WorldWideScience

Sample records for nella regione del

  1. Governo del territorio e grandi trasformazioni nella regione urbana milanese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvia Pinto

    2010-02-01

    Full Text Available  Lo studio analizza le grandi trasformazioni in atto nellaregione urbana” milanese, esaminando gli strumenti, le strategie e le politiche seguite. Per “regione urbana” si intende un territorio che non fa riferimento a relazioni gerarchiche di tipo centro-periferico, bensì determina relazioni multi direzionali, a differenza dell’area metropolitana che viene definita in base a relazioni di dipendenza (economica, sociale, funzionale, ecc. di agglomerati esterni rispetto ad un capoluogo. La regione urbana milanese è uno dei poli economici e produttivi più attivi a livello nazionale ed europeo, tuttavia tale territorio è caratterizzato da una ridotta qualità urbana e ambientale e da fenomeni di polarizzazione e di frammentazione sociale in aumento, che hanno ripercussioni negative sulle prospettive di sviluppo dell'area. I più recenti strumenti di pianificazione dell’area milanese fanno riferimento alla coesione territoriale, cercando di disegnare una nuova struttura per il territorio frammentato e diffuso, consolidando il policentrismo della regione urbana, favorendo il riconoscimento di aggregazioni intermedie, al cui interno ricercare integrazione del sistema dei servizi, identità e appartenenze di area. Per attivare una politica di riqualificazione a livello urbano e territoriale, risulta fondamentale seguire forme di coordinamento tra i vari livelli di pianificazione. Particolare attenzione viene posta al problema della mobilità che richiede strategie particolari non solo del traffico quale effetto indotto, ma anche delle cause che lo producono, con riferimento specifico alla distribuzione sul territorio delle diverse attività, ad un corretto equilibrio tra insediamenti residenziali, produttivi e terziari. È necessario, dunque, individuare strumenti e procedure, capaci di perseguire un equilibrio dinamico tra i flussi attratti dalle attività insediate e i flussi “sostenibili” dalle infrastrutture di trasporto

  2. Standardizzazione e validazione dei dati della pianificazione urbanistica locale nella regione del Veneto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Tomaello

    2013-06-01

    Full Text Available La Legge Regionale del Veneto n. 11 del 23 aprile 2004 ha introdotto varie innovazioni, tra cui l’obbligo per i Comuni di compilare in formato digitale i propri strumenti urbanistici, ed in particolare i Piani Regolatori Comunali, secondo una specifica di compilazione predisposta dalla stessa Regione, che prevede inparticolare anche l’obbligo di usare un formato GIS standardizzato.According to the Land Planning Act of Region Veneto (Italy,Municipalities have to compile their Local Land Plans (PRC –Piani Regolatori Comunali using a standardized GIS datamodel.The Region Veneto has issued such specifications about theGIS data model immediately after the entry into force of Lawn. 11 (2004.The Veneto Region has immediately activated a system for thevalidation of the GIS data of Plans coming from Municipalities.The system computes two indices to measure the compliancyof the incoming data with the data model according to art. 11of Law n. 11 (2004.For sure the operative model issued by the Law n. 11 (2004requires skilled technicians both from the side of the Municipalitiesfor the population of the geodatabase of the local landplan and from the side of the Veneto Region for the validation.The Veneto Region has set up a specific office staffed with GIS skilled personnel using a state-of-the-art software procedure for data validation. The workflow of data validation has been published by the Region in January 2007. The latest and improved release of GIS data model was issued in January 2010.The software procedure has been built on top of Intergraph’sGeoMedia GIS software.Currently the whole procedure for Local Land Planning is coherent with the SDI of Region Veneto - operative since 2011.According to INSPIRE Directive and some italian laws, RegionVeneto has started the design of the new workflow for the GIScomponent of local land planning. The leading concepts isthe Municipalities will be capable of validating autonomouslytheir GIS datasets

  3. Articolazione costiera ed egemonia europea nella geografia del XIX secolo

    OpenAIRE

    Federico Ferretti

    2010-01-01

    International audience; I recenti studi di Jared Diamond e di David Cosandey sul successo planetario dell'Europa e del vecchio mondo in epoca moderna, hanno riportato in auge il principio delle articolazioni litorali. Quali sono le radici di questa teoria nella storia del pensiero geografico? Per rispondere a tale questione, abbiamo interrogato i testi di alcuni dei più celebri geografi europei del XIX secolo, epoca in cui la teoria delle articolazioni litorali ha avuto particolare fortuna.

  4. Modelli Stocastici nella Dinamica del Sistema Actina-Miosina

    OpenAIRE

    Caputo, Luigia

    2006-01-01

    Con riferimento al problema della contrazione muscolare, sotto il profilo dei fenomeni a livello molecolare coinvolti, viene affrontato il problema della modellizzazione del meccanismo responsabile per lo scorrimento della testina di miosina lungo il filamento di actina. In particolare, viene affrontata la controversa questione relativa alla validità della teoria dell'accoppiamento debole rispetto alla teoria del Lever-arm nella dinamica actina-miosina, reinterpretando ed estendendo il modell...

  5. Alimenti di origine vegetale: controlli ufficiali nella Regione Emilia Romagna

    OpenAIRE

    Bergamaschi, Fabio

    2008-01-01

    Si sono individuate e descritte le strutture, le funzioni e le competenze degli organi deputati al controllo ufficiale degli alimenti di origine vegetale nella Regione Emilia Romagna. Si sono esaminati i piani regionali di controllo ufficiale emanati dalla Regione Emilia Romagna in vigore per l'anno 2007, relativi alla presenza di residui di prodotti fitosanitari, micotossine e organismi geneticamente modificati negli alimenti di origine vegetale. Infine si sono valutati i dati e i risultati ...

  6. L’informazione geografica nella regione Toscana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Trevisani

    2015-10-01

    Full Text Available The Tuscany region, made possible consult and download geographic informations through Creative Commons license, to facilitate the access to geographic database that produce. All this is possible through the GEOScopio WMS.

  7. Educazione linguistica nella scuola albanese del secondo millennio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Genesin

    2013-10-01

    -pedagogica, attenta allo sviluppo mentale e psicologico dei discenti, presenta notevoli ricadute nell’àmbito del¬l’insegnamento dell’albanese come L1, oltre che delle lingue straniere, e sta trovando gradual¬mente applicazione nella scuola albanese. A livello teorico è mancato per molto tempo una rifles¬sione aggiornata sulla metodologia e la didattica delle lingue straniere, con la conseguenza che gli insegnanti, privi di adeguata preparazione, sono stati costretti a ripiegare su metodologie datate di tipo normativistico. Analogamente all’insegnamento della lingua madre, anche nella didattica delle lingue straniere è stata a lungo applicata un’ adeguazione imitativa a modelli essenzialmente scritti che, solo da alcuni anni, è stata sostituita da nuovi approcci, aperti ai più recenti sviluppi della ricerca glottodidattica, adottati grazie all’intensa attività svolta da educatori e studiosi attivi nel set¬tore della lingua inglese.

  8. Il ruolo delle infrastrutture nella costruzione e nella percezione del territorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Busi

    2012-08-01

    Full Text Available L’opera di pianificazione del paesaggio non può che passare attraverso la pianificazione delle componenti fisiche del territorio che, oltre agli indubitabili significati ed obiettivi funzionali, sono anche gli elementi costitutivi del paesaggio perché rappresentano le componenti percepibili del territorio medesimo; cosicché la pianificazione paesistica viene ad essere ad un tempo la diretta conseguenza e l’alta motivazione di quella urbanistico-territoriale conferendole motivi, fini e valori elevati.E le infrastrutture sono, come detto, le componenti fisiche primarie dell’antropizzazione del territorio sia in quanto tali, sia in quanto fattore per eccellenza di eventi generanti componenti fisiche.

  9. Elementi epico-omerici nella dizione sofoclea: analisi del secondo stasimo dell’«Edipo re»

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Scavello

    2015-08-01

    Full Text Available Il contributo affronta lo studio dei principali epicismi presenti nella lexis sofoclea del secondo stasimo dell’Edipo Re. Viene indagato in particolare il valore stilistico, tematico-concettuale e intertestuale delle locuzioni epico-omeriche riferite alle leggi divine nella prima strofe e al motivo degli oracoli di Laio nel finale del canto. Inoltre si sostiene l’importanza decisiva della dizione epica per supplire la lacuna testuale del v. 906, come per primo riconobbe G. Hermann.

  10. L’evoluzione del diritto ecclesiastico nella giurisprudenza della Corte costituzionale

    OpenAIRE

    Enrico Vitali

    2011-01-01

    Testo dell’intervento alla Tavola rotonda sul tema “Il diritto ecclesiastico e la formazione del diritto vivente nella giurisprudenza della Corte costituzionale” (Roma, 15 novembre 2007), svoltasi in occasione della presentazione del volume, a cura di R. Botta, Diritto ecclesiastico e Corte costituzionale, ed. ESI, Napoli, 2006, destinato alla pubblicazione sul prossimo numero de Il diritto ecclesiastico.SOMMARIO: 1. Tre grandi periodi – 2. L’ultimo triennio &nda...

  11. L’evoluzione del diritto ecclesiastico nella giurisprudenza della Corte costituzionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Vitali

    2011-03-01

    Full Text Available Testo dell’intervento alla Tavola rotonda sul tema “Il diritto ecclesiastico e la formazione del diritto vivente nella giurisprudenza della Corte costituzionale” (Roma, 15 novembre 2007, svoltasi in occasione della presentazione del volume, a cura di R. Botta, Diritto ecclesiastico e Corte costituzionale, ed. ESI, Napoli, 2006, destinato alla pubblicazione sul prossimo numero de Il diritto ecclesiastico.SOMMARIO: 1. Tre grandi periodi – 2. L’ultimo triennio – 3. Verso un punto di equilibrio.

  12. Il vento del Sud-Est. Regionalismo, neosicilianismo e politiche del patrimonio nella Sicilia di inizio millennio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Berardino Palumbo

    2013-07-01

    Full Text Available Nel giugno del 2002 il Comitato scientifico internazionale dell’UNESCO (WHC decretava l’iscrizione delle “Città tardo-barocche del Val di Noto – Sicilia sud-orientale” nella World Heritage List (WHL1. In un volume pubblicato nel 2003, ma scritto prima della conclusione della procedura di iscrizione nella WHL, ho descritto le dinamiche politico-culturali attivatesi, tra il 1996 e il 2001, nella Sicilia sud-orientale in seguito alla proposta di iscrizione avanzata dal governo italiano all’UNESCO (cfr. Palumbo 2003, cap. IV. Da un lato, in quello scritto, provavo a indagare quale fosse l’armatura istituzionale e ideologica all’interno della quale prendeva forma il discorso universalista dell’UNESCO, esplicitando i modi in cui essa organizzava i rapporti tra luoghi e unità politiche.

  13. Oltre i culti ammessi. Prime note sulla gestione giuridica del pluralismo religioso nella legislazione coloniale italiana*

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Botti

    2011-07-01

    Full Text Available Questo saggio comparirà nel volume I diritti culturali religiosi fra l’Africa e l’Europa, a cura diF. Alicino, F. Botti, in corso di stampa.Sommario: 1. Premessa – 2. Dimensione unitaria e settoriale del diritto ecclesiastico italianonella gestione della libertà religiosa nelle colonie italiane – 3. I primi provvedimenti di tuteladella libertà religiosa e dei culti nella legislazione coloniale 4. – Le linee comuni del “dirittoecclesiastico coloniale” 5. – L’avventura coloniale e la ricomposizione del conflitto tra stato eChiesa cattolica. 6. – Alcune prime sommarie considerazioni

  14. Adenoidectomia e tonsillectomia in etá pediatrica nel triennio 1999-2001 nella regione Piemonte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.L. Saglione

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: nel periodo 1999-2001, gli interventi di adenoidectomia e tonsillectomia, considerati nel loro insieme, hanno costituito, nella Regione Piemonte, la seconda causa di ricovero nella popolazione di età tra 1 e 14 anni, con differenze rilevanti tra tassi di ospedalizzazione nelle diverse Aziende Sanitarie Piemontesi.

    Obiettivi: analizzare entità e andamento temporale delle diversità geografiche individuate; ricercare eventuali disomogeneità di selezione dei pazienti e differenze organizzative- strutturali.

    Metodologia: dalle Schede di Dimissione Ospedaliera piemontesi degli anni 1999-2001, sono stati tratti: per ciascuna ASL, i tassi di ospedalizzazione dei residenti per gli interventi considerati, tramite i codici ICD9-CM; per ciascuna struttura complessa di otorinolaringoiatria attiva negli ospedali piemontesi pubblici e privati, il numero di interventi e la degenza media. Un questionario è stato inviato a tutte le Strutture Complesse di Otorinolaringoiatria presenti negli ospedali pubblici ed ex art. 41-43 piemontesi, richiedendo le caratteristiche organizzative delle unità operative, l’attività svolta negli interventi considerati, le modalità di ricovero, degenza e dimissione dei pazienti.

    Risultati: differenze rilevanti emergono nei tassi di ospedalizzazione delle singole ASL che peraltro, come quelli regionali, si mantengono costanti nel corso del triennio, andando dal 7,59 al 16,26 per 1000 abitanti nel 1999, dal 6,45 al 17,22 nel 2000 e dal 6,87 al 16,91 nel 2001. Relativamente al numero di interventi: per i residenti in Piemonte è passato da 6.037 nel 1999, a 6.177 nel 2000, per ridursi a 5.861 nel 2001; per l’attività svolta dagli ospedali piemontesi è risultato di 5.875 nel 1999, 5.993 nel 2000 e di 5.709 nel 2001. I dati, ricavati con il questionario, dimostrano disomogeneità di comportamento nei percorsi organizzativi

  15. Esperienze canonistiche nella Università italiana del secolo XX

    OpenAIRE

    Giorgio Feliciani

    2012-01-01

    Relazione presentata al Convegno “Gl’insegnamenti del diritto canonico ed ecclesiastico a centocinquant’anni dall’Unità”, promosso dalla Facoltà di Giurisprudenza e dal Dipartimento di storia, filosofia del diritto e diritto canonico dell’Ateneo di Padova e dall’ADEC (Padova, Palazzo del Bo, 27-29 ottobre 2011), destinata alla pubblicazione negli Atti.

  16. Le identità deboli e la perdita del Padre nella società occidentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Baratta

    2004-12-01

    Full Text Available Scopo di questo contributo è analizzare le problematiche della formazione di identità nella società contemporanea, problematiche trasversali, che riguardano la costruzione del sé, le reti di relazioni che si determinano in una società complessa e i contesti anche virtuali che in essa si costruiscono. Identità caratterizzate da alta volatilità e perciò deboli, identità che non danno senso alla vita, perché dipendono da stili di vita temporanei, difficilmente sequenziabili. L'articolo propone una rilettura di Pareto e di Gehlen, testi di Risè e Prandstraller hanno permesso di definire meglio la dimensione qualitativa delle identità deboli. L'affievolirsi della figura paterna, nella società contemporanea, sia essa postindustriale, postmoderna, neomoderna è una ragione evidente della formazione di identità deboli.

  17. Esperienze canonistiche nella Università italiana del secolo XX

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Feliciani

    2012-01-01

    Full Text Available Relazione presentata al Convegno “Gl’insegnamenti del diritto canonico ed ecclesiastico a centocinquant’anni dall’Unità”, promosso dalla Facoltà di Giurisprudenza e dal Dipartimento di storia, filosofia del diritto e diritto canonico dell’Ateneo di Padova e dall’ADEC (Padova, Palazzo del Bo, 27-29 ottobre 2011, destinata alla pubblicazione negli Atti.

  18. Turbolenze politiche e latitanza del diritto nella letteratura nigeriana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Turi

    2012-04-01

    Full Text Available La letteratura nigeriana del Novecento è stata fortemente condizionata dagli eventi collettivi che hanno scandito la storia recente del paese – dalla colonizzazione inglese alla guerra del Biafra, fino agli scontri armati tra il governo centrale e le forze del Mosop sul Delta del Niger – e che hanno di volta in volta a che fare con la sostituzione e/o la sospensione dell’ordinamento giuridico vigente, con la controversa applicazione del diritto internazionale, con la repressione legalizzata del dissenso. Coprendo il cinquantennio che va da Things fall apart (1958 di Chinua Achebe (nel quale si racconta l’avvento dei primi missionari inglesi alle testimonianze (narrative e non di Wole Soyinka (1972, Ken Saro-Wiwa (1985 e Chimamanda Ngozi Adichie (2006 intorno alla guerra civile del 1967-1970, il presente studio intende offrire, mettendo tra loro in dialogo i testi citati, le declinazioni esemplari della dialettica tra letteratura e diritto all’interno di un panorama letterario pressoché condannato a figurare la legge come chimera, abuso, scontro tra codici (morali e poi legislativi tra loro incompatibili.

  19. Non scommettere la tua vita. Gioco d'azzardo nella famiglia e aspetti neurobiologici del gap.

    OpenAIRE

    Dell'Amico, Chiara

    2016-01-01

    Nel presente lavoro è stato condotto uno studio con lo scopo di descrivere il gambling, ossia il disturbo da gioco d’azzardo ed i problemi o le conseguenze negative ad esso associate. Il lavoro è stato suddiviso in tre capitoli: nella prima parte viene data un descrizione generale del gioco d’azzardo, descrivendo il passaggio da attività ricreativa a dipendenza; nel secondo capitolo viene affrontato il tema relazionale considerando non solo il gambler, ma la famiglia stessa, in cui si crea un...

  20. Spazio politico e confini nella scienza giuridica del tardo medioevo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Marchetti

    2006-06-01

    Full Text Available In quello che Paolo Grossi chiama il medioevo sapienziale i giuristi si impegnano a definire una serie di regole tese alla composizione delle controversie di confine: non ci sono infatti testi normativi precostituiti che le definiscano. Il Corpus Iuris si occupa, quasi esclusivamente, della conflittualità confinaria tra privati. Quando il richiamo ai testi del diritto romano viene effettuato serve solo per conferire ‘autorevolezza’ a soluzioni che assai spesso si fondano su pratiche di composizione legate alla prassi. Le regole elaborate dai giuristi medievali trovano così la loro formalizzazione sul piano del diritto, ma rinviano a un modo di vivere i confini tra comunità legato agli spostamenti, alle abitudini, alle comuni necessità esistenziali. D’altra parte l’esistenza di demarcazioni nette (che pure esistono rinvia non tanto a una pretesa politica esclusiva e totalizzante, quanto piuttosto all’esercizio di diritti e prerogative determinati.

  1. La questione del mistero umano nella filosofia della formazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola PASCUCCI

    2009-10-01

    Full Text Available SOMMARIO: In questo lavoro, la sofi/a (sophía e la Bildung sono interpretate come i due cardini di un discorso che riguarda l’essere umano inteso come possibilità significante. Bildung e Umbildung vengono problematizzate in relazione al significare del mistero umano. La questione del mysterium hominis è trattata, all’interno della filosofia della formazione, in riferimento al significato originario del greco mystèrion sino all’interpretazione pedagogica dell’esperienza ebraico-cristiana del Mmistero di Dio (Mysterium Dei.ABSTRACT: In this work, the sofi/a (sophía and the Bildung are interpreted as the two poles of a speech which regards the human being understood as a significant possibility. Bildung and Umbildung gets problematic in relation to the meaning of the human mystery. The question of mysterium hominis is dealing, inside the philosophy of formation, referring to the original greek meaning of mystèrion until the christian-hebrew experience of uncreated Mmystery (Mysterium Dei. Key words: philosophy, Bildung, Umbildung, mýo-sphere, mystery, mystification, truth, doubt, irony, astonishment, mystical theology.SOMMAIRE: Dans cette oeuvre, la sofi/a (sophía et la Bildung sont interprétées comme les deux pivots d’une discussion qui concerne l’être humain entendu comme possibilité signifiante. Bildung et Umbildung sont rendues problématiques par rapport au signifié du mystère humain. La question du mysterium hominis est traitée, dans la philosophie de la formation, par rapport à la signification originelle du grec mystèrion jusqu’à l’expérience judéo-chrétienne du Mysterium Dei.

  2. Popolo e regimi politici a Firenze nella prima metà del Duecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Diacciati

    2011-10-01

    Full Text Available Tra la fine del XII secolo e l’avvio del successivo, Firenze fu interessata dal passaggio dal regime consolare a quello podestarile. Cominciarono ad affacciarsi alla vita pubblica nuovi soggetti, di origine generalmente modesta ma affermatisi più o meno rapidamente grazie a floride attività mercantili, creditizie, manifatturiere, e all’esercizio di attività liberali, che rivendicavano il diritto di partecipare al governo. Il movimento popolare faceva la sua comparsa nella storia fiorentina. Attraverso le Arti, affiancate poi da organizzazioni a carattere territoriale, esso conquistò sempre più spazi nella vita politica, contrapponendo la propria visione della res publica a quella difesa dalla milizia, gruppo che aveva in mano le redini del potere. Sostenitore di un modello di vita politica e sociale nel quale avesse la preminenza l’autorità pubblica, in cui più equa fosse la ripartizione dei carichi fiscali e più retta la gestione delle finanze e dei beni comunali, il Popolo riuscì ad imporre la propria supremazia politica nel 1250.

  3. La complessità del diverso nella piattezza di Flatland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Carluccio

    2015-07-01

    Full Text Available Abstract – This paper proposes an analysis of Edwin Abbott Abbott’s Flatland: a Romance of Many Dimensions (1884. In particular, it focuses on the first section of the novel, This World, which is interpreted as a satire of the Victorian society. In fact, the fictional world of Flatland appears to have been built exactly upon the middle class ideological standpoint. This is ironically translated into a series of strategies – both at a territorial and at a relational level – through which this group tries to maintain its hegemonic social position and, at the same time, to distance all those elements that may deviate from its image of respectability. This is investigated with special regard to the characters of the Irregular and of the isosceles triangle, towards which the middle class shows an attitude of closure. Such behaviour is nothing else but the satirical depiction of its ambiguous relationship with Otherness.Sommario – Questo saggio propone un’analisi di Flatland: a Romance of Many Dimensions (1884 di Edwin Abbott Abbott. Nello specifico, esso si sofferma sulla prima sezione del romanzo, This World, interpretata quale satira della società vittoriana. Difatti, il mondo fantastico di Flatland sembra essere stato costruito proprio sulla base dell’ideologia della middle class, che è ironicamente tradotta in una serie di strategie – su un piano sia territoriale sia relazionale – tramite le quali questo gruppo tenta di mantenere l’egemonia della sua posizione sociale e, al contempo, di allontanare tutti quegli elementi che potrebbero deviare dalla sua immagine di rispettabilità. Ciò è esaminato con particolare riferimento ai personaggi dell’Irregolare e del triangolo isoscele, verso i quali la middle class mostra un atteggiamento di chiusura. Tale comportamento non è altro che la satirica raffigurazione del suo ambiguo rapporto con l’Alterità.

  4. La trasposizione del sapere musicale nella formazione intellettuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Cuomo

    2013-12-01

    Full Text Available La costruzione della cittadinanza europea nell’epoca della complessità richiede che la trasmissione del sapere sia orientata alla formazione intellettuale, al “dare forma” cioè a una mente critica, capace di problematizzare, dunque di discernere. Questo può avvenire con l’educare a comprendere. Nel farsi carico di questa istanza, il musicologo assume il problema e si interroga su ‘che cosa’ trasmettere e ‘come’ per educare a comprendere la musica: è il fondamento della didattica della musica, intesa come scienza della ‘trasposizione’ del savoir savant in savoir enseigné. L’intervento propone un percorso paradigmatico di comprensione musicale, attraverso la trasposizione didattica di un brano di Debussy, La cathédrale engloutie. L’esempio sarà basato su un approccio messo a punto dalla ricerca musicologica e metodologico-didattica e centrato sulla continuità tra ascolto, esecuzione musicale e Storia della musica.

  5. Vaccinazione antinfluenzale nella ASL RMF della Regione Lazio: verifica dei risultati e dei costi sostenuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Di Marzio

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la vaccinazione antinfluenzale nella
    Regione Lazio dalla campagna 1999-2000 viene
    condotta sulla base di un protocollo regionale che,
    per favorire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti
    dal Piano Sanitario Nazionale, coinvolge i
    Medici di Medicina Generale (MMG prevedendo
    una remunerazione aggiuntiva in parte fissa (a prestazione, in parte variabile (condizionata dal risultato
    del singolo medico e della ASL.
    Gli autori si propongono una verifica dei risultati raggiunti e dei costi sostenuti dall’ultima campagna eseguita con sole risorse aziendali del 1998-99 a quella del 2002-03.

    Metodi: il protocollo regionale prevede la raccolta
    delle informazioni per ciascun vaccinato presente
    nell’anagrafe informatizzata degli assistiti aziendali
    e ciò consente la valutazione delle coperture vaccinali
    aziendale e per ciascun MMG.
    Parallelamente sono considerati costi dei vaccini
    acquistati e retribuzione aggiuntiva dei MMG.

    Risultati: esaminati gli archivi dal 1998-99 al 2002-
    03, emerge il progressivo coinvolgimento dei MMG fino al recente 97%, l’aumento inequivocabile delle dosi di vaccino somministrate (da 9.406 a 36.692 e del tasso di copertura negli anziani (dal 24,2% al 66%. Invece la percentuale dei vaccini somministrati ai ›65 diminuisce dal 85,47% al 71,77% ed aumenta a favore dei più giovani così da risultare coperture negli ultrasessantacinquenni inferiori alle attese.Con gli anni l’integrazione dell’esperienza del servizio e dei MMG ha favorito un più oculato approvvigionamento
    con diminuzione degli sprechi passando dal 15,56% nel 2000-01 all’attuale 4,45%, ma contestualmente i costi risultano decuplicati (da 90 a 938 milioni di lire per maggior numero di dosi somministrate e costo delle prestazioni dei MMG

  6. La construzione del soggetto nella «Divina Commedia»

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Miquelina Barra Rocha

    2011-10-01

    Full Text Available Procuramos demonstrar, neste estudo, os percursos da maturação do Ego na Divina Comédia de Dante Alighieri. Baseamos, principalmente, no ensaio de Michel Pamier, “La fase del espejo y la formación del ‘yo’”, cujas etapas podemos compreender pela representação figurativa do ser humano, que de volume disforme no Inferno, vai se desfazendo pouco a pouco até alcançar a difusão rarefeita da Luz no Paraíso. Este alcance seria o alcance da Verdade e Própria Imagem Almejada, representada, segundo os cânones da Idade Média, na imagem e Deus, da Verdade ou do Bem.In questo studio ci si propone di asservare il processo del percorso di matrazione dell’Ego nella Divina Commedia di Dante Alighieri. Ci siamo basati principalmente sul saggio di Michel Palmier, “La fase del espejo y la formación del ‘yo’” le cui tappe possiamo capire dalla rappresentazione figurativa dell’essere umano, che da volume disforme nell’Inferno si va disfacendo poco a poco fino a raggiungere la diffusione rareffatta della Luce nel Paradiso. Questo raggiungimento sarebbe il raggiungimento della Vera e Propria Immagine Anelata, rafigurata secondo i canoni del Medioevo, nell’immagine di Dio, della Verità o del Bene.

  7. I governi di “popolo” e le istituzioni comunali nella seconda metà del secolo XIII

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Artifoni

    2003-12-01

    Full Text Available Nella seconda metà del secolo XIII la cultura politica dei governi popolari si esprime in modo articolato e consapevole attraverso molteplici scelte: l’istituzione di organismi collegiali ristretti, la valorizzazione delle forme associative di quartiere o di rione, la “domanda” rivolta al ceto notarile di elaborare forme documentarie adeguate a un assetto istituzionale complesso qual era quello del comune duecentesco.

  8. La costruzione di un profilo di santità femminile nella Firenze del XVII secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Scattigno

    2014-04-01

    Full Text Available Nella prima metà del XVII secolo prendono avvio a Firenze i processi di canonizzazione per Domenica da Paradiso, Caterina de’ Ricci, Maria Maddalena de’ Pazzi. Le cause delineavano un profilo di santità femminile ispirato ai temi della riforma della vita religiosa e della professione monastica e rinnovavano la tradizione di santità della Chiesa fiorentina a partire dalla storia religiosa recente, ancora segnata dalla figura di Girolamo Savonarola. La costruzione di memoria delle monache, testimoni dirette o depositarie di tradizioni orali alimentate all’interno delle comunità femminili di appartenenza, ebbe un rilievo fondamentale nel fissare i tratti di una santità femminile che, se pure rispondeva ai nuovi modelli post-tridentini, manteneva non risolte anche le difformità.

  9. ENERGIA SOSTENIBILE: PIANIFICAZIONE STRATEGICA E PROGRAMMI ECONOMICI NELLA REGIONE LAZIO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonide Tocchi

    2017-06-01

    Full Text Available The new energy and regulatory scenarios on European and Italian level require a review of the regional energy strategies. Transitioning the global economy from fossil fuels to renewable energy sources has been identified as a key strategy for mitigating climate change. Energy sector transformation needs smart policies. The Lazio region is drawing up a new strategy for sustainable energy that aims to define the necessary conditions for development of a regional energy system increasingly turned to the use of renewable sources and efficient energy use as a means for greater environmental protection, in particular for the purpose of reduction of greenhouse gases (GHG. The strategy aims to facilitate the transition to a low carbon economy by increasing energy production from renewable sources, fostering a green economic recovery and the creation of green jobs in Lazio Region.

  10. Natural attenuation of biogas in landfill covers; Attenuazione naturale del flusso di biogas nella copertura superficiale delle discariche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cossu, R.; Privato, A.; Raga, R. [Padova Univ., Padova (Italy). IMAGE, Dipartimento di Idraulica, Marittima, Ambiente e Geotecnica; Zane, M. [SPINOFF S.R.L., Padova (Italy)

    2005-08-01

    In the risk evaluation of uncontrolled biogas emissions from landfills, the process of natural attenuation in landfill covers assumes a very important role. The capacity of biogas oxidation in the cover soils seems to be the most important control to mitigate the biogas emission during the aftercare period when the biogas collection system might fail. In the present paper laboratory experiences on lab columns to study the biogas oxidation are discussed. [Italian] Nella valutazione del pericolo di emissioni incontrollate di biogas da una discarica, il processo dell'attenuazione naturale della copertura superficiale assume un ruolo molto importante. La capacita' di ossidazione del biogas nel terreno di copertura sembra rappresentare il controllo piu' importante nella mitigazione di fughe incontrollate di biogas, soprattutto nel lungo periodo quando la captazione del biogas perde efficienza. Nel presente lavoro si riportano alcune esperienze di laboratorio per valutare l'ossidazione di metano in diverse tipologie di copertura.

  11. Preliminary health cancer risk assessment for arsenic exposure in a contaminated area close to a fertilizer plant in Moscow region (Russia); Valutazione preliminare del rischio sanitario cancerogeno per esposizione ad arsenico in un'area contaminata da un'industria di fertilizzanti nella regione di Mosca (Russia)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zakharova, T. [Moscow Univ., Moscow (Russian Federation). Dept. of Chemistry, Lab. of Industrial Safety, Div. of Chemical Technology; Tatano, F. [Urbino Univ., Urbino (Italy). Facolta' di Scienze Ambientali

    2001-09-01

    At present, fertilizer plants are considered as one of the main sources of potentially contaminated areas in Russia. In this paper, an interesting experimental case-study area located in Moscow Region has been considered for the preliminary health cancer risk assessment for arsenic exposure. Arsenic has been selected as the individual contaminant indicator, according to a specific, original selection procedure presented in the paper. For estimating the human exposure to arsenic through multiple pathways, the original McKone and Daniels 91 model has been used. As a result of this preliminary assessment step for the case-study area, the calculated individual cancer risk levels for arsenic exposure through (in risk ranking order) consumption of agricultural products - consumption of drinking water - dermal contact - direct soil ingestion - ingestion of dairy products are significant. The present paper could be assumed too as a contribution (for comparison and stimulus) to the actual, Italian situation of soil quality criteria, especially regarding the agricultural land use. [Italian] Le aree interessate dalla presenza di impianti di produzione di fertilizzanti, rappresentano attualmente una rilevante sorgenti di siti potenzialmente contaminati in Russia. Nel presente lavoro, viene affrontato un interessante caso sperimentale di studio localizzato nella Regione di Mosca, per il quale viene condotta la valutazione preliminare del rischio sanitario cancerogeno per esposizione ad arsenico (contaminante selezionato come indicatore, mediante apposita procedura descritta nel lavoro). Allo scopo, e' stato implementato l'originale modello multiplo di valutazione dell'esposizione umana cosiddetto McKone and Daniels 91. Per l'area in studio, i livelli massimi possibili risultanti di rischio cancerogeno per l'arsenico connessi alle vie di migrazione (nell'ordine) ingestione di prodotti agricoli - assunzione di acqua di falda - contatto dermico

  12. Architettura e magnificenza nella Palermo del primo Cinquecento : il prospetto denominato di Santa Eulalia dei Catalani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvia Scaduto

    2006-01-01

    Full Text Available A una attenta analisi, la misteriosa facciata nota come prospetto della chiesa di Santa Eulalia dei Catalani a Palermo risulta essere il frammento superstite di una Loggia realizzata, e forse mai completata, a partire dalla fine degli anni trenta del Cinquecento. La comunità e i banchieri catalani presenti a Palermo sono certamente i promotori di una architettura all’antica che si avvia dopo il trionfale ingresso dell’imperatore Carlo V in città nel 1535. Lo studio di questo edificio e le ipotesi sulla spazialità interna risultano estremamente illuminanti per comprendere una fase architettonica ancora poco nota nella capitale del Regno di Sicilia.At a careful analysis, the mysterious façade known as the front of St. Eulalia of the Catalans church in Palermo turns out to be the surviving fragment of a Loggia, wich construction, maybe never ended, started in the 153’s. The Catalan community and bankers living in Palermo are doubtless the promoters of an architecture in ancient style, starting after the triumphal entrance in the city of the emperor Carlo V in 1535. The study of this building and the hypothesis about its interior space are extremely evealing to understand an architectonical phase in the capital of Sicilian Reign still not well known.

  13. Il posto del silenzio nella teoria sociale: da forma relazionale a strumento di esclusione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Pacelli

    2014-11-01

    Full Text Available Le molteplici applicazioni del progetto moderno hanno offerto elementi per analizzare non solo i cambiamenti strutturali che hanno investito le grandi configurazioni sociali ma anche le modifiche intervenute nella vita interoggettiva e nelle forme di relazione, rappresentazione e partecipazione. Tra queste alterazioni si inserisce la mancata sinergia tra silenzio e parola che finiscono per escludersi a vicenda, provocando un impoverimento della vera comunicazione e delle possibilità di comprensione fra le persone. Altrettanto può dirsi in merito alla confusione creatasi tra l'immagine e la cultura dell'immagine, alimentata da logiche di spettacolarizzazione che irrompono fra parole vuote e silenzi escludenti. Ripercorrendo alcuni contributi della sociologia classica e contemporanea, la riflessione che si propone intende recuperare la complessità della relazione comunicativa, quale dinamica sostenuta dalla doppia istanza di apertura e di chiusura verso l'alterità, in un susseguirsi di parole e silenzi che creano vicinanze e distanze. La difficoltà di interpretare anche i silenzi più eloquenti attraversa lì esperienza relazionale, ma oggi risente anche della complicità creatasi tra vecchi e nuovi media nel valorizzare insieme una cultura delle immagini tesa ad escludere ciò che “non fa rumore”.

  14. Rafforzare la figura del Contraente Generale per aumentare l’efficienza delle Stazioni Appaltanti Italiane nella gestione del processo edilizio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ernesto Antonini

    2013-10-01

    Full Text Available La Direttiva Europea 93/37 definisce il “terzo tipo” di procedura di affidamento di lavori pubblici (dopo appalto e concessione, che può essere utilizzata da un’amministrazione committente per selezionare un soggetto responsabile della “realizzazione con ogni mezzo di un’opera corrispondente ai requisiti fissati dall’autorità committente”. L’Italia ha interpretato in modo originale questa procedura di appalto pubblico, introducendo nell’ordinamento (con la legge 443/2001 “Legge obiettivo la figura del contraente generale. Il punto critico di questo assetto risiede nella nozione di “contraente generale”, che rispetto ai riferimenti internazionali a cui può essere correlata appare incerta e controversa, specialmente in termini di ripartizione dei rischi fra committente ed esecutore delle opere. Il Paper presenta alcuni risultati di uno studio della procedura italiana di “contraente generale”, confrontandola con i modelli di processo delineati dalla letteratura internazionale sul tema. Dopo una breve analisi delle possibili alternative, gli Autori formulano alcune raccomandazioni proposta per il miglioramento della normativa italiana, che la renda meglio coerente con i princìpi del ppp (partenariato pubblico-privato generalmente adottati in Europa e a cui la procedura del contraente generale deve essere correttamente riferita.

  15. Macchina mitologica e machine célibataire: sulla rappresentazione del desiderio celibe nella letteratura francese del XIX secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Scuro

    2015-11-01

    Full Text Available Questa riflessione sul mito sotteso alla «macchina celibe», teorizzata da Carrouges in Les Machines Célibataires, poi ripresa da Deleuze e Guattari in L’AntiOEdipe, si pone nella prospettiva di tracciare un collegamento con il modello ideato da Jesi di «macchina mitologica» – produttrice di «epifanie di miti». La prima progettazione di una macchina celibe nasce con l’opera di Duchamp, ed è da questa che Carrouges avvia la sua analisi, studiandone la qualità mitica e il meccanismo che la governa, per poi identificarla in alcuni esempi letterari otto e novecenteschi come L’Éve future di Villiers de l’Isle-Adam o Nella colonia penale di Kafka, in cui sono presenti le descrizioni di macchine prodigiose senza uno scopo sociale. Per Carrouges, «l’invariant fondamental du mythe des machines célibataires est la distance ou différence entre la machine et la solitude humaine»; la sua lettura della macchina celibe – mito moderno – considera l’uomo alle prese con la meccanica realtà novecentesca, rispetto alla quale il celibato assume una funzione non tesa alla produzione. La macchina celibe è caratterizzata da un godimento fine a se stesso e il suo «movimento oggettivo apparente» rassomiglia al «movimento in cerchio» della macchina mitologica jesiana. Deleuze e Guattari adottano la definizione di Carrouges e oppongono la macchina celibe alle macchine desideranti: ovvero l’improduttività del celibe alla motrice incessante del desiderio che produce desiderio, da essi posta alla base del processo capitalistico. Nella rappresentazione del celibato in alcuni case studies della letteratura francese del XIX secolo, verranno ricercate alcune tracce di questo mito moderno. The article proposes an analysis of the machine célibataire, theorized by M. Carrouges and then resumed by G. Deleuze and F. Guattari in L’AntiOEdipe, in order to define its relationship with the concept of Mythological machine introduced by Furio Jesi

  16. Pilot experiment on utilization of vegetable biomass in Umbria. Part 2. Anaerobic digestion of the wastes coming from the maintenance activity of the lake Trasimeno and the working of energetic cultures; Sperimentazioni pilota sulla utilizzazione delle biomasse vegetali reperibili nella Regione Umbria. Parte 2. Digestione anaerobica dei residui derivanti dall'attivita' manutentiva del lago Trasimeno e dalla lavorazione di culture agro-energetiche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Poletti, A.; Selvaggi, R.; Poletti, L. [Perugia Univ., Perugia (Italy). Dipt. di Chimica, Laboratorio di Chimica Fisica e Modellistica Ambientale

    2000-12-01

    In this work the energetic exploitation has been assessed of the vegetable biomasses available in the region Umbria, derived both from the maintenance operation of Lake Trasimeno and energetic cultures. Biomethanation experiments have been carried out both on laboratory scale, by preparing anaerobic digestion tests in batch and in continuous, and on pilot scale, through the use of a 2000 litres digestor. Throughout the experiment the main chemical and physical process parameters have been monitored and the process efficiency assessed. The experimental values, measured for the anaerobic digestion process, have shown that both types of biomass can be very good substrated for the production of biogas. Their energetic re-use, when considering the broad and complex problems posed by breeding wastes disposal, could positively contribute to a rational sustainability scheme of the activities operating in the territory. [Italian] In questo lavoro viene valutata la valorizzazione energetica di biomasse vegetali disponibili nella regione Umbria, derivanti dalle operazioni di manutenzione dal Lago Trasimeno e da culture energetiche. Gli esperimenti di digestione anaerobica sono stati eseguiti su scala di laboratorio, con prove in batch ed in continuo, e su scala pilota utilizzando un digestore della capacita' di 2000 libri. Durante il corso degli esperimenti sono stati monitorati i principali parametri chimici e fisici del processo e verificati i rendimenti. I valori sperimentali, misurati per il processo di digestione anaerobica, hanno dimostrato che i due tipi di biomassa studiati possono rappresentare un ottimo substrato per la produzione di biogas. Il loro recupero a fini energetici, inserito nella piu' ampia e complessa problematica connessa con lo smaltimento dei reflui zootecnici, potrebbe contribuire ad un inquadramento razionale della sostenibilita' delle attivita' presenti in quel territorio.

  17. Contributo alla conoscenza della dieta del Tasso (Meles meles nella pianura padana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Prigioni

    2003-10-01

    à della risorsa nei periodi caratterizzati da siccità estiva e da temperature inferiori agli 0° C in inverno. Tali risultati suggeriscono che essi rappresentano una risorsa preferenziale, ricercata attivamente durante l'intero arco dell'anno. Il mais compare con frequenze maggiori in autunno ed inverno, quando il Tasso ricerca le pannocchie rimaste sul terreno dopo il raccolto o sepolte dopo l'aratura delle stoppie. Il relativamente elevato consumo di mais da parte del Tasso, già riscontrato dagli autori in vari settori della Provincia di Pavia, rappresenta una peculiarità delle aree intensamente coltivate della pianura Padana. Nell'insieme, il Tasso conferma la caratteristica di predatore sui generis: le risorse alimentari più utilizzate, tratteggiano piuttosto un comportamento trofico da "raccoglitore di alimenti" (forager sul terreno e, in parte, nel sottosuolo. Dal confronto con i risultati ottenuti in Italia da ricerche condotte in ambienti montani e di tipo mediterraneo, oltre al già sottolineato utilizzo del mais come risorsa preferenziale nella stagione fredda, emergono differenze marcate relativamente al consumo di Lumbricidi, che si mantiene costantemente su valori elevati, paragonabili a quelli riscontrati nell'Europa nord-occidentale.

  18. La meridiana di Egnazio Danti nella Torre dei Venti in Vaticano: un'icona della riforma Gregoriana del calendario

    Science.gov (United States)

    Sigismondi, Costantino

    2014-05-01

    La Torre dei Venti domina l’angolo Sud Ovest del cortile della Pigna (nell'area dei Musei Vaticani), ed è inclusa negli ambienti dell'Archivio Segreto Vaticano. Non è aperta al pubblico, ma è universalmente nota per la fama che da oltre quattrocento anni la circonda, legata alle vicende della riforma Gregoriana del calendario. La meridiana tracciata da padre Egnazio Danti (1536-1586) nella torre dei Venti, fu visitata anche da Gregorio XIII, probabilmente il 21 marzo 1581 come suppone il padre Stein, per convincersi dell'anticipo ormai arrivato a dieci giorni dell'equinozio di primavera sulla data che il concilio di Nicea aveva fissato al 21 marzo per il computo pasquale. La ricognizione astrometrica del febbraio-marzo 2009 fatta dall'autore viene qui presentata.

  19. Educare educando all'opera: socialità e individualità nella 'Fanciulla del West' di Puccini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Chegai

    2014-12-01

    Full Text Available In svariate occasioni i musicologi hanno posto l’accento sull’efficacia educativa dell’opera per lo sviluppo della dimensione sentimentale di soggetti a diversi livelli scolari. Insegnare a cogliere la valenza drammatica di una scena o di un’aria e delle passioni che la animano tramite i contenuti del testo verbale e l’assetto musicale stabilito dal compositore è un ottimo viatico per educare all’ascolto della musica cogliendo le opportunità che essa offre a livello di formazione generale. A questo aspetto potrebbe essere utilmente affiancata la componente interrelazionale che costituisce la sostanza di cui si approvvigiona il teatro musicale di ogni epoca e tradizione. In quanto dramma, l’opera in musica inscena vicende fondate su relazioni interpersonali molteplici; sodalizi e dissidi, legami familiari e amorosi, passioni apparenti o tacite, aspirazioni legittime o illecite e ostacoli che si frappongono al loro conseguimento, socialità o viceversa solitudini ed isolamento. A ognuna di queste condizioni è nella finzione drammatica garantito diritto di esistenza. Persino la crudeltà o l’inganno possono mostrarsi seducenti, in un duetto, ma un ascolto competente riesce a darne conto e a smascherarli. La solitudine di un monologo procura all’opera di ogni tempo esiti musicalmente ragguardevoli, e anche in questo caso se ne può trarre un utile in termini di educazione affettiva (non c’è niente di sbagliato nel sentirsi soli e diversi dagli altri: è uno stato che serve alla crescita e può persino generare bellezza. Buoni e cattivi si confrontano, e come nella vita reale capita che tanto gli uni quanto gli altri possano avere la meglio: l’intreccio del dramma aiuterà a comprendere cosa eventualmente è andato storto; e come nella vita reale capita anche che buoni e cattivi si confondano fra loro. L’opera, contraddistinta dalla presentificazione specifica dei generi performativi, e anche per questo di forte presa

  20. Atti del seminario internazionale "Immagini d'Italia e d'Europa nella letteratura e nella documentazione di viaggio nel XVIII e nel XIX secolo", (Firenze, 1999-2001

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renato Pasta

    2003-01-01

    Full Text Available Renato Pasta, Introduzione. Paolo Marchetti, I giuristi e i confini. L'elaborazione giuridica della nozione di confine tra Medioevo ed età moderna. Jürgen Osterhammel, Atlantic Slavery: A Problem of Cross-Boundary History. Hans Erich Boedeker, "Europe" in the Discourse of the Sciences of State in 18th Century Germany. Sergueï Karp, Les recherches récentes (1990-2000 des relations culturelles franco-russes au XVIIIe siècle. Ananij Gerasimovič Ivanov, Il sistema amministrativo russo nella regione dei Mari dalla seconda metà del XVI al XVIII secolo. Il voevoda. Giulia Cecere, L' «Oriente d'Europa»: un'idea in movimento (sec. XVIII. Un contributo cartografico. Natividad Planas, Conflits de compétence aux frontières. Le contrôle de la circulation des hommes et des marchandises dans le royaume de Majorque au XVIIe siècle. Augustin Hernando, Identidad y representación de Europa en la docencia e investigación geográfica española. Teresa Isenburg, Separare ed Unire. Appunti sulle frontiere brasiliane fra Otto e Novecento: il caso della Guiana britannica

  1. La Medicina del Turismo e dell'immigrazione nella Medicina del Terzo Millennio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    T. Ventura

    2003-05-01

    Full Text Available

    Spesso motivi turistici, professionali ed umanitari condizionano spostamenti di singoli o di piccoli gruppi di viaggiatori verso mete che presentano situazioni sociali, economiche e sanitarie diverse dal nostro Paese ed allo stesso tempo, migrazioni di massa da Paesi sottosviluppati si realizzano verso il nostro Paese ed in genere verso le aree geografiche industrializzate.

    Sia nel primo che nel secondo caso, possono realizzarsi condizioni di rischio per la salute, personale e collettiva, a motivo dell’interazione di realtà socio sanitarie diverse tra loro: si realizzano così rischi collegati all’alimentazione, alle malattie sessualmente trasmissibili, fino a quelle dovute all’interazione con clima e fauna locali.

    Su tali premesse il Dipartimento di Patologia Umana, Sezione di Medicina del Turismo e dell’Immigrazione in collaborazione con il Dipartimento di Igiene, Medicina Preventiva dell’Università degli Studi di Messina, ha istituito un Corso di Perfezionamento rivolto ai medici di medicina generale e del territorio, ai medici competenti ed a quelli operanti nel volontariato. Esso si prefigge, tra i principali, l’obiettivo di fornire strumenti utili per migliorare la capacità di relazionarsi con il territorio, con attenzione particolare al costante fenomeno immigratorio che interessa la nostra area geografica. Il corso si articola in varie sessioni: epidemiologia, patologia e clinica delle malattie da immigrazione e del turismo; patologia immuno allergica dell’immigrato e del viaggiatore, principi profilattici per i viaggi all’estero e l’immigrazione, microbiologia applicata alle aree endemiche, trattazione dei rischi collegati al clima ed all’igiene degli alimenti. È indubbia, pertanto, l’utilità socio sanitaria e preventiva della medicina del Turismo e dell’Immigrazione i cui risvolti applicativi hanno rilevanza particolare nel momento contigente: previsioni dell’Organizzazione Mondiale della

  2. [Breve commento sull'importanza spesso sottovalutata degli approcci psicologici e riabilitativi nella gestione del dolore oncologico].

    Science.gov (United States)

    Cascella, Marco; Thompson, Nicholas Simonds; Muzio, Maria Rosaria; Forte, Cira Antonietta; Cuomo, Arturo

    2016-08-01

    Riassunto. L'approccio farmacologico personalizzato (tailored) rappresenta la terapia standard per i pazienti affetti da dolore oncologico, consentendo il controllo della sintomatologia in circa il 90% dei casi. Qualora tale strategia risulti inefficace è possibile ricorrere a più complesse tecniche, invasive o mini-invasive. Tuttavia, sia da parte dei pazienti sia degli operatori viene sottostimato il disagio psicologico sotteso al dolore oncologico e non si considerano i potenziali benefici dei trattamenti di supporto psicologico e riabilitativi nella gestione del dolore da cancro. Queste strategie non farmacologiche dovrebbero essere parte integrante di un più globale approccio multidisciplinare alla terapia del dolore, affiancando e amplificando gli effetti della terapia farmacologica. Tale breve rassegna narrativa ha la finalità di offrire una panoramica sul ruolo dei possibili interventi psicologici e riabilitativi atti al miglioramento della qualità della vita in pazienti affetti da dolore oncologico.

  3. Studio di effetti sistematici nella misura della violazione diretta di CP nel sistema dei mesoni neutri K all'esperimento NA48 con applicazione delle metodologie usate allo studio dei decadimenti rari del K

    CERN Document Server

    Talamonti, C.

    Studio di effetti sistematici nella misura della violazione diretta di CP nel sistema dei mesoni neutri K all'esperimento NA48 con applicazione delle metodologie usate allo studio dei decadimenti rari del K

  4. Conversioni mitobiografiche: l’esperienza del mondo nella narrazione di sé e dell’altro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2011-04-01

    Full Text Available L’autobiografia come processo di evocazione e messa in scena della vita (bíos nel movimento della scrittura (gráphein che prende forma a partire da noi stessi (autos, è desiderio di creazione (poiein di sé (autos, processo di creazione di ordine mitobiografico. Proponendo questa definizione per collegare il movimento della scrittura di sé con il processo di creazione di sé, vorrei ricordare il celebre motto inciso sul tempio dell’Oracolo di Delfi: “In te si trova occulto il tesoro degli Dei. Oh Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli Dei”. Valorizzando il movimento vitale della vita degli individui attraverso le biografie dell’antica Grecia, l’arte della maieutica manifesta una conoscenza che dispiega l’individuo nella coscienza del mondo e delle sue divinità. Questa riflessione ci permette di considerare le scritture di persone ordinarie come organizzazione metaforica del movimento della scrittura di sé, un movimento che instaura una coscienza mitica nell’organizzazione omologica di pensieri e sentimenti che ci rivelano il flusso del fondo dell’immaginario di un’epoca che prende forma.

  5. Smart Grid il ruolo dell’ICT nella sfida green del futuro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tomaso Bertoli

    2012-04-01

    Full Text Available Una introduzione alle Smart Grid ove vengono mostrate le opportunità, le criticità e i vantaggi nella sfida green delfuturo, attraverso la visione degli autori che hanno maturato una particolare esperienza in Dedagroup ICT Networke nella controllata Sinergis, specialista di sistemi GIS.Smart Grid: the role of ICT in the green challenge of the futureDrawing on his experience designing and  implementing  Enterprise  Geo-graphic Network Information Systems with  Italian  Multi  Utilities  the  author provides  a  simplified  description  of what is changing in the Electric Distri-bution System and explains the main drivers and challenges that are behind the revolution generally called “Smart Grid”. A simple prose and real world examples  help  explain  the  complex meaning  and  unexpected  implica-tions of the buzz words and acronyms used by the Industry: AMI Advanced Metering  Infrastructure,  MDM  Meter Data Management, DMS Distribution Management  System,  DR  Demand-Response,  DG  Distributed  Genera-tion,  PHEV  Plug-in  Hybrid  Electric Vehicles, and Energy Dispatching and Storage.

  6. L' attività sismica nella zona delle Sorgenti del Peschiera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. PANNOCCHIA

    1963-06-01

    Full Text Available Questa nota costituisce la IL p a r t e di uno studio dett
    a g l i a t o s u l l ' a t t i v i t à sismica della zona delle Sorgenti del Peschiera. Ivi
    vengono analizzati gli aspetti macrosismici del terremoto del 31 Ottobre
    1961 con epicentro a pochi km dalle Sorgenti stesse; ai rilievi macrosismici
    vengono inoltre associati quelli geologici.
    E altresì s t a t a t r a c c i a t a la storia sismica della zona a p a r t i r e dall'inizio
    dell'era volgare: numerose carte macrosismiche illustrano i casi più
    i n t e r e s s a n t i .
    Essendo s t a t a messa in luce una certa tendenza della regione a manif
    e s t a r e la sua a t t i v i t à sotto forma di « periodi sismici », vengono studiati
    in maniera accurata alcuni tra i periodi più completi: sono stati messi in
    grafici gli aspetti più i n t e r e s s a n t i dei fenomeni (intensità delle singole scosse
    secondo la scala Mercalli-Sieberg; energie singole e complessive di ciascun
    periodo; calcolo di percentuali delle energie associate alle t r e fasi fonda,ment
    a l i di ogni periodo.
    La tabella A riassume numericamente i r i s u l t a t i di questi ultimi calcoli.

  7. La salute del civis-fidelis nei distinti ordini dello Stato e della Chiesa cattolica. Le aspettative ascetiche della persona nella connotazione del bene salute

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Di Iorio

    2015-06-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione SOMMARIO: 1. Autonomia confessionale e sovranità dello Stato: la distinzione tra ordini “distinti” – 2. Il principio di laicità e la valorizzazione delle differenze, nell’inderogabile esigenza di salvaguardia dei diritti della persona – 3. Tutela della salute: diritto fondamentale della Costituzione italiana – 4. La dimensione ascetica dell’individuo nella concezione giuridica del bene salute – 5. La salute nell’ordinamento canonico: connotazione di un bene con valore relativo – 6. La realizzazione “responsabile” della salute e la sua intrinseca connessione con la salvezza nella Chiesa – 7. La sana cooperatiotra Stato e Chiesa nella tutela della salute del civis-fidelis – 8. Conclusioni. ABSTRACT Health of the civis-fidelis in the different systems of the Italian State and the Catholic Church. The spiritual needs of the individual as included in the meaning of health  The meaning of "health" in a legal system depends upon its culture and social development, so that time and space influence the way protection is offered. Nowadays the idea of “health” has enlarged. In the past the meaning of health was intended as a mental-physical well-being; it has now gradually developed to a larger meaning, including a complete physical, mental and social well-being and not merely the absence of disease. Along with Italian constitution, Italy has to pursue and protect the health of any individual, not just citizens. Health is also protected by the Church as a precious gift given by God to man and is closely linked with salvation. Man is called to protect the value of this gift in its widest configuration. Therefore the integral protection of health requires to take into account all the dimensions of the individual, both as civis and fidelis. In order to reach this target it is necessary an open dialogue between civil authorities and religious institution; its importance relies on the

  8. Nuove ricerche subacquee nella laguna di Santa Giusta (OR (campagna del 2009-2010

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Del Vais

    2012-07-01

    Full Text Available Le ricerche avviate nel 2005 nella laguna di Santa Giusta (OR stanno rivelando la presenza di contesti archeologici di età fenicio-punica di eccezionale rilevanza. In uno di questi, localizzato a circa 800 m dall’attuale linea di riva, è stato condotto, a partire dal 2006, uno scavo subacqueo, ancora in corso. Sono stati recuperati numerosi materiali ceramici, in larga parte rappresentati da anfore commerciali, ma anche da ceramica domestica e, più raramente, di carattere funerario e cultuale (VI-III/II sec. a.C.. In vari casi le anfore contenevano resti ossei animali, più spesso di ovicaprini, con evidenti tracce di macellazione; le condizioni anossiche garantite dal substrato limoso hanno favorito la conservazione di materiali organici, tra i quali pigne, semi di diverse specie e legni, prevalentemente lavorati, alcuni ancora in connessione. Research undertaken in 2005 in the lagoon of Santa Giusta (OR is revealing the presence of archaeological contexts of Phoenician-Punic date of exceptional importance. In one of these, located about 800 m from the current shoreline, an underwa­ter excavation was conducted since 2006; it is still in progress. Much pottery has been recovered, mostly represented by transport amphoras, but also by domestic pottery and, more rarely, ceramics associated with funerary and cultic use (6th-2nd century BC. In several cases the amphoras contained animal remains, most often of ovicaprines, with clear traces of slaughter; the anaerobic condi­tions guaranteed by the silty substrate have favoured the preservation of organic materials, including pine cones, seeds of different species and wood, mostly worked and some still joined together.

  9. La risorsa mare per la mobilità di merci e persone nella Regione Campania

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mazzeo

    2009-11-01

    Full Text Available I 512 chilometri di costa campana rappresentano il 6,7% in tutte le coste italiane (7.687 km. Su di esso si affaccia un sistema urbano consolidato formato da grandi e piccoli centri in cui le infrastrutture portuali sono storicamente presenti: si può affermare che nel corso del tempo il sistema delle attrezzature portuali e l'importanza relativa tra di loro sia cambiata, ma non ne è cambiato il numero e l'ubicazione. La morfologia della costa campana ha reso possibile l’insediamento di impianti portuali di dimensioni significative. Esso è quasi interamente sviluppato nel tratto centrale della costa campana e si basa sui porti di Napoli e Salerno (merci e passeggeri, Torre Annunziata (trasporto merci, Castellammare di Stabia (cantieristica, Pozzuoli (merci e passeggeri, oltre che sul sistema portuale, soprattutto passeggeri, di Ischia, Casamicciola, Capri, Procida e Sorrento. Questo complesso sistema ha molti punti di forza e molte carenze e, in una prospettiva di sviluppo territoriale, può dare apporti significativi all'asfittica economia regionale. Proprio per questo motivo alcuni dei processi di pianificazione che interessano la Regione si stanno concentrando sulle azioni possibili per ridare forza al rapporto secolare tra terra e mare, punti di forza del territorio campano. L'importanza di un uso produttivo della risorsa mare deriva da due considerazioni: la prima è la posizione geografica dell'Italia (e al suo interno, della Campania nel Mediterraneo, lungo le rotte tra l'Europa e l'Asia; il secondo è l'impatto potenziale del trasporto di merci e di passeggeri sul territorio e sul sistema economico campano. Analisi e risultati cambiano a seconda che si tratti il trasporto merci o quello passeggeri: nel primo caso diventa significativa la capacità infrastrutturale e il sistema produttivo locale, con le relative connessioni esterne; nel secondo caso è rilevante la valorizzazione delle potenzialità del sistema culturale e ambientale

  10. L' influenza nella regione Lazio dal 1999 al 2003: casi di sindrome influenzale, ricoveri ospedalieri per malattie respiratorie e coperture vaccinali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Pasquarella

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: 1 Descrivere l’andamento dei ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie acute e croniche concomitanti alle epidemie stagionali da virus influenzale dal 1999 al 2003, in relazione con la segnalazione dei casi di sindrome influenzale (ILI da parte dei medici sentinella. 2 Misurare l’eccesso dell’ospedalizzazione influenza-correlata nelle diverse fasce di età rispetto ai periodi non epidemici. 3 Analizzare le modificazioni del ricorso al ricovero ospedaliero in relazione al tasso di copertura della vaccinazione antinfluenzale nella popolazione anziana, su scala regionale e nelle diverse ASL.

    Metodi: sono stati estratti dal Sistema Informativo
    Ospedaliero i ricoveri per patologie respiratorie
    influenza-correlate (codici ICD9-CM: 480-487; 460-
    466; 490-496 relativi agli anni 1999-2003.
    L’incidenza di ILI è stata stimata sulla base delle
    segnalazioni dei medici sentinella afferenti alla
    rete FLU-ISS dell’Istituto Superiore di Sanità.

    Per il calcolo dei tassi di copertura è stato utilizzato l’archivio
    nominativo dei soggetti vaccinati contro l’influenza,
    attivo nella regione Lazio dal 1999. Nel periodo considerato sono stati messi in relazione i tassi di ospedalizzazione età-specifici, le incidenze di ILI e le coperture vaccinali. L’eccesso di ospedalizzazione è stato misurato confrontando i tassi relativi ai periodi epidemici e non epidemici.

    Risultati: i tassi di ospedalizzazione per malattie respiratorie sono risultati costantemente superiori nei periodi di maggiore circolazione virale, in particolare negli ultrasessantaquattrenni. Con il progressivo aumento del tasso di copertura vaccinale regionale (da circa il 25% della stagione 1999-2000 a oltre il 60% della stagione 2002-2003 non si è registrata una corrispondente diminuzione dei ricoveri ospedalieri per patologie influenza-correlate.
    L

  11. Contributo alla conoscenza della dieta del Tasso (Meles meles) nella pianura padana

    OpenAIRE

    Claudio Prigioni; Alessandro Balestrieri; Luigi Remonti; Priori, C.

    2003-01-01

    Nel periodo febbraio 2000 - gennaio 2002, nell'ambito di una ricerca sull'eco-etologia del Tasso (Meles meles) nel sistema delle aree protette della fascia fluviale del Po - tratto vercellese-alessandrino, sono state raccolte e analizzate 142 feci, reperite sia in aree di pianura (N = 43) sia in ambiente collinare (N=97). Gran parte del territorio pianeggiante è dominato da pioppeti, riso e mais, mentre sulle basse colline che contornano la golena del Po prevalgono le fo...

  12. Contenuto vs. contenitore? Criteri predittivi di impatto e soglie di resilienza nella prospettiva del recupero sostenibile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Morandotti

    2012-12-01

    Full Text Available Uno dei terreni sul quale si gioca la prospettiva del recupero sostenibile del patrimonio costruito è oggi costituito dalla valorizzazione del patrimonio stesso. Né un approccio intransigentemente refrattario alle istanze di riuso del bene, né quello opposto, orientato al contrario al suo sfruttamento economico, a carico di una troppo gravosa compressione delle stesse esigenze di conservazione, appaiono di fatto perseguibili in una prospettiva di medio periodo. A partire dagli esiti di una ricerca recentemente conclusa, si intende affrontare la questione con una prospettiva organica, in una logica “life cycle oriented”.

  13. Un caso d’amor fou nella società aristocratica genovese del secolo XVI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianfranco Bettin Lattes

    2012-03-01

    Full Text Available Perché nel cuore del centro storico di Genova esiste una “piazza dell’amor perfetto”? Sullo sfondo delle tumultuose vicende politiche del secolo XVI la passione, altrettanto tumultuosa, di Tommasina Spinola, nobile genovese, per Luigi XII, Re di Francia, trasforma l’amore in tragedia.

  14. Il romanzo moderno nella poetica del sé di Paul Ricœur

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Talamo

    2013-12-01

    Full Text Available La riflessione sul romanzo moderno e la nascita di uno dei concetti più importanti dell’ermeneutica del sé, quello di «identità narrativa», sono strettamente intrecciati nel pensiero di Ricœur. Attraverso una lettura di diverse opere del filosofo francese, si mostrerà il percorso di genesi poetica di questo concetto, confrontando altresì la teorizzazione ricoeuriana a proposito del romanzo moderno con le principali acquisizioni su questa forma letteraria da parte della critica e della teoria della letteratura.

  15. Laicità, radici cristiane e regolamentazione del fenomeno religioso nella dimensione dell’U.E.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni B. Varnier

    2011-05-01

    Full Text Available Relazione presentata al Convegno su “L’Unione Europea dopo la riforma di Lisbona del 18 ottobre 2007” (Spoleto, 29 novembre 2007 organizzato dal Centro Internazionale per lo Studio del Diritto Comparato della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. SOMMARIO: 1. L’Europa tra laicità e laicismo – 2. Distinzione e collaborazione tra Stato e confessioni religiose – 3. La disciplina del fenomeno religioso a livello europeo – 4. Il fronte islamico – 5. La dimensione universale della Chiesa cattolica – 6. Considerazioni conclusive.

  16. Struttura e dinamica di popolazione del Capriolo (Capreolus capreolus nella Riserva Naturale Bosco di Vanzago

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Sotti

    2003-10-01

    Full Text Available La ricerca effettuata sulla popolazione di Capriolo (Capreolus capreolus nella Riserva Naturale Bosco di Vanzago aveva lo scopo di approfondire le conoscenze sulla struttura e sulla dinamica di una popolazione d'ambiente planiziale che vive in condizioni del tutto peculiari: origine da un numero limitato di fondatori, isolamento, assenza di predatori naturali, elevata densità. Dal 1984 la popolazione è stata monitorata mediante censimenti in battuta e da punti di vantaggio, dai quali è stata ricavata una stima della dimensione della stessa pari a 54 individui nel 2003. La struttura di popolazione ed i parametri demografici sono stati rilevati dal 1994 anche mediante osservazioni dirette, effettuate percorrendo settimanalmente un tracciato standard finalizzato a coprire l'intera area di studio. La popolazione è risultata significativamente sbilanciata a favore delle femmine con una sex-ratio, nell'ultimo biennio, pari a 1,4 (Χ² = 49,36; g.l. = 1; P < 0,0001. La classe d'età degli adulti (maggiori di 2 anni è stata la più rappresentata (50,2%, mentre quella dei giovani la meno numerosa (23,6%. Per stimare l'andamento della popolazione nel tempo, sono stati elaborati i parametri demografici per effettuare delle simulazioni di vitalità (PVA utilizzando il software Vortex 8.21. Nonostante l'elevata densità di caprioli all'interno dell'area di studio, sia in assenza sia in presenza di depressione da inbreeding e considerando la riproduzione indipendente dalla densità, la popolazione nei successivi 30 anni non andrebbe incontro ad una diminuzione significativa del numero né della probabilità di sopravvivenza che, in entrambi i casi, si manterrebbe attorno al 99%. Nel caso in cui esistesse, invece, una correlazione tra successo riproduttivo e densità, si assisterebbe ad un sensibile decremento sia nei livelli di popolazione (inferiore alle cinque unità dopo trent'anni sia nella probabilità di sopravvivenza (ridotta al 20% dopo

  17. Un singolare caso di rifrazione letteraria. A proposito di una generazione di autori di origine russa che scrive nella lingua del paese di adozione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Gigante

    2016-01-01

    Full Text Available Dall’esame di alcuni esempi di contesti narrativi e procedimenti stilistici caratteristici di diversi autori russi contemporanei che hanno scelto di scrivere nella lingua del paese in cui sono emigrati emerge una tendenza comune nella rappresentazione della Russia natia. Pur nella diversità delle loro opere, questi scrittori rappresentano la cultura delle loro radici avvalendosi di una visione ‘caleidoscopica’ in cui i riferimenti storici, letterari, artistici vengono rivisitati attraverso ricordi, sogni e riflessioni e filtrati attraverso la lingua e la cultura della loro terra adottiva.From the investigation of some examples of narrative contexts and stylistic processes typical of various contemporary Russian authors who have chosen to write in the language of the country where they emigrated, a common tendency emerges concerning the representation of Russia. Despite the differences of the works considered, these authors represents the culture of their roots in a ‘kaleidoscopic’ way, reconsidering the historical, literary and artistic references through memories, dreams and reflections, filtering them through the language and culture of their chosen country.

  18. Muri per comunicare, mura da difendere nella caricatura italiana del 1848-1849

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Torelli

    2011-01-01

    Full Text Available Il saggio propone un percorso iconografico attraverso alcune caricature pubblicate sulle principali riviste satiriche italiane del 1848-1849 nelle quali il muro riveste di volta in volta un diverso ruolo simbolico.

  19. La centralità del dolore nella vita dell’uomo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziano Cornegliani

    2011-09-01

    Full Text Available Nasciamo nel dolore e moriamo nel dolore. È Leopardi a ricordarci, nel sublime Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, che “nasce l'uomo a fatica, / ed è rischio di morte il nascimento. / Prova pena e tormento / per prima cosa; e in sul principio stesso / la madre e il genitore / il prende a consolar dell'esser nato”. Ed è sempre il dolore ad aver dato impulso a tutte le religioni del mondo. Ancora oggi, dopo duemila anni, cristiani credenti e no si scontrano sul tema del male (che altro non è che un’estensione del dolore: può un dio d’amore, come lo intende il Cristianesimo, permettere tutto il male del mondo?

  20. Potere delle immagini/ immagini del potere nella Firenze di Cosimo I

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eliana Carrara

    2015-09-01

    Full Text Available Grazie all’analisi di alcuni passi dello Zibaldone (Arezzo, Archivio di Casa Vasari, ms. 31 e di altri scritti vasariani, il saggio intende porre l’attenzione sull’uso delle immagini da parte del duca Cosimo I de’ Medici, soffermandosi in particolare sugli affreschi realizzati da Vasari e dalla sua bottega nelle Stanze del Principe, al primo piano di Palazzo Vecchio a Firenze.

  1. Verifica di qualitá dei prodotti del legame caldo nella ristorazione ospedaliera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. De Giusti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’efficacia del legame caldo in un sistema di ristorazione ospedaliera.

    Metodi: sono stati monitorati negli ultimi tre anni, parametri di temperatura, Carica Mesofila Totale (CMT, indicatori di inquinamento fecale e patogeni, in prodotti del legame caldo preparati e distribuiti dalla ristorazione di un ospedale romano nelle fasi: T0 (centro cottura, T1 (primo reparto servito e T2 (ultimo reparto servito, per un totale di 337 rilevazioni. Parametri di riferimento per la valutazione: (a T°C › 60°C (limite critico HACCP; (b CMT ‹1x106 ufc/g (Delibera Giunta Regionale n. 5575 del 27/10/1998. Risultati: l’analisi dei valori medi di temperatura rilevati al T0 ha evidenziato, nel tempo, una riduzione delle inidoneità (dal 20% del 2000 al 4% del 2002. Le temperature riscontrate nei tempi T1 e T2 appaiono sempre inferiori ai valori rilevati al tempo T0 mostrando una tendenza alla diminuzione rispetto il limite critico. Le riduzioni percentuale delle temperature al T1 ed al T2 rispetto al T0 sono risultate statisticamente significative e più marcate per l’anno 2002 (16,8% rispetto al 2001 (2,9% ed al 2000 (7,5%. Non sono state riscontrate inidoneità per i parametri microbiologici considerati.

    Conclusione: l’analisi dei risultati evidenzia come l’introduzione di nuove tecnologie di conservazione a caldo del vitto al T0 ha sensibilmente migliorato la rispondenza dei prodotti alle specifiche dell’HACCP. Contrariamente, a seguito della sostituzione/ ottimizzazione della tecnologia di trasporto del vitto ai reparti, si è registrato un peggioramento della qualità del servizio in termini di non conformità dei prodotti rispetto al limite di temperatura, mai accompagnato da non conformità microbiologiche. Gli aspetti organizzativi e gestionali del ciclo lavorativo, unitamente agli aspetti tecnologici, sono stati individuati quali elementi ostacolanti il

  2. Safetyscape: tra landscape e in-scape. Paure e fiducia nella costruzione del paesaggio urbano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Acierno

    2013-01-01

    Full Text Available Con la Convenzione Europea sul Paesaggio si è affermata un’interpretazione più ampia dei paesaggi, non considerando solo gli elementi prevalentemente naturali o eccezionali, ma anche quelli urbani, degradati e della vita quotidiana, che meritano almeno la stessa attenzione. Nel saggio si propongono alcune riflessioni sul paesaggio urbano contemporaneo, generalmente descritto come sofferente, degradato e immagine evidente del malessere dell'odierna società urbana. La riflessione viene condotta facendo riferimento alla crescente sensazione di insicurezza percepita negli spazi pubblici. Alla tradizionale concezione del paesaggio come landscape, cui si contrapponeva, l’in-scape, manifestazione del mondo percettivo interiore, si propone una terza categoria, il safetyscape, estrinsecazione di un paesaggio sicuro che riconcilia la percezione personale con la qualità dello spazio fisico.

  3. La terra e l’εὕρησις del fuoco nella Grecia Antica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabrina Colabella

    2016-12-01

    Full Text Available L’ εὕρησις del fuoco nell’Antica Grecia è generalmente abbinata al mito di Prometeo. Ma nelle fonti antiche sono presenti numerose tracce di una narrazione mitica secondo cui l’origine del fuoco era da ricondurre anche a Gaia e alla terra. Tale narrazione mitica sembra presentare una stretta connessione con dati ed esperienze appartenenti al vissuto dell’uomo greco, per il quale Gaia / la terra risulterebbe connessa a funzioni ampie e fondamentali.

  4. «Gemelli cultores»: coppie agiografiche nella letteratura latina del VI secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edoardo Ferrarini

    2010-06-01

    Full Text Available Le fonti agiografiche, attentamente considerate, possono offrire un contributo non irrilevante allo studio del concetto di amicitia in ambito monastico. Il saggio prende in esame quattro coppie di santi-amici presenti nelle opere di alcuni dei maggiori protagonisti della storia letteraria del VI secolo in Occidente: Gregorio Magno, l'anonimo autore della Vita Fulgentii, Gregorio di Tours e il poeta Venanzio Fortunato. Emergerà la continuità tra il valore dell'amicizia, così come concepito e praticato dall'aristocrazia senatoria romana, e quello analogo coltivato nel monachesimo dei primi secoli, nonché uno stretto collegamento con l'esperienza eremitica.

  5. L'attività sismica nella zona delle Sorgenti del Peschiera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. PANNOCCHIA

    1962-06-01

    Full Text Available L'8 Giugno 1961, l'Istituto Nazionale di Geofisica installò una stazionesismica opportunamente attrezzata per lo studio dei terremotilocali, in un ambiente sito presso le Sorgenti del Peschiera, di proprietàdella Società A.C.E.A. e su richiesta della medesima.

  6. Salute dei re, salute del popolo. Mangiare e curarsi nella Sicilia tardomedievale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Santoro, Daniela

    2013-06-01

    Full Text Available Dining and personal health care are two dimensions which are strongly connected to the body, between need and pleasure. They are two dimensions which have many social, local, religious and economic implications involving knowledge and different therapies related to age and gender. The social role is equally important. With a focus on the court (noble, episcopal, real and the cities, the present work focuses on the methods and the uses of healing practices of both kings and islanders.[it] Mangiare e curarsi sono due dimensioni fortemente connesse al corpo, tra bisogno e piacere. Due dimensioni dense di sfumature sociali e locali, religiose ed economiche, che implicano conoscenze e terapie diverse a seconda dell’età e del sesso ma soprattutto del ruolo sociale. Con un’attenzione particolare a corti (signorili, vescovili, reali e città, il lavoro focalizza metodi, usi e pratiche curative e alimentari di sovrani e isolani.

  7. Prospettive di studio per l'immaginario del bosco nella letteratura latina

    OpenAIRE

    2004-01-01

    Per riferirsi al bosco il latino ha quattro termini: lucus, nemus, saltus e silua, più o meno sinonimici, nessuno dei quali connotabile con precisione rispetto agli altri. L’anfibologia del bosco prende le mosse innanzitutto dall’opposizione locus amoenus – locus horridus, poi dall’opposizione sacro-profano, cui va aggiunta quella tra lavoro e piacere. L’ambiguità semantica è profonda, ma può venir comunque distinta in un prima e dopo Virgilio: prima di Virgilio lucus indica il bosco sacro co...

  8. "Il paesaggio tra conservazione e progetto". Il ponte come protagonista nella costruzione del paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Coletta

    2012-08-01

    Full Text Available Il ponte documenta ed esemplifi ca la storia, il carattere e la cultura della città, rendendosi interprete delle sue metamorfosi, off rendo chiusura, protezione e sicurezza nelle circostanze segnate dalla paura e garantendo apertura, sviluppo e prosperità in quelle segnate dalla tranquillità e dalla fi ducia. I ponti si identifi cano con la città che l’accoglie, divenendo manifestazione simbolica del potere che la governa e/o della popolazione che la vitalizza, siano essi espressioni monumentali di porte urbiche, siano essi semplici corpi cavalcavia tipicizzanti il pittoresco degli insediamenti medioevali.

  9. Decontestualizzazione del sintomo e biografia: il malessere dell'Homo narrativus - Narrarsi nella precarietà

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Bardi

    2011-07-01

    Full Text Available Partendo da alcune considerazioni antropologiche, che si riferiscono all'uomo come "narrativus" o "narrans" che dir si voglia, identificherei come condizione di benessere psicofisico il bisogno di vivere narrativamente, il bisogno cioè di biografia. Procederei poi a identificare come la medicina sia oggi spesso messa sotto accusa perché ha smarrito questa dimensione nell'eccesso di tecnologia e specializzazione. così si è creata un'estraneità tra medicina e salute in senso ampio. Procederei poi a rilevare come la posizione dell'uomo oggi venga resa frammentaria anche a livello lavorativo, impedendo il consolidarsi di biografie lineari- la precarietà sul lavoro costituirebbe come ulteriore attacco all'homo narrativus. In conclusione evidenzierei come recupero di salute "antropologica" implichi un modificarsi e della medicina e del lavoro.

  10. Educazione, società e arte nella visione del socialismo utopistico britannico. Orizzonti sociali, progetti riformatori e proposte educative in Robert Owen, John Ruskin e William Morris.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    William Grandi

    2010-07-01

    Full Text Available L’articolo mostra le connessioni tra le idee economiche di alcuni importanti esponenti del socialismo utopistico britannico e le loro proposte su sistemi educativi alternativi. Nel XIX secolo, Robert Owen, John Ruskin e William Morris furono interessati alle condizioni dei lavoratori: il nucleo principale delle loro riflessioni fu la maniera di evitare lo sfruttamento delle masse dei lavoratori e salvare la bellezza nell’arte, nella natura e nella vita. Nonostante alcune importanti differenze tra i tre pensatori, Owen, Ruskin e Morris denunciarono i limiti e gli abusi del sistema capitalista. Pertanto loro suggerirono di superare il liberismo economico e, invece, di stabilire nuovi modelli socio-economici che avrebbero dovuto essere fondati su aziende cooperative (Owen, su corporazioni di lavoratori (Ruskin o su laboratori di artigiani (Morris. Le riflessioni dei tre pensatori prevedevano la necessità di cambiare il modello scolastico tradizionale, per contribuire alla riforma della società. L’articolo analizza le proposte educative di Owen, di Ruskin e di Morris alla luce delle loro riflessioni sociali, economiche e letterarie.

  11. Le maschere del dolore nella demenza: lo stato dell’arte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Liccione

    2012-09-01

    Full Text Available Lo scopo primario di questo articolo è cercare di fornire una prima sintesi interpretativa sulla relazione tra dolore e demenza che a oggi appare tutt’altro che chiara, partendo dai presupposti dell’approccio cognitivo neuropsicologico (Liccione 2012, Liccione, 2011; se da un lato molteplici evidenze indicano l’invecchiamento come primario fattore di rischio nell’insorgere di patologie dal carattere algico (Pergolizzi et al, 2005, dall’altro diverse ricerche sottolineano come nelle patologie neurodegenerative tale indissolubile legame perda di significanza. Infatti, uno dei dati maggiormente riportati in letteratura rivela come a parità di condizioni mediche, i pazienti affetti da demenza riportino meno dolore rispetto ai coetanei sani e ricevano una minor quantità di analgesici (Nygaard et al., 2005. Come mai i pazienti affetti da demenza denunciano meno condizioni dolorose a confronto dei loro pari esenti da patologie neurodegenerative? Tali dati sono da ricondurre a un problema di natura riflessiva (impossibilità di comunicare il dolore o l’esperienza del dolore viene a mutarsi radicalmente in pazienti con demenza?

  12. Il ruolo degli arbëreshë nella messa a punto del modello albanese di rapporti tra le comunità religiose e lo Stato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Cimbalo

    2014-05-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, riproduce il testo della Comunicazione presentata alla Konferencë Shkencore Ndërkombëtare Albanologjike, Një rilindje para Rilindjes (Gjirokastër, 22 maj 2013 con il titolo albanese Roli i arbëreschë në zhvillimin e modelit shqiptar të marrëdhënieve ndërmjet bashkësive fetare dhe shtetit, ed è destinata alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Caratteristiche dell’insediamento delle popolazioni arbëreshë in Italia - 2. Il contributo del pluralismo religioso nella fondazione dello Stato albanese - 3. L’uso degli arbëreshë per l’espansione della Chiesa cattolica a Oriente: un progetto abortito - 4. Considerazioni conclusive.

  13. Isolamenti di Salmonella spp. da matrici ambientali nella regione Molise negli anni 2003-2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Pepe

    2007-12-01

    Full Text Available Enter-Net is a European network used for the surveillance of human gastrointestinal infections. This network was created in 1994 and is coordinated by the HPA in Colindale. In Italy, this network is managed by the Superior Health Institute and its participants include various referral centres present in most of the regions in Italy. In Molise, the centre is located at the Arpa Provincial Department of Isernia.This centre receives strains of isolated Salmonella from six Regional hospital laboratories. In addition, the centre receives strains from other Arpa laboratories originating from surface and sewer water. All of the Centre’s activities are conducted according to the Italian law (D.L.vo n° 152/99.The isolates are tested for serotyping classification and antimicrobial susceptibility. During the three year period (2003-2005, 228 Salmonella strains were isolated throughout the principle water basins. 18.9% of the isolates were from the Biferno basins, in which the water is considered drinkable, while 51.7% were from various water bodies flowing into the Molise costal areas. Consequently, the potential impact on drinkable and recreational water is rather consistent. Particularly considering that 26 isolates (22.1% belong to serotypes relevant for public health (S.typhimurium, S.enteritidis, S.hadar, S.infantis, S.virchow.The results confirmed the presence of these endemic serotypes in surface waters in Molise.The results have also showned the impact that these could have on public health.

  14. Il Peccato Originale nella tradizione cristiana e nella letteratura russa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano M. Capilupi

    2011-11-01

    Full Text Available Le tre tappe essenziali della storia religiosa dell’uomo nella tradizione cristiana, prese nel loro aspetto dogmatico così come quest’ultimo viene comunemente inteso, risultano le seguenti: creazione del Paradiso Terrestre, Peccato Originale come causa della morte, redenzione attraverso l’incarnazione di Dio (che si considera necessaria per il ritorno del mondo alla sua condizione originaria. In questa veste anselmiana le 'ricette' della concezione ortodossa della salvezza per i personaggi di Dostoevskij non risultano sufficienti. La fede – secondo una delle interpretazioni teologiche più profonde delle parole dell’apostolo Paolo – è in realtà ‘‘skólops tè sarkì”, ‘‘ago” di domande ‘‘nella carne” (2 Cor. 12, 7. Tento in questa sede di chiarire la problematica del Peccato Originale in Dostoevskij alla luce dei rapporti fra teologia, patristica e liturgia d’Oriente (che dovrebbero negare, in teoria, teologumeni prettamente occidentali, come quello dell’ereditarietà della colpa e teologia, patristica e liturgia d’Occidente, in relazione per altro con l’esegesi scientifica dell’Antico e del Nuovo Testamento. Un fondo supplementare d’indagine ci è dato dalle riflessioni dei pensatori russi che hanno vissuto e operato al confine fra i secoli XIX e XX. In conclusione la stessa ortodossia russa nella sua complessità si rivelerà una singolare intersezione fra le tradizioni cristiane d’Oriente e d’Occidente.

  15. Credere nel mercato, credere nella "respublica". La comunità catalano-aragonese nelle proposte e nell'azione politica di un esponente del francescanesimo mediterraneo: Francese Eiximenis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Evangelisti, Paolo

    2003-06-01

    Full Text Available Francesc Eiximenis is considered a leading figure of a Western Mediterranean Franciscan élite who contribute to the formation of the political and economic identity of the Catalan-Aragonese Community. Key-lexemes such as caritat, fealtat, profit comú are analysed within Eiximenis's political discourse. An analysis is also made of the role they play in the definition of an exclusively Christian community organization connoted by a close interdependence between res publica and market, i.e. the validation paradigms of the political institution and the paradigms that legitimate a reliable trading space. Moreover, the ideas and projects of the Minorite from Gerona are tested in the actual institutional context in which he acts: the Kingdom of Valencia and that of Sicily after the 1392 Conquest.

    Francese Eiximenis è considerato qui come esponente di un'elite francescana del Mediterraneo occidentale che contribuisce alla formazione dell'identità politica ed economica della comunità catalano-aragonese. Si analizza la funzione di lessemi-chiave: caritat, fealtat, profit comú all'interno del discorso politico eiximeniano e il ruolo che essi assumono nella definizione di una organizzazione comunitaria esclusivamente cristiana connotata da una stretta interdipendenza tra res publica e mercato, cioè tra i paradigmi di validazione dell'istituzione politica e quelli che legittimano e rendono credibile lo spazio degli scambi e del commercio. Le idee ed i progetti del Gerundense sono inoltre verificati nel concreto contesto istituzionale in cui egli opera: il regno di Valencia e quello di Sicilia all'indomani della conquista del 1392.

  16. Endorectal coil MRI in local staging of prostate carcinoma. Comparative assessment with histologic macro section in 40 cases; La Risonanza Magnetica con bobina endorettale nella stadiazione locale del carcinoma prostatico. Confronto con macrosezioni istologiche in 40 casi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Torricelli, P.; Iadanza, M.; De Santis, M.; Pollastri, C.A. [Modena Univ. (Italy). Dipt. di Scienze Mediche, Oncologiche e Radiologiche. Dipt. di Chirurgia. Div. di Urologia; Cesinari, A.M.; Trentini, G.; Romagnoli, R. [Modena Univ. (Italy). Dipt. di Scienze Mediche, Oncologiche e Radiologiche. Dipt. di Scienze Morfologiche e Medico Legali

    1999-06-01

    Endorectal coil MRI is widely used in the diagnostic workup of prostate cancer, but diagnostic accuracy rates reported in the literature are quite variable. The authors report them personal experience with endorectal coil MRI in the local staging of prostate carcinoma. MRI showed moderate overall and particularly MRI had good accuracy in detecting seminal vesicle involvement but moderate sensitivity and specificity in demonstrating capsular infiltration and apex involvement. Due to its high cost, MRI should not be routinely used in prostate cancer standing but should be reserved to the patient whose clinical and serological data suggest extra prostatic tumor spread, whose preoperative demonstration could avoid non curative surgery. [Italian] La RM con bobina endorettale viene oggi ampiamente impiegata nella stadiazione del carcinoma prostatico, sebbene i risultati relativi al suo impiego siano tuttora piuttosto difformi tra i diversi autori. Scopo del presente lavoro e' presentare la personale esperienza relativo all'impiego della RM con bobina endorettale nella stadiazione locale del carcinoma prostatico. La RM ha consentito di ottenere discreti risultati e soprattutto di evidenziare con buona accuratezza l'invasione delle vescicole seminali, mentre ha presentato sensibilita' e specificita' inferiori nella valutazione della penetrazione capsulare e dell'apice prostatico. Visti gli elevati costi della metodica si conclude che la RM non possa essere considerata indagine abituale nella stadiazione del carcinoma prostatico, ma possa essere riservata alla valutazione di quei pazienti ove, sulla base di altri dati clinici, bioumorali o strumentali, sia ritenuta probabile l'estensione extracapsulare macroscopica della neoplasia, evento che, confermato preoperatoriamente, puo' costituire criterio di esclusione della terapia chirurgica.

  17. GRK2 svolge un ruolo cruciale nella regolazione della funzione endoteliale in vivo ed in vitro attraverso la modulazione del signaling del recettore β2-adrenergico

    OpenAIRE

    Liccardo, Daniela

    2013-01-01

    Il recettore β-2 adrenergico (β2AR), che rappresenta il sottotipo più abbondante nei vasi sanguigni, gioca un ruolo cruciale nella funzioni delle cellule endoteliali (EC) in quanto ne regola la migrazione e la proliferazione con importanti implicazioni sulla neoangiogenesi in vivo. In seguito ad ischemia periferica i recettori β2AR sono fortemente downregolati e la loro overespressione, mediante terapia genica, è in grado di incrementare l’angiogenesi in risposta all’ischemia. La chinasi 2 de...

  18. Le stelle di Beatrice. Astronomia e astrologia nella "Vita Nova"

    OpenAIRE

    Maraldi, Elisa

    2015-01-01

    Ci sono due luoghi astronomici nella Vita Nova con i quali Dante calcola il tempo in cui si verificano gli episodi principali della storia narrata. Queste nozioni scientifiche contengono implicito un significato astrologico, connesso all’influsso del segno zodiacale dei Gemelli, configurazione astrologica che torna ad ogni anniversario. I Gemelli è il segno zodiacale di Dante, come il poeta afferma nella Commedia: l’invocazione del pellegrino alla costellazione omonima, alla cui influenza egl...

  19. Vorrei ma non posso. L'esperienza del non realizzato nella pratica artistica contemporanea. Un'intervista con Luca Trevisani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Rossi

    2014-12-01

    Full Text Available Le domande in questa intervista seguono e riprendono l’intervento di Luca Trevisani al convegno tenutosi nel novembre del 2013 presso il Museo del Novecento di Milano. Trevisani era stato invitato per “rappresentare” una nuova generazione di artisti, che, nati tra gli anni Settanta e i primi anni Ottanta si sono trovati ad operare proprio all’inizio del nuovo millennio.

  20. La trascrizione del certificato di nascita del figlio di coniugi “same sex”. Filiazione omogenitoriale, ordine pubblico internazionale e interesse del minore nella recente giurisprudenza torinese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    GUIDO NOTO LA DIEGA

    2015-01-01

    Full Text Available Le odierne fugaci riflessioni prendono le mosse da un decreto con cui, in data 29 Ottobre 2014, la Corte d’Appello di Torino, ribaltando la decisione di primo grado, ha imposto all’ufficiale dello stato civile di trascrivere l’atto di nascita di un bambino risultante ab origine figlio di due madri, le quali, una spagnola e una Italiana, sposatesi in Spagna nel 2009, avevano procreato in Spagna tramite un procedimento di fecondazione eterologa. Il decreto in parola è di grande rilevanza in quanto senza precedenti, posto che sinora ciò che, talvolta, si era arrivato a riconoscere era la c.d. stepchild adoption, cioè l’adozione del figlio del partner (nei casi considerati, in una relazione omosessuale. Andando per ordine, nel 2012, l’Ufficiale dello Stato civile di Torino a seguito di trasmissione ad opera del Consolato Generale d’Italia a Barcellona, respingeva la richiesta di trascrizione dell’atto di nascita di un minore nato nel capoluogo catalano, in quanto atto contrario all’ordine pubblico italiano. Dalla certificatión literal (copia integrale del certificado de nacimiento risultava che, in conformità al diritto spagnolo, il minore, cittadino spagnolo, era ab initio considerato hijo matrimonial delle comparenti, le quali, appunto, erano due donne omosessuali, di cui una aveva donato gli ovuli, mentre l’altra aveva portato avanti la gravidanza e il parto.

  1. Dopo la selva. Fascismo e antisemitismo nella cultura cattolica del «Frontespizio» (Firenze, 1929-1940

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Dei

    2014-04-01

    Full Text Available Tra gli ambienti cattolici che segnarono il dibattito culturale in Italia fra la Conciliazione e l’entrata in guerra, il gruppo fiorentino riunito attorno al «Frontespizio», popolare rivista di ricerca letteraria, divulgazione e apologetica, fu tra i meno propensi ad approfondire sistematicamente questioni di natura sociale e politica. Trattando di alcune fra le colonne portanti di questa esperienza, in primo luogo Giovanni Papini e Piero Bargellini, il saggio cerca tuttavia di documentare la capacità del «Frontespizio» di integrarsi con efficacia – nello stesso momento in cui rivendicava il valore del proprio anticonformismo culturale e della propria schiettezza di toni – nelle coordinate fondamentali del consenso al regime.

  2. Il popolamento della Romagna e delle aree limitrofe nella antica e media età del Bronzo.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Bazzocchi

    2009-10-01

    Full Text Available Si presenta sinteticamente una valutazione delle segnalazioni relative al Bronzo Antico e alle fasi iniziali del Bronzo Medio in Romagna e nelle zone limitrofe. L’area è al centro degli studi per le dinamiche di espansione demografica che hanno interessato l’Italia settentrionale. Il quadro comprende la discussione sul momento di inizio dell’abitato di Solarolo.

  3. La guerra e l'idealità delle cose finite nella “Filosofia del diritto” hegeliana

    OpenAIRE

    Marini, Giuliano

    1990-01-01

    Il saggio è una esegesi del § 324 dei Lineamenti, in cui compaiono le celebri espressioni hegeliane in merito alla guerra e la critica al cosmopolitismo kantiano. Marini rivisita la dottrina hegeliana alla luce delle figure della dialettica tra finità e infinità.

  4. Gli affari di messer Palla Strozzi (e di suo padre Nofri. Imprenditoria e mecenatismo nella Firenze del primo Rinascimento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Tognetti

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio si propone di far luce sulle vicende economico-patrimoniali di messer Palla di Nofri Strozzi (Firenze 1372-Padova 1462, personaggio di spicco della Firenze del primo Rinascimento, sia come uomo politico ingiustamente travolto dalla purga medicea scatenata nel 1434 contro gli oppositori di Cosimo il Vecchio, sia come letterato, collezionista di codici librari, promotore degli studia humanitatis e committente di opere d’arte. Al centro di una frammentata serie di indagini da parte di storici dell’arte, della cultura e della politica, Palla Strozzi ha suscitato invece scarsa attenzione da parte degli storici dell’economia, nonostante un particolare non secondario: al catasto fiorentino del 1427 risultava essere il cittadino più ricco, ma dopo nemmeno cinque anni era già così oberato dai debiti da non riuscire più a pagare le tasse al fisco fiorentino. La vicenda di messer Palla, messa a confronto con quella del padre Nofri, infaticabile uomo d’affari capace di ammassare una gigantesca fortuna (poi parzialmente dissipata dal figlio, è analizzata nei dettagli grazie alla ricchissima serie archivistica delle carte strozziane: in particolare tramite lo spoglio di numerosi libri di conti intestati ad aziende e patrimoni di famiglia. Il confronto tra le differenti attitudini dei due personaggi fa emergere in tutta la sua originalità la figura di messer Palla: uomo coltissimo ma anche elitario, eppure dotato di un alto senso dello stato, capace di mostrare verso il denaro un’inclinazione che lo avvicina più all’aristocratico rentier dell’ancien régime e/o al raffinato signore padano del pieno rinascimento, piuttosto che al mondo dei grandi «mercatanti» che lo aveva generato.

  5. Fattori genetici nella scelta di nuovi parametri qualitativi del latte con particolare riguardo alla sua attitudine tecnologico-casearia

    OpenAIRE

    NICOLETTI, CHIARA

    2011-01-01

    Migliorare la qualità del latte è una sfida che le Associazioni Nazionali Allevatori Italiane hanno intrapreso con vigore negli ultimi anni: solo stimolando gli allevatori a produrre un latte idoneo alla caseificazione e, quindi, particolarmente adatto alla produzione di prodotti lattiero caseari di esclusivo valore sarà possibile diversificare le produzioni e contrastare quindi il fenomeno dell’omologazione di tutti i prodotti caseari. E’ risaputo come la produzione di latte sia diversa a...

  6. Autori ed editori a Firenze nella seconda metà del sedicesimo secolo: il ‘caso’ Marescotti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustavo Bertoli

    2011-10-01

    Full Text Available Dai documenti qui pubblicati apprendiamo che uno dei maggiori editori-stampatori attivi a Firenze alla fine del sedicesimo secolo, Giorgio Marescotti, si faceva sempre pagare dagli autori, senza eccezione. Il fenomeno non è sconosciuto ma la sua categoricità e la sua estensione implicano la presenza di un sistema, funzionante e condiviso da tutti i soggetti, in cui l’editore non aveva quel ruolo di promotore culturale che invece con troppa facilità gli storici attribuiscono a chiunque abbia nel passato sottoscritto un prodotto editoriale.Questi documenti ci permettono poi di criticare l′uso, sempre improprio avanti la nascita dell′editoria moderna, di categorie quali linea o politica editoriale, logica di mercato, editore commerciale o «minore». Come risulta dalla presente ricerca Marescotti e i suoi colleghi non rischiavano se non per (pochi generi di smercio sicuro perchè non erano in grado di capire il potenziale di un libro, né di immaginarne il pubblico; ed è un errore cercare – e peggio ancora trovare - una logica culturale nei loro Annali. Speculare, infine, la posizione degli autori, che non solo pagavano senza prospettive di guadagno, ma non potevano né disporre a piacere delle copie del loro libro né controllare la trasformazione del loro testo senza maggiori aggravi.

  7. [Use of oxygen during neonatal resuscitation] [Article in Italian] • Uso dell’ossigeno nella rianimazione del neonato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Antonucci

    2014-01-01

    Full Text Available Immediately after birth, the newly born infant undergoes physiological changes including lung aeration, decrease of pulmonary vascular resistance and initiation of pulmonary gas exchange. Under particular circumstances, this transition process is not adequately accomplished, thus resulting in perinatal asphyxia. In the past decade, remarkable changes have occurred in attitudes towards the use of oxygen in the delivery room. Although oxygen is a lifesaving therapy in neonatal resuscitation, high oxygen concentrations may be harmful to term infants, and especially to preterm infants. In fact, the use of high concentrations of oxygen in the first minutes after birth can lead to an excessive release of free oxygen radicals and to subsequent oxidative stress, with potential damage to multiple organs including the brain, lungs, eyes, and gastrointestinal tract. In 2010, the American Heart Association published revised guidelines for neonatal resuscitation including the recommendations on the measurement and monitoring of oxygenation status and on oxygen supplementation in the delivery room. Some key points of these recommendations are the following: (1 the clinical assessment of skin color is a poor indicator of oxygenation immediately after birth; (2 pulse oximetry provides rapid, continuous and accurate measurement of both oxygenation and heart rate during delivery room resuscitation; (3 the provision of blended oxygen during neonatal resuscitation should be aimed at maintaining oxygen saturations similar to those of uncompromised babies born at term. This paper reviews the available evidence on the management of supplemental oxygen during neonatal resuscitation at birth, and also highlights knowledge gaps. Articoli Selezionati del “3° Convegno Pediatrico del Medio Campidano” · Guspini · 25 Maggio 2013 Guest Editor: Roberto Antonucci

  8. Sul posto della variazione nella teoria linguistica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Berruto

    2009-12-01

    Full Text Available Una parte cospicua dell’opera scientifica di Mitja Skubic si può ritenere collocata più o meno direttamente in campi di studio aventi a che fare con la variazione. Una buona cinquantina dei più di 220 titoli di Skubic riportati nella bibliografia curata da Marjeta Prelesnik-Drozg in linguistica XLVIII (2008, 11–31, verte infatti sullo studio di fenomeni in specifiche varietà di lingua (il toscano parlato, la lingua di Goldoni, varie parlate venete, friulano e sloveno di Gorizia, e via discorrendo o su casi di interferenza e contatto nell’area italo-slovena, dove è per lo più evidente una dimensione variazionista. Vorrei quindi offrire al festeggiato in questa sede alcune riflessioni generali sulla questione della variazione linguistica che spero gli giungano gradite. Un tratto evidente nella linguistica anche teorica (o nelle diverse anime della linguistica1 degli ultimi decenni è infatti il progressivo aumento di interesse verso la variazione. Un problema sempre ritornante in tale contesto è quello del posto e del ruolo eventuale che la variazione possa o debba avere nella teoria lingui- stica. Riprendo quindi in queste pagine, con qualche sintetica argomentazione, una questione che, molto dibattuta negli anni Settanta in concomitanza con la fondazio- ne e lo sviluppo della linguistica variazionista di William Labov,2 è emersa solo spo- radicamente negli anni Ottanta e Novanta, ed è divenuta, su altre basi, di nuovo molto attuale all’inizio del Terzo Millennio.

  9. Uso di nuove tecnologie nella documentazione dell’origine e dello sviluppo urbano di São João Del Rei Minas Gerais, Brasile.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Altino Barbosa Caldeira

    2015-01-01

    Full Text Available  La città di São João Del Rei, nello Stato del MinasGerais, presenta oggi una performance economica,sociale e turistica che la fa emergere trale altre città dello Stato. Questo articolo cerca dichiarirne le ragioni, considerando la regione el’occupazione del suo territorio, il suo successivosviluppo e le trasformazioni avvenute nel paesaggioa seguito di tale occupazione. Essa mira inoltrea dimostrare come utilizzare le risorse dellenuove tecnologie per documentare il patrimonioculturale e come diffonderlo alle nuove generazioni.Per questo, si farà ricorso alla geografiafisica e umana, così come alla sua storia. Verrannoconsiderati l’ambiente naturale, gli interventiantropici e le manifestazioni culturali dei suoiabitanti per ciò che riguarda il patrimonio immaterialee la dimensione spaziale della cultura locale,per mettere in risalto e valorizzare aspettiurbanistici, architettonici e paesaggistici del suoambiente.

  10. Fenologia dei Chirotteri nella grotta di Onferno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Bertozzi

    2003-10-01

    Full Text Available Con le sue 11 specie e le oltre 6000 presenze di Chirotteri la Riserva naturale orientata di Onferno è certamente un punto di notevole interesse nel patrimonio naturale italiano. A seguito dei piani di indagine e di sorveglianza posti in essere fin dalla sua creazione nel 1992 da parte della gestione della Riserva e soprattutto grazie al progetto LIFE in corso, si riassumono qui i principali tratti fenologci delle diverse specie nella cavità. Il sistema ipogeo è altamente differenziato topografica e in termini di microclima, come rilevato dal sistema di monitoraggio presente. Da Dicembre inizia il periodo più tipicamente invernale con rapido abbandono della cavità principale da parte dei miniotteri. Vi rimangono poche decine di esemplari e altrettanti rinolofidi delle diverse specie. Tale situazione si prolunga con alcune piccole variazioni fino a Marzo. Al cambio di stagione i miniotteri si muovono dai rifugi posti soprattutto in un tunnel a S. Marino (circa 11 km in linea d?aria a temperatura tra i 3 e 5 °C per tornare nel tratto principale a circa 7°C. I rinolofidi mantengono le posizioni e i numeri precedenti. Con Aprile il gruppo dei miniotteri, oramai completo o quasi, si sposta nella Sala Guano o rimane in vari ambiti del percorso principale. I rinolofidi appaiono in movimento ma il loro numero diminuisce almeno dalle zone di controllo. A Maggio compaiono anche i grandi vespertili già aggregati al grande gruppo dei miniotteri che spesso si presenta in contingenti suddivisi in vari ambiti della grotta. Non si ritrovano più rinolofi maggiori, mentre euryale e minore raggiungono le sale più calde e secche. Con Giugno i contingenti si concentrano nella grande sala ?Quarina? per formare nella seconda metà la colonia riproduttiva. Dal 15 circa iniziano i parti in tutte le specie. Nel Miniottero si registrano scarti di almeno una settimana tra l?avvio della riproduzione e le ultime nascite. Tutto Luglio è speso nella crescita dei

  11. Piattaforma multimediale e interattiva, per la conoscenza e la salvaguardia del patrimonio Ambientale ed Architettonico in area Mediterranea con particolare riferimento alla regione del Maghreb.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Tosto

    2010-12-01

    Full Text Available La salvaguardia del patrimonio culturale, storico e architettonico occupa un posizione di rilievo all’interno dei diversi campi di applicazione che riguardano la comunicazione globale. La società attuale trova al giorno d’oggi nella comunicazione globale il più importante strumento di informazione. Dall’interazione tra beni culturali e nuove tecnologie, sicuramente, potranno crearsi numerose opportunità a livello conservativo, comunicativo e di sviluppo economico per quello che riguarda il ricchissimo patrimonio storico-artistico presente nel Mediterraneo. Il bacino mediterraneo ed in particolar modo l’area del Maghreb offre un vastissimo repertorio di casi utili per sperimentare metodi di indagine, teorie e tecniche utili per la comprensione, il recupero e la salvaguardia di impianti architettonici di rilevante importanza storico-culturale. Con il termine Maghreb (che in arabo significa “occidente” si identifica l’intera regione dell’Africa settentrionale che comprende Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto.

  12. Prospettive dell'ascolto mitopoetico nella relazione d'aiuto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2007-06-01

    Full Text Available Il processo relazionale e l’incontro nella sua immediatezza, la presenza all’altro, l’istante presente come fondamento di un approccio sulla centralità della persona, può integrare un ascolto sensibile potenziando un’altra condizione fondamentale: la libertà della persona nella relazione. L’ascolto sensibile prima di situare una persona rispetto al suo ruolo e al suo statuto sociale, invita a riconoscere la persona in quanto “essere, nella sua qualità di persona complessa dotata di una libertà e di una immaginazione creatrice”. Aprirsi ad un ascolto sensibile dell’altro consente di sostenere la libertà e la creazione, rapportandosi ad un approccio clinico e terapeutico incentrato sulla persona, rifiutando al tempo stesso la violenza simbolica esercitata dalla figura del terapeuta. Nella terapia incentrata sulla persona si è manifestato questo fondamentale cambiamento del paradigma antropologico e terapeutico, concependo l’essere umano come persona. L'approccio transversale di René Barbier, concepito come ascolto scientifico e mitopoetico fondato sulla persona, entità in relazione con se stessa, gli altri ed il mondo, sostiene la centralità della persona portatrice di questa complessa relazione con il mondo e le cose del mondo.

  13. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 Raccomandazione C/M Rec(20145

    2015-02-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145of the Committee of Ministers to member

  14. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 aprile 2014 in occasione della riunione 1196 dei Delegati dei Ministri Raccomandazione C/M Rec(20145

    2014-07-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145 of the Committee of Ministers to member States

  15. L’influenza del cinema d’animazione nella promozione (cineturistica delle destinazioni. Gli effetti del fenomeno Frozen sul turismo norvegese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Nicosia

    2016-05-01

    Full Text Available Oggi le location sono diventate vere e proprie  destinazioni turistiche,  cioè  luoghi che offrono un insieme di relazioni, prodotti, servizi, elementi naturali ed artificiali, capaci di attrarre un certo numero di visitatori e soddisfarne le attese sia dal punto di vista funzionale che da quello emozionale.  Il Film Induced Tourism è una tendenza che si è affermata negli ultimi anni con la creazione di agenzie turistiche specializzate nel proporre tour guidati alle mete in cui siano state girate famose scene cinematografiche. Secondo diverse statistiche effettuate sul tema del Film Induced Tourism è dimostrato che, anche se è un fenomeno recente, è in crescita nel mercato turistico mondiale e si impone sempre più all’attenzione dei media, dei sociologi e degli operatori turistici. Con questo lavoro si cercherà di analizzare il Film Induced Tourism con l’intento di approcciarsi ad una nuova frontiera: il Cartoon Induced Tourism (il turismo indotto dalla visione di film d’animazione e cartoons, perché non solo la visione di un film o di una serie tv può indurre il potenziale (cineturista a viaggiare. Anche un film d’animazione, che per definizione è pura creazione, può suscitare allo spettatore le stesse emozioni di una pellicola girata in una location “reale” e spingerlo ad esplorare i luoghi da cui i registi hanno preso spunto per costruire o meglio disegnare il set in cui sono ambientati.  Nowadays locations are becoming tourist destinations, offering relations such as products, services, natural and manmade elements, able to attract a certain number of visitors, satisfying expectations from a functional point of view as well as from an emotional one. Film Induced Tourism represent a trend developed in the last years according with the creation of tourist agencies, specialised in guided tour to specific destination in which famous cinematographic scenes have been made. According to various statistics on Film

  16. Nella stanza di Asperger...

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi, del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo. Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  17. Nella stanza di Asperger...

    OpenAIRE

    Alessandra Gilardini

    2011-01-01

    Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi), del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine) e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo). Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  18. Role of axillary lymph node ultra-sound and large core biopsy in the preoperative assessment of patients selected for sentinel node biopsy; Ruolo dell'ecografia e della microbiopsia istologica nella valutazione del cavo ascellare in pazienti candidate a biopsia del linfonodo sentinella

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Nori, Jacopo; Boeri, Cecilia; Vanzi, Ermanno; Nori Bufalini, Filippo; Masi, Andrea [Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze (Italy). Diagnostica senologica; Bazzocchi, Massimo; Londero, Viviana [Udine Univ., Udine (Italy). Istituto di radiologia universitaria; Mangialavori, Giuseppe [Ospedale di Merano, Bolzano (Italy). Servizio di radiologia; Distante, Vito; Simoncini, Roberta [Firenze Univ., Firenze (Italy). Clinica chirurgica I

    2005-04-01

    ecografico, al fine di ottenere maggiori informazioni sullo stato delle linfoghiandole in esame, � stata eseguita una microbiopsia con guida ecografica utilizzando un ago tranciante tipo Tru-Cut di 14 o 16 Gauge di calibro. Risultati: Lo studio ecografico prevedeva la valutazione della lesione mammaria nella sua morfologia e dimensioni e l'individuazione ed analisi di almeno 4 linfoghiandole ascellari delle quali dovevano essere esaminati alcuni specifici parametri: morfologia dell'ilo e della corticale e studio del rapporto tra diametro longitudinale del linfonodo e diametro della regione ilare; abbiamo considerato normali le linfoghiandole ove il diametro dell'ilo fosse uguale e superiore al 50% del diametro longitudinale totale e patologiche quelle ove l'ilo fosse inferiore a tale valore. Su 102 pazienti incluse nello studio: 77 (75.5%) presentavano linfoghiandole ecograficamente normali o comunque non sospette secondo i criteri da noi prestabiliti. La verifica istologica ha confermato la negativit� in 56 casi (72.7%; veri negativi), mentre lo studio intra e/o postoperatorio (escissione linfonodale) � risultato positivo in 21 casi (27.3%; falsi negativi). Il numero di falsi negativi � prevalentemente correlato ai casi di micrometastasi che, presumibilmente, non provocano alterazioni morfologiche ecorilevabili. Le restanti 25 pazienti (24.5%) presentavano linfoghiandole da noi classificate ecograficamente come dubbie o sospette. L'alterazione morfologica pi� importante, all'esame ecografico, � senza dubbio la riduzione graduale fino alla scomparsa dell'ecogenicit� dell'ilo (parametro evidente nel 100% dei linfonodi sede di metastasi); al contrario le 'bozzature' o irregolarit� dell'ilo si sono dimostrate criteri poco specifici (cos� come i criteri dimensionali). Lo studio istopatologico di queste linfoghiandole � stato in accordo con la valutazione con ultrasuoni in 13 casi (52%; veri positivi

  19. Las nuevas estrategias del desarrollo regional

    OpenAIRE

    1991-01-01

    El presente artículo tiene por objeto revisar los planteamientos en los que se ha basado la política regional y destacar las nuevas estrategias del desarrollo regional, resaltando los aspectos más significativos en el crecimiento económico y su traslación al ámbito territorial.

  20. RUOLO DELL'IMAGING DI PERFUSIONE NELLA VALUTAZIONE DEI GLIOMI CEREBRALI

    OpenAIRE

    Tortora, Fabio

    2009-01-01

    Il ruolo dell’imaging di perfusione (PWI) nella caratterizzazione dell’eterogeneità emodinamica dei gliomi cerebrali e dei tessuti circostanti, e nella differenziazione dei gliomi di alto grado da quelli di basso grado. L’impostazione terapeutica e la prognosi dipendono dalla accurata distinzione tra tumori di alto e di basso grado, e sono state proposte diverse modalità di imaging per permettere l’accurata identificazione del grado di malignità

  1. Per un'etica degli scambi economici. La funzione civile del mercato in Eiximenis e nella pedagogia politica francescana (1273-1493

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Evangelisti

    2014-03-01

    dell’esercizio del potere, degli scambi nel mercato. Quest’ultimo identificato qual estruttura comunitaria, ovvero una vera e propria agorà civica all’interno della quale la dinamica delle negoziazioni non riguarda solo le merci ma implica anche una riflessione sui pre-requisiti che legittimano l’esistenza del mercato. I francescani, e segnatamente i testi eiximeniani, rivelano una spiccata capacità di interrogarsi sulle ragioni fondative del mercato e del denaro, sulle funzioni civili degli scambi economici e del credito.

  2. Itinerari nella Weltliteratur: Norma e letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    a cura di Silvia Lafuente

    2014-12-01

    Full Text Available  This section consists of seven contributions from the 2012 Giornate di Studio, which have been taking place at the University of Florence since 2009: Silvia Lafuente, "Forme d’oralità costruiscono la modernità letteraria argentina nelle prime decadi del ‘900"; Arianna Fiore, "La junta luz di Juan Gelman: un oratorio contro il silenzio"; Carolina Argenta, "Oltre la Generazione del Sessanta: la poesia di Susana Thénon"; Salomé Vuelta García, "I proverbi nella traduzione italiana di La Familia de Pascual Duarte di Camilo José Cela; Andrea Carmelo Spadola, "Bilinguismo / Translinguismo nell’opera poetica di César Moro"; Coral García Rodríguez, "La formazione di una identità europea  attraverso il linguaggio: l’apolide Jorge Semprún, oppure lo spagnolo delle tre patrie"; Michela Graziani, "Trasformismi jazz nella cultura portoghese del ‘900".During the IV Giornata di Studio, the concepts of «norm» and «deviation» in literary language were discussed from a variety of standpoints: linguistic, literary, cultural, historical and social. The various lines of research chosen by the authors of the seven contributions to LEA highlight the potential of literary language in linguistic and intellectual experiences within cultural contexts. In the light of this perspective, the seven contributions offer a number of itineraries for the interpretation of modern literature from Argentina, Peru, Portugal and Spain. This section was edited by Silvia Lafuente. 

  3. L’utilizzo della ricostruzione nella comunicazione del patrimonio archeologico. L’approccio, il metodo, le finalità e alcuni spunti di discussione.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Bacci

    2010-05-01

    In questo contributo si focalizza l’attenzione sulla ricostruzione grafica e virtuale del patrimonio e sulle sensazioni che la ricostruzione evoca nel fruitore del messaggio culturale. La ricostruzione si attua mediante la collaborazione tra archeologo e illustratore e costituisce un momento di verifica visiva dell’interpretazione archeologica e uno strumento di comunicazione del dato archeologico fruibile a più livelli. Ciò avviene grazie allo scambio costante di informazioni (dati scientifici e proposte di ricostruzione e il confronto che ne deriva determina i metodi e le fasi di avanzamento del progetto. Il metodo si basa sull’integrazione delle immagini 3D con il disegno tradizionale ed è finalizzato alla trasposizione del dato archeologico, in modo tale da garantire alla ricostruzione il duplice requisito di soddisfazione estetica e credibilità scientifica.

  4. PAROLE, LINGUE E ALFABETI NELLA CLASSE MULTICULTURALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Favaro

    2012-07-01

    Full Text Available Il bilinguismo è soprattutto un’opportunità e una ricchezza perché la padronanza di due lingue amplia le frontiere delle possibilità e il mondo si allarga di conseguenza. Ma che cosa succede quando in epoche diverse della vita – nella prima infanzia, nell’infanzia o nell’adolescenza – a causa del viaggio di migrazione, una nuova lingua entra a far parte del patrimonio linguistico dei bambini? Quali rapporti profondi  di concorrenza, conflitto, complementarietà, integrazione  si stabiliscono tra i due codici, tra i diversi significati e i significanti? E se la lingua madre diventa improvvisamente muta e una nuova lingua sostituisce quella originaria, quali cambiamenti e perdite si verificano nella vita emotiva dei bambini venuti da lontano? Sono queste alcune delle domande a cui il contributo si propone di rispondere, analizzando la condizione bilingue  variegata e molteplice  degli alunni stranieri in Italia e presentando alcuni progetti significativi e materiali innovativi per valorizzare la pluralità linguistica della classe.WORDS, LANGUAGES AND ALPHABETS IN THE MULTICULTURAL CLASSROOMBilingualism is above all an opportunity and a richness, since mastering two languages creates greater possibilities and the world expands as a consequence. But what happens in different stages of life- in childhood or adolescence- due to migration, when a new language becomes part of a child’s heritage? What profound relationships –competition, conflict, complementarity, integration- are established between the two codes, between different meanings and signifiers? And if the new language renders the mother tongue mute, what changes and losses take place in the emotional sphere of migrant children? These are a few of the questions which the paper attempts to answer, by analyzing the varied and multifaceted bilingual condition of foreign students in Italy. The paper presents a few important projects and innovative materials to give

  5. La frontiera nella storia dell'arte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Castelnuovo

    2014-08-01

    Full Text Available Il testo qui pubblicato vuole essere un omaggio a Enrico Castelnuovo (1929-2014, da poco scomparso, uno dei maggiormente importanti storici dell'arte italiani e fra gli studiosi che più hanno contribuito alle ricerche di geografia artistica e all'apertura della storia dell'arte verso altre discipline. Fondamentali le riflessioni metodologiche nei saggi Per una storia sociale dell'arte (1976 e Centro e periferia (1979, scritto insieme a Carlo Ginzburg, più volte citati negli articoli di questo numero della rivista. La frontiera nella storia dell'arte (1987 rientra nel filone di studio sul ruolo delle aree di confine nella circolazione artistica, uno dei più fecondi della carriera di Castelnuovo: riflette sulla creazione delle frontiere nelle più varie accezioni, da quelle "reali" (geografiche, politiche a quelle "inventate" dalla storiografia  (le classificazioni stilistiche, dimostrando la complessità del campo artistico, «intersecato e percorso da limiti e confini».   The text published here is a tribute to Enrico Castelnuovo (1929-2014, who died recently, one of the most important Italian art historians and among the scholars who have contributed most to the research of artistic geography and to open the history of art to other disciplines. Fundamental are the methodological reflections in the essays For a social history of art (1976 and Centre and periphery (1979, written with Carlo Ginzburg, as many time mentioned in the articles in this issue of the journal. The Frontier in the history of art (1987, is part of the series of studies on the role of border areas in the circulation of art, one of the main themes of Castlenuovo's career: reflects on the creation of borders in various meanings, from the "real" one (geographical, political to the "invented" one by historians (stylistic classifications, demonstrating the complexity of the artistic field, «intersected and crossed by limits and boundaries».

  6. I cataloghi nella letteratura americana della Grande Depressione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cinzia Scarpino

    2011-07-01

    Full Text Available Il presente saggio si propone di analizzare alcune opere letterarie in senso lato (poesie, libri-documentario, script di film-documetario scritte negli Stati Uniti negli anni della Grande Depressione (1929-1941 alla luce della presenza ricorrente di cataloghi, liste e inventari. Partendo da un excursus storico circa la centralità del catalogo come forma narrativa atta a rendere l’abbondanza del Nuovo Mondo nella cultura e nella letteratura dell’Ottocento (dai diari dei primi esploratori agli scritti di Thomas Jefferson, dalle geremiadi puritane agli almanacchi e ai diari rurali, dalle teorizzazioni estetiche di Ralph Waldo Emerson al «poeta catalogatore» Walt Whitman e al Walden di H. D. Thoreau, il saggio si sofferma su alcune opere-documentario degli anni Trenta del Novecento; un periodo che, segnato profondamente dalla crisi economica e testimone di una riconfigurazione della geografia reale e simbolica del territorio nazionale, punta nuovamente a cataloghi e inventari, secondo una scelta retorica funzionale alla rappresentazione del rovescio del mito di abbondanza delle origini.

  7. Studio dei semiochimici coinvolti nelle interazioni intra- e inter-specifiche in Gonocerus acuteangulatus (Goeze) (Heteroptera: Coreidae) in vista di un loro impiego nella difesa del nocciolo.

    OpenAIRE

    Moraglio, Silvia Teresa

    2013-01-01

    Gonocerus acuteangulatus (Hemiptera: Coreidae) è considerato uno dei principali fitofagi del nocciolo, in grado di causare con l’attività trofica pesanti perdite quali-quantitative di produzione. Nel triennio sono state quindi condotte indagini sulla bioetologia di G. acuteangulatus volte a: I) studiare comportamento alimentare ed effetti sulla produzione corilicola, II) identificare i feromoni e valutarne l’attività mediante biosaggi fisiologici e comportamentali in laboratorio, semi-campo e...

  8. The role of natural gas in assessing environmental cost of fossil fuels; Il valore del gas naturale nella valutazione dei costi ambientali dei combustibili fossili

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Riva, A.; Trebeschi, C. [SNAM SpA (Italy)

    1999-08-01

    The actual price of a resource is the results of its internal and external costs. Internal costs means the price paid by the users in order to utilise the resource. On the other hand, externals costs, which are associated with the resource, are not paid directly by the users, but they shall be paid for by the society of the future generations. The article presents methodologies and issues relevant to energy policy decisions, when it comes to evaluating and using environmental external costs of fossil fuel life, with particular consideration to the end-use phase. The results of published studies on environmental costs of energy sources and an analysis applied to the Italia case show that natural gas as a significantly higher environmental value than other fossil fuels. The range of values depends upon the technologies considered and on the assumptions adopted when assessment environmental damages. [Italian] Il costo reale di una risorsa e' dato dalla somma del suo costo interno e del suo costo esterno. Il costo interno e' il costo che l'utente paga per poter utilizzare la risorsa. I costi esterni sono invece i costi associati alla risorsa per i quali l'utilizzatore non paga in prima persona un prezzo. Questi costi sono quindi trasferiti in blocco alla societa' o alle future generazioni. Sono presentate le metodologie e le problematiche per la valutazione e l'utilizzo nelle decisioni di politica energetica dei costi esterni ambientali del ciclo di vita dei combustibili fossili, con particolare attenzione per la fase degli usi finali. I dati di letteratura riguardanti i costi ambientali delle fonti energetiche ed un'analisi applicata al caso dell'Italia, dimostrano che il gas naturale ha un valore ambientale ben maggiore di altri combustibili fossili. Tale valore dipende dalla tecnologia considerata e dalle ipotesi adottate per la valutazione dei danni ambientali.

  9. Un notaio nella Firenze del primo Trecento. Il caso di ser Matteo di Biliotto tra professione privata, corporazioni cittadine, politica e diplomazia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manila Soffici

    2015-01-01

    Full Text Available The notary Ser Matteo di Biliotto, originally from Fiesole, was one of the most important notaries in Florence in the age of Dante Alighieri. Only two registers of him survive in the State Archive of Florence: Notarile antecosimiano, 13363 and 13364. The A. edited in 2002 the first register, which includes 930 notarial acts from 1 April 1294 to 26 May 1296 (Ser Matteo di Biliotto notaio, Imbreviature, in collaboration with F. Sznura, Florence, Sismel - Edizioni del Galluzzo, 2002. The edition of the second one – which contains 569 imbreviature dated from 17 October1300 to 13 June 1314 – is in press. In this study the A. focuses on the main questions of the biography of ser Matteo, who played an important role in the political life of the Florentine Comune and in the activity of the powerful art of Calimala.

  10. Le differenze regionali nella governance della spesa sanitaria. La sanità alla sfide del federalismo: il modello SaniRegio di CeRM

    OpenAIRE

    Pammolli, Fabio; Salerno, Nicola

    2011-01-01

    SaniRegio is an econometric model, based on fixed effects panel techniques, that investigates the level of efficiency of Italian Regions in governing their health care systems. As a result of the model, we obtain a measure of the efficient or standardized expenditure that may be compared to the effective expenditure. The different degree of efficiency on the side of expenditure is finally commented taking into account also the different degree of quality of Italian Regions in offering health ...

  11. La commedia rituale nella possessione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alfred Metraux

    2013-07-01

    Full Text Available Per l’ambiguità della sua natura, il fenomeno della possessionecontinua a sottrarsi a un’interpretazione soddisfacente. Esso appartiene a una di quelle zone marginali in cui credenze e riti si alleano nella maniera più stretta a meccanismi psicologici ancora oscuri. Sappiamo che risale alla più remota antichità e che in numerose società cosiddette primitive costituisce uno dei mezzi attraverso i quali i fedeli comunicano con il soprannaturale. Il nostro proposito è di apportare un contributo alla soluzione di questo problema analizzando le forme e le funzioni della trance nel vodù.

  12. La produzione della ceramica geometrica enotria nella Sibaritide durante l'etá del Ferro : Studio comparativo sulle tecnologie di foggiatura

    NARCIS (Netherlands)

    Fasanella Masci, Marianna

    2016-01-01

    This study investigates the production of Oenotrian Geometric pottery, also known as matt-painted pottery, during the Early Iron Age at three sites of the Sibaritide region in northern Calabria, Italy (Francavilla Marittima, Torre Mordillo and Castrovillari). The main purpose of the research was to

  13. QUALE EDUCAZIONE PLURILINGUE NELLA SCUOLA?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Minardi

    2012-07-01

    Full Text Available Il contributo considera cruciale per la realizzazione di una reale educazione plurilingue nella scuola italiana di oggi, caratterizzata da un universo multilingue fatto di lingue e linguaggi diversi, la realizzazione di un curricolo per competenze che abbia al centro lo sviluppo trasversale e in verticale della competenza plurilingue come questa viene intesa dal Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. L’autrice, consapevole dei problemi e delle difficoltà presenti nella scuola italiana oggi, fornisce alcune possibili piste di lavoro a partire dalla constatazione che l’educazione plurilingue è, oggi, possibile attraverso scelte consapevoli che appartengono al decisore politico, alle istituzioni scolastiche, ai Consigli di Classe.WHAT KIND OF PLURILINGUAL EDUCATION IN SCHOOLS?This paper considers it crucial to design a competence-based curriculum centered on transversal development and vertical multilingual competence as set out in the Common European Framework for Languages in order to implement true multilingual education in Italian schools, which are characterized by a multilingual universe made of different languages. The author, aware of the current problems facing the Italian school system at present, offers a few possible suggestions to make multilingual education possible, also thanks to conscious choices made by policy-makers, schools and the teachers.

  14. Archeologia dell’edilizia storica e costruzione del documento archeologico. Problemi di popolamento mediterraneo. III. Archeologia degli elevati e studio della difesa costiera nella Calabria alto tirrenica medievale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donato, Eugenio

    2003-12-01

    Full Text Available For some years a series of archaeological investigations have been carried out into medieval incastellamento and, more generally, the defence of the Calabrian Tyrrhenian coast through extensive archaeology (archaeology of architecture, landscape archaeology, computing archaeology. Early results from excavations of the castles of Amantea and Fiumefreddo Bruzio have made it possible to sketch a first impression of the evolution of the fold from the second part of the 11th century, especially in the field of typology and construction techniques, with similar characteristics observed in the rest of the region.No disponible.

  15. The last "pest". The fox in the Italian law and in the actual hunting management / L'ultimo "nocivo". La Volpe nella legislazione italiana e nella pratica venatoria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Cassola

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract In the general mentality as well as in the actual hunting management of the Italian territory, the fox Vulpes vulpes has largely replaced the wolf Canis lupus as the target of abnormal and injustified destructive efforts. By exagerating its predatory pressure on domestic and game animals, and more recently as an asserted anti-rabies measure, the control of fox populations still continue to be heady practised in most regions, even where (such as in Tuscany, central Italy the rabies desease did not arrive. Some official data are given about foxes killed and rewards paid in several areas in the Eighties, for a total amount of several tens of thousands foxes (nearly 2,000 in the Siena province alone yearly and some milliards lira. The absurdity of such management policy and the damage indirectly caused to the agriculture are emphasized, as well as the need of stopping at last any persecution of predatory or so-called "pest" animals. Riassunto Nella mentalità popolare e nella quotidiana gestione venatoria del territorio, la Volpe Vulpes vulpes sembra aver ormai sostituito il Lupo Canis lupus come oggetto catalizzatore di abnormi e ingiustificati sforzi distruttivi. Esagerandone l'entità della predazione su animali domestici e selvatici, e più recentemente con il pretesto di diradarne le popolazioni come asserita misura di profilassi antirabbica, si continua assurdamente in molte regioni italiane a condurre operazioni di "controllo" della Volpe che perpetuano nei fatti l'anti-ecologica e ormai inaccettabile "lotta ai nocivi". Vengono in particolare qui riferiti alcuni dati ufficiali, provenienti anche da regioni, come la Toscana, mai toccate dall'epidemia di rabbia silvestre degli anni 1977-1986, relativi agli abbattimenti di volpi e ai premi pagati nel corso dell'ultimo decennio, per un totale di parecchie decine di migliaia di volpi uccise (quasi 2000 ogni anno nella

  16. High-frequency high-spatial resolution US in transplanted kidney in pediatric patients; Studio ecografico con sonda con alta frequenza ed elevata risoluzione spaziale nella valutazione del rene trapiantato nell'eta' pediatrica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amodio, F.; Rossi, E.; Carbone, M.; Brunese, L.; Tamasi, S.; Vallone, G. [Neaples Univ. Federico 2, Neaples (Italy). Dipt. di Scienze Biomorfologiche e Funzionali; Mansueto, G.; Somma, P. [Neaples Univ. Federico 2, Neaples (Italy). Sezione di Anatomia Patologica e Citopatologica

    2000-02-01

    In this paper it is presented the role power Doppler US with a high-frequency and high-resolution of interlobular arterioles in patients with normally functioning renal transplants or with chronic rejection. 15 patients (mean age 15 years; range 10-18 years) were examined with a General Electric 500 MD unit using 7.5 and 13 MHz linear transducers. In all the patients serum creatinine and diuresis were evaluated; 4 patients underwent US-guided biopsy that resulted in the diagnosis of chronic rejection. Normally functioning renal transplants were found in 11 patients and chronic rejection was seen in 4. In normally functioning renal transplants, interlobular vessels could be depicted as cortical blush with the 7.5 MHz transducer; in the same patients power Doppler US with the 13 MHz transducer permitted a correct evaluation of interlobular vessels that were arranged in series like a palisade. In chronic rejection power Doppler US with the 13 MHz transducer better depicted cortical vascularity and showed irregular, narrow arteries. Power Doppler US with a 13 MHz transducer is particularly useful in children after renal transplants due to their reduced tissutal thickness. The lateral resolution of 13 MHz transducers (<0.3 mm) allows to separate interlobular vessels from each other and the high frequency of the probe can depict interlobular vessels in the peripheral cortex. The optimal visualization of cortical vascularity with a 13 MHz transducer allows early detection of chronic rejection. [Italian] Si valuta la sensibilita' del power Doppler con sonda con alta frequenza ed elevata risoluzione spaziale (13 MHz) nella visualizzazione della vascolarizzazione corticale del rene trapiantato normo-funzionante e nel rigetto cronico nell'eta' pediatrica. Quindici pazienti (10 maschi/5 femmine) con eta' media di 15 anni (intervallo 10-18 anni) sono stati esaminati con ecografo MD 500 mediante sonda da 7,5 e 13 MHz con color e power Doppler. Tutti i

  17. Computer codes application to evaluate comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and site characterization of Matera (southern Italy); Applicazioni del codice di calcolo SITEVAL per l'analisi della compatibilita' ambientale degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti alle discariche non controllate presenti nella provincia di Matera

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cautilli, F.; Musmeci, F.; Tassoni, E. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The report presents the software SITEVAL aimed at tackling the comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and hosting areas. The SITEVAL application for non-monitored urban waste landfills in the province of Matera (southern Italy) is showed with the objective to identify the more relevant environmental components in such landfills. [Italian] L'articolo illustra il codice di calcolo SITEVAL utilizzato per analisi comparative di compatibilita' ambientale di impianti di smaltimento di rifiuti con i siti che li ospitano e poi riporta l'applicazione del codice nella situazione della provincia di Matera riguardo allo smaltimento non controllato di rifiuti solidi urbani e alla individuazione delle componenti ambientali piu' sensibili alla presenza di tali discariche nel territorio. Il codice ha permesso di stilare graduatorie di compatibilita' delle discariche non controllate e di definire l'interdipendenza dei risultati dalla scelta dei parametri di input del programma.

  18. Il ruolo della robustezza strutturale nella impostazione ingegneristica della sicurezza antincendio

    DEFF Research Database (Denmark)

    Crosti, C.; Giuliani, Luisa; Gentili, F.

    2012-01-01

    Tra le situazioni di rischio maggiormente temute dalla Società quelle legate all’azione incendio assumono giustamente un ruolo importante. Una fondamentale strategia per il controllo del rischio in caso di incendio per persone-beni-contesto, elementare nella sua enunciazione, consiste nel...... risvolti applicativi che riguardano la concezione della struttura, la sua analisi strutturale e il suo giudizio. Nella seconda parte, questi concetti sono applicati a due tipologie di costruzioni agli estremi, ovvero a) edifici industriali monopiano e b) ponte in acciaio. Per entrambe le categorie di...

  19. Le minoranze islamiche nella Bulgaria post-comunista: ingerenze statali e libertà confessionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Fantelli

    2011-03-01

    Full Text Available Contributo segnalato dal Prof. Paolo Moneta, ordinario di Diritto ecclesiastico nella facoltà di Giurisprudenza dell’’Università di PisaSOMMARIO: 1. Profili istituzionali delle relazioni tra Stato e confessioni religiose nella Bulgaria post-comunista: la posizione dell’Islam. 2. Le ingerenze del Governo bulgaro nell’organizzazione interna delle rappresentanze islamiche secondo la Corte di Strasburgo. 3. Alcune osservazioni sull’ingresso della Bulgaria nell’U.E. e sulle problematiche dell’Islam bulgaro – balcanico.

  20. L'elettronica nella tecnica aerospaziale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. SALZA

    1963-06-01

    Full Text Available L'elettronica reca un contributo essenziale alla tecnica
    aerospaziale in ogni fase di qualsiasi sua realizzazione.
    In fase di progetto è fondamentale l'impiego del calcolo analogico o
    digitale, di quello analogico-digitale e delle tecniche di simulazione.
    Nel volo spaziale la guida e la stabilizzazione si basano sull'uso di
    sistemi elettronici che sono anche impiegati largamente nella essenziale fase
    di preparazione al volo.
    Così pure le comunicazioni coi passeggeri e le telemisure sono possibili
    soltanto grazie all'impiego delle tecniche più avanzate delle telecomunicazioni.
    Si esamina infine la situazione attuale per ciò che si riferisce al grado
    di affidamento delle apparecchiature elettroniche in conseguenza della loro
    crescente complessità: l'impiego di elementi allo stato solido e di adeguate
    tecniche circuitali consente di conservarlo ad un valore accettabile nonostante
    la crescente complicazione degli apparati in conseguenza delle sempre più
    gravi esigenze.

  1. LA NOZIONE DI ‘COMPETENZA’ NELLA PEDAGOGIA LINGUISTICA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Ciliberti

    2013-01-01

    Full Text Available Nel mio contributo propongo  una riflessione sulle varie nozioni di ‘competenza’ che, nel corso del tempo, si sono succedute nella pedagogia e nella didattica linguistica. Tale nozione, offrendo i principi ispiratori ai programmi di studio di lingue2, determina in buona misura gli obiettivi di insegnamento, la scelta dei contenuti, delle attività  di classe, delle forme esercitative nonché le modalità di  verifica e valutazione dei risultati ottenuti.In particolare, mi soffermerò sulle nozioni di ‘competenza nella cultura 2’ e su quella, oggi  al centro del dibattito glottodidattico, di ‘competenza comunicativa interculturale’: nozione, quest’ultima, assimilabile, secondo diversi studiosi, al concetto di ‘educazione interculturale’.  The concept of  ‘competence’ in language education: from ‘linguistic competence’ to ‘intercultural communicative competence’This paper is a reflection on the various notions of ‘competence’ in pedagogy and language teaching over time. This concept provides the guiding principle of the L2 curriculum and determines the teaching objectives, choice of content, classroom activities, ways of practicing and the testing and evaluating method the results obtained to a large extent.In particular, I will focus on the concepts of ‘competence in culture 2’ and on  ‘intercultural communicative competence’, currently at the heart of the language teaching debate.  The latter is similar to the idea of 'intercultural education' according to several scholars.

  2. I risultati conseguiti in Emilia-Romagna nella lotta agli incendi di bosco. L’azione integrata di Protezione Civile, Vigili del fuoco e Corpo Forestale dello Stato. Il ruolo del Corpo Forestale dello Stato / Results of the fight against forest fire in the Emilia-Romagna Region. The role the National Forestry Commission / Les résultats de la lutte contre les incendies de forêts dans la Région de l'Emilie-Romagne. Le rôle du Corps National des Gardes Forestiers

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ernesto Crescenzi

    2008-04-01

    Full Text Available According to the Act n. 353/2000, the Regional Plan for forest fire prevention should identify all means, instruments, human resources and procedures to control forest fires. Region at Councils are responsible for the coordination of all these activities working along with, among others, the National Fire Brigades, the National Forestry Commission and recognized volunteer associations as far as operational aspects are concerned. After the application of the law, the Emilia-Romagna Region at Council approved the Prevision, Prevention and Control Plan against forest fires, according to the above mentioned law, for the period concerning the years 2007-2011.Comparing regional, national and international data relating to the number of fires and surface area burnt up to the 30th of September 2007, it is possible to consider the Emilia-Romagna region as a low risk one, characterized by limited damage as far as concerns forest fires.La Loi n° 353 du 21 novembre 2000 prévoit que le Plan Régional contre les incendies de forêts (AIB trouve les moyens, les instruments, les ressources humaines et les procédures pour lutter activement contre les incendies des forêts. La coordination de ces activités est l'apanage des Régions qui se servent pour les aspects opérationnels aussi des Sapeurs-Pompiers, du Corps National des Gardes Forestiers et des organisations réconnues du bénévolat.Après l'entrée en viguer de la loi n° 353/2000, la Région de l'Emilie-Romagne a tout d'abord prorogé le précédent Plan, ensuite, une première adaptation à travers la rédaction d'un Plan provisoire AIB a été réalisée et enfin, le Plan de prévision, prévention et lutte active contre les incendies des forêts a été approuvé aux termes de la Loi n° 353/2000 en vigueur entre 2007 et 2011.En confrontant les données statistiques rélatives à la quantité et à la surface des terrains parcourus par le feu dans les différentes provinces de la région de l

  3. Metamorfosi del corpo nella cultura (postsovietica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriella Elina Imposti

    2014-05-01

    Full Text Available In this article we draw an outline of the ways the body has been represented in Russian and Soviet culture, from the October Revolution up to the present after the breakup of the USSR. Visual and literary texts are the object of this study. We start with Soviet propaganda posters published immediately after the Revolution and with the work of artists like sculptor Vera Muchina, who represented the official line. We compare their representation of the body, and in particular the female body, with that of unofficial Soviet artists who started to organize art exhibitions in the 1960s as an alternative to the established canons of art. The works of Ernst Neizvestnyj and Vladimir Jankilevskij are briefly discussed. We then proceed then to compare them with the literary production of Ljudmila Petruševkaja, who started writing in the same period and was not allowed to publish until the late 1980s. Finally, we analyze the works of artist Irina Nakhova, who since the early 1980s has further developed the process of deconstruction of the canons of representation of the body.

  4. Il criterio del costo nella stima immobiliare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Battista Cipolotti

    2013-08-01

    Full Text Available Object of the present analysis is the use of the cost method in estimating real estate as a method of determining the market value, solution proposed by the guidelines for estimating real estate published by the Italian Banking and the International Valuation Standards. In particular, we examined the setting where the real estate evaluation has the production costs as a solution.

  5. Uso alimentare dei ghiri (Famiglia Myoxidae nella storia antica e contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppina Colonnelli

    2007-11-01

    Full Text Available Lo scopo del presente lavoro è quello di analizzare le relazioni antiche e attuali tra l’uomo e i ghiri o gliridi (intendendo tutti i rappresentanti della famiglia Myoxidae, attraverso un’indagine archeozoologica e storica che prende in considerazione la loro utilizzazione nell’alimentazione umana a partire dall’epoca Romana. I risultati dell’indagine mostrano l’importanza del ghiro nella civiltà umana a partire dalla storia antica fino ai nostri giorni.

  6. La maschera cartesiana: René Descartes nella Critica della ragion pura di Kant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alfredo Gatto

    2017-06-01

    Full Text Available L’articolo si propone di analizzare la presenza di Descartes nella Critica della ragion pura, con particolare attenzione ai paralogismi della psicologia razionale e alla confutazione dell’idealismo. L’aspetto più rilevante dell’analisi kantiana non concerne l’interpretazione del pensiero cartesiano fornita dal filosofo tedesco, data la scarsa conoscenza che Kant possedeva dei testi di Descartes. Ad essere interessante, al contrario, soprattutto se considerata alla luce della sua successiva ricezione, è l’immagine di Descartes che emerge dalle pagine della Critica. A questo riguardo, è possibile affermare che Kant abbia contribuito al ritorno sulla scena del pensiero tedesco del Descartes metafisico, una maschera filosofica che svolgerà un ruolo centrale nella ricostruzione della storia della filosofia proposta dall’idealismo post-kantiano.

  7. L'amicizia nella tradizione camaldolese e vallombrosana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Licciardello

    2010-06-01

    Full Text Available L'amicizia tra i monaci di Camaldoli e di Vallombrosa nel medioevo può essere analizzata da vari punti di vista. C'è l'amicizia tra persone, che nella tradizione monastica prende spesso la forma del rapporto tra maestro e discepolo. L'amicizia dell'uomo con la natura e gli animali, particolarmente forte tra gli eremiti che vivono nelle foreste. L'amicizia tra monaci e laici, benefattori e quanti altri sono vicini alla spiritualità dei monaci. L'amicizia tra le istituzioni, che accolgono con cura particolare i monaci del monastero amico e li ricordano nelle loro preghiere. Infine, l'amicizia può essere un valore fondamentale per costruire una congregazione monastica: essa dà una prima forma ad una istituzione nascente.

  8. Lidia Sedda, Don Chisciotte nella Cultura russa (1720-1928

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Di Tonno

    2013-05-01

    Full Text Available Tracciare i percorsi, a volte limpidi altre volte estremamente complessi, attraverso i quali il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes è penetrato nel mondo russo significa ripercorrere la storia di una cultura, quella russa, perennemente in bilico tra Occidente e Oriente. E infatti, la studiosa Lidia Sedda già nell’introduzione al suo saggio Don Chisciotte nella Cultura russa (1720-1928, ricorda come  «l’Europa, sin dai tempi di Pietro il Grande, ha svolto una parte importante nell’indirizzare le riflessioni della classe dirigente e dell’intelligencija russa» (Sedda 2010: 9. Ma al tempo stesso il rapporto tra Russia ed Europa si è «sempre configurato come un rapporto critico, per sua natura dialogico» (ibid.: 9 e  «il campo privilegiato nel quale si è svolto tale rapporto è stato prevalentemente quello letterario» (ibid.: 9. Ecco che allora l’autrice ripercorre con grande acribia filologica le dinamiche di ricezione del capolavoro di Cervantes nella Russia già seicentesca e poi man mano nel periodo che va dal XVIII al XX secolo.

  9. Il colore e le dissolvenze nella relazione terapeutica della nuova pedagogia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicolò Schepis

    2002-12-01

    Full Text Available Il vissuto d'ogni persona è una rete d'eventi, episodi talvolta collegati, sconnessi, nondimeno zuppi e imbrigliati d'emozioni all'interno di una semiologia di sensi e non soltanto di significati concettuali, ma di sfumature, dissolvenze congiunte a logiche esistenziali. Mi chiedo come può un terapeuta classico sbirciare dalla sua scrivania, dalla propria stanza in bianco e nero, o da un lettino d'ospedale la densità delle tinte che scalpitano fuori nella vita del paziente o utente: modulazioni di una cultura, un vociare di parole e sguardi, racconti, passioni, vicende, fratture, suoni e sfocature stratificate nella memoria; capire, insomma, quell'altro che confonde o che assimila ai riflessi del suo sapere.

  10. Uno strumento per la creazione di valore nella realizzazione di edifici sostenibili: la certificazione LEED

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Rick Fedrizzi

    2014-06-01

    Full Text Available Il presente lavoro ha l’obiettivo di delineare gli aspetti chiave della sostenibilità in ambito edilizio focalizzando l’attenzione sul sistema di certificazione LEED® quale strumento “universale” di supporto per la realizzazione, gestione e valutazione di edifici sostenibili. Nella prima parte del lavoro si descrive la rapida diffusione della certificazione LEED nel recente passato quale diretta conseguenza della capacità di questo strumento di rating di adattarsi sia alle specifiche tipologie di edifici, sia alle diversità climatiche e morfologiche dei siti. Nella seconda parte si procede invece a presentare ed analizzare gli aspetti economico-finanziari degli edifici sostenibili con riferimento sia alle metodologie valutative applicabili, sia ai dati della letteratura. Partendo dalle esperienze internazionali in tema di sostenibilità, si procede successivamente a descrivere la situazione italiana, evidenziando la percezione del mercato e le opportunità di sviluppo future.

  11. regional del comportamiento de los hogares

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Eduardo Mendoza Cota

    2008-01-01

    desarrolla alguna actividad productiva invertirá en la ampliación u operación del negocio de la familia. Con base en información de la encuesta ENIGH 2004, se utiliza un modelo Probit y de prueba de hipótesis para estimar la existencia del uso productivo de las remesas en los hogares, aproximado por las variables ahorro, erogaciones financieras y liquidación de balances negativos. Los resultados no muestran diferencias en la utilización de remesas de otros ingresos, pero hay una determinación significativa sobre el ahorro y las erogaciones financieras, no así en la liquidación de balances negativos de negocios propios.

  12. Proteomica degli exosomi urinari per la ricerca di biomarcatori nella nefropatia diabetica e nelle tubulopatie ereditarie

    OpenAIRE

    Corbetta,

    2015-01-01

    Le urine costituiscono il fluido biologico di elezione nella ricerca di biomarcatori per le patologie renali in quanto possono essere raccolte in modo semplice e non invasivo; una strategia per la semplificazione del proteoma urinario è rappresentata dall’isolamento degli exosomi urinari (UE), nanovescicole di membrana (30-100 nm) rilasciate dalle cellule epiteliali nello spazio urinario. In questo lavoro abbiamo focalizzato l’attenzione sulla nefropatia diabetica (DN), una comune complicazio...

  13. Progettare l’osservazione sistematica nella scuola dell’infanzia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppa Cappuccio

    2014-12-01

    Full Text Available Come possiamo utilizzare l’osservazione sistematica e i dati acquisiti per aiutare gli insegnanti ad avvalersi di strumenti adeguati e a migliorare la loro pratica didattica?Il presente lavoro costituisce una guida per supportare gli insegnanti nella costruzione di strumenti di osservazione validi e attendibili che permettano di rilevare dati utili per migliorare le pratiche didattiche e propone le fasi di costruzione e di validazione di uno strumento di osservazione sistematica progettato e realizzato insieme a 31 insegnanti delle scuole dell’infanzia di Gela (CL. L’intervento è stato sperimentato negli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014 nell’ambito del progetto promosso dall’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP di Caltanissetta e il Primo Istituto Comprensivo di Gela finalizzato a promuovere la sicurezza domestica e trasformare gli stili di vita lavorando sulle aree di competenza linguistico-cognitiva, motoria ed espressivo-teatrale.

  14. Estudio macrosismico del terremoto del 18 de octubre de 1743 en la region central de Colombia

    National Research Council Canada - National Science Library

    Elkin de Jesus, Salcedo-Hurtado; Augusto Antonio, Gomez-Capera

    2013-01-01

    El 18 de octubre de 1743 ocurrio en el territorio colombiano uno de los terremotos historicos mas devastadores de la region central del pais, dejando graves danos en Santa Fe que desde 1740 acababa...

  15. LA FORMAZIONE DEGLI ETNICI NELLA RIFLESSIONE LINGUISTICA DI FRANCESCO CHERUBINI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Guerini

    2016-09-01

    Full Text Available Il presente contributo si propone di fornire una descrizione della struttura del Vocabolario Patronimico di Francesco Cherubini e delle fonti empiriche consultate per la sua compilazione. Si accennerà poi a due questioni ricorrenti nel dibattito sulla formazione degli etnici in italiano, ovvero, la presenza di varianti allomorfiche o suppletive, e la motivazione morfo-pragmatica sottesa all’impiego di alcuni suffissi derivativi nella formazione di etnici e aggettivi deonomastici, cercando di chiarire quale attenzione tali tematiche abbiano ricevuto nella riflessione linguistica di Francesco Cherubini. Si formuleranno infine alcune osservazioni conclusive, evidenziando luci ed ombre del Vocabolario Patronimico e sottolineando alcuni degli spunti che tale opera ancora può offrire agli studiosi contemporanei. The formation of ethnic words in Francesco Cherubini’s reflection on language  The aim of this paper is to describe the structure and contents of Francesco Cherubini’s Vocabolario Patronimico, as well as the empirical sources consulted for its compilation. We will address two of the most common issues in the debate on the formation of ethnic nouns and adjectives in Italian, namely the existence of allomorphs and supplementary variants, and the morpho-pragmatic motivation displayed by some of the derivative suffixes occurring in ethnic nouns and adjectives derived from both personal and place names. We will offer a few observations on the place occupied by the above-mentioned issues in Cherubini’s thought and, by analyzing the strengths and weaknesses of the Vocabolario Patronimico, we will draw attention to a few topics which may be of some interest to contemporary scholars.

  16. EL CONOCIMIENTO DEL TURISMO EN EL ÁMBITO REGIONAL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Valdés

    2011-01-01

    Full Text Available Este artículo tiene como objetivo analizar la estructura del conocimiento turístico en España, especialmente en el ámbito regional y más particularmente describir el funcionamiento del Sistema de Información Turística de Asturias (SITA como modelo de sistema de información turística para un espacio socioeconómico.

  17. La Cultura del Vino, motor del desarrollo sostenible de las regiones vitivinícolas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luisa González-SanJosé Ma

    2017-01-01

    Full Text Available Existen bastantes evidencias para vincular la cultura del vino con el entorno y el desarrollo sostenible. En primer lugar, destaca que la cultura del vino es el reflejo del aprovechamiento vitivinícola del medio y, por tanto, refleja su efecto sobre el desarrollo social y económico de las regiones, lo que es plausible a través del devenir histórico de las mismas. Más recientemente, el aprovechamiento de la cultura del vino para su explotación a través de las experiencias enoturísticas, ha supuesto una revalorización de muchos territorios, impulsando el desarrollo social y económico. La cultura del vino no es sólo el eje temático de la actividad enoturística, sino que es su base y pilar esencial, por tanto, se relaciona directamente con la sostenibilidad ambiental, económica y social que subyace tras el enoturismo. Además, es importante tener en cuenta que gran parte de la importancia de la cultura del vino se centra en las señas de entidad asociadas a cada territorio, que aportan características distintivas y singulares, contribuyendo a la sostenibilidad cultural. En España, ACEVIN y el Rutas del Vino de España son claros ejemplos de como la cultura del vino es un motor del desarrollo sostenible de las regiones vitivinícolas.

  18. I migranti nella letteratura italiana. Dall'assenza all'equivalenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Magnani

    2015-01-01

    Full Text Available La letteratura italiana si è caratterizzata per il sostanziale silenzio sul tema migratorio indicando, come rilevava Antonio Gramsci, l’atteggiamento elitario dei letterati di questo paese. Essi hanno lasciato alla produzione più commerciale il compito di testimoniare l’esodo che per oltre un secolo ha interessato la nazione. Intento del presente saggio è, partendo da uno sguardo alle posizioni critiche e disciplinari sul tema, analizzare il risorgere della tematica nella narrativa italiana contemporanea, soffermandosi su due romanzi: Il piatto dell’angelo di Laura Pariani, e Mare al mattino di Margaret Mazzantini. Alla ricomparsa dell’argomento migratorio nella letteratura italiana fa riscontro un analogo fenomeno in quella argentina cui il saggio farà riferimento per sottolineare le fondamentali differenze che determinano i filoni narrativi nei due paesi.

  19. Indagine statistico - epidemiologica degli incidenti stradali nella cittá di Messina (1998- 2002

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Saffioti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: gli incidenti stradali rappresentano un fenomeno rilevante nell’ambito della Sanità Pubblica. Essi costituiscono non solo un’importante causa di morbosità e mortalità, ma anche una rilevante causa di handicap nella popolazione. Notevole, quindi, l’impatto sociale ed economico del fenomeno, quantificabile in termini di costi sanitari e sociali sostenuti dalla collettività, tra i quali assumono un peso particolare quelli per spese mediche, danni materiali, mancata produttività.

    Obiettivi: raccogliere una casistica locale finalizzata a valutare il fenomeno degli incidenti stradali e le sue conseguenze dirette ed indirette nella città di Messina.

    Metodi: sono stati analizzati i dati relativi agli incidenti stradali occorsi nella città di Messina dal 1 gennaio 1998 al 31 dicembre 2002. I dati derivano dalle schede compilate per ogni incidente da parte dei comandi di Forze dell’Ordine intervenuti in occasione dei sinistri. Risultati: nel territorio oggetto di analisi, nel periodo 1998-2002, sono stati rilevati 12779 incidenti che hanno coinvolto 25798 veicoli e 942 pedoni, determinando 10626 feriti e 79 morti. Il rapporto di mortalità è 6.2, il rapporto di lesività è 831.5.

    Conclusioni: l’indagine conferma la rilevanza del fenomeno incidenti stradali nella città di Messina. Offre, quindi, prospettive interessanti di analisi e di predisposizione di piani di prevenzione.

  20. «Cum omnibus eorum cautelis, libris et scripturis». Privilegi di dedizione, scritture di conti, rendicontazioni e reti informative nella dissoluzione del Principato di Taranto (23 giugno 1464 - 20 febbraio 1465

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Airò

    2008-12-01

    Full Text Available Il saggio esamina il sistema delle scritture pragmatiche in adozione nel Principato di Taranto in età orsiniana (prima metà del XV secolo, non tuttavia mediante l'analisi diretta dei registri contabili e della produzione normativa superstiti ma attraverso una speciale lente di ingrandimento: la descrizione delle minute, molteplici pratiche di devoluzione del principato attuata alla morte di Giovanni Antonio del Balzo Orsini (1463 da un équipe di razionali della Sommaria, inviati in missione in Salento con lo scopo precipuo di riconnettere al demanio regio i beni patrimoniali, giurisdizionali e fiscali del principato. Lo sguardo retrospettivo del carteggio, la fonte qui specificamente oggetto d'esame, prodotto dall'interazione tra i razionali napoletani e i poteri politici locali del dominio ormai dissolto (amministratori, gestori di diritti, comunità, signori, ecc. consente così di cogliere dall'interno e nel concreto del suo funzionamento, strutture e meccanismi d'azione dell'ordinamento scritturale orsiniano. Offrendone, al contempo, una messa in rilievo delle complesse logiche generative, in definitiva: misurare, attingere, inventariare, e poi marcare e archiviare in una enorme base dati scritta entità, quantità, equivalenze numeriche e costituzione socio-economica dei luoghi (città, terre, casali, saline, masserie della vasta compagine territoriale infeudata dalla fine del Trecento ai del Balzo Orsini.

  1. Desigualdad del desarrollo regional en México

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrés Enrique Miguel Velasco

    2007-01-01

    Full Text Available El presente artículo analiza la manifestación de la equidad, la eficiencia y la sustentabilidad en las regiones de México, a partir de su desarrollo humano durante el periodo 1950-2003. Se propone como metodología la medición de las desigualdades regionales por medio de la entropía absoluta y relativa de los indicadores del desarrollo humano y la sustentabilidad. La hipótesis contrastada es que las desigualdades regionales producto del desarrollo han aumentado en México durante el periodo 1950-2003, y que en fechas recientes los desequilibrios identificados mediante la evaluación de la sustentabilidad regional aun tienden a ser mayores. Finalmente, trata de propiciar la reflexión acerca de cuáles pueden ser algunas de las causas que propician las desigualdades actuales de las grandes regiones mexicanas.

  2. Il potere euristico dell’agapismo nella filosofia di Peirce

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivo Assad Ibri

    2013-10-01

    Full Text Available La prima parte di questo saggio offre un’analisi del testo “La legge della mente”, in cui Peirce teorizza il potere di crescita e diffusione delle idee e formula la sua risposta alla classica domanda riguardo al modo in cui la mente possa influenzare la materia. A partire da un’analisi centrata sul duplice significato semantico della parola "affetto", il lavoro intende mostrare come la rottura da parte di Peirce con il dualismo cartesiano di mente e materia conduca a una sostanziale identità tra idealità e realtà per mezzo di una fusione metafisica di realismo e idealismo, in cui la materia viene considerata esclusivamente come un caso particolare della mente. La seconda parte mostra come le diverse forme di evoluzionismo discendano dalle tre categorie, ponendo in evidenza il concetto di agapismo, la dottrina dell’amore cosmico e creativo. Nella parte finale viene mostrato come il legame tra realismo e idealismo, così come le considerazioni di Peirce sull'evoluzionismo, costituiscano aspetti essenziali in vista di una giustificazione del successo storico della nostra capacità umana di elaborare congetture, ovvero di proporre ipotesi di successo per spiegare i fatti.

  3. Il ruolo dell'identità, del capitale sociale e delle certificazioni territoriali nello sviluppo locale dei territori minori: il caso di Pitigliano nella Regione Toscana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viviana Calzati

    2012-01-01

    Full Text Available The objective of this paper is to further understanding of the relationship between local community, identity, social capital and territorial certifications. More specifically, the investigation deals with the way in which the inhabitants of the Municipality of Pitigliano perceive and evaluate their town in terms of quality, the role they attribute to territorial certifications and the elements of the town or the area with which they feel the strongest ties. The town of Pitigliano wasidentified as a research area because it has characteristics that include it among the territories defined as "slow." In theseareas, new paths for development are identified in which identity, local history, social capital, cultural heritage, quality and beauty can become innovative factors that are able to promote not a tourist product, but ratheran endogenous development of the area in a sustainable manner.

  4. La città sotterranea e il suo ruolo nella mobilità urbana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mazzeo

    2008-12-01

    Full Text Available La città sotterranea è un elemento fondamentale nella struttura urbana. Soprattutto nelle grandi città essa assume connotazioni rilevanti nella pianificazione urbana in considerazione del fatto che rappresenta una risorsa e il suo impiego può incidere significativamente sull’efficienza del sistema urbano. Alcune città, a causa soprattutto della rigidità del clima, hanno progettato città sotterranee di grande complessità funzionale; esempi significativi sono Montreal, Toronto e altre città del Nord America. In Europa occidentale le realizzazioni associabili al concetto di città sotterranea sono più limitate e sono relative soprattutto alla realizzazione di infrastrutture per la mobilità urbana, come le reti metropolitane, i passanti ferroviari, i tunnel stradali e i parcheggi sotterranei. La funzione primaria di questi spazi è la riduzione e lo spostamento dalla superficie di quote di traffico e la trasformazione di ampie parti della città in aree verdi o in aree a maggiore qualità ambientale. In ogni modo è possibile sostenere che l’uso degli spazi sotterranei è ormai entrato a far parte della vita delle città moderne. L’articolo analizza alcuni dei fattori principali nella costruzione di questi spazi urbani; i costi e i benefici dell’uso di spazi sotterranei sono messi in relazione con gli aspetti psicologici e con la costruzione di modelli per la previsione dei percorsi degli utenti. La seconda parte dell’articolo mostra alcuni casi studio evidenziando le diverse necessità che hanno spinto e hanno guidato verso la scelta degli spazi sotterranei; una analisi più dettagliata è svolta sul caso di Montreal, che può essere considerato archetipo della citta sotterranea.

  5. Crisis del Café y el Desarrollo Regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aguilar Zambrano Luis Ignacio

    2003-08-01

    Full Text Available

    Aguilar, Luis Ignacio. "Crisis del Café y el Desarrollo Regional", cuadernos de Economía, V. XXII, n. 38, Bogotá, 2003, páginas 239-272.

    Este articulo describe y analiza la situación de precios internacionales del café y su impacto en el sector cafetero colombiano. Se plantea que con la forma tradicional de producción, el café ha dejado de ser rentable y se propone y una nueva forma de entender el papel del sector cafetero en el desarrollo económico. El trabajo señala la importancia de la reorganización del sector cafetero en colombia y centra su atencia en la estructura de la propiedad y en la dotacion de factores para que los productores sean mas competitivos en el mercado internacional. Para un caso particular en un departamento colombiano, se describen en el trabajo las orientaciones de instituciones públicas y privadas hacia sectores diferentes al cafetero, cuyo objetivo es la mejora de las condiciones de vida de la poblacion afectada.

  6. Il ruolo di Betlemme nella storia cristiana e nella posizione della Santa Sede

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Coppola

    2013-01-01

    SOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive e metodologiche - 2. Betlemme nella Bibbia - 3. Politica, cultura e religione: dalla dominazione romana alla disfatta dei mamelucchi - 4. Dall'occupazione turca ai nostri giorni; il predominio della storia politica - 5. La “nouvelle histoire” e la posizione della Santa Sede - 6. L'assedio israeliano alla Basilica della Natività - 7. Il “paradosso cristiano” e la città nascosta. Il muro della vergogna.

  7. Ozone studies in the Paso del Norte region

    Science.gov (United States)

    Becerra-Davila, Fernando

    The Paso del Norte region forms the largest contiguous bi-national conglomerate on the US-Mexico border. With a combined population of around 2 million inhabitants, the Paso del Norte region is isolated, more than 500 km away from the nearest urban area of comparable size, thus making it an ideal location for air quality studies of an isolated urban environment. The meteorological conditions leading to a high ozone episode in this region, such as the historical ozone episode of June 2006, are analyzed. It is well known that stagnation and minimal winds, high temperatures, and pressure ridges over the region are conducive to high ozone episodes. In addition, the planetary boundary height is studied to understand its impact on high ozone episodes. Several studies report that ground level ozone non-attainment regulations could be caused not only by local emissions, but also by atmospheric transport. In this work the atmospheric advection of pollutants into the region is analyzed using HYSPLIT backward trajectories. Furthermore, a novel backward trajectory clustering technique is implemented for the summer of 2006. The "ozone weekend effect" (OWE) is a phenomenon by which in some geographical regions ambient ozone concentrations tend to be higher on weekends than on weekdays, despite the lower emissions of ozone precursors during those days. The observed local OWE has never previously been studied in terms of the photolysis rates of four of the main ozone precursors. In this research a novel method that allows the calculation of actinic fluxes, photolysis frequencies and photolysis rates with a high degree of accuracy and reliability has been developed. This method utilizes a combination of the experimental data available for this region in conjunction with a radiative transfer model (TUV model). Three weekend-weekday cases during summers 2006, 2009 and 2010 are studied in this work. In this research, the photolysis impact on the local OWE is studied. The results

  8. Migrazioni a Nord. Visioni d’Occidente nella letteratura araba

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marianna Salvioli

    2011-11-01

    Full Text Available Comparando alcuni testi della letteratura odeporica araba, lo studio intende rovesciare la direzione dello sguardo Ovest/Est. Il viaggio appare un tema ricorrente nella tradizione araba: il viaggio ‘sacro’, il pellegrinaggio alla Mecca, che dà occasione ai geografi medievali di descrivere le terre e i climi che attraversano, è sostituito tra l’Ottocento e gli inizi del Novecento dalla missione di studio o viaggio ‘profano’ in Occidente. Le prime opere di rilievo della letteratura araba moderna sono costituite proprio dai resoconti di viaggio, in particolare in Europa. Tra questi, celebri i racconti di al-Tahtawi e al-Shidyaq, seguiti da opere come La stagione della migrazione a Nord di Tayeb Salih, sino ad arrivare alla letteratura contemporanea della migrazione scritta anche in lingue diverse dall’arabo. Il percorso proposto è segnato da una significativa evoluzione della scrittura e dei generi, dalla ripresa della maqama e della rihla nei primi autori, all’adozione della forma romanzo o della cronaca nei più tardi. In conclusione si noterà che, come l’Occidente crea il proprio Oriente, l’Oriente costruisce il proprio Occidente, e dunque l’analisi dell’imagerie che l’altro elabora su di noi è necessaria quanto la demistificazione della nostra rappresentazione dell’altro.

  9. L’immunogenicità nella cavia e nel cavallo di due formulazioni di un vaccino inattivato e adiuvato per la peste equina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Federico Ronchi

    2012-03-01

    Full Text Available L’efficacia di due vaccini monovalenti, inattivati e adiuvati per il controllo della Peste Equina, allestiti con i sierotipi 5 e 9, è stata saggiata su cavia per selezionare la formulazione con le migliori capacità immunogene. Nella formulazione dei vaccini sono state prese in considerazione: la risposta immunitaria evocata nella cavia e le proprietà infiammatorie di due diversi tipi di adiuvanti precedentemente saggiati nella specie di destino del vaccino.Il vaccino allestito con il sierotipo 9, saggiato in uno studio pilota su cavallo, si è dimostrato capace fin dalla prima somministrazione di stimolare la produzione di anticorpi neutralizzanti. La risposta anticorpale evocata ha subito un marcato rialzo dopo la somministrazione della dose di richiamo, effettuata dopo 28 giorni, perdurando per almeno 10 mesi. La cavia sembra essere un utile modello di laboratorio per la valutazione delle proprietà antigeniche dei vaccini contro la peste equina.

  10. Contrast-enhanced helical CT in sigmoid diverticulitis. Findings and impact on diagnosis and treatment; Ruolo della tomografia computerizzata spirale nella diverticolite del sigma e implicazioni diagnostico-terapeutiche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Scaglione, M.; Romano, L.; Pinto, A.; De Lutio di Castelguidone, E.; Giovine, S.; Pinto, F. [Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale A. Cardarelli, Naples (Italy). Dipt. di Diagnostica per Immagini; Forner, A.L. [Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale A. Cardarelli, Naples (Italy). Dipt. di Chirurgia d' Urgenza; Grassi, R. [Naples Univ. II, Naples (Italy). Ist. di Radiologia

    2000-03-01

    Aim of this retrospective study was to assess the capability of contrast-enhanced helical computerised tomography (CT) in sigmoid diverticulitis, especially relative to selection of the appropriate treatment. The findings of 41 patients were reviewed from 1998 to 1999 June. Contrast-enhanced helical CT is the imaging modality of choice in assessing mild or severe acute diverticulitis because it provides useful information for appropriate treatment planning in the emergency setting. This technique is most useful in questionable cases and in patients with suspected severe diverticulitis where a choice must be made between different treatment options. [Italian] Scopo di questo studio retrospettivo e' illustrare i molteplici aspetti radiologici della flogosi diverticolare sigmoidea con tomografia computerizzata (TC) spirale, con specifico riguardo alle implicazioni terapeutiche che scaturiscono dall'analisi e dal confronto dei reperti TC con i riscontri clinici e chirurgici. Sono analizzati e discussi i risultati dello studio di 41 pazienti consecutivi con diverticolite del sigma esaminati dal giugno del 1998 al giugno del 1999. La TC spirale ha fornito dettagli precisi sul danno anatomo-chirurgico dell'ansa e sulle strutture limitrofe coinvolte consentendo di differenziare la diverticolite lieve da quella grave. Il suo ruolo si configura nei pazienti critici difficilmente classificabili e nelle sospette diverticoliti gravi o complicate per la molteplicita' delle scelte terapeutiche.

  11. NUEVAS TERRITORIALIDADES DEL PROCESO DE INTEGRACIÓN REGIONAL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alicia Laurín

    2008-12-01

    Full Text Available El proceso de formación de bloques regionales iniciado a mediados del siglo XX ha dado lugar al desarrollo de una práctica política denominada regionalismo; práctica asumida por la mayoría de los Estados del mundo a su tiempo, aunque comenzó a manifestarse inicialmente en Europa. La Unión Europea es el antecedente más acabado de regionalismo en tanto que Mercosur, aun es incipiente. En conjunto el bloque conforma una región, pero una región que se distingue de otras por sus componentes, por su estatus político, por la legitimidad de las acciones, por el alcance territorial de las políticas, entre las principales distinciones. Por tratarse de agrupaciones de Estados, el territorio, las fronteras y el poder político, intervienen en su conformación, ya que esos elementos son constitutivos del Estado. No obstante esta particularidad, ese proceso de regionalización esta dando lugar a una nueva territorialidad, porque la regionalización contiene un principio de integración y en conjunto ambos presuponen la existencia de políticas integracionistas o bien regionalistas. Estas políticas han cambiado. En esta presentación se explica por que constituyen nuevas territorialidades, a partir de la comparación del proceso de formación del Estado moderno y el de formación de bloques regionales, centrando el análisis en el territorio del Mercosur. Complementariamente se aborda la práctica regionalista subnacional de Argentina, asociada a la formación Mercosur. El territorio ampliado y compartido desde la perspectiva económica, es la variación más notable y sustancial asociado a esos procesos. También la creación de regiones subnacionales funcionales a los bloques regionales, tales como la región patagónica.

  12. La dimora come microcosmo poetico-mitico nella scrittura autobiografica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2011-12-01

    Full Text Available La drammatizzazione delle sofferenze umane, colta nel movimento metaforico delle scritture di sé e negli stili narrativi utilizzati dai loro autori, sacralizza l’esistenza metamorfosizzando la vita nella forma estetica della scrittura. La scrittura della storia di vita diventa cerca di senso nella contemplazione dell’esistenza e nella speranza mitica di riunire ciò che è stato separato, il corpo in sofferenza con il corpo sociale, attraverso la creazione autopoietica dei soggetti che si autorizzano a divenire gli autori della propria autobiografia. Il viaggio nella scrittura autobiografica, divenendo discesa nell’intimità dell’essere, sollecita lo schema della discesa che genera l’archetipo della dimora mitica. L’immagine della dimora che alimenta lo spazio profano delle scritture di sé, le autobiografie di persone comuni, ordinando e strutturando la drammatizzazione di un corpo autobiografico.

  13. IL RUOLO DELLA COMMUNITÀ NELLA VITA SOCIALE, POLITICA E RELIGIOSA. NELLA FENOMENOLOGIA DEL DIRITTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    MOBEEN SHAHID

    2011-11-01

    Full Text Available Using some writings of Luisa Avitabile, I outline the Steinian vision upon State, law, community and person. The essay focuses on the spiritual community and the ethical values, especially, in the framework of an onto-phenomenological analysis after Edith Stein, the author who succeeded to approach the juridical question by relating it to an ethics of empathy.

  14. Il programma italiano di ricerche nella alta atmosfera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    l. BROGLIO

    1962-06-01

    Full Text Available La Commissione per le Ricerche Spaziali, nominata dal ConsiglioNazionale delle Ricerche diciotto mesi fa, ha intrapreso un programmadi studio dell'alta atmosfera a mezzo di razzi sonda. Questa ricerca,che nella attuale prima fase di lavoro e sviluppo deve essere consideratauna delle attività basilari della Commissione, aveva ed ha un duplicescopo: uno scopo diretto, immediato, che consiste nell'acquisizione didati scientifici, in maggior copia possibile, tali da ampliare ed approfondirele attuali conoscenze sulla struttura e sulla dinamica della altaatmosfera.Il secondo scopo è, se così si può dire, proiettato nel futuro. L'organizzazionepredisposta, sia in uomini che in attrezzature ed installazioni,per questa ricerca può considerarsi infatti come il nocciolo di unapiù ampia organizzazione che potrà operare negli anni successivi permaggiori e più impegnativi compiti.I fondi necessari per lo sviluppo del programma di ricerche nell'altaatmosfera sono stati forniti alla Commissione delle Ricerche Spazialiin base ad un accordo fra il C.N.R. e il Comitato Razzi e Missili delMinistero della Difesa, secondo il quale i due Enti si impegnavano acontribuire alle spese necessarie su base paritetica.II C.N.R. stipulò anche un accordo di natura scientifica con l'Entespaziale statunitense N.A.S.A., sia per ottenere dalla Commissione delleRicerche Spaziali un appoggio tecnico, sia per altre finalità di cui siparlerà più diffusamente in seguito.

  15. Il mandato intellettuale dei musicologi nella costruzione della cittadinanza europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppina La Face

    2013-12-01

    Full Text Available L’intervento, proposto come relazione di base nella Study Session "Transmission of musical knowledge: constructing a European citizenship"  (Roma, XIX congresso IMS, 6 luglio 2012, sostiene che è importante e utile – in termini educativi e politici – valorizzare presso tutti i cittadini dell’Unione Europea, e presso gli stranieri che ad essa accedono, quel patrimonio di musica d’arte (Kunstmusik, art music che della cultura europea costituisce uno dei tratti peculiari e distintivi, e che non si lascia certo ridurre alla mera dimensione dell’intrattenimento.Questo lascito presenta problematiche particolari, a cominciare dalla sua natura composita: c’è un patrimonio materiale fatto di oggetti che chiedono di essere conservati (strumenti, partiture, trattati, documenti, edifici adibiti alla musica; e c’è un patrimonio immateriale – vuoi estetico (opere ed eventi, ossia brani musicali eseguiti e ascoltati vuoi intellettuale (testi musicali, scritti sulla musica, saperi teorici e pratici, tecniche esecutive – che può sussistere soltanto se lo si coltiva e lo si trasmette.La conoscenza del patrimonio musicale europeo può essere un poderoso coefficiente di integrazione della cittadinanza europea: favorendo il riconoscimento di una tradizione musicale comune, aperta e multiforme, essa offre un quadro di riferimento comune alle molte tradizioni musicali locali del continente e nel contempo una chiave di comprensione – per analogia o per contrasto – ai gruppi di cittadini extraeuropei, portatori di culture musicali diverse, che puntano a integrarsi nell’Unione.In questo processo i musicologi possono svolgere un ruolo cruciale, sol che riconoscano tra i mandati della propria disciplina anche quello della formazione e trasmissione della cultura musicale: pedagogia e didattica della musica non sono discipline a sé, anzi bisogna che tornino ad essere un ramo portante, vigoroso e florido, sul tronco della musicologia. E per

  16. L’impatto farmacoeconomico del trattamento della schizofrenia con antipsicotici tipici ed atipici: l’esperienza di un DSM della Regione Sicilia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tommaso Federico

    2005-12-01

    Full Text Available Il presente lavoro è stato realizzato con il patrocinio del Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario dell.Assessorato per la Sanità della Regione Sicilia, nella persona del Dirigente Generale Dott. Saverio Ciriminna BACKGROUND: The comparatively high acquisition costs of the new antipsychotic drugs have induced the mental health community to look closely at their potential benefits. OBJECTIVE: To compare the clinical and economic outcomes associated with olanzapine, risperidone and typical neuroleptics treatment for schizophrenia. METHODS:Amulticenter, observational, two-years long, retrospective and prospective study was conducted with 229 psychotic patients (in charge by psychiatric Centers of Regione Sicilia - Italy. Clinical outcomes were assessed using changes in CGI (Clinical Global Impression and PANSS (Positive and Negative Syndrome Scale scores. The economic data collection included pharmacological and non-pharmacological resources consumption (hospitalizations, medical/nurse visits, etc.. The economic evaluation was conducted in the perspective of the Local Psychiatric Services. RESULTS: The results in terms of clinical performance indicated an advantage (statistically significant in the olanzapine group of patients. The pharmacological costs were significantly lower (p0,05. Treatment with olanzapine was associated with a lower non-pharmacological resources consumption and showed a general reduction (p<0,05 vs. risperidone of total treatment costs between 1st and 2nd year of observation. CONCLUSIONS:Within the context of the local health care Services, olanzapine appears to be the “dominant” therapeutic option compared with risperidone and typical neuroleptics. Treatment with risperidone appears to be “cost-neutral” compared with typical neuroleptics.

  17. Role of multimedial diagnosis of breast cancer in women below 36 year of age; Ruolo della diagnostica integrata nella diagnosi del carcinoma mammario nelle donne con eta' inferiore ai 36 anni

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciacco, Stefano; Brancato, Beniamino [Centro per lo studio della prevenzione oncologica, Firenze (Italy)

    2005-04-01

    mammography, 73.5% for ultrasonography and 90.9% for cytology (97.7% if inadequate samples were excluded), and overall sensitivity would be 96.1%. Conclusions: Differential diagnosis of breast cancer in women aged under 36 years is difficult, sensitivity being lower as compared to older women, with the only exception of cytology. The association of multiple tests (diagnostic imaging and cytology) is crucial to achieve an acceptable false negative rate. In particular, the extensive use of cytology in the presence of an even minimal doubt at palpation and/or imaging is strongly recommendable. Sensitivity must be calculated on the basis of an independent pathology registry, and false negatives must be defined within a given period after the test. Analysis limited to tests performed immediately before diagnosis leads to a biased over-estimation of sensitivity. [Italian] Scopo: Valutare la sensibilit� per carcinoma mammario delle diverse metodologie diagnostiche impiegate in una serie consecutiva di donne di et� inferiore ai 36 anni. Materiale e metodi: Analisi di 155 soggetti, con carcinoma incidente nel Registro Tumori Toscano dal 1985 al 2000. la sensibilit� delle metodiche � valutata rispetto all'esame pi� recente eseguito nell'anno precedente la diagnosi, in funzione di diverse variabili, quali le dimensioni del tumore e il periodo temporale. Risultati: La sensibilit� � risultata del 70.3% per l'esame clinico, 76.0% per la mammografia, 69.1% per l'ecografia e 80.6% per la citologia (86.2%, escludendo i prelievi inadeguati). La sensibilit� dipende dallo stadio per la clinica (pT1=60.6%; pT2=4=86.4%; {chi}2=10.2, p=0.001) e per l'ecografia (pT1=61.9%; pT2=4=92.0%; {chi}2=5.7, p=0.001) e dalla densit� radiologica del seno per la mammografia (densit� 50-100% =75.5%; 0-50 densit�=91.3%; {chi}2=1.85, p<0.17). Nei 112 casi esaminati con clinica, mammografia e citologia i tre metodi hanno avuto sensibilit� rispettivamente del 78.5%, 75

  18. Influencia de las regiones de estabilidad del biorreactor

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Isabel Cristina Paz Astudillo

    2011-07-01

    Full Text Available Influence of bioreactor stability regions in the efficient production of fuel ethanol Título corto: Influencia de las regiones de estabilidad en la producción de alcohol carburanteResumen Colombia ha desarrollado un proyecto ambicioso en la producción de alcohol carburante, y actualmente es uno de los países líderes de América Latina en la producción de biocombustibles. No obstante, algunas de sus plantas industriales productoras de etanol presentan problemas durante el arranque y la operación de los fermentadores, que afectan adversamente la productividad del proceso global. Estudios teóricos y experimentales demuestran que el comportamiento dinámico del proceso depende de los fenómenos de estabilidad que exhibe el sistema. En este trabajo se muestra la influencia de las regiones de estabilidad sobre la eficiencia del proceso tomando como criterios de evaluación índices de impacto económico y ambiental. Para esto, se realizó un análisis de estabilidad donde se tomó como parámetro de operación principal la velocidad de dilución. Se empleó un programa propio desarrollado sobre Matlab® para generar diagramas de bifurcación y de fase. El algoritmo de reducción de residuos (WAR desarrollado por la Agencia de Protección Ambiental de los Estados Unidos, y el software SuperPro Designer®, fueron utilizados respectivamente para hacer la evaluación ambiental y económica del proceso. Como resultado, se evidenció que los procesos continuos de fermentación se pueden llevar a cabo en diferentes regiones de estabilidad, y que las variables de respuesta, tales como el rendimiento, dependen de la región de operación seleccionada. Finalmente, se llegó a la conclusión de que la evaluación de la estabilidad de los procesos de fermentación debe incluirse en las etapas de diseño de bioprocesos para garantizar su buen desempeño.  Palabras clave: bioetanol, fermentación, análisis de estabilidad, impacto económico, impacto

  19. Territori del cibo e dell'energia. Gestione efficiente delle risorse nella smart city: nuovi temi di progetto / Food & energy-scape. Efficient Management of Resources in the Smart-City: New Themes for Urban Design

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Barbara Melis

    2015-07-01

    Full Text Available Nutrirsi e produrre energia per i propri fabbisogni sono aspetti intrinseci dell’abitare che, in epoca di smart city, la città deve affrontare in maniera sistemica rispetto alle risorse del proprio territorio per il benessere economico, ambientale e sociale della comunità. Il rilancio dell’importanza delle filiere corte, tanto in campo agroalimentare quanto in quello energetico puro, rimette in gioco gli equilibri interni del paesaggio costruito e ridefinisce le gerarchie nell’organizzazione della piattaforma produttiva, stimolando una riflessione su rinnovati temi di progetto in ambito urbano metropolitano. / In the smart city era, eating and producing energy for one’s own needs are intrinsic aspects of housing that, the city has to face in a systemic way in relation to the resources of its territory for the economic, environmental and social wellness of its community. The revival of the importance of short supply chains, both in the agrifood and in the pure energy fields, calls into play the internal balance of the built landscape and redefines the hierarchies in the organization of the production platform, stimulating a reflection on renewed themes of design in the urban metropolitan scope.

  20. Manuale utente del sistema di telemonitoraggio transtelefonico del paziente con scompenso cardiaco

    OpenAIRE

    Guerriero, Lorenzo; Piarulli, Andrea

    2010-01-01

    Il presente manuale ? stato realizzato allo scopo di guidare l'utente che si trova nella necessit? di dover utilizzare per la prima volta il sistema di telemonitoraggio transtelefonico del paziente con scompenso cardiaco.

  1. Watery Existence: immaginari dell’acqua tra arte e letteratura nella poetica modernista

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Gorgoglione

    2011-04-01

    Full Text Available L’acqua è nei secoli sempre stata un luogo di confine e soglia, sia nella valenza di frontiera politica tra nazioni, sia nel valore simbolico di passaggio tra vita e morte, tra mondo reale e aldilà, tra silenzio e narrazione. La poetica modernista si appropria di questo elemento rendendolo oggetto di riflessione ricorrente (Woolf, Eliot nonché simbolo di un’esistenza umana che dell’elemento acquatico conserva la duttilità, l’inconsistenza, la forza e la dissoluzione. Il presente articolo si sofferma sulle diverse implicazioni visive e letterarie che si sostanziano nell’immaginazione materiale dell’acqua. Essa rappresenta il desiderio creativo della narrazione (Virginia Woolf, The Waves, che si snoda fluidamente nei recessi della psiche umana, e che si contrappone all’aridità del silenzio che è mancanza di logos. Da rêverie di ricerca delle origini (To The Lighthouse l’acqua diventa desiderio di morte materna (death by water e di dissoluzione totale. Anche le arti visive rispondono a questo richiamo: nella nutrita serie di raffigurazioni pittoriche del personaggio di Ofelia (Margaret MacDonald,  W.G.Simmonds, Steck, l’acqua è elemento pittorico predominante, simbolo della propensione innata nell’uomo di varcare il limite tra l’umano e il divino, desiderio moderno di appartenenza totale al cosmo, all’uno-tutto, al molteplice.

  2. Incremento della Diffusione della TBC nella ASLRM E

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Di Rosa

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nell’ultimo decennio, anche nei paesi industrializzati, si è registrato un aumento dei casi di tubercolosi. Questo lavoro ha come obiettivo l’analisi dell’andamento della diffusione della tubercolosi nell’ambito della popolazione del Distretto B della ASL RM E, mediante l’elaborazione dei dati relativi alle notifiche di malattie infettive pervenute negli anni 2000 e 2001.

    Metodi: sono stati prese in considerazione le notifiche di casi di TBC pervenute negli anni 2000, 2001 alla Unità Operativa Epidemiologia e Profilassi del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della ASL RM E, relative e cittadini Italiani e Stranieri residenti nell’ambito territoriale del Distretto B (Municipi XIX e XX del Comune di Roma. I dati sono raccolti su supporto magnetico sono stati elaborati con software per elaborazioni dati (Access e Excel MICROSOFT per la determinazione dei tassi di incidenza grezzi, specifici e standardizzati.

    Risultati: sono pervenute 127 notifiche: Tassi grezzi; 1 Totale: 2000 = 15,67 per 100000, 2001 = 17,87 per 100000 abitanti; 2 cittadini Italiani: 2000 = 10.98 per 100000 abitanti,2001 = 11,65 per 100000; 3 Stranieri residenti: 2000 = 72,26 per 100000, 2001 = 132, 47. per 100000. Tassi standardizzati; 1 Totale: 2000 = 15,81 per 100000, 2001 = 20,97 per 100000; 2 cittadini Italiani: 2000 = 11.07
    per 100000 abitanti, 2001 = 11,7 per 100000 abitanti;
    3 cittadini stranieri: 2000 = 65,28 per 100000, 2001 = 109, 66 per 100000.

    Conclusioni: dal confronto con l’andamento delle notifiche nella ASL RM E dal 1996 a oggi si rileva un incremento delle notifiche di TBC. L’aumento è particolarmente evidente nell’ambito della popolazione immigrata. Con i dati a disposizione non è possibile valutare l’eventuale ruolo di fattori favorenti la diffusione della TBC, senza dubbio l’immigrazione gioca un ruolo rilevante in tale aumento.

  3. Sorveglianza e prevenzione nutrizionale nella popolazione giovanile della provincia di Livorno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.G. Rastelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: il Dipartimento di Prevenzione dell’AUSL di Livorno ha realizzato, nel triennio 2000-2002, progetti finalizzati alla prevenzione nutrizionale.

    Gli obiettivi fondamentali sono stati: (1 verificare e quantificare nella popolazione la presenza di alterazioni del peso corporeo e di malattie correlabili all’alimentazione; (2 prevenire squilibri nutrizionali qualitativi e quantitativi.

    Materiali e metodi: é stato somministrato un questionario
    a 2.000 studenti di 14-18 anni, per la rilevazione
    di (a caratteristiche antropometriche (peso corporeo e statura; (b malattie correlabili all’alimentazione; (c attività giornaliere abituali; (d abitudini e consumi alimentari.
    La presenza di alterazioni del peso corporeo è stata valutata attraverso il calcolo dell’Indice di Massa Corporea (I.M.C. secondo le indicazioni dell’O.M.S. e le raccomandazioni presenti nei (L.A.R.N..

    Risultati: sono stati raccolti 884 questionari, compilati rispettivamente da 428 femmine e 416 maschi. La valutazione della distribuzione delle classi di I.M.C. ha evidenziato i seguenti risultati: - nella popolazione maschile 33 soggetti (8 % sono in sottopeso, 309 (74 % normopeso, 66 (16 % in sovrappeso e 8 (2 % obesi; - nella popolazione femminile 52 soggetti (12,1 % sono in sottopeso, 330 (77,1 % normopeso, 46 (10,3 % in sovrappeso di cui 2 obese (0,5 %. Il confronto fra i consumi alimentari abituali e i livelli di attività fisica mediamente svolti indica la presenza di errori energetici e nutrizionali sistematici: la dieta abituale appare sbilanciata in nutrienti, tendenzialmente iperproteica, iperlipidica, a basso contenuto di carboidrati disponibili e iperfosforica.

    Conclusioni: dallo studio emerge l’incremento della quota di popolazione obesa e in sovrappeso, mentre i soggetti in sottopeso rappresentano il 10% della popolazione. Considerando che

  4. La protezione antiarea del patrimonio artistico umbro nella seconda guerra mondiale: il caso di Orvieto / The air-raid protection of Umbria’s cultural heritage during the WWII: the case of Orvieto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrizia Dragoni

    2013-05-01

    Full Text Available A partire dalla fine degli anni ’20 del Novecento, il Ministero dell’Educazione Nazionale inizia ad adottare misure di sicurezza per la protezione dei monumenti e delle opere d’arte nell’eventualità di un nuovo conflitto, predisponendo la preparazione di appositi piani. Tutte le Soprintendenze italiane vengono chiamate a realizzare elenchi delle opere mobili che avrebbero dovuto essere trasferite in depositi appositamente individuati per il loro isolamento e la distanza dagli obiettivi militari, mentre i monumenti avrebbero dovuto essere protetti con blindature e sacchi di sabbia. Il lavoro presenta un’analisi dei piani che vennero prodotti in Umbria dal soprintendente Achille Bertini Calosso e, in particolare, illustra il caso della città di Orvieto.   Since the late twenties, the Italian Ministry of National Education adopted safeguard measures for the protection of monuments and works of art in the event of armed conflict through the preparation of specific preservation plans. All Superintendents were asked to realize lists of mobile works of art to be transferred to repositories specifically selected for their isolated location and distance from military objectives, while monuments should have been protected by elaborate brickwork and sandbags. The paper provides a detailed analysis of the plans that were produced in Umbria by the Superintendent Achille Bertini Calosso, with a special focus on the case of the city of Orvieto.

  5. Neurogenesi del controfattuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Calabrese

    2013-06-01

    Full Text Available Lo studio delle morfologie cui è ricorsa la letteratura per l’infanzia occidentale si spiega anche alla luce delle recenti scoperte in merito al pensiero controfattuale dei bambini, ossia il riferimento da un lato a ciò che non esiste, che potrebbe avvenire in futuro o che sarebbe potuto avvenire in passato se si fossero date condizioni differenti, dall’altro a mondi inesistenti e del tutto implausibili, come testimoniato dal genere fantasy. Contrariamente a quanto sostenuto da Piaget, le neuroscienze identificano oggi nella corteccia pre-frontale la regione cui si riconoscono prerogative tradizionalmente antitetiche quali la pianificazione delle azioni, la progettualità e l’immaginazione.

  6. Mortalitá per tumori nella Provincia di Palermo (anno 2000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Cusimano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: in Italia la percentuale di popolazione coperta da Registri Tumori nel meridione è inferiore rispetto alle aree del centro-nord: la disponibilità di dati aggiornati di mortalità per tumori nella Provincia di Palermo (1 milione e 250mila abitanti di cui 700mila residenti nella città di Palermo acquista in tale contesto il duplice significato di indicatore di morbosità, al fine di valutare le risorse necessarie a questo settore dell’assistenza sanitaria, e di elemento informativo per la prossima realizzazione del Registro Tumori della Provincia di Palermo.

    Materiali e metodi: dal Registro delle Cause di morte dell’anno 2000 sono stati identificati, per i deceduti residenti a Palermo e negli 81 comuni della Provincia (morti nel comune di residenza o in comune diverso, i record relativi ai codici compresi tra 140 e 239 (Settore II, Tumori della IX Revisione della Classificazione Internazionale delle Malattie. Sono stati calcolati i tassi di mortalità specifici per sesso ed età utilizzando la popolazione residente al 1/1/2000 (ISTAT e i tassi standardizzati utilizzando la popolazione italiana al censimento del 1981. Risultati: nel 2000 nella Provincia di Palermo sono stati osservati 2863 decessi per tumore (1636 maschi e 1227 femmine. Il tasso di mortalità standardizzato è risultato pari a 231.5/100mila nei maschi e 169.7/100mila nelle femmine. Nel comune di Palermo la mortalità è superiore a quella osservata nei comuni della provincia, sia nei maschi (276.8 vs 187.4 che nelle femmine (180.0 vs 158.8

    Conclusioni: i dati di mortalità per tumore costituiscono un importante indicatore di morbosità, particolarmente in assenza di dati di incidenza. L’osservazione che la provincia di Palermo mostra una mortalità per tumori simile a quella riportata dai Registri del centro Italia (Macerata, Umbria, Sassari e superiore a quella riportata dal Registro di Ragusa

  7. Gioco e disabilità: l’ICF-CY nella progettazione didattica inclusiva nel nido e nella scuola dell’infanzia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Chiappetta Cajola

    2014-09-01

    Full Text Available Nell’ambito della dialettica sul rapporto tra gioco e disabilità, la presente ricerca si interroga sulla possibilità e sull’efficacia dell’impiego dell’ “International Classification of Functioning, Disability and Health for Children and Youth” (ICF-CY nelle procedure di osservazione sistematica nel nido e nella scuola dell’infanzia per rilevare informazioni descrittive degli aspetti del funzionamento umano propri dei/lle bambini/e con disabilità durante le attività di gioco e nell’interazione con l’ambiente circostante.In tale quadro, lo studio fornisce, in particolare, dati quali-quantitativi su alcune tipologie di gioco da considerare per la progettazione didattica inclusiva e presenta un set di strumenti di osservazione e analisi su base ICF-CY.

  8. Viaggiatori per “diporto” nella Napoli di antico regime

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Avallone

    2010-10-01

    Full Text Available Per il periodo preunitario siamo ancora lontani dall’idea di turismo nell’accezione attuale e ancor di più non si può parlare di turismo di massa. Operatori turistici come Thomas Cook arriveranno in Italia solo nella seconda metà dell’800 quando ormai è in declino il Grand Tour. Diffusosi a partire dal XVII, il Grand Tour era inteso come quel lungo viaggio nell'Europa continentale effettuato dai ricchi giovani dell'aristocrazia britannica e destinato a perfezionare la loro educazione con partenza ed arrivo in una medesima città. Questo viaggio poteva durare dai pochi mesi fino a 8 anni. Le destinazioni principali erano la Francia, l'Olanda, la Germania, ma aveva come obiettivo privilegiato l'Italia e Roma, e di norma includeva le tappe di Venezia, Firenze, Bologna, Pisa e Napoli. Durante il Tour, i giovani imparavano a conoscere la politica, la cultura, l'arte e le antichità dei paesi europei. Passavano il loro tempo facendo giri turistici, studiando e facendo acquisti. L'Italia con la sua eredità della Roma antica, con i suoi monumenti, divenne uno dei posti più popolari da visitare. Oltre alla conoscenza del mondo antico gli Inglesi vennero così a contatto con le opere di Palladio e con il Neoclassicismo. Napoli, soprattutto quando divenne Capitale con l’arrivo della dinastia borbonica sul trono, era tra le mete finali dei grandtouristi. Oltre alle bellezze naturali e al tepore del clima mite durante tutto l’anno, l’élite culturale europea era interessata alla storia e all’arte del sud della penisola. L’Italia meridionale raccoglieva l’eredità della Magna Grecia e le suggestioni dell’Impero Romano, che si potevano ammirare sia a est che a ovest della città. Ma c’erano anche il Vesuvio, la Solfatara, i Campi Flegrei, luoghi legati ad eventi impressionanti e scientificamente ancora non provati, e che sollecitavano la curiosità di naturalisti, studiosi di flora e fauna ma anche di pittori e artisti in generale

  9. Momenti nella vita di uno scienziato

    CERN Document Server

    Rossi, Bruno

    1987-01-01

    Nel giro di pochi decenni, la nostra visione del mondo fisico, dal mond subatomico al mondo del cosmo, ha subito una profonda evoluzione. In questo libro, uno degli scienziati che hanno contribuito a tale sviluppo narra la storia della sua vita e del suo lavoro.

  10. Experimental methods in bio electromagnetic research; Metodologie sperimentali nella ricerca bioelettromagnetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lovisolo, G.A.; Ardonio, L.; Asta, D.; Galloni, P.; Pinto, R.; Marino, C. [ENEA, Casaccia (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-08-01

    The Who Organization in 1997 have underlined the necessity of increase the experimental activities 'in vivo' and 'in vitro' for assessment of biological risk exposure to electromagnetic fields. Standardization for reference conditions and evaluation of uncertainty in measuring methods are explained in this paper. [Italian] Con la necessita' espressa dall'OMS nella riunione della fine del 1997 di promuovere attivita' sperimentali 'in vivo' e 'in vitro' per valutare il rischio di esposizione ai campi elettromagnetici, si presenta il problema della completa caratterizzazione delle condizioni di esposizione, da cui la realizzazione di sistemi espositivi con requisiti ben definiti. A tal uopo sono stati messi a punto sistemi per riprodurre le condizioni di esposizione in campo lontano ed altri per quella localizzata, tipica di dispositivi di comunicazione mobili. Sono state inoltre pubblicate linee guida CENELEC relative alle procedure di test per la verifica di conformita' dei dispositivi mobili. Sono da standardizzare le condizioni di riferimento (tesa antropomorfa con o senza braccio, casi canonici quali il cubo, multistrato, ecc.) e le valutazioni sull'incertezza dei valori misurati. In generale nella dosimetria sperimentale le operazioni di misura sono eseguite utilizzando fantocci dielettrici riempiti di materiale simulante i tessuti (cervello, muscolo, osso, ecc.) alle frequenze di interesse ed esposti a sorgenti 'ad hoc'.

  11. Il rapporto d'indicazione nella ricerca visuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Maggi

    2009-07-01

    Full Text Available Cosa cambia nella progettazione di un piano della ricerca quando introduciamo l'elemento-dato visuale come materiale empirico fondamentale su cui ruota l'indagine scientifico-sociale? Più specificatamente cosa cambia nel rapporto d'indicazione quando ad essere collegate al concetto generale sono delle immagini-indicatori? In questo articolo tenterò di rispondere a questo non semplice interrogativo sostenendo la tesi che nella ricerca visuale si compie, necessariamente, una semplificazione logico-semantica o meglio un accorpamento delle fasi logico-procedurali che intercorrono nel classico processo di scomposizione dei concetti teorici in referenti empirici.

  12. Las ciudades y regiones, la realidad territorial del desarrollo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmenza Saldías Barreneche

    2009-05-01

    Full Text Available La ciudad es el lugar real de la sociedad, donde la población vive y realiza sus actividades. Desde su creación, está ligada al campo, que la hace sostenible y productiva, que le aporta agua, servicios ambientales, alimentos, fuentes de empleo e insumos para transformación e intercambio, conformando una estructura diversificada y soportada en factores endógenos de producción y consumo, condiciones estratégicas para la dinámica económica urbana. Pero, la expansión incontrolada a costa de las áreas rurales tiene límite: la viabilidad de la vida humana en condiciones adecuadas en un territorio dado. Ante los riesgos y costos ambientales, económicos y sociales que pagarían las generaciones futuras de seguir esta tendencia, parece oportuno rectificar. El modelo de ocupación territorial de la Sabana del río Bogotá, de ciudades en red en un ámbito urbano rural, permitiría recuperar el equilibrio ecológico, la productividad económica y la equidad social, así mismo favorecer la gobernanza y la integración en la Región Capital./ The city is the real place in society where people live and perform their activities. Since its creation linked to the field, which makes it sustainable and productive: providing water, environmental services, food, employment and sources of inputs for processing and exchange, forming a diverse structure and supported by endogenous factors of production and consumption, conditions for strategic urban economic growth. But sprawl at the expense of rural areas limits the viability of human life under proper conditions in a given territory. Given the environmental risks and costs, social and economic future generations would pay to continue this trend, it seems appropriate to rectify. The model of territorial occupation of the Sabana del Río Bogotá, urban network in a rural area, would restore the ecological balance, economic productivity and social equity and promote good governance and integration into the

  13. [Levels of trace elements in the fruits and vegetables from the so-called Land of fires in Campania Region (Southern Italy)].

    Science.gov (United States)

    Esposito, Mauro; Cavallo, Stefania; Rosato, Guido; Chiaravalle, Eugenio; Miedico, Oto; Pellicanò, Roberta; Soprano, Vittorio; Baldi, Loredana

    2016-01-01

    INTRODUZIONE: una vasta area compresa tra le province di Napoli e Caserta nella regione Campania ha negli ultimi anni attirato l'attenzione dei mass media a causa degli interramenti illeciti di rifiuti di varia origine nei campi o del loro abbandono lungo le strade. A tali pratiche illecite si aggiunge il fenomeno dei roghi incontrollati di questo materiale, motivo per il quale la zona è stata soprannominata "Terra dei fuochi". OBIETTIVI: ricerca di elementi in tracce presenti nei prodotti alimentari di origine vegetale prodotti nella Terra dei fuochi. DISEGNO E SETTING: piano di monitoraggio per il rilevamento dei livelli di alcuni metalli tossici ed essenziali nei vegetali coltivati in Campania nella Terra dei fuochi. La determinazione dei microelementi è stata effettuata dopo mineralizzazione della sostanza organica mediante microonde, utilizzando la spettrometria di massa a plasma induttivamente accoppiato (ICP-MS). RISULTATI: durante l'attività di monitoraggio sono stati raccolti 65 campioni di ortaggi e 49 campioni di frutta in 43 comuni rientranti nella Terra dei fuochi. Il contenuto medio di metalli tossici, cadmio e piombo nei prodotti ortofrutticoli è risultato ben lontano dai limiti massimi fissati dalla normativa europea. I valori delle concentrazioni sono significativamente inferiori rispetto a quanto riscontrato in zone ad alto impatto ambientale a causa della presenza di impianti industriali. CONCLUSIONI: la presenza di elementi tossici o potenzialmente tali nei campioni vegetali prodotti nella Terra dei fuochi è attribuibile a una varietà di fattori ambientali rilevanti (caratteristiche geologiche dell'area, inquinamento del suolo, dell'atmosfera e delle acque di irrigazione, pratiche illecite di smaltimento dei rifiuti industriali); non sembra, tuttavia, sussistere un rischio per la salute dei consumatori. Resta comunque l'allerta per la loro presenza nell'ambiente e la necessità che le attività di monitoraggio continuino.

  14. Angelica, la forma del desiderio nella letteratura contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carolina Pernigo

    2013-05-01

    Full Text Available The aim of the article is to demonstrate how the beautiful heroine of Ludovico Ariosto’s Orlando Furioso continued after the Renaissance to charm the collective imagination, becoming a successful literary myth. Above all, during the 20th and the 21st century Angelica, incarnation of unreachable desire, grows more and more complex, taking on all the contradictions and inconsistencies of the present day. A previously evanescent creature, she becomes a flesh and blood woman, victim of her own selfishness and of a regained corporeality. In an age of crisis of values, things couldn’t be different. A comparative reading of the novels which – whether consciously or unconsciously –summon Ariosto’s character goes to show that every writer, through their book, creates a new Angelica, perfectly recognisable but ever original and different from the others. All of them however, just like the first, are perturbing figures who strongly influence the surrounding reality.

  15. Il valore del piuccheperfetto nella lingua della stampa Italian contempiranea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    1966-12-01

    Full Text Available Partiamo dal presupposto valido per un campo seniantico: se introduciamo nel campo semantico un elemento nuovo, il campo si tiorganizza, vale a dire, un cambiamento semantico di un elemento influisce, sulla semantica di altri elementi, o almeno di quelli  piú vicini. Se è così, anche la sparizione di un elemento provoca una nuova spartizione o una nuova delimitazione dei concetti di tutto il campo semantico almena degli elementi più vicini.

  16. Pci e migrazioni interne nella Torino del “miracolo”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michelangela Di Giacomo

    2012-02-01

    Full Text Available This paper aims at discussing the evolution of the Communist Italian Party’s theoretical and political approach with the reference to the internal migrations occurred in Italy during the ’60s. The point of view is Turin, the capital of the automotive industry, where politicians had to manage the social, economic and urban transformations brought by a significant flood of people moving from the South. Our thesis is the following: firstly interested in internal immigration for electoral reasons, afterwards the PCI increased its interest, and it started considering immigrants as a specific part of society with its own needs. The consequence was a double approach: in the factory identifying immigrants with the working class through the same struggle against owners; in the city, enhancing immigrants’ unrest and protecting their claims.

  17. Il principale ingrediente nella cucina del sacrificio greco… in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Testa

    2010-06-01

    Full Text Available Starting with a presentation about the conclusions of the important and innovative book Saggio sul misticismo greco (1965 by D. Sabbatucci, this article attempts to review the state which was that of the studies on Greek mysticism - and similar matters such as orphism and dionysism - in France between the sixties and the eighties. The text continues analysing the influence and the weight of Sabbatucci's thesis over M. Detienne's and J.-P. Vernant's works about those topics. The last pages actually try to highlight the scientific debt these French scholars have incurred towards the Italian historian of religions.

  18. Funktionskreis e Gestaltkreis: la metafora del circolo nella biologia teoretica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Tedesco

    2014-12-01

    Full Text Available This paper aims to examine the use of the circle metaphor within the functionalist perspective by Jakob von Uexküll and the morphological perspective by Viktor von Weizsäcker. Whereas the functionalist theory dissolves the unity of the organism in the multiplicity of functional relationships, Weizsäcker’s morphology recognizes the fundamental unity of the biological act, leading to a new concept of the living organism.

  19. La «Marcia dei martiri»: la traslazione nella cripta di Santa Croce dei caduti fascisti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Staderini

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio ricostruisce la cerimonia del 27 ottobre 1934 per la traslazione nella chiesa di Santa Croce a Firenze dei corpi di trentasette «martiri» fascisti fiorentini, tutti squadristi morti negli scontri del primo dopoguerra. La cerimonia, inse- rita nel culto dello squadrismo che il regime accentua all’inizio degli anni Trenta, vede la Firenze fascista mobilitata in tutte le sue organizzazioni per la perfetta riuscita del rito, al quale partecipa anche Mussolini. Il saggio ricostruisce la giornata del 27 ottobre 1934 attraverso documentazione d’archivio e i commenti della stampa coeva, tutti tesi ad esaltare quel senso vitale e costruttivo per il cammino della ‘rivoluzione’ verso nuove mete che, secondo la liturgia fascista dei caduti, emanava dal ‘sacrificio’ dei primi squadristi.

  20. Le tentazioni di un genere : sul fantastico nella narrativa di Tabucchi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrizia Farinelli

    2007-12-01

    Full Text Available Nella rielaborazione di Tabucchi del genere fantastico, l'evento strano e inspiegabile non crea una sovrapposizione di due realtà inconciliabili, semmai richiama l'attenzione su una realtà già in partenza permeata di illogico e quindi inafferrabile. Anche l'esitazione del protagonista di fronte a tale evento appare ridotta e di conseguenza limitata la sua ricerca di spiegazioni razionali. La quete del personaggio tabucchiano non si indirizza ali' evento strano e inspiegabile, ma piuttosto al passato ìrrisolto che questo fa riaffiorare. In questo senso i criteri indicati da Todorov come basilari per i riconoscimento del genere non tengono più pienamente. Indubbio è tuttavia che, pur in presenza delle trasformazioni indicate, diverse strategie narrative del fantastico continuano ad essere utilizzate da Tabucchi per costruire una dimensione multipla, sia a livello di storia che di discorso. Proprio perché la scrittura postmodema fa delll' ambiguità momento centrale di riflessione, non può non essere tentata (e sedotta dal fantastico.

  1. Ruolo della Interleuchina-6 nella colite ulcerosa long-standing: regolazione della p53 ed induzione delle cellule mesenchimali epiteliali

    OpenAIRE

    Liguori, Giuseppina

    2013-01-01

    L’infiammazione cronica è un fattore di rischio di insorgenza del cancro, e la citochina infiammatoria IL-6 gioca un ruolo importante nella tumorigenesi. In questo studio abbiamo dimostrato che L’IL-6 down-regola l'espressione e l'attività di p53. In linee cellulari umane, IL-6 stimola la trascrizione dell’rRNA mediante espressione della proteina c-myc a livello post-trascrizionale in un meccanismo p38MAPK-dipendente. L'up-regolazione della biogenesi ribosomiale riduce l'espressione di p53 a...

  2. The role of Multidetector CT in the evaluation of the left atrium and pulmonary veins anatomy before and after radio-frequency catheter ablation for atrial fibrillation. Preliminary results and work in progress.Technical note; Il ruolo della TC Multidetettore nella valutazione anatomica dell'atrio sinistro e delle vene polmonari prima e dopo ablazione percutanea con radiofrequenza della fibrillazione atriale. Risultati preliminari e work in progress

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Centoze, Maurizio; Della Sala, Sabino Walter; Dalla Palma, Francesco [Azienda Provinciale per i servizi sanitari, Trento (Italy). Dipartimento di radiodiagnostica; Del Greco, Maurizio; Marini, Massimiliano [Ospedale S. Chiara, Trento (Italy). U.O. di cardiologia; Nollo, Giandomenico; Ravelli, Flavia [Trento Univ., Trento (Italy). Dipartimento di fisica

    2005-07-15

    Radio-frequency catheter ablation (RFCA) of the distal pulmonary veins is increasingly being used to treat recurrent or refractory atrial fibrillation that doesn't respond to pharmacologic therapy or cardioversion. Successful RFCA of atrial al fibrillation depends on the pre-procedural understanding of the complex anatomy of the distal pulmonary veins and the left atrium. Aim of this parer is to describe the technical main features that characterise the multidetector helical computed tomography in the evaluation of this anatomic region before and after RFCA procedure. The 3D post-processing techniques useful for pre-RFCA planning are straightforward. [Italian] La ablazione percutanea con radiofrequenza (RFCA) del tratto distale delle vene polmonari nella fibrillazione atriale, che non risponde al trattamento farmacologico e alla cardioversione elettrica, e una procedura in grande sviluppo. Il successo del trattamento dipende dalla comprensione della complessa anatomia delle vene polmonari e dell'atrio sinistro. Lo scopo di questo articolo e illustrare gli aspetti tecnici fondamentali che caratterizzano lo studio di questa regione anatomica con TC spirale multidetettore prima e dopo RFCA. Particolare risalto e stato rivolto alle tecniche di post-processing 3D estremamente utili nella pianificazione della procedura di ablazione.

  3. Sconfinamenti tra generi nella narrativa spagnola tra Otto e Novecento: alcuni esempi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Siviero

    2011-07-01

    Full Text Available La prefazione è un elemento paratestuale ricco di contraddizioni, paradossi e tranelli per il lettore. Un caso interessante è quello delle prefazioni che fanno parte integrante del gioco finzionale, come quelle anteposte alle false scritture autobiografiche, molto praticate nella Spagna tra Otto e Novecento. Qui l’autore lancia la sua sfida al lettore fingendo un’identità altra o mascherandosi e mettendo in pratica degli sconfinamenti tra generi. L’articolo propone l’analisi delle prefazioni autoriali e/o fittiziamente autoriali presenti in quattro opere narrative scritte tra la seconda metà dell’Ottocento e il Novecento (Mariquita y Antonio e Pepita Jiménez di Juan Valera, Jusep Torres Campalans di Max Aub e Quizá nos lleve el viento al infinito di Gonzalo Torrente Ballester, che si rivelano delle ingegnose, ambigue e complesse trappole argomentative.

  4. L’imprevisto e la confusione: metodo e teoria nella Sarajevo sotto assedio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivana Maček

    2015-03-01

    Full Text Available In questo articolo spiego come l’antropologia della guerra possa fare buon uso di una particolare combinazione di metodi filosofici e sociologici, ossia la fenomenologia e la grounded theory. Il caso analizzato riguarda l’assedio della capitale della Bosnia-Erzegovina, Sarajevo, nei primi anni Novanta. Inizierò illustrando il contesto del conflitto nella Bosnia-Erzegovina, una della serie di guerre che ha portato alla dissoluzione della Jugoslavia. Mi sposterò poi a Sarajevo e mi concentrerò sul mio lavoro etnografico durante la guerra, da cui emergono gli approcci metodologici che ho usato per raccogliere i dati e per costruire interpretazioni significative sia sul piano scientifico sia su quello locale. Vale a dire significative per i miei colleghi, per altri esperti internazionali e per gli abitanti Sarajevo.

  5. Modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC

    OpenAIRE

    Carlos Hernán González Campo; Henry Antonio Saltaren Quiñónez; Nubia Mercedes Arenas Quiñones

    2010-01-01

    El conocimiento es el activo más importante que posee una organización, en particular para las Autoridades Ambientales, el presente artículo de investigación tiene como objetivo presentar un modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC y el diseño de una propuesta para la gestión de conocimiento organizacional, ambos resultantes de la investigación interpretativa basada en el paradigma constructivista utilizados en la meto...

  6. Modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC

    OpenAIRE

    Carlos Hernán González Campo; Henry Antonio Saltaren Quiñónez; Nubia Mercedes Arenas Quiñones

    2010-01-01

    El conocimiento es el activo más importante que posee una organización, en particular para las Autoridades Ambientales, el presente artículo de investigación tiene como objetivo presentar un modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC y el diseño de una propuesta para la gestión de conocimiento organizacional, ambos resultantes de la investigación interpretativa basada en el paradigma constructivista utilizados en la meto...

  7. NUEVAS TERRITORIALIDADES DEL PROCESO DE INTEGRACIÓN REGIONAL

    OpenAIRE

    Alicia Laurín

    2008-01-01

    El proceso de formación de bloques regionales iniciado a mediados del siglo XX ha dado lugar al desarrollo de una práctica política denominada regionalismo; práctica asumida por la mayoría de los Estados del mundo a su tiempo, aunque comenzó a manifestarse inicialmente en Europa. La Unión Europea es el antecedente más acabado de regionalismo en tanto que Mercosur, aun es incipiente. En conjunto el bloque conforma una región, pero una región que se distingue de otras por sus componentes, po...

  8. COMOVIMIENTO REGIONAL DEL EMPLEO DURANTE EL CICLO ECONÓMICOEN MÉXICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcelo Delajara

    2011-01-01

    Full Text Available Determinamos el grado de comovimiento del empleo durante el ciclo económico entre las regiones de México mediante un análisis de la covarianza de las perturbaciones en los ciclos del empleo regional entre julio de 1997 y octubre de 2009. El empleo se mide por el número de trabajadores permanentes asegurados en el Instituto Mexicano del Seguro Social. La descomposición en tendencia y ciclo y la matriz de varianza-covarianza de las perturbaciones en los ciclos del empleo regional se obtienen de la estimación —por el método de espacio de estados— de un modelo estructural multivariado de las series de empleo. Encontramos que, exceptuando a unas pocas regiones, el comovimiento del empleo es alto y que la varianza de las perturbaciones en los ciclos regionales está asociada mayormente con las fluctuaciones del empleo nacional. Sin embargo, no encontramos pruebas de un ciclo común subyacente, por lo que el comovimiento del empleo tendría su origen en la propagación interregional de choques específicos.

  9. El legado de Westfalia y la emergencia del postwesfalianismo en la seguridad regional de América del Sur

    OpenAIRE

    Oliveira, Marcos Aurélio Guedes de; Domínguez Ávila, Carlos Federico

    2013-01-01

    El presente artículo discute el legado de Westfalia y la emergencia de una realidad postwestfaliana en los primeros años del siglo XXI; ello con el propósito de aproximarse a los estudios de la seguridad regional vigente en América del Sur. Con base en acontecimientos históricos, sociales, políticos y económicos, se constata que las naciones sudamericanas aún están construyendo sus respectivos estados westfalianos fundamentados en instituciones nacionales modernas. Al mismo tie...

  10. Regional estimation model of the synthetic hydrographs for flood protection planning; Una metodologia di stima indiretta degli idrogrammi sintetici per il progetto di opere di difesa idraulica del territorio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellarin, C.; Maione, U.; Mignosa, P.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    2001-06-01

    In the present paper a regional estimation model of the synthetic hydrographs for the analysis of flood protection problems is proposed. The method is based on the regional estimation of both the flow duration reduction curve and the temporal location of the peak value in each duration. For the estimation of the reduction curve different models of stochastic and empirical derivation have been considered from literature, giving for two of these models regional estimation formulas in dependence on the geomorphologic characteristics of the river basins. To this end the historical flood waves recorded in 14 gauging stations of Mid-Northern Italy, mainly belonging to Po and Arno basins have been employed. The relation expressing the temporal location of the peak value in each duration has been obtained interpolating the experimental behaviours after standardization of the duration by the temporal scaling factor of the model adopted for the reduction curve. The synthetic hydrographs obtained from the regionalization procedure have been validated through the comparison with the corresponding ones coming from the direct statistical analysis of the historical flood waves for the gauging stations considered in the calibration process. [Italian] Nella presente memoria viene proposta una metodologia di stima indiretta degli idrogrammi sintetici per lo studio di problemi di difesa idraulica del territorio. Essa si basa sulla stima regionale della legge di riduzione dei colmi di piena e della posizione del picco all'interno di ciascuna durata. Per la determinazione della curva di riduzione sono stati esaminati diversi modelli a base stocastica o empirica proposti in letteratura, fornendo per due di essi formule di stima regionale dei parametri in funzione delle caratteristiche morfometriche dei bacini. A tale scopo sono state utilizzate le onde di piena registrate in 14 stazioni idrometrografiche dell'Italia Centrosettentrionale, apaprtenenti in prevalenza al bacino

  11. La supervisione pedagogica nella formazione professionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Zanchettin

    2009-07-01

    Full Text Available Il presente contributo ha lo scopo di tracciare le linee principali del lavoro di supervisione psicopedagogia messo in campo in un centro di formazione professionale (CFP della provincia di Bologna. L’autore analizza alcuni aspetti fondanti il ruolo e l’efficacia dell’attività di supervisione e passa in rassegna i temi, le fasi e i gruppi che hanno caratterizzato il percorso operativo nel CFP bolognese nel periodo 2002-2008.

  12. L'immagine mariana nella comedia nueva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patruno, Luigi

    2004-12-01

    Full Text Available Comedia Nueva is not really a religious genre. Thus the presence of christian subjects in this kind of plays offer us many consideration about the writers and their audience in Spain of the Golden Century. In our work we studied three Marian Plays of three different writers. We put our attention on the sacred images and their cults, on the way their veneration take place in the Theatre and the manners of the writers. The object of our study has been the drama Origen, pérdida y restauración de la Virgen del Sagrario written by Calderón de la Barca, the play Origen de Nuestra Señora de las Angustias by the hardly known Antonio Fajardo y Acevedo and Nuestra Señora de Atocha composed by Francisco de Rojas Zorrilla.

    La Comedia Nueva es un género realmente no religioso. La presencia de temas cristianos en estas representaciones, entonces, nos ofreces la posibilidad de sacar diferentes consideraciones acerca de las actitudes de los autores y espectadores de las comedias en la España del Siglo de Oro. En nuestro trabajo hemos estudiado tres comedias marianas del siglo XVII de tres diferentes autores fijándonos en las imágenes sagradas y sus cultos, en como la veneración a ellas halla sitio en el teatro y en los comportamientos de los autores. Objeto de nuestro estudio ha sido el drama de Calderón de la Barca Origen, pérdida y restauración de la Virgen del Sagrario, la obra del semi-desconocido Antonio Fajardo y Acevedo Origen de Nuestra Señora de las Angustias y la comedia Nuestra Señora de Atocha de Francisco de Rojas Zorrilla.

  13. Diritti fondamentali, condizione dello straniero e declinazione odierna del diritto di libertà religiosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe D'Angelo

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Immigrazione, integrazione, diritto ecclesiastico: la rilevanza del collegamento – 2. Il duplice verso della relazione: in particolare, la ricollocazione del diritto alla libertà di religione nell’ambito del modello di democrazia pluralista delineato dalla Costituzione repubblicana e la sua potenziale incidenza nella prospettiva di una più coerente definizione della condizione giuridica dello straniero – 3. Questione migratoria e libertà religiosa: la complessità del quadro di riferimento – 4. Le “soluzioni” previste dal T.U. in materia di immigrazione al vaglio della giurisprudenza: il ricongiungimento familiare – 5. Il permesso di soggiorno per motivi religiosi – 6. Valutazioni di sintesi e prospettive di indagine.Ora nel volume collettaneo (a cura di V. TOZZI e M. PARISI,Immigrazione e soluzioni legislative in Italia e Spagna. Istanze autonomistiche, società multiculturali, diritti civili e di cittadinanza, ed. Arti Grafiche la Regione, Ripalimosani, 2007, p. 159 ss.

  14. Variazione della verticale apparente e sismicità nella zona di Tolmezzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Romualdi

    1965-06-01

    Full Text Available Si è già accennato, in precedenti pubblicazioni, all'esistenzadi una stretta correlazione fra alcuni fenomeni sismici nella zona diTolmezzo e le variazioni della verticale apparente, in detta zona registrate.Qui si riportano, in dettaglio, ulteriori testimonianze a questo riguardo, soffermandosialtresì sull'« inquietudine microsismica », sovente associata aiperiodi di forte variazione della verticale del luogo.La recente entrata in servizio di una nuova, ottima stazione sismica aSomplago (Lago di Cavazzo, presso la centrale in roccia dell'ENEL, haconsentito l'intensificazione del controllo sismologico della zona, che serviràa meglio precisarne le caratteristiche dinamiche. Fra l'altro, è stato possibilevalutare l'effetto delle stratificazioni sopportanti le stazioni d'osservazionesull'ampiezza delle registrazioni sismiche (1'« Untergrundfaktor » di BenoGutenberg: a Tolinezzo, infatti, le vibrazioni relative ai terremoti vicini,o alla fase iniziale dei terremoti di lontana origine, subiscono — nei confrontidi Somplago — una notevole amplificazione locale, dovuta alla sottostantecoltre alluvionale del Tagliamento.

  15. La conservazione e l'innovazione nella rigenerazione urbana. Un caso studio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Passarelli

    2014-01-01

    Full Text Available Obiettivo prioritario del lavoro progettuale qui presentato è la definizione di un master plan, teso ad offrire idee ed ipotesi progettuali al fine di riqualificare dal punto di vista ambientale e urbanistico l’area costiera di Torre Melissa, comune facente parte dell’alto Ionio Crotonese in Calabria. Il progetto è formulato sull’idea d'organizzazione spaziale e funzionale del litorale la cui zona é stretta fra il litorale e la rete ferroviaria, con particolare attenzione alle relazioni e alle modalità di integrazione del progetto con il tessuto urbano circostante.Il progetto intende perseguire obiettivi di qualità, sia nella sua globalità che nei suoi dettagliati “esercizi progettuali” (definiti progetti pilota, caratterizzati per una forte sensibilità progettuale, tanto quella architettonica, che quella urbanistica, in riferimento all’ accessibilità, alla tutela del paesaggio, al riuso funzionale degli spazi aperti e degli elementi fisici del territorio.Nell’ultimo decennio diversi motivi hanno compromesso la fruibilità del litorale, facendo perdere quel carattere identitario che lo connotava, determinando un’urbanizzazione disorganica con la conseguenza inevitabile di un degrado fisico, sociale, ambientale e quindi urbanistico oggi visibilmente presente su tutta l’area costiera di Torre Melissa. Ulteriormente, le cause erosive determinatesi negli ultimi anni, hanno minacciato quasi irreversibilmente le condizioni di crescita e di sviluppo che, nonostante tutto, ancora persistono, anche se riscontrabili solo in pochi ed isolati esempi, grazie alla sua naturale vocazione e consentono di guardare al futuro con fiducia e ottimismo.

  16. A plan of intervention to ensure the adaptation of the Salento depuration system to legislative decree 152/1999; Uno schema di programmazione degli interventi di adeguamento del sistema depurativo del Salento al decreto legislativo 152/1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    D' Elia, E. [Naples Univ., Naples (Italy). Cattedra di Protezione Idraulica del Territorio; Mari, M. [Acquedotto Pugliese, Servizio Tecnico di Coordinamento, Bari (Italy)

    2001-01-01

    The alarm provoked by few cases of cholera in october of 1994 led the central italian Government to declare a state of social, economic and environmental emergency in the Puglia region and to entrust the Prefect of Bari with the role of Commissioner. In this position he was charged with identifying and carrying out any intervention aimed at eliminating health risks (herewith including the building of sewage systems and wastewater treatment plants particularly those capable of recuperating the treated effluent for irrigation purposes and/or services). This report focuses on the program which drawn up for Salento area (Province of Lecce) where there was a critical absence of public works and examines which recommendations have actually been activated and others are currently being planned for further improvements in the work already brought to term. [Italian] L'allarme provocato da alcuni casi di colera, registrati nell'ottobre del 1994, indusse il Governo Centrale Italiano a dichiarare lo stato di emergenza socio-economico-ambientale nella Regione Puglia e ad affidare al Prefetto di Bari compiti di Commissario, con l'incarico di predisporre e attuare ogni intervento utile all'eliminazione del pericolo igienico-sanitario anche mediante la realizzazione di reti fognarie, di impianti di trattamento delle acque di rifiuto e di possibili recuperi degli effluenti depurati per usi dell'acqua a fini irrigui e/o di servizio. Nella presente ntoa si riferisce sulla attuazione del programma predisposto ed attuato in merito nell'area del Salento (Provincia di Lecce), nella quale la mancanza delle opere prima dette risultava particolarmente grave, nonche' sulle attivita' in corso di pianificazione per l'ulteriore miglioramento delle opere realizzate.

  17. Escenario de Sismo y Tsunami en el Borde Occidental del la Region Central del Peru.

    OpenAIRE

    Tavera, Hernando

    2014-01-01

    En el presente informe se analiza la información publicada sobre la ocurrencia de grandes sismos en el Perú, con el propósito de consolidar el posible escenario sísmico y de tsunami que pueda presentarse en el borde occidental de la región central del Perú y que afectaría a la ciudad de Lima Metropolitana y a la provincia Constitucional del Callao. Se considera como fuentes primarias los trabajos de investigación realizados por Tavera y Bernal (2005) “Distribución espacial de á...

  18. Evaluacion sensorial de arroz (Oryza sativa) variedad Azucena en la Region Autonoma del Atlantico Norte en Nicaragua

    National Research Council Canada - National Science Library

    Garcia Montecinos, Karina Leticia; Carrillo Centeno, Patricia Mercedes; Godoy Godoy, Jose Alberto; Pachon, Helena

    2011-01-01

    .... Materiales y metodos: la evaluacion sensorial del arroz Azucena versus una variedad de consumo local, se realizo en cinco comunidades de la Region Autonoma del Atlantico Norte en Nicaragua, mediante la aplicacion de dos...

  19. IL RAY-TRACING NELLA IONOSFERA

    OpenAIRE

    Azzarone, A.; Bianchi, C.; Settimi, A

    2010-01-01

    Il pacchetto applicativo “IONORT” per il calcolo del ray-tracing può essere utilizzato dagli utenti che impiegano il sistema operativo Windows. È un programma la cui interfaccia grafica con l’utente è realizzata in MATLAB. In realtà, il programma lancia un eseguibile che integra il sistema d’equazioni differenziali scritto in linguaggio Fortran e ne importa l’output nel programma MATLAB, il quale genera i grafici e altre informazioni sul raggio. A completamento di questa premessa va detto che...

  20. La gestión del desarrollo regional en Cuba. Un enfoque desde la endogeneidad

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ramón González Fontes

    2002-01-01

    Full Text Available Este trabajo examina los elementos centrales de la teoría del desarrollo endógeno a la luz de las condiciones actuales de la economía cubana. De esta singular confrontación emana lo que los autores denominamos gestión del desarrollo regional desde la endogeneidad. La endogeneidad significa una combinación de las condicionantes de desarrollo que surgen de las fuentes nacionales y la más plena utilización del potencial de desarrollo del territorio. Se perfila así un nuevo enfoque de gestión de desarrollo del territorio para el caso de la economía cubana.

  1. Linajes mitocondriales en poblaciones del Chaco Argentino: patrones unicos de variacion regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Demarchi, Darío Alfredo

    2005-01-01

    Full Text Available En este estudio se revisa la hipótesis sobre la supuesta singularidad genética de las poblaciones del Chaco argentino (alta diversidad intragrupal y baja diferenciación intergrupal a partir del estudio de secuencias de la RHV-I del ADN mitocondrial. El análisis de 204 individuos del Chaco argentino y más de 2000 de diversas poblaciones y regiones de Centro y Sudamérica corrobora y refina los resultados derivados del estudio de haplogrupos mitocondriales: A diferencia de lo observado en otras regiones, las poblaciones del Chaco argentino presentan una gran diversidad genética, conjuntamente con una baja distancia genética entre poblaciones. Estos rasgos configuran un patrón único, que puede ser explicado por la forma de vida de sus habitantes antes del contacto con los europeos y las características de transición geográfica de la región chaqueña. Sin embargo, no pueden excluirse como explicaciones igualmente plausibles un posible error de muestreo o bien la ruptura post contacto de las formas tradicionales de parentesco. En otro orden, la alta variación genética encontrada en la región, geográficamente intermedia dentro de Sudamérica, no se ajusta al modelo que propone la existencia de dos patrones de diversidad genética nítidamente diferentes para las poblaciones nativas del Este y del Oeste del Continente, sostenido por otros autores.

  2. Nuove prospettive nella disciplina delle confraternite

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Roccella

    2011-02-01

    Full Text Available Relazione al Convegno di studi Vent’anni di applicazione e di esperienza della legge 20 maggio 1985, n. 222, Roma, 25-26 novembre 2005, organizzato dal CESEN, Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il testo della relazione è stato rivisto, ampliato e corredato delle note. SOMMARIO: 1. Le confraternite tra disciplina unilaterale dello Stato e disciplina pattizia – 2. La distinzione delle confraternite in due specie – 3. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto – 4. La competenza all’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 5. Il procedimento per l’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 6. Il termine per la conclusione del procedimento – 7. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto come enti ecclesiastici speciali – 8. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente diverso da quello di culto. Pubblicato in Il diritto ecclesiastico, 2005, I, p. 88 ss.

  3. Punta Mita en la dinámica del desarrollo turístico regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María Alicia Fonseca Morales

    2009-01-01

    Full Text Available La implantación del turismo como actividad económica motora en la porción costera del Pacífico medio mexicano, ha ejercido por más de treinta años el proceso de configuración de un espacio turístico fundamentado en la transversalidad de políticas públicas del desarrollo regional y las propias de fomento al turismo. Si bien en su origen con la promoción del turismo se pretendía impulsar capacidades y bienestar social, en su trayectoria de planeación ha ido alineando su derrotero hacia intereses económicos de carácter competitivo aunque sesgado a exigencias del mercado globalizado, derivando sinergias de dependencia y exclusión, obstáculos para la sustentabilidad del propio sistema turístico regional-local, lo que hace emergente una reconversión del proceso por parte de los actores de interés.

  4. EL FARM TOURISM COMO OPORTUNIDAD DE DESARROLLO SOSTENIBLE EN LAS REGIONES DEL SUR DE ITALIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Belliggiano

    2016-08-01

    Full Text Available Los argumentos en favor del turismo rural (rentabilidad, empleo, medio ambiente, etc. hacen que el mismo se considere, sobre todo en las regiones más marginadas, uno de los principales asset estratégicos para el desarrollo local. No cabe duda alguna de que el turismo rural, especialmente el farm tourism, puede ayudar a perpetuar externalidades que flanquean la actividad agrícola (paisaje, biodiversidad, tradición, etc., sobre todo cuando se trata de una forma de diversificación o reposicionamento del marco agrícola, en consonancia con el modelo multifuncional y postproductivista propuesto en las últimas políticas de la UE. Se registran, sin embargo, posiciones más conservadoras basadas en la evidencia, igual de fiable, que detecta elementos críticos relacionados con la sostenibilidad de la evolución alcista del número de turistas. Con este fin, el artículo muestra una comparación de la dinámica de las presencias  registradas por el  farm tourism en siete regiones del sur de Italia (entre 2001 y 2013 para evaluar, a través de la aplicación del Index Decomposition Analysis (IDA, algunas implicaciones de las reflexiones críticas relacionadas con la sostenibilidad del incremento del turismo rural.

  5. DUE PROGETTI NELLA SCUOLA PLURILINGUE E INTERCULTURALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franca Bosc

    2012-07-01

    Full Text Available Per rispondere alle esigenze sempre più crescenti di una scuola plurilingue e interculturale alcuni anni fa nelle scuole torinesi sono stati realizzati due progetti, a cura della Divisione Servizi educativi del Comune di Torino. Il primo “Guarda, ce la fai” ha riunito scuole elementari e medie in un lavoro finalizzato alla realizzazione di un percorso multimediale di insegnamento dell’Italiano come L2 che permettesse il raggiungimento del livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento (QCER, fosse facilmente utilizzabile, risultasse ampliabile e modificabile in funzione delle esigenze della singola realtà e costituisse un modello per i docenti su come costruire materiali per l’insegnamento della L2. Il risultato è un CD-Rom con sequenze video ed esercizi. Il secondo “Guarda come abbiamo fatto” raccoglie 14 percorsi interculturali di altrettante scuole elementari e medie e riflette sui curricula scolastici nelle diverse aree geografiche culturali, sulla metodologia interculturale e sui possibili percorsi per affrontare la lingua delle discipline. Gli apprendenti stranieri costituiscono il target privilegiato cui è rivolto il progetto, anche se esso ha finalità educative che riguardano anche gli studenti italofoni. Il DVD prodotto presenta in modo completo e dettagliato i percorsi attuati dalle scuole; ciascun percorso si è proposto di affrontare in chiave interculturale un tema disciplinare.TWO PROJECTS IN A MULTILINGUAL, INTERCULTURAL SCHOOL SETTINGTo meet the growing needs of a multilingual, intercultural school setting, a few years ago two projects were implemented by the Educational Services Department of the Municipality of Turin. The first, “Guarda, ce la fai” was aimed at elementary and middle school students and focused on teaching Italian L2 using multimedia materials in order to reach an A2 level (Quadro comune europeo di riferimento - QCER, that was easy to put into effect and could be modified based on the

  6. Macchine per giuoco nella proposta di Leopardi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Neri

    2017-06-01

    Full Text Available Un’operetta morale di Leopardi, la Proposta di premi fatta dall’Accademia dei Sillografi, adotta il linguaggio tecnico di un bando di concorso per proporre tre premi agli inventori di tre macchine umane perfette: l’amicizia, la magnanimità, la fedeltà coniugale sono gli obiettivi delle invenzioni scientifiche. Il tono serio cela in realtà la  polemica contro l’antropocentrismo e soprattutto contro l’ottimismo del suo tempo.  One of Leopardi’s Operette morali, Proposta di premi fatta dall’Accademia dei Sillografi, adopts the gergon of a competition notice to propose three prizes to the inventors of three perfect human machines: friendship, magnanimity, conjugal fidelity are the aims of scientific inventions. The serious tone really conceals the controversy against anthropocentrism and above all against the optimism of its time.

  7. Valoración del Síndrome de Dolor Regional Complejo

    OpenAIRE

    Benito Artuzamonoa, José Mª

    2010-01-01

    La Asociación Internacional para el Estudio del Dolor (por sus siglas en ingles IAPS), define el Síndrome de Dolor Regional Complejo (SDRC) como ¿variedad de condiciones dolorosas de localización regional, posteriores a una lesión, que presentan predominio distal de síntomas anormales, excediendo en magnitud y duración al curso clínico esperado del incidente inicial, ocasionando con frecuencia un deterioro motor importante, con una progresión variable en el tiempo.¿ La diferencia entre ...

  8. Desideri, fallimenti, resistenze: figure femminili nella narrativa di J.M. Coetzee

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Zanfabro

    2013-05-01

    Full Text Available Il tema del desiderio attraversa tutta la narrativa di J.M. Coetzee. È su di esso che narratori e narratrici si interrogano incessantemente: più la loro posizione è “autoriale”, più la loro riflessione di personaggi si lega, con maggiore consapevolezza, alla scrittura e alla narrazione.L’articolo si propone di isolare il tema del desiderio accostandolo alle quattro protagoniste di J.M. Coetzee: Magda (In the Heart of the Country, Susan Barton (Foe, Mrs Curren (Age of Iron ed Elizabeth Costello (Elizabeth Costello, As a Woman Grows Older, The Old Woman and the Cats, Slow Man. Il modo in cui Coetzee mette in scena il desiderio e, nello specifico, il desiderio di queste donne, permette di problematizzare i rapporti che intercorrono tra i desideri, fisici e narrativi, che i corpi di queste donne esprimono; il fallimento a cui, inevitabilmente, il soddisfacimento di questi desideri va incontro; e le resistenze che, proprio nell’accettazione di questo fallimento, diventano possibili. Falliscono i desideri, e falliscono anche le loro narrazioni che, costrette a fare i conti con altri personaggi, altri soggetti ai cui desideri non è dato accesso, devono scontrarsi con silenzi, ellissi, buchi nella narrazione. Le questioni fondamentali diventano allora l’accesso alla scrittura, l’autorialità, la rappresentazione, la rappresentabilità. 

  9. La libertà religiosa in Italia e nella prospettiva europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2014-11-01

    Full Text Available * Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce il testo della relazione svolta al Congresso internazionale su "La libertad religiosa en el Siglo XXI – Religion, Estado y Sociedad " (Cordoba, 3, 4,e 5 settembre 2014, organizzato dal Consejo Argentino por la Libertad Religiosa (C.A.L.I.R..SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Cenni storici: 2.a L’unità d’Italia; 2.b Il fascismo e la Conciliazione del 1929 fra Chiesa e Stato; 2.c La Repubblica democratica e la Costituzione italiana del 1948 – 3. La disciplina costituzionale dei fenomeni religiosi in Italia nei primi sessanta anni di democrazia repubblicana – 4. La libertà religiosa nella prospettiva europea: 4.a La costruzione dell’Unione Europea; 4.b Il fenomeno religioso nelle istituzioni europee. Le chiese dominanti negli Stati nazionali; 4.c Le libertà religiose individuali e collettive; 4.d I temi controversi – 5. L’immigrazione e i fenomeni religiosi.

  10. Capitale sociale e problemi di salute e di qualitá della vita nella comunitá degli adolescenti di Saluzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Zambon

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questo contributo presenta, all’interno dell’obiettivo di definizione del capitale sociale della popolazione adolescenziale del saluzzese, la lettura del profilo di salute dei residenti del distretto 1 dell’ASL 17 del Piemonte, utile per la progettazione di interventi educativi di prevenzione primaria nella popolazione giovanile.

    Obiettivo: indagare i bisogni di salute e identificare le disuguaglianze sociali di salute degli adolescenti della Comunità del saluzzese.

    Metodi: sono stati estratti i dati demografici (2000, i dati di mortalità (1995-97 e i dati di morbosità (1998 relativi alla popolazione 14-19 anni in 36 Comuni e a quella regionale. Gli indicatori utilizzati nell’indagine sono stati il rapporto standardizzato di mortalità e il tasso standardizzato anni di vita persi a 75 anni, il tasso di ospedalizzazione, la percentuale di ricoveri non programmati, il tasso di primo ricovero e il rischio relativo. Risultati: la popolazione residente è di 74.526 persone (36.825 maschi, 37.701 femmine con 4.072 unità di età tra i 14 e i 19 anni. La mortalità per tutte le cause nei giovani evidenzia un eccesso significativo di due volte e mezzo rispetto ai dati regionali (RR 2,60; IC95% 145,62-416,77. Tale valore è riferibile all’incremento delle morti accidentali, da trasporto e da malattie alcool correlate. La morbosità per tutte le cause risulta essere il 6% superiore (maschi e il 2% inferiore (femmine rispetto al dato regionale; tali valori sono in linea con quelli dei distretti adiacenti. È in corso di analisi l’indagine qualitativa nella Comunità in studio. I risultati dei due rami della ricerca, quantitativo e qualitativo, verranno presentati nel corso dell’anno insieme a ipotesi di ricostruzione dei meccanismi che operano nella generazione delle disuguaglianze sociali di salute negli adolescenti sul territorio interessato.

    Conclusioni: la lettura

  11. Implementación del aseguramiento universal en salud en regiones piloto del Perú

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Melitón Arce

    2009-04-01

    Full Text Available En abril de 2009 se promulgó la Ley N.º 29344 Marco de Aseguramiento Universal en Salud, su implementación será gradual tanto en el número de asegurados como de cobertura de beneficios y de garantías explícitas. Primero se irá implementando en nueve zonas piloto de las provincias o distritos más pobres del Perú, para lo cual el Estado ha realizado cambios presupuestales que permitan su ejecución.

  12. Punta Mita en la dinámica del desarrollo turístico regional

    OpenAIRE

    2009-01-01

    La implantación del turismo como actividad económica motora en la porción costera del Pacífico medio mexicano, ha ejercido por más de treinta años el proceso de configuración de un espacio turístico fundamentado en la transversalidad de políticas públicas del desarrollo regional y las propias de fomento al turismo. Si bien en su origen con la promoción del turismo se pretendía impulsar capacidades y bienestar social, en su trayectoria de planeación ha ido alineando su derrotero hacia interese...

  13. Evaluación de la sustentabilidad del desarrollo regional. El marco de la agricultura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pablo Torres Lima

    2004-01-01

    Full Text Available La sustentabilidad del desarrollo regional puede evaluarse mediante dife rentes metodologías. Los itinerarios metodológicos para estudiar el papel de la agricultura en el desarrollo sustentable en el ámbito regional proveen de importantes elementos de análisis, tales como las relaciones jerárquicas entre sistemas de producción en el marco de distintos niveles espaciales y temporales. Este trabajo examina los principales enfoques metodológicos e indicadores para evaluar la sust e n t abilidad y presenta una propuesta para el estudio del desarrollo regional desde la sustentabilidad y en el contexto de los sistemas agrícolas. Los principales puntos de este planteamiento son: 1 evaluar las tendencias generales del desarrollo en términos de la economía, el medio ambiente y la sustentabilidad; 2 establecer el perfil regional de evaluación de las actividades agropecuarias con base en indicadores socioeconómicos y agroecológicos; y 3 estudiar el desarrollo y las estrategias económicas de las unidades familiares, su calidad de vida y el medio ambiente local. La formulación de indicadores cualitativos y cuantitativos de sustentabilidad es una etapa fundamental del proceso de investigación sobre el desarrollo regional, principalmente de acuerdo con cuatro criterios:económicos,sociales, político-institucionales y ambientales.

  14. La carta naturale e culturale del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

    OpenAIRE

    Di Somma, Andrea

    2014-01-01

    Lo scopo del seguente lavoro è la costruzione di un GeoDataBase relativo ai beni culturali ed ambientali del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga attraverso un approccio neogeografico. Il lavoro è organizzato in tre fasi: nella prima fase è stato necessario eseguire un’analisi bibliografica ed inventariale per identificare le evidenze culturali ed ambientali del Parco. È stata poi determinata una tassonomia, articolata in sette categorie e ventitré sotto categorie, su...

  15. FOCALIZZARE LA FORMA: SVILUPPO DELLA COMPETENZA LINGUISTICA NELLA CLASSE MULTILINGUE DELLA SCUOLA PRIMARIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Whittle

    2016-02-01

    Full Text Available L’obiettivo di questo contributo è la descrizione di modelli di didattica della grammatica all’interno di un approccio comunicativo all'insegnamento della L2. L’etichetta focus on form raccoglie alcune strategie di interazione che promuovono l’accuratezza linguistica all'interno di un dispositivo che non perde di vista l’aggancio con la dimensione del significato. Per delineare i tratti di questo approccio sono stati proposti degli esempi, tratti da trascrizioni di interventi in classe, che illustrano opzioni diverse di insegnamento della grammatica nella classe multilingue: da un modello deduttivo e decontestualizzato (focus on forms, ad un intervento di riflessione sulla lingua utile a notare delle regolarità linguistiche e una focalizzazione sulla forma basata sul feedback correttivo (focus on form. Per chiarire il ruolo che la focalizzazione sulla forma può avere in un task comunicativo sono state messe a confronto due sequenze di insegnamento, una di L1 e l'altra di L2 nella stessa classe di scuola primaria frequentata dal 50% di bambini non italofoni di cui 5 di livello basico. I due approcci sono stati ricondotti alla distinzione fra focus on meaning (didattica della L1 e focus on form (didattica della L2. Tutti gli esempi sono tratti da tre classi seconde della stessa scuola coinvolte in un esperimento didattico sull’acquisizione di tre forme del presente indicativo italiano. Focusing on the form: the development of expertise in multilingual primary school classesThe paper describes communicative grammar teaching models in L2 teaching. The label “focus on form” collects some interaction strategies that promote linguistic accuracy without losing sight of the link with the dimension of meaning. Examples taken from transcripts of speeches in class outline the features of this approach, showing different options for teaching grammar in the multilingual classroom: from a deductive and decontextualized model (focus on forms

  16. Verso un'estetica della macchina. Le nozioni di oggetto e di reale nella produzione artistica postmoderna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Frangi

    2011-10-01

    Full Text Available

    Il saggio esamina la pratica del ready-made nella scena artistica post-storica. Nel contesto di una ricodificazione del rapporto tra artistico e politico, i concetti di reale e oggetto veicolano una riflessione sul problema del realismo nella produzione Pop e Minimalista. Grazie ad una costellazione di autori (Lyotard, Deleuze e Guattari, Francastel, Lacan, Rancière esploreremo il modo in cui il Postmoderno modula la propria impresa veritativa catturando atti extra-artistici e registrando l’emergenza di una dimensione macchinina.

    Towards an aesthetics of the machine.The notions of object and real in postmodernist artistic production

    This essay is conceived as a theoretical inquiry that seeks to examine ready-made practice as one of the most pertinent moments of the genesis of the post-historical artistic scene. In the framework of a recoded articulation of the art and the politics, concepts of Real and object will constitute the ground for a theoretical speculation on the question of realism in Pop Art and Minimalism. Thanks to a constellation of authors (Lyotard, Deleuze e Guattari, Francastel, Lacan, Rancière we will explore how Postmodernism shapes its enterprise by “capturing” extra-artistic acts and how this intrusion implies the emergence of mechanical dimension.

  17. Public Participation and Natural Habitat Preservation Along Arcade Creek, Del Paso Regional Park, Sacramento, California

    Science.gov (United States)

    Timothy J. Vendlinski; Steven N. Talley

    1989-01-01

    Thirty-six hectares (90 acres) of riparian forest, high terrace oak woodland-savanna, and upland vernal pools were preserved along Arcade Creek in Sacramento, California as a result of citizen involvement in a city-sponsored master plan process for Del Paso Regional Park. Citizens formed an organization and called for a comprehensive Environmental Impact Report to...

  18. LA FAMILIA ASTERACEAE EN LA FLORA DEL BAJÍO Y DE REGIONES ADYACENTES

    OpenAIRE

    José Luis Villaseñor; Enrique Ortiz

    2012-01-01

    Con base en ejemplares de herbario recolectados, identificados y georreferenciados provenientes del territorio considerado por el proyecto Flora del Bajío y de regiones adyacentes, se analiza la riqueza de Asteraceae conocida en dicha región. Utilizando una división de la región en cuadros de 0.5° x 0.5°, el objetivo fue identificar los sitios de alta diversidad para la familia. La región tiene documentadas, con los ejemplares de herbario revisados, 681 especies de Asteraceae, distribuidas en...

  19. Cento cieli in classe. Pratiche, segni e simboli religiosi nella scuola multiculturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristiana Ottaviano

    2009-07-01

    Full Text Available L’intervento è basato sui risultati di una ricerca recentemente pubblicata focalizzata sul tema della possibile convivenza – nella scuola multiculturale – di pratiche, segni e simboli di religioni diverse. In una scuola caratterizzata dalla presenza sempre più rilevante di nazionalità e appartenenze religiose diversificate, la questione del confronto interreligioso appare ormai ineludibile; tuttavia, paradossalmente – a fronte di una costante presenza nelle strutture scolastiche del “fatto religioso” in termini di pratiche quotidiane, a volte foriere di “incidenti critici” (tradizioni legate alle feste natalizie, problematiche alimentari, ecc. – la “questione religiosa” viene scarsamente affrontata e poco tematizzata in modo esplicito. La ricerca – condotta tramite interviste semistrutturate agli operatori scolastici di scuola primaria e secondaria di primo grado in due realtà lombarde ad alta concentrazione di stranieri (Bergamo e Brescia – ha permesso un’esplorazione del tema, a partire dai diversi punti di vista dei soggetti coinvolti: dirigenti, insegnanti, mediatori, e ha consentito di indagare sulle diverse modalità con le quali tali operatori affrontano la presenza multireligiosa, soprattutto nei suoi aspetti più concreti quali alimentazione, abbigliamento, feste religiose… Ciò che ne è emerso evidenzia la consapevolezza che la multireligiosità è risorsa educativa, in quanto opportunità diretta e concreta di conoscenza di pratiche e simbologie altre. Tale opportunità, tuttavia, solo raramente si traduce in vera progettazione didattica, sia a livello d’istituto, sia nell’iniziativa dei singoli docenti. Ciononostante, molti insegnanti dimostrano, in più di un’occasione, la disponibilità a mettersi in gioco e a costruirsi competenze specifiche, seppur non esaustive, e un’articolata capacità di mediazione con i ragazzi, ma anche con le famiglie, in occasione di “incidenti critici

  20. Diathesis sotto tensione. La sala per concerti del Centro culturale di Atene di Jan Despo / Diathesis under Tension. Concert Theatre of the Athens Cultural Center by Jan Despo

    National Research Council Canada - National Science Library

    Tilemachos Adrianopoulos

    2016-01-01

    Nel 1959, l'architetto greco Jan Despo (1903-1992) fu insignito del primo premio nella competizione per il Centro culturale di Atene, rimasto irrealizzato eccezion fatta per il Conservatorio di Atene...

  1. Mortalitá per malattie del sistema nervoso centrale in Piemonte (1992-1997

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Migliaretti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la comunità scientifica è sempre più interessata alla ricerca di fattori causali delle malattie del Sistema Nervoso Centrale (SNC non ancora noti, stimolata anche dal costante aumento della mortalità in Paesi europei ed extra-europei: Davis et al. Lancet. 1990, Davis et al. Ann N Y Acad Sci 1990.

    Obiettivi: il presente lavoro desidera evidenziare eventuali legami tra la mortalità per malattie del SNC ed area geografico-amministrativa di residenza in Piemonte, confrontando i risultati ottenuti con metodi tradizionali e con un approccio bayesiano. Materiali e metodi: basi dati: i dati sono tratti da fonte ISTAT e dalla Banca Dati Demografica Evolutiva della Regione Piemonte; viene considerata la mortalità per tutte le Malattie del SNC (ICD 320- 389.9 e per tutti i Tumori del SNC (ICD 191-192.9, 225-225.2, 237.5-237.9, 239.6 dal 1992 al 1997. Metodi di analisi: Il problema dell’instabilità statistica determinata da analisi effettuate a livello comunale, viene affrontato mediante analisi tradizionali, basate su SMR e relativi Intervalli di Confidenza al 95% calcolati per aggregazioni superiori (ASL e Provincia, e mediante gli stimatori bayesiani completi degli SMR Besag J at al. Ann Inst Statist Math, 1991; Lawson et al. Bertollini R Eds, Disease Mapping and Risk Assessment for Public Health, Wiley. Risultati: la mortalità per tutte le Malattie del SNC sembra presentare un eccesso, per i maschi, nella zona del sud-est Piemonte, particolarmente evidente nell’ASL di Casale Monferrato (SMR=132.4 IC95%[110.2-157.6], e nella provincia di Alessandria (SMR=117.3 IC95%[107.6-127.6], e per le femmine dell’ASL di Ivrea (SMR=149.6 IC95%[131.1-169.8]. Per quanto riguarda i Tumori del SNC, la mortalità per i maschi sembra presentare un eccesso nella zona di Alessandria, confermata a livello di ASL (SMR=127.7 IC95%: 100.6-159.7 e di Provincia (SMR=122.8 IC95%: 105.3-142.3.

  2. Dai buchi neri all’adroterapia un viaggio nella fisica moderna

    CERN Document Server

    Curceanu, Catalina Oana

    2013-01-01

    Tutto quello che avreste voluto sapere sulla fisica moderna ma non avevate nessuno a cui chiederlo! Questo libro vi conduce in un viaggio affascinante attraverso i misteri della fisica moderna e delle sue tantissime ricadute nella società, presentando anche le ricerche attualissime, le strade che si aprono davanti a noi: a volte ampi viali illuminati a giorno, altre volte sentieri appena accennati. Dove ci porteranno? La grande forza della scienza, nonché il suo motore, è la curiosità che ci ha spinto a guardare in alto, in profondità ma anche dentro noi stessi. Indagando abbiamo trovato veri tesori. La fisica ci spiega cosa succede nell’atomo ma anche nell’Universo, un mondo che va dal miliardesimo di miliardesimo di metro a una decina di miliardi di anni luce! Abbiamo una spiegazione razionale non soltanto a domande del tipo “di cosa è fatto il mondo?”, ma anche a domande molto più difficili: “come è nato l’Universo e come potrebbe evolversi?”. La fisica fondamentale ha anche enormi ri...

  3. Diseño conceptual del emprendimiento para el desarrollo regional en la perspectiva de la complejidad autopoiesica

    OpenAIRE

    2006-01-01

    El Diseño Conceptual del Emprendimiento para el Desarrollo Regional en la perspectiva de la Complejidad Autopoiésica, además de la primera parte sobre el diseño metodológico aplicado en el proceso investigativo, comprende dos partes, el estudio del “estado del emprendimiento y su contexto” con énfasis en la génesis conceptual del Emprendimiento y, el estudio sobre la “conceptualización del emprendimiento” con énfasis propositivo desde una perspectiva epistemológica y reflexiva. En el estado d...

  4. La planeación del desarrollo regional en México (1900-2006

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco García Moctezuma

    2010-06-01

    Full Text Available La planeación del desarrollo, en cualesquiera de sus vertientes, como atribución del Estado rector de la vida económica y social del país, en la experiencia mexicana, ha recorrido un largo camino que legalmente inició en 1929, tal vez el más antiguo del subcontinente latinoamericano, aunque caracterizado por proyectos inconclusos, los más de ellos de corto alcance y de una duración no mayor a seis años, inconexos entre sí, onerosos en su momento para el erario nacional y con exiguos resultados, casi en todos los casos, en comparación con sus ambiciosas metas ampliamente difundidas para asegurar su aceptación social. Así, a partir de una revisión documental, en este trabajo se traza como objetivo abordar las experiencias más sobresalientes que, en el contexto de la planeación del desarrollo regional en México, se han implementado en el último siglo.

  5. La planeación del desarrollo regional en México (1900-2006

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco García Moctezuma

    2010-01-01

    Full Text Available La planeación del desarrollo, en cualesquiera de sus vertientes, como atribución del Estado rector de la vida económica y social del país, en la experiencia mexicana, ha recorrido un largo camino que legalmente inició en 1929, tal vez el más antiguo del subcontinente latinoamericano, aunque caracterizado por proyectos inconclusos, los más de ellos de corto alcance y de una duración no mayor a seis años, inconexos entre sí, onerosos en su momento para el erario nacional y con exiguos resultados, casi en todos los casos, en comparación con sus ambiciosas metas ampliamente difundidas para asegurar su aceptación social. Así, a partir de una revisión documental, en este trabajo se traza como objetivo abordar las experiencias más sobresalientes que, en el contexto de la planeación del desarrollo regional en México, se han implementado en el último siglo.

  6. Modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Hernán González Campo

    2010-01-01

    las Autoridades Ambientales, el presente artículo de investigación tiene como objetivo presentar un modelo explicativo del conocimiento organizacional en la Corporación Autónoma Regional del Valle del Cauca - CVC y el diseño de una propuesta para la gestión de conocimiento organizacional, ambos resultantes de la investigación interpretativa basada en el paradigma constructivista utilizados en la metodológica de estudio de caso, en el cual la teoría social no debería basarse únicamente en observaciones empíricas para derivar en leyes generales fundamentales, sino el entender las razones de acción de los actores. Entre los hallazgos más importantes, la investigación revela un cambio institucional, un proceso de transición y de nueva adaptación en respuesta a nuevos objetivos que internamente reflejan el estilo de gobernar y la estructura organizacional y estos a su vez tienen un fuerte impacto en los procesos y en la cultura "cevecina"

  7. Biodiversità a mammiferi lungo un mega-transetto nella regione del mosaico "foresta-piantagione" tra Lagos (Nigeria e Yaoundé (Camerun: interazioni tra specie e rapporti prede-predatori: un'overview

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Maria Angelici

    2003-10-01

    Full Text Available È stato studiato l'intero popolamento mammaliano, attraverso le catene trofiche, lungo un mega transetto che percorre oltre 1.500 Km lineari attraverso il mosaico foresta-piantagione con locale introgressione di foresta costiera di mangrovie e savana di Guinea, tra la Nigeria e il Camerun, due hot-spots per la biodiversità mammaliana come esempio di un popolamento afro-tropicale-occidentale. Sulla base delle nostre decennali investigazioni, risulta che esiste una sola specie di superpredatore di I grado (Python sebae, una di II grado (Panthera pardus, e, in particolare tra i mammiferi, una serie di predatori intermedi, come, ad es. Genetta spp., etc. Il rapporto numerico tra superpredatori e predatori tende a decrescere da est verso ovest, dai rilievi verso le pianure, e dagli ecosistemi frammentati fino a quelli omofitici, e, in sostanza, dalla foresta temporaneamente allagata alla mangrovia secondaria. Non ultima, grossa influenza viene attribuita alla distribuzione delle ingressioni salmastre che modellano la canopia e le sue "keystone species". Di particolare rilevanza ecologica risulta la debole correlazione che lega la presenza di superpredatori e predatori generalisti con specifiche prede "target", cioè a dire che la predicibilità della presenza-assenza di un determinato taxon predatore è scarsamente rilevata dalla comunità delle prede. Tutto ciò sembrerebbe logicamente derivare dall'azione delle popolazioni cacciatrici native che quindi equivarrebbero funzionalmente a dei superpredatori e predatori generalisti, che per loro stessa natura, non potrebbero essere tollerati dal carico corrente dell'ambiente residuo.

  8. Polisemia epistemologica e disseminazione del sapere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Coluccia

    2008-12-01

    Full Text Available Come comunicare la scienza? Come capire i risultati della scienza, pur nella loro parzialità? Come permettere l’accesso ai risultati della scienza in un ambito comunicativo basato su criteri d’interattività e d’interoggettività complessa? Il mio punto di partenza nella riflessione è la definizione della complessità del sapere scientifico nel momento storico attuale e la necessità di divulgarne i contenuti in maniera ampia, economica, efficace e trasparente, pur conservando la polisemia epistemologica legata alla medesima complessità scientifica.

  9. Organization and evolution of a gene-rich region of the mouse genome: a 12.7-Mb region deleted in the Del(13)Svea36H mouse.

    Science.gov (United States)

    Mallon, Ann-Marie; Wilming, Laurens; Weekes, Joseph; Gilbert, James G R; Ashurst, Jennifer; Peyrefitte, Sandrine; Matthews, Lucy; Cadman, Matthew; McKeone, Richard; Sellick, Chris A; Arkell, Ruth; Botcherby, Marc R M; Strivens, Mark A; Campbell, R Duncan; Gregory, Simon; Denny, Paul; Hancock, John M; Rogers, Jane; Brown, Steve D M

    2004-10-01

    Del(13)Svea36H (Del36H) is a deletion of approximately 20% of mouse chromosome 13 showing conserved synteny with human chromosome 6p22.1-6p22.3/6p25. The human region is lost in some deletion syndromes and is the site of several disease loci. Heterozygous Del36H mice show numerous phenotypes and may model aspects of human genetic disease. We describe 12.7 Mb of finished, annotated sequence from Del36H. Del36H has a higher gene density than the draft mouse genome, reflecting high local densities of three gene families (vomeronasal receptors, serpins, and prolactins) which are greatly expanded relative to human. Transposable elements are concentrated near these gene families. We therefore suggest that their neighborhoods are gene factories, regions of frequent recombination in which gene duplication is more frequent. The gene families show different proportions of pseudogenes, likely reflecting different strengths of purifying selection and/or gene conversion. They are also associated with relatively low simple sequence concentrations, which vary across the region with a periodicity of approximately 5 Mb. Del36H contains numerous evolutionarily conserved regions (ECRs). Many lie in noncoding regions, are detectable in species as distant as Ciona intestinalis, and therefore are candidate regulatory sequences. This analysis will facilitate functional genomic analysis of Del36H and provides insights into mouse genome evolution.

  10. Il luogo nella formazione. L'incidenza simbolica degli elementi pre-formali nelle pratiche educative

    OpenAIRE

    Botto,

    2013-01-01

    1.Lo sfondo teoretico Il canone filosofico occidentale. Sulla base di un confronto con le più significative posizioni acquisite dal dibattito ontologico svoltosi nello scorso secolo – in particolare seguendo la traiettoria tracciata dal pensiero di M. Heidegger, J. Derrida e J.-L. Nancy – nella prima parte dello studio si approda a una preliminare fissazione di quello che, nella tradizione filosofica occidentale, si è imposto come un vero e proprio canone. Una colonna vertebrale rispetto...

  11. L’influenza del cinema d’animazione nella promozione (cineturistica delle destinazioni. Gli effetti del fenomeno Frozen sul turismo norvegese / The influence of animation cinema in the (cinetouristic promotion of destinations. The effects of the Frozen phenomenon on Norwegian tourism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Nicosia

    2016-05-01

    Full Text Available Oggi le location sono diventate vere e proprie  destinazioni turistiche,  cioè  luoghi che offrono un insieme di relazioni, prodotti, servizi, elementi naturali ed artificiali, capaci di attrarre un certo numero di visitatori e soddisfarne le attese sia dal punto di vista funzionale che da quello emozionale.  Il Film Induced Tourism è una tendenza che si è affermata negli ultimi anni con la creazione di agenzie turistiche specializzate nel proporre tour guidati alle mete in cui siano state girate famose scene cinematografiche. Secondo diverse statistiche effettuate sul tema del Film Induced Tourism è dimostrato che, anche se è un fenomeno recente, è in crescita nel mercato turistico mondiale e si impone sempre più all’attenzione dei media, dei sociologi e degli operatori turistici. Con questo lavoro si cercherà di analizzare il Film Induced Tourism con l’intento di approcciarsi ad una nuova frontiera: il Cartoon Induced Tourism (il turismo indotto dalla visione di film d’animazione e cartoons, perché non solo la visione di un film o di una serie tv può indurre il potenziale (cineturista a viaggiare. Anche un film d’animazione, che per definizione è pura creazione, può suscitare allo spettatore le stesse emozioni di una pellicola girata in una location “reale” e spingerlo ad esplorare i luoghi da cui i registi hanno preso spunto per costruire o meglio disegnare il set in cui sono ambientati.  Nowadays locations are becoming tourist destinations, offering relations such as products, services, natural and manmade elements, able to attract a certain number of visitors, satisfying expectations from a functional point of view as well as from an emotional one. Film Induced Tourism represent a trend developed in the last years according with the creation of tourist agencies, specialised in guided tour to specific destination in which famous cinematographic scenes have been made. According to various statistics on Film

  12. L’esercizio della sostenibilità sul patrimonio edilizio storico dell’Aquila. Prassi e ambiti applicativi nella fase della ricostruzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Tosone

    2012-12-01

    Full Text Available Il quadro delle strategie sull’abitare sostenibile ha ampliato l’ambito applicativo del miglioramento energetico al patrimonio costruito anche soggetto a tutela. L’esercizio della sostenibilità nella contesto operativo della ricostruzione post-sisma avviene in base a prescrizioni di tipo normativo che prevedono insieme al miglioramento sismico anche quello energetico, per tutti gli edifici, vecchi e nuovi, con classificazione E del danno, con una estensione, per nulla mediata e meditata, a quelli facenti parte del tessuto storico della città, soggetti o no a tutela. L’ambito di tali applicazioni evidenzia i limiti e le criticità di una trasferimento tout court dei metodi operativi  elaborati nel settore delle nuove costruzioni ed implica un ripensamento di presupposti teorici e prassi progettuali.

  13. Elastosonography in the diagnosis of the nodular breast lesions: preliminary report; Elastosonografia nella caratterizzazione delle lesioni nodulari della mammella: esperienza preliminare

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giuseppetti, Gian Marco; Di Cioccio, Barbara; Baldassarre, Silvia [Univ. Politecnica delle Marche, Ancona (Italy). Istituto di radiologia; Martegani, Alberto [Ospedale Valduce, Como (Italy). Servizio di radiologia

    2005-07-15

    Purpose. To assess the diagnostic accuracy of elastography in characterising nodular breast lesions. Materials and methods. A total of 82 patients who received mammographic, ultrasonographic and elastographic evaluation in a single session at two Italian centres (Dept of Radiology, Az. Ospedali Riuniti, Ancona, and Ospedale Valduce, Corno, Italy) between January and August 2004 according to identical protocols exhibited 91 nodules that were subjected to cytological/histological examination. Lesions were classified and scored and the sensitivity of elastography calculated. Results. Overall sensitivity and specificity were 79% and 89%, respectively. However, sensitivity was 86% and 65% and specificity 100% and 62% for lesions < 2 cm and > 2 cm in diameter, respectively. Despite the small sample and the fact that it does not include the full range of cell types, tumour cell composition seemed to affect accuracy. Conclusions. Elastography is easy and rapid to perform. Larger studies are needed to establish semiological patterns; despite the small patient sample, these data provide an interesting contribution. [Italian] Scopo. Valutare l'accuratezza diagnostica dell'elastosonografia nella caratterizzazione delle lesioni nodulari della mammella. Materiale e metodi. Il campione e costituito da 91 lesioni, tutte verificate, osservate in due centri nel periodo gennaio/agosto 2004. Tutte le pazienti sono state sottoposte nella stessa seduta a mammografia, ecografia ed elastosonografia secondo protocolli comuni ai due centri. I risultati sono stati classificati e valutati secondo uno score predefinito in base al quale sono state calcolate specificita e sensibilita. Risultati. In accordo con i criteri classificativi l'esame ha evidenziato, globalmente, una sensibilita del 79% ed una specificita del 89% con diverso comportamento in rapporto alle dimensioni. In particolare per diametri inferiori a cm 2 si e osservata una sensibilita del 86% con specificita del 100

  14. Los cuadrantes del desempeño regional en Colombia (2000-2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edilberto Rodríguez Araújo

    2014-06-01

    Full Text Available El crecimiento económico a escala territorial ha sido desigual. Las tendencias actuales apuntan a un aumento de la brecha en el ingreso interregional (o interdepartamental, en un sentido estricto, cuya superación no se puede dejar al automatismo del mercado. En América Latina la persistencia de las disparidades interregionales se encuentra en la agenda de investigación del ILPES y la CEPAL, desde la década pasada, toda vez que afecta las posibi lidades de desarrol lo regional. En Colombia, la preocupación por las desigualdades territoriales dentro del análisis regional, se remonta a la década del noventa, y estuvo centrada en la identificación de tendencias convergentes o divergentes, cuyos resultados no fueron concluyentes. El análisis del desempeño económico de los departamentos colombianos más Bogotá, durante el periodo 2000-2012, mediante la técnica de los cuadrantes, propuestos por ILPES-CEPAL, ha revelado que los territorios ganadores (cuadrante 1 han disminuido, mientras que el mayor número se concentra, en permanente movilidad, en los cuadrantes 2 y 3, es decir, en los territorios convergentes y estancados, mientras que los declinantes no muestran cambios sustanciales. Las disparidades interregionales no parecen atenuarse, por el contrario, se acentúan. La brecha interregional persiste y el cambio estructural de las economías departamentales, la ha profundizado.

  15. La violencia conyugal durante el embarazo y su asociación con el bajo peso al nacer en mujeres usuarias del Hospital Regional General Ignacio Zaragoza del ISSSTE

    OpenAIRE

    2013-01-01

    El objetivo de este trabajo es evidenciar la asociación entre la violencia por parte de la pareja intima durante elembarazo y la presencia de recién nacidos con bajo peso, en usuarias del servicio de obstetricia delHospital Regional General Ignacio Zaragoza del Instituto de Servicios y Seguridad Social de losTrabajadores del Estado (ISSSTE)

  16. Maddalena Mazzocut-Mis, Il senso del limite: il dolore, l'eccesso, l'osceno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabrina Antonella Abeni

    2011-04-01

    Full Text Available Qual è il limite oltre il quale la fruizione di un'opera non può più essere considerata estetica? Quali possono essere considerati i confini del “buon gusto”? Quali meccanismi scattano in noi davanti alla visione di scene spiacevoli, anche se fittizie? A partire da questi interrogativi, quest'opera affronta un'analisi del patetico, disgustoso, orrorifico e osceno, facendo riferimento soprattutto alle riflessioni estetiche nel Settecento, epoca nella quale, per la prima volta, si realizzano studi sul rapporto tra soggettività del piacere e universalità del concetto di gusto, riflettendo sui motivi per cui immagini che nella realtà sarebbero disturbanti, nella finzione artistica possono provocare diletto.

  17. Traspaso del tipo de cambio al nivel de precios: Un análisis regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ramón A. Castillo-Ponce

    2013-01-01

    Full Text Available En esta investigación se evalúa el traspaso del tipo de cambio al nivel de precios en México, asimismo, se considera el índice nacional de precios al consumidor e índices regionales. El análisis se instrumenta para el largo y corto plazos, los resultados indican que el traspaso ha disminuido tanto a nivel nacional como regional en ambos horizontes. En el largo plazo la disminución es similar a través de regiones; en el corto, la misma es marcadamente distinta, mientras que en algunas regiones el efecto transitorio persiste, en otras desaparece. Esto sugiere que cada región exhibe características socioeconómicas específicas que conllevan a dinámicas inflacionarias distintas entre sí.

  18. APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA IN SANITÀ Studio su sette DRG chirurgici in diverse realtà sanitarie . La simulazione ad eventi discreti ( DES) e principi di sistemi qualità in supporto alla appropriatezza organizzativa , nella esperienza della U.O. della Chirurgia Generale e Mininvasva del Policlinico Federico II di Napoli.

    OpenAIRE

    Mazzitelli, Annunziata

    2015-01-01

    ABSTRACT Il concetto di "Appropriatezza" è stato introdotto nel contesto normativo italiano a seguito della Raccomandazione n° 17/1997 del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa agli Stati membri, "sullo sviluppo e l'attivazione dei sistemi di miglioramento della qualità dell'assistenza sanitaria", in cui l'appropriatezza delle cure viene indicata come una delle componenti fondamentali; infatti, la Legge 449/1997, immediatamente successiva, inserisce l'appropriatezza fra i profil...

  19. I romanismi nella terminologia viticola dell'Istria slovena

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rada Cossutta

    1995-12-01

    Full Text Available Il  presente saggio trae spunto da un attento riesame del materiale che ho raccolto ed analizzato per la mia tesi di dottorato di ricerca dal titolo Poljedelska in vi­ nogradniska terminologija v govorih Slovenske Istre (La terminologia agricola e viticola nelle parlate dell'lstria slovena, tesi che ho discusso presso la Facoltà di Filosofia di Lubiana il 14 gennaio 1994, relatore il prof. Tine Logar, correlatore la prof. Alenka Šivic-Dular. L'opera si inserisce nel filone di ricerche lessicali orientate a ri­ scrivere la storia linguistica di questa regione così complessa per le innumerevoli vicende storiche e per i molteplici contatti linguistici tuttora fertili.

  20. IL PRETESTING DEL QUESTIONARIO STRUTTURATO. L'ANALISI DELL'INTERAZIONE TRA INTERVISTATORE E INTERVISTATO

    OpenAIRE

    Palmieri, Marco

    2013-01-01

    Nella lunga tradizione di riflessioni e ricerche sul tema della “qualità del dato”, mi sembra che due posizioni, tra loro antitetiche, prevalgano sulle altre: una di origine comportamentista secondo la quale la qualità del dato è definita come “assenza di distorsioni nel processo di misurazione” (Groves 1991); l’altra, che Mauceri (2003) ha chiamato “pragmatica”, vede nella qualità del dato “la soddisfazione delle condizioni logiche e metodologiche necessarie al conseguimento degli obiettivi ...

  1. Le meraviglie del cervello semantico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Quante volte portiamo a termine una frase prima che il nostro interlocutore finisca di parlare? L'atteggiamento potrebbe agevolare la comunicazione, ma spesso e volentieri chi viene "anticipato" si infastidisce e - se siamo in confidenza - ce lo fa notare. Non si tratta di lettura del pensiero... Abbiamo "semplicemente" pescato il senso nella nostra memoria semantica, riuscendo a completare la frase nel modo più appropriato in quella situazione.

  2. Palivizumab nella profilassi del virus respiratorio sinciziale: analisi di impatto sul budget del SSN italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Roggeri

    2011-07-01

    Full Text Available Palivizumab is a monoclonal antibody to RSV that has been shown to significantly reduce the frequency of hospitalisations for RSV infection, in at-risk populations. However, payers are concerned about the budgetary impact of adopting palivizumab. A budget impact model was developed to estimate the financial impact of palivizumab for the prevention of severe RSV infection in at-risk populations in the Netherlands. These analyses were adapted to Italy, after a brief review of the literature on the health care system and epidemiology of RSV infection in our country. The report below outlines the methodology and analysis of the costs associated with palivizumab prophylaxis of premature infants of 33 to 35 weeks gestational age which are the at-risk subgroup eligible for prophylaxis according to Italian guidelines.

  3. Gioco… libera tutti! Le opportunità del gioco nella prevenzione del disagio giovanile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cantieri Comuni

    2013-03-01

    Full Text Available Secondo la sociologa urbana Elisabetta Forni, vivere in una città che non offre stimoli ambientali, sociali e ludici può produrre effetti gravi nelle fasce di popolazione giovane, come l’apatia, la dipendenza emotiva e psicologica dagli adulti e dal gruppo dei pari, la mancanza di autonomia e altri disagi. Questi tratti aumentano la possibilità di sviluppare personalità aggressive e comportamenti violenti. I disagi e le sofferenze dei bambini e degli adolescenti sono una testimonianza di quella che J. Galtung definisce la dimensione strutturale della violenza urbana.

  4. Il linguaggio del silenzio nella comunicazione pubblicitaria della moda e del lusso: un'indagine semiotica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesare Amatulli

    2015-07-01

    Full Text Available Abstract - The luxury fashion is an important industry from both the economic and socio-cultural perspectives, since the high sales volume marks it as a crisis-proof sector, where the luxury fashion brands trigger specific cognitive, emotional, and behavioural effects on their end users. Yet, marketing and semiotics literatures still have to fully enquire into the use of multimodality in the production of advertisements. This paper explores this multimodal construction of print advertising of luxury brands, focusing on the semantic dimensions of “textual silence”. In particular, the qualitative analysis carried out by this study exemplifies how the choice between “offer” and “demand” images and their disposition as visual vectors are meant to activate specific interpretations and reactions by receivers, without resorting to written language. Besides the application of the theoretical background of multimodality to the luxury fashion industry, this paper has practical implications as well, for it develops a framework for the analysis of the advertising discourse which encompasses semiotic, linguistic and motivational aspects.

  5. Estudio regional continental del PNN Tayrona y zonas aledañas (Rodadero)

    OpenAIRE

    Barbosa-Rojas, Angela Lisbeth; Calderón-Acero, Laura Victoria; Calderón-Capote, María Camila; Castro-Fajardo, Ana Milena; Castro-Ramírez, Sergio; Cifuentes-Gil, Yeimy Liseth; Cortés-Guzmán, Daniela; Currea-Moncaleano, Susana; Díaz-Melo, Jennye Jossian; Duque-Duque, Fredy Augusto; Flórez-Ariza, Gianna Cristhina; Gómez-Cano, Fabio Andrés; González-Acero, Lorena Xiomara; González-Saldarriaga, Sebastián; Guzmán-Calderón, Victor Hugo

    2012-01-01

    Dentro del programa curricular de Biología de la Universidad Nacional de Colombia, la asignatura Ecología Regional Continental busca introducir a los estudiantes en la realización de análisis de los procesos ecológicos a escala de región y de ecosistema. Para el segundo semestre de 2012, se realizó un estudio en el PNN Tayrona y zonas aledañas (Rodadero, Gaira) teniendo en cuenta los componentes de limnología, vegetación y artropofauna. Se analizaron estos componentes en el Bosque Seco Tropic...

  6. Estudio regional del potencial de secado con aire natural y energía solar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Domínguez P.

    2011-11-01

    Full Text Available En este artículo se presenta y aplica una metodología de trabajo basada en la técnica de simulación matemática y desarrollada con el fin de realizar estudios sobre el potencial de secado de productos agropecuarios con aire natural y energía solar de regiones tropicales. La metodología se basa en el uso de un programa de computador e Incluye otros elementos metodológicos en relación con el manejo de la información meteorológica, el patrón de operación del ventilador, el uso de energía solar y la interpretación de los resultados con el fin de optimizar el sistema. Se reportan los resultados del estudio del potencial de secado con aire natural y energía solar de Tuluá (Valle y se proporcionan recomendaciones específicas para la implementación de sistemas de secado a bala temperatura en la Reglón.

  7. Veterinarians in environmental protection; Il veterinario nella protezione ambientale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ioppolo, A.; Achene, L.; Cappella, M.G. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Medicina Veterinaria

    1999-07-01

    The main contributions of the Fifth and Sixth Courses: Veterinary medicine and environmental contamination, held at the Italian National Institute of Health on October 27-31 1997, and September 28-October 2 1998, are presented. The volume is divided into three sections: general concepts (evolution of environmental protection in the European community, veterinary drugs in Europe, drugs and environmental contamination, aquaculture and environmental contamination); problematic aspects and methodologies applied to the environmental pollution (animal pathologies and environmental quality, toxic algae and aquaculture, aquatic organisms as indicators of environmental contamination, use of arthropods to assess environmental quality); field experiences (monitoring of chemical contaminants by an experimental institute of veterinary services, quality of compost in the light of aspects of management and market). [Italian] Sono riportati alcuni interventi presentati al quinto e al sesto corso di medicina veterinaria ed inquinamento ambientale che si sono svolti rispettivamente il 27-31 ottobre 1997 e il 28 settembre-2 ottobre 1998 presso l'Istituto Superiore di Sanita'. Il volume e' diviso in tre sezioni: contributi generali (evoluzione della tutela ambientale nella Comunita' Europea, i farmaci veterinari in Europa), utilizzo di farmaci e inquinamento (patologie degli animali e inquinamento, alghe tossiche e acquacultura, metodi per la valutazione della qualita' ambientale con organismi acquatici, artropodi terrestri come bioindicatori); esperienze sul campo (compostaggio di qualita'); problematiche gestionali e di mercato, esperienze di un monitoraggio di contaminanti chimici in un istituto zooprofilattico sperimentale.

  8. La Media Literacy nella prospettiva finlandese, nordica ed europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sol-Britt Arnolds-Granlund

    2013-03-01

    Full Text Available Nel secolo scorso, e in special modo negli ultimi dieci anni, la questione dei media e, in particolare, il tema della media literacy ha attratto l’interesse delle autorità, degli studiosi e di altri responsabili nel settore educativo. Nel tempo sono entrati in uso molti concetti, ma sfortunatamente senza che ne venisse fornita una definizione, nella maggior parte dei casi. Questo articolo si focalizza sulla media literacy, su come può essere definita e sul significato di concetti affini utilizzati nel contesto finlandese. Inoltre viene discussa la relazione tra i concetti di media literacy e digital literacy e la collocazione della media literacy nei curricula scolastici in Finlandia. Il contributo affronta anche il problema della valutazione della media literacy nelle politiche istituzionali e chiude con un accenno alle prospettive future di ricerca nel campo dell’educazione ai media. Trattandosi di un lavoro di ampio respiro sulla media literacy, si riferisce sia a iniziative politiche che ai risultati della ricerca e alle pratiche educative.

  9. Dogane dei pascoli, beni comuni e sviluppo di strutture statuali nella repubblica senese (secolo XV. Terreni fecondi per un approccio interdisciplinare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Dani

    2009-12-01

    Full Text Available L’istituzione della Dogana dei Paschi nella Repubblica di Siena tra la seconda metà del Trecento e la prima metà del Quattrocento, simile in vari aspetti alle Dogane pontificie e del Regno di Sicilia, determinò una riduzione dei pascoli delle comunità locali ed una intensificazione del controllo territoriale del potere centrale, significativa se letta nel contesto di lungo periodo della lenta nascita dello Stato moderno. Nondimeno occorre rilevare che il pascolo doganale presupponeva la tipica concezione medievale della proprietà divisa, con più diritti che insistevano sul medesimo bene, nonché una concezione del demanio influenzata dal diritto feudale. Per questo non dobbiamo pensare ai territori doganali come a proprietà demaniali piene ed esclusive dello Stato, ma come a situazioni in cui il consueto intreccio di diritti reali coesistenti si complicava con l’innesto di un ulteriore tipo di dominio, connesso con quello eminente che spettava al titolare della giurisdizione superiore. Dal punto di vista del fondamento giuridico, la Dogana sembra poggiare non tanto su nuove potestà statuali egemonizzanti, quanto sulla “applicazione estensiva” di principi di diritto feudale: erano infatti i feudatari ad avere sul territorio soggetto sia un dominio diretto sia un dominio utile sulle risorse naturali eccedenti al fabbisogno della popolazione, che potevano anche concedere in godimento a forestieri.

  10. Determinantes y diferencias del estado de salud entre regiones de Costa Rica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Melvin Morera-Salas

    2009-01-01

    Full Text Available El objetivo del documento es estudiar los determinantes de salud autopercibida entre regiones geográficas en Costa Rica. Se utiliza la Encuesta Nacional de Salud 2006 (ENSA 2006 para estimar las relaciones entre las diversas variables de carácter socioeconómico y el estado de saludbautopercibido mediante un modelo probit ordenado. Los resultados muestran que después de ajustar por edad, sexo, variables socioeconómicos, de necesidad de salud y estilos de vida, existen diferencias de salud entre los individuos de las regiones costarricenses. No existen diferencias entre hombres y mujeres en el estado de salud, la educación formal prolongada se relaciona con mayor salud auto percibida, ciertos estilos de vida, considerados perjudiciales, no se relacionan con un menor grado de satisfacción, el padecimiento de una enfermedad crónica tiene efectos negativos y vivir en pareja tiene efectos positivos sobre la salud.

  11. La distribución del ingreso en México: un análisis regional, 1990-2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Gutiérrez Flores

    2008-01-01

    Full Text Available En este artículo se analiza la desigualdad regional del ingreso en México para el periodo 1990-2004 mediante la utilización de funciones de distribución del ingreso regional, junto con algunos indicadores de desigualdad. Para el análisis distribucional se han confi gurado distintas regiones con base en el diferente grado de exposición que han tenido las entidades federativas del país ante el proceso de apertura de la economía mexicana. En la construcción de las funciones regionales de distribución del ingreso tipo Gauss-kernel se han empleado datos del Producto Interno Bruto per capita por entidad federativa, junto con las proporciones de ingreso por estrato poblacional. La desigualdad es un fenómeno persistente en las regiones de México. Sin embargo, aquellas regiones que han estado más expuestas a los procesos de apertura económica presentan menores niveles de desigualdad. Lo contrario sucede con el resto de las regiones en ese mismo arreglo.

  12. La musica dei classici viennesi nella coscienza collettiva e agli occhi della ricerca: un’incomprensione vicendevole?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manfred Hermann Schmid

    2014-05-01

    Full Text Available La cultura presuppone la comprensione storica. Non c’è insegnamento di grammatica, di religione o di musica senza tracce della storia. Tuttavia la storia, a dispetto della bella definizione di Leopold von Ranke, non ha alcunché d’oggettivo, e ancor meno ne hanno i suoi verdetti. La storia, si sa, è un costrutto intellettuale. All’edificazione di questo costrutto, nonché alla sua trasmissione – anche alla “trasmissione del sapere musicale”, il nostro tema – prendono parte istanze assai diverse, di certo non la sola ricerca storica. Per la storia della musica dobbiamo fare i conti con tre diverse istanze: (a la corporazione dei musicisti, nel gergo della loro oralità; (b la comunità scientifica, nella sua produzione editoriale, nel suo magistero accademico; (c l’opinione pubblica, nel condizionamento derivante dai mass-media. Tra (b e (c si pone inoltre la scuola. Essa deriva la propria autocoscienza dalla ricerca; molto più della comunità scientifica, tuttavia, è chiamata a confrontarsi con l’opinione pubblica.Le visioni della storia differiscono tra loro, com’è lecito aspettarsi, e mutano di epoca in epoca: è ciò che intendo mostrare con un esempio da manuale circa la formazione del canone e la concezione teleologica della storia riferito ai classici viennesi.

  13. Potencial vulnerabilidad frente a inundaciones de los establecimientos de salud públicos de cuatro regiones del norte del Perú

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Akram Hernández-Vásquez

    2016-01-01

    Full Text Available Con el objetivo de determinar la potencial vulnerabilidad de los establecimientos de salud públicos de cuatro regiones del norte del Perú ante los posibles efectos del fenómeno El Niño (ENSO, se realizó un análisis espacial exploratorio con los puntos georreferenciados de las zonas de riesgos por activación de quebradas, reportadas por la Autoridad Nacional del Agua, y los establecimientos de salud públicos del Ministerio de Salud. Se simularon áreas de influencia concéntricas desde los puntos de riesgo hacia los establecimientos de salud públicos en un radio de 200, 1000 y 1500 metros. La región Tumbes sería la más afectada con el 37,2% de sus establecimientos afectados por inundaciones o deslizamientos. Las categorías I-2 y I-3 serían las más afectadas con el 28,9 y 31,6% respectivamente. En conclusión, se identificaron establecimientos de salud cercanos a puntos de riesgo que podrían ser afectados ante la presencia del ENSO.

  14. Popular o non popular? I tardi anni Sessanta, la controcultura e l’avanguardia nella musica rock. L’esempio di "Ummagumma" dei Pink Floyd

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Philippe Gonin

    2017-05-01

    Full Text Available In alcuni generi che emergono nella popular music della fine degli anni Sessanta, quali progressive, art o psychedelic rock, la tensione verso la sperimentazione sembra essere la principale preoccupazione dell’ “avanguardia pop”, sia negli Stati Uniti (con figure come Frank Zappa, The Velvet Underground, The Grateful Dead, che nel Regno Unito (AMM, Pink Floyd, The Beatles, Soft Machine. In questi repertori si evidenziano due principali tipologie di approcci, che possono essere definiti “tentazione sinfonica” e “tentazione sperimentale”. L’obiettivo di questo contributo è mostrare come, alla fine degli anni Sessanta, i confini tra popular music, free jazz, musica sperimentale e “musica d’arte” si siano progressivamente indeboliti, se non addirittura siano completamente superati. A partire da una panoramica generale del decennio, il saggio si concentra sulla combinazione di modalità compositive tipiche dell’avanguardia, della musica d’arte e della popular music, concentrando l’attenzione su tre aspetti: sperimentazione nel rock della fine degli anni Sessanta; sperimentazione nella musica dei Pink Floyd; analisi di alcuni pezzi tratti dall’album Ummagumma.

  15. La gestión del desarrollo regional y rural: entre el territorio y la desterritorialización

    OpenAIRE

    2014-01-01

    Este artículo tiene como objetivo presentar diferencias en el uso del concepto de territorio y exteriorizar la relevancia de explicar cuál noción se maneja para fines de planificación y gestión del desarrollo territorial. También, el trabajo muestra enfoques del desarrollo rural, en conexión con el regional y su importancia para las políticas públicas. Se retoma la revalorización de lo rural y se muestran distintas definiciones que revelan la ambigüedad conceptual. Finalmente, se presenta des...

  16. Información molecular obtenida a partir de pieles de la colección del Museo Regional Fagnano, Río Grande, Tierra del Fuego

    OpenAIRE

    2014-01-01

    En el presente trabajo se aplicaron técnicas moleculares sobre muestras poco conservadas de pieles depositadas en la colección del Museo Regional Monseñor Fagnano, Tierra del Fuego, Argentina, con el objetivo de identificar la especie con la que fueron confeccionadas. Se extrajeron pelos de mantas realizadas con pieles de guanaco (Lama guanicoe) por Selk’nam y de una piel de puma (Puma concolor) procedente de la provincia de Santa Cruz. Ambas muestras se encontraban almacenadas en el Museo Re...

  17. ¿Mercosur o Alca? Clase dominante, gobierno e inserción regional en los inicios del Kirchnerismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Julián Kan

    2013-10-01

    Full Text Available El objetivo de este trabajo es analizar la relación entre gobierno, corporaciones empresarias de la clase dominante y los proyectos MERCOSUR y ALCA en los inicios del gobierno de Kirchner. La hipótesis principal es que los cambios en la inserción regional de Argentina desde 2003 (reconstrucción del MERCOSUR y rechazo al ALCA, tuvieron entre una de sus causas a las acciones de corporaciones como la Unión Industrial Argentina (UIA y la Sociedad Rural Argentina (SRA. Como afirma Katz (2006 aquella reconfiguración regional, además de estar influenciada por las protestas sociales antineoliberales, también respondió a la demanda de una diferente inserción regional por parte de las clases dominantes locales. Mediante el análisis de la prensa escrita y de documentación de las corporaciones, observaremos los posicionamientos sobre el ALCA y el MERCOUSR, el tipo de intervención del gobierno que reclaman y por qué apoyan o rechazan las negociaciones entre 2003 y 2004, en la reunión de la Ronda Doha de Cancún de la Organización mundial de Comercio (OMC y en las Minicumbres del ALCA de Miami y Puebla, donde quedaron trabadas las negociaciones del ALCA y se produjo la reorientación del MERCOSUR

  18. ESTUDIO COMPARATIVO DEL EFECTO DE CRANEO-ACUPUNTURA VS ACUPUNTURA CORPORAL, EN PACIENTES CON SECUELAS DE ENFERMEDAD VASCULAR CEREBRAL EN EL HOSPITAL REGIONAL DEL INSTITUTO DE SEGURIDAD SOCIAL AL SERVICIO DE LOS TRABAJADORES DEL ESTADO DE PUEBLA

    OpenAIRE

    MENDEZ MENDEZ, NAZARIO CELSO

    2011-01-01

    ESTUDIO COMPARATIVO DEL EFECTO DE LA CRANEOACUPUNTURA VS ACUPUNTURA CORPORAL, EN PACIENTES CON SECUELAS DE ENFERMEDAD VASCULAR CEREBRAL EN EL HOSPITAL REGIONAL DEL INSTITUTO DE SEGURIDAD SOCIAL AL SERVICIO DE LOS TRABAJADORES DEL ESTADO DE PUEBLA. LAS SECUELAS DE EVC SON UN PROBLEMA DE SALUD PUBLICA, CON MAYOR FRECUENCIA DE LA ISQUEMIA 81.25 POR CIENTO POR CIENTO Y EN SEGUNDO LUGAR LA HEMORRÁGICA CON EL 18.75 POR CIENTO, EL SEXO FEMENINO ES LA MAS FRECUENTE Y LA EDAD MAS AFECTADA ES DE LO...

  19. ESTUDIO COMPARATIVO DEL EFECTO DE CRANEO-ACUPUNTURA VS ACUPUNTURA CORPORAL, EN PACIENTES CON SECUELAS DE ENFERMEDAD VASCULAR CEREBRAL EN EL HOSPITAL REGIONAL DEL INSTITUTO DE SEGURIDAD SOCIAL AL SERVICIO DE LOS TRABAJADORES DEL ESTADO DE PUEBLA

    OpenAIRE

    MENDEZ MENDEZ, NAZARIO CELSO

    2011-01-01

    ESTUDIO COMPARATIVO DEL EFECTO DE LA CRANEOACUPUNTURA VS ACUPUNTURA CORPORAL, EN PACIENTES CON SECUELAS DE ENFERMEDAD VASCULAR CEREBRAL EN EL HOSPITAL REGIONAL DEL INSTITUTO DE SEGURIDAD SOCIAL AL SERVICIO DE LOS TRABAJADORES DEL ESTADO DE PUEBLA. LAS SECUELAS DE EVC SON UN PROBLEMA DE SALUD PUBLICA, CON MAYOR FRECUENCIA DE LA ISQUEMIA 81.25 POR CIENTO POR CIENTO Y EN SEGUNDO LUGAR LA HEMORRÁGICA CON EL 18.75 POR CIENTO, EL SEXO FEMENINO ES LA MAS FRECUENTE Y LA EDAD MAS AFECTADA ES DE LO...

  20. La integración regional a comienzos del siglo XXI: MERCOSUR y UNASUR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    César Augusto Bermúdez Torres

    2011-01-01

    Full Text Available Durante la primera mitad del siglo XX, se presentaron proyectos de integración en América Latina a la luz del concepto "Panamericanismo" y estrechamente ligados al surgimiento de Estados Unidos como potencia mundial. Para la segunda mitad de siglo, después de la creación de la Comisión Económica para América Latina (CEPAL, aparecieron proyectos que bajo el apellido "latinoamericana" (ALALC, ALADI, reflejaron la renovación de los propósitos de integración. No obstante, reaparecieron dificultades para la comunidad regional. Actualmente, existen dos proyectos en proceso de formación para destacar: el Mercado Común del Sur (MERCOSUR, en 1994, que ha continuado muy a pesar de las variadas dificultades que se le presentan, entendidas muchas de éstas por su reciente constitución. Y hace poco surgió un nuevo proyecto: la Unión de Naciones Suramericanas, (UNASUR, en 2008, que alterna como propuesta de integración con la Alternativa Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (ALBA, en 2004. Estos ambiciosos proyectos interactúan de frente al variopinto espectro político-ideológico de la región suramericana. El objetivo es hacer un análisis de los dos recientes proyectos de integración teniendo presente el contexto político-ideológico de la región y su repercusión en el proceso de formación de los mismos.

  1. Considerations concerning the use of mental tests in the quantification of the psychic biological damage - Considerations sur l’utilisation des tests mentaux pour quantifier le dommage biologique de nature psychique - Considerazioni in merito all’uso dei test mentali nella quantificazione del danno biologico di natura psichica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cimino L.

    2009-08-01

    Full Text Available The authors, though remarking the centrality of the structured interview and the examination of the mental conditions for the evaluation of the psychic biological damage, underline also the importance, in the course of an accurate psychodiagnostic test, of the mental tests as useful means for the quantification of the damage itself, although one should know their peculiarities and limits.Les auteurs, même s’ils mettent en évidence l’importance prépondérante du colloque structuré et de l’examen des conditions mentales pour l’évaluation du dommage biologique de nature psychique, soulignent aussi l’importance des tests mentaux pour un examen psychodiagnostic correct. Les tests mentaux servent de support utile pour quantifier le dommage, à condition de connaître leur particularités et limites. Gli autori, pur rimarcando la centralità del colloquio strutturato e dell’esame delle condizioni mentali per la valutazione del danno biologico di natura psichica, sottolineano altresì l’importanza, all’interno di un corretto esame psicodiagnostico, dei test mentali quale utile supporto per la quantificazione del danno stesso, a condizione di conoscerne peculiarità e limiti.

  2. Etiche del paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Venturi Ferriolo

    2015-11-01

    Full Text Available L’etica riflette sui rapporti fra uomo e ambiente. Indaga l’azione dell’uomo. Svela la sua visione della vita e il mondo possibile e accoglie in sé un complesso di norme morali e di costume che identificano un preciso comportamento nella vita di relazione. Si riferisce all’agire dell’individuo in una struttura sociale che lo comprende. Siamo alla ricerca di un’essenza del paesaggio indipendente dalla mera pittura, dalla rappresentazione, dall’immagine sentimentale: dalla natura sia ideale che reale. Prendere coscienza della cosa in sé, anche nei suoi aspetti ideali, significa comprenderne la complessità. Possiamo leggere quindi ogni paesaggio come realtà etica, risultato dell'operosità dell'uomo nella natura, ambito complessivo della vita: nel significato peculiare di progetto del mondo umano, che parte da lontano, da quando l'uomo ha incominciato a trasformare il proprio ambiente naturale per creare i luoghi dell'abitare, modellati con la mano e con lo spirito. La conoscenza dei paesaggi in tutta la loro complessità, a partire dal mondo antico, diventa quindi un nostro obiettivo. Questo significa superare, se non addirittura rovesciare, alcuni luoghi comuni consolidati e storicizzati: la teoria secondo la quale il paesaggio, nella sua dimensione estetica, sarebbe un'invenzione della modernità; il collegamento tra la moderna pittura di paesaggio e la nascita dei concetti estetici; la confusione tra natura e paesaggio, frequente nelle concezioni ecologico- ambientaliste; la tesi lessicale della nascita della coscienza del paesaggio, legata all'esistenza di una parola specifica che lo indichi. 

  3. Temps et récit dans la Paraphrase de l’Évangile selon Jean de Nonnos de Panopolis Time and Narrative in Nonnus of Panopolis’ Paraphrasis of the Gospel According to John Tempo e racconto nella Parafrasi del Vangelo secondo Giovanni di Nonno di Panopoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincent Giraudet

    2012-07-01

    Full Text Available Dans cet article, nous proposons une analyse narratologique croisée de l’Évangile de Jean et de sa Paraphrase par Nonnos de Panopolis. Après avoir comparé le marquage temporel utilisé par les deux auteurs, nous relevons les différentes analepses et prolepses qui parsèment leur récit. Même contraint par le cadre temporel de son modèle, Nonnos affiche chaque fois une volonté très forte de narrativiser l’Évangile ; en particulier l’emploi qu’il fait des adjectifs proleptiques montre que le travail sur le temps du récit est au cœur de sa poétique.In this article I propose a comparative narratological analysis of the Gospel of John and its Paraphrasis by Nonnus of Panopolis. Upon comparison of the chronological sign points used by the two authors, I consider the different analepses and prolepses that are strewn throughout their narrative. Though constrained by the temporal frame of his model, Nonnus shows a strong desire each time to narrativize the Gospel: in particular the use he makes of proleptic adjectives demonstrates that the work on narrative time is at the center of his poetics.In questo articolo proponiamo un’analisi narratologica incrociata del Vangelo di Giovanni e della sua Parafrasi ad opera di Nonno di Panopoli. Dopo aver comparato le segnalazioni cronologiche impiegate dai due autori evidenziamo le differenti analessi e prolessi che costellano il loro racconto. Per quanto limitato dal quadro temporale del suo modello, Nonno esibisce ogni volta una volontà molto marcata di narrativizzare il Vangelo; in particolare l’impiego da lui fatto di aggettivi prolettici mostra che il lavoro sul tempo del racconto è centrale per la sua poetica.

  4. Investigaciones sobre la Fertilidad de los Suelos de Tres Regiones del Norte de Colombia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodríguez J. Manuel

    1962-09-01

    Full Text Available Se hizo el estudio sobre la fertilidad de los suelos de tres regiones en el norte de Colombia a saber: San Jorge, Bajo Cauca y Ayapel. Se tomaron muestras en los lugares que se consideraron más representativos, para hacer análisis químicos detallados yen, sayos de invernadero. Los ensayos de invernadero se hicieron siguiendo la técnica de Jenny con algunas variaciones que consistieran en lo siguiente: a adicionar dos tratamientos más, uno completo más elementos menores y otro completo más cal; b hacer dos siembras de lechuga en la misma maceta, agregando en la primera todos los elementos, pero en la segunda sólo N y K; c usar el sistema del análisis de variancia para comparar los resultados obtenidos. En los análisis químicos se encontró que los suelos de San Jorge son casi neutros (pH 6,7 mientras que los del Bajo Cauca y Ayapel son frecuentemente ácidos (pH 5.38 y 5.10 respectivamente. El contenido de materia orgánica está entre 1.70 y 2,67%, El P soluble extraído por el método de Olsen es bajo en los tres suelos estudiados, pero especialmente en los del Bajo Cauca y Ayapel (2,8 y 4,2 mg./ kg, respectivamente. Al analizar los resultados por el sistema de la variancia se encontró, para los suelos de San Jorge, que el N y el K disminuyen los rendimientos y que esta disminución es estadísticamente significativa para una de las siembras. Que la aplicación de elementos menores alimenta los rendimientos en las dos siembras y que en una de ellas es estadísticamente significativa. Para el suelo del Bajo Cauca, la aplicación de P o de elementos menores aumenta en las dos siembras los rendimientos y en una de ellas en forma estadísticamente significativa. En los suelos de Ayapel se encontró que la cal o los elementos menores alimentaron los rendimientos en las dos siembras y en una de ellas el aumento fue estadísticamente significativo. En general, se puede observar por el rendimiento del testigo de los tres suelos, que el

  5. Diagnostic accuracy of MRCP in choledocholithiasis; Accuratezza diagnostica della colangiowirsung-RM nella coledocolitiasi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Guarise, Alessandro; Mainardi, Paride [Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria, Negrar, Verona (Italy). Servizio di Radiologia; Baltieri, Susanna; Faccioli, Niccolo' [Verona Univ., Verona (Italy). Istituto di Radiologia Policlinico G. B. Rossi

    2005-03-01

    'accuratezza diagnostica della colangiowirsung-RM (CWRM) nella diagnosi di coledocolitiasi considerando come gold standard l'ERCP. Confrontare i risultati ottenuti nei primi due anni (1999-2000) d'esperienza con la CWRM rispetto ai successivi due (2001-2002), in pazienti con sospetta patologia litisiatica della via biliare, al fine di dimostrare ripetibilita' ed obiettivita' dei risultati con CWRM. Materiale e metodi: Centosettanta pazienti consecutivi sono stati sottoposti a studio CWRM e successivamente ERCP nell'intervallo di 72 h. In 22/170 (13%) pazienti l'ERCP, per motivi diversi, non e' stata diagnostica. La CWRM e' stata espletata con magnete da 1,5 T utilizzando sia sequenze HASTE multislice sia acquisizione proiettiva a strato spesso. E' stata formulata diagnosi di coledocolitiasi in presenza d'immagine di vuoto di segnale parzialmente circondata da bile iperntensa e localizzata nella porzione declive del dotto, riconoscibile in almeno due piani. I risultati prospettici della CWRM, ottenuti in cieco rispetto ai dati dell'ERCP, sono stati confrontati in due diversi e successivi periodi. Risultati: L'ERCP ha confermato la presenza di colelitiasi in 87 pazienti. In questi casi i risultati della CWRM sono stati i seguenti: 78 veri positivi, 53 veri negativi, 7 falsi positivi e 9 falsi negativi. La sensibilita', specificita' ed accuratezza e' risultata rispettivamente del 90%, 88% e 89%. Escludendo i calcoli con diametro inferiore a 6 mm, la sensibilita', specificita' ed accuratezza sono risultate rispettivamente del 100%, 99% e 99%. L'accuratezza della CWRM e' correlata alle dimensioni del calcolo. Non vi e' stata significativa differenza tra i risultati ottenuti nel primo rispetto a quelli del secondo biennio. Conclusioni: La CWRM si e' dimostrata metodica sufficientemente accurata da poter rimpiazzare l'ERCP in pazienti con sospetta patologia della via biliare. I risultati

  6. Información molecular obtenida a partir de pieles de la colección del Museo Regional Fagnano, Río Grande, Tierra del Fuego

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Petrigh, Romi

    2014-10-01

    Full Text Available En el presente trabajo se aplicaron técnicas moleculares sobre muestras poco conservadas de pieles depositadas en la colección del Museo Regional Monseñor Fagnano, Tierra del Fuego, Argentina, con el objetivo de identificar la especie con la que fueron confeccionadas. Se extrajeron pelos de mantas realizadas con pieles de guanaco (Lama guanicoe por Selk’nam y de una piel de puma (Puma concolor procedente de la provincia de Santa Cruz. Ambas muestras se encontraban almacenadas en el Museo Regional Monseñor Fagnano y en la Misión Salesiana Candelaria en Rio Grande, Tierra del Fuego, Argentina. La extracción de ADN de los fragmentos de pelos de 5mm de longitud se realizó en un buffer de lisis PCR-compatible. Se amplificaron por PCR fragmentos específicos de ADN mitocondrial y se secuenciaron. Las secuencias fueron comparadas con las depositadas en la base de secuencias de nucleótidos del National Center for Biotechnology Information (NCBI de Estados Unidos. La aplicación de técnicas moleculares permitió recuperar secuencias de ADN de muestras de pieles con un estado de conservación poco óptimo para análisis genéticos, pudiendo extenderse a otras fuentes de pelos como las fibras textiles de origen arqueológico de la región.

  7. Polimorfismo del codon 72 de TP53 y riesgo de cancer gastrico: estudio caso-control en individuos de la region centroccidental de Venezuela

    National Research Council Canada - National Science Library

    Canas, Miryan; Moran, Yeinmy; Camargo, Maria Eugenia; Rivero, Maria Belen; Bohorquez, Adolfo; Villegas, Venus; Ramirez, Eddy; Rendon, Yanet; Suarez, Alfredo; Morales, Luis; Useche, Emerson; Salazar, Sandra; Zambrano, Amado; Ramirez, Alvaro; Valderrama, Elvis; Briceno, Zuly; Chiurillo, Miguel Angel

    2009-01-01

    ...). El objetivo del estudio fue analizar la asociacion de este polimorfismo con el riesgo de desarrollar cancer gastrico en individuos procedentes de la region centroccidental de Venezuela, considerada...

  8. Marsiglia, una terra a Sud di nessun nord. La presenza dei gruppi criminali nella ville méditerranée

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosaria Anghelone

    2015-07-01

    Full Text Available Il lavoro si propone di affrontare la presenza dei gruppi criminali a Marsiglia, dagli anni delle grandi migrazioni di inizio secolo scorso, in cui il porto Mediterraneo è stato il cuore di scambi commerciali e culturali, sino agli anni recenti, in cui la città ha tirato fuori, costruendola, la sua faccia europea. Lungo tutto quest’arco temporale, confronteremo le vicende e le figure che emergeranno nel contesto, che si determinerà di fase in fase, con la concettualizzazione del fenomeno mafioso italiano; quest’ultima, come cartina al tornasole, ci permetterà di cogliere le caratteristiche del milieu marsigliese, i suoi tratti specifici e quelli che lo accomunano, sia nella logica che nell’esplicazione del suo potere, alla mafia. Marsiglia, incarnando tutte le contraddizioni delle terre del Sud, farà da palcoscenico per la riflessione sui fattori che favoriscono la nascita e rafforzano la crescita dei gruppi criminali. L’intento, oltre l’analisi del singolo caso marsigliese, è, altresì, quello di constatare quanto la Francia sia ancora impreparata in tema di contrasto alla criminalità organizzata di stampo mafioso, sottovalutandone gli effetti, e quanto, ancor di più, sia ormai imprescindibile un intervento europeo su questo versante, tendente all’armonizzazione delle legislazioni nazionali.

  9. Formación de palygorskita asociada al flujo regional de las aguas subterráneas del borde S.O. de la Cuenca del Duero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sánchez Román, J.

    1986-10-01

    Full Text Available The present work provides some data concerning the geochemistry of the paleogene groundwater in the S.W. region of the Duero Basin. The data reflect a clear decrease in silica and Mg throughout the regional flow from recharge areas to discharge ones. In one of the Paleogenes Formations of the area –Areniscas de Aldearrubia– the presence of small amounts of palygorskite Was detected. This mineral appears in perfectly automorphic crystals with a tendency to envelope and then close porosity. .
    From thermodinamic criteria, the possibility of the conversion of smectite –very abundant in the Formation– into palygorskite by addition of graundwater silica and Mg is in accordance with all the anaIytical and observational data. The palygorskite genesis related lo present or past groundwater flow could be considered as a variant of the diagenetic origin for this mineral.

    En este trabajo se presentan algunos datos sobre la geoquímica de las aguas subterráneas del paleógeno del S.O. de la Cuenca del Duero. Estos datos muestran una clara disminución de las concentraciones de sílice y de Mg a lo largo del flujo regional desde las áreas de recarga hacia las áreas de descarga. Por otra parte. en una de la formaciones paleógenas de la zona -Areniscas de Aldearrubia- hemos detectado la presencia de pequeñas cantidades de palygorskita. Dicho mineral se presenta en cristales perfectamente automorfos que tienden primero a tapizar y después a cerrar la porosidad.
    La posibilidad, demostrada termodinámicamente de transformación de esmectitas –muy abundantes en la citada formación– en palygorskita mediante aporte de sílice y Mg a partir del agua subterránea satisface todos los datos analíticos y de observación. Este tipo de génesis de la palygorskita asociado al flujo actual o subactual del agua subterránea puede considerarse como una variante del origen diagenético.

  10. Análisis del sistema regional de ciencia, tecnología e innovación del Valle del Cauca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    HENRY CAICEDO ASPRILLA

    2012-01-01

    Full Text Available Este trabajo tiene como propósito aplicar la metodología de redes sociales para evaluar si en el Valle del Cauca, se está consolidando un sistema de innovación. Se encontró que en la región hay muy pocas organizaciones que puedan dar soporte en la innovación a las empresas, lo que ha dificultado la consolidación de un sistema fuerte, articulado y que, a diferencia del esquema actual, busque que las empresas se relacionen para brindar servicios empresariales con alto contenido tecnológico que les permita innovar. El estudio concluye que un sistema de innovación en el Valle del Cauca constituye más una aspiración de política que una realidad del desarrollo tecnológico de la región.

  11. The Influence of Photolysis Rate Constants in Ozone Production for the Paso del Norte Region

    Science.gov (United States)

    Becerra, Fernando; Fitzgerald, Rosa

    2012-03-01

    In this research work we are focusing on understanding the relationship between photolysis rates and the photochemical ozone changes observed in the Paso del Norte region. The city of El Paso, Texas together with Ciudad Juarez, Mexico, forms the largest contiguous bi-national metropolitan area. This region suffers year-round ozone pollution events, and a better understanding is needed to mitigate them. Previous studies have found that ambient ozone concentrations tend to be higher on weekends rather than on weekdays, this phenomenon being referred to, as the ``weekend effect.'' If the ozone standard is exceeded more frequently on weekends, then this phenomenon must be considered in the design of ozone control strategies. In this work we investigate some of the most representative weekend ozone episodes at El Paso, TX, during the years 2009, 2010 and 2011 using the ozone photolysis rates. In this research the TUV radiative-transfer model is used to calculate the local photolysis rates and a UV MFRSR instrument is used to obtain experimental parameters. Seasonal variations and the weekday-weekend effect is studied. The results of this research will help to understand the underlying behavior of the photolysis rate constants when different atmospheric conditions are present.

  12. Análisis del sector manufacturero en las regiones españolas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Delgado Rodríguez, M. Jesús

    2007-01-01

    Full Text Available La industria manufacturera interviene de manera fundamental en la evolución económica. El modelo general de crecimiento experimentado por las economías desarrolladas ha ido acompañado, inicialmente, de determinados cambios en sus estructuras productivas: El aumento continuado de la participación de los servicios en los agregados económicos producción y empleo junto a la consolidación del incremento de la importancia de la industria en la economía; apoyados en la reducción del peso de la agricultura . En etapas posteriores la industria se ha estabilizado, mientras los servicios han continuado creciendo hasta llegar a un punto en que este crecimiento se produce a expensas de la industria. El fortalecimiento de la industria manufacturera es decisivo en todo este proceso de transformación y modernización de las estructuras productivas de las economías Por su influencia en la mejora de la competitividad de la economía y por favorecer los cambios para el progreso técnico, tiene un papel central en los procesos de crecimiento. En este trabajo se analiza trayectoria y situación de la industria manufacturera en las regiones españolas de 1995 a 2002, en relación con su grado de desarrollo económico, a través de su especialización productiva y de su eficiencia.

  13. Il trattamento riabilitativo nella spondilite anchilosante. Evidenze scientifiche

    OpenAIRE

    Del Rosso, A; S. Maddali Bongi

    2015-01-01

    La SA è una malattia reumatica infiammatoria che colpisce selettivamente lo scheletro assiale, e che, con il passare del tempo, determina dolore, grave rigidità, ridotta mobilità, alterazioni posturali del rachide vertebrale e disabilità talora severe. L’approccio terapeutico ottimale alla SA è multidisciplinare e include una combinazione di trattamenti farmacologici e non-farmacologici. All’interno di questi ultimi sono compresi educazione al paziente, regolare esercizio fisico, fisioter...

  14. El atraso regional en los procesos globales: la región del plan Puebla-Panamá

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Felipe Torres Torres

    2005-01-01

    Full Text Available Este artículo pretende ubicar por qué las regiones de mayor atraso económico y social del país difícilmente pueden obtener ventajas de los nuevos procesos de desarrollo según las dinámicas de la economía mundial. Resaltamos cómo los proyectos de desarrollo regional surgidos de la planeación gubernamental encuentran, en el contexto de la competencia territorial global, limitaciones para atraer capitales externos. El planteamiento es que las re-giones atrasadas, como el sur-sureste de México, junto con el área centroamericana, las cuales conforman el espectro territorial de influencia del Plan Puebla-Panamá, no han logrado consolidar grupos de capital local, infraestructura o mercados de consumo que les permita aprovechar las ventajas para el desarrollo regional de los flujos de inversión externa.

  15. Neogene reef coral assemblages of the Bocas del Toro region, Panama: the rise of Acropora palmata

    Science.gov (United States)

    Klaus, J. S.; McNeill, D. F.; Budd, A. F.; Coates, A. G.

    2012-03-01

    Temporal patterns are evaluated in Neogene reef coral assemblages from the Bocas del Toro Basin of Panama in order to understand how reef ecosystems respond to long-term environmental change. Analyses are based on a total of 1,702 zooxanthellate coral specimens collected from six coral-bearing units ranging in age from the earliest Late Miocene to the Early Pleistocene: (1) Valiente Formation (12-11 Ma), (2) Fish Hole Member of the Old Bank Formation (5.8-5.6 Ma), (3) La Gruta Member of the Isla Colon Formation (2.2-1.4 Ma), (4) Ground Creek Member of the Isla Colon Formation (2.2-1.4 Ma), (5) Mimitimbi Member of the Urracá Formation (1.2-0.8 Ma), and (6) Hill Point Member of the Urracá Formation (1.2-0.8 Ma). Over 100 coral species occur in the six units, with faunal assemblages ranging from less than 10% extant taxa (Valiente Formation) to over 85% extant taxa (Ground Creek Member). The collections provide new temporal constraints on the emergence of modern Caribbean reefs, with the La Gruta Member containing the earliest occurrence of large monospecific stands of the dominant Caribbean reef coral Acropora palmata, and the Urracá Formation containing the last fossil occurrences of 15 regionally extinct taxa. Canonical correspondence analysis of 41 Late Miocene to Recent reef coral assemblages from the Caribbean region suggests changes in community structure coincident with effective oceanic closure of the Central American Seaway (~3.5 Ma). These changes, including increased Acropora dominance, may have contributed to a protracted period of elevated extinction debt prior to the major peak in regional coral extinctions (~2-1 Ma).

  16. Tecniche costruttive e forme di potere nella Toscana sud-occidentale (secc. VIII-XIV

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bianchi, Giovanna

    2005-12-01

    Full Text Available This paper tells about the analysis of the building techniques of elevations inferred from data obtained in extensive projects of archaeological research executed in western Tuscany's rural field from half '90s of last century to present. The text looks over the changes from wooden building trade related to the first high rise habitants in VIIth-VIIIth century, until the pattern settlements in the second half of VIIIth and XIth centuries, characterized by the first use of masonry and the presence of expert master builders. The more complex organization of the building workshops for castles of the XIth and XIIth centuries in relation with the liege lord's rising politic abusive authority is explained in the following part. The subsequent formation of new suburbs between the XIIIth and the XIV centuries is characterized by a different way of use of building techniques, often founded over pre-existing castles, linked to local council, up to the political and economical influence of Pisa in this territory.Nell’articolo si tratta l’analisi delle tecniche murarie desunta da dati provenienti da ampi progetti di indagine archeologica svolti in ambito rurale nella Toscana occidentale dalla metà degli anni Novanta dello scorso secolo ad oggi. Nel testo si esaminano i cambiamenti dei modi di edificare a partire dall’edilizia in legno dei primi abitati di altura di VII-VIII secolo, sino agli insediamenti più strutturati di seconda metà VIII e IX secolo, caratterizzati da un primo uso della pietra e dalla presenza di maestranze specializzate. In seguito si analizza la più complessa organizzazione del cantiere propria della costruzione dei castelli di XI e XII secolo in rapporto ai poteri politici ed economici delle nascenti signorie territoriali. Un differente uso delle tecniche costruttive caratterizza la successiva formazione di nuovi borghi tra XIII e XIV secolo, spesso impiantati sui preesistenti castelli, legati ai locali organismi comunali

  17. Dilemas del desarrollo regional hidráulico al interior de México: Conflictos en la gestión regional del agua y nueva fórmula política en la Cuenca Lerma-Chapala

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Juan Pablo Rojas Ramírez

    2013-01-01

    Full Text Available Durante las últimas dos décadas, en lo que concierne al manejo regional de los re - cursos hidrológicos en México, sólo se replantearon los mecanismos por los cuales se podía seguir dotando del recurso a las actividades productivas, a partir de la creación de infraestructura y atendiendo secundariamente el deterioro del agua y su saneamiento. Por lo que, dicha dinámica trajo consigo conflictos sociales e intergubernamentales, al momento en el que el agua de calidad para las actividades humanas escaseo, además de problemas ambientales y de salud.

  18. «... And now I have to enter Father Mike’s head, I’m afraid» Parallessi, onniscienza omodiegetica e “io” autoriali nella narrativa contemporanea (II

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Pennacchio

    2015-07-01

    Full Text Available Il presente saggio costituisce la seconda e ultima parte di uno studio incentrato su alcune altera- zioni del racconto in prima persona nella narrativa contemporanea. In particolare, l’attenzione è rivolta alla fusione di modalità tipiche del racconto omodiegetico con altre più tipiche della nar- razione in terza persona, ovvero, seguendo la lezione di Franz Karl Stanzel, della narrazione au- toriale. Ripartendo dalle analisi svolte nella prima parte dello studio (pubblicata sul numero X di Enthymema, nei paragrafi 3.1, 3.2 e 3.3 si proporrà una ricostruzione del dibattito teorico più re- cente intorno all’argomento, enfatizzando in particolare la contrapposizione tra un orientamen- to ‘innaturale’ e uno viceversa ‘naturale’. Nei paragrafi 4.1 e 4.2 verrà invece avanzata un’ipotesi interpretativa all’insegna dell’intermedialità, mentre nell’ultimo paragrafo si ragionerà intorno alle possibili motivazioni dietro l’attuale diffusione di questo modo di raccontare. 

  19. Evaluación del impacto de los multimicronutrientes en polvo sobre la anemia infantil en tres regiones andinas del Perú

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    César V Munayco

    Full Text Available Con el objetivo de determinar el impacto de la administración con multimicronutrientes (MMN en polvo sobre la anemia infantil en tres regiones andinas del Perú, se estableció un sistema de vigilancia centinela en 29 establecimientos de Andahuaylas, Ayacucho y Huancavelica, en niños de 6 a 35 meses de edad, a quienes se les indicó MMN por un periodo de 12 meses, entre el 2009 y 2011. Además de los datos sociodemográficos de los menores y las madres, se determinó los niveles de hemoglobina al inicio y al final del estudio. Entre los menores que culminaron la suplementación, la prevalencia de anemia se redujo de 70,2 a 36,6% (p<0,01, y se evidenció que el 55,0% y el 69,1% de niños con anemia leve y moderada al inicio del estudio, la habían superado al término del mismo. Se concluye que la suplementación con MMN en polvo puede ser una estrategia efectiva en la lucha contra la anemia.

  20. Quality assessment of the mammographic screening programme in the 'Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano' 1 - Analysis of interval cancers and discussion of possible causes of diagnostic error; Controllo di qualita' del programma screening mammografico nella Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1 - Analisi dei carcinomi di intervallo e discussione delle possibili cause di errore diagnostico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Burani, Rossella; Maggioni, Carlo; Pirola, Maria Elena [Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1, Milano, (Italy); Caimi, Francesco; Marinoni, Guia [Azienda Ospedaliera Ospedali Civili, Legnano (Italy); Pellizzoni, Romana; Villa, Roberto [Azienda Ospedaliera Salvini, Garbignate Milanese (Italy); Ciatto, Stefano [Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze (Italy)

    2005-03-01

    screening as compared to excellence centers, and suggests proper action to improve diagnostic accuracy. Analysis and critical review of IC is an early indicator of screening efficacy which is not currently used in Italian screening programmes. Using HDR for this purpose may have limited drawbacks, but gives the advantage of earlier identification of IC as compared to cancer registries, and is the most reliable source of information in areas lacking a cancer registry. The present study methodology might be currently applied in screening programmes. [Italian] Scopo: Valutare la sensibilita' del programma di screening mammografico e le cause di mancata diagnosi comparsi poi come carcinomi di intervallo (CI). Materiale e metodi: I CI sono stati identificati mediante incrocio dell'archivio delle donne esaminate negli anni 2000-2002 con le schede di dimissione ospedaliera (SDO) per carcinoma mammario 2000-2002. Per il calcolo del tasso proporzionale dei CT osservati/attesi e' stato utilizzato l'incrocio fra le donne esaminate negli anni 2000-2001 e le SDO (osservazione biennale per l'anno 2000, completa per il primo anno per il 2001). La frequenza registrata rispetto all'incidenza attesa e' stata confrontata con gli standard internazionali e con i dati della letteratura. I radiogrammi di screening precedenti i CI, mescolati in modo casuale con radiogrammi di casi negativi, sono stati sottoposti a rivalutazione, in lettura cieca da un revisore indipendente, applicando i criteri convenzionali per la classificazione della causa di errore (carcinoma occulto, segni minimi, errore di screening). Risultati: L'analisi delle SDO dal 2000 al 2002 ha consentito di identificare 31 CI invasivi rispetto a 89 carcinomi attesi. Il tasso proporzionale di CI osservati/attesi nel primo e secondo anno dell'intervallo di screening e' stato rispettivamente del 26% e 67%. La revisione radiologica, possibile in 38 CI su 61 casi totali riscontrati, ha

  1. Sebastianus Majewski pittore polacco nell’Abruzzo del XVII secolo e l’altare di San Berardo nella cattedrale di Teramo / Sebastianus Majewski, a polish painter in Abruzzo in the 17th Century and the St. Bernard altar in the cathedral of Teramo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Clara Iafelice

    2014-06-01

    The artist began his journey in Italy in the first decade of the 17th century. Starting from Cracovia, he made a stop in Vienna, to then continue on towards Venice, Bologna and then, following the Adriatic coast, arrived in Abruzzo, going down to the chietino. It is very likely that the young painter was called to Teramo at the beginning of the 17th century, the anniversary of the death of Saint Berardo. From this moment on, he settled in the city and, in 1628, was united in matrimony with Cesarea Vannemarini, a very prominent family of Teramo. He noted that, five hundred years after the death of the Saint, the painter was commissioned to portray Saint Berardo in the six paintings depicting the Vita e Miracoli del patrono S. Berardo Life and Miracles of the patron Saint Berardo. Along with the coping with the Holy Family, they adorn the altar in fine walnut of the Baroque style leaning against the wall of the sacristy of the cathedral SS. Mary of the Assumption and Berardo of Teramo.

  2. Le onde d'urto nel protocollo riabilitativo del piede equino nei soggetti affetti da paralisi cerebrale infantile: ricerca clinico-sperimentale

    OpenAIRE

    Corrado, Bruno

    2006-01-01

    L’equinismo del piede è la più frequente deformità nei bambini con spasticità da paralisi cerebrale. Tale alterazione, limitando l’appoggio plantigrado, disturba enormemente la statica, ma soprattutto altera la dinamica del passo giacché la funzione ottimale del collo piede è essenziale per il cammino fisiologico, sia nella fase di carico che nella fase di oscillazione. Nei pazienti con patologia cerebrale un residuo equinismo può essere funzionalmente vantaggioso per assicurare la spinta...

  3. La prolusione di rocco e le dottrine del processo penale

    OpenAIRE

    Orlandi, Renzo

    2015-01-01

    L’articolo analizza le conseguenze del pensiero giuridico di Arturo Rocco, dal 1910 nella dottrina di procedura penale, ossia, il metodo tecnico-giuridico (esegesi, sistematica e critica). La dogmatica di procedura pena- le inizia con la monografia di Giovanni Conso, nel 1955. L’insoddisfazione con il tecnicismo giuridico e con la mancanza di maturità scientifica si è manifestata con Carnelutti nel 1946 (Cerenterola), sottolineando le peculiarità strutturali del procedimento penale. In questa...

  4. Il danno alla persona del lavoratore: il mobbing orizzontale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Gentile

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario:1. Il mobbing tra diritto civile e diritto del lavoro – 2. Il fenomeno mobbing: gli studi iniziali e la definizione – 3. Le concrete condotte integranti fattispecie di mobbing – 4. Onere della prova – 5. Il mobbing orizzontale – 6. L’elemento soggettivo di colpevolezza del da­tore di lavoro nella responsabilità ex art. 2087 c.c. per mobbing orizzontale

  5. Percorsi di apprendimento per gli stranieri nella scuola italiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Sala

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} Nell’articolo si passano in rassegna le nuove proposte editoriali per gli studenti non italofoni nella scuola secondaria di primo grado e di uno in particolare, a titolo esemplificativo, si analizzano più da vicino le caratteristiche. L’indagine considera le strategie di scrittura controllata messe in atto nei testi. Infatti, tutti questi manuali (antologie, grammatiche, libri di storia sono realizzati secondo un’idea comune: le difficoltà poste dall’italiano per lo studio agli stranieri devono essere appianate attraverso la semplificazione: per quanto riguarda le discipline scolastiche facilitare l’apprendimento significa soprattutto semplificare i testi per fornire conoscenze e nozioni fondamentali e competenze e abilità di base da cui sia possibile poi accedere a livelli più alti e raffinati. Si sottolinea, dunque, che  la versione semplificata dei testi dei manuali disciplinari deve essere intesa come strumento propedeutico, transitorio, che aiuta l’apprendente a compiere i primi passi nello sviluppo delle abilità di studio sia orali che scritte da cui procedere verso competenze linguistico-cognitive più ambiziose.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} In this paper an overview is given of the new

  6. Context of urban and regional planning from the social perspective / Contexto del urbanismo y ordenación del territorio desde la perspectiva social

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Sánchez González

    2011-09-01

    Full Text Available This article highlights the importance of urban and regional planning, introducing and noticeably present theoretical and empirical relevance, favoring the theoretical and methodological discussion, and allow to contribute to understanding the urban phenomenon and its territory. Context The editorial committee and the Faculty of Architecture of the Autonomous University of Nuevo León affirm their commitment to contribute to the development and dissemination of research on architecture and urban and regional issues from different disciplinary and interdisciplinary fields of social sciences and humanities national and international level. Este artículo subraya la importancia del urbanismo y ordenación del territorio, introduciendo de forma notoria actualidad y relevancia teórica y empírica, que favorecen la discusión teórica y metodológica, así como permiten contribuir a la comprensión del fenómeno urbano y su territorio. El comité editorial de Contexto y la Facultad de Arquitectura de la Universidad Autónoma de Nuevo León afirman su compromiso de contribuir al desarrollo y divulgación de la investigación sobre arquitectura y asuntos urbanos y regionales desde los diferentes campos disciplinarios e interdisciplinarios de las ciencias sociales y humanidades a nivel nacional e internacional.

  7. «A/traverso» la transizione. Le pratiche culturali del movimento del ’77 e il paradigma artistico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Danilo Mariscalco

    2012-12-01

    Full Text Available Il cosiddetto movimento del ’77, già negli anni della sua emersione ricondotto alle esperienze delle avanguardie artistiche del primo Novecento, riconfigurò i dispositivi di produzione-fruizione della cultura producendo un capovolgimento – orientato verso l’autorappresentazione politica dell’emergente proletariato giovanile – delle tradizionali categorie e mediazioni sociali ancora agenti nella società fordista.

  8. ¿Mercosur o Alca? Clase dominante, gobierno e inserción regional en los inicios del Kirchnerismo

    OpenAIRE

    Julián Kan

    2013-01-01

    El objetivo de este trabajo es analizar la relación entre gobierno, corporaciones empresarias de la clase dominante y los proyectos MERCOSUR y ALCA en los inicios del gobierno de Kirchner. La hipótesis principal es que los cambios en la inserción regional de Argentina desde 2003 (reconstrucción del MERCOSUR y rechazo al ALCA), tuvieron entre una de sus causas a las acciones de corporaciones como la Unión Industrial Argentina (UIA) y la Sociedad Rural Argentina (SRA). Como afirma Katz (2006) a...

  9. CHERUBINI (1814 NELLA STORIA DELLA PRIMA LESSICOGRAFIA DIALETTALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivano Paccagnella

    2016-02-01

    Full Text Available La prima edizione del Vocabolario milanese-italiano di Francesco Cherubini (1814 si ispira alle teorie del Cesarotti, che considerava i dialetti come importante fonte per l’arricchimento della lingua nazionale. Il saggio mette a confronto i criteri e gli orientamenti lessicografici del Vocabolario di Cherubini con i vocabolari settecenteschi di altre aree dialettali da lui utilizzati e ne evidenzia elementi comuni ed elementi di novità. Cherubini (1814 in the history of the first dialect lexicographyThe first edition of the Milanese-Italian Dictionary by Francesco Cherubini (1814 was inspired by the theories of Cesarotti, who considered dialects to be an important source for the enrichment of the national language. The essay compares the lexicographical criteria and guidelines of Cherubini’s Dictionary with Dialect Dictionaries from the eighteenth century from other dialect areas that he used, and identifies common and new elements.

  10. Bacterial Diversity and Bioprospecting for Cold-Active Hydrolytic Enzymes from Culturable Bacteria Associated with Sediment from Nella Fjord, Eastern Antarctica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bo Chen

    2011-01-01

    Full Text Available The diversity and cold-active hydrolytic enzymes of culturable bacteria associated with sandy sediment from Nella Fjord, Eastern Antarctica (69°22′6″ S, 76°21′45″ E was investigated. A total of 33 aerobic heterotrophic bacterial strains were isolated at 4 °C. These bacterial isolates could be sorted into 18 phylotypes based on the 16S rRNA gene sequence belonging to four phyla, namely Alphaproteobacteria, Gammaproteobacteria, Bacteroidetes and Actinobacteria. Only seven isolates were psychrophilic, 15 isolates were moderately psychrophilic, and 11 isolates were psychrotolerant. More than 72% of the isolates required sodium chloride to grow. Esterase, b-glucosidase and proteases activities at 4 °C were detected in more than 45% of the strains while approximately 21%, 15% and 12% of the strains possessed lipase, amylase and chitinase, respectively. These results indicate that a relatively high culturable bacterial diversity is present within marine sediment of Nella Fjord and it could serve as an ideal candidate region for bioprospecting.

  11. Bacterial diversity and bioprospecting for cold-active hydrolytic enzymes from culturable bacteria associated with sediment from Nella Fjord, Eastern Antarctica.

    Science.gov (United States)

    Yu, Yong; Li, Hui-Rong; Zeng, Yin-Xin; Chen, Bo

    2011-01-31

    The diversity and cold-active hydrolytic enzymes of culturable bacteria associated with sandy sediment from Nella Fjord, Eastern Antarctica (69°22'6″ S, 76°21'45″ E) was investigated. A total of 33 aerobic heterotrophic bacterial strains were isolated at 4 °C. These bacterial isolates could be sorted into 18 phylotypes based on the 16S rRNA gene sequence belonging to four phyla, namely Alphaproteobacteria, Gammaproteobacteria, Bacteroidetes and Actinobacteria. Only seven isolates were psychrophilic, 15 isolates were moderately psychrophilic, and 11 isolates were psychrotolerant. More than 72% of the isolates required sodium chloride to grow. Esterase, β-glucosidase and proteases activities at 4 °C were detected in more than 45% of the strains while approximately 21%, 15% and 12% of the strains possessed lipase, amylase and chitinase, respectively. These results indicate that a relatively high culturable bacterial diversity is present within marine sediment of Nella Fjord and it could serve as an ideal candidate region for bioprospecting.

  12. La planeación del desarrollo regional en México (1900-2006)

    OpenAIRE

    2010-01-01

    La planeación del desarrollo, en cualesquiera de sus vertientes, como atribución del Estado rector de la vida económica y social del país, en la experiencia mexicana, ha recorrido un largo camino que legalmente inició en 1929, tal vez el más antiguo del subcontinente latinoamericano, aunque caracterizado por proyectos inconclusos, los más de ellos de corto alcance y de una duración no mayor a seis años, inconexos entre sí, onerosos en su momento para el erario nacional y con exiguos resultado...

  13. ¿Grieta regional? America del Sur entre la integracion, la fractura y el desarrollo

    OpenAIRE

    Dupuy, Héctor Adolfo; Morgante, Martín Adolfo; Salessi, Maria Lucila

    2016-01-01

    En el presente trabajo intentamos, desde las teorías de la Geografía política analizar la presencia de un nuevo esquema de realineamiento sudamericano con los Estados Unidos. Se trata de entender algunas de las lógicas del actual ciclo económico político que transitan los países del MERCOSUR, en particular el acercamiento de Argentina, Paraguay y Brasil a la potencia del norte. Asimismo se intenta comprender la marcha de la Alianza del Pacífico, con sus indicadores de crecimiento económico...

  14. El comercio intra e inter-regional del sector Turismo en España

    OpenAIRE

    Llano Verduras, Carlos; Mata López, Tamara de la

    2009-01-01

    España es uno de los países líderes en el mundo en el sector del turismo. Este liderazgo ha fomentado la realización de estudios sobre el turismo de no residentes. Sin embargo, el número de estudios centrados en el comercio interior del sector es más limitado. En este artículo proponemos una metodología para estimar el comercio intra e interregional español del sector Turismo, combinando la información disponible en la Balanza de Pagos, la Encuesta Anual de Servicios del INE y ...

  15. Propuesta de análisis del geomarketing en la Regional del Austro aplicado a Mutualista Azuay para su crecimiento

    OpenAIRE

    Cordero Orellana, Juan Pablo; Espinoza Palacios, María Belén

    2012-01-01

    La presente tesis tiene como finalidad analizar las formas y medios que se usan actualmente para evaluar las diferentes alternativas de apertura comercial en los lugares donde no existe la presencia como marca bancaria en Cuenca. El documento que se encuentra presentado contiene un análisis profundo usando la herramienta de la geo-referenciación con el sistema GV-SIG (Geografía del Sistema de Información Gerencial.) el cual ayudo a buscar, analizar y crear el lugar donde se puede ubicar un...

  16. Presencia del modelo curricular socio-crítico en el diseño del proyecto curricular regional de Puno

    OpenAIRE

    Apaza Llanque, Julia

    2015-01-01

    El Modelo Curricular Socio-Crítico, que concretiza la Teoría Curricular Crítica para la construcción de un currículo que guía la educación desde el interés emancipador, orientó la construcción del Proyecto Curricular Regional de Puno, documento que tras seis años de su aprobación y generalización, aún no es aplicado en el 100% de instituciones educativas de la región. Lo que motivó la formulación del siguiente problema: ¿De qué manera el Modelo Curricular Socio- Crítico está...

  17. El turismo de naturaleza en espacios naturales. El caso del Parque Regional de las Salinas y Arenales de San Pedro del Pinatar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustavo A. Ballesteros Pelegrín

    2014-01-01

    Full Text Available Los espacios naturales atraen a turistas que buscan el contacto con la naturaleza, surgiendo nuevos productos turísticos. Surgen, de este modo, nuevos productos turísticos. En la oferta de turismo de naturaleza del Parque Regional de las Salinas y Arenales de San Pedro del Pinatar destaca: deportes en la naturaleza, aventura y ecoturismo. Este último se divide en: turismo ornitológico y fotográfico, que junto al tradicional de sol y playa y de salud, se ve favorecido por su situación geográfica, condiciones naturales y amplia oferta hotelera. Sin embargo, el turismo cultural basado en la tradición salinera y pesquera no ha sido desarrollado.

  18. Inventare l’altro. Forme di pseudo-traduzione nella scrittura di Salvatore Di Giacomo e Luigi Capuana.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Fulginiti

    2014-05-01

    Full Text Available Being an extreme case of fictitious representation of linguistic otherness, pseudo-translation challenges the idea of a fatal and exclusive link between language and national ethos, a fundamental notion in the Nineteenth-century linguistic and literary culture. The present article compares two emblematic cases of pseudo-translation in post-Unification Italian culture: Luigi Capuana’s hoax Un poeta danese (published in 1882 and the earliest short stories published by Salvatore di Giacomo in 1878, mistakenly considered a plagiarizing translation from an uncredited German original. Their use of pseudo-translation is marked by opposite goals of parody and stylistic imitation; however, both authors challenge the fundamental assumption underlying the notion of «ethnicity of language». Pseudo-translation thus becomes a space of linguistic elaboration, complementary to the author’s direct involvement in translating major European works into Italian (such as Ibsen’s masterpiece A House of Dolls, which Capuana translated in 1891, and Edmond de Goncourt’s novel Sœur Philomèle, which Di Giacomo translated in 1892. Translation thus provides a free space for authors to experiment with new expressive solutions and challenge commonplaces about language and identity: such reflection on the limits of language and nations represent a direct contribution to the linguistic unification of Italy. Caso estremo di rappresentazione fittizia del- l’alterità linguistica, la pseudo-traduzione chiama in causa l’idea del legame unico e “fatale” fra lingua e nazione – concetto fondamentale nella cultura linguistica del XIX secolo. L’articolo mette a confronto due casi emblematici di pseudo-traduzione nella cultura meridionale post-unitaria: la beffa letteraria di Luigi Capuana Un poeta danese (1882 e le ‘tedescherie’ di Salvatore di Giacomo, gruppo di novelle pubblicate nel 1878 che molti considerarono (a torto un plagio da ignoto autore tedesco

  19. Sacral-neuromodulation CT-guided; Nuova tecnica di centraggio TC-assistista nella neuromodulazione sacrale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amoroso, Lamberto; Ricci, Stefano [INRCA, Ancona (Italy). Dipartimento di radiologia e medicina nucleare; Pelliccioni, Giuseppe; Scarpino, Osvaldo [INRCA, Ancona (Italy). Unita' operativa di radiologia; Ghiselli, Roberto; Saba, Vittorio [INRCA, Ancona (Italy). Dipartimento di chirurgia

    2005-04-01

    in una stimolazione temporanea attraverso un elettrocatetere posizionato mediante puntura percutanea nella radice sacrale S3 al fine di testare l'integrite anatomica della radice. Il test PNE ? eseguito normalmente sotto guida fluoroscopica. Questa tecnica pue se valida, pui presentare alcuni inconvenienti, quali l'esposizione radiogena per gli operatori, la mancata visualizzazione del foro sacrale per gli artefatti da gas colico e l'impossibilite di valutare correttamente la profondita e la sede d'impianto dell'elettrodo-stimolatore. Scopo del lavoro e stato quello di perimentare una tecnica alternativa utilizzando la guida TC al fine di valutarne vantaggi e un possibile uso routinario. Materiale e metodi: Abbiamo testato con PNE test in guida TC 30 pazienti (16 maschi e 14 femmine) affetti da gravi disfunzioni pelviche refrattari agli usuali regimi terapeutici. Ventisette pazienti presentavano una relativa integrit? anatomica del bacino e del sacro, 3 pazienti invece erano portatori du anomalie morfologiche dei forami sacrali. Si e proceduto all'identificazione dei fori sacrali mediante scansioni TC volumetriche, a paziente prono, utilizzando un apparecchio TC spirale dotato di una seconda consolle per le ricostruzioni tridimensionali. Identificata la sede dei forami S3, viene preparato il campo sterile e s'introduce l'ago verificandone la corretta posizione con una scansione TC di controllo. Si passa successivamente all'introduzionedell'elettrodo dopo avere verificato la corretta risposta contrattile muscolare e la precisa posizione con una ulteriore scansione TC. Risultati: Trenta pazienti sono stati sottoposti a PNE test sotto guida TC, per un totale di 38 centraggi. In 8 pazienti e stata eseguito il PNE test su entrambi i fori S3. Il forame sacrale e stato centrato al primo tentativo in 36/38 casi. In due casi sono stati necessari pi? tentativi per centrare correttamente il forame. In 4/30 pazienti e stato

  20. L’UTILIZZO DELLA REALTÀ AUMENTATA NELLA DIDATTICA DELL’ITALIANO L2

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Lombardi

    2016-09-01

    Full Text Available L’articolo prende spunto dall’analisi di alcune tra le applicazioni mobile di realtà aumentata più famose e utilizzate sia quotidianamente che nella didattica delle materie scientifiche, per sfruttarne le potenzialità anche nell’insegnamento dell’italiano a stranieri. Dopo una brevissima panoramica che intende fare il punto sull’utilizzo delle tecnologie nella classe di lingue, vengono introdotti i concetti di mobile-learning e di realtà aumentata. A partire dai primi impieghi di questo strumento nella didattica delle materie scientifiche e tecniche, si arriva alle prime sperimentazioni d’avanguardia nelle classi di lingua, comunque molto rare: l’articolo ripercorre le tappe che portano all’introduzione praticamente pionieristica di questo metodo nella didattica dell’italiano come lingua seconda. Quindi si passa ad analizzarne tutti i vantaggi in termini di inclusione, usabilità, motivazione, versatilità ed innovazione. Nella seconda parte, vengono tratteggiate e catalogate in una tabella le caratteristiche tecniche e di impiego didattico di cinque applicazioni che ricorrono alla tecnologia della realtà aumentata: Aurasma, Wikitude, Google Goggles, Taggar, Zooburst. Nella terza e ultima parte, vengono proposte e descritte tre attività didattiche esemplificative, che vogliono guidare il docente all’utilizzo degli strumenti sopra descritti, dalla progettazione alla presentazione in aula. The use of augmented reality in italian L2 teaching This article was inspired by analyzing some of the most famous and frequently used augmented reality mobile applications that science teachers use to exploit their potential in teaching Italian to foreigners. After a brief overview of the use of technology in language classrooms, mobile-learning concepts and augmented reality are introduced. We trace the first uses of this tool in teaching scientific and technical matters, and then the initial avant-garde experiments in language

  1. El componente del riesgo en el Ordenamiento Ecológico del Territorio: el caso del Ordenamiento Ecológico Regional y Marino del Golfo de México y Mar Caribe

    OpenAIRE

    Fernando Antonio Rosete Vergés; Gilberto Enríquez Hernández; Eneas Aguirre von Wobeser

    2013-01-01

    En México la preocupación de incorporar el riesgo en los Programas de Ordenamiento Ecológico tiene alrededor de 15 años. Existen casos contados en donde el peligro ha sido una de las razones para generar el proceso de planeación, como son el Ordenamiento Ecológico de la región del volcán Popocatépetl y su área de influencia, el Ordenamiento Ecológico de la Región Mariposa Monarca o el Ordenamiento Ecológico Regional de las cuencas de los ríos Necaxa y Laxaxalpan. Por otro lado, el desarrollo ...

  2. El atraso regional en los procesos globales: la región del plan Puebla-Panamá

    OpenAIRE

    2005-01-01

    Este artículo pretende ubicar por qué las regiones de mayor atraso económico y social del país difícilmente pueden obtener ventajas de los nuevos procesos de desarrollo según las dinámicas de la economía mundial. Resaltamos cómo los proyectos de desarrollo regional surgidos de la planeación gubernamental encuentran, en el contexto de la competencia territorial global, limitaciones para atraer capitales externos. El planteamiento es que las re-giones atrasadas, como el sur-sureste de México, j...

  3. Mediciones del cambio estructural en el Perú: un análisis regional, 2002-2011

    OpenAIRE

    Mario D. Tello

    2013-01-01

    A pesar del alto crecimiento económico y significante reducción de la pobreza en el Perú de la última década, las tres medidas de ‘cambio estructural’ que aquí se presentan señalan que dicho cambio no ha sido significativo a nivel de regiones, particularmente para el grupo de regiones ‘pobres’. Este bajo nivel de cambio estructural es consistente, por un lado, con la casi inalterable estructura productiva de las regiones concentrada en productos primarios y servicios de baja productividad lab...

  4. Causalità e caso nella fisica moderna

    CERN Document Server

    Bohm, David

    1997-01-01

    Fino agli inizi del XX secolo, le leggi fondamentali della fisica sono state considerate strettamente deterministiche. Gli sviluppi della fisica moderna, in particolare la meccanica quantistica, hanno però portato la maggior parte dei fisici ad abbandonare il meccanicismo a favore di un approccio statistico.

  5. Innovation in prevention of quantitative and qualitative waste production; Innoazione nella prevenzione quantitativa e qualitativa della produzione di rifiuti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Onida, M. [Commissione Europea, Consiglio d' Amministrazione Generale per l' Ambiente, Div. Gestione Rifiuti, Bruxelles (Belgium)

    2001-09-01

    di beni e imballaggi e da parte del settore della gestione dei rifiuti; la difficolta' di controllare e valutare le misure preventive; la mancanza di una politica ambientale sui prodotti all'interno della Unione Europea. Stanno tuttavia emergendo numerosi strumenti innovativi, quali la sostituzione sistematica delle sostanze dannose nei prodotti e l'applicazione del principio della responsabilita' del produttore. Non sara' possibile ottenere dei risultati nella prevenzione dei rifiuti se non saranno applicati provvedimenti ambientali al livello del prodotto.

  6. Implicaciones hidrológicas del cambio de la cobertura vegetal y uso del suelo: una propuesta de análisis espacial a nivel regional en la cuenca cerrada del lago de Cuitzeo, Michoacán

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel E. Mendoza

    2002-01-01

    Full Text Available Este estudio intenta contribuir en la comprensión de las implicaciones del cambio de la cobertura vegetal y uso del suelo (CCVUS a nivel regional en el balance hídrico espacialmente distribuido (BHED en una cuenca poco aforada para 1975 y 2000. Los resultados de esta investigación son producto de la integración de herramientas de percepción remota y sistemas de información geográfica con un modelo de balance de agua; además, se utilizaron técnicas de análisis de dinámica de cambio. El análisis del cambio de los componentes del BHED a nivel de formas de relieve y por matrices de transición determinó que durante el periodo de estudio las condiciones hidrológicas regionales de la cuenca no se modificaron sustancialmente. Sin embargo, las planicies y los piedemontes mostraron un incremento en los valores de escorrentía, como resultado de un incremento de la superficie ocupada por asentamientos humanos. En ambos años, las formas de relieve de las zonas bajas de la cuenca mostraron fuerte presión sobre el recurso hídrico, lo cual repercute en el deterioro del lago de Cuitzeo, principalmente por contaminación y reducción del suministro de agua superficial al vaso. El enfoque integral utilizado puede representar una alternativa viable para entender el cambio en la distribución y cantidad del agua disponible en cuencas poco aforadas como resultado de un CCVUS.

  7. DISTRIBUCIÓN REGIONAL DEL VENADO TEMAZATE ROJO ( Mazama temama EN EL ESTADO DE PUEBLA, MÉXICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oscar A. Villarreal-Espino-Barros

    2014-01-01

    Full Text Available E l objetivo de este trabajo fue conocer la distribución del venado temazate rojo ( Mazama tema - ma en Puebla, a través de un muestreo en campo, fundamentado en referencias bibliográficas y entrevistas a personas relacionadas con la especie. El muestreo se realizó mediante el reco - rrido de cuadrantes lineales con longitud variable y anchura fija, para determinar la presencia del venado por medio de la observación directa (animales observados e indirecta (huellas, excretas, talladeros o animales cautivos. La distribución regional se obtuvo a partir de la información generada en los sitios donde se corroboró la presencia de temazate, con ayuda de un Sistema de Información Geográfica (SIG, empleando el programa Arc View 3.2. Los resultados del SIG sugieren que el venado se distribuye en el Totonacapan y la zona poniente de la Sierra Norte y en la zona oriental de la Sierra Negra, en una superficie total de 99,410.96 ha. El índice de similitud (95.2 entre sierras, por evidencia directa o por rastros, indica presencia y distribución similar de temazate rojo, concordando con los resultados del SIG. Se concluye que la distribución regional de temazate rojo en Puebla se concentra en 42 municipios pertenecientes a la Sierra Norte y zona oriental de la Sierra Negra.

  8. ¿De la especulación a la endogeneidad del crecimiento?: anotaciones críticas sobre economía aurífera y desarrollo regional en el departamento del cauca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raúl Hernando Cortés Landázury

    2015-01-01

    Full Text Available Bajo el reciente auge mercantil de la minería y los recursos naturales, la planeación del desarrollo regional y el sistema de incentivos secto - riales se ha apurado a reposicionar los territorios marginados a través de jalonamientos del renglón primario, la acumulación de capital, las aglomeraciones productivas y la difusión del cambio tecnológico. El presente trabajo analiza los efectos de la coyuntura mundial sobre la estructura y la dinámica de la economía caucana reconsiderando las restricciones geográficas e institucionales del distrito minero de El Tambo-Buenos Aires a la luz de la llamada “maldición de los recursos naturales”. Las conclusiones, entre otras, encuentran que el auge del oro alrededor de la noción de “distrito minero” en el occidente del departamento del Cauca parece debatirse en tres tipos de proble - mas. El primero, articulado a los choques del mercado mundial, el segundo es un problema de dislocación de lo regional frente al local, y en último lugar, el problema del nivel de desarrollo que evoca una tradición minera del siglo XIX cifrada en la expoliación ecológica, captura de rentas a ultranza y un esquema de sojuzgación política legitimada por el clientelismo y el azar cortoplacista.

  9. ¿De la especulación a la endogeneidad del crecimiento?: anotaciones críticas sobre economía aurífera y Desarrollo regional en el Departamento Del cauca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raúl Hernando Cortés Landázury

    2015-08-01

    Full Text Available Bajo el reciente auge mercantil de la minería y los recursos naturales, la planeación del desarrollo regional y el sistema de incentivos sectoriales se ha apurado a reposicionar los territorios marginados a través de jalonamientos del renglón primario, la acumulación de capital, las aglomeraciones productivas y la difusión del cambio tecnológico. El presente trabajo analiza los efectos de la coyuntura mundial sobre la estructura y la dinámica de la economía caucana reconsiderando las restricciones geográficas e institucionales del distrito minero de El Tambo-Buenos Aires a la luz de la llamada "maldición de los recursos naturales". Las conclusiones, entre otras, encuentran que el auge del oro alrededor de la noción de "distrito minero" en el occidente del departamento del Cauca parece debatirse en tres tipos de problemas. El primero, articulado a los choques del mercado mundial, el segundo es un problema de dislocación de lo regional frente al local, y en último lugar, el problema del nivel de desarrollo que evoca una tradición minera del siglo XIX cifrada en la expoliación ecológica, captura de rentas a ultranza y un esquema de sojuzgación política legitimada por el clientelismo y el azar cortoplacista.

  10. Le TIC nella scuola: dieci raccomandazioni per i policy maker

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Calvani

    2013-12-01

    Full Text Available Basandosi sulle evidenze relative al rapporto tra tecnologia e apprendimento e sul recente rapporto OCSE riguardante il Piano Nazionale Scuola Digitale, l’autore riflette sui criteri che devono orientare le politiche innovative, ispirati a sostenibilità, ottimizzazione dell’impatto educativo, sottolineando anche la necessità di finalizzare meglio l’impiego delle tecnologie verso specifici obiettivi. Viene ricordato come storicamente si tenda a sovrastimare l’effetto positivo delle tecnologie sull’apprendimento; la ricerca ha invece rilevato i limiti della loro efficacia (da ricercare in determinate aree e la rilevanza del rischio del sovraccarico cognitivo che la loro introduzione può comportare. Si propongono alcuni suggerimenti per i decisori scolastici rispondendo alle due domande “Quali criteri per la politica tecnologica?”, “In che modo usare le tecnologie per apprendere a scuola?”.

  11. Ruolo degli aspetti morfologici e metabolici nella diagnosi differenziale tra patologie benigne e maligne della milza

    OpenAIRE

    Segreto, Sabrina

    2013-01-01

    E' stato valutato il ruolo di dispositivi tomografici TC e PET/TC di nuova generazione nella diagnosi differenziale delle patologie spleniche benigne e maligne, usando l’esame cito/istologico come standard di riferimento. Nello specifico, lo scopo dello studio è stato di: 1) definire gli aspetti della TC e PET/TC capaci di differenziare le patologie spleniche benigne dalle maligne; 2) valutare se la PET/TC aggiunge informazioni addizionali ai risultati della TC.

  12. Nella Larsen:A Rising Female Mulatto Star in the Harlem Renaissanc

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    马莲

    2014-01-01

    This paper aims at exploring critically the fiction of Nella Larsen and her situation within the complexity in Harlem Renaissance. First, Larsen’s novels Quicksand (1928) and Passing (1929), created a piece of art out of her personal experience and offered new directions for Afro-American new models for artists. Her exploration of the contradiction of Afro-American female victimization and sexuality, is perhaps the most significant contribution to the literary development in Harlem Renaissance.

  13. Il settarismo nella società dell'informazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oscar Ricci

    2006-03-01

    Full Text Available In un mondo che si vuole sempre più globalmente interconnesso sorgono da più parti istanze che rivendicano una legittimazione a separarsi dal resto del pianeta. Questo paper intende indagare la genesi teorica dello stare assieme settario, distinguendolo da quello comunitario e da quello societario. Si cercherà inoltre di mettere in luce possibili collegamenti tra rivendicazioni settarie e l’emergere delle nuove tecnologie, in particolar modo quelle telematiche.

  14. Libro Vagabondo: La letteratura di viaggio deve viaggiare nella rete

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    NIcola Bottiglieri

    2013-05-01

    Full Text Available Gli antichi reporter viaggiavano a piedi, a cavallo, in carrozza, poi con l’invenzione delmotore a scoppio usarono il treno, la nave, l’automobile, infine l’aereo. A ben vedere,ad ogni mezzo di locomozione ha corrisposto una diversa tecnica di scrittura: la penna,il telegrafo, la telescrivente ed oggi, grazie ad Internet, la mail. Domani avremol’ologramma, quando la figura e le parole del reporter arriveranno insieme a casa dellettore. Al quale racconterà di persona quello che ha visto, anche se il suo corpo èlontano mille miglia dalla casa dove appare. Oggi in Italia non siamo arrivati a tanto,ma ci siamo molto vicini. Infatti, cos’è YouTube che permette di familiarizzare con unluogo prima di conoscerlo e Google Earth che te lo fa vedere dall’alto prima d’arrivarci,come faceva Giove con i guerrieri greci sotto le mura di Troia? A cosa servono GoogleMaps, il telefonino, Facebook, il GPS, il very chip, ecc. ecc.? Strumenti che permettonodi vedere oltre l’orizzonte, di andare lontano portandoti la casa appresso, di non fartiperdere nelle strade del mondo, vincere l’angoscia del vuoto, in definitiva esserecapaci di trasformare ogni viaggiatore in turista. Oggi con le tecnologie legate allacomunicazione, mentre avanziamo in qualsiasi punto della terra, possiamo saperetutto quello che sta succedendo alle nostre spalle, a casa nostra. Anzi possiamo esserelocalizzati in ogni momento, proprio come fa Dio con i suoi figli reietti.

  15. Analysis of the breaks in the net of water distribution in Ferrara town; Analisi delle fallanze nella rete di distribuzione idrica della citta' di Ferrara

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Di Federico, V. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. di Ingegneria delle Strutture, dei Trasporti, delle Acque, del Rilevamento e del Territorio; Mazzacane, S.; Panzacchi, C. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy). Dipt. di Architettura

    1999-12-01

    In the framework of a research planned by the Emilia Romagna region (Italy), the article presents the results of an analysis of the Ferrara urban water distribution network in the years 1995-1998, analyses the network structure and the characteristics, describes the methodology adopted to analyse break data and examines their distribution in time and space. Trends and anomalies in data are also discussed. [Italian] Nella presente nota viene presentato uno studio effettuato sulla rete di distribuzione idrica a Ferrara nel periodo 1995-1998, all'interno di una piu' ampia ricerca della regione Emilia Romagna. Vengono analizzate le strutture di rete, descritta la metodologia adottata per l'analisi delle fallanze, ed esaminata la loro distribuzione spazio-temporale. Emergono significative linee di tendenza e i limiti attualmente esistenti nel reperimento delle informazioni e le modalita' piu' efficaci per la predispospozione di banche dati.

  16. ACG92/15: Adscripci??n de nuevos miembros al Instituto Universitario de Investigaci??n del Agua y baja de miembros del Instituto Universitario de Investigaci??n de Desarrollo Regional

    OpenAIRE

    2015-01-01

    Adscripci??n de nuevos miembros al Instituto Universitario de Investigaci??n del Agua y baja de miembros del Instituto Universitario de Investigaci??n de Desarrollo Regional. Aprobado en la sesi??n ordinaria de Consejo de Gobierno de 12 de marzo de 2015.

  17. Glacial geomorphology of the Torres del Paine region (southern Patagonia): Implications for glaciation, deglaciation and paleolake history

    Science.gov (United States)

    García, Juan-Luis; Hall, Brenda L.; Kaplan, Michael R.; Vega, Rodrigo M.; Strelin, Jorge A.

    2014-01-01

    The processes affecting paleoclimate variability and Pleistocene glacial landscape development in the southern mid-latitudes remain poorly understood, in part because of the scarcity of comprehensive, well-studied records. Glacial landforms are invaluable for reconstructing past ice-sheet, climate, and associated environmental changes along the southern Andes, but there are significant spatial and temporal gaps in existing data. In this paper, we present new geomorphic and sedimentologic analyses, including surficial maps, for the Torres del Paine region (51°S, 73°W), southern South America. Our findings provide a new framework for understanding changes in the regional glacier history and Pleistocene landscape development. Glacial extent during the local last glacial maximum (LGM) remains unknown but new chronological data supported by geomorphic evidence afford evidence for a larger ice sheet at Torres del Paine than previously assumed. Deglaciation from the local LGM was underway by 17,400 ± 200 (1σ) cal. yr. BP. As opposed to previous suggestions, we have found that most of the moraines fringing the lakes in the Torres del Paine national park were deposited during a late-glacial expansion that occurred between 14,100 and 12,500 cal. yr. BP. Late-glacial advances also have been documented recently for the Última Esperanza and Lago Argentino basins to the south and north of Torres del Paine, respectively, suggesting an overall regional ice response to a climate signal. The Tehuelche paleolake accompanied each of the ice-sheet fluctuations in Torres del Paine. New data document at least three main phases of this paleolake, which drained eastward to the Atlantic Ocean, while the Andes gaps were blocked with ice. During the late phase of glacial lake formation, when water levels reached 125-155 m a.s.l., the lake likely merged with paleolake Consuelo in the Última Esperanza area at the end of the last glaciation. Lake Tehuelche in Torres del Paine had drained

  18. Universalità della Legge rivelata e riflessioni sulle religioni nella filosofia islamica medievale: alcune considerazioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sara Barchiesi

    2015-05-01

    Full Text Available Attraverso l’analisi di alcune teorie filosofiche islamiche medievali, l’articolo intende indagare la tipologia di approccio che autori come Avicenna e Averroè adottarono nei confronti di religioni diverse da quelle di origine (ebraismo, cristianesimo, zoroastrismo e sabeismo ed elaborare una riflessione sul concetto di universalità nella religione islamica. Analizzerò le loro dottrine sull’insegnamento profetico, tenendo presenti le fonti platoniche da cui esse si svilupparono, e illustrerò i motivi per cui esse occuparono un posto fondamentale nella scienza politica e le finalità di queste teorie. Attraverso il confronto con diversi studiosi, che nei loro articoli hanno prestato attenzione alla domanda sulla naturalità o sulla positività della Legge islamica, cercherò di andare all’origine della questione, indagando quale fosse il messaggio universale che essi rintracciarono nella Legge rivelata e il motivo che li indusse a presentarlo come rivolto all’intero genere umano.

  19. Dai maltrattamenti all'omicidio. La valutazione del rischio di recidiva e dell'uxoricidio

    NARCIS (Netherlands)

    Baldry, A.C.

    2006-01-01

    L'autrice, dopo aver preso in rassegna le ricerche e le prassi operative attualmente esistenti a livello nazionale e internazionale sul fenomeno dei maltrattamenti e sulla normativa in materia, presenta il concetto della valutazione del rischio nella sua sistematizzazione e prassi operativa.

  20. Il carosello del tempo : l'avventura LHC è un viaggio attraverso il tempo

    CERN Multimedia

    Jean Leyder

    1998-01-01

    Le scoperte archeologiche in uno dei siti di LHC ci riportano indietro di circa 1700 anni. Gli ingegneri hanno scavato nella roccia di circa 208 a 144 milioni di anni e, con le collisioni di LHC, il viaggio arriverà fino all'origine del tempo stesso.

  1. Valutazione dell'appropriatezza dei ricoveri in un Policlinico Universitario: analisi mediante l'uso comparativo dei sistemi di classificazione isogravitá APR-DRG e Disease Staging e del PRUO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Volpe

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri effettuati in un Policlinico Universitario attraverso la comparazione di due metodi, dei quali uno basato sui dati della scheda di dimissione ospedaliera ed utilizza, rispettivamente, i sistemi di classificazione iso-gravità APR-DRG e Disease Staging e l’altro sulla revisione delle cartelle cliniche mediante il PRUO.

    Metodi: oggetto di analisi sono i ricoveri ordinari effettuati nell’anno 2001 ed afferenti ai DRG inclusi nella delibera della Giunta Regionale del Lazio 864/2002 che recepisce il D.P.C.M. 29/11/2001 sui livelli essenziali di assistenza.

    Risultati: i risultati evidenziano che le due varianti del
    metodo basato sulla SDO (metodo APPRO mostrano quote di ricoveri inappropriati sovrapponibili rispetto al complesso dei ricoveri oggetto di analisi, ma con differenze anche rilevanti tra APR-DRG e Disease Staging in relazione ai singoli DRG considerati, riconducibili ai diversi algoritmi di attribuzione del livello di severità utilizzati dai due sistemi. L’analisi campionaria effettuata con il metodo PRUO su casi afferenti ai DRG della DGR 864/2002 caratterizzati da livelli di severità minimi evidenzia una proporzione di ricoveri inappropriati superiore a quella determinata tramite i metodi basati sulla SDO. Tale differenza è verosimilmente dovuta al ruolo del valore delle soglie percentuali di accettabilità individuate dalla Regione Lazio per ciascun DRG: le quote di ricoveri che eccedono tali soglie sono considerate inappropriate.

    Conclusioni: sulla base dei risultati ottenuti gli autori
    descrivono gli interventi organizzativi adottati per ottimizzare il contesto di erogazione delle prestazioni
    oggetto di analisi, discutono vantaggi e limiti dei metodi SDO-based e del metodo analitico PRUObased e ne propongono l

  2. Le cure educative nella scuola di Mompiano e nelle Case dei bambini di Roma e Milano in età giolittiana.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Pironi

    2007-07-01

    Full Text Available Nell’importante fase di modernizzazione che investe la società italiana agli inizi del Novecento, il problema delle istituzioni infantili prescolastiche diventa centrale nel dibattito pedagogico del tempo. Rilevante appare il contributo offerto dall’emancipazionismo femminile per un superamento delle vecchie pratiche filantropiche in vista di un moderno concetto di assistenza: ciò implica il superamento della visione puramente custodialistica dell’ “asilo”, di cui si sottolinea l’importante funzione educativa, con una conseguente riflessione sulle “cure” da destinare all’infanzia. E’ proprio in questo momento che si realizzano due esperienze educative, su cui converge subito l’attenzione del mondo politico e pedagogico, e che diventeranno due punti di riferimento per l’educazione infantile. Si tratta di due “modelli” profondamente segnati dalla differenziata situazione socio-culturale in cui vengono inizialmente sperimentati: la Scuola materna di Rosa Agazzi, espressione di un’Italia ancora in prevalenza agricola e contadina; la Casa dei bambini di Maria Montessori, concepita in un progetto di riqualificazione urbanistica, nella realtà di degrado sociale delle grandi periferie di Roma e di Milano.

  3. INSEGNARE L’ITALIANO L2 NELLA SCUOLA SUPERIORE DI PRIMO GRADO. IL LABORATORIO HOGWARTS: GIOCARE PER IMPARARE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Melissa Sala

    2012-07-01

    Full Text Available L’articolo propone un progetto didattico per l’insegnamento dell’italiano L2 nella scuola superiore di primo grado che prevede l’inserimento di studenti stranieri, provenienti da paesi diversi, in un gioco di ruolo didattico ispirato alla saga di Harry Potter.Particolare attenzione è data al laboratorio Hogwarts, un laboratorio specifico il cui obiettivo è quello di promuovere l’interazione, la socializzazione, ma soprattutto l’apprendimento dell’italiano come lingua di comunicazione. La didattica del laboratorio fonde insieme elementi del metodo comunicativo ed elementi del metodo audiolinguale richiamando la didattica ludica in quanto il gioco è assunto come modalità strategica di apprendimento. L’idea che sta alla base del laboratorio Hogwarts è quella di coinvolgere gli apprendenti, stimolarne l’interesse e la curiosità attraverso l’utilizzo di materiale video (visual stimuli e attraverso l’attività ludica che mantiene viva la loro attenzione e la loro motivazione favorendone l’apprendimento linguistico attraverso il divertimento.TEACHING ITALIAN L2 IN MIDDLE SCHOOL. THE HOGWARTS LAB: LEARNNG BY PLAYINGThe article illustrates a project aimed at teaching Italian as a second language. The target audience is middle school students from different countries and with different L1 backgrounds. Students take part in didactic role-plays inspired by the Harry Potter series. Special emphasis is given to the Hogwarts Language Lab, which aims to promote interaction, socialization and second language acquisition. The Lab teaching strategy combines elements of the communicative approach and the audio-lingual method with role-playing. The principle behind the Hogwarts Lab is that the students have to be active participants rather than passive observers. Their involvement can be increased and their interest can be raised through the use of the video input (visual stimuli and role-playing as a teaching strategy. Students are

  4. El componente del riesgo en el Ordenamiento Ecológico del Territorio: el caso del Ordenamiento Ecológico Regional y Marino del Golfo de México y Mar Caribe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando Antonio Rosete Vergés

    2013-01-01

    Full Text Available En México la preocupación de incorporar el riesgo en los Programas de Ordenamiento Ecológico tiene alrededor de 15 años. Existen casos contados en donde el peligro ha sido una de las razones para generar el proceso de planeación, como son el Ordenamiento Ecológico de la región del volcán Popocatépetl y su área de influencia, el Ordenamiento Ecológico de la Región Mariposa Monarca o el Ordenamiento Ecológico Regional de las cuencas de los ríos Necaxa y Laxaxalpan. Por otro lado, el desarrollo de modelos espaciales para identificar las zonas más vulnerables a los peligros asociados al cambio climático tiene cerca de 14 años, pero ha sido hasta los últimos seis años que se han producido modelos metodológicamente robustos. La identificación de zonas vulnerables a los peligros asociados al cambio climático es muy reciente. Dado el incremento de los peligros naturales propiciados por el cambio climático, es fundamental incorporar en los procesos de Ordenamiento Ecológico del Territorio los elementos de mitigación y adaptación al cambio climático en las zonas más vulnerables al impacto de los peligros identificados.

  5. Las ciencias sociales y la literatura regional en la educación del nuevo milenio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rolando Bastidas Cuello

    2014-02-01

    Full Text Available En este trabajo se plantea el fortalecimiento del pasado y presente, tanto en Las ciencias sociales como en la literatura de la Región Caribe, partiendo de la base legal que nos proporciona la Constitución Política de 1991, la Ley General de Educación y los fundamentos para la educaci6n del futuro planteados por Edgar Morín.A partir de estos criterios se plantea el estudio crítico del entorno sociocultural en las dos dimensiones (ciencias sociales y literatura, para comprender y aprehender el mundo caribe represado y olvidado por las instituciones oficiales. Para tal efecto, se propone incluir en el currículo una catedra caribe que le permita al hombre caribeño reconocerse a sí mismo y enfrentar los retos del nuevo milenio.

  6. Construcción de un Esquema Organizacional: Red Regional de Emprendimiento del Huila Construction of a Collaborative Organizational Scheme: Regional Entrepreneurship Network of the Huila

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Geovanny Perdomo Charry

    2009-12-01

    Full Text Available Este artículo sobre el fomento de la cultura del emprendimiento constituye un producto secuencial de tres años de trabajo entre las iniciativas del Gobierno Departamental anterior “Huila Unido 2004-2007” y actual “Huila Naturaleza Productiva 2008- 2011”, la Incubadora de Empresas de Innovación y Base Tecnológica del Huila -Incubarhuila- y la Universidad Surcolombiana, desarrollado en tres fases. La primera abordó el proceso de investigación de los actores sociales regionales que desarrollan actividades de emprendimiento y empresarismo con la pretensión de un estado del arte del emprendimiento a nivel departamental; la segunda se orientó a la estructuración y configuración de la red regional de emprendimiento; y la tercera y última hace alusión a la implementación de la estructura de la red de gestión del conocimiento en emprendimiento y empresarismo y la elaboración y puesta en marcha del plan estratégico de la misma. Es decir, el propósito esencial de este artículo es mostrar los resultados generales de la investigación, la estructuración e implementación de la red; haciendo evidente el aporte de la misma, en términos de trabajo interinstitucional y acople de los esfuerzos políticos, económicos y sociales en el campo del emprendimiento a nivel departamental.This paper about the entrepreneur culture promotion will be developed in three phases and constitutes a sequential product of three years of public and private work at Huila State in Colombia. Therefore, includes the initiatives of the previous Departmental Government with the slogan Huila Unido 2004-2007, and the current administration from Huila Naturaleza Productiva 2008-2011, the Huila’s Innovative and Technological Base Companies Incubator - Incubarhuila and Universidad Surcolombiana. The first part of the article approaches the research process of the regional social actors who develop entrepreneur and entrepreneurship activities with the aim of a

  7. Analisi dei conteggi di pallottole fecali di Coniglio selvatico, Oryctolagus cuniculus, nella R.N.O. di Monte Pellegrino (Sicilia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Lo Valvo

    2003-10-01

    Full Text Available Tra le specie di mammiferi presenti in Sicilia, il Coniglio selvatico, Oryctolagus cuniculus (Linnaeus, 1758 ricopre un ruolo importante sia dal punto di vista naturalistico, in quanto presente nella dieta di numerosi predatori come l?Aquila di Bonelli (Hieraetus fasciatus, sia dal punto di vista socio-economico, perché è una specie di tradizionale interesse venatorio, per la quale le amministrazioni locali provvedono a massicci ripopolamenti. Nonostante ciò, le conoscenze sulla biologia ed ecologia, ma anche sugli aspetti gestionali di questa specie in Italia, sono ancora carenti. In questo contributo sono sintetizzati alcuni risultati ottenuti con il metodo del conteggio di pallottole fecali, nell?ambito di una ricerca sul popolamento di Coniglio selvatico presente all?interno della Riserva Naturale di Monte Pellegrino (Palermo. Tra il mese di luglio 2002 e il giugno 2003, all?interno di una zona compresa tra 300 e 600 metri slm, sono state ripetute 7 conte complete delle pallottole fecali presenti in 90 aree campione da 1 mq. Le aree campione sono state scelte in maniera casuale nelle tre principali tipologie ambientali dove è stata riscontrata la presenza di questo lagomorfo e cioè nel rimboschimento artificiale di pino (PIN, nella macchia ad olivastro ed euforbie fruticose (MAC e nel pascolo discontinuo a xerofile nitrofile (PAS. L?analisi della varianza applicata sui valori medi (pallottole fecali/giorno per periodo, opportunamente trasformati, ha mostrato differenze statisticamente significative (p<0,001. L?uso del test di Tukey ha individuato le differenze nel confronto tra PIN-MAC e tra PIN-PAS, e non tra MAC e PAS, che sono risultati quindi simili. Dall?osservazione dei trend del numero medio di pallottole fecali/giorno per area campione, si nota come MAC e PAS mostrino andamenti stagionali della popolazione cunicola correlati (r di Spermann = 0,83, che sembrerebbero legati ad un aumento di densità, dovuto all

  8. Le attività di culto nella scuola pubblica, tra laicità, «libertas Ecclesiae» e libertà religiosa collettiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiano Di Prima

    2016-11-01

    SOMMARIO: - 1. Premessa. Il "ritorno" della religione e la riaffermazione degli Stati nazionali nell'ultimo quarto di secolo; l'"accerchiamento" della laïcité - 2. Il mancato sviluppo di una metodica giurisprudenziale focalizzante la "specificità" della laicità italiana; l'emersione di un trend individuante solo i (relativi profili comuni alla laïcité - 3. Un caso paradigmatico: la sentenza n. 166 del 2016 del T.A.R. Emilia Romagna sul tema dello svolgimento di attività cultuali nella scuola pubblica - 4. Il quadro normativo e giurisprudenziale del ventennio scorso: le ignorate direttrici speciali (implicitamente favorevoli; l'interpretazione "stretta" (d'indole separatista della normativa generale scolastica negli anni '90 e quella successiva "pragmaticamente ampia" (a fronte delle concorrenti novità socio-culturali e di sistema - 5. Gli ultimi anni: il mancato intervento del Legislatore atto a orientare in senso costituzionale le scelte della P.A.; l'incrementale difficoltà di quest'ultima a prevenire/gestire le potenziali insorgenti "micro-conflittualità"; la conseguente adozione d'un registro prudenziale "minimalista" – 6. La non condivisibile soluzione accolta dal T.A.R. (sentenza n. 166 del 2016 di contrarietà netta allo svolgimento di atti di culto a scuola. L'incidenza del trend "intrinsecamente separatista"; il cono d'ombra sulle specificità della laicità italiana; la perdita di vista delle direttrici con esse congruenti e delle garanzie ivi offerte alla "Libertas Ecclesiae" e alla libertà religiosa collettiva - 7. Conclusioni: l'urgenza di un intervento legislativo statuale, e di un'iniziativa chiarificatrice a livello bilaterale, a presidio delle libertà fondamentali in discussione.

  9. La mappa mentale del boscaiolo. Note su un’illuminazione cartografica di Cesare Zavattini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Davide Papotti

    2010-03-01

    Full Text Available Nel 1953 Cesare Zavattini compie un curioso – e fecondo – “esperimento territoriale”: porta a Luzzara, nella sua “mitologica” patria della bassa reggiana, il fotografo americano Paul Strand. L’idea è quella di mettere in contatto – nella non tanto segreta speranza di un cortocircuito conoscitivo – lo sguardo sapiente, ma inevitabilmente da outsider, del grande fotografo, e la terra che Zavattini continuerà a cantare, attraverso una appassionata quanto creativa thick description, per tutta la vita.

  10. I romanismi nella terminologia viticola dell'Istria slovena

    OpenAIRE

    Rada Cossutta

    1995-01-01

    Il  presente saggio trae spunto da un attento riesame del materiale che ho raccolto ed analizzato per la mia tesi di dottorato di ricerca dal titolo Poljedelska in vi­ nogradniska terminologija v govorih Slovenske Istre (La terminologia agricola e viticola nelle parlate dell'lstria slovena), tesi che ho discusso presso la Facoltà di Filosofia di Lubiana il 14 gennaio 1994, relatore il prof. Tine Logar, correlatore la prof. Alenka Šivic-Dular. L'opera si inserisce nel filone di ricerche lessic...

  11. Mecanismos kaldorianos del crecimiento regional: Aplicación empírica al caso del ALADI (1980-2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Christine Carton Madura

    2009-05-01

    Full Text Available According to Kaldor (1970, regional growth patterns arise from a cumulative causation process as broadly combining two substantial mechanisms i.e. a productivity regime, known as the “Kaldor-Verdoorn” law, and a demand regime due to the expansion of exportations. This paper attempts to assess empirically the Kaldor’s framework in characterizing economic growth for 11 ALADI countries from a panel data set over period 1980 to 2007. After having controlled industrial heterogeneity, the results are indicating the existence of two regional trends within member states, especially in terms of external demand constraint. It can be pointed out a group of countries for which the link between productivity gains and demand growth has become weaker, due to an increasing external dependence as well as a detrimental competitive position. Finally, findings are quite conclusive insofar as the existence of the Kaldorian mechanisms is corroborated in explaining trajectories of ALADI countries while both increasing returns to scale and demand led growth are seemingly playing a significant role in the region.

  12. Dilemas del desarrollo regional hidráulico al interior de México: Conflictos en la gestión regional del agua y nueva fórmula política en la Cuenca Lerma-Chapala

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rojas Ramírez José Juan Pablo

    2013-06-01

    Full Text Available Durante las últimas dos décadas, en lo que concierne al manejo regional de los recursos hidrológicos en México, sólo se replantearon los mecanismos por los cuales se podía seguir dotando del recurso a las actividades productivas, a partir de la creación de infraestructura y atendiendo secundariamente el deterioro del agua y su saneamiento. Por lo que, dicha dinámica trajo consigo conflictos sociales e intergubernamentales, al momento en el que el agua de calidad para las actividades humanas escaseo, además de problemas ambientales y de salud. Dilemmas of Regional Hydraulic Develop in México, Conflicts in Regional Management of Water and New Politic Formula in Lerma´s-Chapala BasinAbstractFor two decades, in the management of hydraulics resources in México, only were redesigned the mechanisms for distribute the fresh water to the productive activities. The implementation of hydraulic infrastructure was the criteria used and not the sanitation of water. In consequences arisen social conflicts and intergovernmental conflicts when the quality water diminished. This is the reality in the Cuenca Lerma-Chapala in México, a region economically important and high density demographically.

  13. Inserto speciale su Postmodernità, psicopatologia e psicoterapeuti Associazionismo, professione e postmodernità.Congresso Nazionale del Laboratorio di Gruppoanalisi Roma, 2-4 dicembre 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicolò Terminio

    2014-09-01

    Full Text Available Nella presentazione del Convegno nazionale del Laboratorio di Gruppoanalisi tenutosi a Roma dal 2 al 4 dicembre del 2011 l’accento veniva posto sulla necessità di «interrogarsi sui profondi cambiamenti che attraversano la nostra epoca». L’interrogativo centrale riguardava le forme del patire di «questa ineffabile contemporaneità» e le possibilità di rinnovamento degli psicoterapeuti

  14. Impacto del comercio alemán en la economía regional marabina (1870-1900

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Germán Cardozo Galué

    2013-01-01

    Full Text Available En este artículo se aborda el impacto del comercio alemán en la economía regional marabina, caracterizada tradicionalmente por la agroexportación. Consumada la Independencia y creada la República de 1830, las economías regionales venezolanas continuaron con la actividad agroexportadora estimulada por la creciente demanda mundial de café en los circuitos agroexportadoras de La Guaira, Maracaibo y Puerto Cabello. La demanda cafetalera dio inicio a una etapa de franca expansión y consolidación de la Venezuela agroexportadora a la Venezuela que se sumó a la explotación industrial petrolera a inicios del siglo XX. A lo largo de este ensayo se desarrolla el impacto generado por la importancia del encuentro generacional del tradicional desarrollo agrícola en la región marabina y el nuevo impulso que cobró la actividad mercantil hacia los mercados europeos y norteamericanos. Metodológicamente abordaremos el tema en base a las fuentes consultadas en los archivos bibliográficos y documentales nacionales y extranjeros.

  15. L’INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA NELLA SCUOLA PLURILINGUE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Castelli

    2010-09-01

    Full Text Available Lo sviluppo di competenze disciplinari e competenze linguistiche procedeparallelamente nell'apprendimento della storia e avviene in una situazione didattica che è, innanzitutto, una situazione comunicativa. Partendo dall'analisi della proposta di un Documento di Riferimento per lo studio della storia, elaborata dalla Divisione delle Politiche Linguistiche del Consiglio d'Europa, l'articolo evidenzia come la scuola plurilingue sia chiamata a confrontarsi con un nuovo modo di pensare all'insegnamento-apprendimento della storia che, oltre alle conoscenze disciplinari specifiche, comprenda la situazione comunicativa in cui si realizza e i diversi luoghi del discorso, ovvero i diversi domini linguistici, generi e tipologie di testi, convocati dal sapere storico.   Discipline-specific and linguistic competences are developed in a parallel way when learning history.  Both take place in a didactic situation that is, above all, communicative. This paper analyzes the Council of Europe's Language Policy Division proposal for  guidelines regarding the study of history, focusing on how multilingual schools must address a new way of thinking about the teaching of history. In addition to the specific knowledge of the subject, the communicative situations which arise and the different areas of discourse, meaning diverse linguistic fields, genres and types of texts that make up historical sources, are investigated.

  16. Marginalità e innovazione nella poesia di Benvenuto Cellini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diletta Gamberini

    2014-06-01

    Full Text Available «Se la mia Boschereccia Phoesia/ non dicie le parole belle e rare,/ gli son più i boschi che le case care,/ et da voi à diversa fantasia»: con questi battaglieri versi, Benvenuto Cellini certifica - all’altezza degli anni Sessanta del Cinquecento - l’incolmabile distanza che separa la propria produzione poetica dalle più squisite prove del petrarchismo contemporaneo, esplicitando al contempo la scelta di una marginalità programmatica rispetto ai circuiti ufficiali della cultura accademica. Attraverso il recupero di istanze proprie della tradizione bernesca, l’ispirazione “boschereccia” che Cellini - poeta “non professo” al pari di Michelangelo - attribuisce ai propri versi testimonia dunque di un’alterità consapevole rispetto alle modalità espressive tipiche della corrente rimeria contemporanea: un’alterità non soltanto dichiarata ma sostanziale, modernamente rilevata da critici avvertiti della poesia cinquecentesca. Non è infatti un caso che, all’interno di due importanti antologie di rimatori del sedicesimo secolo, Guido Davico Bonino abbia segnalato il carattere «singolare e sconcertante» della produzione celliniana, e Giulio Ferroni abbia in modo analogo evidenziato la sua natura «marginale ed eterogenea» rispetto ai filoni dominanti della lirica coeva. Occorre nondimeno specificare quali siano le più significative caratteristiche linguistiche, stilistiche e tematiche che differenziano i testi celliniani dal mare magnum della poesia italiana, e nello specifico fiorentina, del secondo Cinquecento. Una simile precisazione permetterà di confermare un’intuizione decisiva di Carlo Dionisotti, per il quale, nell’epoca che conosce una prorompente fioritura di vocazioni alla scrittura poetica, sono proprio le esperienze letterarie “periferiche”, vissute «nell’ombra, al riparo dagli imperiosi richiami del mercato e della piazza», quelle dotate di maggiore inventiva e originalità.    «Se la mia

  17. Il Medioevo nella percezione contemporanea: alcuni spunti per una riflession

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Benvenuti

    2012-08-01

    Middle Ages could be an indicator of the political ideas of the directors and, more precisely, a marker of their vision of the relationship between Western and Eastern civilizations.Il saggio ricostruisce la percezione del Medioevo nell’età contemporanea evidenziando quali sono gli stereotipi di maggior successo attraverso i quali viene proposto il Medioevo: lo scopo del saggio non è quello filologico di correggere gli “errori” di intepretazione ma, piuttosto, di comprendere quali atteggiamenti culturali e ideologici sono sottesi agli “errori” interpretativi. Le “fonti” sulle quali condurre lo studio sono state scelte in modo da coprire un ambito piuttosto vasto, dalla letteratura scientifica non medievistica (ad esempio il celebre testo del politologo britannico Hedley Bull “La società anarchica” alla letteratura fantasy, ai prodotti dei mass-media tradizionali, alla filmografia, ai giochi di ruolo. Una particolare attenzione è stata riservata, poi, all’analisi dei tematismi legati alle crociate, a questo proposito è stata privilegiata soprattutto la produzione cinematografica, ripercorrendo alcuni celebri film e cercando di mostrare come i topoi rappresentativi del Medioevo siano, in realtà e di volta in volta, una spia della visione politica globale degli autori e, più precisamente, un marker della loro visione del rapporto Occidente/Oriente.

  18. Digital Vitruvio, ovvero elogio del triangolo equilatero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Maggio

    2012-06-01

    Full Text Available La forma del triangolo, nella lettura di un progetto architettonico, solitamente rimanda alle sezioni orizzontali dell'architettura organica oppure, per quanto riguarda gli edifici del  passato, alle facciate delle chiese romaniche e gotiche. Eppure questa forma di estrema bellezza, tale da contenere l'occhio di Dio, è per Marco Vitruvio Pollione il principio geometrico generatore la costruzione del teatro latino. Il De Architectura, è noto a tutti, è pervenuto senza immagini e innumerevoli sono state nel passato le sue traduzioni a partire dalla editio princeps del 1486. Attraverso una trascrizione digitale che segue parallelamente una traduzione del testo del trattato, si delinea un processo compositivo che vede nel triangolo equilatero l'elemento geometrico che dà origine alla costruzione dell'edificio.

  19. Notizie su alcuni dizionari italo-spagnoli nella Firenze del Seicento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salomé Vuelta García

    2013-03-01

    Full Text Available This essay reports on a number of XVIth century Italian-Spanish dictionaries, mostly florentine, preserved as manuscripts in the National Central Library of Florence, the Marucelliana Library of Florence and the Estense Library of Modena. These dictionaries (that have never been studied by the scholars of Italian-Spanish compared lexicography show how vivid the interest for the study of Spanish language was in Florence during the Medici’s period.

  20. Il formalismo russo, Roman Jakobson e la linguistica nella prima metà del Novecento

    OpenAIRE

    Benedetta Baldi; Leonardo M. Savoia

    2016-01-01

    This article addresses the relation between Russian Formalism and linguistic thought in the first decades of the twentieth century. The theory of literary language proposed by the Formalist School assigns a central role to the linguistic devices that characterize a text as poetic or literary; the basic idea is that these devices work as a system, a notion derived from Saussurean linguistics. The leading figure we consider is Roman Jakobson, a key interpreter of Formalism, and, at the same tim...

  1. Economia del desiderio: piacere e conoscenza nella prima estetica di Herder

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Tedesco

    2012-05-01

    Full Text Available Published by Herder in 1781, the short study "Liebe und Selbstheit" represents one of the most significant moments of the reception of the works of Hemsterhuis in Germany, and is, at the same time, one of the most advanced points of arrival of the aesthetic and physiological thought of its author.

  2. Politica e poetica nella non-scuola del Teatro delle Albe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    ARESTA, Vito Antonio

    2016-12-01

    Full Text Available The theatrical experience of ‘non-school’ began in the early ‘90’s, in Ravenna, as part of Teatro delle Albe’s work, a company created in 1983 by Marco Martinelli, Ermanna Montanari, Luigi Dadina and Marcella Nonni. From the early years of the new millennium ‘non-school’ started up in various cities, both in Italy and abroad, and took the name of ‘Arrevuoto’ (Revolt in Naples, ‘Capusutta’ (Upside down in Lamezia Terme and ‘Eresia della Felicità a Venezia’ (The Heresy of Happiness in Venice in the city of that name. The ‘bringing to life of the classics’, the work in chorus and the constant attention to otherness and differences contribute to non-school’s style, but form only a part of the complexity of this theatrical work which changes according to which location a performance will take place in and which texts are chosen. The present article looks into some artistic and political aspects of ‘non-school’ and follows its work which connected four Italian cities over the years 2005-2012: Ravenna, Naples, Lamezia Terme and Venice.

  3. Il formalismo russo, Roman Jakobson e la linguistica nella prima metà del Novecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Benedetta Baldi

    2016-12-01

    Full Text Available This article addresses the relation between Russian Formalism and linguistic thought in the first decades of the twentieth century. The theory of literary language proposed by the Formalist School assigns a central role to the linguistic devices that characterize a text as poetic or literary; the basic idea is that these devices work as a system, a notion derived from Saussurean linguistics. The leading figure we consider is Roman Jakobson, a key interpreter of Formalism, and, at the same time, an original and influential linguist. In his work the interpretation of poetic language is related to an overall linguistic theory, where the properties of natural languages, crucially phonology, and the use (functions of language have a theoretical characterization.

  4. Donne e streghe nella Spagna del XVI secolo: realtà o psicosi collettiva?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgia Ferrari

    2012-01-01

    Full Text Available This article deals with the birth and evolution of the debate on witchcraft in Europe, from the creation of a veritable diabolic system in the collective imaginary up to the repression carried out by the ecclesiastic authorities. By analyzing some of the important reference works such as the Malleus Maleficarum, still today considered a sort of manual that justified the existence of witches and regulated their persecution, the topic is explored from the historical and sociological point of view. After examining the main causes and reasons and highlighting the significance of the dual concept “witch-woman” established between the 15th and 17th centuries, the article then focuses on what happened in Spain and the response of theologians such as Pedro Ciruelo and Martín de Castañega, who maintained a more skeptical attitude.

  5. Opinion publique e nozione di affaire nella Francia del XVIII secolo: Voltaire difensore di Calas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Pontieri

    2013-08-01

    Full Text Available This article focuses on the famous case of Jean Calas’s trial and on the defense made by Voltaire after Calas’ death. Voltaire’s complex operation succeed in mobilizing public opinion and was resumed in the well known Traité sur la tolérance, an early example of the typical scheme of the affaire. Through the analysis of the public opinion in France during the XVIII century, we will demonstrate the ambivalence of Voltaire’s thoughts in relation to this concept: one one side reign of the irrationality, when linked to the local reality, on the other, source of truth when enlightened and universal.

  6. L'immagine del potere fascista nella scultura futurista degli anni Trenta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sacchini

    2010-01-01

    Full Text Available The article wants to analyze what and how futurist sculpture contributed to the creation and communication of the official image of fascism during the Thirties, through the examination of a number of works by some of the most active futurist sculptors of the decade (Rosso, Thayaht, Regina,Di Bosso, Peschi, Bot, Delle Site. Particularly, the examination proceeds by analyzing the plastic solutions by which these sculptors presented some issues of particular relevance in terms of propaganda (Mussolini's portraiture, the aviation's theme, the imperial theme, the catholic religion's theme, and concludes with a hypothesis of correlation between the oscillating consent enjoyed byfascist system in the different moments of the decade and the frequency of the considered themes' appearance in futurist sculptures.

  7. Il Cristianesimo Felice del Muratori nella Galassia Guntenberg di McLuhan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Guardiani

    2008-04-01

    Full Text Available Assunto do ensaio é uma interpretação do tratado de Muratori segundo a teoria das transformações culturais de Marshall McLuhan, autor de The Gutenberg  Galaxy: The Making of Typographic Man. A utopia gesuítica do Paraguay, que iniciou em 1609, foi justamente fista por Muratori, um sécolo e meio mais tarde, como uma expressão de autêntica modernidade, entendida em sentido "tipográfico". A atividade dos gesuítas, com efeito, não é apreciada somente pela conversão ao cristianismo das populações indiígenas, mas também pela sua alfabetização e emancipação cultura.

  8. Il volto crudele del nemico. Figure di terroristi nella letteratura israeliana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sara Ferrari

    2012-11-01

    Full Text Available The aim of this lecture is to explore the question of representing terrorists in Israeli literature, namely in the books, Ha-me’ahev, (The Lover, by A.B. Yehoshua, Ha-Qaytanah Shel Kneller (Kneller Happy Camp by Etgar Keret, Shum gemadim lo yavo’u (The King of Falafel by Sarah Shilo and Tanin pigua (Croc attack by Assaf Gavron. A particular attention will be devoted to the confrontation with the other and its purpose in these books.

  9. Fattori di organizzazione del discorso nella memoria linguistica (Factors in Organizing Speech in Linguistic Memory)

    Science.gov (United States)

    Baroni, Maria Rosa; And Others

    1977-01-01

    An experiment was carried out to study the processes of linguistic memory. Subjects were asked to read aloud brief prose passages and repeat what they had read. The "deviations" from the original passages were analyzed to determine the time of the deviation, during decoding or recall. (Text is in Italian.) (CFM)

  10. Valutazione farmacoeconomica dell’uso di tramadolo vs ketorolac nella gestione del dolore postoperatorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo G. Mantovani

    2003-03-01

    Full Text Available This article represents the first evaluation that compares the economic consequences of managing postsurgical pain with tramadol or ketorolac in the Italian setting. The economic evaluation was based on 5 clinical trials that directly compared the efficacy and tolerability of tramadol and ketorolac treatments in different settings and that contained drug consumption data. Since the review of these data confirmed that their efficacy is comparable (tramadol showed a quicker onset of the analgesic action, which was not considered for the purposes of the economic evaluation, it was chosen to conduct a cost minimization analysis. The calculations were made considering two different drug acquisition costs: the hypothetical price for the hospital, computed by discounting 50% off the retail price, and the mean price really paid by hospitals according to the IHS. The analyses showed that, when the discounted price is applied, tramadol induces costs that are similar to those induced by ketorolac in 2/3 of the cases and lower in the remaining 1/3. Considering the mean price paid by hospitals, tramadol results economically more advantageous than ketorolac in all considered settings. In conclusion, ketorolac and tramadol are two effective and tolerable drugs in the management of post-surgical pain, although they differ in the adverse event pattern and in the rapidity of their action. In the Italian setting, tramadol appears to be economically more efficient, due to lesser consumption and lower drug acquisition costs.

  11. Processi di visualizzazione poetica: descrizione e immaginazione nella critica di danza del XIX secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Christina Thurner

    2014-12-01

    Full Text Available This essay addresses the interest in the discourse of dance criticism within the French feuilleton of the 19th Century. It explores poetical techniques of writing with regard to and on examination of the perception of romantic ballet. The author of the essay argues that critics as Théophile Gautier and Jules Janin created and cultivated an emphatic style of criticism, which can be described as a transposition of the subjective view / imagination of the observer into poetic language. These discoursive practices became significant and paradigmatic – also in relation to the perception of dance till this day.

  12. Funzioni lessicali e aspettuali del preverbo za- nella Povest’ vremennych let

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luisa Ruvoletto

    2012-01-01

    Full Text Available This paper examines the forms of the za- prefixed verbs in the Old Russian text Povest’ vremennych let (11th-12th centuries. The study shows how this prefix, like other prefixes in Old Russian, has both lexical and aspectual functions, and that there is considerable interaction between the semantics of the prefix and the meaning of the unprefixed verb. Some groups of verbal forms can be found in which the prefix fulfils specific meanings. This analysis allows the detection of some “embryonic” forms of the lexical meanings and aspectual functions expressed in the modern Russian by the za- prefixed verbs in one of the oldest East Slavic texts. This is clearly of interest when delineating the semantic evolution of this prefix and its aspectual function in a diachronic perspective.

  13. L’oggetto del desiderio nella poesia lirica: alcune considerazioni sulla sublimazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Giusti

    2013-05-01

    Full Text Available Sublimation is an idea often used to give a psychoanalytic interpretation of artistic creativity. Focusing on the lyric speaker within the poem and considering the text as a mise-en-scène of poetic creation, the paper intends to investigate why sublimation could not be the right key to understanding the phenomenon. The subject’s dynamics, in modern poetry, show themselves as a continuous failure in the repeated attempt to possess the object. The speaker’s affective and cognitive desire is produced and constantly renewed by the impossibility of possessing the object (above all in its representation. But it is only in such a gap that the subject can exists. In order to feel desire, there should be an illusion of possession and representation. Subject and object create each other in lyric poem, and the former comes to coincide with the desire for the latter, it does not exist outside that desire.  Since lyric poetry shows itself as the unfolding of a subject that voices itself and is always involved in an object relation, it can be a privileged field of investigation for this kind of phenomena. Two poets will be taken into consideration: Thibaut de Champagne, a late trouvère who summons up the Provençal tradition, and Charles Baudelaire, one of the modern poets that have most deeply investigated the reality lack of sense.  

  14. Il dono del libero arbitrio nella Terza Orazione inaugurale: analogie e differenze con Jean Bodin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Megale

    2016-11-01

    Full Text Available [The “gift of free will” in the Third Inaugural Oratio: Similarities and Differences with Jean Bodin]. This paper intends to emphasize the position of Vico between knowledge and liberty with reference to modern concept of respublica literaria. We are still far from Voltaire’s Traité, but the political influences of the theory of religious tolerance had found full expression already at the end of the XVIth century, expecially by Jean Bodin, whose Colloquium Heptaplomeres (1593 is analyzed by the author and compared with Vico’s Oratio III.

  15. Differential diagnosis of sexual pain in women (La diagnosi differenziale del dolore sessuale nella donna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giancarlo Carli, MD

    2013-09-01

    Full Text Available Dyspareunia, a pain that occurs in response to an attempted vaginalentry or to a sexual intercourse, is a clinical entity that recognizes multifactorial etiology. It may be due to organic diseases or to functional disorders suchas Hypoactive Syndrome Desire Disease (HSDD, vaginismus and provoked vulvodynia (PVD. A full history is fundamental for the diagnosis of functional syndromes. For PVD diagnosis, the gynaecologist must also have experience of syndromes of chronic widespread pain of unknownetiology such as fibromyalgia since these syndromes are frequently associated. In PVD local and diffuse hyperalgesia is associated with mechanismsof central sensitization. In PVD there is evidence suggesting local mechanisms of neuropathic nature, although local symptoms consist only in light erythema and oedema.

  16. L’inspectio di un anonimo investigatore pisano nella prima metà del secolo XII

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Puglia

    2013-01-01

    Full Text Available The article examines and publishes in the Appendix a document kept in the Archive of the Archbishop of Pisa, known until now only in a partial transcript, because was for a long time not available. The relevance of this document lies both in its materials and graphics characteristics , but also in its unique content, which presents a cross section of political and social life of the entourage of Bishops in the city and county in the first half of the Twelfth century. In fact, it shows the different sides of an inquest (inspectio conducted in the diocese of Pisa by an anonymous investigator appointed by the Archbishop of Pisa Hubert in 1137. The numerous stages of the inquest were probably recorded in some files and then, with the help of judges (and law experts and the graphic abilities of the episcopal clergy, were written in an entire parchment, with a clear and fluid book-Caroline and with a good rhetoric form. The goals of this document were surely informative, but we don’t exclude also a memorial and judicial objective. In conclusion, the inspectio give us the opportunity of studying the non-epistolographic practices of medieval communication and allows us to know a pragmatic and non-formal system of document building. This system is out of the field of notarial acts with legal effects (chartae and brevia recordationis and different from the writing of judicial records.

  17. I fondatori della sismologia in Italia nella seconda metà del XIX secolo

    OpenAIRE

    Luongo, G.; Cubellis, E.; Obrizzo, F.

    2012-01-01

    The scientific study of earthquakes received a critical stimulus in 1755, when a disastrous earthquake struck Lisbona on November 1. A significant contribution to this evolution come from Italy, where by the mid-nineteenth century many scintists operated to record, localize and classify the intensity of the earthquakes.

  18. Notai vescovili, notai chierici, notai con duplice nomina nella chiesa ascolana del XIII secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Cameli

    2013-01-01

    Full Text Available The study aims at conducting research into the strict relationship between the notaries and the bishops of Ascoli Piceno, at marking some aspects of town notaries and, finally, at examining some undeniable peculiarities of a “border” Church, geographically and politically collocated between the State of Church (Patrimonium Beati Petri and the Kingdom of Sicily, and constantly wavering between the obedience to the Apostolic See and a natural inclination towards the pars Imperii. By the examination of the data that may be deduced from notarial subscriptions and from the registration of the daily activities carried out by the bishops for administration of the diocese, it is possible to point out a rich notarial world, where, besides the notaries designated by the bishops themselves, we can find other notaries who declare a double appointment, often both imperial and ecclesiastical (of the bishop, of the pope, of pontifical legates or of the Marca rectores, but also only ecclesiastical (i.e. two nominations coming from ecclesiastical authorities. Then, we can isolate very interesting moments and instances about documentary procedures of the Church of Ascoli and the role of the notaries: first of all, the ‘favour’ given by the bishops, in spite of their uncommon potestas faciendi notarios, to the imperial notaries for the writing of documents concerning with the bishops themselves, but also the meaning of the work furnished by the notaries in order to rule the diocese. The result is that, besides to give a strong guarantee for the bishops’ power in patrimonial and institutional matters and an effective rationalization in management of the documentary resources, the notaries have tried to support the exigency and the will of the bishops to differentiate – to the panorama of contemporary documentation – their own charters, thus making products which appear intermediate between notarial and chancellery style, rich of solutions that should be able to communicate the image of the power they came from.

  19. L'omicidio a Bologna nella seconda metà del XX secolo. Scenari di vittimizzazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaella Sette

    2007-09-01

    Full Text Available The homicides seen from the victims’side, show interesting aspects of the world in which these social conflicts flare up. From the results of the diachronic analysis of the homicide victims in the province of Bologna between 1954 and 2003, carried out using official sources and institutional documents, some characteristics of these victims are evident. Subsequently, with reference to the last twenty years, we concentrated on the relationship with the author of the crime, on the scenes and the circumstances in which the crime was commited, with the aim of tracing profiles and to emphasize “risk” situations. Les homicides vues par les victimes mettent en évidence des aspects particulièrement intéressants des milieux où ces conflits sociaux se déchaînent. Par les résultats de l'analyse diachronique sur les victimes d'homicide entre 1954 et 2003 dans la province de Bologne, effectuée sur la base de sources officielles (fiches statistiques des médecins nécroscopes, rapports inauguraux des années judiciaires, données socio-démographiques et de autres documents (faits divers parus dans les journaux, on attire l'attention sur quelques-unes des caractéristiques des victimes. Après quoi, pour ce qui concerne les vingt dernières années, on se concentre sur la relation avec l'auteur du crime, sur les cas de figure et sur les circonstances où le crime s'est déroulé, pour obtenir des aperçus et pour mettre en évidence des situations "à risque".

  20. Banca universale, riforma del sistema bancario statunitense e concorrenza finanziaria nella Comunità Europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.A. KREGEL

    2013-10-01

    Full Text Available Economists and policy makers in Europe and the United States have devoted increasing attention towards the German financial system. In the new Single European Market, the German financial system, characterised by universal banking with unrestricted entry into all types of financial market, is expected to become the dominant form. The German kind of financial system has also been suggested as an alternative to the segmented US financial system. It is argued that the success of the German system has less to do with the freedom granted to universal banks than with its approach to regulation and supervision.   JEL Codes: G21, G18Keywords: Financial system, SEM

  1. Osservazioni cliniche ed anatomiche nella storia della neuropsicologia del linguaggio: gli studi pre-Broca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Luzzatti

    2013-08-01

    Full Text Available Clinical and Anatomical Observations in the History of Neurolinguistics: Studies Predating Paul Broca – Classical neurological and neuropsychological handbooks usually cite Paul Broca’s communication on the frontal lobes as the seat of articulated speech (1861 as the starting point in the history of the study of aphasia as. In their seminal study, Benton and Joynt (1960 have collected numerous observations of aphasic patients from the Greek, Latin Medieval and Renaissance medical tradition and from the eighteenth-century Enlightenment literature. In none of the reported cases, however, were the crucial elements of aphasia, that is, is, on the one hand the distinction between language deficits, conceptual damage and speech disorders and, on the other hand, the association with lesions of the left brain hemisphere – clearly identified. The first part of this article describes the work of Johannes Schenck and Johannes Jakob Wepfer, two medical scientists in the six-teenth and seventeenth century, whose studies are almost entirely unknown. Johannes Schenck (1530-1598 completed a collection of clinical observations including both reports from antiquity and from his contemporaries. In his first volume (Observationes medicae de capite humano, Basel, 1584 he considers the major diseases of the head and face. At least 16 of these observations refer to patients with aphasia. Johannes Jakob Wepfer (1620-1695 published several texts on neuroanatomy, brain vascularization and apoplexy. He gathered a collection of neurological cases (Observationes medico-practicae de affectibus capitis internis & externis, which was published posthumously. At least 15 of the 222 observations included report the presence of aphasia. As expected, in almost all cases, aphasia was due to lesions in the left hemisphere. Wepfer, however, does not seem to have noted this asymmetry. In the second part of this article, the extraordinary study of Jean-Baptiste Bouillaud (1825 will be reported: Bouillaud outlined the basic principles of anatomo-functional correlations in neuropsychology and applied these principles in order to confirm empirically the role of the frontal lobes in language and speech production.

  2. NUOVE TECNOLOGIE SPAZIALI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Bassan

    2015-01-01

    Full Text Available The aim of the study is to show, how and how much, urbanization and soil sealing can change the hydraulic performance of a given geomorphology. The analysis area includes the territory of the ex Consortium for LandReclamation Medio Astico Bacchiglione; a specific test was performed to Municipality of Thiene (Province of Vicenza. Thanks to a dedicated spatial algorithm developed with ArcGis it was possible to correlate, per pattern of land use, the runoff coefficients at the digital terrain model (DTM. The implementation of the functions of direction and accumulation (hydrology tools, has allowed to study the behaviour of the superficial runoff and to evaluate the hydrological impacts per use change, of two reference periods (1954 and 2006.The test generates the risk mapping. Areas at different vulnerability and exposure are identified with tool focal statistics. Referred to them are the spatial planning strategies on watershed scale. The algorithm in GIS environment allows to manage flood risk with multiscale and multitemporal analysis of the dynamics of land use, and to estimate the incremental levels of soil sealing and cumulative impacts. Hazard and risk are managed with a complete overview of the problem; it allows to check, in time, the uses at high impact and the health risk. The obtained results support the urban regenerationpolicies and the territorial development.

  3. La dimensione politica del cecchino nella narrativa di Pavel Hak e Nicolai Lilin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Fracassa

    2015-11-01

    Full Text Available Thanks to the studies by Martha Nussbaum, Political Science can include emotional facts among cognitive tools. Furthermore, aesthetic turn makes possible to  integrate literature to political analysis. In other words, it is nowadays possible to state that literary representation of war can produce ethical response in readers. Nonetheless all depends on rhetoric choices. Both novels – Sniper (France 2001 and Caduta libera (Italy, 2009 - tells about a sniper experience narrated in first person. But narrative choices are different in Lilin – who describes a historical set of new wars (Chechnya – and Hak – presenting a sketchy landscape, compatible with Chechen war as well as the Balkan ones. The main difference, in facts, is the narrating voice: the main character in Caduta libera matches the author’s war experience and wants the reader to believe the story as true; Pavel Hak emphasizes, instead, the fictional level of narration. This analysis aims to demonstrate that literary choices in Hak are more conductive to an ethical response by the reader.

  4. Dante per i bambini: percorsi tra riduzioni e riscritture nella prima metà del Novecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabrina Fava

    2014-12-01

    Full Text Available  During the XX century the adapted texts for young people of the Divine Comedy started when cultural industry has affirmed. It has given impulse to the publishing industry for youth and thanks to the process of popular education it has developed the popularization of the culture to the infancy. The essay presents the literary history of reductions of the Divine Comedy and it highlights that the stylistic quality has allowed to develop interest among the young readers. Growing up, the stylistic quality introduces to the reading of the original text. The aesthetic beauty of the Divine Comedy can approach to the childhood without losing itself. The adapted texts underline the potentialities of the original text and they show the different way of educating future adult readers.

  5. Una finestra sul mondo. Salotti ebraici nella Berlino del tournant du siècle

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Unfer Lukoschik

    2007-11-01

    Full Text Available This essay first provides an overview of the main phases in the history of the salon as a feminocentric space and as a generation of communicative actions. The author then turns to the term “salon” itself, with its semantic connotations of a location of alternative culture. After having established this context, the essay focuses on two specific meeting places in Berlin, the Jewish gatherings of Henriette Herz and Rahel Levin Varnhagen von Ense as examples of the salon as a heterotopia of great socio-cultural impact and as an «anthropologic space» where the culture of the Hebrew Haskalah and that of the Christian Enlightenment enter into communication with another, encouraging both the emancipation of cultured and intellectually engaged women and that of intellectuals of the period bound by a new holistic anthropologic perception.

  6. Cultura politica di partito e cultura politica nazionale: il caso del Pci nella Prima Repubblica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Millefiorini

    2016-01-01

    Full Text Available In the paper we are explaining those aspects of the Italian Communist Party, that, thanks to the particular organized structure, contributed, in a meaningful way, to outline some characteristic features of the Italian political culture. There are four aspects of them: the first one was represented by a strong level of ideologism that for reaction and contamination passed from its main centre of diffusion (which was just the P.C.I to the other actors of the Italian party system, whose high level of ideologization produced models of interpretation of problems and of decisions, elaboration and planning, about not so much pragmatic plans; on the contrary, concerning rhetoric or propagandistic approaches.A second, relevant effect to which contributed in this case not only the political communist culture, we are analyzing above all from this point of view: it was constituted by the leadership exerced by the political parties that acquired in the symbolic values of the Italians universe as regards the other components of the Political system; the consequences of this situation we are going to analyze in the paper.A third element was the strong statalism which constituted the political culture of the country at least till the end of seventies.The fourth factor spread by the political communist culture was given by the egualitarianism. It assumed a relevant role at the organizing and structural level concerning the burocratic machinery; the values connected to it not always produced good results in efficiency, in resources optimization and productivity.

  7. Tecniche di risemantizzazione. Il verso lungo nella lirica tedesca del 'fine secolo'

    OpenAIRE

    Maurizio Pirro

    2014-01-01

    This paper aims to analyze certain features in the use of long verse by a few German language poets in the early twentieth century. Particular attention will be devoted to two collections: Der Weltfreund by Franz Werfel (1911) and Der Aufbruch by Ernst Stadler (1913). Our conclusion is that this technique was given preference in order to support a critical representation of modernization processes affecting all European societies, but especially Wilhelmine Germany between the end of the 19th ...

  8. Fattori di organizzazione del discorso nella memoria linguistica (Factors in Organizing Speech in Linguistic Memory)

    Science.gov (United States)

    Baroni, Maria Rosa; And Others

    1977-01-01

    An experiment was carried out to study the processes of linguistic memory. Subjects were asked to read aloud brief prose passages and repeat what they had read. The "deviations" from the original passages were analyzed to determine the time of the deviation, during decoding or recall. (Text is in Italian.) (CFM)

  9. Open Data nella Pubblica Amministrazione italiana: l’esperienza del Comune di Firenze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Menduni

    2013-01-01

    Full Text Available The City of Florence, Italy, has been carrying out a large data integration and consolidation process since 2003, that was even more improved and targeted to an open and federated approach during 2009. Results of such a process are now being exploited in several current hot eGovernment fields, among which business intelligence, and, more recently, the open data movement. During the year 2011, the City of Florence lead an internal structured assessment process in which each department named an open data referee, and was called to analyse which available public datastores were eligible to be opened up in a suitable website section. The first Open Data section of the City of Florence website was published in October 2011, to which followed the publication of RDF scheme, and SPARQL endpoint for the three above datasets. In February 2012, a brand-new specific open data portal was published, whose main sections were the dataset catalogue, the "Open data for all" section, with human-readable data visualisations, the Linked Data section, and the GeoPortal section, giving access to geospatial data through a standard catalogue and a portal which are based on the open source GeoNetwork and GeoServer projects.

  10. La valutazione economica del trattamento farmacologico con antipsicotici nella schizofrenia: una revisione sistematica della letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Ravasio

    2005-03-01

    Full Text Available Schizophrenia is a chronic, severe, and disabling brain disease. Approximately 1 percent of the population develops schizophrenia during their lifetime. Available treatments can relieve many symptoms, but most people with schizophrenia continue to suffer some symptoms throughout their lives; it has been estimated that no more than one in five individuals recovers completely. The introduction of second-generation antipsychotics, also defined as atypicals, has increased the therapeutic options available for individuals with schizophrenia. Potential benefits of these agents include a more favourable profile in terms of positive and negative symptoms, less adverse effects and better cognitive functioning than first-generation antipsychotics. It is uncertain whether atypical antipsychotic agents, as prescribed in ordinary practice, are a cost-effective alternative to conventional agents. This study examined the financial and clinical implications of using atypical antipsychotics in the treatment of schizophrenia, considering both related costs and consequences. To elaborate the paper, we reviewed 8 economical studies regarding the comparison between atypical and typical antipsychotics, published in the years 1998-2004. In 5 studies atypical antipsychotics were cost-saving compared to typical, in 2 studies they were cost-neutral and in one study they resulted cost-effective. Consequently typical antipsychotics were cost-saving just in one study.

  11. Il dono ambiguo: modelli d’aiuto e rifugiati palestinesi nella valle del Giordano*

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Van Aken

    2013-07-01

    Full Text Available I rifugiati palestinesi di quarta generazione permangono in una relazione di assistenza che perdura da più di mezzo secolo con l’agenzia internazionale UNRWA, un’istituzione storica ma anomala nel contesto delle Nazioni Unite. L’aiuto umanitario nei confronti di diverse comunità di palestinesi in cinque differenti territori (Cisgiordania, Gaza, Giordania, Libano, Siria, è un caso che presenta non solo delle specificità, ma riassume anche alcuni nodi costitutivi dei discorsi e delle pratiche dell’umanitario così come si è venuto a configurare fino a oggi.

  12. Polilinguismo nella scrittura murale urbana: Note sulla lingua spagnola

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    ELena Landone

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – In this paper I focus on the polylinguistic and polycultural landscape of Milan on the theoretical basis of daily life studies, the sociolinguistics of globalization, and intercultural pragmatics. The relevance of this field is determined by the need for urban anthropology to semiotize the urban spaces as an interpretative bridge between the microsystem (the individual level and the macrosystem (the social level. More concretely, I investigate the presence of the Spanish language in the superdiversity of Milan and, methodologically, I collect ethnographically and interpret qualitatively a corpus of 700 daily life texts of various types of street writing. The results show the significant presence of Spanish in the urban landscape and a high level of hybridism which is, nevertheless, totally functional in communication. I also detect the emergence of linguistic, pragmatic and intercultural awareness in the writers. Finally, with some precautions, I confirm the scientific potential of the daily life documents to investigate complex urban dynamics.Resumen – El tema de este estudio es el panorama polilingüe y policultural de Milán y se plantea a partir de las bases teóricas de los everyday life studies, de la sociolingüistica de la globalización y de la pragmática intercultural. La relevancia del estudio descansa en la necesidad de la antropología urbana de elaborar una interpretación semiótica de los espacios urbanos, puesto que pueden constituir un puente interpretativo entre el microsistema (individuo y el macrosistema (sociedad. Concretamente, el objetivo es investigar el papel del idioma español en la supediversidad milanesa; la metodología es de etnografía urbana con la formación e interpretación cualitativa de un corpus fotográfico de setecientos textos cotidianos de escritura callejera (pintadas, avisos, grafiti, ecc.. Los datos relevan una presencia significativa del español en el landscape milanés, con un

  13. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Buenos Aires (Brandsen

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesani Rossi, María Florencia

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población del partido de Brandsen a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (Kg y talla (cm fueron medidos en una muestra de 1453 niños (718 varones y 735 mujeres durante 2004.

  14. Oscillazioni del mesone D^0

    CERN Document Server

    Schiraldi, Vito; Morello, Michael Joseph

    In fisica delle particelle, con il termine di "oscillazione" si indica la trasformazione di una particella neutra nella sua antiparticella e viceversa, fenomeno dovuto al fatto che gli autostati di flavor non sono autostati della matrice di massa. Il Modello Standard delle interazioni fondamentali predice che l'oscillazione del mesone D^0 avvenga su tempi molto maggiori di una vita media, e appaia perciò come un effetto piccolo, inferiore al percento, in contrasto con il caso dei mesoni B^0 e B^0_s che oscillano con molta maggiore rapidità. Sperimentalmente, l'oscillazione dei mesoni D^0 è rimasta inosservata fino a tempi recenti: la prima evidenza sperimentale dell'esistenza di un effetto di oscillazione è stata ottenuta soltanto nella primavera del 2007 dagli esperimenti BaBar (SLAC, USA) e Belle (KEKB, Japan). Nell'agosto 2007 anche l’esperimento CDF (Fermilab, USA) ha presentato una evidenza simile, basata sull'analisi di una parte del campione di dati disponibile. La tesi descrive gli aspetti speri...

  15. Integración regional y nacionalismos en la Europa del siglo XXI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Doval Adán, Antonio

    2015-06-01

    Full Text Available In the current European geopolitical space live two antagonistic activism. One works for a more united and integrated economic and social political level by creating large supranational structures more complex and bureaucratized with extensive powers, while the other strives to claim a greater degree of sovereignty and independence for the peoples and their territorial identities. In this context, a general hoverriewof international organizations created to promote the regional integration process istakew as well as a discussion onthe main focuses and nationalist movements that operate in the European territory, delving into the resurgence of secessionist movements within the European Union in the Balkans and the former Soviet Union, not least the question of Kurdish nationalism.En el espacio geopolítico europeo actual conviven dos activismos antagónicos. Uno trabaja a favor de una Europa más unida e integrada a nivel político económico y social mediante la creación de grandes estructuras supranacionales cada vez más complejas y burocratizadas dotadas de amplios poderes, mientras que el otro se esfuerza en reivindicar un mayor grado de soberanía e independencia para los pueblos y sus identidades territoriales. En este contexto, se hace un balance general de las organizaciones internacionales creadas para impulsar el proceso de integración regional y se analizan los principales focos y movimientos nacionalistas que operan en el territorio europeo, profundizando en el rebrote de los movimientos secesionistas dentro de la Unión Europea, en los Balcanes y en el espacio postsoviético, sin olvidar la cuestión del nacionalismo kurdo. [fr] Dans la zone géopolitique européenne actuelle vivent deux activismes antagonistes. Un travaille en faveur d’une Europe plus unie et intégré à un niveau politique, économique et social par le biais de la création de grandes structures supranationales plus en plus complexes et bureaucratissées avec

  16. Guía informativa del centro regional de distribución de productos alimentarios

    OpenAIRE

    Barham, James; Tropp, Debra; Enterline, Kathleen; Farbman, Jeff; Fisk, John; Kiraly, Stacia

    2014-01-01

    El impulso para la creación de esta guía y el trabajo que refleja se originaron con el establecimiento de la iniciativa “Conozca a su Agricultor, Conozca sus Alimentos” (Know Your Farmer, Know Your Food, KYF2) del USDA. KYF2, puesta en marcha en 2009, tiene como objetivo fortalecer la conexión crítica entre agricultores y consumidores, así como respaldar los sistemas alimentarios locales y regionales. Como tal, está estrechamente relacionada con la misión más amplia del USDA que consiste en r...

  17. IL PARLATO DELL’INSEGNANTE NELLA CLASSE DI LINGUA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Corradi

    2013-01-01

    Full Text Available In questo contributo si analizzano, in un contesto di insegnamento/apprendimento dell’italiano L2, esempi di parlato del docente, a cui è affidata la gestione della comunicazione didattica, ed esempi di parlato degli apprendenti, osservando, in particolare, in quale modo la loro produzione orale e il loro coinvolgimento nell’interazione verbale in classe sia previsto e guidato dalla forma della lezione e dalle strutture dialogiche a cui è correlato l’apprendimento della lingua. Nell’analisi di parlato e di interazioni verbali in classe si sono riscontrati due modelli fondamentali: la lingua della conversazione, macro-obiettivo comunicativo di lezioni svolte nell’ambito del progetto “Marco Polo” presso l’Università degli Studi di Milano, e la lingua dell’esposizione, perseguito nelle lezioni dei corsi sull’italiano disciplinare L2, sempre promossi dall’UniMi, e denominati “CALP” (Cognitive Academic Language Proficiency. La scelta metodologica di riportare la trascrizione e l’analisi di un’intera lezione del progetto “Marco Polo” è motivata dalla convinzione che la lezione è l’unità che riassume tutti gli elementi costitutivi del discorso didattico. A questa analisi segue l’esame di campioni audio-video registrati durante le lezioni dei corsi CALP, per mostrare come l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2/LS possa richiedere diverse tipologie di materiali e strumenti che supportano il parlato dell’insegnante e facilitano la comunicazione di contenuti didattici tra insegnante e apprendenti, se usati coerentemente con i micro-obiettivi e macro-obiettivi della lezione.  Language teacher in-class speech In this paper we analyze examples of in-class teacher speech, responsible for managing the teaching communication, and examples of learners' speech in an Italian L2 teaching/learning context. In particular we observe how the student’s speech and involvement in verbal interaction in the

  18. Flussi migratori, religione e diritto nella polis euro-mediterranea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fortunato Freni

    2012-11-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. L’incremento dell’immigrazione in Europa nell’attuale contesto politico e religioso - 2. La “Primavera araba” e le tensioni afferenti alla libertà religiosa nei nuovi equilibri geopolitici - 3. Gli odierni fermenti culturali e giuridici nell’Islam mediterraneo - 4. La prospettiva di una laicità inclusiva euro-mediterranea avverso gli esclusivi schemi “mondialatinizzanti” - 5. Il ruolo dell’Europa nel bacino del Mediterraneo - 6. Alcuni strumenti per estendere la libertà di coscienza a tutte le tendenze culturali: a il dialogo interreligioso - 7. Segue: b le normative concordate - 8. Il decentramento comunitario e l’esigenza di una duttile (ma anche non discriminatoria governance europea.

  19. Entrevista con Francisco Tellez, director del museo regional de Iquique. : Metales y Arqueología en el Norte Grande: Desierto de Atacama, Norte de Chile

    OpenAIRE

    Tellez, Francisco; Salazar, Diego; Figueroa Larre, Valentina; Borie, Cesar; Winkler, Lisette

    2007-01-01

    Corpus PCM (Peuples et Cultures du Monde); El arqueólogo y director del Museo regional de Iquique Francisco I. TELLEZ CANCINO conversa con los arqueologos Diego SALAZAR y Valentina FIGUEROA, dando cuenta del contexto y de nuevas evidencias que entrega el del norte a la investigación arqueológica, sobre todo evidencias relacionadas con la mineras. Los investigadores se refieren al sitio Huantajaya y a otros sitios del Norte de Chile.; Francisco I. TELLEZ CANCINO, archéologue et directeur du Mu...

  20. Dentascan CT of mandibular incisive canal. Radiological anatomy and therapeutic implications; Tomografia computerizzata con Dentascan del canale incisivo mandibolare. Anatomia radiologica e implicazioni terapeutiche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Calgaro, A.; Bison, L.; Bellis, G.B.; Pozzi Mucelli, R. [Trieste Univ., Trieste (Italy). Ist. di radiologia

    1999-11-01

    The main purpose of this paper is to stress the importance of CT depiction of the mandibular incisive canal. This anatomical structure contains a major neurovascular bundle and is thus very important in the planning of mandibular implants in the canine-incisive area. The importance of careful assessment of the mandibular canal course before implantology is now widely recognized. The same holds true for the canine-incisive region in the jaw, to detect the incisive canal if present and prevent any complications from its accidental damage. CT with a dedicated software showed the incisive canal in a large number of patients, which calls for precise reporting of its presence, course, and relationships with teeth. [Italian] Scopo di questo lavoro e' sottolineare l'importanza di rilevare e segnalare la visibilita' con Tomografia Computerizzata del canale incisivo mandibolare, struttura anatomica al cui interno decorre un fascio vasculo nervoso e percio' di rilevante importanza in previsione di intervento implantologico nella regione mesiale della mandibola. In previsione di seduta implantologica appare fondamentale l'attenta valutazione non solo del decorso del canale mandibolare ma anche della regione canino-incisiva della mandibola per la possibile esistenza del canale incisivo al fine di evitare eventuali complicanze derivanti dal suo accidentale danneggiamento. Il riscontro di tale struttura con TC con programma dedicato e apparso tutt'altro che trascurabile e percio' risulta di primaria importanza segnalarne presenza, decorso ed eventuali rapporti con gli elementi dentari.

  1. Asociacion de polimorfismos de la region promotora del gen de la interleucina 10 con la urticaria papular por picadura de pulga

    National Research Council Canada - National Science Library

    Satizabal, Claudia; Cuellar, Adriana; Garcia, Elizabeth; Halpert, Evelyne; Gomez, Alberto; Rodriguez, Adriana; Andrea Casas, Lilian

    2009-01-01

    Objetivos. Establecer si los polimorfismos en la region promotora del gen de la IL-IO localizados en las posiciones -819 y -592 estan asociados con la urticaria papular causada por la picadura de pulga...

  2. Cambios en la cubierta vegetal, usos de la tierra y escenarios futuros en la region costera del estado de Oaxaca, Mexico

    National Research Council Canada - National Science Library

    Leija-Loredo, Edgar G; Reyes-Hernandez, Humberto; Reyes-Perez, Oscar; Flores-Flores, Jose L; Sahagun-Sanchez, Francisco J

    2016-01-01

    .... Los objetivos de este trabajo fueron analizar los cambios en la cubierta vegetal y el uso de la tierra en dos municipios de la region costera del estado de Oaxaca en el periodo 2000-2011, conocer...

  3. Atmospheric background trace elements deposition in Tierra del Fuego region (Patagonia, Argentina), using transplanted Usnea barbata lichens.

    Science.gov (United States)

    Conti, Marcelo Enrique; Finoia, Maria Grazia; Bocca, Beatrice; Mele, Giustino; Alimonti, Alessandro; Pino, Anna

    2012-01-01

    Lichen, Usnea barbata, transplants taken from Tierra del Fuego (south Patagonia, Argentina) were tested as potential biomonitors of atmospheric airborne deposition in an apparently pristine environment. In 2005, lichens were sampled in a reference site (n = 31) and transplanted in the northern Region of Tierra del Fuego. After, respectively, 1 month and 1 year of exposure, we collected them. The aim of the study was to determine the bioaccumulation of 26 elements in order to evaluate the background levels in the selected area. Samples were analyzed by the sector field inductively coupled plasma mass spectrometry. Discriminant analysis on principal component analysis factors was applied in order to explore the relationship among the different elements as far as time and spatial variation in transplants regards. The analysis was tested by Monte Carlo test based on 999 replicates. The most important contamination source resulted to be the atmospheric soil particle deposition. Furthermore, the results were compared with those obtained from the lichens collected in central and southern Tierra del Fuego. This study confirms the ability of U. barbata to reflect the background levels of the 26 elements in that environment. Compared with other background sites in the world, we did confirm that Tierra del Fuego lichens have a low content of the studied elements. Tierra del Fuego turned out not to be a pristine environment as supposed, but it can be considered as a reference basal ecosystem for useful comparisons among different geographical areas. These findings can be very relevant and useful for environmental conservation programs.

  4. Spatial and temporal constraints on regional-scale groundwater flow in the Pampa del Tamarugal Basin, Atacama Desert, Chile

    Science.gov (United States)

    Jayne, Richard S.; Pollyea, Ryan M.; Dodd, Justin P.; Olson, Elizabeth J.; Swanson, Susan K.

    2016-08-01

    Aquifers within the Pampa del Tamarugal Basin (Atacama Desert, northern Chile) are the sole source of water for the coastal city of Iquique and the economically important mining industry. Despite this, the regional groundwater system remains poorly understood. Although it is widely accepted that aquifer recharge originates as precipitation in the Altiplano and Andean Cordillera to the east, there remains debate on whether recharge is driven primarily by near-surface groundwater flow in response to periodic flood events or by basal groundwater flux through deep-seated basin fractures. In addressing this debate, the present study quantifies spatial and temporal variability in regional-scale groundwater flow paths at 20.5°S latitude by combining a two-dimensional model of groundwater and heat flow with field observations and δ18O isotope values in surface water and groundwater. Results suggest that both previously proposed aquifer recharge mechanisms are likely influencing aquifers within the Pampa del Tamarugal Basin; however, each mechanism is operating on different spatial and temporal scales. Storm-driven flood events in the Altiplano readily transmit groundwater to the eastern Pampa del Tamarugal Basin through near-surface groundwater flow on short time scales, e.g., 100-101 years, but these effects are likely isolated to aquifers in the eastern third of the basin. In addition, this study illustrates a physical mechanism for groundwater originating in the eastern highlands to recharge aquifers and salars in the western Pampa del Tamarugal Basin over timescales of 104-105 years.

  5. Spatial and temporal constraints on regional-scale groundwater flow in the Pampa del Tamarugal Basin, Atacama Desert, Chile

    Science.gov (United States)

    Jayne, Richard S.; Pollyea, Ryan M.; Dodd, Justin P.; Olson, Elizabeth J.; Swanson, Susan K.

    2016-12-01

    Aquifers within the Pampa del Tamarugal Basin (Atacama Desert, northern Chile) are the sole source of water for the coastal city of Iquique and the economically important mining industry. Despite this, the regional groundwater system remains poorly understood. Although it is widely accepted that aquifer recharge originates as precipitation in the Altiplano and Andean Cordillera to the east, there remains debate on whether recharge is driven primarily by near-surface groundwater flow in response to periodic flood events or by basal groundwater flux through deep-seated basin fractures. In addressing this debate, the present study quantifies spatial and temporal variability in regional-scale groundwater flow paths at 20.5°S latitude by combining a two-dimensional model of groundwater and heat flow with field observations and δ18O isotope values in surface water and groundwater. Results suggest that both previously proposed aquifer recharge mechanisms are likely influencing aquifers within the Pampa del Tamarugal Basin; however, each mechanism is operating on different spatial and temporal scales. Storm-driven flood events in the Altiplano readily transmit groundwater to the eastern Pampa del Tamarugal Basin through near-surface groundwater flow on short time scales, e.g., 100-101 years, but these effects are likely isolated to aquifers in the eastern third of the basin. In addition, this study illustrates a physical mechanism for groundwater originating in the eastern highlands to recharge aquifers and salars in the western Pampa del Tamarugal Basin over timescales of 104-105 years.

  6. VULNERABILIDAD HIDROCLIMÁTICA Y DEGRADACIÓN DEL SUELO EN REGIONES AGRÍCOLAS SEMIÁRIDAS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yarelis Álvarez Morales

    2014-03-01

    Full Text Available Se analizó la vulnerabilidad hidroedafoclimática de tres regiones agrícolas semiáridas de Baja California Sur (B.C.S., el Valle de Santo Domingo (VSD, Valle del Vizacaíno Guerrero Negro (VVGN y la Cuenca Agrícola de La Paz (CALAP, a partir de indicadores de aptitud de los factores clima (FC, agua (FA y suelo (FS. Para La Paz, B.C.S., la información se obtuvo a través del estudio climático, análisis fisicoquímico de suelos y análisis químico del agua de riego en cinco localidades seleccionadas. Para el VVGN y el VSD, como localidades de referencia, se utilizaron parámetros indicadores en fuentes disponibles y publicaciones para la valoración del estado actual de dichos factores. Se seleccionaron 22 indicadores; cinco correspondieron al FC, siete al FA y diez al FS. Para el FC, solamente dos indicadores alcanzaron puntuación favorable por lo que dicho factor resultó deficiente en las tres regiones analizadas. El FA alcanzó la condición de aceptable en las tres zonas, sin embargo, sus valores se observaron en el límite de esta condición. El suelo en el VSD fue calificado como aceptable mientras que en el VVGN y CALAP se evaluaron como deficientes. Según los umbrales de vulnerabilidad propuestos, se pudo inferir que la región con mayor vulnerabilidad a efectos adversos del clima y a procesos de degradación del suelo y el agua es la CALAP, cuyos indicadores principales se consideran en la categoría “altamente vulnerable”; el VVGN alcanzó asimismo dicha categoría mientras que el VSD se calificó como región agrícola “vulnerable” a los factores analizados.

  7. Indagine sull’utilizzo delle tecniche di visualizzazione 2D e 3D che rappresentano il cambiamento del paesaggio urbano storico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Turgay Kerem Koramaz

    2011-06-01

    Full Text Available Al fine di descrivere il cambiamento del paesaggio urbano di siti riferiti alla città, gli strumenti moderni di visualizzazione possono essere utilizzati per aumentare le possibilità di rappresentazione, in misura maggiore rispetto ai metodi tradizionali. Studi recenti di conservazione ed interventi effettuati hanno indicato un cambiamento significativo nel paesaggio urbano storico di Zeyrek: questo articolo presenta le possibilità di rappresentazione insite nella tecnica di mappatura bidimensionale e nella realizzazione di un modello tridimensionale del comparto, utilizzati nella definizione del cambiamento del paesaggio urbano. Per valutare l’effettiva capacità di rappresentazione per mezzo di risposte da parte degli utenti dei modelli, è stato sottoposto un questionario agli studenti di laurea specialistica della Facoltà di Architettura, ai professionisti in enti di pianificazione e di conservazione ed agli studenti delle scuole superiori. A conclusione principale dello studio, si è compreso come il cambiamento del paesaggio urbano sia definito meglio nel modello urbano tridimensionale che nella tecnica di mappatura bidimensionale, in termini di rappresentazione dei dettagli architettonici e delle caratteristiche strutturali del luogo.

  8. Movilidad de metales y otros elementos en el acuífero loéssico regional del suroeste bonaerense

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Guillermo Bonorino

    2008-12-01

    Full Text Available Se analizaron las concentraciones de elementos mayoritarios, menores y traza en el agua subterránea del acuífero freático regional de la vertiente occidental de las Sierras Australes, contrastándolas con la composición química del loess y del vidrio volcánico loéssico. Se calculó además el grado de movilidad relativa (MR de cada elemento en el agua subterránea. A excepción de U y As, todos los elementos analizados exhiben baja movilidad. El amplio espectro de movilidad denota que la meteorización del loess es un proceso incongruente. Zr, Al, Th y Ti son los elementos con la movilidad más baja. Los elementos que forman oxohidroxoaniones, en particular U y As, tienen altos valores de MR. La movilidad de la secuencia de los elementos alcalinos y alcalinos térreos posee un patrón análogo al orden de la afinidad de sorción con los minerales de arcilla, teniendo el Cs y el Rb los MR más bajos y el Sr, Ca y Mg los MR más altos. Los metales de la transición muestran valores intermedios de MR, entre los alcalinos-alcalinos térreos y los elementos inmóviles. Las movilidades relativas del Fe, Co y Mn son las más bajas de este grupo. El Cr, Cd y Ni tienen valores moderados mientras que debido a las condiciones oxidantes del sistema acuífero, elementos como U, Mo, Zn, As y V exhiben gran movilidad. La formación de complejos con carbonatos influencia la geoquímica de la solución del U, del As y del Sn. La fuente principal de metales incorporados al flujo subterráneo sería el vidrio volcánico loéssico. Además de As se presentan otros elementos que alteran la calidad del agua subterránea con riesgo para la salud.Major, minor and trace elements concentrations were analyzed from twelve groundwater samples collected from the western slopes of the Australes ranges, and correlated with loess chemical composition and loessic volcanic glass. Also, the relative mobility (RM of each element was calculated. With the exception of U and As

  9. Bartonella henselae en niños con adenitis regional atendidos en un hospital nacional del Perú, 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edwin Miranda-Choque

    Full Text Available Con el objetivo de determinar la frecuencia de casos seropositivos a Bartonella henselae en niños con adenitis regional atendidos en un hospital nacional del Perú, se realizó un estudio trasversal en 106 niños con adenitis regional mayor de 1 cm de diámetro, de aparición aguda, con tiempo de enfermedad mayor de cinco días, atendidos en el Instituto Nacional de Salud del Niño durante el año 2012. Se definió seropositividad para B. henselae mediante el examen de inmunofluorescencia indirecta, siendo positivos 86 niños (81,1% con una mediana de edad de 7 años, rango de 5 a 11; en el análisis bivariado se encontraron como factores asociados, edad mayor de 5 años, antecedentes de fiebre, adenopatía mayor de 4 cm y reporte de contacto con gato. En conclusión, los niños con adenitis regional atendidos en este hospital de referencia nacional presentaron una frecuencia alta de serología positiva para B. henselae

  10. Bartonella henselae en niños con adenitis regional atendidos en un hospital nacional del Perú, 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edwin Miranda-Choque

    2014-04-01

    Full Text Available Con el objetivo de determinar la frecuencia de casos seropositivos a Bartonella henselae en niños con adenitis regional atendidos en un hospital nacional del Perú, se realizó un estudio trasversal en 106 niños con adenitis regional mayor de 1 cm de diámetro, de aparición aguda, con tiempo de enfermedad mayor de cinco días, atendidos en el Instituto Nacional de Salud del Niño durante el año 2012. Se definió seropositividad para B. henselae mediante el examen de inmunofluorescencia indirecta, siendo positivos 86 niños (81,1% con una mediana de edad de 7 años, rango de 5 a 11; en el análisis bivariado se encontraron como factores asociados, edad mayor de 5 años, antecedentes de fiebre, adenopatía mayor de 4 cm y reporte de contacto con gato. En conclusión, los niños con adenitis regional atendidos en este hospital de referencia nacional presentaron una frecuencia alta de serología positiva para B. henselae

  11. Il “caso”, la vita e le sue condizioni. Per una antropologia politica del welfare state in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Minelli

    2015-07-01

    Full Text Available In questo articolo vengono analizzate da una prospettiva etnografica le forme di assistenza sociale rivolte ad anziani con disabilità attraverso una definizione politica del welfare oggi in Italia. Lo spazio dell’assistenza sanitaria che tende a essere standardizzato secondo parametri biomedici, burocratici ed economico-amministrativi, viene osservato concentrandosi sull’agency sviluppata nell'interazione tra assistenti sociali, care givers e utenti tra la casa, il sistema sanitario e le cooperative sociali di servizi. In questo modo, sono prese in esame le esperienze quotidiane nella sfera intima della casa del paziente e le catene di interazione che si svolgono nella sfera pubblica. Sulla base di questa analisi, ci proponiamo di ripensare la vulnerabilità vissuta da tutti i soggetti coinvolti in relazione al riconoscimento dei diritti e alla partecipazione politica. Il caso di studio ci permette di interrogare antropologicamente la questione sociale in relazione alle recenti trasformazioni del mercato del lavoro. Il lavoro sociale coinvolto nella definizione di un caso è infatti un momento cruciale nella lotta per il riconoscimento. In tali circostanze le persone espongono e condividono gli eventi legati al proprio corpo e alla sofferenza sociale, al fine di vedere riconosciute e legittimate richieste in cui è in discussione il diritto di esistere, dove è in gioco la vita stessa. 

  12. El aprendizaje de palabras depende de una buena conexión entre regiones del hemisferio izquierdo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diana López Barroso

    2013-12-01

    Full Text Available La capacidad humana para aprender nuevas palabras es muy variable. En este trabajo mostramos que dicho aprendizaje se basa en una eficiente comunicación entre las regiones cerebrales que controlan el movimiento y las que procesan la información auditiva. Además, esta conexión anatómica, que tiene lugar a través del fascículo arqueado en el hemisferio izquierdo, no está igualmente desarrollada en todas las personas, lo que explicaría las diferencias individuales que existen a la hora de aprender las palabras de una lengua.

  13. Semantiche del terrore, della morte e della speranza nell’Est del Congo (Ituri, Kivu

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Beneduce

    2013-07-01

    Full Text Available Due definizioni di immaginario saranno tenute presenti in queste pagine, rivolte ad analizzare il senso della violenza nella Repubblica Democratica del Congo (d’ora innanzi RDC o semplicemente Congo: l’una risalente a Castoriadis (1975, p. 245, per il quale l’immaginario contiene il razionale secondo una relazione indistinta e fondamentale, anzi ne è funzione e forma; l’altra a Deleuze. La prima è qui ripresa soprattutto nella formulazione offertane da Mbembe (2000, p. 203: “un insieme di segni interrelati che si presentano, in qualunque circostanza, come significato indiscutibile e indiscusso”. La seconda riconosce il carattere per eccellenza dell’immaginario nell’impossibilità di discernere, al suo interno, fra reale e irreale (Deleuze 1990, p. 92.

  14. ¡Alucinados por paisajes! Indicadores para una relectura del paisaje regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Aldemar Gómez Sierra

    2011-10-01

    Full Text Available Otra forma de administrar las localidades en la globalización, es la vinculación del paisaje con las expresiones culturales. Ese, depende de las miradas naturales o fotografiadas, sometidas ambas a la subjetividad. La acepción aplicada al entorno, se expresa como espectáculo rural, dotado de patrimonios, cuyas concepciones poéticas, románticas y turísticas, obstaculizan más posibilidades. Aunque al departamento de Boyacá se le identifique parcialmente como territorio de paisajes, dicho concepto, alejado de las categorías científicas es pasivo y contemplativo. Enriquecerlo con miradas y procedimientos fundamentados, desde la experiencia de los paisajes vitícolas y hablar de la ciencia del paisaje, articulada con disciplinas científicas y aplicadas, permitiría la movilidad de conocimientos y por ende, una transformación social.

  15. Empresarialidad e instituciones: dos nuevas perspectivas del análisis regional contemporáneo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Viego

    2004-09-01

    Full Text Available El objetivo de este artículo es realizar un repaso de los principales avances en el análisis de la empresarialidad y de la economía institucional, discutiendo su integración a la teoría general del desarrollo económico a partir de la constatación de la centralidad que estos temas han adquirido en los enfoques contemporáneos del desarrollo territorial.This paper offers a review of the main progress made in entrepreneurship analysis and institutional economics, discussing its possible integration to general theory of economic development, considering the increasing importance that these topics have gained in contemporary approaches of terriorial development

  16. La industria manufacturera en Centroamérica: Perspectivas del Ajuste a la nueva política comercial regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando RUEDA-JUNQUERA

    2009-11-01

    Full Text Available RESUMEN: La nueva política comercial del Mercado Común Centroamericano está dando lugar a cambios en los flujos comerciales, que inducirán un ajuste inter-/intraindustrial en el sector manufacturero regional. Este artículo presenta y analiza los principales resultados de un estudio empírico que evaluó el impacto del nuevo programa de integración regional en el patrón de especialización y comercio de manufacturas de cada país miembro. El enfoque empírico empleado conllevó la construcción de hojas de balance que integraron en una base comparable los datos de producción y comercio para el sector manufacturero de cada país. Asimismo, se obtuvieron dos grupos de ratios que midieron respectivamente, la importancia relativa de los mercados regional y mundial para los subsectores manufactureros de cada país, y el potencial de éstos para una especialización inter-/intraindustrial en los dos mercados.ABSTRACT: The new trade policy in the Central American Common Market is given rise to changes in trade flows that will induce an inter-/intraindustry adjustment in the regional manufacturing sector. This article presents and analyses the main results of an empirical study which assessed the impact of the new integration scheme on each member country's pattern of trade and specialisation in manufactures. The empirical approach used in the study involved the construction of balance sheets integrating production and trade data on a comparable basis for each country's manufacturing sector. Likewise, two groups of ratios were obtained. They measured respectively, the relative importance of the regional and world market for the manufacturing subsectors of each country and the subsectoral potential for an inter-/intraindustry specialisation in the two markets.

  17. La presencia de Rusia en el Caribe: hacia un nuevo equilibrio del poder regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rafat Ghotme

    2015-01-01

    Full Text Available El propósito de este artículo es mostrar cuáles han sido los efectos de lainfluencia rusa en el Caribe. Específicamente, se intentará demostrar que elincremento de las actividades económicas y militares de Rusia en países comoVenezuela y Nicaragua está generando una nueva distribución del poder en laregión y un comportamiento político internacional basado en la política delequilibrio del poder. Esta tendencia se manifiesta en varios sentidos: a. Rusiabusca equilibrarse con Estados Unidos; b. países como Nicaragua y Venezuelaaprovechan esta nueva distribución del poder para generar mecanismos decontención frente a Estados Unidos o sus aliados regionales, como Colombia; yc. el Estado colombiano ha tenido que adoptar una estrategia defensiva oequilibrista para gestionar sus intereses con esos países.

  18. Ecografia bidimensionale e con mezzo di contrasto nello studio delle patologie gastro-intestinali del gatto

    OpenAIRE

    Di Donato, Pamela

    2013-01-01

    L’ecografia del tratto gastroenterico è una delle metodiche d’elezione nella valutazione diagnostica delle patologie gastrointestinali nel gatto. In questa tesi dottorale sono presentati i risultati di tre studi in cui l’ecografia convenzionale e con mezzo di contrasto è stata impiegata in gatti sani o con patologie gastroenteriche. Lo scopo del primo studio, prospettico, è stato quello di determinare lo spessore ecografico dei singoli strati di parete nell’intestino tenue in una popolazio...

  19. Mons. Ivan Trinko (1863-1954. Promotore della conoscenza e del dialogo tra le culture.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    2007-12-01

    Full Text Available La miscellanea sulla quale vogliamo brevemente attirare l'attenzione dei colleghi linguisti rappresenta in sostanza gli Atti del Convegno svoltosi a Špeter/San Pietro al Natisone nel 2004 in occasione del cinquantesimo anniversario della morte di Ivan Trinko, redatti da Roberto Dapit, Michele Obit e Lucia Trusgnach. Non solo nel titolo, il bilinguismo sloveno-italiano è rispettato nella stesura di tutti i testi, uno tra di loro appare addirittura in veste trilingue, slovena, italiana e friulana.

  20. Contributi alla sintassi del verbo nei dialetti veneti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic Mitja Skubic

    1971-12-01

    Full Text Available A distanza di più di cento anni dal Goldoni, il teatro veneziano trova un altro genio, Giacinto Gallinar La lingua delle sue commedie, certo meno brillanti di quelle goldoniane, e piil penetrate da un realismo, crudo, a volte amaro, sembra rispecchiare assai fedelmente il veneziano parlato nella se­ conda metà del secolo scorso; il dialogo vi e spontaneo e vivo, le battute rieccheggiano spesso la parlata popolare.

  1. Un approccio inclusivo allo studio del movimento in fisica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Piccione

    2014-12-01

    Full Text Available Nella scuola secondaria di secondo grado gli approcci didattici inclusivi sono spesso erroneamente associati ad una riduzione e semplificazione dei contenuti e ad un conseguente abbassamento del livello e della qualità dell’istruzione. In questo lavoro si propone un modello per utilizzare strategie inclusive come risorsa per lo sviluppo di una didattica esigente dal punto di vista cognitivo, e sono presentati i risultati di una sperimentazione di tale modello su circa 700 studenti.

  2. La camorra in Terra di Lavoro: dalla repressione post-unitaria a quella degli anni Venti del Novecento

    OpenAIRE

    Criscione, Gianni

    2013-01-01

    A monte del più noto fenomeno contemporaneo e dati i numerosi studi sulla camorra ottocentesca più strettamente napoletana nella prima età liberale, questa ricerca vuole indirizzarsi invece verso la storia per niente studiata della camorra nella Provincia di Terra di Lavoro, che si estendeva dall’agro nolano fino al sorano, dunque molto più vasta di quella che oggi è indicata come la Provincia di Caserta. Tre i periodi che vengono analizzati specificamente. Il primo è relativo alla fase re...

  3. Il terremoto della Valnerina del 19 Settembre 1979 Indagine Macrosismica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. C. SPADEA

    1980-06-01

    Full Text Available Nel presente lavoro si espongono i risultati dell'indagine macrosismica
    condotta in occasione del terremoto della Valnerina del 19
    Settembre 1979. E' stato possibile determinare l'andamento del campo
    macrosismico fino all'isosista di V grado, nonché i relativi parametri ipocentrali.
    Dal loro esame si evidenziano le caratteristiche superficiali dello
    evento. Infine è stata studiata l'attenuazione calcolando i coefficienti sia
    nella direzione di massimo (N-S che di minimo (E-W allungamento.

  4. Tres miradas sobre paisaje, identidad regional y cultura folclórica en Santiago del Estero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Judith Farberman

    2010-06-01

    Full Text Available Este artículo explora las relaciones entre paisaje, identidad y cultura popular en algunas obras de Ricardo Rojas, Bernardo Canal Feijóo y Orestes Di Lullo sobre Santiago del Estero. Consideramos que Canal Feijóo y Di Lullo regresaron en sus trabajos de las décadas de 1930 y 1940 a tres cuestiones tratadas por Rojas en El país de la selva (1907, aunque en un contexto ya irremediablemente cambiado de destrucción del bosque chaqueño. La primera de ellas consiste en la búsqueda de los orígenes de la cultura folclórica santiagueña en el período colonial. En ausencia de flujos consistentes de inmigración europea, los autores se remitieron a la conquista y a los mestizajes biológicos y culturales posteriores como punto de partida para la formación de una cultura local que ambos estimaban aún vigorosa y original. La segunda es la identidad entre paisaje y cultura folclórica. Di Lullo y Canal compartían con Rojas la idea de que la imaginación popular nacía de la naturaleza o, mejor dicho, de la sensibilidad de sujetos íntimamente consustanciados con ella. En consecuencia, la destrucción del paisaje sólo podía conducir a la del folclore, al que encontraban ya irremediablemente degradado. En tercer lugar, se hallaba la elevación del folclore santiagueño a marca de origen, a sello identitario. El componente indígena, hispano o mestizo se encontraba presente, en diferentes medidas, en aquel patrimonio ancestral que, como Rojas lo había hecho antes, Canal y Di Lullo describieron e interpretaron a la luz de sus personales lecturas de la historia santiagueña.This article explores the relationship between landscape, identity and popular culture of Santiago del Estero in the works of Ricardo Rojas, Bernardo Canal Feijóo and Orestes Di Lullo. In my opinion, Di Lullo and Canal Feijóo revisited El país de la selva (1907 in some of their works, especially in those written in the 30's and 40's. Three issues are analyzed here. The first

  5. US findings in uncomplicated and complicated postpubertal mumps; L'ecografia nella diagnosi della parotite epidermica post-puberale e delle sue complicanze

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tarantino, L.; Giorgio, A.; De Stefano, G.; Farella, N. [Azienda Ospedaliera D. Cotugno, Naples (Italy). Servizio di Ecografia ed Ecointerventistica

    2000-06-01

    other salivary gland diseases. In contrast US signs in other organs are not specific. [Italian] Intento di questo lavoro e' valutare l'utilita' dell'ecografia nello studio delle alterazioni delle ghiandole salivari e di altri organi interessati nella parotite epidemica post-puberale. Entro 48 ore dal ricovero sono stati studiati con l'ecografia 68 pazienti nell'eta' post-puberale (eta': 14-34 anni) affetti da parotite epidemica sierologicamente accertata sintomatica (iperpiressia e marcato edema flogistico delle salivari in 25 casi, sospetta pancreatite per marcata iperamilasemia in 32 casi, dolore epigastrico in 9 casi, dolore e/o tumefazione scrotale monolaterale in 19 casi, bronchite acuta in un caso). Sono stati valutati con ecografia: ghiandole salivari, linfonodi del collo, addome, testicoli. Ghiandole salivari: l'ecostruttura parenchimale delle ghiandole parotidi e sottomandibolari era nella norma bilateralmente in tutti i pazienti. In tutti i pazienti erano altresi' presenti, nel contesto delle ghiandole parotidi multipli linfonodi (da 3 a 13 per ghiandola) con sede intraprenchimale o sottocapsulare, con morfologia ovoidale o sferica, ipoecogeni, con margini netti e frequente area ipercogena centrale e diametro massimo compreso tra 3 e 14 mm (media 5,4). In nessun caso sono stati evidenziati linfonodi intraparenchimali nelle ghiandole sottomandibolari. Linfonodi del collo: in tutti i pazienti sono state evidenziate tumefazioni linfonodali nella sede sottomandibolare con diametro massimo compreso tra 5 e 22 mm (media 11 mm). In 47/68 pazienti (70%) vi era netta prevalenza di un emilato per numero e volume dei linfonodi, mentre nei restanti pazienti (19/68=30%) sono state riscontrate simmetriche linfoadenopatie bilaterali. Tutti i linfonodi avevano caratteri tipici: morfologia ovoidale o allungata, margini netti e regolari, ecostruttura ipoecogena con area ilare ben evidenziabile. Addome: in tutti i pazienti il

  6. VENTAJA COMPETITIVA DE LA INDUSTRIA DEL DULCE REGIONAL: ESTUDIO COMPARATIVO DE EMPRESAS MORELIANAS

    OpenAIRE

    PORTALES GÓMEZ, HILDA

    2012-01-01

    En Morelia una de las principales actividades económicas es la producción de dulces regionales que son considerados como parte de la cultura de esta ciudad y que durante los últimos años ha aumentado considerablemente su participación no solo en mercados locales, sino en mercados externos también, en los que estos productos son bien recibidos. La industria del dulce de Morelia ha presentado aumento en sus ingresos debido entre otras causas al aumento de turismo en el estado ...

  7. Propiedades funcionales del hongo comestible Pleurotus y su relevancia en la alimentación regional.

    OpenAIRE

    Juárez Luna, Miguel Angel

    2012-01-01

    En México, la influencia del ámbito familiar, social, cultural o económico es decisiva para lograr buenos hábitos de alimentación. Un consumo adecuado de alimentos que proporcionen los nutrientes necesarios es vital para ayudar al crecimiento y desarrollo óptimo de las personas. Con ello, es posible evitar muchos tipos de enfermedades. En los últimos años se han descubierto propiedades funcionales en varios hongos comestibles entre los que se encuentra el género Pleurotus spp. Aun así, el núm...

  8. L'oggetto del desiderio ha il colore del vuoto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Bottiroli

    2011-07-01

    Full Text Available L’oggetto del desiderio non è semplicemente un oggetto empirico; su ciò, con qualche esitazione, potrebbe esistere un consenso generale. Resta la difficoltà di indicare le caratteristiche dell’oggetto del desiderio: che non sono banalmente delle proprietà, e neanche solo delle parti (in senso empirico, come si potrebbe nominarle da un punto di vista mereologico. L’oggetto del desiderio ha uno statuto modale: è un oggetto modalmente diviso, nei registri e nei regimi. Nella dimensione del desiderio, tanto il soggetto quanto l’oggetto sono abitati dal conflitto tra il diviso e l’indiviso. La spinta verso l’indiviso corrisponde a ciò che Freud ha introdotto con la nozione enigmatica di «pulsione di morte». In termini lacaniani, è l’attrazione verso la Cosa (das Ding. E la Cosa vuole coincidere con se stessa, abolendo ogni distinzione. L’oggetto del desiderio non è un dato o una forma empirica, per attraente che sia: l’attrazione che esercita proviene dal caos. Alla pericolosa coincidenza del «vuoto-pieno» (das Ding il desiderio oppone il vuoto logico della non-coincidenza. Una teoria del desiderio non può fare a meno di una riflessione sui differenti significati del vuoto.

  9. 3D angiography in the evaluation of intracranial aneurysms before and after treatment. Initial experience; L'angiografia 3D nella valutazione pre e post-trattamento degli aneurismi intracranici. Esperienza preliminare

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lauriola, Walter; Nardella, Michele; Strizzi, Vincenzo; Florio, Francesco [Casa Sollievo della Sofferenza, IRCCS San Giovanni Rotondo (Italy). Radiologia Interventistica; Cali, Alessandro; D' Angelo, Vincenzo [Casa Sollievo della Sofferenza, IRCCS San Giovanni Rotondo (Italy). Divisione di Neurochirugia

    2005-02-01

    optimisation of the technique in terms of anatomical detail and reconstruction time. [Italian] Scopo: Scopo del lavoro e' valutare i vantaggi dell'angiografia 3D nei confronti di quella 2D, nello studio degli aneurismi intracranici pre e post trattamento ed in particolare nella scelta e nella pianificazione del trattamento. Materiale e metodi: E' stato effettuato uno studio retrospettivo, pre e post-trattamento, di 30 aneurismi intracranici. la popolazione studio e' composta di 12 maschi e 18 femmine con range di eta' 35-77 anni, eta' media 58 anni. 18 aneurismi sono stati trattati chirurgicamente, 10 con tecnica endovascolare e 2 con trattamento combinato. E' stato eseguito il confronto tra reperti 2D e 3D DSA pre e post trattamento: le immagini angiografiche pre-trattamento sono state confrontate anche con i rispettivi reperti operatori. Sono stati presi in esame e confrontati i seguenti parametri: dimensioni della sacca e del colletto, individuazione di vasi coinvolti nell'aneurisma, valutazione del residuo post-trattamento. Risultati: L'esame 2D DSA ha consentito uno studio ottimale della sacca e del colletto rispettivamente nel 45% e 15%, sufficiente nel 10% e 35%, insoddisfacente nel 5% e 50% dei casi. Il corrispettivo esame 3D DSA ha permesso uno studio ottimale della sacca e del colletto nel 100% dei casi. La 3D DSA ha correttamente evidenziato 8 aneurismi (100%) con vaso coinvolto nella sacca e/o nel colletto; 4 (50%) di questi erano sfuggiti all'esame 2D, che ha inoltre erroneamente suggerito l'esistenza di vaso coinvolto in altri 2 casi (falsi +). L'esame angiografico 3D si e' mostrato superiore all'analogo 2D anche nella valutazione del residuo negli aneurismi trattati con clipping. Infine e' apparsa rilevante la capacita' della 3D DSA nel ridurre il numero di proiezioni radiografiche, la quantita' di mdc, il tempo ed i rischi connessi alla procedura, necessari per una valutazione

  10. REGIONES Y AMENAZAS DE SECESIÓN EN EL MARCO DE LA DECADENCIA DEL CAPITALISMO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gerardo M. de Jong

    2003-12-01

    Full Text Available En un país federal como la República Argentina las identidades regionales son una construcción histórica que abreva en los mismos orígenes de la constitución del Estado Argentino. Más aún,culturalmente, las identidades regionales son preexistentes y se remontan en los tiempos infinitos de la construcción de las generaciones que nos precedieron. El presente manifiesta aquellas vivencias que el consciente no reconoce pero que, instaladas en el subconsciente, permiten percibir los destellos de las profundas raíces en la que abreva la cultura. En el mundo que el sistema social decadente ha pergeñado para quienes viven el presente, el mundo de los espejismos de la tecnología y de los lugares impersonales de las relaciones impersonales, esos destellos del pasado están presentes y, tal vez, tengan más que ver con la recuperación del tejido social, de las relaciones de proximidad, de solidaridad nacional y del ejercicio de la identidad, más allá aún del conocimiento científico como condición necesaria pero no suficiente para la transformación social. En este sentido, nuestro país, más allá del impacto de la migración, tiene la ventaja de integrar las culturas milenarias que muchas generaciones en búsqueda de su sustento y su organización social, siempre contradictorias, construyeron a través de los tiempos. El impacto de la migración, básicamente mediterránea, ha podido aportar mucho de la síntesis griega, oriental y latina que subyace en nuestras entrañas culturales, en una armónica síntesis con las culturas de los pueblos originales.1 Además están los bárbaros de todos los tiempos…, los que circulan entre nosotros y los que vienen con sus máquinas de matar. Culturalmente efímeros, pero instantáneamente destructivos. Muchas culturas y países cambiaron sus fronteras a través de los tiempos, muchas naciones se fragmentaron o fragmentaron sus territorios. Pero hete aquí que esta hipótesis no es aplicable en

  11. El desarrollo regional como responsabilidad social de la universidad. Caso del ecoturismo en la provincia de Tungurahua

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan José Martí Noguera

    2016-01-01

    Full Text Available El rol de la universidad en el desarrollo regional es objeto de reflexión en este artículo mediante el análisis de un caso concreto: el desarrollo del ecoturismo en la provincia de Tungurahua, en Ecuador, por medio del programa Prometeo de la Secretaría de Educación Superior, Ciencia Tecnología e Innovación con la Universidad Técnica de Ambato. La responsabilidad social universitaria como concepto se presenta mediante la articulación de la metodología de investigación acción participativa, en la cual el proceso de análisis y propuesta de acciones a desarrollar son producto del diálogo y acuerdos entre actores de la academia y los sectores público y privado. Las conclusiones apuntan a que el desarrollo del ecoturismo, como necesidad identificada en el cambio de matriz productiva, requiere de una universidad que desde la interacción con grupos de interés sea catalizadora de los intereses de las diferentes partes y anteponga el trabajo participativo que garantice una visión conjunta en un área interdisciplinar como el turismo. Abstract The role of universities in regional development is reflected upon in the present paper, through the analysis of a particular case: the development of eco-tourism in the Tungurahua province, in Ecuador, through the Prometeo program of the Secretaría de Educación Superior, Ciencia Tecnología e Innovación (Secretariat of Higher Learning, Science, Technology and Innovation with the Universidad Técnica de Ambato (Technical University of Ambato. The concept of university social responsibility is introduced in the implementation of participatory action research, in which the process of analyzing and proposing actions to develop, derive from dialogue and agreements between academic actors, and both public and private sectors. Conclusions suggest that developing eco-tourism, as a need identified for a shift in the productive matrix, requires a university to work, from its interaction with interest

  12. Mancanza perdita e ricerca del padre. Riflessioni psicoanalitiche sulla funzione paterna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Nucara

    2009-06-01

    Full Text Available L’Autore sviluppa una serie di riflessioni psicoanalitiche sulla centralità della figura paterna articolandole sui seguenti specifici temi: la nostalgia, il setting, l’anoressia, l’omosessualità, la perversione e la creatività.Concettualizzando la funzione paterna nei termini di una funzione “anti-nostalgica”, finalizzata a favorire nel bambino il superamento della “nostalgia della madre”, viene proposta una lettura dell’omosessualità dentro una cornice teorica caratterizzata dalla mancanza del padre e dalla nostalgia dell’oggetto primario.“Esclusione del padre” e “vuoto paterno” vengono quindi focalizzati, rispettivamente, nella psicopatologia della perversione e nella psicopatologia anoressica. Viene inoltre ipotizzata una possibile correlazione tra il setting psicoanalitico e la configurazione della funzione paterna.Infine, viene anche evidenziato il possibile ruolo di spinta creativa, insito nella “ricerca” di un padre perduto, sia nelle capacità espressive dei grandi artisti che nella geniale scoperta della Psicoanalisi operata da Sigmund Freud.

  13. Análisis de patrones de vegetación a escala regional en el Bajo Delta Bonaerense del Río Paraná (Argentina)

    OpenAIRE

    Kandus,Patricia

    1997-01-01

    El objetivo general del presente trabajo fue describir e interpretar los patrones de distribución de especies y comunidades vegetales naturales en relación a los patrones de paisaje y el régimen de inundación en el Bajo Delta Bonaerense del Rio Paraná, desde un punto de vista regional. Se realizó una zonificación de unidades de paisaje en relación a los principales factores que determinan la heterogeneidad interna del área y su funcionamiento diferencial: patrones de paisaje y régimen hidroló...

  14. Modelización de propiedades físicas del suelo a escala regional. Casos de estudio en el Sureste Ibérico

    OpenAIRE

    Pérez Cutillas, Pedro

    2013-01-01

    OBJETIVOS GENERALES La finalidad de esta Memoria de Tesis es combinar la aplicabilidad de herramientas SIG y teledetección con la modelización estadística de variables ambientales a escala regional, aportando de manera concreta resultados y conclusiones que ayuden a mejorar las estimaciones de las propiedades del suelo. La textura, como principal propiedad física del suelo, desempeña una función esencial en la estructura de esta memoria, presentándose como nexo de unión del resto de anál...

  15. Modelización de propiedades físicas del suelo a escala regional. Casos de estudio en el Sureste Ibérico

    OpenAIRE

    Pérez Cutillas, Pedro

    2013-01-01

    OBJETIVOS GENERALES La finalidad de esta Memoria de Tesis es combinar la aplicabilidad de herramientas SIG y teledetección con la modelización estadística de variables ambientales a escala regional, aportando de manera concreta resultados y conclusiones que ayuden a mejorar las estimaciones de las propiedades del suelo. La textura, como principal propiedad física del suelo, desempeña una función esencial en la estructura de esta memoria, presentándose como nexo de unión del resto de análisis ...

  16. Tipificación del consumidor potencial de frutas y hortalizas orgánicas en el mercado local y regional

    OpenAIRE

    Luz Evelia Padilla Bernal; Oscar Pérez Veyna

    2006-01-01

    Agrupaciones de productores zacatecanos desean comercializar sus productos orgánicos en el mercado nacional, pero no cuentan con información suficiente acerca del comportamiento del consumidor que coadyuven al diseño de estrategias de comercialización. En este trabajo se tipifica al consumidor potencial de frutas y hortalizas orgánicas en el mercado local y regional considerando el lugar de compra, usando variables sociodemográficas, motivacionales y del producto. Se realizaron entrevistas a ...

  17. Aplicación e información del derecho extranjero en el ámbito interamericano, regional y en el Uruguay

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eduardo Tellechea Bergman

    2014-03-01

    Full Text Available El actual incremento de las relaciones privadas internacionales consecuencia, entre otras variables, del desarrollo de los medios de comunicación internacional en sus distintas modalidades y de una paralela flexibilización de las fronteras nacionales, es determinante a nivel jurisdiccional del planteo de diversas cuestiones vinculadas a la aplicación e información del derecho extranjero, que el presente trabajo aborda en su regulación a nivel interamericano y regional, así como en el Derecho Internacional Privado uruguayo.

  18. Utilizing Gravity Methods for Regional Studies in Basin Delineation: Case Study at Jornada del Muerto basin, New Mexico

    Science.gov (United States)

    Villalobos, J. I.

    2005-12-01

    The modeling of basin structures is an important step in the development of plans and policies for ground water management. To facilitate in the analysis of large scale regional structures, gravity data is implemented to examine the overall structural trend of the region. The gravitational attraction of structures in the upper mantle and crust provide vital information about the possible structure and composition of a region. Improved availability of gravity data via internet has promoted extensive construction and interpretation of gravity maps in the analysis of sub-surface structural anomalies. The utilization of gravity data appears to be particularly worthwhile because it is a non-invasive and inexpensive means of addressing the subsurface tectonic framework of large scale regions. In this paper, the author intends to illustrate 1) acquisition of gravity data and its processing; 2) interpretation of gravity data; and 3) sources of uncertainty and errors by using a case study of the Jornada del Muerto basin in South-Central New Mexico where integrated gravity data inferred several faults, sub-basins and thickness variations within the basins structure. The author also explores the integration of gravity method with other geophysical methods to further refine the delineation of basins.

  19. La questione della traducibilità del linguaggio e del senso nella relazione con il paziente/utente straniero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Marangio

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – The present chapter focuses on the clinical relationship with foreign entities in which  the foreignness is both a state language and a legal status, and thus a contingent and not existential condition. The issue concerns the translatability of language and meaning of the Other: this raises the issue of understanding and the possibility of communication and exchange. Starting from the discussion of the concepts of culture and context in the post-modern paradigm, a general model of clinical and social intervention is proposed involving a form of negotiation setting, based on extraneousness and contingency. Context and culture do not respond to universal categories, to limited space-time frames but they are the way in which the subject intends the world and his experience. This semiotic-clinical disposal represents a criterion of knowledge of the individual configurations. So it is possible to intercept the personal resources to orient a contingency-based intervention that promotes a process of co-construction of meaning, a product of the relationship between the actors. The object of the relation is the relational process in a clinical and social setting; thus, the model can direct the organization and provision of services for foreign nationals. The role of the interpreter is also considered in its general function and in particular contexts of service. The negotiating approach overcomes some critical issues integrating the semiotic socio-constructivist model with other social sciences.

  20. La canonica di Santa Maria del Fiore e i suoi abitanti nella prima metà del XV secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriella Battista

    2015-09-01

    Full Text Available The essay analyzes the residence of the canons of the Cathedral of Florence in the period covered by The Years of the Cupola with attention both to its architectonic and social-political-cultural aspects in order to define the architectural natural and function of the complex and identify its residents and the circumstances of their common life. Through the systematic study of the documentation regarding the definition and management of the close it is possible to reconstruct the steps in the creation of a new dignified and comfortable cloistered space for the metropolitan clergy: a building complex that was appropriately detached from the new church, which had to remain magnificently free around its entire circumference. This new residence for canons, chaplains and other ecclesiastical collaborators, designed to accommodate the values of residency, common life and discipline, was realized in the tight urban fabric of the medieval city at great cost for the purchase of private real estate which was gradually incorporated into the project according to the predetermined ‘design’. It was defined along lines that remained unchanged until the 19th century following a policy of adapting structures previously destined to civil habitation and enclosing them in a cloistered environment sheltered from urban circulation with a single monumental entrance towards the church and its portal ‘of the Canons’. In order to understand the duties incumbent upon the canons and chaplains it was necessary to examine the synodal constitutions of previous periods. These documents offered a view of the common life in the canonry according to the dictates of the constitutions that regulated discipline: from the assignment of dwellings on the basis of seniority to the designation of places for the sharing of meals and, finally, the necessity of providing small personal spaces for meditation and study. The resident canons belonged to the highest rank of society, whether they were of ancient lineage or members of the gens nova emerging in the mercantile world, but they cohabited with chaplains, clerics, cantors, from all the various social strata.

  1. L'immagine della città del futuro nella letteratura distopica della prima metà del '900

    OpenAIRE

    Porretta, Daniele

    2014-01-01

    The contemporary city, threatened by uncontrolled population growth and the rapid increase of poverty, is not the only possible scenario for future wars and ecological collapse but seems also to have become the catalyst for a collective fear: the topos of final disaster. The negative image of this future, as represented by literature and film, seems to refer to an older iconographic repertoire and often, this decadent representation of the city, matches with the pessimistic visions of the ...

  2. Estimación del valor recreativo del parque regional de Sierra Espuña a partir del método del coste de viaje zonal sin equidistancia

    OpenAIRE

    Soriano Asuar, Andrés

    2011-01-01

    La economía sostenible, también conocida como desarrollo sostenible, perdurable o sustentable, caracteriza un tipo de desarrollo socio-económico en 1987, a través del Informe Brundtland, proveniente de la Comisión Mundial de Medio Ambiente y Desarrollo de Naciones Unidas. Desarrollo Sostenible podría definirse como satisfacer las necesidades de las generaciones presentes sin comprometer las posibilidades de las del futuro (Informe de la Comisión Mundial sobre el Medio Ambien...

  3. Estimación del valor recreativo del parque regional de Sierra Espuña a partir del método del coste de viaje zonal sin equidistancia

    OpenAIRE

    Soriano Asuar, Andrés

    2011-01-01

    La economía sostenible, también conocida como desarrollo sostenible, perdurable o sustentable, caracteriza un tipo de desarrollo socio-económico en 1987, a través del Informe Brundtland, proveniente de la Comisión Mundial de Medio Ambiente y Desarrollo de Naciones Unidas. Desarrollo Sostenible podría definirse como satisfacer las necesidades de las generaciones presentes sin comprometer las posibilidades de las del futuro (Informe de la Comisión Mundial sobre el Medio Ambien...

  4. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Chubut

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dahinten, Silvia Lucrecia

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de Puerto Madryn a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 3042 niños y adolescentes (1575 varones y 1467 mujeres durante 2003- 2004. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 5.6%, Bajo P/E: 4.7%, Baja T/E: 10.2.% Bajo P/T: 1.8%, S: 16.2% y O: 9.1%. Los resultados obtenidos indican niveles moderados de desnutrición, siendo altos los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  5. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Jujuy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bejarano, Ignacio

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de Jujuy a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 27848 niños y adolescentes (13550 varones y 14298 mujeres durante 2003. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 26,1%, Bajo P/E: 15,6%, Baja T/E: 23,4% Bajo P/T: 7,0%, S: 8,5% y O: 4,3%. Los resultados obtenidos indican que, de acuerdo a la OMS, la población evaluada pertenece a un grupo de prevalencia mediana tanto para Bajo P/E como para Baja T/E, siendo moderados los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  6. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Catamarca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lomaglio, Delia Beatriz

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de Catamarca a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 3328 escolares (1827 varones y 1501 mujeres. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 24,88%, Bajo P/E: 9,19%, Baja T/E: 9,35%, Bajo P/T: 5,86%, S: 9,58% y O: 4,36%. Los resultados obtenidos indican que, de acuerdo a la OMS, la población evaluada pertenece a un grupo de prevalencia baja tanto para Bajo P/E como para Baja T/E, siendo moderados los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  7. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: La Pampa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orden, Alicia Bibiana

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de Santa Rosa y Toay a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 1131 escolares (568 varones y 563 mujeres durante 2004. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 9,6%, Bajo P/E: 3,8%, Baja T/E: 7,2% Bajo P/T: 2,0%, S: 13,6% y O: 8,3%. Los resultados obtenidos indican que, de acuerdo a la OMS, la población evaluada pertenece a un grupo de prevalencia baja de desnutrición, siendo moderados los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  8. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Mendoza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oyhenart, Evelia Edith

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de General Alvear a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 3129 escolares (1639 varones y 1490 mujeres durante 2003. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 12,5%, Bajo P/E: 8,2%, Baja T/E: 8,8% Bajo P/T: 0,1%, S: 9,6% y O:5,3%. Los resultados obtenidos indican que, de acuerdo a la OMS, la población evaluada pertenece a un grupo de prevalencia baja de desnutrición, siendo moderados los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  9. Variación regional del crecimiento y estado nutricional: Buenos Aires (La Plata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Torres, María Fernanda

    2005-01-01

    Full Text Available La descripción y el análisis del crecimiento humano han ocupado gran parte de las investigaciones de antropobiólogos, médicos y biólogos humanos, entre otros. En Argentina si bien se dispone de información de prevalencias de malnutrición, existe dificultad en la comparación debido a que en la mayor parte de los casos hay disparidad en las técnicas y/o metodologías empleadas. El objetivo del presente trabajo es analizar el estado nutricional de la población de Santa Rosa a fin de disponer de elementos diagnósticos que permitan su contrastación con otras provincias argentinas. Peso corporal (kg. y talla (cm. fueron medidos en una muestra de 1328 escolares (642 varones y 686 mujeres durante 2002/2003. Con los datos obtenidos se analizaron los indicadores Peso/Edad (P/E, Peso/Talla (P/T, Talla/Edad (T/E e Indice de Masa Corporal (IMC. La prevalencia de cada indicador se calculó siguiendo los puntos de corte recomendados por la OMS: para bajo P/E, T/E y P/T se utilizó el percentilo 5, para sobrepeso (S el intervalo percentilar 85-95 (>P85 IMC P95. Los resultados obtenidos indicaron las siguientes prevalencias totales: Desnutrición: 13,5%, Bajo P/E: 3,3%, Baja T/E: 7,7% Bajo P/T: 3,0%, S: 12,3% y O: 5,6%. Los resultados obtenidos indican que, de acuerdo a la OMS, la población evaluada pertenece a un grupo de prevalencia baja de desnutrición, siendo moderados los porcentajes de sobrepeso y obesidad.

  10. Un progetto per l'attivazione di Agenda 21 Locale: monitoraggio della mammalofauna nell'area del Parco Regionale del Monte Cucco (Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Mazzei

    2003-10-01

    Full Text Available Nell?ambito del progetto ?Attivazione Agenda 21 Locale? finalizzato alla realizzazione di studi per la certificazione e contabilizzazione ambientale, nel Parco Regionale del Monte Cucco, si è dato il via, a partire dal novembre del 2001, ad un?indagine di tipo qualitativo, mirata alla caratterizzazione dell?area Parco per quel che riguarda la presenza di specie di Mammiferi appenninici di interesse conservazionistico e naturalistico. Nel periodo che va dall?8 febbraio 2002 al 5 ottobre dello stesso anno, sono stati effettuati 16 transetti faunistici, distribuiti nell?arco delle quattro stagioni. Sono stati raccolti indici di presenza di 11 specie di Mammiferi appartenenti agli ordini degli Artiodattili, Carnivori, Lagomorfi, Insettivori e Roditori e i relativi IKA (indici chilometrici di abbondanza. I dati raccolti unitamente ad una ricognizione bibliografica, mirata a reperire informazioni pregresse e aggiornate sulla teriofauna locale, attraverso inoltre, l?effettuazione di interviste e il coinvolgimento della popolazione locale, hanno portato alla definizione di una Check-list della Mammalofauna del Parco, rappresentativa per il 56% di quella della Regione. La ricerca ha permesso di confermare per l?area la presenza del Lupo (Canis lupus e di evidenziare l?espansione a Sud del Capriolo (Capreolus capreolus. Parte integrante del progetto ?Cucco 21? era la definizione di proposte gestionali volte a migliorare il rapporto uomo-ambiente, laddove fossero state individuate situazioni di criticità oggettive o potenziali, in un?ottica di conservazione della risorsa naturale e di sviluppo delle attività antropiche. Significativi a tale proposito sono stati il caso del Cinghiale (Sus scrofa con l?osservazione del danno alle fitocenosi, soprattutto ai prati e pascoli cacuminali e del Capriolo. Per quest?ultima specie in funzione della sua espansione verso la parte meridionale del Parco, sono state avanzate delle

  11. Crisis y evolución regional del indicador AROPE en España.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lafuente Lechuga, Matilde

    2015-11-01

    Full Text Available This paper evaluates the progress experienced by the rate of risk of poverty or social exclusion (Arope in Spain during the recent period of economic crisis adopting a regional perspective. Using data from the Survey of Living Conditions, we calculate regional contributions to the growth of the population at risk of poverty or social exclusion between 2008 and 2012. Additionally, the evolution undergone by the Arope rate and its components is studied in the different Spanish regions. The analysis leads to the conclusion that regional disparities in poverty and social exclusion have not been particularly exacerbated by the crisis. However, most regions where the Arope rate values exhibited was lower than the national average in 2008, have reduced its favorable distances from such average; also being stated a worsening of the situation in the autonomous communities departing with the highest values of this indicator. In addition, we verify that the evolution of the Arope indicator for the different regions is explained in terms of the behavior of the poverty rate, being the variation the other two components: severe deficiency and low labor intensity of home equipment, not significant.

  12. Anemia y deficiencia de hierro en mujeres en edad reproductiva usuarias del Hospital Regional de Villa Hayes, Paraguay

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jessica Riveros

    2015-08-01

    Full Text Available La anemia es un problema de salud pública a nivel mundial. En Paraguay, existen datos limitados sobre la frecuencia de anemia en mujeres en edad reproductiva no gestantes. Este estudio piloto descriptivo de corte transverso tuvo como objetivo determinar la frecuencia de anemia y deficiencia de hierro, el estado nutricional, hábitos alimentarios y tóxicos en 99 mujeres no gestantes en edad reproductiva de 18 a 48 años que acudieron al Hospital Regional de Villa Hayes en Octubre del 2.014. La anemia se determinó tomando como punto de corte una concentración de hemoglobina <12 g/dL. La deficiencia de hierro se evaluó según la saturación de la transferrina. Además, se evaluó el índice de masa corporal (IMC y los hábitos nutricionales a través de una encuesta. La frecuencia de anemia fue de 15,1% (IC95% 8,7-23,8%, de éste el 33,3% (IC95% 12,8-61,6% correspondió a anemia ferropénica. Se observó asociación entre la presencia de anemia y los niveles disminuidos tanto del hematocrito (<38% como del número de glóbulos rojos (<4,2x 106/uL. Todas las mujeres con anemia ferropénica tenían peso <64 kg e IMC <24,5 kg/m2. Además, se detectó una alta frecuencia de sobrepeso y obesidad (45,4%, alto consumo de grasas, y bajo consumo de legumbres, frutas y verduras. A partir de estos resultados, se sugiere mantener la vigilancia e implementar programas que incluyan a estas mujeres, tanto para evitar deficiencias nutricionales como excesos.

  13. Le prospettive della dottrina e dello studio del regime giuridico civile della religione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2011-12-01

    Full Text Available Testo del contributo al Convegno su Gli insegnamenti del diritto canonico ed ecclesiastico a centocinquanta anni dall’unità, organizzato dall’ADEC, Associazione dei Docenti di diritto ecclesiastico e canonico (Padova, 27–29 ottobre 2011. SOMMARIO: 1. Il compito della dottrina – 2. Necessità di un’evoluzione nel metodo di approccio ai problemi della religiosità sociale – 3. Esempi di sussistenza del metodo criticato nella dottrina e nella legislazione: a l’otto per mille; b il riconoscimento degli effetti civili al matrimonio religioso; c l’insegnamento scolastico della religione – 4. Le materie eticamente sensibili: a l’interruzione volontaria della gravidanza; b la procreazione assistita; c accanimento terapeutico ed eutanasia - il testamento biologico – 5. Conclusioni.

  14. Sentiment Analysis per analizzare gli effetti del cinema sulla percezione dei luoghi. Il caso pugliese / Sentiment Analysis to study the effects of cinema on the perception of places. The case of Puglia Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Albanese

    2016-05-01

    Full Text Available Il film induced iourism è un fenomeno ormai indiscutibile e che va affrontato con sistematicità e metodologie sempre più raffinate per consentire ai policy makers di sfruttarne più consapevolmente le potenzialità. In Puglia la realizzazione di pellicole di successo ha provocato effetti turistici e territoriali notevoli. Per poter comprendere realmente se e quanto l’incoming turistico pugliese sia influenzato, nella sua dimensione quantitativa e qualitativa, dall’immagine veicolata dal cinema, si ipotizza qui l’utilizzo di una nuova metodologia di analisi: la Sentiment Analysis. Si intende passare al setaccio i Big Data tematici, tramite una scansione intelligente dei social network e poi riportare le valutazioni (sentiment sul territorio pugliese espresse nei diversi luoghi virtuali di conversazione da parte della domanda turistica. Questa tipologia di studio del dato è del tutto innovativa per il settore cineturistico e può portare ad esiti del tutto inattesi sovvertendo in alcuni casi le interpretazioni prettamente soggettive dei dati quantitativi più tradizionali. Film induced tourism is an undeniable phenomenon and it is necessary to study it sistematically and with sophisticated methods to allow policy makers to exploit, more consciously, its potentiality. In Apulia the successful movies maybe have caused tourism and territorial remarkable effects. In order to understand if and how incoming in Apulia is influenced, in quantitative and qualitative terms, from the image conveyed by cinema, we’ll use a new method of analysis: the Sentiment Analysis. It means making an intelligent scanning of social networks and then bring feedback (sentiment about Apulia expressed in different virtual places of conversation by the tourist demand. This kind of opinion mining study is totally innovative for film induced tourism and can lead to outcomes completely unexpected subverting, in some cases, subjective interpretations of the

  15. LA PRODUZIONE ORALE NELLA DIDATTICA DELL’ITALIANO LS IN COLOMBIA: COME FAR ACQUISIRE AGLI STUDENTI UN ATTEGGIAMENTO CRITICO ATTRAVERSO LE COMPETENZE COMUNICATIVE INTERCULTURALI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Quaroni

    2017-03-01

    Full Text Available A partire dal progetto di ricerca-azione in competenze comunicative interculturali presso l’Università EAN di Bogotà, vengono prese in esame due unità di lavoro del secondo semestre accademico del 2015 in un corso di italiano come lingua straniera. L’obiettivo è quello di indurre gli studenti a parlare in italiano e a ragionare criticamente in una prospettiva interculturale, nella quale siano presenti le componenti di conoscenza, di abilità di ricerca, di analisi e di interpretazione, e attitudini creative,di curiosità, di rispetto e di solidarietà verso l’altro. Questa serie di lezioni sulla didattica del parlato nasce come reazione alla centralità delle competenze linguistiche nei sillabi dell’Università EAN e vuole contribuire a chiarire quale possa essere una pratica didattica adeguata per far acquisire agli studenti un atteggiamento critico attraverso le competenze comunicative interculturali. Oral prodiction in it l2 in Colombia: helping students acquire a critical attitude through intercultural comunicative skills Starting from an action-research project in intercultural communication competences at EAN University of Bogota, I examine two educative units of the second semester of 2015 in a course of Italian as foreign language. The goal is to encourage students to speak Italian and think critically in an intercultural perspective, that is where are present components of knowledge, research, analysis and interpretation skills, and creative attitudes, curiosity, respect and solidarity towards others. These lessons focusing on the didactics of oral production, emerge as a reaction to the centrality of language skills in the syllabi of the University EAN and wants to help clarify what may be some appropriate didactics to inspire students towards a critical attitude through intercultural communication skills.

  16. Dormice distribution in Romagna region (Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dino Scaravelli

    1995-05-01

    Full Text Available Abstract The geographic distribution of dormice living in Romagna is summarised. Data were collected by direct observation of living animals, finding of dead specimens and analysis of owl pellets, in addition to recent literature. Eliomys quercinus, Myoxus glis and Muscardinus avellanarius are present in this area between north continental and central Mediterranean Italy. The distribution is presented according to 1Ox10 km squares of the UTM grid. Riassunto Distribuzione dei Mioxidi nella regione Romagna (Italia - Vengono riassunti i dati disponibili sulla distribuzione geografica dei Mioxidi viventi in Romagna. Si sono utilizzati dati provenienti da osservazioni dirette, letteratura, esemplari ritrovati morti e dell'analisi di borre di rapaci notturni. Eliomys quercinus, Myoxus glis e Muscardinus avellanarius sono presenti in quest'area che si pone a confine tra il bioclima continentale nord-italiano e quello più mediterraneo del centro. La distribuzione delle specie è mostrata su reticolo UTM 10x10 km.

  17. Inmunizaciones y equidad en el Plan Regional del Sistema Mesoamericano de Salud Pública Immunization and equity in the Regional Initiative of the Mesoamerican Health Initiative

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Franco-Paredes

    2011-01-01

    Full Text Available Las cifras nacionales de inmunización indican altas coberturas de vacunación en Mesoamérica, sin embargo, hay evidencia creciente de que los grupos más vulnerables no son alcanzados por los programas de vacunación. La planeación de este proyecto se llevó a cabo entre junio y diciembre de 2009. La ejecución del proyecto se llevará a cabo en la población objetivo seleccionada a partir de junio de 2011. Está integrada por niños menores de cinco años y mujeres en edad fértil de las poblaciones más vulnerables en los países de Mesoamérica, identificadas geográficamente por un bajo índice de desarrollo humano o por la alta prevalencia de pobreza en el ámbito municipal, o a través del uso de métodos participativos para definir pobreza y vulnerabilidad en contextos locales. El Grupo de Trabajo ha definido tres líneas de acción para las intervenciones de enfermedades prevenibles por vacunación, para lograr una mejor cobertura efectiva en poblaciones vulnerables: 1 estudios piloto de coberturas para vacíos de conocimiento, 2 fortalecimiento de las políticas de vacunación, 3 ejecución de prácticas basadas en evidencia. El fortalecimiento de los sistemas de salud bajo la óptica de equidad en salud es el objetivo regional central del Grupo de Trabajo en inmunizaciones enfocado en un aumento de la cobertura efectiva.National immunization rates indicate high vaccine coverage in Mesoamerica, but there is growing evidence that the most vulnerable groups are not being reached by immunization programs. Therefore, there is likely low effective vaccine coverage in the region, leading to persistent and growing health inequity. The planning phase of this project was from June to December 2009. The project will be conducted in the target populations which includes children under five, pregnant women, and women of child-bearing age from the most vulnerable populations within countries of the Mesoamerican region, as indicated geographically

  18. El impacto territorial del turismo en el desarrollo sostenible: el caso de las regiones de México 2000-2010

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrés E. Miguel Velasco

    2014-01-01

    Full Text Available El presente artículo analiza la relación existente entre desarrollo regional sostenible y competitividad turística en las regiones de México durante el periodo 2000-2010. Supone que la competitividad es un factor importante para la promoción del desarrollo, es decir, a mayor competitividad turística mayor desarrollo sostenible existe en una región. Sin embargo, al interrelacionar estas variables se encontró entre ellas una muy baja correlación. Pero los mismos indicadores para los estados del país indican una alta correlación. Esto sugiere que entre más amplio sea el espacio en el cual se aplica, menor es el impacto del turismo en el desarrollo; en otras palabras, el artículo concluye que el turismo tiene un impacto local, pero no regional en el impulso al desarrollo.

  19. "A chiare lettere" Il ruolo del Presidente della Repubblica. Editoriale febbraio 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2011-02-01

    Full Text Available Mentre la scienza costituzionalistica si interroga da qualche tempo sul cambiamento del ruolo del Capo dello Stato nel nostro ordinamento costituzionale - specie da quando il settennato presidenziale si svolge “all’interno di una dinamica bipolare e maggioritaria nella forma di governo parlamentare” - la dottrina ecclesiasticistica non ha avuto motivo di approfondire in modo particolare se, nel campo di ricerca proprio, vi fosse un ruolo specifico del Presidente della Repubblica, sia per l’aspetto della tutela dei diritti inviolabili della persona interessati dal fattore religioso, sia nei profili delle relazioni e della disciplina dei rapporti Stato–confessioni, e se possa ritenersi in parte mutato. Il passaggio dalla monarchia alla Repubblica, è noto, ha ridotto di molto le di lui competenze nella materia “ecclesiastica”, ed una svolta determinante a questo processo storico è stata impressa dalla Costituzione. Quel processo, si è detto in passato, “non ha ancora esaurito il suo iter”; e, più di recente, si è potuto sottolineare che, nella nostra materia, “rimane in ogni caso estranea alla figura costituzionale del Capo dello Stato … la titolarità di una qualsiasi funzione di indirizzo politico in senso stretto”, restando il suo compito limitato a quello più generale di rappresentante dell’unità nazionale e di “custode” della Carta ed a quelli, di ridotta valenza, concernenti alcuni profili amministrativi connessi all’attività normativa del Governo.

  20. Eventi e modi del morire nelle strutture sanitarie di degenza della regione Piemonte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Silvestre

    2003-05-01

    Full Text Available

    L’ospedale per acuti è il luogo meno adatto ad accogliere il malato in fase avanzata, sia per il modello organizzativo, sia perché progettato per guarire. Poco si sa su come il paziente affetto da patologie in fase terminale muoia in ospedale, sui problemi che incontra e sul tipo di assistenza che riceve. Questo lavoro replica per il Piemonte lo studio EOLO, già svolto in Lombardia, Umbria e negli ospedali della provincia di Firenze nel 2002.

    Obiettivi: descrivere le modalità con cui si muore in ospedale (circostanze, interventi/trattamenti attivati. Valutare se esiste un diverso approccio clinicoassistenziale tra pazienti il cui decesso era un evento atteso o improvviso. Metodi: lo studio è di natura osservazionale (2003 e riguarda gli ospedali pubblici e/o convenzionati del Piemonte con un numero di ricoveri/anno › 8.000. I dati dei pazienti sono stati raccolti in sette giornate di osservazione (compresi sabato e domenica, su tutti i malati deceduti per qualsiasi motivo, tramite intervista ad hoc all’infermiere ed al medico responsabili dell’assistenza, consultazione delle cartella clinica ed infermieristica. Sono esclusi i pazienti deceduti entro 24 ore dal ricovero, i malati di età pediatrica, i reparti di Pronto soccorso, Rianimazione, UTIC e DEA. Le schede sono anonime, i dati vengono raccolti da personale interno all’ospedale.

    Risultati attesi: quadro epidemiologico e qualitativo dei casi di morte in ospedale. Epidemiologia dei trattamenti clinici ed assistenziali erogati. Descrizione delle eventuali differenze di decision making tra pazienti il cui decesso è atteso o non atteso. Descrizione delle condizioni e degli eventi (tipo di stanza, assistenza di base, presenza dei parenti che accompagnano la morte del paziente in ospedale.

    Conclusioni: i pazienti oncologici e non continuano a morire in ospedale. Si conosce molto poco di

  1. THE “OLIVA ASCOLANA DEL PICENO DOP”: PRODUCTION ASPECTS AND SELF-CONTROL PROGRAMS IN FACTORIES OF MARCHE REGION

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Pacioni

    2013-02-01

    Full Text Available The “Oliva Ascolana del Piceno” is a traditional product of the central part of Italy, which obtained the official designation of Denomination of Protected Origin (DOP in 2006. This study analyzes the production aspects and the self-control programs in different tipologies of industries in Marche Region. The artisanal production is still used, but lately is growing up the industrial one. The industrial product shows an improvement of the healthy standards, but is not always able to ensure the preservation of the full taste and flavour. . The scrupulous respect of GMP and CCP in the handmade product can ensure, on the other hand, hight healthy standards and, at the same time, a better preservation of the organoleptic features .

  2. La Universidad en la sociedad del conocimiento. Los procesos de cooperación regional y la propuesta de ENLACES

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Renato de Carvalho

    2010-01-01

    Full Text Available Este documento reúne lo expresado por el autor en su conferencia realizada en el XI Encuentro Internacional Virtual Educa 2010, el 23 de junio de 2010 en Santo Domingo, República Dominicana. Se diserta en torno a los planteamientos de las conferencias regionales y mundiales de Educación Superior para la transformación de la educación superior y sus vínculos con el desarrollo de la EaD en América Latina y el Caribe, así como, a la promoción de la cooperación académica regional, a través del Espacio de Encuentro Latinoamericano y Caribeño de Educación Superior (ENLACES, como una estrategia para la transformación de la educación superior en América Latina y el Caribe (ALC.

  3. ANÁLISIS REGIONAL DEL COMERCIO EXTERIOR AGROALIMENTARIO EN ESPAÑA

    OpenAIRE

    VICENT TUÑAS, RAMÓN

    2015-01-01

    [ES] En el trabajo se han analizado los principales resultados de los sectores exteriores agroalimentarios de las comunidades autónomas (CCAA) durante el período 2009 a 2012 en base a una serie de indicadores de competitividad comercial. Estos indicadores se nutren de los datos de producción, importación y exportación regional. Se ha realizado un desglose por subsectores agroalimentarios. Las regiones han tenido evoluciones distintas, si bien tras haber analizado los tres pr...

  4. Contribution of imaging to the evaluation of pyomyositis; Apporto dell'imaging nella valutazione della piomiosite

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Boniotti, Vittorio; Carlone, Nicola; Caudana, Roberto [Azienda Ospedaliera Carlo Poma, Mantova (Italy). Dipartimento di diagnostica per immagini; Perboni, Giorgio [Azienda Ospedaliera Carlo Poma, Mantova (Italy). Divisione malattie infettive

    2005-04-01

    Purpose: To analyse the fundamental features of ach imaging modality with the aim of defining their contribution to the diagnosis of pyomyositis. Materials and methods: We retrospectively reviewed 10 observations collected between 1997 and 2004, 5 of paravertebral muscles and 5 of the muscles of the limbs. Imaging was carried out with US (8/10 observations) and/or CT (9/10 observations), and/or MRI (6/10 observations). Results: The imaging criteria for the detection and characterization of pyomyositis are based on three pathological phases: an invasive phase characterized by inflammatory oedema, a supporative phase characterized by abscess development, and a late phase featuring the distant spread of the infection. Based on these interpretation criteria, pyomyositis was correctly diagnosed with US in 5/8 observations, with CT in 9/9 observations and with MR in 5/6 observations. Four false-negative cases were found. Conclusions: Since the clinical symptoms of pyomyositis are often insidious and delayed, an integrated imaging approach may be very useful for diagnosing this condition. [Italian] Scopo: Analisi dei segni semeiologici fondamentali di ciascuna metodica di studio con l'obiettivo di definire il loro contributo nella diagnosi di piomiosite. Materiale e metodi: Vengono analizzate retrospettivamente 10 osservazioni raccolte dal 1997 al 2004, delle quali 5 localizzate ai muscoli para-vertebrali e 5 a quelli degli arti. L'Imaging � stato effettuato con Ecografia (8/10 osservazioni) e/o TAC (9/10 osservazioni) e/o RM (6/10 osservazioni). L'agente patogeno � stato isolato in 6/10 osservazioni. Risultato: I criteri Imaging di identificazione e caratterizzazione della piomiosite hanno fatto riferimento a 3 tappe anatomo-patologiche: invasiva caratterizzata dall'edema flogistico, supporativa caratterizzata dalla ascessualizzazione, tardiva caratterizzata dalla diffusione a distanza del processo settico. Sulla base di tali criteri

  5. Natural and anthropochorous squirrels and dormice of the Mediterranean Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Masseti

    2005-06-01

    Full Text Available Abstract In the Mediterranean Region, squirrels and dormice of natural and anthropochorous occurrence are today represented by 7 taxa on each. Palaeontological evidence suggests that Upper Pleistocene dispersal of the representatives of the Gliridae family seems to have occurred only on the islands of the western Mediterranean basin, whereas squirrels are not represented in insular environments. The former and present distribution of some of the extant species is discussed in the light of the human redefinition of the natural equilibrium which has been taking place since very ancient times. Riassunto Scoiattoli e ghiri a diffusione naturale ed antropocora della Regione Mediterranea Attualmente, nella Regione Mediterranea, gli scoiattoli ed i ghiri a diffusione naturale ed antropocora sono rappresentati rispettivamente da 7 taxa. Il dato paleontologico suggerisce che la distribuzione insulare dei Gliridi nel corso del Pleistocene superiore abbia interessato solo il Mediterraneo occidentale, mentre gli scoiattoli non sembrano essere stati rappresentati in nessuno degli ambienti insulari. Si discute la diffusione passata e presente di alcune delle specie attuali nell'ottica della plurimillenaria ridefinizione antropica degli equilibri naturali dell'area mediterranea.

  6. Studio di prevalenza delle vittime di abuso sessuale nella popolazione degli studenti diciottenni frequentanti la quinta classe delle scuole medie superiori della cittá di Milano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Signorelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: • definire il tasso di vittimizzazione sessuale pregressa nella coorte degli studenti maggiorenni frequentanti le classi V delle scuole superiori di Milano; • tipizzare gli episodi di abuso: modalità dell’abuso, violenze concomitanti, profilo dell’abusante, età della vittima, eventuali recidive, capacità di disvelare l’avvenuto abuso ed eventuale sostegno di operatori professionisti.

    Materiali e metodi: la ricerca si caratterizza quale studio epidemiologico retrospettivo e utilizza come strumento un questionario anonimo appositamente elaborato che è stato consegnato ai ragazzi e ritirato nei 3 giorni successivi. Il campione selezionato è composto dagli studenti di 46 istituti superiori milanesi per un totale di 212 classi quinte. Sono stati distribuiti 3313 questionari, raccolti 2935 (88,6% dei distribuiti, ritenuti validi e analizzati 2839 (96,7% dei ritirati. Nell’analisi, gli episodi d’esposizione a materiale pornografico, l’essere stati toccati e la costrizione a toccare nelle parti intime sono classificati come abusi lievi/moderati, mentre la costrizione a masturbare e la penetrazione come abusi gravi.

    Risultati: i casi di abuso rilevati sono 436 (15,4% del campione totale; 20,4% delle femmine, 8,8% dei maschi. Gli episodi di abuso solo lieve o moderato hanno riguardato 360 studenti (12,7%; 16,6% F, 7,6% M; in 76 casi (2,7%; 3,8% F, 1,2% M l’abuso è rientrato nella categoria “grave”. L’età media al primo episodio di abuso cresce con la gravità di questo. Profilo dell’abusante: incesto nel 10% di abuso lieve/moderato e 14% di abuso grave; famiglia allargata 37% e 21%, mondo educativo 6% e 0%, partner 4% e 39%, altri 44% e 27%.

    Conclusioni: lo studio ha rivelato un elevato tasso di prevalenza di vittime d’abuso sessuale in infanzia e adolescenza; in ogni classe esistono vittime di molestie e in ogni scuola

  7. Il ponte sul Lago del Pertusillo come elemento di coesione territoriale e come espressione di architettura "sospesa"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Remo Votta

    2012-08-01

    Full Text Available  L’oggetto infrastrutturale, ovviamente, oltre ad essere funzionale può e deve essere anche di gradevole percezione visiva e per questo può divenire l’emblema di una trasformazione realizzata con “qualità”. Non sfugge da questa logica anche la realizzazione di un’architettura sospesa che, come la realizzazione di un ponte, contiene in se e riassume diverse motivazioni, non tutte riconducibili alla sfera della razionalità, che ne hanno fatto, nella storia, un oggetto tra i più interessanti e nello stesso tempo pieno di signifi cati metaforici. E’ sicuramente uno degli elementi infrastrutturali dove maggiormente si concentrano e trovano sintesi le logiche economiche, funzionali e tecniche, la concezione simbolica, i valori identitari del paesaggio. La Regione Basilicata ha, quindi, ritenuto che il conseguimento di questi obiettivi potesse essere perseguito, con una ricerca molto accurata, mettendo a confronto, con lo strumento del concorso di idee, soluzioni diverse nel rapporto con i caratteri del paesaggio, naturale o costruito, senza trascurare i dettagli.  

  8. Análisis de las organizaciones de integración económica como mecanismo de estabilidad regional, aplicado al caso del Consejo de Cooperación del Golfo (2003-2011)

    OpenAIRE

    Trujillo Márquez, Julliett Johan

    2012-01-01

    El Consejo de Cooperación del Golfo (CCG) se estableció como una organización internacional gubernamental a nivel regional fundada en bases de desarrollo económico, pero gracias a los riesgos que generan inestabilidad en la región, cambio su objetivo, logrando una evolución en el eje de seguridad y defensa.

  9. Premessa del progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali in Umbria / Introduction to the executive project of the Pilot plan for the “programmed conservation” of cultural heritage in Umbria Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Urbani

    2011-11-01

    Il primo testo prescelto, che appare ancora oggi sostanzialmente attuale e predittivo rispetto ai problemi contemporanei della gestione dei beni culturali, è lapremessa al progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali della regione Umbria, elaborato da Giovanni Urbani nel 1975.

  10. Assessment of conceptual model uncertainty for the regional aquifer Pampa del Tamarugal – North Chile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Rojas

    2009-09-01

    Full Text Available In this work we assess the uncertainty in modelling the groundwater flow for the Pampa del Tamarugal Aquifer (PTA – North Chile using a novel and fully integrated multi-model approach aimed at explicitly accounting for uncertainties arising from the definition of alternative conceptual models. The approach integrates the Generalized Likelihood Uncertainty Estimation (GLUE and Bayesian Model Averaging (BMA methods. For each member of an ensemble M of potential conceptualizations, model weights used in BMA for multi-model aggregation are obtained from GLUE-based likelihood values. These model weights are based on model performance, thus, reflecting how well a conceptualization reproduces an observed dataset D. GLUE-based cumulative predictive distributions for each member of M are then aggregated obtaining predictive distributions accounting for conceptual model uncertainties. For the PTA we propose an ensemble of eight alternative conceptualizations covering all major features of groundwater flow models independently developed in past studies and including two recharge mechanisms which have been source of debate for several years. Results showed that accounting for heterogeneities in the hydraulic conductivity field (a reduced the uncertainty in the estimations of parameters and state variables, and (b increased the corresponding model weights used for multi-model aggregation. This was more noticeable when the hydraulic conductivity field was conditioned on available hydraulic conductivity measurements. Contribution of conceptual model uncertainty to the predictive uncertainty varied between 6% and 64% for ground water head estimations and between 16% and 79% for ground water flow estimations. These results clearly illustrate the relevance of conceptual model uncertainty.

  11. Assessment of conceptual model uncertainty for the regional aquifer Pampa del Tamarugal – North Chile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Rojas

    2010-02-01

    Full Text Available In this work we assess the uncertainty in modelling the groundwater flow for the Pampa del Tamarugal Aquifer (PTA – North Chile using a novel and fully integrated multi-model approach aimed at explicitly accounting for uncertainties arising from the definition of alternative conceptual models. The approach integrates the Generalized Likelihood Uncertainty Estimation (GLUE and Bayesian Model Averaging (BMA methods. For each member of an ensemble M of potential conceptualizations, model weights used in BMA for multi-model aggregation are obtained from GLUE-based likelihood values. These model weights are based on model performance, thus, reflecting how well a conceptualization reproduces an observed dataset D. GLUE-based cumulative predictive distributions for each member of M are then aggregated obtaining predictive distributions accounting for conceptual model uncertainties. For the PTA we propose an ensemble of eight alternative conceptualizations covering all major features of groundwater flow models independently developed in past studies and including two recharge mechanisms which have been source of debate for several years. Results showed that accounting for heterogeneities in the hydraulic conductivity field (a reduced the uncertainty in the estimations of parameters and state variables, and (b increased the corresponding model weights used for multi-model aggregation. This was more noticeable when the hydraulic conductivity field was conditioned on available hydraulic conductivity measurements. Contribution of conceptual model uncertainty to the predictive uncertainty varied between 6% and 64% for ground water head estimations and between 16% and 79% for ground water flow estimations. These results clearly illustrate the relevance of conceptual model uncertainty.

  12. ESTUDIO DEL DESEMPEÑO ECONÓMICO REGIONAL: EL CASO ARGENTINO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Gabriel Brida

    2013-12-01

    Full Text Available En este trabajo se estudia el desempeño económico de las provincias argentinas durante el perÄ­odo 1961-2000. El desempeño económico se define a partir de los diferentes regÄ­menes que determinan el crecimiento y el producto per cápita anual que tuvo cada provincia durante el perÄ­odo. Mediante la introducción de técnicas de clusterización jerárquica se detectan los distintos grupos de desempeño y se estudia su evolución. Se encontró que existen fundamentalmente dos conglomerados que agrupan provincias con desempeños económicos similares y provincias en transición que no pueden vincularse a ninguno de estos conglomerados. Por un lado, existe un conglomerado de provincias de bajo desempeño localizadas geográficamente al norte de la Argentina y, por el otro, un conglomerado de provincias de alto desempeño que dependen fundamentalmente de la producción de bienes agropecuarios y minerÄ­a y que geográficamente se encuentra en el centro-sur del paÄ­s. El análisis de estos resultados evidencia que no existen mecanismos automáticos de convergencia entre las provincias argentinas. Los resultados se comparan con la evidencia precedente de convergencia económica realizados para la Argentina.

  13. Tipificación del consumidor potencial de frutas y hortalizas orgánicas en el mercado local y regional

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luz Evelia Padilla Bernal

    2006-01-01

    Full Text Available Agrupaciones de productores zacatecanos desean comercializar sus productos orgánicos en el mercado nacional, pero no cuentan con información suficiente acerca del comportamiento del consumidor que coadyuven al diseño de estrategias de comercialización. En este trabajo se tipifica al consumidor potencial de frutas y hortalizas orgánicas en el mercado local y regional considerando el lugar de compra, usando variables sociodemográficas, motivacionales y del producto. Se realizaron entrevistas a consumidores en Zacatecas, Aguascalientes y San Luis Potosí. La información se procesó aplicando análisis discriminante. Se encontró que la variable con mayor influencia en diferenciación del lugar de compra de frutas y hortalizas en las ciudades estudiadas es el ingreso.

  14. BIBLIOTECHE E MEDIATECHE DEL XXI SECOLO

    OpenAIRE

    FIORINI, ELISA

    2015-01-01

    Parlare di biblioteca/ mediateca nel XXI secolo, era del web 2.0, della banda larga e delle fibre ottiche, della rivoluzione dell’editoria (ancora in fieri) e della diffusione di e-book e testi print-on-demand, potrebbe apparire a molti un tema scontato e ridondante, una realtà percepita lontana dalla nostra quotidianità proprio perché associata all’immagine (tutta ottocentesca) di una biblioteca-spazio angusto e vetusto. Nella contemporaneità, l’introduzione delle informazioni su web e l...

  15. BIBLIOTECHE E MEDIATECHE DEL XXI SECOLO

    OpenAIRE

    FIORINI, ELISA

    2015-01-01

    Parlare di biblioteca/ mediateca nel XXI secolo, era del web 2.0, della banda larga e delle fibre ottiche, della rivoluzione dell’editoria (ancora in fieri) e della diffusione di e-book e testi print-on-demand, potrebbe apparire a molti un tema scontato e ridondante, una realtà percepita lontana dalla nostra quotidianità proprio perché associata all’immagine (tutta ottocentesca) di una biblioteca-spazio angusto e vetusto. Nella contemporaneità, l’introduzione delle informazioni su web e l...

  16. Riobamba y el ferrocarril. Nuevas dinámicas de intercambio regional en el primer cuarto del siglo XX

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franklin Cepeda Astudillo

    2006-11-01

    Full Text Available Este artículo analiza los conflictos que produjo el paso del ferrocarril por Riobamba. Describe la lucha por la rectificación de la vía férrea, que enlazaba las ciudades de Guayaquil y Quito, y subraya las pugnas y aspiraciones locales relacionadas con el nuevo medio de transporte. Señala las reacciones de la opinión pública riobambeña, expuestas en su prensa local, y las posturas tanto de los gobiernos como de la empresa que construyó la obra. Además, estudia las consecuencias que se derivaron del paso del ferrocarril: la ampliación del mercado interno como consecuencia del incremento del comercio interregional, el desarrollo de los poblados situados a lo largo del trazado ferroviario y la aceleración del intercambio de personas y bienes.

  17. «... And now I have to enter Father Mike’s head, I’m afraid» Parallessi, onniscienza omodiegetica e “io” autoriali nella narrativa contemporanea (I

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Pennacchio

    2014-06-01

    Full Text Available Si presenta qui la prima parte di uno studio incentrato su alcune particolari articolazioni del rac- conto in prima persona. La pratica della parallessi, la fusione di narrazione onnisciente e omo- diegesi e più in generale l’assunzione, da parte di un narratore-personaggio, di prerogative auto- riali sono fenomeni in effetti piuttosto complessi, che da un punto di vista teorico pongono problemi di non immediata risoluzione. Tant’è che da sempre sono stati letti come infrazioni, alterazioni ai modi più condivisi di raccontare. Eppure oggi ricorrono frequentemente, “pratica- ti” da autori tra loro anche molto diversi, e in certo modo chiedono di essere ri-descritti. In que- sto senso, dopo un breve excursus su alcune interpretazioni “classiche” di tali fenomeni, nelle prossime pagine ci si soffermerà su una serie di romanzi suscettibili di metterne in discussione la tenuta. Nella seconda parte del saggio, che sarà pubblicata sul prossimo numero di «Enthyme- ma», si rifletterà invece sull’opportunità d’inquadrare i fenomeni in questione anche tenendo conto della prospettiva del lettore, del suo coinvolgimento cognitivo. In ultimo, si tenterà di ri- spondere alla domanda forse più importante: per quale motivo oggi si è diffuso questo modo di raccontare?

  18. Relación del estado nutricional materno con el peso del recién nacido, Hospital Regional Vicente Corral Moscoso, Cuenca 2014

    OpenAIRE

    Medina Cartuche, María Luisa

    2016-01-01

    Introducción: Estudios demuestran la asociación entre el estado nutricional materno y el peso del recién nacido. La nutrición de la gestante es un determinante del crecimiento fetal y el crecimiento durante los dos primeros años de vida. Objetivo: Determinar la relación existente entre la ganancia de peso materno durante la gestación con el peso del recién nacido para los diferentes estados nutricionales maternos pre gestacionales según el IMC. Método y Materiales: Se realizó un estudi...

  19. The value of electricity distribution networks; Valutazione di rami d'azienda operanti nella distribuzione elettrica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Paoli, L. [Milan Bocconi Univ., Milan (Italy). Istituto di Economia delle Fonti di Energia

    2000-07-01

    vendite - escluse quelle ai residenti e ai clienti industriali di grandi dimensioni e dalla lunghezza delle reti di media tensione. In base alla metodologia prescelta e ai risultati delle correlazioni con le variabili esplicative, il valore del cliente servito delle diverse zone di distribuzione dell'ENEL varia enormemente andando da un masimo pari a circa 3 volte il valor medio fino a un minimo fortemente negativo. Nell'articolo si sostiene anche che la valutazione delle reti di distribuzione con annessa vendita di elettricita' ai clienti vincolati e' molto incerta a causa delle variazioni della regolamentazione che posono riguardare l'estensione del mercato vincolato, l'introduzione di sistemi di perequazione e la fissazione dei ricavi da parte dell'Autorita' per un periodo di alcuni anni. Quest'ultimo aspetto e' oggetto dell'appendice nella quale si argomenta che la fissazione di un vincolo dei ricavi sulla base di un certo tasso di interesse per un certo periodo di tempo puo' impedire che i profitti ammessi abbiano un andamento in linea con quello richiesto dal mercato dei capitali nel caso di sensibili variazione del tasso di inflazione.

  20. Integración regional binacional: Evidencia para los estados del norte de México y Texas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edgardo Arturo Ayala Gaytán

    2009-01-01

    de Texas que del resto de Estados Unidos y todavía más que del resto de México. Sin embargo, la evidencia muestra que la integración intraregional de los estados del norte de México es bastante débil.

  1. Sembrar Derechos. Reconfiguración del trabajador rural como sujeto de derecho, en los procesos de integración regional y universal

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Verónica Sánchez Enrique

    2014-03-01

    Full Text Available Este artículo analiza la reforma del régimen de trabajo rural en Argentina, desde el debate teórico sobre la reconfiguración del trabajador, como sujeto de derecho universal, y la transformación del demos, frente a la normativa supraestatal generada por los procesos de integración regional y de globalización. El objetivo de este trabajo consiste en indagar sobre la incidencia de este proceso en el grado de incorporación de estándares internacionales de derechos humanos, en la normativa que regula el trabajo agrícola argentino. En el primer apartado se desarrolla el debate sobre las variaciones en el concepto de ciudadanía, a fin de repensar en qué medida incide en la reconfiguración jurídica del trabajador, de ciudadano nacional a sujeto de derecho regional y universal. En el segundo, se realiza un breve análisis de cierta normativa supranacional que manifiesta la internacionalización de los derechos de los trabajadores. Finalmente, se comentan los puntos estratégicos de la última reforma del régimen de trabajo rural argentino, procurando destacar los principales cambios producidos por esta legislación en materia de incorporación de Derechos Económicos, Sociales y Culturales. La metodología seleccionada para el desarrollo de esta propuesta consiste en el análisis teórico y normativo, sobre la transformación del demos y de las normas referidas al nuevo régimen de trabajo agrario argentino (Ley Nacional 26.727, a los derechos humanos de los trabajadores en MERCOSUR, como organismo de integración regional, y del PIDESC.

  2. Fiebre por mordedura de rata: reporte de un caso probable en el Hospital Regional del Cuzco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Miguel Cabada Samame

    2003-01-01

    Full Text Available A 4 year old patient was admitted to the Emergency Department of Hospital Regional de Cusco with 17 days history of a rat bite. One week later, the patient developed fever and rash, which lasted for 3 days. Fever, an abscess on the forehead with lymphangitis, and cervical lymphadenopathy were observed on admission. The VDRL test was positive but FTA-Abs was negative. He was diagnosed of rat bite fever and treated with IV penicillin G with a favorable response. The case is discussed and pertinent literature is reviewed. (Rev Med Hered 2003; 14:44-47.

  3. Analysis of 15 autosomal STR loci from Mar del Plata and Bahia Blanca (Central Region of Argentina).

    Science.gov (United States)

    Parolin, María Laura; Carreras-Torres, Robert; Sambuco, Lorena Andrea; Jaureguiberry, Stella Maris; Iudica, Celia Estela

    2014-05-01

    Allele frequencies for the 15 short tandem repeats (STRs) loci included in the AmpFlSTR® Identifiler kit were estimated in a sample of unrelated individuals from Mar del Plata (MDQ; N = 180) and Bahia Blanca (BB; N = 85) (Buenos Aires, Argentina). Biological samples were obtained from voluntary donors and forensic cases. Both populations were in Hardy-Weinberg equilibrium after Bonferroni correction, except for locus vWA in MDQ and D2S1338 in BB. FGA was the most informative locus, and the least discriminating locus was TPOX in both samples. The combined power of discrimination (PDc) and the combined probability of exclusion (PEc) were similar in MDQ and BB samples (0.999999998 < PDc < 0.999999999 and 0.999999979 < PEc < 0.999999989). The multidimentional scaling plot from Rst genetic distance matrix and the interethnic admixture estimation supported a higher European contribution in populations of the central region compared with populations from other regions of Argentina with higher Amerindian composition. These results enlarge the Argentine databases of autosomal STR loci, revealed as an excellent tool for human identification tests and population genetic analysis.

  4. The mammals in the zoological culture of the Mbuti Pygmies in north-eastern Zaire / I mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti nello Zaire nord-orientale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Carpaneto

    1989-07-01

    Full Text Available Abstract This work deals with the mammals and their role in the zoological culture of the Mbuti Pygmies, hunter-gatherers of the Ituri Forest of Zaire. The ethnozoological information was gathered in parallel to faunistic investigation. A checklist of the mammals inhabiting the Ituri Forest was compiled on the basis of both carefully selected literature and direct field research. Field work was conducted in many study sites (pygmy camps and agriculturalists' settlements throughout the region. Several Mbuti hunters of each band were interviewed in order to ensure reliability to the information they were giving. Direct observation of their hunting activities, feeding habits and relations with animals were also carried out. For each mammalian species the exact words of the Pygmies were translated into English. From their own culture, the Pygmies gave a great deal of information about habits, food, interspecific relations, reproduction and behaviour of 59 species of mammals. Details were also given by the Mbuti hunters on their own taboos, food restrictions, medicine and villagers' witchcraft, concerning mammals, as well as the utilization of animal parts for making objects and tools. Vernacular names of the mammals are reported in six local languages, as well as the names of plants which, according to the Mbuti, are used by the animals as food. The hunting techniques of the Ituri Pygmies are summarized together with quantitative data from 60 net casts and 4 bow-hunting days. Riassunto Nel presente lavoro vengono studiati i mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti, cacciatori-raccoglitori della Foresta dell'Ituri in Zaire. Gli autori hanno condotto parallelamente sia l'indagine etnozoologica che ricerche faunistiche di base sui mammiferi. Un elenco sistematico delle specie viventi nella regione studiata è stato compilato sia sulla base di osservazioni dirette che attraverso una revisione critica dei

  5. Análisis del desempeño financiero por regiones de Colombia 2009- 2012: un enfoque de evaluación de competitividad territorial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Eduardo Castaño Ríos

    2014-12-01

    Full Text Available El objetivo de este artículo es presentar la evaluación del desempeño financiero empresarial por regiones en Colombia para el período 2009-2012, a partir del análisis financiero integral, con un enfoque desde la competitividad territorial. Se utilizó la información financiera reportada ante la Superintendencia de Sociedades, la cual se clasificó en las cinco grandes regiones del país. Se encontró que la región amazónica tiene dificultades para obtener financiamiento a largo plazo; en la zona andina el EBITDA es más alto y hay mayor capacidad de generación de efectivo, y por último, el Caribe presenta el mayor ciclo operacional y la más baja rentabilidad, lo que afecta su competitividad.

  6. Senso e non senso del lavoro in Charles Bukowski

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Di Stefano

    2015-09-01

    Full Text Available Nella ricerca psicologica e manageriale il significato assegnato al lavoro è un ambito di lunga tradizione, all’interno del quale si cerca di rintracciare le fonti di senso dell’attività lavorativa nel sistema motivazionale, valoriale e di credenze del lavoratore. Relativamente meno spazio, tuttavia, è dedicato alla funzione assolta dal lavoro in termini di sistema di significazione e di vettore di riferimento per la costruzione dell’identità personale. Il presente contributo approfondisce il rapporto tra costruzione identitaria e senso attribuito al lavoro, focalizzando il tema del meaning of work attraverso l’esplorazione del mondo narrativo di Charles Bukowski. L’attenzione è rivolta, in particolare, alle rappresentazioni e alle connotazioni emozionali che caratterizzano il rapporto tra identità e lavoro, desunte dall’analisi qualitativa del contenuto della sua produzione letteraria. La difficile sostenibilità dell’esperienza lavorativa in Bukowski si intreccia con lo scenario di instabilità del secondo dopoguerra in USA, incidendo ricorsivamente sullo sviluppo di un pensiero autoriflessivo su cui modellare un’idea di sé. In tal senso, l’esperienza dell’Autore è paradigmatica per la condizione contemporanea, nella misura in cui l’esperienza di lavoro oggi, priva di un sistema di significati condiviso, influenza negativamente il processo di attribuzione di senso alle proprie esperienze di vita.

  7. Responsabilità del medico e reati in materia di procreazione assistita. Ambiguità e rigori della legge italiana n. 40 del 2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilio Dolcini

    2011-06-01

    Full Text Available Questo saggio riproduce, con integrazioni e aggiornamenti, parte del terzocapitolo del volume Fecondazione assistita e diritto penale, Giuffrè, Milano, 2008. Unaversione in lingua portoghese di questo saggio è in corso di pubblicazione negli Studiin onore di Jorge de Figueiredo Dias.SOMMARIO: 1. Attività medico-chirurgica, responsabilità penale per colpa o perdolo – 2. Legge penale e procreazione assistita – 3. Alcuni problemi posti dalladisciplina italiana della pma – 4. La diagnosi preimpianto sull’embrione in vitro: al’art. 13 l. 40/2004 e le Linee guida del 2004 – 5. (Segue: b la giurisprudenza piùrecente e le Linee guida del 2008: non è vietata la diagnosi preimpianto – 6. (Segue:c il problema nella legislazione di alcuni Paesi europei – 7. (Segue: d ricerca delfiglio perfetto? – 8. Il divieto di produrre più di tre embrioni ex art. 14 l. 40/2004: unadisciplina di dubbia legittimità costituzionale - 9. Limiti numerici alla produzionedi embrioni? La risposta delle legislazioni tedesca, spagnola e portoghese – 10. Ildivieto di donazione di gameti ex art. 4 l. 40/2004, il diverso orientamento degli altrilegislatori europei e il ruolo della dottrina cattolica nella scelta del legislatoreitaliano – 11. Le sanzioni nella legge n. 40/2004 – 12. Le scelte di politicasanzionatoria dei legislatori tedesco, portoghese e spagnolo – 13. La legge n.40/2004: ‘diritto penale del nemico’ all’italiana? – 14. (Segue: O, piuttosto, unesempio di legislazione simbolica? – 15. L’impatto sulla prassi della legge n. 40/2004– 16. ‘Viaggi dei diritti’ e ruolo del medico italiano – 17. (Segue: A Casi in cui puòsorgere una responsabilità del medico italiano - 18. (Segue: B Casi in cui non sorgealcuna responsabilità del medico italiano – 19. Una ‘legge di lotta contro’ laprocreazione assistita.

  8. Transformación y valoración del paisaje en la Preciosita, Santa Rita Tlahuapan, Puebla y el Programa de Ordenamiento Ecológico Regional del Volcán Popocatépetl.

    OpenAIRE

    Lara Visconti, Carolina

    2010-01-01

    La presente investigación se llevó a cabo en la localidad de La Preciosita, en el municipio de Santa Rita Tlahuapan, Puebla. Tuvo como objetivos analizar la transformación del paisaje y la valoración que los pobladores de La Preciosita tienen sobre este, así como observar su relación con las propuestas elaboradas por el Programa de Ordenamiento Ecológico Regional (POER) decretado para la región del Volcán Popocatpetl y su zona de influencia. La importancia de estudiar esta relación radica ...

  9. Prevalence of the BRCA1 c.68_69delAG (BIC: 185delAG) mutation in women with breast cancer from north-central Poland and a review of the literature on other regions of the country

    OpenAIRE

    Hartwig, Martyna; Janiszewska, Hanna; Bąk, Aneta; Pilarska, Maria; Heise, Marta; Junkiert-Czarnecka, Anna; Laskowski, Ryszard; Haus, Olga

    2013-01-01

    Aim of the study Germline mutations in BRCA tumor suppressor genes are strongly associated with breast and ovarian cancer. The lifetime risk of these cancers in women with BRCA1 mutation is 84% and 27%, respectively. Studies on the prevalence of BRCA1 c.68_69delAG congenital mutation, the most frequent in Ashkenazi Jews, among women with breast cancer from north-central Poland and review of the literature on other regions of the country. Evaluation of the c.68_69delAG association with breast ...

  10. A caccia del bosone di Higgs magneti, governi, scienziati e particelle nell'impresa scientifica del secolo

    CERN Document Server

    Maiani, Luciano

    2013-01-01

    Nel luglio 2012 veniva confermata sperimentalmente, presso i laboratori del CERN di Ginevra, l'esistenza del "bosone di Higgs", la più piccola di tutte le particelle subatomiche fino ad ora scoperte, teorizzata da Peter Higgs fin dal lontano 1964 e divulgata al mondo come "la particella di Dio". Una scoperta che costituisce un fondamentale passo avanti nella fisica delle particelle e nella conferma del modello standard dell'universo, in direzione di quella Teoria del Tutto, la teoria unificata delle forze, che la fisica insegue da decenni. Per giungere alla prima conferma sperimentale sono stati necessari quasi 50 anni di ricerche teoriche e la costruzione della macchina più grande del mondo, l'LHC, Large Hadron Collider, un anello lungo 27 chilometri situato a 100 metri di profondità nel territorio di Ginevra. Una sfida sul cui successo, all'inizio, pochi avrebbero scommesso e che si accompagna alla storia stessa del CERN, il Consiglio Europeo per la Ricerca Nucleare di cui Luciano Maiani è stato diretto...

  11. Petrarca e il petrarchismo: aspetti della traduzione del sonetto in croato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ljiljana Avirović

    1999-12-01

    Full Text Available II Canzoniere di Petrarca (1304-1374 ha ricevuto quasi sempre in croato il titolo con cui quest' opera e passata alia storia (e non gia quello originario di Rerum vulgarium fragmenta, seppure nella trascrizione ortografica della lingua di arrivo (Kanconijer. Non che ai traduttori croati mancasse l'opportunita di renderlo con il suo equivalente Pjesmarica (canzoniere- che del resto e il titolo con cui spesso Ia storiografia letteraria croata designa il capolavoro di Petrarca -, ma nella loro scelta si ravvisa l'intento di indirizzare in qualche modo illettore, che sin dal titolo del testo viene informato circa l'opportunita della traduzione di alcuni termini dalla forte connotazione semantica. Cio vale anche per la traduzione di una delle forme metriche piti frequenti nel Canzoniere, qual e appunto il sonetto. La trasposizione del sonetto italiano racchiude Ia summa dei problemi della traduzione metrica, richiedendo nella lingua di arrivo il massimo della versatilita traduttiva. La trasposizione dell'endecasillabo giambico del sonetto costituisce da secoli un problema particolarmente sentito presso i traduttori croati.

  12. Characteristics of the FEL project for the MUH experiment; Stato del progetto FEL per l`esperimeto MUH

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciocci, F.; Doria, A.; Fascetti, M.; Gallerano, G.P.; Giannessi, L.; Giovenale, E.; Messina, G.; Picardi, L.; Renieri, A.; Ronci, G.; Ronsivalle, C.; Vignati, A. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Dip. Innovazione

    1999-01-01

    The design characteristics of a compact Free Electron Laser (FEL) operating in the far infrared spectral range between 200 and 600 {mu}m are presented in this report. The device can be employed in a fundamental physics experiment to be performed in collaboration with INFN-Trieste and the Paul Sherrer Institute- Villigen. Spectroscopic measurements in the above spectral region will allow one to determine the energy difference between the levels 3D-3P in the {mu}P system with great accuracy. [Italiano] In questo rapporto vengono presentate le caratteristiche di progetto di un Laser ad Elettroni Liberi (FEL) compatto operante nel lontano infrarosso a lunghezze d`onda comprese tra 200 e 600 {mu}m. Tale laser potra` essere impiegato in un esperimento di fisica fondamentale su idrogeno muonico in collaborazione con INFN-Trieste ed il Paul Sherrer Institute-Villigen. Le misure spettroscopiche nella regione spettrale del lontano infrarosso consentiranno di determinare con grande accuratezza la differenza di energia dei livelli 3D-3P nel sistema {mu}P. Attraverso la misura di questa transizione sara` possibile effettuare un test delle correzioni di Meccanica Quantistica (QED) alle energie di legame, migliorando di un ordine di grandezza l`accuratezza della misura della polarizzazione del vuoto.

  13. Verificación de los pronosticos del modelo BRAMS centrado en la region subtropical de Sudamerica BRAMS forecast verification over a region of subtropical Southamerica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yanina García Skabar

    2012-09-01

    Full Text Available El objetivo del presente trabajo es realizar una verificación de los pronósticos generados en el Departamento de Ciencias de la Atmósfera y los Océanos de la Universidad de Buenos Aires con el modelo Brazilian Regional Atmospheric Modeling System(BRAMS. Utilizando dicho modelo, desde 2006, se realizan dos pronósticos al día por un plazo de 72 horas en dos retículas anidadas con una resolución horizontal de 80 y 20km. La retícula de mayor resolución abarca Paraguay, Uruguay, Sur de Brasil y Bolivia y el centro y norte de Argentina y Chile. En este trabajo se realiza la verificación sobre el dominio de mayor resolución para el período desde abril de 2006 a diciembre de 2008. El interés se centra en verificar los pronósticos de precipitación, y de los perfiles verticales de temperatura, humedad y viento en las localidades donde se dispone de datos de radiosondeos. La verificación de los pronósticos de precipitación se realiza mediante estadísticos calculados frente a las observaciones convencionales disponibles y frente a estimaciones de precipitación CMORPH. Los resultados son similares a los obtenidos en la región con modelos de aproximadamente la misma resolución. Además se identifican las deficiencias principales de los pronósticos lo que permitirá realizar ajustes en la configuración del mismo para mejorar su desempeño.The aim of this work is to verify the forecasts generated in the Department of Atmospheric Sciences and Ocean, University of Buenos Aires with the Brazilian model Regional Atmospheric Modeling System (BRAMS. Since year 2006, every day two different forecasts that extend for 72 hours have been performed using two nested grids with an horizontal resolution of 80 and 20 km. The higher resolution domain covers Paraguay, Uruguay, southern Brazil and Bolivia and the central and northern part of Argentina and Chile. This paper presents the results of the verification of the model in the higher resolution

  14. Fortalecimiento de las Redes del Conocimiento en el Centro-Occidente de México. Diáspora Calificada y Desarrollo Regional.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Catalina Cruz Barajas

    2009-12-01

    Full Text Available La migración de personas altamente calificadas es actualmente un fenómeno que se ha ido incrementando en las últimas décadas debido a las condiciones de los mercados laborales internacionales, al entorno de la economía globalizada y a las persistentes desigualdades entre países y regiones. La llamada fuga de cerebros “brain drain” se puede transformar en un intercambio dinámico y de grandes beneficios como lo manejan modelos de “brain gain” o circulación de competencias. El artículo resalta la importancia del aprovechamiento del conocimiento adquirido y acumulado como variable fundamental del crecimiento económico y desarrollo a largo plazo, reconocido desde la década de los 60 por diferentes corrientes económicas neoclásicas y de desarrollo regional. Se plantean las posibles interacciones a lograr con la diáspora calificada que permitan estimular una cultura de la innovación y apropiación del conocimiento, se hace énfasis en la creación de redes del conocimiento para promover la difusión y transferencia de conocimiento nutriendo el capital social con el que ya se cuenta en la región.

  15. Escrito de alegatos finales presentados por el Estado de Nicaragua dentro del Proceso promovido en contra del Estado de Honduras, por la violación de diversos instrumentos jurídicos de integración regional.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edmundo Castillo Salazar

    2002-08-01

    Full Text Available El escrito de alegatos finales presentado por el Estado de Nicaragua dentro del proceso promovido en contra del Estado de Honduras, plantea una relación de hechos probados relativos a la conducta diplomática y procesal de la República de Honduras, seguidamente expone la relación de hechos relativos a las violaciones a los objetivos y principios fundamentales del sistema de la integración centroamericana, atribuibles a la República de Honduras, para terminar con la petición de la condena por violación de los objetivos, principios y disposiciones de los instrumentos jurídicos de integración regional

  16. ¿Quienes fueron los voluntarios? Identità, vissuto, motivazioni e linguaggi dei volontari italiani nella guerra civile spagnola

    OpenAIRE

    Medas, Giulia Maria

    2014-01-01

    Il progetto di ricerca ha l’obiettivo di ricostruire le motivazioni, i percorsi di costruzione identitaria e politico-ideologica, il vissuto quotidiano e le tensioni ideali, seppur all’interno di un’ottica totalmente contrapposta, dei volontari italiani impegnati nella guerra civile spagnola tanto nel fronte repubblicano all’interno delle Brigate Internazionali che nelle truppe inviate da Mussolini in sostegno delle milizie franchiste. Prendendo spunto dai più innovativi e recenti filoni ...

  17. L'universo senza fine breve storia del Tutto : passato e futuro del cosmo

    CERN Document Server

    Regge, Tullio

    1999-01-01

    Che aspetto avrà l'universo tra miliardi di anni? E quale sarà il destino del pianeta terra? Un bilancio scientifico delle scoperte cosmologiche più avanzate e straordinarie, tracciato dal più celebre astrofisico italiano. Regge fa piazza pulita di teorie millenariste, come quella di un futuro collasso dell'universo e spiega perché questo è destinato invece a espandersi progressivamente. Nella forma di un saggio accessibile al grande pubblico, Regge propone un'esplorazione rigorosa e affascinante sul futuro dell'universo e degli esseri viventi che lo abitano.

  18. CONDUCTA TERAPEUTICA DE LA CRISIS EPILEPTICA TARDIA EN EL SERVICIO DE EMERGENCIA DEL HOSPITAL REGIONAL DE CHIMBOTE. ENERO 2012 - AGOSTO 2013

    OpenAIRE

    ACEVEDO ORELLANO, CÉSAR AUGUSTO

    2014-01-01

    En el presente estudio se revisaron 258 historias clínicas del servicio de emergencia del hospital regional de Chimbote en el período comprendido de enero 2012 – agosto 2013, con la finalidad de determinar si la conducta terapéutica es adecuada en los pacientes con diagnóstico de crisis epiléptica tardía, de los cuales solo 39 pacientes cumplieron con los criterios de edad mayor de 15 años, que no estén tomando fármacos antiepiléptico y que hallan presentado una primera crisis epiléptica. ...

  19. CARACTERIZACIÓN DE LAS REGIONES ORGANIZADORAS NUCLEOLARES EN LAS CÉLULAS DEL TUMOR VENÉREO TRANSMISIBLE EN CANINOS: ESTUDIO HISTOQUÍMICO.

    OpenAIRE

    Rodríguez I., Luis; Laboratorio de Histología, Embriología y Patología Veterinaria, Facultad de Medicina Veterinaria, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Lima-Perú.; Perales C., Rosa; Laboratorio de Histología, Embriología y Patología Veterinaria, Facultad de Medicina Veterinaria, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Lima; Chavera C., Alfonso; Laboratorio de Histología, Embriología y Patología Veterinaria, Facultad de Medicina Veterinaria, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Lima-Perú.; Gavidia Ch., César; Laboratorio de Medicina Veterinaria Preventiva, Facultad de Medicina Veterinaria, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Lima Perú.; Díaz C., Diego; Laboratorio de Farmacología y Toxicología Veterinaria, Facultad de Medicina Veterinaria, Universidad Nacional Mayor de San Marcos, Lima

    2011-01-01

    El objetivo del presente estudio fue visualizar y caracterizar las Regiones Organizadoras Nucleolares Argénticas (AgNORs) en células neoplásicas del tumor venéreo transmisible (TVT) de caninos a través de la impregnación con nitrato de plata. Se trabajó con una muestra tomada al azar de tejido parafinado de 30 caninos diagnosticados histológicamente (con coloración de Hematoxilina y Eosina) como TVT canino entre el 2000 al 2006. En 100 células por muestra se visualizó la presencia y ubicación...

  20. Consumo dietario de calcio y su relación con la enfermedad hipertensiva en gestantes del hospital regional de Huancavelica marzo-octubre 2014

    OpenAIRE

    Cubas Romero, Fiorella

    2015-01-01

    El principal objetivo de esta investigación trata sobre las enfermedades hipertensivas del embarazo, por ser la principal causa y complicación de muerte materna y perinatal, ya que el estudio realizado trata sobre el consumo dietario de calcio y su relación con la enfermedad hipertensiva en gestantes del Hospital Regional de Huancavelica durante el período marzo-octubre de 2014. Dicho estudio retrospectivo transversal de observación analítico de casos y controles, se realizó en 120 gestantes ...

  1. Modificaciones del patrón fibrilatorio ventricular por el estiramiento regional del ventrículo izquierdo: estudio en corazón aislado de conejo.

    OpenAIRE

    Trapero Gimeno, Isabel

    2006-01-01

    RESUMEN Introducción: Se parte de la hipótesis de que las modificaciones locales de las propiedades electrofisiológicas, si se circunscriben a zonas de extensión limitada, deben causar escasos cambios en el proceso global de activación durante la fibrilación ventricular (FV). Para comprobarlo, se produce un estiramiento local del miocardio, en la pared libre del ventrículo izquierdo, y se analizan diversos parámetros electrofisiológicos, tanto en situación de ritmo sinusal como durante la ...

  2. El Plan Puebla-Panamá. Una perspectiva del desarrollo regional en el contexto de los procesos de la economía mundial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Felipe Torres Torres

    2004-01-01

    Full Text Available Se estudian los esquemas emergentes de política de desarrollo regional en México. El referente en este caso es el Plan Puebla-Panamá (PPP que se considera una iniciativa para el desarrollo del Sur-Sureste de México y de articulación con las naciones centroamericanas. En la presente administración se establece que una forma de revertir los desequilibrios es insertando esas regiones rezagadas en los procesos globales mediante la creación de infraestructura, el redireccionamiento de la inversión y el fomento al aprovechamiento de recursos naturales como agua, biodiversidad y energéticos. En esa lógica se orienta la implantación del PPP. El artículo evalúa el impacto y el avance de una iniciativa de esta naturaleza sobre el desarrollo regional y los procesos de integración transterritoriales.

  3. Environmental Effects of Irrigation in Arid and Semi-Arid Regions Efectos Ambientales del Riego en Regiones Áridas y Semi-Áridas en América Latina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alicia Fernández Cirelli

    2009-12-01

    Full Text Available This article reviews the state of the art with respect to the environmental effects of irrigated agriculture on water and soil quality in arid and semi-arid regions on a field scale. Information is scarce and fragmentary. Examples in selected areas of other arid and semi-arid regions in the world clearly show the importance of studying the environmental impact of irrigation practices on water and soil quality. Studies mainly refer to waterlogging and salinization. As regards agrochemicals, fertilizers have been taken into account through nitrate leaching. The impact of micropollutants such as pesticides and heavy metals on water and soil quality is studied mainly by modeling. Pharmaceutical compounds emerge as pollutants when wastewater is used for irrigation without any previous treatment, situation which is now the object of new studies. There is an obvious need to study in-depth knowledge related to appropriate technologies for the use, treatment, and reuse of wastewater which is a valuable resource in arid and semi-arid regions.En este trabajo se presenta una revisión del estado del arte relativo a los efectos ambientales de la agricultura bajo riego en la calidad del agua y de los suelos en regiones semiáridas y áridas de América Latina a escala de campo. La información relevada es escasa y fragmentaria. Ejemplos en áreas seleccionadas de otras regiones del mundo muestran claramente la importancia del estudio del impacto ambiental de las prácticas de riego en la calidad de agua y del suelo. La mayor parte de los estudios se refieren a anegamiento y salinización de suelos. En relación a los agroquímicos, los fertilizantes han recibido mayor atención, en particular considerando la lixiviación de nitratos. El impacto de los microcontaminantes, como los pesticidas o los metales pesados, se ha estudiado mayormente a través de la aplicación de modelos. Los compuestos farmacéuticos surgen como contaminantes cuando las aguas servidas

  4. FESTIVAL VER CIENCIA CARIBE: UN MODELO DE APROPIACIÓN SOCIAL DEL CONOCIMIENTO CIENTÍFICO REGIONAL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Ospina Bozzi

    2007-08-01

    Full Text Available El Festival Ver Ciencia Caribe se aborda desde la recuperación y valorización de lainvestigación científica regional, la inteligencia colectiva y la identidad cultural.Promueve el objetivo social de construir una cultura científica humanística que lapoblación juvenil pueda llegar a sentir como propia.El modelo de apropiación que estamos presentando a la comunidad internacionalentiende que es posible producir materiales de divulgación científica, popularizacióny apropiación social del conocimiento, útiles tanto para el ámbito de la enseñanza formal como para el de la educación informal, mediante múltiples usos, tanto en la emisión en medios de comunicación masiva, como en el aula de clase y en otros ámbitos sociales.

  5. Configuración espacial de la formación urbana regional del Eje Cafetero colombiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Gaviria Ríos

    2017-01-01

    Full Text Available El objetivo de este trabajo es caracterizar la configuración de la formación espacial urbano-regional del Eje Cafetero (Colombia y valorar su condición de sistema urbano de carácter policéntrico. Para ello se recurre a un enfoque morfológico asociado a la distribución de las masas de población sobre el territorio, con el cual se identifican centros y subcentros en el sistema de ciudades que integran la formación espacial. El ejercicio se complementa con un análisis de jerarquía y condiciones de desigualdad de peso y dimensión entre las ciudades, para lo cual se estiman índices a partir de los principios de “rango-tamaño” y primacía urbana. Las evidencias aportadas permiten definir este sistema urbano como una ciudad región con estructura policéntrica.

  6. A comparison of deterministic and stochastic approaches for regional scale inverse modelling. Application to the Mar del Plata aquifer.

    Science.gov (United States)

    Pool, Maria; Carrera, Jesus; Alcolea, Andres

    2014-05-01

    Inversion of the spatial variability of transmissivity (T) in groundwater models can be handled using either stochastic or deterministic (i.e., geology-based zonation) approaches. While stochastic methods predominate in scientific literature, they have never been formally compared to deterministic approaches, preferred by practitioners, for large aquifer models. We use both approaches to model groundwater flow and solute transport in the Mar del Plata aquifer, where seawater intrusion is a major threat to freshwater resources. The relative performance of the two approaches is evaluated in terms of model fits to head and concentration data (available for nearly a century), plausibility of the estimated T fields and their ability to predict transport. We also address the impact of using T data from large scale (i.e., pumping test) and small scale (i.e., specific capacity) on the calibration of this regional coastal aquifer. We find that stochastic models, based upon conditional estimation and simulation techniques, identify some of the geological features (river deposit channels) and yield better fits to calibration data than the much simpler geology-based deterministic model. However, the latter demonstrates much greater robustness for predicting sea water intrusion and for incorporating concentrations as calibration data. We conclude that qualitative geological information is extremely rich in identifying variability patterns and should be explicitly included in the calibration of stochastic models.

  7. A comparison of deterministic and stochastic approaches for regional scale inverse modeling on the Mar del Plata aquifer

    Science.gov (United States)

    Pool, M.; Carrera, J.; Alcolea, A.; Bocanegra, E. M.

    2015-12-01

    Inversion of the spatial variability of transmissivity (T) in groundwater models can be handled using either stochastic or deterministic (i.e., geology-based zonation) approaches. While stochastic methods predominate in scientific literature, they have never been formally compared to deterministic approaches, preferred by practitioners, for regional aquifer models. We use both approaches to model groundwater flow and solute transport in the Mar del Plata aquifer, where seawater intrusion is a major threat to freshwater resources. The relative performance of the two approaches is evaluated in terms of (i) model fits to head and concentration data (available for nearly a century), (ii) geological plausibility of the estimated T fields, and (iii) their ability to predict transport. We also address the impact of conditioning the estimated fields on T data coming from either pumping tests interpreted with the Theis method or specific capacity values from step-drawdown tests. We find that stochastic models, based upon conditional estimation and simulation techniques, identify some of the geological features (river deposit channels and low transmissivity regions associated to quartzite outcrops) and yield better fits to calibration data than the much simpler geology-based deterministic model, which cannot properly address model structure uncertainty. However, the latter demonstrates much greater robustness for predicting sea water intrusion and for incorporating concentrations as calibration data. We attribute the poor performance, and underestimated uncertainty, of the stochastic simulations to estimation bias introduced by model errors. Qualitative geological information is extremely rich in identifying large-scale variability patterns, which are identified by stochastic models only in data rich areas, and should be explicitly included in the calibration process.

  8. Rievocazione e diffusione del sapere: un'intervista a Franco Cardini / Re-enactment and spreading of knowledge: an interview with Franco Cardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Umberto Moscatelli

    2013-10-01

    Full Text Available Franco Cardini, storico del Medioevo di fama internazionale, risponde alle domande di Umberto Moscatelli sul ruolo che la rievocazione storica svolge nella diffusione del sapere scientifico presso il grande pubblico.   Franco Cardini, internationally renowned expert of medieval history, answers the Umberto Moscatelli’s questions about the role of re-enactment and living history in the diffusion of scientific knowledge among the general public.

  9. Gestire l’errore e l’uso della lingua madre nella classe di lingua.DOI: 10.5007/2175-7968.2011v1n27p223

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Torresan

    2011-11-01

    Full Text Available L’uso della lingua madre e la correzione dell’errore sono state questioni rimaste a lungo in ombra nella storia della didattica delle lingue. È stato come se nella pratica docente, negli ultimi anni in cui è invalso l’approccio comunicativo, la questione si risolvesse in due assiomi: la lingua madre va limitata il più possibile, in quanto l’uso rallenterebbe -se non addirittura impedirebbe- la crescita del parlante in lingua straniera e, poiché all’accuratezza va preferita la fluenza, è opportuno l’errore sia corretto soprattutto – se non addirittura solamente – quando rende difficile la comunicazione. In questo saggio, la rassegna delle posizioni assunte da vari esperti di educazione linguistica, alcune delle quali si collocano ai margini dell’approccio comunicativo, dimostra come in realtà la questione è tutt’altro che semplice e numerose sono le scelte metodologiche di cui l’insegnante può disporre. The issues of mother tongue usage and error correction have long remained poorly elucidated in the history of language teaching. In recent years, during which the communicative approach has become established, the issue has appeared to resolve according to two precepts: mother tongue should be limited as far as possible, given that its usage is thought to slow – or even hinder – the student’s progress in the foreign language and, since fluency is preferred over accuracy, errors should above all – or indeed only – be corrected when they impede communication. This discussion compiles the stances taken by a number of language education experts, some of whom position themselves on the margins of the communicative approach, demonstrating that, in reality, the issue is far from simple and there are a wide array of methodological choices available for teachers.

  10. Banditismo giovanile e mercato della sicurezza in un barrio di Città del Guatemala

    OpenAIRE

    2013-01-01

    È opinione comune ritenere che con la firma degli accordi di pace e lo smantellamento degli apparati militari in Guatemala sia venuto meno il monopolio dello Stato nella gestione della sicurezza pubblica. Nuovi spazi economici all’interno del mercato della sicurezza si sarebbero allora aperti; spazi presto occupati anche da attori armati e illegali quali narcotraf-ficanti e bande giovanili. L’autore analizza a questo proposito il processo di formazione delle prime maras (gang) e la fondazione...

  11. Petrology and geochemistry of the Los Cuartos granite, Tafi del Valle, Tucuman, northwest of Argentina: its integration to the regional magmatic layout; Petrologia y geoquimica del granito Los Cuartos, Tafi del Valle, Tucuman, noroeste de Argentina: integracion al esquema magmatico regional

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lopez, J.P.; Bellos, L.I.

    2010-07-01

    Los Cuartos Granite crops out on the western flank of the Cumbres Calchaquies, east of Tafi del Valle, Tucuman Province, Argentina. It has a granitic to granodioritic composition, of two micas, being biotite dominant. The granite is medium grained and inequigranular, with rare K-feldspar megacrysts. It contains host-rock xenoliths with different degrees of assimilation. The granite intrusion produced contact metamorphism in the surrounding basement, with development of andalucite porphyroblasts and poikiloblastic biotite. The granite is calk-alkaline and peraluminous, and is K- and P-rich and Ca- and Napoor compared to other granitoids of the region. The pluton shows late-tectonic features with regard to the regional deformation. The granite possibly intruded during the Ordovician (Famatinian Cycle) and its emplacement was structurally controlled by the Tafi Megafracture. Los Cuartos Granite and other intrusive bodies of the region share similar petrographical, geochemical, structural and geochronological characteristics. (Author).

  12. Uno scenario da film: la "Mostra del Lazio" di Armando Brasini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roscini Vitali, Aurora

    2015-10-01

    Full Text Available La Mostra dell’agricoltura, dell’industria e delle arti applicate, detta più comunemente “del Lazio”, tenutasi nel 1923 presso il Galoppatoio di Villa Borghese a Roma, impegnò l’architetto Armando Brasini nella realizzazione di una vera e propria “cittadella” espositiva; gli scenografici padiglioni, poi impiegati per le ambientazioni del film Quo Vadis, furono progettati come elementi cardine di un utopico spazio urbano dove potesse di-mostrarsi la rinascita, tutta fascista, del mito imperiale.

  13. Diversidad florística y conservación del Santuario Regional de Piura Manglares San Pedro de Vice-Sechura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Charcape-Ravelo

    2013-05-01

    Full Text Available El presente trabajo se llevó a cabo con la finalidad de conocer la composición de las fanerógamas del Santuario Regional de Piura Manglares San Pedro de Vice-Sechura. Su importancia radica en que es el manglar más austral del Pacífico de Sudamérica. Dicho trabajo fue realizado desde abril del 2000 hasta febrero del 2004. Para la realización del presente estudio se realizaron visitas periódicas cada dos meses al lugar, se colectaron las plantas bajo procedimientos estándar. Las muestras se determinaron en el lugar y algunas fueron llevadas al laboratorio de Botánica de la Universidad Nacional de Piura y al laboratorio de Botánica Fanerogámica de la Universidad Nacional de Trujillo para su determinación definitiva; luego, las muestras se depositaron en el herbario en formación de la Universidad Nacional de Piura. El manglar consiste en primer lugar de árboles y arbustos de Avicennia germinans (L. L. (Verbenaceae «mangle prieto». En el presente inventario se documentan un total de 44 especies de fanerógamas correspondiendo a 36 géneros en 21 familias para el manglar.

  14. Proverbi italiani nell'Europa del nord

    DEFF Research Database (Denmark)

    Toftgaard, Anders

    2014-01-01

    Alla fine del Cinquecento i nobili danesi che avevano appreso l’italiano in Italia erano numerosi, tanto che si potrebbe parlare di un orientamento "italianista" vigente nella corte di Cristiano IV di Danimarca (1577-1648, re minore 1588 e coronato nel 1596). A parte il ruolo svolto dai viaggi di...... formazione nelle città universitarie del Nord Italia, così come in altre città europeee (Lione, Basilea, Ginevra), curiosamente l'interesse per l’italiano fu stimolato dal contatto con le corti di Scozia e d’Inghilterra e un protagonista importante di questo fenomeno fu il riformato modenese Giacopo...... collezione nostalgica di modi di dire caratteristici nella sua lingua da parte dell'esule, nel «dolce ricordo» della «già felice Italia», con i suoi consigli su come impiegare i proverbi, Il significato d’alquanti belli et vari proverbi dell’italica favella può essere considerato una continuazione pedagogica...

  15. La intervención del Estado, la desigualdad y el deseo en la invención de los espacios escolares rurales en tres regiones de México en el periodo posrevolucionario

    OpenAIRE

    López,Oresta; Ramos,Norma; Espinosa,Armando Rene

    2013-01-01

    En este ensayo exponemos tres miradas al mundo escolar rural en tres regiones del centro y norte de México, durante la primera mitad del siglo XX. Nos interesa explorar aspectos importantes de los contextos que llevan a acciones del estado a intervenir en las construcciones y equipamientos de las escuelas rurales en tres regiones: el Valle del Mezquital en Hidalgo, Nuevo León y San Luis Potosí. Situamos nuestras investigaciones en el periodo posterior a la revolución mexicana, nos interesa ha...

  16. Regional assessment of anthropogenic impacts on air, water and soil, case: Huasteca Hidalguense, Mexico; Evaluacion regional del impacto antropogenico sobre aire, agua y suelo, caso: Huasteca Hidalguense, Mexico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gordillo Martinez, Alberto Jose; Cabrera Cruz, Rene Bernardo Elias; Hernandez Mariano, Marisol; Galindo, Erick; Otazo, Elena; Prieto, Francisco [Centro de Investigaciones Quimicas, Universidad Autonoma del Estado de Hidalgo, Pachuca, Hidalgo (Mexico)]. E-mail: gordillo@uaeh.edu.mx; rcabreracruz@yahoo.com.mx

    2010-08-15

    The state of Hidalgo, Mexico presents an important environmental problem that manifests itself in different ways. To identify the sources, types and the magnitude of pollutants, an inventory of sources of industrial and domestic pollution for air, water and soil in ten municipalities of the Huasteca Region of the state was carried out using the technique of Rapid Assessment of Sources of Environmental Pollution and the results are reported in this paper. A total of combined pollutants emitted was 116 978.95 tons/year. Gasoline vehicles contributed 11 039 tons/year of air pollutants and diesel vehicles 1521 tons/year. For water, industrial sources contributed 22 496 tons/year and domestic effluents 15 776 tons/year. Soil pollution was a result of industrial solid waste, 4025 tons/year, and municipal solid waste, 62 121 tons/year. By municipality, Huejutla de Reyes is the most polluted in air, water and soil, with 53 % of the regional total. These results were evaluated in relation to environmental quality of each medium based on the Mexican regulations; these levels are above permissible limits for water and soil. A database with relevant information was prepared as a support for efficient management of pollutant emissions, provide base mark data for complementary studies, and to promote the future conservation of environmental quality and the biological richness of the area. [Spanish] El estado de Hidalgo, Mexico presenta una importante problematica ambiental que se manifiesta de manera heterogenea a lo largo de su territorio. Existe la necesidad de conocer las fuentes, tipos de agentes contaminantes y su magnitud. En este trabajo se realizo un inventario de la contaminacion emitida por fuentes de origen industrial y domestico en aire, agua y suelo en diez municipios de la region de la Huasteca por medio de la tecnica de Evaluacion Rapida de Fuentes de Contaminacion Ambiental (ERFCA). El total de la contaminacion emitida fue de 116 978.95 ton/ano. Las emisiones al

  17. Una teoria del gioco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adolfo Barbatelli

    2006-11-01

    Full Text Available Questo articolo è la prima parte di un lavoro di ricerca sul gioco d’azzardo nella città di Napoli. Per parlare di gioco d’azzardo ho preliminarmente cercato delle coordinate concettuali per definire il concetto di gioco prendendo come punti cardinali le concezioni del gioco di: 1 Huizinga, storico del pensiero di matrice storicistico-idealistica degli anni ’30; 2 Caillois, il versatile sociologo francese degli anni ’50; 3 Lanternari, antropologo dinamista italiano a noi contemporaneo. Il quarto punto cardinale è il radicale disvelamento della natura di costruzione logica di ogni forma di comunicazione fatto da Wittgenstein che mi ha portato alla conclusione che cercare il significato di un concetto (come quello di gioco porta a ragionare su delle idee e che bisogna imporsi un dubbio sistematico quando si ragiona su delle idee. Ma in questo excursus ho provato a tirare le fila sulla letteratura antropologica sull’argomento e, soprattutto, ho trovato delle coordinate concettuali che mi hanno premesso di impostare delle ipotesi che illustrerò nel prossimo articolo che parlerà di gioco d’azzardo.

  18. Síntesis hidrogeológica y modelización regional de la Cuenca Media del Tajo asistida por un SIG

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucini, M.

    2001-04-01

    chosen confiuration ARC/INFO-IDRISIVISUAL MODFLOW has shown its usefulness and versatility to face the modelization of this area, which is characterized for its complexity and big extension.En el presente trabajo se exponen los resultados obtenidos de la aplicación de un Código Numérico de Modelización Hidrogeológica (CNMH asistido por un Sistema de Información Geográfica (SIG a un área de 20.952 km2 de la cuenca media del Tajo que incluye tanto a las depresiones terciarias del Campo Arañuelo y de Madrid, parcialmente, como al sustrato Igneo-metamórfico del macizo Ibérico hasta una profundidad de 5.500 m. Geográficamente incluye las ciudades de Madrid, Toledo y Talavera de la Reina; el accidente tectónico del Jerte y la confluencia entre el río Tajo y el Tiétar constituyen el área más occidental. Los objetivos del trabajo son, estudiar la problemática de integrar en un modelo hidrogeológico regional de gran escala formaciones de características hidrogeológicas muy distintas, analizar y definir una configuración SIG-CNMH para aplicar en el estudio, y avanzar en el conocimiento regional desde una perspectiva integradora y multidisciplinar. Se trabaja con un modelo isótropo y cinco anisótropos, estos últimos considerando la influencia en el flujo de tres familias de accidentes tectónicos -N 105, N 142.5 y N 168.75- y una esquistosidad media regional N 140. La calibración se basa en piezometría restituida y aportaciones base de la red hidrográfica. Se obtuvieron distintos valores de los parámetros calibrados según el modelo. En todos los casos la calidad del ajuste global es correcta y aceptable; sin embargo, cada uno de los modelos ofrece mejor calidad de ajuste respecto a los restantes en los sectores donde los rasgos que representan coinciden con los del sistema real. La evolución de la permeabilidad en profundidad resultante de la calibración es coherente con la esperada, siendo las relaciones kx/kz = ky/kz = 1, en los primeros 200 m y 0

  19. El avance de los agronegocios en regiones marginales del agro pampeano: concentración de la producción y tensiones entre las fracciones del capital agrario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patricio Vértiz

    2015-12-01

    Full Text Available En la Argentina, durante la última década las actividades agrícolas han avanzado sobre regiones marginales para la agricultura como la Depresión del Salado de la provincia de Buenos Aires. El objetivo central de este trabajo es identificar la diversidad de formas en que se expresan los agronegocios en los partidos de Chascomús y Lezama. Para ello nos proponemos caracterizar los principales agentes socioeconómicos que intervienen en la producción de granos y analizar las disputas que se generan por el uso del suelo. La metodología utilizada consiste en el análisis cualitativo de entrevistas semiestructuradas a informantes clave y a agentes de empresas agrícolas, combinado con el análisis de fuentes de información secundaria.Los resultados del trabajo constatan la intensificación en la competencia por el uso del suelo en la región, concluyendo que las nuevas reglas de juego han implicado la consolidación de algunos sectores (agentes externos y actores locales reconvertidos y la subordinación de otros, entre ellos los estratos de la pequeña producción.

  20. Políticas del audiovisual en el marco de la integración regional mercosureña : Período 1991-2007

    OpenAIRE

    2013-01-01

    La integración regional, como proceso económico, político y social es para los países de América del Sur un desafío y un trabajo pendiente. El Mercado Común del Sur (MERCOSUR) representa ese horizonte inconcluso donde el tratamiento de la comunicación en tanto matriz de cultura no ha llegado a problematizarse. Esta tesis busca explicar las razones por la cuales el bloque regional desestimó el diseño de políticas regionales de radio y televisión desde su creación en 1991 y hasta el año 2007 co...