WorldWideScience

Sample records for jurjen anno battjes

  1. The AnnoLite and AnnoLyze programs for comparative annotation of protein structures

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dopazo Joaquín

    2007-05-01

    Full Text Available Abstract Background Advances in structural biology, including structural genomics, have resulted in a rapid increase in the number of experimentally determined protein structures. However, about half of the structures deposited by the structural genomics consortia have little or no information about their biological function. Therefore, there is a need for tools for automatically and comprehensively annotating the function of protein structures. We aim to provide such tools by applying comparative protein structure annotation that relies on detectable relationships between protein structures to transfer functional annotations. Here we introduce two programs, AnnoLite and AnnoLyze, which use the structural alignments deposited in the DBAli database. Description AnnoLite predicts the SCOP, CATH, EC, InterPro, PfamA, and GO terms with an average sensitivity of ~90% and average precision of ~80%. AnnoLyze predicts ligand binding site and domain interaction patches with an average sensitivity of ~70% and average precision of ~30%, correctly localizing binding sites for small molecules in ~95% of its predictions. Conclusion The AnnoLite and AnnoLyze programs for comparative annotation of protein structures can reliably and automatically annotate new protein structures. The programs are fully accessible via the Internet as part of the DBAli suite of tools at http://salilab.org/DBAli/.

  2. annoPeak: a web application to annotate and visualize peaks from ChIP-seq/ChIP-exo-seq.

    Science.gov (United States)

    Tang, Xing; Srivastava, Arunima; Liu, Huayang; Machiraju, Raghu; Huang, Kun; Leone, Gustavo

    2017-05-15

    We developed annoPeak, a web application to annotate, visualize and compare predicted protein-binding regions derived from ChIP-seq/ChIP-exo-seq experiments using human and mouse cells. Users can upload peak regions from multiple experiments onto the annoPeak server to annotate them with biological context, identify associated target genes and categorize binding sites with respect to gene structure. Users can also compare multiple binding profiles intuitively with the help of visualization tools and tables provided by annoPeak. In general, annoPeak will help users identify patterns of genome wide transcription factor binding profiles, assess binding profiles in different biological contexts and generate new hypotheses. The web service is freely accessible through URL: http://ccc-annopeak.osumc.edu/annoPeak . Source code is available at https://github.com/XingTang2014/annoPeak . gustavo.leone@osumc.edu or kun.huang@osumc.edu. Supplementary data are available at Bioinformatics online.

  3. SplicingTypesAnno: annotating and quantifying alternative splicing events for RNA-Seq data.

    Science.gov (United States)

    Sun, Xiaoyong; Zuo, Fenghua; Ru, Yuanbin; Guo, Jiqiang; Yan, Xiaoyan; Sablok, Gaurav

    2015-04-01

    Alternative splicing plays a key role in the regulation of the central dogma. Four major types of alternative splicing have been classified as intron retention, exon skipping, alternative 5 splice sites or alternative donor sites, and alternative 3 splice sites or alternative acceptor sites. A few algorithms have been developed to detect splice junctions from RNA-Seq reads. However, there are few tools targeting at the major alternative splicing types at the exon/intron level. This type of analysis may reveal subtle, yet important events of alternative splicing, and thus help gain deeper understanding of the mechanism of alternative splicing. This paper describes a user-friendly R package, extracting, annotating and analyzing alternative splicing types for sequence alignment files from RNA-Seq. SplicingTypesAnno can: (1) provide annotation for major alternative splicing at exon/intron level. By comparing the annotation from GTF/GFF file, it identifies the novel alternative splicing sites; (2) offer a convenient two-level analysis: genome-scale annotation for users with high performance computing environment, and gene-scale annotation for users with personal computers; (3) generate a user-friendly web report and additional BED files for IGV visualization. SplicingTypesAnno is a user-friendly R package for extracting, annotating and analyzing alternative splicing types at exon/intron level for sequence alignment files from RNA-Seq. It is publically available at https://sourceforge.net/projects/splicingtypes/files/ or http://genome.sdau.edu.cn/research/software/SplicingTypesAnno.html.

  4. PLSS Townships and Sections, Township Range anno1, Published in 2004, 1:24000 (1in=2000ft) scale, Washington County.

    Data.gov (United States)

    NSGIC GIS Inventory (aka Ramona) — This PLSS Townships and Sections dataset, published at 1:24000 (1in=2000ft) scale as of 2004. It is described as 'Township Range anno1'. Data by this publisher are...

  5. Cities, Towns and Villages, SubdivisionBndryAnno-The data set is the subdivision boundary text., Published in 1998, Davis County Utah.

    Data.gov (United States)

    NSGIC GIS Inventory (aka Ramona) — This Cities, Towns and Villages dataset, was produced all or in part from Field Survey/GPS information as of 1998. It is described as 'SubdivisionBndryAnno-The data...

  6. IL MERAVIGLIOSO PRIMO ANNO DI VITA. THE WONDERFUL FIRST YEAR OF LIFE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ongari, Barbara

    2013-12-01

    Full Text Available Le immense potenzialità del primo anno di vita ed il loro essere a fondamento dello sviluppo della personalità vengono discusse qui in una prospettiva relazionale, evidenziando il significato fondamentale della qualità delle interazioni precoci, verbali e non verbali, tra il bambino ed i suoi caregiver. Viene sottolineato anche il ruolo-chiave delle emozioni e dei vissuti interpersonali nella costruzione dell’architettura della mente infantile. The extraordinary potentialities during the first year of life and the fact that they are at the basis of the development of personality are proposed here using a relational prospective. The fundamental significance connected to the quality of the precocious verbal and non–verbal interactions between infants and their caregiver is evidenced as well. The key-role of the interpersonal emotions and feelings inside the construction of the infants’ mind architecture is highlighted.

  7. AnnoSys—implementation of a generic annotation system for schema-based data using the example of biodiversity collection data

    Science.gov (United States)

    Kusber, W.-H.; Tschöpe, O.; Güntsch, A.; Berendsohn, W. G.

    2017-01-01

    Abstract Biological research collections holding billions of specimens world-wide provide the most important baseline information for systematic biodiversity research. Increasingly, specimen data records become available in virtual herbaria and data portals. The traditional (physical) annotation procedure fails here, so that an important pathway of research documentation and data quality control is broken. In order to create an online annotation system, we analysed, modeled and adapted traditional specimen annotation workflows. The AnnoSys system accesses collection data from either conventional web resources or the Biological Collection Access Service (BioCASe) and accepts XML-based data standards like ABCD or DarwinCore. It comprises a searchable annotation data repository, a user interface, and a subscription based message system. We describe the main components of AnnoSys and its current and planned interoperability with biodiversity data portals and networks. Details are given on the underlying architectural model, which implements the W3C OpenAnnotation model and allows the adaptation of AnnoSys to different problem domains. Advantages and disadvantages of different digital annotation and feedback approaches are discussed. For the biodiversity domain, AnnoSys proposes best practice procedures for digital annotations of complex records. Database URL: https://annosys.bgbm.fu-berlin.de/AnnoSys/AnnoSys PMID:28365735

  8. AnnoSys-implementation of a generic annotation system for schema-based data using the example of biodiversity collection data.

    Science.gov (United States)

    Suhrbier, L; Kusber, W-H; Tschöpe, O; Güntsch, A; Berendsohn, W G

    2017-01-01

    Biological research collections holding billions of specimens world-wide provide the most important baseline information for systematic biodiversity research. Increasingly, specimen data records become available in virtual herbaria and data portals. The traditional (physical) annotation procedure fails here, so that an important pathway of research documentation and data quality control is broken. In order to create an online annotation system, we analysed, modeled and adapted traditional specimen annotation workflows. The AnnoSys system accesses collection data from either conventional web resources or the Biological Collection Access Service (BioCASe) and accepts XML-based data standards like ABCD or DarwinCore. It comprises a searchable annotation data repository, a user interface, and a subscription based message system. We describe the main components of AnnoSys and its current and planned interoperability with biodiversity data portals and networks. Details are given on the underlying architectural model, which implements the W3C OpenAnnotation model and allows the adaptation of AnnoSys to different problem domains. Advantages and disadvantages of different digital annotation and feedback approaches are discussed. For the biodiversity domain, AnnoSys proposes best practice procedures for digital annotations of complex records. https://annosys.bgbm.fu-berlin.de/AnnoSys/AnnoSys.

  9. Su 1910. L'emancipazione della dissonanza: Correva l’anno 1910 il nichilismo conquistava l’Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Magrelli

    2014-05-01

    Full Text Available Pochi anni fa, Paolo Conti pubblicò da Laterza un libro intitolato 1969. Tutto in un anno. Rispetto al celebre Sessantotto, il testo riscopriva eventi di vasta portata: Jan Palach a Praga, piazza Fontana a Milano, il divorzio in Italia, il festival di Woodstock, canzoni come Mi ritorni in mente di Battisti e Abbey Road dei Beatles, film quali Easy Rider e Fellini Satyricon, fino allo sbarco dell’uomo sulla Luna. Da parte sua, mesi fa, Florian Illies ha presentato 1913. L’anno prima della tempesta (Marsilio, p. 303, 19,50 euro. Tra musica, arte e letteratura, l’autore studia Marcel Duchamp e Ludwig Kirchner, Stravinskij e Schönberg, quindi Kafka, Rilke, Brecht, scorgendo, sullo sfondo, Freud e Hitler. Ben diverso dal primo, più simile al secondo, appare adesso 1910. L’emancipazione della dissonanza, di Thomas Harrison (Editori Riuniti, p. 330, 20 euro.

  10. L'esperienza di un anno di sorveglianza attiva in area intensiva in un grande ospedale romano

    OpenAIRE

    F. Cerquetani; P. Magrini; Marangoni, L.; Marchianò, V.; C. Proietti; D. Batticiocca; Cherubini, C.; Domenici, M.; Rao, A; Tosti, A

    2012-01-01

    A seguito dei dati emersi dalla sorveglianza di tutte le Infezioni Ospedaliere (i.o.) attivata dall’anno 2000 presso l’Azienda Ospedaliera S.F. Neri (837 p.l. di alta specializzazione, DEA di 2° livello), il Comitato i.o. ha deciso di monitorare le i.o. nelle aree intensive dell’ospedale (29 p.l. di cui 10 in Rianimazione e 19 in T.I. post-chirugiche) con sistema di rilevazione in grado di fornire dati confrontabili a livello internazionale. È stato applicato il protocollo di sorvegl...

  11. Mortalitá per tumori nella Provincia di Palermo (anno 2000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Cusimano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: in Italia la percentuale di popolazione coperta da Registri Tumori nel meridione è inferiore rispetto alle aree del centro-nord: la disponibilità di dati aggiornati di mortalità per tumori nella Provincia di Palermo (1 milione e 250mila abitanti di cui 700mila residenti nella città di Palermo acquista in tale contesto il duplice significato di indicatore di morbosità, al fine di valutare le risorse necessarie a questo settore dell’assistenza sanitaria, e di elemento informativo per la prossima realizzazione del Registro Tumori della Provincia di Palermo.

    Materiali e metodi: dal Registro delle Cause di morte dell’anno 2000 sono stati identificati, per i deceduti residenti a Palermo e negli 81 comuni della Provincia (morti nel comune di residenza o in comune diverso, i record relativi ai codici compresi tra 140 e 239 (Settore II, Tumori della IX Revisione della Classificazione Internazionale delle Malattie. Sono stati calcolati i tassi di mortalità specifici per sesso ed età utilizzando la popolazione residente al 1/1/2000 (ISTAT e i tassi standardizzati utilizzando la popolazione italiana al censimento del 1981. Risultati: nel 2000 nella Provincia di Palermo sono stati osservati 2863 decessi per tumore (1636 maschi e 1227 femmine. Il tasso di mortalità standardizzato è risultato pari a 231.5/100mila nei maschi e 169.7/100mila nelle femmine. Nel comune di Palermo la mortalità è superiore a quella osservata nei comuni della provincia, sia nei maschi (276.8 vs 187.4 che nelle femmine (180.0 vs 158.8

    Conclusioni: i dati di mortalità per tumore costituiscono un importante indicatore di morbosità, particolarmente in assenza di dati di incidenza. L’osservazione che la provincia di Palermo mostra una mortalità per tumori simile a quella riportata dai Registri del centro Italia (Macerata, Umbria, Sassari e superiore a quella riportata dal Registro di Ragusa

  12. ChIPpeakAnno: a Bioconductor package to annotate ChIP-seq and ChIP-chip data

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pagès Hervé

    2010-05-01

    Full Text Available Abstract Background Chromatin immunoprecipitation (ChIP followed by high-throughput sequencing (ChIP-seq or ChIP followed by genome tiling array analysis (ChIP-chip have become standard technologies for genome-wide identification of DNA-binding protein target sites. A number of algorithms have been developed in parallel that allow identification of binding sites from ChIP-seq or ChIP-chip datasets and subsequent visualization in the University of California Santa Cruz (UCSC Genome Browser as custom annotation tracks. However, summarizing these tracks can be a daunting task, particularly if there are a large number of binding sites or the binding sites are distributed widely across the genome. Results We have developed ChIPpeakAnno as a Bioconductor package within the statistical programming environment R to facilitate batch annotation of enriched peaks identified from ChIP-seq, ChIP-chip, cap analysis of gene expression (CAGE or any experiments resulting in a large number of enriched genomic regions. The binding sites annotated with ChIPpeakAnno can be viewed easily as a table, a pie chart or plotted in histogram form, i.e., the distribution of distances to the nearest genes for each set of peaks. In addition, we have implemented functionalities for determining the significance of overlap between replicates or binding sites among transcription factors within a complex, and for drawing Venn diagrams to visualize the extent of the overlap between replicates. Furthermore, the package includes functionalities to retrieve sequences flanking putative binding sites for PCR amplification, cloning, or motif discovery, and to identify Gene Ontology (GO terms associated with adjacent genes. Conclusions ChIPpeakAnno enables batch annotation of the binding sites identified from ChIP-seq, ChIP-chip, CAGE or any technology that results in a large number of enriched genomic regions within the statistical programming environment R. Allowing users to pass their

  13. Integrated annotation and analysis of in situ hybridization images using the ImAnno system: application to the ear and sensory organs of the fetal mouse.

    Science.gov (United States)

    Romand, Raymond; Ripp, Raymond; Poidevin, Laetitia; Boeglin, Marcel; Geffers, Lars; Dollé, Pascal; Poch, Olivier

    2015-01-01

    An in situ hybridization (ISH) study was performed on 2000 murine genes representing around 10% of the protein-coding genes present in the mouse genome using data generated by the EURExpress consortium. This study was carried out in 25 tissues of late gestation embryos (E14.5), with a special emphasis on the developing ear and on five distinct developing sensory organs, including the cochlea, the vestibular receptors, the sensory retina, the olfactory organ, and the vibrissae follicles. The results obtained from an analysis of more than 11,000 micrographs have been integrated in a newly developed knowledgebase, called ImAnno. In addition to managing the multilevel micrograph annotations performed by human experts, ImAnno provides public access to various integrated databases and tools. Thus, it facilitates the analysis of complex ISH gene expression patterns, as well as functional annotation and interaction of gene sets. It also provides direct links to human pathways and diseases. Hierarchical clustering of expression patterns in the 25 tissues revealed three main branches corresponding to tissues with common functions and/or embryonic origins. To illustrate the integrative power of ImAnno, we explored the expression, function and disease traits of the sensory epithelia of the five presumptive sensory organs. The study identified 623 genes (out of 2000) concomitantly expressed in the five embryonic epithelia, among which many (∼12%) were involved in human disorders. Finally, various multilevel interaction networks were characterized, highlighting differential functional enrichments of directly or indirectly interacting genes. These analyses exemplify an under-represention of "sensory" functions in the sensory gene set suggests that E14.5 is a pivotal stage between the developmental stage and the functional phase that will be fully reached only after birth.

  14. L'esperienza di un anno di sorveglianza attiva in area intensiva in un grande ospedale romano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Cerquetani

    2003-05-01

    Full Text Available

    A seguito dei dati emersi dalla sorveglianza di tutte le Infezioni Ospedaliere (i.o. attivata dall’anno 2000 presso l’Azienda Ospedaliera S.F. Neri (837 p.l. di alta specializzazione, DEA di 2° livello, il Comitato i.o. ha deciso di monitorare le i.o. nelle aree intensive dell’ospedale (29 p.l. di cui 10 in Rianimazione e 19 in T.I. post-chirugiche con sistema di rilevazione in grado di fornire dati confrontabili a livello internazionale. È stato applicato il protocollo di sorveglianza predisposto dal NNIS (National Nosocomial Infections Surveillance adottando i criteri di i.o. dei CDC di Atlanta.

    Dal 15 maggio 2002, 4 infermieri ICI della Direzione Sanitaria di Presidio rilevano quotidianamente i parametri clinici di tutti i pazienti ricoverati in area critica, inserendo i dati in un sistema informatizzato appositamente realizzato per l’analisi statistica.

    Al 31 maggio 2003 (382 gg di sorveglianza risultano osservati 1844 pazienti, per un totale di 10367 giornate di degenza intensiva (ggd: sono state rilevate 430 i.o. (23.3% in 126 pz (6.8% con un tasso di 40.4 i.o./1000 ggd (59 in Rianimazione,43.7 in Neurochirurgia, 38.6 in Toracica, 16.1 in Cardiochirurgia e 14.3 in Vascolare; il 43% delle i.o. rilevate ha localizzazione polmonare (incidenza di 17.4 i.o./1000 ggd seguita dal 34.7% delle sepsi/batteriemie (tasso di incidenza di 14 i.o./1000 ggd; i tassi di i.o. associati a dispositivo sono risultati pari a 37.7 per i.o. polmonari associate a ventilazione meccanica (VAP e 19.7 per le batteriemie/sepsi (BSI CVC-correlate.
    La sorveglianza in corso ha consentito di monitorare nel tempo le i.o. confrontandole con i dati internazionali (evidenziando tassi più elevati di VAP e BSI, e consentendo un confronto tra le aree intensive dell’ospedale, con individuazione di indicatori, quali degenza media e mortalità degli infetti, che hanno evidenziato l’importanza di una netta distinzione delle aree di ricovero dei

  15. Prorenin anno 2008

    NARCIS (Netherlands)

    A.H.J. Danser (Jan); W.W. Batenburg (Wendy); J.H.M. Esch, van (Joep); M. Krop (Manne)

    2008-01-01

    textabstractFor many years, prorenin has been considered to be nothing more than the inactive precursor of renin. Yet, its elevated levels in diabetic subjects with microvascular complications and its extrarenal production at various sites in the body suggest otherwise. This review discusses the ori

  16. Prorenin anno 2008

    NARCIS (Netherlands)

    A.H.J. Danser (Jan); W.W. Batenburg (Wendy); J.H.M. Esch, van (Joep); M. Krop (Manne)

    2008-01-01

    textabstractFor many years, prorenin has been considered to be nothing more than the inactive precursor of renin. Yet, its elevated levels in diabetic subjects with microvascular complications and its extrarenal production at various sites in the body suggest otherwise. This review discusses the

  17. Virksomhedsteori - anno 2002

    DEFF Research Database (Denmark)

    Busch-Jensen, Peter

    2002-01-01

    Artiklen diskuterer centrale begreber i virksomhedsteorien, som den præsenteres af bl.a. A.N. Leontjev. Argumentationen peger på problemer mht. virksomhedsteoriens motivbegreb, dens marx-inspirerede tilgang til menneskets ontologi og fylogenese, samt sprogteori. Slutteligt argumenteres derfor for...

  18. Sub anno domini 1465... In casa de’ figliuoli di Aldo. Origin and advancements of the printing press in Italy through the exemplars of the Bagnacavallo ‘Giuseppe Taroni’ library

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Fabbri

    2016-11-01

    Full Text Available The paper contains the descriptions of the ancient books owned by the Public Library ‘Giuseppe Taroni’ in Bagnacavallo, which were selected for the exhibition Sub anno domini 1465... In casa de’ figliuoli di Aldo to celebrate the printing of the first book in Italy by Konrad Sweynheym and Arnold Pannartz with datation included in the colophon (Subiaco, 1465 and the fifth centenary of Aldus Manutius’ death, the major Italian printer and publisher of the Renaissance age (1449-52?-1515. Among the exhibited copies the one belonging to the Roman edition of 1470 of the work of the Christian scholar Lactantius, the only one copy printed by Sweynheym and Pannartz owned by the Library in Bagnacavallo, and a selection of books printed by Aldus Manutius and his heirs, among which the only copy found in this library of a book printed by Aldus The Elder, belonging to Institutiones Grammaticae of 1514.

  19. Moliere anno 2005 / Kalmer Saar

    Index Scriptorium Estoniae

    Saar, Kalmer

    2005-01-01

    PÖFFi Suvekino näitab saksa tummfilmi klassikasse kuuluvat Fr.W. Murnau filmi "Tartüff" (1925), mida saadab kohapeal Ardo Ran Varrese originaalmuusika "Tartüff live" ARV Ensemble esituses. Lähemalt filmist

  20. The genus Phytophthora anno 2012.

    Science.gov (United States)

    Kroon, Laurens P N M; Brouwer, Henk; de Cock, Arthur W A M; Govers, Francine

    2012-04-01

    Plant diseases caused by Phytophthora species will remain an ever increasing threat to agriculture and natural ecosystems. Phytophthora literally means plant destroyer, a name coined in the 19th century by Anton de Bary when he investigated the potato disease that set the stage for the Great Irish Famine. Phytophthora infestans, the causal agent of potato late blight, was the first species in a genus that at present has over 100 recognized members. In the last decade, the number of recognized Phytophthora species has nearly doubled and new species are added almost on a monthly basis. Here we present an overview of the 10 clades that are currently distinguished within the genus Phytophthora with special emphasis on new species that have been described since 1996 when Erwin and Ribeiro published the valuable monograph 'Phytophthora diseases worldwide' (35).

  1. Lærer anno 2017

    DEFF Research Database (Denmark)

    Frederiksen, Lisbeth Angela Lunde; Beck, Mette Holdsendorf

    2016-01-01

    I denne artikel sættes der fokus på underskud af demokratisk dannelse og kritisk tænkning i den nye læreruddannelse. Vi vil argumentere for, at uddannelsen i mindre grad har en ekspliciteret intention om at uddanne demokratiske dannede professionelle, bl.a. forstået som professionelle visionære a...

  2. Chimica-fisica primo anno

    CERN Document Server

    Bianchi, U; Volta, L

    Termodinamica ; cenni sulla costituzione della materia ; il metodo statistico ; le statistiche di Boltzmann-Maxwell, Bose-Einstein e Fermi-Dirac ; studio termodinamico e statistico del gas perfetto e delle miscele gassose ; i solidi cristallini ; le reazioni chimiche.

  3. Soldato regio - Italia anno zero

    OpenAIRE

    Sarasso, Simone

    2012-01-01

    Roma, dintorni di Porta Pia, 20 settembre 1870 Il cielo di Roma è latte caldo. Afa appiccicosa : la marsina di panno mi scuoia, gli spallacci d’ordinanza segano le articolazioni. Cristo Santo, se solo potessi strapparmi la maschera ! L’odore del cuoio conciato si mischia col sudore, riaccende vecchi sfregi : la brace, in volto, è niente in confronto al peso sul cuore. Manca poco, ormai è tempo. Le staffette urlano che i papalini hanno calato le braghe, la fanteria scalpita per spingere l’arie...

  4. Fem balancepunkter i ledelse anno 2010

    DEFF Research Database (Denmark)

    Holt Larsen, Henrik

    2010-01-01

    Personlighed, omstilling, motivation, generalist og sammenhængskraft er fem nøgleord for en moderne leder og hans eller hendes medarbejdere......Personlighed, omstilling, motivation, generalist og sammenhængskraft er fem nøgleord for en moderne leder og hans eller hendes medarbejdere...

  5. Autasustatud arhitektid anno 1998 / Triin Ojari

    Index Scriptorium Estoniae

    Ojari, Triin, 1974-

    1998-01-01

    Pritzkeri arhitektuuriauhinna sai Renzo Piano. Carlsbergi arhitektuuripreemia ئ Peter Zumthor. Suurbritannia arhitektuuriauhinna Stirlingi preemia võitis sir Norman Foster Inglismaal Duxfordis asuva Ameerika Õhujõudude Muuseumi hoone eest. Esimest korda anti välja välja Mies van der Rohe Fondi preemia Ladina-Ameerika arhitektuurile. Preemia sai Mehhiko arhitektuuribüroo TEN Arquitectose Televisa hoone Mexico Citys

  6. Musitseerivad robotid - Jaapan anno 2005 / Erkki Bahovski

    Index Scriptorium Estoniae

    Bahovski, Erkki, 1970-

    2005-01-01

    25. märtsist 25. septembrini toimub Jaapanis Nagoyas maailmanäitus Aichi Expo 2005. Teemaks on "Looduse tarkus", mis on seotud keskkonnakaitsega. Jaapanlased tutvustavad maailmale musitseerivaid ja kodutöid tegevaid roboteid

  7. Nell’anno di Nikola Tesla

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Persida Lazarević Di Giacomo

    2006-12-01

    Full Text Available The 150th Anniversary Celebration of Nikola Tesla The paper deals with the 150th anniversary celebration of Nikola Tesla, the greatest ever Yugoslav scientist. Due to his origins, Tesla is contended between Serbia and Croatia, but he is also considered to be an American scientist since he registered most of his patents in the USA. Although there is some dissension between Serbia and Croatia regarding the historical facts about Tesla’s life, it can be asserted that Tesla appears to be an example of collaboration among the former Yugoslav countries. Tesla, however, deserves to be remembered as well as the author of autobiographical prose (My Inventions; Some Personal Recollections; A Strange Experience by Nikola Tesla and as the protagonist of many works published in Serbo-Croatian and in English, such as Miloš Crnjanski’s drama Tesla (1969 or The Hunger and Ecstasy of Vampires (1996 by Brian M. Stableford, for example. This fact should not be neglected and actually should be researched more fully.

  8. Madrid anno domini 1997 / Marianne Mikko

    Index Scriptorium Estoniae

    Mikko, Marianne, 1961-

    2004-01-01

    Autor meenutab Eesti NATO-ga liitumise taustal dramaatilist NATO tippkohtumist Madridis 1997. aastal, kus polnud lõpuni selge, kuidas antakse kommünikees Baltimaadele mõista, et nad ei jää NATO laienemisest kõrvale

  9. Autasustatud arhitektid anno 1998 / Triin Ojari

    Index Scriptorium Estoniae

    Ojari, Triin, 1974-

    1998-01-01

    Pritzkeri arhitektuuriauhinna sai Renzo Piano. Carlsbergi arhitektuuripreemia ئ Peter Zumthor. Suurbritannia arhitektuuriauhinna Stirlingi preemia võitis sir Norman Foster Inglismaal Duxfordis asuva Ameerika Õhujõudude Muuseumi hoone eest. Esimest korda anti välja välja Mies van der Rohe Fondi preemia Ladina-Ameerika arhitektuurile. Preemia sai Mehhiko arhitektuuribüroo TEN Arquitectose Televisa hoone Mexico Citys

  10. Nell’anno di Nikola Tesla

    OpenAIRE

    Persida Lazarević Di Giacomo

    2006-01-01

    The 150th Anniversary Celebration of Nikola Tesla The paper deals with the 150th anniversary celebration of Nikola Tesla, the greatest ever Yugoslav scientist. Due to his origins, Tesla is contended between Serbia and Croatia, but he is also considered to be an American scientist since he registered most of his patents in the USA. Although there is some dissension between Serbia and Croatia regarding the historical facts about Tesla’s life, it can be asserted that Tesla appears to be an...

  11. Madrid anno domini 1997 / Marianne Mikko

    Index Scriptorium Estoniae

    Mikko, Marianne, 1961-

    2004-01-01

    Autor meenutab Eesti NATO-ga liitumise taustal dramaatilist NATO tippkohtumist Madridis 1997. aastal, kus polnud lõpuni selge, kuidas antakse kommünikees Baltimaadele mõista, et nad ei jää NATO laienemisest kõrvale

  12. Un anno molto verde e senza fili

    CERN Multimedia

    2008-01-01

    The review American "Popular Science" gives the directory of the surprises who reserves us 2008: Biocarburants and electronic paper to save computer and cellular phone that won't owe to be reloaded anymore

  13. Pediatric otorhinolaryngology anno 2008: towards European standards for training?

    LENUS (Irish Health Repository)

    Verwoerd, Carel

    2009-06-01

    The Union Européen des Médecins Spécialistes (UEMS) has been promoting harmonization of specialist training programs in Europe. Anticipating a future contribution to a European standard for training specialists for tertiary care of children with otorhinolaryngology (ORL)-related problems this Round Table was organized by ESPO. The presentations refer to six European countries. The number of ORL specialists (including pediatric ORL specialists) appeared to vary from +\\/-8 to +\\/-1 per 100,000 inhabitants, suggesting significant differences as far as their contribution to health care is concerned. Numbers for pediatricians vary from 12 to 3 and for family doctors from 50 to 100 per 100,000. In two countries pediatric ORL has the status of an official sub-specialty for tertiary care, requiring at least 2 years of additional training for qualified ORL specialists. In three other countries specific centers for pediatric ORL are present, although the sub-specialty has no official status. In the last a center for pediatric otorhinolaryngology has not yet been established and facilities for training in pediatric ORL are not available. For each country various aspects of current practice of tertiary ORL care for children are presented. It is concluded that a European standard for pediatric ORL could be most useful, if it would not only refer to current diagnostic and therapeutic skills but also to relevant scientific knowledge and skills. However, it should be recognized that the relevance of today\\'s standards is restricted, as medicine and medical technology are rapidly developing.

  14. Hand Hygiene among Health Care Professionals - anno 2007

    DEFF Research Database (Denmark)

    Laustsen, Sussie; Kristensen, Brian

    2007-01-01

    A literature review shows that hand disinfection is superior to hand washing concerning the elimination of microorganisms. Alcohol-based hand rubs quickly and easily reduce the number of microorganisms on hands. It is important that healthcare professionals prevent the transmission of microorgani...

  15. Defining management competencies anno 2025: A Business-University collaboration

    NARCIS (Netherlands)

    Ropes, Donald

    2014-01-01

    This paper presents the results of a business – university collaborative research project on defining lower management competencies in the year 2025. The purpose of the research was to help a large local airport to define and understand what competencies lower management will need in order to functi

  16. Low Level Caesium Mapping in Latvia Anno 1996

    DEFF Research Database (Denmark)

    Aage, Helle Karina

    1999-01-01

    In Latvia the caesium-137 contamination from the Chernobyl accident and from the nuclear weapon tests in the 1960´es is very low. Conventional techniques for extracting information from the measured spectra cannot be used here. Therefore a new, sensitive technique - the pseudo concentration method...

  17. Low Level Caesium Mapping in Latvia Anno 1995

    DEFF Research Database (Denmark)

    Aage, Helle Karina

    1999-01-01

    In Latvia the caesium-137 contamination from the Chernobyl accident and from the nuclear weapon tests in the 1960´es is very low. Conventional techniques for extracting information from the measured spectra cannot be used here. Therefore a new, sensitive technique - the pseudo concentration method...

  18. It's about time (or is it?) Warhol anno 2007?

    NARCIS (Netherlands)

    Hesselberth, P.

    2008-01-01

    In this paper I focus on the audiovisual work of Andy Warhol as it was presented in the Warhol exhibition "Andy Warhol: Other Voices, Other Rooms" which took place in Amsterdam in 2007. By investigating the self-reflexive play with cinematic temporality performed upon the viewer I wish to address ho

  19. Hand Hygiene among Health Care Professionals - anno 2007

    DEFF Research Database (Denmark)

    Laustsen, Sussie; Kristensen, Brian

    2007-01-01

    A literature review shows that hand disinfection is superior to hand washing concerning the elimination of microorganisms. Alcohol-based hand rubs quickly and easily reduce the number of microorganisms on hands. It is important that healthcare professionals prevent the transmission...... of microorganisms by hand disinfection before and after patient-related procedures. Factors that influence adherence to hand disinfection are discussed. Udgivelsesdato: Nov 26...

  20. The OE-A OPV demonstrator anno domini 2011

    NARCIS (Netherlands)

    Krebs, F.C.; Fyenbo, J.; Tanenbaum, D.M.; Gevorgyan, S.A.; Andriessen, H.A.J.M.; Remoortere, B. van; Galagan, Y.O.; Jørgensen, M.

    2011-01-01

    Polymer solar cells were prepared in large numbers using roll-to-roll methods and were subsequently integrated into the Organic Electronics Association (OE-A) demonstrator in the year 2011 and presented as a small credit card sized lamp with a flat outline. The lamp comprised the polymer solar cell

  1. Low Level Caesium Mapping in Latvia Anno 1996

    DEFF Research Database (Denmark)

    Aage, Helle Karina

    1999-01-01

    In Latvia the caesium-137 contamination from the Chernobyl accident and from the nuclear weapon tests in the 1960´es is very low. Conventional techniques for extracting information from the measured spectra cannot be used here. Therefore a new, sensitive technique - the pseudo concentration method...... - was developed, and maps could be produced for several regions in Latvia measured with airborne gamma-ray spectrometry in 1996....

  2. The OE-A OPV demonstrator anno domini 2011

    DEFF Research Database (Denmark)

    Krebs, Frederik C; Fyenbo, Jan; Tanenbaum, David M.

    2011-01-01

    Roll-to-roll manufacture of OPV and integration into credit card sized flashlights for the OE-A demonstrate that large numbers (10 000 units) can be prepared in high technical yield.......Roll-to-roll manufacture of OPV and integration into credit card sized flashlights for the OE-A demonstrate that large numbers (10 000 units) can be prepared in high technical yield....

  3. The OE-A OPV demonstrator anno domini 2011

    NARCIS (Netherlands)

    Krebs, F.C.; Fyenbo, J.; Tanenbaum, D.M.; Gevorgyan, S.A.; Andriessen, H.A.J.M.; Remoortere, B. van; Galagan, Y.O.; Jørgensen, M.

    2011-01-01

    Polymer solar cells were prepared in large numbers using roll-to-roll methods and were subsequently integrated into the Organic Electronics Association (OE-A) demonstrator in the year 2011 and presented as a small credit card sized lamp with a flat outline. The lamp comprised the polymer solar cell

  4. Cannabis Allergy: What do We Know Anno 2015.

    Science.gov (United States)

    Decuyper, Ine; Ryckebosch, Hanne; Van Gasse, Athina L; Sabato, Vito; Faber, Margaretha; Bridts, Chris H; Ebo, Didier G

    2015-10-01

    For about a decade, IgE-mediated cannabis (marihuana) allergy seems to be on the rise. Both active and passive exposure to cannabis allergens may lead to a cannabis sensitization and/or allergy. The clinical manifestations of a cannabis allergy can vary from mild to life-threatening reactions, often depending on the route of exposure. In addition, sensitization to cannabis allergens can trigger various secondary cross-allergies, mostly for plant-derived food. This clinical entity, which we have designated as the "cannabis-fruit/vegetable syndrome" might also imply cross-reactivity with tobacco, latex and plant-food derived alcoholic beverages. These secondary cross-allergies are mainly described in Europe and appear to result from cross-reactivity between non-specific lipid transfer proteins or thaumatin-like proteins present in Cannabis sativa and their homologues that are ubiquitously distributed throughout plant kingdom. At present, diagnosis of cannabis-related allergies rests upon a thorough history completed with skin testing using native extracts from buds and leaves. However, quantification of specific IgE antibodies and basophil activation tests can also be helpful to establish correct diagnosis. In the absence of a cure, treatment comprises absolute avoidance measures including a stop of any further cannabis (ab)use.

  5. Dedicated to Prof. Dr.-Ing. Dr.techn. E.h. Jurjen Zierep on the occasion of his 80th birthday Transonic flows in narrow channels

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    A. Kluwick

    2009-01-01

    This article is the written version of a lecture given at the Festkolloquium on the occasion of Prof. Dr.-Ing.Dr.techn. E.h. Jurgen Zierep's 80th birthday held at the Universitat Karlsrube, 21 January 2009. It deals with laminar viscous inviscid interactions in transonic narrow channel flows. Special emphasis is placed on the internal structure of pseudo-shocks and properties of nozzle flows. Also, it is shown that the theory, first formulated for perfect gases, can easily be extended to the case of general single phase fluids.

  6. Dedicated to Professor Dr.-Ing. Prof.E.h. Dr.techn.E.h. Dr.h.c. Jurjen Zierep for his 80th birthday Pattern Formation in Rotating Fluids

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    Karl Buhler

    2009-01-01

    Flows in nature and technology are often associated with specific structures and pattern. This paper deals with the development and behaviour of such flow pattern. Flow structures are important for the mass, momentum and en-ergy transport. The behaviour of different flow pattern is used by engineers to obtain an efficient mass and energy consumption. Mechanical power is transmitted via the momentum of rotating machine parts. Therefore the physical and mathematical knowledge of these basic concepts is important. Theoretical and experimental investi-gations of principle experiments are described in the following. We start with the classical problem of the flow between two concentric cylinders where the inner cylinder rotates. Periodic instabilities occur which are called Taylor vortices. The analogy between the cylindrical gap flow, the heat transfer in a horizontal fluid layer exposed to the gravity field and the boundary layer flow along concave boundaries concerning their stability behaviour is addressed. The vortex breakdown phenomenon in a cylinder with rotating cover is also described. A generaliza-tion to spherical sectors leads then to investigations with different boundary conditions. The spherical gap flow exhibits interesting phenomena concerning the nonlinear character of the Navier-Stokes equations. Multiple solu-tions in the nonlinear regime give rise to different routes during the laminar-turbulent transition. The interaction of two rotating spheres results in flow structures with separation and stagnation lines. Experimental results are confirmed by numerical simulations.

  7. Läti Henrik meets Riia Arsenals, anno Domini 2006 / Lauri Kärk

    Index Scriptorium Estoniae

    Kärk, Lauri, 1954-

    2006-01-01

    Arsenalsi filmifestivalist Riias, kus rahvusvahelises võistlusprogrammis osalenud Õ-Fraktsiooni mängufilm "Malev" sai auhinnaks 10 000 USA dollarit. Mati Küti "Une instituut" tunnistati Balti parimaks animatsiooniks

  8. Dietary exposure to dioxins and dioxin-like PCBs in The Netherlands anno 2004.

    Science.gov (United States)

    De Mul, Anika; Bakker, Martine I; Zeilmaker, Marco J; Traag, Wim A; Leeuwen, Stefan P J van; Hoogenboom, Ron L A P; Boon, Polly E; Klaveren, Jacob D van

    2008-08-01

    In this study, representative occurrence data for PCDD/Fs and dioxin-like PCBs in food were obtained and used to estimate dietary exposure of the Dutch population. Food composite samples were analyzed as well as single fish and vegetables samples. Total dioxin concentrations in animal products ranged from 0.05 pg TEQ/g product in poultry to 2.5 pg TEQ/g product (using TEF(2006)) in fish (shrimp), with 0.12pg TEQ/g product being the lowest concentrations measured in fish (tuna). In vegetable products, concentrations ranged from 0.00002 pg TEQ/g product (white kale) to 0.19 pg TEQ/g (oils and fats). A long-term dietary exposure distribution was calculated using Monte Carlo Risk Assessment software. The lower bound median exposure of the Dutch population to PCDD/Fs and dioxin-like PCBs was estimated at 0.8 pg WHO-TEQ/kgbw/d, half of which were dioxin-like PCBs. Dairy was the main source (38%) due to its high consumption. Time-trend analysis shows that the exposure to dioxins has further decreased by 35% over the past five years. This is due to lower levels of dioxin-like compounds in most of the foods, mainly influenced by lower levels in meat and milk. The use of the new TEFs gives an exposure reduction of 10% with respect to TEF(1998). Still, 4% of the Dutch population exceeds the exposure limit of 14 pg/kgbw/week as set by the EU.

  9. Birgitta festival anno 2011 : Ooperiklassikat moodsa kujunduse kaudu / Kristel Pappel, Harry Liivrand

    Index Scriptorium Estoniae

    Pappel, Kristel, 1961-

    2012-01-01

    Birgitta festivalist ja seal etendunud G. Verdi ooperist "Attila" (avastaja Üllar Saaremäe), Moskva ooperiteatri Helikon lavastustest A. Dvoraki "Näkineid" ja G. Bizet' "Carmen" (mõlema lavastaja Dmitri Bertman)

  10. Läti Henrik meets Riia Arsenals, anno Domini 2006 / Lauri Kärk

    Index Scriptorium Estoniae

    Kärk, Lauri, 1954-

    2006-01-01

    Arsenalsi filmifestivalist Riias, kus rahvusvahelises võistlusprogrammis osalenud Õ-Fraktsiooni mängufilm "Malev" sai auhinnaks 10 000 USA dollarit. Mati Küti "Une instituut" tunnistati Balti parimaks animatsiooniks

  11. Dietary exposure to dioxins and dioxin-like PCBs in The Netherlands anno 2004

    NARCIS (Netherlands)

    Mul, de A.; Bakker, M.I.; Zeilmaker, M.J.; Traag, W.A.; Leeuwen, van S.P.J.; Hoogenboom, L.A.P.; Boon, P.E.; Klaveren, van J.D.

    2008-01-01

    In this study, representative occurrence data for PCDD/Fs and dioxin-like PCBs in food were obtained and used to estimate dietary exposure of the Dutch population. Food composite samples were analyzed as well as single fish and vegetables samples. Total dioxin concentrations in animal products range

  12. Informative privacy and confidentiality for adolescents: the attitude of the Flemish paediatrician anno 2010.

    Science.gov (United States)

    Deneyer, Michel; Devroey, Dirk; De Groot, Etienne; Buyl, Ronald; Clybouw, Ciska; Vandenplas, Yvan

    2011-09-01

    Confidentiality is a major issue in adolescent healthcare, and its perceived absence may be the main barrier for an adolescent to seek medical care. Little is known about the right on informative privacy and confidentiality for adolescents in Belgium, although these rights are unambiguously foreseen in the law on patients' rights since 2002. There are no data available regarding the introduction of a private moment with the physician during a consultation, about the nature and the quantity of information made available to parents by the paediatricians regarding the health situation of adolescents and about the existence of procedures with regard to these matters. The purpose of this study is to map out the current interpretation and the attitude of the paediatrician with regard to the right to confidentiality and informative privacy. The answers of 117 Flemish paediatricians to an anonymous questionnaire were analyzed. An unaccompanied medical visit is not frequent in Belgium (only 1%). Only 35.1% of the paediatricians systematically offer the possibility to have a private conversation with an adolescent. Almost 80% of the paediatricians render, as a rule, all information to the parents. Parents are informed about sensible information regarding psychosocial aspects, including data concerning sexual behaviour, in not less than 83.2% of the consultations by adolescents. Only in 2.9% no information is given to the parents. The paediatricians employ only for 13% the procedures regarding confidentiality for minors. This study reveals that Flemish paediatricians have a paternalistic attitude concerning the right on confidentiality and informative privacy, which is not in line with the Belgian legislation. Paediatricians offer only seldom the possibility for a private conversation to the adolescent. The small incidence of unaccompanied medical consultations contributes to this. Proper application of the legal context, the handling of the watertight procedures and the necessary communication in this respect is indispensable for the confidence and will lower the barrier for adolescents to use the healthcare system.

  13. Driving Cessation Anno 2010 Which Older Drivers Give Up Their License and Why? Evidence From Denmark

    DEFF Research Database (Denmark)

    Siren, Anu Kristiina; Haustein, Sonja

    2016-01-01

    This study focuses on the decision to either stop or continue driving among a cohort of Danish seniors whose driving licenses expire, for the first time, at the age of 70. Based on 1,537 standardized telephone interviews with licensed drivers, we compared persons who intended to renew...... or not to renew their licenses. The results partly recapture the findings of earlier studies. However, in contrast to former cohorts, a much higher percentage of older drivers intended to keep their licenses. The strongest factors predicting the intention to renew were active car use, feeling safe as a driver...

  14. Digitisation of Library Material in Europe: Problems, Obstacles and Perspectives anno 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Erland Kolding Nielsen

    2008-06-01

    Full Text Available This paper is a short introductory policy paper about the state-of-the-art of digitisation of library material in Europe, seen from the chief executive point of view of a big national and university library in the autumn of 2007. It focuses on current problems, obstacles, and some perspectives. What has been achieved, what are the problems and obstacles in terms of especially mass digitisation in the light of the so-called Google challenge and the response by the Commission of the European Union, and what are the consequences likely to be?

  15. Energy conservation with domotica applications. An outline of 2001; Energiebesparing bij domoticatoepassingen. Een verkenning anno 2001

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Vrins, E.M.H. Vrins; Boer, F.M.; Donze, G.J. [W/E adviseurs duurzaam bouwen, Gouda (Netherlands); Van Zoelen, M.S. [Van Nimwegen en Partners, Amsterdam (Netherlands)

    2002-09-01

    In this research energy savings through application of energy saving home automation systems were calculated for six residence/resident combinations. [Dutch] In deze studie is voor zes woning/bewonercombinaties (zie tabel I) berekend welke energiebesparing bereikt kan worden door de toepassing van een domoticasysteem met energiebesparende functies.

  16. De truck van de toekomst. Brandstofbesparing en CO2-reductie anno 2016

    NARCIS (Netherlands)

    Mensch, P. van

    2016-01-01

    Door de toenemende druk op winstmarges en toenemende aandacht voor het klimaat en het milieu is de transportbranche steeds bewuster bezig met brandstofbesparing en het terugbrengen van de CO2-uitstoot. Initiatieven zoals het Connekt ‘Lean and Green’ stimuleringsprogramma en het programma ‘Truck van

  17. L'anno 1961: dell'Angola o i figli disinvolti di Frantz Fanon

    OpenAIRE

    Vincenzo Russo

    2011-01-01

    Fifty years after, Frantz Fanon’s The Wretched of the Earth continues to be one of theoretical models of black radical tradition. The thought of Frantz Fanon was also problematized by the constellation of writers who were engaged in the construction of postcolonial literary identity. The story of the relationship between Fanon and the national liberation movements in Angola illuminates not only political and military processes of decolonization in Africa but also the influence of Fanon's thou...

  18. L'anno 1961: dell'Angola o i figli disinvolti di Frantz Fanon

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Russo

    2011-11-01

    Full Text Available Fifty years after, Frantz Fanon’s The Wretched of the Earth continues to be one of theoretical models of black radical tradition. The thought of Frantz Fanon was also problematized by the constellation of writers who were engaged in the construction of postcolonial literary identity. The story of the relationship between Fanon and the national liberation movements in Angola illuminates not only political and military processes of decolonization in Africa but also the influence of Fanon's thought. In the Pepetela’s novel, A  Geração da Utopia (1992, Elias as a fanonian misreader, reformulates the Fanon’s thought to defend a racial position of UPA (União das Populações de Angola.

  19. Revisiting differential grading standards anno 2014: an exploration in Dutch higher education

    NARCIS (Netherlands)

    B.P. Godor (Brian)

    2017-01-01

    textabstractThe role that teachers have in assessing student coursework is crucial. Their ‘determination’ that a particular piece of student’s work is ‘acceptable’ has many serious consequences. With a lack of debate surrounding assessment, practices may become mired in conventions and disconnected

  20. Black metal - det nye sort: et casestudie af black metal anno 2015

    OpenAIRE

    Zak Echeverría, Adriana

    2016-01-01

    The purpose of this thesis is to examine how black metal has evolved throughout its history in order to determine its current state as a music genre. The study focuses on two cases; the Danish musician Myrkur and the US-based band Deafheaven, as they both have been labeled as black metal acts and achieved critical acclaim within the broad music industry through this perception, which has caused quite an uproar in the black metal underground scene. Through Jennifer C. Lena’s theory on genr...

  1. Kindermishandeling in Nederland anno 2005 : De nationale prevalentiestudie mishandeling van kinderen en jeugdigen (NPM-2005)

    NARCIS (Netherlands)

    IJzendoorn, M.H.; Prinzie, P.; Euser, E.M.; Groeneveld, M.G.; Brilleslijper-Kater, S.N.; Noort-Van der Linden, A.M.T. van; Bakermans-Kranenburg, M.J.; Juffer, F.; Mesman, J.; Klein Velderman, M.; San Martin Beuk, M.; Ohlsen-Koole, P.C.

    2007-01-01

    Hoeveel kinderen in ons land het slachtoffer worden van mishandeling is niet bekend. Daarom is er is behoefte aan cijfermateriaal over de aard en omvang van de problematiek. Het doel van de NPM-2005 is inzicht te verschaffen in de prevalentie van verschillende typen van kindermishandeling in

  2. Teaching special relativity at the hundredth anniversary of Einstein's "anno mirabilis"

    CERN Document Server

    Rothenstein, B

    2005-01-01

    We show that the transformation of relativistic velocities derived without using the Lorentz-Einstein transformation for the space-time coordinates of the same event and the fact that we can define the proper value of length, time interval, mass, electric field intensity enable us to derive transformation equations for the space-time coordinates of the same event, for mass (energy) and momentum of the same particle, for the electric field intensity and magnetic induction generated by the same moving charged particle or electromagnetic wave and for the frequency and the wave number of the same electromagnetic wave. The derivations involve a single scenario: a moving particle that generates events, carries mass (energy) and momentum, electric charge creating electric and magnetic fields. A plane electromagnetic wave is also involved.

  3. Un anno dopo: interpretazione critica e cambiamento partecipato della vita quotidiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2003-12-01

    Full Text Available Quest'orientamento ci permette di considerare e cogliere più adeguatamente le implicazioni della nozione di complessità sociale attraverso la realizzazione e lo sviluppo di uno spazio interdisciplinare di collaborazione e confronto, sviluppando la trasversalità che possiamo cogliere nelle analisi, nelle riflessioni e negli studi che interessano molteplici settori e discipline delle scienze umane e sociali. E' questa un'attività ed un impegno che dovremmo considerare e suscitare ulteriormente per sostenere una trasversalità effettiva e reale, integrata alla prospettiva della complessità sociale nell'analisi dei contesti sociali e culturali, dei problemi umani: osservando attentamente le relazioni e le esperienze sociali degli individui attraverso le loro molteplici connessioni, complementari e circolari, ed i loro multiformi livelli, autonomi e differenti. I contributi di questo numero trimestrale sono un ulteriore segnale che c'invita a proseguire su questo stesso percorso e ci mostra nel contempo la necessità d'esperimentare l'intervento sociale e professionale, dalla ricerca sociale ai percorsi di formazione, dall'analisi all'intervento nei contesti sociali e culturali, come osservazione, interpretazione critica e cambiamento partecipato della vita quotidiana.

  4. De inrichting en bevoegdheden van het auditcomité naar Europees recht anno 2014

    NARCIS (Netherlands)

    van der Elst, C.F.

    2014-01-01

    De Europese Richtlijn 2014/56/EC en Verordening (EU) Nr. 537/2014 hervormen het externe toezicht op grote vennootschappen. Meteen passen zij ook het interne toezicht aan voor zover dit wordt uitgevoerd door de auditcommissie. Deze commissie krijgt van Europa een aantal specifieke taken toegewezen en

  5. Arms and the man: the US Supreme Court anno domine 2008

    NARCIS (Netherlands)

    H. Kurzbauer

    2008-01-01

    Commas and other grammatical inflections are more often associated with the basics of legal English than with the lofty decisions of a high court. Yet as every eager law student knows, a grammatical interpretation of legal documents is one of the most important tools for juridical analysis. The lace

  6. Efektiivne kommunikatsioon menetlusosaliste õiguste tagajana haldusmenetluses : [teadusmagistritöö] / Anno Aedmaa ; Tartu Ülikool, õigusteaduskond ; juhendaja: Kalle Merusk

    Index Scriptorium Estoniae

    Aedmaa, Anno

    2003-01-01

    Kommunikatsiooni e. teabevahenduse ühiskondlik tähendus ning selle seos haldusmenetlusega, menetlusosaliste õigused - selgituste andmine ning isiku nõustamine, dokumentidega tutvumine, õigus olla ära kuulatud, haldusakti põhjendamine ; kommunikatsioon haldusmenetluses Euroopa Liidu kontekstis. - Kaitses 16. 01. 2004. a. Tartu Ülikoolis

  7. Sound insulation in multi-storey housing in Europe – Situation Anno 2017 and needs for upgrading

    DEFF Research Database (Denmark)

    Rasmussen, Birgit

    2017-01-01

    The acoustic situation for the European housing stock depends on several factors, including national acoustic regulations during design and actual construction solutions applied. Regulations and constructions vary across Europe, both now and in the past, thus explaining a diversified situation...... stock was built before implementation of acoustic regulations. Thus, it is necessary increasing awareness on the importance of acoustic conditions for quality of life. While health implications of traffic noise have been quite thoroughly investigated, neighbour noise has mainly been considered a “social...

  8. Cities, Towns and Villages, municipality anno, Published in 2009, 1:24000 (1in=2000ft) scale, Washington County.

    Data.gov (United States)

    NSGIC GIS Inventory (aka Ramona) — This Cities, Towns and Villages dataset, published at 1:24000 (1in=2000ft) scale, was produced all or in part from Other information as of 2009. It is described as...

  9. Survey on the consumptions of energy sources in the tertiary sector in Italy in 1999; Indagine sui consumi di fonti energetiche nel settore terziario in Italia. Anno 1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Iorio, G. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Perrella, G. [ENEA, Divisione Promozione degli Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Ballin, M. [Istituto Nazionale di Statistica, Dipt. Statistiche Economiche, Rome (Italy)

    2001-07-01

    This report has the aim to introduce the results of the sampling survey performed to determinate the consumption of energy sources (electricity, natural gas, fuel oil, diesel oil, etc.) in the tertiary sector. The energy consumptions report to 1999 and they are disaggregated for typology of use: energy consumptions for productive uses, for production of energy and for traction. The economic energy intensive activities have represented the nucleus of the survey. Particular attention has been devoted to the production of energy and the consumption of heat. [Italian] Il presente rapporto ha l'obiettivo di presentare i risultati dell'indagine campionaria effettuata per determinare il consumo di fonti energetiche (energia elettrica, gas naturale, olio combustibile, gasolio, ecc.) nel settore terziario. I consumi energetici si riferiscono al 1999 e sono disaggregati per tipologia di utilizzo: consumi energetici per usi produttivi, per produzione di energia e per trazione. Le attivita' economiche ad alta intensita' energetica hanno rappresentato il nucleo dell'indagine. Particolare attenzione e' stata dedicata alla produzione di energia e al consumo di calore.

  10. Studerende og underviseres brug af digitale medier - En kvantitativ undersøgelse af Aarhus Universitets studerende og underviseres brug af digitale medier og internettet anno 2008

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Hvid Stenalt

    2009-06-01

    • Hvilke medier anvender universitetsstuderende generelt? • Ligner undervisernes medievalg/forbrug de studerendes? • Hvilke medier inddrager underviserne i undervisningen? Nærværende artikel vil forsøge at besvare disse spørgsmål på baggrund af en kvantitativ spørgeskemaundersøgelse af Aarhus Universitets studerende og underviseres brug af digitale medier og internettet. Undersøgelsen blev gennemført i efteråret 2008 af E-læringsenheden ved Aarhus Universitet som led i en almen kvalitetssikring på media- og e-læringsområdet, samt som led i en behovsafklaring vedrørende etablering af et medie- og podcastarkiv. E-læringsenheden er en administrativ enhed, der teknisk og pædagogisk understøtter underviseres inddragelse af digitale medier i undervisningen.

  11. Diagnosis of deep vein thrombosis, and prevention of deep vein thrombosis recurrence and the post-thrombotic syndrome in the primary care medicine setting anno 2014.

    Science.gov (United States)

    Michiels, Jan Jacques; Michiels, Janneke Maria; Moossdorff, Wim; Lao, Mildred; Maasland, Hanny; Palareti, Gualtiero

    2015-02-04

    The requirement for a safe diagnostic strategy of deep vein thrombosis (DVT) should be based on an overall objective post incidence of venous thromboembolism (VTE) of less than 1% during 3 mo follow-up. Compression ultrasonography (CUS) of the leg veins has a negative predictive value (NPV) of 97%-98% indicating the need of repeated CUS testing within one week. A negative ELISA VIDAS safely excludes DVT and VTE with a NPV between 99% and 100% at a low clinical score of zero. The combination of low clinical score and a less sensitive D-dimer test (Simplify) is not sensitive enough to exclude DVT and VTE in routine daily practice. From prospective clinical research studies it may be concluded that complete recanalization within 3 mo and no reflux is associated with a low or no risk of PTS obviating the need of MECS 6 mo after DVT. Partial and complete recanalization after 3 to more than 6 mo is usually complicated by reflux due to valve destruction and symptomatic PTS. Reflux seems to be a main determinant for PTS and DVT recurrence, the latter as a main contributing factor in worsening PTS. This hypothesis is supported by the relation between the persistent residual vein thrombosis (RVT = partial recanalization) and the risk of VTE recurrence in prospective studies. Absence of RVT at 3 mo post-DVT and no reflux is predicted to be associated with no recurrence of DVT (1.2%) during follow-up obviating the need of wearing medical elastic stockings and anticoagulation at 6 mo post-DVT. The presence or absence of RVT but with reflux at 3 to 6 mo post-DVT is associated with both symptomatic PTS and an increased risk of VTE recurrence in about one third in the post-DVT period after regular discontinuation of anticoagulant treatment. To test this hypothesis we designed a prospective DVT and postthrombotic syndrome (PTS) Bridging the Gap Study by addressing at least four unanswered questions in the treatment of DVT and PTS. Which DVT patient has a clear indication for long-term compression stocking therapy to prevent PTS after the initial anticoagulant treatment in the acute phase of DVT? Is 3 mo the appropriate point in time to determine candidates at risk to develop DVT recurrence and PTS? Which high risk symptomatic PTS patients need extended anticoagulant treatment?

  12. Numeri caratteristici dei flocculi d'idrogeno e di calcio c dei filamenti d'idrogeno per l'anno 1958

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    g. godoli

    1959-06-01

    Full Text Available Proseguendo la pubblicazione annuale dei numeri caratteristici deiflocculi d'idrogeno e di calcio e dei filamenti d'idrogeno (', vengonoriportati nelle seguenti tre tabelle di immediata interpretazione i valorigiornalieri per il 1958.I numeri caratteristici sono stati stimati sugli spettroeliogrammieseguiti alla torre solare di Arcetri con l'immagine di 63 mm; le caratteristichestrumentali e la tecnica delle osservazioni sono state descrittein altra sede (2.Durante tutto il 1958 sono stati eseguiti quotidianamente tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga Ea3 dell'idrogeno e tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga K2i 3_ 2 del calcio ionizzato. L'esecuzionedi spettroeliogrammi successivi ha lo scopo di mettere in evidenza levariazioni di intensità delle zone più attive. Tali variazioni di intensità,interessantissime nello studio dell'evoluzione dei fenomeni, non hannoperò alcuna influenza nella stima dei numeri caratteristici. Per questoabbiamo continuato a stimare i numeri caratteristici su di un solo spettroeliogrammain lì«;l ed uno solo in K2 3> 2. Gli spettroeliogrammi inHa3 esaminati erano generalmente i primi eseguiti. Solo in qualche rarocaso, quando il primo risultava difettoso, veniva esaminato il secondood il, terzo spettroeliogramma. Gli spettroeliogrammi in K2i 3> 2 esaminatierano quelli ridotti in sede di programma AGI.

  13. Infanzie e Famiglie come snodi di criticità e risorse socio-educative: un anno di ricerca del Dipartimento di Scienze dell’Educazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariagrazia Contini

    2010-02-01

    Full Text Available Con i saggi che seguono si intende costruire una sorta di “numero monografico” della nostra rivista interamente dedicato alla ricerca biennale dal titolo "Infanzie e famiglie come snodi di criticità e possibilità socio-educative". Coordinata dalla sottoscritta, la ricerca vede impegnati 34 docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’Educazione che la finanzia, con un contributo della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Bologna.

  14. Kindermishandeling in Nederland in Nederland anno 2005: de Nationale Prevalentiestudie Mishandeling van Kinderen en Jeugdigen (NPM-2005) Leiden Attachment Research program

    NARCIS (Netherlands)

    IJzendoorn, M.H. van; Prinzie, P.; Euser, E.M.; Groeneveld, M.G.; Brillenslijper-Kater, S.N.; Noort-van der Linden, A.M.T. van; Bakermans-Kranenburg, M.J.; Juffer, F.; Mesman, J.; Klein Velderman, M.; San Martin Beuk, M.

    2007-01-01

    Hoeveel kinderen in ons land het slachtoffer worden van mishandeling is niet bekend. Daarom is er is behoefte aan cijfermateriaal over de aard en omvang van de problematiek. Het doel van de NPM-2005 is inzicht te verschaffen in de prevalentie van verschillende typen van kindermishandeling in

  15. PLSS Townships and Sections, Township Range anno2, Published in 2004, 1:24000 (1in=2000ft) scale, Washington County.

    Data.gov (United States)

    NSGIC GIS Inventory (aka Ramona) — This PLSS Townships and Sections dataset, published at 1:24000 (1in=2000ft) scale, was produced all or in part from Other information as of 2004. It is described as...

  16. Survey on the consumptions of energy sources in the industry in Italy in 1999; Indagine sugli impieghi delle fonti energetiche nel settore industria in Italia. Anno 1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Iorio, G. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Perrella, G. [ENEA, Divisione Promozione degli Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Ballin, M. [Istituto Nazionale di Statistica, Dipt. Statistiche Economiche, Rome (Italy); Mercanti, A.; Poggi, A. [Ministero delle Attivita' Produttive, Direzione Generale dell' Energia e delle Risorse Minerarie, Rome (Italy)

    2001-07-01

    This report has the aim to introduce the results of the sampling survey performed to determinate the consumption of energy sources (electricity, natural gas, fuel oil, diesel oil, etc.) in the italian industry. The energy consumptions report to 1999 and they are disaggregated for typology of use: energy consumptions for productive uses, for production of energy and for traction. The energy intensive sectors and the great industries have represented the nucleus of survey. Particular attention has been devoted to the production of energy and the consumption of heat. [Italian] Il presente rapporto ha l'obiettivo di presentare i risultati dell'indagine campionaria effettuata per determinare il consumo di fonti energetiche (energia elettrica, gas naturale, olio combustibile, gasolio, ecc.) nell'industria italiana. I consumi energetici si riferiscono al 1999 e sono disaggregati per tipologia di utilizzo: consumi energetici per usi produttivi, per produzione di energia e per trazione. I settori ad alta intensita' energetica e le grandi imprese hanno rappresentato il nucleo dell'indagine. Particolare attenzione e' stata dedicata alla produzione di energia e al consumo di calore.

  17. Hollywoodi sõltumatud filmid sünnivad salaja / Priit Jürjens ; interv. Gert Kiiler

    Index Scriptorium Estoniae

    Jürjens, Priit, 1976-

    2006-01-01

    Intervjuu Viljandis sündinud ja USAs elava režissööriga (Brad Jurjens) tema esimese täispika mängufilmi "Pangarööv" ("The Bank Job") valmimise puhul. P. Jürjens on ka filmi stsenarist, produtsent ja üks peaosalisi

  18. Eesti mees tegi Hollywoodis Johann Urbiga täispika madinafilmi / Priit Jürjens ; interv. Triin Tael

    Index Scriptorium Estoniae

    Jürjens, Priit, 1976-

    2007-01-01

    Intervjuu Eestist pärit USAs elava režissööriga (Brad Jurjens) tema esimese täispika mängufilmi "Pangarööv" ("The Bank Job") tegemisest. P. Jürjens on ka filmi stsenarist, produtsent ja üks peaosalisi

  19. Eesti mees tegi Hollywoodis Johann Urbiga täispika madinafilmi / Priit Jürjens ; interv. Triin Tael

    Index Scriptorium Estoniae

    Jürjens, Priit, 1976-

    2007-01-01

    Intervjuu Eestist pärit USAs elava režissööriga (Brad Jurjens) tema esimese täispika mängufilmi "Pangarööv" ("The Bank Job") tegemisest. P. Jürjens on ka filmi stsenarist, produtsent ja üks peaosalisi

  20. Hollywoodi sõltumatud filmid sünnivad salaja / Priit Jürjens ; interv. Gert Kiiler

    Index Scriptorium Estoniae

    Jürjens, Priit, 1976-

    2006-01-01

    Intervjuu Viljandis sündinud ja USAs elava režissööriga (Brad Jurjens) tema esimese täispika mängufilmi "Pangarööv" ("The Bank Job") valmimise puhul. P. Jürjens on ka filmi stsenarist, produtsent ja üks peaosalisi

  1. Gaudeamus. Het leven van Julius Röntgen (1855-1932). Componist en musicus

    NARCIS (Netherlands)

    Vis, G.N.M.

    2007-01-01

    Gaudeamus Het leven van Julius Röntgen (1855-1932) Componist en musicus Jurjen Vis shows in his thesis Gaudeamus. The life of Julius Röntgen (1855-1932) that already as a young child Julius Röntgen was a remarkable pianist and composer. He was hailed at that time as a second Mendelssohn. In 1874 Rön

  2. ‘Sciogliermi da tutto'. Forme del distacco nei finali delle Novelle per un anno : 'Untie myself from everything'. Forms of detachment in the epilogues of Short Stories for a Year

    NARCIS (Netherlands)

    Godioli, Alberto

    2015-01-01

    The starting point of this work is the analysis outlined by Peter Brooks in Reading for the Plot (1984), where the typical character of nineteenth-century fiction is defined as a ‘desiring machine’. Pirandello’s characters, conversely, usually try their best to run away from desire and its destructi

  3. ‘Sciogliermi da tutto'. Forme del distacco nei finali delle Novelle per un anno : 'Untie myself from everything'. Forms of detachment in the epilogues of Short Stories for a Year

    NARCIS (Netherlands)

    Godioli, Alberto

    2015-01-01

    The starting point of this work is the analysis outlined by Peter Brooks in Reading for the Plot (1984), where the typical character of nineteenth-century fiction is defined as a ‘desiring machine’. Pirandello’s characters, conversely, usually try their best to run away from desire and its

  4. Study on energy efficient mushroom business in 2010. Highest feasible level of energy conservation and energy efficiency; Onderzoek naar het energiezuinig paddenstoelenbedrijf anno 2010. Hoogst haalbare niveau van energiereductie en energie-efficiency

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Suurmeijer, J.M.; Mikkers, E. [Grontmij, Amersfoort (Netherlands); Hilkens, J. [AdVisie, Herkenbosch (Netherlands)

    2010-06-15

    Targets of Dutch mushroom cultivation businesses include an energy efficiency improvement of 2.5% annually, implementation of sustainable energy options, and climate-neutral and economically viable cultivation by new mushroom cultivation businesses that are to be built in 2020. This report describes the measures that could be implemented in support of these targets [Dutch] De doelstellingen voor paddestoelenbedrijven zijn een energie-efficientie verbetering van 2,5% per jaar, implementatie van duurzame energieopties, en klimaatneutrale en economisch rendabele teelt van de in 2020 nieuw te bouwen paddenstoelenbedrijven. In dit rapport staan de maatregelen beschreven die genomen kunnen worden ter ondersteuning van de doelstellingen.

  5. Valutazione della copertura vaccinale contro il virus dell'epatite B nei medici in formazione dell'AUP 'Federico II' di Napoli: risultati del primo anno di sorveglianza sanitaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Cajafa

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: è ormai ampiamente documentato, nella letteratura scientifica, che l’epatite virale di tipo B insorge negli operatori sanitari con una frequenza maggiore rispetto alla popolazione generale. Scopo dello studio è stato valutare la copertura vaccinale anti-HBV nella popolazione sottoposta a sorveglianza sanitaria, al fine di quantificare il “fenomeno” ed implementare le strategie preventive e formative proprie del mandato di Medico Competente.

    Materiali e metodi: la popolazione in esame è costituita da medici in formazione dell’AUP Federico II di Napoli. I soggetti sono stati sottoposti a prelievo venoso per la ricerca dei marcatori virali e per la valutazione della copertura vaccinale: HBsAg, HBsAb, HBcAb (non vaccinati e titolo anti-HBs (vaccinati. L’attività di sorveglianza sanitaria, inoltre, è stata completata da un accurato controllo medico ed una attenta anamnesi lavorativa (mansione, utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale - DPI, eventuali infortuni sul lavoro con la compilazione di una cartella sanitaria e di rischio individuale. I dati ottenuti sono stati informatizzati con uno specifico software per l’analisi statistica (SPSS vers. 11.0. Risultati: sono stati visitati 762 medici. Sono risultati vaccinati il 61.7% (470, dei quali risultano protetti, e quindi con un titolo anticorpale superiore-uguale a 100 mUI/ml, solo il 33.3% dei soggetti (253, con significative differenze in base alla mansione. I medici non vaccinati per l’epatite B sono risultati negativi per la presenza dei marcatori virali B e C. Nel corso dell’anamnesi lavorativa sono stati rilevati 58 casi di infortunio a rischio di contaminazione biologica (7.6% della popolazione, dei quali 53 (91,4% appartenevano alla classe dei chirurghi. Infine, per quanto riguarda l’utilizzo dei DPI solo il 14,7% (112 della popolazione ha dichiarato di utilizzarli in maniera abituale.

    Conclusioni: i risultati ottenuti evidenziano la necessità da parte del Medico Competente di implementare i programmi di informazione ed informazione per gli operatori sanitari in materia di profilassi individuale (vaccinazione anti-HBV, utilizzo DPI.

  6. On the use of the fictitious wave steepness and related surf-similarity parameters in methods that describe the hydraulic and structural response to waves

    NARCIS (Netherlands)

    Heineke, D.; Verhagen, H.J.

    2007-01-01

    To assess the hydraulic performance of coastal structures - viz. wave run-up, overtopping and reflection - and to evaluate the stability of the armour layers, use is made of the dimensionless surf similarity parameter, as introduced by Battjes (1974). The front side slope of the structure and the wa

  7. On the use of the fictitious wave steepness and related surf-similarity parameters in methods that describe the hydraulic and structural response to waves

    NARCIS (Netherlands)

    Heineke, D.; Verhagen, H.J.

    2007-01-01

    To assess the hydraulic performance of coastal structures - viz. wave run-up, overtopping and reflection - and to evaluate the stability of the armour layers, use is made of the dimensionless surf similarity parameter, as introduced by Battjes (1974). The front side slope of the structure and the

  8. Stiilsed, ajaloolised ning tervisesõbralikud tapeedid

    Index Scriptorium Estoniae

    2006-01-01

    Tallinnas Scandinavia tapeedisalongis pakutavatest ajaloolistest tapeetidest. Rootsi tootja Borastapestri tapeedikollektsioon Anno 1905 sisaldab ajaloolisi mustreid läbi kolme sajandi, mitu tapeeti on loonud disainer Josef Frank

  9. Loovisikud hammasrataste vahel / Martin Huberg

    Index Scriptorium Estoniae

    Huberg, Martin, 1976-

    2009-01-01

    Loovisikute ja loomeliitude seaduseelnõust (412 SE), vabakutseliste maksustamisest ja ravikindlustuskaitsest. Vastukaja artiklile: Kärsna, Olavi. Vabakutselised loovisikud anno 2009 // Sirp (2009) 9. jaan., lk. 2.

  10. Loovisikud hammasrataste vahel / Martin Huberg

    Index Scriptorium Estoniae

    Huberg, Martin, 1976-

    2009-01-01

    Loovisikute ja loomeliitude seaduseelnõust (412 SE), vabakutseliste maksustamisest ja ravikindlustuskaitsest. Vastukaja artiklile: Kärsna, Olavi. Vabakutselised loovisikud anno 2009 // Sirp (2009) 9. jaan., lk. 2.

  11. Primulaceae : The Northwest European pollen flora, 3

    NARCIS (Netherlands)

    Punt, W.; Leeuw van Weenen, Jeanette S. de; Oostrum, W.A.P. van

    1974-01-01

    SPECIMENS EXAMINED Anagallis arvensis L. ssp. arvensis- Germany: Biol. exc. 1965--912 (U); Ireland: Hessel, Klein and Rubers 741 (U); The Netherlands: Punt s.n., Anno 1957 (fresh material); Punt s.n., Anno 1961 (fresh material); Swart 264 (U). Anagallis arvensis L. ssp. coerulea (Gouan) Vollmer -- F

  12. CMS-Wave: A Nearshore Spectral Wave Processes Model for Coastal Inlets and Navigation Projects

    Science.gov (United States)

    2008-08-01

    Battjes and Jansen formula............................................................................................87 Chawla and Kirby formula...incident wave parameters (significant height Hs defined as 4 times the total energy density, spectral peak period Tp, and spectral peak frequency fp ...in the entrance channel (Figure 10). Table 5. Incident wave parameters and current conditions. Run Hs (cm)a Tp (sec)a fp (Hz)b U (cm/sec)c 1

  13. Development of Second Generation Intact Stability Criteria

    Science.gov (United States)

    2011-12-01

    Wageningen , the Netherlands. Some of the work included in this report was also presented and discussed there as well (Peters, et al., 2010...Response in Irregular Seas," Proc. 11th Int. Ship Stability Workshop. Wageningen , the Netherlands. Battjes, J.A and G.Ph. van Vledder (1984...Computer-Analyzed Data of the Wageningen B-Screw Series." Intl. Shipbuilding Progress, pp 251-262. Paroka. D.. Y. Okura. and N. Umeda. (2006

  14. Effectief in vijf stappen: wat sociale media kunnen betekenen voor een biologisch bedrijf

    NARCIS (Netherlands)

    Vijn, M.P.

    2012-01-01

    Anno 2012 zijn sociale media een veelgebruikt marketingtool, waarmee bedrijven gemakkelijk veel klanten kunnen bereiken. Ook biologische bedrijven mogen deze boot niet missen. Om je zichtbaar te maken, nieuwe klanten binnen te halen, of samenwerking aan te gaan.

  15. Gclust Server: 61171 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 61171 HSA_18765711 Cluster Sequences - 437 NP_055159.2 four jointed box 1 ; no anno...ter sequences Cluster Sequences Link to related sequences - Sequence length 437 Representative annotation NP_055159.2 four joint

  16. Gclust Server: 150491 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 150491 HSA_27436940 Cluster Sequences - 3458 NP_774959.1 reelin isoform b ; no anno...uster sequences Cluster Sequences Link to related sequences - Sequence length 3458 Representative annotation NP_774959.1 reelin

  17. Gclust Server: 150501 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 150501 HSA_27436938 Cluster Sequences - 3460 NP_005036.2 reelin isoform a ; no anno...uster sequences Cluster Sequences Link to related sequences - Sequence length 3460 Representative annotation NP_005036.2 reelin

  18. Aspetti geodinamici della diga dell' Ambiesta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. CALOI

    1964-06-01

    Full Text Available Si esamina UIL anno di registrazioni clinograflelie, ottenute
    nei concio centrale della diga dell'Ambiesta, affluente di destra del
    Tagliamento, presso Tolmezzo. Si riassumono gli aspetti dinamici fondamentali,
    che caratterizzano un anno normale di interazione fra lo sbarramento
    e le cause perturbanti, con particolare riguardo alle variazioni di
    livello del bacino idrico (invaso, della temperatura dell'aria e della insolazione.
    Si accenna inoltre alle influenze stagionali sull'andamento della verticale
    apparente della diga, quale vengono riyelate dalle registrazioni di due
    coppie di clinografl, sistemate in roccia, ai lati della diga, alia quota del
    eoronamento. Si accenna inline alle variazioni, nei tempo, delle caratteristiclie
    elasticlie del calcestruzzo, come vengono chiaramente indicate dalle
    registrazioni clinografiche di anno in anno.

  19. [Analysis of factors predicting early unplanned readmissions].

    Science.gov (United States)

    Di Domenico, Gabriella; Tersigni, Ivan; Federico, Bruno; Leuter, Cinzia

    2016-01-01

    OBIETTIVI: determinare i fattori associati ai ricoveri ripetuti per identificare i pazienti a rischio di riospedalizzazione entro i 30 giorni dalla dimissione. DISEGNO: analisi retrospettiva delle dimissioni nell'anno 2013 attraverso le schede di dimissione ospedaliera (SDO).

  20. Galileo's Notes on Motio. Arranged in probable order of composition and presented in reduced facsimile by Stillman Drake : Firenze: Supplemento agli Annali dell'Istituto e Museo di Storia della Scienza, Anno 1980, fascicolo 2. LXVII + 244 pp.

    OpenAIRE

    Ranea, Alberto Guillermo

    1985-01-01

    Drake se apoya en marcas de agua, la caligrafía (recordemos que Galileo tuvo ataques de artritis reumática que alteraban su letra y de los que tenemos precisa información acerca de lis fechas) y, fundamentalmente, en el imponderable "sentido común y conocimiento de los procedimientos habituales entre profesores e investigadores". El presupuesto de Drake, por tanto, es que la "lógica" del descubrimiento está más cerca de la asociación de ideas que de la lógica formal. Sin embargo, la obra no a...

  1. Jakub Sobieski’s Description of the Moscow Campaign (based on the Diariusz ekspedycyjej moskiewskiej dwuletniej królewica Władysława Anno Domini 1617 [The Diary of the Two-Year Moscow Campaign by Royal Prince Władysław in 1617

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piotr Borek

    2013-01-01

    Full Text Available The essay discusses Jakub Sobieski’s diaries and memories, which belong to the finest specimens of such writing in Polish Baroque. The diary and memoirs of the Moscow campaign of 1617-1618 have survived in only a few copies, with the most important ones in Biblioteka Czartoryskich in Cracow. Reconstruction of Prince Władysław’s struggle for the Russian crown is mostly based on a handwritten testimony called Diariusz ekspedycyjej moskiewskiej dwuletniej królewica Władysława A. D. 1617 [The Diary of the Two-Year Moscow Campaign by Royal Prince Władysław in 1617]. The events described in the diary span from April 5th, 1617 to December 28th, 1618. The author has arranged the material chronologically, focusing on the text as historical evidence. The conclusion of the text, where Sobieski quotes a fragment of Tacitus’s Annals, points out to the argumentative function of the work, which was supposed to explain to Poles (the king, the sejm and senate, the nobility that commissaries were right in signing the Truce of Deulino, regarding the safety of the homeland threatened by Turks and Tatars, and the budgetary difficulties of the Crown and Lithuania. The second work by Sobieski is more of a Baroque memoir, composed as a temporal sequence (some fragments have the structure of diary. The author reconstructs the events of the Moscow campaign, beginning with the death of tsar Ivan the Terrible (1584, and leads the narrative to the end of 1618, when the Truce of Deulino. The work is characterized by greater coherence in presentation of facts, their selection, and a more general point of view, pointing out to the failure of Polish dynastic policy. Sobieski seems to be critical of the Polish intervention and the Polish raison d’état in this respect. He is also critical of the young prince’s campaign of 1617-1618; he was a commissioner for treaties with Moscow during the campaign.

  2. Renewable energy sources and their contribution to the gross domestic energy consumption in Italy in the year 1994; Censimento per il territorio italiano dei dati relativi alle fonti rinnovabili di energia ed al loro contributo al bilancio energetico per l`anno 1994

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Menna, P.; Manzo, R. [ENEA, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy). Dip. Energia

    1996-11-01

    The gross domestic energy consumption in 1994 (including bunkers) decreased to 165.8 Mtoe from the 1993 figure of 166.6 Mtoe. At the same time the overall electricity demand reached 253.6 TWh from 246.6 TWh, closely reflecting the 2 contribution of renewable energy sources (hydroelectricity, geothermal, biomasses, solar, wind) to the national energy consumption has been 9 1994. It represented more than 34% of the domestic energy production.

  3. Climatic change and development of law in 2005. Preliminary advice and report of the 89th general meeting of the Association for Environmental Laws, September 30, 2005; Klimaatverandering en rechtsontwikkeling anno 2005. Preadviezen en verslag van de 89e ledenvergadering van de Vereniging voor Milieurecht op 30 september 2005

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Van Angeren, J.R.; Bazelmans, J.M.; Cozijnsen, C.J.H.; Driesprong, A.; Van der Jagt, J.A.E.; Peeters, M.; Verbaan, I.J.; Van Rijswijck, H.F.M.W.; Ramnewash-Oemrawsingh, S.T. (ed.); De Kramer, P.T. (ed.)

    2006-07-01

    The development of laws to control the climate change problem has only just begun. The Netherlands, too, has legal measures for controlling this problem and first jurisprudence has developed. The working group 'Climate change and development of laws', which was set up by the Dutch Society for Environmental Law, has thoroughly examined the legal side of climate change. This resulted in a preliminary advice in which international and European legislative developments, various aspects of emission trading and its international variant are discussed. Moreover, national and international water management in relation to the consequences of climate change are also examined. (mk) [Dutch] De rechtsontwikkeling om klimaatveranderingen probleem te beheersen is in feite maar net begonnen. Ook in Nederland zijn wettelijke maatregelen van kracht ter beheersing van dit probleem en is de eerste jurisprudentie hierover gevormd. De door de Vereniging voor Milieurecht ingestelde werkgroep 'Klimaatverandering en rechtsontwikkeling' heeft zich verdiept in de juridische kant van klimaatverandering. Dit mondde uit in een preadvies waarin internationaalrechtelijke en Europeesrechtelijke ontwikkelingen, diverse aspecten van emissiehandel en de internationale variant daarvan aanbod komen. Bovendien wordt ingegaan op het nationale en internationale waterbeleid in relatie tot de gevolgen van klimaatverandering.

  4. Europe BlackHat Briefings 2005

    OpenAIRE

    Boschini, Matteo

    2005-01-01

    Anche quest'anno si è svolta ad Amsterdam la conferenza BlackHat Briefings – Digital Self-Defense. E' una delle più importanti conferenze sulla sicurezza informatica, nella quale vengono presentate le novità tecniche sia per la difesa che per i penetration test od i vulnerability assessment. L'edizione di quest'anno ha dato particolare rilievo agli assessment di web Applications, senza tuttavia trascurare i più bassi livelli protocollari

  5. Il ri-disegno dell'architettura moderna: l'esperienza del Laboratorio Progettuale di Disegno dell'Architettura II

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donato Ricciotti Angelillo

    2006-12-01

    Full Text Available Il contributo nasce con l'obiettivo di documentare l'esperienza didattica compiuta nell'ambito del Laboratorio di Disegno al secondo anno del Corso di Laurea in Ingegneria Edile/architettura dell'Università di Bologna. Gli esiti di tale esperienza sono esemplificati dalle immagini proposte, realizzate dagli studenti del Laboratorio Progettuale di Disegno dell'Architettura II durante l'anno accademico 2004-2005.

  6. Luigi Cavazza Protagonista del progresso delle scienze agrarie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Caliandro

    Full Text Available Contributo apportato all’evoluzione delle Scienze Agrarie dal prof. Luigi Cavazza, Emerito di Agronomia generale e Coltivazioni erbacee dell’Università di Bologna, durante la Sua lunga vita universitaria; il prof. Cavazza proprio quest’anno compie i sessant’anni di attività, essendosi laureato a Bari nell’anno accademico 1945/46. Il suo impegno di studioso dei problemi agronomici coincide con un periodo di profonda trasformazione dell’agricoltura italiana, rapidamente passata da un sistema arcaico ad uno moderno e innovativo grazie ai contributi della ricerca scientifica.

  7. Legolandskabet

    DEFF Research Database (Denmark)

    Bundesen Svarre, Birgitte

    2007-01-01

    En læsning af Silicon Valley med fokus på arbejdsrum. Googles hovedkvarter sættes i relief af Douglas Couplands roman 'Microserfs' (1995), der foregår i Silicon Valley. Lego er en tilbagevendende metafor i romanen og søges sat over for Googles virkelighed anno 2006.......En læsning af Silicon Valley med fokus på arbejdsrum. Googles hovedkvarter sættes i relief af Douglas Couplands roman 'Microserfs' (1995), der foregår i Silicon Valley. Lego er en tilbagevendende metafor i romanen og søges sat over for Googles virkelighed anno 2006....

  8. Europe/Latin America Report Science and Technology Italy: National Space Plan 1987-1991

    Science.gov (United States)

    2007-11-02

    COSTO FAR2. IMPEGNO 1628 1 its 620 1047 260 454 43 490 442 80 530 ANNO 1,629 7? 1,163 81 820 83 1,047 82 260, 84 454 84 50 82 490 B5...3C. A3TR0\\. CSf E3RERIX. PAL- "ELECJ.1. eisr- CSR ESFERI". SIRSC CSR ESPERIS. COSTO PART.. AN 166 82 261 S3 !J 86 66 83 423 85 1,640 85 79...FINANZIANENTI PSK PROGRAH.1A PROGETTO PRINE/CONTR. OESCRIZIONE COSTO PARZ. ANNO , ............ .............. »«•». irri«.>»u..iL_ TETHEf AIT

  9. Bronteksten Historische Pedagogiek: Capita Selecta

    NARCIS (Netherlands)

    Thoomes, D.T.

    2000-01-01

    De wording van de moderne pedagogiek ging in de afgelopen twee eeuwen niet altijd even vanzelfsprekend en vloeiend. Er zijn diverse ontwikkelingslijnen en tradities herkenbaar. Voor een overzicht daarvan bestaan er, anno 2000, goede hand- en leerboeken, bijvoorbeeld: S.Miedema (red.), 'Pedagogiek in

  10. Achieving Food Security and Environmental Sustainability in Southeast Asia: A Policy Challenge

    NARCIS (Netherlands)

    Mahanani WR; MNV

    2002-01-01

    De studie gaat over de mogelijke situatie in Zuid-Oost Azie anno 2030 wat betreft voedsel en milieu, en over noodzakelijke beleidsmaatregelen. Vijf mondiale scenario's zijn voor deze regio vergeleken, namelijk: FAO Agriculture Towards 2015/2030; Policy Reform en Market Forces uit concepten

  11. "Hejmdal" 1903-04

    DEFF Research Database (Denmark)

    Nørby, Søren; Kragh, Gustav

    2014-01-01

    Dagbog fra krydseren Hejmdals togt til Middelhavet 1903-1904. Indeholder både mangt og meget om livet om bord på flådens skibe anno 1903/04 og Gustav Kragh betragtninger om mødet med de fremmede kulturer og folkeslag i Middelhavsregionen....

  12. Lawrence Lessig, The architecture of access to scientific knowledge: just how badly we have messed this up

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2011-06-01

    Full Text Available E’ una conferenza tenuta da Lawrence Lessig al Cern di Ginevra il 18 aprile di quest’anno. Il suo video è disponibile presso il Cern Document Server; a partire da qui si possono trovare i sottotitoli in inglese e in altre lingue, compresa quella italiana. Lessig esordisce proponendo due impressioni. La prima è un effetto chiamato [...

  13. Dostoevskij in Italia e nel mondo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aleksandre Urussov

    2011-07-01

    Full Text Available Dal 13 al 20 giugno dello scorso anno, eminenti studiosi, specialisti di Dostoevskij, si sono riuniti a Napoli per il «XIV Symposium Internazionale Dostoevsky: Dostoevskij. Mente filosofica e sguardo di scrittore», convegno organizzato dall’International Dostoevsky Society.

  14. Professor Adler-Nissen i Jyllands-Posten

    DEFF Research Database (Denmark)

    Adler-Nissen, Rebecca

    2017-01-01

    Professor Rebecca Adler-Nissen var den 2. juni interviewet til Jyllands-Posten under overskriften ”Det var ikke tanken, at EUforbehold skulle stå til evig tid”. Artiklen handler om, hvordan de danske retsforbehold fra 1992 får Danmark til at stå i EU-samarbejdet anno 2017. Adler-Nissen nævner i...

  15. Gclust Server: 11988 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 11988 PPT_145750 Cluster Sequences Related Sequences(3) 235 e_gw1.233.24.1; no anno...tation 9 1.00e-31 85.71 0.0 0.0 0.0 0.0 25.0 Show 11988 Cluster ID 11988 Sequence ID PPT_145750 Link to clus

  16. Uudised : Muusikaline ringreis Mustpeades. Plaat kannelde ja kitarride kvartetilt. Jõulumuusika / Joosep Sang

    Index Scriptorium Estoniae

    Sang, Joosep

    2000-01-01

    Stuudio Cantores Vagantese kontserdist Mustpeade Majas 18. dets. Uuest heliplaadist "Holy Lake". Euroraadio jõulukontserdi otseülekandest Estonia kontserdisaalist 17. dets. 9. dets. Kadrioru lossis toimunud UNICEFi heategevuskontserdist. 17. dets. toimub Adamson-Ericu muuseumis kontsert sarjast "Barokkmaastikud". M. Voitese kontserdist Pärnus. TAMi uuest heliplaadist "Anno Domini", jõulukontserdist 23. dets. Kaarli kirikus

  17. Gclust Server: 73643 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available e length 1927 Representative annotation fgenesh1_pg.C_scaffold_323000002; no anno...tation Number of Sequences 1 Homologs 1 Clustering threshold 1.00e-10 Plants and algae (7species) (%) 0.0 Other Bikonts (Chromalve

  18. Rapportage sport 2008

    NARCIS (Netherlands)

    Koen Breedveld; Carlijn Kamphuis; Annet Tiessen-Raaphorst

    2008-01-01

    Sport boeit. Sport bindt. Sport bevordert de gezondheid. En sport betaalt. Sport is anno 2008 ongekend populair. Tweederde van de Nederlanders doet aan sport. Na zwemmen en fietsen is fitness de meest populaire sport geworden. Daarnaast zetten anderhalf miljoen Nederlanders zich als vrijwilliger

  19. Christmas

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    MichaelProsser

    2004-01-01

    In about 540 AD, a monk named Dionysius the Short tried to establish a calendar starting from the year of Jesus Christ's birth as 1 AD (Anno Domino--in the year of the Lord). However, he miscalucated by about four to seven years too late based on the Roman calendar and the fixation of the stars during the earlier period,

  20. Dettagli utilizzo cluster INTEL

    OpenAIRE

    2012-01-01

    Dall'inizio dell'anno 2004 il CILEA ospita e gestisce un cluster di processori Intel a 32 bit denominato avogadro. Esso é costituito da 128 nodi biprocessori Intel Xeon 3.06 GHz. L'articolo intende presentare le problematiche relative all'utilizzo della macchina processore fornendo le istruzioni operative necessarie all'uso più efficace.

  1. Nuovi compilatori e librerie matematiche

    OpenAIRE

    2007-01-01

    L’ambiente applicativo dei cluster Intel/Xeon e AMD/Opteron è stato completato nei primi mesi di quest’anno con strumenti di sviluppo che permettono di installare i programmi nella modalità più efficiente possibile.

  2. Melk in de EG : overschot of tekort?

    NARCIS (Netherlands)

    Rutten, H.; Zwart, J.; Post, J.H.

    1989-01-01

    De produktiebeheersing in het kader van het EG-zuivelbeleid vergde een aanpassing van de produktiecapaciteit in de melkveehouderij en in de zuivelindustrie. Dat een en ander niet zonder problemen verloopt blijkt uit de huidige discussie over de vraag of er inmiddels - anno 1988 - sprake is van een t

  3. Meccanica analitica con elementi di meccanica statistica e dei continui

    CERN Document Server

    Fasano, Antonio

    2002-01-01

    Rivolta agli studenti del secondo anno di Fisica, Matematica, e Ingegneria, quest'opera presenta un panorama assai ampio e differenziato di argomenti classici di meccanica, con particolare enfasi sulla meccanica analitica, la teoria delle perturbazioni, la teoria cinetica, la meccanica statistica dell'equilibrio.

  4. Som en landsby midt i byen

    DEFF Research Database (Denmark)

    2015-01-01

    Denne artikel tegner et antropologisk portræt af livet i Komponistkvarteret og Humleby anno 2015. To fredfyldte enklaver med hyggelige huse, blomstrende forhaver og børn, der leger i gaderne – og dog stadig midt i byen. Fra at være forslummede arbejderboliger med to eller tre familier per hus er...

  5. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    DEFF Research Database (Denmark)

    Cecchini, Leonardo

    Testimonianze di vittime degli anni di piombo In un articolo pubblicato nel 2008 sulla webzine Nazione indiana Christian Raimo criticava quello che poi Giovanni De Luna qualche anno dopo nel suo libro La Repubblica del dolore (2011) ha chiamato “paradigma vittimario”; cioè la presenza predominante...

  6. Antropologia e diritti umani: a Palermo si discute dei modi possibili di una concreta integrazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Bommarito

    2008-12-01

    Full Text Available Antropologia, Diritti Umani e Multiculturalismo. Tre sostantivi che facilmente vengono associati, perché ricondotti alla matrice comune che li lega, l’Uomo e spesso utilizzati insieme per sottolineare la vocazione globalizzante della nostra società, necessari, soprattutto nel 2008, dichiarato anno europeo del dialogo interculturale.

  7. Managing teams performing complex innovation projects

    NARCIS (Netherlands)

    Oeij, P.R.A.; Vroome, E.M.M. de; Dhondt, S.; Gaspersz, J.B.R.

    2012-01-01

    Complexity of projects is hotly debated and a factor which affects innovativeness of team performance. Much attention in the past is paid to technical complexity and many issues are related to natural and physical sciences. A growing awareness of the importance of socio-organisational issues is anno

  8. Il nuovo cimento, scritti scelti 1855-1944 in occasione del 150 anniversario della fondazione

    CERN Document Server

    Cifarelli, L; De Sanctis, E; Piragino, G; Ricci, R A

    2006-01-01

    In occasione dell'Anno Mondiale della Fisica (2005) la Società Italiana di Fisica ha ritenuto utle ripresentare in un volume celebrativo alcuni dei contributi pubblicati si Il Nuovo Cimento dalla sua fondazione nel 1855, quando apparve come riedizione della rivista Il Cimento.

  9. Cultural promotion and imperialism: the Dante Alighieri Society and the British Council contesting the Mediterranean in the 1930s

    NARCIS (Netherlands)

    van Kessel, T.M.C.

    2011-01-01

    Anno 2011 wordt algemeen erkend dat winning the hearts and minds een belangrijk onderdeel is van internationale machtstrijd. Hierdoor is bij het promoten van een nationale cultuur in het buitenland nog sterker de vraag of dat op een ‘neutrale’ manier kan. Vanaf het einde van de negentiende eeuw bego

  10. On the cutting edge of semiconductor sensors: towards intelligent X-ray detectors

    NARCIS (Netherlands)

    Bosma, M.J.

    2012-01-01

    De breedte van de ongevoelige rand van kristallijne halfgeleidersensoren kan waarschijnlijk gereduceerd worden tot minder dan één pixel. Dit blijkt uit het onderzoek van Marten Bosma. State-of-the-art pixeldetectoren anno 2012 combineren geavanceerde signaalverwerkingselektronica met hoogwaardige kr

  11. Managing teams performing complex innovation projects

    NARCIS (Netherlands)

    Oeij, P.R.A.; Vroome, E.M.M. de; Dhondt, S.; Gaspersz, J.B.R.

    2012-01-01

    Complexity of projects is hotly debated and a factor which affects innovativeness of team performance. Much attention in the past is paid to technical complexity and many issues are related to natural and physical sciences. A growing awareness of the importance of socio-organisational issues is anno

  12. Gclust Server: 32320 [Gclust Server

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 32320 PPT_124539 Cluster Sequences Related Sequences(14) 67 e_gw1.50.109.1; no anno...tation 3 1.00e-08 14.29 0.0 0.0 0.0 0.0 0.0 Show 32320 Cluster ID 32320 Sequence ID PPT_124539 Link to clust

  13. Smartphone en sikkel

    NARCIS (Netherlands)

    Popma, J.

    2013-01-01

    Zoals het in de negentiende eeuw vakbondsonderzoeken waren die de schrijnende arbeidsomstandigheden in fabrieken aan het licht brachten en de bonden halverwege de vorige eeuw als eersten aan de bel trokken over de gevaren van asbest, zo is het de vakbeweging die anno nu als eerste aandacht vraagt

  14. Tegelikult olid pahad ju luterlased / Anti Selart

    Index Scriptorium Estoniae

    Selart, Anti, 1973-

    2010-01-01

    Arvustus: Fabricius, Dionysius. Dionysius Fabriciuse, Viljandi kiriku praosti Liivimaa ajaloo lühiülevaade neljas osas aastast tuhat ükssada viiskümmend kaheksa kuni aastani 1610 = Dionysii Fabricii, Praepositi pontificii Felinensis, Livonicae historiae compendiosa series in quatuor digesta partes ab anno millesimo centesimo quinquagesimo octavo usque ad annum MDCX. [Tartu] : Johannes Esto Ühing, 2010

  15. Tegelikult olid pahad ju luterlased / Anti Selart

    Index Scriptorium Estoniae

    Selart, Anti, 1973-

    2010-01-01

    Arvustus: Fabricius, Dionysius. Dionysius Fabriciuse, Viljandi kiriku praosti Liivimaa ajaloo lühiülevaade neljas osas aastast tuhat ükssada viiskümmend kaheksa kuni aastani 1610 = Dionysii Fabricii, Praepositi pontificii Felinensis, Livonicae historiae compendiosa series in quatuor digesta partes ab anno millesimo centesimo quinquagesimo octavo usque ad annum MDCX. [Tartu] : Johannes Esto Ühing, 2010

  16. Cultural promotion and imperialism: the Dante Alighieri Society and the British Council contesting the Mediterranean in the 1930s

    NARCIS (Netherlands)

    van Kessel, T.M.C.

    2011-01-01

    Anno 2011 wordt algemeen erkend dat winning the hearts and minds een belangrijk onderdeel is van internationale machtstrijd. Hierdoor is bij het promoten van een nationale cultuur in het buitenland nog sterker de vraag of dat op een ‘neutrale’ manier kan. Vanaf het einde van de negentiende eeuw

  17. Breaking of Waves over a Steep Bottom Slope

    DEFF Research Database (Denmark)

    Jensen, Morten S.

    in the hydraulic laboratory are performed. Based on the experimental tests several formulae developed. Formulae  are capable of predicting the transmitted wave height and wave energy flux, respectively. Futhermore, a numerical wave model based on the extended Mild-Slope equation has been developed. The model......The thesis deals with the wave breaking process of waves propagating over a steep submerged bottom slope. The amount of energy dissipated in the wave breaking process is focused upon. An extensive number of experimental tests (>400) using regular and irregular waves breaking over a simulated reef...... is capable of generating progressive irregular waves. Wave breaking has been included using a modification of the Battjes and Janssen [1978] periodic bore approach. The results from this study be applicable in the design of coastal structures as submerged breakwaters or artificial reefs....

  18. Theoretical Investigation of Peak-Delay Force Reduction for Caissons Exposed to Non-breaking Short-Crested Waves

    DEFF Research Database (Denmark)

    Burcharth, H. F.; Liu, Z.

    In nature coastal structures are exposed to oblique short-crested waves. The effect of wave incident angle on total wave force on a long caisson are twofold. The one is the force reduction due to the reduction of instantaneous point pressure on the caisson, named point-pressure force reduction...... on the peak-delay force reduction of caissons exposed to non-breaking short-crested waves. Battjes (1982) has investigated theoretically the peak-delay force reduction of shortcrested waves with only one frequency component. Such a force reduction factor cannot be applied because in nature waves are composed...... of many linear components with various frequencies. In this paper the peak-delay force reduction factor is defined on basis of zero-moment of the force spectrum. Based on linear wave theory, formulae for calculation of peakdelay force reduction factor for linear, long-crested and short-crested non-breaking...

  19. Dicty_cDB: SHJ391 [Dicty_cDB

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available 1509 |DT351509.1 JGI_CABS854.rev CABS Pimephales promelas kidney 7-8 month adults,3', mRNA sequence. 44 1.5 ...1 DT260347 |DT260347.1 JGI_CAAU10866.fwd CAAU Pimephales promelas brain 7-8 month adults, males and females ...U9063.rev CAAU Pimephales promelas brain 7-8 month adults, males and females pooled (L) Pimephales promela....rev CAAU Pimephales promelas brain 7-8 month adults, males and females pooled (L) Pimephales promelas cDNA ...clone CAAU8353 3', mRNA sequence. 44 1.5 1 DT177217 |DT177217.1 JGI_ANNO46026.rev ANNO Pimephales promelas

  20. Dicty_cDB: Contig-U00802-1 [Dicty_cDB

    Lifescience Database Archive (English)

    Full Text Available ( DT132179 ) JGI_ANNO13902.fwd ANNO Pimephales promelas Whole ... 46 0.044 2 ( DN635117 ) Cm_mx0_43a03_SP6 Green Shore...d clone: MOF-035A21, gen... 36 0.083 3 ( DW250968 ) Cm_mx1_40h04_SP6 Green Shore Crab Multiple Tissue... 38 ...9 2 ( DW250878 ) Cm_mx1_39g05_SP6 Green Shore Crab Multiple Tissue... 38 0.091 2 ( AF187993 ) Dipodomys inge...Rattus norvegicus clone CH230-110N23, *** SEQUENC... 36 0.11 2 ( DY308166 ) Cm_mx1_67f11_SP6 Green Shore

  1. Should we treat white line hernias by laparoscopy? About a prospective study of 42 cases.

    Science.gov (United States)

    Guirat, Ahmed; Trigui, Ayman; Rejab, Haitham; Yaich, Khalil; Affes, Najmedine; Jdidi, Issam; Boujelben, Salah; Abid, Bassem; Amar, Mohamed Ben; Mzali, Rafik

    2015-01-01

    Viene riportato uno studio prospettico su 42 casi di ernia ombelicale ed epigastrica primitive e non complicate trattate per via laparoscopica e seguite in media da un follow up di un anno. Lo scopo di questo studio è quello di valutare il contributo della laparoscopia nel trattamento in termini di risultato nel breve e nel medio periodo. La morbilità chirurgica precoce è stata del 14,3%. A sei mesi dall’intervento il 28,5% dei pazienti ha lamentato dolori nell’area ombelicale. Ad un anno dall’intervento 2 pazienti hanno lamentato la cronicizzazione del dolore. Non si è avuto nessun caso di recidiva. In conclusione l’approccio laparoscopico risulta doversi riservare ai casi di ernia di maggiori dimensioni, ed in caso di recidiva o di laparocele.

  2. NATO Planning Guide for the Estimation of Chemical, Biological, Radiological, and Nuclear (CBRN) Casualties (AMedP-8(C)) - Parameters for Estimation of Casualties from Exposure to Specified Biological Agents. Addenda to Allied Medical Publication 8

    Science.gov (United States)

    2011-01-01

    headache, chest pain, myalgia, elevated temperature, vomiting , nausea, and anorexia. Non-productive cough. S/S Severity 3 (Severe) 1 (Mild...Symptoms (S/S) Cough, headache, chest pain, myalgia, elevated temperature, vomiting , nausea, and anorexia. S/S Severity 3 (Severe) Outlook...Anno, George H., Michael Lockhart, Larry Karns, Gene E. McClellan, Gillian L. Rickmeier, Ronald M. Bloom, and Leigh N. Matheson. Biological

  3. Nonlaboratory Techniques for the Study of Cognitive and Decision-Making Processes: A Description and Selected Bibliography

    Science.gov (United States)

    1983-12-01

    Selltiz, Wrightsman , & Cook, 1976). Benefits and Limitations. The interview can be used as a data collection method with nearly all segments of the...psychology. Chicago: Rand McNally, pp.363-413. (See Questionnaire References section for an anno- tation of this chapter.) Selltiz, C., Wrightsman , L. S... Wrightsman , L. S., & Cook, S. W. (1976). Research methods in social relations. New York: Holt, Rinehart, and Winston, pp. 251-290. In Chapter 8, the basic

  4. Intervista con Fabiola Gianotti, Portavoce esperimento ATLAS

    CERN Multimedia

    CERN Video Productions

    2009-01-01

    Domande : 1. Come ci si sente come Portavoce di un grande esperimento internazionale come ATLAS nel momento in cui LHC sta per produrre i primi dati? 2. Il rivelatore è pronto per i dati? 3. Quindi l'anno di arresto non è stato inutile? 4. Cosca cisi può aspettare da LHC con l'energia di 3,5 TeV per fascio? 5. Cosa succederà il giorno delle prime collisioni in sala di controllo di ATLAS?

  5. The seven CanMEDS roles in postgraduate medical education should be revised

    DEFF Research Database (Denmark)

    Malling, Bente Vigh; Sørensen, Jette Led; Mikines, Kári J

    2013-01-01

    The seven CanMEDS roles were adopted by the Danish reform in postgraduate medical education in 2004. The roles have become a natural part of defining specialist competence. However, the definition of the seven roles from 2000 might not be aligned with the perception of good medical practice anno...... 2013. It is recommended to redefine the seven roles to reach agreement with contemporary demands for specialist competence....

  6. Romaanivõistluse võitis Valentin Kuik : [Sõnum

    Index Scriptorium Estoniae

    1997-01-01

    Eesti Romaanifondi romaanivõistluse peapreemia võitis Valentin Kuik romaani 'Poegade mäss' eest. Teise auhinna said Lehte Hainsalu 'Viis minutit enne vihma', Nikolai Baturini 'Apokalüpsis anno domini... ja Markus Vetemaa 'Valgelinnu maailm'. Kolmanda koha said Aarne Biini 'Kõik, mida pole', Oskar Vilde 'Mina, väärakas' ja Kalle Käsperi 'Tradt, See- ja-See-jani elu'

  7. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    CERN Document Server

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  8. Computed tomography for dimensional metrology

    DEFF Research Database (Denmark)

    Kruth, J.P.; Bartscher, M.; Carmignato, S.;

    2011-01-01

    metrology, putting emphasis on issues as accuracy, traceability to the unit of length (the meter) and measurement uncertainty. It provides a state of the art (anno 2011) and application examples, showing the aptitude of CT metrology to: (i) check internal dimensions that cannot be measured using traditional...... coordinate measuring machines and (ii) combine dimensional quality control with material quality control in one single quality inspection run....

  9. Inventering af stemmehygiejniske råd i Danmark

    DEFF Research Database (Denmark)

    Lomholt, Ellen; Grønnemose Thomsen, Karina; Iwarsson, Jenny

    2011-01-01

    Formålet med undersøgelsen var, at give et samlet billede af de stemmehygiejniske råd der gives i logopædisk praksis i Danmark anno 2010, samt gennem litteratursøgning at undersøge den teoretiske baggrund for dem. De indsamlede råd stammer fra landets tale-høreinstitutter og kommunikationscentre ...

  10. Test for Chemical Induction of Chromosome Aberrations in Cultured Chinese Hamster Ovary (CHO) Cells With and Without Metabolic Activation. Test Article: Dimethylamine-2-2ethyl azide (DMAZ)

    Science.gov (United States)

    2008-07-26

    chromosomes leading to four-armed configurations. This could be asymmetrical with formation of a dicentric and an acentric chromatid, ifunion is complete...chromatid union. Dicentric - an asymmetrical exchange between two chromosomes resulting in a chromosome with two centromeres with or without an...no sister chromatid union. ’ d - Dicentric - an asymmetrical exchange between two chromosomes resulting, r dm in a chromosome with two centromeres

  11. Sinp 2012: i simposi

    OpenAIRE

    Ted Tiomkin

    2012-01-01

    Quattro i simposi organizzati quest'anno al congresso della Società Italiana di Neuropsicologia di Roma (Sinp 2012). Autorevoli studiosi hanno mostrato le frontiere della ricerca in merito a temi importanti come le funzioni cognitive modulate dal cervelletto, la visione cieca o “blindsight”, i modelli neuroanatomici alla base dei processi di memoria a lungo termine, il “Sé corporeo” e i suoi deficit.

  12. Sinp 2012: i simposi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ted Tiomkin

    2012-12-01

    Full Text Available Quattro i simposi organizzati quest'anno al congresso della Società Italiana di Neuropsicologia di Roma (Sinp 2012. Autorevoli studiosi hanno mostrato le frontiere della ricerca in merito a temi importanti come le funzioni cognitive modulate dal cervelletto, la visione cieca o “blindsight”, i modelli neuroanatomici alla base dei processi di memoria a lungo termine, il “Sé corporeo” e i suoi deficit.

  13. Elezioni, Italiani allo specchio (di Alice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Mozzoni

    2013-03-01

    Full Text Available Che cosa pensano gli Italiani del loro stesso voto? Ce lo dice un interessante sondaggio SWG Agorà diffuso in queste ore. L'81% degli intervistati pensa che si tornerà alle urne entro l'anno, il 49% addirittura fra sei mesi. Ma chi ha vinto le elezioni? Beppe Grillo, dice il 63% degli intervistati, seguito da "nessuno" (18% e da Berlusconi (10%. Sicuramente hanno perso Monti (39%, Bersani (37%, "tutti" (16%.

  14. Gamma Radiation (5-10 Gy) Impairs Neuronal Function in the Guinea Pig Hippocampus

    Science.gov (United States)

    1993-01-01

    Dosimetric measurements were made in accordance with the Ameri- can Association of Physicists in Medicine ( AAPM ) protocol for the deter- aff•o•u...Radial. Res. 70, 378-390 (1977). 20. American Association of Physicists in Medicine. AAPM Task Group I. G. H. Anno. S. J. Baum. H. R. Withers, and R...O’vygen (A. P. Autor, Ed.), pp. 127- 155 . Academic 40. A. J. van der Kogel. Central nervous system radiation injury in small Press, New York. 1982

  15. Abbondanza relativa del Riccio Erinaceus europaeus L. 1758 (Insectivora, Erinaceidae in ambienti del sud e nord Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Aloise

    2003-10-01

    Full Text Available Erinaceus europaeus L., specie comune e diffusa in tutta Italia, rappresenta una delle vittime animali più frequenti del traffico automobilistico. Il presente lavoro considera la comparazione tra tratti stradali del nord e del sud del Paese considerando come il conteggio degli individui investiti rappresenti un'efficace stima di abbondanza. Per un anno sono state effettuate le localizzazioni dei ricci uccisi su transetti stradali di 37 e 14,5 Km. I percorsi sono stati poi suddivisi in base alle tipologie ambientali presenti. Il confronto tra i due ambienti tipo, quello padano e quello di un transetto mediterrano- montano, ha mostrato come se da una parte il pattern generale può risultare simile, con una concentrazione degli investimenti nei pressi delle aree antropizzate con orti e giardini, si rileva come il tratto costiero calabrese mostri l?indice chilometrico di eventi maggiore d?Europa (7,27 ricci per chilometro per anno, poi decisamente più contenuto nell?area montana, dove l?insettivoro però non arriva al bosco a Fagus sylvatica e ha massimi altitudinali diversi relativamente ai versanti considerati: fino a 630 m s.l.m. del versante interno e a 530 m s.l.m. su quello costiero, con una asimmetria altimetrica della distribuzione che corrisponde a quella bioclimatica. In ambito padano la densità di eventi si attesta a 0,05 esemplari per chilometro per anno. La distribuzione stagionale è simile con un aumento delle presenze di giovani durante l?inizio dell?estate, ma che si prolunga in modo considerevole per il meridione con riscontri praticamente tutto l?anno. Rari sono al nord i contatti, sempre con giovani, tra novembre e marzo. Infine si auspica un ampliamento della base dati con un progetto di raccolta di informazioni su tutto il territorio nazionale.

  16. Abbondanza relativa del Riccio Erinaceus europaeus L. 1758 (Insectivora, Erinaceidae) in ambienti del sud e nord Italia

    OpenAIRE

    Gaetano Aloise; Dino Scaravelli; Massimo Bertozzi; Mara Cagnin

    2003-01-01

    Erinaceus europaeus L., specie comune e diffusa in tutta Italia, rappresenta una delle vittime animali più frequenti del traffico automobilistico. Il presente lavoro considera la comparazione tra tratti stradali del nord e del sud del Paese considerando come il conteggio degli individui investiti rappresenti un'efficace stima di abbondanza. Per un anno sono state effettuate le localizzazioni dei ricci uccisi su transetti stradali di 37 e 14,5 Km. I percorsi sono stati poi...

  17. scheda tesi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marianna Scaramucci

    2015-05-01

    Full Text Available La ricerca di un’identità culturale latinoamericana: modernità cannibali in Oswald de Andrade e Alejo Carpentierdi Marianna Scaramucci RELATORE: prof. Vincenzo RussoCORRELATORE: prof.ssa Laura ScarabelliCORSO DI LAUREA: laurea magistrale in Lingue e Letterature Europee ed Extra-europeeUNIVERSITA': Università degli Studi di MilanoANNO ACCADEMICO: 2012-2013

  18. Conversations With Wargamers

    Science.gov (United States)

    2009-01-01

    Peter P. Perla, Arius V. Kaufmann, Ciro M. Lopez, and Michael C. Markowitz. Gaming the GIG: A Brief Manifesto, Sep 2005 (CNA Anno- tated Briefing...D0013009.A1/Final) 98 Peter P. Perla, Arius V. Kaufmann, Michael C. Markowitz, and Albert A. Nofi. Wargaming ESG Operations in Support of the...Christopher A. Weuve, and Arius V. Kaufmann, Using Gaming and Agent Technology to Explore Joint Command and Control Issues, Oct 2002 (CNA Research

  19. The Perfect Storm: The Goldwater-Nichols Act and Its Effect on Navy Acquisition

    Science.gov (United States)

    2010-01-01

    Einspahr, “The Grenada Invasion,” in Stephen E. Anno and William E. Einspahr, Command and Control Lessons Learned : Iranian Rescue, Falklands Conflict...Effect on Navy Acquisition support.7 The Office of the Chairman of the Joint Chiefs of Staff’s lessons- learned report on the operation outlined the need...the two stars’ comunications with the Systems Commanders, who were ultimately removed from the acquisition chain because the new PEOs 16 The

  20. Economia politica/Geografie umane. Intervista con Stefano Boccalini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adelina von Fürstenberg

    2010-03-01

    Full Text Available La tua mostra personale allo Studio Dabbeni di Lugano, che io ho curato, terminata alla fine di ottobre dello scorso anno [2008], si intitolava Economia politica/Geografie umane. Guardando il lavoro esposto e pensando a questo titolo, mi viene in mente la dis-simmetria che oggi molto spesso esiste tra economia e politica, e la conseguente ricaduta sulla vita sociale. Nasce da qui il tuo lavoro?

  1. Alimenti di origine vegetale: controlli ufficiali nella Regione Emilia Romagna

    OpenAIRE

    Bergamaschi, Fabio

    2008-01-01

    Si sono individuate e descritte le strutture, le funzioni e le competenze degli organi deputati al controllo ufficiale degli alimenti di origine vegetale nella Regione Emilia Romagna. Si sono esaminati i piani regionali di controllo ufficiale emanati dalla Regione Emilia Romagna in vigore per l'anno 2007, relativi alla presenza di residui di prodotti fitosanitari, micotossine e organismi geneticamente modificati negli alimenti di origine vegetale. Infine si sono valutati i dati e i risultati ...

  2. Eugenius Hugo Edward Anders (1874-1924 praepositus et primus decanatus in Piekary decanus

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Janusz Wycisło

    2004-12-01

    Full Text Available In numéro multorum Silesiae Superioris meritorum sacerdotum Eugenius Anders habetur, qui Anno Domini 1913 praepositus sanctuarii Beatae Mariae Virginis in Piekary prope civitatem Bytom siti, nominatus est. Eo parocho vix undecim annos residente primum bellum mundanum gerebatur nec non multae controversiae litesque Polonorum et Germanorum in Silesiae Superioris sortibus ortae sunt. Hie rebus factum est, ut trčs seditiones facerentur et pars harum terrarum Poloniae ingeretur. Dominus Anders quamvis morbis variis laborans inceptis negotiis praedecessorum suorum assiduam curam et operam dabat ac munera sacerdotalia summo studio adimplebat. Numerum celebrationum in sanctuario auxit, agmina peregrin at orum maiori simper in numéro affluentium ordinavit, cantum ad Festum Nativitatis Christi, cum homines ad cantandum convenire solebant, fovit atque sustentavit. Anno 1917 librum novum, qui de calvaria inscribitur. in lucem edidit. Oue omnia ab eo facta oblivioni venisse videntnr Ipse en im tamquam sanctuarii administrator, qui magistratus ac publicos ministros hospitio excipere solebat, plerumque memoratur. Exemplum singulare adversus Ecclesiam pietatis ac in afflictionibus perseverantiae vir ille nobis praebuit, tamen nomen eius a scriptoribus, sive Polonis sive Germanis, vitam, mores et facta virirum illustrium exponentibus omittitur.

  3. Comparison of a beach parametric morphodynamic model results with in situ measurements

    Science.gov (United States)

    Ferreira, Caroline; Silva, Paulo A.; Baptista, Paulo; Abreu, Tiago

    2014-05-01

    The south coastal stretch of Aveiro inlet in the Northwest coast of Portugal is subject to a highly energetic wave climate and presents generalized erosion. To characterize the morphodynamic behavior of this coastal stretch it is important to establish the relationship between the hydrodynamic forcing and beach topography changes. Furthermore, it is necessary to develop methods which enable to estimate its behavior at a short and medium term. This work presents a model which estimates the cross-shore sediment transport from the shoaling into the swash zone. The transformation of the waves (shoaling and refraction) as they propagate towards the shore are computed from the incident wave field assuming conservation of the wave energy flux and take into account the tidal level and the beach bathymetry and topography. Wave breaking is described according to Battjes & Janssen (1978) and wave dissipation follows Baldock et al.'s (1998) formulation. The cross-shore sediment transport rates in the shoaling, surf and swash zones are computed from Tinker et al.'s (2009) suspended load shape function as a function of the normalized depth, h/ hb, where hb represents the water depth at wave breaking. The performance of the model was assessed by comparing the computed significant wave height and sediment fluxes with water-level measurements and morphological variations at a transept in the coastal stretch. The hydrodynamic measurements were obtained with pressure transducers placed in the inter-tidal zone during one tidal cycle and topographic surveys with the INSHORE system (Baptista et al., 2011a,b). The results show that the computed sediment fluxes are qualitatively in agreement with the topographic observations, meaning that the parameterized sediment flux shape function provide a good basis for prediction of the beach morphodynamic behavior with low computational cost. References: Baldock, TE, Holmes, P, Bunker, S, Van Weert, P, 1998. Cross-shore hydrodynamics within

  4. Observations and Predictions of Wave Runup, Extreme Water Levels, and Medium-Term Dune Erosion during Storm Conditions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serge Suanez

    2015-07-01

    Full Text Available Monitoring of dune erosion and accretion on the high-energy macrotidal Vougot beach in North Brittany (France over the past decade (2004–2014 has revealed significant morphological changes. Dune toe erosion/accretion records have been compared with extreme water level measurements, defined as the sum of (i astronomic tide; (ii storm surge; and (iii vertical wave runup. Runup parameterization was conducted using swash limits, beach profiles, and hydrodynamic (Hm0, Tm0,–1, and high tide water level—HTWL data sets obtained from high frequency field surveys. The aim was to quantify in-situ environmental conditions and dimensional swash parameters for the best calibration of Battjes [1] runup formula. In addition, an empirical equation based on observed tidal water level and offshore wave height was produced to estimate extreme water levels over the whole period of dune morphological change monitoring. A good correlation between this empirical equation (1.01Hmoξo and field runup measurements (Rmax was obtained (R2 85%. The goodness of fit given by the RMSE was about 0.29 m. A good relationship was noticed between dune erosion and high water levels when the water levels exceeded the dune foot elevation. In contrast, when extreme water levels were below the height of the toe of the dune sediment budget increased, inducing foredune recovery. These erosion and accretion phases may be related to the North Atlantic Oscillation Index.

  5. Dove sta andando l'analisi musicale? Riflessioni sul VII EuroMac

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Baroni

    2014-01-01

    Full Text Available Come tutti i lettori della Rivista ormai sapranno, si è svolto a Roma dal 29 settembre al 2 ottobre di quest’anno, presso il Conservatorio di S. Cecilia, il settimo convegno europeo di analisi musicale (VII European Music Analysis Conference ossia VII EuroMac. Nel convegno, organizzato dal GATM e diretto da Giorgio Sanguinetti, sono state presentate 197 relazioni e svolti otto laboratori. Tutti i materiali sono stati riassunti in un volume (Programme and Abstract Book, Iter Edizioni di Subiaco curato da Egidio Pozzi e Antonio Cascelli.

  6. Cognizione sociale, lo stato dell'arte su Sistemi intelligenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gilardini

    2012-07-01

    Full Text Available E' dedicato alla “Cognizione sociale” il nuovo numero di Sistemi Intelligenti (Anno XXIII, numero 2, agosto 2011, rivista quadrimestrale di scienze cognitive e di intelligenza artificiale pubblicata dal Mulino. Lo speciale è curato da Anna M. Borghi, professore di Psicologia cognitiva all'Università di Bologna e ricercatore all'Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR, e da Fausto Caruana del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma, ricercatore al Brain Center for Motor and Social Cognition dell'Italian Institute of Technology.

  7. Suzel Esquier, De la comédie humaine au théâtre: “Vautrin”

    OpenAIRE

    Stupazzoni, Marco

    2016-01-01

    Protagonista assoluto della trilogia romanzesca che comprende: Le Père Goriot, Illusions perdues e Splendeurs et misères des courtisanes, vera e propria colonna vertebrale dell’organismo finzionale della Comédie humaine e riflesso speculare del pensiero di Balzac sull’uomo e sulla società, il personaggio di Vautrin fornisce allo scrittore l’occasione per un nuovo (e altrettanto deludente per la ricezione ottenuta) tentativo drammaturgico nell’anno 1840. In questo studio, l’A. si propone di an...

  8. Virtual Visit to the ATLAS Control Room by The Higgs in Tour in Bologna

    CERN Multimedia

    2014-01-01

    CONFERENZA SPETTACOLO PER LE SCUOLE per presentare una delle scoperte più importanti degli ultimi 30 anni nel campo della Fisica delle Particelle Elementari. Dopo anni segnati dall`impegno e dalla determinazione di migliaia di ricercatori di tutto il mondo, il 4 luglio 2012, durante una conferenza trasmessa in diretta dal CERN, viene annunciata al mondo la scoperta di una nuova particella: il bosone di HIGGS. L`anno successivo viene attribuito il Premio Nobel per la Fisica 2013 ai fisici teorici François Englert e Peter Higgs che la ipotizzarono nel Modello Standard per dare massa alle altre particelle.

  9. Chaumont 2004: disordine apparente, ordine reale: la teoria del caos e l’arte dei giardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Maria Bucelli

    2015-11-01

    Full Text Available Nella sua tredicesima edizione il Festival Internazionale di Chaumont-sur-Loire propone uno dei temi di riflessione più avanzati della speculazione scientifica contemporanea, la Teoria del Caos. Chiamati a confrontarsi con un argomento già ampiamente oggetto di dibattiti scientifici e riflessioni filosofiche e artistiche, i 23 vincitori di quest’anno hanno allestito giardini sui quali si indaga sotto il profilo sia speculativo che intuitivamente creativo, ricercando una lettura trasversale, supportata dalle dirette testimonianze dei Concepteurs, delle complesse dinamiche teoriche e culturali alla base della contemporanea speculazione attorno al giardino. 

  10. La corrispondenza Malinowski-Reich

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Liendro

    2004-06-01

    Full Text Available Nel libro 'Reich habla de Freud' compaiono cinque lettere che si scambiarono l'antropologo Broni-slaw Malinowski e lo psichiatra Wilhelm Reich. Le date approssimative si collocano tra il 1938 ed il 1942, anno in cui l'autore di 'Sexo y represiòn en la sociedad primitiva' morì. Da questa corri-spondenza si possono ricavare tre scenari: la situazione che stavano attraversando entrambi gli scien-ziati nei loro rispetti percorsi; il funzionalismo come teoria centrale dei rispettivi lavori; le sue con-seguenze e ripercussioni.

  11. 1Q84: metarealtà e postmoderno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessia Giacone

    2012-06-01

    Full Text Available 1Q84, ultimo romanzo di Murakami Haruki, sembra esprimere il disagio dell’uomo contemporaneo, che è vittima dello smarrimento dovuto agli orrori delle società e alla perdita di ogni certezza. Trasceso il mondo reale e dunque abbandonato il 1984, l’anno in cui vivono i protagonisti, “1Q84” (dove la Q di question mark consente l’insinuarsi surrettizio di un dubbio sempre nuovo è dunque una “metarealtà;” un distopico viaggio di sola andata, una deriva irreversibile dagli accenti postmoderni. La recensione che presentiamo vorrebbe offrire una chiave di lettura in questa direzione.

  12. Socialt entreprenørskab på RUC

    DEFF Research Database (Denmark)

    for forløsning af social innovation i folkeskolereformen anno 2013 Marie-Louise Köhl Harritsø: Socialt entreprenørskab – imellem akademisk læring og praksis Stephen Carney: Social Enterprise, education and the new political economy of Nepal: a research program. Bogens omslag er lavet af sekretær Vibeke Lihn, som...... building and continued education in social entrepreneurship and social innovation. Luise Li Langergaard: Dannelse og socialt entreprenørskab. I anden afdeling er artiklerne i hovedsagen orienteret mod RUC og socialt entreprenørskab. Her er følgende artikler: Christine Revsbech og Monika Fester: Innovation...

  13. JLIS.it 2015 Manifesto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Editorial Board JLIS.it

    2015-01-01

    Full Text Available La rivista JLIS.it, al suo quinto anno di vita, introduce una serie di cambiamenti, primo fra tutti, la suddivisione del periodico in due sezioni dedicate alla biblioteconomia e scienza dell'informazione da una parte e all' archivistica dall'altra, quest'ultima inoltre accoglierà la tradizione di studi della prestigiosa rivista italiana "Archivi & Computer". Il nuovo progetto intende creare un ambiente di integrazione e cooperazione tra le due discipline affini di biblioteconomia e archivistica. Altre novità della rivista prevedono: due comitati scientifici, una struttura organizzativa più articolata e una periodicità quadrimestrale.

  14. Dilemmi e scelte morali, oltre Greene?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Margoni

    2013-05-01

    Full Text Available Il modello teorico proposto da Joshua Greene a spiegazione delle scelte morali in situazioni dilemmatiche è ormai diventato paradigmatico. Jonathan Baron e colleghi, in uno studio pubblicato l’anno scorso sulla storica rivista Synthese dal titolo "Use of a Rasch model to predict response times to utilitarian moral dilemmas", propongono un modello esplicativo differente. I dilemmi usati da Greene, e da molta letteratura neuroetica, per lo studio del processo di presa di decisione morale sono strutturati in modo da stimolare nel soggetto un conflitto tra decidere per la massimizzazione del bene comune (fine utilitarista e decidere per l’incondizionato rispetto di una norma morale (deontologica.

  15. Extracomunitari, quale assistenza ospedaliera?

    OpenAIRE

    2003-01-01

    La composizione etnica dell’Italia è da tempo in corso di trasformazione. Il flusso demografico è stato emigratorio fino al 1973, anno in cui il numero degli immigrati è stato maggiore del numero degli emigrati. Rispetto agli altri paesi occidentali il fenomeno immigratorio in Italia così come nella provincia di Varese, si caratterizza per avere spiccato dinamismo e forte eterogenicità delle etnie presenti. A Varese, secondo i dati dell’ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2001 sono presenti 19944 c...

  16. Una stagione di fuoco. Fascismo, guerra e Resistenza nel Parmense

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Centro studi movimenti

    2016-03-01

    Full Text Available Il volume Una stagione di fuoco è il risultato di un lavoro collettivo promosso dal Centro studi movimenti a partire dal 2014. Esso trae origine da Siamo tutti partigiani. Facciamo la storia!, un progetto più ampio e ambizioso durato oltre un anno. Con questo lavoro abbiamo cercato di coinvolgere la cittadinanza – o una sua ampia parte – sul tema della Resistenza e dell’antifascismo, per stimolare in essa la sensibilità su un passaggio decisivo nella storia d’Italia, denso di scelte e speranze sulle quali continuare a riflettere.

  17. Complete genome sequence of Ferroglobus placidus AEDII12DO

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Anderson, Iain [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Risso, Carla [University of Massachusetts, Amherst; Holmes, Dawn [University of Massachusetts, Amherst; Lucas, Susan [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Copeland, A [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Lapidus, Alla L. [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Cheng, Jan-Fang [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Bruce, David [Los Alamos National Laboratory (LANL); Goodwin, Lynne A. [Los Alamos National Laboratory (LANL); Pitluck, Sam [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Saunders, Elizabeth H [Los Alamos National Laboratory (LANL); Brettin, Thomas S [ORNL; Detter, J. Chris [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Han, Cliff [Los Alamos National Laboratory (LANL); Tapia, Roxanne [Los Alamos National Laboratory (LANL); Larimer, Frank W [ORNL; Land, Miriam L [ORNL; Hauser, Loren John [ORNL; Woyke, Tanja [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Lovley, Derek [University of Massachusetts, Amherst; Kyrpides, Nikos C [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Ivanova, N [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute

    2011-01-01

    Ferroglobus placidus belongs to the order Archaeoglobales within the archaeal phylum Euryar- chaeota. Strain AEDII12DO is the type strain of the species and was isolated from a shallow marine hydrothermal system at Vulcano, Italy. It is a hyperthermophilic, anaerobic chemoli- thoautotroph, but it can also use a variety of aromatic compounds as electron donors. Here we describe the features of this organism together with the complete genome sequence and anno- tation. The 2,196,266 bp genome with its 2,567 protein-coding and 55 RNA genes was se- quenced as part of a DOE Joint Genome Institute Laboratory Sequencing Program (LSP) project.

  18. La teoria della conoscenza scientifica da Kant ai giorni nostri

    CERN Document Server

    Enriques, Federigo

    1983-01-01

    Questo libro uscì in francese nel 1938, l'anno in cui le leggi razziali avevano allontanato Federico Enriques dall'insegnamento e da ogni attività pubblica del nostro paese, e appare ora per le prima volta in traduzione originale italiana. Appartiene, dunque, alla fase produttiva dell'"ultimo Enriques"; e rientra in quel genere di scritti cui concordemente si riconosce il merito di avere introdotto fra i primi in Italia l'interesse per lo studio della storia del pensiero scientifico.

  19. Luigi Marfè, «In English Clothes». La novella italiana in Inghilterra: politica e poetica della traduzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Menetti

    2015-11-01

    Full Text Available Trasformare in abiti inglesi le stoffe multicolori della novellistica italiana significa tagliare, aggiungere altri materiali, imbastire e ricucire una nuova collezione seguendo le ispirazioni del momento. L'artigiano che si dedica al recupero dei materiali novellistici più antichi con la maestria di un sarto è John Florio, che ricorda questa immagine per spiegare il suo lavoro di traduzione nel 1603 degli Essays di Montaigne. Florio, inoltre, è anche il probabile ed unico traduttore del Decameron di Giovanni Boccaccio: siamo nel 1620, anno in cui sembra concludersi la formidabile stagione delle traduzioni inglesi, cominciate durante il regno di Elisabetta I (1558-1603.

  20. Il grande complotto televisivo: Giuseppe Genna, Dies Irae (2006)

    OpenAIRE

    Milanesi, Claudio

    2012-01-01

    Giuseppe Genna (1969-), scrittore, poeta, critico letterario, pubblicista, la cui produzione può essere seguita sui siti (Clarence, I Miserabili, Carmilla On Line, GiuGenna) con cui collabora o che cura personalmente, ha finora pubblicato 8 romanzi, più una serie di scritti di varia natura (raccolte di saggi, recensioni, instant book). Dei 7 romanzi, 4 formano la serie noir dell’ispettore Lopez. Nei quattro romanzi successivi al ciclo – L’anno luce (2005), Dies Irae (2006), Medium. Una storia...

  1. Intergraph Users Group Italiano 2006

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvio Bernardini

    2006-10-01

    Full Text Available Anche nel 2006 si è rinnovato l’impegno degli utenti Intergraph per organizzare questo momento di incontro e di discussione sui temi cari agli appartenenti ai settori gestiti dalle due Divisioni Security, Government & Infrastructure e Process, Power & Marine, da sempre territori fertili per le soluzioni dell’azienda americana. Il tema dell’incontro di quest’anno è stato “Sinergie nell’uso dei prodotti, delle applicazioni e dei sistemi Intergraph” e si è discusso principalmente dei metodi di attuazione di queste sinergie e degli effettivi benefici economici che esse hanno apportato ad Intergraph e soprattutto ai propri utenti.

  2. Quatremère de Quincy e il primo tomo (1788-1790) del Dizionario di architettura dell'Encyclopédie Méthodique

    OpenAIRE

    Leoni, Marina

    2012-01-01

    Nel 1782 è pubblicato il primo volume dell'Encyclopédie Méthodique, impresa editoriale dell'editore Charles-Joseph Panckoucke, comprendente un Dizionario di architettura del quale è incaricato Quatremère de Quincy. L'intera enciclopedia rappresenta un'operazione di notevoli dimensioni, che si distribuirà su un arco temporale di cinque decenni, con un numero di dizionari che cresce progressivamente nel tempo passando dai 39 previsti nel 1789 ai circa 50 del 1832, anno in cui si interrompe la p...

  3. Advanced materials for clean energy

    CERN Document Server

    Xu (Kyo Jo), Qiang

    2015-01-01

    Arylamine-Based Photosensitizing Metal Complexes for Dye-Sensitized Solar CellsCheuk-Lam Ho and Wai-Yeung Wongp-Type Small Electron-Donating Molecules for Organic Heterojunction Solar CellsZhijun Ning and He TianInorganic Materials for Solar Cell ApplicationsYasutake ToyoshimaDevelopment of Thermoelectric Technology from Materials to GeneratorsRyoji Funahashi, Chunlei Wan, Feng Dang, Hiroaki Anno, Ryosuke O. Suzuki, Takeyuki Fujisaka, and Kunihito KoumotoPiezoelectric Materials for Energy HarvestingDeepam Maurya, Yongke Yan, and Shashank PriyaAdvanced Electrode Materials for Electrochemical Ca

  4. Eccezioni. Gli studi dello sport nello spazio urbano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Satta

    2012-06-01

    Full Text Available Ormai undici anni fa Laura Balbo (2001 in un articolo sulla Rassegna Italiana di sociologia invitava la comunità scientifica a riflettere sulla rilevanza sociologica del tema dello sport, lasciato colpevolmente ai margini della riflessione e del dibattito. Solo un anno prima, nella stessa rivista, Pippo Russo (2000 aveva iniziato a delineare con difficoltà la definizione disciplinare degli studi sullo sport e la loro specificazione nell’ambito della sociologia. Anche Russo sottolineava la discontinuità, la scarsità di studi, ma soprattutto una collocazione periferica o interstiziale agli specifici campi di studio consolidatisi nel tempo non in grado di costituire un campo teorico distinto.

  5. Cancellare i ricordi? L’ultima frontiera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Lavazza

    2011-09-01

    Full Text Available La fine di un amore può lasciare un dolore inestinguibile. Sono le immagini del passato che riaffiorano ogni istante a farci soffrire. Se solo potessimo dimenticare...Potremmo però pentircene quando la procedura ormai è avviata. O, magari, se la rincontrassimo, ci invaghiremmo di nuovo... È la trama di Se mi lasci ti cancello, azzeccato film di qualche anno fa, che riuscì a materializzare anche i sogni e gli incubi delle neuroscienze applicate alla vita quotidiana.

  6. II terremoto di Tolmezzo del 26 Aprile 1959

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Marcelli

    1965-06-01

    Full Text Available

    I PArTE

    Venti secoli di storia sismica della Regione Carnicae dell'Italia Nord-Orientale

     

    Questa nota costituisce la prima parte di una ricercaintesa a studiare in dettaglio il terremoto avvenuto nei pressi di Tolmezzoil 26 Aprile 1959.In essa vengono esposti i risultati di una indagine svolta sulla sismicitàdi una ampia regione comprendente la zona di Tolmezzo, e precisamentedi quella parte dell'Italia Nord-Orientale che va dalle coste orientali delLago di Garda all'Austria, alla Jugoslavia e al Mare Adriatico.È stato compilato un catalogo cronologico dei terremoti ivi avvenutidall'anno 0 all'anno 1963: in detto catalogo sono riportati gli epicentri macrosismici,le massime I0, le Magnitudo, le Energie e alcune osservazioni.Per alcuni dei più importanti terremoti di quest'ultimo secolo, sono statedisegnate anche le isosiste. E stata costruita inoltre una carta degli epicentried un grafico che illustra l'andamento delle energie per tutti i 20 secoli.Una tabella riassuntiva sintetizza i risultati della ricerca.

  7. EGNOS: è ora di usarlo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  8. Transition pathway for climate-neutral mushroom cultivation. The agenda for a climate-neutral and economic effective mushroom cultivation in 2020; Transitiepad klimaatneutrale paddenstoelenteelt. De agenda voor een klimaatneutrale en economisch rendabele paddenstoelenteelt in 2020

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Suurmeijer, J.M. [Grontmij, Amersfoort (Netherlands); Hilkens, J. [AdVisie, Herkenbosch (Netherlands)

    2011-11-15

    To realize the ambition of climate-neutral and economically viable mushroom cultivation in new businesses as of 2020, a vision and a transition pathway need to be developed. The energy saving options discussed in the report 'Onderzoek naar het energiezuinig paddenstoelenbedrijf anno 2010' ('Study of an energy efficient mushroom cultivation business in 2010') serve as starting point. Three transition pathways have been developed. Each transition pathway contributes to a future-proof mushroom cultivation sector, to increasing energy efficiency or to deployment of sustainable energy in the mushroom cultivation sector [Dutch] Voor het realiseren van de ambitie om vanaf 2020 in nieuwe bedrijven klimaatneutraal en economisch rendabel paddenstoelen te kunnen telen, dient een visie en een transitiepad te worden opgesteld. De energiebesparingsopties uit het rapport 'Onderzoek naar het energiezuinig paddenstoelenbedrijf anno 2010' dienen hierbij als uitgangspunt. Er zijn drie transitiepaden ontwikkeld. Elk transitiepad geeft zijn bijdrage aan een toekomstbestendige paddenstoelensector, aan het verhogen van de energie-efficiency of aan de toepassing van duurzame energie in de paddenstoelensector.

  9. Teleportation of squeezing: Optimization using non-Gaussian resources

    Science.gov (United States)

    Dell'Anno, Fabio; de Siena, Silvio; Adesso, Gerardo; Illuminati, Fabrizio

    2010-12-01

    We study the continuous-variable quantum teleportation of states, statistical moments of observables, and scale parameters such as squeezing. We investigate the problem both in ideal and imperfect Vaidman-Braunstein-Kimble protocol setups. We show how the teleportation fidelity is maximized and the difference between output and input variances is minimized by using suitably optimized entangled resources. Specifically, we consider the teleportation of coherent squeezed states, exploiting squeezed Bell states as entangled resources. This class of non-Gaussian states, introduced by Illuminati and co-workers [F. Dell’Anno, S. De Siena, L. Albano, and F. Illuminati, Phys. Rev. APLRAAN1050-294710.1103/PhysRevA.76.022301 76, 022301 (2007); F. Dell’Anno, S. De Siena, and F. Illuminati, Phys. Rev. APLRAAN1050-294710.1103/PhysRevA.81.012333 81, 012333 (2010)], includes photon-added and photon-subtracted squeezed states as special cases. At variance with the case of entangled Gaussian resources, the use of entangled non-Gaussian squeezed Bell resources allows one to choose different optimization procedures that lead to inequivalent results. Performing two independent optimization procedures, one can either maximize the state teleportation fidelity, or minimize the difference between input and output quadrature variances. The two different procedures are compared depending on the degrees of displacement and squeezing of the input states and on the working conditions in ideal and nonideal setups.

  10. Il riconoscimento del progetto migratorio del minore e la valorizzazione della rete parentale nell'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati: l'evoluzione della presa in carico nel comune di Cremona (2005 - 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Giordano

    Full Text Available Il fenomeno dei minori stranieri non accompagnati fu gestito a Cremona, fino all'anno 2007, unicamente tramite l'accoglienza in strutture residenziali. Tale pratica dovette però confrontarsi con la criticità (anche di tipo economico rappresentata dalla massiccia crescita degli arrivi di minorenni stranieri dichiaranti essere "non accompagnati", verificatasi negli anni 2006 e 2007. La frequente presenza di reti parentali dei minori nelle provincie limitrofe, indusse a ritenere che il percorso migratorio dei MSNA giunti a Cremona fosse il risultato di una strategia messa a punto da adulti di riferimento, i quali indirizzavano il giovane verso quei territori dove le pratiche d'accoglienza apparivano più efficaci riguardo all'acquisizione del titolo di soggiorno. Ciò che emerge è la correlazione intercorrente tra modalità di accoglienza e strategia migratoria. A partire dall'anno 2008, il riconoscimento del carattere "famigliare" del progetto migratorio del minore, e della sua rete parentale come risorsa per una più efficace e sostenibile presa in carico, portò all'identificazione di una strategia di accoglienza incentrata sull'affidamento famigliare.

  11. Collaborative annotation of 3D crystallographic models.

    Science.gov (United States)

    Hunter, J; Henderson, M; Khan, I

    2007-01-01

    This paper describes the AnnoCryst system-a tool that was designed to enable authenticated collaborators to share online discussions about 3D crystallographic structures through the asynchronous attachment, storage, and retrieval of annotations. Annotations are personal comments, interpretations, questions, assessments, or references that can be attached to files, data, digital objects, or Web pages. The AnnoCryst system enables annotations to be attached to 3D crystallographic models retrieved from either private local repositories (e.g., Fedora) or public online databases (e.g., Protein Data Bank or Inorganic Crystal Structure Database) via a Web browser. The system uses the Jmol plugin for viewing and manipulating the 3D crystal structures but extends Jmol by providing an additional interface through which annotations can be created, attached, stored, searched, browsed, and retrieved. The annotations are stored on a standardized Web annotation server (Annotea), which has been extended to support 3D macromolecular structures. Finally, the system is embedded within a security framework that is capable of authenticating users and restricting access only to trusted colleagues.

  12. Fat- and fiber-related diet behavior among type 2 diabetes patients from distinct regions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hendrychova T

    2015-02-01

    Full Text Available Tereza Hendrychova,1 Magda Vytrisalova,1 Abdullah Alwarafi,2 Jurjen Duintjer Tebbens,3,4 Helena Vankatova,1 Sandra Leal,5 Ales Antonin Kubena,1 Alena Smahelova,6 Jiri Vlcek1 1Department of Social and Clinical Pharmacy, Faculty of Pharmacy in Hradec Králové, Charles University in Prague, Hradec Králové, Czech Republic; 2Faculty of Dentistry, Ibb University, Ibb, Yemen; 3Department of Biophysics and Physical Chemics, Faculty of Pharmacy in Hradec Králové, Charles University in Prague, Hradec Králové, Czech Republic; 4Institute of Computer Science, Academy of Sciences of the Czech Republic, Prague, Czech Republic; 5Department of Clinical Pharmacy, El Rio Community Health Center, Tucson, AZ, USA; 6Diabetes Center, Department of Gerontology and Metabolism, University Hospital and Faculty of Medicine in Hradec Králové, Charles University in Prague, Hradec Králové, Czech Republic Purpose: Diet and eating habits are of key importance in patients with type 2 diabetes mellitus (T2DM. The purpose of this comparative study was to analyze fat- and fiber-related behavior (FFB in patients with T2DM from distinct cultural areas. Patients and methods: Observational study was carried out in the Czech Republic (CR (n=200, the US (n=207, and Yemen (n=200. Patients completed the Fat- and Fiber-related Diet Behavior Questionnaire (FFBQ. Results: Differences in all aspects of FFB among countries were found (P<0.05. The best fat-related behavior reported was from patients from the CR. Patients from the US showed the worst fat-related behavior in total. On the other hand, patients from the US reported the best fiber-related behavior. Patients from Yemen reached the worst scores in all fat-related domains. Patients from all studied countries reported the best results in the “modify meat” and “avoid fat as flavoring” and the worst in the “substitute high fiber” subscales. Conclusion: Professionals involved in the diet education of T2DM patients

  13. Improving Short Wave Breaking Behavior In Surfbeat Models

    Science.gov (United States)

    Roelvink, J.; Daly, C.; Vandongeren, A. R.; van Thiel de Vries, J.; McCall, R.

    2009-12-01

    In present surfzone modeling three approaches are widely applied: short-wave resolving models, ‘surfbeat’ models, which resolve wave energy modulations on the time-scale of wave groups and their associated infragravity waves, and wave averaged models. In all three approaches, wave breaking is a process that is highly schematized and governed by several empirical coefficients. In this presentation we will focus on the breaking process in ‘surfbeat’ models, such as XBeach (Roelvink et al, 2009). These models need to describe the short wave dissipation by breaking as a function of the slowly-varying short wave energy or wave height. The model usually applied is that by Roelvink (1993), which combines a probability that waves are breaking as function of wave heigth over water depth ratio H/h with a bore-type dissipation formulation similar to that by Battjes and Janssen (1978). A drawback of such a formulation is that there is no ‘memory’ in the breaking process, and the amount of breaking instantly varies with the water depth (though the wave height itself does have a memory). For cases with bichromatic waves, or for long-period swell, this does not reflect reality enough: waves that start breaking do not instantly stop breaking once the water depth increases, but continue until some lower threshold is reached. This concept was captured in Dally’s (1992) wave-by-wave approach, where individual waves are tracked in a probabilistic setting. We have now implemented a similar formulation in XBeach, where the property that waves are breaking is tracked; it is switched on when H/h exceeds a first criterion; this property is propagated using an advection equation and when H/h gets below a second criterion breaking is switched off. This formulation can do two things the previous one can’t: maintain groupiness inside the surf zone and have a maximum of wave breaking in the trough after a steep bar, as was observed for instance in Arcilla et al’s (1994) test 1

  14. Influence of hurricane wind field in the structure of directional wave spectra.

    Science.gov (United States)

    Esquivel-Trava, Bernardo; García-Nava, Hector; Osuna, Pedro; Ocampo-Torres, Francisco J.

    2017-04-01

    Three numerical experiments using the spectral wave prediction model SWAN were carried out to gain insight into the mechanism that controls the directional and frequency distributions of hurricane wave energy. One particular objective is to evaluate the effect of the translation speed of the hurricane and the presence of concentric eye walls, on both the wave growth process and the shape of the directional wave spectrum. The HRD wind field of Hurricane Dean on August 20 at 7:30 was propagated at two different velocities (5 and 10 m/s). An idealized concentric eye wall (a Gaussian function that evolve in time along a path in the form of an Archimedean spiral) was imposed to the wind field. The white-capping formulation of Westhuysen et al. (2007) was selected. The wave model represents fairly well the directionality of the energy and the shape of the directional spectra in the hurricane domain. The model results indicate that the forward movement of the storm influences the development of the waves, consistent with field observations. Additionally the same experiments were carried out using the Wave Watch III model with the source terms formulation proposed by Ardhuin et al., 2010, with the aim of making comparisons between the physical processes that represent each formulation, and the latest results will be addressed. References Ardhuin, F., Rogers, E., Babanin, A. V., Filipot, J.-F., Magne, R., Roland, A., van der Westhuysen, A., et al. (2010). Semiempirical Dissipation Source Functions for Ocean Waves. Part I: Definition, Calibration, and Validation. Journal of Physical Oceanography, 40(9), 1917-1941. doi:10.1175/2010JPO4324.1 Van der Westhuysen, A. J., Zijlema, M., & Battjes, J. A. (2007). Nonlinear saturation-based whitecapping dissipation in SWAN for deep and shallow water. Coast. Eng., 54(2), 151-170. doi:10.1016/j.coastaleng.2006.08.006

  15. Cristallini e misurazioni biometriche nella Lepre bianca (Lepus timidus in Provincia di Sondrio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Ferloni

    2003-10-01

    Full Text Available A partire dalla stagione venatoria 2000 è stato introdotto in Provincia di Sondrio il controllo di tutti i capi di Lepre bianca abbattuti, allo scopo di effettuare valutazioni accurate del sesso, dell'età e delle misurazioni biometriche degli animali. La valutazione dell'età è stata effettuata tramite pesatura del cristallino dell'occhio e tramite palpazione del tubercolo di Stroh. Per una valutazione dell'età è stata utilizzata come riferimento la curva dei pesi di Walhovd (1965. In totale, dal 2000 al 2002, sono stati analizzati 187 esemplari di Lepre bianca (84 maschi e 103 femmine. Dei 154 capi di cui è stata valutata l'età, 54 sono risultati piccoli dell'anno e 100 adulti, di cui 57 di 1 anno e 43 di oltre due anni. Il peso di cristallino rivelatosi discriminante per distinguere tra piccoli e adulti era compreso tra 220 e 240 mg, come rilevato anche da altri autori (Flux, 1970, Walhovd, 1965. È stata inoltre individuata una buona corrispondenza tra la valutazione dell'età tramite peso del cristallino e la palpazione del tubercolo di Stroh, tecnica che ha fornito una valutazione corretta della classe d'età nell'83% degli animali analizzati. Il peso del cristallino dei piccoli ha permesso anche di determinare approssimativamente la distribuzione delle nascite nel corso dell'anno. Le misurazioni biometriche rilevate sono state: lunghezza del corpo, lunghezza della coda, lunghezza dell'orecchio destro, lunghezza del piede posteriore, peso pieno e peso vuoto. I risultati ottenuti sono stati confrontati per le diverse classi di età e di sesso tramite Analisi della Varianza (One-Way ANOVA. Le differenze principali sono emerse tra giovani e adulti, relativamente al peso (sia peso pieno sia peso vuoto e, nel 2001, anche alla lunghezza totale, entrambi maggiori negli adulti. Tra gli adulti sono emerse differenze significative anche nel peso dei due sessi, con le femmine più pesanti dei maschi. Non sono invece state rilevate differenze

  16. [Assessment of a project for integrated management of care given to patients with type-2 diabetes in the Local Health Authority 21 of Legnago (Veneto Region, Northern Italy) in the period 2010-2012].

    Science.gov (United States)

    Marcon, Alessandro; Vaona, Alberto; Rigon, Giulio; Carazzolo, Marco; Del Zotti, Franco; Girotto, Sandro; Marafetti, Claudio

    2016-01-01

    OBIETTIVI: descrivere, nella ASL 21 di Legnago (VR), l'andamento di alcuni indicatori sanitari tra il 2009, anno precedente all'avvio di un progetto triennale per la gestione integrata dell'assistenza al paziente con diabete mellito di tipo 2, e il 2012, ultimo anno del progetto. DISEGNO: studio longitudinale trasversale ripetuto. SETTING E PARTECIPANTI: tutti i pazienti diabetici di tipo 2 della ASL 21, identificati nei database aziendali (in base a esenzioni per patologia, accessi al servizio diabetologico, consumo di farmaci antidiabetici e strisce per la determinazione della glicemia) e nelle cartelle cliniche dei medici di famiglia. PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: numero di test diagnostici e di follow-up erogati, consumo di farmaci, prestazioni specialistiche, accessi al pronto soccorso, ricoveri e mortalità. RISULTATI: nonostante un calo generalizzato (-3,1%) nei test erogati dalla ASL 21 ai suoi assistititi nel periodo 2009-2012, l'analisi ha documentato un marcato aumento per gli esami previsti nella gestione del diabete, quali curve da carico glicemico (+104,3%), emoglobina glicata (+19,0%) e microalbuminuria (+296,1%). I soggetti identificati come diabetici sono aumentati da 8.084 nel 2009 (5,2%) a 9.221 nel 2012 (5,9%). Sono stati osservati aumenti nella prevalenza di pazienti visitati presso un servizio diabetologico (dal 22,6% al 39,0%), nonché negli utilizzatori di metformina (dal 28,0% al 37,5%), insuline (dal 13,5% al 18,3%) e incretine (dall'1,4% al 9,0%). Il consumo di sulfaniluree è, invece, calato (dal 49,9% al 40,8%), come anche l'erogazione di alcune prestazioni specialistiche, gli accessi al pronto soccorso e i ricoveri, mentre il tasso di mortalità è rimasto stabile (29,6 decessi x1.000/anno). CONCLUSIONE: durante il periodo di implementazione del progetto sembra essersi verificato un aumento della sensibilità diagnostica e una maggiore presa in carico del paziente diabetico. Anche se la natura osservazionale dello studio non consente

  17. Incidenza di meningiti nell'ASL di Brescia nei primi mesi del 2003

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Magoni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: nell’ASLdi Brescia durante i mesi di gennaiomaggio 2003 si è verificato un consistente aumento di casi di meningite che ha allarmato oltre agli operatori sanitari anche l’opinione pubblica locale.

    Metodi: i dati riguardanti i casi di meningite verificatisi dal gennaio 1999 al maggio 2003 sono stati raccolti dal Servizio Igiene Pubblica dell’ASLdi Brescia.

    Tenuto conto della omogeneità dei dati nel quadriennio 1999- 2002 e della stagionalità che le meningiti possono avere, sono stati calcolati i tassi di incidenza per i primi cinque mesi dell’anno per tutte le meningiti in generale e per agente eziologico, durante il quadriennio 1999-2002. Tali tassi sono stati confrontati con i tassi corrispondenti nei primi mesi del 2003.

    Risultati: nel primi 5 mesi del 2003 si sono registrati in tutto 48 casi, di cui 9 da meningocco, 13 da pneumococco, 14 virali, 3 da altri agenti batterici e 8 senza agente microbico identificato. Nei 4 anni precedenti erano stati notificati 66 casi di meningite nei primi 5 mesi dell’anno, con una media annua di 16.5. Il tasso di incidenza di meningite in gennaio-maggio è stato quindi il triplo nel 2003 (rischio relativo = 2.9 rispetto ai 4 anni precedenti (p=0.0001. L’eccesso di incidenza si è riscontrato per tutti i tipi di meningite considerati in base all’agente eziologico.

    L’analisi per diverse età ha mostrato un aumento di incidenza sia nei bambini che nei giovani adulti e negli anziani. Non si è riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa tra l’incidenza nel comune di Brescia (area urbana rispetto all’intera ASL nel periodo in studio.

    Conclusioni: l’aumento di incidenza per meningiti
    osservato nel 2003 non sembra spiegabile in termini di variabilità casuale del fenomeno da un anno all’altro e riguarda tutti i tipi di meningite e tutte le categorie d

  18. Il lungo viaggio dell’Orthomixovirus A/goose/Guangdong/2/96(H5N1

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guglielmo Gargani

    2007-06-01

    Full Text Available INTRODUZIONE La peste aviaria ed i virus dell’influenza Nel 1878 E.Perroncito1 descrisse una grave malattia gastro-intestinale dei polli a carattere epidemico, che denominò peste aviaria; nel 1901 Centanni e Savonuzzi, mediante prove di filtrazione, ne dimostrarono l’origine virale. Oltre mezzo secolo più tardi, nel 1955, le migliorate metodiche virologiche misero in stretta relazione questo virus con il tipo A del virus influenzale; ambedue furono classificati qualche anno dopo come Orthomixovirus, tipo A. Fra questi virus esistono strette affinità virologiche e percorsi epidemiologici legati fra loro, ma la sintomatologia intestinale della peste aviaria è ben diversa da quella respiratoria dell’uomo e di qualche altro mammifero. Nel 1931 Shope

  19. Questioni minori di lingua e cultura egiziana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Cervatin

    2015-08-01

    Full Text Available II graffito Sakkara T (riedito in K. A. Kitchen, Ramess. Inscript. 3, 438, datato all'anno 48 del regno di Ramesse II, è piuttosto interessante: iscritto sulle pareti di uno

  20. Questioni minori di lingua e cultura egiziana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Crevatin

    2000-12-01

    Full Text Available Il graffito Sakkara T (riedito in K. A. Kitchen, Ramess. Inscript. 3, 438, datato all' anno 48 del regno di Ramesse II, è piuttosto interessante: iscritto sulle pareti di uno dlegli edifici del complesso funerario del Faraone Djoser, esso è composto da due testi distinti (A: 1-4; B: 5-7, redatti da due persone diverse che forse sono andate assieme per turismo culturale o religioso a Sak.kara. B è costituito da una serie di auguri funebri piuttosto banali, mentre A, molto mal conservato, pone problemi esegetici fastidiosi. Dopo la datazione e la citazione del nome del redattore, compare un poco comprensibile ]hry wtś-R' [, che il primo editore del testo ha ritenuto equivalente alla designazione della necropoli.

  1. Le tecnologie mobili dell’apprendimento permanente, il progetto MOTILL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Arrigo

    2013-03-01

    Full Text Available In questo articolo vengono presentati alcuni dei risultati del progetto MOTILL. MOTILL, ovvero «Le Tecnologie Mobili nell’apprendimento permanente: buone pratiche», è un progetto finanziato dalla Comunità Europea, nell’ambito del National Lifelong Learning Strategies (NLLS. Il progetto, durato un anno e terminato a Marzo 2010, si è focalizzato sull’uso delle tecnologie mobili in contesti di lifelong learning (LLL. L’articolo sarà dedicato a una breve introduzione del progetto, dei suoi obiettivi e delle azioni portate avanti, e a un rapido riassunto dei principali risultati ottenuti, i quali sono stati resi disponibili online alla comunità scientifica e diffusi ai policy makers impegnati nei programmi di apprendimento permanente.

  2. Una strategia di elusione del Reale: la sacralizzazione della Cosa nel racconto “La forcina” di Guy de Maupassant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Darwine Delvecchio

    2014-06-01

    Full Text Available In questo articolo proponiamo una lettura del racconto “La forcina” di Maupassant, secondo la quale la vicenda particolare del protagonista rappresenterebbe una delle possibili difese che il soggetto umano ha a propria disposizione per mantenersi a distanza dal Reale scabroso della Cosa. La nostra interpretazione prende le mosse dall'analisi condotta sulla sostanza semantica del testo e procederà confrontando gli strumenti forniti dalle scienze neurocognitive e della psicoanalisi freudiana e lacaniana.(Questo lavoro è stato prodotto nell'ambito del laboratorio sul tema seminariale “Le emozioni” proposto per l'anno 2013 dalla Scuola di Dottorato in Teoria e Analisi del Testo presso l'Università degli Studi di Bergamo

  3. Le musiche di Palazzo Pitti al tempo dei granduchi Asburgo-Lorena. Storia della collezione musicale granducale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Gitto

    2011-11-01

    Full Text Available Le musiche della biblioteca dei granduchi Asburgo-Lorena furono raccolte e custodite presso Palazzo Pitti fino al 1862, anno nel quale vennero trasferite presso il Regio Istituto di Musica, oggi Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze. Il fondo Pitti, restaurato e riordinato negli anni successivi l’alluvione del 1966, è stato nel 2010 oggetto di catalogazione informatica svelando, dopo un secolo e mezzo di oblio, più di 6.000 opere musicali di provenienza fiorentina e in gran parte austriaca, a testimonianza del forte legame che univa Firenze e Vienna. L’analisi delle musiche manoscritte e a stampa, accompagnata dal ritrovamento di antichi inventari e dallo studio di fonti archivistiche, ha permesso la ricostruzione delle vicende della collezione palatina ed ha contribuito ad una maggiore conoscenza della pratica musicale alla corte fiorentina e del contesto culturale nella Toscana pre-unitaria.

  4. Learning Sentence-internal Temporal Relations

    CERN Document Server

    Lapata, M; 10.1613/jair.2015

    2011-01-01

    In this paper we propose a data intensive approach for inferring sentence-internal temporal relations. Temporal inference is relevant for practical NLP applications which either extract or synthesize temporal information (e.g., summarisation, question answering). Our method bypasses the need for manual coding by exploiting the presence of markers like after", which overtly signal a temporal relation. We first show that models trained on main and subordinate clauses connected with a temporal marker achieve good performance on a pseudo-disambiguation task simulating temporal inference (during testing the temporal marker is treated as unseen and the models must select the right marker from a set of possible candidates). Secondly, we assess whether the proposed approach holds promise for the semi-automatic creation of temporal annotations. Specifically, we use a model trained on noisy and approximate data (i.e., main and subordinate clauses) to predict intra-sentential relations present in TimeBank, a corpus anno...

  5. Introduzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Roncaglia

    2010-07-01

    Full Text Available Con questo numero, Moneta e Credito prosegue la sua nuova vita dopo l’interruzione connessa al passaggio di proprietà dalla Banca Nazionale del Lavoro all’Associazione Paolo Sylos Labini. Tale interruzione è stata colmata con i numeri speciali per il 2008 e per il 2009 usciti negli ultimi mesi dell’anno scorso. Il numero speciale per il 2008 contiene gli indici dei primi sessant’anni di vita delle riviste e due articoli introduttivi di ricostruzione del loro percorso (Roncaglia, 2008a e 2008b; quello per il 2009 presenta una selezione di articoli pubblicati negli ultimi anni su temi connessi alla crisi finanziaria ed economica che sarebbe poi esplosa, con una breve introduzione per inquadrare questi contributi nel dibattito teorico più recente.  JEL Codes:  F3, G1, N1,  B5Keywords: Introduzione, Crisi finanziaria, Rivista

  6. Comunicazione e Open Access

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2005-06-01

    Full Text Available Il potenziale editoriale della rivista, sebbene compia appena il suo terzo anno di attività, è considerevole: basti pensare che la scelta fondante una parte del progetto editoriale, la pubblicazione di testi integrali, accessibili liberamente e gratuitamente su formato html, ha permesso l’accrescersi costante della consultazione delle pagine web pubblicate su internet e del numero dei visitatori che hanno avuto accesso agli articoli diffusi per ogni numero trimestrale. Condividendo e promuovendo i principi dell’Open-Access, il libero accesso al patrimonio culturale e scientifico, partecipando ad una comunicazione scientifica che favorisca una democratizzazione della conoscenza, si è inoltre indotto un valore aggiunto allo strumento editoriale: la valorizzazione della produzione scientifica e degli stessi contributi degli autori, insieme all’ampia divulgazione dei contenuti, liberamente accessibili da qualsiasi luogo del mondo tramite una connessione ad internet.

  7. Colombo e la nudità dei “selvaggi”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilberto Mazzoleni

    2013-01-01

    Full Text Available Superato il fatidico “anno Mille”, una serie di eventi epocali hanno spinto l’Europa cristiana a guardarsi intorno e, per così dire, a dinamicizzarsi. La crisi del sistema di chiuse economie di corte e lo sviluppo delle entità comunali e marinare, l’incremento demografico e la richiesta diffusa di maggiori e più svariati consumi, la diminuita pressione dell’Islam e la riscoperta – mediata dagli stessi intellettuali arabi – dei valori del mondo classico, e così pure l’apprezzamento indiretto del più lontano Oriente, avevano sollecitato i Paesi dell’Europa cristiana a guardare ben al di là dei consueti confini e a confrontarsi in una gara espansivo-conoscitiva senza precedenti.

  8. Marco Benoît Carbone, Tentacle erotica. Orrore, seduzione, immaginari pornografici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Zenobi

    2015-05-01

    Full Text Available “Mimesis Media/Eros. Sessualità, tecnologia, rappresentazioni” è la collana diretta da Giovanna Maina e Federico Zecca, due giovani studiosi che, assieme ad Enrico Biasin (Porno espanso, Mimesis, 2011, Porn after Porn, Mimesis International, 2014, hanno avuto il merito di “sdoganare” i porn studies in Italia e, soprattutto, di averlo fatto in una maniera tale da renderli un componente di primo livello del dibattito scientifico, grazie alla collaborazione con studiosi internazionali e a un attento e competente lavoro su categorie che fanno parte oramai da qualche anno del panorama culturale contemporaneo. I workshop sulla pornografia organizzati all’interno delle attività del FilmForum di Udine e Gorizia sono parte integrante e creativa di un laboratorio che in breve tempo ha scalfito le rigide barriere disciplinari dell’accademia italiana coinvolgendo studiosi di discipline e campi diversi.

  9. Contributo alla storia della meteorologia a Firenze. Le osservazioni meteorologiche fiorentine fra il 1751 e il 1813

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Vergari

    2011-10-01

    Full Text Available L’articolo vuole approfondire il ruolo della comunità scientifica fiorentina nella sto- ria della meteorologia fra la seconda metà del XVIII secolo e il 1813, anno in cui inizia la raccolta di dati presso l’osservatorio Ximeniano. Tale raccolta è realizzata da medici e scienziati, come Giovanni Targioni Tozzetti, Alessandro Bicchierai e Pietro Grifoni, che operano all’interno di una vasta rete cittadina di istituzioni scientifiche (dall’Accademia dei Georgofili all’Imperiale Museo di Fisica, all’Arcispedale di Santa Maria Nuova. È un periodo importante per l’evoluzione della scienza meteorologica che passa da una visione tradizionale - frutto dell’esperienza dell’Accademia del Cimento – ad una nuova visione che analizzerà con maggiore consapevolezza il rapporto fra eventi meteorici e climatici e il loro impatto sugli organismi viventi, dando origine alle basi della nuova meteorologia scientifica.

  10. Kuraatori sõna. Žürii arvab = A Word from the Curator. The Jury's Opinion

    Index Scriptorium Estoniae

    2008-01-01

    Eesti Arhitektide Liidu konkursi "Eramu 2006-2007" tulemused: peapreemia Villa Lokaator Paldiskis (arhitektid Siiri Vallner, Indrek Peil), kolm äramärgitud tööd - Villa vesiveski varemeil (arhitektid Tõnu Laigu, Kadri Kerge), Villa Binokkel Meriväljal (arhitektid Toomas Tammis, Inga Raukas, Tarmo Teedumäe), konsooleramu Pirital (arhitekt Hindrek Kesler). Žürii koosseis. Rändnäituse kuraator Ene Läkk heast eramust, Eesti eramust anno 2006-2007. Žürii liikmed arhitekt Indrek Allmann, kunstiteadlane Liina Jänes ja sisearhitekt Janno Roos konkursist, võidutööst ja äramärgitud töödest

  11. Matematica e Cultura 2008

    CERN Document Server

    2008-01-01

    Matematica e cultura, binomio sorprendente? Potrebbe sembrare ma da qualche anno si sono aperti dei grandi ponti tra le “due culture”. A Venezia, citta’ di ponti e di culture, si parla da oramai dieci anni di cultura e di matematica, si parla di arte, architettura, cinema, letteratura, ambiente, filosofia, di bolle di sapone, di Corto Maltese ed Hugo Pratt, delle investigazioni criminali. In questo nuovo libro, il decimo della serie iniziata a Venezia con gli incontri “Matematica e cultura” che tanti hanno cercato di imitare, si parla di tutto questo e tra gli altri ne scrivono Simon Singh (autore del best seller “L’ultimo teorema di Fermat”), alla sua terza presenza a Venezia, e Siobhan Roberts (autrice di “Il re dello spazio infinito. Storia dell’uomo che salvò la geometria”). Venezia ponte tra la matematica e la cultura.

  12. From the Nineties to the new millennium: projects and experiences of territory government, from the crisis of established models to the results of experimental innovative paths

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Farina

    2013-06-01

    Full Text Available Alle soglie degli anni ’90 la nostra è una delle regioni italiane più pianificate: tuttavia, dopo le esperienze degli anni ’60 e ‘70, in cui si era affermata la politica urbanistica riformista in particolare attraverso alcuni grandi programmi (la zonizzazione del territorio e l’attuazione dei piani dei servizi; i Piani per l’edilizia economica e popolare; i Piani per gli insediamenti produttivi, a partire dagli anni ’80 il modello di pianificazione “razionale”, pur nel pieno della sua attuazione (la legge urbanistica regionale è la n. 47 del 1978, e dello stesso anno era la L. 457, il piano decennale della casa il cui titolo IV definisce e programma il recupero edilizio e urbano, evidenzia già alcune difficoltà a reggere all’impatto di nuovi fenomeni e problemi che si manifestano nella società italiana.

  13. Burning down the brewery: establishing and evacuating an ancient imperial colony at Cerro Baul, Peru.

    Science.gov (United States)

    Moseley, Michael E; Nash, Donna J; Williams, Patrick Ryan; DeFrance, Susan D; Miranda, Ana; Ruales, Mario

    2005-11-29

    Before the Inca reigned, two empires held sway over the central Andes from anno Domini 600 to 1000: the Wari empire to the north ruled much of Peru, and Tiwanaku to the south reigned in Bolivia. Face-to-face contact came when both colonized the Moquegua Valley sierra in southern Peru. The state-sponsored Wari incursion, described here, entailed large-scale agrarian reclamation to sustain the occupation of two hills and the adjacent high mesa of Cerro Baúl. Monumental buildings were erected atop the mesa to serve an embassy-like delegation of nobles and attendant personnel that endured for centuries. Final evacuation of the Baúl enclave was accompanied by elaborate ceremonies with brewing, drinking, feasting, vessel smashing, and building burning.

  14. Burning down the brewery: Establishing and evacuating an ancient imperial colony at Cerro Baúl, Peru

    Science.gov (United States)

    Moseley, Michael E.; Nash, Donna J.; Williams, Patrick Ryan; deFrance, Susan D.; Miranda, Ana; Ruales, Mario

    2005-01-01

    Before the Inca reigned, two empires held sway over the central Andes from anno Domini 600 to 1000: the Wari empire to the north ruled much of Peru, and Tiwanaku to the south reigned in Bolivia. Face-to-face contact came when both colonized the Moquegua Valley sierra in southern Peru. The state-sponsored Wari incursion, described here, entailed large-scale agrarian reclamation to sustain the occupation of two hills and the adjacent high mesa of Cerro Baúl. Monumental buildings were erected atop the mesa to serve an embassy-like delegation of nobles and attendant personnel that endured for centuries. Final evacuation of the Baúl enclave was accompanied by elaborate ceremonies with brewing, drinking, feasting, vessel smashing, and building burning. PMID:16293691

  15. From inhibition of radiographic progression to maintaining structural integrity: a methodological framework for radiographic progression in rheumatoid arthritis and psoriatic arthritis clinical trials.

    Science.gov (United States)

    Landewé, Robert; Strand, Vibeke; van der Heijde, Désirée

    2013-07-01

    Usually, a clinical trial in rheumatoid arthritis and psoriatic arthritis aiming to demonstrate that a new antirheumatic drug treatment can inhibit progression of structural damage has a 'superiority design': The new treatment is compared to placebo or to another active treatment. Currently, many new drug treatments have shown to be able to completely suppress progression (progression rates close to zero). For largely unknown reasons, during the last 10 years, radiographic progression rates in clinical trials have gradually decreased, so that progression rates in the comparator groups are often too low to demonstrate meaningful inhibition, and thus superiority of the new treatment. We here propose an alternative framework to demonstrate that new treatments have the ability to 'preserve structural integrity' rather than to 'inhibit radiographic progression'. Anno 2013, preserving structural integrity is conceptually more realistic than inhibiting radiographic progression.

  16. Umore e morale, via cognizione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Margoni

    2013-05-01

    Full Text Available L’umore influenzerebbe il giudizio morale. Validando o invalidando il pensiero maggiormente saliente relativo alla situazione da giudicare, piuttosto che agendo sulla risposta emotiva. Perlomeno quando la situazione è un dilemma morale astratto che chiede di scegliere tra sacrificare una persona (gettandola da un ponte per salvarne cinque oppure non sacrificarla lasciando così morire i restanti. Si tratta del cosiddetto footbridge dilemma. A trovare questo particolare e significativo risultato è stato un gruppo di psicologi tedeschi, dell’Università di Regensburg. Lo studio è stato presentato l’anno scorso in una pubblicazione sulla rivista Cognition, con il titolo "To push or not to push? Affective influences on moral judgment depend on decision frame".

  17. Ecologia dello Scoiattolo comune (Sciurus vulgaris in boschi alpini di conifere: relazioni spaziali e trofiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandro Bertolino

    2003-10-01

    Full Text Available Lo scoiattolo comune è una specie generalista, legata per l?alimentazione principalmente alla disponibilità di semi di latifoglie o conifere. Numerosi fattori che influiscono sulla condizione individuale e sulla dinamica di popolazione (massa corporea, sopravvivenza invernale, successo riproduttivo sono correlati con la produttività dei boschi. Queste relazioni non sono mai state verificate per le foreste alpine di conifere, habitat dove lo scoiattolo comune sembra ben adattato. Per tale motivo è stato avviato uno studio sulla specie nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. La ricerca è stata condotta in due aree: una in foresta mista di conifere (Cogne, 50 ha, Picea abies 45%, Larix decidua 54%, alberi morti 1%, l?altra in pecceta (Rhemes, 69 ha, Picea abies 85%, Larix decidua 11%, alberi morti 4%. La produzione energetica dei boschi (semi delle conifere è stata valutata moltiplicando il n. di piante/ha x il n. coni/pianta (contati su 60 alberi campione x il n. semi/cono x il peso medio dei semi, trasformando poi la biomassa in Mj. Le catture sono state effettuate tre volte l?anno, da agosto 2000 a ottobre 2002 con trenta trappole modello Tomahawk 201. Dopo la cattura e il rilascio degli animali, la trappola era ispezionata e le feci raccolte e conservate in etanolo 70% per la ricerca di spore fungine. Diciotto scoiattoli nel 2001 e 13 nel 2002 sono stati dotati di radiocollare (PD- 2C Holohil Systems Ltd. e seguiti in estate e autunno. La densità autunnale post-riproduttiva è stata di 0,30-0,35 animali/ha-1 a Rhemes e 0,27-0,45 animali/ha-1 a Cogne. La densità autunnale dei maschi è risultata correlata con la produzione di semi dell?anno precedente (r = 0,96, g.l. = 4, P = 0,003, mentre per le femmine è emersa una correlazione positiva confrontando le densità estive delle femmine nel 2000 con la produzione di semi di conifere nel 1999 e le densità del 2001 e del 2002 con la

  18. Le donne e lo sport dal dopoguerra a oggi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Porro

    2013-04-01

    Full Text Available La pratica sportiva femminile nell'Italia postbellica appare per alcuni versi un oggetto misterioso, collocandosi all'interno di quelli che fino a qualche anno fa venivano considerati due sotto-universi della sociologia: la sociologia dello sport e la sociologia di genere. È dunque importante analizzare l'evoluzione della pratica sportiva al femminile tenendo conto di variabili diverse sul piano socio-culturale e facendo altresì riferimento al patrimonio statistico di cui si dispone. In questo senso, per una più corretta analisi del fenomeno, si è scelto di differenziare il sistema della prestazione assoluta da quello della prestazione relativa. In tal modo, vengono poste in luce le dinamiche che interessano le politiche di genere, come la rivendicazione di diritti o di riforme sociali che diano impulso alla diffusione della pratica femminile. Insieme, si concentra l’analisi su fenomeni particolarmente rilevanti per il settore sportivo in generale quali la mediatizzazione e la politicizzazione.

  19. Quasi-guiding modes in microfibers on high refractive index substrate

    CERN Document Server

    Wang, Kaiyang; Sun, Wenzhao; Li, Jiankai; Xiao, Shumin; Song, Qinghai

    2015-01-01

    Light confinement and amplification in micro- & nano-fiber have been intensively studied and a number of applications have been developed. However, the typical micro- & anno- fibers are usually free-standing or positioned on a substrate with lower refractive index to ensure the light confinement and guiding mode. Here we numerically and experimentally demonstrate the possibility of confining light within a microfiber on a high refractive index substrate. In contrast to the strong leaky to the substrate, we found that the radiation loss was dependent on the radius of microfiber and the refractive index contrast. Consequently, quasi-guiding modes could be formed and the light could propagate and be amplified in such systems. By fabricating tapered silica fiber and dye-doped polymer fiber and placing them on sapphire substrates, the light propagation, amplification, and laser behaviors have been experimentally studied to verify the quasi-guiding modes in microfer with higher index substrate. We believe t...

  20. Energy-neutral areas very common in 2050. Innovative concepts and designs for area development; Energieneutrale gebieden in 2050 heel gewoon. Innovatieve concepten en projecten voor gebiedsontwikkeling

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Jablonska, B.; Visser, H.; Ruijg, G.J. [ECN Efficiency en Infrastructure, Petten (Netherlands); Epema, T. [TNO Bouw en Ondergrond, Apeldoorn (Netherlands); Willems, E. [Cauberg-Huygen Raadgevende Ingenieurs, Rotterdam (Netherlands)

    2010-09-15

    Realizing an energy neutral built environment at the area level offers a new challenge. Smart combinations of existing and still to be developed techniques, together with area specific measures, are a precondition for energy neutral districts and especially cities in 2050. The Dutch cities of Almere, Apeldoorn, Nijmegen and Tilburg are taking the lead. An area is considered energy neutral is that area does not require any net import of energy from outside the area boundaries annually. [Dutch] Het realiseren van energieneutrale gebouwde omgeving op een gebiedsschaal is een nieuwe uitdaging. Slimme combinaties van bestaande en nog te ontwikkelen technieken, samen met gebiedsgebonden maatregelen zijn een voorwaarde voor energieneutrale wijken en vooral steden anno 2050. Almere, Apeldoorn, Nijmegen en Tilburg nemen het voortouw. Een gebied is energieneutraal als op jaarbasis geen netto import van energie van buiten de gebiedsgrens nodig is.

  1. «Oh che armonico fracasso»: un percorso didattico sul "Maestro di cappella" di Domenico Cimarosa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Badolato

    2011-04-01

    Full Text Available Si presume che Domenico Cimarosa (1749-1801 abbia composto Il maestro di cappella tra il 1786 e il 1791 a Pietroburgo, dov’era stato invitato dalla zarina Caterina II. Non si conosce un autografo della musica, né un libretto. Un’unica fonte tramanda il brano, uno spartito per canto e piano edito a Lipsia da Hofmeister intorno al 1813, che lo definisce "ein burleskes Intermezzo" (intermezzo burlesco.Il percorso didattico qui proposto si indirizza alle classi dell’ultimo biennio della Scuola primaria; si lascia eventualmente estendere al prim’anno della Secondaria di primo grado.

  2. Ecological state of River Po from source to Verrua Savoia. Preliminary report; Classificazione dello stato ecologico del bacino del Po dalle sorgenti a Verrua Savoia. Indagine preliminare

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Defilippi, A. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente, Regione Piemonte, Dipartimento di Ivrea, Ivrea (Italy); Occelli, C. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente, Regione Piemonte, Dipartimento di Torino, Turin (Italy); Tentindo, C. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente, Regione Piemonte, Dipartimento di Cuneo, Cuneo (Italy); Bonadio, C.; Crivellaro, G.; Passarino, G. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente, Regione Piemonte, Dipartimento di Grugliasco, Grugliasco, Turin (Italy)

    2001-04-01

    In the context of a project about the realization of archives including all of the proper data to describe the quality of superficial waters and the elements that can affect it, a first experimentation of quality index estimated by D. Lgs. n. 152/99, mod. by D. Lgs. n. 258/00, has been applied to analytical data obtained for some Piedmont watercourses. [Italian] Nell'ambito di un progetto dedicato alla realizzazione di un archivio unico comprensivo di tutti i dati atti a descrivere la qualita' delle acque superficiali e gli elementi che su di essa possono influire, si e' attuata una prima sperimentazione dell'applicazione degli indici di qualita' previsti dal D. Lgs. n. 152/99, mod. dal D. Lgs. n. 258/00, ai dati analitici rilevati nell'anno 1999 su alcuni corpi idrici piemontesi.

  3. Towards a more Fragmented, Pixelated and Ubiquitous Version of Landscape Urbanism

    DEFF Research Database (Denmark)

    Pasgaard, Jens Christian

    2016-01-01

    are accompanied by visualizations of inviting urban spaces literally wrapped in greenery. Besides being an indicator of sustainability, the greenery is also added in order to present environments framing ‘the dream of the good life’. The first challenge is to attract the highly mobile talented workforce...... to a number of strategic actions and is in progress in the sense that many of the appointed 22@-blocks have not yet been completed or realized (project period: 1997-2020). The paper argues that the Poblenou district, in its present version (anno 2016), provides a particularly interesting case. What......-ended and negotiable’; this also accounts for a great deal of the building mass, consisting of workshops and garages. The building blocks and landscapes are re-programmable, but thematically coded in the sense that not all programmes are welcome, which in turn challenges the common discourse....

  4. Space of exposure. Brevi note per un urbanistica verticale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo Tripodi

    2008-06-01

    Full Text Available Solo qualche anno fa, all’apice della più radicale visione modernista, il discorso comune dava per spacciata la città, quanto meno nella sua tradizionale connotazione di centralità che organizza il territorio, superata dalla suburbanizzazione diffusa ed informe, riassorbita in una supercittà distribuita ovunque e senza luoghi. Se è vero che la tendenza allo sprawl urbano non si è certo arrestata e che la produzione di spazi suburbani continua ad essere parte consistente dei processi di strutturazione del territorio, gli ultimi decenni sono stati indubbia- mente quelli della rivincita urbana: una urban renaissance annunciata e compiuta attraverso programmi di riqualificazione, riconversione e marketing che ha ritrovato il centro – quello storico quanto quello di nuovo sviluppo – quale elemento ordinatore del paesaggio globale e catalizzatore delle nuove economie.

  5. Kuraatori sõna. Žürii arvab = A Word from the Curator. The Jury's Opinion

    Index Scriptorium Estoniae

    2008-01-01

    Eesti Arhitektide Liidu konkursi "Eramu 2006-2007" tulemused: peapreemia Villa Lokaator Paldiskis (arhitektid Siiri Vallner, Indrek Peil), kolm äramärgitud tööd - Villa vesiveski varemeil (arhitektid Tõnu Laigu, Kadri Kerge), Villa Binokkel Meriväljal (arhitektid Toomas Tammis, Inga Raukas, Tarmo Teedumäe), konsooleramu Pirital (arhitekt Hindrek Kesler). Žürii koosseis. Rändnäituse kuraator Ene Läkk heast eramust, Eesti eramust anno 2006-2007. Žürii liikmed arhitekt Indrek Allmann, kunstiteadlane Liina Jänes ja sisearhitekt Janno Roos konkursist, võidutööst ja äramärgitud töödest

  6. Imparare a leggere a tre anni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittorio Midoro

    2017-01-01

    Full Text Available Imparare a leggere precocemente può contribuire enormemente allo sviluppo cognitivo e affettivo dei bambini. A partire da questo assunto, in questo contributo sono descritti, da un lato, una metodologia e una serie di strumenti per l’apprendimento precoce della lettura e, dall’altro, una sperimentazione condotta con bambini con o senza problemi di linguaggio. La metodologia appartiene alla famiglia dei metodi sintetici, in cui si imparano prima gli elementi più semplici sprovvisti di significato e poi il significato, ed è basata giochi che il genitore fa con il bambino, con l’uso di materiali di vario genere, digitali e non. La sperimentazione, condotta nell’arco di un anno e mezzo, ha messo in luce la praticabilità del metodo, ottenendo risultati che vanno al di là dell’apprendimento della lettura per investire aspetti rilevanti dello sviluppo dei bambini.

  7. QR-koodilla luettavan annostuskortin käyttötutkimus

    OpenAIRE

    Lehtonen, Tiina

    2016-01-01

    Tämän tutkimuksen tavoitteena oli kerätä tietoa QR-koodilla luettavan lääkelistan käytöstä hoitohenkilökunnan näkökulmasta. Tarkoituksena oli saada tietoa palvelun kokonaiskäytöstä, mutta myös sen käytettävyydestä. Mihin tarkoitukseen annostuskortin QR-koodia käytettiin, mitä etuja ja haasteita nousee esille. Tutkimus QR-koodilla luettavasta annostuskortin käytöstä tehtiin yhteistyössä Pharmac Finland Oy:n sekä Lääketietokeskuksen kanssa. Pharmac Finland Oy on lääkkeiden koneelliseen annos...

  8. Ricavare un'opera viva da una soffitta: scrittura e teatro in balia di una cura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Uber

    2008-04-01

    Full Text Available Il laboratorio di scrittura della Soffitta dura dall’autunno 2005 alla primavera 2006. In quell’anno l’Unità Operativa in cui lavoro, appartenendo diversi suoi operatori alla Società Italiana per lo Studio dei Comportamenti Alimentari (S.I.S.D.C.A., assume l’impegno di organizzare a Piacenza uno dei convegni nazionali annuali della Società stessa. Sulla scorta d’un consolidato piacere della mia équipe di valorizzare le risorse espressive dei suoi membri, progetto d’allestire con la collaborazione di un gruppo teatrale piacentino uno spettacolo a partire dal testo prodotto con il gruppo. Quest’ultimo viene rielaborato e ne viene ricavata una drammaturgia dove la soffitta diviene la stiva d’una nave nella quale A., la protagonista, compirà il suo viaggio “verso il mondo che l’aspetta là fuori”.

  9. LASAGNA: A novel algorithm for transcription factor binding site alignment

    Science.gov (United States)

    2013-01-01

    Background Scientists routinely scan DNA sequences for transcription factor (TF) binding sites (TFBSs). Most of the available tools rely on position-specific scoring matrices (PSSMs) constructed from aligned binding sites. Because of the resolutions of assays used to obtain TFBSs, databases such as TRANSFAC, ORegAnno and PAZAR store unaligned variable-length DNA segments containing binding sites of a TF. These DNA segments need to be aligned to build a PSSM. While the TRANSFAC database provides scoring matrices for TFs, nearly 78% of the TFs in the public release do not have matrices available. As work on TFBS alignment algorithms has been limited, it is highly desirable to have an alignment algorithm tailored to TFBSs. Results We designed a novel algorithm named LASAGNA, which is aware of the lengths of input TFBSs and utilizes position dependence. Results on 189 TFs of 5 species in the TRANSFAC database showed that our method significantly outperformed ClustalW2 and MEME. We further compared a PSSM method dependent on LASAGNA to an alignment-free TFBS search method. Results on 89 TFs whose binding sites can be located in genomes showed that our method is significantly more precise at fixed recall rates. Finally, we described LASAGNA-ChIP, a more sophisticated version for ChIP (Chromatin immunoprecipitation) experiments. Under the one-per-sequence model, it showed comparable performance with MEME in discovering motifs in ChIP-seq peak sequences. Conclusions We conclude that the LASAGNA algorithm is simple and effective in aligning variable-length binding sites. It has been integrated into a user-friendly webtool for TFBS search and visualization called LASAGNA-Search. The tool currently stores precomputed PSSM models for 189 TFs and 133 TFs built from TFBSs in the TRANSFAC Public database (release 7.0) and the ORegAnno database (08Nov10 dump), respectively. The webtool is available at http://biogrid.engr.uconn.edu/lasagna_search/. PMID:23522376

  10. UNA LINGUA “SECONDA E ADOTTIVA”. L’ITALIANO DELLE SECONDE GENERAZIONI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Favaro

    2011-02-01

    Full Text Available Si assiste nella scuola italiana  ad un cambiamento  importante che riguarda i bambini e i ragazzi stranieri inseriti: aumentano di anno in anno  coloro che sono nati in Italia e che entrano nel sistema scolastico  nei tempi e modi comuni ai coetanei autoctoni  mentre  diminuisce il numero di  coloro che arrivano qui dal paese d’origine per ricongiungersi ai famigliari. Ma come parlano i bambini stranieri nati in Italia ? Quali caratteristiche interlinguistiche ha l’italiano dei “futuri cittadini”? Una ricerca osservativa  ha coinvolto alcuni  bambini stranieri di cinque anni inseriti nella scuola dell'infanzia  e ha  cercato di  descrivere l’italiano delle  seconde generazioni, tra esitazioni, silenzi, conquiste e  creatività linguistica.     A “second and adopted” language. Second generation Italian speakers.   In Italian schools there is an important change which regards foreign children enrolled: every year there are more and more of them who were born in Italy and they enter the school system following the same rhythms as their native classmates while fewer and fewer foreigners arrive from their home countries to reunite with their families.  How do foreign children, born in Italy, speak?  What interlinguistic characteristics does the Italian spoken by these “future citizens” have?  This observational study focused on some foreign 5-year-old children in Italian preschools and attempted to describe the language used by these second-generation speakers, between hesitations, silences, achievements and linguistic creativity.

  11. Population study on Mustela erminea in Northwest Italy (Valle d'Aosta region: captures, morphometric data, diet

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Bounous

    1995-12-01

    Full Text Available Abstract By capturing-marking-recapturing method, 58 stoats Mustela erminea (37 males and 21 females were captured from 1990 to 1993 in an alpine area of the Valle d'Aosta region. Trappings were generally conducted from 15th July to 15th October of each year. Considering 2-3 subsequent trapping years the number of recaptures was very low, while in the same year we recaptured on average 57% of the animals. The population of stoats seemed to show a rapid turnover. The highest level of density was like to be reached at the beginning of September when the dispersal of animals probably started. The diet included exclusively small rodents, mainly Microtus. Riassunto Studio di popolazione su Mustela erminea, nell'Italia nord occidentale (Valle d'Aosta: catture, dati morfometrici, analisi alimentare - Nel periodo 1990-93, mediante il metodo di cattura-marcatura-ricattura, sono stati catturati 58 ermellini Mustela erminea (37 maschi e 21 femmine in una zona alpina della Valle d'Aosta. I trappolaggi sono stati effettuati dal 15 luglio al 15 ottobre di ogni anno. Il numero delle ricatture registrate in anni successivi è molto basso, mentre nell'arco di uno stesso anno raggiungeva mediamente il 57% del campione di animali catturati. Durante il periodo di studio la popolazione sembrava rinnovarsi pressoché totalmente. Il livello di densità più elevato sembrava essere raggiunto all'inizio di settembre, mese in cui gli animali probabilmente iniziavano a disperdersi. I risultati sull'analisi alimentare indicano una predazione esclusivamente a carico di piccoli roditori, in particolare Microtus.

  12. The European Regulation no. 761/2001 EMAS; Il Regolamento Europeo no.761/2001 EMAS: principi, obiettivi e principali esperenze in atto

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L.; Battellini, S. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Protezione e Sviluppo dell' Ambiente e del Territorio, Tecnologie Ambientali

    2005-08-15

    The Regulation 761/2001 EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introduced by the 1836/93 Community regulation, is one of the tools activated by the European Union in order to apply the 5. and 6. Community Environmental Programme, in the field of firm-environment interactions at first (overcoming the old Command and Control logic), then by extending its applicability to ali Organisations. EMAS is a voluntary tool that enables Organisations to evaluate their own interaction with the Environment, to plan and check the yearly improvement of their environmental performance, providing the public documented relevant information. The report illustrates the procedure far applying this regulation, its implementation and new application trends in Italy and the advantages far firms. [Italian] II Regolamento n.761/2001 EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introdotto con il Regolamento Comunitario 1836/93, e uno degli strumenti che l'Unione europea ha attivato per l'applicazione del quinto e sesto Programma di Politica e Azione per l'Ambiente, inizialmente con particolare riferimento alle interazioni impresa-ambiente (superando la vecchia logica del Command and Control), e successivamente estendendone la possibilita di impiego a tutte le Organizzazioni. Lo strumento EMAS e uno strumento volontario che consente alle organizzazioni di analizzare la propria posizione rispetto all' Ambiente, pianificando e monitorando di anno in anno il miglioramento della propria prestazione ambientale, comunicandone alcune pertinenti informazioni di sintesi al pubblico in forma documentata. II rapporto illustra il percorso per l'applicazione del Regolamento, il suo stato di attuazione e le ultime tendenze applicative in Italia, i vantaggi di EMAS per le Organizzazioni.

  13. Influence of hurricane wind field in the structure of directional wave spectra

    Science.gov (United States)

    Esquivel-Trava, Bernardo; Ocampo-Torres, Francisco J.; Osuna, Pedro

    2015-04-01

    Westhuysen, A. J., Zijlema, M., & Battjes, J. A. (2007). Nonlinear saturation-based whitecapping dissipation in SWAN for deep and shallow water. Coast. Eng., 54(2), 151-170. doi:10.1016/j.coastaleng.2006.08.006

  14. Commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti di Italianistica e di Traduzione: (identificazione dei punti critici e confronto tra i gruppi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirjam Premrl

    2009-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo l'autrice si concentra sull'osservazione e sul commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti del 2., del 3. e del 4. anno del corso di laurea in Lingua e letteratura italiana, del 2. e del 3. anno del corso di Laurea in Mediazione interlinguistica e del 4. anno del corso di laurea in Traduzione. Il punto in comune di tutti e tre i corsi è l'insegnamento esplicito delle caratteristiche e del funzionamento del sistema verbale italiano, anche se nell'ambito di Italianistica la quantità di ore dedicate a questo tipo di insegnamento è superiore rispetto a quella prevista nell'ambito di Traduzione, mentre nell'ambito di Traduzione una quantità maggiore di lezioni concerne esercitazioni di traduzione e composizione di testi. Per gli scopi della ricerca è stato elaborato un test composto da cinque testi autentici brevi ma completi e da un brano tratto dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, trasformati in seguito nei cloze. Ma visto che la scelta della forma verbale nei cloze dipende non soltanto dalla conoscenza degli usi, bensì anche dall'interpretazione felice del mondo testuale, i cloze sono stati completati da attività quali sottolineare espressioni sconosciute, tradurre il testo in sloveno, completare i cloze preceduti dalla versione slovena del testo. Dai risultati traspare che gli studenti non hanno problemi particolari nella comprensione del mondo testuale, mentre incontrano difficoltà nell'interpretazione attiva delle sue caratteristiche e nell'applicazione degli usi alla realtà extralinguistica. Per la quantità di usi inappropriati si rivelano come i più critici fenomeni quali l'anteriorità nell'ambito delle frasi indipendenti e relative, l'espressione della temporalità relativa nell'ambito dei costrutti sintattici complessi e nel discorso indiretto libero, il preludio, la scelta tra il perfetto e l'imperfetto e l'espressione di notizie riferite su azioni passate

  15. Attivitá di prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere nell'azienda ospedaliera nell’azienda ospedaliera “G. Panico” di Tricase

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: nell’ambito di programmi di prevenzione
    e controllo delle infezioni ospedaliere (IO la
    Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera
    “Card. G. Panico” di Tricase ha pianificato studi di
    prevalenza per valutarne la frequenza e l’andamento.
    Si riportano i risultati di tre indagini realizzate
    negli anni 2001, 2002 e 2003 secondo la
    metodica del “one day study” (CDC 1988.

    Metodi: i tre studi di prevalenza sono stati condotti a
    circa un anno di distanza l’uno dall’altro. Sono stati
    compresi tutti i pazienti ricoverati in ciascun reparto
    il giorno dell’indagine, ad esclusione di quelli in
    dimissione. Si sono definite ospedaliere tutte le infezioni
    che insorgevano 48 ore dopo il ricovero.

    Risultati: nel corso delle tre indagini la prevalenza
    delle IO è stata pari al 6.6% (14 casi su 213 pazienti,
    nel 2001, al 5.1% (11 casi su 214 pazienti nel 2002 e
    al 4.3% (11 casi su 254 pazienti nel 2003. Il tratto urinario
    (36.4% nel 2002 e 2003 e le basse vie respiratorie
    (50.0% nel 2001, 9.1% nel 2002 e 2003 hanno
    rappresentato le sedi più comuni di localizzazione delle IO. La riduzione al 9.1% delle infezioni delle basse vie respiratorie si è registrata prevalentemente nelle Unità di Medicina e Cardiologia. Nel 2001 e 2002, l’uso di catetere vescicale, l’intervento di tipo contaminato o pulito contaminato, la ventilazione assistita e l’utilizzo di catetere venoso centrale sono risultati significativamente associati alla insorgenza di IO. Tale associazione nel 2003 si è dimostrata significativa per l’uso del catetere venoso ombelicale.

    Considerazioni: l’applicazione di appropriati protocolli assistenziali, l’individuazione dei punti critici dei processi di cura e l

  16. Diritto all’istruzione: un’idea democratica che sta prendendo forma. Le novità ai sensi della Legge finanziaria 2007.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Gualandi

    2008-07-01

    Full Text Available Lo scenario dell’istruzione in Italia si è caratterizzato negli anni come un sistema formativo inceppato, inadeguato, con un bilancio tutt’ora in passivo, ancora molto lontano dal poter realizzare gli importanti obiettivi di Lisbona. L’orizzonte da costruire è quello di una scuola di qualità per tutti, capace di rappresentare un’esperienza positiva, proattiva di sviluppo personale e sociale, e non un bruciante fallimento per i ragazzi, futuri adulti e cittadini del mondo. Nell’ottica di promuovere una riforma del sistema formativo ed, al contempo, contrastare la “piaga” della dispersione scolastica, la Legge finanziaria 2007 ed il successivo Regolamento sull’obbligo di istruzione introducono importanti novità, che si attueranno in un primo biennio sperimentale, a partire dall’anno scolastico 2007/08: l’innalzamento di due anni di obbligo di istruzione, o nel sistema sistema dell’istruzione secondaria superiore o nel sistema dell’istruzione e formazione professionale, anche con l’opzione dei percorsi triennali nella formazione professionale, per complessivi 10 anni, l’entrata nel mondo del lavoro è stata elevata a 16 anni. Il valore qualitativo, innovativo e sperimentale che le esperienze maturate sul campo, in prima applicazione biennale, riusciranno ad esprimere, aprirà per le Regioni e gli Enti Locali nuove opportunità di azione e costituirà la base di lancio propedeutica alla messa a regime della riforma prevista per l’anno scolastico 2009/10. In questo contesto, l’esperienza maturata dalla Regione Emilia-Romagna, in termini di innovazione, know how e prassi positiva, risulta particolarmente significativa per un sistema formativo regionale considerato, da più parti, all’avanguardia nel nostro Paese (es.: il livello della dispersione scolastica si attesta al 6% contro il 20-22% del quadro della media nazionale. A partire dalla L.R. n.12/2003, in particolare, per l’assolvimento dell

  17. When Will It Be …?: U.S. Naval Observatory Religious Calendar Computers Expanded

    Science.gov (United States)

    Bartlett, Jennifer L.; Chizek Frouard, Malynda; Ziegler, Cross; Lesniak, Michael V.

    2017-01-01

    Reflecting increasing sensitivity to differing religious practices, the U.S. Naval Observatory (USNO) has expanded its on-line calendar resources to compute additional religious dates for specific years via an Application Programming Interface (API). This flexible method now identifies Christian, Islamic, and Jewish events in JavaScript Object Notation (JSON) that anyone can use.Selected Christian Observances (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/easter.php) returns dates of eight events for years after 1582 C.E. (A.D. 1582): Ash Wednesday, Palm Sunday, Good Friday, Easter, Ascension, Whit Sunday, Trinity Sunday, and the first Sunday of Advent. The determination of Easter, a moveable feast, uses the method of western Christian churches.Selected Islamic Observances (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/islamic.php) returns approximate Gregorian dates of three events for years after 1582 C.E. (A.H. 990) and Julian dates for 622-1582 C.E. (A.H. 1-990) along with the corresponding Islamic year (anno Hegirae). Ramadân, Shawwál, and the Islamic year begin at sunset on the preceding Gregorian or Julian date. For planning purposes, the determination of these dates uses a tabular calendar; in practice, observation of the appropriate waxing crescent Moon determines the actual date, which may vary.Selected Jewish Observances (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/passover.php) returns Gregorian dates of six events for years after 1582 C.E. (A.M. 5342) and Julian dates for the years 360-1582 C.E. (A.M. 4120-5342) along with the corresponding Jewish year (anno Mundi). Passover, Shavuot, Rosh Hashanah, Yom Kippur, and Hanukkah begin at sunset on the preceding Gregorian or Julian date.On-line documentation for using the API-enabled calendar computers, including sample calls, is available (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/api.php). The webpage also describes how to use the API with the Complete Sun and Moon Data for One Day, Phases of the Moon, Solar Eclipse Computer, Day and Night

  18. Mythe et violence : Georges Sorel dans les manifestes du Futurisme italien

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serge Milan

    2008-03-01

    Full Text Available Cet article se propose de revenir sur la filiation idéologique largement établie entre certains écrits de Georges Sorel, et notamment ses Réflexions sur la violence publiées en 1909, et les manifestes du Futurisme italien, la première avant-garde pluridisciplinaire européenne s'étant constituée autour d'un projet à la fois esthétique, politique et anthropologique. En particulier, il s'agit de revenir sur les emprunts idéologiques de Filippo Tommaso Marinetti aux écrits de Sorel dans des manifestes d'importance tels que 1915 En cette année futuriste ou Par-delà le Communisme (1919, et de revenir également sur le type d'intertextualité établi par ces textes au sein de la prose d'idée.In this article, we will touch upon the ideological filiation introduced by some of Georges Sorel writings – and in particular Réflexions sur la violence published in 1909 – and the manifests of italian Futurism, the first european multidisciplinary avant-garde project to include an aesthetic, political and anthropological view. In particular, we will examine Sorel's ideological influence on Filippo Tommaso Marinetti's 1915 In quest'anno futurista and Al di là del Comunismo, and we will look back on the intertextuality produced in those texts inside the prose of ideas.Quest'articolo propone di rivisitare la filiazione ideologica già stabilita tra gli scritti di Georges Sorel, e più precisamente le sue Réflexions sur la violence publicate nel 1909, ed i manifesti del Futurismo italiano, prima avanguardia europea strutturatasi in un progetto tanto estetico e politico quanto più generalmente antropologico. In particolare, sono sottolineati i prestiti sorelliani a Filippo Tommaso Marinetti in manifesti quali 1915 In quest'anno futurista o Al di là del Comunismo, ed i tipi di intertestualità stabiliti da questi testi all'interno della prosa di idee.

  19. When Will It Be …?: U.S. Naval Observatory Calendar Computers

    Science.gov (United States)

    Bartlett, Jennifer L.; Chizek Frouard, Malynda; Lesniak, Michael V.

    2016-06-01

    Sensitivity to religious calendars is increasingly expected when planning activities. Consequently, the U.S. Naval Observatory (USNO) has redesigned its on-line calendar resources to allow the computation of select religious dates for specific years via an application programming interface (API). This flexible interface returns dates in JavaScript Object Notation (JSON) that can be incorporated into third-party websites or applications. Currently, the services compute Christian, Islamic, and Jewish events.The “Dates of Ash Wednesday and Easter” service (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/easter.php) returns the dates of these two events for years after 1582 C.E. (1582 A.D.) The method of the western Christian churches is used to determined when Easter, a moveable feast, occurs.The “Dates of Islamic New Year and Ramadan” service (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/islamic.php) returns the approximate Gregorian dates of these two events for years after 1582 C.E. (990 A.H.) and Julian dates are computed for the years 622-1582 C.E. (1-990 A.H.). The appropriate year in the Islamic calendar (anno Hegira) is also provided. Each event begins at 6 P.M. or sunset on the preceding day. These events are computed using a tabular calendar for planning purposes; in practice, the actual event is determined by observation of the appropriate new Moon.The “First Day of Passover” service (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/passover.php) returns the Gregorian date corresponding to Nisan 15 for years after 1582 C.E. (5342 A.M.) and Julian dates are computed for the years 360-1582 C.E. (4120-5342 A.M.). The appropriate year in the Jewish calendar (anno Mundi) is also provided. Passover begins at 6 P.M. or sunset on the preceding day.On-line documentation for using the API-enabled calendar computers, including sample calls, is available (http://aa.usno.navy.mil/data/docs/api.php). The same web page also describes how to reach the Complete Sun and Moon Data for One Day, Phases of

  20. El corporativismo como expresión política del socialcristianismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    SOFÍA CORREA

    2008-01-01

    Full Text Available En este artículo se argumenta que la preocupación por la cuestión social a comienzos del siglo XX, no fue privativa de los católicos, sino que atravesó a toda la clase política, y que, por lo tanto, lo específico del socialcristianismo como propuesta política, no es la sensibilidad social sino la opción por el corporativismo. Se sostiene que el corporativismo socialcristiano, se puede remontar tan atrás como el ultramontanismo conservador; que se fortalece con las encíclicas papales Rerum Novarumy Quadragessimo Anno, que su presencia se puede seguir en intelectuales y políticos católicos desde los años 30 hasta incluso los años 60; y que se puede apreciar su impronta en las "Bases de la Institucionalidad" capítulo inicial que enmarca a la Constitución de 1980. Por último, se propone que este recorrido histórico puede ser útil para reflexionar sobre la relación Iglesia y política.In this article the author argües that concern about the social question at the beginning of the 20th century was not exclusively a concern for Catholics, but spread throughout the entire political class. Therefore, the author further asserts that the specific thing about Social Christianity as a political proposal isn't its social sensitivity but, rather, its option for corporativism. Social Christian corporativism, it is proposed, can trace its origins as far back as conservative ultramontanism, which was backed by the papal encyclicals Rerum Novarum and Quadragessimo Anno. Its presence continued to be perceived in Catholic intellectuals and politicians from the 1930s through to the 1960s. Its impact can be appreciated in the first chapter that trames the 1980 (Chilean Constitution, Bases de la Institucional/dad ("Foundations of Institutionality". Finally, the author proposes that this historical review could be useful for reflections on the relationship between Church and politics.

  1. WiFiabe: un’esperienza di storytelling dal territorio al web 2.0

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Carnesecchi

    2013-03-01

    Full Text Available L’impatto iniziale di WiRoni sulla popolazione di Monteroni d’Arbia (Siena è stato limitato alla fruizione dei contenuti caricati dal team di design, in particolare le storie per i bambini. Mancavano infatti brani audio prodotti dalla comunità locale. In realtà, però, la competenza tecnica necessaria a trasmettere i contenuti nel parco e in rete è minima (upload da CMS wordpress e anche le tecnologie per registrare e arricchire l’audio con effetti sonori sono alla portata di tutti, se opportunamente guidati da esperti. Da queste osservazioni è nato il progetto WiFiabe. Nel corso dell’anno scolastico 2010/2011 20 bambini tra 6 e 13 anni, coordinati da un’educatrice durante l’attività di doposcuola del Comune, hanno lavorato in gruppi e creato storie di fantasia. In seguito, alcuni studenti dell’Università di Siena, con l’aiuto di un musicista per la parte degli effetti sonori, hanno assistito i ragazzi nel diventare autori digitali e apprendere in prima persona come trasformare le loro storie in contenuti audio. In questo modo i partecipanti hanno interagito con il web non in quanto fruitori ma come autori, e messo in moto un processo per rendere WiRoni uno strumento per dare voce alle varie anime della comunità.

  2. La Tutela dei beni del Mare Nostrum Il progetto Archeomar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvio Bernardini

    2006-06-01

    Full Text Available Quando il primo aprile 2004 si è dato ufficialmente il via al Progetto Archeomar le aspettative degli addetti ma soprattutto dell’Amministrazione sui risultati del lavoro erano enormi. Probabilmente proporzionali all’importanza dello strumento di conoscenza del patrimonio archeologico sommerso nonché di tutela e prevenzione che si stava sviluppando. Archeomar, infatti, ha rappresentato e rappresenta ancor oggi, ad un anno dalla sua conclusione, il primo tentativo organico di conoscenza (anche se limitato a sole 4 regioni del Sud Italia che si staglia nei confronti delle precedenti iniziative, tutte caratterizzate da una totale assenza di programmazione mirata alla produzione di una adeguata cartografia e quindi sia di una carta del rischio subacquea che di carte topografiche di relitti e aree archeologiche sommerse.

  3. OLIMPIADI NAZIONALI DI LINGUA ITALIANA 2011

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Cardinale

    2012-02-01

    Full Text Available L’articolo presenta l’ultima edizione delle Olimpiadi nazionali di lingua italiana, promosse dal Miur-Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, dalla Città di Firenze, dall’Accademia della Crusca, dall’Università di Firenze, nell’anno della celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, illustrandone le diverse fasi, di istituto, regionali e nazionale, le prove (riguardanti cinque aree: a. ortografia e fonetica; b. morfologia e formazione delle parole; c. sintassi; d. lessico e semantica; e. testualità e retorica somministrate agli studenti partecipanti e i risultati ottenuti. In appendice vengono riportare le prove di ciascuna delle tre fasi in cui le Olimpiadi nazionali di lingua italiana si sono svolte.     2011 national italian language olympics This article presents the latest edition of the National Italian Language Olympics for all school levels, promoted by the MUIR, the Municipality of Florence, the Accademia della Crusca, the University of Florence, on occasion of the celebration of the 150th anniversary of the Unification of Italy.  The article recounts the diverse institutional, regional and national phases.  The tests regarded five areas: spelling and phonetics, morphology and word formation, syntax, lexis and semantics, textuality and rhetoric. Finally the results are discussed. The appendix includes the tests for each of the three phases of the National Italian Language Olympics.

  4. Innovative methods of hazard evaluation. Central Italy case study; Progetto Misha. Metodi innovativi per la stima dell'hazard. Applicazione all'Italia Centrale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Peruzza, L. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti, Rome (Italy)

    1999-12-01

    The Misha project (Innovative methods for hazard assessment) represents the application, at selected areas, of the methodologies developed in some strategic sectors for validation of non-conventional techniques for assessment of seismic risk. [Italian] Il progetto Misha (Metodi Innovativi per la Stima dell'Hazard: applicazione all'Italia Centrale) e' una delle attivita' caratterizzanti l'ultimo anno della convenzione triennale (1996-98) stipulata tra il Dipartimento della Protezione Civile ed il CNR-Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti. Misha rappresenta l'applicazione ad un'area campione delle metodologie sviluppate in taluni settori strategici nei quali si era articolata la convenzione: lo sviluppo e la validazione metodologica di tecniche non convenzionali per la stima della pericolosita' del territorio nazionale, l'individuazione di linee guida per la raccolta di informazioni sulle strutture sismogenetiche a livello nazionale, la transizione ad una nuova generazione di stime di hazard finalizzate ad un aggiornamento della classificazione sismica ed al riadeguamento antisismico del patrimonio edilizio.

  5. La percezione della precarietà in un rapporto di lavoro subordinato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Ortolani

    2011-07-01

    Full Text Available Non è facile parlare di lavoro in modo oggettivo, soprattutto se si parla del proprio e in un momento storico così critico a livello economico. Quando mi è stato chiesto se volevo dare un mio contributo a questo numero di Magma ho accettato per due motivi piuttosto istintivi: il primo è che, seppur in modo trasversale, ho vissuto e percepito la precarietà, e in poco meno di un anno la qualità della mia vita è peggiorata in relazione alla situazione che si era venuta a creare sul posto di lavoro, e per questo sento l’argomento vicino. Il secondo motivo, in parte conseguenza del primo, è che mi piacerebbe se questo mio contributo potesse essere d’aiuto a chi sta vivendo problemi legati al lavoro simili ai miei, e magari da alcune riflessioni cui sono arrivato dopo la mia personale esperienza possa trovare uno o più spunti per provare a risolvere le difficoltà che vive a causa del lavoro.

  6. SULLE MANIFESTAZIONI FUMAROLICHE, SOLFATARICHE ED IDROTERMALI NEL NW DELLA REPUBBLICA ARGENTINA E LORO POSSIBILITÀ DI UTILIZZAZIONE INDUSTRIALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    GIORGIO BARTOLUCCI

    1956-06-01

    Full Text Available Nei mesi di aprile e maggio del corrente anno lo scrivente ha
    avuto occasione di visitare varie aree con manifestazioni fumaroliche
    ed idrotermali nel N -W del territorio della Repubblica Argentina.
    Scopo delle visite era quello di giudicare le eventuali possibilità
    di sfruttamento dell'eccezionale stato termico (rilevato dalle manifestazioni
    superficiali del sottosuolo delle aree in cui le manifestazioni
    stesse ricadono; sfruttamento realizzabile emungendo dalle profondità
    i fluidi endogeni caldi, che alimentano le manifestazioni superficiali in
    quantità ed in condizioni termiche tali da poterli utilizzare per produzione
    economica di energia elettrica.
    Come noto, tale tipo di sfruttamento è da decenni in atto nella
    cosidetta Regione Boracifera Toscana, ove si emunge dal sottosuolo
    vapore acqueo surriscaldato con associate piccole quantità di gas vari
    e di sali, ed è in fase di realizzazione ad Ischia e a Wairakei (Nuova
    Zelanda, ove si emunge dal sottosuolo acqua calda con disciolte piccole
    quantità di gas e sali. Anche nel Katanga (Congo Belga è stato
    realizzato in questi ultimi anni un impianto che, utilizzando una sorgente
    di acqua calda a circa 98 °C, fornisce energia elettrica ad una
    miniera vicina

  7. Complete genome sequence of Catenulispora acidiphila type strain (ID 139908T)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Copeland, A [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Lapidus, Alla L. [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Glavina Del Rio, Tijana [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Nolan, Matt [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Lucas, Susan [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Chen, Feng [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Tice, Hope [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Cheng, Jan-Fang [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Bruce, David [Los Alamos National Laboratory (LANL); Goodwin, Lynne A. [Los Alamos National Laboratory (LANL); Pitluck, Sam [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Mikhailova, Natalia [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Pati, Amrita [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Ivanova, N [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Mavromatis, K [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Chen, Amy [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Palaniappan, Krishna [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Chain, Patrick S. G. [Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL); Land, Miriam L [ORNL; Hauser, Loren John [ORNL; Chang, Yun-Juan [ORNL; Jeffries, Cynthia [Oak Ridge National Laboratory (ORNL); Chertkov, Olga [Los Alamos National Laboratory (LANL); Brettin, Thomas S [ORNL; Detter, J. Chris [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Han, Cliff [Los Alamos National Laboratory (LANL); Ali, Zahid [DSMZ - German Collection of Microorganisms and Cell Cultures GmbH, Braunschweig, Germany; Tindall, Brian [DSMZ - German Collection of Microorganisms and Cell Cultures GmbH, Braunschweig, Germany; Goker, Markus [DSMZ - German Collection of Microorganisms and Cell Cultures GmbH, Braunschweig, Germany; Bristow, James [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Eisen, Jonathan [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Markowitz, Victor [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Hugenholtz, Philip [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Kyrpides, Nikos C [U.S. Department of Energy, Joint Genome Institute; Klenk, Hans-Peter [DSMZ - German Collection of Microorganisms and Cell Cultures GmbH, Braunschweig, Germany

    2009-01-01

    Catenulispora acidiphila Busti et al. 2006 is the type species of the genus Catenulispora, and is of interest because of the rather isolated phylogenetic location it occupies within the scarcely explored suborder Catenulisporineae of the order Actinomycetales. C. acidiphilia is known for its acidophilic, aerobic lifestyle, but can also grow scantly under anaerobic condi-tions. Under regular conditions, C. acidiphilia grows in long filaments of relatively short aerial hyphae with marked septation. It is a free living, non motile, Gram-positive bacterium iso-lated from a forest soil sample taken from a wooded area in Gerenzano, Italy. Here we de-scribe the features of this organism, together with the complete genome sequence and anno-tation. This is the first complete genome sequence of the actinobacterial family Catenulispo-raceae, and the 10,467,782 bp long single replicon genome with its 9056 protein-coding and 69 RNA genes is a part of the Genomic Encyclopedia of Bacteria and Archaea project.

  8. The Break

    DEFF Research Database (Denmark)

    Strand, Anete Mikkala Camille; Larsen, Jens

    2015-01-01

    terrain break elaborates the terrain of Organizations anno 2015 as a terrain of complexity, streamlining, language-orientation and dis-functionality. The latter in regard to a WHO acknowledged concern for health issues related to work-related stress (Prætorius, 2012) and an ongoing urge for learning...... the challenges of the million-dollar question is stemming from the ‘bets on the future’ – or what David Boje coins as ‘antenarratives’, (Boje, 2008) that emerged through various reconfiguring story actions, on two different occasions. The paper thus elaborates on two cases of restorying events; One taking place...... in the Pyrenees of Europe in October 2015. One taking place in the hallways of the City Hall of a Municipality in Denmark in May 2015. In both cases the ‘bets on the future’ actions were given in a materialized form and drawing on a subtle form of negotiation of core leadership values; which values should matter...

  9. Energy efficiency indicators. Case study, Liguria; Indicatori di efficienza energetica. Il caso Liguria

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciarallo, M.A. [ENEA, Divisione Promozione degli Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria Galeria, RM (Italy)

    2001-07-01

    The report examines the trend in the Liguria Region's energy requirements over the period 1988-1996. The trend was analysed using the regional energy balances and energy efficiency indicators, both in aggregate form and on a single sector basis. The residential sector, in particular, was singled out for an in-depth analysis using publishing and processed data. [Italian] Il presente rapporto esamina l'evoluzione delle caratteristiche energetiche della Regione Liguria attraverso l'analisi degli indicatori di efficienza energetica. Tale analisi e' stata svolta sia a livello aggregato che con riferimento ai singoli settori di attivita'. Particolare attenzione e' stata dedicata al settore residenziale, per il quale e' stato svolto un esame piu' approfondito attraverso un lavoro di raccolta e di elaborazione dati. Il periodo di riferimento va dal 1988 al 1966 dal momento che questo e' l'ultimo anno per il quale sono disponibili i dati economici Istat utilizzati per il calcolo degli indicatori.

  10. Experimental trials on compost utilisation in plant-farming sector; Prove sperimentali sull'utilizzo di compost nel settore vivaistico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bartolucci, E.; Facchini, F.; Lucertini, A.; Ricci, A.; Fabi, V. [Pesaro-Urbino Univ., Pesaro-Urbino (Italy). Centro di Biotecnologie Agro-Industriali

    2001-02-01

    Municipal Solid Wastes (MSW) have always been a big and vexed question. Nowadays, thanks mainly to new rules concerning waste treatment, a piece of the MSW organic fraction is used to produce Compost. That is a product able both to solve the dated problem of organic refuses, and to offer a true and versatile resource in agriculture and plant-farming. To verify its real validity in horticulture some of the most widespread crop such as tomato, pepper, melon and cauliflower were grown in different Compost-Mould mix. [Italian] I rifiuti solidi urbani (RSU) da sempre costituiscono una controversa problematica. Da qualche anno, grazie soprattutto alla nuova normativa concernente lo smaltimento dei rifiuti, una parte della frazione organica dei RSU viene impiegata per la produzione di compost, un prodotto capace in parte di risolvere l'annosa questione dei rifiuti organici e in parte capace di offrire una vera e propria risorsa delle molteplici possibilita' nel settore agricolo e vivaistico. Per verificarne l'effettiva validita' in orticoltura si e' fatto crescere in diverse miscele Compost-Terriccio alcune delle colture maggiormente diffuse, il pomodoro, il peperone, il melone e il cavolfiore. Su queste colture poi sono state analizzate la percentuale di germinazione, l'altezza della pianta, la lunghezza della prima foglia vera e sono state analizzate anche sezioni di fusto e foglia.

  11. Translating Colored Control Flow Nets into Readable Java via Annotated Java Workflow Nets

    DEFF Research Database (Denmark)

    Lassen, Kristian Bisgaard; Tjell, Simon

    2007-01-01

    In this paper, we present a method for developing Java applications from Colored Control Flow Nets (CCFNs), which is a special kind of Colored Petri Nets (CPNs) that we introduce. CCFN makes an explicit distinction between the representation of: The system, the environment of the system, and the ......In this paper, we present a method for developing Java applications from Colored Control Flow Nets (CCFNs), which is a special kind of Colored Petri Nets (CPNs) that we introduce. CCFN makes an explicit distinction between the representation of: The system, the environment of the system......, and the interface between the system and the environment. Our translation maps CCFNs into Anno- tated Java Workflow Nets (AJWNs) as an intermediate step, and these AJWNs are finally mapped to Java. CCFN is intended to enforce the modeler to describe the system in an imperative manner which makes the subsequent...... translation to Java easier to define. The translation to Java preserves data dependencies and control-flow aspects of the source CCFN. This paper contributes to the model-driven software development paradigm, by showing how to model a system, environment, and their interface, as a CCFN and presenting a fully...

  12. František Nábělek's Iter Turcico-Persicum 1909-1910 - database and digitized herbarium collection.

    Science.gov (United States)

    Kempa, Matúš; Edmondson, John; Lack, Hans Walter; Smatanová, Janka; Marhold, Karol

    2016-01-01

    The Czech botanist František Nábělek (1884-1965) explored the Middle East in 1909-1910, visiting what are now Israel, Palestine, Jordan, Syria, Lebanon, Iraq, Bahrain, Iran and Turkey. He described four new genera, 78 species, 69 varieties and 38 forms of vascular plants, most of these in his work Iter Turcico-Persicum (1923-1929). The main herbarium collection of Iter Turcico-Persicum comprises 4163 collection numbers (some with duplicates), altogether 6465 specimens. It is currently deposited in the herbarium SAV. In addition, some fragments and duplicates are found in B, E, W and WU. The whole collection at SAV was recently digitized and both images and metadata are available via web portal www.nabelek.sav.sk, and through JSTOR Global Plants and the Biological Collection Access Service. Most localities were georeferenced and the web portal provides a mapping facility. Annotation of specimens is available via the AnnoSys facility. For each specimen a CETAF stable identifier is provided enabling the correct reference to the image and metadata.

  13. František Nábělek’s Iter Turcico-Persicum 1909–1910 – database and digitized herbarium collection

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matúš Kempa

    2016-12-01

    Full Text Available The Czech botanist František Nábělek (1884−1965 explored the Middle East in 1909-1910, visiting what are now Israel, Palestine, Jordan, Syria, Lebanon, Iraq, Bahrain, Iran and Turkey. He described four new genera, 78 species, 69 varieties and 38 forms of vascular plants, most of these in his work Iter Turcico-Persicum (1923−1929. The main herbarium collection of Iter Turcico-Persicum comprises 4163 collection numbers (some with duplicates, altogether 6465 specimens. It is currently deposited in the herbarium SAV. In addition, some fragments and duplicates are found in B, E, W and WU. The whole collection at SAV was recently digitized and both images and metadata are available via web portal www.nabelek.sav.sk, and through JSTOR Global Plants and the Biological Collection Access Service. Most localities were georeferenced and the web portal provides a mapping facility. Annotation of specimens is available via the AnnoSys facility. For each specimen a CETAF stable identifier is provided enabling the correct reference to the image and metadata.

  14. 20° Congresso ANMS. I Musei delle Scienze e la Biodiversità.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Mazzotti

    2010-09-01

    Full Text Available Il ventesimo Congresso dell'Associazione Nazionale Musei Scientifici che si svolge a Ferrara dal 17 al 19 novembre 2010, organizzato dal Museo Civico di Storia Naturale, ha per tema la biodiversità, in concomitanza con l’anno internazionale della biodiversità promosso dall’ONU e in collegamento al Countdown 2010, progetto di comunicazione lanciato dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN. Il XX Congresso ANMS avrà lo scopo di consolidare a livello scientifico e nel campo della comunicazione e dell’educazione questo legame per mettere a fuoco e aggiornare le diverse attività svolte in questi ultimi anni riguardo la conoscenza e la salvaguardia della biodiversità. Le sessioni del congresso avranno anche molteplici legami con il territorio e i Parchi. Una specifica tavola rotonda è rivolta al tema dell’educazione alla biodiversità. Sarà messo in evidenza il ruolo fondante dei Musei, fornendo un quadro aggiornato sulle molteplici iniziative in corso nel nostro Paese per favorire la presa di coscienza dell’importanza di questo cruciale appuntamento, fondamentale per la conservazione della qualità della vita del nostro Pianeta.

  15. The KörperkoordinationsTest für Kinder: reference values and suitability for 6-12-year-old children in Flanders.

    Science.gov (United States)

    Vandorpe, B; Vandendriessche, J; Lefevre, J; Pion, J; Vaeyens, R; Matthys, S; Philippaerts, R; Lenoir, M

    2011-06-01

    An adequate coordination level in children is important for their general development, but also for health, psychosocial, academic and well-being-related reasons. In this study, the suitability of the KörperkoordinationsTest für Kinder (KTK) as an assessment instrument for the gross motor coordination was evaluated in 2470 children from 26 elementary schools for general education spread over the Flemish and Brussels-capital region. All children performed four subtests: walking backwards (WB), moving sideways (MS), hopping for height (HH) and jumping sideways (JS). Age and gender-specific values were established for the Flemish children anno 2008. Overall, the current sample scored significantly worse than their 1974 German counterparts (P<0.001). Score distribution showed 21% of the children being placed in the problematic range of gross motor coordination level. A decline in coordination was observed especially in those tasks relying primarily on coordinative capacities (WB and MS), while improvements or status quo in those tasks relying on strength and speed (JS and HH) were explained by secular trends. We suggest that the KTK is a valuable instrument for the assessment of the gross motor coordination of Flemish children and efforts should be made in order to face the decline in coordination.

  16. Barriere urbanistiche e barriere architettoniche: nuove metodiche progettuali per migliorare l’accessibilità ai principali siti fieristici europei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michéle Pezzagno

    2012-08-01

    Full Text Available Nell’“Anno europeo delle pari opportunità per tutti” (2007 e su commissione di EMECA (European Major Exhibition Centres Association è stata eseguita una ricerca per approfondire il tema dell’accessibilità ai principali quartieri fieristici inquadrando il tema in modo ampio nello studio dell’accessibilità ai siti.Il lavoro è stato indirizzato alla definizione e taratura di una metodologia per conoscere, valutare e analizzare l’accessibilità dal contesto territoriale ed urbano dei centri fieristici non solo come strutture produttive ma soprattutto come luoghi, spazi collettivi della città anche in relazione alle esigenze del visitatore debole: l’accessibilità, usualmente vista nelle fiere solo come fattore di localizzazione per obiettivi di competitività, assume una connotazione di “sostenibilità dello sviluppo” in rapporto agli utenti deboli.Attraverso i casi studio si è focalizzata l’attenzione sull’analisi dello stato dell’arte dell’accessibilità ai principali siti fieristici della rete EMECA e sono state individuate delle linee guida per una migliore accessibilità attraverso un approccio multiscalare che tenesse conto sia della mobilità in relazione al movimento fisico degli utenti che come percezione psicologica dello spazio.

  17. František Nábělek’s Iter Turcico-Persicum 1909–1910 – database and digitized herbarium collection

    Science.gov (United States)

    Kempa, Matúš; Edmondson, John; Lack, Hans Walter; Smatanová, Janka; Marhold, Karol

    2016-01-01

    Abstract The Czech botanist František Nábělek (1884−1965) explored the Middle East in 1909-1910, visiting what are now Israel, Palestine, Jordan, Syria, Lebanon, Iraq, Bahrain, Iran and Turkey. He described four new genera, 78 species, 69 varieties and 38 forms of vascular plants, most of these in his work Iter Turcico-Persicum (1923−1929). The main herbarium collection of Iter Turcico-Persicum comprises 4163 collection numbers (some with duplicates), altogether 6465 specimens. It is currently deposited in the herbarium SAV. In addition, some fragments and duplicates are found in B, E, W and WU. The whole collection at SAV was recently digitized and both images and metadata are available via web portal www.nabelek.sav.sk, and through JSTOR Global Plants and the Biological Collection Access Service. Most localities were georeferenced and the web portal provides a mapping facility. Annotation of specimens is available via the AnnoSys facility. For each specimen a CETAF stable identifier is provided enabling the correct reference to the image and metadata. PMID:28127245

  18. PIPE-chipSAD: a pipeline for the analysis of high density arrays of bacterial transcriptomes

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Bottini

    2016-12-01

    Full Text Available PIPE-chipSAD is a pipeline for bacterial transcriptome studies based on high-density microarray experiments. The main algorithm chipSAD, integrates the analysis of the hybridization signal with the genomic position of probes and identifies portions of the genome transcribing for mRNAs. The pipeline includes a procedure, align-chipSAD, to build a multiple alignment of transcripts originating in the same locus in multiple experiments and provides a method to compare mRNA expression across different conditions. Finally, the pipeline includes anno-chipSAD a method to annotate the detected transcripts in comparison to the genome annotation. Overall, our pipeline allows transcriptional profile analysis of both coding and non-coding portions of the chromosome in a single framework. Importantly, due to its versatile characteristics, it will be of wide applicability to analyse, not only microarray signals, but also data from other high throughput technologies such as RNA-sequencing.The current PIPE-chipSAD implementation is written in Python programming language and is freely available at https://github.com/silviamicroarray/chipSAD.

  19. Comportamento di una grande diga sotto il gelo spinto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. C. SPADEA

    1972-06-01

    Full Text Available In sintesi, il giuoco rielle spinte, a cui È soggetta la diga
    di Pieve di Cadore durante l'anno, a p a r i t à di altre condizioni, può essenzialmente
    essere diviso in tre periodi.
    1. - Verso la fine di Giugno, la temperatura dell'aria supera, in media,
    <(uella dell'acqua nel bacino a monte della diga: questa flette verso monte,
    con curvatura crescente dalla base al coronamento.
    2. - Verso la fine di Ottobre, la situazione termica si inverte: la media
    temperatura dell'aria diviene inferiore alla media temperatura dell'acqua:
    la diga comincia a flettere verso valle.
    3. - Quando la temperatura dell'aria è nettamente sotto lo zero, il
    giuoco delle spinte si fa più complesso: il sistema roccioso a valle della diga
    (imbevuto d'acqua, gelando si gonfia e spinge la base della diga verso monte;
    in quota, continua invece la spinta verso valle.
    È in questa fase che, vinta la fermezza del mezzo, il contrasto f r a roccia
    e manufatto può sfociare in minutissime f r a t t u r e , rivelate — sotto forma di
    microscosse (energia ~101 0-10n e g — dalla stazione sismica, funzionante
    a quota 660 m del concio centrale della diga.

  20. Structure of multiphoton quantum optics. II. Bipartite systems, physical processes, and heterodyne squeezed states

    Science.gov (United States)

    dell'Anno, Fabio; de Siena, Silvio; Illuminati, Fabrizio

    2004-03-01

    Extending the scheme developed for a single mode of the electromagnetic field in the preceding paper [F. Dell’Anno, S. De Siena, and F. Illuminati, Phys. Rev. A 69, 033812 (2004)], we introduce two-mode nonlinear canonical transformations depending on two heterodyne mixing angles. They are defined in terms of Hermitian nonlinear functions that realize heterodyne superpositions of conjugate quadratures of bipartite systems. The canonical transformations diagonalize a class of Hamiltonians describing nondegenerate and degenerate multiphoton processes. We determine the coherent states associated with the canonical transformations, which generalize the nondegenerate two-photon squeezed states. Such heterodyne multiphoton squeezed states are defined as the simultaneous eigenstates of the transformed, coupled annihilation operators. They are generated by nonlinear unitary evolutions acting on two-mode squeezed states. They are non-Gaussian, highly nonclassical, entangled states. For a quadratic nonlinearity the heterodyne multiphoton squeezed states define two-mode cubic phase states. The statistical properties of these states can be widely adjusted by tuning the heterodyne mixing angles, the phases of the nonlinear couplings, as well as the strength of the nonlinearity. For quadratic nonlinearity, we study the higher-order contributions to the susceptibility in nonlinear media and we suggest possible experimental realizations of multiphoton conversion processes generating the cubic-phase heterodyne squeezed states.

  1. Structure of multiphoton quantum optics. I. Canonical formalism and homodyne squeezed states

    Science.gov (United States)

    dell'Anno, Fabio; de Siena, Silvio; Illuminati, Fabrizio

    2004-03-01

    We introduce a formalism of nonlinear canonical transformations for general systems of multiphoton quantum optics. For single-mode systems the transformations depend on a tunable free parameter, the homodyne local-oscillator angle; for n -mode systems they depend on n heterodyne mixing angles. The canonical formalism realizes nontrivial mixing of pairs of conjugate quadratures of the electromagnetic field in terms of homodyne variables for single-mode systems, and in terms of heterodyne variables for multimode systems. In the first instance the transformations yield nonquadratic model Hamiltonians of degenerate multiphoton processes and define a class of non-Gaussian, nonclassical multiphoton states that exhibit properties of coherence and squeezing. We show that such homodyne multiphoton squeezed states are generated by unitary operators with a nonlinear time evolution that realizes the homodyne mixing of a pair of conjugate quadratures. Tuning of the local-oscillator angle allows us to vary at will the statistical properties of such states. We discuss the relevance of the formalism for the study of degenerate (up-)down-conversion processes. In a companion paper [ F. Dell’Anno, S. De Siena, and F. Illuminati, 69, 033813 (2004) ], we provide the extension of the nonlinear canonical formalism to multimode systems, we introduce the associated heterodyne multiphoton squeezed states, and we discuss their possible experimental realization.

  2. Quality assessment of the mammographic screening programme in the 'Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano' 1 - Analysis of interval cancers and discussion of possible causes of diagnostic error; Controllo di qualita' del programma screening mammografico nella Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1 - Analisi dei carcinomi di intervallo e discussione delle possibili cause di errore diagnostico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Burani, Rossella; Maggioni, Carlo; Pirola, Maria Elena [Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1, Milano, (Italy); Caimi, Francesco; Marinoni, Guia [Azienda Ospedaliera Ospedali Civili, Legnano (Italy); Pellizzoni, Romana; Villa, Roberto [Azienda Ospedaliera Salvini, Garbignate Milanese (Italy); Ciatto, Stefano [Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze (Italy)

    2005-03-01

    screening as compared to excellence centers, and suggests proper action to improve diagnostic accuracy. Analysis and critical review of IC is an early indicator of screening efficacy which is not currently used in Italian screening programmes. Using HDR for this purpose may have limited drawbacks, but gives the advantage of earlier identification of IC as compared to cancer registries, and is the most reliable source of information in areas lacking a cancer registry. The present study methodology might be currently applied in screening programmes. [Italian] Scopo: Valutare la sensibilita' del programma di screening mammografico e le cause di mancata diagnosi comparsi poi come carcinomi di intervallo (CI). Materiale e metodi: I CI sono stati identificati mediante incrocio dell'archivio delle donne esaminate negli anni 2000-2002 con le schede di dimissione ospedaliera (SDO) per carcinoma mammario 2000-2002. Per il calcolo del tasso proporzionale dei CT osservati/attesi e' stato utilizzato l'incrocio fra le donne esaminate negli anni 2000-2001 e le SDO (osservazione biennale per l'anno 2000, completa per il primo anno per il 2001). La frequenza registrata rispetto all'incidenza attesa e' stata confrontata con gli standard internazionali e con i dati della letteratura. I radiogrammi di screening precedenti i CI, mescolati in modo casuale con radiogrammi di casi negativi, sono stati sottoposti a rivalutazione, in lettura cieca da un revisore indipendente, applicando i criteri convenzionali per la classificazione della causa di errore (carcinoma occulto, segni minimi, errore di screening). Risultati: L'analisi delle SDO dal 2000 al 2002 ha consentito di identificare 31 CI invasivi rispetto a 89 carcinomi attesi. Il tasso proporzionale di CI osservati/attesi nel primo e secondo anno dell'intervallo di screening e' stato rispettivamente del 26% e 67%. La revisione radiologica, possibile in 38 CI su 61 casi totali riscontrati, ha

  3. Il mondo dentro il mondo

    CERN Document Server

    Barrow, John D

    1991-01-01

    Davvero esistono “lì fuori” leggi di natura, che stanno in attesa di essere scoperte, indipendenti dal nostro modo di pensare, o esse rappresentano soltanto la descrizione più conveniente di ciò che abbiamo visto? Come è nata l’idea stessa di “leggi di natura”? Queste costituiscono la realtà profonda o sono soltanto pezzi di un regolamento che ci siamo dati per organizzare meglio la nostra conoscenza del mondo? o semplici paletti che piantiamo e ci lasciamo alle spalle come segnali via via che procediamo nella giungla dell’esperienza? È possibile che non esistano affatto leggi di natura? Forse esse, e anche l’universo che da esse sembra regolato, sono del tutto creazioni della nostra mente: un’illusione che scompare appena cessiamo di pensarvi. Ma allora, che cosa accadrebbe, se non ci fossero osservatori dell’universo?». Interrogativi di questo genere, che incontriamo sulla soglia del Mondo dentro il mondo, sarebbero suonati eccentrici fino a qualche anno fa. Oggi, al contrario, circ...

  4. Esercizi scelti di algebra

    CERN Document Server

    Chirivì, Rocco; Dvornicich, Roberto

    2017-01-01

    Questo libro – primo di due volumi -  presenta oltre 250 esercizi scelti di algebra ricavati dai compiti d'esame dei corsi di Aritmetica tenuti dagli autori all'Università di Pisa. Ogni esercizio viene presentato con una o più soluzioni accuratamente redatte con linguaggio e notazioni uniformi. Caratteristica distintiva del libro è che gli esercizi proposti sono tutti diversi uno dall'altro e le soluzioni richiedono sempre una piccola idea originale; ciò rende il libro unico nel genere. Gli argomenti di questo primo volume sono: principio d'induzione, combinatoria, congruenze, gruppi abeliani, anelli commutativi, polinomi, estensioni di campi, campi finiti. Il libro contiene inoltre una dettagliata sezione di richiami teorici e può essere usato come libro di riferimento per lo studio. Una serie di esercizi preliminari introduce le tecniche principali da usare per confrontarsi con i testi d'esame proposti. Il volume è rivolto a tutti gli studenti del primo anno dei corsi di laur ea in Matematica e Inf...

  5. Energy efficiency of the Asm Brescia Waste-to-Energy facility; Prestazioni energetiche del termoutilizzatore di rifiuti dell'Asm Brescia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Beretta, G. P. [Brescia Univ., Brescia (Italy). Dipt. di Ingegneria Meccanica; Zanelli, F. [Azienda Servizi Municipali Brescia SpA, Brescia (Italy)

    2001-09-01

    The various plant configurations in which the Brescia waste-to-energy facility can operate are analysed, performance data obtained in acceptance-tests during wintertime are given, and first law and second law efficiencies as well as other energy saving indices for configurations ranging from cogeneration with maximum thermal power production to electricity-only production are evaluated. In addition, for each acceptance-test configuration, fuel savings are estimated both with respect to the separate production of the same amounts of thermal and electrical power and with respect to the other cogeneration facilities available in the Brescia district-heating system. The first-year average waste lower heating value is estimated. [Italian] Si analizzano i vari assetti dell'impianto di termoutilizzatore di rifiuti di Brescia, si forniscono i dati reali di funzionamento durante le prove di collaudo effettuate nel periodo invernale e si calcolano i rendimenti energetici di primo e secondo principio e vari indici di risparmio energetico per ciascuno degli assetti di funzionamento, che comprendono casi di cogenerazione con massimizzazione della produzione di energia termica e casi di sola produzione di energia elettrica. Si presentano inoltre la stima del risparmio di combustibili fossili e la valutazione del poterre calorifico medio dei rifiuti bruciati nel primo anno di esercizio.

  6. Il punto su Sebastijan Krelj

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Neva Godini

    1987-12-01

    Full Text Available Come Sebastianus  Krelo Austriacus si era iscritto all'Accademia  di Jena nel 1557 colui che oggi viene considerato uno dei protagonisti di spicco dell'epopea pro­ testante slovena. Sono ormai parecchi anni che, nel celebrare l'anniversario del1584 nella cultura e storia slovena (anno della pubblicazione della traduzione della Bibbia ad opera di Jurij Dalmatin e della prima grammatica slovena, scritta in Iatino, Arti­ cae horulae di Adam Bohorič, non si contano ormai più libri, saggi, articoli, con­ vegni e commemorazioni varie così in Slovenia come all'estero  ed in particolare a Derendingen, oggi periferia della città di Tübingen, che diventò Ia seconda patria di colui che viene considerato il padre della letteratura slovena, cioè Primož Trubar.  E nella vicina città di Urach aveva sede l'importantissima tipografia dei protestanti sloveni e non: basterà ricordare che qui in soli cinque anni vennero alia stampa ben 50 tra pubblicazioni in sloveno, croato, glagolitico, italiano ecc. Ma queste dovreb­ bero essere cose abbastanza  risapute. Meno conosciuta e, oseremmo dire quasi un po' trascurata   in questa messe di commemorazioni, appare l'opera  e l'importanza di uno dei protagonisti del protestantesimo sloveno, appunto  Sebastijan Krelj.

  7. Sobre o diagnostico histologico da anemia drepanocytica On the histologic diagnosis of the drepanocytic anemia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Penna de Azevedo

    1937-01-01

    Full Text Available No presente trabalho são descriptas as alterações anatomo-pathologicas do baço na anemia drepanocytica (anemia falciforme, Sicklecell anemia A observação refere-se a um menino de 12 annos de edade, de côr preta, o qual veio a fallecer em consequencia de processo de trombo-phlebite cerebral e de leptomeningite. A doença não foi reconhecida durante a vida e sómente pelo exame dos córtes histologicos do baço é que foi estabelecido o diagnostico de anemia drepanocytica, apresentando o baço as alterações peculiares á doença.In the present paper, the pathologico-anatomical changes of spleen in drepanocytic anemia are described (Sickle-cell anemia. In the case history, a 12 years old negro boy is concerned, who died in consequence of a cerebral thrombophlebitis process and leptomeningitis. The disease had not been recognized during life, and only on examination of the histological sections of the spleen the diagnosis of drepanocytic anemia was made, as this organ presented changes which are peculiar of the disease.

  8. Spirochete della malattia di Lyme nelle zecche raccolte in uno studio di campo nell’Italia centrale (Regione Marche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Pascucci

    2010-06-01

    Full Text Available La malattia di Lyme è la più diffusa malattia trasmessa da zecche in Italia. La provincia di Pesaro ed Urbino per le sue caratteristiche ecologiche può essere considerata area rischio per la patologia. Ciò nonostante, non sono ancora disponibili dati di campo per questa area, sebbene la malattia sia presente nei territori limitrofi. Al fine di indagare la presenza del ciclo della borreliosi di Lyme, è stato condotto, nell’area di interesse, uno studio di un anno durante il quale sono state raccolte zecche da cervidi selvatici, uomo e dall’ambiente, successivamente identificate e analizzate mediante PCR. Le zecche appartenenti alla specie Ixodes ricinus (la specie più frequente in tutte le raccolte sono state testate mediante tre diverse PCR per la ricerca di Borrelia burgdorferi s.l. Inoltre, per identificare le genospecie di Borrelia burgdorferi s.lcoinvolte, è stato amplificato e sequenziato un frammento della regione intergenica spaziatrice 5S-23S dell’ RNA ribosomiale. Il sequenziamento ha permesso di identificare due differenti genospecie: B. burgdorferi s.s. e B. lusitaniae, precedentemente coinvolte in casi umani di malattia di Lyme. Le informazioni riguardo le relazioni tra ospite, zecca e genospecie di B. burgdorferi s.l., confermando le notizie già presenti in letteratura per il bacino del Mediterraneo, mostrano come nell’area di interesse siano presenti le condizioni favorevoli allo sviluppo del ciclo della borreliosi di Lyme.

  9. RIKEN mouse genome encyclopedia.

    Science.gov (United States)

    Hayashizaki, Yoshihide

    2003-01-01

    We have been working to establish the comprehensive mouse full-length cDNA collection and sequence database to cover as many genes as we can, named Riken mouse genome encyclopedia. Recently we are constructing higher-level annotation (Functional ANnoTation Of Mouse cDNA; FANTOM) not only with homology search based annotation but also with expression data profile, mapping information and protein-protein database. More than 1,000,000 clones prepared from 163 tissues were end-sequenced to classify into 159,789 clusters and 60,770 representative clones were fully sequenced. As a conclusion, the 60,770 sequences contained 33,409 unique. The next generation of life science is clearly based on all of the genome information and resources. Based on our cDNA clones we developed the additional system to explore gene function. We developed cDNA microarray system to print all of these cDNA clones, protein-protein interaction screening system, protein-DNA interaction screening system and so on. The integrated database of all the information is very useful not only for analysis of gene transcriptional network and for the connection of gene to phenotype to facilitate positional candidate approach. In this talk, the prospect of the application of these genome resourced should be discussed. More information is available at the web page: http://genome.gsc.riken.go.jp/.

  10. The Avellino 3780-yr-B.P. catastrophe as a worst-case scenario for a future eruption at Vesuvius.

    Science.gov (United States)

    Mastrolorenzo, Giuseppe; Petrone, Pierpaolo; Pappalardo, Lucia; Sheridan, Michael F

    2006-03-21

    A volcanic catastrophe even more devastating than the famous anno Domini 79 Pompeii eruption occurred during the Old Bronze Age at Vesuvius. The 3780-yr-B.P. Avellino plinian eruption produced an early violent pumice fallout and a late pyroclastic surge sequence that covered the volcano surroundings as far as 25 km away, burying land and villages. Here we present the reconstruction of this prehistoric catastrophe and its impact on the Bronze Age culture in Campania, drawn from an interdisciplinary volcanological and archaeoanthropological study. Evidence shows that a sudden, en masse evacuation of thousands of people occurred at the beginning of the eruption, before the last destructive plinian column collapse. Most of the fugitives likely survived, but the desertification of the total habitat due to the huge eruption size caused a social-demographic collapse and the abandonment of the entire area for centuries. Because an event of this scale is capable of devastating a broad territory that includes the present metropolitan district of Naples, it should be considered as a reference for the worst eruptive scenario at Vesuvius.

  11. “Those Five Glenties Women”: Echoes Of Lorca In Dancing At Lughnasa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Inés Praga-Terente

    2006-03-01

    Full Text Available This essay will attempt to show the numerous points that Lorca’s La casa de Bernarda Albaand Friel’s Dancing at Lughnasa have in common. Both plays create an intense rural atmosphere in their respective countries –Ireland and Spain– with echoes of the tragic days of 1936; and both introduce us to the rarefied community of five single women dominated by sexual repression and enclosed in the narrow confines of domestic space. The role of women at home was strongly emphasized by the papal encyclicals Castii Connubbi (1930 and Quadragesimo Anno (1931, highly influential in both countries. Interrogations and redefinitions of the female domestic space have been a central issue in gender studies, and so from this perspective we approach both plays as evidence of feminine oppression and its representation in the house, which stands for the five women’s honour. The strict law of space will prove an obstacle for their sexuality, marriage and motherhood and its transgression will be severely punished. The sexual morality imposed by the Catholic Church will make the five women lifelong prisoners and will preside over the claustrophobic society they belong to.

  12. WAVe. Workshop estivi all'Università IUAV Venezia / WAVe. Summer Workshops at the IUAV Venezia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Ferlenga

    2014-03-01

    Full Text Available L'articolo illustra l'esperienza degli workshop estivi allo IUAV ed indaga le ragioni che stanno alla base del successo di questa iniziativa didattica nata nel 2002. L’evento, che conclude l’anno scolastico, segna un momento di grande apertura per giovani aspiranti architetti: si tratta di 30 atelier che prevedono la partecipazione di circa 1800 studenti del triennio di Architettura. A dirigere gli atelier sono chiamati architetti provenienti da tutto il mondo e appartenenti a generazioni e formazioni molto diverse tra loro. L’idea è quella di far interagire l’attrattività di Venezia con la specificità di una scuola come lo IUAV per dare corso ad un esperimento didattico che costituisca un fattore di moltiplicazione dell’esperienza formativa degli studenti. / This article outlines the experience of the summer workshops at the IUAV and investigates the reasons that underlie the success of this educational initiative founded in 2002. Such event, which concludes the school year, marks a time of great openness for aspiring young architects: 30 workshops with about 1,800 students from the three-year Architecture Course. The workshops are directed by architects from all over the world and from different generations and backgrounds. The idea is still that of making the attractiveness of Venice interact with the specificity of a school of Architecture like the IUAV in a form of educational experiment.

  13. A survey of genomic properties for the detection of regulatory polymorphisms.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stephen B Montgomery

    2007-06-01

    Full Text Available Advances in the computational identification of functional noncoding polymorphisms will aid in cataloging novel determinants of health and identifying genetic variants that explain human evolution. To date, however, the development and evaluation of such techniques has been limited by the availability of known regulatory polymorphisms. We have attempted to address this by assembling, from the literature, a computationally tractable set of regulatory polymorphisms within the ORegAnno database (http://www.oreganno.org. We have further used 104 regulatory single-nucleotide polymorphisms from this set and 951 polymorphisms of unknown function, from 2-kb and 152-bp noncoding upstream regions of genes, to investigate the discriminatory potential of 23 properties related to gene regulation and population genetics. Among the most important properties detected in this region are distance to transcription start site, local repetitive content, sequence conservation, minor and derived allele frequencies, and presence of a CpG island. We further used the entire set of properties to evaluate their collective performance in detecting regulatory polymorphisms. Using a 10-fold cross-validation approach, we were able to achieve a sensitivity and specificity of 0.82 and 0.71, respectively, and we show that this performance is strongly influenced by the distance to the transcription start site.

  14. New selenoproteins identified in silico from the genome of Anopheles gambiae

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2007-01-01

    Selenoprotein is biosynthesized by the incorporation of selenocysteine into proteins,where the TGA codon in the open reading frame does not act as a stop signal but is translated into selenocysteine.The dual functions of TGA result in mis-annotation or lack of selenoproteins in the sequenced genomes of many species.Available computational tools fail to correctly predict selenoproteins.Thus,we devel-oped a new method to identify selenoproteins from the genome of Anopheles gambiae computationally.Based on released genomic information,several programs were edited with PERL language to identify selenocysteine insertion sequence(SECIS)element,the coding potential of TGA codons,and cys-teine-containing homologs of selenoprotein genes.Our results showed that 11365 genes were termi-nated with TGA codons,918 of which contained SECIS elements.Similarity search revealed that 58 genes contained Sec/Cys pairs and similar flanking regions around in-frame TGA codons.Finally,7 genes were found to fully meet requirements for selenoproteins,although they have not been anno-tated as selenoproteins in NCBI databases.Deduced from their basic properties,the newly found se-lenoproteins in the genome of Anopheles gambiae are possibly related to in vivo oxidation tolerance and protein regulation in order to interfere with anopheles’ vectorial capacity of Plasmodium.This study may also provide theoretical bases for the prevention of malaria from anopheles transmission.

  15. "A chiare lettere” - Transizioni" • Nel primo anniversario della "Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2017-01-01

    Full Text Available Tra pochi giorni sarà trascorso un anno da quel 27 gennaio 2016 in cui 250 eminenti studiosi islamici, riuniti a Marrakech e provenienti da oltre 120 nazioni, hanno sottoscritto una “Dichiarazione sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana” rivolgendo l’appello a sviluppare una giurisprudenza islamica sul concetto di cittadinanza inclusiva di tutti i gruppi religiosi. L’incontro si era tenuto su invito del Ministero della Promozione e degli Affari Islamici del Regno del Marocco e del Forum per la Promozione della Pace nelle società islamiche, con sede negli Emirati Arabi Uniti. All’evento avevano partecipato cinquanta leader di altre religioni e rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali. L’incontro proseguiva lungo il cammino tracciato ad Abu Dhabi nel 2014 con la nascita del Forum for peace, inteso a mostrare al mondo che l’Islam “is a religion of peace and justice”, cui aveva fatto seguito nel 2015 un secondo Forum inteso a ristabilire “the priorities of Muslim societies by rehabilitating hearts and intellects to a more thorough understanding of the salience of peace in Islam, the shariah, and our tradition”.

  16. Presentations from 'The Bolund Experiment: Workshop' 3-4th December 2009

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bechmann, A.

    2010-08-15

    The Bolund experiment is a measuring campaign from a complex terrain performed in 2007 and 2008 where high frequency data from 35 anemometers provides a unique database designed to validate micro-scale flow models. Since no systematic comparison of micro-scale models existed it was decided to challenge micro-scale modelers to simulate the wind over Bolund and compare the results systematically. Since the Bolund measurements had not been published the comparison could be made blindly, i.e. the participants would not have prior knowledge of the measurement results. To broaden the types of models participating, modelers were invited worldwide from research institutes, universities and industry. More than 40 groups participated in the blind comparison with well over 50 model predictions and the blind comparison therefore gives an overview of the accuracy of micro-scale models anno 2010. On the 3-4 December 2009, 80 specialists in modeling of wind over complex terrain met at a Risoe DTU workshop where the model predictions and the Bolund measurements were revealed. During the workshop, interesting presentations were given about different flow modeling approaches. This report contains copies of the slide presentations given at the workshop. (LN)

  17. Modelli multiscala della città attraverso tecniche 3D

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Adami

    2007-03-01

    Full Text Available L’uso quotidiano dei modelli tridimensionali è ormai cosa appurata: tour virtuali delle città utili come linee guida per la progettualità, studi di dettaglio come per esempio con la propagazione delle onde elettromagnetiche, gestione di eventi naturali e non, studi di valutazione di impatto ambientale ed analisi urbanistiche sono solo alcuni dei campi di applicazione delle rappresentazioni 3D. L’allargarsi del bacino d’utenza, sia a livello numerico, sia a livello di diverse specializzazioni ha evidenziato la necessità di modelli che oltre all’aspetto geometrico, sul quale ci si focalizzava fino a qualche anno fa, fornissero delle informazioni supplementari, spostando così l’accento sulle fasi di realizzazione del modello solido. Grazie all’integrazione dei dati vector con dati raster è possibile infatti attribuire ad ogni elemento una serie di significati derivanti dalle texture applicate, siano queste immagini fotografiche della realtà o mappature tematiche.

  18. "A chiare lettere" Editoriale gennaio 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2011-02-01

    Full Text Available Ad onta delle crisi ricorrenti che investono il diritto ecclesiastico, nell’anno appena iniziato la nostra disciplina raccoglie il testimone inatteso della speranza. Il 2006 ci ha offerto la pubblicazione di tre manuali1 che, con un taglio ed un’impostazione nuovi, si rivolgono ad un’utenza che non è fatta soltanto degli studenti delle nostre Università; la pubblicazione del primo numero della nuova rivista semestrale “Diritto e Religioni”2, che intende trattare il fattore religioso da molteplici punti di vista aprendosi ad una molteplicità di scienze affini (antropologia, sociologia, storia, filosofia; la nascita di questa rivista telematica che non vuole avere un proprio indirizzo o orientamento, ma si prefigge lo scopo di essere strumento e manifesto della pluralità e del pluralismo delle scuole, delle sensibilità, dei metodi che alimentano il patrimonio comune del sapere teorico perché in esso trovi a sua volta alimento il concreto, quotidiano farsi dell’esperienza giuridica. Due ricorrenze di particolare rilievo segnano, ancora, questa fase: i cinquanta anni della Corte costituzionale, alla cui attività molto è legato il rinnovamento del “diritto ecclesiastico”, che ha partecipato alla celebrazione corale offrendo uno specifico contributo di analisi della sua giurisprudenza 3; i dodici lustri della Costituzione repubblicana, un’età “matura” che offre l’occasione per un bilancio della sua vitalità, delle compiute attuazioni, delle attese non ancora realizzate.

  19. Teologia e diritto nel mistero della Chiesa: spunti di riflessione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Violi

    2011-03-01

    Full Text Available Il presente articolo riprende e approfondisce alcuni spunti proposti dall’autore nella prolusione da lui tenuta presso il Tribunale Ecclesiastico Regionale Emiliano in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2006, Il diritto canonico: essenziale alla natura della Chiesa o suo tradimento?, poi pubblicata in Vita diocesana di Modena e Nonantola, 3 (2006, 83-96.SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La precomprensione moderna del diritto e la sua conseguente inconciliabilità con la Chiesa - 3. Il rifiuto della Riforma e la risposta cattolica - 4.  Impossibilità per la Chiesa di rinunciare al diritto - 5. Tentativi di un superamento della precomprensione moderna del  fenomeno giuridico. Klaus Mörsdorf e la così detta “Scuola di Monaco” - 6. Il fondamento paolino del “canone” - 7. Un diritto restituito alla comunità, radicato nei suoi valori - 8. Un diritto restituito alla fede - 9. La lex come ordinatio e la visione ordinamentale del diritto - 10. Conclusioni.

  20. A web-based platform for rice microarray annotation and data analysis

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2010-01-01

    Rice(Oryza sativa) feeds over half of the global population.A web-based integrated platform for rice microarray annotation and data analysis in various biological contexts is presented,which provides a convenient query for comprehensive annotation compared with similar databases.Coupled with existing rice microarray data,it provides online analysis methods from the perspective of bioinformatics.This comprehensive bioinformatics analysis platform is composed of five modules,including data retrieval,microarray annotation,sequence analysis,results visualization and data analysis.The BioChip module facilitates the retrieval of microarray data information via identifiers of "Probe Set ID","Locus ID" and "Analysis Name".The BioAnno module is used to annotate the gene or probe set based on the gene function,the domain information,the KEGG biochemical and regulatory pathways and the potential microRNA which regulates the genes.The BioSeq module lists all of the related sequence information by a microarray probe set.The BioView module provides various visual results for the microarray data.The BioAnaly module is used to analyze the rice microarray’s data set.

  1. Energy conversion, storage and balancing. Great potential of hydrogen and fuel cells; Energikonvertering, lagring og balancering. Stort potentiale i brint og braendselsceller

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    2012-12-15

    This document is the Danish strategy for hydrogen technology research, development and demonstration. Work on a new strategy was launched in early 2012 by the Partnership for hydrogen and fuel cells. The new national strategy complements the Partnership's former national strategy ''Hydrogen Technologies - strategy for research, development and demonstration in Denmark'' from June 2005. The former strategy describes the challenges and costs by the technological development of hydrogen and fuel cells until 2016 - and is valid until 2016. The Partnership's strategy anno 2012 describes the energy technology challenges for hydrogen technology development until 2016 - and in some years thereafter. The strategy provides an updated status of hydrogen and fuel cells, describes the area's future potential, and specifies future needs for technological development. The strategy's main focus is to define how electrolysis, hydrogen and fuel cells can help to meet Denmark's future energy policy objectives. In the strategy the term ''hydrogen technologies'' overall means: Electrolysis and fuel cells as conversion technologies, and hydrogen and hydrogen-containing fuels, such as methanol, as energy carriers. (LN)

  2. Graikiško Odarion’o (1604 šv. Kazimiero garbei autorystės problema | The problem of the authorship of the Greek Odarion to Saint Casimirus (1604

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tomas Veteikis

    2006-01-01

    Full Text Available The present article focuses on the question of the authorship of the Greek Odarion to St. Casimirus, one of the most outstanding pieces of Greek poetry in Early Modern Lithuania, recently famed for its dual versification. This amusing piece of work, located in the collection of the panegyrical texts to the same saint, carrying the title THEATRVM S. CASIMIRI, IN QVO IPSIVS PROSAPIA, VITA, MIRACVLA, & illustris pompa in solemni eiusdem apotheoseos instauratione, Vilnae Lithuaniae Metropoli V. Id. Maij, Anno D[omi]ni M. DC. IV. instituta graphice proponuntur. […] Editum ibidem [sc. Vilnae], eodem anno [sc. 1604], operis Typographicis Academiae SOCIETATIS IESV, was performed orally during the solemnities that took place 10–12 May in 1604 in Vilnius due to the recent canonization of this saint. The true author of this collection is actually unknown and the same is applicable to the Odarion. Gregorius Swięcicki, the member of Vilnius chapter, whose name appears in several parts of the convolute (especially, under the short introductory letter Author Lectori, is generally being taken as an author’s name for the whole printed collection (including Odarion. This position was recently questioned due to the detection of one more important part of the convolute, the so-called Pompa Casimiriana written by certain Quirinus Cnoglerus Austrius. The main idea of this article is to reveal the complicated cultural, educational and confessional surroundings of such a litterary composition as Odarion and give several suggestions concerning the personalities who might be called its authors. First of them is Austrian “philhelenic” humanist and probably convertite Quirinus Cnogler, the author of the panegyrical oration (sermo panegyricus Pompa Casimiriana (s. l., s. a. [=Vilnae 1604?] and a number of occasional, publicistical, polemical writings of different scope. Another “candidate” is Swedish poet Laurentius Boierus (1561–1619, the author of

  3. Plant eco-physiological responses to multiple environmental and climate changes

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rost Albert, K.

    2009-03-15

    The current global changes of temperature, precipitation, atmospheric CO{sub 2} and UV-B radiation impact in concert ecosystems and processes in an unpredictable way. Therefore multifactor experimentation is needed to unravel the variability in strength of these drivers, whether the factors act additively or synergistically and to establish cause-effect relations between ecosystem processes. This thesis deals with heath plant responses to global change factors (the CLIMAITE project). In a Danish temperate heath ecosystem elevated CO{sub 2}, experimental summer drought, and passive nighttime warming was applied in all combinations (based on the scenario for Denmark anno 2075) and the responses after one year of treatment were investigated through a growing season in Hairgrass (Deschampsia flexousa) and Heather (Calluna vulgaris). In a high arctic heath ecosystem situated in NE-Greenland UV-B exclusion experiments were conducted on Salix arctica and Vaccinium uliginosum during six years. Responses of photosynthesis performance were characterized on the leaf scale by means of leaf gas-exchange (A/Ci curves), chlorophyll-a fluorescence, leaf nitrogen, carbon and delta13C and secondary compounds. The main findings were 1) The different growth strategies of the evergreen Calluna versus the opportunistic bi-phasic Deschampsia affects the photosynthesis response to drought and autumn warming; 2) Elevated CO{sub 2} and warming synergistically increase photosynthesis in spring and autumn; 3) Summer drought decreased photosynthesis in both species, but where Calluna maintained photosynthetic metabolism then major proportion of grass leaves wilted down; 4) Elevated CO{sub 2} did not decrease stomatal conductance, but the treatments affected soil water content positively, pointing to the complex water relations when plants of contrasting growth strategy co-occur; 5) Water availability affected the magnitude of photosynthesis to a higher degree than warming and elevated CO{sub 2

  4. Development of emission factors from municipal solid waste incinerators in 'regione Lombardia' and their use in the Italian dioxin inventory; Sviluppo di fattori di emissione da inceneritori di rifiuti urbani lombardi e loro applicazione all'intervento nazionale delle diossine

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pastorelli, G. [Fondazione Lombardia per l' Ambiente, Milan (Italy); De Lauretis, R. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy); De Stefanis, P. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy); Fanelli, R. [Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milan (Italy); Martines, C. [Azienda Sanitaria Locale Milan, Unita' Ospedaliera Chimica PMIP, Milan (Italy); Morselli, L. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. Chimica Industriale e dei Materiali; Pistone, L. [Siirtec Nigi Spa, Milan (Italy); Viviano, G. [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy)

    2001-01-01

    PCDD/F air emission factors (EFs) from municipal solid waste (MSW) incinerators are commonly found in the literature from handful of sources, but widely accepted values of PCDD/F air EFs still lack for Italian MSW incinerators. This is one of the reason why an Italian PCDD/F air emission inventory still lacks too. Seven facilities (located in Regione Lombardia) were chosen in order to produce a first assessment of field-based on literature EFs. This careful assessment allows to obtain a reasonable estimation of total annual PCCD/F air emissions from the 38 Italian MSW incinerators in 1997 (11.5 gI-TEQ y{sup -}1). This value will decrease to 5.6-8.5 gI-TEQ y{sup -}1 even if MSW incinerators will comply with the 0.1 mgI-TEQ Nm{sup -}3 air emission limit value, recently came into force in Italy. Moreover, a sharp reduction of the emission-to-energy ratio from 26.53 to 0.88-1.12 mgI-TEQ GWh{sup -}1 will be expected, due to the mandatory use of energy recovery devices since January 1999. [Italian] Mentre i fattori di emissione (FE) in atmosfera di policlorodibenzo-p-diossine (PCDD) e policlorodibenzofurani (PCDF) da inceneritori di rifiuti urbani (RU) sono abbastanza diffusamente riportati nella letteratura tecnica internazionale, esiste invece ancora una assoluta carenza di dati a livello nazionale. Lo stesso puo' dirsi per gli inventari nazionali di emissioni di PCDD/F in atmosfera. E' questo il motivo per cui sono stati individuati sette inceneritori lombardi, per i quali erano disponibili sufficienti dati su base storica (1991-1997), al fine di effettuare una stima diretta dei FE da applicarsi all'inventario nazionale delle diossine. Sulla base dei FE cosi' calcolati e di altri FE riportati in letteratura si e' potuta determinare una emissione globale annua dai 38 inceneritori di RU (Rifiuti Urbani) operanti in Italia nel 1997 di 11,5 gI-TEQ anno{sup -}1. Tale emissione si potra' ridurre a 5,6-8,5 gI-TEQ anno {sup -}1 nel prossimo

  5. Plecotus alpinus: primi dati sull'utilizzo dell'habitat

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriano Martinoli

    2003-10-01

    Full Text Available Negli ultimi anni il numero delle specie di Chirotteri note per l?Europa si è accresciuto, grazie all?uso di tecniche di genetica molecolare, ed in particolare il genere Plecotus è quello che ha registrato maggiori cambiamenti con la descrizione di tre nuove specie: Plecotus kolombatovici, P. alpinus e P. sardus (Kiefer & Veith, 2001; Mucedda et al., 2002. Alla luce di queste nuove scoperte, la distribuzione geografica e le preferenze dell?habitat delle due specie ?storiche? di Orecchione in Europa, Plecotus auritus e P. austriacus, dovrebbero essere riviste: in questo contesto si inserisce l?indagine svolta nel Parco Regionale Campo dei Fiori (in provincia di Varese sulla prima colonia riproduttiva di Plecotus alpinus segnalata per la regione Lombardia. Al fine di valutare le preferenze nell?uso dell?habitat e le direttrici di spostamento preferenziali di tale specie, nonché per l?identificazione di siti di rilevanza per l?allevamento della prole, si è fatto ricorso a tecniche di radiolocalizzazione, subordinate alla cattura a vivo degli animali. Le catture si sono svolte nel periodo 15 giugno ? 15 agosto del 2002 e del 2003. Per ogni individuo catturato, oltre alla determinazione di specie, sesso e classe d?età, sono stati rilevati i dati biometrici e prelevati campioni di tessuto destinati all?analisi genetica. Sono state inoltre registrate le emissioni ultrasonore. Durante il primo anno di indagine sono state seguite mediante radiolocalizzazione 5 femmine adulte (4 allattanti ed una non allattante e due femmine subadulte, mentre durante il secondo anno sono state munite di radiocollare 6 femmine adulte (5 allattanti ed una non allattante ed una femmina subadulta. Ai pipistrelli è stato applicato un emettitore radio (tag modello LB-2, Holohil Systems Ltd, Ontario, Canada. Il segnale emesso è stato ricevuto in campo mediante l?utilizzo di radio (Wildlife

  6. Energy consumption of biomass in the residential sector of Italy in 1999; I consumi energetici di biomasse nel settore residenziale in Italia nel 1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gerardi, V. [ENEA, Divisione Fonti Rinnovabili di Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Perrella, G. [ENEA, Divisione Promozione Usi Efficienti e Diversificazione dell' Energia, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The report aims at showing the situation in Italian residential sector in the year 1999 about the consumption of biomass like energy source. Data presented are the result of a statistical survey on the Italian family. Taking into account the year 1999, the survey allowed to estimate a national consumption of vegetal fuels equal to about 14 Mt, with an average value by family of 3 t. The following aspects have been put in evidence: the consumption of biomass in Italy is characterised mainly bu the use of wood, 98.5% out of the total vegetal fuel consumption. Olive pits, charcoal and nutshells can be considered as marginal. Biomass supplying system by the families is related to the single biomass typology; in the case of wood there is a substantial equilibrium between the purchase (42.5%) and the self production/supplies (47%). In the case of olive pits the supplying system is mostly the purchase, on the contrary for the nutshells is the self production/supplies; Biomass are mostly used in the principal house (84.8% of the families using biomass); the families expressed satisfaction; the energetic systems that use vegetal fuels have a complementary character in relation to the systems not fuelled with biomass. [Italian] Il rapporto mira a descrivere la situazione dei consumi di biomassa come fonte di energia nel settore residenziale italiano nell'anno 1999. I dati presentati sono il risultato di una specifica indagine statistica sulle famiglie italiane. Con riferimento all'anno 1999, l'indagine ha permesso di stimare un consumo nazionale di combustibili vegetali pari a circa 14 milioni di tonnellate, con un consumo medio per famiglia utilizzatrice stimbabile in circa 3 tonnellate. L'indagine ha permesso di evidenziare i seguenti aspetti: il consumo in Italia di biomassa e' prevalentemente caratterizzato dall'impego di legna, che rappresenta il 98,5% del consumo totale di combustibili vegetali. La sansa, la carbonella e i gusci di

  7. Bifunctional Zn(II)Ln(III) dinuclear complexes combining field induced SMM behavior and luminescence: enhanced NIR lanthanide emission by 9-anthracene carboxylate bridging ligands.

    Science.gov (United States)

    Palacios, María A; Titos-Padilla, Silvia; Ruiz, José; Herrera, Juan Manuel; Pope, Simon J A; Brechin, Euan K; Colacio, Enrique

    2014-02-03

    There were new dinuclear Zn(II)-Ln(III) complexes of general formulas [Zn(μ-L)(μ-OAc)Ln(NO3)2] (Ln(III) = Tb (1), Dy (2), Er (3), and Yb (4)), [Zn(μ-L)(μ-NO3)Er(NO3)2] (5), [Zn(H2O)(μ-L)Nd(NO3)3]·2CH3OH (6), [Zn(μ-L)(μ-9-An)Ln(NO3)2]·2CH3CN (Ln(III) = Tb (7), Dy (8), Er (9), Yb(10)), [Zn(μ-L)(μ-9-An)Yb(9-An)(NO3)3]·3CH3CN (11), [Zn(μ-L)(μ-9-An)Nd(9-An)(NO3)3]·2CH3CN·3H2O (12), and [Zn(μ-L)(μ-9-An)Nd(CH3OH)2(NO3)]ClO4·2CH3OH (13) prepared from the reaction of the compartmental ligand N,N',N″-trimethyl-N,N″-bis(2-hydroxy-3-methoxy-5-methylbenzyl)diethylenetriamine (H2L), with ZnX2·nH2O (X = NO3(-) or OAc(-)) salts, Ln(NO3)3·nH2O, and, in some instances, 9-anthracenecarboxylate anion (9-An). In all these complexes, the Zn(II) ions invariably occupy the internal N3O2 site whereas the Ln(III) ions show preference for the O4 external site, giving rise to a Zn(μ-diphenoxo)Ln bridging fragment. Depending on the Zn(II) salt and solvent used in the reaction, a third bridge can connect the Zn(II) and Ln(III) metal ions, giving rise to triple-bridged diphenoxoacetate in complexes 1-4, diphenoxonitrate in complex 5, and diphenoxo(9-anthracenecarboxylate) in complexes 8-13. Dy(III) and Er(III) complexes 2, 8 and 3, 5, respectively, exhibit field induced single molecule magnet (SMM) behavior, with Ueff values ranging from 11.7 (3) to 41(2) K. Additionally, the solid-state photophysical properties of these complexes are presented showing that ligand L(2-) is able to sensitize Tb(III)- and Dy(III)-based luminescence in the visible region through an energy transfer process (antenna effect). The efficiency of this process is much lower when NIR emitters such as Er(III), Nd(III), and Yb(III) are considered. When the luminophore 9-anthracene carboxylate is incorporated into these complexes, the NIR luminescence is enhanced which proves the efficiency of this bridging ligand to act as antenna group. Complexes 2, 3, 5, and 8 can be considered as dual materials

  8. [Ecological study on the mortality of residents in Manfredonia (Apulia Region, Southern Italy) from 1970 to 2013].

    Science.gov (United States)

    Gianicolo, Emilio Antonio Luca; Mangia, Cristina; Cervino, Marco; Bruni, Antonella; De Marchi, Bruna; Biggeri, Annibale; Porcu, Rosa; Vigotti, Maria Angela

    2016-01-01

    OBIETTIVI: valutare lo stato di salute della popolazione residente nel comune di Manfredonia dal 1970 al 2013. DISEGNO: analisi descrittiva dell'andamento temporale della mortalità generale, per gruppi di cause, dal 1970 al 2013. SETTING E PARTECIPANTI: i dati di mortalità e le popolazioni residenti sono di fonte Istat. Sono state esaminate 55 cause di decesso. Le analisi sono disaggregate per sesso e periodo. PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME: sono stati elaborati i rapporti standardizzati di mortalità (SMR%), con i rispettivi intervalli di confidenza al 90% (IC90%), e i tassi di mortalità standardizzati col metodo diretto (TSD ). RISULTATI: lo stato di salute misurato dal tasso di mortalità per tutte le cause migliora nel tempo: i TSD passano da 92 x10.000 negli anni 1970-1974 a 52 x10.000 nel biennio 2012-2013 negli uomini, da 70 x10.000 a 39 x10.000 nelle donne. Tuttavia, rispetto alla media regionale Manfredonia perde progressivamente il suo vantaggio, passando da -20% a -10% negli uomini, e da -20% a +1,5% nelle donne. Questo andamento è molto evidente per il complesso delle cause cardiovascolari, mentre i tumori maligni sono in generale nella media regionale. Nell'ultimo periodo disponibile per causa di decesso (2006-2011), la mortalità per infarto miocardico è stata più alta della media regionale (uomini: +35%; donne: +54%). I rapporti standardizzati di mortalità (SMR) mostrano tra gli uomini valori in crescita, in particolar modo rispetto al riferimento provinciale, con un eccesso a cominciare dal periodo 2006-2011 (22 decessi/anno e 19 attesi; SMR%: 117,2; IC90% 101,1-135,2; riferimento: provincia di Foggia). Anche tra le donne gli SMR% superano i riferimenti provinciali negli ultimi periodi esaminati (nel 2012-2013: 7 decessi/ anno e 4,2 attesi; SMR%: 116,4; IC90% 97,0-260,7; riferimento: provincia di Foggia). CONCLUSIONI: la mortalità a Manfredonia è diminuita in misura minore rispetto a quella osservata nei riferimenti provinciali e regionali

  9. Fattori influenzanti la distribuzione del Daino (Dama dama in un'area dell'Appennino settentrionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Merli

    2003-10-01

    Full Text Available Abstract Factors affecting the distribution of fallow deer (Dama dama in an area of the northern Apennines (Italy A wild population of fallow deer (Dama dama, originated in the Seventies from accidental release, has been monitored from 1996 to 2000 in the hilly and mountainous habitat of the Pavia county (Northern Apennines. Sightings and signs of presence on 34 transects (total length of 163.2 km were collected twice a year in spring. The distribution of the species in the study area (732 km² was defined on the basis of a grid of 215 4-km² sample units. The species occupied the 28% and 22% of the study area respectively in 1997 and 2000. The relative abundance of the population, estimated as mean of sightings-signs/km varied from 0.50 (S.E. = 0.27 in 1997 to 0.03 (S.E. = 0.03 in 1998. Discriminant Function and Logistic Regression Analysis were performed to investigate the influence of 23 habitat variables on the distribution of fallow deers in 1997. Both statistical techniques identified the length of the edge between woods and crops as the main variable affecting fallow deer distribution. The analysis also pointed out that the area potentially suitable for the species raised up to 388 km² (53.0% of the study area. Riassunto Una popolazione di Daino presente nella zona collinare e montana della provincia di Pavia (732 km², originatasi da una fuga di animali da un allevamento negli anni 70, è stata monitorata dal 1996 al 2000. Per la definizione della distribuzione è stato predisposto un sistema di 34 transetti (163,2 km in totale percorsi 2 volte l'anno, in primavera, annotando e mappando tutti i segni di presenza e le osservazioni dirette della specie. L'area di studio è quindi stata suddivisa in maglie quadrate di 400 ha ciascuna (Unità di Campionamento, a cui è stata associata, per ogni anno la presenza o l'assenza della specie. La superficie interessata dalla

  10. The recovery of the otter in the Cevennes (France: a GIS-based model

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Xaver Janssens

    2006-09-01

    segni di presenza in un determinato tratto investigato, la probabilità di trovarne di ulteriori in un secondo tratto sia inversamente proporzionale alla distanza intercorrente. L’ipotesi è stata testata utilizzando il dataset (4592 dati del censimento condotto nel Parco Nazionale delle Cevennes (3200 km2, Francia su un periodo di 15 anni. Sono stati comparati quattro diversi metodi, utilizzando distanze Euclidee, distanze decisionali, costo-distanze e analisi di bacino, e considerando 61 tratti di corsi d’acqua perlustrati annuamente. Per ogni tratto, se in un anno A le ricerche davano esito negativo ma negli lanni immediatamente precedente e successivo le osservazioni risultavano positive, i risultati dell’anno A venivano considerati falsi-negativi e confrontati con gli esiti di ciascun metodo predittivo. Le simulazioni evidenziano come la morfologia del territorio interposto tra i siti di campionamento positivi e quelli negativi abbia un ruolo importante nel determinare la probabilità di presenza della specie dove le ricerche sono risultate infruttuose. Malgrado l’elevata mobilità della lontra, la sua distribuzione può essere limitata da alcuni spartiacque e i limiti dei bacini idrografici rappresentano un fattore spaziale rilevante per prevedere la distribuzione della specie e analizzarne le possibilità di recupero.

  11. Prescrizione dei test di laboratorio in medicina generale: dalla formazione sul campo al miglioramento dell’appropriatezza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Milano

    2014-08-01

    Full Text Available Background. La Regione Piemonte, con la DGR n. 16-1829 del 07/04/2011 sull’appropriatezza prescrittiva degli esami ematochimici, indicava alle ASL di inserire il protocollo tra le proprie procedure. L’ASL TO3, verificato di essere la maggior prescrittrice di tali esami, imponeva per il 2012 un progetto obiettivo obbligatorio per la Medicina Generale (MG, chiedendo di ridurre la prescrizione ad una media di 10,5 esami per paziente/anno. I Medici di Medicina Generale (MMG non conoscevano la Delibera e l’ASL non aveva dato indicazioni rispetto agli esami a rischio di inappropriatezza. La Commissione Formazione per la MG della ASL ha sviluppato un progetto formativo 2012-2013 per i MMG per rendere accettabile e realizzabile il Progetto Obiettivo, coinvolgendo anche i medici specialisti e i Direttori dei 9 Distretti. Obiettivi.Condividere le indicazioni regionali sugli esami a rischio di inappropriatezza; ridurre del 2%; la prescrizione di un piccolo set di esami di frequente prescrizione, a rischio di uso inappropriato elaborare strategie per condividere le indicazioni sull’appropriatezza con gli specialisti. Metodi. Il percorso si è avvalso del modello di progettazione Precede-Proceed di Green e Kreuter, all’interno del quale l’intervento formativo ha utilizzato la metodologia didattica della formazione sul campo, accreditata sul sistema regionale ECM con 20 crediti/anno. Per ciascuno dei 430 MMG era previsto un impegno di 40 ore complessive tra lavoro individuale, in équipe ed in riunioni plenarie. Risultati. Il processo formativo è stato sottoposto a valutazione di: Processo: ha partecipato il 100% dei MMG. Tutti hanno condiviso le indicazioni regionali sull’appropriatezza prescrittiva. I feedback dimostrano entusiasmo e gradimento da parte dei partecipanti. Impatto: il cambiamento delle abitudini prescrittive è dimostrato dall’apparente “effetto domino” ottenuto su tutte le prescrizioni, non solo sul piccolo set

  12. Kaks grenaderi : [luuletused] / Heinrich Heine ; tlk. August Sang, Ellen Niit, Karl Eduard Sööt, Gustav Wulff-Õis, Minni Nurme, Märt Pukits, Anna Haava, Debora Vaarandi, Jaan Kross, August Annist, Jaan Kärner, Martin Lipp, Jakob Tamm, Eduard Lud

    Index Scriptorium Estoniae

    Heine, Heinrich, 1797-1856

    2006-01-01

    Sisu: Kaks grenaderi ; Ärasõit ; Emale ; "See oli lahkel lehekuul..." ; "Mu silmaveest sigivad lilled..." ; "Su nägu armast, ilusat..." ; "Sääl kõrgel liikumata..." ; "Sind kannan laulu tiivul..." ; "Õrn lootoslill end varjab..." ; "Maailm on juhm, ja juhmimaks..." ; "Kui teaksid lilled aasal..." ; Lüüriline intermetso ; "Maast särava päikese poole..." ; "On suvi nüüd, õhetav suvi..." ; "Näen unes sind ma öösiti..." ; "Puil sügistuul raputab oksi..." ; "Kord mu hämarasse ellu..." ; "Mis peaks küll tähendama..." ; "Sa, kaunis kaluritütar..." ; "Kuu tõusnud kulla karva..." ; "Kuu kui hiiglapomerants..." ; "Öö ligines... Õhtu eha sees..." ; "Ma kaugel horisondil..." ; "Öö vaikuses on linn kõik vaga..." ; "Küll aastad tulevad, kaovad..." ; "Kuu paistis kurvalt - nii nägin und..." ; "Ilm arvab armuvalus..." ; "See, kes esmakordselt armub..." ; "Suveõhtu hämardumas..." ; "Öö on teel... Silm ette vaatab..." ; "Kus on nüüd see kullakene..." ; Mäeidüll ; "Kui sa valge puu all istud..." ; "Jälle süda unest ärkab..." ; "Nägin haldjaid kihutamas..." ; "Ülal tähed kuldseil jalgel..." ; Seraphine : "Öö on mustad tiivad laotand..." ; "Nii vaikselt viirab merepind..." ; "Hämar öö on üle mere..." ; "Kui oleks ta kullast, nii sädeleb..." ; Hortense : "Me tänavanurgal seisime ; "Ei kaua petnud mind see õnn..." ; Klarisse : "On hilja, mis sa naerad mulle..." ; Anno 1839 ; Kus? ; Saladus ; Laatsarus : Surija ; Targad tähed ; Saksamaa ; Elusõit. Eluloolisi andmeid autori kohta lk. 459

  13. Dictionary Writing System (DWS + Corpus Query Package (CQP: The Case of TshwaneLex

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilles-Maurice de Schryver

    2011-10-01

    Full Text Available

    Abstract: In this article the integrated corpus query functionality of the dictionary compilation software TshwaneLex is analysed. Attention is given to the handling of both raw corpus data and annotated corpus data. With regard to the latter it is shown how, with a minimum of human effort, machine learning techniques can be employed to obtain part-of-speech tagged corpora that can be used for lexicographic purposes. All points are illustrated with data drawn from English and Northern Sotho. The tools and techniques themselves, however, are language-independent, and as such the encouraging outcomes of this study are far-reaching.

    Keywords: LEXICOGRAPHY, DICTIONARY, SOFTWARE, DICTIONARY WRITING SYS-TEM (DWS, CORPUS QUERY PACKAGE (CQP, TSHWANELEX, CORPUS, CORPUS ANNO-TATION, PART-OF-SPEECH TAGGER (POS-TAGGER, MACHINE LEARNING, NORTHERN SOTHO (SESOTHO SA LEBOA

    Samenvatting: Woordenboekaanmaaksysteem + corpusanalysepakket: een studie van TshwaneLex. In dit artikel wordt het geïntegreerde corpusanalysepakket van het woordenboekaanmaaksysteem TshwaneLex geanalyseerd. Aandacht gaat zowel naar het verwer-ken van onbewerkte corpusdata als naar geannoteerde corpusdata. Wat het laatste betreft wordt aangetoond hoe, met een minimum aan intellectuele arbeid, automatische leertechnieken met suc-ces kunnen worden ingezet om corpora voor lexicografische doeleinden aan te maken waarin de woordklassen expliciet worden vermeld. Alle stappen van de redenering worden geïllustreerd met gegevens uit het Engels en Noord-Sotho. De instrumenten en technieken zelf zijn echter allemaal taalonafhankelijk, waardoor de veelbelovende resultaten van deze studie verreikend zijn.

    Sleutelwoorden: LEXICOGRAFIE, WOORDENBOEK, SOFTWARE, WOORDENBOEK-AANMAAKSYSTEEM, CORPUSANALYSEPAKKET, TSHWANELEX, CORPUS, CORPUSANNO-TATIE, WOORDKLASSETAGGER, AUTOMATISCHE LEERTECHNIEKEN, NOORD-SOTHO

  14. The Crucifix Chapel of Aci Sant’Antonio: Newly discovered frescoes

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonino Cosentino

    2014-04-01

    Full Text Available Abstract In this paper we present the discovery of a series of frescoes for the first time, revealed in 2012 during a restoration carried out in the Crucifix chapel in the Mother Church of Sant’Antonio in the town Aci Sant’Antonio (Catania, Sicily. The murals were preserved in each of the corners of the square chapel behind the XIX° century counter wall.  In this paper we also show the application of multispectral imaging (MSI and portable XRF spectroscopy (pXRF for the identification of pigments on this interesting case of painted murals.  Documentation from the 19th century remodeling is available, and when taken into account along with this case study, represents an interesting case of “terminus ante quem” (TAQ chronology since we are aware of the date when the last retouching to the square chapel walls could have been applied.  AbstractQuesto lavoro presenta per la prima volta la scoperta di una serie di affreschi effettuata nel 2012 durante il restauro della cappella del crocifisso nella chiesa madre di Aci Sant’Antonio, Sicilia. Le pitture murali si sono conservate in ognuno degli angoli della cappella quadrata dietro le contropareti aggiunte nel XIX secolo. In questo articolo si mostra anche l’applicazione combinata dell’imaging multispettrale (MSI e della spettroscopia di fluorescenza X portatile (pXRF per l’identificazione dei pigmenti su queste pitture murali da poco scoperte. Dopo una ricerca d’archivio, e’ stata ritrovata la documentazione degli interventi che hanno portato alla copertura degli affreschi nel XIX secolo. Dal momento che siamo al corrente dell’anno in cui gli ultimi interventi sugli affreschi possono essere stati eseguiti, questi murali rappresentano un interessante caso di  cronologia “terminus ante quem” (TAQ, in particolare per quel che riguarda l’uso dei pigmenti. 

  15. Primary intra-abdominal synovial sarcoma: a case report.

    Science.gov (United States)

    Travaglini, Grazia; Biagetti, Simona; Alfonsi, Simona; Bearzi, Italo; Marmorale, Cristina

    2013-09-03

    Il caso clinico che vi presentiamo riguarda la straordinaria localizzazione intra-addominale di un sinovial-sarcoma. Questo tumore dei tessuti molli generalmente interessa le piccole e grandi articolazioni. Sono state descritte altre localizzazioni a livello intra-addominale e retroperitoneale. La nostra paziente si ricovera per una tumefazione dolente dell’addome, alla TC addome si evidenzia una voluminosa massa intra-addominale che comprime e disloca i parenchimi e visceri circostanti e che affiora ai tessuti più superficiali della parete addominale. La biopsia eco-guidata della lesione, insieme allo studio immunoistochimico, permette di porre la diagnosi di sinovial-sarcoma. La paziente viene candidata ad un trattamento chemioterapico a scopo neoadiuvante. Per il sopraggiungere di anemizzazione da sanguinamento della neoplasia, valutata anche la risposta parziale al trattamento sistemico, si pone indicazione all’intervento chirurgico. La massa con peduncolo vascolare maggiore costituito dai vasi gastroepiploici di destra, viene completamente asportata. L’esame definitivo conferma la diagnosi di Sinovial-Sarcoma bifasico. L’indagine genetica condotta sul campione conservato in formalina non ha permesso, a causa della difficoltà di estrarre ed amplificare un quantitativo adeguato di RNA, di identificare la traslocazione (X; 18) (p 11.2; q 11.2) specifica del Sinovial-Sarcoma. La paziente è stata dimessa dopo un decorso clinico regolare. Il follow-up ad un anno non ha mostrato ripresa di malattia ma dopo 18 mesi alla TC torace-addome di rivalutazione si evidenzia la ripresa di malattia a livello intra-addominale e la presenza di metastasi polmonari bilaterali.

  16. Seasonal egg output of gastro-intestinal parasites in wild ungulates in a mediterranean area (central Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Magi

    2006-03-01

    Full Text Available Abstract Seasonal egg (or oocyst output of gastro-intestinal parasites of wild ungulates was studied in a Mediterranean protected area, the Monti Livornesi Park (Livorno, Tuscany region, Central Italy. Samples of faeces of wild boars (Sus scrofa and mouflons (Ovis ammon were collected monthly for one year. The observed trends of egg output were analysed taking into account seasonal variations of temperature and rainfall, life-cycle and survival strategy of parasites, and health condition of hosts. In our Mediterranean study area, the peaks of egg output appear in different months according to different biology and survival strategies of parasites. Riassunto Emissione stagionale di uova di parassiti gastrointestinali in cinghiali (Sus scrofa e in mufloni (Ovis ammon di un’area mediterranea (Italia centrale. E' stata studiata l'emissione stagionale di uova (o oocisti di parassiti nelle feci di ungulati selvatici in una zona mediterranea protetta, il Parco dei Monti Livornesi (Livorno, Toscana, Italia Centrale. Per un anno sono stati raccolti mensilmente campioni di feci di Cinghiale (Sus scrofa e di Muflone (Ovis ammon. Gli andamenti osservati di emissione di uova sono stati analizzati tenendo conto delle variazioni di temperatura e piovosità stagionali, del ciclo biologico e della strategia di sopravvivenza dei parassiti, e delle condizioni sanitarie dell'ospite. E’ risultato che in una zona mediterranea come quella considerata i picchi di emissione di uova appaiono in mesi differenti in relazione alla biologia e alle strategie di sopravvivenza dei diversi parassiti.

  17. Insegnamento della religione cattolica, attività alternative e credito scolastico: note a margine di lungo contenzioso amministrativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrice Serra

    2012-05-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, rientra nel progetto di ricerca “Scuola pubblica, religione e laicità dello Stato nel contesto di una società multiculturale e multireligiosa”, diretto dall’Autrice e finanziato dall’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nell’anno 2011.SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La normativa legislativa e regolamentare sul credito scolastico e l’ordinanza ministeriale n. 128/1999 - 3. I ricorsi amministrativi e le ragioni poste a fondamento degli stessi. In particolare: la (presunta violazione della clausola di non discriminazione e della libertà di coscienza degli studenti- 4. La sentenza in rito del TAR Lazio n. 7101/2000 e le sue motivazioni - 5. L’ondivaga posizione del Ministero della Pubblica istruzione nelle ordinanze successive al 1999. In particolare: l’ordinanza n. 26/2007 – 6. L’impugnazione delle ordinanze ministeriali n. 26/2007 e n. 20/2008 e la sentenza di accoglimento del TAR Lazio n. 7076/2009 – 7. Analisi critica della sentenza del TAR Lazio n. 7076/2009 – 8. La sentenza del Consiglio di Stato n. 2749/2010. Luci e ombre di tale pronuncia. La natura soggettivamente facoltativa e oggettivamente obbligatoria delle attività alternative all’insegnamento della religione cattolica – 9. Le sentenze del TAR Lazio n. 33433/2010 e n. 00924/2011. La piena equiparazione del docente delle attività alternative al docente di religione nelle valutazioni periodiche e finali degli alunni compiute dal consiglio di classe. Precisazioni sull’incidenza del giudizio degli insegnanti di religione cattolica - 10. Rilievi conclusivi. Il diritto soggettivo alla frequenza di corsi alternativi all’insegnamento cattolico e il significato simbolico del contenzioso sulla formazione del credito scolastico.

  18. L’incontro con la propria voce: sull’apertura di Descripción de la mentira di Antonio Gamoneda

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Nardoni

    2015-11-01

    Full Text Available Premio Cervantes nel 2006 e considerato uno dei più rilevanti poeti europei contemporanei, Antonio Gamoneda ha avuto una vicenda editoriale molto singolare, che l’ha portato, tra il 1960 e il 1977, a non pubblicare nessun libro, per dichiarata opposizione al regime franchista. In quell’anno, con l’uscita di Descripción de la mentira, darà alle stampe un’opera del tutto diversa dalla sua produzione anteriore e che andrà ad occupare una posizione centrale nella poesia spagnola del Secondo Novecento. Le pagine iniziali della raccolta, caratterizzate da una versificazione slegata dalla metrica tradizionale, che si muove per immagini e suggestioni lessicali anche irrazionali, sono incentrate sul ritorno alla scrittura di questo grande poeta: all’analisi di tale apertura è dedicato questo studio.Winner of the Cervantes’ Prize in 2006 and considered one of the most important contemporary European poets, Antonio Gamoneda has undergone a very peculiar publishing history. Between 1960 and 1977, in fact, he didn’t publish any book as a manifest of his opposition to Franco’s dictatorship. In 1977, he published Descripción de la mentira, a collection of poems that is utterly different from his previous production and that is now considered a central masterpiece of the Spanish poetry of the second half of the 20th century. The present essay will analyse the opening lines of the collection, which focus on the poet’s return to writing and feature innovative prosody and evocative vocabulary.

  19. Italy the hydrogeological risk is growing; Belpaese, cresce il rischio idrogeologico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Aligi Pasquare' , F. [ANPA, Dipt. Strategie Integrate, Promozione, Comunicazione, Rome (Italy)

    2000-12-01

    More and more urgent, especially of late, is the need to plan nationwide, integrated strategy to prevent and control hydrogeological crises. And great efforts have been made in this direction by the National Environmental Protection Agency (ANPA) which, starting in 1998 (year of the so-called Sarno law) tasked itself with reducing and preventing the hydrogeological risk by monitoring the structural works defending the soil. However, there are still too many dramatic events in Italy due, indeed, to exceptional rainfalls but at times also to problems in the hydraulic and zoning systems of the afflicted areas, to incorrect occupation of the land or to a lack of protective work. Making fundamental the technical and scientific support that the ANPA-ARPA system offers in this context to national, regional and local authorities. [Italian] Si fa sempre piu' pressante, soprattutto negli ultimi tempi, la necessita' di pianificare strategie integrate di intervento sul territorio per la prevenzione e il controllo delle crisi idrogeologiche. E grande e' l'impegno dimostrato in questo senso dall'Agenzia Nazionale per la Protezione dell'Ambiente che, a partire dal 1998, anno della cosidetta Legge Sarno, si e' assunta il compito di ridurre e prevenire il rischio idrogeologico attraverso il monitoraggio delle opere strutturali di difesa del suolo. Si contano purtroppo pero' ancora troppi eventi drammatici nel nostro Paese, dovuti si' alle eccezionali precipitazioni atmosferiche, ma talvolta anche a problemi di sistemazione idraulico-urbanistica nelle aree colpite, alla scorretta occupazione del territorio o alla mancanza di opere di salvaguardia. Risulta quindi fondamentale il supporto tecnico e scientifico che il sistema ANPA-ARPA offre, in questo contesto, alle Autorita' nazionali, regionali e locali.

  20. 中文文本的地理空间关系标注%Annotation for Geographical Spatial Relations in Chinese Text

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    张雪英.; 张春菊; 朱少楠

    2012-01-01

    为有效地解决当前相关标准和标准数据匮乏的问题,通过分析中文文本中地理空间关系描述的语言特点,提出中文文本的地理空间关系标注体系,并以GATE(General Architecture for Text Engineering)为标注工具,以《中国大百科全书中国地理》为文本数据源,采用交叉校验方式建立了地理空间关系标注语料库。实现了中文文本中地理空间关系描述的结构化表达,提供了地理空间关系信息抽取的标准化测试数据。%Corpus annotation is a task to provide both reference and training material for method development and benchmark data sets annotated witha given annotation scheme. After analysis of the linguistic characteristics, an annotation scheme is proposed for markup linguistic expressions for spatial relations in Chinese text. And then a natural language processing software-GATE(General Architecture for Text Engineering) is introduced as the anno- tation tool. Based on the proposed annotation scheme, a corpus with "Encyclopedia of China Geography" as the source data is annotated by means of cross-validation to so~ve the problem of annotation inconsistency, In order to realize the structurized representation of geographical spatial relations described in natural language, and to provide standard training and test data for their extraction.

  1. Valutazione epidemiologica dello screening mammografico 'Per te donna' nell'ASL della provincia di Varese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Pisani

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nel corso del 2000 è stato avviato, nell’ASL della Provincia di Varese, lo screening mammografico per tutte le donne residenti, di età compresa tra i 50 - 69 anni. In questo lavoro si valuta sinteticamente l’andamento dello screening dal 1° di gennaio 2001 fino al 31 dicembre 2002.
    L’avvio dello screening è stato graduale, iniziando con alcuni comuni della Provincia, fino ad arrivare al coinvolgimento di tutti i 141 comuni.
    La popolazione bersaglio è risultata essere di 109.607 donne. Nel primo anno sono state invitate 35.161 donne, nel secondo 49.709, con un aumento degli inviti pari al 41,4%.

    La popolazione rispondente, nel corso del 2001, è stata di 12.992 donne, nel 2002 di 22.590 donne, con un aumento della risposta pari al 73,9 %.
    L’adesione corretta al programma di screening è passata
    dal 41,2 % nel 2001 al 54,7 % nel 2002 e il tasso di identificazione (Detection Rate dal 4,8 ‰ al 5,3 ‰.

    Sta per iniziare il secondo round del programma di screening. In previsione di questa fase, sulla base dell’esperienza maturata nel primo round, dovranno essere aggiornati le linee guida, il piano di fattibilità e implementato il sistema di controllo di qualità di tutte le componenti del programma (ruolo di gestione e di coordinamento dell’ASL, esecuzione delle prestazioni da parte degli enti erogatori, flussi informativi, comunicazione e formazione di tutto il personale dedicato.

  2. [Nursing students' satisfaction and perception of their first clinical placement: observational study].

    Science.gov (United States)

    Comparcini, Dania; Simonetti, Valentina; Tomietto, Marco; Galli, Francesco; Fiorani, Catia; Di Labio, Luisa; Cicolini, Giancarlo

    2014-01-01

    Background. Gli ambienti di apprendimento clinico sono definiti come una rete di fattori interagenti nel contesto, in grado di influenzare gli esiti dell’apprendimento degli studenti. La soddisfazione degli studenti è considerata un indicatore del raggiungimento degli esiti dell’apprendimento ed è determinante a partire dalla prima esperienza di tirocinio. Scopo. Analizzare l’esperienza di apprendimento clinico degli studenti infermieri del primo anno di corso dopo il primo tirocinio clinico ed identificare i principali determinanti della soddisfazione degli studenti. Metodo. Lo studio osservazionale è stato realizzato in cinque sedi universitarie italiane del Corso di Laurea in Infermieristica. 420 studenti hanno compilato la versione italiana della “Clinical Learning Environment, Supervision and plus Nurse Teacher (CLES+T) scale” al termine del primo tirocinio clinico. Risultati. I punteggi medi assegnati alle dimensioni della scala variano da 4.02 (clima di apprendimento) a 3.30 (relazione di tutorato). La maggior parte degli studenti è soddisfatto della propria esperienza di tirocinio (75.6%), ma sono emerse differenze in relazione alle diverse sedi di tirocinio clinico. Discussione. I principali determinanti della soddisfazione sono lo stile di leadership del coordinatore infermieristico e l’integrazione teoria-pratica nella relazione fra tutor clinico, universitario e studente. Conclusioni. I risultati dello studio contribuiscono alla comprensione della prima esperienza di tirocinio degli studenti. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le variabili organizzative specifiche e i modelli tutoriali in grado di aumentare la soddisfazione degli studenti, per sviluppare strategie formative basate sull’integrazione tra tutor universitari e guide di tirocinio.

  3. Low frequency variants, collapsed based on biological knowledge, uncover complexity of population stratification in 1000 genomes project data.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carrie B Moore

    Full Text Available Analyses investigating low frequency variants have the potential for explaining additional genetic heritability of many complex human traits. However, the natural frequencies of rare variation between human populations strongly confound genetic analyses. We have applied a novel collapsing method to identify biological features with low frequency variant burden differences in thirteen populations sequenced by the 1000 Genomes Project. Our flexible collapsing tool utilizes expert biological knowledge from multiple publicly available database sources to direct feature selection. Variants were collapsed according to genetically driven features, such as evolutionary conserved regions, regulatory regions genes, and pathways. We have conducted an extensive comparison of low frequency variant burden differences (MAF<0.03 between populations from 1000 Genomes Project Phase I data. We found that on average 26.87% of gene bins, 35.47% of intergenic bins, 42.85% of pathway bins, 14.86% of ORegAnno regulatory bins, and 5.97% of evolutionary conserved regions show statistically significant differences in low frequency variant burden across populations from the 1000 Genomes Project. The proportion of bins with significant differences in low frequency burden depends on the ancestral similarity of the two populations compared and types of features tested. Even closely related populations had notable differences in low frequency burden, but fewer differences than populations from different continents. Furthermore, conserved or functionally relevant regions had fewer significant differences in low frequency burden than regions under less evolutionary constraint. This degree of low frequency variant differentiation across diverse populations and feature elements highlights the critical importance of considering population stratification in the new era of DNA sequencing and low frequency variant genomic analyses.

  4. IL PROCESSO DI PRODUZIONE SCRITTA: LA COESIONE VERBALE IN TESTI DI SCUOLA PRIMARIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiana Rosi

    2015-02-01

    Full Text Available Una delle principali difficoltà che incontrano i bambini della scuola primaria nella produzione scritta riguarda la coesione verbale, ovvero il mantenimento lungo il testo della dimensione temporale inizialmente selezionata per riportare gli eventi. L’articolo esamina questo specifico tipo di competenza testuale negli alunni di sei classi del secondo ciclo della scuola primaria, tre delle quali hanno partecipato alla sperimentazione educativa sulla produzione di testi scritti “Osservare l’interlingua”. Il confronto fra i dati raccolti all’inizio e alla fine dell’anno scolastico mostra una riduzione dei salti immotivati da un tempo verbale all’altro, definiti shift temporali, nei testi prodotti nelle classi del campione sperimentale in misura maggiore rispetto a quelle di controllo e sottolinea gli effetti positivi, a breve e lungo termine, di una didattica task-based condotta con approccio inclusivo, cooperativo ed attivo.  The process of writing: verb cohesion in primary school textsOne of principal difficulties in producing written texts for primary school pupils concerns verb cohesion, i.e. maintaining the temporal dimension initially chosen for expressing events throughout the text. The paper examines this specific textual competence in pupils from six classes within second cycle of primary school. Three of these classes were involved in the “Observing interlanguage” project focused on written production. The comparison of data collected at the beginning and the end of school year shows a decrease in temporal shifts (transitions from one verb tense to another in the texts produced by the students involved in the project with regard to the control group. These findings highlight the positive effects, both short-term and long-term, of task-based teaching through an inclusive, cooperative and active approach. 

  5. A “linguagem do futebol” segundo Pasolini: “futebol de prosa” e “futebol de poesia”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Élcio Loureiro Cornelsen

    2011-10-01

    Full Text Available Resumo: Nosso artigo apresenta uma reflexão sobre a tentativa do cineasta e escritor italiano Pier Paolo Pasolini (1922-1975 em elaborar uma “semiologia do futebol”. No ensaio “Il calcio ‘è’ un linguaggio con i suoi poeti e prosatori” (1971, Pasolini estabelece, em tom de “diversão”, as categorias  “futebol de prosa” e “futebol de poesia” para diferenciar esteticamente o futebol europeu do latin-americano. Nesse sentido, nos valeremos de tais categorias para avaliar “semiologicamente” – no sentido pasoliniano – o estado atual do futebol em relação àquele de 1970, quando a Seleção Canarinho se sagrou tricampeã mundial diante da Squadra Azzurra.Palavras-chave: Pier Paolo Pasolini; semiologia; futebol; prosa; poesia.Abstract: Questo articolo riflette sull’esperimento dell’elaborazione di una “semiologia del calcio” proposta dal cineasta e scrittore Pier Paolo Pasolini (1922-1975. Nel saggio del 1971, intitolato “Il calcio ‘è’ un linguaggio con i suoi poeti e prosatori”, Pasolini crea per svago le categorie “calcio di prosa” e “calcio di poesia”, vuole distinguere esteticamente il calcio europeo da quello latino americano. Ci si avvale di predette categorie per valorare “semiologicamente” – in senso pasoliniano – lo stato attuale in rapporto a quello del 1970, anno in cui la Selezione Brasiliana ha ottenuto il titolo di tricampione mondiale vicendo la Squadra Azzurra.Parole chiave: Pier Paolo Pasolini; semiologia; calcio; prosa; poesia.Keywords: Pier Paolo Pasolini; semiology; soccer; prose; poetry.

  6. Seven-year survival after pancreaticoduodenectomy for early recurrent renal cell carcinoma involving the duodenum A case report.

    Science.gov (United States)

    Cannistra', Marco; Ruggiero, Michele; Bonaiuto, Elisabetta; Vaccarisi, Sebastiano; Naso, Agostino; Grande, Raffaele; Nardo, Bruno

    2015-12-29

    Il cancro del rene rappresenta la 13a forma di tumore a livello mondiale e risulta incrementata, dal punto di vista epidemiologico, di circa il 2% annuo nelle ultime due decadi. Studi recenti hanno mostrato un numero complessivo di 65,150 nuovi casi di cancro renale diagnosticato nei paesi occidentali e circa 13.680 morti. Il carcinoma a cellule renali rappresenta approssimativamente il 90% di tutte le forme di cancro renale e presenta un tasso di mortalità di circa 4 soggetti ogni 100000 abitanti per anno. Il carcinoma a cellule renali ha, spesso, un particolare corteo sintomatologico caratterizzato da dolore addominale, masse addominali ed ematuria. Caratteristico è il fatto che circa il 25-30% dei pazienti, all’atto della diagnosi, presentano già metastasti a distanza; un ulteriore 30-50%, inoltre, svilupperanno metastasi nel corso della malattia, anche dopo molti anni dall’operazione chirurgica di nefrectomia radicale. Il Cancro del Rene a Cellule Chiare metastatizza in genere per via linfatica, ematogena, transperitoneale o per invasione diretta, ed i siti di metastasi più comuni sono il polmone ed i linfonodi, seguiti dalle ossa e dal fegato. Tra tutte le possibili localizzazioni ai segmenti addominali, il duodeno rappresenta la sede meno colpita: quando coinvolta, viene, in genere, invasa la regione periampollare ed il bulbo del duodeno. Tali localizzazioni danno segno di sè, spesso tardivamente, con sanguinamenti (ematemesi) o ostruzioni del tratto gastrointestinale superiore (vomito). Il nostro caso clinico descrive un carcinoma a cellule renali che si presentava, dopo soli 5 mesi dalla nefrectomia radicale destra, con sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore e metastasi a carico del duodeno, e che è stato trattato chirurgicamente con duodenocefalopancreasectomia. L’intervento chirurgico, noto per essere altamente demolitivo ed associato ad elevata morbilità, applicato a recidiva precoce di cancro, ha garantito un ottimo risultato

  7. [Pain management in patients of a Swiss Institute of Oncology and the role of nurses: from programs to reality].

    Science.gov (United States)

    Valcarengi, Dario; Pedrazzani, Carla; Di Giulio, Paola; Moser, Laura; Bianchi, Monica

    2016-01-01

    Introduzione. Nel 2004, l’Istituto Oncologico della Svizzera Italiana (IOSI), ha avviato un programma per migliorare il trattamento del dolore cronico oncologico, attraverso la formazione degli operatori e l’introduzione di strumenti di monitoraggio. Scopo. Fare un valutazione dei risultati ottenuti per i pazienti (efficace controllo del loro dolore), con attenzione al ruolo richiesto agli infermieri (accertamento, monitoraggio e documentazione del dolore). Metodo. Studio retrospettivo, sulla documentazione sanitaria dei pazienti ricoverati negli ultimi tre mesi dell’anno 2010, per verificare come sia stato rilevato e gestito il dolore da loro provato. Risultati. Su 177 ricoveri considerati, 93 (52.6%) hanno provato dolore durante il ricovero e 85 sono stati inclusi nell’analisi. A 62/85 (72.9%) sono stati somministrati farmaci in riserva >= 2 giorni. Hanno trascorso da 2 a 28 giorni con dolore (mediana 4). Per 56/62 (90.3%) la terapia antalgica è stata modificata una o più volte e a 40 (63.4%) sono stati somministrati oppioidi forti durante il ricovero. In 8/62 casi il dolore non è stato documentato e complessivamente, sugli 85 pazienti con dolore, per 25 (29.4 %) non ne viene segnalata l’intensità o eventuali altre caratteristiche. Conclusioni. Allo IOSI vi è un buon controllo farmacologico del dolore. I farmaci analgesici sono prescritti già all’ingresso e vengono modulati in funzione delle necessità dei pazienti, con anche ampia somministrazione di oppioidi. Da migliorare il monitoraggio e la misurazione del dolore da parte degli infermieri, il cui ruolo appare soprattutto orientato a contribuire alla gestione farmacologica di questo sintomo.

  8. An evaluation method about representative of the air quality data measured by an industrial network; Un metodo di valutazione della rappresentativita` dei dati di qualita` dell`aria rilevati da una rete di monitoraggio industriale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bassanino, M. [Unita` Operativa Fisica e Tutela dell`Ambiente-Presidio Multizonale di Igiene e Prevenzione-Azienda USSL, Lodi, Milan (Italy). Sez. Fisica Ambientale; Cazzuli, O. [Pavia, Univ. degli Studi (Italy). Div. Igiene e Sicurezza

    1998-01-01

    A methodological approach to make a following evaluation about the goodness of environmental network location around industrial plant is presented in this paper. This procedure is available to primary gas pollutants originating from industrial stack if the source is put in flat land where anemological conditions are fairly uniform. The methodology has been applied to SO{sub 2} and NO{sub x} hourly data measured at the ground by ENEL Tavazzano-Montanaso (Italy) power plant`s network during one year. Application results are sodisfactory both SO{sub 2} and NO{sub x} concentration data because it has been possible to separate from the concentration data measured at the ground the only share of the industrial plant and to detect the measurement post that can be considered, for their location, really susceptible of the stack presence. [Italiano] Nel presente lavoro viene descritto un approccio metodologico per la valutazione a posteriori dell`adeguatezza della dislocazione dei siti di misura della rete di rilevamento di un impianto industriale di grande rilevanza con emissioni convogliate a camino, che si possa considerare puntiforme relativamente al contesto nel quale e` inserito. Il procedimento e` applicabile agli inquinanti primari nel caso in cui la sorgente sia collocata in un`area ad orografia non complessa e interessata da condizioni anemologiche sufficientemente uniformi. La metodologia e` applicata ai dati orari rilevati in continuo nell`arco di un anno dalla rete di rilevamento della Centrale Termoelettrica ENEL di Tavazzano-Montanaso (LO) per quanto concerne le ricadute al suolo di biossido di zolfo e ossidi di azoto. Per entrambi i polluenti la procedura implementata ha dato risultati soddisfacenti, consentendo la discriminazione del contributo della sorgente industriale dal termine di concentrazione rilevato al suolo, ossia l`individuazione delle postazioni di misura che, per la loro ubicazione, risultano essere effettivamente sensibili alla presenza dell`impianto.

  9. Riduzione del tabagismo nei futuri operatori sanitari: alcune proposte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Aporti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione della prevalenza di fumatori negli studenti di medicina e di infermieristica al fine di migliorarne le competenze e i comportamenti in tema di tabagismo, in vista anche del loro futuro ruolo nelle Aziende Sanitarie1.

    Materiali e metodi: nell’ambito della Facoltà di Medicina dell’Università di Bologna è stato condotto uno studio sugli aspetti motivazionali e comportamentali delle abitudini al fumo nei giovani iscritti al primo anno di Medicina e di Infermieristica negli AA 1999-2000 e 2002-2003. L’indagine è stata svolta somministrando questionari anonimi agli studenti in aula. Si è ottenuta così una percentuale di rispondenti pari all’ 87 e al 90% della popolazione studentesca iscritta. Risultati: la prevalenza di fumatori cronici o occasionali è andata incrementandosi negli ultimi due anni del 7% tra gli studenti di infermieristica e dell’8,8% tra quelli di medicina, sino a raggiungere rispettivamente il 42,4% e il 25,7%. Nel 2002 il 13,5% dei fumatori ha dichiarato di contemplare la possibilità di smettere entro la fine del corso di studi. Nonostante la giovane età, il 10% di loro erano recidivi da tentativi di disassuefazione falliti.

    Conclusioni: evidente il trend di aumento dell’abitudine al fumo nelle categorie considerate e la difficoltà, a volte notevole, di evitare ricadute nel tabagismo in assenza di adeguato sostegno. Da questi dati è emersa la necessità di impegnarsi per garantire agli studenti sia una più specifica preparazione (si è previsto nel curriculum studi un modulo elective sul tabagismo che una possibilità di disassuefazione precoce, grazie a un canale preferenziale presso il centro per la Disassuefazione dal Fumo di Tabacco dell’ Azienda S. Orsola Malpighi (ove operano docenti del modulo.

  10. Final report of a quantitative survey on the public perception of nuclear energy. Study on the social support among citizens; Eindrapportage kwantitatief onderzoek publieksperceptie kernenergie. Onderzoek naar het maatschappelijk draagvlak onder burgers

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Wolters, M.; Haufe, M.; Wendte, R.; De Jonge, J.; Merkx, P. [SmartAgent Company, Amersfoort (Netherlands)

    2009-11-15

    The aim of the title study is to obtain a representative and independent image of the conceptions and opinions among the Dutch population with regard to nuclear energy in 2009 in general and with regard to four nuclear energy scenarios from the Energy report in particular: (1a) No new nuclear power plants; (1b) no new nuclear power plants unless inherently safe; (2) Replace the Borssele plant in 2033; (3) new nuclear power plants after 2020 (in addition to replacing Borssele). The study consisted of a qualitative and a quantitative component. In this report the quantitative study is reported. Moreover, part of the PQR (Partners in Quality Research) study of 2006 was replicated and the desk research with regard to the public perception of nuclear energy in other countries. The results of the qualitative study are included in the Report on Qualitative Research of the Public Perception of Nuclear Energy. [Dutch] Het doel van het titelonderzoek is het verkrijgen van een representatief en onafhankelijk beeld van de opvattingen en meningen bij de Nederlandse bevolking inzake Kernenergie anno 2009 in het algemeen, en de vier kernenergiescenario's uit het Energierapport in het bijzonder: 1a: geen nieuwe kerncentrales; 1b: geen nieuwe kerncentrales, tenzij inherent veilig; 2: Borssele vervangen in 2033; 3: nieuwe kerncentrale na 2020 (naast vervanging Borssele). Het onderzoek bestond uit een kwalitatieve en een kwantitatieve component. In het voorliggende rapport wordt verslag gedaan van het kwantitatieve onderzoek. Het rapport bevat ook de uitkomsten van de replicatie van het PQR (Partners in Quality Research) onderzoek uit 2006 en de uitkomsten van het deskresearch naar de publieksperceptie van kernenergie in andere landen. De resultaten van het kwalitatieve onderzoek zijn te vinden in de Rapportage Kwalitatief Onderzoek Publieksperceptie Kernenergie.

  11. First data on the feeding habits of the Red fox (Vulpes vulpes L. in Sicily / Primi dati sulla posizione trofica della Volpe (Vulpes vulpes L. in Sicilia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Igor Fais

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract From December 1986 to May 1988 the diet of the fox was studied by analysis of 539 droppings of which 349 gathered in a woodland (Province of Palermo throughout a year (1987 and 190 in different localities of the Sicily. Invertebrates (77%, mostly Arthropods, were the staple food, followed by fruits (38%, Mammals (31% and Birds (12%. Mammals were especially represented by small species (21% and occasionally by Lagomorphs (4%; they mainly occurred in winter and spring. Fruits and Invertebrates were eaten in a good number throughout the year with peaks of frequency in autumn and in summer. The feeding habits of the fox in Sicily are typical of a generalist species. Riassunto Da dicembre 1986 a maggio 1988, la dieta della Volpe è stata studiata mediante l'analisi di 539 feci, di cui 349 raccolte nel bosco di Ficuzza (provincia di Palermo, dove sono state evidenziate le variazioni stagionali delle categorie alimentari rilevate, e 190 in diverse località della Sicilia. I dati raccolti sono stati espressi come frequenza percentuale delle presenze. Le principali componenti della dieta sono gli Invertebrati (77% rappresentati soprattutto da Artropodi, i frutti (38%, i Mammiferi (31% e gli Uccelli (12%. I Mammiferi sono costituiti prevalentemente da specie di piccole dimensioni (21% e occasionalmente da Lagomorfi (4%, e sono predati soprattutto in inverno e primavera. I frutti e gli Invertebrati sono abbondantemente consumati per l'intero arco dell'anno e mostrano picchi di presenza in autunno e in estate. In Sicilia, le abitudini alimentari della Volpe sono tipiche di un predatore generalista.

  12. Spotlight census of the red fox (Vulpes vulpes and the domestic cat (Felis catus in three sample areas of the Marches region (Central Italy / Censimento notturno di Volpe (Vulpes vulpes e di Gatto domestico (Felis catus in tre aree campione delle Marche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Pandolfi

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract In order to evaluate the density of the red fox and of the domestic cat, 55 transects were made from 1986 to 1989 using spotlight census method in three sample areas. The mean density of foxes agreed substantially with its biological cycle and the hightes values (2.01 foxes/km² in spring and 4.3 foxes/km² in winter were recorded in the study area with the better natural characteristics. Foxes selected the shrub woodland (macchia all year round, the inhabited area in spring. The domestic cat was widely spread and abundant, and selected especially inhabited areas where the density varied from 4.27 cats/km² (in winter to 12.42 cat/km² (in spring. Riassunto Dal 1986 al 1989, con il metodo dei percorsi notturni con fari, sono stati effettuati complessivamente 55 conteggi in tre aree campione per valutare la densità della Volpe (Vulpes vulpes e del Gatto domestico (Felis catus nonché le loro preferenze ambientali limitatamente ad una zona campione. Per la Volpe le densità medie rilevate sono sostanzialmente in accordo con il ciclo biologico della specie e quelle più elevate (2,O1 volpi/km² in primavera e 4,3 volpi/km² in inverno sono state registrate nella zona campione con maggior presenza di boschi ed aree incolte. La Volpe seleziona le zone con vegetazione "di macchia" in ogni periodo dell'anno, e le aree abitate in primavera. Per il Gatto domestico le densità rilevate evidenziano la presenza di una diffusa ed abbondante popolazione. La specie mostra una spiccata preferenza per le aree abitate dove raggiunge densità di 4,27 individui/km² e 12,42 individui/km² in inverno e primavera rispettivamente.

  13. The museum in the palm of your hand: presenting the Israel Museum through ICT

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Susan Hazan

    2011-12-01

    Full Text Available L'Israel Museum è la più grande istituzione culturale dello Stato di Israele ed è considerato uno dei musei d'arte e archeologici più importanti del mondo. Fondato nel 1965, il Museo ospita quasi 500.000 oggetti, distribuiti tra le sue collezioni enciclopediche, che vanno dalla preistoria all'arte contemporanea e comprendono la più ampia raccolta di archeologia biblica e deella Terra Santa nel mondo. Questo contributo presenta il museo visto attraverso la sua impronta elettronica - ovvero il suo sito web bilingue. La versione elettronica del museo non solo riflette la portata e la qualità delle sue collezioni, che comprendono arti visive, archeologia, arte e vita ebraiche; presenta infatti testimonianze della storia della cultura mondiale, da circa un milione di anni fa ad oggi, ma promuove anche i numerosi eventi e le attività culturali ed educative che si svolgono nel campus del museo durante tutto l'anno. The Israel Museum is the largest cultural institution in the State of Israel and is ranked among the leading art and archaeology museums in the world. Founded in 1965, the Museum houses nearly 500,000 objects across its encyclopedic collections, ranging from prehistory through contemporary art and includes the most extensive holdings of Biblical and Holy Land archaeology in the world. This chapter will present the museum as viewed through its electronic footprint - its bi-lingual website. The electronic delivery of the museum not only reflects the sense of the scope and quality of its collections including: fine art, archaeology, and Jewish art and life; presenting the history of world culture from nearly one million years ago to the present day, but also the many events, and cultural and educational activities that go on in the museum campus throughout the year.

  14. [J.E. GILIBERT'S DIDACTIC VIEWS].

    Science.gov (United States)

    Grębecka, Wanda

    2015-01-01

    When J.E. Gilibert was nominated to head the Chair of Natural History in Vilnius, his task was to introduce education with European standards. He was aware of the potential of his students and the level of their secondary school education. At that time (1781), no textbooks were available in Poland presenting knowledge of botany; the first was written in 1785. Teachers were using assorted, sometimes hardly practical materials, such as excerpts from Roman authors. Gilibert was familiar with this situation from his experience in Grodno, where he had taught for 6 years. At best, learners, i.e. prospective students, were using guidebooks for farmers by Ch. Kluk. This state of affairs was essentially in accordance with original plans of the National Educational Committee, which intended a very practical course of Natural History. The Chair in Vilnius was founded to implement university level education; and Gilibert dedicated a lot of time to didactic recommendations which would help students to develop the competence of botanists capable of studying European literature and communicating with international scientists. This presentation focuses on two important documents. The first one, Prospectus praelectionum cursus Historiae Naturalis. Ad usum Alumnorum Alma uniwersitatis Vilnensis, containing the curriculum of Natural History in Vilnius, will be analyzed from the point of view of its philosophical, epistemic and practical significance. The other one, Exercitium botanicum in schola principe universitatis Vilnensis habendum die mensie Julii anno 1782 seu enumaratio metodica plantarum, will be of interest from the point of view of various methodical comments regarding other works by Gilibert.

  15. Sulphide catalyst oxidation in centralized plants treating mainly effluents from tanneries; L`ossidazione catalitica dei solfuri negli impianti di depurazione centralizzati che trattano prevalentemente scarichi di aziende conciarie

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Botrini, C. [Consorzio Conciatori di Fucecchio, S. Croce sull`Arno (Pisa) (Italy); Taponeco, G. [Pisa Univ. (Italy)

    1998-07-01

    Centralized plant of `Ponte a Cappiano` (Florence. Italy), managed by `Consorzio Conciatori` of Fucecchio, treat effluent of 45 tanneries and little rate of municipal wastes. Particular attention must be lay to reduction of the sulphide that daily come to the plant in addition to complexity and load amount especially in terms of COD, suspended solid, ammonia and other compounds. The critical point of wastewater treatment plants is the transformation of sulphide to inert compound both chemical and odourless. More of a year of working experience, through management modification, allowed to solve this problem by conversion on sulphide or sulphur. In a batch running compartment working like a chemical reactor, this is possible, through the treatment of wastewater rate having high ph values and containing the largest sulphide amount with liquid oxygen, manganese catalyst and checking ph. [Italiano] L`impianto di depurazione centralizzato di Ponte a Cappiano gestito dal Consorzio Conciatori di Fucecchio, tratta gli scarichi liquidi di 45 aziende conciarie ed un`aliquota modesta di liquami civili di parte del territorio comunale. Oltre alla complessita` ed alla quantita` del carico inquinante in ingresso relativamente alla COD, ai solidi sospesi, all`ammoniaca ed ad altri composti, particolare attenzione deve essere posta per l`abbattimento dei solfuri che giornalmente arrivano all`impianto in quantita` variabili da 600 a 1.000 kg circa. La trasformazione di questo inquinante in composti inerti, sia sotto il profilo chimico che sotto il profilo delle maleodoranze, ha da sempre rappresentato il nodo critico del processo di depurazione di questo tipo di liquame. L`esperienza di oltre un anno effettuata sull`impianto, attraverso modificazioni gestionali, ha consentito di risolvere il problema dell`abbattimento dei solfuri, con l`impiego dell`ossigeno liquido, catalizzatore a base di manganese e controllo del pH in un comparto funzionante in discontinuo come un vero e proprio

  16. Valutazione dell'appropriatezza dei ricoveri in un Policlinico Universitario: analisi mediante l'uso comparativo dei sistemi di classificazione isogravitá APR-DRG e Disease Staging e del PRUO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Volpe

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri effettuati in un Policlinico Universitario attraverso la comparazione di due metodi, dei quali uno basato sui dati della scheda di dimissione ospedaliera ed utilizza, rispettivamente, i sistemi di classificazione iso-gravità APR-DRG e Disease Staging e l’altro sulla revisione delle cartelle cliniche mediante il PRUO.

    Metodi: oggetto di analisi sono i ricoveri ordinari effettuati nell’anno 2001 ed afferenti ai DRG inclusi nella delibera della Giunta Regionale del Lazio 864/2002 che recepisce il D.P.C.M. 29/11/2001 sui livelli essenziali di assistenza.

    Risultati: i risultati evidenziano che le due varianti del
    metodo basato sulla SDO (metodo APPRO mostrano quote di ricoveri inappropriati sovrapponibili rispetto al complesso dei ricoveri oggetto di analisi, ma con differenze anche rilevanti tra APR-DRG e Disease Staging in relazione ai singoli DRG considerati, riconducibili ai diversi algoritmi di attribuzione del livello di severità utilizzati dai due sistemi. L’analisi campionaria effettuata con il metodo PRUO su casi afferenti ai DRG della DGR 864/2002 caratterizzati da livelli di severità minimi evidenzia una proporzione di ricoveri inappropriati superiore a quella determinata tramite i metodi basati sulla SDO. Tale differenza è verosimilmente dovuta al ruolo del valore delle soglie percentuali di accettabilità individuate dalla Regione Lazio per ciascun DRG: le quote di ricoveri che eccedono tali soglie sono considerate inappropriate.

    Conclusioni: sulla base dei risultati ottenuti gli autori
    descrivono gli interventi organizzativi adottati per ottimizzare il contesto di erogazione delle prestazioni
    oggetto di analisi, discutono vantaggi e limiti dei metodi SDO-based e del metodo analitico PRUObased e ne propongono l

  17. Kaks grenaderi : [luuletused] / Heinrich Heine ; tlk. August Sang, Ellen Niit, Karl Eduard Sööt, Gustav Wulff-Õis, Minni Nurme, Märt Pukits, Anna Haava, Debora Vaarandi, Jaan Kross, August Annist, Jaan Kärner, Martin Lipp, Jakob Tamm, Eduard Lud

    Index Scriptorium Estoniae

    Heine, Heinrich, 1797-1856

    2006-01-01

    Sisu: Kaks grenaderi ; Ärasõit ; Emale ; "See oli lahkel lehekuul..." ; "Mu silmaveest sigivad lilled..." ; "Su nägu armast, ilusat..." ; "Sääl kõrgel liikumata..." ; "Sind kannan laulu tiivul..." ; "Õrn lootoslill end varjab..." ; "Maailm on juhm, ja juhmimaks..." ; "Kui teaksid lilled aasal..." ; Lüüriline intermetso ; "Maast särava päikese poole..." ; "On suvi nüüd, õhetav suvi..." ; "Näen unes sind ma öösiti..." ; "Puil sügistuul raputab oksi..." ; "Kord mu hämarasse ellu..." ; "Mis peaks küll tähendama..." ; "Sa, kaunis kaluritütar..." ; "Kuu tõusnud kulla karva..." ; "Kuu kui hiiglapomerants..." ; "Öö ligines... Õhtu eha sees..." ; "Ma kaugel horisondil..." ; "Öö vaikuses on linn kõik vaga..." ; "Küll aastad tulevad, kaovad..." ; "Kuu paistis kurvalt - nii nägin und..." ; "Ilm arvab armuvalus..." ; "See, kes esmakordselt armub..." ; "Suveõhtu hämardumas..." ; "Öö on teel... Silm ette vaatab..." ; "Kus on nüüd see kullakene..." ; Mäeidüll ; "Kui sa valge puu all istud..." ; "Jälle süda unest ärkab..." ; "Nägin haldjaid kihutamas..." ; "Ülal tähed kuldseil jalgel..." ; Seraphine : "Öö on mustad tiivad laotand..." ; "Nii vaikselt viirab merepind..." ; "Hämar öö on üle mere..." ; "Kui oleks ta kullast, nii sädeleb..." ; Hortense : "Me tänavanurgal seisime ; "Ei kaua petnud mind see õnn..." ; Klarisse : "On hilja, mis sa naerad mulle..." ; Anno 1839 ; Kus? ; Saladus ; Laatsarus : Surija ; Targad tähed ; Saksamaa ; Elusõit. Eluloolisi andmeid autori kohta lk. 459

  18. Attivitá fisica extra-scolastica negli adolescenti: il ruolo dello stato socio-economico delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Capelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’associazione fra stato socio-economico (SES ed attività fisica è poco indagata. Obiettivo del presente studio è quello di valutare la relazione tra attività fisica extra-scolastica di adolescenti scolarizzati e lo SES della famiglia di provenienza.

    Metodi: l’indagine ha previsto la somministrazione nel corso dell’anno scolastico 2002-2003 di un apposito questionario anonimo autocompilato, già validato in uno studio pilota, ad un campione di studenti delle scuole medie inferiori del Lazio (province di Roma, Frosinone e Latina.

    Risultati: hanno partecipato allo studio 1486 studenti di cui 756 maschi (50.9% e 730 femmine (49.1%. L’età dei partecipanti varia fra gli 11 ed i 15 anni (età mediana 12 anni. Il 72.7% degli studenti dichiara di svolgere attività fisica al di fuori della scuola. Il livello di istruzione dei genitori e la loro attività lavorativa sembrano avere un peso notevole sui determinanti dell’attività fisica negli studenti. Infatti, svolgono prevalentemente attività fisica extra-scolastica i figli di genitori manager/libero professionisti (OR = 3.29 e con un elevato livello educativo (OR = 10.38 per i figli di genitori laureati.

    Conclusioni: i risultati confermano quanto la situazione socio-economica delle famiglie sia in netta relazione con l’attività fisico-sportiva dei giovani. Tali risultati potranno essere utili per gli operatori scolastici e gli amministratori nell’ispirare e realizzare azioni volte a diminuire il divario esistente fra i giovani che hanno le possibilità economiche e svolgono attività sportiva extra-scolastica e quelli che, invece, appartenendo a famiglie svantaggiate, hanno minore accesso a tali attività.

  19. Seasonal effects on the hematology and blood plasma proteins of two species of mice Mus musculus domesticus and M. spretus (Rodentia: Muridae from Portugal

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    António Mira

    1994-05-01

    Full Text Available Abstract Blood samples were taken from Mus musculus domesticus (Rutty, 1772 and M. spretus (Lataste, 1883, live-trapped at one month intervals, from September 88 to July 89, in the district of Lisbon, Portugal. The seasonal hematological variations in the commensal species, M. musculus domesticus, were characterized by an increase in red blood cells, hemoglobin and hematocrit values in winter which reverse during summer. On the contrary, in M. spretus hematocrit values slightly change throughout the year. In both species the albumin/globulin ratio was low in spring and high in autumn. These results were analysed and discussed taking into account environmental factors and physiological conditions of mice. Riassunto Effetti stagionali sull'ematologia e le proteine del plasma di Mus musculus domesticus e M. spretus (Rodentia: Muridae in Portogallo - I campioni di sangue provengono da individui di Mus musculus domesticus (Rutty, 1772 e M. spretus (Lataste, 1883. Gli animali sono stati catturati vivi ogni mese, da settembre 88 a luglio 89, nel distretto di Lisbona, in Portogallo. Le variazioni stagionali ematologiche nella specie commensale, M. m. domesticus, sono caratterizzate da un incremento di cellule rosse del sangue, di emoglobina e dei valori di ematocrito in inverno che assumono un andamento opposto in estate. Al contrario, in M. spretus i valori di ematocrito non cambiano sensibilmente durante tutto l'anno. In entrambe le specie il rapporto albumina/globulina risulta basso in primavera e alto in autunno. Questi risultati sono stati analizzati e discussi tenendo conto dei fattori ambientali e le condizioni fisiologiche dei topi.

  20. Science Fiction In Naples In The Middle Of The 19th Century

    Science.gov (United States)

    Capaccioli, Massimo; Cirella, Emilia Olostro; Stendardo, Enrica; Virgilio, Nicla

    Astronomer, intellectual, passionate patriot, and refined humanist, Ernesto Capocci Belmonte (Picinisco, May 31, 1798 - Naples, January 6, 1864) was a prominent figure of the scientific, cultural, and political life in Naples around the middle of the 19th century. He acquired international recognition for his studies on the orbits of comets and, since 1833, he was named director of the newly built Osservatorio Astronomico in Capodimonte: A prestigious position that he lost for political retaliation as a result of his participation in the movement against the Bourbon rulers in 1848, but which he regained in 1860 upon the arrival in Naples of Giuseppe Garibaldi. An intuitive and open-minded scholar, he looked always at the contemporary experiences in Europe and, as a scientist and cultivated human being, he sought to serve the community by enthusiastically devoting himself also to education and public outreach. He developed clear interests in literature and, as a forerunner, he dared to tackle the genre of science fiction. His short novel Relazione del viaggio alla Luna fatto da una donna nell'anno di grazia 2057 (Report of the Trip to the Moon done by a Woman in the Year of our Lord 2057), written in the period of his exile from the Observatory and practically given up as lost until a private copy was found in the library of one of Capocci's descendants, offers an interesting overview of astronomical knowledge and taste for the elegance in writing, and gives an unusual, and often ironic, viewpoint on the situation of sciences in Naples in the middle of the 19th century.

  1. INHERITANCE OF QUANTITATIVE TRAITS IN DRY PEA (Pisum sativum L.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ranko Gantner

    2012-12-01

    Full Text Available The research was conducted with six parental genotypes: varieties Anno, Gold, Joel, Junior, PF-G1 and Shawnee with aim to improve the dry pea breeding for higher grain yield. Objectives of the research were to investigate: a the inheritance of grain yield per plant and its components; b to determination of the combining ability of parents and their cross-combinations; c the interrelationships among grain yield, its components and morphological traits; d choosing the primary selection criteria; e choosing the best cross-combinations in order to achieve the highest selection response of grain yield; f simple and digenic epistatic gene-effects in the chosen cross-combinations which determ the trait chosen as a primary selection criterion; g the genetic components of variation in the chosen cross-combinations of the trait chosen as a primary selection criterion; h the anticipation of genetic gain of grain yield per plant of the chosen cross-combinations. The research was conducted on experimental fields and laboratories of the Agricultural Institute Osijek. Parental lines were chosen in 2006, the first series of crossings in a diallel fashion were performed in 2007, and the second series in 2008, in a diallel fashion plus back-crossing. The obtained generation material (P1, P2, F1, F2, BC1 i BC2 of 15 biparental combinations was seeded in the field trial in 2009. Measurement of the yield, its components and morfological traits was done at the end of vegetation. The inheritance of investigated traits was estimated using Hayman’s approach to diallel analysis, combining abilities were determined using Griffing’s approach to diallel analysis, interrelationships among investigated traits were determined using correlation analysis, the primary selection criterion was chosen according to the inheritance of the investigated traits and their interrelationships, best cross-combinations were chosen upon Griffing’s analysis results and two principles: a

  2. 禅宗在中国兴盛的社会心理探源%Z en in the China Rising Social Psychology

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    刘天杰

    2014-01-01

    禅宗的发展史是一部宗教实践的发展史,更是一部中国人追求信仰的发展史。人不可无信仰,一个民族也是如此。禅宗在中国的兴盛,既有深刻的政治、经济原因;也有历史、文化、社会心理方面的因素。早期佛教在中国的传播得益于中华民族固有的顺其自然的“从众”心理,禅宗的内容诠释过程追求通俗化的理念和中华民族崇尚言简意约的思维心理是一致的,禅宗依托大乘佛教所提出的佛性论,强调人人皆有佛性,并通过简单的修行参悟就可以寻求心灵的寄托与中华民族内心的文化认同心理是一致的。%The development history of Zen is a religious practice in the development of history , is a history of the development of Chinese belief.People can not do without faith , so does a nation.The China prosperity , not only political , economic reasons; there are the factors of history , culture , social psychology.Spread the benefits of early Buddhism in Chinese letting nature take its course in Chinese inherent “herd” psychological , content anno-tation process Zen pursuit the popularization of philosophy and the Chinese nation advocating concise about thinking psychology is consistent , relying on the Buddha Zen Buddhism theory , emphasizes that everyone has the Buddha nature , and through simple spiritual enlightenment can seek spiritual sustenance and the Chinese national culture i -dentity is the same.

  3. External costs of mobility in Italy; I costi esterni della mobilita' in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lombard, P.L.; Molocchi, A. [Amici della Terra (Italy)

    2000-04-01

    Aim of this article is the implementation of a methodology developed for the evaluation of the external costs due to the use of transport vehicles (road, rail, aeroplane) at the national level (Italy) in a certain reference year (1997), coherently with European Commission White Paper (1998). The authors highlight also the possible uses and difficulties of the adoption of external costs evaluations by transport authorities. The proposed methodology consists in a national extrapolation of the case-based community research project results (mainly ExternE), thus taking into account the consensus building process in many way necessary during community research work (community criteria, many institute involved, debate and validation of the results, etc.). The result of this exercise is very high (Italy has the highest per capita vehicle ownership rate in the world): external costs of transport in Italy are estimated more than 10% GDP. The responsibilities of road transport result both in absolute and average terms. Environmental pollution from road transport is particularly damaging: the authors estimate that early deaths from vehicle emissions represent 310000 years of life lost, more than the number of years lost to road accidents. Rail transport offers a better performance for all the externalities considered both for passenger and freight transport. [Italian] Obiettivo di quest'articolo e' di illustrare l'applicazione di una metodologia di valutazione organica e sistematica dei costi esterni della mobilita' (su strada, rotaia e aereo) a livello nazionale in un certo anno di riferimento (1997), anche allo scopo di dimostrare preliminarmente l'utilita' e la fattibilita' istituzionale dello strumento di valutazione dei trasporti basato sui costi esterni. La metodologia di valutazione si basa, ove possibile, sui filoni di studio delle esternalita' sviluppati in ambito comunitario (progetto ExternE), in maniera tale da fare

  4. Comorbiditá nei pazienti con fratture dell'estremo prossimale del femore

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Iolascon

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: negli ultimi anni si è avuto un incremento della popolazione anziana e con essa anche delle patologie correlate all’età come le fratture del collo del femore. La mortalità per questo tipo di fratture è di circa il 20% entro il I anno. Nel 33% dei casi si ha un recupero quasi completo delle attività di vita quotidiana e nel 10% dei casi il paziente rimane totalmente dipendente mentre nel 19% dei casi necessita di un ricovero in lunga degenza. Obiettivi: l’obiettivo di questo studio è stato quello di valutare la correlazione tra le fratture del collo del femore e la comorbidità per altre patologie, inoltre è stata definita l’influenza della durata della degenza in Ospedale ed il tempo di ritorno alla deambulazione con stampelle.

    Materiali e metodi: sono state riesaminate le cartelle cliniche di 281 pazienti con frattura del collo del femore trattate chirurgicamente; 170 femmine e 111 maschi di età compresa tra i 51 ed i 98 anni. Abbiamo diviso i soggetti in due sottogruppi in base all’età: A (range 51-70 anni e B (71-98 anni. Abbiamo utilizzato la Modified Cumulative Illness Rating Scale per definire la comorbidità in questi pazienti. Risultati: i risultati sono stati i seguenti: Età /CIRS: tutti i soggetti (p‹0.05, sottogruppo A (NS, sottogruppo B (p‹0.01. Età /inizio deambulazione assistita: (p‹0.05, sottogruppo A (NS, sottogruppo B (p‹0.01. CIRS/inizio deambulazione assistita: tutti i soggetti (p‹0.05, sottogruppo A (p=0.0013, sottogruppo B (p‹0.01.

    Conclusioni: i nostri risultati comprovano una significativa correlazione tra età, score di comorbidità e recupero di una deambulazione autonoma con un programma appropriato di terapia fisica.I nostri risultati comprovano una significativa correlazione tra età, score di comorbidità e recupero di una deambulazione autonoma con un programma appropriato di terapia fisica.

  5. Il particolare italiano da Guicciardini a Banfield. Tra l’autoriconoscimento e l’etero-riconoscimento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluca Birindelli

    2011-11-01

    Full Text Available Nel 1958 la pubblicazione dell’indagine di Edward Banfield The Moral Basis of a Backward Society, suscitò un fervente dibattito nella comunità dei sociologi italiani e stranieri — la disputa sull’amoral familism, il concetto esplicativo centrale, è ancora aperta. Considerare primigenia l’interpretazione dello studioso statunitense è tuttavia un errore. Ampliando lo sguardo analitico si rintracciano spiegazioni analoghe e di gran lunga antecedenti dell’arretratezza sociale, economica e politica italiana: il “paese del tornaconto personale” di Leon Battista Alberti; il particulare di Guicciardini. L’idea di una mancanza strutturale (culturale? di senso civico da parte degli italiani affonda nei secoli e appartiene innanzitutto al momento dell’auto-riconoscimento identitario. Solo in un secondo tempo, con le note di viaggio del Grand Tour, questa rappresentazione entra a far parte dell’etero-riconoscimento nordeuropeo e molti anni dopo nordamericano. Quando un tratto identitario ottiene un “doppio riconoscimento” di così lunga durata, diviene un tòpos, un punto cardinale delle rappresentazioni individuali e collettive di un popolo. Chi sostiene tesi contrarie a Banfield si deve misurare con un altro ostacolo: la forza retorica dell’espressione “familismo amorale”. Tentare di costruire nuove e altrettanto efficaci locuzioni sintetiche, ovviamente frutto di buone interpretazioni teoriche, pare l’imprescindibile via ermeneutica da imboccare. A tal fine è necessario “dar battaglia” sullo stesso campo di indagine: un questionario difficilmente scalzerà i dispositivi narrativi costruiti attraverso le osservazioni etnografiche di un ricercatore che va sul campo — e che ci rimane per un anno. Se è chiaro che si può far meglio di Banfield, è pure chiaro che bisogna provarci. Esiste un’ulteriore barriera per chi intenda proporre diverse letture del processo di modernizzazione italiana: il peso della realt

  6. Educazione all'igiene orale ed eradicazione della carie dentale nellíinfanzia. Risultati finali di uno studio in un campione di popolazione infantile di Ferrara

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Bergamini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: poichè nel 1985 l’O.M.S. collocò l’eradicazione della carie infantile fra gli obiettivi epidemiologici da raggiungere nella regione europea entro l’anno 2000, è stato effettuato uno screening microbiologico finalizzato all’isolamento di germi cariogeni nel cavo orale dei bambini.

    Materiali e metodi: secondo le procedure correnti, sono stati eseguiti tamponi gengivo-coronali in 476 bambini delle scuole elementari e medie inferiori di Ferrara, cui è stato somministrato anche un questionario, mirato a conoscere il loro grado di informazione sull’igiene orale. Risultati: nel periodo Gennaio-Aprile 2000, sono stati esaminati 476 bambini suddivisi per sesso ed età [6-8 anni: 67 maschi, 98 femmine; 9-11: 53 maschi, 81 femmine; 12-14: 99 maschi, 78 femmine]. Sono stati isolati 119 ceppi di Rothia dentocariosa, con una preponderanza fra i maschi di 12-14 anni (n. 86; 86,8%. Dai questionari (476 consegnati; 399 compilati si evince che l’86,4% ritiene importante l’igiene orale, ma solo il 51,8% si lava i denti dopo ogni pasto ed appena il 22,3% esegue un controllo periodico dal dentista. Rothia dentocariosa è stata isolata nel 56,5% di coloro che si lavano i denti una volta al giorno e nel 75,9% di quelli che non li lavano.

    Conclusioni: considerando che Rothia dentocariosa non risulta essere un normale saprofita del cavo orale ma è probabilmente un germe opportunista in grado di promuovere attivamente le lesioni della carie iniziale, il suo isolamento può essere considerato un indice precoce di lesione cariogena in progressione. Ne deriva che, nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi anni, paragonabili a quelli di nazioni ad alto tenore sociosanitario, l’obiettivo dell’eradicazione totale della carie dalla popolazione infantile ferrarese non è stato ancora raggiunto. Ciò principalmente a causa di un difetto di formazione culturale sia

  7. Reproductive traits in the european Hare (Lepus europaeus Pallas: the typical or Brown and the Mountain haplotypes.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charlotte Ragagli

    2008-07-01

    Full Text Available Abstract Four hundred and two pairs of hares belonging to the mountain and brown haplotypes of the European hare Lepus europaeus Pallas, 1778 were raised in a farm located in central Italy over 4 years (from 2003 to 2006. The birth date, total number of young born, and number of surviving and weaned leverets were recorded for each pair. The start of reproduction, birth-interval, length of the reproductive season, number of birth per pair per year, number of leverets per pair, number of weaned leverets per pair and number of weaned leverets per birth were analysed in relation to the different haplotypes and years; the incidence of superfetation and pseudogestation was also considered. Results showed that the brown hare produced young at the beginning of February, whilst the mountain hare started reproduction significantly later. Brown hares showed a longer reproductive period than mountain hares (192 days vs 156 days and a higher productivity. The most frequent gestation length was 37-41 days. The distribution of delivery intervals did not differ between the two haplotypes. Riassunto Caratteristiche riproduttive di due aplotipi della lepre (Lepus europaeus Pallas 1778. Lepri (Lepus europaeus Pallas 1778 appartenenti all’aplotipo di montagna e a quello bruno sono state monitorate per 4 anni (dal 2003 al 2006 in uno stesso allevamento situato in una zona dell’Italia centrale. Per ciascuna coppia di riproduttori allevata (N = 402 sono stati raccolti i dati relativi a: data del parto, numero totale di nati, numero totale di nati vivi e di leprotti svezzati. L’inizio del periodo riproduttivo, l’intervallo interparto, la durata della gestazione, la durata della stagione riproduttiva, il numero di parti per coppia per anno, il numero di nati per coppia, il numero di svezzati per coppia, il numero di svezzati per parto sono stati analizzati in relazione ai

  8. Attività solare, effetti ionosferici e servizi NRTK: quali connessioni?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Mancini

    2012-06-01

    Full Text Available Come noto anche dalle più recenti cronache dei quotidiani l’attività solare si trova in un periodo di rapida crescita, all’interno di un ciclo periodico della durata di 11 anni. Questo si traduce nella presenza di macchie solari (Sunspot, eruzioni solari ed emissione di massa coronarica che producono campi magnetici che dalla superficie, attraverso il cosiddetto vento solare, arrivano ad alterare l’equilibrio del campo magnetico terrestre. Lo strato più periferico dell’atmosfera terrestre, la ionosfera, è il primo a subire gli effetti prodotti dall’attività solare in quanto gli ioni e le molecole ionizzate che esso continente tendono ad aumentare come numero in seguito all’attività ionizzante prodotta dal “vento solare”. La ionizzazione dello strato ionosferico, a sua volta, incide sulla propagazione dei segnali GNSS, essendo la ionosfera un mezzo dispersivo (che influenza in modo selettivo i segnali in funzione delle loro caratteristiche. Questo studio cerca di verificare quali possono essere gli effetti dell’attività solare sulle prestazioni dei servizi NRTK (Network Real Time Kinematic attraverso l’analisi delle prestazioni raggiunte dagli utenti di un servizio di posizionamento nell’anno 2011, periodo caratterizzato da una rapida ascesa dell’attività solare verso i massimi previsti per il primo semestre del 2013. As recognized by hundreds of years of sun observation by the researcher in eliophysics, the Sun is now entering in a period of increased activity. The producing of sunspots, solar flares and coronal mass ejection from the Sun’s surface is able to create anomalies in the magnetic field that could stream towards the Earth. The terrestrial magnetic field may be influenced by the “solar wind” and the ionized upper layer of the atmosphere, called ionosphere, could be affected by scintillation and induced delays of the travelling signals. Several critical infrastructures would be influenced by such a

  9. CO{sub 2} reduction potential of the use of plastic wastes as feedstock in various energy conversion processes; CO{sub 2}-Reduktionspotential durch den Einsatz von Plastikabfaellen in verschiedenen Energiewandlungsprozessen

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Romey, I.; Obladen, M. [Essen Univ. (Germany)

    2000-07-01

    Plastic wastes are available in large quantities in Germany (almost 800,000 t per year) and their reutilisation is compulsory under the Recycling Economy Law. This may either be done by raw material recycling or by energy conversion processes. The use of plastic wastes characterised by a high calorific value and low specific CO{sub 2} emissions constitutes a high potential for reducing CO{sub 2} emissions. The CO{sub 2} emissions caused by the additional energy input for preparing and pretreating the plastic are in most cases more than compensated for by the favourable H/C ratio. This paper compares altogether six energy conversion processes in terms of their CO{sub 2} balance. Each individual process is compared with and assessed on the basis of a reference scenario, in accordance with the method of Life Cycle Analysis (LCA). It transpires that in general none of the three process variants materials recycling, raw material recycling, and energy recovery is superior to any other in terms of the CO{sub 2} balance. With the more favourable processes the use of plastic wastes results in a reduction of up to 10% in CO{sub 2} emissions. [German] Plastikabfaelle sind in Deutschland in einer grossen Menge (knapp 800.000 t pro anno) verfuegbar und muessen gemaess Kreislaufwirtschaftsgesetz wiederverwertet werden. Dies ist sowohl durch Rohstoffrecycling als auch in Energiewandlungsprozessen moeglich. Durch den Einsatz von Plastikabfall mit einem charakteristisch hohen Brennwert und niedrigen spezifischen CO{sub 2}-Emissionen ergibt sich ein hohes Potential zur Reduzierung der CO{sub 2}-Emissionen. Die CO{sub 2}-Emissionen bedingt durch den Mehraufwand an Energie fuer die Aufbereitung und die Vorbehandlung des Plastik werden in der Regel durch den Einsatz des Brennstoffs mit dem guenstigeren H/C-Verhaeltnis ueberkompensiert. Im einzelnen werden sechs Energiewandlungsprozesse dargestellt und unter dem Aspekt der CO{sub 2}-Bilanz miteinander verglichen. Dabei wird gemaess der

  10. Bambini e bambine narrano le loro relazioni di attaccamento in famiglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Barbara Ongari

    2012-04-01

    Full Text Available La centralità del processo narrativo per la crescita identitaria è stata ribadita da diversi teorici dello sviluppo. Negli anni la ricerca psicologica e clinica hanno dedicato una crescente attenzione all'analisi delle rappresentazioni mentali che gli adulti e i bambini hanno delle loro relazioni interpersonali, attraverso l'applicazione di strumenti standardizzati di tipo narrativo. Un numero considerevole di questi studi sono basati sulla teoria dell'attaccamento. Le narrazioni dei bambini di età prescolare, se analizzate con misure che rilevano le rappresentazioni dell'attaccamento, consentono una migliore comprensione del loro mondo interno, altrimenti difficile da comunicare mediante altri canali espressivi. Così, a partire dal terzo anno di vita, le rappresentazioni infantili rispetto alla qualità delle relazioni interpersonali e rispetto a se stessi come soggetti sociali possono essere esplorate utilizzando l'Attachment Story Completion Task. Si tratta di una procedura composta da un compito di completamento narrativo attraverso il gioco simbolico con i pupazzi, che viene proposta individualmente al/la bambino/a in una situazione strutturata di osservazione videoregistrata. L'esaminatore, attraverso la manipolazione di una famiglia di pupazzi, introduce cinque tematiche attivanti il sistema dell'attaccamento del/la bambino/a (il succo rovesciato, la ferita al ginocchio, il mostro nella stanza, la partenza dei genitori, la riunione e gli/le chiede di concludere la storia attraverso la messa in scena. La codifica di ciascuna storia si basa sulla trascrizione integrale delle verbalizzazioni e dei comportamenti, comprese note relative all'espressione emotiva (posture, tono della voce, espressioni facciali e qualità della manipolazione dei pupazzi e dei materiali e consente di ottenere un'analisi qualitativa della sicurezza di attaccamento e delle performance narrative. Diversi Autori hanno rilevato significative differenze di genere

  11. Conceptual and Practical Concerns for the Effectiveness of the Right to Housing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nico Moons

    2016-09-01

    Full Text Available Anno 2014, it is rather an exception to the rule that a state does not have a set of fundamental social rights incorporated into its constitution. Unfortunately however, this does not mean by far that social rights have consistently been given the same kind of treatment as other constitutional rights. A large discrepancy between the wide recognition of these rights in theory on the one hand and its influence in practice on particularly the more disadvantaged people in society is still very noticeable. The apparent failure to adequately implement fundamental social rights and their limited practical impact raise questions regarding their effectiveness. Evidently, the same applies with specific regard to the right to housing. Here, the question has been raised whether the right to housing ought to be approached as a so called obligation of result. To what extent might such a modification enhance the practical significance of such a right? Año 2014, se puede considerar una excepción a la regla de que un Estado no tiene una serie de derechos sociales fundamentales incorporados en su constitución. Sin embargo, lamentablemente, esto no quiere decir en absoluto que a los derechos sociales se les haya dado de forma consistente el mismo tratamiento que a otros derechos constitucionales. Todavía se aprecia una amplia discrepancia entre el amplio reconocimiento de estos derechos en la teoría, por un lado, y su influencia en la práctica, en particular entre las personas más desfavorecidas de la sociedad. El aparente fracaso para implementar adecuadamente los derechos sociales fundamentales y su impacto limitado en la práctica plantean cuestiones en cuanto a su eficacia. Evidentemente, ocurre lo mismo en lo que respecta concretamente al derecho a la vivienda. Aquí, se plantea la cuestión de si el derecho a la vivienda debe ser abordada como una denominada compromiso de resultado. ¿En qué medida podría esta modificación fomentar la importancia

  12. Teacher learning and student outcomes in the context of classroom discourse. Findings from a video-based teacher professional development programme

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Katharina Kiemer

    2014-06-01

    Full Text Available We present an innovative teacher professional development programme (TPD focusing on the re-definition of teachers’ discourse behaviour. We report findings on teacher learning and student outcomes, and reflect on practical implications and directions for future research on the programme. In the “Dialogic Video Cycle” (DVC six teachers participated in a year-long intervention built on effective components of TPD and using videos of teachers’ own practices as tools for reflection and basis for group discussions. We compared the DVC with a traditional TPD programme (n= 4 teachers. Additionally, students (N= 226 were assessed regarding their motivational orientations and individual beliefs. Results show that effective TPD components could successfully be implemented in the DVC and that this new and innovative programme enhances teachers’ performance in classroom discourse and affects students’ interest in the subject, self-efficacy and domain-specific self-concept of ability positively. Thus, the DVC seems a promising tool to foster teacher learning with an impact on perceived student motivation and learning. Presentiamo un programma innovativo per lo sviluppo professionale degli insegnanti (TPD, centrato sulla ridefinizione della conduzione di interazioni verbali in classe. Sono riportati i risultati dell’apprendimento di insegnanti e studenti, e la riflessione sulle implicazioni pratiche per la ricerca futura sul programma. Nel “Dialogic Video Cycle” (DVC sei insegnanti hanno partecipato per un anno a un intervento di TPD mediante videoregistrazioni usate come strumenti di riflessione sulle proprie pratiche e per le discussioni di gruppo. Abbiamo confrontato il DVC con un programma TPD tradizionale (n= 4 insegnanti. Inoltre sono stati valutati gli orientamenti degli studenti (N= 226 in termini di motivazione e fiducia nelle proprie capacità. I risultati mostrano che le componenti efficaci del TPD potrebbero essere attuate con

  13. Primi dati radiotelemetrici sul comportamento di dispersione della Volpe (Vulpes vulpes in un'area costiera del Friuli-Venezia Giulia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Roppa

    2003-10-01

    Full Text Available Nel 2001 e 2002 in provincia di Gorizia (loc. Isola della Cona, Riserva Naturale Regionale Foce dell?Isonzo due giovani maschi di volpe sono stati marcati con radiocollari, al fine di raccogliere dati sulla loro dispersione. L?area di studio, di circa 20 km², presenta zone boscose, boscaglie golenali, prati umidi, canneti e barene, inserite, comunque, in un territorio soggetto ad agricoltura intensiva. Gli animali sono stati seguiti per 12 ore/notte nella prima fase e successivamente per 12 ore/settimana, suddivise in 3 turni tali da coprire l?intero arco della notte. La posizione è stata rilevata ogni 20 min. Il primo individuo (M1 è stato seguito dal 15.11.01 al 10.12.01 per 140 ore; il secondo (M2 dal 14.06.02 al 22.03.03 per 580 ore; la dispersione è iniziata il 17.11.01 per M1 e il 10.11.02 per M2. Entrambi hanno attraversato il fiume Isonzo, in un tratto ampio 145 m, in direzione Sud/Est, raggiungendo una zona agricola. In seguito non hanno mostrato la tendenza a tornare indietro, probabilmente a causa della presenza di un maschio territoriale. Durante il giorno non si sono verificati spostamenti apprezzabili. La massima area coperta per notte (metodo del Minimo Poligono Convesso è stata di 10,7 km² per M1 (settima notte e di 5,1 km² per M2 (diciassettesima notte. I punti più distanti raggiunti in linea d?aria rispetto a quello di attraversamento del fiume sono stati di 9,2 km per M1 e di 9,9 km per M2. La direzione e alcune delle traiettorie percorse sono risultate sovrapponibili per i due individui. Le convergenze di eventi che emergono dai risultati, raccolti a distanza di un anno, suggeriscono una certa obbligatorietà nei percorsi che potrebbe essere dovuta sia alla struttura territoriale che alla densità della popolazione di volpi (stimata tramite conteggio delle tane attive in 10-12 individui in periodo primaverile e in 27-30 individui in periodo autunnale. Si ipotizza una certa stabilità dei territori degli individui

  14. Sulla presenza di Sorex antinorii, Neomys anomalus (Insectivora, Soricidae e Talpa caeca (Insectivora, Talpidae in Umbria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Paci

    2003-10-01

    Full Text Available Lo scopo del contributo è di fornire un aggiornamento sulla presenza del Toporagno del Vallese Sorex antinorii, del Toporagno acquatico di Miller Neomys anomalus e della Talpa cieca Talpa caeca in Umbria, dove le specie risultano accertate ormai da qualche anno. A tal fine sono stati rivisitati i reperti collezionati e la bibliografia conosciuta. Toporagno del Vallese: elevato di recente a livello di specie da Brünner et al. (2002, altrimenti considerato sottospecie del Toporagno comune (S. araneus antinorii. È conservato uno di tre crani incompleti (mancano mandibole ed incisivi superiori al momento prudenzialmente riferiti a Sorex cfr. antinorii, provenienti dall?Appennino umbro-marchigiano settentrionale (dintorni di Scalocchio - PG, 590 m. s.l.m. e determinati sulla base della pigmentazione rossa degli ipoconi del M1 e M2; Toporagno acquatico di Miller: tre crani (Breda in Paci e Romano op. cit. e un esemplare intero (Paci, ined. sono stati trovati a pochi chilometri di distanza gli uni dall?altro tra i comuni di Assisi e Valfabbrica, in ambienti mediocollinari limitrofi al Parco Regionale del M.te Subasio (Perugia. In provincia di Terni la specie viene segnalata da Isotti (op. cit. per i dintorni di Orvieto. Talpa cieca: sono noti una femmina e un maschio raccolti nel comune di Pietralunga (PG, rispettivamente in una conifereta a Pinus nigra (m. 630 s.l.m. e nelle vicinanze di un bosco misto collinare a prevalenza di Quercus cerris (m. 640 s.l.m.. Recentemente un terzo individuo è stato rinvenuto nel comune di Sigillo (PG, all?interno del Parco Regionale di M.te Cucco, sul margine di una faggeta a 1100 m s.l.m. In entrambi i casi l?areale della specie è risultato parapatrico con quello di Talpa europaea.

  15. Capitale sociale e problemi di salute e di qualitá della vita nella comunitá degli adolescenti di Saluzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Zambon

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questo contributo presenta, all’interno dell’obiettivo di definizione del capitale sociale della popolazione adolescenziale del saluzzese, la lettura del profilo di salute dei residenti del distretto 1 dell’ASL 17 del Piemonte, utile per la progettazione di interventi educativi di prevenzione primaria nella popolazione giovanile.

    Obiettivo: indagare i bisogni di salute e identificare le disuguaglianze sociali di salute degli adolescenti della Comunità del saluzzese.

    Metodi: sono stati estratti i dati demografici (2000, i dati di mortalità (1995-97 e i dati di morbosità (1998 relativi alla popolazione 14-19 anni in 36 Comuni e a quella regionale. Gli indicatori utilizzati nell’indagine sono stati il rapporto standardizzato di mortalità e il tasso standardizzato anni di vita persi a 75 anni, il tasso di ospedalizzazione, la percentuale di ricoveri non programmati, il tasso di primo ricovero e il rischio relativo. Risultati: la popolazione residente è di 74.526 persone (36.825 maschi, 37.701 femmine con 4.072 unità di età tra i 14 e i 19 anni. La mortalità per tutte le cause nei giovani evidenzia un eccesso significativo di due volte e mezzo rispetto ai dati regionali (RR 2,60; IC95% 145,62-416,77. Tale valore è riferibile all’incremento delle morti accidentali, da trasporto e da malattie alcool correlate. La morbosità per tutte le cause risulta essere il 6% superiore (maschi e il 2% inferiore (femmine rispetto al dato regionale; tali valori sono in linea con quelli dei distretti adiacenti. È in corso di analisi l’indagine qualitativa nella Comunità in studio. I risultati dei due rami della ricerca, quantitativo e qualitativo, verranno presentati nel corso dell’anno insieme a ipotesi di ricostruzione dei meccanismi che operano nella generazione delle disuguaglianze sociali di salute negli adolescenti sul territorio interessato.

    Conclusioni: la lettura

  16. DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DI UN CAPOLAVORO DI CARAVAGGIO IMMAGINI OLTRE IL VISIBILE PER IL SEPPELLIMENTO DI SANTA LUCIA PROVENIENTE DALLA CHIESA DI SANTA LUCIA AL SEPOLCRO DI SIRACUSA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernanda Prestileo

    2012-04-01

    Full Text Available

    Il 28 maggio 1606 Michelangelo Merisi fugge da Roma dove non fará mai piú ritorno; l’ultimo duello gli è costato la condanna a morte. Iniziano per lui gli anni della latitanza, anni che trascorrerá tra Napoli, Malta e la Sicilia. Nel suo passaggio in Sicilia, Caravaggio realizza dipinti di eccezionale qualitá, sicuramente tra i piú belli della sua breve e intensa esistenza. Nell’isola l’artista arriva nell’ottobre del 1608, dopo l’ennesima fuga, questa volta da Malta. La sua prima tappa siciliana è Siracusa, dove vive un artista suo amico: Mario Minniti. Da lui trova riparo e lavoro perché dipinge su commissione una grande tela per la chiesa di Santa Lucia al Sepolcro, Il Seppellimento di Santa Lucia, realizzata in un breve lasso di tempo, trasferendosi Caravaggio a Messina nel dicembre dello stesso anno.

     

    Diagnostic campaign on Caravaggio’s painting

    The Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Diparti-mento dei Beni Culturali e  dell'Identitá Siciliana, Regione Siciliana (i nomi italiani tutti in corsivo has carried out a diagnostic cam-paign on the painting Il Seppellimento di Santa Lucia (oil on canvas, 1608 by Michelangelo Merisi da Caravaggio, in order to evaluate the state of conservation of the work of art before its return to Syracu-se, in the Church of S. Lucia al Sepolcro (the original placing from which the painting was removed at the end of the Seventies due to the unsuitable and unstable environment conditions of the exhibi-tion area, which inevitably led to its bad conservation conditions. The diagnostic campaign has been carried out in situ with portable instruments, for a one-month period, during the open exhibition in the Regional Gallery of Sicily of Palazzo Abatellis in Palermo, where the painting has temporarily been displayed in 2006. The investigations were aimed at having a deeper knowledge of the work of art with reference

  17. Viaggiatori per “diporto” nella Napoli di antico regime

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Avallone

    2010-10-01

    Full Text Available Per il periodo preunitario siamo ancora lontani dall’idea di turismo nell’accezione attuale e ancor di più non si può parlare di turismo di massa. Operatori turistici come Thomas Cook arriveranno in Italia solo nella seconda metà dell’800 quando ormai è in declino il Grand Tour. Diffusosi a partire dal XVII, il Grand Tour era inteso come quel lungo viaggio nell'Europa continentale effettuato dai ricchi giovani dell'aristocrazia britannica e destinato a perfezionare la loro educazione con partenza ed arrivo in una medesima città. Questo viaggio poteva durare dai pochi mesi fino a 8 anni. Le destinazioni principali erano la Francia, l'Olanda, la Germania, ma aveva come obiettivo privilegiato l'Italia e Roma, e di norma includeva le tappe di Venezia, Firenze, Bologna, Pisa e Napoli. Durante il Tour, i giovani imparavano a conoscere la politica, la cultura, l'arte e le antichità dei paesi europei. Passavano il loro tempo facendo giri turistici, studiando e facendo acquisti. L'Italia con la sua eredità della Roma antica, con i suoi monumenti, divenne uno dei posti più popolari da visitare. Oltre alla conoscenza del mondo antico gli Inglesi vennero così a contatto con le opere di Palladio e con il Neoclassicismo. Napoli, soprattutto quando divenne Capitale con l’arrivo della dinastia borbonica sul trono, era tra le mete finali dei grandtouristi. Oltre alle bellezze naturali e al tepore del clima mite durante tutto l’anno, l’élite culturale europea era interessata alla storia e all’arte del sud della penisola. L’Italia meridionale raccoglieva l’eredità della Magna Grecia e le suggestioni dell’Impero Romano, che si potevano ammirare sia a est che a ovest della città. Ma c’erano anche il Vesuvio, la Solfatara, i Campi Flegrei, luoghi legati ad eventi impressionanti e scientificamente ancora non provati, e che sollecitavano la curiosità di naturalisti, studiosi di flora e fauna ma anche di pittori e artisti in generale

  18. Evidence-based Medicine e Clinical Governance: una survey tra giovani chirurghi italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele Maritati

    2012-05-01

    Full Text Available Background. La Clinical Governance (CG rappresenta in Italia la strategia di politica sanitaria di riferimento per la promozione di elevati standard qualitativi all’interno del SSN. Al centro della CG si colloca il movimento culturale dell’Evidence-based Medicine (EBM. Obiettivi. Misurare all’interno di un campione di giovani chirurghi: 1 la conoscenza dell’EBM e della CG 2 la rilevanza riconosciuta ai temi dell’EBM e della CG nella propria prospettiva professionale. Metodi. Un questionario anonimo è stato inviato via e-mail ai chirurghi iscritti alla Società Polispecialistica Italiana Giovani Chirurghi (SPIGC e a professionisti segnalati da altri colleghi. I chirurghi eleggibili dovevano essere specializzati da non oltre 4 anni o iscritti all’ultimo anno della Scuola di Specializzazione. Risultati. Sono stati invitati a partecipare 1077 chirurghi (1020 iscritti alla SPIGC e 57 segnalati. Dei 254 rispondenti (24% 137 erano eleggibili. Di questi, il 96% ha riferito di conoscere il termine Evidence-based Medicine e il 54 % quello di Clinical Governance. Il 62% ha dichiarato di conoscere la definizione dell’EBM e solo il 18% quello della CG. Per il 90% di essi, l’EBM condizionerà in maniera significativa la propria attività nei prossimi 15 anni; tale percentuale si riduce al 72% in merito alla CG. Inoltre, il 41% ritiene di non essere in grado di valutare critica mente la letteratura scientifica. Limiti. Il tasso di risposta alla survey potrebbe essere considerevolmente sottostimato poiché la mailing list della SPIGC comprende 1020 indirizzi non aggiornati in funzione dei soci correntemente iscritti che sono attualmente 435. Inoltre, i chirurghi partecipanti alla survey potrebbero non essere rappresentativi della totalità dei giovani chirurghi italiani, in quanto espressione di un sottogruppo particolarmente motivato alle tematiche dell’EBM e della CG. Conclusioni. Nonostante i giovani chirurghi italiani riconoscano la

  19. Un progetto per l'attivazione di Agenda 21 Locale: monitoraggio della mammalofauna nell'area del Parco Regionale del Monte Cucco (Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Mazzei

    2003-10-01

    Full Text Available Nell?ambito del progetto ?Attivazione Agenda 21 Locale? finalizzato alla realizzazione di studi per la certificazione e contabilizzazione ambientale, nel Parco Regionale del Monte Cucco, si è dato il via, a partire dal novembre del 2001, ad un?indagine di tipo qualitativo, mirata alla caratterizzazione dell?area Parco per quel che riguarda la presenza di specie di Mammiferi appenninici di interesse conservazionistico e naturalistico. Nel periodo che va dall?8 febbraio 2002 al 5 ottobre dello stesso anno, sono stati effettuati 16 transetti faunistici, distribuiti nell?arco delle quattro stagioni. Sono stati raccolti indici di presenza di 11 specie di Mammiferi appartenenti agli ordini degli Artiodattili, Carnivori, Lagomorfi, Insettivori e Roditori e i relativi IKA (indici chilometrici di abbondanza. I dati raccolti unitamente ad una ricognizione bibliografica, mirata a reperire informazioni pregresse e aggiornate sulla teriofauna locale, attraverso inoltre, l?effettuazione di interviste e il coinvolgimento della popolazione locale, hanno portato alla definizione di una Check-list della Mammalofauna del Parco, rappresentativa per il 56% di quella della Regione. La ricerca ha permesso di confermare per l?area la presenza del Lupo (Canis lupus e di evidenziare l?espansione a Sud del Capriolo (Capreolus capreolus. Parte integrante del progetto ?Cucco 21? era la definizione di proposte gestionali volte a migliorare il rapporto uomo-ambiente, laddove fossero state individuate situazioni di criticità oggettive o potenziali, in un?ottica di conservazione della risorsa naturale e di sviluppo delle attività antropiche. Significativi a tale proposito sono stati il caso del Cinghiale (Sus scrofa con l?osservazione del danno alle fitocenosi, soprattutto ai prati e pascoli cacuminali e del Capriolo. Per quest?ultima specie in funzione della sua espansione verso la parte meridionale del Parco, sono state avanzate delle

  20. Malignant transformation in non-recurrent peritoneal cystic mesothelioma Our experience and review of the literature.

    Science.gov (United States)

    Santangelo, Giuseppe; Accardo, Marina; De Vita, Ferdinando; Del Giudice, Santolo; Gallucci, Federica; Fabozzi, Alessio; De Falco, Massimo

    2016-01-29

    Il mesotelioma peritoneale cistico è un tumore raro. Si tratta di un tumore benigno, che tuttavia va incontro a recidive locali post-chirurgiche in oltre il 50% dei casi. È proprio a seguito di recidive ricorrenti che si possono determinare trasformazioni maligne di questa neoplasia, come descritto in Letteratura. Nel Giugno del 2004 un paziente di 73 anni è giunto presso la nostra struttura con una tumefazione addominale causa di dolore gravativo: si trattava di una massa di 16 cm, la cui struttura, agli esami strumentali (ecografia, TC con m.d.c. e RMN), appariva pluricistica. Attraverso una laparotomia mediana si è provveduto alla sua rimozione e il paziente è stato dimesso in VIII giornata post-operatoria senza complicanze. L’esame istologico, corredato da studio immunoistochimico e di microscopia elettronica, ha consentito di porre diagnosi di mesotelioma peritoneale pluricistico in trasformazione maligna. D’accordo con gli oncologi, in considerazione della scarsa efficacia dei trattamenti adiuvanti e della scarsità dei dati riportati in Letteratura sull’argomento, si è deciso di sottoporre il paziente unicamente ad uno stretto follow-up, con esecuzione di ecografia addominale ogni sei mesi e TC addominale ogni anno. Ad oggi, dieci anni dopo il trattamento, il paziente, di 83 anni, gode di un discreto stato di salute e non si sono verificate riprese o recidive di malattia, né locali, né a distanza. Oltre al fatto di essere risultato maligno alla sua prima manifestazione e non dopo ripetute recidive, il caso presenta altre particolarità: il mesotelioma peritoneale cistico, infatti, solitamente colpisce soggetti di sesso femminile (con un rapporto F:M di 4,5:1) ad un’età media di 60 anni, mentre il caso descritto riguarda un soggetto di sesso maschile di 73 anni. La nostra osservazione dimostra la possibilità che il mesotelioma peritoneale vada incontro a trasformazioni maligne già alla sua prima manifestazione e non esclusivamente dopo

  1. PhD Dissertations

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available Report of PhD Dissertations. Massimo Della Misericordia Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003   Mariano Dell’Omo Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004   Giulia Lorenzoni Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Federica Monteleone Il viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo   Francesca Pucci Donati Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004 Alberto Ricciardi L’Epistolario di Lupo di Ferrières come fonte per la storia degli intellettuali nell’età di Carlo il Calvo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XV ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Francesco Paolo Terlizzi I trattati dell'Anonimo Normanno: ricerche di ecclesiologia, Tesi

  2. Quality in hospitals environment; La qualita' nell'ambiente ospedaliero. Studio di prevalenza sull'abitudine al fumo di tabacco tra gli operatori di un ospedale cittadino

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Callegaro, G.; Saia, M.; Mariotto, A. [Unita' Sanitaria Locale 16, Padua (Italy). Direzione sanitaria; Buttarello, M. [Ospedale Geriatrico, Padua (Italy). Laboratorio di Patologia Clinica

    2000-10-01

    The WHO (World Health Organization) indicated hospitals as privileged places for Health Promotion with the objective to create health services free of tobacco smoke and ULSS 16 Local Health Unit of Padua complied with HPH Regional Net and the study is collocated in this ambit. In the february of 1998 a questionary validated by other previous analyses conducted by the Veneto Regional Center for Health Education. 246 subjects complied with this study, about the half of the staff, and 30.5% of responders has smoked daily in the last six months, 29% were non-smokers and 30.5% ex-smokers. The results of this cognitive research indicate a hospital staff smoke habit comparable with other hospital experiences and the deepening of habits shall consent the future strategies of intervention. [Italian] Il fumo di tabacco rappresenta, tra i fattori di rischio per la salute potenzialmente eliminabili, il piu' importante in termini di mortalita' e morbosita', sia nei Paesi industrializzati che, ultimamente e in modo sempre piu' rilevante, nei Paesi in via di sviluppo. Circa il 30% di tutti i decessi per neoplasia sono causati dal fumo che rappresenta, inoltre, un' importante concausa di gravi affezioni non neoplastiche a carico dell'apparato respiratorio e cardiocircolatorio. L'Organizzazione Mondiale della Sanita' (OMS) stima che circa un terzo della popolazione adulta mondiale fumi (circa un miliardo e cento milioni di persone) e imputa al tabagismo 3 milioni e mezzo di decessi/anno, dei quali un milione nel Terzo Mondo. Una delle iniziative dell'Azienda ULSS 16 aderente al Progetto HPH (Health Promoting Hospitals) e si inserisce in una serie di strategie atte a ridurre i comportamenti a rischio a tutti i livelli. Lo studio e' stato condotto presso l'Ospedale Geriatrico di Padova. Hanno aderito all'iniziativa 246 soggetti pari al 44, 7% del totale dei dipendenti del nosocomio. Il 30.5% dei rispondenti al questionario

  3. Comparison of multiple training models of surgical rotation for third-year medical students A prospective study.

    Science.gov (United States)

    Magistri, Paolo; Nigri, Giuseppe; Petrucciani, Niccolò; Aurello, Paolo; D'Angelo, Francesco; Ramacciato, Giovanni

    2016-01-01

    Considerata la necessità di elaborare un sistema di rotazione nei reparti di Chirurgia che venga incontro alle necessità degli studenti, abbiamo ideato questo studio prospettico presso la Facoltà di Medicina e Psicologia di “Sapienza, Università di Roma”. Nella nostra Istituzione, gli studenti del terzo anno del corso di laurea di Medicina e Psicologia trascorrono un periodo di 2 mesi presso il reparto di Chirurgia Generale per prepararsi all’esame di Semeiotica Medico-Chirurgica. Spesso i feedback di tale esperienza riportano una certa insoddisfazione, soprattutto per la scarsità dell’attività pratica al letto del paziente. Pertanto, abbiamo deciso di confrontare cinque modelli per stabilire il migliore approccio in termini di apprendimento e soddisfazione degli studenti. 28 studenti sono stati coinvolti nello studio e divisi in cinque gruppi (da A ad E). Il Gruppo A ha eseguito una rotazione standard così come prevista dall’ordine degli studi, 5 accessi in reparto seguiti dal proprio tutor. Gli studenti del gruppo B hanno frequentato il reparto una volta la settimana, arrivando dopo la visita della mattina, trascorrendo un’ora con il tutor ed il resto della mattina con gli specializzandi. Il gruppo C è stato diviso in piccoli gruppi, ciascuno assegnato per 2 volte all’ambulatorio chirurgico, 2 volte in reparto (standard) e 2 volte al servizio di preospedalizzazione. Gli studenti del gruppo D hanno frequentato il reparto una volta la settimana arrivando la mattina presto, trascorrendo 2 ore con il tutor ed il resto della mattina con gli specializzandi. Il gruppo E è stato diviso in 2 gruppi, ciascuno assegnato 3 volte al reparto (standard) e 3 volte alla sala operatoria. Ciascuno studente ha completato un questionario con 20 item di semeiotica all’inizio ed alla fine dello studio per valutare la progressione dell’apprendimento, ed un questionario finale di valutazione della soddisfazione. I risultati hanno dimostrato come tutti i gruppi

  4. Inappropriatezza prescrittiva delle colonscopie: un audit clinico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Marcosignori

    2012-12-01

    audit clinico in maniera omogenea in termini di numero di colonscopie, rendendo più difficile la generalizzazione dei risultati. Inoltre, accanto alla elevata percentuale di missing data (36%, è verosimile anche un possibile effetto Hawtorne. Conclusioni. L’audit clinico ha identificato un elevato tasso di inappropriatezza prescrittiva delle colonscopie. Il piano di implementazione al cambiamento potrà ridurre la lunghezza delle liste d’attesa, contenere i costi e migliorare la qualità dell’assistenza al paziente. In particolare, ridurre al di sotto di una soglia del 10% le principali indicazioni inappropriate intervenendo sulle tre principali categorie di prescrittori, porterebbe ad un risparmio di circa 980 esami/anno, pari a € 120.000,00.

  5. Experiência, infância e educação: o que nos passa enquanto caminhamos.../Experience, infancy and education: what in it passes while we walk…

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    César Donizetti Pereira Leite

    2010-03-01

    Full Text Available Quanto a este texto, consideramos a ideia de que educação se relaciona à possibilidade de produção de sentidos e de modos de ser, e que estes acontecem em espaços, situações que provocam momentos de encontros e desencontros entre corpos, histórias, necessidades e sensações. Portanto, o propósito é refletir a educação dentro desta condição descrita. Elegemos, como pontos de partida, discursos da Filosofia em diálogos com a Psicanálise. Construímos uma reflexão a partir de situações/enredos que se elaboram tendo como marcos culturais dois ‘lugares’: (1 o texto de Freud Algumas reflexões sobre a Psicologia do Escolar e (2 o filme neorrealista de Roberto Rossellini Alemanha Ano Zero. A discussão é tecida, além do indicado acima, pela noção de experiência e infância, tanto em Walter Benjamin como em Giorgio Agamben. Aceitamos o pressuposto do enredo do filme, a história de Edmund no pós 2ª. Guerra e as necessidades vitais do povo alemão; e, com base nele, enfocamos a relação de co-existência entre o menino, seu pai e a figura do professor. How much to this text, we consider the idea of that education if relates to the possibility of senses and ways of being production, and that these happen in spaces, situations that provoke encounters and disencounters moment’s between bodies, histories, necessities and sensations. Therefore, the intention is to reflect the education inside of this described condition. We choose, starting points, the Philosophy in dialogues with the Psychoanalysis discourses. We construct to a reflection from situations/synopses that if elaborate having as cultural landmarks two ‘places’: (1 the Freud’ text - Some reflections on schoolboy psychology - and (2 the Robert Rossellini neorealist film - Germania Anno Zero. The discussion is weaved, beyond the indicated above, for the experience and infancy notion, as much in Walter Benjamin and Giorgio Agamben. We accept the supposition of

  6. Populations of Clethrionomys glareolus in three isolated forest complexes in rural southern Moravia (Czech Republic

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Josef Suchomel

    2006-09-01

    significativamente sul peso degli individui dell’anno successivo. Nell’inverno 2004-05 è stato registrato un forte impatto dell’arvicola nelle aree di riforestazione. La stima predittiva dell’abbondanza della specie basata su monitoraggi periodici può rappresentare un’azione efficace di prevenzione.

  7. Modello metodologico per il monitoraggio degli incidenti stradali in Trentino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Fateh-Moghadam

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: realizzazione di un’infrastruttura informatica, per l’unificazione tempestiva dei flussi sugli incidenti stradali (ISTAT-ACI e sanitari con la georeferenziazione degli eventi a partire dall’anno 2000.

    Materiali e Metodi: dall’archivio di Trentino emergenza sono stati estratti gli interventi per incidente stradale selezionando la combinazione: descrizione patologica: “traumatismi”, tipologia luogo: “strada”, tipologia incidente. Dai dati di ogni Pronto soccorso è stato costruito un archivio unico contenente il totale degli accessi e sono stati estratti gli accessi per “incidente stradale” e quelli per lesioni accidentali in generale. Dall’archivio SDO si sono selezionati sia i ricoveri con il criterio “3” alla variabile mtraav (=incidente stradale che quelli per traumatismi.

    Nell’ambito del progetto “Metodi informatici predittivi per la mitigazione del rischio da incidenti stradali” (Mitris, finanziato dal Ministero della Salute, è stata realizzata l’immissione tramite interfaccia internet o decodifica automatica dei verbali informatizzati delle Forze dell’ordine, e la contestuale realizzazione di un interfaccia WebGIS
    in grado di visualizzare la localizzazione degli incidenti stradali.

    Risultati: tramite la combinazione “data nascita”,
    “data incidente”, “sesso” è stato eseguito un primo collegamento tra gli archivi. Aggiungendo alla data incidente uno o più giorni, è stato costruito un nuovo archivio PS contenente il 97,4% degli eventi raccolti dalle forze dell’Ordine e contenuti nel data base Mitris. Approccio analogo è stato seguito per il linkage con SDO e 118. Tramite interfaccia WebGIS è stata creata una mappa degli incidenti interrogabile on-line, che oltre alla semplice localizzazione riporta dinamica e esiti con possibilità di produrre statistiche e grafici. Il sistema copre attualmente

  8. Verifica di qualitá dei prodotti del legame caldo nella ristorazione ospedaliera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. De Giusti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’efficacia del legame caldo in un sistema di ristorazione ospedaliera.

    Metodi: sono stati monitorati negli ultimi tre anni, parametri di temperatura, Carica Mesofila Totale (CMT, indicatori di inquinamento fecale e patogeni, in prodotti del legame caldo preparati e distribuiti dalla ristorazione di un ospedale romano nelle fasi: T0 (centro cottura, T1 (primo reparto servito e T2 (ultimo reparto servito, per un totale di 337 rilevazioni. Parametri di riferimento per la valutazione: (a T°C › 60°C (limite critico HACCP; (b CMT ‹1x106 ufc/g (Delibera Giunta Regionale n. 5575 del 27/10/1998. Risultati: l’analisi dei valori medi di temperatura rilevati al T0 ha evidenziato, nel tempo, una riduzione delle inidoneità (dal 20% del 2000 al 4% del 2002. Le temperature riscontrate nei tempi T1 e T2 appaiono sempre inferiori ai valori rilevati al tempo T0 mostrando una tendenza alla diminuzione rispetto il limite critico. Le riduzioni percentuale delle temperature al T1 ed al T2 rispetto al T0 sono risultate statisticamente significative e più marcate per l’anno 2002 (16,8% rispetto al 2001 (2,9% ed al 2000 (7,5%. Non sono state riscontrate inidoneità per i parametri microbiologici considerati.

    Conclusione: l’analisi dei risultati evidenzia come l’introduzione di nuove tecnologie di conservazione a caldo del vitto al T0 ha sensibilmente migliorato la rispondenza dei prodotti alle specifiche dell’HACCP. Contrariamente, a seguito della sostituzione/ ottimizzazione della tecnologia di trasporto del vitto ai reparti, si è registrato un peggioramento della qualità del servizio in termini di non conformità dei prodotti rispetto al limite di temperatura, mai accompagnato da non conformità microbiologiche. Gli aspetti organizzativi e gestionali del ciclo lavorativo, unitamente agli aspetti tecnologici, sono stati individuati quali elementi ostacolanti il

  9. Dalle carte dell’Archivio di Stato di Roma: notizie sulla vita e l’attività professionale di Luigi Mollari / Documents from the State Archive of Rome: news about Luigi Mollari’s life and professional activity

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabina Carbonara

    2014-04-01

    Full Text Available Grazie al recente ritrovamento di un fascicolo nel fondo della Congregazione degli Studi conservato presso l’Archivio di Stato di Roma è stato possibile ricostruire, almeno in parte, la produzione professionale dell’ingegnere e architetto Luigi Mollari, figlio di Antonio, ad oggi ancora scarsamente indagata. I pochi studi relativi alla attività di Luigi hanno riguardato, infatti, soprattutto la sua presenza a Terracina e, nello specifico, il suo intervento, negli anni Quaranta del XIX secolo, nella chiesa del S. Salvatore, progettata da Antonio Sarti. In realtà, come si evince dal curriculum vitae rinvenuto fra i documenti d’archivio, il giovane Mollari iniziò a collaborare col padre già nel 1824. Trasferitosi a Foligno nel 1832, si occupò, sempre insieme al genitore e su incarico di monsignor Ignazio Giovanni Cadolini, degli edifici danneggiati dal terremoto. Nello stesso anno Luigi è documentato anche ad Assisi dove coadiuva il padre nella direzione dei primi interventi di consolidamento statico e di riparazione della basilica di S. Maria degli Angeli. Fra il 1832 e il 1834 i due Mollari interverranno, con opere di ricostruzione e di restauro, in numerosi edifici del territorio fulignate. Dopo la morte di Antonio, avvenuta nel 1843, Luigi continuerà a svolgere l’attività di architetto e ingegnere a Terracina e nel territorio limitrofo (in particolare a Piperno, oggi Priverno. Thanks to the recent discovery of a folder at the Congregation of Studies, preserved in the State Archives of Rome, it has been possible to reconstruct, at least partially , the professional production of Luigi Mollari, engineer and architect , son of Antonio, till now poorly investigated. The few studies concerning the activities of Luigi were, in fact , especially its presence in Terracina and, specifically , its involvement, in the forties(of the 19th century, in the church of St. Salvatore, designed by Antonio Sarti. In fact, as evidenced by his

  10. Indagine sullo stato sierologico per epatite B e C negli operatori ecologici della cittá di Messina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Squeri

    2003-05-01

    Full Text Available

    La resistenza del virus dell’epatite B nell’ambiente esterno, rende alcune categorie di lavoratori, fra cui gli operatori ecologici, particolarmente a rischio di venire a contatto con il virus, da qui l’importanza della prevenzione, soprattutto tramite la vaccinazione, in ambienti non sanitari nei quali la cultura rischio biologico è spesso poco valida.

    Nel periodo compreso tra marzo e maggio 2003, abbiamo condotto un’indagine volta a valutare il profilo sierologico riguardo i virus dell’epatite B e C in questa categoria di lavoratori. In seguito abbiamo consultato gli archivi cartacei dell’Ufficio Vaccinazioni dell’AUSL 5, prendendo in considerazione la percentuale di soggetti che si sono sottoposti alla vaccinazione contro l’epatite B, il numero di dosi di vaccino praticate e l’anno della vaccinazione. L’indagine ha coinvolto un campione di 327 operatori ecologici (OE di età compresa tra 24 e 65 anni di cui 288 addetti alle mansioni di spazzamento e raccolta, 26 ad inceneritori, e 13 alle discariche. I dati sierologici hanno evidenziato che degli OE, 190 (58,81% sono risultati negativi per tutti i markers dell’epatite B e C, 58 (18,12% positivi per HbsAb, 31 (9,48% per HbsAb e HbcAb, 13 (3,97% per HbsAg HbcAb e HBeAb, 24 (7,5% per HbsAb, HbcAb e HbeAb, 7 (2,18% per HbcAb e HbeAb, 4 (0,94% per HbcAb ed infine 8 (2,44% per HCV Ab. La consultazione dei registri vaccinazione ha evidenziato che solo il 40,97% degli operatori aveva effettuato, negli anni 1994 - 2002, la vaccinazione contro l’epatite B di questi, l’11,94% ha ricevuto solo una dose, il 14,93% 2 dosi, mentre il 73,13% 3 dosi di vaccino. In quest’ultimi il 52,04% non ha evidenziato la sieroconversione per l’avvenuta vaccinazione. Sulla base dei risultati ottenuti sono stati organizzati incontri per sensibilizzare gli operatori ecologici alla pratica vaccinale contro l’epatite B estendendo l’iniziativa ai datori di lavoro.

  11. Andamento della parotite epidemica nell'Azienda USL di Sassari e considerazioni sulle strategie vaccinali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Castiglia

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: valutare l’andamento epidemiologico della
    parotite in relazione alla variazione delle coperture vaccinali
    ed al tipo di vaccino utilizzato nell’Azienda U.S.L.
    N° 1 di Sassari nel periodo 1991-2001.

    Metodi: sono state analizzate tutte le notifiche di parotite
    dei tre Distretti di Sassari, Alghero e Ozieri nel periodo
    1991-2001 per risalire alla scheda vaccinale e conoscere
    il tipo di vaccino e la data di somministrazione.

    Risultati: sono stati notificati, nel periodo, 1000
    casi: 352 a Sassari, 510 ad Alghero e 138 ad Ozieri.
    In generale si è osservato nel periodo un livello di bassa endemia (26.4 per 105 con due rilievi epidemici in corrispondenza degli anni 1991-1995 ed un episodio francamente epidemico nel 2001 (193 per 105. L’epidemia del 2001 è iniziata l’anno precedente nel distretto di Alghero coinvolgendo successivamente Sassari e Ozieri. I maschi e le femmine risultano colpiti in eguale proporzione, la fascia
    più colpita è quella dei 5-9 anni senza differenze fra periodi epidemici e interepidemici.
    L’andamento stagionale è tipico con picco a fine inverno, inizio primavera. Le coperture sono risultate costantemente superiori all’80% fino al 1995 quando, grazie ad un offerta attiva dell’Azienda, si sono potuti raggiungere valori prossimi al 90%; la successiva offerta gratuita a partire dal 1997 ha consentito di superare questa soglia. Nel 6% dei
    casi non era noto lo stato vaccinale, mentre il 55.3% risultavano regolarmente vaccinati, con tassi d’attacco di 19,.% tra i vaccinati e del 20.7% tra i non vaccinati (efficacia=4.3%. Nel complesso il 53.1% era stato vaccinato con il ceppo Rubini ed il 36.6% con quello Urabe AM9.

    Conclusioni: i risultati confermano la scarsa efficacia
    dei ceppi utilizzati

  12. Italian as lingua franca, the law of connected vessels and the improvement of the results into the multilingual class. About a teaching experience

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessia Terrusi

    2017-01-01

    Full Text Available This contribution takes cue from a teaching experience of Italian L2 to A1-level immigrant students within the SPRAR project in Lucca from November 2015 to May 2016. During lessons, the class has been enriched with students from different places in the world and who talked very different languages. Multilingualism had only one underlying theme: the Italian language used during the lessons. It was the same Italian language which they got accustomed to by living in Italy since about a year. The experience started from the hard fact that the only common knowledge was this basic-level Italian language. So a new strategy was tested: to create couples or small groups made up with students linguistically different (like anglophones with francophones. They were forced to use Italian language and let other students understand through their previous knowledges due to the daily contact with the Italian reality. This brought very positive results such as the creation of discussions about the activities, the mutual correction of mistakes, the increase of communication skills through alternative strategies (like mime or drawing. Despite the different individual and initial levels, Italian language as lingua franca let them understand Italian language more efficiently.L’italiano come lingua franca, il principio dei vasi comunicanti e il miglioramento dei risultati nella classe plurilingue. Un’esperienza didatticaIl presente contributo trae spunto da un’esperienza di insegnamento di italiano L2, livello A1, a immigrati adulti all’interno del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Lucca svoltasi tra novembre 2015 e maggio 2016. Il gruppo di corsisti era formato da adulti provenienti da diverse zone del mondo e parlanti lingue distanti tra loro. Tutti vivevano in Italia da circa un anno e poiché l’unica conoscenza comune e di eguale livello era proprio quella – basilare – dell’italiano, si è sperimentata la

  13. Food habits of the stone marten Martes foina in "La Mandria" Regional Park (Piedmont Region, North-Western Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandro Bertolino

    1995-12-01

    da frutti delle Rosaceae e da Vitis vinifera, sono particolarmente importanti in estate (Fr% = 41,1 e secondariamente in autunno (Fr% = 17,2. Gli uccelli costituiscono una risorsa integrativa della dieta invernale (Fr% = 22,6, mentre gli insetti sono scarsamente consumati nel corso dell'anno (Fr% = 4,3.

  14. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  15. Eventi e modi del morire nelle strutture sanitarie di degenza della regione Piemonte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Silvestre

    2003-05-01

    Full Text Available

    L’ospedale per acuti è il luogo meno adatto ad accogliere il malato in fase avanzata, sia per il modello organizzativo, sia perché progettato per guarire. Poco si sa su come il paziente affetto da patologie in fase terminale muoia in ospedale, sui problemi che incontra e sul tipo di assistenza che riceve. Questo lavoro replica per il Piemonte lo studio EOLO, già svolto in Lombardia, Umbria e negli ospedali della provincia di Firenze nel 2002.

    Obiettivi: descrivere le modalità con cui si muore in ospedale (circostanze, interventi/trattamenti attivati. Valutare se esiste un diverso approccio clinicoassistenziale tra pazienti il cui decesso era un evento atteso o improvviso. Metodi: lo studio è di natura osservazionale (2003 e riguarda gli ospedali pubblici e/o convenzionati del Piemonte con un numero di ricoveri/anno › 8.000. I dati dei pazienti sono stati raccolti in sette giornate di osservazione (compresi sabato e domenica, su tutti i malati deceduti per qualsiasi motivo, tramite intervista ad hoc all’infermiere ed al medico responsabili dell’assistenza, consultazione delle cartella clinica ed infermieristica. Sono esclusi i pazienti deceduti entro 24 ore dal ricovero, i malati di età pediatrica, i reparti di Pronto soccorso, Rianimazione, UTIC e DEA. Le schede sono anonime, i dati vengono raccolti da personale interno all’ospedale.

    Risultati attesi: quadro epidemiologico e qualitativo dei casi di morte in ospedale. Epidemiologia dei trattamenti clinici ed assistenziali erogati. Descrizione delle eventuali differenze di decision making tra pazienti il cui decesso è atteso o non atteso. Descrizione delle condizioni e degli eventi (tipo di stanza, assistenza di base, presenza dei parenti che accompagnano la morte del paziente in ospedale.

    Conclusioni: i pazienti oncologici e non continuano a morire in ospedale. Si conosce molto poco di

  16. Food habits of the stone marten (Martes foina in the upper Aveto Valley (Northern Apennines, Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adriano Martinoli

    1995-12-01

    Full Text Available Abstract The diet of the stone marten (Martes foina was studied analysing 63 faeces collected from February 1990 to December 1991. The results were expressed as relative percentage of frequency (Fr% and as percentage of mean bulk (Vm%. Mammals, mainly rodents, were the staple in the diet (annual Vm% = 62.9 and reached a maximum peak in winter (Vm% = 79.4. Vegetables were mostly represented by Rosaceae fruits (annual Vm% = 22.3 and were consumed during all year round. Insects, mainly Coleoptera and Orthoptera, were fairly frequently eaten, although their volume was not remarkable (annual Vm% = 4.1. Birds and garbage were scarcely used. The trophic niche breadth of the stone marten, evaluated using the Levin's index (B, varied from 2.49 in winter to 4.8 in summer. In the same study area the diet of the red fox (Vulpes vulpes was studied. The niche overlap between this canid and the stone marten was not extensive (Op = 0.52; Os = 0.51. Riassunto Indagine sul comportamento trofico della faina (Martes foina in alta Val d'Aveto (Appennino Ligure-Emiliano - La dieta della Faina (Martes foina è stata studiata analizzando 63 feci raccolte dal febbraio 1990 al dicembre 1991. I dati ottenuti, espressi come frequenza relativa percentuale (Fr% e come volume medio percentuale (Vm%, evidenziano che i Mammiferi, in particolare i Roditori, sono la componente alimentare principale (Vm% annuale = 62,9, con maggior consumo durante il periodo invernale (Vm% = 79,4. I vegetali, rappresentati per la maggior parte dai frutti delle Rosacee (Vm% annuale = 22,3, sono la seconda categoria trofica per importanza e compaiono per tutto l'arco dell'anno. Gli Insetti, quasi esclusivamente Coleotteri ed Ortotteri, presentano una discreta percentuale di utilizzo (Fr% annuale = 21,2 pur non avendo un'incidenza volumetricamente importante (Vm% annuale = 4,1. Gli Uccelli costituiscono una fonte

  17. Reviews | Reseñas de libros

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pasado y Memoria

    2012-12-01

    Full Text Available Contiene: CALATAYUD, Santiago; MILLÁN, Jesús; ROMEO, María Cruz (eds., Estado y periferias en la España del siglo XIX. Nuevos enfoques, Valencia, PUV, 2009, 459 pp. / Juan Antonio Inarejos Muñoz ; VILAR, Juan Bautista; VILAR, María José, Mujeres, Iglesia y Secularización. El Monasterio de Santa Clara la Real de Murcia en el tránsito de la Ilustración al Liberalismo (1788-1874, Murcia, Universidad de Murcia, 2012, 498 pp. / Francisco Manuel Pastor Garrigues ; SEBASTIÁ ALCARAZ, Rafael (coord., Las escuelas normales de la provincia de Alicante durante el siglo XIX, San Vicente del Raspeig, Editor Ramón Torrés, 2012, 131 pp. / José Miguel Santacreu Soler ; GÓMEZ REUS, Teresa (ed., Mujeres al frente. Testimonios de la Gran Guerra, Madrid, Huerga y Fierro Editores, 2012, 238 pp. / Mónica Moreno Seco ; VILLA GARCÍA, Roberto, La República en las urnas. El despertar de la democracia en España, Madrid, Marcial Pons, 2011, 530 pp. / Juan Martínez Leal ; GRAU, Vicent, La Segona República a Castelló. Una memoria històrica positiva, pròleg de Rosa Monlleó, Castelló de la Plana, Publicacions de la Universitat Jaume I, 2012, 465 pp. / Ricard Camil Torres Fabra ; TOMASONI, Matteo, ACCIAI, Enrico, GRASSIA, Edoardo (a cura di, «Spagna Anno Zero»: la guerra come soluzione, dossier monográfico publicado en Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, nº 7 (luglio 2011, en línea en . / Gaspar Díez Pomares ; BJERG, María, El viaje de los niños. Inmigración, infancia y memoria en la Argentina de la segunda posguerra, Buenos Aires, Edhasa, 2012, 150 pp. / Bárbara Ortuño Martínez ; TELTSCHIK, Horst, 329 días. Desde la caída del Muro hasta la reunificación alemana, Barcelona, Círculo de Lectores, 1992, 427 pp. / Félix Gil Feito ; MARIMON, Antoni; SERRA, Sebastià (dirs., Diccionari de Partits Polítics de les Illes Balears (1900-2008, Palma, Lleonard Muntaner Editor, 2012, 460 pp. / José Miguel Santacreu Soler.

  18. The last "pest". The fox in the Italian law and in the actual hunting management / L'ultimo "nocivo". La Volpe nella legislazione italiana e nella pratica venatoria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Cassola

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract In the general mentality as well as in the actual hunting management of the Italian territory, the fox Vulpes vulpes has largely replaced the wolf Canis lupus as the target of abnormal and injustified destructive efforts. By exagerating its predatory pressure on domestic and game animals, and more recently as an asserted anti-rabies measure, the control of fox populations still continue to be heady practised in most regions, even where (such as in Tuscany, central Italy the rabies desease did not arrive. Some official data are given about foxes killed and rewards paid in several areas in the Eighties, for a total amount of several tens of thousands foxes (nearly 2,000 in the Siena province alone yearly and some milliards lira. The absurdity of such management policy and the damage indirectly caused to the agriculture are emphasized, as well as the need of stopping at last any persecution of predatory or so-called "pest" animals. Riassunto Nella mentalità popolare e nella quotidiana gestione venatoria del territorio, la Volpe Vulpes vulpes sembra aver ormai sostituito il Lupo Canis lupus come oggetto catalizzatore di abnormi e ingiustificati sforzi distruttivi. Esagerandone l'entità della predazione su animali domestici e selvatici, e più recentemente con il pretesto di diradarne le popolazioni come asserita misura di profilassi antirabbica, si continua assurdamente in molte regioni italiane a condurre operazioni di "controllo" della Volpe che perpetuano nei fatti l'anti-ecologica e ormai inaccettabile "lotta ai nocivi". Vengono in particolare qui riferiti alcuni dati ufficiali, provenienti anche da regioni, come la Toscana, mai toccate dall'epidemia di rabbia silvestre degli anni 1977-1986, relativi agli abbattimenti di volpi e ai premi pagati nel corso dell'ultimo decennio, per un totale di parecchie decine di migliaia di volpi uccise (quasi 2000 ogni anno nella

  19. Analisi comparativa della dieta di alcuni carnivori opportunisti (Vulpes vulpes, Martes foina, Meles meles in Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Maria De Marinis

    2003-10-01

    Full Text Available L'ecologia alimentare della volpe, del tasso ed in misura minore della faina è stata ampiamente studiata in diverse aree comprese all'interno degli areali di queste 3 specie. La variazione geografica delle abitudini alimentari di questi carnivori definiti opportunisti è al contrario decisamente poco nota. Scopo del presente lavoro è la descrizione della variazione della dieta di faina, tasso e volpe attraverso l'Europa ed in secondo luogo l'analisi comparativa delle strategie alimentari adottate da questi carnivori. Sono stati analizzati 19 studi per la volpe, 11 per la faina e 23 per il tasso. Sono stati presi in considerazione soltanto gli studi della durata di almeno un anno nei quali la composizione della dieta, determinata tramite analisi delle feci, fosse espressa in percentuale di volume o biomassa e le categorie alimentari fossero dettagliatamente descritte. Gli studi sono stati divisi in gruppi in base alla regione climatica di appartenenza (mediterranea, centroeuropea, atlantica e boreale. Le categorie alimentari utilizzate nell'analisi della variabilità geografica sono: mammiferi, uccelli, anfibi, artropodi, lombrichi, altro animale, frutta, cereali, rifiuti. L'analisi delle componenti principali, condotta separatamente sulle 3 specie, ha consentito l'individuazione su di un grafico bidimensionale di due gruppi riferibili all'Europa centro-settentrionale ed alla regione mediterranea, con una percentuale di variabilità spiegata > 76% per ognuna delle 3 specie. La composizione della dieta del primo gruppo risulta caratterizzata da elevate percentuali di mammiferi e secondariamente uccelli per la volpe, uccelli ed altro animale per la faina e lombrichi, cereali ed anfibi per il tasso. La composizione della dieta nella regione mediterranea risulta invece caratterizzata da elevate percentuali di artropodi e frutta per tutte e 3 le specie di carnivori. L'analisi dicriminante ha consentito di differenziare gli studi condotti in ambiente

  20. Viral infections as controlling factors for the deep biosphere? (Invited)

    Science.gov (United States)

    Engelen, B.; Engelhardt, T.; Sahlberg, M.; Cypionka, H.

    2009-12-01

    biogeography? Can viral infections tell us something about the physiological state of indigenous microorganisms? Finally, we will obtain estimates for the viral shunt as an important factor for sustaining the deep biosphere. References: Batzke A, Engelen B, Sass H, Cypionka H (2007) Phylogenetic and physiological diversity of cultured deep-biosphere bacteria from Equatorial Pacific Ocean and Peru Margin sediments. Geomicrobiology J 24:261-273 Danovaro R, Dell'Anno A, Corinaldesi C, Magagnini M, Noble R, Tamburini C, Weinbauer M (2008) Major viral impact on the functioning of benthic deep-sea ecosystems. Nature 454: 1084-U1027.

  1. Cheese whey. Waste or raw material useful for foods, cosmetics and pharmaceuticals specialities?; Il siero di latte. Rifiuto o materia prima per prodotti alimentari, cosmetici e farmaceutici?

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pizzichini, M. [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy); Montani, R.; Russo, C. [Inteam Srl, Genoa (Italy)

    2001-07-01

    In Italy the waste whey (7 million tons/year), coming from cheese farms (2,500) is mainly employed as pigs fodder, or discharged in illegal manner into rivers or soils. It is well known that whey represents a serious environmental problem in relation with its high pollution charge (COD=70,000 O{sub 2} ppm). On the other hand, the whey's organic components as proteins, lactose, vitamins and salts, show an high commercial interest because they are used as food additives in souses, pasta, biscuits, chocolate, beverage, baby foods, etc., in cosmetics, as creams and shampoos, and also in pharmaceutical field, especially as food integrators for body builders. The application of membrane technology, as ultrafiltration (UF), nanofiltration (NF) and reverse osmosis (RO) permitted the recovery of the whey solute (proteins, lactose, mineral salts) and solvent as purified water. In this paper an industrial treatment process of 60 m{sup 3}/day, and the procedure for upgrading the biochemical properties of whey proteins, and consequently its commercial values, are discussed. It is also reported an economic process evaluation, obtained on the base of product recovery and process costs. [Italian] In Italia si producono circa 7 milioni di ton/anno di siero grezzo dagli oltre 2.500 caseifici sparsi sul territorio nazionale. Mentre al Nord il siero grezzo e' impiegato per l'alimentazione dei suini, al Centro-Sud viene smaltito illegalmente nei fiumi e sul terreno. Il siero di latte costituisce un problema importante del settore lattiero caseario poiche' ha una carica inquinante molto alta (COD 70.000 ppm di O{sub 2}). Il siero puo' rappresentare una fonte di sostanze nobili come proteine ad alto valore biologico, lattosio, vitamine sali minerali che trovano largo impiego nell'industria alimentare (salse, pasta, biscotti, cioccolato, bevande, baby foods, ecc., nell'industria cosmetica come creme idratanti o detergenti e nell

  2. Modelli di comportamento espressi dagli studenti della Comunitá Montana 'Canal del Ferro Val Canale' (UD nei confronti delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.B. Modonutti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nell’intento di definire le modalità di approccio, le abitudini, il background culturale e la percezione dei rischi associati all’uso delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco dei giovani nelle diverse realtà socioeconomiche e culturali del Friuli Venezia Giulia, il Gruppo di Ricerca per l’Educazione alla Salute (GRES, utilizzando una Scheda Questionario anonima, autosomministrata, semistrutturata, ha condotto, nel corso del 2002, una ricerca sugli stili di vita di 280 studenti (M: 56.8%; F: 43.2% della Scuola Media di 1° della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD. Gli studenti bevitori costituiscono il 27.1% della popolazione scolastica coinvolta (M: 28.3%; F: 25.6%, consumano mediamente 6.9g/die di alcol anidro che assumono per il 57.2% della Dieta Alcolica Media (DAM pasteggiando (M: 72.7%DAM; F: 50.9%DAM, i maschi bevendo prevalentemente vino (41.2%DAM, le femmine con i superalcolici (57.1%DAM. Beve alcolici “abitualmente” il 7.1% della popolazione studentesca (M: 6.9%; F: 7.4%, il 2.1% è esposto per il proprio bere quotidiano a maggior rischio di problemi Psico Medico Sociali (M: 1.3%; F: 2.3% e l’8.9% afferma di aver sperimentato nel corso dell’ultimo anno l’Intossicazione Acuta da Alcol (M: 10.7%; F: 7.4%. Gli studenti fumatori sono il 9.6% della popolazione scolastica (M: 10.1%; F: 9.1%, consumano in media 5.6 sig/die (M: 2.2sig/die; F: 10.6sig/die; p‹0.05 ed il 6.8% degli studenti contattati, insensibili alle raccomandazioni che sconsigliano qualsiasi utilizzo del fumo di tabacco alla popolazione in età pediatrica, fumano mediamente 1 o più sigarette al giorno (M: 6.3%; F: 7.4%.

    I modelli di comportamento e la percezione dei rischi associati all’uso degli alcolici e del tabacco espressi dagli studenti della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD costituiscono motivo di preoccupazione per la salute dei giovani ed uno stimolo alla programmazione ed attuazione di

  3. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available

    Report of PhD Dissertations.

    Massimo Della Misericordia

    Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003

     

    Mariano Dell’Omo

    Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004

     

    Giulia Lorenzoni

    Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004

     

    Federica Monteleone

    Il viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo

     

    Francesca Pucci Donati

    Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004

    Alberto Ricciardi

    L’Epistolario di Lupo

  4. Codes at hand. The two sons of Iorio in aesthetic-judiciary contentious Codici alla mano. I due figli di Iorio in contenzioso estetico-giudiziario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco de Cristofaro

    2012-04-01

    Scarpetta, parodia de La figlia di Iorio di Gabriele D’Annunzio, dello stesso anno. La “commedia presepiana” – un po’ opera buffa stile belle epoque, un po’ parodia assai casareccia – provocò un piccolo terremoto giudiziario: una richiesta di consenso, una diffida, una querela per plagio, infine un processo fatto di portentose pezze d’appoggio, e con un’intera società cultural-mondana divisa in due – letterati vs commedianti, pianto vs riso, arte alta vs arte plebea, ecc. – , e alcuni intellettuali di prestigio coinvolti in qualità di periti. Caso interessantissimo di sociologia dell’arte, il processo D’Annunzio-Scarpetta è anche un cruciale episodio di storia della cultura: perché ciò che il tribunale ospitò fu anche un dilettantesco e appassionato brainstorming di “comparatistica forense”.  

  5. Contributo alla conoscenza della dieta del Tasso (Meles meles nella pianura padana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Prigioni

    2003-10-01

    à della risorsa nei periodi caratterizzati da siccità estiva e da temperature inferiori agli 0° C in inverno. Tali risultati suggeriscono che essi rappresentano una risorsa preferenziale, ricercata attivamente durante l'intero arco dell'anno. Il mais compare con frequenze maggiori in autunno ed inverno, quando il Tasso ricerca le pannocchie rimaste sul terreno dopo il raccolto o sepolte dopo l'aratura delle stoppie. Il relativamente elevato consumo di mais da parte del Tasso, già riscontrato dagli autori in vari settori della Provincia di Pavia, rappresenta una peculiarità delle aree intensamente coltivate della pianura Padana. Nell'insieme, il Tasso conferma la caratteristica di predatore sui generis: le risorse alimentari più utilizzate, tratteggiano piuttosto un comportamento trofico da "raccoglitore di alimenti" (forager sul terreno e, in parte, nel sottosuolo. Dal confronto con i risultati ottenuti in Italia da ricerche condotte in ambienti montani e di tipo mediterraneo, oltre al già sottolineato utilizzo del mais come risorsa preferenziale nella stagione fredda, emergono differenze marcate relativamente al consumo di Lumbricidi, che si mantiene costantemente su valori elevati, paragonabili a quelli riscontrati nell'Europa nord-occidentale.

  6. Three comments on late antiquity history

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Milin Milena L.

    2003-01-01

    Full Text Available The author suggests corrections in reading the inscription CIL III 4002 lines 3-7 (see pp. 1-2. The formula q(ui vixit ann(os, lines 3-4, was common in Late Antiquity, unlike the previous reading...ann(orum, which was typical for the Early Empire. L.5 memoria frequently appeared in funerary monuments in Late Antiquity. L. 6 Instead of unlikely collegae, the complement colloc(avit or –erunt has been suggested, according to analogies sedem conlocasse (Siscia, CIL 3996 sepulcrum (! collocavit, with the Christogram ( Siscia,CIL 3996a. The inscription can be more precisely dated with regard to the Christogram. In nearby Sirmium, this symbol repeatedly appears in epitaphs, whether unaccompanied, or between the letters a and w. According to a dated inscription with a Christogram from Constantius times the entire group of inscriptions bearing this symbol may be supposed to have originated from mid-, or, at the latest, second half of 4th century (notes 2-4. Durostoranus (Amm. Marc. XXXI 15, 6 In the paragraph referred to above: Verum introire non ausus, qui missus est, per Christianum quendam portatis scriptis et recitatis, utque decebat, contemptatis parandis operibus dies et nox omnis absumpta (ed. W.Seyfarth, Leipzig 1978, the author instead of the reading to date, christianum, suggests the restitution of the Codex lection Vat. lat. 1873 diristanum, which would be the adjective derived from the toponym D(iristra, a variant of Durostorus, cf. Zonara (XVI 12 e/n Dorosto$lw...toy#to d h% Dri$stra e/sti. Further on, (...scriptis et recitatis, utque dicebat, contemptatis, parandis operibus dies et nox omnis absumpta, two differently noted or emendated points are present. The one is ut dicebat, in a later manuscript, and in Seyfarth's critical edition changed into ut decebat. This emendation is not necessary: the emissary said that he had taken the letter and given the message that was ignored by the inhabitants, and not "given the message as was

  7. Environmental analysis of a tourist development project; Analisi ambientale per un progetto di sviluppo turistico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Forni, A.; Colonna, N.; Olivetti, I. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    delle condizioni ambientali ottimali per il territorio e per la comunita' antropica residente. Le tematiche ambientali hanno dovuto quindi orientare e integrare anche il processo di stesura del Master Plan del Golfo degli Angeli. La relazione tra turismo ed ambiente passa attraverso l'integrazione di tre soggetti: la popolazione, i turisti e il paesaggio. Tutti e tre ricevono vantaggi e svantaggi dall'attivita' turistica e nell'interagire tra loro. Il turismo come bisogno viene soddisfatto mettendo in stretta relazione le proprie personali caratteristiche e le caratteristiche del territorio, fino a raggiungere intense utilizzazioni dello stesso. Il paesaggio e' il concetto con cui si sintetizza l'insieme dell'ambiente naturale ed antropico del territorio, ed il portato della normale attivita' economica produttiva locale. Per realizzare uno sviluppo sostenibile incentrato sul turismo le autorita' competenti in materia ambientale devono valutare la possibilita' di inserire le tematiche ambientali nell'ambito degli investimenti e della formazione in campo turistico. L'ipotesi di sviluppo esplicitata nel progetto per il Golfo degli Angeli comporta il raddoppio delle presenze antropiche nel periodo turistico, con conseguenti aumenti di utilizzazione di risorse naturali, suolo (edificabile e non), acqua (potabile e non), energia (elettrica e non) e di produzione di rifiuti, liquidi e solidi. Tale aumento del carico antropico, concentrato in brevi stagioni dell'anno, comporta la necessita' di avere una notevole attenzione per l'ambiente, in termini gestionali/organizzativi ed anche tecnologici. Il lavoro analizza in dettaglio il turismo, i suoi impatti ambientali e le criticita' ambientali dell'area approfondendo in specifico i seguenti temi: le insufficienze e/o inefficienze degli impianti di depurazione delle acque, l'approvigionamento idrico, le insufficienze degli impianti di

  8. Alle origini del baratto: l'Odin in Sardegna 1974-1975

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Acca

    2013-05-01

    Full Text Available Abstract – IT La complessa vicenda del “baratto”, ideata e attuata da Eugenio Barba e l’Odin Teatret a partire dal 1973-74, è una delle più affascinanti imprese appartenenti alla storia del Nuovo Teatro del Novecento. Il saggio ricostruisce il più oggettivamente possibile la permanenza dell’Odin Teatret in Sardegna, tra il 1974 e il 1975, durante la quale le tante comunità sarde risposero spontaneamente alla proposta dell’Odin, "barattando" il proprio patrimonio di canti, balli e pratiche tradizionali. Nato nella città di Cagliari, l’autore ha potuto spesso cogliere nelle testimonianze di intellettuali e artisti isolani l’eco di quella avventura; una traccia viva, quando non proprio un modello mitico, per più di una generazione di operatori culturali tuttora attivi in Sardegna. Da qui il desiderio di ricucire il filo della memoria, nell’idea di restituire quanto più possibile anche una sottile zona del rimosso, osservando con attenzione le date di questa vicenda e alcune testimonianze ad esse correlate. In particolare, secondo l’autore, la così tanto celebrata fase avvenuta a Carpignano Salentino da maggio a ottobre del 1974, a cui si attribuisce convenzionalmente, da un punto di vista storico, la nascita del baratto, in realtà ha teso a oscurare un precedente assai rilevante, legato all’incursione in terra sarda di Barba e compagni, tra Campidano e Barbagia, avvenuta nel mese di gennaio dello stesso anno. Abstract – EN The complex history of the 'baratto', which was conceived and performed by Eugenio Barba and the Odin Teatret from 1973-74, is one of the most challenging and fascinating projects in the history of XX century theatre. The purpose of the present essay is to retrace, as objectively as possible, Odin's permanence in Sardinia between 1974 and 1975, a period during which many local communities gave a positive feedback to Barba's project by 'bartering' traditional songs, dance and rituals. Born in

  9. The implications of user requirements for the functionality and content of a future EGDI

    Science.gov (United States)

    Pedersen, Mikael; Tulstrup, Jørgen

    2014-05-01

    The FP7 co-funded EGDI-Scope project is conducting analyses, which forms the basis for the development of an implementation plan for a future European Geological Data Infrastructure (EGDI) the aim of which will be to serve pan-European geological information from the European geological survey organisations. An important aspect of the project has been to consult stakeholders in order to deduce requirements, which is a fundamental prerequisite for making recommendations on the content and technical design of the system. It is indisputable that EGDI will have to build on international standards such as OGC and CGI and take into account legislative requirements from e.g. the INSPIRE directive. This will support the tasks of data providers and facilitate integration with other e-Infrastructures, but will not in itself lever the end user experiences. In order to make the future EGDI a successful online contributor of geological information, EGDI-Scope has therefore been looking very concretely into the needs and expectations of various user groups Most people have clear expectations anno 2014. They want to be able to search the web for information, and once found, they expect fast-performing, intuitive web applications with buttons to click, maps to navigate and reliable content to fulfil their immediate needs. In order for the EGDI to handle such requirements, a number of use cases for various thematic areas have been assessed. The use cases reveal (for example) that information about the geological composition of the ground is critical for the assessment of things like ecosystems or ground water quality. But where ecosystem assessment relies on the composition of the surface layers, groundwater geochemistry rely on the lithology of subsurface layers. For both scenarios, harmonised, pan-European geological maps are very important, but the harmonisation should not only relate to lithological classes, but also to the depth representation. The use cases also make clear

  10. Storia, analisi e valutazioni sui mamuthones (I parte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Sale

    2010-12-01

    Full Text Available Abstract – IT Franco Sale, cultore delle tradizioni popolari sarde, mamuthone e scultore di maschere, è l’autore di questa “memoria”, scritta tra il febbraio 1997 e l’ottobre 2004, e il depositario consapevole dell’antichissima eredità dei riti del carnevale di Mamojada (Nuoro, Sardegna. Questa consapevolezza è anche la consapevolezza del pericolo dell’adulterazione – dovute alla svalutazione turistica dei contenuti e degli oggetti del rito, allo zelo eccessivo delle associazioni folcloriche, alla negligenza delle amministrazioni, alla scomparsa dei momenti e degli attori della trasmissione orale – che minaccia i riti del carnevale di Mamojada. In questa testimonianza, pubblicata in due parti su questo e sul prossimo numero di “Antropologia e teatro”, Sale ci racconta luoghi e costumi, tracciando una panoramica storica, tra influenze e tentativi di repressione da parte del potere religioso, fino alla faticosa tradizione attuale, protetta “gelosamente” da pochi e restituita alla gente ogni anno con passione e orgoglio, come per una missione. Sale descrive poi l’organizzazione della performance, il ruolo, la vestizione e l’azione dei mamuthones e degli issohadores, i protagonisti del carnevale mamojadino, soffermandosi su elementi di profondo interesse antropologico, come l’uso e il senso dell’indumento femminile indossato dai performer e il vero punto di inizio dell’azione processionale. Il valore di questa testimonianza è dato dalle accurate argomentazioni autobiografiche dell’autore, che ha vissuto in questo mondo fin da bambino e che di esso ci trasmette le sensazioni, attraverso passaggi preziosi in cui rivela l’impressione di un tempo altro nella cornice del carnevale, evocata dalle greggi silenziose, perché private dei campanacci, usati dai mamuthones, e l’impatto emozionale della maschera e del rito. Abstract – EN Franco Sale, expert of the popular traditions of Sardinia, mamuthone and

  11. Novità procedurali riguardanti la Rota Romana: le facoltà speciali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Joaquín Llobell

    2013-10-01

    Full Text Available Il contributo, accettato dal Direttore, riproduce la Relazione al “V Corso di aggiornamento in diritto matrimoniale e processuale canonico” della Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce (Roma, 16-20 settembre 2013, ed è destinato alla pubblicazione negli Atti del Corso, per i tipi della Edusc, Roma.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La facoltà speciale n. I: «Le sentenze rotali che dichiarano la nullità del matrimonio siano esecutive, senza che occorra una seconda decisione conforme»: 2.1. La prima facoltà speciale vieta l’appello contro la sentenza rotale che dichiara per la prima volta la nullità del matrimonio?; 2.2. Il diritto di appello alla Rota Romana e le fattispecie in cui la Rota può emettere una prima sentenza “pro nullitate matrimonii”; 2.3. Cenni minimi sulle conseguenze della prima facoltà speciale sulla delibazione della prima sentenza a favore della nullità del matrimonio – 3. La facoltà speciale n. II: «Dinanzi alla Rota Romana non è possibile proporre ricorso per la N.C.P. [“nova causae propositio”], dopo che una delle parti ha contratto un nuovo matrimonio canonico» – 4. La facoltà speciale n. III: «Non si dà appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti» – 5. La facoltà speciale n. IV: «Il Decano della Rota Romana ha la potestà di dispensare per grave causa dalle Norme Rotali in materia processuale», con particolare riferimento alla modifica dei turni giudicanti per affidare le cause a collegi “videntibus septem iudicibus” – 6. La facoltà speciale n. V: «Siano avvertiti gli Avvocati Rotali circa il grave obbligo di curare con sollecitudine lo svolgimento delle cause loro affidate, sia di fiducia che d’ufficio, così che il processo davanti alla Rota Romana non ecceda la durata di un anno e mezzo» – 7. Brevissime conclusioni – Appendice (Testo delle facoltà speciali della Rota Romana, 11 febbraio 2013

  12. Letteratura tecnica e formazione degli architetti ai tempi di Antonio Mollari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Gambuti

    2014-04-01

    Full Text Available Nel corso del Settecento, nella letteratura tecnica, a seguito della critica razionalista del pensiero illuminista, cominciano a comparire principî scientifici per migliorare la formazione degli architetti. Nel 1764 Girolamo Fonda, matematico, pubblica gli Elementi di Architettura civile e militare e dedica la prima parte alla “Sodezza delle fabbriche”, premettendo le regole costruttive alla convenienza e all’estetica. Francesco Milizia avvia i Principj di Architettura civile (1781 con i temi della bellezza e della comodità, ma, nella terza parte, tratta della solidità con citazioni di meccanica, fisica e ingegneria. Qualche anno dopo (1788, Girolamo Masi stampa, per la “gioventù romana”, Teoria e Pratica dell’Architettura civile; seguendo il metodo del Fonda e continuando l’opera del Milizia egli propone nozioni sui materiali e sulle “resistenze” con il sussidio di illustrazioni e tabelle. Nel 1772 era stato ristampato il Manuale… di Giovanni Branca con la revisione di Leonardo de Vegni, dilettante di architettura; una notevole utilità didattica apportarono le incisioni di Giovan Battista Cipriani, allegate ai Principj… del Milizia (1800 e le Osservazioni ed aggiunte di Giovanni Antonio Antolini alla stessa opera (1817. All’inizio dell’Ottocento, l’Architettura pratica di Giuseppe Valadier dette un incremento alla formazione professionale degli architetti per mezzo di lezioni teoriche e disegni di procedimenti ed attrezzature per i costruttori di edifici. During the XVIIIth century, in the technical treatises, owing to the rationalist criticism of the Enlightenment movement, scientific principles begin to appear in order to improve the education of the architects. In 1764 Girolamo Fonda, a mathematician, publishes Elementi di Architettura civile e militare and gives up the first part to the “Solidity of Buildings”, putting before the construction rules to the convenience and beauty. Francesco Milizia opens

  13. «Too many Gatsbys in the fire»: un’occasione mancata?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Serrai

    2014-05-01

    Full Text Available Da quando lo scadere del settantesimo anno dalla morte di Francis Scott Fitzgerald ha permesso di sfruttare commercialmente – e legalmente – le sue opere senza dover pagare i diritti d’autore, editori piccoli e grandi hanno invaso le librerie con nuove traduzioni dei suoi lavori più importanti. Nuove? Non sempre. Negli oltre sessant’anni che sono trascorsi dall’ultima versione italiana del Grande Gatsby (Fernanda Pivano per Mondadori, 1950, per esempio, il mondo ha «recuperato» il testo corretto dell’opera, grazie al lavoro di Matthew J. Broccoli; alcuni giovani studiosi – tra tutti, Keith Gandal del City College of New York – hanno guardato al romanzo con occhi nuovi e solida scholarship per offrirne punti di vista in parte inediti e, soprattutto, non viziati da pregiudizio; la teoria e la pratica della traduzione, infine, si sono evolute e il primato della traduzione scorrevole, accettabile e appropriante viene ormai sempre più eroso (almeno nei casi più virtuosi da traduzioni adeguate al testo e alla sua specificità culturale. Le nuove traduzioni tengono conto di tutto questo o sono solo operazioni commerciali? Questo contributo vorrebbe essere da stimolo alla nascita di una nuova tradizione nella ricezione di questo testo, che non risponda esclusivamente a logiche mercantili e narcisismi da catalogo, ma che come accadde per la versione di Fernanda Pivano formi nuove generazioni di lettori, entusiasti ma – soprattutto – consapevoli e informati. Since the coming of the seventieth year after Francis Scott Fitzgerald’s death allowed to commercially – and legally – take advantage of his works without having to pay royalties, publishers big and small flooded bookstores with new translations of his novels. New? Not always. In the more than sixty years since the last Italian version of The Great Gatsby (Fernanda Pivano, Mondadori, 1950 the world gained access to the correct text of the novel, thanks to the efforts of

  14. Management of blunt splenic injuries Retrospective cohort study of early experiences in an Acute Care Surgery Service recently established.

    Science.gov (United States)

    Occhionorelli, Savino; Morganti, Lucia; Andreotti, Dario; Cappellari, Lorenzo; Stano, Rocco; Portinari, Mattia; Vasquez, Giorgio

    2015-01-01

    Il trattamento conservativo dei trauma splenici è ormai il “gold standard” per i bassi gradi di lesione splenica (III grado), mentre è ancora dibattuta la gestione dei traumi splenici severi (IV-V grado). Controversa rimane la gestione dei traumi splenici di III grado, che potrebbero beneficiare del trattamento conservativo, associato o meno ad angioembolizzazione dell’arteria splenica, in centri specializzati ed idonei alla gestione conservativa dei traumi degli organi parenchimatosi. Le ultime linee guida pubblicate dalla “Eastern Association of Surgery of Trauma” risalgono al 2012 e provvedono a dare solo delle raccomandazioni di livello II-III sulla gestioni dei traumi splenici. Il fattore che maggiormente influenza il successo del trattamento conservativo è la selezione dei pazienti che potrebbero beneficiare di tale gestione. Alla luce di ciò, l’obiettivo primario del nostro studio è di identificare i pazienti con lesioni spleniche post-traumatiche, che dovrebbero essere sottoposti a trattamento conservativo; l’obiettivo secondario è di confrontare il decorso clinico e la durata della degenza nei pazienti trattati conservativamente e in quelli sottoposti a splenectomia. Tutti i pazienti con trauma splenico, ricoverati presso l’U.O. di Chirurgia d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliera- Universitaria Sant’Anna, Ferrara (Italia) tra Novembre 2010 (anno in cui è stata istituita l’U.O.) e Dicembre 2014, sono stati inclusi nello studio, per un totale di 54 pazienti. Di questi 54 pazienti, 29 (53.7%) sono stati immediatamente sottoposti ad intervento chirurgico di laparotomia esplorativa e splenectomia, mentre 25 (46.3%) sono stati sottoposti a trattamento conservativo. I pazienti sottoposti ad angioembolizzazione sono stati 9 su 25 (36%). Sono stati raccolti dati epidemiologici, dati riguardanti il decorso clinico e le indagini laboratoristiche e radiologiche a cui i pazienti sono stati sottoposti al momento dell’accesso in Pronto

  15. Effectiveness of the cross-compliance standard 5.2 'buffer strips' on protecting freshwater against diffuse nitrogen pollution

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna Gumiero

    2016-02-01

    Full Text Available Sette Fasce Tampone, realizzate secondo le indicazioni tecniche contenute nello standard di condizionalità 5.2, in diversi ambiti e contesti climatici, sono state monitorate per un periodo biennale, al fine di quantificare la loro efficienza nella rimozione di azoto inorganico disciolto. Tale azoto è costituito per lo più da molecole di azoto nitrico che vengono veicolate principalmente tramite deflussi sub-superficiali da zone soggette a diverse pratiche colturali verso i corpi idrici superficiali adiacenti. Ad eccezione di due casi: i siti di Lodi e Metaponto, in tutti i sistemi monitorati è stata confermata la presenza di deflussi trasversali ai sistemi tampone, permanenti o temporanei, in grado di veicolare inquinanti e con portate variabili fra 919 e 8.590 m3/anno per 100 m lineari di FT. Le differenze di portata sono imputabili principalmente alla diversa superficie dei bacini agricoli afferenti ai sistemi tampone, che nei casi analizzati occupano superfici variabili fra il 3,6 ed il 33,3% del bacino agricolo. Sulla base dei bilanci di massa è emerso che dai campi coltivati giungono ai sistemi tampone percentuali variabili fra l’1,6 ed il 29,4% dell’azoto inorganico applicato. Ad eccezione dei sistemi in cui i maggiori deflussi non hanno alcuna interazione con la rizosfera (deflussi profondi oppure non attraversano la Fascia Tampone, in tutti gli altri siti si registra un effetto di riduzione dell’azoto fra entrata ed uscita, con percentuali variabili fra il 33 ed il 62 %. Percentuali di abbattimento non elevate sono giustificate dallo scarso grado di maturazione dei siti monitorati, in molti casi recentemente convertiti a Fascia Tampone. Ancora una volta si conferma l’estrema eterogeneità delle risposte di questi sistemi ed il ruolo prioritario delle forzanti idrologiche nel determinarne l’efficacia.Seven buffer strips (BS adjacent to fresh water bodies, realized according to the technical data contained in the standard 5

  16. Pathogenia da anemia na Ancylostomose: III - modificações hematicas e organicas, provocadas pelas simples eliminação do Ancylostomo e do Necator, em individuos fortemente anemiados Pathogenesis of Anaemia in Hookworm Disease: III - hematic and organic modifications, induced by mere elimination of Anchylostoma and Necator, in individuals presenting intense anaemia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    W. O. Cruz

    1934-12-01

    Full Text Available Estudamos sob um ponto de vista hematologico, 10 casos puros de Ancylostomose, durante um largo tempo. Um dos doentes foi observado por mais de 2 annos, justificando esta larga observação a segurança que almejavamos alcançar de que a simples eliminação dos helminthos não trouxesse nenhuma modificação hematica, mesmo longiqua. O estudo hematologico constou de 200 exames rotineiros (determinação do numero de globulos, da taxa de Hb., do hematocrito, e, em muitos casos, da taxa dos reticulocytos e exame de esfregaços, praticados em todos os doentes, e de determinações da resistencia globular e outras pesquizas hematologicas praticadas em alguns delles. A grande parte do estudo constou de uma minuciosa (observação sanguinea e clinica dos casos, antes e após administração de vermifugos, até uma completa eliminação dos parasitos intestinaes. Procurou-se averiguar tambem, por meio da administração de diversas dietas, a influencia sobre o quadro hematico da dita eliminação combinada ao effeito de differentes factores nutritivos contidos nestas dietas. Procuramos verificar os phenomenos regenerativos com a administração de ferro, e tambem tivemos opportunidade de observar a marcha da anemia, e assim confirmar resultados que já publicamos. Os resultados mostraram a importancia da absorpção dos medicamentos vermicidas empregados, e por isso focalizamos varios factos similares, procurando relacional-os com aquelle aqui verificado. Discutimos a seguir o methodo therapeutico á luz dos resultados apresentados, e nos referimos á importancia destes na elucidação correcta de pathogenia da doença.We studied, from the hematological viewpoint, 10 straightforward cases of anchylostomiasis for a long time. One of tha patients was under observation for more than 2 years, this ample observation being justified by the reliability at which we aimed that the mere elimination of helminthes conveys no hematic modification, not even a

  17. Screenings of lung cancer with low dose spiral CT: results of a three year pilot study and design of the randomised controlled trial Italung-CT; Screening della neoplasia polmonare con TC spirale a bassa dose: risultati di uno studio pilota triennale e disegno dello studio clinico randomizzato Italung-CT

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Picozzi, Giulia [Firenze Univ., Firenze (Italy). Radiodiagnostica I-Dipartimento di Fisiopatologia Clinica; Paci, Enrico [Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi, Firenze (Italy). Unita' di Epidemiologia Clinica e Descrittiva Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica; Lopes Pegna, Andrea [Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi, Firenze (Italy). U.O. Pneumologia] [and others

    2005-02-01

    Purpose: To report the results of a three-year observational pilot study of lung cancer screening with low dose computed tomography (CT) and to present the study design of a randomised clinical trial named as Italung CT. Materials and methods: Sixty (47 males and 13 females, mean age 64{+-}4.5 years) heavy smokers (at least 20 packs-year) underwent three low-dose spiral CT screening tests one year apart on a single slice or multislice CT scanner. Indeterminate nodules were managed according to the recommendations of the Early Lung Cancer Action Project. Results: Indeterminate nodules were observed in 33 (55%) of the subjects (60% at the baseline screening test, 24% at the first annual test and 16% at the second annual test). The size of the largest indeterminate nodule was <5mm in diameter in 20 subjects. 10 of whom showed the nodule at the baseline test. Forty-five subjects (75%) completed the first annual test and 42 (70%) the second annual test. One (1.6%) prevalent lung cancer (adenosquamous carcinoma) and one (2.2%) incident lung cancer (small cell cancer at the first annual examination) were observed, as well as pulmonary localisation of Hodgkin's lymphoma (at the second annual test). In addition, one subject underwent lung surgery for a chondromatous hamartoma. Conclusions: The results of the pilot study are substantially in line with those of other observational studies of greater sample size. This justifies optimism about the reliability of the results in the screened arm of the Italung Ct trial which hast just began. [Italian] Scopo: Riportare i risultati di uno studio pilota osservazionale di screening della neoplasia polmonare con TC a bassa dose della durata di tre anni e presentare il disegno dello studio clinico randomizzato Italung-CT. Materiale e metodi: Sessanta (47 uomini e 13 donne, eta' media 64{+-}4,5 anni) forti fumatori (almeno 20 pacchetti/anno) sono stati sottoposti ad un esame basale e a due controlli annuali con TC single o

  18. LE STAZIONI DI APPRENDIMENTO: ESEMPI DIDATTICI PER UN APPROCCIO DI TIPO GLOBALE ALL’INSEGNAMENTO DELLA LINGUA ITALIANA A STRANIERI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonietta Gobbis

    2015-02-01

    Full Text Available Il metodo, che si rifà alle teorie pedagogiche di Maria Montessori (1870-1952, è un esempio di lezione “aperta” fondato su pratiche che attivano la sfera emozionale, sensoriale e relazionale oltre a quella logico-razionale della mente. Nel processo di apprendimento di conoscenze acquisite non solo attraverso l’ascolto delle parole dell’insegnante, ma anche attraverso esperienze scelte autonomamente e consapevolmente da soli e in gruppo, l’ambiente delle stazioni didattiche offre tutto il materiale di sviluppo cognitivo in maniera che sia liberamente fruibile dal discente per favorirne la socializzazione e l’autonomia (secondo il motto di Maria Montessori ‘Aiutami a fare da solo’. A lezione esse non solo offrono varietà, comunicazione e divertimento ma, e in ciò è il loro massimo pregio, differenziazione interna al gruppo degli studenti, che possono, senza alcuna pressione da parte dei compagni, lavorare al proprio ritmo e livello scegliendogli esercizi secondo le preferenze individuali lungo un percorso aperto a canali diversi di apprendimento e orientato ad un vivace interscambio con gli altri.Il nostro contributo fa riferimento a tre esempi di stazioni didattiche legate alle feste che più richiamano l’attenzione degli studenti stranieri sul nostro paese: il Natale e il Carnevale. Tali tematiche mostrano come il modello della stazioni didattiche riesca a rapportarsi al vissuto degli studenti motivandoli al raffronto interculturale. Le abbiamo sperimentate in gruppi di studenti dell’Università delle Lingue Mondiali di Tashkent che frequentano il primo e secondo anno del corso di Italiano, studiato come seconda lingua.   Learning stations: didactic examples for a global teaching method This method, based on Maria Montessori’s educational theories, is an example of “open” lessons based on activities that activate emotions, senses and relationships, besides logic and reason. In the learning process knowledge is

  19. Risposta rapida in radioterapia: un percorso dedicato per il paziente con metastasi ossee

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Degli Esposti

    2014-03-01

    nel 2012. Circa il 6% dei pazienti/anno ha avuto necessità di ritrattamento antalgico sulla stessa sede a distanza di 1-6 mesi, mentre l’efficacia del trattamento è risultata essere in linea con i dati della letteratura, con un effetto antalgico completo a un mese nel 25% dei casi circa e una risposta parziale nel 27%. Limiti. Il percorso è stato attualmente implementato solo per i pazienti che afferiscono da strutture della nostra Azienda, in quanto al di fuori della nostra Azienda non è possibile ottenere preventivamente tutte le informazioni necessarie per avviare tale modalità di trattamento. Inoltre, l’indicazione alla seduta singola si basa su una valutazione clinica non del tutto standardizzabile e riproducibile. Conclusioni.I dati a nostra disposizione confermano l’efficacia e l’efficienza di un percorso che preveda la esecuzione di una seduta unica di radioterapia a scopo antalgico per metastasi ossee contestualmente alla presa in carico ed alla pianificazione della stessa.

  20. The “Mostra del Quarantennio” and the Canon of Modern Art at the Venice Biennale in the Interwar Period

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Moure Cecchini

    2016-12-01

    modernista. Essa rappresenta un caso di studio signifi cativo per analizzare la rinegoziazione del canone artistico. La Mostra, inoltre, ha giocato un ruolo chiave nella ridefi nizione del ruolo artistico internazionale di Venezia all’interno dell’organizzazione fascista. Poiché la Mostra ha avuto luogo durante l’anno di intervallo tra le due Biennali e ha ricevuto poco sostegno da parte delle istituzioni governative, è generalmente trascurata nella letteratura sul periodo. Tuttavia, sulla base di documentazione archivistica inedita e della ricostruzione digitale di queste sale internazionali, questo saggio sostiene che la “Mostra dei Quarant’anni” è fondamentale per la nostra comprensione della storia della Biennale e delle politiche culturali dello stato fascista.

  1. Social organization in European small mustelids

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sam Erlinge

    1995-12-01

    spesso includono quello di una o più femmine. Probabilmente i territori sono delimitati principalmente con marcamenti odorosi (feci. Durante la stagione riproduttiva i maschi incrementano i loro movimenti e estendono le loro aree vitali. Il sistema territoriale non viene più mantenuto e le aree vitali dei maschi generalmente si sovrappongono notevolmente. In relazione al loro stato sociale, i maschi adottano differenti strategie: cioè, vagano o restano nella loro area vitale nel tentativo di avere più accoppiamenti possibile. La distribuzione e l'abbondanza delle prede sono considerati i fattori prioritari che determinano il comportamento spaziale delle femmine nell'arco dell'anno. L'elevata richiesta di cibo da parte delle femmine durante l'allevamento della prole si traduce nella difesa ed uso esclusivo di aree limitate. L'organizzazione sociale dei maschi varia stagionalmente in relazione al cambiamento delle risorse di "vitale importanza": durante la stagione riproduttiva diventa prioritario procurarsi femmine recettive, mentre durante quella non riproduttiva diventa fondamentale il cibo.

  2. Micromammiferi del Parco Regionale di Monte Cucco (Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Paci

    2003-10-01

    Full Text Available Il M.te Cucco, situato sull?Appennino umbro-marchigiano settentrionale ma compreso interamente nella provincia di Perugia, per le sue peculiarità naturalistiche è stato dichiarato nel 1995 Parco Naturale Regionale (L.R. 9/95. Molti sono i lavori di valenza scientifica o divulgativa sulle emergenze geo-paleontologiche, floristiche, entomologiche e paesaggistiche di questo massiccio. Da alcuni anni si conducono ricerche ornitologiche e teriologiche, ma per i micromammiferi mancano ancora indagini mirate. Il contributo cerca di fare un primo punto sulla ricchezza della microteriofauna dell?intero ambito protetto e di fornire, al contempo, nuovi dati sulla posizione zoogeografica di alcune specie. La raccolta di informazioni si è rivolta unicamente all?annotazione di vari elementi di presenza (da avvistamento diretto, boli, carcasse, tane, resti di pasto, bibliografia a partire dall?anno 2000. I dati collezionati hanno accertato: 1 Erinaceus europaeus; 2 Sorex minutus; 3 S. samniticus; 4 Crocidura leucodon; 5 C. suaveolens; 6 Suncus etruscus; 7 T. caeca; 8 Talpa europaea; 9 Sciurus vulgaris; 10 Clethrionomys glareolus; 11 Microtus savii; 12 A. flavicollis; 13 Apodemus sylvaticus; 14 Rattus norvegicus; 15 Mus domesticus; 16 Glis glis; 17 Muscardinus avellanarius; 18 Eliomys quercinus. Interessante la presenza di quasi tutti gli Insectivora del centro Italia, alcuni dei quali a diffusione regionale poco conosciuta quali Sorex minutus e Talpa caeca. Quest?ultima, per ecologia e rarità, può essere considerata tra gli elementi faunistici qualificanti la natura dello stesso Parco nel quale, oltre i 1000 m. s.l.m., è risultata in parapatria con Talpa europaea. Anche qui, come in altre località della provincia di Perugia, sono stati trovati crani di

  3. The Arabs and the science of population distribution.

    Science.gov (United States)

    Al-alwani, M

    1982-01-01

    Before the establishment of demography as a scientific discipline, Arab writers had developed and utilized demographic principles in their scientific writings about geography. Early Arab advances in demographic thought, especially in regard to population distribution, were discussed. (All dates were given as anno Hegira (AH), i,e., the dates accord with the Muslim calendar in which the 1st year coincides with Mohammed's flight from Mecca in 622). As early as the 2nd century Hegira, a number of historical writers mentioned population movements, and Arab rulers conducted censuses of conquered areas; however, it was not until the 3rd century Hegitpra that population distribution was treated in a scientific manner. During that century Al-Jahiz made the 1st scientific observation when he noted the importance of enviromental influences on the distribution and disposition of people, and Al-Razi noted that when people came together in large groups they divided up functions between themselves, i.e., he identified the division of labor hundreds of years before Adam Smith. Between 300-900 AH many other writers utilized demographic principles in their writings, but the major contributions to demographic thought were made by Ibn Khaldun (732-800AH) and elaborated by his followers Al-Maqrizi (766-845 AH) and Ahmed Ibn Al-Dalji (770-838 AH). Although scholars recognize the contributions of Ibn Khaldun to sociology and philosophy, little attention is paid to his writings in demography. Ign Khaldun was the 1st to recognize the importance of examining socioeconomic development from a demographic perspective. Many of his writings dealt with the impact of population on socioeconomic factors. Ibn Khaldun estimated that only 1/4 of the world's area was inhabited; modern day estimates are that 30% of the earth's surface is inhabited. He divided the inhabited areas of the then known earth into 7 regions and observed that the population was distributed unevenly in these areas. In his

  4. Il concetto di sicurezza e la sua percezione. Gli studenti universitari si interrogano/Le concept de sécurité et sa perception. Les étudiants universitaires s'interrogent/Security concept and its perception. Questionnaire for University students

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anastasia Moschi

    2013-12-01

    Full Text Available Nell’articolo vengono evidenziati i risultati emersi da una ricerca, concernente la percezione della sicurezza, condotta tra gli studenti universitari nell’anno 2012. Obiettivo dell’indagine era quello di cogliere se, e come, l’appartenenza a corsi di laurea differenti potesse incidere sul modo di trattare e considerare la “questione sicurezza”. Sono emerse, effettivamente, differenze rilevanti nell’approccio al tema in questione declinato nelle sue componenti principali (paura del crimine, vittimizzazione reale e potenziale, interventi auspicabili, preoccupazioni, ruoli istituzionali e dei cittadini. Al contempo però appare evidente anche la necessità che tutti i percorsi universitari e tutti gli attori sociali, anche se da prospettive differenti, si confrontino con il fenomeno-sicurezza per sviluppare una collaborazione tra professionalità diverse che possa condurre verso una cultura della sicurezza. Cet article récapitule les principaux résultats obtenus par une enquête sur la perception de la sécurité menée auprès d’étudiants universitaires en 2012. La présente étude avait pour but d’examiner si le fait d’être inscrit à des cours differents et à différents niveaux pourrait influencer les ideés des étudiants à propos des questions en matière de sécurité. En fait, beaucoup de différences significatives liées à ce sujet ont été remarquées, tels que la peur de la criminalité, le risque réel et potentiel d’être victime de crimes, les mesures d’intervention à envisager, les rôles des institutions et des citoyens. En même temps, l’enquête a souligné la necessité pour les étudiants inscrits à tous les cours et pour tous les acteurs sociaux de se rapprocher au phénomène de la sécurité dans le but de développer la coopération entre différents professionnels en vue d’élaborer une culture commune de la sécurité. This article shows the results of a survey about the perception

  5. Agenda 2020. Vision on the earth sciences; Agenda 2020. Visie op het aardwetenschappelijke wetenschapsveld

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    2011-04-15

    -quality observations. It is precisely such observations and the related studies that are now in trouble, however, owing to inadequate long-term funding. In this report solutions are given and how to approach them. Also insight is given in the necessary investments. [Dutch] De Nederlandse Aardwetenschappen behoren anno 2010 tot de mondiale Top Vijf (zie het recente rapport Research Review Earth Sciences van de Quality Assurance Netherlands Universities (QANU), 2009). In de jaren tachtig en negentig is in Nederland een compacte, goed gefocusseerde en samenwerkende aardwetenschappelijke kennisinfrastructuur van internationale allure gevormd (met nationale onderzoekscholen, een interuniversitaire toponderzoekschool en een aantal niet-universitaire kennisinstellingen, die nauw gelieerd zijn aan de universitaire centra). Het onderzoek- en onderwijsdomein van de Aardwetenschappen is het Systeem Aarde. Het Systeem Aarde staat als gevolg van menselijke invloeden onder toenemende druk, waardoor het steeds moeilijker wordt een duurzame samenleving te realiseren en voor toekomstige generaties te borgen. Klimaatverandering, schaarste aan grondstoffen, omschakeling van het gebruik van fossiele brandstoffen naar duurzame energiebronnen, duurzaam bodem- en waterbeheer en voedselproductie zijn uitdagingen die alleen met bestaande, maar vooral ook nieuwe aardwetenschappelijke kennis kunnen worden opgelost. De Nederlandse Aardwetenschappen worden het komende decennium met drie typen uitdagingen geconfronteerd: (1) de uitstroom van een verhoudingsgewijs zeer groot deel van de wetenschappelijke staf als gevolg van pensionering. Door financiele problemen bij universiteiten en kennisinstellingen is er een risico dat dit leidt tot personele krimp, terwijl - internationaal gezien - de aardwetenschappelijke capaciteit fors groeit; (2) aardwetenschappelijk onderzoek kan alleen op mondiaal niveau worden gerealiseerd met state of the art - en veelal kostbare - onderzoeksfaciliteiten waarvan het maar de vraag is

  6. Differentially Analysis of Liver Transcriptomes of Finishing Pigs Fed Different Dietary Fats Sources%不同脂肪源饲粮育成猪肝脏转录组差异分析

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    李建平; 秦贵信; 赵志辉; 张巧灵; 王大力; 孙博兴; 姜海龙

    2015-01-01

    本试验旨在肥育猪饲粮中分别添加红花籽油和椰子油,采集育成猪肝脏组织,进行高通量转录组测序,找出2种处理间的差异表达基因. 利用Illumina HiSeqTM 2500高通量RNA-seq测序技术对2种处理育成猪肝脏进行转录组测序,使用TopHat2软件将测序得到的Reads序列与猪参考基因组(Sscrofa 10.2)序列比对,找出差异表达基因,并在Nr、GO和KEGG数据库中进行功能注释、富集分析和聚类分析. 结果显示:红花籽油组和椰子油组肝脏差异表达基因共有938个,与椰子油组相比,红花籽油组表达上调基因有479个,下调基因有459个;GO功能分类注释到细胞组成、生物学过程和分子功能数据库中差异表达基因数分别有773、768 和729个;注释到KEGG通路中差异表达基因数346个,显著富集通路为酮体生成与降解通路和类萜骨架生物合成通路( P<0.05).%The study was to detect differentially expressed genes in liver of finishing pigs which were divided into two groups and separately fed safflower seed oil and coconut oil. The chosen pigs were slaughtered and liv-er tissue were isolated and their mRNA were respectively extracted. The liver transcriptomes were analyzed by Illumina HiSeq TM 2500 high-throughput RNA sequencing system. All RNA-Seq reads were mapped on the reference pig genome ( Sscrofa10.2) using TopHat2 software. All of differentially expressed genes were anno-tated using Nr, GO and KEGG databases. The results showed that there were 938 differentially expressed genes in liver between two groups. 479 genes were up-regulated and 459 genes were down-regulated in safflower seed oil group vs. coconut oil group. There were 773 differentially expressed genes annotated into database of cellu-lar component, 768 into biological process, 729 into molecular function in GO databases. There were 346 dif-ferentially expressed genes annotated into KEGG databases, and clustered pathways of differentially expressed

  7. Methods of censusing Red fox (Vulpes vulpes populations / Metodi di censimento della Volpe (Vulpes vulpes

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Francisco Beltrán

    1991-07-01

    , radioisotopi rilevabili nelle feci, collari radiotelemetrici e metodi che si basano sulle statistiche venatorie e sui trappolaggi; (b metodi che non richiedono la cattura degli animali e che riguardano sia rilevamenti diretti (conteggio notturno, avvistamenti casuali, censimento in battuta, sia indiretti (conteggio delle tane, conteggio delle impronte e delle feci su percorsi definiti, stazioni odorifere. Raramente l'analisi statistica è applicabile alle stime della consistenza delle popolazioni. I metodi che implicano la cattura degli animali sono molto impegnativi in termini di tempo e costi, ma forniscono stime più accurate rispetto a quelli del secondo gruppo che non sono adatti per la comparazione dei dati da un anno all'altro. Questi limiti vanno attentamente considerati in relazione alle finalità e al grado di precisione che si intende raggiungere. Noi suggeriamo l'impiego simultaneo di più metodi di censimento (almeno uno per ciascun gruppo, per una comparazione incrociata dei dati e per ottenere una stima corretta della consistenza.

  8. Ibridismo è ideologia Alcune considerazioni sul poema in prosa di Jiménez.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ida Grasso

    2016-05-01

    Full Text Available Le raccolte Platero y yo e Diario de un poeta reciencasado nate, come ricorda lo stesso Jiménez, da reali occasioni autobiografiche, e pubblicate nello stesso anno (1917 costituiscono uno snodo importante non solo nella produzione lirica del grande poeta di Moguer. In esse la novità è anzitutto di tipo formale: sperimentando con sempre maggiore consapevolezza il genere del poema in prosa, e contaminandolo, come si vede in modo particolare nel Diario, con la versificazione libera, Jiménez avvia una seconda fase della sua ricerca poetica. A quale tradizione lirica, in primo luogo ispanica, e poi europea, è possibile ascrivere l’ibridazione dei generi poetici sperimentata da Jiménez? Quale finalità lirica esorta il poeta ad adoperare il poema in prosa per narrare di personali esperienze biografiche? Che tipo di soggettività veicola questo genere-non genere della modernità? E più in generale: è possibile che l’autore andaluso attribuisca al poema in prosa, oltre che una funzione lirico-narrativa, precipui contenuti metapoetici? Nel presente studio si proverà a rispondere a tali interrogativi a partire dallo studio delle due opere menzionate, che hanno il vantaggio di definirsi come due campioni pressocché coevi dell’ibridismo del poeta. L’ipotesi è che in Platero e nel Diario Jiménez si faccia portavoce di una sorta di personale bilancio, non solo rispetto alla tradizione modernista ispanica, ma anche a quella europea. In controtendenza con quest’ultima, che trova il suo archetipo negli Spleen baudelairiani, per l’autore andaluso l’ibridazione dei generi lirici non è una modalità di rappresentazione della disarticolazione del moderno, ma al contrario, e piuttosto in linea con la generazione lirica ispanica a cui egli appartiene, di affermazione di una visione di un mondo coeso e denso di ethos.} Jiménez’s collections of poems Platero y yo and Diario de un poeta reciencasado, written after real

  9. The atmospheric degradation of a durable lithotype used in Northern Italy: the Oira stone

    Science.gov (United States)

    Toniolo, Lucia; Bugini, Roberto; Gulotta, Davide

    2016-04-01

    since the early XX century. The onsite evaluation of the stone blocks of the façade after more than a century of exposition showed a distinctive surface colour alteration. The formation of a fragile superficial layer of few millimetres thickness with scaling and progressive detachment, has been observed and documented by portable digital microscopy. Samples of the stone have been collected and studied by optical microscopy and scanning electron microscopy on loose fragments, thin sections and polished cross-sections. An interesting and unusualn phenomenon of alteration of the olivine phase has been pointed out [2]. The mineralogical and compositional features were also investigated by means of XRD and FTIR analyses. The results showed that the colour variation can be correlated to the chemical alteration of the stone, which results in the deployment of the magnesium and aluminium content of the most external portion of the material. The study has been conducted in the framework of the diagnostic and monitoring activity for the ongoing conservation work of the façade. [1] Cassinelli, R. (Ed). 1988. Monza anno 1300. La Basilica di S. Giovanni Battista e la sua facciata. Edizioni Cariplo, Milan, Italy. [2] Beard, J. S. et al. 2009. Onset and Progression of Serpentinization and Magnetite Formation in Olivine-rich Troctolite from IODP Hole U1309D. Journal of Petrology, Vol. 0, pp. 1-17.

  10. Doença de peixes fluviaes do Brasil Disease of fishes in Brazilian rivers

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Genesio Pacheco

    1935-12-01

    Full Text Available Nos ultimos annos teem sido observadas mortandades de peixes nos rios do Estado de S. Paulo. Vê-se, das informações obtidas pelo autor e por outros pesquisadores, que o phenomeno não parece novo entre nós; elle tem sido tambem verificado em outros rios do Brasil, embora não repetido com tanta regularidade como agora. Ficou demonstrado no presente trabalho, tratar-se de uma doença contagiosa, causada por um virus filtravel. Apparecem, a principio, alguns peixes doentes ou mortos; seu numero cresce muito nos dias seguintes. Parece serem atacados logo a maioria dos peixes do local onde ella surge porque, em 2 a 3 dias adoecem milhares e, em poucos, 8 a 15, decresce rapidamente o numero de animaes doentes e mortos. Nesse tempo a doença propagou-se a outros rios, relacionados com o primeiro, a montante ou a jusante delle, até muito distante do ponto onde começou a doença. A doença caracterisa-se clinicamente pela diminuição da capacidade motora dos peixes, que se movem com pouca actividade, deixando-se levar pela correnteza ou procurando permanecer nos pontos remansosos do rio; e pela tendencia a subir á superficie das aguas, em posição vertical ou obliqua, differente dos peixes sãos, que sobem horizontalmente. No inicio da doença os peixes defendem-se da captura, mais tarde são facilmente apprehendidos com a mão. As lesões se resumem em manchas, de tamanho variavel, situadas de cada lado do dorso. Essas manchas nem sempre são presentes. Mais constante é a congestão das nadadeiras, principalmente das nadadeiras peitoraes. Internamente ha augmento de muco na garganta, pallidez do figado e congestão da vesicula biliar, cuja bile é amarellada. Essas lesões internas tambem não são constantes. A doença transmitte-se: directamente, pela cohabitação de peixes seguramente sãos com peixes doentes, ou pela juncção de virus á água contendo peixes sãos; indirectamente, pela agua contaminada, ou pela agua filtrada em vela

  11. Intoxicação por veneno de cobra: necrose symetrica da cortex renal: uremia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Penna de Azevedo

    1938-01-01

    Full Text Available Em um caso fatal de ophidismo, em individuo de 15 annos de edade, picado por uma cobra jararaca (Bothrops jararaca na face externa da perna direita e que veio a fallecer 26 dias apoz o accidente, os A.A, descrevem as lesões anatomo-pathologicas encontradas e as modificações do metabolismo, evidenciadas pelos exames chimicos do sangue. As principaes alterações existentes, acham-se localisadas nos rins os quaes apresentam lesões de glomerulonephrite diffusa e o aspecto typico da necrose cortical symmetrica. Como alterações de maior significação observam-se ainda lesões vasculares de grande intensidade e constituidas essencialmente por processo de endoarterite productiva. A necrose symmetrica da cortex renal, a vista das intensas alterações vasculares (endoarterite productiva que acarretaram a obliteração das arterías, é considerada como a consequencia immediata de taes lesões vasculares. Os vasos renaes, séde do processo inflammatorio, são as arterias interlobar, arciforme e interlobular, mas principalmente as arteriolares da camada cortical. O processo de endoarterite assume sempre o carater progressivo, de modo que a luz vascular vae sendo aos poucos, totalmente obstruida. Ao contrario do que se tem observado nos casos de necrose cortical symmetrica, citados na literatura, em que as alterações parenchymatosas são consequentes a thrombose dos vasos reanes, no caso presente esse aspecto não foi verificado mas tão sómente a existencia da endoarterite productiva obliterante. Consideram os A.A. as lesões renaes no caso que estudaram, como a resultante da actuação lenta e prolongada do veneno de cobra sobre as estructuras renaes, baseados nos seguintes factos já conhecidos e admittidos: eliminação do veneno de cobra pelos rins; capacidade do mesmo veneno, determinar a glomerulo-nephrite diffusa e acção do veneno de cobra sobre o endothelio vascular, facilitada essencialmente pela funcção especifica do orgão. As

  12. xFID: un sistema innovativo per l’autoprestito e la ricognizione inventariale in biblioteca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Contino

    2011-09-01

    si sono succeduti, parzialmente finanziati dalla Regione Lazio con i fondi della gara per le frequenza UMTS, è stato la realizzazione del sistema xFID. A ciò si è aggiunta un anno dopo circa la collaborazione di Motorola Italia, grazie alla cui partnership il progetto si è avviato a conclusione nel primo semestre del 2010, con il rilascio della piattaforma XFID, completa in tutti i suoi moduli.EnCASPUR together with the Department of Physics of University “La Sapienza” of Rome has started more than three years ago a fruitful collaboration on technology issues connected to RFID (Radio Frequency IDentification as mean for services simplification in libraries. Outcome of this collaboration has been the development of a system for self-loan, shoplifting and automatic inventory in library, called xFID. This system uses radio frequency technology (RFID in the UHF range in order to identify both loaned volumes and patrons. Stress and validation tests have been intensively and successfully conducted in the past year using as test environment one of the university library. Now xFID is currently used in three different libraries of University La Sapienza (Dept. of Physics, of “Storia dell’Arte e dello Spettacolo” and Engineering.The design and implementation of this system find their origins in a request made in 2007 by a working group composed of university librarians, who were searching for an alternative to similar commercial products available at these times. CASPUR and the Department of Physics, following their natural inclination to R&D, initially started to implement the project keeping in mind those key features a new library system should have had: system innovativity; usage of “open” software solutions; system scalability; costs containment. All the efforts put on the projects led to the development of xFID, which has also been funded by Regione Lazio with an economic contribution coming from the national project called SBN and the effective

  13. Environmental analysis of a tourist development project; Analisi ambientale per un progetto di sviluppo turistico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Forni, A.; Colonna, N.; Olivetti, I. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    delle condizioni ambientali ottimali per il territorio e per la comunita' antropica residente. Le tematiche ambientali hanno dovuto quindi orientare e integrare anche il processo di stesura del Master Plan del Golfo degli Angeli. La relazione tra turismo ed ambiente passa attraverso l'integrazione di tre soggetti: la popolazione, i turisti e il paesaggio. Tutti e tre ricevono vantaggi e svantaggi dall'attivita' turistica e nell'interagire tra loro. Il turismo come bisogno viene soddisfatto mettendo in stretta relazione le proprie personali caratteristiche e le caratteristiche del territorio, fino a raggiungere intense utilizzazioni dello stesso. Il paesaggio e' il concetto con cui si sintetizza l'insieme dell'ambiente naturale ed antropico del territorio, ed il portato della normale attivita' economica produttiva locale. Per realizzare uno sviluppo sostenibile incentrato sul turismo le autorita' competenti in materia ambientale devono valutare la possibilita' di inserire le tematiche ambientali nell'ambito degli investimenti e della formazione in campo turistico. L'ipotesi di sviluppo esplicitata nel progetto per il Golfo degli Angeli comporta il raddoppio delle presenze antropiche nel periodo turistico, con conseguenti aumenti di utilizzazione di risorse naturali, suolo (edificabile e non), acqua (potabile e non), energia (elettrica e non) e di produzione di rifiuti, liquidi e solidi. Tale aumento del carico antropico, concentrato in brevi stagioni dell'anno, comporta la necessita' di avere una notevole attenzione per l'ambiente, in termini gestionali/organizzativi ed anche tecnologici. Il lavoro analizza in dettaglio il turismo, i suoi impatti ambientali e le criticita' ambientali dell'area approfondendo in specifico i seguenti temi: le insufficienze e/o inefficienze degli impianti di depurazione delle acque, l'approvigionamento idrico, le insufficienze degli impianti di

  14. Activity patterns of the stone marten Martes foina Erxleben, 1777, in relation to some environmental factors

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Posillico

    1995-12-01

    significantly correlated to any food category, except reptiles, a spring and summer prey. Coleoptera and Orthoptera, the main invertebrate food, and fruits, correlated poorly to activity. Surprisingly, food does not seem to be the primary factor responsible for variation in activity patterns. Riassunto Attività della faina Martes foina Erxleben, 1777, in relazione a alcuni parametri ambientali - Tre faine (2 maschi, 1 femmina Martes foina Erxleben, 1777, sono state studiate con tecniche radiotelemetriche per 4, 2,5 e 12 mesi rispettivamente, in un'area rurale della provincia di Siena. L'alimentazione è stata valutata tramite analisi fecali, come frequenza di comparsa e volume stimato. L'attività totale, notturna, diurna e crepuscolare sono state misurate come proporzione di rilevamenti attivi e elaborate quindicinalmente. La variazione stagionale dell'attività è stata correlata a T°C media, fotoperiodo, piovosità, alimentazione e ampiezza di nicchia trofica. L'attività totale è stata ripartita in fasce orarie e comparata tra le stagioni. La frutta costituisce la base dell'alimentazione, il suo uso è massimo in estate e autunno, seguito da vertebrati e invertebrati, che invece costituiscono la principale fonte di cibo in inverno e primavera. Non sono state riscontrate differenze significative tra i tre animali per quantità e ripartizione dell'attività in fasce orarie. L'attività totale è massima in estate e decresce significativamente nel resto dell'anno. L'attività notturna (massima in autunno e in inverno differisce significativamente tra le stagioni, tranne che per l'estate rispetto alla primavera e per l'inverno rispetto all'autunno. Anche l'attività diurna differisce significativamente tra le stagioni, tranne che per la primavera rispetto all'estate (quando è massima e per l'autunno rispetto all'inverno (quando raggiunge un minimo. L'attività crepuscolare resta costante per l'intero periodo di studio. La

  15. Παρατηρήσεις σχετικά με το ταξίδι της επιστροφής του Λιουτπράνδου

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ι. ΔΗΜΗΤΡΟΥΚΑΣ

    1997-09-01

    Full Text Available Ι. Dimitroukas Bemerkungen zu der Rückreise LiutprandsIm Rahmen der vorliegenden Untersuchung wurde die Rückreise der Gesandtschaft  Liutprands anno  968/969  in bezug auf  Itinerar, Reisezeiten und -mittel einer eingehenden Analyse unterzogen. Die 26köpfige Legation fuhr am 2. 10. 968 im Geleit eines Postbeamten von Konstantinopel ab. Die Fahrt wurde vorzeitig in einem nordägäischen Hafen, wahrscheinlich in Maroneia oder Christupolis oder Thessalonike, beendet, worauf die Gesandtschaft «ambulando, asinando, equitando» ihre Reise auf dem Landweg fortsetzte. Bis Naupaktos brauchte sie insgesamt 49 Tage. Mit Hilfe verschiedener Belege konnte festgestellt werden, daß Reisen zwischen der Hauptstadt und der Peloponnes in der Zeitspanne vom 10. bis zum 15. Jh. im Durchschnitt 31 bis 35 Tage in Anspruch nahmen, vorausgesetzt daß sie gänzlich oder größtenteils auf dem Landweg erfolgten. Die Reise Liutprands dauerte zumindest 2 Wochen länger. Diese Verlängerung scheint ausschließlich oder hauptsächlich auf die erste Etappe der Reise, d. h. die Seereise, bezogen werden zu müssen, zumal der Schiffsverkehr durch den Hellespont in die Nordiigäis in dieser fortgeschrittenen Jahreszeit sehr oft durch unbeständige Witterungsverhältnisse behindert und zeitweise durch Südwinde zum Stillen gebracht wurde.Was das Itinerar betrifft, schlug die Legation von Thessalonike aus einen Weg ein, der vom Ende des 9. bis zum Ende des 11. Jh. als wichtige Postverbindung belegt ist. Im einzelnen folgte sie entweder der Variante über Berroia oder dem Küstenweg über Kitros, um dann auf der «kaiserlichen Straße» im Tempe-Tal Larissa und über Pharsalos Zetunion zu erreichen. Kaum bequem dürfte die letzte Reiseetappe auf gebirgigem Gelände durch Phokis verlaufen sein.In Naupaktos verlud der Beamte die Gesandten auf zwei navicula und vertraute sie zwei Eilboten (Mandatoren an. Beide Fahrzeuge müssen genauso klein wie Fährschiffe gewesen sein

  16. Geographical epidemiology of antibacterials in the preschool age

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cartabia Massimo

    2012-12-01

    permanent education activities. Moreover, the competent authorities should increasing their efforts to limit unnecessary prescriptions and increase appropriateness of prescribing. Riassunto Introduzione Le mappe tematiche consentono una più rapida ed immediata lettura delle differenze geografiche nella distribuzione di dati riferiti ad un territorio specifico. Lo scopo dello studio è mostrare, per la prima volta, l’applicazione di alcuni strumenti statistici e cartografici, nell’analisi dell’uso dei farmaci nella popolazione pediatrica di una regione italiana e valutare le differenze intra-regionali. Metodi Per valutare il tipo di distribuzione geografica delle prescrizioni, sono stati calcolati i tassi di prevalenza standardizzati (punteggi-z a livello di ASL, Distretti Sanitari e Comuni. Per valutare la correlazione con le ospedalizzazioni è stato usato il coefficiente di correlazione di Pearson; per valutare l’esistenza di autocorrelazione spaziale è stato usato l’indice I di Moran. Tramite l’uso della statistica G di Getis-Ord sono stati identificati cluster di aree ad alto e basso livello di prevalenza. Infine con un modello di regressione logistica è stata stimata la probabilità di ricevere almeno una prescrizione nel corso dell’anno per tutti i pazienti inclusi nello studio. Risultati Con l’uso delle mappe è possibile vedere che le prescrizioni non sono correlate con lo stato di salute della popolazione, ma sono correlate con l’attitudine prescrittiva del pediatra. Questo è confermato anche dal modello di regressione logistica costruito per stimare la probabilità di ricevere almeno una prescrizione considerando come variabili indipendenti l’età, il sesso, la prevalenza di ricoveri nel distretto di residenza, l’attitudine prescrittiva del pediatra, la classe di età del pediatra e la durata della convenzione del pediatra con l’Azienda Sanitaria Locale (ASL. Conclusioni Gli interventi primari per razionalizzare l’uso degli

  17. Osteoid osteoma: our experience using radio-frequency (RF) treatment; L'osteoma osteoide: nostra esperienza nel trattamento mediante radiofrequenza (RF)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mastrantuono, Donato; Martorano, Domenico; Verna, Valter; Mancini, Andrea; Faletti, Carlo [U.O.A. di Radiologia Diagnostica C.T.O., Torino (Italy). Dipartimento di Diagnostica per Immagini

    2005-03-01

    clinical results indicate a 100% success rate with complete remission of symptoms and no relapses having been reported at the time of writing for those patients who have arrived at the two year follow up (4 out of 21) [Italian] Scopo: La finalita' del nostro lavoro e' presentare i risultati ottenuti nel trattamento mediante RF dell'osteoma osteoide utilizzando una tecnica a minima invasivita' messa a punto dalla nostra equipe, alla luce del secondo anno di attivita'. Materiale e metodi: Da Gennaio 2001 ad Aprile 2003 sono stati trattati ventuno pazienti affetti da osteoma osteoide (15 maschi e 6 femmine d'eta' compresa tra 13 e 34 anni). Le lesioni erano localizzate 1 al bacino, 12 al femore (terzo prossimale e medio della diafisi), 3 al terzo prossimale diafissario di tibia, 3 al piede e 2 al terzo prossimale diafissario di omero. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a radiografia, scintigrafia e TC. All'inizio della procedura, con l'ausilio della TC, viene fissato sul corticale un filo di Kirshner (f-K), di calibro appena superiore a quello dell'ago-elettrodo (17 G), posizionato manualmente allo zenith della zona bersaglio; utilizzando un trapano ortopedico, il f-K viene introdotto sino al nidus. Sulla guida del f-K si fa procedere un introduttore, da noi appositamente studiato e realizzato al fine di non perdere l'accesso al nidus nella fase di scambio tra f-K/ago-elettrodo, sul quale, rimosso il filo d'acciaio, si posiziona l'ago-elettrodo nella lesione. La temperatura raggiunta dalla punta esposta dell'ago-elettrodo e' di 90{sup o} C; la durata dell'ipertermia e' in media di sei minuti. Al termine viene effettuata una scansione di controllo con misurazione della densita' nella sede di trattamento: tale misurazione e' utilizzata come indice di evoluzione del processo riparativo nel follow-up. Risultati: Nel corso delle procedure effettuate non abbiamo avuto complicanze

  18. Endovascular treatment of splenic artery aneurysms; Trattamento endovascolare degli aneurismi dell'arteria splenica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lagana, Domenico; Carrafiello, Gianpaolo; Mangini, Monica; Fontana, Federico; Dizonno, Massimiliano; Fugazzola, Carlo [Insubria Univ., Varese (Italy). Cattedra di radiologia; Castelli, Patrizio [Insubria Univ., Varese (Italy). Chirurgia vascolare

    2005-07-15

    techniques, endovascular treatment is feasible in nearly all SAAs. It ensures good immediate and long term results, and no doubt presents some advantages in comparison to surgical treatment, as it less invasive and allows the preservation of splenic function. [Italian] Scopo. Verificare l'efficacia del trattamento endovascolare degli aneurismi dell'arteria splenica (AAS). Materiale e metodi. Nel periodo compreso tra maggio 2000 e giugno 2003 sono stati trattati 11 AAS veri in 9 pazienti (7 femmine e 2 maschi; eta media 58 anni), 8 sacciformi e 3 fusiformi, 4 localizzati al tratto medio, 5 al tratto distale e 2 intrasplenici. La diagnosi e stata effettuata con eco color Doppler e/o angio-TC ed e risultata occasionate in 7 pazienti e conseguente a dolore in ipocondrio sinistro in 1 caso; un AAS e stato riscontrato in fase di fissurazione. Quattro AAS sono stati esclusi mediante embolizzazione della sacca con microspirali, con preservazione della continuita dell'asse vascolare; in 2 casi e stata associata l'iniezione transcatetere di cianoacrilato. In 4 casi e stata effettuata una legatura endovascolare, con ischemia settoriaie della milza. Un AAS fisstirato e stato trattato in urgenza con embolizzazione massiva mediante cianoacrilato dell'arteria splenica. I 2 aneurismi intrasplenici sono stati esclusi, l'uno mediante embolizzazione dell'arteria afferente con cianoacrilato e l'altro con iniezione transcatetere di trombina nella sacca aneurismatica. Risultati. E stata ottenuta la devascolarizzazione completa di tutti gli AAS (in 10/11 al termine della procedura; in 1/11 al controllo TC, effettuato dopo 3 giorni). Il follow-up (durata media 18 mesi; range 6-36 mesi) e stato espletato con eco color Doppler e/o angio-TC a 3, 6, 12 mesi e successivamente una volta all'anno; la completa esclusione degli aneurismi e stata confermata in 11/11 casi. Le complicanze riscontrate sono state: 4 casi di pleurite sinistra di modesta entita; febbre

  19. Geographical epidemiology of antibacterials in the preschool age

    Science.gov (United States)

    2012-01-01

    activities. Moreover, the competent authorities should increasing their efforts to limit unnecessary prescriptions and increase appropriateness of prescribing. Riassunto Introduzione Le mappe tematiche consentono una più rapida ed immediata lettura delle differenze geografiche nella distribuzione di dati riferiti ad un territorio specifico. Lo scopo dello studio è mostrare, per la prima volta, l’applicazione di alcuni strumenti statistici e cartografici, nell’analisi dell’uso dei farmaci nella popolazione pediatrica di una regione italiana e valutare le differenze intra-regionali. Metodi Per valutare il tipo di distribuzione geografica delle prescrizioni, sono stati calcolati i tassi di prevalenza standardizzati (punteggi-z) a livello di ASL, Distretti Sanitari e Comuni. Per valutare la correlazione con le ospedalizzazioni è stato usato il coefficiente di correlazione di Pearson; per valutare l’esistenza di autocorrelazione spaziale è stato usato l’indice I di Moran. Tramite l’uso della statistica G di Getis-Ord sono stati identificati cluster di aree ad alto e basso livello di prevalenza. Infine con un modello di regressione logistica è stata stimata la probabilità di ricevere almeno una prescrizione nel corso dell’anno per tutti i pazienti inclusi nello studio. Risultati Con l’uso delle mappe è possibile vedere che le prescrizioni non sono correlate con lo stato di salute della popolazione, ma sono correlate con l’attitudine prescrittiva del pediatra. Questo è confermato anche dal modello di regressione logistica costruito per stimare la probabilità di ricevere almeno una prescrizione considerando come variabili indipendenti l’età, il sesso, la prevalenza di ricoveri nel distretto di residenza, l’attitudine prescrittiva del pediatra, la classe di età del pediatra e la durata della convenzione del pediatra con l’Azienda Sanitaria Locale (ASL). Conclusioni Gli interventi primari per razionalizzare l’uso degli antibiotici in et

  20. O grupo pullorum-gallinarum em provas bacteriologicas comparativas The pullorum-gallinarum group in comparative bacteriological tests

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Genesio Pacheco

    1936-01-01

    Full Text Available Foram examinadas 38 amostras de germens do grupo pullorumgallinarum, de origem européa, americana ou isoladas no Brasil, acompanhadas bacteriologicamente durante 3 annos, na fixidez de suas propriedades ou na possibilidade de sua transformação dum typo em outro. a Distinguiram-se no estudo das propriedades cinco typos de germens no grupo pullorumgallinarum - 1 pullorum gazogeno, 2 pullorum não gazogeno, 3 intermedius, 4 gallinarum ou intermedius? gazogeno, 5 gallinarum não gazogeno. Os 2 primeiros e o 5º já bem cinhecidos e acceitos; o 4º admittido por Beck & Eber, em 1929, o 3º evidenciado por nós em 1935. b O typo gallinarum gazogeno deve ser mais propriamente talvez considerado como typo intermedius gazogeno a vista de sua acção sobre sorbita e a xylose e sobre o meio de Jordan. c O quadro final resume as caracteristicas mais importantes destes cinco typos, baseando-se a differenciação principalmente na alteração do vermelho neutro, na produção de H²S, na fermentação de glycerina, rhamnose, xylose, dulcita, sorbita e maltose, na acção sobre o tartaro, na producção de gaz e no aspecto das colonias na superficie de certos meios de cultura. d Outras propriedades biologicas examinadas - acção sobre o leite, sôro de leite, dextrina, etc, admitidos por varios pesquizadores na differenciação, parecem distituidas de valor. e As amostras mantiveram fixas as suas propriedades durante todo o tempo em que foram acompanhadas. A hypothese de uma possivel transformação de um typo em outro não foi confirmada em nenhuma das amostras estudadas, justificando a entidade dos varios typos admittidos. f Discrepancias observadas na fermentação da maltose, referidas por varios pesquizadores com germens desse grupo, não foram confirmadas no presente trabalho. g Encontrou-se no sôro sanguineo um factor capaz de transformar a maltose em glycose, tornando aquelle assucar fermentescivel. Essa substancia é thermo-estavel e resiste

  1. Role of multimedial diagnosis of breast cancer in women below 36 year of age; Ruolo della diagnostica integrata nella diagnosi del carcinoma mammario nelle donne con eta' inferiore ai 36 anni

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciacco, Stefano; Brancato, Beniamino [Centro per lo studio della prevenzione oncologica, Firenze (Italy)

    2005-04-01

    mammography, 73.5% for ultrasonography and 90.9% for cytology (97.7% if inadequate samples were excluded), and overall sensitivity would be 96.1%. Conclusions: Differential diagnosis of breast cancer in women aged under 36 years is difficult, sensitivity being lower as compared to older women, with the only exception of cytology. The association of multiple tests (diagnostic imaging and cytology) is crucial to achieve an acceptable false negative rate. In particular, the extensive use of cytology in the presence of an even minimal doubt at palpation and/or imaging is strongly recommendable. Sensitivity must be calculated on the basis of an independent pathology registry, and false negatives must be defined within a given period after the test. Analysis limited to tests performed immediately before diagnosis leads to a biased over-estimation of sensitivity. [Italian] Scopo: Valutare la sensibilit� per carcinoma mammario delle diverse metodologie diagnostiche impiegate in una serie consecutiva di donne di et� inferiore ai 36 anni. Materiale e metodi: Analisi di 155 soggetti, con carcinoma incidente nel Registro Tumori Toscano dal 1985 al 2000. la sensibilit� delle metodiche � valutata rispetto all'esame pi� recente eseguito nell'anno precedente la diagnosi, in funzione di diverse variabili, quali le dimensioni del tumore e il periodo temporale. Risultati: La sensibilit� � risultata del 70.3% per l'esame clinico, 76.0% per la mammografia, 69.1% per l'ecografia e 80.6% per la citologia (86.2%, escludendo i prelievi inadeguati). La sensibilit� dipende dallo stadio per la clinica (pT1=60.6%; pT2=4=86.4%; {chi}2=10.2, p=0.001) e per l'ecografia (pT1=61.9%; pT2=4=92.0%; {chi}2=5.7, p=0.001) e dalla densit� radiologica del seno per la mammografia (densit� 50-100% =75.5%; 0-50 densit�=91.3%; {chi}2=1.85, p<0.17). Nei 112 casi esaminati con clinica, mammografia e citologia i tre metodi hanno avuto sensibilit� rispettivamente del 78.5%, 75

  2. Pathogenia da anemia na Ancylostomose: II - causas determinantes dos phenomenos regenerativos e degenerativos nessa anemia e contribuições para elucidar o seu mechanismo intimo Pathogenesis of Anaemia in Hookworm Disease: II - causes wich determine the regenerative and degenerative phenomena in this anaemia and contributions towards the elucidation of their inmost mechanism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    W. O. Cruz

    1934-12-01

    Full Text Available Estudamos 25 casos escolhidos de Ancylostomose, procurando determinar quaes os factores que provocam a regeneração hematica, procurando o mechanismo desta regeneração e o desenvolver do processo anemiante. Preferimos seleccionar um numero pequeno de casos e acompanhal-o durante um largo tempo, observando alguns delles durante 1 a 1 anno e meio. A parte hematologica constou, além de 568 exames rotineiros (numeração das hematias, dosagem de Hb., determinação do hematocrito, e na maioria das vezes, determinação da taxa de reticulocytose verificação do aspecto morphologico do sangue em esfregaços, de pesquisas sobre a resistencia globular, sobre a taxa de proteinas no sôro, e em alguns casos, contagem de plaquetas, determinação da viscosidade, etc. Empregamos para estas pesquizas os methodos usuaes, a não ser na determinação da resistencia globular, para a qual descrevemos detalhadamente um processo pouco usado. Durante todo o transcorrer das observações, a actividade biologica dos helminthos parasitos foi controlada por numerosos exames de fezes, que constavam da pesquiza de ovos eliminados, de reacções chimicas que demonstrassem a presença de sangue. Exames de urina foram feitos periodicamente e outros exames foram praticados quando sobrevinha uma complicação ou qualquer facto inesperado. Observamos nos casos graves da doença, uma anemia de caracteristicas fixas. E' uma anemia hypochromica, microcytica, fracamente regenerativa. Verificamos que a degeneração dos indices hematicos, isto é, que o grau de hypochromia e micocytose, não se apresentam nestes casos extremos de modo variavel, mas sim, de maneira particularmente constante; e verificamos mais que estes indices assim degenerados (Ind. Vol. 53 uc., Ind. Hb. 13 yy, Ind. Sat. 23% tambem são encontrados segundo observações de outros autores, em varias anemias hypochromicas humanas ou de outros mammiferos. No exame de esfregaços, são extremamente raros ou mesmo