WorldWideScience

Sample records for le equazioni nel

  1. Test of numerical methods for the integration of kinetic equations in tropospheric chemistry; Confronto di metodi numerici per l'integrazione di sistemi di equazioni differenziali ordinarie di tipo STIFF inserite nel modello fotochimico Calgrid

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lorenzini, R.; Passoni, L. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The integration of ordinary differential equations systems (ODEs) is of significant concern to tropospheric and stratospheric chemistry modelers. The solution of the ODEs requires a large computational effort because of their stiff nature; in a three-dimensional photochemical model the solution of the ODEs required at least 70% of the total CPU time. Several numerical integration techniques exist which attempt to provide accurate and computationally efficient solutions. In this work it is presented a comparison of some of the techniques in terms of solution accuracy and required computational time. It has been compared the Hybrid Solver (Young and Boris, 1977), the Quasi Steady-State Approximation method (Hesstvedt et al., 1978) and the Chemical Solver for Ordinary Differential Equations (Aro, 1996), by using the CALGRID photochemical model. The accuracy is evaluated by comparing the results of every method with the solutions obtained by the Livermore Solver for Ordinary Differential Equations (Hindmarsh, 1980). The comparison has been made varing the parameters of the error tolerances, and taking into account the trade-off between solution accuracy and computational efficiency. [Italian] L'integrazione di sistemi di equazioni differenziali ordinarie (ODEs), e' un problema significativo per i modellisti della chimica troposferica e stratosferica. A causa della loro natura stiff la soluzione degli ODEs richiese un notevole sforzo computazionale; in un modello fotochimico tridimensionale la soluzione degli ODEs richiede almeno il 70% del tempo totale di CPU. Esistono diverse tecniche di integrazione numerica che possono fornire soluzioni accurate e computazionalmente efficienti: in questo lavoro presentiamo un confronto fra alcune tecniche in termini di accuratezza della soluzione e tempo computazionale richiesto. Si sono confrontati il Solver Ibrido (Young and Boris, 1977), il metodo Quasi Steady-State Approximation (Hesstvedt et al., 1978) ed il Chemical

  2. Le autorità indipendenti nel settore bancario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Papi

    2014-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni la diffusione delle autorità indipendenti ha rappresentato un importante tratto distintivo dell’evoluzione istituzionale di gran parte dei paesi. La corrispondente delega di poteri è stata giustificata con la necessaria autonomia dal potere politico ed economico, nell’ipotesi che le autorità indipendenti siano la risposta istituzionale più efficace per perseguire gli interessi pubblici. Questa impostazione si basa su tre principali presupposti la cui validità è storicamente e geograficamente determinata. Il lavoro esamina le autorità indipendenti del settore bancario e finanziario, spiegandone l’evoluzione e i profili di autonomia e di accountability. I cambiamenti della regolamentazione e del ruolo delle autorità vengono messi in relazione agli sviluppi internazionali e alla loro continua trasformazione, anche alla luce delle ricorrenti crisi finanziarie. Infine il lavoro si interroga su quale debba essere l’assetto istituzionale ottimale in termini di divisione/integrazione delle responsabilità di vigilanza in ambito bancario/finanziario.

  3. LE PAROLE DEI LIBRI NEL "VOCABOLARIO MILANESE-ITALIANO" DI FRANCESCO CHERUBINI. RIFLESSI DEL MONDO EDITORIALE (MILANESE NEL LESSICO DIALETTALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edoardo Buroni

    2016-09-01

    Full Text Available Oltre che come lessicografo e dialettologo, Francesco Cherubini spese gran parte della sua vita professionale occupandosi di libri: il vasto mondo editoriale di stamperie, tipografie e cartiere costituisce uno dei settori specialistici più rappresentati nel Vocabolario milanese-italiano, opera contraddistinta da una particolare attenzione alle voci di arti e mestieri. Questo saggio fornisce un regesto ragionato e commentato di tali lemmi, sottolineando la grande competenza del compilatore e la forte componente autobiografica che emergono dalle “parole dei libri”. Words about books in Francesco Cherubini’s “Vocabolario milanese-italiano”. Reflections of the (milanese world of publishing in dialect As well as being a lexicographer and dialectologist, Francesco Cherubini spent much of his professional life dealing with books: the vast world of publishing, printing and the paper industry was one of the most specialized sectors represented in the Vocabolario milanese-italiano, a work characterized by a particular focus on arts and crafts terminology. This paper provides an annotated summary and comments on such items, emphasizing the great responsibility of the compiler and the strong autobiographical component emerging from the “words of books”.

  4. Verità e bellezza le ragioni dell'estetica nella scienza

    CERN Document Server

    Chandrasekhar, S

    1990-01-01

    Una granda teoria scientifica è anche un'opera d'arte. Per gli scienziati più insigni, la bellezza è sempre stat uno degli obiettivi da raggiungere, quando non addirittura una guida nel cammino verso la verità. Da Einstein, per scrivere le equazioni della teoria della relatività, a Heisenberg, per cercare la chiave della meccanica quantistica, fino a Weyl, che dichiarava di preferire il bello al vero, la storia della fisica moderna è accompagnata dal desiderio di trovare l'armonia delle leggi della natura.

  5. Le torri di Monte Prama: i nuraghi nel paesaggio culturale dell’età del Ferro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Bernardini

    2017-01-01

    Full Text Available Riassunto: L’analisi dei modelli di torri nuragiche di Monte Prama e del valore memoriale assunto da questi oggetti nel corso della prima età del Ferro offre lo spunto per una riflessione sul valore dei monumenti reali nel paesaggio culturale vissuto dalle popolazioni nuragiche dopo la fine dell’età del Bronzo. I modelli di nuraghe assumono in questa ricostruzione la valenza ideologica di specifico segno del potere che si lega alla realtà dei nuovi tempi. Il simulacro del nuraghe funziona come meccanismo ideologico che legittima l’autorità e il prestigio nella percezione di gruppi umani per i quali la torre è ancora segno vitale del presente e del proprio paesaggio fisico e psicologico. Abstract: The analysis of models of Monte Prama’s nuragic towers and the memorial significance assumed by these objects during the early Iron Age is the starting point for a reflection on the value of the real monuments in the cultural landscape experienced by nuragic populations after the end of the Bronze Age. The models of Nuraghe assume in this reconstruction the ideological meaning of specific sign of the power that binds to the reality of the new times. The simulacrum of the Nuraghe works as ideological mechanism that legitimizes the authority and prestige in the perception of human groups for which the tower is still vital sign of the present and of their physical and psychological landscape.

  6. Le avventure di Mr. Tompkins viaggio "scientificamente fantastico" nel mondo della fisica

    CERN Document Server

    Gamow, George

    1993-01-01

    Questo classico della divulgazione scientifica offre al lettore una grande quantità di informazioni e una spiegazione dei concetti fondamentali della fisica moderna: la struttura dell'atomo, la relatività e la teoria quantistica, la fusione e la fissione. La prefazione di Roger Penrose presenta Mr. Tompkins ad una nuova generazione di lettori e rivisita le sue avventure alla luce degli attuali sviluppi della fisica moderna.

  7. Le autorità indipendenti nel settore bancario.( Indipendent authorities in the banking sector

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Papi

    2014-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni la diffusione delle autorità indipendenti ha rappresentato un importante tratto distintivo dell’evoluzione istituzionale di gran parte dei paesi. La corrispondente delega di poteri è stata giustificata con la necessaria autonomia dal potere politico ed economico, nell’ipotesi che le autorità indipendenti siano la risposta istituzionale più efficace per perseguire gli interessi pubblici. Questa impostazione si basa su tre principali presupposti la cui validità è storicamente e geograficamente determinata. Il lavoro esamina le autorità indipendenti del settore bancario e finanziario, spiegandone l’evoluzione e i profili di autonomia e di accountability. I cambiamenti della regolamentazione e del ruolo delle autorità vengono messi in relazione agli sviluppi internazionali e alla loro continua trasformazione, anche alla luce delle ricorrenti crisi finanziarie. Infine il lavoro si interroga su quale debba essere l’assetto istituzionale ottimale in termini di divisione/integrazione delle responsabilità di vigilanza in ambito bancario/finanziario.  

  8. Le antologie di poesia italiana nel XXI secolo. Note per un primo bilancio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Crocco

    2017-06-01

    Full Text Available Da almeno un secolo, l’antologia costituisce il principale veicolo di formazione del canone letterario e di scontro delle interpretazioni per la poesia italiana. Nei primi quindici anni del Ventunesimo secolo la discussione intorno alle antologie è ripresa, dopo una fase di stasi, soprattutto grazie alla critica online. Poco più di dieci anni fa sono state pubblicate tre antologie d’autore: Parola plurale. Sessantaquattro poeti tra due secoli (a cura di Alfano, Baldacci, Bello Minciacchi, Cortellessa, Manganelli, Scarpa, Zinelli, Zublena, Sossella, 2005; Dopo la lirica (a cura di Testa, Einaudi, 2005; La poesia italiana dal 1960 a oggi (a cura di Piccini, Rizzoli, 2005. Sono seguite nuove raccolte, che potremmo classificare come antologie generazionali oppure crestomazie «dei poeti d'oggi»; queste ultime hanno spostato il dibattito sul canone più recente. Si è molto discusso, ad esempio, di Poeti degli anni Zero (a cura di Ostuni, Ponte Sisto, 2010, ma anche di La generazione entrante. Poeti nati negli anni Ottanta (a cura di Fantuzzi, Ladolfi, 2011; nonché di due antologie di genere come Nuovi poeti italiani/6 (a cura di Rosadini, Einaudi, 2012 e Le parole tra gli uomini. Antologia di poesia gay italiana dal Novecento al presente (a cura di Baldoni, Robin, 2012. Questo intervento si propone di fare un primo bilancio delle crestomazie poetiche pubblicate dal 2000 al 2016 e del dibattito critico che le riguarda. In particolare, per ciascuna antologia verranno considerati i seguenti aspetti: categorie critiche impiegate, ordinamento e struttura dell’opera, estremi cronologici,  proposta di canone, postura critica del curatore (militante, copoetica, d’autore.

  9. Innovazione nel mobile learning

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Immaculada Arnedillo-Sànchez

    2008-01-01

    Full Text Available Descrizione, da una prospettiva europea, dell’innovazione nel settore del mobile learning e l’utilizzabilita’ del mobile learning in contesti educativi. Vengono illustrate i principali progetti europei di m-learning e si esamina le prospettive pedagogiche e teoriche relative al campo.

  10. La ballata E5 e le sue varianti nel codice degli abbozzi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Ravera

    2016-07-01

    Full Text Available La ballata petrarchesca Amor, che ’n cielo e ’n cor gentile alberghi (E5, composta per il musico Confortino e destinata alla definitiva esclusione dal Canzoniere, è un componimento profondamente complesso, oltre che caratterizzato da un’intrigante vicenda redazionale. E5 appare infatti imperniata sull’ambiguità tra due poli opposti, amoroso e religioso, in un gioco di contrapposizioni che rende difficile scegliere in via definitiva tra un’interpretazione sentimentale ed una lettura morale o addirittura penitenziale. La ballata è inoltre caratterizzata dall’evidente ed esteso riuso della tradizione lirica ed in particolare dei modelli stilnovistici, non solo e non tanto sul piano degli stilemi e delle immagini, quanto in termini di concezione amorosa. Il rapporto con queste fonti risulta problematico, tra ripresa e negazione, e rappresenta un ulteriore nodo significativo rispetto all’interpretazione del componimento. La graduale evoluzione della ballata, di cui possono essere identificate per lo meno tre versioni distinte, sembra accentuare gli elementi di complessità e le sovrapposizioni semantiche. Infine, l’analisi formale e contenutistica di E5 favorisce la formulazione, pur senza pretesa di certezza, di ipotesi sulle ragioni della sua sorte extravagante

  11. Enrico Fermi a Firenze le "Lezioni di meccanica razionale" al biennio propedeutico agli studi di ingegneria : 1924-1926

    CERN Document Server

    Frosali, Giovanni; Pelosi, Giuseppe

    2014-01-01

    Enrico Fermi, Premio Nobel per la Fisica nel 1938, ha insegnato alla Regia Università degli Studi di Firenze. La permanenza di Fermi a Firenze fu breve, solo due anni accademici (1924-25 e 1925-26); in questi anni tenne i corsi di fisica matematica e di meccanica razionale. Il presente volume è un contributo alla ricostruzione di questo periodo non molto noto della vita di Fermi, ma segnato scientificamente dalla pubblicazione della statistica che prende il suo nome, base tra l'altro della fisica dei semiconduttori e quindi dell'elettronica moderna. Vengono anche riprodotte nel testo le "Lezioni di meccanica razionale" tenute da Enrico Fermi nel periodo predetto agli studenti di scienze e del biennio propedeutico agli studi di ingegneria. I temi affrontati da Enrico Fermi nelle sue lezioni includono la cinematica e la dinamica del punto, la cinematica e la statica dei sistemi rigidi, inclusa la statica di sistemi più in generale. Infine le lezioni contengono le equazioni di "Lagrangia" e alcuni elementi di...

  12. Il congiuntivo nel Goldoni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    1970-11-01

    Full Text Available Nelle sue commeclie dialettali, Goldoni spesso ricorre al congiuntivo. La forma e tanto frequente e tanta è la coerenza nell'uso che ci testimonia della popolarita del congiuntivo nel veneziano parlato del suo tempo. E ancora non sapremmo elencarne tutte le forme, giacche, nel presente almeno, una speciale per il congiuntivo esiste quasi solo per la 3.a persona (come nell'indicativo, anche nel congiuntivo coincidono la 3.a del sg. e la 3.a del pl.. Pochi sono i verbi che mostrano una forma a parte per il congiuntivo nella La pers. sg. Citiamo dalla Casa nova: »fe conto che sia morto per vu«, I, 6; »E no le vol ehe maledissa sta casa e che diga roba de quel strambo de so fradelo«, II, 5; »se no volè che vaga, lasserò star«, II, 6; »bisognerà che dipenda da ela«, I, 6; »ghe son, bisogna che ghe staga, I, 2; »Bisognerà che m'inzegna da qualche altra banda«, I, 15. Quasi inesistente la 2.a pers. sg.; >>Siestu benedeta, dove che tu xe«, Rusteghi, II, 3. La scarsità della forma nel congiuntivo è da riconnettere alla scarsità della 2.a pers. in generale nelle commedie. Non ci sono forme del congiuntivo nel plurale: »avanti che lo spartimo, fevelo mostrare«, Baruffe, I, 5; »acciò che vegni a discreditar la mia casa«, Rusteghi, II, 3; »son vegnua a posta, acciò che parlè”, Rusteghi, III, 2.

  13. Il problema dei debiti internazionali nel periodo tra le due guerre mondiali. (The international debt problem in the interwar period

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. DE CECCO

    2013-12-01

    Full Text Available Grande attenzione è stata recentemente dedicata al problema attuale del debito del terzo mondo e le sue implicazioni per il sistema bancario internazionale . Una rassegna di eventi simili a volte precedenti in passato dimostra che gli operatori dei mercati finanziari internazionali hanno la memoria corta , poiché la maggior parte degli aspetti della crisi si sono verificati in passato. Questo è confermato dal considerare il problema del debito internazionale tra la prima e la seconda guerra mondiale . La principale differenza tra allora e adesso è che il periodo tra le due guerre fu un periodo di transizione da un sistema di commercio dominato daòòa sterlina ad uno dominato  dal dollaro statunitense . Molti dei problemi di oggi derivano da questa continua dominazione dollaroConsiderable attention has recently been paid to the current problem of third world debt and its implications for the international banking system. A review of similar events at previous times in the past shows that operators in international financial markets have very short memories, since most of the aspects of the current crisis have occurred in the past. This is borne out by considering the international debt problem between the first and second world wars. The major difference between then and now is that the interwar period was a time of transition from a sterling-dominated trading system to one dominated by the US dollar. Many of today's problems stem from this continuing dollar domination.JEL: N24

  14. Una questione di potere: la discussione scientifica nel Protagora

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-02-01

    Full Text Available Chi stabilisce le regole della discussione scientifica? Chi ha titolo a criticarle? Nel Protagora Socrate si scontra con una scuola umanistica e retorica che ha uno stile di discussione molto diverso dal suo. /a>

  15. La moisson des Argonautiques et la poétique d’Apollonios dans le chant III Harvesting in Argonautica and Apollonios' poetics in book III La mietitura delle Argonautiche e la poetica di Apollonio nel canto III

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Françoise Létoublon

    2013-05-01

    Full Text Available Un’analisi comparativa dei paragoni presenti nel canto III delle Argonautiche e di quelli omerici mostra che Apollonio s’ispira fortemente ai suoi modelli, in modo particolare nella forma ed nel lessico. Eppure, nella maggior parte dei casi, egli porta i confronti omerici lontano dal loro contesto d’origine per adattarli ai suoi intenti. Nella prima parte del canto III, i similitudini rispondono alla volontà comune di evidenziare le pene che l’amore suscita nell’animo e nel comportamento di Medea. Nella seconda parte, le prove che Giasone deve superare danno luogo, in modo sorprendente, ad immagini guerriere funzionali alla descrizione dei preparativi, ma in seguito Apollonio ricorre ad un lessico artigianale ed agricolo per evocare dei compiti che consistono effettivamente nell’aggiogare e tirare una coppia di tori, in un’aratura, in una semina ed in una mietitura. L’aspetto più notevole è che molti paragoni riuniti verso la fine del canto non sembrano trovare un corrispondente in alcun modello omerico, come se il racconto di questa prova inedita avesse progressivamente liberato Apollonio dalla sua dipendenza da Omero.A detailed survey of the similes in Argonautica III, compared to the Homeric similes, shows that Apollonius very largely draws his inspiration from his models, mainly in the form and the words. However, he shifts the Homeric similes away from their original context to re-model them to his personal intention. In the first part of book III, the similes follow a common desire to show how many troubles love provokes in Medea’s soul and behaviour. In the second part, Jason’s ordeals provide the occasion for war images describing the preparation of the hero, but thereafter Apollonius resorts to a craftsmanship and agricultural register for evoking tasks that actually consist of hitching up, ploughing, sowing and harvesting. The most remarkable fact is that some comparisons grouped near the end of the book seem

  16. Elementi ed esercizi di geometria analitica e proiettiva

    CERN Document Server

    Francia, Giovanni

    1950-01-01

    La retta : preliminario ; coordinate cartesiane nel piano, equazioni della retta, distanze ed angoli ; cambiamento delle coordinate, coordinate polari ; il cerchio ; le coniche come luoghi geometrici : l'ellisse, l'iperbole, parabola.

  17. Prevalenza di Campylobacter termotolleranti nel pollo da ingrasso in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Migliorati

    2010-12-01

    Full Text Available In Italia, nel periodo 5 febbraio-15 dicembre 2008, in applicazione della Decisione 516/2007/CE, sono state eseguite le attività di campionamento e analisi previste dal relativo Piano di sorveglianza. Tra gli obiettivi, la rilevazione dell’entità di contaminazione da Campylobacter termotolleranti nel pollo da ingrasso allevato in Italia. Sono stati selezionati 48 mattatoi avicoli, distribuiti in undici regioni italiane, in cui sono stati prelevati intestini ciechi e carcasse di pollo da ingrasso appartenenti a 393 lotti di macellazione. In 284 lotti (72,3% è stato isolato Campylobacter spp.: il 52,1% è risultato contaminato da C. jejuni, il 55,6% da C. coli e l’1,1% da C. lari. Nel 13,0% di quelli positivi (37 lotti sono stati rilevati contemporaneamente C. jejuni e C. coli. Dall’esame degli intestini ciechi, Campylobacter spp. è risultato presente in 251 lotti di macellazione (63,9%, in particolare, C. jejuni nel 48,2%, C. coli nel 50,6% e C. lari nell’1,2%. Le carcasse appartenenti a 182 lotti (46,3% sono risultate contaminate da C. jejuni nel 40,7% e C. coli nel 57,7% dei lotti positivi, C. lari non è stato isolato. I livelli di contaminazione riscontrati nelle carcasse sono risultati compresi tra 10 e 1,6 × 107 UFC/g.

  18. Studio nel sistema modello Saccharomyces cerevisiae di mutazioni patologiche nel gene POLG codificante la DNA polimerasi mitocondriale

    OpenAIRE

    Baruffini, Enrico

    2008-01-01

    Il lavoro riportato in questa tesi concerne lo studio nel sistema modello Saccharomyces cerevisiae di mutazioni patologiche nel gene umano POLG che codifica per la polimerasi mitocondriale gamma associate a patologie mitocondriali. Nello studio sono state introdotte sette mutazioni in POLG nelle posizioni equivalenti del gene ortologo di lievito MIP1. E’ stato studiato l’effetto di queste mutazioni sulla stabilità del DNA mitocondriale, dimostrando che tutte le mutazioni provocano un incremen...

  19. L’intersezione di razzismo e sessismo. Strumenti teorici per un’analisi della violenza maschile contro le donne nel discorso pubblico sulle migrazioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valeria Ribeiro Corossacz

    2013-10-01

    Full Text Available Gli studi antropologici e femministi hanno messo in evidenza come la produzione di soggettività sia determinata dalla combinazione di diverse variabili sociologiche – sesso, classe, origine, orientamento sessuale, “razza”. In particolare, la riflessione sull’intreccio tra razzismo e sessismo ha dimostrato come sia difficile stabilire una priorità assoluta tra le variabili sesso e “razza”, suggerendo, invece, come sia più proficuo indagare il modo in cui esse si intrecciano tra loro al fine di comprendere le concrete esperienze di oppressione basate su “razza” e sesso. Ripercorrendo alcuni degli spunti più importanti emersi dal dibattito femminista, questo saggio discute l’articolazione tra razzismo e sessismo, mettendo in evidenza ciò che li accomuna in quanto sistemi di oppressione sociale. In particolare, si propongono alcune osservazioni riguardo alle forme in cui nella società italiana razzismo e sessismo si intrecciano nei discorsi pubblici sull’immigrazione e nella percezione della violenza maschile contro le donne.

  20. Book review, Principi di video-otoendoscopia nel cane e nel gatto, Giovanni Ghibaudo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2011-12-01

    Full Text Available Per il veterinario libero professionista le malattie auricolari dei cani e dei gatti sono il pane quotidiano, ciò nonostante il loro studio è progredito lentamente anche perché molti veterinari trovavano difficoltà nell’effettuare l’otoscopia e nel riconoscere la patologia otologica. L’avvento del video-otoscopio ha permesso di rilevare le malattie e i cambiamenti dell’orecchio. L'autore ha pertanto sentito la necessità di sviluppare i principi di video-otoendoscopia nel cane e nel gatto e inserirli in un’opera, unica in Italia nel suo genere, basandosi sulla propria esperienza clinica e sul materiale iconografico presente in letteratura. Nell’agile libro ci sono 94 figure video-otoscopiche che fanno comprendere visivamente la normale anatomia e le malattie dell’orecchio. Sono presentati 68 casi in cui è visibile l’immagine dell’orecchio esterno, sempre accompagnata da visioni video-otoscopiche di ciò che sta succedendo nel canale uditivo più in profondità. Nella prima parte del volume viene descritta l’anatomia dell’orecchio esterno e medio, sono fornite le informazioni essenziali per un corretto approccio e per la gestione delle otiti, per la preparazione del paziente e, infine, vengono indicati strumenti e metodiche di video-otoendoscopia. La seconda parte, attraverso immagini endoscopiche, illustra l’aspetto dell’orecchio normale del cane e del gatto. Successivamente, immagini endoscopiche chiare ed esemplificative accompagnano la descrizione delle lesioni presenti in corso di otiti acute, croniche e neoplastiche. Lo stesso schema è stato seguito nell’illustrare l’aspetto normale e alterato della membrana timpanica e dell’orecchio medio. Per ogni causa di otite sono state affiancate, a un testo essenziale d’immediata comprensione, immagini endoscopiche per una collezione iconografica il più possibile completa. Inoltre, Giovanni Ghibaudo fornisce utili consigli per esempio sull’utilizzo di spugne

  1. Paramenide e Platone (e Aristotele nel Contre Colote de Plutarque Parménide et Platon (et Aristote dans le Contre Colotès de Plutarque Parmenides and Plato (and Aristote in Plutarch'sAgainst Colotes

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Bonazzi

    2013-05-01

    Full Text Available The chapters dedicated to Parmenides and Plato play a decisive role in the composition strategy of the Adversus Colotem, since this is where Plutarch most clearly defines the background dualist thesis that will help demonstrate that Platonism is superior to Epicurism. By showing Parmenides too as a dualist engaged in distinguishing between the sensible and the intelligible world, Plutarch structures a history of ancient philosophy entirely focused on Plato. These chapters also bear witness of another centre of interest, namely Aristoteles (§ 14, who, despite the criticism he aimed at the theory of ideas, is not completely refuted, but rather used as a possible ally against epicurean materialists, Plutarch’s true bête noire.Les chapitres consacrés à Parménide et Platon jouent un rôle décisif dans la stratégie de composition de l’Adversus Colotem : c’est là en effet que Plutarque définit de la manière la plus claire la thèse dualiste de fond qui va servir à démontrer la supériorité du platonisme sur l’épicurisme. En présentant Parménide lui aussi comme un dualiste occupé à distinguer entre monde sensible et monde intelligible, Plutarque articule une histoire de la philosophie antique entièrement centrée sur Platon. Les chapitres témoignent ensuite d’un autre centre d’intérêt, avec la mention d’Aristote (§ 14, lequel, malgré les critiques qu’il adresse à la théorie des idées, n’est pas complètement réfuté, mais plutôt utilisé comme un allié possible contre les matérialistes épicuriens, la véritable « bête noire » de Plutarque.I capitoli dedicati a Parmenide e Platone giocano un ruolo decisivo nella strategia compositiva dell’Adversus Colotem: è qui infatti che Plutarco delinea nel modo più chiaro la tesi dualistica di fondo che servirà a dimostrare la superiorità del platonismo sull’epicureismo. Presentando anche Parmenide come un dualista, impegnato a distinguere tra mondo

  2. Le donne dei principi nel Lazio protostorico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilda Bartoloni

    2009-11-01

    Full Text Available This paper focuses on the role of women in the societies of ancient Latium. In this contribution many cases of burials are presented to illuminate the importance of their role. The analysis of these burials, in terms of grave goods and their setting within the grave, is carried out in comparison with  Etruscan and other pre-Roman areas and with attention to Greek and Roman literary sources, in order to present some specific aspects and activities that involved women in the aristocratic society of the Orientalizing period.

  3. LA TUTELA DEI BENI CULTURALI NEL DIRITTO REALE E NEL DIRITTO DOGANALE ALLA LUCE DELLA POLITICA ANTITERRORISTICA EUROPEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kristijan Poljanec

    2017-01-01

    Full Text Available Nel lavoro si analizzano le regole internazionali, europee e croate nell’ambito della circolazione dei beni culturali. Gli autori rifl ettono criticamente sul fatto che queste tali regole non abbiano riconosciuto l’importanza dei meccanismi del diritto reale nella lotta contro il traffi co illegale dei beni culturali. Si esamina il problema dell’esportazione dei beni culturali in paesi terzi e le reazioni dell’UE sulla crisi irachena e siriana con riguardo all’importazione di beni culturali. Si discute di nuove misure UE con riguardo alla regolazione dell’importazione dei beni culturali da paesi terzi come parte dell’agenda onnicomprensiva nella lotta al fi nanziamento del terrorismo. Gli autori prestano attenzione alla disciplina esistente del traffi co interno dei beni culturali nel contesto della libertà di circolazione delle merci ed analizzano le limitazioni della circolazione giuridica dei beni culturali nel diritto croato. Se ne conclude come il regime croato della circolazione dei beni culturali abbia creato una valida cornice per la lotta contro il traffi co illecito dei beni culturali e come questo già ora dia un valido apporto alla realizzazione delle politica antiterrorismo dell’UE; tuttavia si rileva come ci sia sempre spazio per migliorare le soluzioni esistenti specialmente nell’ambito della sfera privatistica. Al riguardo si vagliano con particolare attenzione le questioni riguardanti la scelta della lex rei sitae quale statuto di diritto reale per i beni culturali, come pure le questioni riguardanti gli istituti tradizionali volti all’acquisto a non domino ed all’usucapione. Nel lavoro si avanzano alcuni suggerimenti volti alla protezione futura dei beni culturali all’atto dell’importazione.

  4. Allestimenti museali, mostre e aura dei materiali tra le due guerre nel pensiero di Amedeo Maiuri / Museum displays, exhibitions and aura of materials between WWI and the WWII in Amedeo Maiuri’s thinking

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriella Prisco

    2016-12-01

    Full Text Available Obiettivo di questo studio è l’approfondimento di un aspetto poco noto dell’attività del soprintendente archeologo della Campania Amedeo Maiuri, ossia il suo pensiero e le sue realizzazioni in campo museale negli anni Trenta, sia attraverso allestimenti stabili, sia la partecipazione ad alcune grandi mostre-evento. Nessuno di tali allestimenti è sopravvissuto; ci si è avvalsi pertanto di immagini, documenti d’archivio e testi d’epoca, con particolar riguardo a quanto Maiuri stesso illustrò in contributi dedicati ai singoli allestimenti, ma soprattutto nel rapporto redatto in occasione della conferenza di Madrid del 1934 dedicata ai musei. Da questo percorso emerge il ritratto di un Maiuri ben informato sulle più aggiornate linee di tendenza sul tema, alcune delle quali – come il doppio percorso dedicato a grande pubblico e studiosi, il diradamento degli oggetti da esporre, lo schiarimento delle pareti – egli applicò costantemente, all’interno di allestimenti dove si coglie un’eco dei musei di ambientazione. Nella sua partecipazione alle due grandi mostre (quella “Augustea della Romanità” e la “Prima Mostra Triennale delle Terre Italiane d’Oltremare” che videro protagonista l’archeologia, si coglie infi ne un attaccamento all’esposizione di originali che contrasta con la prevalente volontà dell’epoca di abdicare all’aura dei materiali a favore di allestimenti più liberi, ma anche maggiormente piegati alle necessità della propaganda, fi no a confl iggere con i fondamenti stessi della disciplina di cui pure Maiuri fu un insigne rappresentante. The aim of this study is the deepening of a little-known aspect of the activity of the Superintendent Archaeologist of Campania, Amedeo Maiuri, his thinking and his accomplishments on the museum fi eld in the ‘30, both through permanent displays, both for participation in some large exhibitions-event. None of these displays has survived; there has therefore made

  5. Arbitrarieta'e imprecisione nel linguaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Robert A. Hall

    1991-12-01

    Full Text Available In queste citazioni si rispecchiano gli estremi di due punti di vista opposti con­ cernenti il rapporto tra illinguaggio e Ia realtà non linguistica. L'approccio  di colo­ roche, come Diodoro e Roger Price, credono che le forme linguistiche abbiano si­ gnificati precisi e inalterabili, si definisce normalmente "convenzionalistico",  giac­ che si presume che I 'uso del linguaggio segue regole e convenzioni che permettono poca o nessuna variazione. Dei due approcci, questo è più vecchio ed è alia base del­ le prescrizioni della grammatica e della lessicografia accademiche. L'opinione  del grammatico  stoico Crisippo, secondo Ia quale ogni fenomeno linguistico sarebbe polisemico, è assai meno diffusa tra gli studiosi dellinguaggio. Gli estremisti di que­ sta scuola sostengono che nessuna manifestazione dellinguaggio abbia un significa­ to preciso o un rapporto  qualsiasi con il mondo reale e che, per conseguenza, illin­ guaggio si riferisca unicamente a sé stesso. Questa dottrina  ha le sue radici nello "scetticismo radicale concernente illinguaggio" espresso da John Locke nel suo Es­ say Concerning Humane Understanding del 1690, ed è stata esumata nella seconda meta del Novecento dal gruppo parigino dei Telqueliens come Jacques Derrida, Ro­ land Barthes, Julia Kristeva e i loro seguaci.

  6. Donne, Media, comunicazione trent'anni dopo: presenze e linee di lavoro nel movimento delle donne in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serena Dinelli

    2013-01-01

    Full Text Available L‟articolo delinea aspetti delle relazioni tra donne, movimenti delle donne e comunicazione in Italia: attenzione politica ai diversi Media, rappresentazione delle donne e presenze femminili nei Media, nel quadro dell‟evoluzione delle tecnologie della comunicazione nel paese.Nella seconda parte una descrizione dettagliata di azioni di empowerment e iniziative intraprese da associazioni di donne in anni recenti per cambiare le tendenza prevalenti nella rappresentazione delle donne date dai Media.

  7. La cultura della simultaneità nel Taijiquan and Qigong Day

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Raimondo

    2009-07-01

    Full Text Available Il crescente successo che il taijiquan e il qigong - discipline psicofisiche di origine cinese, popolari soprattutto in quanto tecniche di longevità - riscuotono tra la popolazione occidentale costituisce un fenomeno interessante per le scienze sociali soprattutto in quanto culla di peculiari scambi culturali nel contesto della globalizzazione.

  8. George Steiner, Nel castello di Barbablù

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Orlandi

    2012-12-01

    Full Text Available Nel volume qui recensito George Steiner si interroga sulla legittimità della trasmissione della tradizione filosofica e letteraria occidentale. L’indagine si concentra sul ruolo che la cultura ha svolto nell’evoluzione umana dalla Rivoluzione francese ai giorni nostri, esaminando tanto l’insopprimibile tendenza alla barbarie dell’uomo occidentale quanto la sua costante volontà di ricerca e di sviluppo intellettuale. Gli interrogativi posti sul compito che la cultura dovrebbe assolvere dopo le tragedie della prima metà del novecento – in particolare quella dell’Olocausto – sono, in questo senso, quanto mai attuali e pressanti.

  9. Uso delle tecnologie nel sostegno: il punto di vista di un gruppo di insegnanti in formazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Bembich

    2015-09-01

    Full Text Available Nel presente lavoro sono descritti gli esiti di un’indagine esplorativa, che prende in esame il punto di vista di un gruppo di insegnanti in formazione, sull’uso delle TIC nella didattica rivolta a studenti con disabilità/Bisogni Educativi Speciali (BES. È stato proposto ai docenti un questionario, al termine di un percorso formativo laboratoriale sull’uso delle TIC, che aveva l’obiettivo di indagare tre dimensioni: (1 aspetti formativi (conoscenze di base possedute dagli insegnanti sulle tecnologie; competenze acquisite durante il percorso formativo; applicabilità delle competenze nel lavoro in classe; (2 efficacia percepita nell’utilizzo delle TIC per il raggiungimento di diversi obiettivi didattici; (3 difficoltà e aspetti di criticità rilevati nell’utilizzo delle TIC. Nell’articolo saranno descritti nel dettaglio il metodo, le aree indagate e i risultati principali ottenuti dall’indagine, proponendo una riflessione critica sulle tematiche emerse.

  10. Giorgio Perlasca, 'Giusto tra le nazioni' e 'eroe italiano'

    NARCIS (Netherlands)

    Jansen, M.M.

    2008-01-01

    Giorgio Perlasca che, fingendosi console spagnolo, nel 1944 salvò più di cinquemila ebrei ungheresi a Budapest, è stato proclamato “Giusto tra le Nazioni” a Yad Vashem nel 1989, dopo di che è seguito il suo riconoscimento all’estero ed in Italia come “uomo giusto” e come “eroe italiano”. Dopo il

  11. Ricostruire le risorse locali per competere nel turismo. Alcune evidenze dal caso di Sextantio Hotel / The rediscovery of local assets for tourism competition. Some evidence from the case of Sextantio Hotel

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ornella Papaluca

    2016-06-01

    Full Text Available In questo paper si vuole mostrare come un prodotto turistico non mainstream possa portare alla “riscoperta” di risorse, tradizioni e conoscenze caratteristiche di un’area locale quando si coinvolgano attori all’esterno del comparto turistico. La ricerca si avvale del metodo del case study con lo scopo di illustrare le modalità con cui si è avviato un progetto imprenditoriale che ha portato ad un processo di sviluppo sostenibile. Il lavoro non si focalizza sui risultati economici, ma indaga le motivazioni e le modalità che hanno portato allo sviluppo del progetto imprenditoriale. Il processo di ricerca ha mostrato come un progetto imprenditoriale, in seguito premiato dall’Unione Europea, possa generare benefici per il borgo, come agglomerato urbano, e per la valorizzazione delle sue specifiche risorse culturali quando esso sia strutturato in modo da trarre vantaggio dalla valorizzazione degli elementi di autenticità. Il caso, che rappresenta chiaramente una best practice, mostra una possibile modalità di utilizzare lo stesso processo di avvio come modalità per sostenere economicamente il restauro dei borghi minori. Il caso ha evidenti implicazioni sia per la pubblica amministrazione che per il privato. In this paper we have shown that a no mainstream tourism product can lead to “rediscover” the local area’s typical resources, traditions and knowledge when the entrepreneur engages players outside the tourism industry. In this research we have used the case study methodology to show how an entrepreneurial project has led to a sustainable development process. This work does not focus on the economic results of the enterprise but on the motivations and on the choices that have led to its specific design. The research process shows that an entrepreneurial project, that has been awarded by a European Union Commission, can have positive effects on the village, as a human settlement, and it can appreciate village-specific cultural

  12. Hyperbolic variables on surfaces with non-definite quadratic forms (extension of Beltrami equation); Le variabili iperboliche sulle superfici a metrica non definita (estensione dell'equazione di Beltrami)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Catoni, F.; Cannata, R.; Nichelatti, E.; Zampetti, P. [ENEA, Divisione Sistemi Energetici per la Mobilita' e l' Habitat, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Gauss showed the link between the definite quadratic differential forms and the complex functions. Beltrami, following Gauss' idea, linked the complex functions to elliptic partial differential equations. In this report it was shown how the use of hyperbolic numbers and hyperbolic functions allows to extend the same results to non definite quadratic differential forms. Using this kind of approach, one can tackle the hyperbolic partial differential equations by a different point of view. [Italian] In un famoso lavoro per la rappresentazione conforme di due superfici, Gauss scompose le forme differenziali quadratiche in due fattori complessi coniugati. In questo modo ridusse la soluzione del problema a quella di una forma differnziale lineare. Beltrami, partendo dalla stessa decomposizione, collego' le f.d.q. alle equazioni differenziali a derivate parziali di tipo ellittico aprendo cosi' nuove strade per la loro soluzione. Dalla relativita' ristretta hanno pero' assunto importanza fisica anche le forme differenziali quadratiche non definite. Viene qui mostrato come con i numeri ipercomplessi iperbolici si possono seguire i procedimenti di Gauss e Beltrami e collegare queste forme alle equazioni differenziali a derivate parziali di tipo iperbolico. Questo pero' permettere di vedere sotto nuovi aspetti questo tipo di equazioni.

  13. LA GIUSTIZIA ECCLESIASTICA NEL CINQUECENTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Tigano

    2017-12-01

    Full Text Available Il lavoro si propone di indagare l’insieme delle strutture e delle istituzioni meglio note con il termine “Inquisizione”. A tal fine, si tenterà di ricostruire l’evoluzione storica dell’Inquisizione in Italia, esaminandone la struttura organizzativa e mettendola a raffronto con quella spagnola e portoghese. La ricerca così impostata può essere l’occasione per fornire un contributo al più preciso inquadramento, sotto il profilo giuridico, delle strutture processuali etichettate col termine “Inquisizione”. A tal fine, l’indagine sarà dedicata, in particolare, all’esame degli istituti istruttori e investigativi presenti nel diritto canonico, allo scopo di metterne in luce i tratti fisionomici peculiari e la stretta correlazione con istituti presenti nel moderno processo penale. Oltre a ciò, l’indagine mira ad evidenziare la doppia finalità delle strutture processuali inquisitorie dell’epoca: da un lato, il riconoscimento, da parte dell’accusato, dell’errore addebitatogli; dall’altro lato, la conseguente svalutazione, sul piano ideologico, dell’opinione professata, al fine di dimostrare come il sistema di rapporti tra accusa, accusato e giudice era finalizzato non tanto ad infliggere una pena al soggetto ritenuto colpevole, quanto ad assicurare la vittoria del bene sul male. The paper is aimed at investigating the set of structures and institutions well known with the term “Inquisition”. To this end, the historical evolution of the Inquisition in Italy will be analyzed, examining its organizational structure and comparing it with the Spanish and Portuguese one. Such a research can be an opportunity to provide a contribution to the most precise framing of the trial structures labeled with the term “Inquisition”. For this purpose, the investigation will be specifically devoted to the examination of the inquest and investigative institutions present in canon law in order to highlight the peculiar

  14. Divina scriptura mundus est intelligibilis. L’ermeneutica biblica nel pensiero di Giovanni Scoto Eriugena

    OpenAIRE

    Cavallini, Andrea

    2012-01-01

    2010 - 2011 La tesi dottorale di Andrea Cavallini, dal titolo ‘Divina Scriptura mundus est intelligibilis’. L’ermeneutica biblica nel pensiero di Giovanni Scoto Eriugena, prende le mosse dalla constatazione che, nell’ormai vasto panorama della bibliografia eriugeniana, non esistono monografie che esaminino Giovanni Scoto nella sua attività di interprete della Bibbia. L’opera eriugeniana conta solo due scritti che si possono definire ‘esegetici’ in senso tecnico: un’omelia sul p...

  15. Strategie riproduttive dello Stambecco (Capra ibex ibex nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iva Rossi

    2003-10-01

    Full Text Available Durante il periodo riproduttivo del 2000, 2001 e 2002, sono state effettuate delle osservazioni comportamentali su un campione (n=42 di maschi di stambecco (Capra ibex ibex riconoscibili individualmente, all?interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Le osservazioni di ciascun maschio sono state distribuite uniformemente nel corso del periodo riproduttivo. In totale sono state effettuate 111 ore di osservazione nel 2000, 120 ore nel 2001 e 95 ore nel 2002. Sono state analizzate le diverse strategie riproduttive utilizzate e confrontati gli anni di studio. Marcate differenze individuali sono state rilevate nelle percentuali di tempo trascorso in corteggiamento ed in interazione aggressiva con altri maschi. Infatti, gli individui che trascorrono molto tempo in corteggiamento (media percentuale 25,6%, passano poco tempo ad interagire con altri maschi (media percentuale 1,1% e viceversa, maschi che trascorrono molto tempo in interazioni aggressive con altri maschi (media percentuale 14,8%, passano poco tempo in corteggiamento (media percentuale 2,4%. Gli spostamenti verso le femmine ed il numero di femmine corteggiate sono molto influenzati dalle condizioni ambientali. Infatti, con un?elevata presenza di neve al suolo, come nel caso del periodo riproduttivo 2000, i movimenti degli animali sono fortemente limitati ed i maschi trascorrono meno tempo in spostamenti da gruppi diversi di femmine e ne corteggiano quindi un numero minore. Nel corso degli anni sono state evidenziate differenze anche nelle diverse strategie riproduttive adottate: in assenza di neve, i maschi utilizzano sia i corteggiamenti statici (percentuale media 17,2%, effettuati dai maschi adulti per lungo tempo, che i corteggiamenti dinamici (percentuale media 1,0%, osservati nei maschi giovani in corsa. Al contrario, con un?elevata copertura nevosa (periodo riproduttivo 2000, non sono stati osservati corteggiamenti dinamici ed è aumentata la percentuale media del tempo

  16. Il potere delle immagini: meccanismi di esplorazione visiva nel giudizio estetico ed emotivo di rappresentazioni pittoriche del dolore

    OpenAIRE

    Cotti, Anna

    2016-01-01

    Le espressioni emotive hanno una forte rilevanza sociale e biologica e il loro riconoscimento ci consente di comprendere gli stati interni, i bisogni e le intenzioni degli altri individui. Nel dolore, la capacità di riconoscere l’espressione emotiva corrispondente rappresenta un requisito fondamentale per la formazione dei legami sociali. La comunicazione della sofferenza consente lo stabilirsi di un rapporto di espressione-comprensione empatica con l’altro che è mediata dalla condivisione de...

  17. Tecnologie per la socialità nel territorio: un’indagine comparativa sul design e l’interazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Marangi

    2013-03-01

    Full Text Available In questo articolo sono illustrate le funzionalità tecnologiche che si dimostrano interessanti per l’evoluzione del sistema WiRoni. Accanto a ciò sono esaminate le correlazioni con la socializzazione che la mediazione di WiRoni induce, tentando di guardare simultaneamente sia le prospettive future molto in là nel tempo che quelle di immediata possibilità. Le esperienze sono delineate in base alla loro forza evocativa e suggestiva e invitano a formulare scenari su possibili evoluzioni del sistema come presenza, sia in termini di componentistica tecnologica che in termini di interazione sociale.

  18. Il capriolo nel Pollino: ieri, oggi e domani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Sangiuliano

    2003-10-01

    Full Text Available Fino agli inizi del secolo scorso, il capriolo conservava molto probabilmente un?ampia diffusione in tutta la Calabria settentrionale con una distribuzione pressoché continua, dal Massiccio del Pollino alla Catena Costiera. La contrazione dell?area di distribuzione iniziò verosimilmente già nel sec. 19°, acuendosi tra le due guerre mondiali, con l?estinzione della specie a nord del fiume Lao e sulla Catena Costiera. Cacciabile fino ai primi anni ?70 e in seguito perseguitato dal bracconaggio, il capriolo continuava nel suo inesorabile declino negli anni ?80 e ?90. L?areale era stimato essere di circa 7500 ha, più o meno circoscritto alla impervia Valle del Fiume Argentino (Orsomarso e alle aree limitrofe, con una stima di consistenza intorno a poche decine di individui. Solo in seguito all?istituzione del Parco Nazionale del Pollino, si è registrata una graduale inversione di tendenza: studi della seconda metà degli anni ?90 hanno individuato un?area di presenza stabile e accertata di poco inferiore a 6.000 ha, e una periferica di presenza sporadica e/o probabile (circa 9.000 ha. In seguito a una Convenzione stipulata nel 2000 tra l?Ente Parco e l?Università di Siena, è in corso uno studio sull?ecologia e conservazione del capriolo nel Parco Nazionale del Pollino, per favorire l?incremento della locale popolazione di capriolo. Per la determinazione della distribuzione della specie, mensilmente sono stati effettuati percorsi fissi diurni, notturni (con faro e avvistamenti da punti di visibilità, oltre che una serie di escursioni periodiche in aree di presenza incerta. Inoltre è stata condotta una valutazione dell?idoneità ambientale per la specie mediante l?utilizzo di tecniche statistiche multivariate (Analisi di Regressione Logistica Multipla. I nostri dati sembrano indicare che l?area di distribuzione ?storica? si sia notevolmente ampliata soprattutto in direzione nord, nord-est ed est, dove la presenza della specie è stata

  19. Ruolo e salvaguardia delle evidenze stratigrafiche nel progetto e nel cantiere di restauro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Doglioni, Francesco

    2002-12-01

    Full Text Available The report deals with the relationship between stratigraphy and architectural restoration. After illustrating the position towards the use of stratigraphy of the main currents of opinion on restoration in Italy, the report tackles the question of authenticity and of the interventions to minimise the deterioration effects involving the stratification traces. In order to ensure the recognizability of the restoration interventions, it is proposed to conceive and carry them out as deliberately developed layers, in order to allow the subsequent reading of the sequence.To this aim tricks and procedures are illustrated. The cases of restoration are presented (the “Chiostro delle Cucine” in St. Paul Convent in Parma, St.Marcellus Church in Feltre and St. Cosma and St.Damiano Convent in Venice, which, by means of elaborated techniques, try to combine the conservation and readability of the traces with more general tasks of the restoration.La relazione affronta diversi aspetti del rapporto tra stratigrafia e restauro architettonico.Dopo aver descritto la posizione nei confronti dell’utilizzo della stratigrafia delle principali correnti di pensiero sul restauro in Italia, vengono trattate la questione dell’autenticità e degli interventi a contrasto degli effetti di degrado che coinvolgono le tracce della stratificazione. Ai fini della riconoscibilità degli interventi di restauro, si propone di concepirli e realizzarli come strati intenzionalmente realizzati per consentire a posteriori la lettura della sequenza, e si indicano accorgimenti e modi operativi.Vengono presentati tre casi di restauro (il Chiostro delle Cucine nel Convento di S. Paolo a Parma, la chiesa di S.Marcello a Feltre, il Convento di S. Cosma e Damiano a Venezia che, con modalità articolate, cercano di coniugare la conservazione e la leggibilità delle tracce con gli obiettivi più generali del restauro.

  20. Fasi finali e riutilizzo di età storica nel Nuraghe Cuccurada di Mogoro (OR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Atzeni

    2017-01-01

    Full Text Available Riassunto: Nel sito archeologico in località Cuccurada, in territorio comunale di Mogoro, le ricerche hanno evidenziato un insediamento pluristratificato, con fasi di occupazione del Neolitico recente (cultura di Ozieri, dell’Eneolitico (cultura di Monte Claro e delle Età del Bronzo e del Ferro, con un riutilizzo dell’area in epoca romana e medievale. Il complesso è già abbastanza noto in letteratura, ma ancora parzialmente inedito per quanto riguarda i materiali e i dati di scavo. Nel presente contributo si vuole presentare nel dettaglio le diverse fasi di occupazione del sito, soprattutto in relazione ai momenti finali della frequentazione protostorica (Bronzo Finale/I Ferro ed alla rioccupazione del complesso in età romana e medievale. Abstract: In the archaeological site of Cuccurada, in the territory of Mogoro, the researches have evidenced a pluristratified settlement, with phases of occupation of the recent Neolithic (culture of Ozieri, of the Eneolithic age (culture of Monte Claro and of the Bronze and Iron Ages, with a re-use of the area in roman and medieval period. The complex is already enough famous in literature, but still partially unknown regarding the materials and the excavation data. In the present work we want to present in detail the different occupation phases of the site, especially in relationship to the final moments of the proto-historic frequentation (Final Bronze/I Iron Age and to the last re-use of the complex in Roman and medieval age.

  1. Il Centro Nascita Montessori. Dal neonato in famiglia al bambino e alla famiglia nel servizio educativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Franceschini

    2010-02-01

    Full Text Available Intervento al Workshop Internazionale “Infanzie e Famiglie in Europa”, del 16 ottobre 2009, presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Via Filippo Re, 6 Bologna (Aula Magna. L’intervento illustra i valori fondativi del Centro Nascita Montessori dalle sue origini ai giorni nostri attraverso un percorso che si è allargato nel tempo: dalla focalizzata attenzione e cura al neonato in famiglia o nel brefotrofio fino agli anni ’60 alla cura della crescita del bambino nei servizi educativi e alla cura della relazione con le famiglie dagli anni ‘70 in poi. Tale espansione del campo di interesse e d’indagine operativa ha arricchito il patrimonio di competenze e di conoscenze del C.N.M..

  2. Dissidenze statali contemporanee. Guerra, internazionalizzazione e sviluppo informale nel Somaliland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Ciabarri

    2015-03-01

    Full Text Available Il termine somalizzazione sembra in questo inizio secolo aver completamente sostituito l’espressione balcanizzazione, suo omologo perfetto per i secoli XIX e XX, per alludere ad un rischio a cui molte crisi internazionali (Siria, Libia, Mali, Afghanistan… vi è in effetti un lungo elenco potrebbero tendere: il rischio cioè del precipitare nell’anarchia e nel disordine totale, nella lotta settaria, così rappresentata, senza logica e senza sbocco. L’articolo intende analizzare da un punto di vista etnografico uno specifico paesaggio sociale all’interno di queste aree di crisi, in particolare all’interno dell’area somala, per mettere in luce, piuttosto che la disconnessione e l’eccezionalità di queste zone, le forme della loro connessione con il mondo degli Stati più ampio. Il commercio informale transfrontaliero, e la sovrapposizione tra movimenti di beni, di persone e di denaro, è preso ad esempio in questo studio di caso per mostrare le profonde ambiguità e contraddizioni di queste forme di relazione. Dinamiche regionali che intrecciano percorsi di persone e merci, che alimentano confini reali e ideologici, che avvicinano o allontanano gli attori in campo in forme inattese e che sono irriducibili rispetto a macro discorsi fondati sul pericolo di radicalizzazioni islamiche o violenze settarie sono qui proposte come determinanti decisive per poter comprendere i percorsi verso il conflitto e verso la pace nelle aree contemporanee di dissidenza e vuoto statale.

  3. Infrastrutture e pianificazione paesaggistica nel rinnovato Codice dei Beni culturali e del Paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Saverio Santangelo

    2012-08-01

    Full Text Available Le infrastrutture agiscono sul paesaggio con effetti sia diretti, e spazialmente limitati, che indiretti, e non precisamente limitati nello spazio e nel tempo. Gli effetti indiretti, in particolare, riguardano anche le infrastrutture che non vediamo, perché nel sottosuolo, o di cui vediamo solo gli elementi puntuali e materiali di reti prevalentemente immateriali. In quest’ultimo caso si tratta dei sistemi di flusso delle informazioni, che oggi e ancor più in prospettiva, insieme ai sistemi per la produzione locale di energia (segnatamente fotovoltaico ed eolico, rafforzano le tendenze all’indifferenza dei fattori localizzativi di attività e residenze. Tutto questo da un lato consente riduzioni dei suoli impegnati e, per alcuni versi, la stessa salvaguardia del paesaggio (possono ridursi le reti fisiche per il trasporto di energia elettrica e gas, ed esempio, ma dall’altro favorisce nuove domande di suolo a fini urbanizzativi e di infrastrutture, non soltanto stradali, per servire ed accedere alle nuove aree interessate dalla domanda, e quindi comporta altri impatti sul paesaggio.

  4. Il contributo delle scienze criminologiche per la formazione degli esperti nel settore della sicurezza / La contribution des sciences criminologiques à la formation des professionnels dans le domaine de la sécurité / The contribution of criminological sciences to the training of experts in the field of security

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Balloni Augusto

    2013-03-01

    Full Text Available L’evolversi della criminalità comune e organizzata comporta un maggior grado di vulnerabilità per tutte quelle realtà pubbliche e private che producono ricchezza di tipo economico, culturale o di altro tipo. Di conseguenza la sicurezza diventa centrale e fondamentale e si presenta come un problema complesso, a volte di difficile interpretazione e soluzione, a causa della molteplicità dei fattori in gioco, delle esigenze di budget e della necessità di adeguarsi continuamente alle diverse richieste che sono in rapporto anche al manifestarsi di nuove forme di criminalità e di altri eventi dannosi.E’ necessario sottolineare come, in tema di sicurezza, sia indispensabile che l’esperienza pratica giunga ad una chiara comprensione della realtà. Quando si affronta il problema della sicurezza occorre tentare di tradurre diverse opinioni (per esempio quelle dei fisici, dei criminologi, degli economisti, degli imprenditori, ecc. in un linguaggio scientifico.E’ evidente che la sicurezza, inserita nella dinamica degli eventi sociali, dipende da molti fattori, tanto che in Italia il concetto di sicurezza si è sviluppato, ad esempio, in diverse direttive: la locuzione pubblica sicurezza; la sicurezza sociale; la sicurezza intesa come security. Risulta quindi impellente attuare strategie di difesa e di prevenzione che si colleghino ad elevati standard di sicurezza ed a scelte oculate per quanto riguardo l’aspetto economico e l’attenzione a minacce reali. In una tale prospettiva emerge il concetto di rischio che diventa di fondamentale importanza nel collegamento all’attività di prevenzione del crimine e alla difesa dei beni e delle persone da eventi dannosi di natura volontaria. Perciò sicurezza, dinamica del rischio, strategie di tutela dei beni e delle persone sono in stretta connessione così che nella loro analisi non si può prescindere dallo sviluppo delle tecnologie e delle scienze umane e sociali, tenendo conto della

  5. Democrazia e potere giudiziario nel pensiero di Tocqueville

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Giannetti

    2012-07-01

    Full Text Available Nella sua recensione al secondo volume della Democrazia in America John Stuart Mill proponeva una vera e propria chiave di lettura dell’opera del pensatore francese. Con il termine “democrazia – scriveva il filosofo inglese – Tocqueville non intende, in genere, uno specifico tipo di governo. […] Per democrazia [egli] intende eguaglianza delle condizioni, e l’assenza totale dell’aristocrazia, sia essa costituita da privilegi politici o dalla superiorità conferita dall’importanza e dal potere sociale. […] [Nelle istituzioni democratiche] Tocqueville non vede un aggravamento dei più seri mali tipici di una condizione democratica della società, ma piuttosto un loro correttivo”. Soltanto tenendo ferma la distinzione analitica tra assetto sociale e istituzioni politiche si poteva cogliere l’originalità della posizione di Tocqueville nei confronti della democrazia rispetto alla maggior parte dei suoi contemporanei i quali, prigionieri del ricordo dell’esperienza giacobina, non si rendevano conto che, “per combattere i mali che l’eguaglianza può produrre, c’è un solo rimedio efficace: la libertà politica”. La chiave di lettura suggerita da Mill, per quanto acuta e illuminante, necessita tuttavia di un’integrazione. Se è vero che le istituzioni della democrazia politica rappresentano utili rimedi per eliminare, o comunque attenuare, le conseguenze negative prodotte dall’assetto sociale democratico, è altrettanto vero che il mantenimento della libertà in una società in cui si è affermata e consolidata l’égalité des conditions ha bisogno anche di istituzioni e di vincoli ulteriori. È partendo da questa considerazione che si può tentare di comprendere il ruolo centrale che nell’opera di Tocqueville, globalmente considerata, assumono le riflessioni sul rapporto tra democrazia e potere giudiziario. Il pensatore francese ne parla diffusamente nel suo diario di viaggio e soprattutto nel primo volume della

  6. Democritus and Epicurus on Sensible Qualities in Plutarch's Against Colotes 3-9 Les qualités sensibles selon Démocrite et Epicrue dans le Contre Colotès de Plutarque (§§3-9 La qualità sinsibilit secondo Domocrito ed Epicuro nel Contro Colote di Plutarco (§§3-9

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Castagnoli

    2013-05-01

    apparently opposite claims about the “reality” of secondary qualities, Democritus and Epicurus shared either a form of radical relativism or a form of commonsense “intersubjectivism” in their evaluations of ascriptions of such qualities to macroscopic objects.A partire da una lettura dettagliata dei capitoli 3-9 del Contro Colote di Plutarco, questo studio ricostruisce ed interpreta (1 l’originale critica epicurea dell’epistemologia e dell’ontologia democritee, e in particolare della teoria democritea delle qualità sensibili, e (2 la duplice critica di Plutarco (2a dell’epistemologia epicurea (critica fondata su argomenti analoghi, e (2b delle discutibili manovre esegetiche ed argomentative dell’epicureo Colote. Nel corso dell’interpretazione del testo di Plutarco, (3 questo articolo riflette sulla natura, le intenzioni e la credibilità delle strategie esegetiche ed argomentative dello stesso Plutarco. Infine, (4 esso suggerisce che una lettura attenta del Contro Colote ci permette di comprendere meglio se, indipendentemente dalle loro posizioni divergenti sulla “realtà” delle qualità secondarie, Democrito ed Epicuro condividessero una forma di relativismo radicale o una forma di “intersoggettivismo” del senso comune nelle loro valutazioni delle attribuzioni di tali qualità ad oggetti macroscopici.

  7. La Seconda guerra mondiale sugli schermi: un’analisi del cinema nel Nordeste brasiliano (1939-1945)

    OpenAIRE

    Maynard, Andreza Santos Cruz

    2014-01-01

    L’articolo prende in esame il rapporto tra i cinema della città di Aracaju (capitale dello stato di Sergipe) ed i film proiettati durante la Seconda guerra mondiale. La programmazione dei cinema è cambiata in funzione della produzione nordamericana anche in funzione del posizionamento del Brasile in guerra e nei confronti dei paesi coinvolti nel conflitto. I giornali e le riviste che davano conto delle nuove pellicole delle grandi produttrici nordamericane sono alla base di questa analisi del...

  8. Prefazione—aspetti relativi al benessere animale nel trasporto a lunga distanza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gardner Murray

    2008-03-01

    Full Text Available Il trasporto di animali all'interno dello stesso paese e tra paesi, regioni e continenti si incrementa significativamente e si evolve nella sua natura. Le statistiche dell'International Trade Centre of the United Nations Conference on Trade and Development and the World Trade Organization mostrano che il valore del commercio mondiale di animali vivi ammontava a 8,7 bilioni di dollari americani nel 2000 e a 12,1 bilioni di dollari americani nel 2005. Questa cifra già enorme aumenterebbe se fossero presi in considerazione gli animali degli zoo, la fauna selvatica e il traffico illecito.La storia del trasporto animale risale a migliaia di anni fa. Resta tutt'oggi molto praticato però con le misure appropriate a tutela del benessere degli animali. Nel 21mo secolo, quello che cambia è la natura stessa del trasporto (terra, aria e mare, il volume di traffico e la coscienza sociale a proposito di tematiche come il benessere e la richiesta che gli animali vengano trattati in maniera umana e conformemente ai più opportuni sistemi moderni. Questo ha incrementato i volumi dei trasporti creando una condizione senza precedenti per quanto riguarda il rischio di diffusione di malattie infettive, incluse quelle trasmissibili all'uomo.Il centro dell'interesse pubblico sul benessere animale riguarda fattori come la carenza di infrastrutture e di investimenti per quando riguarda la formazione, la ricerca e il miglioramento degli standard, così come l'indifferenza e la negligenza. Le ditte per il trasporto di animali vivi vengono diffidate quando non provvedono a queste mancanze.Fortunatamente, un numero di paesi ha anticipato queste problematiche ed ha introdotto una serie di attività a supporto di pratiche atte a migliorare il benessere degli animali. Molti hanno ammesso la chiara connessione tra benessere animale, sanità e pratiche d'allevamento, ed hanno istituito una politica adatta a ricomprendere queste attività all'interno di un servizio pubblico

  9. I diritti sindacali nel titolo III dello Statuto dei lavoratori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Riccobono

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario: 1. I diritti sindacali: struttura del titolo III e differenze rispetto al titolo II dello Statuto dei la­voratori. – 2. I limiti all’esercizio dell’attività sindaca­le privilegiata. – 2.1. segue: la selezione dei soggetti protetti. – 2.2. segue: il criterio dimensionale e la no­zione di unità produttiva. – 2.3. segue: il contempera­mento con interessi pari o sovraordinati. – 3. Il diritto di assemblea tra istanze di democrazia diretta e afflati di democrazia rappresentativa. – 3.1. I soggetti legitti­mati alla convocazione. – 3.2. Il dibattito sulla titolari­tà, individuale o collegiale, del potere di convocazione. – 3.3. L’oggetto dell’assemblea. – 3.4. Il luogo di svol­gimento dell’assemblea. – 3.5. Assemblea in orario di lavoro. – 3.6. Imputazione del monte orario e diritto alla conservazione della retribuzione. – 3.7. Il ruolo della contrattazione collettiva. – 4. Il referendum: struttura e funzione. – 4.1. I contenuti e le modalità di svolgimento. – 5. Il trasferimento dei dirigenti sindaca­li: profili generali. – 5.1. Il rapporto con i divieti di di­scriminazione ex art. 15 st. lav. – 5.3. I soggetti benefi­ciari. – 5.4. L’ambito di applicazione oggettivo. – 5.5. L’applicazione dell’art. 22 nel pubblico impiego. Cen­ni. – 6. Il diritto di affissione. Profili generali. – 6.1. Ti­pologia ubicazione e distribuzione dei canali informa­tivi. – 6.2. Contenuti delle comunicazioni e limiti alla defissione unilaterale da parte del datore di lavoro. – 7. I locali delle Rsa. – 7.1. Le caratteristiche dei locali: idoneità, dotazioni, ubicazione. – 7.2. Sulla possibilità di ingresso da parte dei sindacalisti esterni. – 7.3. La disciplina apprestata per le articolazioni aziendali di minori dimensioni.

  10. Un percorso di trasformazione nel nuovo assetto detentivo/riabilitativo post OPG: esposizione di un caso / Un processus de transformation dans le nouveau dispositif d’emprisonnement / de réinsertion après la fermeture des hôpitaux psychiatriques judiciaires : une étude de cas / A process of transformation within the new custodial/rehabilitative framework after the closure of the judicial psychiatric hospitals: a case-study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Selvino M.S.

    2017-12-01

    Full Text Available L’articolo illustra il lavoro psicologico-clinico effettuato all’interno della “Articolazione per la Tutela della Salute Mentale in Carcere”, nuovo contesto di cura ed assistenza nato alla luce dei radicali cambiamenti attivati dal processo di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG e che accoglie soggetti autori di reato affetti da patologia psichiatrica, garantendone un’osservazione costante ed interventi riabilitativi ad alta intensità terapeutica. Il caso presentato, attraverso la narrazione del percorso detentivo/riabilitativo di un soggetto, iniziato con la reclusione in regime ordinario, proseguito con l’assegnazione all’OPG e con il successivo approdo presso l’Articolazione SMC (Salute Mentale in Carcere, ed esitato nel trasferimento in un contesto comunitario, mira ad essere esemplificativo della valenza trasformativa di un approccio rivolto al paziente che, nella gestione della patologia psichiatrica, superi i limiti di un assetto prevalentemente custodialistico, spesso predominante nei pregressi contesti ad essa dedicati, e dia priorità alle finalità terapeutico-riabilitative. L’article décrit le travail clinique-psychologique mené dans le « dispositif pour la protection de la santé mentale en prison » géré par les services locaux de santé de Salerne (Italie. Il s’agit d’un nouveau service de santé mentale et de traitement créé grâce aux changements radicaux apportés par la fermeture des hôpitaux psychiatriques judiciaires en Italie. Ce service accueille les criminels souffrant de pathologies psychiatriques, assurant leur contrôle régulier et des traitements de réadaptation à forte intensité thérapeutique. L’étude de cas présentée dans cet article concerne l’histoire d’une personne initialement détenue en prison, puis transférée dans un hôpital psychiatrique judiciaire et, enfin, accueillie par le « dispositif pour la protection de la santé mentale en prison

  11. Il ruolo del paradosso nel gioco e nel comico: una lettu-ra del racconto “Il falso autostop” di Milan Kundera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Darwine Delvecchio

    2017-12-01

    Full Text Available In questo articolo vogliamo esporre gli studi che hanno riconosciuto al paradosso un ruolo centrale non soltanto nel discorso comico ma anche nella comunicazione umana più in generale, confrontandoli con la nostra tesi sull’“assurdo comico”. Nella nostra prospettiva l'essenza della comicità è paradossale dal momento che essa rappresenta l'intreccio insolubile fra due domini modali che le logiche disgiuntive e la nostra comune idea della “realtà quotidiana” mantengono nettamente distinti: l'impossibile e l'effettuale. Alla parte teorica, dedicata alle teorie di Gregory Bateson e di William F. Fry, che elaborano in maniera originale l’intreccio fra i concetti di gioco, paradosso e finizione, seguirà l’analisi del racconto “Il falso autosop” di Milan Kundera, che mostra i limiti delle loro teorie e un’opportunità di arricchimento per mezzo del concetto di “assurdo comico”.

  12. Restrizioni strutturali e teoria linguistica nel discorso bilingue

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Piga

    2015-01-01

    grammatical’ and which on the other hand are those considered as ‘non-grammatical’ or ‘impossible’, (c the possible existence of grammatical constraints and models that may govern the compatibility of constituents of the two codes in contact. Riassunto - L’obiettivo del presente contributo è quello di offrire un panorama rappresentativo di un fenomeno largamente diffuso in Sardegna: l’alternanza linguistica da parte degli immigranti durante le varie interazioni con i parlanti sardi. La commutazione di codice rappresenta infatti una di quelle strategie discorsive cui ricorrono gli apprendenti durante le varie fasi di acquisizione di una L2, allo scopo di soddisfare eventuali esigenze comunicative e compensare le carenze nella competenza linguistica durante i vari scambi interazionali con gli interlocutori nativi nel paese in cui temporaneamente soggiornano. In questa indagine verrà esaminata non tanto la commutazione di codice italiano/inglese, italiano/spagnolo, ecc. quanto piuttosto l’inclusione della varietà dialettale sarda fra le lingue che gli immigrati adoperano nelle diverse interazioni sociali con i parlanti nativi allo scopo di “accelerare l’assimilazione nel gruppo dominante” (Loi Corvetto 2000: 42.Il corpus consiste di circa trenta ore di registrazione di parlato spontaneo. Si è ritenuta infatti prioritaria la possibilità di osservare e esaminare la produzione linguistica di parlanti che interagissero in contesti situazionali i più naturali possibili, pertanto le tecniche adoperate nella raccolta del corpus rispondono principalmente all’ esigenza di poter ottenere dati relativi al parlato naturale, non sorvegliato, di cui è possibile disporre solamente se i parlanti non sanno di essere registrati.Da un punto di vista metodologico, si tratterà in primo luogo di individuare: (a le caratteristiche morfologiche e sintattiche del discorso bilingue italiano/campidanese da parte degli apprendenti italiano L2, vale a dire quali categorie

  13. LE NOVITÀ PIÙ SIGNIFICATIVE DELLA LEGGE FALLIMENTARE DEL 2015

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jasnica Garašić

    2017-01-01

    Full Text Available Nel presente lavoro vengono analizzate le novità più signifi cative che sono state introdotte nel diritto fallimentare croato a seguito dell’entrata in vigore della legge fallimentare del 2015. Nel lavoro si segnalano numerose disposizioni contradditorie, indeterminate ed errate, che si riferiscono in particolare alle nuove norme sulla ragione a fondamento del concordato preventivo, sulla procedura prefallimentare, sull’anticipo delle spese del procedimento fallimentare, sulla nomina dei curatori fallimentari, sull’azione di revocatoria fallimentare, sul soddisfacimento del credito privilegiato, sul piano fallimentare, sulle società collegate, sul procedimento fallimentare su patrimonio in liquidazione, come pure sul fallimento internazionale. In ragione delle numerose soluzioni giuridiche sbagliate e della preoccupante leggerezza con la quale sono stati violati alcuni dei principi cardine del diritto fallimentare e del diritto processuale civile in generale, è necessario predisporre quanto prima delle disposizioni legislative mediante le quali la legge fallimentare del 2015 venga modifi cata ed integrata.

  14. LA NUOVA DISCIPLINA GIURIDICA DEI FONDI PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL E LE QUESTIONI APERTE

    OpenAIRE

    Suzana Audić Vuletić; Edita Čulinović-Herc; Mihaela Braut Filipović

    2017-01-01

    Nel lavoro si tratta della nuova disciplina dei fondi di investimento alternativi di capitali di rischio (private equity) e dei fondi di investimento alternativi del capitale imprenditoriale (venture capital), che nel diritto croato trovano regolamentazione nella Legge sui fondi di investimento alternativi ed in regolamenti attuativi. Le loro partecipazioni vengono proposte mediante offerta privata in primo luogo ad investitori professionali, ovvero qualifi cati. Il capitale pr...

  15. Corpo femminile e Alterità nel tempo del declino del padre. Un contributo dalla psicoanalisi postlacaniana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcela González Barrientos

    2013-06-01

    Full Text Available L'articolo assume il punto di vista femminista nel criticare le "mistificazioni" che ruotano intorno alla figura della Donna, mettendo in discussione la presunta neutralità del di-scorso razionale e anche del discorso psicoanalitico, e dimostrare come esso sia unostrumento storico al servizio del potere. A questo punto, cercheremo di seguire un brevepercorso rispetto a due problematiche che sono alla base della questione femminismo-psicanalisi: il problema dell'alterità femminile e la questione del declino del padre, perfinire con il proporre l‟approccio della prospettiva postlacaniana.

  16. Sottoscrizioni autografe delle più antiche carte del Monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X

    OpenAIRE

    Dell'Omo, Mariano

    2005-01-01

    Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX) della "Introduzione storica, paleografica e archivistica" al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassinese nell...

  17. Sorveglianza della circolazione ambientale dei poliovirus nel Lazio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Patti

    2003-05-01

    Full Text Available Ancora oggi in tutto il mondo il vaccino antipolio più utilizzato è l’OPV costituito da virus viventi attenuati che vengono eliminati per un periodo di tempo variabile dal soggetto vaccinato. L’immissione di virus vaccinali nell’ambiente è stata in passato, e lo è tuttora nelle zone endemiche, estremamente importante per assicurare e la competizione con il poliovirus selvaggio e una immunità di gregge. Nei paesi polio-free, ed in futuro in tutto il mondo, la circolazione di virus vaccinali potrebbe viceversa diventare un punto critico in grado di inficiare i risultati dell’eradicazione. Infatti i virus vaccino derivati, replicando, retromutano verso la neurovirulenza e/o accumulano mutazioni che alla fine conferiscono loro caratteristiche del tutto diverse dai ceppi parentali; inoltre possono anche ricombinarsi con il selvaggio o con altri enterovirus assumendo caratteristiche di virulenza e di trasmissibilità interumana che emergono con lo scoppio di focolai epidemici. Obiettivo del presente progetto è stata la valutazione della circolazione dei poliovirus e degli eventuali virus vaccino derivati in matrici ambientali nella regione Lazio nel periodo 1996-2002. Metodo: sono stati analizzati 26 campioni di liquami e 36 campioni di acque superficiali contaminate da liquami. Le particelle virali sono state concentrate mediante ultra filtrazione tangenziale (10.000 NMWR – Millipore. I concentrati sono stati seminati su cellule BGM ed L20B. I virus isolati sono stati identificati con antisieri specifici (RIUM e sui poliovirus, presso l’ISS, sono stati effettuati la differenziazione intratipica, il sequenziamento della regione VPI/2A, il sequenziamento della regione 5’ NCR e la regione codificante la polimerasi virale. Risultati e conclusioni: sono stati isolati complessivamente 6 poliovirus di cui 4 da acque superficiali. I virus erano tutti Sabin-kike e retromutati ma non ricombinanti. I dati ottenuti sottolineano l

  18. Lʹitaliano nel paragone contrastivo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustav Ineichen

    1991-12-01

    Full Text Available Quando si consideri l'italiano messo a raffronto con altre lingue europee, si può pensare dapprima al tedesco. Data del 1942 una caratterizzazione globale letterariamente dotta del dottor Santoli, allora professore nell'Università di Firenze. Un esame contrastivo della frase nominale e delle relazioni di causalità è dovuto a Gislimberti (1989 che si rivolge essenzialmente a studenti e a traduttori d'italiano. A questo s'aggiunga Gislimberti (1988 per un esame contrastivo in sede di testualità. Con Holtus-Pfister (1985 l'attenzione è richiamata a problemi particolari esaminati in base a un corpus di traduzioni di prose tedesche e italiane. Tali problemi, che passano per essere significativi, sono le proposizioni relative, l'espressione del passivo, le formazioni del diminutivo, la composizione nominale, gli avverbi di gradazione e la traduzione di certe parole chiave del tedesco.

  19. Vagare e invaghirsi: derive magmatiche nel web

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Ranieri

    2003-09-01

    Full Text Available La dimensione virtuale delle nuove tecnologie, dove 'virtuale' non vuole certo significare qualcosa come 'falso' o 'illusorio', è il giardino ideale dove pascolare le delizie (e le croci di una passione che non può terminare perché ad essa è preclusa l'esperienza del possesso. Allora gli occhi si fanno avidi contenitori di immagini, i polpastrelli si caricano dell'elettricità dell'incontro, gli organi sono sollecitati ad interagire con l'interfaccia della tecnologia e a farsi essi stessi interfaccia, anche solo per diminuire le probabilità del rigetto dell'impianto mentale tecnologico. Il fruitore del Web, lacerando lo specchio del monitor (Alice, certo, ma anche Alien, mette in atto la sua performance di interazione e significazione motoria, che è diversa ad ogni connessione e lungo lo scandire del nuovo tempo espresso in bps, e che proprio per questo è quanto mai body-art, deriva teatrale-tecnologica dell'arte concettuale o, a questo punto, concezionale, generatrice di ibridi Avatar.

  20. Fondamenti di fisica dei plasmi

    CERN Document Server

    Golant, V E; Sacharov, I E

    1983-01-01

    Introduzione ; collisioni del plasma ; equazioni cinetiche per particelle cariche ; plasmi in equilibrio termodinamico ; funzione di distribuzione di particelle cariche in un campo elettrico ; equazioni dei momenti della funzione di distribuzione ; processi di trasporto nel plasma in assenza di campi magnetici ; moto di particelle cariche nel plasma in presenza di campi magnetici ; processi di trasporto in campo magnetico ; confinamento del plasma mediante campi magnetici.

  1. Le concezioni della giustizia nell’islam contemporaneo. Le “retoriche” governative e le rivendicazioni delle società civili

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orsetta Giolo

    2013-07-01

    Full Text Available Yadh Ben Achour, in Politica, religione e diritto nel mondo arabo (19921, scrive: “I luoghi in cui, nel mondo arabo, vi è la più alta concentrazione di libero pensiero sono, forse, le carceri”. Il suggerimento offerto da Ben Achour invita, inequivocabilmente, all’approfondimento di qualsiasi questione afferente la cultura e i paesi arabo-musulmani adottando l’approccio “realista”, prestando cioè attenzione alla dimensione dell’effettività del diritto e della politica. Scegliendo questa prospettiva sarà possibile evidenziare le peculiarità e le originalità proprie della riflessione filosofico-politica (nonché teologica propria di queste società, circostanziandole, indagandole alla luce di quanto in quei territori realmente accade nella sfera giuridica e politica, nella prassi sociale.

  2. Il commercio dei captivi nel Mediterraneo di età moderna (secc. XVI - XVIII. Orientamenti e prospettive attuali di ricerca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bosco, Michele

    2014-02-01

    Full Text Available Da oltre un ventennio, il tema della guerra da corsa e quello del commercio dei captivi nel Mediterraneo di età moderna, ad esso strettamente connesso, sono oggetto di rinnovato interesse da parte della storiografia internazionale. Soprattutto in Italia, Spagna e Francia (ma anche altrove, ricerche sistematiche hanno permesso di ricostruire diversi aspetti della schiavitù nel Mediterraneo di età moderna: modalità della cattura, condizioni di vita dei prigionieri, riscatti, conversioni. Non solo storici, ma anche antropologi, economisti, storici delle religioni e del diritto hanno dato il loro contributo alla ricerca, tradottosi in raccolte di saggi o in volumi monografici; tale abbondante produzione ha innanzitutto mostrato chiaramente come la guerra da corsa e il commercio dei captivi abbiano rappresentato a lungo un elemento cruciale della storia dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, dal medioevo all’età moderna, giungendo fino ai primi decenni del secolo XIX. Nelle prossime pagine proveremo a ricostruire, a grandi linee, l’evoluzione del dibattito storiografico sull’argomento, in modo da far emergere le questioni ancora aperte e di individuare nuovi possibili percorsi di indagine, che sfruttino in particolare le serie documentarie ancora scarsamente utilizzate o meritevoli di ulteriori ricerche.

  3. Il cavo orale nel paziente obeso

    OpenAIRE

    Faggella, Antonella

    2008-01-01

    Le condizioni di sovrappeso ed obesità anche in età evolutiva sono aumentate negli ultimi decenni al punto che, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, sono diventate un problema di salute pubblica in tutti i Paesi occidentali. Questa tesi è nata nell’obiettivo di individuare caratteristiche odontostomatologiche in pazienti affetti da obesità; il gruppo campione(80 pazienti, età media 10,5 anni) è stato suddiviso in due sottogruppi: sottogruppo A comprendente 54 pazienti affetti da...

  4. De Emilio Robledo: La vida del general Pedro Nel Ospina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Enrique Leal G.

    1960-11-01

    Full Text Available Pudiera pensarse que, en tratándose de una nueva biografía del general Pedro Nel Ospina, a través de sus páginas nos correspondería transitar los mismos caminos ya recorridos en anteriores semblanzas de este personaje verdaderamente sustantivo de muestra historia nacional.

  5. Le Produzioni agro-alimentari per la sostenibilità dello sviluppo turistico

    OpenAIRE

    Idda, Lorenzo

    2002-01-01

    Il numero di turisti che scelgono di trascorrere le vacanze in Sardegna è in continua crescita. Nel corso degli anni novanta le presenze totali nell'isola - riferite, cioè, tanto ai visitatori italiani quanto a quelli stranieri, e misurate con riguardo sia alle strutture alberghiere sia a quelle extralberghiere - sono cresciute ad un tasso medio annuo del 3,3%, contro un dato del Mezzogiorno pari al 3% ed un incremento medio nazionale arrestatosi al 2,2%. Nel presente capitolo si esamina i...

  6. “Testi digitali interattivi” per il recupero nella matematica nel progetto per la riduzione della dispersione scolastica “Scuola dei Compiti”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alice Barana

    2015-04-01

    Full Text Available Le risorse digitali giocano un ruolo strategico nel recupero scolastico soprattutto in matematica. Nel progetto “Scuola dei Compiti”, realizzato dalla Città di Torino, con la collaborazione dell’Università di Torino, sono prodotti, e messi a disposizione degli studenti, testi digitali, realizzati con un ambiente di calcolo evoluto, e contenenti parti interattive e parti valutate automaticamente. La produzione di tali testi avviene durante gli incontri in presenza o a distanza con gli studenti o in un secondo momento da parte di tutor nella filosofia del problem posing e solving. Lo scopo è promuovere, attraverso un ambiente virtuale di apprendimento, un ruolo attivo dello studente nell’apprendimento della disciplina e suscitare un maggiore interesse verso la materia.

  7. I comportamenti violenti nel sonno REM: aspetti clinici, criminologici e medico-legali / Les comportements violents pendant le sommeil MOR : aspects cliniques, criminologiques et médico-légaux / The Violent Behaviour in REM Sleep-related: Clinical, Criminological and Forensic Aspects

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cimino Luca

    2011-04-01

    Full Text Available The violent behaviour of sleep represents a new frontier of forensic interest. After examining the clinical aspects of a particular form of parasomnia related to REM stage of sleep, called REM Behavior Disorder-RBD, the author highlights the criminological and forensic implications emphasizing the distinctive features in terms of responsibility and imputability.Les comportements violents pendant le sommeil MOR représentent une nouvelle “frontière” d’intérêt de la psychologie médico-légale. Après avoir examiné les aspects cliniques d’une forme particulière de parasomnie liée à la phase MOR du sommeil (denominata REM Behaviour Disorders-RBD, l’auteur de l’article met en évidence ses implications criminologiques et médico-légales; en outre, il souligne les aspects particuliers de cette parasomnie en matière de responsabilité et d’imputabilité.I comportamenti violenti del sonno rappresentano una nuova “frontiera” di interesse forense. L’autore, dopo aver esaminato gli aspetti clinici di una particolare forma di parasonnia legata alla fase REM del sonno, denominata REM Behaviour Disorders-RBD, ne sottolinea le implicazioni criminologiche e medico-legali sottolineandone gli aspetti peculiari in tema di colpa ed imputabilità.

  8. Le sette meraviglie del cosmo

    CERN Document Server

    Narlikar, Jayant V

    2004-01-01

    Tra giganti, "nane" e stelle che esplodono in cielo, un vademecum per scoprire il cosmo e i misteri che lo abitano. Lasciati alle spalle i confini sicuri della Terra e del Sistema solare, assistiamo a un'esplosione continua di fenomeni inaspettati. L'universo si svela nel suo continuo mutamento, cresce in fascino e complessità via via che ci addentriamo nei suoi spazi profondi. Tramite esempi semplici, aneddoti umoristici e una prosa cristallina, Vishnu Narkilar racconta l'emozione di fronte alle sorprese del cosmo. Le "sette meraviglie" sono i fenomeni misteriosi che si nascondono dietro le stelle che punteggiano il cielo, una schiera di eventi spettacolari che per secoli hanno sfidato la curiosità umana ed eluso ogni spiegazione.

  9. Caratteristiche dei segni di marcatura territoriale nel capriolo, Capreolus capreolus L., 1758

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rocco Sorino

    2003-10-01

    Full Text Available I maschi maturi di capriolo sono territoriali dagli inizi della primavera (aprile fino all?epoca degli amori, tardo agosto ? inizio settembre. Durante il periodo territoriale, i maschi eseguono due tipi di marcatura olfattiva a significato territoriale: le raspate e i fregoni. Le prime sono effettuate con le ghiandole site tra le dita delle zampe anteriori, i secondi con le ghiandole poste alla base dei palchi. Nel presente contributo si riportano alcuni risultati preliminari sull?abbondanza relativa dei due tipi di marcatura in due habitat alpini con differente copertura vegetazionale, per stabilire se questa influenzi la scelta del tipo di marcatura. L?area di studio è situata nella Val Chisone (Alpi nord ? occidentali ed è compresa tra i 1800 e i 1900 metri di quota con una superficie di 238,5 ha. L?area è caratterizzata da un pascolo di 96,5 ha (pari al 40,5% dell?area e da un lariceto di 142 ha (pari al 59,5% dell?area. Lo studio è stato effettuato nel periodo estivo nell?arco del triennio 2001-2003. I segni territoriali sono stati rilevati in aree di forma quadrata con lati di 15 metri (225 m² campionate con un metodo di randomizzazione. In ogni area campione si è valutato il numero, le dimensioni e la densità dei segni di marcatura nonché il tipo di stratificazione vegetazionale (arborea, arbustiva, erbacea, le classi percentuali di copertura, il numero di piante marcate e quelle potenzialmente marcabili. Per valutare l?esistenza di correlazione tra i segni di marcatura e i diversi parametri ambientali misurati si sono utilizzati dei test di Spearman. Sono stati rilevati 52 fregoni (x = 3,71; SE = 0,90 e 24 raspate (x = 1,71; SE = 0,57. Il 68% dei fregoni è stato rilevato in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 3,1 alberelli/10 m², mentre il 100% delle raspate è stato rinvenuto in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 2,2 alberelli/10 m². In ogni area campione il numero di fregoni

  10. La conferenza AM/FM nel segno di INSPIRE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Santarsiero

    2007-03-01

    ufficialmente entrata in vigore lo scorso 15 maggio. Per chi avesse perso il dibattito e gli approfondimenti che si sono susseguiti sulle pagine di GEOmedia nel corso dell’ultimo anno, ricordiamo che INSPIRE (INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe è una direttiva europea che istituisce un’infrastruttura per l’informazione territoriale nella Comunità Europea.

  11. Amante di tutte, marito di nessuna. Marino nel “Maritaggio delle Muse” di Giovan Giacomo Ricci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Alonzo

    2010-06-01

    Full Text Available Prendendo le mosse da una sommaria presentazione della parabola biografica e scrittoria del perugino Giovan Giacomo Ricci, finora pressoché oscura, si propone una lettura del suo “poema drammatico” Il maritaggio delle Muse, edito ad Orvieto nel 1625. La prospettiva specifica di questa lettura affronta la presenza e la maturazione lirica del personaggio Marino nel Maritaggio, opera non a caso collocabile a cavallo tra il ragguaglio e la commedia. All’interno del sistema poetico e parnasiano del Maritaggio ed evidenziando l’impalcatura citazionale sottesa al dramma, dunque, si segue l’evoluzione scenica del Marino da giovane poeta municipale e d’occasione a maturo interprete dei generi più vari, dall’idillio alla tenzone, fino al poema grande.Starting from a brief presentation of Giovan Giacomo Ricci’s biography and bibliography (still now almost unknown, this paper suggests an interpretation of Ricci’s “poema drammatico” Il maritaggio delle Muse, published in Orvieto in 1625. This composition, between the comedy and the “ragguaglio di Parnaso”, is read following the presence and the poetic evolution of the character of Giovan Battista Marino. In the poetical and parnasian structure of Maritaggio, this article underlines its quoting architecture. This paper remarks, in Ricci’s drama, Marino’s growth from a young love and municipal poet to an able interpret of various genres, from the bucolic to the comic one, up to the long poem.

  12. il verbo di bodhisattva». de pisis, le avanguardie, l'oriente

    African Journals Online (AJOL)

    User

    di letteratura cinese – non concesse alcun alibi ai fragilissimi esiti di uno sforzo tanto ambizioso quanto, apparentemente, immotivato: «Caro De Pisis, […] Mi rincresce del Verbo ... Egli seguiva molto la rivista dato che, nel periodo in cui la diresse De ..... Blavatsky, sosteneva l'ipotesi secondo la quale, alla base di tutte le.

  13. Calcolo scientifico esercizi e problemi risolti con Matlab e Octave

    CERN Document Server

    Quarteroni, Alfio; Gervasio, Paola

    2017-01-01

    Questo testo è concepito per i corsi delle Facoltà di Ingegneria e di Scienze. Esso affronta tutti gli argomenti tipici della Matematica Numerica, spaziando dal problema di risolvere sistemi di equazioni lineari e non lineari a quello di approssimare una funzione, di calcolare i suoi minimi, le sue derivate ed il suo integrale definito fino alla risoluzione di equazioni differenziali ordinarie e alle derivate parziali con metodi alle differenze finite ed agli elementi finiti. Un capitolo iniziale conduce lo studente ad un rapido ripasso degli argomenti dell'Analisi Matematica e dell'Algebra Lineare di uso frequente nel volume e ad una introduzione ai linguaggi MATLAB e Octave. Al fine di rendere maggiormente incisiva la presentazione e fornire un riscontro quantitativo immediato alla teoria vengono implementati in linguaggio MATLAB e Octave tutti gli algoritmi che via via si introducono. Vengono inoltre proposti numerosi esercizi, tutti risolti per esteso, ed esempi, anche con riferimento ad applicazioni in...

  14. Analisi del comportamento spaziale e della selezione dell'habitat in femmine di stambecco alpino (Capra ibex ibex nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Grignolio

    2003-10-01

    Full Text Available È stato analizzato il comportamento spaziale e la selezione dell?habitat di quindici femmine di stambecco alpino (Capra ibex ibex dotate di radiocollare; l?area di studio è situata nel vallone di Levionaz (Valsavarenche, AO nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. Per ogni individuo sono state raccolte almeno 12 localizzazioni mensili dall?estate del 2000 alla primavera del 2002. Sono state calcolate le dimensioni degli home range, annuali e stagionali, con il metodo del minimo poligono convesso (MPC e con il metodo di Kernel. Le dimensioni medie degli home range annuali (MPC: 186.2±71.71ha, 2000; 182.2±70.03ha, 2001; Kernel: 316.3±111.00 ha, 2000; 304.8±101.14ha, 2001 sono sensibilmente inferiori rispetto ai dati presenti in bibliografia; ciò non desta stupore in considerazione del fatto che la popolazione in esame in questa ricerca è l?unica autoctona. Non esiste una correlazione tra le dimensioni degli home range e l?età, mentre l?analisi degli spazi vitali relativi alla stagione estiva indica una differenza tra le femmine accompagnate dal piccolo e quelle sole. Nelle stagioni successive non risulta esserci un differente comportamento spaziale tra le femmine allattanti e quelle non allattanti. La presenza di neve al suolo influenza le dimensioni degli home range invernali: con molta neve gli spostamenti sono ridotti. Le dimensioni degli home range dell?inverno 2000, caratterizzato da molta neve al suolo, sono significativamente diverse da quelle dell?inverno 2001 (Wilcoxon Test: T = 0, n = 6, p = 0.028, MPC-95% e Kernel-95%. La presenza del capretto influenza anche la selezione dell?habitat estivo: le femmine con il piccolo utilizzano maggiormente le zone di rifugio (pareti rocciose rispetto alle femmine senza il piccolo che devono soddisfare le sole esigenze personali. Le percentuali medie delle sovrapposizioni degli home range annuali (82.0±15.07 e la distanza tra i centri di attività degli home range annuali (media 143.4

  15. Le basi sociali della cooperazione: ri-politicizzare le forme del legame sociale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vando Borghi

    2014-07-01

    Full Text Available L’articolo analizza il campo di tensione tra cooperazione come principio intrinseco all’azione sociale e cooperazione come prodotto storico-sociale. Dopo aver richiamato le concezioni utilitariste e "contrattualiste" dell’azione sociale il nesso tra cooperazione e azione sociale viene presentato analiticamente nel contesto del capitalismo neoliberale. Muovendo da una coattiva estrazione di cooperazione che caratterizza tale quadro, vengono discussi i rischi di erosione delle basi sociali della cooperazione e del legame sociale che l’estrazione di cooperazione comporta. Nel solco del concetto di contromovimento delineato da Polanyi viene tuttavia argomentata la necessità di superare ogni semplicistico schema dualistico mercato/società e di ricorrere ad una rilettura più complessa, in cui del sociale sia posta in evidenza la natura politica e si enfatizzi un ulteriore principio di qualificazione del contromovimento, vale a dire quello dell’emancipazione.

  16. Le Ipocolesterolemie

    OpenAIRE

    Antic, Tijana

    2012-01-01

    Ipocolesterolemia o il colesterolo basso è un disordine metabolico caratterizzato da basse concentrazioni di colesterolo nel sangue. Mentre il problema opposto, definito ipercolesterolemia, è piuttosto comune negli abitanti dei Paesi industrializzati a causa dei ben noti eccessi alimentari, livelli di colesterolo particolarmente bassi si registrano soprattutto nelle regioni afflitte da denutrizione. Anche per questo motivo il significato clinico dell'ipocolesterolemia è per certi aspetti anco...

  17. Le basi narcisistiche dello sviluppo psichico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nuria Molo

    2015-12-01

    Full Text Available In questo mio elaborato sono partita dalla considerazione che il concetto di narcisismo, per la sua portata sia nell’ambito della ricerca psicoanalitica che della psicopatologia, sfugge a qualsiasi tentativo di inquadramento unitario. Infatti, il narcisismo attraversa trasversalmente il funzionamento normale e patologico della personalità e nel panorama psicoanalitico è presente una dicotomia tra una “visione ristretta” del narcisismo, considerato come nucleo patogeno, e una “visione allargata”, che mette in luce anche la sua valenza costruttiva e funzionale allo sviluppo dell’individuo.La psicoanalisi ha mostrato che il narcisismo attraversa tutta la psicopatologia in quanto è un’istanza psichica e che l’investimento sessuale del proprio corpo non si riscontra solo nella psicopatologia, bensì anche nel normale sviluppo psicosessuale di ogni individuo, estendendo notevolmente l’ambito di studio del narcisismo. Il mio obiettivo di fondo è stato quello di illustrare le vicende del narcisismo in relazione con le pulsioni e le fasi dello sviluppo psicosessuale, proprio per dimostrare, in una visione allargata, che il narcisismo è alla base dello sviluppo psichico e che è in stretto e costante rapporto con la relazione oggettuale, dunque amore per sé e amore per l’altro si trovano lungo un continuum.

  18. Buchi neri nel mio bagno di schiuma l’enigma di Einstein

    CERN Document Server

    Vishveshwara, C V

    2008-01-01

    "Le bolle stavano turbinando tutto intorno a me e massaggiavano il mio corpo ... Mentre me la godevo in questo fantastico bagno di bolle, i miei occhi si fecero pesanti e mi lasciaii trasportare in un dormiveglia sublimamente estatico". Così inizia l’incontro di Alfie con una vasca da bagno eccezionale e rivelatrice, acquistata da un vicino misterioso di nome Al. L’Enigma di Einstein, ovvero buchi neri nel mio bagno di schiuma, racconta la storia della teoria della gravitazione, dai suoi primordi fino agli ultimi sviluppi in astrofisica, focalizzandosi sulla teoria della relatività generale di Albert Einstein e sulla fisica dei buchi neri. Tramite conversazioni avvincenti e diagrammi scarabocchiati su tovaglioli di carta, si susseguono a ruota i rudimenti della relatività, dello spazio-tempo e di molti aspetti della fisica moderna. In scenette narrate con abilità pedagogica e notevole talento letterario, il lettore s’imbatterà nelle lezioni informali che un astrofisico cosmopolita tiene al suo amic...

  19. Sottoscrizioni autografe nelle più antiche carte del monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X Autograph subscriptions in the oldest cards of the monastery of S. Liberatore of the Maiella. A contribution to the history of the relationship between writing and literacy in Abruzzo in 10th Century

    OpenAIRE

    Mariano Dell'Omo

    2005-01-01

    Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX) della “Introduzione storica, paleografica e archivistica” al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassi...

  20. Changing City. Insediamenti dispersi nel contesto irlandese / Changing City. Dispersed Urbanism in an Irish Context

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Susanne Dunne

    2013-09-01

    Full Text Available Questo saggio si interroga sull’efficacia dei metodi di progettazione urbana tradizionali nel contesto della città dispersa e cerca di esplorare nuove strategie di sovrapposizione da utilizzare al fine della rigenerazione o della riqualificazione dell’ambiente urbano a bassa densità. L'articolo illustra i progetti degli studenti elaborati durante il workshop di progettazione urbana intitolato "Città in cambiamento" svoltosi presso la Nantes School of Architecture (coordinato da Susan Dunne, in cui gli studenti hanno esplorato tre città Irlandesi (Belfast, Limerick e Tallaght. Le tre città sono accomunate da condizioni di bassa densità edilizia e di dispersione urbana con conseguenti problematiche socio-economiche. Un approccio progettuale flessibile e interdisciplinare costituisce la base per le proposte di progetto di seguito descritte creando nuove situazioni in grado di contrastare l’attuale tendenza di progettare lo sviluppo urbano attraverso risposte formaliste. / This brief essay questions the use of traditional urban design methods in the dispersed city and seeks to explore new overlapping strategies to be used when regenerating or invigorating the low density urban environment. The article illustrates various student projects generated during the urban design workshop "Changing Cities" in Nantes School of Architecture (led by design tutor Susan Dunne where the students explored three cities in Ireland (Belfast, Limerick and Tallaght.The three cities that have in common low density dispersed urban conditions that go hand in hand with a high concentration of socio-economic problems. An interdisciplinary flexible design approach forms the basis for the project proposals creating new situations and new energies as opposed to master planning a formal response.

  1. Infezioni gastroenteriche e fonti di rischio da balneazione nel mare Adriatico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    N. Schinaia

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: gli obiettivi generali della ricerca sono stati: stimare un eccesso di rischio di insorgenza di gastroenterite a seguito di attività di balneazione o consumo di prodotti ittici nel mare Adriatico; misurare nuovi parametri microbiologici di inquinamento marino.

    Metodi: sono stati condotti i seguenti studi: 1 caso controllo; 2 uno studio di prevalenza (beach survey per descrivere la frequenza di alcune patologie (dell’orecchio, delle vie aeree superiori, della cute rispetto alla balneazione o meno; 3 identificazione di nuovi patogeni nelle acque di balneazione (quali virus o Cryptosporidium parvum.

    Risultati: l’analisi dei fattori di rischio nello studio caso controllo non ha evidenziato un aumento di gastroenterite associata a balneazione. Gli episodi gastroenterici osservati nei casi erano prevalentemente sostenuti da Salmonella sp. e la modalità di infezione era legata ad alcuni alimenti quali la maionese. Il risultato principale dello studio di beach survey è stato che la balneazione nel mare Adriatico non è associata ad un aumento significativo di patologie serie, quali gastroenterite acuta.

    Tuttavia, è stato possibile evidenziare un aumento di rischio statisticamente significativo per forme morbose lievi, quali congiuntivite e dermatite aspecifica, fra chi ha fatto il bagno in mare e chi no. Tale aumentato rischio è stato soprattutto osservato nei bambini e ragazzi al di sotto di 15 anni. I risultati di microbiologia sperimentale dimostrano il ruolo svolto dalle acque marine quale pabulum idoneo alla sopravvivenza delle oocisti di C. parvum. Sono stati validati protocolli di diagnostica molecolare per l’identificazione di enterovirus, rotavirus e reovirus nelle acque di balneazione.

    Conclusioni: l’epidemiologia può contribuire a studiare i rapporti fra balneazione e salute all’interno di una visione generale di salute

  2. Il progetto Italo Kyogen e il processo di definizione della sua lingua scenica come mezzo per un’esperienza immersiva nel teatro comico tradizionale giapponese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Moretti

    2017-11-01

    Full Text Available Il vocabolo giapponese kyōgen significa parole folli e definisce l’antica farsa giapponese. Già dal suo significato si evince la chiara centralità del dialogo di questa arte performativa nata nel XV secolo. Inscenando comuni situazioni umane, il kyōgen presenta caratteristiche peculiari del linguaggio popolare del medioevo giapponese, oltre ad aver sviluppato una sua precisa identità linguistica. Proprio per questo, negli adattamenti rischia di perdere quelle sfumature che la rendono unica. Seguendo il lavoro del progetto teatrale Italo Kyogen Project, si analizzeranno la lingua kyōgen, i motivi e le soluzioni adottate per mantenere le sue sfumature linguistiche nell’adattamento scenico proposto per un pubblico italiano, con approfondimenti sull’adattamento italiano di un kyōgen contemporaneo giapponese e sul processo creativo di un kyōgen contemporaneo italiano.

  3. Studi d'idoneità ambientale su grande scala a fini conservazionistici: il caso del Capriolo italico nel P.N. del Pollino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Massolo

    2003-10-01

    Full Text Available Nonostante la loro grande diffusione negli ultimi decenni, i modelli di valutazione ambientale (MVA trovano tuttoggi scarsa applicazione pratica. Molte difficoltà s?incontrano non solo nel loro concreto utilizzo, ma anche nella validazione e applicazione. Spesso, il problema fondamentale consiste nella difficoltà di reperire dati biologici e geografici su grande scala che siano attendibili e omogenei. La gestione spesso però richiede valutazioni su grande scala e il problema diventa quindi rilevante. Nel presente lavoro sono descritte alcune procedure di modellizzazione e verifica a partire dai risultati di uno studio condotto sul capriolo nel Parco Nazionale del Pollino. A tale scopo, sono state utilizzate due delle più diffuse tecniche statistiche multivariate (Analisi della Funzione Discriminante e Regressione Logistica, confrontando modelli formulati con e senza l?uso di indici di complessità del paesaggio come variabili predittive. L?analisi è stata condotta a grande scala compatibilmente con le stime delle dimensioni degli home range della specie. Lo sviluppo di più modelli ha permesso di verificare l?adeguatezza delle tecniche utilizzate e l?efficacia dei più comuni indici di paesaggio, nel predire la distribuzione della specie. Le analisi ambientali sono state effettuate mediante l?uso di ArcView 3.2 e della sua estensione Patch Analyst, a partire da cartografia informatizzata come la carta di uso del suolo Corine Land Cover e i punti quotati IGMI. I modelli sono stati formulati da un set di dati provenienti dell?Appennino centro-settentrionale e validati con un set di dati locali (area di distribuzione e avvistamenti diretti, raccolti tra il 2001 e il 2003. Il confronto tra i modelli si è basato sulle loro capacità di classificazione (sensitività e sensibilità. Gli indici di paesaggio sono risultati critici nel predire correttamente la distribuzione della specie. Nella fase di validazione sui dati di partenza 3 dei 4 modelli

  4. Energy consumption of biomass in the residential sector of Italy in 1999; I consumi energetici di biomasse nel settore residenziale in Italia nel 1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gerardi, V. [ENEA, Divisione Fonti Rinnovabili di Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Perrella, G. [ENEA, Divisione Promozione Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    mandorla/nocciola risultano combustibili vegetali marginali; il canale di approvigionamento preferenziale delle famiglie utilizzatrici di biomassa e' correlato alle singole tipologie di combustibile vegetale. Nel caso della legna si osserva un sostanziale equilibrio tra l' acquisto (42,5%) e l' autoproduzione/scorte (47%); per la sansa la modalita' acquisto costituisce il canale di approvigionamento prevalente contrariamente, a quanto avviene per i gusci di nocciola/mandorla, ove l' autoproduzione/scorte e' la modalita' di acquisizione abituale; le biomasse sono utilizzate prevalentemente nell'abitazione principale (84,8% delle famiglie facenti uso); il giudizio sull'utilizzo dei combustibili vegetali e' risultato piuttosto positivo, infatti l'80% delle famiglie utilizzatrici si e' dichiarata soddisfatta; i sistemi energetici a combustibile vegetale hanno spesso un carattere completamentare rispetto ai sistemi non alimentati da biomasse.

  5. l'altra metà futurista: la donna nel futurismo, le donne del futurismo

    African Journals Online (AJOL)

    User

    altro con l'amplesso più totale della vita” è seguito dal brusco ritorno alla realtà di sé stessi e la domanda cosciente e terrificante “si, ma noi cosa siamo? Ci conosciamo?” (Ginanni, 1919:45). Si arriva alla constatazione desolante che rimane.

  6. Le soglie del tempo. Passaggi e crocevia delle età nel racconto delle donne

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Vittoria Vittori

    2006-11-01

    Full Text Available Taking into account the determining role that time has in the work of several contemporary lady writers, this essay aims at tracing out a way through the narrative description of the different ages of life. Lady writers are particularly interested in the so – called “time faults”, that is the intermediate stages between youth and maturity as well as between maturity and old age: they are suitable for changes of mind, net results, new projects and they are always followed by a strong wish to revive and to rebuild one’s own identity.

  7. Ludovico il Moro nell’Ottocento. Le due facce del Rinascimento nel Risorgimento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Asker Pelgrom

    2011-12-01

    Full Text Available Ludovico il Moro in the Nineteenth Century The two faces of Renaissance during the Risorgimento   This contribution aims to illustrate the ambivalent attitude towards the Renaissance that characterized Italian Romanticism. The most eloquent example of this ambiguity is the reputation of the Milanese, late sixteenth-century duke Ludovico Sforza ‘Il Moro’ and his court. On the one hand, the new pantheon of great Italians which began to arise in the early nineteenth century, building on older cults of uomini illustri, and a growing European interest for Renaissance culture shed a positive light on Il Moro’s court. After all, he had been a most generous and sensitive patron to great artists like Leonardo da Vinci and Bramante, and could therefore serve as a timeless emblem of the ideal Maecenas through the eyes of various artists and their patrons, both in Milan as elsewhere. At the same time, however, his reign marked, as Guicciardini had already written, a turning point in Italian history, for cool calculation and sheer self interest had made him open the gates of the peninsula to the French king Charles VIII, a decision which proved fatal for Italian independence. In the increasingly black-and-white view of the Risorgimento, this behaviour would bring him the title of archtraitor. Due to the strongly politicized historical perspective that would dominate Italian historiography long after national unification, the European admiration for the Italian Renaissance following Burckhardt’s ideas would never be wholly embraced and the reputation of this crucial era in national history would remain problematic until well into the twentieth century.

  8. Le caratteristiche linguistiche del foglietto illustrativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Giumelli

    2013-07-01

    Full Text Available Nell’articolo si affronta il problema della comprensibilità del foglietti illustrativi (i bugiardini” allegati ai medicinali, di cui indicano posologia, modalità d’uso ed effetti indesiderati (FI nel testo. Linguisticamente il testo dei FI si pone nel più ampio contesto dei linguaggi specialistici, ma si distingue per alcune particolarità (il destinatario e la funzione che ricopre. Attraverso l’analisi del FI presente in un comune antipiretico, Tachipirina 1000 ®, si mettono in evidenza le strategie comunicative messe in atto dall’estensore e il grado di comprensione da parte del presunto destinatario. L’analisi mette inoltre in luce le caratteristiche comuni di questo tipo di testi altamente specialistici con il linguaggio settoriale della medicina.  Language features of medicine packaging leaflets This article addresses the problem of the comprehensibility of the leaflets in medicine packaging which indicate dosage, method of use and side effects (FI in the text. Linguistically, the text of the FI is placed in the broader context of specialist languages, but it is characterized by some peculiarities (the recipient and the role it plays. By analyzing the FI of a common antipyretic, paracetamol 1000 ®, we highlight the communicative strategies put in place by the author and the degree of understanding on the part of the intended recipient. The analysis also highlights the common features of this type of highly specialized text with the technical language of medicine.

  9. La conferenza AM/FM nel segno di INSPIRE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Santarsiero

    2007-03-01

    Full Text Available L’edizione di quest’anno della Conferenza AM/FM è stata sicuramente particolare, se non altro perchè ha rappresentato il primo momento in cui si è cercato di fare il punto della situazione sui primi risultati della direttiva INSPIRE,ufficialmente entrata in vigore lo scorso 15 maggio. Per chi avesse perso il dibattito e gli approfondimenti che si sono susseguiti sulle pagine di GEOmedia nel corso dell’ultimo anno, ricordiamo che INSPIRE (INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe è una direttiva europea che istituisce un’infrastruttura per l’informazione territoriale nella Comunità Europea.

  10. Triage e regole di supporto della decisione clinica nel paziente politraumatizzato veterinario

    OpenAIRE

    Foglia, Armando

    2017-01-01

    Il trauma è spesso causa di lesioni anche mortali nel cane e nel gatto. Numerosi sono i fattori in grado di influenzare la sopravvivenza e in medicina umana, diversamente dalla medicina veterinaria, sono disponibili numerosi sistemi di valutazione del paziente politraumatizzato. Questi permettono di determinare la necessità di trattamenti specialistici ed identificare i pazienti ad alto rischio di complicazioni o morte. Tali informazioni potrebbero essere utili anche per il paziente veterinar...

  11. Cinema ed enogastronomia nel portale turistico della Regione Toscana

    OpenAIRE

    Corinto, Gian Luigi

    2016-01-01

    Il presente lavoro tratta il caso della Regione Toscana che dal 2005 ha affidato alla Fondazione Sistema Toscana la missione di coordinare strategicamente le attività di promozione territoriale, tra cui le attività della film commission e del portale web dedicato al turismo. Lo scopo è quello di analizzare il modello di promozione degli itinerari enogastronomici e cinematografici come presentato dal portale turistico toscano. L'analisi dimostra che la scoperta dell'enogastronomia regionale è ...

  12. Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 nel contesto forense: studio su coppie di genitori in fase di separazione ed affidamento minori / L’Inventaire Multiphasique de Personnalité du Minnesota-2 dans le contexte juridique : une étude sur les parents confrontés à une séparation et à la garde des enfants / The Minnesota Multiphasic Personality Inventory–2 Test in the legal context: a study on parents going through separation and the custody of children

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lasala R.

    2017-12-01

    Full Text Available Obiettivo di questo lavoro è analizzare i profili medi di genitori valutati in sede di consulenza tecnica per l'affidamento di figli minori attraverso il Minnesota Multiphasic Personality Inventory 2 (MMPI-2, il questionario di personalità maggiormente utilizzato in ambito giuridico. Si tratta di uno studio iniziale ed esplorativo, condotto su un campione di 200 periziandi divisi equamente tra uomini e donne, che si propone in primis di rispondere all’esigenza dello psicodiagnosta forense di avere dati statistici specifici a cui far riferimento quando utilizza tale strumento. Il lavoro ha anche l'obiettivo di osservare la presenza di eventuali differenze significative tra i dati emersi dal campione peritale ed i valori normativi generali della popolazione italiana. Le but de cette étude est celui d’analyser les profils moyens des parents évalués par le test MMPI-2 (Inventaire Multiphasique de Personnalité du Minnesota-2 afin d’obtenir la garde de leurs enfants. Le MMPI-2 est le questionnaire de personnalité le plus utilisé dans le contexte juridique. Dans l’article, les auteurs présentent une étude initiale et exploratoire menée sur un échantillon de 200 personnes, réparties de manière égale entre hommes et femmes. En outre, cette étude a pour objet d’observer les différences statistiquement significatives entre l’échantillon et la population de référence. En effet, elle montre certaines différences entre les valeurs moyennes dans ces deux groupes, notamment entre les deux sexes. The aim of this study is to analyse the average profiles of parents evaluated through the MMPI-2 test (Minnesota Multiphasic Personality Inventory 2 in order to obtain custody of their children. The MMPI-2 is a psychological test that assesses personality traits which is the most used test in legal context. This is an initial and exploratory study done on a sample of 200 people, equally divided between men and women, assessed with a view

  13. NELS 2.0 - A general system for enterprise wide information management

    Science.gov (United States)

    Smith, Stephanie L.

    1993-01-01

    NELS, the NASA Electronic Library System, is an information management tool for creating distributed repositories of documents, drawings, and code for use and reuse by the aerospace community. The NELS retrieval engine can load metadata and source files of full text objects, perform natural language queries to retrieve ranked objects, and create links to connect user interfaces. For flexibility, the NELS architecture has layered interfaces between the application program and the stored library information. The session manager provides the interface functions for development of NELS applications. The data manager is an interface between session manager and the structured data system. The center of the structured data system is the Wide Area Information Server. This system architecture provides access to information across heterogeneous platforms in a distributed environment. There are presently three user interfaces that connect to the NELS engine; an X-Windows interface, and ASCII interface and the Spatial Data Management System. This paper describes the design and operation of NELS as an information management tool and repository.

  14. Vertebroplasty in the treatment of back pain; La vertebroplastica nel trattamento delle sindromi algiche del rachide

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Muto, Mario; Muto, Emanuale; Izzo, Roberto; Diano, Alvaro Antonio; Lavagna, Arcangelo; Di Furia, Ugo [Istituto di Neuroradiologia AORN Cardarelli, Napoli (Italy)

    2005-03-01

    e sotto controllo TC in 5 pazienti affetti da neoplasia vertebrale. Non abbiamo mai effettuato la flebografia prima del trattamento. In 55 pazienti l'approccio e' stato bilaterale, mentre nei rimanenti e' stato monolaterale. Il posizionamento dell'ago e la iniezione del cemento e' stata effettuata sempre sotto controllo scopico. Le quantita' di cemento iniettate sono state variabili a livello dorsale o lombare con volumi compresi tra 12 e 4 ml. Il cemento utilizzato e' a bassa viscosita' opacizzato con diossido di zirconio, tantalio o solfato di bario sterile. Risultati: I risultati sono stati sicuramente migliori nei pazienti affetti da osteoporosi e da angiomi vertebrali (successo nel 95% e 90% dei casi nel giro di 24-72 ore) rispetto ai pazienti affetti da neoplasie secondarie del rachide (successo del 77% dei casi). Abbiamo riscontrato fughe di cemento extravertebrali vascolari o discali in 39 pazienti ma solo in 2 casi tali fughe hanno determinato la comparsa di una sintomatologia clinica radicolare per diffusione epidurale. Non abbiamo riscontrato mai nella nostra esperienza fratture a vertebre adiacenti trattate con vertebroplastica. Discussione e conclusioni: Sebbene i primi casi di vertebroplastica siano stati effettuati per il trattamento degli angiomi vertebrali, si e' subito passati ad applicare tale tecnica anche al trattamento dei crolli vertebrali da osteoporosi o da lesioni secondarie. La RM svolge un ruolo chiave nella corretta selezione dei pazienti da trattare mentre la TC puo' essere utile per valutare l'integrita' del muro posteriore del metamero. La controindicazione assoluta e' data da infezioni sistemiche e locali mentre quelle relative dalla estensione epidurale della neoplasia, dalla vertebra plana, dalla presenza di segni clinici di interessamento mielico o radicolare e da eventuali disturbi della coagulazione. I risultati da noi ottenuti evidenziano un successo che e

  15. A portable neutron source for landmines detection; Un generatore portabile di neutroni per la rilevazione delle mine nel terreno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rapisarda, M.; Samuelli, M. [ENEA, Divisione Fusione, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2001-07-01

    In the framework of a joint development of applications of the Plasma Focus machines, by ENEA, University of Ferrara and University of Bologna, a neutron source is studied, suitable for the detection of explosives, either landmines or devices hidden in air luggage, exploiting the emission for radiative capture of the 10.8 MeV gamma ray from the {sup 14}N contained in the majority of explosives. The device is based on a plasma focus neutron source of portable dimensions emitting 10{sup 9} neutrons per second (patent pending). Here it is reported the Monte Carlo simulations performed with the MCNP code to design the device structure for use in landmine detection. The original 2.1 MeV neutrons are focused and moderated by layers of lead and polyethylene toward the ground, and absorbed by layers of borated polyethylene and cadmium toward the air. The shape and the thickness of the shields are optimised to produce the highest thermal neutron flux at various depths (0-15 cm) in an average ground with different contents of water (10% to 30%). Results show that it is possible to generate a flux of at least 10{sup 5}/cm{sup 2} thermalized neutrons (between 0.01 and 0.1 eV) per source neutron in an area of about 1 m{sup 2} around the axis of the source, high enough to generate an adequate number of 10.8 MeV gamma rays in the buried explosive. [Italian] Nell'ambito di una collaborazione fra ENEA, Universita' di Ferrara e Universita' di Bologna sullo sviluppo congiunto di applicazioni delle macchine Plasma Focus viene studiato un generatore di neutroni da impiegare per la rivelazione di mine nel terreno o di bombe nascoste nel bagaglio aereo. I neutroni termici, inducono nell'Azoto 14 contenuto negli esplosivi l'emissione, in seguito a cattura radiattiva, di caratteristici raggi gamma a 10.8 MeV. Il dispositivo e' basato su un Plasma Focus trasportabile capace di emettere 10{sup 9} neutroni al secondo (brevettato). Qui sono riportate le

  16. Differenza epistemologica e identità ontologica tra Saṃsāra e Nirvāṇa nel pensiero buddhista

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Ferraro

    2012-04-01

    Full Text Available La differenza tra i concetti di saṃsāra e nirvāṇastabilita dal Buddha (VI-V sec. a.C. nel suo primo sermone sembra essere messa in discussione dall'equiparazione dei due termini effettuata da Nāgārjuna (II sec. d.C. in un passaggio-chiave delle sue MK. Questo articolo, in primo luogo, difende la tesi che la contraddizione sia soltanto apparente e che la relazione, di differenza o di identità, tra le due dimensioni dipende dal registro filosofico, rispettivamente epistemologico e ontologico, usato - in entrambi i casi per finalità soteriologiche - dal Buddha e da Nāgārjuna. In secondo luogo, cercheremo di provare che, in ogni caso, l'ontologia di Nāgārjuna, lungi dall'essere una novità filosofica o un'evoluzione rispetto al pensiero del fondatore del buddhismo è, al contrario, una delle possibili applicazioni della dottrina del non-sé (anātma-vāda - probabilmente il contributo più importante e originale del pensiero buddhista alla storia della filosofia universale - esposta dal Buddha nel suo secondo sermone.

  17. La geografia come monumento. Il progetto di Auguste Perret per Le Havre / Geography as a monument. The Auguste Perret’s project for Le Havre

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Nitti

    2014-11-01

    Full Text Available Nel progetto di Auguste Perret per Le Havre una forma chiaramente compatta ed evocativa dell’urbanità della città storica si definisce a partire dalle relazioni stabilite con quegli elementi della geografia fisica che costituiscono l’identità del luogo nel quale questa si colloca, e costruisce una significativa relazione con gli spazi aperti e vasti della natura, acquisendo in questo modo quella ‘dimensione’ e quei caratteri propri della città contemporanea. Nei suoi spazi collettivi, che rimandano a una cultura dell’abitare che affonda le proprie radici nella più generale storia della città francese, Le Havre rappresenta sé stessa e traduce nella Place de l’Hôtel de Ville le ripide pendici della falesia, nella Porte Océane l’orizzonte lontano dell’Oceano, nel Front-de-mer Sud l’altra riva della foce della Senna, e fa di questi i veri ‘monumenti’ della città. / In the Auguste Perret’s project for Le Havre a clearly compact form, evocative of urbanity of the historical city, is defined starting from the relations established with those elements of physical geography which constitute the identity of the place where the city is located, and builds a significant relationship with the open and vast spaces of nature, thus acquiring the ‘size’ and those features of the contemporary city. In its public spaces, which refer to a culture of inhabiting that is rooted in the more general history of the French city, Le Havre represents itself and translates in the Place de l'Hôtel de Ville, the steep slopes of the cliff, in the Porte Oceane the distant horizon of the ocean, in the Front-de-mer South the other bank of the mouth of the Seine, and defines these as the real 'monuments' of the city.

  18. Lo Scoiattolo Sciurus vulgaris nel Parco Fluviale Regionale dello Stirone (Emilia-Romagna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Bonizzoni

    2003-10-01

    Full Text Available Lo studio è stato avviato raccogliendo e localizzando su cartografia tutte le segnalazioni di presenza dello scoiattolo sul territorio dell?area protetta. Sono state quindi selezionate sei aree con diverse tipologie forestali (querceto xerofilo, castagneto, bosco ripariale, bosco misto mesofilo, querceto misto e boscaglia di latifoglie con robinia, sulle quali sono state svolte indagini relative alla densità di popolazione e alla potenzialità dell?habitat per la specie. Il censimento dei nidi, effettuato da dicembre a marzo, ha fornito informazioni relative alla specie arborea utilizzata, all?altezza della pianta, all?altezza da terra del nido e alla tipologia ambientale. Nelle aree di studio sono stati riscontrati valori di densità variabili da 0,2 a 1 individui/ ha; tali valori sono paragonabili a quelli relativi a indagini su popolazioni dell?Italia settentrionale, in boschi di latifoglie. È anche confermata la capacità della specie di raggiungere densità di popolazione abbastanza importanti in presenza di buone disponibilità alimentari, anche in vicinanza di insediamenti antropici. La tecnica di monitoraggio con ?hair-tube? è stata utilizzata per ricavare un indice di abbondanza della specie nelle singole aree di studio e confrontarle tra loro. In ognuna delle aree è stata inoltre effettuata una valutazione delle risorse trofiche su transetti, costituiti da tre parcelle di un m² ciascuna. Per un anno, con cadenza mensile, si è proceduto alla raccolta e al conteggio su tali parcelle di tutti i semi utilizzabili come alimento dallo scoiattolo (nel Parco dello Stirone, essenzialmente acero campestre, carpino bianco, castagno, nocciolo, noce e roverella. Dal contenuto calorico dei diversi semi, è stato possibile stimare il valore energetico complessivo di ciascuna parcella e attribuire ad ogni area una minore o maggiore vocazionalità per la specie. La specie risulta presente nel Parco nelle aree collinari e anche alle quote pi

  19. Prospettive educative per generare e ri-generare le rappresentazioni di genere. Riflessioni da una ricerca.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Benini

    2012-06-01

    Full Text Available Lo scritto segue gli esiti di una ricerca qualitativa “rappresentazione di genere” su  172 adolescenti di Bologna e Rimini.  I dati raccolti sono letti da un punto di vista pedagogico al fine di delineare tracce e metodi per facilitare le ragazze e i ragazzi alla scoperta di sé e a progettarsi nel proprio essere e divenire femmine e maschi.

  20. A model for restoration of the vegetation complex in the ENEA Trisaia research center; Un modello per il riassetto della vegetazione nel centro di ricerche ENEA della Trisaia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    D' Aquino, L.; Pace, S.; Marannino, P. [ENEA, Centro Ricerche Trisaia, Rotondella, MT (Italy). Dipt. Innovazione; Cassano, G. [ENEA, Centro Ricerche Trisaia, Rotondella, MT (Italy). Dipt. Ambiente; Cirio, U. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    A model for management of the vegetation complex in the ENEA (National Agency for New Technology, Energy and the Environment) Trisaia research center in Rotondella (Southern Italy), based on the restoration of wild potential vegetation and application of sustainable agriculture practices, is proposed. Benefits on environmental status and vegetation management are discussed. [Italian] Viene presentato un modello di intervento di rsistemazione della vegetazione nel centro di ricerche ENEA della Trisaia di Rotondella (Matera), finalizzato a ricostruire aree di copertura boschiva e a macchia, riconducibili alla vegetazione naturale potenziale del sito, in equilibrio con agrositemi gestiti secondo le tecniche dell'agricoltura sostenibile, e tenendo conto delle esigenze di urbanizzazione del centro. Sono discussi i vantaggi ottenibili dall'applicazione del modello di intervento sull'ambiente locale e sulla gestione del verde.

  1. Il "ritus patriarchinus" nel settore orientale del patriarcato di Aquileia

    OpenAIRE

    Snoj, Jurij

    2014-01-01

    Il contributo indaga le ragioni che permettono di evincere l'appartenenza al patriarcato di Aquileia, quale provincia ecclesiastica, delle marche nell'estremo lembo sud occidentale del Sacro romano impero, e riflette sull’influenza che tale appartenenza esercitò su di esse.

  2. Louis Blajan, Dottore in Medicina Veterinaria: Il dinamico veterinario che seppe traghettare l’Organizzazione Mondiale per la Sanità Animale (Office International des Épizooties: OIE nel mondo moderno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anon.

    2010-03-01

    Full Text Available Nato il 10 aprile 1924 a Lahage (nell’Alta Garonna, in Francia, Louis Blajan si è spento lo scorso 10 febbraio 2010 a Mont-de-Marsan.Dopo aver frequentato il Lycée Pierre de Fermat di Tolosa, nel 1948 Louis completa gli studi presso la Scuola di Veterinaria di Tolosa. Nel 1949, si diploma all’Institut d’élevage et de médecine vétérinaire des pays tropicaux (IEMVT e dal 1949 al 1952 è nel territorio d’oltremare francese del Mali. Tornato in Francia, dal 1953 al 1968 Louis esercita come veterinario di Stato presso il Ministero dell’Agricoltura, responsabile per l’afta epizootica, la peste suina e la malattia di Newcastle, nonché come Presidente del Comitato consultivo per le malattie infettive. In seguito, viene nominato Ispettore capo veterinario e Responsabile per la politica di controllo delle frontiere.Nel 1952, Louis sposa Janine, moglie affezionata che lo appoggia con ardore in ogni fase della sua carriera e perde la vita in un incidente un mese prima che il marito vada in pensione nel 1990.Dal 1968 al 1977, Louis è Direttore tecnico di Cofranimex (Compagnie Française pour l’importation et l’exportation des animaux reproducteurs et leur semence e dal 1977 al 1978 riveste il ruolo di Direttore dell’Association pour le développement des techniques de l’élevage français (ADETEF.Louis entra a lavorare nell’Office International des Épizooties (oggi noto come Organizzazione Mondiale per la Sanità Animale o ‘OIE’ dove, dal 1978 al 1980, occupa la posizione di Direttore del Dipartimento tecnico. Due anni più tardi, nel 1980, viene eletto Direttore Generale, coronando il sogno di ogni professionista della medicina veterinaria e raggiungendo l’apice della propria carriera. Rieletto nel 1985, si ritira dalla vita lavorativa nel 1990.Durante gli anni in cui fu a capo dell’OIE, Louis seppe trasformare quella che all’epoca era una struttura antiquata in un’organizzazione internazionale moderna ed

  3. I concetti di "materia", "forma" e "ordine" nel pensiero teorico musicale medievale e contemporaneo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cecilia Panti

    2011-01-01

    Full Text Available La dimensione teorica della musica occidentale, nella sua evoluzione storica, ha inevitabilmente fatto uso di concetti essenziali alla definizione di come il suono è musicalmente organizzato o organizzabile. Fra questi, risultano imprescindibili le nozioni di materia, forma e ordine, che implicano rispettivamente, nei pur diversi ambiti linguistici e contesti storico-filosofici di riferimento, ciò di cui è fatta la musica, ciò a cui la materia sonora tende, e come tale tensione è realizzata. Scopo di questo contributo è una valutazione d’insieme sulla valenza filosofica e l’uso di tali concetti nel pensiero musicale occidentale altomedievale e in quello del Novecento, che nonostante la distanza cronologica presentano convergenze significative. Nel Medioevo, un lungo processo di elaborazione teorico-pratica permise la matematizzazione dello spazio (e, più tardi, anche del tempo musicale, attraverso l’adattamento di moduli melodici, trasmessi oralmente, alle strutture scalari desunte dalla teoria greco-boeziana. La forma e l’ordo musicali furono quindi riferiti ai criteri fisico-matematici atti a distinguere nella materia sonora, in sé disorganica e indefinita, ciò che è musicale da ciò che non lo è. Tale concezione sparisce con l’affermarsi del sistema tonale, ove il suono fisico è concepito come “pre-formato” e “pre-ordinato” nella gamma scalare e nei vincoli attrattivi “naturali” degli armonici. In conseguenza, i concetti di forma e ordine abbandonano il contesto acustico, andando a definire i criteri teorici della composizione artistica, in linea con l’idea filosofica del loro esprimere la coerenza logico-sintattica dell’“insieme organico” (la Formenlehre teorizzata da Widmann. Nell’ambito del pensiero musicale del Novecento, la crisi del sistema tonale e la messa a punto di nuove modalità e tecniche di produzione del suono hanno riorientato la valenza significante e l’uso di questi tre concetti

  4. IL LINGUAGGIO DEL DIRITTO E DELLA BUROCRAZIA NEL XIX SECOLO TRA APERTURE E ISTANZE PURISTICHE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Fusco

    2016-09-01

    Full Text Available L’articolo prende in esame la produzione lessicografica dell’Ottocento dedicata alla lingua degli uffici. Il linguaggio del diritto e quello dell’amministrazione (considerato una derivazione meno prestigiosa del primo hanno da sempre costituito una lingua distinta da quella parlata comunemente. Tale lingua, ancorata alla tradizione latina fino al XVIII secolo, a partire dagli ultimi anni del Settecento subisce un forte rinnovamento in virtù dell’influenza francese, giunta prima attraverso le idee rivoluzionarie e poi con la dominazione napoleonica. Ulteriori innovazioni nella lingua giuridico-amministrativa sono portate dall’unificazione nazionale e dalla conseguente necessità di avere una lingua comune atta a esprimere i concetti tecnici richiesti dalle istituzioni. Tutto ciò fa sì che la lingua degli uffici diventi un coacervo di arcaismi, neologismi, dialettismi e stranierismi, spesso oggetto di critica da parte dei puristi più intransigenti. Da qui i numerosi i repertori lessicali e i dizionari che, a partire dall’Elenco del Bernardoni e dalle Voci ammissibili del Gherardini, si occupano della lingua delle leggi e dell’amministrazione su posizioni più o meno puristiche, nel più ampio contesto di costruzione di un italiano lingua nazionale. The language of law and bureaucracy in the  19th century, from innovation to purism The article examines nineteenth century lexicographical production dedicated to language used in offices. The language of law and administration (the latter considered a less prestigious derivation of the former has always been a distinct language from that commonly spoken. This type of language, anchored to the Latin tradition until the eighteenth century, underwent a major change due to French influence, first through revolutionary ideas and then with Napoleonic domination. Further innovations in legal and administrative language were brought about by national unification and the consequent need for

  5. Conoscere Fermi nel centenario della nascita : 29 settembre 1901 - 2001

    CERN Document Server

    Bonolis, Luisa

    2001-01-01

    Il lavoro scientifico di Fermi riguarda molti campi disparati, ciascuno dei quali ha avuto uno sviluppo peculiare in tempi successivi alla morte. In questo volume un certo numero di specialisti contemporanei di ciascun settore espone in forma semplice l'idea originaria e la sua successiva evoluzione. INDICE. Carlo Bernardini, "Introduzione"; Giorgio Salvini, "Enrico Fermi. La sua vita, ed un commento alla sua opera"; Edoardo Amaldi, "Commemorazione del Socio Enrico Fermi"; Enrico Persico, "Commemorazione di Enrico Fermi"; Franco Rasetti, "Enrico Fermi e la Fisica Italiana"; Franco Bassani, "Enrico Fermi e la Fisica dello Stato Solido"; Giorgio Parisi, "La statistica di Fermi"; Giovanni Gallavotti, "La meccanica classica e la rivoluzione quantistica nei lavori giovanili di Fermi"; Tullio Levi-Civita, "Sugli invarianti adiabatici"; Bruno Bertotti, "Le coordinate di Fermi e il Principio di Equivalenza"; Marcello Cini, "Fermi e l'elettrodinamica quantistica"; Nicola Cabibbo. "Le interazioni deboli"; Ugo Amaldi, "...

  6. Valenza e Risorsa degli Ambienti di Apprendimento nel Processo Glottodidattico

    OpenAIRE

    Giuseppe Maugeri

    2014-01-01

    Possono gli ambienti didattici essere progettati per potenziare le strategie di apprendimento degli studenti? Può lo spazio didattico avere un impatto sull’esperienza di studio di allievi adulti, influenzandone la motivazione e la performance? Sono questi alcuni degli interrogativi a cui cercheremo di dare una risposta nell’ambito di una progettazione didattica che, richiedendo un progetto analitico, include l’esperienza degli ambienti didattici come elemento strategico sia per rafforzare il ...

  7. Donne che legano uomini. Quando gli uomini diventano vittime e le donne carnefici

    OpenAIRE

    Manuel M. (Marco Marsili)

    2012-01-01

    Dopo il fortunato successo di Gli uomini che sfigati, le donne che stronze, Manuel M. torna con le sue analisi al vetriolo sui rapporti tra i due sessi. In Donne che legano uomini l’autore mette a nudo lo spaccato femminile fatto di apparenza legata alla moda, alla chirurgia estetica, agli psicofarmaci. Come nel precedente pamphlet, anche qui la donna esce devastata, non tanto dagli interventi di chirurgia estetica, ma per i non-valori che rincorre: soldi, ancora soldi e solamente soldi. L’ob...

  8. Le zone libere partigiane in provincia di Piacenza: un primo sguardo d’insieme

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iara Meloni

    2016-05-01

    Full Text Available Il saggio traccia un primo quadro delle zone libere partigiane sorte in provincia di Piacenza nel corso dell’estate-autunno 1944, analizzandone sia l’importanza strategico-militare che le realizzazioni in campo politico-amministrativo. In particolare si è evidenziato il ruolo di controllo e coordinamento portato avanti dal Commissariato Civile per i Comuni liberati e liberandi dalle formazioni partigiane istituito nell’ottobre 1944 dal Comitato di Liberazione provinciale di Piacenza con l’intento di supervisionare le attività delle giunte dei Comuni liberati.

  9. Le Sanskrit

    CERN Document Server

    Balbir, Nalini

    2013-01-01

    Cet ouvrage est destiné à tous ceux qui souhaitent se mettre ou se remettre à l'étude du sanskrit et ne peuvent y consacrer que quelques minutes par jour. En suivant le principe de la méthode quotidienne Assimil, vous acquerrez progressivement le vocabulaire et la grammaire de base qui sont nécessaires à la lecture des textes de la littérature sanskrite classique. Vous trouverez dans cette méthode une approche vivante de la langue et de la culture sanskrite classique à travers des textes d'abord adaptés pour le débutant puis authentiques. En quelques mois, vous manierez la langue sans efforts ni hésitation, de manière très naturelle. Les enregistrements reprennent l'intégralité des textes en sanskrit des leçons et des exercices de traduction du livre. Ils sont interprétés, à un rythme progressif, par des locuteurs natifs professionnels.

  10. Le disuguaglianze sociali nell'abitudine al fumo in Italia, 1980- 2000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B. Federico

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: misurare la direzione e l’entità delle disuguaglianze socio-economiche nell’abitudine al fumo in Italia durante gli ultimi due decenni, con attenzione sia al livello nazionale che macro-regionale.

    Metodi: sono stati utilizzati dati provenienti da sei indagini ISTAT sullo stato di salute dal 1980 al 2000. Abbiamo usato il livello di istruzione come indicatore dello stato socio-economico. Per ogni indagine e livello di analisi (nazionale e macroregionale, è stata calcolata la prevalenza, standardizzata per età, del consumo di tabacco in diversi gruppi sociali.

    Per ottenere una misura di sintesi delle disuguaglianze, abbiamo stimato l’Odds Ratio (OR ed il Relative Index of Inequality (con intervallo di confidenza al 95% attraverso un’analisi di regressione logistica.

    Risultati: negli uomini di età compresa tra 25 e 49 anni, l’Odds Ratio del consumo di tabacco di una persona con un basso livello di istruzione confrontata con una di un alto livello è risultato pari a 1,26 (IC 95%: 1,16 - 1,37 nel 1980 ed a 1,71 (IC 95%: 1,62 - 1,80 nel 2000. Nelle donne della stessa fascia di età, l’associazione tra stato sociale ed abitudine al fumo si è trasformata da positiva (OR=0,43 in negativa (OR=1,12. Nelle donne più anziane, la prevalenza di fumatrici è risultata maggiore tra quelle più istruite, con un gap tra classi sociali che si restringe nel tempo. Nel periodo considerato le stime degli OR sono risultate costantemente inferiori nel Sud rispetto al Centro ed al Nord Italia, nonostante la somiglianza nei trend temporali nelle differenti macro-regioni.

    Conclusioni: le disuguaglianze tra gruppi sociali sono aumentate, specialmente nelle giovani generazioni. Le regioni meridionali seguono quelle del centro e nord Italia nel diffondersi dell’epidemia dell’abitudine al fumo.

  11. Valenza e Risorsa degli Ambienti di Apprendimento nel Processo Glottodidattico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Maugeri

    2014-12-01

    Full Text Available Possono gli ambienti didattici essere progettati per potenziare le strategie di apprendimento degli studenti? Può lo spazio didattico avere un impatto sull’esperienza di studio di allievi adulti, influenzandone la motivazione e la performance? Sono questi alcuni degli interrogativi a cui cercheremo di dare una risposta nell’ambito di una progettazione didattica che, richiedendo un progetto analitico, include l’esperienza degli ambienti didattici come elemento strategico sia per rafforzare il processo di comunicazione tra organizzazione-docente-discenti che per l’apprendimento di questi ultimi

  12. Effetti della manovra delle riserve obbligatorie nel periodo 1963-1973

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.F. CALIGIURI

    2014-08-01

    Full Text Available Il sistema bancario italiano ha sperimentato una disciplina variabile di riserva obbligatoria. Dal 1974, quando la completa riorma del sistema contibuì a riportare la stabilità monetaria, si è ricorsi, in maniera significativa, allo strumento della riserva obbligatoria almeno due volte: nel 1962 quando il coefficiente medio fu abbassato di 2,50 punti percentuali e nel 1965 quano l’obbligo a fronte dei depositi a risparmio fu attenuato permettendo la sostituzione, in certe condizioni, tra titoli a lungo termine e base monetaria. Scopo del presente lavoro è di esaminare la politica  della riserva nel periodo 1963/1973 attraverso la definizione di un simile aggiustamento per il caso italiano, e di verificare, allo stesso tempo, la validità di tale aggiustamento sul piano empirico utilizzandolo per un’ analisi aggregata del comportamento di offerta del sistema bancario. Particolare attenzione verra data nel contempo all’analisi della domanda di liquidità bancaria  in quanto essa è di importanza centrale nell’interpretare i riflessi della politica della riserva sull’offerta complessiva di crediti e di depositi.  

  13. Acta Theologica 2015: 2 207 M. Nel Identity-driven churches: Who ...

    African Journals Online (AJOL)

    in South Africa and in much of the remainder of the Christian world. Nel is clearly an evangelical who takes the Bible as his authoritative guide in all matters of doctrine and conduct. Yet he is cognisant of all the recent theological trends and is willing to learn from them and include those ideas he considers biblical and useful ...

  14. Negare l'acqua. La strategia dello Stato islamico per il controllo delle risorse idriche e il diritto all’acqua delle donne nel Vicino Oriente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Desirée A.L. Quagliarotti

    2016-04-01

    Full Text Available In un contesto di ineguale distribuzione delle risorse idriche, di crescita demografica e di sviluppo economico, l’acqua assume sempre più il ruolo divariabile strategica in grado di alterare gli equilibri geopolitici soprattutto in quelle aree in cui le fonti idriche sono condivise tra più paesi. Obiettivo dell’articolo è quello di analizzare il contenzioso idrico del bacino del Tigri e dell’Eufrate dove la storica disputa per la gestione e l’accaparramento delle acque condivise tra Turchia, Siria e Iraq è acuita dall’effetto del cambiamento climatico e dall’ingresso di nuovi attori nel controllo della risorsa. L’aumento della frequenza e dell’intensità dei periodi di siccità amplifica il gap tra domanda e offerta idrica mentre il nuovo ordine idropolitico disegnato dall’espansione dello Stato Islamico, limita l’accesso alla risorsa da parte delle fasce più deboli delle popolazioni. Particolarmente penalizzate sono le donne a cui viene quotidianamente affidato l’arduo compito di gestire le scarse risorse idriche e di allocarle tra i diversi usi. Il controllo da parte dello Stato islamico delle grandi dighe lungo il corso dei due fiumi, l’utilizzo dell’acqua come strumento di pressione e il conseguente deterioramento qualitativo e quantitativo della risorsa, non solo aumentano la quantità di lavoro che le donne devono impiegare per la raccolta e la distribuzione dell’acqua ma minacciano la sicurezza alimentare e la salute loro e delle loro famiglie.

  15. Quando gli oracoli passano di moda: L’episodio di Appio e Femonoe nel quinto libro della Pharsalia di Lucano

    OpenAIRE

    Casamento, Alfredo

    2014-01-01

    «Stizzita per i suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci»: così Friedrich Dürrenmatt presenta la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI nel momento in cui s’appresta a ricevere l’ennesimo visitatore, il giovane Edipo. Il sarcasmo con cui lo scrittore caratterizza la protagonista del racconto pubblicato nel 1976 preannunzia il tono di divertita levità che si manterrà costante nel corso della narrazione, levità che tuttavia non diminuisce l’intensità dello sguardo illuministico con c...

  16. Le barde et le bouffon

    OpenAIRE

    Fasquel, Samuel

    2013-01-01

    La Gatomaquia de Lope de Vega, La Moschea de Villaviciosa et le Poema heroico de las necedades y locuras de Orlando el enamorado de Quevedo constituent un corpus poétique qui réunit les meilleurs fruits produits par la geste burlesque dans l’Espagne du Siècle d’or. Cet article analyse les profondes différences esthétiques qui caractérisent ces œuvres dans le but de montrer que, malgré ces différences et en dépit de l’importance des éléments carnavalesques et grotesques, ces trois poèmes ne pr...

  17. LUCI ED OMBRE NELL’ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI RISOLUZIONE ALTERNATIVA DELLE CONTROVERSIE NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO ITALIANO ED IN QUELLO CROATO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Greggi

    2017-01-01

    Full Text Available Nel lavoro gli autori esaminano il sistema della risoluzione alternativa delle controversie (ADR - Alternative Dispute Resolution nelle questioni fi scali in un’ottica comparatistica, ovvero alla luce delle legislazioni e delle dottrine italiana e croata. Nella prima parte del lavoro l’attenzione è rivolta all’esperienza italiana di attuazione del sistema ADR; mentre la seconda parte del lavoro è dedicata all’evoluzione del quadro normativo croato nei tentativi di costruzione di meccanismi di ADR. Il lavoro in entrambe le sue parti contiene una rassegna degli orientamenti dottrinali e attraverso i vari capitoli si sottolinea l’aspetto storico e teorico della questione esaminata. Gli autori dibattono ed espongono sul piano comparatistico anche le implicazioni dell’attuazione del sistema in esame; mentre l’infl uenza della dottrina di diritto pubblico sulla comparsa e lo sviluppo del sistema ADR viene evidenziata mediante l’esposizione della recente prassi italiana e croata del sistema di risoluzione dei contenziosi tributari.

  18. Evaluation of nutrient load transferred from Sarca river into Garda lake; Stima del carico di nutrienti trasportato dal fiume Sarca nel Lago di Garda

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Marchetti, F. [Istituto Agrario, S. Michele all' Adige, TN (Italy); Fravezzi, L. [Agenzia Provinciale Protezione Ambiente, Trient (Italy)

    2000-02-01

    River Sarca (catchment surface=1046 Km{sup 2} max altitude=3556 m, min altitude=70 m, mean annual discharge=30 m{sup 3}) is the main tributary of the Lake Garda, the largest subalpine lake in Northern Italy (area=370 Km{sup 2,} catchment surface (included lake surface)=2260 Km{sup 2}, volume=49 Km{sup 3}, max depth=346 m). During 1996-97 a large series of hourly samples has been taken at the estuary's mouth and used to estimate the nutrient loading. Analytical and probabilistic methods are used to relate the data series to the trophic state of the lake. The results are compared with previous theoretical models (L.E.M.- Loading Evaluation Model) and related to dangerous load levels established by OECD. [Italian] L'indagine ha interessato particolarmente le concentrazioni ed il carico organico ed inorganico di azoto e fosforo che affluisce dal bacino del Fiume Sarca (superficie del bacino=1046 km{sup 2,} quota massima=3556 m, quota minima=70 m, portata media annua=30 m{sup 3}) nel Lago di Garda (area=370 km{sup 2}, area del bacino (lago incluso)=2260 km{sup 2}, volume=49 km{sup 3}, profondita' massima=346 m); lo studio si e' svolto nel periodo 1996-1997, con campionamenti presso la foce utilizzando strumentazione per prelievi in continuo nell'arco di una giornata anche in occasione di fenomeni di piena. I risultati hanno permesso di stabilire delle relazioni tra carico e portata liquida e di stimare i quantitativi di nutrienti trasportati a lago e di confrontarli con i risultati di altre indagini (L.E.M. - Loading Evaluation Model) e di valutarne gli effetti attraverso modelli predittivi (OECD).

  19. La frattura dell'estremitá prossimale del femore: valutazioni epidemiologiche basate su cinque anni di ricoveri ospedalieri della popolazione residente nel territorio della ASL di Firenze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. Papini

    2003-05-01

    Full Text Available Obiettivo: l’alta prevalenza negli anziani e l’elevato costo sociale della frattura dell’estremità prossimale del femore (FPF, ha motivato una descrizione epidemiologica del fenomeno nella nostra area. Metodi: per la popolazione dei circa 800.000 residenti nel territorio della ASL di Firenze, basandosi sulle schede di dimissione ospedaliera, è stata studiata la distribuzione dei ricoveri per ASL, per diagnosi, per sesso e per fasce di età. Escludendo i ricoveri ripetuti, è stato stimato il tasso di incidenza. È stata calcolata la degenza media e il tempo di attesa per un eventuale intervento chirurgico. Risultati: il tasso di incidenza stimato sui ricoveri è elevato, sebbene costante negli anni: i valori medi nel periodo sono di 2627,08/100.000 per i soggetti con 85 o più anni d’età e di 1264,25/100.000 nella fascia d’età 80-84 anni. Tale tasso presenta un andamento esponenziale in funzione dell’età a partire da 50 anni e nelle fasce d’età avanzata le femmine mostrano una incidenza circa doppia. Anche la degenza media risulta più elevata nelle fasce di età più anziane. Per i 4 interventi chirurgici più frequenti abbiamo dimostrato che la media della degenza pre-intervento è significativamente maggiore nei deceduti rispetto ai dimessi a domicilio. Conclusioni: il tasso di incidenza di FPF è risultato superiore alla media nazionale sebbene stabile negli anni. La distribuzione dell’incidenza per fasce di età e sesso rispecchia i valori di letteratura. La correlazione tra degenza media pre-intervento e mortalità intaospedaliera è un reperto interessante che richiede ulteriori analisi per una corretta interpretazione.

  20. Contamination effects of DDT in Lake Maggiore on Dreissena polymorpha spawning; Effetti della contaminazione da DDT nel Lago Maggiore sulla riproduzione di Dreissena Polymorpha

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bacchetta, R.; Binelli, A.; Galassi, S.; Provini, A.; Vailati, G. [Milan Univ., Milan (Italy). Dipt. di Biologia

    2000-10-01

    The use of the mollusc bivalve Dreissena polymorpha allowed to follow the contamination evolution by pp'DDT, discharged until 1996 into the River Toce, one of the main tributes of Lake Maggiore (Italy). Results obtained during two different sampling campaigns (1996 and 1997) showed that Baveno Bay, where the river Toce flows, could represent a possible hot spot area because the concentrations of the parental compound and related resides are still dangerous for the aquatic communities. Histological analysis of Dreissena polymorpha female gonads showed adverse effects on the reproductive behaviour. Mollusc specimens collected in June of 1997 revealed an earlier gamete deposition and oocytes degenerations at significant percentage, showing a possible endocrine-disrupting effect by DDT with action mechanisms and target sites not completely clear. [Italian] L'impiego del mollusco bivalve Dreissena polymorpha ha permesso di seguire l'evoluzione della contaminazione da pp'DDT dovuta ad uno scarico industriale riversato fino al 1996 nel fiume Toce, uno dei principali immissari del Lago Maggiore. I risultati ottenuti nei campionamenti effettuati nell'estate del 1996 e 1997 hanno messo in evidenza come la Baia di Baveno, punto di immissione del Toce, risulti una zona a forte rischio ambientale dato che le concentrazioni del composto parentale e dei rispettivi omologhi risultano ancora potenzialmente pericolose per la comunita' acquatica. Contemporaneamente e' stata effettuata un'indagine istologica delle gonadi femminili di Dreissena polymorpha, per verificare eventuali anomalie nella riproduzione. In particolare, negli esemplari prelevati nel giugno 1997 a Baveno si e' riscontrata una deposizione anticipata dei gameti e fenomeni di degenerazione degli ovociti in percentuale altamente significativa, indicando un possible effetto DDT come distruttore endocrino con meccanismi e conseguenze non ancora completamente chiarite.

  1. Un modello econometrico per il credito bancario alle famiglie in Italia (An econometric model for bank lending to households in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Casolaro

    2012-04-01

    Full Text Available Questo lavoro presenta la stima di un modello econometrico per il credito bancario alle famiglie in Italia nel periodo 1984-2003. Il modello si compone di due equazioni: prestiti per l’acquisto di abitazioni e altri prestiti alle famiglie (tipicamente credito al consumo e finanziamenti in conto corrente. Entrambe le equazioni evidenziano uno stretto legame con l’andamento congiunturale dell’economia e il livello dei tassi di interesse reali; i mutui alle famiglie sono influenzati anche dalla dinamica del mercato immobiliare e di quello azionario. Il lavoro verifica l’esistenza di cambiamenti strutturali nelle equazioni in relazione alle trasformazioni intervenute nel mercato del credito nella seconda parte degli anni novanta e scompone il contributo alla crescita del credito alle famiglie tra i diversi fattori.  This paper presents the estimation of an econometric model for bank lending to households in Italy in the period 1984-2003. The model consists of two equations: loans for house purchase and other loans to households (typically consumer credit and loans in the current account. Both equations show a close relationship with the economic trend and the level of real interest rates; household mortgages are also influenced by the dynamics of the housing market and the equity market. The work verifies the existence of structural changes in the equations in relation to the changes occurred in the credit market in the second half of the nineties and breaks down the contribution to growth in lending to households between the different factors.  JEL Codes: D12, G21Keywords: credito bancario, famiglie, prestiti, modello econometrico

  2. Metafore del meccanico nel pensiero di Diderot. Arti e tecniche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Quintili

    2014-12-01

    Full Text Available The natural philosophy of Diderot is built from the experience of the fundamental Description des Arts in the Encyclopedia, or from the «great and beautiful collection of machines» which the work provides a very rich representation. Models and metaphors that Diderot constructs to describe the world of organic beings, from the Pensées sur l'Interpretation de la nature (1753, are inspired by the world of the mechanical arts and crafts. The manouvriers d’expériences, the experimental philosophers, are the great inventors and discoverers of the secrets of nature and living being: to them Diderot inspire itself and his work as a philosopher of nature and arts. From the loom to weave socks, to the fire pump, the description of the machine proceeds through a complex network of metaphors that combine the operation of the instrument to that of organic life. The machine energises itself and the organism, in turn, is mechanized in a maze of functional architectures, according to new models and artistic metaphors of living beings, other than cartesian one. Diderot does not cease to be mechanistic still in his last vitalistic works, from Le Rêve de D’Alembert, to the Éléments de Physiologie. The new world of handicraft and artisans remains the key reference point in the philosophical work of the encyclopaedist-naturalist: weaving loom socks and sensible harpsichord are the two tools / metaphors that describe the man and his rational and specific nature.

  3. L’incompiuto divenire. Sulla storia e la teoria del comico nel pensiero di Michail Bachtin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Sini

    2017-02-01

    Full Text Available La monografia rabelaisiana pubblicata da Bachtin nel 1965 è soltanto l’ultima tappa di una complessa stratigrafia di redazioni che ha preso corpo dall’insieme di problemi emersi durante lunghi anni di studio del genere romanzesco dal punto di vista della poetica storica, della rappresentazione del divenire e delle sue varietà cronotopiche. Chiuderà il cerchio il ritorno a Dostoevskij quale erede della tradizione carnevalesca nella letteratura della modernità.

  4. Giada Tognazzi, La concezione biologica della donna nel Corpus Hippocraticum: dalla teoria alla terapia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giada Tognazzi

    2008-07-01

    Full Text Available I. Fisiologia e anatomia femminileI medici ippocratici hanno dedicato un’importante parte dei loro studi alla ginecologia. Con queste opere si ha la prima formulazione scientifica di un sapere sul corpo femminile e al contempo la prima classificazione delle caratteristiche e delle funzioni biologiche della donna. I trattati prettamente ginecologici compresi nel Corpus sono: De natura muliebri, De mulierum affectibus I-III e De virginum morbis. Essi costituiscono una vera e propria “scienza de...

  5. Giada Tognazzi, La concezione biologica della donna nel Corpus Hippocraticum: dalla teoria alla terapia

    OpenAIRE

    Tognazzi, Giada

    2008-01-01

    I. Fisiologia e anatomia femminileI medici ippocratici hanno dedicato un’importante parte dei loro studi alla ginecologia. Con queste opere si ha la prima formulazione scientifica di un sapere sul corpo femminile e al contempo la prima classificazione delle caratteristiche e delle funzioni biologiche della donna. I trattati prettamente ginecologici compresi nel Corpus sono: De natura muliebri, De mulierum affectibus I-III e De virginum morbis. Essi costituiscono una vera e propria “scienza de...

  6. Ricerche per l’altare di San Giuseppe nel Duomo di Milano

    OpenAIRE

    Giani, Federico Maria

    2015-01-01

    Questo numero monografico ospita una ricerca sul perduto altare di San Giuseppe nel Duomo di Milano, ritenuto uno dei “key monuments” grazie al quale oggi sarebbe forse possibile riportare in squadra tanti aspetti della scultura lombarda che paiono ancora eccessivamente poco chiari. La ricerca è stata condotta attraverso il riesame e l’incremento delle fonti documentarie, evidenziando alcuni snodi problematici relativi allo svolgimento del cantiere, al contesto della committenza e agli aspett...

  7. Sé come un altro: l’etica della reciprocità nel pensiero di Paul Ricoeur

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Sacchetti

    2012-03-01

    Full Text Available All’interno del panorama fenomenologico la proposta di Paul Ricoeur si configura come una sorta di “via di uscita” rispetto alle aporie in cui cade la fenomenologia husserliana nel suo tentativo di accedere all’ “altro da sé” a partire dal solipsismo trascendentale. La comprensione analogica, basata sul meccanismo dell’appresentazione, in Ricoeur cede il posto ad una filosofia pratica di stile kantiano, fondata sul rispetto, che fa dell’alterità una dimensione costitutiva essenziale della propria soggettività. Nel saggio in primo luogo si analizzerà la critica generale che Ricoeur muove all’idealismo husserliano, mentre in un secondo momento si evidenzierà come il passaggio di Ricoeur dalla fenomenologia all’ermenuetica comporti anche un significativo cambiamento nel modo di affrontare e risolvere il problema dell’intersoggettività. Apparirà infine evidente come il percorso ricoeuriano sia fin dall’inizio segnato ed animato da una forte tensione.

  8. I Samaritani nel contesto storico, geografico e religioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stanisław Wypych

    2005-09-01

    Full Text Available Il termine „Samaritani” deriva dal verbo ebraico šāmar “vigilare”, „custodire”. Gli Assiri, dopo aver conquistato la capitale Samaria (722 deportarono circa 40 mila Israeliti in Mesopotamia i quali conservarono la tradizione dei profeti del Regno del Nord: Elia, Eliseo, Amos ed Osea. Nella regione di Samaria rimasero circa 100 mila Israeliti, ma vi arrivarono molti altri popoli dalla Siria, Assiria, Persia, Media e dal mondo ellenistico. Così si formò una comunità assai composita che adottò un rito speciale. Dopo il periodo di deportazione (di esilio, quando i rimpatriati Giudei si dedicarono al rinnovamento del culto e alla ricostruzione del tempio di Gerusalemme, i Samaritani espressero il desiderio di parteciparvi. Ma il loro desiderio fu respinto dai rimpatriati. Allora i Samaritani, per ragioni politiche, si opposero alla ricostruzione delle mura di Gerusalemme e costruirono un proprio tempio sul monte Garizim (328 che fu distrutto da Giovanni Ircano (128, procurando una profonda spaccatura tra Giudei e Samaritani. Spesso si parla di „scisma dei Samaritani”. In realtà si tratta piuttosto di due correnti religiose, basate sul Pentateuco. I Samaritani sono monoteisti, considerano Mosè come un profeta, indirizzano le preghiere a Dio tramite i patriarchi e Mosè, accettano il Pentateuco, considerano il monte Garizim come un luogo santo, hanno il proprio calendario liturgico e riti religiosi. Gesù non predicò la buona novella ai Samaritani (non si trovano tracce nella fonte Q e in Marco. I due evangelisti testimoniano che Gesù non era contro i Samaritani (vedi la parabola del buon Samaritano – Luca 10,30-35 ed il colloquio con la Samaritana – Giov. 4,4-42. I discepoli di Gesù ben presto, con un notevole successo, cominciarono a predicare il messaggio del loro Maestro ai Samaritani (cf. Atti 8,1-6.

  9. Le CRDI au Cambodge

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI a été l'un des premiers bailleurs de fonds à établir des relations avec le Cambodge au début des années 1990, alors que le pays progres- sait vers la paix. Depuis, le Centre aide à reconstruire le Cambodge, qui se remet du régime inhumain des Khmers rouges et de décennies de conflits régionaux. Un État ...

  10. 1910 - Le mouchoir

    NARCIS (Netherlands)

    Winkler, M.F.; Cohen, Nadja; Reverseau, Anne

    2015-01-01

    Une histoire littéraire buissonnière. Ainsi pourrait-on qualifier le parcours original auquel nous convie cet ouvrage, qui propose une lecture insolente et insolite de cinquante années de littérature – de 1900 à 1950 – par le prisme des objets. Objets de tous les jours comme le tabac, le vélo ou le

  11. Ripensare le pratiche inclusive e le relazioni di aiuto secondo la prospettiva della resilienza. Indagine sulla percezione della disabilità dei figli da parte di genitori migranti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Malaguti

    2010-02-01

    Full Text Available scientifico nazionale ed internazionale. Il punto di vista, le istanze, i bisogni, le difficoltà, le risorse, le competenze dei bambini con disabilità e delle loro famiglie raramente sono considerate come parte fondante il processo di costruzione delle pratiche di cura. Nel corso degli anni, ciononostante, il processo di empowerment e di resilienza delle famiglie di bambine e bambini con disabilità italiani ha permesso di migliorare i processi inclusivi anche attraverso la costituzione di associazioni di genitori divenuti soggetti politici determinanti nella definizione di percorsi di integrazione di qualità. Lo stesso non si può dire per le famiglie migranti. La ricerca ha inteso ed intende indagare le pratiche di cura e di progettazione dei servizi educativi in relazione alla presenza di bambine e bambini con disabilità e di sondare la percezione che le famiglie hanno della disabilità dei loro figli. Si pone l’obiettivo di conoscere i presupposti fondanti, gli indicatori e le linee di direzione attuate in relazione alla presenza di bambine e bambini disabili migranti e /o figli di genitori migranti; di indagare le istanze delle famiglie cogliendo eventuali connessioni, risorse e criticità; di cogliere i differenti punti di vista collegati al fenomeno in questione. Il lavoro di ricerca fino ad ora condotto ha permesso di mettere in evidenza alcuni nodi critici. Un primo, sul quale intende insistere il presente articolo, riguarda le logiche sottese alla presa in carico e cura e alla costruzione di relazioni di aiuto – presupposto fondante la progettazione verso la costruzione dell’integrazione e di pratiche inclusive – basate sul criterio della reciprocità e del dialogo.

  12. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2000-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CEE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environmental conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues i a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati al settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile

  13. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2001-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environment conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues in a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile. In

  14. L'ordine del mondo le simmetrie in fisica da Aristotele a Higgs

    CERN Document Server

    Barone, Vincenzo

    2013-01-01

    Il mondo ci appare come una lunga serie di contingenze locali: ogni fatto accade per ragioni sue e quindi ogni previsione relativa al fatto successivo sembra azzardata. C'è però un altro modo di guardare il mondo, ed è quello fondato sulle regolarità intrinseche, sulle trame ordinate della sua tessitura sottile. In fisica il discorso sulla struttura del mondo giunge a noi addirittura da Anassimandro, ma è con Einstein che si fa strada prepotentemente l'idea di necessità, o di inevitabilità, nel mondo fisico. È con la relatività ristretta, nel 1905, che per la prima volta entra a far parte della fisica il concetto di simmetria come elemento fondamentale della spiegazione del mondo. Da Einstein in poi, il mondo apparirà dotato di una sua struttura intrinseca, che permette lo sviluppo di certe regolarità, mentre ne nega altre, proprio come avviene nel "Castello dei destini incrociati" di Italo Calvino, dove il gioco di incroci tra le storie raccontate dai tarocchi permette alcuni sviluppi narrativi e ...

  15. [Perché la legionellosi è una tra le più temibili ICA].

    Science.gov (United States)

    Delia, S

    2017-01-01

    La Legionellosi è una polmonite che può presentare un decorso variabile a seconda se i soggetti colpiti risiedono nel loro domicilio, sono ospiti di strutture recettive o sono ospedalizzati. In ambito ospedaliero, che annovera questa patologia tra le più pericolose Infezioni Correlate all'Assistenza (ICA), si registrano decisamente i casi più gravi e assai spesso letali. Gli errori nella Valutazione del Rischio e negli interventi di risanamento contribuiscono alla proliferazione all'interno delle condutture idriche di un temibile microrganismo che può essere eliminato o ridotto solo con un approccio multidisciplinare.

  16. Survey on the consumptions of energy sources in the tertiary sector in Italy in 1999; Indagine sui consumi di fonti energetiche nel settore terziario in Italia. Anno 1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Iorio, G. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Perrella, G. [ENEA, Divisione Promozione degli Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Ballin, M. [Istituto Nazionale di Statistica, Dipt. Statistiche Economiche, Rome (Italy)

    2001-07-01

    This report has the aim to introduce the results of the sampling survey performed to determinate the consumption of energy sources (electricity, natural gas, fuel oil, diesel oil, etc.) in the tertiary sector. The energy consumptions report to 1999 and they are disaggregated for typology of use: energy consumptions for productive uses, for production of energy and for traction. The economic energy intensive activities have represented the nucleus of the survey. Particular attention has been devoted to the production of energy and the consumption of heat. [Italian] Il presente rapporto ha l'obiettivo di presentare i risultati dell'indagine campionaria effettuata per determinare il consumo di fonti energetiche (energia elettrica, gas naturale, olio combustibile, gasolio, ecc.) nel settore terziario. I consumi energetici si riferiscono al 1999 e sono disaggregati per tipologia di utilizzo: consumi energetici per usi produttivi, per produzione di energia e per trazione. Le attivita' economiche ad alta intensita' energetica hanno rappresentato il nucleo dell'indagine. Particolare attenzione e' stata dedicata alla produzione di energia e al consumo di calore.

  17. Le musiche di Palazzo Pitti al tempo dei granduchi Asburgo-Lorena. Storia della collezione musicale granducale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Gitto

    2011-11-01

    Full Text Available Le musiche della biblioteca dei granduchi Asburgo-Lorena furono raccolte e custodite presso Palazzo Pitti fino al 1862, anno nel quale vennero trasferite presso il Regio Istituto di Musica, oggi Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze. Il fondo Pitti, restaurato e riordinato negli anni successivi l’alluvione del 1966, è stato nel 2010 oggetto di catalogazione informatica svelando, dopo un secolo e mezzo di oblio, più di 6.000 opere musicali di provenienza fiorentina e in gran parte austriaca, a testimonianza del forte legame che univa Firenze e Vienna. L’analisi delle musiche manoscritte e a stampa, accompagnata dal ritrovamento di antichi inventari e dallo studio di fonti archivistiche, ha permesso la ricostruzione delle vicende della collezione palatina ed ha contribuito ad una maggiore conoscenza della pratica musicale alla corte fiorentina e del contesto culturale nella Toscana pre-unitaria.

  18. Mobilità Urbana Sostenibile: strategie attuali e nuove sfide per le città europee

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2011-07-01

    Full Text Available Nel decennio 2001-2010 numerosi passi sono stati compiuti dall’Unione Europea per orientare le città europee verso forme di mobilità sostenibile. Finalità comune alle numerose iniziative messe in campo dall’UE è stata quella di promuovere, soprattutto nelle aree urbane, un aumento della mobilità – indispensabile per lo sviluppo competitivo delle città e per garantire ai cittadini elevate opportunità di accesso alle dotazioni urbane – e una contemporanea drastica riduzione dei significativi costi ambientali che ad essa risultano, a tutt’oggi, associati.Strategie, iniziative e ricerche in ambito europeo sono state orientate, nel corso del decennio 2001-2010, a promuovere una sostanziale limitazione del trasporto individuale su gomma all’interno delle aree urbane e ad incentivare forme di mobilità sostenibile. Più specificamente, strategie e azioni sono state prioritariamente rivolte a: favorire innovazioni relative ai modi e ai mezzi del trasporto urbano; garantire un riequilibrio intermodale all’interno delle aree urbane, favorendo il trasporto pubblico, soprattutto su ferro, e gli spostamenti pedonali e ciclabili; superare la settorialità che ha a lungo caratterizzato la pianificazione dei trasporti, delineando processi di governo basati sull’integrazione tra politiche e strumenti per la pianificazione della città, dei trasporti e dell’ambiente (Galderisi, 2007. A partire dal 2007, l’Unione Europea ha ulteriormente e significativamente intensificato il proprio impegno per una riduzione dei costi ambientali della mobilità urbana: dal Libro Verde sul Trasporto Urbano, al Patto dei Sindaci mirato a coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale e, ancora, al più recente Libro Bianco sui Trasporti del 2011, numerose sono state le iniziative messe in campo dall’Unione Europea per dare concretezza e operatività agli indirizzi già delineati nel Libro Bianco

  19. Le vieillard et le chevalier

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mélanie JECKER

    2010-05-01

    Full Text Available La fin du Moyen Âge fascine. Deux facteurs principaux expliquent l’attraction qu’exerce cette période : elle apparaît d’une part comme un moment historique riche car double, phase de transition entre le Moyen Âge et la Renaissance, où se mêlent des cadres de représentation anciens et nouveaux. L’insinuation d’une pensée humaniste balbutiante s’y traduirait notamment par l’émergence de la notion d’individu, qui constitue l’un des objets de ce travail. Il faut invoquer, d’autre part, l’image macabre d’un bas Moyen Âge hanté par l’idée de la maladie et de la mort depuis l’épidémie de peste noire de 1348, obsédé par la brièveté de la vie humaine. Ces deux facettes de « l’automne du Moyen Âge » tel que l’évoque avec poésie Joan Huizinga sont-elles autre chose qu’une plaisante image d’Epinal? Cette étude cherche précisément à déterminer le degré de validité de ces deux topiques, à travers l’analyse de la représentation des âges de la vie dans un corpus bien défini, celui de la biographie chevaleresque castillane du XVe siècle. L’intérêt porté à l’individu, la conscience de la singularité impliquent en effet celle du caractère mouvant de la personne, or quel thème mieux que celui des âges permet de confirmer ou d’infirmer l’hypothèse du surgissement d’une nouvelle manière de concevoir l’homme, proprement « renaissante », en ce siècle de transition , La nature même du corpus retenu – des récits biographiques – suggère en effet une mutation dans l’appréhension de la personne, une attention prêtée à sa progressive transformation. L’étude de la représentation de la vieillesse, en particulier, révèle non seulement à quel point était alors réelle cette prétendue obsession de la déchéance physique et de la mortalité, mais aussi dans quelle mesure étaient soulignés et valorisés les changements individuels parallèles à l

  20. Technical analysis and economic effect of an industrial initiative in the photovoltaic sector; Effetto dell' analisi tecnica ed economica di una iniziativa industriale nel settore dell'energia fotovoltaica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciorba, U.; Pauli, F. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Menna, P. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy)

    2001-07-01

    interdipendenze economiche, valutiamo l'impatto sul sistema produttivo di una domanda finale di moduli fotovoltaici per complessivi 5 MW p di potenza. Tale domanda, che corrisponde a una spesa di 16.3 milioni di euro, attiva (direttamente e indirettamente) un incremento di produzione pari a 57.6 milioni di euro, quando le celle sono prodotte in Marocco. Nell'ipotesi che le celle siano importate, invece, l'incremento di produzione e' di 22.3 milioni di euro. L'impatto sull'occupazione, in termini di creazione di posti di lavoro, ammonta a 2570 unita' nel primo caso e 489 nel secondo. La ricaduta produttiva e occupazionale della domanda di moduli dipende fortemente dalla disponibilita' dei beni intermedi a livello locale.

  1. Chemical consequences of the (n,el) reaction in diphenyl selenium

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Beltran, C.; Bulbulian, S.; Archundia, C.

    1985-10-01

    The products formed during thermal neutron irradiation of diphenyl selenium were analyzed by gas chromatography. Possible reaction mechanisms are discussed to explain the principal reaction product observed. The organic yields of sup(75)Se, sup(83)Se and sup(81m)Se are determined. The retention values obtained are 9.7 +- 2.0, 8.3 +- 1.1 and 10.4 +- 2.1, respectively. These low values indicate that in all three cases most of the molecules are broken after the (n,el) process. No isotope effect was observed. (author). 13 refs.

  2. La pedofilia, tra stigmatizzazione e prevenzione: uno sguardo nel canton Ticino

    OpenAIRE

    Manetti, Sara; Jaffé, Philip D.

    2014-01-01

    La pedofilia è un disturbo della preferenza sessuale che viene spesso confusa con il comportamento sessuale abusante verso i bambini. Se in determinati casi la pedofilia coincide con degli atti criminali, va precisato che molte persone affette da questo disturbo dimostrano un grande senso di responsabilità e moralità nel decidere di non soddisfare i propri impulsi sessuali in nome del rispetto dell’integrità del bambino. Tuttavia, l’opinione pubblica fatica a differenziare il pedofilo dall’ab...

  3. GIUSTIZIA, PENA E MISERICORDIA NELL’ISTITUTO DEL MATRIMONIO NEL DIRITTO ROMANO

    OpenAIRE

    Paolo Giuseppe Maria Lobiati

    2017-01-01

    Il tema della giustizia e della pena può essere riscontrato anche nella risoluzione del conflitto tra coniugi già a partire dal diritto romano arcaico. Si tratteggerà, quindi, l’evoluzione dell’istituto del divortium nel sistema giuridico romano a partire dalla sua nascita come risposta al ius vitae ac necis del marito sulla moglie, passando per il ripudio unilaterale e concludendosi con la dissoluzione del vincolo. L’analisi proseguirà attraverso uno sguardo sulla normativa di merito nell’et...

  4. Le gouvernement Mansard

    OpenAIRE

    Curton, Émile de

    2013-01-01

    Le fait même de sa nomination au poste de Gouverneur allait donner au conflit qui opposait Mansard au docteur Alain toute sa dimension. Le Médecin-chef et ses complices avaient manqué leur premier objectif : remettre en cause le ralliement de la colonie avant le départ du Gouverneur de Géry. Toutefois, ils jugeaient toujours possible de saper l’autorité encore fragile du nouveau gouverneur en la contestant. Dans ce but, le chef du service de santé prenait, dès le 15 septembre, une double init...

  5. CARTOGRAFIA STORICA IN AMBIENTE GIS OPEN SOURCE (QUANTUM GIS E GVSIG PER L’ANALISI DELLE DINAMICHE DELL’UTILIZZAZIONE DEI TERRENI: IL CASO DELLA CITTÀ DI CURTEA DE ARGE NEL NOVECENTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriela OSACI-COSTACHE

    2009-11-01

    Full Text Available L’obiettivo principale della ricerca è stato quello di controllare le capacità dei programmiGIS Open Source e, in questa fase dell’indagine, per raggiungere tale scopo ci siamo decisi diconcentrarci su una regione di 28 kmq intorno alla città di Curtea de Arge . Dato che le piùimportanti trasformazioni hanno interessato il ventesimo secolo, abbiamo scelto diapprofondire le dinamiche territoriali tra l’inizio e la fine del Novecento. La ricerca è partitadalle edizioni cartacee di due carte a grande scala stampate durante il Novecento: la cartatopografica in proiezione di Lambert (1929 e la carta topografica in proiezione di Gauss-Krüger (1980. La carta topografica in proiezione U.T.M. (1997 è stata utile solo per il suoreticolato, a causa della piccola scala. La copertura del suolo e le dinamiche dell’utilizzazionedei terreni sono state analizzate con l’aiuto dei programmi Liberi (Free & Open SourceSoftware Quantum GIS e gvSIG. Il presente lavoro è stato diviso in quattro fasi: a lascansione delle carte; b la georeferenziazione; c l’acquisizione dei dati contenuti nelle cartetopografiche, la realizzazione dei livelli vettoriali e la creazione di un DB; d l’analisi dei daticontenuti negli strati vettoriali o raster, grazie ai plugin GRASS (integrato in QGIS e Sextante(integrato in gvSIG. Sono stati applicati i metodi moderni della cartografia digitale, grazie aiprogrammi GIS. L’utilizzo della tecnologia GIS ci ha consentito di rendere coerenti econfrontabili i dati provenienti dalle due carte topografiche stampate nel Novecento, realizzatecon metodi differenti di rilevamento e di rappresentazione cartografica e in diverse proiezioni.La buona sovrapponibilità degli elaborati cartografici del Novecento, co-registrati nelmedesimo sistema di riferimento ci ha permesso la ricostituzione, in ambito GIS, delledinamiche territoriali. Si è ottenuta un’immagine qualitativa e quantitativa delle trasformazionidell’utilizzazione dei terreni

  6. National Education Longitudinal Study of 1988: Conducting Trend Analyses of NLS-72, HS&B, and NELS:88 Seniors. Working Paper Series.

    Science.gov (United States)

    Ingels, Steven; Baldridge, John

    The National Education Longitudinal Studies (NELS) program is a long-term effort that now encompasses the educational experience of youth from three decades, the 1970s, 1980s, and 1990s. The NELS program studies the educational, vocational, and personal development of students at various grade levels, and the personal, familial, social,…

  7. Le beau et le vrai

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Létitia Mouze

    2006-05-01

    Full Text Available La vie des abeilles de Maeterlinck est un ouvrage à la fois scientifique et littéraire, non pas parce qu’il appartiendrait à la science par son exactitude et à la littérature par son style, mais en ce qu’il invite à penser l’unité des deux domaines. Les aspects littéraires de l’ouvrage (beauté de l’écriture, usage des images, de l’analogie, etc. ne sont pas des accessoires, mais des outils indispensables à l’élaboration d’un authentique savoir sur les abeilles, c’est-à-dire un savoir qui reconnaît la part d’inconnu et le mystère qui subsistent en dépit de toutes les explications physiques et mécaniques que l’on peut par ailleurs donner des phénomènes observés. Etre scientifique, dans cette perspective, c’est-à-dire donner à connaître, c’est donc être littéraire. Cette conception de la science repose en dernière instance sur une conception philosophique de l’univers comme un tout où toutes choses sont reliées, unies, par des relations d’analogies, ce qui fonde et justifie l’emploi d’un style symboliste.The life of bees, one of Maeterlinck’s works, is together a scientific and literary book, not because of it scientific exactness and its literary style, but for the reason it suggests the unity of both these domains. Literay’s aspects of this work (writing’s beauty, use of images, analogy, etc. are not secondary but necessary to elaborate an authentic knowledge about bees, that means a knowledge which admit the unknown part and the mistery that subsist despite all the physical and mechanical explanations we can give moreover about the observed phenomenons. Be a scientist, in this sense, that is give something to know, therefore means be literary. Finally, this conception of science consist in a philosophiacl conception of Universe as a whole where everything links together, and is united by analogical relations, that base and justify the use of a symbolist style.

  8. Avifauna monitoring in Lesina lagoon district; Monitoraggio dell'avifauna nel comprensorio della Laguna di Lesina (FG)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pelosi, S.; Franchi, M. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Lesina, FG (Italy). Ist. per lo Studio degli Ecosistemi Costieri; Calvo, M. [Ekoclub International, Lesina, FG (Italy); Basile, M. [Federcaccia (Italy)

    2000-08-01

    During the four seasons of 1998 the authors have taken a census of individual numbers in relation to the species and in some cases it was possible to verify the sex. The lagoon district was divided in three areas of the same surface and each one was subdivided in 45 quadrants. The study carried out that the distribution area of some birds was widened and some species that before were not in this area, now are present and build their nests. [Italian] L'articolo illustra i risultati del monitoraggio dell'avifauna effettuato nel comprensorio della laguna di Lesina, che ricade nel territorio del Parco Nazionale del Gargano.

  9. Biomass consumption for energetic purpose in the household sector; Il consumo energetico di biomassa a fini domestici nel settore domestico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gerardi, V.; Perrella, G. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Energia; Masia, F. [CIRM Research market srl, Milan (Italy)

    1999-07-01

    The report shows the results of a sampling survey performed to determine the biomass consumption for energetic purpose in the household sector. In particular, the methodology and sampling plan adopted to get a result with an error, at national level, of {+-}2.4%. are illustrated. Data are described and discusses. [Italian] Nel rapproto sono riportati i risultati di una indagine campionaria effettuata per determinare il consumo di biomassa a fini energetici nel settore domestico. Viene illustrata la metodologia ed il piano di campionamento adottato per avere un risultato che abbia a livello nazionale un errore del {+-}2.4%. I dati riportati vengono analizzati e discussi.

  10. Paolo Lago, La nave, lo spazio e l’altro. L’eterotopia della nave nella letteratura e nel cinema

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marina Guglielmi

    2017-05-01

    Full Text Available L’eterotopia, quando si radica nel progetto critico di uno studioso, può assumere la fisionomia di un “rovello” personale. Lo è stato per Michel Foucault che nel 1966 ha cristallizzato in una definizione e in una prima tassonomia i «luoghi reali fuori da tutti i luoghi» (Utopie, eterotopie, Napoli, Cronopio, 2006: 13, i contro-spazi «che si oppongono a tutti gli altri e sono destinati a cancellarli, a compensarli, a neutralizzarli o a purificarli» (ibid.: 12.

  11. Voix-off et commentaire dans le cinéma documentaire et ethnographique

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Paggi

    2011-07-01

    Full Text Available Une analyse de la voix-off dans le cinéma documentaire – dont la fonction est avant tout le commentaire – où la relation texte/image est considérée comme fondamentale dans la genèse de la signification. Avec l’avènement du sonore, le commentaire occupe dans le cinéma documentaire « classique » une place prédominante, jusqu’à la fin des années Cinquante lorsque commence à s’affirmer la nouvelle stratégie de mise en scène du cinéma direct. Foncièrement critique envers le commentaire qu’il considérait comme trop chargé d’autorité, le cinéma direct instaure alors une autre relation avec le réel, restituant la parole aux protagonistes des actions représentées. L’analyse de la voix-off et du commentaire s’appuie sur des exemples cinématographiques – dont Flaherty, Buñuel, Ivens, Resnais, Marker, Rouch. De ce dernier, on analyse ensuite le commentaire mytho-poétique du film ethnographique Le Dama d’Ambara, considéré comme un exemple de la délicate quête d’équilibre entre l’expression artistique de la cinématographie et la communication scientifique de l’anthropologie.Un’analisi della voce-off nel cinema documentario, dove assicura innanzitutto una funzione di commento, prendendo come fondamentale nella produzione di significato la relazione testo/immagine. Con l’avvento del cinema sonoro, il commento assume nel documentario « classico » un’importanza predominante, fino alla fine degli anni cinquanta, quando comincia ad affermarsi la nuova strategia di realizzazione del cinema diretto. Fondamentalmente critico verso il commento che considera troppo carico d’autorità, ma anche della musica di sottofondo, il cinema diretto instaura una diversa relazione con il reale, restituendo la parola ai protagonisti dell’azione rappresentata. L’analisi della voce-off e del commento si appoggia su alcuni esempi cinematografici – tra cui Flaherty, Buñuel, Ivens, Resnais, Marker, Rouch. Di

  12. La competizione trofica nei carnivori di ambienti montani e vallivi nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Bruno

    2003-10-01

    Full Text Available In questo contributo si analizza la dieta di quattro specie di Mammiferi valutando le differenze inter e intraspecifiche. Sono state analizzate 110 feci di Volpe (Vulpes vulpes, 75 di Martes sp., 58 di Donnola (Mustela nivalis e 21 di Tasso (Meles meles da febbraio 2001 a dicembre 2002 in aree caratterizzate da differente altitudine e paesaggio: due aree situate nel PNCVD. In ambiente montano la categoria trofica utilizzata con frequenze percentuali maggiori è quella degli Artropodi: 43% per Martes sp., 41% per la Donnola, 38% per la Volpe, mentre la specie che sfrutta in minori quantità questa risorsa è il Tasso (34%. Quindi, la competizione trofica maggiore è risultata per gli Artropodi, in particolare fra Martes sp., Donnola e Volpe e, in misura minore, fra queste ed il Tasso. Di fatto, il Tasso predilige i Vegetali (41%. Può esserci una modesta competizione tra la Volpe e Martes sp. per i Mammiferi di cui si nutrono frequentemente (32% e 30% rispettivamente. Tale situazione non si verifica per Donnola (6% e Tasso (19%. Nell'ambiente fluviale massima sovrapposizione delle nicchie trofiche esiste, invece, per l'utilizzo dei Vegetali, in particolare fra Volpe (40%, Martes sp. (53% e Donnola (53%. Mentre, riguardo all'assunzione di Artropodi, la Volpe (35% si discosta da Martes sp. (25% e dalla Donnola (32% in quanto si nutre di questi animali in maggiori quantità. Condizioni analoghe sono risultate per i Mammiferi in ambiente fluviale. Attraverso un'analisi multivariata di tutti i dati alimentari, si è osservata la notevole separazione della nicchia trofica della Volpe in ambiente vallivo rispetto alle altre specie e soprattutto relativamente ad Artropodi Imenotteri e Ditteri. In ambiente montano la nicchia della Volpe si avvicina a quella di Martes sp. in particolare per la predazione di Uccelli e Ortotteri. Martes sp. è risultata la

  13. Il popolamento in Romagna nelle fasi finali della Media età del bronzo e nel Bronzo recente.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Cattani

    2009-10-01

    Full Text Available Si presenta sinteticamente una valutazione delle segnalazioni relative alle fasi finali del Bronzo Medio e del Bronzo Recente in Romagna e nelle zone limitrofe per una ricostruzione delle dinamiche insediative e per un approfondimento dei reperti rinvenuti nel sito di Solarolo.

  14. An "Ideal" Home for Care: Nel Noddings, Thomas Hill Green, and an Ontological Support for a Phenomenology of Care

    Science.gov (United States)

    Decoste, Jordan; Boyd, Dwight

    2009-01-01

    This paper is grounded in a deep appreciation of Nel Noddings' "ethics of care" as an important contribution to moral philosophy and moral education. We seek to offer some philosophical reflections that have the potential to strengthen this important alternative to mainstream ethics and to how moral education might be conceived and practiced…

  15. La valutazione delle trasformazioni urbane e ambientali nei siti UNESCO dei paesi in via di sviluppo: applicazioni di rappresentazione digitale nel sito monumentale di An-Ninh presso la città di Hue, Vietnam

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Issini

    2009-12-01

    Full Text Available Le trasformazioni urbane e ambientali in atto nei paesi in via di sviluppo interessano spesso anche siti di alto valore storico-monumentale che necessitano quindi di metodi e strumenti atti a salvaguardarne l’integrità fisica e percettiva. Il presente lavoro tratta delle ricerche svolte sull’area di An-Ninh, presso Hue, in Vietnam, città UNESCO dal 1993. Tale area infatti rientra nei programmi di sviluppo turistico-culturale delle amministrazioni locali, essendo caratterizzata dalla presenza di uno dei siti templari più importanti del paese, integrato ad un contesto ambientale e paesaggistico di elevata qualità. La città di Hue si presenta infatti come un sistema monumentale diffuso ed integrato al territorio, dove i fenomeni di espansione urbana legati alla crescita economica ancora tardano a manifestarsi. Le opere di valore storico-artistico riconosciuto possono essere classificate in tre insiemi principali: La Cittadella contente la Città Proibita e il sistema di edifici a servizio della Corte Imperiale; l’insieme degli edifici diffusi sui rilievi montuosi circostanti, in particolare le Tombe Imperiali; l’area di espansione coloniale Francese a sud e l’area templare di An-Ninh, oggetto della presente ricerca. Il gruppo di ricerca del Dardus, congiuntamente con l’Università di Hue e il Hue Monuments Conservation Centre dopo avere realizzato un processo di conoscenza e documentazione rigoroso delle architetture e del territorio inclusi nel sito di An-Ninh, ha provveduto alla realizzazione di un ambiente virtuale che potesse costituire lo scenario adeguato per la valutazione della sostenibilità di nuovi interventi di architettura. Il processo di modellazione ha tradotto le informazioni acquisite nelle campagne di rilievo e di ricerca della documentazione storica in un oggetto virtuale articolato secondo diversi livelli di dettaglio e gerarchie di valori. Ogni emergenza monumentale è stata rappresentata tenendo conto del

  16. Fuel-cell technology for vehicular applications; L`introduzione delle pile a combustibile nel settore dei trasporti: proposte, standard e normative per sistemi di bordo ed impianti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciancia, A.; Pede, G.; Marmigi, R. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dip. Energia

    1998-12-31

    viene descritta la situazione normativa nel settore dei serbatoi per gas compressi, esponendo poi le attivita` dell`ENEA in proposito. La parte finale e` dedicata ai problemi e possibili linee nella distribuzione e rifornimento del combustibile per i veicoli elettrici a celle a combustibile.

  17. Dante deutsch: Riflessioni sulle traduzioni tedesche della ‘Divina Commedia’ nel Novecento (George e Borchardt

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Thomas Klinkert

    2016-06-01

    Full Text Available Malgrado il pregiudizio secondo il quale la poesia in generale e la Divina Commedia in particolare sarebbero intraducibili, quest'ultima dal Settecento in poi è stata tradotta in tedesco – sia parzialmente che completamente – più di centosettanta volte. Non solo i romantici ma anche i filologi dell'Ottocento hanno contribuito in maniera decisiva a questa intensa ricezione. Nel Novecento la pratica della traduzione è stata portata avanti da due grandi poeti: Stefan George e Rudolf Borchardt. Un'analisi selettiva del primo canto dell’Inferno e delle traduzioni di George e Borchardt mostrerà alcune trasformazioni specifiche del testo dantesco a seconda delle scelte linguistiche dei due poeti.

  18. La Sapienza di Niccolò da Uzzano: l’istituzione e le sue tracce architettoniche nella Firenze rinascimentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuela Ferretti

    2011-10-01

    Full Text Available Le vicende dello Studio fiorentino nel Quattrocento sono piene di luci e di ombre: periodi di grande fioritura si alternano a profonde crisi, che si riflettono invevitabilmente sulla storia della fabbrica della Sapienza, grande cantiere promosso dagli Ufficiali dello Studio nel 1429 e finanziato da Niccolò da Uzzano. La scelta del sito per edificare la Casa di Sapienza fiorentina cade in un vasto lotto, ancora inedificato, fra S. Marco e la SS. Annunziata. Lo studio analizza le vicende costruttive della fabbrica - rimasta incompiuta - e ne segue l’uso e le trasformazioni fra Quattrocento e Cinquento, portando numerosi elementi di novità su un tema che contava una scarissima letteratura; si riflette su una possibile attribuzione, presentando dei grafici che ricostruiscono l’estensione e la morfologia di massima del vastissimo complesso. Viene analizzata anche la funzione precipua dell’edificio, di cui si precisa la natura di collegio universitario e non di sede degli insegnamenti universitari, dislocatati invece nelle chiese o nella sede di via dello Studio, dietro la Cattedrale.

  19. Bernardin de Saint-Pierre e il corpo dello schiavo: Empsaël et Zoraïde tra il Voyage à l’île-de-Francee le Études de la nature

    OpenAIRE

    Menin, Marco

    2017-01-01

    1. Le vicissitudini di un dramma filosofico Fu nel 1771, anno caratterizzato dal ritorno in Francia dall’isola Mauritius e dal decisivo incontro con Jean-Jacques Rousseau, che Bernardin de Saint-Pierre concepì il progetto di scrivere il dramma filosofico in prosa Empsaël et Zoraïde, incentrato – come si può intuire già dal sottotitolo Les blancs esclaves des noirs à Maroc – sulla condanna della pratica della schiavitù. La genesi del breve scritto fu, come per la maggior parte della produzione...

  20. Le CRDI au Vietnam

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    des agriculteurs trouvent des solutions de rechange à la culture du tabac. □ des responsables de politiques agissent pour réduire la pauvreté. Soutien accordé par le CRDI depuis 1991. 111 activités d'une valeur de 30 millions cad. CRDI. Le CRDI au Vietnam centre de recherches pour le développement international ...

  1. Banche dati, GIS e Web GIS: breve storia delle tecnologie applicate ai beni archeologici nel Laboratorio di Informatica per l’Archeologia dell’Università del Salento.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Grazia Semeraro

    2011-09-01

    Full Text Available ItL'articolo è incentrato sulla storia delle applicazioni informatiche alla archeologia sviluppate presso il Laboratorio di Informatica per l'Archeologia (Università del Salento, Lecce. Tale attività è iniziata nel 1983 con il primo sistema per la gestione dei dati di scavo. Ulteriori sviluppi sono legati all'uso del GIS per lo studio delle dinamiche insediative e, più di recente, allo sviluppo di applicazioni web che rappresentano la versione on line dei precedenti sistemi. Oggetto di discussione sono, inoltre, i problemi metodologici sottesi alla gestione informatizzata dei dati archeologici. I metodi e le tecnologie disponibili nell'ambito delle Tecnologie per l'Informazione e la Comunicazione, sono impiegate per la trasmissione dei dati, la gestione delle informazioni e la comunicazione multimediale, applicate alla ricostruzione dei paesaggi e dei sistemi culturali del passato.EnThe paper is focused on the history of computer applications to the archaeology, developed by the Laboratory of Archaeological Computing at University of Salento (Lecce, Italy. This activity started in 1983 with the first excavation data management system. Further developments are linked with the use of GIS in the field of settlement studies and, more recently, with the implementation of two web-based applications, which represent the on-line versions of the older systems. The methodological problems related to archaeological data management are also discussed. The methods and the technologies available in the field of Information and Communication Technology are used for the transfer of data, information management systems and multimedia communication in the reconstruction of ancient landscapes and cultural systems.

  2. En los muros del Palacio: Pedro Nel Gómez en el imaginario social en Medellín, 1930-1950

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Carlos Gómez

    2013-07-01

    Full Text Available Durante la década de 1920 apareció en Latinoamérica una serie de vanguardias culturales que cuestionaron la realidad nacional de sus países buscando cambios en la estructura social y política. Los políticos liberales colombianos, en su intento por llegar al poder, reconocieron en ellas diferentes ideas que influyeron en su desarrollo político. Con las reformas de Alfonso López Pumarejo se buscó un acercamiento con los artistas para que estos desarrollaran una tipología de arte en la que se involucrara a la sociedad y así ésta tomara conciencia de su historia e idiosincrasia. Bajo estos lineamientos Pedro Nel Gómez fue contratado para decorar el Palacio Municipal de Medellín con diferentes murales al fresco que cumplieran este propósito. El artista presentó nueve frescos que despertaron polémica debido al llamado de conciencia social que realizó al retratar los principales problemas de su país, situación que no solo le ganó el apelativo de socialista sino que años más tarde lo llevó a la censura. Con este texto se pretende interpretar esos murales como fuente de conocimiento histórico y ver en ellos los problemas sociales de la Colombia de los años treinta expresados por el artista desde su pensamiento socialista e influencia marxista.

  3. Distribuzione e consistenza della popolazione di Scoiattolo grigio Sciurus carolinensis Gmelin, 1788 nel levante genovese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Venturini

    2005-06-01

    Full Text Available Abstract Distribution and population size of the Grey squirrel Sciurus carolinensis Gmelin, 1788 in Province of Genova (NW Italy In Liguria, the Grey squirrel population originated from an introduction of five pairs in an urban park (Genoa Nervi in 1966. A first study, carried out in the 1996 by interviews, located a second group 3 km far, in Bogliasco locality. In this study, conducted in 2001-04, the population size of Genoa Nervi and the presence of the species in surrounding areas were investigated. In 2002 the population size was estimated in 115/286 individuals by distance sampling method, while, by direct observation, it varied from 80 individuals (2004 to 114 individuals (2003. The sampling by hair tubes in surrounding areas confirmed the presence of a group of grey squirrels in Bogliasco and excluded a further dispersal of the species. Riassunto In Liguria, la popolazione di Scoiattolo grigio Sciurus carolinensis ha avuto origine dall'introduzione di 5 coppie nei parchi urbani di Genova Nervi nel 1966. Un primo studio condotto nel 1996 ha localizzato, tramite interviste, un secondo nucleo a 3 km di distanza, in località Bogliasco. Il presente studio, condotto nel 2001-2004, è stato finalizzato alla valutazione della consistenza della popolazione nei parchi di Nervi, mediante il metodo distance sampling e osservazioni dirette, e all'accertamento della presenza della specie nelle aree circostanti mediante l'utilizzo di hair tube. La stima della popolazione con il metodo distance sampling è risultata di 115/286 individui nel 2002, mentre quella ottenuta mediante osservazioni dirette è variata da 80 individui nel 2004 a 114 individui nel 2003. Gli accertamenti compiuti nelle aree circostanti i parchi di Nervi hanno consentito di confermare la presenza di un nucleo di scoiattoli a Bogliasco e di escludere un'ulteriore espansione della specie.

  4. LE OSSIDIANE DI PALMAROLA I MARKER DI PROVENIENZA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Macchia

    2012-04-01

    Full Text Available

    Le tracce di ossidiane e la caratterizzazione delle componenti chimiche presenti nei luoghi oggetto di indagini archeologiche, permettono l'individuazione delle antiche rotte commerciali. In Italia le aree individuate sono Monte Arci in Sardegna, Lipari e Pantelleria in Sicilia e Palmarola nel Lazio.

     

    Obsidian  from  Palmarola:  source  markers

    A  chemical  characterization  of  the  main  components  and  traces  of  obsidian  allows identifi cation  of  commercial  routes  in  antiquity.  Obsidian  sources in Prehistoric Italy were mainly four: Monte Arci in Sardinia, the islands of Lipari and Pantelleria in Sicily and the island of Palmarola in Lazio. A survey methodology on samples of obsidian from several Neolithic sites in Lazio has been developed, comparing three different analytical techniques: SEM-EDS, XRF and LA-ICP-MS, in order to obtain a wider range of data to be compared with literature records and processed by Principal Component Analysis (PCA, to defi ne relationships between samples and to assign each finding its origin.

  5. Le Minh Duc

    Indian Academy of Sciences (India)

    Home; Journals; Bulletin of Materials Science. Le Minh Duc. Articles written in Bulletin of Materials Science. Volume 36 Issue 5 October 2013 pp 779-788. Study on photocatalysis of TiO2 nanotubes prepared by methanol-thermal synthesis at low temperature · Chau Thanh Nam Wein-Duo Yang Le Minh Duc · More Details ...

  6. Le Bon, Gustave

    DEFF Research Database (Denmark)

    Borch, Christian

    2017-01-01

    Gustave Le Bon (1841–1931) was a French physician and crowd psychologist who published extensively on themes such as crowds, war, race, revolution, socialism, and war. His work on crowd psychology in particular was highly influential, including beyond scholarly circles. Le Bon argued that crowds ...

  7. Tandem come tirocinio: la riflessione nel corso dell'azione - in un tandem in presenza italiano-portoghese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Luisa Vassallo

    2006-04-01

    Full Text Available II presente studio è dedicato al Tandem, un metodo di studio delle lingue straniere autonomo e collaborativo. Esso illustra alcune potenzialità di questa forma didattica per la formazione degli insegnanti, utilizzando il concetto di riflessione nel corso dell'azione elaborato dal filosofo statunitense Donald Schön (1983. Il capitolo 1 introduce il metodo Tandem. Il capitolo 2 analizza il Tandem alla luce della teoria di Schön. Il capitolo 3 descrive l'aspetto riflessivo in un Tandem in presenza, svolto nel 2004 in Brasile. II capitolo 4 propone alcuni motivi per considerare il metodo Tandem un contesto complementare utile per la formazione alla pratica docente attraverso il tirocinio.

  8. International cooperation in healthcare: model of IRCCS Policlinico San Donato and Bambini Cardiopatici nel Mondo Association for congenital heart diseases.

    Science.gov (United States)

    Frigiola, Alessandro; Moussaidi, Nadia; Giamberti, Alessandro; Pomé, Giuseppe; Isgrò, Giuseppe; Youssef, Tammam; Reali, Matteo; Varrica, Alessandro; Nuri, Halkawt A; Cirri, Silvia; Carminati, Mario; Menicanti, Lorenzo; Ferrari, Roberto; Ranucci, Marco

    2016-04-28

    Cooperation activity in training programmes promoted by IRCCS Policlinico San Donato and Bambini Cardiopatici nel Mondo Association is a model of cooperation between people as an alternative intervention in promoting the right to healthcare, especially offering programmes of training and medical care on cardiovascular and congenital heart disease. This new strategy, implemented in several developing countries, has absolutely contributed to the improvement of the medical services concerning the diagnostic and surgical approach in the treatment of paediatric and adult cardiovascular disease. To strengthen this kind of activity, both IRCCS Policlinico San Donato and Bambini Cardiopatici nel Mondo have introduced a global perspective aiming at the realization of surgical missions 'in situ', building new cardiac surgery units in collaboration with the local partners, which are mainly university hospitals. They, furthermore, support financially the scholarship and accommodation in favour of medical and paramedical staff.

  9. Le laboratoire, le temple et le marché

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Chapra est conseiller économique auprès de l'Agence monétaire d'Arabie Saoudite. Il a beaucoup écrit sur l'économie et la finance en pays islamique, et son ouvrage le plus important est Towards a Just Monetary System: A Discussion of Money, Banking, and Monetary Policy in the Light of Islamic Teachings (1985).

  10. La metodologia interpretativa nel giudizio di costituzionalità tra lavori preparatori e scetticismo ermeneutico: l'esperienza svedese

    OpenAIRE

    Bellani, Matteo

    2016-01-01

    L'affermazione delle cosiddette “democrazie costituzionali” dotate di costituzioni rigide, ha portato a compimento un complesso processo storico ed ha condotto alla realizzazione quasi completa del “costituzionalismo”, dove la legge, per la prima volta, viene sottoposta ad un giudizio di tipo assiologico. In tale contesto è di notevole importanza il complicato e delicato lavoro del giudice costituzionale, il quale deve interpretare la Costituzione, nel cui tessuto sono introdotti direttament...

  11. Giovanni Testori: "Performances" di drammaturgia. Indagine sul rapporto tra scrittura drammatica e modalita performativa nel teatro dell'artista lombardo.

    OpenAIRE

    Fornari, Giuditta

    2017-01-01

    La rinomata tendenza di Giovanni Testori a plasmare il processo compositivo, preordinandolo ad alcuni attori o, in qualche caso, a compagnie teatrali, è il punto di partenza del progetto indirizzato ad una restituzione della scrittura drammatica testoriana che rifletta la complessità e la ricchezza dei suoi esiti sulla scena e delle ripercussioni sul recitato attoriale, liberandola dalla riduzione al precipitato letterario e inserendola nel contesto storico in cui era immerso il drammaturgo...

  12. Spunti di riflessione e appunti intorno alla biografia di Pasquale I (817-824) nel Liber Pontificalis Romano

    OpenAIRE

    Verardi, Andrea Antonio

    2017-01-01

    Attraverso una rilettura delle principali fonti franche e romane utili per la ricostruzione delle vicende relative al pontificato di papa Pasquale I (817-824), l’autore propone l’ipotesi che la biografia presente nel Liber Pontificalis romano sia stata redatta sia per rispondere ad alcune accuse mosse dagli oppositori del papa in città e all’interno del mondo franco, sia che la costruzione della figura di Pasquale (monaco ma anche sovrano misericordioso) possa corrispondere alla caratterizzaz...

  13. Archeologia della produzione architettonica. Le tecniche costruttive

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mannoni, Tiziano

    2005-12-01

    Full Text Available In the field of the building techniques used in the construction of the walls, the majority of the classifications consists of the formal aspects of visible surfaces. These classifications use some attentions distinguishing stratigraphic units and in the field of the aesthetic aspects of surfaces. As the walls take part of the most important load-bearing structure, isn’t possible to speak of the techniques used in the construction of the walls without trying to understand how the different types of wall effectively operate from a static point of view. So it’s necessary to check and to understand the whole volume of each technique used in the construction of the walls, and if there are general or particular rules deductibles from the visible surfaces. In this paper we suggest, also, an classification of the «families» of the most recognized techniques used in the construction of the walls, on the basis of their constructive, functional and formal systems.La maggior parte delle classificazioni dei modi di costruire murari si basa sugli aspetti formali delle superfici visibili, con certe utilità nel distinguere le unità stratigrafiche murarie e negli aspetti estetici delle superfici stesse. Dal momento però che i muri fanno parte delle strutture portanti più importanti, non si può parlare di tecniche murarie senza cercare di capire come i vari tipi classificati si comportino realmente dal punto di vista statico. Si cerca perciò di verificare e in qualche modo di capire l’intero volume di ogni tecnica muraria, e se vi siano della regole generali o particolari che siano in qualche modo deducibili anche dalle superfici visibili. Si propone infine una classificazione delle «famiglie» di tecniche murarie più note sulla base dei loro sistemi costruttivi e funzionali, oltre che formali.

  14. Lele des chefs traditionnels au Ghana : un modèle inspirant ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    8 févr. 2011 ... Avec ses partenaires du Sud, avec aussi le soutien du Centre de recherches pour le développement international ( CRDI ), organisme canadien, Ray a étudié lele des chefs traditionnels au Ghana dans la lutte contre le VIH et le sida. Les collectivités politiques antérieures au colonialisme sont une ...

  15. Censura e doppiaggio nelle forme narrative del cinema italiano, nel cruciale passaggio al sonoro degli anni Trenta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Catolfi

    2015-10-01

    Full Text Available Il cinema italiano durante gli anni Venti conosce una profonda crisi determinata da vari fattori, tra cui il fallimento dell’Unione cinematografica italiana. I film muti prodotti in Italia passano dai 1029 del 1911 ai 415 del 1920. Sono solo 23 nel 1929. Nel 1930 si tocca il fondo con 18 film italiani e 374 stranieri. Dal 1932 al 1933 invece riprendono in modo lento a crescere: 1931 (27 italiani e 262 stranieri, 1932 (31 italiani e 229 stranieri, 1933 (36 italiani e 260 stranieri probabilmente grazie al cinema sonoro che inizia a diffondersi e ad altre concause. Dopo il successo negli Stati Uniti del film il Cantante di Jazz l’industria si converte rapidamente alla possibilità di rendere sonora la pellicola. In Italia il Cantante di Jazz arriva due anni dopo, il 19 aprile 1929. Appena nato il sonoro nel cinema, l’industria cinematografica italiana deve affrontare subito il problema delle barriere linguistiche che causava una difficoltà enorme per la commerciabilità dei prodotti italiani fuori dai confini nazionali. L’avvento del regime fascista non aiuta la situazione della crisi generale del cinema italiano perché nella sua prima fase il regime non si occupa del cinema in maniera diffusa.

  16. Magnetoidrodinamica

    CERN Document Server

    Jeffrey, Alan

    1969-01-01

    Le equazioni fondamentali della magnetoidrodinamica ; condizioni al contorno nella magnetoidrodinamica ; moto magnetoidrodinamica incompressibile ; onde e teoria delle caratteristiche ; onde magnetoidrodinamiche semplici ; onde d'urto magnetoidrodinamiche ; moto magnetoidrodinamico stazionario.

  17. Elettrodinamica

    CERN Document Server

    Pauli, Wolfgang

    1964-01-01

    L'elettrodinamica è svolta in questo libro seguendo la via che maggiormente aderisce al suo sviluppo storico, partendo cioè dalle leggi empiriche per ottenere induttivamente le equazioni di Maxwell.

  18. Introduzione alla fisica matematica

    CERN Document Server

    Persico, Enrico

    1960-01-01

    Cinematica dei mezzi continui, campi scalari e vettoriali ; funzioni armoniche, rappresentazioni confomi ; teoria dell'elasticità ; elettromagnetismo ; conduzione del calore (e diffusione) ; le equazioni a derivate parziali della fisica matematica ; cenni sulla teoria della relatività (ristretta).

  19. Organizational models for new economy in the public and the private one; Modelli organizzativi per la new economy nel pubblico e nel privato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amicucci, F.; Battaglia, F. [Rome Univ., Rome (Italy). Facolta' di Economia Aziendale; Di Marco, R.A. [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    globalization in progress has created numerous opportunities thanks to strong growth in the commerce and in the investments with the consequent increase of the income and prosperity. This amazing conjuncture has brought some economists to speak of a new economic model: an economy that is able use the resources of the innovation and the increases of productivity to give place to an economic development that him grows in the time. The explosion of the technological information represents the fulcrum of the increase of productivity that have fed the economic expansion of these last ten years. The optimization in the use of the resources and the continuous rationalization of the operations they are been able to happen thanks to the new solutions in net, to the easiest access to information through the use of Internet and to the exploitation of these new means of communications particularly in the transactions business to business. Technology and the economy of the nets therefore they are imposing like one of the most powerful drivers for economic growth, for the ability to create new places of employment and new professions to strengthen the ability to compete on the global markets. Arriving to the appointment late with the economy on line often means to not succeed in entering at all or to lose occasions that will be exploited without hesitation from more ready competitors to gather these new opportunities. To the enterprises therefore he requires to undertake the road of this change hocking resources in the organizational restructuring and in the technological adjustment. [Italian] Storicamente i modelli organizzativi hanno seguito una evoluzione che ha evidenziato un trend parallelo alla complessita' del mercato, presentando via via diversi meccanismi di coordinamento. Fino a ieri il modello vincente era quello gerarchico che pero' non e' di certo immune da limiti. A partire dall'Ottocento e soprattutto nel Novecento esperti di organizzazione hanno studiato

  20. Le dernier Wittgenstein et le dernier Husserl sur le langage

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paul Ricoeur

    2014-07-01

    Full Text Available This article presents an edited version of lectures given by Paul Ricœur at Johns Hopkins University in April 1966. Ricœur offers a comparative analysis of Wittgenstein’s and Husserl’s late works, taking the problem of language as the common ground of investigation for these two central figures of phenomenology and analytic philosophy. Ricœur develops his study in two parts. The first part considers Husserl’s approach to language after the Logical Investigations and concentrates on Formal and Transcendental Logic; leaving a transcendental reflection on language behind it re-examines a phenomenological conception, according to which the sphere of logic is not separable from that of experience. The main focus of the second part is Wittgenstein’s later philosophy as it moved on from the conception of an isomorphic relation between language and the world, as set out in the picture theory in the Tractatus Logico-Philosophicus, to the more pragmatic notion of a language-game in the Philosophical Investigations. In order to get beyond the irrevocable differences between the two philosophies and the unresolved theoretical issues on both sides, Ricœur suggests turning to a semiological paradigm based on the Saussurean distinction between “language” and “speaking.” Keyword: Analytic Philosophy, Husserl, Phenomenology, Semiology, Wittgenstein.  Résumé Cet article est une version éditée de conférences données par Paul Ricœur à la Johns Hopkins University en avril 1966. Ricœur propose une analyse comparée des dernières œuvres de Wittgenstein et Husserl, avec le problème du langage comme sol commun d’investigations pour ces deux figures centrales de la phénoménologie et la philosophie analytique. Cette analyse de Ricœur se joue à travers deux parties. La première partie revient sur l'approche du langage chez Husserl depuis Recherches logiques avec une attention particulière aux développements de Logique formelle et

  1. Vaincre le vampire violet | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Est depuis le début des années 1990 lorsque le Centre de recherches pour le développement international, une société d'État canadienne, l'a invité à se pencher sur le problème de la striga en Afrique subsaharienne.

  2. Le paludisme au Mexique

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Nancy Minogue

    Le paludisme est depuis longtemps un important problème de santé publique au Mexique, où les conditions qui prévalent ... C'est dans les régions côtières que le problème a persisté le plus longtemps, les mesures ... recherche sur l'écologie des moustiques a permis d'en découvrir les raisons. « Les moustiques ne se ...

  3. La crisi energetica nel mondo e in Italia da Enrico Fermi ed Edoardo Amaldi a oggi

    CERN Document Server

    Salvini, Giorgio

    2007-01-01

    Enrico Fermi e il suo allievo Edoardo Amaldi, grandi padri della Scuola di fisica nucleare italiana, hanno promosso l'impiego pacifico dell'energia nucleare: Fermi con il primo reattore a Chicago nel 1942, Arnaldi con i suoi contributi a tutti gli usi pacifici, dalla medicina alla produzione di energia. L'Italia, però, ha fatto eccessivo ricorso al petrolio, di cui non è produttrice. La ricerca è rimasta molto indietro rispetto a quella degli altri paesi e la politica sta dedicando pochissimi sforzi a questa gravissima situazione. Ragioni economiche, nonché ambientali, esigono ora una revisione e una ricontestualizzazione del problema. Durante un importante Convegno, tenutosi a Roma il 15 e 16 maggio 2007, alcuni tra i più noti ed esperti fisici italiani e stranieri hanno discusso proprio di questo problema. L'intento del volume, che raccoglie gli interventi del Convegno romano, è quello di fornire dati e informazioni che mettano il lettore in condizione di farsi un'idea propria, libera da pregiudizi, s...

  4. Performance tests of active personal dosemeter developed by cNRTC/NEL

    International Nuclear Information System (INIS)

    Yasar, Dogan; Kapdan, Enis; Korkmaz, Muharrem

    2017-01-01

    The Active personal dosemeter (APD) developed by Cekmece Nuclear Research and Training Center/Nuclear Electronic Laboratory (CNRTC/NEL) was calibrated at the reference radiation quality ( 137 Cs). The performance tests were carried out with 137 Cs, 60 Co and X-ray beam qualities in compliance with the standards of International Organization for Standardization ISO4037-1,3 and The International Electrotechnical Commission, IEC61526:2010. Response of the personal dose equivalent was observed to be within the range from -7.6% to +4.2%. The dose equivalent rates were observed with the maximum deviation -26.8% for 0.1 mSv h -1 and within the range from -2.3% to +10.1% for dose rates over 0.5 mSv h -1 . It is found that the APDs have lower readings up to 50% for 33 keV photons and perform a distribution in the acceptable limits for over 33 keV. Angular dependence was tested at 0 deg., ±30 deg. and ±60 deg. in orthogonal plane and the angular dependence of the APDs is within acceptable limits except N40. (authors)

  5. PERFORMANCE TESTS OF ACTIVE PERSONAL DOSEMETER DEVELOPED BY ÇNRTC/NEL.

    Science.gov (United States)

    Yasar, Dogan; Kapdan, Enis; Korkmaz, Muharrem

    2017-11-01

    The Active personal dosemeter (APD) developed by Çekmece Nuclear Research and Training Center/Nuclear Electronic Laboratory (ÇNRTC/NEL) was calibrated at the reference radiation quality (137Cs). The performance tests were carried out with 137Cs, 60Co and X-ray beam qualities in compliance with the standards of International Organization for Standardization ISO4037-1,3 and The International Electrotechnical Commission, IEC61526:2010. Response of the personal dose equivalent was observed to be within the range from -7.6% to +4.2%. The dose equivalent rates were observed with the maximum deviation -26.8% for 0.1 mSv h-1 and within the range from -2.3% to +10.1% for dose rates over 0.5 mSv h-1. It is found that the APDs have lower readings up to 50% for 33 keV photons and perform a distribution in the acceptable limits for over 33 keV. Angular dependence was tested at 0°, ±30° and ±60° in orthogonal plane and the angular dependence of the APDs is within acceptable limits except N40. © The Author 2017. Published by Oxford University Press. All rights reserved. For Permissions, please email: journals.permissions@oup.com.

  6. Corpi contesi, corpi negati. La rappresentazione delle donne nel Myanmar dei conflitti interreligiosi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Di Padova

    2016-04-01

    Full Text Available Il nazionalismo religioso ha sempre dominato la storia del Myanmar e l’accompagna nell’attuale fase di transizione democratica. Forte componente della sua propaganda è la figura della donna concepita come depositaria culturale e biologica della razza birmana e della religione buddista. Il corpo della donna viene strumentalizzato dall’establishment militare, aiutato da gruppi di monaci fondamentalisti, nel giustificare i propri abusi e mantenere il controllo sul paese. Il corpo viene “conteso” perchè tramite lo stupro delle donne viene agita un’opera di conquista e di oppressione verso delle minoranze etniche e religiose oltre ad una strategia di “birmanizzazione” culturale e biologica. Il corpo viene “negato” perché la donna viene presa di mira da politiche di “protezione della razza e della religione” che passano necessariamente dal controllo del suo corpo senza alcuna possibilità per lei di incidere su decisioni che riguadano la propria vita. Questa situazione viene contrastata dal vitale attivismo politico femminile che continua instancabilmente a promuovere i diritti delle donne e a sostenere il processo di democratizzazione del paese.

  7. “Dormì anmo sulla cassinna”. Nubili e celibi di fronte al matrimonio nel milanese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena De Marchi

    2010-03-01

    Full Text Available Dormì anmo sulla cassinna” was an expression used by the peasants near Milan to refer to the male members of a family who had no power to make decisions about family matters or about their own future. The expression means “to still be sleeping in the barn” and it refers to the young family members, who where forced to sleep outside their peasant home or, more precisely, to sleep in the barn, due to the small dimensions of the peasant dwellings. The author analyzes the role of young family members, both male and female, in peasant families in the XVIII century and she describes the journey that took them to marriage, starting from their dowry and the choice of their future bride or bridegroom. L’articolo descrive il percorso compiuto da nubili e celibi prima di potersi unire in matrimonio nel Milanese del Settecento: la conquista di una dote, i rapporti all’interno della famiglia e fra famiglie, la scelta del coniuge.

  8. Le Jardin de Fleur

    Index Scriptorium Estoniae

    2008-01-01

    Ettevõtja Martin Reinsalu osalusel Marokosse kerkiv kuurortide kompleks Le Jardin de Fleur tunnistati CNBC Araabiamaade kinnisvaraarendusprojektide seas Maroko parimaks arendusprojektiks ning parimaks golfiarenduskeskuseks. Projekt toetub araabia arhitektuurile, mida on kombineeritud kaasaegse maroko disainiga

  9. Immagini dietro le sbarre: l’utilizzo della fotografia per lo sviluppo dell’intelligenza emotiva dei detenuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuela Saita

    2015-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo verrà descritto un intervento che utilizza tecniche fotografiche in attività trattamentali rivolte a soggetti in condizione di detenzione, attività le cui finalità sono la risocializzazione e la rieducazione del reo. Scopo dell'intervento è favorire lo sviluppo dell'intelligenza emotiva (IE, intesa come la capacità di comprendere e riconoscere i propri e gli altrui stati emotivi; essa infatti è associata in letteratura ad una riduzione della recidiva e ad un aumentato benessere dei soggetti reclusi. Le tecniche fotografiche costituiscono uno strumento in grado di superare barriere linguistico-culturali ed eventuali resistenze individuali per far emergere contenuti simbolici connessi a stati emotivi, credenze o percezioni. L'intervento descritto prevede incontri di gruppo, una tipologia di setting che diviene possibile strumento di apprendimento, riflessione sul sé, oltre che luogo di confronto e possibile cambiamento. La struttura degli incontri è tale da perseguire sia l'obiettivo generale (sviluppo dell'IE che obiettivi più specifici, calibrati su differenti categorie di detenuti. Ad esempio, favorire il reinserimento dopo la detenzione in caso di pene medio/brevi, piuttosto che l’accettazione della pena e l’adattamento alla vita carceraria, nel caso di pene più lunghe. Il contributo si chiude con un’apertura sulle possibili modalità di valutazione di tale intervento, al fine di giungere alla formulazione di un protocollo generalizzabile e applicabile a differenti contesti.

  10. LE «SOTTIGLIEZZE DI CERTA DIDATTICA SUPERLATIVA» DELLA GRAMMATICA ELEMENTARE: STORIA (ATTESTATA DEL METODO RAFFORZISTA (1814-1914

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michela Dota

    2018-03-01

    Full Text Available Il contributo ripercorre la storia e le peculiarità del metodo rafforzista, metodo glottodidattico per l’insegnamento della lettura e della scrittura. Il metodo, nato in Italia nel primo Ottocento, nell’epoca postunitaria era praticato nelle scuole elementari soprattutto dell’Italia meridionale, nonché nelle scuole reggimentali e in alcuni istituti per sordomuti. Le sue fondamenta, aberranti rispetto alla norma ortografica e ortoepica tradizionale, lo resero obiettivo di un tenace ostracismo da parte del Ministero dell’Istruzione pubblica, sostenuto per questa occasione da due tra i più eminenti glottologi dell’epoca: Graziadio Isaia Ascoli e Francesco Lorenzo Pullè. Il metodo finì per estinguersi nel secondo decennio del Novecento.   The history of the “metodo rafforzista” for teaching Italian (1814-1914 This article retraces the history and peculiarities of the “metodo rafforzista”, a language teaching method developed in Italy during the first part of 1800s. In the post-Unitarian period, it was used in elementary schools, especially in Southern Italy, and also in military schools and in some institutes for the Deaf and Dumb. Orthographic and orthoepic models proposed by the “metodo rafforzista” diverged from rules of traditional Italian grammar. The method, supported by Graziadio Isaia Ascoli and Francesco Lorenzo Pullè, two of the most distinguished Italian linguists at that time, was subsequently rejected by the Ministry of Public Education, and it vanished during the second half of 1900s.

  11. Le CRDI en Tanzanie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Il y a longtemps que le CRDI appuie la recherche en Tanzanie, une démocratie stable. Depuis la fin des années 1990, le pays jouit d'une croissance économique soutenue, bien qu'il demeure l'un des. États les plus pauvres de la planète. Ses gouvernements successifs ont reconnu que la réduction de la pauvreté passait ...

  12. Le CRDI au Mali

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    contre le paludisme n les chercheurs contribuent à l'amélioration des services de santé n de jeunes femmes participent à la vie politique. Soutien accordé par le CRDI depuis 1971. 93 activités d'une valeur de 15 millions cad. Les chercheurs ont aidé à offrir l'enseignement primaire dans les langues maternelles. CRDI.

  13. Le CRDI au Maroc

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    démocratiques. Au Maroc, le Centre d'études et de recherches en sciences sociales analyse ce que pourrait être la réaction du gouverne- ment aux pressions exercées par la population en vue d'un changement sur le plan politique. Rabat. Casablanca. Marrakech. Tan-Tan. Bou Arfa. Zagora. Oujda. Tanger. Fès. ALGÉRIE.

  14. Le CRDI en Afghanistan

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Depuis près de 40 ans, le CRDI collabore étroitement avec les chercheurs des pays en développement et les appuie dans leur quête de moyens de créer des sociétés en meilleure santé, plus équitables et plus prospères. Centre de recherches pour le développement international. CP 8500, Ottawa (Ontario) Canada K1G ...

  15. Le CRDI au Bhoutan

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Il en résulte des solutions locales, novatrices et durables, qui offrent des choix aux personnes qui en ont le plus besoin et font changer les choses. Centre de recherches pour le développement international. CP 8500, Ottawa (Ontario) Canada K1G 3H9. Pour en savoir plus, consulter la page. Web du Bureau régional de ...

  16. Le CRDI au Kenya

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    afin d'y favoriser la croissance et le développement. Il en résulte des solutions novatrices et durables qui ont pour but d'améliorer les conditions de vie et les moyens de subsistance. Centre de recherches pour le développement international. CP 8500, Ottawa (Ontario) Canada K1G 3H9. Pour en savoir plus, consulter.

  17. Le CRDI en Jordanie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    ... dans les pays en développement afin d'y favoriser la croissance et le développement. Il en résulte des solutions novatrices et durables qui ont pour but d'améliorer les conditions de vie et les moyens de subsistance. Centre de recherches pour le développement international. CP 8500, Ottawa (Ontario) Canada K1G 3H9.

  18. Le CRDI en Bolivie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    plus grandes responsabilités aux munici- palités en matière de développement économique. De 2002 à 2007, le CRDI a appuyé la collaboration entre l'Atlantic. Community Economic Development. Institute, de Halifax, en Nouvelle-Écosse, et deux organismes boliviens, le Centro de Servicios Agropecuarios Técnicos, du.

  19. Le faussaire roman

    CERN Document Server

    D'Anna, Gianfranco

    2016-01-01

    À l'aube du XXIe siècle, le monde de la science est sur le point de vivre une révolution. Le jeune physicien allemand Albert Hendrick Thebell, des célèbres laboratoires de recherche B-Labs, à Summit, dans le New Jersey, publie, dans les plus grandes revues scientifiques internationales, une série d'articles dans lesquels il prétend avoir obtenu des résultats extraordinaires qui pourraient révolutionner les bases mêmes de la technologie. Rapidement, la communauté scientifique puis les médias saluent en lui un futur prix Nobel; on compare même son génie à celui d'Albert Einstein. Le progrès scientifique semble avoir franchi une étape décisive, susceptible d'amener un futur meilleur. Mais ces découvertes sont-elles authentiques ? Car pendant ce temps, dans les mêmeslaboratoires, des voix s'élèvent pour contester non seulement les théories de Thebell mais aussi la légitimité même de ses expériences ; certains le soupçonnent d'avoir combiné la plus grande fraude scientifique de tous l...

  20. Narrare la guerra: da Vita e destino a Le Benevole

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Camilla Panichi

    2014-05-01

    Full Text Available Questo saggio si concentra su due romanzi storici che hanno per argomento la Seconda guerra mon- diale e lo sterminio degli ebrei d’Europa: Vita e destino di Vasilij Grossman (1980 e Le Benevole di Jonathan Littell (2006. La scelta è determinata sia dal rapporto esistente tra i due romanzi, sia dalla convinzione che essi rappresentino, per forma e contenuti, due diversi paradigmi attraverso i quali l’immaginario collettivo ha costruito la narrazione dell’evento guerra. Inoltre si tratta di opere che hanno, in tempi diversi, creato un caso letterario: Le Benevole ha sollevato molti problemi orientando il dibattito su temi etici piuttosto che estetici; Vita e destino ha subito la censura in Unione Sovietica. In questa sede si è scelto di analizzare i romanzi da una prospettiva strettamente letteraria, attraverso due argomenti: la legittimità della costruzione finzionale in rapporto al punto di vista dell’autore (testimone dei fatti narrati nel caso di Grossman, post-testimone nel caso di Littell e l’analisi degli elementi romanzeschi di tradizione ottocentesca e modernista. This paper focuses on two novels narrating the Second World War and the extermination of the Jews of Europe: Life and Fate, by Vasily Grossman (1980, and The Kindly Ones by Jonathan Littell (2006. These books have been chosen because they are closely related to each other and because they embody two different paradigms through which the Second World War has been represented. Moreover both Life and Fate and The Kindly Ones have been literary events: the first was censored in the Soviet Union, the second gave rise to a wide-ranging debate on ethical and aesthetical problems. The following paper analyzes these novels from a strictly literary perspective, focusing on two issues: the legitimacy of fiction (Grossman narrates the war from the standpoint of a witness, Littell, born in 1967, is in the position of the historian and the relationship of these texts with the

  1. Inspiring our future citizens and scientists: follow the Blue Paths (Percorsi nel Blu)!

    Science.gov (United States)

    Mioni, Erika; Stroobant, Mascha; Merlino, Silvia; Traverso, Roberto

    2016-04-01

    Very often we hear about scientific communication and education as separate and disconnected domains: in fact while the first one is seen more as a moment of disclosure for disseminating results and latest achievements and consequences (a look to our direct future), the second is, instead, identified as a formative moment in the long term, that often is based on obsolete and dated programs that refer to the past. What would happen if these two domains were, instead, considered as inseparable? As stated by Andrea Schleicher (OECD): "Schools have to prepare students for jobs that have not yet been created, technologies that have not yet been invented and problems that we don't know will arise." How to manage this challenge? The European Commission has proposed seven recommendations to follow for improving Science education and to bring more and more young people closer to STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) disciplines. Especially three of them (Reccomendation n. 1, 4 and 7) pin out the to-do list for improving communication an education in Science, indicating that "a primary goal of science education across the EU should be to educate students both about the major explanations of the material world that science offers and about the way science works. Moreover teachers of science of the highest quality should be provided for students in primary and lower secondary school; moreover the emphasis in science education before 14 should be on engaging students with science and scientific phenomena (extended investigative work and 'hands-on' experimentation and not through a stress on the acquisition of canonical concepts). Last but not least: good quality teachers, with up to date knowledge and skills, are the foundation of any system of formal science education. Systems to ensure the recruitment, retention and continuous professional training of such individuals must be a policy priority in Europe". Blue Paths (Percorsi nel Blu) is a transversal

  2. Le Visage de la Victoire di Henry De Groux: la riscoperta di un’opera antimilitarista del tempo della Prima guerra mondiale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carol Morganti

    2014-03-01

    Full Text Available Il presente intervento è dedicato a un’importante raccolta di incisioni, oggi riscoperta: Le Visage de la Victoire, eseguita dall’artista belga Henry De Groux. Costituita da oltre 40 incisioni (acqueforti e vernici molli, è stata realizzata nel corso della Prima Guerra Mondiale al fine di denunciare l’inutile massacro in corso. Si tratta di opere di ispirazione visionaria, che rivelano significati universali, mettendo il maestro belga in rapporto di affinità con artisti quali Goya e Otto Dix.

  3. Partecipazione e concorso esterno nel reato di associazione di tipo mafioso: un confine liquido

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Montani

    2016-12-01

    Full Text Available L’articolo si propone di riflettere sull’inquadramento delle condotte compiute da tutti quei soggetti che si muovono nella c.d. “area grigia”: condotte in bilico tra la partecipazione e il concorso esterno, la cui qualificazione è resa problematica dalla difficoltà di tracciare un sicuro confine tra la partecipazione al reato di associazione di tipo mafioso e l’istituto del concorso esterno all’associazione stessa. La prospettiva adottata sarà squisitamente pratica, salvo alcune premesse di ordine sistematico, sarà analizzato un caso di studio, che fornisce un esempio paradigmatico della labilità ed elasticità dei confini individuati. Verranno inoltre presentati e discussi alcuni dei risultati di una ricerca empirica svolta da un gruppo dell’Università Bocconi, che ha monitorato l’applicazione dell’art. 416 bis c.p. nel Tribunale di Milano dal 2000 al 2015 Parole chiave: criminalità organizzata; economia lecita; contiguità; criminalità dei colletti bianchi; ricerca empirica The article focuses on the categorization of the conducts carried out by all the subjects who act in the so called “grey area”: conducts which lie between participation and joint liability as an external party. In particular, the issue relates to the difficulty to determine the defined boundaries between the “mafia” based conspiracy and the rules on the joint liability applied to the offence of conspiracy itself. The perspective of the work will be extremely empirical, except for some systematic order premises. A case study will be analyzed. Additionally, the results of an empirical research focused on the evolution of the activity on art 416-bis c.p. in the proceedings before the Public Prosecutor and the Court of Milan from 2000 to 2015 carried out by a group of University Bocconi will be presented and discussed. Key words: organized crime; covin; white-collar crime; empirical study; economy

  4. Le modèle basque

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan-Angel PORTUGAL

    1986-12-01

    Full Text Available À l'intérieur du quadrilatère basque se dessine un sous-espace triangulaire dont les sommets sont les capitales provinciales; les côtés délimitent une aire prospère. La localisation de ces trois noyaux résulte d'une décision politico-économique et d'une diffusion de l'industrialisation. Ce triangle est un espace dynamique et attractif, autant dans le domaine de la démographie que du développement économique et industriel.

  5. Le sens du portrait.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Christophe Apprill

    2007-01-01

    Full Text Available À l’entrée du vieux port de Marseille, le projet Euroméditerranée prévoit la construction d’un musée, le Musée des Civilisations de l’Europe et de la Méditerranée (M ucem . Il accueillera les anciennes collections du Musée National des Arts et Traditions Populaires (M natp que les badauds en promenade au jardin d’acclimatation croisaient sans le savoir. Un concours d’architecture a été lancé, remporté par un architecte de la région, Rudy Riccioti. Son projet ...

  6. Le stockage inertiel

    OpenAIRE

    KAUV, J; BONAL, J

    2010-01-01

    La fourniture d'une énergie propre et abondante à une population mondiale largement appelée à croître va être un défi considérable pour le XXIe siècle. Aujourd'hui nous dépendons encore considérablement des énergies fossiles, certes très énergétiques et d'utilisation commode, mais épuisables et productrices de CO2 responsable du réchauffement climatique. Le stockage d'énergie électrique et de chaleur est un domaine technique difficile et délicat, mais dont le développement est indispensable p...

  7. Le Nouveau Monde

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alain Musset

    2006-04-01

    Full Text Available L’histoire de la conquête du Nouveau Monde par les Européens semble devoir se résumer au destin de deux femmes chargées d’assurer le truchement entre les deux mondes et de jouer lele d’intermédiaire amoureuse ou de grande traîtresse : au Nord, Pocahontas, au Sud, La Malinche. Quand Cortés débarque en 1519 sur les côtes du Tabasco, un cacique désireux de lui plaire lui offre vingt femmes dont une superbe jeune fille, Malintzin (la Malinche, rebaptisée Marina. Celle-ci deviendra sa maîtres...

  8. “Economic heritage impact assessment” come strumento per valutare gli impatti dei grandi progetti di riqualificazione delle città costiere siti Unesco. Il caso studio di Torre Annunziata nel golfo di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariarosaria Angrisano

    2015-12-01

    Full Text Available Quest’articolo parte dallo studio delle città portuali storiche, siti UNESCO, che oggi affrontano la sfida della riqualificazione dei waterfront urbani attraverso la conservazione del patrimonio culturale e paesaggistico. Le raccomandazioni sull’ “Historic Urban Landscape”, e gli strumenti operativi promossi dall’ICOMOS “Guidance on Heritage Impact Assessments for Cultural World Heritage Properties” del 2011, si configurano come le più recenti disposizioni concernenti la conservazione, protezione e valorizzazione del patrimonio culturale (Fusco Girard, 2010. La Guida ICOMOS è stata considerata lo strumento più adatto per valutare gli impatti dei grandi progetti di riqualificazione dei waterfront urbani sul patrimonio culturale. Per comprendere al meglio tale strumento è stata fatta un’applicazione per valutare gli impatti del Grande Progetto Pompei sul waterfront di Torre Annunziata, città costiera nel Golfo di Napoli sito UNESCO. A questa fase di analisi segue una riflessione su come migliorare l’Heritage Impact Assessment, come strumento capace di valutare non soltanto gli impatti culturali ma anche quelli economici, per parlare di “economia del patrimonio culturale”. La proposta ultima è quella di affiancare al processo di “Heritage Impact Assessment” una valutazione degli impatti economici, attraverso un’analisi costi-benefici, per quantificare in termini monetari la convenienza degli investimenti nella conservazione del patrimonio storico urbano delle città costiere, proponendo una “Economic Heritage Impact Assessment” (EHIA. Tale metodo, elaborato dall’autrice all’interno della tesi di dottorato “Il paesaggio storico urbano delle città costiere: sfide e opportunità. Il caso Torre Annunziata”, offre la possibilità di superare la sola valutazione degli impatti culturali proposta dall’ICOMOS.

  9. A STUDY ON THE CONFLICTING IDEAS OF BLACK WOMEN'S ROLES IN SULA AND NEL'S FRIENDSHIP AS SEEN IN TONI MORRISON'S SULA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Helen Hendaria Kamandhari

    2001-01-01

    Full Text Available Toni Morrison's Sula portrays the conflicting ideas of two black women, Sula and Nel who used to settle themselves as soulmates. Starting as friends of deepest emotion and sharing all the deepest dark secrets in Medallion, Sula and Nel continue their journeys of life in separation and come to the gate of adulthood which drags them to meet again in different encounter. Those years of separation between both of them have set enough barriers on their relationship to know each other better as they used to in the past. Sula's and Nel's teenagehood which has been spent on different places brought them into an unending conflict of black women's roles in their relationships as friends.

  10. La victima, el victimario y la justicia restaurativa / La victime, le criminel et la justice réparatrice / The victim, the offender and the restorative justice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Villarreal Sotelo Karla

    2013-03-01

    Full Text Available Nel 2008, il Messico ha promulgato una riforma costituzionale relativa ad un nuovo paradigma di giustizia riparativa mirato a salvaguardare la dignità delle vittime e all’introduzione di nuove norme, come pace e perdono.Le pratiche di giustizia riparativa dovranno permettere alle vittime, al criminale ed ai membri della comunità di: 1 partecipare nel riparare il danno causato dal reato; 2 considerare la vittima come un componente a parte intera della comunità; 3 promuovere la riconciliazione e la reintegrazione del delinquente nella comunità.Le basi teoriche dei programmi di giustizia riparativa risiedono negli approcci criminologici e vittimologici, i quali esplorano nuove aree di studio con riferimento a questi attori sociali coinvolti nel conflitto ed incoraggiano la conduzione di ricerche per giungere ad una vera giustizia riparativa. In tal senso, la ricerca criminologica e vittimologica ha il dovere di sviluppare metodi, modelli e strumenti da utilizzare nelle pratiche di giustizia riparativa al fine di permettere alle vittime ed ai cittadini di ricoprire un ruolo sempre più importante nel sistema di giustizia.En 2008, le Mexique a adopté une réforme constitutionnelle qui a créé un nouveau paradigme de justice réparatrice dans le but de protéger la dignité de la victime et d’introduire des normes légales et sociales innovantes (par exemple, paix et pardon.Les pratiques restauratrices permettront à la victime, au criminel et aux membres impliqués de la communauté de : 1 participer pour essayer de réparer le dommage causé par le crime ; 2 considérer la victime comme un membre à part entière de la communauté ; 3 promouvoir la réconciliation et la réintégration du criminel dans la communauté.Les pratiques restauratrices s’appuient sur les théories criminologiques et victimologiques auxquelles elles ouvrent de nouveaux domaines en termes d’études des acteurs sociaux impliqués dans le conflit criminel. En ce

  11. Il messaggio sociale nel teatro di Miguel Hernández

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgia Giardini

    2018-03-01

    Full Text Available Questo lavoro si propone di illustrare la traiettoria sociale e politica di Miguel Hernández attraverso le sue opere di teatro: si analizzeranno tanto la sua progressiva adesione al comunismo quanto la sua attività di propaganda durante la Guerra Civile Spagnola. Allo stesso tempo, si descriveranno e giustificheranno diverse scelte tematiche dell’autore, con particolare attenzione alla caratterizzazione dei personaggi delle opere di teatro impegnato.

  12. LA VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI TIPICHE VITIVINICOLE NEL TERRITORIO NAZIONALE, UN PROGETTO PILOTA NELLA PROVINCIA DI BERGAMO

    OpenAIRE

    Aldighieri, Barbara; Chiesa, Sergio; Deligios, Marco

    2009-01-01

    Le caratteristiche di un vino dipendono dalla cantina, dai vitigni utilizzati per la produzione delle uve, e dal terroir: quella combinazione magica di geologia, morfologia, clima, coltura e cultura che caratterizza l’ambiente dove il vino nasce. Un sistema informativo geografi co è uno strumento potentissimo al servizio della qualificazione del terroir perché aiuta gli esperti nell’elaborazione dei dati e nella loro analisi. La tecnologia WebGIS si rivela essere un valido strumen...

  13. Tettonica attiva nel settore peri-tirrenico meridionale tramite integrazione di dati geodetici e geologici

    OpenAIRE

    Mazzella, Maria Enrica

    2010-01-01

    Misure non-permanenti di velocità GPS (Global Positioning System) della rete Peri-Tyrrhenian Geodetic Array (PTGA) sono state utilizzate per stimare la cinematica e i tassi di deformazione contemporanea dell’area peri-Tirrenica meridionale. La rete PTGA, installata e misurata da istituzioni italiane e straniere, consiste attualmente in 51 siti localizzati in Italia meridionale e isole, che sono stati misurati in cinque campagne successive (1995, 1997, 2000, 2008 e 2010). Le misure del 200...

  14. Il gioco le leggi naturali governano il caso

    CERN Document Server

    Eigen, Manfred

    1986-01-01

    Manfred Eigen, Premio Nobel per la chimica nel 1967, e la sua collaboratrice Ruthild Winkler hanno voluto con questo libro uscire allo scoperto, esponendo in una trattazione complessa ma comprensibile per ogni lettore veramente interessato una teoria molto audace, basata su ricerche e scoperte di Eigen stesso e di altri (come per esempio Thom e Prigogine) che in questi ultimi anni sono al centro dell’attenzione degli scienziati, anche se non sempre sono filtrate al di fuori della loro cerchia. Questa teoria ha come perno la nozione di gioco: e non già in una o più delle innumerevoli accezioni della parola, ma in tutte, con l’aggiunta di una ulteriore accezione che sottende tutte le altre: il gioco come struttura intelligibile emergente dal divenire caotico, quindi come fenomeno «che ha guidato fin dall’inizio il corso dell’Universo». Gioco, in questo libro, è dunque un «fenomeno naturale», non specificamente umano. I giochi che noi tutti giochiamo sono soltanto la schiuma variegata di un flutto...

  15. Wie wenn sich eine einzige hohe aber starke stimme bilde: lingua e stile nel romanzo das scHLOSS di Franz Kafka

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Colombo

    2017-12-01

    Full Text Available Nel romanzo Das Schloß (1922 Kafka non si limita a perseguire l’eleganza del classicismo weimariano riducendo l’influenza esercitata, sulla lingua da lui usata, dal tedesco del sud e di Vienna, dal ceco e dallo yiddish. L’autore riprende anche alcuni accorgimenti stilistici tipici dell’ebraico biblico, finora trascurati dalla critica. L’accento posto dall’ebraico biblico su paratassi e ripetizione dà vita, nel romanzo, a una sorta di allucinazione acustica, anch’essa trascurata dalla critica.

  16. La sequenza sismica nel versante nord-occidentale dell'Etna del 19-27 Dicembre 2009 : evidenze di ricarica magmatica profonda?

    OpenAIRE

    Alparone, S.; Barberi, G.; Di Grazia, G.; Giampiccolo, E.; Maiolino, V.; Mostaccio, A.; Musumeci, C.; Scaltrito, Antonio; Scarfì, L.; Ursino, A.

    2010-01-01

    E’ stata analizzata la sequenza sismica che ha interessato il versante nord-occidentale dell’Etna nel periodo 19-27 dicembre 2009 (Fig. 1). Essa è stata caratterizzata da oltre 400 scosse di magnitudo compresa tra 1.0 e 4.8, localizzate ad una profondità tra 20 e 30 km, con un rilevante rilascio energetico, come si osserva dalla distribuzione temporale del numero delle scosse e dell’energia ad esse associata nel tempo (Fig. 2). È interessante notare come l’energia rilasciata durante la sequen...

  17. Caratterizzazione di un QTL di pomodoro coinvolto nel controllo della tolleranza della pianta ad una ridotta disponibilità idrica e della qualità del frutto

    OpenAIRE

    Vasco, Maria

    2011-01-01

    Il pomodoro (Solanum lycopersicum), dopo la patata, è la specie ortiva più coltivata nel mondo. In Italia, la produzione di circa 5,9 milioni di tonnellate di pomodoro colloca il Paese al quinto posto dopo Cina, USA, Turchia e India nella classifica mondiale ed al primo posto tra i Paesi Europei. La produzione italiana nel 2009 risulta per il 14% destinata al consumo fresco e per l’86% alla trasformazione (ISTAT – Sistema Informativo su Agricoltura e Zootecnia). L’Italia è il primo produttore...

  18. Oser le corps

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alex Cormanski

    2015-05-01

    Full Text Available Le corps est la voie primordiale dans le processus d’énonciation, mais reste encore (trop souvent corps étranger dans le processus d’enseignement/apprentissage des langues étrangères. Or entrer dans une langue étrangère, se l’approprier physiquement, sonner juste dans une autre langue, précisément pour qu’elle ne soit plus étrangère, implique un travail sur le corps, peut impliquer un transfert de corporéité. Oser les pratiques de corps dans la classe de langue : voie incontournable pour éviter les voix dissonantes. Dare the body voice Abstract: Focusing and working on the body is inescapable in the process of enunciation, but unfortunately not sufficiently put into practice in language learning. Speaking a foreign language, being attuned in that target language, i.e. to sound as close as possible to a native speaker, implies to work on the body physically as well as mentally, which means dealing with representation because of the transfer of identity the user may experience. Dare the body voice for a body change when switching from a language to another is a necessary direction the teacher ought to lead the learners to work on.

  19. Candide et le physicien

    CERN Document Server

    Espagnat, Bernard d'

    2008-01-01

    Les avancées considérables de la physique d'après guerre n'ont - on le sait - été possibles qu'au prix d'une vraie rupture entre elle et la physique dite " classique ". A quels changements cette rupture nous contraint-elle en ce qui concerne des notions essentielles, telles celles d'espace, de temps, d'objet et d'objectivité ? Quelles en sont les incidences quant à la portée de la connaissance, au rôle de la conscience, aux relations entre science et ontologie ? Ce sont là des questions de fond, fort délicates, auxquelles les personnes de tendance quelque peu philosophique sont plus sensibles que ne le sont les physiciens. Malheureusement, les premières ne disposent normalement pas des connaissances de pointe qui seules permettent d'approfondir de tels problèmes sans trop risquer de s'égarer. Etant donné l'impact que, par ses applications, la science a sur nos vies, nombreux sont ceux qui souhaitent se former une idée plus juste de ce qu'elle implique vraiment. Le présent ouvrage prend la for...

  20. GIUSTIZIA, PENA E MISERICORDIA NELL’ISTITUTO DEL MATRIMONIO NEL DIRITTO ROMANO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Giuseppe Maria Lobiati

    2017-12-01

    Full Text Available Il tema della giustizia e della pena può essere riscontrato anche nella risoluzione del conflitto tra coniugi già a partire dal diritto romano arcaico. Si tratteggerà, quindi, l’evoluzione dell’istituto del divortium nel sistema giuridico romano a partire dalla sua nascita come risposta al ius vitae ac necis del marito sulla moglie, passando per il ripudio unilaterale e concludendosi con la dissoluzione del vincolo. L’analisi proseguirà attraverso uno sguardo sulla normativa di merito nell’età classica per poi soffermarsi sulla normativa del Tardo Impero che, incontrandosi con il Cristianesimo, fu soggetta a modificazioni in virtù delle spinte che la dottrina patristica sull’indissolubilità forniva. Si metterà in luce come il ius di cui si tratta, che vide la nascita del divortium quale risposta di un coniuge alle ingiustizie perpetrategli dall’altro, arrivò a doversi confrontare con la dottrina Cristiana che, nell’ambito matrimoniale, sostenendo la tutela del vincolo, riuscì a compiere un bilanciamento delle istanze sociali e religiose attraverso l’istituto della separazione come “pena misericordiosa”. La cuestión de la justicia y la pena puede ser individuada en la resolución de conflictos entre cónyuges a partir del derecho romano arcaico. Se delinea, por tanto, la evolución del instituto del divortium en el sistema jurídico romano desde su nacimiento como respuesta al ius vitae ac necis del marido sobre la mujer, pasando por el repudio unilateral y acabando con la disolución del vínculo. El análisis proseguirá considerando la normativa en la edad clásica hasta llegar a la normativa del Bajo Imperio que, encontrando el Cristianismo, sufrirá modificaciones a causa del empuje de la doctrina patrística sobre la indisolubilidad. Veremos como el ius en cuestión, que ve el nacimiento del divortium como respuesta de un cónyuge a las injusticias recibidas por parte del otro, tuvo que medirse con la doctrina

  1. Del posto dialettometrico che spetta ai punti galloitalici Aidone, Sperlinga e San Fratello nel sistema della rete dell'AIS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hans Goebl

    2010-12-01

    Full Text Available La rete dell’atlante italo-svizzero AIS comprende sette isole linguistiche tra cui tre sono di natu- ra alloglotta (relative cioè al greco ed all’albanese mentre cinque sono di origine romanza. In tre delle isole linguistiche romanze, tutte ubicate in Sicilia, si parlano ancora dialetti galloitalici: si tratta delle località di Aidone (P.-AIS 865, San Fratello (P.-AIS 817 e Sperlinga (P.-AIS 836. è ben risaputo che l’origine storica di queste isole risale all’Alto Medioevo (XII–XIII secoli e che la patria dei rispettivi coloni alto-medievali si trovava nella zona di contatto situata tra il Piemonte meridionale, la Liguria settentrionale e la contigua Emilia occidentale. Nel corso della dialettometrizzazione della totalità dei dati dell’AIS – svoltasi a Salisburgo negli anni 2005–2009 – si è presentata l’opportunità di esaminare, tramite tutti gli strumenti dialettometrici attualmente a disposizione, tanto la posizione (quantitativa relazionale dei dialetti galloitalici delle suddette tre località nella rete dell’AIS, quanto quella di alcuni dialetti siciliani limitrofi. I risultati delle rispettive analisi sono molto sfumati e dimostrano chiaramente la comples- sità dell’inserzione delle parlate galloitaliche nel diasistema siciliano: vengono presentati tra- mite 16 carte dialettometriche a colore, ciascuna delle quali è accompagnata di appositi spiega- zioni e commenti dialettometrici e linguistici.

  2. Le vase de Pandore

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Panichi

    2000-06-01

    Full Text Available Il s’agit ici de suivre les stratégies discursives par lesquelles Érasme situe sa Lingua sous le patronage symbolique de deux mythes des plus opératoires à la Renaissance : le vase de Pandore et la tour de Babel, tous deux verrouillant le texte, l’un en guise d’incipit, l’autre d’explicit, dans un dialogue où chacun use de l’autre pour renforcer les significations et instaurer le régime sémantique du texte, tant linguistique qu’éthique. Ce sont ces jeux complexes entre différents niveaux de discours dont dépend le sens ultime de l’œuvre que cet article s’attache à saisir.Se trata de seguir aquí las estrategias discursivas mediante las cuales Erasmo sitúa su Lingua bajo el dominio simbólico de dos de los mitos más funcionales del Renacimiento: el vaso de Pandora y la torre de Babel, los cuales limitan el texto, uno a modo de íncipit, otro de excipit, en un diálogo en el que se valen el uno del otro para reforzar los significados y establecer el régimen semántico del texto, tanto lingüístico como ético. Son esos juegos complejos entre diferentes niveles de discurso, de los que depende el sentido último de la obra, que este artículo intenta captar.

  3. Modellistica numerica per problemi differenziali

    CERN Document Server

    Quarteroni, Alfio

    2016-01-01

    In questo testo si introducono i concetti di base per la modellistica numerica di problemi differenziali alle derivate parziali. Si considerano le classiche equazioni lineari ellittiche, paraboliche ed iperboliche, ma anche altre equazioni, quali quelle di diffusione e trasporto, di Navier-Stokes e le leggi di conservazione. Si forniscono inoltre numerosi esempi fisici che stanno alla base di tali equazioni. Quindi si analizzano metodi di risoluzione numerica basati su elementi finiti (continui e discontinui), differenze finite, volumi finiti, metodi spettrali (continui e discontinui), nonché strategie di approssimazione più avanzate basate sui metodi di decomposizione di domini, i metodi a basi ridotte o quelli di risoluzione di problemi di controllo ottimale. In particolare vengono discussi gli aspetti algoritmici e di implementazione al calcolatore e si forniscono diversi programmi di semplice utilizzo. Il testo non presuppone una approfondita conoscenza matematica delle equazioni alle derivate parziali:...

  4. Il problema della costruzione di senso nel Trattato di Sociologia Generale di Vilfredo Pareto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Millefiorini

    2017-08-01

    Full Text Available Pareto ci spiega come i residui siano al centro del complesso ordine sociale che viene a costituirsi dalla combinazione tra questi, gli interessi, l’eterogeneità della società e le derivazioni. Ai fini della costruzione di senso, vi è un genere di residui, quello definito «bisogno di sviluppi logici», il quale comprende «la maggior parte dei residui che determinano le derivazioni» . Sono poi queste ultime che, venendo diciamo così a “vivere di vita propria”, perimetrano, definiscono, determinano, conferiscono i significati individuali e collettivi sui quali l’interazione quotidiana tra gli uomini fonda la trama principale delle proprie routines, delle proprie pratiche, delle proprie condotte all’interno di ambiti di convivenza, di istituzioni, di comunità nazionali. Vi è stato chi, come Norberto Bobbio, ha tratto da questo indubbio assetto concettuale nella teoria sociologica paretiana, conseguenze e deduzioni che ci restituiscono il pensiero di Pareto come una versione socio-psicologica della teoria marxista della “falsa coscienza”. In sostanza, scrive Bobbio, «alla concezione storicistica delle ideologie propria di Marx, Pareto contrappone una concezione naturalistica dell’uomo come animale ideologico». Tuttavia bisogna intendersi. È certamente vero che le ideologie del Novecento possono essere spiegate seguendo l’approccio paretiano, ma la sua sociologia non si risolve e non si esaurisce in una semplice teoria delle ideologie. Essa è un qualcosa di ben più ampio e ben più complesso, che abbraccia tutto l’arco storico delle civiltà umane, e che quindi si pone come uno dei tentativi più ambiziosi, sino ad oggi concepiti dalle scienze sociali, di spiegare quel complicatissimo processo sociale che va sotto il nome di “costruzione di senso”.

  5. Le monde quantique

    CERN Document Server

    Aspect, A; Bensaude-Vincent, B; Castiel, A; Chevalley, C; Darrigol, O; Deligeorges, S; D'Espagnat, B; Laloë, F; Lévy-Leblond, J-M; Messiah, A; Paty, M; Vuillemin, J; Wheaton, B R

    1984-01-01

    Le monde quantique La physique quantique, après trois quarts de siècle, n'en finit pas d'être moderne. Elle est présente quotidiennement dans les laboratoires où les physiciens étudient atomes, noyaux et particules. Elle est entrée dans l'industrie où lasers, transistors et supraconducteurs lui doivent d'exister. Et elle continue à alimenter le débat philosophique sur la nature de la réalité dont elle montre la non-séparabilité fondamentale. Ses concepts de base, son développement, ses applications, ses controverses sont ici présentés par une pléiade de physiciens, d'historiens et de philosophes.

  6. Le charme slave

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Mauri

    2012-09-01

    Full Text Available Antonella Mauri analyse l’image des femmes slaves immigrées en Italie telle qu’elle apparaît à travers la publicité, la littérature romanesque (La ballata dei lavavetri de Peter Del monte, Luce Profuga de Valerio Aiolli, Pornokiller de Bruno Ventavoli, le cinéma, la bande dessinée (Danilo Maramotti, image qu’elle oppose aux résultats d’une enquête qu’elle a menée sur le terrain. Elle s’interroge en particulier sur la permanence des stéréotypes liés à la femme slave.

  7. Le Nordais on schedule

    International Nuclear Information System (INIS)

    Anon.

    1998-01-01

    The first phase of the Le Nordais wind farm project in the Gaspe Peninsula in Quebec is on schedule. It was announced that the project's first turbines will be turning by September 1998. Hydro-Quebec has agreed to buy power from the 100 MW wind farm. The Le Nordais consortium plans to have 76,750 kW turbines in service in Cap-Chat by December 1998. Many of the foundations for the towers are poured and a substation is under construction. The turbines that are currently in use come from Denmark, but 20 of the 76 turbines being slated for installation this year will come from NEG Micon Canada Inc.'s assembly plant in Quebec. The Quebec government is providing a $5.6 million grant for their production and for turbine assembly in Quebec. During phase two, an additional 57 turbines will be installed in Matane by the end of 1999. 1 fig

  8. Le forme del fondo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michel Maffesoli

    2004-12-01

    Full Text Available Non è vero che la natura ha paura del vuoto. Forse addirittura si completa. Il vuoto è anche una modalità dell'essere. È possibile nidificarvisi, avvolgersi pigramente e, così, proteggersi dall'angoscia del tempo che passa. Il vuoto delle apparenze è, in alcuni momenti, una delle forme d'espressione della vita sociale. Oltretutto occorre saperle riconoscere. Certamente, abbiamo tutti un'esistenza personale, ma siamo, ugualmente, i rappresentanti, a volte anche le vittime, di uno "spirito comune", forse anche di un "inconscio collettivo" che si è costituito di secolo in secolo. E, molto spesso, quando crediamo di esprimere le nostre idee, siamo soltanto dei portavoce, comparse di un vasto "theatrum mundi" dalle dimensioni infinite.

  9. Garder le rythme

    OpenAIRE

    Arnaud-Demir, Françoise

    2015-01-01

    Chez les Alévis de Turquie, hommes et femmes se réunissent pour de longues assemblées nocturnes, le cem ou « cérémonie collective », sous la houlette d’un guide spirituel appelé dede (« grand-père, ancêtre »), lui-même assisté par des bardes (aşık) et divers officiants. Ces cérémonies se composent de chants et de danses accompagnés au luth saz. Près de Divriği, dans la province de Sivas, cette danse rituelle, le semah (d’un étymon arabe signifiant « écoute »), applique un schéma complexe, alt...

  10. Employment impact of renewable energy sources program in Italy; L'impatto occupazionale del programma italiano sulle fonti rinnovabili delineato nel libro bianco

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barra, L.; Avella, R. [ENEA, Rome (Italy); Zorzoli, G. [International Solar Energy Society Italia, Rome (Italy)

    1999-07-01

    This study analyzes the employment impact consequent to the realization of development program of renewable sources power plants illustrated in the paper Exploitation of renewable energy sources. [Italian] Il presente lavoro analizza l'impatto occupazionale conseguente alla realizzazione del programma di sviluppo di impianti alimentati da fonti rinnovabili, illustrato nel Libro Bianco Per la valorizzazione energetica delle Fonti Rinnovabili.

  11. Don Juan: eine Tragödie. Intertestualità faustiana e riscrittura tragica nel racconto di E. T. A. Hoffmann

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Marola

    2017-11-01

    Full Text Available Il mito letterario di don Giovanni, sorto nella commedia, attorno al 1800 viene riformulato in direzione del tragico. La trasformazione inizia con la versione operistica di Mozart-Da Ponte e trova compimento nel racconto di Hoffmann, che proietta il nuovo tono tragico del finale mozartiano su tutto il mito. L’articolo intende porre in rilievo la presenza nel Don Juan di numerosi richiami intertestuali al Faust di Goethe, finora non pienamente rilevati dalla critica, attraverso i quali è possibile leggere tale riscrittura tragica come una dichiarata sintesi dei due miti, in cui don Giovanni assume il ruolo di Faust-Mefistofele e donna Anna quello di Gretchen. La riscrittura del mito culmina nel finale rispecchiamento del narratore in Anna-Gretchen. Ma il valore del tragico è relativizzato in Hoffmann dall’ironica autocoscienza dell’artista romantico: confinato nel mondo fantastico dell’arte, risulta privo di senso nella prosaica realtà della vita borghese.

  12. Le CRDI en Mongolie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    touchent la steppe de même que les régions forestières et montagneuses. Utilisation des technologies numériques. Dès le début des années 1990, grâce à des subventions et à des conseils techniques du CRDI, un fournisseur local de services de communication de données, Datacom, a pu fournir l'accès Internet à la ...

  13. Le CRDI au Ghana

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    pour prévenir le paludisme, des études ayant démontré que leur utilisation pouvait réduire considérablement la mortalité infantile. Les chercheurs ont également suggéré aux gouvernements différents moyens pour inciter les gens à acheter les moustiquaires et à les utiliser correctement. Les TI au service de la démocratie.

  14. Le CRDI en Chine

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    les employés du secteur non structuré ont de meilleures conditions de travail. □ les citoyens influencent les décisions relatives aux dépenses publiques. Soutien accordé par le CRDI depuis 1981. 222 activités d'une valeur de 59 millions CAD. Chercheurs et agriculteurs s'emploient à améliorer les moyens de subsistance.

  15. Le CRDI en Tunisie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    les citoyens arabes sont plus présents sur Internet. Soutien accordé depuis 1975. 49 activités. 8 millions cad. Dans la foulée du Printemps arabe, les chercheurs conçoivent des réformes visant à assurer l'essor de la démocratie et en examinent la validité. CRDI centre de recherches pour le développement international.

  16. Le CRDI au Bangladesh

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    d'agriculteurs ont trouvé des solutions de remplacement à la culture du tabac. Petit à petit, les agriculteurs améliorent ... réduire la pollution de l'air et à mieux utiliser l'eau. Soutien accordé par le CRDI depuis 1974 ... violence endémique, car la cause profonde du mécontentement — l'absence de démocra- tie plutôt que les ...

  17. Le CRDI en Colombie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    activités de longue haleine qui ont eu pour but d'appuyer la réinsertion des anciens combattants ... Internet à son programme d'insertion sociale des enfants de la rue victimes d'exploitation ... Des travaux subventionnés par le CRDI ont aidé une fondation à intégrer Internet à son programme d'insertion sociale des enfants ...

  18. A guide for estimating dynamic panel models: the macroeconomics models specifiness; Una guida per la stima dei modelli panel dinamici: le specificita dei modelli macroeconomici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coletta, Gaetano [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Unita di Agenzia per lo Sviluppo Sostenibile Advisor

    2005-10-15

    The aim of this paper is to review estimators for dynamic panel data models, a topic in which the interest has grown recently. As a consequence 01 this late interest, different estimation techniques have been proposed in the last few years and, given the last development of the subject, there is still a lack 01 a comprehensive guide for panel data applications, and for macroeconomics panel data models in particular. Finally, we also provide some indications about the Stata software commands to estimate dynamic panel data models with the techniques illustrated in the paper. [Italian] L'obiettivo del presente lavoro e quello di effettuare una rassegna degli stimatori per modelli panel dinamici, una materia per cui l'interesse e cresciuto di recente. In conseguenza di questo crescente interesse, negli ultimi anni sono stati proposti una serie di differenti tecniche di stima ma, dato il rapido sviluppo della materia, non esiste, infatti, una guida esaustiva per le applicazioni su dati panel, in particolare nel caso di modelli macroeconomici. A conclusione del lavoro sono fornite, infine, alcune indicazioni relative ai comandi del software Stata per stimare i modelli panel dinamici con le tecniche illustrate nel testo.

  19. Earth sciences within the project Ev-K2-CNR: Geodesy and geophysics; Le scienze della Terra nel progetto Ev-K2-CNR: Geodesia e geofisica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Poretti, Giorgio [Trieste, Univ. (Italy). Dipt. di Scienze Matematiche

    1997-05-01

    Earth Sciences started the Ev-K2-CNR project in 1987 with the comparison between the heights of Mt. Everest and K2. Several gravimetric campaigns followed in the most difficult areas of the Himalayas. In 1991 a GPS network was established in Nepal for the determination of the Earth crust movements in the area. In 1992 a precise measurement of mount Everest was performed with classical and satellite technologies. Mount K2 was remeasured in Summer 1996.

  20. Problematiche normative della presenza islamica nello spazio sociale italiano ed europeo. Le difficoltà del pluralismo culturale nel modello di laicità contemporaneo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Parisi

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione nella "Revista Crítica de Derecho Canónico Pluriconfesional", curata da Manuel Juan Pelaez Albendea (Facultad de Derecho, Universidad de Málaga.SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Laicità dello Stato, libertà religiosa e comunità islamiche nella società italiana: tra diritto comune e legislazione pattizia. 3. I nodi giuridici di maggior rilievo in Italia e in Europa. 4. Conclusioni.

  1. Alimenti e pratiche alimentari in Assiria: le materie alimentari nel culto ufficiale dell’Assiria del primo millennio a.C

    DEFF Research Database (Denmark)

    Gaspa, Salvatore

    in the administrative and religious texts are also displayed in tables, in order to present an in-depth and comprehensive analysis of the sets of information available in the published Assyrian texts. In addition, attestations of food designations in texts of other periods as well as the iconographical representations...

  2. Glottotecnologie didattiche per i migranti L’italiano fra le altre lingue nel progetto L-Pack (Citizenship Language Pack for Migrants in Europe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierangela Diadori

    2017-01-01

    Full Text Available Teaching languages to migrants through ICT L-Pack Project for Italian and other languages (Citizenship Language Pack for Migrants in EuropeThe most recent trends in technology and the internet, commonly called Web 2.0., have determined new concepts in teaching and learning that involve autonomy, multimodality and flexibility. New approaches to ‘knowledge by technology’ are changing both teachers’ and learners’ roles, responding to their different aims and needs. At the same time, nearly 4 million people are presently involved in massive migration processes all over Europe, coming either from outside Europe or from another EU member state. The EU policies on migrants state the importance of a basic knowledge of the host country’s language, history and institutions for an effective integration process, and EU governments are expected to contribute to this aim. This paper describes the European Project ‘L-PACK: Citizenship Language Pack For Migrants in Europe’ (2011-2016, whose main aim consisted in developing a series of internet video texts, accompanied with materials and resources to lead adult migrants to A2 level (according to QCER levels scale in different EU languages. The project has been developed in two main stages. In the first part of the programme, called L-Pack 1, from 2011 to 2013, the languages were Italian, Spanish, German, Lithuanian, Greek and Czech. In the second part, called L-Pack 2 extended, from 2014 to 2016, the project added English and French and was integrated with new resources and tools. The L-PACK course, which consists of 60 short video dialogues from everyday life, supported by comprehension activities and linguistic explanation and rules, is totally free and available through Youtube, Wikibooks and Soundcloud. The dedicated website http://www.l-pack.eu was visited by 120.000 users from 146 countries in the period 2011-2016. L-Pack teaching materials have also been used by teachers in classroom activities. The authors analyze and evaluate the results of the L-Pack Project, from pilot to dissemination, in different learning contexts both in situ and through e-learning. This is carried out on the basis of surveys concerning the project as a whole and in particular its use in Italian language teaching classes for migrants in Italy.

  3. Riforme economiche e lotte politiche nel Giappone medievale. Il governo delle attività economiche durante le guerre civili del XVI secolo

    OpenAIRE

    Gresti Maurizio

    1999-01-01

    XVI century Japan ended a long period of transition: finally a new and stable institutional framework emerged under the Tokugawa "shogun". For a very long time the Imperial court, confined in Kyoto, had played an almost symbolic rule, while the power was in the hands of military governments (bakufu). However bakufu were increasingly unable to control local developments and in the provinces a new class of powerful landlords ("daimyo") was gaining autonomy in military, judicial, administrative ...

  4. Analisi e valutazione dell’intervento delle associazioni di Psicologi per i Popoli nel teatro del terremoto in Abruzzo alla luce della coerenza con le linee guida IASC

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Castelletti

    2013-03-01

    Full Text Available The article is part of a larger work of evaluation of the intervention carried out by Federazione Psicologi per i Popoli in the aftermath of the earthquake in Abruzzo in 2009. In particular, the author analyzes the consistency of that intervention with the directives contained in the IASC Guidelines on mental health and psychosocial support in emergency settings, issued in 2007 — which our federation has been the first in Italy to adhere to. After a description of the Guidelines and the theoretical path that led to their development, the steps and the means by which the federation has organized the work of analysis and evaluation of its interventions in the emergency context are presented.

  5. Differenze craniometriche in popolazioni di Volpe (Vulpes vulpes L. nel Mediterraneo occidentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agatino Maurizio Siracusa

    2003-10-01

    Full Text Available La Volpe rossa (Vulpes vulpes ha un ampio areale e una tassonomia complessa, ancora non ben definita; poco numerosi sono inoltre gli studi sulla craniometria delle popolazioni mediterranee. In questo studio abbiamo misurato 21 variabili di 78 crani appartenenti a popolazioni della Penisola italiana (22, della Sardegna (6, della Sicilia (8 e della Spagna (42. I dati sono stati sottoposti ad indagine statistica mediante tecniche univariate (t-test e analisi discriminante. I risultati del t-test tra Italia e Spagna mostrano differenze statisticamente significative per 13 variabili (11 per i maschi e 13 per le femmine, tra Italia e Sardegna per 17 variabili, tra Spagna e Sardegna per 17 variabili, tra Italia e Sicilia 7 variabili, tra Spagna e Sicilia 11 variabili e tra Sicilia e Sardegna 8 variabili. Dal confronto tra i sessi sono risultate differenti, in modo statisticamente significativo, 11 variabili per il campione della Penisola italiana e 15 per la Spagna; di queste variabili differenti statisticamente, solo otto risultano comuni. Per Sicilia e Sardegna non abbiamo effettuato nessun confronto, dato il basso numero di campioni. L?analisi discriminante applicata agli stessi dati craniometrici ha permesso di estrarre funzioni discriminanti capaci di distinguere in maniera statisticamente significativa (p<0,001 differenti clusters che non sempre però concordano sia con la sistematica classica, sia con le recenti indagini genetiche.

  6. Analisi matematica

    CERN Document Server

    Canuto, Claudio

    2014-01-01

    Il presente testo intende essere di supporto ad un secondo insegnamento di Analisi Matematica in quei corsi di studio (quali ad esempio Ingegneria, Informatica, Fisica) in cui lo strumento matematico parte significativa della formazione dell'allievo. I concetti e i metodi fondamentali del calcolo differenziale ed integrale in più variabili, le serie di funzioni e le equazioni differenziali ordinarie sono presentati con l'obiettivo primario di addestrare lo studente ad un loro uso operativo, ma critico. L'impostazione didattica dell'opera ricalca quella usata nel testo parallelo di Analisi Matematica I. La modalità di presentazione degli argomenti ne permette un uso flessibile e modulare. Lo stile adottato privilegia la chiarezza e la linearità dell'esposizione. Il testo organizzato su due livelli di lettura. Uno, più essenziale, permette allo studente di cogliere i concetti indispensabili della materia, di familiarizzarsi con le relative tecniche di calcolo e di trovare le giustificazioni dei principali r...

  7. Evidence based medicine (EBM) and evidence based radiology (EBR) in the follow-up of the patients after surgery for lung and colon-rectal carcinoma; Medicina basata sulle evidenze (EMB) e radiologia basata sulle evidenze (EBR) nel follow-up dei pazienti operati per tumore del polmone e del colon

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giovagnoni, Andrea; Ottaviani, Letizia; Mensa' , Anna; Durastanti, Martina; Floriani, Irene; Cascinu, Stefano [Marche Univ., Ancona (Italy). Azienda ospedaliera Umberto I, Istituto di radiologia, oncologia clinica

    2005-04-01

    real costs of the follow-up programmes implemented in the 40 patients considered and the theoretical costs derived from the guide-line recommendations (an excess of 99.06% for lung cancer, and 93.6% for colon cancer). Conclusions: Our findings can serve as a basis to start a discussion within the scientific community about the role of radiological follow-up in cancer patients with the aim of defining a more rational use of resources. [Italian] Scopo: a) Utilizzare la metodologia di Evidence Based Medicine (EBM) nella definizione del ruolo della radiologia nel follow-up post chirurgico dei pazienti con neoplasia solida; b) valutare le eventuali discrepanze tra il modello teorico ed i protocolli clinici attualmente in uso; c) confrontare i costi degli esami radiologici ricavati da un campione di pazienti osservato con quelli ideali che si sarebbero sostenuti se i pazienti fossero stati seguiti secindo le raccomandazioni fornite dalle linee guida delle Societa Scientifiche Internazionali. Materiale e metodi: Sono stati ricercati (utilizzando banche dati tradizionali e di editoria secondaria) i lavori scientifici e le linee guida degli ultimi dieci anni inerenti l'impatto clinico dell'imaging nel follow-up dei pazienti con tumori solidi (polmone, colon). Utilizzando la metodologia delle revisioni sistematiche proprie della EBM. Sono stati scelti i lavori piu significativi per numero di pazienti inclusi e livello di affidabilita. Sono stati valutati i seguenti parametri: timing delle indagini, sopravvivenza, periodo libero di malattia, qualita della vita, morbilita indotta, costi, aspetti psicologici. In una seconda fase stato analizzato retrospettivamente il follow-up clinico strumentale di 40 pazienti consecutivi affetti da tumore del colon (20 pazienti) e polmone (20 pazienti) giunti alla nostra osservazione nel periodo 1998-2004, valutato il costo reale e confrontato con quello teorico. Risultati: La revisione sistematica della letteratura ha permesso di

  8. Le Sezioni Unite sul luogo dell’adempimento nelle obbligazioni pecuniarie: quale coordinamento con la disciplina dei debiti di valuta?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    TOMMASO DALLA MASSARA

    2016-12-01

    Full Text Available Alfa agisce contro Beta per ottenere un pagamento dovuto – quale corrispettivo per la prestazione di un servizio – che ancora non può dirsi certo nel suo ammontare: in effetti, il credito diviene oggetto di esatta quantificazione soltanto in sede di proposizione della domanda; nella vicenda processuale, il profilo della determinatezza/determinabilità della somma di denaro oggetto della pretesa assume un ruolo decisivo, giacché proprio su quel profilo viene a fondarsi l’applicabilità del comma 3 dell’art. 1182 c.c., il quale impone che l’obbligazione avente per oggetto una somma di denaro sia adempiuta al domicilio che il creditore ha al tempo della scadenza. Una volta fissata la regola della portabilità dell’obbligazione, rimane per conseguenza determinata la competenza per territorio nel luogo di esecuzione della prestazione, ai sensi dell’art. 20 c.p.c. Questi, assai in breve, gli estremi della questione giunta alla decisione delle Sezioni Unite della Suprema Corte (per un primo commento, cfr. P. Di Michele, in Dir. e giust., 14 settembre 2016, 7 ss., e G. Bellia, Obbligazioni pecuniarie portabili: le Sezioni Unite chiariscono ‘il modo di intendere il requisito della liquidità’, in www.ildirittoamministrativo.it, 26 settembre 2016.

  9. Le nouveau modèle africain | IDRC - International Development ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    22 juil. 2011 ... L'annulation de la dette, un commerce plus équitable, davantage d'aide : voilà le plan d'action mondial dont on convient qu'il faut de toute urgence mettre en oeuvre en vue d'accélérer le développement en Afrique. Or, ce serait rater le bateau que de ne pas s'engager dans la voie tout autre que les ...

  10. Le Conseil des gouverneurs | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le Conseil des gouverneurs guide le travail du CRDI en lui fournissant une orientation stratégique, en examinant ses activités et en approuvant ses budgets. Les gouverneurs – un maximum de 14 – sont nommés par le gouverneur en conseil du Canada pour un mandat d'au plus quatre ans, qui peut être reconduit. La Loi ...

  11. Compilation of the opinions expressed by the CCTN in 1997; Raccolta dei pareri espressi dalla CCTN nel 1997

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Camoni, I. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Tossicologia Applicata; Mucci, N. [ISPESL, Monteporzio Catone, Rome (Italy). Dipt. di Medicina del Lavoro

    1998-12-31

    The advice expressed by the Italian National Advisory Toxicological Committee (CCTN) in 1997 are presented. Among the most important advice, the following may be mentioned: (1) air quality criteria for CO and NO{sub 2}; (2) risk evaluation associated to the presence of mixtures of pesticide residues in food; (3) re-evaluations of the toxic properties of DDT; (4) evaluations of the carcinogenic evidences of several active substances of antiblastic drugs. [Italiano] Vengono presentati i pareri espressi dalla Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale (CCTN) nel 1997. Tra i piu` importanti possono essere menzionati i pareri riguardanti: 1) criteri di qualita` dell`aria per il CO e l`NO{sub 2}; 2) rischio tossicologico da residui di miscele di pesticidi presenti negli alimenti; 3) rivalutazione delle proprieta` tossiche del DDT; 4) valutazione dell`evidenza di cancerogenita` di alcuni principi attivi di chemioterapici antiblastici.

  12. La musica nel secolo delle masse (Musica e società

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Sini

    2011-11-01

    Full Text Available Muovendo dalle trasformazioni avvenute nella musica tra fine ‘800 e inizio ‘900, l’autore s’interroga sulle modalità con cui le “masse” hanno mutato gli assetti della vita economica, sociale e culturale. La riflessione prende spunto dal libro di Alex Ross Il resto è rumore. Ascoltando il XX secolo. The music during the century of the masses (Music and society Focusing on the transformations that took place in the music between the late '800 and early '900, the author wonders about how the "masses" have changed the structure of economic, social and cultural life. The reflection is inspired by the book by Alex Ross The rest is noise. Listening to the Twentieth Century.

  13. Dal protone al bosone di Higgs nel grande acceleratore del CERN

    CERN Document Server

    Campanelli, Mario

    2017-01-01

    Il grande collisionatore di adroni (LHC) è il più potente acceleratore di particelle al mondo, ed uno dei più complessi strumenti scientifici mai costruiti. Basato al CERN di Ginevra, ma gestito da migliaia di fisici organizzati in collaborazioni internazionali che fanno funzionare i quattro rivelatori, questo strumento produce oltre un miliardo di collisioni di protoni al secondo, nei quali nuove particelle vengono continuamente prodotte ed analizzate. Questo libro si indirizza al lettore curioso che non abbia necessariamente basi scientifiche. Lo porta passo passo attraverso le evoluzioni della fisica moderna (meccanica quantistica, relatività) fino a capire come sono fatti gli strumenti che analizzano i dati dell'LHC descrivendo i principali temi di ricerca e soffermandosi sulla scoperta del bosone di Higgs, con uno sguardo verso il futuro e ad eventuali nuove scoperte.

  14. IL GIUDICE E LA MISERICORDIA. RIFLESSIONI SULL’AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA NEL DIRITTO CANONICO CLASSICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaella Bianchi Riva

    2017-12-01

    Full Text Available Le riflessioni dei canonisti medievali sul tema della misericordia consentono di svolgere alcune considerazioni sulla questione, di stringente attualità, del rapporto tra giustizia e opinione pubblica. Attraverso la nozione di scandalo, che tematizzava le dinamiche del consenso sociale alle istituzioni pubbliche, il dibattito si incentrò sull’approvazione popolare all’amministrazione della giustizia, con riguardo, in particolare, agli effetti derivanti dal ricorso alla misericordia. L’esigenza di prevenire forme di opposizione o di protesta suggerì ai canonisti che il giudice potesse, talora, attenuare il rigore del diritto, sino a perdonare un colpevole, per assecondare la volontà popolare. Ad analoghe soluzioni giunsero i giuristi civilisti, che, attingendo ai principi canonistici, ammisero, viceversa, la possibilità di condannare un innocente per evitare il dilagare di scandali nella società. The remarks of the medieval canonists on the subject of mercy provide much to reflect upon when considering the relationship between justice and public opinion – an issue which continues to be of topical interest today. The debate was oriented around the concept of scandal, exploring the dynamics of public approval when it came to the activities of public institutions. Specifically, it focused on how social reactions could affect sentencing, with particular regard to the effects resulting from a show of mercy. The need to prevent demonstrations of dissent or protest led canonists to believe that the judge could mitigate the rigor of the law at times – even going so far as to forgive an offender – in order to meet public demands. Civil-law jurists developed similar solutions which worked the other way around: drawing on canonical principles, they admitted the possibility of condemning an innocent person in order to prevent scandals from erupting within society.

  15. Memoria implicita e alfabetizzazione visiva nel contesto museale / Implicit memory and visual literacy in museums

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annalisa Banzi

    2014-06-01

    Full Text Available Storici dell’arte ed esperti del settore museale lamentano la difficoltà del pubblico a “leggere” le opere esposte in un museo di arti visive. Guardare e cogliere gli aspetti relativi alla grammatica visiva di un oggetto sono abilità che si apprendono, in generale non sono innate o spontanee. I fruitori potrebbero beneficiare di un metodo che sviluppa e potenzia le loro capacità visive. Lo scopo di questo articolo è presentare e valutare se un modello basato sul priming percettivo, una forma di memoria implicita, possa migliorare la metodologia per leggere gli aspetti visivi del patrimonio artistico. A complemento del lavoro proposto, vengono qui introdotti anche alcuni risultati preliminari di un nuovo promettente approccio sperimentato, che consiste nella analisi dei segnali elettroencefalografici dei soggetti coinvolti, raccolti attraverso un dispositivo per EEG durante la fase di verifica dell’esperimento sul priming percettivo. Art historians and museum practitioners complained about the lack of “reading skills” in observing artworks by museum visitors. Reading and analysing visual grammar aspects of an artistic object are skills that require learning: not innate or spontaneous. Museum goers could benefit from method developing and enhancing their visualization skills. The purpose of this article is to present and assess whether a model based on “visual-perceptual priming”, a form of implicit memory, could improve the methodology of reading visual aspects of artworks. We also introduce some preliminary results obtained from a promising new approach consisting the analysis of electroencephalographic signals from individuals, collected through an EEG device during the experiment on the visual-perceptual priming

  16. Sur le genre Apoleon, Gorh

    NARCIS (Netherlands)

    Fairmaire, L.

    1887-01-01

    Dans les »Notes from the Leyden Museum”, vol. VII (1885) p. 51, Mr. Gorham a décrit sous le nom d’ ’Apoleon un nouveau genre de Bostrychide, créé pour un insecte de Malacca, rencontré aussi au Laos, à Bornéo et à Sumatra, A. edax. Ce genre est identique avec le genre Dysides Perty, dont le type, D.

  17. Le regard anachronique

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jean-Paul Aubert

    2011-01-01

    Full Text Available Cet article a pour objet l’anachronisme dans le film historique. Il s’appuie sur l’étude du long métrage Goya à Bordeaux, réalisé en 1999 par le cinéaste espagnol Carlos Saura. Cette biographie filmée du peintre Francisco de Goya fait mieux que composer avec l’anachronisme inhérent à toute reconstitution historique. Il l’assume et le revendique. La mise en cause de la chronologie et l’effacement de l’Histoire prennent sens dans la perspective d’une réflexion originale sur l’Histoire de l’art conçue comme un dialogue entre les œuvres et entre les époques.Este artículo está dedicado al problema del anacronismo en las películas históricas. Se basa en el estudio de Goya en Burdeos, un largo metraje rodado en 1999 por el director de cine español Carlos Saura. Esta biografía de Goya no sólo se acomoda con el anacronismo propio de la reconstitución histórica sino que lo asume y lo reivindica. El cuestionamiento de la cronología y el desinterés por la Historia cobran un nuevo sentido en el marco de una reflexión original sobre la Historia del arte concebida como un diálogo entre las obras y entre las épocas.

  18. La piraterie sur le web

    CERN Multimedia

    2002-01-01

    Les échanges de toutes sortes sont facilités à l'extrême par le web: des forums, des vidéoconférences, le commerce à distance, ou tout simplement la célérité des courriers électroniques ou la convivialité des chats, tout cela participe de la société de communication. Une certaine partie du monde découvre le nouvel horizon des échanges quasi instantanés, mais... les transactions sur le web sont-elles vraiment s res?

  19. Le donne briganti

    OpenAIRE

    Cosco, Silvio

    2013-01-01

    Texto completo descargado desde Teseo Le donne briganti es una tesis interdisciplinaria, de carácter histórico-filológico con un enfoque de estudio de género. Es un trabajo que nace del interés por un argumento, el bandolerismo de la primera década del Reino de Italia, que durante mucho tiempo y a sabiendas, ha sido tratado como una reacción menor y criminal al proyecto de unificación italiana, callando las razones de las poblaciones meridionales afectada antes por la invasión y luego por...

  20. Travailler le vison

    OpenAIRE

    Gorre, Jean-François

    2007-01-01

    Dans notre société, la fourrure est porteuse de valeurs symboliques. D'autres travaux ont montré comment elle est l'expression du jeu entre nature et culture : investissement de la force de l'animal, expression du sauvage, marque de la domestication de la nature (Delort 1973, Pouchelle 1981). Notre propos sera différent. Nous étudierons dans le cadre du métier de fourreur, à travers une technique particulière, l'« allonge », la teneur de l'affrontement entre deux groupes socio-professionnels....

  1. Le CRDI au Bhoutan

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    tance. Le collège a adopté une application. Web qui permet aux enseignants de créer des sites d'apprentissage en ligne, il a offert des cours en informatique aux enseignants et aux étudiants et il a conçu son propre site Web. Il a également établi neuf centres d'études régionaux dans des écoles. La mesure des progrès.

  2. Le survivant sans le syndrome Schreber

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Richard Figuier

    2006-09-01

    Full Text Available On a pensé la catastrophe, mais a-t-on suffisamment pensé la survivance et la figure du survivant ? Ce n'est pas un hasard si celle-ci est au centre de Masse et puissance, oeuvre dans laquelle Canetti interroge la « mauvaise » survivance responsable de la poursuite de la logique de guerre. Mais où trouver la « bonne » ? Revenir de la catastrophe ne suffit pas pour être un « survivant authentique », selon l'expression de Kafka. Il faut avoir dépassé, avec Primo Levi et Robert Antelme, l'opposition de la vie comme croissance continue et de la mort comme son horrible contraire, par le don, dans la pauvreté solidaire, de cette vie retrouvée.Hemos reflexionado acerca de la catástrofe, pero ¿hemos meditado lo suficiente sobre la supervivencia y el superviviente? No es una coincidencia si el superviviente es el tema principal de Masse et puissance, obra en la cual Canetti analiza la «mala» supervivencia responsable de la persistencia de la lógica de guerra ¿Dónde sin embargo podemos encontrar la «buena» supervivencia? Superar la catástrofe no es suficiente para ser un «auténtico superviviente», según Kafka. Es fundamental ir más allá, con Primo Levi y Robert Antelme, de la oposición entre la vida, como crecimiento continuo, y la muerte, como su espantoso contrario, mediante la donación de forma solidaria de esta vida reencontrada.Disaster is the theme of many studies, but what about survival and of the figure of the survivor? This issue is central in Mass and power, work in which Canetti questions the “bad” survival, responsible for the continuation of the logic of war. But is there any “good” survival? Coming back from the catastrophe is not enough to be an “authentic survivor”, according to Kafka’s expression. To achieve this, it is necessary to have exceeded, with PrimoLevi and Robert Antelme, the opposition of life as a continuous growth and of death as its horrible opposite, by the gift, in a

  3. Le Conseil des gouverneurs | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    2 nov. 2010 ... La gouvernance du CRDI. Reddition de comptes, transparence et efficacité. Au cours de l'exercice 2009–2010, le Conseil des gouverneurs du CRDI a adopté un nouveau cadre stratégique quinquennal, Le développement par l'innovation. Pendant de nombreux mois, les gouverneurs et les membres de la ...

  4. Le relazioni tra saggi di rendimento su titoli di diversa scadenza in Italia dal 1958 al 1966

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. LA MALFA

    2014-08-01

    Full Text Available Gli autori sostengono che, presupposto di un più lungo uso delle operazioni di mercato aperto come strumento di politica monetaria, la cui efficienza è stata da più parti ribadita in questi anni, è la conoscenza delle relazioni che legano i saggi di rendimento dei titoli a reddito fisso con caratteristiche diverse; in particolare è opportuno conoscere le relazioni tra rendimeni dei titoli di Stato e, nel loro ambito, di quelli che differiscono soltanto per la scadenza. A questo fine non è sufficiente una conoscenza empirica, per quanto particolareggiata , del comportamento passato dei mercati finanziari; è altresi necessaria un’analisi teorico-istituzionale delle determinanti della struttura dei tassi.

  5. Le rateau faucardeur relevable

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    ARRIGNON J.

    1976-07-01

    Full Text Available Un rateau monté sur deux bras mobiles à l'avant d'un bateau faucardeur permet de récupérer les végétaux coupés et de les déposer sur la berge. Le positionnement de la grille horizontale permet en outre l'enlèvement en profondeur des végétaux mous et notamment des algues filamenteuses ainsi que la récupération en surface des lentilles d'eau. La simplicité de la conception, la légèreté de l'outil, sa maniabilité et son coût modique s'associent à son efficacité pour le désigner comme une solution séduisante du problème de l'enlèvement des lentilles d'eau et des produits de faucardement dans les étangs et canaux.

  6. Le tournoi des ombres

    CERN Document Server

    Treille, Daniel

    2017-01-01

    Le lecteur, transporté avec le narrateur dans une région hors norme, est invité à partager sa fascination pour la beauté du lieu, à découvrir la chronique de son passé, rude et pittoresque. Il va côtoyer une galerie de personnages très attachants, mais aux destinées bousculées par l histoire, et assister à l agitation montante du présent dans un contexte d une actualité brûlante. Ce quatrième roman de Daniel Treille, mêlant hardiment les genres, du quotidien trivial au récit épique, de considérations géopolitiques à quelques avancées de la science moderne, confirme son talent à mener, d une écriture très aboutie, une histoire complexe, peuplée de héros singuliers

  7. Le principe roman

    CERN Document Server

    Ferrari, Jérôme

    2015-01-01

    Fasciné par la figure du physicien allemand Werner Heisenberg (1901-1976), fondateur de la mécanique quantique, inventeur du célèbre "principe d'incertitude" et Prix Nobel de physique en 1932, un jeune aspirant-philosophe désenchanté s'efforce, à l'aube du XXIe siècle, de considérer l'incomplétude de sa propre existence à l'aune des travaux et de la destinée de cet exceptionnel homme de sciences qui incarne pour lui la rencontre du langage scientifique et de la poésie, lesquels, chacun à leur manière, en ouvrant la voie au scandale de l'inédit, dessillent les yeux sur le monde pour en révéler la mystérieuse beauté que ne cessent de confisquer le matérialisme à l'œuvre dans l'Histoire des hommes.

  8. I problemi dell'espansione territoriale catalana nel Mediterraneo: conquistare un feudo in Sardegna, un bene o un male? L'esempio dei Sentmenat, signori di Orosei (Sec. XIV

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Crabot, Cécile

    2003-12-01

    Full Text Available With its territorial expansion into the Mediterranean, the Crown of Aragon at the beginning of 14th century conquered Sardinia and conceded feudal lands to those who participated in the conquest. This article investigates a noble family, the Sentmenat, who received the village of Orosei. The trials this family experienced reflects in many ways those endured by other feudal lords: the difficulties involved in obtaining possession of feudal land, arbitrary confiscation by royal officials, and the delegation of feudal land to procurators and landlords since the Sentmenat did not live on the island. In addition, Orosei was at the center of an emerging opposition between king Peter IV of Aragon and the judge Mariano IV, who for a time disputed its possession. With so many difficulties to contend with, the Sentmenat in the end renounced the feudal land.

    Nella sua espansione territoriale nel Mediterraneo la Corona d'Aragona conquistò all'inizio del XIV secolo la Sardegna, nella quale concesse dei feudi a coloro che avrebbero partecipato alla conquista. Con questo articolo presentiamo una famiglia nobile, i Sentmenat, che ricevette il villaggio di Orosei. Le vicende da loro vissute rispecchiano per molti aspetti ciò che vissero altri feudatari: difficoltà ad entrare in possesso del feudo, confische arbitrarie da parte degli ufficiali regi, delegazione del feudo a procuratori ed appaltatori dal momento che non risiedevano nell'isola. Inoltre Orosei si trovò al centro del contrasto nascente tra il sovrano Pietro IV e il giudice dArborea Mariano IV e per un certo periodo di tempo se ne contesero il possesso; infine, dopo tante difficoltà, i Sentmenat finirono per rinunciare al feudo.

  9. La sfida del trasferimento tecnologico Le Università italiane si raccontano

    CERN Document Server

    Piccaluga, Andrea

    2012-01-01

    L’opera presenta e descrive il fenomeno del trasferimento tecnologico da università a industria attraverso una prospettiva originale, da “insider”, cioè la prospettiva delle università. Il volume racconta, attraverso la penna degli stessi protagonisti, la nascita, la crescita e le esperienze degli Uffici di Trasferimento Tecnologico (TTO) delle principali università italiane, facendo emergere l’eterogeneità delle loro ambizioni, dei traguardi raggiunti e delle risorse a loro disposizione per la valorizzazione della ricerca scientifica. L’idea di fondo dell’opera è che i “numeri” danno una visione importante ma solo parziale di quello che è un TTO universitario. Il nostro lavoro a stretto contatto con i professionisti del trasferimento tecnologico ci ha dimostrato che l’attività di tali uffici è ricca di storie significative e ad alto contenuto formativo, dove l’elemento umano, e le modalità con cui esso è gestito, giocano un ruolo centrale nel trasferimento di conoscenza dal mon...

  10. Tra utopia e rivoluzione: le visioni di Diego Rivera al Rockefeller Center di New York

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Amalda Cuka

    2016-11-01

    Full Text Available I murales eseguiti da Diego Rivera (1886–1957 al Rockefeller Center di New York nel 1933 sono fra le più note opere d’arte scomparse. Ad aver reso celebre il dipinto non è stato il successo di pubblico, data la rimozione del lavoro ancora in corso d’opera, ma il ricchissimo dibattito alimentato dalla stampa intorno alla concezione dell’immagine, considerata negli Stati Uniti totalmente rivoluzionaria per la particolare tecnica dell’affresco utilizzata da Rivera, per i riferimenti all’arte precolombiana e per le idee politiche esposte. Un’occasione di riflessione è offerta in questa sede dall’attenzione che uno dei principali organi di stampa americani, il New York Times, ha dedicato all’argomento: dalla lettura dei numerosi interventi emerge, da una parte, la capacità di Rivera di entrare in comunicazione con un vasto pubblico, e dall’altra il ruolo avuto dalla stampa nella diffusione - quasi involontaria - del suo messaggio. Rivera è riuscito a raggiungere in tal modo, almeno parzialmente, il suo scopo: l’opera non è stata accessibile al grande pubblico, ma la conoscenza dei principi che voleva celebrare si è diffusa in maniera ancor più capillare.

  11. La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Guglielmotti

    2003-06-01

    Full Text Available Review of La "Torre dei diamanti" in Castel Gavone. Un esempio di architettura del potere nel Finale alla fine del Quattrocento, a cura di Tiziano Mannoni e Giovanni Murialdo, Cd-rom, Comune di Finale Ligure, 2002 .

  12. Modelli di valutazione ambientale per i Bovidi (Capra ibex, Rupicapra rupicapra e i Cervidi (Capreolus capreolus, Cervus elaphus nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Oppio

    2003-10-01

    Full Text Available La conservazione delle popolazioni di stambecco ha grande rilevanza a livello italiano ed europeo, a causa della distribuzione concentrata in poche aree, mentre le consistenti popolazioni di camoscio hanno importanza economica e gestionale. L?espansione dell?areale di distribuzione dei cervidi in territorio alpino, è un fenomeno ormai consolidato e legato all?abbandono dei territori collinari e montani ma anche alle reintroduzioni e alle azioni di tutela nei confronti delle specie. I modelli d?idoneità ambientale rappresentano un efficace strumento per il confronto a livello qualitativo (numero di specie e quantitativo (abbondanza delle popolazioni tra l?attuale popolamento faunistico dei territori alpini e la loro situazione potenziale. Il Parco Nazionale del Gran Paradiso si estende per oltre 700 km² sul territorio di Piemonte e di Valle d?Aosta; gli affioramenti rocciosi ne occupano il 37.0%, la vegetazione rada il 20.1% e le praterie sommitali e le brughiere il 17.3%. L?analisi ambientale del Parco è stata effettuata mediante Arcview 3.2 per Windows misurando il valore di 20 variabili ambientali (Corine Land Cover III Liv., 27 fisiche (DTM e 17 di complessità paesaggistica in 2925 Unità Campione di 0,5 km di lato. Per la formulazione dei modelli relativi alla distribuzione (presenza/assenza dello stambecco sono stati utilizzati i dati dei censimenti (1999 effettuati nel Parco; per il camoscio ed il capriolo sono stati utilizzati i dati rilevati nelle province di Vercelli e Biella (1997 e in quella di Verbania (1999, mentre per il cervo sono stati utilizzati quelli relativi alla sola provincia di Verbania (1999. I modelli sono stati formulati mediante Analisi di Funzione Discriminante (Magnusson, 1983; Massolo & Meriggi, 1995 e Analisi di Regressione Logistica (Norusis, 1994. Per lo stambecco i dati sono stati suddivisi in due sets, di cui uno utilizzato per la formulazione del modello e l?altro per la sua validazione. Mediante un test

  13. Rigore filologico e comunicazione al pubblico: l’esperienza Cineca nel tempo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Guidazzoli

    2012-12-01

    Full Text Available ItLa capacità di comunicare contenuti complessi non deve essere una preoccupazione limitata alla divulgazione scientifica: anche le applicazioni informatiche dedicate ai beni culturali devono assumere il momento comunicativo come fondante sia nella democratizzazione della conoscenza sia nella capacità di attrarre e coinvolgere un pubblico ampio e, possibilmente, internazionale. Cineca, nella sua ormai più che decennale esperienza, ha presto sposato questo indirizzo, che si articola ora su due diverse prospettive: la creazione di eventi emozionali e coinvolgenti e la realizzazione di applicazioni che mirino più alla partecipazione attiva degli utenti nello sviluppo del prodotto finale.EnThe ability to communicate complex contents should not be a concern limited to science: even computer applications dedicated to cultural heritage should consider communication as the foundation of both the democratisation of knowledge and the opportunity to attract and engage a wide and, possibly, international audience. Cineca, in his more than ten year experience, has soon acknowledged this approach, which has now led towards two different perspectives: the creation of emotional and engaging events, and the creation of applications aiming at a more active participation of users in the development of the final product.

  14. CONSTRUCTION ET DÉCONSTRUCTION DU LECTEUR IDÉAL DANS EL TÚNEL DE ERNESTO SÁBATO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diana-Adriana LEFTER

    2017-10-01

    Full Text Available Notre travail propose une approche du roman Le Tunnel de Ernesto Sábato par le biais de quelques concepts proposés par la théorie de la réception, dans la lignée Umberto Eco et Maria Corti. Selon nous, le roman présente l’histoire d’une communication déroulée sur deux plans : l’un non-verbal, où la triade communicative est formée de Castel peintre – sa peinture la Maternidad – les possibles consommateurs de son art et l’autre, verbal, où la communication comprend Castel scripteur – les pages de sa confession – les possibles lecteurs de son texte. Nous montrons que, dans les deux démarches communicatives, Castel cherche ce que Umberto Eco appelle un « lecteur idéal », premièrement dans María, la femme pour laquelle il développe une passion obsessive et ensuite dans au moins une personne qui puisse le comprendre. L’échec de la communication, dans les deux cas, est entraîné par le fait que le producteur Castel ne cherche pas un « lecteur idéal » qui actualise les virtualités du message, mais un lecteur qui puisse actualises ses intentions d’auteur empirique. L’échec de la communication est finalement le motif pour lequel le producteur ne peut pas sortir du tunnel de sa solitude.

  15. Le Milton de Toland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    James C. BROWN

    2003-10-01

    Full Text Available Alors que l’œuvre de John Milton suscite encore de nombreuses critiques et interprétations, je vous propose un retour en arrière afin d’étudier l’un des premiers écrits biographiques dédié à la vie et à l’œuvre du poète anglais signé par le philosophe irlandais John Toland. Paru en 1698, Life of John Milton dresse un portrait plus complet que ceux que l’on trouve dans les précédentes biographies du poète anglais (Darbishire xxix. Ayant été l’un des premiers biographes de Milton, Toland a pub...

  16. Le Baratze (ou

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jacques Blot

    1998-01-01

    Full Text Available El círculo de piedras Mendizabal 7, de 8 metros de diámetro,   presenta una corona externa constituida de grandes bloques   hincados en la tierra, y otra interna y tangente, de elementos idénticos sólo puestos en el suelo. El cajón central está compuesto de cuatro losas y una tapa. No hay depósito de huesos ni de carbón de leña ; sólo se encuentran dos herraduras, entre las cuales una completa de tipo medieval, que podrían permitir de pensar en una construcción del círculo en el periodo histórico.

  17. Le tourisme alpin

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Macchiavelli

    2009-06-01

    Full Text Available La forte croissance qu’ont connue les pays alpins dans les dernières décennies a surtout été fondée sur l’offre des activités du ski, avec comme conséquence, un massif développement immobilier, la multiplication d’infrastructures et l’extension des domaines. Aujourd’hui, le marché du ski semble arriver à saturation, la Convention alpine a mis un frein à la poursuite du développement des domaines skiables et on observe donc avec intérêt la diversification de l’offre soutenue par l’innovation. Après avoir rappelé les facteurs de changement en cours les plus significatifs dans le tourisme montagnard, l’article présente une grille interprétative de l’évolution des destinations touristiques alpines, identifiant les phases qui ont caractérisé son développement. Puis il propose une réflexion sur certaines conditions qui peuvent favoriser l’innovation dans le tourisme alpin, ainsi que sur les contradictions qui les accompagnent souvent. Dans la plupart des cas l’innovation est le résultat d’un processus qui a été lancé et qui s’est développé au sein de la communauté alpine, souvent favorisé et soutenu par des institutions nationales et internationales, et grâce auquel les difficultés structurelles qui ont déjà été abordées précédemment ont pu être surmontées avec succès.The spectacular increase in tourism in the Alps in recent decades has been founded mainly on the boom in skiing, resulting in both strong real estate development and an increasing array of infrastructures and ski runs. Today the ski market seems to have virtually reached saturation point and the winter sports sector needs to diversify its offer through innovation. After a review of the main factors of change in mountain tourism, the paper presents a grid for interpreting the life cycle of alpine destinations, identifying the phases that characterize their evolution. The conditions that may favour innovation in alpine

  18. Le grand inventaire

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michel Melot

    2012-05-01

    Full Text Available Depuis quarante ans qu’il existe, l’Inventaire général des monuments et des richesses artistiques de la France n’a pas seulement progressé, couvrant près de dix mille communes, documentant plus de vingt mille dans cinq millions de pages, trois millions de photographies, et cent mille dessins. Il est devenu ce que ses fondateurs désiraient qu’il fût. Il n’est pas une liste d’objets plus ou moins singuliers qu’on aurait oubliés, mais l’observation méthodique de l’émergence dans le monde de l’ar...

  19. Le citoyen rieur

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Rycman

    2009-11-01

    Full Text Available Dans la Pologne d’aujourd’hui, l’évolution des modèles d’engagement civique et politique s’opère plus particulièrement auprès des jeunes générations. Parmi les expériences nouvelles de participation politique, les nouvelles technologies de l’information et de la communication offrent des opportunités radicales de reconfigurer l’espace public. La jeunesse polonaise investit en masse le Web. Dans le flux de paroles affranchies circulant et dialoguant dans le cyberespace, nous nous intéressons ici au développement d’un discours qui emprunte au registre de la dérision et de la satire politiques. Une multitude de sites critiques, de nature apparemment contestataire, des sites d’opposition fondés sur le genre satirique, ont émergé comme réponse apportée à la situation politique. Cet espace public électronique représente une forme moderne de « folklore politique », contribuant au processus de socialisation des jeunes citoyens polonais.The laughing citizen. A modern form of civic commitment in democratic Poland?In present day Poland, the evolution of civic and political commitment models is above all the affaire of the younger generations. Among the current opportunities for political participation, the new information and communication technologies offer radical opportunities to reconfigure the public arena. Polish youth are flocking to the Web. Amongst the flux of frank points of views circulating and dialoguing in cyberspace, our interest here is the development of a discourse inspired by political and satirical derision. A multitude of critical, apparently anti-establishment, sites and general opposition sites using the satirical style have emerged as a response to the political situation. This public electronic space represents a modern form of « political folklore », contributing to the socialising processes of young polish citizens.El ciudadano que rie. ¿Nueva forma del compromiso cívico en la

  20. INVESTIR DANS LE SAVOIR : le soutien que le CRDI consent à des ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    5 nov. 2010 ... ... 40 ans, le Cenre de recherches pour le développement international (CRDI), en plus d'appuyer des travaux de recherche dans l'ensemble des pays en développement, encourage des générations successives de jeunes chercheurs par l'entremise de son Programme de formation et de bourses (PFB).

  1. Lele des chefs traditionnels au Ghana : un modèle inspirant ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    … en Afrique. À l'université, Ray pouvait étudier la politique canadienne ou la politique africaine. « J'ai cru que je comprendrais mieux mon pays si j'allais voir ce qui se passe ailleurs dans le monde, puis en tirais des leçons ...

  2. La lingua2 nel Web. Prospettive digitali per la didattica dell’italiano a stranieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Quaggia

    2013-07-01

    Full Text Available L'articolo si compone di due parti. Nella prima si espongono alcuni punti focali del dibattito sul rapporto tra glottodidattica e tecnologie digitali (dai dispositivi mobili ai software per la comunicazione, fino agli attuali socialnetwork. In particolare l’attenzione è rivolta sul fatto che la lingua della comunicazione digitale costituisce una varietà linguistica dal confronto con la quale l’insegnamento di una L2 non può ormai prescindere, e che le tecnologie digitali della comunicazione, se correttamente adottate fuori e dentro la classe, consentono di ridurre il confine tra apprendimento guidato e acquisizione spontanea di una lingua seconda. Filo conduttore della riflessione è il concetto di “competenza comunicativa digitale”, che si aggiunge alle componenti della competenza linguistico-comunicativa indicate dal Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. Nella seconda parte del lavoro, dal taglio più didattico, si presenta una serie di strumenti e di esperienze di insegnamento/apprendimento della L2 con l’uso delle tecnologie digitali. In particolare ci si sofferma sulle opportunità offerte dal Web 2.0, simulando la creazione di una piattaforma per l’insegnamento/apprendimento dell’italiano L2 completamente online. Non si tratta di una semplice piattaforma per l’e-learning (o d-learning, ma di una vera e propria rete per l’insegnamento, l’apprendimento, la comunicazione e la formazione che trasforma il modo in cui si usa, si apprende e si insegna una L2. L2 on the Web. Digital perspectives for teaching italian to foreignersThe article consists of two parts. In the first we illustrate some focal points in the debate on the relationship between language teaching and digital technologies (from mobile devices to communication software and current social networks. In particular, we focus on the fact that the language of digital communication is a linguistic variety which L2 teaching can no longer ignore, and

  3. Istituzioni ritmiche e fine del tempo. "Modo" e "neuma" nel canto gregoriano e in Olivier Messiaen

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Mazzolini

    2011-01-01

    Full Text Available Prendendo le mosse dall’esame del ciclo pianistico Quatre études de rythme, di Olivier Messiaen (e in particolare del terzo brano, Neumes rythmiques, scritto fra il 1949 e il 1950, l’articolo delinea un sintetico confronto fra due differenti espressioni dell’arte musicale. Da un lato una composizione della metà del Novecento: repertorio profano, strumentale, frutto di concezioni individuali, testimonianza della fase post-tonale del pensiero musicale. Dall’altro la monodia gregoriana: repertorio sacro, vocale, anonimo, che esprime concetti formali pre-tonali. Occasione di tale raffronto è l’indagine sulla portata concettuale e tecnica di termini chiave come “modo” e “neuma”, che Messiaen mutua dalla teoria musicale medioevale facendone oggetto di riflessione teorica e principio di concezioni tecniche. L’articolo tenta di sondare la complessa trama di rapporti mediante la quale due espressioni artistiche apparentemente agli antipodi entrano in contatto e si illuminano a vicenda.   Expanding on the study of the piano cycle Quatre Études de Rythme (“Four Studies in Rhythm” by Olivier Messiaen (and especially the third Étude, Neumes Rythmiques, composed in 1949–1950, this article provides a brief comparison between two different expressions of art music. On the one hand we have a composition dating back to the mid-1900s: profane instrumental music, the result of individual conceptions, bearing witness to the post-tonal development in musical thought. On the other, Gregorian monody: sacred vocal music, anonymous, expressing formal pre-tonal concepts. This comparison is developed by looking at the conceptual and technical meaning of key terms, such as “mode” and “neume”, which Messiaen turned from Mediaeval musical theory into subjects for theoretical reflection and a principle of technical conceptions. The article sets out to discuss their complex inter-relationships whereby these two artistic, seemingly

  4. La fuga dell’‘Io’ narrativo nel romanzo del dopoguerra spagnolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosa Pignataro

    2014-10-01

    Full Text Available Il contributo consiste in una proposta di analisi di alcuni dei romanzi più significativi del dopoguerra spagnolo a partire dagli anni ’40 fino agli anni ’60-’70. Mi soffermo ad analizzare la ‘fuga’ dell’‘Io’ dalla narrazione in La familia de Pascual Duarte e La colmena, di Camilo José Cela, El camino di Miguel Delibes e Volverás a Región di Juan Benet. Il primo dei romanzi in esame è marcato dalla presenza forte ed imperante del yo narrativo di Pascual che rappresenta appieno la rotondità dell’autobiografia. La ‘fuga’, l’allontanamento, la disgregazione fino alla totale rottura del patto narrativo tra autore e lettore comincia a concretizzarsi con un romanzo della decade successiva, El camino, in cui un narratore onnisciente filtra l’esperienza autobiografica attraverso gli occhi dei bambini. Il passo successivo è la moltiplicazione infinita della rappresentazione del sé in un mosaico di voci e personaggi narranti ne La colmena. La fuga dell’‘Io’, poi, trova la piena realizzazione nell’opera benetiana Volverás a Región che stigmatizza il totale anonimato narrativo dato da un narratore onnisciente ma che, infrangendo le regole ‘tradizionali’ della narrazione, introduce il lettore in uno spazio dai contorni indefiniti, labili, opachi dove l’‘Io’ fluttua, rivela ciò che i personaggi dicono e sentono ma, confondendone nomi e vicende, testimonia la condizione di rovina dell’esistenza umana.

  5. Dans le tourbillon des particules

    CERN Document Server

    Zito, Marco

    2015-01-01

    Accélérateurs géants, détecteurs complexes, particules énigmatiques... La physique subatomique peut sembler bien intimidante pour le novice. Et pourtant, qui n a jamais entendu parler du boson de Higgs et du CERN, le laboratoire européen où il a été découvert en 2012 ? Nul besoin d être un spécialiste pour comprendre de quoi il s agit. Aujourd hui, une théorie extraordinairement élégante, le Modèle Standard, décrit tous les résultats des expériences dans le domaine. Trente-sept particules élémentaires et quatre forces fondamentales : c est tout ce dont nous avons besoin pour expliquer la matière et l Univers ! Ce livre, destiné à un large public, raconte sans équations le long parcours qui a abouti au Modèle Standard. Ce parcours, parfois sinueux, a été entamé lorsque les Grecs anciens, et peut-être d autres avant eux, ont imaginé que la matière est composée de petites « billes ». Il faudra attendre plusieurs siècles pour qu on réalise que la matière, à l échelle micros...

  6. Die dood van die outeur en die inspirasie van die Bybel: in gesprek met P.J. Nel en S.D. Snyman

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Verster

    2005-07-01

    Full Text Available The death of the author and the inspiration of the Bible: in discussion with P.J. Nel and S.D. Snyman In the present debate on post-modernism, the question is also asked whether author’s intention can be indicated in a specific text. Nel (2003 and Snyman (2003 refer to this debate. Nel questions the view that author’s intention can be indicated in the Bible as text and especially doubts whether the view that God can be called the primary author of the Bible is still acceptable. Snyman suggests that present theories of inspiration should be expanded, since the history of the Bible’s origin is not adequately addressed in these theories. The concept of author’s intention should, however, not necessarily be disregarded, and the organic (personal inspiration theory still offers the opportunity to explain the multifaceted aspects of the Bible. Presuppositions, however, play an important role in the views taken.

  7. Rapport sur le développement dans le monde

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Parlement International Development Research Centre Centre de recherches pour le développement international Centro Internacional de Investigaciones ..... Other donors include the Swedish International Development Cooperation Agency (Sida), the Norwegian Agency for Development Cooperation (Norad) and the ...

  8. Le FIVB annonce le financement de huit autres projets | CRDI ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    5 avr. 2018 ... Découvrez les derniers récents projets soutenus par le Fonds d'innovation en matière de vaccins pour le bétail : Maladie de Newcastle · Pleuropneumonie contagieuse caprine – cowdriose · Plateforme de modification génétique CRISPR/cas9 · Entérotoxémie, la bactérie Pasteurella et la fièvre de la vallée ...

  9. Novel Wnt Regulator NEL-Like Molecule-1 Antagonizes Adipogenesis and Augments Osteogenesis Induced by Bone Morphogenetic Protein 2

    Science.gov (United States)

    Shen, Jia; James, Aaron W.; Zhang, Xinli; Pang, Shen; Zara, Janette N.; Asatrian, Greg; Chiang, Michael; Lee, Min; Khadarian, Kevork; Nguyen, Alan; Lee, Kevin S.; Siu, Ronald K.; Tetradis, Sotirios; Ting, Kang; Soo, Chia

    2017-01-01

    The differentiation factor NEL-like molecule-1 (NELL-1) has been reported as osteoinductive in multiple in vivo preclinical models. Bone morphogenetic protein (BMP)-2 is used clinically for skeletal repair, but in vivo administration can induce abnormal, adipose-filled, poor-quality bone. We demonstrate that NELL-1 combined with BMP2 significantly optimizes osteogenesis in a rodent femoral segmental defect model by minimizing the formation of BMP2-induced adipose-filled cystlike bone. In vitro studies using the mouse bone marrow stromal cell line M2-10B4 and human primary bone marrow stromal cells have confirmed that NELL-1 enhances BMP2-induced osteogenesis and inhibits BMP2-induced adipogenesis. Importantly, the ability of NELL-1 to direct BMP2-treated cells toward osteogenesis and away from adipogenesis requires intact canonical Wnt signaling. Overall, these studies establish the feasibility of combining NELL-1 with BMP2 to improve clinical bone regeneration and provide mechanistic insight into canonical Wnt pathway activity during NELL-1 and BMP2 osteogenesis. The novel abilities of NELL-1 to stimulate Wnt signaling and to repress adipogenesis may highlight new treatment approaches for bone loss in osteoporosis. PMID:26772960

  10. Le Valais et ses Reines

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Campi

    2012-06-01

    Full Text Available Combat de ReinesAu premier plan (la corde dans la main, un propriétaire de vaches. Dans l'arène se trouve le rabatteur. Les Reines sur la photo sont des reines de première catégorie (ainsi que le montre le « I » sur leur cuisse .Dimanche 6 mai 2012, « Schakira », la vache numéro 42, a gagné, non sans polémique, le titre de Reine. Elle peut donc être considérée comme la Reine des Reines, titre qu’elle a gagné en se battant contre ses rivales dans différents combats, qui ont commencé pour Sch...

  11. Sur le chemin de Buchenwald

    OpenAIRE

    Bessière, Bernard

    2017-01-01

    En 1963, âgé de 37 ans, l’activiste communiste Jorge Semprún publie en français le roman Le Grand Voyage dans lequel il raconte le périple de 800 km qui l’avait conduit en train de Compiègne jusqu’à Buchenwald en septembre 1943. Il avait alors 19 ans. C’est dans ce camp de la mort situé près de Weimar – cité de Goethe, que Semprún admirait – qu’il sera interné jusqu’à sa libération par les troupes américaines en avril  1945. Pendant les quatre jours et cinq nuits de ce « grand voyage », le dé...

  12. Le bal du loup

    CERN Multimedia

    Happy Children's Home

    2013-01-01

    The Bord'eau amateur theatre group will graciously perform a play of their creation Le bal du loup Saturday 19 October 2013 at 20:00 Sunday 20 October at 17:00 in the Théâtre des Grottes Rue Louis Favre 43, 1201 Genève Children from age 12 upwards. Summary: The new-elected mayoress of a small village would like to clean up the town by prohibiting alcohol and getting rid of its prostitutes. Then along comes « Massimo Lupo » the pimp... The performances will be given to support the Happy Children's Home charity, which runs a foster-home in Pokhara for Nepali children:  http://www.happychildrenshome.org/ Admission : minimum charge of 10 CHF per person requested, to cover the cost of technical assistance and theatre rental. Any profit will be used solely for the foster-home. At the end of each performance members of the HCH charity will be happy to answer any questions you may have. The theatre has 86 seats, thank you for reserv...

  13. Le CRDI dans les Philippines

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI appuie la recherche dans les. Philippines depuis 1972. Le travail qu'y ont accompli des universités et des instituts de recherche vigoureux et la participation active de la société civile ont entraîné d'importantes améliorations dans les domaines de l'agriculture, du suivi de la pauvreté et de la gestion des forêts.

  14. Un oiseau "sabote" le CERN

    CERN Multimedia

    Colson, Sébastien

    2009-01-01

    Un oiseau, un simple oiseau, est parvenu à bloquer à lui tout seul l'accélérateur à particules à 3,7 milliards d'euros. UNe histoire quasiment bulresque qui a toutefois impacté le fonctionnement de la machine durant près de cinq jours, puisque c'est le système de refroidissement qui a été affecté. (1 page)

  15. Le cas de la Chine

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    pwust

    Des changements récents dans le milieu de l'élaboration des politiques du pays semblent propices à la ... centrale, la Chine fait l'expérience de nouveaux partenariats d'aide au développement où .... 2 Le Service des prêts à des conditions libérales de la Banque d'import-export de Chine gère les prêts assortis de.

  16. Le livre sur le livre traité de documentation

    CERN Document Server

    Otlet, Paul

    2015-01-01

    Paul Otlet est considéré comme le père des sciences de l'information. Ouvrage fondateur et fondamental, le Traité de documentation. Le livre sur le livre (1934) est l'aboutissement de son travail inlassable pour rassembler, classer et partager les connaissances. Otlet y propose une remarquable synthèse du savoir sur le livre et le document en même temps qu'il anticipe Internet et l'hypertexte. La réédition du Traité de documentation, 70 ans après la disparition de son auteur, coïncide avec la réouverture du Mundaneum à Mons, où le fabuleux héritage documentaire légué par Paul Otlet et Henri La Fontaine est conservé. « Ici, la table de travail n'est plus chargée d'aucun livre. À leur place se dresse un écran et à portée un téléphone. Là-bas, au loin, dans un édifice immense, sont tous les livres et tous les renseignements. De là, on fait apparaître sur l'écran la page à lire pour connaître la réponse aux questions posées par téléphone. » Préfaces de Benoît Peeters (éc...

  17. Le modèle spatial de la capitale allemande

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antoine Laporte

    2013-06-01

    Full Text Available En Allemagne, en 1999, le Chancelier fédéral et son gouvernement ont quitté Bonn pour Berlin. Ce transfert du pouvoir est accompagné de celui d’une grande partie de l’appareil d’État et de la haute administration, et des fonctions qui leur sont traditionnellement attribuées comme la presse, les lobbys ou encore la diplomatie. Le déplacement du statut de capitale effective de l’Allemagne de Bonn à Berlin est le résultat des évolutions géopolitiques d’un pays ayant recouvré son unité et sa pleine et entière souveraineté. Installer le pouvoir exécutif et législatif à Berlin était une démarche hautement symbolique, visant à normaliser la position de l’ancienne capitale de la RDA et du IIIe Reich comme véritable centre politique de l’Allemagne. Or le déplacement des institutions fédérales n’est pas qu’un acte symbolique. Il entraîne également à l’échelle intra-urbaine des dynamiques très concrètes sur le tissu urbain et participe à la mise en place de nouvelles centralités dans la ville. En effet, le statut de capitale d’État prédestine l’agglomération à la coprésence de nombreuses fonctions urbaines spécifiques plus ou moins directement liées à l’exercice ou à la symbolique du pouvoir.

  18. 3. Le moraliste, le sociologue et le juge : objectivation et production de la connaissance

    OpenAIRE

    Noreau, Pierre

    2018-01-01

    Commedia del diritto Œuvre spécialement réalisée pour cet ouvrage par Maya Pankalla Le rapport qu’entretiennent les sciences sociales et le monde des valeurs est traversé par l’ambiguïté. Ce que nous pourrions appeler ici l’« engagement sociologique » de Guy Rocher témoigne de cette tension continue ; il exemplifie les relations complexes qui lient le mouvement de la pensée au monde de l’action. Comme il le rappelle lui-même dans ses entretiens avec Georges Khal, à la fin d’u...

  19. Le plomb, le cadmium et le mercure dans les produits de la mer

    OpenAIRE

    Thibaud, Yves

    1987-01-01

    Trois contaminants métalliques, toxiques vis-à-vis de l'homme : le plomb, le cadmium et le mercure, sont considérés sous l'angle de leur cheminement dans l'environnement, en particulier celui de l'accès au consommateur par les aliments d'origine marine. En plus des réglementations visant au contrôle des produits de la pêche destinés à la consommation et des mesures visant à limiter lés disséminations, il existe en France un système de surveillance continue des niveaux de contamination du litt...

  20. Le nouveau modèle africain | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    22 juil. 2011 ... Or, ce serait rater le bateau que de ne pas s'engager dans la voie tout autre que les Africains proposent maintenant — à savoir se défaire du syndrome de la dépendance qui afflige l'Afrique depuis des décennies. Le Canada et les autres pays riches du Nord reconnaissent généralement qu'ils ne peuvent ...

  1. Lele des intervenants non gouvernementaux dans le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Ce projet servira à déterminer les facteurs stratégiques et réglementaires qui ont contribué ou nui aux efforts visant à permettre aux fournisseurs non gouvernementaux de participer au renforcement des systèmes de santé. Lele des fournisseurs de ... Climate Change and Water Adaptation Options. The impacts of climate ...

  2. Le clerc et le ménestrel

    OpenAIRE

    Szkilnik, Michelle

    2007-01-01

    Quand au début du XIVe siècle, un auteur inconnu imagine de raconter l’histoire d’un roi d’Angleterre tout aussi inconnu, Perceforest, il choisit « naturellement » la prose. « Naturellement » parce que le Perceforest se veut la pré-histoire du monde arthurien, qu’il prétend donc se rattacher, comme l’avait fait L’Estoire del Saint Graal, à l’avant des grands cycles en prose du XIIIe siècle, le Lancelot-Graal en particulier. Il opte donc pour le même mode d’écriture que les œuvres qu’il vient ...

  3. Le sacré sauvage

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roger Bastide

    2010-09-01

    Full Text Available Conférence prononcée le 13 septembre 1973 dans le cadre des Rencontres Internationales de Genève qui avaient pour thème cette année-là « Le besoin religieux ». Cette conférence figure dans les Actes de cette rencontre (Le Besoin religieux, Éditions de la Baconnière, Neuchâtel, 1974, pp. 123-145. Elle a été republiée dans un ouvrage posthume dont elle est l’éponyme, ouvrage édité par Henri Desroche (Paris, éditions Stock, 1975. Nous reproduisons ici le texte intégral original, avec l’aimable autorisation des Rencontres Internationales de Genève auxquelles SociologieS adresse ses remerciements.The wild sacredText of a lecture taken on November the 13th 1973 during the Rencontres Internationales de Genève whom theme was "The religious need". This lecture was first published in: Le Besoin religieux (La Baconnière Editions, Neuchâtel, 1974, pp. 123-145, and published once again in a posthumous book: Le sacré sauvage ("The wild sacred" edited by Henri Desroche (Paris, Stock Editions, 1975. It is reproduced here with the kind authorization of the Rencontres Internationales de Genève. SociologieS gives them sincere thanks.Le Sacré sauvage (Lo sagrado en el mundo primitivoConferencia efectuada el 13 de septiembre de 1973 en el marco de las Rencontres Internationales de Genève (Encuentros Internacionales de Ginebra que tenia como tema general la necesidad de la experiencia religiosa (“Le besoin religieux”, Éditions de la Baconnière, Neuchâtel, 1974, pp. 123-145. Esta conferencia fue publicada de nuevo en un trabajo póstumo que lleva el mismo título, editado por Henri Desroche (Paris, Éditions Stock, 1975. Reproducimos aquí la integralidad del texto original con la amable autorización de las Rencontres Internationales de Genève, a las cuales la revista SociologieS expresa su agradecimiento.

  4. Innovazioni finanziarie e organizzazione delle transazioni nel mercato azionario. (Financial innovations and the organisation of stock market trading

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.A. KREGEL

    2013-12-01

    Full Text Available Gli economisti non sono mai stati troppo interessato alle istituzioni che compongono i mercati o al  processo di formazione dei prezzi in essi , avendo invece scelto di studiare la possibilità dell'esistenza di " equilibrio " prezzi in condizioni di concorrenza . Alla luce del recente crollo del mercato azionario , tuttavia , è chiaro che la Borsa di New York non è un mercato competitivo , nel senso di coinvolgere un numero sufficientemente elevato di acquirenti e venditori in modo che nessuna singola operazione ha un impatto permanente sulla determinazione dei prezzi. Questo lavoro suggerisce che è i recenti cambiamenti nella struttura di mercato concorrenziale , che hanno aumentato la volatilità dei prezzi e reso difficile , se non impossibile , per il sistema di " specialista " la formazione dei prezzi al lavoro. Proposte di cambiamento nell'organizzazione del mercato di scambio devono pertanto essere giudicati rispetto delle vigenti condizioni di concorrenza imperfetta , piuttosto che il mercato perfetto idealeEconomists have never been overly interested in either the institutions comprising markets or the process of price formation in them, having instead chosen to study the possibility of the existence of “equilibrium” prices under competitive conditions. In light of the recent stock market crash, however, it is clear that the New York Stock Exchange is not a competitive market in the sense of engaging a sufficiently large number of buyers and sellers so that no individual transaction has a permanent impact on the determination of prices. This work suggests that it is the recent changes in competitive market structure which have increased the volatility of prices and made it difficult, if not impossible, for the “specialist” system of price formation to work. Proposals for change in the organisation of market trading should thus be judged relative to the prevailing imperfectly competitive conditions, rather than the ideal

  5. Teseo, la clementia e la punizione dei tiranni: esemplarità e pessimismo nel finale della Tebaide

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Bessone

    2010-11-01

    Full Text Available Il ruolo di Teseo e della clementia nel finale della Tebaide si scontrano interpretazioni opposte del poema, in una polarizzazione che riproduce il dibattito critico sull’Eneide. Letture sovversive e pessimistiche, o, al contrario, ottimistiche e celebrative, oscurano la complessità di una chiusa in cui convivono esemplarità e pessimismo, come nelle Supplici di Euripide. La Tebaide è un discorso sul potere che inscrive in sé la coscienza di una crisi; la frattura fra i primi undici libri e il dodicesimo spezza forma epica e discorso politico in due parti complementari e in tensione fra loro: all’epica del nefas si contrappone infine un’epica del vincitore, a una spedizione maledetta una guerra giusta, alla degenerazione del potere assoluto l’apparizione di una regalità clemente; la proposta ideologica del finale sta al resto del poema come il De clementia sta alle tragedie di Seneca: rappresenta uno sforzo di ricostruzione dei valori su cui si fonda l’istituto imperiale. Ripensando in termini attuali l’opposizione fra Atene e Tebe nelle Supplici, Stazio trasforma il confronto euripideo fra democrazia e tirannide in un contrasto fra re e tiranno, fra clementia e inclementia regum, fra Teseo e Creonte. La costruzione del personaggio di Teseo mette in ombra la tradizione catulliana, selezionando i tratti che fanno dell’eroe nazionale ateniese un simbolo politico, adottato dai più vari discorsi del potere. L’associazione di Teseo con la sovranità clemente e con la punizione dei tiranni ha un precedente nell’Hercules furens di Seneca. La moderazione di Teseo in battaglia è illustrata con un paradigma animale (il leone mite con la preda tradizionale nelle esortazioni alla clementia.

  6. Le LHC, un tunnel cosmique

    CERN Document Server

    CERN. Geneva

    2009-01-01

    Et si la lumière au bout du tunnel du LHC était cosmique ? En d’autres termes, qu’est-ce que le LHC peut nous apporter dans la connaissance de l’Univers ? Car la montée en énergie des accélérateurs de particules nous permet de mieux appréhender l’univers primordial, chaud et dense. Mais dans quel sens dit-on que le LHC reproduit des conditions proches du Big bang ? Quelles informations nous apporte-t-il sur le contenu de l’Univers ? La matière noire est-elle détectable au LHC ? L’énergie noire ? Pourquoi l’antimatière accumulée au CERN est-elle si rare dans l’Univers ? Et si le CERN a bâti sa réputation sur l’exploration des forces faibles et fortes qui opèrent au sein des atomes et de leurs noyaux, est-ce que le LHC peut nous apporter des informations sur la force gravitationnelle qui gouverne l’évolution cosmique ? Depuis une trentaine d’années, notre compréhension de l’univers dans ses plus grandes dimensions et l’appréhension de son comportement aux plus peti...

  7. Le paludisme, le tsunami silencieux d'Afrique | IDRC - International ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    12 janv. 2011 ... Dans un élan de compassion fort justifié, le monde s'est porté au secours des victimes du tsunami qui a touché récemment la région de l'océan Indien. Mais il ignore qu'un « tsunami silencieux », le paludisme, s'abat sans cesse sur l'Afrique et y fait chaque année plus de 1,5 million de victimes, surtout de ...

  8. Le même et le différent

    OpenAIRE

    Tixier, Nicolas

    2015-01-01

    À partir de Smoke de Paul Auster et Wayne Wang; International audience; Auggie Wren (joué par Harvey Keitel) tient un débit de tabac à Brooklyn au coin de la 16e rue et de Prospect Park West. Chaque matin il traverse le carrefour face à sa boutique et dispose avec attention, toujours au même endroit, son appareil photo sur un trépied. Il regarde sa montre, attend la bonne heure et appuie sur le déclencheur. Cette photo rejoindra un album où jour après jour, page après page, depuis de nombreus...

  9. Le Fleix – Bourg Ouest

    OpenAIRE

    Gineste, Marie-Christine

    2013-01-01

    Date de l'opération : 2009 (EX) Le projet d’extension d’une cantine scolaire est à l’origine de cette prescription. Il concerne une parcelle de 1 438 m2 située sur un replat de la terrasse holocène, en bordure d’un affluent de la Dordogne ; le Lasolle du Bost, dans le périmètre supposé de l’agglomération antique appelée « ville de Meille ». L’assiette du projet correspond au XIXe siècle à un secteur agricole non bâti. Deux tranchées ont été réalisées, occasionnant la découverte, surtout au no...

  10. Le Corbusier’s Dioramas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Ramón Alonso Pereira

    2013-10-01

    Full Text Available AbstractLe Corbusier symbolizes the modern rational urbanism, whose rigorous effort of town planning demands a parallel effort of comprehension. It opposes to these contemporary urbanism that wish to perceive and to enjoy cities in a sensible way. Nevertheless, sentiment and reason are not adverses and Le Corbusier gives us at his  moment keys to intent a synthesis, joined them in a singular way by means of his ‘boîtes à miracles’ or ‘magic boxes’: those "architectural spectacles of synthesis" that he defined in 1951 Ciam. Here we try to approach to the first of those ‘spectacles’: the ‘diorama’, considering it as a corbusean strategy of mediation between rational and sensible in modern and contemporary city.Key wordsLe Corbusier, diorama, Ville Contemporaine, Plan Voisin, Plan Maciá

  11. La preuve par le nombre

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hélène Verdier

    2012-04-01

    Full Text Available S’il en était besoin, la question des usages et de la finalité des résultats de l’inventaire général pourrait être abordée par le nombre : nombre d’œuvres répertoriées, de communes inventoriées, de clichés photographiques réalisés, de dossiers, de consultations des notices dans les bases de données… Les additions aujourd’hui sont éloquentes, mais elles laissent dans l’ombre lele de l’inventaire qui, en mettant en œuvre une démarche systématique de connaissance, participe à l’ identificatio...

  12. Le front oriental de Lille

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Étienne Poncelet

    2011-06-01

    Full Text Available De la porte d’eau de la Basse Deûle jusqu’au fort Saint-Sauveur, le front oriental de Lille, fortifié à l’époque espagnole, glisse ses courtines dans les entrelacs du périphérique et des gares. L’enjeu urbain actuel consiste à s’appuyer sur ces murs historiques pour « passer malgré tout » à travers cet écheveau urbain et retisser les fils de la continuité des promenades au cœur de la ville. Moins connus que le front occidental de la reine des citadelles, ces anciens espaces militaires sont une chance pour l’urbanisme de demain dont les opérations en cours de la Porte de Gand et de la Basse Deûle témoignent déjà.The east wall, at Lille, fortified during the period of Spanish occupation, extends from the Porte d'Eau de la Basse-Deûle to the Saint-Sauveur fort. Its curtain walls emerge today in a landscape of ring roads and railway territories. The issue today is to profit from these historic walls in order to make some sense of the urban chaos and to reinstate some urban continuity in the city-centre walkways. Although they are not as well known as the western wall of this major fortified city, these former military properties are an exciting opportunity for tomorrow's town-planners, as the operations already underway at the Porte de Gand et de la Basse Deûle suggest.

  13. Ligeti, Le Grand Macabre (1978)

    OpenAIRE

    Amaral, Pedro

    2011-01-01

    Le Grand Macabre, de Györgi Ligeti, uma obra que, em plenos anos setenta, retoma e reinventa a grande tradição da ópera de repertório. Escrita para a Ópera de Estocolmo, estreada em Abril de 1978, Le Grand Macabre é uma das obras mais marcantes e uma das mais consagradas, internacionalmente, no plano da música dramática da segunda metade do século XX. Escrita a partir de uma peça do dramaturgo belga Michel de Ghelderode, “A Balada do Grande Macabro”, de 1934, a obra de Ligeti retoma um...

  14. Agir sur le gaspillage alimentaire

    OpenAIRE

    Jan, Sophie; Baron, Florence

    2016-01-01

    On estime aujourd'hui à 25% les pertes d'aliments post-récolte et en aval, en raison de leur altération par des microorganismes. L'étude menée ici illustre le risque d'altération engendré par une rupture dans la chaîne du froid, en prenant comme modèle un aliment liquide pasteurisé et réfrigéré, riche en nutriments et dont la température ne doit pas dépasser 4°C.

  15. Atti del seminario internazionale "Immagini d'Italia e d'Europa nella letteratura e nella documentazione di viaggio nel XVIII e nel XIX secolo", (Firenze, 1999-2001

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renato Pasta

    2003-01-01

    Full Text Available Renato Pasta, Introduzione. Paolo Marchetti, I giuristi e i confini. L'elaborazione giuridica della nozione di confine tra Medioevo ed età moderna. Jürgen Osterhammel, Atlantic Slavery: A Problem of Cross-Boundary History. Hans Erich Boedeker, "Europe" in the Discourse of the Sciences of State in 18th Century Germany. Sergueï Karp, Les recherches récentes (1990-2000 des relations culturelles franco-russes au XVIIIe siècle. Ananij Gerasimovič Ivanov, Il sistema amministrativo russo nella regione dei Mari dalla seconda metà del XVI al XVIII secolo. Il voevoda. Giulia Cecere, L' «Oriente d'Europa»: un'idea in movimento (sec. XVIII. Un contributo cartografico. Natividad Planas, Conflits de compétence aux frontières. Le contrôle de la circulation des hommes et des marchandises dans le royaume de Majorque au XVIIe siècle. Augustin Hernando, Identidad y representación de Europa en la docencia e investigación geográfica española. Teresa Isenburg, Separare ed Unire. Appunti sulle frontiere brasiliane fra Otto e Novecento: il caso della Guiana britannica

  16. Le developpement autocentre avec integration dans le marche ...

    African Journals Online (AJOL)

    -arabe, que l'Europe accepterait à cause de son intérêt à stabiliser les pays du sud de la Méditerranée sur le plan social et politique. Mots Clés: Industrialisation, Rente, Exportation de produits manufacturés, Coopération euro-arabe ...

  17. Bertilla e Berta: il ruolo di Santa Giulia di Brescia e di San Sisto di Piacenza nel regno di Berengario I Bertilla and Berta: the role of St. Giulia of Brescia and St. Sisto of Piacenza in the reign of Berengar I

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Sereno

    2012-10-01

    Full Text Available Di nessuna delle due mogli di Berengario I – Bertilla, la prima, un’aristocratica di origine supponide e Anna, la seconda, una principessa bizantina – si sono conservate le carte dei dotari. Di entrambe, inoltre, nessuna carta ricorda attività economiche o patrimoniali. Nel contesto familiare di Berengario I emerge però una delle due figlie, Berta, che fu badessa del monastero di San Salvatore di Brescia e poi anche, per nomina paterna, del monastero di San Sisto di Piacenza, fondato pochi decenni prima da Angelberga. Entrambi i monasteri avevano raccolto nei loro patrimoni larghe quote del fisco regio, spesso in prima istanza transitati nei dotari delle regine: le curtes e i monasteri dipendenti erano sparsi in tutta la parte settentrionale della penisola e, in taluni casi, oltrepassavano la linea degli Appennini. Berta appare così assumere presso la corte di Berengario una funzione di grande rilievo nella gestione e nella salvaguardia dei patrimoni di tali monasteri.Of none of the two wives of Berengar I - Bertilla, the first, an aristocratic woman from the Supponids and Anna, the second, a Byzantine princess - have been preserved dower charters; moreover no charter reminds businesses or assets. In the family context of Berengar I emerges, however, one of his two daughters, Berta, who was abbess of the monastery of St. Salvatore in Brescia and later, by his father's appointment, of the monastery of St. Sisto in Piacenza, founded a few decades earlier by Angelberga. Both monasteries were collected in their assets large shares of royal treasury, often in the first instance passed through in doweries of the queens: the curtes and the dependent monasteries were spread across the northern part of the peninsula and, in some cases, they passed the line of the Apennines. It looks like as at the court of Berengar Berta  assumes a role of great importance in the management and safeguarding of the assets of these monasteries.

  18. APPLICATION OF PSEUDOMONAS PUTIDA AND RHODOCOCCUS SP. BY BIODEGRADATION OF PAH(S, PCB(S AND NEL SOIL SAMPLES FROM THE HAZARDOUS WASTE DUMP IN POZĎÁTKY (CZECH REPUBLIC

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Radmila Kucerova

    2006-12-01

    Full Text Available The objective of the project was a laboratory check of biodegradation of soil samples contaminated by PAH(s, PCB(s and NEL from the hazardous waste dump in the Pozďátky locality. For the laboratory check, pure bacterial cultures of Rhodococcus sp. and Pseudomonas putida have been used. It is apparent from the laboratory experiments results that after one-month bacterial leaching, applying the bacterium of Rhodococcus sp. there is a 83 % removal of NEL, a 79 % removal of PAH(s and a 14 % removal of PCB(s. Applying a pure culture of Pseudomonas putida there is a 87 % removal of NEL, a 81 % removal of PAH(s and a 14 % removal of PCB(s.

  19. I principi della meccanica quantistica

    CERN Document Server

    Dirac, Paul A M

    1959-01-01

    Il principio di sovrapposizione ; variabili dinamiche ed osservabili ; rappresentazioni ; le condizioni quantiche ; le equazioni del moto ; applicazioni elementari ; teoria delle perturbazioni ; problemi d'urto ; sistemi contenenti più particelle identiche ; teoria della radiazione ; teoria relativistica dell'elettrone ; elettrodinamica quantistica.

  20. Teoria dell'elettromagnetismo fenomeni e leggi fondamentali : energia dei campi e delle distribuzioni di carica, applicazioni di meccanica analitica e statistica, teoria della relatività, emissione e propagazione di onde elettromagnetiche

    CERN Document Server

    Tenaglia, Livio

    1956-01-01

    Leggi fondamentali dell'elettromagnetismo ; le equazioni di Lagrange, di Hamilton e di Jacobi, il principio di Fermat ; applicazioni di meccanica analitica all'elettromagnetismo ; teoria statica dell'irraggiamento ; fondamenti di teoria della relatività ; propagazione delle onde elettromagnetiche proprietà elementari dei conduttori ; emissione di onde elettromagnetiche ; richiami analitici ; unità di misura per le grandezze del campo elettromagnetico.

  1. Rapport sur le développement dans le monde sur le thème du rôle ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    ... rural et sont tributaires principalement de l'agriculture pour assurer leur subsistance. Ce projet permettra de veiller à ce qu'une place soit accordée aux travaux de recherche financés par le CRDI, aux points de vue différents et aux auteurs de l'hémisphère Sud dans le Rapport sur le développement dans le monde 2008.

  2. Le profil entrepreneurial : Facteur discriminant du developpement ...

    African Journals Online (AJOL)

    Le développement économique est un objectif majeur pour tout pays. Selon le classement établi par le Forum économique mondial, le développement économique dépend du niveau du PIB per capita et de la part des exportations des biens minéraux dans l'exportation totale. A partir de la base de données GEM Algérie, ...

  3. Quand le dentier devient danger!

    Science.gov (United States)

    Sadak, Nouzha; Herrak, Laila; Achachi, Leila; El Ftouh, Mustapha

    2017-01-01

    Bien que rare chez l'adulte, l'inhalation de corps étranger (CE) est un accident grave pouvant mettre en jeu le pronostic vital ou entrainer des séquelles importantes. Nous rapportons l'observation d'un patient de 50 ans, sans antécédents pathologiques particuliers, qui s'est présentée aux urgences pour douleur thoracique, toux intermittente et dyspnée d'effort, six jours après avoir inhalé, accidentellement, sa prothèse dentaire en plastique lors d'un repas. L'examen clinique était sans particularités. La radiographie thoracique ainsi que l'ASP ne montraient pas d'anomalie. Une bronchoscopie souple sous anesthésie générale a permis de visualiser le CE au niveau du tronc intermédiaire et l'extraction a été réalisée avec succès évitant ainsi le recours à un geste beaucoup plus invasif. La radiographie standard peut s'avérer utile en visualisant les CE radio-opaque ou par des signes indirects évoquant la présence d'un CE, mais le recours à la bronchoscopie à visée diagnostique et thérapeutique est primordial. PMID:28904706

  4. Le dévoiement moral dans la littérature de la Renaissance : Fernando de Rojas au miroir de Ludovic Arioste

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Leiduan

    2010-10-01

    Full Text Available Cet article se propose de relever les points de convergence possibles entre La Celestina de Fernando de Rojas et La Lena de l’Arioste. L’analyse des deux œuvres met en lumière l’affleurement, au sein du théâtre italien et du théâtre espagnol du XVIe siècle, d’une réflexion sur le rapport de l’homme au Mal, sur les causes qui peuvent l’amener à se pervertir, à choisir de se mettre volontairement hors la loi, réflexion qui a conduit à légitimer pleinement le rapprochement, souvent évoqué, mais insuffisamment argumenté, des deux pièces.Questo articolo si propone di mettere in luce i punti di convergenza possibili tra La Celestina di Fernando de Rojas e La Lena dell’Ariosto. L’analisi delle due opere ha messo in evidenza l’emergenza, nel teatro italiano e spagnolo del cinquecento, di una riflessione sul rapporto dell’uomo al Male, sulle cause che possono indurre l’essere umano a corrompersi, a scegliere volontariamente di vivere al di fuori di ogni legge, riflessione che ha permesso di legittimare l’accostamento, spesso proposto, ma mai dimostrato, tra le due opere.

  5. Sapere digitale e pensiero critico. Intorno al convegno “Noetica versus Informatica: le nuove strutture della comunicazione scientifica” (Roma, 19-20 novembre 2013

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Catalani

    2015-01-01

    Full Text Available Scopo di questo contributo è quello di provare a tirare le fila del convegno internazionale “Noetica versus Informatica: le nuove strutture della comunicazione scientifica”, svoltosi a Roma dal 19 al 20 novembre 2013. Alla luce del conflitto epistemico enunciato nel titolo, si è cercato di evidenziare i principali nodi concettuali emersi durante le quattro sessioni di lavoro, che invitano ad un’attenta riconsiderazione del ruolo della bibliografia, dei servizi bibliotecari e dei paradigmi tradizionali dell’organizzazione dell’informazione, anche alla luce delle tendenze più recenti legate allo sviluppo del web semantico, dei discovery tools, dei social network, dell’open access e delle biblioteche digitali. L’accento è posto in particolare su quei contributi capaci di attivare pensiero critico in merito allo stato attuale e alle prospettive della conoscenza nell’ecosistema digitale, considerato che appare imprescindibile l’adozione di ontologie semantiche, mappe cognitive e infrastrutture indicali capaci di far ‘esplodere’ il potenziale epistemologico dei documenti registrati.

  6. Nanostructures pour le développement de vaccins contre le virus de ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Institut national de la recherche agronomique (France). Ce projet est financé par le fonds d'innovation en vaccins pour le bétail, un partenariat entre la fondation Bill et Melinda Gates, Affaires Mondiales Canada et le Centre de recherches pour le ...

  7. Le Kenya nomme le titulaire de sa première chaire de recherche

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    14 avr. 2016 ... De concert avec le CRDI, la National Commission for Science, Technology and Innovation (NACOSTI) du Kenya a inauguré sa première chaire de recherche à Nairobi, le 31 mars 2015. Le professeur Fabian Omoding Esamai, qui dirige actuellement le College of Health Sciences de la Moi University, a été ...

  8. Le LHC, priorité absolue

    CERN Multimedia

    Huet, S

    2002-01-01

    Le LHC, sa mise en est repoussee a 2007 quand les physiciens esperaient 2006. Le CERN a sous-estime les couts, environ 11% pour les 1 200 aimants supraconducteurs. Les Etats membres n'augmenteront pas leurs subventions, il propose donc cette semaine un plan drastique : tout pour le LHC (1/2 page).

  9. Le CERN ouvre ses entrailles au public

    CERN Multimedia

    2004-01-01

    "Le CERN se lance dans une grande opération de relations publiques pour son cinquantième anniversaire. Le centre de recherche organisera une journée portes ouvertes le 16 octobre. Quelque 50 sites pourrant être visités" (1/2 page)

  10. LE CORBUSIER: CONCURSOS Y PALACIOS / Le Corbusier: competitions and palaces

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando Zaparaín Hernández

    2012-11-01

    Full Text Available RESUMEN Cuando Le Corbusier ya había pasado de los cuarenta años se enfrentó a dos concursos internacionales: el Palacio de las Naciones en Ginebra (1926–31 y el Palacio de los Soviets en Moscú (1931–32 con los que intentaba acceder a grandes encargos de estado con mayor escala urbana en los que poner a prueba su ideario moderno sobre arquitectura y urbanismo. En ambos casos estuvo entre los vencedores pero por conveniencia e indecisión, los poderes políticos optaron por soluciones academicistas. Al conocer las decisiones definitivas, Le Corbusier y todos sus contactos del Movimiento Moderno orquestaron diversas polémicas ante los medios de comunicación y los gobernantes por entender que el progreso se veía lastrado por el triunfo de propuestas reaccionarias. Mediante el estudio de la correspondencia con personas particulares como Moser, Giedion, Colly o Stonorov, conservada en la Fundación Le Corbusier, se analizan las relaciones y el tono ideológico en torno a aquellas protestas. En esos textos quedan reflejados los principales rasgos que caracterizan la modernidad como su internacionalización, la seguridad en la propia misión, la defensa de lo nuevo o el método dialéctico. SUMMARY When Le Corbusier had already passed the age of forty he confronted two international competitions: the Palais des Nations in Geneva (1926–1931 and the Palace of the Soviets in Moscow (1931–32, with which he attempted to access large state commissions, with greater urban scale, in which to test his ideas about modern architecture and urbanism. In both cases he was among the winners, but through convenience and indecision the political powers opted for solutions from academicians. Upon knowing the final decisions, Le Corbusier and all his contacts in the Modern Movement orchestrated several controversies with the media, and the people in power, to convey that progress seemed burdened by the triumph of reactionary proposals. The relationships

  11. LE CORBUSIER: CONCURSOS Y PALACIOS / Le Corbusier: competitions and palaces

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando Zaparaín Hernández

    2012-11-01

    Full Text Available RESUMEN Cuando Le Corbusier ya había pasado de los cuarenta años se enfrentó a dos concursos internacionales: el Palacio de las Naciones en Ginebra (1926–31 y el Palacio de los Soviets en Moscú (1931–32 con los que intentaba acceder a grandes encargos de estado con mayor escala urbana en los que poner a prueba su ideario moderno sobre arquitectura y urbanismo. En ambos casos estuvo entre los vencedores pero por conveniencia e indecisión, los poderes políticos optaron por soluciones academicistas. Al conocer las decisiones definitivas, Le Corbusier y todos sus contactos del Movimiento Moderno orquestaron diversas polémicas ante los medios de comunicación y los gobernantes por entender que el progreso se veía lastrado por el triunfo de propuestas reaccionarias. Mediante el estudio de la correspondencia con personas particulares como Moser, Giedion, Colly o Stonorov, conservada en la Fundación Le Corbusier, se analizan las relaciones y el tono ideológico en torno a aquellas protestas. En esos textos quedan reflejados los principales rasgos que caracterizan la modernidad como su internacionalización, la seguridad en la propia misión, la defensa de lo nuevo o el método dialéctico.SUMMARY When Le Corbusier had already passed the age of forty he confronted two international competitions: the Palais des Nations in Geneva (1926–1931 and the Palace of the Soviets in Moscow (1931–32, with which he attempted to access large state commissions, with greater urban scale, in which to test his ideas about modern architecture and urbanism. In both cases he was among the winners, but through convenience and indecision the political powers opted for solutions from academicians. Upon knowing the final decisions, Le Corbusier and all his contacts in the Modern Movement orchestrated several controversies with the media, and the people in power, to convey that progress seemed burdened by the triumph of reactionary proposals. The relationships and

  12. IMPARARE L’ITALIANO L2 CON LE CANZONI. UN CONTRIBUTO DIDATTICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Mauroni

    2011-07-01

    Full Text Available Il presente contributo si inserisce nel filone degli studi che hanno messo in evidenza la potenziale ricchezza della canzone come strumento di facilitazione dell’apprendimento della L2, e come mezzo per l’approccio al testo letterario per studenti di italiano L1, additandone il carattere di attività particolarmente efficace e ‘consonante’ con una prospettiva umanistico-affettiva, comunicativa, nonché socio-costruttivista. In queste pagine sono presentate alcune attività didattiche (pensate ora per gli apprendenti di italiano L2, ora per gli studenti di italiano L1 formulate a partire da alcuni testi del cantautore Claudio Baglioni (Io sono qui, Le vie dei Colori, Bolero, Fammi andar via tratti dall’album Io sono qui, 1995, edizioni CBS. I testi qui didattizzati sono utilizzabili in diverse prospettive: grammaticale, lessicale, retorica, socio-culturale, ecc.; e per diversi livelli di competenza linguistica (L2: A1-C1; L1.     Learning italian l2 through song.  A didactic contribution   This article is part of a series of studies which focus on the potential richness of songs as tools for facilitating L2 learning, as well as being a way to approach literary texts for L1 Italian students, being a particularly effective activity from a humanistic-affective, communicative and socio-constructivist point of view.  A few didactic activities are presented (designed for L2 Italian learners, or for L1 Italian learners based on songs by Claudio Baglioni (Io sono qui, Le vie dei Colori, Bolero, Fammi andar via from the album Io sono qui, 1995, edizioni CBS.  The texts were adapted for diverse didactic uses: grammatical, lexical, rhetorical, socio-cultural, etc and for different levels of linguistic competence (L2: A1-C1, L1

  13. Publications | Page 95 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI et la lutte contre le paludisme. DOCUMENT D'INFORMATION. Le paludisme tue un enfant africain toutes les 30 secondes. Avec le VIH/sida et la tuberculose, le paludisme est l'un des principaux problèmes de santé publique menaçant le.

  14. pour le trimestre qui a pris fin le 30 septembre 2017

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Sophie Comeau

    30 sept. 2017 ... Régi par la Loi sur le Centre de recherches pour le développement international (1970), le Centre de recherches pour le développement international (le Centre ou CRDI) vise à « lancer, encourager, appuyer et mener des recherches sur les problèmes des régions du monde en voie de développement et ...

  15. Reflexion sur le climat, l'effet de serre et le rechauffement global ...

    African Journals Online (AJOL)

    Le climat de la Terre est largement influencé par l'état de son atmosphère. Le rayonnement solaire jouerait un rôle primordial dans la climatologie terrestre certes, néanmoins, il n'est plus en mesure à lui tout seul d'expliquer le climat qui prédomine, en moyenne, à la surface de la terre. L'effet de serre serait le phénomène ...

  16. Rapport financier trimestriel pour le trimestre qui a pris fin le 31 ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Office 2004 Test Drive User

    31 déc. 2016 ... Lʼinformation et les divulgations contenues dans le Rapport annuel 2015-2016 sʼappliquent au trimestre sur lequel porte le présent rapport trimestriel, sauf indication contraire. Budget 2016-2017 révisé. Le Conseil des gouverneurs a approuvé le budget 2016-2017 avant le début de lʼexercice. Cʼest.

  17. Le contrôle de gestion des entreprises familiales : un contrôle non-financiarisé ?

    OpenAIRE

    Barbelivien, Dominique

    2016-01-01

    Nous examinons la tendance décrite dans la littérature quant à la financiarisation de la fonction de contrôle de gestion en nous appuyant sur le cas d’une entreprise de taille intermédiaire familiale. Nous constatons que le contrôle de gestion dans le cas étudié correspond à une rationalisation des décisions opérationnelles et développons les raisons qui peuvent expliquer la persistance d’un contrôle de gestion très opérationnel. Le contexte d’entreprise familiale dans laquelle il y a confusi...

  18. Bulletin #109 | CRDI - Le Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    ... offres d'emploi. Appel à propositions de recherche sur les villes résilientes en Amérique latine. Date butoir : 13 juin 2016. Programme de recherche sur le virus Zika Canada-Amérique latine et Caraïbes Date butoir : 12 juillet 2016. POSSIBILITÉS D'EMPLOIS Agent de ressources humaines · Analyste des opérations de TI.

  19. Le cosmos et le lotus confessions d'un astrophysicien

    CERN Document Server

    Trinh, Xuan Thuan

    2011-01-01

    Que nous dit vraiment la science sur la nature de l'univers, sur son origine et son avenir ? Par quel mystère le langage mathématique, pure création de l'esprit humain, se révèle-t-il aussi performant pour nous décrire les phénomènes physiques, de l'infiniment petit à l'infiniment grand ? S'il existe un ordre du monde, ce que nous en disent la physique quantique et la théorie de la relativité est-il compatible avec ce qu'enseigne le bouddhisme ? Et que peut-on en conclure concernant notre propre vie ? A ces questions passionnantes et à beaucoup d'autres, le célèbre astrophysicien Trinh Xuan Thuan répond ici d'une façon personnelle, en s'appuyant sur son expérience. Son itinéraire l'a placé d'emblée à la confluence de trois cultures : issu d'une famille de lettrés vietnamiens imprégnée de traditions bouddhiste et confucéenne, il a reçu une éducation à la française puis une formation scientifique à l'américaine. Une telle richesse de points de vue lui permet d'apporter, non pas de...

  20. Le futur du travail | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    12 juin 2017 ... Une base de données probantes est nécessaire afin de trouver des solutions stratégiques et sociales appropriées aux divers défis que posent ces nouveaux modes de travail. La recherche sur l'innovation en matière d'éducation et le renforcement des capacités seront également essentiels pour assurer la ...

  1. Le glaive de la parole

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luce Marchal-Albert

    2006-09-01

    Full Text Available Chacun sait, selon le mot de Pierre Viret, « en quelle confusion est la Chrestienté » au xvie siècle en Europe. C’est le deuxième quart du siècle qui nous intéressera ici, et en particulier l’année 1545, qui constitue une année charnière qui voit vaciller l’Église romaine, flamber et culminer la chasse aux hérétiques en même temps qu’elle voit la jeune Église réformée se renforcer et se positionner avec succès dans un champ religieux plus que chaotique. Les ouvrages polémiques réformés écrits...

  2. Prendre le pli des techniques

    OpenAIRE

    Latour, Bruno

    1983-01-01

    À partir de la notion de mode d’existence développée par Gilbert Simondon et surtout par Etienne Souriau, il est possible d’aborder la question de la technique sans se laisser arrêter par la présence excessive de l’un de ses résultats : les objets techniques. On peut alors essayer de définir le mode propre de la technique comme un mouvement, un projet, un plissage, une forme très particulière de transcendance, qui n’a pas reçu en philosophie le traitement que mérite son importance et son ubiq...

  3. Le CRDI au Sri Lanka

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI appuie la recherche au Sri. Lanka depuis 1973. Il s'est d'abord concentré sur l'amélioration des pratiques agricoles. Par exemple, grâce à la mise au point d'un système de rizi - culture permettant d'exploiter les pluies de mousson, les riziculteurs ont triplé leurs rendements en quatre ans. Ils ont été nombreux à ...

  4. Le jumelage de journalistes scientifiques

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Cathy Egan

    Les questions scientifiques suscitent de plus en plus de doutes, d'angoisse et de discorde chez le grand public. Les profanes, peut-être plus encore que les scientifiques, s'interrogent et s'obstinent sur les causes du réchauffement planétaire, l'innocuité des organismes génétiquement modifiés (OGM) dans les aliments ou ...

  5. Le ferite invisibili nei ricordi di abusi dimenticati / Les blessures invisibles dans les souvenirs d'abus « retrouvés» / The “invisible” hurts caused by abuses in the memory

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fargnoli A. L.

    2010-12-01

    Full Text Available In questo articolo, si prende in considerazione un aspetto poco noto degli effetti del trauma. In particolare, quando un’esperienza profondamente negativa resta nella memoria di chi l’ha vissuta, si trasforma nel tempo in una ferita che, non avendo le connotazioni proprie esplicite delle ferite fisiche, diventa “invisibile”. Ma la ferita è presente nel soggetto ed opera in modo da condizionare la sua esistenza, le sue relazioni e spesso anche il suo futuro. Quando un soggetto subisce un abuso non riesce, spesso, a reagire nella maniera adeguata e si trasforma nel tempo in una persona con molte ferite: il dolore c’è, ma è quasi impossibile scoprirne la causa.Dans cet article, un aspect peu connu des effets du traumatisme est pris en considération. Il s’agit du fait que, quand une expérience profondément négative reste dans la mémoire de sa victime, elle se transforme progressivement en blessure qui – du fait qu’elle n’a pas les connotations explicites de blessures physiques – devient « invisible ». Elle n’en est pas moins présente dans le for intérieur du sujet et elle agit de façon à conditionner son existence, ses relations et souvent aussi son avenir. Quand un sujet subit un abus il réussit rarement à réagir de manière adéquate et il devient, au fur et à mesure, une personne marquée par beaucoup de blessures. La douleur existe alors bel et bien, mais il devient quasi-impossible d’en découvrir la cause.In this article, a little-know aspect of trauma’s effects is taken into consideration. In particular, when a person lives a really bad experience, this experience could become, after time, an “invisible” hurt. It is deeply inside the person and influences his life, his relationships, and his future as well. When a person suffers an abuse, he often couldn’t react in the right way: as time goes by, hurts may condition all the aspects of his life. The pain is real, but sometime it is hard to find

  6. Georges et le big bang

    CERN Document Server

    Hawking, Lucy; Parsons, Gary

    2011-01-01

    Georges et Annie, sa meilleure amie, sont sur le point d'assister à l'une des plus importantes expériences scientifiques de tous les temps : explorer les premiers instants de l'Univers, le Big Bang ! Grâce à Cosmos, leur super ordinateur, et au Grand Collisionneur de hadrons créé par Éric, le père d'Annie, ils vont enfin pouvoir répondre à cette question essentielle : pourquoi existons nous ? Mais Georges et Annie découvrent qu'un complot diabolique se trame. Pire, c'est toute la recherche scientifique qui est en péril ! Entraîné dans d'incroyables aventures, Georges ira jusqu'aux confins de la galaxie pour sauver ses amis...Une plongée passionnante au coeur du Big Bang. Les toutes dernières théories de Stephen Hawking et des plus grands scientifiques actuels.

  7. Giammario Borri (a cura di, Fermo città egemone. Il dominio vescovile su Ripatransone nel Duecento / Giammario Borri (edited by, Fermo, a haegemonic city. The bishop supremacy on Ripatransone in the 13th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Pirani

    2014-04-01

    Full Text Available Recensione / Book review Borri G., a cura di (2012, Fermo città egemone. Il dominio vescovile su Ripatransone nel Duecento, Spoleto: Fondazione Centro italiano di studi sull’alto medioevo («Fonti documentarie della Marca medievale», 6, lxiv+202 pp.

  8. Nicola Michelassi y Salomé Vuelta García, Il teatro spagnolo a Firenze nel Seicento. Vol. I: Giacinto Andrea Cicognini, Giovan Battista Ricciardi, Pietro Susini, Mattias Maria Bartolommei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Símini

    2015-01-01

    Full Text Available Reseña de Nicola Michelassi y Salomé Vuelta García, Il teatro spagnolo a Firenze nel Seicento. Vol. I: Giacinto Andrea Cicognini, Giovan Battista Ricciardi, Pietro Susini, Mattias Maria Bartolommei, Alinea (Secoli d’Oro, 67; Commedia Aurea Spagnola e Pubblico Italiano, VIII, Florencia, 2013, 257 pp. ISBN: 9788860557865.

  9. Le principe non bis in idem et le droit communautaire

    OpenAIRE

    Hedabou, Aziz

    2018-01-01

    Le principe non bis in idem est une garantie fondamentale qui interdit que les mêmes faits soit poursuivi et puni deux fois. Il est reconnu par tous les droits internes et “appartient aux droit universel des nations”. Dès lors, sa lettre et son esprit ne sont plus cantonnés au droit interne et ont tendance à s’internationaliser. En droit communautaire, l’étude du principe non bis in idem peut être envisagée sous trois angles différents. D’abord en droit pénal international unilatéral où chaqu...

  10. Lettere di Vilfredo Pareto all’amico Roberto Michels: confini e confine nel Trattato di Sociologia Generale del 1916

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Federici

    2017-08-01

    Full Text Available In questa ricerca di senso fra la fine di un'epoca e la nuova visione del mondo, c’è, nei due Autori, quello che potrebbe chiamarsi una betweenness: Pareto, quasi un franco-italiano, e Michels, un italiano-tedesco, anzi un più che italiano. Nella linea di faglia rappresentata dal primo conflitto mondiale, i due sociologi sono in una doppia relazione interiore appunto franco-italiana Pareto e italo-tedesca Michels e una relazione esteriore fra il mondo di ieri e il mondo successivo al cataclisma che fu la prima guerra mondiale, quando ben quattro imperi colossali erano stati smembrati (l’Impero Russo, l’Impero Tedesco, l’Impero Austro-ungarico e l’Impero ottomano, nello stesso tempo in cui Emile Durkheim guardava con inquietudine alla disgregazione delle vecchie comunità tradizionali, dove il senso della crisi del tempo investe non solo le persone e i comportamenti, ma il mondo logico stesso. Lo scambio epistolare avviene nella stessa terra: Pareto a Celigny, sul lago di Ginevra , e Michels a Basilea , lungo le rive del Reno. Vi è, fra i due sociologi un profondo rispetto, che vedrà Robert Michels dedicare allo “scienziato e amico Vilfredo Pareto con venerazione” un’opera importante come “Problemi di sociologia applicata” pubblicata solo tre anni dopo il Trattato di Sociologia Generale del Maestro. In questa antologia di saggi Robert Michels, probabilmente composti fra il 1914 e il 1917, negli anni del grande cataclisma, anzi concepiti prima «dell’insediamento di questa terribile corte suprema di cassazione di tutte le nostre ideologie, che è la guerra» , quindi contemporanea al Trattato, il Maestro viene citato tre volte, come Max Weber, ma, de facto, la presenza di Pareto è continua. In particolare, il richiamo al Maestro è iscritto a due piste di ricerca: da una parte la realtà della ricerca sociologica e del suo amplissimo spettro di analisi e dall’altra la teoria della circolazione delle elités. È proprio

  11. Contester le mariage forcé : mettre en place la ligne de défense et le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le droit civil en matière de mariage est la Loi spéciale sur le mariage, qui permet aux parties de différentes religions de se marier sans changer de religion. Elle exige le consentement explicite des deux partenaires pour que le mariage soit possible. Le consentement demeure le point central de la loi sur le mariage; ...

  12. LE SECTEUR INFORMEL EN ALGERIE : APPROCHES, ACTEURS ...

    African Journals Online (AJOL)

    du respect des lois et des règlements et de l'Etat de droit de façon générale. 1.4. L'approche du secteur informel selon le Bureau International du Travail (BIT) ... qui ne tiennent pas une comptabilité complète et dont la person- l'importation…) mais également dans le secteur immobilier dont le fonctionnement est informel.

  13. Peut-on voyager dans le temps ?

    CERN Multimedia

    CERN. Geneva

    2008-01-01

    La possibilité de voyager dans le temps est régulièrement évoquée par les magazines scientifiques (et parfois même par les scientifiques). Elle est également le sujet de nombreux romans de science-fiction. Nous discuterons d’abord du sens qu’on peut donner à l’expression « voyager dans le temps », puis nous expliciterons ce que la physique contemporaine dit à ce propos.

  14. Télécharger le PDF

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI finance la recherche dans les pays en développement afin de réduire la pauvreté, soutenant ainsi l'objectif des activités de dévelop- pement international du Canada. Le Centre favorise la croissance et le développement et encourage la communication des connaissances aux responsables des politiques, aux ...

  15. Le CRDI en Égypte

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    afin d'y favoriser la croissance et le développement. Il en résulte des solutions locales, novatrices et durables, qui offrent des choix aux personnes qui en ont le plus besoin et font changer les choses. Centre de recherches pour le développement international. CP 8500, Ottawa (Ontario) Canada K1G 3H9. 1012 alexandrie.

  16. Le CRDI en Éthiopie

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    'une crise. À long terme, toutefois, elle peut entraîner la dépendance et saper le système local de production de semences. Dans le cadre d'une étude menée de 2005 à 2008, des chercheurs s ubventionnés par le CRDI ont constaté que l'on ...

  17. Functional analysis of NopM, a novel E3 ubiquitin ligase (NEL domain effector of Rhizobium sp. strain NGR234.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Da-Wei Xin

    Full Text Available Type 3 effector proteins secreted via the bacterial type 3 secretion system (T3SS are not only virulence factors of pathogenic bacteria, but also influence symbiotic interactions between nitrogen-fixing nodule bacteria (rhizobia and leguminous host plants. In this study, we characterized NopM (nodulation outer protein M of Rhizobium sp. strain NGR234, which shows sequence similarities with novel E3 ubiquitin ligase (NEL domain effectors from the human pathogens Shigella flexneri and Salomonella enterica. NopM expressed in Escherichia coli, but not the non-functional mutant protein NopM-C338A, showed E3 ubiquitin ligase activity in vitro. In vivo, NopM, but not inactive NopM-C338A, promoted nodulation of the host plant Lablab purpureus by NGR234. When NopM was expressed in yeast, it inhibited mating pheromone signaling, a mitogen-activated protein (MAP kinase pathway. When expressed in the plant Nicotiana benthamiana, NopM inhibited one part of the plant's defense response, as shown by a reduced production of reactive oxygen species (ROS in response to the flagellin peptide flg22, whereas it stimulated another part, namely the induction of defense genes. In summary, our data indicate the potential for NopM as a functional NEL domain E3 ubiquitin ligase. Our findings that NopM dampened the flg22-induced ROS burst in N. benthamiana but promoted defense gene induction are consistent with the concept that pattern-triggered immunity is split in two separate signaling branches, one leading to ROS production and the other to defense gene induction.

  18. Predictors of Student Persistence in the STEM Pipeline: Activities Outside the Classroom, Parent Aspirations, and Student Self-Beliefs using NELS:88 Data

    Science.gov (United States)

    Miller, Joelle A.

    Focusing on Science, Technology, Engineering and Mathematics (STEM) literacy is a national priority for the United States. As competition increases internationally for scientific and technological innovations, the United States is concentrating on building its STEM capacity (Stephens, 2011). Despite the numerous STEM reform efforts there continues to be a decline in STEM graduates and STEM competencies (McNally, 2012; Langdon, Mckittrick, Beede, Doms, & Khan, 2011; Herschback, 2011). With attention focused on increasing STEM college majors and occupations among the student population, the current research investigation centered on the role of parent aspirations, student self-beliefs, and activities outside the classroom to determine the outcome of middle and high school students choosing a STEM college major. Research suggested that students formulate their degree attainment during their middle and high school years, and even earlier (Roach, 2006; Maltese & Tai, 2011); therefore, it was logical to investigate STEM persistence during middle and high school years. The study analyzed NELS:88, a longitudinal national public data set created by the National Center for Educational Statistics that used 12,144 participants. The students' self-reported data spanned over a 12-year period. Students completed five surveys in the NELS:88 data collection (NCES, 2011). Binary and multivariate logistical regressions determined if activities outside the classroom, parent aspirations, and student self-beliefs influenced STEM college majors. Conclusions of the study found significant relationships between the variables and STEM persistence. Individuals who participated in STEM activities after school were more likely to major in STEM (pstudent self-beliefs and choosing a STEM major as students with higher self-beliefs had a decreased odds of choosing a non-STEM major (pstudent retention within the STEM pipeline. The findings add to existing research and provide a better understanding

  19. AV e attività di eccellenza. Nuove opportunità localizzative nel sistema Roma-Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriana Galderisi

    2008-06-01

    Full Text Available Il contributo propone una lettura delle possibili influenze della realizzazione delle reti AV sulla localizzazione/distribuzione di attività di eccellenza, quali attività direzionali, di management, di servizio alle imprese e alla pubblica amministrazione, con specifico riferimento alla tratta AV Roma-Napoli. A partire da una caratterizzazione delle attività di eccellenza, se ne evidenzia anzitutto la spiccata tendenza alla concentrazione urbana, la dipendenza da efficaci connessioni sia immateriali che materiali e la rilevanza assunta dalla variabile temporale nelle scelte localizzative (Sassen, 2001. Quindi, in riferimento ad alcune esperienze europee, si esaminano i principali effetti, in termini di attrazione/concentrazione di tali attività, connessi alla realizzazione delle reti AV (Sands 1993; Vickerman e Ulied, 2006; Gemeente Amsterdam, 2007. Sulla base di tali considerazioni e tenendo conto delle più recenti definizioni e metodi di misura dell’accessibilità (Axhausen et al. 2006; Spiekermann, Wegener, 2005, lo studio propone un indicatore di “accessibilità” finalizzato ad individuare e graduare, in ragione dei livelli di accessibilità, un sistema di luoghi urbani interconnessi mediante reti su ferro (AV e reti metropolitane e regionali dai quali le attività di eccellenza potranno massimizzare il proprio bacino di utenza. L’individuazione di un sistema di luoghi urbani a diverso grado di accessibilità consente di evidenziare le numerose opportunità per la localizzazione di attività di eccellenza che si dischiudono a seguito della riduzione dei tempi di spostamento consentita dalle reti AV. In tal senso, l’indicatore proposto può costituire un utile supporto alle decisioni sia per l’attore pubblico consentendo di governare e orientare i processi di trasformazione conseguenti alla realizzazione della rete AV, estendendone i benefici dalle aree di stazione a più ampie porzioni urbane sia per l’investitore privato

  20. Le corps dans l'Antiquité

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sophie Lalanne

    2008-06-01

    Full Text Available Ouvrages générauxLaqueur Thomas, La fabrique du sexe. Essai sur le corps et le genre en Occident, trad. fr., Paris, Gallimard, 1992.Feher Michel, Naddaff Ramona, Tazi Nadia, Fragments for a History of the Human Body, 3 volumes, New York, Zone Books, 1989.Le Corps dans l’AntiquitéBodiou Lydie, Frère Dominique, Mehl Véronique dir., L’expression des corps. Gestes, attitudes, regards dans l’iconographie antique, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, 2006.Bonnard Jean-Baptiste, Le complexe de ...

  1. Le marketing : quelle contribution au bien commun ?

    OpenAIRE

    Béji-Bécheur, Amina

    2015-01-01

    National audience; Partons d'un constat : le marketing est né pour servir l'entreprise capitaliste et le développement de ses marchés. Le but ultime étant la création de richesses et par ricochet le bien-être des populations. Un ensemble d'outils marketing ont été créés pour accompagner les enjeux de performance économique des entreprises. Reprenant les travaux de Jean-Claude Moisdon (Du mode d'existence des outils de gestion, les instruments de gestion à l'épreuve de l'organisation 1), ces o...

  2. Le marketing cherche ses marques

    OpenAIRE

    Hentschel, Dieter

    2018-01-01

    Voici maintenant dix ans que, dans le cadre d’une politique continue de diversification des formations offertes aux germanistes, l’IAA a mis en place un enseignement de marketing. Cette innovation n’est pas restée sans suite, puisqu’elle a abouti au repositionnement du DESS « économie et Société dans les pays de langue allemande » qui s’appelle désormais « Gestion et marketing franco-allemands ». L’objectif a été de proposer aux étudiants une formation professionnalisante qui corresponde aux ...

  3. Le CRDI et la lutte contre le paludisme | CRDI - Centre de ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    22 juil. 2011 ... D'autres interventions luttent également contre le paludisme, notamment les moustiquaires imprégnées d'insecticide et les médicaments visant à prévenir le ... Le CRDI appuie le GCRAI depuis les années 1970 et participe avec SIMA au financement de la recherche sur les interactions complexes entre ...

  4. Lele du langage de programmation dans la réalisation de code ...

    African Journals Online (AJOL)

    Lele du langage de programmation dans la réalisation de code de qualité, les cas de Delphi et C++ Nous discutons dans ce papier lele du langage de programmation dans la production d'un code de qualité. La qualité d'un code peut être atteinte en respectant certains critères simples au niveau de la programmation ...

  5. Le

    NARCIS (Netherlands)

    de Beer, P.T.; Luttikhuizen, R.; Barbier, J.C.; Gautii, J.

    1998-01-01

    Interventions ` visie ` la fois iconomique et sociale, les politiques publiques de l'emploi (PPE) de chaque pays trouvent leur logique dans une relation itroite avec chacun des systhmes nationaux de protection sociale. La premihre partie de cet ouvrage est consacrie ` la prisentation de cas

  6. Le CRDI participe à la lutte mondiale contre le VIH/sida | CRDI ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    15 juil. 2014 ... Le Centre de recherches pour le développement international (CRDI), organisme canadien, a été l'un des premiers bailleurs de fonds à vocation internationale à reconnaître que le VIH/sida constituait un problème de développement important.

  7. Le CRDI participe à la lutte mondiale contre le VIH/sida | IDRC ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    15 juil. 2014 ... Le Centre de recherches pour le développement international (CRDI), organisme canadien, a été l'un des premiers bailleurs de fonds à vocation internationale à reconnaître que le VIH/sida constituait un problème de développement important.

  8. Energy policy. The choice of operators; Le scelte paese piu' controverse e le posizioni degli operatori

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1998-07-01

    In this document are discussed the problems of economic policy, energy policy, environmental policy and industrial policy in italian scenario. [Italian] L'attenzione e' stata posta su problemi sui quali i dibattiti di politica economica, energetica, ambientale ed industriale sono vivi ed irrisolti. Nel documento vengono riportati i differenti scenari energetici prospettati dagli operatori che hanno attivamente partecipato al dibattito.

  9. L'analyse des semences d'arachide fermières pour le contrôle de ...

    African Journals Online (AJOL)

    Le manque de semences sélectionnées en qualité satisfaisante et en quantités suffisantes est une contrainte majeure à la production de l'arachide (Arachis hypogea L.) en Afrique centrale. La multiplication de semences en milieu paysan est le moyen de propagation le plus rapide, le moins cher et le plus durable.

  10. Aharon Appelfeld et Philip Roth : le réel, l’imaginaire, le double et le fantastique

    OpenAIRE

    Toren, Orly

    2014-01-01

    C’est la marge étroite entre « le réel et l’imaginaire » selon le titre de l’essai de Masha Itzhaki sur Appelfeld que nous souhaiterions explorer à partir de la relation entre Le Temps des prodiges d’Appelfeld et Opération Shylock de Philip Roth. Si la vrai/fausse « confession » de Roth se présente comme le détournement vertigineux des codes du fantastique, de l’autobiographie et de l’autofiction, le roman d’Appelfeld pousse les limites du réalisme par l’interrogation que suscite son titre én...

  11. L’Association du personnel, le TREF, le Comité des Finances et le Conseil du CERN

    CERN Multimedia

    Staff Association

    2016-01-01

    L’Association du personnel, forte de son approche participative et consensuelle, recherche toujours le meilleur accord possible pour l’Organisation et son personnel. Pour ce faire, discussions et concertation avec la Direction, travail d’explication et de persuasion au TREF et ailleurs auprès des délégués des États membres sont nos principaux atouts. TREF (Tripartite Employment Conditions Forum), un Forum d’échanges, de discussions « L’objectif du Forum est d’améliorer le processus de prise de décision  en donnant aux personnes concernées la possibilité et le temps de comprendre pleinement la position de tous les participants. » (CERN/RTG/8) Le Forum tripartite sur les conditions d’emploi (TREF), créé par le Conseil du CERN en juin 1994, est composé de r...

  12. Le contrôle de gestion environnementale d'une entreprise

    OpenAIRE

    Marquet-Pondeville, Sophie

    2001-01-01

    Dans cette recherche, nous étudions comment s’opère le contrôle de gestion environnementale. Cette problématique est abordée dans une perspective contingente et nous proposons un modèle théorique qui met en évidence l’impact de certaines variables sur les systèmes de contrôle de la gestion environnementale. Certains liens présents dans ce modèle sont discutés à travers une étude de cas.

  13. Le facteur humain et la sûreté de fonctionnement dans le ...

    African Journals Online (AJOL)

    Notre contribution porte sur lele fondamental du facteur humain dans le management intégré des risques d'une part et du rôle déterminant qu'il peut avoir à jouer pour que la sûreté de fonctionnement réponde à sa propriété d'autre part. Un rôle illustré à travers une analyse de risque dans un complexe de Gaz Naturel ...

  14. Le Hodler d'Iéna

    OpenAIRE

    2017-01-01

    Suites de la protestation contre le bombardement de la cathédrale de Reims. Nouvelle proposition de M. Gunsburger pour le rachat du tableau de Hodler "Départ des étudiants d'Iéna pour la guerre de libération contre Napoléon en 1813".

  15. L'astronomie dans le monde

    Science.gov (United States)

    Manfroid, J.

    2008-09-01

    Fragmentation et astéroïdes binaires; Astéroïde géocroiseur triple; Rosetta sort de son hibernation; Messenger; Transit lunaire vu par Deep Impact; Titan; Phobos; Phoenix; Einstein avait raison; Le ballet des taches rouges; Le poids des lentilles;

  16. Le barrage des trois Gorges (Chine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luc Merchez

    1999-09-01

    Full Text Available Le barrage des Trois Gorges, en construction sur le Yangzijiang, sera le plus grand barrage au monde. Le gigantisme du projet et sa médiatisation croissante en Occident permettent d'en saisir les enjeux environnementaux et humains. On analyse les grandes caractéristiques du projet et ses conséquences premières avant d'aborder le travail de recherche de l'équipe SIG de l'IGA de Grenoble qui vise à préparer la relocalisation de plus d'un million d'habitants, et à modéliser les impacts démographiques et sociaux.

  17. Le Premier Amendement : un mythe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claude‑Jean Bertrand

    2006-03-01

    Full Text Available Ce papier, plein de verve, d’humeur et d’humour, pose, comme sait si bien le faire l’auteur, des questions profondes sous une apparence paradoxale. Il a été présenté lors d’un colloque sur le Premier amendement organisé à l’Université Lumière-Lyon 2 les 17 et 18 janvier 2003. Certaines communications ont été publiées dans le volume XXIV, n°1 (2003, « Le premier amendement : un modèle américain des libertés » (sous la direction de Vincent Michelot de la Revue Tocqueville.

  18. Cisjordanie et Gaza | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le conflit qui perdure et la violence politique ont aggravé le stress chez les adolescents, qui constituent près de la moitié de la population de la Cisjordanie. La violence politique et le conflit qui perdure ont aggravé le stress chez les adolescents. Le problème a été analysé dans le cadre de travaux menés en collaboration ...

  19. Le strutture dell'immaginazione. Un disegno di John Hejduk / Structures for the Imagination. A John Hejduk's drawing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lamberto Amistadi

    2014-05-01

    Full Text Available Un disegno di John Hejduk è l'occasione per riflettere sul rapporto tra ideazione, rappresentazione e realizzazione dell'opera di architettura, seguendo i ragionamenti del maestro americano. Attraverso i mezzi che le sono propri, walls, roofs, boundaries, l'immagine architettonica ha la capacità di evocare e richiamare il senso profondo di situazioni inattese, “rinfrescare” la nostra visione delle cose contro il pericolo dell'automatizzazione. Ne esce un quadro in cui, nel circolo creativo che coinvolge artefice e fruitore, la realtà dell'architettura contribuisce per la sua parte al progetto di “fabbricazione del mondo”. / A drawing by John Hejduk is an opportunity to reflect on the relationship between the creation, representation and realisation of a work of architecture, following the reasoning of the American maestro. Through its own means - walls, roofs, boundaries - the architectural image has the capacity to evoke and invoke the profound sense of unexpected situations, to "refresh" our vision of things against the danger of automation. What emerges is a scenario in which, in the creative circle involving maker and spectator, the reality of architecture contributes to its part in the project of "manufacturing the world"

  20. The community regulation for environmental management and audit: an opportunity for firms. Some Enea promotion actions; Il regolamento comunitario di ecogestione e audit: un'opportunita' per le imprese. Alcune azioni promozionali ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L.; Brunetti, N.; Caropreso, G.; Luciani, R.; Merelli, A. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introduced by the 1836/93 Community regulation, is one of the tools activated by the European Union in the field of firm-environment interactions, to overcome the old Command and Control logic by means of the new Moral Suasion one. EMAS has a voluntary character: it intends to replace conflicting relations between control authority and firm with relations centred on a dialogue and action agreed upon by the parties, on the basis of impartial and reliable information. The report illustrates the procedure for applying this regulation, EMAS advantages for firms, its implementation in Italy and the most important pilot actions carried out by ENEA. [Italian] L'EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introdotto con il Regolamento comunitario 1836/93, rappresenta uno degli strumenti che l'Unione europea ha attivato nel campo delle interazioni impresa-ambiente, per superare la vecchia logica del Command and Control (imponi e controlla) mediante la nuova logica della Moral Suasion (persuasione morale). Lo strumento EMAS, che ha carattere di volontarieta', intende sostituire un rapporto di tipo conflittuale fra autorita' di controllo ed impresa con un rapporto centrato su un dialogo ed un'azione concertata tra le parti, sulle basi di un'informativa obiettiva ed affidabile. Il rapporto illustra il percorso per l'applicazione del regolamento, i vantaggi di EMAS per le aziende, il suo stato di attuazione in Italia e le principali azioni pilota svolte da ENEA.

  1. Le lien retrouvé

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Antonio Bittar Venturi

    2009-06-01

    Full Text Available Les ressources naturelles sont les principales médiatrices de la relation homme-nature, se situant à l´interface entre les dimensions sociale et naturelle. Cette thématique favorise donc la ré-intégration entre la géographie physique et humaine, dans la mesure où elle amène le chercheur à une vraie analyse géographique, celle qui considère, en même temps, les aspects humains et naturels pour la compréhension du territoire ou, si l’on préfère, de l´espace géographique. C´est dans ce contexte i...

  2. Comprendre le territoire de Venise

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorena Rocca

    2013-05-01

    Full Text Available Le projet de recherche PANDORA - PArticipatory Networks and Databases fOr sustainable Research and Assessment (www.feempandora.it – de la Fondation Eni Enrico Mattei repose sur une démarche innovante de recherche action invitant à la participation de tous grâce aux Nouvelles Technologies de l’Information et de la Communication (TIC. A partir de l’analyse des pratiques collaboratives sur Internet, un espace en ligne a été créé afin de diffuser des informations et des données sur la ville mais surtout, de recueillir des avis, des idées et des solutions alternatives permettant d’atteindre les objectifs d’un développement urbain durable et co-construit.

  3. Le Point sur... Astronomie IV

    Science.gov (United States)

    Pecker, J.-C.

    Cet ouvrage regroupe des articles de mise au point sollicités par le rédacteur en chef de la rubrique Astronomie des Comptes rendus de l'Académie des sciences. Les textes se proposent de faire découvrir aux lecteurs, dans les principales disciplines de l'astronomie, les résultats les plus remarquables des dernières années.Leurs auteurs sont des spécialistes participant activement à l'accroissement des connaissances dans des domaines faisant l'objet de recherches intensives. Ces mises au point sur des questions particulièrement importantes de l'astronomie sont rédigées soit en français, soit en anglais et accompagnées d'une bibliographie détaillée.

  4. Le Point sur... Astronomie III

    Science.gov (United States)

    Pecker, J.-C.

    Ce fascicule contient l'ensemble des textes du débat sur la cosmologie du big-bang entre Joseph Silk, Jayant V. Narlikar, arbitrés par Jean-Claude Pecker. Il regroupe également des articles de mise au point sollicités par le rédacteur en chef de la rubrique Astronomie des Comptes rendus de l'Académie des sciences. Les textes se proposent de faire découvrir aux lecteurs, dans les principales disciplines de l'astronomie, les résultats les plus remarquables des dernières années. Ces mises au point sur des questions particulièrement importantes de l'astronomie sont rédigées soit en francais, soit en anglais et accompagnèes d'une bibliographie dètaillèe.

  5. Two Paired "Le Chatelier" Reactions

    Science.gov (United States)

    Cawley, John J.

    1995-07-01

    We have created a two-week, two hour-per-week cyclic experiment, which pairs two reactions. These reactions, the acid catalyzed esterification to yield n-amyl acetate and the base catalyzed hydrolysis of n-amyl acetate are intended to serve as a first and last experiment respectively, of the second-semester laboratory for liberal arts students. Because of time constraints, we have modified these experiments so that no distillation is performed as a purification step. The notion of achieving yields beyond the equilibrium value is discussed in terms of the pragmatics of removing one of the products of an equilibrium. Because of this "Le Chatelier" aspect of each reaction, each of them may be pushed in practicality to completion, which is well beyond the equilibrium value expectation. Because of the cycle, the chemistry may be done on a scale well beyond the microscale approach with little loss of material.

  6. Le Squatteur, le Gentrifieur et le Promoteur. Une leçon de la géographie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laurent Matthey

    2005-03-01

    Full Text Available Posées sur mon bureau : deux photos. Je les regarde. Silencieusement, je les décris et les commente. La première a été prise en novembre 1997. Angle rue Jean-Violette, rue Prévost-Martin, à Genève. On y voit un immeuble, ancien, des échafaudages. Entre cet immeuble et celui qui lui fait face, on a tendu des fanions verts, bleus, orange. Son rez-de-chaussée a été repeint dans une teinte un peu brique. La seconde date d’avril 2005. C’est le même immeuble, presque dix ans plus tard, rénové. Jaun...

  7. Des maux pour le taire

    OpenAIRE

    Dussy, Dorothée; Caisne, Léonore Le

    2011-01-01

    Cette enquête ethnographique effectuée dans une association parisienne d’entraide aux victimes d’inceste montre que les enfants sexuellement abusés par un familier doivent se construire sur une double approche de la réalité sociale : d’un côté un discours dominant qui prône l’interdit de l’inceste et le respect des valeurs ordinaires, de l’autre l’expérience quotidienne des viols perpétrés par un de ceux qui transmettent ces valeurs. Grâce à un annonciateur, l’inceste perd son caractère anomi...

  8. Le surpoids, l'obésité et le contrôle glycémique chez les diabétiques ...

    African Journals Online (AJOL)

    utilisation et du stockage des sucres apportés par l'alimentation, sa prise en charge est assurée par le suivi du surpoids et l'obésité et le contrôle glycémique régulier. L'objectif de ce travail était l'étude du surpoids, l'obésité et le contrôle glycémique ...

  9. Le Mahdi dans le Maghreb médiéval

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michael Brett

    2009-05-01

    Full Text Available Dans le monde islamique médiéval, l'Afrique du Nord fut le centre principal du mahdisme, qui y inspira deux des trois grandes révolutions qui unifièrent le Maghreb entre le IV/Xe et le Vl/XIIe siècles : celle des Fatimides au Xe et celle des Almohades au XIIe siècle. La forme islamique du messianisme judéo-chrétien, le mahdisme, attendait l'arrivée d'un second Muhammad pour inaugurer un âge d'or ; mais il souffrait aussi d'une hésitation entre un royaume de ce monde ou du monde à venir, entre un homme envoyé par Dieu ou un être divin. Son succès au Maghreb était le fruit de son appel aux fidèles à conquérir le monde, moyennant une prédication militante adressée à des populations tribales pour les persuader de se soumettre à la discipline militaire imposée par un prophète. Dans les deux cas, néanmoins, la prédication et son accomplissement se divisèrent entre un annonciateur comparable à Saint Jean-Baptiste et « l'homme né pour être roi ». Dans le cas des Fatimides, le roi fut le mahdi lui-même ; mais dans le cas des Almohades, le mahdi fut le prophète qui ouvrit la voie à son calife, destiné au gouvernement du monde. Après la désintégration de l'empire almohade au XIIIe siècle, le mahdisme se réduisit au Maghreb à un millénarisme inefficace, mais revint au pouvoir au XVIe avec la dynastie saadienne au Maroc. Ici encore, comme dans le cas d'Abdelkader en Algérie au XIXe siècle, le mahdisme se fonda sur la même distinction entre prophète et roi ; mais, au cours du XXe siècle, il a été remplacé par le nationalisme comme force politique efficace.

  10. Misura della sezione d'urto totale e Dello scattering elastico all'energia Nel centro di massa di $\\sqrt{s}=1.8$ TeV

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Paoletti, Riccardo [Univ. of Pisa (Italy)

    1991-01-01

    La produzione di eventi elastici è stata misurata al Collider Tevatron del Fermi National Accelerator Laboratory (Batavia. 11.~ U .S.A.) alla energia nel centro di massa. di √s = 1800 GeV, nell'intervallo 0.06 < I t I< 0.24. Sono forniti dettagli sull'esperimento CDF che ha compiuto la misura e sui criteri di selezione degli eventi.

  11. Monitoring of pesticides and nitrates on water, soil and agricultural production in the Bracciano lake district; Monitoraggio di pesticidi e nitrati nelle acque, suolo, e prodotti agricoli nel bacino del lago di Bracciano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Caffarelli, V.; Correnti, A. [ENEA, Div. Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Cecchini, G.; Frugis, A.; Segatori, M. [WRc Italia SpA, Gruppo ACEA, Centro di Ricerca e Sviluppo, Rome (Italy); Conte, E.; Milani, R.; Morali, G. [Istituto Sperimentale per la Patologia Vegetale, Rome (Italy); Ciampi, G. [Agenzia Regionale per l' Innovazione e lo Sviluppo in Agricoltura del Lazio, Rome (Italy)

    2001-07-01

    In the Bracciano Lake district, in actuation of the 2081/93 EEC, obj. 5b, a study was carried out, aimed to the realisation of a territorial informative system and supply technical support to the farmers for phyto pathological problems. A monitoring program has been realized for pesticide and nitrate in environmental samples and agricultural products. Five hundred and sixteen samples have been collected and analysed, from march 1999 to October 2000: 191 samples of water (ground and surface water), 20 samples of soil, 340 samples of agricultural products (vegetables and fruit). Pesticides were found in irrigation water and soil samples; the irregularities on agricultural products, 3% could disappear if the treatments are correct and respect the label indications. [Italian] In attuazione del regolamento 2081/93 ECC ob.5 b, nel bacino del lago di Bracciano, e' stato realizzato uno studio mirato alla realizzazione di un sistema informativo territoriale e a fornire un supporto tecnico per la gestione della difesa fitosanitaria della produzione agricola. Una campagna di monitoraggio e' stata realizzata per l'analisi della presenza di pesticidi in campioni ambientali e nei prodotti agricoli. Sono stati prelevati e analizzati 516 campioni nel periodo marzo '99. Ottobre 2000: 191 campioni di acque superficiali e di falda, 20 campioni di suolo, 340 campioni (frutta e vegetali). Pesticidi sono stati ritrovati nelle acque di irrigazione e nel suolo; la presenza di irregolarita' riscontrate nel 3% dei prodotti agricoli, e' da attribuire a un uso non corretto dei prodotti fitosanitari.

  12. Incontri musicologici 2005 „Il dramma per musica al tempo del Farinelli. Nel 300° anniversario della nascita di Carlo Broschi detto il Farinelli“, Bologna 10.-11. 11. 2005

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Jonášová, Milada

    2006-01-01

    Roč. 43, č. 1 (2006), s. 102-1003 ISSN 0018-7003. [Il dramma per musica al tempo del Farinelli. Nel 300° anniversario della nascita di Carlo Broschi detto il Farinelli. Bologna, 10.11.2005-11.11.2005] Institutional research plan: CEZ:AV0Z90580513 Keywords : dramma per musica * Farinelli * conference * Bologna Subject RIV: AL - Art, Architecture, Cultural Heritage

  13. Valutazione dell’efficacia del vaccino Brucella abortus ceppo RB51 rispetto al vaccino di referenza Brucella abortus ceppo 19 nel bufalo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Scacchia

    2010-03-01

    Full Text Available Il patrimonio zootecnico della specie bufalina (Bubalus bubalis della regione Campania, è di 250 000 capi, di questi 150 000 allevati in aziende zootecniche della provincia di Caserta. In queste aziende, nel 2007, l’infezione da Brucella abortus ha avuto la prevalenza media, per allevamento, del 20%. Complessivamente, i 2/3 degli allevamenti positivi hanno evidenziato una prevalenza superiore al 10% e, di questi, i 3/4 una prevalenza superiore al 20%. Prendendo il 20% come valore di riferimento, la metà degli allevamenti infetti (22% degli allevamenti casertani ha evidenziato prevalenze inferiori o uguali al 20%, la restante metà (un altro 22% del totale prevalenze comprese tra il 20 e il 56%. In questo contesto epidemiologico è stato adottato un piano di eradicazione della brucellosi che prevedeva l’abbattimento dei capi infetti e la vaccinazione del restante patrimonio bufalino delle zone con più alta incidenza. Per la profilassi vaccinale della brucellosi, il Manual of diagnostic tests and vaccines for terrestrial animals (OIE prevede l’utilizzo del vaccino B. abortus S19 (S19. Purtroppo, l’utilizzo del vaccino negli animali adulti non è privo di possibili effetti indesiderati. Per superare questo aspetto negativo è stato ipotizzato l’impiego del vaccino di B. abortus RB51 (RB51 anche se in letteratura scientifica, sono risultati disponibili pochi dati relativi alla corretta dose vaccinale, all’efficacia e all’innocuità del vaccino nel bufalo. A tale scopo è stato condotto uno studio comparativo tra i due vaccini. Sono state utilizzate 13 femmine di bufalo di 5 mesi di età provenienti da un allevamento ufficialmente indenne da brucellosi. Un gruppo di 5 animali è stato vaccinato due volte, a distanza di un mese, con una dose di RB51 tre volte superiore a quella prevista per i bovini; un secondo gruppo di 5 bufale con S19 rispettando il dosaggio raccomandato per i bovini e un terzo gruppo, di 3 animali di controllo

  14. : Le Goff, Annales and National Historical Traditions:

    OpenAIRE

    Rucquoi, Adeline

    1994-01-01

    Version originale de l'article traduit en anglais (mal) et publié sous le titre (dû à l'éditeur) "Spanish Medieval History and the Annales: Between Franco and Marx"; International audience; Influencia ejercida por las obras de Jacques Le Goff y la llamada "escuela de los Annales" sobre la historiografía española (1950-1990); Influence des travaux de Jacques Le Goff et de l'"école" des Annales sur l'historiographie espagnole (1950-1990)

  15. Le Corbusier, Alfred Roth y el color

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelica Fernández-Morales

    2014-07-01

    Full Text Available This article discusses the relationship between Le Corbusier and Alfred Roth, a member of the Paris office between 1927 and 1928. It also deals with the influence that this period had with reference to an important factor in Roth’s professional development, as in Le Corbusier’s later works: the use of colour in his architecture. This article takes the position that Roth, given his close friendship with Mondrian, was an important figure in turning Le Corbusier’s work towards greater use of primary colours and aesthetic neoplasticism.

  16. Le Great Limpopo Transfrontier Park

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nadia Belaidi

    2008-10-01

    Full Text Available Cet article a pour objet de présenter quelques problématiques d'une recherche sur la construction d’un mécanisme de valorisation sociale de la protection de l’environnement : l’ordre public écologique. Cette étude s’appuie sur une expérience récente et originale en Afrique australe : la création de Parcs pour la Paix dont relève le Great Limpopo Transfrontier Park. Ces parcs sont officiellement consacrés à la protection et à la conservation de la diversité biologique, des ressources naturelles et culturelles qui y sont associées, ainsi qu’à la promotion de la coopération et de la Paix qu’elle soit civile, sociale, économique ou culturelle. La logique de construction de ces parcs repose sur l’idée que l’articulation des zones de conservation facilite la résolution de conflits territoriaux – de toutes sortes – en transformant les préoccupations environnementales en objet de coopération entre des juridictions politiques diverses. C’est précisément le schéma du concept juridique objet de nos travaux : l’ordre public écologique. Aussi peut-on se demander si le GLTP, en particulier, (peut constitue(r une illustration concrète de ce mécanisme et permettre d’atteindre la Paix recherchée, favorisant ainsi les processus de développement ?This article aims to present some problems of researches on the construction of a mechanism of social valorisation of the environmental protection: ecological public order. This study leans on a recent and original experience in southern Africa: the creation of Peace Park like the Great Limpopo Transfrontier Park (GLTP. These parks are officially dedicated to the protection and to the preservation of biological diversity, natural and cultural resources which are associated with it, as well as in the promotion of the cooperation and the peace. The peace looked for in these parks is not only the opposite of the war but it is also social, economic and cultural peace

  17. Le paradoxe de l’ordinaire et l’anthropologie historique

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gil Bartholeyns

    2010-07-01

    documenti e dalle modalità di trasmissione, così come la stessa scrittura storiografica, sono largamente sotto il segno della discontinuità e dell’eccezionalità. Così, mentre esiste un sapere storico che definiremo omologico (nel quale cioè l’oggetto studiato è conforme ai mezzi d’indagine, lo storico-antropologo produce una contro-storia, un sapere asimmetrico. Ciò comporta un significativo salto epistemologico. Parte delle riflessioni recenti sulla storia sono il prodotto diretto di questa inversione: per esempio, la questione della rappresentatività dei corpus e dei casi isolati; l’interrogativo sull’oggetto della conoscenza storica, singolare oppure universale; il perseguimento della dislocazione politica, ai fini di una storia “dal di fuori”. L’opposizione di due storiografie, la tradizionale, delle istituzioni e delle date, e l’altra, più egualitaria e antropologica, non ha concettualmente perso di pertinenza? Non si è forse entrati, negli ultimi decenni, in un terzo paradigma, del quale la stessa antropologia fa parte, e che si trova esattamente a cavallo fra le due? Lo suggeriremo: attualmente, ci si occupa di avvenimenti-sintomo, di strutture in azione, di individui-civilizzazioni. Al di là degli acquisti costituiti dalla scelta di non limitare l’indagine agli aspetti coscienti o ancora di dare la parola agli altri, la specificità di questo regime di scientificità risiede in ciò, nel fatto che la ricerca essa stessa – le nostre categorie, vocabolario, pratiche – costituiscono per lui un oggetto di ricerca.

  18. Le soleil devient un mythe

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ildikó Lőrinszky

    2009-01-01

    Full Text Available Partant d’une phrase énigmatique datant de 1858 et puisée dans la Correspondance de Flaubert, cet article s’interroge sur la relation entre soleil et mythe, qui constituera l’un des éléments clefs de la dimension mythologique de Salammbô. Il se propose d’examiner la façon dont cette question apparaît dans deux ouvrages représentatifs des études mythographiques : d’une part, L’Origine de tous les cultes de Charles-François Dupuis, d’autre part, Les Religions de l’Antiquité..., publié sous les noms de Frédéric Creuzer et de son adaptateur français, Joseph-Daniel Guigniault. La version française de la grande synthèse de Creuzer, assortie d’une série importante de planches, a été richement exploitée par Flaubert au cours de la genèse du roman carthaginois. Dans Salammbô, le mythe apparaît sous de multiples formes. L’analyse de ce texte peut nous amener à réfléchir sur le « bon usage » du mythe auquel chaque créateur (et chaque lecteur se trouve nécessairement confronté.Starting from an enigmatic phrase in Flaubert’s correspondence, dating from 1858, this article examines the relation between the Sun and myth, which constitutes one of the key elements of the mythological dimension of Salammbô. It especially focuses on the treatment of this question in two representative works of mythographic studies, The Origin of All Religious Worship by Charles-François Dupuis, and Les Religions de l’Antiquité..., the French adaptation of Frédéric Creuzer’s Symbolik und Mythologie der alten Völker by Joseph-Daniel Guigniault. The French version of Creuzer’s great synthesis, supplied with a remarkable set of prints, was abundantly consulted by Flaubert when writing his Carthaginian novel. In Salammbô, myth takes on various forms. Analyzing this text might lead one to reconsider “the right way” to use myths — a problem all writers (and readers find themselves confronted with.

  19. Les ERP changent-ils le contrôle de gestion ?

    OpenAIRE

    Meyssonnier, François; Pourtier, Frédéric

    2005-01-01

    L'intégration de l'information de gestion dans le cadre d'ERP se généralise et le contrôle de gestion s'effectue maintenant la plupart du temps en environnement ERP dans les grandes entreprises. Un état de l'art est effectué relativement à l'impact des ERP aussi bien sur les concepts et les outils du contrôle de gestion que sur la fonction et lele des contrôleurs de gestion. La démarche de recherche, fondée sur dix études de cas dans une approche intermédiaire entre les monographies qualit...

  20. Vers une plus grande collaboration régionale — le CRDI appuie le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    26 janv. 2011 ... Bien qu'ils aient souvent de la difficulté à se démarquer face à la véritable dynamo économique qu'est la Chine, des pays tels que le Laos, le Cambodge et le Vietnam, qui tentaient d'échapper à la guerre il y a à peine 25 ans, connaissent une croissance explosive encore plus remarquable. Renaissance ...

  1. Démocratie et le développement dans le monde arabe | CRDI ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Extrants. Rapports. Democracy and development in the Arab world : final technical report, Sep. 15, 2006 - Sep. 15, 2009. Téléchargez le PDF. Contenus connexes. Le CRDI « analyse l'autonomisation des femmes » lors d'une conférence à l'Université McGill. Les conclusions d'un programme financé par le CRDI au ...

  2. ÉTUDE DE CAS — Cuba : Le logement et le capital humain à Cuba ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    10 janv. 2011 ... ÉTUDE DE CAS — Cuba : Le logement et le capital humain à Cuba .... Elle reconnaît qu'il existe des liens inéluctables entre les humains et les milieux biophysique, social et économique qui ont des répercussions sur la santé des gens », explique le Dr Mariano Bonet, l'un des chercheurs de l'équipe et ...

  3. pour le trimestre qui a pris fin le 30 juin 2014

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Office 2004 Test Drive User

    30 juin 2014 ... d'information financière (normes IFRS). Toutes les sommes sont exprimées en dollars canadiens. Le CRDI recommande de lire ce rapport en parallèle avec les états financiers intermédiaires résumés, non audités (qui débutent à la page 11). L'information et les divulgations contenues dans le Rapport ...

  4. pour le trimestre qui a pris fin le 30 septembre 2014

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Office 2004 Test Drive User

    30 sept. 2014 ... d'information financière (normes IFRS). Toutes les sommes sont exprimées en dollars canadiens. Le CRDI recommande de lire ce rapport en parallèle avec les états financiers intermédiaires résumés, non audités (qui débutent à la page 11). L'information et les divulgations contenues dans le Rapport ...

  5. pour le trimestre qui a pris fin le 30 juin 2012

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Office 2004 Test Drive User

    30 juin 2012 ... dans le Rapport annuel 2011-2012 du CRDI s'appliquent au trimestre sur lequel porte le présent rapport trimestriel à moins d'une mise à jour fournie aux présentes. Résultats. Aperçu de la situation financière. (pour la période de trois mois qui a pris fin le 30 juin 2012). 0. 10. 20. 30. 40. 50. 60. 70. Produits.

  6. Rapport financier trimestriel pour le trimestre qui a pris fin le 31 ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Sophie Comeau

    31 déc. 2011 ... Le Centre de recherches pour le développement international. CRDI , qui est un élément clé de l'aide internationale du. Canada depuis 1970, appuie des travaux de recherche dans les pays en développement afin d'y favoriser la croissance et le développement. Il veille aussi à promouvoir la diffusion.

  7. Le « modèle germanique » Français

    OpenAIRE

    Lefebvre , Armelle

    2009-01-01

    Resume Le concept d?Allemagne permet de reveler, selon une approche , l?ampleur des desaccords ayant preside a la definition du concept d?Etat en France. De ce dernier, l?on aborde divers emplois qu?illustrent des modeles d?Etat. Le opere ainsi dans un debat qui est le creuset de la connaissance politique moderne, avec ses apories: celles de la souverainete externe, de l?ordre interetatique, de la confederation. L?article expose alo...

  8. 205 Le Role de la Litterature dans le Developpement de la Nation ...

    African Journals Online (AJOL)

    Ike Odimegwu

    du plaisir en même temps qu'il le moralise. Elle fait naître dans ses lecteurs ou dans son audience des .... développement de l'esprit>>(319)Par cette définition nous comprenons que le développement signale qu'il du progrès ... qu'elle est une œuvre de l'imagination qui aide l'homme à transcender le monde physique.

  9. Droits d'auteur | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Droits d'auteur détenus par le CRDI Sauf indication contraire, les droits d'auteur relatifs aux documents mis en ligne sur le présent site Web sont détenus par le Centre de recherches pour le développement international (CRDI).

  10. Publications | Page 200 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le CRDI collabore avec les chercheurs et les établissements des pays en développement au renforcement des capacités locales par le truchement du financement, de la mise en commun des connaissances et de la ... Le partage de l''information et des techniques de la communication favorise le développement durable.

  11. Publications | Page 103 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le FIE 2008 fait avancer le cadre écobiosocial de l'OMS. Le Programme spécial de recherche et de formation concernant les maladies tropicales (TDR) de l'OMS a élaboré le concept du champ « écobiosocial », qui combine les perspectives écologiques, biologiques et sociales « pour mieux.

  12. Publications | Page 17 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Publication du rapport de BSR sur le travail des enfants en Birmanie. Le CRDI finance plusieurs projets de recherche sur les facteurs expliquant le travail des enfants, incluant le rapport intitulé 'Child labor in Myanmar's Garment Sector' écrit récemment par l'organisme Business for Social Responsibility (BSR).

  13. Jan Potocki et le "Gothic Novel"

    Science.gov (United States)

    Finne, Jacques

    1970-01-01

    Establishes a parallel between the supernatural and fantastic qualities of Le Comte Jan Potocki's literary works, and the English gothic novels by comparing the elements of terror, mysterious atmosphere, and the supernatural beings involved. (DS)

  14. Savoir gérer le mal

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michel Maffesoli

    2015-09-01

    Full Text Available Le sens commun, conservatoire immémorial de la sagesse humaine « sait », de savoir incorporé, que le mal, l’ombre, la mort, la douleur sont des caractéristiques essentielles de l’existence en son entièreté. Dès lors les créatures quelles qu’elles soient, sont des manifestations de la vie et, dès lors, méritent une attitude « compassionnelle », fraternelle, parce qu’ensemble elles constituent le flux vital. C’est ainsi que l’on peut comprendre l’utilité sociale de ces divers « mondes intermédiaires » que sont les croyances, religieuses ou philosophiques, au « double », au « daimon », aux esprits et autres figures tutélaires ou effrayantes. Elles aident à vivre, au jour le jour, la souffrance en la communalisant.

  15. Nuevo León

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Nelly Medellín Mendoza

    2006-01-01

    Full Text Available El ensayo analiza la transición política nuevoleonesa a partir de un contexto de liberalización política. En Nuevo León el régimen político autoritario fue cediendo en el plano electoral, dada la presión que conjuntamente la sociedad política y la sociedad civil ejercieron por lograr reglas democráticas. Este avance gradual permitió garantizar un organismo electoral confiable y que determinó en buena medida la garantía de la alternancia en 1997. El pan fue el partido que capitalizó el bono democrático, pero una vez en la responsabilidad de gobierno, no pudo ampliar el proceso de liberalización política al mediatizar las reformas electorales y no comprometerse para sacar del atolladero legislativo las iniciativas que garantizaban mecanismos de participación ciudadana: referéndum y plebiscito.

  16. le des universités dans le renforcement des technologies de l ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    le des universités dans le renforcement des technologies de l'information et de la communication au service du développement (TIC-D) en Asie. Jusqu'à maintenant, les efforts déployés dans le secteur de l'enseignement supérieur ont surtout été axés sur le téléapprentissage, l'apprentissage électronique et différentes ...

  17. Rapport financier trimestriel pour le trimestre qui a pris fin le 31 ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Office 2004 Test Drive User

    31 déc. 2015 ... Budget 2015-2016 révisé. Le Conseil a approuvé le budget 2015-2016 avant le début de lʼexercice. Cʼest sur ce budget que sont fondées les sommes budgétaires qui ont été présentés dans le Rapport annuel. 2014-2015. En octobre, on a revu les prévisions budgétaires initiales en tenant compte des.

  18. Le modèle de l’erreur humaine de James Reason

    OpenAIRE

    Larouzée, Justin; Guarnieri, Franck; Besnard, Denis

    2014-01-01

    Ce papier de recherche a pour objet de revenir en détail sur les travaux de recherche du psychologue anglais James Reason, mondialement célèbre pour sa taxonomie de l’erreur humaine et son modèle étiologique de l’accident immensément connu sous le nom de Swiss Cheese Model (SCM) ou Modèle du Fromage Suisse. Ce papier de recherche est une synthèse du parcours scientifique de Reason, il revient aussi sur la conception du modèle et ses évolutions, il traite de ses usages, apports et limites. Il ...

  19. Gli esemplari di ornato a Bologna nel Seicento, i rapporti con la Francia e l'eredità di Agostino Mitelli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Ludovica Piazzi

    2012-02-01

    Full Text Available Bologna nel Seicento ha una produzione calcografica molto ricca che comprende vari esemplari per insegnare disegno ai principianti. Questa tipologia riscuote un certo successo, e accanto agli esemplari di dettagli anatomici, se ne stampano di elementi decorativi. La prima e più importante prova è quella di Agostino Mitelli, pittore quadraturista di straordinario calibro, che pubblica, a partire dal 1636, due serie di cartuches ed elementi di ornato di sua invenzione. Queste serie sono di particolare interesse per la raffinatezza delle soluzioni proposte, ma anche per la grande fortuna che riscuotono, che porta a varie riedizioni. Vengono infatti ristampate in Francia, grazie all'intervento di Stefano della Bella, con il quale Agostino ha un mutuo e proficuo rapporto di scambio. Stefano della Bella compie infatti un'importante impresa editoriale dando alle stampe varie serie di elementi di ornato in Francia, serie che possiede e studia lo stesso Agostino. La produzione impostata dal grande quadraturista continua a Bologna grazie alle prove di suo figlio Giuseppe Maria e dell'allievo Domenico Santi che propone soluzioni manierate rispetto quelle del maestro.

  20. Experimental trials on compost utilisation in plant-farming sector; Prove sperimentali sull'utilizzo di compost nel settore vivaistico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bartolucci, E.; Facchini, F.; Lucertini, A.; Ricci, A.; Fabi, V. [Pesaro-Urbino Univ., Pesaro-Urbino (Italy). Centro di Biotecnologie Agro-Industriali

    2001-02-01

    Municipal Solid Wastes (MSW) have always been a big and vexed question. Nowadays, thanks mainly to new rules concerning waste treatment, a piece of the MSW organic fraction is used to produce Compost. That is a product able both to solve the dated problem of organic refuses, and to offer a true and versatile resource in agriculture and plant-farming. To verify its real validity in horticulture some of the most widespread crop such as tomato, pepper, melon and cauliflower were grown in different Compost-Mould mix. [Italian] I rifiuti solidi urbani (RSU) da sempre costituiscono una controversa problematica. Da qualche anno, grazie soprattutto alla nuova normativa concernente lo smaltimento dei rifiuti, una parte della frazione organica dei RSU viene impiegata per la produzione di compost, un prodotto capace in parte di risolvere l'annosa questione dei rifiuti organici e in parte capace di offrire una vera e propria risorsa delle molteplici possibilita' nel settore agricolo e vivaistico. Per verificarne l'effettiva validita' in orticoltura si e' fatto crescere in diverse miscele Compost-Terriccio alcune delle colture maggiormente diffuse, il pomodoro, il peperone, il melone e il cavolfiore. Su queste colture poi sono state analizzate la percentuale di germinazione, l'altezza della pianta, la lunghezza della prima foglia vera e sono state analizzate anche sezioni di fusto e foglia.

  1. la lutte contre le SIDA au Cameroun

    African Journals Online (AJOL)

    Chantel

    à une action efficace et courageuse, à la mesure de l'enjeu. De nombreuses ..... des médicaments à un niveau toujours prohibitif. Tableau 2 indique les ... Les femmes et les jeunes paient le plus lourd tribut à l'épidémie (Kuate Defo, 1998). En effet, les 3/5 des personnes infectées sont des femmes et le tiers des personnes ...

  2. Le déficit de filles

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    qui veulent former un couple idéal. D'autre part, les chercheuses indiquent que le céli- bat des femmes est perçu comme une « aberration totale ». Tous les répondants ont fait, à ce sujet, des remarques semblables : même la personne la plus riche du monde, disent-ils, ne peut assumer le far- deau financier qu'impose une ...

  3. Quand la musique donne le ton

    DEFF Research Database (Denmark)

    Reeh, Henrik

    2017-01-01

    Le lycée Sainte-Anne de Copenhague est un établissement réputé pour les résultats de ses élèves et pour être le foyer d’une intense tradition chorale et musicologique. L’article interroge les parcours de 32 élèves d’une même classe, tous reçus au baccalauréat 2014 avec une option musique et...

  4. Le désordre du monde

    African Journals Online (AJOL)

    sulaiman.adebowale

    interfère dans le désordre du monde. Globalement, une négligence des aspects collectifs planétaires par rap- port à des intérêts nationaux toujours surdéterminés conduit à l'entropie. Cela débouche sur le désordre, au regard des questions qui nécessitent un consensus, un accord et une démarche collective sans (auto) ...

  5. Le Chatelier principle in replicator dynamics

    OpenAIRE

    Allahverdyan, Armen E.; Galstyan, Aram

    2011-01-01

    The Le Chatelier principle states that physical equilibria are not only stable, but they also resist external perturbations via short-time negative-feedback mechanisms: a perturbation induces processes tending to diminish its results. The principle has deep roots, e.g., in thermodynamics it is closely related to the second law and the positivity of the entropy production. Here we study the applicability of the Le Chatelier principle to evolutionary game theory, i.e., to perturbations of a Nas...

  6. Le CRDI au Népal

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Les chercheurs ont aidé les agriculteurs de Kulekhani à adopter la pisciculture en cage. CRDI. Centre De reCherChes pour le Développement internAtionAl. Le CRDI au Népal. Grâce à l'appui du CRDI. □ les collectivités s'adaptent aux changements climatiques. □ les agriculteurs de l'Himalaya améliorent leurs moyens.

  7. Le cas du Brésil

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    pwust

    de biocarburants (particulièrement l'éthanol et le biodiesel). Les tendances actuelles donnent à croire que les projets reliés à l'énergie et aux biocarburants deviendront particulièrement importants sous peu. Outre ces domaines traditionnels, les projets en Afrique ont ciblé l'éducation, le développement des entreprises, les ...

  8. Transparence | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    La transparence est un élément clé de l'engagement du gouvernement du Canada envers le gouvernement ouvert, dont l'objectif est d'améliorer l'accès aux données, aux renseignements et aux échanges. Le CRDI s'emploie à la transparence en fournissant des renseignements sur son site Web, dans ses publications, ...

  9. Le CRDI en Cisjordanie et à Gaza

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Stress des adolescents et conflit qui perdure. En Cisjordanie, la violence politique et le conflit qui perdure ont aggravé le stress chez les adolescents, qui constituent près de la moitié de la population. À Ramallah, plus de 3 000 adolescents de 15 à 17 ans ont été interrogés par des chercheurs de l'Université de Birzeit et de ...

  10. Le cas de l'Inde

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    pwust

    le développement, l'Inde doit réduire la proportion de personnes vivant en deçà du seuil de pauvreté de 37,5 %, en. 1990, à 18,75 % ... exemple, à la suite du tsunami en Asie, en 2004, c'est le premier ministre qui a décidé de porter assistance. Pour ces types d'opérations, les forces militaires et paramilitaires indiennes.

  11. dynamiques migratoires et rapport avec le

    African Journals Online (AJOL)

    qui s'était illustré sur le campus par sa violence, notamment l'agression des étudiants au restaurant et en cité universitaires (sans aucune réaction de ... venant de l'extérieur), dans des actions de parrainage (le président du Tocsin a été choisi comme parrain par la promotion 2002 de l'École nationale du service social de ...

  12. Le juge administratif et le sens des images. Les mutations des techniques contentieuses du contrôle des visas d’exploitation

    OpenAIRE

    Mercier, Jérémy

    2017-01-01

    A la suite des affaires Nymphomaniac, La Vie d'Adèle, Antichrist, Love, SAW 3D Chapitre final, Cinquante Nuances de Grey, Bang Gang : une histoire d'amour moderne, Les Huit Salopards et Salafistes, l'affaire Sausage Party a mis en évidence un élément central dans le raisonnement du juge administratif : l'argumentation sur les images et sur le sens de leur contenu, impliquant un affinement progressif de son contrôle théorique de l'effet produit sur le spectateur. Le contentieux relatif au syst...

  13. Le patrimoine et ses outils de gestion

    CERN Document Server

    Garcin, J

    2001-01-01

    Les principale taches de gestion du Patrimoine immobilier du CERN sont la saisie des données, leur mise à jour, l'archivage et la mise à disposition des informations. Les outils de gestion actuels : Le Système de Gestion de Base de Données Relationnelles alphanumérique ORACLE permet de gérer toutes les informations du Patrimoine, sur le réseau du CERN. Le logiciel de dessin Graphique MICROSTATION (Bentley) a été installé dans la division ST depuis fin 1991. Les plans de situation des sites, des bâtiments et locaux, des espaces confinés ont été réalisés avec ce logiciel. Les outils de demain : La mise en place du SIG (Système d'Information Graphique) STAR a été réalisée en 1993. Le transfert des plans de locaux de MICROSTATION vers STAR est en cours depuis une année environ. Le dessin de la cartographie des réseaux de canalisations Eaux Usées et Eaux Pluviales est en cours de réalisation. Le Web est l'outil de consultation de l'information par les utilisateurs.

  14. Dans le grand collisionneur du CERN

    CERN Document Server

    AUTHOR|(CDS)2051256

    2014-01-01

    Ce livre fait pénétrer le lecteur non initié dans l’instrument scientifique le plus grand du monde. D’ailleurs, le web fut précisément inventé à Genève en vue d’une collaboration aussi gigantesque. Résultat de vingt ans de recherche, le LHC, Grand collisionneur de hadrons, est l’anneau de 26,7 km creusé sous la frontière francosuisse, où sont accélérés, en sens opposés, des paquets de particules jusqu’à des vitesses et des énergies extrêmes. Ainsi la physique s’est-elle engagée dans une étape nouvelle de nos connaissances. Après les grandes découvertes de l’univers et de la réalité microscopique du siècle dernier, le collisionneur nous fait progresser aujourd’hui dans un «nuage de probabilités» aux frontières de l’antimatière. Dans une bousculade de particules, voici le champ convoité du boson de Higgs. Mario Campanelli, professeur associé à l’Université de Londres et collaborateur au projet ATLAS du LHC, propose, dans cet ouvrage, de s’introduire pas �...

  15. Le radici del potere politico e la globalizzazione

    OpenAIRE

    Costabile, Antonio

    2017-01-01

    In questo saggio desidero proporre alcune riflessioni sui rapporti tra potere politico e globalizzazione, alla luce della teoria sociologica classica e contemporanea e con riferimento a processi storici, sociali e politici, a visioni del mondo ed interrogativi particolarmente presenti nel Mezzogiorno italiano, che interpellano la teoria sul potere in maniera che a me pare, per diversi aspetti, proficua. Mi sento incoraggiato a seguire tale approccio dalla constatazione che diversi sociologi e...

  16. comment mieux agir contre les violences basees sur le genre

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    supérieure privés et publics au Sénégal, et aussi la plateforme Web-SMS de veille et d'alerte contre les. VBG. C'est d'ailleurs pour cette raison que les travailleurs interrogés optent plus pour un renforcement de la communication que pour l'adoption de mesures répressives contre les VBG dans les milieux profession- nels.

  17. Activité antérieure – Le Kenya nomme le titulaire de sa première ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    14 avr. 2016 ... De concert avec le CRDI, la National Commission for Science, Technology and Innovation (NACOSTI) du Kenya a inauguré sa première chaire de recherche à Nairobi, le 31 mars 2015. Le professeur Fabian Omoding Esamai, qui dirige actuellement le College of Health Sciences de la Moi University, a été ...

  18. Chemical characteristics of atmospheric deposition collected at two ENEA stations near Bologna; Caratteristiche chimiche delle deposizioni atmosferiche raccolte presso le stazioni ENEA del Brasimone e di Bologna nel 1994/95

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barilli, L.; Olivieri, P. [ENEA, Centro Ricerche ``Ezio Clementel``, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente; Salvi, S. [ENEA, Centro Ricerche Brasimone, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente; Morselli, L.; Grandi, E.; Ianuccilli, A. [Bologna, Univ. (Italy). Dipt. di Chimica Industriale e dei Materiali

    1997-06-01

    This article presents the results of the measurements of the water quality in acid rains, collected by a Wet and Dry Sampler in 1994 and in 1995 at two ENEA stations, Brasimone and Bologna town, belonging to the RIDEP network and characterized by different geography and different anthropogenic sources. In the Bologna station from April 95 an innovative sampler DAS (Dry Deposition on Aquatic Surface) has been activated. The monitoring has allowed determining the wet deposition fluxes in both the stations and pointing out the differences between two areas characterized by different topology. Besides the DAS sampler has allowed evaluating the total deposition fluxes (wet and dry deposition) in the Bologna station and comparing them with the ``critical loads`` pertaining to the examined territory.

  19. Livres | Page 21 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    ISBN: 190239142X. Le débat des semences volume 2 : Solutions pour les lois nationales régissant le contrôle des ressources génétiques et des innovations biologiques. Le Débat des semences met les lecteurs au courant de ce qui a changé — sur le plan scientifique, politique et environnemental — depuis la publication ...

  20. Le Projet d’Ole Lando sur les Contrats

    DEFF Research Database (Denmark)

    Holle, Marie-Louise

    2017-01-01

    En 2016 le projet de recherche le plus important jusqu’à présent sur le droit nordique des contrats a pris fin et un livre, de presque 400 pages, en a marqué l’aboutissement. Le résultat du projet est un « restatement » tel qu’il existe aux États-Unis. Le Restatement porte sur les règles et les...

  1. Contribution de l'échographie dans le dépistage et le diagnostic des ...

    African Journals Online (AJOL)

    échographie dans le dépistage et le diagnostic des lésions mammaires à Yaoundé, Cameroun. Il s'agissait de décrire les anomalies cliniques, échogra- phiques, éventuellement anatomopathologiques pour des lésions suspectes et les confronter.

  2. Le point sur le sida, l'alimentation et la nutrition | CRDI - Centre de ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    agriculture et l'alimentation ( FAO ), Stuart Gillespie a passé six mois à étudier le lien entre le VIH/sida et la sécurité alimentaire. Il a vite compris que l'épidémie risquait d'avoir, à long terme, des répercussions désastreuses sur la ...

  3. Pour que brûle le feu du changement | IDRC - International ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    7 déc. 2010 ... Le programme Recherche pour la lutte mondiale contre le tabac (RMCT) du CRDI aide des chercheurs des pays en développement à contrer l'influence des géants de l'industrie du tabac aux ressources financières colossales.

  4. Le FIE 2008 fait avancer le cadre écobiosocial de l'OMS | CRDI ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    10 mai 2011 ... Le Programme spécial de recherche et de formation concernant les maladies tropicales (TDR) de l'OMS a élaboré le concept du champ « écobiosocial », qui combine les perspectives écologiques, biologiques et sociales « pour mieux comprendre la dynamique des maladies infectieuses à transmission ...

  5. Contribution de l'échographie dans le dépistage et le diagnostic des ...

    African Journals Online (AJOL)

    Contribution de l'échographie dans le dépistage et le diagnostic des cancers du sein : une expérience de Yaoundé, Cameroun. GE Guegang, TI Sandjong, PM Tebeu, BA Temgoua, Z Sando, JR Moulion, A Atem, E Mboudou, J Yomi, A Doh, FJ Gonsu ...

  6. Changer le travail des animaux, pour changer le travail des humains

    OpenAIRE

    Porcher, Jocelyne

    2016-01-01

    Animaux et hommes construisent des liens par le travail, explique l’auteure de cette tribune. Il existe même un « travailler » de l’animal, où celui-ci s’investit et recherche du sens. Réfléchir au travail des animaux, c’est aussi s’interroger sur le travail humain.

  7. Le SRAS, le sida, et la santé publique | IDRC - International ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    22 juil. 2011 ... Certaines de ces leçons portent sur les interactions complexes entre la biologie, la culture et le pouvoir. D'autres traitent des moyens de .... HIV prevention policy in China. IDRC-funded research is using mathematical modelling to influence local and national policies in China to reduce HIV transmission.

  8. Juan Goytisolo: Le soi, le monde et la création littéraire

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pablo Romero Alegría

    2010-01-01

    Full Text Available Reseña de la obra: Yannick Llored. Le soi, le monde et la création littéraire. Presses Universitaires du Septentrion. Villeneuve d’Ascq (Francia. 2009. 421 págs. ISBN: 978-2-75740-0089-0

  9. LE LIEN ENTRE FINANCE ET ECONOMIE ISLAMIQUES VIA LE MODELE PRINCIPIEL "ZR"

    OpenAIRE

    BELABES, ABDERRAZAK

    2010-01-01

    A l'heure où certains évoquent l'intégration de la finance islamique à la finance globale, et d'autres rattachent la finance islamique à des thèmes en vogue telles que la finance éthique, la finance participative ou la finance socialement responsable, le présent papier explore le lien entre finance et économie islamiques à partir du modèle principiel "ZR", c’est-à-dire "Zakât" et "Ribâ". Ce modèle montre que les principes invariants de Zakât et Ribâ jouent un rôle central dans l’établissement...

  10. La percezione del ruolo materno in madri detenute/La perception du rôle maternel chez les mères détenues/The Perception Incarcerated Mothers' Maternal role

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agostini Francesca

    2011-12-01

    Full Text Available Nel panorama nazionale ed internazionale non si discute ancora abbastanza della maternità vissuta in carcere, tuttavialargamente diffusa e quindi tema che merita opportuni approfondimenti al fine di promuovere la ricerca di strategie chegarantiscano il diritto della donna detenuta ad essere madre e il diritto dei figli a non essere privati di questo legame.Questo studio esplorativo, svolto presso la Casa Circondariale “Dozza” di Bologna, nella sezione femminile, ha avutocome obiettivo quello di indagare le caratteristiche della percezione del ruolo materno in donne detenute che non vivonocon il proprio figlio. Attraverso le interviste e l’uso di strumenti standardizzati, si è approfondito il tipo di maternitàesperita dalle donne e le difficoltà personali che la lontananza e l’ambiente frappongono alla possibilità di svolgereadeguatamente il proprio ruolo genitoriale. Pur essendo piccolo il campione, le indagini qualitative hanno consentito dievidenziare un quadro di consistente sofferenza, con utilizzo di meccanismi difensivi quali processi di idealizzazionedell’esperienza di maternità e di razionalizzazione.RésuméDans le panorama national et international, on ne discute pas encore assez de la maternité vécue en prison. Toutefois,celle-ci est largement répandue. Partant, il s’agit d’un thème qui mérite d’être approfondi afin de promouvoir larecherche de stratégies qui garantissent le droit de la femme détenue à être mère et le droit des enfants à ne pas êtreprivés de ce lien.Cette étude - réalisée dans le quartier pour femmes de la maison d’arrêt "Dozza" de Bologne - a eu comme objectifd’analyser les caractéristiques de la perception du rôle maternel chez les femmes détenues qui ne vivent pas avec leurspropres enfants. À travers les entretiens et l'usage d'instruments standardisés, nous avons approfondi le type dematernité vécue par ces femmes et les difficultés personnelles que l

  11. Le patrimoine astronomique provençal

    Science.gov (United States)

    Rous, M.; Figon, P.; Guyot, S.

    2012-12-01

    L'OSU OAMP/Institut Pythéas porte les missions de conservation, inventaire et valorisation du patrimoine. Suite à la fusion de l'Observatoire de Marseille et du Laboratoire d'Astronomie Spatiale en 2000 pour créer le Laboratoire d'Astrophysique de Marseille, le déménagement des équipes sur le site de Château-Gombert en 2008 a soulevé le problème du devenir des collections des deux sites d'origine. Nous ferons le bilan des actions passées en matière de conservation et de valorisation de ce riche patrimoine : versement à l'inventaire général du Ministère de la Culture, classement de 22 instruments au titre des Monuments Historiques, inventaire et numérisation des archives anciennes, montage d'expositions et réalisation du catalogue Telescopium, 400 ans de lunettes et de télescopes. Nous présenterons les actions en cours: mesures de conservation préventive, inventaire des archives et des instruments. Nous parlerons enfin des projets: création d'un espace d'exposition permanente, participation à des expositions temporaires.

  12. The role of interventional radiology in the management of kidney transplant complications; Ruolo della radiologia interventistica nel trattamento delle complicanze del trapianto renale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Carrafiello, Gianpaolo; Lagana, Domenico; Mangini, Monica; Cafaro, Tamara; Recaldini, Chiara; Genovese, Eugenio; Fugazzola, Carlo [Insubria Univ., Varese (Italy). Cattedra di radiologia; Cuffari, Salvatore [Ospedale di circolo, Varese (Italy). Servizio di anestesia e rianimazione

    2005-09-15

    Purpose. To evaluate the role and the effectiveness of interventional radiology in the treatment of renal transplant complications. Materials and methods. From 1996 to 2004 a total of 288 kidney transplants from cadavers were performed in our Institute. The kidney was always collocated in iliac fossa by creating a vascular anastomosis with the external iliac artery and vein; in all cases the ureter was implanted into the recipient bladder. During the follow-up, 34 complications were observed. Twenty-seven complications in 25 patients (20 males and 5 females; age 35-65 years) were treated by a radiologic procedure: 9 renal artery stenosis and 1 native external iliac artery stenosis (by PTA), 5 ureteral obstructions (by nephrostomy and ureteral stenting), 8 ureteral leaks (by nephrostomy, in 2 cases associated to ureteral stenting) and 4 limphoceles (by percutaneous ultrasound-guided catheter drainage). Results. Primary technical success was obtained in 20/27 cases (74%). Success was obtained with a second interventional procedure in 3/27 cases, 2 limphoceles and 1 ureteral fistula (secondary technical success: 85.2%), with a clinical final success in 23/27 cases (85.2%). We observed a peri-procedural complication rate of 3.7% (1 renal artery post-PTA dissection during a restenosis treatment). Four cases (1 renal arterial post-PTA dissection, 1 ureteral obstructions, 1 ureteral leak and llimphocele) needed a surgical correction (14.8%). Conclusions. Interventional radiology is the first therapeutic approach to treat renal transplant complications. It shows good technical and clinical results and a low complication rate. Surgery had to be considered only if minimally invasive procedures are infeasible or ineffective. [Italian] Scopo. Valutare l'efficacia delle procedure di radiologia interventistica nel trattamento delle complicanze del trapianto renale. Materiale e metodi. Dal 1996 al 2004 sono stati eseguiti, presso il nostro centro 288 trapianti renali da

  13. San Francisco Syncope Rule, Osservatorio Epidemiologico sulla Sincope nel Lazio risk score, and clinical judgment in the assessment of short-term outcome of syncope.

    Science.gov (United States)

    Dipaola, Franca; Costantino, Giorgio; Perego, Francesca; Borella, Marta; Galli, Andrea; Cantoni, Giulia; Barbic, Franca; Casella, Francesco; Duca, Pier Giorgio; Furlan, Raffaello

    2010-05-01

    The study aimed to compare the efficacy of the Osservatorio Epidemiologico sulla Sincope nel Lazio (OESIL) risk score, San Francisco Syncope Rule, and clinical judgment in assessing the short-term prognosis of syncope. We studied 488 patients consecutively seen for syncope at the emergency department of 2 general hospitals between January and July 2004. Sensitivity, specificity, predictive values, and likelihood ratios for short-term (within 10 days) severe outcomes were computed for each decision rule and clinical judgment. Severe outcomes comprised death, major therapeutic procedures, and early readmission to hospital. Clinical judgment had a sensitivity of 77%, a specificity of 69%, and would have admitted less patients (34%, P < .05 vs decision rules). The OESIL risk score was characterized by a sensitivity of 88% and a specificity of 60% (admission 43%). San Francisco Syncope Rule sensitivity was 81% and specificity was 63% (admission 40%). According to both clinical rules, no discharged patient would have died. With combined OESIL risk score and clinical judgment, the probability of adverse events was 0.7% for patients with both low risk scores, whereas that for both high risk scores was roughly 16%. Because of a relatively low sensitivity, both risk scores were partially lacking in recognizing patients with short-term high-risk syncope. However, the application of the decision rules would have identified all patients who subsequently died, and OESIL risk score and clinical judgment combined seem to improve the decision-making process concerning the identification of high-risk patients who deserve admission. (c) 2010 Elsevier Inc. All rights reserved.

  14. Le mal et ses complots imaginaires

    OpenAIRE

    Frankfurter, David

    2012-01-01

    Les récits d’abus rituels sataniques que les médias ont largement diffusés, aux États-Unis et au Royaume-Uni, entre le début des années 1980 et la fin des années 1990, soutenaient le parallèle avec les allégations avancées, durant l’Antiquité et au début des Temps modernes, contre les chrétiens, les hérétiques, les juifs ou les sorcières. Quelle est la nature de ces parallèles ? Cet article examine plusieurs types de modèles convoqués lors de diverses occurrences historiques des peurs panique...

  15. Le catch, la domestication du risque

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jeremy Lacoste

    2015-09-01

    Full Text Available Cet article vise à questionner les logiques de gestion, réappropriation et détournement du risque à travers le catch. Il s’appuie sur la monographie d’un club de la région parisienne observée durant huit mois. Parce que la discipline est à mi-chemin entre la sportivité théâtrale et la scénarisation pugilistique, elle pioche dans le registre de la représentation. Ainsi, art de la surenchère et du pastiche, le catch constitue un terreau majeur pour déconstruire les figures du risque.

  16. Le littoral face aux changements climatiques

    OpenAIRE

    Mulot, Vanessa; Vigneron, Anne-Laure; Lambert-Hadid, Marie-Laure

    2011-01-01

    Le changement climatique et l’anthropisation du littoral accentuent le risque de submersion marine sur l’ensemble des côtes. Malgré l’élévation en cours du niveau des mers, l’attractivité du littoral ne décroît pas malgré la connaissance du risque. Ce risque aggravera dans les années à venir les enjeux liés à la submersion marine, parmi lesquels le danger pour les vies humaines, comme l’a malheureusement illustré l’actualité (Xynhia), mais aussi la question de la propriété des biens et des te...

  17. Les Brulures Chimiques Par Le Laurier Rose

    OpenAIRE

    Bakkali, H.; Ababou, M.; Nassim Sabah, T.; Moussaoui, A.; Ennouhi, A.; Fouadi, F.Z.; Siah, S.; Ihrai, H.

    2010-01-01

    Le laurier rose ou Nerium oleander est un arbuste qui pousse naturellement dans les régions méditerranéennes. Au Maroc on le trouve dans les lieux humides. Il est réputé par ses risques de toxicité systémique en cas d'empoisonnement à cause de la présence de deux alcaloïdes, surtout l'oléandrine. La littérature illustre des cas d'utilisation locale des feuilles de cette plante contre la gale, les hémorroïdes et les furoncles. Nous rapportons deux cas de brûlures chimiques par le laurier rose ...

  18. Influence du soleil sur le climat

    OpenAIRE

    Bard, Édouard

    2013-01-01

    Variations du forçage radiatif solaire Il a fallu attendre la fin des années 70 pour obtenir les premières données précises sur l’irradiance solaire mesurée à partir des satellites. La « constante solaire », introduite par le physicien français Claude Pouillet en 1838, fluctue à court terme et son cycle de 11 ans se caractérise par une variation de l’irradiance totale d’environ 0,1 %. Paradoxalement, l’éclairement augmente avec le nombre de taches solaires : les taches assombrissent le Soleil...

  19. Farid Ameur, Le Ku Klux Klan

    OpenAIRE

    Laberge, Yves

    2018-01-01

    S’il existe de nombreuses études en anglais sur le Ku Klux Klan, et notamment celles — percutantes — de Stetson Kennedy (1916-2011), qui avait réussi à infiltrer cette organisation, on en trouve relativement peu en langue française. De ce fait, la réédition de cette monographie de l’historien Farid Ameur tombe à point nommé. Mouvement social d’extrême-droite prônant le racisme et la suprématie blanche, le KKK a une histoire secrète qui est de ce fait difficile à raconter de manière exhaustive...

  20. Le jeu de la création : Le mangeur (2005 de Ying Chen

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicole Dunham

    2013-11-01

    Full Text Available Le théoricien James Hans définit le jeu comme une déconstruction structurante, un processus de perpétuelle remise en question. Dans Le Mangeur (2005 de Ying Chen, la narratrice revit un épisode d’une de ses vies passées où elle meurt mangée, avalée, par son père, descendant dans le « tunnel » du ventre de ce dernier. Cependant, suite à cet événement, elle se retrouve dans un autre espace-temps où elle rencontre son mari, A.. Une équivalence s’établit dans le roman entre les éléments suivants : le ventre du père, les tableaux peints par ce dernier et l’espace-temps de A., et la fenêtre. Ces éléments deviennent des aires de jeu, remettant en question les concepts de l’intérieur et de l’extérieur et du créateur et de l’œuvre. En nous servant du texte « Le Tunnel » écrit par Ying Chen, nous démontrerons que cette notion du jeu s’applique également à l’ensemble de son œuvre.

  1. O labor secreto de Le Corbusier

    OpenAIRE

    Alexandre Hector Benoit

    2014-01-01

    Após iniciar sua trajetória como pintor junto às vanguardas parisienses do cubismo e do purismo, Le Corbusier cessa em 1923, aos olhos do público, tal atividade, mantendo-a regular e sistemática como um trabalho exclusivo seu. Afora algumas poucas exposições menores e discretas, Le Corbusier permanece cerca de 30 anos pintando sem expor até que, em 1948, inicia o redescobrimento do que veio a chamar de seu \\"labor secreto\\". Esse processo de retomada da pintura como a \\"virtude profunda\\" de ...

  2. LE MARCHE FINANCIER EN ALGERIE : SITUATION ET ...

    African Journals Online (AJOL)

    Administrateur

    Dans les pays en transition, la performance du marché financier apparaît loin des espérances suscitées. Le marché financier dont le début de la mise en place en Algérie remonte à 1995, peut-il se construire dans une économie dominée par la rente pétro- lière et par un système bancaire public sclérosé, omniprésent et ...

  3. Le language des masques burkinabè

    African Journals Online (AJOL)

    hond

    2 juil. 2007 ... Les masques, dont le côté festif, esthétique et touristique retient encore l'attention des jeunes, tendent à « s'épurer » de leur ésotérisme qui leur donnait une âme grave. Ainsi « allégés », les masques risquent de tomber dans le folklore ; ils risquent même. 23 Millogo_F 03.pmd. 2/7/2007, 1:40 PM. 330 ...

  4. Le continu contre l'espace

    Science.gov (United States)

    Salanskis, Jean-Michel

    Disons pour conclure que, en tout état de cause, la façon de concevoir philosophiquement le conflit du continu et de l'espace que nous avons trouvée chez Hegel n'est pas homogène avec le style et les modalités de la pensée mathématique: 1) d'une part, le lien classique, le lien de référence entre continu et espace en mathématiques n'est pas que l'espace serait premier et privé de pensée, et le continu second, venant dissoudre l'espace en apportant la qualité, l'infini et la pensée, mais tout au contraire, il consiste en ce que l'espace est fondé sur l'abîme infinitaire du continu ; 2) d'autre part, l'éventuel divorce entre l'espace et le continu dans l'aire mathématique n'est pas celui d'une réflexivité purement conceptuelle du continu avec un positivisme géométrique, n'équivaut pas à une rupture disciplinaire ; il est plutôt le symptôme de la dérive d'une herméneutique à l'égard d'une autre, au sein d'un continent juridique commun définissant la discipline (la mathématique ensembliste), cette dérive pouvant, à la limite, induire une refonte de ce sol juridique, sans que jamais il soit question pour autant de nier l'unité des mathématiques, à comprendre ici comme l'unité ultime de responsabilité de la communauté mathématique à l'égard des trois questions Qu'est-ce que l'espace?”, “Qu'est-ce que le continu?” et “Qu'est-ce que l'infini?”.

  5. et le développement La

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    été réalisée, le service postal venait de mettre en place un système automatisé de transferts monétaires par voie élec- tronique à l'intérieur du pays, mais il offrait un service international restreint. À la fin de 2007, l'Uzbekistan. Pochtasi a intégré officiellement le système financier inter- national de l'Union postale universelle, ...

  6. L'astronomie dans le monde

    OpenAIRE

    Manfroid, Jean

    2004-01-01

    comètes en pagaille; Recherche d'astéroïdes; Voisinage galactique; Titan en X; Titan à haute résolution; Alignement parfait dans le Sagittaire; Où est la lune de Sedna; SgrA*; Première image d'une planète extrasolaire?; Deux Jupiter chauds; Cycles stellaires; Le trou noir de M87; Un nouveau bras pour la Voie LactÃée; L'étoile la plus massive jamais observée!

  7. Particularites des accidents vasculaires cerebraux chez le ...

    African Journals Online (AJOL)

    Une revue de la littérature nous a permis de relever les particularités des AVC chez le diabétique. Résultats L'AVC peut être révélateur du diabète dans 20% des cas, ... Le dépistage du diabète doit être systématique chez tout patient présentant un AVC. A la phase aiguë, l'hyperglycémie doit être traitée énergiquement.

  8. le culture del “letto ma non sentito”. Comunicazione mobile scritta e socialità digitale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Pisanu

    2009-09-01

    Full Text Available Nel 2008, in aprile, James Buck, uno studente di giornalismo alla University of California, Berkeley, e il suo traduttore, Mohammed Maree, vengono arrestati in Egitto per aver fotografato delle proteste antigovernative. Dalla stazione di polizia, Buck utilizza il suo telefono cellulare per inviare il messaggio“Imprigionato”ai suoi 48 follower su Twitter. Nel gennaio del 2009, il volo 1549 della US Airways è costretto a un atterraggio di emergenza nel fiume Hudson. Uno dei soccorritori, Janis Krums, scatta con il suo cellulare una foto dell’aereo sulle acque del fiume e la invia su Twipic prima che gli altri media “tradizionali” possano arrivare sulla scena.

  9. Le stéréotype dans le roman policier

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marion François

    2009-12-01

    Full Text Available Le roman policier offre à l’étude du stéréotype une grande variété de redondances, lexicales et structurelles, qui permettent d’éclairer le concept même de genre, en fait issu du constat de stéréotypie. Il est également manifeste que contrairement aux idées reçues, les clichés font du texte policier un texte littéraire, parce qu’ils naissent d’images associées, distinctes de la réalité, qui révèlent d’ailleurs le cheminement même de l’écriture. Par ailleurs ces images jouent un rôle fondamental dans le plaisir du lecteur, comme dans les contes de fées de notre enfance. Les clichés ouvrent la porte des fantasmes : le stéréotype rejoignant l’archétype, les clichés policiers réactivent de nombreux mythes, le texte évoquant l’Autre Scène. Le constat de stéréotypie provoque l’écriture, en particulier parodique, et stimule le renouvellement et l’essaimage des clichés dans toutes sortes de textes, qui bénéficieront de la présence du déjà-lu, laquelle donne au lecteur une assise pour affronter l’inconnu et une expérience pour apprécier la nouveauté.

  10. Le Peer to Peer: Vers un Nouveau Modèle de Civilization

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michel Bauwens

    2006-06-01

    Full Text Available Le « peer to peer » est la dynamique intersubjective caractéristique des réseaux distribués. Le but de cet essai est de montrer qu'il s'agit d'une véritable nouvelle forme d’organisation sociale, apte à produire et échanger des biens, à créer de la valeur. Celle-ci est la conséquence d'un nouvel imaginaire social, et possède le potentiel de devenir le pilier d'un nouveau mode d'économie politique, voire d'un nouveau type de civilisation. Pour cela, nous allons d'abord définir le P2P, décrire en bref ces manifestations, et le différencier d'autres modalités d'échange intersubjectif tel que le marché, la hiérarchie, l'économie du don.Comme principale modalité P2P nous distinguons: Les processus de production P2P, comme troisième mode de production, qui n'est ni géré par un mode hiérarchique ou par l'état, ni répondant à des impératifs de profit ou qui sont modulés par le biais des prix. Les processus de gouvernance P2P, qui gouverne ces processus de production. Les formes de propriété P2P, qui sont destine a empecher l’appropriation prive de cette production pour le commun.Afin d’examiner les characteristiques de cette nouvelle dynamique sociale, nous utilisons la typologie intersubjective de l’anthropologue Alan Page Fisque, qui distingue: 1. l'échange égalitaire (Equality Matching, c..a.d l’economie du don. 2. La relation d’autorité (Authority Ranking tel qu’elle s’exprime dans le mode hierarchique. 3. le marché (Market Pricing. 4. la participation commune (Communal Shareholding.En conclusion, nous examinons les possibilites d’expansion de ce nouveau mode sociale et son insertion dans l’economie capitaliste, en nous nous posons la question: le P2P peut-il etre concu comme alternative sociale et economique aux modeles existants.

  11. L'Inde : où est le milieu ? | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    1 avr. 2011 ... Mais ils n'ont pas créé les emplois « fiables » dont l'Inde a désespérément besoin. Le travail peu rémunéré demeure un problème de taille sur le marché du travail indien. Pourtant, l'étude réalisée par M. Mazumdar sur la pauvreté, la croissance et l'inégalité montre que le nombre d'Indiens vivant dans la ...

  12. Identità storica del papato e crisi del regime di cristianità tra i patti lateranensi e il postconcilio. Forme e strategie di esercizio del ”potere spirituale” nel declino dell’occidente.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Zanchini di Castiglionchio

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. La questione (e il travaglio del potere temporale dei papi – 3. L’ordinamento vaticano creato nel ’29 dai Patti del Laterano – 4. I rapporti della Santa Sede con Berlino prima dell’aggressione alla Polonia – 5. La cautela politica di Pio XII durante la seconda guerra mondiale - 6. L’invasione tedesca, la guerra civile, la nuova Italia - 7. Giovanni XXIII, un innovatore libero ed eccentrico - 8. Paolo VI, un legislatore costituente - 9. Dai trenta giorni di papa Luciani ai trent’anni di papa Wojtila - 10. L’accentramento autoreferenziale del tardo postconcilio. Una via senza uscita?

  13. Promotion of environmental managements systems (EMAS, ISO 14.000) in the Italian small and medium industries. The applied experiences achieved by ENEA; Promozione dei sistemi di gestione ambientale (EMAS, ISO 14.000) nelle piccole e medie imprese italiane. Le esperienze applicative dell `ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, Luca; Brunetti, Nicola; Caropreso, Gaetano; Luciani, Roberto [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-03-01

    EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) introduced by the Regulation n. 1836/93, is one of the new tools activated by the European Community to overcome the old `Command and Control` philosophy and adopt an approaching policy in the `Moral suasion` logic. It is based on the sharing out of the responsibility, dialogue and action agreed upon by the concerned parties on the basis of impartial and reliable information. EMAS has voluntary character and presents many analogies with ISO 14.000 international system with which a deeper integration is being attempted for a revision of the Regulation. In the frame of present national and international situation, the report shows the recording path of an EMAS site and the experiences achieved up to now particularly by ENEA. [Italiano] L`EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introdotto con il Rergolamento n. 1836/93, rappresenta uno dei nuovi strumenti che la Comunita` Europea ha attivato per superare la vecchia logica del `Command and Control` (Imponi e Sorveglia) e passare ad una nuova filosofia di approccio nella logica della `Moral suasion` (persuasione morale) per un rapporto basato sulla ripartizione delle responsabilita` attraverso un dialogo e un`azione concertata tra le parti interessate sulla base di un`informazione obiettiva ed affidabile. Lo strumento EMAS ha carattere di volontarieta` e presenta profonde analogie con il sistema internazionale ISO 14.000 con il quale si sta tentando, a livello di revisione del Regolamento EMAS, una integrazione piu` profonda. Nel rapporto vengono illustrati, nel quadro dell`attuale situazione nazionale ed internazionale, il percorso di registrazione di un sito EMAS e le esperienza finora attuare con particolare riferimento a quelle dell`ENEA.

  14. La science, la littérature, le rituel: le vrai dire et le plus que mentir

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Panagiotis Christias

    2005-03-01

    Full Text Available Le scientifique promet la vérité sans être en mesure d'accomplir sa promesse tandis que l'écrivain promet de mentir mais par son mensonge, il fait plus que mentir. Il ne dit certainement pas la vérité, car la vérité n'est pas sa préoccupation première. Voilà comment nous pouvons résumer les deux attitudes, condamnées à un antagonisme stérile par l'attitude positiviste moderne. Compte tenu donc de l'intention fondatrice de la science, de sa promesse donc originaire et fondatrice, la science doit dire la vérité et rien que la vérité. Ce qui, de l'aveu même de cette même science, est impossible. [...] La littérature se permet de reconstruire des mondes par-delà le vrai et le faux. [...] Un récit littéraire ne demande pas la consécration de la vérité, ne demande pas à être suivi parce que vrai, n'impose rien et n'attend rien. Sa vraie destinée est l'errance et sa vraie conscience est celle de sa dissémination. Celui qui renonce à la prétention de vérité renonce en même temps à la volonté de dominer. Dominer signifie créer un espace de vérité dans lequel celui qui énonce la vérité est le maître légitime de ceux qui sont dans le champ de la conception du monde dont cette vérité est la pierre angulaire.

  15. «Ad faciendum et distrenpandum colores». Giorgio da Firenze e la pittura murale a olio in Piemonte nel Trecento / «Ad faciendum et distrenpandum colores». Giorgio da Firenze and the oil mural painting in Piemonte in the 14th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bernardo Oderzo Gabrieli

    2013-11-01

    Full Text Available Il periferico Piemonte ospita dalla fine del Settecento un erudito dibattito su di una serie di documenti che testimoniano l’uso dell’olio in pittura murale da parte di un pittore toscano, Giorgio degli Agli, artista di corte dei Savoia tra il 1314 ed il 1348. L’analisi dei ricettari e dei trattati di tecnica artistica medievale rivela quanto fosse nota la possibilità di una pittura a olio o totalmente a tempera su muro, dalla Schedula di Teophilus fino al Manoscritto di Strasburgo. I documenti d’archivio inglesi trecenteschi confermano le quantità e i prezzi pagati nelle attestazioni piemontesi, sia per i pigmenti che per i leganti, dove uova, colla e olio sono ad faciendum et distrenpandum colores. Recenti campagne analitiche infine hanno permesso di riconoscere la presenza di leganti di natura organica tra i diversi strati della pellicola pittorica, rivelando una tradizione tecnica tutta oltralpina (a partire dal cantiere assisiate; fra questi, Jean de Grandson, collaboratore e allievo di Giorgio, nel ciclo della Camera Domini del Castello di Chillon (1342-1343 dipinge su muro proprio come se si trattasse di una tavola.   To the late eighteenth century, the peripheral Piedmont hosts a scholarly debate on a series of documents which demonstrate the use of oil in mural painting by a Tuscan painter, Giorgio degli Agli, court artist of the Savoy between 1314 and 1348. The analysis of medieval technique treaties reveals how was known the use of oil or tempera on wall painting, from the Schedule of Theophilus to the Manuscript in Strasbourg. The English fourteenth archive documents confirm the quantities and prices paid claims in Piedmont, both for the pigments to the medium, where eggs, glue and oil are used at faciendum et distrenpandum colores. Recent analytical campaigns finally made it possible to recognize the presence of organic media between the different film layers of paintings, revealing a whole transalpine technical tradition

  16. Sottoscrizioni autografe nelle più antiche carte del monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X Autograph subscriptions in the oldest cards of the monastery of S. Liberatore of the Maiella. A contribution to the history of the relationship between writing and literacy in Abruzzo in 10th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariano Dell'Omo

    2005-06-01

    Full Text Available

    Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX della “Introduzione storica, paleografica e archivistica” al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassinese nell’Italia centro-meridionale. L’obiettivo più generale è quello di far conoscere l’intero fondo archivistico di S. Liberatore, sia quello di età medievale con il citato volume, sia quello di età moderna con il successivo, apparso nel 2006. Questa specifica serie dell’Archivio cassinese, gravitante intorno a S. Liberatore ma relativa anche ad altri centri monastici minori di area abruzzese, e che occupa oggi le capsule da XCIX a CIV, racchiude complessivamente 801 documenti.

    Tra questi se ne annoverano alcuni particolarmente noti agli studiosi – specialmente dopo i lavori di Enrico Carusi (1929, 1932 e Herbert Bloch (1986 –, come il “Memoratorium” dell’abate Bertario († 883 e il “Commemoratorium” – inventario testamentario – del preposito maiellese, poi abate di Montecassino Teobaldo († 1035/1037.

    Alcuni hanno riservato interessanti scoperte, come l’attuale caps. XCIX, fasc. I, n. 4, una carta del luglio 936, che racchiude la più antica sottoscrizione autografa (“Ego qui supra Arechisi iudex” di Arechi, giudice della città di Capua, lo stesso che sottoscrisse il celeberrimo placito del 960, prima testimonianza ufficiale di volgare italiano.

    Altri costituiscono un nucleo di documenti omogenei (nn. 7, 8, 9, 10, 12, 13 la cui edizione integrale ha offerto finalmente in modo completo la più antica collezione di contratti agrari di Montecassino (dal 950 al 984, specialmente sotto forma di

  17. Perspectives | Page 3 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Des experts du CRDI examinent les questions et les approches sur lesquelles se penchent les acteurs du développement international, ainsi que lele de la recherche dans la mise au point de solutions.

  18. Pronto chi parla. Cesare e le intercettazioni telefoniche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Caponi

    2010-03-01

    Full Text Available Pronto chi parla. Cesare e le intercettazioni telefoniche (Ugo Guspini, L’orecchio del regime. Le intercettazioni telefoniche al tempo del fascismo, Milano, Mursia, 1973, pp. 262 di Paolo Caponi

  19. Risultati di regolarità per il problema dell'ostacolo relativo ad equazioni di Kolmogorov degeneri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Polidoro

    2010-12-01

    Full Text Available We prove optimal regularity for solutions to the obstacle problem for a class of second order differential operators of Kolmogorov type. We treat smooth obstacles as well as non-smooth obstacles. All our proofs follow the same line of thought and are based on blow-ups, compactness, barriers and arguments by contradiction. This problem arises in nancial mathematics, when considering path-dependent derivative contracts with the early exercise feature.

  20. La morte tra le discussioni settecentesche e il culto della memoria. Il caso della nobiltà presso la corte asburgica: gli Schwarzenberg (1780-1900

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Václav Grubhoffer

    2012-06-01

    Full Text Available Questo articolo comprende tre distinte parti: la prima si occupa degli argomenti del morire e della morte nella prospettiva della storiografia contemporanea, soprattutto italiana. La morte è uno dei temi essenziali per gli storici in quanto si rivela come uno spazio sperimentale della ricerca, il cui oggetto però non è la morte stessa, ma piuttosto le strategie delle società dei vivi in varie epoche e gruppi sociali.La seconda parte di questo articolo è dedicata all’analisi di alcuni forti cambiamenti nel rapporto tra l’uomo e la morte che si svolsero durante il Settecento. La morte diventò allora un argomento cruciale nella medicina dell’epoca. Alla fine del secolo il morire non fu più un atto eminentemente religioso. Il risultato delle discussioni settecentesche sulla pericolosità dei cadaveri per i viventi fu la nascita del cimitero extraurbano e delle nuove forme commemorative e laiche, orientate verso la memoria familiare e nazionale.L’ultima parte si occupava della morte presso la famiglia principesca degli Schwarzenberg, che avevano un ruolo importante presso la corte asburgica nella prima età moderna. Il rapporto degli Schwarzenberg con il morire e la morte era assai tradizionale, e assai influenzato della famiglia imperiale. Un elaborato rituale della morte e dei luoghi di sepoltura era per gli Schwarzenberg uno strumento per mostrare la propria origine e posizione sociale anche durante l’Ottocento.

  1. Cultura letteraria nella Spagna del XVI secolo. Le «Treze questiones muy famosas sacadas del Philocolo del famoso Juan Boccaccio»

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmen Fatima Blanco Valdés

    2017-12-01

    Full Text Available Nel 1546 si pubblica a Siviglia una traduzione “non autorizzata” dell’episodio delle «Tredici Questioni d’amore» che fanno parte del IV libro del Filocolo di Boccaccio. Lo stesso anno, a Toledo, si pubblica la traduzione dello stesso testo, questa volta con il permesso dei traduttori. Di quest’ultima si faranno due riedizioni, la prima a Toledo nel 1549 e la seconda a Venezia nel 1553. La traduzione è opera di due traduttori: Diego López de Ayala, canonico della cattedrale di Toledo, che si occupa della traduzione del testo, e Diego de Salazar, che compone dei poemetti che servono come riassunto sia dell’argo- mento di ognuna delle questioni sia della soluzione finale. Entrambi i traduttori collaboreranno nuovamente nella traduzione dell’Arcadia di Sannazaro. Da ricerche precedenti si può stabilire come testo base della traduzione l’incunabolo veneto del Filocolo del 1472 (riedito nel 1481, 1488 e 1497. L’articolo confronta contrastivamente i due testi per individuare, in un primo momento, le differenti tecniche e strategie traduttologiche usate da López de Ayala. Scopo dello studio non è solo quello di descrivere queste tecniche, ma anche di metterle in rapporto con vari aspetti che riguardano la cultura editoriale e la situazione sociale della Spagna del XVI secolo, come il nuovo tipo di lettori, la censura letteraria – ragione per la quale, a nostro avviso, il traduttore modifica e manipola frammenti del testo – o la finalità ultima del testo che vede modificata la sua funzione testuale rispetto al testo d’origine. In effetti, la traduzione spagnola si avvicina piú a una specie di catalogo di casistica amorosa con intenzionalità didattica e moraleggiante, diversa dalla funzione di diletto del romanzo sentimentale di derivazione alessandrina scritto da Boccaccio. Prima di affrontare l’analisi della traduzione si offre un’introduzione in cui vengono contestualizzate la storia editoriale della Spagna del

  2. Publications | Page 102 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    En mars 2004, le ministre ougandais de l'Éducation et des sports, Kiddhu Makubuya, et le... Biodiversité et santé : Tuons-nous les plantes qui peuvent nous guérir ? Enrhumé ? Vite, de l'échinacée. Le stress vous tenaille ? Prenez un peu de ginseng. Vous êtes inquiet et déprimé ? Le millepertuis devrait vous requinquer.

  3. Mexico : tous les projets | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Au cours des 15 dernières années, des efforts ont été déployés par le gouvernement, la société civile, le secteur privé et les organisations internationales dans le but de relever les défis auxquels sont confrontés les peuples autochtones, et tout particulièrement les femmes dans certains cas, dans le système ...

  4. Publications | Page 179 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Lele de l'énergie dans le développement rural. Hisham Zerriffi n'a aucun mal à énumérer les bienfaits de l'électrification des zones rurales : une ... Enterrer la hache de guerre : le CRDI appuie un processus de paix inédit. La plupart des gens pensent que la paix est un état dans lequel soit il « ne se produit rien de ...

  5. Publications | Page 177 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Lele de l'énergie dans le développement rural. Hisham Zerriffi n'a aucun mal à énumérer les bienfaits de l'électrification des zones rurales : une ... Enterrer la hache de guerre : le CRDI appuie un processus de paix inédit. La plupart des gens pensent que la paix est un état dans lequel soit il « ne se produit rien de ...

  6. Plaidoyer pour le lavage de nez dans les pathologies naso ...

    African Journals Online (AJOL)

    Le lavage de nez permet l'humidification des muqueuses partant favorise le nettoyage mucociliaire en enlevant voire diminuant les croutes favorise leur élimination et ainsi la guérison en réduisant le recours aux antibiotiques [4-10]. Sans danger, le lavage de nez est bien tolérée tant chez les enfants que chez les adultes.

  7. La nouvelle politique concernant le salaire minimum au Myanmar ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    20 avr. 2016 ... Au cours de la dernière décennie, le marché du travail asiatique a été marqué par des augmentations du salaire minimum. Alors que la Chine et le Vietnam ont augmenté leur salaire minimum au cours des 10 dernières années, le Bangladesh et le Cambodge ont adopté un salaire minimum dans les deux ...

  8. Publications | Page 59 | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le rapport régional de 2012 du projet Global Entrepreneurship Monitor (GEM), qui porte sur l'Afrique subsaharienne, est le premier à examiner les dynamiques d'entrepreneuriat dans la région. Il a été lancé à Lusaka, en Zambie, le 19 novembre 2013. Les données recueillies par le Zimbabwe sur la pauvreté : un apport ...

  9. Gestion du Centre | CRDI - Centre de recherches pour le ...

    International Development Research Centre (IDRC) Digital Library (Canada)

    Le Comité de gestion du Centre (CGC) est composé des membres de la haute direction du CRDI, notamment les directeurs de nos quatre bureaux régionaux et de nos principaux secteurs de programme. Le CGC travaille en collaboration avec le président afin de soutenir la recherche pour le développement, lui fournissant ...

  10. Le stockage thermique par chaleur latente

    OpenAIRE

    Martin, F.; Nicolas, Jacques

    1988-01-01

    L'article présente le principe du stockage d'énergie par transformation de phase ainsi que les matériaux employés (composés organiques, sels hydratés et matériaux à transformation solide-solide) et les différents types d'échangeurs. Peer reviewed

  11. Le Chatelier's principle in replicator dynamics.

    Science.gov (United States)

    Allahverdyan, Armen E; Galstyan, Aram

    2011-10-01

    The Le Chatelier principle states that physical equilibria are not only stable, but they also resist external perturbations via short-time negative-feedback mechanisms: a perturbation induces processes tending to diminish its results. The principle has deep roots, e.g., in thermodynamics it is closely related to the second law and the positivity of the entropy production. Here we study the applicability of the Le Chatelier principle to evolutionary game theory, i.e., to perturbations of a Nash equilibrium within the replicator dynamics. We show that the principle can be reformulated as a majorization relation. This defines a stability notion that generalizes the concept of evolutionary stability. We determine criteria for a Nash equilibrium to satisfy the Le Chatelier principle and relate them to mutualistic interactions (game-theoretical anticoordination) showing in which sense mutualistic replicators can be more stable than (say) competing ones. There are globally stable Nash equilibria, where the Le Chatelier principle is violated even locally: in contrast to the thermodynamic equilibrium a Nash equilibrium can amplify small perturbations, though both types of equilibria satisfy the detailed balance condition.

  12. Le Francais Moderne: Part I, French.

    Science.gov (United States)

    Dade County Public Schools, Miami, FL.

    Instructional objectives of the Dade County Public Schools Quinmester Program in French for use with "Le Francais Moderne: Part 1" focus on the development of vocabulary and mastery of grammatical structures. The formation of the passe compose with "avoir," object pronouns, the present tense of regular "-ir" verbs,…

  13. ON THE LE CHATELIER-SAMUELSON PRINCIPLE

    OpenAIRE

    ANDERSON, Richard K.; TAKAYAMA, Akira

    1992-01-01

    This paper obtains a method to derive the Le Chatelier-Samuelson Principle. Not only is it simpler and more straightforward than other methods in the literature, but also it enables us to obtain important results which are not readily accessible otherwise.

  14. Le Chatelier's Principle, Temperature Effects, and Entropy.

    Science.gov (United States)

    Campbell, J. Arthur

    1985-01-01

    One of the most useful methods of understanding chemical equilibria is provided by Le Chatelier's principle. The relationships between this principle, temperature, and entropy are discussed. Tables with thermodynamic data for some net reactions commonly used to illustrate the principle and for reactions involving gases are included. (JN)

  15. Le Chatelier--Right or Wrong?

    Science.gov (United States)

    Helfferich, Friedrich G.

    1985-01-01

    Presents a class exercise designed to find out how well students understand the nature and consequences of the mass action law and Le Chatelier's principle as applied to chemical equilibria. The exercise relates to a practical situation and provides simple relations for maximizing equilibrium quantities not found in standard textbooks. (JN)

  16. Le Chatelier's principle in replicator dynamics

    Science.gov (United States)

    Allahverdyan, Armen E.; Galstyan, Aram

    2011-10-01

    The Le Chatelier principle states that physical equilibria are not only stable, but they also resist external perturbations via short-time negative-feedback mechanisms: a perturbation induces processes tending to diminish its results. The principle has deep roots, e.g., in thermodynamics it is closely related to the second law and the positivity of the entropy production. Here we study the applicability of the Le Chatelier principle to evolutionary game theory, i.e., to perturbations of a Nash equilibrium within the replicator dynamics. We show that the principle can be reformulated as a majorization relation. This defines a stability notion that generalizes the concept of evolutionary stability. We determine criteria for a Nash equilibrium to satisfy the Le Chatelier principle and relate them to mutualistic interactions (game-theoretical anticoordination) showing in which sense mutualistic replicators can be more stable than (say) competing ones. There are globally stable Nash equilibria, where the Le Chatelier principle is violated even locally: in contrast to the thermodynamic equilibrium a Nash equilibrium can amplify small perturbations, though both types of equilibria satisfy the detailed balance condition.

  17. Microscopic Description of Le Chatelier's Principle

    Science.gov (United States)

    Novak, Igor

    2005-01-01

    A simple approach that "demystifies" Le Chatelier's principle (LCP) and simulates students to think about fundamental physical background behind the well-known principles is presented. The approach uses microscopic descriptors of matter like energy levels and populations and does not require any assumption about the fixed amount of substance being…

  18. (Mycosphaerella fijiensis Morelet) chez le bananier plantain

    African Journals Online (AJOL)

    SARAH

    31 mars 2014 ... Aguirre MC, Castano- zapata J, Valencia JA, Zuluaga. LE, Arce C, 1988 a. Interaccion de. Mycosphaerella fijiensis Morelet y M. musicola. Leach en siete genotipos de la Sigatoka negra en la zonacafetera colombiana. Pp. 192-220 in. Memorias del Seminaio Internacional sobre P roduction de Platano.

  19. Le rêve dans la psychanalyse

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Pechar, Jiří

    2016-01-01

    Roč. 12, č. 3 (2016), s. 1-5 ISSN 1336-6556 Institutional support: RVO:67985955 Keywords : psychoanalysis * dream-work * condensation * displacement * screen-memory * Freud Subject RIV: AA - Philosophy ; Religion http://www.ostium.sk/sk/le-r%c8%87ve-dans-la-psychanalyse/

  20. Le recueil littéraire

    OpenAIRE

    Alduy, Cécile; Asselin, Isabelle; Audet, René; Baetens, Jan; Beaudet, Marie-Andrée; Bissonnette, Thierry; Bonenfant, Luc; Bouchet, André du; Brault, Jacques; Brouillette, Marc André; Clément, Anne-Marie; Denis, Benoît; Doucet, Isabelle; Dumont, François; Dupont, Frances Fortier et Caroline

    2016-01-01

    Architecte d'une œuvre plurielle, le recueil est de toutes nos lectures. Puzzle ou série, cycle ou mélange, il se feuillette, se reprend, se quadrille ou se picore. Mais qu'est-ce donc qu'un recueil ?