WorldWideScience

Sample records for hanno grossschmidt tomomi

  1. Rotermanni vana jahuladu ja uus jahuladu = Rotermann old and new flour storage / Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Grossschmidt, Hanno, 1973-

    2009-01-01

    Tallinna endise Rotermanni tööstuskvartali arhitektuuri kaasajastamine. Arhitektid Yoko Azukawa, Hanno Grossschmidt ja Tomoni Hayashi, projekteerija HG Arthitektuur, konstruktor Neoprojekt. Projekt ja ehitus 2006-2008

  2. Kohta määratledes : Lootsi maja, Lootsi tn. 3A, Tallinn = Redefining the Site : Lootsi House, Lootsi St. 3A, Tallinn / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2006-01-01

    Tallinna praeguse sadamaala ja kiire arengu probleemidest. Y-kujulise põhiplaaniga Lootsi majast, mis on mõeldud noortele ja kesklinnas elada eelistavatele pensionäridele. Projekteerija: HG Arhitektid OÜ. Autorid: Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi. Konstruktor: OÜ Projektbüroo Teinos. Tellija: Lootsi kinnisvara OÜ. Ehitaja: KMG Ehitus. Projekt ja ehitus: 2003-2005. Ill.: tüüpkorruse plaan, 5 värv. välisvaadet

  3. Lasnamäe Kergejõustikuhall : Punane tn. 45, Tallinn = Lasnamäe Track and Field Centre / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2004-01-01

    Arhitektid, sisekujundus: Siiri Vallner, Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi (COO Arhitektid / Head Arhitektid). Peatöövõtja: Arhitektuuribüroo Rein Murula. Peatöövõtja, ehitaja: Eesti Ehitus. Konstruktor: TA-Konsult. Projekt 2001-2002, valmis 2003. 4 välis- ja 3 sisevaadet, I ja II korruse plaan. Hoonet tunnustati Eesti Kultuurkapitali 2003. a. objektipreemia ja Eesti Betooniühingu 2003. a. eriauhinnaga

  4. Eesti eksootika / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2007-01-01

    Viimased viis aastat Eestis elanud jaapani arhitekt Tomomi Hayashi kümnest inspireerivast objektist ja paigast Eestis: Narva kohvikust, Lillepaviljonist (arhitekt Valve Pormeister), Sakala keskusest (arhitekt Raine Karp), Projekteerijate majast Rävala pst. (arhitektid Peep Jänes, Arvo Niineväli, Mart Port), raudteest Linnahalli ja Kopli vahel, vanadest puumajadest Eesti linnades, garaazhidest, Balti jaama turust, sisehoovidest, praamisõidust. Edastas: Karen Jagodin

  5. Muusiku maja Tallinnas / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2011-01-01

    Tallinna südalinna lähedal miljööväärtuslikus piirkonnas asuva 1950. aastate alguses ehitatud kivihoone (kunagi limonaaditehas) renoveerimine ja kohandamine koos juurdeehitusega elamuks. Arhitektid Tomomi Hayashi, Liis Voksepp (HG Arhitektuur), sisearhitekt Galina Burnakova. Projekt ja ehitus: 2005-2010

  6. Paper Library = Paper Library / Tomomi Hayashi ; kommenteerinud Una Meiberga

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2015-01-01

    Tomomi Hayashi (HG Arhitektuur) paberist väliinstallatsioon Riias toimunud paberobjektide festivalil. Raamatukogu fassaad ümbritseti volditud valge papiga. Lühidalt Tomomi Hayashist ja büroost HG Arhitektuur

  7. Swiss Property kontor = Offices of Swiss Property / kommenteerinud Tõnis Sõõrumaa

    Index Scriptorium Estoniae

    2015-01-01

    Swiss Property kontoriruumid Tallinnas Rotermanni 8. Sisekujunduse autorid Kätlin Ölluk, Tiina Kesküla, Katy Seppel, Aet Kiivet, Liina Rohtlaan, Marita Mätas, Lilian Esing, Kristin Boginski (Swiss Property); arhitektid Yoko Azukawa, Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi

  8. Rotermanni vana ja uus jahuladu = The Rotermann Old and New Flour Storage / Margit Mutso

    Index Scriptorium Estoniae

    Mutso, Margit, 1966-

    2010-01-01

    Tallinna Rotermanni 8 asuvast Rotermanni uuest ja vanast jahulaost, mis pälvis 2009. a. EK arhitektuuri sihtkapitali arhitektuuripreemia linnaruumi tunnetava, uut ja vana tervikuks siduva arhitektuuri eest. Arhitektid: Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi, Yoko Azukawa (HG Arhitektuur). Büroode üldkujundus: Tarmo Piirmets, Raul Tiitus (OÜ Pink). Žürii liige Kalle Komissarov žürii hinnangust hoonele

  9. Sekkumine Kadriorus / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2003-01-01

    31. VIII Mikkeli muuseumis Briti kunstirühmituse Virus ja Chris Evansi presentatsioonid. Projekt "Sekkumine - kaasaegne kunst inglise pargis" toimub Väliskunsti muuseumis, Mikkeli muuseumis ja selle ümbruses. Inspiratsiooniks on Kadrioru park ja näitused "Kaduv maailm. Inglise park Eestis" Mikkeli ning "Looduse ja kunsti austajatele. Wörlitzi park" Väliskunsti muuseumis. Virus sekkub Kadrioru parki kohaspetsiifilise installatsiooniga. Projekti kuraator Hanno Soans

  10. Mõistuse hääl = Making Sense / Klaske Havik

    Index Scriptorium Estoniae

    Havik, Klaske, 1975-

    2004-01-01

    Naisarhitektide loomingust, kehalisest kogemusest arhitektuurses kujunduses, muutustest Tallinna linnaruumis ja uutest avalikest hoonetest. Okupatsioonide muuseumist (Siiri Vallner, Indrek Peil), selle vastavusest kaasaegse avaliku ruumi arusaamadele. Lasnamäe Spordihoonest (S. Vallner, Tomomi Hayashi, Hanno Grossschmidt). Sookesksest lähenemisest naistest koosneva büroo Kavakava, kus praegu töötab S. Vallner, loomingu puhul. Kavakava üks viimaseid projekte - Pärnu gümnaasiumi arhitektuurikonkursi võistlustöö. Bibliograafia lk. 15

  11. Uus glamuur : Foorumi ärikeskus = Fresh Glamour : the Foorum Business Centre in Narva maantee / Inga Raukas

    Index Scriptorium Estoniae

    Raukas, Inga, 1967-

    2007-01-01

    Projekteerija: HG Arhitektuur OÜ. Autorid: Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi. Konstruktor: Neoprojekt OÜ. Sisekujundajad: äritänav, Cafe Peterson - Kohvi OÜ, korterid - Kadri Tamme, Argentiina restoran - Ruumilabor OÜ, St.Patricks - SAB Link OÜ, hoone üldruumid - HG Arhitektuur OÜ. Kortereid 193. Projekt 2004-2006, valmis 2007. Asendiplaan, I korruse plaan, lõige, 4 värv. välis- ja 2 sisevaadet. Bibliograafia lk. 50

  12. Majad ja muutumised marsruudil JPN-USA-EST / Tomomi Hayashi ; intervjueerinud Mait Väljas

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2011-01-01

    Intervjuu Jaapanis Toyamas sündinud ning Eestis elava ja töötava arhitekti Tomomi Hayashiga, kes aastast 2004 on HG Arhitektuur OÜ arhitekt ja partner. Endast, tööst New Yorgis Rafael Viñoly büroos, Eestisse tulekust, oma tööpõhimõtetest, lemmikarhitektidest, järgmisest ehitusbuumist jm. Loetletud T. Hayashi töid, preemiad

  13. Tarvo Hanno Varres, Mari-Leen Kiipli / Merilin Talumaa, Hanno Soans, Tatjana Kozlova-Johannes

    Index Scriptorium Estoniae

    Talumaa, Merilin, 1986-

    2015-01-01

    Vaatluse alla on võetud Tarvo Hanno Varrese heli- ja videoinstallatsioon "Lindistav põrand" (2015) ja heli- ja videoteos "Betweenland" (2014) ning Mari-Leen Kiipli fotoseeria "The school of dreams" (2012-2015)

  14. 15 aastat ehitamist Eestis / Ado Eigi

    Index Scriptorium Estoniae

    Eigi, Ado, 1938-2008

    2006-01-01

    Eesti arhitektuur viimase 15 aasta jooksul. Loetletud parimad arhitektuuriteosed: Mardi talu Saaremaal (Jüri Okas, 2002); Transgroup Investi büroohoone Tallinnas (Urmas Lõoke, 2005); Ferrumi kaubanduskeskuse hoone Kuressaares (Andres Alver, Tiit Trummal, Tarmo Laht, Indrek Rünkla, Ulla Mets, 2002); KUMU kunstimuuseum (Pekka Vapaavuori, 2005); Lootsi 3a korterelamu Tallinnas (Hanno Grossschmidt, 2005); City Plaza Tallinnas (Andres Alver, Tiit Trummal, Martin Melioranski, Indrek Rünkla, 2005); Okupatsioonide muuseum (Indrek Peil, Siiri Vallner, 2003); Pärnu kesklinna koolide võimla (Katrin Koov, Kaire Nõmm, Heidi Urb, Siiri Vallner, 2005); De la Gardie kaubamaja Tallinnas (Andres Alver, Tiit Trummal, Tarmo Laht, 2000); Lasnamäe spordihoone Tallinnas (Siiri Vallner, Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi, 2003); TTP büroohoone Tallinnas (Meelis Press, 2005)

  15. Millest Baltimaade väljapanek rääkis ja kuidas ta kohapeal mõjus? / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2011-01-01

    Balti Arhitektide Liitude Assotsiatsiooni (BAUA) väljapanekust "Maakera - jaga oma visiooni ja kujunda oma keskkonna tulevikku" (autor Mark Grimitliht, kuraator Tomomi Hayashi, Eesti) Rahvusvahelise Arhitektide Liidu (UIA) maailmakongressil "Design 2050 - Beyond Disasters, through Solidarity, towards Sustainability" Tokyos 25.-28.09.2011

  16. Kultuurkapitali aastapreemiad 2009 / Liina Jänes

    Index Scriptorium Estoniae

    Jänes, Liina, 1977-

    2010-01-01

    Žürii liige kandidaatidest, preemia saanud objektidest, preemia määramise põhjendus. Peapreemia said Andres Alver, Veljo Kaasik ja Tiit Trummal Tallinna Vabaduse väljaku eest. Arhitektuuri objektipreemia võitis Uus- ja Vana Jahuladu Tallinnas (HG Arhitektuur, Hanno Grossschmidt, Tomomi Hayashi, Yoko Azukava), väikeobjekti preemia Lasva veetorn (põhiautor Veronika Valk), restaureerimise preemia Nõmme Saksa Lunastaja kirik (Fredi-Armand Tomps, Anne Koppel), sisearhitektuuri preemia AS Baltika büroo (Studio 3, Kolm Pluss Üks), tegevuspreemia Ilona Gurjanova

  17. Excuse me, are you the last here? / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2003-01-01

    Rotermanni soolalaos 2003 a. sügisel toimunud rahvusvahelisest näitusest "Viimane kangelane", kus oma nägemust kangelasest tutvustab 23 kunstnikku Ida-Euroopast. Kuraatorid Hanno Soans ja Eha Komissarov

  18. Kuraator, kunst, ühiskond / Anders Kreuger, Catrin Lundqvist, Hanno Soans ; interv. Reet Varblane

    Index Scriptorium Estoniae

    Kreuger, Anders

    2005-01-01

    Kuraatori rollist ja missioonist kõnelesid Anders Kreuger, kes praegu vabakutselisena kuraatorlusest doktoritööd kirjutab ja õppejõuna tegutseb, Stockholmi Moderna Museeti kuraator Catrin Lundqvist ja Hanno Soans Eesti Kunstimuuseumist

  19. Book Review, 50 Animali che hanno cambiato il corso della Storia, Eric Chaline

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2013-06-01

    Full Text Available Copertina rigida "anticata", brossura cucita, carta di pregio, grafica curata nei minimi dettagli. Rientra senza dubbio nel novero della pubblicistica divulgativa di qualità questo volume uscito in Italia per i tipi di Ricca Editore. Un volume, elegante e classico, che racconta l'evoluzione dell'uomo da cacciatore ad agricoltore/pastore e, più in generale, di come ha preso piede nella storia il nuovo approccio nei confronti del regno animale. "Oltre al ruolo nel commercio e nell'agricoltura" scrive l'autore, "gli animali hanno contribuito in diversi altri modi alla cultura e alla storia dell'uomo. Alcuni come il leone, lo scarabeo sacro, il cobra e l'aquila di mare testa bianca hanno una lunga storia come simboli politici e religiosi. Nel campo della scienza e della medicina, lo studio di animali come il moscerino della frutta, il fringuello e l'iguanodonte è stato determinante per lo sviluppo della nostra conoscenza dell'evoluzione del mondo naturale."Ad ognuno dei 50 animali "che hanno cambiato il corso della Storia" viene dedicato un paragrafo sintetico, ma comunque esaustivo, corredato da foto, illustrazioni, immagini d'epoca e brevi notizie storiche, curiose e al contempo istruttive. Cosa unisce la zanzara al gin tonic? E l'ape alla mandorla? Lo sapevate che Buffalo Bill dove aver cacciato 4.000 bisonti nella sola stagione 1867-1868 divenne uno strenuo difensore della creatura vivente più grande dell'America del Nord? E che il lombrico, oltre alla sua incessante azione di riciclo biologico e minerale, è considerato una vera prelibatezza dai Maori della Nuova Zelanda? E ancora, che durante la seconda guerra mondiale un piccione chiamato G.I. Joe ricevette una medaglia dall'esercito degli Stati Uniti per aver salvato oltre mille persone? Oppure che, in contrasto con le superstizioni occidentali secondo le quali il gatto è di cattivo auspicio, in Giappone i gatti sono considerati dei veri portafortuna e che lo sport del polo ebbe origine

  20. Filmiauhindade galat võib jälgida ka ETVst / Hanno Tomberg ; intervjueerinud Jüri Aarma

    Index Scriptorium Estoniae

    Tomberg, Hanno, 1967-

    2010-01-01

    4. detsembril Tallinnas Solarise Keskuses toimuvat 23. Euroopa Filmiauhindade gala kannab üle Eesti Televisioon. Õhtut juhivad eesti näitleja Märt Avandi ja saksa koomik Anke Engelke. Intervjuu ERRI juhatuse liikme Hanno Tombergiga. ETV otseülekandest

  1. Tundeid saab testida, kuid mitte hierarhiasse seada... / Hanno Soans, Raoul Kurvitz, Toomas Mikk...[jt.] ; interv. Reet Varblane

    Index Scriptorium Estoniae

    1998-01-01

    3.-12. juulini Moskvas Malõi Manezhi galeriis olnud rahvusvahelisest näitusest "Meelte testimise jaam" ("Senses Test Station"). Kuraator Georgi Nikitsh. Eesti kunstiprojektist "Hüljatud lahinguväljad". Kuraator Hanno Soans, osalejad Raoul Kurvitz, Toomas Mikk, Urmo Raus, Sven Saag, Jaan Toomik. Pikemalt R. Kurvitza ja T. Miku projektist.

  2. Pärnu Kontserdimaja arhitektuurikonkurss = Architectural Competition of Pärnu Concert Hall / Martti Preem

    Index Scriptorium Estoniae

    Preem, Martti, 1949-

    2001-01-01

    Asukohavalikust, premeeritud ja äramärgitud töödest. Konkursi tulemused: I preemia - Hanno Grossschmidt, Katrin Koov, Kaire Nõmm, Üla Koppel; II - Indrek Erm, Emil Urbel; III - Kalle Komissarov, Andres Ojari. 21 ill.

  3. Pärnu Kontserdimaja : Pärnu, Aida tn. 4 / Katrin Koov

    Index Scriptorium Estoniae

    Koov, Katrin, 1973-

    2003-01-01

    Projekteerija: COO Arhitektid. Arhitektid-sisekujundajad Hanno Grossschmidt, Kaire Nõmm, Katrin Koov. Konstruktor: Inseneribüroo Pike OÜ. Projekt: jaanuar 2002, valmis: november 2002. I ja II korruse plaan, 2 välis- ja 3 sisevaadet

  4. Tööturg võttis majanduslanguse löögi enda peale / Hanno Pevkur, Raul Eamets, Ivi Proos, Sten Anspal ; intervjueerinud Helle Ruusing

    Index Scriptorium Estoniae

    2010-01-01

    Sotsiaaalminister Hanno Pevkur, Tartu Ülikooli makroökonoomika õppetooli juhataja Raul Eamets, Avatud Ühiskonna Instituudi juhataja Ivi Proos ja Eesti Rakendusuuringute Keskuse CENTAR vanemanalüütik Sten Anspal arutlevad Eesti tööturu olukorra ja tulevikuperspektiivide üle

  5. 2005. aasta arhitektuurivõistlused

    Index Scriptorium Estoniae

    2005-01-01

    Tulemused: Viljandi Metsakalmistu kabel: I - Andres Lember (Male Arhitektid); Tartu Vabaduse sild: I - Stanislav Shulman, Oleg Samohhin (Peterburi, Transmost); Tartu Mõisavahe kvartali hoonestuskava: I .- Ott Kadarik, Villem Tomiste, Mihkel Tüür (Kosmos); Seewaldi ala planeerimine: I - Jüri Martson, Rasmus Reinolt, Ivo-Martin Veelma (Lokomotiiv); Rotermanni kvartali arhitektuurivõistlus: I - Kosmos; aasta betoonehitis 2004: Ülemiste hotell Tallinnas, Martin Aunin; Lasnamäe Jumalaema kirik: I - Oleg Zhemtshugov (AB Z-Projekt), Nikolai Djatko, Jevgeni Kolomenkin; Pärnu vanalinna ja rannapiirkonna tänavakaubanduse inventari ja jäätmejaamade kujundus: I - Peeter Varrak; Kihnu sadamaala planeerimise ja hoonestamise ideevõistlus: I - Siiri Vallner, Kaire Nõmm, Helina Lass, Anna-Liisa Unt (Kavakava); Narva kolledzhi uus hoone: I - Katrin Koov, S. Vallner (Kavakava) ja Indrek Peil (Head Arhitektid); Randvere algkooli hoone: II - Inga Raukas (Arhitektuuriagentuur); Tartu Toomemäe valgustuse ja arhitektuursete väikevormide ideevõistlus: II - K. Koov ja Heidi Urb (Kabvakava) ning Maarja Kask, Ralf Lõoke, Karli Luik (Salto); Metsakalmistu arhitektide kalmeala: I - M. Kask, R. Lõoke; Skoone bastioni ideevõistlus: I - M. Kask, R. Lõoke, K. Luik (Salto); Mahtra talurahvamuuseum: I -Tomomi Hayashi, Hanno Grossschmidt; parim eramu 2004-2005: metallmaja Tabasalus, Muru & Pere; Tallinna loomaaia läänevärav: I - I. Raukas, Monika Löve, Oliver Soomets; parim puitehitis 2005: Naba lasteaed Pirital, arhitektid Vahur Sova, Lauri Saar, sisearhitekt Mari Tosmin; Pae karjääri revitaliseerimine: III - Veronika Valk, Kerli Raamsalu

  6. Avatud kanalid / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    1999-01-01

    Tänavusel Veneetsia biennaalil parem tööde valik võrreldes 1997. a. biennaaliga. Taani paviljoni Peter Bonde ja Jason Rhoadesi koostööna sündinud projektist "Lumepall". Preemiate jagamisest biennaalil. Peakuraator Harald Szeemanni põhimõttelage intervjuu maikuu "Artforumis"

  7. Võru hotellbüroohoone arhitektuurse ideekavandi võistluse tulemused

    Index Scriptorium Estoniae

    1998-01-01

    I preemia - Siiri Vallner, Hanno Grossschmidt (arhitektuuribüroo Urbel ja Peil), Rene Valner (arhitektuuribüroo Mark ja Tamm); kaks II preemiat - Katrin Koov ja Reio Avaste ning Peeter Pere ja Urmas Muru (arhitektuuribüroo Eek & Mutso).

  8. Pärnu kontserdimaja : Aida 4, Pärnu / Piret Lindpere

    Index Scriptorium Estoniae

    Lindpere, Piret, 1963-

    2003-01-01

    Arhitektid: Kaire Nõmm, Katrin Koov, Hanno grossschmidt. Kontserdimaja tehnilistest võimalustest. Peale pikliku kujuga peasaali on kontserdimajas black-box tüüpi kammersaal. Hoonesse on majutatud ka muusikakool, linnaorkester ja linnagalerii. 2 välis ja 3 sisevaadet

  9. Aeg aias / Jaan Mettik

    Index Scriptorium Estoniae

    Mettik, Jaan

    2007-01-01

    Päikesekellade ajaloost, tüüpidest, Santiago Calatrava kavandatud jalakäijate sillast-päikesekellast Californias, Eesti päikesekelladest Kadrioru pargis, Haapsalu rannapromenaadil (Roman Haavamägi) ja Saue tammepargis (Hanno Grossschmidt, Tomoni Hayashi). Kuukelladest, Karl Linne lillekellast, libalillekelladest. Juhised päikesekella tegemiseks. Lk. 60-61 "Ajanäitajaid lillekellale"

  10. Narva maantee uus nägu on klaasist ja alumiiniumist / Askur Alas

    Index Scriptorium Estoniae

    Alas, Askur, 1973-

    2005-01-01

    Ehitustegevusest Tallinnas Narva maanteel. Hobujaama tänava nurgale kerkib Foorumi-nimeline majadekompleks - büroohoone ja kaks korteritega ärihoonet. Üheks arhitektiks on Hanno Grossschmidt (HG Arhitektuur). Narva mnt. 7 büroohoone ehitatakse Künnapu ja Padriku kavandi järgi ümber kolmekordseks modernseks kolme torniga elumajaks Triumph Plaza

  11. Globaalarhitekti uus manifest / Karin Hallas-Murula

    Index Scriptorium Estoniae

    Hallas-Murula, Karin, 1957-

    2004-01-01

    Hollandi arhitekt Rem Koolhaas'ist, kelle näitus "Content" Rotterdami Kunstihallis ning näitus "Start" Rotterdami Hollandi Arhitektuuriinstituudis on avatud 31. maini. Näituse "Content" kataloogist. 2000. a. sai R. Koolhaas Pritzkeri preemia, 2003. a. Praemium Imperiale, 2004. a. veebruaris RIBA kuldmedali. Kommenteerinud Andres Alver, Hanno Grossschmidt ja Inga Raukas

  12. Aastalõpufestival 'Sünnisõnad' / Karin Hallas

    Index Scriptorium Estoniae

    Hallas, Karin, 1957-

    1999-01-01

    Festivali raames arhitektuurimuuseumi näitused: "Eesti katedraalid" "Estonia" kontserdisaali jalutussaalis, 'Tallinna aknad' Tallinna linnavalitsuse akendel Vabaduse väljakul (koostaja Karin Hallas, kujundaja Hanno Grossschmidt). Nonstop näituseseanss "Sajand arhitektuuri. Elavad pildid" ئ Tallinna arhitektuuriline areng ئ "Estonia" kontserdisaali vestibüülis 29.-31. XII (autor Karin Hallas, teostus Helger Gustavson, Peeter Brambat).

  13. Young British Art / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2001-01-01

    1990ndate kunsti muutumisest. Inglise kunstniku Peter Daviese maalist "Kuum esimene sada" (1996), Gavin Turki vahakujuna valminud autoportreest "Pop". "Young British Art'i" uuskunstist ja Jasper Zoova installatsioonist "F1". Eri analüüsivõimalusi pakkuvatest töödest (Marko Laimre & Ene-Liis Semperi 2000. a. novembri ühisnäituse osa töid).

  14. Okupatsioonimuuseum / Indrek Peil, Siiri Vallner, Tomomi Hayashi...[jt.

    Index Scriptorium Estoniae

    2003-01-01

    4 välis- ja 4 sisevaadet, I ja II korruse plaan: projekteerija: OÜ Head Arhitektid, autorid: I. Peil, S. Vallner, kaasa töötas T. Hayashi, sisekujundajad: I. Peil, S. Vallner, T. Hayashi, T. Kuslap: konstruktor: AS ESP, Projektbüroo Teinos

  15. Võru ja Põlva planeeringud soolalaos / Triin Ojari

    Index Scriptorium Estoniae

    Ojari, Triin, 1974-

    1999-01-01

    Võru ja Põlva keskväljaku planeeringu arhitektuurikonkursi tööde näitus 5. sept.-ni arhitektuurimuuseumi keldrikorrusel. Võru: I koht ئ Rene Valner, Hanno Grossschmidt ja Kalle Komissarov, II ئ Tiina Tallinn, Anu Kotli ja Eha Jakobi, III ئ Margit Mutso ja Madis Eek. Põlva: I ئ Toomas Paaver, II-III ئ Oliver Alver, Uku Põllumaa. Ostud.

  16. Osobnjak na beregu morja - lutshsheje betonnoje strojenije 2003 goda / Enno Rebane

    Index Scriptorium Estoniae

    Rebane, Enno, 1964-

    2004-01-01

    2003. a. parim betoonehitis - arhitekt Emil Urbeli kavandatud eramu (projekteerija TA Konsult OÜ, betoonitööde teostaja Mapri Projekt OÜ). Eriauhinna arhitektuurse lahenduse eest sai Siiri Vallneri, Hanno Grossschmidti ja Tomomi Hayashi kavandatud Lasnamäe spordihoone (projekteerija TA Konsult OÜ, ehitasid Eesti Ehitus OÜ, AS E-Betoonelement - ka betoonisegu tarnija) ja betoonitehnoloogia eest AS E-Betoonelement Ekseko seafarmi sõnnikuhoidla eest Viljandimaal. IV betoonipäevast

  17. Aasta Betoonehitis 2003 - elamu mere kaldal / Enno Rebane

    Index Scriptorium Estoniae

    Rebane, Enno, 1964-

    2004-01-01

    2003. a. parim betoonehitis - arhitekt Emil Urbeli kavandatud eramu (projekteerija TA Konsult OÜ, betoonitööde teostaja Mapri Projekt OÜ). Eriauhinna arhitektuurse lahenduse eest sai Siiri Vallneri, Hanno Grossschmidti ja Tomomi Hayashi kavandatud Lasnamäe spordihoone (projekteerija TA Konsult OÜ, ehitasid Eesti Ehitus OÜ, AS E-Betoonelement - ka betoonisegu tarnija) ja betoonitehnoloogia eest AS E-Betoonelement Ekseko seafarmi sõnnikuhoidla eest Viljandimaal. IV betoonipäevast

  18. Korrast ja selle kaitsest / Hanno Pevkur

    Index Scriptorium Estoniae

    Pevkur, Hanno, 1977-

    2007-01-01

    Korrakaitseseaduse eelnõust. Ilmunud ka Hiiu Leht 20. aprill 2007, lk. 2 ; Vali Uudised 20. aprill 2007, lk. 2 ; Põhjarannik 20. aprill 2007, lk. 2 ; Sakala 20. aprill 2007, lk. 2 ; Elva Postipoiss 21. aprill 2007, lk. 4 ; Koit 24. aprill 2007, lk. 2 ; Nädaline 24. aprill 2007, lk. 4 ; Oma Saar 26. aprill 2007, lk. 5 ; Valgamaalane 26. aprill 2007, lk. 2 ; Pärnu Postimees 9. mai 2007, lk. 19

  19. Tselluloidi aura ja kaasaegne kunst / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2004-01-01

    Muutustest filmitegemises ja filmiesteetikas. Filmi sarnanemisest tehniliselt üha enam videoga. Kunstnike tegelemisest filmiga. 26. XI näeb kinos "Sõprus" "1+1=1" raames kaasaegsete kunstnike teoseid laiekraanil: Eija-Liisa Ahtila "If 6 was 9" (1995), "Today" (1996-97), "Consolation Service" (1999); Sara Lunden ja Henry Moore Selder (sünd. 1973, Stockholm) "Deadly Boring" (2001), "She is Dead" (2003)

  20. Mis tunne on olla probleem? / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2011-01-01

    Rahvusvaheline seksuaalvähemuste problemaatikat käsitlev kunstinäitus "Sõnastamata lood / Untold Stories" Tallinna Kunstihoones 26. juunini 2011,kuraatorid Anders Härm, Rebeka Põldsam ja Airi Triisberg, kujundanud Karli Luik

  1. Into a flowering garden / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2001-01-01

    Viimane projekt seeriast "Reformatsioon" oli tekstiinstallatsioon avalikus paigas seoses propagandaportselani näitusega Väliskunsti Muuseumis Tallinnas. Loosung "Me muudame kogu maailma õitsvaks aiaks" Kadrioru pargis. Kadrioru lossist kunstimuuseumina

  2. Teine katse: Tallinna Muusikakeskooli, Tallinna Balletikooli ja G. Otsa nimelise Tallinna Muusikakooli uus hoone / Tomomi Hayashi

    Index Scriptorium Estoniae

    Hayashi, Tomomi, 1971-

    2011-01-01

    Žürii liige koolide ühishoone rahvusvahelisest arhitektuurivõistlusest, žürii kommentaarid ja ettepanekud premeeritud kolmele tööle. 1. preemia pälvis töö "Vaikuse aed" (Thomas Pucher jt. / Atelier Thomas Pucher ZT GmbH, Austria), 2. preemia töö "Octopus" (Andrus Mark, Emil Urbel, Aleksandr Zverev / AB Emil Urbel), 3. koha töö "Pausid ja poosid" (Jaan Tiidemann, Tõnis Arjus, Eve Komp / Ninja Stuudio). Jarmo Kauge intervjuu Thomas Pucheriga

  3. See kunst ei ela su korteri seinal! / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2009-01-01

    Kiasma näitus "Full House" (17.10.2008-18.01.2009) eksponeeris minimalistlikku kunsti. Näitus oli koostatud kunstikoguja Pentti Kouri kollektsiooni baasil, lisaks oli eksponaate Guggenheimi Muuseumist (New York)

  4. Skaalanihe : kunstnikud räägivad / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2006-01-01

    Kunstnikud tutvustavad Kumus avanäitusel eksponeeritud kunstiteoseid: Anssi Kasitonni "Jah-monstrum", Chris Evans "Radikaalne lojaalsus", Neeme Külm "Betooni valatud lehm", Cevdet Erek "Teine sild", Heli Ryhänen "Ootus", Hans Hammert "Õhupallikabel", Veronica Brovall "Lahutus", Karsten Konrad "Supersuziseacat", Anders Krüger "Mis silma alt ära, see unustatud", Tommy Stockel "Tulevaste asjade kuju"

  5. Teine nahk ehk Ornament ja meie / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2003-01-01

    Arhitekt Adolf Loosi suhtumine ornamenti ja nahakaunistustesse, tattoo tagasitulek käibesse läänes XX sajandi II poolel. EKA nahakunsti eriala diplomandi Kerstin Raidma lõputööst, mis sisaldas seeria levinumaid tätoveeringupiirkondi katvaid nahast ehteid, lühidalt sama eriala lõpetaja Agnetha Kurusoni lõputööst "Kest" ja lõputööde hinnetest

  6. Lasteaiad jäägu lastele / Hanno Pevkur

    Index Scriptorium Estoniae

    Pevkur, Hanno, 1977-

    2006-01-01

    Tallinna volikogu liige selgitab, miks temas tekitab küsitavusi linnavalitsuse kava rajada Tallinnasse 100 uut mänguväljakut. Autor leiab, et mänguväljakud saab rajada kavandatust neli korda odavamalt ning nad peaksid jääma ainult lasteaedade laste kasutada

  7. Palverännak KK keskmesse II / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2007-01-01

    Rahvusvahelisest kaasaegse kunsti näitusest Documenta XII Kasselis. Lühidalt 2002. a. toimunud Documenta XI, kuraator Okwui Enwezor. Algus vt.: Kunstipistik ja kummist naine I (Sirp, 2007, 12. oktoober, lk. 24)

  8. Various investigations in Tallinn and Harjumaa / Villu Kadakas, Hanno Nilov

    Index Scriptorium Estoniae

    Kadakas, Villu

    2004-01-01

    Eeluuringud Rataskaevu 22/Lühike Jalg 4 ; keskaegse eluhoone väljakaevamine Pirita Kloostri tee 12 ; veetrassi järelevalve Toompeal Kohtu t. 8 kinnistul ; eeluuringud Ristikangrumäe kalmeväljal Manniva külas ; eeluuringud Padise kloostri lõunatiivas ; kaevamised Sulevimägi 4/6 kinnistul ; järelevalve ja veetrassi kaevamine Pikk t. 33/35 ; kaevamised Lehmja asulakohal

  9. Ritter SPORT ja veresuhkur : kuraatori selgitus / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2002-01-01

    9. mail A. H. Tammsaare monumendi juures toimunud aktsioonist seeriast "Usupuhastus" (sümboolne arveteklaarimine ajaloolise olevikuga). Monumendi jalam oli kaetud roosa haakristikleepsuga märgistatud õuntega

  10. Hea tahte mängud Helsingis / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2003-01-01

    3. ja 4. XII Kiasmas toimunud seminarist "Institutsioonid ruudus", mis tutvustas kümmet kaasaegse kunstiga tegelevat institutsiooni Euroopas ja nende uusi töömudeleid seminari, workshopide ja näituse abil. Eestit esindas Silva Lutsu sketsh Tellervo Kalleineni videos "In the Middle of the Movie", seminaril olid H. Soans, Reiu Tüür, Eve Kiiler

  11. Avalik konkurss ATV programmile / Hanno Soans, Marko Raat

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2000-01-01

    Helsingis 5.-28. V toimuvale Läänemere-äärsete linnade noorte kunstnike biennaalile 'ArtGenda 2000' kavatseb Tallinna töörühm (A. Kurg, I. Leht, M. Raat, H. Soans) minna oma koostatud teleprogrammiga 'Analoog TV'. Programmi koostamiseks oodatakse kunstnikelt video-reportaaže ning telesaaadete projekte (tähtaeg 21. IV). Eetrita televisiooni kontseptsioon.

  12. Asjade seis, viimane vaatus... / Anders Härm, Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Härm, Anders, 1977-

    2008-01-01

    Muutustest ühiskonnas ja vastuoludest kunstielus pärast kolme üheaegselt toimunud noortenäitust - Härmi-Soansi kureeritud "Uus laine. 21. sajandi Eesti kunstnikud", Non Grata "Uus laine. 21. sajandi kunst" ja Andres Lõo kureeritud "Pomo Sapiens"i, ka näituse kuraatorikontseptsioonidest, Non Grata juhtfiguuridest ja kriitikast

  13. Kahe venna suured ärid / Peeter Raidla, Hanno Tomberg

    Index Scriptorium Estoniae

    Raidla, Peeter, 1955-

    1997-01-01

    Ärimeestest vendade tegevus ja nende osalusega firmad: AS BKE, AS Eferelt, AS Standard, AS Kodax, Eesti Näituste AS, Expodi-Saini AS. Ilmunud ka: Molodjozh Estonii : Kupetsheskaja Gavan 11. apr. lk. 8

  14. Palgatöölise perspektiivid rahvusvahelises kunstis / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2010-01-01

    Töötemaatikat käsitlev rahvusvaheline näitus "Blue Collar Blues" Tallinna Kunstihoones 31. jaanuarini 2010, kuraator Anders Härm. Lähemalt Santiago Sierra (Hispaania), kunstnikeduo Kennedy Browne'i (Iirimaa) ja Francis Alÿs'e (Belgia, Mehhiko) töödest

  15. Arhitektuurivõistluse pinged / Endrik Mänd, Toomas Rein, Rein Murula, Tomomi Hayashi ; intervjueerinud Margit Mutso

    Index Scriptorium Estoniae

    2011-01-01

    Tallinna Muusikakeskkooli, Georg Otsa nimelise Tallinna Muusikakooli ja Tallinna Balletikooli ühishoone arhitektuurikonkursist räägivad arhitektid-kohtunikud. Võidutööst "Vaikuse aed" (Austria AB Atelier Thomas Pucher ZT GmbH), 2. preemia pälvinud tööst "Octopus" (AB Emil Urbel), 3. koha saanud tööst "Pausid ja poosid" (Ninja Stuudio). Loetletud premeeritud ja äramärgitud tööd, nende autorid, žürii koosseis

  16. Tallinna arhitektuuribiennaal arvamustes / Tomomi Hayashi, Andres Sevtšuk, Olga Maria Hungar ...[jt.] ; intervjueerinud Veronika Valk

    Index Scriptorium Estoniae

    2013-01-01

    Välisministeeriumi majast, näitusele viivast trepiinstallatsioonist, Singapuri tehnoloogia- ja disainiülikooli City Form Labi väljapanekust "Koolide näitusel" Tallinna Linnahallis, sotsialistlikust arhitektuurist ja nõukogude ruumipärandist, Väike-Õismäe visioonivõistlusest, arhitektide kui avaliku arvamuse kujundajate rollist

  17. Rulaga muuseumis : Maria Soomre ja Hanno Soans räägivad rulakultuurist ja kunstist : subkultuur / Maria-Kristiina Soomre, Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soomre, Maria-Kristiina, 1978-

    2004-01-01

    Ka rulasõitjate kunstist (USA rulasõitja Ed Templeton, tema näitus "The Essencial Disturbance" Pariisi Palais de Tokyos), soome rulafotograaf Tuukka Kailast, kelle tööd on Kiasmas näitusel "Faster than History"

  18. Okupatsioonimuuseum : Toompea tn. 8, Tallinn / Piret Lindpere

    Index Scriptorium Estoniae

    Lindpere, Piret, 1963-

    2004-01-01

    Arhitektid Indrek Peil, Siiri Vallner, kaasa töötas Tomomi Hayashi. Sisekujundus: Indrek Peil, Siiri Vallner, Tomomi Hayashi, Toomas Kuslap. Arvamus: Jaak Huimerind, Andres Kurg. 5 välis- ja 2 sisevaadet

  19. Reportaaž välitöödelt / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2011-01-01

    NU Performance Festival IV: Külalislahkusest / On Hospitality Tallinnas Viru hotellis 7.-10.11. 2011, kuraatorid Silke Bake ja Peter Stamer (Saksamaa). Lähemalt rühmituse deepblue (Heine Rødal Avdal, Yukiko Shinozaki) etendusest "Field Works - hotel", grupi toxic dreams (Yosi Wanunu, Michael Strohmann) õhtusöök-performance'ist, 10 kunstniku etendusest "The Love Piece", kanadalaste trupi PME-ART-i etendusest "Külalislahkus 3: individualism oli viga"

  20. Kollaaž ja kontekst. Robert Rumase liiklusmärgid Tallinnas / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2004-01-01

    Sekkuv kunst. Poola kunstniku Robert Rumase (1966) rahvusvahelisest kunstiprojektist "Linnamanöövrid", Kai Kaljo videost "One way to see America", Krzysztof Wodicko "Kodutute projektsioonist" ja New York City Unioni väljaku ümberkorraldamisest

  1. Vähemuste kaudu jõuab kunstnik valgustuseni / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2011-01-01

    Tallinna Kunstihoone galeriis 12. juunini 2011 avatud mustlasjuurtega prantsuse videokunstniku Jean-Charles Hue' näitusest "Tattoo Fight", kuraator Harry Liivrand. Kunstnik on tundnud huvi yéniche'i mustlaste ja Tijuana mehhiklaste elumudeli vastu

  2. Kaasaegse kunsti muuseum suurendab panuseid - Köler Prize / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2011-01-01

    Eesti Kaasaegse Kunsti Muuseumi loodud kaasaegse kunsti preemiast. 6. juunini EKKM-is avatud Köler Prize 2011 nominentide - Dénes Kalev Farkas, Tõnis Saadoja, Timo Toots, Sigrid Viir, Jevgeni Zolotko - näitusest

  3. Reaction mechanism of catalytic reduction of NO by urea. Nyoso ni yoru sesshoku dassho hanno kiko

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tachi, T.; Kato, A.; Yamashita, H. (Hitachi, Ltd., Tokyo (Japan))

    1992-08-10

    Discussion was given on NH[sub 3] substituting reducing agents used in contact reduction process for NO[sub x] discharged from fossil fuels. The selected reducing agents are odorless and highly stable urea, cianuric acid, meramine, and biuret. An MoO[sub 2]carried TiO[sub 2]catelyst was used. The experiment was performed at a temperature ranging from 250[degree]C to 500[degree]C and a space velocity from 1000 h[sup [minus]1] to 120000 h[sup [minus]1] using simulated discharge gases. The findings from the experiment are summarized as follows: All of the reducing agents showed denitration capability equivalent to that with NH[sub 3]; discussions of reaction amount theory on highly practicable urea revealed that the urea and NO react at a molar ratio of 1:2; the urea is hydrolyzed into NH[sub 3] and CO[sub 3] under the presence of steam, and the generated NH[sub 3]involves in the denitrating reaction; catalyst surface adsorption species were discussed using FT-IR, whereas the catalyst contacted with vaporized urea exhibited NH[sub 4][sup +] specie on Bronsted acid site. The specie disappeared when NO was flown through. The result suggests that NO reacts with the NH[sub 3] adsorption specie generated on the catalyst. 6 refs., 7 figs., 1 tab.

  4. Arhiivi optiline alateadvus : kunstniku töö ja kuraatoritöö / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2000-01-01

    Moderna Museetis eksponeeritud šoti kunstniku Douglas Gordoni filmiinstallatsioonist, kus kuraatori ülesande võtnud kunstnik esitas läbilõike arhiivist ja visualiseeris ühe võimaluse selle lugemiseks. Eesti Kunstimuuseumis Eha Komissarovi kureeritud näitusest 'XX sajandi kunstniku mälestuseks' (kujundaja Jaan Toomik), mille esmane ülesanne oli arhiivi elustamine

  5. Kunstipistik ja kummist naine I : palverännakud KK keskmesse / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2007-01-01

    Rahvusvahelisest kaasaegse kunsti näitusest Documenta, reisist Kasselisse, 1997. a. toimunud X Documentast (kuraator Catherine David), Fredericianumis eksponeeritud Jean Baudrillard'i fotonäitusest. Järg: Palverännak KK keskmesse II (Sirp, 2007, 26. oktoober, lk. 24)

  6. Internal Structure and Photodegradation of Oriental Lacquer Film; Urushitomaku no naibukozo to korekka hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Watanabe, Osamu. [Fukushima Technology Center, Fukushima (Japan). Material Technology Department; Nagai, Katsutoshi. [Yamagata University, Yamagata (Japan). Department of Materials Science and Engineering

    1999-01-10

    The formation of molecular aggregates of reversed micelles in lacquer tree paint assumed from the molecular structure of urushiol was invesigated using electron probe microanalyzer. Results of the microanalysis on lacquer tree paint film containing Fe ions showed that aggregates of reversed micelle structure are formed in KUROME-process and curing. The photodegradatin of lacquer tree paint films cured under various conditions was also studied fromthe variations of IR spectrum, oxygen content, and exothermic heat with exposure time. Results obtained supported the formation of reversed micelles in the lacquer tree paint flims. In addition, measurements made in the present study were found to provide informations useful for estimating the initial sta of photodegration. (author)

  7. Surface photo reaction processes using synchrotron radiation; Hoshako reiki ni yoru hyomenko hanno process

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Imaizumi, Y. [Tohoku University, Sendai (Japan). Institute for Materials Research; Yoshigoe, A. [Toyohashi University of Technology, Aichi (Japan); Urisu, T. [Toyohashi University of Technology, Aichi (Japan). Institute for Molecular Science

    1997-08-20

    This paper introduces the surface photo reaction processes using synchrotron radiation, and its application. A synchrotron radiation process using soft X-rays contained in electron synchrotron radiated light as an excited light source has a possibility of high-resolution processing because of its short wave length. The radiated light can excite efficiently the electronic state of a substance, and can induce a variety of photochemical reactions. In addition, it can excite inner shell electrons efficiently. In the aspect of its application, it has been found that, if radiated light is irradiated on surfaces of solids under fluorine-based reaction gas or Cl2, the surfaces can be etched. This technology is utilized practically. With regard to radiated light excited CVD process, it may be said that anything that can be deposited by the ordinary plasma CVD process can be deposited. Its application to epitaxial crystal growth may be said a nano processing application in thickness direction, such as forming an ultra-lattice structure, the application being subjected to expectation. In micromachine fabricating technologies, a possibility is searched on application of a photo reaction process of the radiated light. 5 refs., 6 figs.

  8. Dissipative structure of mechanically stimulated reaction; Kikaiteki reiki hanno ni okeru san`itsu kozo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hida, M. [Okayama Univ., Okayama (Japan). Faculty of Engineering

    1994-12-20

    Recently various studies have been conducted concerning the state changes of materials obtained through mechanical alloying (MA) or mechano-chemical (MC) processing. What is noticeable is the quasi-steady state of almost all the materials obtained through various processes including MA and MC, and that the super cooling, supersaturating and high residue distortion realized under unbalanced conditions have not been clarified. In other words, the tracing capability to the external binding conditions is low. In this report, the appearance of the high temperature phase and high pressure phase obtained through MA or MC processing, the forming of amorphous, the mesomerism of the amorphous materials, the interesting phenomena generated by combination between the mechanical disturbance and chemical reactions were discussed with concrete examples, and a steady dissipative organization theory was approached from the viewpoint of dissipative structure development which is equal to the forming process of the quasi-steady phase. 34 refs., 2 figs.

  9. Klubi "Spirit" = Club Spirit / Hanno Soans ; tõlk. Liisi Ojamaa

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2000-01-01

    Eesti klubikultuurist 1990-ndatel. Klubi "Spirit" kujundusest. Sisearhitektid Tarmo Piirmets, Martti Siimann. Arhitekt Jüri Irik Arhitektuuribüroost Ehala & Irik. Projekt ja klubi valmis 2000. Flaierid kujundas Aadam Kaarma. 10 ill. Vaated, korruste plaanid

  10. Tee bändi nagu kunstiteost, tee kunsti nagu jam session'it / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2009-01-01

    3. "NU Performance'i" festival "Recycle Pop" Kanuti gildis 11.-14. novembrini 2009. Kuraatorid Anders Härm ja Priit Raud. Norra Baktruppeni, rootslanna Catti Brandeliuse, prantslanna Carole Douillard'i, Andres Lõo, Maria Arusoo & Maria Juure, Erkki Luugi, Marco Laimre, Raul Kelleri, Kati Ilvese ja Killu Sukmiti esinemisest

  11. Le ultime tecnologie hanno aiutato i primi soccorsi alla Costa Concordia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Faccioli

    2012-04-01

    Thanks to the Geomatics, the Costa Concordia operations are conducted in conditions of extreme security to protect both the lives of rescue workers and the delicate environment.All technologies involved (Lidar, Multibeam, GNSS, INS, ecc…, while having a primary role in real life, have always worked quietly behind the scenes.

  12. Kunstnikud käivad katuseid mööda / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2010-01-01

    Näitus "Linna kohal" Tallinna Linnagaleriis 19. septembrini 2010. Osalevad Anu Vahtra, Johnson & Johnson, Timo Toots, Claudia Doms, Mikk Heinsoo, Urmo Mets, Marit Ilison. Kuraatorid Kadri Klementi ja Helis Teiter. Näituse teemaks on linnamajade kasutamata katusepinnad

  13. Autosolvent effect of bitumen in thermal cracking; Netsubunkai hanno ni okeru bitumen no jiko yobai koka

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mikuni, M.; Sato, M.; Hattori, H. [Hokkaido University, Sapporo (Japan). Center for Advanced Research of Energy Technology; Nagaishi, H.; Sasaki, M.; Yoshida, T. [Hokkaido National Industrial Research Institute, Sapporo (Japan)

    1996-10-28

    Tar sand bitumen is petroleum-based ultra-heavy oil, and has a great amount of reserve like coal. However, there are still a lot of problems for its highly effective utilization. This paper discusses whether the light components in bitumen show independent behavior during the thermal cracking of heavy components, or not. Solvent effect and reaction mechanism during the thermal cracking are also derived from the change of their chemical structures. Athabasca tar sand bitumen was separated into light and heavy fractions by vacuum distillation based on D-1660 of ASTM. Mixtures of the both fractions at various ratios were used as samples. Negative effect of the light fraction on cracking of the heavy fraction was observed with dealkylation and paraffin formation Polymerization of the dealkylated light fraction to the heavy fraction was suggested due to lack of hydrogen in the thermal cracking under nitrogen atmosphere, which resulted in the formation of polymer. 3 refs., 6 figs.

  14. Study on solar chemical heat pump system. Basic experiment on falling film reaction for dehydrogenation of 2-propanol; Solar chemical heat pump no kenkyu. 2-propanol bunkai hanno ni okeru ryuka ekimakushiki hanno jikken

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Doi, T.; Ando, Y.; Tanaka, T.; Takashima, T. [Electrochemical Laboratory, Tsukuba (Japan); Nomura, T.; Kamoshida, J. [Shibaura Institute of Technology, Tokyo (Japan)

    1996-10-27

    An experiment and the examination were carried out in order to elucidate the optimum conditions in the falling liquid film reaction method, in the conversion of solar energy using the decomposition reaction of 2-propanol. The device for the experiment was constituted of a reaction container, tubular pump, cooling pipe, sampling container for effluent from the upper and lower part of the reaction container, and gas burette. Examined in the experiment were various factors such as a fibrous activated carbon (catalyst support), ratio for carrying catalyst, catalytic composition and heating temperature. In the experiment, with the temperature inside the reaction container fully stabilized under prescribed conditions, measurement was done for the hydrogen generation by the gas burette for 10 minutes as well as for the sampling of effluent. The experiment revealed that the heat utilization ratio reached the maximum of about 27% when the heating temperature was 90{degree}C using a catalyst with the ratio of RU and Pt 1 to 1 and the ratio for carrying catalyst 10wt%, so that a great improvement was obtained in the heat utilization ratio at a low temperature. Also obtained was a large inversion ratio of about 15%. 4 refs., 6 figs., 5 tabs.

  15. Studies of initial stage in coal liquefaction. Effect of decomposition of oxygen-functional groups on coal liquefaction; Ekika hanno no shoki katei ni kansuru kenkyu. 3. Gansanso kannoki no bunkai kyodo to ekika hanno eno eikyo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Komeiji, A.; Kaneko, T.; Shimazaki, K. [Nippon Brown Coal Liquefaction Co. Ltd., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    Pretreatment of brown coal in oil was conducted using 1-methyl naphthalene or mixture of tetralin and 1-methyl naphthalene as solvent at temperatures ranging from 300 to 430{degree}C under nitrogen atmosphere. Effects of the solvent properties on the structural change of oxygen-functional groups (OFG) and coal liquefaction were investigated by means of quantitative analysis of OFG and solid state {sup 13}C-NMR measurement. When hydrogen transfer from solvent was insufficient, it was suggested that brown coal molecules loose their hydrogen to be aromatized. While, at lower temperatures ranging from 300 to 350{degree}C, hydrogen contained in brown coal molecules was consumed for the stabilization of pyrolytic radicals, and the deterioration of liquefaction was not observed. When hydrogen transfer from solvent was insufficient at higher temperatures above 400{degree}C in nitrogen atmosphere during pretreatment in oil, crosslinking like benzofuran type was formed by dehydration condensation of hydroxyl group in brown coal, to deteriorate the liquefaction, remarkably. The addition of donor solvent like tetralin decreased the formation of crosslinking like benzofuran type, which suppressed the deterioration of liquefaction. 8 refs., 5 figs.

  16. Aluminium castings with high particle volume fraction by reactive infiltration; Hanno yoshin ni yoru kotaisekiritsu no ryushi fukugo aluminium imono

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tsujikawa, M.; Ayukawa, S.; Kawamoto, M. [University of Osaka Prefecture, Osaka (Japan). Faculty of Engineering; Hino, M. [Okayama Prefectural Industrial Technology Center, Okayama (Japan)

    1998-03-25

    Study was made on reactive infiltration for improving a wear resistance by forming a high-density Al2O3 layer on Al alloy surface. Heating of a mixture of SiO2 and Al over activation energy produces Al2O3 and Si by thermit type exothermic reaction. In experiment, a proper mixture of Al powder of 10{mu}m in mean size and 99.9% in purity, and amorphous SiO2 particles of 150{mu}m in mean size was used together with zinc stearate of 2mass%. A green compact of 10mm diameter and 12mm high was prepared by compressing the above mixed powder, and placed at a position in a mold corresponding to concerned casting surface. Molten Al-12%Si alloy was poured into the mold at a proper temperature after preheating, and held in a furnace at a fixed temperature before air cooling. Al casting with Al2O3 particles of net 44vol% in its surface layer was thus obtained by using the compact of 70vol%SiO2 particles. Compressed thermit powder of 50vol%SiO2 could reduce a porosity to 6.2% under the atmospheric pressure. The dispersion tendency of fine Al2O3 particles was observed by holding molten alloy. 8 refs., 9 figs.

  17. Technology to coat ceramics in bent tubes using reactive bonding process. Hanno yuchakuho ni yoru magarikannai ceramics coating gijutsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sata, N. (Government Industrial Research Institute, Tohoku, Sendai (Japan))

    1989-12-15

    This paper describes a technology to coat ceramics in bent tubes with thick wall using a reactive bonding process. This method utilizes thermit reaction to solidify and bond molten ceramics produced simultaneously with the reaction on metal surface of iron tube interior. To apply the method to bent tubes, an experiment was carried out using a device that can set rotation speeds to appropriate values. In this case, difference in lengths between outer and inner circumference of a bent tube causes the reaction interface to incline to the inner circumference as the reaction interface descends. To solve this problem, a method was devised that thermit agents with different reactive propagation rates are filled from the inner circumference toward the outer circumference to make the layer triple or double. The thermit agents were filled so that the reactive propagation rate on the central circumference of each layer increases on the outer circumference. This has resulted in making possible to form thick ceramic coating adequately and easily even in tubes with large curvature. 5 figs.

  18. Investigation on development of advanced materials by solvothermal technique; Sorubo thermal hanno riyo senshin zairyo kaihatsu ni kansuru chosa

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1996-03-01

    Solvothermal reaction is reaction under high temperature and high pressure, which is expected to fabricate new functional materials. In this study, the materials are classified into two fields, i.e., inorganic materials, metals and their composites and organic materials and their composites. The current status of R and D of production and processing technology in each field is surveyed and the prospect of it is discussed. For the inorganic materials, metals and their composites, it is explained that very fine metal oxide particles, complex oxides, single crystals, whiskers, compounds with layer structure, metastable compounds, ion conductors and catalysts with high ability could be produced only by controlling the solvothermal reactions in atomic order. For the organic materials and their composites, surveyed results of the solvothermal technique using non-aqueous solutions are mainly provided. The necessity of a national project for researches on the solvothermal reactions is proposed from the viewpoint of resource, environment and energy. 777 refs., 38 figs., 26 tabs.

  19. Polymerization using enzyme catalyst. New methodology for polymer synthesis; Koso shokubai wo mochiiru jugo hanno. Kobunshi gosei no shinshuho

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Uyama, H. [Tohoku Univ., Sendai (Japan). Faculty of Engineering

    1995-02-01

    Currently the enzyme has a position as a general catalyst for an organic polymerization. On the other hand in the polymer synthesis (enzyme catalyst polymerization) using enzyme catalyst, by making the most of the distinctive feature of the enzyme, a synthesis of the polymer with a high selectivity or a novel structure, which were too difficult to be synthesized by the conventional method, is expected. Although the polymerization reaction by an enzyme catalyst centering around a synthesis of the oligoester as well has been reported so far, many reactions out of them proceed also by the chemical catalyst besides the enzyme. Recently for example like a chemical synthesis of the cellulose, a reaction being able to be called a real enzyme catalyst polymerization making the most of the distinctive feature of an enzyme was reported. In addition a synthesis of the optical active polyester with an optical purity of 95 % is reported utilizing the asymmetric recognizing ability of an enzyme. In this paper a new technique of the polymer synthesis is introduced centering around a synthesis of the polyaromatics and polyester by the enzyme catalyst polymerization the authors have developed. 17 refs., 1 fig.

  20. Study on thermochemical liquefaction of biomass feedstocks; Biomass genryo no yuka hanno tokusei ni kansuru kisoteki kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1997-02-10

    Liquefaction is applied to various biomass wastes and unused biomass to study characteristics of the liquefaction in each case. The paper described the system of the conversion and use of biomass into energy, conducted the positioning of the liquefaction, and outlined a history of the liquefaction chemistry and the study. To obtain basic data of characteristics of the liquefaction of various biomass raw materials, the liquefaction was conducted changing operational factors for the purpose of clarifying the product distribution of oil and by-products and oil properties. A comprehensive consideration was made of the liquefaction based on basic data and literature reports on the liquefaction of various biomass. From the above-mentioned studies, it was concluded that the energy can be recovered in a form of oil by applying the liquefaction to various biomass materials. A series of the study clarified effects of various operational factors on characteristics of the liquefaction as well as effects of classification of biomass materials and composition of the materials on characteristics of the liquefaction. 141 refs., 78 figs., 56 tabs.

  1. Oil production from water hyacinth by thermochemical liquefaction. Netsukagaku hanno ni yoru hoteiaoi kara no oil no seizo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minowa, T.; Dote, Y.; Ogi, T.; Yokoyama, S. (National Institute of Resources and Environment, Tsukuba (Japan))

    1994-03-25

    This paper reports the result of a liquefaction experiment on water hyacinth for oil production. Water hyacinth with water content of 85% is put into a reaction vessel, and air in the vessel was displaced with nitrogen gas, which was pressurized and heated to predetermined pressure and temperature, and held for one hour. The paper describes the result as follows: the reaction products are separated into gas, aqueous solution(water phase), oil, and solid residue; the oil yield increases with the rise in reaction temperature, reaching about 20% (on the basis of organic matters in the water hyacinth) at 325[degree]C; and at a reaction temperature of 300[degree]C, the calorific value, viscosity, and element composition are in the order of 33 KJ/g and 10,000 mPa[center dot]s, carbon at about 70%, hydrogen at about 10%, nitrogen at about 6%, and the remainder being oxygen, respectively. Further, it was found that addition of Na2CO3 does not contribute to improving the oil yield, and that about half of the nitrogen that is fixed in the water hyacinth transfers to water phase, and majority of phosphor to solid residue. 10 refs., 7 figs., 2 tabs.

  2. Mechanical stimulated reaction of metal/polymer mixed powders; Kinzoku/kobunshi kongo funmatsu no kikaiteki reiki hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tobita, M.; Sakakibara, A.; Takemoto, Y. [Okayama University, Okayama (Japan). Faculty of Engineering; Iwabu, H. [Kurare Co. Ltd., Osaka (Japan)

    1999-12-15

    Mechanical grinding (MG) with mechanically stimulated reaction was performed on metal/polymer mixed powders. The starting materials used in this study were the metals of Mg, Ti and Mg{sub 2}Ni powders, arid polymer of PTFE, PVC and PE powders. The MG process was investigated using XRD, IR, SEM and TEM. According to XRD results, magnesium fluoride (MgF{sub 2}, TiF{sub 2}) and chloride (MgCl{sub 2}) were detected from MG products of the Mg/PTFE, Ti/PTFE and Mg/PVC blending systems, respectively. Explosive reaction was found during MG of both Mg/PTFE and Ti/PTFE. It was also confirmed by XRD results that the production of MgF{sub 2} had already been formed just before the explosive reaction in Mg/PTFE system. It was found from IR analysis that C-C single bond in the polymers, not only both in PTFE and PVC but also in PE, changed to double bond C=C. Hydrogen produced due to decomposition of PE on blending Mg{sub 2}Ni/PE was absorbed into C-Mg{sub 2}Ni-H as amorphous solutes. These mechanically stimulated reaction was powerful method for decomposition of engineering plastics. (author)

  3. Electronic excitation and deexcitation of atoms and molecules in nonequilibrium plasmas; Hiheiko plasma chu no denshi reiki ryushi hanno katei

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Shimamori, H. [Fukui University of Technology, Fukui (Japan)

    1997-05-20

    Regarding excitation and deexcitation due to collision of electrons and deexcitation due to collision of baryons in nonequilibrium plasma, explanation is made about the general characteristics of the elementary processes involving their formation and disappearance and about the prediction of their sectional areas and velocity constants. As for the process of the formation of excited atoms and molecules by collision of electrons, it may be divided into the direct excitation in the ground state, excitation and light emission toward the resonance state, reexcitation and transformation of excited particles, recombination of electrons and positive atomic ions, and dissociation and recombination of electrons and positive molecular ions. As for the process of the disappearance of excited particles, there exist various courses it may follow, and it is quite complicated because it is dependent on the types of particles involved and the conditions the process proceeds under. Although the skeleton has been built of the theory of derivation of the sectional area of excitation due to collision of electrons and atoms/molecules, yet it is accurate enough only when applied to simple atomic/molecular systems, is far from satisfying in general, and is to be augmented by data from future experiments. 22 refs., 3 figs., 1 tab.

  4. Hot dog, mis kallab iseendale ketšupit = A hot dog that dresses itself with ketchup / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2015-01-01

    Ringkäik "Tallinna Fotokuu 2015" programmi kesksel näitusel "Prosu(u)mer" Eesti Kaasaegse Kunsti Muuseumis. Prosumer'i mõistest. Näitus avab vastastikku parasiteerivaid suhteid tootjate ja tarbijate vahel ning harutab lahti autori ja kasutaja segunenud rolle. Eestlastest osaleb Liina Siib

  5. Hydroconversion of aromatic hydrocarbons with iron sulfates catalysts; Ryusan tetsukei shokubai ni yoru hokozoku kagobutsu no suiso tenkan hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ogata, E.; Horie, K. [The University of Tokyo, Tokyo (Japan). Faculty of Engineering; Saito, I.; Ukegawa, K. [National Institute for Resources and Environment, Tsukuba (Japan); Nishijima, A. [Kochi Prefecture Industrial Technology Center, Kochi (Japan)

    1997-10-30

    In order to develop the suitable catalyst for hydroconversion of coal and heavy materials, possibility of high quality catalyst production from iron sulfates was pursued on the hydroconversion of 1-methylnaphthalene(1-MN) and 4-(1-naphthylmethyl)bibenzyl(NMBB) with iron sulfates in the absence and presence of sulfur(S) at 350degC. Catalystic activity of ferrous sulfate was very low in the absence of S. The activity of ferrous sulfate was dramatically increased with addition of enough S for the hydrogenation of 1-MN and hydrocracking of NMBB. The activity of ferric sulfate, however, did not increase with addition of S. Ferrous sulfate is revealed one of useful catalyst precursors for hydroconversion of heavy aromatic hydrocarbons. 5 refs., 4 tabs.

  6. Coal Liquefaction characteristics and chemical structure of product oil; Sekitan ekika hanno tokusei to seiseibutsu no kagaku kozo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Endo, H.; Sato, M.; Chiba, T.; Hattori, H. [Hokkaido University, Sapporo (Japan). Center for Advanced Research of Energy Technology; Sasaki, M. [Hokkaido National Industrial Research Institute, Sapporo (Japan)

    1996-10-28

    Through the hydrogenolysis of Wandoan coal and Tanito Harum coal which are used for the NEDOL process, differences of liquefaction characteristics between them were found. The purpose of this study is to grasp these differences as differences of chemical structures of oil fractions. The compound type analysis was conducted for oil fractions obtained at varied reaction temperature for varied reaction time. Coal liquefaction characteristics of these coals were discussed by relating oil yields and chemical structures. For Tanito Harum coal, yields of gas and oil were considered to be lower than those for Wandoan coal, which reflected that the contents of partially hydrogenated hydroaromatics in oil fraction from the former were lower than those from the latter, and that the remarkable change of composition did not occur with the progress of the reaction. For both the coals, the remarkable changes in the average molecular weight of oil fraction were not observed with the progress of the reaction. While, the content of methane gradually increased with the progress of the reaction, which suggested that oil was gradually dealkylated. 5 figs.

  7. Studies on characteristics of fluid dynamics in the coal liquefaction reactor; Sekitan ekika hanno tonai no ryudo tokusei

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sakawaki, K.; Nogami, Y.; Inokuchi, K. [Mitsui SRC Development Co. Ltd., Tokyo (Japan); Mochizuki, M.; Imada, K. [Nippon Steel Corp., Tokyo (Japan); Tachikawa, N.; Moki, T.; Ishikawa, I. [Japan Atomic Energy Research Institute, Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    To design the coal liquefaction reactor of large scale plant in future, it is important to understand characteristics of fluid dynamics within the coal liquefaction reactor. In this study, to measure the fluid dynamics of liquid phase within the coal liquefaction reactor operated under high temperature and high pressure coal liquefaction condition, neutron attenuating tracer (NAT) technique, one of the tracer test methods, was applied using 1 t/d coal treating PSU. The residence time of liquid phase within the reactor can be measured by utilizing property of neutron of being absorbed by materials. The tracer was injected at the inlets of first and third reactors, and the neutron was counted at each outlet. The concentration of tracer was derived from the discrete value, to determine the residence time distribution of liquid phase. The mean residence time of liquid phase in the single first reactor and in the total three reactors were prolonged under the severe operation conditions of liquefaction. The more severe the liquefaction operation condition was, the more active the mixing of liquid phase was in the first reactor. It was found that the progress of reaction was accelerated. 2 refs., 5 figs., 1 tab.

  8. Co-liquefaction of micro algae with coal. 2; Bisai sorui to sekitan no kyoekika hanno. 2

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ueda, C.; Matsui, T.; Otsuki, M.; Ikenaga, N.; Suzuki, T. [Kansai University, Osaka (Japan). Faculty of Engineering

    1996-10-28

    For the removal and recycle of CO2, a global warming gas, utilization of photosynthesis by micro algae is investigated. Formed micro algae are decomposed into CO2, H2O and CH4 again, which does not result in the permanent fixation. For the effective utilization of these micro algae, creation of petroleum alternate energy was tried through the co-liquefaction of micro algae with coal. Were investigated influences of the reaction temperature during the co-liquefaction and influences of catalysts, such as Fe(CO)5-S, Ru(CO)12, and Mo(CO)6-S, which are effective for the coal liquefaction. Micro algae, such as chlorella, spirulina, and littorale, and Yallourn brown coal were tested. It was found that co-liquefaction of micro algae with coal can be successfully proceeded under the same conditions as the liquefaction of coal. The oil yield obtained from the co-liquefaction in the presence of Fe(CO)5-S, an effective catalyst for coal liquefaction, agreed appropriately with the arithmetical mean value from separate liquefaction of coal and micro algae. It was suggested that pyrrhotite, an active species for coal liquefaction, was sufficiently formed by increasing the addition of sulfur. 2 refs., 7 figs., 1 tab.

  9. 1949. aasta märtsiküüditamisega seotud varalised protsessid / Hanno Talving ; resümee tlk. Tiina Mällo

    Index Scriptorium Estoniae

    Talving, Hanno

    2007-01-01

    Nõukogude riigi poolt küüditatutelt omandatud varaga seonduvast. 29. märtsil 1949 toimunud küüditamisoperatsioonist "Priboi" Eesti Riigiarhiivis, Harju-Maaarhiivis, Lääne-Viru Maaarhiivis ja Eesti Kirjandusmuuseumis säilitatavate dokumentide alusel, küüditatute varade üleskirjutised kui ajalooallikad

  10. PKE: tutti ce l’hanno ma pochi lo sanno (far funzionare. Perché un Personal Web non è un Personal Knowledge Environment (PKE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pettenati

    2013-03-01

    Full Text Available Nel mondo delle tecnologie per la conoscenza è emersa la nuova parola chiave: Personal Web. L’Horizon Report 2009, nel proporre all’attenzione della comunità dell’e-learning questo concetto, ne esalta le potenzialità per la crescita di conoscenza: «la gestione dell’informazione è molto più facile di quanto non lo sia stato prima grazie a strumenti di publishing facili da usare per ogni tipo e forma di contenuti». Il Personal Web rende la gestione dell’informazione «easier than never before», più facile di quanto non sia mai stato, perché per gestire la complessità dell’informazione in rete, tool e servizi di cui disponiamo attraverso il Personal Web rendono semplice lo sviluppo e l’organizzazione del contenuto dinamico online. Armati di strumenti Web per taggare, aggregare, aggiornare e tenere traccia dei contenuti e relazioni i learner di oggi, o i learner per la vita, cioè tutti noi, creano e navigano un Web della Conoscenza. La tesi qui esplorata è che tutti oggi usano un Personal Web ma che pochi se ne sanno avvalere per una efficace gestione della conoscenza: perché per passare dal Personal Web al Personal Knowledge Environment (PKE non bastano pochi click.

  11. Investigations on an environment friendly chemical reaction process (eco-chemistry). 2; Kankyo ni yasashii kagaku hanno process (eko chemistry) ni kansuru chosa. 2

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1996-03-01

    In order to structure a chemical reaction process that does not discharge a large amount of waste by-products or harmful chemical substances, or so-called environment friendly process, investigations and discussions were given based on the results derived in the previous fiscal year. A proposal was made to reduce environmental load on development of oxidized and dehydrogenated catalysts that can produce selectively ethylene, propylene and isobutylene in an oxidation process. In liquid phase oxidation, redox-based oxidation and solid catalyzation of automatic oxidation reaction were enumerated. In acid base catalyst reaction, development of ultra strong solid acid was described to structure no pollution discharging process. In the fine chemical and pharmaceutical fields, the optical active substance method and the position-selective aromatics displacement reaction were evaluated to reduce environmental load. A questionnaire survey performed on major chemical corporations inside and outside the country revealed the following processes as the ones that can cause hidden environmental problems: processes discharging large amount of wastes, processes treating dangerous materials, and processes consuming large amount of energy. Development of catalysts is important that can realize high yield, high selectivity and reactions under mild conditions as a future environment harmonizing chemical process. 117 refs., 23 figs., 22 tabs.

  12. Incorporation of alumina particles into reactively sintered Ni{sub 3}Al; Hanno shoketsu ni yoru Ni{sub 3}Al eno alumina no fukugoka

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Yamazaki, M.; Ochiai, S.; Arai, T. [Teikyo Univ. of Science and Tech., Yamanashi (Japan); Sakamoto, Y. [Teikyo Univ. of Science and Tech., Yamanashi (Japan)]|[NIKKOSHI Co. Ltd., Tokyo (Japan); Koyama, M. [Japan Space Utilization Promotion Center, Tokyo (Japan)

    1998-08-15

    The Ni3Al having the structure of L1{sub 2} is attracting the attention of the people. As methods for preparing it, the reactive sintering method according to which Ni powders and Al powders are mixed first and then reacted at 700 degC to prepare the Ni2Al, and the combustion composition method are expected as the hopeful method. In this study, several processes for composing alumina while preparing the Ni3Al by reactively sintering Ni powders and Al powders, are compared. While dispersing alumina powders into Ni powders beforehand by mechanical dispersing (MD), the Ni3Al can be produced under the conditions as they are. As another method for producing the Ni3Al according to which NiO powders are mixed into Ni powders to oxidize surfaces of the Ni powders and then they react with the Al powders, the reactive sintering of the Ni3Al and the alumina generation by the thermit reaction progress simultaneously, but dispersion of the alumina is the worst and the void is too much. As for the method according to which the NiO powders in the Ni powders are mechanically dispersed and then reacted with Al powders, the resultant reactions hardly occur. 9 refs., 4 figs.

  13. Temperature dependence of reaction rate for molten aluminum-silica system; Aruminiumu yoyu to shirika no hanno sokudo no ondo izonsei

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tsujikawa, M.; Kawamoto, M. [Osaka Prefectural Univ., Sakai (Japan). Coll. of Engineering; Hino, M. [Okayama Prefectural Inst. of Industrial Research, Okayama (Japan)

    1997-01-25

    To know the temperature dependence of reaction rate is a premise in case of making the slurries for particle dispersed composites by this method. So far the reports on the reaction rate between molten aluminium and silica were limited to the results in a comparative low temperature (below 1075 K) aimed to suppress the deterioration due to mainly composite particles and silica reaction as a fiber. In this experiment, it was clarified that the effect of the temperature on the thermit reaction rate between molten aluminium and silica particle, and considered the clarified the reaction suppression mechanism in high temperature. Reacted depth was measured for amorphous silica rods immersed in pure molten Al or Al-5 mass% Mg alloy at various temperatures up to 1273 K for a certain period. As a result, it was clarified that the reaction rate peaked around 1173 K, and the rate at 1273 K was 10 times lower than that at the peak temperature, and the reacted substrates formed above the peak temperature had coarser microstructure than those formed below the peak temperature and so forth. 8 refs., 10 figs.

  14. Experimental results of acetone hydrogenation on a heat exchanger type reactor for solar chemical heat pump; Solar chemical heat pump ni okeru acetone suisoka hanno netsu kaishu jikken

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Takashima, T.; Doi, T.; Tanaka, T.; Ando, Y. [Electrotechnical Laboratory, Tsukuba (Japan); Miyahara, R.; Kamoshida, J. [Shibaura Institute of Technology, Tokyo (Japan)

    1996-10-27

    With the purpose of converting solar heat energy to industrial heat energy, an experiment of acetone hydrogenation was carried out using a heat exchanger type reactor that recovers heat generated by acetone hydrogenation, an exothermic reaction, and supplies it to an outside load. In the experiment, a pellet-like activated carbon-supported ruthenium catalyst was used for the acetone hydrogenation with hydrogen and acetone supplied to the catalyst layer at a space velocity of 400-1,200 or so. In the external pipe of the double-pipe type reactor, a heating medium oil was circulated in parallel with the flow of the reactant, with the heat of reaction recovered that was generated from the acetone hydrogenation. In this experiment, an 1wt%Ru/C catalyst and a 5wt%Ru/C catalyst were used so as to examine the effects of variation in the space velocity. As a result, from the viewpoint of recovering the heat of reaction, it was found desirable to increase the reaction speed by raising catalytic density and also to supply the reactant downstream inside the reaction pipe by increasing the space velocity. 1 ref., 6 figs., 1 tab.

  15. Ring halogenation of 1,8- and 4,5- dialkylisoquinolines. 1,8- oyobi 4,5- dialkylisoquinolines rui no kaku halogen ka hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Niimi, A.; Saito, T.; Tanaka, F.; Nagao, Y.; Abe, Y.; Misono, T. (Science Univ. of Tokyo, Tokyo (Japan). Faculty of Science and Technology)

    1991-09-10

    In this paper, synthesis of halogenoisoquinoline by nucleus substituting halogenation was investigated. Since syntesis of isoquinoline with an alkyl group at its peri-position is difficult, it has not been done often, but here, among these syntheses, halogenation of 1,8-dimethylisoquinoline 1 and 5,6-dihydro-4H-benzo bdec isoquinoline 2 was made. For halogenation, two kinds of methods were studied, namely the method with free bromine and iodine in sulfuric acid in the presence of silver sulfate and the method with N-bromo and N-chlorosuccinimide in sulfuric acid. As a result, in either case, concerning 1 above, the 5-position was halogenated, and concerning 2 above, the 9-position was halogenated, hence it was elucidated that the positions were halogenated which were similar to the case of the halogenation of alkylquinolines such as 8-methylquinolines with the 5- and 7-positions to be halogenated. 11 refs., 2 figs., 3 tabs.

  16. Nitriding reaction of titanium under microgravity: observation of the microstructure; Bisho juryokuka deno chikka hanno ni yoru chitan no bishi soshiki

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Kaieda, Y. [National Research Institute for Metals, Tsukuba (Japan)

    1999-01-15

    In order to simulate the influence of microgravity on the reaction between gas and metallic powder, the experiments of beating the titanium wire specimens with 0.5 mm diameter by electric current in 0.5 absolute atmospheric pressure (0.5 kg/cm{sup 2}) of pure nitrogen gas environment under normal gravity (g=9.8m/s{sup 2}=1G) and microgravity (g={mu}G) using a drop shaft that enables 10 seconds duration of microgravitational condition is carried out. The influence of gravitational acceleration on the morphological changes in optical microscopic microstructures of the specimens is studied. The nitriding reaction becomes active under microgravity by temperature increase of the specimens with the heating time due to the suppression of thermal convection and the cooling effect of the nitrogen gas on the specimens is reduced. The results of the present study are explained by the gravitational acceleration effects. (author)

  17. Development of new peptide synthetic method of enzyme using the extraction reactivity; Chushutsu hanno wo mochiita shiki pepuchido koso goseiho no kaihatsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hirata, Makoto [Oita University, Oita (Japan)

    1999-03-05

    Recently, taste and bioactivation of large number of oligopeptide become clear, and the development of the efficient synthetic method becomes the urgency. In the production process by conventional enzyme reaction which combined the crystallization, because the solubility of the product to the water which is reaction solvent is low, the yield remained at about 60%, and the problem of reaction inhibition of the product by the crystal had also been indicated. In the enzyme synthesis of the aspartame in which he is the representative oligopeptide, it aimed at the establishment of the new synthesis method which can improve yield and reaction rate, while the segregation enzyme was continuously utilized. In this synthetic method, supply of organic solvent which dissolved the substrate, extraction of the substrate from organic solvent to water phase, synthesis reaction by the segregation enzyme in water phase, extraction of the aspartame which is a product from water phase to organic solvent progress, and they continuously progress by one complete mixing reactor. The process which controlled these speeds and yields was quantitatively analyzed, and material balance style considering substrate, enzyme and mass transfer of the product and enzyme reaction speed was deduced. The optimum operating condition for improving yield and productivity of the purpose product using this solution was examined, and optimum supply concentration and agitation speed of aspartic acid which was a substrate were started, and the optimum operating condition which realizes the improvement in high yield and productivity over 90% of the aspartame was clarified. Like this, it is that this research adopts features of liquid Citrus nobilis two-phase partition for the enzyme synthesis of the aspartame, and it is considered that there is a value, because it is the creative research which verified that the productivity can be greatly improved by the utilization of the chemical-engineering technique, and because the industrial contribution is also big. (translated by NEDO)

  18. Mark Raidpere : Autoportreede nihkuv fookus, küsimusteks dubleeritud vastused... = The shifting focus of self-portraits - answers redubbed as questions... / Hanno Soans

    Index Scriptorium Estoniae

    Soans, Hanno, 1974-

    2007-01-01

    Modellina ja moefotoga alustanud videokunstnik Mark Raidpere jõudmisest äärmuseni isikliku kunsti juurde, kus ta videopihtimusena eksponeerib personaalset identiteedikriisi, lõhestatud perekonna sisedraamasid, nende elu, mälestusi lähivaates, näidates seejuures ka omaenese ebamäärast süütunnet ja pannes vaataja kaasa elama millelegi väga intiimsele

  19. Application of photo-excitation reaction on titanium oxide thin film for control of wettability; Sanka chitann hakumakujo no hikari reiki hanno no nuresei seigyo eno oyo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Watanabe, T.; Nakajima, A.; Hashimoto, K. [The Univ. of Tokyo, Tokyo (Japan); Takada, Y. [Kyushu Univ., Fukuoka (Japan)

    2000-03-31

    It is clarified that the photo-excitation hydrophilic reaction increasing wettability remarkably is induced by changing surface structure of titanium oxide radiated light. There are already many examples being in practical use of coating products applied hydrophilic reaction of titanium oxide surface such as drip-proof side millers for automobiles, self-cleaning building materials, and the like. When surface of titanium oxide having high activities for oxidisation and decomposition is coated organic materials and radiated light, wettability of surface changes as organic materials are decomposed. If it is possible to change wettability shaping pattern drastically by radiating light, the possibility of application for printing materials will be developed. After increasing contact angle by coating water and oil repellent on the titanium oxide thin film, images can be shaped by radiating light into pattern for changing surface of titanium oxide to be ultra hydrophilicity as decomposition of repellent. At that time, contact angle is 150 degree in water, 80 degree in oil, for not radiated aria, and is 0 degree in water and oil for radiated aria. Application for control technology of wettability keeps possibility of broader development to itself, not staying ability of self-cleaning and drip-proof. (NEDO)

  20. Juridica minevikust, tulevikust ja veebist 200. numbri künnisel / Peep Pruks ; komment. Hanno Pevkur, Priit Pikamäe, Norman Aas ...[jt.

    Index Scriptorium Estoniae

    Pruks, Peep, 1963-

    2013-01-01

    Vastused küsimusele, mida on Juridica seni andnud kasulikku ja mida ootaksite ajakirjalt tulevikus rohkem. Valiku statistilistest andmetest, mida Google Analyticsi abil on võimalik veebis Juridica kasutamise kohta tuvastada. Tabel. Graafikud

  1. Survey on synthesis and reaction of environmentally benign water-soluble metal complex catalysts; Kankyo chowagata suiyosei sakutai shokubai no gosei hanno no chosa

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1997-03-01

    This report describes the research trend survey results on the synthesis and reaction of water-soluble metal complexes which are regarded as environmentally benign catalysts. For the synthesis and catalysis of water-soluble complexes, synthetic methods of water-soluble phosphines, such as sulfonated TPPMS and TPPTS, are described in detail. Synthesis and reactivity of hydroxymethylphosphines are introduced, and the application of electrospray mass spectroscopy is elucidated as a tool for the analysis of them. Changes of the application of transition metal complexes with water-soluble phosphines to catalysis are described. Dual catalysts which have both functions of phase transfer catalysts and homogeneous catalysts are introduced. Concept of counter phase transfer catalysts is also introduced, and some catalytic reactions are described. In addition, this report introduces catalysis of water-soluble polymer-supported metal complexes, immobilization of metal colloids with water-soluble ligands and their analysis, and water-soluble complexes as hybrid catalysts. 144 refs., 94 figs., 10 tabs.

  2. Influence of catalytic activity and reaction conditions on the product distribution in coal liquefaction; Sekitan ekikayu no seiseibutsu bunpu ni taisuru shokubai kassei oyobi hanno joken no eikyo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hasuo, H.; Sakanishi, K.; Mochida, I. [Kyushu University, Fukuoka (Japan). Institute of Advanced Material Study

    1996-10-28

    The NiMo sulfide supported on Ketjen Black (KB) was more effective and yielded lighter oil products containing light fractions with their boiling point below 300{degree}C during the two stage liquefaction combining low temperature and high temperature hydrogenation the conventional NiMo/alumina catalyst and FeS2 catalyst. Although the NiMo/alumina yielded increased oil products during the two stage liquefaction, the lighter oil fractions did not increase and the heavier fractions increased mainly. This suggests that the hydrogenation of aromatic rings and successive cleavage of the rings are necessary for producing the light oil, which is derived from the sufficient hydrogenation of aromatic rings using catalysts. For the two stage reaction with NiMo/KB catalyst, it was considered that sufficient hydrogen was directly transferred to coal molecules at the first stage of the low temperature reaction, which promoted the solubilization of coal and the successive hydrogenation at the high temperature reaction. Thus, high activity of the catalyst must be obtained. It is expected that further high quality distillates can be produced through the optimization of catalysts and solvents at the two stage reaction. 1 ref., 4 figs., 1 tab.

  3. Change in catalyst properties during coal liquefaction; Kokoritsu sekitan ekika shokubai no kaihatsu (Hanno no shinko ni tomonau shokubai seijo no henka). 1

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Koyama, T.; Sato, K.; Kaneko, T.; Shimasaki, K. [Nippon Brown Coal Liquefaction Co. Ltd., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    The purpose of this study is to prevent the deactivation of catalysts recycled in the 0.1 t/d bench scale unit (BSU). Catalysts recovered during reactions in the BSU and after reactions in the 5-liter autoclave were analyzed, to investigate the influences of the reaction condition on the property and activity of catalysts. Were used {gamma}-iron oxyhydroxide ({gamma}-FeOOH), {alpha}-iron oxyhydroxide ({alpha}-FeOOH), and natural pyrite (FeS2) as catalysts. At the S/Fe atomic ration of 1.2 under the BSU reaction condition, troilite was more easily formed from {gamma}-FeOOH compared with pyrite and {alpha}-FeOOH. As the reaction proceeded through the first, second, and third reactors, the crystal size increased, the pyrrhotite content decreased, and the troilite content increased. Deactivation due to the formation of troilite was irreversible. At the S/Fe of 3.0, however, both the formation of troilite and the crystal growth of pyrrhotite were not observed. It was found that the deactivation of catalysts can be remarkably suppressed. 5 refs., 6 figs., 1 tab.

  4. Coal liquefaction in early stage of NEDOL process 1t/d PSU; 1t/d PSU ni okeru ekika shoki hanno ni kansuru kento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ikeda, K.; Kawabata, M.; Mochizuki, M.; Imada, K. [Nippon Steel Corp., Tokyo (Japan); Nogami, Y.; Inokuchi, K. [Mitsui SRC Development Co. Ltd., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    To investigate the behavior of coal liquefaction reaction in early stage as a part of studies on the coal liquefaction characteristics using NEDOL process 1 t/d process supporting unit (PSU), coal slurry sample was taken from the outlet of slurry preheater located in the upflow of liquefaction reactors, and was tested. Tanito Harum coal was used for liquefaction. Preheater was operated under the condition of pressure of 170 kg/cm{sup 2}, gas flow rate of 64 Nm{sup 3}/hr, and at temperature up to 410{degree}C at the outlet, in response to the standard test condition. The slurry sample was discharged into a high temperature separator with temperature of 250{degree}C. Liquefaction was not proceeded at the outlet of preheater. Solid residue yielded around 80%, and liquid yielded around 15%. Gases, CO and CO2, and water yielded also small amount around 3%. The solid sample contained much IOM fraction (tetrahydrofuran-insoluble and ash), and the liquid contained much heavy oil fraction. Hydrogenation was not proceeded, and the hydrogen consumption was very low showing below one-tenth of that at the usual operation. Hydrogen sulfide gas was formed at early stage, which suggested that the change of iron sulfide catalyst occur at early stage of liquefaction. 1 ref., 5 figs., 2 tabs.

  5. Study of initial stage in coal liquefaction. Increase in oil yield with suppression of retrogressive reaction during initial stage; Ekika hanno no shoki katei ni kansuru kenkyu. 1.

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Uesugi, K.; Kanaji, M.; Kaneko, T.; Shimasaki, K. [Nippon Brown Coal Liquefaction Co. Ltd., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    For the coal liquefaction, improvement of liquefaction conditions and increase of liquefied oil yield are expected by suppressing the recombination through rapid stabilization of pyrolytic radicals which are formed at the initial stage of liquefaction. Two-stage liquefaction combining prethermal treatment and liquefaction was performed under various conditions, to investigate the effects of reaction conditions on the yields and properties of products as well as to increase liquefied oil yield. Consequently, it was found that the catalyst contributes greatly to the hydrogen transfer to coal at the prethermal treatment. High yield of n-hexane soluble fraction with products having low condensation degree could be obtained by combining the prethermal treatment in the presence of hydrogen and catalyst with the concentration of slurry after the treatment. This was considered to be caused by the synergetic effect between the improvement of liquefaction by suppressing polymerization/condensation at the initial stage of reaction through the prethermal treatment and the effective hydrogen transfer accompanied with the improvement of contact efficiency of coal/catalyst by the concentration of slurry at the stage of liquefaction. 4 refs., 8 figs.

  6. Bond cleavage reactions of the bridge structure in coal in the presence of hydrogen donating compounds; Suiso kyoyosei kagobutsu sonzaika deno sekitanchu no kakyo kozo no kairetsu hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bando, N.; Kidena, K.; Murata, S.; Nomura, M. [Osaka University, Osaka (Japan). Faculty of Engineering

    1996-10-28

    In this paper, bond cleavage reactions are discussed in relation to the softening and solubilization of coal. Were used 9,10-dihydroanthracene (DHA) and 9,10-dihydrophenanthrene (DHP) as models of hydrogen donating compounds in coal, and bibenzyl, 1,2-diethane, benzylphenylether, and 1,5-dibenzylnaphthalene were used as models of bridge structure compounds. They were compared mutually, as to reactivity of coal against DHA and DHP. For the homolytic cleavage of bridges, DHA with excellent radical supplement performance provided excellent hydrogen donating performance. While, for the ipso-position cleavage of bridges, it was found that DHP can act as an effective hydrogen donor. For the reaction between coal and hydrogenated aromatic compounds, cleavage of relatively weak bonds, such as ether linkage and dimethylene linkage, occurred at about 380{degree}C, and hydrogen from DHA or DHP was consumed. On the other hand, the results suggested that the cleavage reaction at ipso-position affected by hydrogen donating solvent is also important at temperature range around 420{degree}C. 2 refs., 3 figs., 1 tab.

  7. Investigation of the deposit formation in pipelines connecting liquefaction reactors; 1t/d PSU ni okeru ekika hanno tokan fuchakubutsu no seisei yoin ni kansuru ichikosatsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Okada, Y.; Nogami, Y.; Inokuchi, K. [Mitsui SRC Development Co. Ltd., Tokyo (Japan); Mochizuki, M.; Imada, K. [Nippon Steel Corp., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    The liquefaction reaction system of an NEDOL process coal liquefaction 1t/d PSU was opened and checked to investigate the cause of the rise of differential pressure between liquefaction reactors of the PSU. The liquefaction test at a coal concentration of 50 wt% using Tanito Harum coal was conducted, and it was found that the differential pressure between reactors was on the increase. By the two-phase flow pressure loss method, deposition thickness of deposit in pipelines was estimated at 4.4mm at the time of end operation, which agreed with a measuring value obtained from a {gamma} ray. The rise of differential pressure was caused by deposit formation in pipelines connecting reactors. The main component of the deposit is calcite (CaCO3 60-70%) and is the same as the usual one. It is also the same type as the deposit on the reactor wall. Ca in coal ash is concerned with this. To withdraw solid matters deposited in the reactor, there are installed pipelines for the withdrawal at the reactor bottom. The solid matters are regularly purged by reverse gas for prevention of clogging. As the frequency of purge increases, the deposit at the reactor bottom decreases, but the deposit attaches strongly to pipelines connecting reactors. It is presumed that this deposit is what Ca to be discharged out of the system as a form of deposition solid matter naturally in the Ca balance precipitated as calcite in the pipeline connecting the reactor. 3 refs., 5 figs., 4 tabs.

  8. Rutiinivabad reklaamikatlad : jänkudest, kaladest, lauajalgpallist ja golfist rääkimata / Maris Takk

    Index Scriptorium Estoniae

    Takk, Maris

    2009-01-01

    Reklaamibüroo Tank kontorist endise Baltika õmblustsehhi ruumides (sisearhitekt Tiina Teng-Tamme). Reklaamibüroo Age McCann bürooruumidest Rotermanni kvartali Jahulaos (arhitekt Tomomi Hayashi, sisearhitekt Kerli Lepp)

  9. Age McCanni büroo = Offices of Age McCann

    Index Scriptorium Estoniae

    2010-01-01

    Tallinnas Rotermanni 8 asuva Age McCanni büroo sisekujundusest. Sisekujunduse autorid: sisearhitekt Kerli Valk (Kukuhaus OÜ) ja arhitekt Tomomi Hayashi (HG Arhitektuur OÜ), nende tähtsamate tööde loetelu

  10. Reaction mechanism of coal liquefaction: hydrogenolysis of model compound using synthetic pyrite as catalysts. 7. Property change of synthetic pyrite catalyst with the time after production; Sekitan ekika hanno kiko (model kagobutsu no hanno). 7. Gosei ryukatetsu shokubai no keiji henka ni tsuite

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ito, H.; Meno, H.; Uemaki, O.; Shibata, T.; Tsuji, T. [Hokkaido University, Sapporo (Japan)

    1996-10-28

    Reactions of various model compounds were investigated using synthetic pyrites for coal liquefaction. In this study, successive changes of the catalysts were investigated from the reactions of model compounds by using three different synthetic pyrites with the lapse of time after production. Benzyl phenyl ether, dibenzyl, and n-octylbenzene were used as model compounds. Reactions were conducted in an autoclave, into which sample, catalyst, decalin as solvent, and initial hydrogen pressure 10 MPa were charged. The autoclave was held at 450 or 475{degree}C of reaction temperature for 1 hour. The catalyst with a shorter lapse of time after production acted to hydrogen transfer, and inhibited the formation of condensation products due to the stabilization of decomposed fragment. It also acted to isomerization of materials by cutting alkyl side chains. When adding sulfur to the catalyst with longer lapse of time after production under these reaction conditions, it inhibited the formation of condensation products for the reaction of benzyl phenyl ether. However, it did not provide the effect for the reaction of n-octylbenzene. 5 refs., 3 figs.

  11. Two enzymes which catalyze the amidation of peptide C-terminals are synthesized by a single mRNA. Peptide C mattan amid ka hanno wo shokubaisuru futatsu no koso wa ippon no mRNA yori goseisareru

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Kato, I.; Yonekura, H.; Okamoto, H. (Tohoku Univ., Sendai (Japan))

    1991-10-25

    Recent findings by the authors are reviewed on the amidation that forms amid structure essential to physiological activities in C-terminals of peptide hormones such as oxytocin,VIP,PP. It is noted that the amidation had been considered to be catalyzed by peptidylglycine{alpha} -amidating monooxyganase ( PAM ) and that the authors investigated the PAM function by expression of PAM cDNA isolated from rat pituitary and its deletion mutant into COS-7 cells, reaching to the important findings of a singl PMA mRNA encoding two enzymes, namely one at 5 {prime} side, peptidylglicine {alpha} hydroxylase which catalyses the conversion of C-termianl glycine on peptide to the hydroxylated form ( the first step of amidation ),and another at 3{prime} side, {alpha}- hydroxylglycine amidating dealkylase which catalyzes the conversion of hydroxylated glycine to the amidated form ( the second step of amidation). 19 refs., 4 figs.

  12. Study of reaction and heat release from solid combustion in strong magnetic field; Kyojiba wo riyoshita hikinshitsu kotai nensho shori no hanno to netsu no seigy ni kansuru kiso kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ito, K.; Fujita, O.; Iiya, M.; Kudo, K. [Hokkaido University, Sapporo (Japan)

    1997-02-01

    To establish the inhomogeneous solid combustion control technology, effects of the strong magnetic field on the solid combustion were examined. When applying the sufficiently strong magnetic field, it is possible to control the air flow in combustion field by utilizing the force applying to constituent oxygen with large susceptibility. Based on this possibility, combustion experiments of expanded polystyrene plates were conducted between the magnetic poles of electro-magnet having the maximum flux density of 1 T and the maximum magnetic field gradient of 0.5 T/cm. To observe the effects of magnetic field without the effects of natural convection, combustion experiments of acrylic sheets were conducted between the magnetic poles of electro-magnet having the maximum flux density of 0.6 T and the magnetic field gradient of about 0.1 T/cm under the microgravity conditions between 10{sup -4} and 10{sup -5}g using a microgravity test facility. Consequently, prospective combustion results could be obtained, in which the force of flame received from the magnetic field is almost equivalent to the buoyancy of flame. It was demonstrated that combustion can be controlled by the magnetic field. 1 ref., 3 figs., 1 tab.

  13. Study of selective oxidation of methane catalyzed by solid superacid in unique reaction field; Tokushu hannoba no kotai chokyosan wo mochiiru methane no sentaku sanka hanno ni kansuru kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Misonoo, M.; Tatsumi, T.; Mizuno, T.; Inumaru, T. [The University of Tokyo, Tokyo (Japan)

    1997-02-01

    Selective oxidation of lower alkanes by use of heteropolymeric compounds is studied. Alkanes are activated on Cs2.5H0.5PW12O40 serving as catalyst, and their activity and selectivity improve when the catalyst is developed into a dual function catalyst in which Cs and Pt are combined. A success is reported of the synthesis of a heteropolymeric acid in which two molecules of the coordination element wolfram are replaced with a transition metal of the first period, on which acid the oxidation of cyclohexane is enhanced. Cs2.5Ni0.08H1.34PVMo11O40 as a metal/heteropolymeric acid dual function catalyst enables the direct oxidation (9% recovered at 340{degree}C) of isobutane into a methacrylic acid, which is attributed to the harmonious coordination of the oxidizing work of the catalyst and acidity. It is possible to oxidize propane into the acrylic acid, but not ethane into the acetic acid. In the case of Pd/Cs2.5H1.5PVMo11O40, the formic acid, methanol, etc., are produced upon addition of hydrogen to the system. This reaction in the hydrogen/oxygen system is supposed to take place via activated oxygen seeds as in the case of oxidation by hydrogen peroxide. 10 refs.

  14. Study on solar chemical heat pump system. Basic experiment on dehydrogenation of 2-propanol using heteropoly-acid photo catalyst; Solar chemical heat pump no kenkyu. Heteropoly sankei hikari shokubai wo mochiita 2-propanol no dassuiso hanno

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Doi, T. [Electrochemical Laboratory, Tsukuba (Japan); T-Raissi, A.; Muradov, N. [Florida Solar Energy Center, FL (United States)

    1996-10-27

    With the purpose of converting solar heat energy to an industrial heat energy, an examination was carried out empirically on the case of using a heteropoly-acid photo catalyst for the decomposition reaction process of 2-propanol. The experiment was performed in Florida Solar Energy Center, in the U.S.A.. The device for the experiment was constituted of a reaction part, distribution manifold for feeding from the lower part of the reaction part a 2-propanol solution for which a photo catalyst was suspended, storage tank served also as a gas-liquid separating container, and circulating pump. Silica-tangstic acid was used as the photo catalyst. In an outdoor experiment using solar radiation, the quantity of inclined global solar radiation was 530-950W/m{sup 2} in clear days and 100-600W/m{sup 2} in cloudy days, with temperatures between 17 and 26{degree}C throughout the experiment period. In addition, an indoor experiment was also conducted using an artificial light source (UV light). As a result of the experiment, the energy conversion efficiency was at most about 1% of incident UV light, a low figure compared to a heat utilization ratio of approximately 15% with a thermal catalyst. 6 refs., 8 figs.

  15. Experiment for deep seismic reflections in Hidaka, Hokkaido. Comparison between Vibroseis and explosive data; Hidaka chiiki ni okeru shinbu hanno data no shutoku jikken. Vibroseis to dynamite no hikaku

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Shimizu, N.; Ikawa, T. [Japex Jeoscience Institute, Tokyo (Japan); Ito, T.; Tsumura, N.; Shinohara, M.; Ikawa, T. Ikawa, H.; Asano, Y.; Tanaka, Y.; Miyazono, N. [Chiba University, Chiba (Japan); Arita, K.; Moriya, T.; Otsuka, K.; Omura, T. [Hokkaido University, Sapporo (Japan); Kimura, M. [Osaka Prefectural University, Osaka (Japan); Hirata, N. [The University of Tokyo, Tokyo (Japan); Okuike, S.

    1997-05-27

    This is a prompt report. These days the importance of acquiring knowledge about the structure from the lower crust down to the upper mantle is often discussed with reference taken to Hyogo-ken Nanbu Earthquake. The Hidaka collision belt where the lower crust is exposed on the surface is a rare phenomenon in the world and has been the subject of seismic survey. As a part of the survey, experiments are conducted by the use of vibrations produced by Vibroseis and dynamite sources. Every one of the shot records (20-second record) from the two types of vibration sources contains a clear echo in the vicinity of 16 seconds supposedly from a level deeper than 40 kilometers, not to mention reflections from shallow levels. Although some studies have to be conducted before the reflecting geological boundary (possibly the upper mantle) of the echo near the 16-second point can be identified, yet this is probably the reflection from the deepest level ever obtained in the seismic reflection survey conducted in Japan`s land area. It is proved by this experiment that vibration from a vibrator can reach as far as that from explosion if the vibrator specifications are rightly chosen. 4 refs., 3 figs.

  16. Predicting autoignition characteristics of premixed natural gas mixture under lean conditions by using a detailed chemical kinetics model; Kagaku hanno sokudoron wo koryoshita tennen gas kihaku yokongoki no jiko chakka tokusei

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Okamoto, T.; Ikeda, T.; Kusaka, J.; Daisho, Y. [Waseda University, Tokyo (Japan)

    1998-10-15

    Study was made on autoignition characteristics of natural gas by using a detailed chemical kinetics model. An engine is being watched which is featured by autoignition by compressing homogeneous lean premixture of air and natural gas as clean alternative fuel. However, because natural gas is composed of major methane, and minor ethane, propane and butane, autoignition is difficult, while rapid pressure rise is predicted at autoignition. Intake temperature rise and compression ratio rise bring autoignition timing forward by rising temperature in a cylinder. The effect of an air excess ratio on ignition timing and autoignition region is small under constant intake pressure and smaller air excess ratios, because of the negation between an effect bringing ignition timing forward by increase in fuel concentration and an effect delaying ignition timing by increase in polyatomic molecules in the premixture. Since combustion starts from n-butane, ignition timing is delayed with an increase in methane ratio. Although the feasibility of compressive ignition combustion using the lean premixture was confirmed, measures against excess pressure rise rates are necessary. 7 refs., 8 figs., 3 tabs.

  17. Report on the FY 1999 study of the decomposition/removal of environmental pollutants using laser induced chemical reaction; 1999 nendo laser yuki kagaku hanno wo mochiita kankyo osen busshitsu no bunkai jokyo ni kansuru kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    2000-03-01

    For the cleavage of carbon-chlorine connection and decomposition of benzene rings which are hazardous causes of the environmental pollutants represented by dioxins, the photolysis of gaseous phase chlorobenzene used as a model compound was made using KrF and ArF excimer laser. The decomposition is high efficiency, and ArF shorter in wavelength can be compounded twice-four times as fast as KrF. It was found out that in the system where oxygen exists, carbon monoxide, carbon dioxide, acetylene, hydrogen chloride, etc. are produced as decomposition products. From the results of the gaschromatographical analysis, chlorine compounds were detected as solid phase decomposition products. However, by the oxygen existence effect and laser shorter wavelength effect, the formation of polychlorinated aromatics was controlled, and chlorine compounds were made non-pollutant together with the composition. It was indicated that the environmental clean-up technology using laser is effective for making low-concentration environmental pollutants non-pollutant, and it is a method to clean up the environment which has a wide range of the application field. (NEDO)

  18. Fiscal 1992 R and D project for next generation infrastructure technology. Report on results of R and D on photo-reactive material; 1992 nendo hikari hanno zairyo no kenkyu kaihatsu seika hokokusho

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1993-03-01

    R and D was conducted with the purpose of establishing fundamental technologies concerning photo-reactive materials, which control molecular structures or polymerization through light beam behavior and which can be used for ultra-high density optical recording, high resolution display, optical switch, etc., with the fiscal 1992 results summarized. In the studies on photochromic materials, investigation was carried out on the possibility of 10 multiple recording and the fundamental features of aggregate forming photochromic compounds. In the studies on high temperature of photochemical hole burning (PHB) materials, a material was synthesized using ionic porphyrin derivatives as guest material and deuterated polyvinyl alcohol (PVA) and the like as host, with the evaluation made on the performance of multiple hole formation and storage. In addition, comparisons were made for example on the thermal properties of the PHB materials among the participating enterprises mutually. In the development of chinone PHB materials and research on the improvement of the multiplicity, as this being the final year, researches were done on such subjects as integration of element technologies, material evaluation technology and PHB-related studies, correlatively as the work of the final year. Research results were also reported on the development and systematizing technology of porphyrin-based PHB materials. (NEDO)

  19. Effects of fly ash and blast-furnace slag powder in alkali-aggregate reaction inhibition; Flyash oyobi koro slag bifunmatsu no arukari kotsuzai hanno yokusei koka chosa kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sakai, K. [The Kansai Electric Power Co. Inc., Osaka (Japan)

    1997-01-31

    To restrain alkali-silica reaction (ASR) of concrete aggregate, ASR curbing capability of pozzolanic admixtures was experimentally investigated. For the experiment, augite-andesite, rhyolite welded tuff, chert, and sandstone were used as typical reactive aggregates. The pessimum proportions showing maximum expansion coefficient were determined by means of mortar bar test method. As a result, they were, by volume, 20% for augite-andesite, 60% for sandstone, and 100% for rhyolite welded tuff and for chert. In the case of these pessimum proportions, ASR curbing effect was examined when a part of cement was replaced by fly ash and blast-furnace slag powder. Experimental results demonstrated that both of them have an effect of curbing ASR of concrete. Even in the case of augite-andesite with high expansion coefficient, it was found that the expansion coefficient of concrete aged for six months can be repressed below 0.10% by replacing 30% of cement with fly ash and 40% of cement with blast-furnace slag powder. 23 figs., 11 tabs.

  20. Control of surface wettability by light illumination: surface wettability control utilizing photo-induced surface reaction of titanium oxide; Hikari de nure wo seigyosuru - sanka chitan no hikari reiki hanno wo riyoshtia nure seigyo gijutsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Watanabe, T.; Hashimoto, K. [The Universityof Tokyo (Japan)

    1999-02-15

    We report photo-generation of highly hydrophilic surface of titanium dioxide. The photo-induced hydrophilicizing is achieved by photo-generation of Ti{sup 4+} to Ti{sup 3+} at definite sites on the surface, resulting in preferential adsorption of hydroxyl groups on corresponding oxygen vacant sites. We also report the photo-generation of titanium dioxide amphiphilic surface on definite photo illumination condition. The unique character of this surface is ascribed to the microstructure of hydrophilic and oreophilic domain. The hydrophilic or amphiphilic titanium dioxide coating can be applied for antifogging mirror or glass and also self-cleaning paint for various industrial materials. Several commercial applications including antifogging automobile side-view mirror or self-cleaning exterior ceramic tile has been starting to hit the market. (author)

  1. Wall effect in deactivation of excited molecular oxygen {sup 1}{delta}g; Reiki sanso bunshi {sup 1}{delta}g no shikkatsu ni oyobosu hyomen hanno no eikyo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Takahashi, S.; Hasegawa, Y.; Yamashita, I. [Mechanical Engineering Laboratory, Tsukuba (Japan)

    1993-10-25

    This paper discusses effects of surface reaction on deactivation of excited molecular oxygen in {sup 1}{Delta}g condition. Gaseous oxygen containing excited oxygen generated by microwave discharge at a concentration of less than 1% is flown into several kinds of tubes to be measured such as quartz tubes (with an inner diameter of about 10 mm), and the light emitting intensity of the excited oxygen was measured upstream and downstream of the tubes to be measured (with in-tube pressure of 1 Torr or 2 Torr) to derive its concentration change. The surface reaction on the tube wall was regarded as a primary reaction, and the concentration change of the excited oxygen in flows in the round tube (attributable to the surface reaction) was analyzed. With respect to effects of tube wall materials on deactivation of the excited molecular oxygen, the surface deactivation probability in the case of using low-activity materials has decreased in the order of Pyrex, PVC, quartz, PFA and PTFE. The surface deactivation probability in the case of using a metallic material, SUS316L, was about 1000 times larger than that in the quartz. 14 refs., 7 figs., 1 tab.

  2. Study on the reaction mechanism of oxygen-added enzyme for effective use of unused seaweeds; Miriyo kaiso no shigenka ni shisuru sanso tenka koso no hanno kiko ni kansuru kenkyu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1997-03-01

    For effective use of unused seaweeds, efficient search of available microorganism systems and their conversion for effective use were studied. Since generally found Phaeophyceae includes a large amount of polyphenol such as phlorotannin, it is refused by plant-eating animals, inhibits protein from effective absorption, and is inadequate for livestock feed because of tasteless. Bacteria Rhodococcus sp. PG7-2 was isolated which can be effectively increased using phloroglucinol as substrate. Participation of oxygen- adding enzyme was suggested in the initial stage of decomposition which adds molecular oxygen to aromatic rings. In the experiment using combinations of extracted and isolated enzymes and various coenzymes, no significant decomposition was observed. Since phlorotannin of Phaeophyceae is the polymer which shows a matrix-like extent through difficult-to-decompose bond such as biphenyl bond and phenyl ether bond, its decomposition by one kind of bacterium is extremely difficult. Search of decomposition systems of polymer remains as the future issue. 15 refs., 30 figs., 5 tabs.

  3. Improvement for enantioselectivity of esterification by the change of alcohol concentration in supercritical CO{sub 2}; Arukoru nodo henka ni yoru chorinkai CO{sub 2} nai esuteruka hanno kyozotai sentakusei no kojo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Wu, Tau-yann; Liang, Ming-tsai

    1999-07-05

    This work used Candid rugosa lipase to resolve racemic Naproxen by esterification with ethanol, n-butanol, n-hexanol, or n-decanol in supercritical CO{sub 2}. It was found that the lipase enantioselectively esterified S-Naproxen within all systems. The enantiomeric ratio increased four folds by slightly decreasing the alcohol concentration. The effect of the alcohol concentration on the enantioselectivity was greater than that of changing acyl acceptors. (author)

  4. Studies of initial stage in coal liquefaction. Effect of prethermal treatment condition with process solvent to increase oil yields; Ekika hanno no shoki katei ni kansuru kenkyu. Sekitan no maeshori joken to yozai koka

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Shindo, T.; Komatsu, N.; Kishimoto, M.; Okui, T.; Kaneko, T.; Shimasaki, K. [Nippon Brown Coal Liquefaction Co. ltd., Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    Process solvent was hydrogenated in the brown coal liquefaction, to investigate the influence of it on the prethermal treatment and liquefaction. Consequently, it was found that the n-hexane soluble (HS) yield was improved. In this study, capacity of hydrogen transfer from solvent during prethermal treatment and effects of catalyst were investigated. Since prethermal treatment in oil was effective for improving the oil yield in the presence of hydrogen/catalyst or high hydrogen-donor solvent, influence of hydrogen-donor performance of solvent or addition of catalyst on the hydrogenation behavior of coal and the characteristics of products during prethermal treatment were investigated in relation to successive liquefaction results. As a result, it was found that the increase of HS yield was due to the acceleration of conversion of THF-insoluble using high hydrogen-donor solvent and/or by adding catalyst. It was also found that the use of high hydrogen-donor solvent and highly active catalyst at the stage of prethermal treatment before the successive liquefaction was effective for improving the HS yield, i.e., liquefied oil yield. 2 refs., 5 figs., 1 tab.

  5. Luukamber / Juhan Tõrdu

    Index Scriptorium Estoniae

    Tõrdu, Juhan

    1996-01-01

    Ajakirja "Tarapita" rubriik "Luukamber" kui raamatutes esinevatele eksimustele osutaja 1920. aastate algul. Näiteid tänasest "luukambrist".Sisu: Mis keeles ropendada? : [Teet Kallase romaanis "Jää hüvasti, mr. Shakespeare"]; Leksikon teab rohkem kui ajaleht : [Eduard Grossschmidt-Suursepast]; Segadusi fotodega; Kes kaitseks laulusõnade autoreid?

  6. BAUA näitus-installatsioon "GLOBE" = BAUA's exhibition-installation "GLOBE"

    Index Scriptorium Estoniae

    2012-01-01

    Väljapanek Rahvusvahelise Arhitektide Liidu (UIA) maailmakongressi raames Tokyos 26.-28.09.2011. Ühisekspositsioonile parima ideelahenduse leidmiseks korraldatud konkursi võitis Tallinna Tehnikakõrgkooli üliõpilase Mark Grimitlihti idee. Kuraator Tomomi Hayashi (HG Arhitektuur), näituseboksi kujundasid Tim Martin, Mart Lankots, Kristian Kirsfeldt (Velvet Creative Alliance)

  7. Trepp viib linlase Russalka näoni / Teele Tammeorg

    Index Scriptorium Estoniae

    Tammeorg, Teele

    2010-01-01

    Tallinn 2011 programmi kuuluvale linnainstallatsioonide festivalile "Lift11" esitati 129 tööd, žürii valis välja 17 kavandit. Pikemalt Argo Peeveri ja Margus Tamme ideest "Face it" ning Tomomi Hayashi ideest jätkata Tallinna Linnahalli treppe. Žürii liikme Endrik Männi arvamus konkursist

  8. LIFT11 linnas

    Index Scriptorium Estoniae

    2010-01-01

    Tallinn 2011 programmi kuuluva installatsioonide festivali "Lift11" avalikule ideekonkursile esitati 129 tööd, välja valiti 17. Tutvustatakse Maarja Kase ja Ralf Lõokese tööd "L", Tomomi Hayashi tööd "Merele!", Toomas Paaveri, Teele Pehki ja Triin Talki tööd "Kalarand"

  9. Prostatic Specific Antigen (PSA) Relationship to Patients Age ...

    African Journals Online (AJOL)

    Hp 630 Dual Core

    4. Tomomi Kimura East meets West: ethnic differences in prostate cancer epidemiology between East Asians and caucasians chin J cancer. 2012 September; 31(9): 421 429. doi: 10.5732/cjc.011.10324. 5. Bjarne K. Jacobsen, Synn·ve F. Knutsen, Gary E. Fraser Does high soy milk intake reduce prostate cancer incidence?

  10. Okupatsioonimuuseum : Tallinn, Toompea tn. 8 = Ocupation Museum : Toompea St. 8, Tallinn / Indrek Peil, Siiri Vallner

    Index Scriptorium Estoniae

    Peil, Indrek, 1973-

    2003-01-01

    Projekteerija: OÜ Head Arhitektid. Autorid Indrek Peil, Siiri Vallner, kaasa töötas Tomomi Hayashi. Sisekujundajad: I. Peil, S. Vallner, T. Hayashi, Toomas Kuslap. Konstruktor: AS ESP, Projektbüroo Teinos. Tellija: Kristler-Ritso Eesti Sihtasutus. Valmis 2003. Ehitamisest, ruumi kontrollist, linnalisest lahendusest. I ja II korruse plaan, 4 välis- ja 3 sisevaadet

  11. Baltlaste maakera Jaapanis / Hindrek Kesler

    Index Scriptorium Estoniae

    Kesler, Hindrek, 1958-

    2011-01-01

    Rahvusvahelise Arhitektide Liidu (UIA) 24. maailmakongress Tokyos 25.-28.09.2011. Balti Arhitektide Liitude Assotsiatsiooni (BAUA) eesistujamaa aastatel 2010-2013 on Läti, Eesti esindaja neis organisatsioonides Hindrek Kesler. BAUA väljapanekust "Maakera - jaga oma visiooni ja kujunda oma keskkonna tulevikku" (autor Mark Grimitliht, kuraator Tomomi Hayashi, Eesti) UIA sektsioonide ülevaatenäitusel

  12. Vägivald juugendi kallal / Karin Hallas

    Index Scriptorium Estoniae

    Hallas, Karin, 1957-

    1998-01-01

    Juugendarhitektuuri olukorrast Tallinnas. Õnnestunult taastatud majadest, värvidest, 1980. aastatele iseloomulikust juugendi täiendamisest nn. uusjuugendiga, vägivallast juugendi kallal. Näitus "Sajandi alguse Tallinn : olev, olnud, kujutletud" Rotermanni soolalaos pakub vaadata sajandi alguse arhitektuuri sellisena, nagu ta mõeldud ja ehitatud oli ja tänapäeval. Koostaja K. Hallas, kujundajad S. Vallner, H. Grossschmidt.

  13. Mõtteid "Pegasusest" = Thoughts about Pegasus / Edina Dufala-Pärn

    Index Scriptorium Estoniae

    Dufala-Pärn, Edina

    2000-01-01

    Kohvik-restorani kujundusest. Projekteerija: Front Arhitektid. Sisekujundajad Gert Sarv, Margus Tammik, Tarvo Hanno Varres. Projekt 1999, valmis 2000. "Pegasuse" endise vaimsuse kadumisest. 11 illustratsiooni

  14. Installation complete / Aet Ader, Kadri Klementi

    Index Scriptorium Estoniae

    Ader, Aet

    2015-01-01

    Linnainstallatsioonidest avalikus ruumis. "Gas Pipe" Venezia Arhitektuuribiennaalil (Maarja Kask, Ralf Lõoke, Neeme Külm, Ingrid Ruudi, 2008). "Artificial Queue" (Andra Aaloe, Aet Ader, Flo Kasearu, Grete Soosalu, 2010). "To the Sea" (autorid Tomomi Hayashi, Mihkel Sagar, 2011). "Chimney" (tundmatu autor, 2011). "Straw Theatre" (Salto Arhitektid, 2011). "A Path in the Forest" (Tetsuo Kondo, Mitsuru Maekita, Mutsuro Sasaki, Yoshiyuki Hiraiwa, 2011). "O" (Aet Ader, Andra Aaloe, Kaarel Künnap, Grete Soosalu, Flo Kasearu, 2011)

  15. Büroo ADM Interactive = Office ADM Interactive

    Index Scriptorium Estoniae

    2011-01-01

    Eesti Sisearhitektide Liidu 2010. a. ühiskondliku interjööri preemia pälvinud ADM Interactive'i büroost Tallinnas Rotermanni 8. Sisekujunduse autorid: arhitekt Tomomi Hayashi (HG Arhitektuur), sisearhitektid Ahti Grünberg (CadStudio OÜ) ja Kerli Valk (Kukuhaus OÜ), loetletud nende töid. Laelambid valmisid sisekujundajate jooniste järgi Hansanovas

  16. Profile of blonanserin for the treatment of schizophrenia

    OpenAIRE

    Tenjin, Tomomi; Miyamoto,Seiya; Ninomiya,; Kitajima,; Ogino,; Miyake,; Yamaguchi,

    2013-01-01

    Tomomi Tenjin, Seiya Miyamoto, Yuriko Ninomiya, Rei Kitajima, Shin Ogino, Nobumi Miyake, Noboru YamaguchiDepartment of Neuropsychiatry, St Marianna University School of Medicine, Kawasaki, Kanagawa, JapanAbstract: Blonanserin was developed as an antipsychotic drug in Japan and approved for the treatment of schizophrenia. It belongs to a series of 4-phenyl-2-(1-piperazinyl)pyridines and acts as an antagonist at dopamine D2, D3, and serotonin 5-HT2A receptors. Blonanserin has low affinity for 5...

  17. Arhitektuur rahu toomas / Triin Ojari

    Index Scriptorium Estoniae

    Ojari, Triin, 1974-

    2008-01-01

    Näitus "Identiteet ja arhitektuur [post-]konfliktsetes piirkondades" ("Peacebuilding") 30. okt.-9. nov. 2008 Casa dell' Architetturas Roomas. Üldkuraator Pippo Ciorra. Näitus keskendus Euroopa idaosa, Balkanimaade ja Lähis-Ida regioonile. Eestist oli näitusele valitud 7 objekti, autoriteks bürood Kolm Pluss Üks, KOKO Arhitektid, Kavakava, arhitektid Pekka Vapaavuori, Siiri Vallner, Indrek Peil, Tomomi Hayashi, Veronika Valk ja Aili Vahtrapuu

  18. FY 1999 R and D project on the global environmental industry technology. Report on the results of the R and D on the catalytic hydrogenation use CO2 fixation/effective utilization technology; 1999 nendo sesshoku suisoka hanno riyo nisanka tanso seika hokokusho. Koteika yuko riyo gijutsu kenkyu kaihatsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    2000-03-01

    For the purpose of reducing CO2 emitting together with the consumption of fossil fuels, study was conducted on the use of CO2 by converting it to chemical substances such as methanol, etc., and the FY 1999 results were outlined. In the development of the CO2 separation membrane technology, data were obtained on effects of scaling-up by module with a membrane area of 4.9m{sup 2} and on design conditions. Further, in the experiment using mock exhaust gas, it was confirmed that the performance had been kept up for 3,000 hours or more. In the development of catalytic hydrogenation technology, the basic data for enlargement were accumulated. Moreover, the activity stabilized about 18,000 hours was confirmed, and the catalytic life was estimated at more than 3 years. In the development of large quantity hydrogen production/supply technology, assembly/operation of 7,500cm{sup 2} x 6 electrolytic cells were conducted, and it was confirmed that the hydrogen production capacity per cell was 3Nm{sup 3}/h. The final target for enlargement was achieved. In the study of the total system, the conceptual design was made for 'high concentration CO2 containing natural gas use CO2 recovery utilization system,' and 'biomass resource use methanol synthesis system.' (NEDO)

  19. Low-temperature synthesis of high-melting point metal non-oxide fine powders. Solid state reaction synthesis using active metal and similarity of crystal structure; Koyuten kinzoku hisankabutsu bifunmatsu no teion gosei. Kassei kinzoku to kessho kozo no ruijisei wo riyoshita koso hanno gosei

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Kobayashi, H.; Mitamura, T. [Saitama University, Saitama (Japan). Faculty of Engineering

    1997-11-01

    This paper describes the low-temperature synthesis of metal non-oxide fine powders as fine ceramics. Precursors of the metal non-oxide are prepared using the lower oxide synthesized in oxidation-reduction reaction between metal oxide and active metal and the similarity of crystal structure to the target. The metal non-oxide can be synthesized by extracting oxygen from the precursors using active metal. For example, in the case of synthesis of TiN powders from TiO2-Mg-N2 gaseous system by the thermit method, {alpha}-Ti is synthesized through reduction reaction of TiO2 using active metal Mg via lower oxide of Ti, TiO. Crystal structure of the intermediate TiO is cubic system which is the same as the target TiN. Complete solid solution is formed from TiO and TiN. TiO can be recognized as an active intermediate of the synthesis of TiN. The precursor is prepared by injecting nitrogen into the lattice of TiO for making solid solution. When oxygen is extracted in the form of MgO using Mg, TiN with cubic system structure can be synthesized at lower temperature than the conventional method. Synthesis by the halogenide method is also described. 50 refs., 11 figs., 1 tab.

  20. Ab Initio MO study on the nucleophilic oxirane ring opening of exo and endo Aflatoxin B{sub 1} 8,9-Oxide; Ekiso oyobi endo Aflatoxin B{sub 1} 8,9-Oxide no kyukaku kaikan hanno ni taisuru Ab Initio ho ni yoru kaiseki

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Okajima, Toshiya; Hashikawa, Akane [Saga University, Saga (Japan). Department of Chemistry

    1999-08-10

    The difference of the reactivity for S{sub N}2 type oxirane ring opening of exo and endo Aflatoxin B{sub 1} (AFB{sub 1}) 8,9-oxide (exo-1 and endo-1, respectively) was analyzed with ab initio molecular orbital theory. All stationary points including transition-state structures were optimized with no geometry constraint at the RHF/3-21G basis set, and energies were evaluate at Becke3LYP/3-21G level based on the RHF/3-21G geometries. The calculation clarified the following three points: (1) the activation energy ({delta}E{sup {ne}}) for endo attacking of NH{sub 3} molecule (the reaction with exo derivatives containing exo-1) is considerably smaller than those for exo attacking (the reaction with endo ones containing endo-1), (2) the reactivity for nucleophilic oxirane ring opening is controlled by the distortion of LUMO{sub C-O} of oxirane ring, which is probably caused by exo/endo relationship between oxirane ring and five-membered dihydrofurano ring (B) with respect to A ring, and (3) the remaining part (inclusing coumarin skeleton) of AFB{sub 1} oxid has little influence on the geometry around the reaction center and the activation energy. (author)

  1. Reactive transport model of multiple air pollutants in non-conservation system and its application to prediction of the concentrations of benzene and toluene in the atmosphere; Taseibun taiki osen busshitsu no hihozongata yuso hanno model to sono benzene oyobi toluene nodo yosoku eno oyo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Iinuma, K. [Tohoku University, Sendai (Japan)

    1998-07-10

    A general reactive transport model in non-conservation systems is developed, in order to elucidate the phenomena involved in the transport and reactions of multiple pollutants, and applied to prediction of concentrations of benzene and toluene in the atmosphere. The single pollutant model is used to analyze the processes of benzene formation, transport, diffusion and removal, which gives an estimated maximum equilibrium concentration of around 23{mu}g/m{sup -3}. Next, the two-pollutant model, which considers the transport and forward/reverse reaction processes for 2 types of pollutants, is developed to analyze a toluene/cresol system. The results indicate that the steady-state concentration distributions change, competing with the forward reaction. Finally, the 4-pollutant model, which can analyze the transport and 12 reaction processes, is developed to analyze the conversion process of toluene into benzaldehyde, with 2 intermediate radical species and 6 reaction rate constants. There is a dynamic equilibrium in the spatial concentration distributions in a 30 to 80km area, 10h after evolution of toluene. 22 refs., 7 figs., 2 tabs.

  2. In situ observation of surface reactions with synchrotron radiation induced semiconductor processes by infrared reflection absorption spectroscopy using buried metal layer substrates; Umekomi kinzokuso kiban wo mochiita sekigai hansha kyushu supekutoruho ni yoru hoshako reiki handotai process hanno no sonoba kansatsu

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Yoshigoe, A.; Hirano, S. [The Graduate University for Advanced Studies, Yokohama (Japan); Mase, K.; Urisu, T. [Institute for Molecular Science, Aichi (Japan)

    1996-11-20

    It is known that infrared reflection absorption spectroscopy (IRAS) on semiconductor or insulator surfaces becomes practicable by using buried metal layer (BML) substrates, in which the metal thin film is buried order semiconductor or insulator films. In this work, IRAS has been measured for Langmuir-Blodgett films deposited on the BML substrate with SiO2/Al/Si(100) structure and the observed spectrum intensity has been quantitatively compared with the calculation assuming the ideal multilayer structure for the BML substrate. The BML-IRAS using CoSi2 has been adopted to the detection of SiHn on the Si (100) substrate during synchrotron radiation (SR) stimulated Si2H6 gas source molecular beam epitaxy. It has been found that SiH2 and SiH3 on the Si (100) surface are easily decomposed by SR, but SiH can`t be decomposed. From these experiments, it has been concluded that the BML-IRAS is an useful in situ observation technique for the photo-stimulated surface reactions. 26 refs., 9 figs.

  3. Research and development of basic technologies for the next generation industries, 'light-reactive materials'. Evaluation on the first term research and development; Jisedai sangyo kiban gijutsu kenkyu kaihatsu 'hikari hanno zairyo'. Daiikki kenkyu kaihatsu hyoka

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1989-03-01

    Research, development and evaluation were performed with an objective of establishing the basic technology related to light-reactive materials that control the structures and status of aggregation of molecules by using actions of light, and can be used for ultra-high density recording, high resolution indication and light switches. In elucidating the mechanism of light deterioration reaction of photochromic molecules, it was disclosed that 6-nitrospirobenzopyran has the light deterioration caused from the excitation triplet state. This disclosure presents a possibility of preventing the light deterioration. New derivatives that show photochromism were synthesized, and thin films were produced by using the LB process. This indicates a possibility of producing the photochromic materials as the high multiplex recording material. With regard to PHB materials, an evaluation technology having spectrum resolution of the world's highest level was established and measurements were performed. Hole formation was verified for the first time in the world at the temperature higher than the liquid nitrogen temperature by using a PHB material of ionic porphin/polyvinyl alcohol systems. This verification indicates a feasibility of practically usable PHB materials. (NEDO)

  4. Elucidation of hydrogen mobility in tetralin under coal liquefaction conditions using a tritium tracer method. Effects of the addition of H2S and H2O; Tritium tracer ho wo mochiita sekitan ekika hanno jokenka deno tetralin no suiso idosei hyoka. Ryuka suiso oyobi mizu no tenka koka

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Kanbe, M.; Saito, M.; Ishihara, A.; Kabe, T. [Tokyo University of Agriculture and Technology, Tokyo (Japan)

    1996-10-28

    It was previously reported that the tritium tracer method is useful for the quantitative consideration of hydrogen behavior in coal during coal liquefaction reaction. Tetralin is excellent hydrogen donating solvent, and is considered as one of the model compounds of coal. In this study, effects of H2S and H2O on the hydrogen exchange reaction between tetralin and gaseous hydrogen labeled by tritium were investigated. It was suggested that the conversion of tetralin and the hydrogen exchange reaction between gaseous hydrogen and tetralin proceed through the radical reaction mechanism with a tetralyl radical as an intermediate product. When H2S existed in this reaction, the hydrogen exchange yield increased drastically without changing the conversion yield. This suggested that the hydrogen exchange reaction proceeds even in the reaction where radical does not give any effect. In the case of H2O addition, the conversion yield and hydrogen exchange rate decreased into a half or one-third. It was suggested that H2O inhibited the formation process of tetralyl radical. 6 refs., 4 figs.

  5. What place has an emigration past in an immigration present? Italy ...

    African Journals Online (AJOL)

    Ironicamente, questa distinzione è diventata percettibile nei dibattiti contemporanei sull'immigrazione. In Irlanda, nei primi dibattiti che hanno avuto luogo tra la metà e la fine degli anni '90, gli attori pro-immigrazione hanno evocato in maniera costante la memoria della passata emigrazione irlandese, per indurre nei nativi ...

  6. Creato un nuovo stato della materia

    CERN Multimedia

    Valsecchi, M C

    2004-01-01

    "Nei laboratori di tutto il mondo nascono continuamente nuovi materiali plastici, leghe di metallo, molecole progettate e assemblate atomo per atomo. I ricercatori dell'Istituto nazionale di fisica nucleare hanno fatto un passo in piu': manipolando i costituenti fondamentali dei nuclei atomici, hanno creato una nuova forma di materia, radicalmente diversa da quella che noi conosciamo" (1 page)

  7. Nieuwsgierig naar de wereld

    NARCIS (Netherlands)

    Hanno van Keulen

    2014-01-01

    Curious about the world. Education in harmony with the surrounding context’. On December 11, 2014, dr. Hanno van Keulen was installed as professor on the chair for Educational Leadership at Windesheim Flevoland University of Applied Science in Almere, the Netherlands. In his lecture, Hanno van

  8. Nieuwsgierig naar de wereld : opleiden en opvoeden in verbondenheid

    NARCIS (Netherlands)

    Hanno van Keulen

    2014-01-01

    Curious about the world. Education in harmony with the surrounding context’. On December 11, 2014, dr. Hanno van Keulen was installed as professor on the chair for Educational Leadership at Windesheim Flevoland University of Applied Science in Almere, the Netherlands. In his lecture, Hanno van

  9. Considerazioni sul Realismo socialista in Albania, fra rigide direttive ufficiali e aperture culturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Amalda Cuka

    2013-01-01

    Full Text Available Si propone una analisi del contesto culturale dell’Albania socialista e delle ricerche artistiche indirizzate verso uno stile nazionale: il realismo socialista. L’analisi non prescinde da una valutazione dei percorsi di alcuni artisti che hanno dato spazio ad una ricerca più ampia e variegata. A tal proposito si sottolineano le esperienze internazionali che alcuni hanno avuto modo di compiere negli altri paesi socialisti, oltre ai rapporti culturali con l’Italia, nel periodo tra le due guerre mondiali, in quanto hanno segnato profondamente il panorama artistico albanese degli decenni successivi.

  10. Structure of certain near-rings

    OpenAIRE

    Murtaza A. Quadri; Ashraf, Mohd; Ali, Asma

    1992-01-01

    Recentemente Ligh e Luh $\\left[6\\right]$ hanno trovato una scomposizione in somma diretta per gli anelli che hanno la proprietà $\\left(xy\\right)^{n\\left(x,y\\right)}=xy$ usando la commutatività di questi anelli provata da Searcòid e MacHale $\\left[8\\right]$. In questo lavoro si continua questo studio e si ottiene una scomposizione per i quasi-anelli che hanno una qualunque delle proprietà $\\left(i\\right)\\left(xy\\right)^{n\\left(x,y\\right)}=xy\\left(ii\\right)x^{n\\left(x,y\\right)}y^...

  11. Korpusepoistest / Toomas Hiio

    Index Scriptorium Estoniae

    Hiio, Toomas, 1965-

    2008-01-01

    Rets. rmt.: Tiit Noormets, Toe Nõmm, Hanno Ojalo, Olev Raidla, Eigo Rosenthal, Tõnis Taavet, Mati Õun. Korpusepoisid. Tallinn : Eesti Akadeemiline Sõjaajaloo Selts : Sentinel, 2007. Punaarmee eesti üksustest aastatel 1940-1956.

  12. 'Kunstniku nutt' Portugalis

    Index Scriptorium Estoniae

    1999-01-01

    5. juunil Portugalis Museu de Ceramica das Caldas da Rainhas avataval grupinäitusel 'Artist's Cry' eksponeerib Hanno Soans oma videot 'Private Dancer', mis on tehtud koos Catarina Campinoga Portugalist. Näituse kuraator Kestutis Kuizinas Leedust

  13. 24. IV avati Tartu Kunstimajas...

    Index Scriptorium Estoniae

    2003-01-01

    Vallo Kalamehe ja Peeter Linnapi kureeritud fotonäitus "XXL. Eesti fotoklassika". Osalevad Herkki-Erich Merila, Tarvo Hanno Varres, Peeter Laurits, Toomas Kalve, P. Linnap, V. Kalamees, Malev Toom, Madis Palm, Tõnu Tamm, Meelis Lokk

  14. Eesti foto Londonis teeb meist "kuuma" riigi / Maris Lillak, Ann Alari

    Index Scriptorium Estoniae

    Lillak, Maris, 1970-

    2004-01-01

    Westminsteri parlamendihoones eesti fotonäitus "Similar Spaces" (Sarnased kohad - värsked fotod Eestist). Eksponeeritud Ly Lestbergi, Tarvo Hanno Varrese, Mare Tralla, Mark Raidpere, Raoul Kurvitza, Liina Siibi tööd. Kuraator Liina Siib

  15. Tallinna Rahvaülikool kutsub kõiki uuele algavale kursusele "Kunstikriitikute lemmikud"

    Index Scriptorium Estoniae

    2005-01-01

    Loengusari: 9. II - Eha Komissarov "Popkunstnik Andy Warhol"; 16. III - Anders Härm "Saksa performance'i-kunstnik Joseph Beuys"; 23. III - Hanno Soans "Inglise maali- ja installatsioonikunstnik Martin Creed (sünd. 1968, Wakefield)"

  16. Disturbi mentali come complex network : Un’ introduzione e una panoramica all’ approccio network in psicopatologia

    NARCIS (Netherlands)

    Nuijten, M.B.; Deserno, Marie K.; Cramer, A.O.J.; Costantini, Giulio; Borsboom, Denny

    2016-01-01

    I disturbi mentali sono stati tradizionalmente concepiti come variabili latenti, che hanno un impatto sulla sintomatologia osservabile. Approcci alternativi proposti più recentemente invece concepiscono i disturbi mentali come sistemi di sintomi che si rinforzano vicendevolmente. Tali approcci

  17. 51. Veneetsia kunstibiennaalil esindab Eestit kunstnik Mark Raidpere...

    Index Scriptorium Estoniae

    2005-01-01

    Mark Raidpere ekspositsiooni "Varjupaik" on koostanud Hanno Soans. 12. VI-6. XI avatud biennaalil on kaks peakuraatorit ja kaks teemanäitust: Maria de Corrali kureeritud "Kunsti kogemus" ja Rosa Martinezi kureeritud "Alati pisut eespool"

  18. Raidpere Veneetsia biennaalile

    Index Scriptorium Estoniae

    2005-01-01

    2005. aastal esindab 51. Veneetsia kunstibiennaalil Eestit fotograaf Mark Raidpere oma väljapanekuga "Varjupaik", mille koostab kunstikriitik Hanno Soans. Kuraatorid Maria Corral (Kunsti kogemus) ja Rosa Martinez (Alati pisut eespool)

  19. Mitte ainult jätistele : fassaadid kodututele / Karin Paulus

    Index Scriptorium Estoniae

    Paulus, Karin, 1975-

    1999-01-01

    Festival 'Backdoor media'99' koondnimetusega 'Fassaadid kodututele' Tallinnas. Andres Kure heliinstallatsioon, performance Tammsaare monumendi juures (kuraator Hanno Soans), Peterburi kunstnike Natalja Jegorova ja Olga Jakimanskaja videod, Silja Saarepuu kerjamiskarbid, Raoul Kurvitza video, samizdat-ajakiri.

  20. Le nuove frontiere dell'astronomia cosmologia e teoria della relatività generale

    CERN Document Server

    Kaufmann, Willian J

    1980-01-01

    Questa opera costituisce un'introduzione non specialistica, ma aggiornata e chiara all'incredibile numero di recenti scoperte e teorie che hanno riformato - e sconvolto - il nostro modo di pensare sulle stelle e sull'Universo.

  1. Eesti disaini uudised / Kai Lobjakas

    Index Scriptorium Estoniae

    Lobjakas, Kai, 1975-

    2006-01-01

    Katrin Soansi kujundatud uus Standardi mööblisari. Jaanus Orgusaare ja Tarvo Hanno Varrese näitus Normandias. Eesti tekstiilikunstnikud Pariisi "Indigo" messil. Ekspositsioonist Stockholmi sisustusmessil

  2. Vaimne dotatsioon meediaikaldusele / Mari Sobolev

    Index Scriptorium Estoniae

    Sobolev, Mari, 1968-

    1998-01-01

    Seoses Eesti Kunstimuuseumis toimunud näitusega "Medialization" 22.-23. nov. Eesti Kunstiakadeemias korraldatud meediakonverentsist 'Action ئ Reflection'. Korraldaja Ando Keskküla. Eric Kluitenbergi (Holland), Tapio Mäkela (Soome) ja Hanno Soansi ettekannetest. Avatud kanalist.

  3. Kes joonistab uue kunstilaine kaardi? / Katrin Kivimaa

    Index Scriptorium Estoniae

    Kivimaa, Katrin, 1969-

    2007-01-01

    Eesti noorema kunsti näitus "Uus laine. 21. sajandi eesti kunstnikud" (kuraatorid Anders Härm, Hanno Soans) Tallinna Kunstihoones ja Kunstihoone galeriis. Non Grata kollektiivnäitus "Uus laine. 20. sajandi kunst" Kultuuritehases Polymer

  4. Kes joonistab uue kunstilaine kaardi? / Katrin Kivimaa

    Index Scriptorium Estoniae

    Kivimaa, Katrin, 1969-

    2008-01-01

    Anders Härmi ja Hanno Soansi kureeritud näitusest "Uus laine. 21. sajandi eesti kunstnikud" Tallinna Kunstihoones ja Kunstihoone galeriis ning Non Grata kollektiivnäitusest "Uus laine. 20. sajandi kunst" Kultuuritehases Polymer

  5. OECD sarjab II samba peatamist / Erik Müürsepp

    Index Scriptorium Estoniae

    Müürsepp, Erik

    2009-01-01

    OECD peab II pensionisamba maksete peatamist taunitavaks. OECD dokumendist, milles vaadeldakse praegu kriisiolukorda sattunud riikide käitumist pensionisüsteemi kujundamisel. Sotsiaalminister Hanno Pevkuri arvamus OECD soovituste kohta

  6. "Central Station" Londonis

    Index Scriptorium Estoniae

    2000-01-01

    Londoni galeriis Milch seitsme läti, leedu ja eesti kunstniku projekt "Central Station". Kuraatorid Lisa Panting, Sally Tallant. Eestist osalevad Hanno Soans (Catarina Campinoga koostöös valminud video), Kiwa, Kai Kaljo

  7. Mis mulje jättis esimene "Portfolio Cafe"? / Anneli Porri ; interv. R[eet] V[arblane

    Index Scriptorium Estoniae

    Porri, Anneli, 1980-

    2007-01-01

    Oktoobris 2007 Tallinnas toimuva noorte kunstnike biennaali esimesest "Portfolio Cafe'st" Eesti Kunstiakadeemia aulas. Töid kommenteerisid Ahto Külvet, Annie Fletcher, Marita Muukkonen, Hanno Soans ja Ave Randviir

  8. Ooperimärkmeid padja kõrvalt, esmajoones Brittenist ja Tulvest / Kristel Pappel

    Index Scriptorium Estoniae

    Pappel, Kristel, 1961-

    2004-01-01

    Helena Tulve kammerooperi "Läheb nii pimedaks" ("It is Getting so Dark") (lavastaja Anu Lamp, videokujundus Tarvo Hanno Varres) ja Benjamin Britteni lühiooperi "Koovitaja jõgi" ("Curlew River") lavastustest Tallinna Linnateatri Taevalaval

  9. Paolo Sortino, Elisabeth, Torino, Einaudi, 2011, pp. 216.

    African Journals Online (AJOL)

    User

    arte e della storia hanno il loro teatro di elezione, è facile pronosticare al mito di Partenope, affascinante e ingombrante, attraente e irritante, un lungo futuro. Franco Arato. (Università di Torino). Paolo Sortino, Elisabeth, Torino, Einaudi, 2011, ...

  10. “Il Risorgimento in scena. Le donne in mostra”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Muollo

    2013-01-01

    Full Text Available Questo paper nasce in seguito alla raccolta dei lavori del convegno “IL RISORGIMENTO IN SCENA. LE DONNE IN MOSTRA”. Ciascuna delle tre giornate che hannoarticolato il convegno, sono dedicate al protagonismo femminile nel Risorgimento, rappresentate dal cinema, dalla danza e dall’ arte. Le arti figurative e sceniche hanno saputo, forse meglio dei libri, preservare la memoria delle donne che hanno fatto l’Italia.

  11. Aspetti giurisprudenziali relativi al caso "Parmesan"

    OpenAIRE

    Di Lorenzo, Guido

    2009-01-01

    Il Consorzio del Parmigiano Reggiano e lo Stato Italiano da molti anni sono impegnati nella difesa, in numerosi procedimenti giudiziari, del termine “Parmesan” ai sensi delle normative nazionali e del Regolamento CE n.2081/1992 (oggi n.519/2006); hanno avviato numerose cause contro imprese di diversi Paesi europei che usano in modo non corretto il termine "Parmesan" e che, grazie all'evidenza dell'impianto normativo, hanno desistito dall’uso improprio del termine. Ma particolarmente intere...

  12. L'influenza del contesto sull'elaborazione emotiva dei volti: uno studio sull'effetto Kuleshov

    OpenAIRE

    Voscarelli, Emanuela

    2016-01-01

    Le emozioni hanno una forte rilevanza sociale e comunicativa. Diversi autori hanno condotto molteplici studi con l’obiettivo di comprenderne le origini, il funzionamento e l’influenza che possono avere nella vita dell’uomo. In funzione relazionale, l’essere umano è dotato della capacità di comprendere le emozioni dell’altro attraverso un meccanismo naturale, probabilmente innato, chiamato empatia; tale meccanismo è molto sfruttato dai media, che attraverso il racconto di storie di vita umane,...

  13. „Ich bin Jugoslawe – ich zerfalle also“.Chronotopoi der Angst in der deutschsprachigen Gegenwartsliteratur

    OpenAIRE

    Mare, Raffaella

    2015-01-01

    2012 - 2013 Questo lavoro si propone di esaminare alcune opere scelte di autori della letteratura contemporanea di lingua tedesca originariamente provenienti dai territori appartenuti alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. Oggetto della ricerca sono gli scrittori che hanno vissuto le guerre jugoslave direttamente o indirettamente, e che successivamente si sono trasferiti nei Paesi di lingua tedesca (Germania, Austria o Svizzera). Del Paese di destinazione hanno i...

  14. Arhitektuurivõistlused 2001 / Tiina Tammet

    Index Scriptorium Estoniae

    Tammet, Tiina, 1971-

    2001-01-01

    Samas "Europan 6" (I preemia Tallinnas: H. Götz, S. Lippardt, M. Jensch ja Tartus: J. Vuorinen, E. Kangas; II preemia Viinis: S. Vallner, O. Kadarik, K. Koov, R. Valner), Narva keskosa planeeringu (I - I. Raukas, T. Tammis, T. Teedumäe), Pärnu vanalinna põhikooli juurdeehituse (II - O. Kadarik, M. Tüür), Pärnu Kontserdimaja (I - H. Grossschmidt, K. Koov, K. Nõmm), Tallinna 21. keskkooli renoveerimise (I - R. Järg, T. Korb), Eesti lähimineviku okupatsioonide muuseumi (I - S. Vallner, I. Peil), Võru Võidu väljaku pargi kujunduse (I-II - P. Müüripeal; V. Tomiste ja V. Valk), nukuteatri sisekujunduse (I - R. Kotov, A. Kõresaar), Eurovisiooni lavakujunduse (I - H. Ermel, A. Nurmela, Ü. Mark) arhitektuurivõistluse tulemused.

  15. Il Raffrescamento per Ventilazione

    DEFF Research Database (Denmark)

    Perino, Marco; Heiselberg, Per Kvols

    2016-01-01

    edifici, si è iniziato a rivolgere un crescente interesse verso la ventilazione, specie naturale, quale strumento per il raffrescamento passivo degli edifici. Le recenti evoluzioni del quadro normativo e legislativo, infatti, hanno portato nel cor-so del tempo a costruire edifici sempre più isolati...... termicamente e sempre più a tenuta d'aria. Tali misure hanno consentito indubbiamente di ridurre la domanda energetica per il riscaldamento invernale, ma hanno determinato delle crescenti problematiche di surriscaldamento dell'ambiente interno. Molti degli edifici ad alta efficienza energeti-ca di nuova......'aria per rimuovere i carichi ambiente e, dall'altro, incrementa lo scambio termico sul corpo umano, poiché aumenta la velocità locale dell'aria sulla pelle, modificando quindi e le sensazioni termiche. Permette, inoltre, di abbinare la funzione di controllo dell'IAQ con quella del controllo termico. Una...

  16. Riflessione metacognitiva in ambienti online e autoregolazione nell'attività di studio nei corsi universitari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ottavia Albanese

    2010-01-01

    Full Text Available I processi metacognitivi di riflessione critica, controllo e guida dei meccanismi cognitivi svolgono un ruolo fondamentale nella promozione di uno studio autoregolato, a sua volta cruciale per favorire il successo, soprattutto in ambito universitario. Le ICT offrono importanti possibilità per supportare tali competenze. Nel contributo vengono presentate due diverse esperienze in cui sono stati implementati ed utilizzati strumenti di riflessione metacognitiva in ambienti online allo scopo di supportare l’autoregolazione dell’apprendimento universitario. In entrambi i casi, gli studenti hanno partecipato a moduli online, uno su contenuti specifici della psicologia dell’educazione e l’altro sul metodo di studio, affiancati da discussioni volte a stimolare la riflessione metacognitiva. In entrambe le esperienze, gli strumenti predisposti hanno attivato processi metacognitivi che hanno favorito, da un lato, un’attivazione epistemica avanzata, dall’altro una maggiore consapevolezza sulle proprie abilità di autoregolazione dello studio.

  17. I gruppi artistici: pratica sociale dell'arte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernanda Fedi

    2012-12-01

    Full Text Available L‟autrice ci presenta un panorama preciso della complessità di quei movimenti artistici e politici che hanno caratterizzato la cultura visiva dal 1968, soffermandosi sull‟area milanese particolar-mente ricca di fermenti e sollecitazioni. Si dispiega di fronte a noi una progressiva e avvincente successione di avvenimenti che hanno tentato di capovolgere la cultura artistica di quel periodo attraverso la nascita di gruppi e collettivi che troverà un felice terreno fino al 1977-78, data che l‟autrice fa coincidere con una lenta ma costante rinascita della figura dell‟artista autonomo e dei „nuovi gruppi‟.

  18. 2. Una teoria della modernità

    OpenAIRE

    HELLER,ÁGNES

    2016-01-01

    Sapere assoluto, capitalismo, razionalità Ritorno a parlare della Teoria della modernità, tema che attraverserà di fatto tutte le lezioni. Ho già parlato della modernità, menzionando Foucault, Sartre e altri filosofi. Ma non solo i filosofi, anche gli studiosi di sociologia o di scienza hanno cercato di comprendere la modernità, perché hanno capito che attraverso questo tipo di ricerca emerge un modello interpretativo attraverso cui comprendere meglio se stessi. Questo è il tema che intendo a...

  19. Kunsti suursündmused

    Index Scriptorium Estoniae

    2001-01-01

    20. IV Eesti Kunstnike Liidu suurkogu Sakala keskuses. EKL aastanäituse raames avatakse Rotermanni soolalaos Jaak ja Hanno Soansi kuraatoriprojekt "Mehitamine", Tallinna Kunstihoones Anders Härmi, Kiwa ja Hanno Soansi kuraatoriprojekt "British Young Art". A. Härmi kureerimisel aktsioonid & installatsioonid Tallinnas deviisi all "Me ehitame kapitalismi". Rakvere Kesklinna galeriis 21. IV-5. V Jüri ja Jaan Ojaveri ning Paul Rodgersi näitus "Koostöö". EML aastanäituse projektid: Tartu Kunstimajas Jaan Elkeni kureeritud "Tartu! Maal!", Pärnu UKMs Mark Soosaare kureeritud "Liblikapüüdja".

  20. Aastanäitus 2001

    Index Scriptorium Estoniae

    2001-01-01

    EML aastanäituse projektid: Pärnu UKMs "Liblikapüüdjad" (Mark Soosaar), Tartu Kunstimajas "Tartu! Maal!" (Jaan Elken), Pärnu Linnagaleriis "Kõrvalhüpe" (Kreg A-Kristring), Tallinna Kunstihoones "Reaalne - realism" (Ando Keskküla), Hansapanga galeriis "Leiubüroo" (Ado Lill). Eesti kunsti aastanäitus "Me ehitame kapitalismi": Tallinna Kunstihoones "Young British Art" (Hanno Soans, Kiwa, Anders Härm), Rotermanni soolalaos "Mehitamine" (Jaak Soans, Hanno Soans), kohaspetsiifilised installatsioonid ja aktsioonid linnaruumis "Kapitalismi varemetel" (Anders Härm).

  1. Riigikontrolli audit paljastab Natura-alade segaduse / Ulvar Käärt

    Index Scriptorium Estoniae

    Käärt, Ulvar, 1982-

    2008-01-01

    Riigikontrolli audit näitab, et Natura 2000 kaitsealade hulka on arvatud ka väheväärtuslikke metsaalasid, samas on välja jäetud kaitset väärivaid elupaiku. Keskkonnaministeeriumi nõuniku Hanno Zingeli selgitusi. Lisa: Paljud taluvad asjata piiranguid

  2. Dal laboratorio all’impresa: l’economia sperimentale

    NARCIS (Netherlands)

    Bucciol, A.; Maggian, V.; Montinari, N.; Piovesan, M.

    2010-01-01

    I recenti contributi della psicologia cognitiva e della neurobiologia hanno permesso di scrivere modelli economici più aderenti alla realtà disegnando regole e istituzioni più efficaci. Grazie ai contributi dell’economia comportamentale e sperimentale, concetti come tentazioni e problemi di

  3. Kuperjanovi ajateenijaid tabas haiguspuhang

    Index Scriptorium Estoniae

    2013-01-01

    Eile hommikul pöördus ligi 40 Võrus paikneva Kuperjanovi jalaväepataljoni ajateenijat meedikute poole, kaevates oksendamist ja kõhulahtisust.Kõik haiged pandi eraldi kasarmusse karantiini. Lõuna kaitseringkonna meditsiinikeskuse arsti-ülema major Hanno Möldri sõnul saadeti proovid haiguse tuvastamiseks Tartusse ekspertiisi

  4. Isehakanud klassikute näitus / Margus Kiis

    Index Scriptorium Estoniae

    Kiis, Margus

    2003-01-01

    Fotonäitusest XXL, mis hõlmab peamiselt 1990-2000 a. fotosid, Tartu Kunstnike Majas. Näituse koostajad Peeter Linnap ja Vello Kalamets. Kirjeldatud DeStudio, Peeter Lauritsa, Toomas Kalve, Tarvo Hanno Varrese, Peeter Linnapi, Meelis Lukki, Ain Protsini, Tõnu Tamme, Malev Toomi, Vello Kalametsa ja Madis Palmi töid

  5. 14. II kell 14 esitletakse EKMi Rüütelkonna hoones...

    Index Scriptorium Estoniae

    2005-01-01

    Esitletakse raamatuid "Eesti kunst. 101 teost Eesti kunstimuuseumi kogudest" (autorid: Tiina Abel, Eha Komissarov, Hanno Soans, koostanud T. Abel, E. Komissarov, H. Soans ja Kädi Talvoja, kujundanud Anu Lemsalu), "Kunstnik ja tema kodu. C. T. von Neffi kunstikogu Piira ja Muuga mõisast" (koostanud Tiina Abel, kujundanud Andres Tali) ja Kiwa "Roboti tee on nihe. Salatühik"

  6. Giovani, cadetti e vieux pères. Guerra e riproduzione sociale in Costa d’Avorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Armando Cutolo

    2015-03-01

    Full Text Available Partendo da una discussione critica delle ricerche che, negli ultimi vent’anni, hanno focalizzato i rapporti tra giovani, violenza e guerra nell’Africa sub-sahariana, l’articolo propone una prospettiva centrata sui processi di riproduzione sociale e sulle loro crisi. A tale scopo viene focalizzata e rielaborata la distinzione la tra la categoria antropologica dei “cadetti” – marcatamente relazionale e gerarchica – e la categoria dei “giovani” – che apre invece ad una definizione della gioventù come soggetto politico autonomo e si connette all’immaginario globale. Il conflitto recente in Costa d’Avorio viene dunque letto sulla base di questa distinzione contrastiva: si mostra come in esso dei “cadetti” (identificati nella figura dei ribelli che hanno lottato contro il presidente Gbagbo si siano opposti a dei “giovani” (identificati con i jeunes patriotes, ossia con i giovani nazionalisti che hanno sostenuto il presidente contro la ribellione. Queste forme differenti di soggettivazione politica vengono ricondotte alle crisi di riproduzione che hanno investito due parti diverse della società avoriana.

  7. On mõeldav ka teisitimõtlemine / Mari Sobolev

    Index Scriptorium Estoniae

    Sobolev, Mari, 1968-

    2000-01-01

    Eestikeelsest tõlkekogumikust "Pandora laegas : feministliku kunstikriitika võtmetekste". Tõlkinud Reet Varblane, Katrin Kivimaa, Hanno Soans, Selve Ringmaa, Riina Kaljusmaa. Iivi Masso, Eve Annuk ja Katrin Kivimaa vastavad küsimusele, kas feministlik kultuur ja teooria on parandanud naiste olukorda ühiskonnas

  8. Materia e prassi comprendente: percorsi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Florinda Cambria

    2015-02-01

    Full Text Available Le pagine che seguono riproducono un lavoro di annotazione e rielaborazione condotto su estratti delle Tesi su Feuerbach di Marx e della Settima riscrittura, apparsa su «Nóema» 5-1 (2014. Viene tracciata una sorta di mappa il cui intento principale è di rendere esplicite, mostrandole graficamente, le decisioni silenziose che hanno guidato la riscrittura.

  9. "Backdoor" kunstnikku testimas / Rael Artel

    Index Scriptorium Estoniae

    Artel, Rael, 1980-

    1999-01-01

    Festival "Backdoor media'99" alapealkirjaga 'Fassaadid kodututele' Tallinnas. Performance Tammsaare monumendi juures (kuraator Hanno Soans), Silja Saarepuu video kerjamiskarpidest, Andrus Kõresaare ja Jouni Partaneni videod kerjustest, Marko Raadi dokumentaalfilm 'Esteetilistel põhjustel' (peaosas Andres Kurg), tekstikogumik ehk samizdat (toimetaja Katrin Kivimaa).

  10. APPRENDERE UNA LINGUA STRANIERA: TEMPO E SPAZIO ...

    African Journals Online (AJOL)

    User

    partecipazione al programma Erasmus/Socrates, 1 che prevede programmi integrati di insegnamento tra le Università partecipanti e un sistema di riconoscimento reciproco delle attività svolte attraverso l'assegnazione di crediti. Dall'altra, hanno il compito di coordinare maggiormente la formazione universitaria in relazione ...

  11. Veneetsia pärgab sotsiaalkriitikuid / Johannes Saar

    Index Scriptorium Estoniae

    Saar, Johannes, 1965-

    2005-01-01

    13. juunil avatud Veneetsia 51. kunstibiennaalist. Rahvuspaviljonidest, preemiasaajaid. Elutööpreemia sai Barbara Kruger, kuraatoripreemiad Rosa Martinez ja Maria de Corral. Eestit esindab Mark Raidpere, kuraator Hanno Soans. Kesk-Aasia paviljonist lisas "Tapetud vaikitakse maha". Usbeki, Kirgiisi ja Kasahstani kunstnike ühisnäituse kuraator on Viktor Misiano Moskvast

  12. Festival, mis kodustas linnakeskkonna / Heie Treier

    Index Scriptorium Estoniae

    Treier, Heie, 1963-

    1998-01-01

    7.-8. nov. toimunud Tallinna linnakultuuri festivalist 'Backdoor Media'. Kunstiakadeemias toimunud ürituste kuraator Hanno Soans. Seal linastunud Mari Sobolevi ja tema 'kogukonna' road-movie'st. Peeter Linnapi videoloeng kunstnikust kui kriitilisest institutsioonist. Raoul Kurvitza etteaste alternatiivsest raharinglusest (loeng, video).

  13. Eesti kunstnikud Moskvas

    Index Scriptorium Estoniae

    1998-01-01

    3.-18. juulini Moskvas Malõi Manezhis rahvusvaheline näitus 'Meeled : testimise jaam'. Üldkoordinaator Georgi Nikitsh. Eesti kuraator Hanno Soans, eksponeeritakse Jaak Soansi, Sven Saagi, Jaan Toomiku, Urmo Rausi, Raoul Kurvitza ja Toomas Miku töid. Tutvustus ajakirjas 'Vetshernaja Moskva 16'

  14. Tundlikkuse test Moskvas / Mari Laanemets

    Index Scriptorium Estoniae

    Laanemets, Mari, 1975-

    1998-01-01

    Näitus "Meeled : testimise jaam" Moskvas. Üldkontseptsiooni autor- Georgi Nikitsh. Eesti kuraator Hanno Soans. Eesti väljapanekust (J. Toomiku, U. Rausi, S. Saagi maalid, R. Kurvitza installatsioon nõgestega, T. Miku "Stick Off One Eye, Black Uhuru ja teised hobused").

  15. Elektrokardiogramm : tekstivabriku töötulemused / Mari Laanemets

    Index Scriptorium Estoniae

    Laanemets, Mari, 1975-

    1998-01-01

    "Elektrokardiogramm" Eesti Kunstimuuseumi filiaalis Rotermanni soolalaos 3. ja 4. märtsil. EKG seadis keskmesse protsessi : tegevusmaali ja performance'id, arvutite taga töötasid tekstitöölised, kes pidid looma kunstitegevusele analoogi omamoodi actionkirjutamisega. Osalejatest. Kodanlikust maitsest, kodanlikust kunstist. Kuraator Hanno Soans.

  16. Kunst, tapmine, surm / Aivo Lõhmus

    Index Scriptorium Estoniae

    Lõhmus, Aivo, 1950-2005

    1996-01-01

    Järg: 22. märts 1996. Vastukaja : Juske, Ants. Uusi õuduspilte 'moodsast' kunstist // Eesti Päevaleht (1996) 27. märts, lk.8 : ill.; Lõhmus, Aivo. Tänuavaldus [Ants Juskele] // Kultuurileht (1996) 29. märts, lk.19 ; Soans, Hanno. Tegelikkusest vaevatud kriitika // Kultuurileht (1996) 26. apr., lk. 6

  17. Trent'anni che sconvolsero la fisica la storia della teoria dei quanti

    CERN Document Server

    Gamow, George

    1993-01-01

    Gli anni dal 1900 al 1930 hanno portato un profondo mutamento nella visione che l'uomo aveva dell'universo: tra la prima idea di Max Planck dei quanti di luce nel 1900, e la previsione dell'esistenza delle antiparticelle formulata da P. A. M. Dirac nel 1929, corre un periodo di emozionanti progressi nel campo della fisica teorica.

  18. Serre fotovoltaiche Attenti alle perdite; Stanghellini: il calo produttivo non è da poco

    NARCIS (Netherlands)

    Contri, L.; Stanghellini, C.

    2010-01-01

    Gli installatori di pannelli fotovoltaici hanno nel mirino gli ortoflorovivaisti che gestiscono serre. Costoro, per contro, sono alla ricerca di sistemi atti a far loro recuperare la marginalità perduta in questi anni di crisi. Un matrimonio che s'ha da fare? Meglio di no. A sconsigliarlo è Cecilia

  19. Cameroon's national literatures: An introduction

    African Journals Online (AJOL)

    2016-03-28

    Mar 28, 2016 ... girl, I was fascinated with these stories of the so-called discovery by Hanno, of flaming arrows ... Literature. She is currently Assistant. Dean for Diversity of the College of. Humanities and Social Sciences at. North Carolina State University, USA. .... It is intrinsic to the representation of postcolonial identities in.

  20. Gares de demain {u00E1 Paris / Juhani Katainen

    Index Scriptorium Estoniae

    Katainen, Juhani

    1997-01-01

    Kolme arhitektuurikõrgkooli (Pariisi, Tampere ja Tallinna) üliõpilaste tööks oli kavandada Pariisi homse päeva jaamu. Töödest tehti 1996. a. näitus Pariisis. Tööde kordineerijaks Tallinnas oli Veijo Kaasik, juhendajateks Tõnu Laigu ja Hanno Kreis

  1. Tallinna linn või aukude plombeerimine = City of Tallinn or filling of holes / Veljo Kaasik

    Index Scriptorium Estoniae

    Kaasik, Veljo

    1999-01-01

    "Eesti Päevalehes" ilmunud arhitektide viimase aja karakteersemate tööde hindamistabelist, selles olevast Nissani keskusest (Andres Siim, Hanno Kreis), Hansapanga hoonest ja Stockmanni kaubamajast (Peep Jänes). Tallinna arhitektuurist kui tervikust. Tallinnas on palju tühje krunte, rekonstrueerimist ootavaid linnaosi ja suuri üksikhooneid. Linn realiseerub läbi investorite majandusliku huvitatuse

  2. Benign Prostatic Hyperplasia (BPH)

    Science.gov (United States)

    ... reducing enlarged prostate symptoms. But the safety and efficacy of these treatments hasn't been proved. If ... 27, 2014. Hanno PH, et al. Penn Clinical Manual of Urology. 2nd ed. ... and surgical therapies for lower urinary tract symptoms in the community ...

  3. Dal caos... alla coscienza

    CERN Document Server

    Prattico, Franco

    1989-01-01

    Attraverso i domini della fisica, della genetica e della biologia, fino alle neuroscienze, alla ricerca dei percorsi che hanno portato alla nascita del cervello umano : frutto di una singolare serie casuale o di una necessità inscritta nelle leggi del Cosmo?

  4. LES LESIONS DES ORGANES GENITAUX EXTERNES PAR ARME A

    African Journals Online (AJOL)

    Vietnam experience with 252 urological war injuries. J Urol1969, 1011615. Brandes SB, Buckman RF, Chelsky MJ, Hanno. PM. Externat genitalia gunshot wounds: a ten-year experience with fifty-six cases. J Trauma 1995,. 391266. Husmann DA, Boone TB, Wrlson WT. Manage- ment of low velocity gunshot wounds to the ...

  5. Frontiers Of Identity: Representations Of Italianità In Contemporary ...

    African Journals Online (AJOL)

    Il concetto di identità culturale italiana, sempre problematica, è stata complicata ulteriormente da alcuni scrittori, che portano avanti una “politica del locale”, contestando nozioni ricevute e omogenee di territorio, identità e autenticità. Recentemente, diversi studiosi hanno cominciato a riflettere sulle implicazioni teoriche e ...

  6. What place has an emigration past in an immigration present? Italy ...

    African Journals Online (AJOL)

    Nel diciannovesimo e ventesimo secolo milioni di Irlandesi e di Italiani emigrarono verso diversi paesi del mondo alla ricerca di una vita migliore. Le persone che hanno lasciato i confini irlandesi sono stati spesso rappresentati come esuli dallo stato irlandese, e costantemente commemorati in coerenza con le tradizionali ...

  7. Televisionismo : Narrazioni televisive della storia italiana negli anni della seconda Repubblica

    NARCIS (Netherlands)

    Jansen, M.M.|info:eu-repo/dai/nl/097607762; Urban, Maria Bonaria

    2015-01-01

    Con ‘televisionismo’ il presente volume intende la produzione del dramma storico televisivo che, a partire dagli anni Novanta, ha riscritto da un’ottica revisionistica i momenti chiave del passato nazionale che hanno determinato una memoria ‘divisa’ della nazione italiana. La forma popolare e

  8. Adamson-Eric 100 : XX sajandi kunsti- ja kultuurilugu ühe inimsaatuse kaudu / Ülle Kruus

    Index Scriptorium Estoniae

    Kruus, Ülle

    2002-01-01

    Näitus "Adamson-Eric 100" Eesti Kunstimuuseumi Rüütelkonna hoones ja Adamson-Ericu muuseumis. Koostajad Ülle Kruus, Kersti Koll, Hanno Soans, kujundajad Leonhard Lapin (EKM), Jaak Soans (Adamson-Ericu muuseum). Adamson-Ericu teosed väljaspool Eestit ja Eestisse tagasi jõudnud tööd

  9. Uudisraamatud / Karin Paulus

    Index Scriptorium Estoniae

    Paulus, Karin, 1975-

    2005-01-01

    Ilmusid Veronika Valgu ja Yoko Alenderi koostatud raamat "Back to the Sea", Ülle ja Urmas Grishakovi raamat "Aiakunst Eestis. Väliseluruumi ehitamine. II köide" ning Hanno Talvingu koostatud raamat "Eesti tuulikud. Vanu fotosid aastaist 1867-1944"

  10. “Non passa lo straniero”: località e alterità dalla cronaca all ...

    African Journals Online (AJOL)

    Vigili urbani, poliziotti e carabinieri non possono fare altro che tornarsene a casa: la protesta di quartiere ha vinto. In Via Cascia non passa lo straniero. Il Comune ha deciso di costruire un centro di accoglienza per 108 immigrati, ma gli abitanti della strada hanno detto “no” e continuano a dire “no” per paura che in seguito ...

  11. Representing Somali Resettlement In Italy: The Writing Of Ubax ...

    African Journals Online (AJOL)

    In Italia durante gli ultimi cinque anni diversi scrittori italosomali hanno pubblicato le loro opere. Molti di questi testi complicano le nozioni prevalenti dell'identità italiana e la chiusura nei confronti dell'immigrazione in Italia, evidenti nella questione della cittadinanza. Con la prospettiva di aumentare la conoscenza delle ...

  12. Low-tech-video ehk naivistide, amatööride ja videokunstnike audiovisuaalne kunst / Raivo Kelomees

    Index Scriptorium Estoniae

    Kelomees, Raivo, 1960-

    2001-01-01

    Varajasest videokunstist ja videokunstist muutunud kontekstis. Vene kunstniku Oleg Mavromatti videotest "Võbljadki" ja "Roheline elevandike". Rael Arteli, Valdek Alberi, Kristin Kalamehe ja Allan Tõnissoo töödest. Trash-videost. Marko Siguse videotest-filmidest. Taave Tuutma, Mari Sobolevi, Hanno Soansi ja Katrin Kivimaa planeeritud aktsioonide dokumentatsioonidest. Ilmunud ka kogumikus "Ekraan kui membraan". Tartu, 2007, lk. 195-198

  13. La luce pesante Carlo Rubbia, cronaca di un Nobel

    CERN Document Server

    Bertin, Antonio

    1984-01-01

    In questo libro, attraverso una serie di colloqui con Carlo Rubbia, premio Nobel per la Fisica 1984, gli autori raccontano la storia delle sue scoperte, che hanno permesso all'Europa di effettuare un significativo sorpasso scientifico nei confronti degli Stati Uniti d'America, tradizionalmente all'avanguardia in fisica subnucleare.

  14. Momenti nella vita di uno scienziato

    CERN Document Server

    Rossi, Bruno

    1987-01-01

    Nel giro di pochi decenni, la nostra visione del mondo fisico, dal mond subatomico al mondo del cosmo, ha subito una profonda evoluzione. In questo libro, uno degli scienziati che hanno contribuito a tale sviluppo narra la storia della sua vita e del suo lavoro.

  15. WHO: haigekassa vajab lisaraha / Kadri Ibrus

    Index Scriptorium Estoniae

    Ibrus, Kadri

    2010-01-01

    Haigekassa, sotsiaalministeeriumi ja WHO koostöös valminud aruande "Võimalused Eesti tervisesüsteemi rahastamise jätkusuutlikkuse tagamiseks" kohaselt ei ole Eesti tervishoiu rahastamise süsteem kaugemas perspektiivis elujõuline. WHO soovitustest Eestile. Sotsiaalminister Hanno Pevkuri seisukoht

  16. Randevuu Gert Sarvega / Anne Vetik

    Index Scriptorium Estoniae

    Vetik, Anne

    2007-01-01

    Nõmme betooneramu eest ETV Kultuurisaate OP 2006. a. kultuuripreemia pälvinud arhitektist Gert Sarvest, tema töödest (restorani "Pegasus" sisekujundus, koos Margus Tammiku ja Tarvo Hanno Varresega, 2000; kahepereelamu Herne t. 9, 2003; betooneramu Nõmmel, koos Lauri Laisaare ja Indrek Undiga, 2006), arhitekti uuest valmivast büroost, lemmiklinnast jm. G. Sarve kommentaarid

  17. Tallinna Kunstihoones on skriinseiver

    Index Scriptorium Estoniae

    2003-01-01

    21. II-16. III eesti-läti-leedu-inglise ühisprojekt "Skriinseiver". Projekti eesotsas on kuraatorid Anders Härm, Hanno Soans ja troubleproduction. Esinevad Eriks Bozhis (Läti), Darius Mikshys (Leedu), John Frankland (Inglismaa), troubleproductions, ESTO TV ja 11 osalejat Eestist

  18. Causalità e caso nella fisica moderna

    CERN Document Server

    Bohm, David

    1997-01-01

    Fino agli inizi del XX secolo, le leggi fondamentali della fisica sono state considerate strettamente deterministiche. Gli sviluppi della fisica moderna, in particolare la meccanica quantistica, hanno però portato la maggior parte dei fisici ad abbandonare il meccanicismo a favore di un approccio statistico.

  19. Omas mahlas / Raineras Vilumaa

    Index Scriptorium Estoniae

    Vilumaa, Raineras

    2004-01-01

    Leedu kaasaegse kunsti näitus "Omas mahlas" Tallinna Kunstihoones kuni 11. VII ja Rotermanni soolalaos kuni 8. VIII. Kuraatorid Anders Härm, Eha Komissarov ja Hanno Soans. 26. VI esitlesid kunstnikud Arturas Bumshteinas, Laura Garbshtiene (G-Lab) ja helilooja Antanas Jasenka oma heliinstallatsioone

  20. Mis on looming.org? : elektrooniline heli / Andres Lõo

    Index Scriptorium Estoniae

    Lõo, Andres

    2004-01-01

    Võrguajakirjast www.looming.org, kuhu kogutakse infot põhiliselt kahe jaotuse põhjal: muusika ja helieksperimentalism ning kaasaegne kunst, kunsti ja meediaga seonduv. Idee autorid: Hanno Soans ja Andres Lõo. Ilmunud on looming.orgi esimene muusikakogumik "Lilled algebrale"

  1. Eestlane, kes paneb ahvid draakonitega trummi lööma / Vello Virkhaus ; interv. Kristjan Jõevere

    Index Scriptorium Estoniae

    Virkhaus, Vello

    2005-01-01

    Los Angeleses elavast Eesti päritolu videokunstnikust Vello Virkhausist. Artistinimi VJV2, juhib VJ-de meeskonda V Squared Labs. Vello Virkhausiga videokunstnikuks saamisest ja tema tööst kontserdigraafika vormimisel. Peale kontserdigraafika kujundab plaadiümbriseid, DVD-e menüüsid, teeb esitlusgraafikat firmadele ja muusikavideosid. Hanno Soansi kommentaarid

  2. Analogovoje TV na digitalnoi osnove. Barokko i gotika kak obraztsõ roskoshi / Ilja Sundelevitsh

    Index Scriptorium Estoniae

    Sundelevitsh, Ilja

    2003-01-01

    Anders Härmi ja Hanno Soansi kuraatoriprojektist "Skriinseiver" Tallinna Kunstihoones. Peale Härmi ja Soansi tööde on vaatluse all ka Marko Laimre installatsioon. G-galeriis on Kaie Partsi ehted ja Hille Palmi skulptuurid ühisnäitusel "Luksus"

  3. Riigil pole ülevaadet maksuvabastusest ilma jäänud pensionäridest / Tuuli Jõesaar

    Index Scriptorium Estoniae

    Jõesaar, Tuuli

    2011-01-01

    Sotsiaalminister Hanno Pevkuril pole ülevaadet, kui palju pensionäre ei ole tulumaksuvabastust taotlenud omal soovil ja kui paljud pole seda teinud teadmatusest. SDE fraktsiooni aseesimehe Eiki Nestori hinnangul tuleks neile 36 000 pensionärile, kes pole taotlenud tulumaksuvabastust, saata kord aastas meeldetuletus. Rahandusminister Jürgen Ligi sõnavõtust Riigikogu infotunnis pensionide tulumaksuvabastuse teemal

  4. Avenüüle tõi edu kindla nishi hoidmine / Merike Reino ; interv. Eda-Liis Kann

    Index Scriptorium Estoniae

    Reino, Merike

    2005-01-01

    Ajakirja Avenüü tegevjuht ajakirja käibe kasvust, laienemisest Lätisse, konkurentsist Eestis ja Lätis, allahindlustest reklaamiklientidele. Kommenteerib Media House'i juht Hanno Kindel. Tabel: Ajakirjade reklaamikäibe TOP 10. Vt. samas: Kroonika on ajakirjade lipulaev

  5. Towards a national system of teaching qualifications in higher education in The Netherlands

    NARCIS (Netherlands)

    van Keulen, H.|info:eu-repo/dai/nl/138693587; van Alst, J.; de Jong, R.; Halma, A.

    2006-01-01

    2005 6th Conference of the International Consortium for Educational Development Enhancing Academic Development Practice: International Perspectives 1. Contact Name: Hanno van Keulen 2. Title: Dr 3. Institution(s): Utrecht University 4. Department: IVLOS Institute of Education 5. Address for

  6. Kas alternatiivid mainstreamil või alternatiivne mainstream? / Reet Varblane

    Index Scriptorium Estoniae

    Varblane, Reet, 1952-

    1998-01-01

    Missugune on praeguste eesti noorte sub- ja kontrakultuur? Samasuguseid laineid on enne olnud, näiteks Lapin-Okas-Keskküla, Eve ja Peeter Linnap & jüngrid. Hanno Soansi kutse väljuda galeriidest ja mõjutama olmet.

  7. Richard Poynder: lo stato dell’accesso aperto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2014-04-01

    Full Text Available “La storia dell’accesso aperto, quando verrà scritta, narrerà la vicenda di un gruppo di spiriti nobili che, contro l’aspra resistenza degli editori, hanno demolito le barriere economiche attorno alla ricerca a finanziamento pubblico? O riferirà di come un’industria editoriale altamente...

  8. E-learning e Università. Riflessioni tratte dalle interviste a quattro esperti italiani: Antonio Calvani, Luigi Guerra, Roberto Maragliano, Pier Cesare Rivoltella.

    OpenAIRE

    Laura Corazza

    2006-01-01

    Quattro esperti italiani di e-learning in ambito universitario hanno accettato di rispondere ad alcune domande su vantaggi e svantaggi, caratteristiche attuali e prospettive future di una nuova forma di didattica, l’e-learning, che richiede un ripensamento complessivo del modo di intendere l’apprendimento, lo sviluppo del sapere e la formazione della conoscenza.

  9. Baltic Landscapes : Festival of Images from Baltics

    Index Scriptorium Estoniae

    2000-01-01

    Hanno Soans eesti projektist "Analogue TV" N.E.W.S. (north-east-west-süd) seminaril. Eesti videoprogramm näitusel "Baltic Landscapes" (kunstnikud A. Maimik, K. Kaljo, E-L. Semper, M. Raat, M. Laanemets, K. Sukmit, J. Zoova) Bornholmis

  10. Kui ma oleksin rahvas... / Jürgen Rooste

    Index Scriptorium Estoniae

    Rooste, Jürgen, 1979-

    2007-01-01

    Anders Härmi kuraatorinäitus "Poliitiline/Poeetiline" Tallinna IV graafikatriennaali raames Tallinna Kunstihoones kuni 25. XI. Abel Abidini, Michael Baersi, Johansoni ja Johansoni, Jakob Koldingu, Teemu Mäki, Dan Perjovschi, Hanno Soansi ning Aleksandr Breneri & Barbara Schurzi töödest

  11. he ‘Fabulous Dragon’s Teeth’: Censorship and Self-Censorship in the Italian Translation of Paradise Lost

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Borgogni

    2015-05-01

    Full Text Available Il presente contributo discute le molteplici prassi che, sotto forma di espurgazioni religiose, adattamenti neoclassici, mutilazioni stilistiche, hanno caratterizzato le traduzioni italiane del Paradise Lost di John Milton. La difficoltà nell’accettare  l’eterodossia stilistica e religiosa del grande poeta inglese ha tradizionalmente favorito una serie di versioni infarcite di “migliorie” che hanno  offuscato o travisato il testo miltoniano anche in tempi recenti. Il contributo discute in dettaglio l’atteggiamento idiosincratico nei confronti di Milton e del suo capolavoro, nonché i pregiudizi, le pratiche di autocensura e le strategie più o meno vincenti adottate dai traduttori. La traduzione viene dunque utilizzata  come indice culturale ampio, strumento di indagine privilegiato in quanto fisiologicamente legata a pratiche di censura, ri-creazione e ri-mediazione dell’oggetto letterario nel suo passaggio tra sistemi culturali diversi.

  12. Pupazzi di neve. David Lynch fotografo e l’"Unheimliche"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sebastiano Lanzi

    2013-02-01

    Full Text Available L’opera di David Lynch non si limita al cinema, come ha dimostrato l’esposizione del 2007 alla Fondation Cartier di Parigi, The Air is on Fire. Tuttavia gli studi teorici hanno trascurato ciò che gallerie e musei hanno evidenziato da tempo: il Lynch pittore, fotografo, musicista, artista poliedrico. L’articolo si focalizza su una serie fotografica, Snowmen, ed è tratto da una ricerca di Paolo Sebastiano Lanzi sulla figura di David Lynch fotografo. Alla luce del saggio di Freud sul Perturbante (Das Unheimliche, 1919 si interpretano gli Snowmen come immagini di morte. Si chiariscono alcuni aspetti della poetica dell’artista-regista, come l’inquietudine dell’Inland Empire o di certe idee care al Surrealismo. Lo studio della produzione fotografica di Lynch riempie un vuoto nell’analisi critica sul suo lavoro, che va necessariamente riconsiderato in una prospettiva più ampia.

  13. Diavolo di una particella perchè il bosone di Higgs cambierà la nostra vita

    CERN Document Server

    Menasce, Dario

    2013-01-01

    Lo scienziato del Cern Dario Menasce ha partecipato direttamente agli esperimenti che hanno condotto alla scoperta del Bosone di Higgs, ma , prima di condurre il lettore all'interno dell'LHC e dei suoi misteri, con coinvolgimento e grande serietà guida il lettore attraverso i momenti più importanti delle ricerche della fisica tramite l'intervento dei grandi scienziati del passato e del presente, che hanno infine permesso di arrivare a definire il Modello Standard delle particelle, il primo passo verso l'ipotetica Teoria del Tutto. Un testo molto utile per chi vuole sondare il mondo dell'ultrasottile, che riprendo in più occasioni anche come manuale di consultazione e approfondimento.

  14. Aristotele, Einstein e gli altri i grandi scienziati tra pensiero e vita quotidiana

    CERN Document Server

    Fischer, Ernst Peter

    1997-01-01

    Abbiamo spesso un'idea confusa di quelle che sono state le vite degli uomini che hanno consacrato all'impresa scientifica le loro migliori energie. Eppure, non solo nell'arte e nella filosofia, ma anche nella scienza "lo stile è l'uomo" e la psicologia del singolo scienziato può rivelarsi il miglior aiuto per capire la logica della scoperta scientifica. Questa è una "storia della scienza raccontata agli amici davanti al caminetto", come l'autore stesso definisce la propria opera. Che non è soltanto una ricostruzione puntuale delle svolte principali che hanno portato alla scienza contemporanea, ma un racconto delle vicende personali di tutti quegli scienziati che sono stati divorati dalla passione del conoscere.

  15. Gabriele Proglio, Memorie oltre confine. La letteratura postcoloniale italiana in prospettiva storica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manfredi Bernardini

    2014-05-01

    Full Text Available C’è una lacuna profonda nella storia italiana, un deficit di memoria che gli storici hanno raramente indagato e, in certi casi, hanno persino volutamente rimosso dalle loro cronache: si tratta dell’esperienza coloniale italiana perpetratasi dalla fine dell’Ottocento fino al termine della Seconda Guerra Mondiale, nel Dodecaneso, in Albania, in Libia, ma soprattutto nel Corno d’Africa. Esattamente con questa storia tenta di fare i conti Gabriele Proglio in Memorie oltre Confine. La letteratura postcoloniale italiana in prospettiva storica, nella consapevolezza che, come si può leggere nella citazione benjaminiana di apertura, «è più difficile onorare la memoria dei senza nome che non quella di chi è conosciuto. Alla memoria dei senza nome è consacrata la ricostruzione storica».

  16. L’e-tutor in Italia: una rassegna della letteratura scientifica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Veronica Mattana

    2014-04-01

    Full Text Available Il lavoro propone una rassegna della letteratura scientifica italiana, condotta analizzando i contributi apparsi su riviste specializzate o su atti di convegni/congressi nel campo dell’apprendimento con le ICT. Sono stati selezionati dieci lavori, pubblicati tra il 2006 e il 2013, che hanno trattato la figura dell’e-tutor nei diversi contesti formativi italiani (università, scuola, Pubblica Amministrazione, e che hanno fornito evidenze empiriche su ruoli, funzioni e competenze, nonché sulle modalità di selezione, formazione e valutazione. Le analisi condotte sono state sia di tipo quantitativo (mediante questionari e successive elaborazioni statistiche sia qualitative (analisi del contenuto dei messaggi su forum di discussione. Risultano ancora pochi i contributi scientifici sull’e-tutor, a causa, come sottolineato da diversi autori, della difficoltà di realizzazione di ricerche empiriche o sperimentali. Vengono discussi limiti e alcuni spunti per le future ricerche.

  17. Jacqueline Nacache, Jean-Loup Bourget (a cura di, Cinématismes. La littérature au prisme du cinéma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Furci

    2012-12-01

    Full Text Available Dal 2 al 4 ottobre 2010 l’Ecole Normale Supérieure e l’IstitutoNazionale di Storia dell’Arte hanno accolto a Parigi un convegno voltoad attualizzare, oltre che a problematizzare, l’assunto secondo cui ilcinema porterebbe a livello di “rappresentazione” ciò che la letteraturae le arti fgurative tendono a relegare, a discapito di una ben notacomponente mitopoietica, a un livello ideale di “senso”. In occasione diquesto incontro, studiosi provenienti da settori distinti hanno avutomodo di conversare fra loro e di interrogarsi sulla legittimità di uneventuale ricorso al vocabolario flmico, allorché si tratti direinterpretare – in maniera più o meno metaforica e sulla scorta delvalore paradigmatico assunto dalle immagini in movimento, sin dallaprima metà del secolo scorso – un ventaglio considerevole di istanzenarratologiche, spesso precedenti all’avvento e alla diffusione dellamacchina da presa.

  18. Rappresentazioni inglesi del terrorismo nord-irlandese: dai complotti al Complotto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gino Scatasta

    2016-03-01

    Full Text Available In Irlanda, i cosiddetti Troubles hanno creato fin dalla fine degli anni Sessanta del secolo scorso una produzione letteraria e cinematografica che è stata studiata ampiamente. Meno nota e meno studiata se non insieme alla produzione irlandese è quella inglese, che ha spesso utilizzato lo scenario nord-irlandese come sfondo per romanzi o film d’azione, con scarso interesse per la realtà politica o secondo alcuni con un uso mirato e deliberato di stereotipi. Di recente, però, i Troubles hanno creato in Inghilterra una produzione letteraria e cinematografica che mostra al centro della trama una cospirazione dei servizi segreti inglesi e, implicitamente, indica come generi d’evasione e spesso reazionari, come sono stati a lungo il thriller e la spy story, si possano trasformare in uno strumento di critica delle verità ufficiali.

  19. Municipal solid waste to energy plants - the best technical options; Termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani - le scelte tecnologiche ottimali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Baldasella, P.; Brivio, S.; Carminati, A.; Cavallari, G

    2005-04-01

    After years of stagnation the municipal solid waste to energy plants is reaffirming as a valid disposal solution. The sell of the electric energy produced at an economically rewarding value and the last regulations on flue gas emissions have strongly influenced the technological development. The article proposes a plant scheme considered complete and optimal and in particular illustrates the options that inspired it and the related justifications. [Italian] Dopo anni di stasi la termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani si sta affermando come una valida soluzione di smaltimento. La vendita dell'energia elettrica prodotta ad un valore economicamente remunerativo e le ultime regolamentazioni sulle emissioni gassose hanno fortemente influenzato lo sviluppo tecnologico. L'articolo propone uno schema di impianto di termovalorizzazione ritenuto completo ed ottimale ed in particolare illustra le scelte che lo hanno ispirato e le relative giustificazioni.

  20. Listen to my breath: Exploring expressive function of breathing sounds in imitation and emotional attunement

    OpenAIRE

    PELLEGRINI, RAFFAELLA

    2012-01-01

    Diversi studi hanno dimostrato i reciproci rapporti di influenza tra respiro e variabili psicologiche ma scarsa attenzione è stata rivolta all’indagine delle funzioni espressive del suono del respiro. Studio 1 è stato finalizzato alla costruzione di un modello di analisi multi-livello per la descrizione acustica del respiro. Sono state effettuate audio e video registrazioni del respiro di 2 coppie di soggetti in performance individuali e congiunte. Sui 1903 respiri raccolti sono state con...

  1. La disciplina delle emozioni tra introspezione e performance: pratiche e discorsi del controllo a Toraja (Indonesia)

    OpenAIRE

    Aurora Donzelli; Douglas Hollan

    2013-01-01

    La letteratura antropologica sulle emozioni relativa alle società dell’Indonesia e dell’area più vasta che comprende il Sudest asiatico e il Pacifico sembra convergere sull’enfasi attribuita alla questione del controllo emozionale3. Gli antropologi che hanno lavorato in quest’area sono stati inevitabilmente affascinati dalla compostezza e dall’assenza di espressione diretta dei sentimenti dimostrata nel comportamento quotidiano delle persone che cercavano di comprendere (Anderson 1966, p. 129...

  2. Effetti del trauma sui meccanismi di esplorazione visiva di espressioni facciali emotive: uno studio eye-tracker ed etnopsichiatrico su popolazioni di minori sopravvissuti all’epidemia di Ebola in Sierra Leone

    OpenAIRE

    Parmigiani, Marta

    2017-01-01

    Ad oggi, il bias nel riconoscimento dell’espressione facciale della rabbia, consistente nell’erronea sovra-identificazione dell’emozione rabbia quando altre espressioni facciali emotive negative vengono visualizzate, è abbastanza conosciuto. Diversi studi empirici hanno investigato questo fenomeno attraverso differenti paradigmi e coinvolgendo campioni di minori, vittime di differenti esperienze traumatiche. Comparando tutti questi risultati sembrerebbe che il bias nell’esplicito riconoscimen...

  3. Avalikke arhitektuurikonkursse

    Index Scriptorium Estoniae

    1997-01-01

    Viljandi Spordihoone juurdeehituse arhitektuurikonkursi tulemused : I preemia - Urmas Luure, Tarmo Teedumäe, II - Kalle Komissarov, Rene Valner, Mihkel Tüür, III - Andres Lember, ostupreemiad - Toomas Tammis ning Peeter Pere ja Urmas Muru. Ärihoone konkurss Kuressaares (Turu ja Kohtu t. nurgakrundil) : I preemia - Andres Lember, Jüri Martson, II - Mart Kadarik, Ott Kadarik, III - Raivo Kotov, Mihkel Tüür, Margus Maiste, ostupreemiad - Siiri Vallner ja Hanno Grosschmidt ning Tiia Kaasik ja Ene Priimets

  4. La supervisione pedagogica nella formazione professionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Zanchettin

    2009-07-01

    Full Text Available Il presente contributo ha lo scopo di tracciare le linee principali del lavoro di supervisione psicopedagogia messo in campo in un centro di formazione professionale (CFP della provincia di Bologna. L’autore analizza alcuni aspetti fondanti il ruolo e l’efficacia dell’attività di supervisione e passa in rassegna i temi, le fasi e i gruppi che hanno caratterizzato il percorso operativo nel CFP bolognese nel periodo 2002-2008.

  5. Dai fuseaux ai leggings, dal crème caramel ai cupcakes: l’inglese alla conquista della moda e della cucina italiane

    OpenAIRE

    Università degli Studi di Trieste

    2017-01-01

    Video della lezione Cosa rappresenta il made in Italy più della moda o della cucina? Probabilmente nulla: l’immagine che gli stranieri hanno degli italiani è quella di un popolo maniaco dell’eleganza e del buon cibo. Eppure, quando parliamo di questi argomenti, usiamo sempre un gran numero di parole straniere, negli ultimi anni soprattutto inglesi. Vedremo alcuni esempi di questa invasione e cercheremo di spiegarne il perché.

  6. Musiche d’oggi: percorsi e contaminazioni. Appunti per un bilancio provvisorio

    OpenAIRE

    Piperno, Franco

    2016-01-01

    Il saggio esamina la produzione musicale dell'ultimo trentennio alla luce degli accadimenti più importanti che hanno caratterizzato la recente storia del mondo globalizzato. La molteplicità di proposte offerte dalla scena musicale contemporanea, nei campi popular, 'classica' e jazz, presenta caratteristiche di livellamento estetico e produttivo nonché di reciproca contaminazione e meticciato frutto dell'esaurirsi di una progettualità lineare e chiara sostituita dall'accavallarsi di esperienze...

  7. Il teatro degli spiriti.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Pussetti

    2013-07-01

    Full Text Available Questo saggio è dedicato a un culto di possessione, in cui tutte ledonne, investite dagli spiriti degli uomini morti prima dell’iniziazione, compiono un percorso iniziatico parallelo a quello maschile, consentendo a queste anime, potenzialmente pericolose, di completare il cammino che non hanno potuto percorrere da vivi e quindi di raggiungere serenamente il mondo dei morti, come antenati protettori del villaggio

  8. Bioimpedenziometria multifrequenza e forza di presa della mano in differenti condizioni fisiologiche

    OpenAIRE

    Santaniello, Maria Grazia

    2015-01-01

    La bioimpedenziometria è un metodo veloce e preciso per valutare la composizione corporea dell'essere umano. L'analisi della composizione corporea è utilizzata in diversi settori, quali: medicina, antropologia, ergonomia, sport, auxologia. Recentemente, gli specialisti hanno convogliato energie e risorse nell'approfondimento della correlazione tra CC, stato di salute e prestazione sportiva; ne è emerso che una composizione corporea tendenzialmente ricca di tessuto adiposo (soprattutto c...

  9. Effetto della 3,5-diiodo-l-tironina sul metabolismo lipidico del muscolo gastrocnemio di ratto

    OpenAIRE

    Napolitano, Laura

    2011-01-01

    Gli studi effettuati negli ultimi 15 anni hanno rivelato che la T2, un metabolita della T3, considerato per molti anni solo un prodotto di inattivazione della T3, è una iodotironina biologicamente attiva che presenta attività eccito-metabolica significativa. Essa, quando somministrata a ratti ipotiroide è in grado di incrementare la velocità mitocondriale di ossidare i substrati e la capacità ossidativa dei tessuti metabolicamente attivi. Tali effetti si riflettono in un incremento della spes...

  10. Hypothalamic clock involvement in cluster headache. A study of chronobiology, sleep, and cranial autonomic function in cluster headache

    OpenAIRE

    Ofte, Hilde Karen

    2016-01-01

    The paper 3 of this thesis is not available in Munin. Paper 3: Ofte, H. K., von Hanno, T., Alstadhaug, K. B.: "Reduced cranial parasympathetic tone during the remission phase of cluster headache". Available in Cephalalgia 2015, 35(6): 466-77. Cluster headache has been claimed to be a chronobiological disorder because of its striking periodic occurrence. This suggests that the biological clock is involved in the pathophysiology of the disease, but few researchers have studied this i...

  11. Cinema e territorio. Processi di valorizzazione e promozione (cine)turistica delle destinazioni minori / Cinema and territory. Processes of enhancement and (cine)touristic promotion of minor destinations

    OpenAIRE

    Angela Cresta; Ilaria Greco

    2016-01-01

    Il contributo intende offrire spunti di riflessione sul legame tra cinema, creatività e pratica turistica nei processi di valorizzazione e promozione (cine)turistica che interessano, in particolare, le destinazioni minori. A tal fine, viene presentata l’esperienza dell’Irpinia in cui l’autenticità dei luoghi e le aspirazioni di pochi illuminati con l’amore per la “Settima arte” hanno, fin da inizio Novecento, ispirato diversi progetti cinematografici che, mescolando suggestioni reali con effe...

  12. FOOD SAFETY AND QUALITY IN DEVELOPING COUNTRIES: THE ROLE OF LACTIC ACID BACTERIA

    OpenAIRE

    ANGRI, MATTEO

    2016-01-01

    La sicurezza e la qualità degli alimenti sono tutt’ora un problema critico per i paesi in via di sviluppo. Le diete a basso contenuto di acido folico, per esempio, possono causare gravi problemi di salute, soprattutto nei bambini. Gravi disturbi legati al tubo neurale (DTN) nei neonati possono derivare infatti da madri che hanno insufficiente apporto di acido folico (400-600 g / giorno) durante il periodo di gravidanza. Inoltre, se non adeguatamente protetti o trattati, I prodotti alimentari ...

  13. Metodi molecolari per la rilevazione di microrganismi negli alimenti e nell'ambiente

    OpenAIRE

    Bortolazzi, Laura

    2012-01-01

    Il ruolo dei microrganismi nella biosfera è di inestimabile importanza. Hanno conquistato tutte le possibili nicchie ecologiche e svolgono un ruolo primario, contribuendo come primi attori al ciclo degli elementi essenziali per la vita. I microrganismi sono anche una fonte di nutrienti, essendo alla base di tutte le catene alimentari ed ecologiche. La scienza biotecnologica moderna e le sue applicazioni si basano sulle proprietà microbiche e sull’impiego dei microrganismi e dei loro processi ...

  14. Antonio Costa, La mela di Cézanne e l’accendino di Hicthcock. Il senso delle cose nei film

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrice Seligardi

    2016-05-01

    Full Text Available «Sono diecimila persone, forse, che non hanno dimenticato la mela di Cézanne ma sono un miliardo gli spettatori che si ricorderanno dell’accendino di Delitto per delitto» (5. Così Godard recitava all’interno delle Histoire(s du cinéma, e così si apre il saggio di Antonio Costa, prendendone spunto anche per il titolo.

  15. Prova informatica e diritti fondamentali della persona nel processo penale

    OpenAIRE

    Iovene, Federica

    2014-01-01

    La tesi si propone di approfondire il tema dell’incidenza che le innovazioni in campo tecnologico e informatico hanno sui mezzi di ricerca della prova. Preliminare all’esame della disciplina positiva è una riflessione sui diritti fondamentali – costituzionali e convenzionali (CEDU e CDFUE) - che le indagini informatiche sono suscettibili di comprimere e limitare. A tal fine vengono esaminati innanzitutto i “classici” diritti fondamentali alla libertà personale, all’inviolabilità del domici...

  16. La retorica sconfitta dalla forza del contesto etico-politico. Riflessioni sulla ricezione di due traduzioni

    OpenAIRE

    Caroline Fischer

    2014-01-01

    La retorica è generalmente considerata come un ente quasi assoluto, mentre la sua forza, cioè il suo effetto, risulta dalla ricezione, dal pubblico con il quale le opere andranno confrontandosi. Analizzeremo le reazioni tedesche suscitate dalle traduzioni di due romanzi che, alla loro pubblicazione in Francia, hanno provocato in un caso uno scandalo (Les particules élémentaires di Michel Houellebecq), e nell’altro risposte clamorose (Les bienveillantes de Jonathan Littell), al punto che di am...

  17. Giada Tognazzi, La concezione biologica della donna nel Corpus Hippocraticum: dalla teoria alla terapia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giada Tognazzi

    2008-07-01

    Full Text Available I. Fisiologia e anatomia femminileI medici ippocratici hanno dedicato un’importante parte dei loro studi alla ginecologia. Con queste opere si ha la prima formulazione scientifica di un sapere sul corpo femminile e al contempo la prima classificazione delle caratteristiche e delle funzioni biologiche della donna. I trattati prettamente ginecologici compresi nel Corpus sono: De natura muliebri, De mulierum affectibus I-III e De virginum morbis. Essi costituiscono una vera e propria “scienza de...

  18. TRASFERIMENTI PUBBLICI IN MONETA VERSUS TRASFERIMENTI IN NATURA

    OpenAIRE

    Donato Morea

    2006-01-01

    Nella teoria neo-classica dell’ottimalità allocativa i trasferimenti redistributivi in moneta sono generalmente considerati superiori a quelli in natura, perché i primi rispettano il principio della sovranità del consumatore. Tuttavia, anche impiegando il modello neo-classico, è stato dimostrato che, per talune ipotesi (quali le asimmetrie informative e le esternalità del consumo), la redistribuzione in natura può raggiungere risultati paretianamente superiori. Tali studi hanno condotto anche...

  19. Confronto tra sep e netlinear sull'analisi di blianco biNCs

    OpenAIRE

    Consul Torrent, Maria Pilar

    2009-01-01

    Le aziende hanno sempre l’esigenza di intraprendere nuove sfide competitive ed innovative per fronteggiare il rapido cambiamento che il mercato sperimenta ogni giorno. Le aziende devono puntare su strategie che permettano di riflettere e di esaltare le capacità di adattamento ad un nuovo ambiente, di gestire tempestivamente i cambiamenti e di sfruttare le opportunità che si presentano. Questo non è l’unico punto importante, perché le aziende devono anche rispondere prontamen...

  20. Integrazione somato-motoria nelle regioni Perisilviane Posteriori del macaco: evidenze elettrofisiologiche e possibile contributo al riconoscimento aptico degli oggetti.

    OpenAIRE

    Fornia, Luca

    2013-01-01

    Ogni volta che cerchiamo di recuperare un oggetto dal fondo delle nostre tasche, usualmente lo identifichiamo attraverso una serie di movimenti esplorativi coordinati di mano e dita. Studi psicofisici svolti sull’uomo hanno evidenziato come il riconoscimento aptico degli oggetti passi attraverso una procedura di estrazione (Extraction Procedures, EPs) delle caratteristiche fondamentali degli oggetti stessi (Lederman & Klatzki, 1993). Tale procedura di estrazione si attua attraverso una serie ...

  1. Ricerca e sperimentazione fra arte e medium. Intervista a Giuliano Giuman

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuela Perria

    2016-07-01

    Full Text Available Sperimentazione e intermedialità: sono questi i principali fattori che, negli ultimi cinquant’anni, hanno segnato la complessa ricerca estetica di Giuliano Giuman. Partendo dagli esordi pittorici fino alle più recenti opere in vetro, il maestro perugino si racconta in un’intervista ricca di elementi che approfondiscono l’origine del suo personale linguaggio artistico destinato a una continua evoluzione.

  2. Eesti tootjad eiravad teadlikult CE-märgistust / Ain Alvela

    Index Scriptorium Estoniae

    Alvela, Ain, 1967-

    2005-01-01

    Ilmunud ka: Delovõje Vedomosti 2. nov. lk. 27. Euroopa Liit nõuab ehitusmaterjalide märgistamist CE-märgistusega, kuid kontrolli puudumise tõttu ei kiirusta tootjad nõude täitmisega. Kommenteerivad Urmas Leitmäe ja Hanno Egipt. Vt. samas: CE-märgistus annab tootele garantii; Märk teavitab klienti

  3. Aa. Vv., “Didon se sacrifiant” d’Étienne Jodelle, sous la direction de Charlotte Bonnet, Anne Boutet, Christine de Buzon et Élise Gauthier

    OpenAIRE

    Busca, Maurizio

    2016-01-01

    Il presente volume, che va ad arricchire il nutrito corpus delle pubblicazioni sulla Didon se sacrifiant apparse negli ultimi tre anni, riunisce i contributi dei cinque specialisti che hanno animato la giornata di studi del 19 ottobre 2013 presso il CESR di Tours. Alcuni degli studi raccolti (segnatamente quelli di Buron e Polizzi) riprendono questioni già affrontate recentemente dai rispettivi autori, proponendo comunque nuovi sviluppi. Ogni contributo è accompagnato da una bibliografia sele...

  4. Editorial. To pay homage to Paris attack victims through the writings of Cardinals Poma and Biffi / Éditorial. En hommage aux victimes des massacres de Paris par les écrits des Cardinaux Poma et Biffi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Balloni Augusto

    2015-12-01

    Full Text Available Questo editoriale è dedicato alla memoria delle 129 vittime della strage di Parigi del 13 novembre 2015, ricordando brani di omelie, discorsi e dichiarazioni dei Cardinali Antonio Poma e Giacomo Biffi . Ritengo ora particolarmente importante una riflessione su questi eventi che hanno sconvolto la Francia, l'Europa e tutto il mondo. Infatti, in questi luttuosi avvenimenti si riscontrano odi razziali e religiosi, coinvolgimento di molte persone e soprattutto le numerose vittime in cui compaiono giovani e giovanissimi.

  5. Editoriale / Editorial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Balloni Augusto

    2011-12-01

    Full Text Available Nel 1991 si è costituita la nostra Società Italiana di Vittimologia (S.I.V. e in questi vent’anni molte attività hanno attirato interesse da parte di diversi settori: si sono sviluppati rapporti con istituzioni del territorio e con organizzazioni nazionali e internazionali; inoltre la Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza è diventata un importante strumento per il giusto riconoscimento e la necessaria visibilità delle vittime.

  6. Le emozioni, una risorsa per l’educazione al rischio.

    OpenAIRE

    La Longa, F.; Crescimbene, M.

    2015-01-01

    Le nostre emozioni dopo un terremoto sono conosciute ed in qualche modo scontate: senso di estraniamento, rabbia, delusione, paura, incredulità. Su questi stati emotivi gli psicologi e gli altri studiosi del comportamento hanno formulato teorie e terapie. Le calamità sono eventi che travalicano l'ambito dell'esperienza umana normale e che, dal punto di vista psicologico, sono abbastanza traumatici da indurre stress in chiunque. In tali circostanze è come se tutte le nostre emozioni si presen...

  7. Dove ballano i moldavi la terra geme: etnografia su una pratica culturale in emigrazione

    OpenAIRE

    Piovesan, Serena

    2012-01-01

    La migrazione è un processo di cambiamento socio-economico, ma anche socio-culturale. Numerosi studi hanno messo in evidenza le modalità attraverso le quali concezioni culturali e pratiche sociali pre-migratorie persistono nei paesi di destinazione. A questo scopo è stata condotta una lunga osservazione etnografica su un flusso migratorio consolidatosi nell’ultimo decennio tra la Moldavia e un’area di insediamento dell’Italia settentrionale, focalizzandosi sull’uso e il significato della danz...

  8. La risposta della Chiesa Cattolica al problema degli abusi sui minori: una prospettiva sociologica

    OpenAIRE

    Pece, Emanuela

    2012-01-01

    L’oggetto della nostra ricerca riguarda le dinamiche sociologiche in materia di gestione del discredito a seguito dello scandalo degli abusi sessuali nella Chiesa Cattolica dal 2002 al 2010, prendendo in considerazione alcuni degli eventi mediaticamente più significativi che hanno caratterizzato l’intera vicenda. Il punto di partenza della ricerca è il 9 gennaio 2002, quando il quotidiano americano The Boston Globe ha pubblicato un’inchiesta relativa a un caso di abuso nell’arcidiocesi di Bos...

  9. Sulla nozione di cittadinanza

    OpenAIRE

    Mura, Virgilio Federico Iosto

    2003-01-01

    Negli ultimi quindici anni il tema della cittadinanza è tornato ad essere di grande attualità. Le imponenti ondate migratorie dalle aree più povere del mondo verso i paesi industrializzati, segno ed insieme effetto dei processi di globalizzazione, hanno riproposto all’interno delle liberal-democrazie contemporanee la questione dell’inclusione-esclusione, sollevando problemi, in parte inediti, di riconoscimento, identità, visibilità, accettazione e non-discriminazione, vale a dire, in sintesi,...

  10. La graphic novel “Una settimana rossa”, 1914-2014

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Balsamini

    2014-07-01

    Full Text Available Nel giugno 1914 un moto insurrezionale partito da Ancona si diffonde a macchia d’olio nelle Marche, in Romagna e nelle principali città del Regno. La rivoluzione sociale sembrò per un attimo a portata di mano. In occasione del centenario di quella rivolta, ricordata come la “Settimana rossa”, le edizioni Gwynplaine hanno pubblicato un fumetto storico per mantenerne viva la memoria, al di là delle celebrazioni istituzionali.

  11. The dream is over. Una fotografia dello stage dell'Istituto storia Marche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Donati

    2013-10-01

    Full Text Available Lo stage estivo dell'Istituto storia Marche 2013 è stato dedicato al cambiamento politico, sociale e culturale vissuto dagli italiani alla fine degli anni Settanta: dai sogni rivoluzionari culminati nel '68 agli anni di piombo e alla "fine di ogni illusione". Gli esperti hanno ripercorso le speranze e le tensioni affrontate dal paese attraverso il particolare punto di vista delle arti: letteratura, poesia, cinema e musica.

  12. Big Data: Metadati e il suo uso per la sorveglianza

    OpenAIRE

    ARGUISUELAS LEÓN, JOSÉ ALBERTO

    2017-01-01

    [IT] La mia tesi consiste, prima di tutto, nella descrizione del mondo del Big Data, definendolo, facendo un breve riassunto della sua cronologia e analizzando alcuni dei problemi sorti in questo campo. Successivamente, mi sono concentrato sulla descrizione dei metadati, definendoli e mostrando l’importanza che hanno assunto oggigiorno. Inoltre sviluppo alcune delle sue applicazioni. Il tema centrale del mio lavoro, quindi, tratta della relazione che intercorre tra il Big Da...

  13. UN'ESPERIENZA DI INTRODUZIONE AI CONCETTI BASE DELL' INFORMATICA

    OpenAIRE

    Olimpo, Giorgio; Persico, Donatella; Sarti, Luigi; Tavella, Mauro

    1985-01-01

    National audience; This paper describes one of the first Italian educational experiments in the area of "Computational thinking". The authors developed and tested a course based on the software environment "Martino Robot" and its related workbook.; L'articolo descrive una delle prime esperienze italiane di introduzione a quei concetti dell'informatica che sono ritenuti alla base del "computational thinking". Gli autori hanno sviluppato e sperimentato un Corso di introduzione all'informatica b...

  14. Geografia elettorale dell’Emilia Romagna: una cartografia interattiva delle elezioni politiche dal 1976 al 1992

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marianna Pino

    2013-05-01

    Full Text Available La rappresentazione cartografica del comportamento elettorale dell’Emilia Romagna può essere un utile strumento di analisi delle traiettorie dei partiti nel cruciale passaggio tra la prima e la seconda Repubblica. La mappatura interattiva, infatti, permette di leggere e comparare su scala comunale i risultati dei maggiori partiti che hanno partecipato alle cinque elezioni politiche tenutesi tra il 1976 e il 1992.

  15. Mondi possibili

    CERN Document Server

    Dyson, Freeman

    1998-01-01

    Scienza, fantascienza, storia. Freeman Dyson percorre con sicurezza, acume e spirito critico i sentieri che conducono al futuro del nostro mondo ; ci fa scorgere i pericoli e le insidie del progresso scientifico e tecnologico, ci narra le vicende che hanno caratterizzato la scienza e la cultura del nostro secolo e si misura con le grandi questioni che gli scienziati e l'umanita dovranno affrontare agli inizi di un nuovo millenio.

  16. A “novel site”: Carmen Covito, writing, literature and technology ...

    African Journals Online (AJOL)

    L'Internet cambia l'idea del libro e pone allo scrittore nuovi orizzonti di lettori prima impensabili. Carmen Covito è fra i primi scrittori italiani ad avere un proprio sito web. Le sue varie iniziative in internet hanno destato l'attenzione sia di critici culturali e letterari sia del grande pubblico. Tramite l'analisi di alcuni scritti di Covito ...

  17. ETK Büroohoone rekonstrueerimine. Narva mnt. 7 Tallinn. / Malle Agabush

    Index Scriptorium Estoniae

    Agabuš, Malle, 1948-

    1998-01-01

    ETK kontorihoone rekonstrueerimine hõlmas tellija soovil ka fassaadi uut kujundust. Olemasolevad lahtised rõdud ehitati kinni ja saadud pind lisati kabinettidele. Tehti uus plaanilahendus. Värvidest on kasutatud rohelist, sinist ja veinipunast. Komponeeritud on erinevate toonide erinevate kogustega, seega valitseb igas ruumis oma toon. Arhitekt Hanno Kreis. Sisearhitekt Malle Agabush. Projekteerija : EMP A&I OÜ, 1996. Ehitaja : Koger & Sumberg.Ehitus. Mööbel : Vipex AS. Valgustid : AS Hanmar Valgus, Glamox, STAFF, Fagerhult. Valmis 1997.

  18. Un intreccio di iniziative scientifiche. Reti Medievali e il futuro della storiografia digitale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Delle Donne

    2014-12-01

    Full Text Available L’articolo muove dall'esperienza di Reti Medievali per analizzare il modo in cui, più in generale, gli storici hanno guardato e guardano alla rete delle reti. Affronta quindi un tema che si colloca al crocevia tra l’evoluzione delle tecnologie informatiche e telematiche, i percorsi della storiografia e le trasformazioni delle sue metodologie, i mutamenti del mercato della comunicazione scientifica, i cambiamenti nei criteri di valutazione della qualità delle pubblicazioni.

  19. Il filtro di Dante : l'impronta di Gustave Doré dal cinema muto al digitale

    OpenAIRE

    Amendola, Alfonso; Tirino, Mario

    2016-01-01

    Numerosi studi in ambito critico, storiografico ed estetologico hanno chiarito la portata iconopoietica del corpus dantesco. La proliferazione di immagini nella Commedia è stata condensata in simboli ed icone incistate nell’immaginario collettivo dalle illustrazioni di Gustave Doré, il cui linguaggio, valorizzando i caratteri dell’universalità della cultura letteraria (Abruzzese 2007), si è rivelato modello per le successive traduzioni cinematografiche nell’era del muto fino alla transmediali...

  20. N-acetil-cisteina regola l'attività trascrizionale delle Metalloproteinasi di matrice-2 e -9, in fibroblasti pulpari umani stimolati con le resine monomeriche TEGDMA ed HEMA

    OpenAIRE

    Procino, Alfredo

    2015-01-01

    Negli ultimi 30 anni, l'odontoiatria conservativa è stata caratterizzata da una rivoluzione innescata dall'introduzione di materiali da otturazione estetici, che ha determinato un significativo cambiamento delle tecniche per rispondere a esigenze e richieste dei pazienti. In particolare i nuovi approcci terapeutici sono stati resi possibili con l'introduzione e lo sviluppo di nuovi materiali a base resinosa (resin-based dental materials / RBDM ) che hanno introdotto il concetto di adesione al...

  1. Il patrimonio scomodo del Novecento europeo nel progetto Atrium a Forlì

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Pirazzoli

    2013-09-01

    Full Text Available Il Novecento ha lasciato tracce difficili nelle città d'Europa. I regimi che si sono succeduti hanno trasformato urbanisticamente e architettonicamente l'intero territorio e oggi è complesso relazionarsi con questi segni. Il progetto europeo Atrium - Architecture of Totalitarian Regimes in Urban Managements si propone di valorizzare, con attenta cura e senza intenti mistificatori, proprio il “patrimonio scomodo” di 11 paesi dell'Europa del sud.

  2. Formaatidevaheline kunstisündmus

    Index Scriptorium Estoniae

    2003-01-01

    1. XI Kanuti gildis üritusteseeria "1+1=1" hooaja avaüritus. Esinevad kuraatorid Hanno Soans ja Andres Lõo (võrguväljaande www.looming.org tutvustus), Ieva Auzina (Läti, Haralds Elcerise film "Matti Miliuse hull manifest" (1988) jm.), Suzanne van de Ven (Kassel). A. Lõo, Kiwa, Joanne Richardson (Rumeenia), Enrico Glerean (Itaalia) esinevad heliloenguga, Ene- Liis Semper, Mark Raidpere, Jaan Toomik videoportreedega

  3. Dodici comandamenti per l’accesso aperto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-02-01

    Full Text Available Come può comportarsi un ricercatore che desidera diffondere l’accesso aperto non solo a parole, ma anche nei fatti? Avevo provato a rispondere, limitatamente all’arte della citazione. Mi hanno allora chiesto una guida che abbracciasse tutta l’attività di ricerca. Danah Boyd ha già prodotto qualcosa di simile: ecco un adattamento del suo lavoro per  l’uso degli [...

  4. Comporre il diverso: l'idea di 'società' nell'insegnamento della composizione

    OpenAIRE

    Giovanni Guanti

    2013-01-01

    La problematica aspirazione a un’arte, e in particolar modo a una musica, universale è pari a quella della prospettiva che le configura come oasi di protezione e conservazione per antonomasia delle singolarità culturali. L’universalismo cosmopolita illuminista, prima, poi gli esasperati nazionalismi ottocenteschi, hanno segnato profondamente la cultura europea fin nelle più capillari declinazioni della didattica musicale. Oggi non si può certo più insegnare a comporre nello stile francese, te...

  5. Tallinna Fotokuu 2015 / Karin Kahre

    Index Scriptorium Estoniae

    Kahre, Karin

    2015-01-01

    Tallinna Fotokuu 2015 programmist. Näitus "Prosu(u)mer" Eesti Kaasaegse Kunsti Muuseumis, kuraator David Raymond Conroy. Näitus "Aegvõte. Time Lapse" Tallinna Kunstihoones, kuraator Anna Laarits. Näitus "Võrdlev sissevaade 1990. aastate üleminekuaja Balti fotokunsti" Tallinna Kunstihoone galeriis, kuraator Tanja Muravskaja. Duo-näitus "Leegi vari" Tartu Kunstimajas, kunstnikud Tarvo Hanno Varres ja Kirke Kangro. Näitus "Plahvatusest tasandikule. Eesti kaasaegne foto 1991-2015" Taru Kunstimuuseumis, kuraator Anneli Porri

  6. La giovinezza tenace. I luoghi e le parole di Giacomo Ulivi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michela Cerocchi

    2014-10-01

    Full Text Available Riscoprire la storia e le ragioni delle scelte di un ragazzo di 19 anni che aderì alla Resistenza e cadde combattendo per la libertà: questo era l’obiettivo del laboratorio didattico proposto ad alcuni liceali. Giacomo Ulivi è un esempio di tenacia, forza e coscienza civile. Attraverso le foto, le sue lettere e i documenti gli studenti hanno saputo incontrare un loro “coetaneo di tanti anni fa”.

  7. Attrattività delle città di celluloide. A Venezia tra cinema "avventura" e turismo / Attractiveness of the celluloid cities. In Venice between “adventure” cinema and tourism

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Privitera

    2016-05-01

    Full Text Available Molte destinazioni hanno basato la loro strategia di promozione affidandosi ai prodotti multimediali, considerando i vantaggi legati alla potenza incisiva del cinema. Il cinema conserva un ruolo privilegiato grazie alla sua capacità di suggestione. Lo scopo dello studio è di migliorare la comprensione del cineturismo in location in film noti e di avventura. Quali sono le immagini che i turisti hanno di Venezia visionando i film di James Bond? Le interviste sono state condotte con un gruppo di studenti che hanno visto la pellicola Casino Royale. I risultati mostrano che Venezia nel mondo di Bond contiene elementi attrattivi ma rimane piuttosto in secondo piano.   Film and Tourism share a close relationship. The aim of the study is to improve understanding of film induced tourism on locations featured in popular films. The present research used the case of James Bond film to explore this issue about Venice. Interviews were conducted with students who have seen Casino Royale movie. These interviews indicate that Venice, into the world of Bond contains elements attractive but it remains of little importance compared to Bond.

  8. WiFiabe: un’esperienza di storytelling dal territorio al web 2.0

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Carnesecchi

    2013-03-01

    Full Text Available L’impatto iniziale di WiRoni sulla popolazione di Monteroni d’Arbia (Siena è stato limitato alla fruizione dei contenuti caricati dal team di design, in particolare le storie per i bambini. Mancavano infatti brani audio prodotti dalla comunità locale. In realtà, però, la competenza tecnica necessaria a trasmettere i contenuti nel parco e in rete è minima (upload da CMS wordpress e anche le tecnologie per registrare e arricchire l’audio con effetti sonori sono alla portata di tutti, se opportunamente guidati da esperti. Da queste osservazioni è nato il progetto WiFiabe. Nel corso dell’anno scolastico 2010/2011 20 bambini tra 6 e 13 anni, coordinati da un’educatrice durante l’attività di doposcuola del Comune, hanno lavorato in gruppi e creato storie di fantasia. In seguito, alcuni studenti dell’Università di Siena, con l’aiuto di un musicista per la parte degli effetti sonori, hanno assistito i ragazzi nel diventare autori digitali e apprendere in prima persona come trasformare le loro storie in contenuti audio. In questo modo i partecipanti hanno interagito con il web non in quanto fruitori ma come autori, e messo in moto un processo per rendere WiRoni uno strumento per dare voce alle varie anime della comunità.

  9. [Cyberstalking among Italian nurses: a large multicentric study].

    Science.gov (United States)

    Comparcini, Dania; Simonetti, Valentina; Lupo, Roberto; Galli, Francesco; Bocij, Paul; Cicolini, Giancarlo

    2016-01-01

    Determinare la prevalenza di cyberstalking tra gli infermieri italiani e valutare il livello di ansia e depressione nelle vittime. Da aprile a settembre 2014 è stato condotto uno studio multicentrico trasversale in un campione di infermieri italiani (n=997) utilizzando il questionario "Cyberstalking" per analizzare il fenomeno del cyberstalking. Ai partecipanti, che si sono autodefinite vittime di cyberstalking, è stato chiesto anche di compilare gli strumenti "Beck Depression Inventory" e "State-Trait Anxiety Inventory" per valutare, rispettivamente, i livelli di depressione ed ansia. La prevalenza di cyberstalking tra gli infermieri italiani è risultata pari al 23.3%. Il 42.7% ha dovuto cambiare il proprio stile di vita e lavorativo. Il cyberstalker era prevalentemente di sesso maschile (52%) e, nel 49% dei casi, era un paziente. Le vittime hanno riferito moderati livelli di ansia (media=28.4, SD=23.2) e depressione (media=92.7, SD=18.3); i risultati hanno mostrato un aumento dei livelli di depressione negli infermieri esperti nell'utilizzo del computer, gestori di siti web o blog, e una correlazione negativa tra il livello di ansia e gli infermieri esperti (r = -0.264). Il cyberstalking è un fenomeno che si riscontra frequentemente tra gli infermieri. Il rapporto infermiere - paziente gioca un ruolo centrale nello sviluppo del fenomeno e le vittime hanno riferito disordini correlati allo stress che influenzano la vita lavorativa. Questi risultati preliminari potrebbero sensibilizzare, i dirigenti ospedalieri, la politica e i centri antiviolenza al fine di sviluppare strategie risolutiv.

  10. I parchi eolici: la complessa interazione tra natura, uomo e tecnologia - The wind farms: the complex interaction among nature, man and technology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Masullo

    2015-10-01

    Full Text Available Sin dai tempi antichi l’uomo ha costruito macchine che, sfruttando l’energia del vento, lo hanno aiutato a nutrire se stesso, la terra e a svolgere lavorazioni complesse. Con la scoperta dell’elettricità la funzione di queste macchine è cambiata radicalmente. Negli ultimi venti anni, politiche d'incentivazione hanno portato allo sviluppo di impianti eolici ed alla loro diffusione sul territorio, determinando una interazione sempre più intensa fra turbine eoliche, ambiente circostante ed uomo. Questo articolo presentata una rassegna dei principali fattori che determinano o modificano la percezione dell’impatto che queste macchine hanno sull’uomo e sull’ambiente circostante. ------ Since ancient times the man has built machines which exploiting the energy of the wind have helped to feed himself, the land and carry out complex operations. With the discovery of electricity the function of these machines is changed radically. In the last twenty years, incentive policies have led to the development of wind farms and their diffusion over the territory, resulting in a more intense interaction between wind turbines, environment and man. This article presents a review of the main factors that determine or affect the perception of the impact that these machines have on humans and the surrounding environment.

  11. Internati militari italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Immacolata Macioti

    2012-07-01

    Full Text Available Oggi, a sessanta anni di distanza, in un mutato contesto, in una Italia meno povera, più protesa sul futuro, alcuni dei militari di allora hanno pubblicato scarni brani di diario, hanno offerto memorie ricostruite oggi, a partire da furtivi e forzatamente rapidi appunti di allora: emerge un materiale inedito che da un lato contribuisce a dare elementi per una ricostruzione storica, dall’altra ha certamente un valore affettivo, familiare: si fa sentire, evidentemente, l’esigenza di raccontare cosa è avvenuto perché si sente il dovere della memoria. Perché si riconosce il diritto alla memoria delle giovani generazioni, dei propri nipoti. Nei decenni trascorsi i ricordi si sono forse stemperati, si è imparato a conviverci. Si è probabilmente più in grado, a distanza di decenni, di fare una rilettura dei fatti di allora, di farsene una ragione. Di cercare di attribuire a questa devastante esperienza un qualche senso, un significato. E quindi oggi alcuni parlano, altri scrivono. Dicono che nella cattività hanno riscoperto la libertà, la democrazia.

  12. Proposta per una classificazione dei dati sperimentali in sismologia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. PANNOCCHIA

    1974-06-01

    Full Text Available T Centri Internazionali clic elaborano i d a t i di t u t ti gli Osservatori sismologici allo scopo di determinare i p a r a m e t r i fondamentali dogli eventi sismici, forniscono generalmente questi p a r a m e t r i con i corrispondenti errori calcolati. Nel presente lavoro, dopo alcuni rilievi di c a r a t t e r e generale, è s t a ta messa in evidenza l ' o p p o r t u n i t à di dare un aspetto significativo alle conseguenze che hanno gli inevitabili errori dovuti al rilevamento sperimentale dei dati di osservazione. In particolare è s t a t a r i c h i a m a t a l'attenzione: I sul f a t t o elio l ' i n t e r p r e t a z i o n e d i r e t t a di un sismogramma non fornisce una distanza A sufficientemente precisa; I I sull'importanza che hanno gli errori + STI corrispondenti ai tempi origine e le conseguenze che ne derivano, specialmente per valori elevali di | SH |; I I I sul significato e l ' i m p o r t a n z a che hanno gli errori corrispondenti alle coordinate epicentrali ed alla p r o f o n d i t à ipocentrale; IV sul significato e l ' i m p o r t a n z a clic hanno i residui ( 0 — ( ' = (tempi osservati — tempi calcolati relativi ai iP di ciascuna stazione (lP = tempi di t r a g i t t o delle onde longitudinali. Tenendo presenti questi punti viene proposta una classificazione di c a r a t t e r e analitico e di uso pratico (Fig. 2 in 4 classi

  13. hanno gli errori di tempo — ovunque essi si presentino (TI, lP, (O — C — mediante la Fig. 3 sulle valutazioni

  14. Profile of blonanserin for the treatment of schizophrenia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tenjin T

    2013-04-01

    Full Text Available Tomomi Tenjin, Seiya Miyamoto, Yuriko Ninomiya, Rei Kitajima, Shin Ogino, Nobumi Miyake, Noboru YamaguchiDepartment of Neuropsychiatry, St Marianna University School of Medicine, Kawasaki, Kanagawa, JapanAbstract: Blonanserin was developed as an antipsychotic drug in Japan and approved for the treatment of schizophrenia. It belongs to a series of 4-phenyl-2-(1-piperazinylpyridines and acts as an antagonist at dopamine D2, D3, and serotonin 5-HT2A receptors. Blonanserin has low affinity for 5-HT2C, adrenergic α1, histamine H1, and muscarinic M1 receptors, but displays relatively high affinity for 5-HT6 receptors. In several short-term double-blind clinical trials, blonanserin had equal efficacy as haloperidol and risperidone for positive symptoms in patients with chronic schizophrenia and was also superior to haloperidol for improving negative symptoms. Blonanserin is generally well tolerated and has a low propensity to cause metabolic side effects and prolactin elevation. We recently reported that blonanserin can improve some types of cognitive function associated with prefrontal cortical function in patients with first-episode and chronic schizophrenia. Taken together, these results suggest that blonanserin may be a promising candidate for a first-line antipsychotic for acute and maintenance therapy for schizophrenia. Further comparative studies are warranted to clarify the benefit/risk profile of blonanserin and its role in the treatment of schizophrenia.Keywords: blonanserin, schizophrenia, pharmacology, pharmacokinetics, efficacy, safety

  15. Use of viscoelastic substance in ophthalmic surgery — focus on sodium hyaluronate

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tomomi Higashide

    2008-03-01

    Full Text Available Tomomi Higashide, Kazuhisa SugiyamaDepartment of Ophthalmology, Kanazawa University Graduate School of Medical Science, Kanazawa, JapanAbstract: Among viscoelastic substances, sodium hyaluronate has become the most popular for intraocular surgeries since the introduction of Healon® (sodium hyaluronate 1%, 4 × 106 daltons in 1979. This review focuses on the recent development of a new generation of sodium hyaluronate agents with new rheologic properties and the relevant new techniques used in cataract, glaucoma, corneal, and vitreoretinal surgeries. The introduction of sodium hyaluronate agents with different rheologic properties has improved the safety and reliability of intraocular surgeries. Although there have been numerous studies reporting the effectiveness of viscoelastic substances in intraocular surgeries, rigorous validation by multi-center randomized control trials is lacking in many cases. At present, no single viscoelastic agent is most suitable to all of the various intraocular surgical techniques. Therefore, ophthalmologic surgeons should keep up with recent developments of viscoelastic agents and relevant surgical techniques for better patient care.Keywords: sodium hyaluronate, cataract surgery, glaucoma surgery, corneal transplantation, vitreoretinal surgery

  16. Digital Games as Tools for Stimulating and Assessing Reasoning Skills

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosa Maria Bottino

    2016-04-01

    Full Text Available This paper offers some thoughts on the use of educational digital logic games. Specifically refers to a number of research experiments conducted by ITD-CNR, which have highlighted the significant potential of digital games to help develop and/or consolidation of logical thinking and reasoning skills in students of primary and secondary school level. It offers a brief overview of four research experiences carried out by multidisciplinary teams coordinated by ITD-CNR since the early 2000s These experiences have highlighted the high potential of digital games to develop and strengthen logical thinking skills and have shown the positive impact of their use even on school performance. Verificare e stimolare le abilità di ragionamento con i giochi digitaliQuesto contributo propone alcune riflessioni sull’uso educativo dei giochi logici digitali. In particolare fa riferimento ad alcune esperienze di ricerca condotte dall’Istituto di Tecnologie Didattiche - Consiglio Nazionale delle Ricerche (ITD-CNR che hanno evidenziato le interessanti potenzialità dei giochi digitali per contribuire allo sviluppo e/o al consolidamento del pensiero logico e delle abilità di ragionamento in studenti di scuola primaria e secondaria di primo grado. Si propone un breve excursus su quattro esperienze di ricerca svolte da equipe multidisciplinari coordinate da ITD-CNR a partire dai primi anni Duemila. Tali esperienze hanno messo in luce l’alto potenziale dei giochi digitali per sviluppare e potenziare abilità di pensiero logico ed hanno evidenziato il positivo impatto del loro uso anche sul rendimento scolastico.

  17. Book review, Amati cani, José Jorge Letria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2008-03-01

    Full Text Available Con Amati cani ci discostiamo per una volta dalle pubblicazioni a carattere scientifico, per dare il giusto risalto ad un’interessante raccolta di narrativa che esplora il rapporto tra l'uomo e il suo miglior amico. José Jorge Latria, noto soprattutto per essere un esponente di spicco della canzone politica portoghese e per le sue opere poetiche, teatrali e di letteratura per ragazzi, nello scrivere questo libro compie un vero e proprio atto d’amore verso i cani, con il preciso intento di costringere i lettori ad eliminare dal proprio vocabolario il gratuito modo di dire ‘mondo cane’. L’Autore delinea brevi ritratti di cani che, da Argo in poi, hanno accompagnato da amici veri i loro celebri padroni nella buona e nella cattiva sorte: racconta cioè la storia di quei cani che non sono sprofondati nella voragine dell’oblio perchè i loro padroni hanno raggiunto la celebrità nel mondo della letteratura, della politica, del cinema, delle scienze o della musica. Con a fianco un amico fedele come un cane, la vita ha avuto un sapore diverso per Ernest Hemingway, Isaac Newton, Sigmund Freud, Buster Keaton, Marilyn Monroe, Pablo Picasso, John Steinbeck, Lord Byron, Tim Burton e altri ancora, tutti personaggi che sono presenti in questo libro grazie ai cani che hanno condiviso con loro la vita e le memorie. La lettura di Amati cani dà piacere poichè in ognuno di questi racconti batte, affettuoso e delicato, il cuore di un cane; ma dà anche un pò da pensare in quanto celebra in maniera molto tenera l’amore, la fedeltà e la solidarietà tra l’uomo e il suo speciale amico a quattro zampe.

  18. Attivitá fisica extra-scolastica negli adolescenti: il ruolo dello stato socio-economico delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Capelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’associazione fra stato socio-economico (SES ed attività fisica è poco indagata. Obiettivo del presente studio è quello di valutare la relazione tra attività fisica extra-scolastica di adolescenti scolarizzati e lo SES della famiglia di provenienza.

    Metodi: l’indagine ha previsto la somministrazione nel corso dell’anno scolastico 2002-2003 di un apposito questionario anonimo autocompilato, già validato in uno studio pilota, ad un campione di studenti delle scuole medie inferiori del Lazio (province di Roma, Frosinone e Latina.

    Risultati: hanno partecipato allo studio 1486 studenti di cui 756 maschi (50.9% e 730 femmine (49.1%. L’età dei partecipanti varia fra gli 11 ed i 15 anni (età mediana 12 anni. Il 72.7% degli studenti dichiara di svolgere attività fisica al di fuori della scuola. Il livello di istruzione dei genitori e la loro attività lavorativa sembrano avere un peso notevole sui determinanti dell’attività fisica negli studenti. Infatti, svolgono prevalentemente attività fisica extra-scolastica i figli di genitori manager/libero professionisti (OR = 3.29 e con un elevato livello educativo (OR = 10.38 per i figli di genitori laureati.

    Conclusioni: i risultati confermano quanto la situazione socio-economica delle famiglie sia in netta relazione con l’attività fisico-sportiva dei giovani. Tali risultati potranno essere utili per gli operatori scolastici e gli amministratori nell’ispirare e realizzare azioni volte a diminuire il divario esistente fra i giovani che hanno le possibilità economiche e svolgono attività sportiva extra-scolastica e quelli che, invece, appartenendo a famiglie svantaggiate, hanno minore accesso a tali attività.

  19. Reflections on the History of Dalmatian Culture and Art in the Immediate Post-War Period

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivana Prijatelj Pavicic

    2016-12-01

    L’articolo è incentrato sulla formazione dell’immagine dell’antica arte dalmata e del patrimonio urbanistico nell’ambito del nuovo paradigma culturale che si andava creando negli anni Cinquanta del secolo scorso in Jugoslavia. L’autrice dimostra che il periodo in questione, segnato dalle crescenti tensioni tra la Jugoslavia e l’Italia a causa del Territorio libero di Trieste, è stato uno dei più ricchi di stimoli dal punto di vista dello sviluppo dei paradigmi storico-artistici. Studiosi come Cvito Fisković, Grgo Gamulin, Ivo Petricioli e Kruno Prijatelj, analizzando il patrimonio culturale nel periodo che va dagli artisti cosiddetti Schiavoni all’epoca dell’urbanismo, hanno potuto riscontrare le discontinuità artistiche e il carattere composito della cultura dalmata. Uno degli assi tematici centrali delle loro ricerche è stato quello del ruolo delle masse etniche nella creazione dell’arte figurativa dalmata e del paesaggio culturale nel suo insieme. In questa maniera, spostando il baricentro e la direzione stessa delle ricerche, hanno voluto liberare l’arte dalmata dagli approcci teorici provenienti da appropriazioni politiche o correntistiche che l’hanno presa in esame come un riflesso passivo delle influenze esterne. La generazione di studiosi in questione ha finalmente riconosciuto il ruolo chiave dello spazio urbano e di quello rurale nell’esperienza visiva della Dalmazia. Negli anni Cinquanta, in concomitanza col crearsi del nuovo paradigma culturale, si è venuta formando anche una nuova concezione dell’antica arte dalmata che è ancora oggi, in buona parte, presente nella storiografia croata.

  20. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Science.gov (United States)

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  21. Il monastero di Bobbio in età altomedievale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Destefanis

    2003-11-01

    Full Text Available Il monastero di Bobbio, sorto sull’Appennino piacentino per iniziativa di S. Colombano e con il sostegno del re longobardo Agilulfo, ha conosciuto una lunga storia di studi che ne hanno messo di volta in volta in luce l’importanza come centro scrittorio e di raccolta di testi, il ruolo di primo piano quale interlocutore delle monarchie avvicendatesi nel corso dell’altomedioevo, la posizione di spicco nell’esperienza del monachesimo insulare sul Continente, riflessa da una cospicua produzione ...

  1. Un anello per domarli tutti

    CERN Document Server

    Merlini, Antonio

    2014-01-01

    Questa tesina tratta degli acceleratori di particelle. I motivi della loro nascita, la loro evoluzione, il loro presente e il loro futuro. Particolare attenzione sarà data al Large Hadron Collider, il più grande di essi e la più incredibile macchina mai realizzata dall’uomo. Inoltre si parlerà dei rilevatori, che permettono lo studio di particelle invisibili all’uomo; del fatto che gli scienziati non escludono che gli strumenti che utilizzano possano potenzialmente distruggere il pianeta; e di come gli acceleratori hanno cambiato la nostra vita.

  2. Teorie e pratiche d’avanguardia. Il "Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization" e le espansioni modali nell’universo sonoro di Charles Mingus

    OpenAIRE

    Alessandro Cossu

    2016-01-01

    Charles Mingus (1922-1979) è una di quelle figure affascinanti del panorama jazzistico che sembrano offrire sempre nuovi spunti a seconda di come le si guardi. L’interesse che molti hanno manifestato nei confronti del suo lavoro si lega in particolare alla sua attività di compositore e ai numerosi elementi della sua musica che fanno apparire la dicitura “jazz” come un vestito un po’ stretto. Costantemente in bilico tra blues, swing, bebop e le numerose esplorazioni nell’ambito del modernismo ...

  3. Quattro tesi sul femminismo postumano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosi Braidotti

    2015-11-01

    Full Text Available Questo saggio si propone di dimostrare che il femminismo non si riduce all’umanesimo, essendosi spinto fino alla critica radicale dei suoi concetti-chiave. Si indaga quindi il modo in cui le analisi femministe e postcoloniali, grazie all’impulso del poststrutturalismo, hanno messo sotto esame il modello dell’“Uomo di ragione” ed elaborato visioni alternative dell’umanità, centrate su zoe come principio guida, capaci di andare oltre il genere, senza dimenticare le variabili di sesso, razza e classe. In conclusione si spiega come tali teorie rappresentino i presupposti della filosofia femminista postumana, riassumendo in quattro tesi le sue peculiarità principali.

  4. La prammatica degli aggettivi dimostrativi rumeni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Iliescu

    1988-12-01

    Full Text Available Il rumeno, come il francese ed i dialetti ladini, dispone di un sistema bina­ rio che, per quanto riguarda la distanza, prende come punto di riferimento illocuto­ re, distinguendo fra Ia sua "lontananza" e la sua "vicinanza". L'italiano e le altre lingue neolatine hanno invece un sistema ternario che pren­ de come punto di riferimento sia illocutore sia l'allocutore: si distingue tra "vicino al parlante",  "vicino all'allocutore", "lontano  dallocutore e dall'allocutore" (que­ sto, codesto, quello.

  5. La telematica per comunicare in modi nuovi ed incontrare mondi lontani.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Barbara Caprara

    2008-07-01

    Full Text Available Ipotizziamo di costruire un sito Web per facilitare la comunicazione interscolastica: a quali argomenti dare spazio nella home-page e quali introdurre successivamente? Che relazione instaurare tra la didattica tradizionale e le novità telematiche? Come trasmettere agli alunni la continuità tra gli argomenti trattati a lezione e le chat “improvvisate” in laboratorio? Di seguito viene presentata una serie di riflessioni a conclusione di due lavori di ricerca-azione che hanno inteso proporre il Web come estensione degli strumenti tradizionalmente utilizzati dagli insegnanti: dalla sperimentazione in una realtà locale, a un gemellaggio tra scuole di due continenti.

  6. Dalla frattura alla scienza dei metalli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.Cavallini

    2008-04-01

    Full Text Available La frattura inizia ad essere considerata oggetto di studio da Leonardo da Vinci e trova in Vannoccio Biringucci ed in Galileo Galilei i precursori di un approccio scientifico al come e perché si rompe. Nell’arco di poco più di un secolo, il sedicesimo, si trovano i primi riferimenti scritti di esperienze e interpretazioni su cui lavorare: i limiti tecnologici e di conoscenza scientifica dei materiali allora disponibili hanno impedito una interpretazione soddisfacente del fenomeno della rottura. Sarebbero occorsi altri due secoli per collegare con una relazione lineare, prima forza e deformazione, e poi tensione e deformazione.

  7. I patrimoni destinati: profili giuridici, economico-aziendali e contabili

    OpenAIRE

    Liguori, Cuono

    2009-01-01

    Il presente lavoro ha per scopo l’indagine di un istituto di recente introduzione nel panorama del diritto delle società, e delle più apparenti che concrete distonie con il “sistema” nel quale è venuto ad inserirsi: i patrimoni separati e destinati. Nonostante la sua giovane età, l’istituto in esame è stato analizzato sotto più punti di vista. I primi ad occuparsene sono stati i giuristi che, naturaliter, hanno avvertito la necessità di storicizzare e problematizzare, invadendo, spesse vol...

  8. Frammenti dell’attrice-giardiniera

    OpenAIRE

    Lorenza Zambon

    2013-01-01

    Lorenza Zambon, attrice-autrice, ha ideato negli anni una serie di a-solo di timbro autobiografico,accompagnati da musica dal vivo, che entrano nel cuore della sua relazione all’alterità del vivente. Quipropone un montaggio di frammenti tratti dai testi delle sue performance. Si tratta di note scritte per essere raccontate a voce, in un particolare rapporto d’intimità con i partecipanti e i luoghi stessi dellarappresentazione, per elezione giardini, boschi, paesaggi interi; ecco perché hanno ...

  9. SCORRIMENTO A CALDO ED EVOLUZIONE MICRSTRUTTURALE DELL’ACCIAIO INOSSIDABILE 18Cr-10Ni-3Cu-Ti-Nb PER APPLICAZIONI IN CENTRALI TERMICHE ULTRA SUPER CRITICHE AVANZATE

    OpenAIRE

    Minami, Y; Mariani, P; Cumino, G.; Fukui, T.; Ono, T

    2013-01-01

    Tenaris ha sviluppato tubi per boilers in acciaio 0.1C-18Cr-10Ni-3Cu-Ti-Nb (TEMPALOY AA-1; ASMECode Case 2512), caratterizzato da uno stress ammissibile superiore del 30% rispetto a quello del gradoTP347H (ASME SA 213) nell’intervallo di temperatura tra 600 e 700°C. Questa elevata resistenza alloscorrimento viscoso a caldo (creep) è associabile alla precipitazione di carburi MC e M23C6, e di unafase coerente ricca di Cu. Prove di scorrimento a tempi lunghi, oltre 140000 ore, hanno permesso di...

  10. Mitos y realidades que se crearon entorno al culto de la Santa Muerte en México. Entrevista con la mismísima Muerte

    OpenAIRE

    Lorusso, Fabrizio

    2011-01-01

    L’articolo propone un approccio ameno al culto popolare della santa Morte così come si è sviluppato in Messico. Senza rinunciare al rigore scientifico della ricerca, si utilizza la finzione letteraria cercando di evidenziare gli elementi storici, sociali e culturali che l’hanno trasformata in un fenomeno molto rilevante per la sua presenza mediatica e la sua diffusione tra milioni di persone. Al di là delle cifre si cerca di tracciare una cornice generale che aiuti a distinguere tra i molti m...

  11. Come quando cade la neve...

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    rete S.L.U.R.P.

    2013-03-01

    Full Text Available Lo S.L.U.R.P. lancia un’idea di spazio pubblico di cui si riappropria chi lo usa. Le azioni dei ribelli ludici hanno lo scopo di restituire alla città la dimensione del gioco libero, di denunciare le forme di controllo dello spazio pubblico, di contrastare l’inibizione delle pratiche ludiche spontanee, la loro standardizzazione e mercificazione. Il potenziale ludico delle nostre città è stato circoscritto in aree recintate che sono diventati gli unici luoghi dove è riconosciuto ufficialmente il diritto al gioco e nel caso specifico dei bambini anche il diritto alla città.

  12. Kõrged maksud paisutavad mõttetult töötukasa reserve / Vahur Koorits

    Index Scriptorium Estoniae

    Koorits, Vahur, 1981-

    2010-01-01

    Sotsiaalministri ja Töötukassa nõukogu esimehe Hanno Pevkuri sõnul tuleks kaaluda töötuskindlustuse makse langetamist 2012. aastast, töötukassa nõukogus ametiühinguid esindava Harri Taliga arvates võiks töötuskindlustuse makseid vähendada juba 2011. aastal, tööandjaid esindava Tarmo Kriisi arvates võiks maksemäära alles paari aasta pärast arutama hakata. Graafik

  13. Cesare Lombroso: il misoneismo e il martirio del folle

    OpenAIRE

    Bertani, Stefano

    2007-01-01

    Il testo illustra, attraversando alcuni dei più noti luoghi della patologia criminale e della devianza lombrosiana, il nesso fra la teoria del folle e il suo rapporto con il male, considerato uno dei punti più dibattuti di tutta la cultura dell’età del progresso. A dispetto dei lunghi anni d’oblio e soprattutto degli stereotipi con cui la figura e l’opera di Cesare Lombroso hanno attraversato il XX secolo, tornare a riflettere su di essi giova ad una miglior comprensione storica, facendo luce...

  14. Spunti e contrappunti di sismologia storica: 1349 annus horribilis

    OpenAIRE

    A. Tertulliani; Rossi, A.; Castelli, V.; Meletti, C.; D'Amico, V.

    2011-01-01

    Da un trentennio a questa parte il 9 settembre 1349 è segnalato nei cataloghi sismici nazionali come il giorno in cui si è verificata la più alta concentrazione di terremoti disastrosi di tutta la storia italiana. Le successive revisioni cui sono stati sottoposti i cataloghi non hanno scalfito la antica convinzione, già formulata dalle cronache tardo-medievali e ripresa dai repertori sismologici successivi, che quel famigerato 9 settembre sia stato un giorno orribile all’interno di un periodo...

  15. Europeana communication bug: which intervention strategy for a better cooperation with Creative Industry?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Ragone

    2016-09-01

    Full Text Available In aggiunta all'obiettivo principale di diffondere la conoscenza sui beni culturali, Europeana e diversi MAB (Musei, Archivi e Biblioteche sono impegnati nello sviluppo di nuove strategie volte a rendere i contenuti digitali riusabili dalle imprese creative. Ciò nonostante, tali iniziative hanno successo solo in casi sporadici, dal momento che un approccio comunicativo scorretto può minare gli sforzi fatti in questo senso. L'articolo descrive un caso di studio che propone interconnessioni efficaci tra Europeana, MAB e imprese creative nel contesto della promozione e del miglioramento del patrimonio digitale sul cibo e le bevande.

  16. I confini della libertà. La cartografia delle "repubbliche partigiane" nella storiografia sulla resistenza italiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirco Carrattieri

    2015-09-01

    Full Text Available L'irregolare successo storiografico del tema delle zone libere può essere utilmente analizzato anche dal punto di vista cartografico. La difficile delimitazione dei confini di esperienze spesso effimere e non sempre formalizzate ha finito per reiterare rappresentazioni approssimative quando non parziali. L'Atlante del 2000, l'avvento della rete e la rinnovata attenzione storiografica degli ultimi anni hanno migliorato la qualità grafica delle carte disponibili, ma continuano a esserci imprecisioni e incongruenze da correggere.

  17. D. Felini (a cura di, Video game education. Studi e percorsi di formazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alex Tribelli

    2013-03-01

    Full Text Available Nei confronti di una trattazione scientifica dei videogame c’è tuttora qualche scetticismo. I pregiudizi, più volte denunciati, ancora hanno qualche sussistenza: persiste qualche analisi sociale che considera i videogame oggetti diabolici che provocano isolamento e comportamenti violenti nei teenager. Pur constatando una progressiva inversione di tendenza, Video game education. Studi e percorsi di formazione, curato da Damiano Felini, si propone di sgretolare la concezione che la società contemporanea ha dei videogame, dimostrando come questi oggetti mediali possono addirittura divenire uno strumento di formazione e crescita delle persone.

  18. Realtà e risposta: la disoccupazione tra il 1970 e il 2005 in due importanti riviste

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kurt Rothschild

    2006-12-01

    Full Text Available Gli anni Settanta dello scorso secolo hanno visto una netta cesura con le precedenti tendenze dell’“età dell’oro”. Di fondamentale importanza è stato il ritorno a una disoccupazione persistente. Questo articolo fornisce una panoramica degli effetti di tale cambiamento nelle pubblicazioni del periodo successivo in due principali riviste, l’American Economic Review e l’Economic Journal. Dall’analisi risulta che sia per la frequenza che per i contenuti vi è stato un notevole impatto degli eventi reali e della controversia teorica sui contenuti delle due riviste.

  19. Altri collegamenti a lavori del gruppo di DV

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Doctor Virtualis Redazione

    2008-08-01

    Full Text Available • Giovanni di Mirecourt, Commento alle Sentenze, libro I Attualmente non raggiungibile perché il server del Dipartimento di filosofia è stato oggetto di un attacco da parte di un hacker Edizione provvisoria on-line Il lavoro nasce dalla collaborazione tra Eugenio Randi e Massimo Parodi, e giunge alla pubblicazione on-line (provvisoria grazie all'intervento di Lucia Caccia Dominioni, che ha ordinato e ripulito il materiale a disposizione. • Seminario su Tommaso De ente et essentia - 1995/96 Il materiale prodotto dagli studenti che hanno partecipato al lavoro di discussione seminariale del De ente et essentia di Tommaso d'Aquino.

  20. Al finire di esigue narrazioni. Come evapora la letteratura migrante.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvio Pezzarossa

    2016-05-01

    Full Text Available Le proposte del Convegno hanno evidenziato la marginalità, fin quasi alla scomparsa, di una nicchia della contemporanea narrativa convenzionalmente additata come scrittura di migrazione. La lacuna costringe ad interrogarsi sulle ragioni di un mancato interesse per un tipo di testualità reputato veicolo d’eccellenza per rappresentare i traumi della postmodernità, con una rinnovata presa sul reale da parte di voci subalterne, strappate al silenzio della marginalità sociale e geografica, in grado pertanto di assestarsi al centro della scena culturale come testimonianza della necessità del rinnovamento dell’immaginario poetico e politico di una nazione. Proclamata da subito (pur in assenza di analisi documentate come scrittura di resistenza e di scontro, i testi realizzati nell’ambito della lingua italiana non hanno avuto la capacità di affermare autorevoli figure di intellettuali multiculturali  inseriti nel sistema editoriale, latori di proposte culturalmente e politicamente credibili a fronte della trasformazione del tessuto sociale della penisola, in contrasto col discorso apocalittico dominante intorno alla fenomenologia delle migrazioni. Giocate sulla ripetizione tematica, schiacciata sulla testimonianza autofinzionale, le proposte di una prima generazione di scrittori neo-italofoni hanno lasciato il campo a più vivaci rappresentanti della seconda generazione, deprivati dell’accesso a una cittadinanza civile e penalizzati in un ruolo propositivo, così che anche note scrittrici hanno mostrato una prevedibile conformità di maschere, pose e immagini. L’assenza di un pubblico largo, diffuso e trasversale, riscontra l’incerta lettura di proposte sbilanciate sulla fenomenologia dell’extra-testo, nel quale sono valorizzati genericamente materiali e simboli dell’alterità esotica, incapaci di soppiantare quelli che definiscono il campo letterario di una periferia occidentale. La preminente destinazione didattica subita con

  1. Kunsti estica Rootsis ja Lätis

    Index Scriptorium Estoniae

    1999-01-01

    Suvel hakkas Stockholmis ilmuma uus Põhjamaade kunstiajakiri "Nu", mis loodi Soome ajakirja "Siksi" ja Rootsi ajakirja "Index" ühendamisel. "NU" teises numbris "Nu" Eesti korrespondendi Harry Liivranna lühiartikkel Udo Siiast. Läti kunstiajakirjas Studija nr. 8 tutvustab Daiga Rudzate Veneetsia biennaaliga seoses Eesti ekspositsiooni, Irena Buzinska Tallinnas novembris avatavat inglise moefoto näitust. Läti kunstiajakirjas Acoustic.Space nr. 2 on Raivo Kelomehe informatsioon novembris Tallinnas toimuvast 2. meediakunsti festivalist ning Hanno Soansi videoprojekti tutvustus

  2. L’essere competenti nel linguaggio grafico-simbolico-artistico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Panciroli

    2010-02-01

    Full Text Available Che cosa si intende per competenza grafico-simbolica? Si parla di una o più competenze. Di chi è questa competenza: del bambino, dell’insegnante/educatore o di entrambi? Questi sono alcuni dei quesiti che hanno indirizzato le principali argomentazioni del percorso formativo rivolto alle insegnanti delle scuole di infanzia provinciali di Trento, nello specifico dei Circoli didattici di Cles e Malè. Questo articolo si propone di analizzare la competenza grafico-simbolica dell’insegnante e dell’operatore extrascolastico come premessa a quella del bambino.

  3. Dal particolare al planetario: Spunti di riflessione a partire da alcuni paradossi della letteratura nordamericana globale contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Iuli

    2013-06-01

    Full Text Available Questo intervento propone alcuni spunti di riflessione intorno alla questione della letteratura globale a partire da alcuni paradossi che hanno caratterizzato la letteratura nordamericana e i Transnational American Studies nell’ultimo quindicennio. Chi scrive ritiene che la rilevanza del caso nordamericano nella formulazione di un concetto di letteratura globale sia centrale poiché ha ispirato, sia sul piano narrativo che su quello critico, molti dei discorsi a partire dai quali si è poi sviluppata una discussine che ha interessato vari ambiti di ricerca letteraria.

  4. Phone Story. Un mobile game discute la mobile phone industry

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele Ferri

    2012-03-01

    Full Text Available Il 13 settembre 2011, Apple ha rimosso il videogioco Phone Story dal suo App Store dopo solo quattro giorni dalla pubblicazione perché, spiega il comunicato ufficiale, mostrava violenza su bambini e contenuti discutibili. Poco dopo, il gioco è stato convertito per Android e ospitato nel Market 3 di Google. Nei giorni seguenti, questa notizia ha attratto l’attenzione di blog e giornali – la maggior parte dei quali, però, si è concentrata sulla decisione di Apple (è stata censura? mentre pochi hanno analizzato Phone Story e i suoi meccanismi videoludici e satirici.

  5. Umanisti e Risorse Digitali

    OpenAIRE

    Longhi, Elisabetta; Milani, Nausicaa Elena; Moderato, Marco; Monaco, Federico; Reggiani, Nicola

    2012-01-01

    Questo e-book è stato curato da Anna Maria Tammaro e raccoglie gli atti dei Seminari di Informatica Umanistica Serie 2010/2011, che hanno affiancato il Corso Editoria Digitale ed Informatica Umanistica. Raccoglie i contributi di Elisabetta Longhi, Nausicaa Elena Milani, Marco Moderato, Federico Monaco, Nicola Reggiani La pubblicazione si inserisce tra le attività del centro interdipartimentale di ricerca UniPR Co-Lab dell'Università di Parma. L'e-book è stato realizzato da Sara Vall...

  6. Reti strategiche come evoluzione delle reti emergenti

    DEFF Research Database (Denmark)

    Brunetta, Federica; Censi, Anna; Rullani, Francesco

    2015-01-01

    .Risultati: Le reti strategiche analizzate tramite i due contratti di rete oggetti dianalisi hanno permesso di capire come vi siano diverse strategie volte a mettere a valorela diversità delle compagini di imprese retiste, come questa diversità possa sollevare deirischi, e come questi rischi possano essere...... affrontati con opportune scelte di governance.Limiti della ricerca: L’analisi si concentra su due casi emblematici. Sicuramente,l’ampliamento dell’analisi a reti presenti in territori diversi porterebbe ad una estensioneed arricchimento delle tematiche affrontate nell’articolo....

  7. Linee di ricerca emergenti nell’educational technology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Ranieri

    2015-12-01

    Full Text Available Il presente contributo intende restituire un quadro delle linee di ricerca emergenti nel campo dell’educational technology. Le fonti utilizzate a questo scopo e illustrate nella sezione introduttiva hanno permesso di individuare sei aree di interesse, vale a dire: apprendere in mobilità; social web e apprendimento; learning analytics; digital literacy/digital reading; OER e MOOC; ambienti immersivi e videogame. Per ciascuna di queste aree vengono delineate le principali direttrici di ricerca che le connotano e i relativi avanzamenti. Il lavoro si conclude con alcune considerazioni di sintesi sulle tendenze generali della ricerca nel settore.

  8. La fisica del Novecento per un bilancio critico

    CERN Document Server

    Selleri, Franco

    1999-01-01

    Ma chi ha detto che la fine della fisica è vicina? Che tutto quello che c'era da scoprire è già stato scoperto? E che le generazioni future potranno solo precisare e raffinare, e mai negare o arricchire le attuali teorie? Questo libro si contrappone a pensatori come Heisenberg, Feyman e Hawking che hanno predetto la morte della fisica. L'autore sostiene che grandi progressi sono possibili, ma che il prezzo da pagare per realizzarli è una modifica radicale delle basi della fisica moderna, in particolare abbandonando l'indeterminismo, la non località (paradosso di Einstein, Podolsky e Rosen) e lo stesso principio di relatività.

  9. E. Biasin - G. Maina - F. Zecca (eds., Il porno espanso. Dal cinema ai nuovi media

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirko Lino

    2012-06-01

    Full Text Available I contributi di studiosi italiani e stranieri che compongono Il porno espanso hanno il merito di ricordare come la pornografia da fenomeno relegato alla semantica dell’osceno si sia emancipata a categoria da considerare «non più come un “problema sociale” (da combattere ma anche (e soprattutto come una “pratica culturale” (da comprendere». La pornografia, utilizzando la terminologia di Linda Williams, fondatrice in ambito accademico dei Porn Studies, dal “fuori scena” (ob/scenity si ricolloca “dentro la scena” (on/scenity, invadendo tutti gli scenari della cultura contemporanea.

  10. Análisis del sistema-mundo, planificación regional y doble movimiento en el regionalismo

    OpenAIRE

    Narea, Marco

    2017-01-01

    Rifacendosi alla tradizione di studiosi come Giovanni Arrighi e Immanuel Wallerstein da un lato, e Karl Polanyi e Björn Hettne dall’altro, che hanno un approccio critico all’economia politica internazionale, l'Autore cerca di rispondere alla domanda: In quale contesto mondiale si inseriscono gli studi contemporanei sul regionalismo? Considera centrali gli scenari di caos sistemico e ordine post-westfaliano perché forniscono un quadro storico generale nell’analisi del (dis)ordine mondiale attu...

  11. Politica e simboli della nazione

    OpenAIRE

    Lasswell, Harold D.

    2002-01-01

    Quando la Comune di Parigi fu annientata nel sangue, lo si fece perché lo imponevano gli interessi del "patriottismo" e della "civiltà". I milioni di uomini che combatterono dall914 al 1918 nelle sottili aree che circondavano gli Imperi centrali, combattevano per "Dio", la "patria", la "civiltà", l'"umanità", il "diritto internazionale", "per porre fine a tutte le guerre", e per una "pace durevole". Si propone qui un'analisi del ruolo che questi simboli di giustificazione hanno...

  12. Sognando Shadow Moses. Grafica, gameplay e reiterazione come strumenti narrativi metareferenziali

    OpenAIRE

    Luca Papale

    2013-01-01

    Un campo innevato, un eliporto, container metallici, telecamere di sorveglianza. Basta una rapida occhiata alla schermata e il giocatore di Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots fa un salto indietro nel tempo di dieci anni, tornando ancora una volta ad infiltrarsi nella base militare di Shadow Moses. La grafica è quella della prima PlayStation, una grafica che all’epoca era lo stato dell’arte, e che ora mostra tutte le sue grossolane imperfezioni. I dieci anni trascorsi hanno visto sussegu...

  13. Social software e multitasking: un virus o una risorsa?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gisella Paoletti

    2013-03-01

    Full Text Available Il multitasking è una strategia di gestione delle risorse cognitive; consiste nello svolgere più di un compito contemporaneamente. In alcuni casi è inevitabile, altre volte no, ma sempre più spesso ci sentiamo costretti a cercare di fare più cose simultaneamente. Possiamo veramente dividere la nostra attenzione conscia tra due compiti impegnativi, come leggere e scrivere? In questo articolo si riportano risultati sperimentali che hanno dimostrato che il risparmio di tempo può essere illusorio e che la performance ha un decadimento rispetto alle situazioni in cui è possibile svolgere i compiti in sequenza.

  14. Il muro come galleria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Duccio Dogheria

    2008-06-01

    Full Text Available Il muro, nel suo grigio rigore formale, nella sua fredda geometria, nel suo intento divisorio, nasconde spesso il cielo. Sovente il linguaggio dell’arte, ma non di meno quello della comunicazione, hanno interferito con le sue algide barriere. In molti casi, beninteso, non è che il potere in altre forme, che interferisce con se stesso: pensiamo ai bandi affissi agli angoli delle città, o le lettere d’indulgenza papali -spesso impreziosite da miniature al punto da poterle considerare antenate dal manifesto- che nel corso del medioevo venivano affisse sulle porte delle chiese.

  15. Portar via per condurre altrove: suggestioni e annotazioni metodologiche sull'orizzonte di senso di una blogoclasse

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andreas Robert Formiconi

    2009-10-01

    Full Text Available Un articolo scritto in stile ibrido, fra il paper scientifico e il saggio, per descrivere le necessità€ e le suggestioni che hanno dato vita ad un nuovo tipo di corso su temi attinenti alla “digital literacy” insieme ai risultati ottenuti su una vasta e variegata popolazione studentesca nel corso degli ultimi quattro semestri.Si descrivono le caratteristiche di una nuova “classe a pareti sottili”, che abbiamo definito blogoclasse e si discutono le affinità fra una blogoclasse ed una comunità di pratica.

  16. Mälestusmärk skulptuuriõpetajale / Juta Kivimäe

    Index Scriptorium Estoniae

    Kivimäe, Juta, 1952-

    2006-01-01

    10. II avati Tallinna noorte huvikeskuses Kullo pronksist mälestustahvel skulptor Kalju Reitelile, autor Jaak Soans. K. Reitelist, tema loomingust, tööst skulptuuriõpetajana. K. Reiteli mälestusõhtust Kullo keskuses, kus olid väljas tema õpilaste tööd, mis äratasid 2005. a. tähelepanu Annantalo laste kunstikeskuses Helsingis, näitusest ilmus artikkel Helsinkin Sanomates. Eesti skulptuuri hetkeseisust. Mika Hannula, Villu Jaanisoo ja Hanno Soansi kureeritud Kumu avanäitusel "Skaalanihe" on eksponeeritud peamiselt välisskulptuur

  17. Esecuzione del test per HIV/AIDS in un campione di soggetti tra i 18 e i 49 anni in quattro province italiane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Chironna

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: scopo di questo studio supportato dall’Istituto superiore di sanità è stato quello di raccogliere dati relativi all’esecuzione del test per HIV/AIDS, e alla positività per tale test, nelle fasce di età più attive sessualmente, e quindi più a rischio di contrarre l’infezione, in un campione rappresentativo della popolazione italiana.

    Metodi: lo studio è stato eseguito in 4 diverse città italiane (Bari, Milano, Parma, Perugia con caratteristiche geografiche, sociali e di incidenza dell’infezione diverse. Un questionario autosomministrato è stato utilizzato per intervistare 2000 persone di età compresa tra i 18 e i 49 anni, reclutate mediante un campionamento per quote relative ad età, sesso e livello di istruzione.

    Risultati: 1982 soggetti hanno risposto al questionario somministrato. 669 (35,8% degli intervistati hanno effettuato il test per HIV/AIDS, di questi il 16,9% ha effettuato il test più di una volta nel corso della vita. I motivi e le occasioni più frequenti per cui si è effettuato il test per HIV/AIDS sono “controllo e curiosità” (30,2%, “donazione di sangue” (26,9%, “intervento chirurgico” (23,6%, “timore del contagio” (23,4%. La distribuzione di coloro che hanno effettuato il test per HIV/AIDS nelle quattro province e nelle tre fasce d’età (18-28, 29- 39, 40-49 anni è abbastanza uniforme, solo Bari presenta una percentuale (20,3% sensibilmente inferiore rispetto alle altre tre città. Il 2,1% dei soggetti sottoposti al test è risultato positivo.

    Conclusioni: il sottoporsi al test per HIV/AIDS, associato ad un adeguato counseling, può avere effetti positivi sia sulla popolazione in senso lato, sia sul singolo individuo. La percentuale di coloro che hanno svolto il test è rilevante ma tuttavia ancora non soddisfacente, soprattutto nella fasce d’età più avanzate. È auspicabile per il

  18. Digital Storytelling for Historical Understanding: Treaty Education for Reconciliation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Katia Hildebrandt

    2016-03-01

    Il saggio riporta un percorso di due anni con insegnanti di scuola elementare che hanno usato lo storytelling digitale per fare l'educazione ai trattati nelle loro classi. Presentiamo una panoramica del progetto di ricerca ed i racconti di un insegnante, di un ricercatore, e un guardiano Cree della conoscenza, i quali sono stati coinvolti nella ricerca e riflettono sul percorso svolto. Consideriamo i risultati dell’indagine insieme a questi racconti, al fine di esplorare le possibilità che la narrazione digitale potrebbe offrire dato che noi, come nazione canadese, procediamo verso la riconciliazione con gli aborigeni in un contesto canadese di colonialismo in corso.

  19. Elisabetta Carta, Cicatrici della memoria. Identità e corpo nella letteratura della Grande Guerra: Carlo Emilio Gadda e Blaise Cendrars

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Niccolò Scaffai

    2011-11-01

    Full Text Available Sono almeno dieci anni che scrittori e critici riflettono sulle residue possibilità di esperienza concesse alla narrazione nel mondo contemporaneo. La letteratura dell’inesperienza, com’è noto, era il titolo di un fortunato pamphlet (2006 di Antonio Scurati, che ha lasciato traccia anche in saggi più recenti come Senza trauma di Daniele Giglioli. Non a caso, Scurati ha studiato le rappresentazioni letterarie della guerra, scrivendo a sua volta fiction su quel tema: la guerra è infatti l’esperienza, in senso antropologico prima ancora che letterario, di cui le narrazioni di ogni tempo hanno dato e continuano a dare conto. 

  20. Aurora Bosna, Scautismo femminile e Guidismo. Esperienze educative in prospettiva di Genere: i casi dell'Italia e della Spagna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Tortora

    2015-03-01

    pp. 291 La recensione presenta il volume Scautismo femminile e Guidismo. Esperienze educative in prospettiva di Genere: i casi dell'Italia e della Spagna di Aurora Bosna, che analizza i fenomeni dello Scautismo femminile e del Guidismo in una prospettiva comparatstica e in un'ottica pedagogica e di genere, evidenziando il valore che tali esperienze hanno avuto nel percorso di emancipazione femminile all'interno dei contesti socio-culturali dell'Italia e della Spagna tra il XIX e il XX secolo.

  1. Chaumont 2004: disordine apparente, ordine reale: la teoria del caos e l’arte dei giardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Maria Bucelli

    2015-11-01

    Full Text Available Nella sua tredicesima edizione il Festival Internazionale di Chaumont-sur-Loire propone uno dei temi di riflessione più avanzati della speculazione scientifica contemporanea, la Teoria del Caos. Chiamati a confrontarsi con un argomento già ampiamente oggetto di dibattiti scientifici e riflessioni filosofiche e artistiche, i 23 vincitori di quest’anno hanno allestito giardini sui quali si indaga sotto il profilo sia speculativo che intuitivamente creativo, ricercando una lettura trasversale, supportata dalle dirette testimonianze dei Concepteurs, delle complesse dinamiche teoriche e culturali alla base della contemporanea speculazione attorno al giardino. 

  2. YI Kwang Su's Love and history records of modern hospital under the japanese colonial period.

    Science.gov (United States)

    Lee, Byoung Hoon

    2016-12-01

    activities and hospital. In this respect, Bukgando Catholic hospital in Love has a great value as historical material. The medical activity of catholic churches was weak than protestant's one under the japanese colonial period. But there were catholic church's medical activities and hospitals. The catholic church's professional medical activities are mainly deployed since the 1930s in earnest, especially Bukgando Catholic hospital played an important role. The catholic hospital in this novel is valuable material to understand medical activities of catholic church. Third form of the modern hospital described in the Love is tuberculosis sanitarium. WADA Tomomi maintained that the model of Bukhan sanitarium was Kyeongseong sanitarium, that was established by the seventh-day adventist in 1936. She thinks, that the adventist church's treatment is similar to Bukhan sanitarium's. The therapy of the adventist church, however, was common from tuberculosis treatment at the time and AN Bin was not adventist. And WADA Tomomi said that 'ozone' therapy of Bukhan sanitarium came from Kyeongseong sanitarium. But we can find this therapy in Haeju sanitarium. In this respect, AN Bin's sanitarium is similar to Haeju sanitarium. YI Kwang Su had not modeled his Bukhan sanitarium on certain sanitarium. He had integrated the materials on sanitarium and envisioned Bukhan sanitarium. Here Haeju sanitarium played important role than Kyeongseong sanitarium. In conclusion, Love has a special meaning as an important historical material, that restore and understand the history of the modern hospital. Literature is worth as a record of the society. In particular, novel infuses human breath into the history record, as if we can see the motion picture.

  3. Defensive function of persecutory delusion and discrepancy between explicit and implicit self-esteem in schizophrenia: study using the Brief Implicit Association Test

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nakamura M

    2014-12-01

    Full Text Available Mitsuo Nakamura,1 Tomomi Hayakawa,2 Aiko Okamura,3 Mutsumi Kohigashi,4 Kenji Fukui,1 Jin Narumoto1 1Department of Psychiatry, Graduate School of Medicine, Kyoto Prefectural University of Medicine, Kyoto, Japan; 2Gojouyama Hospital, Nara, Japan; 3Yashio Hospital, Saitama, Japan; 4Department of Psychiatry, Kyoto Second Red Cross Hospital, Kyoto, Japan Background: If delusions serve as a defense mechanism in schizophrenia patients with paranoia, then they should show normal or high explicit self-esteem and low implicit self-esteem. However, the results of previous studies are inconsistent. One possible explanation for this inconsistency is that there are two types of paranoia, “bad me” (self-blaming paranoia and “poor me” (non-self-blaming paranoia. We thus examined implicit and explicit self-esteem and self-blaming tendency in patients with schizophrenia and schizoaffective disorder. We hypothesized that patients with paranoia would show lower implicit self-esteem and only those with non-self-blaming paranoia would experience a discrepancy between explicit and implicit self-esteem. Methods: Participants consisted of patients with schizophrenia and schizoaffective disorder recruited from a day hospital (N=71. Participants were assessed for psychotic symptoms, using the Brief Psychiatric Rating Scale (BPRS, and self-blaming tendency, using the brief COPE. We also assessed explicit self-esteem, using the Rosenberg Self-Esteem Scale (RSES, implicit self-esteem, using Brief Implicit Association Test (BIAT, and discrepancy between explicit and implicit self-esteem. Results: Contrary to our hypothesis, implicit self-esteem in paranoia and nonparanoia showed no statistical difference. As expected, only patients with non-self-blaming paranoia experienced a discrepancy between explicit and implicit self-esteem; other groups showed no such discrepancy. Conclusion: These results suggest that persecutory delusion plays a defensive role in non

  4. In vivo laser confocal microscopy findings of a cornea with osteogenesis imperfecta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kobayashi A

    2014-02-01

    Full Text Available Akira Kobayashi, Tomomi Higashide, Hideaki Yokogawa, Natsuko Yamazaki, Toshinori Masaki, Kazuhisa Sugiyama Department of Ophthalmology, Kanazawa University Graduate School of Medical Science, Kanazawa, Japan Objective: To report the in vivo laser confocal microscopy findings of a cornea with osteogenesis imperfecta (OI with special attention to the abnormality of Bowman's layer and sub-Bowman's fibrous structures (K-structures. Patients and methods: Two patients (67-year-old male and his 26-year-old son with OI type I were included in this study. Slit lamp biomicroscopic and in vivo laser confocal microscopic examinations were performed for both patients. Central corneal thickness and central endothelial cell density were also measured. Results: Although the corneas looked clear with normal endothelial density for both eyes in both patients, they were quite thin (386 µm oculus dexter (OD (the right eye and 384 µm oculus sinister (OS (the left eye in the father and 430 µm OD and 425 µm OS in the son. In both patients, slit lamp biomicroscopic and in vivo laser confocal microscopic examination showed similar results. Anterior corneal mosaics produced by rubbing the eyelid under fluorescein were completely absent in both eyes. In vivo laser confocal microscopy revealed an absent or atrophic Bowman's layer; a trace of a presumed Bowman's layer and/or basement membrane was barely visible with high intensity. Additionally, K-structures were completely absent in both eyes. Conclusion: The absence of K-structures and fluorescein anterior corneal mosaics strongly suggested an abnormality of Bowman's layer in these OI patients. Keywords: osteogenesis imperfecta, K-structure, confocal microscopy, Bowman's layer

  5. L’uso delle tecnologie visive per documentare e rappresentare l’impatto di interventi futuri.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Galloni

    2010-12-01

    Full Text Available Le tecnologie visuali, e il disegno in particolare, mirano spesso a documentare gli impatti di interventi futuri, essendo esse, per natura, dei mezzi di comunicazione equiparabili al linguaggio, e dunque preposti a descrivere e dimostrare ciò che sta accadendo. Il disegno è, da sempre, il linguaggio universalmente valido e conosciuto: questa sua peculiarità deve far riflettere sulle sue potenzialità. Se da un lato ha la valenza di strumento chiarificatore dall’altro può essere visto come supporto e mezzo preventivo a un miglioramento di interventi futuri, architettonici o ambientali. Come i pittori, da Cimabue a Giotto, da Mantegna a Leonardo, a Raffaello, hanno creato con le loro tele, elevando il livello artistico e culturale del tempo, o i grandi architetti, da Palladio a Bramante fino a Le Corbusier hanno costruito con i loro progetti, così il disegno, material prima di pittori, di architetti, o di chiunque si accinga a realizzare un’idea in fieri, deve assumersi la responsabilità e il compito di “essere un bel disegno”, per migliorare ciò che più riguarda l’uomo: l’ambiente in cui vive.

  6. Wilfried Kürschner (Hg., Linguisten-Handbuch: Biographische und bibliographische Daten deutschsprachiger Sprachwissenschaftlerinnen und Sprachwissenschaftler der Gegenwart, I-II, Tübingen, Gunter Narr Verlag, 1994, XXX-1191 pp.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Žarko Muljačić

    1994-12-01

    Full Text Available Sebbene questo manuale fosse ideato nell'ormai lontano 1988 esso vede luce, a cura di W. Kurschner (1945-, professore di linguistica generale e germanica all'Universita di Osnabriick (sede di Vechta, appena ora. Una delle ragioni che hanno differito la sua pubblicazione è il fatto che fino al 1990 non esisteva un indirizzario dei linguisti attivi nella ex RDT. Le poche persone che già nel 1989 risposero all'appello dalla Germania Orientale appartenevano quasi esclusivamente all'Istituto Centrale di Linguistica dell'Accademia delle Scienze (ZISW di Berlino (Est e neanche essi erano liberi di rispondere all'intero Questionario (in base a ordini ricevuti hanno dovuto "saltare" ogni risposta alle domande Nr. 5, 6, 16, 18 e 31 (cf. W. Kurschner, "Notizen zur Entstehung des Linguisten-Handbuchs", vol. I, XII-XIV e il divertente e che queste domande si riferivano a cose del tutto "normali" (per es. ai numeri dei telefoni privato e d'ufficio e alle attività svolte fra la fine degli studi e l'ultimo incarico di lavoro.

  7. Museo Palazzo Ricci - Più reale del reale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Ciocchetti

    2014-06-01

    Full Text Available Può una realtà virtuale diventare un’esperienza più concreta di quella reale?Sembra di si osservando il lavoro di Tesi di Stefano Ciocchetti.In questo articolo si illustrano le fasi di lavorazione che hanno portato alla riproduzione digitale degli ambienti e delle opere esposte nel Museo Palazzo Ricci di Macerata, tra i più importanti per quel che riguarda l’arte italiana del ‘900. La riproduzione digitale è avvenuta attuando diverse tecniche di ripresa, che hanno reso possibile la navigazione virtuale all’interno del Museo e l’interazione con le opere d’arte presenti, simulando un’esperienza assimilabile a quella reale ed offre, inoltre, possibilità di fruizione che vanno oltre un’esperienza concreta.Questo grazie alle tecniche di ripresa utilizzate, come l’alta definizione che permette di osservare particolari di opere non visibili ad occhio nudo o la modellazione 3d che permette di osservare le sculture attraverso punti di vista differenti.

  8. Il posto del silenzio nella teoria sociale: da forma relazionale a strumento di esclusione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Pacelli

    2014-11-01

    Full Text Available Le molteplici applicazioni del progetto moderno hanno offerto elementi per analizzare non solo i cambiamenti strutturali che hanno investito le grandi configurazioni sociali ma anche le modifiche intervenute nella vita interoggettiva e nelle forme di relazione, rappresentazione e partecipazione. Tra queste alterazioni si inserisce la mancata sinergia tra silenzio e parola che finiscono per escludersi a vicenda, provocando un impoverimento della vera comunicazione e delle possibilità di comprensione fra le persone. Altrettanto può dirsi in merito alla confusione creatasi tra l'immagine e la cultura dell'immagine, alimentata da logiche di spettacolarizzazione che irrompono fra parole vuote e silenzi escludenti. Ripercorrendo alcuni contributi della sociologia classica e contemporanea, la riflessione che si propone intende recuperare la complessità della relazione comunicativa, quale dinamica sostenuta dalla doppia istanza di apertura e di chiusura verso l'alterità, in un susseguirsi di parole e silenzi che creano vicinanze e distanze. La difficoltà di interpretare anche i silenzi più eloquenti attraversa lì esperienza relazionale, ma oggi risente anche della complicità creatasi tra vecchi e nuovi media nel valorizzare insieme una cultura delle immagini tesa ad escludere ciò che “non fa rumore”.

  9. LA CURA PASTORALE DEI GRUPPI ETNICI CON SPECIALE RIGUARDO ALLE LORO LINGUE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Em. Péter Erdő

    2016-06-01

    Full Text Available Nel corso della storia, in diverso modo e misura, le strutture pastorali della Chiesa e la loro regolamentazione canonica hanno preso in considerazione la provenienza geografica e la lingua dei fedeli. La costituzione 9 del Concilio Lateranense IV, celebrato durante il pontificato di Innocenzo III, rappresenta un punto di svolta, nel quale è affrontata a livello istituzionale tutta la questione della cura pastorale dei fedeli di diversi riti e lingue. Questo saggio si propone di rilevare il significato e gli effetti della Costituzione lateranense, nonché lo sviluppo successivo della disciplina riguardo la lingua dei fedeli come criterio di organizzazione ecclesiastica, specialmente in riferimento alle parrocchie. I canonisti che si occupano del tema, hanno elaborato le proprie speculazioni scientifiche a supporto di tre interessi principali: l’interesse degli ufficiali della Curia a concedere un beneficio ovunque nella Chiesa; l’interesse dei prìncipi a rendere necessario il consenso del sovrano alla nomina,o a rinforzare la posizione della lingua di stato; e, infine, l’interesse pastorale che la lingua dei fedeli locali sia ben conosciuta dal parroco e da chiunque altro che riceva un beneficio connesso con la cura pastorale.

  10. Valutazione della produzione di gamma interferone in bovini vaccinati con Brucella abortus ceppo RB51 mediante un test ELISA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuela Tittarelli

    2009-06-01

    Full Text Available In questo lavoro sono presentati i risultati di un test ELISA messo a punto per rilevare la produzione di gamma interferone (g-interferone in bovini vaccinati con Brucella abortus ceppo RB51 (RB51. Come stimolo antigenico per il sangue intero è stata utilizzata una frazione proteica purificata derivante da RB51 (brucellina RB51. La prova è stata valutata nell’arco di 300 giorni in 10 manze vaccinate in età prepubere con 10×109 Unità Formanti Colonia di RB51 e in cinque manze di controllo, provenienti da allevamenti ufficialmente indenni da brucellosi bovina. I capi vaccinati hanno cominciato a fornire risultati positivi a partire dal 17° giorno post vaccinazione (p.v. fino al giorno 239 p.v. Tutti i capi vaccinati hanno fornito almeno una volta un risultato positivo (indice di stimolazione, IS, superiore a 2,5. Tuttavia, se si esclude il prelievo al giorno 20 p.v. (90% di animali vaccinati risultati positivi, la sensibilità del test oscilla tra il 20% e il 70%, con una media del 40%. IS superiore a 2,5 è stato rilevato anche in tre animali di controllo. Sulla scorta dei risultati ottenuti, si ritiene che il test del g-interferone non fornisce garanzie sufficienti per consigliarne l’impiego ai fini di riconoscere i bovini vaccinati con RB51, sia come prova individuale, sia come prova d’allevamento.

  11. Ricerca di Vibrio splendidus e delle specie correlate in esemplari di Chamelea gallina prelevati nel tratto di mare Adriatico antistante la regione Abruzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marina Torresi

    2011-09-01

    Full Text Available Le specie del genere Vibrio, ampiamente diffuse nell’ambiente marino, sono potenzialmente patogene per vertebrati e invertebrati marini. Il presente studio ha avuto l’obiettivo di identificare le specie di Vibrio, in particolare Vibrio splendidus e specie ad esso correlate, in campioni di Chamelea gallina (vongola prelevate nel tratto di mare Adriatico antistante la regione Abruzzo nel periodo Maggio-Ottobre 2007. I microrganismi isolati dai 37 campioni sono stati caratterizzati fenotipicamente e classificati come specie appartenenti al genere Vibrio. In particolare, per l’identificazione di V. splendidus sono state effettuate analisi biochimiche secondo lo schema di Alsina. Per confermare gli isolati caratterizzati biochimicamente e per identificare V. splendidus e le specie ad esso correlate sono stati utilizzati rispettivamente analisi molecolari della regione intergenica 16S-23S e sequenziamento del gene recA. Tutti i campioni sono risultati contaminati da specie di Vibrio alofile; è stata riscontrata una maggior frequenza di isolamento per V. alginolyticus, V. splendidus e specie ad esso correlate e V. mediterranei. Le analisi molecolari effettuate hanno confermato l’impossibilità di identificare tutte le specie del genere Vibrio con la caratterizzazione fenotipica. I risultati ottenuti hanno dimostrato come il sequenziamento del gene recA consenta una discriminazione maggiore rispetto a quello del 16S rDNA. L’attribuzione delle specie nel gruppo V. splendidus-related risulta tuttavia ancora controversa.

  12. BetOnMath azzardo e matematica a scuola

    CERN Document Server

    Andrà, Chiara; Verani, Marco

    2016-01-01

    Il libro ha origine dall'attività svolta durante il progetto "BetOnMath", un'esperienza di Matematica Civile finalizzata alla prevenzione dell'abuso di gioco d'azzardo tra gli studenti della scuola secondaria di secondo grado attraverso un insegnamento innovativo della matematica. In particolare, durante il progetto gli autori del libro hanno sviluppato un percorso didattico modulare sulla matematica del gioco d'azzardo che gli insegnanti di matematica delle scuole secondarie possono utilizzare sia per introdurre gli strumenti di base del calcolo delle probabilità sia per sensibilizzare sui rischi legati al gioco d'azzardo. Il libro descrive i pilastri metodologici e concettuali che hanno guidato la concezione e dato forma al percorso didattico, ovvero la centralità del ruolo dell'insegnante, l'uso dei simulatori di gioco, l'importanza delle attività di gruppo e il ruolo delle emozioni nell'affrontare e comprendere nuovi concetti matematici. Nel libro, ciascuno di questi pilastri è trattato sia mediante ...

  13. Inclusive learning plans using ict: the Aessedi project

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenza Benigno

    2011-04-01

    Full Text Available Il contesto educativo è uno dei principali luoghi per prevenire l’esclusione sociale e per garantire delle opportunità di partecipazione attiva in tutti gli ambiti della vita per tutti i soggetti con bisogni speciali. La scuola e in generale i sistemi deputati all’istruzione hanno come obiettivo principale promuovere la partecipazione di tutti i soggetti ai processi di apprendimento e acquisizione di competenze. Nell’ambito di questo lavoro verrà presentato uno studio pilota finalizzato all’ideazione e sperimentazione in classe di percorsi di apprendimento basati sull’uso di tecnologie multimediali realizzati in una logica di completa inclusione dei soggetti con bisogni speciali. I percorsi didattici sono frutto della progettazione collaborativa di più docenti sia curricolari che di sostegno. La progettazione è stata supportata da un ambiente web-based, AESSEDI, che ha costituito una sorta di itinerario per i docenti che, attraverso una serie di indicatori, hanno potuto riflettere sulle questioni legate all’inclusione.

  14. La politica ottimale per il Mezzogiorno:una risposta a Jossa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beniamino Moro

    2002-09-01

    Full Text Available La posizione comune con Bruno Jossa è sintetizzata alla fine della sua nota quando egli scrive che gli incentivi fiscali, di natura automatica, costituiscono la politica ottimale per il Sud, aggiungendo di ritenere «che tali incentivi, uniti ad altre misure di risanamento, potrebbero attirare nel Mezzogiorno molti investimenti esterni, che sono preziosi per lo sviluppo economico» (p. 282. Più in generale, rilevo che vi è un’ampia convergenza di vedute con la sua analisi, soprattutto dove si riconosce agli strumenti d’intervento automatici e non discrezionali (che hanno il vantaggio di tagliare fuori sia la burocrazia, sia l’attività di lobbying una maggiore efficacia nel sostenere lo sviluppo economico locale. Concordo inoltre che debito pubblico, mafia e camorra hanno giocato e tuttora giocano un ruolo negativo importante, e tuttavia non decisivo, nell’ostacolare il processo di sviluppo (tutti argomenti peraltro ricorrentemente richiamati nella letteratura sul Mezzogiorno. L’unico aspetto sul quale apparentemente sembrerebbe non esservi concordanza di analisi riguarda l’influenza degli incentivi fiscali sugli investimenti esterni.

  15. La politica ottimale per il Mezzogiorno:una risposta a Jossa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beniamino Moro

    2012-04-01

    Full Text Available La posizione comune con Bruno Jossa è sintetizzata alla fine della sua nota quando egli scrive che gli incentivi fiscali, di natura automatica, costituiscono la politica ottimale per il Sud, aggiungendo di ritenere «che tali incentivi, uniti ad altre misure di risanamento, potrebbero attirare nel Mezzogiorno molti investimenti esterni, che sono preziosi per lo sviluppo economico» (p. 282. Più in generale, rilevo che vi è un’ampia convergenza di vedute con la sua analisi, soprattutto dove si riconosce agli strumenti d’intervento automatici e non discrezionali (che hanno il vantaggio di tagliare fuori sia la burocrazia, sia l’attività di lobbying una maggiore efficacia nel sostenere lo sviluppo economico locale. Concordo inoltre che debito pubblico, mafia e camorra hanno giocato e tuttora giocano un ruolo negativo importante, e tuttavia non decisivo, nell’ostacolare il processo di sviluppo (tutti argomenti peraltro ricorrentemente richiamati nella letteratura sul Mezzogiorno. L’unico aspetto sul quale apparentemente sembrerebbe non esservi concordanza di analisi riguarda l’influenza degli incentivi fiscali sugli investimenti esterni.  JEL Codes: E62, R58Keywords: Fiscal Policy, Policy, Regional Development, Regional, Tax

  16. “Mne govorjat, kakaja bednost’ slovarja...” Il protosamizdat del periodo staliniano alla ricerca di un’espressività

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Maurizio

    2015-07-01

    Full Text Available L’estetica della letteratura afferente al circuito samizdat dopo il XX congresso del PCUS (1956 è strettamente legata alla produzione non ufficiale del periodo staliniano, a sua volta definitasi secondo una relazione antitetica alla poesia proletaria degli anni Venti. Molte delle figure di rife- rimento di questo periodo hanno attinto il proprio linguaggio e gli strumenti poetici dall'arsenale espressivo e formale del Secolo d’Argento, sebbene differenziadosene notevolmente e adattan- dolo all'estetica che essi perseguivano, intimamente alternativa a quella realsocialista. La com- plessa poetica di autori quali E. Kropivnickij, Jan Satunovskj (come anche, in un periodo succes- sivo, il “discepolo” del primo G Sapgir e molti altri hanno attinto i tratti distintivi della propria produzione dalla rielaborazione dell’arte proletaria della prima metà degli anni Venti alla luce di una visione dissacrante e grottesca della contemporaneità, che emerge in primo luogo dall'aspetto delle loro opere poetiche.

  17. ‘We have a Common Past, a Common Present and a Common Future’. Postcolonial Gendered Memories of the Eritrean Diaspora

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenica Ghidei Biidu

    2013-07-01

    Full Text Available Questo articolo si basa su di un’intervista condotta da Sabrina Marchetti e Barbara De Vivo con Domenica Ghidei Biidu e Elisabetta Hagos nel 2009. In quanto componenti della diaspora eritrea in Europa, Ghidei Biidu e Hagos contribuiscono con questa intervista alla memoria della dominazione coloniale italiana nel Corno d’Africa sulla base del patrimonio di conoscenze che entrambe hanno ereditato dalle proprie famiglie.L’intervista si sviluppa lungo delle linee di analisi e riflessione che rendono con efficacia l’importanza della dimensione di genere nel movimento nazionalista eritreo e nelle migrazioni di tipo postcoloniale e diasporico, così come nel processo di memorizzazione che le ha accompagnate. S’illustrano inoltre la dimensione culturale e quella simbolica della relazione attuale fra popolazioni ex colonizzate ed ex colonizzatrici. Infine, quest’intervista rappresenta un contributo originale nell’ottica del ‘fare storia’ rispetto al ruolo particolare che hanno avuto le donne eritree nei periodi di transizione politica e nelle connessioni fra Eritrea, Etiopia e Italia.

  18. Rise and Growth of the Project

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Monica Abbiati

    2015-06-01

    Full Text Available La presenza di un’importante stratificazione archeologica nella città di Milano è fatto noto da molto tempo e i cantieri che si sono succeduti, segnando la trasformazione urbanistica della città a partire dal secolo scorso, ne hanno dato ampia testimonianza, anche se spesso non accompagnata da adeguata valorizzazione. Le ricerche e gli studi hanno chiaramente individuato i capisaldi urbanistici di Mediolanum, sviluppatasi in vero e proprio centro urbano da un insediamento celtico, a partire dall’epoca augustea, quando furono eretti quegli edifici monumentali (il foro con i suoi annessi, il teatro, le mura, l’anfiteatro necessari allo svolgimento della vita politica, religiosa, economica e sociale dell’epoca. Il panorama monumentale della città si arricchì ulteriormente alla fine del III secolo d.C. quando Mediolanum fu scelta da Massimiano quale sede imperiale, ruolo svolto fino agli inizi del V secolo d.C.: l’ampliamento delle mura, la costruzione del complesso palazzo imperiale – circo e l’edificazione di un imponente complesso termale (Fig. 2 – resero Milano uno delle più importanti città dell’impero romano d’Occidente.

  19. La “grande bellezza” del paesaggio italiano nel cinema contemporaneo: tra falsificazione e finanziamento locale / The “great beauty” of Italian landscape in contemporary movies: between falsification and local funding

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Mastropietro

    2016-05-01

    Full Text Available I film hanno rappresentato l’evoluzione del paesaggio italiano per gran parte del novecento. Negli ultimi due decenni i film italiani hanno però smesso di esplorare le trasformazioni del territorio. La debolezza dell’industria cinematografica spiega in parte l’assenza del contemporaneo dagli schermi. Inoltre il diffuso ricorso al supporto economico degli enti pubblici, che spesso vedono i film come strumenti di promozione turistica, sembra influenzare le modalità di rappresentazione del paesaggio. Il contributo presenta una ricerca condotta sui film di maggior successo tra il 1990 e il 2014 alla ricerca dell’immagine del paesaggio italiano in essi prevalente e evidenzia alcune cause alla base di questa rappresentazione omogenea. Films have portrayed the evolution of the Italian urban landscape in the last 100 years. Nevertheless, contemporary movies partially ignore the recent transformations and represent instead a stereotyped image of Italian landscapes. The structure of the local movie industry could provide a first explanation of this phenomenon. Moreover, the financial support of productions provided by local government influences the choice of including or excluding elements of the landscape in the movies screen. The paper explores the new representations of landscape in Italian movies, in order to show which features of the changing contemporary Italian landscapes are visible and which are hidden.

  20. La crisi energetica nel mondo e in Italia da Enrico Fermi ed Edoardo Amaldi a oggi

    CERN Document Server

    Salvini, Giorgio

    2007-01-01

    Enrico Fermi e il suo allievo Edoardo Amaldi, grandi padri della Scuola di fisica nucleare italiana, hanno promosso l'impiego pacifico dell'energia nucleare: Fermi con il primo reattore a Chicago nel 1942, Arnaldi con i suoi contributi a tutti gli usi pacifici, dalla medicina alla produzione di energia. L'Italia, però, ha fatto eccessivo ricorso al petrolio, di cui non è produttrice. La ricerca è rimasta molto indietro rispetto a quella degli altri paesi e la politica sta dedicando pochissimi sforzi a questa gravissima situazione. Ragioni economiche, nonché ambientali, esigono ora una revisione e una ricontestualizzazione del problema. Durante un importante Convegno, tenutosi a Roma il 15 e 16 maggio 2007, alcuni tra i più noti ed esperti fisici italiani e stranieri hanno discusso proprio di questo problema. L'intento del volume, che raccoglie gli interventi del Convegno romano, è quello di fornire dati e informazioni che mettano il lettore in condizione di farsi un'idea propria, libera da pregiudizi, s...

  1. Neanche sbagliata il fallimento della teoria delle stringhe e la corsa all'unificazione delle leggi della fisica

    CERN Document Server

    Woit, Peter

    2007-01-01

    La teoria delle stringhe, "eterna promessa" della fisica teorica, sembra oggi giunta alla resa dei conti, e molti studiosi si stanno da tempo interrogando sulla sua reale validità. Un certo malcontento già serpeggiava nei corridoi delle università e in alcuni scritti quasi clandestini ma ora giunge dagli Stati Uniti la voce di Peter Woit, ferma e decisa nel lanciare un messaggio chiaro: questa presunta "teoria del tutto" che pretendeva di unificare le leggi della fisica, si è rivelata alla fine una "teoria del niente", incapace di dimostrare anche uno solo dei suoi enunciati. Dopo una dettagliata panoramica sugli sviluppi della fisica che hanno portato, nella metà degli anni Settanta, alla nascita e al successo del Modello standard, Woit giunge quindi al cuore del suo libro. L'accusa è pesante: non solo i teorici delle stringhe non fanno scienza, ma hanno goduto di un predominio eccessivo per vent'anni, monopolizzando il reperimento dei fondi economici pubblici e privati e impedendo di fatto un sano pro...

  2. Ubiquitous Anthropology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Simeone

    2009-10-01

    Full Text Available Questo paper presenta i primi esiti di un progetto di ricerca - ancora in corso - che mira a esplorare nuove forme di scrittura e rappresentazione etnografica.In particolare, la diffusione di tecnologie e pratiche di geo-tagging ha consentito di creare una piattaforma mediale plurale, in cui le tante soggettività€ che hanno osservato un complesso rituale funerario Bororo (nel Mato Grosso brasiliano hanno potuto raccontare il loro punto di vista, scrivendo appunti, scattando immagini fotografiche, registrando suoni o sequenze video. Il resoconto etnografico che ne è€ risultato mostra tutta la ricchezza di un approccio polifonico, in cui voci e idee anche molto diverse tra loro vengono tutte ugualmente rappresentate.Il paper evidenzia le potenzialità€ formative di questi resoconti etnografici ubiqui e distribuiti, che, molto più€ dei classici libri di testo, possono aiutare gli studenti a vivere in prima persona la maggiore sfida dell’antropologia: la fiduciosa apertura verso visioni del mondo e punti di vista radicalmente diversi dai propri.

  3. Fisica e filosofia come la scienza contemporanea ha modificato il pensiero dell'uomo

    CERN Document Server

    Heisenberg, Werner

    2003-01-01

    Nel corso del Novecento le scoperte della fisica – dalla meccanica quantistica alla teoria della relatività, dalle ricerche sul cosmo all’energia nucleare – hanno travolto le precedenti nozioni di spazio e tempo e rivoluzionato la percezione che l’uomo aveva di sé, investendolo inoltre della responsabilità di una possibile autodistruzione. Figura geniale e controversa, Werner Heisenberg è stato un protagonista assoluto dell’epopea scientifica del secolo scorso, insieme a Bohr e Fermi, Einstein e Planck. Fisica e filosofia esplora la complessità di quello snodo offrendo risposte chiare a domande che non hanno mai perso la loro centralità. Cosa affermano le teorie della fisica contemporanea? In che modo investono la concezione che l’uomo ha di sé? Quali sono i limiti etici delle loro applicazioni tecnologiche? E quale sarà l’influenza politica della scienza su scala planetaria? Affrontando quesiti di portata universale, Heisenberg si dimostra consapevole della necessità di ristabilire la ...

  4. Publishers at the Intersection of Cultures. The significance of Italo-Dutch contacts in the creation process of Joan Blaeu’s Theatrum Italiae(1663

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Moorman

    2015-12-01

    Full Text Available Editori all’incrocio di culture: l’importanza di contatti italo-olandesi per la creazione del Theatrum Italiae (Joan Blaeu, 1663 Sfogliando le pagine di atlanti urbani come il Theatrum Italiae, pubblicato per la prima volta nel 1663 dalla casa editrice Blaeu di Amsterdam, si è sempre potuto fare un viaggio mentale alla scoperta della penisola italiana. Focalizzando la nostra attenzione sul processo editoriale sottostante la creazione dell’atlante, analizziamo che tipo di contatti esistevano tra i Blaeu e i loro partner italiani. Il ruolo di Pieter Blaeu, figlio di Joan, fu essenziale per la fortuna dell’atlante urbano, in particolare per gli interventi culturali da lui svolti tra le parti italiane e olandesi coinvolte nel progetto. I Blaeu hanno voluto offrire ai loro lettori informazioni approfondite sulla penisola italiana attraverso testi e immagini che avevano − per quanto possibile − collezionato e ricevuto dai loro corrispondenti italiani. È stato grazie ai vari contributi offerti da contatti internazionali come lo scrittore Vincenzo Armanni, o il libraio Andries Fries, attivo tra Amsterdam e Venezia, che Joan e Pieter Blaeu hanno potuto ampliare il materiale già pubblicato in precedenza, in special modo il Civitates Orbis Terrarum (Braun e Hogenberg, 1572.

  5. Per una città sicura, amica, aperta, libera e liberante

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Coletta

    2013-07-01

    Full Text Available La città, nata per fronteggiare le paure individuali, ha finito col diventare sede privilegiata delle paure collettive perdendo quelle connotazioni che spinsero il pensiero filosofico della fiorente civiltà industriale a formulare la definizione:”L’aria di città rende liberi”. La libertà che offre la città è, da sempre, circoscritta, limitata e soprattutto condizionata; e le misure messe in campo per praticarla hanno spinto ad erigere barriere materiali (murazioni urbane, fossati, rocche, castelli, caserme, recinti residenziali ecc. ed immateriali (eserciti, istituzioni di vigilanza, norme di tutela ed una crescente pioggia di vincoli che, all’insegna della “difesa” e della “sicurezza”, hanno imprigionato l’uomo incentivandone le “paure”, interdicendogli cioè l’accesso a quella “felicità”che solo il pensiero eutopico ha tentato di mantenere  in vita con l’ottimismo della volontà e la coltivazione delle fiducie; messaggio che, secondo l’auspicio di Giovanni Persico  (al quale è dedicato il presente numero della rivista, andrebbe recepito da tutti quanti operano nella cultura, nella progettazione e nella gestione urbanistica, nell’auspicio  che la città da costruire abbia effettivamente ad erogare quell’aria che possa rendere “liberi” i suoi abitanti.

  6. Turbolenze politiche e latitanza del diritto nella letteratura nigeriana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Turi

    2012-04-01

    Full Text Available La letteratura nigeriana del Novecento è stata fortemente condizionata dagli eventi collettivi che hanno scandito la storia recente del paese – dalla colonizzazione inglese alla guerra del Biafra, fino agli scontri armati tra il governo centrale e le forze del Mosop sul Delta del Niger – e che hanno di volta in volta a che fare con la sostituzione e/o la sospensione dell’ordinamento giuridico vigente, con la controversa applicazione del diritto internazionale, con la repressione legalizzata del dissenso. Coprendo il cinquantennio che va da Things fall apart (1958 di Chinua Achebe (nel quale si racconta l’avvento dei primi missionari inglesi alle testimonianze (narrative e non di Wole Soyinka (1972, Ken Saro-Wiwa (1985 e Chimamanda Ngozi Adichie (2006 intorno alla guerra civile del 1967-1970, il presente studio intende offrire, mettendo tra loro in dialogo i testi citati, le declinazioni esemplari della dialettica tra letteratura e diritto all’interno di un panorama letterario pressoché condannato a figurare la legge come chimera, abuso, scontro tra codici (morali e poi legislativi tra loro incompatibili.

  7. Origini e sviluppi delle analisi e delle teorie sul linguaggio politico: (1920-1960

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Desideri

    2009-12-01

    Full Text Available Scopo di questo contributo è di ricostruire le origini e gli sviluppi degli studi, sia teorici che applicati, sul linguaggio politico dal 1920 al 1960, a cominciare dagli articoli di alcuni autorevoli formalisti russi pubblicati nel 1924 sulla rivista sovietica Lef. Vengono ripercorse le tappe fondamentali di questo interessante e complesso settore di studi, che vede, soprattutto negli anni Trenta, le prime analisi applicate indirizzate all'esame delle peculiarità stilistiche degli idioletti di tre capi carismatici che hanno fatto la storia del primo Novecento: Lenin, Hitler e Mussolini. Di tali linguaggi sono particolarmente messi in luce quei tratti semantici e retorici che, lessicalizzati da parole d'ordine e slogan ad effetto, hanno reso possibile quel passivo e irrazionale rapporto popolo-capo che ha caratterizzato inquietanti regimi nel secolo scorso. Inoltre sono prese in considerazione le prime teorie novecentesche sulla specificità del discorso politico, del quale si tenta di identificare modi e usi, tenendo conto del comportamento segnico di questa particolare produzione linguistica. A tale riguardo, la teoria predominante è certamente quella della Content analysis, che, a partire dagli anni 1930-1940 in avanti, sarà il punto di riferimento metodologico per intraprendere ricerche, anche quantitative, sulla persuasione politica e sulle strategie comunicative di massa.

  8. Management della retinopatia diabetica e dell'edema maculare diabetico: linee guida "Euretina 2017".

    Science.gov (United States)

    Turchetti, P; Librando, A; Angelucci, F; Carlesimo, S C; Migliorini, R

    2017-01-01

    Si prevede che la malattia diabetica con tutte le sue complicanze avrà un forte aumento di incidenza con un grosso impatto socioeconomico nei prossimi decenni in tutto il mondo. Pertanto ben si comprende l'importanza di individuare attraverso una fine diagnostica quanto più precocemente la comparsa dei sintomi diabetici, migliorare lo stile di vita ed impostare cure efficienti. Riportiamo la serie di raccomandazioni EURETINA 2017, dei maggiori esperti in Europa per la gestione della malattia diabetica e delle complicanze della retina. Per combattere questa "pestilenza" occorre un team medico preparato. Il trattamento laser è stato considerato sino a non molto tempo fa il Gold standard della retinopatia diabetica e dell'edema diabetico (RD e EMD). Recenti studi hanno dimostrato, invece, che si possono raggiungere risultati migliori mediante l'iniezione diretta di farmaci nella cavità vitreale. In particolare è emerso terapia di prima linea, molecole in grado di inibire il fattore di crescita endoteliale vascolare (anti VEGF) mentre non è più raccomandata la fotocoagulazione laser per il trattamento del DME. Nell'ambito delle molecole farmacologiche gli steroidi hanno mantenuto un ruolo nella gestione del DME cronicamente persistente.

  9. Esistenza del modo O in piastre tridimensionali con fori circolari ed ellittici soggette a modo II

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Christian Marangon

    2011-01-01

    Full Text Available Il problema di una piastra criccata tridimensionale soggetta a modo II è stato affrontato in letteratura dimostrando che l’effetto del coefficiente di Poisson provoca l’insorgere di una nuova singolarità accoppiata al carico esterno applicato e non contemplata dalla soluzione piana di Williams. Recenti analisi teoriche e numeriche hanno evidenziato come questo effetto tridimensionale sia presente anche in piastre intagliate a spigolo vivo. Il nuovo modo (denominato modo O rimane singolare anche per angoli di apertura dell’intaglio maggiori di 102.6° e cioè quando il modo II risulta essere non singolare. Tutte le analisi fino ad ora effettuate hanno riguardato piastre indebolite da cricche o intagli a spigolo vivo non considerando l’effetto di un raggio di raccordo diverso da zero all’apice dell’intaglio.L’obiettivo del presente contributo è quello di dimostrare che il modo O è presente anche in piastre tridimensionali indebolite da intagli raccordati e soggette a modo II. Si sono quindi analizzate piastre con fori circolari ed ellittici variando sia la geometria dell’intaglio sia il valore del coefficiente di Poisson.

  10. Giovani e ricerca: il progetto WebValley

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesare Furlanello

    2013-03-01

    Full Text Available WebValley è un'iniziativa di avvicinamento dei giovani alla ricerca scientifica interdisciplinare. Ha come azione principale l’organizzazione di una scuola estiva che permette a studenti delle superiori, di 18 anni, di lavorare in team con ricercatori ed esperti internazionali a un progetto di ricerca per tre settimane, in un'atmosfera vivace e interattiva, caratterizzata dal lavoro in gruppo e dall’uso di tecnologie web per risolvere un problema scientifico a forte connotazione etica, proposto da un esperto esterno. Vengono inizialmente fornite competenze tecniche, con forte attenzione all’open source per il calcolo scientifico e per trattare dati complessi. Si definisce da queste basi un progetto in cui sono gli stessi studenti a organizzarsi in gruppi, selezionare le tecnologie e sviluppare nuove soluzioni. Al termine essi restituiscono al committente e a specialisti del settore i loro risultati in una presentazione pubblica, negli ultimi anni, in lingua inglese e in teleconferenza. WebValley si caratterizza anche per il luogo in cui si svolge: a rotazione, in piccoli paesi di montagna del Trentino, per mostrare come sia possibile sviluppare innovazione in località periferiche disponendo di strumenti tecnici, connessione e conoscenze. Dal 2001, hanno frequentato la scuola circa 220 studenti, molti dei quali si sono poi indirizzati verso una carriera in materie scientifiche e tecnologiche, hanno tenuto i contatti tra loro, collaborando con i ricercatori anche nell’organizzazione della

  11. Selezione dell'habitat ed effetto delle caratteristiche ambientali sulle densità di lepri nel Parco Regionale dello Stirone (PR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Bontardelli

    2003-10-01

    Full Text Available Tra i fattori che agiscono sulla densità delle popolazioni di lepre quelli ambientali hanno, insieme alla pressione venatoria, gli effetti più consistenti e diretti. La specie, originaria delle praterie e delle steppe con scarsa copertura cespugliare, trova condizioni particolarmente favorevoli negli ecosistemi agricoli, soprattutto se caratterizzati da una buona variabilità colturale. Tali condizioni si riscontrano nel territorio del Parco dello Stirone, localizzato in un?area pedecollinare della bassa pianura emiliana, dove è stato condotto questo studio. Per determinare la consistenza della popolazione di lepri, nel biennio 2000-2002, sono stati effettuati censimenti in battuta su aree campione e censimenti da autovettura su percorso con sorgente di luce. I dati ottenuti con questi metodi sono stati elaborati in funzione delle caratteristiche ambientali, misurate tramite un SIT. Questo ha consentito di confrontare (one-way ANOVA e t di Student le densità rilevate nelle aree in cui il parco è stato suddiviso: sia in base alle caratteristiche morfologiche e colturali (un?area di pianura ed una a prevalenza collinare; sia in base al grado di tutela dell?area (parco vero e proprio e pre-parco. Per valutare l?influenza dell?ambiente sulla densità sono state effettuate analisi di correlazione e analisi di Regressione Multipla mentre, tramite l?Indice di preferenza di Jacobs, è stato possibile determinare la selezione dell?habitat della lepre durante le ore di alimentazione. Le densità rilevate sono state maggiori, con entrambi i metodi, nel settore di pianura e nel territorio del parco. Densità maggiori sono state rilevate nei cereali, nelle foraggere con più di 5 anni, negli incolti e negli arati. Le siepi e le aree antropiche hanno avuto effetto positivo sulle densità primaverili, mentre su quelle autunnali lo hanno avuto le altre colture (non cerealicole né a foraggio e le siepi. La stessa analisi condotta sui dati dei censimenti in

  12. In memoriam: Cristiana Patta, DVM, 1958-2012, Virologa ed esperta di peste suina africana e malattie esotiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anon.

    2012-03-01

    Full Text Available Il mondo della veterinaria è profondamente costernato per la scomparsa prematura di Cristiana Patta, Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.Valente virologa di rilevanza nazionale ed internazionale, si è sempre distinta, nel corso della sua intensa seppure troppo breve esistenza, per competenza e professionalità. Ha iniziato la sua attività come ricercatrice presso l’Istituto di Sassari nel settore delle malattie virali degli animali. Ha conseguito la Specializzazionein microbiologia e virologia con indirizzo in tecniche microbiologiche e virologiche presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Sassari. L’approfondimento delle sue competenze ha poi riguardato i principali aspetti delle malattie esotiche, dalla diagnosi al loro controllo, e la pianificazione e gestione dei piani di eradicazione delle principali malattie infettive sottoposte a controllo a livello comunitario (pesti suine, brucellosi, tubercolosi, blue tongue.Le conoscenze che ha avuto modo di acquisire nella lotta alle pesti suine ed in particolare alla peste suina africana, hanno fatto si che diventasse una esperta a livello nazionale ed internazionale nel settore del controllo di questa malattia. È in tale veste che ha ricoperto il ruolo di un membro del roster degli esperti del Ministero della Salute e della Commissione Europea. Ha contribuito a numerosi progetti di ricerca europei ed è stata invitata, in qualità di relatore, in numerosi consessi scientifici promossi dalle Istituzioni internazionali quali OIE, FAO ed UE.Cristiana Patta ha collaborato in varie circostanze, con la sua autorevole presenza, anche alle iniziative formative che l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” di Teramo ha promosso in qualità di Centro di Collaborazione OIE per la Formazione Veterinaria, l’Epidemiologia, la Sicurezza Alimentare e il Benessere Animale, offrendo il suo contributo in

  13. Pono tibi istam: “Tu curris”.Uno sguardo alla teoria medievale delle obbligazioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Strobino

    2008-12-01

    Full Text Available La teoria delle obbligazioni rappresenta un significativo esempio di come un insieme di tecniche logiche possa essere applicato, in maniera feconda, a contesti disputazionali in cui la dimensione dialogica e l’interazione tra soggetti coinvolti in un confronto dialettico hanno un ruolo di primo piano. L’attenzione che numerosi studiosi hanno manifestato nei confronti di questa parte della logica modernorum negli ultimi quarat’anni testimonia la profondità e la difficoltà dei problemi teorici che stanno alla base della teoria. Molte interpretazioni sono state avanzate circa le motivazioni che spingono i logici medievali a scrivere trattati in cui il portato delle loro dottrine logiche – come, ad esempio, la teoria delle consequentiae - viene declinato ed elaboratamente applicato al gioco dialettico tra due disputanti. La gamma di tali letture comprende differenti ipotesi: la teoria delle obbligazioni potrebbe fornire un nucleo di regole per l’impostazione di un metodo assiomatico rudimentale così come rappresentare un tentativo di elaborare esercizi volti a valutare le capacità logiche degli studenti o, ancora, un gioco teorico, svincolato dall’effettiva applicazione a contesti concreti, la cui finalità sarebbe il mantenimento della coerenza logica. E’ stata sostenuta da più interpreti la funzione pedagogica svolta dalla teoria, al di là del fatto che si tratti o meno di un metodo per la conduzione effettiva di dispute reali. Un’altra linea interpretativa collega la teoria delle obbligazioni al contesto della letteratura dei sophismata e degli insolubilia, dal cui repertorio, in effetti, sono spesso tratti molti degli esempi che si incontrano nella lettura dei trattati de obligationibus. In questo senso, la teoria offrirebbe regole e schemi di risposta che un interlocutore deve utilizzare per risolvere o rispondere a enunciati problematici o paradossali. Non si può escludere, inoltre, che nella teoria si realizzi un

  14. Use by small mammals of short-rotation plantations in relation to their structure and isolation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Giordano

    2010-06-01

    Full Text Available Abstract Over the last decades, dramatic changes in agricultural practices have led to important modifications of land-use, as well as landscape structure, and to a general biodiversity loss in agro-ecosystems. During 2008 we investigated the small mammal communities of Short Rotation Forestry (SRF stands in Northern Italy. We live-trapped small mammals, during summer and autumn, in different types of SRF stands and surrounding habitats and compared capture rates. We evaluated the influence on small mammals abundance of the distance between the stands and other habitats offering woody or bushy cover. Our results showed that SRF plantations are widely exploited by small mammals, especially in autumn and that capture rate is the highest in “double-row” stands. The distance from woods or other arboriculture stands was negatively correlated to small mammals abundance. We conclude that SRF plantations can be considered a suitable habitat for small mammals and may work as a “corridor habitat” between fragmented patches of suitable habitats.
    Riassunto Uso degli impianti a turno breve da parte dei micrommamiferi, in relazione alla loro struttura e isolamento Negli ultimi decenni profondi cambiamenti nelle pratiche agricole hanno causato modifiche nella tipologia di uso dei terreni, così come nella struttura del paesaggio, che hanno portato a una generale perdita di biodiversità negli agroecosistemi. Nel corso del 2008 abbiamo studiato le comunità di micromammiferi nelle piantagioni di pioppo per la produzione di biomassa (SRF nel Nord Italia. Con l’uso di live-traps abbiamo effettuato due sessioni di cattura, una estiva e una autunnale, nei diversi tipi di impianto delle SRF e negli ambienti circostanti, per comparare le frequenze di cattura. Abbiamo quindi analizzato l’influenza che la distanza tra i diversi ambienti con copertura arborea ha sull’abbondanza dei micromammiferi

  15. Primi dati radiotelemetrici sul comportamento di dispersione della Volpe (Vulpes vulpes in un'area costiera del Friuli-Venezia Giulia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Roppa

    2003-10-01

    Full Text Available Nel 2001 e 2002 in provincia di Gorizia (loc. Isola della Cona, Riserva Naturale Regionale Foce dell?Isonzo due giovani maschi di volpe sono stati marcati con radiocollari, al fine di raccogliere dati sulla loro dispersione. L?area di studio, di circa 20 km², presenta zone boscose, boscaglie golenali, prati umidi, canneti e barene, inserite, comunque, in un territorio soggetto ad agricoltura intensiva. Gli animali sono stati seguiti per 12 ore/notte nella prima fase e successivamente per 12 ore/settimana, suddivise in 3 turni tali da coprire l?intero arco della notte. La posizione è stata rilevata ogni 20 min. Il primo individuo (M1 è stato seguito dal 15.11.01 al 10.12.01 per 140 ore; il secondo (M2 dal 14.06.02 al 22.03.03 per 580 ore; la dispersione è iniziata il 17.11.01 per M1 e il 10.11.02 per M2. Entrambi hanno attraversato il fiume Isonzo, in un tratto ampio 145 m, in direzione Sud/Est, raggiungendo una zona agricola. In seguito non hanno mostrato la tendenza a tornare indietro, probabilmente a causa della presenza di un maschio territoriale. Durante il giorno non si sono verificati spostamenti apprezzabili. La massima area coperta per notte (metodo del Minimo Poligono Convesso è stata di 10,7 km² per M1 (settima notte e di 5,1 km² per M2 (diciassettesima notte. I punti più distanti raggiunti in linea d?aria rispetto a quello di attraversamento del fiume sono stati di 9,2 km per M1 e di 9,9 km per M2. La direzione e alcune delle traiettorie percorse sono risultate sovrapponibili per i due individui. Le convergenze di eventi che emergono dai risultati, raccolti a distanza di un anno, suggeriscono una certa obbligatorietà nei percorsi che potrebbe essere dovuta sia alla struttura territoriale che alla densità della popolazione di volpi (stimata tramite conteggio delle tane attive in 10-12 individui in periodo primaverile e in 27-30 individui in periodo autunnale. Si ipotizza una certa stabilità dei territori degli individui

  16. A representação social do risco “urânio empobrecido”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruna ZANI

    2012-08-01

    Full Text Available Negli ultimi decenni, ambientalisti, giornalisti, politici e parte dell?opinione pubblica si sono schierati contro l?uso dell?uranio impoverito nelle munizioni e nelle corazzature difensive, chiamando in causa gli effetti potenziali nocivi sulla salute. Ma quali informazioni e conoscenze hanno le persone comuni? Per ovviare ai limiti del paradigma psicometrico, che si è focalizzato prevalentemente sui processi cognitivi trascurando il contesto sociale nel quale la persona è inserita, il presente studio si è proposto di esplorare il contenuto e il campo delle rappresentazioni sociali del rischio ?uranio impoverito?. Si è fatto ricorso alla tecnica delle associazioni libere, chiedendo ai partecipanti (N= 1158, età media 26.7 anni, DS = 11.04, 42% uomini, con diverso orientamento politico di esprimere fino a 3 parole pensando a ?uranio impoverito? e di valutarne la positività/negatività su scala a cinque punti da 1 (molto positiva a 5 (molto negativa. Le analisi condotte sia mediante l?analisi del contenuto tematica che l?analisi delle corrispondenze lessicali hanno evidenziato l?organizzazione delle rappresentazioni intorno a differenti nuclei tematici, a carattere prevalentemente negativo: malattia/mortalità,, armi e guerra, catastrofe e esplosione atomica. Sono emerse inoltre differenze interessanti nelle rappresentazioni in base al genere, all?età e all?orientamento politico dei partecipanti: le persone più anziane sono più informate e consapevoli, associano termini carichi emotivamente, evocatori anche di un alone di colpevolezza intorno alla ?faccenda? dell?uranio impoverito. I giovanissimi invece, poco più che bambini quando il caso uranio impoverito è esploso all?attenzione delle cronache, sono meno esposti alle informazioni e fanno riferimenti a immagini quali bomba atomica e disastro nucleare. Coerentemente con l?effetto dell?uomo bianco, le donne tendono a riportare una maggiore percezione dei rischi associati all

  17. Reflecting through the designing: a brief analysis of the teacher’s planning process

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Anello

    2017-01-01

    Full Text Available The aim of this work is to study the conditions in which teachers plan and execute educational actions in the classroom and to find out which difficulties they encountered during the development of the planned teaching action. The “concrete operations” that 15 teachers in the Palermo area had accomplished, were highlighted before, during and after every structured activity to promote the pupils’ oral expression. Specifically, the research, which is collocated in the case study, had the function of verifying forty descriptors. These were grouped in the five cardinal points of the ADDIE model (Analysis, Design, Development, Implementation, Evaluation, with a motivated group of teachers that were formed during the action-research. To check intentions and behaviors of teachers, tools for self-analysis were built, individual notes and shared reports of the practice were used. The teachers found that the proposed projected device, initially, designed with 40 descriptors was not practical and chose only 20 of these. A simplified and flexible model is now available for the didactical preparation of the activities.Riflettere attraverso la progettazione: breve analisi del processo di programmazione didattica dell’insegnanteL’obiettivo del contributo è indagare le condizioni in cui gli insegnanti pianificano e realizzano un intervento in classe, e quali difficoltà incontrano nelle fasi di sviluppo dell’azione didattica programmata. Sono state evidenziate le “operazioni concrete” che 15 insegnanti del territorio di Palermo hanno compiuto prima, durante e dopo un’attività strutturata per promuovere negli alunni l’espressione orale. Nello specifico la ricerca, che si colloca nella tipologia dello studio di caso, si è occupata di verificare la funzionalità di 40 descrittori, raggruppati nei cinque punti cardine del modello ADDIE (Analysis, Design, Development, Implementation, Evaluation, con un gruppo motivato di insegnanti che si

  18. Monza nelle pellicole cinematografiche. Una risorsa da dilatare / Monza in films. An asset to promote

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marisa Malvasi

    2016-05-01

    Full Text Available Monza offrirebbe diverse location per far da sfondo a chi voglia girare un film. Eppure, la scelta dei produttori è caduta quasi esclusivamente sull’Autodromo e sulla Villa Reale ed ovviamente sulle numerose testimonianze esistenti in città circa la Monaca di Monza, nella quale la città si identifica tout court. C’è, comunque, da osservare che piuttosto scarso sembra, a tutt’oggi, l’interesse dei monzesi verso il cineturismo. Parecchi sono, infatti, i film che hanno come sfondo l’Autodromo, ma, fa notare qualcuno, potrebbero essere molti di più. E, forse, questo dipende da quel rapporto di amore-odio che i cittadini hanno da sempre con il famoso circuito del Gran Premio di Formula 1. Va bene che il cineturismo è ancora un fenomeno ai suoi esordi, ma è ugualmente vero che, e questo vale in particolare per l’Autodromo, non si fa altro che esaltare, una volta di più, proprio un aspetto del capoluogo brianzolo che già i mass-media hanno contribuito a diffondere nelle varie contrade del mondo.   Monza could offer different locations as background for one who wants to make a film. And yet producer's choice has been almost exclusively made in favour of Autodromo (Formula 1 Car Race Circuit and Villa Reale (Royal Castle such as, obviously, of the numerous still existing evidences about Monaca di Monza (Nun of Monza, character into which the town is tout courtidentified. However, we have to observe that up till now Monza townpeople care about tourism cinema remains poor. Numerous remain, as a matter of fact, films which have the Autodromo as background but, as somebody suggests, they could be much more. And, maybe, this depends on love - hate relationship that uninterrupedly Monza citizens demonstrate with regard to Formula ! Grand Prix Circuit. It is true that tourism cinema is for the time being a new phenomenon, but it is in the same way true that, particularly for Autodromo, the aspect already diffused by mass - media all over

  19. Dalla riqualificazione energetica al recupero sostenibile. Un metodo di analisi energetica dei tessuti della città compatta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cecere

    2012-12-01

    Full Text Available A dispetto della sempre maggiore “insostenibilità” della città odierna, recenti statistiche ne hanno confermato il crescente potere attrattivo; una circostanza che vede il continente europeo presentare un’assoluta prevalenza del costruito esistente sul nuovo. Per tentare di raggiungere quel complesso stato di equilibrio, che in molti fanno ricadere sotto il nome di sostenibilità, appare dunque necessario confrontarsi con il patrimonio edilizio dei tessuti storici, piuttosto che realizzarne di nuovi ad alta efficienza. Si presentano qui i risultati di uno studio comparativo condotto su diversi tessuti urbani alla ricerca di relazioni tra densità urbana e performance energetiche. Tale metodologia può rappresentare una base di conoscenza che conduca a trasformazioni consapevoli verso condizioni a maggiore efficienza.

  20. Vivere e amare l'arte di strada

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fiorello Carla

    2004-12-01

    Full Text Available La mia avventura tra gli artisti di strada è nata e cresciuta mano a mano che mi sono avvicinata a loro. Il momento cruciale nel quale mi sono sentita più vicina a loro è stato durante una cena. Momento ovviamente intimo e di condivisione durante il quale mi hanno coinvolto nelle loro discussioni. Lì, girando per i tavoli, ho ascoltato le conversazioni degli artisti che socializzavano raccontandosi delle loro esperienze, soprattutto le tecniche di acquisizione dei metodi teatrali e circensi, della loro "carriera", rimarcando sempre il necessario e difficile rapporto con la 'gente'che critica il loro essere nomadi, il loro stile di vita che caratterizza un 'viaggio'.

  1. App per l’infanzia: linee guida per una progettazione efficace

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Carbotti

    2015-04-01

    Full Text Available I bambini sono affascinati dai tablet e dai dispositivi mobili di ultima generazione. Allo stesso modo si trovano in una fase della vita in cui iniziano a formare preferenze e competenze così come ad esprimere le proprie emozioni e sensazioni attraverso la parola. Questo articolo descrive le strategie per la creazione di applicazioni (app per bambini che siano non solo divertenti ma anche efficaci per esperienze significative che li coinvolgano a livello cognitivo ed emotivo. Quando si disegnano app rivolte ai bambini occorre ricordare che i più piccoli non hanno ancora chiaro come dovrebbe funzionare una specifica tecnologia ma si stanno formando un’opinione a riguardo. Diventa dunque necessario considerare alcuni principi di interaction e visual design affinché l’esperienza vissuta con il tablet incontri bisogni e competenze.

  2. La disciplina delle emozioni tra introspezione e performance: pratiche e discorsi del controllo a Toraja (Indonesia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aurora Donzelli

    2013-07-01

    Full Text Available La letteratura antropologica sulle emozioni relativa alle società dell’Indonesia e dell’area più vasta che comprende il Sudest asiatico e il Pacifico sembra convergere sull’enfasi attribuita alla questione del controllo emozionale3. Gli antropologi che hanno lavorato in quest’area sono stati inevitabilmente affascinati dalla compostezza e dall’assenza di espressione diretta dei sentimenti dimostrata nel comportamento quotidiano delle persone che cercavano di comprendere (Anderson 1966, p. 129; Belo 1935 [1970]; Bateson, Mead 1942; Bonokamsi 1972; Connors 1979; Errington 1984, 1983; Geertz 1958, 1960,1966, 1983; Geertz 1961, 1959; Just 1991; Hollan 1988; Hollan, Wellenkamp 1994, 1996; Keeler 1987; Wellenkamp 1984, 1988b; Wikan 1989.

  3. Nuove Prospettive Sulk Spagna Fenicio-punica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna María BISI

    2009-10-01

    Full Text Available Alcune recentissime scoperte hanno completamente mutato il quadro dell'archeologia spagnola per il periodo che segna l'avvento dei Semiti sulle coste meridionali della Penisola (odierna Andalusia, giaché il rinvenimento di una serie di fattorie e necropoli fenicie nella ristretta zona compresa fra il rio Guadalhorce a sud e Almuñecar a nord (figg. 1-2, ha mostrato come la colonizzazione fenicia in Spagna risalga almeno all'inizio dell'VIII secolo a. C, suffragando così i dati delle fonti classiche, che pongono l'arrivo dei primi Fenici in Iberia alla ricerca dei metalli preziosi alla fine del II millennio, e fornendo un adeguato background artistico-culturale al movimento migratorio, di cui solo oggi cominciamo per la prima volta a discernere le componenti, i tempi e i modi di sviluppo.

  4. Review "A journey through the psychology of Mafia"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serena Giunta

    2012-12-01

    Full Text Available La visione comune che il fenomeno mafioso andasse scandagliato e compreso in una tensione etica, ma anche scientifica e particolare, in una prospettiva interdisciplinare che ne sostenesse l„intendimento in un orizzonte di complessità e ne promuovesse il distanziamento dalle collusioni quotidiane, nonché la convergenza di interessi ed il dialogo tra campi del sapere distanti tra loro: quello giuridico giudiziario e quello psicodinamico e gruppoanalitico, ha partorito alla fine degli anni Novanta una fervida sezione di studi che hanno affiancato quelli sul sentire mafioso (Di Maria, 1995 e sul pensare mafioso (Fiore, 1997, sistematizzando le indagini sulla psiche mafiosa e riconoscendo nella mafia siciliana un„organizzazione/istituzione un sistema antropopsichico in cui cultura, famiglia, individuo e società si compermeano.

  5. Meningo-encefalite equina da Halicephalobus gingivalis: contributo casistico nell’ambito delle attività di sorveglianza della Febbre del Nilo occidentale (West Nile disease

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriella Di Francesco

    2012-12-01

    Full Text Available Un cavallo di 7 anni è stato abbattuto dopo aver manifestato una grave sindrome neurologica a rapida evoluzione. Campioni tessutali sono stati inviati al Centro Studi Malattie Esotiche dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” (Istituto G. Caporale per gli accertamenti diagnostici del caso. Gli esami per le più comuni virosi neurologiche equine non hanno evidenziato la presenza di infezioni in atto. Istologicamente, si è osservata a livello encefalico la presenza di manicotti perivascolari e numerosi corpi parassitari, morfologicamente riferibili a Halicephalobus gingivalis. Il rinvenimento ha consentito di formulare la diagnosi di meningo-encefalite da H. gingivalis. Il caso riportato conferma che le encefaliti parassitarie devono essere annoverate nella diagnosi differenziale delle encefalopatie equine e sottolinea l’utilità dell’approccio diagnostico multidisciplinare.

  6. Guerra vs comunità: la «Trilogia dell’Altipiano» di Mario Rigoni Stern

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Di Benedetto

    2016-07-01

    Full Text Available La Trilogia dell’Altipiano di Mario Rigoni Stern può essere considerata un’opera coerente per diversi motivi: le tre storie raccontate hanno una comune ambientazione geografica, la piana di Asiago, che presenta un legame molto forte con la popolazione locale; le vicende narrate si pongono in consequenzialità cronologica e mostrano figure che tornano in tutti e tre i testi, comprendendo anche personaggi della famiglia dell’autore. Tale coerenza narrativa si riflette nel messaggio della Trilogia, che è un messaggio di pace e di denuncia della guerra come elemento di distruzione della comunità umana, raffigurata emblematicamente dall’allegoria del ciliegio che torna in tutte e tre le narrazioni. Finita la guerra, alla comunità e alla natura si oppone il consumismo moderno, che cancella le tracce dell’antica civilità alpina e contro cui Rigoni Stern si impegna come custode della memoria attraverso la parola narrata.

  7. La pianifi cazione territoriale in Catalogna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juli Esteban i Noguera

    2013-01-01

    Full Text Available Il governo autonomo della Catalogna ha assunto dal 1979 la competenza esclusiva inmateria di ordinamento territoriale e pianifi cazione urbanistica. Successivamente, nel1983, il Parlamento ha approvato la Legge sulla Politica Territoriale che ha introdottostrumenti specifi ci: il piano territoriale generale aff ronta il territorio della Catalogna nel suocomplesso, i piani territoriali settoriali si occupano dell’ordinamento di specifi ci settori e ipiani territoriali parziali sviluppano l’ordinamento generale in ambiti più ridotti. Il pianogenerale è stato approvato nel 1995 ed ha carattere programmatorio e strategico, mentrequelli parziali hanno un contenuto di marcato carattere fi sico, eredi della pianifi cazioneurbanistica. Dalla data di approvazione del Piano generale sono stati redatti, e sono oravigenti, piani settoriali e parziali mentre altri sono in corso di elaborazione, di cui si stannoverifi cando solo negli ultimi anni gli impatti sul territorio.

  8. Sempre più veloci perché i fisici accelerano le particelle : la vera storia del bosone di Higgs

    CERN Document Server

    Amaldi, Ugo

    2012-01-01

    Nell’estate 2012 l’annuncio della scoperta del «bosone di Higgs» ha fatto conoscere a tutti il CERN di Ginevra e il suo grande anello sotterraneo LHC, la macchina più gigantesca mai costruita dall’umanità. Ma perché i fisici costruiscono acceleratori di particelle sempre più potenti? Che cosa vogliono scoprire? E quegli acceleratori servono soltanto a produrre conoscenza, o hanno anche qualche applicazione nella vita quotidiana? Un protagonista della ricerca scientifica ripercorre un secolo di progressi, dalla storia curiosa della prima radiografia fino alla speciale particella che oggi spiega perché la materia pesa, e la luce invece no. Un’avventura affascinante che ha anche straordinarie ricadute: da un lato permette di esplorare i primi istanti di vita dell’universo, dall’altro produce apparecchi capaci di diagnosticare le malattie e perfino di curare il cancro.

  9. Marginalità urbana e nuove povertà

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Isotta Mac Fadden

    2014-11-01

    Full Text Available La creazione di capitale sociale - in quanto congiunto di risorse immediate o potenziali che sono legate al possesso di una rete duratura di relazioni più o meno istituzionalizzata di appartenenza a un gruppo , come insieme di agenti che non sono soltanto dotati di proprietà comuni, se no che sono uniti per lacci permanenti e utili - è un passo essenziale per la progettazione e realizzazione di una nuova realtà sociale e il superamento della riproduzione di marginalità. Fondamentale sarà, allora, favorire spazi e risorse per la creazione di Luoghi e riattivare il dialogo tra politica, giustizia sociale e pianificazione urbana. Così forse si ricompatterà la città duale, per scomporsi in infinite alternative potenziali determinate dalle scelte incondizionate e attive di cittadini che hanno pari accesso a risorse funzionali alla piena realizzazione di un Sé tra gli Altri.

  10. The impact of privatisation on the water sector in England and Wales; L'Impatto della privatizzazione del settore idrico in Inghilterra e Galles

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Arnell, D.; Boschi, J.; Dall' Orso, M.; Thompson, G. [Binnie Black and Veatch, Redhill (United Kingdom)

    2000-01-01

    The work presents the story of the British Government privatisation of water supply and sewerage services, carrying out the largest and most comprehensive transfer of these public sector services seen anywhere in the world. Privatisation has given rise to major changes in the water sector driven by very large expenditure programs. The newly found freedom gave rise to a process of diversification and acquisition. The effect of the new pricing policy were that the companies were given incentives to be efficient and lower their costs which would benefit customers in the long term. [Italian] L'articolo ricostruisce la storia della privatizzazione del settore idrico inglese iniziata nel 1989 cin l'obiettivo di promuoverne lo sviluppo e migliorarne la qualita' del servizio, che hanno permesso ai gestori di avviare processi di diversificazione ed acquisizione con una nuova politica tariffaria, volta ad aumentare l'efficienza e ad abbattere i costi, e di presentarsi sul mercato internazionale.

  11. The Urban Development of Milan in the Early Christian Age

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Sannazaro

    2015-06-01

    Full Text Available Molte testimonianze di contemporanei descrivono le vicende che hanno interessato Milano in età paleocristiana e integrano il quadro offerto dai resti archeologici e dai monumenti superstiti. Ciò nonostante, la ridefinizione in senso cristiano del paesaggio urbano emerge più chiaramente solo con l’età ambrosiana, mentre risulta assai difficile chiarire i precedenti progressi della cristianizzazione e in particolare il contributo di Costantino e dei suoi figli. Essi sono forse intervenuti nell’organizzazione del cimitero ad martyres, principale polo cultuale extramuraneo, ma ignoriamo se ad essi possono essere ricondotti altri interventi edilizi tesi a modificare l’impianto urbanistico di età massimianea.

  12. Il XLIV Congresso della Società Italiana di Reumatologia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Oliviero

    2011-09-01

    Full Text Available Il 17-20 Ottobre 2007 al Lido di Venezia presso il Palazzo del Casinò e il Palazzo del Cinema si è svolto il XLIV Congresso Nazionale della Società Italiana di Reumatologia (SIR. Numerosi esperti nazionali e internazionali hanno esposto le più importanti acquisizioni nel campo della ricerca clinica e di base reumatologiche. I tre giorni del congresso sono stati caratterizzati da letture, sessioni scientifiche, corsi educazionali, incontri con gli esperti, sezioni poster, corsi di aggiornamento su temi speciali, e diversi simposi. Tra i temi affrontati, particolare rilievo è stato dedicato ai singoli fattori implicati nella patogenesi delle malattie reumatiche, quali le citochine, i fagociti, le cellule endoteliali, i linfociti, i fibroblasti e gli autoanticorpi. In questo ambito un contributo di rilievo è stato offerto dai numerosi relatori stranieri ospiti del convegno. Dal punto di vista clinico, sono...

  13. La clinica parapsicologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Evrard Renaud

    2007-09-01

    Full Text Available Gli ultimi due decenni hanno visto nascere una disciplina nuova: l'accoglienza e il sostegno psicologico delle persone che vivono esperienze eccezionali. Avere l'impressione di vivere in una casa abitata, testimoniare l’apparizione di OVNI, interrogarsi sulle possibilità di influenze telepatiche o anche conservare per sé la sensazione irreale di uscire “fuori dal corpo”, sono alcuni esempi di ciò che provano queste persone. L'eterogeneità di queste testimonianze le classifica spesso nella categoria delle "esperienze vissute come paranormali". Se tali resoconti sono sempre pervenuti agli esperti, si deve ai recenti lavori di ripristino dell'ascolto di queste persone.

  14. I fondi dell’Accademia di San Luca a Roma.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaella Inglese

    2008-06-01

    Full Text Available La famosa Accademia di San Luca si trova a Roma, nella piazza omonima, nei pressi della Fontana di Trevi, che dà il nome all’intero Rione, dal 1934 nello storico palazzo del cardinal Carpegna, attribuito ad un seguace di Giacomo della Porta e trasformato da Borromini. In occasione delle mostre sono aperte al pubblico alcune sale al piano terreno, mentre convegni, conferenze o presentazioni di libri sono ospitati nella sala conferenze situata al piano nobile. Gli studiosi hanno accesso agli ambienti del secondo piano destinati ad Archivio Storico, Biblioteca Sarti e Biblioteca Accademica. La Galleria, che ospita una selezione delle collezioni di pittura e scultura dell´Accademia, è situata al terzo piano del palazzo.

  15. Matematica e Cultura 2008

    CERN Document Server

    2008-01-01

    Matematica e cultura, binomio sorprendente? Potrebbe sembrare ma da qualche anno si sono aperti dei grandi ponti tra le “due culture”. A Venezia, citta’ di ponti e di culture, si parla da oramai dieci anni di cultura e di matematica, si parla di arte, architettura, cinema, letteratura, ambiente, filosofia, di bolle di sapone, di Corto Maltese ed Hugo Pratt, delle investigazioni criminali. In questo nuovo libro, il decimo della serie iniziata a Venezia con gli incontri “Matematica e cultura” che tanti hanno cercato di imitare, si parla di tutto questo e tra gli altri ne scrivono Simon Singh (autore del best seller “L’ultimo teorema di Fermat”), alla sua terza presenza a Venezia, e Siobhan Roberts (autrice di “Il re dello spazio infinito. Storia dell’uomo che salvò la geometria”). Venezia ponte tra la matematica e la cultura.

  16. La nuova fisica delle particelle e i segreti dell'universo un dialogo fra filosofia, scienza e religione

    CERN Document Server

    Bodei, Remo

    2017-01-01

    La Scuola della Cattedrale, presieduta da Monsignor Gianantonio Borgonovo, prosegue il suo ciclo di incontri con un evento culturale nel segno della fisica che esplora il mondo delle particelle. Guido Tonelli, fisico e professore ordinario dell’Università di Pisa, tratta degli eventi che hanno portato alla scoperta del bosone di Higgs al Cern di Ginevra dove è stato realizzato Lhc, l’acceleratore di particelle più potente del mondo, con un’analisi di materia e antimateria, energia e universo, per capire come tutto è cominciato e come forse andrà a finire. Dove potrà arrivare l’uomo con queste nuove visioni? Quali cambiamenti e traguardi sono ipotizzabili? Come leggere da un punto di vista religioso e filosofico questi nuovi scenari che la scienza prospetta? L’evento ha visto gli interventi di Monsignor Borgonovo e del filosofo Remo Bodei, professore emerito di Filosofia all’Università di Pisa.

  17. Le sette meraviglie del cosmo

    CERN Document Server

    Narlikar, Jayant V

    2004-01-01

    Tra giganti, "nane" e stelle che esplodono in cielo, un vademecum per scoprire il cosmo e i misteri che lo abitano. Lasciati alle spalle i confini sicuri della Terra e del Sistema solare, assistiamo a un'esplosione continua di fenomeni inaspettati. L'universo si svela nel suo continuo mutamento, cresce in fascino e complessità via via che ci addentriamo nei suoi spazi profondi. Tramite esempi semplici, aneddoti umoristici e una prosa cristallina, Vishnu Narkilar racconta l'emozione di fronte alle sorprese del cosmo. Le "sette meraviglie" sono i fenomeni misteriosi che si nascondono dietro le stelle che punteggiano il cielo, una schiera di eventi spettacolari che per secoli hanno sfidato la curiosità umana ed eluso ogni spiegazione.

  18. Il dito di Galileo le dieci grandi idee della scienza

    CERN Document Server

    Atkins, Peter

    2004-01-01

    Domande e risposte per dieci idee che hanno plasmato il mondo di oggi. Possiamo rintracciare l'origine e il divenire del cosmo? Perché spazio e tempo formano una cosa sola? Che cosa significa l'evoluzione del vivente? Perché il DNA è così importante? Perché il mondo ha bisogno di energia? E com'è che l'aumento dell'entropia scandisce il cambiamento dell'intero universo? Cosa sono gli atomi e cosa c'è di più piccolo di essi? Perché la simmetria della natura e dell'arte cattura il nostro senso della bellezza? Cosa sono quegli elusivi quanti alla base della fisica contemporanea? Siamo sicuri che l'aritmetica non ci inganni? Peter Atkins offre una guida chiara e completa all'impresa scientifica, seguendo la via indicata dal dito di Galileo.

  19. Max Weber, la borsa e la ‘crisi del credito’ del 2008

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Rossetti

    2011-02-01

    Full Text Available A partire da una rilettura di opere, come Die Protestantische Ethik und der Geist der Kapitalismus e Die Boersenequete, l'articolo mostra che – in linea con quanto Max Weber aveva descritto – l'assenza di regole generali condivise e di controlli pubblici mette in crisi le fondamenta del sistema finanziario. La privatizzazione neoliberista degli organi di controllo della finanza e la creazione di oscuri strumenti finanziari hanno contribuito alla regressione dell'organizzazione giuridica dello Stato, mettendo a serio rischio il principio di calcolabilità razionale che per secoli ha costituito il fondamento della teoria economica. In conclusione, Weber contribuisce a cogliere uno dei nodi fondamentali della crisi americana contemporanea: l'erosione dell’autorità indipendente posta a tutela dell’integrità del sistema.

  20. Psicoanalisi ed educazione: il lavoro di Vera Schmidt e di Sabina Spielrein nell’asilo sperimentale di Mosca (1921-1925

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Merete Amann Gainotti

    2012-12-01

    Full Text Available Negli anni 1921-1923 a Mosca, sulla scia delle profonde trasformazioni politiche e sociali innescate dalla Rivoluzione di ottobre si colloca un esperimento educativo originale, promosso da Vera Schmidt, una pedagogista formata alle idee psicoanalitiche, che si proponeva di cercare nuove vie educative per la prima infanzia sulla base delle recenti conquiste e conoscenze fornite dalla teoria psicoanalitica di S. Freud. Obiettivo di questo contributo è di fornire un breve excursus storico relativo alla diffusione della psicoanalisi in Unione sovietica e alla fondazione dell'asilo sperimentale di Mosca, di ricordare le figure delle due studiose Vera Schmidt e Sabina Spielrein che hanno animato l'iniziativa, il cui lavoro scientifico è rimasto in ombra rispetto a quello dei loro più famosi colleghi S. Freud e di C.G. Jung; infine si intende rendere conto dei principi educativi che esse cercarono di mettere in pratica nell'asilo sperimentale di Mosca.

  1. Metodi matematici per la teoria dell’evoluzione

    CERN Document Server

    Bazzani, Armando; Freguglia, Paolo

    2011-01-01

    Esistono ormai da tempo molti articoli, in particolar modo su riviste di biomatematica, di (bio)fisica e di biologia, che presentano proposte e risultati di modellistica matematica relativi direttamente ed indirettamente alla teoria dell’evoluzione. Sicuramente questi studi sono da considerarsi cruciali per l’istituzione della biologia teorica. I temi da prendere in esame sono dapprima le convinzioni che i biologi hanno in merito. Quindi un’analisi dei precedenti tentativi di formulare una teoria matematica dell’evoluzione, nonché i relativi sviluppi e insuccessi a cui abbiamo assistito nell’ambito della "teoria della complessità". La nostra proposta consiste dunque nel realizzare una teoria matematicamente formulata e biologicamente ben fondata dell’evoluzione con specifico e giustificato riferimento a quella fenotipica. Quindi su questa base costruiamo sia di un modello geometrico sia un modello dinamico stocastico. In questo modo, pur tenendo presente l’intrinseca insufficienza dell’appro...

  2. La funzione della musica nel teatro d'opera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ferruccio Tammaro

    2011-04-01

    Full Text Available I percorsi metodologici utili a favorire la comprensione e l’apprezzamento dell’opera lirica devono tener presente l’inevitabile confronto/scontro con le realtà visive e mediatiche che dominano attualmente la vita dei bambini, degli adolescenti e degli adulti. Tutti noi sappiamo che cinema e televisione ci hanno da tempo abituati a percepire la realtà “rappresentata” con scansioni temporali e con modalità ben diverse da quelle necessarie per fruire l’opera. Da qui le strategie che è necessario mettere in atto per far capire le, per noi ovvie, differenze che intercorrono. Nel contempo la comprensione e l’apprezzamento dello spettacolo operistico vengono a scontrarsi anche col teatro di parola, in rapporto al quale il teatro melodrammatico ha, anche qui, più diversità che affinità.

  3. Trauma e vulnerabilità nei migranti richiedenti protezione internazionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Caroppo

    Full Text Available INTRODUZIONE: I rifugiati richiedenti protezione internazionale mostrano un'alta vulnerabilità e Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD. OBIETTIVI: abbiamo utilizzato un approccio integrato multidisciplinare per valutare la loro vulnerabilità e psicopatologia. METODI: sono stati valutati 180 rifugiati politici secondo i criteri del DSM-IV-TR. RISULTATI: in un'alta percentuale di rifugiati politici la diagnosi principale è stata di PTSD associata con disturbi di personalità e/o altri disturbi psichici. CONCLUSIONI: i rifugiati politici hanno più difficoltà nel gestire le proprie emozioni, questo probabilmente è dovuto alla propria storia personale intrisa di vissuti traumatici, tuttavia attraverso un lavoro sia psicoterapico che farmacologico è stato possibile migliorare le proprie condizioni.

  4. Una presenza nascosta: battesimi di ‘turchi’ a Firenze in età moderna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Samuela Marconcini

    2013-02-01

    Full Text Available Molti studi ormai hanno messo in evidenza la persistenza del fenomeno della schiavitù in epoca moderna sull’una e l’altra sponda del mar Mediterraneo, frutto di azioni di pirateria o di corsa che alimentavano un fiorente mercato. Il saggio analizza la presenza di schiavi cosiddetti ‘turchi’ a Firenze a partire dal XVII secolo fino a metà del XVIII, sulla base degli attestati di battesimo. Sebbene la natura della fonte impedisca una ricostruzione completa del quadro, permette però alcune interessanti osservazioni sui luoghi di origine degli schiavi, la loro età al momento del battesimo, e l’identità assunta dopo la cerimonia religiosa: particolarmente significativo il rinvenimento dei matrimoni tra alcuni neofiti e cristiani dalla nascita, che attesta la possibilità che si apriva ai primi, attraverso la conversione, di un pieno inserimento nella società cristiana.

  5. «Speciosus forma es prae filiis hominum» (Sal 45,3. La bellezza del Messia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Di Palma

    2015-03-01

    Full Text Available Il contributo intende seguire il percorso che dal testo biblico ai primi autori cristiani ha condotto a rivalutare l’idea di bellezza del Messia. Dopo un breve esame della terminologia della Bibbia ebraica e della versione dei Settanta fino al NT, l’autore si concentra sui due brani che hanno determinato il dibattito sulla bellezza di Cristo: Is 52-53 e il Sal 45. Da ciò deriva un cambiamento dell’idea stessa di bellezza, che non si ispira più a quella del mondo greco, ma si amplia, scorgendola anche sul volto del Risorto che porta i segni della passione.

  6. HT_BIM: La modellazione parametrica per l’analisi del rischio nei centri storici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Assunta Pelliccio

    2017-06-01

    Full Text Available I centri storici minori sono dei monumenti d’ambiente da salvaguardare perché vulnerabili sia dal punto di vista sismico che ambientale. La gestione di queste realtà urbane è particolarmente complessa a causa dell’eterogeneità dei dati relativi alle singole unità edilizie, aggregati strutturali e intero ambito urbano. Negli ultimi anni i sistemi parametrici BIM hanno dato un enorme contributo alla progettazione, pianificazione, costruzione etc. di nuovi edifici e anche alla gestione del patrimonio culturale. L’obiettivo di questo lavoro è lo sviluppo del sistema Historical Town Building Information Modeling (HT_BIM, ovvero di un sistema BIM specifico per gli aggregati di edifici storici che, sulla base del rilievo, consente di individuare vulnerabilità legate sia ad aspetti strutturali sia a fenomeni di degrado da vento e soleggiamento.

  7. Introduzione. Donne che portano la parrucca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Mattalucci-Yılmaz

    2013-07-01

    Full Text Available Peruk takan kadınlar è l’opera che nel 1999 l’artista e cineasta turco Kutlug Ataman ha presentato alla Biennale di Venezia curata da Harald Szeemann. Quattro schermi giustapposti proiettano le testimonianze di donne che, per un periodo della loro vita, hanno portato una parrucca: un’attivista politica di sinistra che nel 1971, dopo il colpo di stato militare, utilizzava un nome in codice, una divisa delle Turkish Airlines e una parrucca per sfuggire al controllo della polizia; una giornalista, colpita da un tumore al seno, che ha portato una parrucca per mascherare gli effetti della chemioterapia; una studentessa musulmana che indossa una parrucca per frequentare l’università, in un contesto – quello turco – che in nome della laicità dello Stato, interdice l’uso nel foulard nelle scuole, nelle università e nella pubblica amministrazione; e infine un transessuale.

  8. Sognando Shadow Moses. Grafica, gameplay e reiterazione come strumenti narrativi metareferenziali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Papale

    2013-03-01

    Full Text Available Un campo innevato, un eliporto, container metallici, telecamere di sorveglianza. Basta una rapida occhiata alla schermata e il giocatore di Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots fa un salto indietro nel tempo di dieci anni, tornando ancora una volta ad infiltrarsi nella base militare di Shadow Moses. La grafica è quella della prima PlayStation, una grafica che all’epoca era lo stato dell’arte, e che ora mostra tutte le sue grossolane imperfezioni. I dieci anni trascorsi hanno visto susseguirsi due generazioni di console e innumerevoli cambiamenti dell’estetica e dei linguaggi videoludici. Il mondo è cambiato nella vita reale così come nel gioco.

  9. Blog e tornei di scrittura collettiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Abrardi

    2013-03-01

    Full Text Available L’articolo prende in esame i tornei di scrittura collettiva e grafica per le scuole condotti tramite blog negli anni 2007/2008 e 2008/2009. Tali tornei, coordinati dall’associazione culturale «Progetto e Materia» in collaborazione con il 3° Circolo Didattico di Ivrea, hanno vinto il premio «Gold 2009» come esperienza didattica più innovativa nell’area dell’educazione linguistica. La costruzione delle fiabe è stata strutturata in base agli schemi narrativi e alle funzioni dei personaggi individuati da Propp e Greimas ed è avvenuta mediante l’interazione tra classi-squadra che inserivano i propri contributi sotto forma di commento nei blog predisposti dall’associazione. La scelta del blog come mezzo di costruzione collettiva della fiaba faceva invece riferimento a considerare internet come una fonte di informazioni da utilizzare in modo attivo e per favorire la condivisione di idee e risorse.

  10. Note di fotonica

    CERN Document Server

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  11. La ‘Bildung’: una categoria pedagogica significativa anche in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Cambi

    2011-12-01

    Full Text Available Il saggio discute la pedagogia della Bildung in Italia mediante ildialogo e il confronto con la cultura tedesca e la sua identità formativa. Al centro dell’analisi l’herbartismo di Credaro, il neoidealismo spaventiano di Gentile, il neokantismo di Banfi, lo storicismo di Croce, il marxismo di Gramsci, correnti di pensiero che hanno attivato un dialogo forte e originale con la pedagogia dellaBildung. Si problematizza il dialogo critico che è continuato negli anni Sessanta/Settanta con i richiami alla lectio dei francofortesi, poi negli anni Ottanta/Novanta con la presenza dell’ermeneutica e con le sue diverse frontiere, poi ancora negli anni Novanta e Duemila con un doppio e esplicito richiamo: alla formazione dell’“uomo umano” e alla storia complessa nella cultura attuale della teoria della Bildung.

  12. Comunicazione e Open Access

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2005-06-01

    Full Text Available Il potenziale editoriale della rivista, sebbene compia appena il suo terzo anno di attività, è considerevole: basti pensare che la scelta fondante una parte del progetto editoriale, la pubblicazione di testi integrali, accessibili liberamente e gratuitamente su formato html, ha permesso l’accrescersi costante della consultazione delle pagine web pubblicate su internet e del numero dei visitatori che hanno avuto accesso agli articoli diffusi per ogni numero trimestrale. Condividendo e promuovendo i principi dell’Open-Access, il libero accesso al patrimonio culturale e scientifico, partecipando ad una comunicazione scientifica che favorisca una democratizzazione della conoscenza, si è inoltre indotto un valore aggiunto allo strumento editoriale: la valorizzazione della produzione scientifica e degli stessi contributi degli autori, insieme all’ampia divulgazione dei contenuti, liberamente accessibili da qualsiasi luogo del mondo tramite una connessione ad internet.

  13. Il ruolo del paradosso nel gioco e nel comico: una lettu-ra del racconto “Il falso autostop” di Milan Kundera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Darwine Delvecchio

    2017-12-01

    Full Text Available In questo articolo vogliamo esporre gli studi che hanno riconosciuto al paradosso un ruolo centrale non soltanto nel discorso comico ma anche nella comunicazione umana più in generale, confrontandoli con la nostra tesi sull’“assurdo comico”. Nella nostra prospettiva l'essenza della comicità è paradossale dal momento che essa rappresenta l'intreccio insolubile fra due domini modali che le logiche disgiuntive e la nostra comune idea della “realtà quotidiana” mantengono nettamente distinti: l'impossibile e l'effettuale. Alla parte teorica, dedicata alle teorie di Gregory Bateson e di William F. Fry, che elaborano in maniera originale l’intreccio fra i concetti di gioco, paradosso e finizione, seguirà l’analisi del racconto “Il falso autosop” di Milan Kundera, che mostra i limiti delle loro teorie e un’opportunità di arricchimento per mezzo del concetto di “assurdo comico”.

  14. Fenomeni radioattivi dai nuclei alle stelle

    CERN Document Server

    Bendiscioli, Giorgio

    2013-01-01

    Questo volume raccoglie le lezioni del Corso di Radioattività impartite, inizialmente dall’autore e successivamente da suoi collaboratori, agli studenti di Fisica presso l’Università di Pavia. I temi trattati costituiscono un’introduzione ai fenomeni radioattivi in senso stretto con escursioni, aventi come base di partenza e filo conduttore il decadimento beta, nel campo della fisica delle particelle elementari, in particolare dei neutrini, e dell’astrofisica. Alcuni argomenti sono tradizionali, altri riguardano la fisica di frontiera così che al lettore sono offerti particolari itinerari dalla fisica consolidata alla fisica in evoluzione. Ovviamente, per quanto riguarda quest’ultima, i risultati sperimentali riportati e i relativi commenti hanno carattere di provvisorietà. Per questa ragione, in questa edizione del testo, è stata rivolta particolare attenzione all’aggiornamento dei risultati relativi allo studio dei neutrini nell’ambito del doppio decadimento beta e delle oscillazioni di n...

  15. Quanto Jobs c'è in Apple?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Tommasi

    2011-12-01

    Full Text Available ItMolti vizi e virtù di Apple hanno le radici in vizi e virtù di Steve Jobs. Questi a loro volta derivano dalla spiccata originalità del suo percorso creativo e professionale e dai problemi piuttosto pressanti che questa ha creato. Ad essi egli ha reagito secondo la sua natura, determinando, in ultima analisi, la fisionomia caratteristica di Apple. Il testo seguente cercherà di illustrare alcuni punti di questa tesi.EnVices and virtues of Apple are rooted in vices and virtues of Steve Jobs. These, in turn, stem from the striking uniqueness of his creative path and from the severe problems it brought about. To them, he reacted following his own nature, eventually shaping the peculiar personality of Apple. The following paper will try to clarify such notion.

  16. Superfluità e ‘vuoto mentale’ dei lavoratori: una esplorazione attraverso i racconti di Franz Kafka

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Ferrari

    2015-09-01

    Full Text Available Kafka non è stato un impiegato passivo e distratto. Recenti studi sui suoi documenti di lavoro hanno evidenziato una passione e una competenza professionale notevoli. Questa competenza è stata riversata nelle sue opere letterarie che parlano di lavoro e di organizzazioni con una conoscenza diretta. Lo stile simbolista di Kafka è stato molto efficace nel cambiare il modo di vedere le organizzazioni. Lo scrittore, in particolare, ha intuito la crescita degli ultimi anni della popolazione eccedente. Kafka ha saputo afferrare la psicologia e gli atteggiamenti profondi dei lavoratori che fronteggiano la loro superfluità e l’espulsione dal mondo del lavoro. Più in dettaglio, Kafka è stato capace di analizzare la resa psicologica alla superfluità che si esprime soprattutto con una specifica forma di “vuoto mentale”. Parole chiave: , disoccupazione, Kafka, narrazioni del lavoro

  17. Geografia e sport: per una definizione del rapporto tra spazio e società

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosario De Iulio

    2013-04-01

    Full Text Available Le finalità del presente saggio si possono sintetizzare in due differenti punti, ma strettamente legati tra di loro. Il primo è quello di illustrare, seppur brevemente, l’insieme delle teorie che hanno portato all’origine e alla affermazione della geografia dello sport, mentre il secondo cercherà di tracciare seppur a grandi linee, le emergenti linee di ricerca nell’ottica del complesso rapporto tra spazio e società. In tal modo si offriranno alcuni spunti di riflessione e nuove chiavi di lettura sul poliedrica relazione tra attività sportiva, intesa come fenomeno socio-culturale, e spazio/territorio, ormai sempre più centrale nelle più recenti politiche di pianificazione territoriale, considerando anche dell’attuale fase di deindustrializzazione che investe i nostri centri urbani.

  18. La musica nel secolo delle masse (Musica e società

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Sini

    2011-11-01

    Full Text Available Muovendo dalle trasformazioni avvenute nella musica tra fine ‘800 e inizio ‘900, l’autore s’interroga sulle modalità con cui le “masse” hanno mutato gli assetti della vita economica, sociale e culturale. La riflessione prende spunto dal libro di Alex Ross Il resto è rumore. Ascoltando il XX secolo. The music during the century of the masses (Music and society Focusing on the transformations that took place in the music between the late '800 and early '900, the author wonders about how the "masses" have changed the structure of economic, social and cultural life. The reflection is inspired by the book by Alex Ross The rest is noise. Listening to the Twentieth Century.

  19. INTANGIBLE ARCHEOLOGY. Architectural surveying and digital reconstruction of the Porsenna tomb as described by Baldassarre Orsini (1732-1810

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Belardi

    2017-12-01

    Full Text Available   Il contributo presenta la sperimentazione di rilievo archeologico immateriale di un’architettura tanto maestosa quanto leggendaria: la tomba del lucumone etrusco Lars Porsenna. Tra gli studi storici dedicati a questo monumento, il contributo si incentra sulla descrizione interpretativa fornita dall’erudito perugino Baldassarre Orsini (1732-1810, che si differenzia dalle precedenti per il carattere concreto e per l’attenzione agli aspetti proporzionali e costruttivi nonché per essere corredata da sei tavole esplicative. La restituzione digitale, oltre a costituire un’occasione di approfondimento disciplinare capace di suggerire un’inedita accezione del rilievo archeologico, ha condotto alla realizzazione di una videoanimazione immersiva e di un modello plastico ottenuto mediante stampa 3D additiva, che hanno contrassegnato la sezione multimediale di un’iniziativa espositiva dedicata.

  20. La relatività debole. La fisica dello spazio e del tempo senza paradossi

    Science.gov (United States)

    Selleri, Franco

    2011-06-01

    Secondo Einstein e Poincaré la simultaneità di eventi che hanno luogo in punti diversi dello spazio può essere definita solo per convenzione. Dal punto di vista matematico si dimostra, quindi, che due diverse definizioni di simultaneità corrispondono a due diversi valori del coefficiente e1 della variabile spaziale x presente nelle trasformazioni di Lorentz. A partire da premesse normalmente accettate otterremo diverse dimostrazioni della necessità di reintrodurre il concetto di simultaneità assoluta. Le conseguenze cosmologiche della nuova struttura dello spazio e del tempo andranno contro la cosmologia del Big Bang. Inoltre, dopo questi risultati, il relativismo sopravviverà in una forma meno aspra ("relatività debole") perché risulter privo di quel campionario di paradossi portato dalla teoria della Relatività Speciale.

  1. La diffusione del sapere attraverso le immagini tecniche: fotografia e non fiction film / The spreading of knowledge through technical images: photography and non-fiction film

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele D'Autilia

    2013-05-01

    Full Text Available Il saggio costituisce una riflessione sul tema della comunicazione storica attraverso le immagini, a partire da alcune esperienze maturate presso le case editrici e presso enti pubblici e privati che hanno utilizzato lo strumento del libro fotografico, del film documentario e del web come veicolo di divulgazione e di riflessione storica e culturale. Alcune considerazioni sul rapporto tra immagini tecniche, nuove tecnologie e produzione culturale inoltre, vogliono fornire elementi per il dibattito attuale sulla diffusione della cultura. The essay is a reflection on the historical communication through images, starting from some experiences in publishing companies and in public and private institutions that have used the photographic book, the documentary film and the web, as a vehicle for disseminating and reflection on history and culture. Some considerations on the relationship between technical images, new technologies and cultural production also want to provide elements for the current debate on the dissemination of culture.

  2. L’osservazione delle stelle variabili

    CERN Document Server

    Good, Gerry A

    2008-01-01

    L’osservazione delle stelle variabili è uno dei principali contributi che gli astronomi dilettanti possono offrire alla scienza e questo libro fornisce tutte le informazioni necessarie per dedicarvisi con profitto. Nella prima parte vengono presentate in dettaglio le diverse classi di variabili, con esempi, curve di luce e descrizioni fisiche. La seconda sezione copre invece tutti gli aspetti pratici dell’osservazione: dalla preparazione e la pianificazione, alle tecniche osservative, fino alla gestione e all’elaborazione dei dati. Questo è un volume indispensabile e completo per chi voglia impegnarsi nell’osservazione delle stelle variabili, adatto per tutti gli astrofili, dai principianti fino a quelli che hanno già maturato un discreto livello d’esperienza e di abilità.

  3. Prevenzione delle infezioni ospedaliere in una terapia intensiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.B. Orsi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: sorveglianza delle infezioni ospedaliere (IO nell’unità di terapia intensiva (UTI di un grande ospedale romano.

    Metodi. tutti i pazienti ricoverati nell’UTI tra il 1.1.2000 ed il 31.12.2001 per ›48 ore. Lo studio, applicando le definizioni di caso dei CDC, ha considerato le seguenti infezioni: infezioni polmonari (POL, setticemie (SET, infezioni delle vie urinarie (IVU, infezioni della ferita chirurgica (IFC. Inoltre sono stati valutati eventuali fattori di rischio preesistenti, procedure invasive, isolamento dei microrganismi e loro suscettibilità agli antibiotici.

    Sulla base dei risultati epidemiologici preliminari, dall’ottobre 2000 al marzo 2001 sono stati effettuati una serie di interventi che hanno modificato alcune importanti variabili associate alle IO.

  4. Da Rabelais a Zola, da Erasmo a Camus: la psicologia del processo, le intuizioni dei grandi autori, la conferma delle scienze cognitive

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Bona

    2012-06-01

    Full Text Available Rabelais, Zola, Camus hanno intuito che le sentenze spesso si reggono su complessi meccanismi psicologici, oltre che sulla razionalità giuridica. Ci si chiede se queste intuizioni trovino conferma nelle più recenti acquisizioni della psicologia della decisione e delle scienze cognitive. Per rispondere al quesito si analizzano passi del Gargantua e Pantagruele, di Thérèse Raquin, de Lo straniero, mettendoli a confronto con alcuni esperimenti condotti in ambito psicologico. Si dimostra come Rabelais abbia correttamente intuito quanto rilevino le euristiche nella decisione, come Zola abbia colto il ruolo delle aspettative nella percezione da parte dei testi, come Camus abbia descritto le distorsioni che si possono produrre nella fase narrativa della testimonianza. Se ne conclude che a volte la materia della giustizia si intende meglio esplorando le opere dei grandi autori che non, per dirla con Erasmo, ammucchiando glosse su glosse.

  5. Current and future employment of the heat pumps; Pompe di calore. Presente e futuro

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cassitto, L. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Energetica

    2001-12-01

    Heat pumps, mainly the compression type, grant high energy savings together with environment protection because of the free low temperature energy from environment or wasted heat they use. Their large employment depends on the appreciation of the above properties that are will be done. To grant economic savings on using heat pumps, electric energy and natural gas should have fixed and predictable prices. [Italian] Le pompe di calore, in particolare quelle a compressione, hanno elevate prestazioni energetiche e ambientali, grazie all'utilizzo di fonti di calore gratuite a bassa temperatura, naturali o residue di altri processi. La loro diffusione e' legata alla percezione di queste potenzialita' rinunciando alle caldaie tradizionali. Sono indispensabili prezzi dell'energia elettrica e del metano stabili e comunque prevedibili per garantire anche la loro convenienza economica.

  6. Sociologia Visuale: storia, caratteristiche, strumenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pasini

    2009-07-01

    Full Text Available Il mondo in cui viviamo si fonda su una civiltà visiva, di immagini, che privilegia la vista, su cui l’individuo pensa di possedere un controllo maggiore, agli altri sensi. Sin dall’antichità, le varie culture hanno espresso le loro idee/ideali attraverso le rappresentazioni visive. È attraverso la percezione visiva che l’uomo principalmente entra in rapporto con il mondo esterno. Ci sono molte e importanti citazioni a testimonianza che l’occhio permette all’uomo di riconoscere il mondo come altro da sé, di costruire la propria identità culturale, il proprio senso di appartenenza sociale ed esprimere la propria soggettività.

  7. Audiovisivi per línsegnamento e nuove tecnologie nelle classi 2.0 della regione Emilia-Romagna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Corazza

    2015-01-01

    Full Text Available I bambini e i ragazzi nel nuovo millennio sono forse più avvezzi alla visione di un film o di una trasmissione televisiva che non alla lettura di un libro. Quello che è certo, è che sono sottoposti a un bombardamento mediatico senza precedenti grazie a canali televisivi specializzati nella produzione di programmi per l’infanzia e l’adolescenza, alla Rete Internet e ai dispositivi mobili di ultima generazione. E a scuola? Come cambia la didattica? Al laboratorio Mela abbiamo documentato con un video l’avvio della prima esperienza delle Cl@ssi 2.0 in Emilia-Romagna nelle scuole secondarie inferiori. Alla fine dei 3 anni di sperimentazione, durante i quali gli insegnanti hanno utilizzato LIM, computer in classe e Moodle per l’insegnamento a distanza, abbiamo invece cercato di capire, con un questionario, come e quanto vengano utilizzati i video per la didattica. Ne sono seguite alcune riflessioni.

  8. Spaziotempo la relatività ristretta

    CERN Document Server

    Sexl, Roman

    1980-01-01

    Invitato a parlare della propria vita per un volume celebrativo del suo settantesimo compleanno, Albert Einstein, sempre restio a ogni forma di pubblicità personale, invece di scrivere della sua esistenza privata scelse di rievocare gli sviluppi del suo pensiero: dalle prime curiosità all'affermarsi della vocazione giovanile, sino al riconoscimento sempre più chiaro delle mete che si prefiggeva. Un'"autobiografia scientifica", insomma, dove più dei fatti contano le rivoluzionarie formulazioni teoriche che hanno impresso una svolta fondamentale alla fisica moderna. A seguire, scienziati eminenti come Wolfgang Pauli, Max Born, Niels Bohr e Kurt Godei discutono l'"autobiografia" di Einstein facendo rivivere la grande disputa tra deterministi e indeterministi, tra la ricerca einsteiniana di una teoria del campo sempre più generale e la concezione opposta, allora sostenuta dalla maggioranza dei fisici. Infine, nella sua incisiva replica finale, Einstein risponde punto su punto ai commentatori e ai critici, di...

  9. Cronaca di una lezione annunciata: process drama e glottodrama tra passato e sperimentazioni odierne

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dario Sponchiado

    2016-09-01

    Full Text Available In che misura e con quali risultati è possibile impiegare i metodi glottodrama e process drama in situazioni in cui opera la maggior parte degli insegnanti e che sono lontane dagli standard ideali segnalati dagli esperti? Questo saggio ricostruisce le radici storiche del process drama e del glottodrama presentandone alcune applicazioni attraverso un esperimento didattico. A supporto di un corso tradizionale, in cui erano emerse delle carenze nella produzione orale, infatti, ho gestito parallelamente un avviamento alla drammatizzazione didattica, coinvolgendo gli apprendenti nello studio di una lingua più viva e autentica. Tramite un percorso a tappe e un progetto finale (la realizzazione di un video, pertanto, gli studenti hanno sperimentato la potenza creativa della lingua e imparato a manipolare il linguaggio per costruire e negoziare significati. Particolare attenzione viene, inoltre, data alle attività svolte e ai risultati ottenuti con l’impiego del drama nella glottodidattica.

  10. Vivere la transizione. La fine del monopolio delle scienze ecclesiasticistiche e la difficoltà di gestire le nuove dimensioni del fenomeno religioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Autori vari (Silvio Ferrari e altri

    2017-03-01

    Full Text Available Si pubblicano di seguito i testi degli interventi tenuti il 27 gennaio 2017 presso la sede bolognese de “il Mulino” in occasione dell’Incontro annuale degli “Amici dei Quaderni di diritto e politica ecclesiastica”. La peculiare rilevanza del tema del dibattito induce a estenderlo anche a quanti non hanno potuto prendervi parte di persona. Pertanto, s’invitano tutti i cultori delle materie del settore scientifico-disciplinare Ius 11 (professori ordinari, associati, ricercatori, assegnisti, dottori di ricerca, cultori a inviare liberamente un proprio contributo, contenuto in non più di cinque cartelle, per dare progressivamente corpo a un quadro articolato e plurale dello stato delle discipline e delle prospettive future. I contributi, conformi ai criteri redazionali, non saranno sottoposti a valutazione.

  11. District heating in Italy; Genesi ed evoluzione del district heating in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sacchi, E. [Milan Politecnico (Italy). Dip. di energetica

    1998-12-01

    The legislative act establishing the electric monopoly virtually shut out the district heating associated with electricity cogeneration, while other laws, issued to counteract the effects of oil shocks, allowed municipal utilities to do so. Thus, district heating has experienced some development, though well below its possibilities. The article analyses the reasons for this lagging, reports district heating data and projects its forecasts against the Kyoto Protocol objectives. [Italiano] La legge istitutiva del monopolio elettrico ha di fatto impedito il district heating associato alla cogenerazione di elettricita`, mentre le leggi tese a contrastare gli effetti delle crisi energetiche lo hanno reso possibile ad opera delle aziende municipali: un certo sviluppo si e` verificato, seppure ben al di sotto delle possibili potenzialita`. L`articolo analizza i motivi di questo rallentato sviluppo, riporta i dati del district heating e ne proietta le previsioni lungo gli obiettivi del Protocollo di Kyoto.

  12. Nascita e destino della soggettività. Dai ruoli professionali ai processi di cura, attraverso una lettura di "Quel che resta del giorno" di Kazuo Ishiguro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele Profita

    2017-07-01

    Full Text Available Questa riflessione affronta un tema assai rilevante per le professioni di cura, con uno sguardo particolare alla psicoterapia. Per chiarire il ruolo della soggettività e della nascita e maturazione di un ruolo professionale riporterò un’analisi di un testo letterario attraverso il quale sarà più agevole scoprire come si forma l’identità di un ruolo professionale e come si avvia alla sua maturazione e alla sua codificazione. In particolare quali sono i rischi legati ad una sua rigida codificazione rivolta alla sua normatività tecnica? Mi propongo di tracciare un confronto con alcune forme di costruzione della soggettività che nel corso dei secoli hanno fondato il modello dell’uomo occidentale nelle sue articolazioni professionali.

  13. L’Igea delle Terme Milano: il contesto di rinvenimento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pietro Mecozzi

    2012-01-01

    Full Text Available Lʹarticolo prende in esame il contesto di rinvenimento della testa marmorea di Igea recentemente scoperta a Gortina. In particolare intende fornire un quadro generale delle diverse fasi evolutive delle cosiddette Terme Milano e dell’area da esse occupata, dal punto di vista stratigrafico e cronologico. L’attenzione è volta per lo più alle ultime campagne di scavo, che hanno interessato l’area orientale delle Terme. L’articolo presenta inoltre una descrizione specifica del muro all’interno del quale è stata rinvenuta la scultura ed i confronti con altre strutture simili e coeve rinvenute nel sito di Gortina, con particolare attenzione alla comune tecnica costruttiva.

  14. Panorama linguistico e interculturale in America Latina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Melissa Maravilca

    2015-10-01

    Full Text Available In America Latina, la tradizione amerindia è entrata in contatto con altre vertenti culturali, specialmente l'ispanica perciò si sono intrecciati, in passato e nell'attualità , molteplici e complesse reti sociali come conseguenza delle varie interazioni, che potrebbero essere strumentali, comunicative, cooperative o conflittuali. La popolazione indigena latino-americana, che attualmente sono circa cinquanta milioni di persone è determinante nella configurazione storica e culturale del continente e soprattutto nel futuro dell'educazione dei popoli. A continuazione, analizzerò gli inizi e le cause che hanno portato tutta l'America Latina ad ascoltare la voce decisa e altisonante delle sue popolazioni indigene. Così come l'impegnativo percorso che l'interculturalità  ha realizzato negli ultimi 30 anni.

  15. Marco Benoît Carbone, Tentacle erotica. Orrore, seduzione, immaginari pornografici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Zenobi

    2015-05-01

    Full Text Available “Mimesis Media/Eros. Sessualità, tecnologia, rappresentazioni” è la collana diretta da Giovanna Maina e Federico Zecca, due giovani studiosi che, assieme ad Enrico Biasin (Porno espanso, Mimesis, 2011, Porn after Porn, Mimesis International, 2014, hanno avuto il merito di “sdoganare” i porn studies in Italia e, soprattutto, di averlo fatto in una maniera tale da renderli un componente di primo livello del dibattito scientifico, grazie alla collaborazione con studiosi internazionali e a un attento e competente lavoro su categorie che fanno parte oramai da qualche anno del panorama culturale contemporaneo. I workshop sulla pornografia organizzati all’interno delle attività del FilmForum di Udine e Gorizia sono parte integrante e creativa di un laboratorio che in breve tempo ha scalfito le rigide barriere disciplinari dell’accademia italiana coinvolgendo studiosi di discipline e campi diversi.

  16. Sempre connessi: il media multitasking a lezione e durante lo studio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gisella Paoletti

    2015-07-01

    Full Text Available In questa ricerca abbiamo chiesto a 100 studenti universitari di descrivere le modalità d’uso dei propri strumenti tecnologici nei diversi contesti di studio e durante le lezioni in aula. Le risposte ottenute hanno evidenziato un uso esteso e continuo del cellulare per scrivere e rispondere a messaggi, sia a lezione sia durante le attività di studio. Nel gruppo di studenti da noi incontrati risulta essere diffusa l’opinione che fare multitasking, in particolare tramite la ricezione/produzione di messaggi, non abbia effetti sulla qualità dell’apprendimento, ma solo sul tempo dello studio. I partecipanti dichiarano di preferire ambienti privi di distrazioni, ma attribuiscono una valenza positiva alla possibilità di rimanere in relazione continua con la propria rete di contatti.

  17. Architettura e/è Geometria: dalla forma architettonica alla costruzione geometrica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariateresa Galizia

    2012-06-01

    Full Text Available L’avvento delle tecnologie digitali di acquisizione dati 3D ha proiettato gli studiosi dell’architettura in una dimensione del tutto inaspettata. Milioni di punti hanno travolto ricercatori e professionisti ancora culturalmente impreparati ad affrontare la rivoluzione digitale nel campo del Rilievo. Le nuvole di punti acquisite documentano e allo stesso tempo rappresentano la spazialità degli oggetti reali, tuttavia, nulla rivelano su forma e geometria, architettura e materia se non attraverso una successiva interpretazione. Il contributo vuole soffermarsi sulle implicazioni teoriche e applicative del processo di interpretazione dei dati acquisiti per la comprensione della geometria e sulla funzione euristica della modellazione digitale, nel passaggio dal “noto all’ignoto”, nella “ri-scoperta” della forma e quindi dell’idea progettuale.

  18. Tra calofilìa e filocalìa: breve riflessione sulla bellezza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulio Maria Chiodi

    2015-03-01

    Full Text Available Che cosa hanno in comune le cose belle? A mo’ di esempio: ritengo bellissima la nona sinfonia di Beethoven, bellissima la Gioconda di Leonardo, bellissimo l’infinito di Leopardi. Mi sento, però, assolutamente incapace di dire che cosa accomuni queste opere, senza nel contempo snaturarle. Altrettanto trovo bellissima la quinta sinfonia di Mahler e il ritratto di Adele Bloch-Bauer di Gustav Klimt. Tra queste due opere mi è certo molto più facile trovare elementi in comune, ma ciò dipende dal fatto che Mahler e Klimt sono cresciuti in un medesimo clima culturale, quello della Vienna degli stessi anni; tuttavia, l’appartenenza a un medesimo ambiente culturale di due diverse opere non ha proprio niente di decisivo per la loro appartenenza al bello in quanto tale. Il bello, fra l’altro, non ha tempo e luogo, anche se la cosa bella vi si ambienta.

  19. Callimaco, il «Fedone» e la scuola filosofica cirenaica nell’epigramma per Cleombroto (Call. 23 Wil.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pelucchi

    2016-12-01

    Full Text Available Muovendo dall’epigramma per Cleombroto (AP 7,471 = 23 Wil. = 53 G.-P., l’articolo si propone di rivalutare la posizione di Callimaco rispetto a un autentico interesse per la filosofia. Contro le interpretazioni più recenti, che hanno letto l’epigramma alla luce di una polemica innanzitutto “metacomunicativa”, si cerca di mostrare come l’intento ironico dei versi possa essere compreso pienamente solo ammettendo una simpatia di Callimaco per la scuola cirenaica. L’epigramma sembra dunque presupporre una critica alle tesi sostenute nel Fedone, in effetti incompatibili con le dottrine dei Cirenaici, che non dovevano condividere la lettura platonica dell’insegnamento di Socrate, almeno per come questa emerge nel dialogo. È così possibile riconoscere la pointe dell’epigramma nell’intenzione di mostrare le tensioni interne al Fedone, specificamente in merito alla questione del suicidio.

  20. Incompiuto trentino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Staniscia

    2014-12-01

    Full Text Available Rifiuti, rottami, rovine, macerie, ruderi, resti, frammenti, scarti, drosscape, sono termini sempre più spesso ricorrenti nel dibattito contemporaneo sulla città e sul paesaggio. Se ne indagano, spesso, la genesi e, con spirito positivista, il possibile approccio operativo al "che farne"; se ne riconoscono le potenzialità – perché questo hanno di buono: essere testimonianza del passato e promessa per il futuro ; si ravvisa l’urgenza di capitalizzare questo singolare patrimonio, se non altro perché,data la scarsità di risorse naturali (di suolo in particolare ed economiche, avere una dotazione di"beni"a disposizione costituisce già una grande risorsa.

  1. Esercizio dell’attività di impresa in forma societaria e disciplina di cui all’art. 230-bis c.c.: sull’asserita incompatibilità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Balestra

    2015-01-01

    Full Text Available Le Sezioni Unite (Cass., sez un., 6 novembre 2014, n. 23676 Rel. Bernabai già segnalata in questa Rivista hanno risolto il conflitto, profilatosi innanzi alla Sezione lavoro agli inizi del nuovo millennio, in ordine alla portata applicativa dell’art. 230-bis c.c., essendo state chiamate a stabilire se la fattispecie compendiata dalla norma in questione presupponga necessariamente un imprenditore persona fisica – elemento per vero non enunciato esplicitamente dalla disposizione, ma ricavabile dal comma 3 dell’art. 230-bis c.c. ove v’è il riferimento a un vincolo (di coniugio, parentela o affinità configurabile solo tra persone fisiche – o se, invece, sia prospettabile anche quando l’attività di impresa venga svolta in forma societaria.

  2. Ricerche di topografia antica 2004-2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna Bonora Mazzoli

    2009-05-01

    Full Text Available Si presentano in maniera sintetica e preliminare i risultati dei progetti di ricerca della Cattedra di Topografia Antica dell’Università degli Studi di Milano, svolti grazie a finanziamenti di Ateneo e ministeriali nel triennio 2005-2008.In tutti i casi di studio, si è applicata seppur con diversa intensità la metodologia del survey, sia quando si è voluto affrontare un vero e proprio progetto di landscape archaeology  (progetto Paesaggi d’Acque. Indagini topografiche nelle lagune di Orbetello, sia quando le ricognizioni di superficie hanno poi suggerito interventi di scavo per indagare più puntualmente singoli siti o contesti insediativi (progetti di ricognizione sul Lario orientale e nell’Alta Pianura friulana.

  3. Prefazione—aspetti relativi al benessere animale nel trasporto a lunga distanza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gardner Murray

    2008-03-01

    Full Text Available Il trasporto di animali all'interno dello stesso paese e tra paesi, regioni e continenti si incrementa significativamente e si evolve nella sua natura. Le statistiche dell'International Trade Centre of the United Nations Conference on Trade and Development and the World Trade Organization mostrano che il valore del commercio mondiale di animali vivi ammontava a 8,7 bilioni di dollari americani nel 2000 e a 12,1 bilioni di dollari americani nel 2005. Questa cifra già enorme aumenterebbe se fossero presi in considerazione gli animali degli zoo, la fauna selvatica e il traffico illecito.La storia del trasporto animale risale a migliaia di anni fa. Resta tutt'oggi molto praticato però con le misure appropriate a tutela del benessere degli animali. Nel 21mo secolo, quello che cambia è la natura stessa del trasporto (terra, aria e mare, il volume di traffico e la coscienza sociale a proposito di tematiche come il benessere e la richiesta che gli animali vengano trattati in maniera umana e conformemente ai più opportuni sistemi moderni. Questo ha incrementato i volumi dei trasporti creando una condizione senza precedenti per quanto riguarda il rischio di diffusione di malattie infettive, incluse quelle trasmissibili all'uomo.Il centro dell'interesse pubblico sul benessere animale riguarda fattori come la carenza di infrastrutture e di investimenti per quando riguarda la formazione, la ricerca e il miglioramento degli standard, così come l'indifferenza e la negligenza. Le ditte per il trasporto di animali vivi vengono diffidate quando non provvedono a queste mancanze.Fortunatamente, un numero di paesi ha anticipato queste problematiche ed ha introdotto una serie di attività a supporto di pratiche atte a migliorare il benessere degli animali. Molti hanno ammesso la chiara connessione tra benessere animale, sanità e pratiche d'allevamento, ed hanno istituito una politica adatta a ricomprendere queste attività all'interno di un servizio pubblico

  4. L'Uomo delinquente di Cesare Lombroso: tra scienza e letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Rodler

    2012-05-01

    Full Text Available Questo articolo presenta il rapporto tra Cesare Lombroso e la letteratura, con particolare riferimento alla prima edizione dell’Uomo delinquente (1876. Rispetto agli studi precedenti che hanno riguardato soprattutto l’“effetto lombroso“ sui critici e gli scrittori successivi, questo contributo presenta l’“effetto letteratura“ sul pensiero lombrosiano tra gli anni Sessanta e Settanta dell’Ottocento, quando Lombroso apprende dalla linguistica a riflettere sulle origini dell’uomo, dall’antropologia a definire la nozione di atavismo, dalla letteratura a modellare la propria scrittura narrativa. L’articolo cerca di precisare la struttura dell’Uomo delinquente, la retorica della descrizione fisiognomica (fondata sull’ipotiposi e non sull’iperbole e la biblioteca dei libri consigliati (in primis Dante e Manzoni, riletti con fortuna anche nella critica letteraria del tardo Ottocento italiano e proibiti (tra cui Ovidio, Petronio, Apuleio, la letteratura picaresca, il romanzo francese dell’Ottocento.

  5. Comporre il diverso: l'idea di 'società' nell'insegnamento della composizione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Guanti

    2013-12-01

    Full Text Available La problematica aspirazione a un’arte, e in particolar modo a una musica, universale è pari a quella della prospettiva che le configura come oasi di protezione e conservazione per antonomasia delle singolarità culturali. L’universalismo cosmopolita illuminista, prima, poi gli esasperati nazionalismi ottocenteschi, hanno segnato profondamente la cultura europea fin nelle più capillari declinazioni della didattica musicale. Oggi non si può certo più insegnare a comporre nello stile francese, tedesco o italiano, come pur si faceva sino alla conclusione della Seconda Guerra Mondiale; si possono, e si devono, invece, valorizzare i tratti salienti del “sapere musicale europeo”, che fu e che rimane omogeneo e unitario nelle basilari strutture linguistiche a dispetto di qualsiasi artificiosa enfatizzazione delle sue interne differenziazioni e articolazioni locali.

  6. Spettrometro e la segnatura muonica dell'esperimento OPERA

    CERN Document Server

    Di troia, Claudio

    OPERA è un esperimento in fase di installazione presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso che investiga sulla apparizione di neutrino tauonico generato per oscillazione di sapore da un fascio di neutrini muonici inviati dal CERN verso il Gran Sasso: il fascio di long baseline CNGS. OPERA è dotato di 2 spettrometri per l'identificazione dei muoni, la determinazione del momento e l'assegnazione della carica. Sono riportati i risultati dello studio delle proprietà e delle performance degli spettrometri. Per il magnete dipolare sono mostrate le proprietà chimiche, meccaniche e magnetiche; le mappe di campo magnetico atteso sono state simulate e viene descritto come il campo magnetico possa venir monitorato durante la presa dati. Sono descritti i test (i controlli di qualità) eseguiti sui Resistive Plate Chambers, i rivelatori traccianti all'interno del magnete. I test hanno selezionato gli RPC con adeguate proprieta' meccaniche (tramite test pneumatici) ed elettriche (tramite test di condizionamento). Dal...

  7. Paesaggio agrario e metropoli. Il caso milanese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giancarlo Consonni

    2012-08-01

    Full Text Available La bellezza dei paesaggi agrari è il risultato della cura prestata alle capacità riproduttive della terra e alla possibilità di abitarla. Per una adeguata difesa di questa bellezza si rende necessaria la conoscenza dei processi costitutivi dei paesaggi come di quelli che hanno presieduto al loro disfacimento e alla perdita della bellezza. Il caso milanese è emblematico dell’impossibilità di isolare la campagna dalla città, i paesaggi agrari dalle dinamiche insediative e dunque dai sistemi di relazione, dai modi di abitare e dal modo di produzione. La riconquista per l’agricoltura della funzione originaria di costruttrice del paesaggio deve andare di pari passo con il controllo rigoroso della tendenza insediativa, contrastando quanto più possibile il consumo di suolo.

  8. Apprendimento tra tecnologie, intrattenimento e creatività

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Lucia Bossio

    2013-03-01

    Full Text Available Le connessioni tra i saperi scientifico-tecnologici e quelli umanistici hanno oggi più che mai la possibilità di consolidarsi grazie all'uso sempre più diffuso delle tecnologie in ambito educativo. Principi, concetti e teorie della scienza possono essere proposte ai giovani attraverso modalità a loro familiari poiché basate su tecnologie spesso di immediato utilizzo e capaci di suscitare in loro curiosità e interesse. Così anche i concetti più complessi, difficili, apparentemente incomprensibili, possono diventare, se interpretati sotto una corretta luce, grazie anche a una guida esperta, patrimonio di ciascuno. Questo lavoro presenta dei laboratori ideati e realizzati per la divulgazione della scienza all'interno di due mostre espositive. In particolare, gli ambienti sono stati concepiti appositamente per la divulgazione della teoria del caos e sono stati realizzati mediante l'impiego di opportune tecnologie multimediali.

  9. Dual-tasking over an extended walking distance is associated with falls among community-dwelling older adults

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hirashima K

    2015-04-01

    Full Text Available Kenichi Hirashima,1,2 Yumi Higuchi,1 Masakazu Imaoka,1 Emiko Todo,1 Tomomi Kitagawa,1 Tetsuya Ueda11Graduate School of Comprehensive Rehabilitation, Osaka Prefecture University, Habikino Campus, Habikino City, Osaka, Japan; 2Faculty of Health and Welfare, Department of Physical Therapy, Tokushima Bunri University, Nishihamaboji, Yamashiro Town, Tokushima City, Tokushima, Japan Aim: Dual-task methods, in which walking is the primary task, are not sufficient for accurately screening for the risk of falls among healthy older adults. Therefore, the goal of this research was to investigate whether using a dual-task method over an extended walking distance can predict falls among community-dwelling older adults.Methods: We enrolled independent community-dwelling adults aged ≥65 years. Physical performance, cognitive function, psychological function, and a dual-task test were assessed at baseline. Our dual-task test required the subjects to walk 60 m while stepping over lines. The intervals between the lines ranged from 50–100 cm and were unequal. Falls and fall-related injuries were measured over a 12-month follow-up period using monthly postal surveys. Results: Ninety-two of 118 subjects (mean age, 75.4±5.5 years completed the 12-month follow-up. Sixteen (17.4% of fallers had injurious falls or fell more than or equal to two times. There were no significant differences between the fallers and non-fallers, except in age and in the number of missteps during the dual-task test when walking ≥40 m. The Kaplan–Meier analysis revealed that those who had more than one misstep while walking ≥40 m had a significantly higher incidence of injurious or multiple falls than those who had no missteps.Conclusion: Our findings suggest that the dual-task method with an extended walking distance may be able to predict falls among community-dwelling older adults. Keywords: cohort study, community-dwelling older adults, dual-task, falls

  10. Long-term gene therapy with Del1 fragment using nonviral vectors in mice with explanted tumors

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kitano H

    2016-01-01

    Full Text Available Hisataka Kitano,1 Atsushi Mamiya,1 Tomomi Ishikawa,2 Kayo Egoshi,3 Shinichiro Kokubun,2 Chiaki Hidai2 1Division of Dental Surgery, School of Medicine, Nihon University, Tokyo, Japan; 2Division of Physiology, Department of Biomedical Science, School of Medicine, Nihon University, Tokyo, Japan; 3School of Medicine, Nihon University, Tokyo, Japan Abstract: Cancer gene therapy using nonviral vectors is useful for long periods of treatment because such vectors are both safe and inexpensive, and thus can be used repeatedly. It has been reported that gene therapy with an E3C1 fragment of Del1 in a mouse explanted tumor model improved prognosis. The present study aimed to analyze the long-term effects of repeated nonviral gene transfer of E3C1. Mice with explanted tumors of SCCKN cells, a human squamous carcinoma, were treated with a plasmid encoding E3C1. Plasmids were injected locally every week using a transfection reagent. Control mice treated with mock DNA started to be euthanized on day 18, because the tumors had grown to over 15% of the body weight, and all of them had died by day 43. On the other hand, the tumors in two of ten mice treated with E3C1 had disappeared. The other eight mice started to be euthanized on day 46 and eight of ten mice had been euthanized by day 197. After 18 days of therapy, the tumor volume of control mice was 2,804±829 mm3 and that of the E3C1 mice was 197±159 mm3. Histochemical studies showed enhanced apoptosis in the E3C1-treated tumors, as compared with controls. Changes in cell morphology and decreased polymerized actin induced by E3C1 indicated disturbed cell adhesion to the matrix. In in vitro studies of SCCKN cells, prolonged administration of an E3C1 recombinant protein to cultured cells reduced adhesion-independent growth of cancer cells, as compared with control cells. These data suggest that E3C1 treatment induces anoikis. Keywords: cancer gene therapy, nonviral vector, apoptosis, anoikis, Del1

  11. Book reviews

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redactie KITLV

    2013-01-01

    Termorhuizen, Realisten en reactionairen: Een geschiedenis van de Indisch-Nederlandse pers 1905-1942 (Pieter Drooglever Tjien Oei (ed., Memoirs of Indonesian doctors and professionals 2; More stories that shaped the lives of Indonesian doctors (Vivek Neelakantan Tomomi Ito, Modern Buddhism and Buddhadāsa Bhikkhu: A social history (Justin McDaniel Geoff Wade and Li Tana (eds, Anthony Reid and the study of the Southeast Asian past (Henk Schulte Nordholt Roxana Waterson and Kwok Kian-Woon (eds, Contestations of memory in Southeast Asia (Kevin Blackburn

  12. Il sistema finanziario internazionale: crisi o ristrutturazione? (The international financial system: crisis or reform?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. PARBONI

    2013-12-01

    Full Text Available Alla fine degli anni settanta e primi anni ottanta un'importante evoluzione ha avuto luogo nei compiti e le funzioni delle istituzioni finanziarie internazionali ufficiali. Questa evoluzione è in diretta opposizione alla situazione del decennio precedente, durante il quale i flussi finanziari ufficiali hanno perso importanza rispetto a quelli privati, soprattutto rispetto a quelli gestiti da banche internazionali. Dopo essere diventati apparentemente obsoleti, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale hanno riacquistato importanza e la questione della riforma del sistema finanziario internazionale è tornata al centro del dibattito. Il presente articolo esamina gli sviluppi all'interno del sistema finanziario internazionale negli ultimi anni e le loro implicazioni per il futuro. Infine, l'autore affronta la necessità di una riforma.In the late seventies and early eighties an important evolution took place in the tasks and functions of official international financial institutions. This evolution is in direct opposition to the prevailing situation of the previous decade, during which time official financial flows lost importance over private ones, especially compared to those handled by international banks. After becoming seemingly obsolete, the International Monetary Fund and the World Bank have regained prominence and the issue of reform of the international financial system has returned to the centre of debate. The present article looks at the developments within the international financial system in recent years and their implications for the future. The new tasks of official international financial institutions are dealt with and the solidity of the financial system is analysed. The insolvency of debtors and bank balances is then considered as well as the lender of last resort. Finally, the author addresses the need for reform.JEL: F33, G23

  13. Filogeografia di alcune specie di mammiferi in Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ettore Randi

    2003-10-01

    Full Text Available La filogeografia si occupa dello studio della distribuzione geografica delle linee genetiche che sono presenti nelle popolazioni all'interno di una specie o in gruppi di specie filogeneticamente vicine. In Europa la distribuzione geografica della diversità genetica viene interpretata nel contesto dei cambiamenti climatici del Pleistocene, assumendo che i ripetuti cicli glaciali ed interglaciali abbiano determinato profonde trasformazioni nella distribuzione delle comunità e delle singole specie. Evidenze paleoecologiche e molecolari suggeriscono che le popolazioni di specie adattate ai climi temperati siano sopravissute alle glaciazioni in aree rifugio meridionali (sia nelle regioni Mediterranee che in Europa orientale, acquisendo caratteristiche genetiche peculiari. Nel corso dei periodi interglaciali, queste popolazioni hanno ricolonizzato l'Europa centrale e settentrionale, seguendo vie di dispersione che sono ricostruibili tramite l'analisi di specifici marcatori genetici. L'analisi filogeografica indica che ogni specie ha la propria storia. Tuttavia è possibile individuare alcuni "modelli" di filogeografia dei mammiferi in Europa: il modello classico dei rifugi meridionali (esemplificato dal caso del riccio, Erinaceus europaeus; un modello caratterizzato da successive fasi di colonizzazione da aree di speciazione in Eurasia (come nel caso del camoscio, Rupicapra, un modello caratterizzato dalla dislocazione settentrionale di intere popolazioni che scompaiono completamente dalle aree rifugio (come è avvenuto in alcune specie di chirotteri e di specie di ungulati a distribuzione settentrionale. Esistono, infine, casi di apparente mancanza di struttura filogeografica, come, ad esempio, nel caso del lupo e di altre specie ad elevato potenziale di dispersione e di flusso genico. L'analisi filogeografica consente di identificare alcune popolazioni di mammiferi distribuite nelle presunte aree di rifugio, comprendenti l

  14. Psychoanalysts through History Psychoanalysts. The pleasure of thinking, by Patrizia Cupelloni,

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Guidi

    2013-06-01

    Full Text Available Introdotto da Patrizia Cupelloni, il volume è scritto da dodici psicoanaliste, ciascunadelle quali presenta la vita e l'opera di una psicoanalista del passato, a partire dallaprima, in ordine cronologico, Lou Andreas Salomé. Le riflessioni che qui presento sonoil frutto di una lettura obliqua - quella di una storica incuriosita da queste dodici donneeccezionali. Non entro dunque, né sarei in grado di farlo, negli appassionati e taloralaceranti confronti tra queste dodici scienziate e la comunità psicoanalitica su temi qualiil training del futuro analista, l'evoluzione del rapporto madre-bambino dalla fusionealla differenziazione, i rischi insiti nelle primissime fasi di vita di produrre una futurapatologia psichica...Mi soffermerò invece sui molti spunti che vengono da queste dodici biografie inrelazione a temi che sono il mio pane quotidiano di storica: il contributo delle donne allacultura e alla scienza moderne; i processi attraverso cui si definiscono identità di generee sessualità; i percorsi biografici e intellettuali di donne che, vissute tra fine Ottocento eprimi decenni del Novecento, non solo hanno violato codici patriarcali per affermare lapropria autonomia e creatività, ma hanno elaborato la propria distanza da queiparadigmi offrendo, attraverso scritture in cui spesso l'autobiografia si incrocia conl'elaborazione teorica, strumenti di critica e di liberazione alla società del loro tempo.Sotto quest’aspetto le vite di psicoanaliste come Lou Andreas Salome o SabinaSpielrein richiamano alla mente quelle di rivoluzionarie come Alessandra Kollontaj, discrittrici come Virginia Woolf e Sibilla Aleramo.

  15. Il paesaggio di Matera nell'interpretazione cinematografica / Matera landscape in the cinematographic interpretation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Bencivenga

    2016-05-01

    Full Text Available Una definizione classica inquadra il paesaggio come natura percepita attraverso una cultura. Sulla "storicità" del paesaggio, alcuni autori hanno sottolineato la capacità del cinema di registrare le trasformazioni del territorio e allo stesso tempo di orientare lo sguardo su di esso. La Basilicata, a partire dal secondo dopoguerra, è stata terra di cinema; più di quaranta produzioni cinematografiche sono state realizzate sul suolo lucano. Una tendenza dominante, da Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini a Cristo si è fermato a Eboli di Francesco Rosi, ha messo in luce la condizione di miseria e arretratezza della Basilicata, influenzata da autori come Carlo Levi ed Ernesto De Martino. Interessante è il caso di Matera che, da espressione cinematografica di tale tendenza interpretativa, è diventata teatro di opere filmiche - come The Passion di Mel Gibson - che hanno contribuito a formare l'immagine di una città quasi mistica e culturalmente attiva. A classical definition of landscape is "nature perceived through a culture". On the "historicity" of the landscape, some authors have underlined the cinema’s capacity  to register the transformations of the territory and, at the same time, to direct the gaze on it. Since the end of the Second World War, the Basilicata region has been a film location; more than forty full length movies have been shot in Basilicata. Most of them, from The gospel according to St. Matthew by Pier Paolo Pasolini to Christ stopped at Eboli by Francesco Rosi, have shown the misery and the backwardness of Basilicata, inspired by the works of some authors as Carlo Levi and Ernesto De Martino. Matera is an interesting case study: from expression of this cinematic representation, in the last years it has become the location of some movies - like The Passion by Mel Gibson - that have had an important role in building the image of Matera as an almost mystic and culturally dynamic city.

  16. Premi letterari e traduzioni (1990-2012: il caso Spagna-Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Cattaneo

    2013-11-01

    Full Text Available In un contesto globalizzato, in cui l’industria culturale iberica e l’editoria italiana sono state al centro di cambi epocali che le hanno convertite in vasi comunicanti soggetti alle leggi dell’economia mondiale e della società dello spettacolo, può essere utile analizzare come le case editrici della nostra penisola abbiano accolto, negli ultimi vent’anni (dal 1990 al 2012, gli autori e i libri vincitori e finalisti di cinque storici premi letterari spagnoli (il Nadal, il Planeta, il Premio Herralde de Novela, il Nacional de Narrativa e il Nacional de la Crítica poiché, a partire da un quadro d’insieme delle opere tradotte, è possibile, basandosi sulle trame dei volumi e sulle pubblicazioni in lingua italiana che hanno preceduto o seguito la loro stampa, elaborare congetture in merito alle linee guida recentemente adottate da un buon numero di editori nostrani e, al contempo, stilare bilanci riguardo all’impatto della narrativa spagnola nell’attuale mercato librario italiano. In a globalized world, both Spanish and Italian publishing industries have been subjected to radical changes that transformed them into communicating vessels prone to economic laws and dependant on the mechanisms of the society of the spectacle. In such a context, it would be useful to analyse the interest showed in the last twenty years (from 1990 to 2012 by Italian publishing houses towards writers and books distinguished with some of the most notorious Spanish literary awards (Nadal, Planeta, Herralde de Novela, Nacional de Narrativa, Nacional de la Crítica. In this way, starting from a brief abstract of the awarded plots and from an overview of the existing Italian translations of their authors, it would be possible to conjecture some of the recent guidelines followed by Italian publishers and, at the same time, thus would allow us to evaluate the impact of Spanish narrative in our book market.

  17. Bico 2: second national intercomparison campaign of WBC centres working in Italy; Bico 2: la seconda campagna MIDIA di interconfronto dei WBC operanti in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Battisti, P.; Tarroni, G. [ENEA, Centro Ricerche `Ezio Clementel`, Bologna (Italy). Dip. Ambiente

    1998-12-31

    During the period November 1994 - May 1995 the coordinating group of WBC centres working in Italy organised the 2. national intercalibration and intercomparison campaign. A BOMAB phantom was used filled with four radionuclides gel solution with gamma energy emissions ranging between 100 keV and 2 MeV. 17 out of 21 Italian WBC centres took part in the campaign. Through the intercalibration, organised according to internationally accepted methodologies, each WBC centre could check its own calibration procedures. many intermediate data, collected for the methodologies and measurement procedures intercomparison, permitted analyses and comparison of uncertainly causes in a WBC measurement of the internal contamination. A proposal of MDA definition and assessment procedure resulted from the intercomparison campaign. [Italiano] Il Coordinamento dei Centri WBC operanti in Italia ha organizzato la seconda campagna di intercalibrazione ed interconfronto nazionale basata sulle misure di un fantoccio BOMAB riempito con una soluzione radioattiva gelificata contenente 4 radionuclidi con emissioni gamma nell`intervallo energetico compreso fra 100 keV e 2 MeV. Alla campagna, che si e` svolta fra novembre 1994 e maggio 1995, hanno partecipato 17 dei 21 Centri WBC censiti in Italia. L`intercalibrazione e` stata organizzata secondo criteri ormai consolidati in campo internazionale ed ha permesso ad ognuno dei partecipanti di verificare le proprie procedure di calibrazione. Per l`interconfronto delle procedure e dei metodi di misura impiegati e` stata raccolta una serie di dati intermedi che hanno consentito di analizzare e confrontare le fonti di incertezza insite nella misura di contaminazione interna nell`uomo tramite WBC. Cio` ha infine reso possibile una proposta di definizione e di procedura di determinazione del valore della minima attivita` rivelabile (MDA) in accordo con le piu` recenti tendenze in campo internazionale.

  18. L’ITALIANO ALL’UNIVERSITÉ DE SAVOIE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Costantini

    2014-02-01

    Full Text Available Il lavoro traccia un profilo degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Lingua, letteratura e cultura italiana della facoltà di Lettere, lingue e scienze umane dell’Université de Savoie (Chambéry, Francia. Basandosi su informazioni raccolte presso un campione di ventisei studenti tramite un apposito questionario, l’articolo delinea un ritratto degli apprendenti e ne analizza le esperienze passate e presenti di apprendimento linguistico; i contatti che essi hanno con l’Italia e con parlanti italofoni; le motivazioni di ordine culturale, professionale e personale che li hanno spinti all’apprendimento della lingua italiana. A partire dal loro profilo che i dati fanno emergere si stabilisce un confronto, in merito alle dinamiche di studio e alle motivazioni all’apprendimento dell’italiano, tra gli studenti di Chambéry e l’utenza dei corsi di lingua italiana organizzati dagli Istituti italiani di cultura nel mondo.  Italian at the Université de Savoie The article profiles students enrolled in the undergraduate program in Italian language, literature and culture at the Faculty of Arts, Languages and Humanities at the Université de Savoie (Chambéry, France. Based on information gathered from a sample of twenty-six students through a questionnaire, the article outlines a portrait of the learners and analyzes their past and present experience regarding language learning, contact they have with Italy and Italian speakers and the cultural, professional and personal reasons that brought them to study the Italian language. Based on the data, a comparison regarding the dynamics of Italian language learning and motivation among students in Chambéry and users of Italian language courses organized by the Italian Cultural Institutes in the world can be made.

  19. Architettura e arte pubblica in Italia dopo il 1945. About and Context

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Valenti

    2017-05-01

    - Lisa Parola, storica dell’arte, curatrice, membro dell’Associazione culturale a.titolo, Arte e sfera pubblica: l’esperienza di Nuovi Committenti in Italia. - Cesare Viel, artista, docente presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, Spazi di pubblica riflessione. I mutevoli confini della relazione tra intimo e collettivo, provvisorio e durevole, latente e manifesto nella pratica artistica contemporanea. Al fine di restituire la complessità dei temi affrontati e la ricchezza del dibattito che ha accompagnato le relazioni, per il numero della rivista “on the w@terfront” si è deciso di operare una selezione degli interventi presentati al convegno riferiti al contesto italiano (Claudia Collina, Alessandra Barbuto, Lisa Parola, Cesare Viel e di integrarla con alcuni saggi, affidati ai giovani studiosi che hanno collaborato alla redazione del volume Arte negli edifici pubblici. L’applicazione della “legge del 2%” in Liguria dal 1949 ad oggi, che illustrano la metodologia seguita nell’ambito della ricerca sulla applicazione della legge del 2% in Liguria (Rocco Spigno, che presentano i più importanti interventi e progetti culturali che hanno interessato la città di Genova dal 1992, anno dell’Esposizione Colombiana che ha segnato una inversione di rotta per il capoluogo ligure, ad oggi (Alessandra Piatti, che riflettono su come l’arte pubblica abbia trovato, in Italia, un terreno di controcultura nel World Wide Web (Francesca Bulian. Il contributo di Paola Valenti, che apre la raccolta di saggi, si propone di presentare al lettore la realtà del capoluogo ligure da un punto di vista storico, architettonico, urbanistico e culturale, evidenziando soprattutto la sua peculiare condizione di città policentrica e in costante evoluzione.

  20. Ragioni di scambio e crescita economica in Italia. (Terms of trade and Italian economic growth: accounting for miracles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. GRILLI

    2013-12-01

    Full Text Available Il lavoro sostiene che le condizioni politiche ed economiche del dopoguerra hanno portato al rifiuto della politica  di autarchia di prima della guerra in  favore di un'economia aperta . Tale decisione ha avuto implicazioni non solo per il commercio estero e i pagamenti, ma soprattutto per la struttura stessa del settore industriale italiano . Gli autori mostrano come le prestazioni di questa struttura industriale emergente è stata condizionata dall'andamento dei prezzi delle materie prime importate , e successivamente dei  semi - lavorati riguardo ai prezzi ai quali i prodotti finali possono essere venduti nei mercati di esportazione . Questi cosiddetti termini industriali di scambio si combinano con le spiegazioni di periodo di crescita del dopoguerra già esistenti che non hanno a che fare di  "miracoli " per essere spiegati.The work argues that post-war political and economic conditions led to the rejection of the pre-war policy of autarchy in favour of an open economy. This decision had implications not only for external trade and payments, but more importantly for the very structure of the Italian industrial sector. The authors show how the performance of this emerging industrial structure was conditioned by the performance of the prices of imported raw material, and subsequently semi-manufactured industrial inputs and the prices at which the final products could be sold in export markets. This so-called industrial terms of trade is combined with the previously existing explanations of post-war growth period that does not have to rely on “miracles” as explanation.JEL: F10, N34, O14

  1. Exultemur et laetemur. Riscritture inglesi e angloamericane della storia di Cristo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Di Gennaro

    2016-11-01

    Full Text Available Il genere romanzo ha potuto esplorare, con le sue possibilità specifiche, i dinamici spostamenti di senso e le aspettative che la figura di Cristo, un “personaggio” strettamente codificato dai Vangeli, ha di volta in volta ispirato in contesti diversi. Il punto di partenza è l’esame di costanti e varianti nella rappresentazione della figura di Gesù nel discorso sviluppatosi in un arco di tempo che va dagli ultimi decenni dell’Ottocento sino alla fine del secolo scorso (Renan, Wallace, Papini, Mauriac, D. H. Lawrence, Moore, Graves, Kazantzakis, Artaud, Moorcock, Bulgakov, Endō, Saramago, riscritture che hanno reinterpretato i dati storici e religiosi per trasformarli in qualcos’altro: epitome, metafora, correlativo oggettivo, capro espiatorio. L’intento è qui quello di prendere in esame alcuni testi letterari e film anglo-americani degli ultimi decenni, che hanno fatto dell’ironia o dell’esplicito riso gli strumenti per riscrivere in maniera eterodossa, ma solo apparentemente blasfema, la vita di Gesù, tra Vangeli canonici e apocrifi, rendendola materia nuova, ipostasi euforica e vitale, dopo l’anticristo nietzschiano, dopo che la sua figura è diventata, nell’Ottocento, hegeliana (Strauss, proto-comunista (Sauriac e Lynn Linton, positivista (Renan. In particolare, si prenderanno in esame i due romanzi The Gospel According to Biff, Christ’s Childhood Pal (2002, di Christopher Moore, e The Second Coming (2011 di John Niven, e si farà riferimento ai classici del cinema di genere, Life of Brian (1979 dei Monty Python, e Dogma (1999, diretto da Kevin Smith. In queste opere degli anni duemila Cristo è ancora un personaggio che deve compiere, in un modo o nell’altro, il suo destino; questi testi rappresentano vere e proprie theological fictions, costruzioni complesse che mirano a disegnarsi, in un modo efficace, una via di salvezza tranquillizzante, un paradiso su misura.

  2. Private is Public?! Der Umgang von 14- bis 18-Jährigen mit Sozialen Medien. - Eine explorativ-empirische Untersuchung im gymnasialen Kontext

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Christian Filk

    2011-12-01

    Full Text Available Die explorative Studie „Private is Public?!“ fokussiert sich auf das Mediennutzungsverhalten von 14- bis 18-jährigen Schülerinnen und Schülern mit Schwerpunkt soziale Medien. Das Forscherteam führte seine empirische Untersuchung am Mons-Tabor-Gymnasium im ländlich gelegenen Montabaur, Rheinland-Pfalz (Deutschland durch. Gestützt auf Forschungshypothesen erhoben Christian Filk, Hanno Schauer und Amina Ovcina Cajacob mit Hilfe des Instruments der schriftlichen Befragung aktuelle Trends zu Frequenz und Intensität der Nutzung sozialer Medien, zur zweckbezogenen Nutzung sozialer Medien, zu Informationsverhaltensschemata in sozialen Medien sowie zu Erfahrungen mit Cyber-Mobbing. Die gewonnenen Daten werden mittels deskriptiv-statistischer Analysen ausgewertet. Schliesslich diskutieren Verfasser und Verfasserin den innovativen Einsatz privater sozialer Medien für den Unterricht in öffentlichen Schulen. The explorative study “Private is Public?!” focuses on the use of media of 14- to 18-years-old students with a special focus on social media. The research team conducted its empirical investigation at Mons Tabor High School in the rural area of Montabaur, Rhineland-Palatinate (Germany. Based on research hypothesis Christian Filk, Hanno Schauer and Amina Ovcina Cajacob are using written surveys in order to identify current trends in frequency and intensity of performing social media, purpose-oriented use of social media, information-seeking behavior patterns in social media, and last but not least experiences with cyber-bullying. The collected data are evaluated by using descriptive statistical analysis. Finally, the authors discuss the innovative use of private social media for teaching in public schools.

  3. Rights Expression Languages: DRM vs. Creative Commons

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Moscon

    2011-05-01

    Full Text Available Lo sviluppo delle nuove tecnologie e l’utilizzo sempre più ampio del web hanno trasformato radicalmente la riproduzione e la diffusione dell’informazione. Il panorama vede contrapposto un approccio legato al rigido mantenimento dei diritti d'autore, attraverso l’utilizzo di Digital Rights Management (DRM, a nuove e più elastiche soluzioni, come quelle rappresentate dalle Creative Commons Licenses (CCLs. I DRM hanno lo scopo di rendere riconoscibili da software le restrizioni su utilizzo e circolazione dell'oggetto digitale, rendendolo immodificabile e ad accesso ristretto. Le licenze CC, invece, nascono dalla necessità di contrastare un rigido e centralizzato controllo della conoscenza, cercando di accrescere la collaborazione online. Le licenze CC danno all'utente libertà di accesso, di riproduzione e di distribuzione della risorsa e permettono all'autore di scegliere il livello di protezione dell'opera, consentendo o negando l'uso commerciale o la modifica di essa, o imponendo l'obbligo di mantenere lo stesso tipo di diritti sulle opere derivate. Il movimento alla base delle licenze Creative Commons rappresenta un punto di riferimento sia sotto l’aspetto ideologico che tecnologico; infatti, il procedimento con cui i DRM riescono ad essere efficaci nel controllo della diffusione dell’informazione viene impiegato nelle licenze CC per facilitare e incrementare la diffusione e l’utilizzo dei contenuti, con un controllo flessibile e decentralizzato. L’articolo si propone di descrivere i due modelli, evidenziandone le differenze e gli scopi.

  4. I big data e gli strumenti di visualizzazione analitica: interazioni e studi induttivi per le P.A.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Roccasalva

    2012-12-01

    Full Text Available Il saggio presenta alcuni risultati di una collaborazione tra Politecnico di Torino e il CSI Piemonte (Società di servizi Informatizzati partecipata dalla Regione Piemonte. Sono stati selezionati e studiati diversi strumenti di visualizzazione dei dati scientifici (Gapminder, ManyEyes, Open eXplorer e Fineo al fine di individuare quello più utile per una lettura induttiva di grandi quantità di dati informativi (big data. Lo sfruttamento intelligente dei dati digitali può portare a uno sviluppo conoscitivo ma anche a un profitto, le cui soglie di sfruttamento possono essere misurate in un sistema economico. Nell’irreversibile fenomeno di crescita dei dati digitali, la disciplina del “Data Visualization” diventa cruciale per accedere e comprendere informazioni complesse. Few, guru della comunicazione visiva, scrive che “scopriamo il mondo attraverso gli occhi”; le forme di comunicazione e interpretazione tradizionali dei dati hanno puntato sulla dimensione visuale per migliorare la comprensione e hanno permesso sia agli analisti sia agli utenti la sperimentazione di nuove interazioni (“story-telling”. Come urbanisti e cittadini, ci affidiamo alla vista che gestisce molti dei sensori (70% legati alla percezione, alle mappe cognitive, agli errori e ai nuovi pensieri. L’ipotesi di fondo di questo articolo vuole generare delle riflessioni sui Big Data come strategia importante per le imprese pubbliche e private che intendono imparare a cambiare dalle informazioni digitali di cui oggi disponiamo. Attraverso l’uso di uno strumento analitico di visualizzazione dei dati informativi, si descrive un recente caso di studio in un contesto territoriale come quello dei nuovi consorzi amministrativi (Unione dei Comuni NordEst Torino. In questo esperimento torna a essere attuale la necessità di pianificare le scelte in modo sistematico anche cercando di utilizzare in modo nuovo e semplice i sistemi informativi territoriali già disponibili.

  5. Convergenze, divergenze e riallineamenti nella teorica macroeconomica inglese. (Convergence, divergence and realignment in British macroeconomics

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. COBHAM

    2013-12-01

    Full Text Available In questo lavoro l' autore sostiene che le distinzione ancora frequente e semplicistica tra keynesiani e monetaristi che costituisce gran parte del popolare dibattito economico britannico è diventata gravemente fuorviante . I cambiamenti che hanno avuto luogo in macroeconomia britannici fin dai primi anni 1970 sono quindi indicati e alcuni dei fattori teorici ed empirici responsabili di questi cambiamenti sono suggeriti. L'autore presenta una breve caratterizzazione del keynesismo britannico e monetarismo al 1970 fine del 1960 / inizio , sostenendo che ci sono stati importanti elementi di convergenza . Egli procede per discutere alcuni degli sviluppi teorici e alcune delle esperienze di politica macroeconomica del Regno Unito che hanno contribuito a questa convergenza . Infine , egli considera se le etichette " keynesiani " e " monetarista " continuano ad essere rilevanti .In this paper the author argues that the still frequent and simplistic distinction between Keynesians and monetarists that makes up a large part of the British popular economic debate has become seriously misleading. Changes that have taken place in British macroeconomics since the early 1970s are thus indicated and some of the theoretical and empirical factors responsible for these changes are suggested. The author presents a brief characterisation of British Keynesianism and monetarism as of late 1960s/early 1970s, arguing that there have been important elements of convergence. He proceeds to discuss some of the theoretical developments and some of the experiences of UK macroeconomic policy which have contributed to this convergence. Finally, he considers whether the labels “Keynesian” and “monetarist” continue to be relevant.JEL: E12, E13

  6. Il futuro delle città e i luoghi del progetto aperto e del cantiere continuo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Sgarbi

    2011-12-01

    Full Text Available La Carleton University di Ottawa (Canada offre agli studenti del Master Program in Architecture l’opportunità di trascorrere un semestre all’estero dove possono frequentare corsi di teoria, storia, tecnologia e progettazione coordinati da un docente che invita autonomamente diversi insegnanti e professionisti a tenere lezioni, seminari e workshop.Claudio Sgarbi, in qualità di coordinatore e insegnante, ha scelto Bologna come sede operativa in questi ultimi tre anni. Nel 2011 il corso di progettazione della durata di tre mesi aveva come tema la riprogettazione dell’area ExStaveco. Il tema, decisamente urbano, è risultato molto complesso per studenti di architettura educati in Canada e con poche esperienze sulle città europee, che si sono trovati a dover immaginare anche un programma di utilizzo per l’intera area. Tuttavia l’immaginazione non tiene conto delle frontiere culturali e alcune proposte, nonostante la loro superficialità, meriterebbero di essere approfondite. Molti studenti, dopo settimane di ricerche, sopralluoghi, letture, discussioni, progetti iniziati e poi abbandonati, notti bianche in Via del Pratello, hanno abbozzato poco più che una intenzione o una confusione di idee. I più attenti hanno capito tuttavia che si trattava di una occasione unica per riuscire, attraverso un progetto di architettura, a re-immaginare tutta la città. [Nel menù a destra, STRUMENTI PER L'ARTICOLO, nei "File supplementari" è possibile scaricare le presentazioni in .pdf degli studenti della Carleton University, relativi al workshop sull'area Staveco (Bologna, 2011. In alternativa le presentazioni degli studenti sono scaricabili nel contributo di Claudio Sgarbi, in formato .pdf, cliccando sui link attivi presenti sui nomi degli studenti

  7. Risposte comportamentali e fisiologiche al confinamento del cane lungodegente in canile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Dalla Villa

    2014-06-01

    Full Text Available In Italia, la normativa riguardante gli animali di affezione e la prevenzione del randagismo (legge quadro n. 281 del 14 agosto 1991 impedisce la soppressione dei cani ospitati in canile se non gravemente malati o pericolosi. In quasi tutti i comuni italiani, il rapporto fra ingressi e adozioni nei canili è sbilanciato. Si generano pertanto, condizioni di sovraffollamento in cui un numero variabile di cani tende inevitabilmente a permanere nella struttura per periodi anche molto lunghi. La conoscenza degli effetti della lungodegenza sui cani di canile è ancora carente e necessita di studi mirati per permettere di fornire a questi animali il più alto grado possibile di benessere. Nel presente studio si valuta l'effetto di due differenti forme di confinamento (in gruppo o in coppia su cani lungodegenti alloggiati in canile mediante lo studio di parametri comportamentali e fisiologici. Dati osservazionali e campioni di saliva per l'analisi quantitativa di cortisolo sono stati raccolti in entrambe le condizioni di confinamento per essere utilizzati come indicatori di benessere. Il confinamento di coppia ha offerto un minor numero di stimoli sociali e ambientali, infatti, i risultati comportamentali hanno permesso di mettere in evidenza come i cani trascorrano un tempo minore in attività locomotorie, esplorative e sociali. Le analisi delle concentrazioni di cortisolo hanno lasciato supporre che le differenze riscontrate a livello fisiologico non siano imputabili al tipo di confinamento. Nonostante in questo studio non siano emerse evidenze che permettano di affermare che una forma di confinamento abbia un maggior impatto negativo sul benessere animale (ad esempio: manifestazione di comportamenti aberranti, picchi di concentrazione di cortisolo, il differente tipo di confinamento ha avuto un effetto significativo sull'espressione di una varietà di comportamenti che, comunque, appartengono al normale repertorio della specie canina. Queste

  8. Produzione e controllo di efficacia di un vaccino vivo attenuato per l'ectima contagioso ovino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Attilio Pini

    2008-09-01

    Full Text Available L’agente eziologico responsabile dell’ectima contagioso è il virus Orf, appartenente alla famiglia Poxviridae, genere Parapoxvirus. Negli allevamenti colpiti la morbilità raggiunge il 100 % mentre la mortalità è compresa tra l’1 e il 10 %. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise ‘G. Caporale’ (IZS A&M ha prodotto, secondo Farmacopea Europea, un vaccino vivo attenuato contro l’ectima contagioso degli ovini. Il ceppo di campo utilizzato è stato attenuato mediante passaggi seriali su fibroblasti primari di embrioni di pollo e quindi liofilizzato a rappresentare la master seed dalla quale è stato allestito il vaccino. L’innocuità del vaccino è stata valutata, su 20 agnelli di età compresa tra 10 e 15 giorni e 20 pecore gestanti nel secondo periodo di gravidanza, per somministrazione di dose unica, 10 dosi e due dosi ripetute a distanza di una settimana l’una dall’altra, ogni singola dose pari ad 1 ml, somministrata per via intramuscolare, aveva titolo di 104,5TCID50. L’immunogenicità è stata valutata su 10 pecore 10 agnelli inoculati con la dose vaccinale e un gruppo di 5 agnelli e 5 pecore come controllo. Gli animali inoculati sono stati monitorati sierologicamente mediante ELISA indiretta. Al 30° giorno dalla vaccinazione gli animali sono stati sottoposti a challenge mediante inoculazione per via intradermica nella regione labiale di un ceppo di campo di ectima. Tutti gli animali vaccinati non hanno mostrato segni clinici a differenza dei controlli che hanno manifestato i segni clinici dell'ectima contagioso. Ad ulteriore conferma dell’efficacia del vaccino è stata condotta una sperimentazione in campo su quattro allevamenti con malattia in atto. Lo studio dell’evoluzione delle lesioni cliniche da ectima contagioso nei soggetti vaccinati ha evidenziato una rapida remissione della sintomatologia clinica.

  9. An experimental approach for science laboratories in the contest of science of primary education degree course

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Bozzo

    2016-07-01

    Full Text Available International literature in science education has shown the importance of introducing scientific studies in primary school, in order to give pupils competences and skills necessary for their life. Consequently, prospective primary teachers need to improve their scientific knowledge and to plan new experimental activities for primary school students. In this context, we have planned an educational learning path for prospective primary teachers, focused on specific conceptual knows of kinematics. The proposed activities are based on an empirical approach, avoiding in the first step any formal introduction of the observed phenomena, which could be difficult to understand, especially for students of science of primary education degree course. In this context, the educational technologies have given a fundamental support, since they have offered to prospective teachers the possibility to focus their attention only on the involved physics concepts and principles.Un approccio sperimentale per i laboratori scientifici nei corsi di laurea in Scienze della Formazione PrimariaStudi recenti hanno evidenziato la necessità di introdurre le discipline scientifiche sin dalla scuola primaria, per consentire alle future generazioni di vivere in modo critico e consapevole nel mondo reale. I futuri insegnanti hanno, quindi, la necessità di approfondire le loro conoscenze in ambito scientifico e di progettare valide attività laboratoriali per gli alunni di scuola primaria. In questo contesto si inserisce la nostra azione formativa rivolta agli studenti di Scienze della Formazione Primaria (SFP, mirata ad affrontare alcune difficoltà nell’apprendimento della Fisica, ben note in letteratura. L’attività didattica proposta è basata sull’osservazione diretta dei fenomeni fisici, evitando, nella fase iniziale, ogni genere di introduzione formale che possa risultare di difficile comprensione per gli studenti di SFP. Il supporto delle tecnologie didattiche ha

  10. Transit Oriented Development: una soluzione per il governo delle aree di stazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrica Papa

    2008-03-01

    Full Text Available I processi di diffusione e dispersione insediativa, la crescente crisi da congestione, la disponibilità di aree libere a seguito di dismissione di impianti industriali in aree strategiche della città, i consistenti investimenti in infrastrutture di trasporto su ferro in ambito urbano e regionale sono elementi chiave che hanno contribuito alla diffusione di teorie e pratiche per uno “sviluppo urbano orientato al sistema di trasporto pubblico su ferro”: il Transit Oriented Development- TOD. Questo termine, introdotto per la prima volta da Calthorpe nel 1993, sintetizza teorie e metodi volti a favorire uno sviluppo metropolitano policentrico i cui poli sono i Transit Villages ovvero comunità urbane ad alta densità e mixitè funzionale che si sviluppano intorno alle stazioni della rete su ferro. Nelle aree in espansione o in trasformazione il TOD propone la costruzione di nuovi centri urbani di elevata qualità urbana in aree della città consolidata il TOD prevede il riempimento dei vuoti esistenti ed interventi di riqualificazione urbana. Da molti anni si stanno mettendo in pratica questi principi prevalentemente negli Stati Uniti, dove la disponibilità di suoli e la necessità di limitare fenomeni di sprawl urbano hanno favorito la diffusione delle pratiche TOD in molte città. In Europa questo tipo di interventi non è ancora molto diffuso, a meno di alcuni casi specifici. L’articolo, partendo da queste premesse, vuole contribuire ad affrontare alcune questioni centrali: in quali modo è possibile “esportare” i metodi e le tecniche del TOD nelle città Europee e in particolare in Italia? Quali sono gli strumenti e le procedure per la definizione degli interventi? A partire da uno studio della letteratura scientifica e dall’analisi di casi di studio internazionali il paper propone alcune prime risposte attraverso una proposta di metodo per l’applicazione delle pratiche TOD nelle aree metropolitane italiane.

  11. THE BEST ATHLETES IN ANCIENT ROME WERE VEGETARIAN!

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Umile Giuseppe Longo

    2008-12-01

    Full Text Available The figure of gladiators recalls the ideas of strength, hard training, endurance, and deadly efficiency: a perfect fighting machine. Historically, a gladiator was a sort of sport hero, and gladiator's medicine probably one of the first forms of organised sports medicine. Statues and paintings of the ancient roman period tell us of this astonishing world of fighters. There are traces of famous gladiators all over the known world at Roman times, resembling our Mohammad Ali or Mike Tyson. Most of them grew up in fighting schools, the most famous in Capua, near Naples in Italy: Spartacus, the rebel gladiator who inflicted a severe defeat to Roman army, came from there. Gladiators had to endure long session of training to fight in the arena. Considering the modern diets of strength athletes, we should expect that gladiators had a high protein diet. However, analysis of their bones has put forward the hypothesis that gladiators were vegetarian athletes: in his accounts of Rome, the ancient historian Plinius refers to gladiators as "hordearii" (barley-eaters (Eichholz et al., 1938. Plants contain higher levels of strontium than animal tissues. People who consume more plants and less meat will build up measurably higher levels of strontium in their bones. Levels of strontium in the gladiators' bones were two times as high than the bones of contemporary Ephesians (Kanz and Grossschmidt, 2007. Roman army troopers, the "legionnaires", had daily expenditure of energy that can be estimated at around 5000 kcal for the legionnaire performing engineer work and at 6000 kcal for the legionnaire in war action. At present, only workmen and sportsmen reach such levels of energy expenditure (Fornaris and Aubert, 1998. Legionnaires were able to endure long war campaignes and endless "magnis itineribus" (forced marches with incredible resistance to fatigue. The legionnaire's daily ration consisted of 78% carbohydrates, mainly from wheat or barley. This diet has the

  12. The mammals in the zoological culture of the Mbuti Pygmies in north-eastern Zaire / I mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti nello Zaire nord-orientale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Carpaneto

    1989-07-01

    Full Text Available Abstract This work deals with the mammals and their role in the zoological culture of the Mbuti Pygmies, hunter-gatherers of the Ituri Forest of Zaire. The ethnozoological information was gathered in parallel to faunistic investigation. A checklist of the mammals inhabiting the Ituri Forest was compiled on the basis of both carefully selected literature and direct field research. Field work was conducted in many study sites (pygmy camps and agriculturalists' settlements throughout the region. Several Mbuti hunters of each band were interviewed in order to ensure reliability to the information they were giving. Direct observation of their hunting activities, feeding habits and relations with animals were also carried out. For each mammalian species the exact words of the Pygmies were translated into English. From their own culture, the Pygmies gave a great deal of information about habits, food, interspecific relations, reproduction and behaviour of 59 species of mammals. Details were also given by the Mbuti hunters on their own taboos, food restrictions, medicine and villagers' witchcraft, concerning mammals, as well as the utilization of animal parts for making objects and tools. Vernacular names of the mammals are reported in six local languages, as well as the names of plants which, according to the Mbuti, are used by the animals as food. The hunting techniques of the Ituri Pygmies are summarized together with quantitative data from 60 net casts and 4 bow-hunting days. Riassunto Nel presente lavoro vengono studiati i mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti, cacciatori-raccoglitori della Foresta dell'Ituri in Zaire. Gli autori hanno condotto parallelamente sia l'indagine etnozoologica che ricerche faunistiche di base sui mammiferi. Un elenco sistematico delle specie viventi nella regione studiata è stato compilato sia sulla base di osservazioni dirette che attraverso una revisione critica dei

  13. Grandi e piccoli eventi nelle città di mare per mutamenti urbani sostenibili: i casi studio di Lorient e Valencia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Clemente

    2012-12-01

    Full Text Available In generale, i grandi eventi sono considerati dalle città come la possibilità di realizzare nuove architetture e infrastrutture, per migliorare gli spazi pubblici e dare risonanza internazionale alla città stessa. In molte città contemporanee, la ristrutturazione economica e la riqualificazione urbana posto gli eventi al centro delle strategie di cambiamento.Spesso, tuttavia, questi interventi richiedono un tempo molto breve e investimenti elevati, che non sempre hanno un effetto duraturo nel tempo, con edifici e spazi che, dopo l'evento, si trasformano in spazi pubblici inutilizzati o edifici che devono essere riqualificati.Le città costiere rappresentano un campo privilegiato di analisi per approfondire le dinamiche dei processi di sviluppo e di rigenerazione connessi ad eventi.Alcune città hanno potenziato la propria identità marittima sviluppando attività legate alla vela, eventi sportivi velici e la nautica da diporto, promuovendo la crescita sociale ed economica, nonché la riqualificazione delle aree dismesse. Il recupero di questa identità è il punto di partenza per migliorare la qualità urbana e attrarre grandi eventi, sviluppando la competitività in un circolo virtuoso.L'immagine di queste città è migliorata, a livello locale, nazionale e internazionale, promuovendo processi di riqualificazione che hanno coinvolto i responsabili politici, gli utenti della città e gli stakeolders.Nei casi di successo, i grandi e i piccoli eventi rappresentano tessere di un mosaico più ampio, una visione della città fondata sulla identità marittima e il progetto di riqualificazione del waterfront è stato in grado di rafforzare le relazioni con le aree urbane esistenti.Il saggio propone due casi di studio europei, le città di Lorient e Valencia, mettendo in evidenza il ruolo della pianificazione a lungo termine nei processi di rigenerazione.La città di Lorient, in linea con la sua storia, ha iniziato un processo di rigenerazione

  14. La Chirotterofauna della Puglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Bux

    2003-10-01

    Full Text Available Le conoscenze sulla chirotterofauna pugliese sono a tutt?oggi frammentarie, in quanto in letteratura sono disponibili dati parziali su aree ristrette o molto datati. Nel presente studio si espongono i primi risultati di una campagna sistematica di ricerca sulla chirotterofauna della Puglia, finalizzata all'aggiornamento dell'elenco faunistico e alla valutazione dello stato di conservazione delle popolazioni di Chirotteri. La ricerca si avvale per lo più di segnalazioni originali, ma anche di prospezioni di collezioni museali e dati di bibliografia. Per la gestione dei dati è stato realizzato un database informatizzato. Sono stati raccolti in totale 209 records relativi a 18 specie (Rhinolophus ferrumequinum, R. hipposideros, R. euryale, R. mehely, Myotis blythii, M. capaccini, M. daubentoni, M. emarginatus, M. myotis, Pipistrellus kuhli, P. pipistrellus/pygmaeus, Nyctalus leisleri, N. noctula, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Plecotus austriacus, Miniopterus schreibersi e Tadarida teniotis, pari al 58% delle specie note per l'Italia. Il 30% (63 records delle segnalazioni è antecedente al 1960, il 7% (15 records è relativo al periodo compreso tra il 1961 e il 1980 e il 63% (131 records è successivo al 1980. Due specie Rhinolophus mehelyi e Myotis daubentoni non sono state più segnalate dopo il 1980, mentre una sola specie, Myotis emarginatus, è stata segnalata dopo il 1980. Il 60% dei records hanno riguardato 6 specie (R. ferrumequinum, R. hipposideros, R. euryale, P. kuhli, H. savii e M. schreibersi probabilmente in relazione alla loro maggiore diffusione e abbondanza e alla maggiore facilità di osservazione e studio, almeno per le specie dalle abitudini troglofile. I dati raccolti consentono una

  15. Prostatic biopsy in the prostate specific antigen gray zone; La biopsia prostatica multipla nalla zona grigia dei valori dell'antigene prostatico specifico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Drudi, F. M.; Ricci, P.; Iannicelli, E.; Di Nardo, R.; Novelli, L.; Laghi, A.; Passariello, R. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Ist. di Radiologia II Cattedra; Perugia, G. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Urologia U. Bracci

    2000-02-01

    valore soglia di 0,15; rapporto antigene prostatico specifico libero/totale tra 15 e 25%; valutazione a distanza di tempo dell'antigene prostatico specifico (3 prelievi seriati ogni 30 giorni per 2 mesi), esplorazione rettale negativa, ecografia transrettale negativa. Nei 34 pazienti selezionati i risultati bioptici hanno dimostrato la presenza di neoplasia prostatica in 5 pazienti (15%), in 2 (6%) e' stata posta diagnosi di carcinoma in situ (1 Pin : 1 Pin 2). Nei 27 pazienti residui i risultati bioptici hanno evidenziato in 4 (12%) prostatite, in 23 (62%) ipertrofia prostatica benigna. I valori dell'antigene prostatico specifico hanno mostrato andamento crescente in tutti i pazienti con biopsia positiva, mentre tale incremento si e' verificato solo in 6 pazienti (22%) dei 27% con biopsia negativa. Lo studio conferma che la biopsia prostatica evidenzia tumori maligni anche nelle sedi apparentemente normali all'ecografia transrettale e all'esplorazione rettale. Evidenzia che nei pazienti con tumore maligno della prostata si e' sempre avuto costante numero dei valori dell'antigene prostatico specifico nel tempo. Dimostra che il confronto tra i risultati bioptici ed i valori dell'antigene prostatico specifico e di tutte le elaborazioni non ha consentito di definire esattamente il ruolo clinico che la biopsia deve svolgere nell'ambito della diagnosi della neoplasia prostatica.

  16. Dinamiche di manipolazione mentale ed organizzazioni di stampo mafioso / Dynamiques de manipulation mentale et organisations criminelles de type mafieux / Dynamics of mental manipulation and Mafia groups

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pomilla A.

    2010-12-01

    Full Text Available Questo articolo si focalizza sull’analisi delle dinamiche di manipolazione mentale che i gruppi mafiosi esercitano sui propri affiliati, in grado di determinare progressivi vincoli morali non già in virtù delle attività criminose che verranno poi svolte, bensì in relazione alle rappresentazioni mentali che gli stessi hanno verso di sé in quanto appartenenti a tale gruppo. Verranno quindi descritte le rappresentazioni mentali che gli affiliati hanno di se stessi, nonché quelle provenienti dalle disamine interpretative esterne. Verrà inoltre illustrato il “pensiero mafioso” quale profonda ed inconscia modalità ideativa che caratterizza il “gruppo mafia” con valori più saldi e forti di quelli familiari ed in virtù della quale si determinano proprio quei meccanismi di svincolo morale che sostanziano la dimensione criminologica delle organizzazioni di stampo mafioso.Cet article se concentre sur l'analyse des dynamiques de manipulation mentale que les groupes mafieux exercent sur leurs affiliés, des dynamiques capables de susciter un désinvestissement moral progressif, non pas lié aux activités criminelles qui seront développées par la suite, mais en relation avec les représentations mentales que les individus ont d’eux-mêmes, en tant que membres d’un tel groupe. Ainsi, nous décrirons les représentations mentales que les membres ont d’eux-mêmes, ainsi que celles tirées des analyses interprétatives externes. De plus, nous illustrerons « la pensée mafieuse » en tant que modalité idéative profonde et inconsciente qui caractérise « le groupe mafieux » marqué (et soudé par des valeurs plus solides et plus fortes que celles issues du milieu familial et grâce auxquelles se déterminent ces mécanismes de désinvestissement moral qui caractérisent la dimension criminologique des organisations de type mafieux.This article analyses the dynamics of mental manipulation that the Mafia groups impose on their own

  17. La storia della poliomielite in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Patti

    2003-05-01

    Full Text Available

    21 giugno 2002: la regione Europea viene certificata polio-free. In Italia scompare la vaccinazione OPV e la poliomielite sembra ormai un ricordo del passato. Alle soglie della completa eradicazione dei poliovirus dal mondo è sembrato interessante ripercorrere la storia della malattia in Italia ricostruendo le epidemie, la distribuzione regionale dei casi, i primi successi della vaccinazione fino agli ultimi casi da virus selvaggio nel 1982 e da virus vaccinale nel 2000.

    Metodo: sono stati esaminati gli Annuari di Statistiche Sanitarie ISTAT che riportano le notifiche di malattia e i casi di morte dal 1887 al 1955 in un unico volume in modo non dettagliato e dal 1956 gli Annuari per provincia e regione di residenza. Gli Annuari sono stati consultati fino al 1978 in quanto dopo questa data i casi sono stati desunti dai dati del Ministero della Salute. Risultati e conclusioni: nel periodo osservato circa 100.000 soggetti in Italia hanno contratto la poliomielite con una maggiore incidenza nelle regioni meridionali, cosa del resto osservata per tutte le infezioni a trasmissione fecale-orale; in tutte le regioni si osserva una maggiore concentrazione dei casi nei capoluoghi probabilmente perché più densamente popolati rispetto alle altre province.

    L’esame dei dati ISTAT dal 1956 consente di valutare la distribuzione regionale. Dal 1956 sono stati notificati 35.130 casi e 4818 morti. La ricostruzione storica delle epidemie ha offerto anche la possibilità di valutare quanti siano attualmente i soggetti che, a partire dal 1956, convivono con i postumi della malattia. I 30.312 sopravvissuti stimati hanno un’età compresa tra 46 e 66 anni. 7747 vivono al Nord (Lombardia 2584, 5751 al Centro (Lazio 2781, 15.062 al Sud (Puglia 4691. Il dato ha un risvolto importante in tema di assistenza e riabilitazione di soggetti che in larga misura andranno incontro alla evoluzione tardiva della poliomielite: la sindrome

  18. Density and habitat requirements of sympatric hares and cottontails in northern Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Vidus Rosin

    2010-06-01

    Full Text Available Abstract From 2005 to 2009, densities and habitat selection by the European hare (Lepus europaeus and Eastern cottontail (Sylvilagus floridanus were assessed during feeding activity in an intensively cultivated area in northern Italy. Hare average density (74 ind./km2 was comparable to the highest values reported for European farming areas. Preand post-breeding density fluctuated widely across the study years, probably as a consequence of changes in the carrying capacity of the study area. Cottontail population size progressively increased, as expected for a recently introduced species supported by high reproductive performances. Hares used both crops and spontaneous vegetation during their feeding activity. Conversely, cottontails avoided winter cereals and preferred to feed on alfalfa. Our results suggest that simplified agro-ecosystems cannot maintain high density hare populations even at a short time scale. Landscape heterogeneity could enhance the chances of coexistence between the two lagomorphs.
    Riassunto Densità ed esigenze ecologiche della lepre e del silvilago in condizioni di simpatria in Italia settentrionale Tra il 2005 e il 2009, la densità e l’uso del habitat durante l’attività di alimentazione da parte della Lepre europea (Lepus europaeus e del Silvilago (Sylvilagus floridanus sono stati indagati in un’area intensamente coltivata nell’Italia settentrionale. La densità media della lepre nell’area di studio (74 ind./km2 corrisponde ai valori maggiori riportati per le aree agricole europee. Le densità pre- e post riproduttive della lepre hanno mostrato sensibili fluttuazioni durante il periodo di studio, probabilmente dovute ai cambiamenti stagionali della capacità portante dell’area di studio. L’abbondanza del silvilago è aumentata durante gli ultimi tre anni di studio, come prevedibile per una

  19. Environmental variables and the use of habitat of the Red fox Vulpes vulpes (L., 1758 in the Maremma Natural Park, Grosseto province, Central Italy / Parametri ambientali e uso dell'habitat della volpe Vulpes vulpes (L., 1758 in alcune aree del Parco Naturale della Maremma (GR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandro Lovari

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract Berries of Juniperus oxycedrus, beetles and grasshoppers were the staple of the fox diet in the coastal ecotone of the Maremma Natural Park, while fruit and Insects were the main food resources in a rural zone around the park. Chiefly berries of J. oxycedrus, but also Insects and carrion, built up the greater part of the fox diet in the pinewood. On average, the presence in diet was correlated with the availability of the main food resources, which in turn was correlated with climatic factors. These influenced also the activity pattern of the Red fox. Home ranges were the largest (330 ha in the pinewood, intermediate (213 ha in the coastal ecotone, and smallest (131 ha in the rural zone. Such differences in size may be explained with the local pattern of food distribution and abundance, which also influenced the habitat use of the fox. In spite of the presence of several farm houses in the rural range, poultry and domestic rabbits were almost absent in the fox diet. The scrubwood (macchia was consistently the most preferred vegetation type. Riassunto Frutti di ginepro (Juniperus oxycedrus, Coleotteri e Ortotteri hanno costituito la maggior parte della dieta della Volpe nell'ecotone costiero del Parco Naturale della Maremma, mentre frutti e Insetti sono stati le principali risorse trofiche in una zona rurale nella parte esterna del parco. Nella pineta la dieta è risultata costituita prevalentemente da frutti di ginepro, ma anche da insetti e carogne. In media la presenza nella dieta delle principali risorse alimentari è risultata correlata con la loro disponibilità, la quale si è dimostrata a sua volta correlata con fattori climatici. Questi ultimi hanno influenzato anche il ritmo di attività della Volpe. Le dimensioni degli home range sono risultate massime (330 ha nella pineta, intermedie (213 ha nell'ecotone costiero e minime (131 ha nella zona rurale. Queste differenze

  20. THE EFFECTS OF TEXTUAL ENHANCEMENT AND STRUCTURED INPUT ACTIVITIES ON THE ACQUISITION OF THE ITALIAN NOUN-ADJECTIVE AGREEMENT

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Monica Zanotto

    2015-02-01

    Full Text Available La concordanza tra genere e aggettivo è una caratteristica morfologica presente nella lingua italiana che è di difficile acquisizione da parte degli studenti che hanno familiarità solo con lingue in cui la concordanza è del tutto assente. Il presente articolo presenta uno studio condotto presso l’Università degli Studi di Milano che si propone di comparare l’efficacia di due diversi modelli di didattica nell’acquisizione della capacità di utilizzare correttamente la concordanza di genere tra nome e aggettivo da parte di discenti di L2 di madrelingua cinese. I due metodi utilizzati nella sperimentazione sono il Textual Enhancement (Sharwood Smith, 1991e le Structured Input Activities (Van Patten 1996,2004. La sperimentazione, strutturata in tre fasi (Benati, 2004, è stata condotta presso il Centro Marco Polo su un gruppo di sinofoni, studenti di italiano L2 di livello A2-B1. I risultati hanno confermato che sia il Textual Enhancement che le Structured Input Activities sono metodi d’insegnamento validi che aiutano i discenti ad elaborare particolari strutture morfologiche come la concordanza di genere. Tuttavia è emerso che il gruppo sottoposto al test con trattamento Structured Input Activities ha ottenuto risultati migliori rispetto al gruppo sottoposto a Textual Enhancement  The present study seeks to explore the effects that different types of instructions, namely Textual Enhancement and Structured Input Activities, can have on the acquisition of noun-adjective gender agreement by L2 Italian learners. A view of the theoretical backgrounds together with a review of the studies conducted on textual enhancement and structure input activities provide an overview of the main topics of the research. The present research aims to investigate whether textual enhancement and structured input activities help learners to make significant grammatical gains when exposed to these types of instruction and also which one facilitate better

  1. Combined interferon a2b and cyclosporin A in the treatment of chronic hepatitis C: controlled trial - Reply

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Galeazzi

    2011-09-01

    Full Text Available Solo il 15-20% dei pazienti con epatite C cronica presenta una risposta virologica protratta dopo terapia con solo interferon (IFN. Lo scopo di questo studio è di confrontare l’efficacia e la sicurezza dell’IFN in combinazione con ciclosporina A (CsA orale con l’IFN in monoterapia nel trattamento dell’epatite C cronica. 120 pazienti affetti da epatite C cronica hanno ricevuto la dose standard Giapponese di IFN a2b da solo per 24 settimane o questa dose di IFN a2b in combinazione con CsA, alla dose di 200 mg/die per le prime 4 settimane e poi di 100 mg/die per altre 20 settimane. In tutti i pazienti sono stati valutati la sicurezza, l’efficacia e la tolleranza alla fine delle settimane 4, 12, 24 e 48. L’efficacia è stata valutata mediante la scomparsa dei livelli sierici del genoma di HCV (RNA-HCV ricercato con reazione polimerasica a catena (PCR, e la normalizzazione delle transaminasi. L’end point primario era il mantenimento della risposta virologica; cioè il mantenimento di RNA-HCV a livelli sierici indosabili fino alla 48esima settimana. Il grado di mantenimento della risposta virologica è stata significativamente più alto nel gruppo con terapia combinata, IFN-CsA, rispetto al gruppo con IFN in monoterapia (p = 0.01. Il grado di mantenimento della risposta biochimica era più alto nel gruppo con terapia combinata rispetto a quello con monoterapia (p = 0.017. Nei pazienti con genotipo virale 1 di HCV ed alta carica virale, il grado di mantenimento della risposta virologica era marcatamente più alto nel gruppo con terapia combinata rispetto al gruppo con IFN in monoterapia (p = 0.006. Il profilo di effetti collaterali era simile nei due gruppi. In pazienti con epatite C cronica il trattamento combinato IFNCsA è più efficace rispetto alla monoterapia con IFN, soprattutto nei pazienti con genotipo virale 1 di HCV ed alta viremia. Altri studi in vitro hanno recentemente dimostrato che la CsA, a differenza di altri

  2. Using of hypnum cupressiforme as a bioaccumulator of heavy metals and {sup 1}37{sup C}s; Utilizzo di Hypnum cupressiforme come bioaccumulatore di metalli pesanti e {sup 1}37{sup C}s

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Larcher, S.; Roella, V.; Biccai, G. [ANPA Lombardia, Varese (Italy)

    2000-02-01

    The aim of this research, which was carried out from July 1997 to June 1998, was to evaluate the deposition of some heavy metals (Cu, Pb, Zn, Mn, Fe) in the city of Varese, using the moss Hypnum cupressiforme as a bioaccumulator. Therefore some mosses were picked up in an unpolluted area to prepare eight biological stations placed in the city centre. This research and the statistic analysis applied to the results made it possible to find out the most metal-polluted areas in the city and to verify the influence of the traffic in the stations close to the street. Hypnum cupressiforme was also used as a bioaccumulator of the artificial radionuclide {sup 1}37{sup C}s in order to see if traces of the nuclear incident in Chernobyl (April 1986) were detectable in indigenous mosses in the northern part of Varese province. The results have shown that the {sup 1}37{sup C}s, when present, has low concentration and therefore the remaining radioactivity is not dangerous any more. [Italian] La presente ricerca, effettuata nel periodo luglio 1997-giugno 1998, ha avuto lo scopo di valutare la deposizione di alcuni metalli pesanti (Cu, Pb, Zn, Mn, Fe) nella citta' di Varese, impiegando il muschio Hypnum cupressiforme come organismo accumulatore. Sono state pertanto allestite otto stazioni biologiche distribuite nel centro cittadino utilizzando muschio raccolto in una zona supposta poco inquinata. L'indagine svolta e l'analisi statistica applicata ai dati ottenuti hanno permesso di individuare le aree della citta' maggiormente soggette alla contaminazione da metalli e di verificare l'influenza dell'intensita' del traffico nelle stazioni poste in vicinanza di strade. Hypnum cupressiforme e' stato anche impiegato come bioaccumulatore del radionuclide artificiale {sup 1}37{sup C}s, per verificare se fossero ancora rilevabili tracce dell'incidente nucleare di Chernobyl (aprile 1986) in muschi indigeni cresciuti nella provincia a Nord di

  3. Attivitá di prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere nell'azienda ospedaliera nell’azienda ospedaliera “G. Panico” di Tricase

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: nell’ambito di programmi di prevenzione
    e controllo delle infezioni ospedaliere (IO la
    Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera
    “Card. G. Panico” di Tricase ha pianificato studi di
    prevalenza per valutarne la frequenza e l’andamento.
    Si riportano i risultati di tre indagini realizzate
    negli anni 2001, 2002 e 2003 secondo la
    metodica del “one day study” (CDC 1988.

    Metodi: i tre studi di prevalenza sono stati condotti a
    circa un anno di distanza l’uno dall’altro. Sono stati
    compresi tutti i pazienti ricoverati in ciascun reparto
    il giorno dell’indagine, ad esclusione di quelli in
    dimissione. Si sono definite ospedaliere tutte le infezioni
    che insorgevano 48 ore dopo il ricovero.

    Risultati: nel corso delle tre indagini la prevalenza
    delle IO è stata pari al 6.6% (14 casi su 213 pazienti,
    nel 2001, al 5.1% (11 casi su 214 pazienti nel 2002 e
    al 4.3% (11 casi su 254 pazienti nel 2003. Il tratto urinario
    (36.4% nel 2002 e 2003 e le basse vie respiratorie
    (50.0% nel 2001, 9.1% nel 2002 e 2003 hanno
    rappresentato le sedi più comuni di localizzazione delle IO. La riduzione al 9.1% delle infezioni delle basse vie respiratorie si è registrata prevalentemente nelle Unità di Medicina e Cardiologia. Nel 2001 e 2002, l’uso di catetere vescicale, l’intervento di tipo contaminato o pulito contaminato, la ventilazione assistita e l’utilizzo di catetere venoso centrale sono risultati significativamente associati alla insorgenza di IO. Tale associazione nel 2003 si è dimostrata significativa per l’uso del catetere venoso ombelicale.

    Considerazioni: l’applicazione di appropriati protocolli assistenziali, l’individuazione dei punti critici dei processi di cura e l

  4. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  5. Analysis of the innovation needs of SME; Analisi della domanda di innovazione delle PMI

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sabattinin, A; Finelli, A; Rappini, R; Zacchiroli, R. [ENEA, Centro Richerche `E. Clementel`, Bologna (Italy)

    1998-12-31

    Within an EU financial support (Innovation Relay-Centre IRENE), was set up and tested a method to identify the innovation needs of SMEs. This method, based on firm visits and audits, has proved successful as it is possible to contact firms which find it difficult to approach research centres. These firms are left on their own towards innovation and they cannot evaluate the energetic and environmental implications of introducing a new process or carrying out a new product. The results obtained have highlighted that it is possible to realise a very interesting action of technological transfer starting from the requests for innovation and by means of direct contacts and relationships between firms and research centres. When the SMEs are directly involved they become aware of energetic and environmental problems and, in general, of the engagement that Italy undertook during the conference held in Kyoto. This method is particularly useful to the research centres to which firms can point out and transfer their needs. [Italiano] Nell`ambito di un finanziamento comunitario (Innovation Relay-Centre IRENE), e` stato messo a punto e testato un metodo per l`individuazione della domanda di innovzione delle PMI. Il metodo, basato su visite aziendali e audit, si e` dimostrato particolarmente efficace perche` permette di approcciare anche aziende che hanno grandi difficolta` ad avvicinarsi al mondo della ricerca. Queste imprese sono sole nei confronti dell`innovazione e non sono in grado di valutare quali possano essere le implicazioni, anche energetiche o ambientali, consguenti all`introduzzione di un nuovo processo o alla realizzazione di un nuovo prodotto. I risultati ottenuti hanno evidenziato che, partendo dalla domanda e attraverso il contatto diretto e il dialogo con le strutture di ricerca, e`possibile realizzare interventi di trasferimento tecnologico di grande interesse. Il coinvolgimento diretto permette altresi` di sensibilizzare le PMI sulle problematiche energetiche

  6. Efficacia degli interventi di controllo della Nutria (Myocastor coypus in Lombardia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Prigioni

    2003-10-01

    Full Text Available In Lombardia la Nutria (Myocastor coypus è diffusa in tutta la fascia di pianura, interessando le province di Pavia, Cremona, Lodi, Brescia, Mantova e Milano, per una superficie complessiva stimata di 11.500 km², corrispondente a quasi il 50% del territorio regionale. Con l?eccezione di Milano, tutte le province hanno avviato autonomamente azioni di controllo della specie, che prevedono l?abbattimento diretto degli animali con l?uso del fucile e/o la cattura con apposite trappole e la soppressione con ?metodo eutanasico?. Nel 2002 la Regione Lombardia ha promosso un?indagine finalizzata alla valutazione dell'efficacia del controllo tramite trappole, alla raccolta di informazioni di base su vari aspetti dell?ecologia comportamentale della specie e all?impostazione di un piano coordinato di interventi per ridurre il più possibile l?attuale popolazione. A tale scopo, nelle province interessate, sono state identificate zone campione, in cui monitorare l?andamento delle catture in relazione alle caratteristiche dei corpi idrici e alla composizione ambientale dell?area, raccogliere i dati biometrici degli animali soppressi per sesso ed età e valutare lo status riproduttivo delle femmine. Il numero di trappole utilizzate per ogni zona campione variava da 10 a 30 unità. Nel periodo novembre 2002 - marzo 2003, sono state catturate 2402 nutrie, per un totale di 30495 notti-trappola. In media, il successo di cattura è stato pari a 0,078 nutrie/notti-trappola (n/nt, con valori oscillanti da 0,042 a 0,216 n/nt. L?andamento settimanale delle catture mostra come il successo sia elevato nel primo mese di attivazione delle trappole e decresca poi progressivamente. Le dimensioni dei sessi differiscono significativamente per gli animali adulti, in particolare per il peso, che in media è di circa il 10% superiore nei maschi. La percentuale media di femmine in fase riproduttiva per il periodo di studio è pari all?11,7%, con variazioni mensili

  7. The contribution of the european project loop to the photochemical pollution in Lombardy; Il contributo del progetto europeo loop allo studio dell'inquinamento fotochimico in Lombardia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Longoni, M.G.; Maffeis, G. [TerrAria S.r.l., Milan (Italy); De Martini, A. [Regione Lombardia, Ufficio Prevenzione Rischi, Milan, (Italy); Balasso, A.; Borelli; Rimoldi, A.; Zabot, S.; Zanella, G. [Regione Lombardia, Direzione Generale Tutela Ambientale, Milan (Italy); Lanzani, G. [Amministrazione Provinciale di Como, Settore Ecologia, Como (Italy); Tamponi, M. [Azienda Sanitaria Locale, Lecco (Italy); Cattaneo, R.; Ghezzi, F.; Toscani, D.

    2000-06-01

    During the last years, in Lombardy, the concentrations of primary pollutants such as CO and SO{sub 2} have diminished thanks to some acts to abate emissions. On the other hand, the concentrations of pollutants, belonging to the photochemical mixture, have increased. The continual monitoring of photochemical pollutants and their measure on the ground level, but also along the vertical profile, present costs so high that they become no utilizable in a wide area. The experimental campaign PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono) has been carried on in the late spring in 1998 and it belongs to the European project LOOP (Limitation Of Oxidant Production). This campaign is an example of intensive campaign of measurement in which institutions of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of a lot of nationalities have collaborated. In this way the problem of costs in continual monitoring has been obviated. PIPAPO has confirmed the criticity of photochemical smog in the Lombardy area. A modellistic approach, complementary to that of measurements, permits to verify the territory representativity of the points of measurement and to carry on evaluations of the politics to abate emissions. [Italian] In Lombardia durante gli ultimi anni le concentrazioni di inquinanti primari quali CO ed SO{sub 2} hanno subito una diminuzione grazie all'efficacia di alcuni interventi di abbattimento delle emissioni. D'altro lato si e' avuto un incremento delle concentrazioni degli inquinanti appartenenti alla miscela fotochimica di cui l'ozono e' considerato il principale tracciante. Il monitoraggio in continuo di tutti gli inquinanti fotochimici e la loro misura a livello sia del suolo, ma anche lungo la verticale, avrebbero dei costi per quanto riguarda le risorse strumentali e umane tali da renderli irrealizzabili su un'area estesa come quella lombarda. La campagna sperimentale PIPAPO (PIanura PAdana Produzione Ozono), avvenuta nella tarda

  8. Una ricerca sulla qualità della vita scolastica di bambini e bambine affetti da malattie emorragiche congenite. Lettura critica dei dati e considerazioni pedagogiche.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2009-07-01

    Full Text Available Il presente rapporto di ricerca costituisce l'esito del lavoro svolto dalle ricercatrici A. Gigli, S. Demozzi del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna all'interno del progetto Strategico di Ateneo dal titolo “Definizione di linee guida d’intervento sui pazienti pediatrici affetti da malattie emorragiche congenite: aspetti medici, psicosociali, educativi ed etici”. L'obiettivo principale del lavoro è stato quello di analizzare il punto di vista degli insegnanti in merito alla vita scolastica dei bambini con malattie emorragiche congenite (Mec, le loro relazioni con insegnanti e compagni, i rapporti tra scuola e famiglie. Per monitorare questi aspetti legati alla vita scolastica, nel 2008 è stata realizzata un’indagine sul campo che ha coinvolto insegnanti di scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di primo grado della Provincia di Bologna che hanno in classe un/a bambino/a affetti da Mec. Le rilevazioni effettuate tramite interviste semi strutturate hanno avuto i seguenti obiettivi: verificare l’esistenza di rappresentazioni “distorte” delle patologie ed eventuali pregiudizi esistenti; analizzare il processo informativo attraverso cui i docenti conoscono la situazione del bambino e vengono informati sulle Mec; rilevare i nodi problematici e punti di forza, che qualificano negativamente o positivamente le relazione scuola-famiglia; monitorare l’esistenza di pregiudizi in merito alle capacità cognitive dei bambini; verificare se, secondo i docenti, la malattia influisce sulla qualità della relazione educativa, indagando, in particolare, sugli aspetti comunicativi; rilevare eventuali problematiche di integrazione nel gruppo dei pari; verificare se l’adozione di strategie per permettere una migliore integrazione o lo svolgimento delle attività didattiche, ludiche e sportive; rilevare i bisogni formativi e informativi dei docenti. Nell’articolo si presenta una lettura

  9. Narrare la guerra: da Vita e destino a Le Benevole

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Camilla Panichi

    2014-05-01

    Full Text Available Questo saggio si concentra su due romanzi storici che hanno per argomento la Seconda guerra mon- diale e lo sterminio degli ebrei d’Europa: Vita e destino di Vasilij Grossman (1980 e Le Benevole di Jonathan Littell (2006. La scelta è determinata sia dal rapporto esistente tra i due romanzi, sia dalla convinzione che essi rappresentino, per forma e contenuti, due diversi paradigmi attraverso i quali l’immaginario collettivo ha costruito la narrazione dell’evento guerra. Inoltre si tratta di opere che hanno, in tempi diversi, creato un caso letterario: Le Benevole ha sollevato molti problemi orientando il dibattito su temi etici piuttosto che estetici; Vita e destino ha subito la censura in Unione Sovietica. In questa sede si è scelto di analizzare i romanzi da una prospettiva strettamente letteraria, attraverso due argomenti: la legittimità della costruzione finzionale in rapporto al punto di vista dell’autore (testimone dei fatti narrati nel caso di Grossman, post-testimone nel caso di Littell e l’analisi degli elementi romanzeschi di tradizione ottocentesca e modernista. This paper focuses on two novels narrating the Second World War and the extermination of the Jews of Europe: Life and Fate, by Vasily Grossman (1980, and The Kindly Ones by Jonathan Littell (2006. These books have been chosen because they are closely related to each other and because they embody two different paradigms through which the Second World War has been represented. Moreover both Life and Fate and The Kindly Ones have been literary events: the first was censored in the Soviet Union, the second gave rise to a wide-ranging debate on ethical and aesthetical problems. The following paper analyzes these novels from a strictly literary perspective, focusing on two issues: the legitimacy of fiction (Grossman narrates the war from the standpoint of a witness, Littell, born in 1967, is in the position of the historian and the relationship of these texts with the

  10. Characterization of atmospheric particulate matter in a museum in an urban area; Caratterizzazione del particolato aerosospeso all'interno di un museo situato in area urbana

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Berico, M.; Formignani, M. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy)

    2001-07-01

    In February 2001 the Internal Dosimetry Laboratory of ENEA Institute for Radioprotection carried out a measurement campaign of atmospheric aerosol in a museum, in the urban area of Bologna, in the frame of GIANO project of ENEA. The aerosol mass size distribution was measured and a high mass concentration of aerosol, 39.5 {mu}g/m{sup 3}, with an aerodynamic diameter less than 0.5 {mu}m was found. A comparison with the composition of the outdoor aerosol was made as well. In an urban area fine particles are generally generated by vehicles exhaust (particularly diesel-powered ones) and are constituted essentially of carbon black. Because of their surface adsorption properties these carbon black particles typically contain varying quantities of substances. Deposition of fine particles on the surfaces of works of art can lead to visual degradation and further damages due to chemical reactions with the adsorbed compounds. [Italian] Nell'ambito del progetto di Grafica Innovativa per il patrimonio Artistico Nazionale e per l'Occupazione Giovanile (GIANO) dell'ENEA, il laboratorio di dosimetria interna dell'Istituto per la Radioprotezione dell'ENEA, che ha competenze nella caratterizzazione fisica dell'aerosol, ha effettuato una campagna preliminare di misura del particolato aerosospeso presente all'interno di un museo nell'area urbana della citta' di Bologna. I dati dei campionamenti hanno rilevato la presenza di un'alta concentrazione in massa, 44.7 {mu}/m{sup 3}, di particolato aerosospeso inferiore a 10.5 {mu}m, composta per circa il 90%, 39.5% {mu}/m{sup 3}, da particelle con diametro aerodinamico inferiore a 0.5 {mu}m. La provenienza dalle emissioni dei motori a combustibili fossili, del particolato con queste dimensioni, ha consentito il confronto con i dati relativi alle misure di concentrazione di particolato aerosospeso effettuate presso un incrocio ad alta intensita' di traffico della citta'. Dalle

  11. Las características de los órganos italianos en la época de Antonio de Cabezón

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donati, Pier Paolo

    2014-12-01

    Full Text Available In 1548 Antonio de Cabezon was able to take a trip to Italy. On that occasion, he could certainly learn and play the organ Italian. New sources and unpublished documents have recently enabled us to identify a new and reliable profi le of the organs of Italian origins. Eliminated false history, errors of chronology and clichés, the acquisition of technical data other than those handed down by tradition have opened a new historical perspective of which is here given an account. Updated illustration of the characteristics of the organs of the Italian Renaissance follow the guidelines of performance practice entailed and a comparison with the Spanish instruments practiced by Antonio de Cabezon.En 1548 Antonio de Cabezón fue capaz de hacer un viaje a Italia. En esa ocasión, él sin duda podría aprender y tocar el órgano italiano. Las nuevas fuentes y documentos inéditos, nos han permitido recientemente para identifi car un perfi l nuevo y confi able de los órganos de origen italiano. Eliminado los errores históricos, falsos de fecha y clichés, la adquisición de los datos técnicos distintos de los transmitida por tradición han abierto una nueva perspectiva histórica de la cual aquí se da cuenta. Ilustración actualizada de las características de los órganos del Renacimiento italiano sigue las directrices de la práctica interpretativa que derivan de ella y un enfrentamiento con los instrumentos españoles practicadas por Antonio de Cabezón. [it] Le caratteristiche degli organi italiani al tempo di Antonio de Cabezón Nel 1548 Antonio de Cabezón ebbe modo di compiere un viaggio in Italia. In quell’occasione poté sicuramente conoscere e suonare gli organi italiani. Nuove fonti e inediti documenti hanno recentemente permesso di delineare un nuovo ed attendibile profi lo degli organi italiani delle origini. Eliminati falsi storici, errori di cronologia e luoghi comuni, l’acquisizione di dati tecnici diversi da quelli tramandati

  12. Abdominal ultrasonography in inheredited diseases of carbohydrate metabolism; Ecografia dell'addome nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pozzato, Carlo; Curti, Alessandra; Cornalba, Gianpaolo [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Radiologia Diagnostica ed Interventistica, Istituto di Scienze Radiologiche; Radaelli, Giovanni [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Statistica Medica; Fiori, Laura; Rossi, Samantha; Riva, Enrica [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Mialno (Italy). Dipartimento di Pediatria

    2005-02-01

    disordini del metabolismo del fruttosio e in 2/6 pazienti (33,3%) con galattosemia. L'ecogenicita' epatica era aumentata in 20/22 pazienti (90,9%) con malattie da accumulo di glicogeno e nel soggetto con intolleranza ereditaria al fruttosio. I pazienti affetti da galattosemia non hanno mostrato incremento dell'ecogenicita' epatica. Entrambi i reni sono risultati ingranditi in 8/17 pazienti (47%) con glicogenosi di tipo I. I soggetti con aumento dell'ecogenicita' epatica hanno presentato, rispetto ai pazienti con normale ecogenicita', concentrazioni plasmatiche maggiori dei parametri ematici considerati (p<0.05). Conclusioni: L'ecografia puo' essere utile nel riconoscimento delle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati, anche se, per una diagnosi definitiva, sono necessari ulteriori esami.

  13. Book review, Animali da compagnia: tutele – diritti – responsabilità, Elena Bassoli (a cura di

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2012-12-01

    Full Text Available L'avvocato, docente universitario e presidente dell'Associazione Nazionale Giuristi Informatici e Forensi, Elena Bassoli, ha curato un manuale che affronta le problematiche relative ai diritti degli animali, approfondendo prima la legislazione internazionale e poi le singole pieghe di quella italiana. Il dato da cui si parte sembra secondario ma, invero, è assai rilevante, ovvero che nel nostro Paese si è passati molto lentamente da una concezione esclusivamente utilitaristica degli animali (tutelati in quanto proprietà di qualcuno all'affermazione dei diritti propri dell'animale in quanto tale.Animali da compagnia: tutele – diritti – responsabilità è utile soprattutto alla luce dei Trattati internazionali (D.U.D.A., Trattato di Amsterdam, Trattato di Lisbona che nel corso degli anni hanno introdotto la tutela dell'animale nelle legislazioni di tutto il mondo. La curatrice e i collaboratori hanno analizzato la recente giurisprudenza sugli animali da compagnia e le varie fonti del diritto nazionale, europeo e internazionale, passando in rassegna le norme di riferimento e indicandone l'applicabilità e le procedure con il fine dichiarato di: "Offrire al lettore uno strumento utile, rigoroso e scritto in modo chiaro e comprensibile anche per chi, per la prima volta, si trovi ad affrontare questa parte del diritto". Il manuale si presenta precipuamente come uno strumento di lavoro per i professionisti che trattano le problematiche relative al mondo degli animali domestici. Va segnalata, in proposito, la chiarezza non solo nell'esposizione dei concetti ma anche nell'architettura editoriale. I 10 capitoli che lo compongono forniscono un inquadramento sistematico delle implicazioni amministrative e penali, con rimandi a diverse note per una maggiore chiarezza del testo: dalle origini del diritto animale (dall'antica Grecia all'animalismo contemporaneo, con in mezzo Medioevo, Rinascimento e Darwinismo passando alla tutela degli animali nell

  14. Abitudini alimentari di un campione di popolazione giovanile siciliana e calabrese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.L. Calisto

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: valutare le abitudini alimentari, igieniche e la percezione di sé in un campione di studenti siciliani e calabresi.

    Materiali e Metodi: è stato condotto uno studio basato sulla compilazione in classe di un questionario, somministrato a 933 studenti dalla quarta elementare all’ultima classe di scuola superiore. Le schede con domande di tipo aperto e chiuso, a risposta singola o multipla, hanno fornito notizie di carattere antropometrico e sociofamiliare, sulle abitudini igienico alimentari e sulla percezione di sé.

    Risultati: dai dati emerge che l’ 85,6% dei ragazzi effettua la prima colazione consumando latte (43,9%, latte e caffè (30,3%, biscotti (31,8% e cereali (18,9%. L’ 89,7% fa uno spuntino a metà mattinata per lo più con panino e salumi (51,6%. Nel pomeriggio l’ 89,5% fa la merenda consumando soprattutto merendine (37,3% e succhi di frutta (28,3%.

    Circa la frequenza di assunzione di alimenti, carne, salumi, formaggi e patate sono consumati più volte a settimana; uova e pesce una volta a settimana; pasta una volta al giorno; pane e frutta fresca tutti i giorni a pranzo e a cena. Meno consumati verdura e legumi, con una preferenza per lenticchie e piselli. Il 54,6% consuma cioccolata ed il 53,4% chewing-gum. Il 78,2% consuma i pasti in compagnia dei familiari, guardando la televisione (69,8%. Dall’indagine si evince che i ragazzi non sempre hanno una visione corretta del loro corpo, infatti il 68,9% di essi, nonostante sia normopeso vorrebbe essere più magro.

    Conclusioni: si rendono necessari interventi educativi per migliorare le abitudini alimentari, favorendo la scelta di cibi sani. Occorre incrementare il consumo di verdure, legumi e frutta riducendo quello dei dolciumi che favoriscono sovrappeso e obesità. Inoltre bisogna realizzare una maggiore collaborazione tra scuola e sanità per educare i ragazzi ad una

  15. IL NOME IN LIS NEL SEGNATO DI ADULTI UDENTI: UNA INDAGINE PRELIMINARE SUL CORPUS LISAU

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo La Grassa

    2016-09-01

    Full Text Available L’indagine presenta i primi risultati emersi dall’analisi di una parte del corpus LISAU (LIS di Adulti Udenti sulla produzione segnata del sintagma nominale in LIS da parte di informanti udenti che hanno appreso la LIS come L2 in età adulta. Scopo dell’indagine è cominciare a tracciare una linea di ricerca nell’ambito della linguistica acquisizionale con riferimento all’acquisizione della LIS come L2 da parte di udenti. Il corpus LISAU include il segnato di 7 informanti udenti con livello di competenza omogenea che hanno terminato un corso di terzo livello presso la sede Ente Nazionale Sordi di Prato e di 2 informanti sordi segnanti nativi considerati come gruppo di controllo. L’analisi si è incentrata sulla realizzazione dei nomi di prima e di seconda classe rilevando anche forme non citazionali, sulla realizzazione di forme plurali e sulle modalità di accordo tra nomi e aggettivi. Dalla maggior parte dei dati analizzati si rileva la piena competenza degli informanti nella realizzazione del sintagma nominale. Nouns Signed by hearing adults in LIS: a preliminary survey on the LISAU corpus The results of an analysis concerning part of the LISAU (LIS of  Hearing Adults corpus related to the production of the noun phrase in LIS by hearing informants who learned the LIS L2 in adulthood are presented. The purpose of the investigation was to outline the process with regard to the acquisition of LIS L2 by hearing adults. The LISAU corpus is composed of the sign language of 7 hearing informants with a homogeneous level of competence who completed a third-level course at the Ente Nazionale Sordi in Prato. LISAU also includes the sign language of 2 deaf native signers, considered the control group. The analysis focuses on the first and second-class nouns, including non-citation forms, plural forms and noun-adjective agreement. Most of the analyzed data reveals the informants’ full competence in creating noun phrases.

  16. Valutazione della qualitá dei dati in uno studio post marketing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. D’Alessandro

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: misurare l'affidabilita nella segnalazione
    di eventi avversi a vaccino nell'ambito di uno studio post-marketing sulla tollerabilita della vaccinazione antipneumococcica (AP in associazione con la vaccinazione antinfluenzale (AI nella popolazione anziana.


    Metodi: e stato predisposto un modello di regressione
    logistica per stimare gli OR tra la segnalazione di almeno un effetto collaterale locale (y ed alcune variabili individuali dei vaccinati (x1: eta .75 anni; x2: sesso; x3: allergie; x4: associazione AI+AP; x5: vivere solo; x6: patologie croniche. I medici aderenti al progetto (229 sono stati stratificati in cinque categorie in funzione dellfincidenza media di eventi avversi da loro registrata: 0% (29, 1-5%
    (68, 6-10% (50, 11-50% (72, .50% (10. Lo stesso modello di regressione e stato applicato ai quattro
    sotto-gruppi di vaccinati afferenti alle categorie di medici che hanno segnalato sintomi, per valutare la coerenza degli OR registrati nei gruppi.

    Risultati: tra i 29.086 vaccinati, l'f11,3% (3.278 ha segnalato almeno un evento avverso locale nelle
    72 ore successive alla vaccinazione: 9,9% tra i soggetti vaccinati con AI e 13,9% tra i vaccinati con
    AI+AP. I fattori significativamente associati all'faumento di rischio sono: AI+AP (OR 1,4; allergie (OR 1,3; patologie croniche (OR 1,3. L' applicazione del modello di regressione ai sotto-gruppi di vaccinati ha mostrato un trend negli OR per le categorie di medici che hanno segnalato dall'f1-5% fino all'f11- 50%, mostrando un'effettiva differenza di rischio dei pazienti.

    Tale coerenza non si e evinta nell'ultima categoria (.50%, dove tali fattori appaiono addiritura protettivi nei riguardi dei sintomi (AI+AP: OR 0,5; allergie: OR 0,7, o non associati
    (patologie croniche: OR 1,0.

    Conclusioni: il 4,3% dei medici arruolati nello studio (10 su 229 ha

  17. Immagine contro natura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo D'Angelo

    2015-11-01

    Full Text Available Qual è il rapporto tra immagine e natura nella cultura contemporanea? Poche vicende sono in grado di riassumere, in breve, la parabola percorsa nella modernità di questo rapporto come quella cui è andata incontro la parola panorama. Oggi, anche se molti continuano ad usare questo termine come equivalente di paesaggio, pochi sanno che il ‘panorama’ nacque, alla fine del Settecento, per indicare uno «spettacolo ottico» destinato a riscuotere grande successo lungo tutto il secolo seguente: il ‘panorama’ era, in origine, una grande tela dipinta, disposta a trecentosessanta gradi intorno a uno spettatore. Nel corso dell’Ottocento, le foto presero gradatamente il posto della pittura, nei panorami, fino a che, all’inizio del Novecento, le nuove forme di riproduzione dell’immagine, come il cinema, resero obsoleto questo tipo di spettacolo. Ma non la parola, che era già transitata a indicare la cosa naturale osservata e non più l’apparecchio destinato a riprodurla, la realtà e non la rappresentazione. Ed è proprio questo passaggio, per cui l’immagine soppianta la natura, la sostituisce, si pone al suo posto, ed impedisce un rapporto reale con la cosa rappresentata, ciò che si impone a chi prende a considerare il rapporto tra immagine e natura nel mondo contemporaneo. A partire dalla seconda metà del Novecento, molti artisti hanno cercato di dare attraverso le loro opere delle esperienze del nostro rapporto con la natura, o, per meglio dire, di trasformare in opera la propria esperienza della natura. Un tratto accomuna le esperienze dei land artist americani degli anni Sessanta con quelle dell’arte ambientale europea dei decenni successivi: il fatto che entrambe hanno compreso che il patto mimetico che legava l’arte alla natura è andato in pezzi e che nulla è più vano che cercare di ricomporlo, ragione per cui l’arte non potrà recuperare un legame con la natura riproducendola, ma solo operando all’interno di essa

  18. Paesaggi storici agro-silvo-pastorali nell’Abruzzo interno: dall’analisi multidisciplinare al recupero delle identità culturali locali / Historical agricultural, forest and pastoral landscapes in the inner Abruzzo: from a multidisciplinary analysis to the recovery of local identities

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annalisa Colecchia

    2015-12-01

    Full Text Available Il contributo illustra i primi risultati di una ricerca avviata nel massiccio della Majella, finalizzata a identificare paesaggi agro-silvo-pastorali fossili e a chiarire le relazioni tra la pastorizia e le altre forme dell’economia montana locale (agricoltura stagionale, sfruttamento delle risorse boschive, cava e lavorazione della pietra etc.. Fonti scritte, reperti archeologici e indicatori materiali (l’articolazione dei tratturi e dei sentieri minori, le grotte e i ripari sottoroccia, i complessi agro-pastorali, le scritte dei pastori contribuiscono a delineare il paesaggio pastorale nei suoi elementi qualificanti e nel suo spessore storico, dalla preistoria all’età moderna. Nelle regioni appenniniche il pastoralismo è una complessa strategia produttiva che si esplica principalmente secondo due distinte modalità: transumanza a lungo raggio e spostamenti stagionali da monte a valle e viceversa (“monticazione”. La pastorizia per la fertilità del terreno e per la posizione riparata, o in campi aperti. Queste attività hanno lasciato tracce che possono essere identifi cate usando la remote sensing analysis e adottando un approccio etnoarcheologico. La ricerca, oltre ad affrontare questioni metodologiche, si propone di definire il concetto di marginalità generalmente attribuito alla montagna. I condizionamenti ambientali hanno determinato forme di adattamento che si sono tradotte in positive integrazioni economiche per lo sviluppo del territorio. The paper presents the first results of a study initiated in the Majella massif which aims to identify fossil agro-forestry-pastoral landscapes and to clarify the relationship between grazing and the other forms of the local mountain economy (subsistence farming, exploitation of wooden resources, quarrying and stone working etc. Written sources, archaeological evidences and material indicators (the articulation of sheep tracks and minor paths, caves and rock shelters, agro

  19. Un'esperienza di integrazione tra i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e il distretto IX della ASL RM C

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Zanetti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: integrazione e collaborazione tra i Medici di Medicina Generale (MMG, i Pediatri di Libera Scelta (PLS e il Distretto per migliorare l’assistenza sanitaria e rispondere in maniera appropriata ai bisogni di salute dei cittadini.

    Metodi: il Distretto 9 della ASL RM C è situato in una zona centrale di Roma, con una alta densità di popolazione e un alto indice di vecchiaia rispetto al resto della città (circa 135.000 abitanti con il 32% di soggetti sopra i 65 anni. I MMG sono 150 e i PLS 19, equamente distribuiti su tutto il territorio. Dal febbraio 2001, sono stati organizzati incontri tra i MMG, i PLS e gli operatori delle varie strutture distrettuali e ospedaliere, al fine di una reciproca conoscenza delle attività e delle problematiche da condividere e per le quali cercare soluzioni.

    Risultati: il confronto tra le varie figure professionali di Sanità Pubblica che operano sul territorio ha permesso di affrontare varie problematiche, iniziando a abbattere luoghi comuni e resistenze reciproche, promuovendo un clima di collaborazione per il miglioramento dell’assistenza sanitaria ai cittadini. Sono stati costituiti gruppi di lavoro su alcune problematiche emergenti, che hanno già elaborato procedure per rendere appropriate le modalità di accesso alla fisiochinesiterapia domiciliare o alla presa in carico da parte del CAD distrettuale. Inoltre, è stato attivato presso l’Unità Organizzativa della Medicina Generale e Pediatrica un “angolo informativo” nel quale è possibile consultare l’informativa più recente su farmacovigilanza, sorveglianza epidemiologica e normative sanitarie. Per i MMG e i PLS che hanno fornito un indirizzo di posta elettronica, le note informative vengono inviate per e.mail. Conclusioni: da questa esperienza è emersa l’importanza di attivare canali e forme di comunicazione tra tutte le figure professionali interessate, al fine di

  20. Sull'innovazione finanziaria. (On financial innovation

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. VACIAGO

    2013-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni, in tutti i paesi - anche se in misura diversa - molti cambiamenti hanno avuto luogo nella struttura finanziaria che hanno accompagnato lo sviluppo di nuovi strumenti, mercati e intermediari finanziari. Una crescente letteratura descrive e analizza questi cambiamenti, genericamente raggruppati sotto l'etichetta di "innovazione finanziaria". Al fine di chiarire i costi ei benefici di ciò che si intende per innovazione finanziaria, è necessario esaminare congiuntamente sia le sue cause ei suoi effetti. A tal fine, è in primo luogo necessario considerare alcune domande molto generali che finora ancora devono essere risolte  Il presente lavoro esamina lo stato attuale della teoria dell'innovazione finanziaria, per poi illustrare le caratteristiche principali del processo innovativo in atto. Questo porta ad alcune considerazioni sulle implicazioni che ne derivano per il modus operandi della politica monetaria e, più in generale, per la definizione di meccanismi di trasmissione di questa politica.In recent years, in all countries - albeit to varying degrees - many changes have taken place in the financial structure which have accompanied the development of new instruments, markets and financial intermediaries. A growing literature describes and analyses these changes, generically grouped together under the label of "financial innovation". In order to clarify the costs and benefits of what is meant by financial innovation, it is necessary to jointly examine both its causes and its effects. To this end, it is first necessary to consider some very general questions that thus far have yet to be answered in any certain or unambiguous way, if they have been considered in the scientific literature at all. The present work examines the current state of the theory of financial innovation, to then illustrate the main features of the innovation process currently taking place. This leads to some considerations on the resulting implications