dei Materiali, Viale delle Scienze 90128 Palermo, Italy. 2Dipartimento di Biologia Cellulare e dello Sviluppo, Viale delle Scienze 90128 Palermo, Italy. aCorresponding author (Fax, +39 0916577430; Email, gasc@unipa.it). bThese two authors contributed equally to this ...

  3. Polymerization in Inverse Microemulsion: An Effective Tool to Produce Biodegradable and non Biodegradable Nanoparticles

    Science.gov (United States)

    2001-11-01

    Education & Research on Macromolecules), University of Libge, Belgium 5 Dip. di Chimica e Fisica per l’Ingegneria e i Materiali, Universito di Brescia...2Ist. Nazionale di Fisica della Materia (INFM), Brescia, Italy 3 Interfacultary Biomaterial Centre, University of Liege, Belgium 4 CERM (Center for

  4. Termodinamica aspetti recenti e applicazioni alla chimica e all'ingegneria

    CERN Document Server

    Carrà, Sergio

    1990-01-01

    Dalla fine del secolo scorso la termodinamica è stata applicata allo studio delle proprietà della materia e delle sue trasformazioni e si è andata via via evolvendo interessando campi diversi, come la meccanica statistica, la fisica molecolare, le scienze ambientali, la biofisica, la scienza dei materiali e le tecnologie chimiche....

  5. Meccanica applicata

    CERN Document Server

    Timoshenko, Stephen

    1957-01-01

    Statica : principi di statica, forze complanari concorrenti, forze complanari parallele, forze complanari nel caso generale, sistemi di forze nello spazio, principio dei lavori virtuali ; Dinamica : principi di dinamica, traslazione rettilinea, traslazione curvilinea, rotazione di un corpo rigido intorno a un asse fisso, moto piano di un corpo rigido, moto relativo, momenti d'inerzia di figure piane, momenti d'inerzia di corpi materiali.

  6. Note di fisica statistica (con qualche accordo)

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2011-01-01

    Il testo si configura come un' introduzione alla fisica statistica rivolto in primo luogo a quei corsi di studio in ingegneria che più hanno a che fare con le proprietà fisiche dei materiali, ed ha lo scopo di fornire le basi microscopiche del comportamento termodinamico di cui si fa uso sia in molti corsi tradizionali, quali quelli di termofluidica d'interesse per l'ingegneria chimica e nucleare, che in corsi rivolti ad applicazioni avanzate nella scienza dei materiali e nelle nanotecnologie. Particolare attenzione viene quindi dedicata all'impiego di metodi di fisica statistica nella scienza dei materiali, approfondendo tematiche relative alle vibrazioni nei solidi, ai processi di nucleazione liquido/vapore, alla struttura dello stato fluido e vetroso, ai plasmi, ai materiali magnetici, al gas di Fermi e alla superfluidità. Per il suo carattere generale, e per l'accento posto sui fondamenti della meccanica quantistica, il volume si presta comunque a costituire anche un testo introduttivo alla meccanica s...

  7. Pre-portland cements and geopolymers

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Hanzlíček, Tomáš; Perná, Ivana; Ertl, Z.; Miller, S.M.

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 1 (2012), s. 57-62 ISSN 1214-9705 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519 Keywords : caementum * cement itious * calcareous cement Subject RIV: JN - Civil Engineering Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_01/5_Hanzlicek.pdf

  8. Geomorfologické a petrografické aspekty fluviálních sedimentů v oblasti dolní Rokytné

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Roštínský, Pavel; Šmerda, J.; Nováková, Eva

    2016-01-01

    Roč. 13, č. 13 (2016), s. 15-58 ISSN 1212-3560 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : valley system * fluvial sediments * Boskovická brázda half-graben Subject RIV: DE - Earth Magnetism, Geodesy, Geography http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2014_doi/Svabensky_AGG_2014_0009.pdf

  9. Creato un nuovo stato della materia

    CERN Multimedia

    Valsecchi, M C

    2004-01-01

    "Nei laboratori di tutto il mondo nascono continuamente nuovi materiali plastici, leghe di metallo, molecole progettate e assemblate atomo per atomo. I ricercatori dell'Istituto nazionale di fisica nucleare hanno fatto un passo in piu': manipolando i costituenti fondamentali dei nuclei atomici, hanno creato una nuova forma di materia, radicalmente diversa da quella che noi conosciamo" (1 page)

  10. Porous poly (L-lactic acid) scaffolds are optimal substrates for ...

    Indian Academy of Sciences (India)

    Author Affiliations. F Carfì-Pavia1 G Turturici2 F Geraci2 V Brucato1 V La Carrubba1 C Luparello2 G Sconzo2. Dipartimento di Ingegneria Chimica dei Processi e dei Materiali, Viale delle Scienze 90128 Palermo, Italy; Dipartimento di Biologia Cellulare e dello Sviluppo, Viale delle Scienze 90128 Palermo, Italy ...

  11. Environmental policy in the 9th German Bundestag and the Bundesrat (1980-1983)

    International Nuclear Information System (INIS)

    1983-01-01

    This presentation of environmental policy constitutes the continuation of copies No. 49 and No. 72 of the 'Materialien' [Materials] (Environmental policy in the 7th German Bundestag or environmental policy in the 8. German Bundestag and in the Bundesrat, resp. - 1976 to 1980). References to factual terms espec. indications of speech references, apply to the register annexed to 'Verhandlungen des Deutschen Bundestages und des Bundesrates' (Deliberations of the German Bundestag and the Bundesrat) for the 9th period of office on which the 'Materialie' is based. Among other things, the 'Materialie' comprises: General fundamentals and primaples, aspects of structural policy, scientific and technical/technological fundamentals, organizational fundamentals, international and intergovernmental co-operation, air-borne emission abatement, waste management, chemical substances released to environment, nuclear energy. (orig./HP) [de

  12. Materials and creation in design and architecture: sharing experiences for a creative economy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Denise Dantas

    2017-04-01

    Full Text Available Entre 5 e 23 de setembro de 2016 a Faculdade de Arquitetura e Urbanismo da Universidade de São Paulo sediou o evento Materiais e Criação em Design e Arquitetura: compartilhando experiências para a economia criativa. Este evento foi organizado em parceria entre o LabDesign FAU USP e o Materiali e Design, do Politecnico di Milano, como parte das atividades do projeto Pesquisa em materiais e inovação para aplicação nas indústrias criativas nos campos do design e da arquitetura: a experiência do Politecnico di Milano trazida para o contexto brasileiro. As atividades contaram com a presença da Profa. Dra. Barbara Del Curto, docente e pesquisadora na área de materiais para o design e coordenadora do acervo Materiali e Design, materioteca na mesma instituição em funcionamento desde o ano 2000.

  13. The realization of strong, stray static magnetic fields

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Žežulka, Václav; Straka, Pavel

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 1 (2012), s. 71-77 ISSN 1214-9705 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519 Keywords : magnetic fields * magnetic circuits * permanent NdFeB magnets Subject RIV: BM - Solid Matter Physics ; Magnetism Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_01/7_Zezulka.pdf

  14. Video e comunicazione scientifica. Il laboratorio MELA dell’Università di Bologna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Corazza

    2010-07-01

    Full Text Available Al Media Education e-learning LAboratorio del Dipartimento di Scienze dell’educazione e della Facoltà di Scienze della formazione, Università di Bologna, un gruppo di esperti e di tecnici svolge attività di supporto alla didattica e alla ricerca, lavorando con i docenti per produrre audiovisivi e materiali multimediali. I prodotti MELA sono video per l’approfondimento culturale, per la produzione scientifica, per la documentazione.

  15. The differences in detectability of perforation shots and microseismic events in the surface monitoring: the attenuation effect

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Einšpigel, D.; Eisner, Leo

    2014-01-01

    Roč. 11, č. 2 (2014), s. 159-164 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GAP210/12/2451 Institutional support: RVO:67985891 Keywords : microseismic processing * attenuation * frequency domain * detectability Subject RIV: DC - Siesmology, Volcanology, Earth Structure Impact factor: 0.389, year: 2014 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_doi/Einspigel_AGG_2013_0062.pdf

  16. Litijeva disilikatna keramika - postopki laboratorijskih izvedb fiksnoprotetične oskrbe

    OpenAIRE

    Majdič, Tilen

    2017-01-01

    Uvod: Naloga stomatološke protetike je pomagati ljudem, ki potrebujejo oskrbo stomatognatega sistema. Cilj je izdelati zobne nadomestke, ki bodo po vgraditvi v telo funkcionirali kot naravna tkiva. Dentalne keramike so materiali, s katerimi bomo dosegli te cilje. Namen: Namen diplomskega dela je predstaviti litijevo disilikatno keramiko kot material in njegovo uporabo v fiksni protetiki, opredeliti laboratorijske tehnologije, metode dela in lastnosti litijeve disilikatne keramike. Metode dela...

  17. MOOCs and academic libraries: a chance or a problem? An overview

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Testoni

    2013-11-01

    Nella seconda parte parte dell'articolo si focalizza l'attenzione sulle possibili interazioni tra MOOCs e biblioteche accademiche, concentrandosi sui temi seguenti: coinvolgimento e ruolo dei bibliotecari nell'implementazione dei MOOCs; gestione del copyright all'interno dei materiali didattici che costituiscono un corso; information literacy; advocacy della biblioteca; impatto dei MOOCs nei servizi informativi forniti dalle biblioteche accademiche.

  18. Humic acids quality of Cambisols developed on gneiss and amphibolite

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Pospíšilová, Ľ.; Žigová, Anna; Šťastný, Martin; Liptaj, T.

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 4 (2012), s. 503-510 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GA526/08/0434 Institutional support: RVO:67985831 Keywords : Cambisols * parent material * arable soil, * grassland soil * X-ray diffraction * humic acids * SRATR FTIR and 13C NMR spectroscopy Subject RIV: DF - Soil Science Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_04/8.Pospisilova.pdf

  19. Phonolite weathering profiles at Mariánská hora Hill, České středohoří Mts., and sorption properties of clay residues

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Novák, Jiří Karel; Melka, Karel; Ulrych, Jaromír; Řanda, Zdeněk

    2005-01-01

    Roč. 2, 2 /138/ (2005), s. 135-149 ISSN 1211-1910. [Conference on Clay Mineralogy and Petrology /17./. Prague, 13.09.2004-17.09.2004] R&D Projects: GA AV ČR IAA3048201 Institutional research plan: CEZ:AV0Z3013912; CEZ:AV0Z1048901 Keywords : phonolite * weathering * saprolite Subject RIV: DB - Geology ; Mineralogy https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2005_02/17_Novak.pdf

  20. Fisica dello stato solido

    CERN Document Server

    Bassani, Franco

    2000-01-01

    Il volume è un manuale introduttivo allo studio delle proprietà dei materiali cristallini. Mentre gli argomenti trattati sono quelli tipici di un testo di base (diffrazione, bande elettroniche, fononi, proprietà di trasporto, metalli e semiconduttori, proprietà ottiche e magnetiche...), caratteristica peculiare di questa opera che la differenzia da analoghi manuali in lingua italiana e inglese è l'uso intensivo delle proprietà di simmetria dei sistemi in studio ricavate dalla teoria dei gruppi.

  1. Veryfying the Possibilities of Using a 3D Laser Scanner in the Mining Underground

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Kajzar, Vlastimil; Kukutsch, Radovan; Heroldová, Nikola

    2015-01-01

    Roč. 12, č. 1 (2015), s. 51-58 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk(CZ) LO1406; GA MŠk ED2.1.00/03.0082 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : HDS * laser scanning * convergence measurement Subject RIV: DH - Mining , incl. Coal Mining Impact factor: 0.561, year: 2015 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2015_doi/Kajzar_AGG_2015_0004.pdf

  2. Results of repeated measurements at the Železné hory – Tišnov fault system surroundings

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Švábenský, O.; Pospíšil, L.; Weigel, J.; Roštínský, Pavel; Witiska, M.

    2014-01-01

    Roč. 11, č. 3 (2014), s. 211-223 ISSN 1214-9705 Grant - others:GA MŠk(CZ) 2.1.00/03.0097 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : Železné hory – Tišnov tectonic zone * GPS * movement tendencies Subject RIV: DE - Earth Magnetism, Geodesy, Geography Impact factor: 0.389, year: 2014 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2014_doi/Svabensky_AGG_2014_0009.pdf

  3. Determination of chlorite, muscovite, albite and quartz in claystones and clay shales by infrared spectroscopy and partial least-squares regression

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Ritz, M.; Vaculíková, Lenka; Plevová, Eva; Matýsek, D.; Mališ, J.

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 4 (2012), s. 511-520 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk ED2.1.00/03.0082 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : claystone and clay shale * infrared spectroscopy * chemometrics * chlorite * muscovite Subject RIV: CB - Analytical Chemistry, Separation Impact factor: 0.530, year: 2011 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_04/9.Ritz.pdf

  4. Current Induced Seismicity in the Paskov Mine Field

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Holub, Karel; Rušajová, Jana; Holečko, J.

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 181-187 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk LM2010008 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : Ostrava-Karviná coal mines * seismic network * induced seismicity * location plot Subject RIV: DC - Siesmology, Volcanology, Earth Structure Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_07_%20Holub_181-187.pdf

  5. Analysis of inner structure changes of concretes exposed to high temperatures using micro X-ray computed tomography

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Sitek, Libor; Bodnárová, L.; Souček, Kamil; Staš, Lubomír; Gurková, Lucie

    2015-01-01

    Roč. 12, č. 1 (2015), s. 78-89 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GAP104/12/1988 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : concrete * cement paste * aggregate * high temperature Subject RIV: JQ - Machines ; Tools Impact factor: 0.561, year: 2015 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2015_doi/Sitek_AGG_2015_0009.pdf

  6. Educazione all'igiene orale ed eradicazione della carie dentale nellíinfanzia. Risultati finali di uno studio in un campione di popolazione infantile di Ferrara

    OpenAIRE

    Bergamini, M.; Simioli, P.; Stefanati, A.; Grilli, A.; Gregorio, P.

    2012-01-01

    Introduzione: poichè nel 1985 l’O.M.S. collocò l’eradicazione della carie infantile fra gli obiettivi epidemiologici da raggiungere nella regione europea entro l’anno 2000, è stato effettuato uno screening microbiologico finalizzato all’isolamento di germi cariogeni nel cavo orale dei bambini.

    Materiali e metodi: secondo le procedure correnti, sono stati eseguiti tamponi gengivo-coronali in 476 bambini delle ...

  7. Ricerca clinico-epidemiologica sullo stato di salute del cavo orale nei pazienti tossicodipendenti

    OpenAIRE

    Bromo, Francesco

    2010-01-01

    Obiettivo: Lo scopo della ricerca è stato quello di mettere in evidenza la presenza di patologie del cavo orale in soggetti tossicodipendenti Materiali e Metodi: Sono stati reclutati 71 pazienti in terapia di recupero presso la Comunità Incontro di Amelia. I soggetti sono stati sottoposti a visite clinico-anamnestiche adottando una cartella clinica da noi stessi costruita. Risultati: Dei 71 soggetti tossicodipendenti, 42 facevano uso di eroina e 39 assumevano droghe per v...

  8. Much ado about nothing? Sustainability disclosure in the banking industry

    OpenAIRE

    Hummel, Katrin; Festl-Pell, Diana Brigitte

    2015-01-01

    This paper examines the sustainability disclosure in the banking industry with respect to potential greenwashing. We build a theoretical framework to assess the sustainability disclosure along materiali-ty criteria in the banking industry and apply this framework to the corporate sustainability reporting of two global systemically important banks. The results of our case study point toward the existence of greenwashing mainly in the most material area of the sustainability disclosure of our s...

  9. Design of multifunctional systems based on carbon nanomaterials.

    OpenAIRE

    Lucío Benito, Maria Isabel

    2015-01-01

    2013/2014 La nanotecnologia è chiamata a rivoluzionare molti settori della nostra vita. Tra tutti i campi in cui è convolta, la ricerca delle energie rinnovabili, la possibilità di ottenere acqua pulita in tutte le parti del mondo, il miglioramento della salute e l’aumento dell’aspettativa di vita e lo sviluppo di sistemi informatici, sono gli obiettivi che si distinguono. Le nanostrutture di carbonio sono materiali promettenti che possono aiutare a raggiungere questi obiettivi: includono ...

  10. Dalla magia alla filologia: documenti su libri e biblioteche nell'Antichità

    OpenAIRE

    Reggiani, Nicola

    2010-01-01

    La recente riproposizione di tre studi incentrati sulla storia del libro e delle biblioteche nell'Antichità ha permesso nuove riflessioni su una delle problematiche più significative degli studi sui materiali scrittori antichi, il passaggio dal rotolo papiraceo al codice pergamenaceo. Nel contributo si propone che la categoria sulla quale si gioca, alla fine del mondo antico, la dicotomia fra rotolo e codice non sia quella dell'ideologia culturale di determinate classi sociali, bensì quella d...

  11. Paesaggio, suolo, tempo: la rappresentazione dei tempi geologici nella citta' di Catania

    OpenAIRE

    Ballarin, Matteo; D'Agnone, Nadia

    2014-01-01

    Parlare di tempo geologico è un modo di contestualizzare i processi materiali della terra nella sua storia. La scala dei tempi geologici suddivide la lunga storia della terra in eoni, ere, periodi ed epoche, non omogenei tra loro, ma in relazione l'un l'altro a seconda di ciò che emerge dall'analisi dei dati stratigrafici o dallo studio della stratificazione dei diversi livelli della crosta terrestre. Recentemente negli studi relativi a territorio e paesaggio è stata introdotta...

  12. Environmental Record in Soils on Loess in Northern Moravia, Czech Republic

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Žigová, Anna; Šťastný, Martin

    2006-01-01

    Roč. 3, č. 4 (2006), s. 33-39 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA AV ČR IAA300130504 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30130516; CEZ:AV0Z30460519 Keywords : evolution of soil cover * micromorphological analysis * clay mineralogy Subject RIV: DF - Soil Science https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2006_04/033-039%20Zigova.pdf

  13. SVILUPPO DI UN MODELLO DI SUPPORTO A DECISIONE PER LA GESTIONE DELL’OBSOLESCENZA PER RICAMBI CON ALTI LEAD TIMES DI PRODUZIONE E APPARTENENTI A SISTEMI CON LUNGHI CICLI DI VITA

    OpenAIRE

    Fera, Marcello

    2008-01-01

    La logistica dei ricambi, oggi giorno, per la continua espansione dei contratti global service relativo alla manutenzione degli impianti, sta assumendo sempre maggiore rilevanza nello studio della logistica ed della gestione dei materiali. Nell’ambito della logistica industriale e del global service, in particolare, è presente un’ulteriore urgenza di studio e ricerca, relativa ai problemi connessi alla gestione logistica di pezzi di ricambio con problemi di obsolescenza tecnologica. Tale e...

  14. Design Of a Fixed-Dome Ferrocement Biodigester Built Partiall y Underground

    OpenAIRE

    Marianela de la Caridad Ortiz Alvarez; Hugo Rafael Wainshtok Rivas; Henry Hernández Sotomayor

    2016-01-01

    The analysis, structural design and constructive sequence of a fixed-dome biodigester built partially underground and using ferrocement as construction material under normal work conditions is in this paper developed. The biodigester capacity is 24 m3 and it is composed by a semispherical dome (cover), cylindricalwalls (body) and a circular slab(bottom). The biodigester using ferrocement as construction materialis in agreement with the service guaranty requirements settled for the established...

  15. Study of the effect of moisture content and bending rate on the fracture toughness of rocks

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Vavro, Leona; Souček, Kamil

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 247-253 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk ED2.1.00/03.0082 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : fracture toughness * bending rate * tensile strength Subject RIV: DB - Geology ; Mineralogy Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_14_Vavro_Soucek_247-253.pdf

  16. Structural and stress analysis of mining practice in the Upper Silesian Coal Basin

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Waclawik, Petr; Ptáček, Jiří; Grygar, R.

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 255-265 ISSN 1214-9705 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : horizontal stress * structural analysis * mine roadway stability * coal mining * rock burst Subject RIV: DH - Mining, incl. Coal Mining Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_15_Waclawik_255-265.pdf

  17. Seismicity, groundwater level variations and Earth tides in the Hronov-Poříčí Fault Zone, Czech Republic

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Kolínský, Petr; Valenta, Jan; Gaždová, Renata

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 2 (2012), s. 191-209 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GA205/09/1244 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519 Keywords : Eastern Bohemian Massif * groundwater level * seismicity Subject RIV: DC - Siesmology, Volcanology, Earth Structure Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_02/9_Kolinsky.pdf

  18. Polycyclic aromatic hydrocarbons and other organic compounds in ashes from biomass combustion

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Straka, Pavel; Havelcová, Martina

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 4 (2012), s. 481-490 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MZe QI102A207 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519 Keywords : biomass combustion * ash * PAHs Subject RIV: GD - Fertilization, Irrigation, Soil Processing Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_04/6.Straka_%20Havelcova.pdf

  19. I basamenti monumentali di Piazza del Duomo e di Via Mercanti a Milano

    OpenAIRE

    Daffara, Dario

    2017-01-01

    In questo articolo vengono presentati materiali d’archivio inediti su due basamenti monumentali di epoca imperiale scoperti in piazza del Duomo e in via Mercanti. Le modalità della scoperta e la quasi totale scomparsa dei resti archeologici rendono problematico stabilire la reale funzione di questi basamenti, realizzati con tecnica simile e verosimilmente per la stessa funzione. Nel corso degli anni sono state avanzate diverse ipotesi di attribuzione (torri medievali, archi onorari, tetrapili...

  20. Geodynamic risk zone at northern part of the Boskovice Furrow

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Pospíšil, L.; Švábenský, O.; Roštínský, Pavel; Nováková, Eva; Weigel, J.

    2017-01-01

    Roč. 14, č. 1 (2017), s. 113-129 ISSN 1214-9705 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : Boskovice Furrow * Nectava – Konice Fault * horizontal and vertical velocities Subject RIV: DE - Earth Magnetism, Geodesy, Geography OBOR OECD: Geology Impact factor: 0.699, year: 2016 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2016_doi/Pospisil_AGG_2016_0033.pdf

  1. The characterization of the Ca–K geopolymer/solidified fluid fly-ash interlayer

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Perná, Ivana; Šupová, Monika; Hanzlíček, Tomáš

    2017-01-01

    Roč. 61, č. 1 (2017), s. 26-33 ISSN 0862-5468 Institutional support: RVO:67985891 Keywords : fluid fly ash * blast-furnace slag * geopolymer * interlayer * recycling Subject RIV: DM - Solid Waste and Recycling OBOR OECD: Composites (including laminates, reinforced plastics, cermets, combined natural and synthetic fibre fabrics Impact factor: 0.439, year: 2016 https://www.irsm.cas.cz/materialy/cs_content/2016_doi/Perna_CS_2016_0056.pdf

  2. Development of soils on paragneiss and granite in the southeastern part of Bohemia

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Žigová, Anna; Šťastný, Martin; Kodešová, R.

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 1 (2013), s. 85-95 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GA526/08/0434 Institutional support: RVO:67985831 Keywords : parent material * cambic horizon * mineralogy * micromorphology * reserves of soil organic matter * soil formation Subject RIV: DF - Soil Science Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_01/085-095%20Zigova.pdf

  3. Weekly urban water demand forecasting using a hybrid wavelet–bootstrap–artificial neural network approach

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adamowski Kaz

    2014-10-01

    Full Text Available Tygodniowa prognoza zapotrzebowania na wodę w obszarach miejskich określana metodą hybrydową z wykorzystaniem transformaty falkowej - bootstrapu - sztucznej sieci neuronowej. W artykule zaproponowano hybrydowy model (WBANN wykorzystujący transformatę falkową, bootstrap i sztuczną sieć neuronową do opracowania tygodniowej prognozy zapotrzebowania na wodę w obszarach miejskich przy ograniczonej dostępności danych. Proponowany model WBANN ma na celu poprawę trafności i niezawodności prognozowania zaopatrzenia w wodę. W analizach wykorzystane zostały dobowe wartości maksymalnej temperatury, sumy opadów i zapotrzebowania na wodę z 3-letniego okresu obserwacji. Stwierdzono, że hybrydowy model WBANN jest dokładniejszy od modeli ANN, BANN i WANN i z powodzeniem może być użyty do operacyjnego prognozowania zapotrzebowania na wodę. Model WBANN bardzo skutecznie prognozuje szczytowy popyt na wodę. Dobre wyniki otrzymane z modelu WBANN świadczą o tym, że zastosowana analiza falkowa znacząco poprawiła dokładność modelu, a metoda bootstrapu polepszyła niezawodność (wiarygodność modelu poprzez prognozowanie ensemblowe. Ocena niepewności z zastosowaniem przedziału ufności wykazała dużą trafność prognoz generowanych przez model WBANN oraz jego przydatność w operacyjnym wykorzystaniu

  4. State of the art on bioethanol production; Stato dell'arte della produzione di bioetanolo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barisano, D.; De Bari, I.; Viola, E.; Zimbardi, F.; Braccio, G. [ENEA, Divisione Fonti Rinnovabili di Energia, Centro Ricerche Trisaia, Policoro, Matera (Italy); Cantarella, M.; Gallifuoco, A. [L' Aquila Univ., L' Aquila (Italy). Dipt. di Ingegneria Chimica e dei Materiali

    2001-07-01

    The state of the art, deals with the ethanol production from current processes based on the use of sugar and starch as feedstock and those under development based on lignocellulosic biomass. In the first section are reported the commercially available processes together with hints to the newest technologies. As regard the ethanol production from lignocellulosics, it has been collected data on the biomass availability in Europe as energy crops, industrial crops, agricultural residues and domestic waste. It is provided a bibliographic study on the technologies and processes under development worldwide for the conversion of lignocellulosics into ethanol. Finally, a brief discussion on the economics highlights the near term viability of producing ethanol by this way. [Italian] Questo lavoro tratta della produzione di etanolo da diverse biomasse, compreso i materiali lignocellulosici. Sono riportati cenni al mercato mondiale ed europeo dell'etanolo insieme ad una breve rassegna dei processi impiegati correntemente; si tratta per lo piu' di tecnologie ormai mature basate sull'utilizzo di piante ad alto contenuto di zucchero o di amido. Per quanto riguarda la produzione di etanolo da biomasse lignocellulosiche, sono riportati i risultati di un'indagine statistica sulla disponibilita' in Europa di questi materiali in termini di coltivazini dedicate, residui agro-forestali e rifiuti domestici. E' riportata altresi una ricerca bibliografica sui recenti sviluppi dei processi di conversione a etanolo su scala banco e pilota. Infine, una breve discussione sugli aspetti economici connessi all'utilizzo di materiali lignocellulosici per la produzione di etanolo mostra come questi processi si stiano avvicinando alla completa fattibilita'.

  5. Recovery of metal scrap from recycling processes for the manufacturing of shields for low frequency electromagnetic fields; Recupero di sfridi metallici ottenuti da processi di riciclo per la produzione di pannellature schermanti per campi magnetici a bassa frequenza

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Plescia, P.; Maccari, D. [Consiglio delle Ricerche, Istituto per la Tecnologia dei Materiali e dei Processi Energetici, Milan (Italy); De Stefano, L. [Electric Power Production Company, Tuturano, Brindisi (Italy)

    2001-10-01

    In this paper the results about the recycling of metallic scraps for manufacturing of electromagnetic shields are presented. Preliminary data on shields for low frequency magnetic fields are reported. Shielding materials are prepared with metallic scraps derived by recycling process from many kinds of industrial productions. This new shielding material can reduce magnetic field at less than 55% and it can be easily produced at low cost from many kind of industrial wastes. Some characteristics of these new shields are reported. [Italian] Il problema della schermatura dei campi elettromagnetici alternati (CM) nelle strutture abitative sta diventando di interesse prioritario, soprattutto per la forte pressione esercitata dall'opinione pubblica e dalla ricerche epidemiologiche che sembrano indicare una diretta relazione tra campi elettromagnetici a bassa frequenza ed alcune gravi patologie. La ricerca che viene presentata in anteprima in questo lavoro riporta i dati preliminari relativi alla messa a punto di schermi per campi magnetici generati da tensioni alternate a frequenza industriale (50 Hz). I materiali schermanti sono stati preparati con sfridi metallici provenienti da cicli di riciclo di diverse produzioni industriali. Il tipo di materiale prodotto scelto ha una capacita' schermante del campo magnetico pari al 55% del valore iniziale e puo' essere prodotto con facilita' ed a basso costo, partendo da diverse tipologie di polimeri e di rifiuti a base metallica. La particolare tipologia di polimeri utilizzati permette di preparare materiali schermanti con differenti spessori, colori e caratteristiche meccaniche. Il principio di funzionamento, il processo di produzione e i materiali ottenuti sono oggetto di brevetto industriale.

  6. Skulptura, človek in beseda

    OpenAIRE

    Madjar, Neda

    2017-01-01

    V diplomski nalogi z naslovom Skulptura, človek in beseda raziskujem prakse moderne in sodobne umetnosti. Teoretični del začenjam s skulpturo, žico in železom kot materiali ter z umetniki, ki so bili aktivni na tem področju. V obdobju okrog dvajsetih in tridesetih let 20. stoletja so to Picasso, Gonzalez in Calder, na prelomu stoletja pa David Smith. V nadaljevanju se ukvarjam s praksami ready madea, fluxusa, performansa in konceptualne umetnosti. To so na novo nastale smeri umetnosti 20. ...

  7. Dal potere legale ai poteri globali. Legittimità e misura in politica

    OpenAIRE

    Schiera, Pierangelo

    2013-01-01

    Frutto di un'indagine condotta per tappe successive, questo scritto pone sul tappeto le questioni preliminari che Schiera ha incontrato nella ricerca sul DOPO dello Stato moderno, cioè sul suo futuro. Legalità e legittimità ne sono stati storicamente i materiali di costruzione principali, secondo una composizione variabile ma fondamentalmente basata sul principio di autorità che richiede disciplina, cioè obbedienza di molti al comando di pochi. La legge è stata lo strumento razionale - perciò...

  8. Bizarre marriages: Weddings as a form of legitimization of intimate relations with non-human agents

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jan Stasieńko

    2015-10-01

    Full Text Available L’articolo presenta il caso di un matrimonio tra l’utente di una Nintendo DS, Sal9000, e un personaggio del videogame Love Plus, Nene Anegasaki, come esempio della più ampia pratica di far sposare oggetti materiali e immateriali che caratterizza la community Objectum Sexuals. Il testo analizza le forme di intimità e i codici di comunicazione che si creano tra umani e oggetti e presenta pratiche pseudo-legali di matrimonio come manifesti dell’apertura alla relazionità postumana.

  9. Analysis of Inner Structure Changes of Concretes Exposed to High Temperatures Using Micro X-ray Computed Tomography

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Sitek, Libor; Bodnárová, L.; Souček, Kamil; Staš, Lubomír; Gurková, Lucie

    2015-01-01

    Roč. 12, č. 1 (2015), s. 79-89 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk(CZ) LO1406; GA ČR GAP104/12/1988; GA MŠk ED2.1.00/03.0082 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : concrete * cement paste * aggregate * high temperature Subject RIV: JQ - Machines ; Tools Impact factor: 0.561, year: 2015 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2015_doi/Sitek_AGG_2015_0009.pdf

  10. Disorder and frustration effects on the metal insulator transition in the Y1-xAxBa2Cu3O6+y system (A=Eu,Nd,Ca) from the clean to the dirty limit.

    OpenAIRE

    Coneri, Francesco

    2010-01-01

    Le proprietà elettroniche dei cuprati sono dominate dal comportamento dei piani rame ossigeno (CuO2) propri della loro struttura. Una caratteristica fondamentale di questa classe di materiali è che se ne può variare le proprietà per via chimica, passando da una fase antiferromagnetica isolante (AF) con TN@400K ad una superconduttrice (SC) con Tc@90K in modo pressoché continuo agendo sul doping, ovvero variando il numero di buche h presenti sui piani CuO2. Tutti i cuprati mostrano una fase...

  11. Removal of chemical alterations produced by environmental pollution on 16. century frescoed mortars

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Campanella, L.; Marinucci, F.; Tomassetti, M. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Chimica

    1999-10-01

    The paper describes and discusses the results obtained by analyzing the materials and pigments used to paint three important frescoes in Vatican palace (Rome, Italy), using several instrumental and mineralogical techniques and microchemical assays. The results obtained are also discussed with special reference to the effectiveness of the various cleaning solutions used. [Italian] Vengono descritti e discussi i risultati ottenuti analizzando i materiali e i pigmenti utilizzati negli affreschi delle antiche Stanze del Vaticano (Roma), adoperando alcune moderne tecniche strumentali e mineralogiche e saggi microchimici. E' stata anche valutata la diversa efficienza delle differenti soluzioni impiegate nell'operazione di pulitura.

  12. Mechanism of rigid overlaying of carboniferous strata failure in face mining in the case of multiseams deposit

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Jiránková, E.; Staš, Lubomír; Kajzar, Vlastimil; Doležalová, Hana

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 189-195 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk ED2.1.00/03.0082; GA MV VG20102014034 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : subsidence trough * rock mass * overlaying strata * longwall mining * tensor stress measurement Subject RIV: DH - Mining, incl. Coal Mining Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_08_Jirankova_189-195.pdf

  13. Incappucciamento Indiretto con Mineral Trioxide Aggregate (Mta: Caso Clinico e Follow-up

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Riccitiello

    2014-11-01

    Risultati e conclusioni: A causa di alcuni problemi di salute, la bambina è tornata dopo 6 mesi. È stata osservata la formazione di tessuto duro e il controllo rx mostrava una chiara evidenza di formazione radicolare. Abbiamo eseguito il restauro finale di 36 con materiali compositi. Al controllo dopo 6 mesi e 7 anni non risultano segni clinici e radiografici di patologia pulpare o radicolare. In conclusione, l’MTA sembra essere un materiale utilizzabile con successo per il mantenimento della vitalità pulpare. Inoltre offre un’ottima impermeabilità, anche nei casi in cui ha avuto luogo una perdita di integrità del materiale di otturazione provvisorio.

  14. Ipotesi progettuale di rigenerazione urbana: il caso di studio dell’ex Caserma Monti già Convento di S. Maria della Ripa nella città di Forlì

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Castagnoli

    2011-12-01

    Full Text Available Un’ampia area dismessa nel centro della città storica, è stata considerata l’opportunità strategica per valorizzare e rigenerare anche interi brani di tessuto urbano circostante con l’obiettivo di riammagliare gli sfrangiamenti materiali e immateriali nel complesso rapporto fra passato, presente e futuro.Questo caso di studio ha consentito di approfondire un approccio meta progettuale più generale, puntando sulla ricerca di una metodologia appropriata rispetto alla progettazione dello spazio architettonico in quanto tale, con l’obiettivo di sviluppare ragionamenti di compatibilità nell’ambito della vasta tematica del riuso urbano ed edilizio.

  15. PENDIDIKAN ANAK KREATIF PERSPEKTIF PROFETIK

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Moh. Roqib

    2014-12-01

    Full Text Available Semua muslim bercita-cita untuk maju dengan identitas seorang Muslim dan Indonesia yang baik. Upaya yang dilakukan selama ini dengan mengadopsi pemikiran dan model pendidikan Barat yang dianggap modern dan maju. Namun, hasil pendidikannya memiliki kelemahan, seperti munculnya perilaku amoral, pemalas, korup, hedonis, dan materialis. Berbeda dengan pendidikan Barat, pendidikan profetik menjadikan sosok Nabi sebagai acuan pengembangan pendidikan Islam.  Berdasarkan pada filsafat profetik, pendidikan Islam digerakkan untuk maju secara integratif dan tidak menyisakan problem dan mampu membentuk peserta didik yang religius dan kreatif serta membentuk komunitas terbaik (khair ummah di lingkungannya masing-masing. 

  16. PRIPRAVA IN KARAKTERIZACIJA NANOKRISTALINIČNIH TERNARNIH KADMIJEVIH HALKOGENIDOV

    OpenAIRE

    Denac, Boštjan

    2014-01-01

    Polprevodni materiali kot CdSe, CdTe, in CdSexTe1-x so osnova modernih elektronskih naprav. Znano je, da se polprevodni teluridi uporabljajo za senzorje, laserje, optične filtre, solarne celice in za mnoge druge naprave. Prav tako obetajoča za uporabo v solarnih celicah, fotoprevodnikih in tankoplastnih tranzistorih je mešanica binarnih halkogenidov s sestavo CdSexTe1-x. Ternarni kadmijevi halkogenidi so bili pripravljeni z uporabo različnih sinteznih metod: hidrotermalno, z mikrovalovi i...

  17. Stability of the old mine workings in the Jeroným at Čistá, Sokolov District

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Kukutsch, Radovan; Žůrek, P.; Kořínek, R.

    2012-01-01

    Roč. 135, č. 42 (2012), s. 67-74 ISSN 0324-9670 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : Jeroným Mine in Čistá * stability * geomechanical monitoring * old mine workings Subject RIV: DH - Mining , incl. Coal Mining http://yadda.icm.edu.pl/baztech/element/bwmeta1.element.baztech-article-BPW6-0029-0005?q=bwmeta1.element.baztech-volume-0370-0798-prace_naukowe_instytutu_gornictwa_politechniki_wroclawskiej__studia_i_materialy-2012-vol__135_nr_42;4&qt=CHILDREN-STATELESS

  18. Effect of high temperatures on cement composite materials in concrete structures

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Bodnárová, L.; Válek, J.; Sitek, Libor; Foldyna, Josef

    2013-01-01

    Roč. 10, č. 2 (2013), s. 173-180 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA MŠk ED2.1.00/03.0082; GA ČR GAP104/12/1988 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : high temperature * load resistance * concrete * reinforcing of mine works * fiber reinforcement Subject RIV: JJ - Other Materials Impact factor: 0.667, year: 2013 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2013_02/acta_170_06_Bodnirovi_173-180.pdf

  19. 14C and U – series dating of speleothems in the Bohemian Paradise (Czech Republic): Retreat Rates of Sandstone Cave Walls and Implications for Cave Origin

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Bruthans, J.; Schweigstillová, Jana; Jenč, P.; Churáčková, Z.; Bezdička, Petr

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 1 (2012), s. 93-108 ISSN 1214-9705. [Jílová konference v České republice /19./. Bystřice nad Pernštejnem, 28.08.2011-31.08.2011] R&D Projects: GA AV ČR IAA300130806 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519; CEZ:AV0Z40320502 Keywords : speleothems * sandstone * age Subject RIV: DB - Geology ; Mineralogy Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_01/9_Bruthans.pdf

  20. Inflation and Instability of a Polymeric Membrane

    DEFF Research Database (Denmark)

    Neergaard, Jesper; Hassager, Ole

    1999-01-01

    We consider an axisymmetric polymeric membrane inflated by a uniform pressure difference acting across the membrane. The polymeric materialis described by an arbitrary combination of a viscoelastic and a purely viscous component to the stress. Some viscoelastic materials described by a Mooney......-Rivlin model show a monotone increasingpressure during inflation of a spherical membrane. These materials develop a homogeneous membrane thickness in agreement with the Considere-Pearson condition. Molecularly based models such as the neo-Hookean, Doi-Edwards or Tom-Pom model show a pressure maximum when...... inflated. Membranesdescribed by these models develop a local thinning of the membrane which may lead to bursting in finite time....

  1. PRIPRAVA BIORAZGRADLJIVIH AEROGELOV ZA POTENCIALNE FARMACEVTSKE APLIKACIJE

    OpenAIRE

    Štumpf, Mitja

    2014-01-01

    V diplomskem delu smo sintentizirali biorazgradljive aerogele, pripravljene iz pektina, alginata in mešanice pektin-alginat (1:1). Aerogeli so visoko porozni materiali, ki se zaradi svojih lastnosti lahko uporabljajo tudi kot potencialni nosilci aktivnih substanc. Aerogele sintentiziramo po sol-gel postopku z različnimi načini zamreženja. V našem delu smo uporabili fizikalno zamreženje z divalentnimi ioni. Preverjali smo vpliv različnih ionov (Zn2+, Ca2+ in Sr2+) na končno morfologijo aerogel...

  2. Characterizing gas permeability and pore properties of Czech granitic rocks

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Konečný, Pavel; Kožušníková, Alena

    2016-01-01

    Roč. 13, č. 4 (2016), s. 331-338 ISSN 1214-9705 R&D Projects: GA ČR GA105/09/0089; GA MŠk(CZ) LO1406; GA MŠk ED2.1.00/03.0082 Institutional support: RVO:68145535 Keywords : granitic rocks * permeability * pore properties Subject RIV: DB - Geology ; Mineralogy Impact factor: 0.699, year: 2016 https://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2016_doi/Konecny_AGG_2016_0015.pdf

  3. Dose evaluation for workers employed in an industry involving enamel paints containing zirconium silicate; Valutazione di dose per i lavoratori occupati in una industria che utilizza vernici a smalto contenenti silicato di zirconio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Berico, M.; De Zaiacomo, T.; Formignani, M.; Ianni, A.; Nobili, C.; Sandri, S.; Vasselli, R. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In the frame of the European Recommendations for radiological protection, an evaluation of the annual dose has been made for workers employed in an industry for the production of sanitary equipment involving the use of enamel paints containing zirconium silicate. [Italian] Nella prospettiva dell'applicazione della direttiva europea relativa alla protezione radiologica dei lavoratori, vengono presentati i risultati relativi alla valutazione di dose annuale complessiva per i lavoratori occupati in una industria per la produzione di articoli igienico-sanitari che utilizza vernici a smalto contenenti silicato di zirconio. Il fine e' la valutazione del problema radioprotezionistico per gli addetti a causa delle impurezza radioattive presenti nei materiali utlizzati.

  4. Vanadium oxide based cpd. useful as a cathode active material - is used in lithium or alkali metal batteries to prolong life cycles

    DEFF Research Database (Denmark)

    1997-01-01

    A mixt. of metallic iron particles and vanadium pentoxide contg. V in its pentavalent state in a liq. is reacted to convert at least some of the pentavalent V to its tetravalent state and form a gel. The liq. phase is then sepd. from the oxide based gel to obtain a solid material(I) comprising Fe......, V and oxygen where at least some of the V is in the tetravalent state. USE-(I) is a cathode active material in electric current producing storage cells. ADVANTAGE-Use of (I) in Li or alkali metal batteries gives prolonged life cycles.Storage cells using (I) have improved capacity during charge...

  5. 12th Czech-Polish Workshop on Recent Geodynamics of the Sudety Mts. and Adjacent Areas, Jugowice, October 20 – 22, 2011

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Schenková, Zdeňka; Schenk, Vladimír

    2012-01-01

    Roč. 9, č. 3 (2012), s. 257 ISSN 1214-9705. [Czech-Polish Workshop on Recent Geodynamics of the Sudety Mts. and Adjacent Areas /12./. Jugowice, 20.10.2011-22.10.2011] R&D Projects: GA MŠk(CZ) LC506 Institutional research plan: CEZ:AV0Z30460519 Keywords : geodynamics Subject RIV: DB - Geology ; Mineralogy Impact factor: 0.530, year: 2011 http://www.irsm.cas.cz/materialy/acta_content/2012_03/1_Preface.pdf

  6. Proposal of an analytical methodology to evaluate asbestos content into bulk samples by means of Fourier transform infrared spectroscopy; Una proposta di metodica analitica per la determinazione del contenuto di amianto in campioni massivi tramite spettroscopia infrarossa in trasformata di Fourier

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cioffi, R. [Potenza Universita' della Basilicata, Potenza (Italy). Dipt. di Ingegneria e Fisica dell' Ambiente; De Stefano, L. [Area Ambiente Ricerca, Segrate, MI (Italy); Lavorgna, M.; Palumbo, M. [Naples Univ. Federico 2., Naples (Italy). Dipt. di Ingegneria dei Materiali e della Produzione

    2001-04-01

    The Italian act 257/92 imposes the identification and classification of asbestos containing materials in order to opportune programs of control and maintenance or of reclamation and disposal. In this work is presented a proposal of an analytical methodology to evaluate the content of asbestos in bulk samples by Fourier Transform Infrared (FT-IR) spectroscopy. The accuracy and the precision of the method have been verified on test mixtures with a known content of asbestos. [Italian] La legge 257/92 impone di individuare e classificare i materiali contenenti amianto per stabilire opportuni programmi di controllo e manutenzione o di bonifica e smaltimento. In questo lavoro e' presentata in dettaglio una proposta di metodica analitica per la determinazione del contenuto di amianto in campioni massivi tramite spettroscopia infrarossa in trasformata di Fourier (FT-IR). L'accuratezza e la precisione della metodica sono state verificate con miscele di prova a contenuto noto di amianto.

  7. Una riflessione sullo spirito del luogo della città mediterranea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Teresa Colletta

    2013-07-01

    Full Text Available Nel saggio si vuole evidenziare  l’esistenza di un particolare e caratteristico “spirito del luogo”,ossia di un genius loci, delle città del Mediterraneo, mettendone a fuoco le invarianti , riconoscibili nel corso della storia urbana bi-millenaria e oggi ancora riscontrabili nelle continue stratificazioni. Le invarianti che, nella nostra riflessione, costituiscono la base dello spirito del luogo urbano mediterraneo possono essere individuate  nella stratificazione storica, nell’habitat, strade, ambiente, negli spazi urbani e di vicinato, nei valori immateriali delle voci, colori, suoni, tradizioni culturali etc. L’obiettivo è la preservazione dell’identità storica delle città, dei valori materiali, ma anche immateriali, riconosciuti nella conservazione urbana integrata, e con essi anche dello spirito del luogo.

  8. Terra sospesa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizia Ippolito

    2014-12-01

    Full Text Available A Castelvolturno, in provincia di Caserta, Villaggio Coppola Pinetamare è l’emblema di una terra in sospensione. Simbolo di abusivismo e speculazione, icona di ecomostro, esemplare di grande opera, bandiera di una parabola di sviluppo, declino e attesa di riscatto, nasconde dietro queste immagini ambiguità, conflitti e contraddizioni, e sintetizza nel suo sgretolamento il destino di un territorio dove la sospensione non è tanto una situazione contingente quanto uno stato duraturo, nel quale trovano spazio i materiali, le situazioni e le popolazioni rimosse della città e si realizzano le sue opzioni di scarto. Nella sospensione, le costruzioni, i paesaggi e le popolazioni sfumano verso nuove connotazioni.

  9. Sulla penetrazione dei prestiti romanzi nello Sloveno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Neva Godini

    1984-12-01

    Full Text Available Com'è risaputo, la storia della penetrazione dei prestiti romanzi nello sloveno dialettale come in quello letterario è ancora quasi tutta da scrivere. O forse sarebbe-meglio dire de­ finire sotto i suoi molteplici ed anche problematici aspetti. Non ricorderoqui i fondaineiitali lavori di vari studiosi quali K. Štrekelj, F. Šturm, lo stesso A. Grad ed altri ancora. Tutti hanno illuminate I singoli ma anche frammentari aspetti di que­ sto vasto ed irrisolto problema. Quello che manca è però un la­ voro sistematico che tenga in considerazione soprattutto quei materiali che possano considerarsi validi per tutto il variega­ te mondo dialettal sloveno. L'unico tentativo in questo sensorisale a ben trent'anni fa e non ebbe l'onore della stampa, anche se è facilmente corisultabile. Alludfamo naturalmente alla opera del Mende.

  10. La storia di Firenze tra tarda antichità e medioevo. Nuovi dati dallo scavo di via de’ Castellani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Francovich

    2011-10-01

    Full Text Available Il nostro recente progetto è finalizzato alla conoscenza della risorsa archeologica di Firenze. In particolare la nostra attenzione si è concentrata sugli aspetti legati alle trasformazioni della città tra tarda antichità e medioevo: i cambiamenti nell’economia cittadina, le forme urbanistiche che Florentia assunse nella lunga transizione tra III e vIII secolo, la riurbanizzazione bassomedievale e le ancor più significative vicende che portarono alla formazione della città del Rinascimento. L’obiettivo consiste nel riscrivere, sulla base di nuove fonti, processi ancora non messi a fuoco, contribuendo a ridefinire lo sviluppo contemporaneo della città sulla base dei segni materiali della storia.

  11. In margine all'ottava canterina, ai poemi in ottave del Boccaccio e alla comunicazione letteraria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrice Barbiellini Amidei

    2016-12-01

    Full Text Available Si riflette sulla popolarità dei cantari nella loro pratica di mediazione di testi letterari, linguaggi e livelli di cultura. Funzione vitale dei cantari è proprio di garantire una continua osmosi di materiali e fonti che vengono messi in circolo e divengono terreno di mediazione culturale. Alcune delle caratteristiche dell’ottava canterina possono inoltre meglio risaltare al confronto con i poemi in ottava rima di Boccaccio, strettamente vincolati a un preciso progetto autoriale.  The essay reflects on the popularity of the “cantari”, mediators of literary texts, languages and levels of culture. The function of these texts is to promote an interactive process in which different materials and sources circulate and become a common heritage. Some caracteristics of the “ottava canterina” can be confronted with Boccaccio’s poems in ottava rima, on the contrary strictly conditioned by an authorial project.

  12. Note di fotonica

    CERN Document Server

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  13. Izpostavljenost prebivalcev Slovenije svincu v pitni vodi

    OpenAIRE

    Bitenc, Katarina

    2016-01-01

    IZHODIŠČE: Različne okoljske raziskave so opozorile, da problematika povišanih koncentracij svinca v pitni vodi obstaja predvsem v starejših objektih, kjer so vgrajeni svinčeni deli omrežja ali drugi materiali, ki vsebujejo svinec. Poleg tega na migracije svinca v pitno vodo vplivajo tudi določene lastnosti pitne vode in stanje vode v ceveh. Otroci so še posebej podvrženi večjemu tveganju za izpostavljenost svincu v okolju, škodljivi učinki svinca pa se pri njih pokažejo že pri manjših koncen...

  14. Enrico Biasin - Giovanna Maina - Federico Zecca (Eds., Porn After Porn. Contemporary Alternative Pornographies

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirko Lino

    2015-05-01

    Full Text Available Dopo Il Porno Espanso, recensito a suo tempo su Between, il nuovo libro a cura di Enrico Biasin, Giovanna Maina e Federico Zecca, Porn After Porn, è il primo tassello di un'interessante collana, “Mapping Pornographies: Histories, Geographies, Cultures”, che ha l'obiettivo di fornire materiali e strumenti metodologici al dibattito scientifico sulla pornografia contemporanea.I contributi che compongono il volume, dai saggi prettamente accademici alle testimonianze di artisti, produttori e registi del porno, creano tra loro fitte geometrie tematiche che illustrano i corpi, gli usi dei new media, gli sguardi e i consumi delle pornografie alternative, dalla loro proliferazione in Rete alla democratizzazione dell'accesso ai piaceri visivi inscritti nella fruizione di contenuti hard-core a pubblici non esclusivamente maschili ed eterosessuali.

  15. Lezioni di meccanica razionale con elementi di statica grafica

    CERN Document Server

    Sbrana, Francesco

    1950-01-01

    Elementi di calcolo vettoriale ; riduzione di un sistema qualunque di vettori applicati ; trattazione analitica dei sistemi di vettori applicati ; uso dei poligni funicolari per la composizione di più vettori applicati complanari ; vettori variabili ; cinematica del punto ; studio del moto di un punto in un piano in coordinate polari ; cinematica de sistemi rigidi ; moto di un sistema rigido con un punto fisso (moto rigido sferico) ; moto relativo ; sistemi di punti in general, vincoli ; concetti e postulati fondamentali della meccanica ; unità mecchaniche, omogeneità, modelli ; equilibrio di un punto e di un sistema di punti materiali ; statica dei solidi indeformabili (sistemi rigidi) ; sistemi deformabili, travature reticolari ; equilibrio dei poligoni funicolari e delle curve funicolari ; nozioni sull'attrito ; integrazione grafica ; baricentri ; momenti d'inerzia ; calcolo grafico dei momenti statici e dei momenti d'inerzia dei sistemi piani ; dinamica del punto libero ; dinamica del punto vincolato ;...

  16. CORRIGENDUM: Atoms riding Rayleigh waves Atoms riding Rayleigh waves

    Science.gov (United States)

    Benedek, G.; Echenique, P. M.; Toennies, J. P.; Traeger, F.

    2010-09-01

    In the original paper the affiliation list is incorrect. The correct address list is as follows: G Benedek1, 5, P M Echenique1, 2, J P Toennies3 and F Traeger4 1 Donostia International Physics Center (DIPC), Paseo Manuel de Lardizábal 4, 20018 Donostia—San Sebastián, Spain 2 Departamento de Física de Materiales and CFM (CSIC-UPV/EHU), Universidad del País Vasco/Euskal Herriko Unibertsitatea, E-20018 San Sebastián/Donostia, Spain 3 Max Planck-Institut für Dynamik und Selbstorganisation, Bunsenstraße 10 D-37073 Göttingen, Germany 4 Fakultät für Chemie und Biochemie, Ruhr-Universität Bochum Universitätsstraße 150, 44801 Bochum, Germany 5 Permanent address: Dipartimento di Scienza dei Materiali, Universitá di Milano-Bicocca, Via Cozzi 53, 20125 Milano, Italy

  17. Two Monumental Bases in Piazza del Duomo and Via Mercanti in Milan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dario Daffara

    2017-10-01

    Full Text Available In questo articolo vengono presentati materiali d’archivio inediti su due basamenti monumentali di epoca imperiale scoperti in piazza del Duomo e in via Mercanti. Le modalità della scoperta e la quasi totale scomparsa dei resti archeologici rendono problematico stabilire la reale funzione di questi basamenti, realizzati con tecnica simile e verosimilmente per la stessa funzione. Nel corso degli anni sono state avanzate diverse ipotesi di attribuzione (torri medievali, archi onorari, tetrapili, monumenti onorari; grazie a un gran numero di confronti sono stati esclusi i meno plausibili, arrivando alla conclusione che probabilmente i due basamenti furono realizzati in epoche diverse in corrispondenza dell’antico limite della città pre-romana, forse per sostenere gruppi statuari o colonne onorarie.

  18. Tecnologie innovative a supporto della gestione della sicurezza nei cantieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Berardo Naticchia

    2013-10-01

    Full Text Available Il conseguimento di elevati livelli di sicurezza in cantiere è influenzato dalle decisioni assunte in fase di programmazione. Permangono tuttavia i pericoli generati dalla concomitanza di fattori impredicibili, che possono essere mitigati dall’adozione di sistemi di monitoraggio automatico. Questo contributo presenterà tre sistemi: un sistema proattivo adatto a prevenire rischi di caduta di materiali dall’alto; un sistema di monitoraggio in tempo reale a bassa infrastrutturazione per segnalare interferenze pericolose tra le squadre; un sistema di controllo in tempo reale della concentrazione di particolato fi ne. Tutti questi sistemi adottano tecnologie avanzate e implementano logiche per valutare il livello di rischio contingente. Si mostra perciò come l’impiego di tecnologie ICT può supportare la gestione della sicurezza.

  19. Producing Films, Producing Meanings: Some Theoretical Reflections

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Grignaffini

    2015-01-01

    Full Text Available L'articolo si pone l'obiettivo di stimolare una maggiore attenzione da parte della semiotica del cinema alle pratiche produttive e ai materiali preparatori del film, finora poco studiati rispetto alle dinamiche che i testi stessi attivano sulla ricezione. Tale proposta di allargamento del campo di ricerca, viene approfondita nelle sue premesse teoriche in due momenti. Dapprima viene contestualizzata rispetto alla pratica dell'analisi semiotica "tradizionale"; poi, utilizzando gli strumenti della sociosemiotica elaborata da Eric Landowski, in particolare sfruttando il concetto di "aggiustamento" sviluppato nel quadro della riflessione sulle modalità di interazione, vengono evidenziati campi di applicazione (ad es. il lavoro del regista con l’attore e possibili vantaggi euristici.

  20. L'utilità dell'apparentemente inutile. La casa per un uccello, un aquilone, un gioco / The usefulness of what seems useless. Project-Design for a bird house, a kite and a game

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustavo Adolfo Carabajal

    2014-03-01

    Full Text Available The workshop experience becomes an occasion to address the theme of the usefulness of what seems useless: What is obtained in dealing with the design issues of building a bird house, a kite or a game? An investigation is set forth regarding the techniques of a project-design and its representation, with the objective of enhancing one’s knowledge about the essential aspects of the architect’s work: how to begin, how is the process of design developed, how and what information is to be obtained, the issue of scale, the role of structure, materials, the natural elements, and the environmental components that are specific to a place. These exercises become the place for a collection of materials that can make up an un-writable encyclopedia of inspired knowledge, imagination, and even the satisfactory decisions in the true story they tell. / L’esperienza dei workshop diventa occasione per frequentare l’argomento dell’utilità dell’apparentemente inutile: Cosa si ottiene affrontando i problemi del progetto di una casa per un uccello, un aquilone o un gioco? Si avvia un’indagine sulle tecniche del progetto e sulla sua rappresentazione, con l'obiettivo di approfondire gli aspetti essenziali del lavoro dell'architetto: come si inizia, come avviene il processo di ideazione, il modo di documentarsi, il tema della scala, il ruolo della struttura, i materiali, gli elementi naturali e le componenti ambientali specifiche di un luogo. Questi esercizi sono il luogo della collezione dei materiali per una enciclopedia non scrivibile dell'ispirazione, dell'immaginazione o addirittura delle decisioni felici delle quali parlano.

  1. Analysis of the situation of the vacuum in FTU; Analisi della situazione del vuoto di FTU (Resoconto del lavoro svolto dalla task force)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Alessandrini, C.; Angelini, B.; Apicella, M.L.; Mazzitelli, G.; Pirani, S.; Zanza, V. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Dipt. Energia

    1999-01-01

    To analyze the situation of the vacuum in the FTU tokamak, on 22/5/96 was set up a task force to identify the problem(s) and to settle the operative and cleaning procedures. The main actions of the task force were: leak tests, automatic procedure to monitor on line the state of the machine vacuum and an exhaustive analysis of the work done before. The task force reviewed the outgassing measurements of the plastic materials inserted into the machine and was decided to repeat the test on the thermocouples. The results pointed out that the thermocouples are a practically infinite reservoir of water. The outcome of the task force was a set of new procedures and recommendations during both the operation of FTU and the shutdown periods. FTU is now operating at more acceptable plasma purity. [Italiano] Il 22/5/96 fu costituita una Task Force (TF) per analizzare le cause della `non pulizia` di FTU e per identificare le nuove procedure da seguire per la pulizia della camera da vuoto. Le azioni che la TF intraprese furono: leak tests, monitoraggio continuo dello stato del vuoto e revisione critica del lavoro fatto precedentemente. Vennero poi analizzate delle misure fatte a suo tempo sui materiali presenti nella camera da vuoto di FTU e, nel caso delle termocoppie, si decise di ripetere il test. Da questa seconda prova emerse che i cilindretti di queste termocoppie sono delle riserve inesauribili di acqua che vengono alimentate da ogni riapertura della macchina. Il lavoro della TF si concluse con una serie di procedure e raccomandazioni, da seguire prima di ogni riapertura della macchina e durante le campagne sperimentali a macchina fredda; tali procedure tengono conto del fatto che negli anni e` aumentata la quantita` di materiali plastici presenti nella camera da vuoto, soprattutto nei ports. FTU sta attualmente operando in condizioni piu` accettabili di pulizia della camera.

  2. Fenotyp pacjentów z czerniakiem skóry, znamionami dysplastycznymi oraz znamionami zwykłymi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Magdalena Czerwińska

    2011-01-01

    Full Text Available Wprowadzenie: Zachorowalność na czerniaka skóry, zwłaszcza u osóbo jasnej karnacji, wzrosła w ciągu ostatnich dekad w większości krajówna całym świecie. Niemal u każdego badanego pacjenta stwierdza sięna skórze znamiona barwnikowe. Większość z nich jest łagodna, jednakna podłożu znamion barwnikowych powstaje nawet 30% czerniaków.Do najlepiej poznanych i najistotniejszych czynników zwiększającychryzyko zachorowania na czerniaka można zaliczyć:promieniowanie UV (naturalne i sztuczne, obecność na skórze licznychznamion melanocytowych, ich stałe drażnienie mechanicznei chemiczne oraz predyspozycje genetyczne, warunkujące międzyinnymi I lub II fototyp skóry (jasny. Cel pracy: Ocena wybranych cech fenotypowych u pacjentów z czerniakiemskóry, znamionami dysplastycznymi oraz znamionami zwykłymi. Materiał i metodyka: Badaniem objęto 102 pacjentów ze zmianamimelanocytowymi. Na podstawie badania klinicznego, dermoskopowegooraz histopatologicznego rozpoznano 30 przypadków znamionzwykłych, 38 – znamion dysplastycznych oraz 34 przypadki czerniaka.Do oceny cech fenotypowych wykorzystano kwestionariusz osobowy.Zależność pomiędzy rodzajem zmian melanocytowych a koloremoczu, włosów, fototypem skóry oraz pozostałymi parametrami ocenianoza pomocą nieparametrycznych testów ANOVA, Kruskala-Wallisa,Manna-Witneya. Za wartość istotną statystycznie przyjęto p 100 stanowili znamienną statystycznie większość (p = 0,00001 w stosunku do chorychz małą ( 100 znamion na skórze. W porównaniu z całą badaną populacją(102 osoby znamiona wrodzone (obecne vs nieobecne stwierdzonoistotnie statystycznie rzadziej u chorych z czerniakiem (u 5,88% badanych,p = 0,00440 oraz w grupie ze znamionami dysplastycznymii w grupie ze znamionami zwykłymi. Wnioski: Jasne włosy, oczy oraz jasny fototyp skóry stanowią dominującecechy fenotypowe u chorych na czerniaka skóry. Wśród pacjentówz łagodnymi zmianami

  3. Un taccuino a forma di strada. Su "Einbahnstrasse" di Walter Benjamin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pier Giovanni Adamo

    2016-05-01

    Full Text Available La poetica di F. Schlegel ha realizzato una storicizzazione della teoria dei generi letterari sostituendo alla dicotomia del classicismo tra forma e contenuto una distinzione tra forma e spirito, secondo cui i materiali linguistico-tematici rappresentano i precipitati di quest’ultimo. Riprendendo questa intuizione di P. Szondi, potremmo affermare che, nella modernità letteraria, l’ibridazione è il processo di transizione dei materiali attraverso le forme. Un’opera tanto esemplare quanto strutturalmente rilevante, nell’orizzonte dell’ibridazione, è Einbahnstraße di Walter Benjamin, dove i materiali più disparati sono combinati a modellare una forma innovativa. Vi si mescolano stilemi della poesia in prosa, narrazione diaristica, (antimetodo surrealista, satira e intuizioni filosofiche. L’unicità, d’altra parte, risiede innanzitutto nell’essenza metacritica del procedimento organizzativo del libro: il frammentismo sistematico è un’applicazione pratica della teoria allegorica del montaggio, descritta nell’Ursprung des deutschen Trauerspiels. Il saggio si propone di leggere il testo come «un taccuino a forma di strada», anche per indagarne il valore di prologo al Passagenwerk, nato dall’avida lettura del Paysan de Paris di Aragon: istituisce un confronto per rilevare, nell’affinità di fondo, la  diversità di approccio tra il pensatore tedesco e il surrealismo, distinguendo tecniche di assemblaggio e ruolo dell’immaginario nell’uso di pubblicità e altri oggetti metropolitani. L’intenzione di una simile analisi di Einbahnstraße è dimostrare che Benjamin combina modelli letterari (Baudelaire, Proust, Kraus su tutti con i nuovi linguaggi artistici e le strategie discorsive della stampa per creare un’«immagine dialettica» dell’esistenza nel XX secolo.Friedrich Schlegel’s poetics realized a historicisation of literary genres theory by replacing classicist dichotomy between form and content with a

  4. Mussel tissue (T-31) - A new analytical quality control material for the determination of mercury and arsenic in mussels

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gawlik, B. [Joint Research Centre Ispra, Ispra, Varese (Italy). Environment Institute]|[Muenchen, Technische Universitaet (Germany). Lehrstuhl fuer Oekologische Chemie und Umweltanalytik; Druges, M. [Thomson Microelectronics, Crolles (France); Bianchi, M.; Muntau, H. [Joint Research Centre Ispra, Ispra, Varese (Italy). Environment Institute; Bortoli, A. [ULSS 12, Venice (Italy). Presidio Multizonale di Prevenzione; Kettrup, A. [Muenchen, Technische Universitaet (Germany). Lehrstuhl fur Oekologische Chemie und Umweltanalytik]|[GSF Forschungszentrum fuer Umwelt und Gesundheit, Oberschleissheim (Germany). Inst. fuer Oekologische Chemie

    1998-05-01

    The use of filter-feeding molluscs for the monitoring of selected contaminant levels in the marine environment is well-known in the scientific community. In the order to assure the quality of those analysis and to prepare laboratories for accreditation procedures certified reference materials and proficiency testing campaigns were introduced. However, there is still a need for the introduction of suitable analytical quality materials of high quality which can be used on a daily basis. This paper therefore describes the preparation of a mussel tissue material for the internal quality control of Hg and As analysis in bivalves, as well as the principle of preparation and the analytical characterisation of such a material. The total concentration for arsenic (8.98 {+-} 0.67 {mu}g/g) and mercury (0.169 {+-} 0.005 {mu}g/g) was determined by the use of different techniques. Additionally, indicative values for major constituents (C, H, N, Na, Cl, P, S, K, Mg, Ca, Si, Fe, Al, Br, Zn, Sr) and some trace elements (Cu, Cd, Pb, Ni) were measured. [Italiano] L`uso di molluschi filtratori nel monitoraggio dei livelli di contaminazione in ambiente marino e` ben noto in ambito scientifico. Per assicurare la qualita` di queste analisi e preparare i laboratori alle procedure di accreditamento e stato introdotto l`uso di materiali di riferimento certificati accoppiato alla partecipazione a campagne di controllo interlaboratoriale. Attualmente non sono ancora disponibili materiali di riferimento appropriati e di alta qualita`, che possano essere usati su base quotidiana. Questo lavoro descrive la preparazione di un materiale di riferimanto di cozze da usare come mezzo di controllo di qualita` interna e i principi di preparazione e di caratterizzazione analitica di un materiale di questo tipo. La concentrazione totale dell`arsenico (8.98 {+-} 0.67 {mu}g/g) e del mercurio (0.169 {+-} 0.005 {mu}g/g) sono state determinati mediante l`uso di differenti tecniche. Sono stati in oltre misurati

  5. Buone pratiche didattiche per prevenire falsi positivi nelle diagnosi di discalculia: il progetto “PerContare”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Ethelwyn Baccaglini-Frank

    2015-12-01

    Full Text Available Per contrastare il fenomeno dei falsi positivi nelle diagnosi di discalculia in Italia, tra i bambini di terza elementare, è stato realizzato un progetto triennale (2011-2014, fondato sulla collaborazione tra ricercatori in psicologia e didattica della matematica. Durante il progetto sono state elaborate e sperimentate pratiche didattiche atte a prevenire e affrontare difficoltà di apprendimento nell’ambito dell’aritmetica all’inizio della scuola primaria. In questo articolo vengono discusse le basi su cui si fonda il progetto, in particolare le basi scientifiche dei materiali didattici elaborati, di cui verranno proposti alcuni esempi. Tali esempi sono prototipici rispetto all’attenzione verso un approccio cinestetico-tattile e visuo-spaziale alla matematica. Le pratiche didattiche proposte hanno portato gli studenti ad interiorizzare relazioni parte-tutto e a pensare alla moltiplicazione in maniera strutturale, attraverso appositi diagrammi. Saranno forniti dati quantitativi e discussi brevemente dati qualitativi che confermano l’efficacia delle pratiche didattiche proposte.

  6. Release of asbestos fibers from asbestos cement products. Simulating in operating conditions and in landfills; Rilascio di fibre di amianto da manufatti in cemento amianto: simulazioni in condizioni operative e in condizioni di interramento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Plescia, P. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Rome (Italy). Ist. Trattamento Materiali; Maccari, D. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Milan (Italy). Ist. per la Tecnolgia dei Materiali e dei Processi Energetici; De Stefano, L. [ENEL Ricerca, Brindisi (Italy). Area Ambiente; Paglietti, F.

    2000-02-01

    An investigation on samples of asbestos cement roofs chemically weathered was carried out to verify the possibility of release of fibers in atmosphere and in the ground, during the utilization and in landfill. The results point out that the asbestos cement roofs constitutes heavy potential font of pollution from fibers of asbestos on the territory and that the simple burial in landfill for domestic or inert wastes can, in the long run, increase the risk of release of fibers in groundwater and in atmosphere. [Italian] In questo lavoro sono stati testati i materiali di cemento amianto per verificare la possibilita' di rilascio di fibre in atmosfera e nel suolo, in due momenti di vita del materiale: durante l'impiego e durante l'interramento in discarica. I risultati indicano che il cemento amianto costituisce la maggiore fonte di inquinamento da fibre di amianto sul territorio e che il semplice interramento in discariche per rifiuti inerti puo', a lungo andare, aumentare il rischio di rilascio di fibre, sia in falda sia in atmosfera.

  7. Experience of using Xenical for pilots

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A S Ametov

    2008-06-01

    Full Text Available Lack of exercise, hypoxia, stress, constant psychological stress, longer shifts, a violation of the feeding process contribute to the development of metabolic disorders. Thus, persons Summer Special can be seen as a model for the study of risk factors for type 2 diabetes and the development of optimal preventive measures that determined the relevance and purpose of the study. The purpose of research - to evaluate the effectiveness of the correction of overweight and disorders of carbohydrate and lipid metabolism in patients with risk factors for type 2 diabetes. For the correction of body weight was used Orlistat (Xenical - specific inhibitor of gastrointestinal lipases, acting locally in the lumen of the gastrointestinal trakta.Materialy and methods The study was performed at the Central Clinical Hospital of Civil Aviation. The study found that those aircrew who are overweight are at high risk of developing type 2 diabetes, which is due on the one hand, metabolic disorders due to abdominal obesity, and on the other - especially the professional activity (physical inactivity, a violation of the process food, emotional stress. As an effective therapy to persons aircrew appropriate to recommend treatment with Xenical against the background of a moderately hypocaloric diet combined with the expansion of physical activity.

  8. Planning and realisation of modular transportable unity for the analysis of the asbestos on site; Progettazione e realizzazione di unita' modulari trasportabili per l'analisi dell'amianto in situ

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Stefano, L.; De Luca, F. [ENEL Produzione Spa, Ricerca, Brindisi (Italy)

    2001-01-01

    The control of the asbestos pollution in the environment is due to the existence on the national territory of unauthorized landfills, industrial contaminated sites, ophiolites mines that determine situations sometimes critic and, however, must be kept under control. In this work is presented the realization, with the contribution of European Union, of a mobile laboratory for the onsite analysis of the asbestos containing materials and of the airborne fibers. The way of realization and its equipment make it usable in red zone and satisfy the analytical load requested from the control operations. [Italian] Il controllo dell'inquinamento da amianto nell'ambiente e' legato all'esistenza sul territorio nazionale di discariche abusive, siti industriali dismessi contaminati, miniere di ofioliti che determinano situazioni talvolta critiche e comunque da tenere sotto controllo. In questo lavoro viene presentata la realizzazione, con il contributo della UE (Unione Europea), di un laboratorio mobile per l'analisi in situ dei materiali contenenti amianto e delle fibre aerodisperse. Le modalita' di realizzazione e le attrezzature di cui e' dotato lo rendono impiegabile in zona rossa e soddisfare il carico analitico richiesto dalle operazioni di controllo.

  9. Una riconsiderazione sul ripostiglio di S'Adde 'e S'Ulumu-Usini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Merella

    2012-12-01

    Full Text Available In this poster the author presents the results of a study on several pieces of ashlar masonry were recently discovered in a locale called S'Iscia 'e Su Puttu, indicating the likely presence of sacred place belonging to the Nuragic - Bronze and Early Iron Age - phase. It is located very close to the site of S'Adde 'e S'Ulumu, where an important hoard of bronze objects was found, once considered to belong to a single individual for the absence of any clear archaeological context. This hoard acquires a new dimension thanks to the new data presented here: it could have reasonably been part of a set of ritual activities carried out in a sacred area formed of buildings and spaces between them, a common pattern in Sardinian communities during the Early Iron phase. This poster was presented at the Workshop Materiali e contesti dell'Età del Ferro sarda (Materials and contexts in the Sardinian Iron Age, organised by the University of Glasgow and the Comune di San Vero Milis on the 25th of May 2012, and supported for by the Royal Society of Edinburgh, the Comune di San Vero Milis, the University of Glasgow and the Carnegie Trust of the Universities of Scotland.

  10. Infrastrutture e pianificazione paesaggistica nel rinnovato Codice dei Beni culturali e del Paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Saverio Santangelo

    2012-08-01

    Full Text Available Le infrastrutture agiscono sul paesaggio con effetti sia diretti, e spazialmente limitati, che indiretti, e non precisamente limitati nello spazio e nel tempo. Gli effetti indiretti, in particolare, riguardano anche le infrastrutture che non vediamo, perché nel sottosuolo, o di cui vediamo solo gli elementi puntuali e materiali di reti prevalentemente immateriali. In quest’ultimo caso si tratta dei sistemi di flusso delle informazioni, che oggi e ancor più in prospettiva, insieme ai sistemi per la produzione locale di energia (segnatamente fotovoltaico ed eolico, rafforzano le tendenze all’indifferenza dei fattori localizzativi di attività e residenze. Tutto questo da un lato consente riduzioni dei suoli impegnati e, per alcuni versi, la stessa salvaguardia del paesaggio (possono ridursi le reti fisiche per il trasporto di energia elettrica e gas, ed esempio, ma dall’altro favorisce nuove domande di suolo a fini urbanizzativi e di infrastrutture, non soltanto stradali, per servire ed accedere alle nuove aree interessate dalla domanda, e quindi comporta altri impatti sul paesaggio.

  11. BIM-based Modeling and Data Enrichment of Classical Architectural Buildings

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Ivan Apollonio

    2012-12-01

    Full Text Available EnIn this paper we presented a BIM-based approach for the documentation of Architectural Heritage. Knowledge of classical architecture is first extracted from the treatises for parametric modeling in object level. Then we established a profile library based on semantic studies to sweep out different objects. Variants grow out from the parametric models by editing or regrouping parameters based on grammars. Multiple data including material, structure and real-life state are enriched with respect to different research motivations. The BIM models are expected to ease the modeling process and provide comprehensive data shared among different platforms for further simulations.ItIn questo articolo è presentata una procedura definita nell'ambito dei sistemi BIM con l'obiettivo di documentare il Patrimonio Architettonico. I dati conoscitivi relativi all'architettura classica sono, in una prima fase, ottenuti dai trattati al fine di modellare in maniera parametrica a livello di oggetti. Successivamente è stata definita una libreria di profili, basata su principi semantici, dalla quale è possibile ottenere oggetti differenti. Dati di natura differente, relativi ad esempio ai materiali, alle strutture, allo stato di fatto, sono implementati in funzione delle differenti esigenze. I modelli BIM hanno la potenzialità di facilitare le procedure di modellazione e di fornire informazioni e dati completi che possono essere condivisi tra piattaforme differenti per ulteriori simulazioni ed analisi.

  12. Anti-Ro and anti-La autoantibodies induce TNF-α production by human salivary gland cells: an in vitro study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. Mitolo

    2011-09-01

    Full Text Available Obiettivo: Lo scopo di questo studio è stato valutare la produzione di TNF-α, induttore della via estrinseca del processo apoptotico, in seguito al trattamento con gli autoanticorpi anti-Ro ed anti-La isolati da pazienti con sindrome di Sjögren primaria in un modello sperimentale rappresentato dalla linea cellulare di ghiandole salivari umane, A- 253. È stata, inoltre, valutata la presenza sulla superficie di tali cellule di recettori specifici per tale induttore, TNFR1 e TNFR2. Materiali e metodi: Gli autoanticorpi anti-La ed anti-Ro sono stati purificati su una colonna cromatografia ad alta affinità. Le metodiche utilizzate per la valutazione della produzione di TNF-α e lo studio dei recettori di superficie sono state immunofluorescenza, RT-PCR e saggi immunoenzimatici. Risultati: I nostri risultati hanno dimostrato che le cellule A-253 esprimono in superficie i recettori TNFR1 e TNFR2 e che gli autoanticorpi anti-Ro e anti-La sono in grado di indurre la produzione di TNF-α nelle stesse cellule. Conclusioni: Il trattamento con gli autoanticorpi anti-Ro ed anti-La induce la produzione di TNF-α in cellule di ghiandole salivari umane e questo potrebbe spiegare la attivazione della via estrinseca della apoptosi.

  13. Note di fotonica

    CERN Document Server

    Degiorgio, Vittorio

    2012-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le più importanti applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blue-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali, l’illuminazione con i LED e la chirurgia. Questo volume ha come obiettivo quello di colmare un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Lo scopo principale è quello di esporre in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, e di descrivere i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplificatori, i modulatori e i rivelato...

  14. [Diagnosis and differential diagnosis in psychiatry and the question of situation referred prognostic diagnosis].

    Science.gov (United States)

    Meyendorf, R

    1980-01-01

    To diagnose--in its true meaning--is a search for etiology. The different sides of psychiatric diagnoses in this century do reflect the various attempts of this search. Examples are: Kraepelin's concept of etiological unity (morbus) of a disease, Bonhoeffer's attempt of separating exogenous from endogenous psychoses, K. Schneider's definition of psychiatric illness in terms of medical disease, Kretschmer's and Rümke's multidimensional diagnoses and Essen-Möller's principle of separating (postponing) etiology from psychopathological syndromes. The situationa prognostic diagnosis plays its main role in everyday diagnosing. It presupposes that one can recognize, distinguish and differentiate between different symptoms and diseases. The decision for a specific treatment reveals which etiology one thinks to be the main one. It presupposes that one has constantly to consider the kind, the severity and the course of psychiatric disease, Nosological thinking is necessary. The term etiology has a twofold meaning in Greek. 1. cause = causa and 2. accusation, guilt = culpa. In diagnosing psychiatric illnesses this double aspect plays an important role, though unconsciously and unwillingly. Though somatogenic (metabolic) as well as psychogenic (reactive) etiologies are etiologies in the sense of causa there is a fundamental difference between them. They have a common causa materialis but a different causa efficiens. In the first instance it is the non-personal side (related to pure matter), in the second instance the personal side which makes the difference. Only a person can be responsible. Where responsibility does play a role, there also accusation and guilt play a role.

  15. Analysis of xanthines in beverages using a fully automated SPE-SPC-DAD hyphenated system

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Medvedovici, A. [Bucarest Univ., Bucarest (Romania). Faculty of Chemistry, Dept. of Analytical Chemistry; David, F.; David, V.; Sandra, P. [Research Institute of Chromatography, Kortrijk (Belgium)

    2000-08-01

    Analysis of some xanthines (caffeine, theophylline and theobromine) in beverages has been achieved by a fully automated on-line Solid Phase Extraction - Supercritical Fluid Chromatography - Diode Array Detection (Spe - Sofc - Dad). Three adsorbents have been tested for the Spe procedure: octadecyl modified silicagel (ODS) and two types of styrene-divinylbenzen copolymer based materials, from which Porapack proved to be the most suitable adsorbent. Optimisation and correlation of both Spe and Sofc operational parameters are also discussed. By this technique, caffeine was determined in ice tea and Coca-Cola in a concentration of 0.15 ppm, theobromine - 1.5 ppb, and theophylline - 0.15 ppb. [Italian] Si e' realizzata l'analis di alcune xantine (caffeina, teofillina e teobromina) mediante un sistema, in linea, completamente automatizzato basato su Estrazione in Fase Solida - Cromatografia in Fase Supercritica - Rivelazione con Diode Array (Spe - Sfc - Dad). Per la procedura Spe sono stati valutati tre substrati: silice ottadecilica (ODS) e due tipi di materiali polimerici a base stirene-divinilbenzene, di cui, quello denominato PRP-1, e' risultato essere il piu' efficiente. Sono discusse sia l'ottimizzazione che la correlazione dei parametri operazionali per la Spe e la Sfc. Con questa tecnica sono state determinate, in te' ghiacciato e Coca-Cola, la caffeina, la teobromina e la teofillina alle concentrazini di 0.15, 1.5 e 0.15 ppm.

  16. La materia dei sogni Sbirciatina su un mondo di cose soffici (lettore compreso)

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2010-01-01

    Dall’aria che respiriamo ai cibi di cui ci nutriamo, dai vestiti che indossiamo ai detersivi con cui li laviamo, dai colori con cui dipingiamo agli schermi su cui li guardiamo, la nostra realtà quotidiana brulica di cose troppo piccole per essere viste, ma pur sempre enormi rispetto ai mattoni di cui è fatto il mondo, gli atomi e le molecole. Oltre ad essere alla radice di molte tecnologie di oggi e di domani, questi piccoli personaggi, ingredienti primari di quelli che gli scienziati chiamano "materiali soffici", "sistemi sovramolecolari", o " fluidi complessi", ci permettono anche di esplorare i segreti con cui la materia si organizza spontaneamente, perché anche la Vita altro non è se non l’apoteosi di questa incredibile "Terra di Mezzo", a metà strada tra le molecole e l’Uomo. Sfruttando l’esperienza scientifica accumulata dall’autore nel corso di molti anni, questo libro si propone di guidare il lettore attraverso un lungo, ma non troppo faticoso viaggio nel mondo delle nanoparticelle, dei...

  17. Prospettive sonore nell’analisi sensoriale-acustica e nella progettazione del cibo - Sound perspectives in the sensory-acoustic analysis and design of food

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Doriana Dal Palù

    2015-09-01

    Full Text Available L’articolo affronta il complesso tema della progettazione del suono del cibo, ponendo l’aspetto al centro del processo progettuale e considerandolo come un reale requisito di progetto. Sono messe in luce le potenzialità del progettare il suono, ma anche le difficoltà attuali da tenere in considerazione. Si propone l’applicazione di SounBe, una metodologia ed uno strumento brevettati che traggono origine dal mondo della psicoacustica e dell’analisi sensoriale, permettendo di confrontare attraverso una procedura standardizzata suoni di campioni di materiali o di cibi. È riportata una prima applicazione sperimentale e sono discusse le prospettive future nel mondo del cibo. ------ This paper deals with the complex theme of food sound design, focusing this issue at the core of the design process and considering it as a real project requirement. Some opportunities of sound design will be proposed, as well as some criticalities to be always considered. It will propose the application of SounBe, a patented method and tool developed drawing information from psychoacoustics and sensory analysis fields, that allows to compare by a standardized procedure the sounds produced by material samples or foodstuffs. A first experimental application of the method will be presented and, in conclusion, several future perspectives in the world of food will be discussed.

  18. REKONSTRUKSI PENDIDIKAN PESANTREN SEBAGAI CHARACTER BUILDING MENGHADAPI TANTANGAN KEHIDUPAN MODERN

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mohammad Muchlis Solichin

    2012-07-01

    Full Text Available Abstrak: Sebagai lembaga pendidikan tertua dan asli (indegenous Indonesia, pesantren menampilkan suatu sistem pendidikan tradisional dengan mempertahankan tradisi dan tetap berlandaskan pada nilai-nilai dan ajaran Islam. Dalam perkembangannya, banyak pesantren yang menyelenggarakan pendidikan madrasah dan sekolah sebagai respon pesantren terhadap perkembagan dan perubahan yang terjadi di masyarakat. Dengan dikenalnya pendidikan sekolah dan madrasah, maka pesantren sebagai lembaga character building menghadapi berbagai tantangan kehidupan modern yang cenderung materialis, oportunis, dan hedonis. Untuk itu, pesantren harus mampu merumuskan pendidikan yang berorientasi pada penamanaman nilai-nilai keislaman yang berdasarkan pada fithrah (potensi dasar peserta didik.   Abstract: As the oldest and indegenous educational institution of Indonesian, pesantren featuring a traditional education system, maintains the tradition while still being based on the values ​​and teachings of Islam. In its development, many pesantrens adopt madrasah and school as education systems to respond the development and changes in society. Through the adoption of school and madrasah, pesantren as character building institution has to face modernity which tends to be materialistic, oppurtunistic, hedonic. For this reason, pesantren should be able to formulate its education by implementing Islamic values ​​ based on the human nature (basic potential.   Kata Kunci: Pendidikan, pesantren, character building, modern

  19. Fasi finali e riutilizzo di età storica nel Nuraghe Cuccurada di Mogoro (OR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Atzeni

    2017-01-01

    Full Text Available Riassunto: Nel sito archeologico in località Cuccurada, in territorio comunale di Mogoro, le ricerche hanno evidenziato un insediamento pluristratificato, con fasi di occupazione del Neolitico recente (cultura di Ozieri, dell’Eneolitico (cultura di Monte Claro e delle Età del Bronzo e del Ferro, con un riutilizzo dell’area in epoca romana e medievale. Il complesso è già abbastanza noto in letteratura, ma ancora parzialmente inedito per quanto riguarda i materiali e i dati di scavo. Nel presente contributo si vuole presentare nel dettaglio le diverse fasi di occupazione del sito, soprattutto in relazione ai momenti finali della frequentazione protostorica (Bronzo Finale/I Ferro ed alla rioccupazione del complesso in età romana e medievale. Abstract: In the archaeological site of Cuccurada, in the territory of Mogoro, the researches have evidenced a pluristratified settlement, with phases of occupation of the recent Neolithic (culture of Ozieri, of the Eneolithic age (culture of Monte Claro and of the Bronze and Iron Ages, with a re-use of the area in roman and medieval period. The complex is already enough famous in literature, but still partially unknown regarding the materials and the excavation data. In the present work we want to present in detail the different occupation phases of the site, especially in relationship to the final moments of the proto-historic frequentation (Final Bronze/I Iron Age and to the last re-use of the complex in Roman and medieval age.

  20. Le Terme a sud del Pretorio di Gortina. Produzione e circolazione dei contenitori da trasporto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria De Aloe

    2010-03-01

    Full Text Available La posizione centrale nell’Egeo ed i pochi giorni di navigazione dall’Africa e dall’Egitto, come dalla Siria e Palestina, hanno reso la città di Gortina, e Creta stessa, un punto nevralgico all’interno delle rotte commerciali di collegamento e distribuzione di beni tra le sponde del Mediterraneo. Lo studio delle anfore rinvenute nelle campagne di scavo 2003-2006 presso le Terme a sud del Pretorio, ed il necessario confronto con le grandi quantità di materiali provenienti soprattutto dai contesti del Pretorio confermano questa intricata rete commerciale. Già tra Ellenismo e prima età imperiale romana, Gortina svolse una funzione di mercato di raccolta e probabilmente di smistamento delle merci provenienti dall’Occidente e dall’Egeo, assumendo poi nella piena età imperiale, un ruolo sempre più attivo nella produzione delle stesse. La mutata situazione socio-economica dell’età tardo romana - bizantina, nonché la fondazione di una nuova capitale, Costantinopoli, portò Creta e Gortina ad avere scambi commerciali e collegamenti intensi soprattutto con le aree orientali del Mediterraneo privilegiando l’importazione di prodotti dall’esterno.

  1. TRA LINGUA E CULTURA: LA COMPETENZA PRAGMATICA INTERCULTURALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano Mariani

    2015-07-01

    Full Text Available Le interazioni sociali, verbali e non verbali, sono sempre regolate da norme culturali, per lo più implicite, il cui rispetto costituisce un presupposto di una comunicazione efficace. La competenza pragmatica interculturale studia queste norme e come esse condizionano i comportamenti comunicativi. Il contributo, dopo aver esaminato il ruolo di questa competenza nell’ambito più generale della competenza comunicativa, illustra il rapporto tra forme linguistiche e norme culturali, in particolare nella realizzazione degli atti linguistici e delle loro sequenze. Vengono quindi prese in considerazione le implicazioni pedagogiche e le possibili applicazioni didattiche nel processo di apprendimento e di insegnamento di una lingua seconda o straniera, fornendo da ultimo alcuni esempi di attività e materiali.Between language and culture: intercultural pragmatic competenceSocial interactions, both verbal and non-verbal, are always governed by (usually implicit cultural norms, which are a prerequisite of effective communication. Intercultural pragmatic competence studies such norms and how they impact on communicative behaviours. This paper first examines the role of this competence within the scope of communicative competence. The relationship between language forms and cultural norms is then explored, with particular reference to the realization of speech acts and their sequences. Finally, pedagogical implications and possible teaching applications are discussed in the context of second and foreign language learning and teaching, together with some examples of relevant activities and materials.

  2. Confessions of a Heretic Pop. Conversation with Angelo Liberati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Cocco

    2016-07-01

    Full Text Available Conversazione con Angelo Liberati è un intervista rilasciata a chi scrive presso lo studio dell'artista, nel quartiere di Castello a Cagliari. In questo luogo evocativo, che tanto ha in comune con le sue opere per la ricchezza che lo contraddistingue, Liberati si è consegnato ad una chiacchierata a cuore aperto, quasi un flusso di coscienza, la 'confessione' di un 'realista' emerso dalla generazione pop. Una lettura consapevole e sincera della sua vita e delle sue opere, che si è rivelata una testimonianza viva, vibrante e partecipe degli anni della sua infanzia e della sua giovinezza, della scoperta dell’arte e dell’incontro con i suoi maestri, delle sue riflessioni e dei suoi ricordi sul mondo artistico a lui contemporaneo, della sua fascinazione per il mondo del cinema, ma anche di una lucida analisi della sua carriera artistica e di quelle difficoltà materiali e pratiche della vita del pittore nel mondo contemporaneo. Come per le sue opere in cui allestisce tutte le sue memorie, dalle ruminazioni colte ai ricordi personali e quotidiani, anche in questa 'confessione' occorre provare a ristabilire i nessi, ricongiungere passi lontani, che tuttavia si integrano, e catturare, pur nel frammento, qualcosa di profondo e di imprescindibile per leggere e comprendere la ricca produzione dell'artista.

  3. L’incontro di Bruno Munari con la didattica attiva. I fondamenti pedagogici dei laboratori "Giocare con l’arte".

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Panizza

    2009-07-01

    Full Text Available Il saggio affronta il tema: quali idee pedagogiche hanno influenzato la progettazione dei laboratori "Giocare con l’arte", ideati da Bruni Munari negli anni Settanta e destinati a trasformare profondamente il modo d’intendere la didattica museale e l’educazione estetico-artistica. L’ipotesi dell’autrice è che questi laboratori riprendano alcuni principi dell’attivismo pedagogico, a cui Munari non fa però esplicito riferimento nei suoi scritti. Per questo motivo, il saggio cerca di ricostruire gli incontri più significativi che possono aver mediato l’approccio alla didattica attiva, soffermandosi in particolare sui rapporti di collaborazione intessuti da Munari con lo scrittore Gianni Rodari e con il pedagogista Giovanni Belgrano. Sia Rodari, sia Belgrano erano legati – seppure con diverse modalità – al Movimento di Cooperazione Educativa, che si proponeva di rinnovare la scuola italiana ispirandosi alla pedagogia deweyana. Attraverso la loro mediazione, Munari può essersi avvicinato all’attivismo, di cui condivideva peraltro molteplici assunti: dall’esigenza di promuovere la creatività del bambino, mediante la sperimentazione di materiali e tecniche, alla concezione dell’educatore come animatore delle attività volte alla padronanza dei saperi. In tal senso, il saggio si propone anche di mostrare la continuità esistente tra questa linea teorica e la riflessione sulla democratizzazione dell’arte intrapresa da Munari già nel 1948, con la fondazione – insieme ad altri artisti – del Movimento Arte Concreta.

  4. Citra Perempuan Jawa Dalam Cerita Pendek Majalah Berbahasa Jawa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yulitin Sungkowati

    2012-06-01

    Full Text Available Tulisan ini bertujuan mendeskripsikan citra perempuan Jawa dalam cerita pendek ma­ jalah berbahasa Jawa dengan pendekatan feminis. Sumber data yang digunakan dipilih secara purposive, yaitu cerita pendek yang menokohkan perempuan dan membicarakan persoalan perempuan dalam majalah berbahasa Jawa Panjebar Semangat yang terbit setelah bergulirnya re­formasi tahun 1998. Pemilihan terbitan sejak tahun 1998 karena sejak itulah terjadi perubahan sosial budaya yang cukup signifikan di Indonesia. Penelitian ini menghasilkan temuan sebagai berikut. Majalah berbahasa Jawa Panjebar Semangat yang terbit di era reformasi menampilkan citra perempuan aktif, citra perempuan pelawan, citra perempuan materialis, citra perempuan korban, dan citra perempuan penggerak pembangunan. Abstract: The aim of this paper is to describe Javanese women image in the short story of Javanese magazines using feminist approach. The source of data used are purposively selected, those are short stories characterizing woman and discussing the woman issues in the Javanese magazine Panjebar Semangat published after the reformation in 1998. Publication since 1998 was selected because, in Indonesia, it was the period that the significant social­cultural change took place. The study found the following findings. Javanese magazine, Panjebar Semangat, published in the reformation era showed the image of active women, rebellion women, materialistic women, victim women, and the image of development mover. Key Words: image, Javanese women, feminist

  5. La correlazione di immagini per la generazione di modelli 3D per il patrimonio costruito

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filiberto Chiabrando

    2013-06-01

    Full Text Available I modelli dettagliati 3D derivati dalle tecniche di rilievo metrico digitale vengono impiegati con crescente sviluppo in moltissimi campi applicativi, dal rilievo del territorio e delle aree urbane, per i quali sono stati testati e messi a punto processi di elaborazione di dati satellitari o aerei, ai beni paesaggistici strettamente correlati al territorio fino alla sfera dei Beni Culturali. L’elevato dettaglio ottenibile delle superfici e la loro accuratezza li rende particolarmente stimati per un largo insieme di finalizzazioni. Questo contributo esamina in particolare i cosiddetti sensori passivi e i relativi sistemi di correlazione d’immagine, poiché l’efficacia dei modelli ottenibili, il basso costo e la ricchezza d’informazione offerta, rendono questi modelli di importanza strategica nei settori caratterizzati da scarse risorse come quello dei Beni Culturali. Dopo una breve rassegna dei metodi disponibili, è riportato un esame dell’applicazione degli algoritmi di base implementati in due diffusi software; a corredo alcune valutazioni circa le strategie di matching in riferimento alle geometrie di acquisizione, alle tipologie di materiali e finiture superficiali degli oggetti rilevati. Una sezione sperimentale finale descrive alcuni test ed una loro lettura critica per la comparazione di differenti soluzioni da riferire a diversi casi studio.

  6. Lo Sport e le sue storie: l'esperienza aquilana, quando lo sport supera l'emergenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pasini

    2013-04-01

    Full Text Available Tale progetto di ricerca, della durata di 12 mesi (da luglio 2010 a luglio 2011 e commissionato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali , intende ricostruire il tessuto sociale di 400 giovani delle scuole secondarie di I e II livello de L’Aquila e provincia attraverso lo sport. Tessuto sociale leso e sfaldato in seguito all’evento sismico che il 6 aprile 2009 colpì il capoluogo abruzzese, in cui oltre all’improvvisa e immediata perdita di tutti i beni materiali sono venuti meno anche i canali di socializzazione primari e secondari. Una quotidianità da ricostruire anche e soprattutto attraverso il concetto di attività sportiva volta, in questo caso più che mai, alla realizzazione di cittadinanza, partecipazione, formazione umana, integrazione e coesione sociale. Con particolare attenzione agli sport di squadra che permettono uno sviluppo affettivo, cognitivo, relazionale e una maggiore comprensione/costruzione della propria personalità. Dunque lo sport come strumento principe per l’inclusione sociale, in quanto gioco che esalta l’armonia e le dinamiche di cooperazione. Lo sport, in generale, va considerato un fatto sociale; è un fenomeno sociale, un sistema culturale - che agisce tra comunicazione, economia e politica - e si presenta come una costruzione sociale. Costruzione generata da significati e rappresentazioni collettive.

  7. Rappresentazioni digitali al tratto: tecniche visuali per un utilizzo avanzato del CAD

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Garagnani

    2006-12-01

    Full Text Available Il vasto panorama esistente di prodotti software destinati al mondo del disegno architettonico, rischia di compromettere quell'individualità che distingue lo stile di rappresentazione del progettista puro. La consuetudine moderna alla rappresentazione tridimensionale fotorealistica a tutti i costi, dove tessiture di materiali e contrasti di luci ed ombre sono a volte talmente esasperati da avere ben poco del fotografico, ha condotto a trascurare le più tradizionali visualizzazioni al tratto, ancora importanti per la loro intrinseca chiarezza esplicativa e visuale delle forme. Non sono pochi infatti i software di nuova produzione che implementano con discutibile disinvoltura motori di rendering più o meno realistici, ma che non sono in grado di presentare disegni prospettici od assonometrici formalmente corretti e gradevoli. Il tracciamento assistito tuttavia può essere un valido strumento di sviluppo anche per tecniche visuali più classiche; in questo breve scritto verranno analizzati due metodi per ottenere questo tipo di elaborati con un pacchetto di disegno digitale standard come AutoCAD.

  8. La materia e il cielo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Zermani

    2012-06-01

    Full Text Available Il testo che l’architetto Paolo Zermani propone per questo convegno si articola in tre parti. La prima è premessa ai due esempi proposti dalla propria vasta attività di progettista. Si tratta di mettere a sbalzo la liminalità dello spazio sacro, ossia il suo costruirsi al limite tra terra e cielo, confine materiale di più ampia significanza simbolica, tra fisica e metafisica, tra elementi evocativi, comunque materiali, e il “cielo dei cieli” di cui parla Agostino.  Intersezione di queste valenze è ancora il tipo architettonico, nella sintesi tra oriente ed occidente offerta dalla cultura romana e dalla forma della croce.Il significato del paesaggio nella composizione dell’architettura è esemplificato nella descrizione di due progetti: il Cimitero di Sansepolcro e il Nuovo Tempio per la Cremazione di Parma, il primo innestato nel Paesaggio Collinare di Piero della Francesca, il secondo incastonato nelle maglie della Limitatio Romana della pianura padana in prossimità di Valera, recinto sacro e nuovo altare della città di Parma. (abstract a cura di Luigi Bartolomei

  9. Online Pornography. The panopticon and its pleasures

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Walter Stefano Baroni

    2015-05-01

    Full Text Available L’articolo affronta la questione della pornografia online, concentrandosi su alcuni dei suoi grandi hub presenti sulla rete, come xnxx.com, youporn.com e worldsex.com, cercando di ottenere una comprensione più ampia dell’esperienza che offrono ai loro fruitori.  A partire da una prospettiva foucaultiana e dalle nozioni di panopticon e disciplina, il saggio cerca di proporre una descrizione thick dell’hardcore digitale. Seguendo le indicazioni di Geertz, per cui i testi culturali possono essere intesi solo a partire da un’attenta lettura del contesto semiotico in cui sono inseriti, i materiali pornografici online sono analizzati non solo nelle loro dimensioni testuali, ma anche in quelle paratestuali. In questo modo, gli hub del porno cambiano aspetto. Non più semplici canali di distribuzione di sesso da guardare, ma spettacoli disciplinari, nei quali i corpi sono sottoposti a una disciplina anarchica di estrazione del piacere. Le pratiche disciplinari in questione si svolgono in un mondo privo di uno spazio e di un tempo preciso, dando così forma alla rappresentazione di una società utopica, il cui centro è il corpo della vittima come superficie infinitamente lacerabile.

  10. IL WEB E L’OFFERTA FORMATIVA PER L’AUTOAPPRENDIMENTO DELL’ITALIANO L2 PER STUDENTI DI LIVELLO A2/B1

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Santalucia

    2014-07-01

    Full Text Available Partendo dall’assunto che la competenza digitale e la frequentazione di ambienti virtuali siano in crescita costante, l’articolo si propone di esplorare e cercare di valutare l’offerta formativa on-line per quanto riguarda l’italiano LS e L2. Una ricerca con la pretesa di un’analisi definitiva su quanto la rete offre a tutti i livelli di competenza linguistica sarebbe stata poco coerente, con il rischio di apparire contraddittoria, considerando la “mobilità” del web e la vastità del campo; si è pensato, quindi, di restringere l’ambito di osservazione alle necessità di un’utenza target con un livello di competenza della lingua (A2/B1, presumibilmente quella maggiormente interessata a fruire dell’offerta formativa in auto-apprendimento. Sulla base dell’utenza presa in considerazione vengono analizzati alcuni siti ritenuti particolarmente significativi per la varietà, la quantità e la qualità della loro offerta e per la loro risonanza sui motori di ricerca. L’analisi diretta dei siti selezionati è preceduta da una tabella che ne sintetizza le caratteristiche principali: uno strumento d’indagine snello che analizza la struttura del sito, la modalità con cui sono offerti i materiali e le abilità linguistiche che possono essere sviluppate con l’ausilio dei percorsi didattici proposti. Tra gli obiettivi di questo lavoro, fondamentale è quello di fornire una traccia metodologica all’insegnate di italiano L2/LS  perché possa costruirsi una sitografia di riferimento utile per reperire materiali e attività integrative da usare in classe.  The web and educational opportunities for italian l2 self-learning for  a2/b1 level students  Silvia Bartolucci and Diego Santalucia   Starting from the assumption that digital competence and the popularity of virtual environments are in constant growth, the article explores and evaluates on-line education for Italian LS and L2. A study that aims to be a definitive

  11. Biobanche in bilico tra proprietà privata e beni comuni: brevetti o open data sharing? Biobanks on Balance between Private Property and Commons: Patents or Open Data sharing?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella De Robbio

    2010-12-01

    Full Text Available

    La diffusione e la condivisione dei dati contenuti nelle Biobanche è studiato attraverso lo statuto normativo di queste istituzioni, con particolare attenzione al diritto d'autore. Queste istituzioni sono rappresentate da un complesso organizzato di campioni biologici umani con finalità diagnostiche, terapeutiche e di ricerca. Data la relativa novità dell'argomento, il loro statuto è molto controverso e particolarmente complicato è il caso dello sfruttamento di eventuali scoperte.

    La titolarità della proprietà dei materiali (cellule, tessuti o organi e la titolarità della proprietà della biobanca, intesa come entità che si occupa della gestione della banca dati, è infatti fondamentale al fine di determinare eventuali diritti su ricerche brevettabili. In Europa esiste il diritto sui generis, che stabilisce i diritti per il costitutore della banca dati, il quale stanzia un investimento economico al fine di costituire un insieme organizzato di informazioni. Tuttavia, il principale problema di questo tipo di banche dati è legato alla qualità dell'oggetto brevettabile: la materia organica, vivente ed autoreplicante.

    Al riguardo, vi è una netta contrapposizione tra coloro che spingono per la privatizzazione di questi beni biologici, al fine del loro possibile sfruttamento commerciale, e coloro che si rifanno ai modelli di open data sharing, che considerano Commons, "beni comuni", anche questo tipo di materiali organici. La tendenza generale risulta essere la seconda, proteggere il corpo umano e il suo genoma da ogni forma di sfruttamento economico, pur riconoscendo in alcuni casi la possibilità di profitti connessi con la proprietà intellettuale derivante dall'opera dell'ingegno.

    The circulation and sharing of contents in biobanks is approached with the study of the normative statutes of these institutions, with careful attention to copyright. Such institutions are an

  12. Properties and processing technologies of polymers for medical devices; Proprieta' e tecnologie di lavorazione dei polimeri utilizzati nei dispositivi medici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salernitano, E. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2000-07-01

    ortopedia, in chirurgia cardiovascolare ed in odontoiatria. Le prestazioni dei materiali utilizzati in campo medico sono valutate analizzandone le caratteristiche di biofunzionalita' e biocompatibilita'. Tali concetti sono strettamente collegati: la biofunzionalita' si riferice alle proprieta' che un dispositivo deve avere per realizzare una certa funzione dal punto di vista fisico e meccanico, mentre la biocompatibilita' alla capacita' del dispositivo di continuare a svolgere quella determinata funzione, nel o sul corpo, durante tutta la vita utile dell'impianto che puo' anche essere permanente. I numerosi metodi di trasformazione e le differenti tecniche di lavorazione dei materiali polimerici consentono di ottenere dei prodotti che soddisfano diverse proprieta' fisico-chimiche e meccaniche, come la stabilita' chimica e fisica, la biocompatibilita', la possibilita' di subire processi di sterilizzazione, il controllo della permeabilita' a gas e umidita', il controllo dei processi di biodegradazione, la resistenza all'usura ed ai carichi ciclici, la durezza. Gran parte della ricerca sara' mirata al miglioramento dell'affidabilita' e della durata dei biomateriali gia' impiegati attualmente grazie alle loro caratteristiche di biofunzionalita' e biocompatibilita'. Gli sviluppi piu' attesi nel campo dei dispositivi medici sono relativi alla produzione di organi bioartificiali, in cui i biomateriali facciano da supporto per la crescita cellulare tridimensionale, utilizzando le competenze dell'ingegneria tissutale.

  13. Women's voices in English course-books in Italy: a diachronic survey from the 50s to the 80s

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Vettorel

    2014-03-01

    Full Text Available Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 Abstract English language teaching materials usually reflect both the explicit and the implicit attitudes and beliefs of their authors, of the society and the culture of the times they live in. Attitudes and beliefs are bound to change over time and are affected by socio-cultural changes, particularly in areas such as power relationships, the image of women and that of identity construction. The first coursebook analyses in terms of women’s representations and sexist attitudes date back to the 70s and the 80s (e.g. Hartman, Judd 1978; Stern 1976; Porreca 1984; Schmitz 1975, 1984 and have been greatly influenced by language and gender studies (e.g. Sunderland 1992, 1994, 2000; Sunderland, Litosseliti 2002; Cameron 2005. This paper is aimed at presenting the results of a study on how women and their voices have been portrayed in ELT coursebooks addressed to Italian students over time. The analysis carried out in a diachronic perspective, have specifically focussed upon textbooks published between the 1950s and the beginning of the 80s in order to represent different historical perspectives. The proposed stretch in time to the 80s is aimed at investigating the most relevant shifts occurring in ELT coursebooks in the 70s as a consequence of changes in society and the influence of gender studies. The categories used to analyse the ELT materials have been: the representation (as well as the omission of women and their roles in texts and illustrations; the language used to refer to women and its role in maintaining, diminishing or reinforcing sexist values. Despite a correspondence between gender representations and ongoing changes in society, the textbooks examined appear to represent more traditional than innovative views on women. Keywords: ELT course-books, women, attitudes, gender studies, diachronic study Abstract I materiali utilizzati per l’insegnamento dell

  14. STRUMENTI E TECNOLOGIE IN RETE PER L’INSEGNAMENTO E L’APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Santalucia

    2011-02-01

    Full Text Available L’articolo analizza il processo di sviluppo delle tecnologie finalizzate alla comunicazione in rete nel web 2.0 e alcune possibilità della loro utilizzazione a fini didattici. La prima parte illustra la situazione attuale del web, con le sue risorse in ambito tecnologico e le sue peculiarità rispetto a una didattica che dovrebbe tener conto, in maniera sempre maggiore, dei nuovi strumenti di comunicazione basati sulla percezione sociale della rete.  Nella sua parte centrale, l’articolo propone alcune possibilità d’uso di strumenti web in situazioni “non ideali” - dal punto di vista della disponibilità oggettiva delle nuove tecnologie in classe - e illustra alcuni esempi di utilizzo degli stessi in situazioni, invece, “ideali”.  Tra gli strumenti oggetto di questo lavoro c’è una piattaforma didattica utilizzata per attività di apprendimento assistito dell’Italiano per Stranieri con riferimenti ai suoi strumenti di amministrazione dei contenuti, con approfondimenti sulla presentazione di attività video, audio e scrittura attraverso software di gestione e presentazione dei materiali. Oltre a fornire un quadro, si spera, concreto e sintetico delle prospettive dell’uso di strumenti in continuo divenire, un altro obiettivo dell’articolo è quello di mostrare la possibilità di uno sviluppo ulteriore della già sostanziale funzione autoriale di un docente di lingua, attraverso la creazione di materiali specifici per un corso con strumenti che possano favorirne il riutilizzo e l’aggiornamento.     Online tools and technologies for teaching and learning languages This article analyzes the development of technologies aimed at online communication in the 2.0 web ambient and a few ways they can be used for teaching. The first part describes the current situation of the Internet, with its technological resources and peculiarities with respect to teaching.  It is more and more important to keep in mind the new communication

  15. INSEGNARE ITALIANO L2 A STUDENTI STRANIERI ANALFABETI. CRITICITÀ E PROPOSTE DIDATTICHE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marinunzia Ragazzo

    2014-02-01

    Full Text Available A fronte della sempre crescente domanda di corsi di italiano L2 da parte di stranieri che possiedono una debole alfabetizzazione in lingua madre, chi insegna l’italiano come lingua seconda ad analfabeti può contare su poche indicazioni metodologiche e su un certo numero di manuali dedicati alle tecniche di letto-scrittura. Quasi inesistenti sono invece i materiali elaborati appositamente per lo sviluppo delle abilità di comprensione e produzione orale senza l’ausilio del supporto scritto.Questo contributo intende in primo luogo delineare un quadro della complessa ed eterogenea situazione di questa fascia di apprendenti “deboli”, evidenziandone da un lato le particolari caratteristiche psicologiche e cognitive legate alla scarsa alfabetizzazione in età adulta, dall’altro le restrizioni pratiche dovute all’impossibilità di servirsi del mezzo scritto. Da qui la necessità di legare l’approccio didattico alla realtà quotidiana, alla concretezza delle situazioni comunicative, all’uso di supporti alternativi a quello scritto, alla ridondanza e alla ripetizione, alla diversificazione dei compiti.La seconda parte dell’articolo si propone di rispondere al vuoto editoriale esistente per questa tipologia di apprendenti l’italiano L2 offrendo al docente una selezione di  materiali audiovisivi facilmente accessibili in rete corredati da suggerimenti didattici per il loro utilizzo dai livelli elementari (A1-A2 fino al livello intermedio (B1 delle competenze orali; si tratta di 40 video che coprono le 6 aree semantiche di base (identità e persona, cibi e bevande, abbigliamento, casa, lavoro, salute che formano un mini-percorso didattico pronto per l’uso. Teaching foreign illiterate italian l2 students. educational issues and proposalsThere is an increasing demand for Italian L2 courses for foreigners who possess weak literacy skills in their mother tongue. Italian L2 teachers for illiterate people have few methodological

  16. In vivo anticancer evaluation of the hyperthermic efficacy of anti-human epidermal growth factor receptor-targeted PEG-based nanocarrier containing magnetic nanoparticles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Baldi G

    2014-06-01

    Full Text Available Giovanni Baldi,1 Costanza Ravagli,1 Filippo Mazzantini,1 George Loudos,2 Jaume Adan,3 Marc Masa,3 Dimitrios Psimadas,2 Eirini A Fragogeorgi,2 Erica Locatelli,4 Claudia Innocenti,5,6 Claudio Sangregorio,5,7 Mauro Comes Franchini4 1CERICOL, Sovigliana-Vinci, Italy; 2Technological Educational Institute of Athens, Athens, Greece; 3Leitat Technological Center, Barcelona, Spain; 4Department of Industrial Chemistry Toso Montanari, University of Bologna, Bologna, 5Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM, 6Dipartimento di Chimica U Schiff, Università di Firenze, Firenze, 7Centro Nazionale delle Ricerche (ICCOM – CNR, Firenze, Italy Abstract: Polymeric nanoparticles with targeting moieties containing magnetic nanoparticles as theranostic agents have considerable potential for the treatment of cancer. Here we report the chemical synthesis and characterization of a poly(D,L-lactide-co-glycolide-b-poly(ethylene glycol-based nanocarrier containing iron oxide nanoparticles and human epithelial growth factor receptor on the outer shell. The nanocarrier was also radiolabeled with 99mTc and tested as a theranostic nanomedicine, ie, it was investigated for both its diagnostic ability in vivo and its therapeutic hyperthermic effects in a standard A431 human tumor cell line. Following radiolabeling with 99mTc, the biodistribution and therapeutic hyperthermic effects of the nanosystem were studied noninvasively in vivo in tumor-bearing mice. A substantial decrease in tumor size correlated with an increase in both nanoparticle concentration and local temperature was achieved, confirming the possibility of using this multifunctional nanosystem as a therapeutic tool for epidermoid carcinoma. Keywords: magnetic nanoparticles, polymeric nanocarriers, skin cancer, hyperthermia, single-photon emission computed tomography, imaging

  17. La chiesa dei Santi Sergio e Bacco, Umm as-Surab (Giordania. Risultati storico-costruttivi dall’analisi archeologica degli elevati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilento, Piero

    2014-12-01

    Full Text Available The paper illustrates the results of the archaeological investigations carried out on the still-standing structures of the church of Saints Sergius and Bacchus in the Umm as-Surab village, in northern Jordan. The building, still relatively well preserved, is considered by the scientific literature as one of the most interesting in the southern Hawrān because of some technical and structural features, among them the high tower built on the prothesis. The analysis of the material remains made possible to identify a building sequence divided into five periods and to investigate the dynamics of the constructive process. We also focused our attention on the identification of the main building techniques (walls, doors, arches and pilasters, which will be part of a broader Chrono-typological Atlas of the Hawrān region. With these new data, we have further reflected on the building typologies of the tower and the church, so trying to contribute to the current debate.[it] Il contributo di seguito presentato illustra i risultati delle indagini archeologiche effettuate sugli elevati della chiesa dei Santi Sergio e Bacco nel villaggio di Umm as-Surab, Giordania settentrionale. L’edificio, ancora relativamente ben conservato, è considerato dalla letteratura specialistica come una tra le chiese più interessanti del sud Hawrān per alcune caratteristiche tecnico-strutturali, tra cui l’alta torre costruita sulla prothesis. L’ analisi dei resti materiali ci ha permesso di individuare una sequenza edilizia suddivisa in cinque periodi e di approfondire le dinamiche di cantiere. Ci siamo inoltre concentrati sull’individuazione delle principali tecniche costruttive (murature, aperture, archi e pilastri, che faranno parte di un più ampio Atlante Cronotipologico della regione dello Hawrān. Con questi nuovi dati abbiamo ulteriormente riflettuto sulle tipologie edilizie della torre e della chiesa, cercando di contribuire al dibattito corrente.

  18. Material reenactment: The missing and replaced paintings of Malevich’s 1929 retrospective

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marie Gasper-Hulvat

    2016-12-01

    Full Text Available In 1927, Russian avant-garde artist Kazimir Malevich was recalled by Soviet authorities from Berlin, where he had received critical acclaim during a journey abroad. He returned to Moscow, leaving behind in Germany the paintings with which he had travelled. It was a cache that represented his entire painterly career. In 1929, Malevich found himself granted a retrospective exhibition at the foremost museum of Russian art in the Soviet capital, the Tretiakov Gallery. With the bulk of the material evidence of his career now missing, the artist responded by producing forty new canvases. In this article, I propose that Malevich’s exhibition of 1929 represented an attempt to materially reenact his own career, producing a counterfeit simulation of what might have happened. Furthermore, I explain how an exhibition of his work held in 2000 signifi cantly altered the scholarly discussion of the works displayed in 1929. Nel 1927, le autorità sovietiche richiamarono l’artista dell’avanguardia russa Kazimir Malevich da Berlino, dove si era recato per un viaggio all’estero e dove aveva ricevuto un’accoglienza critica. Malevich tornò a Mosca lasciando in Germania le opere con le quali aveva viaggiato, una serie che documentava interamente la sua carriera pittorica. Nella capitale sovietica gli fu dedicata, due anni dopo, una mostra retrospettiva, ospitata dal principale museo di arte russa di Mosca, la Galleria Tretiakov. Sebbene buona parte delle prove materiali del suo lavoro fosse andata perduta, l’artista rispose producendo quaranta nuove tele. Scopo di questo articolo è dimostrare come la mostra del 1929 costituisca un tentativo, da parte di Malevich, di ricostruire la sua carriera per produrre una simulazione di quello che avrebbe potuto essere. Inoltre si documenta come una mostra dedicata nel 2000 all’artista ha contribuito all’analisi critica della esposizione del 1929.

  19. Ipotesi di un calco paradigmatico slavo-romanzo: (l'imperativo-congiuntivo, uno studio fondato sul Glossario del dialetto del Torre di Jan Baudouin de Courtenay

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Liliana Spinozzi Monai

    2009-12-01

    Full Text Available Muovendo dal presupposto, teorizzato da Baudouin de Courtenay, secondo il quale il mutamento linguistico è costitutivo del linguaggio umano e pertanto la nozione di monolinguismo andrebbe superata, i dialetti sloveni di area friulana, esposti alla millenaria azione del romanzo, rappresentano un terreno ideale per gli studi sull'interferenza, in quanto rendono perspicui fenomeni da contatto altrimenti difficili da individuare. Il primo ad aver colto una tale opportunità fu lo stesso Baudouin, che visitò ripetutamente le vallate snodantisi lungo (l'attuale confine italo-sloveno, raccogliendovi materiali dialettologici solo in parte pubblicati. Uno dei complessi più notevoli rimasti inediti per oltre un secolo è costituito dal Glossario del dialetto del Torre, le cui schede risalgono agli anni 1873 e 1901. Esso registra un gran numero di prestiti e calchi romanzi, alcuni dei quali risultano del massimo interesse, perché documentano da un lato la forza incisiva di un sistema sull'altro in presenza di condizioni di natura strutturale e storico-culturale particolarmente favorevoli; dall'altro, la capacità di elaborazione originale del modello forestiero ad opera del sistema ricevente. Il contributo si concentra su un fenomeno di calco assai complesso compiuto sul friulano, che investe il sistema dell'imperativo, estraendone in maniera originale un paradigma di congiuntivo, ignoto alla grammatica slovena. Il mutamento viene seguito nelle sue varie fasi, a iniziare dalle motivazioni di ordine generale che ne stanno a monte, per passare a quelle specifiche di natura morfosintattica, connesse con l'interlingua sloveno-friulana.

  20. Modeling boron separation from water by activated carbon, impregnated and unimpregnated

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ristic, M.; Grbavcic, Z. [Belgrade Univ., Belgrade (BA). Faculty of Technology and Metallurgy; Marinovic, V. [Belgrade Univ., Belgrade (BA). Ist. of Technical Science of the Serbian Academy of Science and Arts

    2000-10-01

    The sorption of boron from boric acid water solution by impregnated activated carbon has been studied. Barium, calcium, mannitol, tartaric acid and citric acid were used as chemical active materials. All processes were performed in a chromatographic continuous system at 22{sup 0} C. Experimental results show that activated carbon impregnated with mannitol is effective in removing boron from water. The separation of boron from the wastewater from a factory for producing enameled dishes by activated carbon impregnated with mannitol was also performed. Two models have been applied to describe published and new data on boron sorption by impregnated activated carbon. Both of them are based on the analysis of boron concentration response to the step input function. This led to a mathematical model that quite successfully described impregnation effects on adsorption capacities. [Italian] E' stato studiato l'assorbimento del boro, mediante carbone attivo impregnato, da soluzioni acquose di acido borico. Quali materiali chimici attivi sono stati utilizzati: bario, calcio, mannitolo, acido tartarico ed acido citrico. Tutti i processi sono stati condotti in un sistema cromatografico continuo a 22{sup 0}C. I risultati sperimentali mostrano che il carbone attivo impregnato con mannitolo e' efficace nella rimozione del boro dall'acqua. E' anche stata effettuata la separazione del boro da acque di scarico di un'industria per la produzione di piatti smaltati mediante carbone attivo impregnato con mannitolo. Sono stati applicati due modelli per descrivere i risultati, pubblicati e nuovi, dell'assorbimento del boro mediante carbone attivo impregnato. Entrambi sono basati sull'analisi della risposta alla concentrazione di boro successivamente incrementata a stadi. Cio' porta ad un modello matematico che descrive abbastanza soddisfacentemente gli effetti dell'impregnazione sulla capacita' di assorbimento.

  1. Advanced welding for closed structure. Pt. 1 The magnetic approach

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sacripanti, A.; Paoloni, M.; Sagratella, G. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    This report describes the activities developed for the European Contract BRITE AWCS III to study the use of magnetic sensing techniques to obtain an accurate detection of the internal reinforcement of the closed steel structures employed in the shipbuilding industry. After a description of the methods, techniques and problems for the magnetic testing of materials in the conventional approach, a new method was tried to obtain the wanted results. The obtained conclusion shows that the magnetic non destructive testing approach produce very small effects to measure, are too much sensible to the anisotropy of the magnetic properties of the steel plates and to the quality of the contact with the reinforcement. This system is not flexible enough to assemble a sensing for the goal of the BRITE AWCS III. [Italian] Questo rapporto descrive le attivita' sperimentali sviluppate nell'ambito del contratto europeo BRITE AWCS III, in cui si sono utilizzate tecniche magnetiche per ottenere un preciso rilevamento dei rinforzi interni di strutture metalliche chiuse utilizzate nell'industria delle costruzioni navali. Dopo la descrizione dei metodi, delle tecniche e dei problemi riguardanti il testing magnetico dei materiali, e' stato introdotto un approccio innovativo basato su elettromagneti costruiti ad hoc. Le conclusioni ottenute mostrano che nel nuovo approccio, il testing magnetico non distruttivo produce perturbazioni troppo piccole per essere correttamente apprezzate, risulta inoltre troppo legato alle anisotropie ed alla qualita' del contatto tra piatto e web ed infine esso appare poco flessibile per soddisfare le richieste tecniche del BRITE AWCS III.

  2. ICT: interfacce tra persone e luoghi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Corinna Morandi

    2013-04-01

    Full Text Available Nonostante la diffusione del paradigma della smart city sia stata esponenziale, con l’effetto di confonderne il significato, il concetto di “città intelligente” indica comunque un tema di ricerca importante, in particolare quando venga esteso a contesti territoriali più ampi. In questo senso, la ricerca La smart region tra Torino e Milano. I servizi mobili come driver di innovazione territoriale in vista di Expo 2015 (Politecnico di Milano-Telecom Italia si propone di sperimentare l’uso delle ICT per un sistema integrato di servizi nel territorio tra Torino e Milano, anche in prospettiva di Expo 2015: una regione metropolitana valorizzata da un sistema di relazioni già attive e inserita nel contesto più ampio della city-region del Nord Italia, il cui sviluppo va legato ad una strategia di scala vasta, declinabile nella definizione di “smart city-region” o, più semplicemente, di “smart region”. In tale contesto, il ruolo delle università nei processi di sviluppo territoriale, il miglioramento dei servizi materiali e immateriali erogati dai campus, su cui la ricerca (in corso ha scelto di concentrarsi, può contribuire ad aumentare la sostenibilità e competitività del territorio. Una prima sperimentazione è stata condotta sull’area di Città Studi a Milano, testando una metodologia utile a comprenderne le esigenze e individuando soluzioni e servizi funzionanti su  terminali di comunicazione mobile, interfaccia tra persone e luoghi nel campus e nel contesto urbano circostante.

  3. Museum theriological collections for the study of genetic diversity

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ettore Randi

    2008-02-01

    Full Text Available Abstract Molecular methods to analyse DNA variability are opening new perspectives in the role played by museums in biodiversity research. DNA can be extracted from specific tissue collections, as well as from traditional voucher specimens. Ancient and museum DNA research produce valuable information for defining the phylogenetic positions of extinct taxa, the reconstruction of molecular and organismal evolution in extinct species, the characterization of extinct populations, including animal diets or microbial infections. Historical DNA samples are important sources of information also for conservation and evolutionary studies. In this paper, the methods used for ancient DNA analysis and the main results reported in published studies are reviewed. Riassunto Le collezioni teriologiche museali e lo studio della variabilità genetica. I metodi di analisi del DNA aprono nuove prospettive per il ruolo dei musei nello studio della biodiversità. Il DNA può essere estratto da collezioni di tessuti, oppure dai tradizionali materiali museali. Le ricerche che utilizzano DNA antico e museale possono produrre informazioni utili per definire la posizione filogenetica di taxa, la ricostruzione dell’evoluzione molecolare e fenotipica di specie e la caratterizzazione di popolazioni estinte, incluse l’identificazione della dieta e la presenza di malattie infettive. L’analisi del DNA estratto da campioni storici può fornire informazioni importanti anche per ricerche di biologia della conservazione. Si analizzano i metodi utilizzati per l’analisi del DNA antico, corredati da un breve excursus dei risultati delle principali ricerche disponibili in letteratura.

  4. Advanced welding for closed structure. Pt. 3 The thermal approach

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sacripanti, A.; Bonanno, G.; Paoloni, M.; Sagratella, G. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Innovazione; Arborino, A.; Varesi, R.; Antonucci, A. [DUNE, (Italy)

    1999-07-01

    This report describes the activities developed for the European Contract BRITE AWCS III to study the use of thermal sensing techniques to obtain an accurate detection of the internal reinforcement of the closed steel structures employed in the shipbuilding industry. After a description of the methods, normally developed in Russia, about the techniques and problems, for the thermal testing of materials in the conventional approach, a new thermal detector was utilized, a new bolometric thermo camera is introduced with a special software for the on line image analysis, there are also shown the experimental tests and results. The obtained conclusion shows that the thermal non destructive testing techniques with the new detector should be useful to assemble a complete sensing system with one ultrasonic head. [Italian] Questo rapporto descrive le attivita' sperimentali sviluppate nell'ambito del contratto europeo BRITE AWCS III, in cui si sono utilizzate tecniche termiche per ottenere un preciso rilevamento dei rinforzi interni di strutture metalliche chiuse utilizzate nell'industria delle costruzioni navali. Dopo la descrizione dei metodi sviluppati essenzialmente in Russia, circa le tecniche e i problemi riguardanti il testing termico dei materiali, e' stato introdotto un approccio innovativo basato su un nuovo sensore: una termocamera bolometrica connessa con un software dedicato per l'analisi online del setto; vengono inoltre mostrati i risultati sperimentali ottenuti. Le conclusioni ottenute mostrano che nel nuovo approccio, il testing termico non distruttivo dovrebbe essere utile per assemblare un sistema sensoriale completo che utilizzi anche un sensore di tipo ultrasonico.

  5. CLIL and CALL for a teacher’s expertise: an international training experience

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Letizia Cinganotto

    2016-07-01

    Full Text Available The paper deals with the link between Content and Language Integrated Learning (CLIL and Computer Assisted Language Learning (CALL, that is the use of ICT to enhance language teaching-learning and the teaching of subject content in a foreign language. Starting from this background, the paper describes an online training initiative promoted by the authors within an international community of peers, made up of teachers, trainers and educators from all over the world, named “Techno-CLIL for EVO 2016”. The initiative was aimed at supporting and guiding participants to discover and experiment digital tools for CLIL lessons, offering the opportunity to share ideas, materials, good practices in an international perspective. Particular attention is devoted to the personal and professional enrichment and growth this training pathway may have helped the 5.000 participants to achieve.CLIL e CALL nell’expertise del docente: un’esperienza di formazione internazionaleIl contributo focalizza l’attenzione sulla correlazione tra Content and Language Integrated Learning (CLIL e Computer Assisted Language Learning (CALL, cioè l’uso delle tecnologie per una maggiore efficacia dell’insegnamento-apprendimento delle lingue o di contenuti disciplinari veicolati in lingua straniera. Partendo da questo background, il contributo descrive una iniziativa di formazione online in lingua inglese promossa dalle autrici all’interno di un contesto internazionale, costituito da una comunità di pratica di docenti, formatori, educatori di tutto il mondo, denominata “Techno-CLIL for EVO 2016”. L’iniziativa mirava a sensibilizzare e guidare i partecipanti nella scoperta e sperimentazione della didattica CLIL in modalità digitale, offrendo l’opportunità di un confronto ed uno scambio di idee, materiali, buone pratiche in una prospettiva internazionale. Particolarmente significative le ricadute che questo percorso ha comportato per i circa 5.000 partecipanti

  6. Mezzi di pagamento non tangibili e teoria monetaria. (Non-tangible methods of payment and monetary theory

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. CESARANO

    2013-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni un forte interesse per il tema delle norme monetarie si è sviluppata in due campi distinti di indagine : la politica monetaria e l'innovazione nel sistema dei pagamenti . In quest'ultimo caso, gli sviluppi derivano dalla concreta possibilità di creare sistemi di pagamento che fanno via con mezzi fisici o materiali di pagamento interamente . In questo caso , i cambiamenti nel quadro istituzionale provocano nuove prospettive di analisi monetaria in relazione ai vari temi : la forma organizzativa del sistema , i rapporti tra le funzioni della moneta , i requisiti minimi di un sistema monetario , le modalità di attuazione di un ottimale politica monetaria , la teoria della banca, ecc il presente lavoro illustra alcuni aspetti di particolare importanza per quanto riguarda questi aspetti . Dopo aver descritto le componenti essenziali di innovazione nel sistema dei pagamenti , l'autore individua alcuni punti critici che devono ancora essere chiariti dalla letteratura recente .In recent years a strong interest in the topic of monetary standards has developed in two distinct fields of investigation: monetary policy and innovation in the payments system. In the latter, the developments stem from the concrete possibility of creating payment systems that do away with physical or tangible means of payment entirely. In this case, changes in the institutional framework provoke new perspectives in monetary analysis with regard to various themes: the organisational form of the system, the relationships between the functions of money, the minimum requirements of a monetary system, the means of implementing an optimal monetary policy, the theory of the bank, etc. The present work discusses some aspects of particular importance with regard to these issues. After describing the essential components of innovation in the payments system, the author identifies some critical points that have yet to be clarified by the recent literature.JEL: E42

  7. Venezia da città con porto a città-porto: proposta di rigenerazione urbana della Marittima

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Cannatella

    2014-06-01

    Full Text Available La città di Venezia, insieme al complesso sistema lagunare di cui fa parte e al quale è strettamente connessa, costituisce un interessante oggetto di studio per quanto riguarda l’equilibrio raggiunto nel tempo fra uomo e acqua, nello specifico, fra processi antropici e dinamiche ambientali. Le tradizionali tecniche costruttive veneziane sono uno degli esempi più evidenti di come l’ingegno umano abbia superato la sfida dell’acqua, riuscendo ad urbanizzare un ambiente inizialmente ostile e a creare le condizioni favorevoli all’abitabilità e ad uno sviluppo economico prevalentemente commerciale. Questo equilibrio era basato sulla profonda conoscenza dei processi naturali che caratterizzavano, e caratterizzano, la laguna e derivava dall’acquisizione di quella sapienza costruttiva generata dalle continue sperimentazioni nella ricerca di fondali idonei, di materiali adeguati e di tecniche rispondenti ad esigenze sempre più complesse, con un’estrema attenzione al territorio e alle sue risorse.Con l’affermarsi dell’era industriale, nel corso del diciannovesimo secolo, Venezia riformula le sue strategie di sviluppo puntando sulla costruzione di una nuova base industriale connessa al porto e sulla promozione turistica dell’isola. Il superamento della capacità di carico è sicuramente uno dei più consistenti punti di rottura di quel delicato equilibrio su cui è stata fondata la città fin dalle sue origini.L’articolo presenta una proposta progettuale di riconfigurazione della Marittima di Venezia basata sulla ridistribuzione dei flussi turistici e sull’incremento di resilienza del sistema economico, sociale ed ambientale della città, puntando sul porto come importante risorsa strategica per il territorio. 

  8. PAROLE, LINGUE E ALFABETI NELLA CLASSE MULTICULTURALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Favaro

    2012-07-01

    Full Text Available Il bilinguismo è soprattutto un’opportunità e una ricchezza perché la padronanza di due lingue amplia le frontiere delle possibilità e il mondo si allarga di conseguenza. Ma che cosa succede quando in epoche diverse della vita – nella prima infanzia, nell’infanzia o nell’adolescenza – a causa del viaggio di migrazione, una nuova lingua entra a far parte del patrimonio linguistico dei bambini? Quali rapporti profondi  di concorrenza, conflitto, complementarietà, integrazione  si stabiliscono tra i due codici, tra i diversi significati e i significanti? E se la lingua madre diventa improvvisamente muta e una nuova lingua sostituisce quella originaria, quali cambiamenti e perdite si verificano nella vita emotiva dei bambini venuti da lontano? Sono queste alcune delle domande a cui il contributo si propone di rispondere, analizzando la condizione bilingue  variegata e molteplice  degli alunni stranieri in Italia e presentando alcuni progetti significativi e materiali innovativi per valorizzare la pluralità linguistica della classe.WORDS, LANGUAGES AND ALPHABETS IN THE MULTICULTURAL CLASSROOMBilingualism is above all an opportunity and a richness, since mastering two languages creates greater possibilities and the world expands as a consequence. But what happens in different stages of life- in childhood or adolescence- due to migration, when a new language becomes part of a child’s heritage? What profound relationships –competition, conflict, complementarity, integration- are established between the two codes, between different meanings and signifiers? And if the new language renders the mother tongue mute, what changes and losses take place in the emotional sphere of migrant children? These are a few of the questions which the paper attempts to answer, by analyzing the varied and multifaceted bilingual condition of foreign students in Italy. The paper presents a few important projects and innovative materials to give

  9. Il modello della fessura coesiva in trazione e compressione per la valutazione della duttilità degli elementi strutturali in calcestruzzo armato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Paggi

    2009-01-01

    Full Text Available Il problema della valutazione della duttilità degli elementi in calcestruzzo armato soggetti a flessione o presso-flessione è stato largamente studiato negli ultimi decenni, sia da un punto di vista sperimentale che analitico. Data l’influenza di numerosi parametri di progetto sulla duttilità, tuttavia, è difficile sviluppare un modello in grado di descrivere completamente la risposta meccanica di elementi strutturali, tenendo conto di tutti gli effetti dovuti alla non-linearità dei materiali. Nel passato, in particolare, si è studiato in maniera approfondita l’effetto della classe di duttilità dell’acciaio, mentre il ruolo degli effetti di scala, evidenziato da più campagne sperimentali, non è stato ancora del tutto chiarito. Una delle ragioni principali è l’inadeguatezza dei modelli tradizionali, basati su leggi costitutive tra tensioni e deformazioni. Nel presente lavoro, si propone un nuovo modello basato sul concetto della localizzazione delle deformazioni, capace di descrivere la propagazione della fessura e l’avanzamento del crushing durante il processo di carico. In tale contesto, il comportamento non-lineare del calcestruzzo in compressione è modellato attraverso l’Overlapping Crack Model, modello analogo a quello coesivo valido per la trazione, che descrive la localizzazione delle deformazioni dovuta al danneggiamento del calcestruzzo mediante una compenetrazione del materiale. Con questo nuovo algoritmo è possibile cogliere l’effettiva risposta flessionale di elementi strutturali in calcestruzzo armato al variare della percentuale di armatura e della scala dimensionale. Applicazioni numeriche riguardano l’analisi della risposta post-picco di provini in calcestruzzo soggetti a compressione e la valutazione delle rotazioni plastiche di travi in calcestruzzo armato soggette a flessione su tre punti. Si propone infine un ampio confronto con i risultati di prove sperimentali, con lo scopo di dimostrare la

  10. Globalization in the post - colonial world

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Korobeynikova Larisa A.

    2016-01-01

    Full Text Available The paper presents a new interpretation of globalization within the boundaries of the author’s concept of soft globalization, which exploits a normatively attractive alternative to the concept of the Empire. It is argued here that the conditions of development of contemporary post - colonial world communities do not require any unification in the form of the Empire, but instead the creation of a non repressive mechanism of social regulation - the implementation of a form of soft globalization, a globalization with a mental form are expedient here. Historically, globalization occurred in a strict material(i.e. economical and military form that prompted the conditions for the evolution of civilization as the Empire: a case in which the development of the world occurs under the power of a single dominating state. Imperialistic politics leads to colonial politics formation. The history of the phenomena of civilization shows many instances of Empire globalization. Globalization in the Empire form was already observed at the time of the Roman Empire. At this time processes of development inside the Empire were manifestations of globalization in its highest cultural shape. But ancient Rome was also a social and political experiment that acquired the attributes of a purely material globalization in the end, and historically brought about the irreversible crash of the Roman Empire itself. Contemporary fluctuations referring to the process of globalization can be registered in the US’s attempts of material domination inside this or that existing case of civilization, which causes colonialism appearance. The main idea stressed in the paper is that only a mental globalization could succeed in the end.

  11. Paesaggi monastici della Basilicata altomedievale / Monastic landscapes of the Early Medieval Basilicata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Sogliani

    2015-12-01

    Full Text Available Le ricerche sul paesaggio altomedievale e medievale della Basilicata, disegnato dalle fonti documentarie e da quelle materiali, sono state incentrate di recente sulla lettura archeologica delle trasformazioni insediative del territorio. Ai precedenti sistemi di gestione, rappresentati da pochi centri urbani e dalle ville rurali che mantengono il loro assetto fino all’età tardoantica, pur se con alcune a volte sostanziali modifiche, si sostituiscono a partire dall’VIII secolo altre realtà: nuovi centri urbani, siti fortificati, villaggi e chiese rurali, insediamenti monastici. Questi ultimi, sia di rito latino che di rito greco, giocheranno un ruolo fondamentale nello sfruttamento delle risorse del territorio rurale nonché nella riorganizzazione della compagine demografica ed economica della regione, all’indomani dei conflitti politici e delle crisi istituzionali rappresentati dal conflitto greco-gotico e dalle lotte tra potere longobardo, bizantino e normanno. The researches on early medieval and medieval landscape of Basilicata, drawn from documentary and archaeological sources, have been focused recently on the settlement transformations of the territory. Previous systems of land management, consisting of a few urban centers and rural villas that retain their structure, while offering some significant changes at times, until Late Antiquity, are replaced from the 8th c. by new items: new urban centers, fortified sites, villages and rural churches and monastic settlements. These last, both Latin and Greek, will play a key role in the exploitation of the resources of rural areas as well as in the reorganization of the demographic and economic structure of the region, in the aftermath of the political conflicts and institutional crisis represented by the Gothic war and power struggles between the Lombard, Byzantine and Norman role.

  12. Cruetzfieldt Jakob Disease e sindromi correlate Il centro di riferimento Piemontese e la sua sorveglianza epidemiologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Catapano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Le encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST sono malattie del sistema nervoso dell’uomo, ad esito infausto. L’agente eziologico, la proteina prionica (PrP, può trasformarsi e accumularsi nella cellula nervosa causandone la morte. La scoperta negli anni ‘90 di una variante (v. Cruetzfieldt Jakob Disease, correlata all’encefalopatia spongiforme bovina, che colpisce soggetti sotto i 30 anni, ha aumentato l’interesse per le EST.

    I paesi della comunità europea hanno adottano misure di controllo della carne bovina e si sono dotati di osservatori epidemiologici. Pertanto anche in Italia si è avuta l’esigenza di doverne disporre. Si è deciso quindi di istituire anche in Piemonte un centro per la sorveglianza e la notifica delle EST tramite sorveglianza epidemiologica e diagnosi, per mezzo di indagini molecolari e neuropatologiche con la successiva costituzione di una banca dati condivisa con altri centri di riferimento regionali, per la raccolta di dati clinici e strumentali dai reparti di neurologia piemontesi con ricovero in sede dei casi di EST giunti all’osservazione.

    In sede vengono effettuati anche il prelievo, la raccolta, la conservazione di tessuti e altri materiali biologici e si svolgono successive indagini neurobiologiche quali:

     1 la ricerca della proteina 14 3 3 su liquor;

     2 determinazione genotipo del codone 129;

     3 determinazione della sequenza del gene della PrP,

     4 ricerca della PrP proteasi resistente a livello tissutale;

     5 determinazione del sottotipo di PrP. Le indagini neuropatologiche vengono effettuate in collaborazione con dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino. Si intende inoltre fare promozione attiva delle attività e condivisione delle informazioni raccolte con altri centri.

  13. L'uso del doppiaggio e del sottotitolaggio nell'insegnamento della L2: Il caso della piattaforma ClipFlair

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lupe Romero

    2016-01-01

    , where the users can find materials – including activities, clips and tutorials – collaborate through groups, send feedback through forums, etc.   Keywords: foreign learning language; translation; subtitling; dubbing; video.   Riassunto – Lo scopo di questo articolo è quello di presentare il progetto Clipflair, una piattaforma web per l'apprendimento delle lingue straniere (L2 attraverso la risonorizzazione (revoicing e il sottotitolaggio (captioning nei filmati. L’uso di materiale audiovisivo nelle aule di lingua è una pratica frequente per gli insegnanti in quanto introduce varietà linguistiche, mostra elementi culturali non verbali e, ciò che è più importante, presenta aspetti linguistici e culturali della comunicazione nel loro contesto. Tuttavia, gli insegnanti che usano gli audiovisivi hanno la difficoltà di trovare attività che permettano un ruolo attivo degli studenti al di là della semplice visione del film. ClipFlair permette di lavorare con materiale audiovisivo in modo produttivo e anche motivante, chiedendo agli studenti di fare il revoicing  o il sottotitolaggio di un filmato. Revoicing è un termine usato per riferirsi alla risonorizzazione di un filmato, come sarebbe il doppiaggio, il libero commento, l’audiodescrizione o il karaoke. Il termine captioning fa riferimento all’inserimento di un testo scritto sul filmato come nel caso dei sottotitoli convenzionali oppure i commenti o gli intertitoli. I filmati possono essere brevi file di video o audio, compresi i documentari, scene di film, notizie, animazioni e canzoni. ClipFlair sviluppa materiali che permettono agli studenti di lingue straniere di mettere in pratica le quattro abilità basilari del QCER: scrivere, parlare, ascoltare e leggere. Nell’ambito del progetto, sono state elaborate più di 350 attività di doppiaggio e/o sottotitolaggio. Queste attività sono state create per più di 16 lingue tra cui l’inglese, lo spagnolo e l’italiano, ma soprattutto ci sono attivit

  14. What we miss in order to be able to design and build a commercially viable fusion reactor

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andreani, R. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Dipt. Energia

    1999-07-01

    materiali capaci di resistere all'ambiente ostile del reattore a fusione per un suffciente numero di anni. Una sorgente intensa di neutroni e' necessaria per permettere gli sviluppi necessari.

  15. La leucemia del bambino come causa di disgregazione familiare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Varchetta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: le patologie del bambino, soprattutto se gravi e durature, possono essere definite come “malattie della famiglia” a causa dell’intensità di assistenza richiesta, delle difficoltà organizzative quotidiane e dello stress causato. Obiettivo: identificare il ruolo di alcuni potenziali fattori di rischio coinvolti nella rottura di famiglie di bambini leucemici.

    Materiali e metodi: mediante l’uso di questionari, sono state studiate, durante l’anno 2002, 150 cartelle cliniche di bambini leucemici dell’ospedale pediatrico “Santobono-Pausillipon”- Dipartimento di Oncologia; 11 casi sono stati esclusi per incompletezza dei dati. Outcome è stata considerata la “separazione familiare.” Sono state analizzate le seguenti variabili: trapianto di midollo osseo, lavoro del padre, della madre e loro età ed educazione, sesso ed età del bambino (CA, numerosità della famiglia, stato socio-economico, probabilità clinica di guarire (CPR, appartenenza ad una associazione. Sono state condotte analisi bivariate e logistiche. Risultati: all’analisi bivariata CA e CPR, entrambi stratificati in tre livelli, sono risultati associati alla separazione. L’Odds Ratio grezzo (OR della separazione familiare con CA di 5/10 anni e bambini di 11 anni o più a confronto con quelli d’età di 0/4 era, rispettivamente, di 8.68 (p=0.02 e di 5.7 (p=0.07. L’OR grezzo della separazione con un CPR medio e un CPR buono confrontato con un CPR basso ha dato rispettivamente 0.35 (p=0.02 e 0.08 (p‹0.001. Un modello logistico che includeva CPR come variabile principale e controllata per CA ha evidenziato che la probabilità di guarigione è media o alta e, dopo aver aggiustato per l’età del bambino, è stato ottenuto un rischio di rottura familiare rispettivamente di 0.29 (p=0.01 e 0.08 (p=0.02.

    Conclusioni: la rottura dell’unità familiare è evento frequente in caso di grave

  16. Upaya Meningkatkan Hasil Belajar Melalui Media Interactive Video pada Mata Diklat Memahami Prinsip-Prinsip Penyelengaraan Administrasi Perkantoran (Studi Kasus pada Kelas X Administrasi Perkantoran SMK Negeri 1 Batang Tahun Ajaran 2011/2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dewi Ciptaningsih

    2012-06-01

    Full Text Available Media interactive video suatu sistem penyampaian pengajaran dimana materi video rekaman disajikan dengan pengendalian komputer kepada penonton (siswa yang tidak hanya mendengar dan melihat video dan suara tetapi juga memberikan respon yang aktif. Memahami prinsip-prinsip penyelenggaraan administrasi perkantoran merupakan Kompetensi awal yang dipelajari siswa karena merupakan urat nadi dalam kegiatan administrasi Perkantoran. Subjek penelitian ini adalah siswa kelas X AP 1 SMK Negeri 1 Batang tahun ajaran 2011/2012. Prosedur penelitian ini terdiri dari dua siklus, meliputi perencanaan, tindakan, pengamatan dan refleksi. Metode pengumpulan data� adalah dokumentasi, lembar observasi kinerja guru dan aktivitas siswa, serta tes. Hasil penelitian yang diperoleh adalah terjadi peningkatan hasil belajar siswa dari siklus I ke siklus II. Pada siklus I ketuntasan belajar secara klasikal sebesar 73% berarti ada 27% siswa atau 10 siswa yang nilainya masih dibawah KKM. Hasil belajar siswa pada siklus II ketuntasan belajar klasikal sebesar 92% atau sebanyak 32 siswa mengalami peningkatan hasil belajar. Selain itu Aktivitas belajar siswa mengalami peningkatan dari siklus I ke siklus II. Pada siklus I aktivitas belajar sebesar 48% sedangkan pada siklus II aktivitas belajar mencapai sebesar 82%. Terjadi peningkatan pada kinerja guru yaitu siklus I sebesar 66% sedangkan pada siklus II adalah sebesar 90%. Kesimpulannya adalah terjadi peningkatan hasil belajar melalui media interactive video pada mata diklat memahami prinsip-prinsip penyelenggaraan administrasi perkantoran kelas X AP SMK Negeri 1 Batang. Avideointeractivemediadeliverysystem ofvideorecordingsof teaching wherethe materialis presentedwitha computercontrolto the audience(students whonot onlyhearandsee thevideoandsoundbutalsoprovideanactiveresponse. Understandingthe principlesof the administrationofficesarebeginningcompetencystudents are learningas it is aveinin theOfficeadministrative activities

  17. Istituzione di un ambulatorio di prima accoglienza per cittadini stranieri non U.E.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Carreca

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: l’aumento del flusso migratorio ha portato la sanità pubblica a rivalutare l’offerta sanitaria per i cittadini stranieri, specie extracomunitari ed irregolari. L’istituzione di un ambulatorio di prima accoglienza a bassa soglia di accesso, è una valida risposta al bisogno di questi cittadini, rende i servizi sanitari più permeabili e fruibili, divenendo punto di riferimento e di orientamento.

    Obiettivi: 1 razionalizzare l’offerta sanitaria favorendo l’accesso e la fruibilità dei servizi sanitari ai cittadini stranieri 2 coordinare il lavoro multi-disciplinare e costruire una rete intra ed extra-aziendale che supporti e integri l’attività sanitaria 3 costruire un sistema di raccolta dati che consenta di leggere il bisogno di salute dei cittadini stranieri.

    Materiali e Metodi: sono coinvolte tre strutture aziendali: l’U.O.G.E.T.S.I coordina gli ambulatori. l’U.O. Formazione aziendale per la formazione iniziale e continua degli operatori impegnati nel progetto. L’U.O. Informatica che oltre alla costruzione di una rete di collegamento fra i centri e l’unità centrale, ha elaborato un software che consente 1 la costruzione di una banca dati epidemiologici 2 le prenotazioni per visite specialistiche 3 il rilascio del tesserino STP 4 la possibilità di collegamento in rete con altri soggetti coinvolti. Sono istituiti tre ambulatori presso i Distretti. Il personale è costituito da: 1 un Coordinatore Sanitario (medico aziendale ASL; 2 mediatori culturali (convenzione con le associazioni di volontariato che facilitano il rapporto operatore-paziente; 3 personale medico (tramite avviso pubblico rivolto ai medici iscritti nell’elenco dei MMG effettua prime visite, richiede visite specialistiche; 4 assistenti sanitarie (ASL per prenotazioni ed inserimento dati; 5 assistenti Sociali (ASL per accoglienza ed orientamento

  18. Modello metodologico per il monitoraggio degli incidenti stradali in Trentino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Fateh-Moghadam

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: realizzazione di un’infrastruttura informatica, per l’unificazione tempestiva dei flussi sugli incidenti stradali (ISTAT-ACI e sanitari con la georeferenziazione degli eventi a partire dall’anno 2000.

    Materiali e Metodi: dall’archivio di Trentino emergenza sono stati estratti gli interventi per incidente stradale selezionando la combinazione: descrizione patologica: “traumatismi”, tipologia luogo: “strada”, tipologia incidente. Dai dati di ogni Pronto soccorso è stato costruito un archivio unico contenente il totale degli accessi e sono stati estratti gli accessi per “incidente stradale” e quelli per lesioni accidentali in generale. Dall’archivio SDO si sono selezionati sia i ricoveri con il criterio “3” alla variabile mtraav (=incidente stradale che quelli per traumatismi.

    Nell’ambito del progetto “Metodi informatici predittivi per la mitigazione del rischio da incidenti stradali” (Mitris, finanziato dal Ministero della Salute, è stata realizzata l’immissione tramite interfaccia internet o decodifica automatica dei verbali informatizzati delle Forze dell’ordine, e la contestuale realizzazione di un interfaccia WebGIS
    in grado di visualizzare la localizzazione degli incidenti stradali.

    Risultati: tramite la combinazione “data nascita”,
    “data incidente”, “sesso” è stato eseguito un primo collegamento tra gli archivi. Aggiungendo alla data incidente uno o più giorni, è stato costruito un nuovo archivio PS contenente il 97,4% degli eventi raccolti dalle forze dell’Ordine e contenuti nel data base Mitris. Approccio analogo è stato seguito per il linkage con SDO e 118. Tramite interfaccia WebGIS è stata creata una mappa degli incidenti interrogabile on-line, che oltre alla semplice localizzazione riporta dinamica e esiti con possibilità di produrre statistiche e grafici. Il sistema copre attualmente

  19. Determination of lead in papers and cardboards for food packaging; La determinazione del piombo in carte e cartoni per alimenti. Giornata di studio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Costantini, S.; Giordano, R. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Tossicologia Applicata

    1998-06-01

    matematico, puo` fornire in questo caso un valido aiuto. L`ideoneita` dei materiali utilizzati in un circuito di controllo di qualita` deveessere considerata come premessa esseniale alla valutazione dei risultati ottenuti, poiche` la performance dei laboratori e` influenzata dalla qualita` del materiale utilizzato. Il saggio collaborativo espletato nel 1997 e` stato articolato in quattro fasi mediante l`invio di campioni dicrescente difficolta` a 70 laboratori del Servizio Sanitario Nazionale.

  20. Cloriti e clorati nelle acque potabili della Sardegna centro-settentrionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Azara

    2003-05-01

    Full Text Available Introduzione: l’approvvigionamento idropotabile della Sardegna è basato quasi esclusivamente su acqua superficiale particolarmente esposta a contaminazione ambientale per il cui trattamento sono richiesti complessi sistemi di potabilizzazione. In questo contesto, l’utilizzo del biossido di cloro in sostituzione dell’ipoclorito di sodio, pur determinando la significativa riduzione dei THM, potrebbe generare ioni clorito e clorato potenzialmente dannosi per l’uomo. Obiettivi: é stata condotta un‘indagine al fine di valutare la presenza di cloriti e clorati e rilevare indicazioni utili al loro contenimento nelle acque in uscita dagli impianti di potabilizzazione della Sardegna centro-settentrionale. Materiali e metodi: in due distinte serie di campionamenti, sono stati rilevate sia concentrazioni di disinfettante in pre ed in post clorazione sia, mediante cromatografia liquida per scambio ionico secondo la procedura EPA Metodo 300.0, cloriti e clorati nei vari step della potabilizzazione di 12 impianti. Risultati: il dosaggio medio totale di ClO2 è stato di 4,63 mg/l (2,87 mg/l in preclorazione e 1,93 in postclorazione. La percentuale media di abbattimento dei cloriti da parte dei filtri a carbone attivo ha evidenziato un calo di efficacia, essendo passata da un 62,3% rilevato nel primo campionamento ad un 23,6% rilevato nel secondo campionamento. La concentrazione media di cloriti e clorati in uscita dagli impianti è stata rispettivamente di 1,66 mg/l (min. 0,72 mg/l, max. 2,98 mg/l, dev. st. 0,69 e di 1,05 mg/l (min. 0,47 mg/l, max. 1,58 mg/l, dev. st. 0,36. La concentrazione media di cloro residuo attivo libero (C.R.A.L. è stata di 0,59 mg/l (min. 0,19 mg/l, max. 1,26 mg/l. Conclusioni: Le concentrazioni di cloriti rilevate appaiono piuttosto elevate rispetto al valore di parametro del D.L.vo 31/2001 e, unitamente alle concentrazioni dei clorati, sono indicative della necessità di adottare, quanto prima, articolati e specifici

  1. Didattica online

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Charrier

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: formare un gruppo di operatori della Facoltà di Medicina e Chirurgia alle metodiche di progettazione e gestione di processi di didattica integrata basati sull’uso di tecnologie e risorse di rete, al fine di produrre e pubblicare materiale ODL per la Facoltà. Nel caso specifico, il progetto da realizzare era il modulo “Il rischio biologico” nell’ambito del corso “Rischio lavorativo in ambito sanitario”, allo scopo di integrare l’attività d’aula e offrire un pacchetto formativo cui i corsi di laurea interessati possano accedere per la didattica e la valutazione.

    Materiali e metodi: l’azione formativa è stata condotta con la tecnica “project based”, basata cioè sullo sviluppo di un progetto da parte dei borsisti. Le attività sono state articolate come incontri e attività di esercitazione in presenza sugli strumenti di produzione del materiale didattico (DreamWeaver, attività in “computer conferencing” sui temi trattati a lezione, attività di studio individuale assistite a distanza e attività assistita, sia in presenza che a distanza, di progettazione e realizzazione dei moduli didattici da fruirsi in rete con approccio ODL. Risultati: é stato prodotto il modulo “Il rischio biologico”, destinato agli studenti dei Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia e delle Scuole di Specializzazione. Il modulo è stato strutturato in quattro unità didattiche (Legislazione, Precauzioni, Misure di contenimento, Vaccinazioni, ciascuna delle quali contiene documenti di lettura e consultazione, riferimenti normativi in materia di rischio in ambito sanitario, immagini che presentano comportamenti (utilizzo dei DPI, lavaggio delle mani…, esercizi e test di autovalutazione con feedback e soluzioni consultabili online.

     Conclusioni: il modulo sarà fruibile online a partire dal I semestre dell’ anno accademico 2003-2004; si sta

  2. Mortalitá per malattie del sistema nervoso centrale in Piemonte (1992-1997

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Migliaretti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la comunità scientifica è sempre più interessata alla ricerca di fattori causali delle malattie del Sistema Nervoso Centrale (SNC non ancora noti, stimolata anche dal costante aumento della mortalità in Paesi europei ed extra-europei: Davis et al. Lancet. 1990, Davis et al. Ann N Y Acad Sci 1990.

    Obiettivi: il presente lavoro desidera evidenziare eventuali legami tra la mortalità per malattie del SNC ed area geografico-amministrativa di residenza in Piemonte, confrontando i risultati ottenuti con metodi tradizionali e con un approccio bayesiano. Materiali e metodi: basi dati: i dati sono tratti da fonte ISTAT e dalla Banca Dati Demografica Evolutiva della Regione Piemonte; viene considerata la mortalità per tutte le Malattie del SNC (ICD 320- 389.9 e per tutti i Tumori del SNC (ICD 191-192.9, 225-225.2, 237.5-237.9, 239.6 dal 1992 al 1997. Metodi di analisi: Il problema dell’instabilità statistica determinata da analisi effettuate a livello comunale, viene affrontato mediante analisi tradizionali, basate su SMR e relativi Intervalli di Confidenza al 95% calcolati per aggregazioni superiori (ASL e Provincia, e mediante gli stimatori bayesiani completi degli SMR Besag J at al. Ann Inst Statist Math, 1991; Lawson et al. Bertollini R Eds, Disease Mapping and Risk Assessment for Public Health, Wiley. Risultati: la mortalità per tutte le Malattie del SNC sembra presentare un eccesso, per i maschi, nella zona del sud-est Piemonte, particolarmente evidente nell’ASL di Casale Monferrato (SMR=132.4 IC95%[110.2-157.6], e nella provincia di Alessandria (SMR=117.3 IC95%[107.6-127.6], e per le femmine dell’ASL di Ivrea (SMR=149.6 IC95%[131.1-169.8]. Per quanto riguarda i Tumori del SNC, la mortalità per i maschi sembra presentare un eccesso nella zona di Alessandria, confermata a livello di ASL (SMR=127.7 IC95%: 100.6-159.7 e di Provincia (SMR=122.8 IC95%: 105.3-142.3.

  3. Cateterismo vescicale: appropriatezza dell´uso ed esiti clinici nell´Azienda Sanitaria Ospedaliera "Maggiore della Caritá" di Novara

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Luparia

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare le relazioni intercorrenti tra i livelli di appropriatezza di indicazione e di gestione del cateterismo vescicale e lo sviluppo delle IVU.

    Materiali e metodi: studio descrittivo condotto in una giornata con rilevazione basata su cartelle cliniche ed infermieristiche. Le relazioni intercorrenti tra la cateterizzazione vescicale e l’insorgenza dell’IVU sono stati studiati mediante modelli di regressione logistica in grado di valutare l’appropriatezza del processo assistenziale e per identificare i determinanti dell’esitto. Risultati: nel giorno dell’indagine son risultati ricoverati 166 pazienti, di questi 57 (34,34%; IC 95% 28,06- 40,62% erano portatori di catetere urinario. In totale sono state analizzate oltre 1200 procedure. La prevalenza di infezioni nosocomiali delle vie urinarie è stata del 12,28% (IC 95% 7,98-16,50%. Tutti i cateterizzati avevano un sistema di drenaggio di tipo chiuso. I modelli di regressione logistica hanno dimostrato un accresciuto rischio di mancato lavaggio delle mani in presenza di un regime di ricovero d’urgenza e in unità operativa chirurgica (p‹0,01, parimenti si è evidenziato un minor livello di controllo del meato urnario in presenza del regime del ricovero d’urgenza in unità operativa chirurgica (p‹0,01.

    Conclusioni: le raccomandazioni fornite dalla letteratura in relazione all’inserimento e alla gestione del cateterismo vescicale sono solo in parte seguite nella pratica quotidiana. In particolare il lavaggio delle mani, anche se è una procedura semplice e poco costosa risulta comunque poco seguita, soprattutto in regime di urgenze e nelle chirurgie, dove per la tipologia delle prestazioni effettuata, l’aderenza a queste procedure dovrebbe essere massima. Questi comportamenti “scorretti” rendono inefficace l’utilizzo del cateterismo vescicale a ciclo chiuso. Nonostante queste problematicità la

  4. Studio di prevalenza delle vittime di abuso sessuale nella popolazione degli studenti diciottenni frequentanti la quinta classe delle scuole medie superiori della cittá di Milano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Signorelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: • definire il tasso di vittimizzazione sessuale pregressa nella coorte degli studenti maggiorenni frequentanti le classi V delle scuole superiori di Milano; • tipizzare gli episodi di abuso: modalità dell’abuso, violenze concomitanti, profilo dell’abusante, età della vittima, eventuali recidive, capacità di disvelare l’avvenuto abuso ed eventuale sostegno di operatori professionisti.

    Materiali e metodi: la ricerca si caratterizza quale studio epidemiologico retrospettivo e utilizza come strumento un questionario anonimo appositamente elaborato che è stato consegnato ai ragazzi e ritirato nei 3 giorni successivi. Il campione selezionato è composto dagli studenti di 46 istituti superiori milanesi per un totale di 212 classi quinte. Sono stati distribuiti 3313 questionari, raccolti 2935 (88,6% dei distribuiti, ritenuti validi e analizzati 2839 (96,7% dei ritirati. Nell’analisi, gli episodi d’esposizione a materiale pornografico, l’essere stati toccati e la costrizione a toccare nelle parti intime sono classificati come abusi lievi/moderati, mentre la costrizione a masturbare e la penetrazione come abusi gravi.

    Risultati: i casi di abuso rilevati sono 436 (15,4% del campione totale; 20,4% delle femmine, 8,8% dei maschi. Gli episodi di abuso solo lieve o moderato hanno riguardato 360 studenti (12,7%; 16,6% F, 7,6% M; in 76 casi (2,7%; 3,8% F, 1,2% M l’abuso è rientrato nella categoria “grave”. L’età media al primo episodio di abuso cresce con la gravità di questo. Profilo dell’abusante: incesto nel 10% di abuso lieve/moderato e 14% di abuso grave; famiglia allargata 37% e 21%, mondo educativo 6% e 0%, partner 4% e 39%, altri 44% e 27%.

    Conclusioni: lo studio ha rivelato un elevato tasso di prevalenza di vittime d’abuso sessuale in infanzia e adolescenza; in ogni classe esistono vittime di molestie e in ogni scuola

  5. Educazione all'igiene orale ed eradicazione della carie dentale nellíinfanzia. Risultati finali di uno studio in un campione di popolazione infantile di Ferrara

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Bergamini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: poichè nel 1985 l’O.M.S. collocò l’eradicazione della carie infantile fra gli obiettivi epidemiologici da raggiungere nella regione europea entro l’anno 2000, è stato effettuato uno screening microbiologico finalizzato all’isolamento di germi cariogeni nel cavo orale dei bambini.

    Materiali e metodi: secondo le procedure correnti, sono stati eseguiti tamponi gengivo-coronali in 476 bambini delle scuole elementari e medie inferiori di Ferrara, cui è stato somministrato anche un questionario, mirato a conoscere il loro grado di informazione sull’igiene orale. Risultati: nel periodo Gennaio-Aprile 2000, sono stati esaminati 476 bambini suddivisi per sesso ed età [6-8 anni: 67 maschi, 98 femmine; 9-11: 53 maschi, 81 femmine; 12-14: 99 maschi, 78 femmine]. Sono stati isolati 119 ceppi di Rothia dentocariosa, con una preponderanza fra i maschi di 12-14 anni (n. 86; 86,8%. Dai questionari (476 consegnati; 399 compilati si evince che l’86,4% ritiene importante l’igiene orale, ma solo il 51,8% si lava i denti dopo ogni pasto ed appena il 22,3% esegue un controllo periodico dal dentista. Rothia dentocariosa è stata isolata nel 56,5% di coloro che si lavano i denti una volta al giorno e nel 75,9% di quelli che non li lavano.

    Conclusioni: considerando che Rothia dentocariosa non risulta essere un normale saprofita del cavo orale ma è probabilmente un germe opportunista in grado di promuovere attivamente le lesioni della carie iniziale, il suo isolamento può essere considerato un indice precoce di lesione cariogena in progressione. Ne deriva che, nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi anni, paragonabili a quelli di nazioni ad alto tenore sociosanitario, l’obiettivo dell’eradicazione totale della carie dalla popolazione infantile ferrarese non è stato ancora raggiunto. Ciò principalmente a causa di un difetto di formazione culturale sia

  6. Abitudini alimentari di un campione di popolazione giovanile siciliana e calabrese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.L. Calisto

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: valutare le abitudini alimentari, igieniche e la percezione di sé in un campione di studenti siciliani e calabresi.

    Materiali e Metodi: è stato condotto uno studio basato sulla compilazione in classe di un questionario, somministrato a 933 studenti dalla quarta elementare all’ultima classe di scuola superiore. Le schede con domande di tipo aperto e chiuso, a risposta singola o multipla, hanno fornito notizie di carattere antropometrico e sociofamiliare, sulle abitudini igienico alimentari e sulla percezione di sé.

    Risultati: dai dati emerge che l’ 85,6% dei ragazzi effettua la prima colazione consumando latte (43,9%, latte e caffè (30,3%, biscotti (31,8% e cereali (18,9%. L’ 89,7% fa uno spuntino a metà mattinata per lo più con panino e salumi (51,6%. Nel pomeriggio l’ 89,5% fa la merenda consumando soprattutto merendine (37,3% e succhi di frutta (28,3%.

    Circa la frequenza di assunzione di alimenti, carne, salumi, formaggi e patate sono consumati più volte a settimana; uova e pesce una volta a settimana; pasta una volta al giorno; pane e frutta fresca tutti i giorni a pranzo e a cena. Meno consumati verdura e legumi, con una preferenza per lenticchie e piselli. Il 54,6% consuma cioccolata ed il 53,4% chewing-gum. Il 78,2% consuma i pasti in compagnia dei familiari, guardando la televisione (69,8%. Dall’indagine si evince che i ragazzi non sempre hanno una visione corretta del loro corpo, infatti il 68,9% di essi, nonostante sia normopeso vorrebbe essere più magro.

    Conclusioni: si rendono necessari interventi educativi per migliorare le abitudini alimentari, favorendo la scelta di cibi sani. Occorre incrementare il consumo di verdure, legumi e frutta riducendo quello dei dolciumi che favoriscono sovrappeso e obesità. Inoltre bisogna realizzare una maggiore collaborazione tra scuola e sanità per educare i ragazzi ad una

  7. Reperti ceramici dalle campagne di ricognizione 2006-2008 del progetto R.I.M.E.M.: metodologie di lavoro e risultati / Pottery finds from the 2006-2008 field-walking campaigns of the R.I.M.E.M. project: methodology and results

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Konestra

    2015-12-01

    Full Text Available In questo contributo s’intende illustrare alcune valutazioni introduttive e metodologiche riguardanti il lavoro di studio e classificazione operato sui reperti ceramici del progetto R.I.M.E.M. e presentato nel dettaglio negli articoli a seguire (Konestra, Virgili. Il materiale da ricognizione presenta, infatti, numerose problematiche di riconoscimento e datazione, soprattutto per i secoli altomedievali, alle quali si è cercato di far fronte attraverso una catalogazione intensiva dei singoli reperti diagnostici, per mezzo di un database creato ad hoc. La seconda sezione dell’articolo è dedicata interamente ai dati ricavati dalle analisi archeometriche, effettuate dal dip. di Scienze della Terra dell’Università di Camerino (prof. E. Paris e focalizzate alla comprensione di alcuni aspetti tecnologici e produttivi riguardanti in particolare le classi morfologiche dei forni coperchio e dei paioli a cestello. Segue un breve paragrafo conclusivo sui risultati salienti delle indagini sui materiali di età romana e medievale e un catalogo degli impasti autopticamente riconosciuti e citati negli articoli successivi. This paper aims to illustrate introductory and methodological features peculiar to the study and classification of pottery finds yielded by the R.I.M.E.M. project surveys and presented in detail in the following papers (Konestra and Virgili. Field-walking finds, in fact, present numerous issues in recognition and dating, particularly for those of early Middle Age date, which we tried to overcome by intensive cataloguing of diagnostic shreds by means of an ad hoc database. A brief overview of the conclusions drawn from Roman and Medieval finds study is presented as well, with an appendix containing the fabric’s catalogue referred to in the following papers and compiled by macroscopic shred analysis. The second section of the paper is entirely dedicated to presenting the data from the archaeometric analysis carried out by the

  8. Rilevazione della percezione corporea, dell' autostima corporea e dei disturbi del comportamento alimentare in adolescenti vittime di abuso sessuale durante l' infanzia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Bassoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’esperienza dell’abuso sessuale si ripercuote su diversi aspetti della personalità delle vittime. Il nostro studio ha analizzato la sua influenza sulla percezione corporea (Test delle figure di Collins, sull’autostima corporea (Scala Corporea del Test Multidimensionale Autostima di Bracken e sull’adozione di comportamenti alimentari patologici (Eating Attitude Test.

    Materiali e metodi: il campione della ricerca è composto da 2935 studenti maggiorenni frequentanti le 212 classi quinte dei 46 istituti superiori milanesi selezionati per la ricerca. Gli strumenti sono i test sopraindicati ed un questionario ad hoc per indagare le caratteristiche dell’eventuale abuso sessuale. La compilazione e la restituzione dei questionari hanno salvaguardato rigorosamente l’anonimato.

    Risultati: nel campione, l’esperienza dell’abuso incide sulla percezione corporea aumentando il divario tra l’immagine del corpo in cui ci si riconosce e l’immagine che si vorrebbe avere con una differenza media che nei maschi passa da 0,1 nei non abusati a –0,4 in vittime d’abuso lieve fino a 1 in vittime d’abuso grave, mentre nelle ragazze i valori sono rispettivamente 0,8, 0,9 e 1,3. La percentuale a rischio per disturbi del comportamento alimentare sale notevolmente tra le vittime d’abuso, essendo 1,5% e 11,8% in maschi e femmine non vittimizzati, 2,3% e 15,9% rispettivamente in vittime d’abuso lieve e 27,3% e 24,1% in vittime d’abuso grave. Anche sull’autostima corporea l’esperienza dell’abuso sembra avere un forte impatto che si manifesta con un aumento dei casi di bassa autostima che risultano il 15,6% e il 35,5% tra maschi e femmine non abusati, il 16% e il 41,2%, rispettivamente, tra chi ha subito un abuso lieve e il 27,3% e il 50% tra le vittime d’abuso grave.

    Conclusioni: la ricerca suggerisce che essere vittima abuso sessuale

  9. Valutazione della copertura vaccinale contro il virus dell'epatite B nei medici in formazione dell'AUP 'Federico II' di Napoli: risultati del primo anno di sorveglianza sanitaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Cajafa

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: è ormai ampiamente documentato, nella letteratura scientifica, che l’epatite virale di tipo B insorge negli operatori sanitari con una frequenza maggiore rispetto alla popolazione generale. Scopo dello studio è stato valutare la copertura vaccinale anti-HBV nella popolazione sottoposta a sorveglianza sanitaria, al fine di quantificare il “fenomeno” ed implementare le strategie preventive e formative proprie del mandato di Medico Competente.

    Materiali e metodi: la popolazione in esame è costituita da medici in formazione dell’AUP Federico II di Napoli. I soggetti sono stati sottoposti a prelievo venoso per la ricerca dei marcatori virali e per la valutazione della copertura vaccinale: HBsAg, HBsAb, HBcAb (non vaccinati e titolo anti-HBs (vaccinati. L’attività di sorveglianza sanitaria, inoltre, è stata completata da un accurato controllo medico ed una attenta anamnesi lavorativa (mansione, utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale - DPI, eventuali infortuni sul lavoro con la compilazione di una cartella sanitaria e di rischio individuale. I dati ottenuti sono stati informatizzati con uno specifico software per l’analisi statistica (SPSS vers. 11.0. Risultati: sono stati visitati 762 medici. Sono risultati vaccinati il 61.7% (470, dei quali risultano protetti, e quindi con un titolo anticorpale superiore-uguale a 100 mUI/ml, solo il 33.3% dei soggetti (253, con significative differenze in base alla mansione. I medici non vaccinati per l’epatite B sono risultati negativi per la presenza dei marcatori virali B e C. Nel corso dell’anamnesi lavorativa sono stati rilevati 58 casi di infortunio a rischio di contaminazione biologica (7.6% della popolazione, dei quali 53 (91,4% appartenevano alla classe dei chirurghi. Infine, per quanto riguarda l’utilizzo dei DPI solo il 14,7% (112 della popolazione ha dichiarato di utilizzarli in maniera abituale

  10. Angiopatia diabetica e amputazione degli arti inferiori: valutazioni preliminari degli episodi di ricovero ripetuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Trerotoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’obiettivo principale dello studio è stata la valutazione dei ricoveri ripetuti nei soggetti con vasculopatia diabetica, rispetto ai soggetti con vasculopatia non diabetica.

    Materiali e Metodi: sono state selezionate le SDO del triennio 1998-2000 contenenti, in uno dei campi di diagnosi, i codici di diabete mellito, con e senza complicanze (codici ICD9 ed ICD9CM, 250.—, vasculopatia periferica (440.2 e 440.8, ulcera periferica (707.1, 707.8, 707.9, gangrena (785.4. Le SDO con diagnosi di vasculopatia diabetica sono state considerate come angiopatie diabetiche (AD; le altre sono state attribuite agli angiopatici non diabetici (AND. Le SDO con diabete non complicato e arteriopatia periferica sono state eliminate. L’intervento di amputazione è stato individuato dalla presenza del codice ICD9CM di procedura 84.—. La ripetitività degli episodi è stata valutata usando il codice fiscale come identificativo del paziente. Risultati: sono state rilevate 5814 dimissioni di AD e 9010 di AND. Le amputazioni sono state 285 (4,90% negli AD e 485 (5,38% negli AND. I ricoveri ripetuti sono stati 13 negli AD e 12 negli AND. Le amputazioni sono state osservate verso il 4°-5° episodio di ricovero negli AD, mentre già dal 2° episodio negli AND. Le ulcere erano presenti nel 36,05% (il 36,5% nel primo episodio di ricovero, che resta costante negli episodi successivi degli AND e nel 10,97% degli AD (9,84% nel primo episodio, con un incremento fino al 20% del 5° episodio. Un episodio in day-hospital (DH si osserva nel 12,32% degli AD, contro il 4,20% degli AND.

    Conclusioni: l’accesso degli AD all’assistenza intraospedaliera avviene più frequentemente in DH, i passi successivi sono caratterizzati dalla comparsa dell’ulcera o gangrena e infine dall’amputazione. Nel gruppo degli AD è stato osservato un eccesso di ospedalizzazione, probabilmente per ripetitività del

  11. Il Gambling Compulsivo: rilevanza epidemiologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Coacci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: il gioco d’azzardo ha profonde radici nella storia e nella cultura di ogni popolo. Si stima che circa l’80% della popolazione adulta nel nostro Paese giochi d’azzardo. Esso, pur rappresentando per la maggior parte di queste persone solo un innocuo passatempo, si trasforma talora in una vera e propria malattia (gambling compulsivo, con comportamenti che denotano forme estreme di rischio, sino a forme che portano alla distruzione della famiglia e persino della propria vita.

    Si tratta un disturbo poco conosciuto e spesso non diagnosticato. Infatti, benché sia largamente diffuso e comporti rilevanti costi umani e sociali, il gambling compulsivo solo di recente è stato incluso nelle classificazioni diagnostiche internazionali.

    Obiettivi: valutare l’impatto epidemiologico del gambling compulsivo (gioco d’azzardo patologico in una ASL/provincia.

    Materiali e metodi: è stato inviato un questionario ai 190 Medici di Medicina Generale della provincia di Grosseto (ASL 8, per raccogliere informazioni su: sistema di cura, numero di soggetti che si sono rivolti al proprio medico di famiglia per tale problema, eventuale coesistenza di problemi e comportamenti di dipendenza e di abuso (alcool, psicofarmaci, droghe illegali, ecc.

    Risultati: sono pervenuti 127 (pari al 66,8% questionari compilati. L’elaborazione dei dati è tuttora in corso.

    Conclusioni: dai risultati preliminari sembra emergere che il numero di persone che chiede aiuto al medico e al SSN, differentemente da quanto accade per i tossicodipendenti, è molto limitato e, quindi, intuitivamente poco indicativo della massa di soggetti realmente coinvolti dalla problematica studiata. Si discute del ruolo nella promozione della salute potenzialmente svolto dai Medici di Medicina Generale. Per quanto la tecnica di rilevazione appaia relativamente poco sensibile

  12. Valutazione del carico di stress nei Vigili del Fuoco: correlazione con il profilo psicologico ed alcuni indicatori biologici di rischio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Giacobazzi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: approfondire i rapporti tra carico lavorativo, personalità ed alcuni indicatori biochimici di risposta allo stress le cui modificazioni possono contribuire a spiegare la suscettibilità/resistenza al rischio di malattie.

     Materiali e metodi: l’indagine è stata effettuata su un gruppo di Vigili del Fuoco (n°61 confrontati con un gruppo di controllo (ricercatori universitari; entrambi hanno aderito tramite consenso informato e fornito un campione di saliva per la misura del cortisolo e delle IgA in condizioni di base. Un sottogruppo di vigili ha fornito anche un campione di saliva dopo un turno lavorativo notturno (condizione di stress. Parallelamente si è effettuato un assessment psicologico tramite la somministrazione di questionari quali: lo State-Trait Anxiety Inventory, il Big Five Observer, il Locus of Control ed il Sensation Seeking Scale. Risultati: in condizioni basali i Vigili del Fuoco mostrano un livello di cortisolo salivare più elevato dei controlli (24,9 ± 11,3 vs 20,0 ± 8,6 nmol/l, p=0,091, mentre il livello di IgA è simile nei due gruppi. Nei vigili, dopo lo stress lavorativo, si è evidenziato un calo significativo delle IgA (296,5 ± 160,5 vs 191,9 ± 95,3 Bg/ml, p=0,014 ed una correlazione positiva tra il cortisolo salivare e l’ansietà di stato e di tratto.

    Conclusioni: i Vigili del Fuoco sono risultati meno ansiosi, più predisposti al rischio e con un profilo di personalità di tipo realistico in linea con la scelta professionale. Lo stress lavorativo si associa ad una riduzione significativa dell’ escrezione salivare di IgA, assunta come indice di attività del sistema immunitario, mentre il cortisolo salivare, che rappresenta un indicatore sensibile di attività neuroendocrina sotto stress, pur non modificandosi in termini assoluti si associa con il livello di ansietà dei vigili allo studio.

  13. Scegliere la musica nell’era di Internet

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Russo

    2014-01-01

    Full Text Available La diffusione della musica su Internet è sorta solo dopo l’avvento di due specifiche tecnologie. La prima è relativa ai sistemi di compressione (soprattutto MP3 che ha permesso di ridurre le dimensioni di ciascun file, la seconda al progressivo ampliamento della banda disponibile agli utenti casalinghi (ADSL che ha drasticamente velocizzato i tempi di trasferimento dei dati. La nascita di Napster e dei successive sistemi peer to peer [Merriden 2001] ha reso infine la pratica di ricerca di brani musicali su Internet una prassi diffusa e stabilizzata [Mari 1999], tanto da soppiantare gran parte dei tradizionali media musicali ed ingenerare nuove forme di commercializzazione e gestione dei dati sonori [Prato 1995; Silva-Ramello 1999]. Senza entrare nel dettaglio legale dell’irruzione di Internet nella diffusione di materiali [Darias de las Heras 2003], aspetto che è tutt’altro dall’apparire chiaramente definito anche a causa di rapide trasformazioni normative locali rispetto ad un evento di dimensione assolutamente internazionale, certo è che le iniziali, e primitive, modalità di raccolta di brani su Internet si sono progressivamente evolute sino ad assumere rilevanti connotati tecnologici e commerciali [Di Carlo 2000] che rendono possibile individuare e effettuare il download di pressoché qualsiasi brano si desideri. Il rilievo principale che sorge da queste considerazioni impone dunque una nuova modalità di fruizione della musica rispetto a quella diffusa dai tradizionali media, poiché questi ultimi, al contrario di Internet, non permettono alcuna interazione ed è quindi essenzialmente passiva. Con l’avvento di Internet e tutti i suoi corollari il problema del fruitore di musica cambia profondamente, spostando l’attenzione principalmente verso quello della “scelta” della musica, indipendentemente, spesso, dall’uso che se ne potrà fare o delle modalità di ascolto che saranno messe in atto. Con questo intervento

  14. La qualitá percepita: valutazione di un servizio di ristorazione ospedaliera attraverso il grado di soddisfazione degli utenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. De Paola

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: un tema centrale nell’ambito della qualità in Sanità, è rappresentato dalla “customer satisfaction”, ossia dal gradimento dell’utente. Il servizio di ristorazione rientra nelle prestazioni alberghiere che caratterizzano un Ospedale e la cui efficacia può essere valutata mediante la rilevazione del grado di soddisfazione dell’utenza. Nell’Ospedale “S.M.d.P. degli Incurabili” (ASL NA 1 la preparazione e la consegna dei pasti è affidata in appalto ad una ditta esterna e la distribuzione del vitto ai pazienti a personale del reparto. Materiali e metodi: per misurare il grado di soddisfazione dei pazienti nei confronti del vitto ricevuto si è provveduto a somministrare, ad un campione random di 100 pazienti, un questionario elaborato sulla base di una ricerca bibliografica. Il questionario include una sezione anagrafica ed una sezione costituita da domande con risposte a carattere chiuso.

    Risultati: nel periodo Febbraio-Aprile 2002 sono stati intervistati 100 pazienti (66 donne e 34 uomini la maggior parte di età compresa tra 36 e 65 anni. Relativamente alla qualità del servizio, l’88% degli intervistati trova il vitto dell’Ospedale globalmente soddisfacente e solo l’8% scadente, l’82% trova il menu abbastanza vario, il 41% non consuma tutto il vitto che riceve ed il 21% mangia cibi preparati altrove. Riguardo alla gradevolezza degli alimenti, solo il 9% dei pazienti non apprezza la colazione, il 18.5% trova sgradevoli i primi piatti, il 13% i secondi piatti e il 10.5% i contorni.

    Conclusioni: il questionario è uno strumento utile per mettere in evidenza alcune insoddisfazioni dei pazienti e per conoscere le discordanze percepite tra il servizio erogato e le loro aspettative, al fine di poter garantire la corretta individuazione degli ambiti di intervento per il miglioramento del servizio stesso ed evitare il ripetersi di eventuali

  15. Standardizzazione isogravitá di un case-mix ospedaliero mediante Charlson index

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Messina

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la comorbidità è un importante fattore confondente negli studi epidemiologici valutativi dell’assistenza ospedaliera. Diversi strumenti di risk adjustment misurano la complessità della malattia, consentendo di correlarla al consumo di risorse assistenziali, agli esiti, nonchè di confrontare studi eseguiti in tempi e realtà diversi.

    Obiettivi: - Standardizzare per complessità casistica la mortalità dei pazienti assistiti da un grande ospedale; - Identificare le variabili in grado di migliorare la capacità predittiva di mortalità intraospedaliera (IM. Materiali e

    Metodi: sono state analizzate 40.801 schede di dimissione prodotte dal Policlinico Senese nel 2001. Sono stati studiati i tassi di IM specifici per Charlson Index Score (CSI: quest’ultimo considera 19 categorie di patologia e si basa sull’ ICD-IX-CM. Le variabili studiate mediante analisi bivariate e regressione logistica, sono state: CSI (codificato in 5 livelli 0, 1, 2, 3, 4, lunghezza del ricovero (LR, sesso ed età. Risultati: CSI è risultato associato con IM (p‹0.001. Sesso, età e LR sono risultati associati sia con CSI (p‹0.001 che IM (p‹0.001. Confrontando i 4 livelli di CSI con quello di riferimento (0, le seguenti Odds Ratio (OR di IM sono state trovate: Livello 1 verso livello 0 OR: 6.79 (p‹0.001, Livello 2 verso livello 0 OR: 15.8 (p‹0.001, Livello 3 verso livello 0 OR: 9.36 (p‹0.001, Livello 4 verso livello 0 OR: 7.4 (p‹0.001. La variabile sesso non è risultata aver un effetto confondente tra CSI e IM al contrario delle variabili LR ed età.

    Conclusioni: il CSI aiuta a valutare (predire il rischio di mortalità intraospedaliera, sebbene in modo non lineare. Abbiamo sempre rilevato valori più alti di mortalità confrontando i livelli 1, 2, 3, e 4 con quello di riferimento (0. In particolare il valore più alto lo ha raggiunto il secondo livello

  16. Sieropositivitá per HIV, HBV e HCV negli utenti del Servizio di Tossicodipendenza di Formia (ASL di Latina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. La Torre

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare la prevalenza sieropositività per HIV, HBV e HCV nei tossicodipendenti afferenti al Ser.T di Formia (LT.

    Materiali e metodi: sono state consultate le cartelle cliniche degli afferenti al Ser.T. nel 2002, estraendo dati relativi ai parametri socio-demografici ed alle sieropositività. L’analisi statistica ha previsto l’impiego del test del χ2 e della regressione logistica multipla.

    Risultati: sono stati presi in considerazione 135 tossicodipendenti, di cui 103 (76.3% maschi e 32 (23.7% femmine. L’età mediana dell’inizio della tossicodipendenza e della presa in carico presso il servizio erano, rispettivamente, di 18 e di 23 anni. Il 94.1% dei tossicodipendenti risulta dipendente primariamente da eroina, il 5.2% da cocaina e lo 0.7% da alcol. Relativamente alle positività per i virus considerati, 7 soggetti (5.2% sono risultati positivi all’HIV, 23 (17% sieropositivi per HBV e 50 (37% sieropositivi per HCV. L’analisi multivariata mostra che sono associate alla sieropositività per HCV la sieropositività per HBV (OR = 3.87 e l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 1.88; alla sieropositività per HBV l’occupazione saltuaria (OR = 4.58, la HCV positività (OR = 4.41 e la HIV positività (OR = 5.39; alla sieropositività per HIV l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 4.94.

    Discussione: l’indagine ha messo in evidenza prevalenze di sieropositività per HCV, HBV e HIV decisamente inferiori a quelle registrate in altre realtà italiane ed internazionali. Una possibile spiegazione potrebbe essere ricercata nei bassi livelli di sieropositività per questi virus nella popolazione generale del Basso Lazio, o nella scarsa abitudine di scambiarsi le siringhe fra tossicodipendenti di questa area geografica.

  17. CORSO DI ITALIANO PER STUDENTI ANGLOFONI NEGLI USA: L’IMPORTANZA DEL LIBRO DI TESTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Sacchini

    2011-02-01

    Full Text Available L’insegnamento dell’italiano all’estero si colloca all’interno di un contesto specifico che deve essere tenuto in considerazione al momento della pianificazione di un corso di italiano LS. Dopo una analisi delle specifiche caratteristiche dell’ambiente universitario americano e delle difficoltà che lo studente incontra nell’apprendimento della lingua italiana in relazione alla sua lingua madre, l’attenzione si focalizza poi sul libro di testo, strumento fondamentale per lo studio e l’insegnamento/apprendimento della lingua straniera. Avanti!, manuale di lingua italiana utilizzato nei corsi di lingua italiana presso un’università americana, viene analizzato dal punto di vista glottodidattico attraverso una descrizione e una valutazione dettagliata della sua struttura, degli obiettivi linguistico- comunicativi e dei materiali didattici presenti, con particolare attenzione alla tipologia degli esercizi, nonché alla varietà di italiano presentata. Infine, vengono elencate alcune attività extra a completamento del corso di italiano da proporre agli studenti per un loro più ampio coinvolgimento nella lingua e nella cultura italiana.     Italian lessons for american english-speaking students: the importance of the textbook   Teaching Italian abroad takes place in a specific context which needs to be considered in planning Italian as a Foreign Language courses.  After analyzing the specific characteristics of the American university environment and the difficulty students have in learning the Italian language in comparison to their mother tongue, attention is focused on the textbook used, a fundamental tool for the study and learning/teaching of a foreign language. Avanti! is the textbook utilized in Italian language courses in American universities.  It is analyzed from a glottodidactic point of view through the detailed description and evaluation of its structure, the linguistic-communicative objectives and the didactic

  18. Utilizzo della metodologia di progettazione secondo ISO 9001:2000 per il re-engineering dei ricoveri chirurgici in degenza breve

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Tarassi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: migliorare l’assistenza al paziente, riducendo
    il periodo della degenza nella fase immediatamente
    postoperatoria; ridurre l’inappropriatezza di ricoveri in particolare inseriti nella lista del decreto sui LEA; utilizzare con maggior efficienza i posti letto e le risorse infermieristiche; avviare la organizzazione dell’attività per processi all’interno del Sistema qualità ISO 9001:2000.


    Materiali e metodi: la riorganizzazione ha interessato
    tutte le 6 unità operative di area chirurgica (chirurgia generale, chirurgia plastica, urologia, oculistica, ortopedia, ginecologia i servizi di prenotazione ed accettazione ricoveri, l’ambulatorio degli accertamenti preoperatori per un’area polidisciplinare di degenza breve da lunedì a venerdì con patologie chirurgiche con degenza media tra 0 e 4 giorni. Definiti i membri del gruppo di progetto, è
    stato stilato un calendario comprensivo di 2 riesami, 2 verifiche ed 1 validazione, secondo la metodologia ISO. È stato inoltre realizzato uno studio preliminare effettuato in collaborazione con tre ospedali.

    Risultati: risparmio di giornate di degenza a parità di case-mix; risparmio risorse infermieristiche a parità di assistenza; effettuazione DRG chirurgici a rischio di inappropriatezza in Day Surgery o One Day Surgery; verifica di un buon livello di customer satisfation; articolazione di unica segreteria per l’intero processo da prenotazione, accertamenti preoperatori, ricovero, intervento, dimissione, controlli con unico riferimento per il paziente con buon gradimento complessivo; costruzione di percorsi diagnostico-terapeutici
    condivisi tra diverse.

    Conclusioni: il progetto ha permesso di utilizzare in modo più efficiente posti letto e di organizzare per processi l’attività assistenziale con soddisfazione dell’utenza esterna e

  19. Remise à zéro du langage : l’œuvre hybride de Ketty La Rocca (1938-1976

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cathy Margaillan

    2010-12-01

    sperimentazioni e l’uso di materiali diversi. Esplora vari mezzi di comunicazione giustapponendo, mescolando, associando vari materiali (collages di parole, fotografie tratte di mass media e dalla società di consumo. Queste sperimentazioni la portano a riflettere sul rapporto tra parola e immagine poi unicamente sulle parole per concludere al non senso del linguaggio. Quest’ultimo appare falso e corrotto al punto da non compiere più la sua funzione principale vale a dire il comunicare tra gli esseri umani ; di più il linguaggio non consente più di esprimere in modo autonomo e autentico l’identità dell’artista. Giunge così al grado zero delle forme espressive. Da quel momento, Ketty La Rocca s’impegna nel ricostruire il linguaggio imboccando le vie più diverse e usando mezzi vari (ricerche legate alla comunicazione non verbale, la gestualità, le performance, televisione, installazioni, Riduzioni, Craniologie.... Questo suo azzerare il linguaggio le consente di rispondere alla riflessione personale che avvia sul proprio essere, sul proprio rapporto con il mondo e gli altri e soprattutto le permette di ri-appropriarsi la propria identità. Nel suo percorso artistico e intellettuale s’impegna al livello politico e femminista prendendo posizioni anticolonialiste e denunciando lo stereotipo della donna tramandato dalla società di consumo e dai mass media.

  20. IL FILM A LEZIONE DI ITALIANO L2: GLI ESAMI AL CINEMA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michela Albizzati

    2014-02-01

    Full Text Available Può il film rivelarsi uno strumento utile a lezione di italiano L2? Quali sono i limiti ed i vantaggi dell’utilizzo di materiale audiovisivo autentico in aula? Come strutturare un’attività basata sulla visione di un film italiano in lingua originale? Quali strategie mette in atto l’apprendente per comprendere un film nella L2? “Il film a lezione di italiano L2: gli esami al cinema” cerca di rispondere a queste domande attraverso una riflessione sull’utilità del cinema a lezione e proponendo un’attività didattica basata sulla visione di sequenze tratte da film italiani. Considerando la pellicola come documento di civiltà, veicolo di una lingua viva e “in situazione” ed esperienza di apprendimento plurisensoriale, l’articolo mette in luce come l’apprendimento dell’italiano L2 possa trarre beneficio dall’utilizzo in aula di materiali audiovisivi autentici quali i film, se opportunamente selezionati e didattizzati. Dalla riflessione alla pratica: dopo aver identificato obiettivi, destinatari ed i loro bisogni linguistico-comunicativi, viene presentata un’attività basata sulla didattizzazione di tre sequenze che hanno come tema centrale l’esame universitario orale. Ponendo i bisogni linguistico-comunicativi dei discenti al centro si scoprirà che, se opportunamente didattizzato, un film o parte di esso può trasformarsi in materiale didattico estremamente utile ai fini dell’apprendimento di una L2, nonché fonte inesauribile di spunti a partire dai quali l’insegnante può creare attività didattiche originali e stimolanti non solo linguistiche ma anche interculturali. Movies during italian l2 lessons: exams at the cinemaAre movies useful tools during Italian L2 lessons? What are the limits and advantages of using authentic audio-visual materials in the classroom? How can an activity based on viewing an Italian film in the original language be structured? What strategies do learners use to understand movies in

  1. IL PARLATO DELL’INSEGNANTE NELLA CLASSE DI LINGUA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Corradi

    2013-01-01

    Full Text Available In questo contributo si analizzano, in un contesto di insegnamento/apprendimento dell’italiano L2, esempi di parlato del docente, a cui è affidata la gestione della comunicazione didattica, ed esempi di parlato degli apprendenti, osservando, in particolare, in quale modo la loro produzione orale e il loro coinvolgimento nell’interazione verbale in classe sia previsto e guidato dalla forma della lezione e dalle strutture dialogiche a cui è correlato l’apprendimento della lingua. Nell’analisi di parlato e di interazioni verbali in classe si sono riscontrati due modelli fondamentali: la lingua della conversazione, macro-obiettivo comunicativo di lezioni svolte nell’ambito del progetto “Marco Polo” presso l’Università degli Studi di Milano, e la lingua dell’esposizione, perseguito nelle lezioni dei corsi sull’italiano disciplinare L2, sempre promossi dall’UniMi, e denominati “CALP” (Cognitive Academic Language Proficiency. La scelta metodologica di riportare la trascrizione e l’analisi di un’intera lezione del progetto “Marco Polo” è motivata dalla convinzione che la lezione è l’unità che riassume tutti gli elementi costitutivi del discorso didattico. A questa analisi segue l’esame di campioni audio-video registrati durante le lezioni dei corsi CALP, per mostrare come l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2/LS possa richiedere diverse tipologie di materiali e strumenti che supportano il parlato dell’insegnante e facilitano la comunicazione di contenuti didattici tra insegnante e apprendenti, se usati coerentemente con i micro-obiettivi e macro-obiettivi della lezione.  Language teacher in-class speech In this paper we analyze examples of in-class teacher speech, responsible for managing the teaching communication, and examples of learners' speech in an Italian L2 teaching/learning context. In particular we observe how the student’s speech and involvement in verbal interaction in the

  2. Mostre e musei nei cinegiornali dell’Archivio Luce tra le due guerre / Exhibitions and museums in the newsreels of the Institute Luce Archive between the WWI and the WWII

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tommaso Casini

    2016-12-01

    Full Text Available Il patrimonio cinematografi co dell’Istituto Nazionale Luce raccoglie alcune centinaia di ore di fi lmati che riguardano la storia delle mostre e dei musei del ‘900 in Italia e non solo. Sin dalla sua nascita, nel 1925, il LUCE (L’Unione Cinematografi ca Educativa inviò i suoi operatori a documentare musei, gallerie e mostre, specialmente in occasione di visite ufficiali dei sovrani e di esponenti del regime fascista. Cinegiornali e documentari didattici sono visibili on-line sul sito dell’Archivio, e parzialmente anche sul canale dedicato di YouTube. Il contributo traccia una prima ricognizione di un vasto panorama di materiali documentari e informativi, dando conto dell’uso del mezzo fi lmico per documentare le esposizioni temporanee e i musei. L’importanza del materiale del LUCE, che a partire dal 1931 diventa anche sonoro, offre uno spaccato ancora poco conosciuto di questa forma di documentazione in relazione al coevo dibattito sui musei, tra propaganda e uso pedagogico dell’immagine. Vengono esaminate modalità e strategie di presentazione visive e testuali distinguendo tra gli i musei di archeologia, arte antica, arte moderna e contemporanea, considerando alcuni casi specifi ci di esposizioni temporanee come la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. La conclusione è dedicata ad una rifl essione sui viaggi di Adolf Hitler in Italia in rapporto al patrimonio artistico e architettonico. The film heritage of the National Institute Luce collects several hundred hours of footage covering the history of the exhibitions and museums of the ‘900 in Italy and beyond. Since its inception in 1925, the LUCE (The Union Educational Film sent his workers to document museums, galleries and exhibitions, especially on the occasion of offi cial visits of kings and members of the fascist regime. Newsreels and educational documentaries and that for some years on-line are also visible on the Archive audiovisual database, and partly also

  3. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 Raccomandazione C/M Rec(20145

    2015-02-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145of the Committee of Ministers to member

  4. Proposta di uno studio multicentrico per la valutazione del fenomeno delle infezioni correlate a pratiche assistenziali in residenze socioassistenziali in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Brusaferro

    2003-05-01

    Full Text Available

    Razionale dello studio proposto In contesti come le Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA, le Residenze Protette (RP, l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI la letteratura e le prime esperirne italiane evidenziano come il problema ICPA sia importante e, pur variando le tipologie di infezione prevalenti, i costi individuali, sociali ed economici ad esse collegati rimangono molto elevati.

    In questo scenario diventa importante che i Comitati per il Controllo delle Infezioni Ospedaliere (CIO aziendali affrontino il problema del controllo delle infezioni in ambito extraospedaliero e comincino a strutturare modelli organizzativi in grado di operare efficacemente. Il dimensionamento del problema, ovvero l’attività di sorveglianza epidemiologica, anche in questo caso è tra le prime attività necessarie di provata efficacia.

    Obiettivo dello studio: una prima valutazione della dimensione del problema ICPA nelle strutture RSA presenti nelle diverse regioni italiane attraverso uno studio di prevalenza nazionale. Materiali e metodi: l progetto prevede una prima fase con l’individuazione dei centri partecipanti e dei rispettivi referenti medici ed infermieristici. Successivamente si procederà, utilizzando la metodologia già testata in uno studio pilota, alla formazione del personale sull’uso degli strumenti. Saranno arruolati tutti i pazienti degenti da oltre 48 ore nelle RSA partecipanti, escludendo quelli in dimissione o in trasferimento nel giorno di rilevazione. I rilevatori, esterni alla struttura, raccoglieranno i dati consultando il quaderno infermieristico, il quaderno terapia, il diario clinico, la cartella clinica ed esaminando ciascun paziente per validare la eventuale presenza di “devices” e confermare sintomi e segni rientranti nelle definizioni di caso. Laddove necessario verrà consultato il personale medico ed infermieristico della struttura. Le variabili raccolte saranno centrate su dati

  5. Il turismo è un fenomeno spaziale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pasquale Boccagna

    2010-10-01

    problematiche dell’impatto sul territorio delle politiche di sviluppo turistico e del Destination Management è utile il riferimento alla Stakeholder Theory ed un approccio Corporate Social Responsability (CSR. Date queste premesse, nel paper vengono esposti i vari contributi della letteratura specialistica sui sistemi turistici partendo dall’assunto di base che il turista è un soggetto che attiva un processo di spesa di parte del suo reddito in un luogo diverso dalla sua abituale dimora. La scelta della destinazione in cui fruire dei servizi turistici e svolgere le attività collaterali di consumo è il frutto di un processo decisionale complesso basato sulla selezione competitiva tra soluzioni alternative che siano in grado di rispondere ad un insieme di bisogni ed aspirazioni a parità di costi e di livello di servizi richiesti. Successivamente viene preso in esame il modo con cui una località geografica diviene destinazione turistica e come le caratteristiche strutturali (servizi di alloggio, ristorazione, accessori ed infrastrutturali (accessibilità geografica, sociale ed economica possano essere in grado di esprimere un richiamo "emozionale" per il turista; l’incontro tra domanda ed offerta viene visto in un’ottica postfordista secondo il framework “Mutual Value” che assegna un ruolo fondamentale alla componente dei servizi presente nell’offerta di vendita dei beni (materiali ed immateriali per generare un vantaggio competitivo sul mercato. In prosieguo il fenomeno turistico viene messo in relazione al concetto di mobilità territoriale per evidenziare l’impatto che esso genera sul piano ambientale ed urbanistico e la necessità di monitorare il fenomeno e pianificare le azioni di adeguamento strutturale ed infrastrutturale del territorio nella direzione della sostenibilità. Infine verranno esposti dei casi di mobilità urbana ed extraurbana di tipo turistico secondo una prospettiva che vede il trasporto urbano ed extraurbano una vera e propria risorsa

  6. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 aprile 2014 in occasione della riunione 1196 dei Delegati dei Ministri Raccomandazione C/M Rec(20145

    2014-07-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145 of the Committee of Ministers to member States

  7. LA TECNICA DELL’APPRENDIMENTO IN MOVIMENTO PER L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO L2 A BAMBINI. UNO STUDIO DI CASO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Debora Bellinzani

    2017-03-01

    Full Text Available Apprendimento in movimento è la tecnica che unisce l’esposizione del discente a nuove informazioni al contemporaneo esercizio dell’attività fisica, ed è utilizzata principalmente con apprendenti in età infantile e adolescenziale. Nella prima sezione l’articolo presenta le tappe fondamentali dell’esperienza didattica della Confederazione elvetica, che nell’ultimo decennio ha promosso e sperimentato l’utilizzo di questa tecnica nelle scuole pubbliche, e i materiali didattici realizzati dall’Ufficio Federale dello Sport svizzero (UFSPO. Nella seconda sezione è presentato un laboratorio didattico per l’insegnamento dell’italiano come lingua seconda progettato sulla base dello studio dell’esperienza svizzera e realizzato nel 2015 presso la Scuola Primaria Don Bortolotti di Sesto Fiorentino (FI. Il laboratorio ha preso in carico due apprendenti con carenze riguardanti in particolare le abilità di lettura e il riconoscimento degli elementi grammaticali. È proposta una selezione delle attività utilizzate nel corso del laboratorio raggruppate nelle categorie “esercizi per l’apprendimento della grammatica”, “esercizi per stimolare le abilità di lettura”, “esercizi per la memorizzazione della grafia e del significato dei vocaboli” ed “esercizi per le pause in movimento”; le modalità di realizzazione e i risultati ottenuti sono descritti per ogni singolo esercizio. Una valutazione globale dei risultati in termini di apprendimento, di motivazione, di fiducia nelle proprie abilità e della capacità di mantenere un comportamento compatibile con l’istituzione scolastica da parte degli studenti è presentata nella sezione conclusiva. Learning in motion techniques for teaching Italian as a second language to children. A case study Learning in motion is a set of techniques that simultaneously combine learner exposure to new input with physical activity, mainly used with children and teenagers. The first section

  8. Railway traffic noise pollution. Source, propagation and abatement systems; L'inquinamento acustico prodotto da traffico ferroviario. Origine, propagazione e sistemi di attenuazione. Progetto Apparati silenti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lanchi, M.; Salernitano, E. [ENEA, Div. Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    specifico alla Legge Quadro n. 447 del 26/10/95 e al D.P.R. n. 459 del 18/11/98. Vengono poi trattati, da un punto di vista fenomenologico e di modellizzazione, i meccanismi di generazione e di propagazione del rumore, con particolare riferimento al processo di attenuazione del livello sonoro, ad opera di dispositivi naturali o artificiali. Lo studio di quest'ultimo aspetto rappresenta la parte centrale del presente lavoro: sono state esaminate diverse configurazioni di barriere antirumore artificiali, riportando i risultati sia di sperimentazioni condotte in situ, sia di simulazioni avanzate. Le prestazioni di diverse soluzioni schermanti, caratterizzate da geometrie e materiali differenti, sono state messe a confronto in base a parametri tecnici, economici e di fattibilita'. Infine sulla base delle attuali tecnologie, viene proposta una soluzione progettuale innovativa per la realizzazione di un sistema antirumore efficace e a basso impatto visivo. Essa e' costituita da una barriera fissa, adiacente ai binari e realizzata in plastica riciclata, e da uno schermo mobile, solidale al vagone, in materiale composito. Secondo i criteri di confronto sopra esposti, tale soluzione sembra rispondere alle esigenze di riduzione del fonoinquinamento, basso impatto ambientale e costi contenuti.

  9. Book Reviews

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Th. J.J. Leyenaar

    1966-10-01

    Full Text Available - J.R. Swart, P. van Emst, Panorama der volken. Deel II - Volken van Azië. Onder redactie van Dr. P. van Emst. J.J. Romen & Zonen, Roermond en Maaseik, 1965. 464 blz., ills. - K.A.H. Hidding, Waldemar Stöhr, Die religionen Indonesiens. W. Kohlhammer Verlag, Stuttgart 1965. 354 pp., Piet Zoetmulder (eds. - E. Postel-Coster, Friedrich F.W. Funke, Orang Abung; Band II, Das Leben in der Gegenwart. E.J.Brill, Leiden 1962. 353 blz., ills. in tekst, platen, krtn. - Gustav Jahoda, Herbert W. Phillips, Thai peasant personality. The patterning of interpersonal behaviour in the village of Bang Chan. Berkeley, University of California Press, 1965. 231 pp. - Robert R. Ray, E. Wittermans, Inter-ethnic relations in a plural society. J.B. Wolters, Groningen 1964. 180 pp. - L. Sluimers, A.A. Guber, Politika Kapitalistitsjeskich Derzjaw i Natsionaljno-Oswoboditeljnoe Dwizjenie w Jugo-Wostotsjnoj Azii (1871-1917. Dokumenty i Materialy. Tsjastj I, Moskowa 1965. (De Politiek der Kapitalistische Mogendheden en de Nationale Bevrijdingsbeweging in Zuidoost-Azië (1871-1917. Dokumenten en Materiaal. Dl. I, Moskou 1965., G.I. Lewinson, W.I. Mazaew et al. (eds. - Robert van Niel, W.F. Wertheim, East-West parallels: Sociological approaches to modern Asia. The Hague, W. van Hoeve Ltd., 1964. 284 pp. - A. Teeuw, Hans Kähler, Wörterverzeichnis des omong Djakarta. Veröffentlichingen des Seminars für Indonesische und Südseesprachen der Universität Hamburg. Band 5. Verlag von Dietrich Reimer in Berlin. 1966. XXII und 351 pp. - G.D. van Wengen, Gamelan music from Java. Grammofoonplaat, uitgave Philips. Serie: Song and Sound the World Around. No. 631 209 PL. 33 1/3 t., mono. - G.D. van Wengen, J.H. Kwabena Nketia, Folk songs of Ghana. Oxford University Press for University of Ghana. London 1963. 205 pp. - G.D. van Wengen, Annemarie de Waal Malefijt, The Javanese of Surinam. Van Gorcum & Co., Assen 1963. 206 pp., krt., pln. - Th. J.J. Leyenaar, H. Riemens, Mexico. Land

  10. La raccolta archeologica del Museo Comunale di Fermo: note su alcune terrecotte architettoniche romane / The archaeological collection of Fermo’s Civic Museum: notes on a group of architectural terracotta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuela Stortoni

    2013-05-01

    Full Text Available In questo lavoro sono enucleate alcune preliminari considerazioni riguardo ad un gruppo di terrecotte architettoniche, facenti parte della ricca ed interessante collezione archeologica del Museo Comunale di Fermo, ancora troppo poco nota alla letteratura scientifica. La raccolta, costituita ufficialmente nel 1890 anche grazie al contributo di eclettici cultori dell’antichità, come il Carducci e i De Minicis, si compone di qualche migliaio tra manufatti e monete, in gran parte di età proto-storica e romana, con significative testimonianze etrusche, greche e tardo-antiche. Nonostante l’eterogeneità, la pertinenza a differenti facies culturali, la frammentarietà e la mancanza di contestualizzazione dei reperti, la raccolta fermana rappresenta un prezioso esempio di collezionismo archeologico dell’area marchigiana tra XVIII e XIX sec. La possibilità, inoltre, di ricondurre, pur se genericamente, molti di questi materiali a Fermo e al suo territorio fa della raccolta anche un importante strumento di indagine per migliorare la lettura storico-archeologica di uno dei più antichi e vivaci centri piceni e romani del territorio regionale, qual è appunto Firmum Picenum. Lo studio sulle terrecotte architettoniche della raccolta, benché ancora incompleto, ne è una dimostrazione. Trattasi di un piccolo nucleo, composto da sima, antepagmenta, antefisse e acroteri, molto frammentari, probabili parti del rivestimento delle strutture lignee di edifici diversi, forse per lo più sacri. Le terrecotte in esame sono databili tra la fine del III sec. a.C. e gli inizi del I sec. a.C., ad eccezione di un solo manufatto ascrivibile al primo quarto del I sec. d.C. Gli ambiti cronologici individuati ben si contestualizzano con i periodi rispettivamente della prima e della seconda colonizzazione di Firmum Picenum.   This work presents some preliminary considerations concerning a group of terracotta architectural features held in the rich and interesting

  11. Taxonomic identification of the Megaloolithid egg and eggshells from the Cretaceous Bauru Basin (Minas Gerais, Brazil: comparison with the Auca Mahuevo (Argentina titanosaurid eggs

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gerald Grellet-Tinner

    2007-01-01

    Full Text Available The taxonomically (titanosaurid identified eggs and eggshells of Auca Mahuevo (Patagonia, Argentina provide an opportunity to compare and identify orphan megaloolithid eggs found elsewhere. Previous investigation determined that the oological material from Neuquén (Megaloolithus patagonicus and Peru (M. pseudomamillare are related to titanosaurid dinosaurs. Examination of an egg and several (megaloolithid eggshell fragments from the Upper Cretaceous Marilia Formation strongly suggests, as oological characters are at least genus specific, that the same group of titanosaur dinosaurs, which lived in the Neuquén Basin during the Late Campanian, were also present and reproducing in the Cretaceous Bauru Basin (Brazil. Furthermore, it has been suggested that these titanosaurs, based on the site of Auca Mahuevo, demonstrated colonial nesting and nesting fidelity. These reproductive behaviors would advocate that similar nesting sites should exist in the Upper Cretaceous formations of the Bauru Basin and remain to be discovered, as the present Peiropolis locality represents a secondary deposit where fossils have been transported by high-energy fluvial system.Os ovos e cascas de ovos provenientes de Auca Mahuevo (Patagonia, Argentina e identificados taxonomicamente como sendo de titanossaurídeos servem de base para comparação e identificação de ovos megaloolithídeos encontrados em outras localidades. Investigações prévias detreminaram que os materialis oológicos encontrados em Neuquén (Megaloolithus patagonicus e no Peru (M. pseudomamillare estão na realidade relacionados à dinossauros titanossaurídeos. O estudo de um ovo e diversos fragmentos de cascas de ovos (megaloolithídeo provenientes do Cretáceo Superior da Formação Marília sugere que o mesmo grupo taxonômico de dinossauros titanossauros que ocorria no Campaniano tardio da Bacia Neuquén também estava presente e se reproduzia durante o Cretáceo na Bacia Bauru, isto porque os

  12. AV e attività di eccellenza. Nuove opportunità localizzative nel sistema Roma-Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2008-06-01

    Full Text Available Il contributo propone una lettura delle possibili influenze della realizzazione delle reti AV sulla localizzazione/distribuzione di attività di eccellenza, quali attività direzionali, di management, di servizio alle imprese e alla pubblica amministrazione, con specifico riferimento alla tratta AV Roma-Napoli. A partire da una caratterizzazione delle attività di eccellenza, se ne evidenzia anzitutto la spiccata tendenza alla concentrazione urbana, la dipendenza da efficaci connessioni sia immateriali che materiali e la rilevanza assunta dalla variabile temporale nelle scelte localizzative (Sassen, 2001. Quindi, in riferimento ad alcune esperienze europee, si esaminano i principali effetti, in termini di attrazione/concentrazione di tali attività, connessi alla realizzazione delle reti AV (Sands 1993; Vickerman e Ulied, 2006; Gemeente Amsterdam, 2007. Sulla base di tali considerazioni e tenendo conto delle più recenti definizioni e metodi di misura dell’accessibilità (Axhausen et al. 2006; Spiekermann, Wegener, 2005, lo studio propone un indicatore di “accessibilità” finalizzato ad individuare e graduare, in ragione dei livelli di accessibilità, un sistema di luoghi urbani interconnessi mediante reti su ferro (AV e reti metropolitane e regionali dai quali le attività di eccellenza potranno massimizzare il proprio bacino di utenza. L’individuazione di un sistema di luoghi urbani a diverso grado di accessibilità consente di evidenziare le numerose opportunità per la localizzazione di attività di eccellenza che si dischiudono a seguito della riduzione dei tempi di spostamento consentita dalle reti AV. In tal senso, l’indicatore proposto può costituire un utile supporto alle decisioni sia per l’attore pubblico consentendo di governare e orientare i processi di trasformazione conseguenti alla realizzazione della rete AV, estendendone i benefici dalle aree di stazione a più ampie porzioni urbane sia per l’investitore privato

  13. Sicurezza, tollerabilitá ed immunogenicitá di un vaccino influenzale a virosomi somministrato per via intranasale a soggetti HIV positivi e negativi residenti in una comunitá di recupero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Gasparini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutatazione della sicurezza, tollerabilità
    e immunogenicità di un nuovo vaccino influenzale
    virosomale, adiuvato con la frazione termolabile
    della tossina di E. Coli, somministato per via
    intranasale a soggetti ex tossicodipendenti, HIV
    positivi e negativi.

    Materiali e metodi: 349 soggetti HIV negativi ed 88
    HIV positivi hanno ricevuto 2 dosi di vaccino a distanza di 8 1giorni. I soggetti hanno registrato su un apposito diario clinico la comparsa di reazioni locali e sistemiche. L’immunogenicità è stata valutata mediante HAI test al giorno della vaccinazione (T0 e a distanza di 29+3 giorni dalla stessa (T1.

    Risultati: non si sono verificati seri eventi avversi. Cefalea e naso chiuso sono state le reazioni postimmunizzazione, sistemiche e locali, più frequenti. Nel gruppo di soggetti HIV negativi, le percentuali di sieroconversione sono state 41,26% per il ceppo virale A/H3N2, 43,55% per A/H1N1 e 41,26% per il ceppo B.
    Le percentuali di sieroprotezione sono state le seguenti: 68,48% per A/H3N2, 67,9% per A/H1N1 e 85,95% per B. L’incremento del Titolo Geometrico Medio (GMT T1/T0 è stato di 2,68 per A/H3N2, 3,41 per A/H1N1 e 2,58 per B, in ottemperanza ai criteri E.M.E.A. Il gruppo di soggetti HIV positivi ha mostrato una risposta immunologica minore (percentuali di sieroconversione: 33% per A/H3N2, 28,4% per A/H1N1, 39,8% per B; percentuali di sieroprotezione: 50% per A/H3N2, 36,4% per A/H1N1, 63,6% per B; GMT T1/T0: 2,1% per A/H3N2, 1,9% per A/H1N1e 2,3% per B. La regressione logistica ha dimostrato come una conta di
    CD4+ ›350/ml e un titolo anticorpale prevaccinale ›5
    siano parametri correlati positivamente con il livello di
    protezione nei soggetti HIV positivi.

    Conclusioni: il vaccino si è dimostrato sicuro e ben tollerato in entrambi i gruppi. L

  14. Plutarque juge et partie : à propos des débats entre l’Académie, le Jardin et le Portique Plutarch as judge and litigant: on the debate between Academy, Garden and Stoa Plutarco, giudice e parte in causa: sul dibattito fra l'Academia, il Giardino e il Portico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Lévy

    2013-05-01

    Full Text Available In questo articolo, cerco di mostrare che:1. L’indicazione di Plutarco (Adv. Col. 1121E-1122A di un certo numero di presocratici, fra cui Eraclito, non permette di trarne che questo pensatore fosse incluso dalla Nuova Academia fra i filosofi giudicati come propri predecessori sulla via della sospensione del giudizio.2. Il passo (1122A-F sulle critiche rivolte da Colote e da altri filosofi contro la sospensione del giudizio della Nuova Academia non permette di dedurre che la risposta a queste critiche, così come è riportata da Plutarco, provenisse dal solo Arcesilao e che avesse un carattere assertivo. Pare più ragionevole considerarla come un pastiche costruito da Plutarco sulla base di materiali diversi e con una pronunciata coloritura dialettica.3. La polemica antiepicurea (1123A-1124C condotta da Plutarco conduce a presentare l’epicureismo come una sorta di scetticismo paradossale che poggia, non sul timore di ingannarsi, ma sulla certezza che i sensi non ingannano mai. Stando a Plutarco, il principio della verità di tutte le sensazioni dovrebbe spingere gli Epicurei, se fossero conseguenti, all’afasia, ossia a una posizione che li avvicinerebbe alla forma più radicale di pirrronismo.In this article I show:(1 Plutarch’s inclusion of Heraclitus among the list of Presocratics at Adv. Col. 1121E-1122A should lead us to conclude that this philosopher was included by the New Academy among those predecessors who had advocated the suspension of judgement. (2 The passage (1122A-F that deals with Colotes’ formulation of criticisms of the New Academy’s suspension of judgement should not be taken as evidence that Plutarch’s response to these criticisms derives solely from Arcesilaus and has a positive assertive character. Rather, it is a patchwork assembled by Plutarch from various sources and has a markedly dialectical aspect. (3 Plutarch’s anti-Epicurean polemic at 1123A-1124C offers a distorted picture of Epicureanism as a