WorldWideScience

Sample records for mercato agricolo aima

  1. Il mercato bancario verso l'applicazione di nuovi criteri per la segmentazione del protafoglio clienti privati

    OpenAIRE

    A. Omarini

    2006-01-01

    Il lavoro illustra il isignificato della segmentazione di marketing nel mercato bancario oltre a illustrare l'evoluzione dei criteri di segmentazione presentando altresì alcuni dati empirici tratti da ricerche di mercato realizzate nei confronti di clientela retail.

  2. Interventi delle banche centrali sul mercato dei cambi a termine.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. VERNUCCI

    2014-08-01

    Full Text Available L’intervento sul mercato a termine da parte delle Banche Centrali per il sostegno del cambio a pronti e per la protezione delle riserve è uno strumento di indubbia e rapida efficacia perché crea condizioni obbiettive di profitto per stimolare gli effetti voluti. E’ invece assurdo il suo impiego in situazioni di debolezza di fondo pechè non si possono finanziare all’infinito disavanzi persistenti richiamando continuamente nuovi fondi e spostando nel tempo il regolamento degli impegni relativi ai precedenti  afflussi, a prescindere dal fatto che i capitali a breve sono per loro natura non solo limitati ma anche reversibili

  3. Analisi dei cicli del mercato immobiliare: un applicazione sui dati italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Festa!

    2012-06-01

    Full Text Available Utilizzando i dati italiani, sulla base dell'approccio teorico del ciclo "a nido d'ape" proposto da Janssen, Kruijt e Needham nel 1994, questo articolo propone un ulteriore contributo allo studio delle dinamiche del mercato immobiliare italiano. Utilizzando alcuni indicatori del mercato, si presentano i grafici del ciclo a nido d'ape per tutte le regioni e per le principali città. Tecniche di cluster analysis sono utilizzate per raggruppare le regioni che mostrano andamenti simili. L'obiettivo finale dell'analisi è quindi quello di esaminare il territorio nazionale in termini di sviluppo ed evoluzione del mercato delle abitazioni.

  4. La tutela penale del risparmio e del mercato finanziario. L'insider trading

    OpenAIRE

    Rocco, Gian Luigi

    2010-01-01

    2008/2009 1. Il mercato finanziario ed il risparmio costituiscono valori costituzionalmente significativi, data l’importanza che rivestono per il tessuto economico e finanziario di un Paese, tanto più in un’economia globalizzata, come quella contemporanea, sempre più caratterizzata da un processo di finanziarizzazione della ricchezza. L’assetto normativo e regolamentare, che deve presiedere al funzionamento del mercato ed alla gestione del risparmio, è storicamente caratterizzato dal te...

  5. Declino del prodotto agricolo: misure e spiegazioni. ( Decline in the share of the agricultural product: measurements and explanations

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. ERCOLANI

    2013-12-01

    Full Text Available La riduzione della quota dell'agricoltura del prodotto costituisce il cambiamento più importante nella struttura dell'offerta associato con la crescita del reddito. Questo è così costante che può essere considerato una delle "leggi" dell'economia, tuttavia, al fine di comprendere un fenomeno complesso in termini di sviluppo economico, la ricerca di uniformità dovrebbe rappresentare solo l'inizio, non la conclusione dell'analisi. Questo lavoro si concentra sul modello di agricoltura di quota,  tra paesi  nel tempo, e considera i fattori che determinano il relativo declino del prodotto agricolo. I singoli autori  hanno contribuito alla determinazione delle differenze sistemiche tra i paesi dell'agricoltura quota di prodotto. Poi, una valutazione quantitativa dei fattori che hanno causato il declino è presentato.The reduction of agriculture’s share of product constitutes the most important change in the structure of supply associated with income growth. This is so constant that it can be considered one of the “laws” of economics, however, in order to understand such a complex phenomenon in terms of economic development, the search for uniformity should represent only the beginning, not the conclusion of the analysis. This work focuses on the pattern of agriculture’s share, both among countries and over time, and considers the factors which determine the relative decline of the agricultural product. The author singles out the factors other than income that have contributed to the determination of systemic differences among countries in agriculture’s share in product. Then, a quantitative assessment of the factors which have caused the decline is presented.JEL: N50, O13, Q10

  6. L'informazione per l'efficienza e la trasparenza del mercato immobiliare: l'esperienza italiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianni Guerrieri

    2011-12-01

    Full Text Available Il tema affrontato concerne il ruolo dell’informazione economica nell’ambito dei mercati immobiliari. Si parte dai riferimenti della letteratura economica sulla teoria dell’informazione per individuare le informazioni economiche rilevanti per monitorare e analizzare il mercato immobiliare, sia dal punto di vista macroeconomico sia da quello microeconomico. In entrambi gli ambiti non è sufficiente soltanto l’informazione sul prezzo, ma su numerose altre variabili. Sull’importanza dell’informazione economica è utile l’indicatore della trasparenza dei mercati immobiliari elaborato da Jones Lang Lasalle costruito anche sulla base di una valutazione sulla qualità e quantità di informazione economica disponibile sugli oggetti scambiati sui fenomeni che caratterizzano il mercato immobiliare. Si analizza infine lo stato dell’informazione in Italia sul mercato immobiliare ed il ruolo e l’offerta informativa istituzionale resa dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia del Territorio.

  7. Per un'etica degli scambi economici. La funzione civile del mercato in Eiximenis e nella pedagogia politica francescana (1273-1493

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Evangelisti

    2014-03-01

    dell’esercizio del potere, degli scambi nel mercato. Quest’ultimo identificato qual estruttura comunitaria, ovvero una vera e propria agorà civica all’interno della quale la dinamica delle negoziazioni non riguarda solo le merci ma implica anche una riflessione sui pre-requisiti che legittimano l’esistenza del mercato. I francescani, e segnatamente i testi eiximeniani, rivelano una spiccata capacità di interrogarsi sulle ragioni fondative del mercato e del denaro, sulle funzioni civili degli scambi economici e del credito.

  8. Innovazioni finanziarie e organizzazione delle transazioni nel mercato azionario. (Financial innovations and the organisation of stock market trading

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.A. KREGEL

    2013-12-01

    Full Text Available Gli economisti non sono mai stati troppo interessato alle istituzioni che compongono i mercati o al  processo di formazione dei prezzi in essi , avendo invece scelto di studiare la possibilità dell'esistenza di " equilibrio " prezzi in condizioni di concorrenza . Alla luce del recente crollo del mercato azionario , tuttavia , è chiaro che la Borsa di New York non è un mercato competitivo , nel senso di coinvolgere un numero sufficientemente elevato di acquirenti e venditori in modo che nessuna singola operazione ha un impatto permanente sulla determinazione dei prezzi. Questo lavoro suggerisce che è i recenti cambiamenti nella struttura di mercato concorrenziale , che hanno aumentato la volatilità dei prezzi e reso difficile , se non impossibile , per il sistema di " specialista " la formazione dei prezzi al lavoro. Proposte di cambiamento nell'organizzazione del mercato di scambio devono pertanto essere giudicati rispetto delle vigenti condizioni di concorrenza imperfetta , piuttosto che il mercato perfetto idealeEconomists have never been overly interested in either the institutions comprising markets or the process of price formation in them, having instead chosen to study the possibility of the existence of “equilibrium” prices under competitive conditions. In light of the recent stock market crash, however, it is clear that the New York Stock Exchange is not a competitive market in the sense of engaging a sufficiently large number of buyers and sellers so that no individual transaction has a permanent impact on the determination of prices. This work suggests that it is the recent changes in competitive market structure which have increased the volatility of prices and made it difficult, if not impossible, for the “specialist” system of price formation to work. Proposals for change in the organisation of market trading should thus be judged relative to the prevailing imperfectly competitive conditions, rather than the ideal

  9. Remote control systems evolution in the new open energy market; Evoluzione del telecontrollo nel nuovo mercato dell'energia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castiglioni, L. [Soluzioni hardware/software per l' automazione e il controllo degli impianti industriali, Taizzano sul Naviglio, Milan (Italy)

    2001-12-01

    Considering new energy market in Italy, the new role of remote control applications is discussed. In the open market the whole electric process is managed by several different actors; common protocol scheme and additional sharing data policies are necessaries facing the increased communications requirements due to deregulation. Remote control systems evolution then will lead from process oriented to data management oriented systems; related methodologies and solutions are described. [Italian] Il telecontrollo, nell'ambito del nuovo mercato dell'energia, diviene di importanza fondamentale per la necessita' di condivisione dei dati verso il livello di pianificazione e di analisi prestazionale. Viene individuata una linea evolutiva per i sistemi di telecontrollo, dove da un'attenzione rivolta al processo si passa a sistemi orientati all'apertura verso l'esterno e al data management. Vengono descritte alcune metodologie orientate allo scambio dati tra centri e verso sistemi esterni.

  10. The evolution of European and Italian electric market; L'evoluzione del mercato elettrico auropeo ed italiano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cedola, L.; Di Stasio, G. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Meccanica ed Aeronautica

    2000-09-01

    Energy requirement is a primary need for mankind. Energy production is tackled with sustainable, economic and environmental problems. The fossil sources using, such as coal and natural gas, the efficiency increasing of technology through cogeneration and combined cycles and the liberalisation of the electric market are some of the most important actions that will be undertaken in the next few years. [Italian] La richiesta di energia rappresenta un bisogno primario per l'uomo. La produzione enrgetica comporta pero' problemi di approvvigionamento, economici ed ambientali. Il ricorso a fonti fossili diverse dal petrolio (carbone e gas naturale), l'aumento dell'efficienza di alcune tecnologie (la cogenerazione ed i cicli combinati) e la libralizzazione del mercato elettrico sono alcune delle principali azioni alle quali oggi si ricorre per ottimizzare la generazione di potenza.

  11. Il mercato monetario canadese.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.S.G. WILSON

    2014-08-01

    Full Text Available Canada provides one of the leading examples of a country in which the development of a money market has been officially encouraged and assisted. In particular, the Canadian experience emphasises what can be achieved in quite a short space of years, given the necessary underlying conditions that favour the emergence of such a market, plus the support of both the Government and of the central bank. The present article details the development of the Canadian money market the large changes it has undergone with regard to borrowing requirements, greater intermediation and increasing diversity of instruments and techniques.JEL: E44, E52

  12. The deregulation of the Italian natural gas industry and diversification processes in the down-stream sector; I riflessi dell'apertura del mercato italiano del gas naturale sul riposizionamento strategico degli operatori nel settore down-stream

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fazioli, R. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy); Quaglino, S. [Cap Gemini Ernst and Young, Energy Division, Milan (Italy); Di Domenico, M. [Milan Bocconi Univ., Milan (Italy). Istituto di Economia delle Fonti di Energia

    2000-07-01

    The opening of the italian gas market , due to the privatisation and liberalisation process, has been implemented by the important normative evolution of this sector both at european and national level. The debate following this process in the gas market has focussed, basically, on the up-stream sector leaving aside the important down-stream sector also concerning gas local distribution and sales. In this article it is paid more attention to the down-stream sector considering the firms' evolution from a basic mono utility to multi utility and multi services organisational structure. This potential firms' evolution in the italian gas market will be considered also referring to specific international experience in this market. [Italian] L'apertura del mercato italiano del gas naturale e' la conseguenza, principalmente, dei processi di privatizzazione e liberalizzazione che sono seguiti alla normativa europea e nazionale che disciplinano tale mercato. Il dibattito seguito a questo processo si e' essenzialmente focalizzato sul settore up-stream e poca attenzione e' stata invece rivolta all'importante settore down-stream, ossia la distribuzione locale e la vendita. Su tale settore si focalizza l'attenzione di questo articolo nell'intento di delineare i possibili scenari di sviluppo delle imprese operanti che, da una semplice strutura mono-utility, si evolvano verso una struttura multi-utility e multi-service.

  13. Gas Market deverticalization and liberalization: simulate the effect of different attack and defence; La segmentazione del mercato della vendita del gas naturale e l'introduzione della totale liberalizzazione: una simulazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Drusiani, Renato [Federgasacqua, Roma (Italy); Fazioli, Roberto; Matino, Paola [Ferrara Univ., Ferrara (Italy). Laboratorio Utilities e Enti locali

    2005-05-15

    The Autorita' per l'Energia Elettrica e il Gas (Aeeg-Italian Electricity Regulator) and The Autorita' Garante per la Concorrenza e il Mercato (Agcm - Italian Competition and Market Regulator) have pointed out that, despite the process of deverticalization and liberalization started with the 'Decreto Letta', oligopolistic blocks still exist in the up stream segment of the natural gas supply chain. Such a liberalization process apparently did not bring about those expected, outstanding benefits for the final users, to such extent that it took action from the Aeeg itself to regulate the final prices, thus dramatically hampering the complete opening of the market and ultimately undermining its expected results. Furthermore, the natural gas industry operators are all aware that competition in the down stream segment (distribution) will be, as it is righi now, limited only to the more attractive industrial use. This parer analyzes and simulates, based on empirical data, the effect of different attack and defence strategies between incumbents and competitors, whose identification is based more on the financial solidity they show in developing competition strategies than their management efficiency level. Il is our intent to add a contribution to the national debate in terms of simulation of a price competition between incumbent and competitor, in order to evaluate how likely it is far oligopolistic blocks to occur. As a second step, a simplified competition analysis, applied to a real-life situation, has been carried out. The questions tackled in this simulation, which is based on the game theory, concern, first and foremost, the demonstration that an oligopolistic block in the up stream affects the down stream, and how such effects bear on the various categories of users. As a final corollary, a question of industrial policy: are the effects of an asymmetric liberalization such as to induce a supply side concentration which is rather based on the

  14. Household appliance data collection and market survey in central and eastern european countries; Raccolta dati e analisi del mercato sugli apparecchi elettrodomestici nei paesi dell'Europa centrale e orientale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Presutto, M. [ENEA, Funzione Centrali Studi, Centro Ricerche Ispra, Vercelli (Italy); Ricci, A. [Istituto di Studi per l' Integrazione dei Sistemi, Rome (Italy); Meli, L. [ANIE, Federazione delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche, International Affaires Direction, Milan (Italy)

    2001-07-01

    legate all'efficienza energetica e alla compatibilita' ambientale di questi prodotti e dall'altro per identificare possibili scenari di miglioramento. Viene qui descritto il lavoro svolto, con particolare attenzione alla raccolta dati e all'analisi del mercato e i principali risultati ottenuti. L'esperienza acquisita dall'ENEA e piu' in generale dal Gruppo di Lavoro Italiano potrebbe essere messa a frutto nei paesi dell'America Latina, dove progetti simili potrebbero supportare la definizione di misure per il miglioramento dell'efficienza energetica degli usi finali elettrici. La disponibilita' di dati attendibili e' infatti essenziale al superamento delle barriere all'introduzione di qualsiasi politica energetica. L'efficace implementazione e l'armonizzazione regionale di politiche e misure sono estremamente importanti nell'America del Sud, anche se difficili da perseguire e la cooperazione internazionale e' fondamentale. L'approccio sviluppato con i progetti SACHA puo' facilitare il raggiungimento di questi obiettivi rendendo disponibile una consolidata metodologia analitica ed uno schema di provata efficacia per la raccolta sistematica e l'analisi di dati ed informazioni.

  15. Riforme monetarie e Mercato Comune Europeo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B. BALASSA

    1977-06-01

    Full Text Available The Jamaica Agreement essentially grants every country the freedom to determine its own exchange rate system, thus confirming a situation characterised by a wide variety of national arrangements. This situation has given rise to considerable uncertainty as regards trade and capital movements. The present work argues that greater stability in financial arrangements among the EEC countries would reduce uncertainty and contribute to harmonious economic development in the European area. Specifically, the author makes proposals for the adoption of a three-pronged approach to lessening uncertainty in trade and payments and to strengthening the European integration process. The proposals include establishing rules for exchange rate adjustments, harmonising national economic policies and creating a parallel currency, the Europa. JEL: E42, F36, F33

  16. Ricerca del saggio di capitalizzazione nel mercato immobiliare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Simonotti

    2011-12-01

    Full Text Available In the search of capitalization rate, the international valuation standards impose the reference to the data and the information of real estate market of the same segment or, very probably, in similar segments of the property being appraised. In this last case with adjustments of rents and market prices. The adjustments don’t concern the capitalization rate but rents and prices. Accordingly capitalization rate cannot be obtained by the rate other than real estate investments, for instance financial, because a property market segment, where data can be collected, always exists.

  17. La convenienza economica di un impianto agro energetico ad olio vegetale: un’opportunità per il settore agricolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adele Finco

    2010-12-01

    Full Text Available The development of agro-energy chains, in particular vegetable oil production, can represent, in Italy, an opportunity for the achievement of policy’s objectives set by the European Union and for the agricultural sector.The aim of this study is to verify the existence of the “vegetable oil chain” at national and regional level, taking into account the Marche Region scenario (centre of Italy, the number of plants and their connection with the agricultural sector. From the methodological point of view, the paper evaluates trough a cost benefit analysis the economic performance of a vegetable oil plant, considering how the policies and the prices of raw materials affect it.

  18. Stima dei danni economici indotti dai cambiamenti climatici sul settore zootecnico e agricolo toscano: previsioni per il periodo 2007-2099

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iacopo Bernetti

    2009-10-01

    Full Text Available The climate change verified at global and local scale involves several environmental and socio-economic impacts. Thus, the definition of techniques able to quantify economic damage results to be very important in order to apply proper form of management of vulnerable systems. Following the Intergovernmental Panel on Climate Change, risk has been defined as a function of hazard and vulnerability/resilience lines of evidence. Dempster-Shafer theory of evidence and fuzzy measures were applied to develop a framework for the assessment of economic damage. The results of the hazard and vulnerability assessment were used to develop an economic framework based on spatial analysis procedure applied to raster maps. Assessment method has been implemented with the maps, in order to quantify in monetary terms the costs to be supported. The framework was then tested on Tuscany agricultural sector.

  19. Alcune riflessioni sul Valore Agricolo e sul Valore Venale nel Testo Unico sugli espropri alla luce di alcune recenti innovative sentenze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Marone

    2008-06-01

    Full Text Available The quantification of the compensation payment for expropriation, which is mainly an economic assessment issue, has been not sufficiently studied above all in relation with the complex relationships that it has with the judicial-normative aspects which regulates the expropriation for public purposes. The case of partial expropriation, the economic-estimative meaning of the expression “agricultural value” and the quantification criteria for the compensation payments in the case of building areas represent for sure some of the most relevant issues concerning the quantification of the compensation payment. The aim of this paper is to go in deeper detail on those issues which offer very interesting cues of thoughts. In these sentences the judges propose interpretations of the regulations which are important for the definition of the appraisal question and in the determination of the compensation payment.

  20. I prodotti editoriali nella rete-mercato fra editori e consumatori

    OpenAIRE

    Richeri Giuseppe

    2010-01-01

    The article analyze the main sectors of the publishing industry highlighting major features and factors that encourage or curb the shift from physical to intangible. To-day publishers are able to find a very wild on-line market for their products that offer the possibility to change in deep the organizational and costing structure, the time to market of the editorial contents and their life cycle. In the article is described also how on-line market give the possibility to broad or create the ...

  1. Mercato culturale: El nacimiento de la ornamentación de un Coliseo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauricio Oviedo Salazar

    2015-05-01

    Full Text Available La República de Costa Rica, al igual que muchas otras naciones latinoamericanas a lo largo del siglo XIX, asumió la ruta para construir un Estado positivo a partir de políticas económicas liberales y un programa cultural basado en modelos europeos. Las negociaciones y contrataciones, principalmente con Europa, efectuadas para la construcción y ornamentación del Teatro Nacional de Costa Rica (1891-1897, fueron sumamente complejas. Ciertamente, el Ministro Plenipotenciario en el Exterior Marqués Manuel María de Peralta y Alfaro desempeñó un rol esencial en este proyecto, no obstante, la red de personas participantes fue más amplia. Respecto del proyecto de ornamentación y decoración de este inmueble, nos preguntamos: ¿Cómo se llevaron a cabo las relaciones entre los mercaderes italianos y el Estado costarricense? Mediante la revisión de fuentes primarias y secundarias, utilizando el método hipotético-deductivo, hemos podido realizar un esbozo de las relaciones comerciales-culturales de cinco comerciantes italianos, a saber, Francesco y Lorenzo Durini, Ruy Cristóforo Molinari, Attilio Lazaro Riatti y Gaetano de Benedictis; con algunos ciudadanos costarricenses que actuaron en calidad de representantes del Estado: Adolfo Erba, el Marqués de Peralta, Ricardo Pacheco Marchena y Juan José Ulloa Giralt.

  2. Concetto di mercato e antitrust (The concept of the market and antitrust

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Sabbatini

    2013-10-01

    Full Text Available In order for the concept of the market to play a significant and non-contradictory role in economic (and antitrust analysis, two conditions must be fulfilled. First, the characteristics of demand must be such as to demarcate a market unequivocally. Second, the competition in a specific market must have limited interaction with the rest of the economy. In general, these conditions cannot be met. First, the non-constancy of the elasticity of the demand function means that the size of the market depends on its structure and on the behaviour of its agents. Second, given differentiated products, the competitive relations between them will be heterogeneous, giving rise to as many market segments as there are individual products. Third, supply-side substitutability, i.e. the possibility of using a given technique to produce several products (not all in the same market ensures that intra-industry economic dynamics prevail over intra-market ones. Finally, multi-market contacts between firms generate overall strategic conduct, making analysis of any particular market irrelevant.  JEL Codes: K21, L40 

  3. Doppia imposizione sui redditi transfrontalieri tra ordinamenti tributari e mercato europeo.

    OpenAIRE

    Bottazzi, Cristiana

    2012-01-01

    La ricerca affronta in modo unitario e nell’ottica europea i multiformi fenomeni della doppia imposizione economica e giuridica, assumendo come paradigma iniziale la tassazione dei dividendi cross-border. Definito lo statuto giuridico della doppia imposizione, se ne motiva la contrarietà all’ordinamento europeo e si indagano gli strumenti comunitari per raggiungere l’obiettivo europeo della sua eliminazione. In assenza di un’armonizzazione positiva, il risultato sostanziale viene raggiunto...

  4. Uva da tavola ipocalorica, possibilità di coltivazione e nuove prospettive di mercato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donato Antonacci

    2017-01-01

    Full Text Available According to the CODEX STAN 255 (2007, table grapes can be harvested when the refractometric index reaches at least 16° Brix. Grapes with a lower refractometric index are accepted provided the sugar/acid ratio (Total Soluble Solids/Tritatable Acidity – TSS/TA is at least equal to 20:1 if the Brix level is comprised between 12.5° and 14° Brix, 18:1 if the Brix level is comprised between 14° and 16° Brix. Some table grapes grown in Mediterranean climate can accumulate TSS higher than 16° Brix, with low levels of acidity, thus leading to a TSS/AT ratio even greater than 30: 1. Grapes that accumulate TSS less than 12.5° Brix and low TA levels, hardly reach the recommended ratio TSS/TA of 20:1, rather stopping at lower values. Based on these considerations in 2012 an experimental trial of four years started on a total of 103 table grape cvs. Phenological phases in relation to the acidic and sugar content were measured in order to assess the TSS/TA ratio and build regression lines with TSS. Almost all cvs. showed a significant linear regression, with R2 values higher than 0.80 and a standard error between 00.18 and 1.74. TSS values of 103 cvs. at TSS/TA ratio of 20:1, predicted by means of linear regression equations, , were subjected to cluster analysis based on Euclidean Distance. We identified nine clusters, of which the first two with the predicted TSS between 10.04° and 11.77° Brix (7 cvs. and 12.08° and 12.62° Brix (7 cvs., respectively. Some of the cvs. showing TSS values below 12.5° Brix at the TSS/TA of 20: 1, were subjected to a test panel of 24 tasters, who were asked to indicate the acceptability of these grapes on hedonic scale of 9 points. Preliminary results showed that for some table grapes with TSS below 12.5° Brix, a SST/AT ratio lower than the recommended 20:1 can be proposed, while preserving an acceptability by the consumer. These results suggest a more modern perspective on grapes nutritional intake, which takes into account the real needs of Western countries where diabetes, hyperglycemia, obesity and cardiovascular diseases are the main dismetabolisms arising from a diet too rich in calories. These grapes thus represent a new frontier and an opportunity for producers of table grapes, who want to enterprise a market share on “grape diet”, and represent a genetic basis for breeding aimed at obtaining new hypocaloric grape cultivars.

  5. Sistemi finanziari basati sulle banche e sul mercato: realtà o finzione?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B. SCHOLTENS

    2013-10-01

    Full Text Available Many distinguish between financial systems with a dominant role for banks and those with a dominant role for financial markets, assuming this is of great importance for economic development. The author analyses why the distinction might matter, first by investigating how bank and market finance affect economic development. A framework to analyse the financial system is then developed. Finally, a comparative analysis of two so-called bank-oriented countries (Germany and Japan and two so-called market-oriented countries (the UK and the US is performed to reveal whether or not there are fundamental differences between their financial systems. The evidence does not support the idea of a distinction between bank- and market-based financial systems, with all four countries showing unique characteristics.  JEL Codes: G00Keywords: Economic development, Bank finance, Market finance

  6. Il mercato delle eurovalute come "sostituto" di altre fonti di credito

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    W.D. MCCLAM

    2014-10-01

    Full Text Available The inflationary implications of the Euro-currency market continue to be a source of contention and misunderstanding. One view on the matter is that the market, having some potential for net credit creation, adds dangerously to the rate of world credit expansion. As a challenge to this view, there are others who caution that the case for joint action is not yet well-founded. The author sides with the latter argument, arguing that considerable evidence can be found to show that the growth of the Euro-currency market represents to a significant extent a substitution for, rather than an addition to, credit expansion in other forms. Euro-currency credits appear to be substitutes for four alternative types of accommodation: domestic credit to non-banks, domestic “monetary base” creation, foreign money markets and forward exchange markets. JEL: E31, E44, E51

  7. Mercato monetario, banche e nuove procedure di controllo della banca centrale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Luisa Marinelli

    2012-04-01

    Full Text Available Does central bank keep the control of bank deposits and bank rates by influ-encing the very short interest rate (overnight on the money market? The article focuses on liquidity management under two different bank ap-proaches. If bank is a creator of deposits, bank liquidity management influences bank rates, but deposits (money tend to become endogenous. While, if bank operates as intermediary among competitive markets, either bank rates or deposits are endogenously determined, and monetary rates become the price that equilibrate banking activity. Official rate adjustments have only the function of signalling the new range of equilibrating rates to banking operators.  JEL Codes: E51, E52 

  8. Il mercato dei diritti d’impianto dei vigneti nel Veneto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Galletto

    2015-02-01

    Full Text Available The paper represents a pioneering study of market for vineyard planting rights. Based on two ad hoc surveys, it is aimed at identifying the characteristics of demand, supply and prices for planting rights in Veneto Region since first transactions (1995 to 2007. Results give a picture of a highly heterogeneous market, showing significant changes not only in prices. The use of cluster analysis have made possible to find out the presence of local market segmentation. Thanks to a demand, which grew faster than local supply, prices increased sharply until 2004; then a quick downturn followed. A wide gap exists between maximum and minimum price in the same zone combined with strong spatial price variability among and within provinces.

  9. Il mercato dei dispositivi per stomia in cinque paesi europei: lezioni per l’Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dante Cornago

    2001-06-01

    Full Text Available Aim of the present study is to analyze the international market of the ostomy devices in Italy, France, Germany, U.K. and Denmark. The ostomy systems are technologically mature devices, and the more interesting market developments are about innovative modality of distribution and patients technical support, like home distribution. For every country it has been applied a common pattern, based on four aspect of the ostomy devices market: 1. the legislative aspect; 2. the prescription procedure; 3. the different models of distribution; 4. the competitive systems of pharmaceutical industry. All the data in this study has been galthered through relevant literature and interviews with the area operators. The ostomy devices are repayable against medical prescription in all the studied countries; significant legislative differences are registered in the repayment prices determination. For all the studied countries, in the decisional process related to the choice of one or another device, the essential role is played by the ostomy hospital nurse, that advises the patient immediately after the surgery. Finally, the more significant examples to innovate purchase and distribution process of ostomy devices in Italy comes from Denmark and U.K., where the home distribution is already available and it is working.

  10. Dalla teoria delle passioni al nuovo ordine: mercato e capitalismo in Adam Smith

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    T. RAFFAELLI

    1994-06-01

    Full Text Available It is the paradigm of political economy as an autonomous science, distinguished from ethics and politics, that Adam Smith is considered to be the "founding father" of. However, this confinement has at time resulted in a distorted of his views with regards to the central themes of later times, making him at times to be the supporter of methodological individualism, of unconditional liaise faire and the minimal state, and of the full coherence between private and public interest. Indeed, he has been pushed out of his historical context to take on almost absurd traits. Stereotypical and anti-historical aspects of these images of Smith were often detected in the past, but only recently have they become the subject of a critique that also involves the paradigmatic character of the Smith’s work. Taking into account this extraordinary wealth of new studies, the author proposes some reasons in favour of the interpretation of Smith as the theorist of capitalism and the father of political economy.

  11. Dalla teoria delle passioni al nuovo ordine: mercato e capitalismo in Adam Smith

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    T. RAFFAELLI

    2013-10-01

    Full Text Available It is the paradigm of political economy as an autonomous science, distinguished from ethics and politics, that Adam Smith is considered to be the "founding father" of. However, this confinement has at time resulted in a distorted of his views with regards to the central themes of later times, making him at times to be the supporter of methodological individualism, of unconditional liaise faire and the minimal state, and of the full coherence between private and public interest. Indeed, he has been pushed out of his historical context to take on almost absurd traits. Stereotypical and anti-historical aspects of these images of Smith were often detected in the past, but only recently have they become the subject of a critique that also involves the paradigmatic character of the Smith’s work. Taking into account this extraordinary wealth of new studies, the author proposes some reasons in favour of the interpretation of Smith as the theorist of capitalism and the father of political economy.  JEL Codes: B12 

  12. Il doppio mercato dei cambi: uno strumento addizionale di politica economica.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. BARATTIERI

    2014-08-01

    Full Text Available This paper analyses the possible effects of the two-tier foreign exchange market. This system, which has been in operation in Belgium for over 15 years, has recently found new supporters, as is indicated by the fact that during the international monetary crisis of May 1971 the EEC Commission counselled its adoption. The author first analyses the reasons which may justify restrictions on the freedom of capital movements, both in the short run and in the longer term. Some of the technical characteristics of a two-tier foreign exchange market are then examined before the well-known Mundell analysis of the efficiency of monetary and fiscal policy in an open economy is extended to the case of a country with such a system. Finally, the author draws some conclusions and compares a two-tier system with other instruments designed to reduce the undesired repercussions of high capital mobility.JEL: F31, F36, E62

  13. Progresso tecnico, forme di mercato e disoccupazione. ( Technical progress, market forms and unemployment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. ASIMAKOPULOS A.

    2013-12-01

    Full Text Available Lo scopo del presente lavoro è triplice . Il primo obiettivo è quello di sottolineare l'importanza delle intuizioni da trovare nel lavoro di Sylos Labini . Il secondo scopo è quello di espandere su di essa distinguendo tra i diversi tipi di progresso tecnico . Infine , il terzo obiettivo è quello di commentare il confronto di Labini di Ricardo e Keynes sulla possibilità di disoccupazione tecnologica . Per quanto riguarda la sua descrizione del progresso tecnologico come " risparmio di lavoro " , l'autore mostra che una descrizione più completa sarebbe più utile per i suoi scopiThe purpose of the present paper is threefold. The first purpose is to emphasise the importance of the insights to be found in Sylos Labini’s work. The second purpose is to expand upon it by distinguishing  between the different types of technical progress. Finally, the third purpose is to comment on Labini’s comparison of Ricardo and Keynes on the possibility of technological unemployment. Regarding his description of technological progress as “labour saving”, the author shows that a more comprehensive description would be more useful for his purposes.JEL: E24, J64, O33

  14. Il ruolo delle banche centrali nel funzionamento e nella regolazione del mercato delle eurovalute.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. OSSOLA

    2014-08-01

    Full Text Available The work assesses Eurocurrency markets and possible official interventions for regulating Eurobanking activity. The author first looks at the definition and origins of the Euromarket. Its structure, functioning and dimensions are then analysed. The problem of regulating Eurobanking activity is then taken into consideration as well as the nature and content of possible intervention by official authorities to regulate Eurocurrency flows.JEL: E58, E44

  15. Il mercato dei dispositivi per stomia in cinque paesi europei: lezioni per l’Italia

    OpenAIRE

    Dante Cornago; Livio Garattini

    2001-01-01

    Aim of the present study is to analyze the international market of the ostomy devices in Italy, France, Germany, U.K. and Denmark. The ostomy systems are technologically mature devices, and the more interesting market developments are about innovative modality of distribution and patients technical support, like home distribution. For every country it has been applied a common pattern, based on four aspect of the ostomy devices market: 1. the legislative aspect; 2. the prescription procedure;...

  16. Forze di mercato, azione sindacale e la curva di Phillips in Italia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. MODIGLIANI

    2014-09-01

    Full Text Available This study is an extension of two previous studies in which the authors build upon their model of trade union action on contract renewals. To this end, a distinction is made between the percentage of workers at any given moment of time whose new contracts take effect on or before the expiration date of their previous contract. The model is subjected to economic tests with data referring to the Italian industrial sector. The central conclusion is that, since with the wave of strikes initiated by the contract renewals of Fall 1969, the Phillips curve has shifted to the right and upwards and its slope for any given level of unemployment is nearly doubled with respect to the slope prevailing in the previous twenty years. Some implications concerning the present conditions of dynamic instability of the inflationary process are then highlighted.JEL: E24, E31, J51

  17. Separate collection of MSW. Technical and economical survey; Evoluzione e mercato della ricerca differenziata. Aspetti tecnici ed economici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Riganti, V. [Pavia Univ., Pavia (Italy). Dipt. di Chimica Generale, Cattedra di Chimica Merceologica; Vaccari, V. [Pavia Univ., Pavia (Italy). Dipt. di Ricerche Aziendali, Cattedra di Tecnologia dei Cicli Produttivi; Miranda, S. [CISPEL Lombardia, Segreteria Tecnica del Gruppo di Lavoro Ambiente, Milan (Italy)

    2000-01-01

    In this work the increasing of the separate collection of MSW (Municipal Solid Wastes) in Italy, has been studied, in terms of environmental improving, materials recycling and energy recovery, developing the concerning technical and economical aspects. The national situation has been evaluated too, on the basis of a statistical approach, carried out using data from reports of: CRS-Pro Acqua, ANPA, Federambiente. [Italian] Lo sviluppo della raccolta differenziata in Italia viene delineato in funzione della tutela ambientale e del recupero di materie e di energia, sviluppandone gli aspetti tecnici ed economici. Viene altresi' presentato un quadro statistico delle raccolte differenziate sulla base di elaborazioni da varie fonti (CRS-Pro Acqua, ANPA, Federambiente).

  18. Dimensoni di impresa, divisioni del lavoro e ampiezza del mercato. (Firm size and the division of labor

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B. CONTINI

    2013-12-01

    Full Text Available La recente pubblicazione del 1981 del Censimento industriale in Italia ha messo in evidenza un fenomeno di cui vi erano già stati alcuni segni da un certo numero di anni - il fatto che le imprese manifatturiere di ogni settore stanno riducendo le loro dimensioni. I dati indicano che sia l'aspetto di un gran numero di piccole imprese nuove e la riduzione del numero medio dei dipendenti delle imprese esistenti di tutte le dimensioni hanno contribuito a questo . Conclusioni simili sono state tratte per gli altri paesi europei. L'ipotesi dell'autore è che la riduzione osservata della dimensione media delle imprese è causata da due fattori concomitanti: ( 1 la maggiore rigidità della struttura dei costi complessivi delle imprese commerciali; ( 2 la maggiore incertezza nei mercati dei fattori e dei prodotti , il che rende le strutture organizzative più flessibili desiderabile .The recent publication of Italy’s 1981 Industrial Census has highlighted a phenomenon of which there had already been some signs for a number of years - the fact that manufacturing firms in every sector are reducing their size. The data indicate that both the appearance of a large number of small new firms and the reduction in the average number of employees in existing firms of all sizes have contributed to this. Similar conclusions have been drawn for other European countries. The author’s hypothesis is that the observed reduction in the average size of firms is caused by two concurrent factors: (1 the increased rigidity of the overall cost structure of business firms; (2 the increased uncertainty in both factor and product markets, which makes more flexible organisational structures desirable.JEL: L16, L60, O14

  19. International trade, technological change and evolution of work market; Commercio internazionale, cambiamento tecnologico e mercato del lavoro

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cacciotti, M.

    1999-07-01

    The report estimates the historic series of wages and employment depending on the average unit value of importation prices in the most important european countries, Italy, France and Germany for the years 1988-1996. Results shows that in the traditional sectors, with unskilled employment are negative influenced by international trade, otherwise, in the technological advanced sectors, influenced are to be considered positive. [Italian] Lo studio sottopone a stima le serie storiche dei salari e dell'occupazione in funzione del valore medio unitario dei prezzi alle importazioni per i piu' importanti paesi europei, Italia, Francia, Germania, durante il periodo 1988-1996. I risultati mostrano che per i settori tradizionali, che impiegano manodopera meno qualificata, il commercio internazionel tende ad influenzare negativamente i livelli salariali ed occupazionali, mentre per i settorui tecnologicamente piu' avanzati determina variazioni positive dei salari e dell'occupazioni.

  20. Cogeneration: A new opportunity for energy production market; La cogenerazione: Una nuova opportunita` per il mercato della produzione di energia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minghetti, E [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    1997-03-01

    Cogeneration or Combined Heat and Power (CHP) is an advantageous technique based on the simultaneous utilisation of electricity and heat produced. For this purpose existing energetic technologies are used. Cogeneration is based on the thermodynamics principle that producing electricity by combustion process means, at the same time, producing waste heat that can be useful utilised. Three main advantages can be lay out in a cogeneration plant: 1. High efficiency (the global efficiency is often around 80-90%). 2. Economic profit (pay back time is usually not longer than 2-4 years). 3. Low pollutant emissions (as a consequence of the high efficiency less fuel is burned for generating the same quantity of electricity). In this report are analysed various aspects of cogeneration (technical and economical) and the conditions influencing is development. Some figures on the european and national situation are also given. Finally are presented the research and development activities carried out by Italian National Agency for new Technology Energy and the Environment Energy Department to improve the efficiency and the competitiveness of this technology.

  1. MERCATO AGROALIMENTARE E CATENA DEL VALORE: PROPOSTE PER IL SISTEMA INTEGRATO DI PIATTAFORME LOGISTICHE MULTIFUNZIONI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI REGGIO CALABRIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Malaspina

    2014-12-01

    Full Text Available The proposal of a sustainable mobility project for the use of assets requires evaluations regarding the balances that regulate the territory and its functions that necessarily involve the introduction of the concept of quality. The efficiency of public transport and collective services, the well-kept historical center, the suburbs integrated and connected with the entire city, a strong morphological and cultural identity of the settlement, are, on the whole, the results that a careful project of the territory should be able to achieve. This contribution intends to deal with the issue of public mobility and accessibility in a view of territorial development linked to the use of the urban area asset of Reggio Calabria.

  2. La funzione di produttività di Sylos Labini tra mercato e territorio: un'analisi econometrica per le regioni italiane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulio Guarini

    2007-06-01

    Full Text Available This study analyzes the labour productivity for the Italian regions estimating the Sylos Labini's function. In this function, in dynamic term, the labour productivity depends positively on market (Smith effect, on unit labour cost (organization's effect, on difference between wages and prices of machine (Ricardo effect and past investments, while it depends negatively on current investments (disturbance effect. According to the estimates, for the Italian regions, these three effects are significant; moreover the dimension of these effects are conditioned by sector and territorial peculiarities. In particular, the Smith effect could be determined by the phenomenon of labour hoarding for which during recession entrepreneur prefers to reduce utilization of workers that fire them. Finally, the significance of investments could be caused by an important multicollinearity between present and past investments.

  3. Gli investimenti di portafoglio nelle economie di mercato emergenti:tendenze, dimensioni e problemi (Portfolio Investment in Emerging Market Economies: Trends, Dimensions and Issues

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dilip K. Das

    2012-04-01

    Full Text Available Securitised financial flows to emerging market economies have become an important feature of the global capital flows. The principal focus of this paper is on an in-depth analysis of current trends in securitised financial flows. It lays special emphasis on private portfolio equity investment into the emerging market economies. The paper begins with the analysis of the process of stimulation of these flows, and identifies the institutional, structural and non-cyclical factors behind them. One of the points it emphasises is the progressively important role of institutional investors, which is the causal factor behind a significant increase in the quantum of portfolio investment into the emerging market economies. These flows were adversely affected by the financial crises of the 1990s. The subject matter of this paper also includes two of the most important policy issues, namely, the "hot money and cold money" issue and the volatility issue.       JEL Codes: G11, O16, F32, P33Keywords: Capital Flows, Financial Flows, Portfolio

  4. Gli investimenti di portafoglio nelle economie di mercato emergenti:tendenze, dimensioni e problemi (Portfolio Investment in Emerging Market Economies: Trends, Dimensions and Issues

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dilip K. Das

    2000-09-01

    Full Text Available Securitised financial flows to emerging market economies have become an important feature of the global capital flows. The principal focus of this paper is on an in-depth analysis of current trends in securitised financial flows. It lays special emphasis on private portfolio equity investment into the emerging market economies. The paper begins with the analysis of the process of stimulation of these flows, and identifies the institutional, structural and non-cyclical factors behind them. One of the points it emphasises is the progressively important role of institutional investors, which is the causal factor behind a significant increase in the quantum of portfolio investment into the emerging market economies. These flows were adversely affected by the financial crises of the 1990s. The subject matter of this paper also includes two of the most important policy issues, namely, the "hot money and cold money" issue and the volatility issue.

  5. Forme di mercato e sistema finanziario. Spunti dalla testimonianza di Sylos Labini alla Commissione parlamentare di inchiesta sui limiti posti alla concorrenza nel campo economico. (Market structure and financial system. Suggestions from Paolo Sylos Labi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2016-04-01

    Full Text Available The article builds on the Proceedings of a 1962 Italian Parliamentary enquiry commission on competition, to examine the impact of different market structures on the financial system. The author focuses in particular on the evolution of the banking sector in Italy. Text of the speech given at the conference "Paolo Sylos Labini e la politica delle riforme", held at Sapienza University of Rome on 04 December 2015, organized by the Accademia dei Lincei with Economia Civile. JEL codes: B31, K21, G28 

  6. Forme di mercato e sistema finanziario. Spunti dalla testimonianza di Sylos Labini alla Commissione parlamentare di inchiesta sui limiti posti alla concorrenza nel campo economico. (Market structure and financial system. Suggestions from Paolo Sylos Labini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2016-03-01

    Full Text Available The article builds on the Proceedings of a 1962 Italian Parliamentary enquiry commission on competition, to examine the impact of different market structures on the financial system. The author focuses in particular on the evolution of the banking sector in Italy. Text of the speech given at the conference "Paolo Sylos Labini e la politica delle riforme", held at Sapienza University of Rome on 04 December 2015, organized by the Accademia dei Lincei with Economia Civile.

  7. MC and A software assistance to Ukraine

    International Nuclear Information System (INIS)

    Ewing, T.; McWilliams, C.; Olson, A.

    1997-01-01

    AIMAS (Automated Inventory/Material Accounting System) is a PC-based application that is being developed as part of the U.S. assistance program to Ukraine in Nuclear Material Protection, Control, and Accounting (MPC ampersand A). The AIMAS software prototype was designed to provide a starting point for joint U.S./Ukraine system development. Computer systems with AIMAS prototypes have been installed at Kiev Institute of Nuclear Research (KINR), Sevastopol Institute of Nuclear Energy ampersand Industry (SINEI) and the Ministry of Environmental Protection and Nuclear Safety database management system (RDBMS) and application development environment. It has been designed to be highly flexible and configurable, and to support a wide range of computing infrastructure needs and facility requirements. AIMAS functions include basic physical inventory tracking, transaction histories, reporting, and system administration functions (system configuration and security). Security measures include multilevel password access controls, all transactions logged with the user ID, and system administration controls. Interfaces to external modules are being designed to provide nuclear fuel burn-up adjustment and barcode scanning capabilities for physical inventory taking. 1 ref

  8. Nuclear material accounting software for Ukraine

    International Nuclear Information System (INIS)

    Doll, M.; Ewing, T.; Lindley, R.; McWilliams, C.; Roche, C.; Sakunov, I.; Walters, G.

    1999-01-01

    Among the needs identified during initial surveys of nuclear facilities in Ukraine was improved accounting software for reporting material inventories to the regulatory body. AIMAS (Automated Inventory/Material Accounting System) is a PC-based application written in Microsoft Access that was jointly designed by an US/Ukraine development team. The design is highly flexible and configurable, and supports a wide range of computing infrastructure needs and facility requirements including situations where networks are not available or reliable. AIMAS has both English and Russian-language options for displays and reports, and it operates under Windows 3.1, 95, or NT 4.0trademark. AIMAS functions include basic physical inventory tracking, transaction histories, reporting, and system administration functions (system configuration, security, data backup and recovery). Security measures include multilevel password access control, all transactions logged with the user identification, and system administration control. Interfaces to external modules provide nuclear fuel burn-up adjustment and barcode scanning capabilities for physical inventory taking. AIMAS has been installed at Kiev Institute of Nuclear Research (KINR), South Ukraine Nuclear Power Plant (SUNPP), Kharkov Institute of Physics and Technology (KIPT), Sevastopol Institute of Nuclear Energy and Industry (SINEI), and the Ministry of Environmental Protection and Nuclear Safety/Nuclear Regulatory Administration (MEPNS/NRA). Facility specialists are being trained to use the application to track material movement and report to the national regulatory authority

  9. 77 FR 44441 - Swap Transaction Compliance and Implementation Schedule: Clearing Requirement Under Section 2(h...

    Science.gov (United States)

    2012-07-30

    ... international regulators to avoid market disruption and avoid regulatory arbitrage. The American Council of Life... providing so much time as to engender a material, competitive advantage or regulatory arbitrage. AIMA... days to comply with the Clearing Requirement in respect of their foreign currency hedging activities...

  10. MC and A software assistance to Ukraine

    International Nuclear Information System (INIS)

    Ewing, T.; McWilliams, C.; Olson, A.

    1999-01-01

    The U.S. Department of Energy is assisting nuclear facilities in Ukraine to improve their ability to protect, control, and account for the nuclear material under their authority. Early in the assistance program the Ukrainian representatives requested assistance in automating the material accounting at their facilities. A Pc-based application, AIMAS (Automated Inventory/Material Accounting System), was designed to provide a starting point for joint U.S./Ukraine system development. Computers with AIMAS prototypes have been installed at Kiev Institute of Nuclear Research (KINR), South Ukraine Nuclear Power Plant (SUNPP), Kharkiv Institute of Physics and Technology (KIPT), Sevastopol Institute of Nuclear Energy and Industry (SINEI), and the Ministry of Environmental Protection and Nuclear Safety (MEPNS). Microsoft Access 2.0, a windows-based relational database management system, is the application development environment. Since it is necessary to support a wide range of computing infrastructure needs and facility requirements, AIMAS has been designed to be highly flexible and user configurable. AIMAS functions include basic physical inventory tracking, transaction histories, reporting, and system administration functions (system configuration and security). Security measures include multilevel password access controls. all transactions logged with the user ID, and system administration controls. Interfaces to external modules are being designed to provide nuclear fuel burnup adjustment and bar code scanning capabilities for physical inventory taking. (author)

  11. MC and A software assistance to Ukraine

    International Nuclear Information System (INIS)

    Ewing, T.; McWilliams, C.; Olson, A.

    1997-09-01

    The US Department of Energy is assisting nuclear facilities in Ukraine to improve their ability to protect, control, and account for the nuclear material under their authority. Early in the assistance program the Ukrainian representatives requested assistance in automating the material accounting at their facilities. A PC-based application, AIMAS (Automated Inventory and Material Accounting System), was designed to provide a starting point for joint US and Ukraine system development. Computers with AIMAS prototypes have been installed at Kiev Institute of Nuclear Research (KINR), South Ukraine Nuclear Power Plant (SUNPP), Kharkiv Institute of Physics and Technology (KIPT), Sevastopol Institute of Nuclear Energy and Industry (SINEI), and the Ministry of Environmental Protection and Nuclear Safety (MEPNS). Microsoft Access 2.0, a windows-based relational database management system, is the application development environment. Since it is necessary to support a wide range of computing infrastructure needs and facility requirements, AIMAS has been designed to be highly flexible and user configurable. AIMAS functions include basic physical inventory tracking, transaction histories, reporting, and system administration functions (system configuration and security). Security measures include multilevel password access controls, all transactions logged with the user ID, and system administration controls. Interfaces to external modules are being designed to provide nuclear fuel burnup adjustment and bar code scanning capabilities for physical inventory taking

  12. Il mercato del lavoro nel mutamento del sistema penitenziario: dalle rivoluzioni industriali ai networks sociali / Labour market and changement of the penitentiary system: from the Industrial Revolutions to the social networks / Marché du travail et changement du système pénitentiaire à partir des révolutions industrielles jusqu'aux réseaux sociaux

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fanci Giovanna

    2008-10-01

    Full Text Available There is a close connection between the prison institution and the labour market which leads back to the origins of prison, in a modern sense. The social, economic and political background of this relationship is marked by the “industrial revolutions”, because during these times the ideas of «division of labour» and «discipline» were defined and consequently influenced the new prison organization models. The Penitentiary Act recognizes the prisoner's right to work. Therefore to fill the gap between the prison and the territory, a political integrated model – both social and penitentiary – is required. In the text, this will be illustrated by experiences of prisoners and ex-prisoners at the Information Office Windows. The network method has given input to a procedure considered as an efficient way of managing the social complexity and a fair services distribution device; but, at the same time, it introduces “alternative” forms of social control.La naissance des prisons et le marché du travail sont liés par une relation qui revient aux origines de la prison en sens moderne. La scène qui fait d’arrière-plan à cette relation est contremarquée par les révolutions industrielles pendant lesquelles les notions de «division du travail» et de «discipline» ont été définies et ont étés décisives afin d'élaborer un modèle nouveau d'organisation des prisons. Aujourd’hui la législation pénitentiaire reconnaît au prisonnier le droit au travail: de cette façon, la liason entre la prison et le territoire requiert un plan intégré composé par de politiques pénitentiaires et sociales, ici expliqué par l’expérience positive des Guichets d'information pour détenus et ancien détenus. Le système de réseau a fait démarrer une “proceduralisation” qui apparaît un outil efficace de gestion de la complexité sociale et d’une equitable destination des services, mais qui risque de produire aussi des systèmes “alternatifs” de contrôle social.

  13. Interesse pubblico, collezioni private e mercato: contraddizioni e dicotomie in attesa di una legge nazionale di tutela. La collezione Valentini di San Severino Marche ed altri casi / Public interest, private collections and market: contradictions and dichotomies waiting for a national protection law. Valentini’s collection of San Severino Marche and other cases

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Paparello

    2014-06-01

    Full Text Available Il contributo esamina tentativi e vicende di alienazione agli esordi del XX secolo, proponendo l’esame dei documenti ministeriali riferiti al patrimonio storico artistico locale, pubblicati in appendice e prevalentemente inediti. Vengono rese note sei immagini fotografiche relative a dipinti provenienti dalla collezione Valentini di San Severino Marche, fra i quali la tavola rappresentate un santo francescano già attribuita da fonti manoscritte a Lorenzo d’Alessandro. L’indagine prosegue chiarendo le dinamiche che hanno condotto all’alienazione all’estero della predella di Lorenzo Lotto dalla collezione Grimaldi e allo smembramento della collezione Carradori di Recanati. This contribution analyses  some significant events of sale of pieces of art at the beginning of XX century in Marche region. In the appendix,  the ministerial documents referred to the historic local assets, unknown before, are presented and discussed. Moreover, six photographic images of Valentini's collection of San Severino Marche are published for the first time, including a picture of a franciscan saint traditionally credited to Lorenzo d'Alessandro. This investigation tries to clarify the causes of the sale abroad of Lorenzo Lotto's altar-step from the Grimaldi collection and of the the splitting of the Carradori from Recanati's collection.

  14. Self-Reported quality of life in adults with attention-deficit/hyperactivity disorder and executive function impairment treated with lisdexamfetamine dimesylate: a randomized, double-blind, multicenter, placebo-controlled, parallel-group study.

    Science.gov (United States)

    Adler, Lenard A; Dirks, Bryan; Deas, Patrick; Raychaudhuri, Aparna; Dauphin, Matthew; Saylor, Keith; Weisler, Richard

    2013-10-09

    This study examined the effects of lisdexamfetamine dimesylate (LDX) on quality of life (QOL) in adults with attention-deficit/hyperactivity disorder (ADHD) and clinically significant executive function deficits (EFD). This report highlights QOL findings from a 10-week randomized placebo-controlled trial of LDX (30-70 mg/d) in adults (18-55 years) with ADHD and EFD (Behavior Rating Inventory of EF-Adult, Global Executive Composite [BRIEF-A GEC] ≥65). The primary efficacy measure was the self-reported BRIEF-A; a key secondary measure was self-reported QOL on the Adult ADHD Impact Module (AIM-A). The clinician-completed ADHD Rating Scale version IV (ADHD-RS-IV) with adult prompts and Clinical Global Impressions-Severity (CGI-S) were also employed. The Adult ADHD QoL (AAQoL) was added while the study was in progress. A post hoc analysis examined the subgroup having evaluable results from both AIM-A and AAQoL. Of 161 randomized (placebo, 81; LDX, 80), 159 were included in the safety population. LDX improved AIM-A multi-item domain scores versus placebo; LS mean difference for Performance and Daily Functioning was 21.6 (ES, 0.93, PPsychological Health was 12.1; Life Outlook was 12.5; and Relationships was 7.3. In a post hoc analysis of participants with both AIM-A and AAQoL scores, AIM-A multi-item subgroup analysis scores numerically improved with LDX, with smaller difference for Impact of Symptoms: Daily Interference. The safety profile of LDX was consistent with amphetamine use in previous studies. Overall, adults with ADHD/EFD exhibited self-reported improvement on QOL, using the AIM-A and AAQoL scales in line with medium/large ES; these improvements were paralleled by improvements in EF and ADHD symptoms. The safety profile of LDX was similar to previous studies. ClinicalTrials.gov, NCT01101022.

  15. Attitude Determination and Control System Design for a 6U Cube Sat for Proximity Operations and Rendezvous

    Science.gov (United States)

    2014-08-04

    entire rartge in steps of 1 % due to the rapid solenoid valve actuation. The requirement of the control system is to provide pointing control accuracy of...and accuracy are discussed. 1S. SUBJECT TERMS Nanosatellite, laser rangefinder, ARAP AIMA, USAF, object imaging, shape reconstruction, space-based...thrusters can be modulated over the entire range in steps of 1% due to the rapid solenoid valve actuation. The requirement of the control system is to

  16. Potential benefits of selling by auction the CIP 6 energy; Effetti della vendita tramite asta dell'energia CIP 6

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Campidoglio, C. [Istituto per la Ricerca Sociale, Milan (Italy). Osservatorio Energia

    2000-12-01

    This paper analyses the potential benefits of selling by auction the CIP 6 energy. This would both reduce the supply shortage and the prices on the eligible market, increase competition on the contract-for-difference market, indicate a clear price to which regulated energy charges could be indexed, thus extending the auction benefits to the franchise market to avoid the reintroduction of cross-subsidies. [Italian] L'articolo analizza i possibili benefici della vendita tramita asta dell'energia CIP 6. In particolare, l'asta ridurrebbe la scarsita' d'offerta e quindi i pressi sul mercato libero, aumenterebbe la concorrenza nel mercato dei contratti per differenza, fornirebbe un prezzo chiaro a cui indicizzare il prezzo dell'energia in tariffa, estendendo i benefici dell'asta sul mercato vincolato ed evitando la reintroduzione di sussidi incrociati.

  17. Lo spazio rurale come risorsa strategica in Paesaggi coltivati, paesaggio da coltivare di Alessandra Cazzola

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Maino

    2015-10-01

    Full Text Available A. Cazzola emphasizes on a new culture of open areas, where the rural space is understood as a strategic resources to landscape redevelopment. In the book ‘Paesaggi coltivati, paesaggio da coltivare. Lo spazio agricolo dell’area romana tra campagna, territorio urbanizzato e produzione’ are outlined methodological criteria and address for a lecture and a planning of rural landscape that can offer either sustainable food or non-commercial products, addressed to protection and environmental compensation, to social building, to safeguard of cultural identities and rural landscape revitalization. Everything through actions calibrated on local landscape specificity, either traditional identity signs or new elements, sometimes dissonant and lacerating.

  18. Il difficile rapporto tra cultura e mercato in Italia. Note a margine della ricerca "Le attività culturali e lo sviluppo economico: un esame a livello territoriale" / The difficult relationship between culture and market in Italy. Notes on the research “Le attività culturali e lo sviluppo economico: un esame a livello territoriale” (Non industrial cultural activities and economic growth: a territorial study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ginevra Domenichini

    2013-01-01

    Full Text Available Il contributo presenta gli esiti della ricerca condotta da Enrico Beretta e Andrea Migliardi sulle interdipendenze tra il settore culturale italiano e il sistema produttivo del Paese; oggetto di analisi sono, in particolare, le attività culturali a contenuto non industriale – arti visive, spettacolo dal vivo, patrimonio artistico-culturale. Partendo dal presupposto che tali risorse possono in vari modi concorrere allo sviluppo, gli Autori propongono una analisi delle dimensioni e caratteristiche del settore da un punto di vista economico e gestionale-amministrativo. Le considerazioni avanzate in merito allo sfruttamento di tale risorsa e gli interventi di policy proposti per una sua corretta valorizzazione offrono un significativo contributo sotto il profilo teorico-conoscitivo e applicativo al dibattito, estremamente attuale, sul valore e le potenzialità di sviluppo, anche economico, del settore.   The paper presents the output of the research conducted by Enrico Beretta and Andrea Migliardi on the connections between the Italian cultural sector and the Country’s economy; the study focuses, in particular, on non industrial cultural activities which include the visual and performing arts and the heritage. Acknowledging their contribution to development, the Authors analyse the dimensions and characteristics of the sector both from an economic and administrative/managerial perspective. Their remarks on the current level of exploitation of such resource and the suggested policy recommendations for its enhancement represent a valuable contribution to the current debate on the value and development potentials of the sector.

  19. Bricolage nei quarant’anni della Consob e dintorni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Cavazzuti

    2015-12-01

    Full Text Available The article describes the institution of Consob, Italy's stock exchange supervisory commission, and the evolution of legislation and trends in corporate law. Text of the speech given at the conference "Mercato e Concorrenza", 18 November 2015, organised the Accademia dei Lincei with Economia civileJEL codes: N24, L44, N20

  20. Bricolage nei quarant’anni della Consob e dintorni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Cavazzuti

    2015-12-01

    Full Text Available The article describes the institution of Consob, Italy's stock exchange supervisory commission, and the evolution of legislation and trends in corporate law. Text of the speech given at the conference "Mercato e Concorrenza", 18 November 2015, organised the Accademia dei Lincei with Economia civile.

  1. L’evoluzione del diritto delle società per azioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Weigmann

    2015-12-01

    Full Text Available The article describes the evolution of corporate law in Italy from the postwar period to the most recent innovations. Text of the speech given at the conference "Mercato e Concorrenza", 18 November 2015, organised the Accademia dei Lincei with Economia civile

  2. Review of Los nuevos amos de la tierra. Land Grabbing (Liberti, 2015

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Germán Ignacio Ochoa

    2017-01-01

    Full Text Available Stefano Liberti. 2015. Los nuevos amos de la tierra. Land Grabbing. Bogotá: Penguin Random House Grupo Editorial. 250 pp. ISBN: 9788430616886. [Título original en italiano: Land Grabbing. Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo].

  3. A means of reviewing the customer-bank relationship

    OpenAIRE

    A. Omarini

    2009-01-01

    Il lavoro intende presentare una nuova tendenza nel marketing bancario rappresenta dal concetto di customer experience applicato al mercato finanziario, con particolare riferimento allo sviluppo della multicanalità. Sono inoltre presentati alcuni dati di una ricerca telefonica realizzata nei confronti di un campione di 1000 cliente retail italiani.

  4. Linee di credito e investimenti in Europa: evidenza dala crisi finanziaria

    NARCIS (Netherlands)

    Campello, M.; Giambona, E.; Graham, J.R.; Harvey, C.R.; Guida, R.; Mele, A.

    2012-01-01

    Durante la crisi finanziaria del 2008-2009, con l’assottigliarsi della liquidità e dei profitti, molte imprese sono state obbligate ad affidarsi a linee di credito bancarie. Sorprendentemente, si conosce ben poco riguardo a questi piani di credito in una normale situazione di mercato; ancora meno si

  5. L'Europa accelera sul progetto Grid

    CERN Document Server

    2003-01-01

    "Il consorzio pan-europeo Egee sta pilotando a Bruxelles la complessa operazione che dotera' l'Europa di un mercato comune delle risorse di calcolo sulla base del modello Grid (griglia di calcolo, trasporto e distribuzione di dati)" (1 page).

  6. Pene canoniche, sanzioni islamiche e modelli economico-speculativi: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Sorvillo

    2016-03-01

    SOMMARIO: 1. Elementi distorsivi caratterizzanti ed effetti collaterali dei modelli economico-speculativi – 2. Il ruolo delle religioni nell’ammortamento delle devianze dei sistemi di mercato – 3. Pene canoniche e sanzioni islamiche: i diritti religiosi a sostegno della finanza etica.

  7. Programación de espacios de estados con Java en asignaturas de inteligencia artificial

    OpenAIRE

    Mandow, Lawrence

    2015-01-01

    La representación mediante espacios de estados es un elemento central en los cursos sobre inteligencia artificial simbólica. Las prácticas de programación resultan muy importantes para la asimilación de este concepto. En este trabajo presentamos un software orientado a objetos en Java diseñado para facilitar la asimilación del concepto de espacio de estados y lo comparamos con las clases proporcionadas para la misma tarea en el software aima-java. A continuación se res...

  8. Proximal Intermetatarsal Divergence in Distal Chevron Osteotomy for Hallux Valgus: An Overlooked Finding.

    Science.gov (United States)

    Akpinar, Evren; Buyuk, Abdul Fettah; Cetinkaya, Engin; Gursu, Sarper; Ucpunar, Hanifi; Albayrak, Akif

    2016-01-01

    The goal of distal chevron osteotomy for hallux valgus is to restore proper first-toe joint alignment by performing lateral translation of the distal first metatarsal fragment (the metatarsal head). We hypothesized that in some patients this procedure might also result in involuntary medial translation of the proximal first metatarsal fragment, which we called proximal intermetatarsal divergence. The aim of the present study was to compare the pre- and postoperative radiographs of patients with hallux valgus to determine whether we could identify proximal intermetatarsal divergence. We retrospectively compared the pre- and postoperative radiographs of 29 feet in 28 patients treated with distal chevron osteotomy. Two different methods were used to measure the intermetatarsal angles: the anatomic intermetatarsal angle (aIMA) and the mechanical intermetatarsal angle (mIMA). The maximum intermetatarsal distance (MID) was also measured. We defined proximal intermetatarsal divergence as a postoperative increase in the aIMA or MID, coupled with a decrease in the mIMA. For data analysis, we divided the patients into low-angle (mild deformity) and high-angle (severe deformity) groups, according to their preoperative mIMA. The mean ± standard deviation patient age was 41 ± 14 years. In the low-angle group, the mean mIMA decreased (from 10.91° to 7.00°), the mean aIMA increased (from 11.80° to 13.55°), and the mean MID increased (from 17.97 mm to 20.60 mm; p = .001, for all). In the high-angle group, the mean mIMA decreased (from 14.30° to 6.90°; p = .001), the mean aIMA decreased (from 14.77° to 13.54°; p = .06), and the mean MID decreased (from 20.74 mm to 20.37 mm; p = .64). The results of our study suggest that proximal intermetatarsal divergence might occur after distal chevron osteotomy for hallux valgus, primarily in patients with a low preoperative mIMA. Copyright © 2016 American College of Foot and Ankle Surgeons. Published by Elsevier Inc. All

  9. Visualisation of subchondral erosion in rat monoarticular arthritis by magnetic resonance imaging

    International Nuclear Information System (INIS)

    Carpenter, T.A.; Everett, J.R.; Hall, L.D.; Harper, G.P.; Hodgson, R.J.; James, M.F.

    1995-01-01

    High-resolution magnetic resonance imaging (MRI) was used to investigate antigen-induced monoarticular arthritis (AIMA) in the rat. In sagittal, spin-echo images of the knee, characteristic parallel bands, in the order dark-light-dark, were consistently observed 5-8 days after arthritis induction; the bands ran concentric with, and just beneath, the femoral and tibial articular surfaces. Concurrent radiology, histology and MRI (chemical shift-selective imaging and contrast enhancement with magnetisation transfer and gadolinium) established that the phenomenon reflected subchondral erosion, not artefact. The outer hypointense band corresponded to calcified cartilage underlying the articular surface. The central hyperintense band reflected inflammatory matrix displacing normal haematopoietic tissue immediately subchondrally; here, trabecular bone had mostly disappeared, but adjacent articular cartilage, although under attack and lacking proteoglycan, appeared structurally normal. The inner hypointense band reflected deeper, truncated trabeculae within inflammatory matrix, layered with pallisading osteoblast-like cells. This study exemplifies the power of MRI for revealing localised joint pathology non-invasively, and shows that rat AIMA shares many pathological features with arthritis in human beings. (orig.)

  10. Pierre Rabhi: agro-ecology, femininity and Śakti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carola Benedetto

    2016-01-01

    Full Text Available Nato in Algeria, in una tradizione musulmana, da adolescente Pierre Rabhi si converte al Cristianesimo e a vent’anni approda a Parigi per lavorare come operaio specializzato. Dopo tre anni di una vita “in scatola” abbandona la capitale per installarsi nel Sud Est della Francia. Diventato operaio agricolo, si oppone però ben presto alla logica di produttività intensiva e innaturale dell’agricoltura industriale. Da autodidatta studia l’agricoltura biodinamica e biologica applicandone con successo i metodi fino a creare quella che lui ama definire un’oasi di vita. Da anni ormai Pierre Rabhi è incessantemente impegnato a promuovere un nuovo paradigma di vita basato sul rispetto dell'uomo e della terra.

  11. Efficient Multihop Wireless Communications in VANETs

    OpenAIRE

    Busanelli, Stefano

    2011-01-01

    Oggigiorno, una quota rilevante dei veicoli presenti sul mercato è dotata di notevoli capacità computazionali, sensoriali e cognitive. Questi veicoli ``intelligenti'' otterrebbero un beneficio ancora maggiore da queste potenzialità, attraverso l'impiego delle cosiddette comunicazioni inter-veicolari (Inter-Vehicular Communications, IVCs), un insieme di protocolli, standard e tecnologie in grado di dotare i veicoli di capacità comunicative. In particolare, grazie alle tecnologie IVCs, i vei...

  12. Raccontare la storia al tempo delle crisi

    OpenAIRE

    La Valle, Paolo

    2015-01-01

    La ricerca analizza il tema della relazione tra storia e narrazione nella letteratura degli ultimi quindici anni in tre contesti nazionali: Italia, Spagna e Portogalo. Per indagare un campo così vasto si sono identificate tre direttrici principali connesse tra loro, coincidenti con tre "crisi": la crisi del rapporto tra letteratura e mercato, la crisi del concetto di verità e la crisi dello stato nazione. Attraverso le riflessioni sul postmoderno (Lyotard, Jameson Hutcheon) e l’analisi di...

  13. Additivation of polyamide fibers by means of micro- and nano-particles containing jojoba oil

    OpenAIRE

    Persico, Paola

    2006-01-01

    [Italiano] Obiettivo del Progetto di Dottorato, finanziato dalla Nylstar-Italia (azienda produttrice di poliammide), era realizzare fibre ad azione cosmetica per produrre calze, guanti e maglieria intima a nuovo valore aggiunto da introdurre nel mercato dei tessili skin care. Il primo passo dell’attività di ricerca è consistito nell’individuazione dell’agente cosmetico in base alla sua affinità con lo strato cutaneo e alla sua resistenza alla degradazione termica, tenendo conto che la poli...

  14. Un intreccio di iniziative scientifiche. Reti Medievali e il futuro della storiografia digitale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Delle Donne

    2014-12-01

    Full Text Available L’articolo muove dall'esperienza di Reti Medievali per analizzare il modo in cui, più in generale, gli storici hanno guardato e guardano alla rete delle reti. Affronta quindi un tema che si colloca al crocevia tra l’evoluzione delle tecnologie informatiche e telematiche, i percorsi della storiografia e le trasformazioni delle sue metodologie, i mutamenti del mercato della comunicazione scientifica, i cambiamenti nei criteri di valutazione della qualità delle pubblicazioni.

  15. In Brasile: indagine e considerazioni sul panorama contemporaneo e ultracontemporaneo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Iozzi Klein

    2017-11-01

    Full Text Available Lo scenario della letteratura italiana contemporanea tradotta in Brasile comprende autori e titoli consacrati dall’editoria perché ormai “classici” o in quanto campioni di vendite, ma anche giovani autori e nuove opere, spesso pubblicati da editori minori. L’articolo è dedicato a tracciare a grandi linee il panorama attuale, con particolare attenzione per le opere italiane arrivate più recentemente sul mercato brasiliano.

  16. Siro Lombardini su monopolio e concorrenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Terenzio Cozzi

    2015-12-01

    Full Text Available The article builds on the Proceedings of a 1962 Italian Parliamentary enquiry commission on competition, to examine the current Italian situation and the prospects for reform. The author focuses in particular on the testimony by Siro Lombardini. Text of the speech given at the conference "Mercato e Concorrenza", 18 November 2015, organised the Accademia dei Lincei with Economia civileJEL codes: D42, L12, B31.

  17. LA GESTIONE DEI CREDITI ANOMALI IN TEMPO DI CRISI

    OpenAIRE

    MANUELA GERANIO

    2013-01-01

    L'evoluzione del mercato del credito al dettaglio negli anni più recenti, caratterizzati da una riduzione dei volumi erogati e da un aumento delle anomalie, va evidenziando l'importanza di un approccio proattivo e sempre più business oriented anche nella fase di recupero dei crediti, volto a minimizzare i tempi ed i costi della collection nonché a conservare, dove possibile, la relazione con il cliente.

  18. SERGIO STEVE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Pedone

    2015-12-01

    Full Text Available The article builds on the Proceedings of a 1962 Italian Parliamentary enquiry commission on competition, to examine the current Italian situation and the prospects for reform. The author focuses in particular on the testimony by Sergio Steve. Text of the speech given at the conference "Mercato e Concorrenza", 18 November 2015, organised the Accademia dei Lincei with Economia civileJEL codes: B30, L40, H20

  19. A case study: Inclusion for children with psychiatric diagnosis in physical education (PE) at primary school

    DEFF Research Database (Denmark)

    Bentholm, Anette Lisbeth

    A case study: Inclusion for children with psychiatric diagnosis in physical education (PE) at primary school.Research bagground and aim:A large majority in the Danish parliament decided in 2012 that more children with special needs for example children with psychiatric diagnosis as autism spectrum...... activities at least 45 minutes each school day (Bekendtgørelse af lov om folkeskolen, 2014). ASD and ADHD are disabling conditions that emerge in childhood and affects social communication and interaction, and often also their motor skill performance and cognition fx. academic skills (Harvey & Reid, 2003...... framework:My overall research design is a Case study, because the research question requires an “in-depth” description and valuable insights to the complexities of the social phenomenon of inclusion and exclusions processes (Flyvbjerg, 2006; Yin, 2014). The research focus on 11 children with psychiatric...

  20. George Kuzmycz Training Center: 5 years of American-Ukrainian efforts in the field of material control and accounting

    International Nuclear Information System (INIS)

    Gavrilyuk, V.I.; Gavrylyuk, A.V.; Kirischuk, V.I.; Romanova, O.P.; Robinson, P.; Dickerson, S.; Kuzminski, J.; Sheppard, G.A.

    2004-01-01

    The George Kuzmycz Training Center for Physical Protection, Control and Accounting of Nuclear Material (GKTC) was established in October 1998 at the Kiev Institute for Nuclear Research. During the past six years, about 700 professionals from all Ukrainian nuclear installations, executive and regulatory bodies were trained at the GKTC. Future Material Control and Accounting (MC and A) training courses are going to be held even more frequently because Ukraine has already signed the Additional Model Protocol and its ratification by Ukrainian Parliament is expected to happen very soon. Additionally, a number of new training courses will be developed. US DOE trough Argonne National Laboratory has made significant efforts to transfer Automated Inventory/Material Accounting System (AIMAS) software to Ukraine. As a result, AIMAS software can be used as a basic code for the development of the Computerized MC and A System for all Ukrainian nuclear facilities despite their differences. In 2003, a new laboratory for Nondestructive Assay (NDA) was established with assistance from the U.S. Department of Energy. As a result, GKTC training capabilities will increase substantially. Furthermore, in order to increase the efficiency of NDA laboratory, it is planned to use the NDA equipment for a program of interdiction of illicit traffic of nuclear materials in Ukraine. American-Ukrainian MC and A efforts for the last 6 years, the problems encountered and the solutions to these problems, as well as comments, suggestions and recommendations for future activity at GKTC to promote and improve the nuclear material management culture in Ukraine are discussed in detail.

  1. La costituzione dell’INA e il monopolio statale delle assicurazioni (1912-1922 = The constitution of INA and the state monopoly of insurance (1912-1922

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serena Potito

    2012-07-01

    Full Text Available Il saggio –basato principalmente su documenti attualmente conservati presso l’Archivio Storico dell’INA, a Roma– esamina le vicende legate alla nascita dell’Istituto, costituito in un regime transitorio di monopolio relativo nel settore delle assicurazioni sulla vita.A causa del suo significato economico e politico, questa speciale forma di monopolio statale diede luogo a molte reazioni nell’ambito finanziario e politico nazionale, pertanto l’INA iniziò i primi anni di attività in una situazione conflittuale ed incerta.Il saggio inoltre approfondisce le ripercussioni sul mercato assicurativo internazionale in seguito alla nascita dell’INA.Durante il decennio di monopolio parziale dell’Istituto nel settore delle assicurazioni sulla vita (1912-1922, le compagnie di assicurazione straniere ritennero compromessi i loro interessi finanziari nel mercato italiano, e lo osteggiarono fino al 1923, quando una nuova legge riformò il mercato assicurativo sulla vita, abolendo il regime di monopolio.The essay –mainly based on documents actually preserved in the Historical Archives of INA, in Rome– examines the events connected with the foundation of the Institute, established in a transient condition of partial monopoly system in life insurance sector. Because of its economic and political meaning, this special form of state monopoly gave rise to many reactions in the financial and political national context, and so INA started its first years of activity in a troubled and unstable situation. The essay also discusses about the repercussions on international insurance market in consequence of the foundation of INA.During the ten-year perior of partial monopoly of the Institute in life insurance sector (1912-1922, foreign insurance companies deemed their financial interest in Italian market jeopardized, and contrasted with it until 1923, when a new act reformed life insurance market, abrogating monopoly system. 

  2. Literary translation between Italian and English. Publishing trends in Italy, the UK and the USA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Elisa Fina

    2015-12-01

    Full Text Available Abstract - This study aims to investigate publishing trends in literary translation from English into Italian in Italy and from Italian into English in the UK and the USA over the 2000-2008 time span. The data were retrieved from the Index Translationum, an international bibliography of translations managed by UNESCO, and were then stored in three Microsoft Access databases, one for each country. The databases were analysed according to specific criteria, in order to determine trends concerning the amount of translated literature in the three countries, the main publishing houses dealing with translated works, and the most translated genres and authors. This paper is meant to provide a mainly descriptive, but necessary basis for future investigation of socio-cultural as well as market-led processes underlying publishers’ choices and gate-keeping in literary translation. Riassunto - Il presente studio si propone di ricavare e analizzare tendenze caratterizzanti il mercato della letteratura tradotta dall’inglese all’italiano in Italia e dall’italiano all’inglese in Regno Unito e negli Stati Uniti. I dati sono stati estratti da Index Translationum, una database bibliografico internazionale di traduzioni gestito dall’UNESCO, e sono stati inseriti in tre database Microsoft Acess, uno per ciascun Paese. I database sono stati analizzati secondo criteri specifici al fine di ricavare trend relativi alla quantità di letteratura tradotta nei tre Paesi, le maggiori case editrici che si interessano di letteratura tradotta, i generi e gli autori più tradotti. Questo studio intende fornire una base essenzialmente descrittiva ma necessaria per studi futuri sui processi socio-culturali e sulle dinamiche di mercato che influenzano le scelte degli editori, determinando così forme di controllo sul mercato della traduzione letteraria.

  3. Electric utilities strategies in final energy markets; Nuove strategie d'impresa sui mercati finali dell'energia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bianchi, A. [RIE S.r.L., Bologna (Italy)

    2000-07-01

    In rapidly changing markets, electric utilities pay growing attention to customers and service. They are aware that competition needs strategies capable of transforming and strengthening the privileged position resulting from the knowledge of the market. Moreover, this aspect is the link between different value chains to describe new multi utility approaches. [Italian] In mercati in rapida evoluzione, cresce nelle compagnie energetiche l'attenzione al cliente e al servizio; la concorrenza va affrontata con strategie di trasformazione e rafforzamento della posizione di privilegio che la conoscenza del mercato offre. Questo elemento rappresenta poi il ponte tra catene del valore diverse, verso un nuovo approccio multi-servizi.

  4. Natural gas prices in Italy. Tariffs geographical distribution; Metano. Paese che vai, prezzo che trovi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Marrocchelli, A. [ENEA, Rome (Italy). Centro Ricerche Casaccia

    2000-11-01

    The annual report on services and activity carries at some evaluations of data concerned the natural gas market: total consumption, costs and prices in Italy and comparative evaluations with other european countries. [Italian] La relazione annuale sullo stato dei servizi e sull'attivita' svolta, presentata dal Presidente dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas, porta ad alcune considerazioni sui dati che riguardano il mercato del gas naturale: i consumi totali, i costi e i prezzi in Italia, il confronto con i costi e i prezzi praticati negli altri paesi europei.

  5. Genotossicologia di Nanomateriali Ingegnerizzati (ENMs): l’esperienza e i risultati di un confronto di analisi genome-wide in lievito e in pianta.

    OpenAIRE

    Pasquali, Francesco

    2017-01-01

    I nanomateriali ingegnerizzati (ENMs) sono strutture nell’ordine degli 1-100 nm, e sono caratterizzati da proprietà, dovute alle loro ridotte dimensioni e alla reattività superficiale, che li rendono adatti ad un ampia gamma di applicazioni industriali. Le nanotecnologie sono un’industria in rapida crescita, con un valore di mercato che si prevede raggiungerà i 49 miliardi di dollari entro il 2017 (Nanotechnology Market Outlook 2017, RNCOS, Maggio 2013). A causa della loro ampia diffusion...

  6. Parigi / New York 1215 – 1815 – 2015. Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serge Salat

    2015-06-01

    Full Text Available I cambiamenti della Parigi intra-muros (100 kmq e della planimetria di Manhattan (66 kmq elaborata dal Commissioners’ Plan (Piano regolatore si inseriscono in due scale temporali diverse: due millenni nel caso di Parigi, due secoli nel caso di Manhattan. In apparenza molto diverse, la competitività dei poteri feudali da un lato, in una società chiusa, e la competitività del mercato dall’altro, in una società aperta, hanno tuttavia fatto emergere gerarchie parcellari, contraddistinte da gerarchie di scala sorprendentemente simili, come ci fosse all’opera una certa universalità.

  7. Caméralisme italien habsbourgeois et évaluations foncière et agricole (1748-1859

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marie-Lucie Rossi

    2012-07-01

    Es, por tanto, en el corazón del Estado, con el uso de la estimación directa (Estimo, bajo el control de la Administración de la Contabilidad Central, donde se evoluciona, de Milán a Florencia pasando por Reggio Emilia, desde la conservación del patrimonio y la medición de la renta de la tierra de forma estable (rendita fondiaria stabile a la búsqueda y cálculo del ingreso agrícola (reddito agricolo, definido como el resultado de una actividad agrícola que fluctúa, porque depende de la inversión del propietario y del trabajo del campesino. Esta evolución práctica que empezó con la Ilustración ve su finalización y su teoría con la Restauración: produce, al gravar sólo los cultivos más comunes, entre mediados de siglo XVIII y mediados del siglo XIX, la modernización rural.

  8. Evaluation of socio-economic impact of drought events: the case of Po river basin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Musolino Dario

    2017-03-01

    Full Text Available Il paper si focalizza sugli impatti socioeconomici degli eventi siccitosi. Obiettivo del paper è in particolare quello di analizzare gli effetti distributivi degli eventi siccitosi nell’agricoltura, studiando il caso del bacino del Po, l’area agricola più grande ed estesa in Italia. L’approccio teorico e metodologico utilizzato si basa sulla teoria del surplus del consumatore. I risultati più rilevanti delle analisi svolte mostrano che gli effetti delle siccità sono socialmente differenziati. Nel settore agricolo si osserva infatti come l’impatto economico sugli agricoltori è diverso da quello che si registra sui consumatori. Gli agricoltori possono perfino guadagnare dalle siccità, a causa del cosiddetto “effetto prezzo”, causato dalla scarsità di beni agricoli in periodi siccitosi; mentre i consumatori perdono sempre, a causa del sommarsi dell’ “effetto prezzo” e dell’ “effetto quantità”. Impatti di segno e magnitudine diversa sono stati anche stimati tra gli stessi agricoltori, quando distinti per tipologia di coltivazione e per sub-area geografica.

  9. Evolution of Opf techniques; Evoluzione delle procedure di Opf

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Berizzi, A. [Sistemi Elettrici per l' Energia, Milan (Italy); Bovo, C.; Delfanti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Elettrotecnica

    2001-12-01

    The paper analyses some possible applications of Opf techniques to the new market scenario of electric systems. New control tools (the adoption of Facts devices, or the use of correct economical signals related to nodal prices) are introduced. As the technical and economic requirements of the market could give rise to mutual conflict, the use of Multi objective Optimisation (MO) is envisaged. MO allows the management of different objectives and makes it easier to take a decision, as it gives indications on the consequences of the choice with respect to all the objective functions considered. [Italian] A partire dai criteri di ottimizzazione applicati alla pianificazione e all'esercizio dei sistemi elettrici gestiti in maniera tradizionale, l'articolo illustra alcune proposte di Optimal Power Flow (Opf) per il nuovo regime di mercato. Sono presentate due possibili evoluzioni dei metodi tradizionali di Opf, che considerano la presenza di carichi elastici o di dispositivi per la gestione flessibile della rete di trasmissione (Facts). Si riportano anche alcuni risultati ottenuti applicando al problema di Opf metodi di multiobiettivo, utili per contemperare le necessita' dei diversi attori del mercato.

  10. Natural gas fuelled vehicles, energetic and environmental problems; Il gas naturale in autotrazione, aspetti energetici ed ambientali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciancia, A; Pede, G [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt.Energia

    1998-03-01

    The present report deals with the analysis and the presentation of the main problems concerning the introduction of the natural gas fuel for vehicles. The offer and demand side of the NGV market are analyzed, together with the presently available NG fuelled vehicles and the status of the technology for engines and on-board storage systems, with particular regard to the energetic and environmental performance of the system. Finally the NGV market development is presented, and the actors on the stage, showing the opportunities together with the possible obstacle to a wider diffusion of this technology. [Italiano] Il rapporto e` dedicato all`esposizione ed all`analisi delle principali tematiche afferenti all`introduzione del metano nel settore dell`autotrazione. Vengono quindi esaminati nell`ordine la situazione del mercato della domanda e dell`offerta di metano, le realizzazioni veicolari oggi disponibili, la tecnologia e le prestazioni dei motori alimentati a metano e quelle dei sistemi di accumulo a bordo, l`impatto ambientale di questi veicoli. Vengono infine trattati i temi dello sviluppo del mercato e degli attori di questo sviluppo, evidenziandone i possibili sbocchi insieme agli ostacoli che ne limitano la diffusione.

  11. Prevalence of tobacco use among power loom workers - A cross-sectional study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ansari Zaki

    2010-01-01

    Full Text Available Background: Tobacco use is a major public health problem globally. According to the World Health Organization (WHO, tobacco is the second most important cause of death in the world. It is currently estimated to be responsible for about 5 million deaths each year worldwide. In India, it is responsible for over 8 lakh deaths every year. Objective: To estimate the prevalence of tobacco use among power loom workers in Mau Aima Town, District Allahabad, UP. Materials and Methods: Five hundred power loom workers were randomly chosen. Out of them 448 workers were interviewed through a questionnaire survey during May-June 2007. Data on demographics, education, and type of work were collected along with details regarding tobacco use and smoking status, duration of the habit, and daily consumption. Prevalence of tobacco chewing and/or bidi and cigarette smoking, and their sociodemographic correlates, were examined. Results: The overall prevalence of tobacco use was 85.9%; the prevalence of smoking and tobacco chewing were 62.28% and 66.07%, respectively. Statistical analysis showed that smoking is more common in the elderly, while chewing gutka (a type of chewing tobacco is popular among the younger age-groups. Conclusion: The prevalence of tobacco use among power loom workers is very high compared to that in general population. Immediate intervention programs are warranted to reduce the future burden of tobacco-related morbidity among these workers who are already exposed to the highly polluted environment in power loom factories.

  12. Prevalence of tobacco use among power loom workers - a cross-sectional study.

    Science.gov (United States)

    Ansari, Zaki Anwar; Bano, S Nafees; Zulkifle, M

    2010-01-01

    Tobacco use is a major public health problem globally. According to the World Health Organization (WHO), tobacco is the second most important cause of death in the world. It is currently estimated to be responsible for about 5 million deaths each year worldwide. In India, it is responsible for over 8 lakh deaths every year. To estimate the prevalence of tobacco use among power loom workers in Mau Aima Town, District Allahabad, UP. Five hundred power loom workers were randomly chosen. Out of them 448 workers were interviewed through a questionnaire survey during May-June 2007. Data on demographics, education, and type of work were collected along with details regarding tobacco use and smoking status, duration of the habit, and daily consumption. Prevalence of tobacco chewing and/or bidi and cigarette smoking, and their sociodemographic correlates, were examined. The overall prevalence of tobacco use was 85.9%; the prevalence of smoking and tobacco chewing were 62.28% and 66.07%, respectively. Statistical analysis showed that smoking is more common in the elderly, while chewing gutka (a type of chewing tobacco) is popular among the younger age-groups. The prevalence of tobacco use among power loom workers is very high compared to that in general population. Immediate intervention programs are warranted to reduce the future burden of tobacco-related morbidity among these workers who are already exposed to the highly polluted environment in power loom factories.

  13. Strategies for Teaching Maritime Archaeology in the Twenty First Century

    Science.gov (United States)

    Staniforth, Mark

    2008-12-01

    Maritime archaeology is a multi-faceted discipline that requires both theoretical learning and practical skills training. In the past most universities have approached the teaching of maritime archaeology as a full-time on-campus activity designed for ‘traditional’ graduate students; primarily those in their early twenties who have recently come from full-time undergraduate study and who are able to study on-campus. The needs of mature-age and other students who work and live in different places (or countries) and therefore cannot attend lectures on a regular basis (or at all) have largely been ignored. This paper provides a case study in the teaching of maritime archaeology from Australia that, in addition to ‘traditional’ on-campus teaching, includes four main components: (1) learning field methods through field schools; (2) skills training through the AIMA/NAS avocational training program; (3) distance learning topics available through CD-ROM and using the Internet; and (4) practicums, internships and fellowships. The author argues that programs to teach maritime archaeology in the twenty first century need to be flexible and to address the diverse needs of students who do not fit the ‘traditional’ model. This involves collaborative partnerships with other universities as well as government underwater cultural heritage management agencies and museums, primarily through field schools, practicums and internships.

  14. In vitro production of secondary metabolite using Atropa komarovii Bline&Shal (Solanaceae hairy root culture via Agrobacterium rhizogenes ATCC15834

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ofelia Banihashemi

    2017-07-01

    Full Text Available Background & Aim:A new sustainable tissue-based system is presented by plant hairy roots, preserving all of the several specialized types of cell with critical roles in allowing bioactive secondary molecules to be synthesized more consistently as usual. The system is also essential for studying the production of alkaloid in culture. Experimental: The Atropa komarovii leaves were wounded and infected with soil gram-negative bacterium Agrobacterium rhizogenes ATCC15834. After three weeks, the transformation roots and control roots without infection, appeared, and for confirming that T-DNA Ri plasmid fragments were transformed and integrated to plant genome, the rolB gene region, was amplified using PCR. HPLC method was then used for assaying how two tropane alkaloids such as atropine (hyosciamine and scopolamine (hyoscine were produced in hairy roots,control roots, leaves and roots of plantlet. Results: The data indicated that diagnostic 500bp rol B product amplification was exhibited to be present by all the transformed hairy roots. Scopolamine content in hairy roots was considerably greater than that in control roots but greatest (Hyoscyamine atropine content was observed in control roots. Analysis of DW, FW and root length showed that fresh and dry root weight increased in hairy roots compared with that in non transformed root. Recommended applications/industries: The present study demonstrated that secondary metabolite production using medicinal plants concerns many researchers worldwide today and hairy root culture is a useful method for producing tropane alkaloids in solanaceae.

  15. High-resolution magnetic resonance imaging of arthritic pathology in the rat knee

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Carpenter, T.A. (Herchel Smith Lab. for Medicinal Chemistry, Cambridge Univ. (United Kingdom)); Everett, J.R. (Smith Kline Beecham Pharmaceuticals, Betchworth (United Kingdom)); Hall, L.D. (Herchel Smith Lab. for Medicinal Chemistry, Cambridge Univ. (United Kingdom)); Harper, G.P. (Smith Kline Beecham Pharmaceuticals, Welwyn (United Kingdom)); Hodgson, R.J. (Herchel Smith Lab. for Medicinal Chemistry, Cambridge Univ. (United Kingdom)); James, M.F. (Smith Kline Beecham Pharmaceuticals, Harlow (United Kingdom)); Watson, P.J. (Herchel Smith Lab. for Medicinal Chemistry, Cambridge Univ. (United Kingdom))

    1994-08-01

    High-resolution magnetic resonance imaging (MRI) has been used to visualise the changes that occur in both soft tissue and bone during antigen-induced, monoarticular arthritis (AIMA) of the rat knee. Extensive optimisation studies were performed in order to minimise the time of the experiments and to maximise both the signal-to-noise ratio and the contrast in the MR images. The study was cross-sectional rather than longitudinal and at each of the 13 time points studied during the progression of the disease, corresponding X-radiographs and histological sections were obtained. Interpretation of the spin echo MR images was aided by the use of chemical shift-selective imaging, magnetisation transfer contrast and relaxation time experiments, as well as by correlation with the histology and X-radiography data. The MR images clearly show invasion of the synovium by an inflammatory pannus which spreads over the articular cartilage and invades the bone, leading to erosion and later remodelling. Two distinct types of bony erosion were observed: focal erosions, especially at the margins of the joint, and subchondral erosions. It is concluded that MRI provides a sensitive, non-invasive method for investigating both early-stage inflammatory changes and late-stage bony changes in the knee joints of the arthritic rat. (orig.)

  16. High-resolution magnetic resonance imaging of arthritic pathology in the rat knee

    International Nuclear Information System (INIS)

    Carpenter, T.A.; Everett, J.R.; Hall, L.D.; Harper, G.P.; Hodgson, R.J.; James, M.F.; Watson, P.J.

    1994-01-01

    High-resolution magnetic resonance imaging (MRI) has been used to visualise the changes that occur in both soft tissue and bone during antigen-induced, monoarticular arthritis (AIMA) of the rat knee. Extensive optimisation studies were performed in order to minimise the time of the experiments and to maximise both the signal-to-noise ratio and the contrast in the MR images. The study was cross-sectional rather than longitudinal and at each of the 13 time points studied during the progression of the disease, corresponding X-radiographs and histological sections were obtained. Interpretation of the spin echo MR images was aided by the use of chemical shift-selective imaging, magnetisation transfer contrast and relaxation time experiments, as well as by correlation with the histology and X-radiography data. The MR images clearly show invasion of the synovium by an inflammatory pannus which spreads over the articular cartilage and invades the bone, leading to erosion and later remodelling. Two distinct types of bony erosion were observed: focal erosions, especially at the margins of the joint, and subchondral erosions. It is concluded that MRI provides a sensitive, non-invasive method for investigating both early-stage inflammatory changes and late-stage bony changes in the knee joints of the arthritic rat. (orig.)

  17. Evolutionary paths, applications and future development of discrete event simulation systems; Simulazione a eventi discreti: nuove linee di sviluppo e applicazioni

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Garetti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Economia e Produzione; Bartolotta, A.

    2000-10-01

    The state of the art of discrete event simulation tools is presented with special reference to the application to the manufacturing systems area. After presenting the basics of discrete event computer simulation, the different steps to be followed for the successful use of simulation are defined and discussed. The evolution of software packages for discrete event simulation is also presented, highlighting main technological changes. Finally the future development lines of simulation are outlined. [Italian] Viene presentato lo stato dell'arte della simulazione a eventi discreti. Dopo una breve descrizione della tecnica della simulazione e della sua evoluzione, con un particolare riguardo alla simulazione dei sistemi produttivi, sono descritte le fasi della procedura da seguire per condurre unostudio di simulazione e i possibili approcci per la costruzione del modello. Viene infine descritta l'evoluzione dei principali pacchetti software di simulazione esistenti sul mercato.

  18. Laser scanner 3D terrestri e mobile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Ciamba

    2013-08-01

    Full Text Available Recentemente si è svolto a Roma un evento dimostrativo per informare, professionisti e ricercatori del settore inerente il rilievo strumentale, sulle recenti innovazioni che riguardano i laser scanner 3d. Il mercato della strumentazione dedicata al rilevamento architettonico e dell'ambiente, offre molte possibilità di scelta. Oggi i principali marchi producono strumenti sempre più efficienti ed ideati per ambiti di applicazione specifici, permettendo ai professionisti, la giusta scelta in termini di prestazioni ed economia. A demonstration event was recently held in Rome with the aim to inform professionals and researchers on recent innovations on instrumental survey related to the 3d laser scanner. The market of instrumentation for architectural survey offers many possibilitiesof choice. Today the major brands produce instruments that are more efficient and designed for specific areas of application, allowing the right choice in terms of performance and economy.

  19. Laser scanner 3D terrestri e mobile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Ciamba

    2013-08-01

    Full Text Available Recentemente si è svolto a Roma un evento dimostrativo per informare, professionisti e ricercatori del settore inerente il rilievo strumentale, sulle recenti innovazioni che riguardano i laser scanner 3d. Il mercato della strumentazione dedicata al rilevamento architettonico e dell'ambiente, offre molte possibilità di scelta. Oggi i principali marchi producono strumenti sempre più efficienti ed ideati per ambiti di applicazione specifici, permettendo ai professionisti, la giusta scelta in termini di prestazioni ed economia.A demonstration event was recently held in Rome with the aim to inform professionals and researchers on recent innovations on instrumental survey related to the 3d laser scanner. The market of instrumentation for architectural survey offers many possibilitiesof choice. Today the major brands produce instruments that are more efficient and designed for specific areas of application, allowing the right choice in terms of performance and economy.

  20. Uno strumento per la creazione di valore nella realizzazione di edifici sostenibili: la certificazione LEED

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Rick Fedrizzi

    2014-06-01

    Full Text Available Il presente lavoro ha l’obiettivo di delineare gli aspetti chiave della sostenibilità in ambito edilizio focalizzando l’attenzione sul sistema di certificazione LEED® quale strumento “universale” di supporto per la realizzazione, gestione e valutazione di edifici sostenibili. Nella prima parte del lavoro si descrive la rapida diffusione della certificazione LEED nel recente passato quale diretta conseguenza della capacità di questo strumento di rating di adattarsi sia alle specifiche tipologie di edifici, sia alle diversità climatiche e morfologiche dei siti. Nella seconda parte si procede invece a presentare ed analizzare gli aspetti economico-finanziari degli edifici sostenibili con riferimento sia alle metodologie valutative applicabili, sia ai dati della letteratura. Partendo dalle esperienze internazionali in tema di sostenibilità, si procede successivamente a descrivere la situazione italiana, evidenziando la percezione del mercato e le opportunità di sviluppo future.

  1. Una presenza nascosta: battesimi di ‘turchi’ a Firenze in età moderna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Samuela Marconcini

    2013-02-01

    Full Text Available Molti studi ormai hanno messo in evidenza la persistenza del fenomeno della schiavitù in epoca moderna sull’una e l’altra sponda del mar Mediterraneo, frutto di azioni di pirateria o di corsa che alimentavano un fiorente mercato. Il saggio analizza la presenza di schiavi cosiddetti ‘turchi’ a Firenze a partire dal XVII secolo fino a metà del XVIII, sulla base degli attestati di battesimo. Sebbene la natura della fonte impedisca una ricostruzione completa del quadro, permette però alcune interessanti osservazioni sui luoghi di origine degli schiavi, la loro età al momento del battesimo, e l’identità assunta dopo la cerimonia religiosa: particolarmente significativo il rinvenimento dei matrimoni tra alcuni neofiti e cristiani dalla nascita, che attesta la possibilità che si apriva ai primi, attraverso la conversione, di un pieno inserimento nella società cristiana.

  2. Gas prices in Europe before oligopoly and liberalization; Il prezzo del gas in Europa tra liberalizzazione e oligopolio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bianchi, A.

    1998-09-01

    The forthcoming incorporation of the EU Directive on the internal gas market shall set the conditions to increase competition among suppliers, thus lowering gas prices in Europe. But, in perspective, the strategic decisions taken by the majors tend to a stronger oligopoly coordination to sustain prices and share the gas price premium provided by environmental constraints and the technical dominance of combined-cycle plants. [Italiano] Con la direttiva comunitaria sul mercato interno del gas si dovrebbero creare le condizioni per una maggiore competizione tra i fornitori e, quindi, per una riduzione dei prezzi del gas in Europa. Le azioni strategiche delle major paiono invece tendere, in prospettiva, a un piu` forte coordinamento oligopolistico per sostenere i prezzi e spartirsi l`incremento di premio del gas garantito dai vincoli ambientali e dal dominio del ciclo combinato.

  3. Paolo Sylos Labini, 1920-2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Roncaglia

    2006-03-01

    Full Text Available L’articolo ripercorre la biografia intellettuale di Paolo Sylos Labini, grande economista con forti ideali morali e civili. Dopo aver ricordato la sua educazione (a Roma, a Harvard con Schumpeter e a Cambridge con Robertson, l’articolo illustra i suoi contributi in vari campi, dalla politica economica e l’economia applicata (incluso il primo modello econometrico dell’economia italiana alla storia del pensiero economico e all'analisi del progresso tecnico, dalle classi sociali (con la tesi sull'importanza delle classi medie al sottosviluppo, e soprattutto alla teoria dell’oligopolio, concepita come teoria generale delle forme di mercato basata sulla nozione di barriere all'entrata. Infine vengono brevemente ricordati la partecipazione attiva di Sylos Labini al dibattito politico e i suoi forti valori civili.

  4. Politica bancaria e sviluppo economico: rileggendo l'era menichelliana e quella attuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2005-03-01

    Full Text Available Il basso tasso di crescita dell’Italia, anche nel contesto internazionale ed europeo, ha spinto a confrontare gli anni ’50 con gli ultimi dieci o quindici. Dall’analisi emerge che, se si esclude l’iniziale liberalizzazione del commercio internazionale, il periodo che vide la più vigorosa crescita dell’Italia fu caratterizzato dall’economia mista, da monopoli pubblici e posizioni private dominanti, da una politica monetaria e bancaria basata su controlli diretti ed esercizi di persuasione morale individuale, tutte condizioni oggi ritenute sfavorevoli alla crescita. Al contrario, nella fase attuale l’enfasi è stata sul modello di economia liberale, con liberalizzazioni, privatizzazioni di imprese produttive e di banche, politiche incentrate sugli incentivi e sul mercato. Purtroppo, la scienza economica non ha ancora trovato il paradigma generale che spiega la ricchezza delle nazioni a prescindere dal contesto e dagli uomini che lo animano.

  5. La tracciabilità della filiera vitivinicola: dal sistema di cantina alla gestione completa dell’azienda vitivinicola con strumenti GIS-Oriented

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Rosadini

    2013-03-01

    Full Text Available Nell’ultimo decennio le aziende Agrarie e Vitivinicole in particolare hanno visto aumentare in maniera considerevole le difficoltà di mercato ed al contempo hanno registrato una maturità e sensibilità da parte del consumatore. Questo nuovo contesto ha fatto sì che le esigenze di automazione, informatizzazione e relativa tracciabilità di prodotto sifacessero più pressanti e dettagliate, tanto da richiedere lo sviluppo di veri e propri Sistemi Informativi di Cantina eGIS agrario-vitivinicoli anche partendo da una analisi e un relativo approccio geospaziale delle problematiche presenti.AbstractThe new context of agricultural and wine-devoted farm duringlast decades has brought to the needs of automation, computerizationand traceability of its product, requiring the developmentof real Information Systems as a GIS agrarian wine cellar,starting from an analysis and the approach to the geospatialissues. 

  6. Justicia relacional como circulo virtuoso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Márquez Prieto

    2014-04-01

    Full Text Available The idea of relational justice, which connects the world of Law with the relational turn of Sociology, of Pierpaolo Donati, while incorporating the economic notion of reciprocity of Luigino Bruni, attempts to analyze the legal reality based on three elements, typical of an interdisciplinary relational approach: institutionality, reciprocity and sociality. Therefore, the book Le nuove virtu del mercato nell’era dei beni comuni (Bruni, 2012 is a unique opportunity to present relational justice, specifying its meaning, in connection with the idea of virtue and, more specifically, with good faith. This study refers, then, to relational justice, as a particular category of justice, as a present – or absent – feature in the legal relationship, and as an explanation for the closing of the virtuous circle of justice (or, conversely, the vicious circle of injustice in the relationship.

  7. Conoscere la distribuzione territoriale delle proprietà di manager e azionisti: un approccio guidato dai dati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Pozzati

    2016-12-01

    Full Text Available L’analisi e una migliore comprensione della distribuzione della ricchezza degli individui all’interno delle città possono rivelarsi un prezioso strumento specialmente al fine di supportare la stima del valore degli immobili. Tali analisi possono inoltre essere utilizzate per facilitare il percorso decisionale in diversi settori: dalla pubblica amministrazione al mercato immobiliare. In questo lavoro, attraverso l’uso di dati pubblici e di dati di proprietà della società Cerved, è possibile osservare la distribuzione territoriale delle proprietà di manager e azionisti - categorie di persone solitamente collegate ad un elevato benessere economico – e tramite questo identificare le zone delle città in cui il valore degli immobili risulta presumibilmente più elevato. Nello specifico, viene introdotto il Manager and Shareholder Concentration (MSHC score la cui accuratezza ed efficacia viene verificata in tre diverse città di Italia (Torino, Roma e Milano.

  8. Britain`s privatisation programme between government and powerful pressure groups; La privatizzazione inglese tra gruppi di pressione e forze politiche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Robinson, C [Institute of Economic Affairs, London (United Kingdom)

    1998-09-01

    There is an apparent paradox in Britain`s privatisation programme. It was carried out by an administration which proclaimed the virtues of market liberalisation, but its main feature was the ownership transfer, not liberalisation. The privatisation schemes, determined by the interplay between government and powerful pressure groups, are now leading to consequences in utility markets with some dangers of re-politicisation. [Italiano] Vi e` un evidente paradosso nella privatizzazione inglese: portata avanti da un`amministrazione che proclamava le virtu` del libero mercato, la sua principale caratteristica e` stata il cambiamento di proprieta`, non la liberalizzazione. Le modalita` della privatizzazione, determinate dall`interagire del governo con potenti gruppi di pressione, stanno ora ripercuotendosi sui mercati delle utility, con il pericolo di una loro ri-politicizzazione.

  9. Accademie teatrali fiorentine nel quartiere di Santa Croce tra Sei e Settecento: tra attori dilettanti, gioco d’azzardo e primi tentativi impresariali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Fantappiè

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio approfondisce il funzionamento delle accademie teatrali fiorentine a cavallo tra XvII e XvIII secolo sotto più punti di vista: localizzazione dei teatri, repertorio e circolazione degli interpreti, aspetti di amministrazione economica, rapporti con il potere e, nella fattispecie, con la dinastia medicea. Emerge la concentrazione nel quartiere di Santa Croce di Firenze di una buona parte delle accademie di dilettanti, che per alcuni decenni offrono una produzione drammaturgica alternativa a quella del teatro degli attori professionisti, esclusi dal mercato fiorentino nell’ultima fase medicea. Sulle motivazioni di questo fenomeno sono qui proposte ipotesi alternative alla vulgata storiografica che vede in questi anni il nadir culturale nella storia del Granducato e della famiglia al potere. Ci si sofferma, inoltre, sul problema di una possibile definizione di sistema teatrale fiorentino, con particolare attenzione alla disanima dei primi tentativi di adozione di un modello impresariale nel teatro in musica.

  10. Amebiasi cutanea in iraniano alcolista, immunocompromesso aspetti immunochimici e istopatologici.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Ventura Spagnolo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: nel quadro delle infrequenti manifestazioni extraintestinali dell’amebiasi, le localizzazioni cutanee relative, in corso della mutevole reattività ospite parassita, risultano molto rare. È esposto, pertanto, un caso di amebiasi cutanea, caratterizzato dalla presenza del parassita nelle lesioni dermiche, con i suoi particolari aspetti immuno istologici e clinici, che ne derivano.

    Materiali e metodi: uomo di aa. 30, iraniano, residente in Messina, da più tempo. Nel corso di screening parassitologico presso il Centro Assistenza Immigrati, è risultato portatore (fecale di cisti di E. Histolytica. Durante la permanenza in Iran, lavoro agricolo con maneggio di fertilizzanti fecali; abuso di alcolici da più anni. Epatomegalia; in sede mesogastrica, presenza di una lesione ulcerativa, rotondeggiante (cm 2,5 D con induito rossastro e margini sclerotici e dolenti. Esame istologico da frammento bioptico: infiltrato monocitario con degenerazione degli elementi cutanei, e presenza nell’essudato di trofozoiti di E. Histolytica. Parametri immunoematologici: corrispondenti a paziente alcolista, con immunodeficienza cellulo mediata, e negatività per HIV.

    Risultati: adoperato trattamento con metronidazolo e paramomicina, insieme a terapia correttiva dei disordini alcolcorrelati, nonché dell’immuno deficit mediato. Aggiunto, inoltre, trattamento topico con pasta di RAVAULT’S, medicata con idroemetina, a forti dosi. Guarigione senza recidive, dopo 4 settimane del complessivo trattamento.

    Conclusioni: facilitazione impianto e/o colonizzazione E. Histolytica in sede cutanea, in rapporto ad alterazioni conseguenti ad abuso alcolico e/a immunodeficit cellulo mediato, svolgentisi da più anni, nel caso descritto. Tale lesione cutanea, osservata in soggetto alcolista e immunocompromesso, può rientrare, certamente, nel quadro delle infezioni opportunistiche.

  11. Monitoraggio della biodiversità in relazione all’applicazione degli standard di condizionalità: 4.2c, 4.6, 4.3 (olivo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Corti

    2016-02-01

    Full Text Available Nel presente lavoro vengono riportati i risultati relativi ai monitoraggi della diversità faunistica per i seguenti standard: 4.2c, 4.3 (olivo, 4.6. I risultati ottenuti sono nel complesso interessanti sia dal punto di vista metodologico sia per quanto concerne gli aspetti conservazionistici e gestionali. Emerge l’importanza di utilizzare più indicatori o gruppi tassonomici che comprendano taxa ecologicamente e funzionalmente diversi per valutare la “biodiversità”. Relativamente allo sfalcio è stato osservato che una “blanda gestione” dei ritirati dalla produzione può favorire un certo incremento di biodiversità sia per quanto riguarda gli Artropodi, sia per quanto riguarda i Rettili. Risultati concordi sono stati osservati anche negli oliveti dove la gestione della vegetazione al suolo (sfalcio sembrerebbe incrementare la diversità. Tuttavia è opportuno ricordare che l’effetto monitorato, almeno nei ritirati dalla produzione, non è quello immediatamente successivo all’azione meccanica che invece provoca danni diretti e immediati alla fauna (ferimento e uccisione. Emerge con evidenza dai dati raccolti anche l’importanza della presenza, all’interno degli agro-ecosistemi, di aree a minor disturbo antropico, naturali e semi-naturali: fasce ecotonali e ripariali, ma anche bordure dei campi. Viceversa l’uniformità del paesaggio e la presenza di grandi estensioni coltivate a monocoltura rappresentano elementi sfavorevoli alla biodiversità animale. Nel monitoraggio attraverso l’utilizzo della tecnica di fototrappolaggio è emersa l’importante funzione svolta dai muretti a secco, “presenze” tipiche e diffuse nel paesaggio agricolo tradizionale del nostro territorio italiano. Per molti taxa animali detti manufatti assolvono a funzioni ecologiche diverse, quali: rifugio, aree di foraggiamento, passaggio o sosta nonché punti ottimali per la termoregolazione.

  12. Sociological survey in a municipality with a high level separate collection programme in an area of historic unpopularity

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Feo, Giovanni, E-mail: g.defeo@unisa.it

    2014-08-15

    Highlights: • Behaviours, opinions and knowledge of citizens on MSW management were investigated. • The knowledge level was better than that of nearby university students and citizens. • The higher the education level, the greater the level of knowledge was. • The local authority showed a leading role in terms of waste management. • Trust is the key to any social program success including waste management programs. - Abstract: Behaviours, opinions and knowledge of citizens on MSW and separate collection were investigated in the city of Mercato San Severino (about 22,000 people), in the Campania region of Southern Italy that is an area suffering from a serious solid waste emergency that has lasted over 17 years due to the absence of treatment facilities. The image of heaps of rubbish in the streets of Naples and other nearby cities is only one side of the coin. Mercato San Severino has adopted an effective kerbside collection system since 2001 and a pay-as-you-throw program during 2005, guaranteeing more than the minimum level of recycling required by the Italian legislation. Structured questionnaires were administered to a sample of 500 people in 2010. Chi-square tests of independence were applied to state whether the differences were statistically significant (5%). About 90% of the sample stated that the success of the separate collection program was due to either the citizens and local authority or only the local authority, highlighting the leading role of the local authority and confirming that trust is the key to any social program success. The registered level of knowledge was better than that of nearby university students and citizens. The higher the education level, the greater the level of knowledge was.

  13. Un modello econometrico per il credito bancario alle famiglie in Italia (An econometric model for bank lending to households in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Casolaro

    2012-04-01

    Full Text Available Questo lavoro presenta la stima di un modello econometrico per il credito bancario alle famiglie in Italia nel periodo 1984-2003. Il modello si compone di due equazioni: prestiti per l’acquisto di abitazioni e altri prestiti alle famiglie (tipicamente credito al consumo e finanziamenti in conto corrente. Entrambe le equazioni evidenziano uno stretto legame con l’andamento congiunturale dell’economia e il livello dei tassi di interesse reali; i mutui alle famiglie sono influenzati anche dalla dinamica del mercato immobiliare e di quello azionario. Il lavoro verifica l’esistenza di cambiamenti strutturali nelle equazioni in relazione alle trasformazioni intervenute nel mercato del credito nella seconda parte degli anni novanta e scompone il contributo alla crescita del credito alle famiglie tra i diversi fattori.  This paper presents the estimation of an econometric model for bank lending to households in Italy in the period 1984-2003. The model consists of two equations: loans for house purchase and other loans to households (typically consumer credit and loans in the current account. Both equations show a close relationship with the economic trend and the level of real interest rates; household mortgages are also influenced by the dynamics of the housing market and the equity market. The work verifies the existence of structural changes in the equations in relation to the changes occurred in the credit market in the second half of the nineties and breaks down the contribution to growth in lending to households between the different factors.  JEL Codes: D12, G21Keywords: credito bancario, famiglie, prestiti, modello econometrico

  14. Sociological survey in a municipality with a high level separate collection programme in an area of historic unpopularity

    International Nuclear Information System (INIS)

    De Feo, Giovanni

    2014-01-01

    Highlights: • Behaviours, opinions and knowledge of citizens on MSW management were investigated. • The knowledge level was better than that of nearby university students and citizens. • The higher the education level, the greater the level of knowledge was. • The local authority showed a leading role in terms of waste management. • Trust is the key to any social program success including waste management programs. - Abstract: Behaviours, opinions and knowledge of citizens on MSW and separate collection were investigated in the city of Mercato San Severino (about 22,000 people), in the Campania region of Southern Italy that is an area suffering from a serious solid waste emergency that has lasted over 17 years due to the absence of treatment facilities. The image of heaps of rubbish in the streets of Naples and other nearby cities is only one side of the coin. Mercato San Severino has adopted an effective kerbside collection system since 2001 and a pay-as-you-throw program during 2005, guaranteeing more than the minimum level of recycling required by the Italian legislation. Structured questionnaires were administered to a sample of 500 people in 2010. Chi-square tests of independence were applied to state whether the differences were statistically significant (5%). About 90% of the sample stated that the success of the separate collection program was due to either the citizens and local authority or only the local authority, highlighting the leading role of the local authority and confirming that trust is the key to any social program success. The registered level of knowledge was better than that of nearby university students and citizens. The higher the education level, the greater the level of knowledge was

  15. Real Estate Crowdfunding. Un’innovazione finanziaria per gli investimenti immobiliari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Morri

    2016-12-01

    Full Text Available Questo articolo presenta una panoramica del crowdfunding e delle sue potenziali applicazioni al settore immobiliare. La crisi economica globale del 2008 ha condotto a una paralisi dell’economia che ha comportato la riduzione della fiducia nel sistema bancario e nei servizi finanziari in generale. Nell’ultimo decennio una delle tecniche di finanziamento più rivoluzionaria è stata il crowdfunding, cioè la possibilità di essere finanziati dalla “folla” (crowd attraverso l’utilizzo di Internet. Il crowdfunding nel settore immobiliare ha origine negli Stati Uniti nel 2012 con il Jumpstart Our Business Start-up Act (JOBS Act, dove da allora si sta sviluppando a ritmi elevati. In Italia, il crowdfunding per progetti nel settore immobiliare non si è ancora sviluppato in quanto la legge in concreto non ne consente l’utilizzo; tuttavia esistono alcune piattaforme che stanno utilizzando il concetto in modi differenti, raccogliendo un certo interesse. Il Real Estate Crowdfunding può rappresentare un’interessante opportunità per i privati che vogliono investire nel settore immobiliare, ma non hanno abbastanza capitale per partecipare a grandi transazioni o esperienza nella gestione. In quest’articolo, dopo un’iniziale descrizione del crowdfunding in generale, ci si focalizza sulla sua applicazione nel settore immobiliare, analizzando il mercato statunitense dove vi sono le piattaforme più sviluppate. Infine, si presenta una panoramica del mercato italiano, spiegando le normative e i limiti del crowdfunding e descrivendo la modalità operativa sviluppata da alcune piattaforme per superare legalmente tali limitazioni. Negli Stati Uniti sono già operative oltre 125 piattaforme con una raccolta superiore a un miliardo di dollari; in Italia invece ci sono ancora limiti per le start-up che si occupano di crowdfunding e sono state create solo poche piattaforme che operano con un modello parzialmente diverso.

  16. Use of bar-code technology in MC and A system

    International Nuclear Information System (INIS)

    Mykhaylov, V.; Odeychuk, N.; Tovkanetz, V.; Lapshin, V.; Ewing, T.

    2001-01-01

    Full text: Significant problem during the treatment with nuclear materials is the usage of reliable, rapid, integrant automated systems of nuclear material control and account. Thus the dose loading of attending technical personnel is essentially reduced. One of the directions of the solution of the indicated problems is the usage of bar-code technology. Such integrated system should include protection of materials, measuring of materials, and record of materials and drawing up of an inventory list. Especially it is important for the enterprises, on which the enriched uranium and other nuclear materials, which are under IAEA warranties, are utilized. According to US assistance program in the field of MC and A, NSC KIPT has been received indispensable equipment and software, including equipment of nondestructive analysis and automated inventory material accounting system (AIMAS), which was intended for modernizing of nuclear material account system in NSC KIPT. The purpose of operations was estimation of generalized procedures on both MC and A and nondestructive analysis, and updating them so that they might obey the specific conditions of the Enterprise and demands of the Ukraine Regulatory Administration. In NSC KIPT, which is the largest nuclear and physics research center in Ukraine, the measures on enactment of bar-code technology for nuclear materials control and account with the usage of equipment and software of US leading firms (Intermec, Prodigy Max, Tharo Systems, Inc) have been conducting since 1999. During the introduction of this technology, it has been installed the software on nuclear material control and account (AIMAS data base), which was intended for this activities, on NSC KIPT computers. The structure of the NSC KIPT's facility has been determined according to demands of the State and IAEA demands. The key measuring points of inventory quantity has been determined in nuclear material balance zone and the concrete computers, on which is kept

  17. In vitro characterization of high purity factor IX concentrates for the treatment of hemophilia B.

    Science.gov (United States)

    Limentani, S A; Gowell, K P; Deitcher, S R

    1995-04-01

    This study employed sodium dodecyl sulfate-polyacrylamide gel electrophoresis (SDS-PAGE) analysis and immunoblotting to assess the purity of seven high purity factor IX concentrates: Aimafix (Aima), AlphaNine-SD (Alpha Therapeutic), Factor IX VHP (Biotransfusion), Immunine (Immuno), Mononine (Armour Pharmaceutical), Nanotiv (Kabi Pharmacia), and 9MC (Blood Products Laboratory). The mean specific activity of these products ranged from 68 U factor IX/mg (Aimafix) to 246 U factor IX/mg (Mononine). SDS-PAGE analysis showed that the highest purity product, Mononine, had a single contaminating band under non-reducing conditions. Two additional bands were detected when this product was analyzed under reducing conditions. All other products had multiple contaminating bands that were more apparent under reducing than non-reducing conditions. The immunoblot for factor IX showed a dominant factor IX band for all products. In addition, visible light chain of factor IX was detected for AlphaNine-SD, Factor IX VHP, Immunine, Mononine, Nanotiv, and 9MC, suggesting that the factor IX in these products had undergone partial activation to factor IXa. Another contaminating band was visible at 49,500 for all of the products except 9MC. In addition to this band, high molecular weight contaminants were apparent for some products, most notably AlphaNine-SD. The identity of these bands is unknown. Immunoblotting failed to demonstrate factor VII as a contaminant of any of the high purity products, although factor VIIa could be detected in some lots of Immunine, Nanotiv, and 9MC by a clot-based assay. Factor X contaminated Aimafix, AlphaNine-SD, Factor IX VHP, Immunine, Nanotiv, and 9MC, but activation products of factor X were not detected.(ABSTRACT TRUNCATED AT 250 WORDS)

  18. Identifying the Learning Curve for Uterine Artery Embolisation in an Interventional Radiological Training Unit

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Das, Raj, E-mail: rajdas@nhs.net, E-mail: raj.das@stgeorges.nhs.uk; Lucatelli, Pierleone, E-mail: pierleone.lucatelli@gmail.com; Wang, Haofan, E-mail: wwhhff123@gmail.com; Belli, Anna-Maria, E-mail: anna.belli@stgeorges.nhs.uk [St George’s Hospital, Department of Radiology (United Kingdom)

    2015-08-15

    AimA clear understanding of operator experience is important in improving technical success whilst minimising patient risk undergoing endovascular procedures, and there is the need to ensure that trainees have the appropriate skills as primary operators. The aim of the study is to retrospectively analyse uterine artery embolisation (UAE) procedures performed by interventional radiology (IR) trainees at an IR training unit analysing fluoroscopy times and radiation dose as surrogate markers of technical skill.MethodsTen IR fellows were primary operator in 200 UAE procedures over a 5-year period. We compared fluoroscopy times, radiation dose and complications, after having them categorised according to three groups: Group 1, initial five, Group 2, >5 procedures and Group 3, penultimate five UAE procedures. We documented factors that may affect screening time (number of vials employed and use of microcatheters).ResultsMean fluoroscopy time was 18.4 (±8.1), 17.3 (±9.0), 16.3 (±8.4) min in Groups 1, 2 and 3, respectively. There was no statistically significant difference between these groups (p > 0.05) with respect to fluoroscopy time or radiation dose. Analysis after correction for confounding factors showed no statistical significance (p > 0.05). All procedures were technically successful, and total complication rate was 4 %.ConclusionUAE was chosen as a highly standardised procedure followed by IR practitioners. Although there is a non-significant trend for shorter screening times with experience, technical success and safety were not compromised with appropriate Consultant supervision, which illustrates a safe construct for IR training. This is important and reassuring information for patients undergoing a procedure in a training unit.

  19. Number and Severity of Type 2 Diabetes among Family Members Are Associated with Nutrition and Physical Activity Behaviors

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ann Oyare Amuta

    2017-07-01

    Full Text Available AimA binary measurement of type 2 diabetes (T2D has been found not to influence behaviors. We aimed to examine the influence of other measures of family history such as number of relatives, genetic closeness of relatives, and severity of T2D of family members on nutrition and physical activity behaviors among college students.MethodsStudents across four colleges in Texas were sampled. Multiple linear regression models, controlling for covariates, were used to model results. Cross-sectional data were used.ResultsMore number of relatives with T2D was associated with vegetable consumption (β = 0.131, p = 0.007 and exercise (β = 0.129, p = 0.037. Having relatives with severe T2D was associated with vegetable consumption (β = 0.157, p = 0.002 and exercise (β = 106, p = 0.027. Closer genetic relationship with someone with T2D was associated with increased vegetable consumption (β = 0.107, p = 0.023 and exercise (β = 0.096, p = 0.047.ConclusionIt is likely that the severe complications that may accompany the relatives T2D or having an immediate family member living with T2D may in fact motivate other family members without T2D to modify their attitudes, beliefs, and knowledge about T2D, thus encourage health-protective behaviors.

  20. Caregiver burden and coping strategies in caregivers of patients with Alzheimer’s disease

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iavarone A

    2014-07-01

    Full Text Available Alessandro Iavarone,1,2 Antonio Rosario Ziello,3,4 Francesca Pastore,3 Angiola Maria Fasanaro,3 Carla Poderico5 1Neurological and Stroke Unit, CTO Hospital, 2Italian Association on Alzheimer's Disease (AIMA, 3Memory Clinic, Neurological Unit, AORN Cardarelli Hospital, Naples, Italy; 4Clinical Research, Telemedicine and Telepharmacy Centre, University of Camerino, Camerino, Italy; 5Department of Psychology, Second University of Naples, Caserta, Italy Background: Alzheimer’s disease (AD causes considerable distress in caregivers who are continuously required to deal with requests from patients. Coping strategies play a fundamental role in modulating the psychologic impact of the disease, although their role is still debated. The present study aims to evaluate the burden and anxiety experienced by caregivers, the effectiveness of adopted coping strategies, and their relationships with burden and anxiety. Methods: Eighty-six caregivers received the Caregiver Burden Inventory (CBI and the ­State-Trait Anxiety Inventory (STAI Y-1 and Y-2. The coping strategies were assessed by means of the Coping Inventory for Stressful Situations (CISS, according to the model proposed by Endler and Parker in 1990.Results: The CBI scores (overall and single sections were extremely high and correlated with dementia severity. Women, as well as older caregivers, showed higher scores. The trait anxiety (STAI-Y-2 correlated with the CBI overall score. The CISS showed that caregivers mainly adopted task-focused strategies. Women mainly adopted emotion-focused strategies and this style was related to a higher level of distress. Conclusion: AD is associated with high distress among caregivers. The burden strongly correlates with dementia severity and is higher in women and in elderly subjects. Chronic anxiety affects caregivers who mainly rely on emotion-oriented coping strategies. The findings suggest providing support to families of patients with AD through tailored

  1. Preliminary health cancer risk assessment for arsenic exposure in a contaminated area close to a fertilizer plant in Moscow region (Russia); Valutazione preliminare del rischio sanitario cancerogeno per esposizione ad arsenico in un'area contaminata da un'industria di fertilizzanti nella regione di Mosca (Russia)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zakharova, T. [Moscow Univ., Moscow (Russian Federation). Dept. of Chemistry, Lab. of Industrial Safety, Div. of Chemical Technology; Tatano, F. [Urbino Univ., Urbino (Italy). Facolta' di Scienze Ambientali

    2001-09-01

    - ingestione diretta di suolo - ingestion di prodotti caseari sonon non trascurabili, perlomeno in questa fase preliminare dell'analisi di rischio. Il presente lavoro vuol essere di spunto e confronto per la problematica italiana in tema di valutazione della qualita' dei suoli, in particolare quando destinati ad utilizzo agricolo.

  2. Air and water pollution sources analysis in Northern Lazio; Censimento di fonti d'inquinamento atmosferico e idrico nell'Alto Lazio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Triolo, L; Barlattini, M; Sidoti, G; Tanzi, V; Testa, V [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricultura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Naviglio, L [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Boni, E; Proli, L; Santella, A; Squillacioti, T [Cooperativa Energia e Territorio Srl, Viterbo (Italy)

    2001-07-01

    'uso agricolo del suolo. Nella seconda parte dell'indagine e' stato stimato, anche con indagini in campo, il rischio di inquinamento delle acque dei fiumi Marta e Mignone determinato dalle attivita' agricole, dalle emissioni dei liquami domestici dei comuni afferenti ai due corsi d'acqua, dei quali sono caratterizzati i bacini idrografici. La terza parte dello studio ha descritto le attivita' produttive e di servizio del comune di Civitavecchia, Tarquinia e Santa Marinella che sono responsabili d'inquinamento atmosferico. In particolare sono state considerate le emissioni delle tre centrali termoelettriche di Torvaldilga Sud, Torvaldilga Nord e Fiumaretta, del cementificio dell' Italcementi e del porto di Civitavecchia soprattutto per la presenza di rileventi depositi di stoccaggio dei derivati del petrolio.

  3. Air and water pollution sources analysis in Northern Lazio; Censimento di fonti d'inquinamento atmosferico e idrico nell'Alto Lazio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Triolo, L.; Barlattini, M.; Sidoti, G.; Tanzi, V.; Testa, V. [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricultura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Naviglio, L. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Boni, E.; Proli, L.; Santella, A.; Squillacioti, T. [Cooperativa Energia e Territorio Srl, Viterbo (Italy)

    2001-07-01

    cereali presenti in 9 aree omogenee rispetto all'uso agricolo del suolo. Nella seconda parte dell'indagine e' stato stimato, anche con indagini in campo, il rischio di inquinamento delle acque dei fiumi Marta e Mignone determinato dalle attivita' agricole, dalle emissioni dei liquami domestici dei comuni afferenti ai due corsi d'acqua, dei quali sono caratterizzati i bacini idrografici. La terza parte dello studio ha descritto le attivita' produttive e di servizio del comune di Civitavecchia, Tarquinia e Santa Marinella che sono responsabili d'inquinamento atmosferico. In particolare sono state considerate le emissioni delle tre centrali termoelettriche di Torvaldilga Sud, Torvaldilga Nord e Fiumaretta, del cementificio dell' Italcementi e del porto di Civitavecchia soprattutto per la presenza di rileventi depositi di stoccaggio dei derivati del petrolio.

  4. Effects of plant density and cultivar on yield responses in onions (Allium cepa L. grown from seeds

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jan Rumpel

    2013-12-01

    Full Text Available Two field experiments were conducted to study the effect of plant density on yield, size grading and maturity of onion bulbs grown from seeds. In the first experiment carried out during 1991-1993, three onion cultivars (Hysam F1 , Mercato F1 and Sochaczewska were sown for intended densities of 20, 40, 60, 80,100 and 140 plants m-2, whereas in the second one, in 1996, six onion cultivars (Spirit F1, Summit F1, Hyduro F1, Armstrong F1, Renate F1 and Robusta were sown for intended densities of 40, 60 and 80 plants m-2. The onions were grown on beds, 1,35 m wide, in 4 rows per bed (27+27+27+54 cm. Marketable yield increased with plant density, and depending on year was highest at 80 or 100 plants m-2. The average marketable yield of the 1991-1993 experiment increased from 20.5 t·ha-1 at 20 plants m-2 to 32.8 t·ha-1 at 80 plants m-2, whereas that of the 1996 experiment increased from 48,9 t-ha-1 at 40 plants m-2 to 59.0 t·ha-1 at 80 plants m-2, respectively. Yield of large bulbs decreased with density and was highest at 20-40 plants m-2, oposite to the yield of small bulbs, which was highest at the highest density of 140 plants·m-2. The medium bulb yield increased with density, at the some way as compared the total marketable yield. No greater effect of cultivar on bulb size grades was found and the existing differences were proportional to the total marketable yield . Plant density hastened maturity of onions, and at density of 140 plants m-2 the leaf fall-over occurred 9-10 days earlier as compared at density of 20 plants m-2. The cultiwars used. can be placed in the following order of decreasing productivity: 1 . Mercato F1, 2. Hysam F1 and 3. Sochaczewska, - in the first expeiiment (1991-93 and 1. Annstrong F1, 2. Spirit F1, 3. Robusta, 4. Renate F1, 5. Hyduro F1 and 6. Summit F1 - in the second experiment (1996, respectively.

  5. Tassi di cambio fluttuanti, deprezzamento valutario e domanda effettiva: un commento (Floating exchange rates, currency depreciation and effective demand: a review

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2012-04-01

    Full Text Available Concordo certamente con gli autori sul punto principale, cioè che i tassi di cambio flessibili non danno luogo a un aggiustamento automatico che riporta all’equilibrio di piena occupazione. Ciò che vorrei sostenere è che i cambi flessibili, nondimeno, possono essere più vantaggiosi di quelli fissi e che la gestione del tasso di cambio per il conseguimento di obiettivi di politica economica interni, sebbene utile in alcune circostanze, non dovrebbe diventare la regola in un mondo in cui eventi finanziari influiscono di frequente sulle variabili reali.A mio avviso, l’intervento sul mercato dei cambi da parte della banca centrale dovrebbe avere una scarsa frequenza ed essere usato come segnale per bloccare una tendenza all’ingiù o all’insù, il che ovviamente richiede cooperazione e sostegno da parte di altre banche centrali. Quanto alle misure compatibili col mercato relative ai movimenti di capitale, il ricorso a esse dovrebbe essere ancora più cauto. Comunque, una gestione per (rara eccezione del tasso di cambio è certamente possibile.   I certainly agree with the authors on the main point, which is that flexible exchange rates do not result in an automatic adjustment that brings equilibrium with full employment. What I would argue is that flexible exchange rates, however, may be more advantageous than those fixed and that the management of the exchange rate to achieve domestic policy objectives, although useful in some circumstances, it should become the norm in a world in which financial events affect frequently on real variables.In my view, the intervention on the foreign exchange market by the central bank should have a low frequency and used as a signal to prevent upward or downward trend, which of course requires the cooperation and support from other banks central. With regard to the measures compatible with the market on the movement of capital, the use of them should be even more cautious. However, a management for (rare

  6. Teoria e crisi della libera fluttuazione dei cambi. (The theory and crisis of free floating exchange rates

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. TAMBORINI

    2013-12-01

    Full Text Available  Dopo la fine del sistema di fede, di Bretton Woods in un regime di cambio liberamente fluttuante, e in particolare la completa politica di laissez-faire degli Stati Uniti dopo il 1980, è stata sostenuta da una letteratura vasta e influente - la cosiddetta "teoria il punto della cambio "- che ha avuto predominio quasi assoluto nel campo. Il presente lavoro è di natura teorica in primo luogo, richiamando l'attenzione sul recente cambiamento drastico di opinione per quanto riguarda l'efficienza dei mercati dei cambi, delle aspettative e speculazioni. In contrasto con la credenza precedentemente detenuta, gli agenti che anticipano il mercato sono ora accusati di inefficiente, se non il comportamento irrazionale; si dice che essere mal interpretare o violare i "dati concreti", che dovrebbero portare il mercato sul sentiero di equilibrio. Secondo l'autore, questa nuova vena è impegnativo, ma il nuovo "cattivo" deus ex machina è convincente come i suoi predecessori "buoni". Così, l'attenzione è proprio sui fattori fondamentali della dinamica dei tassi di cambio nel contesto attuale di finanza integrata Lowing the end of the Bretton Woods system faith in a freely floating exchange rate regime, and in particular the complete Laissez-faire policy of the US after 1980, was supported by a large and influential literature - the so-called "stock theory of the exchange rate" - which has had almost absolute dominance in the field. The present work is of primarily a theoretical nature, calling attention to the recent drastic change of opinion regarding the efficiency of foreign exchange markets, of expectations and speculation. In contrast to the previously held belief, agents that anticipate the market are now accused of inefficient, if not irrational behaviour; they are said to be misinterpreting or violating the "hard data" that should lead the market on the path of equilibrium. According to the author, this new vein is challenging, yet the new "bad

  7. La crisi del diritto del lavoro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Garilli

    2012-01-01

    Full Text Available Riassunto - L’Autore ripercorre in chiave critica l’evoluzione delle politiche legislative in materia di lavoro, alla luce dell’attuale fase di crisi economico finanziaria. Nell’esaminare i principali interventi normativi attuati da inizio secolo, l’Autore mette in evidenza le scelte di metodo e gli elementi di continuità che accomunano i vari provvedimenti, individuandoli nell’affannosa ricerca del punto di equilibrio tra flessibilità e garantismo. La riflessione si chiude con alcuni interrogativi sulle ultime linee di riforma del mercato del lavoro e con l’auspicio che, anche al cospetto delle imprescindibili ragioni dell’economia, il diritto del lavoro possa continuare a svolgere il proprio tradizionale ruolo di disciplina di tutela della persona.   Abstract - The author analyzes, with a critically oriented approach, the development of the employment law, in the light of the current economic and financial crisis. In examining the main regulatory measures implemented since the beginning of the century, the author highlights the methodological choices and the elements of continuity that unite the various measures, focusing them in a hard research of a point of balance between flexibility and security. The discussion concludes with some questions about the last lines of the reform of the labor market and with the hope that, even in the face of compelling reasons of economy, labor law can continue to play its traditional role of governing the protection of person.

  8. Schiavo è l’individuo senza storia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Aime

    2009-12-01

    Full Text Available The essay is shaped as a journey –and told as a journal– through and out the territories of the past and contemporary forms of economic exploitation of slave labour in Africa. Following the routes des slaves, from Africa to America, and the integrated cycles of offer and demand that linked American plantations to European markets, the author explores the ways in which men, women and children were de-humanized and transformed into ‘socially sterile’ individuals, cut at the root both from their families and from their descendants; he addresses and compares different anthropological definitions of the phenomenon of slavery and conflicting interpretations of slaves’ social status in African societies; finally he analyzes evidences of the resilience of the phenomenon in Africa after the abolition of slavery in 1926 and focuses, on the one hand, on child labour and recruitment in irregular armies, on the other, in girls and young women involved in trafficking for purpose of sexual exploitation. Keywords: razzia, tratta, mercato, schiavitù, viaggio, memoria; raid, slave trade, slavery, travel, memory.

  9. Prezzi rigidi, prezzi flessibili e inflazione. (Rigid prices, flexible prices and inflation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. SYLOS LABINI

    2013-12-01

    Full Text Available Sebbene il concetto di un livello generale dei prezzi è di qualche utilità limitata a studi puramente statistici e descrittivi , è pericoloso e ingannevole nel campo delle analisi teoriche che mirano a spiegare variazioni di prezzo . Qualsiasi analisi fruttuosa deve distinguere tra i vari tipi di mercati e merci in quanto, nel breve e lungo termine, i meccanismi di formazione dei prezzi e variazione dipendono dagli stessi. In questo lavoro , l'autore dedica particolare attenzione alla dicotomia tra materie prime e merci . Un'altra dicotomia è introdotta con riferimento al mercato del lavoro . La base logica per la doppia dicotomia è data dal grado di flessibilità , rispetto alla domanda , di prezzi e redditi .Although the concept of a general price level is of some limited use in purely statistical and descriptive studies, it is dangerous and deceptive in the field of theoretical analyses which aim at explaining price variations. Any fruitful analysis must distinguish between various types of markets and goods since, in the short and long run, the mechanisms of price formation and variation are dependent on such. In this work, the author devotes special attention to the dichotomy of raw materials and manufactures, a regards goods. Another dichotomy is introduced with reference to the labour market. The logical basis for the double dichotomy is given by the degree of flexibility, in relation to demand, of prices and earnings.JEL: E31

  10. Una teoria macroeconomica della distribuzione per disperdere le nebbie dell'economia. (A macro-distributive theory dispelling the econometric fog

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. WEINTRAUB

    2013-12-01

    Full Text Available L'opera presenta un modello lineare del settore del mercato privato dell'economia costruito in blocchi principali di Keynes , con alcuni pezzi forniti da Kalecki , Kaldor , e Robinson . L'autore sostiene che tale modello è ricco di promesse in virtù della sua portata e che risolve gran parte del mistero dei modelli econometrici e dimostra le circostanze in cui essi sono suscettibili di agire bene o male . Pedagogicamente , le idee di base sono facilemnte trasmissibilinella prima fase degli studi economici The work presents a linear model of the private market sector of the economy built out of the main blocks of Keynes with some pieces furnished by Kalecki, Kaldor, and Robinson. The author argues that such model is rich in promise by virtue of its scope and that it strips much of the mystery from econometric models and demonstrates the circumstances in which they are likely to perform well or badly. The consistent relations offer hospitable shelter for the theory of income, employment, price level, and income shares in a succinct design. Pedagogically, the elemental ideas are capable of transmission at an early stage in economic studies. JEL: E12

  11. La moneta unica: oggi utopia, realtà in futuro? (A single currency: utopia today? Reality tomorrow?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. DE STRYCKER

    2013-12-01

    Full Text Available Il crollo del sistema monetario internazionale di Bretton Woods nel 1971 ha inaugurato un'era di tassi di cambio altamente fluttuanti . Parte delle ragioni di questa volatilità è stata l'internazionalizzazione pressoché totale dei mercati dei capitali , con le valute nazionali, che restano soggette alle influenze politiche e ai capricci del cambiamento dei modelli commerciali . Una possibile soluzione a questi problemi sarebbe l' adozione di una singola unità di valuta internazionale . Anche se questo non eliminerebbe il problema inerente il disequilibro della bilancia dei pagamenti  , sarvirebbe tuttavia imporre una maggiore disciplina di mercato sulle politiche finanziarie , eliminando la possibilità di adeguamenti monetari .The collapse of the Bretton Woods international monetary system in 1971 inaugurated an era of highly fluctuating exchange rates. Part of the reason for this volatility has been the almost complete internationalisation of capital markets, with national currencies remaining subject to political influences and the vagaries of changing trade patterns. One possible solution to these problems would be the adoption of a single international currency unit. Although this would not remove the problem inherent in balance of payments disequilibrium, it would nevertheless impose greater market discipline on financial policies by removing the option of monetary adjustments.JEL: F31, E42

  12. Il lavoro delle donne: avanzamenti e contraddittorietà delle normative e della loro applicazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Manna

    2013-01-01

    Full Text Available Il contributo propone un‟illustrazione dell‟attuale condizione delle donne nel mercato del lavoro, testimoniando la persistenza della disparità di genere in ambito lavorativo, seppur in vesti nuove da quelle che avevano alimentato il modello del glass ceiling per descrivere la diversa condizione di uomini e donne nel contesto produttivo. Ripercor-rendo le metafore utilizzate in letteratura per simboleggiare tale realtà, e i recenti contri-buti di ricerca sul tema, ci si interroga sugli aspetti di avanzamento e contraddittorietà delle recenti normative europee in tema di pari opportunità e sulle condizioni di effica-cia ed efficienza degli organismi a tutela della parità di genere. Alla luce anche dei di-versi effetti prodotti dall‟attuale condizione di crisi economica sugli uomini e sulle don-ne, si costruisce, pertanto, un modello interpretativo che evidenzia aspetti paradossali ed evidenti gap tra dimensioni normative e fattuali, sottolineando come l‟esperienza della maternità e l‟alimentarsi di nuovi stereotipi di genere connessi all‟immagine della donna lavoratrice producano un tessuto culturale ancora fortemente discriminante, in una cor-nice di labirintica precarietà lavorativa femminile.

  13. Eco-compatible products and processes development. ENEA promotion actions; Sviluppo di prodotti e processi ecocompatibili. Le attivita' dell'ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R. [ENEA, Divisione Tecnologie Ingegneria e Servizi Ambientali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Andriola, L. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The new industrial political tools based on the Sustainable development of productive activities and originating at the Rio Conference in 1992, late introduced by the EU, the Government and voluntary organizations (ISO, CEM, UNI) are gradually entering the market, thereby underlying their effect in terms of industrial competitiveness. The main tools were examined in this report and mostly refer to the voluntary ones which, in surpassing the Command and Control logic, increasingly tend to get close to traditional fiscal, tariff and financial ones. [Italian] I nuovi strumenti di politica industriale orientali allo Sviluppo Sostenibile delle attivita' produttive che traggono origine dalla Conferenza di Rio del 1992 e sono stati introdotti successivamente da pare della Comunita' Europea, dal Governo e dagli Organismi di normazione volontaria (ISO, CEN, UNI), stanno gradualmente penetrando sul mercato facendo valere i loro effetti in termini di competitivita' delle imprese. Nel rapporto sono stati esaminati i principali tra questi strumenti con particolare riferimento a quelli volontari che sempre piu', nel superamento della logica del Command-Control, tendono ad affiancarsi a quelli tradizionali di carattere fisale, tariffario e finanziario.

  14. Membrane separation in dairy industry; Separazioni su membrana nell'industria lattiero-casearia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salvadori, C. [Parmalat SpA, Direzione Scientifica, Parma (Italy)

    2001-04-01

    Many different techniques of membrane separation are widely used in the dairy industry. They allow substantial cost savings and the achievement of significant quality improvements. They allow substantial cost savings and the achievement of significant quality improvements. Also 'Parmalat' has introduced in its productions of yoghurt, UHT and pasteurized milk some of these techniques, obtaining new-concept products such as Plus milk, very rich in calcium, and a very high quality pasteurized milk, in the Canadian market, under the brand name Lactantia Pure Filtre, characterized by a double life compared to traditional products. As for yoghurt, in some plants, milk pre-concentration through ultra-filtration permits a considerable increase in the product's creaminess. [Italian] Le diverse tecniche di separazione su membrana consentono di operare forti risparmi e sensibili miglioramenti qualitativi. Anche la Parmalat ha inserito nelle produzioni di yogurt, latte UHT e latte pastorizzato, alcune di queste tecniche, ottenendo prodotti di nuova concezione come il latte Plus, particolarmente ricco in Calcio e, sul mercato Canadese, un latte pastorizzato di alta qualita' dal marchio Lactantia Pure Filtre caratterizzato da conservabilita' doppia rispetto al prodotto tradizionale. Nel caso dello yogurt, in alcuni stabilimenti, la preconcezione del latte per ultrafiltrazione aumenta considerevolmente la cremosita' del prodotto.

  15. Immigrazione al femminile: modelli femminili , valori, identità.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlotta Malfone

    2006-01-01

    Full Text Available In questo articolo possiamo distinguere varie tipologie di donne immigrate che riflettono come la popolazione femminile straniera sia diversificata, tanto nella composizione, quanto nelle modalità di adattamento e di inserimento in Italia. Il fenomeno migratorio sta assumendo, negli ultimi anni, connotati diversi: se, da una parte, si va facendo più considerevole dal punto di vista quantitativo, dall'altra rivela nuove dinamiche e nuove tipologie. Infatti, le immigrate sembrano assumere nuove posizioni rispetto ai percorsi migratori, alle scelte di espatrio, alle modalità di inserimento nella società di arrivo anche e, soprattutto, rispetto alla collocazione tra la propria cultura e quella in trasformazione nei paesi ospiti. Addirittura, in alcuni casi, la donna costituisce l'anello primario della catena migratoria o, comunque, è parte attiva nel mercato del lavoro e nel processo decisionale del progetto stesso. Questo nuovo scenario dell'immigrazione femminile vede protagoniste non solo donne che seguono il marito e che sono alla ricerca di lavori domestici, ma anche donne portatrici di un progetto migratorio autonomo, spinte dalla possibilità di affermarsi e fare carriera. In questo senso le testimonianze e i racconti delle straniere pongono, chiaramente, il problema delle differenze esistenti all'interno del gruppo donne immigrate, in cui possiamo individuare alcuni percorsi caratteristici dell'esodo "al femminile" e ritrovare tipologie e modelli familiari differenti, per modalità costitutive e composizione del nucleo.

  16. Il controllo di gestione e operativo delle commesse per una impresa di costruzioni: nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Camprini

    2013-10-01

    Full Text Available Il mercato delle costruzioni in Italia soffre problemi di maturità da molto tempo. Dagli anni ’90, infatti, per superare i fatti di tangentopoli venne riformata la legislazione dei lavori pubblici per giungere a livelli di competizione maggiori e più simili a quelli esistenti in Europa.  In questo contesto le imprese che per la loro struttura culturale, organizzativa e produttiva mostravano maggiore sensibilità a tali aspetti avviarono processi di formazione e riorganizzazione introducendo specifiche procedure mirate alla gestione completa dei progetti trasformandosi così da imprese di sola produzione a imprese operanti per progetti.La presente memoria vuole descrivere il sistema di gestione attuato, le modifiche ed i miglioramenti che si sono susseguiti nel tempo,  la sua struttura organizzativa e gli strumenti di lavoro messi a disposizione.A conclusione verrà illustrata l’applicazione al caso concreto della costruzione del nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

  17. Federica: the italian way to open educational resources

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosanna De Rosa

    2011-08-01

    Full Text Available Le università stanno recuperando terreno sul piano dell’innovazione tecnologica e didattica. Esse hanno iniziato ad offrire servizi a valore aggiunto, di alta formazione e di professionalizzazione, destinati a rispondere ad una domanda di formazione continua che proviene dalla società e dal mercato. Partendo da una panoramica sulle risorse educative aperte (Open Educational Resources-OER, questo articolo presenta l’esperienza italiana di “Federica”, la piattaforma web learning dell’Università di Napoli Federico II, un progetto open access nato nell’ambito di una università pubblica del Mezzogiorno che intende promuovere una nuova cultura, una cultura-ponte fra la printing literacy e la digital culture. Attraverso un’analisi delle potenzialità dell’open education e dei fattori di successo dell’esperienza “Federica”, l’articolo spiega i limiti e le opportunità che questa strada traccia per le università.

  18. Il mito della precarietà: quando la precarietà è un valore che decostruisce l’immaginario della precarietà

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Casillo

    2011-07-01

    Full Text Available Oggi la ricerca del posto “fisso” sembra essere il sogno irraggiungibile di molti giovani precari e la “flessibilità”, una parola d’ordine con cui si aspirava a riformare il mondo del lavoro e che tanto in voga sembrava essere negli anni ’90, è diventata sinonimo di incertezza, precarietà, se non addirittura sfruttamento. Ma c’era chi proprio nel lavoro che oggi definiremo precario, vedeva l’unica possibilità per restare libero dalle leggi di mercato e dai potenti poteri editoriali Newyorkesi. In questo articolo proviamo a gettare uno sguardo al mito letterario con cui, il rifiutare un posto fisso, significava rivendicare la propria libertà, un mito romantico certo, e sicuramente distante dalla realtà, ma che ha affascinato un’intera generazione di scrittori, poeti, musicisti. Da Jack London, passando attraverso la San Francisco Renaissance e la Beat Generation, fino ad arrivare al fenomeno della così detta generazione Hippy, il sogno americano sembrava essere quello di una frontiera mobile in cui, la strada, sembrava non avere mai fine.

  19. La "condizionalità" del FMI: per un sistema migliore. (IMF conditionality – a better way

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J. SPRAOS

    2013-12-01

    Full Text Available L' articolo esamina le condizioni del FMI per la tranche di credito accordi stand-by superiori. L' FMI deve affrontare le critiche che le sue azioni recenti hanno comportato sul ' territorio a causa di errori nei prestiti di banche   ai paesi del terzo mondo banche private - una questione che avrebbe potuto essere lasciata alle forze di mercato libere .Le condizioni di assistenza del FMI dovrebbero concentrarsi non sugli strumenti di politica ma su obiettivi politici , come la crescita , l'occupazione , l'inflazione e , in ultima analisi , il ripristino della bilancia dei pagamenti dei paesi.The article looks at IMF conditions for upper credit tranche stand-by arrangements. The IMF must face the criticism that its recent actions have transgressed on private banks' territory because of banks' errors in lending to third world countries - a matter that could have been left to free market forces. Conditions for IMF aid should focus not on policy instruments but on policy targets, such as growth, employment, inflation and, ultimately, restoration of countries' balance of payments positions. Conditions for IMF help should be centred squarely on the balance of payments of aid-seeking countries if a backwards trend is to be avoided.JEL: F32, F33

  20. Le Terme a sud del Pretorio di Gortina. Produzione e circolazione dei contenitori da trasporto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria De Aloe

    2010-03-01

    Full Text Available La posizione centrale nell’Egeo ed i pochi giorni di navigazione dall’Africa e dall’Egitto, come dalla Siria e Palestina, hanno reso la città di Gortina, e Creta stessa, un punto nevralgico all’interno delle rotte commerciali di collegamento e distribuzione di beni tra le sponde del Mediterraneo. Lo studio delle anfore rinvenute nelle campagne di scavo 2003-2006 presso le Terme a sud del Pretorio, ed il necessario confronto con le grandi quantità di materiali provenienti soprattutto dai contesti del Pretorio confermano questa intricata rete commerciale. Già tra Ellenismo e prima età imperiale romana, Gortina svolse una funzione di mercato di raccolta e probabilmente di smistamento delle merci provenienti dall’Occidente e dall’Egeo, assumendo poi nella piena età imperiale, un ruolo sempre più attivo nella produzione delle stesse. La mutata situazione socio-economica dell’età tardo romana - bizantina, nonché la fondazione di una nuova capitale, Costantinopoli, portò Creta e Gortina ad avere scambi commerciali e collegamenti intensi soprattutto con le aree orientali del Mediterraneo privilegiando l’importazione di prodotti dall’esterno.

  1. Transazioni "professionali" in valuta estera, rischio di cambio e crescita del sistema bancario internazionale. ( “Professional trading”, exchange rate risk and the growth of international banking: a note

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. CALLIER

    2013-12-01

    Full Text Available Il movimento da tasso fisso a tassi di cambio fluttuanti ha portato alle previsioni che i mercati valutari potrebbero diventare più volatili . In particolare , la questione se la speculazione nel mercato è stata stabilizzazione o destabilizzante è stata ampiamente discussa . Preoccupazione è stata espressa anche se i fondi speculativi sufficienti sarebbero disponibili per garantire la mobilità dei capitali . L'autore sostiene che lo sviluppo del sistema bancario internazionale ha consentito alle banche di intraprendere negoziazioni di valute più speculative senza incorrere in un rischio maggiore , in modo da alleviare il problema della mobilità dei capitali .The movement from fixed to floating exchange rates led to predictions that foreign exchange markets might become more volatile. In particular, the issue whether speculation in the market was stabilising or destabilising was widely debated. Concern was also expressed whether sufficient speculative funds would be available to ensure capital mobility. The author argues that the development of international banking has allowed banks to undertake more speculative foreign exchange trading without incurring greater risk, thus alleviating the problem of capital mobility. JEL: F31, F33, G21

  2. Visiting the Theatre of War: Fortresses, battlefields, and the bellicose past of the southern Low Countries (1697-1750

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gerrit Verhoeven

    2014-10-01

    Full Text Available Visitando il teatro della guerra. Fortezze, campi di battaglia, e memorie di guerra nei Paesi Bassi meridionali (1697-1750Dagli ultimissimi anni del Seicento in poi, la zona sud-orientale dei Paesi Bassi meridionali, con città quali Liegi e Namur, diventava meta di viaggiatori e turisti curiosi di visitare i luoghi che solo alcuni anni prima erano stati devastati nelle campagne militari di Luigi XIV. A cominciare dalla guida di Jean-Baptiste II Christyn, Les Délices des Païs-Bas (1697, una produzione corografica chiaramente modellata su esempi precedenti relativi soprattutto ai Paesi Bassi settentrionali cominciava a stimolare tale nuovo fenomeno di ‘turismo dei campi di battaglia’, presentando la regione in una veste militare appositamente accentuata per soddisfare questo nuovo mercato turistico. Verhoeven dimostra il successo di questo tentativo di ‘region branding’, illustrando non solo il crescente flusso di viaggiatori a questa regione prima solo raramente visitata, ma anche l’impatto preciso di alcuni testi corografici, la cui impronta è chiaramente riconoscibile negli appunti di alcuni viaggiatori e perfino nei percorsi turistici offerti sul luogo a questi visitatori.

  3. Comparing EIA and IPPC; Via e IPPC a confronto

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Leboffe, C. [Fise AssoAmbiente (Italy)

    2000-08-01

    The world of environmental companies as a whole hopes for a true simplification entailing both the reorganisation of authorisation procedures focusing on an environmental authorisation only, and the implementation of an environmental authorisation within a reasonable and, above all, definite period. From this point of view, the institution of integrated environmental authorisation represents an inalienable and hoped for target. But one must be careful that this does not turn, in terms of competitiveness, into a true boomerang for Italian companies of the sector, which are by now obliged to confront on the European market context. The paper examines the present scenario. [Italian] Il mondo delle imprese ambientali nella sua globalita' auspica una vera e propria semplificazione che comporti sia il riordino dei procedimenti di autorizzazione, facendoli convergere su un'autorizzazione unica, sia lo svolgimento di una procedura di autorizzazione ambientale in tempi ragionevoli e soprattutto certi: e sotto questo profilo l'istituto dell'autorizzazione ambientale integrata rappresenta un irrinunciabile ed auspicato traguardo. Cio' a cui pero' bisogna prestare attenzione e' che tutto questo non si risolva in un vero e prorpio boomerang in termini di competitivita' per le imprese del settore dell'Italia ormai costrette a confrontarsi in uncontesto di mercato europeo. L'articolo illustra l'attuale scenario.

  4. Interventi della banca Centrale: sterilizzare o non sterilizzare? (Central bank intervention: to sterilise or not?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.C. INGRAM

    2013-12-01

    Full Text Available Il ' Gruppo dei Cinque ' ha recentemente deciso di coordinare le loro politiche di intervento sui mercati dei cambi al fine di influenzare i tassi di mercato . Diversi commentatori hanno sostenuto che tale intervento non elimina il problema di fondo , che è l'equilibrio di squilibrio pagamenti . L'autore sostiene che questo punto di vista può essere sbagliato quando i flussi di capitali si presumono essere autonomi  .The 'Group of Five' recently agreed to co-ordinate their policies for intervention on the foreign exchange markets in order to influence market rates. Several commentators have argued that such intervention does not remove the basic problem, which is balance of payments disequilibrium. The author argues that this view may be wrong when capital flows are assumed to be autonomous. Intervention under these circumstances may reduce or eliminate capital flows from countries in balance of payments surplus, and so bring about an appreciation in the currency and a reduction in the balance of payments surplus. JEL: E58, F32

  5. Aspettative. Corsi dei cambi a termine e riflessi sulla politica monetaria. (Expectations, foreign exchange forwards and reflections on monetary policy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. FERRO

    2014-03-01

    Full Text Available L'articolo fornisce un'analisi preliminare sui rapporti che si possono stabilire tra i tassi di cambio a termine e i tassi di cambio secondo le aspettative di diverse ipotesi . Gli autori evidenziano le implicazioni di politica monetaria che i vari tipi di aspettative comportano. Per verificare in particolare il ruolo delle aspettative nella determinazione dei tassi di cambio, si procederà attraverso un paio di semplici test empirici che si riferiscono al prezzo a termine del marco tedesco contro la sterlina sul mercato di Francoforte nei primi quattro mesi del 1976.The paper provides preliminary analysis on the relationships that can be established between the rates of the forward exchange rate and the spot exchange rates at the various expectations hypothesis. The authors go on to highlight the implications of monetary policy that the various kinds of expectations entail. To test specifically the role of expectations in the determination of exchange rates at the end we will proceed through a couple of simple empirical tests that refer to the spot and forward prices of the Deutsche Mark against the pound on the Frankfurt market in the first four months of 1976. JEL: E52, E42, F31

  6. Aspettative. Corsi dei cambi a termine e riflessi sulla politica monetaria. (Expectations, foreign exchange forwards and reflections on monetary policy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. FERRO

    1977-06-01

    Full Text Available L'articolo fornisce un'analisi preliminare sui rapporti che si possono stabilire tra i tassi di cambio a termine e i tassi di cambio secondo le aspettative di diverse ipotesi . Gli autori evidenziano le implicazioni di politica monetaria che i vari tipi di aspettative comportano. Per verificare in particolare il ruolo delle aspettative nella determinazione dei tassi di cambio, si procederà attraverso un paio di semplici test empirici che si riferiscono al prezzo a termine del marco tedesco contro la sterlina sul mercato di Francoforte nei primi quattro mesi del 1976. The paper provides preliminary analysis on the relationships that can be established between the rates of the forward exchange rate and the spot exchange rates at the various expectations hypothesis. The authors go on to highlight the implications of monetary policy that the various kinds of expectations entail. To test specifically the role of expectations in the determination of exchange rates at the end we will proceed through a couple of simple empirical tests that refer to the spot and forward prices of the Deutsche Mark against the pound on the Frankfurt market in the first four months of 1976. JEL: E52, E42, F31

  7. Economic costs and benefits of the renewable energy sources; Costi e benefici economici delle fonti rinnovabili

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Leo, G. A. [Parma Univ., Parma (Italy). Dipt. di Scienze Ambientali; Rizzi, L. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Elettronica; Caizzi, A. [Cesi Spa, Business Unit Ambiente, Milan (Italy)

    2001-08-01

    In this work it has been analysed the potential diffusion of renewable energy sources and co-generation in the Italian market on the basis of the level of maturation of the different technologies, predicted market growth and environmental impacts associated to them. A sensitivity analysis on external costs generated by global climate changes has allowed everybody to assess how possible errors in estimating the potential impact of greenhouse gasses can affect the estimate of the economic performances of different scenarios of energetic development. On the basis of these considerations, it can be outlined a potential doubling of energy production by renewable energies in the next 10 years, with specific reference of small hydroelectric, biogass and eolic power plants. [Italian] Viene analizzata la capacita' di penetrazione delle fonti di energia rinnovabile e della cogenerazione nel mercato italiano sulla base dello stato di maturazione delle varie tecnologie e gli impatti ambientali ad esse associate. L'articolo mostra che il rispetto del vincolo di Kyoto comporterebbe in ultima analisi non un aggravio dei costi per la collettivita', ma addirittura un risparmio di 11 lire per ogni kWh prodotto, ovvero oltre il 10% rispetto ai costi totali.

  8. Veterinarians in environmental protection; Il veterinario nella protezione ambientale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ioppolo, A; Achene, L; Cappella, M G [eds.; Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Medicina Veterinaria

    1999-07-01

    The main contributions of the Fifth and Sixth Courses: Veterinary medicine and environmental contamination, held at the Italian National Institute of Health on October 27-31 1997, and September 28-October 2 1998, are presented. The volume is divided into three sections: general concepts (evolution of environmental protection in the European community, veterinary drugs in Europe, drugs and environmental contamination, aquaculture and environmental contamination); problematic aspects and methodologies applied to the environmental pollution (animal pathologies and environmental quality, toxic algae and aquaculture, aquatic organisms as indicators of environmental contamination, use of arthropods to assess environmental quality); field experiences (monitoring of chemical contaminants by an experimental institute of veterinary services, quality of compost in the light of aspects of management and market). [Italian] Sono riportati alcuni interventi presentati al quinto e al sesto corso di medicina veterinaria ed inquinamento ambientale che si sono svolti rispettivamente il 27-31 ottobre 1997 e il 28 settembre-2 ottobre 1998 presso l'Istituto Superiore di Sanita'. Il volume e' diviso in tre sezioni: contributi generali (evoluzione della tutela ambientale nella Comunita' Europea, i farmaci veterinari in Europa), utilizzo di farmaci e inquinamento (patologie degli animali e inquinamento, alghe tossiche e acquacultura, metodi per la valutazione della qualita' ambientale con organismi acquatici, artropodi terrestri come bioindicatori); esperienze sul campo (compostaggio di qualita'); problematiche gestionali e di mercato, esperienze di un monitoraggio di contaminanti chimici in un istituto zooprofilattico sperimentale.

  9. Facility Management personalizzato per realtà complesse

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Autodesk Italia Autodesk Italia

    2007-04-01

    Full Text Available Il mercato dei servizi oggi è caratterizzato da una crescente complessità; in particolare il mondo dell’Information & Communication Technology si trova di fronte a un processo di vera e propria trasformazione del concetto di servizio: dalla semplice manutenzione hardware e software si è passati alla presa in carico di attività che un tempo erano affidate a fornitori diversi. Le aziende di global services necessitano quindi di informazioni aggiornate e complete, per poter rispondere tempestivamente e con efficacia alle richieste delle aziende. In qualità di struttura istituzionale di supporto all’attività del Presidente del Consiglio, la Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva la necessità di realizzare un sistema informativo che supportasse i propri fornitori nell’erogazione dei servizi, in particolare nell’espletamento del contratto siglato per la manutenzione degli edifici e nell’ottimizzazione della manutenzione di questi servizi. Questi ultimi includono manutenzioni di carattere ordinario e straordinario, che vanno dalla sostituzione di una lampadina, alla tinteggiatura, al ripristino di un affresco o di un fregio artistico, alla manutenzione del verde sia all’esterno che all’interno degli edifici della Presidenza del Consiglio.

  10. Veterinarians in environmental protection; Il veterinario nella protezione ambientale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ioppolo, A.; Achene, L.; Cappella, M.G. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Medicina Veterinaria

    1999-07-01

    The main contributions of the Fifth and Sixth Courses: Veterinary medicine and environmental contamination, held at the Italian National Institute of Health on October 27-31 1997, and September 28-October 2 1998, are presented. The volume is divided into three sections: general concepts (evolution of environmental protection in the European community, veterinary drugs in Europe, drugs and environmental contamination, aquaculture and environmental contamination); problematic aspects and methodologies applied to the environmental pollution (animal pathologies and environmental quality, toxic algae and aquaculture, aquatic organisms as indicators of environmental contamination, use of arthropods to assess environmental quality); field experiences (monitoring of chemical contaminants by an experimental institute of veterinary services, quality of compost in the light of aspects of management and market). [Italian] Sono riportati alcuni interventi presentati al quinto e al sesto corso di medicina veterinaria ed inquinamento ambientale che si sono svolti rispettivamente il 27-31 ottobre 1997 e il 28 settembre-2 ottobre 1998 presso l'Istituto Superiore di Sanita'. Il volume e' diviso in tre sezioni: contributi generali (evoluzione della tutela ambientale nella Comunita' Europea, i farmaci veterinari in Europa), utilizzo di farmaci e inquinamento (patologie degli animali e inquinamento, alghe tossiche e acquacultura, metodi per la valutazione della qualita' ambientale con organismi acquatici, artropodi terrestri come bioindicatori); esperienze sul campo (compostaggio di qualita'); problematiche gestionali e di mercato, esperienze di un monitoraggio di contaminanti chimici in un istituto zooprofilattico sperimentale.

  11. Effectiveness of the cross-compliance standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna Gumiero

    2016-02-01

    Full Text Available Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia.Seven buffer strips (BS adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the standard 5

  12. La moisson des Argonautiques et la poétique d’Apollonios dans le chant III Harvesting in Argonautica and Apollonios' poetics in book III La mietitura delle Argonautiche e la poetica di Apollonio nel canto III

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Françoise Létoublon

    2013-05-01

    Full Text Available Un’analisi comparativa dei paragoni presenti nel canto III delle Argonautiche e di quelli omerici mostra che Apollonio s’ispira fortemente ai suoi modelli, in modo particolare nella forma ed nel lessico. Eppure, nella maggior parte dei casi, egli porta i confronti omerici lontano dal loro contesto d’origine per adattarli ai suoi intenti. Nella prima parte del canto III, i similitudini rispondono alla volontà comune di evidenziare le pene che l’amore suscita nell’animo e nel comportamento di Medea. Nella seconda parte, le prove che Giasone deve superare danno luogo, in modo sorprendente, ad immagini guerriere funzionali alla descrizione dei preparativi, ma in seguito Apollonio ricorre ad un lessico artigianale ed agricolo per evocare dei compiti che consistono effettivamente nell’aggiogare e tirare una coppia di tori, in un’aratura, in una semina ed in una mietitura. L’aspetto più notevole è che molti paragoni riuniti verso la fine del canto non sembrano trovare un corrispondente in alcun modello omerico, come se il racconto di questa prova inedita avesse progressivamente liberato Apollonio dalla sua dipendenza da Omero.A detailed survey of the similes in Argonautica III, compared to the Homeric similes, shows that Apollonius very largely draws his inspiration from his models, mainly in the form and the words. However, he shifts the Homeric similes away from their original context to re-model them to his personal intention. In the first part of book III, the similes follow a common desire to show how many troubles love provokes in Medea’s soul and behaviour. In the second part, Jason’s ordeals provide the occasion for war images describing the preparation of the hero, but thereafter Apollonius resorts to a craftsmanship and agricultural register for evoking tasks that actually consist of hitching up, ploughing, sowing and harvesting. The most remarkable fact is that some comparisons grouped near the end of the book seem

  13. Effectiveness of the cross-compliance Standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna Gumiero

    2016-02-01

    Full Text Available Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello Standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia. Seven buffer strips (BS adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the Standard 5

  14. Distorsioni strutturali della regolamentazione prudenziale delle banche (Structural distortions in prudential regulation of banks

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2012-04-01

    Full Text Available A livello nazionale, la regolamentazione finanziaria basata su divieti, cioè la cosiddetta regolamentazione strutturale, veniva accusata di produrre rilevanti distorsioni. Il grado di concorrenza ne risultava limitato, favorendo inefficienze di tutti i tipi; la cultura del rischio ne risultava indebolita; ampi poteri discrezionali erano usati dalle autorità nazionali per distorcere i meccanismi di mercato e la proprietà pubblica distorceva la concorrenza e favoriva pratiche clientelari.Una nuova comune cultura regolamentativa è quindi emersa, basata sulla libera concorrenza interna al settore bancario e per il sistema finanziario nel suo complesso. Essa richiede l’eliminazione di stretti limiti all’operatività bancaria, l’abbandono del principio di specializzazione tra attività di banca commerciale e attività finanziaria non bancaria, l’affermazione della proprietà privata, l’assoggettamento delle banche a una più forte disciplina di mercato, anche con riguardo alla loro corporate governance. Le regole di Basilea producono distorsioni non meno serie di quelle attribuite alla precedente regolamentazione strutturale. La concorrenza eccessiva non è meno dannosa di un basso grado di concorrenza, l’impostazione del level playing field aiuta la grande dimensione e pratiche di too big to fail, i capital crunches producono seri effetti sull’economia, mentre i costi di regolamentazione assorbono importanti quote delle risorse delle banche minori. È materia di ulteriore ricerca verificare se la nuova impostazione di regolamentazione abbia anche favorito un aumento nella quota del reddito nazionale assorbito dal sistema finanziario senza aver prodotto una migliore distribuzione dei rischi e un proporzionale aumento in quella che James Tobin (1984 ha definito efficienza di piena assicurazione.   At the national level, financial regulation based on prohibitions, the so-called structural rules, was accused of producing significant

  15. Distorsioni strutturali della regolamentazione prudenziale delle banche (Structural distortions in prudential regulation of banks

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2009-12-01

    Full Text Available A livello nazionale, la regolamentazione finanziaria basata su divieti, cioè la cosiddetta regolamentazione strutturale, veniva accusata di produrre rilevanti distorsioni. Il grado di concorrenza ne risultava limitato, favorendo inefficienze di tutti i tipi; la cultura del rischio ne risultava indebolita; ampi poteri discrezionali erano usati dalle autorità nazionali per distorcere i meccanismi di mercato e la proprietà pubblica distorceva la concorrenza e favoriva pratiche clientelari.Una nuova comune cultura regolamentativa è quindi emersa, basata sulla libera concorrenza interna al settore bancario e per il sistema finanziario nel suo complesso. Essa richiede l’eliminazione di stretti limiti all’operatività bancaria, l’abbandono del principio di specializzazione tra attività di banca commerciale e attività finanziaria non bancaria, l’affermazione della proprietà privata, l’assoggettamento delle banche a una più forte disciplina di mercato, anche con riguardo alla loro corporate governance.Le regole di Basilea producono distorsioni non meno serie di quelle attribuite alla precedente regolamentazione strutturale. La concorrenza eccessiva non è meno dannosa di un basso grado di concorrenza, l’impostazione del level playing field aiuta la grande dimensione e pratiche di too big to fail, i capital crunches producono seri effetti sull’economia, mentre i costi di regolamentazione assorbono importanti quote delle risorse delle banche minori. È materia di ulteriore ricerca verificare se la nuova impostazione di regolamentazione abbia anche favorito un aumento nella quota del reddito nazionale assorbito dal sistema finanziario senza aver prodotto una migliore distribuzione dei rischi e un proporzionale aumento in quella che James Tobin (1984 ha definito efficienza di piena assicurazione. At the national level, financial regulation based on prohibitions, the so-called structural rules, was accused of producing significant

  16. Franco Modigliani e l’oligopolio (Franco Modigliani and oligopoly

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sylos Labini

    2012-04-01

    Full Text Available Conobbi  Franco Modigliani nel 1948. Avevamo interessi comuni in tre campi della teoria economica – Keynes e la disoccupazione, i rapporti fra meccanismi monetari e quelli reali, le forme di mercato e la formazione dei prezzi; in altri due campi, ampiamente esplorati da Modigliani, l’interesse comune era minore – mi riferisco ai problemi del risparmio e del ciclo vitale. Comune era anche l’amore per le verifiche empiriche e, su un piano diverso, sull’impegno civile. Intellettualmente ci siamo incontrati sulla questione della formazione dei prezzi in regime di oligopolio, che può essere visto, nelle sue diverse configurazioni, come la forma di mercato più frequente nell’economia moderna. Modigliani ha incorporato la formula della formazione e delle variazioni dei prezzi in oligopolio in due modelli econometrici, il primo elaborato negli Stati Uniti, il secondo in Italia. Negli ultimi anni Modigliani si fece promotore di un “Manifesto contro la disoccupazione nell’Unione Europea”, al quale collaborarono sei economisti europei (io ero fra questi e che ebbe poi l’adesione di un gran numero di economisti di tutto il mondo. Nel Manifesto giocano un ruolo di rilievo la funzione degli investimenti, concepita da Modigliani e da me in modi diversi ma complementari e il modello delle variazioni dei prezzi, visto con riferimento al problema dell’inflazione.   I met Franco Modigliani in 1948. We had common interests in three fields of economics - Keynes and unemployment, the relationship between monetary mechanisms and the real, forms of market and price formation, in two other fields, widely explored by Modigliani, the common interest was less - I am referring to the problems of saving and the life cycle. Was also common love for empirical tests and, on a different level, on civic engagement. Intellectually we met on the issue of price formation in an oligopoly, which can be seen, in its various forms, such as the

  17. Cineturismo ed economia dei media: il caso dei film indiani girati in Italia / Cine-tourism and media economy: the case of Indian films shot in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Cucco

    2016-05-01

    Full Text Available A partire dalla fine degli anni Novanta l’industria audiovisiva indiana ha intensificato il numero di riprese effettuate all’estero, in particolar modo nei paesi occidentali. Questa migrazione di riprese rappresenta una grande occasione per i paesi ospitanti. L’industria cinematografica indiana, infatti, è la più prolifica al mondo e i suoi film riscuotono un ampio successo nel mercato domestico, con una quota di mercato stimata attorno al 90-95%. Ma il cinema indiano sta raccogliendo consensi anche all’estero, e i suoi spettatori non appartengono più solo alle classi popolari della società indiana, ma anche a quelle più facoltose, e dunque sono potenzialmente in grado di intraprendere viaggi verso i luoghi visti sul grande schermo. In virtù di queste considerazioni, il saggio analizza innanzitutto le ragioni che hanno spinto i produttori indiani a delocalizzare le proprie riprese all’estero, in particolar modo in Italia. Solo alla luce di questa analisi della domanda, infatti, è poi possibile comprendere come i territori possono aver intercettato le necessità dell’industria del cinema (e di riflesso anche i desideri del suo pubblico e divenire potenziali mete turistiche per gli spettatori indiani. Da un punto di vista metodologico, invece, il saggio ambisce a mostrare come gli studi condotti nell’ambito dell’economia dei media possano contribuire all’analisi dei fenomeni cineturistici e all’elaborazione di iniziative di successo in grado di intrecciare sviluppo territoriale e industrie creative.   Since the end of the 1990s Indian producers have been outsourcing an increasing number of film productions to Western countries, and this trend represents an important opportunity for the hosting territories. The Indian film industry is the main film producer in the world, and its movies achieve a wide success in the domestic market (where they hold a market share of about 90-95%. Moreover, from few years Indian films are

  18. Squilibri finanziari, cambio del dollaro e politica monetaria internazionale. (Financial imbalances, the dollar exchange rate and international monetary policy.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. TRIFFIN

    2013-12-01

    Full Text Available L'aumento continuo e spettacolare del dollaro sul mercato globale dei cambi, nonostante l'altrettanto spettacolare disavanzo delle partite correnti della bilancia dei pagamenti, è una cosa che nessun economista avrebbe sognato . Tutti saranno d'accordo che la risposta al puzzle sta nel fatto che le operazioni in conto corrente costituiscono ormai solo una piccola parte dei movimenti valutari lordi,  dominata di fattop da movimenti di capitali. Ciò che deve essere spiegato  allora è l'enorme volume di capitale netto totale che finanzia il deficit. Il presente lavoro considera questo paradosso, il ruolo del dollaro nel sistema monetario mondiale e le prospettive a medio e lungo termine per il sistema finanziario mondiale.The continuous and spectacular rise of the dollar on the global foreign exchange market, despite the equally spectacular current account deficit of the U.S. balance of payments, is something that no economist would have dreamed to be possible. Everyone will agree that the answer to the puzzle lies in the fact that the transactions in the current account now constitute only a small part of the gross currency movements, in fact dominated by capital movements. What needs to be explained then is the sheer volume of the total net capital that finances the deficit. The present work considers this paradox, the dollar’s role in the world monetary system and medium and long-term perspectives for the world financial system.JEL: E52, F31, E42,

  19. Politica bancaria e sviluppo economico: rileggendo l'era menichelliana e quella attuale (Banking policy and economic development: re-reading the menichellian era and the present

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2012-04-01

    Full Text Available Il basso tasso di crescita dell’Italia, anche nel contesto internazionale ed europeo, ha spinto a confrontare gli anni ’50 con gli ultimi dieci o quindici. Dall’analisi emerge che, se si esclude l’iniziale liberalizzazione del commercio internazionale, il periodo che vide la più vigorosa crescita dell’Italia fu caratterizzato dall’economia mista, da monopoli pubblici e posizioni private dominanti, da una politica monetaria e bancaria basata su controlli diretti ed esercizi di persuasione morale individuale, tutte condizioni oggi ritenute sfavorevoli alla crescita. Al contrario, nella fase attuale l’enfasi è stata sul modello di economia liberale, con liberalizzazioni, privatizzazioni di imprese produttive e di banche, politiche incentrate sugli incentivi e sul mercato. Purtroppo, la scienza economica non ha ancora trovato il paradigma generale che spiega la ricchezza delle nazioni a prescindere dal contesto e dagli uomini che lo animano.  The low growth rate of Italy, also in international and European context, has led to compare the 50s with the last ten or fifteen. The analysis shows that, apart from the initial liberalization of international trade, the period that saw the most vigorous growth in Italy was characterized from a mixed economy, with public monopolies and dominant positions private, from a monetary and banking policy based of direct controls and exercises of individual moral suasion, all conditions previously deemed unfavorable to growth. On the contrary, at this stage the emphasis was on the model of liberal economy, with liberalization, privatization of productive enterprises and banks, policies based on incentives and market. Unfortunately, the economic science has not yet found a general paradigm that explains the wealth of nations regardless of the context and the men who animate it. JEL Codes: B31, E65, N14, O10Keywords: tasso di crescita, commercio internazionale, politica monetaria, politica bancaria

  20. 5th International Fair Konfindustria Albania & Kosovo: Report di un viaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renzo Carlucci

    2012-06-01

    Full Text Available Quando la redazione di GeoMedia ha ricevuto l’invito da parte della rete di Impresa GIS Italiana GeoNetCom di partecipare come “osservatore” ad un interessante mercato estero (l’Albania e di verificare come 5 aziende italiane (GisItalia srl Milano-Trento, I&S Informatica e Servizi Trento, Geoslab srl Avellino, Sistemi Territoriali srl Pisa e Tecnopiani srl Roma-Chieti e due new entry della rete (MARSec spa Benevento e ISE-Net Torino stanno lavorando insieme per l’internazionalizzazione, l’offerta era troppo ghiotta per rinunciarci, anche perchè per il sottoscritto era l’occasione di rientrare in contatto con Tirana dopo ben 16 anni. 5th International Fair Konfindustria Albania & Kosovo GeoMedia  has  received  an  invitation  from  GeoNetCom, an Italian  network  of  Enterprise  GIS,  to  participate  as  "observ-ers" to a foreign market attractive (Albania and to see how five Italian Companies (GisItalia srl Milano-Trento, I & S Infor-mation Technology and Services Trento, Geoslab srl Avellino, Regional Systems srl Rome-Pisa and Infopiani Chieti with two new entries in the network (MARSEC ISE-net spa Benevento and Turin, are working together to bring their activity at the international level in a Country quickly growing as Albania.

  1. A proposal to define when combined cycle can be classified as a cogeneration plants; Proposta di definizione di impianto di cogenerazione a ciclo combinato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Macchi, E. [Milan Politecnico, Milan (Italy)

    1999-09-01

    The recent decree on liberalization of the Italian electric market assigns to the authority for electric energy and natural gas the task of defining under which conditions a combined heat and power plant (CHP) obtains a significant primary energy saving when compared to separate productions. The present paper outlines and discusses the proposal made by a working group of CTI (Italian thermo-technical committee). The most significant features of the proposal are the following: i the use of IRE (Energy saving index), based upon net, annual energy production, certified by independent institutions; ii the adoption of an automatic procedure of yearly updating the reference performance related to conventional power generation, accounting for technology evolution; iii the assumption of a lower limit for the thermal/fuel energy ratio and iv correction procedures in case of usage of non-conventional fuels (municipal wastes, process gases, etc.) [Italian] Il recente decreto sulla liberalizzazione del mercato elettrico prevede che l'autorita per l'energie elettrica e il gas definisca le condizioni per cui un impianto di produzione combinata di energia elettrica e calore garantisce un significativo risparmio di energia rispetto alle produzioni separate. Nella presente nota viene descritta e commentata una proposta operativa avanzata da un gruppo di lavoro del Comitato Termotecnico Italiano (CTI). Elementi caratterizzanti la proposta sono: i) il riferimento all'indice IRE (indice di Risparmio di Energia primaria), valutato su prestazioni annue nette, a consuntivo e certificate da Enti indipendenti, ii) l'introduzione di un meccanismo automatico di revisione annuale di parametri di confronto relativi alla generazione separata che tenga conto dell'evoluzione tecnologica, iii) l'introduzione di un limite inferiore al rapporto fra la generazione di energia termica utile e l'energia introdotta con il combustibile e iv l'inserimento di

  2. Accesso al lavoro al tempo della Crisi: un’etnografia di esperienze e cambiamenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Filippo Fontefrancesco

    2013-05-01

    Full Text Available RiassuntoA partire dal 2009, l'Italia ha conosciuto una drammatica recessione nella quale i costi sociali si sono espressi anche nel progressivo aumento della disoccupazione giovanile e del vieppiù difficile accesso al lavoro per giovani e giovani-adulti.Sulla base di una ricerca etnografica svolta nella provincia di Alessandria, l'articolo mette in luce alcuni degli effetti culturali e sociali della sostanziale precarizzazione del mercato del lavoro. Le storie di vita e le parole dei giovani intervistati tratteggiano e mettono in luce il volto della crisi attuale; un quadro sociale complesso e di profonda trasformazione, in cui lo studio appare aver perso la sua capacità di essere scala sociale e strumento di emancipazione, e i giovani, venute meno quelle basi economiche per l'accesso ad una piena vita adulta indipendente, vedono la loro vita proiettarsi in un quadro di incertezza edi indeterminatezza.Parole chiave: Italia, lavoro, giovani, crisi, precarietàAccess to work during the Crisis: An ethnography of experiences and changes in Italy AbstractSince 2009, Italy has experienced a dramatic recession. The rise of unemployment and an increasingly difficult access to the job market for young and young-adults are two of the most evident effects of the economic crisis. The ethnographic research conducted in Alessandria province in 2012 shows the cultural and social effects of this substantial precarization of the job market. The life-stories of the informants outline the crisis in the eyes of a pool of young-adults. The research shows the decline of formal education as a social ladder and means of emancipation. It also points out the precarious conditions of the young adults that embody and endure the economic uncertainty as a source of social indetermination, being the potential economic basis for an independent life turned to be precarious or unreachable.Key word: Italy, work, young, crisis, job.

  3. Hygienic aspects of the natural organic ammendant obtained by composting; Valutazione dello stato igienico di un ammendante oranico naturale ottenuto per compostaggio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Armagliani, G. [Urbino Univ., Urbino (Italy). Centro di Biotecnologie; Sisti, M.; Schiavano, G. F.; Celeste, A. G. [Urbino Univ., Urbino (Italy). Istituto di Scienze Tossicologiche Igienistiche e Ambientali

    2001-03-01

    The Law Decree 22/97 about waste tends to favour recycling activities for energy and materials. One of these are composting processes. The product obtained by this technology, put on the market, must have the necessary hygienic qualifications. To give data regarding this matter it was evaluated, in the period 1998-2000, the microbiologic quality of a natural organic ammendant obtained by composting searching following parameters: heterotrophic microorganisms, faecal indicators, Escherichia coli, salmonellae, shigellae, Listeria monocytogenes, pseudomonas aeruginosa, staphylococci, coagulase-positive, enterovirus, protozoa cysts and helminth eggs. Same of these were also searched in the biological sludge and sludge - plant residues mix microbiological parameters. [Italian] Il Decreto Legge 22/97 in materia di rifiuti tende a favorire tutte quelle attivita' di recupero di energia e di materia. Una di queste e' rappresentata dai processi di compostaggio. Il prodotto che si ottiene con tale procedimentoe che si immette nel mercato deve rispondere a determinati requisiti di qualita' igienico-sanitaria. Allo scopo di fornire dati sulla sicurezza igienica di questo prodotto, nell'arco di triennio 1998-2000, e' stata valutata la qualita' microbiologica di un ammendante organico ottenuto per compostaggio ricercando i seguenti parametri: microrganismi eterotrofi, indici di contaminazione fecale, Escherichia coli, salmonelle, shigelle, Listeria monocytogenes, Pseudomonas aeruginosa, stafilococchi coagulasi positivi, enterovirus, cisti di protozoi e uova di elminti. Alcuni di questi parametri sono stati ricercati anche nel fango biologico e nella miscela fango - frazione vegetale quali prodotti di partenza del processo di compostaggio.

  4. Book review, Sanità animale, Salvatore Montinaro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2013-03-01

    Full Text Available Un manuale strutturato per fornire un quadro d'insieme della materia e chiarire il metodo logico con il quale trovare i riferimenti scientifici e normativi necessari per affrontare il lavoro di tutti i giorni: così viene presentato Sanità animale, un volume che rispetto ai pochi testi analoghi sul mercato, si distingue per l'utilizzo parco di stralci normativi, comunque sistematicamente citati, in modo da renderne agevole la consultazione. L'attenzione maggiore è spostata verso l'analisi scientifica e normativa delle problematiche affrontate, delle peculiarità delle singole malattie e dei principi d'intervento sul campo. Il medico veterinario Salvatore Montinaro, forte dell'esperienza maturata in diverse amministrazioni (Regione, ASL, IZS riesce nell'intento di descrivere in maniera semplice, ma completa e dettagliata, il funzionamento della sanità animale e della lotta alle malattie diffusive animali. Come esplicita nell'introduzione del capitolo Norme Veterinarie e SSN: "Non si cercherà in questa sede di ripercorrere la storia della veterinaria pubblica, dal codice di Hammurabi in poi: ci si limiterà piuttosto a uno sguardo retrospettivo nella storia recente, finalizzato a identificare in modo sistematico, partendo dal generale per arrivare al particolare, i principali punti di riferimento che caratterizzano il quadro normativo della sanità pubblica veterinaria". Anche per questo il manuale è indirizzato soprattutto a coloro che già lavorano, o che intendono lavorare, nei servizi veterinari di sanità animale delle Aziende Sanitarie Locali, ponendosi come un testo "professionale" e un sussidio tecnico da avere a portata di mano. Salvatore Montinaro, classe 1967, svolge la sua attività professionale come dirigente del servizio veterinario di sanità animale della ASL di Nuoro, inoltre, fa parte del gruppo di esperti comunitari del TAIEX ed è consulente tecnico della FAO.

  5. Paolo Sylos Labini, 1920-2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Roncaglia

    2012-04-01

    Full Text Available In questo articolo, Alessandro Roncaglia rende un attento e dettagliato omaggio intellettuale alla memoria di Paolo Sylos Labini. Il contributo di Roncaglia fornisce allo stesso tempo un racconto biografico e racconta la traiettoria intellettuale del suo collega italiano. Mentre la teoria di Sylos Labini sull’ oligopolio e le sue forme di mercato costituisce, ovviamente, il centro della scena in queste riflessioni, essi vanno anche molto più lontano, includendo l'economia politica, dinamiche economiche, interrelazioni tra occupazione, crescita e distribuzione del reddito, l'economia dello sviluppo e la storia del pensiero economico. Questo lavoro mette in evidenza, in egual misura, i contributi e le realizzazioni dell'economista, così come le qualità della persona e del cittadino imparziale ed impegnato Paolo Sylos Labini.   In this article, Alessandro Roncaglia renders a careful and detailed intellectual tribute to the memory of Paolo Sylos Labini. Roncaglia’s contribution provides at once a biographical account and recounts the intellectual trajectory of his Italian colleague. While Sylos Labini’s theory of oligopoly and his market forms obviously take centre stage in these reflections, they also reach much further afield, including political economy, economic dynamics, interrelations between employment, growth and income distribution, development economics and the history of economic thought. This paper highlights, in equal measure, the contributions and achievements of the economist, as well as the qualities of the person and the impartial and engaged citizen Paolo Sylos Labini.  JEL Codes: B31Kyewords: Biography; Economic Thought; History of Economic Thought

  6. State of the art on bioethanol production; Stato dell'arte della produzione di bioetanolo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barisano, D; De Bari, I; Viola, E; Zimbardi, F; Braccio, G [ENEA, Divisione Fonti Rinnovabili di Energia, Centro Ricerche Trisaia, Policoro, Matera (Italy); Cantarella, M; Gallifuoco, A [L' Aquila Univ., L' Aquila (Italy). Dipt. di Ingegneria Chimica e dei Materiali

    2001-07-01

    The state of the art, deals with the ethanol production from current processes based on the use of sugar and starch as feedstock and those under development based on lignocellulosic biomass. In the first section are reported the commercially available processes together with hints to the newest technologies. As regard the ethanol production from lignocellulosics, it has been collected data on the biomass availability in Europe as energy crops, industrial crops, agricultural residues and domestic waste. It is provided a bibliographic study on the technologies and processes under development worldwide for the conversion of lignocellulosics into ethanol. Finally, a brief discussion on the economics highlights the near term viability of producing ethanol by this way. [Italian] Questo lavoro tratta della produzione di etanolo da diverse biomasse, compreso i materiali lignocellulosici. Sono riportati cenni al mercato mondiale ed europeo dell'etanolo insieme ad una breve rassegna dei processi impiegati correntemente; si tratta per lo piu' di tecnologie ormai mature basate sull'utilizzo di piante ad alto contenuto di zucchero o di amido. Per quanto riguarda la produzione di etanolo da biomasse lignocellulosiche, sono riportati i risultati di un'indagine statistica sulla disponibilita' in Europa di questi materiali in termini di coltivazini dedicate, residui agro-forestali e rifiuti domestici. E' riportata altresi una ricerca bibliografica sui recenti sviluppi dei processi di conversione a etanolo su scala banco e pilota. Infine, una breve discussione sugli aspetti economici connessi all'utilizzo di materiali lignocellulosici per la produzione di etanolo mostra come questi processi si stiano avvicinando alla completa fattibilita'.

  7. Studiare i prezzi dei libri nell'Europa della prima età moderna: questioni e fonti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Nuovo

    2017-09-01

    Full Text Available Il contributo presenta in modo sintetico il quadro concettuale all'interno del quale uno studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna dovrebbe muoversi, così come i problemi metodologici da affrontare. Nonostante la natura di manufatto semi-industriale ponga il libro a stampa in una classe merceologica del tutto particolare nell'economia pre-industriale, è possibile utilizzare le categorie generali di domanda e offerta per identificare alcuni fattori atti ad impostare specifici percorsi di ricerca basati sull'analisi storico-economica. La storia del libro può essere quindi messa in relazione con alcuni temi classici della storia economica, allo scopo di inserire il problema del commercio librario e dei prezzi dei libri in un dibattito storiografico più ampio. Tra le fonti disponibili per lo studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna, l'inventario di bottega di Bernardo Giunti (Department of Special Collections, UCLA, Collection 170/622 è una chiara testimonianza del fiorente mercato librario allora esistente a Venezia. Le quasi 12.000 registrazioni incluse nella lista dei libri in vendita riflettono gli scopi e gli obiettivi dell’azienda. La struttura di questo documento è decisamente complessa, frutto di più di venti anni di uso continuo (1600-1620 c.. Lungo questo periodo di tempo, il documento sembra essere evoluto da un semplice elenco o catalogo ad uso del personale interno a un importante strumento per la gestione della bottega e del suo magazzino. Quasi ogni titolo presenta un prezzo, e ciò rende questo inventario una delle fonti più ampie e significative per lo studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna.This project has received funding from the European Research Council (ERC under the European Union's Horizon 2020 research and innovation programme (Grant Agreement n° 694476.

  8. Simboli apparenti: ricerca qualitativa sull'estetica dell'ipod

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Esposito

    2009-04-01

    Full Text Available Ormai i lettori di file mp3 - l’algoritmo di compressione per i brani musicali digitalizzati - sono entrati nel ventaglio delle tecnologie di uso comune, soprattutto per quanto concerne l’universo giovanile. All’interno dell’infinita varietà di marche e modelli però, possiamo sostenere con buona sicurezza che l’iPod, il lettore mp3 della Apple, ha saputo conquistarsi una buona fetta di mercato. I motivi del suo successo commerciale si legano a diversi elementi, tra i quali non possiamo far a meno di citare la capacità dell’iPod di assorbire le interpretazioni simboliche proposte dai suoi fruitori, un processo quasi sconosciuto agli altri lettori mp3. L’iPod non viene inteso sic et simpliciter come un oggetto con relativa funzione ma anche come simbolo, un contenitore di significati mutevoli che gli individui utilizzano per comunicare ai propri simili la loro solidarietà nei confronti del “pensiero Apple”. Ma non solo: se tutto ciò fosse vero, potremmo anche immaginare questo lettore mp3 investito da valori estetici a tal punto da trasfigurarsi in orpello da abbinare con il soprabito. È possibile, quindi, pensare all’iPod non solo come lettore di file mp3 ma anche come un qualsiasi monile, gioiello e/o accessorio del proprio abbigliamento? Questa domanda rappresenta la base della ricerca che verrà approfondita nel seguente saggio, un lavoro che tramite l’utilizzo di tecniche appartenenti all’universo della ricerca qualitativa cerca di dare possibili risposte - mai definitive - ai precedenti quesiti.

  9. State of the art on bioethanol production; Stato dell'arte della produzione di bioetanolo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barisano, D.; De Bari, I.; Viola, E.; Zimbardi, F.; Braccio, G. [ENEA, Divisione Fonti Rinnovabili di Energia, Centro Ricerche Trisaia, Policoro, Matera (Italy); Cantarella, M.; Gallifuoco, A. [L' Aquila Univ., L' Aquila (Italy). Dipt. di Ingegneria Chimica e dei Materiali

    2001-07-01

    The state of the art, deals with the ethanol production from current processes based on the use of sugar and starch as feedstock and those under development based on lignocellulosic biomass. In the first section are reported the commercially available processes together with hints to the newest technologies. As regard the ethanol production from lignocellulosics, it has been collected data on the biomass availability in Europe as energy crops, industrial crops, agricultural residues and domestic waste. It is provided a bibliographic study on the technologies and processes under development worldwide for the conversion of lignocellulosics into ethanol. Finally, a brief discussion on the economics highlights the near term viability of producing ethanol by this way. [Italian] Questo lavoro tratta della produzione di etanolo da diverse biomasse, compreso i materiali lignocellulosici. Sono riportati cenni al mercato mondiale ed europeo dell'etanolo insieme ad una breve rassegna dei processi impiegati correntemente; si tratta per lo piu' di tecnologie ormai mature basate sull'utilizzo di piante ad alto contenuto di zucchero o di amido. Per quanto riguarda la produzione di etanolo da biomasse lignocellulosiche, sono riportati i risultati di un'indagine statistica sulla disponibilita' in Europa di questi materiali in termini di coltivazini dedicate, residui agro-forestali e rifiuti domestici. E' riportata altresi una ricerca bibliografica sui recenti sviluppi dei processi di conversione a etanolo su scala banco e pilota. Infine, una breve discussione sugli aspetti economici connessi all'utilizzo di materiali lignocellulosici per la produzione di etanolo mostra come questi processi si stiano avvicinando alla completa fattibilita'.

  10. All’origine dei differenziali salariali di genere nel settore non profit. il caso delle cooperative sociali italiane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica D’Isanto

    2013-01-01

    Full Text Available L’elevata quota di lavoratrici nelle organizzazioni non profit potrebbe indurre a rite-nere le cooperative sociali un luogo ideale per la manodopera femminile, proprio perché in questo tipo di istituzioni le donne avrebbero maggiori possibilità di impiego e mag-giori opportunità di accedere a posizioni di potere organizzativo (data la peculiare natu-ra democratica che caratterizzerebbe tali istituzioni. Sebbene l’aumento della parteci-pazione femminile nel mercato del lavoro sociale abbia un impatto positivo sul tasso di crescita dell’economia, è stato dimostrato che la predominanza delle donne nel settore nonprofit non solo non riesce sempre a tradursi in un’attenuazione delle discriminazioni di genere in termini di carriera, retribuzione e accesso a ruoli di comando, ma rischia anche di implicare, tramite la mancata valorizzazione del loro apporto, la svalutazione economica dell’intero settore. I dati, infatti, confermano la presenza di potenti meccani-smi discriminatori rispetto al genere, tanto più sorprendenti quanto più si consideri l’elevata presenza di donne tra i lavoratori di queste organizzazioni.In Italia nel 2007 è emerso che il 74% della forza lavoro nel settore nonprofit era co-stituito da donne.Questo lavoro ha due obiettivi. In primo luogo (e per la prima volta nel contesto ita-liano, si propone di studiare le caratteristiche di questa composizione femminile della forza lavoro, utilizzando la banca dati ICSI 2007 (Indagine Cooperative Sociali Italia-ne; in secondo luogo, di analizzare il rapporto esistente tra differenziali salariale di ge-nere e segregazione.I principali risultati sono che anche nel settore non profit esiste un differenziale sala-riale di genere di circa il 16% in favore degli uomini (dato conforme alla media degli altri paesi europei; che esiste la segregazione femminile (orizzontale e verticale e che questa spiega quasi interamente l’esistenza di questo differenziale salariale.

  11. Gas Market deverticalization and liberalization: simulate the effect of different attack and defence

    International Nuclear Information System (INIS)

    Drusiani, Renato; Fazioli, Roberto; Matino, Paola

    2005-01-01

    The Autorita' per l'Energia Elettrica e il Gas (Aeeg-Italian Electricity Regulator) and The Autorita' Garante per la Concorrenza e il Mercato (Agcm - Italian Competition and Market Regulator) have pointed out that, despite the process of deverticalization and liberalization started with the 'Decreto Letta', oligopolistic blocks still exist in the up stream segment of the natural gas supply chain. Such a liberalization process apparently did not bring about those expected, outstanding benefits for the final users, to such extent that it took action from the Aeeg itself to regulate the final prices, thus dramatically hampering the complete opening of the market and ultimately undermining its expected results. Furthermore, the natural gas industry operators are all aware that competition in the down stream segment (distribution) will be, as it is righi now, limited only to the more attractive industrial use. This parer analyzes and simulates, based on empirical data, the effect of different attack and defence strategies between incumbents and competitors, whose identification is based more on the financial solidity they show in developing competition strategies than their management efficiency level. Il is our intent to add a contribution to the national debate in terms of simulation of a price competition between incumbent and competitor, in order to evaluate how likely it is far oligopolistic blocks to occur. As a second step, a simplified competition analysis, applied to a real-life situation, has been carried out. The questions tackled in this simulation, which is based on the game theory, concern, first and foremost, the demonstration that an oligopolistic block in the up stream affects the down stream, and how such effects bear on the various categories of users. As a final corollary, a question of industrial policy: are the effects of an asymmetric liberalization such as to induce a supply side concentration which is rather based on the exploitation of the up

  12. Alcuni possibili scenari per l'economia italiana nella seconda metà degli anni ottanta. (Some possible scenarios for the Italian economy in the second half of the 1980s

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. FAUSTINI

    2013-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni, l'offerta di lavoro in Italia , come in altri paesi europei , non ha prodotto una espansione di opportunità di lavoro . Questo nonostante il fatto che durante l'ultima recessione l'Italia ha visto una minore riduzione dei livelli di attività rispetto alla media dell'Unione europea , ed era quindi in grado di limitare , più che altrove , l'impatto negativo sul mercato del lavoro . Il presente lavoro presenta scenari di sviluppo per l'economia italiana fino al 1990 , senza prevedere che cosa accadrà nei prossimi anni. Piuttosto , si intende semplicemente sottolineare la necessità di affrontare il problema della crescita interna , in presenza di un probabile modesta espansione dell'economia mondiale , individuando le difficoltà dei problemi che in politica economica si incontrano al fine di favorire una ripresa stabile e un progressivo aumento del tasso di occupazione .In recent years the supply of labor in Italy, as in other European countries, has not produced an expansion of employment opportunities. This despite the fact that during the last recession Italy saw a smaller reduction in the levels of activity compared to the average of the EU, and was thus able to limit, more than elsewhere, the negative impact on the labor market. The present work presents scenarios of development for the Italian economy through 1990, without forecasting what will happen in the next few years. Rather, it is intended to simply to emphasise the need to address the problem of internal growth, in the presence of a probable modest expansion of the world economy, identifying the difficulties and problems that economic policy will encounter in order to foster a stable recovery and a gradual increase in the employment rate.JEL: J21, E24, O21

  13. Premi letterari e traduzioni (1990-2012: il caso Spagna-Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Cattaneo

    2013-11-01

    Full Text Available In un contesto globalizzato, in cui l’industria culturale iberica e l’editoria italiana sono state al centro di cambi epocali che le hanno convertite in vasi comunicanti soggetti alle leggi dell’economia mondiale e della società dello spettacolo, può essere utile analizzare come le case editrici della nostra penisola abbiano accolto, negli ultimi vent’anni (dal 1990 al 2012, gli autori e i libri vincitori e finalisti di cinque storici premi letterari spagnoli (il Nadal, il Planeta, il Premio Herralde de Novela, il Nacional de Narrativa e il Nacional de la Crítica poiché, a partire da un quadro d’insieme delle opere tradotte, è possibile, basandosi sulle trame dei volumi e sulle pubblicazioni in lingua italiana che hanno preceduto o seguito la loro stampa, elaborare congetture in merito alle linee guida recentemente adottate da un buon numero di editori nostrani e, al contempo, stilare bilanci riguardo all’impatto della narrativa spagnola nell’attuale mercato librario italiano. In a globalized world, both Spanish and Italian publishing industries have been subjected to radical changes that transformed them into communicating vessels prone to economic laws and dependant on the mechanisms of the society of the spectacle. In such a context, it would be useful to analyse the interest showed in the last twenty years (from 1990 to 2012 by Italian publishing houses towards writers and books distinguished with some of the most notorious Spanish literary awards (Nadal, Planeta, Herralde de Novela, Nacional de Narrativa, Nacional de la Crítica. In this way, starting from a brief abstract of the awarded plots and from an overview of the existing Italian translations of their authors, it would be possible to conjecture some of the recent guidelines followed by Italian publishers and, at the same time, thus would allow us to evaluate the impact of Spanish narrative in our book market.

  14. Moneta e quasi-moneta. (Money and quasi-money

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. CESARANO

    2013-12-01

    Full Text Available L'analisi della definizione degli aggregati monetari ha avuto un ruolo di primo piano nel dibattito sul denaro negli anni Sessanta e la prima metà degli anni Settanta . I problemi connessi con il rapporto tra denaro e quasi- denaro ha importanti implicazioni per i vari aspetti fondamentali della teoria monetaria e della politica monetaria . In Italia , per motivi legati alla peculiarità del  quadro istituzionale , il problema in questione non ha ricevuto molta attenzione . Solo di recente , a seguito della diffusione di strumenti di mercato monetario ,  molti partiti hanno sollevato la questione per quanto riguarda l'inclusione di questi strumenti nella definizione dello stock del denaro . Dopo aver spiegato la natura del problema , il presente lavoro fornisce un'analisi empirica della questione .The analysis of the definition of monetary aggregates has had a leading role in the debate on money in the sixties and the first half of the seventies. The problems associated with the relationship between money and quasi-money has important implications for various fundamental aspects of monetary theory and monetary policy. In Italy, for reasons related to the peculiar institutional framework, the issue in question has not received much attention. Only recently, as a result of the diffusion of money market instruments, have many parties raised the question regarding the inclusion of these instruments in the definition of the stock of money. After explaining the nature of the problem, the present work provides an empirical analysis of the issue.JEL: E42, E52

  15. The new industrial political tools based on the sustainable development of productive activities; Gli strumenti attuativi di una politica di sviluppo sostenibile dell'impresa

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R.; Andriola, L. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The new industrial political tools based on the sustainable development of productive activities, and originating at the Rio Conference in 1992, late introduced by the European Union, the Government and voluntary organizations (ISO, CEM, UNI) are gradually entering the market, thereby underling their effect in terms of industrial competitiveness. The main tools were examined in the report and mostly refer to the voluntary ones which, in surpassing the command and control logic, increasingly tend to get close to traditional fiscal, tariff and financial ones. Voluntary agreements, environmental management systems (EMAS, ISO14000), the risk prevention systems (UNI 10617), certification (Ecolabel, ISO 14040) and environment communications tools (environment balance sheet, environmental report, environmental statement) are synthetically described. Finally, the tools regarding the incentives still under Government concern an their diffusion are examined. [Italian] I nuovi strumenti di politica industriale orientati allo sviluppo sostenibile delle attivita' produttive che traggono origine dalla Conferenza di Rio del 1992 e sono stati introdotti successivamente da parte della Comunita' Europea, dal Governo e dagli organismi di normazione volontaria (ISO, CEN, UNI), stanno gradualmente penetrando sul mercato facendo valere i loro effetti anche in termini di competitivita' delle imprese. Nel rapporto sono stati esaminati i principali tra questi strumenti con particolare riferimento a quelli volontari che sempre piu', nel superamento della logica del {sup c}ommand-control{sup ,} tendono ad affiancarsi a quelli tradizionali di carattere fiscale, tariffario e finanziario. In particolare vengono descritti sinteticamente gli accordi volontari, i sistemi di gestione ambientali e della sicurezza (EMAS, norme ISO 14001 e UNI 10617), la certificazione di prodotto (Ecolabel, norma ISO 14040) e gli strumenti di comunicazione ambientale (bilancio ambientale, rapporto

  16. The new industrial political tools based on the sustainable development of productive activities; Gli strumenti attuativi di una politica di sviluppo sostenibile dell'impresa

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R; Andriola, L [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The new industrial political tools based on the sustainable development of productive activities, and originating at the Rio Conference in 1992, late introduced by the European Union, the Government and voluntary organizations (ISO, CEM, UNI) are gradually entering the market, thereby underling their effect in terms of industrial competitiveness. The main tools were examined in the report and mostly refer to the voluntary ones which, in surpassing the command and control logic, increasingly tend to get close to traditional fiscal, tariff and financial ones. Voluntary agreements, environmental management systems (EMAS, ISO14000), the risk prevention systems (UNI 10617), certification (Ecolabel, ISO 14040) and environment communications tools (environment balance sheet, environmental report, environmental statement) are synthetically described. Finally, the tools regarding the incentives still under Government concern an their diffusion are examined. [Italian] I nuovi strumenti di politica industriale orientati allo sviluppo sostenibile delle attivita' produttive che traggono origine dalla Conferenza di Rio del 1992 e sono stati introdotti successivamente da parte della Comunita' Europea, dal Governo e dagli organismi di normazione volontaria (ISO, CEN, UNI), stanno gradualmente penetrando sul mercato facendo valere i loro effetti anche in termini di competitivita' delle imprese. Nel rapporto sono stati esaminati i principali tra questi strumenti con particolare riferimento a quelli volontari che sempre piu', nel superamento della logica del {sup c}ommand-control{sup ,} tendono ad affiancarsi a quelli tradizionali di carattere fiscale, tariffario e finanziario. In particolare vengono descritti sinteticamente gli accordi volontari, i sistemi di gestione ambientali e della sicurezza (EMAS, norme ISO 14001 e UNI 10617), la certificazione di prodotto (Ecolabel, norma ISO 14040) e gli strumenti di comunicazione ambientale (bilancio ambientale, rapporto ambientale

  17. Pyrolysis process application on scrap tyres. Experimental results on pilot scale; Applicazione del processo di pirolisi al trattamento del granulato di pneumatico. Sperimentazione su impianto pilota

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Galvagno, S.; Casu, S.; Casabianca, T.; Calabrese, A.; Cornacchia, G. [ENEA, Dipartimento Ambiente, Centro Ricerche Trisaia, Rotondella, MT (Italy)

    2001-04-01

    The world production of waste tyres amounts to 5 {center_dot} 10{sup 6} ton/year, 2 {center_dot} 10{sup 6} tons of which are produced in Europe; the Italian production of waste tyres is up to 360 thousand tons per year. Even today, the final destination of nearly 65-70% of waste tyres is the landfill, legal or illegal; but this solution seems to be not so advantageous, as far as the high added value materials lost and the environmental impact are concerned. Treatments alternative to land filling take into account the tyres reconstruction and reuse or the matter and/or energy recovery by means of thermal treatment processes. With respect to the latter processes, the pyrolysis process definitely shows the less environmental impact and gets to process products (gases, oils and solid residue) able to be back on the market after the suitable treatment. Present work shows the results of the pyrolysis process experimental survey on tyres granulate, developed on the pilot plant of ENEA-Trisaia Research Centre. [Italian] La produzione mondiale di pneumatici usati conta annualmente piu' di 5 milioni di tonnellate di cui 2 milioni generati in Europa: in Italia, sono generate circa 360 mila tonnellate l'anno di pneumatici usati. Il destino finale del 65-70% dei pneumatici usati e' ancora oggi lo smaltimento in discarica, sia essa autorizzata o abusiva; questa soluzione risulta poco vantaggiosa per la perdita di materiali che in precedenza possedevano un alto valore aggiunto e in termini d'impatto ambientale. Trattamenti alternativi alla discarica, prevedono la ricostruzione e il riutilizzo oppure il recupero di materia e/o di energia mediante processi di trattamento termico. Tra questi ultimi il processo di pirolisi presenta senz'altro il minor impatto ambientale e conduce a prodotti di processo (gas, olii e residuo solido) che, opportunamente trattati, possono essere immessi sul mercato. Questo lavoro presenta i risultati della sperimentazione del

  18. Quantitative assessment of changes in landslide risk using a regional scale run-out model

    Science.gov (United States)

    Hussin, Haydar; Chen, Lixia; Ciurean, Roxana; van Westen, Cees; Reichenbach, Paola; Sterlacchini, Simone

    2015-04-01

    The risk of landslide hazard continuously changes in time and space and is rarely a static or constant phenomena in an affected area. However one of the main challenges of quantitatively assessing changes in landslide risk is the availability of multi-temporal data for the different components of risk. Furthermore, a truly "quantitative" landslide risk analysis requires the modeling of the landslide intensity (e.g. flow depth, velocities or impact pressures) affecting the elements at risk. Such a quantitative approach is often lacking in medium to regional scale studies in the scientific literature or is left out altogether. In this research we modelled the temporal and spatial changes of debris flow risk in a narrow alpine valley in the North Eastern Italian Alps. The debris flow inventory from 1996 to 2011 and multi-temporal digital elevation models (DEMs) were used to assess the susceptibility of debris flow triggering areas and to simulate debris flow run-out using the Flow-R regional scale model. In order to determine debris flow intensities, we used a linear relationship that was found between back calibrated physically based Flo-2D simulations (local scale models of five debris flows from 2003) and the probability values of the Flow-R software. This gave us the possibility to assign flow depth to a total of 10 separate classes on a regional scale. Debris flow vulnerability curves from the literature and one curve specifically for our case study area were used to determine the damage for different material and building types associated with the elements at risk. The building values were obtained from the Italian Revenue Agency (Agenzia delle Entrate) and were classified per cadastral zone according to the Real Estate Observatory data (Osservatorio del Mercato Immobiliare, Agenzia Entrate - OMI). The minimum and maximum market value for each building was obtained by multiplying the corresponding land-use value (€/msq) with building area and number of floors

  19. Tephrostratigraphic studies on a sediment core from Lake Prespa in the Balkans

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Damaschke

    2013-01-01

    Full Text Available A detailed tephrostratigraphic record, which dates back to Marine Isotope Stage (MIS 5b (ca. 91 kyr, has been established from a 17.76 m long core (Co1215 from Lake Prespa (Macedonia, Albania and Greece. A total of eleven tephra and cryptotephra layers (PT0915-1 to PT0915-11 were identified, using XRF scanning, magnetic susceptibility measurements, and macro- and microscopic inspection of the sediments. The major element composition of glass shards and/or micro-pumice fragments indicates that the tephras and cryptotephras originate from the explosive volcanism of Italy. Eight tephra and cryptotephra layers were correlated with specific volcanic eruptions: the AD 512 eruption of Somma-Vesuvius (1438 cal yr BP, the Mercato eruption of Somma-Vesuvius (8890 ± 90 cal yr BP, the Tufi Biancastri/LN1-LN2 eruption of the Campi Flegrei (14 749 ± 523 cal yr BP and 15 551 ± 621 cal yr BP, the SMP1-e/Y-3 eruption of the Campi Flegrei (30 000–31 000 cal yr BP, the Campanian Ignimbrite/Y-5 eruption of the Campi Flegrei (39 280 ± 110 cal yr BP, the SMP1-a event of Ischia Island (around 44 000 cal yr BP and the Green Tuff/Y-6 eruption of Pantelleria Island (around 45 000 cal yr BP. One tephra could be attributed to the volcanic activity of Mount Etna, but probably represents an unknown eruption at ca. 60 000 cal yr BP. Cryptotephras PT0915-6 and PT0915-10 remain unclassified so far, but according to the presented age-depth model these would have been deposited around 35 000 and 48 500 cal yr BP, respectively. Some of the tephras and cryptotephras are recognised for the first time in the Balkan region. The tephrostratigraphic work provides important information about ash dispersal and explosion patterns of source volcanoes and can be used to correlate and date geographically distant paleoenvironmental and archaeological archives in the central Mediterranean region. Moreover, the tephrostratigraphic work in combination with radiocarbon and electron spin

  20. Book review, Tecniche infermieristiche, Paola Rueca & Matteo Tommasini Degna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2008-06-01

    Full Text Available Quella dell'infermiere veterinario è una figura professionale anomala, non di rado persino avversata dai medici veterinari che la vedono come un rivale, un potenziale pericolo che può ‘‘rubare’’ una fetta di lavoro. D'altronde il contesto lavorativo del veterinario italiano è difficile perchè rispetto agli altri Paesi della Comunità Europea e agli Stati Uniti i numeri sono superiori a quelli che il mercato richiederebbe, mentre la preparazione pratica veterinaria è inferiore. Ciò porta a periodi di apprendistato lunghi e mal retribuiti, che interferiscono con la professione dell'ausiliario creando equivoci. Gli autori di questo utile manuale partono dall’assunto che medici e infermieri veterinari svolgono ruoli molto differenti, seppur complementari. Pertanto la figura dell'infermiere deve essere concepita come un fondamentale supporto. Si tratta di un lavoro di assistenza, aiuto e preparazione che facilita, velocizza e ottimizza ma non sostituisce assolutamente il lavoro del veterinario.A suffragare questa tesi, in prefazione, il dottor Tommasini Degna aggiunge: ‘‘è vero che conosco Paola Rueca da vent’anni e che è in grado di farmi fare un intervento, rispettando i principi della sterilità, anche nel deserto del Sahara sotto una tenda.’’. La coautrice del volume, infatti, nasce come infermiera diplomata umana per poi passare alla medicina veterinaria dove plasma la sua conoscenza in vent’anni di esperienza sul campo: frequenta Università statunitensi per vedere come funziona in altri Paesi una figura professionale di veterinary technician ben affermata e mette a disposizione questo bagaglio per tutti coloro che desiderano diventare infermieri veterinari in Italia.Questo libro si propone come valida guida per chi si vuole avvicinare alla professione dell’ausiliario veterinario, una base di consultazione pratica, ma anche un modo per cercare di chiarire questa posizione ai medici veterinari. Un incentivo a

  1. Book review. Rapporto Nomisma 2014: La professione medico veterinaria - Prospettive future. FNOVI, Autori Vari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2014-09-01

    competenza è tale quando è applicata e si trasforma in sviluppo collettivo, agendo su dinamiche di mercato più virtuose e governance di pianificazione e controllo improntate ad una organizzazione pubblica ammodernata, guidata da una classe veterinaria con capacità gestionali, regolatorie e di analisi utili allo sviluppo di una catena alimentare che scorre veloce su ingranaggi leggeri in quanto sburocratizzati e affidabili in quanto fondati sulla più qualificata gestione del rischio."

  2. Financial balance of the recovery of energy starting from the thermal-destruction; Bilancio economico del recupero di energia dalla termodistruzione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Macchi, E. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. Energetica

    2000-08-01

    elettrica installata, alla produzione elettrica lorda e al contributo fornito dagli RSU al teleriscaldamento. Si indicano quindi le principali grandezze che intervengono nelle valutazioni economiche (costi di investimento, vita utile dell'impianto, indici economici, tempi di realizzazione, costi operativi, rendimenti, affidabilita' e disponibilita' dell'impianto, valorizzazione dell'energia elettrica e termica generata, ricavi da smaltimento rifiuti), evidenziando l'importanza della taglia dell'impianto, che e' il vero fattore decisivo. Vengono prodotti esempi esplicativi del peso dei diversi fattori. In particolare, viene approfondito il ruolo dell'energia prodotta da RSU nel nuovo mercato elettrico liberalizzato, evidenziandone i vantaggi rispetto all'energia da fonti convenzionali. Si discutono infine le potenzialita' di impianti <>, che coniugano l'incenerimento degli RSU alla tecnologia dei cicli combinati alimentati da gas naturale.

  3. La guerre contre les drogues illicites : Est-ce qu’elle est perdue ? - Has the war against drugs been lost ? - La guerra contro le droghe è persa ?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dominick M.

    2009-08-01

    Full Text Available Le système légal du Mexique est dans un état de ruine à cause des cartels de la drogue soutenus et subventionnés par les États-Unis d'Amerique. En effet, les États-Unis sont le marché principal de la marijuana, de la cocaine et, en moindre quantité, des drogues synthétiques provénantes du Mexique. L’article met en évidence que les régions frontalières du Mexique sont pris en otage entre d’une part, les principaux producteurs mondiaux de coca et d’autre part, les principaux consommateurs (de l’Amerique du Nord et de l’Europe. Pour cela, l’avis de l’autrice et de son collaborateur est que le Mexique ne peut résoudre seul les problèmes liés au narcotrafique. The Mexican legal system is in a state of ruin because of illegal drug cartels supported, sustained and subsidized by the United States of America. It is the U.S. which is the market for marijuana, cocaine and to a lesser extent synthetic drugs trafficked through Mexico. This article evidences that especially the frontier regions of Mexico have been taken hostage between, on the one hand, the principal world producers of cocaine and, on the other hand, the principal consumers (from North America and from Europe. Accordingly, it is the view of the author and her collaborator that Mexico cannot resolve in isolation the problems involved in narco-trafficking.Il sistema legale messicano versa in uno stato disastroso a causa dei cartelli della droga sostenuti e sovvenzionati dagli Stati Uniti d’America. Infatti, gli USA rappresentano il principale mercato della marijuana, della cocaina e delle droghe sintetiche (queste ultime in misura minore provenienti dal Messico. L’articolo mette in evidenza che le regioni frontaliere del Messico sono prese in ostaggio, da una parte, dai principali produttori modiali di cocaina e, dall’altra, dai principali consumatori (che si trovano nell’America del Nord ed in Europa. Pertanto, secondo l’autrice ed il suo collaboratore

  4. Gates Wide Shut. Un’ipotesi comparatistica per lo studio delle gated communities

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Chiurato

    2014-10-01

    Full Text Available Il contributo indaga in una prospettiva comparatistica l’emergenza e l’evoluzione dell’immagine della “comunità fortificata” (gated community, con una particolare attenzione alla sua declinazione all’interno del genere romanzesco (I. Levin; J. G. Ballard; C. Piñeiro. Nato e sviluppatosi all’interno dell’immaginario anglosassone, tale paradigma postmetropolitano sembra infatti aver attecchito con successo in altri contesti storico-geografici, adattandosi plasticamente all’evoluzione del “discorso” della globalizzazione: dall’affermarsi delle retoriche del libero mercato tra gli anni Ottanta e Novanta; al risorgere delle ragioni della sicurezza e del territorio in coincidenza con l’inizio del nuovo millennio; per arrivare, infine, ai tempi più recenti della crisi economica. Lo scopo dell’analisi sarà quello di dimostrare in che misura questo “motivo” sia stato utilizzato per drammatizzare e tematizzare alcuni aspetti della correlazione tra le due dimensioni della world literature (il locale e il globale tra cui: il controllo e la gestione del movimento di merci e persone attraverso la pianificazione urbana; la ridefinizione delle tradizionali opposizioni topologiche ereditate dalla modernità (dentro/fuori, centro/periferia; la creazione di zone ibride, di nuovi paradigmi di appartenenza ed esclusione e di nuove “comunità immaginate”.The aim of the paper is to analyse, in a comparative perspective, the emergence and the evolution of the gated community’s image within the novels of the last four decades (I. Levin; J. G. Ballard; C. Piñeiro. Born and grown within the Anglo-Saxon imagery, the gated community paradigm seems to have spread in different historical and geographical contexts, adapting itself to the different phases of the globalization “discourse”: from the rise of neoliberal rhetoric between the Eighties and the Nineties, through the reemergence of the problems connected to security control

  5. IL SEPPELLIMENTO DI S. LUCIA CARAVAGGIO E LA BIBLIOTECA DIGITALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Salvemini

    2012-04-01

    Full Text Available

    Tra reificazione e anastilosi documentale, interpretazione dei pittori che copiarono e restaurarono le sue opere, astrazione di antiquari e bibliofili, il recupero del bene artistico e culturale in un indice bibliografico della fortuna del Seppellimento di S. Lucia, dipinto sulla tela a grande formato, a grandezza naturale. Nel sistema iconclassl’indimenticabile avventura del ‘brutto’, né falso né vero nel viaggio in Italia tra le rovine, fra eventi catastrofici e conservazione. Fruizione, estrapolazione ed incetta del mercato, la flagranza  dell’autografia inedita nel sublime: l’irreparabile e l’irreperibile nella cronistoria del gusto. Dall’edizione anastatica, dai microfilms e microfi shes degli originali all’e-book, la riproducibilità della scansione digitale in formato PDF nella storia della ‘legenda’ (avvertenza al lettore: la datazione delle ristampe è affidata all’impronta tipografica.

    The burial of Santa Lucia Caravaggio and the digital library

    Among anastylosis and reassembly and among documental interpretation of the painters who copied and restored his works, and abstraction of antique dealers and bibliophiles, the recovery of an object of art and culture in a bibliography of the luck of the Burial of St. Lucia, painted on large format canvas, on life size. In the Iconclass system the adventure non-objectifi able of the 'ugly', neither true nor false, while traveling through the ruins in Sicily, between the catastrophic events as the earthquakes and the history of restoration and retro-spective conservation of the masterpiece. Over the fruition, and the buying up and the extrapolation of the market, the sublime of the unpublished and flagrante authorship of both through the missed out either through the missing in the history of taste along with the religious feeling. From facsimile editions and original microfilms and micro

  6. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con

  7. Un modello econometrico per il credito bancario alle imprese in Italia (An econometric model for bank lending to companies in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Casolaro

    2012-04-01

    Full Text Available Questo lavoro presenta la stima di un modello econometrico del credito bancario alle imprese in Italia per il periodo 1988-2004. I prestiti bancari sono espressi in funzione del rapporto tra investimenti fissi e margine operativo lordo (che approssima il fabbisogno di finanziamenti esterni, delle attività immobilizzate nel bilancio delle imprese (misurate dallo stock di capitale e del differenziale tra il tasso sui prestiti a breve termine e il rendimento del mercato interbancario (che approssima il costo relativo del credito bancario rispetto a forme di finanziamento alternative. I risultati empirici evidenziano nel lungo periodo un legame diretto del credito bancario con le attività immobilizzate (l’elasticità è pari a uno e con il rapporto tra investimenti fissi e margine operativo lordo (l’incremento di un punto percentuale del rapporto produce un’espansione del credito del 2%. Le stime econometriche mostrano al contrario una correlazione negativa con il differenziale tra i tassi d’interesse: un aumento di 10 punti base del differenziale tra i tassi determinerebbe, infatti, una riduzione del credito nel lungo periodo pari allo 0,7%.   This paper presents the estimation of an econometric model of bank credit to firms in Italy for the period 1988-2004. Bank loans are expressed as a function of the ratio of fixed capital formation and gross operating margin (which approximates the external financing needs of fixed assets in the financial statements of companies (as measured by the stock of capital and the difference between the interest rate on short-term loans and efficiency of the interbank market (which approximates the relative cost of bank credit compared to alternative forms of financing.The empirical results show a direct link between long-term bank credit with fixed assets (the elasticity is equal to one and the ratio of fixed capital formation and gross operating profit (increase of one percentage point of the report

  8. Book review. Semeiologia Clinica Veterinaria. (a cura di Paolo Ciaramella

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2014-09-01

    Full Text Available Il grado di specializzazione raggiunto nel settore clinico veterinario non è dissimile da quello presente in campo umano, soprattutto se si pensa agli animali d'affezione che sono oramai considerati parte integrante di una società moderna e civile in cui anche il fattore benessere animale ha acquisito importanza non secondaria, in particolare nell'allevamento degli animali da reddito. In questo contesto è sempre più richiesta la figura di uno specialista competente e aggiornato, in grado di risolvere in modo adeguato le problematiche che gli vengono proposte, in un mercato in concorrenza che non contempla imperizia, inesperienza e ignoranza professionale. Lo studio della semeiologia clinica è uno dei primi passi di questo lungo e affascinate cammino che permette di apprendere un metodo di analisi sistematico, affidabile, efficiente e accurato per educare il futuro medico veterinario verso le procedure della buona pratica clinica. La semeiotica insegna ad allenare i propri sensi: a guardare attraverso l'osservazione diretta e indiretta, a sentire ascoltando suoni o rumori, a percepire sensazioni tattili e, non da ultimo, a saper discernere con cognizione e competenza quando ricorrere alle indagini strumentali e di laboratorio; sempre e comunque nella consapevolezza che non possono in nessun modo sostituire l'esame fisico diretto del paziente. Paolo Ciaramella, professore ordinario di Clinica Medica Veterinaria all'Università Federico II di Napoli, presenta così il volume che ha curato: "L'idea di questo libro ha preso forma durante un simposio di medicina interna tenutosi a Torino nel 2008. Con alcuni colleghi presenti si pensò alla possibilità di elaborare un nuovo testo di Semeiotica Medica che potesse ampliare e aggiornare il glorioso Messieri e Moretti, non tanto perché esso avesse perduto il suo valore intrinseco, quanto piuttosto perché nel corso degli anni sono cambiate la patologia animale e con essa la semeiotica e la clinica

  9. Misurare la cosiddetta “pirateria”: una rassegna commentata delle principali ricerche empiriche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Aliprandi

    2012-07-01

    Full Text Available ItSono molte le ricerche empiriche che si occupano periodicamente di indagare i comportamenti degli utenti in materia di prodotti tutelati dal diritto d'autore (musica, film, software.... Ma molte di esse partono da un presupposto che non sempre si rivela veritiero: ovvero quello per cui gli utenti di questi prodotti siano sempre potenziali acquirenti di questi prodotti e non meri utenti di un servizio. Ciò comporta che tali ricerche assumano più che altro la veste di ricerche di mercato condotte non tanto per comprendere la vera essenza di comportamenti, opinioni e atteggiamenti, quanto per valutare nuove strategie di marketing che consentano ai produttori di assecondare le nuove istanze poste dalla società dell'informazione. In questo articolo si vuole passare in rassegna le ricerche più recenti e interessanti condotte in quest'ambito, riassumendone i risultati più utili ma anche mettendone in luce i limiti di metodo e soprattutto di approccio al fenomeno indagato. La panoramica che ne deriva non ha certo la pretesa di essere esaustiva (visto l'ingente quantità di ricerche di questo tipo ma si pone come traccia per una migliore comprensione delle problematiche in gioco dal punto di vista dell'indagine sociologica e statistica.EnThere are lots of empirical studies that regularly deal with investigating users' behavior about copyrighted products (music, movies, software .... However many of them start from an assumption that does not always come true: i.e. the assumption that users are always potential purchasers of a product and not mere users of a service. It implies that some surveys become something more similar to market research which are carried out not just to understand the true essence of behaviors, opinions and attitudes, rather than to evaluate new marketing strategies and enable producers to meet new marketing challenges for the information society. The idea of this article is to make a review of the latest and most

  10. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ronsivalle, C [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con energia

  11. Brigantaggio e patrimonio culturale. Una riflessione su alcune recenti tendenze museali e turistiche / Brigandage and cultural heritage. A reflection on some recent museum and tourism trends

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Cattaneo

    2013-10-01

    Full Text Available Il saggio propone una riflessione sui processi di inserimento del brigantaggio, e in particolare di alcuni suoi celebri protagonisti, nel concetto di patrimonio culturale delle comunità che furono teatro degli eventi di fine Settecento-inizio Ottocento (insorgenze antifrancesi e degli anni Sessanta-Settanta del XIX secolo, e a volte anche oltre, per quanto riguarda il grande brigantaggio postunitario. Viene discusso il rapporto spesso difficile tra risultati acquisiti dalla ricerca storica e applicazioni didattiche concrete in occasione di ricostruzioni storiche nella forma del cinespettacolo (La storia bandita in scena al Parco della Grancia in Basilicata o della recente istituzione di musei del brigantaggio nella Regione Lazio. Il rischio denunciato è quello di trasformare il brigantaggio nel suo insieme in tratto antropologico-culturale distintivo di una intera comunità, anche in virtù di logiche politiche, turistiche e in senso lato di mercato dirette in tal senso, poco interessate al dialogo con la ricerca scientifica e inclini, viceversa, a recepire acriticamente miti e stereotipi presenti nella memoria popolare. The paper proposes a reflection on the processes of insertion of brigandage, and in particular of some of his famous characters, in the concept of cultural heritage of the communities that were the scene of the events of the late eighteenth century and early nineteenth century (anti-French uprisings and the sixties-seventies of nineteenth century, and sometimes even beyond, as regards the large brigandage post-unification. The paper analyzes the relationship between results obtained from the historical research and the concrete applications in historical reconstructions in spectacular forms (Grancia Park in Basilicata or with the recent establishment of museums in the region Lazio. It denounces the risk to transform the brigandage in a distinctive cultural-anthropological trait of an entire community, even by virtue of a

  12. Il territorio delle Lipari tra ambiente, cinema e turismo / The territory of Lipari between environment, cinema and tourism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Di Blasi

    2016-05-01

    Full Text Available Fino agli anni ’50 le Lipari (dette anche Eolie, sfavorite dall’insularità e con un’economia di sussistenza, basata su attività tradizionali, erano dominate da povertà ed emigrazione. Tutto mutò nel 1949, quando una troupe cinematografica, guidata da Rossellini, girò Stromboli, interpretato da Ingrid Bergman: tra i due era nata una storia d’amore. Poco dopo, un’altra troupe utilizzò Vulcano come location dell’omonimo film, con Anna Magnani, ex fiamma di Rossellini. Questi cult passarono alla storia del cinema come la guerra dei vulcani. I due film, con gli scoop legati alle vicende sentimentali dei protagonisti, hanno innescato un nuovo percorso per le Eolie, fuori dall’atavico letargo, che ha determinato un vero e proprio “boom turistico”. Indagando la variegata realtà delle Lipari, lo scopo del presente articolo è quello di dimostrare come, attraverso un’analisi storica del mercato turistico, l’arrivo del cinema nel territorio eoliano abbia innescato importanti processi di sviluppo economico e cambiamento sociale. Questa ricerca vuole, inoltre, evidenziare il rapporto privilegiato tra insularità e cineturismo. Till the late 50s the Aeolian Islands, plagued by insularity and characterized by a subsistence economy based on traditional activities, had been dominated by poverty and emigration. All changed in 1949 when Rossellini shot Stromboli featuring Ingrid Bergman, his new love. Soon after a crew shot in Volcano the homonymous film starring Anna Magnani, Rossellini’s old flame. The two films, gone down in history as the war of volcanoes, and the scoops about the love scandal have drawn a new path for the Aeolian Islands that has taken them to a tourist boom. The present paper aims to show by means of a historical analysis of the local tourist market how the coming of the film industry have triggered processes of economic growth and social change in the Aeolian Islands. This paper also aims to point out the

  13. A predictive model of the effect of environmental factors on the occurrence of otters (Lutra lutra L. in Hungary

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ildikó Kemenes

    1995-12-01

    useful tool to pinpoint sites of possible significance for the purposes of conservation of existing or potential otter habitats. Riassunto Modello predittivo dell'effetto dei fattori ambientali sulla presenza della Lontra (Lutra lutra L. in Ungheria - Un'indagine sulla distribuzione della lontra (Lutra lutra L. in Ungheria ha evidenziato che la specie è comune in buona parte del paese dove l'ambiente acquatico appare adatto. C'era comunque un largo numero di habitat apparentemente in buone condizioni dove la presenza della specie non era accertata. Al contrario, alcuni siti, che sulla base di una valutazione qualitativa sarebbero stati negativi per la lontra, rivelavano segni di presenza del mustelide. L'unico fattore che limitava fortemente la presenza della specie era l'elevato inquinamento chimico delle acque, come accertato dai dati raccolti dalle autorità competenti. Quanto sopra esposto ci ha portato all'impiego di un metodo quantitativo che tenesse conto delle variabili ambientali (3 valutate secondo una scala di punteggio e 5 sulla base della loro presenza/assenza che potevano influenzare la presenza della specie. Il modello di analisi utilizzato, chiamato regressione logistica, è utile per esaminare le relazioni tra una variabile dipendente binaria e un gruppo di variabili indipendenti espresse secondo categorie. Per 369 siti esaminati in diversi corpi idrici è stata accertata la presenza (valore 1 o l'assenza (valore 0 della lontra e sono state stimate le seguenti variabili: profondità dell'acqua, pendenza delle rive, copertura vegetale riparia e la presenza o assenza di vari fattori legati alle attività produttive, quali, ad esempio, l'uso agricolo dei terreni a ridosso delle rive dei corpi idrici e la presenza visibile di inquinamento. Le prime tre variabili erano valutate secondo una scala di punteggio, le altre invece avevano valore 1 quando presenti, 0 quando assenti (v. metodi. I risultati ottenuti

  14. La vigilanza sul sistema finanziario: obiettivi, assetti e approcci (Supervision of the financial system: objectives, structures and approaches

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2009-12-01

    Full Text Available Dopo avere succintamente affrontato la specificità della finanza e le sue vulnerabilità, dalle quali quindi dipende la particolare attenzione che lo Stato dedica da sempre a questo settore, si richiamano nell’articolo le tre modalità principali con le quali si esercita la regolamentazione finanziaria; a quella di tipo strutturale o economica, molto praticata fino agli anni ’70 del secolo scorso, si è sempre più sostituita quella prudenziale, volta a salvaguardare la stabilità dell’intermediario e del sistema attraverso soprattutto un’appropriata base di capitale, e si va oggi affiancando quella informativa con riferimento non solo alle conoscenze delle due parti sull’oggetto della contrattazione, ma anche ai conflitti d’interesse di cui il venditore può essere portatore. La caduta di alcune istituzioni bancarie e la preoccupazione di eguagliare le condizioni di concorrenza internazionale hanno condotto alla formulazione di uno standard come i coefficienti di capitale che Basilea II sta estendendo al di là del rischio di credito e affiancando agli altri pilastri della sorveglianza e della disciplina di mercato. Maggiore attenzione è stata riservata negli ultimi tempi alle forme organizzative della vigilanza sul sistema finanziario, il che spiega l’interesse per le ragioni e per le esperienze relative all’autorità unica sui mercati finanziari. Tra i requisiti delle agenzie di vigilanza per conseguire l’obiettivo di stabilità e/o di efficienza v’è l’indipendenza, che non può essere disgiunta, però, da un processo di rendicontazione e dal raggiungimento di un equilibrio politico rispettoso del mandato affidato all’agenzia. In un’Europa che sta faticosamente progredendo lungo un quasi-federalismo, per potere estrarre tutti i benefici derivanti dall’unificazione del potere monetario e dalla creazione dell’euro, si pone sempre più la necessità di procedere speditamente sulla strada dell’unificazione del

  15. Taking the Time. Studying language effects in the translation class

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Brusasco

    2016-01-01

    , in vario grado, avere effetti sul dibattito pubblico e sulla società in senso lato, ritengo che l'università non debba solo insegnare le abilità traduttive richieste dal mercato, quali la padronanza di strumenti per la traduzione assistita o automatica, ma anche rafforzare i processi interpretativi e formare esperti linguistici autonomi, consapevoli degli effetti della lingua e della propria responsabilità nell'usarla. A sostegno di tale affermazione si porteranno contributi teorici di linguistica cognitiva e analisi critica del discorso (ACD. Con riferimento a Kiraly (2000, Venuti (2013 e Laviosa (2014, vengono poi delineate alcune proposte metodologiche. Gli studenti lavoreranno individualmente e in gruppo, concentrandosi su testi fonte, sulle relative traduzioni e su testi analoghi per contenuto e forma al fine di individuare gli elementi linguistici chiave e riflettere sulla costruzione del significato. Servendosi di strumenti ACD, discuteranno la funzione di ciascun elemento e l'effetto complessivo di ogni testo. Analizzeranno quindi nuovi testi in vista della traduzione, da svolgere in team, così come l'analisi dell'effetto del testo di arrivo e la revisione finale. Si chiuderà così un percorso volto a 1 guidare gli studenti a costruire le proprie conoscenze a partire dall'esperienza, e 2 sensibilizzarli alla complessità del processo traduttivo e alla centralità dell'interpretazione.

  16. Electricity to natural gas competition under customer-side technological change: a marginal cost pricing analysis; Cambiamento tecnologico a valle del contatore e concorrenza fra elettricita' e gas naturale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gulli' , Francesco [Bocconi Univ., Milan (Italy). Iefe

    2004-07-01

    of specific technological solutions. [Italian] Questo articolo si prefigge di valutare l'impatto del cambiamento tecnologico (a valle del contatore) nell'industria energetica a rete (elettricita' e gas naturale). Le prestazioni degli impianti di generazione elettrica di piccola taglia e delle pompe di calore elettriche sono significamente migliorate negli ultimi dieci anni, rendendo possibile (o maggiormente conveniente) due traiettorie tecnologiche alternative: il sistema basato esclusivamente sull'utilizzo del gas naturale, possibile grazie all'utilizzo di piccoli impianti di cogenerazione che prefigurerebbe una forte decentrazione dell'offerta energetica; il sistema basato esclusivamente (o quasi) sull'utilizzo dell'elettricita', che invece, grazie all'utilizzo della pompa di calore reversibile, accentuerebbe le caratteristiche di centralizzazione dell'offerta. L'articolo confronta le due alternative sulla base dei corrispondenti costi sociali, somma dei costi interni (privati) e dei costi esterni (di natura prevalentemente ambientale), e conclude che, in termini paradigmatici, il sistema totalmente elettrico risulta preferibile ad una forte decentralizzazione basata sulla diffusione della cosiddetta decentrazione distribuita. Il lavoro tiene opportunamente conto della forte incertezza in merito alle stime dei costi esterni (ed in particolare del costo marginale delle emissioni di gas-serra) e suggerisce che l'attuale grande interesse nello sviluppo della generazione distribuita potrebbe essere attribuibile alla presenza di distorsioni di mercato.

  17. L’influenza del cinema d’animazione nella promozione (cineturistica delle destinazioni. Gli effetti del fenomeno Frozen sul turismo norvegese / The influence of animation cinema in the (cinetouristic promotion of destinations. The effects of the Frozen phenomenon on Norwegian tourism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Nicosia

    2016-05-01

    Full Text Available Oggi le location sono diventate vere e proprie  destinazioni turistiche,  cioè  luoghi che offrono un insieme di relazioni, prodotti, servizi, elementi naturali ed artificiali, capaci di attrarre un certo numero di visitatori e soddisfarne le attese sia dal punto di vista funzionale che da quello emozionale.  Il Film Induced Tourism è una tendenza che si è affermata negli ultimi anni con la creazione di agenzie turistiche specializzate nel proporre tour guidati alle mete in cui siano state girate famose scene cinematografiche. Secondo diverse statistiche effettuate sul tema del Film Induced Tourism è dimostrato che, anche se è un fenomeno recente, è in crescita nel mercato turistico mondiale e si impone sempre più all’attenzione dei media, dei sociologi e degli operatori turistici. Con questo lavoro si cercherà di analizzare il Film Induced Tourism con l’intento di approcciarsi ad una nuova frontiera: il Cartoon Induced Tourism (il turismo indotto dalla visione di film d’animazione e cartoons, perché non solo la visione di un film o di una serie tv può indurre il potenziale (cineturista a viaggiare. Anche un film d’animazione, che per definizione è pura creazione, può suscitare allo spettatore le stesse emozioni di una pellicola girata in una location “reale” e spingerlo ad esplorare i luoghi da cui i registi hanno preso spunto per costruire o meglio disegnare il set in cui sono ambientati.  Nowadays locations are becoming tourist destinations, offering relations such as products, services, natural and manmade elements, able to attract a certain number of visitors, satisfying expectations from a functional point of view as well as from an emotional one. Film Induced Tourism represent a trend developed in the last years according with the creation of tourist agencies, specialised in guided tour to specific destination in which famous cinematographic scenes have been made. According to various statistics on Film

  18. Gestire il denaro, gestire la salvezza. Tre immagini a sostegno del Monte di Pietà: Marco da Montegallo, Lorenzo d’Alessandro e Vittore Crivelli / Managing money, managing salvation. Three images in support of the Mont of Piety: Marco da Montegallo, Lorenzo d’Alessandro and Vittore Crivelli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Capriotti

    2011-12-01

    Full Text Available I francescani dell’Osservanza, attraverso le prediche sulla mercatura, sull’usura e sulla carità, promuovono un tipo d’economia, strettamente connessa al mercato e all’affidabilità imprenditoriale del mercante, il quale deve essere in grado di far circolare fruttuosamente il denaro e poi di investire parte dei suoi introiti in opere caritatevoli o di pubblica utilità, in funzione della sua salvezza. Non di rado tali investimenti si concretizzano nella commissione di immagini, spesso esposte proprio in chiese francescane, o nel sostentamento del Monte di Pietà, un’istituzione bancaria, inventata e difesa dagli osservanti, che, spesso in rivalità col banco ebraico, prestava denaro su pegno. La promozione e la legittimazione di questo istituto, che sin dalla sua nascita genera numerose dispute, anche interne allo stesso ordine francescano, soprattutto per quel che riguarda la liceità o meno dell’interesse, è affidata non solo alle prediche, ma anche alle opere d’arte. Nella Marca appenninica di fine Quattrocento sono state prodotte a tale scopo almeno tre immagini. Simili nel contenuto e nella tipologia, la Figura della vita eterna, ideata dal predicatore osservante Marco da Montegallo, la Madonna del Monte di Caldarola, dipinta dal sanseverinate Lorenzo d’Alessandro, e l’omologa Madonna del Monte di Massa Fermana, realizzata da Vittore Crivelli, si illuminano e si chiariscono a vicenda. The Franciscans of the Osservanza order, through their sermons on commerce, usuryand charity, promote a type of economy, that is closely related to the business market andto the reliability of the merchant, who must be able to make money circulate fruitfully and then to invest part of his benefits on good deeds or public works, to have salvation.These investments are often used in the commission of images, often exposed in Franciscan churches, or in support of the Mont of Piety, a bank, developed and defended by the Osservanti, that, often

  19. Porti, trasporti e cultura del mare nelle città d’Italia, per i 150 anni dall’Unità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Moretti

    2011-04-01

    Full Text Available Le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia offrono anche l’occasione per interrogarsi sulla storia e lo sviluppo di questo Paese, in particolare in riferimento alla cultura del mare e al sistema dei trasporti via acqua. In un paese peninsulare come l’Italia, con i suoi 7.500 chilometri di fronte d’acqua, la presenza dei porti è sempre stata elemento determinante per la crescita economica e per la sua affermazione sui mercati internazionali. Ma, dalla seconda metà del Novecento, le città e i loro porti sono andati progressivamente separandosi, determinando situazioni di forti contrasti e di continue tensioni. Solo più recentemente – a seguito della legge n. 84 del 1994 – nuove forme di ‘dialogo’ hanno consentito, in talune occasioni, di riavviare politiche di concertazione sui piani di sviluppo delle aree portuali e sul miglioramento della situazione delle zone urbane prossime ai porti. Per tutti questi motivi, l’occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia può rappresentare un momento significativo per riprendere la riflessione sul ruolo dei porti italiani nella storia del nostro paese, ed, eventualmente, sul potenziale rafforzamento che essi possono subire, alla luce dei dati positivi ed incoraggianti dell’intero cluster marittimo in questi ultimi anni, almeno fino alla crisi congiunturale del 2008.Al tempo stesso, si può analizzare la complessa relazione porto-città, in un’ottica di mutuo riconoscimento delle rispettive esigenze e della volontà di sviluppare le proprie attività in un quadro di concreto ed efficace spirito di collaborazione, che richiede sia una maggiore conoscenza reciproca, così come una più efficace definizione degli obiettivi per il raggiungimento di una qualità urbana sostenibile e duratura.La progressiva globalizzazione dell’economia e la liberalizzazione del mercato hanno determinato una generale crescita degli scambi commerciali a livello mondiale e in

  20. Il valore dell'eBook

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Cavalli

    2013-03-01

    Full Text Available ItQuanto vale un e-book? Quale valore percepisce chi compra e usa gli e-book? Comprare un libro o un e-book è una scelta che i lettori oggi si trovano a fare quotidianamente: la diffusione degli e-book reader a prezzi accessibili e la proposta sempre più varia dei piccoli e grandi editori sta cambiando la percezione del valore commerciale dell'oggetto libro e del valore attribuito dal consumatore finale al lavoro di intermediazione delle case editrici e della distribuzione. Sorgono sistemi "alternativi" di condivisione dei testi digitali, che sfruttano la rete Internet, celebrati come democratici o demonizzati come pirateria illegale, ma sicuramente rispondenti a quello che è il cambio di prospettiva, di percezione, di abitudini di consumo del lettore. Quanto si può parlare, dunque, di pirateria nel mercato degli e-book? E quanto, invece, è importante che l'industria editoriale tenga in considerazione la risposta del consumatore? La presente ricerca si è posta l’obiettivo di svolgere una indagine esplorativa su questi temi, che stanno assumendo un rilievo sempre maggiore all’interno dell’opinione pubblica, e che sono destinati in futuro ad incidere in modo sempre più diretto sull’evoluzione economica e professionale dell’intero settore editoriale. L’indagine ha visto, in questa prima fase, l’utilizzo di un questionario diffuso online sui social network, in siti e forum dedicati alla lettura, attraverso mailing list di gruppi di interesse, con il primo obiettivo di precisare il profilo di quell’avanguardia di lettori forti e che si muovono agilmente tra il cartaceo e il digitale, raccogliere informazioni rispetto alle loro abitudini di ricerca di nuove letture e descriverne le dinamiche di matchmaking preliminari all’acquisto. In aggiunta, si è indagata la consistenza di pratiche di prestito e condivisione dei libri, l’appoggio a sistemi tradizionali, come quello bibliotecario, o la decisa svolta verso sistemi di

  1. Tecnocrazia e politica in Italia dalla crisi del 1907 al Primo Dopoguerra = Technocracy and political crisis in Italy from 1907 till the early after World War

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcello Benegiamo

    2014-12-01

    Full Text Available Uscito a pezzi dalla pesante crisi finanziaria e industriale del 1907, che aveva messo a nudo i limiti della struttura economica del Paese, il capitalismo industriale italiano elaborò un programma, portato avanti fino al primo dopoguerra, che prevedeva l’instaurazione di un governo di tecnocrati. Questo avrebbe dovuto trainare il Paese fuori dalla crisi, pianificarne l’economia e trasformarlo in una grande potenza industriale, con forti connotazioni imperialistiche. Segnali in tale direzione si erano registrati anche nei decenni precedenti, tra fine Ottocento e inizi Novecento, quando ebbe inizio un processo di concentrazione nel settore siderurgico e meccanico. Un percorso peraltro stimolato dalle commesse statali sempre più consistenti (Galli Della Loggia, 1970; Battilossi, 1999; Amatori e Colli, 1999; Bolchini, 2002. La crisi industriale e finanziaria del 1907 e la recessione a livello mondiale che ne seguì, accelerarono la soluzione tecnocratica, che prevedeva un’alleanza, più o meno stretta, con una parte della classe politica e l’entrata in guerra. Negli anni immediatamente seguenti il conflitto, il potere dei tecnocrati sulla scena politica italiana sembrò accrescersi notevolmente, soprattutto quando il governo progettò un programma di espansione economica nelle regioni del Caucaso, nei Balcani e nel Levante ex ottomano, territori in grado di fornire materie prime e di assorbire la produzione italiana in eccesso rispetto alle richieste di un mercato interno asfittico. La collaborazione tra mondo imprenditoriale, bancario e politico non produsse il risultato sperato. La caduta del governo Nitti e il ruolo destabilizzante e filotedesco della Banca Commerciale Italiana nell’Est europeo e nel Caucaso furono tra le cause principali che impedirono il decollo del progetto tecnocratico, provocando una dura reazione da parte dei fratelli Perrone alla guida del gruppo Ansaldo. Heavily Weakened by the financial and industrial crisis

  2. Il Corporativismo: un paradosso della politica economica dello stato fascista = Corporativism: a paradox of the economic policy of the fascist state

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Natascia Ridolfi

    2014-12-01

    Full Text Available Uscito a pezzi dalla pesante crisi finanziaria e industriale del 1907, che aveva messo a nudo i limiti della struttura economica del Paese, il capitalismo industriale italiano elaborò un programma, portato avanti fino al primo dopoguerra, che prevedeva l’instaurazione di un governo di tecnocrati. Questo avrebbe dovuto trainare il Paese fuori dalla crisi, pianificarne l’economia e trasformarlo in una grande potenza industriale, con forti connotazioni imperialistiche. Segnali in tale direzione si erano registrati anche nei decenni precedenti, tra fine Ottocento e inizi Novecento, quando ebbe inizio un processo di concentrazione nel settore siderurgico e meccanico. Un percorso peraltro stimolato dalle commesse statali sempre più consistenti (Galli Della Loggia, 1970; Battilossi, 1999; Amatori e Colli, 1999; Bolchini, 2002. La crisi industriale e finanziaria del 1907 e la recessione a livello mondiale che ne seguì, accelerarono la soluzione tecnocratica, che prevedeva un’alleanza, più o meno stretta, con una parte della classe politica e l’entrata in guerra. Negli anni immediatamente seguenti il conflitto, il potere dei tecnocrati sulla scena politica italiana sembrò accrescersi notevolmente, soprattutto quando il governo progettò un programma di espansione economica nelle regioni del Caucaso, nei Balcani e nel Levante ex ottomano, territori in grado di fornire materie prime e di assorbire la produzione italiana in eccesso rispetto alle richieste di un mercato interno asfittico. La collaborazione tra mondo imprenditoriale, bancario e politico non produsse il risultato sperato. La caduta del governo Nitti e il ruolo destabilizzante e filotedesco della Banca Commerciale Italiana nell’Est europeo e nel Caucaso furono tra le cause principali che impedirono il decollo del progetto tecnocratico, provocando una dura reazione da parte dei fratelli Perrone alla guida del gruppo Ansaldo. Heavily Weakened by the financial and industrial crisis

  3. Franco Modigliani e la teoria del ciclo vitale del consumo (Franco Modigliani and the life-cycle theory of consumption

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angus Deaton

    2012-04-01

    Full Text Available Nei primi anni ’50, Franco Modigliani e il suo studente Richard Brumberg elaborarono una teoria della spesa fondata sull’idea che gli individui effettuano scelte intelligenti su quanto desiderano spendere a ogni età, con il solo limite delle risorse disponibili nel corso della loro vita. Attraverso l’accumulo e il decumulo delle attività, chi lavora può provvedere alla propria pensione e, più in generale, può adattare i propri modelli di consumo alle esigenze che si presentano alle diverse età, indipendentemente dal reddito disponibile in ogni momento della sua vita. Questa semplice teoria conduce a previsioni rilevanti e non scontate per l’economia nel suo complesso, ad esempio che il risparmio nazionale dipende dal tasso di crescita del reddito nazionale e non dal suo livello, e che esiste una semplice relazione tra il livello della ricchezza nel sistema economico e la lunghezza del periodo trascorso in pensione. Tali previsioni, non verificabili negli anni ’50, hanno trovato considerevole sostegno empirico in successivi lavori di Modigliani e di altri ricercatori. Sebbene nel corso degli anni la teoria del consumo abbia subito numerosi attacchi, i più recenti dei quali mossi da una coalizione di psicologi ed economisti, l’ipotesi del ciclo vitale rimane una parte essenziale del pensiero degli economisti. Senza di essa avremmo molto meno da dire circa molte importanti questioni, quali l’offerta pubblica e privata di previdenza sociale, gli effetti del mercato azionario sull’economia, le conseguenze dei mutamenti demografici sul risparmio nazionale, il ruolo del risparmio nella crescita economica e le determinanti della ricchezza nazionale.  In the early '50s, Franco Modigliani and his student Richard Brumberg elaborated a theory of expenditure based on the idea that individuals make smart choices about how they want to spend at any age, with the only limit of the available resources in the course of

  4. Steam explosion and new production processes for pulping industry: technical and economical feasibility; Steam explosion e nuovi processi di produzione cartaria: fattibilita` tecnico-economica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Viggiano, D [ENEA, Centro Ricerche Trisaia, Rotondella, Matera (Italy). Dipt. Energia; Bramanti, O [ENEA, Centro Ricerche Trisaia, Rotondella, Matera (Italy). Dipt. Innovazione

    1998-05-01

    scientifica e tecnologica internazionali sono stati sempre piu` indirizzati allo sviluppo di nuovi processi di lavorazione ed alla valorizzazione, al recupero es alla trasformazione di materie prime alternative e, soprattutto, rinnovabili. A tale riguardo, gia` da alcuni anni, si sta affermando la consapevolezza da parte degli imprenditori della carta di rispondere ad una triplice esigenza: quella dovuta alle normative antinquinamento sempre piu` severe, quella relativa all`opinione pubblica sensibile alla tutela ambientale e quella di mercato legata all`acquisizione di un `vantaggio competitivo` nei confronti della concorrenza. Il presente lavoro si inserisce in tale scenario realizzando una valutazione tecnico-economica dell`applicazione in ambito industriale della tecnologia di steam-explosion ed delle biomasse ligno-cellulosiche, intese sia come scarti di lavorazione agro-industriali che nella piu` recente accezione di colture industriali (specie C{sub 4}, C{sub 5}) specificatamente destinate al recupero di aree marginali (set aside) e successivo utilizzo a fini produttivi ed energetici. Nel contempo, viene preso in esame l`introduzione del processo di trattamento di Steam Explosion per un conveniente inserimento in cicli di produzione industriale, con particolare riferimento a quelli della carta.

  5. AV e attività di eccellenza. Nuove opportunità localizzative nel sistema Roma-Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2008-06-01

    , al fine di identificare le localizzazioni ottimali per disporre di un mercato di riferimento il più possibile esteso. Più specificamente, l’indicatore di accessibilità è stato definito in riferimento alla realizzazione della rete AV che collegherà Roma e Napoli in un tempo di 55 minuti. Pertanto, il sistema di aree per la localizzazione delle attività di eccellenza in ciascuna delle due polarità urbane considerate viene individuato ipotizzando un tempo massimo di percorrenza tra i due sistemi urbani pari a 90 minuti. Tale intervallo temporale si ritiene accettabile per il tipo di spostamenti connessi alle attività in esame: non si tratta, infatti, di spostamenti pendolari quanto, piuttosto, di una mobilità connessa alla fornitura di servizi altamente specializzati. Come ben evidenziato in una recente rassegna sul termine accessibilità, il tempo che si è disposti ad impiegare per raggiungere una data destinazione è, infatti, funzione del tipo di utenza e del tipo di attività o, più in generale, della convenienza per un dato individuo o per una data impresa (Litman, 2007. L’indicatore proposto tiene conto, oltre che del tempo di spostamento calcolato sulla rete su ferro sia nella tratta AV di connessione tra i due centri che nella tratta urbana della qualità del viaggio, considerando il numero e il tipo di scambi che è possibile effettuare sulla rete urbana, nell’arco temporale definito. L’applicazione dell’indicatore al sistema urbano integrato Roma-Napoli ha consentito l’individuazione, nelle due polarità urbane, di aree a diverso grado di “accessibilità” a partire dai due punti focali posti nelle stazioni AV e nell’arco temporale individuato e, conseguentemente, delle aree che, in ragione del solo parametro di accessibilità, risultano le più idonee per la localizzazione delle attività in esame.

  6. Organizational models for new economy in the public and the private one; Modelli organizzativi per la new economy nel pubblico e nel privato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amicucci, F.; Battaglia, F. [Rome Univ., Rome (Italy). Facolta' di Economia Aziendale; Di Marco, R.A. [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    globalization in progress has created numerous opportunities thanks to strong growth in the commerce and in the investments with the consequent increase of the income and prosperity. This amazing conjuncture has brought some economists to speak of a new economic model: an economy that is able use the resources of the innovation and the increases of productivity to give place to an economic development that him grows in the time. The explosion of the technological information represents the fulcrum of the increase of productivity that have fed the economic expansion of these last ten years. The optimization in the use of the resources and the continuous rationalization of the operations they are been able to happen thanks to the new solutions in net, to the easiest access to information through the use of Internet and to the exploitation of these new means of communications particularly in the transactions business to business. Technology and the economy of the nets therefore they are imposing like one of the most powerful drivers for economic growth, for the ability to create new places of employment and new professions to strengthen the ability to compete on the global markets. Arriving to the appointment late with the economy on line often means to not succeed in entering at all or to lose occasions that will be exploited without hesitation from more ready competitors to gather these new opportunities. To the enterprises therefore he requires to undertake the road of this change hocking resources in the organizational restructuring and in the technological adjustment. [Italian] Storicamente i modelli organizzativi hanno seguito una evoluzione che ha evidenziato un trend parallelo alla complessita' del mercato, presentando via via diversi meccanismi di coordinamento. Fino a ieri il modello vincente era quello gerarchico che pero' non e' di certo immune da limiti. A partire dall'Ottocento e soprattutto nel Novecento esperti di organizzazione hanno studiato

  7. Fiumicino: New Port City and Gateway of Rome Fiumicino: nuova città portuale e porta di Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano Fonti

    2009-11-01

    Fiumicino, with the construction of a new one. The new port project, which is following the bureaucratic course, consists in the realization of an important logistic hub for trade and passengers; it is considered an important occasion for an increase in the economic development, because together with the realization of the port, the whole infrastructural system of the region and of the central Italy will be transformed. At the same way the port should be an important occasion also for the renewal of Fiumicino’s urban territory, if local administrators and the port authority decide to cooperate for a unique strategy of planning, with the common objective to mix the port with the town, and to promote the development of Fiumicino and of the infrastructures at the same time. In fact, the port, the airport and the other important elements of Fiumicino, could form a new complex system, a new town with a specific role in the territory and with a new distinguishing feature: the gateway of Rome. Il porto, a differenza di un aeroporto, può essere inteso come una struttura “dinamica” che può interagire con il proprio contesto di appartenenza, a patto che gli interventi di pianificazione abbiano come obiettivo principale l’integrazione tra i diversi ambiti e come campo di applicazione l’insieme porto città inteso come unico sistema. Dall’analisi degli scenari proposti in questo paper si evidenzia, infatti, come l’inserimento di una infrastruttura portuale in un luogo come quello di Fiumicino può essere considerato un valore aggiunto non solo in termini di sviluppo economico, ma anche in termini di riqualificazione urbana, indipendentemente dalla sua tipologia. Questo perché l’area di Fiumicino è caratterizzata da una serie di piccole ma importanti potenzialità sia di tipo turistico (le risorse storico-archeologiche e naturalistiche sia di tipo industriale e produttivo (la cantieristica navale e il mercato ittico, che ad oggi tuttavia non si configurano in un

  8. Verona/Milano, andata e ritorno. Appunti sulla presenza dei pittori veronesi a Milano nel XIX secolo / Verona/Milano, there and back. Notes on Verona’s painters in Milan in the 19th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Casotto

    2013-11-01

    Full Text Available Lo studio intende illustrare (quando possibile anche attraverso le testimonianze scritte degli artisti le vicende dei pittori veronesi che, nel secolo XIX, cercano e in molti casi trovano fortuna a Milano, il centro artistico più aggiornato e vivace di tutto il Nord Italia, rinomato soprattutto per la sua Accademia e le frequentatissime esposizioni. Questa “migrazione” si verifica perché Verona, durante il periodo della dominazione asburgica (1815 – 1866, diviene il perno del sistema militare del regno Lombardo-Veneto e, conseguentemente, il suo sviluppo è subordinato alle necessità delle numerose compagnie militari che stazionano o transitano sul suo territorio. Si incrementano quindi l’edilizia militare, i mezzi di comunicazione per collegamenti di lunga distanza, ma non lo sviluppo urbanistico della città e la nascita di piccole industrie e commerci che possano favorire la popolazione civile. In questa situazione anche il mercato dell’arte languisce, sia per la carenza di committenti pubblici e privati, sia per le poche occasioni di promozione che si organizzano in questi difficili anni. A ciò si aggiunga che anche l’Accademia cittadina vive un momento di stagnazione, dovuta in parte agli obsoleti metodi di insegnamento e in parte alla mancanza di fondi, che causano un tale abbassamento di qualità nell’insegnamento per cui gli artisti qui formati si rivelano impreparati a competere con i colleghi provenienti da altre realtà del paese. Dopo L’Unità d’Italia e, soprattutto, dopo la riforma dell’Accademia veronese (1873, i rapporti tra Verona e Milano, invece, si fanno più complessi: non sono più solamente i pittori veronesi a recarsi nel capoluogo lombardo per studiare e per esporre, ma anche gli autori lombardi non disdegnano le manifestazioni della città veneta e addirittura ambiscono a ottenere e di fatto, spesso, ottengono, la direzione dell’Accademia scaligera. Si deve infine notare che il legame tra le

  9. Organizational models for new economy in the public and the private one; Modelli organizzativi per la new economy nel pubblico e nel privato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amicucci, F; Battaglia, F [Rome Univ., Rome (Italy). Facolta' di Economia Aziendale; Di Marco, R A [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    globalization in progress has created numerous opportunities thanks to strong growth in the commerce and in the investments with the consequent increase of the income and prosperity. This amazing conjuncture has brought some economists to speak of a new economic model: an economy that is able use the resources of the innovation and the increases of productivity to give place to an economic development that him grows in the time. The explosion of the technological information represents the fulcrum of the increase of productivity that have fed the economic expansion of these last ten years. The optimization in the use of the resources and the continuous rationalization of the operations they are been able to happen thanks to the new solutions in net, to the easiest access to information through the use of Internet and to the exploitation of these new means of communications particularly in the transactions business to business. Technology and the economy of the nets therefore they are imposing like one of the most powerful drivers for economic growth, for the ability to create new places of employment and new professions to strengthen the ability to compete on the global markets. Arriving to the appointment late with the economy on line often means to not succeed in entering at all or to lose occasions that will be exploited without hesitation from more ready competitors to gather these new opportunities. To the enterprises therefore he requires to undertake the road of this change hocking resources in the organizational restructuring and in the technological adjustment. [Italian] Storicamente i modelli organizzativi hanno seguito una evoluzione che ha evidenziato un trend parallelo alla complessita' del mercato, presentando via via diversi meccanismi di coordinamento. Fino a ieri il modello vincente era quello gerarchico che pero' non e' di certo immune da limiti. A partire dall'Ottocento e soprattutto nel Novecento esperti di organizzazione hanno studiato un modello

  10. Meanings of a Territorial Infrastructure: the Airports Significati di una infrastruttura territoriale: gli aeroporti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mazzeo

    2011-11-01

    la posizione, esterna alla città, e il tipo di servizio, fortemente settoriale. Gli aeroporti hanno un ruolo importante per lo spostamento delle persone. Le statistiche dei trasporti internazionali testimoniano che il numero di passeggeri è in crescita, anche se il settore ha subito i colpi della crisi economica internazionale. L'espansione del traffico aereo passeggeri è da mettere in relazione anche con la tendenza a specializzare la tipologia di viaggio.

    Il sistema di trasporto non è un sistema neutro, anche se settoriale; esso è legato fortemente con il sistema territoriale in cui opera e con le scelte di localizzazione delle imprese e degli individui. Questa riflessione ha valore per tutte le infrastrutture di trasporto, anche se con gradi diversi, ma per gli aeroporti assume un valore particolare, in quanto essi possono essere un fattore strategico nei processi di sviluppo economico di un territorio, contribuendo direttamente o indirettamente allo sviluppo delle imprese locali. Un aeroporto funziona sia come fornitore di servizi che come una realtà aziendale in sé ed opera in un mercato altamente competitivo con una elevata velocità di cambiamento.

    Gli aeroporti sono una infrastruttura territoriale tipicamente priva di integrazione fisica e spaziale con il contesto urbano. Per le loro caratteristiche dimensionali e per l'incidenza dei fattori inquinanti, devono essere collocati fuori della città, spesso a distanze notevoli dalla stessa: il loro ruolo fondamentale nella struttura urbana si esprime, dunque, in spazi esterni della città. Esso però resta una infrastruttura urbana.

    Ma un aeroporto è anche altre cose: è un luogo ordinato, perché la sua gestione richiede azioni definite e sequenze di attività che sono molto diverse dal disordine urbano. Aeroporto e città sono strutture complessi, ma il primo è uno spazio in cui i ruoli gerarchici sono ben definiti e dove è l'autorità è riconosciuta e ben accettata

  11. Tourism is a Spatial Phenomenon Il turismo è un fenomeno spaziale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pasquale Boccagna

    2010-11-01

    che attiva un processo di spesa di parte del suo reddito in un luogo diverso dalla sua abituale dimora. La scelta della destinazione in cui fruire dei servizi turistici e svolgere le attività collaterali di consumo è il frutto di un processo decisionale complesso basato sulla selezione competitiva tra soluzioni alternative che siano in grado di rispondere ad un insieme di bisogni ed aspirazioni a parità di costi e di livello di servizi richiesti. Successivamente viene preso in esame il modo con cui una località geografica diviene destinazione turistica e come le caratteristiche strutturali (servizi di alloggio, ristorazione, accessori ed infrastrutturali (accessibilità geografica, sociale ed economica possano essere in grado di esprimere un richiamo "emozionale" per il turista; l’incontro tra domanda ed offerta viene visto in un’ottica postfordista secondo il framework “Mutual Value” che assegna un ruolo fondamentale alla componente dei servizi presente nell’offerta di vendita dei beni (materiali ed immateriali per generare un vantaggio competitivo sul mercato. In prosieguo il fenomeno turistico viene messo in relazione al concetto di mobilità territoriale per evidenziare l’impatto che esso genera sul piano ambientale ed urbanistico e la necessità di monitorare il fenomeno e pianificare le azioni di adeguamento strutturale ed infrastrutturale del territorio nella direzione della sostenibilità. Infine verranno esposti dei casi di mobilità urbana ed extraurbana di tipo turistico secondo una prospettiva che vede il trasporto urbano ed extraurbano una vera e propria risorsa (VRIO generatrice di vantaggio competitivo per il sistema locale.