WorldWideScience

Sample records for prevalentemente tramite questionari

  1. La valutazione degli investimenti finanziati tramite equity crowdfunding

    OpenAIRE

    Zanetti, Laura

    2015-01-01

    Evoluzione e dimensione del crowdfunding, La valutazione e strutturazione dell’investimento tramite equity crowdfunding, Valutazioni implicite nelle raccolte fondi in equity crowdfunding, Peculiarità specifiche dell’equity crowdfunding, Un confronto con la bolla valutativa delle aziende internet degli anni 2000

  2. The present conditions of interpretation and findings report in UGI series examination (The Japanese society gastrointestinal imaging report group performed questionary survey)

    International Nuclear Information System (INIS)

    Sato, Shinsuke; Aoki, Ryosuke; Yoshida, Takashi; Nishikawa, Takashi; Takahashi, Nobuyuki; Ishimoto, Yuji

    2008-01-01

    The Japanese society gastrointestinal imaging report group performed questionary survey to relate to interpretation of radiogram of radiological technologist and findings report in upper GI series examination for 599 national institutions. Response rate was 27%, and many of answers were the institutions where surgical treatment was possible. Additional radiography examining by radiological technologist depending on the situation and, it was recognized a doctor furthermore, institutions more than 70% made findings report after examination, and, as for the mention methods of findings report, there was difference in mention contents, and character by examination classification. It seemed the mention methods that we unified were difficult nationwide, and, however, as for the making of the findings report which used diagnosis flow chart, it was thought with possibility in future by enlightenment active. (author)

  3. A questionary for assessment of visual needs and wishes

    NARCIS (Netherlands)

    Jorritsma, F.F.; Neve, J.J.; Kinds, G.F.; Kooijman, A.C.; Looijestijn, P.L.; Welling, J.A.; Wildt, van der G.J.

    1994-01-01

    The Visual Advice Centre Eindhoven (V AC-E) provides the partially sighted with advice and prescriptions for low vision aids and illumination. As a first step an assessment interview is held. The visual problems of the patient are inquired and the demands for help defined. The assessment interview

  4. PROGETTI INFRASTRUTTURALI E SVILUPPO TERRITORIALE NELLE DOLOMITI VENETE: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE TRAMITE AHP

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Campeol

    2017-06-01

    Full Text Available The ensemble of European traffic roads is changing in relation to the economic geography that has been developing these recent years and also to the localisation of production and logistics centres. The development of communication has been defined through the project of the Trans-European Transport Network (TEN-T. Undoubtedly this new geography of European communication offers member States new development opportunities, but it is also true that the distance of the different territories from the major traffic roads can be a disparity factor. In fact, this phenomenon can worsen the marginalisation processes of some European territories, contrary to the objective of the interconnection policy of the EU territories. In front of these possible territorial disparities the idea to realise an important road infrastructure, which may connect Belluno directly with Austria, is presented in this paper as an emblematic case, in which the application of the Analytic Hierarchy Process (AHP permits to verify the best performing infrastructure on a territorial scale.

  5. Analisi sui pigmenti di ceramica neolitica tramite tecniche Raman e LIBS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Fabbri

    2007-04-01

    Full Text Available I dati presentati in questo breve contributo provengono da uno studio condotto in collaborazione dal Dipartimento di Scienze Archeologiche dell’Università di Pisa e dall’Istituto per i Processi Chimico-Fisici di Fisica molecolare del CNR di Pisa. Le metodologie applicate sono basate sull’analisi integrata delle tecniche spettroscopiche Raman e LIBS già ampiamente utilizzate nel campo dei Beni Culturali; i metodi sono infatti essenzialmente non distruttivi, non richiedono di un pre trattamento del campione e l’acquisizione delle misure è immediata.

  6. L’analisi spaziale tramite GIS a supporto di filiere agroenergetiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Flavio Lupia

    2008-03-01

    Full Text Available GIS spatial analysis in support of agroenergy developmentA feasibility study for an agro-energy district in the Latium region has been carried out using GIS tools to evaluate suitable areas for the cultivation of new energy crops for biofuel. This paper briefly describes the results of the sunflower land suitability analysis. The methodology used is based on crop suitability factors, cultivation constraints and GIS processing.The core processing is based on a multi-criteria analysis. The final result is a crop land suitability map.

  7. Confronto Inter-Aziendale sulle Macchine di Misura a Coordinate tramite un Piatto Opto-Tattile

    DEFF Research Database (Denmark)

    De Chiffre, Leonardo

    2005-01-01

    Si è recentemente concluso un confronto inter-aziendale sulle macchine di misura a coordinate basato sull'utilizzo di un piatto opto-tattile. Il progetto denominato "CIRP Comparison of Coordinate Measuring Machines using an Optomechanical Hole Plate" è constitito in un confronto interlaboratori i...... tesi di dottorato [3]. Il report finale [1] è a disposizione dei membri interessati sul sito del CMM Club mentre il presente articolo è in gran parte tratto dalla memoria...

  8. La gestione dei flussi turistici tramite sistemi di trasporto innovativi: l’esempio di Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Naldini

    2010-10-01

    Full Text Available La città di Perugia ha, fin dagli anni ’70, unito alla sua capacità di attrazione turistica, dovuta al patrimonio storico ambientale plurimillenario, una volontà di affrontare il tema della mobilità urbana in maniera profondamente innovativa ed ambientalmente sostenibile. Il concetto della creazione di parcheggi di attestazione, serviti da percorsi meccanizzati di risalita verso l’acropoli, è stato recentemente ampliato dalla creazione del Minimetro, mezzo di trasporto innovativo, dal ridottissimo impatto ambientale, che unisce in soli 12 minuti, con un servizio semicontinuo, l’area di valle di Pian di Massiano, dotata di un capace parcheggio da circa 2800 posti auto, al centro cittadino, servendo diversi quartieri urbani. Tale sistema di trasporto, corridoio forte del trasporto pubblico urbano, ha fornito lo spunto per attuare una nuova modalità di gestione dei flussi turistici, che individua nel Minimetro la modalità principale di accesso al centro storico sia per i gruppi a numero ridotto, sia per i gruppi organizzati in arrivo con i bus turistici. L’organizzazione della mobilità turistica che ne è derivata costituisce un ulteriore passo in avanti lungo quell’itinerario di gestione della città che cerca di coniugare l’attrattiva turistica, con le sue ricadute in termini di crescita economica, e la salvaguardia del patrimonio storico artistico e della qualità della vita dei cittadini. Gli scenari futuri vedono un’iniezione di tecnologia in questo contesto, con l’introduzione nella gestione dei flussi turistici dei concetti di accreditamento, dell’infomobilità come supporto alle politiche urbane, del controllo unito alla fornitura di servizi georeferenziati.

  9. Intensificazione del significato tramite l’uso dei prefissi e dei suffissi superlativi nel linguaggio giovanile e nello stile femminile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Małgorzata Berezowska

    2017-07-01

    Full Text Available L’uso dei prefissi e dei suffissi superlativi, oltre alla loro funzione di base in quanto indicatori delle dimensioni dell’oggetto descritto o dell’intensità delle sue proprietà, può servire a esprimere l’atteggiamento del parlante nei confronti della realtà extralinguistica. Questi elementi morfologici svolgono non solo la loro funzione di base, ma possono essere utilizzati nella loro funzione secondaria: quella di trasmettere le emozioni dell’autore dell’enunciato. Il materiale linguistico analizzato nell’articolo, tratto dai forum di discussione, riflette le tendenze tipiche dello stile femminile e del linguaggio giovanile.

  10. Potential benefits of selling by auction the CIP 6 energy; Effetti della vendita tramite asta dell'energia CIP 6

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Campidoglio, C. [Istituto per la Ricerca Sociale, Milan (Italy). Osservatorio Energia

    2000-12-01

    This paper analyses the potential benefits of selling by auction the CIP 6 energy. This would both reduce the supply shortage and the prices on the eligible market, increase competition on the contract-for-difference market, indicate a clear price to which regulated energy charges could be indexed, thus extending the auction benefits to the franchise market to avoid the reintroduction of cross-subsidies. [Italian] L'articolo analizza i possibili benefici della vendita tramita asta dell'energia CIP 6. In particolare, l'asta ridurrebbe la scarsita' d'offerta e quindi i pressi sul mercato libero, aumenterebbe la concorrenza nel mercato dei contratti per differenza, fornirebbe un prezzo chiaro a cui indicizzare il prezzo dell'energia in tariffa, estendendo i benefici dell'asta sul mercato vincolato ed evitando la reintroduzione di sussidi incrociati.

  11. Valutazione della sostenibilità ambientale tramite metodologia LCA di sistemi per lo sfruttamento di fonti alternative di energia e materiali

    OpenAIRE

    Chiavetta, Cristian

    2013-01-01

    La dissertazione ha riguardato l’analisi di sostenibilità di un sistema agronomico per la produzione di olio vegetale a fini energetici in terreni resi marginali dall’infestazione di nematodi. Il processo indagato ha previsto il sovescio di una coltura con proprietà biofumiganti (brassicacea) coltivata in precessione alla specie oleosa (soia e tabacco) al fine di contrastare il proliferare dell’infestazione nel terreno. Tale sistema agronomico è stato confrontato attraverso una analisi di cic...

  12. Geoportale del Consorzio LaMMA Disseminazione di dati meteo in near real-time tramite standard OGC e software Open Source

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Giannechini

    2014-02-01

    The innovative aspect of this po rtal is the fact that it currently is ingesting, fusing and disseminating geospatial data related to the MetOcfield from various sources in near real-time in a comp rehensive manner that allows users to create add ed value visualizations for the support of operational use cases as well as to access and download underlying data (where app licable.

  13. Geoportale del Consorzio LaMMA Disseminazione di dati meteo in near real-time tramite standard OGC e software Open Source

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Giannechini

    2014-02-01

    Full Text Available This paper describes the spatial data infrastructure (SDI used by the LaMMA Consortium - Environmental Mod elling and Monitoring Laboratory for Sustainable Developm ent of Tuscany Region for sharing, viewing and cataloguing (metadata and related information all geospatial data that are daily proc essed and used op erationally in many meteorological and environmental app lications.The SDI was develop ed using Open Source technologies, mo reover the geospatial data has been imp lemented through protoco ls based on ogc (Open Geospatial Consortium standards such as WMS, WFS and CSW. Geoserver was used for disseminating geospatial data and maps through OGC WMS and WFS protoco ls while GeoNetwork was used as the cataloguing and search po rtal through also the CSW protocol; eventually MapStore was used to implement the mash-up front-end.The innovative aspect of this po rtal is the fact that it currently is ingesting, fusing and disseminating geospatial data related to the MetOcfield from various sources in near real-time in a comp rehensive manner that allows users to create add ed value visualizations for the support of operational use cases as well as to access and download underlying data (where app licable.

  14. La parola a mamme e papà: cosa pensano i genitori della propria efficacia educativa e dei bisogni delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2010-02-01

    Full Text Available Famiglie in crisi, genitori assenti, distratti, tendenti alla delega che non fanno fronte alle proprie responsabilità, incapaci di porre limiti e regole ai propri figli: lo stereotipo negativo di “famiglia incapace di educare” sembra ormai consolidato e socialmente condiviso anche da parte di molti operatori dei servizi per la prima infanzia. Per evitare atteggiamenti giudicanti che possono ulteriormente indebolire il ruolo educativo delle famiglie ed ostacolare lo sviluppo di un rapporto di cooperazione, per evitare che si sviluppi sfiducia reciproca tra educatori/insegnanti e genitori, la presente ricerca è stata finalizzata a comprendere il punto di vista dei genitori su una serie di elementi caratterizzanti il “quotidiano dell’educazione” in famiglia. Con la rilevazione effettuata, tramite focus group e questionari, si è cercato di mettere a fuoco il punto di vista dei genitori, di bambini in età 0-6, su alcuni temi tra cui: cosa si inceppa e cosa ostacola l’esercizio delle funzioni normative da parte di padri e madri; il modo in cui vengono condivise le funzioni di cura nella coppia; le coordinate della rete sociale che può sostenere le famiglie nel loro compito; lo stato di salute della relazione educativa e le idee di “buona educazione” più diffuse.

  15. Valutazione del carico di stress nei Vigili del Fuoco: correlazione con il profilo psicologico ed alcuni indicatori biologici di rischio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Giacobazzi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: approfondire i rapporti tra carico lavorativo, personalità ed alcuni indicatori biochimici di risposta allo stress le cui modificazioni possono contribuire a spiegare la suscettibilità/resistenza al rischio di malattie.

     Materiali e metodi: l’indagine è stata effettuata su un gruppo di Vigili del Fuoco (n°61 confrontati con un gruppo di controllo (ricercatori universitari; entrambi hanno aderito tramite consenso informato e fornito un campione di saliva per la misura del cortisolo e delle IgA in condizioni di base. Un sottogruppo di vigili ha fornito anche un campione di saliva dopo un turno lavorativo notturno (condizione di stress. Parallelamente si è effettuato un assessment psicologico tramite la somministrazione di questionari quali: lo State-Trait Anxiety Inventory, il Big Five Observer, il Locus of Control ed il Sensation Seeking Scale. Risultati: in condizioni basali i Vigili del Fuoco mostrano un livello di cortisolo salivare più elevato dei controlli (24,9 ± 11,3 vs 20,0 ± 8,6 nmol/l, p=0,091, mentre il livello di IgA è simile nei due gruppi. Nei vigili, dopo lo stress lavorativo, si è evidenziato un calo significativo delle IgA (296,5 ± 160,5 vs 191,9 ± 95,3 Bg/ml, p=0,014 ed una correlazione positiva tra il cortisolo salivare e l’ansietà di stato e di tratto.

    Conclusioni: i Vigili del Fuoco sono risultati meno ansiosi, più predisposti al rischio e con un profilo di personalità di tipo realistico in linea con la scelta professionale. Lo stress lavorativo si associa ad una riduzione significativa dell’ escrezione salivare di IgA, assunta come indice di attività del sistema immunitario, mentre il cortisolo salivare, che rappresenta un indicatore sensibile di attività neuroendocrina sotto stress, pur non modificandosi in termini assoluti si associa con il livello di ansietà dei vigili allo studio.

  16. Construction of a thesaurus prototype concerning energy and environment by using the SBIC system; Prototipo di thesaurus per l`energia e l`ambiente tramite il sistema SBIC

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bordoni, L [ENEA,Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Funzione Centrale Studi; Anzaldi, C [IAC-Consiglio Nazionale delle Ricerche, Rome (Italy)

    1996-09-01

    This paper reports on an experiment performed by IAC-CNR (National Research Council) and ENEA (National Agency for New Technologies, Energy and the Environment) through a cooperation, about automatic thesaurus construction in the energy-environment domain. The experiment has been performed by using the SBIC system. A list of published papers referring to a complete description of this system is presented. The documents base in this project consists of 134 English abstracts furnished by ENEA. An evaluation of the results is also provided.

  17. Diet of the Eurasian badger (Meles meles in an agricultural riverine habitat (NW Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Balestrieri

    2005-01-01

    Full Text Available Abstract Badger Meles meles diet was studied throughout 2001-03 by the analysis of 199 scats collected in the River Po Park (Piedmont region, NW Italy. The study area (136 km² included a large portion of plain (129.2 km² dominated by agriculture (maize, rice and poplar plantations with scarce riparian vegetation cover, and a small sector of hill (6.8 km² mainly covered by broadleaved woods. Earthworms and maize were the staple foods in the overall badger diet and together accounted for 57% of the mean estimated volume (Vm%. Earthworm consumption varied seasonally with a marked decrease in summer, probably due to drought that reduced their availability (emergence of worms on the surface. This decline was compensated by a significant increase in the utilisation of fruits, mostly in hilly lands. Maize was consumed all year round without significant seasonal variation (percent frequency of occurrence: from 21% in summer to 44.6% in winter. Besides earthworms, the amount of protein of animal origin derived mainly from amphibians (Vm% = 9% and mammals (Vm% = 7.2%, primarily rodents and lagomorphs. Badger diet consisted mainly of maize, amphibians and mammals in agricultural lowlands, and of earthworms, fruits and insects in hilly lands. Trophic niche breadth (B varied from a minimum of 0.34 in autumn to maximum of 0.55 in summer. Our results characterize the badger as a generalist or opportunist feeder. Riassunto Dieta del Tasso (Meles meles in un'area agricola fluviale dell'Italia nord occidentale La dieta è stata studiata nel 2001-03, tramite l'analisi di 199 feci raccolte nel Parco Fluviale del Po e dell'Orba (Tratto vercellese-alessandrino, regione Piemonte. L'area di studio (136 km² è ripartita tra le due sponde orografiche del Po: un'ampia porzione (129,2 km² è pianeggiante e prevalentemente coltivata a mais, riso e pioppi, con strette fasce di vegetazione riparia, la

  18. Measure of exposure of short-lived radon products using an alpha spectrometer for measuring indoor aerosol activity concentration and dose evaluation; Misure di esposizione ai prodotti di decadimento del radon a breve vita tramite uno spettrometro alfa per la misura dell'attivita' del particolato atmosferico indoor e valutazioni dosimetriche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Berico, M.; Castellani, C.M.; Formignani, M. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy); Mariotti, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. di Fisica

    2001-07-01

    A new italian law introduces the regulation of occupational exposure to radon. To evaluate the inhalation of radon daughters by the workers a sampling device has been assembled with the aim of evaluation of unattached and aerosol attached radon daughters' fractions. The instrument, based on selection of the aerosuspended particles by means of a wire screen type battery and subsequent collection on a total filter, allows to describe the behaviour of both fractions using defined temporal pattern of collecting particles and counting them by alpha spectroscopy. A measurement campaign to test the radon daughter dichotomous spectrometer in comparison with a commercial Radon Working Level meter, has been performed in a research laboratory of central Italy affected by high radon concentrations. The radon concentration during the measurement campaign has been also measured. The equilibrium factor F{sub e}q ad the attachment factor fp have been evaluated during 3 days campaign. Using the measured mean parameters (radon concentration, F{sub e}q, f{sub p}) the dose evaluation for workers using dosimetric approach has been performed. A comparison between the epidemiologic approach, based on the radon concentration, and dosimetric approach is also presented. [Italian] L'esposizione a radon in ambiente lavorativo e la conseguente inalazione dei suoi prodotti di decadimento in forma particolata e' oggetto di una recente normativa italiana in materia di protezione dalle radiazioni ionizzanti. Per rispondere a questa necessita', presso l'Istituto per la Radioprotezione dell'ENEA di Bologna e' stato progettato e realizzato uno spettrometro alfa per la misura della progenie del radon con la finalita' di valutare, su brevi periodi di tempo, la concentrazione individuale dei suoi prodotti di decadimento e, con l'impiego di batterie a diffusione a reti, consentire inoltre la discriminazione della concentrazione della frazione attaccata e non attacata all'aerosol ambientale. Lo spettrometro cosi realizzato, e' stato provato nelle effettive condizioni di utilizzo in una campagna di misura in un centro di ricerca del centro Italia. Utilizzando i parametri dei prodotti di decadimento del radon, fattore di equilibrio F{sub e}q e fattore di attaccamento f{sub p}, misurati in tale campagna, e' stato possibile confrontare i valori di dose valutati sia con approccio dosimetrico che epidemiologico basato sulla sola concentrazione di radon. Le stime basate sull'approccio epidemiologico risultano inferiori e quindi non cautelative per la valutazione di dose ai lavoratori.

  19. Hemodynamic effects of a prostacyclin analog (Prostavasin) in systemic sclero-derma patients; Effetti di un analogo della prostaciclina (Prostavasin) sui parametri Doppler nei pazienti con sclerodermia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salera, Diego; Argalia, Giulio; Giuseppetti, Gian Marco [Univ. Politecnica delle Marche, Ancona (Italy). Istituto di radiologia

    2005-07-15

    cerebrale, retro-orbitaria e splancnica (splenoportale, mesenterica e renale) nei pazienti derodermici. Materiale e metodi. Il gruppo di studio (GS) e composto da 50 pazienti affetti da sclerodermia con anamnesi negativa per malattie cerebrovascolari, epatopatie, nefropatie e oftalmopatie. In tutti i pazienti e stata studiata la vasodilatazione endotelio-mediata dell'arteria brachiale tramite la misurazione del diametro trasverso con sonda ad alta risoluzione; sono stati anche misurati l'indice di resistenza (IR) delle arterie cerebrale media, centroretinica, epatica propria, mesenterica superiore e renali, in condizioni basali e dopo tre giorni di terapia. AI fine di valutare la variabilita intra-osservatore delle misurazioni, e stato reclutato un gruppo di controllo (GC) composto da 10 volontari sani che sono stati studiati con il medesimo protocollo Doppler e rivalutati a distanza di tre giorni senza ricevere alcuna terapia. Risultati. Il GS ha dimostrato un significativo incremento della dilatazione endotelio-mediata dell'arteria brachiale, del diametro e della velocita media di flusso portale, dell'IP dell'arteria splenica all'ilo (pre-Prostavasin vs post-Prostavasin, p < 0,001). AI contrario il GC non ha mostrato significative variazioni dei parametri considerati. Gli IR delle arterie cerebrale media, centroretinica, renale, epatica propria e mesenterica superiore si sono ridotti dopo terapia nella maggioranza dei pazienti del GS pur non risultando statisticamente significativi. Conclusioni. Nel campione esaminato il Prostavasin ha dimostrato una potente azione vasodilatatoria prevalentemente a livello periferico ed ha incrementato la velocita media di flusso portale ed il diametro della vena porta, ma anche l'IP dell'arteria splenica all'ilo, non supportando l'ipotesi formulata da altri autori di una sua azione mirata e specifica sulle resistenze intraepatiche.

  20. Clienti e signori nell’Irlanda altomedievale (secoli VI-IX

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Dalle Carbonare

    2003-12-01

    Full Text Available La società irlandese nell’alto medioevo si organizza sulla base di relazioni di clientela che talvolta sono il frutto di una scelta compiuta da uomini liberi che si assoggettano ai gruppi eminenti, talaltra sono fondate su una dipendenza economica.  La ricerca utilizza prevalentemente fonti di carattere normativo ed è corredata da un glossario.

  1. Teaching of foundations of radiochemistry on chemical faculty of Moscow State University after M.V. Lomonosov. Methodical ensuring of the subject

    International Nuclear Information System (INIS)

    Luk'yanov, V.B.; Berdonosov, S.S.; Fedoseev, V.M.

    1995-01-01

    The peculiarities of the lecture course on radiochemistry principles in the Moscow State University after M.V. Lomonosov are considered. The methodical provision of the lectures including the curriculum, methodical aids, tasks for self-control and for lecture control, as well as, summary questionary forms, is discussed. 3 refs

  2. Rappresentare e gestire patrimoni immobiliari: il BIM per il Facility Management

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Lo Turco

    2015-12-01

    Full Text Available Il presente contributo intende esplorare le potenzialità delle metodologie di Building Information Modeling (BIM applicabili alle diverse fasi del processo edilizio, con specifico riferimento a linee guida e best practice di respiro internazionale che avvalorano flussi operativi virtuosi: la componente informativa, prevalentemente grafica in fase di progetto, si integra e si rinnova in formato prevalentemente alfanumerico, divenendo parte integrante dell’apparato gestionale e manutentivo dei manufatti. I casi studio sviluppati in collaborazione con il Servizio Edilizia e Logistica del Politecnico di Torino sostanziano tali procedure che, seppur ancora poco diffuse, traguardano obiettivi di interoperabilità: si illustrano approcci integrati di condivisione delle informazioni atti a definire una corretta programmazione degli interventi, applicabili dalla grande alla piccola scala, definendo strategie progettate per limitare l’attuazione di errate soluzioni.

  3. ALFONSO GATTO: MORTE E SIMBOLISMO MATERNO

    African Journals Online (AJOL)

    User

    Per queste ragioni riflessione estetica e contemplazione non sono termini inconciliabili ma esperienze compatibili che possono rivelare all'individuo, tramite intuizione ed intensificazione percettiva, la profonda dignità del mondo e la sua spiritualità. Per meglio comprendere l'esperienza poetica di Alfonso Gatto2, all'interno ...

  4. Coneixem als nostres estudiants? Les creences epistemològiques i el sistema de valors en l'EEES

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucía Inmaculada LLinares Insa

    2013-06-01

    Full Text Available L'EEES incideix en la programació per competències i el treball autònom de l'alumne. Passen, així, a primer pla les característiques cognitives de l'estudiant com a punt de partida i com resultat d'aprenentatge. El present treball analitza les creences epistemològiques i el sistema de valors de 760 estudiants de la Universitat de València des d'un enfocament descriptiu. Per a això, es va utilitzar el qu?estionari EBS (Wood i Kardash, 2002 i el Qu?estionari de Valors (Schwartz, 1992. Els resultats mostren una relativa falta d'ajust de les creences epistemològiques i del sistema de valors amb el EEES. Estos resultats aporten informació al professorat per al disseny i desenvolupament de la docència.

  5. Assessment of knowledge, attitudes, and behavior about skin care and moisturizers in patients presenting to dermatology outpatient clinics

    OpenAIRE

    Munise Daye; İnci Mevlitoğlu; Tahir Kemal Şahin

    2015-01-01

    Background and Design: For having a healthy skin; there are cleaning and cosmetic products that are specially prepared (nourishing,moisturizing,sunscreen, etc.) should be used and/or referred to as "skin care". In our study we aimed to determine knowledge and behaviors about skin care and moisturizers of dermatology patients. Materials and Methods: Between March-May 2013, we filled dermatology patients a questionary about their skin care products and moisturizers, behaviours abuot using th...

  6. Motivace žáků na středních odborných školách

    OpenAIRE

    NOVÁKOVÁ, Hana

    2013-01-01

    The name of this thesis is "Motivation of secondary vocational school students". The first part is focused on explanation of terms. The main motivation approach and basic source of motivation are mentioned there. There are motivation reasons for the study stated in the end of this part. The practical part consists of questionary research, where the quantitative analysis has been used. The main goal of this work is to inspect the motivation of secondary vocational school students when choosing...

  7. Spettrometro e la segnatura muonica dell'esperimento OPERA

    CERN Document Server

    Di troia, Claudio

    OPERA è un esperimento in fase di installazione presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso che investiga sulla apparizione di neutrino tauonico generato per oscillazione di sapore da un fascio di neutrini muonici inviati dal CERN verso il Gran Sasso: il fascio di long baseline CNGS. OPERA è dotato di 2 spettrometri per l'identificazione dei muoni, la determinazione del momento e l'assegnazione della carica. Sono riportati i risultati dello studio delle proprietà e delle performance degli spettrometri. Per il magnete dipolare sono mostrate le proprietà chimiche, meccaniche e magnetiche; le mappe di campo magnetico atteso sono state simulate e viene descritto come il campo magnetico possa venir monitorato durante la presa dati. Sono descritti i test (i controlli di qualità) eseguiti sui Resistive Plate Chambers, i rivelatori traccianti all'interno del magnete. I test hanno selezionato gli RPC con adeguate proprieta' meccaniche (tramite test pneumatici) ed elettriche (tramite test di condizionamento). Dal...

  8. Study of the virome and microbiome associated to the proliferative verrucous leukoplakia

    OpenAIRE

    García López, Rodrigo

    2017-01-01

    Estudio del viroma y microbioma oral asociados con la leucoplasia verrugosa proliferativa La leucoplasia verrugosa proliferativa (LVP) es una forma maligna de leucoplasia oral (LO) que se manifiesta como parches blanquecinos hiperqueratóticos en la cavidad oral humana. Éstas son detectadas prevalentemente en mujeres de la tercera edad. La mayor parte de las LVP con el tiempo derivan en un tipo agresivo de cánceres orales, principalmente el carcinoma oral de célula escamosa (COCE). Las a...

  9. Dolci pagine: la pasticceria napoletana nell´opera di Matilde Serao

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiano Dalla Bona

    2004-12-01

    Full Text Available L´identità di un popolo può essere verificata anche tramite le sue pratiche culinarie e la letteratura serve come un grande documento. Nell´ópera di Matilde Serao, scritrice e giornalista napoletana, Napoli viene descritta in maniera completa e la cucina è un elemento che serve a distinguere la sua popolazione dalle altre colletività italiane, soprattutto per quanto riguarda la pasticceria.

  10. New Materials for Sample Treatment, MS-Based Methods and Clinical Applications

    OpenAIRE

    Riboni, Nicolò

    2018-01-01

    Lo sviluppo e l’utilizzo di nuovi materiali per scopi analitici è un campo di grande interesse per la ricerca scientifica. I progressi ottenuti nell’ambito della chimica dei materiali hanno permesso lo sviluppo di nuovi metodi analitici e tecniche di estrazione caratterizzati da alte performance in termini di selettività e sensibilità. In particolare sono stati incrementati nuovi dispositivi in grado di operare in-situ e in tempo reale tramite controllo remoto, interfacciandosi con smartphone...

  11. A “novel site”: Carmen Covito, writing, literature and technology ...

    African Journals Online (AJOL)

    L'Internet cambia l'idea del libro e pone allo scrittore nuovi orizzonti di lettori prima impensabili. Carmen Covito è fra i primi scrittori italiani ad avere un proprio sito web. Le sue varie iniziative in internet hanno destato l'attenzione sia di critici culturali e letterari sia del grande pubblico. Tramite l'analisi di alcuni scritti di Covito ...

  12. Da voz à letra From voice to letter

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eduardo Sterzi

    2012-12-01

    Full Text Available Momento decisivo na constituição da cultura literária moderna é aquele assinalado pela transição de uma poesia predominantemente oral para uma poesia predominantemente escrita. A forma do soneto, que emergiu na Itália do século XIII, desempenha papel decisivo nesta passagem - e não por acaso Dante Alighieri partirá dela para propor, com sua obra, uma nova concepção de lírica, distinguida por uma seriedade intelectual que o trovadorismo desconhecia.Momento decisivo nella constituzione della cultura letteraria moderna è quello segnato dalla transizione da una poesia prevalentemente orale a una poesia prevalentemente scritta. La forma del sonetto, la quale è stata inventata nell'Italia del secolo XIII, gioca un ruolo cruciale in questo passaggio - e non per caso Dante Alighieri partirà di quella per proporre un nuovo concetto di lirica, marcato per una serietà intellettuale sconosciuta per il trovadorismo.A decisive moment in the formation of modern literary culture is that signaled by the transition from a predominantly oral poetry to a predominantly written poetry. The form of the sonnet, which emerged in thirteenth century Italy, plays a crucial role in this passage - and not by accident it is based on this form that Dante Alighieri proposes a new conception of lyric, distinguished by an intellectual seriousness that troubadourship did not know.

  13. PENGARUH CELEBRITY ENDORSER DAN WOM TERHADAP KEPUTUSAN PEMBELIAN MOTOR YAMAHA

    OpenAIRE

    Shandy, Bobbi

    2018-01-01

    This research aim is to examine  the effect of selected purchase decision variables, i.e., celebrity endorser and WoM (Word of Mouth) on purchasing decision in Jambi city. Data analyzes  used multiple linier regression, where  independent variables  are  celebrity endorser and WoM,and  dependent variable is purchase decision. Primary data is gathering by questionaries delivery.  The  result showed  that  both celebrity endorser and WoM has sig...

  14. Perception of sexual abuse in school children

    OpenAIRE

    Elizalde Bravo, Roger; Dávila Noriega, Nebel; Bulnes Bedón, Mario; Sarria Joya, César

    2014-01-01

    This study explorer the problem of the sexual abuse in 391 scholars of sex both, proceeding of centers state educative of primary level, of socioeconomic stratum short and of wich ages to fluctuate between the 7 or 14 ages. Initialy be constructed a questionary of 32 items and chip sociodemographic for to determínate the characterístics of the sample. Be to find different significative in function to sex the boys to considerate ages of rísk or abuse sex between 3 or 5 ages, and the girls the ...

  15. Integration of children school age with ADHD in to a peer group

    OpenAIRE

    Zemanová, Hana

    2012-01-01

    This work is focussed on the integration of the children with ADHD into the peer group. Its target is to find out, if the integration proceeds and if it satisfies the children, the parents and the teachers. There's the issue of the ADHD, history of this term, the manifestations, the etiology, and the diagnostics by MKN-10 and DSM-IV and terminology explained. The applied part was realized through the use of the questionaries fullfiled bz the children with ADHD, their parents and the teachers ...

  16. RELACIÓN ENTRE LIDERAZGO TRANSFORMACIONAL Y TRANSACCIONAL CON LA CONDUCTA DE COMPARTIR CONOCIMIENTO EN DOS EMPRESAS DE SERVICIOS

    OpenAIRE

    Durán Gamba, Marta Gisela; Castañeda Zapata, Delio Ignacio

    2015-01-01

    El objetivo fue describir la relación entre el liderazgo transformacional-transaccional del líder con la conducta de compartir conocimiento de los colaboradores. Utilizando un diseño descriptivo-correlacional con análisis regresional y un muestreo incidental, se valoraron 150 trabajadores de dos empresas de Bogotá: 14 líderes y 136 colaboradores. Los instrumentos aplicados fueron el Multifactor Leadership Questionarie de Bass & Avolio adaptado por Vega & Zavala (2004) y la escala de Compartir...

  17. Radiation protection in the Brazilian universities

    International Nuclear Information System (INIS)

    Caballero, K.C.S.; Borges, J.C.

    1994-01-01

    A research covering 91 institutions was undertaken in order to elucidate how radiation protection were indeed fulfilled. A questionary including technical administrative and legal subjects was sent by mail and 36% of which were answered propitiating substantial data for analysis. Only in few cases universities have knowledge of basic procedures in radiation protection, claiming for the elaboration of a plan that could guide supervisors and workers in radiation protection in these institution. Based on the tree analysis technique proposed by IAEA, a Reference Radiation protection Program has been elaborated and proposed for Brazilian universities. (author). 14 refs, 1 figs

  18. Reclutamento e formazione dei poliziotti: il caso degli ufficiali della gendarmeria francese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    François Dieu

    2007-04-01

    Full Text Available Partendo dal caso degli ufficiali della gendarmeria francese, questo articolo illustra il modo in cui il reclutamento e la formazione possono contribuire, informalmente, alla ripartizione del potere nelle organizzazioni di polizia. Tramite la diversità delle vie di reclutamento si costituisce, di fatto, un vero e proprio sistema di "caste", con una stratificazione degli ufficiali in tre livelli gerarchici, che produce, al di là dei principi meritocratici, delle ineguaglianze manifeste nella ripartizione del potere nell'organizzazione della gendarmeria.

  19. Fiction e identità narrativa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Talamo

    2012-06-01

    Full Text Available Nell’articolo si compie una ricognizione dei principali indirizzi di teoria del romanzo che leggono questo genere narrativo come forma della vita interiore svelata. Confrontando queste teorie con il concetto di “identità narrativa” sviluppato da Ricœur, si propone un’idea originale di analisi delle vite interiori narrate nella fiction, a partire dalla definizione auerbachiana di “realismo moderno” come tentativo di avvicinarsi alla realtà oggettiva tramite “molte impressioni soggettive avute da molte persone”.

  20. Cristallini e misurazioni biometriche nella Lepre bianca (Lepus timidus in Provincia di Sondrio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Ferloni

    2003-10-01

    Full Text Available A partire dalla stagione venatoria 2000 è stato introdotto in Provincia di Sondrio il controllo di tutti i capi di Lepre bianca abbattuti, allo scopo di effettuare valutazioni accurate del sesso, dell'età e delle misurazioni biometriche degli animali. La valutazione dell'età è stata effettuata tramite pesatura del cristallino dell'occhio e tramite palpazione del tubercolo di Stroh. Per una valutazione dell'età è stata utilizzata come riferimento la curva dei pesi di Walhovd (1965. In totale, dal 2000 al 2002, sono stati analizzati 187 esemplari di Lepre bianca (84 maschi e 103 femmine. Dei 154 capi di cui è stata valutata l'età, 54 sono risultati piccoli dell'anno e 100 adulti, di cui 57 di 1 anno e 43 di oltre due anni. Il peso di cristallino rivelatosi discriminante per distinguere tra piccoli e adulti era compreso tra 220 e 240 mg, come rilevato anche da altri autori (Flux, 1970, Walhovd, 1965. È stata inoltre individuata una buona corrispondenza tra la valutazione dell'età tramite peso del cristallino e la palpazione del tubercolo di Stroh, tecnica che ha fornito una valutazione corretta della classe d'età nell'83% degli animali analizzati. Il peso del cristallino dei piccoli ha permesso anche di determinare approssimativamente la distribuzione delle nascite nel corso dell'anno. Le misurazioni biometriche rilevate sono state: lunghezza del corpo, lunghezza della coda, lunghezza dell'orecchio destro, lunghezza del piede posteriore, peso pieno e peso vuoto. I risultati ottenuti sono stati confrontati per le diverse classi di età e di sesso tramite Analisi della Varianza (One-Way ANOVA. Le differenze principali sono emerse tra giovani e adulti, relativamente al peso (sia peso pieno sia peso vuoto e, nel 2001, anche alla lunghezza totale, entrambi maggiori negli adulti. Tra gli adulti sono emerse differenze significative anche nel peso dei due sessi, con le femmine più pesanti dei maschi. Non sono invece state rilevate differenze

  1. O tango e o relógio: dois percursos de leitura em Quando Dio ballava il tango, de Laura Pariani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vera Horn

    2003-07-01

    Full Text Available L´emigrazione italiana vista dalla parte delle donne, il riscatto della memoria al suono del tango. Sedici donne che si incrociano costantmente raccontano le vicende dell´emigrazione italiana in Argentina, in un´arco di anni che comprende due secoli. tutte le sofferenze e dolori degli emigrati e dei loro discendenti. Il riscatto della loro memoria tramite Corazón, che raccoglie le fila del romanzo e ricrea de storie di famiglia per rincontrarsi col suo passato. Il tango pervade le vicende narrate, como sottofondo musicale ed inevitabile passo di danza. Un viaggio a ritroso in cerca della memoria e dell´identità.

  2. Abundance of Royle’s pika (Ochotona roylei along an altitudinal gradient in Uttarakhand, Western Himalaya

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabuj Bhattacharyya

    2010-06-01

    Full Text Available Abstract The relative abundance of Royle’s pika (Ochotona roylei was studied in a part of the Kedarnath Wildlife Sanctuary, Uttarakhand, West Himalaya along an altitudinal gradient from 2900 to 3650 m a.s.l. Pikas’ detection probability and relative abundance per month and habitat were recorded by monthly surveys consisting of three sampling sessions of four hours each. Food plant species were identified by visual observation and quantified by a standard quadrat method. The highest relative abundance was observed at man-made walls and surroundings in the alpine zone and on broken slopes in the sub-alpine one, whereas alpine meadows showed the lowest abundance. A total of 26 plant species were found to be consumed by pikas. The proportion of forage plants was the highest (77.4% on the rocky slopes of the timberline zone The results of multiple regressions suggest that rock cover is the main factor affecting the relative abundance of Royle’s pika. Rocky areas probably offer both nest-sites and temporary refuges to escape from predators.
    Riassunto Abbondanza relativa del pica di Royle (Ochotona roylei lungo un gradiente altitudinale in Uttarakhand, Himalaya occidentale. In un’area del Kedarnath Wildlife Sanctuary (Uttarakhand, Himalaya occidentale, é stata stimata l’abbondanza relativa del pika di Royle (Ochotona roylei lungo un gradiente altitudinale compreso tra 2900 e 3650 m. Sono stati identificate tre fasce altitudinali e 10 habitat complessivi. La probabilità di osservazione e l’abbondanza relativa dei pika per ciascun mese e habitat sono state stimate tramite censimenti mensili consistenti in tre periodi di 4 ore ciascuno. Le specie vegetali consumate sono state identificate tramite osservazione diretta; la disponibilità è stata quantificata tramite rilievo fitosociologico standard. L’abbondanza relativa maggiore è stata riscontrata nella

  3. Adaptación de instrumentos para la evaluación de aspectos organizaciones en ONG's

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.ª CELESTE DÁVILA DE LEÓN

    2003-01-01

    Full Text Available En los últimos años se ha evidenciado que las actitudes hacia la organización o hacia la actividad en sí juegan un importante papel en la explicación de la continuidad de los voluntarios en las organizaciones. A pesar de ello, aún no se cuenta con instrumentos de evaluación adecuados que permitan un estudio más exhaustivo de estas actitudes en los voluntarios. En este artículo se presenta la adaptación a este ámbito de algunos instrumentos habitualmente utilizados para estudiar dichas actitudes en personal remunerado. El Organizational Commitment Questionarie (OCQ de Mowday, Steers y Porter, el Job Involvement de Lodahl y Kejner y el Job Diagnostic Survey de Hackman y Oldham adaptados a la población voluntaria se aplicaron a 419 voluntarios que realizaban muy diferentes actividades. El análisis de algunas de las propiedades psicométricas de estos instrumentos muestra que tanto el Organizational Commitment Questionarie como el Job Diagnostic Survey parecen adaptarse bien a las peculiaridades del voluntariado, en cambio, con el Job Involvement se encuentran resultados que permiten cuestionar su validez y adecuación, por lo que será necesario desarrollar más investigaciones para su rechazo o su afirmación definitiva en el estudio del voluntariado.

  4. Stefano Jacoviello, "La rivincita di Orfeo. Esperienza estetica e semiotica del discorso musicale", Mimesis Edizioni, Milano – Udine, 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Marconi

    2014-11-01

    Full Text Available A partire dagli scritti di Roman Jakobson, Nicolas Ruwet, Jean-Jacques Nattiez e Gino Stefani, la relazione tra la semiotica e la musica è stata spesso affrontata da numerosi studiosi che anche oggi praticano, specie in Canada, in Finlandia e in Italia, la disciplina chiamata “semiotica (o semiologia della musica”. Negli ultimi anni, in questo ambito spesso si è preferito realizzare studi su alcuni problemi specifici piuttosto che concentrarsi su una teorizzazione generale. Al contrario, Stefano Jacoviello, dopo aver pubblicato brevi saggi di carattere prevalentemente analitico, in questo volume, di ampio respiro teorico, presenta una sorta di manifesto teso a rilanciare, specie in Italia, il ruolo della “semiotica del discorso musicale” come disciplina particolarmente adatta ad affrontare questioni teoriche generali.

  5. ET IN ARCADIA NOS Paesaggi, testimonianze e città

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Carta

    2013-02-01

    Full Text Available Il Piano Territoriale Paesistico Regionale è lo strumento di governo del territorio, nel quale conservazione e trasformazione si saldano in un unico progetto per l’azione di tutela del paesaggio, con la finalità di conservarne gli elementi di qualità e di testimonianza, favorendone il recupero, laddove il paesaggio risulta degradato e compromesso. Il paesaggio dell’Ambito, dalla fascia costiera varia e si modifica addentrandosi verso l’altopiano interno, dove al paesaggio agrario di agrumi e oliveti si contrappone il seminativo asciutto delle colline interne. Gli insediamenti sono costituiti prevalentemente da borghi rurali e risalgono alla fase di ripopolamento della Sicilia interna (fine del XV secolo-metà del XVIII secolo. Numerose tracce di insediamenti umani della preistoria e della colonizzazione greca arricchiscono questo territorio dai forti caratteri naturali.

  6. Antropologia visuale dei senza casa di Place de la Réunion

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sylvaine Conord

    2008-07-01

    Full Text Available Questo quartiere negli anni 90 veniva considerato una zona prevalentemente popolare. Oggi resta l’esempio emblematico di una Parigi popolare in mutamento. Questa ricerca è sempre attuale grazie al soggetto: i senza casa. La questione dei senza casa nella regione parigina non è risolta: migliaia di nuclei familiari attendono l'assegnazione di un alloggio abitabile. Numerose famiglie vivono in palazzi occupati, nonostante abbiano presentato presso i servizi pubblici la loro domanda da molti anni. Quindi, oltre ad un osservazione partecipante, questo lavoro pone l’accento "su una sociologia militante" che prende corpo attraverso le testimonianze e la partecipazione attiva dell'osservatrice alle diverse situazioni che vive e vede.

  7. Relações entre a câmara de Neubauer a espectrofotometria utilizadas para a determinação da concentração espermática de catetos (Pecari tajacu

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andréia Maria da Silva

    2014-01-01

    Full Text Available Em ejaculados provenientes de 28 catetos, verificou-se a existência de relações entre a concentração espermática determinada por meio da câmara de Neubauer e a tramitância observada por espectrofotometria, utilizando comprimentos de onda variando de 530 a 590nm. Os ejaculados apresentaram uma concentração média de 283,9±30,8x106 espermatozoides mL-1, com variação de 30 a 640x106 espermatozoides mL-1. Os valores para tramitância variaram entre 36,9 a 96,3, nos diferentes comprimentos de onda. Não foram detectadas relações significativas entre os dois métodos (P>0,05. Dessa forma, não se recomenda a espectrofotometria para os procedimentos de rotina na determinação da concentração espermática em catetos.

  8. Ricerca del bosone di Higgs in produzione associata col bosone vettore W, nello stato finale $WH ->(\\mu\

    CERN Document Server

    Grippo, Maria Teresa

    Il Modello Standard (MS) è la teoria scientifica più dibattuta degli ultimi anni nel mondo della fisica delle alte energie. Essa racchiude i fondamenti della materia e descrive le interazioni che regolano l'universo. Il MS è stato confermato in numerosi esperimenti, quali LEP e Tevatron, ma presenta ancora un ultimo interrogativo relativo all'origine della massa delle particelle. Il MS cerca di spiegare ciò tramite il meccanismo di Higgs, proposto da Peter Higgs nel 1964 \\cite{Higgs}: viene introdotta una nuova particella, chiamata \\emph{bosone di Higgs}, che ha lo scopo tramite il suddetto meccanismo di fornire massa alle particelle. Di tale particella non si conosce la massa, che viene infatti assunta come parametro libero della teoria. Scopo di tale lavoro di tesi è stato quello di studiare presso l'esperimento CMS (\\emph{Compact Muon Solenoid}) a LHC (\\emph{Large Hadron Collider}) il canale di produzione associata WH, nell'intervallo di massa 115 GeV/$c^{2} \\leq m_H \\leq $ 135 GeV/$c^{2}$, negli stat...

  9. Technical quality of lower intestinal tract contrast examination

    International Nuclear Information System (INIS)

    Araujo, Antonio L.E. de; Rodrigues, Rosana S.; Brasil, Flavio A.; Carmo, Maria L.R. do; Quinonez, Mireya D.; Peli, Ling Pei Huang; Moraes, Monica M. de; Pereira, Abercio A.; Koch, Hilton A.

    1996-01-01

    This work is an investigation of the quality of a barium enema examination release on the Hospital Universitario Clementino Fraga Filho radiodiagnostic service. A sectional study was carried out from March 1994 and will continue till February 1995. The elaboration of a questionary was originated by the necessity of establishing quality control, evaluate their diagnosis usefulness and cost analysis. Data was obtained from patient's dossiers as well as from careful radiological examination analysis. A quantification formulary allowed standardization of the results and also the construction of a data bank. Finally, the authors analyze the several variables like preliminary cleansing of the colon, contrast media characters, techniques of examination performance and other factors that influence the final quality of the examination. (author)

  10. An instrument to measure passenger satisfaction of a public transport system

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viviane Leite Dias de Mattos

    2017-03-01

    Full Text Available This study proposes an instrument, based on fuzzy logic, to measure the satisfaction with the public transport. It is based on previous studies, expert opinion and results of two surveys conducted among the data samples of the studied population: a university community. Qualitative techniques (questionaries and interviews were used for validating content, while the construct validation uses quantitative techniques (Factor Analysis and Reliability Analysis. An experiment is also performed to define some properties of fuzzy controllers: membership function and method of defuzzification. The final instrument consists of twenty items in four dimensions, namely: service, stops/terminals, vehicle and safety. It is considered valid and reliable by the present study. It can be used as a tool to understand the satisfaction of the passengers of public transport system investigated. It can also provide subsidies for managers to improve their work quality.

  11. Allacciare i fili spezzati: analisi di tre autobiografie di persone divenute disabili

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosalba Perrotta

    2011-04-01

    Full Text Available Leggere autobiografie consente di conoscere esperienze e momenti della vita che restano ignoti a chi non li ha vissuti. Le autobiografie ci svelano un mondo e, nello stesso tempo, ci introducono in esso. Illustrano e spiegano senza illustrare e senza spiegare. Catturano il lettore nella narrazione e, rendendolo protagonista di quello che accade, gli fanno provare le emozioni di chi racconta e gli mostrano la realtà attraverso i suoi occhi. La corrente sociologica dell’Interazionismo simbolico, un approccio che dà particolare rilievo ai significati attribuiti dagli uomini agli oggetti di cui hanno esperienza, considera le storie di vita uno strumento di indagine prezioso. Il racconto di un tratto della vita, o della vita in genere, consente di raggiungere una conoscenza della realtà soggettiva di chi narra molto superiore rispetto a quella ottenuta attraverso questionari o interviste strutturate.

  12. The Development of Virtual Reality Telemedicine System for Treatment of Acrophobia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ryu, J.H.; Beack, S.H.; Paek, S.E.; Hong, S.C. [Myongji University, Yongin (Korea)

    2003-04-01

    Acrophobia is an abnormal fear of heights. Medications or cognitive-behavior methods have been mainly used as a treatment. Lately the virtual reality technology has been applied to that kind of anxiety disorders. A virtual environment provides patient with stimuli which arouses phobia, and exposing to that environment makes him having ability to over come the fear. Recently, the patient can take diagnose from a medical doctor in distance with the telemedicine system. The hospital and doctors can get the medical data, audio, video, signals in the actual examination room or operating room via a live interactive system. Audio visual and multimedia conference service, online questionary, ECG signal transfer system, update system are needed in this system. Virtual reality simulation system that composed with a position sensor, head mount display, and audio system, is also included in this telemedicine system. In this study, we tried this system to the acrophobia patient in distance. (author). 16 refs., 7 figs.

  13. Manejo del tiempo académico en jóvenes que inician estudios en la Universidad Simón Bolívar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilse Durán-Aponte

    2013-01-01

    Full Text Available La investigación tuvo por objetivo evaluar las características psicométricas del Time Management Behavior Questionary (TMBQ, y describir el perfil de manejo del tiempo en jóvenes de Venezuela de reciente ingreso a la Universidad Simón Bolívar. Participaron 209 estudiantes pertenecientes a 10 carreras universitarias a nivel de técnico superior, con edades entre 17 y 20 años. Los estudios psicométricos apoyan la estructura del instrumento. Los resultados sugieren puntajes altos en las dimensiones percepción de control y establecimiento de objetivos y prioridades. Esto puede ser indicativo de un perfil adecuado de manejo del tiempo, asociado a una conducta racional y consciente del joven estudiante, coherente con la entrada a una etapa de madurez y desarrollo al enfrentar retos académicos cada vez más complejos.

  14. Edition and visual culture: Brás Cubas and its multiple incarnations

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raquel Castedo

    2013-09-01

    Full Text Available The article has as an exemplary object the book of Machado de AssisMemórias Póstumas de Brás Cubas, published in different editions, to problematize the relations between texts and the materiality of the media that they are published. Evaluates the role of design as a praxis of editorial mediation, having in sight the scope of visual studies and reading practices. It is a theorical reflexion that has a foundation on bibliographical research and that appropriates reproductions of pages from different editions as visual arguments articulated with the debated topics. Also presents data about the ways of reading/access to the text obtained as a mean of questionary and interviews.

  15. Italian national energy data base: Planning and information needs. Studio sulla fattibilita' di un sistema informatico integrato nazionale in tema energetico: I risultati di una indagine nazionale sull'esigenza di informazione energetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mazza, M.; Sano' , A.; Vaccaro, R.

    1986-11-01

    Within the second Italian Energy Development Project (PFE 2), a feasibility study relative to a National Integrated Information System in the energy field has been begun. This initiative confronts the numerous, current problems associated with the acquisition of national statistical information. Its aim is the planning of the above integrated system. The first step of the feasibility study in 1984 has consisted in a research through questionary, to characterize the real national demand of energy information. The results of this research, which regards 586 operators, have shown the existance of a great interest in energy information. The research has different features according to the classes of the interviewed firms. Traditional energy sources have considerable weight, especially in economic aspects. The variables, ''consumption'' and ''prices'', are the first to be analyzed in the study of the information system.

  16. [The significance of dermatologic management in computer-assisted occupational dermatology consultation].

    Science.gov (United States)

    Rakoski, J; Borelli, S

    1989-01-15

    At our occupational outpatient clinic, 230 patients were treated for about 15 months. With the help of a standardized questionary, we registered all the data regarding the relevant substances the patients contacted during their work as well as their various jobs since they left school. The patients were repeatedly seen and trained in procedures of skin care and skin protection. If required, we took steps to find new jobs for them within their employing company; this was done in cooperation with the trade cooperative association according to the dermatological insurance consultanship. If these proceedings did not work out, the patient had to change his profession altogether. All data were computerized. As an example for this computer-based documentation we present the data of barbers.

  17. L’e-tutor in Italia: una rassegna della letteratura scientifica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Veronica Mattana

    2014-04-01

    Full Text Available Il lavoro propone una rassegna della letteratura scientifica italiana, condotta analizzando i contributi apparsi su riviste specializzate o su atti di convegni/congressi nel campo dell’apprendimento con le ICT. Sono stati selezionati dieci lavori, pubblicati tra il 2006 e il 2013, che hanno trattato la figura dell’e-tutor nei diversi contesti formativi italiani (università, scuola, Pubblica Amministrazione, e che hanno fornito evidenze empiriche su ruoli, funzioni e competenze, nonché sulle modalità di selezione, formazione e valutazione. Le analisi condotte sono state sia di tipo quantitativo (mediante questionari e successive elaborazioni statistiche sia qualitative (analisi del contenuto dei messaggi su forum di discussione. Risultano ancora pochi i contributi scientifici sull’e-tutor, a causa, come sottolineato da diversi autori, della difficoltà di realizzazione di ricerche empiriche o sperimentali. Vengono discussi limiti e alcuni spunti per le future ricerche.

  18. Consapevolezza d'uso delle risorse elettroniche presso IIT Roorkee, India: un caso di studio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sunil Tyagi

    2011-04-01

    Full Text Available Attraverso un questionario si studia il livello di conoscenza, da parte di soggetti quali insegnanti, ricercatori e studenti, degli Electronic Information Services (EIS della biblioteca dell'Indian Institute of Technology di Rookee. L'India ha infatti visto un crescente interesse verso le risorse elettroniche in biblioteca, culminato nella creazione nel 2002 dell'Indian National Digital Library in Science and Technology (INDEST Consortium. I questionari si occupano del tipo di risorse elettroniche usate dagli utenti, dell'impatto di esse sul materiale a stampa, del tipo di uso, del metodo utilizzato per la loro ricerca, degli ostacoli incontrati e della frequenza di consultazione. I risultati della ricerca mostrano un forte incremento nell'uso delle riviste online e una generale soddisfazione degli utenti verso l'offerta della biblioteca. Inoltre, le risposte ai questionari hanno evidenziato nella percezione degli utenti un incremento della considerazione delle risorse elettroniche rispetto a quelle a stampa. Le raccomandazioni per il futuro suggeriscono: politiche di abbonamento a risorse elettroniche che tengano conto delle priorità degli utenti, sviluppo di programmi didattici e di orientamento, aumento della qualità dei mezzi (Software e Hardware per l'utilizzo delle risorse elettroniche e un incremento di strumenti del Web 2.0 (Blog, RSS feed, ecc. ai fini della promozione di quest'ambito della biblioteca. Lo studio dovrebbe inoltre essere esteso ad un campione più vasto e ad altre Università e organizzazioni, al fine di identificare più specificamente gli ostacoli al consapevole utilizzo delle risorse elettroniche e i possibili mezzi per incoraggiare gli utenti a sfruttare le piene potenzialità del sistema.

  19. QEEG guided neurofeedback therapy in personality disorders: 13 case studies.

    Science.gov (United States)

    Surmeli, Tanju; Ertem, Ayben

    2009-01-01

    According to DSM-IV, personality disorder constitutes a class only when personality traits are inflexible and maladaptive and cause either significant functional impairment or subjective distress. Classical treatment of choice for personality disorders has been psychotherapy and/or psychopharmacotherapy. Our study is to determine if subjects with antisocial personality disorders will benefit from quantitative EEG (qEEG) guided neurofeedback treatment. Thirteen subjects (9 male, 4 female) ranged in age from 19 to 48 years. All the subjects were free of medications and illicit drugs. We excluded subjects with other mental disorders by clinical assessment. Psychotherapy or psychopharmacotherapy or any other treatment model was not introduced to any of the subjects during or after neurofeedback treatment. For the subject who did not respond to neurofeedback, training was applied with 38 sessions of LORETA neurofeedback training without success. Evaluation measures included qEEG analysis with Nx Link data base, MMPI, T.O.V.A tests and SA-45 questionaries at baseline, and at the end of neurofeedback treatment. Lexicor qEEG signals were sampled at 128 Hz with 30 minutes-neurofeedback sessions completed between 80-120 sessions depending on the case, by Biolex neurofeedback system. At baseline and after every 20 sessions, patients were recorded with webcam during the interview. Twelve out of 13 subjects who received 80-120 sessions of neurofeedback training showed significant improvement based on SA-45 questionaries, MMPI, T.O.V.A. and qEEG/Nx Link data base (Neurometric analysis) results, and interviewing by parent/family members. Neurofeedback can change the view of psychiatrists and psychologists in the future regarding the treatment of personality disorders. This study provides the first evidence for positive effects of neurofeedback treatment in antisocial personality disorders. Further study with controls is warranted.

  20. Consumer studies acceptability on irradiated food

    International Nuclear Information System (INIS)

    Lescano, G.

    1987-01-01

    A questionary to 119 professionals connected with the food field was performed in order to know their attitude, doubts and concernings about food irradiation considering that a favourable opinion would produce trust to the consumer market. The first part of the questionary showed the following results: 13% had never heard about food irradiation (FI), 72% were few familiarized with it, and 14% knew the subject; 42% would accept FI, 37% probably would accept it, 19% could not make up their minds and 2% would not accept it; 45% would eat irradiated food (IF), 45% probably would eat it, 8% probably would not eat it and 2% would not eat it; 44% would serve IF in their home, 45% would probably do so, 8% would probably not do it, and 3% would not do it. The second part showed that 67% of people thought that ionizing radiation (IR) improved the sanitary quality of food, 3% did not think so, and 29% did not know; 63% thought that IR is preferible to chemical preservatives, 4% did not think so and 33% did not know; 11% thought that the food treated with IR becomes radioactive, 60% did not think so, and 29% did not know; 42% thought that FI is wholesome, 8% did not think so, and 50% did not know; 8% consider that the majority of the persons would eat IF, 40% did not think so and 52% did not know; 82% consider necessary that IF have an identificatory label, 10% did not think so, and 8% did not know; 95% consider necessary more diffusion of this method before its commercialization, 2% did not think so and 3% did not know, and 81% want more information, 18% would want it and 1% do not want it. These results are considered to be a good sign of future consumption acceptability of food irradiation. (Author)

  1. Un elemento di valutazione della qualità della didattica universitaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianluca Sbardella

    2016-05-01

    critical courses, which is the main objective of this work.   Da molti anni le Università italiane hanno l'obbligo di somministrare questionari sul gradimento degli insegnamenti. Non è chiaro tuttavia come utilizzare questi questionari. In questo lavoro si propone un metodo per selezionare l'enorme informazione contenuta nei suggerimenti di studentesse e studenti. L'unico obiettivo che appare utile è migliorare i servizi offerti dall'Università. Le risorse di personale a disposizione di coloro che coordinano le attività didattiche sono inadeguate ed a volta risibili. Pertanto sembra necessario concentrare l'attenzione degli organi di coordinamento sulle maggiori ciriticità. Nel nostro lavoro dimostriamo che un metodo quasi automatico permette di isolare una porzione molto limitata (il 7% circa nel caso della Facoltà di Scienze della Sapienza di insegnamenti drammaticamente critici. L'obiettivo politico è rispondere, con chiarezza, nella massima trasparenza, alla domanda che viene da studentesse e studenti di migliorare quei particolari insegnamenti. Non si postula un'attestazione di sacralità alle opinioni espresse, ma si vuole praticare e diffondere il rispetto assoluto della richiesta di verifica, implicita in tali opinioni. Il nostro approccio suggerisce anche in che modo sarebbe utile modificare leggermente la formulazione delle domande per rendere l'analisi statistica ancora più accurata. Nel complesso, per la realtà studiata in questo lavoro emerge un gradimento molto alto, se si guarda soltanto a valori medi. Tuttavia esiste una porzione di insegnamenti per i quali l'azione di verifica puntuale delle affermazioni contenute nei questionari appare utile e doverosa. Tecnicamente, l'uso del cosiddetto "trimming method" appare particolarmente efficace per la selezione degli insegnamenti problematici. In sostanza si tratta di un metodo, molto adoperato in situazioni molto diverse, per ripulire il campione statistico dalla possibile presenza, in questo caso, di

  2. Dalla riqualificazione energetica alla riqualificazione della città: strumenti per finanziare la qualità urbana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Caneparo

    2017-06-01

    Full Text Available Il paper si focalizza sullo studio delle possibilità di intervento sugli spazi pubblici e privati all’interno del tessuto urbano, considerati come un tutt’uno interconnesso, impiegando la leva di finanziamenti volti all’efficientamento energetico. A oggi, la maggior parte del tessuto costruito in Europa e negli USA non è mai stato soggetto di processi di riqualificazione energetica, presentando quindi caratteristiche inadeguate. Per affrontare questo tema attraverso la riqualificazione energetica sono stati sviluppati diversi strumenti finanziari basati sul principio di recuperare il capitale investito tramite i risparmi sulle bollette dell’energia; il paper analizzerà alcuni di questi strumenti considerati emergenti nell’attuale contesto. Verranno inoltre considerate le ricedute che l’insieme di questi interventi può generare nel tessuto della città nel suo insieme alimentando lo sviluppo urbano, valorizzando specifiche culture delle comunità e dei luoghi, intrecciando e ibridando urbanità e aspetti naturali.

  3. Air pollution abatement by road traffic and social acceptability. A case study; Misure anti-inquinamento da traffico urbano e partecipazione del cittadino: uno studio del caso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giuntarelli, P; Borrelli, G; Brini, S [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The paper describes the research, realised via a questionnaire on citizens representative of two roman districts, analyses the social acceptability degree of actions for reducing atmospheric pollution produced by automobile traffic in the city of Rome (Italy). [Italian] Il rapporto descrive una ricerca sul campo, svolta tramite questionario e su un campione di cittadini di due quartieri di Roma, che si propone di esaminare il grado di accettazione sociale di una serie di misure tendenti a ridurre l'inquinamento atmosferico causato dal traffico veicolare urbano, dal momento che trova unanime consenso riconoscere al traffico veicolare e piu' in generale al sistema di vita urbano le maggiori responsabilita' per quanto riguarda la produzione di sostanze inquinanti nell'aria.

  4. Air pollution abatement by road traffic and social acceptability. A case study; Misure anti-inquinamento da traffico urbano e partecipazione del cittadino: uno studio del caso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giuntarelli, P.; Borrelli, G.; Brini, S. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The paper describes the research, realised via a questionnaire on citizens representative of two roman districts, analyses the social acceptability degree of actions for reducing atmospheric pollution produced by automobile traffic in the city of Rome (Italy). [Italian] Il rapporto descrive una ricerca sul campo, svolta tramite questionario e su un campione di cittadini di due quartieri di Roma, che si propone di esaminare il grado di accettazione sociale di una serie di misure tendenti a ridurre l'inquinamento atmosferico causato dal traffico veicolare urbano, dal momento che trova unanime consenso riconoscere al traffico veicolare e piu' in generale al sistema di vita urbano le maggiori responsabilita' per quanto riguarda la produzione di sostanze inquinanti nell'aria.

  5. A telemanipulator's direct manipulation interface; Interfaccia a manipolazione diretta per un telemanipolatore

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zirilli, P.; Levialdi, S. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. Scienze dell' Informazione; Manzano, J.L. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    The report discusses the analysis results of the interface of the ENEA's (National Agency for New Technology, Energy and the Enumerative) telemanipulator Mascot. A criterion to measure the u suability of an interface and a paradigm to manipulate objects in a virtual environment using devices without force feedback are proposed. A prototype for the Mascot's interface and a simulator of the telemanipulator are described. [Italian] Vengono presentati i risultati dell'analisi dell'interfaccia Mascot, un telemanipolatore sviluppato dall'ENEA. Si introduce un criterio di complessita' per misurare l'uso di un'interfaccia e si propone un paradigma per l'interazione con ambienti virtuali, applicabili alla manipolazione di oggetti tramite dispositivi che non forniscono controreazione di forza. Si descrive infine la realizzazione di un prototipo di un'interfaccia e di un simulatore per l'utilizzo del telemanipolatore.

  6. La nuova Carta Geologica d’Italia alla scala 1:1.250.000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pantaloni

    2007-03-01

    Full Text Available Una carta così concepita ha come scopo quello di diffondere in ambito scientifico ma anche, e soprattutto, in ambito didattico, la conoscenza geologica del territorio. L’obiettivo che l’APAT si è impegnato a raggiungere tramite di essa è infatti quello di far arrivare ad un pubblico molto ampio di studiosi, di insegnanti, di studenti e di appassionati, una sintesi delle conoscenze finora raccolte nell’ambito della più recente realizzazione cartografica, la già citata carta geologica alla scala 1:50.000. L’ultima, in ordine di tempo, delle carte a piccola scala realizzate dal Servizio Geologico d’Italia è rappresentata dalla Carta Geologica a scala 1:500.000 pubblicata in 5 fogli durante il periodo 1976-1983.

  7. Realization of a system to demand and acquire information via world wide web; Realizzazione di un sistema per l'accesso e l'acquisizione di informazioni via web in un ente complesso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bongiovanni, G [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy); Di Marco, R A [ENEA, Sede Centrale, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Cappitelli, A

    1999-07-01

    The project realized within this thesis exactly regards interactive web and shows how it is possible to obtain particular functionalities opportunely fixed tools. Such project consists in the realization of a system which allows users with opportune account to demand and to acquire information, and to manage these users and a part of the informative system by whom holds administration tasks. Developed software contains an experimental part and a section dedicated to the public key cryptography, which has been employed to carry out sure transactions via web. [Italian] Il rapporto descrive un progetto di realizzazione di un web interattivo e mostra come sia possibile ottenere particolari funzionalita' impiegando opportunamente determinati strumenti come Java, specifica CGI. Il sistema permette agli utenti, tramite opportuno account, di richiedere e acquisire informazioni. Nel software sviluppato e' presente una parte sperimentale e una parte dedicata alla crittografia a chiave pubblica, impiegata per effettuare transazioni sicure via web.

  8. Habitar íntimo: a poesia de Eduardo Dall’Alba

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vera Lúcia de Oliveira

    2014-06-01

    Full Text Available Eduardo Dall’Alba (1963-2013 ha pubblicato oltre dieci libri, tra saggi e poesia, ed ha ricevuto diversi premi. Appartiene ad una famiglia di emigranti veneti stabilitosi del Rio Grande do Sul alla fine dell’Ottocento. È un profondo conoscitore della letteratura italiana, studioso di Dante, Eduardo è riuscito a fondere le due culture e identità, quella brasiliana a quella italiana. Qui desidero enfatizzare come la poesia di quest’autore recupera il vissuto rimosso e senza voce di migliaia di italiani emigrati al sud del Brasile, con il loro dolore e la loro frustrazione per aver abbandonato la propria terra, la nostalgia e l’ossessione di autosufficienza economica che si otteneva tramite il lavoro incessante di tutti i componenti della famiglia, il cui dialetto – o dialetti – erano visti quale elemento agglutinante delle prime comunità.

  9. Use of Semantic Wikis to support collaborative learning

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Coccoli

    2012-08-01

    Full Text Available Semantic Wiki consentono, tramite un linguaggio comprensibile agli elaboratori e formalmente definito, l’annotazione semantica dei contenuti delle pagine Wiki e la rappresentazione esplicita delle relazioni di significato tra essi presenti. Essi offrono la possibilità di sfruttare sia i vantaggi delle tecnologie basate su ontologie sia i meccanismi collaborativi propri dei Wiki. L’articolo descrive un progetto, denominato Semantic WikiSUN, avviato per indagare le prospettive didattiche di tali sistemi. Esso è basato su un quadro teorico complesso che integra evidenze neurocognitive, teorie dell’apprendimento e modelli costruttivisti-sociali della conoscenza. Obiettivo del contributo è, sulla base della esperienza intrapresa, discutere potenzialità e criticità didattiche dei Semantic Wiki, estendendo talvolta la riflessione a considerazioni più generali sui processi di apprendimento mediati da tecnologie semantiche.

  10. A telemanipulator's direct manipulation interface; Interfaccia a manipolazione diretta per un telemanipolatore

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zirilli, P; Levialdi, S [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. Scienze dell' Informazione; Manzano, J L [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    The report discusses the analysis results of the interface of the ENEA's (National Agency for New Technology, Energy and the Enumerative) telemanipulator Mascot. A criterion to measure the u suability of an interface and a paradigm to manipulate objects in a virtual environment using devices without force feedback are proposed. A prototype for the Mascot's interface and a simulator of the telemanipulator are described. [Italian] Vengono presentati i risultati dell'analisi dell'interfaccia Mascot, un telemanipolatore sviluppato dall'ENEA. Si introduce un criterio di complessita' per misurare l'uso di un'interfaccia e si propone un paradigma per l'interazione con ambienti virtuali, applicabili alla manipolazione di oggetti tramite dispositivi che non forniscono controreazione di forza. Si descrive infine la realizzazione di un prototipo di un'interfaccia e di un simulatore per l'utilizzo del telemanipolatore.

  11. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    CERN Document Server

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  12. Presence of large and medium-sized mammals in a burned pine forest in southwestern Turkey

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anil Soyumert

    2010-08-01

    Full Text Available Riassunto
    Presenza di grandi e medi mammiferi in pinete incendiate della Turchia sud-occidentale
    Nel periodo Novembre 2005-Agosto 2006, è stata verificata, tramite trappole fotografiche, la presenza di mammiferi di grandi e medie dimensioni in foreste di Pinus brutia integre e incendiate della Turchia sud-occidentale. Sono state ottenute fotografie di tre specie, cinghiale (Sus scrofa, volpe (Vulpes vulpes e faina (Martes foina. Le prime due sono state rinvenute in entrambe le aree, mentre la faina è stata accertata solo in boschi incendiati. I risultati del presente studio suggeriscono che gli stadi successionali intermedi successivi ai roghi possono essere ricolonizzati dalle comunità di mammiferi.

    doi:10.4404/hystrix-21.1-4488

  13. The image of Thought. The aura of the figure between philosophy and anthropology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Lilliu

    2012-04-01

    Full Text Available Il saggio svolge un’indagine sull’emergere delle prime forme di figurazione e sul legame che esse intrattengono con la nascita della concettualità umana. Tramite la storia della figura si presenta un grande bivio della storia delle civiltà, la biforcazione essenziale causata dai due grandi modi di mettere all’opera la figura: da una parte l’operazione occidentale del senso, enucleata dalle analisi di Carlo Sini, dall’altra l’espressione figurativa delle trasformazioni naturali colta dall’ideogramma orientale, che produce un alternativo universo di senso, illustrata brillantemente da Fenollosa e Jullien. Attraverso l’evocazione dell’aura dei due diversi universi figurativi si tenta di delineare un percorso genealogico che ricostruisca un’unica immagine di pensiero.

  14. Realization of a system to demand and acquire information via world wide web; Realizzazione di un sistema per l'accesso e l'acquisizione di informazioni via web in un ente complesso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bongiovanni, G. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy); Di Marco, R.A. [ENEA, Sede Centrale, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Cappitelli, A.

    1999-07-01

    The project realized within this thesis exactly regards interactive web and shows how it is possible to obtain particular functionalities opportunely fixed tools. Such project consists in the realization of a system which allows users with opportune account to demand and to acquire information, and to manage these users and a part of the informative system by whom holds administration tasks. Developed software contains an experimental part and a section dedicated to the public key cryptography, which has been employed to carry out sure transactions via web. [Italian] Il rapporto descrive un progetto di realizzazione di un web interattivo e mostra come sia possibile ottenere particolari funzionalita' impiegando opportunamente determinati strumenti come Java, specifica CGI. Il sistema permette agli utenti, tramite opportuno account, di richiedere e acquisire informazioni. Nel software sviluppato e' presente una parte sperimentale e una parte dedicata alla crittografia a chiave pubblica, impiegata per effettuare transazioni sicure via web.

  15. SMartART: un nuovo modo di fruire il Museo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Mazzanti

    2014-10-01

    Full Text Available Icone parlanti e intelligenti per la fruizione e la condivisione di informazioni museali tramite smartphone e senza l’uso di QR-code. SMartArt è un’idea basata su ICT, vincitrice nella sezione Make Culture della Competizione Europea @diversity. Un ensemble di 263 idee è stata selezionata da una giuria di esperti internazionali e in occasione dell’European Culture Forum 2013 a Bruxelles sono state premiate le 12 idee migliori in ambito culturale e creativo. SMartArt promuove la cultura, il coinvolgimento emotivo e l'apprendimento informale nei musei utilizzando icone coinvolgenti e self-explaining per recuperare informazioni aggiuntive relative alle opere d’arte.

  16. Diavolo di una particella perchè il bosone di Higgs cambierà la nostra vita

    CERN Document Server

    Menasce, Dario

    2013-01-01

    Lo scienziato del Cern Dario Menasce ha partecipato direttamente agli esperimenti che hanno condotto alla scoperta del Bosone di Higgs, ma , prima di condurre il lettore all'interno dell'LHC e dei suoi misteri, con coinvolgimento e grande serietà guida il lettore attraverso i momenti più importanti delle ricerche della fisica tramite l'intervento dei grandi scienziati del passato e del presente, che hanno infine permesso di arrivare a definire il Modello Standard delle particelle, il primo passo verso l'ipotetica Teoria del Tutto. Un testo molto utile per chi vuole sondare il mondo dell'ultrasottile, che riprendo in più occasioni anche come manuale di consultazione e approfondimento.

  17. Ingegneria degli acquiferi

    CERN Document Server

    Molfetta, Antonio

    2012-01-01

    Il testo fornisce le conoscenze necessarie per affrontare, con un approccio quantitativo, i molteplici aspetti connessi al flusso delle risorse idriche sotterranee (acque di falda) e alla propagazione e bonifica di contaminanti nei sistemi acquiferi. Vengono illustrate le proprietà fondamentali che definiscono la capacità di immagazzinamento, trasporto e rilascio dell’acqua negli acquiferi, e successivamente, descritte le metodiche per la determinazione di tali parametri tramite l’esecuzione e l’interpretazione di prove di falda, di pozzo e di laboratorio. A partire dalla classificazione chimico fisica-tossicologica dei contaminanti vengono, quindi, analizzati i meccanismi di propagazione e illustrate le soluzioni analitiche dell’equazione del trasporto di massa nei mezzi porosi. L’ultima parte del testo è dedicata alla caratterizzazione e bonifica degli acquiferi contaminati. Il testo è rivolto sia agli studenti universitari, sia ai professionisti che debbano affrontare con un approccio quantit...

  18. Manuale di ottica

    CERN Document Server

    Giusfredi, Giovanni

    2015-01-01

    Questo libro costituisce un fondamento solido per la conoscenza dell’Ottica Fisica, presentando vari modi di trattare la propagazione di onde elettromagnetiche e indicando quali siano i metodi utili a specifici casi. Iniziando dall’elettromagnetismo, la riflessione, la rifrazione e la dispersione delle onde, espone argomenti quali l’Ottica Geometrica, l’Interferenza, la Diffrazione, la Coerenza, i fasci Laser, la Polarizzazione, la Cristallografia e l’Anisotropia. Tratta componenti ottici come lenti, specchi, prismi, interferometri classici, Fabry-Perot e cavità risonanti, multistrati dielettrici, filtri interferenziali e spaziali, reticoli di diffrazione, polarizzatori e lamine birifrangenti. Vi sono inoltre argomenti poco reperibili, come il metodo delle matrici 4x4 per lo studio di fronti d’onda generalmente astigmatici, i metodi numerici tramite FFT per il calcolo della diffrazione, e la Bi-anisotropia, che tratta relativisticamente l’attività ottica e gli effetti Faraday e Fresnel-Fizeau....

  19. Conoscere la distribuzione territoriale delle proprietà di manager e azionisti: un approccio guidato dai dati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Pozzati

    2016-12-01

    Full Text Available L’analisi e una migliore comprensione della distribuzione della ricchezza degli individui all’interno delle città possono rivelarsi un prezioso strumento specialmente al fine di supportare la stima del valore degli immobili. Tali analisi possono inoltre essere utilizzate per facilitare il percorso decisionale in diversi settori: dalla pubblica amministrazione al mercato immobiliare. In questo lavoro, attraverso l’uso di dati pubblici e di dati di proprietà della società Cerved, è possibile osservare la distribuzione territoriale delle proprietà di manager e azionisti - categorie di persone solitamente collegate ad un elevato benessere economico – e tramite questo identificare le zone delle città in cui il valore degli immobili risulta presumibilmente più elevato. Nello specifico, viene introdotto il Manager and Shareholder Concentration (MSHC score la cui accuratezza ed efficacia viene verificata in tre diverse città di Italia (Torino, Roma e Milano.

  20. A representação social do risco “urânio empobrecido”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna ZANI

    2012-08-01

    Full Text Available Negli ultimi decenni, ambientalisti, giornalisti, politici e parte dell?opinione pubblica si sono schierati contro l?uso dell?uranio impoverito nelle munizioni e nelle corazzature difensive, chiamando in causa gli effetti potenziali nocivi sulla salute. Ma quali informazioni e conoscenze hanno le persone comuni? Per ovviare ai limiti del paradigma psicometrico, che si è focalizzato prevalentemente sui processi cognitivi trascurando il contesto sociale nel quale la persona è inserita, il presente studio si è proposto di esplorare il contenuto e il campo delle rappresentazioni sociali del rischio ?uranio impoverito?. Si è fatto ricorso alla tecnica delle associazioni libere, chiedendo ai partecipanti (N= 1158, età media 26.7 anni, DS = 11.04, 42% uomini, con diverso orientamento politico di esprimere fino a 3 parole pensando a ?uranio impoverito? e di valutarne la positività/negatività su scala a cinque punti da 1 (molto positiva a 5 (molto negativa. Le analisi condotte sia mediante l?analisi del contenuto tematica che l?analisi delle corrispondenze lessicali hanno evidenziato l?organizzazione delle rappresentazioni intorno a differenti nuclei tematici, a carattere prevalentemente negativo: malattia/mortalità,, armi e guerra, catastrofe e esplosione atomica. Sono emerse inoltre differenze interessanti nelle rappresentazioni in base al genere, all?età e all?orientamento politico dei partecipanti: le persone più anziane sono più informate e consapevoli, associano termini carichi emotivamente, evocatori anche di un alone di colpevolezza intorno alla ?faccenda? dell?uranio impoverito. I giovanissimi invece, poco più che bambini quando il caso uranio impoverito è esploso all?attenzione delle cronache, sono meno esposti alle informazioni e fanno riferimenti a immagini quali bomba atomica e disastro nucleare. Coerentemente con l?effetto dell?uomo bianco, le donne tendono a riportare una maggiore percezione dei rischi associati all

  1. Appunti sulla produzione giovanile di Pinuccio Sciola. Un inedito Crocifisso ligneo per la Basilica di San Saturnino a Cagliari / Notes on the youth production of Pinuccio Sciola. An unpublished wooden crucifix for the basilica of St. Saturnino in Cagliari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Pamela Ladogana

    2017-12-01

    Full Text Available Il contributo prende in esame il Crocifisso ligneo realizzato alla fine degli anni Settanta dallo scultore Pinuccio Sciola, figura di respiro internazionale, noto soprattutto per la produzione delle sue “pietre sonore”. L’opera, finora inedita, è stata acquisita dal Polo museale della Sardegna poco prima della morte dell’artista, avvenuta nel maggio del 2016, ed è destinata alla Basilica paleocristiana di San Saturnino, intitolata al patrono della città di Cagliari. La lettura della scultura, condotta attraverso l’analisi iconografica e stilistica, pone in evidenza le peculiari caratteristiche che rimandano all’iconografia medievale del Crocifisso gotico doloroso, molto diffusa in Sardegna, e reinterpretata dallo scultore in chiave moderna. Il crocifisso ha offerto l’occasione di una unitaria rivisitazione critica dell’attività di Sciola nel periodo giovanile di formazione durante gli anni Sessanta e Settanta del Novecento, attività poco indagata dagli studiosi e sempre marginalmente trattata. Si tratta di una produzione prevalentemente figurativa influenzata evidentemente dagli studi condotti dall’artista prevalentemente fuori dall’isola e delle sollecitazioni degli spunti visivi recepiti attraverso i viaggi e la visita alle mostre. This contribution examines the wooden crucifix made at the end of the seventies by the sculptor Pinuccio Sciola, best known internationally for the production of its “sound stones”. The artwork, so far unpublished, was acquired by the institution PolSo museale regionale della Sardegna shortly before the artist's death in May 2016 and it is intended to be exposed in the early Christian basilica of St. Saturnino, named after the patron saint of the city of Cagliari. Both an iconographic and stylistic analysis of the sculpture highlights specific connections to the medieval iconography of the painful Gothic crucifix, very common in Sardinia, that the sculptor reinterpreted in a modern way

  2. QUANDO LA LINGUA SI FA PENSIERO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Finocchi

    2018-03-01

    Full Text Available Il Concorso letterario nazionale Lingua Madre, ideato nel 2005 da Daniela Finocchi, è un progetto permanente di Regione Piemonte e del Salone Internazionale del Libro di Torino diretto alle donne straniere (o di origine straniera con una sezione per le donne italiane. Nasce per creare relazione, scambio, confronto, per favorire la conoscenza reciproca e mettere in dialogo culture, identità, esperienze diverse. Tutto questo attraverso la scrittura in lingua italiana e tramite la fotografia. Una grande rete a disposizione delle donne, chiamate a raccontare e a raccontarsi in piena libertà e autonomia, a esprimersi al di fuori degli stereotipi, delle “norme” e delle “pre-iscrizioni” culturali e sociali, a giocare parti di sé tramite la parola. 
La lingua dà corpo a immaginari, desideri, mondi interiori e così si fa pensiero e diviene strumento indispensabile per conquistare il diritto a esistere e ad avere voce.   When language becomes thought The “Lingua Madre” national literary competition, founded in 2005 by Daniela Finocchi, is a permanent project of the Piedmont Region and the Turin International Book Fair aimed at foreign (born women, with a section for Italian women. It is aimed at developing relationships, exchanges, dialogues, promoting mutual knowledge and creating dialogue between different cultures, identities and experiences through writing in Italian and photography. A large network is available to women, so they can talk in full freedom and autonomy, express themselves outside stereotypes, “norms”, cultural and social prejudices and explore themselves through words. Language gives substance to ideas, desires, inner worlds, becoming thought, and is thus an indispensable tool to exist and have a voice.

  3. Infrastrutture e pianificazione paesaggistica nel rinnovato Codice dei Beni culturali e del Paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Saverio Santangelo

    2012-08-01

    Full Text Available Le infrastrutture agiscono sul paesaggio con effetti sia diretti, e spazialmente limitati, che indiretti, e non precisamente limitati nello spazio e nel tempo. Gli effetti indiretti, in particolare, riguardano anche le infrastrutture che non vediamo, perché nel sottosuolo, o di cui vediamo solo gli elementi puntuali e materiali di reti prevalentemente immateriali. In quest’ultimo caso si tratta dei sistemi di flusso delle informazioni, che oggi e ancor più in prospettiva, insieme ai sistemi per la produzione locale di energia (segnatamente fotovoltaico ed eolico, rafforzano le tendenze all’indifferenza dei fattori localizzativi di attività e residenze. Tutto questo da un lato consente riduzioni dei suoli impegnati e, per alcuni versi, la stessa salvaguardia del paesaggio (possono ridursi le reti fisiche per il trasporto di energia elettrica e gas, ed esempio, ma dall’altro favorisce nuove domande di suolo a fini urbanizzativi e di infrastrutture, non soltanto stradali, per servire ed accedere alle nuove aree interessate dalla domanda, e quindi comporta altri impatti sul paesaggio.

  4. Tendenze interpuntorie in giovani narratori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Spinelli

    2016-12-01

    Full Text Available Il saggio si concentra sull’analisi dei fenomeni interpuntori all’interno di alcuni romanzi scritti da giovani autori italiani e pubblicati dopo l’anno duemila: 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire, di Melissa P. (2003, La ragazza dei miei sogni di Roberto Dimitri (2007, La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano (2008, La Panzanella di Giulia Villoresi (2009, Acciaio di Silvia Avallone (2010 e Troppa umana speranza di Alessandro Mari (2011. L’analisi comparata dei romanzi sotto il profilo interpuntorio consente di mettere in luce alcuni aspetti interessanti: da un lato, la vicinanza con altre forme di scrittura (prevalentemente giornalistica attraverso l’impiego prevalente di punto fermo e virgola; dall’altro, la buona tenuta di alcuni elementi interpuntori caduti in disuso altrove ma qui ampiamente presenti, come il punto e virgola. Risulta, infine, ancora più interessante notare come tali utilizzi siano trasversali e riguardino l’intero corpus: non vi sono, infatti, distinzioni legate ai sottogeneri di appartenenza dei romanzi.

  5. ‘Tarasca’. Tra Napoli, Venezia e l’Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piermario Vescovo

    2014-12-01

    Full Text Available This paper reconsiders some important episodes of the history of drama and theater of the imagination spread between Naples and Madrid or more generally between Italy and Spain with reference to the Tarasca (procession of Corpus Domini, ideally through six ‘stations’. In this Spanish procession we find on a female dragon the effigies of Gennaro and Gaetano Sacchi, uncle and father of the more famous Antonio, whose stories and travels are one of the matters of this paper. The other matters are focused on the relationship between Carlo Goldoni and the Neapolitans Domenico Barone and Domenico Lalli, and on the Venetian reinvention of Pulcinella’s mask by Giandomenico Tiepolo, passing through Madrid.Col riferimento a una processione legata prevalentemente al Corpus Domini, attraverso sei ‘stazioni’ ideali, il contributo riconsidera alcuni rilevanti episodi di storia dello spettacolo e di diffusione dell’immaginazione teatrale tra Napoli e Madrid, o più in generale tra l’Italia e la Spagna. Nella processione madrilena – sopra un drago femmina semovente (la Tarasca, appunto – si ritrovano le effigi di Gennaro e Gaetano Sacchi, zio e padre del più celebre Antonio, le cui vicende e le cui peregrinazioni costituiscono il filo principale del racconto; gli altri sono costituiti dai rapporti di Carlo Goldoni coi napoletani Domenico Barone e Domenico Lalli e dalla reinvenzione veneziana – passando per Madrid – della maschera di Pulcinella da parte di Giandomenico Tiepolo.

  6. Conferenze scelte

    CERN Document Server

    Fantappiè, Luigi

    1993-01-01

    L'opera scientifica di Luigi Fantappiè (1901-1956) si può dividere in tre tappe fondamentali : a) Dal 1923 al 1941 egli si occupò prevalentemente della Teoria dei funzionali analitici, da lui stesso creata. b) Nel 1942 propose la Teoria unitaria del mondo fisico e biologico, completata nel 1947, con l'introduzione del nuovo concetto di "esistenza totale", compatibile con i principi della relatività. c) A partire dal 1952 sviluppò la Teoria degli universi fisici, basata sulla teoria dei gruppi, e nel 1954 dimostrò che la relatività ristretta di Einstein risulta un caso limite di una teoria più perfezionata, la relatività finale. In questo volume vengono presentate alcune conferenze nelle quali Fantappiè espone in forma semplice e divulgativa le sue idee, alla ricerca di una visione armonica ed unitaria del cosmo e della vita. Il lavoro è stato curato dal suo allievo Giuseppe Arcidiacono.

  7. Interesse pubblico, collezioni private e mercato: contraddizioni e dicotomie in attesa di una legge nazionale di tutela. La collezione Valentini di San Severino Marche ed altri casi / Public interest, private collections and market: contradictions and dichotomies waiting for a national protection law. Valentini’s collection of San Severino Marche and other cases

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Paparello

    2014-06-01

    Full Text Available Il contributo esamina tentativi e vicende di alienazione agli esordi del XX secolo, proponendo l’esame dei documenti ministeriali riferiti al patrimonio storico artistico locale, pubblicati in appendice e prevalentemente inediti. Vengono rese note sei immagini fotografiche relative a dipinti provenienti dalla collezione Valentini di San Severino Marche, fra i quali la tavola rappresentate un santo francescano già attribuita da fonti manoscritte a Lorenzo d’Alessandro. L’indagine prosegue chiarendo le dinamiche che hanno condotto all’alienazione all’estero della predella di Lorenzo Lotto dalla collezione Grimaldi e allo smembramento della collezione Carradori di Recanati. This contribution analyses  some significant events of sale of pieces of art at the beginning of XX century in Marche region. In the appendix,  the ministerial documents referred to the historic local assets, unknown before, are presented and discussed. Moreover, six photographic images of Valentini's collection of San Severino Marche are published for the first time, including a picture of a franciscan saint traditionally credited to Lorenzo d'Alessandro. This investigation tries to clarify the causes of the sale abroad of Lorenzo Lotto's altar-step from the Grimaldi collection and of the the splitting of the Carradori from Recanati's collection.

  8. Noi e loro. L’integrazione psicologica nell’emigrazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Ghilardi

    2009-06-01

    Full Text Available Gli studi in psicologia clinica e sociale evidenziano come l’incontro tra popolazioni provenienti da contesti etnici, sociali, culturali e psicologici molto diversi attivi una serie di meccanismi di tipo prevalentemente difensivo. E’ illusorio ritenere che l’incontro fra tali diversità, come nel caso dei fenomeni emigratori, si risolva attraverso processi d’integrazione che avvengano quasi “per natura”, al contrario vi sia sempre la necessità di una modifica di equilibri precedenti, analogamente a quanto avviene per consimili eventi sul piano biologico.L’articolo evidenzia come l’incontro con il fenomeno dell’emigrazione vada psicologicamente affrontato anche sul fronte della popolazione che riceve i nuovi individui, inclusi gli operatori e i clinici che si occupano in prima persona del fenomeno, aiutandoli ad adattare i propri confini geografici come modifica, sul piano psicologico, di confini interni, poiché questi ultimi sono i mezzi che identificano e riconoscono le differenze.Saranno utilizzate alcune esemplificazioni tratte da esperienze d’intervento psicologico clinico e sociale nei campi della consulenza educativa degli adulti, della medicina e della psicoterapia per mostrare a quali difficoltà interpretative siano sottoposti i propri abituali modelli culturali, clinici e operativi nell’incontro con realtà differenti e quali modalità possano facilitare osmosi e integrazione tra persone e culture.

  9. "I really have no idea what non-fandom people do with their lives." A multimodal and corpus-based analysis of fanfiction

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Grazia Sindoni

    2015-07-01

    digitali. Nella narrazione transmediale, gli elementi integrali di una storia sono sistematicamente dispersi tramite vari canali di distribuzione per creare un’esperienza interconnessa e ramificata di intrattenimento (Jenkins 2006, 2007. Le storie cessano di essere delle esperienze di narrazione lineare, e i diversi punti di accesso alla storia incoraggiano una pratica di lettura, visione o scrittura personalizzata: l’esperienza globale della fanfiction. Questo studio si concentra sul fenomeno della fanfiction da due prospettive teoriche e metodologiche distinte, ma complementari. Partendo da studi precedenti (Thomas 2010; Sindoni 2013 e basandosi sui dati forniti da un corpus monogenerico, LJFic, le domande a cui questo studio tenta di rispondere riguardano la variazione diatipica (Halliday 1991 nella fanfiction da un punto di vista sia linguistico che multimodale. Si discuteranno gli esiti di un’analisi di  keyness svolta con due corpora di riferimento (FLOB e COCA, ipotizzando che questa possa gettare luce su una serie di questioni linguistiche, per esempio riguardanti la variazione diamesica (approssimando i risultati che si sarebbero potuti ottenere tramite l’analisi multidimensionale di Biber 1988 e con un’attenzione specifica verso i lemmi più frequenti per comprendere l’aboutness dei testi (Scott, Tribble 2006; Bondi, Scotti 2010. Tuttavia, un’analisi puramente quantitativa non può rendere conto della natura eminentemente multimodale della fanfiction. Per colmare tale lacuna, un campione di post sarà analizzato qualitativamente tramite lo scavo e la dissezione delle risorse multimodali.

  10. Star bene donna, star bene mamma: il counseling a sostegno della maternità presso l’Ospedale Macedonio Melloni di Milano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Riolo

    2013-12-01

    Full Text Available Il progetto “Star bene donna, star bene mamma – il Counseling a sostegno della maternità”, è finanziato dalla L.R. 23/99, ed è completamente gratuito per l’utenza. Finalità del progetto è la tutela della maternità, della genitorialità, della salute e del benessere della donna, rimuovendo ostacoli materiali e culturali tramite interventi integrati, con particolare attenzione alle situazioni di fragilità e in prevenzione all’uso dell’IVG. Il progetto, attivo da settembre 2011, prevede sei azioni svolte in modo integrato sul territorio cittadino, in collaborazione con alcuni Enti pubblici e strutture private: 1 Sostegno e accompagnamento alla donna, o coppia, attraverso sportello di Counseling attivo all’interno dell’Ospedale Macedonio Melloni e tramite lavoro di rete con Madre Segreta, servizio a tutela della maternità della Provincia di Milano. 2 Utilizzo del mediatore linguistico. 3 Formazione e orientamento al lavoro per donne in evidente stato di disagio economico all’interno di un’Associazione culturale per bambini, che offre servizi alle famiglie. 4 Fornitura pacchi alimentari per nuclei monoparentali o famiglie in provato stato di bisogno. 5 Formazione agli operatori su tematiche quali: la maternità migrante, la relazione e la comunicazione, la comunicazione difficile. 6 Formazione affettiva e sessuale ad adolescenti, volta a promuovere una sessualità consapevole e senza rischi. Il Counseling sistemico si inserisce in questo progetto come elemento di aiuto per la presa in carico tempestiva dell’utenza ospedaliera, offrendo un immediato spazio di confronto e di dialogo utile a raccogliere e identificare la difficoltà portata. Il lavoro del Counselor non è di ostacolo agli altri operatori in quanto si muove entro limiti ben chiari, anzi può essere di utilità alleggerendo, nello specifico, il lavoro di Psicologi e Psicoterapeuti per una presa in carico di tutte quelle situazioni di disagio evolutivo e pu

  11. Otter Lutra lutra movements assessed by genotyped spraints in southern Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Prigioni

    2006-09-01

    Full Text Available Abstract
    This paper analyses some otter (Lutra lutra spatial data, obtained by the location of genetically typed spraints in the Pollino national park and surrounding areas (southern Italy. A sample of 214 otter spraints was collected (27 faeces in 2001-02 and 187 in 2004 along 10 streams of the park, and their location was digitalized by a Geographic Information System (Arcview 3.1 for spatial analysis. DNA was extracted using the GuSCN/silica method and each faecal sample was genotyped by PCR amplification of twelve microsatellite loci. Finally, 103 (48.1% spraints yielded a reliable genotype, providing the identification of 31 otters. The maximum distance, measured along watercourses between the genotyped faecal samples of each individual identified by at least two faeces, varied from 0.02 to 34.8 km. On the whole, our results outlined a ranging pattern based on the occupation by one otter of a long stretch of watercourse (21.6 and 34.8 km, including 4-6 partially overlapped short stretches (from 0.02 to 14.1 km occupied by as many animals. RIASSUNTO – Spostamenti della Lontra Lutra lutra valutati mediante analisi genetica delle feci in Italia meridionale. Tramite l’estrazione del DNA da feci “fresche” e la succes- siva amplificazione di 12 loci microsatellite, da un campione di 214 feci di Lontra raccolto lungo 10 corsi idrici del Parco Nazionale del Pollino e aree limitrofe (27 feci nel 2001-02 e 187 nel 2004 sono stati ottenuti 103 genotipi affidabili (48,1%, consentendo l’identifi- cazione di 31 individui. La localizzazione delle feci genotipizzate è stata stabilita mediante GPS (Global Positioning System e trasferita su una mappa digitalizzata (scala 1:10000 tramite GIS (Geographic Information System. La distanza massima, misurata lungo i corsi idrici investigati, tra i campioni fecali tipizzati di ciascun individuo è variata da 0,02 a 34,8 km. Nel complesso, i risultati ottenuti hanno

  12. Introduction of a new management programme for the urban solid waste in the placed organized by 'Consorzio AREA' of Copparo (FE). Verification at pilot scale; Introduzione di un nuovo sistema per la gestione dei rifiuti solidi urbani nel territorio del Consorzio AREA di Copparo (FE). Verifica pilota del sistema

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ceccotto, D.; Barboni, A.; Malago, L.; Sunseri, M.; Spiandorello, R. [Consorzio Aziendale di Igiene Ambientale e Servizi Polivalenti, Copparo, FE (Italy)

    1999-08-01

    The paper describes an Integrate Source Collection System applied to municipal solid waste, through: introduction of source collection methodologies of the organic fraction (FORSU), of the co-mingled recyclable fraction (RDM) and of the no-recyclable fraction (remaining part), realization of structures (transfer station) able to optimize the sorting and the transportation of the different fraction. The main principle followed interprets the differential collection no longer as an additional service (which would mean an increase in cost) but a substitutive service to the normal one (where the increase in cost is compensated by a reduction of cost referent to no-recyclable fraction). The objects of the studied system: increasing of the collection aimed to recover and recycling minimizing managing cost; have been carried out through an experimental application. Moreover the optimization of the collection routes, reached using numerical computing is presented. [Italian] Nel presente lavoro si descrive l'applicazione di un servizio di raccolta integrale dei RSU tramite: l'introduzione delle metodologie di raccolta Umido (Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani), Secco Riciclabile (Raccolta Differenziata Multimediale) e Secco Non Riciclabile (Indifferienziato), la realizzazione delle strutture necessarie al suo funzionamento ed alla sua razionalizzazione economica (Stazione di Trasferenza). La metodologia proposta presenta un carattere fortemente innovativo. Il principio generale seguito interpreta la raccolta indifferenziata non piu' come servizio aggiuntivo (quindi con incremento dei costi in funzione dell'incremento dei servizi relativi), ma come sistema sostitutivo al normale servizio (incremento dei costi compensato dalla riduzione dei costi relativi alla frazione indifferenziata sia in temini di smaltimento che di raccolta). Le finalita' del sistema: massimizzare i livelli di intercettazione e recupero delle frazioni riciclabili

  13. Modello predittivo di idoneità ambientale per il cervo nell'Appennino centrale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Opramolla

    2003-10-01

    Full Text Available In un?area di studio ampia ca. 250 km², situata tra il Parco Nazionale d?Abruzzo e quello della Majella, è stata studiata la densità del cervo in 84 unità di campionamento (ampiezza = 1 km² selezionate in maniera sistematica partendo dal reticolato geografico UTM. In ogni unità di campionamento sono stati individuati tre transetti paralleli orientati da Est a Ovest (lunghezza= 1 km/transetto e 33 plot circolari, ogni 100 m lungo i transetti. La presenza del cervo è stata rilevata tramite segni di presenza e avvistamenti. Sono stati effettuati tre campionamenti: giugno ? agosto 1999, settembre-ottobre 1999 e maggio - luglio 2000. Il cervo è risultato essere presente in 39 unità di campionamento e assente in 35. Sono state calcolate dalla cartografia numerica tramite GIS 69 variabili ambientali. La relazione tra variabili ambientali e presenza/assenza del cervo è stata analizzata con l?analisi della varianza univariata (anova e con l?analisi di regressione logistica dicotomica (rld. Sono state riscontrate differenze significative (anova tra le aree in cui è stata riscontrata la presenza del cervo ed aree in cui il cervo è risultato assente per le variabili relative alle attività antropiche, superficie delle radure, quota, esposizione, estensione delle colture, estensione e struttura del bosco e presenza di pecore al pascolo. Il modello di regressione logistica ha selezionato solo 3 variabili: superficie del bosco di latifoglie, indice medio della forma dei poligoni di bosco, superficie delle aree esposte a sud-ovest. Il modello spiega il 76% della varianza della variabile indipendente, e tutti i coefficienti di regressione sono correlati significativemente e positivamente alla probabilità di presenza del cervo. Il modello ha classificato correttamente il 91% dei casi in cui il cervo è risultato assente e il 92% dei casi in cui è risultato presente (percentuale media di classificazione= 91,9%. L?importanza del bosco nel condizionare

  14. Chemical and toxicological characterization of exhaust emissions from alternative fuels for urban public transport; Caratterizzazione chimica e tossicologica delle emissioni da carburanti alternativi per il trasporto pubblico nelle aree urbane

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Turrio Baldassarri, L; Conti, R; Crebelli, B; Iamicelli, A L [Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria, Istituto Superiore di Sanita, Roma (Italy); De Berardis, M [Dipartimento di Tecnologie e Salute, Istituto Superiore di Sanita, Roma (Italy); Gambino, A L; Iannaccone, S [Istituto dei Motori, CNR, Napoli (Italy)

    2008-07-01

    The Istituto Superiore di Sanita (ISS, the National Institute of Health of Italy) and the Istituto dei Motori (IM) of the Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR, National Research Council) have carried out this study, jointly funded by the two institutes together with the Ministry of Environment. The chemical and toxicological characteristics of emissions from two urban bus engines were studied: a diesel engine fueled with both diesel oil and bio diesel blend and an equivalent spark-ignition one fuelled with compressed natural gas, operating in steady-state conditions. Regulated and unregulated pollutants, such as carcinogenic polycyclic aromatic hydrocarbons and nitrated derivatives, carbonyl compounds and light aromatic hydrocarbons were quantified. Mutagenicity of the emissions was evaluated by the Salmonella typhimurium/mammalian microsome assay. The effect of the fuels under study on the size distribution of particulate matter was also evaluated. The impact of diesel-powered transport on urban air quality, and the potential benefits for human health deriving from the use of natural gas for public transport, are discussed. [Italian] L'Istituto Superiore di Sanita (ISS) e l'Istituto dei Motori (IM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR) di Napoli hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto, co-finanziato dai due istituti e dal Ministero dell'Ambiente. Sono state caratterizzate, da un punto di vista chimico e tossicologico, le emissioni di motori destinati al trasporto pubblico urbano, alimentati con gasolio, gas naturale e biodiesel. Sono stati quantificati sia gli inquinanti regolamentati sia quelli non regolamentati, con particolare interesse ai composti con rilevanza tossicologica, come gli idrocarburi policiclici aromatici, i loro derivati nitrati, i composti carbonilici e gli aromatici volatili. E stata quindi valutata la mutagenicita degli estratti, sia del particolato sia della fase vapore, tramite il test di reversione in Salmonella

  15. Le prime sensazioni al pianoforte restano per sempre? Indagine sui metodi pianistici per principianti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Sellari

    2015-12-01

    Full Text Available I metodi d’insegnamento del pianoforte utilizzati in Italia sono caratterizzati da percorsi basati su differenti ipotesi teoriche e indicazioni pratiche. Il primo libro di pianoforte, qualunque sia il suo valore, stabilisce il primo contatto con lo strumento, lasciando una forte impressione e tracciando il profilo delle competenze inizialmente sviluppate. Una più profonda comprensione di questi testi può mostrare quali sono le capacità e le strategie di apprendimento proposte dai metodi adottati e conseguentemente dagli insegnanti. L'obiettivo di questo studio è quello di identificare quali sono le scelte metodologiche più rappresentative nella didattica pianistica italiana degli ultimi 50 anni. I risultati sono basati sui dati raccolti dai questionari somministrati a 200 pianisti, di età compresa tra 20 e 60, ai quali è stato chiesto, insieme a informazioni generiche, quale fosse stato il loro primo libro pianoforte, quali aspetti positivi o negativi ricordavano maggiormente e quali ritenevano essere più utili. I dati suggeriscono una preferenza rilevante di cinque metodi, che sono stati analizzati secondo una serie di criteri metodologici e analitici. I risultati indicano un panorama metodologico concentrato principalmente sul rapporto iniziale con lo strumento e sulla lettura musicale. Questo studio contribuisce alla riflessione su due aspetti metodologici: lo sviluppo di nuovi repertori e la proposta di metodologie in grado di rispettare il mondo emotivo e cognitivo dei principianti.

  16. From community training to university training (and vice-versa: new sign language translator and interpreter profile in the brazilian context

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vanessa Regina de Oliveira Martins

    2015-12-01

    Full Text Available This paper aims to discuss the new profile of sign language translators/interpreters that is taking shape in Brazil since the implementation of policies stimulating the training of these professionals. We qualitatively analyzed answers to a semi-open questionary given by undergraduate students from a BA course in translation and interpretation in Brazilian sign language/Portuguese. Our results show that the ones to seek for this area are not, as it used to be, the ones who have some relation with the deaf community and/or need some kind of certification for their activity as a sign language interpreter. Actually, the students’ choice for the course in discussion had to do with their score in a unified profession selection system (SISU. This contrasts with the 1980, 1990, 2000 sign language interpreter’s profile. As Brazilian Sign Language has become more popular, people search for a university degree have started to see sign language translation/interpreting as an interesting option for their career. So, we discuss here the need to take into account the need to provide students who cannot sign with the necessary pedagogical means to learn the language, which will promote the accessibility of Brazilian deaf communities.

  17. From community training to university training (and vice-versa: new sign language translator and interpreter profile in the brazilian context

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vanessa Regina de Oliveira Martins

    2015-10-01

    Full Text Available This paper aims to discuss the new profile of sign language translators/interpreters that is taking shape in Brazil since the implementation of policies stimulating the training of these professionals. We qualitatively analyzed answers to a semi-open questionary given by undergraduate students from a BA course in translation and interpretation in Brazilian sign language/Portuguese. Our results show that the ones to seek for this area are not, as it used to be, the ones who have some relation with the deaf community and/or need some kind of certification for their activity as a sign language interpreter. Actually, the students’ choice for the course in discussion had to do with their score in a unified profession selection system (SISU. This contrasts with the 1980, 1990, 2000 sign language interpreter’s profile. As Brazilian Sign Language has become more popular, people search for a university degree have started to see sign language translation/interpreting as an interesting option for their career. So, we discuss here the need to take into account the need to provide students who cannot sign with the necessary pedagogical means to learn the language, which will promote the accessibility of Brazilian deaf communities.

  18. [Parental socialization styles and psychosocial development in 16 to 19 year old adolescents].

    Science.gov (United States)

    Sepúlveda, G; Almonte, C; Valenzuela, C; Avendaño, A

    1991-01-01

    To study relationships between perceptions that 16 to 19 year old adolescents have about socialization styles and disciplinary methods used by their parents, with their view of the world, interpersonal relations, moral development, use of psychotropic substances and maladjusted behaviours, 241 adolescents--123 males--which belong to a follow up study on growth and development from northern metropolitan Santiago, Chile, were asked to answer a questionary of psychosocial development, previously elaborated by two of the authors (GS and CA). The most used socialization styles by these fathers and mothers were the negative power one (39.2% and 38.5%) and the inductive one (23.8% and 30.0%), while permissive styles occurred at much lower frequency (1.5% and 1.1%). Coincidence among parents in socialization styles was found in 47.7% and disagreement in 19.2% of cases. The inductive style and coincidence in it's use by both parents, were frequently associated to idealistic world views, autonomous and conventional moral development, satisfactory interpersonal relationships and low frequency of psychotropic consumption, and maladjusted behaviours while negative power based styles by both parents and disagreement of styles among them were rather related to realistic or negative world view, preconventional moral development, higher frequency of relational problems, psychotropic consumption and maladjusted behaviours.

  19. A survey on technical efficiency, marketing and market structure of saffron crop, Iran

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mahmoud Shaban

    2014-03-01

    Full Text Available The current study attempted to determine technical efficiency as well as study the marketing and market structure of Saffarn crop in Iran. To access the research goals 140 farms, 25 retailers and 14 wholesalers randomly selected. The necessary data collected through interview and filling questionarie. Apart from this, some agricultural Expert from selected cities of Razavi province have been chosen to interview. To determine the market time-series data for the period of 1995-12 was used. To determine technical efficiency DEA method, to calculate marketing margins Digbi method and to find market structure concentration ratio and Herfindal index were used. The results indicated that, the average technical efficiency was 63.49 and minimum and maximum technical efficiency respectively 19.04 and 100, retailer margin mean of Saffron was more than wholesale margin mean and average marketing cost coefficient of Saffron was about 14.78. It means that, marketing factors share in final price is 14.78. Address to the results the Saffaran’s market structure is oligopoly.

  20. Nutritional analysis of dietary intake of professional female volleyball players during the competitive phase of the regular season

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Mielgo-Ayuso

    2013-03-01

    Full Text Available Introduction: nutritional aspects women’s volleyball has been little studied and more in a specific period of training as the competitive period. The aim is to assess and know the caloric and macronutrients intake by professional volleyball players of the Spanish Superliga for 16 weeks of training for the competition phase and compare with the references marked for athlete population.Material and methods: the study included 10 female volleyball players (JVF (26.6±5.9 years and height 178.05±8.7cm, for a total of 16 weeks of training and competition. They all gave written informed consent. They completed a food intake frequency questionary of the 16 week study, data corroborated by a dietary record (CFCA of 7 consecutive days in week 9 and 16. We were calculated daily nutritional intake from CFCA with the food composition table of CESNID by Easy Diet software, the Spanish Association of Dietitians-Nutritionists (AEDN.Results: the energy and nutritional analysis of the female professional volleyball players shows that the amount of energy and macronutrients does not meet to the recommendations for sports collective.Conclusions: it is observed low energy and carbohydrates intake and high intake of protein and lipids. Recommended practical aspects for improving nutrition education in this professional sports group.

  1. A COMPARISON ON THE TIME MANAGEMENT UNDERSTANDINGS OF UNIVERSITY ACADEMIC STAFF

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kubilay Çimen

    2017-10-01

    Full Text Available The aim of this study was to investigate time management understandings of university academic staff with their participation or not participation in the sports activities, gender and their work year. The sample of the study consisted of 93 university academic staff who Works at Dumlupinar University (37 women and 56 men. As data collection tool in addition to a questionary, which consists 10 items developed by the researchers, “Time Management Scale”, which was developed by Britton and Tesser (1991 and Turkish adaptation was done by Koçak and Alay (2002 was used. The obtained data were analyzed by using SPSS for windows. In addition to descriptive statistics, Mann Whitney U and Kruskal Wallis test were done in order to determine significant differences between time management understandings of the academic staff. As a result, although, there was no significant difference between participants’ time management understanding according to gender (p>.05 there were significant differences between participants’ time management understandings in the “time attitudes” subscale according to their work year and in “time management” and “time attitudes” subscales according to participation /or not participation in sport activities (p<.05.

  2. Parent-infant interactions in families with women diagnosed with postnatal depression: a longitudinal study on the effects of a psychodynamic treatment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renata eTambelli

    2015-08-01

    Full Text Available Background: Several studies have shown a connection between mothers with post-natal depression (PND and emotional-behavioral problems in their children. Mothers' psychopathology may impair interactional patterns with children and these outcomes can be influenced by father's psychopathological symptoms. The primary aim of the study was to assess over time parent-infant interaction in families where mothers have experienced postnatal depression and have received psychological treatment during the child's first year of life considering the severity of parents' psychopathological symptoms and children's temperament. Methods: Three groups of families were involved: families with mothers with PND wherein both parents followed a psychological treatment (TxMF; families with mothers affected by PND wherein only the mother followed the treatment (TxM and control families wherein the mothers did not have a psychopathological diagnosis and did not receive any treatment (Con. The families were assessed at two time points through Symptom Check-List-90-Revised (SCL-90-R, Questionari Italiani Temperamento (QUIT and the video-recorded procedure observing mealtime Scala di Valutazione Interazioni Alimentari (SVIA. Results: Parents in the TxMF group had significantly lower SVIA scores (i.e . less maladaptive at T2. TxMF group scored lower at T2 at SCL-90-R, whereas TxM showed no significant differences between T1 and T2. Involvement of fathers in the treatment was important to improve the psychopathological symptoms of both parents and the quality of interactions with their children.

  3. Comparison between Epidural Block vs. High Intensity Laser Therapy for Controlling Chronic Low Back Pain

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Badiozaman Radpay

    2016-01-01

    Full Text Available Background: Chronic low back pain is among a wide spread musculoskeletal conditions that is related to disability with high economy cost. There are several treatment modalities for controlling chronic low back pain (CLBP, among them high intensity laser therapy (HILT and epidural blocks (EB use more commonly. This study aimed to evaluate the benefits and hazards of each of these two methods.Materials and Methods: We designed a randomized controlled double blind study during 24 months.101 patients divided in 2 groups (52 in EB and 49 in HILT group. Pain intensity was assessed by using faces pain scales (FPS and LINKERT questionaries' before procedure and during one, four, 12, and 24 weeks after beginning the procedures.Results: There were no differences between two groups in FPS lumber tenderness, straight leg rising test (SLRT, paresthesia, deep tendon reflex (DTR, and imaging changes. Motor problems seem was less in HILT group comparing EB.Conclusion: This study showed both EB and HILT approaches can control the pain intensity and motor activities in CLBP patients. Future studies will clarify the precise importance of each these methods.

  4. Factors affecting the prevalence of obesity among primary school students in Turkey.

    Science.gov (United States)

    Ayyildiz, Tulay Kuzlu; Kurtuncu, Meltem; Kulakci, Hulya; Celik, Sevim

    2014-12-01

    Obesity is an energy metabolism disorder which results in the excessive storage of fat and may also lead to physical and psychological problems. Since the 1980s, obesity has drastically increased across all age and socio-economic groups around the world. The purpose of the study was to investigate the risk factors affecting obesity in students in the age group of 6-15 years. This was a population-based cross-sectional study on 868 students in Bahçelievler elementary school in Zonguldak, Turkey from March to April in 2010. Data was collected using demographic questionary forms and weight-length measurements. The median age was 10.3 ± 2.1; 47.6% of the children were female and 52.4% of them were male. About 70.2% of the students consumed fast food. It was identified that 67.1% of the students in the 6-10-year age group and 32.9% in 11-15-year age group were obese (P = 0.000). The obesity prevalence of children with one or two siblings was higher than the ones with more than two siblings (P = 0.001). The study concluded that there were certain criteria related to development of obesity during a specific period of childhood and taking certain precautions could be effective in preventing it.

  5. [Life style, dietary habits and nutritional evaluation of Hospital de Mérida health professionals].

    Science.gov (United States)

    Márquez Moreno, Raúl; Beato Víbora, Pilar Isabel; Tormo García, M Ángeles

    2015-04-01

    Living habits, several nutritional aspects and relationship between them were studied of Hospital de Mérida health professional of the Extremadura Health Service (SES). Forty-three employed workers participates voluntary in this project by submitting a questionary about personal details and life style, and a seven-days-food-intake-dietary. Finally, their anthropometric data were also measured. Men tend to play more physical activities than women. They also were more sedentary. They use to smoke less than women, but they do drink more. Normal-weight subjects tried to practice sport during more time than overweight and obese ones. However, they also remained sitting for longer periods on a weekly basis. The average daily intakes of kilocalories were higher in men, but protein intakes were higher in women. Fat intake was increased in both sexes. The average daily intake of kilocalories was lower in obese subjects than over and normal-weights ones. An increase in the body mass index was accompanied by a bigger waist perimeter, waist to hip ratio, fat mass and body fat percentage. The majority of people interviewed in the survey have healthy living and dietary habits. Protein and fat daily intake is slightly higher than the values recommended by the WHO. Carbohydrates intake, by contrast, is lower. Copyright AULA MEDICA EDICIONES 2014. Published by AULA MEDICA. All rights reserved.

  6. The Usage of Social Areas in University Campus Systems

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Begüm ERÇEVİK

    2011-10-01

    Full Text Available Universities aim to help students gain occupational skills through academic training and practice; to produce knowledge by carrying out applications and investigations which have scientific, social and economic bases, to prepare young people for com munity life by giving them duties and responsibilities; and finally, to make contributions to the social and educational level of the community. Moreover social and cultural activity areas in uni versities in which, apart from lecture halls, students spend most of their time during their educational, lives, are of great impor tance for social interaction. Social spaces, whose educational and awareness-raising role of preparing the youth for community life, are taken into account and of these areas, about their use of student assessment analysis is aimed. During this analysis, student views were investigated and compared at different university campus locations. Bahçeşehir University Beşiktaş Campus as a town university, Yıldız Teknik University Yıldız Merkez Campus as an in-town campus, Koç University Sarıyer Campus as a out-oftown campus were chosen as locations for the study. Statistical analysis is applied to the data obtained from the questionaries completed by students in the chosen universities. Following such investigations, findings relating to the sufficiency of social and cultural activity areas in campuses, their occupancy and reachability; and the user profile of the activity areas and town usage as a cultural area are obtained and evaluated.

  7. [Study on the relationship between occupational stress and psychological health state among oil workers].

    Science.gov (United States)

    Liu, Jiwen; Wang, Zhiming; Wang, Mianzhen; Lan, Yajia; Zhan, Chenglie; Zhao, Xiaoguo

    2002-02-01

    To study the relationship between occupational stress and psychological health state among oil workers. 1,230 oil workers in 122 work types of oil industry were selected and written occupational stress questionary(OSQ) and symptom check list (SCL-90). Petroleum workers' psychological health states were poor with increasing occupational stress degree. The scores in physical symptoms(1.87 +/- 0.80, 1.72 +/- 0.70), depression(1.74 +/- 0.76, 1.62 +/- 0.67), horror(1.48 +/- 0.65, 1.39 +/- 0.55) in the high and medium stress group were obviously higher than those in low stress group(1.55 +/- 0.61, 1.43 +/- 0.54, 1.28 +/- 0.46, respectively, P < 0.05). The score of mood state in the high and medium stress group was obviously higher than that in low stress group(P < 0.05). Psychological health states and mood state in the petroleum workers with short service length are significantly poorer than that with long service length(P < 0.01). Occupational stress should affect psychological health state of petroleum workers.

  8. Difficult aspects in the e-social pre implementation fase in higher education community institutions in Santa Catarina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Zanin

    2017-06-01

    Full Text Available Brazilian financial control is changing, mainly because of the implementation of new control tools which try to regulate the relation between the revenue and contributors. One of these changes is the EFD- Social implementation, which the organizations are putting a huge effort, because it is something new, where its demands is not only of processes but also of the management culture. Under this context, this study had as objective analyse the difficulties of the Higher Education Community Institutions  - ICES – in Santa Catarina, associated to ACAFE, in the accession adaptation of E-social in the pre implementation fase. The research is exploratory, descritive and quantitative. The sample is composed with about 60% of the researched population and the data collect was made through questionaries collected from february to may of 2015. The data analysis revealed that ICES are in distintives fases of EFD-Social implementation. It is also possible to verify, in the perspective of the researched  ICES, that the EFD-Social implementation will bring more advantages than disadvantages, suggesting the beginning of a cultural change in the organizations, which realize this instrument as a management tool not only financial control.

  9. Perception of Business People on the Evolution of the Accountant Profile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gisele Cristina Plachi Virtuoso

    2018-04-01

    Full Text Available The objective of this work was to analyse the perception of business people on the evolution of the Accountant profile, considering the significant increase of it´s importance with the advent of international accounting standards. Therefore the following question was elaborated: what the perception of business people on the evolution of the Accountant profile? As for the methodological procedures, this study is classified as quantitative according to the approach, descriptive regarding the objectives and as a survey of the procedures. The data collection was done through the questionary containing eighteen closed questions and validated by three teachers in the area. A universe of 62 entrepreneurs, clients of an accounting office in the city of São José, state of Santa Catarina, was searched by e-mail, created through the tool google forms, and a sample of 53 (fifty three respondents, representing 85% of the population surveyed. The main results pointed that the business people perceive this evolution in the accounting professional profile, consider he essential for the business and would keep the accounting writing if they were not obliged. However, international accounting standards were not considered influential in the evolution of the Accountant profile and there are limitations on the use of their competences by business people.

  10. Stress and coping strategies of master's-level health sciences students / Estresse e estratégias de enfrentamento em mestrandos de ciências da saúde

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    André Faro Santos

    2007-01-01

    Full Text Available This research had the objective to examine the occurrence of stress among 27 master students of health sciences of the Universidade Federal de Sergipe [Federal University of Sergipe], of which 16 were women and 11 were men. And, it also sought to delineate the coping strategies used to deal with the stress and the stressors perceived by the graduate students. Lipp's Stress Symptoms for Adults Inventory, the Ways to Confront Problems Scale and a questionary about possible stressors were used. The results indicated that 40,7% of subjects had stress and that there was an association between stress and sex (p<0,05, showing that women were more vulnerable to stress. The association between sex and the main coping strategies used by the participants that didn't have stress (p<0,05 was verified, showing that focalizing on the problem was a more frequent strategy among men. We believe that more investigation on this topic is important, because the performance of master level students may be influenced by the stress during graduate education.

  11. Developed and applications of a method for dose comparation of the cobalt 60 in radiotherapy

    International Nuclear Information System (INIS)

    Leao, J.L.B.

    1975-01-01

    IAEA and WHO developed a postal intercomparison program for measuring the output of Co-60 therapy units all over the world. This work reports first results of an modified postal intercomparison based on IAEA/WHO program. A mailable 10 x 10 x 10,5cm Mix-D phantom with embedded TLD dosimeters, films and field markers of lead and a questionary were developed to obtain not only informations regarding output of Co-60 therapy machines but also to get information about alignment, field homogeneity, dose calculations, field size and surface dose. This program was field tested in 10 different Radiotherapy Centers. The results of this intercomparison gave a spread of the absorbed dose from 78 rads to 127 rads for the 100 rads asked for in 5cm depth of the phantom. Variation in the prescribed fieldsize of 6 x 6cm were between 30cm 2 and 100cm 2 . In half of the cases inhomogeneity of the radiation field was spotted [pt

  12. Identificação de Fatores Críticos de Sucesso para Monitoramento do Nível de Satisfação de Hóspedes de Hotéis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvio Augusto Minciotti

    2010-06-01

    Full Text Available Abstract The current economic moment are facing real wars to get the customers preferences: it is the competition on extremely crowded markets, resulting from several factors, but mainly because of the globalization. This is the reality on several segments, including services, especially on the hotels organizations. It is necessary not only to attend the customer, but to enchant and to surprise them, to make it happen is primordial to know what represents value to them: the items they desire, valorize and are responsible for their decision about what company to choose. This article objective is the identification of critical successful factors and its respective attributes to monitoring the satisfaction level of hotels customers. Considering the available literature about customer’s satisfaction in hotels organizations, interviews with specialists, academics and market professionals, it was prepared a questionary which lists the probable items considered as critical success factors and its respective attributes. The application was done with the guests of super luxury hotel located in the city of Campinas. The article also presents the results of this application. Keywords: customer satisfaction; factors; attributes; hotel.

  13. Alcune considerazioni sulla relazione insegnante e allievo disabile: Analisi di un’esperienza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Maria Disanto

    2015-12-01

    Full Text Available Obiettivo principale del nostro contributo è individuare e qualificare, all’interno della relazione educativa con l’allievo portatore di handicap, l’insieme di contenuti non immediatamente accessibili alla coscienza, che si rivelano solo una volta superate delle resistenze. Il rilievo di questi aspetti è stato possibile attraverso la elaborazione di un questionario cui ognuno ha risposto liberamente, garantito dal più assoluto anonimato. La significatività numerica del materiale a nostra disposizione (134 questionari, ci ha permesso di proporre delle considerazioni che, senza avere la pretesa di essere esaustive, risultano valide per introdurre delle riflessioni sull’argomento.Le riflessioni che presentiamo hanno avuto come occasione di stimolo e di riflessione un corso di formazione per insegnanti di sostegno della scuola dell’obbligo, nella cui impostazione si è cercato di integrare elementi presenti su un piano di realtà con aspetti relativi ad un livello inconscio. Quella che presentiamo è l’elaborazione finale di dati che analizzeremo non quantitativamente ma sul piano dei contenuti, attraverso il riconoscimento dei meccanismi di identificazione che intervengono nella relazione dell’insegnante con il bambino portatore di handicap: come si specifichi, cioè, il processo psicologico per cui si fanno propri elementi caratteristici, attributi di un’altra persona e ci si trasforma, totalmente o parzialmente, sul modello di quest’ultima.

  14. New dimension of slow food movement using supercritical fluid technology and methods to influence society by effective marketing strategies.

    Science.gov (United States)

    Uzel, Ruhan Aşkın

    2016-07-01

    Although slow food movement is a well-known movement nowadays, in order to make it more widespread to the society, necessity to develop and to adapt new techniques has become inevitable for healthier consumption age. For this purpose, possibility of increased usage of healthy foods with addition of natural extracts using new techniques came out from relevant questionaries applied to people of different age groups. In this study, specific properties of supercritical carbon dioxide at distinct temperatures and water in subcritical conditions were used to obtain extracts rich in water-soluble organic compounds. Experiments were carried out at pressures of 10, 20, 30, and 40 MPa and temperatures ranging from 40 to 200 ℃ with and without modifier for 2 h of extraction time. The flow rate was kept at 4 and 1 ml/min for CO2 and water, respectively. The highest water-soluble organic compound recovery yield was 78.10%. Results were supported by marketing strategies to announce this new application and products to the society. Group of sample questions was prepared to investigate (a) frequency of staple food usage, (b) the brand names and relevant reasons that bring up consumers to buy specifically same branded products, (c) knowledge about the ingredients and how advertising effects purchasing decision, etc. Finally, efficiency increase in slow food consumption was proved with supercritical fluid technology to draw attention to the health of consumers with newer and functional healthy foods. © The Author(s) 2015.

  15. De magistrados, inquisidores, promotores de justiça e samambaias: um estudo sobre os sujeitos no processo em um sistema acusatório

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paulo César Busato

    2010-07-01

    Full Text Available O artigo trata de analisar a posição dos sujeitos do processo à luz do novo projeto de Código de Processo Penal, especialmente doPromotor de Justiça. Reconhece-se a adoção de um perfil prevalentemente acusatório no projeto, ainda que não seja uma orientação plena. A partir desta perspectiva, busca-se analisar a iniciativa de produção probatória às partes, mantendo o juiz a distância, bem como a entrega efetiva do comando da investigação ao Ministério Público, como elementos capazes de situar o que deve ser a postura processual do Promotor de Justiça. Conclui-se pelo reconhecimento de uma tendência evolutiva do sistema processualbrasileiro em direção a um modelo acusatório, estabelecendo as bases ideais da postura do Promotor de Justiça em um sistema desta ordem.Abstract:The article attempts to analyze the position of subjects of the process under the new draft Criminal Procedure Code, especiallythe prosecutor. We recognize the adoption of a predominantly adversarial profile in the project, although not a full orientation. From this perspective, we seek to analyze the initiativeto produce evidence to the parts, keeping the distance of the judge, and also the effective delivery of the command of the investigationto prosecutors as evidence to situate what must be the procedural posture of the prosecutor. It is the recognition of an evolutionary trend of the Brazilian legal system towards an adversarial model, establishing the basis of the ideal position of prosecutor in a system of this nature.

  16. Venezia da città con porto a città-porto: proposta di rigenerazione urbana della Marittima

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Cannatella

    2014-06-01

    Full Text Available La città di Venezia, insieme al complesso sistema lagunare di cui fa parte e al quale è strettamente connessa, costituisce un interessante oggetto di studio per quanto riguarda l’equilibrio raggiunto nel tempo fra uomo e acqua, nello specifico, fra processi antropici e dinamiche ambientali. Le tradizionali tecniche costruttive veneziane sono uno degli esempi più evidenti di come l’ingegno umano abbia superato la sfida dell’acqua, riuscendo ad urbanizzare un ambiente inizialmente ostile e a creare le condizioni favorevoli all’abitabilità e ad uno sviluppo economico prevalentemente commerciale. Questo equilibrio era basato sulla profonda conoscenza dei processi naturali che caratterizzavano, e caratterizzano, la laguna e derivava dall’acquisizione di quella sapienza costruttiva generata dalle continue sperimentazioni nella ricerca di fondali idonei, di materiali adeguati e di tecniche rispondenti ad esigenze sempre più complesse, con un’estrema attenzione al territorio e alle sue risorse.Con l’affermarsi dell’era industriale, nel corso del diciannovesimo secolo, Venezia riformula le sue strategie di sviluppo puntando sulla costruzione di una nuova base industriale connessa al porto e sulla promozione turistica dell’isola. Il superamento della capacità di carico è sicuramente uno dei più consistenti punti di rottura di quel delicato equilibrio su cui è stata fondata la città fin dalle sue origini.L’articolo presenta una proposta progettuale di riconfigurazione della Marittima di Venezia basata sulla ridistribuzione dei flussi turistici e sull’incremento di resilienza del sistema economico, sociale ed ambientale della città, puntando sul porto come importante risorsa strategica per il territorio. 

  17. First data on the feeding habits of the Red fox (Vulpes vulpes L. in Sicily / Primi dati sulla posizione trofica della Volpe (Vulpes vulpes L. in Sicilia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Igor Fais

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract From December 1986 to May 1988 the diet of the fox was studied by analysis of 539 droppings of which 349 gathered in a woodland (Province of Palermo throughout a year (1987 and 190 in different localities of the Sicily. Invertebrates (77%, mostly Arthropods, were the staple food, followed by fruits (38%, Mammals (31% and Birds (12%. Mammals were especially represented by small species (21% and occasionally by Lagomorphs (4%; they mainly occurred in winter and spring. Fruits and Invertebrates were eaten in a good number throughout the year with peaks of frequency in autumn and in summer. The feeding habits of the fox in Sicily are typical of a generalist species. Riassunto Da dicembre 1986 a maggio 1988, la dieta della Volpe è stata studiata mediante l'analisi di 539 feci, di cui 349 raccolte nel bosco di Ficuzza (provincia di Palermo, dove sono state evidenziate le variazioni stagionali delle categorie alimentari rilevate, e 190 in diverse località della Sicilia. I dati raccolti sono stati espressi come frequenza percentuale delle presenze. Le principali componenti della dieta sono gli Invertebrati (77% rappresentati soprattutto da Artropodi, i frutti (38%, i Mammiferi (31% e gli Uccelli (12%. I Mammiferi sono costituiti prevalentemente da specie di piccole dimensioni (21% e occasionalmente da Lagomorfi (4%, e sono predati soprattutto in inverno e primavera. I frutti e gli Invertebrati sono abbondantemente consumati per l'intero arco dell'anno e mostrano picchi di presenza in autunno e in estate. In Sicilia, le abitudini alimentari della Volpe sono tipiche di un predatore generalista.

  18. Musei, raccolte e collezioni in Puglia / Museums and collections in Puglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Imperiale

    2012-12-01

    Full Text Available Il lavoro illustra un’indagine sui musei di Puglia, come conseguenza delle lacune normative e conoscitive esistenti sul tema e della recente estensione del fenomeno a livello locale. Ci si interroga in particolare se tutte le realtà promosse come istituti museali siano dei musei secondo gli standard prevalentemente conosciuti ed applicati. In tale direzione, il lavoro, articolato in quattro paragrafi, approfondisce dapprima il significato del concetto di museo, a livello normativo e dottrinale, contrapposto a quello di raccolta o collezione. Successivamente, dopo una breve descrizione sulle origini, normativa regionale e stato dell’arte dei musei di Puglia, espone il modello di analisi sviluppato per distinguere i “veri” musei dalle “semplici” raccolte o collezione. In conclusione riporta i risultati conseguiti dall’analisi di 85 musei pugliesi ed alcune osservazioni sullo scenario emerso e sul modello di analisi sviluppato.   This paper has, as starting point, a survey about museums of Puglia. The main question is if all these museum institutions are real museums or not. With this purpose, this research deepens two main aspects. The first one is to understand the meaning of the museum concept, focusing on normative and doctrinal levels, and the differences between a museum institution and a collection. Then, after a brief description about the museum origins, the regional normative, and the museums of Puglia state of the art, the paper presents the analysis model developed in order to distinguish between “real” museums and “mere” collections. The conclusion of this research shows the analysis results of 85 museums of Puglia and some observations based on the emerging context and the analysis model.

  19. Educação física, ciência e saúde: notas sobre o acervo do Centro de Memória do Esporte (UFRGS Physical education, science, and health: notes on the holdings of the Center for Sports Memory (UFRGS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvana Vilodre Goellner

    2010-06-01

    Full Text Available Apresenta breve inventário do acervo do Centro de Memória do Esporte e de suas principais coleções. Destaca sua relevância para as pesquisas sobre a historiografia das práticas corporais e esportivas e sua aproximação com a saúde, a educação e o lazer. Situa a estruturação da educação física brasileira no início do século XX e a importância que o conhecimento científico teve nesse período, sobretudo pela articulação desse campo de conhecimento com a eugenia e o higienismo. Nessa relação, as atividades físicas foram identificadas como integrantes de um projeto nacional cujos desdobramentos se fizeram sentir em diferentes níveis de atuação, fazendo ver que a educação física somente se faria consistente se ancorada no saber científico, prevalentemente biomédico.The article offers a brief inventory of the holdings of the Center for Sports Memory and its main collections. It underscores their relevance to research on the historiography of body and sporting practices and their relation to health, education, and leisure. The structuring of physical education in Brazil dates to the early twentieth century, a time when scientific knowledge was important, especially in terms of the ties between this field and eugenics and hygienism. Physical activities were identified as part of a national project that could be felt at various levels and that made it evident that physical education would only display consistency if anchored in scientific knowledge, primarily biomedical.

  20. Dalla contabilità finanziaria ai risultati economico-patrimoniali nei musei pubblici: una proposta metodologica / From financial accounting to financial results in pubblic museums: a methodological framework

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Gori

    2012-12-01

    Full Text Available Secondo il New Public Management, tutti i settori della pubblica amministrazione devono essere in grado di misurare le loro performance secondo una visione multi-dimensionale. I musei pubblici – statali, civici, universitari, ecc. – sono spesso una parte di una pubblica amministrazione, perciò i loro dati contabili e di bilancio sono “confusi” con quelli dell’ente proprietario. Questo produce un doppio effetto negativo. Da un lato, è arduo quantificare esattamente le risorse pubbliche trasferite al museo e, dall’altro, è impossibile misurare direttamente le attività e le performance economiche, patrimoniali e finanziarie. La ricerca, di natura esplorativa, propone una metodologia per ovviare ad entrambi questi inconvenienti. Il metodo di ricerca è prevalentemente deduttivo. L’articolo, dopo un’analisi delle principali teorie e tecniche di misurazionedelle performance e la costruzione diun modello teorico, termina con un’analisi critica del modello.   According to New Public Management’s principles, all sectors of public administrationmust check their annual performance from multiple perspectives. Public museums – state, municipal, or university museums to give just a few examples – are often part of the administrative and accounting data and are therefore often mixed up with the museum’s owner. The result is doubly negative. On the one hand, it is extremely difficult to quantify the public resources transferred to the museum. On the other hand, it is impossible to keep track of its annual economic, financial and assets performance. The research is exploratory and suggests a methodology attempting to solve both problems. The research method is mainly deductive. The paper begins with an analysis of the mainstream theories and techniques for performance measurement, then it proposes a theoretical model and finally a critical analysis of that model.

  1. Attivitá fisica extra-scolastica negli adolescenti: il ruolo dello stato socio-economico delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Capelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’associazione fra stato socio-economico (SES ed attività fisica è poco indagata. Obiettivo del presente studio è quello di valutare la relazione tra attività fisica extra-scolastica di adolescenti scolarizzati e lo SES della famiglia di provenienza.

    Metodi: l’indagine ha previsto la somministrazione nel corso dell’anno scolastico 2002-2003 di un apposito questionario anonimo autocompilato, già validato in uno studio pilota, ad un campione di studenti delle scuole medie inferiori del Lazio (province di Roma, Frosinone e Latina.

    Risultati: hanno partecipato allo studio 1486 studenti di cui 756 maschi (50.9% e 730 femmine (49.1%. L’età dei partecipanti varia fra gli 11 ed i 15 anni (età mediana 12 anni. Il 72.7% degli studenti dichiara di svolgere attività fisica al di fuori della scuola. Il livello di istruzione dei genitori e la loro attività lavorativa sembrano avere un peso notevole sui determinanti dell’attività fisica negli studenti. Infatti, svolgono prevalentemente attività fisica extra-scolastica i figli di genitori manager/libero professionisti (OR = 3.29 e con un elevato livello educativo (OR = 10.38 per i figli di genitori laureati.

    Conclusioni: i risultati confermano quanto la situazione socio-economica delle famiglie sia in netta relazione con l’attività fisico-sportiva dei giovani. Tali risultati potranno essere utili per gli operatori scolastici e gli amministratori nell’ispirare e realizzare azioni volte a diminuire il divario esistente fra i giovani che hanno le possibilità economiche e svolgono attività sportiva extra-scolastica e quelli che, invece, appartenendo a famiglie svantaggiate, hanno minore accesso a tali attività.

  2. Reti di città, mobilità e ambiente: il Preliminare di PTCP di Avellino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Gargiulo

    2010-02-01

    Full Text Available  L’articolo propone la lettura dei contenuti del Preliminare del PTCP di Avellino, un piano per molti aspetti innovativo, soprattutto per aver coniugato pianificazione di area vasta di tipo tradizionale e logica “strategica”. In particolare, l’articolo descrive idee guida, contenuti e strategie del piano orientate, prevalentemente, a stimolare lo sviluppo sostenibile di un’area in ritardo di sviluppo come la provincia irpina, attraverso la salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e storico-culturali, la costruzione di reti di medie e piccole città e reti di mobilità alle diverse scale, da quella urbana a quella internazionale, e interventi sul sistema della mobilità. Nel 2004, ormai più di cinque anni fa, è stato adottato, a maggioranza assoluta (solo due gli astenuti, il Preliminare di Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Avellino, dopo un lavoro di oltre due anni che ha visto impegnati gli uffici provinciali con due dipartimenti universitari. Il lavoro, che va ben oltre il significato e la valenza di un preliminare e che coniuga due pratiche di piano diverse (quella tradizionale e quella strategica ruota attorno a tre idee di fondo, tra loro strettamente interrelate, che costituiscono i criteri guida che finora ha inteso seguire la provincia di Avellino nell’attività di governo delle trasformazioni. Tali idee, quindi, costituiscono le fondamenta su cui è stato costruito il Preliminare e sono la griglia di specificazione delle strategie e degli obiettivi di piano. Esse sono alla base delle scelte elaborate per lo sviluppo compatibile del territorio, e sono riferibili alle azioni operative di trasformazione del territorio che gli Enti locali, cui è demandato tale compito, nel prossimo futuro dovranno affrontare. Le tre idee forza del Preliminare, descritte nel seguito, sono riferibili ai sistemi di risorse principali della provincia di Avellino, oggetto di una indagine analitico

  3. Transit Oriented Development: una soluzione per il governo delle aree di stazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrica Papa

    2008-03-01

    Full Text Available I processi di diffusione e dispersione insediativa, la crescente crisi da congestione, la disponibilità di aree libere a seguito di dismissione di impianti industriali in aree strategiche della città, i consistenti investimenti in infrastrutture di trasporto su ferro in ambito urbano e regionale sono elementi chiave che hanno contribuito alla diffusione di teorie e pratiche per uno “sviluppo urbano orientato al sistema di trasporto pubblico su ferro”: il Transit Oriented Development- TOD. Questo termine, introdotto per la prima volta da Calthorpe nel 1993, sintetizza teorie e metodi volti a favorire uno sviluppo metropolitano policentrico i cui poli sono i Transit Villages ovvero comunità urbane ad alta densità e mixitè funzionale che si sviluppano intorno alle stazioni della rete su ferro. Nelle aree in espansione o in trasformazione il TOD propone la costruzione di nuovi centri urbani di elevata qualità urbana in aree della città consolidata il TOD prevede il riempimento dei vuoti esistenti ed interventi di riqualificazione urbana. Da molti anni si stanno mettendo in pratica questi principi prevalentemente negli Stati Uniti, dove la disponibilità di suoli e la necessità di limitare fenomeni di sprawl urbano hanno favorito la diffusione delle pratiche TOD in molte città. In Europa questo tipo di interventi non è ancora molto diffuso, a meno di alcuni casi specifici. L’articolo, partendo da queste premesse, vuole contribuire ad affrontare alcune questioni centrali: in quali modo è possibile “esportare” i metodi e le tecniche del TOD nelle città Europee e in particolare in Italia? Quali sono gli strumenti e le procedure per la definizione degli interventi? A partire da uno studio della letteratura scientifica e dall’analisi di casi di studio internazionali il paper propone alcune prime risposte attraverso una proposta di metodo per l’applicazione delle pratiche TOD nelle aree metropolitane italiane.

  4. [Trattamento della dipendenza da alcol. Alcol e giovani: punto di vista sociale].

    Science.gov (United States)

    Alessandrini, Giovanni; Ciccarelli, Rosaria; Battagliese, Gemma; Lombardo, Giuseppe; De Rosa, Francesca; Messina, Marisa Patrizia; Vitali, Mario; Pisciotta, Fabiola; Nanut, Miriana; Attilia, Maria Luisa; Ceccanti, Mauro

    2018-01-01

    RIASSUNTO. Gli adolescenti rappresentano la fascia di età più vulnerabile ai danni causati dall'abuso di alcol, in quanto iniziare a bere in giovane età è associato a un aumento del rischio di dipendenza da alcolici in età adulta. I giovani tendono a bere grandi quantità di alcolici al fine di ricercare forti emozioni e nel tentativo di raggiungere il divertimento a ogni costo, tramite le proprietà psicotrope degli alcolici. Le cause che li inducono ad assumere questi comportamenti sono da ricercare nella non conoscenza degli effetti dannosi dell'alcol, nel rito di convivialità sociale (evenienza per la quale si attribuisce all'alcol la funzione di facilitatore dell'aggregazione tra giovani), nella mancanza di interessi personali, nella scarsità dei controlli e nelle abitudini familiari. Le azioni da intraprendere per limitare o arrestare il consumo nocivo di alcol nei giovani si devono basare su interventi finalizzati a ritardare l'età del primo contatto con le bevande alcoliche, mediante la realizzazione di campagne educazionali rivolte ai giovani stessi, ai loro familiari e alla società intera.

  5. How much OOO in your MOOC?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maja Kuna

    2014-04-01

    Full Text Available Il formato MOOC (Massive Open Online Course continua a creare numerose riflessioni, soprattutto in merito alla sua capacità di raggiungere tanti utenti contemporaneamente e all’uso innovativo delle nuove tecnologie. Questo articolo esamina il rapporto di simultanea attrazione e repulsione che la comunità educativa attualmente rivela verso i MOOC, un’ambivalenza che sembra sorgere a causa della qualità di apertura (openness. Le recenti implementazioni di MOOC divergono dalla radice connettivista. Un modo per comprendere le loro differenze può essere tramite l’osservazione di come vengano applicati i sette tipi di apertura. L’openness è ritenuta la dimensione più significativa perché è quella che definisce meglio la qualità dei MOOC, anche se, al contempo, è quella che crea le maggiori sfide.Questo articolo esplora le tendenze attuali nelle offerte di MOOC, mettendo in discussione il valore pedagogico delle nuove implementazioni, ma anche apprezzando la loro rapida crescita e il loro potenziale impatto. L’articolo suggerisce che il formato MOOC debba essere adottato con un cosciente e deliberato intento di utilizzare l’apertura che offre, e non semplicemente perché aiuta a raggiungere un numero decisamente più ampio di studenti.

  6. Buchi neri nel mio bagno di schiuma l’enigma di Einstein

    CERN Document Server

    Vishveshwara, C V

    2008-01-01

    "Le bolle stavano turbinando tutto intorno a me e massaggiavano il mio corpo ... Mentre me la godevo in questo fantastico bagno di bolle, i miei occhi si fecero pesanti e mi lasciaii trasportare in un dormiveglia sublimamente estatico". Così inizia l’incontro di Alfie con una vasca da bagno eccezionale e rivelatrice, acquistata da un vicino misterioso di nome Al. L’Enigma di Einstein, ovvero buchi neri nel mio bagno di schiuma, racconta la storia della teoria della gravitazione, dai suoi primordi fino agli ultimi sviluppi in astrofisica, focalizzandosi sulla teoria della relatività generale di Albert Einstein e sulla fisica dei buchi neri. Tramite conversazioni avvincenti e diagrammi scarabocchiati su tovaglioli di carta, si susseguono a ruota i rudimenti della relatività, dello spazio-tempo e di molti aspetti della fisica moderna. In scenette narrate con abilità pedagogica e notevole talento letterario, il lettore s’imbatterà nelle lezioni informali che un astrofisico cosmopolita tiene al suo amic...

  7. Victims of gender violence: a rocky road to justice / Victimes de violence de genre : un chemin difficile vers la justice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Heim

    2017-07-01

    Full Text Available This work analyses the way in which the most important developments made in the sphere of victims’ rights were received and addressed by Spanish legislation on gender violence, and the most difficult obstacles that survivors of this kind of violence have to overcome to exercise their rights. L’articolo analizza: 1 le modalità tramite le quali la maggior parte delle importanti modifiche apportate ai diritti delle vittime sono state effettuate dalla legislazione spagnola; 2 gli ostacoli principali che le sopravvissute a questo tipo di violenza devono sormontare al fine di esercitare i loro diritti. Cet article porte sur deux volets : 1 l’analyse de la manière dont les changements les plus importants dans le domaine des droits des victimes ont été reçus et abordés par la législation espagnole sur la violence de genre ; 2 l’étude des obstacles majeurs auxquels se heurtent les survivantes de ce type de violence afin d’exercer leurs droits.

  8. LA PAROLA E IL SILENZIO IN VIRGINIA WOOLF E NATHALIE SARRAUTE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annalisa Federici

    2014-12-01

    Full Text Available L’idea della creazione letteraria come equivalente verbale di una realtà altra, come trasposizione dall’ordine della sensazione o del pensiero all’ordine della parola, accomuna la concezione estetica di Virginia Woolf a quella di Nathalie Sarraute. Ambedue le scrittrici manifestano una smisurata fascinazione nei confronti del linguaggio pur non perdendone di vista i limiti e le manchevolezze, che rendono necessario lo sforzo di  ricondurlo alle sue origini preverbali, emotive, pulsionali. L’enfasi, infatti, è posta sull’incommensurabilità tra una realtà fluttuante e amorfa quale è l’universo psichico, o la labilità delle impressioni, e la fissità, la rigidezza, la linearità del medium linguistico, che rischia in ogni momento di immobilizzare e devitalizzare la sensazione o il pensiero di cui è espressione. Entrambe le autrici esplorano dunque le potenzialità della sfera del nondetto, di quel silenzio che talvolta possiede un valore comunicativo superiore a quello della parola e ne evidenzia/compensa i limiti, manifestando una assenza e al contempo un surplus di significato. Lo stile di Virginia Woolf e di Nathalie Sarraute si farà quindi vago e allusivo, secondo un’estetica dell’indeterminatezza e dell’incompiuto (data, tra l’altro, dall’uso pervasivo dell’ellissi e dei puntini di sospensione finalizzata a congiungere la sfera psichica e la realtà del linguaggio, anche tramite la sua assenza.

  9. Normalization of the energy efficiency in pumping systems; Normalizacion de eficiencia energetica en sistemas de bombeo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, R.A.; Buendia Dominguez, E.H. [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1995-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) has prepared the preliminary project of the norm of energetic efficiency for pumping systems, specifically for the agricultural sector. This document has complied with the necessary formalities for the issue of a norm and is about to be published as a Mexican Official Norm of energetic efficiency. In this paper mention is made of the results in the analysis of the pumping systems in operation, the energy saving, as well as the economic evaluation that sustain the norm project, indicating besides the environmental impact that its implantation will have. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) ha elaborado el anteproyecto de norma de eficiencia energetica en sistemas de bombeo, especificamente para el sector agricola. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma, y esta proximo a publicarse como norma oficial mexicana de eficiencia energetica. En el presente articulo se mencionan los resultados del analisis de los sistemas de bombeo en operacion, los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicandose ademas el impacto ambiental que tendra la implantacion de la misma.

  10. La cultura del corpo nella complessità della malattia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Gattola

    2008-04-01

    Full Text Available Il corpo è il fondamento stesso dell'essere. Nello stato di salute ma, soprattutto, nella malattia, il corpo è il palcoscenico dove si rappresenta lo stato della persona, tra cambiamento e conservazione. Come il linguaggio verbale, scandisce un senso alle frasi, ai termini attraverso la parola, così il corpo, tramite il codice semantico, esprime le caratteristiche di ogni individuo ed il relativo stato di salute o malattia che ne contraddistingue la storia personale. Il corpo è raccoglie e rappresenta le nostre emozioni, per questo motivo è importante ascoltarne i messaggi, comprenderne i sintomi ed il linguaggio, imparare a dialogarci. Conoscere la relazione tra le varie parti che lo compongono, l’ordinamento gerarchico dei vari ranghi, l’individuazione anatomica, le teorie che sono avvenute nelle varie culture nel corso del tempo. L’approccio comunicativo con l’operatore sanitario e la conoscenza del nostro corpo nella scoperta e nel decorso di una malattia sono di vitale importanza per la realizzazione e la buona riuscita del processo assistenziale.

  11. Normalization of the energy efficiency in pumping systems; Normalizacion de eficiencia energetica en sistemas de bombeo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, R A; Buendia Dominguez, E H [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1996-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) has prepared the preliminary project of the norm of energetic efficiency for pumping systems, specifically for the agricultural sector. This document has complied with the necessary formalities for the issue of a norm and is about to be published as a Mexican Official Norm of energetic efficiency. In this paper mention is made of the results in the analysis of the pumping systems in operation, the energy saving, as well as the economic evaluation that sustain the norm project, indicating besides the environmental impact that its implantation will have. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) ha elaborado el anteproyecto de norma de eficiencia energetica en sistemas de bombeo, especificamente para el sector agricola. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma, y esta proximo a publicarse como norma oficial mexicana de eficiencia energetica. En el presente articulo se mencionan los resultados del analisis de los sistemas de bombeo en operacion, los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicandose ademas el impacto ambiental que tendra la implantacion de la misma.

  12. [Role of vitamin D in female reproduction].

    Science.gov (United States)

    DE Leo, Vincenzo; Cappelli, Valentina; Morgante, Giuseppe; DI Sabatino, Alessandra

    2017-11-10

    La vit. D, o calcitriolo, è stata identificata inizialmente nei primi anni '20 ed ha un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo osseo, nell'omeostasi del calcio e del fosforo e nel promuovere la mineralizzazione ossea. Le azioni della vit. D sono mediante tramite un recettore nucleare (VDR), che è espresso in numerosi organi come l'intestino, l'osso e il rene, ma anche nelle gonadi, nel seno, nel pancreas, nel sistema cardiovascolare, nel cervello (microglia) e nelle cellule del sistema immunitario. In tutti questi tessuti bersaglio non classici la 1,25(OH)2D sembra avere un ruolo nel ridurre il rischio di alcune malattie croniche (incluso il cancro, le infezioni, le patologie autoimmuni e cardiache) attraverso la modulazione della crescita cellulare, un'azione neuromuscolare, immunitaria e antiinfiammatoria. Il VDR agisce soprattutto attraverso la regolazione dell'espressione di quei geni i cui promotori contengono specifiche sequenza DNA note come vitamin D response elements (VDRE). La vit. D ha un ruolo chiave sia nella fisiologia della riproduzione che nello sviluppo di varie patologie ginecologiche come la PCOS, l'endometriosi, la fibromatosi e anche di tipo ostetrico (pre-eclampsia, diabete gestazionale) e negli ultimi tempi sta assumendo un ruolo importante nelle tecniche di fecondazione in vitro.

  13. Sperimentare e simulare la fisica attraverso la manipolazione e l’uso di tecnologie didattiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Lucia Bossio

    2013-03-01

    Full Text Available Nell'ambito di una ricerca volta a investigare la possibilità di presentare la teoria del caos, un tema della fisica assai ostico per i non specialisti, a studenti di scuole medie e superiori, sono stati sviluppati e raccolti una serie di materiali didattici. Il presente lavoro descrive gli strumenti utilizzati per le sperimentazioni nelle scuole descritte in un altro articolo1 contenuto in questo stesso numero della rivista. Le tematiche scientifiche sono state poste sotto una veste accattivante al fine di suscitare curiosità. Si è provveduto, inoltre, a strutturare i materiali didattici in maniera da proporre dei percorsi formativi poliedrici e diversificati anche tramite l'uso delle tecnologie informatiche. Lo sviluppo e la raccolta di applicativi multimediali, facilmente reperibili in rete, ha contribuito alla realizzazione di un pacchetto di strumenti che, nel suo insieme, consente un’applicazione didattica efficace realizzata più volte nel corso delle sperimentazioni compiute presso le scuole. Nel seguito saranno descritti gli elementi elettrici ed elettronici per la costruzione di un circuito elettronico che mostra un comportamento caotico e le varie operazioni necessarie per realizzarlo, gli strumenti informatici utili per la visualizzazione, su di un calcolatore, del segnale di tensione prodotto dal circuito, infine, i diversi software attraverso cui è possibile realizzare la simulazione del circuito elettronico e la visualizzazione delle traiettorie caotiche. Sono presentati, infine, i test di verifica e alcuni altri materiali didattici utilizzati durante le sperimentazioni già realizzate.

  14. Sistema de secado combinado para cerámica mediante tecnología microondas para el sector de la cerámica hasta formato 1200

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    TECNOLOGIA,SL, BULMA

    2010-04-01

    Full Text Available New team of passage by technology microwaves for dried laminar of materials of high absorption, and dried green porcelain format until 1200 mm and thicknesses until 25 mm. It allows the elimination of water with improvement of productivity, energetic efficiency and clean technology for processed of marble, natural stone, ceramic tiles, plasters and products in bulk, without broadcasts of CO2, and respectful with the Nature, allows the dried with low degree. Project manufactured and designed totally by BULMA situated in L’Alcudia protected with national patent number P200931081.

    Nuevo equipo de pasaje por tecnología microondas para secado laminar de materiales de alta absorción,y secado de bizcocho en verde formato hasta 1200 mm y espesores hasta 25 mm. Permite la eliminación de humedad con mejora de productividad, eficiencia energética y tecnológicamente limpios para procesado de mármol, piedra natural, cerámica, escayola y productos a granel, sin emisiones de CO2, y respetuoso con el medio ambiente, permite el secado con bajos gradientes, fabricado y diseñado íntegramente por empresa valenciana BULMA situada en L’Alcudia protegido con patente nacional P200931081 y en tramite internacional.

  15. Pratiche narrative. L’esperienza del Laboratorio Urbano Aperto in Salento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Basco

    2009-06-01

    Full Text Available L’esperienza di ricercazione del LUA (Laboratorio Urbano Aperto1 è iniziata con una e-mail fatta girare da un nucleo di giovani salentini, tre architetti – legati alla facoltà di architettura di Firenze – e una sociologa. L’invito a partecipare a un laboratorio urbano di esperienze conoscitive, che aveva l’obiettivo di mettere a confronto diverse riflessioni sull’identità del piccolo paese di San Cassiano, a partire dal contatto con gli abitanti, era diretto ad un piccolo gruppo di amici e conoscenti che, giorno dopo giorno – tramite il web e il passaparola – è aumentato spontaneamente fino ad radunare il 3 agosto 2003, giorno di apertura del primo laboratorio, ben 61 persone di diversa provenienza. “Qualcuno che faceva base a San Cassiano, durante i due mesi precedenti, aveva stampato e fotocopiato l’invito e ne parlava ogni sera al bar... Questa cosa suscitava un certo interesse e una crescente aspettativa”.

  16. Submersible pumps: Energetic efficiency norm; Bombas sumergibles: norma de eficiencia energetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, R. A.; Buendia Dominguez, E. H. [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1997-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE), has prepared a preliminary project of the norm of energy efficiency for submersible pumps. This document has complied with the necessary formalities for the emission of the norm. This paper presents the results of the analysis of the submersible pumps, the energy savings, as well as the economic evaluation that sustains the norm project, additionally pointing out the environmental impact that will bring along the implantation of the same. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE), ha elaborado el anteproyecto de norma de eficiencia energetica para bombas sumergibles. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma. En el presente articulo se mencionan los resultados del analisis de las bombas sumergibles, los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicandose ademas el impacto ambiental que tendra la implantacion de la misma.

  17. Energy efficiency standardizing in vertical pumps; Normalizacion de eficiencia energetica en bombas verticales

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, Rosa Aracely; Buendia Dominguez, Eduardo H. [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1996-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) (National Commission for Energy Saving) developed the project of a standard on energy efficiency of vertical pumps, turbine type with external motor. This documents has fulfilled the necessary formalities for the issuing of a norm, being published the Mexican Official Norm (NOM-001-ENER-1995) on December 22, 1995. This article relates the results of the study for the elaboration of this norm, considering the energy saving, as well as the economic evaluation that supports the project of the norm, indicating also the environmental impact that its implantation will have. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) elaboro el anteproyecto de norma de eficiencia energetica en bombas verticales tipo turbina con motor externo. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma, habiendose publicado como Norma Oficial Mexicana (NOM-001-ENER-1995) el 22 de diciembre de 1995. En el presente articulo se mencionan los resultados del estudio para la realizacion de esta norma, considerando los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicando tambien el impacto ambiental que tendra su implantacion.

  18. Epidemiological study on the Trichinellosis of the fox (Vulpes vulpes in Tuscany (Central Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Magi

    2008-07-01

    Full Text Available Abstract During the years 2004-2005, 112 foxes (Vulpes vulpes and 4 badgers (Meles meles were caught in different areas of Tuscany (Central Italy and examined for Trichinella infection, using the diagnostic technique of artificial digestion through Stomacher. No animal was positive for Trichinella larvae. According to our results, Tuscany can be considered a low-risk area for trichinellosis in the fox. In this region the presence of the parasite cannot be ruled out, two cases of infection being reported in 1993. Riassunto Epidemiologia della trichinellosi della volpe (Vulpes vulpes in Toscana (Italia centrale. Nel corso degli anni 2004-2005, 112 volpi (Vulpes vulpes e 4 tassi (Meles meles sono stati catturati ed esaminati per la presenza di infestione da Trichinella in differenti aree della Toscana (Italia centrale. L'indagine di laboratorio è stata condotta mediante digestione artificiale tramite Stomacher. Nessun animale è risultato positivo. Da questi risultati si può ritenere la Toscana una regione a basso rischio di infezione. La presenza del parassita non può però essere esclusa totalmente. Infatti, nel 1993 sono stati riportati due casi di infestione.

  19. La descongestión en la jurisdicción contencioso administrativa. Una visión desde el tribunal Administrativo de Cundinamarca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Augusto Torres-Calderón

    2010-03-01

    Full Text Available La jurisdicción de lo contencioso administrativo está muy congestionada. Para solucionar esta situación, son necesarias varias medidas: La disminución de los términos de caducidad de las acciones contenciosas ordinarias; la disminución del  periodo  probatorio  y  de las pruebas practicadas dentro del mismo; el aumento de los gastos del proceso que debe sufragar el demandante para que se le tramite el proceso, y la imposición de costas para la parte vencida en el pleito; la transferencia de asuntos que actualmente están asigna­ dos a la jurisdicción contenciosa,  a la  jurisdicción  ordinaria  civil; la eliminación de acciones constitucionales mal diseñadas por el legislador, que no han tenido una eficacia real; la redistribución de competencias en las secciones del Tribunal Administrativo de Cundinamarca, para disminuir la carga laboral de las Secciones congestionadas; extensión de la perención en contra de las entidades públicas demandantes, cuando éstas no cumplen con sus car­ gas procesales; eliminación de la aprobación de las conciliaciones prejudiciales por parte de los tribunales administrativos, para que estas sean  aprobadas  en  sede administrativa.

  20. A silence full of noises: The aural environment in a miner’s life history

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Bachis

    2017-12-01

    Full Text Available L’opera 4’33” di John Cage può essere letta come un tentativo di dissacrare lo spazio dell’ascolto attento della musica “colta” attraverso l’eliminazione del “suono” in un luogo in cui paradigmaticamente si punta a ridurre il “rumore”. Il setting delle storie di vita viene costruito come un luogo “del silenzio”, in cui la predisposizione tecnica e l’abilità dell’etnografo concorrono alla riduzione dei rumori di fondo e dei disturbi. Il silenzio in etnografia non può, tuttavia, essere letto soltanto come una assenza di comunicazione, per quanto “significativa” (Basso 1970, ma come un campo da esplorare anche uditivamente, che lascia emerge soundscapes e segnali corporei. A partire dalla sfida della sensory ethnography come contributo alla «risensibilizzazione» dell’antropologia (Herzfeld 2006 l’articolo presenta un frammento di storia di vita di Giovanni, anziano minatore sardo. La descrizione etnografica si concentra sulla voce di Giovanni e sull’intero spettro sonoro del luogo e dei corpi presenti, registrati tramite una videocamera. Il «silenzio pieno di rumore» (Cage 1977: 221 che emerge dall’“ascolto differito” del video consente di offrire una maggiore densità alla rammemorazione e al racconto di Giovanni.

  1. Experimental evaluation of the oxygen transfer in bubble aeration systems. Full scale experiences in lengthened activated sludge reactors; Valutazione sperimantale del trasferimento dell'ossigeno in sistemi di aerazione a bolle fini. Esperienza a scala reale in reattori a fanghi attivi a forma allungata

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andreottola, G.; Ragazzi, M.; Tatano, F. [Trento Univ. (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile. Ist. di Ingegneria Sanitaria-Ambientale

    1999-06-01

    The results of some full-scale oxygen transfer measurements conduced at the lengthened activate sludge tanks of two WWTPs of Trentino Region, are presented and discussed. As far at the tests in clean water are concerned, the non-liner regression method seems non accurate; important conclusion on the correlation between oxygen transfer process and typical parameters (i.e., fine-bubble diffusers, specific air flux) are derived. As far as the test in the wastewater is concerned, an increase of {alpha}-value from the inlet to the end of aeration tanks has been observed in the 'Andalo' WWTP. [Italian] Vengono presentati e discussi i risultati di alcune prove di ossigenazione a scala reale condotte presso due impianti di depurazione del Trentino. Con riferimento alle prove di acqua pulita, il metodo di elaborazione dati tramite regressione non lineare ai minimi quadrati e' apparso piu' preciso; inoltre si sono dedotti importanti considerazioni sulla correlazione tra processo di trasferimento dell'ossigeno e alcuni parametri di influenza (densita' diffusori, profondita' d'acqua, fouling diffusori, portata d'aria). La prova in liquame condotta presso l'impianto 'Andalo', ha rilevato un andamento crescente del fattore di correzione {alpha} verso 'in-out' di vasca.

  2. Moneta e Credito: storia e prospettive di una rivista (Money And Credit: History And Prospects Of A Magazine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Roncaglia

    2009-12-01

    Full Text Available Con questo numero speciale si apre una nuova stagione della storia della nostra rivista. In una fase di ristrutturazioni interne, la Banca Nazionale del Lavoro ha concordato la cessione della proprietà della rivista stessa e della sua consorella Quarterly Review all' Associazione Paolo Sylos Labini, mantenendo un collegamento tramite una sponsorizzazione. In questo modo è stato possibile salvare due riviste con una storia lunga e prestigiosa, conservandone intatto l'orientamento verso la ricerca e il dibattito scientifico nel campo della teoria e della politica economica, con attenzione particolare ma non esclusiva per gli aspetti monetari e finanziari e senza alcuna preconcetta scelta di campo tra le diverse scuole di pensiero. With this special issue opens a new era in the history of our magazine. In a period of internal restructuring, the Banca Nazionale del Lavoro agreed on the transfer of ownership of the magazine itself and all of its sister Quarterly Review 'Association Paolo Sylos Labini, while maintaining a connection via a sponsorship. In this way it was possible to save two magazines with a long and prestigious history, keeping intact the orientation towards research and scientific debate in the field of economic theory and policy, with particular but not exclusive attention to the monetary and financial aspects and without any preconceived choice of field between the different schools of thought.  JEL Codes: E44, G01 

  3. GEOPOI: la cartografia dell’ipertesto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Bottaro

    2007-03-01

    Full Text Available L’insieme delle informazioni distribuite nei milioni di sistemi informativi e di basi dati oggigiorno ha assunto il ruolo di un enorme ipertesto, grazie ai collegamenti ipertestuali (iperlink attivi nell’ambito del World Wide Web, che permettono all’utente di spostarsi tra argomenti correlati,indipendentemente dall’ordine in cui questi vengono presentati. Sinora il rivoluzionario concetto di ipertesto e di navigazione e fruizione delle informazioni tramite link è stato applicato estensivamente essenzialmente solo nell’ambito dei dati alfanumerici. Oramai, però, è noto che una elevatissima percentuale delle informazioni alfanumeriche mondiali sono in qualche modo riferibili/georiferibili al territorio. Molto dell’ipertesto è quindi georiferibile su di esso. Lungi dall’essere una mera operazione logica di mapping di dati, il georiferimento permette di inquadrare il dato alfanumerico in un nuovo ambiente, specializzato per navigazioni, ricerche e analisi su base territoriale. Il georiferimento arricchisce quindi il dato alfanumerico di ulteriore e nuova valenza, lo rivitalizza accrescendone la semantica. Inoltre mantenendo anche nel nuovo ambiente cartografico la logica degli iperlink, sarebbe agevole poter transitare dalla cartografia nell’ipertesto.

  4. GEOPOI: la cartografia dell’ipertesto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Bottaro

    2007-03-01

    indipendentemente dall’ordine in cui questi vengono presentati. Sinora il rivoluzionario concetto di ipertesto e di navigazione e fruizione delle informazioni tramite link è stato applicato estensivamente essenzialmente solo nell’ambito dei dati alfanumerici. Oramai, però, è noto che una elevatissima percentuale delle informazioni alfanumeriche mondiali sono in qualche modo riferibili/georiferibili al territorio. Molto dell’ipertesto è quindi georiferibile su di esso. Lungi dall’essere una mera operazione logica di mapping di dati, il georiferimento permette di inquadrare il dato alfanumerico in un nuovo ambiente, specializzato per navigazioni, ricerche e analisi su base territoriale. Il georiferimento arricchisce quindi il dato alfanumerico di ulteriore e nuova valenza, lo rivitalizza accrescendone la semantica. Inoltre mantenendo anche nel nuovo ambiente cartografico la logica degli iperlink, sarebbe agevole poter transitare dalla cartografia nell’ipertesto.

  5. La misurazione dei processi di regolazione cognitiva e metacognitiva durante lo studio con gli ipermedia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roger Azevedo

    2010-01-01

    Full Text Available L’apprendimento autoregolato rappresenta una modalità di apprendimento di fondamentale importanza quando ci si avvale del supporto di ambienti ipermediali. Obiettivo di questo articolo è presentare quattro assunzioni chiave che consentono la misurazione dei processi cognitivi e metacognitivi attivati durante l’apprendimento tramite ipermedia. Innanzi tutto, assumiamo che sia possibile individuare, tracciare, modellare e favorire processi di apprendimento auto-regolato durante lo studio con gli ipermedia. La seconda assunzione si focalizza sul comprendere come la complessità dei processi regolatori che avvengono durante l’apprendimento mediato da sistemi ipermediali sia importante per determinare il perché alcuni processi vengono messi in atto durante l’esecuzione di un compito. Le terza assunzione è relativa al considerare che l’utilizzo di processi di apprendimento auto-regolato possa dinamicamente cambiare nel tempo e che tali processi sono di natura ciclica (influenzati dalle condizioni interne ed esterne e da meccanismi di feedback. Infine, l’identificazione, raccolta e classificazione dei processi di apprendimento autoregolato utilizzati durante lo studio con sistemi ipermediali, può risultare un compito alquanto difficoltoso.

  6. Submersible pumps: Energetic efficiency norm; Bombas sumergibles: norma de eficiencia energetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, R A; Buendia Dominguez, E H [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1998-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE), has prepared a preliminary project of the norm of energy efficiency for submersible pumps. This document has complied with the necessary formalities for the emission of the norm. This paper presents the results of the analysis of the submersible pumps, the energy savings, as well as the economic evaluation that sustains the norm project, additionally pointing out the environmental impact that will bring along the implantation of the same. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE), apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE), ha elaborado el anteproyecto de norma de eficiencia energetica para bombas sumergibles. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma. En el presente articulo se mencionan los resultados del analisis de las bombas sumergibles, los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicandose ademas el impacto ambiental que tendra la implantacion de la misma.

  7. Energy efficiency standardizing in vertical pumps; Normalizacion de eficiencia energetica en bombas verticales

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Acosta Torres, Rosa Aracely; Buendia Dominguez, Eduardo H [Instituto de Investigaciones Electricas, Cuernavaca (Mexico)

    1997-12-31

    The Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) supporting the Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) (National Commission for Energy Saving) developed the project of a standard on energy efficiency of vertical pumps, turbine type with external motor. This documents has fulfilled the necessary formalities for the issuing of a norm, being published the Mexican Official Norm (NOM-001-ENER-1995) on December 22, 1995. This article relates the results of the study for the elaboration of this norm, considering the energy saving, as well as the economic evaluation that supports the project of the norm, indicating also the environmental impact that its implantation will have. [Espanol] El Instituto de Investigaciones Electricas (IIE) apoyando a la Comision Nacional para el Ahorro de Energia (CONAE) elaboro el anteproyecto de norma de eficiencia energetica en bombas verticales tipo turbina con motor externo. Dicho documento ha cumplido con los tramites necesarios para la emision de una norma, habiendose publicado como Norma Oficial Mexicana (NOM-001-ENER-1995) el 22 de diciembre de 1995. En el presente articulo se mencionan los resultados del estudio para la realizacion de esta norma, considerando los ahorros energeticos, asi como la evaluacion economica que sustenta el proyecto de norma, indicando tambien el impacto ambiental que tendra su implantacion.

  8. Management system for the budgetary exercise of the subdivision of technology and professional development (STDP) of Petroleos Mexicanos; Sistema de administracion para el ejercicio presupuestal de la subdivision de tecnologia y desarrollo profesional (STDP) de Petroleos Mexicanos

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Nava Lara, Eric Rafael; Santos Dominguez, Martin [Instituto de Investigaciones Electricas, Temixco, Morelos (Mexico); Herrera Lavin, Jesus Xavier [Petroleos Mexicanos (Mexico)

    2000-07-01

    The Management System for the Budgetary Exercise (SAEP) arises from the necessity of supporting the programming processes for the budget allocation to the technological projects of the Subdivision of Technology and Profesional Development (STPD). This system allows recovering the budget partial or complete information facilitating the adjustments to this same one before integrating them to the budget assignation system (SAP). It also allows to control the expenses of the projects as well as of the exercise of the budget, and orchestrates an internal control for the technical and financial approval of the countable commitments and the budget expenses before taking the proceeding through the mechanisms of registry with the SAP. [Spanish] El Sistema de Administracion para el Ejercicio Presupuestal (SAEP) surge de la necesidad de apoyar los procesos de programacion para la asignacion del presupuesto a los proyectos tecnologicos de la Subdireccion de Tecnologia y Desarrollo Profesional (STPD). Este sistema permite recuperar la informacion parcial o completa del presupuesto facilitando las adecuaciones a este mismo antes de integrarlas al Sistema de Asignacion de Presupuesto (SAP). Tambien permite controlar los gastos, tanto de los proyectos como de los ejercicios del presupuesto e instrumenta un control interno para la aprobacion tecnica y financiera de los compromisos contables y las erogaciones del presupuesto antes de llevar el tramite a traves de los mecanismos de registro con el (SAP).

  9. Towards a Collective Intelligence: Transmediality and the Wu Ming Project

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Melina Anne Masterson

    2014-11-01

    Full Text Available Dagli albori della Seconda Repubblica in Italia,  le strategie di dominio sui mass media dell’ex premier Silvio Berlusconi hanno avuto un effetto considerevole sull’immaginario culturale italiano. In un approccio multisensoriale e multimediale alla scrittura, il collettivo Wu Ming mette in questione i paradigmi culturali che negli ultimi venti anni sono diventati egemonici. L’esperienza di un romanzo dei Wu Ming va ben oltre la parola stampata poiché cerca di stimolare tutti i cinque sensi per arricchire il modo in cui il lettore vive quello che c’è sulla pagina, dimostrando esempi chiari della «convergence culture» coniata da Henry Jenkins. Questo saggio esamina l’interazione tra parola e immagine messa in atto dal collettivo tramite il sito Pinterest e illustra come questo aspetto del loro progetto rappresenti un microcosmo di un approccio complessivo alla creazione estetica e alla pratica culturale. Inoltre, questo saggio descrive in che modo il processo collettivo di consumo portato avanti dai Wu Ming contribuisca alla formazione delle «communities of sentiment» di Arjun Appadurai e alla «intelligenza collettiva» di Jenkins. Queste sono formazioni che rivitalizzano il concetto di cultura popolare per la nostra epoca digitale e offrono un’alternativa ad un immaginario culturale italiano sovra-determinato dalle pratiche del Berlusconismo.

  10. La letteratura italiana tradotta in Argentina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Cattoni

    2017-11-01

    Full Text Available In due secoli di storia della letteratura argentina, lo sviluppo della letteratura italiana tradotta è in stretto rapporto con i propositi pedagogici o estetici determinati dal contesto culturale dei diversi momenti storici. In linea di massima, è possibile affermare che, dalla conformazione dello Stato nazionale e durante i primi decenni del XX secolo, la traduzione letteraria mirava ad ampliare l’orizzonte culturale di un lettore che si consolidava al ritmo della fiammante nazione. Nelle fasi successive e in stretto rapporto con la politica culturale portata avanti da Victoria Ocampo a partire dal 1931 tramite la rivista Sur e il suo posteriore progetto editoriale, la traduzione è stata soprattutto una pratica di scrittura che ebbe un’influenza decisiva nell’ordito della letteratura nazionale favorendo il suo rinnovo e incentivando le versioni di traduttori argentini. Fu questa un’apertura che favorì, durante la seconda metà del secolo, nel contesto della ricezione della letteratura universale, l’ingresso della letteratura italiana in Argentina. Il presente lavoro tratta in maniera sistematica, ma provvisoria, il panorama della letteratura italiana tradotta in Argentina. Lo scopo principale comporta il registro dei momenti più fecondi e l’interpretazione degli esiti ottenuti nei confronti della traduzione nel sistema letterario nazionale.

  11. A survey of recent mammal collections in italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Maria De Marinis

    2008-02-01

    Full Text Available Abstract A survey was designed to assess the status of the collections of recent mammals in Italy through 79 questionnaires mailed to the main University institutions, municipal, provincial or regional museums and other institutions (including some private collections. We received 58 questionnaires (return rate of 73%. The minimum number of specimens in recent mammal collections in Italy is 161,268 (70% are in Italian collections and 30% in exotic ones. Most of these specimens are concentrated in a quarter of the collections. Taxidermy is the main preservation technique, above all in exotic collections (84%. 82% of the exotic collections date back to the 19th century, while specimens collected after 1950 form 91% of the Italian ones. During the 20th century the Italian collections progressively increased in number and spread through the peninsula and in Sicily. Insectivora, Rodentia, Carnivora, Lagomorpha, Artiodactyla and Primates are represented in more than 80% of the collections. Research results the primary goal both in Italian (70% and exotic (57% collections.

    Appendix
    This paper contains an appendix, available in electronic format only.
    Click here to download supplementary files.
    Riassunto Le collezioni di mammiferi attuali in Italia. Per delineare lo status delle collezioni museali di mammiferi attuali in Italia è stata condotta un’indagine mediante 79 questionari inviati a istituzioni universitarie, musei civici, provinciali e regionali ed altre istituzioni (comprese alcune collezioni private. Abbiamo ricevuto 58 questionari (73%. In Italia il numero minimo di esemplari di mammiferi attuali presenti nelle collezioni è risultato 161.268 (il 70% in collezioni italiane, il rimanente 30% in collezioni esotiche. La maggior parte degli

  12. PRODUÇÃO CIENTÍFICA SOBRE OS DISTÚRBIOS PSÌQUICOS MENORES A PARTIR DO SELF REPORT QUESTIONNARIE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juliana Petri Tavares

    2011-01-01

    Full Text Available RESUMO: Objetivo: conhecer a produção científica publicada no Brasil em bases de dados eletrônicas sobre os Distúrbios Psíquicos Menores a partir do Self Report Questionarie, bem como identificar possíveis relações entre distúrbios psíquicos menores e trabalho. Método:realizou-se um levantamento bibliográfico nas bases de dados LILACS, MEDLINE e SCIELO, nos últimos dez anos, com as palavras-chave: transtornos mentais comuns, distúrbios psíquicos menores, morbidades psiquiátricas menores, problemas psiquiátricos menores. Resultados: obteve-se 41 estudos, sendo 38 artigos científicos e três dissertações. Observa-se um aumento de publicações do ano de 2004 (2,4% para o de 2005 (14,6%. O periódico com maior número de publicações foi o Caderno de Saúde Pública (24,4%. Os estudos investigaram populações com idade maior ou igual a 14 anos (48,8%; trabalhadores da saúde (19,5%, trabalhadores de outras áreas (19,5% e estudantes (12,2%. Conclusão: evidenciou-se que os distúrbios psíquicos menores estão presentes em diversas populações, de variadas regiões do país, apontando para a necessidade de novos estudos que investiguem a associação entre DPM e as condições de trabalho.

  13. Multilingualism and language attitudes in Ghana: a preliminary survey

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Guerini

    2008-12-01

    Full Text Available Il presente contributo illustra i risultati di un’indagine preliminare volta ad indagare gli atteggiamenti linguistici degli studenti che frequentano la University of Ghana di Accra, in relazione alle lingue utilizzate (o potenzialmente utilizzabili all’interno del locale sistema scolastico. Una particolare attenzione sarà riservata alla rilevazione degli atteggiamenti nei confronti dell’akan, la lingua più importante (per numero di parlanti e grado di elaborazione raggiunto tra quelle parlate in territorio ghanese. Attraverso l’osservazione dei dati contenuti in un campione di 90 questionari somministrati agli studenti in forma anonima, si cercherà di descrivere gli atteggiamenti degli studenti stessi nei riguardi dell’introduzione dell’akan come lingua di insegnamento nei diversi gradi del locale sistema scolastico, nonché gli atteggiamenti in relazione alla possibilità di discutere, servendosi dell’akan, una serie di argomenti tecnici e specialistici. L’analisi dei dati raccolti rivelerà che l’eventuale impiego dell’akan come lingua di insegnamento nell’ambito del locale sistema scolastico sarebbe avversato non soltanto dagli studenti in possesso di un certo grado di competenza dell’akan come lingua seconda o come lingua veicolare, ma anche dagli stessi studenti che riconoscono nell’akan la propria lingua materna. La capacità di discutere in lingua inglese un ampio ventaglio di discipline tecniche e specialistiche può dunque essere considerata la competenza in generale più ambita ed apprezzata tra quelle offerte dal locale sistema educativo.

  14. Relação de amizade de adolescentes obesos e eutróficos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Teresa Helena Schoen-Ferreira

    2010-04-01

    Full Text Available Na adolescência, ampliam-se os horizontes sociais. Muitos obesos têm uma autoimagem crítica e tornam-se mais isolados. Objetivo: verificar o grau de intimidade nos relacionamentos entre pares de adolescentes obesos, comparando-os a eutróficos. Método: participaram 160 adolescentes, sendo 80 obesos (IMC > 95, grupo estudo. Instrumento: foi usado o friendship questionarie, que caracteriza o interesse, intimidade e integração com amigos. Procedimentos: o grupo estudo respondeu ao instrumento em um ambulatório para adolescentes e o grupo controle em uma escola. Resultados: não houve diferença estatística significante (p=0,412 entre o escore médio do GE (80,08 e GC (81,99. Entre os obesos, não houve diferença estatística (p=0,220 entre o sexo masculino (x =82,83 e o feminino (x =78,51; entre os eutróficos, as moças (x=84,88 tiveram uma média significativamente maior (p=0,016 que os rapazes (x =76,90. Conclusão: não houve diferenças em relação ao grau de intimidade com os pares entre adolescentes obesos e eutróficos. Ambos os grupos estudados procuram investir em uma amizade mais íntima e forte. A obesidade parece afetar menos os relacionamentos sociais dos adolescentes masculinos.

  15. Importancia de la práctica físico-deportiva y del género en el autoconcepto físico de los 9 a los 23 años

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Antonio Moreno

    2008-01-01

    Full Text Available El propósito de este estudio descriptivo mediante encuesta es comprobar los efectos de la edad, el género y la práctica físico-deportiva en el autoconcepto físico en estudiantes de 9 a 23 años. La muestra está compuesta por 2.332 alumnos a los que se les pasó el Physical Self-concept Questionary (PSQ. Tras distintos análisis de correlación, univariantes, multivariantes y de regresión, los resultados revelan que tanto la autoestima como el autoconcepto físico están influenciados por la edad, el género y la práctica físico-deportiva, destacando como principal aportación que la práctica de alguna actividad física o deportiva es la que más predice la autoestima en particular y el autoconcepto físico, en general. Por otro lado, son los varones los que presentan una mayor autoestima, imagen corporal, competencia y condición física. En cuanto a la evolución de la autoestima y el autoconcepto físico de los 9 a los 23 años, solo se observan diferencias significativas en la competencia percibida y la condición física. Como conclusión, este estudio muestra la relevancia que la edad, el género y la práctica físico-deportiva extraescolar parecen tener sobre la elaboración del autoconcepto físico.

  16. Daily pilates exercise or inactivity for patients with low back pain: a clinical prospective observational study.

    Science.gov (United States)

    Notarnicola, A; Fischetti, F; Maccagnano, G; Comes, R; Tafuri, S; Moretti, B

    2014-02-01

    Studies have shown the effectiveness of a few weekly pilates sessions as helping to reduce lower back pain (LBP). However many patients fear that physical activity can actually make the pain and disability worse. We carried out this observational prospective clinical study to look at the effects that taking part in daily pilates has one on side and on the other the effects of LBP management without physical exercise. The volunteers who participated in this study were recruited from among some local cultural associations. Patients affected by LBP were evaluated. The subjects were 60 volunteers (27 males and 33 females) with a mean age of 51.2 years who had chronic low back pain (CLBP). They were allocated to pilates group (N.=30) or inactivity control group (N.=30). The pilates group performed one-hour lesson of pilates exercise, 5 lessons per week during the following 6 months. The inactivity group continued with their normal daily activities. The Roland-Morris Disability, the Oswestry, the SF-36 and the Spinal Functional Sort Questionaries of all subjects were measured at the baseline (T1) and at 6 months (T2). At T2 improvements were observed in the pilates group with increases in physical and social functioning, general health and vitality (Ppilates. Some authors underlined the possible risk of a lack of adherence to an exercise program at home. This study suggests that a daily pilates program is effective for the management of CLBP. On the other hand, the inactivity contributes to further worsening, inducing a vicious cycle in which pain and physical activity intolerance follow each other.

  17. Indagini su conoscenze e comportamenti dei medici in tema di prevenzione delle neoplasie del cavo orale: primi risultati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Nicotera

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’indagine si propone di valutare il livello di conoscenze ed i comportamenti dei medici italiani in merito alla prevenzione delle neoplasie del cavo orale.

    Metodi: lo studio è stato effettuato mediante l’invio postale ad un campione casuale di 500 di medici di medicina generale della regione Calabria di un questionario con 38 domande strutturate in 3 sezioni: caratteristiche anagrafiche e lavorative (sesso, età, anni di attività, etc., conoscenze (principali fattori di rischio, lesioni precancerose, sede di insorgenza, etc. e comportamenti (esame obiettivo del cavo orale, anamnesi personale, etc..

    Risultati: i dati si riferiscono ai primi 151 questionari
    restituiti. La maggior parte dei rispondenti è di
    sesso maschile, l’età media è di 51.4 anni, la media
    degli anni di attività lavorativa è 19 anni e meno dei
    due terzi dei medici afferma di lavorare più di 30
    ore settimanali. Relativamente al livello delle conoscenze,
    solo il 19% dei medici conosce almeno 3 dei principali fattori di rischio del cancro della cavità orale, poco più di un terzo (35.1% riconosce la leucoplachia e l’eritroplachia come le due principali lesioni precancerose associate alle neoplasie e il 56.7% identifica il carcinoma squamocellulare
    come la forma neoplastica più diffusa della bocca.

    Per quanto riguarda i comportamenti, i primi risultati si evidenziano che il 67% del campione effettua l’esame obiettivo del cavo orale e poco meno dei due raccoglie informazioni inerenti all’ uso/abuso di alcool e tabacco dei pazienti.

    Conclusioni: i primi risultati dello studio, se pur preliminari, fanno emergere l’importanza di pianificare interventi formativi in merito alla prevenzione delle neoplasie del cavo orale.

  18. Pembentukan Akhlakqul Karimah melalui Model Pembelajaran Pendidikan Jasmani Olahraga dan Kesehatan di Sekolah Dasar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bafirman Bafirman

    2016-06-01

    Full Text Available Tujuan penelitian: menghasilkan model pembelajaran Penjasorkes yang inovatif untuk pembentukan akhlakqul karimah siswa, dan menguji pengaruh model pembelajaran Penjasorkes modifikasi terhadap pembentukan akhlakqul karimah siswa. Penelitian bersifat pengembangan, dengan rancangan eksperimen The Pretest-Postest Controlled Group Desain. Populasi, murid SD kota Padang. Sampel sekolah dan siswa secara purposive sampling yakni; SD Inti dan SD Imbas, siswa kelas V, 123 Orang. Insrteumen akhlakqul karimah melalui angket. Analisis data menggunakan statistik deskriptif, analisis t-test dan covarian. Hasil; (1 Model pembelajaran penjasorkes modifikasi berpengaruh terhadap pembentukan akhlakqul karimah siswa pada SD Inti dan Imbas, (2 Model pembelajaran penjasorkes modifikasi berpengaruh daripada pembelajaran konvensional terhadap pembentukan akhlakqul karimah siswa. The aims of this research: (1. The physical education produce a model of innovative learning for the student’s akhlakqul karimah building and (2. Examine the influence of the learning model to the students' akhlakqul karimah building. This reasearch is used qualitative and quantitave methods. The research design is pretest-postest controlled  group desain. The sampels were 123 students of all five grader of elementary school students in Padang whose selected as purposive sampling. The treatment group was a main school and the other was an induced school. Data were collected to the questionaries. The data was analized into descriptive, t-test, and covariance. The results implementation are: (1 has a significant impact to the student’s akhlakqul karimah building, and  (2 Influence to the student’s akhlakqul karimah building  in elementary schools. Kata kunci: pembentukan akhlakqul karimah siswa, pembelajaran Penjasorkes

  19. Survey on supply and demand of medicinal plants in Lorestan province groceries

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    fatemeh Naderi

    2010-03-01

    Full Text Available The results of activities related to medicinal plant industry lead to maintenance and progress (improvement of society health. Attention to situation of medicinal plants in groceries, diagnosis different species, Value of consumption and supplier regions as most important factors in medicinal plants forum can be used for programming and politics in medicinal industry in our country. So via proper scientific programming we can achieve to better culture of medicinal plants consumption and we can improve health parameters in lorestan province. Materials and methods The research was accomplished with Cross-Sectional study and questionary technique was used for data collection. The questionnaire consist of 3 parts were included questions related to socioeconomic trait, number of medicinal plant and medicinal properties. All of the groceries in the lorestan province were studied as statistical society. Sampling method was availability sample and samples size was 69 groceries. Results Results showed that the numbers of medicinal plants in groceries were about 336 species, mean of sold weight Was 128.48 kg. 94.5% and 5.5% of medicinal plants were supplied from out of Lorestan and Lorestan province respectively. Conclusion Existence of special plains and mountains plentiful running water, high storage of under round water and different Climate in the lorestan province cause a considerable diversity in this province. Whereas the results of this study showed that the most important suppliers of medicinal plants were located out of this province therefore programming in the case of these valuable sources of medicinal plants will be because higher preoccupation and existence of these crops in the groceries of lorestan province, even can export these to other countries.

  20. Gut Microbiota Community and Its Assembly Associated with Age and Diet in Chinese Centenarians.

    Science.gov (United States)

    Wang, Fang; Yu, Ting; Huang, Guohong; Cai, Da; Liang, Xiaolin; Su, Haiyan; Zhu, Zhenjun; Li, Danlei; Yang, Yang; Shen, Peihong; Mao, Ruifeng; Yu, Lian; Zhao, Mouming; Li, Quanyang

    2015-08-01

    Increasing evidence suggests that gut microbiota underpin the development of health and longevity. However, our understanding of what influences the composition of this community of the longevous has not been adequately described. Therefore, illumina sequencing analysis was performed on the gut microbiota of centenarians (aged 100-108 years; RC) and younger elderlies (aged 85-99 years; RE) living in Bama County, Guangxi, China and the elderlies (aged 80-92 years; CE) living in Nanning City, Guangxi, China. In addition, their diet was monitored using a semiquantitative dietary questionary (FFQ 23). The results revealed the abundance of Roseburia and Escherichia was significantly greater, whereas that of Lactobacillus, Faecalibacterium, Parabacteroides, Butyricimonas, Coprococcus, Megamonas, Mitsuokella, Sutterella, and Akkermansia was significantly less in centenarians at the genus level. Both clustering analysis and UniFraq distance analysis showed structural segregation with age and diet among the three populations. Using partial least square discriminate analysis and redundancy analysis, we identified 33 and 34 operational taxonomic units (OTUs) as key OTUs that were significantly associated with age and diet, respectively. Age-related OTUs were characterized as Ruminococcaceae, Clostridiaceae, and Lachnospiraceae, and the former two were increased in the centenarians; diet-related OTUs were classified as Bacteroidales, Lachnospiraceae, and Ruminococcaceae. The former two were deceased, whereas the later one was increased, in the high-fiber diet. The age and high-fiber diet were concomitant with changes in the gut microbiota of centenarians, suggesting that age and high-fiber diet can establish a new structurally balanced architecture of gut microbiota that may benefit the health of centenarians.

  1. Estresse e estratégias de enfrentamento em mestrandos de ciências da saúde Stress and coping strategies of master's-level health sciences students

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    André Faro Santos

    2007-01-01

    Full Text Available A pesquisa objetivou conhecer a ocorrência de estresse em 27 mestrandos em ciências da saúde da Universidade Federal de Sergipe, sendo 16 mulheres e 11 homens. Buscou-se também delinear as estratégias de enfrentamento utilizadas para lidar com o estresse e os estressores percebidos na pós-graduação. Utilizou-se o Inventário de Sintomas de Stress para Adultos de Lipp, a Escala de Modos de Enfrentamento de Problemas e um questionário sobre possíveis estressores. Os resultados mostraram que 40,7% dos sujeitos apresentaram estresse e houve associação entre estresse e sexo (pThis research had the objective to examine the occurrence of stress among 27 master students of health sciences of the Universidade Federal de Sergipe [Federal University of Sergipe], of which 16 were women and 11 were men. And, it also sought to delineate the coping strategies used to deal with the stress and the stressors perceived by the graduate students. Lipp's Stress Symptoms for Adults Inventory, the Ways to Confront Problems Scale and a questionary about possible stressors were used. The results indicated that 40,7% of subjects had stress and that there was an association between stress and sex (p<0,05, showing that women were more vulnerable to stress. The association between sex and the main coping strategies used by the participants that didn't have stress (p<0,05 was verified, showing that focalizing on the problem was a more frequent strategy among men. We believe that more investigation on this topic is important, because the performance of master level students may be influenced by the stress during graduate education.

  2. [The Incidence and Risk Factors of the Home Accidents in the Househoulds with Low Socioeconomic Level in Kocaeli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pervin Sahiner

    2011-06-01

    Full Text Available SUMMARY: AIM: This study aimed to determine the incidence of home accidents in the households with low socioeconomic level who preferred in single flat or duplex and the risk factor related to house and sociodemographic characteristics. METHOD: The prospective cohort study. The universe of the survey composed of 419 households (N=1539 persons both with single flat and duplex house located at the “42 Evler” region of Izmit district of the Kocaeli province. The questionaries included “The Sociodemographic Characteristics of the Households” and “The Characteristics and Reasons of the Home Accidents.” The data were collected with face to face tecniques by home visits of households between November 28, 2008 and April 2, 2009. After the first form were filled, each household was followed up three months for home accidents. RESULTS: Twenty-seven of the households and 13.6% of the participants had home accident. The incidence of the home accident also was 4.2 person per/year. Most of the accidents (89% occurred inside of the houses. The mostly observed home accidents were 39.1% burn, 28.6% incision and 12.8% falling respectively. It was important risk factors heater for burns, knife for incisions and slippery-floor for fallings. The incidence of the home accident was higher among women (22.0% (p0.05, and in those with not house ownership itself (for rent 34.5%, for relatives house 34.8% (p<0.05. CONCLUSIONS: This study has showed that the incidence of home accidents are high, and the characteristics of house and some sociodemographic characteristics are important risk factors in term of the home accidents. The qualified primary health services which are financed by the government have great importance for the preventing of the household accidents, determination of the risk factors and recording the home accidents. [TAF Prev Med Bull 2011; 10(3.000: 257-268

  3. Sexual violence and harassment against female students in Germany / Violence sexuelle et harcèlement à l’égard d’étudiantes universitaires en Allemagne

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    List Katrin

    2013-07-01

    Full Text Available Sulla base di dati quantitativi e qualitativi raccolti tramite una indagine effettuata in Germania a livello nazionale, in questo articolo verranno analizzati i seguenti aspetti: numerosità dei casi di violenza sessuale, sentimenti di sicurezza, effetti delle strategie di coping in rapporto alla prosecuzione degli studi, cause per la (mancata comunicazione dell’accaduto. Essendo di particolare interesse, il focus è rivolto agli aspetti sociali dei miti su vittime e aggressori, al ruolo dei nuovi media in rapporto alla vittimizzazione e alla questione della responsabilità delle università nei confronti dei propri studenti. Le opinioni delle studentesse di una università tedesca intervistate tramite focus group integrano i dati ricavati dal questionario on-line. Tali punti di vista riguardano la percezione contradditoria che le studentesse hanno relativamente alle loro esperienze e alla natura della violenza sessuale che si produce in ambito accademico.RésuméSur la base de données quantitatives et qualitatives recueillies par une étude effectuée en Allemagne au niveau national, les aspects suivants seront analysés dans cet article : la prévalence de la violence sexuelle, les sentiments de sécurité, les effets des stratégies de coping sur la poursuite des études, les raisons de la communication (ou plutôt de son absence de ce qui s’est passé.Sur la base de l’importance de certains sujets, cet article se concentre sur les aspects sociaux des mythes sur les victimes et les agresseurs, le rôle des nouveaux médias dans la victimisation et la question de la responsabilité des universités face à ses propres étudiants. Les opinions des étudiantes d’une université allemande interviewées dans un focus group intègrent les données obtenues à partir d’un questionnaire en ligne. Ces points de vue concernent la perception contradictoire que les étudiantes ont de leurs expériences et de la nature de la violence sexuelle

  4. Approccio coordinato al monitoraggio del lupo su larga scala: strategie, limiti e prospettive

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Ciucci

    2003-10-01

    Full Text Available Un'efficace politica di gestione e conservazione del lupo deve contare su informazioni affidabili di presenza e consistenza a livello dei branchi locali; su larga scala, tali informazioni devono essere raccolte in forma sistematica, organica e coordinata e con tecniche meno costose e impegnative di quelle utilizzate a fini di ricerca. In quest'ottica, l'attivazione di un sistema integrato di monitoraggio del lupo su un territorio di oltre 654 km² ha rappresentato una priorità nell'ambito di un progetto Life della Regione Emilia-Romagna. Le tecniche, e i relativi protocolli di monitoraggio, sono stati quindi adottati in base a considerazioni logistiche, alla disponibilità di risorse, mezzi e personale (18 operatori fissi, tra tecnici e studenti, alla possibilità di effettuare repliche di campionamento annuali e stagionali. La standardizzazione dei protocolli su larga scala è stata promossa da workshop di formazione sia teorici sia dimostrativi sul campo, da prove di concordanza e scambio periodico delle aree di competenza tra gli operatori coinvolti. Dati invernali relativi a presenza, spostamenti, frequenza di marcatura, dimensione, composizione e coesione dei branchi e loro area frequentata, vengono raccolti tramite snow-tracking. L'area interessata è stata suddivisa in 15 settori all'interno dei quali sono stati individuati circuiti di rilevamento, percorsi a rotazione con racchette da neve a partire da 36-48 ore dopo l'ultima nevicata e con continuità per l'intera stagione invernale, lungo i quali intercettare le piste dei lupi nella neve. Nella stagione estiva, l'eventuale presenza di cucciolate, e la localizzazione dei rispettivi rendez-vous, è stata indagata con la tecnica del wolf-howling tramite campionamento sistematico sull'intera area. Stime del numero e della composizione dei branchi, e della loro localizzazione, vengono inoltre supportate dalla tipizzazione genotipica (Laboratorio di Genetica dell

  5. Analysing English metaphors of the economic crisis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo-Enrico Cardini

    2014-07-01

    quelle proposte in ricerche precedenti. In questo senso sono stati individuati complessivamente quaranta differenti generi di metafora. Parallelamente a questa classificazione teorica è stata anche condotta un’analisi quantitativa dei dati nell’intento di individuare i tipi di espressione metaforica usati più frequentemente. I risultati suggeriscono che la crisi economica finanziaria è prevalentemente pensata come qualcosa di negativo riguardante un essere umano, un oggetto e un movimento. In particolare, la metafora più ricorrente sembra essere quella in cui lo stato di crisi economica viene riportato come un oggetto danneggiato o distrutto. I risultati indicano anche che riviste economiche differenti possono variare sensibilmente nella quantità di linguaggio metaforico utilizzato. Parole chiave: metafora; crisi economica; semantica; pragmatica; stili giornalistici.

  6. Storie di genere, storie di partito

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Bellè

    2012-04-01

    Full Text Available Lo studio delle narrazioni di genere all'interno di questo tipo di organizzazione desta inoltre un particolare interesse anche in ragione della sottorappresentazione delle donne nella sfera della politica. Si tratta di un deficit democratico che coinvolge i sistemi politici moderni nel loro complesso, ma che interessa l'Italia con una particolare gravità ed evidenza. La questione della sottorappresentazione politica delle donne è stata sinora affrontata prevalentemente in termini tecnico-legali (politiche di pari opportunità ed azione positiva, o di teoria politica (la dicotomia pubblico-maschile e privato-femminile come fondamento del contratto sessuale della politica. Mancano invece contributi che guardino ai partiti come organizzazioni largamente responsabili dei processi di selezione e promozione delle carriere politiche, dunque come luoghi di quotidiana produzione di pratiche e culture di genere, più o meno egualitarie o, viceversa, discriminatorie. Sulla base di tale vuoto di ricerca e riflessione, il presente articolo si propone di mettere in luce le pratiche e le culture di genere che emergono dai racconti di uomini e donne all'interno di due organizzazioni partitiche, una di destra e una di sinistra, situate nel contesto territoriale della provincia di Trento. La ricerca è stata condotta attraverso lo strumento dell'intervista semi-strutturata, coinvolgendo quattro donne e quattro uomini, divisi per coppie di età (un uomo ed una donna giovani ed un uomo ed una donna da lungo presenti nel partito, accostabili per quanto concerne ruolo e posizione nelle organizzazioni partitiche considerate. L'attenzione analitica si è concentrata sulla costruzione del genere di uomini e donne intervistati/e, intesa sia come dimensione ed esperienza individuale (le storie di genere dei/lle singoli/e, sia come dimensione organizzativa più ampia (le storie di genere delle organizzazioni, narrate dalle diverse voci. Un'ulteriore dimensione analitica

  7. Infezioni gastroenteriche e fonti di rischio da balneazione nel mare Adriatico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    N. Schinaia

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: gli obiettivi generali della ricerca sono stati: stimare un eccesso di rischio di insorgenza di gastroenterite a seguito di attività di balneazione o consumo di prodotti ittici nel mare Adriatico; misurare nuovi parametri microbiologici di inquinamento marino.

    Metodi: sono stati condotti i seguenti studi: 1 caso controllo; 2 uno studio di prevalenza (beach survey per descrivere la frequenza di alcune patologie (dell’orecchio, delle vie aeree superiori, della cute rispetto alla balneazione o meno; 3 identificazione di nuovi patogeni nelle acque di balneazione (quali virus o Cryptosporidium parvum.

    Risultati: l’analisi dei fattori di rischio nello studio caso controllo non ha evidenziato un aumento di gastroenterite associata a balneazione. Gli episodi gastroenterici osservati nei casi erano prevalentemente sostenuti da Salmonella sp. e la modalità di infezione era legata ad alcuni alimenti quali la maionese. Il risultato principale dello studio di beach survey è stato che la balneazione nel mare Adriatico non è associata ad un aumento significativo di patologie serie, quali gastroenterite acuta.

    Tuttavia, è stato possibile evidenziare un aumento di rischio statisticamente significativo per forme morbose lievi, quali congiuntivite e dermatite aspecifica, fra chi ha fatto il bagno in mare e chi no. Tale aumentato rischio è stato soprattutto osservato nei bambini e ragazzi al di sotto di 15 anni. I risultati di microbiologia sperimentale dimostrano il ruolo svolto dalle acque marine quale pabulum idoneo alla sopravvivenza delle oocisti di C. parvum. Sono stati validati protocolli di diagnostica molecolare per l’identificazione di enterovirus, rotavirus e reovirus nelle acque di balneazione.

    Conclusioni: l’epidemiologia può contribuire a studiare i rapporti fra balneazione e salute all’interno di una visione generale di salute

  8. Book review, Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale Giampaolo Colavita (a cura di

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2008-09-01

    Full Text Available Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale si avvale del contributo di 33 autori, tutti soci dell’Associazione Italiana Veterinari Igienisti (AIVI, che garantiscono l’appropriata trattazione di una materia estremamente vasta e dinamica. Il manuale nasce da un’iniziativa finalizzata alla realizzazione di un testo che rifletta e possa soddisfare le esigenze didattiche degli insegnamenti di un’ampia serie di materie universitarie: Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria, di Agraria, nei corsi di Scienze e Tecnologie Alimentari, di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali, nel corso di laurea in Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei Luoghi di Lavoro, nonché in altri corsi di studio dove si insegnano le discipline relative all’igiene e alla sicurezza degli alimenti.Sono stati trattati gran parte degli alimenti di origine animale, i prodotti a base di carne, il latte e i prodotti derivati, i prodotti della pesca freschi e trasformati, i prodotti dell’alveare, le uova e gli ovoprodotti. Di particolare interesse appare il capitolo riguardante la diagnostica analitica degli alimenti, considerato che le moderne metodologie analitiche risultano fondamentali per affrontare le tematiche legate all’igiene e alla sicurezza alimentare.Il volume ha una finalità prevalentemente didattica ma è comunque rivolto a tutti coloro che operano nel campo dell’Igiene e delle Tecnologie Alimentari. Infatti, visti gli argomenti trattati come le tossinfezioni e le intossicazioni alimentari, la conservazione, il confezionamento e l’etichettatura dei prodotti alimentari, anche i professionisti del settore possono trarre dal testo elementi utili per la loro attività. Per esempio argomenti quali l’analisi del rischio, le attività di audit ed i sistemi di accreditamento e di certificazione sono particolarmente utili per chi opera nelle Aziende Sanitarie Locali e negli Istituti

  9. Environmental variables and the use of habitat of the Red fox Vulpes vulpes (L., 1758 in the Maremma Natural Park, Grosseto province, Central Italy / Parametri ambientali e uso dell'habitat della volpe Vulpes vulpes (L., 1758 in alcune aree del Parco Naturale della Maremma (GR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandro Lovari

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract Berries of Juniperus oxycedrus, beetles and grasshoppers were the staple of the fox diet in the coastal ecotone of the Maremma Natural Park, while fruit and Insects were the main food resources in a rural zone around the park. Chiefly berries of J. oxycedrus, but also Insects and carrion, built up the greater part of the fox diet in the pinewood. On average, the presence in diet was correlated with the availability of the main food resources, which in turn was correlated with climatic factors. These influenced also the activity pattern of the Red fox. Home ranges were the largest (330 ha in the pinewood, intermediate (213 ha in the coastal ecotone, and smallest (131 ha in the rural zone. Such differences in size may be explained with the local pattern of food distribution and abundance, which also influenced the habitat use of the fox. In spite of the presence of several farm houses in the rural range, poultry and domestic rabbits were almost absent in the fox diet. The scrubwood (macchia was consistently the most preferred vegetation type. Riassunto Frutti di ginepro (Juniperus oxycedrus, Coleotteri e Ortotteri hanno costituito la maggior parte della dieta della Volpe nell'ecotone costiero del Parco Naturale della Maremma, mentre frutti e Insetti sono stati le principali risorse trofiche in una zona rurale nella parte esterna del parco. Nella pineta la dieta è risultata costituita prevalentemente da frutti di ginepro, ma anche da insetti e carogne. In media la presenza nella dieta delle principali risorse alimentari è risultata correlata con la loro disponibilità, la quale si è dimostrata a sua volta correlata con fattori climatici. Questi ultimi hanno influenzato anche il ritmo di attività della Volpe. Le dimensioni degli home range sono risultate massime (330 ha nella pineta, intermedie (213 ha nell'ecotone costiero e minime (131 ha nella zona rurale. Queste differenze

  10. Qualidade dos produtos de terapias avançadas: requisitos de células extensamente manipuladas usadas em terapias celulares e em bioengenharia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosana Bizon Carias

    2018-02-01

    Full Text Available Introdução: O preparo de produtos para terapias avançadas inclui, frequentemente, a manipulação extensa de células primárias in vitro, o que pode acarretar em alterações da população celular final. A padronização dos métodos de obtenção das culturas, seguindo as regras das Boas Práticas de Fabricação, com a realização dos controles de qualidade do processo e do produto final, é essencial para garantir a segurança do paciente e a comparabilidade dos resultados clínicos obtidos. Objetivo: Este estudo buscou identificar os ensaios, prevalentemente citados na literatura científica ou em normas sanitárias, aplicados na avaliação da qualidade de células primárias humanas, passíveis de serem inseridos na rotina dos Centros de Processamento Celular. Método: Foi realizado o levantamento de artigos científicos e de normas sanitárias que tratassem de terapia celular e dos ensaios de qualidade associados. Resultados: Foi evidenciado que as normas regulamentares direcionadas a produtos com base em células cultivadas in vitro não detalham os ensaios de qualidade, o que torna urgente a discussão dessa matéria. Conclusões: Evidenciamos a necessidade de preparo do produto na forma de um lote de células, que deve ser controlado para a qualidade, a partir de amostras representativas do todo e propomos a realização de uma bateria de ensaios, que definem a qualidade do produto de terapia avançada, a base de células cultivadas in vitro, com detalhamento dos pontos em que estes devem ser realizados, organizados como fluxogramas de processamento.

  11. The use of the alluvial-lacustrine aquifer like a regulation reservoir. The example of the Oricola (Abruzzo); L'uso di acquiferi fluvio-lacustri quali serbatoi naturali di compenso. L'esempio della piana di Oricola (Abruzzo)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Celico, F. [Isernia Univ. degli Studi del Molise, Isernia (Italy). Dipt. di Scienze e Tecnologie per l' Ambiente e il Territorio; Habetswallner, F. [Naples Univ. Federico 2., Naples (Italy). Dipt. di Geofisica e Vulcanologia

    2000-12-01

    The hypothesis of using the Oricola Plane's alluvial-lacustrine aquifer (Abruzzo) like a regulation reservoir has been studied. The alluvial-lacustrine aquifer is constituted by silty and sandy deposits. The idea of using the aquifer like a regulation reservoir has been developed after the realization of a geophysical survey. Twenty six V.E.S. has been realised, with an AB distance of 300-400 metres. The volume of the reservoir, that is to say the volume of sand and gravel in the saturated medium, is about 3,8 x 10{sup 6} m{sup 3}. The results of this survey has been interpreted as a function of the drilling results near l'Immagine area. During the first test an effective porosity of 9,25% has been calculated for the medium-high portion of the reservoir. The results of a mathematical and physical model show that a mathematical transient model of groundwater flow can be implemented. [Italian] Lo studio condotto ha consentito di formulare un'ipotesi di utilizzo dell'aquifero fluvio-lacustre della piana di Oricola (Abruzzo) quale serbatoio naturale di compenso. E' stata infatti individuata una configurazione a catino della porzione centro-occidentale dell'aquifero, il cui volume e' pari a circa 3,8 x 10{sup 6} m{sup 3}. La determinazione sperimentale della porosita' efficace dei depositi fluvio-lacustri, oscillante tra il 4% ed il 9,5% circa, ha consentito a sua volta di calcolare il volume idrico invasato al di sotto del livello piezometrico di piena (pari a circa 0,28 x 10{sup 6} m{sup 3}), nonche' la sua variazione al progressivo decremento del livello di falda, prevalentemente indotto dagli emungimenti. Allo scopo di consentire una programmazione consapevole degli scenari di utilizzazione del serbatoio di compenso nel breve periodo, sono state messe a punto delle equazioni di correlazione tra le riserve permanenti presenti nel serbatoio stesso e la profondita' della falda dal piano campagna. Tutto quanto finora

  12. Estudo antropométrico e dietético de nadadores competitivos de áreas metropolitanas da região sudeste do Brasil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Soares Eliane A.

    1994-01-01

    Full Text Available Com o objetivo de caracterizar os ábitos alimentares de nadadores competitivos de dois clubes das cidades do Rio de Janeiro e de São Paulo, foram estudados atletas, 30 homens e 37 mulheres pertencentes às equipes juvenil (15-17 anos e "seniors" (18-25 anos. Concomitantemente à avaliação antropométrica, foi feito o inquérito alimentar mediante os métodos de registro alimentar, recordatório de 24 horas e freqüência de consumo alimentar. Os resultados mostraram semelhança antropométrica entre as duas faixas etárias para cada um dos sexos, semelhança dos alimentos prevalentemente ingeridos com aqueles referidos pela população da área metropolitana das duas cidades e semelhança entre os suplementos alimentares ingeridos pelos atletas dos dois clubes. A ingestão calórica observada foi quase o dobro da referida para a população daquelas localidades, mas equivalente à descrita para nadadores de outros países. Os lanches, entre refeições, contribuíram com 25-28% da ingestão calórica global e a maior contribuição energética alimentar foi dada pelo grupo de cereais. Apesar de contribuir com quase 50% do aporte calórico diário, a ingestão glicídica foi menor que a recomendada para atletas competitivos (55-60%. A ingestão protéica de 2,5-3,0 g/kg/dia superou em 100% o valor recomendado para atletas e ultrapassou os 15% na participação calórica diária. A ingestão lipídica foi considerada elevada, particularmente a de gordura saturada. O aporte de micronutrientes foi acima do referido para as populações locais em função da ingestão calórica elevada, mas mostrou-se relativamente inadequado em magnésio, ferro e vitaminas A e D. Conclui-se que o padrão alimentar dos nadadores estudados não difere, muito, do da população local, distinguindo-se pelo elevado e freqüente consumo de alimentos energéticos, maior no sexo masculino que no feminino.

  13. Analisi dell'efficacia di un programma di prevenzione secondaria del carcinoma orale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Iannazzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    In Italia i carcinomi del cavo orale (KCO sono diagnosticati
    prevalentemente al II-IV stadio TNM con conseguenti basse sopravvivenza a 5 anni e qualità della vita. Una maggior frequenza di diagnosi allo stadio I porterebbe a migliorare ampiamente i valori medi dei suddetti parametri.
    Scopo del presente lavoro è stato valutare l’efficacia di un programma di prevenzione secondaria del KCO in termini di aumento di diagnosi allo stadio I e di vite salvate.

    Abbiamo stimato la prevalenza di casi istopatologicamente
    accertati (livello C3 di leucoplachia, principale lesione precancerosa del KCO, nella ASL/RMA come prodotto tra la prevalenza stimata di leucoplachia diagnosticata clinicamente (livello C2 (2989,2Ĩ13077,7 e la proporzione, scelta arbitrariamente, di C3 tra i C2 (0,50.

    Tenendo presente che nel campione studiato nella ASL/RMA la proporzione di KCO allo stadio I tra i C3 era 0,03, abbiamo stimato il numero di KCO.

    Abbiamo stimato quanti KCO verrebbero diagnosticati allo stadio I se venisse attuato un programma di prevenzione secondaria, considerando diversi livelli di compliance, e sulla base di una sopravvivenza media a 5 anni, in Italia, del 53% per tutti gli stadi e del 79% per i KCO allo stadio I, abbiamo calcolato il numero di vite salvate. I valori sono stati espressi come IC95.

    Le prevalenze di leucoplachia C3 e KCO sono risultate,
    rispettivamente, 1494,6Ĩ6538,8 e 44,8Ĩ196,2. Con compliance del 10%, 40% e 75% verrebbero diagnosticati, rispettivamente, 4,5Ĩ19,6, 17,9Ĩ78,5 e 33,6Ĩ147,2 casi di KCO e le vite salvate sarebbero 1,1Ĩ5,1, 4,6Ĩ20,4 e 8,7Ĩ38,3 rispettivamente.
    In termini di vite salvate i dati evidenziano la necessita di attuare programmi di screening del KCO, anche nell' eventualità di uno scarso coinvolgimento della popolazione a rischio.

  14. Un modello italiano per l’economia nel Brasile di Getúlio Vargas: la «Carta del Lavoro» del 1927

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario G. Losano

    2012-01-01

    Full Text Available Il corporativismo fu uno degli elementi caratterizzanti dello Stato fascista, che con esso intendeva ricollegarsi alla tradizione medievale italiana. Oscillando tra storia e «invented tradition», con esso il governo fascista proponeva una soluzione alla crisi economica degli anni Trenta e un’alternativa allo Stato tanto liberale quanto comunista, cioè una «terza via». Del corporativismo italiano vengono sinteticamente esaminate le origini, l’evoluzione e la struttura, dedicando particolare attenzione alla Carta del Carnaro del 1920, il documento che lo preparò durante l’avventura di Fiume di Gabriele d’Annunzio. Il corporativismo, come modello di gestione economica che negava la lotta di classe, si diffuse in Europa e fuori di essa nell’epoca delle dittature. L’attenzione si concentra sul Brasile, nella sua transizione dalla República Velha alla dittatura di Getúlio Vargas, iniziata nel 1930 e durata fino al 1954, anche se in modo istituzionalmente non unitario. All’interno del movimento che l’accompagnò, l’«Integralismo», il filosofo Miguel Reale (1910–2006 propugnò un corporativismo democratico. Il modello corporativo italiano si riflette in alcune parti della vasta «Consolidação das Leis do Trabalho», emanata da Vargas nel 1943. Essa costituisce un chiaro esempio della legislazione sociale che accompagnò molte dittature del XX secolo e che, nel caso del Brasile, ebbe effetti anche dopo la caduta del regime. La «Consolidação» riguardava però soltanto i lavoratori urbani, mentre il Brasile era una società prevalentemente agraria. Per questo vengono passare in rassegna le misure a favore dei diritti sociali dei lavoratori urbani e agrari prese dai governi di Juscelino Kubitschek (1902–1976 e di João Goulart (1919–1976, nonché, infine, la tutela accordata nel 1964 ai lavoratori agrari dallo Statuto della Terra.

  15. Climatic change impacts on italian agricultural ecosystems; Impatto dei cambiamenti climatici negli agroecosistemi italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maracchi, G.; Crisci, A. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, International Air Transport Association, Florence (Italy)

    2001-06-01

    In the last decade it was found specific climatological trends due to increasing available energy in climatic system in Mediterranean area. Such trends mainly concern the modification in extreme events frequency about rainfall distribution and intensity. In late summer and at the beginning of the autumn it was a significant positive trend in Sea Surface Temperature that leads to more severe rainfall events. During winter time it was a decrease of rainfall and an increase of dry periods. Increasing cloudiness in springtime leads a decrease in the number of frost days. In late springtime it was again a growth of heavy rainfall. All together these phenomena modify the phenology of the cultivated plants lead to an increment of winter and summer forest's fire and to the modification of forest productivity mainly due to a winter drought. [Italian] Nell'ultima decade a causa dell'incremento di energia disponibile nel sistema climatico mondiale sono stati misurati trend climatologici specifici per l'area mediterranea. Tali trend consistono prevalentemente in una crescita degli eventi estremi legati alle precipitazioni in termini di intensita' e distribuzione e alle temperature in termini di distribuzione. Alla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno si assiste ad un aumento della temperatura del mare (anomalia termica positiva) che da' luogo ad un incremento degli eventi di precipitazione con un quantitativo cumulato superiore a 60 mm causa, questi ultimi, di frequenti fenomeni alluvionali. Durante l'inverno si assiste invece ad una diminuzione delle precipitazioni con un aumento dei periodi asciutti. In primavera aumenta la nuvolosita' con una parallela diminuzione dei giorni con temperatura minima giornaliera inferiore a 0{sup 0}C. Infine nella tarda primavera si assite ad un anticipo delle fasi di sviluppo delle colture, ad un incremento degli incendi boschivi estivi ed invernali, ad una modifica della tipologia

  16. La retractación arbitraria, entre principios y remedios

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Dellacasa

    2012-06-01

    Full Text Available En la jurisprudencia italiana se ha consolidado el enfoque según la cual el juez está legitimado para controlar el ejercicio del derecho de retractación discrecional. Ante una solicitud expresa de la parte, el juez, incluso, está obligado a verificar la conformidad de la conducta de quien ejerce el derecho con el canon de la buena fe contractual. La reflexión de la doctrina italiana se concentra prevalentemente en la dialéctica entre autonomía privada y control judicial, mientras es menos frecuentado el terreno de los remedios que siguen a la retractación arbitraria. En este segundo perfil se concentra el presente escrito. En primer lugar, se afirma que el control jurisdiccional de la retractación ad nutum es oportuno en relación con todos los contratos, y no solo en aquellos caracterizados por la asimetría de poderes entre las partes. El remedio generalmente aplicable a favor de la parte que sufre la retractación arbitraria se identifica con el resarcimiento del interés negativo: el contratante desilusionado puede obtener el reembolso de los gastos asumidos y el resarcimiento de las oportunidades de ganancias perdidas como consecuencia de la confianza depositada en la realización del negocio. En segundo lugar, se delinean los criterios que permiten identificar la retractación arbitraria. En fin, se analiza si la existencia de una relación de dependencia económica entre la empresa que se retracta arbitrariamente y su contraparte contractual puede justificar la aplicación de un remedio diferente del resarcimiento del interés negativo. El autor está orientado a responder afirmativamente. Si la empresa que sufre la retractación ilegítima ha realizado inversiones específicas –centradas en las exigencias de la contraparte y, por esto, difícilmente recuperables–, el resarcimiento del interés negativo ofrece una tutela parcial e inadecuada. Los remedios aplicables, en cambio, deben salvaguardar el interés positivo de la

  17. A multi-sensory methodological approach for science learning

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Lucia Bossio

    2016-04-01

    Full Text Available This paper presents both a learning environment aimed at science education and the results obtained at the end of its experimentation carried out in a secondary school. The edutainment environment has been designed to explain the physical theory of superstrings, and it was mainly based on the construction of artifacts and on the manipulation of digital media. In order to both intrigue students and make interesting and appealing this complex subject of physics we have tried to stimulate and engage students in a multi-sensory way through different approaches. It was outlined a path made by different steps to deal with the scientific issues addressed that would actively encourage a real translation of knowledge into skills and both different styles and ways of learning. Superstring theory was first presented through traditional approaches and, later, through the construction of metaphoric representations made by artifacts created by the students. The experimentation, conducted on a group of 20 students, allowed to evaluate the effectiveness of the environment. Un approccio multisensoriale per l’apprendimento delle scienzeQuesto articolo presenta un ambiente di apprendimento rivolto alla didattica delle scienze e i risultati ottenuti al termine della sua sperimentazione compiuta presso un istituto scolastico d’istruzione secondaria di primo grado. L’ambiente di edutainment è stato progettato per realizzare la divulgazione della teoria fisica delle superstringhe, ed è stato prevalentemente basato sulla costruzione di manufatti e sulla manipolazione di media digitali. Si è cercato di stimolare e coinvolgere gli alunni mediante approcci diversi e in maniera multisensoriale con l’obiettivo di incuriosirli rendendo interessante e accattivante questo complesso argomento della fisica. È stato delineato un percorso per gradi alle problematiche scientifiche affrontate che potesse attivamente stimolare sia i vari stili e modi di apprendimento

  18. Gli affari di messer Palla Strozzi (e di suo padre Nofri. Imprenditoria e mecenatismo nella Firenze del primo Rinascimento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Tognetti

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio si propone di far luce sulle vicende economico-patrimoniali di messer Palla di Nofri Strozzi (Firenze 1372-Padova 1462, personaggio di spicco della Firenze del primo Rinascimento, sia come uomo politico ingiustamente travolto dalla purga medicea scatenata nel 1434 contro gli oppositori di Cosimo il Vecchio, sia come letterato, collezionista di codici librari, promotore degli studia humanitatis e committente di opere d’arte. Al centro di una frammentata serie di indagini da parte di storici dell’arte, della cultura e della politica, Palla Strozzi ha suscitato invece scarsa attenzione da parte degli storici dell’economia, nonostante un particolare non secondario: al catasto fiorentino del 1427 risultava essere il cittadino più ricco, ma dopo nemmeno cinque anni era già così oberato dai debiti da non riuscire più a pagare le tasse al fisco fiorentino. La vicenda di messer Palla, messa a confronto con quella del padre Nofri, infaticabile uomo d’affari capace di ammassare una gigantesca fortuna (poi parzialmente dissipata dal figlio, è analizzata nei dettagli grazie alla ricchissima serie archivistica delle carte strozziane: in particolare tramite lo spoglio di numerosi libri di conti intestati ad aziende e patrimoni di famiglia. Il confronto tra le differenti attitudini dei due personaggi fa emergere in tutta la sua originalità la figura di messer Palla: uomo coltissimo ma anche elitario, eppure dotato di un alto senso dello stato, capace di mostrare verso il denaro un’inclinazione che lo avvicina più all’aristocratico rentier dell’ancien régime e/o al raffinato signore padano del pieno rinascimento, piuttosto che al mondo dei grandi «mercatanti» che lo aveva generato.

  19. Bico 2: second national intercomparison campaign of WBC centres working in Italy; Bico 2: la seconda campagna MIDIA di interconfronto dei WBC operanti in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Battisti, P.; Tarroni, G. [ENEA, Centro Ricerche `Ezio Clementel`, Bologna (Italy). Dip. Ambiente

    1998-12-31

    During the period November 1994 - May 1995 the coordinating group of WBC centres working in Italy organised the 2. national intercalibration and intercomparison campaign. A BOMAB phantom was used filled with four radionuclides gel solution with gamma energy emissions ranging between 100 keV and 2 MeV. 17 out of 21 Italian WBC centres took part in the campaign. Through the intercalibration, organised according to internationally accepted methodologies, each WBC centre could check its own calibration procedures. many intermediate data, collected for the methodologies and measurement procedures intercomparison, permitted analyses and comparison of uncertainly causes in a WBC measurement of the internal contamination. A proposal of MDA definition and assessment procedure resulted from the intercomparison campaign. [Italiano] Il Coordinamento dei Centri WBC operanti in Italia ha organizzato la seconda campagna di intercalibrazione ed interconfronto nazionale basata sulle misure di un fantoccio BOMAB riempito con una soluzione radioattiva gelificata contenente 4 radionuclidi con emissioni gamma nell`intervallo energetico compreso fra 100 keV e 2 MeV. Alla campagna, che si e` svolta fra novembre 1994 e maggio 1995, hanno partecipato 17 dei 21 Centri WBC censiti in Italia. L`intercalibrazione e` stata organizzata secondo criteri ormai consolidati in campo internazionale ed ha permesso ad ognuno dei partecipanti di verificare le proprie procedure di calibrazione. Per l`interconfronto delle procedure e dei metodi di misura impiegati e` stata raccolta una serie di dati intermedi che hanno consentito di analizzare e confrontare le fonti di incertezza insite nella misura di contaminazione interna nell`uomo tramite WBC. Cio` ha infine reso possibile una proposta di definizione e di procedura di determinazione del valore della minima attivita` rivelabile (MDA) in accordo con le piu` recenti tendenze in campo internazionale.

  20. Transformaciones de la producción simbólica en el tratamiento psicopedagógico Symbolic transformations in psychopedagogical treatment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María Victoria Rego

    2009-12-01

    Full Text Available En este artículo se presenta un modelo de análisis de las transformaciones psíquicas que tienen lugar en el tratamiento psicopedagógico de niños y adolescentes con problemas de aprendizaje. Los cambios observables en la producción simbólica de estos sujetos (modos de narrar, leer, escribir, dibujar permiten ponderar modificaciones de procesos psíquicos subyacentes, tales como los modos de elaborar conflictos, las formas que adquiere la relación entre la tramitación afectiva y la actividad representativa, y las modalidades preferenciales que toman las tendencias selectivas en relación a la apropiación de los objetos de conocimiento. La construcción de estas dimensiones de estudio posibilita una mejor aproximación a las transformaciones en los procesos de simbolización que tienen lugar en la particularidad de este encuadre terapéutico, a través del diseño de mediaciones conceptuales e indicadores clínicos específicos que explicitan las modificaciones resultantes de la intervención terapéutica.This article presents an analysis of psychical changes during psychopedagogical treatment in children and adolescents who suffer from learning disorders. Changes seen in symbolic production (talking, drawing, writing and reading modes allow to know about some transformations in psychical processes such as the ways of solving conflicts, the relationship between afective tramitation and representation activity and the prefered ways of relation with knowledge and social objects in order to learn and apropiate new subjects. These dimensions improve the study of symbolization processes and transformations that take place in this specifical setting, through the design of theoretical contribuitions and clinical descriptors that make able to know therapeutic results in psychopedagogical treatment.

  1. Feeding habits of the genet Genetta genetta in an Iberian continental wetland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maite Sánchez

    2009-02-01

    Full Text Available Abstract This study quantified the diet of the genet Genetta genetta in an Iberian continental wetland, the Galachos Nature Reserve, northern Spain, based on the frequency with which items appeared in five monthly-surveyed latrines during 2004-2005. Prey types were identified de visu using identification keys and expert advice. the genet was confirmed as an opportunistic and generalist predator, its diet including mammals (95.0%, plants (68.3% and arthropods (60.0% as main prey. With the exception of a newly available prey species, the alien crayfish Procambarus clarkii, the genet probably consumed arthropods because of chance encounters rather than active search. The consumption of fruits and small mammals varied seasonally. Riassunto Alimentazione della genetta Genetta genetta in un'area umida continentale della penisola iberica La dieta della genetta è stata investigata in un'area umida interna della Spagna settentrionale, la riserva Naturale dei Galachos. La frequenza di ciascuna categoria alimentare è stata espressa come numero di occorrenze mansili in cinque latrine monitorate per il periodo 2004-2005. Le categorie sono state identificate de visu tramite chiavi per il riconoscimento o l'intervento di singoli esperti. I risultati confermano il comportamento alimentare generalista e opportunista della genetta. La dieta ha incluso principalmente mammiferi (95%, vegetali (68.3% e artropodi (60%. Questi ultimi, con l'eccezione del gambero Procambarus clarkii, introdotto e di recente presenza, sono probabilmente utilizzati in modo opportunistico, piuttosto che in seguito a ricerca attiva. L'uso dei frutti e dei micromammiferi varia stagionalmente.

  2. From Homo Abilis to Homo Rationalis through Analytic Perception and Mathematics

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Lenzi

    2017-02-01

    Full Text Available Starting from the stage of “Homo habilis” man has gained - in the course  of about two million years during which he has undergone a gradual evolution from the initial animal stage - its status as “Homo rationalis”. However, not all individuals are able to satisfactorily activate the skill of reasoning. It is undeniable that a fundamental step towards this activation is the development of mathematical skills, which are a common heritage of all human beings. Hence the need for more concrete and better coordinateddidactic approaches, ultimately leading to the basic concepts of this discipline, which has an essential role in the acquisition of rationality.   Dall’Homo Abilis all’Homo Rationalis tramite la Percezione Analitica e la Matematica A partire dall’Homo abilis, l’uomo ha conquistato – nel corso di circa 2 milioni di anni, in cui si è progressivamente allontanato da uno stadio bestiale – il suo status di Homo rationalis. Però non tutti gli individui sono in grado di attivare in modo soddisfacente le abiltà di ragionamento. È innegabile che una tappa fondamentale verso quest’attivazione sia costituita dallo sviluppo delle abilità matematiche, che sono patrimonio di ogni essere umano. Da ciò deriva la necessità di impostazioni didattiche più concrete e meglio coordinate, da cui far scaturire in modo comprensibile i concetti fondamentali di tale disciplina, che ha un ruolo essenziale per l’acquisizione della razionalità.  Paole Chiave: filogenesi; memoria di specie; Homo sapiens sapiens; percezione

  3. Confocal fluorescence microscopy investigation of visible emitting defects induced by electron beam lithography in LIF films

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Montereali, R.M.; Bigotta, S.; Pace, A.; Piccinini, M. [ENEA, Divisione Fisica Applicata, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy); Burattini, E.; Grilli, A.; Raco, A. [Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Laboratori Nazionali di Fisica, Frascati, Rome (Italy); Giammatteo, M. [Unita' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Frascati, RM (Italy)]|[L' Aquila Univ., L' Aquila (Italy). Centro di Microscopia Elettronica; Picozzi, P.; Santucci, S. [Unita' Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Frascati, RM (Italy)]|[L' Aquila Univ., L' Aquila (Italy). Dipt. di Fisica

    2000-07-01

    Low energy electron irradiation of lithium fluoride (LiF), in the form of bulk crystals and films, gives rise to the stable formation of primary F defects and aggregated color centers in a thin layer located at the surface of the investigated material. For the first time a confocal light scanning microscope (CLSM) in fluorescence mode was used to reconstruct the depth distribution of efficiently emitting laser active color centers in a stripe-like region induced by 12 and 16 keV electrons on LiF films thermally evaporated on glass. The formation of the F{sub 3}{sup +} and F{sub 2} aggregated defects appears restricted to the electron penetration and proportional to their energy depth profile, as obtained from Monte Carlo simulations. [Italian] L'irraggiamento con elettroni di bassa energia del fluoruro di litio (LiF), in forma di cristalli e film, induce la formazione di difetti primari F e centri di colore aggregati stabili in un sottile strato localizzato alla superficie del materiale investigato. Per la prima volta un microscopio confocale a scansione (CLSM) in modalita' fluorescenza e' stato usato per ricostruire la distribuzione di centri di colore laser attivi ad alta efficienza di emissione nel visibile, in strisce colorate ottenute con elettroni da 12 e 16 keV su film di LiF evaporati termicamente su vetro. La formazione dei difetti aggregati F2 e F3+ risulta ristretta spazialmente nella regione di penetrazione degli elettroni e proporzionale al profilo della distribuzione dell'energia da essi depositata, ricavata tramite simulazioni Monte Carlo.

  4. La complessità del diverso nella piattezza di Flatland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Carluccio

    2015-07-01

    Full Text Available Abstract – This paper proposes an analysis of Edwin Abbott Abbott’s Flatland: a Romance of Many Dimensions (1884. In particular, it focuses on the first section of the novel, This World, which is interpreted as a satire of the Victorian society. In fact, the fictional world of Flatland appears to have been built exactly upon the middle class ideological standpoint. This is ironically translated into a series of strategies – both at a territorial and at a relational level – through which this group tries to maintain its hegemonic social position and, at the same time, to distance all those elements that may deviate from its image of respectability. This is investigated with special regard to the characters of the Irregular and of the isosceles triangle, towards which the middle class shows an attitude of closure. Such behaviour is nothing else but the satirical depiction of its ambiguous relationship with Otherness.Sommario – Questo saggio propone un’analisi di Flatland: a Romance of Many Dimensions (1884 di Edwin Abbott Abbott. Nello specifico, esso si sofferma sulla prima sezione del romanzo, This World, interpretata quale satira della società vittoriana. Difatti, il mondo fantastico di Flatland sembra essere stato costruito proprio sulla base dell’ideologia della middle class, che è ironicamente tradotta in una serie di strategie – su un piano sia territoriale sia relazionale – tramite le quali questo gruppo tenta di mantenere l’egemonia della sua posizione sociale e, al contempo, di allontanare tutti quegli elementi che potrebbero deviare dalla sua immagine di rispettabilità. Ciò è esaminato con particolare riferimento ai personaggi dell’Irregolare e del triangolo isoscele, verso i quali la middle class mostra un atteggiamento di chiusura. Tale comportamento non è altro che la satirica raffigurazione del suo ambiguo rapporto con l’Alterità.

  5. The Social Service between Values and Welfare Policies (Il Servizio Sociale tra Valori e Politiche di Welfare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca D'Atri

    2017-07-01

    Full Text Available Main values of social work guide and select the everyday work of professional social worker, within institutional and non-institutional contexts, for people and with people facing different conditions of fragility and poverty, acting more innovative intervention strategies that respond to the real needs of the individual, the family system and, in general terms, the local community. In such a perspective, SIA (Support for Active Inclusion is a measure of poverty alleviation which provides for economic benefits to families in poor economic situations. To enjoy this benefit, the applicant's family will have to attend a personalized social and employing activation project, through a pact between services and families, aimed to overcoming poverty and gradually regaining autonomy. Sunto I valori che sono alla base del servizio sociale guidano e orientano il lavoro dell’assistente sociale che quotidianamente opera, all’interno di contesti sia istituzionali che non istituzionali, con le persone e per le persone per il superamento delle situazioni di fragilità e povertà, mettendo in atto strategie d’intervento sempre più innovative e rispondenti ai reali bisogni dell’individuo, del sistema familiare e, in termini più generali, della comunità locale. In quest’ottica il SIA (sostegno per l’inclusione attiva è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un beneficio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate. Per godere di questo beneficio, il nucleo familiare del richiedente dovrà aderire ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, tramite un patto tra servizi e famiglie, teso al superamento della condizione di povertà e alla  riconquista graduale dell’autonomia. Parole chiave: Valori, Servizio Sociale, Povertà, Famiglia, Progetto

  6. La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Milena Bernardi

    2010-02-01

    Full Text Available Con il segmento di ricerca che viene presentato nella sua prima fase si prende in esame l’ipotesi di un processo, in atto da tempo, di trasformazione e/o di declino della narrazione orale nel rapporto quotidiano tra adulti e bambini, inteso, in questo specifico contesto, come “spia” dei mutamenti degli stili educativi e degli interscambi tra famiglie ed operatori dei servizi in relazione all’alleanza educativa. La complessità dei filoni di studio che rimandano alla voce “narrazione” negli ambiti delle scienze umane esige la precisazione della curvatura “narrativa” scelta per la ricerca in corso: curvatura che appartiene all’epistemologia della letteratura per l’infanzia e della pedagogia della narrazione in quanto permette di imboccare la strada della ricerca pedagogica rivolta innanzi tutto ai significati che il narrare assume nella relazione educativa e poi ai modi ed alle forme della narrazione che coinvolgono l’infanzia. In un’epoca di grande vitalità e visibilità delle narrazioni, tra cui abbondano le produzioni scritte, illustrate, filmate per l’infanzia, sembra esserci una zona marginale e quasi sommersa della comunicazione narrante che rischia di sfumare in una sorta di oblio. E’ la zona della narrazione orale esperita in praesentia da bambini ed adulti insieme, tessuta con fili di parole che restituiscono senso all’intero arco delle esperienze, tentando di riordinare il disordine che spesso connota la realtà, interpretando, stabilendo connessioni, impregnando di quel senso i vissuti, i fatti, le relazioni, le cose e le parole stesse, ancora, nelle voci. Del rischio e delle conseguenze che possono derivare dalla sua mancanza si occupa questo contributo di ricerca che, dal punto di vista metodologico, si è avvalso e si avvale sia di analisi condotte sul corpus dei testi sia della raccolta di dati e informazioni tramite incontri condotti con la modalità del focus group, con educatrici e genitori.

  7. Effetti dei blocchi totali del traffico motorizzato sulla concentrazione dei principali inquinamenti atmosferici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Signorelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: il contenimento degli inquinamenti atmosferici attraverso blocchi parziali e totali dei veicoli circolanti nelle aree critiche è un tema molto dibattuto negli ultimi anni, soprattutto in relazione all’efficacia a breve e medio termine di questi provvedimenti sulla concentrazione degli inquinanti nell’aria. Sulla base dei dati diffusi dall’ARPA della Regione Lombardia sono stati analizzati gli effetti di due blocchi totali del traffico motorizzato, avvenuti in due domeniche dell’inverno 2001-2002, sulle concentrazioni di due inquinanti specifici per il traffico veicolare, il PM10 e il benzene.

    Metodologia: l’analisi è stata condotta in Lombardia considerando i dati ambientali delle tre zone critiche dove sono stati registrati i valori più elevati di inquinanti atmosferici e dove sono stati attuati i blocchi del traffico come misura d’emergenza (Milano, Como e Sempione. Tramite l’elaborazione di alcuni parametri metereologici, di grafici e di dati relativi l’andamento delle medie giornaliere e orarie degli inquinanti considerati è stata, quindi valutata l’efficacia dei blocchi stradali ai fini della diminuzione dell’inquinamento atmosferico.

    Risultati: i risultati ottenuti hanno evidenziato che le concentrazioni di inquinanti subiscono complessivamente un calo nelle ore di blocco del traffico, ma risalgono rapidamente a partire dalle ore successive la conclusione dei blocchi e non subiscono variazioni significative nei giorni successivi. I fattori metereologici (vento e pioggia intensa rivestono grande importanza nel condizionare la concentrazioni di PM10 e benzene.

    Conclusioni: i risultati confermano che i provvedimenti d’emergenza di limitazione del traffico non rappresentano una soluzione definitiva per ridurre complessivamente l’inquinamento atmosferico nelle aree urbane. Risulta, quindi, necessario effettuare

  8. Misura e valutazione del rischio da esposizione al rumore per orchestrali di un teatro lirico nazionale - Measurement and risk assessment of noise exposure for orchestra members of an Italian opera house

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Annesi

    2017-02-01

    Full Text Available Ad oggi in Letteratura sono presenti pochi studi di settore basati sulla valutazione del rischio rumore nei teatri lirici. Questa condizione si è venuta a creare nonostante in Italia prima il D.Lgs. 195/06, che ha recepito la Direttiva sul rumore 2003/10/CE, e poi le “Linee guida per il settore della musica e delle attività ricreative”, emanate ai sensi dell’art. 198 del D.Lgs. 81/08, obbligano i datori di lavoro a eseguire la valutazione dei rischi. Il presente lavoro riporta i risultati preliminari di uno studio pilota dell’esposizione professionale a rumore dei musicisti dell’orchestra sinfonica di un teatro lirico ita-liano. Sono state effettuate rilevazioni fonometriche su un campione rappresentativo dei componenti dell’orchestra, tramite dosimetri personali e analizzatori in frequenza. Le registrazioni sonore sono state effettuate durante le esecuzioni musicali nella fossa d’orchestra del teatro durante diverse tipologie di rappresentazioni teatrali. ------ To date, in the literature there are few field studies based on the noise risk assessment in opera houses. This condition has come about in spite of the Italian Leg. Decree n. 195/06, which transposed the noise Directive 2003/10/EC, and then the national "Guidelines for the music industry and recreation", issued under Art. 198 of Leg. Decree n. 81/08, oblige employers to perform noise risk assessment. This paper reports the preliminary results of a pilot study of occupational exposure to noise of the symphony orchestra musicians of an Italian opera. Surveys were carried out on a representative sample of members of the orchestra, using personal dosimeters and frequency analyzers. Sound recordings were made during the musical performances in the orchestra pit of the theater during the various types of theatrical performances.

  9. Simboli apparenti: ricerca qualitativa sull'estetica dell'ipod

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Esposito

    2009-04-01

    Full Text Available Ormai i lettori di file mp3 - l’algoritmo di compressione per i brani musicali digitalizzati - sono entrati nel ventaglio delle tecnologie di uso comune, soprattutto per quanto concerne l’universo giovanile. All’interno dell’infinita varietà di marche e modelli però, possiamo sostenere con buona sicurezza che l’iPod, il lettore mp3 della Apple, ha saputo conquistarsi una buona fetta di mercato. I motivi del suo successo commerciale si legano a diversi elementi, tra i quali non possiamo far a meno di citare la capacità dell’iPod di assorbire le interpretazioni simboliche proposte dai suoi fruitori, un processo quasi sconosciuto agli altri lettori mp3. L’iPod non viene inteso sic et simpliciter come un oggetto con relativa funzione ma anche come simbolo, un contenitore di significati mutevoli che gli individui utilizzano per comunicare ai propri simili la loro solidarietà nei confronti del “pensiero Apple”. Ma non solo: se tutto ciò fosse vero, potremmo anche immaginare questo lettore mp3 investito da valori estetici a tal punto da trasfigurarsi in orpello da abbinare con il soprabito. È possibile, quindi, pensare all’iPod non solo come lettore di file mp3 ma anche come un qualsiasi monile, gioiello e/o accessorio del proprio abbigliamento? Questa domanda rappresenta la base della ricerca che verrà approfondita nel seguente saggio, un lavoro che tramite l’utilizzo di tecniche appartenenti all’universo della ricerca qualitativa cerca di dare possibili risposte - mai definitive - ai precedenti quesiti.

  10. Insécurité urbaine, analyse criminologique et prévention situationnelle intégrée - Urban insecurity, criminological analysis and integrated situational prevention - Insicurezza urbana, analisi criminologica e prevenzione situazionale integrata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Koudou O.

    2009-08-01

    Full Text Available L’insécurité en Côte d’Ivoire est stable. Les actions et missions de la police ne suffisent pas pour la réguler. Il est possible de compléter celles-ci par la stratégie de la prévention situationnelle « intégrée ». Celle-ci porte sur huit points complémentaires : 1- Analyse des problèmes criminels ; 2- Intégration de la technologie de sécurité ; 3- Surveillance continue de précision ; 4- Restauration de sites à risques ; 5- Police de proximité anticipatrice ; 6- Actions coordonnées des régulateurs ; 7- Modification de l’attitude des victimes potentielles ; 8- Evaluation et adaptation des actions.Insecurity in Ivory Coast is stable. Acts and assignments of police are not enough to decline it. It is possible to complete these by the strategy of “integrative” situational prevention. These are supported by eight complementary degrees: 1- Analysis of criminals problems; 2- Integration of security technology; 3- Precision in uninterrupted supervision; 4- Restoration of risks situations; 5- Proximity police for anticipation; 6- Regulator co-ordination acts; 7- Modification of potential victims attitudes; 8- Valuation and adaptation acts.L’insicurezza in Costa d’Avorio è stabile. Le azioni e gli interventi della polizia non sono sufficienti a regolarla ed è possibile completarli tramite la strategia della prevenzione situazionale « integrata ». Quest’ultima si basa su otto punti complementari : 1- Analisi dei problemi di criminalità ; 2- Integrazione della tecnologia di sicurezza ; 3- Sorveglianza continua e puntuale ; 4- Ripristino di situazioni a rischio ; 5- Polizia di prossimità preventiva ; 6- Azioni coordinate di regolazione ; 7- Modifiche dei comportamenti delle vittime potenziali ; 8- Valutazione ed adattamento delle azioni intraprese.

  11. Amorphous silicon crystallization by laser. Report of the experiments at Frascati (Project Foto); Cristallizzazione di silicio amorfo via laser. Rapporto degli esperimenti a frascati (Progetto Foto)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bollanti, S; Di Lazzaro, P; Murra, D [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy). Div. Fisica Applicata; Imparato, A; Privato, C [ENEA, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy). Div. Fonti Rinnovabili; Carluccio, R; Fortunato, G; Mariucci, L; Pecora, A [CNR Istituto di Elettronica dello Stato Solido, Rome (Italy)

    2000-07-01

    The final goal of the Project FOTO is the construction of a laboratory in a clean room for the production of active matrix which can be used to obtain Active Matrix Liquid Crystal Displays (AMLCD). The AMLCD are based on Thin Film Transistors (TFT), which can be obtained by poly-silicon (poly-Si) thin films, achieved, e.g., by irradiating films of amorphous silicon (a-Si) by ultraviolet laser radiation. In this report, are presented the results of the a-Si irradiation by using the laser-facility Hercules (excimer XeCl, l=0,308 mm) done at the ENEA Frascati Centre. The transformation of a-Si into poly-Si is commented upon the variation of the space-time characteristics of the laser pulses, of the irradiation conditions and of the characteristics of the irradiated a-Si films. [Italian] Il macro-obiettivo del Progetto FOTO e' la realizzazione di un laboratorio in camera pulita per lo sviluppo di processi atti a fabbricare matrici attive utilizzabili per ottenere schermi piatti a cristalli liquidi (AMLCD, Active Matrix Liquid Crystal Display). Uno dei primi passi del processo consiste nel creare transistori a film sottile (TFT, Thin Film Transistor). A tal fine, e' necessario ottenere strati sottili di Silicio policristallino irragiando films di silicio amorfo con luce laser ultravioletta. In questo rapporto, sono presentati i risultati degli irraggiamenti di film sottili di silicio amorfo tramite la laser-facility Hercules (eccimero XeCl, l=0,308 mm) effettuati presso il C.R. ENEA di Frascati. La trasformazione di silicio amorfo in silicio policristallino cosi' ottenuta e' commentata al variare delle caratteristiche spazio-temporali dell'impulso laser, delle condizioni di irraggiamento e delle caratteristiche del film di silicio amorfo irraggiato.

  12. Lymphoma and broncho-pneumonia in a calf; Linfoma e broncopolmonite in un vitello Linfoma e broncopolmonite in un vitello

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lallemand, M.; Francoz, D.; Latouche, J. S. [Université de Montreal, Quebec (Canada)

    2005-01-15

    A one and a half month old Holstein calf was presented with a chronic respiratory condition. Clinical examination revealed cachexia and lymphadenopathy and wheezes and crepitations on auscultation. Blood cell count indicated a non-regenerative microcytic anaemia and marked lymphopenia. Broncho-pneumonia due to Mycoplasma bovis was diagnosed after radiography and cytobacteriology of transtracheal lavage. A large cell lymphoma was suspected after finding a high proportion of large lymphocytes in a lymph node puncture aspirate. Serology for bovine leukosis was negative. A diagnosis of juvenile lymphoma associated with M. bovis broncho-pneumonia was established. The diagnosis was confirmed on post-mortem. Juvenile lymphoma is rare. Affected animals are aged between two and six months and systematically present generalised lymphadenopathy. This disease is always fatal. When an animal is presented with generalised lymphadenopathy, this condition should be eliminated by lymph node puncture of a moderately hypertrophied lymph node before other tests are performed [Italian] Una vitella di razza Holstein di un mese e mezzo viene colpita da una patologia respiratoria cronica. All´esame clinico si evidenzia cachessia e poli-adenomegalia, sibili e crepitii all´auscultazione. L´esame emocromocitometrico con formula leucocitaria evidenzia un´anemia microcitica non rigenerativa e linfopenia marcata. Le immagini radiografiche e l´esame citobatteriologico del liquido di lavaggio transtracheale mettono in evidenza una broncopolmonite da Mycoplasma bovis. L´alta percentuale di grandi linfociti rinvenuta in un campione prelevato tramite ago-aspirazione da un linfonodo depone a favore di un linfoma a grandi cellule. L´esame sierologico per la leucosi bovina è negativo. Viene formulata la diagnosi di linfoma giovanile, associato a broncopolmonite da Mycoplasma bovis. L´animale viene sottoposto a eutanasia e l´esame necroscopico conferma la diagnosi.

  13. Sentiment Analysis per analizzare gli effetti del cinema sulla percezione dei luoghi. Il caso pugliese / Sentiment Analysis to study the effects of cinema on the perception of places. The case of Puglia Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Albanese

    2016-05-01

    Full Text Available Il film induced iourism è un fenomeno ormai indiscutibile e che va affrontato con sistematicità e metodologie sempre più raffinate per consentire ai policy makers di sfruttarne più consapevolmente le potenzialità. In Puglia la realizzazione di pellicole di successo ha provocato effetti turistici e territoriali notevoli. Per poter comprendere realmente se e quanto l’incoming turistico pugliese sia influenzato, nella sua dimensione quantitativa e qualitativa, dall’immagine veicolata dal cinema, si ipotizza qui l’utilizzo di una nuova metodologia di analisi: la Sentiment Analysis. Si intende passare al setaccio i Big Data tematici, tramite una scansione intelligente dei social network e poi riportare le valutazioni (sentiment sul territorio pugliese espresse nei diversi luoghi virtuali di conversazione da parte della domanda turistica. Questa tipologia di studio del dato è del tutto innovativa per il settore cineturistico e può portare ad esiti del tutto inattesi sovvertendo in alcuni casi le interpretazioni prettamente soggettive dei dati quantitativi più tradizionali. Film induced tourism is an undeniable phenomenon and it is necessary to study it sistematically and with sophisticated methods to allow policy makers to exploit, more consciously, its potentiality. In Apulia the successful movies maybe have caused tourism and territorial remarkable effects. In order to understand if and how incoming in Apulia is influenced, in quantitative and qualitative terms, from the image conveyed by cinema, we’ll use a new method of analysis: the Sentiment Analysis. It means making an intelligent scanning of social networks and then bring feedback (sentiment about Apulia expressed in different virtual places of conversation by the tourist demand. This kind of opinion mining study is totally innovative for film induced tourism and can lead to outcomes completely unexpected subverting, in some cases, subjective interpretations of the

  14. Impiego di materiali plastici nell'industria alimentare: rilascio di 'Endocrine Disruptors' valutato mediante test a breve termine in vitro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Reali

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione del rischio di esposizione della popolazione a composti chimici estrogenomimetici rilasciati da materiali plastici utilizzati nell’industria delle bevande e nel packaging di alimenti

    Metodi: messa a punto di un metodo di estrazione di composti organici da flussi acquosi tramite l’uso di resine di amberlite® XAD®-2 con passaggio di matrice acquosa (50ml/min attraverso tubi di adduzione. L’analisi chimica di eventuali composti chimici migranti da tubi e contenitori per bevande è stata effettuata con GC/MS e arricchimento con tecnica SPME. L’attività estrogeno mimetica degli estratti è stata saggiata con un test biologico a breve termine, il Yeast Estrogen Screen. Il costrutto di Saccharomyces cerevisiae è vettore di sequenze di DNA che codificano il recettore estrogenico alfaumano e i rispettivi response elements legati alla regione promotrice del gene reporter LacZ per la ßgalattosidasi. L’induzione di sintesi di ß-galattosidasi dipende dall’attivazione del gene reporter conseguente all’affinità di legame ligando-recettore e viene misurata spettrofotometricamente. La potenza estrogenica viene calcolata in riferimento all’attività elicitata dall’ormone naturale 17ß-estradiolo nelle stesse condizioni sperimentali preso come controllo positivo di riferimento (RIE.

    Risultati preliminari e Conclusioni: l’analisi tossicologica in vitro ha evidenziato che nell’acqua che è stata a contatto con silicone e PVC in condizioni dinamiche sono presenti composti chimici (1-10 μg/lt: con attività estrogeno-mimetica (RIE= 87.31;44.28. Sono emersi aspetti interessanti da studiare ulteriormente nell’ottica della promozione della sicurezza alimentare.

  15. All’origine dei differenziali salariali di genere nel settore non profit. il caso delle cooperative sociali italiane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica D’Isanto

    2013-01-01

    Full Text Available L’elevata quota di lavoratrici nelle organizzazioni non profit potrebbe indurre a rite-nere le cooperative sociali un luogo ideale per la manodopera femminile, proprio perché in questo tipo di istituzioni le donne avrebbero maggiori possibilità di impiego e mag-giori opportunità di accedere a posizioni di potere organizzativo (data la peculiare natu-ra democratica che caratterizzerebbe tali istituzioni. Sebbene l’aumento della parteci-pazione femminile nel mercato del lavoro sociale abbia un impatto positivo sul tasso di crescita dell’economia, è stato dimostrato che la predominanza delle donne nel settore nonprofit non solo non riesce sempre a tradursi in un’attenuazione delle discriminazioni di genere in termini di carriera, retribuzione e accesso a ruoli di comando, ma rischia anche di implicare, tramite la mancata valorizzazione del loro apporto, la svalutazione economica dell’intero settore. I dati, infatti, confermano la presenza di potenti meccani-smi discriminatori rispetto al genere, tanto più sorprendenti quanto più si consideri l’elevata presenza di donne tra i lavoratori di queste organizzazioni.In Italia nel 2007 è emerso che il 74% della forza lavoro nel settore nonprofit era co-stituito da donne.Questo lavoro ha due obiettivi. In primo luogo (e per la prima volta nel contesto ita-liano, si propone di studiare le caratteristiche di questa composizione femminile della forza lavoro, utilizzando la banca dati ICSI 2007 (Indagine Cooperative Sociali Italia-ne; in secondo luogo, di analizzare il rapporto esistente tra differenziali salariale di ge-nere e segregazione.I principali risultati sono che anche nel settore non profit esiste un differenziale sala-riale di genere di circa il 16% in favore degli uomini (dato conforme alla media degli altri paesi europei; che esiste la segregazione femminile (orizzontale e verticale e che questa spiega quasi interamente l’esistenza di questo differenziale salariale.

  16. Valutazione dell'appropriatezza dei ricoveri in un Policlinico Universitario: analisi mediante l'uso comparativo dei sistemi di classificazione isogravitá APR-DRG e Disease Staging e del PRUO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Volpe

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri effettuati in un Policlinico Universitario attraverso la comparazione di due metodi, dei quali uno basato sui dati della scheda di dimissione ospedaliera ed utilizza, rispettivamente, i sistemi di classificazione iso-gravità APR-DRG e Disease Staging e l’altro sulla revisione delle cartelle cliniche mediante il PRUO.

    Metodi: oggetto di analisi sono i ricoveri ordinari effettuati nell’anno 2001 ed afferenti ai DRG inclusi nella delibera della Giunta Regionale del Lazio 864/2002 che recepisce il D.P.C.M. 29/11/2001 sui livelli essenziali di assistenza.

    Risultati: i risultati evidenziano che le due varianti del
    metodo basato sulla SDO (metodo APPRO mostrano quote di ricoveri inappropriati sovrapponibili rispetto al complesso dei ricoveri oggetto di analisi, ma con differenze anche rilevanti tra APR-DRG e Disease Staging in relazione ai singoli DRG considerati, riconducibili ai diversi algoritmi di attribuzione del livello di severità utilizzati dai due sistemi. L’analisi campionaria effettuata con il metodo PRUO su casi afferenti ai DRG della DGR 864/2002 caratterizzati da livelli di severità minimi evidenzia una proporzione di ricoveri inappropriati superiore a quella determinata tramite i metodi basati sulla SDO. Tale differenza è verosimilmente dovuta al ruolo del valore delle soglie percentuali di accettabilità individuate dalla Regione Lazio per ciascun DRG: le quote di ricoveri che eccedono tali soglie sono considerate inappropriate.

    Conclusioni: sulla base dei risultati ottenuti gli autori
    descrivono gli interventi organizzativi adottati per ottimizzare il contesto di erogazione delle prestazioni
    oggetto di analisi, discutono vantaggi e limiti dei metodi SDO-based e del metodo analitico PRUObased e ne propongono l

  17. Amorphous silicon crystallization by laser. Report of the experiments at Frascati (Project Foto); Cristallizzazione di silicio amorfo via laser. Rapporto degli esperimenti a frascati (Progetto Foto)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bollanti, S.; Di Lazzaro, P.; Murra, D. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy). Div. Fisica Applicata; Imparato, A.; Privato, C. [ENEA, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy). Div. Fonti Rinnovabili; Carluccio, R.; Fortunato, G.; Mariucci, L.; Pecora, A. [CNR Istituto di Elettronica dello Stato Solido, Rome (Italy)

    2000-07-01

    The final goal of the Project FOTO is the construction of a laboratory in a clean room for the production of active matrix which can be used to obtain Active Matrix Liquid Crystal Displays (AMLCD). The AMLCD are based on Thin Film Transistors (TFT), which can be obtained by poly-silicon (poly-Si) thin films, achieved, e.g., by irradiating films of amorphous silicon (a-Si) by ultraviolet laser radiation. In this report, are presented the results of the a-Si irradiation by using the laser-facility Hercules (excimer XeCl, l=0,308 mm) done at the ENEA Frascati Centre. The transformation of a-Si into poly-Si is commented upon the variation of the space-time characteristics of the laser pulses, of the irradiation conditions and of the characteristics of the irradiated a-Si films. [Italian] Il macro-obiettivo del Progetto FOTO e' la realizzazione di un laboratorio in camera pulita per lo sviluppo di processi atti a fabbricare matrici attive utilizzabili per ottenere schermi piatti a cristalli liquidi (AMLCD, Active Matrix Liquid Crystal Display). Uno dei primi passi del processo consiste nel creare transistori a film sottile (TFT, Thin Film Transistor). A tal fine, e' necessario ottenere strati sottili di Silicio policristallino irragiando films di silicio amorfo con luce laser ultravioletta. In questo rapporto, sono presentati i risultati degli irraggiamenti di film sottili di silicio amorfo tramite la laser-facility Hercules (eccimero XeCl, l=0,308 mm) effettuati presso il C.R. ENEA di Frascati. La trasformazione di silicio amorfo in silicio policristallino cosi' ottenuta e' commentata al variare delle caratteristiche spazio-temporali dell'impulso laser, delle condizioni di irraggiamento e delle caratteristiche del film di silicio amorfo irraggiato.

  18. Cruetzfieldt Jakob Disease e sindromi correlate Il centro di riferimento Piemontese e la sua sorveglianza epidemiologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Catapano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Le encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST sono malattie del sistema nervoso dell’uomo, ad esito infausto. L’agente eziologico, la proteina prionica (PrP, può trasformarsi e accumularsi nella cellula nervosa causandone la morte. La scoperta negli anni ‘90 di una variante (v. Cruetzfieldt Jakob Disease, correlata all’encefalopatia spongiforme bovina, che colpisce soggetti sotto i 30 anni, ha aumentato l’interesse per le EST.

    I paesi della comunità europea hanno adottano misure di controllo della carne bovina e si sono dotati di osservatori epidemiologici. Pertanto anche in Italia si è avuta l’esigenza di doverne disporre. Si è deciso quindi di istituire anche in Piemonte un centro per la sorveglianza e la notifica delle EST tramite sorveglianza epidemiologica e diagnosi, per mezzo di indagini molecolari e neuropatologiche con la successiva costituzione di una banca dati condivisa con altri centri di riferimento regionali, per la raccolta di dati clinici e strumentali dai reparti di neurologia piemontesi con ricovero in sede dei casi di EST giunti all’osservazione.

    In sede vengono effettuati anche il prelievo, la raccolta, la conservazione di tessuti e altri materiali biologici e si svolgono successive indagini neurobiologiche quali:

     1 la ricerca della proteina 14 3 3 su liquor;

     2 determinazione genotipo del codone 129;

     3 determinazione della sequenza del gene della PrP,

     4 ricerca della PrP proteasi resistente a livello tissutale;

     5 determinazione del sottotipo di PrP. Le indagini neuropatologiche vengono effettuate in collaborazione con dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino. Si intende inoltre fare promozione attiva delle attività e condivisione delle informazioni raccolte con altri centri.

  19. Il telerilevamento a supporto dell’Augmented Reality

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Gemma

    2011-04-01

    Full Text Available Fondere insieme realtà e oggetti virtuali per muoversi al meglio con efficacia ed efficienza è quanto si propone, tramite la  Realtà Aumentata, la AGI, Analytical Graphics Inc. di Exton (USA, distribuita in esclusiva in Italia da GMSPAZIO che offre il sistema STK, storicamente conosciuto come Satellite ToolKit che offre più di quarantamila utenti nel mondo un esteso set di funzionalità capaci di soddisfare ogni tipo di esigenza.Remote  Sensing  and  Augmented RealityAugmented reality has been used for years  in  the  broadcast  industry.  You see it every time the National Football League paints a yellow first-down line on the playing field. While it is com-monplace and easy to execute in con-trolled environments with fixed cam-era  positions,  predetermined  angles and known terrain, the opposite is true in uncontrolled environments, such as battlefields in Kandahar. Nonetheless, augmented reality is essential for the warfighter, and the global intelligence community (IC is faced with the chal-lenge  of  efficiently  creating  and  dis-seminating intelligence products from increasing  amounts  of  video  data. AGI’s  Insight3D  development  library is helping to overcome many hurdles of ISR-focused augmented reality.

  20. Il telerilevamento a supporto dell’Augmented Reality

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Gemma

    2011-04-01

    Full Text Available Fondere insieme realtà e oggetti virtuali per muoversi al meglio con efficacia ed efficienza è quanto si propone, tramite la  Realtà Aumentata, la AGI, Analytical Graphics Inc. di Exton (USA, distribuita in esclusiva in Italia da GMSPAZIO che offre il sistema STK, storicamente conosciuto come Satellite ToolKit che offre più di quarantamila utenti nel mondo un esteso set di funzionalità capaci di soddisfare ogni tipo di esigenza. Remote  Sensing  and  Augmented Reality Augmented reality has been used for years  in  the  broadcast  industry.  You see it every time the National Football League paints a yellow first-down line on the playing field. While it is com-monplace and easy to execute in con-trolled environments with fixed cam-era  positions,  predetermined  angles and known terrain, the opposite is true in uncontrolled environments, such as battlefields in Kandahar. Nonetheless, augmented reality is essential for the warfighter, and the global intelligence community (IC is faced with the chal-lenge  of  efficiently  creating  and  dis-seminating intelligence products from increasing  amounts  of  video  data. AGI’s  Insight3D  development  library is helping to overcome many hurdles of ISR-focused augmented reality.

  1. Micromammals (Insectivora; Rodentia of "Valle dell'Inferno" (Rome / Micromammiferi (Insectivora; Rodentia della Valle dell'Inferno (Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Federici

    1986-12-01

    Full Text Available Abstract A research on micromammals in the area of "Valle dell'Inferno" (in the north-west of Rome was carried out. The study was based on a previous phytosociological survey which describes a Quercus suber population in the valley (a once larger residua1 of a roman cork-tree wood which is now included in the town. Specimens from Rodents (Apodemus sylvaticus, Mus domesticus, Rattus rattus, R. norvegicus, Pitymys savii and Insectivores (Crocidura suaveolens, Erinaceus europaeus were captured by live traps. Most of Insectivores specimens are represented by C. suaveolens. Generally C. suaveolens lives in sympatry with C. leucodon but no specimens of the latter were found in this area. Three different kinds of landscape are present in the "Inferno" valley, namely, the wood, the meadow, and the bottom valley (with high anthropic impact; we have compared these three landscapes with biotic indexes (index of faunistic affinity, index of biocoenotic affinity and index of environmental evaluation. We have also compared through the same indexes, the micromammal fauna of the "Inferno" valley with six other differently polluted localities in Latium, where animals were captured with the same live traps. This area retains its natura1 environment in despite of the high anthropic impact. Riassunto È stato effettuato uno studio sulla micromammalofauna terrestre della Valle dell'Inferno situata a nord-ovest di Roma. Lo studio è basato su una precedente indagine fitosociologica effettuata per la caratterizzazione vegetazionale di una sughereta un tempo molto estesa ed ora racchiusa nell'abitato cittadino. È stato pertanto possibile tracciare, tramite gli indici biotici, una correlazione tra microteriocenosi ed effetti dell'impatto antropico.

  2. L’ITALIANO ALL’UNIVERSITÉ DE SAVOIE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Costantini

    2014-02-01

    Full Text Available Il lavoro traccia un profilo degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Lingua, letteratura e cultura italiana della facoltà di Lettere, lingue e scienze umane dell’Université de Savoie (Chambéry, Francia. Basandosi su informazioni raccolte presso un campione di ventisei studenti tramite un apposito questionario, l’articolo delinea un ritratto degli apprendenti e ne analizza le esperienze passate e presenti di apprendimento linguistico; i contatti che essi hanno con l’Italia e con parlanti italofoni; le motivazioni di ordine culturale, professionale e personale che li hanno spinti all’apprendimento della lingua italiana. A partire dal loro profilo che i dati fanno emergere si stabilisce un confronto, in merito alle dinamiche di studio e alle motivazioni all’apprendimento dell’italiano, tra gli studenti di Chambéry e l’utenza dei corsi di lingua italiana organizzati dagli Istituti italiani di cultura nel mondo.  Italian at the Université de Savoie The article profiles students enrolled in the undergraduate program in Italian language, literature and culture at the Faculty of Arts, Languages and Humanities at the Université de Savoie (Chambéry, France. Based on information gathered from a sample of twenty-six students through a questionnaire, the article outlines a portrait of the learners and analyzes their past and present experience regarding language learning, contact they have with Italy and Italian speakers and the cultural, professional and personal reasons that brought them to study the Italian language. Based on the data, a comparison regarding the dynamics of Italian language learning and motivation among students in Chambéry and users of Italian language courses organized by the Italian Cultural Institutes in the world can be made.

  3. An Alpha spectrometer for measuring radon daughter individual activity concentration; Spettrometro Alfa per la misura delle concentrazioni individuali in attivita' della progenie del radon

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Berico, M.; Formignani, M. [ENEA, Div. Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche E. Clementel, Bologna (Italy); Mariotti, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. di Fisica

    2001-07-01

    In the frame of the program of the Institute for Radiation Protection of ENEA, related to the evaluation of dose from radon and thoron progeny, an alpha spectrometer for the continuous air monitoring (CAM type) of radon and thoron has been realized. The constructive characteristics of the device are here presented together with energy and efficiency calibration. The device allows, by means of a screen type diffusion battery and a filter, to determinate the single radioactivity of each radionuclide of the progeny selecting them in relation to their diffusive behaviour (dichotomous particle size selection). The three-count filter method has been employed to measure the concentrations of {sup 218}Po, {sup 214}Pb and {sup 214}Bi in air. Radon and thoron effective doses using a dosimetric, instead of an epidemiologic approach, will be then evaluated. [Italian] Presso l'Istituto per la Radioprotezione, nell'ambito del programma di valutazione di dose da radon e' stato progettato e realizzato uno spettrometro alfa per il monitoraggio continuo in aria (CAM) della progenie del radon e del toron. Le caratteristiche costruttive dello strumento permettono, tramite l'utilizzo di batterie a diffusione a reti, di determinare l'attivita' individuale della progenie per diverse dimensioni granulometriche in particolare per la frazione attaccata e non al particolato amosferico con un taglio granulometrico di qualche nanometro. E' stato inoltre applicato un metodo spettrometrico a tre conteggi per il calcolo delle concentrazioni individuali della progenie del radon, {sup 218}Po, {sup 214}Pb and {sup 214}Bi, effettuando un conteggio alfa di {sup 218}Po e due conteggi alfa di {sup 214}Po. Tale informazione consentira' una valutazione della dose di radon utilizzando il modello dosimetrico in alternativa a quello epidemiologico.

  4. Representation of architectural artifacts: definition of an approach combining the complexity of the 3d digital instance with the intelligibility of the theoretical model.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    David Lo Buglio

    2012-12-01

    Full Text Available EnWith the arrival of digital technologies in the field of architectural documentation, many tools and methods for data acquisition have been considerably developed. However, these developments are primarily used for recording colorimetric and dimensional properties of the objects processed. The actors, of the disciplines concerned by 3D digitization of architectural heritage, are facing with a large number of data, leaving the survey far from its cognitive dimension. In this context, it seems necessary to provide innovative solutions in order to increase the informational value of the representations produced by strengthen relations between "multiplicity" of data and "intelligibility" of the theoretical model. With the purpose of answering to the lack of methodology we perceived, this article therefore offers an approach to the creation of representation systems that articulate the digital instance with the geometric/semantic model.ItGrazie all’introduzione delle tecnologie digitali nel campo della documentazione architettonica, molti strumenti e metodi di acquisizione hanno avuto un notevole sviluppo. Tuttavia, questi sviluppi si sono principalmente concentrati sulla registrazione e sulla restituzione delle proprietà geometriche e colorimetriche degli oggetti di studio. Le discipline interessate alla digitalizzazione 3D del patrimonio architettonico hanno pertanto la possibilità di produrre delle grandi quantità di dati attraverso un’evoluzione delle pratiche di documentazione che potrebbero progressivamente far scomparire la dimensione cognitiva del rilievo. In questo contesto, appare necessario fornire soluzioni innovative per aumentare il valore informativo delle rappresentazioni digitali tramite l’identificazione delle relazioni potenziali che è possibile costruire fra le nozioni di "molteplicità" ed "intelligibilità". Per rispondere a questo deficit metodologico, questo articolo presenta le basi di un approccio per la

  5. [Applicability of syalometry and other instruments to evaluate xerostomia and xerophtalmia in a Sjögren's Syndrome outpatient clinic].

    Science.gov (United States)

    Barcelos, Filipe; Patto, José Vaz; Parente, Manuela; Medeiros, Dina; Sousa, Miguel; Figueiredo, Rui; Miguel, Cláudia; Teixeira, Ana

    2009-01-01

    To evaluate the applicability and utility of unstimulated syalometry and instruments of evaluation of sicca complaints in a Sjögren's syndrome outpatient clinic. We performed unstimulated syalometry to 45 consecutive Primary Sjögren's Syndrome patients (PSS) and 21 healthy asymptomatic individuals age and sex-matched. PSS patients were further evaluated with Schirmer's test. We applied 3 published questionnaires to PSS patients: Xerostomia Inventory (XI), Oral Health Impact Profile-short form (OHIP) and Ocular Surface Disease Index (OSDI), and correlated the results with syalometry and Schirmer's test. Statistical analysis was performed with SPSS (Mann-Whitney U-test and Spearman's correlation). Salivary flux was significantly lower in PSS patients, as compared to controls (0.08+/-0.01 ml/min versus 0.38+/-0.25 ml/min, p=0.000), and decreased with age. Syalometry didn't correlate with Schirmer's test. OHIP scores (mean 26.8 points, ranging from 2 to 43 for a maximum of 56 points) didn't correlate with syalometry neither with Schirmer's test, but showed an association with the XI (p<0.0005) and OSDI (p<0.0005) tests. The XI questionnaire (mean 28.4 points, ranging from 11 to 41 for a maximum of 44 points) correlated with syalometry (p=0.018), with the OHIP questionary (p<0.0005) and with the OSDI scale (p=0.004), although it didn't correlate with Schirmer's test. OSDI scores (mean 56.5 points, ranging from 7 to 90 for a maximum of 100 points) didn't correlate with Schirmer's test neither with syalometry, but associated with the XI (p=0.004) and OHIP (p<0.0005) scales. Unstimulated syalometry is useful in the evaluation of patients suspected of suffering from Sjögren's syndrome, since it can confirm salivary hypofunction in a quick and cheap manner, allowing to differentiate between healthy individuals and patients. In a specialized clinic, the immediate availability of a salivary functional test is important in the classification of PSS or sicca syndrome. The

  6. Relationship of changing social atmosphere, lifestyle and bone mineral density in college students

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lee, In Ja; Ko, Yo Han; Kim, Chung Kyung; Kim, Hee Sol; Park, Da Jeong; Yoon, Hyeo Min; Jeong, Yu Jin [Dept. of Radiological Technology, Dongnam Health college, Suwon (Korea, Republic of)

    2013-12-15

    The decrease of bone mineral density gives rise to the outbreak of osteopenia and makes the possibility of a bone fracture. It makes health problems in society. It's very important to prevent osteopenia in advance. Also it's critical to prevent and take care of it in adolescent because it's the most developing period comparing to middle ages because that bone mineral density decreases. There are genetic, physical and environmental factors that affect bone mineral density. Recently, a lifestyle and eating habits are also changing as the society atmosphere is gradually doing. This study have shown that 134 women and 75 men was chosen and responded to the survey of measuring bone mineral density and investigating a lifestyle. The measure of bone mineral density is to use Dual energy X-ray absorptiometry(DEXA) and check femoral neck and lumbar spine. Also questionaries was required to pre-made survey about their lifestyles. Analysis of data was done with SPSS program. Multiple regression analysis was used for the relation of bone mineral density, the heigths and BMI. The sample of Groups are checked for drinking, smoking or excercising about differences by t-test. The results of the experiments were; first, there is statistically significant differences in the comparisons between BMD and BMD. But there isn't any special correlation between drinking, smoking and BMD. Secondly, bone mineral density becomes low related to an intake of caffeine. Particularly, this is statically significant on women. Also there is statically significant correlation between femoral neck and quantity of motion for both men and women. Third, there is significant relation between eating habits and bone mineral density on women's lumbar spine. However, there is no significant relation between men's lumbar spine and women's one. Therefore, to prevent osteopenia, it's good to abstain from intaking caffeine within an hour after a meal. In addition, it

  7. Estudio de seguimiento del desgaste profesional en relación con factores organizativos en el personal de enfermería de medicina interna A survey of the professional weakening in relation with organizational factors in the nursing staff of the internal medicine deparment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mª Carmen Gómez Sánchez

    2009-06-01

    Full Text Available El personal de enfermería es uno de los grupos profesionales más afectados por el Síndrome de burnout, debido a la gran cantidad de estresores diarios, inherentes a su profesión, que debe afrontar. El objetivo de este estudio fue analizar comparativamente el grado de estrés profesional y satisfacción laboral en un grupo de profesionales de enfermería de Medicina Interna en el año 1998 y 2005, e intentar analizar si existía relación con factores organizativos de la Institución. En ambos años se distribuyen 107 cuestionarios que incluían el Inventario de Burnout de Maslach (MBI para medir la incidencia de Burnout y el Cuestionario de Satisfacción Laboral de Warr, Cook y Hall (1979. Se objetivó un descenso del grado de agotamiento emocional y un aumento del grado de realización personal. El grado de satisfacción laboral de los profesionales en ambos años objeto de estudio fue de moderadamente satisfecho. El hecho de disminuir la sobrecarga laboral y mejorar la seguridad en el puesto de trabajo podría influir positivamente en la reducción de la sobrecarga emocional.Nursing staff is one of the most affected professional groups the burnout syndrome due to the great quantity of everyday stressful factors which are attached to their profession which nurses have to face up to. The aim of this survey was to analyze comparatively the professional stress and labour self-satisfaction in a professional nursing staff of the internal medicine department between 1998 and 200 and to try to analyze if there was any relationship with organizational factors of the institution. 107 questionnaires were given out in both years the questionnaires included burnout inventory of Maslach to measure the incidence of burnout and the questionary of laboral self-satisfaction. The result of the survey was a falling-of the emotional exhaustion degree and an increase of the personal fulfilment degree. The degree of personal self-satisfaction of the nursing

  8. Bambini stranieri con bisogni speciali: rappresentazione della disabilità dei figli da parte delle famiglie migranti e degli insegnanti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alain Goussot

    2010-02-01

    Full Text Available Interviste qualitative a genitori immigrati di bambine e bambini con disabilità: 5 interviste a Cesena e 4 interviste a Pescara. Somministrazione questionari ad insegnanti. La maggioranza dei bambini frequenta la scuola primaria e qualcuno la secondaria. Dalle interviste fatte ai genitori, in particolare le madri si hanno una serie di indicazioni sulla storia nella prima infanzia, su come i genitori vivono la disabilità dei propri figli in una condizione particolare che è quella dell'esperienza migratoria. Nella ricostruzione della storia migratoria abbiamo anche la ricostruzione delle storie cliniche dei bambini; alcuni con disabilità congenite (la maggior parte di tipo sensoriale (sordità, cecità , qualcuno con disabilità intellettiva, vi sono anche due casi con disabilità acquisite. la ricerca mette in evidenza quanto lo sguardo e il vissuto dei genitori sia fortemente condizionato da alcuni variabili: cultura di origine, condizioni e motivi dell'esperienza migratoria, evento traumatico che provoca la disabilità, condizioni dell'accoglienza in Italia, storia familiare, aspettative di guarigione dei genitori. Vi è anche una analisi del vissuto delle madri e del loro modo di concepire la relazione con il figlio disabile: vissuto e concezione fortemente condizionati dalla cultura della cura del proprio contesto di origine e dalle condizioni psico-affettive e sociali dell'inserimento della donna. Vi sono madri che arrivano in Italia pensando di curare e 'riparare' il figlio, vi è anche chi si trova in difficoltà nel combinare lo sguardo medico della neuropsichiatria infantile 'occidentale' con lo sguardo della cultura tradizionale del paese di provenienza. Quello che emerge dal lavoro è anche l'importanza del nesso madre-figlia/o disabile nonché la valorizzazione delle forme di maternage veicolate dalle madri migranti; forme che non coincidono sempre con quelle italiane. I casi di accompagnamento positivo sono dovuti all

  9. Smoking Prevalence and Related Factors Among Secondary and High School Students in Tokat Province

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gizem Emekdar

    2017-03-01

    Full Text Available Smoking Prevalence and Related Factors Among Secondary and High School Students in Tokat Province Objective: The tobacco epidemic is one of the biggest public health threats in the world. The majority of smokers in the adolescent group has started smoking at early ages. Smoking prevalence among adolescents are reported to be approximately 10%. This study was aimed to determine the prevalence of smoking and related factors among secondary and high school students in Tokat province. Method: Population of this cross-sectional study consists of secondary and high school students in Tokat. Sample size was calculated as 1072 by using proportional stratified cluster sampling method according to type of school, gender and age. The study has been completed with 1069 students (secondary school: 557, high school: 512. Sociodemographic characteristics and the smoking habits of students were determined through questionaries. The students who smoking at least one cigarette in a day were accepted as smokers. Results: 50.9% of secondary school students were male, mean age was 12.1±1.3, 74.5% lived in city, prevalence of smoking was 10.8% (male:17.3%, female:4% and it was higher for students with <70 (16.3% average school grades than those with ≥70 (6.8% (p<0.05. 52.3% of high school students were female, mean age was 16.2±1.3, 80.7% lived in city, prevalence of smoking was 18% (male:29.9%, female:7.1% and it was higher for students which have secondary or above maternal education level (23.8% than those students which have lower maternal education level (15.7%; higher in those whom parents live seperate or have died (42.3% than those whom parents live together (16.7%; higher in those that have average school grades <70 (23.8% than those with ≥70 (11.3% (p<0.05. Place of residence, income level and profession of parents were not significant effect on smoking prevalence. The most common cause of start smoking was curiosity (42.4%. Conclusions: Nearly one in

  10. Relationship of changing social atmosphere, lifestyle and bone mineral density in college students

    International Nuclear Information System (INIS)

    Lee, In Ja; Ko, Yo Han; Kim, Chung Kyung; Kim, Hee Sol; Park, Da Jeong; Yoon, Hyeo Min; Jeong, Yu Jin

    2013-01-01

    The decrease of bone mineral density gives rise to the outbreak of osteopenia and makes the possibility of a bone fracture. It makes health problems in society. It's very important to prevent osteopenia in advance. Also it's critical to prevent and take care of it in adolescent because it's the most developing period comparing to middle ages because that bone mineral density decreases. There are genetic, physical and environmental factors that affect bone mineral density. Recently, a lifestyle and eating habits are also changing as the society atmosphere is gradually doing. This study have shown that 134 women and 75 men was chosen and responded to the survey of measuring bone mineral density and investigating a lifestyle. The measure of bone mineral density is to use Dual energy X-ray absorptiometry(DEXA) and check femoral neck and lumbar spine. Also questionaries was required to pre-made survey about their lifestyles. Analysis of data was done with SPSS program. Multiple regression analysis was used for the relation of bone mineral density, the heigths and BMI. The sample of Groups are checked for drinking, smoking or excercising about differences by t-test. The results of the experiments were; first, there is statistically significant differences in the comparisons between BMD and BMD. But there isn't any special correlation between drinking, smoking and BMD. Secondly, bone mineral density becomes low related to an intake of caffeine. Particularly, this is statically significant on women. Also there is statically significant correlation between femoral neck and quantity of motion for both men and women. Third, there is significant relation between eating habits and bone mineral density on women's lumbar spine. However, there is no significant relation between men's lumbar spine and women's one. Therefore, to prevent osteopenia, it's good to abstain from intaking caffeine within an hour after a meal. In addition, it

  11. La leucemia del bambino come causa di disgregazione familiare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Varchetta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: le patologie del bambino, soprattutto se gravi e durature, possono essere definite come “malattie della famiglia” a causa dell’intensità di assistenza richiesta, delle difficoltà organizzative quotidiane e dello stress causato. Obiettivo: identificare il ruolo di alcuni potenziali fattori di rischio coinvolti nella rottura di famiglie di bambini leucemici.

    Materiali e metodi: mediante l’uso di questionari, sono state studiate, durante l’anno 2002, 150 cartelle cliniche di bambini leucemici dell’ospedale pediatrico “Santobono-Pausillipon”- Dipartimento di Oncologia; 11 casi sono stati esclusi per incompletezza dei dati. Outcome è stata considerata la “separazione familiare.” Sono state analizzate le seguenti variabili: trapianto di midollo osseo, lavoro del padre, della madre e loro età ed educazione, sesso ed età del bambino (CA, numerosità della famiglia, stato socio-economico, probabilità clinica di guarire (CPR, appartenenza ad una associazione. Sono state condotte analisi bivariate e logistiche. Risultati: all’analisi bivariata CA e CPR, entrambi stratificati in tre livelli, sono risultati associati alla separazione. L’Odds Ratio grezzo (OR della separazione familiare con CA di 5/10 anni e bambini di 11 anni o più a confronto con quelli d’età di 0/4 era, rispettivamente, di 8.68 (p=0.02 e di 5.7 (p=0.07. L’OR grezzo della separazione con un CPR medio e un CPR buono confrontato con un CPR basso ha dato rispettivamente 0.35 (p=0.02 e 0.08 (p‹0.001. Un modello logistico che includeva CPR come variabile principale e controllata per CA ha evidenziato che la probabilità di guarigione è media o alta e, dopo aver aggiustato per l’età del bambino, è stato ottenuto un rischio di rottura familiare rispettivamente di 0.29 (p=0.01 e 0.08 (p=0.02.

    Conclusioni: la rottura dell’unità familiare è evento frequente in caso di grave

  12. Indagine sulle conoscenze dei modelli di prevenzione delle epatiti A e B nell'ambito di inchieste epidemiologiche condotte per tali patologie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Giametta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: rilevare le conoscenze sull’eziopatogenesi, sui modelli preventivi comportamentali e sulle offerte di vaccinoprofilassi delle Epatiti A e B.

    Materiali e Metodi: l’indagine è stata effettuata su pazienti affetti da Epatite A e B integrando la scheda di inchiesta epidemiologica con un apposito questionario strutturato in tre sezioni. Nella prima sezione del questionario è stata valutata la conoscenza sull’eziopatogenesi delle epatiti; nella seconda sezione è stato saggiato il grado di conoscenza sui modelli comportamentali e sulla pratica dell’immunoprofilassi; nella terza è stato indagato nello specifico il probabile meccanismo di trasmissione con riferimento anche alla mancata adozione di eventuali pratiche di prevenzione possibili ed adottabili.

    Il questionario è stato somministrato preliminarmente all’inchiesta epidemiologica.

    Risultati: sono stati valutati complessivamente 85 questionari, nel periodo Gennaio 2002-Marzo 2003. I casi di Epatite A affrontati sono stati 19, mentre i casi di Epatite B sono stati 66. Una percentuale elevata di soggetti (89% era a conoscenza dell’eziologia virale e delle principali modalità di trasmissione. Apprezzabile la percentuale di soggetti (78% che non ha attribuito all’Epatite A una
    trasmissione di tipo sessuale. La conoscenza dell’immunoprofilassi e delle offerte vaccinali condotte
    dai servizi territoriali è risultata essere piuttosto bassa (34%. Per i casi di Epatite B, la causa più frequentemente indicata quale elemento determinante il contagio è stata individuata nei rapporti occasionali non protetti (anche a rischio. Per i casi di Epatite A, è da rilevare la superficialità al consumo di alimenti a rischio (frutti di mare o pesce
    crudo soprattutto in occasione di viaggi all’estero.

    Conclusioni: i dati suggeriscono l

  13. Educazione all'igiene orale ed eradicazione della carie dentale nellíinfanzia. Risultati finali di uno studio in un campione di popolazione infantile di Ferrara

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Bergamini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: poichè nel 1985 l’O.M.S. collocò l’eradicazione della carie infantile fra gli obiettivi epidemiologici da raggiungere nella regione europea entro l’anno 2000, è stato effettuato uno screening microbiologico finalizzato all’isolamento di germi cariogeni nel cavo orale dei bambini.

    Materiali e metodi: secondo le procedure correnti, sono stati eseguiti tamponi gengivo-coronali in 476 bambini delle scuole elementari e medie inferiori di Ferrara, cui è stato somministrato anche un questionario, mirato a conoscere il loro grado di informazione sull’igiene orale. Risultati: nel periodo Gennaio-Aprile 2000, sono stati esaminati 476 bambini suddivisi per sesso ed età [6-8 anni: 67 maschi, 98 femmine; 9-11: 53 maschi, 81 femmine; 12-14: 99 maschi, 78 femmine]. Sono stati isolati 119 ceppi di Rothia dentocariosa, con una preponderanza fra i maschi di 12-14 anni (n. 86; 86,8%. Dai questionari (476 consegnati; 399 compilati si evince che l’86,4% ritiene importante l’igiene orale, ma solo il 51,8% si lava i denti dopo ogni pasto ed appena il 22,3% esegue un controllo periodico dal dentista. Rothia dentocariosa è stata isolata nel 56,5% di coloro che si lavano i denti una volta al giorno e nel 75,9% di quelli che non li lavano.

    Conclusioni: considerando che Rothia dentocariosa non risulta essere un normale saprofita del cavo orale ma è probabilmente un germe opportunista in grado di promuovere attivamente le lesioni della carie iniziale, il suo isolamento può essere considerato un indice precoce di lesione cariogena in progressione. Ne deriva che, nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi anni, paragonabili a quelli di nazioni ad alto tenore sociosanitario, l’obiettivo dell’eradicazione totale della carie dalla popolazione infantile ferrarese non è stato ancora raggiunto. Ciò principalmente a causa di un difetto di formazione culturale sia

  14. Dormice - Their present status in Latvia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valdis Pilats

    1995-05-01

    Full Text Available Abstract The distribution and habitats of four Dormouse species (Muscardinus avellanarius, Eliomys quercinus, Dryomys nitedula and Myoxus glis found in Latvia are described. This study was carried out as part of a Latvian and European mammal atlas project, starting in 1991. Questionnaires were the main source of information regarding the period since 1970. In Latvia dormice are rare animals and have small populations in separated localities. Here D. nitedula and M. glis are at their most northern edge of distributional range. Reduction of the known localities for M. glis and E. quercinus is described. M. avellanarius, often found in bird nest boxes, is the most common Dormouse in western Latvia. Legal and practical aspects of dormice conservation, and the protection of habitats are discussed. Riassunto Mioxidi in Lettonia: lo stato attuale - Vengono descritti distribuzione e habitat di quattro specie di Mioxidi (Muscardinus avellanarius, Eliomys quercinus, Dryomys nitedula e Myoxus glis presenti in Lettonia. Questa ricerca è stata condotta come parte del progetto per un atlante dei mammiferi lettoni ed europei avviato nel 1991. La maggior parte delle informazioni riguardanti il periodo successivo a1 1970 deriva da questionari. In Lettonia i Mioxidi sono animali rari con piccole popolazioni in località distinte. La Lettonia rappresenta il margine settentrionale di distribuzione di D. nitedula e di M. glis. Viene descritta la riduzione di località note per M. glis e E. quercinus. M. avellanarius, spesso trovato in cassette nido per uccelli, è il Mioxide più comune nella Lettonia occidentale. Vengono discussi aspetti pratici e legali riguardanti la conservazione e la protezione degli habitats dei Mioxidi.

  15. Bulimia nerviosa y factores de riesgo asociados en adolescentes escolarizados de 14 a 18 años en Barranquilla (Colombia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariela Borda Pérez

    2015-01-01

    Full Text Available Objetivo: establecer la prevalencia de riesgo de bulimia y de factores de riesgo asociados en adolecentes escolarizados de 14 a 18 años de Barranquilla. Materiales y métodos: Estudio transversal partir de una muestra representativa de escolares de cuatro establecimientos educativos de Barranquilla. Participaron 149 sujetos de 14 a 18 años. Se aplicó instrumento para determinar imagen corporal y bulimia (Body Shape Questionarie, el Bulimia Test of Edinburgh, Test de Rosemberg y DASS21, se estimó IMC y se empleó un cuestionario para determinantes personales. Resultados: La prevalencia de riesgo de bulimia fue del 44,3 %. El perfil identifica preferencialmente a 51,3 % mujeres, una de cada cuatro con sobrepeso, y de ellos, el 53 % tenía 16 años o más. Las características relevantes: 18,2 % consumía diuréticos y laxantes para bajar de peso; el 40,9 % tenía problemas económicos; el 56 % manifestó ansiedad; el 53 % depresión y el 53 % insatisfacción con su imagen corporal. Se observó tendencia a la asociación con: sobrepeso, saltar comidas con frecuencia, consumir tres comidas y picar, consumir tres comidas, emplear diuréticos o laxantes para bajar de peso, ansiedad, depresión, estrés e insatisfacción corporal; se obtuvieron razones de disparidad significantes y probabilidad del chi-cuadrado menor de 0.05. Conclusión: El riesgo de bulimia se presentó preferencialmente en el grupo de ≥ 16 años, en mujeres y en el estrato medio. Se aprecia una asociación estadística con sobrepeso saltar comidas con frecuencia, consumir tres comidas y picar, consumir tres comidas, emplear diuréticos o laxantes para bajar de peso, ansiedad, depresión, estrés e insatisfacción corporal.

  16. Learning Biochemistry by Chocolate

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.C Guedes

    2006-07-01

    Full Text Available Both sensations and biochemical reactions taken place or promoted during ingestion of chocolate were the motivation for  investigating  the  organic  compounds  present  in  this  source.  Cocoa  and  chocolate  are  composed  by  several substances , among them, aminoacids and alkaloids.The objective of this investigation was to purpose a contextured approach  of  biochemistry  through  the  sensations  and  reactions  involving  aminoacids,  theobromine  and  hormones. Methodology: 1. Theoretical part:  constituted  by theoretical  and tutorial classes  about aminoacids, theobromine and hormones  involved  at  the  metabolism;  2.  Questionary:  ten  questions  based  upon  theoretical  classes,  personal sensations  and  general  aspects  of chocolate;  3.Lecture:  Cientific  articles  searched  in  periodics  by  own  students  as well  as  newspaper  reports;  4.  Experimental:  Laboratory  experiments  including  extraction,  characterization, spectrometric quantification  after  specific reactions  and identification by  Rf  comparison with  standards  on TLC  from cocoa  almonds  and  both  powder  cocoa  and  chocolate.  The  study  was  applied  in  30  students  from  a  chemistry college. Results: The results pointed out to a higher frequency of the students and to a increased interest  from them by   biochemistry  issues  and  cientific  lectures,  as  well  as  a  satisfactory  acquirement  of  theoretical  and  practice knowledge of aminoacids and hormones, spectrometry and chromatography. Conclusion: A contextured approach is quite positive for learning biochemistry to chemists.

  17. Mensuração da qualidade de vida de indivíduos com a doença de Parkinson por meio do questionário PDQ-39

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Adolfo Menezes Garcia Silva

    Full Text Available INTRODUÇÃO: A doença de Parkinson (DP é caracterizada por uma degeneração progressiva seletiva de neurônios localizados na pars compacta da substância negra. Ela compõe-se por um conjunto de quatro sintomas motores: tremor, rigidez, bradicinesia e instabilidade postural. OBJETIVO: O estudo objetivou investigar os fatores relacionados à queda na percepção da qualidade de vida de indivíduos com DP. MATERIAIS E MÉTODOS: Participaram deste estudo 25 indivíduos com diagnóstico de doença de Parkinson, classificados entre os estágios um e cinco da escala de estadiamento de Hoen e Yahr, tendo a sua qualidade de vida avaliada segundo o Parkinson Disease Questionary-39 (PDQ-39. RESULTADOS: Os 25 indivíduos (12 homens e 13 mulheres apresentaram idade média de 71,2 ± 8,5 anos, variando entre 53 a 85 anos, e tempo de evolução da doença de 6,54 ± 7,71, variando entre 1 e 39 anos de doença. Verificou-se que as piores percepções sobre a qualidade de vida estão relacionadas ao domínio "mobilidade", com média de 55% de comprometimento, e ao domínio "atividade de vida diária", com 52,78% de comprometimento. Ficou também constatada uma alta correlação entre o escore total do PDQ-39 com os domínios "atividade de vida diária", "bem-estar emocional" e "mobilidade". CONCLUSÕES: A partir dos resultados obtidos, é possível constatar que carências de origem motora associadas aos sinais e sintomas e às complicações secundárias da DP interferem negativamente sobre a percepção da qualidade de vida dos indivíduos.

  18. Sentimentos vivenciados por fisioterapeutas no atendimento a pessoas com paralisia cerebral Physiotherapist's feelings on attending people with cerebral palsy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dinael Corrêa de Campos

    2009-08-01

    Full Text Available Considerando que os estudos sobre a relação profissional de saúde e cliente contribuíram para o surgimento da proposta do modelo humanizado de atendimento, esta pesquisa investigou os possíveis sentimentos de fisioterapeutas em relação ao atendimento de pessoas com paralisia cerebral, já que esta condição, a paralisia cerebral, é considerada sem cura pela medicina e com possibilidades de melhora diretamente vinculadas aos exercícios fisioterapêuticos. Utilizando um instrumento contendo perguntas abertas, foram realizadas entrevistas com fisioterapeutas que atendem aos casos com sequelas mais graves: ausência total da linguagem verbal e comprometimentos motores que levam os pacientes à situação de acamados. Mediante a análise de conteúdo, verificou-se que a paralisia cerebral é reconhecida pelos fisioterapeutas como um quadro neurológico e as limitações no alcance de resultados terapêuticos são vistas como normais. Assim, as mudanças, mesmo sendo reduzidas e obtidas em longo prazo, tornam o atendimento gratificante para os fisioterapeutas por representarem uma superação de desafios.Considering the studies about professional relation among health and clients contributted to arise the purposes about a humanized model of assistance. This research shows the physiotherapists' feelings on attending people with cerebral palsy, taking in accounting the cerebral palsy is presented by the medicine as a reverseless decease and having possibilities of changing entailed to the physiotherapy. By means of interviews and questionaries answered by physiotherapists, and using the contents of analysis, we can notice that the cerebral palsy is understood by the professional of physiotherapy like a neurological condition, so the limitations on reaching are noticed as normal. Thus, even the changes reduced in the long run, they make the attendance to be rewarding for the professional of physiotherapy, because these changes represent the

  19. Il Gambling Compulsivo: rilevanza epidemiologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Coacci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: il gioco d’azzardo ha profonde radici nella storia e nella cultura di ogni popolo. Si stima che circa l’80% della popolazione adulta nel nostro Paese giochi d’azzardo. Esso, pur rappresentando per la maggior parte di queste persone solo un innocuo passatempo, si trasforma talora in una vera e propria malattia (gambling compulsivo, con comportamenti che denotano forme estreme di rischio, sino a forme che portano alla distruzione della famiglia e persino della propria vita.

    Si tratta un disturbo poco conosciuto e spesso non diagnosticato. Infatti, benché sia largamente diffuso e comporti rilevanti costi umani e sociali, il gambling compulsivo solo di recente è stato incluso nelle classificazioni diagnostiche internazionali.

    Obiettivi: valutare l’impatto epidemiologico del gambling compulsivo (gioco d’azzardo patologico in una ASL/provincia.

    Materiali e metodi: è stato inviato un questionario ai 190 Medici di Medicina Generale della provincia di Grosseto (ASL 8, per raccogliere informazioni su: sistema di cura, numero di soggetti che si sono rivolti al proprio medico di famiglia per tale problema, eventuale coesistenza di problemi e comportamenti di dipendenza e di abuso (alcool, psicofarmaci, droghe illegali, ecc.

    Risultati: sono pervenuti 127 (pari al 66,8% questionari compilati. L’elaborazione dei dati è tuttora in corso.

    Conclusioni: dai risultati preliminari sembra emergere che il numero di persone che chiede aiuto al medico e al SSN, differentemente da quanto accade per i tossicodipendenti, è molto limitato e, quindi, intuitivamente poco indicativo della massa di soggetti realmente coinvolti dalla problematica studiata. Si discute del ruolo nella promozione della salute potenzialmente svolto dai Medici di Medicina Generale. Per quanto la tecnica di rilevazione appaia relativamente poco sensibile

  20. Viudez y Vejez en América Latina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viviana X. Lasagni Colombo

    2014-06-01

    Full Text Available La pérdida por fallecimiento del cónyuge constituye el estado denominado viudez e implica un cambio que requiere realizar un ajuste psicosocial y familiar para asumir la pérdida. El significado que se le atribuye a la viudez depende de condiciones socio-culturales, económicas y personales tales como la edad, género, cantidad de años vividos con la pareja, etapa de la vida en la que se experimenta la viudez entre otros. Los objetivos del estudio se centraron en investigar las circunstancias de la viudez, consecuencias, la red social de apoyo, participación social y formación de nuevas parejas.  Metodología: Se realizó un estudio descriptivo transversal en personas mayores de 60 años de edad y más (N: 235, con al menos 10 años de viudez, residentes en distintas zonas de Argentina, Bolivia, Chile, Colombia, Ecuador, Paraguay; Uruguay y Venezuela. Los resultados muestran mayoría de mujeres 62,6% perdieron a sus maridos a causa de una enfermedad terminal, el 65,5% se encargó de su cuidado. Con la viudez aparecieron problemas económicos (37,4% problemas de salud (31,5 y soledad (51,5%.  Un 77. 9% reportó haber superado la perdida 86.4% recibió el mayor  apoyo emocional de la familia de origen. La mayoría no mantiene relación con la familia del conyugue después de la muerte. Un alto porcentaje de los participantes incrementa su participación en las diferentes actividades: religiosas 56,6%, 40,4% tramites bancarios, 39,1% educativas y 35,7% turismo. La mayoría describe  la relación con su pareja como buena, mientras que el  77,4% no formó nuevas relaciones. Conclusiones: la esperanza de vida de las mujeres determina un mayor porcentaje de viudas, las mujeres son responsables del cuidado del conyugue. La muerte y la soledad por la pérdida de la pareja ocasionaron que las viudas se refugiaran en la familia. Después de la pérdida, la participación social aumenta y disminuye la relación con la familia del cónyuge.

  1. Risorse trofiche o disturbo antropico? Elaborazione preliminare e validazione di un indice di idoneità ambientale per l'orso bruno nell'Appennino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Bello

    2003-10-01

    Full Text Available In un'area di studio nell'Appennino abruzzese (ampia circa 250 km² sono state campionate variabili ambientali relative alla vegetazione, topografia, e presenza antropica in 2110 plot distribuiti lungo transetti da 1 km in 72 celle (1 km² selezionate casualmente dal reticolato geografico UTM. Utilizzando tematismi digitali sono state calcolate, tramite GIS, altre variabili ambientali relative alle stesse categorie. Le variabili sono state combinate in 14 indici (V1-14 utilizzati per calcolare un indice di idoneità ambientale relativo ai plot e alle celle campionate. Sono stati elaborati: A- un indice complessivo di idoneità (HSItotale e, B- 2 indici di idoneità relativi alla disponibilità di risorse trofiche e alla presenza umana (HSIcibo e HSIuomo, rispettivamente. Il valore medio di HSIcibo è stato pari a 0,23, in relazione ai valori medi degli indici di idoneità per la disponibilità di invertebrati (0,01, ghiande (0,004 e alla copertura percentuale di arbusti (0,06. Il valore medio di HSIuomo è risultato maggiore (0,32, soprattutto in relazione all'indice relativo alle variabili pendenza (0,69 e distanza dagli insediamenti umani (0,60. L'indice complessivo medio HSItotale è stato pari a 0,27. Il modello è stato validato comparando, per ogni cella, il valore dei tre indici con l'abbondanza relativa dell'orso bruno stimata lungo percorsi campione dal 1993 al 1998. Gli indici HSItotale e HSIuomo sono risultati significativamente e direttamente correlati con l'abbondanza relativa dell'orso (0,40 >rs< 0,44; p< 0,001; n= 72, mentre la frequentazione dell'orso non è risultata correlata significativamente all'indice HSIcibo (rs= 0,06; p> 0,5; n= 72. Questi dati preliminari, che saranno integrati dai risultati di ulteriori campionamenti in corso, indicano chiaramente che l

  2. La campana Barnamil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lopez Carrete, Alfonso

    2000-02-01

    mediador entre los usuarios y los fabricantes para ayudar en el desarrollo del mercado. Así, estableció la Oficina BARNAMIL desde donde se atiende a los posibles usuarios, se facilitan los tramites y se informa sobre las subvenciones. Barnamil trabaja desde el año 1997 y, en este tiempo, ha conseguido concienciar a la población de Barcelona sobre la relación entre las energías, el cambio climático y sus impactos ambientales y sociales.

  3. Abdominal ultrasonography in inheredited diseases of carbohydrate metabolism; Ecografia dell'addome nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pozzato, Carlo; Curti, Alessandra; Cornalba, Gianpaolo [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Radiologia Diagnostica ed Interventistica, Istituto di Scienze Radiologiche; Radaelli, Giovanni [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Statistica Medica; Fiori, Laura; Rossi, Samantha; Riva, Enrica [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Mialno (Italy). Dipartimento di Pediatria

    2005-02-01

    Purpose: To determine the usefulness of abdominal sonography in inherited diseases of carbohydrate metabolism. Materials and methods: Thirty patients (age range, 4 months to 27 years) with glycogen storage diseases, galactosemia, disorders of fructose metabolism were studied with sonography. Echogenicity of the liver, sonographic dimensions of liver, kidneys and spleen were evaluated. Plasma blood parameters (ALT, AST, total cholesterol, triglycerides) were determined. Results: Liver was enlarged in 21/22 patients (95.4%) with glycogen storage diseases, in both subjects with disorders of fructose metabolism, and in 2/6 patients (33.3%) with galactosemia. Hepatic echogenicity was increased in 20/22 patients (90.9%) with glycogen storage diseases, and in the subject with hereditary fructose intolerance. Patients with galactosemia did not show increased liver echogenicity. Both kidney were enlarged in 8/17 patients (47.0%) with glycogen storage disease type I. Subjects with increased hepatic echogenicity exhibited higher plasma concentrations of any blood parameter than the others with normal echogenicity (p<0.05). Conclusions: Sonography can be useful in identification of inherited diseases of carbohydrate metabolism even if further examinations are necessary for an ultimate diagnosis. [Italian] Scopo: Determinare l'utilita' dell'ecografia addominale nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati. Materiale e metodi: Di 30 pazienti (eta' compresa tra 4 mesi e 27 anni), affetti da malattie di accumulo di glicogeno (glicogenosi), galattosemia, disordini del metabolismo del fruttosio, sono stati valutati tramite ecografia l'ecogenicita' epatica e le dimensioni ecografiche di fegato, reni e milza. Sono stati determinati alcuni parametri ematici (ALT, AST, colesterolo totale, trigliceridi). Risultati: Il fegato e' risultato ingrandito in 21/22 pazienti (95,4%) con malattie da accumolo di glicogeno, in entrambi i soggetti con

  4. Urban traffic pollution and citizens information; Misure anti inquinamento da traffico urbano e partecipazione del cittadino. Uno studio di caso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giuntarelli, P; Borrelli, G; Brini, S [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The following report is strictly connected to studies for introducing certain actions useful to effort the problem of urban traffic pollution. Technologies are today available to reduce traffic pollution and it is possible to verify effectiveness during the implementation. On the other hand it is not always possible to verify effectiveness of these measures on the citizen customs and quality of life. Frequently policies aiming to limit environmental risk are viewed by citizens as an insupportable coercion. In the case of urban traffic it is particularly true because the measures in this field are limited to a certain numbers of prohibitions limiting the moving freedom of citizens inside urban areas. This research, realised via a questionnaire on citizens representative of two roman districts, analyses the social acceptability degree of actions for reducing atmospheric pollution produced by automobile traffic in the city of Rome. [Italian] Il lavoro presentato di seguito si inserisce in un filone di studi che tendono a individuare quelle azioni capaci di sciogliere il nodo ormai cruciale dell'inquinamento da traffico nelle aree urbane. Azioni efficaci ne sono state individuate numerose ma, mentre per quanto riguarda le misure tecnologiche l'efficacia intrinseca della misura viene verificata nell'applicazione, non sempre si puo' dire la stessa cosa per quanto riguarda le misure che incidono sulle abitudini di vita dei cittadini. Sempre piu' spesso le politiche tese a limitare i danni ambientali sono vissute dal cittadino come una insopportabile coercizione. Nel caso del traffico urbano cio' e' particolarmente vero proprio perche' le misure di questo settore si limitano spesso a una serie di divieti che oggettivamente limitano la liberta' di movimento del cittadino. I blocchi del traffico, le zone blu, sono gli esempi piu' lampanti di questo tipo di limitazione. Questa ricerca sul campo, svolta tramite questionario e su un campione di cittadini di due quartieri di

  5. Linguistica antica e linguistica di oggi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gualtiero Calboli

    2010-11-01

    Full Text Available La linguistica moderna si fonda sulla linguistica antica, in particolare sulla grammatica dei Greci e dei Latini: ad es. il concetto di frase come valore di verità (come la combinazione di parti del discorso sufficiente ad esprimere un giudizio di vero o di falso, che costituisca poi il punto di riferimento di tutti i componenti del discorso (Chomsky e Montagne, è già di Aristotele e poi degli Stoici che hanno sviluppato la dottrina dell’axioma. Partendo, poi, dal criterio della ‘grammaticalizzazione’, largamente usato nella linguistica odierna in una prospettiva di storia della lingua, si affronta il concetto di lingua L o ‘lingua logica’ come attenzione metalinguistica e applicazione della linguistica derivata dal valore di verità (Montagne e Creswell. Si è messo, quindi, in rapporto questo atteggiamento con la tradizione legislativa e giudiziaria mesopotamica, semitica, indo-europea (Ittiti, Greci e Latini. In questo ambito si mostra come da una parte abbia cominciato a formarsi una coscienza linguistica e metalinguistica, e, d’altra parte, come la stessa lingua si sia arricchita di forme più complesse quali congiuntivo e ottativo e altre forme ‘oblique’ nominali e verbali (Vedico, Greco, Latino, Tocario. Lo sviluppo delle lingue indeuropee ha comportato, poi, in alcune lingue un riequilibrio tra forme nominali, pronominali e verbali in stretto rapporto con la struttura della lingua (nascita dell’articolo in Greco e nelle lingue Romanze derivate dal Latino e forte riduzione o scomparsa delle forme nominali del verbo come costruzioni participiali e infinitive (AcI. Si connette, così, il problema dei cambiamenti che sono entrati stabilmente nella lingua come effetto della loro entrata nella ‘core grammar’ della lingua e, quindi, si affronta il problema di come individuare la ‘core grammar’ di una lingua: in Latino individuazione della ‘core grammar’ tramite il bilinguismo (Greco–Latino. In conclusione e in

  6. Urban traffic pollution and citizens information; Misure anti inquinamento da traffico urbano e partecipazione del cittadino. Uno studio di caso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giuntarelli, P.; Borrelli, G.; Brini, S. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The following report is strictly connected to studies for introducing certain actions useful to effort the problem of urban traffic pollution. Technologies are today available to reduce traffic pollution and it is possible to verify effectiveness during the implementation. On the other hand it is not always possible to verify effectiveness of these measures on the citizen customs and quality of life. Frequently policies aiming to limit environmental risk are viewed by citizens as an insupportable coercion. In the case of urban traffic it is particularly true because the measures in this field are limited to a certain numbers of prohibitions limiting the moving freedom of citizens inside urban areas. This research, realised via a questionnaire on citizens representative of two roman districts, analyses the social acceptability degree of actions for reducing atmospheric pollution produced by automobile traffic in the city of Rome. [Italian] Il lavoro presentato di seguito si inserisce in un filone di studi che tendono a individuare quelle azioni capaci di sciogliere il nodo ormai cruciale dell'inquinamento da traffico nelle aree urbane. Azioni efficaci ne sono state individuate numerose ma, mentre per quanto riguarda le misure tecnologiche l'efficacia intrinseca della misura viene verificata nell'applicazione, non sempre si puo' dire la stessa cosa per quanto riguarda le misure che incidono sulle abitudini di vita dei cittadini. Sempre piu' spesso le politiche tese a limitare i danni ambientali sono vissute dal cittadino come una insopportabile coercizione. Nel caso del traffico urbano cio' e' particolarmente vero proprio perche' le misure di questo settore si limitano spesso a una serie di divieti che oggettivamente limitano la liberta' di movimento del cittadino. I blocchi del traffico, le zone blu, sono gli esempi piu' lampanti di questo tipo di limitazione. Questa ricerca sul campo, svolta tramite questionario e

  7. Tecniche di rilievo tridimensionale e rischio idrogeologico: condivisione in rete di dati in alta risoluzione LiDAR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Paolo Maria Vassena

    2013-03-01

    Full Text Available Le tecniche di rilevamento tridimensionale con misurazione ad alta densità, ad esempio tramite approcci LiDARaerotrasportati, da terra (TLS - Terrestrial Laser Scanner o su mezzi mobili (mobile mapping, permettono di rilevaree osservare il territorio con una accuratezza, una risoluzione e una ricchezza di dettaglio globalmente molto elevaterispetto agli approcci di rilevamento tradizionali. Per la gestione delle grandi moli di dati generati si presenta unaapplicazione di una tecnologia altamente innovativa, unica a livello internazionale, sviluppata dall’Università degli Studidi Brescia, in accordo con l’azienda spin-off Gexcel srl, che permette la condivisione e visualizzazione di dati ad altadensità, anche via rete.Abstract 3D surveying techniques dealing withhigh density measurement (i.e. throughairborne LiDAR by TLS - Terrestrial LaserScanner - or by mobile mappingallow to survey and observe the territorywith accuracy, a particular resolutionand richness of details extremely highcompared to traditional survey approaches.These technologies, due tothe size of raw data, not allow the sharingand the direct reading of 3D databy different users. Usually, the data areput into standard formats (digital terrainmodel, contour lines, etc. to beshared. The raw data (with all the associatedcontents are, on the otherhand, generally lost or saved in formatsand devices (hard disks or DVD thatdoesn’t make it available to the costumer.An application of a technologydeveloped by the University of Brescia(together with the spin-off Gexcel srl ispresented. This application allows thesharing and visualization of these databy web. The difficulty of implementingthe sharing technologies of LiDARdata lies in the transfer of 3D surveyeddata, even if only to display them. Thisresearch intends to propose a new wayof data managing/transmission, also byinternet, enabling to store 3D LiDARdata in a single file and to add differentlayers on this model. In particular

  8. Tecniche di rilievo tridimensionale e rischio idrogeologico: condivisione in rete di dati in alta risoluzione LiDAR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Paolo Maria Vassena

    2013-03-01

    Full Text Available Le tecniche di rilevamento tridimensionale con misurazione ad alta densità, ad esempio tramite approcci LiDARaerotrasportati, da terra (TLS - Terrestrial Laser Scanner o su mezzi mobili (mobile mapping, permettono di rilevaree osservare il territorio con una accuratezza, una risoluzione e una ricchezza di dettaglio globalmente molto elevaterispetto agli approcci di rilevamento tradizionali. Per la gestione delle grandi moli di dati generati si presenta unaapplicazione di una tecnologia altamente innovativa, unica a livello internazionale, sviluppata dall’Università degli Studidi Brescia, in accordo con l’azienda spin-off Gexcel srl, che permette la condivisione e visualizzazione di dati ad altadensità, anche via rete. Abstract 3D surveying techniques dealing withhigh density measurement (i.e. throughairborne LiDAR by TLS - Terrestrial LaserScanner - or by mobile mappingallow to survey and observe the territorywith accuracy, a particular resolutionand richness of details extremely highcompared to traditional survey approaches.These technologies, due tothe size of raw data, not allow the sharingand the direct reading of 3D databy different users. Usually, the data areput into standard formats (digital terrainmodel, contour lines, etc. to beshared. The raw data (with all the associatedcontents are, on the otherhand, generally lost or saved in formatsand devices (hard disks or DVD thatdoesn’t make it available to the costumer.An application of a technologydeveloped by the University of Brescia(together with the spin-off Gexcel srl ispresented. This application allows thesharing and visualization of these databy web. The difficulty of implementingthe sharing technologies of LiDARdata lies in the transfer of 3D surveyeddata, even if only to display them. Thisresearch intends to propose a new wayof data managing/transmission, also byinternet, enabling to store 3D LiDARdata in a single file and to add differentlayers on this model. In

  9. Distribuzione e consistenza della popolazione di Scoiattolo grigio Sciurus carolinensis Gmelin, 1788 nel levante genovese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Venturini

    2005-06-01

    Full Text Available Abstract Distribution and population size of the Grey squirrel Sciurus carolinensis Gmelin, 1788 in Province of Genova (NW Italy In Liguria, the Grey squirrel population originated from an introduction of five pairs in an urban park (Genoa Nervi in 1966. A first study, carried out in the 1996 by interviews, located a second group 3 km far, in Bogliasco locality. In this study, conducted in 2001-04, the population size of Genoa Nervi and the presence of the species in surrounding areas were investigated. In 2002 the population size was estimated in 115/286 individuals by distance sampling method, while, by direct observation, it varied from 80 individuals (2004 to 114 individuals (2003. The sampling by hair tubes in surrounding areas confirmed the presence of a group of grey squirrels in Bogliasco and excluded a further dispersal of the species. Riassunto In Liguria, la popolazione di Scoiattolo grigio Sciurus carolinensis ha avuto origine dall'introduzione di 5 coppie nei parchi urbani di Genova Nervi nel 1966. Un primo studio condotto nel 1996 ha localizzato, tramite interviste, un secondo nucleo a 3 km di distanza, in località Bogliasco. Il presente studio, condotto nel 2001-2004, è stato finalizzato alla valutazione della consistenza della popolazione nei parchi di Nervi, mediante il metodo distance sampling e osservazioni dirette, e all'accertamento della presenza della specie nelle aree circostanti mediante l'utilizzo di hair tube. La stima della popolazione con il metodo distance sampling è risultata di 115/286 individui nel 2002, mentre quella ottenuta mediante osservazioni dirette è variata da 80 individui nel 2004 a 114 individui nel 2003. Gli accertamenti compiuti nelle aree circostanti i parchi di Nervi hanno consentito di confermare la presenza di un nucleo di scoiattoli a Bogliasco e di escludere un'ulteriore espansione della specie.

  10. Una ricerca sulla qualità della vita scolastica di bambini e bambine affetti da malattie emorragiche congenite. Lettura critica dei dati e considerazioni pedagogiche.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2009-07-01

    Full Text Available Il presente rapporto di ricerca costituisce l'esito del lavoro svolto dalle ricercatrici A. Gigli, S. Demozzi del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna all'interno del progetto Strategico di Ateneo dal titolo “Definizione di linee guida d’intervento sui pazienti pediatrici affetti da malattie emorragiche congenite: aspetti medici, psicosociali, educativi ed etici”. L'obiettivo principale del lavoro è stato quello di analizzare il punto di vista degli insegnanti in merito alla vita scolastica dei bambini con malattie emorragiche congenite (Mec, le loro relazioni con insegnanti e compagni, i rapporti tra scuola e famiglie. Per monitorare questi aspetti legati alla vita scolastica, nel 2008 è stata realizzata un’indagine sul campo che ha coinvolto insegnanti di scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di primo grado della Provincia di Bologna che hanno in classe un/a bambino/a affetti da Mec. Le rilevazioni effettuate tramite interviste semi strutturate hanno avuto i seguenti obiettivi: verificare l’esistenza di rappresentazioni “distorte” delle patologie ed eventuali pregiudizi esistenti; analizzare il processo informativo attraverso cui i docenti conoscono la situazione del bambino e vengono informati sulle Mec; rilevare i nodi problematici e punti di forza, che qualificano negativamente o positivamente le relazione scuola-famiglia; monitorare l’esistenza di pregiudizi in merito alle capacità cognitive dei bambini; verificare se, secondo i docenti, la malattia influisce sulla qualità della relazione educativa, indagando, in particolare, sugli aspetti comunicativi; rilevare eventuali problematiche di integrazione nel gruppo dei pari; verificare se l’adozione di strategie per permettere una migliore integrazione o lo svolgimento delle attività didattiche, ludiche e sportive; rilevare i bisogni formativi e informativi dei docenti. Nell’articolo si presenta una lettura

  11. Dai bisogni di salute al consumo di risorse sanitarie in provincia di Bergamo: profilo degli indicatori di bisogno, domanda, offerta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Zucchi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la complessità interpretativa dei dati relativi ad alcuni fenomeni sanitari a livello territoriale impone la necessità di uno strumento semplice di lettura “epidemiologica”; tale lettura si fonda sull’utilizzo di una serie di “indicatori”, fondamenta di un processo dinamico di monitoraggio temporale e spaziale in grado di descrivere sinteticamente fenomeni di per sé complessi, al fine di fornire al decisore un supporto sintetico ma scientificamente solido.

    Obiettivi: istituzione di un sistema di monitoraggio sanitario community-based; definizione di indicatori sanitari comparabili tramite un esame critico dei dati esistenti; sviluppo di metodologie per la raccolta e la validazione dei dati; supporto alla creazione di un sistema efficace e affidabile di trasferimento e scambio dei dati e degli indicatori stessi con uso spinto della tecnologia telematica; elaborazione di metodi e di strumenti necessari alla produzione di analisi e relazioni.

    Materiali e metodi: gli indicatori analizzati fanno riferimento
    all’elenco definito dal decreto ministeriale n. 27 del 12 dicembre 2001 “sistema di garanzie per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria”. A questo elenco ne sono stati aggiunti altri, per un totale di 127, divisi in grandi capitoli tematici: assistenza sanitaria, assistenza distrettuale, assistenza ospedaliera, indicatori stato di salute, consumo di risorse sanitarie (cui è stato dato particolare enfasi, indicatori di domanda/accessibilità. Per definire infine un
    profilo di sintesi di questi grandi capitoli e delle relative
    eterogeneità territoriali si è successivamente applicata la tecnica statistica dello “z-score”.
    Risultati: le differenze emerse a livello distrettuale hanno permesso di disegnare una ‘mappa’ degli indicatori sanitari in provincia di Bergamo.

    Conclusioni:i risultati di

  12. Analisi comparativa della dieta di alcuni carnivori opportunisti (Vulpes vulpes, Martes foina, Meles meles in Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Maria De Marinis

    2003-10-01

    Full Text Available L'ecologia alimentare della volpe, del tasso ed in misura minore della faina è stata ampiamente studiata in diverse aree comprese all'interno degli areali di queste 3 specie. La variazione geografica delle abitudini alimentari di questi carnivori definiti opportunisti è al contrario decisamente poco nota. Scopo del presente lavoro è la descrizione della variazione della dieta di faina, tasso e volpe attraverso l'Europa ed in secondo luogo l'analisi comparativa delle strategie alimentari adottate da questi carnivori. Sono stati analizzati 19 studi per la volpe, 11 per la faina e 23 per il tasso. Sono stati presi in considerazione soltanto gli studi della durata di almeno un anno nei quali la composizione della dieta, determinata tramite analisi delle feci, fosse espressa in percentuale di volume o biomassa e le categorie alimentari fossero dettagliatamente descritte. Gli studi sono stati divisi in gruppi in base alla regione climatica di appartenenza (mediterranea, centroeuropea, atlantica e boreale. Le categorie alimentari utilizzate nell'analisi della variabilità geografica sono: mammiferi, uccelli, anfibi, artropodi, lombrichi, altro animale, frutta, cereali, rifiuti. L'analisi delle componenti principali, condotta separatamente sulle 3 specie, ha consentito l'individuazione su di un grafico bidimensionale di due gruppi riferibili all'Europa centro-settentrionale ed alla regione mediterranea, con una percentuale di variabilità spiegata > 76% per ognuna delle 3 specie. La composizione della dieta del primo gruppo risulta caratterizzata da elevate percentuali di mammiferi e secondariamente uccelli per la volpe, uccelli ed altro animale per la faina e lombrichi, cereali ed anfibi per il tasso. La composizione della dieta nella regione mediterranea risulta invece caratterizzata da elevate percentuali di artropodi e frutta per tutte e 3 le specie di carnivori. L'analisi dicriminante ha consentito di differenziare gli studi condotti in ambiente

  13. La descongestión en la jurisdicción contencioso administrativa. Una visión desde el Tribunal Administrativo de Cundinamarca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Augusto Torres Calderón

    2004-01-01

    Full Text Available La Jurisdicción de lo Contencioso Administrativo está muy congestionada. Para solucionar esta situación son necesarias varias medidas: 1. Disminuir los términos de caducidad (plazo legal dentro del cual la persona perjudicada debe presentar la demanda, vencido el cual ya no es posible formularla de las acciones contenciosas ordinarias; 2. Exigir a los abogados litigantes la presentación, como anexos de la demanda o de su contestación, de la mayoría de los documentos que quieran hacer valer en el proceso para disminuir el periodo probatorio y de las pruebas practicadas dentro del mismo; 3. Aumentar tanto los gastos que debe sufragar el demandante para que se le tramite el proceso, como la imposición de costas (multa pecuniaria que se impone a una de las partes para la parte vencida en el pleito; 4. Transferir a la Jurisdicción Ordinaria Civil, asuntos actualmente asignados a la Contenciosa y en especial los procesos ejecutivos, los de restitución de inmueble arrendado y los de responsabilidad por falla médica; 5. Eliminar acciones constitucionales mal diseñadas por el legislador, que no han tenido una eficacia real, como la acción de repetición (cuando la entidad pública condenada a pagar una indemnización demanda al servidor público causante de la condena, las acciones populares por moralidad pública y las acciones de grupo; 6. Equilibrar las cargas dentro de las secciones del Tribunal Administrativo de Cundinamarca, de tal suerte que parte de los asuntos de las muy congestionadas secciones Segunda y Tercera (el nombre de las Salas de decisión dentro del Tribunal, pase a la Primera y la Cuarta, bastante descongestionadas; 7. Extender la perención (terminación anormal del proceso por inactividad de la parte demandante en contra de las entidades públicas demandantes cuando estas no cumplen con sus cargas procesales; 8. Eliminar la aprobación de las conciliaciones prejudiciales por parte de los Tribunales Administrativos

  14. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    energia variabile nell'intervallo 3-15 MeV, operante in banda C (5712 MHz). Rispetto agli acceleratori impiegati negli attuali sistemi IORT commerciali limitati a 12 MeV operanti ad una frequenza tipica di 2998 MHz (banda S), l'utilizzo di una piu elevata frequenza di operazione, consente un'innaIzamento dell'energia massima che estende la possibilita di impiego ad un piu vasto campo di neoplasie e un miglioramento del sistema in termini di compattezza e leggerezza. Inoltre la macchina sara provvista di un sistema di dosimetria assoluta dedicato che semplifichera notevolmente le procedure di caratterizzazione dosimetrica. Si intende realizzare tale sistema tramite una collaborazione fra ENEA, Universita di Bologna, Universita di Catanzaro, Universita di Cosenza e l'industria nazionale.

  15. I Samaritani nel contesto storico, geografico e religioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stanisław Wypych

    2005-09-01

    Full Text Available Il termine „Samaritani” deriva dal verbo ebraico šāmar “vigilare”, „custodire”. Gli Assiri, dopo aver conquistato la capitale Samaria (722 deportarono circa 40 mila Israeliti in Mesopotamia i quali conservarono la tradizione dei profeti del Regno del Nord: Elia, Eliseo, Amos ed Osea. Nella regione di Samaria rimasero circa 100 mila Israeliti, ma vi arrivarono molti altri popoli dalla Siria, Assiria, Persia, Media e dal mondo ellenistico. Così si formò una comunità assai composita che adottò un rito speciale. Dopo il periodo di deportazione (di esilio, quando i rimpatriati Giudei si dedicarono al rinnovamento del culto e alla ricostruzione del tempio di Gerusalemme, i Samaritani espressero il desiderio di parteciparvi. Ma il loro desiderio fu respinto dai rimpatriati. Allora i Samaritani, per ragioni politiche, si opposero alla ricostruzione delle mura di Gerusalemme e costruirono un proprio tempio sul monte Garizim (328 che fu distrutto da Giovanni Ircano (128, procurando una profonda spaccatura tra Giudei e Samaritani. Spesso si parla di „scisma dei Samaritani”. In realtà si tratta piuttosto di due correnti religiose, basate sul Pentateuco. I Samaritani sono monoteisti, considerano Mosè come un profeta, indirizzano le preghiere a Dio tramite i patriarchi e Mosè, accettano il Pentateuco, considerano il monte Garizim come un luogo santo, hanno il proprio calendario liturgico e riti religiosi. Gesù non predicò la buona novella ai Samaritani (non si trovano tracce nella fonte Q e in Marco. I due evangelisti testimoniano che Gesù non era contro i Samaritani (vedi la parabola del buon Samaritano – Luca 10,30-35 ed il colloquio con la Samaritana – Giov. 4,4-42. I discepoli di Gesù ben presto, con un notevole successo, cominciarono a predicare il messaggio del loro Maestro ai Samaritani (cf. Atti 8,1-6.

  16. Primi dati radiotelemetrici sul comportamento di dispersione della Volpe (Vulpes vulpes in un'area costiera del Friuli-Venezia Giulia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Roppa

    2003-10-01

    Full Text Available Nel 2001 e 2002 in provincia di Gorizia (loc. Isola della Cona, Riserva Naturale Regionale Foce dell?Isonzo due giovani maschi di volpe sono stati marcati con radiocollari, al fine di raccogliere dati sulla loro dispersione. L?area di studio, di circa 20 km², presenta zone boscose, boscaglie golenali, prati umidi, canneti e barene, inserite, comunque, in un territorio soggetto ad agricoltura intensiva. Gli animali sono stati seguiti per 12 ore/notte nella prima fase e successivamente per 12 ore/settimana, suddivise in 3 turni tali da coprire l?intero arco della notte. La posizione è stata rilevata ogni 20 min. Il primo individuo (M1 è stato seguito dal 15.11.01 al 10.12.01 per 140 ore; il secondo (M2 dal 14.06.02 al 22.03.03 per 580 ore; la dispersione è iniziata il 17.11.01 per M1 e il 10.11.02 per M2. Entrambi hanno attraversato il fiume Isonzo, in un tratto ampio 145 m, in direzione Sud/Est, raggiungendo una zona agricola. In seguito non hanno mostrato la tendenza a tornare indietro, probabilmente a causa della presenza di un maschio territoriale. Durante il giorno non si sono verificati spostamenti apprezzabili. La massima area coperta per notte (metodo del Minimo Poligono Convesso è stata di 10,7 km² per M1 (settima notte e di 5,1 km² per M2 (diciassettesima notte. I punti più distanti raggiunti in linea d?aria rispetto a quello di attraversamento del fiume sono stati di 9,2 km per M1 e di 9,9 km per M2. La direzione e alcune delle traiettorie percorse sono risultate sovrapponibili per i due individui. Le convergenze di eventi che emergono dai risultati, raccolti a distanza di un anno, suggeriscono una certa obbligatorietà nei percorsi che potrebbe essere dovuta sia alla struttura territoriale che alla densità della popolazione di volpi (stimata tramite conteggio delle tane attive in 10-12 individui in periodo primaverile e in 27-30 individui in periodo autunnale. Si ipotizza una certa stabilità dei territori degli individui

  17. Going further South: new data on the breeding of Nyctalus noctula (Schreber, 1774 in Central Europe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tamás Görföl

    2009-11-01

    Full Text Available Abstract We collected data on the reproduction of Nyctalus noctula in Hungary by mist-netting and monitoring bat boxes. The capture or observation of juveniles and lactating females were considered evidence of breeding. A total of 1413 N. noctula were mist-netted in four study areas, corresponding to 24 new breeding locations for Hungary. In southern Hungary, one breeding colony with 20-25 individuals was observed in a bat box in a protected park, while another was found in the hollow of a white poplar. Twenty lactating females and 3 juveniles were mist-netted in the Zemplén Mountains. Our data document the regular breeding of the species in Hungary, the breeding area being wider than previously reported. Further breeding colonies are likely to be located in the floodplain forests of some main rivers, such as the Tisza and the Danube. Riassunto Sempre più a sud: nuovi dati sull’areale riproduttivo di Nyctalus noctula (Schreber, 1774 in Europa centrale Tramite cattura con reti e il monitoraggio di cassette nido, sono stati raccolti dati inediti sulla riproduzione di Nyctalus noctula in Ungheria. Sono stati considerati prove certe di attività riproduttiva la cattura o l’osservazione di giovani o di femmine in allattamento. Sono stati censiti 1413 esemplari, per un totale di 24 nuovi siti di riproduzione ungheresi. Nell’Ungheria meridionale sono state osservate due nursery, una, con 20-25 individui, in una cassetta nido posizionata in un’area protetta e una nella cavità di un pioppo bianco. Venti femmine in allattamento e 3 giovani sono stati catturati nelle Zemplén Mountains. I dati raccolti dimostrano che la specie si riproduce regolarmente in Ungheria e che il suo areale riproduttivo è più esteso di quanto precedentemente segnalato. Ulteriori colonie riproduttive potrebbero essere localizzate nelle foreste ripariali dei principali fiumi

  18. Impact of the tsunami (December, 2004 on the long tailed macaque of Nicobar Islands, India

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kuppusamy Sivakumar

    2010-08-01

    Full Text Available Abstract
    We carried out a standard survey to assess the distribution and abundance of Macaca fascicularis umbrosa of Nicobar Islands (India after the tsunami which washed the whole region in 2004 and compared them with those reported for 2000. A total of 40 groups, comprising 814 monkeys, was sighted, group size varying from 7 to 98 animals (mean ± SD = 20.35 ± 1.82. There was no significant change in the number of groups sighted in the interior parts of the islands before and after the tsunami, whilst the number of groups sighted in coastal areas was significantly lower after the tsunami. Also, the adults/juveniles ratio in the group varied from ca. 1:1 to 1:0.4. A fairly low ratio of immatures to adult females suggests that the tsunami also affected the population structure of the monkeys. The destruction of major coastal fruit-trees exploited by monkeys might be the reason for their lower presence in coastal areas. Future restoring of fruit plantations could enhance the human-wildlife conflict.

    Riassunto
    Impatto dello tsunami (Dicembre 2004 sul macaco delle Isole Nicobar, India
    La distribuzione e l’abbondanza di Macaca fascicularis umbrosa sulle Isole Nicobar (India sono state stimate tramite campionamenti standardizzati dopo lo tsunami che ha colpito l’intera regione nel 2004 e comparate a quelle ottenute nel 2000. Sono stati avvistati 40 gruppi, formati da 7 a 98 animali (media ± DS = 20.35 ± 1.82, per un totale di 814 macachi. Non sono state rilevate variazioni significative del numero di gruppi presenti nelle parti interne delle isole, mentre sono diminuiti i gruppi osservati nelle foreste costiere. Il rapporto tra adulti e giovani è variato da circa 1:1 a 1:0.4. In particolare, il basso numero di giovani per femmina adulta suggerisce che lo tsunami possa aver influito negativamente sulla struttura della popolazione. La distruzione

  19. Decision making information systems and data base management; Applicazioni dei sistemi di supporto alle decisioni manageriali in un ente fortemente decentrato. Sviluppo di un prototipo per la valutazione di nuovi progetti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minelle, F [Rome, Univ. ` La Sapienza` (Italy). Fac. di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Di Marco, R A [ENEA, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Belli, A

    1997-01-01

    con essi; e di rpesentare un prototipo di tali sistemi. Da una fase preliminare di analisi dell`Ente e dei suoi Sistemi Informativi, volta a capire quali problematiche potessero essere piu` efficacemente supportate con sistemi di questo tipo, si afronta una di esse: la valutazione di nuovi progetti, individuando i parametri, o le grandezze chiave, che influenzano e determinano la decisione. Si descrivono, poi, i modelli, ricavati da questi ultimi, che permettono all`utente, tramite una semplice rappresentazione dei risultati, di valutare i vantaggi e gli svantaggi di un nuovo progetto. Dai modelli, dall`analisi dei dati ad essi necessari e dai requisiti di semplicita` e facilita` d`uso dell`interfaccia utente, si e` realizzato un prototipo. A questo scopo si e` seguito il modelllo di Sprague e Carlson che prevede una Base di Dati, una Base di Modelli e un Sistema Software.

  20. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ronsivalle, C [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    variabile nell'intervallo 3-15 MeV, operante in banda C (5712 MHz). Rispetto agli acceleratori impiegati negli attuali sistemi IORT commerciali limitati a 12 MeV operanti ad una frequenza tipica di 2998 MHz (banda S), l'utilizzo di una piu elevata frequenza di operazione, consente un'innaIzamento dell'energia massima che estende la possibilita di impiego ad un piu vasto campo di neoplasie e un miglioramento del sistema in termini di compattezza e leggerezza. Inoltre la macchina sara provvista di un sistema di dosimetria assoluta dedicato che semplifichera notevolmente le procedure di caratterizzazione dosimetrica. Si intende realizzare tale sistema tramite una collaborazione fra ENEA, Universita di Bologna, Universita di Catanzaro, Universita di Cosenza e l'industria nazionale.

  1. Angelberga: il monastero di San Sisto di Piacenza e il corso del fiume Po Angelberga: the monastery of St. Sisto of Piacenza and the course of Po river

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Cimino

    2012-10-01

    Full Text Available Il contributo analizza il dotario of Angelberga (ca. 831-891, moglie dell’imperatore Ludovico II. Angelberga rivestì un importante ruolo politico sia durante il suo matrimonio, sia dopo la morte del marito, e riuscì inoltre a costruire un impressionante patrimonio. Angelberga acquisì infatti un grande numero di beni fondiari, in parte tramite donazioni del consorte e in parte grazie ad acquisizioni personali. Nell’877 l’imperatrice assegnò il suo patrimonio al monastero di San Sisto, da lei fondato a Piacenza. Il contributo esamina in dettaglio l’ubicazione dei beni di Angelberga, dimostrando che gran parte di tali beni era situata in prossimità del corso del fiume Po: tale collocazione consentiva il controllo delle principali vie di comunicazione del regno d’Italia. Inoltre le proprietà di Angelberga si trovavano per lo più in aree controllate dai Supponidi, la potente famiglia di origine dell’imperatrice. Il saggio conclude che la costruzione del patrimonio di Angelberga, e del monastero che ne derivò, dimostra una convergenza di interessi economici e politici tra il potere regio e le aristocrazie locali rappresentate dalla potente famiglia d’origine dell’imperatrice.

    This study analyzes the dower of Angelberga (ca. 831-891, wife of emperor Louis II. Angelberga played a significant political role during her marriage and after her husband’s death; moreover she accumulated an impressive patrimony. Angelberga gathered a great number of landed properties, partly through donations from her husband and partly thanks to personal acquisitions. In 877 the empress left her wealth to the monastery of St. Sisto, which she had founded in Piacenza. This article offers a detailed analysis of the location of Angelberga’s properties, showing that most of these properties were situated in the proximity of the Po river: this location allowed for the control of the main communication routes of the Italic Kingdom. Moreover

  2. Applicazione Interattiva di Realtà Aumentata per i Beni Culturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucio Tommaso De Paolis

    2012-07-01

    Full Text Available ItLe applicazioni della realtà virtuale al patrimonio culturale rientrano in una generale tendenza verso la riproducibilità e l’interazione mediata dal sistema informatico.Il progetto Mediaevo si propone la realizzazione di una piattaforma multicanale e multisensoriale per l’edutainment nel settore dei Beni Culturali, attraverso l’integrazione tra scienze umane e ICT. Le attività prevedono la realizzazione di un videogioco didattico finalizzato alla diffusione della conoscenza della società medievale.Nel corso di tale progetto è stata realizzata una semplice applicazione di Realtà Aumentata basata sul riconoscimento di marker che permette di interagire con i modelli 3D dell’intera città e di alcuni dei suoi principali monumenti.Inoltre, tramite un’opportuna interfaccia utente, è possibile visualizzare i modelli 3D della Città di Otranto in epoche diverse al fine di fare un confronto visivo sui cambiamenti avvenuti nel tempo. Ogni qual volta si visualizza un modello, nella scena sono presenti alcuni hot spot che permettono, avvicinando la webcam ad una prefissata distanza, di visualizzare le informazioni testuali e fotografiche associate al monumento che si sta osservando.EnVirtual reality applications to cultural heritage are part of a general trend towards reproducibility and interaction mediated by the computer systems.MediaEvo Project proposes a multi-channel and multi-sensory platform for the edutainment in Cultural Heritage and, for that purpose, was made a virtual model of the town of Otranto in the Middle Ages. The aim of the project is the realization of a digital didactic videogame oriented towards the knowledge of medieval history and society by means of the integration of human sciences and new data processing technologies.During the project it has been also realized a marker-based Augmented Reality application that allows user, through a specific user interface, to visualize the 3D models of the town or some of its

  3. El «EUROAIRGROUP», futuro de la Aviación Militar Europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Llanos Morán, Luis

    2002-02-01

    Full Text Available Not available

    El nacimiento del concepto de Seguridad y Defensa Común Europeo ha dado origen a la creación de numerosas organizaciones que contribuyen a potenciar la capacidad operativa conjunta de las Fuerzas Aliadas. La idea de este artículo es dar a conocer una de esas nuevas organizaciones, el Grupo Aéreo Europeo (EAG, que actualmente favorece la interoperabilidad y la capacidad de empleo conjunto de los efectivos aéreos de sus miembros. Entre dichos miembros, desde el año 1998, se encuentra España, actualmente en proceso de adhesión, pendiente exclusivamente de que el Ministerio de Asuntos Exteriores tramite y deposite el «Instrumento de Adhesión».
    También se definen los objetivos del EAG, su financiación y organización, su modo de funcionamiento, los programas y proyectos en los que ha participado y continúa haciéndolo, así como la normativa que le es de aplicación.
    El artículo narra el nacimiento del Grupo a través de acuerdos bilaterales que con su consolidación y ampliación le constituyen en el embrión de la futura Fuerza Aérea Europea. De su plan de trabajo citaremos, por su importancia, el proyecto ATARES (para intercambio de servicios de transporte aéreo y de reabastecimiento en vuelo que es apoyado por el EACC (Célula de Coordinación del Transporte Aéreo Europeo.
    Es también digno de mención el hecho de que ya esté en funcionamiento el acuerdo EUROFIGHT para el desarrollo de maniobras combinadas, a fin de facilitar la preparación y entrenamiento en temas de Defensa y que cuenta con varios grupos de trabajo en diferentes áreas, algunos ya muy avanzados.

  4. Scientific information and public opinion. Daily press analysis about ozone hole in the years 1996-1997; Informazione scientifica e opinione pubblica. Analisi della stampa quotidiana italiana negli anni 1996-1997 sul tema del buco dell'ozono

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bertuzzi, D [ENEA, Centro Ricerche E. Clementel, Bologna (Italy). Unita' Comunicazione e Informazione; Borrelli, G [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Sezione Ambiente Globale e Clima

    1999-07-01

    Repubblica 26 articoli, Corriere della Sera 24 articoli, Unita' 21 articoli, Resto del Carlino 6 articoli. Obiettivo finale della ricerca e' stato quello di individuare gli indicatori di qualita' dell'informazione circa il tema del buco dell'ozono e i possibili rischi ambientali trasmessi al grande pubblico, utilizzando i metodi classici dell'analisi del contenuto. L'analisi e' stata svolta tramite un questionario, messo a punto dall'ENEA per una ricerca su stampa e cambiamento climatico, opportunamente riadattato, composto da 35 domande che rilevano le caratteristiche fondamentali di ogni articolo: caratteristiche morfologiche; modalita' di presentazione del buco dell'ozono; modalita' comunicative.

  5. Road Safety in Puglia Region La sicurezza stradale in Puglia: stato di fatto e ipotesi di intervento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierpaolo Bonerba

    2009-07-01

    association towards a safer and sustainable mobility. In addition, the enhancement of technical structures in charge of traffic and safety has been achieved. The expected results concern: – improvement of cooperation between all actors involved; – improvement of a local integrated culture about road safety; – availability of a powerful analysis tool and a Monitoring Centre; – development of some operational plans to improve safety and reduce crashes risks in the most critical points. – report progress in implementing the road safety strategy directed at reducing the number of accidents and casualties; – report the effectiveness of casualty reduction measures. – report on progress with road safety partnerships.L’articolo, partendo da una descrizione delle attività e delle principali funzioni del Centro Regionale di Monitoraggio della Sicurezza Stradale CReMSS della regione Puglia, vuole fornire un quadro sullo stato della sicurezza della rete stradale pugliese. In particolare lo studio vuole evidenziare le criticità e i punti di forza del caso della Puglia, mettendo in evidenza il sistema di interventi messi in atto e programmati. Il CReMSS, istituito con la legge regionale 18/2004, rappresenta uno strumento di raccolta e di analisi dei dati sull’incidentalità al fine di indirizzare le politiche e gli interventi in materia di sicurezza stradale, così come previsto nel Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (PNSS legge 144/99. Le azioni del centro sono prevalentemente orientate al coordinamento e al raccordo con altri centri di monitoraggio (comunali, provinciali e nazionali in modo da assicurare un’integrazione delle basi conoscitive e valutative del fenomeno incidentalità viaria e con tutti gli enti, le scuole di ogni ordine grado, e le realtà del privato sociale per diffondere i saperi e condividere le buone pratiche in materia di sicurezza stradale.

  6. Un percorso di trasformazione nel nuovo assetto detentivo/riabilitativo post OPG: esposizione di un caso / Un processus de transformation dans le nouveau dispositif d’emprisonnement / de réinsertion après la fermeture des hôpitaux psychiatriques judiciaires : une étude de cas / A process of transformation within the new custodial/rehabilitative framework after the closure of the judicial psychiatric hospitals: a case-study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Selvino M.S.

    2017-12-01

    Full Text Available L’articolo illustra il lavoro psicologico-clinico effettuato all’interno della “Articolazione per la Tutela della Salute Mentale in Carcere”, nuovo contesto di cura ed assistenza nato alla luce dei radicali cambiamenti attivati dal processo di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG e che accoglie soggetti autori di reato affetti da patologia psichiatrica, garantendone un’osservazione costante ed interventi riabilitativi ad alta intensità terapeutica. Il caso presentato, attraverso la narrazione del percorso detentivo/riabilitativo di un soggetto, iniziato con la reclusione in regime ordinario, proseguito con l’assegnazione all’OPG e con il successivo approdo presso l’Articolazione SMC (Salute Mentale in Carcere, ed esitato nel trasferimento in un contesto comunitario, mira ad essere esemplificativo della valenza trasformativa di un approccio rivolto al paziente che, nella gestione della patologia psichiatrica, superi i limiti di un assetto prevalentemente custodialistico, spesso predominante nei pregressi contesti ad essa dedicati, e dia priorità alle finalità terapeutico-riabilitative. L’article décrit le travail clinique-psychologique mené dans le « dispositif pour la protection de la santé mentale en prison » géré par les services locaux de santé de Salerne (Italie. Il s’agit d’un nouveau service de santé mentale et de traitement créé grâce aux changements radicaux apportés par la fermeture des hôpitaux psychiatriques judiciaires en Italie. Ce service accueille les criminels souffrant de pathologies psychiatriques, assurant leur contrôle régulier et des traitements de réadaptation à forte intensité thérapeutique. L’étude de cas présentée dans cet article concerne l’histoire d’une personne initialement détenue en prison, puis transférée dans un hôpital psychiatrique judiciaire et, enfin, accueillie par le « dispositif pour la protection de la santé mentale en prison

  7. A enfermeira no cuidado aos pacientes submetidos ao eco-stress farmacológico: implicações para a prática clínica El rol de la enfermera en la atención de pacientes sometidos al ecoestrés farmacológico: implicaciones en la práctica clínica Nursing care for patients undergoing pharmacological stress echocardiography: implications for clinical practice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Georgina Oliveira de Goes

    2012-06-01

    Full Text Available Estudo que teve por objetivos identificar os sinais e sintomas prévios e os ocorridos durante o exame de eco-stress farmacológico, descrever a atuação da enfermeira e os pressupostos para o cuidado de enfermagem na realização desse exame. Trata-se de pesquisa exploratório-descritiva, em uma unidade diagnóstica cardiológica de um hospital universitário de Porto Alegre. Foram estudadas, retrospectivamente, 246 fichas de registros de pacientes submetidos ao eco-stress, com quatro diferentes protocolos farmacológicos. A análise estatística apontou que os sinais e sintomas associados ao tipo de fármaco utilizado durante o exame foram, prevalentemente: angina típica, dor precordial, cansaço, cefaleia e extrassístoles. Esses resultados propiciaram conhecer melhor o eco-stress farmacológico, de forma a instrumentalizar a enfermeira para a prática clínica, tanto na organização da unidade para a realização do exame quanto no cuidado ao paciente submetido ao mesmo.Estudio que tuvo por objetivos, identificar los signos y síntomas previos, y los ocurridos durante el examen de ecoestrés farmacológico, y describir el rol de la enfermera y los fundamentos para los cuidados de enfermería durante la realización de este examen. Es un trabajo descriptivo, realizado en una unidad diagnóstica cardiológica de un hospital universitario de Porto Alegre, RS. Fueron estudiados, de forma retrospectiva, 246 expedientes médicos de pacientes sometidos al ecoestrés, con cuatro diferentes protocolos farmacológicos. El análisis estadístico demostró que los signos y síntomas fueron asociados al tipo de fármaco utilizado durante el examen, y estos fueron: angina típica, dolor precordial, cansancio, cefalea y extrasístoles. Estos resultados ayudaron a conocer mejor el ecoestrés farmacológico y preparar mejor a la enfermera para la práctica clínica, tanto en la organización del servicio donde se realizaron los exámenes como en los

  8. Electricity to natural gas competition under customer-side technological change: a marginal cost pricing analysis; Cambiamento tecnologico a valle del contatore e concorrenza fra elettricita' e gas naturale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gulli' , Francesco [Bocconi Univ., Milan (Italy). Iefe

    2004-07-01

    of specific technological solutions. [Italian] Questo articolo si prefigge di valutare l'impatto del cambiamento tecnologico (a valle del contatore) nell'industria energetica a rete (elettricita' e gas naturale). Le prestazioni degli impianti di generazione elettrica di piccola taglia e delle pompe di calore elettriche sono significamente migliorate negli ultimi dieci anni, rendendo possibile (o maggiormente conveniente) due traiettorie tecnologiche alternative: il sistema basato esclusivamente sull'utilizzo del gas naturale, possibile grazie all'utilizzo di piccoli impianti di cogenerazione che prefigurerebbe una forte decentrazione dell'offerta energetica; il sistema basato esclusivamente (o quasi) sull'utilizzo dell'elettricita', che invece, grazie all'utilizzo della pompa di calore reversibile, accentuerebbe le caratteristiche di centralizzazione dell'offerta. L'articolo confronta le due alternative sulla base dei corrispondenti costi sociali, somma dei costi interni (privati) e dei costi esterni (di natura prevalentemente ambientale), e conclude che, in termini paradigmatici, il sistema totalmente elettrico risulta preferibile ad una forte decentralizzazione basata sulla diffusione della cosiddetta decentrazione distribuita. Il lavoro tiene opportunamente conto della forte incertezza in merito alle stime dei costi esterni (ed in particolare del costo marginale delle emissioni di gas-serra) e suggerisce che l'attuale grande interesse nello sviluppo della generazione distribuita potrebbe essere attribuibile alla presenza di distorsioni di mercato.

  9. La Casa dell’abate a San Giovanni in Persiceto: Indagini conoscitive e questioni operative per la conservazione di un «edificio-fossile»

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Squassina, Angela Paola

    2008-12-01

    processo di trasformazione per sostituzione graduale degli elementi lignei con muratura, che lo ha condotto da una condizione di edificio-fondaco a carattere non residenziale, verso un assetto prevalentemente abitativo. A ciò si aggiunge una generale condizione di ridotta leggibilità stratigrafica, dovuta ad un intervento risalente agli anni Sessanta, che ha comportato profonde trasformazioni strutturali ed una generale alterazione delle superfici esterne sistematicamente rinnovate, con conseguente modifica della percezione di antichità dell’insieme. Una condizione che suggerisce alcune riflessioni sul rapporto fra leggibilità stratigrafica e conservazione dell’autenticità. In un edificio fortemente alterato, viene drasticamente ridotta la capacità risolutiva dello strumento stratigrafico, di cui diventa necessario ricalibrare codici e modalità applicative. Tuttavia, da questa necessità di continuo adattamento a diverse condizioni di lettura, risulta un’articolazione della stratigrafia – qualora inclusa organicamente nella concezione del progetto di restauro – e la leggibilità stratigrafica può divenire anche prezioso indicatore delle alterazioni indotte e criterio tecnico-culturale di orientamento del progetto, come tensione ideale verso il controllo delle trasformazioni nell’intervento. Che si configura qui in termini minimali e rispettosi delle testimonianze superstiti frammentate e della loro leggibilità stratigrafica.

  10. Inductive Eigenmodes of a resistive toroidal surface in vacuum

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lo Surdo, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    lavoro studia un problema della fisica-matematica classica, quello degli automodi pre-Maxwelliani (o induttivi) di una generica superficie conduttrice - con conduttivita' (superficiale) data punto per punto - avente la topologia di un toroide non annodato, e immersa nello spazio infinito vuoto. (Viene anche esaminato il caso in cui tale superficie e' elettricamente interrotta lungo uno o piu' dei suoi cicli irriducibili). L'autoproblema in oggetto e' ricondotto alla soluzione di una equazione integrale di Fredholm di 2a specie nel caso di campo magnetico (sia interno che esterno alla superficie) non-circuitante; e di un sistema di tre (due) equazioni integral-algebriche - una dello stesso tipo a le altre (l'altra) di tipo diverso - nel caso piu' generale di campo magnetico (interno e (aut) esterno) circuitante. E' anche fornita una discussione qualitativa dello spettro. Il problema e' poi esaminato e risolto in dettaglio in due geometrie fondamentali; quella del toro canonico, e quella (che ne e' la degenerazione) del cilindro circolare indefinito, in entrambi i casi con conducibilita' costante. Le potenziali applicazioni di questa ricerca ad un aspetto importante (seppur assai parziale) della teoria delle macchine per la fusione controllata a topologia toroidale sono evidenti. Il testo e' stato redatto in uno stile prevalentemente didattico; una sua versione non-didattica (notevolmente piu' breve e destinata ad eventuale pubblicazione) e' attualmente in preparazione.

  11. Politiche della sosta e qualità dell’ambiente urbano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2009-05-01

    Full Text Available Dai numerosi Documenti dell’Unione Europea emerge con chiarezza che se la mobilità rappresenta indiscutibilmente un elemento propulsore dello sviluppo urbano, le politiche per la mobilità, e in particolare per la mobilità urbana, necessitano di un deciso ri-orientamento al fine di mitigarne i rilevanti costi ambientali. Ad oggi, il dibattito scientifico e le numerose iniziative promosse in sede europea per la definizione di forme di trasporto urbano sostenibile sembrano convergere su un punto: per accrescere la sostenibilità della mobilità urbana è indispensabile ridurre il numero complessivo di auto e incoraggiare l’utilizzo del trasporto pubblico. In tale contesto, qual è il ruolo della sosta, che rappresenta indiscutibilmente una delle componenti chiave di una mobilità urbana prevalentemente affidata all’auto privata? Le scelte in materia di sosta costituiscono, di fatto, un elemento chiave per ridurre la dipendenza dall’auto privata all’interno delle città, oltreché rappresentare un rilevante punto di congiunzione tra politiche di trasporto e politiche di uso del suolo. “Regolando la fornitura di parcheggi disponibili, l’uso dell’auto privata può essere scoraggiato, rafforzando allo stesso tempo l’uso di modalità di trasporto alternative”. In altre parole, la drastica limitazione dell’offerta di sosta costituisce uno dei principali strumenti per liberare le città dal traffico veicolare: “sapendo che a destinazione il parcheggio non è disponibile, si sceglieranno modi alternativi per raggiungerle”. La sosta viene dunque oggi riconosciuta da un lato quale problema cruciale, soprattutto nelle aree centrali delle grandi città in grado, in molti casi, di ridurne significativamente l’attrattività, dall’altro quale fattore strategico per un complessivo ripensamento della mobilità in ambito urbano, quale il metodo più diffusamente e agevolmente accettato per limitare l’uso dell’auto. A fronte di

  12. Scelta dell'habitat del tasso (Meles meles in un'area dell'Oltrepò pavese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Rigo

    2003-10-01

    Full Text Available Il presente studio è parte di una ricerca promossa dal Centro Studi Faunistica dei Vertebrati della SISN. Il progetto è iniziato nel 1999 ed è ancora in corso. L'area di studio (161 Km² si trova nella zona collinare dell'Oltrepò ed è compresa, sul reticolato cartografico UTM, tra i Km 4972 e 4960 Nord, e i Km 1505 e 1520 Est. Lo scopo principale della ricerca era di valutare l'importanza delle caratteristiche ambientali nella scelta e selezione dell'habitat del tasso, relativamente al posizionamento delle tane. Nel periodo di studio sono stati rilevati i dati ambientali su 23 punti tana (pt e 28 punti casuali (pc, successivamente inseriti in un GIS dal quale, attraverso l'analisi di carte tematiche digitalizzate, sono state ricavate diverse altre informazioni (uso del suolo, geologia, litologia, sviluppo dei corsi d'acqua, delle strade e dei centri abitati considerando aree di raggio 300 e 600 m intorno ai pt e pc. I dati raccolti sono stati oggetto d'analisi statistiche con test di confronto fra pt e pc, indice di selezione di Manly e tecniche classificatorie multivariate (regressione logistica. Le tane di tasso sono prevalentemente scavate in luoghi protetti, caratterizzati da un'elevata copertura. La differenza tra gli ambienti nei quali sono situate le tane e quelli relativi ai punti casuali si è rivelata estremamente significativa (Χ²=18.20; d.f.=1; p<0.001. L'indice di Manly indica una forte selezione per i boschi di latifoglie, quasi tutte le tane, infatti, si trovano in ambienti boschivi caratterizzati da una elevata copertura sia delle fronde degli alberi (Χ²=8.02; d.f.=2; p=0.018 che degli arbusti (Χ²=10.85; d.f.=2; p=0.004; sono invece evitati ambienti caratterizzati da un elevato sviluppo delle attività antropiche e che presentino una copertura minima o del tutto assente come campi coltivati, frutteti, zone a prato, ecc. Preferiti sono risultati i versanti esposti a sud rispetto alle altre esposizioni (Χ²=11.566; d

  13. DIFFUSIONE E MOTIVAZIONI ALLO STUDIO DELL’ITALIANO NELL’AFRICA SUB-SAHARIANA FRANCOFONA: UNA PRIMA INDAGINE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilles Kuitche

    2012-07-01

    Full Text Available Negli ultimi decenni la richiesta di corsi di italiano L2 in generale è in espansione, come testimoniano le indagini condotte da gruppi di esperti del settore (De Mauro et al. 2002, Giovanardi e Trifone 2010 ma anche le statistiche pubblicate regolarmente dal Ministero degli Affari Esteri italiano. Nell’area geografica di cui si occupa la presente inchiesta sono in corso dei cambiamenti radicali per quanto riguarda l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2, come dimostrano ad esempio l’inserimento della lingua italiana nei curricoli delle scuole superiori in Senegal o l’apertura di un dipartimento di italiano nella Scuola Normale Superiore inaugurata di recente in Camerun. L’indagine “Italiano 2000” (De Mauro et al. 2002, uno dei più autorevoli lavori sui pubblici e sulla diffusione dell’italiano L2 nel mondo, segnalava una netta diminuzione del numero di apprendenti e dei corsi in Africa, ma tale dato si basava su un campione di paesi prevalentemente nord africani in cui, alla fine degli anni Novanta, si registrava una generale “situazione di sofferenza” con addirittura un’allarmante diminuzione del 100% delle proposte didattiche e quindi degli apprendenti in alcune realtà. Con un’attenzione particolare alle caratteristiche del contesto e alla modalità di rilevazione, la presente indagine conoscitiva porta in luce una straordinaria vitalità dell’italiano nell’Africa sub-sahariana francofona, caratterizzata da un’importante crescita del numero di persone che si avvicinano a tale lingua nonché da una proliferazione e da una maggiore diversificazione delle proposte formative. Oltre ai dati statistici aggiornati sulla diffusione dell’italiano L2 in questa parte del mondo, l’inchiesta fornisce una descrizione dei contesti didattici e dei principali attori del processo didattico.THE SPREAD AND MOTIVATION FOR STUDYING ITALIAN IN FRENCH-SPEAKING SUB-SAHARAN AFRICA: A PRELIMINARY SURVEYOver the past decades

  14. Environmental study for optimal sites selection for incineration plant of refuse derived fuel in Lucca Province, Tuscany (Italy); Metodologie e tecniche di analisi ambientale per l`ubicazione `sostenibile` di impianti di smaltimento rifiuti: l`esperienza della Provincia di Lucca

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tassoni, E; Cautilli, F; Polizzano, C; Andriola, L [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-04-01

    -southern part of the potentially suitable area mentioned above, finally further subdivided in 2 priority levels. [Italiano] Il lavoro presenta i risultati ottenuti dall`ENEA nell`ambito di un incarico conferito dall`Amministrazione Provinciale di Lucca, riguardante la localizzazione delle aree idonee all`installazione di un impianto di termoutilizzazione energetica di CdR (Combustibile derivato dai Rifiuti) e di una discarica ad esso associata, in sintonia con gli indirizzi contenuti nel `Programma politico d`azione della Comunita` Europea a favore dell`ambiente e di uno sviluppo sostenibile`. La ricerca e` stata effettuata dall`ENEA attraverso il supporto di metodologie, basate su criteri di natura ambientale, gia` precedentemente applicate a diverse situazioni territoriali italiane (Provincia di Cremona, Comune di Latina ecc.). Nel territorio in oggetto la localizzazione e` stata ricondotta alle problematiche connesse con quella delle discariche, che presentano generalmente maggiore impatto ambientale. Per calcolare l`impatto dei rilasci del termoutilizzatore nella fascia di potenziale idoneita` e` stato effettuato uno studio meteo-diffusivo per calcolare i livelli medi annui di concentrazione in aria a livello del suolo dei principali inquinanti (CO, SO2, NO2, ecc.) e le deposizioni (secca e umida), assumendo come emissioni al camino i valori limite imposti dalle direttive CEE; i valori medi calcolati sono risultati notevolmente al di sotto dei limiti di legge (DPR 203/1988). Sono stati infine selezionati 14 siti, concentrati prevalentemente nella porzione centro-meridionale della fascia suddetta, successivamente suddivisai in due classi di priorita` sulla base di motivazioni ambientali (elevata soggiacenza della falda, assenza di rischio di alterazione dei processi ecologici, scarso impatto sulle attivita` agricole), logistiche (maggiore estensione media con possibilita` di ospitare tutti gli impianti) e socioeconomici (presenza di grandi complessi industriali, minore

  15. Laser induced spectroscopy breakdown (LIBS) application to heavy metal detection in soils; Applicazioni della tecnica Laser induced breakdown spectroscopy (LIBS) alla determinazione dei metalli pesanti nei suoli

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barbini, R.; Fantoni, R.; Palucci, A.; Ribezzo, S.; Colao, F. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy). Div. Fisica Applicata; Capitelli, F. [Bari, Univ., Bari (Italy). Dipt. di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale

    2000-07-01

    composizione elementale del campione e, mediante l'utilizzo di emissioni di campioni a concentrazione nota, di risalire alle concentrazioni delle singole specie del campione. Il grande vantaggio di questa tecnica e' che non e' richiesto alcun trattamento del campione (come invece e' il caso in tecniche spettroscopiche tradizionali quale l'ICP, Inductively Coupled Plasma, che richiede la mineralizzazione del campione tramite attacco acido con acqua regia), se non il semplice compattamento tramite pressa meccanica. I risultati ottenuti dall'applicazione della tecnica LIBS al centro ricerche ENEA di Frascati sui campioni di suolo sono stati analizzati per confronto con i risultati ottenuti con una tecnica tradizionale quale l'ICP. Si osserva una sistematica sovrastima del valore LIBS rispetto a quello ICP, probabilmente imputabile alle differenze di matrice litologiche tra i campioni analizzati e quelli usati come riferimento. (abstract truncated)

  16. The Survey on Knowledge of Shiraz District Health Volunteers Over Healthy Life Style in Aging

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Masoomeh Saffari

    2006-10-01

    Full Text Available Objectives: The education promotion of elderly health is an Important preference of health that should be planned for it. Several problems of elderly are supposed to be due to life style so the community education of healthy life style should be considered. The appropriate approach to achieve those objectives is to use of female health volunteers for transformation of this education to families. Methods & Materials: To determine the level of knowledge of health voluntaries about healthy life style for prevention of problems in elderly period, in Shiraz. Method & Materials: In a cross-sectional study, 320 health voluntaries were selected by randomized method. The sample size was calculated with the results.  A pilot study on one hundred with use of a questionnaire contain of 5 demographic questions and 32 questions about life style including nutrition, prevention of disease, oral health's and health advices. They filled the questionaries' and the data were entered in EPI 2002 software and were analyzed by descriptive tests. Results: The mean age all of 320 health were 33.7 years, with standard deviation of 8.6 years. The knowledge level of them in health advices were 15% weak, 66.9% medium and 18.2% well. In oral health 21.6% well, 61.3% medium & 7.2% well. In prevention of disease 37% weak, 62.2% medium and 9% well, in nutrition 24.6% weak, 69.3% medium and 5.9% well. Overall the level of knowledge of health volunteers about life style were 20.9% weak, 65.5% medium and 13.8% well. Conclusion: In the aim achieving to their approaches program of health, volunteers was started by Ministry of Health in 1990. This program was performed by the aim of health promotion in these group with participation of themselves. Till now they have trained in the recognition of health problems and healthy approach to them. So, the volunteers transfer their knowledge to community specially to under their coverage. At present the health problems are not only due to

  17. Inatividade física e fatores associados em adultos, São Paulo, Brasil Physical inactivity and associated factors in adults, São Paulo, Brazil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luane Margarete Zanchetta

    2010-09-01

    Full Text Available OBJETIVO: Analisar prevalências de inatividade física e fatores associados, e exercícios e esportes praticados segundo escolaridade em 2.050 adultos de 18 a 59 anos de idade - Estado de São Paulo, Brasil. MÉTODOS: Estudo transversal de base populacional com amostra estratificada e em múltiplos estágios. A inatividade física global foi aferida pelo International Physical Activity questionary - IPAQ short version, e por questão sobre prática regular de atividade física no lazer. A análise dos dados levou em conta o desenho amostral. RESULTADOS: A prevalência de inatividade física no lazer foi maior entre as mulheres. Já a inatividade física pelo IPAQ foi maior entre os homens. Modelos de regressão múltipla de Poisson indicaram, nos homens, menor inatividade física pelo IPAQ nos solteiros e separados, estudantes e aqueles que não possuíam carro. A inatividade física no lazer foi maior nos homens acima de 40 anos e com menor escolaridade ou apenas estudantes. A inatividade física pelo IPAQ, nas mulheres, foi mais prevalente entre as com maior escolaridade, ocupações menos qualificadas e viúvas; a inatividade física no lazer diminuiu com o aumento da idade e da escolaridade. Entre as modalidades praticadas no lazer, a caminhada foi a mais prevalente nas mulheres e o futebol nos homens. A maioria das modalidades foi diretamente associada à escolaridade; aproximadamente 25% dos indivíduos com mais de 12 anos de estudo praticava caminhada. CONCLUSÕES: Estes resultados sugerem que intervenções e políticas públicas de promoção da atividade física devem considerar diferenças socioeconômicas, de gênero, bem como as modalidades e o contexto em que a atividade física é praticada.OBJECTIVE: To analyze the prevalence of overall and leisure time physical inactivity and associated factors and types of exercises or sports modalities according to schooling in 2,050 adults from 18 to 59 years of age - state of São Paulo

  18. Vitamina A en gestantes evaluadas mediante encuesta dietética e impresión citológica conjuntival

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jesús Diego de la Campa

    1996-06-01

    during the first trimester of 1994 (71 patients were considered as a universe of study. Questionaries were given to them and a conjunctival cytological sample was taken between the 8 and 12 weeks of pregnancy. Body weight and size were also determined. The same procedure was repeated between the 28 and 32 weeks. Alteration of conjunctival cytology was found in a patients on taking the first sample, for 1,4 %. There were no conjunctival alterations in the second sample (the pregnant woman who presented conjunctival cytological anomalies during the first sample consumed food rich in vitamin A limitedly. She was supplemented with neovitamin II and at the time of the second sample she had recovered the normal pattern, which shows that there is no vitamin A deficit as a nutritional problem among the pregnant women of our health area in the group evaluated. The results of this study demonstrate that in spite of the fact that there have been registered moderate frequencies of consumption of food rich in vitamin A, no deficiencies have been detected at the level of effector. This is possibly due to the fact that the amount of food contributions plus the vitamin supplements' dosifications satisfy the security level for keeping the hepatic reserves, providing vitamin A beyond the threshold where the deficiency signs appear

  19. Mamíferos do município de Fênix, Paraná, Brasil: etnozoologia e conservação Mammals of the municipality of Fênix, Paraná, Brazil: ethnozoology and conservation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiana Rocha-Mendes

    2005-12-01

    , located in the mid-western Paraná state, Southern Brazil. To do so, in 2004 we interviewed 19 local residents. The interview consisted of an informal talk based on a questionary followed by the presentation of photographs of potential mammalian species of the study region. As a result, we recorded 39 species, of which at least six are new records for the study area. Hunting revealed to be not only common in the past, but also still practiced nowadays, even inside nature preserves, like the Parque Estadual Vila Rica do Espírito Santo. The species more appreciated by the hunters are the same cited for other neotropical regions. At present, however, Hydrochaeris hydrochaeris (Linnaeus, 1766 (Hydrochaeridae is the species more frequently sought since it is still common in several natural areas of the region, including those that have been largely modified by man. With regard to mammalian predation upon domestic animals, almost 80% of the interviewees declared that they had lost some breed, especially chicken, as the result of the attack of medium-sized carnivores. Data on temporal modifications of the mammalian species composition were also obtained with the interviews, as the local extinctions of some large mammals (Panthera onca (Linnaeus, 1758 (Felidae, Tapirus terrestris (Linnaeus, 1758 (Tapiridae and Tayassu pecari (Link, 1795 (Tayassuidae or the population increases of Cebus nigritus (Goldfuss, 1809 (Cebidae and Nasua nasua (Linnaeus 1766 (Procyonidae, which are supposedly related to the consumption of corn and other plantations.

  20. Morbilidad y maltrato infantil en niños entre 7- 14 años en consulta de Psicología Morbility and infant abuse: 14 years in a Psycology office

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivonne Jiménez Macías

    2006-04-01

    2004 to know morbility behavior in consultation, to determine presence of infant abuse in the studied children and to relate its forms with the morbility found out to specify the antecedents of innate lower weight and prematurity in abuse children as well as the presence and intensity of depression in them. The universe was constituted by 90 corresponding to the source of data appeared in the individual clinical records elaborated in the doctor’s office, to whom were applied a group of taken questionaries of consulted bibliography and that become the primary registration of the investigation. The data were processed by methods of descriptive statistics and the results were expressed in texts, charts and diagrams. It was found that the most frequent affections in Psychology consultation were the inadequate family situations (Ifs, the situational transitory dysfunctions (STD in Its, the infantile neurosis and the anxious syndrome in Ifs present in the 52.2 % (47 patients. In the 85.6% of the studied children abuse existed, prevaling in the male sex between 7 and 1º0 years old; the predominant forms of abuse were: emotional, negligence in care and physical. The 85.7% of the mistreated children (66 children presented depression. It was not representative the presence of innate lower weight and prematurity in the mistreated children.

  1. Il ruolo svolto dall’attività lavorativa sull’ipertensione arteriosa

    Science.gov (United States)

    Barbini, N.; Gorini, G.; Ferrucci, L.; Biggeri, A.

    2009-01-01

    RIASSUNTO Introduzione I parametri di pressione arteriosa, sistolica (PAS) o diastolica (PAD) hanno costituito I’oggetto di numerosi studi, alcuni dei quali stabiliscono un’associazione tra I’aumnto di tali parametri e la mortalità, in particolare alle età medie. I fattori di rischio di ipertensione più frequentemente studiati sono il consumo di alcol, il fumo e I’origine etnica in riferimento sia alle differenze genetiche che nella condotta alimentare, mentre i fattori di origine professionale sono stati presi in considerazione più raramente e in maniera poco approfondita, inoltre sono state riferite notevoli differenze nelle pressioni arteriose medie di individui che svolgono professioni diverse. Sembra infatti che i “colletti blu” siano più a rischio dei “colletti bianchi”. Obiettivi Il nostro scopo è valutare se determinati rischi o vincoli connessi con l’attività professionale o determinati stili di vita rappresentano un fattore di rischio per l’ipertensione arteriosa in considerazioni dell’aumentare dell’età. Elementi specifici che rendano conto di questa relazione non sono stati ancora completamente chiariti e soprattutto i dati sulla popolazione italiana sono molto limitati. Metodi La metodologia di ricerca utilizzata è stata quella dell’indagine francese ESTEV (Derriennic, Touranchet, Volkoff) - VISAT (Marquie, Janson), studio epidemiologico longitudinale su oltre 23000 lavoratori attivata in Francia nel 1990 al fine di indagare gli effetti a lungo termine delle condizioni di lavoro, riferite all’intera vita professionale, sia sull’invecchiamento sia sulla salute dei lavoratori. Analoga indagine è stata avviata in Italia, nel 2000, in 6 Regioni, prendendo in esame i lavoratori dipendenti di diversi settori produttivi appartenenti a 5 coorti di età: da 32 a 52 anni con intervallo di 5 anni. Le rilevazioni sono state effettuate dai medici del lavoro di azienda attraverso 3 questionari: 1. sulle condizioni

  2. Individual monitoring of external exposure in terms of personal dose equivalent, H{sub p}(d); Dosimetria personale esterna in termini di equivalente di dose personale, H{sub p}(d). Atti. Giornata di studio, Bologna, 28 febbraio 2001

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fantuzzi, E. [ENEA, Div. Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy)

    2001-07-01

    del Dlgs 241 del 26/5/00 (G.U. 31/8/2000). Il decreto recepisce in legge le indicazioni della Direttiva Europea EURATOM 96/29 Basic standards for the protection of health of workers and the general public against dangers arising from ionizing radiation sul tema della radioprotezione dei lavoratori e della popolazione. Le novita' introdotte dal decreto sono varie, fra le altre, la indicazione delle grandezze operazionali per la dosimetria esterna personale e ambientale, rispettivamente H{sub p}(d) e H{sup *}(d), definite dall'ICRU (International Commission for Radiation Units and Measurements) come grandezze di riferimento, richiede l'aggiornamento dei metodi di misura e di calibrazione dei dosimetri personali e degli strumenti di monitoraggio. Il presente rapporto tecnico raccoglie le relazioni presentate alla giornata di studio, dedicate alla definizione dell'equivalente di dose personale, dei coefficienti di conversione ottenuti tramite simulazioni di calcolo Monte Carlo pubblicati dalle commission ICRU e ICRP (International Commission for Radiation Protection), discutere le nuove procedure di calibrazione e le conseguenze operative nel monitoraggio di routine del personale radioesposto. Infine, nel capitolo finale, sono brevemente elencate le risposte a tipiche Frequently asked questions (FAQ) sul tema della dosimetria personale operativa in termini di H{sub p}(d).

  3. Effectiveness of the cross-compliance standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna Gumiero

    2016-02-01

    Full Text Available Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia.Seven buffer strips (BS adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the standard 5

  4. The angiogram sign in pulmonary atelectasis studied with helical Computed Tomography. Incidence and value; Il segno dell'angiogramma nelle atelettasie polmonari studiate con Tomografia Computerizzata spirale. Incidenza e validita' semeiologica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sandomenico, F.; Catalano, O.; Cusati, B.; Esposito, M.; Siani, A. [Ospedale S. Maria delle Grazie, Pozzuoli, NA (Italy). Servizio di Radiologia

    1999-12-01

    atelettasia polmonare con origine differente. Quindici casi di atelettasia da compressione (10 da versamento pleurico, 2 da sollevamento diaframmatico di cui uno con lacerazione, 2 da pneumotorace post-traumatico, uno da aneurisma dell'istmo aortico), 12 casi di atelettasia da ostruzione (9 da carcinoma broncogeno di cui uno con polmonite post-ostruttiva, uno da ostruzione bronchiale mucosa, uno da linfoadenopatie ilo-mediastiniche ed uno da neoplasia mediastinica), 2 casi di atelettasia adesiva e uno di atelettasia rotonda. Tutti gli esami sono stati condotti utilizzando la tecnica spirale durante iniezione di mdc iodato non ionico (concentrazione 300-350 mg/ml) somministrato a bolo tramite iniettore automatico con velocita' variabile da 2 a 3 ml/s. In accordo con i dati riportati nella letteratura e' stato ricercato il segno dell'angiogramma: strie iperdense solitamente con lunghezza superiore a 2 cm decorrenti nel contesto delle consolidazioni atelettasiche e corrispondenti a normali diramazioni vascolari polmonari. Il segno dell'angiogramma e' stato riscontrato nel 95% dei casi di atelettasia compressiva (14 su 15) e nell'80% delle forme di atelettasia ostruttiva (10 su 12). In 2 casi di atelettasia ostruttiva sono state comunque rilevate iperdensita' puntiformi da strutture vascolari documentate nella sezione trasvesa. Caratteristica l'identificazione delle strutture vascolari a coda di cometa nella forma di atelettasia rotonda. Non sono stati individuati casi di atelettasia cicatriziale. La TC spirale grazie alla notevole rapidita' di acquisizione consente di documentare l'opacizzazione vascolare al momento del picco del bolo contrastografico. Cio' ha reso possibile il riscontro frequente del segno dell'angiogramma nelle atelettasie polmonari. Tale segno, quindi, perde ulteriormente in specificita' semeiologica divenendo unicamente un elemento di colollario nella semeiologia TC delle consolidazioni

  5. Saints' Relics in Scuola di S. Giorgio degli Schiavoni: An Anti-Ottoman Pantheon

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Marinković

    2018-04-01

    Full Text Available The intensified military campaigns against the Ottomans in the second half of the fifteenth century palpably influenced the cult of saints venerated in Scuola di S. Giorgio degli Schiavoni, both by assimilating new saints, as well as strenghtening the existing cults through indulgences and relic acquisitions. The initial pair of patron saints – St George and St Tryphon, the city patrons of Bar and Kotor – delineated the geographical area where the majority of confraternity members originated from, that is, the Venetian Albania. The inclusion of St Jerome, the patron of Dalmatia, to the confraternal pantheon by Cardinal Bessarion's indulgence issued in 1464, in addition to rounding up the holy patronage to all the Eastern Adriatic Venetian dependencies, also marked the beginning of a strong anti-Ottoman motivation in the scuola's hagiographic horizon. The triple endowment of the Scuola in 1502 – relic acquisition, granting of indulgence, and commission of Carpaccio's monumental cycle – continued to work on the same line, and added to the practical aspect of spiritual support to the members of Venetian troops provenient of the Eastern Adriatic. However, the saints whose relics are today kept in the altar of the lower hall, including the patron saint of the Republic of Dubrovnik, point to an even wider devotional agenda, possibly arranged after the Battle of Lepanto, as the comparative analysis of the reliquaries show.   Le campagne militari contro gli Ottomani intensificatesi nella seconda metà del XV secolo influenzarono palesemente il culto dei santi venerati nella Scuola di S. Giorgio degli Schiavoni, sia attraverso l'assimilazione di nuovi santi, sia tramite il rafforzamento del culto già esistente verso le indulgenze e l'impulso all'acquisizione di reliquie. La prima coppia di santi patroni - San Giorgio e San Trifone, patroni della città di Bar e Cattaro - delimitano l'area geografica da cui proviene la maggior parte dei membri

  6. Ecological study of a wetland in Vercelli area. Bird community of 'palude di San Genuario' (Crescentino-Fontanetto Po); Studio ecologico di una zona umida del Vercellese. La comunita' ornitica della palude di S. Genuario (Crescentino-Fontanetto Po)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cellerino, A.; Rossi, G.L. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Saluggia, Vercelli (Italy)

    2001-07-01

    . La ricerca, realizzata nell'ambito delle attivita' della Sezione Componente Biotica dell'Ecosistema del Centro Ricerche ENEA di Saluggia, si e' svolta negli anni 1996, 1997 e 1998 ed ha permesso di descrivere la comunita' ornitica svernante e nidificante nell'area in esame, caratterizzandola in termini di diversita' in specie tramite l'applicazione di indici sintetici (Shannon-Weaver, Berger-Parker, Pielou, Simpson). Come ulteriore analisi della comunita' sono state calcolate le curve di distribuzione delle abbondanze relative delle specie e ne e' stata verificata la consistenza rispetto a quattro modelli teorici: attraverso l'utilizzo di sistemi di valutazione delle specie ornitiche nidificanti in Italia (Brichetti e Gariboldi, 1992; 1994) e l'appartenenza delle specie considerate nella Lista Rossa degli uccelli italiani, all'elenco delle specie di interesse conservazionistico a livello europeo (Tucker e Heath, 1994), nonche' delle Direttive Comunitarie (Direttiva Uccelli) e Convenzioni Internazionali (di Berna e di Bonn), e' stato possibile evidenziare che le specie di maggior interesse conservazionistico sono legate ad ambienti palustri. Sulla base dei risultati, sono state elaborate alcune ipotesi gestionali per la conservazione dell'area in esame.

  7. Local feeding specialization of the red fox (Vulpes vulpes in response to eastern cottontail (Sylvilagus floridanus introduction (NW Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Balestrieri

    2006-03-01

    Full Text Available Abstract To appreciate the influence of the introduction of the Eastern cottontail (Sylvilagus floridanus on the food habits of the red fox (Vulpes vulpes, between June 1998 and February 2000 fox diet was investigated by means of scat analysis (N=115 in a 250 ha wide Natural Reserve of NW Italy, and compared with data collected in the same area prior to cottontail colonization (1988-1989. Comparison included also the diet of badgers (Meles meles, considered as potential competitors for food resources. Alien lagomorphs (mean percent volume, Vm% = 68% represented by far the most exploited resource, only three other food items reaching values of mean percent volume barely higher than 5%. Cottontails frequency of occurrence did not vary according either to season or to their reproductive cycle (II-IX vs. X-I, whilst diet niche breadth varied inversely proportional to the use of this key-resource. Overall fox trophic niche breadth varied from 0.64 in 1988-89 to 0.31 in 1998-00 (B, Levin’s index. These findings led us to consider the feeding habits of the fox in the study area as a result of local specialization of a typical generalist carnivore, according to the predictions of optimal foraging theory. No variation occurred in the badger niche breadth since cottontail introduction, whilst niche overlap between foxes and badgers decreased from 0.59 to 0.13 (O, Pianka’s index, possibly reducing competition for food in summer. Riassunto Specializzazione alimentare a livello locale della Volpe Vulpes vulpes in risposta all’introduzione del Silvilago Sylvilagus floridanus (Italia nord occidentale. Per valutare gli effetti dell’introduzione del Silvilago (Sylvilagus floridanus sul comportamento alimentare della volpe (Vulpes vulpes, nel periodo giugno 1998-febbraio 2000, la dieta del carnivoro è stata definita tramite l’analisi di 115

  8. Spatial organisation of badgers (Meles meles in a medium-density population in Luxembourg

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alain C Frantz

    2010-08-01

    Full Text Available

    Abstract
    Any hypothesis aiming to explain the social organisation of Eurasian badgers Meles meles has to consider its wide inter-population variability. We used radiotracking techniques to investigate the spatial organisation and the pattern of space-use by badger in Luxembourg, where badger density can be considered moderate compared to most of Europe.
    Eight badgers belonging to five social groups were caught and radio-collared. The size of individual home ranges, as assesses by 100% minimum convex polygons in spring-summer 2002 and 2003, varied from 42.5 ha to 171.8 ha. Core areas corresponded to the 50-70% kernel isopleths and covered an average of 10.1% of individual home ranges. The home ranges of badgers caught at the same sett overlapped largely (average 83.3%, whilst the overlap between neighbouring ranges did not exceed 13.8%. Altogether six boundary latrines were found at the intersection of group ranges. Overall, the spatial system of the Luxembourg badgers is quite flexible, with the boundaries of some group ranges remaining constant over the years, while others may expand or contract.
    Riassunto
    Organizzazione spaziale del tasso (Meles meles in una popolazione a media densità del Lussemburgo.
    Qualsiasi ipotesi che voglia spiegare l’organizzazione sociale del tasso Meles meles, deve tener conto della sua ampia variabilità tra le popolazioni.
    Tramite la radiotelemetria e il monitoraggio delle latrine, la struttura territoriale e l’uso dello spazio da parte del tasso sono stati analizzati in una popolazione del Lussemburgo, dove la densità della specie può essere considerata intermedia rispetto ai valori noti per il resto dell’Europa.
    Sono stati marcati con radio-collari otto tassi, appartenenti a cinque diversi gruppi sociali. Le dimensioni delle aree vitali, stimate con il minimo poligono convesso al 100

  9. Libri paralleli: saggi critici e ibridazione narrativa (Barthes, Manganelli, Lavagetto, Deresiewicz

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Mattia Gallerani

    2016-05-01

    Full Text Available Scopo del presente contributo è indagare il nesso tra il concetto d’ibridazione e il genere del saggio critico attraverso alcuni esempi desunti entro un periodo di medio termine nella contemporaneità (1970-2010. In ambito estetico l’ibridazione è stata interpretata, dapprima, come momento di confusione delle poetiche classiche, in seguito, soprattutto nel Novecento, come una vera e propria possibilità di affrancamento delle opere dalla categoria stessa di genere letterario. Il corpus di saggi critici è circoscritto a quattro autori (Roland Barthes, Giorgio Manganelli, Mario Lavagetto, William Deresiewicz, appartenenti a tre letterature e pubblicati dall’epoca della teoria al suo apice (1970 fino a oggi. L’analisi, prendendo in conto aspetti tanto strutturali quanto stilistici delle opere, mette in luce le strategie di commento e riscrittura che comportano l’inserimento di un discorso parallelo a quello critico, che rileva di un altro genere, né saggistico, né filosofico. L’obiettivo conclusivo è mostrare come l’ibridazione stessa sia studiabile, da un punto di vista storico-letterario, come un fenomeno generico ancorato alla cultura vigente e ai suoi modi di produzione, anche nel caso di un genere intellettuale e apparentemente estraneo alle dinamiche delle merci culturali come il saggio critico. Infatti ibridazione non significa automaticamente liberazione dalla categoria di genere letterario. Man mano che il ruolo della teoria nella scrittura saggistica scema di fronte a un cambiamento dei paradigmi critico-letterari della contemporaneità, l’ibridazione interviene nel saggio critico tramite meccanismi che appartengono più a un adeguamento che a una differenziazione rispetto ai generi narrativi tradizionali. This contribution aims at discussing hybridization in its relations with the literary genre of the critical essay by analyzing some examples found in the medium-term period 1970-2010. Following the historical

  10. La «speciale provvidenza» nella caduta di una falena: ibridismi woolfiani tra saggio e short story

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Bugliani

    2016-05-01

    Full Text Available Il contributo intende mettere in luce le dinamiche di ibridazione tra i generi saggio e novella nella prosa breve di Virginia Woolf, in particolare in quegli esemplari di saggi che presentano delle caratteristiche smaccatamente immaginifiche e narrative che li distanziano nettamente dall’ideale di saggio quale «breve testo nonfinzionale in prosa». Nota al grande pubblico proprio per la sua programmatica ricerca di codici espressivi sempre nuovi e per le sperimentazioni con i generi più disparati, nel caso della prosa breve Woolf riesce con successo a infrangere i confini tra argomentativo e narrativo per giungere a una forma mediana che trae la sua identità sia dalla fiction che dalla nonfiction. Tramite un’analisi di alcune tra le short stories e i saggi più significativi, il contributo vuole essere uno spunto per una più ampia riflessione su quanto la mescolanza di stilemi diversi sia non solo un tratto letterario tipico della letteratura modernista, quanto piuttosto la risposta a una necessità di trovare una via altra nel panorama letterario, quasi una pulsione creativa primigenia che, nel caso delle contaminazioni tra saggio e narrativa breve, può essere affiancata al concetto di saggismo proposto da Robert Musil. The Death of the Moth, Street Haunting e molti altri saggi woolfiani permettono quindi di ricalibrare le demarcazioni fra generi, e di ripensare gli idealtipi che nella mentalità comune sono assurti a modelli e per l’uno e per l’altro dei due generi brevi in prosa, che in questa sede rappresentano i limiti estremi dello spettro di analisi. My paper aims at evaluating the hybridizing techniques that V. Woolf deployed in her shorter prose to blur the edges between the essay and the short story, in particular in those essayistic specimens that present some markedly imaginative features which undermine the ideal of the essay as a «brief, nonfictional prose piece». Woolf is justly renowned for her programmatic and

  11. Valutazione della visibilità radiotelemetrica in studi di ecologia animale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Massolo

    2003-10-01

    grado di incertezza, aree per le quali il segnale radio rischia di essere deviato da elementi orografici o di altra natura. Tale tecnica è stata applicata in due casi di studio: uno studio di ecologia comportamentale sull?istrice nel Parco Naturale della Maremma e il progetto di reintroduzione del cervo nel Parco Nazionale del Pollino. Tramite questo applicativo, è stato possibile generare mappe fuzzy di visibilità per entrambe le aree di studio e determinare eventuali aree non triangolabili da almeno due stazioni definite sul campo secondo criteri di accettabilità del rilevamento (angolo di intersezione, distanza massima, etc.. Le mappe fuzzy sono state ottenute da un insieme di punti quotati e di stazioni di rilevamento, e da una PAM (Pseudo Altitude Map e una UM (Uncertainty Map generate da FVA. Una volta settati i parametri che incidono sul rilevamento e quindi sulla visibilità, è stata ottenuta una mappa di visibilità per le migliori coppie di punti d?osservazione per ogni porzione in cui l?area di studio è stata suddivisa. L?applicativo FVA ha permesso di ottenere mappe informative e realistiche con il valore di visibilità dalla migliore coppia di punti di osservazione, rivelandosi un pratico strumento integrativo per la predisposizione e la validazione di una campagna di rilevamento telemetrico sul territorio.

  12. Environmental radioactivity networks in Italy, 1994-1997; Reti nazionali di sorveglianza della radioattivita' ambientale in Italia: 1994-1997

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Belli, M; Notaro, M; Rosamilia, S; Sansone, U [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy). Dipt. StatoAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi, Unita' Interdipartimentale di Metrologia Ambientale

    1999-07-01

    fine della valutazione della dose ricevuta dalla popolazione itlaiana a seguito dell'esposizione alle radiazioni derivanti dai radionuclidi presenti nell'ambiente. Le Reti Nazionali consistono in un insieme di punti di osservazione localizzati sul territorio nazionale definiti per analizzare l'andamento spazio-temporale delle concentrazioni dei radioelementi in matrici ambientali ed alimentari dei diversi comparti ambientali interessati dalla diffusione della radioattivita' e dal trasferimento di questa all'uomo. Le Reti sono progettate in modo da permettere anche la rilevazione di fenomeni di accumulo dei radionuclidi a lunga vita media nell'ambiente. Le frequenze di campionamento delle matrici ambientali previste nelle diverse reti, tengono conto dei tempi di accumulo della radioattivita' nei vari comparti ambientali. Il Decreto Legislativo N. 230 del 1995 affida all'ANPA il coordinamento tecnico delle Reti Nazionali. In questo ambito l'ANPA e' tenuta alla raccolta e all'analisi dei dati di radioattivita' ambientale provenienti dalle Istituzioni partecipanti alle Reti Nazionali, assicurandone la diffusione periodica tramite appositi rapporti annuali. In ottemperanza di accordi internazionali, gli stessi dati sono trasmessi anche alla Commissione Europea. All'ANPA sono inoltre affidate attivita per la normalizzazione dei metodi di prelievo e di misura delle matrici ambientali e alimentari. Per garantire l'affidabilita' generale dei dati pubblicati e delle valutazioni conseguenti e permettere agli Istituti, Enti ed Organismi che partecipano alle Reti Nazionali il raggiungimento di livelli di accuratezza e di affidabilita adeguati agli scopi del controllo ambientale, i laboratori responsabili dei prelievi e delle misure e facenti parte delle Reti Nazionali, partecipano sistematicamente ad un programma di affidabilita' organizzato dall'ANPA in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (ENEA). Il programma comprende campagne

  13. Technical analysis of volume-rendering algorithms: application in low-contrast structures using liver vascularisation as a model; Analisi tecnica degli algoritmi di volume rendering: applicazione alle strutture a basso contrsto usando come modello la vascolarizzazione epatica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cademartiri, Filippo [Erasmus Medical Center, Rotterdam (Netherlands); Luccichenti, Giacomo [Fondazione Biomedica Europea ONLUS, Roma (Italy); Runza, Giuseppe; Bartolotta, Tommaso Vincenzo; Midiri, Massimo [Palermo Univ., Palermo (Italy). Sezione di scienze radiologiche; Gualerzi, Massimo; Brambilla, Lorenzo; Coruzzi, Paolo [Parma Univ., Parma (Italy). UO di prevenzione e riabilitazione vascolare, Fondazione Don C. Gnocchi ONLUS; Soliani, Paolo; Sianesi, Mario [Parma Univ., Parma (Italy). Dipartimento di chirurgia

    2005-04-01

    visualizzazione delle strutture vascolari portali (strutture a basso contrasto). Materiale e metodi: Sono stati valutati tramite TC spirale con tecnica bifasica 22 pazienti. I parametri utilizzati per la scansione sono stati: collimazione 3 mm, pitch 2, avanzamento 1 mm. Le scansioni eseguite sono state tre: la prima senza mezzo di contrasto (mdc), le ultime due con iniezioni di mdc (convenzionalmente identificate come 'arteriosa' e 'portale'). Le immagini sono poi state trasferite su una consolle di post-elaborazione dotata di sistema oparativo Windows NT con software per ricostruzioni tridimensionali (3D) in grado di produrre immagini in volume rendering della vascolarizzazione epatica. Sono state valutate: la correlazione tra i valori assoluti dell'aorta, attenuazione del fegato e della vena oprta, i parametri delle CO e la qualit� delle immagini. Risultati: Le immagini 3D ottenute utilizzando le CO preimpostate di ricostruzione possiedono una qualit� molto pi� bassa rispetto a quelle ottenute utilizzando la CO scelta dall'operatore. L'elevato contrasto tra il fegato e la vena porta, per esempio durante la fase portale, utilizza delle finestre pi� larghe, in modo da aumentare la qualit� dell'immagine. Al contrario, nelle scansioni effettuate durante la fase parenchimografica, la CO deve avere un elevato gradiente in modo tale da permettere una migliore distinzione delle strutture vascolari dal parenchima epatico che le circonda. Conclusioni: Le caratteristiche dell'immagine, considerate di interesse per l'operatore, non possono essere semplificate dalla media delle CO preimpostate. Data la loro estrema variabilit� individuale, gli algoritmi 3D automatici non possono essere universalmente applicati: dovrebbero essere adattati sia alle caratteristiche dell'immagine che al paziente.

  14. Environmental radioactivity networks in Italy, 1994-1997; Reti nazionali di sorveglianza della radioattivita' ambientale in Italia: 1994-1997

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Belli, M.; Notaro, M.; Rosamilia, S.; Sansone, U. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy). Dipt. StatoAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi, Unita' Interdipartimentale di Metrologia Ambientale

    1999-07-01

    ' ambientale sul territorio nazionale, al fine della valutazione della dose ricevuta dalla popolazione itlaiana a seguito dell'esposizione alle radiazioni derivanti dai radionuclidi presenti nell'ambiente. Le Reti Nazionali consistono in un insieme di punti di osservazione localizzati sul territorio nazionale definiti per analizzare l'andamento spazio-temporale delle concentrazioni dei radioelementi in matrici ambientali ed alimentari dei diversi comparti ambientali interessati dalla diffusione della radioattivita' e dal trasferimento di questa all'uomo. Le Reti sono progettate in modo da permettere anche la rilevazione di fenomeni di accumulo dei radionuclidi a lunga vita media nell'ambiente. Le frequenze di campionamento delle matrici ambientali previste nelle diverse reti, tengono conto dei tempi di accumulo della radioattivita' nei vari comparti ambientali. Il Decreto Legislativo N. 230 del 1995 affida all'ANPA il coordinamento tecnico delle Reti Nazionali. In questo ambito l'ANPA e' tenuta alla raccolta e all'analisi dei dati di radioattivita' ambientale provenienti dalle Istituzioni partecipanti alle Reti Nazionali, assicurandone la diffusione periodica tramite appositi rapporti annuali. In ottemperanza di accordi internazionali, gli stessi dati sono trasmessi anche alla Commissione Europea. All'ANPA sono inoltre affidate attivita per la normalizzazione dei metodi di prelievo e di misura delle matrici ambientali e alimentari. Per garantire l'affidabilita' generale dei dati pubblicati e delle valutazioni conseguenti e permettere agli Istituti, Enti ed Organismi che partecipano alle Reti Nazionali il raggiungimento di livelli di accuratezza e di affidabilita adeguati agli scopi del controllo ambientale, i laboratori responsabili dei prelievi e delle misure e facenti parte delle Reti Nazionali, partecipano sistematicamente ad un programma di affidabilita' organizzato dall'ANPA in

  15. Effectiveness of the cross-compliance Standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna Gumiero

    2016-02-01

    Full Text Available Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello Standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia. Seven buffer strips (BS adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the Standard 5

  16. Ecological study of a wetland in Vercelli area. Bird community of 'palude di San Genuario' (Crescentino-Fontanetto Po); Studio ecologico di una zona umida del Vercellese. La comunita' ornitica della palude di S. Genuario (Crescentino-Fontanetto Po)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cellerino, A; Rossi, G L [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Saluggia, Vercelli (Italy)

    2001-07-01

    , realizzata nell'ambito delle attivita' della Sezione Componente Biotica dell'Ecosistema del Centro Ricerche ENEA di Saluggia, si e' svolta negli anni 1996, 1997 e 1998 ed ha permesso di descrivere la comunita' ornitica svernante e nidificante nell'area in esame, caratterizzandola in termini di diversita' in specie tramite l'applicazione di indici sintetici (Shannon-Weaver, Berger-Parker, Pielou, Simpson). Come ulteriore analisi della comunita' sono state calcolate le curve di distribuzione delle abbondanze relative delle specie e ne e' stata verificata la consistenza rispetto a quattro modelli teorici: attraverso l'utilizzo di sistemi di valutazione delle specie ornitiche nidificanti in Italia (Brichetti e Gariboldi, 1992; 1994) e l'appartenenza delle specie considerate nella Lista Rossa degli uccelli italiani, all'elenco delle specie di interesse conservazionistico a livello europeo (Tucker e Heath, 1994), nonche' delle Direttive Comunitarie (Direttiva Uccelli) e Convenzioni Internazionali (di Berna e di Bonn), e' stato possibile evidenziare che le specie di maggior interesse conservazionistico sono legate ad ambienti palustri. Sulla base dei risultati, sono state elaborate alcune ipotesi gestionali per la conservazione dell'area in esame.

  17. Scientific information and public opinion. Daily press analysis about ozone hole in the years 1996-1997; Informazione scientifica e opinione pubblica. Analisi della stampa quotidiana italiana negli anni 1996-1997 sul tema del buco dell'ozono

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bertuzzi, D. [ENEA, Centro Ricerche E. Clementel, Bologna (Italy). Unita' Comunicazione e Informazione; Borrelli, G. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Sezione Ambiente Globale e Clima

    1999-07-01

    Resto del Carlino. La distribuzione per testata e' stata: La Repubblica 26 articoli, Corriere della Sera 24 articoli, Unita' 21 articoli, Resto del Carlino 6 articoli. Obiettivo finale della ricerca e' stato quello di individuare gli indicatori di qualita' dell'informazione circa il tema del buco dell'ozono e i possibili rischi ambientali trasmessi al grande pubblico, utilizzando i metodi classici dell'analisi del contenuto. L'analisi e' stata svolta tramite un questionario, messo a punto dall'ENEA per una ricerca su stampa e cambiamento climatico, opportunamente riadattato, composto da 35 domande che rilevano le caratteristiche fondamentali di ogni articolo: caratteristiche morfologiche; modalita' di presentazione del buco dell'ozono; modalita' comunicative.

  18. Planning of mobility and parking. The acting of the Urban Mobility Plan Pianificazione delle mobilità e sosta. L’attuazione del Piano Urbano di Mobilità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mazzeo

    2009-05-01

    Mobilità è l’ultimo nato tra questi ed è uno strumento prevalentemente strategico in quanto agisce sul sistema nel suo complesso ipotizzando una generale razionalizzazione ed evoluzione di reti e mezzi. L’articolo approfondisce i caratteri di questo strumento, a partire dalle previsioni legislative ed in relazione a specifici casi applicativi. In particolare, la prima parte analizza i concetti che sono alla base delle relazioni tra città, mobilità urbana e regolazione della sosta. Nella seconda parte si analizzano gli aspetti normativi, ossia il Piano Urbano della Mobilità, anche in relazione ad uno strumento che lo ha preceduto e che era specificamente indirizzato alla programmazione delle infrastrutture per la sosta, il Programma Urbano dei Parcheggi. La terza parte analizza due casi di applicazione dello strumento, relativi alle città di Ferrara e Perugia con lo scopo di evidenziare le diverse opzioni che si aprono davanti al pianificatore nel momento in cui è necessario applicare lo strumento teorico ad una specifica realtà urbana. Infine, nella quarta parte, sono messe in evidenza alcune delle tecniche e degli strumenti utilizzabili per la risoluzione del problema della sosta in relazione ai tipi di sosta, alle diverse modalità per la sua organizzazione e alle tecniche di gestione indirizzate a favorire comportamenti più corretti in relazione ai diversi ambiti urbani.

  19. Il fenomeno abachistico a supporto dei cambiamenti socio-economici: Arezzo tra il XIII ed il XVI secolo = The role of the abacus tradition for the economic and social development of the society: evidence from Tuscany (Italy between XIII and XVI century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Pia Maraghini

    2011-12-01

    techniques to do arithmetic operations and practical rules to solve commercial and financial questions. The objective of this research is to further investigate the study of abacus schools and books, in order to recover and highlight the role held by the abacus phenomenon in the origins of the “accounting art” and, in general, the role of the “abacus tradition” for the economic and social development of the society during the medieval and renaissance period. To achieve this goal, the study relies upon some evidences from Tuscany (Italy between XIII and XVI century. By combining theoretical and empirical insights, the analysis points out the contribution the abacus tradition has given to the better development of public life in the city-republic during the medieval and renaissance period, that is to say to the best and most effective exercise of duty and civic right. This contribution has been the basis to the growing interest shown towards the abacus culture by the then city-republic authorities.La presente ricerca indaga sulle “origini” dell’arte contabile tendente a memorizzare i comportamenti economici. In particolare, essa esamina i primi “ambienti” specifici predisposti e organizzati per l’insegnamento delle conoscenze contabili e i “mezzi” di studio per il loro trasferimento: le scuole e i libri d’abaco. Diffusisi prevalentemente in Italia tra il XIII ed il XVI secolo, essi avevano il principale scopo di trasmettere quelle conoscenze generalmente definite di “matematica pratica”, quali le tecniche per eseguire le operazioni aritmetiche e le regole pratiche per la risoluzione di problemi commerciali e finanziari.L’obiettivo della ricerca è quello di approfondire lo studio delle scuole e dei libri d’abaco, evidenziandone il ruolo rivestito nella “genesi” della contabilità per le aziende e, quindi, nel più generale sviluppo socio-economico in epoca medioevale e nei primi secoli del Rinascimento.A tal fine, la ricerca si avvale

  20. Diagnostic imaging of skeletal metastases; Diagnostica per immagini delle metastasi scheletriche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Scutellari, P. N.; Addonisio, G.; Righi, R. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy). Dipt. di Scienze Chirurgiche, Anestesiologiche e Radiologiche, Sez. di Diagnostica e Terapia Radiologiche; Giganti, M. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy). Dipt. di Medicina Clinica e Sperimentale, Sez. di Medicina Nucleare

    2000-12-01

    patients with a positive bone scan or with local symptoms and pain, radiography and CT are used for screening of metastatic lesions: results may be negative (for low sensitivity of conventional radiology) or questionable (in which case bone biopsy is necessary), or else symptoms may be due to different causes than metastatic lesions (i.e., osteoarthritis). Before bone biopsy is made, MRI must be performed, because it is the only technique that allows to distinguish between bone marrow components. The limitation of MRI is the poor specificity of its findings, which may provide misleading findings. [Italian] L'articolo propone un algoritmo procedurale diagnostico, applicabile in maniuera differenziata a pazienti oncologici asintomatici e sintomatici per metastasi scheletriche. Nel periodo febbraio-maggio 1999 sono state esaminate 100 cartelle cliniche di pazienti oncologici (70 femmine e 30 maschi, con eta' variabile da 55 a 87 anni; media: 63), scelti con criterio di casualita', stadiati secondo il sistema TNM. In tutti i pazienti erano stati eseguiti l'esame erano stati eseguiti l'esame radiografico e la scintigrafia ossea; di fronte a diagnosi non conclusive sono state eseguite la TC o la RM. I tumori primitivi responsabili delle metastasi allo scheletro sono stati: mammella (51 casi), colon (30 casi: 17 maschi e 13 femmine), polmone (7 casi: 6 maschi e una femmina), rene (2 casi, maschi), pleura (un caso, femmina) e fegato (un caso, maschio). L'aspetto radiografico e' stato prevalentemente di tipo osteolitico (52%); altri quadri radiografici rilevati sono stati: le forme addensante, mista, osteolitiche con evoluzione mista ed eburnee cone voluzione osteolitica. Le metastasi scheletriche rappresentano la maggior parte dei tumori maligni dell'osso. La colonna vertebrale e la pelvi sono le sedi piu' colpite. Il sintomo principale e il dolore, con o senza frattura. Tuttavia molte metastasi sono asintomatiche. Per la realizzazione

  1. Walking (and cycling to change the city Camminare (e pedalare per trasformare la città

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Arnaldo Cecchini

    2012-01-01

    2006; Viale 2007

    Urban planning probably should concentrate more on reasons of the right to the city.

    There are people who choose to be pedestrians (or cyclists for reasons of the right to the city: they walk (or cycle to interfere with established urban design and management, in order to claim their right to "use" the city.

    Their main goal is to free the streets and the public spaces from cars and to bring them back to pedestrians (and cyclists.

    People who promote and participate in collective initiatives like Critical Mass, Walking School Bus, Parking Day, etc. can be considered part of this category.

    In this paper, we will try to explain why and how referring to assumptions and characteristics of these collective initiatives of re-conquest of the streets and the spaces of the city (public on paper, but private de facto can be useful to make more effective policies aimed at building walkable (and cyclable cities.

    La città contemporanea è disegnata e organizzata prevalentemente per soddisfare le esigenze di chi si sposta utilizzando l'automobile, è una città a misura di automobilista.

    Di conseguenza, chi non vuole o (più spesso non può usare l'automobile per effettuare i propri spostamenti vede negarsi quotidianamente la possibilità di esercitare pienamente il proprio diritto fondamentale di muoversi liberamente, autonomamente e in sicurezza e la possibilità di "usare" gli spazi della città sottratti dalle automobili all'uso pubblico e collettivo.

    Compito dell'urbanistica è definire e attuare progetti e politiche di promozione del diritto di mobilità e del diritto alla città per tutti e ciascuno. Progetti e politiche che devono necessariamente prevedere una riduzione del numero complessivo di automobili circolanti.

    Per ottenere questo importante ma difficile risultato è necessario attivare la collaborazione volontaria, consapevole e responsabile

  2. Estudo antropométrico e dietético de nadadores competitivos de áreas metropolitanas da região sudeste do Brasil Anthropometric and dietetic study of competitive swimmers of metropolitan areas of southeastern Brazil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eliane A. Soares

    1994-02-01

    Full Text Available Com o objetivo de caracterizar os ábitos alimentares de nadadores competitivos de dois clubes das cidades do Rio de Janeiro e de São Paulo, foram estudados atletas, 30 homens e 37 mulheres pertencentes às equipes juvenil (15-17 anos e "seniors" (18-25 anos. Concomitantemente à avaliação antropométrica, foi feito o inquérito alimentar mediante os métodos de registro alimentar, recordatório de 24 horas e freqüência de consumo alimentar. Os resultados mostraram semelhança antropométrica entre as duas faixas etárias para cada um dos sexos, semelhança dos alimentos prevalentemente ingeridos com aqueles referidos pela população da área metropolitana das duas cidades e semelhança entre os suplementos alimentares ingeridos pelos atletas dos dois clubes. A ingestão calórica observada foi quase o dobro da referida para a população daquelas localidades, mas equivalente à descrita para nadadores de outros países. Os lanches, entre refeições, contribuíram com 25-28% da ingestão calórica global e a maior contribuição energética alimentar foi dada pelo grupo de cereais. Apesar de contribuir com quase 50% do aporte calórico diário, a ingestão glicídica foi menor que a recomendada para atletas competitivos (55-60%. A ingestão protéica de 2,5-3,0 g/kg/dia superou em 100% o valor recomendado para atletas e ultrapassou os 15% na participação calórica diária. A ingestão lipídica foi considerada elevada, particularmente a de gordura saturada. O aporte de micronutrientes foi acima do referido para as populações locais em função da ingestão calórica elevada, mas mostrou-se relativamente inadequado em magnésio, ferro e vitaminas A e D. Conclui-se que o padrão alimentar dos nadadores estudados não difere, muito, do da população local, distinguindo-se pelo elevado e freqüente consumo de alimentos energéticos, maior no sexo masculino que no feminino.The daily food intake and alimentary frequency of competitive

  3. Liver trauma from penetrating injuries. Miscellanea, personal series, clinical and CT findings; Traumi epatici da lesioni penetranti. Miscellanea, casistica personale, aspetti clinici e con Tomografia Computerizzata

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salzano, A.; Nocera, V. [Ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, Servizio di Radiologia, Frattamaggiore, NA (Italy); De Rosa, A.; Vigliotti, A. [Azienda Sanitaria Locale NA1, Radiologia, Naples (Italy); Rossi, E.; Carbone, M.; Gatta, G. [Naples Univ. Federico 2., Naples (Italy). Ist. di Scienze Radiologiche; Vitale, L. [Ospedale di Sorrento, Servizio di Radiologia, Sorrento, NA (Italy)

    2000-12-01

    the extent and severity of damage, which permits to choose a conservative treatment in case of intraparenchymal hematomas and lacerocontusive foci without hemoperitoneum, which can be followed-up with physical and CT examinations. Moreover, Helical CT could provide the early diagnosis of active bleeding in the peritoneum and of focal bleeding in the liver, thus permitting prompt hepatorrraphy or targeted hepatectomy. A diaphragm injury suspected at CT should always prompt the surgeon to intervention, especially when hemothorax, lung base pneumothorax, large liver hematoma or tear of the liver dome are associated. Finally, subdiaphragmatic free gas indicates gut perforation associated with liver damage, in which case surgery is necessary too. [Italian] Le ferite penetranti del fegato sono dovute a molteplici cause, e occupano il secondo posto dopo i traumi chiusi epato-addominali. Scopo del lavoro e' di illustrare i vari quadri clinico-radiologici della nostra casistica personale, determinati da lesioni penetranti da armi da fuoco e da punta e taglio. Definire inoltre la modalita' di diagnosi, soprattutto in base ai segni TC del danno epatico e di lesioni associate, che condizionano in modo decisivo la terapia e l'approccio chirurgico o conservativo. Negli ultimi sette anni sono stati studiati retrospettivamente 31 casi (19 maschi e 12 femmine; eta' media 42 anni, compresa tra 18 e 73 anni), con lesioni penetranti del fegato, dovute prevalentemente a armi da fuoco (16 pazienti), a armi da punta e taglio (9 casi) e miscellanee in 6. L'esame TC dell'addome e' stato eseguito in emergenza e con tecnica angio-TC in tutti i pazienti. Nei casi di ferite con sospetto coinvolgimento toraco-addominale, la TC veniva iniziata dal medio-torace al fine di una valutazione accurata del diaframma, delle basi polmonari e per escludere lesioni pleuropolmonari associate. Nel 70% dei casi le ferite penetranti epatiche erano in relazione ad arma da fuoco

  4. Uma proposta de reestruturação dos canais de distribuição como vantagem competitiva no varejo de alimentos A PROPOSAL OF RESTRUCTURING OF THE WAYS OF DISTRIBUTION LIKE COMPETITIVE ADVANTAGE IN RETAIL FOODS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcos Livato

    2010-12-01

    -fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} The new "molds" of competitiveness have suggested that the attentions should be focused on an efficient management of the supply chain in the supermarket departments, starting from the producer until the end user of the products, reducing the operational costs. It's known that the elimination of some of these stages of intermediation of the ways of distribution can represent to the small and mediums retailers an important competitive advantage, with the elimination of the additional costs charged by the intermediaries. The objective of this work is to propose a model of restructuring  of the ways of distribution in the brazilian retail of  food through of the strategy, inducing the elimination of the intermediaries. The search of the bibliography was used like basement to the definition of the methodology of this search, that was realized through of an observational study realized with nineteen Central Business Supermarket s in the state of São Paulo. To do the collection of the datas was prepared a questionary with specific questions. After the collection of the datas and tab, were used techniques quantitive  of analysis of datas through of SAS system. The study intends to discuss the proposal of the cooperation's networks like a strategic alternative, with the possibility of elimination of some phases of intermediation of the distribuition's ways.

  5. Dores lombossacrais: efeitos da auto-estimulação sensorial cutânea Low-back-pain: effects of self sensorial cutaneous stimulation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Luiz de Souza

    2010-07-01

    treatment to low-back-pain. Materials and Methods: 21 women were randomly divided in two groups. The control group (2 was submitted to the application of thermotherapy (10 min by superficial heat and massage in the lumbossacral region (10 min. The experimental group (1 received half of the time of massage and was instructed to practice the SCSS. The evaluation instruments were a frequency and intensity of pain questionary, an Analogic-Visual Escale of Pain and a pressure algometer applied to evaluate the pain threshold in six trigger points (TPs. Results: The results obtained were not statistically significant in all instruments used for the control group (2. However, there was a statistically significant difference in the group 1 post-test for the following: intensity and frequency of pain at the lumbar zone (p=0,018, p=0,011, gluteous zone (p=0,012, p=0,040 and gluteous and legs zone (p=0,007, p=0,011; Escale of Pain (p=0,032; TP1 (p=0,032,TP2 (p=0,050, TP3 (p=0,021, TP4 (p=0,044, TP5 (p=0,005 and TP6 (p=0,021. The intergroup analysis showed statistically significant differences in the post-test for: intensity (p=0,043 and frequency (p=0,029 of pain at the gluteous zone. The algometer showed significant increase in the intensity of the pain limit for the right medium gluteous TP5 (p=0,010 and right maximum gluteous TP6 (p=0,036. Conclusion: We suggest that the SCSS can be an effective tool to decrease pain intensity and frequency in low-back-pain, especially at the gluteous zone.

  6. Análise da aceitação de aguardentes de cana por testes afetivos e mapa de preferência interno Acceptance evaluation of sugar cane brandy by sensorial affective tests and internal preference map

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Helena Maria André Bolini CARDELLO

    2000-04-01

    ência dos provadores pelas amostras de aguardentes envelhecidas. Os resultados sugerem também que aguardentes envelhecidas por mais de 24 meses em tonel de carvalho de 200L são preferidas pelos consumidores, em detrimento das comerciais não envelhecidas e mesmo das comerciais envelhecidas, que podem ser adicionadas de aguardente não envelhecida (processo denominado corte e também ter correção da cor, conforme permite a Legislação Brasileira. O conteúdo de polifenóis totais e a intensidade de cor também foram determinados, e ambos apresentaram correlação linear positiva significativa (pIn order to compare distincts statistical treatments used in sensorial analysis, the acceptance of 11 sugar cane brandy samples were evaluated by sensorial affective tests, treated by two distints statistical analysis: univariate variance analysis (ANOVA and the multivariate internal preference map (MDPREF. It were analyzed samples stored in a 200 l oak casks during zero, 12, 24, 36 and 48 months and six commercial brands, three of then having the denomination stored and the other three not stored. The samples were evaluated by 100 judges, selected based in a questionary that evaluated affectivity for the product. The sensorial tests conducted in individual cabins were based in a hedonic scale of nine centimeters. The ANOVA and Tukey test and the Internal preference Map (MDPREF, were used to evaluate the obtained data. The ANOVA results showed that the samples stored during 48, 36 and 24 months in the oak cask, presented the higher acceptance scores (scores near 8.0 in the hedonic scale, one commercial brand not stored showed the lowest score, and the others samples showed intermediate acceptance scores. The MDPREF analysis generated in a multidimensional space where the preference data variations were presented in orthogonal axes values, based in the consumers response for each sample. Based on the acceptance data of individual consumers and the vectors of preference, it was

  7. Achados fonoaudiológicos em pacientes submetidos a anastomose hipoglosso facial Phonoaudiological findings in patients submitted to hypoglossal-facial anastomosis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabete C. C. F. Silva

    2003-06-01

    present research is to verify the evidence of mobility in the phonoarticulate organs, speech function, chew and swallowing in patients sujected to HFA. STUDY DESIGN: Clinical prospective. MATERIAL AND METHOD: Eight patients with peripheral facial paralysis (PFP were evaluated and subjected to HFA at UNIFESP/EPM in the period from 1989 to 2000, with 6 females and 2 males, aged between 21 and 71 years with an average of 50 years. Of these, 5 after exeresis of Acoustic Neurinoma, 1 after exeresis of Fibrosarcoma, 1 after a gunshot wound and 1 after idiopathic peripheral facial paralysis of poor evolution. In the phonoaudiological evaluation, the protocol used involved identification data; classification of the facial nerve; treatments carried out; facial symmetry in repose and on voluntary movement; synhinesis of the eyes, mouth, nose and cheeks; phonoarticulate and tongue disorders; changes in chew and of the palate and a questionary concerning the appearence of the respective disturbances. RESULTS: The degree of pos anastomosis and reabilitation ranged to the eyes between II and V and to the mouth between III and V (House & Brakemann, 1985. We came to the conclusion that the recover was satisfactory and important but patients'recover expectation were inferior. There have been noted: articulatory imprecision chewing disfunction, deficit sphincteral function of oral muscles and disphage.

  8. Strategies and methods of development of information systems; Strategie e metodi di sviluppo dei sistemi informativi aziendali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Moretti, M; Lucchetti, M C [Rome Univ. 3, Rome (Italy). Facolta' di Economia Federico Caffe' ; Di Marco, R A [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    in secondo piano, attraversato soltanto marginalmente e quasi sempre esposto da un punto di vista unico. Si finisce cosi' per avere una conoscenza dell'argomento frammentaria e dispersa, che non permette di gestire poi nella pratica questa fondamentale risorsa aziendale. Coscienti di aver dato solo un piccolo contributo, con questa tesi si e' cercato di ritrovare l'unitarieta' dell'argomento. Questo ha comportato un primo passo fondato sulla ricerca dei pezzi teorici sparsi nelle principali discipline aziendali, che spaziano dall'organizzazione, alla gestione d'impresa, alle strategie, alla qualita' e all'amministrazione. Dopo una fase di introduzione all'argomento, in cui per i meno addetti, si sono descritte e analizzate le molteplici definizioni, necessarie per proseguire con il discorso, si e' passati allo studio dell'impatto del sistema informativo nelle diverse attivita' aziendali. Il punto di vista adottato e' sempre stato il sistema informativo, e tramite di esso si e' entrati nei diversi campi di studio, seguendo un approccio inverso rispetto a quello normalmente seguito. Il concetto chiave che e' emerso da questa analisi e' sintetizzabile in una parola: cambiamento. Cambiamento nella struttura organizzativa, nella definizione di qualita', nelle strategie. Seguendo questa traccia si e', in particolar modo, focalizzato sull'impatto e l'influenza esercitata dalle nuove tecnologie informatiche in molte realta' aziendali, nella definizione delle scelte strategiche. La seconda parte vede applicare questi principi ad un caso concreto, l'ENEA. Anche in questa parte ci si e' concentrati sulle opportunita' strategiche offerte all'ente dalle nuove tecnologie, e si e' misurato l'impatto concreto sulle scelte direzionali. Dal lavoro svolto sul posto, da discussioni con i responsabili, dall'esame di documenti aziendali interni, e alla luce delle considerazioni teoriche svolte nella prima parte, sono emerse alcune criticita' nello sfruttamento del sistema informativo

  9. Victims of Occupational Injuries: A Comparison between Migrants and Italians. Results of a survey conducted in Trentino in 2009 / Vittime di infortunio sul lavoro : una comparazione tra italiani e stranieri. Risultati di una ricerca condotta in Trentino nel 2009 / Victimes d’accidents du travail: une comparaison entre travailleurs immigrés et italiens. Résultats d’une enquête conduite en 2009 en Trentin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martinello Daniela

    2011-07-01

    Full Text Available This essay deals with victims of occupational injuries and delves deeper into the differences between Italians and migrants. The study is based on the carrying out of a survey in Trentino: a questionnaire has been administered to two samples, one of Italian victims (300 respondents and one of immigrant victims (200 respondents of work injuries. The work on the field has allowed, then, to gain the following objectives: verifying whether migrants are more vulnerable to occupational injuries than Italians; depicting a profile of the injured migrant and of the injured Italian and finding out, though statistical analysis, the factors that help to explain migrants’ over-representation in the phenomenon. This essay gives the following answers: Who is the victim? How often is he/she victimized? What about the inclination not to report injuries? What are the personal characteristics (age, gender, etc. of the victim and his/her occupational history? What are the characteristics of companies where he/she works? What is the level of compliance with Health and Safety rules in these companies? How often has he/she been victimized? Then, some factors that may help to explain the higher victimization of migrants in the phenomenon are presented and some suggestions about possible actions to pursue are indicated.Questo saggio pone l’attenzione sulle vittime di infortunio sul lavoro e approfondisce le differenze tra italiani e stranieri. Lo studio è stato condotto tramite la realizzazione di una survey in Trentino: un questionario è stato somministrato a due campioni, uno di vittime italiane di infortuni sul lavoro (300 rispondenti e uno di vittime straniere (200 rispondenti. Il lavoro sul campo ha permesso di raggiungere i seguenti obiettivi: verificare se gli stranieri siano meno o più vulnerabili degli Italiani rispetto agli infortuni sul lavoro; stilare un profilo dell’infortunato straniero e di quello italiano e individuare, attraverso l

  10. Strategies and methods of development of information systems; Strategie e metodi di sviluppo dei sistemi informativi aziendali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Moretti, M.; Lucchetti, M.C. [Rome Univ. 3, Rome (Italy). Facolta' di Economia Federico Caffe' ; Di Marco, R.A. [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    aziendali viene posto in secondo piano, attraversato soltanto marginalmente e quasi sempre esposto da un punto di vista unico. Si finisce cosi' per avere una conoscenza dell'argomento frammentaria e dispersa, che non permette di gestire poi nella pratica questa fondamentale risorsa aziendale. Coscienti di aver dato solo un piccolo contributo, con questa tesi si e' cercato di ritrovare l'unitarieta' dell'argomento. Questo ha comportato un primo passo fondato sulla ricerca dei pezzi teorici sparsi nelle principali discipline aziendali, che spaziano dall'organizzazione, alla gestione d'impresa, alle strategie, alla qualita' e all'amministrazione. Dopo una fase di introduzione all'argomento, in cui per i meno addetti, si sono descritte e analizzate le molteplici definizioni, necessarie per proseguire con il discorso, si e' passati allo studio dell'impatto del sistema informativo nelle diverse attivita' aziendali. Il punto di vista adottato e' sempre stato il sistema informativo, e tramite di esso si e' entrati nei diversi campi di studio, seguendo un approccio inverso rispetto a quello normalmente seguito. Il concetto chiave che e' emerso da questa analisi e' sintetizzabile in una parola: cambiamento. Cambiamento nella struttura organizzativa, nella definizione di qualita', nelle strategie. Seguendo questa traccia si e', in particolar modo, focalizzato sull'impatto e l'influenza esercitata dalle nuove tecnologie informatiche in molte realta' aziendali, nella definizione delle scelte strategiche. La seconda parte vede applicare questi principi ad un caso concreto, l'ENEA. Anche in questa parte ci si e' concentrati sulle opportunita' strategiche offerte all'ente dalle nuove tecnologie, e si e' misurato l'impatto concreto sulle scelte direzionali. Dal lavoro svolto sul posto, da discussioni con i responsabili, dall'esame di documenti

  11. Images de la statuaire archaïque dans les Aitia de Callimaque Archaic Sculpture in Callimachus’ Aitia Immagini della statuaria arcaica negli Aitia di Callimaco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Évelyne Prioux

    2011-07-01

    he describes : his ecphraseis were apparently meant to illustrate his political and aesthetic views. For instance, he proposes an allegorical reading of the Delian Apollo by Tectaios and Angelion and of one of the cult statues of the Samian Hera ; the details that Callimachus highlights in both descriptions encourage the reader to compare these archaic representations of the gods with the new king and the new queen of Alexandria. The poet thus leads his readers to believe that the political and cultural innovations of the Ptolemaic dynasty were in fact based on well-known models provided by Greek cultural and religious artifacts of the Archaic period. In order to fulfill this tour de force, Callimachus applies to the reading of statues and of visual artifacts a set of techniques that he perhaps borrowed from the allegorical readings of the Homeric poems.Molte elegie raccolte negli Aitia di Callimaco illustrano le origini di un culto o di un’iconografia inattesa il cui significato è stato forse oscurato dal tempo. La raccolta callimachea costituisce così una testimonianza preziosa per la statuari arcaica e la sua ricezione presso gli eruditi alessandrini. Il presente articolo cerca di spiegare le scelte operate da Callimaco nell’ambito di questa presentazione dell’arte arcaica: lungi dall’essere disposte casualmente, le informazioni radunate da Callimaco obbediscono a logiche di selezione e di ordinamento che possono essere ancora comprese dal lettore moderno. Tramite l’apparente disordine dei frammenti di ecphraseis restituiti dalle scoperte papirologiche si percepisce che i carmi dedicati da Callimaco alle origini della statuaria formavano, probabilmente, un insieme provvisto di significato. Il discorso sulle statue serve così di supporto all’espressione di posizioni etiche, estetiche e politiche: alcune immagini arcaiche, come l’Apollo delio di Tetteo e Angelione o l’Era di Samo, sono per esempio rilette e reinterpretate con l’intenzione di

  12. Activity patterns of the stone marten Martes foina Erxleben, 1777, in relation to some environmental factors

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Posillico

    1995-12-01

    significantly correlated to any food category, except reptiles, a spring and summer prey. Coleoptera and Orthoptera, the main invertebrate food, and fruits, correlated poorly to activity. Surprisingly, food does not seem to be the primary factor responsible for variation in activity patterns. Riassunto Attività della faina Martes foina Erxleben, 1777, in relazione a alcuni parametri ambientali - Tre faine (2 maschi, 1 femmina Martes foina Erxleben, 1777, sono state studiate con tecniche radiotelemetriche per 4, 2,5 e 12 mesi rispettivamente, in un'area rurale della provincia di Siena. L'alimentazione è stata valutata tramite analisi fecali, come frequenza di comparsa e volume stimato. L'attività totale, notturna, diurna e crepuscolare sono state misurate come proporzione di rilevamenti attivi e elaborate quindicinalmente. La variazione stagionale dell'attività è stata correlata a T°C media, fotoperiodo, piovosità, alimentazione e ampiezza di nicchia trofica. L'attività totale è stata ripartita in fasce orarie e comparata tra le stagioni. La frutta costituisce la base dell'alimentazione, il suo uso è massimo in estate e autunno, seguito da vertebrati e invertebrati, che invece costituiscono la principale fonte di cibo in inverno e primavera. Non sono state riscontrate differenze significative tra i tre animali per quantità e ripartizione dell'attività in fasce orarie. L'attività totale è massima in estate e decresce significativamente nel resto dell'anno. L'attività notturna (massima in autunno e in inverno differisce significativamente tra le stagioni, tranne che per l'estate rispetto alla primavera e per l'inverno rispetto all'autunno. Anche l'attività diurna differisce significativamente tra le stagioni, tranne che per la primavera rispetto all'estate (quando è massima e per l'autunno rispetto all'inverno (quando raggiunge un minimo. L'attività crepuscolare resta costante per l'intero periodo di studio. La

  13. Geographical epidemiology of antibacterials in the preschool age

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cartabia Massimo

    2012-12-01

    permanent education activities. Moreover, the competent authorities should increasing their efforts to limit unnecessary prescriptions and increase appropriateness of prescribing. Riassunto Introduzione Le mappe tematiche consentono una più rapida ed immediata lettura delle differenze geografiche nella distribuzione di dati riferiti ad un territorio specifico. Lo scopo dello studio è mostrare, per la prima volta, l’applicazione di alcuni strumenti statistici e cartografici, nell’analisi dell’uso dei farmaci nella popolazione pediatrica di una regione italiana e valutare le differenze intra-regionali. Metodi Per valutare il tipo di distribuzione geografica delle prescrizioni, sono stati calcolati i tassi di prevalenza standardizzati (punteggi-z a livello di ASL, Distretti Sanitari e Comuni. Per valutare la correlazione con le ospedalizzazioni è stato usato il coefficiente di correlazione di Pearson; per valutare l’esistenza di autocorrelazione spaziale è stato usato l’indice I di Moran. Tramite l’uso della statistica G di Getis-Ord sono stati identificati cluster di aree ad alto e basso livello di prevalenza. Infine con un modello di regressione logistica è stata stimata la probabilità di ricevere almeno una prescrizione nel corso dell’anno per tutti i pazienti inclusi nello studio. Risultati Con l’uso delle mappe è possibile vedere che le prescrizioni non sono correlate con lo stato di salute della popolazione, ma sono correlate con l’attitudine prescrittiva del pediatra. Questo è confermato anche dal modello di regressione logistica costruito per stimare la probabilità di ricevere almeno una prescrizione considerando come variabili indipendenti l’età, il sesso, la prevalenza di ricoveri nel distretto di residenza, l’attitudine prescrittiva del pediatra, la classe di età del pediatra e la durata della convenzione del pediatra con l’Azienda Sanitaria Locale (ASL. Conclusioni Gli interventi primari per razionalizzare l’uso degli

  14. La chiesa che si fa presepe: visita al Presepe della Chiesa del Rosario di Mottola

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Susy Bigontina

    2012-01-01

    Full Text Available Abstract – IT In occasione del Natale, la vie della città di Mottola (Ta, Italia fioriscono di presepi, che i visitatori possono liberamente ammirare. Quella del presepe è una tradizione molto sentita dagli abitanti della cittadina pugliese, nella quale viene allestito un grande presepe che occupa e cela l’intera navata della Chiesa del Ss. Sacramento e Rosario. Gli allestitori, appartenenti ad una storica Confraternita locale dedicano settimane a costruire un presepe plastico della Betlemme nella notte di Natale, che mescola icone della tradizione italiana della Natività – alcuni pezzi, ad esempio, sono preziosi manufatti di scuola napoletana – ed elementi naturali tipici della terra delle gravine. Il presepe del Rosario, inoltre, mostra un’interessante ricerca dell’effetto prospettico e forse un ancor più interessante cornice di ciclicità, ottenuta tramite l’alternanza del giorno e della notte, musica ed effetti sonori, che proietta la scena verso un orizzonte atemporale. Questo articolo nasce dalla visita degli autori a Mottola, in occasione della presentazione del libro La Settimana Santa a Mottola, di cui essi sono stati co-autori, e quindi rappresenta il frutto di un nuovo capitolo di lavoro con la viva comunità mottolese ed i suoi riti. Abstract – FR Pour l'occasion de Noël, les rues de la villes de Mottola (Ta, Italie sont embellies de crèches que les visiteurs peuvent admirer en toute liberté. La tradition de la crèche est une tradition très ressentie par les habitants de la petite ville pugliaise, dans laquelle on prépare une grande crèche qui occupe et cache tout le nef de l'église du très Ss. Sacramento e Rosario. Les préparateurs qui appartiennent à une Confrérie historique locale dédient plusieurs semaines pour la construction d'une crèche comme celle de Betleemme de la nuit de Noël - certaines pièces, par exemple, sont de précieux produits manufacturés provenant de l'école napolitaine - et

  15. Le palais d’Aiétès et son jardin chez Apollonios de Rhodes (Arg., III, v. 194-252. Un exemple de paysage-palimpseste antique ? The Palace of Aeetes and its Garden in Apollonius of Rhodes (Arg., III, lines 194-252. An example of ancient landscape as palimpsest? Il palazzo di Eeta e il suo giardino in Apollonio Rodio (Arg., III, 194-252. Un esempio di paesaggio-palinsesto antico?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laury-Nuria André

    2012-07-01

    , the construction of palatial urban space borrows its own configuration from the type of poetic writing the epic poet himself solicits: re-writing. How else can one explain that the palace of Aeetes can be the image of a hellenistic Greek royal palace, the perfect image of an architecture that inscribes itself into a divine order? One should see here not only the reconfiguration, the concrete illustration through the archictecture and, consequently, the urban “landscape” of such an unusual hybrid character, as a result of the wish to reconcile East and West, but also, perhaps especially, the means of its implementation. The palace and garden would then only be a promise, an ideal prototype to be extended, on a large scale, over all of the Colchian land and the entire oekoumene.Quando il lettore scopre, nel terzo libro delle Argonautiche di Apollonio Rodio, lo spazio del ‘paesaggio urbano’ colco, via che progredisce la visuale dei personaggi, viene tracciato mentalmente tutto uno spazio letterario fatto di reminiscenze omeriche. Lo spazio vegetale sembra composto da un insieme di intertesti endogeni, laddove l’architettura palaziale combina struttura arcaica e decorazioni ellenistiche. Nessuna traccia d’esotismo, quindi, ma uno spazio composto di tipici referenti greci. A partire da questi referenti letterari, la costruzione dello spazio palaziale urbano deve la sua stessa configurazione al tipo di scrittura poetica sollecitata dal poeta epico: la riscrittura. Come comprendere, allora, che il palazzo di Eeta possa essere a immagine del palazzo del sovrano greco ellenistico, immagine ideale di un’architettura che si inscrive nell’ordine divino? Occorre vedere qui non soltanto la raffigurazione, l’illustrazione concreta tramite l’architettura e, perciò, il ‘paesaggio urbano’ che si distingue per la sua natura ibrida, dalla volontà di avvicinare Oriente e Occidente, ma anche e soprattutto i mezzi stessi di questa attuazione. Il palazzo e il suo

  16. Los límites de la acción pública: los matrimonios forzados y combinados The boundaries of public action: arranged and forced marriages I confini dell'azione pubblica: matrimoni forzati e combinati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Danna

    2013-07-01

    vast gray area that is object of debate in the scientific literature as well as in everyday life. Only the first definition of forced marriage, the subjective one, can justify the start of a concrete intervention by the public authorities - but this cannot stop the debate on the actual value of the consent given in many cases of marriages.In questo articolo affronto il dilemma politico e culturale della distinzione tra matrimoni combinati e matrimoni forzati o imposti. Dopo una rassegna della letteratura in materia, utilizzo le interviste raccolte nel 2009 nella regione italiana dell'Emilia-Romagna per presentare le opinioni dei partecipanti alla ricerca.Con l'aiuto dello strumento teorico del materialismo culturale infine argomento che la questione della distinzione può essere affrontata da due punti di vista diversi: da una parte la distinzione è chiara in quanto basata sul riconoscimento (anche tardivo di un'imposizione tramite violenza fisica o psicologica da parte del soggetto, mentre dall'altra l'analisi sociologica del processo di costruzione ed espressione del consenso rivela una vasta zona grigia, che è oggetto di dibattito nella letteratura scientifica quanto nella vita quotidiana.Solo la prima definizione di matrimonio forzato, quella soggettiva, può legittimare l'inizio di un'azione di intervento concreto da parte dei pubblici poteri – ma ciò non può fermare il dibattito sull'effettivo valore del consenso dato in molti casi di matrimoni combinati.

  17. Avaliação da qualidade de vida e toxicidades em pacientes com câncer colorretal tratados com quimioterapia adjuvante baseada em fluoropirimidinas Evaluation of the toxicity and quality of life in patients with colorectal cancer treated with chemotherapy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vanessa Maria Nunes Roque

    2006-06-01

    qualidade de vida foram observadas alterações significantes nos domínios físico e psicológico quando comparadas a primeira com a segunda ou a primeira com a terceira aplicação do questionário. Não foi encontrada alteração da qualidade de vida entre os doentes em quimioterapia adjuvante quando comparada aos em tratamento paliativo. Independente da indicação terapêutica, a média dos escores de qualidade de vida diminuiu em relação aos domínios físico e social na terceira aplicação do teste. CONCLUSÃO: As toxicidades gastrointestinais foram mais freqüentes que as hematológicas com o esquema utilizado. A qualidade de vida diminuiu após o início da quimioterapia em relação à atividade física e psicológica. No estudo da média dos escores observou-se queda dos mesmos nos domínios físico e social. A análise do questionário não mostrou alteração de qualidade vida quando comparados os doentes em tratamento paliativo com os em adjuvância.BACKGROUND: The colorectal cancer is the fourth cause of cancer in Brazil and 5-fluorouracil is the drug most commonly used in the adjuvant or palliative treatment of this disease. AIM - Evaluating in patients with colorectal cancer and chemotherapy, the toxicity and the quality of life. PATIENTS AND METHODS: From March 2001 and May 2003, 45 patients treated with colorectal cancer treated with 5-fluourouracil and folinic acid were followed closely during six cycles. The gastrointestinal and hematologic toxicity was analysed making use of the chart "Recommendations for the Graduation of Acute and Subacute Toxicity". After the end of each cycle of chemotherapy, the results were registered according to the respectives degrees that vary from 0 to 4. The quality of life was researched through the WHOQOL bref (World Health Organization Quality of Life questionary that consists of 26 questions and 4 domains: physical, psychological, social relations and environmental, in the beginning, on the 3rd and 6th cycles of

  18. Post-Construction Testing of the Elk River, Hallam and Piqua Power Reactor Plants; Essais apres construction des centrales nucleaires d'Elk River, de Hallam et de Piqua; Predehkspluatatsionnoe ispytanie Ehlk-riverskoj, Khehlpemskoj i Pikuaskoj ehnergeticheskikh reaktornykh ustanovok; Ensayos posteriores a la construccion de las centrales nucleoelectricas de Elk River, Hallam y Piqua

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pursel, C. A. [United States Atomic Energy Commission, Argonne, IL (United States)

    1963-10-15

    ensayos comenzo al concluirse la obra (construccion de las estructuras e instalacion de los equipos) y se termino con la iniciacion del desarrollo de potencia (produccion neta de una cantidad apreciable de energia electrica). Los ensayos tenian por finalidad: a) verificar las caracteristicas de funcionamiento del equipo instalado, b) determinar las condiciones de criticidad y el coenciente de reactividad y c) determinar los parametros fisicos del reactor y las caracteristicas de rendimiento de la central para una serie creciente de valores de la potencia. La experiencia adquirida puede agruparseren seis categorias de datos distintos pero relacionados entre si: 1) calendario, 2) costos, 3) necesidades de personal, 4) metodos, 5) comportamiento del equipo (incluso defectos) y 6) caracteristicas reales de rendimiento del sistema y comparacion con los valores calculados. En promedio, la plantilla de cada instalacion, incluyendo operarios, operadores, jefes, tecnicos auxiliares y aprendices, comprende unas 50 personas para el ERR, 115 para el HNPF y 60 para el PNPF. Para cada seccion y circuito importante se prepararon normas detalladas de ensayos previos. Dentro de lo posible, todas las pruebas se realizaron antes de cargar el combustible y de iniciar la explotacion de la central incorporada a la red. Los tramites de autorizacion (identicos a los de concesion de permisos para las centrales no dependientes de la USAEC) siguieron su curso durante casi todo el periodo de ensayos posteriores a la construccion. El tiempo exigido por los ensayos mencionados en cada una de las centrales excedio apreciablemente del calculado en un principio. La pruebas pusieron en evidencia numerosos defectos, ya comprobados o supuestos, de construccion o de funcionamiento de ciertos elementos, que obligaron a realizar nuevos ensayos y estudios. En algunos casos, hubo que reparar o modificar partes de la instalacion para subsanar defectos de fabricacion o errores de calculo. He aqui los principales