WorldWideScience

Sample records for grotta dei cervi

  1. The Grotta dei Cervi (Otranto – Lecce)

    OpenAIRE

    Elettra Ingravallo

    2007-01-01

    Warburg (1988) offers an interesting interpretative approach to the images of Grotta dei Cervi by the notion of the concept of ‘survival’. We can read them as the images of memory which acquire other meanings every time they are brought back to the present flow.

  2. The Grotta dei Cervi (Otranto – Lecce

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elettra Ingravallo

    2007-12-01

    Full Text Available Warburg (1988 offers an interesting interpretative approach to the images of Grotta dei Cervi by the notion of the concept of ‘survival’. We can read them as the images of memory which acquire other meanings every time they are brought back to the present flow.

  3. Fenologia dei Chirotteri nella grotta di Onferno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Bertozzi

    2003-10-01

    Full Text Available Con le sue 11 specie e le oltre 6000 presenze di Chirotteri la Riserva naturale orientata di Onferno è certamente un punto di notevole interesse nel patrimonio naturale italiano. A seguito dei piani di indagine e di sorveglianza posti in essere fin dalla sua creazione nel 1992 da parte della gestione della Riserva e soprattutto grazie al progetto LIFE in corso, si riassumono qui i principali tratti fenologci delle diverse specie nella cavità. Il sistema ipogeo è altamente differenziato topografica e in termini di microclima, come rilevato dal sistema di monitoraggio presente. Da Dicembre inizia il periodo più tipicamente invernale con rapido abbandono della cavità principale da parte dei miniotteri. Vi rimangono poche decine di esemplari e altrettanti rinolofidi delle diverse specie. Tale situazione si prolunga con alcune piccole variazioni fino a Marzo. Al cambio di stagione i miniotteri si muovono dai rifugi posti soprattutto in un tunnel a S. Marino (circa 11 km in linea d?aria a temperatura tra i 3 e 5 °C per tornare nel tratto principale a circa 7°C. I rinolofidi mantengono le posizioni e i numeri precedenti. Con Aprile il gruppo dei miniotteri, oramai completo o quasi, si sposta nella Sala Guano o rimane in vari ambiti del percorso principale. I rinolofidi appaiono in movimento ma il loro numero diminuisce almeno dalle zone di controllo. A Maggio compaiono anche i grandi vespertili già aggregati al grande gruppo dei miniotteri che spesso si presenta in contingenti suddivisi in vari ambiti della grotta. Non si ritrovano più rinolofi maggiori, mentre euryale e minore raggiungono le sale più calde e secche. Con Giugno i contingenti si concentrano nella grande sala ?Quarina? per formare nella seconda metà la colonia riproduttiva. Dal 15 circa iniziano i parti in tutte le specie. Nel Miniottero si registrano scarti di almeno una settimana tra l?avvio della riproduzione e le ultime nascite. Tutto Luglio è speso nella crescita dei

  4. Reviewing the upper Pleistocene human footprints from the 'Sala dei Misteri' in the Grotta della Bàsura (Toirano, northern Italy) cave: An integrated morphometric and morpho-classificatory approach

    Science.gov (United States)

    Paolo Citton; Romano, Marco; Salvador, Isabella; Avanzini, Marco

    2017-08-01

    About thirty human footprints made approximately 12,000 years B.P. inside the 'Sala dei Misteri' Cave of Básura near Toirano, Liguria, northern Italy, were studied by standard ichnological analysis. Eleven of the best-preserved tracks were examined further using morpho-classificatory and morphometric approaches, in order to estimate the minimum number of trackmakers; biometric measurements were also used to tentatively determine their physical characteristics (e.g., height and age). Results indicate at least three different producers, two youths and the third of tender age. Analysis of the data demonstrate the power of 3D, of landmark-based morphometrics, and the utility of methods of forensic anthropology in the determination of human footprints. The study of the number of trackmakers using the principal component analysis (PCA) on 'multi-trampling' surfaces could represent a model in the ichnological study of cave sites.

  5. The würmian mammalian fauna of Grotta Barbara (Monte Circeo: palaeoeconomical and environment conditions data / La mammalofauna würmiana di Grotta Barbara (Monte Circeo: implicazioni paleoeconomiche e paleoambientali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Caloi

    1989-07-01

    Full Text Available Abstract A fossil fauna composed predominantly by red deer, and also containing fallow-deer and steinbock was examined. It comes from late-Mousterian levels at Grotta Barbara, and is correlated with the first moderately cold oscillations of palaeotemperature stage 3. The analysis of the remains suggests that: a among cervids, young and females were preferentially hunted; b butchering was performed mainly in the cave; c the bones were crushed in order to extract the marrow and, less frequently, the fat. Riassunto Viene esaminata una fauna a cervo dominante, daino e stambecco, proveniente dai livelli a industria tardo-musteriana di Grotta Barbara. L'associazione viene riferita alle prime oscillazioni moderatamente fredde dello stadio 3 della scala isotopica. L'analisi dei resti consente di ipotizzare che: a la caccia era rivolta in prevalenza a femmine giovani; b la macellazione avveniva prevalentemente in grotta; c le ossa erano frantumate al fine di estrarne il midollo e, meno frequentemente, il grasso.

  6. DUE NUOVE SPECIE DI OTIORHYNCHUS (LIXORRHYNCHUS REITTER, 1914 E UNA NUOVA SPECIE DI RAYMONDIONYMUS WOLLASTON, 1873 DEI MONTI AURUNCI (LAZIO (COLEOPTERA, CURCULIONOIDEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Magrini

    2008-10-01

    Full Text Available Nella presente nota vengono descritti tre nuovi Curculionoidea ipogei dei Monti Aurunci (Lazio: Otiorhynchus (Lixorrhynchus avoni n. sp.; Otiorhynchus (Lixorrhyn­chus paulae n. sp. e Raymondionymus pulcherrimus n. sp. Nel testo vengono riportate immagini fotografiche dei principali caratteri esoscheletrici (sia interni che esterni che contraddistinguono le nuove specie, nell’ambito dei gruppi di appartenenza. Una cartina geografica riassume lo stato dell’attuale distribuzione dei Lixorrhynchus anoftalmi o microftalmi in Italia penisulare e nell’area Sardo-Corsa. Le prime due specie presentano indubbie affinità con Otiorhynchus (Lixorrhynchus bastianinii Magrini, Meoli & Abbazzi, 2005, recentemente descritto dei Monti Aurunci centrali [Grava dei Serini (= Grotta dei Serini 587 La/FR], mentre la terza specie costituisce, insieme a R. meggiolaroi (Osella, 1977 (Liguria, R. eximius Meregalli & Osella, 2006 (Lazio, Monti Simbruini e R. zoiai (Osella & Giusto, 1985 (Piemonte, Massiccio del Monviso, un gruppo immediatamente riconoscibile rispetto ai taxa congeneri, per la particolare conformazione del pronoto.

  7. Review of Cervi Cornu Parvum Pharmacopuncture in Korean Medicine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lee Dong-Jin

    2013-06-01

    Full Text Available Objective: The endpoint of this review is to investigate existing studies of Cervi cornu parvum (CCP pharmacopuncture within Korean medicine journals in order to present a better research method in the future. Methods: We searched all the papers through six Korean electrical databases that included the title of "Cervi cornu parvum pharmacopuncture" or "Cervi cornu parvum aqua-acupuncture". Articles that had been published until December 2012 were largely divided into experimental studies and clinical studies. Results: Fifty-three (53 experimental studies and six clinical studies were found. The number of published articles has been constantly increasing. Many of the experimental studies demonstrated anti-inflammatory effects for arthritis, and most of the clinical studies dealt with musculoskeletal problems. Conclusion: Various therapeutically significant effects of the CCP pharmacopuncture have been found through this review; however, more systematic clinical studies on the CCP pharmacopuncture seem to be necessary to substantially support its clinical effects.

  8. Elaborazione dei dati sperimentali

    Science.gov (United States)

    Dapor, M.; Ropele, M.

    L'analisi statistica dei dati sperimentali, la loro elaborazione ed una corretta stima degli errori sono conoscenze necessarie agli studenti di fisica, biologia, chimica, ingegneria e dei corsi di specializzazione tecnico-scientifici in cui a di laboratorio. Chi si occupa di problemi tecnici e di misure, per studio o per lavoro, deve possedere gli strumenti matematici di calcolo e di analisi necessari ad una corretta interpretazione dei dati sperimentali. Il testo fornisce in modo sintetico, chiaro ed esaustivo, tutte le nozioni e le conoscenze utili allo scopo.

  9. The mitochondrial genome of Paramphistomum cervi (Digenea, the first representative for the family Paramphistomidae.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hong-Bin Yan

    Full Text Available We determined the complete mitochondrial DNA (mtDNA sequence of a fluke, Paramphistomum cervi (Digenea: Paramphistomidae. This genome (14,014 bp is slightly larger than that of Clonorchis sinensis (13,875 bp, but smaller than those of other digenean species. The mt genome of P. cervi contains 12 protein-coding genes, 22 transfer RNA genes, 2 ribosomal RNA genes and 2 non-coding regions (NCRs, a complement consistent with those of other digeneans. The arrangement of protein-coding and ribosomal RNA genes in the P. cervi mitochondrial genome is identical to that of other digeneans except for a group of Schistosoma species that exhibit a derived arrangement. The positions of some transfer RNA genes differ. Bayesian phylogenetic analyses, based on concatenated nucleotide sequences and amino-acid sequences of the 12 protein-coding genes, placed P. cervi within the Order Plagiorchiida, but relationships depicted within that order were not quite as expected from previous studies. The complete mtDNA sequence of P. cervi provides important genetic markers for diagnostics, ecological and evolutionary studies of digeneans.

  10. EARLIEST OCCURRENCE OF WOOLLY RHINO (COELODONTA ANTIQUITATIS IN ITALY (LATE PLEISTOCENE, GROTTA ROMANELLI SITE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    LUCA PANDOLFI

    2013-03-01

    Full Text Available We described the proximal epiphysis of a rhinoceros third metacarpus collected from the level XI of Grotta Romanelli. This level is chronologically referred to a time span between approximately 80 and 69 ka. Morphological and morphometric characters of the third metacarpus suggest that it belongs to Coelodonta antiquitatis. This is the earliest record of woolly rhino in Italy. 

  11. Paramphistomum cervi: surface topography of the tegument of adult fluke.

    Science.gov (United States)

    Panyarachun, Busaba; Sobhon, Prasert; Tinikul, Yotsawan; Chotwiwatthanakun, Charoonroj; Anupunpisit, Vipavee; Anuracpreeda, Panat

    2010-06-01

    Adult Paramphistomum cervi or rumen fluke are pear-shaped, slightly concave ventrally and convex dorsally. The worm measures about 5-13 mm in length and 2-5 mm in width across the mid-section. As observed by scanning electron microscopy (SEM), the tegumental surface in all part of the body, appears highly corrugated with transverse folds alternating with grooves and is spineless. At high magnification, the surface of the fold is composed of microfolds or ridges separated by microgrooves or pits. Corrugations and invaginations of the ventral surface are also more extensive than on the dorsal surface of the body. Both anterior and posterior suckers have thick rims covered with transverse folds without spine. The genital pore is situated at the anterior third of the body. There are two types of sensory papillae on the surface: type 1 is bulbous in shape, measuring 10-15 microm in diameter at the base with nipple-like tips, and type 2 has a similar shape and size and also a short cilia on top. These sensory papillae usually occur in large clusters, each having between 5 and 20 units depending on the region of the body. Clusters of papillae on the ventral surface and around the anterior suckers tend to be more numerous and larger in size. The dorsal surface of the body has the least number of papillae. Copyright (c) 2009 Elsevier Inc. All rights reserved.

  12. Morphological and histological identification of Paramphistomum cervi (Trematoda: Paramiphistoma in the rumen of infected sheep

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vijayata Chaoudhary

    2015-01-01

    Full Text Available Aim: This study was undertaken to identify Paramphistomum cervi on the basis of its morphology and histology to be the common cause of paramphistomosis in infected sheep and its differentiation from other similar Paramphistomes in Gujarat. Materials and Methods: Adult rumen flukes were recovered from the rumen of naturally infected sheep slaughtered in various abattoirs in Gujarat. Some adult flukes were flattened and stained in Borax carmine, and some were sectioned in the median sagittal plane and histological slides of the flukes were prepared for detailed morphological and histological studies. Result: Microscopic pictures of the parasite used in identification define the similarity in the morphology and histology of the anterior sucker, pharynx, esophagus, genital atrium, posterior sucker (acetabulum and testes to the P. cervi. Conclusion: It can be concluded that the most common species found in sheep infected with Paramphistomosis is P. cervi on the basis of its histo-morphological appearance in Gujarat.

  13. I principi fisici della teoria dei quanti

    CERN Document Server

    Heisenberg, Werner

    1963-01-01

    Introduzione ; critica dei concetti fisica del modello corpuscolare ; critica dei concetti fisici del modello ondulatorio ; il significato statistico della teoria dei quanti ; discussione delle più importanti esperienze ; l'apparato matematico della teoria dei quanti.

  14. Elaborazione dei dati sperimentali

    CERN Document Server

    Dapor, Maurizio

    2005-01-01

    L'analisi statistica dei dati sperimentali, la loro elaborazione ed una corretta stima degli errori sono conoscenze necessarie agli studenti di fisica, biologia, chimica, ingegneria e dei corsi di specializzazione tecnico-scientifici in cui è richiesta pratica di laboratorio. Chi si occupa di problemi tecnici e di misure, per studio o per lavoro, deve possedere gli strumenti matematici di calcolo e di analisi necessari ad una corretta interpretazione dei dati sperimentali. Il testo fornisce in modo sintetico, chiaro ed esaustivo, tutte le nozioni e le conoscenze utili allo scopo. Gli argomenti sono esposti in modo rigoroso ma fluido e vengono introdotti con gradualità. Sono riportati i teoremi e le formule essenziali per una completa comprensione evitando, tuttavia, eccessivi appesantimenti matematici. Il libro è stato pensato per consentire ai docenti di scegliere autonomamente gli esperimenti per l'applicazione delle nozioni studiate.

  15. Teoria dei campi

    CERN Document Server

    Landau, Lev Davidovich

    1996-01-01

    Principio di relatività ; meccanica relativistica ; carica in un campo elettromagnetico ; equazioni del campo elettromagnetico ; campo elettromagnetico costante ; onde elettromagnetiche ; propagazione della luce ; campo di cariche in moto ; radiazione elettromagnetica ; particella in un campo gravitazionale ; equazioni del campo gravitazionale ; campo dei gravi ; onde gravitazionali ; cosmologia relativistica.

  16. Sussistenza e dieta dei cacciatori-raccoglitori di Grotta dell’Uzzo (TP): risultati delle analisi isotopiche

    DEFF Research Database (Denmark)

    Mannino, Marcello; Tagliacozzo, A.; Talamo, S.

    2012-01-01

    7 Convegno Nazionale di Archeozoologia, J. De Grossi Mazzorin & U. Thun Hohenstein (eds.). Annali dell’Università di Ferrara, Museologia Scientifica e Naturalistica 8/3......7 Convegno Nazionale di Archeozoologia, J. De Grossi Mazzorin & U. Thun Hohenstein (eds.). Annali dell’Università di Ferrara, Museologia Scientifica e Naturalistica 8/3...

  17. AMS radiocarbon dating of 'Grotta Cappuccini' in Southern Italy

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Quarta, G. E-mail: gianluca.quarta@unile.it; Calcagnile, L.; D' Elia, M.; Rizzo, A.; Ingravallo, E

    2004-08-01

    We present the results of AMS radiocarbon dating of human bones recovered in 'Grotta Cappuccini', a prehistoric cave in Galatone, Lecce (Southern Italy). The AMS analysis has confirmed the archaeological dating of the cave to the period between the end of the Copper Age and the early Bronze Age, and has given a fundamental contribution to the chronological definition of an important cultural aspect of the prehistory of Southern Italy.

  18. AMS radiocarbon dating of “Grotta Cappuccini” in Southern Italy

    Science.gov (United States)

    Quarta, G.; Calcagnile, L.; D'Elia, M.; Rizzo, A.; Ingravallo, E.

    2004-08-01

    We present the results of AMS radiocarbon dating of human bones recovered in “Grotta Cappuccini”, a prehistoric cave in Galatone, Lecce (Southern Italy). The AMS analysis has confirmed the archaeological dating of the cave to the period between the end of the Copper Age and the early Bronze Age, and has given a fundamental contribution to the chronological definition of an important cultural aspect of the prehistory of Southern Italy.

  19. Lista dei caratteri macroscopici per l’identificazione dei legni

    Science.gov (United States)

    Flavio Ruffinatto; Alan Crivellaro; Alex C. Wiedenhoeft

    2016-01-01

    L’identificazione dei legni costituisce il primo passo per ottenere conoscenze indispensabili in molti ambiti di studio. Ad esempio, prima di eseguire il restauro di un manufatto di interesse culturale è indispensabile conoscere il nome dei legni che lo compongono. Oppure, nel caso in cui si sospetti che un legno protetto da convenzioni internazionali sia stato...

  20. Storia della teoria dei quanti

    CERN Document Server

    Hund, Friedrich

    1980-01-01

    La storia della fisica ha vissuto tra il 1900 e il 1927 uno dei suoi periodi più entusiasmanti. La teoria dei quanti non è stata importante solo per la fisica atomica, ma ha improntato di sé tutta l'epistemologia attuale : grazie ad essa il mondo viene oggi visto con occhi diversi e il concetto di realtà ha subìto profonde modificazioni.

  1. Yukonite from the Grotta della Monaca cave, Sant'Agata di Esaro, Italy

    DEFF Research Database (Denmark)

    Garavelli, Anna; Pinto, Daniela; Vurro, Filippo

    2009-01-01

    , yukonite occurs in compact masses, dark reddish brown to brownish yellow in color. At the TEM scale, it consists of a chaotic assemblage of small grains (maximum dimension ... from Grotta della Monaca and Ca1.76Fe2+0.10Fe3+3.56[(As0.89Si0.08P0.03) O4]3(OH)5.16·3H2O for yukonite from the Daulton mine, close to the stoichiometry Ca2Fe3(AsO4)3(OH)4·4H2O. The thermogravimetric data indicate a total H2O content of ~17 wt%; FTIR data show that most of this occurs as H2O, but some...

  2. Treatment for intractable anemia with the traditional Chinese medicines Hominis Placenta and Cervi Cornus Colla (deer antler glue

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Yasuyo Hijikata

    2009-05-01

    Full Text Available Yasuyo Hijikata1, Takashi Kano2, Lu Xi31Toyodo Hijikata Clinic, Osaka, Japan; 2Kano Clinic, Osaka city, Osaka, Japan; 3Traditional Chinese Medicine Institute, Si-chuan Province, ChinaObjective: Intractable anemia, such as aplastic anemia or that presumably associated with chronic herpes virus infections, sometimes require bone marrow transplant. We investigated the use of traditional Chinese medicine (TCM for the treatment of intractable anemia. Method: Placenta Hominis (PH, steam boiled and roasted, and Cervi Cornus Colla (deer antler glue has been used in China for hundreds of years to treat anemia. After consent was obtained, we prescribed these two materials for a 74-year-old female with aplastic anemia and a 26-year-old male with presumably a virus-induced anemia. Concomitant conventional therapy was continued in both patients as prescribed by their respective attending physicians. Conclusion: Conventional therapy with steroid hormones, immunosuppressive drugs, platelet and erythrocyte transfusions were not effective in these patients. In addition, both patients suffered from serious side effects. In two patients, ingestion of Placenta Hominis and Cervi Cornus Colla with TCM prescriptions increased the platelet and enhanced the hemoglobin concentration in several months of therapy accompanied by a dramatic improvement in quality of life. The addition to conventional therapy of PH and Cervi Cornus Colla, the latter of which is very easy to obtain, may be one of the potentially advantageous choices in case of otherwise intractable anemia.Keywords: placenta, antler glue, Cervi Cornus Colla, anemia, aplastic anemia

  3. 3D Recording methodology applied to the Grotta Scritta Prehistoric Rock-Shelter in Olmeta-Di-Capocorso (Corsica, France

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Grussenmeyer

    2015-08-01

    Full Text Available The Grotta Scritta I prehistoric site is located on the west side of Cap Corse, in the territory of the municipality of Olmeta-di- Capocorso (Haute-Corse, France. This rock shelter is located on a western spur of the mountains La Serra, at 412 m height above sea level. In the regional context of a broad set of megalithic burial sites (regions Nebbiu and Agriates and a rich insular prehistoric rock art with several engraved patterns (mainly geometric, the Grotta Scritta is the only site with painted depictions of Corsica. Around twenty parietal depictions are arranged in the upper part of the rock-shelter and takes advantage of the microtopography of the wall. Today, the Grotta Scritta is a vulnerable site, made fragile by the action of time and man. The 3D scanning of the rockshelter and paintings of the Grotta Scritta was carried out by surveyors and archaeologists from INSA Strasbourg and from UMR 5602 GEODE (Toulouse, by combining accurate terrestrial laser scanning and photogrammetry techniques. These techniques are based on a full 3D documentation without contact of the rock-shelter paintings. The paper presents the data acquisition methodology followed by an overview of data processing solutions based on both imaging and laser scanning. Several deliverables as point clouds, meshed models, textured models and orthoimages are proposed for the documentation. Beyond their usefulness in terms of valorization, communication and virtual restitution, the proposed models also provide support tools for the analysis and perception of the complexity of the volumes of the shelter (namely for the folded forms of the dome housing the paintings as well as for the accuracy of the painted depictions recorded on the orthophotos processed from the 3D model.

  4. 3D Recording methodology applied to the Grotta Scritta Prehistoric Rock-Shelter in Olmeta-Di-Capocorso (Corsica, France)

    Science.gov (United States)

    Grussenmeyer, P.; Burens, A.; Guillemin, S.; Alby, E.; Allegrini Simonetti, F.; Marchetti, M.-L.

    2015-08-01

    The Grotta Scritta I prehistoric site is located on the west side of Cap Corse, in the territory of the municipality of Olmeta-di- Capocorso (Haute-Corse, France). This rock shelter is located on a western spur of the mountains La Serra, at 412 m height above sea level. In the regional context of a broad set of megalithic burial sites (regions Nebbiu and Agriates) and a rich insular prehistoric rock art with several engraved patterns (mainly geometric), the Grotta Scritta is the only site with painted depictions of Corsica. Around twenty parietal depictions are arranged in the upper part of the rock-shelter and takes advantage of the microtopography of the wall. Today, the Grotta Scritta is a vulnerable site, made fragile by the action of time and man. The 3D scanning of the rockshelter and paintings of the Grotta Scritta was carried out by surveyors and archaeologists from INSA Strasbourg and from UMR 5602 GEODE (Toulouse), by combining accurate terrestrial laser scanning and photogrammetry techniques. These techniques are based on a full 3D documentation without contact of the rock-shelter paintings. The paper presents the data acquisition methodology followed by an overview of data processing solutions based on both imaging and laser scanning. Several deliverables as point clouds, meshed models, textured models and orthoimages are proposed for the documentation. Beyond their usefulness in terms of valorization, communication and virtual restitution, the proposed models also provide support tools for the analysis and perception of the complexity of the volumes of the shelter (namely for the folded forms of the dome housing the paintings) as well as for the accuracy of the painted depictions recorded on the orthophotos processed from the 3D model.

  5. Fondamenti di fisica dei plasmi

    CERN Document Server

    Golant, V E; Sacharov, I E

    1983-01-01

    Introduzione ; collisioni del plasma ; equazioni cinetiche per particelle cariche ; plasmi in equilibrio termodinamico ; funzione di distribuzione di particelle cariche in un campo elettrico ; equazioni dei momenti della funzione di distribuzione ; processi di trasporto nel plasma in assenza di campi magnetici ; moto di particelle cariche nel plasma in presenza di campi magnetici ; processi di trasporto in campo magnetico ; confinamento del plasma mediante campi magnetici.

  6. Dinamica classica dei sistemi fisici

    CERN Document Server

    Turchetti, Giorgio

    1998-01-01

    Principi generali ; problemi unidimensionali ; campo centrale ; sistemi di punti ; punto vincolato ; sistemi di punti vincolati ; simmetrie ; rotazioni e moto relativo ; corpo rigido ; sistemi lineari ; stabilità ; teoria qualitativa ; piccole oscillazioni ; principi variazionali ; trasformazioni canoniche ; serie di Lie ; proprietà dell'azione ; sistemi integrabili ; teoria perturbativa ; sistemi quasi integrabili ; sistemi caotici ; integrazione numerica ; modelli hamiltoniani ; equazioni stocastiche ; meccanica statistica ; corda elastica ; equazione delle onde ; meccanica dei continui.

  7. La tragedia dei beni comuni

    OpenAIRE

    Hardin, Garrett; Coccoli, Lorenzo

    2009-01-01

    Traduzione italiana del celebre articolo "The Tragedy of the Commons" (1968). A dispetto della sua fama nel campo delle scienze sociali, l'autore, Garrett Hardin, era un biologo che si occupava del problema della sovrappopolazione. Per lui una simile questione non aveva una soluzione tecnica (relativa cioè alla mera applicazione dei risultati delle scienze naturali), ma richiedeva un mutamento nelle nostre prospettive morali. A sostegno di questa tesi, Hardin introdusse la fortunata immagine ...

  8. Cornu Cervi Pantotrichum Supplementation Improves Exercise Performance and Protects against Physical Fatigue in Mice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chi-Chang Huang

    2014-04-01

    Full Text Available Cornu cervi pantotrichum (CCP is a well-known yang-invigorating agent used in traditional Chinese medicine that can nourish the blood, tonify qi, and invigorate bones and tendons with multifunctional bioactivities. However, evidence on the effects of CCP on exercise performance and physical fatigue is limited. We evaluated the potential beneficial effects of ethanolic extract from CCP on ergogenic and antifatigue functions following a physiological challenge. Male ICR mice from four groups (n = 8 per group were orally administered CCP for 14 days at 0, 2054, and 4108 mg/kg/day, and were respectively designated as the vehicle, CCP-1X, and CCP-2X groups. The physical performance and antifatigue function were evaluated using forelimb grip strength and exhaustive swimming time as well as serum levels of lactate, ammonia, glucose, and creatine kinase after a 15-min swimming exercise. The results indicated that CCP-1X supplementation significantly improved grip strength; reduced fatigue-associated biochemical indices, including lactate and ammonia levels; and ameliorated skeletal muscle injury induced by acute exercise challenge. A trend analysis revealed that CCP supplementation significantly increased grip strength and dose-dependently reduced serum alkaline phosphatase, uric acid, triacylglycerol, and glucose levels in healthy mice. Therefore, CCP is a potential agent with an antifatigue pharmacological effect.

  9. Cornu cervi pantotrichum Pharmacopuncture Solution Facilitate Hair Growth in C57BL/6 Mice

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Seon-Yong Lee

    2016-06-01

    Full Text Available Objectives: Cornu cervi pantotrichum (CCP has been widely used in Korean and China, as an anti-fatigue, anti-aging, and tonic agent to enhance the functions of the reproductive and the immune systems. Because CCP has various growth factors that play important roles in the development of hair follicles, we examined whether CCP pharmacopuncture solution (CCPPS was capable of promoting hair growth in an animal model. Methods: One day after hair depilation, CCPPS were topically applied to the dorsal skin of C57BL/6 mice once a day for 15 days. Hair growth activity was evaluated by using macro- and microscopic observations. Dorsal skin tissues were stained with hematoxylin and eosin. Expressions of bromodeoxyuridine (BrdU, proliferating cell nuclear antigen (PCNA, and fibroblast growth factor (FGF-7 were examined by using immunohistochemical staining. A reverse transcription polymerase chain reaction (RT-PCR analysis was also conducted to measure the messenger RNA (mRNA expression of FGF-7. Results: CCPPS induced more active hair growth than normal saline. Histologic analysis showed enlargement of the dermal papilla, elongation of the hair shaft, and expansion of hair thickness in CCPPS treated mice, indicating that CCPPS effectively induced the development of anagen. CCPPS treatment markedly increased the expressions of BrdU and PCNA in the hair follicles of C57BL/6 mice. In addition, CCPPS up regulated the expression of FGF-7, which plays an important role in the development of hair follicles. Conclusion: These results reveal that CCPPS facilitates hair re-growth by proliferation of hair follicular cells and up-regulation of FGF-7 and suggest that CCPPS can potentially be applied as an alternative treatment for patients with alopecia.

  10. Mafia Capitale. Anatomia dei protagonisti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Mazzeo

    2015-12-01

    Full Text Available L’inchiesta Mondo di Mezzo ha posto all’attenzione degli studiosi una nuova forma di organizzazione criminale autoctona sviluppatasi a Roma e definita dagli organi inquirenti “Mafia Capitale”. Il presente articolo si propone di esaminare i profili biografici e criminali dei principali protagonisti del network indagato, al fine di delinearne le gerarchie di potere, i settori di attività e i patrimoni relazionali. Le riflessioni proposte sono frutto di un’analisi qualitativa basata su fonti scritte - tra cui atti giudiziari, documenti istituzionali, articoli di giornale - e fonti orali. Di particolare rilievo ai fini dell’indagine, sono state infatti le testimonianze di alcuni osservatori privilegiati. Lo studio evidenzia un complesso sistema di profili sociali che si muovono nel contesto pubblico romano, da un lato rispondendo a logiche corruttive nuove, dall’altro facendo sistematico ricorso al metodo mafioso.

  11. Prosumer e star dei videogiochi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Frazzetto

    2012-03-01

    Full Text Available Su molti server di World of Warcraft ci sono toon (“personaggi” pilotati dal giocatore “famosi”. Il caso più significativo è quello di Kungen (cioè “re”, toon del giocatore svedese Thomas Bengtsson, leader prima dei Nihilum poi di un’altra celebre gilda, Ensidia. Questa peculiare fama settoriale è certamente legata alla struttura degli MMORPG, al loro essere basati su una specifica forma di socializzazione. Tuttavia ci si potrebbe chiedere: il giocatore capace di guidare un suo toon fino alla “celebrità” è un “produttore”? Un prosumer? Certo, non è “produttore” del software. Qui è in questione qualcosa di molto diverso.

  12. Il bizzarro mondo dei quanti

    CERN Document Server

    Camejo, Silvia Arroyo

    2008-01-01

    Scritto prima dell'esame di maturità da una giovane di eccezionale talento, questo libro colma il vuoto esistente tra la letteratura divulgativa sulla fisica quantistica, che normalmente evita ogni formula matematica, e la letteratura specialistica, ben farcita, invece, di matematica avanzata. L'autrice, appena diciannovenne, con l'ausilio della sola matematica della scuola superiore, introduce il lettore ai principi della fisica dei quanti. Se ne ricava uno sguardo profondo sul microcosmo, il regno affascinante delle particelle elementari: oggetti il cui comportamento si distingue in modo drastico e fondamentale da tutto ciò a cui è avvezzo il nostro umano buonsenso. "Un libro... che avrei desiderato avere a 17 anni". Silvia Arroyo Camejo "In modo assolutamente preciso dal punto di vista fisico, l'autrice spiega con grande passione e divertimento i fondamenti della moderna fisica quantistica ... " Prof. Reinhold A. Bertlmann "Un libro stupefacente di un'autrice straordinaria! Si avverte il suo entusiasmo ...

  13. Il punto di vista dei docenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wilfried Admiraal

    2003-01-01

    Full Text Available L'esperienza di un "docente pionere" nel contesto del progetto europeo ULEARN dedicato alla disseminazione dell'innovazione nel sistema scolastico europeo, rafforzando il ruolo dei docenti pionieri all'interno delle loro istituzioni.

  14. Il valore dei suoli edificabili in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Rosato

    2014-12-01

    Full Text Available Il saggio propone alcune analisi sulla dinamica del valore dei suoli edificabili in Italia. Il tema è importante poiché lo studio dell’andamento del valore dei suoli nello spazio e nel tempo permette di valutare la formazione della rendita urbana, indispensabile per realizzare una pianificazione equa ed efficace. Le analisi confermano ipotesi già formulate in passato e ben note agli operatori del mercato immobiliare. La prima evidenza emersa è che l’andamento del valore delle aree edificabili è concorde con quello del valore immobiliare e che l’incremento osservato negli ultimi anni in termini relativi è significativamente superiore a quello avvenuto in passato. Ciò sembra confermare che, durante le fasi di espansione del mercato immobiliare, buona parte dell’incremento di valore dei fabbricati è catturato dalla rendita dei suoli. La seconda considerazione riguarda la dinamica del valore nel tempo: è stato rilevato che nei periodi di espansione della domanda, l’incremento di valore delle aree centrali è nettamente superiore a quello delle aree periferiche; ciò significa che la rendita assoluta generata dalla scarsità nei centri urbani è superiore alla rendita differenziale creata con l’espansione urbana nelle aree periferiche. Infine, è stato evidenziato che il ruolo dei fattori che influiscono sul valore delle aree edificabili sembra differenziarsi in funzione della loro localizzazione rispetto al centro urbano, identificando segmenti di mercato strutturalmente diversi.

  15. Meccanica quantistica relativistica introduzione alla teoria quantistica dei campi

    CERN Document Server

    Maiani, Luciano

    2012-01-01

    Tra gli argomenti trattati: le simmetrie dello spazio-tempo; la particella libera classica; teoria lagrangiana dei campi; quantizzazione dell' equazione di Klein Gordon; quantizzazione del campo elettromagnetico; l'equazione di Dirac; i propagatori dei campi liberi; interazioni; evoluzione nel tempo dei sistemi quantistici; teoria relativistica delle perturbazioni...

  16. Vaccinazione antinfluenzale nella ASL RMF della Regione Lazio: verifica dei risultati e dei costi sostenuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Di Marzio

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la vaccinazione antinfluenzale nella
    Regione Lazio dalla campagna 1999-2000 viene
    condotta sulla base di un protocollo regionale che,
    per favorire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti
    dal Piano Sanitario Nazionale, coinvolge i
    Medici di Medicina Generale (MMG prevedendo
    una remunerazione aggiuntiva in parte fissa (a prestazione, in parte variabile (condizionata dal risultato
    del singolo medico e della ASL.
    Gli autori si propongono una verifica dei risultati raggiunti e dei costi sostenuti dall’ultima campagna eseguita con sole risorse aziendali del 1998-99 a quella del 2002-03.

    Metodi: il protocollo regionale prevede la raccolta
    delle informazioni per ciascun vaccinato presente
    nell’anagrafe informatizzata degli assistiti aziendali
    e ciò consente la valutazione delle coperture vaccinali
    aziendale e per ciascun MMG.
    Parallelamente sono considerati costi dei vaccini
    acquistati e retribuzione aggiuntiva dei MMG.

    Risultati: esaminati gli archivi dal 1998-99 al 2002-
    03, emerge il progressivo coinvolgimento dei MMG fino al recente 97%, l’aumento inequivocabile delle dosi di vaccino somministrate (da 9.406 a 36.692 e del tasso di copertura negli anziani (dal 24,2% al 66%. Invece la percentuale dei vaccini somministrati ai ›65 diminuisce dal 85,47% al 71,77% ed aumenta a favore dei più giovani così da risultare coperture negli ultrasessantacinquenni inferiori alle attese.Con gli anni l’integrazione dell’esperienza del servizio e dei MMG ha favorito un più oculato approvvigionamento
    con diminuzione degli sprechi passando dal 15,56% nel 2000-01 all’attuale 4,45%, ma contestualmente i costi risultano decuplicati (da 90 a 938 milioni di lire per maggior numero di dosi somministrate e costo delle prestazioni dei MMG

  17. On generalized Rédei functions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Matthews

    1988-01-01

    Full Text Available A generalization of Rédei functions to polynomial vectors in n indeterminates over finite fields or residue class rings of integers is given by considering special types of polynomial vectors. Properties such as polynomial composition, change of basis, group structure and fixed points are studied together with applications in cryptography.

  18. The "Casa dei Bambini": A Century Concept.

    Science.gov (United States)

    Hall, Elizabeth

    2000-01-01

    Reviews the early history of Montessori education from the Italian State Orthophrenic School to the opening of the original Casa dei Bambini in San Lorenzo, Italy on January 6, 1907. Includes a synopsis of Maria Montessori's progressive revelations of the child's developing self over the past century. (JPB)

  19. Fisica degli atomi e dei nuclei

    CERN Document Server

    Bernardini, Carlo

    1965-01-01

    Evidenza della struttura atomica della materia ; le proprietà degli atomi e la meccanica atomica ; gli atomi e le radiazioni elettromagnetiche ; struttura microscopica dello stato gassoso ; struttura microscopica dello stato liquido ; struttura microscopica della stato solido ; proprietà elettriche e magnetiche delle sostanze ; proprietà dei nuclei degli atomi ; le particelle elementari.

  20. SULLA ORIGINE DEI MICROSISMI DEL MEDITERRANEO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    e. rosini

    1951-06-01

    Full Text Available La nota contiene i risultati di indagini particolareggiate condottepresso l'Istituto Nazionale di Geofisica con la collaborazione del ServizioMeteorologico dell' Aeronautica sul problema dell' origine dei microsismi.Lo studio concerne fondamentalmente i tnicrosismi aventiorigine nel Mediterraneo perché questo è il settore per cui maggioreera la abbondanza dei dati meteorologici e di più diretto controllo.L'osservazione continua di oltre tre anni conferma oramai il risultatopiù importante: i microsismi di origine mediterranea non sono indiretta correlazione con i fronti bensì vengono generati nelle zone,in mare aperto, interessale da nuclei di tendenza barometrica positiva.Si riporta, a titolo di esempio, la documentazione relativa ad alcunetempeste microsismiche. Si dà poi una interpretazione delle modalitàdi generazione dei microsismi stessi e della trasmissione dellaenergia dall'atmosfera, attraverso le masse marine, al fondo solido dell'Oceano.Ricerche estese all'analisi dei sondaggi termodinamici stanno adindicare che l'effetto massimo si ha quando lo spessore della massafredda turbolenta è fra 1 e 3 km.

  1. Macrolithic tools for mining and primary processing of metal ores from the site of Grotta della Monaca (Calabria, Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Breglia

    2016-10-01

    In this paper we focus on two categories of macrolithic tools: those used to extract minerals, and those used for their primary processing. The first group is composed of 51 artefacts divided into axes, hammers, and pickaxes with a central groove, found in the deeper areas of the cave, which represent the mining areas. Their morphological and dimensional variability indicates a significant functional diversification; furthermore, the choice of different very hard metamorphic rocks implies a high awareness in the selection of the raw materials used for making these implements. The second group includes 22 tools with different functions - mainly made of sandstone - classified as querns, grinders and crushers. They were found in an underground area adjacent to the entrance, which is characterized by large and comfortable spaces, with the widespread presence of natural light. A recent traceological study has clarified the function of such artefacts; they were used to grind mined blocks of iron hydroxides to obtain a powder. The multidisciplinary approach adopted in studying mining tools from Grotta della Monaca, including petrographic, typological and use-wear analysis, has allowed us to gain important knowledge about the general characteristics of these tools.

  2. Tephrostratigraphy of Grotta del Cavallo, Southern Italy: Insights on the chronology of Middle to Upper Palaeolithic transition in the Mediterranean

    Science.gov (United States)

    Zanchetta, Giovanni; Giaccio, Biagio; Bini, Monica; Sarti, Lucia

    2018-02-01

    The Grotta del Cavallo contains one of the most important stratification of Mousterian, Uluzzian and Final Epigravettian tecnocomplexes; its chronology is of paramount importance for understanding the timing of the transition between Middle and Upper Palaeolithic in the Mediterranean region as well as the demise of the Neanderthal and the dispersal of the first anatomically modern humans through Europe. Within the stratigraphy of the cave three different volcanic ash layers occur (layer G, Fa and C-II). They are located in the middle section of the Mousterian (layer G), in between the Mousterian and Uluzzian layers (layer Fa) and on top of the Uluzzian horizons (layer C-II). The three tephra layers were chemically fingerprinted and correlated to well-known and precisely dated widespread Late Pleistocene tephra markers. Specifically, layer G, Fa and C-II were correlated to the X-6 (108.7 ± 0.9 ka), Y-6 (45.5 ± 1.0 ka) and Campanian Ignimbrite (39.85 ± 0.14 ka), respectively. These findings provide robust chronological points allowing to conclude that: (i) the Mousterian occupation of the cave took place after the fall of the sea level following the MIS 5e high-stand; (ii) the Mousterian-Uluzzian boundary can be dated to 45.5 ± 1.0 ka and climatostratigraphically firmly placed at the transition between the Greenland Interstadial 12 (GI12)-Greenland Stadial 12 (GS12); (iii) the Uluzzian lasted for at least five millennial spanning the GS12-GI9 period and ended at beginning of the Heinrich Event 4.

  3. In vitro evaluation of antifilarial effect of Azadirachta indica leaves extract in different solvents on the microfilariae of Setaria cervi.

    Science.gov (United States)

    Kausar, Sharba

    2017-03-01

    Polar solvent extracts of Azadirachta indica leaves were investigated to evaluate in vitro anthelmintic activity on the microfilariae of Setaria cervi. Four extracts of A. indica leaves were prepared with different solvents in increasing order of polarity (diethyl ether indica leaves was prepared in Ringer's solution at the concentrations of 50, 100 and 200 μg/ml and used against microfilariae in three replicates. Ringer's solution was used as experimental control. Mortality rates of microfilariae were recorded for each concentration after 45, 90 and 135 min, respectively. All the solvent extracts show significant anthelmintic activity at the concentration of 200 μg/ml after 135 min of incubation. Highest mortality rate of microfilariae was observed in methanol and ethanol extracts throughout the incubation period compared to chloroform and diethyl ether extracts which showed low mortality rates. Dose dependent effect of ethanol and chloroform showed highest and lowest ranking when analyzed by regression values and correlation of regression. Solvents extracts of A. indica leaves showed anthelmintic effect and therefore may be used as phytopharmacological agents in future.

  4. Profili penali della disciplina dei gruppi di società

    OpenAIRE

    Fiorella, Michele

    2012-01-01

    Mediante l’inserimento, all’interno della fattispecie di infedeltà patrimoniale, della previsione normativa dei vantaggi compensativi la tematica dei gruppi di società ha ricevuto una dignità espressa anche nel settore del diritto penale dell’economia. La scelta di politica legislativa, che si inserisce più genericamente nell’obiettivo politico criminale del legislatore novellante di costruire un diritto penale societario minimo, permeato dal necessario rispetto dei canoni di concreta offe...

  5. Dalla frattura alla scienza dei metalli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.Cavallini

    2008-04-01

    Full Text Available La frattura inizia ad essere considerata oggetto di studio da Leonardo da Vinci e trova in Vannoccio Biringucci ed in Galileo Galilei i precursori di un approccio scientifico al come e perché si rompe. Nell’arco di poco più di un secolo, il sedicesimo, si trovano i primi riferimenti scritti di esperienze e interpretazioni su cui lavorare: i limiti tecnologici e di conoscenza scientifica dei materiali allora disponibili hanno impedito una interpretazione soddisfacente del fenomeno della rottura. Sarebbero occorsi altri due secoli per collegare con una relazione lineare, prima forza e deformazione, e poi tensione e deformazione.

  6. Elementi di management dei programmi spaziali

    CERN Document Server

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  7. Effetti dei blocchi totali del traffico motorizzato sulla concentrazione dei principali inquinamenti atmosferici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Signorelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: il contenimento degli inquinamenti atmosferici attraverso blocchi parziali e totali dei veicoli circolanti nelle aree critiche è un tema molto dibattuto negli ultimi anni, soprattutto in relazione all’efficacia a breve e medio termine di questi provvedimenti sulla concentrazione degli inquinanti nell’aria. Sulla base dei dati diffusi dall’ARPA della Regione Lombardia sono stati analizzati gli effetti di due blocchi totali del traffico motorizzato, avvenuti in due domeniche dell’inverno 2001-2002, sulle concentrazioni di due inquinanti specifici per il traffico veicolare, il PM10 e il benzene.

    Metodologia: l’analisi è stata condotta in Lombardia considerando i dati ambientali delle tre zone critiche dove sono stati registrati i valori più elevati di inquinanti atmosferici e dove sono stati attuati i blocchi del traffico come misura d’emergenza (Milano, Como e Sempione. Tramite l’elaborazione di alcuni parametri metereologici, di grafici e di dati relativi l’andamento delle medie giornaliere e orarie degli inquinanti considerati è stata, quindi valutata l’efficacia dei blocchi stradali ai fini della diminuzione dell’inquinamento atmosferico.

    Risultati: i risultati ottenuti hanno evidenziato che le concentrazioni di inquinanti subiscono complessivamente un calo nelle ore di blocco del traffico, ma risalgono rapidamente a partire dalle ore successive la conclusione dei blocchi e non subiscono variazioni significative nei giorni successivi. I fattori metereologici (vento e pioggia intensa rivestono grande importanza nel condizionare la concentrazioni di PM10 e benzene.

    Conclusioni: i risultati confermano che i provvedimenti d’emergenza di limitazione del traffico non rappresentano una soluzione definitiva per ridurre complessivamente l’inquinamento atmosferico nelle aree urbane. Risulta, quindi, necessario effettuare

  8. Elementi e relazioni in un sistema di classificazione dei record

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Mata Caravaca

    2017-05-01

    Full Text Available La costruzione di schemi di classificazione dei record è un tema poco sviluppato a cui la disciplina archivistica ha finora dedicato poca attenzione. Non si tratta di un argomento di facile comprensione, dal momento che gli schemi di classificazione dei record sono gli strumenti principali utilizzati tradizionalmente per l'organizzazione e la gestione dei record. Questo articolo esamina gli elementi presi in considerazione nella costruzione di uno schema di classificazione, così come le modalità attraverso le quali questi elementi sono correlati. Vengono inoltre esaminate le relazioni gerarchiche e non gerearchiche, ed identificate le possibili future direzioni della ricerca su questi temi.

  9. Idraulica dei sistemi fognari dalla teoria alla pratica

    CERN Document Server

    Gisonni, Corrado

    2012-01-01

    La progettazione dei sistemi fognari e dei manufatti in essi presenti richiede un’attenta conoscenza delle leggi che regolano i fenomeni idraulici, con particolare riferimento alle correnti idriche a superficie libera. Partendo dalle nozioni fondamentali dell’Idraulica, il testo intende colmare alcune importanti lacune che ancora caratterizzano la letteratura italiana nel settore e che spesso sono alla base di errori progettuali, con ovvie conseguenze sulla sicurezza dei centri abitati (come testimoniato dai frequenti fenomeni di allagamento che sono stati registrati negli ultimi anni). Il libro è rivolto agli allievi dei corsi di studio nel settore dell’ingegneria Civile ed Ambientale. Particolare interesse è rivolto ai professionisti operanti nel settore della ingegneria idraulica e della pianificazione urbana, per i quali è forte l’esigenza di testi che contengano indicazioni di carattere sia teorico sia pratico, finalizzate alla progettazione di sistemi di drenaggio nei centri abitati.

  10. La struttura del reato nella giurisprudenza dei tribunali penali internazionali

    OpenAIRE

    Buono, Anna

    2012-01-01

    2010 - 2011 Questa Tesi di Dottorato su: “La struttura del reato nella giurisprudenza dei Tribunali penali internazionali”, dal punto di vista organizzativo, è suddivisa in tre parti. La prima parte è dedicata allo sviluppo del diritto penale internazionale. Questo “darwinismo” è legato all’evoluzione dei Tribunali penali internazionali, da Norimberga ai cosiddetti Tribunali ibridi o internazionalizzati istituiti dalle Nazioni Unite, caratterizzati dalla natura “mista”, inte...

  11. Status sulle conoscenze dei mammiferi molisani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Norante

    2003-10-01

    Full Text Available Il Molise risulta poco studiato dal punto di vista teriologico e, per colmare almeno in parte tale lacuna, il GMSO si è proposto di raccogliere dati bibliografici e inediti e promuovere qualche progetto. Si riportano sinteticamente dati relativi ad alcune specie. Sciurus vulgaris risulta comune in Prov. di Isernia, più localizzato in quella di Campobasso, presente nelle riserve MAB, nel Parco Naz. d?Abruzzo, Matese e Venafrano, nei pressi della zona ospedaliera di Campobasso ed anche al centro del capoluogo. Hystrix cristata, segnalata fino agli anni anni ?60 a Campomarino è stata trovata di recente (aculei in Alto Molise, sporadiche le segnalazioni nell?agro di S. Croce di Magliano-Colletorto (CB. Canis lupus ha recentemente allargato il suo areale raggiungendo anche siti in collina (per l?immissione dei Daini. Presente oltre che nel PNA, in tutta la Prov. di Isernia, Matese, montagna di Frosolone fino a Castropignano-Casalciprano. Preoccupante invece il randagismo canino verso il quale è auspicabile prendere dei provvedimenti. Ursus arctos è in aumento con massimi in Val di Mezzo, Val Fiorita, Val Pagana, M .te Marrone ed in tutto il gruppo delle Mainarde; fuori dal PNA è sempre più frequente: Matese, Carpinone e recentemente (27.04.03 una coppia in Valle del Sangro a S. Angelo in Pesco (IS. Nel 1995 una femmina è stata investita dal treno nei pressi di Carpinone (IS. Lutra lutra invece è diminuita rispetto al passato. La si incontrava fino agli anni ?70/80 fino alla foce dei fiumi Trigno, Biferno e T. Saccione. Attualmente è segnalata in prov. di Isernia (es. Venafrano, Matese, Montagna di Frosolone. Felis silvestris è presente soprattutto in Prov. di Isernia dove è segnalato in 38 Comuni. In quella di Campobasso appare più localizzato a nord e nel Matese. Riguardo Lynx lynx pare che qualche soggetto sia stato osservato nell?area limitrofa al P.N.A. dove è stata

  12. Los ictalúridos dei Pleistoceno dei Lago de Chapala,México

    OpenAIRE

    Garcia, Edith Xio Mara; Michel Sánchez, Maricruz; Camacho, Agustin Rodrigues; Balbino, Ausenda; Antunes, Miguel; Fajardo, Aida; Recio, Carolina; Ruiz, Francisco; Abad, Manuel; Toscano, António

    2013-01-01

    EI lago de Chapala, ubicado en el occidente de la Faja Volcánica Transmexicana, es rico en fósiles de vertebrados dei Cenozoico terminal. Se estudiaron los restos fósiles de peces colectados durante los anos 2001,2002 Y 2003, en la localidad de San Pedro Tesistán, Municipio de Jocotepec, Jalisco, durante un periodo en el que el lago de Chapala bajó su cota significativamente debido a la extracción de agua y sequía estaciona!. Se colectaron en superficie restos aislados de...

  13. Interrelationships of Dictyocaulus spp. in Wild Ruminants with Morphological Description of Dictyocaulus cervi n. sp. (Nematoda: Trichostrongyloidea) from Red Deer, Cervus elaphus.

    Science.gov (United States)

    Pyziel, Anna M; Laskowski, Zdzisław; Demiaszkiewicz, Aleksander W; Höglund, Johan

    2017-10-01

    Lungworms from the genus Dictyocaulus cause parasitic bronchitis (dictyocaulosis) characterized by coughing and severe lung pathology in both domestic and wild ruminants. In this study we investigated the interrelationships of Dictyocaulus spp. from European bison (Bison bonasus L.), roe deer (Capreolus capreolus), and red deer (Cervus elaphus) by nucleotide sequence analysis spanning the 18S RNA gene (small subunit [SSU]) and internal transcribed spacer 2 (ITS2) regions of the ribosomal gene array as well as the mitochondrial cytochrome c oxidase subunit 1 (cox1). Molecular analyses of sequence data obtained partly with novel primers from between 10 and 50 specimens from each host were carried out. Bayesian inference analysis revealed that each host species was infected with different genotypes. Analysis of cox1 sequence data showed a diverse genetic background and high evolutionary potential of Dictyocaulus taxa. Data from lungworms of European bison revealed a distinct genotype of Dictyocaulus viviparus, whereas Dictyocaulus capreolus was only found in roe deer. In contrast, red deer were infected with a taxon with unique SSU, ITS2, and cox1 sequences. These results indicate the occurrence of a novel genotype from red deer, which differs significantly from the National Center for Biotechnology Information reference sequence of Dictyocaulus eckerti. The molecular evidence was consistent with a morphological study with description and imaging of Dictyocaulus cervi n. sp. recovered from red deer. Dictyocaulus cervi n. sp. can be distinguished from D. eckerti on the basis of the absence of cervical papillae, the occurrence of a single ring of 4 symmetrical submedian cephalic papillae, length of the tail in females, morphometry of the female reproductive system, and measurements of gubernacula in males. In conclusion, our findings further strengthen the idea that the genetic complexity and diversity among Dictyocaulus lungworms infecting wildlife ruminants is larger

  14. Some remarks about biometric characters of skulls of Hippopotamus pentlandi Von Meyer (Cannita Cave, Sicily and pleistocene hippopotami of Western Europe / Osservazioni sui caratteri biometrici del cranio di Hippopotamus pentlandi Von Meyer della grotta della Cannita (Sicilia e degli ippopotami pleistocenici dell'Europa Occidentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Caloi

    1986-12-01

    Full Text Available Abstract Biometric data from the examination of skulls of Hippopotamus pentlandi Von Meyer (Canninita cave, Palermo, Sicily are compared with the data relative to the skulls of two fossil hippos of european Pleistocene and of the living species Hippopotamus amphibius Linnaeus. Even taking into account the inhomogeneity of the fossil specimens and the deformation suffered by the skulls of H. pentlandi from Cannita cave, the examination confirms on one hand the stronger affinity of the sicilian species with the living H. amphibius and from the other hand the peculiarities that characterize this form with respect to the european continental ones. A comparative examination of the biometric characters of the skull of these latter species confirms the greater distance of H. antiquus Desmarest from the living species. It is stressed how the relations between the less bulky Pleistocene species (Hippopotamus incognitus Faure with H. antiquus and with the living H. amphibius have not yet been completely clarified, owing both to the scantiness of the documentation and to the strong variability observed in the biometric characters of the few known skulls. It is noted how, in any case, this fossil form appears more similar to the living H. amphibius. For the moment its distinction at a specific level is accepted, even if with reservation, taking into account also the distinctive elements recognized in the post-cranial skeleton (FAURE, 1985, not examined here. Riassunto Vengono analizzati e posti a confronto i dati biometrici ricavati dall'analisi dei crani di Hippopotamus pentlandi Von Heyer della Grotta della Cannita (Palermo, Sicilia, degli ippopotami fossili del Pleistocene continentale europeo e della specie vivente Hippopotamus amphibius Linnaeus. Vengono da un lato confermate le maggiori affinità tra H. pentlandi

  15. L'amministrazione dei culti in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Sammassimo

    2013-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La Francia e l’amministrazione dei culti - 3. Le bureau central des cultes: 3.1 - Le origini: dal Consolato al periodo imperiale; 3.2 - dalla Prima alla Seconda Restaurazione; 3.3 - dalla Monarchia di luglio alla Legge sulla separazione; 3.4 - le competenze - 4. Le bureau des cultes des départements du Bas-Rhin, du Haut-Rhin et de la Moselle: 4.1 - la specificità dell’Alsazia-Mosella; 4.2 - le origini del bureau; 4.3 - le competenze - 5. Il conseiller pour les affaires religieuses: 5.1 - le origini; 5.2 - la posizione fuori dagli schemi; 5.3 - le competenze – 6. Conclusioni.  Abstract:The administration of cults in FranceThe expression “Administration of cults” born in France in the 19th century, when the 1801 Conordat made the cults into a public service and the cult's clerics a corp of nominated functionaries. Thus administration referred precisely to that branch of the civil service which under the flourishing Concordat concerned itself with the problems of claims from and requirements of the religious cults in French territories. Our paper means to trace France's administration of cults from its beginnings to its precise modern competences and functions. We wish to show how this administrative structure has been and still is an important apparatus for interpretation and even for 'liberal administration' of the Law as regards the separation of State and Church and the very concept of laïcité.Key words: France, administration, cults, laïcité

  16. La guerra dei poveri (novela, fragmento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nuto Revelli

    2013-07-01

    Full Text Available NUTO REVELLI (Cuneo, 1919-2004, enviado al desastroso frente ruso en 1942 como teniente de la División Tridentina, a su vuelta a Italia decidió abandonar el ejército regular y unirse a la resistencia en la región del Cuneo, donde fundó la Compagnia Rivendicazione Caduti y asumió el mando de las brigadas de los valles Vermenagna y Stura. Ambas experiencias, el frente ruso, y sobre todo, su experiencia como partisano, son los dos ejes en torno a los cuales se ha organizado su narrativa, centrada en dejar constancia de la guerra y de dar voz a soldados, campesinos y rebeldes en obras de la relevancia de Mai tardi. Diario di un alpino in Russia (1946, L'ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella II guerra mondiale (1971 o la más reciente Le due guerre. Guerra fascista e guerra partigiana, publicada póstumamente en 2005 en Einaudi, como la mayor parte de su producción. Aunque es sin duda la autobiográfica La guerra dei poveri (1962 la que ha gozado de un mayor reconocimiento, especialmente por la inmediatez del mensaje y el cuidado en los detalles del día a día partisano y de los caracteres, todos ellos reales, que desfilan por sus páginas. Escrita en forma de diario entre el 16 de enero de 1943, día en que inicia sus anotaciones sobre la retirada del frente ruso a orilla del Don  y el 30 de abril de 1945, fecha en que cierra el diario tratando la liberación del Cuneo, el siguiente fragmento consta de las entradas comprendidas entre el 24 de abril y el 4 de mayo de 1944. Traducción de Sonia Mota Pérez.

  17. Middle to Late Pleistocene environmental and climatic reconstruction of the human occurrence at Grotta Maggiore di San Bernardino (Vicenza, Italy) through the small-mammal assemblage

    Science.gov (United States)

    López-García, Juan Manuel; Luzi, Elisa; Peresani, Marco

    2017-07-01

    Grotta Maggiore di San Bernardino, located at an altitude of 135 m a.s.l. in the Berici Hills in northeastern Italy, is an archaeological site with a discontinuous sedimentary sequence dating from Marine Isotope Stage 7 (MIS 7) to MIS 3. In this paper we present for the first time a palaeoenvironmental and palaeoclimatic reconstruction of the sequence based on small-mammal (insectivore, bat and rodent) assemblages. Coupled with biochronological data and absolute dating together with previous studies on large mammals, birds and other studies on small mammals and pollen from comparable time-spans in Italy, the results enable us clearly to identify distinct climatic periods: the end of MIS 7 (7c to 7a) in units VIII-VII, MIS 5d in unit V, and probably MIS 5b in unit IV and an indeterminate MIS 3 interstadial in units III-II. Finally, the study shows that the early Middle Palaeolithic human occupation in Italy occurs during mild and temperate sub-stages of MIS 7 and that human groups with the same techno-cultural background (Mousterian) were well adapted to the changing environmental and climatic conditions of the Middle to Late Pleistocene in this part of southern Europe.

  18. Paleoenvironmental and paleoclimatic context during the Upper Palaeolithic (late Upper Pleistocene) in the Italian Peninsula. The small mammal record from Grotta Paglicci (Rignano Garganico, Foggia, Southern Italy)

    Science.gov (United States)

    Berto, Claudio; Boscato, Paolo; Boschin, Francesco; Luzi, Elisa; Ronchitelli, Annamaria

    2017-07-01

    Changes in large mammal population and biotic regionalism of the Italian Peninsula during Upper Pleistocene have been well documented over the last twenty years. On the other hand, only few studies have focused on the changes in small mammal fossil assemblages. Grotta Paglicci is a key archaeological site for Italian prehistory. It is well dated and it shows an uninterrupted chronological sequence of Upper Palaeolithic lithic industries, ranging from the Aurignacian to the Late Epigravettian. Small mammal remains from the Upper Palaeolithic layers of this cave have been identified and the assemblage has been analysed through the application of Simpson diversity index, Habitat Weighting and Bioclimatic model methods. The results show remarkable differences through the record: major climatic changes (GS2 is particularly well defined) are visible and a clear turning point is observable at the Bølling-Allerød interstadial transition. This is in line with environmental and climatic oscillations already detected in the Italian Peninsula. These data also suggest that a strong regionalism characterized the south-eastern Italian Peninsula during the Late Pleistocene.

  19. La «Marcia dei martiri»: la traslazione nella cripta di Santa Croce dei caduti fascisti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Staderini

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio ricostruisce la cerimonia del 27 ottobre 1934 per la traslazione nella chiesa di Santa Croce a Firenze dei corpi di trentasette «martiri» fascisti fiorentini, tutti squadristi morti negli scontri del primo dopoguerra. La cerimonia, inse- rita nel culto dello squadrismo che il regime accentua all’inizio degli anni Trenta, vede la Firenze fascista mobilitata in tutte le sue organizzazioni per la perfetta riuscita del rito, al quale partecipa anche Mussolini. Il saggio ricostruisce la giornata del 27 ottobre 1934 attraverso documentazione d’archivio e i commenti della stampa coeva, tutti tesi ad esaltare quel senso vitale e costruttivo per il cammino della ‘rivoluzione’ verso nuove mete che, secondo la liturgia fascista dei caduti, emanava dal ‘sacrificio’ dei primi squadristi.

  20. Intensificazione del significato tramite l’uso dei prefissi e dei suffissi superlativi nel linguaggio giovanile e nello stile femminile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Małgorzata Berezowska

    2017-07-01

    Full Text Available L’uso dei prefissi e dei suffissi superlativi, oltre alla loro funzione di base in quanto indicatori delle dimensioni dell’oggetto descritto o dell’intensità delle sue proprietà, può servire a esprimere l’atteggiamento del parlante nei confronti della realtà extralinguistica. Questi elementi morfologici svolgono non solo la loro funzione di base, ma possono essere utilizzati nella loro funzione secondaria: quella di trasmettere le emozioni dell’autore dell’enunciato. Il materiale linguistico analizzato nell’articolo, tratto dai forum di discussione, riflette le tendenze tipiche dello stile femminile e del linguaggio giovanile.

  1. Imago Dei and the Many Images of God

    DEFF Research Database (Denmark)

    Nielsen, Kirsten

    2012-01-01

    Artiklen tager udgangspunkt i Gunnlaugur Jónssons disputats om gudbilledligheden (Imago Dei) i Gen 1,26-28 og konsekvenserne heraf for talen om Gud. Da gudbilledligheden omfatter både mand og kvinde, må talen om Gud hente sprog fra både mandens og kvindens livsområder, dvs. en varieret tale om Gu...

  2. Augustinus' geschrift 'De stad van God' (De ciuitate Dei): Een ...

    African Journals Online (AJOL)

    Test

    7 juni 2011 ... Dat thema van de ciuitas Dei ontleent Augustinus onder meer aan de oudtestamentische Psalmen waarin over de stad van. God wordt gesproken (zie ciu. 11,1 waar Ps 45:5; 47:2 en 86:3 worden geciteerd1). Wellicht in overeenstemming met een door Aristoteles en Plotinus vermelde klassieke traditie, die.

  3. Radioactivity level and toxic elemental concentration in groundwater at Dei-Dei and Kubwa areas of Abuja, north-central Nigeria

    Science.gov (United States)

    Maxwell, O.; Wagiran, H.; Lee, S. K.; Embong, Z.; Ugwuoke, P. E.

    2015-02-01

    The activity concentrations of uranium and toxic elements in Dei-Dei borehole, Kubwa borehole, Water Board and hand-dug well water samples in Abuja area were measured using inductively coupled plasma mass spectrometry (ICP-MS) system. The results obtained were used to calculate human radiological risk over lifetime consumption by the inhabitants in the area. The activity concentrations of 238U in all the water supplies for drinking ranges from 0.849 mBq L-1 to 2.699 mBq L-1 with the highest value of 2.699 mBq L-1 noted at Dei-Dei borehole whereas the lowest value of 0.849 mBq L-1 was noted in Kubwa borehole. The highest annual effective dose from natural 238U in all the water samples was found in Dei-Dei borehole with a value of 8.9×10-5 mSv y-1 whereas the lowest value was noted in Kubwa borehole with a value of 2.8×10-5 mSv y-1. The radiological risks for cancer mortality were found distinctly low, with the highest value of 1.01×10-7 reported at Dei-Dei borehole compared to Kubwa borehole with a value of 3.01×10-8. The cancer morbidity risk was noted higher in Dei-Dei borehole with a value of 1.55×10-7 whereas lower value of 4.88×10-9 was reported in Kubwa borehole. The chemical toxicity risk of 238U in drinking water over a lifetime consumption has a value of 0.006 μg kg-1 day-1 in Dei-Dei borehole whereas lower value of 0.002 μg kg-1 day-1 was found in Kubwa borehole. Measured lead (Pb) and chromium (Cr) concentrations reported higher in Water Board compared to Dei-Dei and Kubwa borehole samples. Significantly, this study inferred that the 238U concentrations originate from granitic strata of the tectonic events in the area; thus, there was a trend of diffusion towards north to south and re-deposition towards Dei-Dei area.

  4. Antifilarial effects of polyphenol rich ethanolic extract from the leaves of Azadirachta indica through molecular and biochemical approaches describing reactive oxygen species (ROS) mediated apoptosis of Setaria cervi.

    Science.gov (United States)

    Mukherjee, Niladri; Mukherjee, Suprabhat; Saini, Prasanta; Roy, Priya; Sinha Babu, Santi P

    2014-01-01

    Lymphatic filariasis, a global cause of morbidity needs much more attention in developing potent therapeutics that can be effective against both microfilariae (mf) and adults. Efficient botanicals that can induce apoptosis of filarial parasites possibly can provide a direction towards developing new class of antifilarials. In this work we have evaluated the antifilarial efficacy of an optimized polyphenol rich ethanolic extract of Azadirachta indica leaves (EEA). A. indica A. Juss has been widely used in the traditional Indian medicinal system 'Ayurveda' for the treatment of a variety of ailments. A thorough investigation towards biochemical and molecular mechanisms describing ROS mediated apoptosis in Setaria cervi was performed. Motility reduction, MTT reduction assay and dye exclusion test have confirmed the micro- and macrofilaricidal potential of EEA. Alterations were visible in mf and trichrome stained section of EEA-treated adult worms. We have found cellular disturbances in EEA-treated parasites characterized by chromatin condensation, in situ DNA fragmentation and nucleosomal DNA laddering. Depletion in worm GSH level and elevation in parasite GST, SOD, catalase, GPx and superoxide anion indicated the generation of ROS. Our results provided experimental evidence supporting that EEA causes a decreased expression of anti-apoptotic genes and increased pro-apoptotic gene expression at the level of both transcription and translation. Here we are reporting for the first time that antifilarial activity of EEA is mediated by ROS up regulation and apoptosis. Copyright © 2013 Elsevier Inc. All rights reserved.

  5. Characteristics of PCR-SSCP and RAPD-HPCE methods for identifying authentication of Penis et testis cervi in Traditional Chinese Medicine based on cytochrome b gene.

    Science.gov (United States)

    Li, Mingcheng; Gao, Lijun; Qu, Li; Sun, Jingyu; Yuan, Guangxin; Xia, Wei; Niu, Jiamu; Fu, Guilian; Zhang, Lihua

    2016-07-01

    The use of Penis et testis cervi, as a kind of precious Traditional Chinese Medicine (TCM), which is derived from dry deer's testis and penis, has been recorded for many years in China. There are abundant species of deer in China, the Penis et testis from species of Cervus Nippon and Cervus elaphusL were authentic, others species were defined as adulterant (different subspecies of deer) or counterfeits (different species). Identification of their origins or authenticity becomes a key in controlling the herbal products. A modified column chromatography was used to extract mitochondrial DNA of dried deer's testis and penis from sika deer (C. Nippon) and red deer (C. elaphusL) in addition to adulterants and counterfeits. Column chromatography requires for a short time to extract mitochondrial DNA of high purity with little damage of DNA molecules, which provides the primary structure of guarantee for the specific PCR; PCR-SSCP method showed a clear intra-specific difference among patterns of single-chain fragments, and completely differentiate Penis et testis origins from C. Nippon and C. elaphusL. RAPD-HPCE was based on the standard electropherograms to compute a control spectrum curve as similarity reference (R) among different samples. The similarity analysis indicated that there were significant inter-species differences among Penis et testis' adulterant or counterfeits. Both techniques provide a fast, simple, and accurate way to directly identify among inter-species or intra-species of Penis et testis.

  6. Minimum sampling effort for reliable non-invasive estimations of excretion abundance of Elaphostrongylus cervi L1 in red deer (Cervus elaphus) populations.

    Science.gov (United States)

    Tayce, J; Acevedo, P; Vicente, J; Gortazar, C

    2008-09-01

    Faecal surveys are commonly used as non-invasive means to evaluate population abundance of animals as well as comparable indexes of prevalence and intensity of diseases between populations, especially macroparasites. While faecal surveys are among one of the simplest means to perform these evaluations, they are time consuming and labour intensive. The present study evaluated 80 red deer (Cervus elaphus) faecal samples collected in two study sites for the presence and abundance of first-stage larvae of the nematode Elaphostrongylus cervi and established pools of samples for epidemiological analysis. The analysis of 20-30 individual samples would produce a reliable estimate of the 'true' prevalence, and the error of the smaller sample size only doubled that of the 80 reference samples. The analysis of 5 pools of 5 pellet groups each, or of 4 pools of 10 pellet groups each, provided a reliable estimation of the 'true' excretion abundance estimated by the analysis of all 80 samples. These pools comprise a cost-effective and dependable alternative for measuring and obtaining comparable abundances of parasitic faecal excretion stages in red deer populations, which is very valuable for epidemiological and ecological research as well as for management purposes.

  7. Analysis of Site Formation and Assemblage Integrity Does Not Support Attribution of the Uluzzian to Modern Humans at Grotta del Cavallo.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    João Zilhão

    Full Text Available Based on the morphology of two deciduous molars and radiocarbon ages from layers D and E of the Grotta del Cavallo (Lecce, Italy, assigned to the Uluzzian, it has been proposed that modern humans were the makers of this Early Upper Paleolithic culture and that this finding considerably weakens the case for an independent emergence of symbolism among western European Neandertals. Reappraisal of the new dating evidence, of the finds curated in the Taranto Antiquities depot, and of coeval publications detailing the site's 1963-66 excavations shows that (a Protoaurignacian, Aurignacian and Early Epigravettian lithics exist in the assemblages from layers D and E, (b even though it contains both inherited and intrusive items, the formation of layer D began during Protoaurignacian times, and (c the composition of the extant Cavallo assemblages is influenced in a non-negligible manner by the post-hoc assignment of items to stratigraphic units distinct from that of original discovery. In addition, a major disturbance feature affected the 1960s excavation trench down to Mousterian layer F, this feature went unrecognized until 1964, the human remains assigned to the Uluzzian were discovered that year and/or the previous year, and there are contradictions between field reports and the primary anthropological description of the remains as to their morphology and level of provenience. Given these major contextual uncertainties, the Cavallo teeth cannot be used to establish the authorship of the Uluzzian. Since this technocomplex's start date is ca. 45,000 calendar years ago, a number of Neandertal fossils are dated to this period, and the oldest diagnostic European modern human fossil is the <41,400 year-old Oase 1 mandible, Neandertal authorship of the Uluzzian remains the parsimonious reading of the evidence.

  8. Analysis of Site Formation and Assemblage Integrity Does Not Support Attribution of the Uluzzian to Modern Humans at Grotta del Cavallo

    Science.gov (United States)

    Zilhão, João; Banks, William E.; d’Errico, Francesco; Gioia, Patrizia

    2015-01-01

    Based on the morphology of two deciduous molars and radiocarbon ages from layers D and E of the Grotta del Cavallo (Lecce, Italy), assigned to the Uluzzian, it has been proposed that modern humans were the makers of this Early Upper Paleolithic culture and that this finding considerably weakens the case for an independent emergence of symbolism among western European Neandertals. Reappraisal of the new dating evidence, of the finds curated in the Taranto Antiquities depot, and of coeval publications detailing the site’s 1963–66 excavations shows that (a) Protoaurignacian, Aurignacian and Early Epigravettian lithics exist in the assemblages from layers D and E, (b) even though it contains both inherited and intrusive items, the formation of layer D began during Protoaurignacian times, and (c) the composition of the extant Cavallo assemblages is influenced in a non-negligible manner by the post-hoc assignment of items to stratigraphic units distinct from that of original discovery. In addition, a major disturbance feature affected the 1960s excavation trench down to Mousterian layer F, this feature went unrecognized until 1964, the human remains assigned to the Uluzzian were discovered that year and/or the previous year, and there are contradictions between field reports and the primary anthropological description of the remains as to their morphology and level of provenience. Given these major contextual uncertainties, the Cavallo teeth cannot be used to establish the authorship of the Uluzzian. Since this technocomplex’s start date is ca. 45,000 calendar years ago, a number of Neandertal fossils are dated to this period, and the oldest diagnostic European modern human fossil is the <41,400 year-old Oase 1 mandible, Neandertal authorship of the Uluzzian remains the parsimonious reading of the evidence. PMID:26154139

  9. I diritti sindacali nel titolo III dello Statuto dei lavoratori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Riccobono

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario: 1. I diritti sindacali: struttura del titolo III e differenze rispetto al titolo II dello Statuto dei la­voratori. – 2. I limiti all’esercizio dell’attività sindaca­le privilegiata. – 2.1. segue: la selezione dei soggetti protetti. – 2.2. segue: il criterio dimensionale e la no­zione di unità produttiva. – 2.3. segue: il contempera­mento con interessi pari o sovraordinati. – 3. Il diritto di assemblea tra istanze di democrazia diretta e afflati di democrazia rappresentativa. – 3.1. I soggetti legitti­mati alla convocazione. – 3.2. Il dibattito sulla titolari­tà, individuale o collegiale, del potere di convocazione. – 3.3. L’oggetto dell’assemblea. – 3.4. Il luogo di svol­gimento dell’assemblea. – 3.5. Assemblea in orario di lavoro. – 3.6. Imputazione del monte orario e diritto alla conservazione della retribuzione. – 3.7. Il ruolo della contrattazione collettiva. – 4. Il referendum: struttura e funzione. – 4.1. I contenuti e le modalità di svolgimento. – 5. Il trasferimento dei dirigenti sindaca­li: profili generali. – 5.1. Il rapporto con i divieti di di­scriminazione ex art. 15 st. lav. – 5.3. I soggetti benefi­ciari. – 5.4. L’ambito di applicazione oggettivo. – 5.5. L’applicazione dell’art. 22 nel pubblico impiego. Cen­ni. – 6. Il diritto di affissione. Profili generali. – 6.1. Ti­pologia ubicazione e distribuzione dei canali informa­tivi. – 6.2. Contenuti delle comunicazioni e limiti alla defissione unilaterale da parte del datore di lavoro. – 7. I locali delle Rsa. – 7.1. Le caratteristiche dei locali: idoneità, dotazioni, ubicazione. – 7.2. Sulla possibilità di ingresso da parte dei sindacalisti esterni. – 7.3. La disciplina apprestata per le articolazioni aziendali di minori dimensioni.

  10. Il mondo dei quanti la fisica quantistica per tutti

    CERN Document Server

    Ford, Kenneth W

    2006-01-01

    L'autore spiega come le leggi che governano l'enormemente piccolo e l'enormemente rapido sfidino il senso comune e mettano alla prova l'intelletto al limite delle sue possibilità. Ford introduce alle grandi idee di una teoria - la fisica quantistica - che continua a rimanere misteriosa nonostante i numerosi successi: la granularità (la materia e alcune sue proprietà, come l'energia, sono "grumose"), il dualismo onda-particella, il principio di indeterminazione, la natura dei bosoni e dei fermioni, il principio di sovrapposizione e la non separabilità (il fatto che un atomo possa trovarsi simultaneamente in due o più stati di moto diversi).

  11. Il ‘volontariato’ dei richiedenti asilo in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martina Pasqualetto

    Full Text Available Riassunto L'articolo analizza la politica pubblica italiana che prevede il coinvolgimento dei richiedenti asilo in attività di 'volontariato' a favore delle amministrazioni locali per calmare il malcontento popolare causato dalla loro presunta inattività. In primo luogo l'autrice mette in discussione l'efficacia di tale policy e ne destruttura il discorso governativo mettendone in luce le mistificazioni. Mediante una ricerca esplorativa ispirata alla grounded theory si dimostra inoltre che la reale natura delle attività promosse risiede nel lavoro gratuito e che esse veicolano un messaggio di simbolica e percepita utilità dei profughi che impatta negativamente sull'immaginario collettivo rispetto al tema del diritto d'asilo.

  12. Fondamenti di Meccanica e Biomeccanica Meccanica dei corpi rigidi articolati

    CERN Document Server

    Picasso, Bruno

    2013-01-01

    Nel presente volume vengono presentati in forma estesa e rigorosa i principi della Meccanica dei corpi rigidi, il cui apprendimento richiede solo le conoscenze di base della Fisica, studiata nella Scuola Superiore. La quasi totalità delle applicazioni, degli esempi e degli esercizi presentati si riferisce all’analisi del movimento e degli stati di sforzo nel corpo umano. Le applicazioni svolte con Matlab e Simulink richiedono una conoscenza elementare di programmazione in questi ambienti. Nel testo si privilegia l’approccio applicativo, perché la materia rimanga viva nella successiva vita professionale del lettore. Il testo si rivolge principalmente agli studenti dei Corsi di Biomeccanica, professati nei Corsi di Studio di base in Bioingegneria, in Scienze Motorie e nelle Scuole di Specializzazione in Ortopedia. Per l’estensione della materia trattata e per le applicazioni, il testo può essere utilmente adottato anche nei Corsi di Laurea specialistica in Bioingegneria.

  13. La questione dei divorziati e risposati civilmente alla luce della Relazione finale del Sinodo 2015

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Ronzani

    2016-02-01

    SOMMARIO: 1. Introduzione al Sinodo dei Vescovi quale organo di più efficace collaborazione dell'Episcopato con il Supremo Pastore - 2. La Relazione Finale del Sinodo 2015 come risultato di un lungo percorso sinodale - 3. La struttura della Relazione Finale del Sinodo 2015 - 4. La prassi di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati - 5. Le argomentazioni dei sostenitori della possibilità di modificare la prassi della non ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati risposati - 6. La confutazione delle argomentazioni dei sostenitori della possibilità di modificare la prassi della non ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati risposati - 7. Discernimento e integrazione dei divorziati risposati alla luce della Relazione Finale del Sinodo 2015 - 8. Conclusioni.

  14. Le tecniche AMS e IBA del CEDAD per lo studio dei Beni Culturali, Ambientali e per la Scienza dei Materiali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucio Calcagnile

    2011-09-01

    Full Text Available ItGli acceleratori di particelle sono diventati un potente strumento per la diagnostica dei materiali in molti campi di ricerca. Questo articolo descrive la facility AMS-IBA installata presso il CEDAD – Centro di Datazione e Diagnostica dell’Università del Salento e riporta alcune applicazioni in Archeologia, Scienze ambientali e Scienza dei materiali.EnParticle accelerators have become a powerful tool for the diagnostics of materials in many research fields. This paper describes the AMS-IBA (Accelerator Mass Spectrometry – Ion Beam Analysis facility installed at CEDAD-Center for Dating and Diagnostics of the University of Salento, Italy and some applications in Archaeology, Environmental Sciences and Materials Science.

  15. Paesaggio, suolo, tempo: la rappresentazione dei tempi geologici nella citta' di Catania

    OpenAIRE

    Ballarin, Matteo; D'Agnone, Nadia

    2014-01-01

    Parlare di tempo geologico è un modo di contestualizzare i processi materiali della terra nella sua storia. La scala dei tempi geologici suddivide la lunga storia della terra in eoni, ere, periodi ed epoche, non omogenei tra loro, ma in relazione l'un l'altro a seconda di ciò che emerge dall'analisi dei dati stratigrafici o dallo studio della stratificazione dei diversi livelli della crosta terrestre. Recentemente negli studi relativi a territorio e paesaggio è stata introdotta...

  16. Interpreting the visio Dei in Matthew 5:8

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francois P. Viljoen

    2012-01-01

    Full Text Available The academic study of the biblical text often depends on the naïve assumption that a researcher can obtain stable knowledge of the single meaning of a text. This article investigated how the visio Dei in Matthew 5:8 has led to a variety of concepts through the centuries. This proves how different readers come to different readings. Interpreters should be aware of how their contexts impact on their understanding of meaning, but should also realise how taking cognisance of the wide variety of readings could enrich their own interpretation.

  17. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    CERN Document Server

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  18. Single-dose Intramuscular-injection Toxicology Test of Water-soluble Carthami-flos and Cervi cornu parvum Pharmacopuncture in a Rat Model

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sunju Park

    2015-09-01

    Full Text Available Objectives: The aim of the study is to investigate both the single-dose intramuscular injection toxicity and the approximate lethal dose of water-soluble Carthami-flos and Cervi cornu parvum pharmacopuncture (WCFC in male and female Sprague-Dawley (SD rats. Methods: The study was conducted at Biotoxtech Co. according to the Good Laboratory Practice (GLP regulation and the toxicity test guidelines of the Ministry of Food and Drug Safety (MFDS after approval of the Institutional Animal Care and Use Committee. Dosages for the control, high dose, middle dose and low dose groups were 0.5 mL/animal of saline and 0.5, 0.25 and 0.125 mL/animal of WCFC, respectively. WCFC was injected into the muscle of the left femoral region by using a disposable syringe (1 mL, 26 gauge. The general symptoms and mortality were observed 30 minutes, 1, 2, 4, and 6 hours after the first injection and then daily for 14 days after the injection. The body weights of the SD rats were measured on the day of the injection (before injection and on the third, seventh, and fourteenth days after the injection. Serum biochemical and hematologic tests, necropsy examinations, and histopathologic examinations at the injection site were performed after the observation period. Results: No deaths, abnormal clinical symptoms, or significant weight changes were observed in either male or female SD rats in the control or the test (0.125, 0.25, and 0.5 mL/animal groups during the observation period. No significant differences in hematology and serum biochemistry and no macroscopic abnormalities at necropsy were found. No abnormal reactions at injection sites were noted on the topical tolerance tests. Conclusion: The results of this single-dose toxicity study show that WCFC is safe, its lethal doses in male and female SD rats being estimated to be higher than 0.5 mL/animal.

  19. Advances in metal electrochemistry and coatings characterisation; Sviluppi nella elettrochimica dei metalli e nella caratterizzazione dei rivestimenti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bozzini, B. [Lecce Univ. (Italy). Dipt. di Ingegneria dell' Innovazione; Giovannelli, G.; Magagnin, L.; Manara, D.; Negri, E.; Vallauri, R. [Politecnico di Milano, Milan (Italy). Dipt. di Chimica Fisica Applicata; Lecis, N. [Politecnico di Milano, Milan (Italy). Dipt. di Meccanica; Lenardi, C. [Commission of European Union, Joint Research Centre, Ispra, VA (Italy); Zangari, G. [Alabama Univ., AL (United States). Dept. of Metallurgical and Materials Engineering

    1999-08-01

    In the present paper recent results in the fields of metal electrochemistry and structural and functional characterisation of coatings are reported from laboratories co-ordinated by prof. Pietro Luigi Cavallotti. The reviewed material deals with: electrochemical and autocatalytic chemical deposition of material matrix particulate composites with ceramic dispersoids, simulation of nano indentation experiments using finite element method, giant magnetoresistance electrodeposited Cu/CoNi(Cu) multilayers, surface treatment for copper soldering in microelectronics, Co-Pt alloys for ultra-high density magnetic recording, electrodeposited Co-Pt thick layers for micro-magnets and hot corrosion resistance applications. Fundamental understanding of electro crystallization phenomena and perspective high-tech applications are stressed. Structural and functional properties of the electrodeposited materials are related to electrochemical kinetics data. [Italian] In questa raccolta di articoli sono presentati i risultati piu' recenti ottenuti nei campi dell'elettrochimica e della caratterizzazione funzionale e strutturale dei rivestimenti dai gruppi di ricerca coordinati dal prof. P.L. Cavallotti. Vengono qui rivisti argomenti quali: deposizione elettrochimica e chimica autocatalitica di materiali compositi con particelle ceramiche disperse in matrice metallico, simulazione di esperimenti di nanoindentazione applicando il metodo a elemento finito, multistrati elettrodepositati di Cu/CoNi(Cu) a magnetoresistenza gigante, trattamenti di superficie per saldatura di Cu nella microelettronica, leghe Co-Pt per registrazione magnetica ad alta densita', strati spessi di Co-Pt elettrodepositati per micromagneti e resistenza a corrosione ad alta temperatura. Sono evidenziate applicazioni ad alta tecnologia e la comprensione di base di fenomeni di elettrocristallizzazione . Proprita' strutturali e funzionali dei materialielettrodepositati sono messe in relazione con i

  20. El Tratado De Dilectione Dei de Balduino de Ford

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Hallet

    2004-01-01

    Full Text Available Figura relevante de la Orden del Císter, Balduino de Ford es un autor que se distingue por la originalidad de su espiritualidad. Su tratado De dilectione Dei es una meditación sobre el Primer Mandamiento, que nos invita a amar a Dios "con todo el corazón en sus beneficios, con toda el alma en sus promesas, con todas las fuerzas en sus juicios y con toda la mente en sus preceptos". Su reflexión, nutrida de la Biblia y expresada en un lenguaje marcado por la retórica latina, insiste en que el amor perfecto exige del creyente amar lo que a Dios le agrada porque a Él le agrada. Termina identificando prácticamente amor con obedienciaFamous figure of the cistercian order, Baldwin of Ford is an author who stands out for the originality of his spirituality. His treatise "De dilectione Dei" is a meditation about the First Comandment, which is an invitation to love God "with all the heart in His benefits, with all the soul in His promises, with all the forces in His judgements and with all the mind in His precepts". According to his reflection, fed with the Bible and expressed in a language marked by the latin rhetoric, the perfect love requires to love what is pleasing to God because it pleases Him. Baldwin practically identifies love with obedience

  1. Sorveglianza della circolazione ambientale dei poliovirus nel Lazio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Patti

    2003-05-01

    Full Text Available Ancora oggi in tutto il mondo il vaccino antipolio più utilizzato è l’OPV costituito da virus viventi attenuati che vengono eliminati per un periodo di tempo variabile dal soggetto vaccinato. L’immissione di virus vaccinali nell’ambiente è stata in passato, e lo è tuttora nelle zone endemiche, estremamente importante per assicurare e la competizione con il poliovirus selvaggio e una immunità di gregge. Nei paesi polio-free, ed in futuro in tutto il mondo, la circolazione di virus vaccinali potrebbe viceversa diventare un punto critico in grado di inficiare i risultati dell’eradicazione. Infatti i virus vaccino derivati, replicando, retromutano verso la neurovirulenza e/o accumulano mutazioni che alla fine conferiscono loro caratteristiche del tutto diverse dai ceppi parentali; inoltre possono anche ricombinarsi con il selvaggio o con altri enterovirus assumendo caratteristiche di virulenza e di trasmissibilità interumana che emergono con lo scoppio di focolai epidemici. Obiettivo del presente progetto è stata la valutazione della circolazione dei poliovirus e degli eventuali virus vaccino derivati in matrici ambientali nella regione Lazio nel periodo 1996-2002. Metodo: sono stati analizzati 26 campioni di liquami e 36 campioni di acque superficiali contaminate da liquami. Le particelle virali sono state concentrate mediante ultra filtrazione tangenziale (10.000 NMWR – Millipore. I concentrati sono stati seminati su cellule BGM ed L20B. I virus isolati sono stati identificati con antisieri specifici (RIUM e sui poliovirus, presso l’ISS, sono stati effettuati la differenziazione intratipica, il sequenziamento della regione VPI/2A, il sequenziamento della regione 5’ NCR e la regione codificante la polimerasi virale. Risultati e conclusioni: sono stati isolati complessivamente 6 poliovirus di cui 4 da acque superficiali. I virus erano tutti Sabin-kike e retromutati ma non ricombinanti. I dati ottenuti sottolineano l

  2. La realizzazione dell'Atlante dei Mammiferi dell'Umbria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Mandrici

    2003-10-01

    Full Text Available L?Atlante dei Mammiferi dell?Umbria è il risultato dell?attuazione del programma di ricerca denominato Progetto Atlante dei Mammiferi dell?Umbria (PAMU, realizzato nel periodo che va dal gennaio 1995 al giugno 2001 in collaborazione con la Regione dell?Umbria. Per la realizzazione dell?Atlante è stato utilizzato in massima parte software Open Source, in ambiente Debian Linux 2.2. L?archiviazione e parte dell?elaborazione dei dati sono state effettuate con Gnumeric. Le 42 carte di distribuzione specifica e le 8 carte tematiche regionali sono state redatte con GRASS GIS 4.3 e con GIMP. I testi sono stati redatti con OpenOffice. La ricerca ha interessato l?intero territorio amministrativo regionale, così come rilevabile dalla cartografia ufficiale (CTR Umbria 1:25.000, 1982; CTR Umbria 1:100.000, 1994 per un totale di circa 845.000 ettari. Tale superficie è stata suddivisa in 383 discreti cartografici (quadrati con lato di km 5 impostati su reticolo Gauss-Boaga; ad ogni quadrato è stata attribuita una categoria ambientale fisionomica derivata dalla Carta geobotanica dell?Umbria. Per ogni quadrato i 32 ricercatori coinvolti nell?indagine di campo hanno raccolto dati oggettivi sulla presenza delle specie mediante metodo naturalistico, ricerca bibliografica e museologica, inchiesta per intervista diretta. Sono stati archiviati 6238 record distribuiti in 352 quadrati. Sono risultate presenti 64 specie di Mammiferi selvatici, delle quali: 9 Insettivori, 22 Chirotteri, 2 Lagomorfi, 15 Roditori, 11 Carnivori, 5 Artiodattili. Il numero minimo di specie presenti per quadrato è 0, il massimo è 22. La specie più diffusa è risultata essere la volpe (327 quadrati, la meno diffusa il topolino delle risaie (1 quadrato; le ?novità?, rispetto alle conoscenze pregresse, sono costituite dall?orso bruno e dalla lince eurasiatica. Per ogni specie è stato calcolato l?Indice di Diffusione Regionale (ID = n / N, con n = numero di celle nelle

  3. L’ACQUISIZIONE DEI SEGNALI DISCORSIVI IN ITALIANO L2

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Jafrancesco

    2015-07-01

    Full Text Available Il contributo presenta i risultati di una ricerca sull’acquisizione dei segnali discorsivi (SD in italiano L2, condotta su un corpus di parlato di studenti universitari in mobilità accademica, presenti nell’università di Firenze e inseriti in percorsi formativi di italiano L2 presso il Centro Linguistico di Ateneo. Il principale obiettivo dello studio è indagare l’italiano di stranieri relativamente a questo tratto specifico al fine di individuare eventuali sequenze acquisizionali, contribuendo a delineare lo sviluppo della competenza sociopragmatica degli apprendenti nei livelli di competenza proposti nel Quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER Si analizza, in particolare, l’uso dei SD nel parlato dialogico degli informanti nei Livelli basico, indipendente e competente del QCER – con riferimento al modello tassonomico dei SD proposto da Bazzanella nella Grande grammatica italiana di consultazione (1995, integrato, in relazione allo specifico contesto, con nuove funzioni – evidenziando i principali macrofenomeni emersi, con l’intento inoltre di riflettere su come i dati dell’acquisizione dell’italiano L2 possono rappresentare un punto di riferimento per la definizione di percorsi formativi coerenti con i processi naturali di sviluppo della competenza.Acquisition of discourse markers in Italian L2The paper presents the results of a study on the acquisition of discourse markers (SD in Italian L2 students, conducted on a corpus of spoken language by university students at the University of Florence who attended Italian L2 language course at the University Language Center. The main objective of the study was to investigate the Italian of foreigners in relation to this specific trait in order to identify possible acquisitional sequences, helping shape the development of learners' socio-pragmatic competence levels proposed in the Common European Framework of Reference for Languages (CEFR. In particular, we

  4. L'attualità dei Centri antiviolenza: in equilibrio sul filo del possibile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Castagnotto

    2014-04-01

    Full Text Available Dall’ osservatorio diretto di un Centro antiviolenza in una città dell’Emilia Romagna si propone una riflessione sulla esperienza dei Centri antiviolenza e sui loro fondamenti metodologici. Una sommaria analisi delle forme di organizzazione, nazionale e regionale, anticipa la tesi di fondo dell’articolo: l’esperienza di oltre vent’anni di attività di aiuto alle donne che subiscono violenze di genere colloca i Centri antiviolenza nel cuore delle trasformazioni dello stato sociale. La relazione di cura e di aiuto, perno metodologico della pratica dei Centri rappresenta un modello innovativo di valore generale per la qualificazione dei servizi alla persona.

  5. UN NUOVO DUVALIUS DEI MONTI MARTANI (UMBRIA (Coleoptera, Carabidae

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Magrini

    2006-10-01

    Full Text Available Viene descritto Duvalius consortii n. sp. del Monte Martano in Umbria: anoftalmo, con habitus molto specializzato e quindi insolito per un endogeo. In base alla struttura dell’organo genitale maschile la nuova specie risulta non inquadrabile in nessuno dei gruppi di specie già noti (Magrini 1997, 1998. La forma dell’edeago, corto, tozzo e uncinato inferiormente all’apice è ben diversa da quella di tutti i Duvalius noti, mentre la lamella copulatrice si discosta nettamente da quella delle specie dell’Italia centro-meridionale, ricordando solo vagamente la forma di quella di alcuni gruppi alpini,come Duvalius boldorii Jeannel, 1926, ma riteniamo che si tratti sicuramente solo di una convergenza evolutiva. Per questo taxon viene pertanto considerata una nuova linea filetica nella quale istituiamo un “gruppo consortii”.

  6. Zoogeografia storica e attuale dei carnivori e degli ungulati italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Masseti

    2003-10-01

    Full Text Available Come per la maggior parte degli altri paesi europei, anche l'attuale composizione delle specie a mammiferi italiane si prefigura in gran parte come il risultato della plurima e prolungata azione antropica condotta sull'ambiente naturale. Questa, avviatasi alcuni millenni or sono, condiziona oggi più che mai la ridefinizione degli equilibri ecologici del nostro Paese. All'interno dell'attuale teriofauna terrestre italiana viene segnalata la presenza di 18 specie di carnivori e di 9 artiodattili, che può rivelarsi in alcuni casi come il risultato di acclimatazioni e/o naturalizzazioni di specie esotiche avvenute in cronologie diverse, anche di epoca molto recente. All'interno dei confini biogeografici dell'Italia andrebbero anche annoverate quelle popolazioni del cervo pomellato medio-orientale, Axis axis (Erxleben, 1777, che sono state naturalizzate in epoca storica assai recente in Istria ed in alcune isole del golfo del Quarnaro (Brioni Maggiore, Cherso e Plauno. Considerazioni analoghe potrebbero forse essere condotte anche per la diffusione artificiale di Herpestes auropunctatus Hodgson, 1836, su alcune isole della Croazia. Le specie fitofaghe riferibili ai gruppi tassonomici dei lagomorfi e degli artiodattili, e che vengono convenzionalmente comprese nella categoria della cosiddetta "selvaggina", sono tra quelle che hanno più subito un'alterazione condotta in profondità dei quadri faunistici originari, proprio in virtù dell'interesse economico e culturale che ancora rappresentano. Nel caso particolare di queste specie di interesse venatorio ci troviamo quasi sempre di fronte a popolazioni che sono state sottoposte ad intensa gestione e che hanno subito frequenti estinzioni locali seguite da reiterate reintroduzioni. Attualmente, data l'espansione sia naturale che artificiale degli ecotipi indigeni e di quelli alloctoni, si osserva ormai una sovrapposizione degli areali, per cui sembra piuttosto difficile riuscire in

  7. CONTRIBUTO AL DIBATTITO SUL PRINCIPIO DI EGUAGLIANZA DEI MEZZI PROCESSUALI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dejan Bodul

    2017-01-01

    Full Text Available Il principio di eguaglianza dei mezzi processuali presuppone l’esistenza di una ragionevole possibilità in capo ad entrambe le parti di esporre e comprovare i fatti, in un modo che non metta alcuna delle parti in posizione sfavorevole rispetto alla controparte (caso LB INTERFINANZ A.G. v. Croazia, sentenza del 27.03.2008, riscorso n. 29549/04.. Un tanto rappresenta, nella sua espressione di equilibrio tra le parti processuali, uno degli elementi costitutivi del diritto ad un giusto processo. Tuttavia, con l’entrata in vigore della (nuova legge fallimentare (GU, n. 71/15. in avanti LF la questione dell’eguaglianza sul piano processuale diviene nuovamente di attualità. Precisamene, la LF ha mantenuto una soluzione in base alla quale il creditore ha la possibilità di instaurare il procedimento fallimentare qualora renda probabile l’esistenza del proprio credito e la sussistenza del fondamento fallimentare così che è trattenuto ed eccepito il provvedimento in base al quale la probabilità della sussistenza del credito non può venire dimostrata dal creditore sulla base di una decisione dell’autorità giudiziale o amministrativa che non sia passata in giudicato. Posto che esistono diverse soluzioni con riguardo alle questioni illustrate, gli autori si limiteranno a delle constatazioni di carattere generale sulla base di esperienze comparate, senza una dettagliata disamina delle variegate e peculiari soluzioni giuridiche straniere. Nel lavoro si disaminano sia le implicazioni pratiche che quelle teoriche della soluzione giuridica di diritto positivo, analizzando la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo nei procedimenti in base all’art. 6 (diritto ad un giusto processo della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, poiché partiamo dal presupposto che le conoscenze sul punto possono essere fondamentali per la comprensione dell’oggetto dell’indagine condotta

  8. Caratteristiche dei roost di Chirotteri in Emilia Romagna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Bertozzi

    2003-10-01

    Full Text Available Il lavoro riassume le caratteristiche dei roost di maggior interesse per i Chirotteri in Romagna (Italia settentrionale. Sono stati considerati localizzazione, tipologia ambientale, consistenza e struttura di una serie di rifugi ove siano stati rilevati chirotteri o in ambito riproduttivo o in svernamento. La conoscenza delle caratteristiche di detti ambiti è fondamentale non solo per approfondire le conoscenze autoecologiche delle specie ma anche per ottenere indicazioni per la conservazione delle stesse. Le specie considerate sono Rhinolophus euryale, R. ferrumequinum, R. hipposideros, Myotis blythii, Myotis daubentonii, M. emarginatus, M. myotis, M. nattereri, Pipistrellus kuhlii, Pipistrellus pipistrellus, Nyctalus leisleri, N. noctula, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Plecotus auritus, Plecotus austriacus, Miniopterus schreibersii. Si rileva come oltre agli ambiti ipogei naturali e artificiali, un ruolo prioritario sia rappresentato dagli edifici. Infine alcune considerazioni sulla gestione di questi ambienti vengono proposte.

  9. Lessico marinaresco in documenti liguri dei secoli XV e XVI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Cornagliotti

    2016-12-01

    Full Text Available I testi liguri non letterari sono stati indagati frequentemente, soprattutto dagli storici per i dati concreti che forniscono alla storia economica e della marineria. Il preziosissimo dizionario di Aprosio è stato assai utile per le dichiarazioni di lemma. I documenti qui pubblicati, per la maggior parte ascrivibili a Savona, sono spesso ostici o di spiegazione incerta o dubbia, ma meno difficili per l’indagine etimologica, e si prestano ancora a uno spoglio sistematico, eventualmente accompagnato da un’analisi dei relativi tratti linguistici; si pubblica qui un glossario selettivo, con intento precipuamente documentaristico, secondo il modello inaugurato da Giulia Petracco Sicardi.  The non-literary Ligurian texts have been investigated frequently, especially by historians for concrete data they provide, such as to enable you to create an economic and seafaring history. The precious dictionary by Aprosio was very useful for the lemma statements. The documents published here are difficult and often their explanation is uncertain or dubious (the etymological research is perhaps less difficult. Overall, they can be easily analysed in a systematic way, possibly accompanied with the analysis of the linguistic traits, as most of them goes back to Savona; at this moment in time we can get a selective glossary, with primarily documentary intent, based on the model pioneered by Giulia Petracco Sicardi.

  10. Piano dei Servizi. Proposal for Contents and Guideline

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Gerundo

    2014-05-01

    Full Text Available As an endless melting pot of experimentation and innovation, cities must reorganize and retrain compared to the growing new needs. In the light of the actual urban debate, it can be useful to do an in-depth study. In fact, the quality of urban life and collective well-being cannot be separated from the identification of a network of public services and facilities, that organizes and structures the city. That network is not resolved in the themes of pre-school and compulsory education, public interest, green spaces, car parks and public interest, but rather has a wider variety of types. Noting the failure of attempts to define, a priori, a quantity of universally valid services, it is necessary to rethink the ways and criteria of most of the infrastructural facilities. The "Piano dei Servizi" is the tool for the implementation of a concrete policy of services for public interest, and it means the transition between a planning standard, in terms of quantity, in a standard that meets quality requirements. It represents a specific section of the urban development plan, which has to consider problems and shortcomings, and try to solve them by finding opportunities which physical locations offer. In this way a planning standard is not configured as an abstract quantity, but as the material composition of the urban plan, which results in a land use and land development proposal.

  11. Numeri caratteristici dei flocculi d'idrogeno e di calcio c dei filamenti d'idrogeno per l'anno 1958

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    g. godoli

    1959-06-01

    Full Text Available Proseguendo la pubblicazione annuale dei numeri caratteristici deiflocculi d'idrogeno e di calcio e dei filamenti d'idrogeno (', vengonoriportati nelle seguenti tre tabelle di immediata interpretazione i valorigiornalieri per il 1958.I numeri caratteristici sono stati stimati sugli spettroeliogrammieseguiti alla torre solare di Arcetri con l'immagine di 63 mm; le caratteristichestrumentali e la tecnica delle osservazioni sono state descrittein altra sede (2.Durante tutto il 1958 sono stati eseguiti quotidianamente tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga Ea3 dell'idrogeno e tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga K2i 3_ 2 del calcio ionizzato. L'esecuzionedi spettroeliogrammi successivi ha lo scopo di mettere in evidenza levariazioni di intensità delle zone più attive. Tali variazioni di intensità,interessantissime nello studio dell'evoluzione dei fenomeni, non hannoperò alcuna influenza nella stima dei numeri caratteristici. Per questoabbiamo continuato a stimare i numeri caratteristici su di un solo spettroeliogrammain lì«;l ed uno solo in K2 3> 2. Gli spettroeliogrammi inHa3 esaminati erano generalmente i primi eseguiti. Solo in qualche rarocaso, quando il primo risultava difettoso, veniva esaminato il secondood il, terzo spettroeliogramma. Gli spettroeliogrammi in K2i 3> 2 esaminatierano quelli ridotti in sede di programma AGI.

  12. LA CURA PASTORALE DEI GRUPPI ETNICI CON SPECIALE RIGUARDO ALLE LORO LINGUE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Em. Péter Erdő

    2016-06-01

    Full Text Available Nel corso della storia, in diverso modo e misura, le strutture pastorali della Chiesa e la loro regolamentazione canonica hanno preso in considerazione la provenienza geografica e la lingua dei fedeli. La costituzione 9 del Concilio Lateranense IV, celebrato durante il pontificato di Innocenzo III, rappresenta un punto di svolta, nel quale è affrontata a livello istituzionale tutta la questione della cura pastorale dei fedeli di diversi riti e lingue. Questo saggio si propone di rilevare il significato e gli effetti della Costituzione lateranense, nonché lo sviluppo successivo della disciplina riguardo la lingua dei fedeli come criterio di organizzazione ecclesiastica, specialmente in riferimento alle parrocchie. I canonisti che si occupano del tema, hanno elaborato le proprie speculazioni scientifiche a supporto di tre interessi principali: l’interesse degli ufficiali della Curia a concedere un beneficio ovunque nella Chiesa; l’interesse dei prìncipi a rendere necessario il consenso del sovrano alla nomina,o a rinforzare la posizione della lingua di stato; e, infine, l’interesse pastorale che la lingua dei fedeli locali sia ben conosciuta dal parroco e da chiunque altro che riceva un beneficio connesso con la cura pastorale.

  13. Micromammiferi dei piani carsici di Colfiorito (Perugia - Macerata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Gaggi

    2003-10-01

    Full Text Available È stata condotta la prima indagine qualitativa sulla microteriofauna del Parco Regionale di Colfiorito (PG e dell?intero sistema dei piani carsici, che si sviluppano tra 750 e 800 m. s.l.m. sullo spartiacque appenninico umbro-marchigiano centro- meridionale. L?area di studio si estende per 5651,27 ha con un?escursione altitudinale da 750 a 1440 m s.l.m., interessando la palude omonima e alcuni territori limitrofi. Si è indagato nelle seguenti categorie ambientali: palude (fascia esterna, prato umido e torbiera, pascolo, bosco di latifoglie e zone antropizzate. Tra giugno 2000 e maggio 2001 sono state effettuate 16 uscite (4 per stagione, utilizzando i seguenti metodi: a trappolamento incruento, con trappole ed esche di vario tipo e successivo rilascio dei selvatici catturati, per 616 notti trappola, 38 catture, 6 specie: Clethrionomys glareolus, Microtus savii, Apodemus flavicollis, A. sylvaticus, Rattus norvegicus e Mus domesticus; b raccolta di boli. La mancata reperibilità di siti di Barbagianni Tyto alba e di Allocco Strix aluco ha portato a recuperare ed analizzare 65 borre di Albanella reale Circus cyaneus e 13 di Albanella minore C. pygargus, con il contenuto di microroditori rispettivamente del 77,3% e del 10%. In entrambe le diete è apparsa interessante la presenza di crani riferibili a Microtus cfr. subterraneus. Il metodo ha fornito, contemporaneamente, nuove informazioni sull?alimentazione di queste albanelle in Italia; c ricerca di resti di pasto, nidi e tane, impronte, carcasse. Ha accertato le specie Erinaceus europaeus e Sciurus vulgaris oltre al genere Talpa; d ricerca bibliografica, museografica e fotografica. Ha accertato Sorex minutus, S. samniticus, Neomys fodiens, Glis glis,

  14. LA CORRETTA VALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Saverio Nesci

    2014-12-01

    Full Text Available Farming and agro-industrial waste can represent a resource when destined to energy production and they can contribute to reduce greenhouse gas emission, to improve energetic efficiency and increase renewable energies. 6 stations are already working in Calabria for agro-zootechnical biomasses and agro-industrial waste transformation, in compliance with 91/676/CEE, Nitrates Directive, then D.L. 152/99 and D.M. 7 April 2006, redefined by D.M. 6-7-2012 It reduced incentives, with the aim of implementing small sized stations powered by recyclable byproducts, which are easier to manage especially in the form of consortium by medium and small sized companies that would otherwise be excluded from the market. An appropriate use of pruning waste would also mean turning a problem into an opportunity if, instead of burning it and producing high levels of CO2 (as forbidden by D.L. “terra dei fuochi” it could be destined to produce a new kind of power source, biochar, with a carbon negative function. Concerning the market of carbon credits derivable from pruning waste and from the production of more than 130.000 t of biochar (which, differently from the forestry sector, hasn’t been accepted in farming yet, the potential wealth on the regional territory could vary from 5 to 11 million € according to the set price. Establishing a more competitive and sustainable source of energy is one of the most important challenges that our Country has to face today. This sector plays a key role in the economic development of the Country, not only as a distinctive feature of low cost energy production, limited impact on environment and high utilization, but also as an element of growth per se, with a boost in ecologic economy thanks to a predominant use of renewable resources, recycling and curbing domestic or industrial waste, according to Green Economy parameters.

  15. Il mandato intellettuale dei musicologi nella costruzione della cittadinanza europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppina La Face

    2013-12-01

    Full Text Available L’intervento, proposto come relazione di base nella Study Session "Transmission of musical knowledge: constructing a European citizenship"  (Roma, XIX congresso IMS, 6 luglio 2012, sostiene che è importante e utile – in termini educativi e politici – valorizzare presso tutti i cittadini dell’Unione Europea, e presso gli stranieri che ad essa accedono, quel patrimonio di musica d’arte (Kunstmusik, art music che della cultura europea costituisce uno dei tratti peculiari e distintivi, e che non si lascia certo ridurre alla mera dimensione dell’intrattenimento.Questo lascito presenta problematiche particolari, a cominciare dalla sua natura composita: c’è un patrimonio materiale fatto di oggetti che chiedono di essere conservati (strumenti, partiture, trattati, documenti, edifici adibiti alla musica; e c’è un patrimonio immateriale – vuoi estetico (opere ed eventi, ossia brani musicali eseguiti e ascoltati vuoi intellettuale (testi musicali, scritti sulla musica, saperi teorici e pratici, tecniche esecutive – che può sussistere soltanto se lo si coltiva e lo si trasmette.La conoscenza del patrimonio musicale europeo può essere un poderoso coefficiente di integrazione della cittadinanza europea: favorendo il riconoscimento di una tradizione musicale comune, aperta e multiforme, essa offre un quadro di riferimento comune alle molte tradizioni musicali locali del continente e nel contempo una chiave di comprensione – per analogia o per contrasto – ai gruppi di cittadini extraeuropei, portatori di culture musicali diverse, che puntano a integrarsi nell’Unione.In questo processo i musicologi possono svolgere un ruolo cruciale, sol che riconoscano tra i mandati della propria disciplina anche quello della formazione e trasmissione della cultura musicale: pedagogia e didattica della musica non sono discipline a sé, anzi bisogna che tornino ad essere un ramo portante, vigoroso e florido, sul tronco della musicologia. E per

  16. The imago Dei Weltanschauung as narrative motif within the Corinthian correspondence

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jacobus (Kobus Kok

    2016-03-01

    Full Text Available This article reflects on the doctrine of humanity to explore that God created humankind in his image and likeness, and this means that all human beings have an inherent capacity to know the difference between good and bad, and between right and wrong. Thus, all human beings have an innate ability to be ethical, as the God who created them is good, and so becomes the source of their ethics. This article title highlights the interrelationships between identity, ethics, and ethos. These three related analytical categories, within the New Testament, show the necessity for an interdisciplinary approach in treating questions of the origin of humanity. This article incorporates reflections in the studies of anthropology, philosophy, and theology and draws from the writings of Apostle Paul, in his Corinthian Correspondence, as he instructed them on how they ought to relate, and what would be their roles within the broader scope of God�s original intention for humanity. In this attempt, he made reference to the anthropological identity of the imago Dei, and he shows that the perfect expression of the imago Dei is Christ Jesus; thus, this is the image they ought to emulate. Therefore, this article investigates �The imago Dei weltanschauung as narrative motif within the Corinthian correspondence�.Intradisciplinary and/or interdisciplinary implications: This research gives the perspective of the presupposition of the imago Dei as presented in the New Testament as the framework of understanding ethics, as it appears within the formation of an anthropological horizon. In relation to accepting the message of the New Testament, this article shows how the imago Dei worldview underpins Pauline ethics and can serve as a framework of understanding an anthropological ethical paradigm.Keywords: Imago Dei; Corinthian; Paul

  17. L’enigma dei raggi cosmici le più grandi energie dell’universo

    CERN Document Server

    De Angelis, Alessandro

    2012-01-01

    Grazie ad avventurosi studi fu possibile dimostrare un secolo fa che parte della radiazione naturale che si osserva sulla Terra è di natura extraterrestre: era la scoperta dei cosiddetti “raggi cosmici”, particelle che arrivano da misteriosi acceleratori nell’universo, probabilmente buchi neri supermassicci e resti di supernova, a energie anche centinaia di milioni di volte di quelle a cui riusciamo a produrle con i più potenti acceleratori della Terra. A cent’anni dalle prime scoperte questo libro si propone, con l’aiuto di documenti scoperti recentemente, di raccontare la vera storia di questa appassionante avventura scientifica e le frontiere dell'esplorazione dei raggi cosmici.

  18. Chaumont 2004: disordine apparente, ordine reale: la teoria del caos e l’arte dei giardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Maria Bucelli

    2015-11-01

    Full Text Available Nella sua tredicesima edizione il Festival Internazionale di Chaumont-sur-Loire propone uno dei temi di riflessione più avanzati della speculazione scientifica contemporanea, la Teoria del Caos. Chiamati a confrontarsi con un argomento già ampiamente oggetto di dibattiti scientifici e riflessioni filosofiche e artistiche, i 23 vincitori di quest’anno hanno allestito giardini sui quali si indaga sotto il profilo sia speculativo che intuitivamente creativo, ricercando una lettura trasversale, supportata dalle dirette testimonianze dei Concepteurs, delle complesse dinamiche teoriche e culturali alla base della contemporanea speculazione attorno al giardino. 

  19. LA TUTELA DEI BENI CULTURALI NEL DIRITTO REALE E NEL DIRITTO DOGANALE ALLA LUCE DELLA POLITICA ANTITERRORISTICA EUROPEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kristijan Poljanec

    2017-01-01

    Full Text Available Nel lavoro si analizzano le regole internazionali, europee e croate nell’ambito della circolazione dei beni culturali. Gli autori rifl ettono criticamente sul fatto che queste tali regole non abbiano riconosciuto l’importanza dei meccanismi del diritto reale nella lotta contro il traffi co illegale dei beni culturali. Si esamina il problema dell’esportazione dei beni culturali in paesi terzi e le reazioni dell’UE sulla crisi irachena e siriana con riguardo all’importazione di beni culturali. Si discute di nuove misure UE con riguardo alla regolazione dell’importazione dei beni culturali da paesi terzi come parte dell’agenda onnicomprensiva nella lotta al fi nanziamento del terrorismo. Gli autori prestano attenzione alla disciplina esistente del traffi co interno dei beni culturali nel contesto della libertà di circolazione delle merci ed analizzano le limitazioni della circolazione giuridica dei beni culturali nel diritto croato. Se ne conclude come il regime croato della circolazione dei beni culturali abbia creato una valida cornice per la lotta contro il traffi co illecito dei beni culturali e come questo già ora dia un valido apporto alla realizzazione delle politica antiterrorismo dell’UE; tuttavia si rileva come ci sia sempre spazio per migliorare le soluzioni esistenti specialmente nell’ambito della sfera privatistica. Al riguardo si vagliano con particolare attenzione le questioni riguardanti la scelta della lex rei sitae quale statuto di diritto reale per i beni culturali, come pure le questioni riguardanti gli istituti tradizionali volti all’acquisto a non domino ed all’usucapione. Nel lavoro si avanzano alcuni suggerimenti volti alla protezione futura dei beni culturali all’atto dell’importazione.

  20. Borges, Ariosto e la vita segreta dei personaggi minori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Dorigatti

    2013-12-01

    Full Text Available Inteso quale omaggio a Emilio Bigi, sia pure indiretto, lo studio prende spunto da un’intervista, tuttora inedita, rilasciata nel 1984 dallo scrittore argentino Jorge Luis Borges, in cui aveva citato, credendoli ariosteschi, dei versi che per lui, giunto in età ormai avanzata, erano diventati, più che un motto, una metafora di vita. Poco importa che, come verrà chiarito vagliando la loro storia e le relative fonti, quei versi, facenti capo alla misteriosa figura di un personaggio saraceno, Alibante di Toledo, in realtà appartenessero all’officina poetica di Francesco Berni: essi vengono ciò nondimeno assunti quale filo conduttore per un percorso esplorativo all’interno dell’Orlando furioso che ne vaglia la valenza per così dire “ariostesca”, giusta la reminiscenza borgesiana. Approdata infine a Cervantes, la discussione si conclude facendo ritorno a Borges e misurando l’impatto che quei medesimi versi hanno avuto sulla sua propria opera poetica.Intended as a heartfelt tribute to Emilio Bigi, albeit an indirect one, this essay draws on an interview, still unpublished, given by Argentine writer Jorge Luis Borges in 1984, in which he quoted a couple of lines of poetry which he firmly believed to be by Ariosto, and which for him, by then an old man, had become, more than a motto, a metaphor of life. It does not really matter that, as will become apparent retracing their history as well as their sources, these lines, centring on the mysterious figure of a Saracen character called Alibante of Toledo, actually belonged to Francesco Berni: they are here assumed as the main motif to be explored within Orlando furioso, in order to ascertain to what extent their nature may be regarded to be Ariostan, just as Borges thought. Having finally reached Cervantes, the discussion concludes by returning once more to Borges and considering the impact that these lines, which had remained engrained in his memory throughout his life, had on his own

  1. Proposta per una classificazione dei dati sperimentali in sismologia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. PANNOCCHIA

    1974-06-01

    Full Text Available T Centri Internazionali clic elaborano i d a t i di t u t ti gli Osservatori sismologici allo scopo di determinare i p a r a m e t r i fondamentali dogli eventi sismici, forniscono generalmente questi p a r a m e t r i con i corrispondenti errori calcolati. Nel presente lavoro, dopo alcuni rilievi di c a r a t t e r e generale, è s t a ta messa in evidenza l ' o p p o r t u n i t à di dare un aspetto significativo alle conseguenze che hanno gli inevitabili errori dovuti al rilevamento sperimentale dei dati di osservazione. In particolare è s t a t a r i c h i a m a t a l'attenzione: I sul f a t t o elio l ' i n t e r p r e t a z i o n e d i r e t t a di un sismogramma non fornisce una distanza A sufficientemente precisa; I I sull'importanza che hanno gli errori + STI corrispondenti ai tempi origine e le conseguenze che ne derivano, specialmente per valori elevali di | SH |; I I I sul significato e l ' i m p o r t a n z a che hanno gli errori corrispondenti alle coordinate epicentrali ed alla p r o f o n d i t à ipocentrale; IV sul significato e l ' i m p o r t a n z a clic hanno i residui ( 0 — ( ' = (tempi osservati — tempi calcolati relativi ai iP di ciascuna stazione (lP = tempi di t r a g i t t o delle onde longitudinali. Tenendo presenti questi punti viene proposta una classificazione di c a r a t t e r e analitico e di uso pratico (Fig. 2 in 4 classi

  2. Analisi dei processi di un ambulatorio per i viaggiatori internazionali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.L. Demarchi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: 1 determinare i costi di gestione dell’ambulatorio del viaggiatore internazionale dell’ASL13 di Novara; 2 predisporre un piano di riorganizzazione dell’ambulatorio. Materiali e metodi: per la determinazione dei costi di gestione dell’ambulatorio è stata applicata la metodologia dell’Activity Based Costing (ABC che consiste nello scomporre, secondo un criterio gerarchico, le attività che costituiscono un processo, partendo da quelle poste a livello più elevato (macroattività e giungendo al singolo compito professionale (microattività.

    In seguito per ogni attività individuata ciascun operatore del servizio indica, in percentuale, il tempo mediamente dedicato a tale attività, al fine di quantificarne il costo. Le attività individuate sono state rappresentate graficamente con la tecnica del Work design secondo cui per ciascun processo sono identificati input, output, risorse utilizzate, nonché eventuali regole e controlli a cui è soggetto.

    Risultati: lo studio ha coinvolto tutti gli operatori dell’ambulatorio (4 medici, 2 assistenti sanitari e 1 assistente amministrativo.

    Sono state identificate 180 attività. Il costo annuale complessivo della gestione dell’ambulatorio, attribuibile alle risorse umane, è pari a ¤ 288.934. Complessivamente il costo di alcune attività è risultato particolarmente elevato, in quanto le attività stesse vengono svolte da figure professionali non pertinenti (es. attività amministrative svolte dall’infermiere, attività di pertinenza infermieristica effettuate dal medico.
    Attraverso la definizione di input, output, controlli e meccanismi, è stato possibile evidenziare sia le macro criticità del processo organizzativo, quali ad esempio la necessità di integrare l’utilizzo di supporti informatizzati per la gestione delle informazioni relative all’utente, sia le micro criticità, come l’esigenza di predisporre

  3. Postoperative US of leg tendon reconstruction; Valutazione dei risultati della ricostruzione dei tendini della gamba. Aspetti ecografici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Draghi, F.; Calliada, F.; Fulle, I.; Madonia, L.; Bottinelli, O.; Campani, R. [Pavia Policlinico S. Matteo, Pavia (Italy)

    1999-05-01

    o distacco muscolo-tendineeo dei tendini rotulei o Achillei nel periodo non anteriore a 5 anni. L'ecografia rappresenta un'indagine di elezione nel controllo post-chirurgico delle rotture tendinee e del distacco muscolo-tendineo per la possibilita' di evidenziare quadri patologici non rilevabili clinicamente e fornire notizie aggiuntive indispensabili per la terapia.

  4. Carta geográfica dei conventi dei frati riformati delle Province di Wielkopolska e di Małopolska dell'anno 1718

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adam Jan Błachut

    2004-12-01

    Full Text Available I grandi benefattori della Provincia di Wielkopolska furono i Radziwiłł, proprietari di Biała, che dopo Nieśwież era la loro seconda cittá residenziałe. Proprio a Biała il principe Michał Kazimierz, insieme alia sua consorte, Katarzyna Emercjanna Sobieska, sorella di re Jan III, nel 1671 fecero costruire e donarono ai frati riformati la chiesa e il convento. Anche il loro figlio, Karol Stanisław Radziwiłł, in modo generoso sosteneva i riformati di Wielkopolska e il convento di Biała. Egli stesso per diversi anni fu il loro sindaco apostolico. Come riconoscenza dei suoi meriti, il convento di Biała dedico' a lui un’incisione (160,4 x 52,7 cm, dove il motivo centrale era la carta geográfica rotonda con tutti i conventi dei riformati di ambedue le Province polacche: di Wielkopolska e Małopolska. La grafica fu fatta a Lipsia da Johann Gottfried Krügner (la firma in basso, che fino a poco fa e' stato sostenuto anche come autore del progetto. Pero la signatuta F. M. R., presente sulla carta, che era la firma caratteristica delle lettere di Fr. Mateusz Osiecki, famoso archittetto dei riformati, in modo quasi evidente indica la sua paternita artística. Tanto piu' che Fr. Mateusz apparteneva al cerechio delle persone legate ai Radziwiłł, per i quali fece diversi lavori. II primo a interesarsi di quell'incisione fu Wilhelm Dersch („Franziskanische Studien”, 1916, nr 1-2, avendo esaminato un esemplare conservato allora nellArchivio Nazionale a Poznań. Egli pubblico' tutti i testi presentí sulla carta e la sua fotografía. La stessa incisione (in due esemplari viene conservata attualmente anche al Museo Diocesano a Płock (prima si trovava nella chiesa dei riformati a Szczawin Kościelny, nei pressi di Gostynin. Gli esemplari incompleti (soltanto la parte centrale si trovano anche nel Museo Nazionale a Varsavia e nella Biblioteca del convento dei francescani di Poznań.

  5. Trent'anni che sconvolsero la fisica la storia della teoria dei quanti

    CERN Document Server

    Gamow, George

    1993-01-01

    Gli anni dal 1900 al 1930 hanno portato un profondo mutamento nella visione che l'uomo aveva dell'universo: tra la prima idea di Max Planck dei quanti di luce nel 1900, e la previsione dell'esistenza delle antiparticelle formulata da P. A. M. Dirac nel 1929, corre un periodo di emozionanti progressi nel campo della fisica teorica.

  6. Vongola (Chamelea gallina: valutazione degli effetti dei solidi sospesi in acqua marina nel mollusco bivalve

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatora Angela Angioni

    2010-03-01

    Full Text Available Lo studio è finalizzato alla valutazione degli effetti dei solidi sospesi in acqua marina nella vongola (Chamelea gallina. L’obiettivo è quello di verificare la possibile correlazione tra le morie di vongole, registrate negli ultimi 5 anni, nelle acque costiere del Mare Adriatico centro-settentrionale e l’aumento della concentrazione dei solidi sospesi. La ricerca è stata effettuata mediante l’implementazione di prove sperimentali a 96 h su esemplari divongola, stabulati in acquari contenenti acqua marina filtrata. Le prove sono state precedute da una fase di adattamento dei molluschi bivalvi della durata di 7 giorni. In questo periodo le vongole sono state alimentate con alga unicellulare marina (Dunaliella tertiolecta. I molluschi sono stati esposti a particelle di solidi sospesi costituite da pool di granuli, di varie dimensioni, di silica gel (SiO2 simili a quelli costituenti il limo, la cui presenza e sospensione in mare aumentano notevolmente in seguito ad abbondanti piogge e forti mareggiate. Lo studio ha verificato come le concentrazioni utilizzate dei solidi sospesi in acqua marina, impiegata nelle prove, abbia provocato un numero di esemplari morti, statisticamente, non significativo.

  7. Immigration and identity in L'Albero dei destini sospesi | d'Arcangeli ...

    African Journals Online (AJOL)

    L'albero dei destini sospesi (1997) del regista algerino Rachid Benhadj, da anni immigrato in Italia, è il primo film italiano a mostrare una relazione interrazziale tra una donna italiana ed un uomo nordafricano. I due giovani protagonisti partono per un viaggio in cui scopriranno i propri pregiudizi, paure e sentimenti ma ...

  8. 77 FR 64836 - Notice of Availability of Draft Environmental Impact Statement (DEIS), Draft Section 4(f...

    Science.gov (United States)

    2012-10-23

    ...), Draft Section 4(f) Evaluation, Notice of ANILCA Title XI evaluation, and Notice of Public Comment Period... and public hearing. ] SUMMARY: In accordance with the National Environmental Policy Act of 1969 (NEPA... prepared and is available for public review and comment. Included in the DEIS is a draft evaluation...

  9. Di madre in figlio: per una storia dell’educazione alla corte dei Medici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Pia Paoli

    2011-10-01

    Full Text Available In questo saggio si affronta la storia dell’educazione alla corte dei Medici tra Cinque e Seicento, privilegiando il rapporto fra le granduchesse e i loro figli. Le fonti utilizzate per una prima indagine sul tema sono alcuni ruoli della corte dall’epoca di Cosimo I a quella di Cosimo III, i carteggi del fondo Mediceo del Principato e alcune fonti letterarie attinenti ai programmi pedagogici concepiti per i giovani principi di casa Medici. La scelta del lungo periodo è motivata dall’intento di cogliere i passaggi cruciali che connotano nel tempo l’evoluzione in senso nobiliare-cavalleresco dell’educazione dei primogeniti e dei cadetti maschi, mentre per le principesse destinate al matrimonio o al convento si delinea la persistenza dei modelli educativi legati alle virtù domestiche e morali in genere, calibrate di volta in volta sulle inclinazioni personali. Il denominatore comune di una regia pedagogica articolata fu quello che corrispose al graduale passaggio dalla casa, alla corte, al mondo, dove l’immagine e la reputazione di principi e principesse doveva proiettarsi per l’onore della famiglia, dello Stato e del rango.

  10. 75 FR 17133 - Draft Environmental Impact Statement (DEIS) for Training Range and Garrison Support Facilities...

    Science.gov (United States)

    2010-04-05

    ... comment on the DEIS and to participate in public meetings which will be announced in local news media. The... constructed in the cantonment area. Three alternatives are considered: Alternative A--No Action, and two action alternatives (Alternatives B and C). The No Action Alternative is to continue the current mission...

  11. Inizio di Carlo Sini: la crisi dei saperi e il compito pedagogico del pensiero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Beretta

    2016-08-01

    Full Text Available Nelle diverse sezioni che compongono Inizio, Carlo Sini affronta in vari modi, a partire da spunti differenti, la crisi attuale dei saperi nel loro senso complessivo e la necessità per la filosofia di ritornare alla sua vocazione pedagogica.

  12. Social media e sentiment analysis l’evoluzione dei fenomeni sociali attraverso la rete

    CERN Document Server

    Ceron, Andrea; Iacus, Stefano M

    2014-01-01

    Due miliardi e mezzo di utenti internet, oltre un miliardo di account Facebook, 550 milioni di profili Twitter. Che parlano, discutono, si confrontano sui temi più svariati. Un flusso in continuo divenire di informazioni che dà sostanza ogni giorno al mondo dei Big Data. Ma come si analizza concretamente il “sentiment” della Rete? Quali sono i pregi e i limiti dei diversi metodi esistenti? E a quali domande possiamo dare una risposta? Dopo aver presentato le varie tecniche di analisi testuale applicate ai social media, questo libro discute di come l’informazione presente in Rete sia in grado di aiutarci a meglio comprendere il presente e a fare previsioni sul futuro riguardo a una molteplicità di fenomeni sociali, che spaziano dall’andamento dei mercati finanziari, alla diffusione di malattie, alle rivolte e ai sommovimenti popolari fino ai risultati dei talent show, prima di concentrarsi su due casi specifici: l’andamento della felicità degli italiani giorno per giorno, e i risultati delle camp...

  13. Interpreting the isio Dei in Matthew 5:8 | Viljoen | HTS Teologiese ...

    African Journals Online (AJOL)

    The academic study of the biblical text often depends on the naïve assumption that a researcher can obtain stable knowledge of the single meaning of a text. This article investigated how the visio Dei in Matthew 5:8 has led to a variety of concepts through the centuries. This proves how different readers come to different ...

  14. (Canti Orfici). Lauro Manni Roberto Pazzi, La gravità dei corpi, Ed ...

    African Journals Online (AJOL)

    User

    Possiamo concordare pienamente con Friederich, quando dice, a proposito della poesia, che essa “diventa un'azione che, solitaria, irradia il suo gioco di sogno e il suo magico suono in un mondo annullato”. Il silenzio è ora il momento nodale dell'esperienza poetica pazziana; in esso la “gravità dei corpi” si estenua, ...

  15. L’accademia dei morti viventi. Parte quinta: l’università

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-03-01

    Full Text Available [Segue da Parte quarta: la conservazione dei testi] Le riforme di K. Fitzpatrick – la revisione da pari a pari, la trasfigurazione comunitaria dell’autore, l’interpretazione del testo come luogo di discussione piuttosto che come prodotto, la socialità della sua disseminazione e conservazione – si fondano sulla convinzione che la pubblicazione accademica tradizionale sia divenuta economicamente [...

  16. Studiare i prezzi dei libri nell'Europa della prima età moderna: questioni e fonti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Nuovo

    2017-09-01

    Full Text Available Il contributo presenta in modo sintetico il quadro concettuale all'interno del quale uno studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna dovrebbe muoversi, così come i problemi metodologici da affrontare. Nonostante la natura di manufatto semi-industriale ponga il libro a stampa in una classe merceologica del tutto particolare nell'economia pre-industriale, è possibile utilizzare le categorie generali di domanda e offerta per identificare alcuni fattori atti ad impostare specifici percorsi di ricerca basati sull'analisi storico-economica. La storia del libro può essere quindi messa in relazione con alcuni temi classici della storia economica, allo scopo di inserire il problema del commercio librario e dei prezzi dei libri in un dibattito storiografico più ampio. Tra le fonti disponibili per lo studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna, l'inventario di bottega di Bernardo Giunti (Department of Special Collections, UCLA, Collection 170/622 è una chiara testimonianza del fiorente mercato librario allora esistente a Venezia. Le quasi 12.000 registrazioni incluse nella lista dei libri in vendita riflettono gli scopi e gli obiettivi dell’azienda. La struttura di questo documento è decisamente complessa, frutto di più di venti anni di uso continuo (1600-1620 c.. Lungo questo periodo di tempo, il documento sembra essere evoluto da un semplice elenco o catalogo ad uso del personale interno a un importante strumento per la gestione della bottega e del suo magazzino. Quasi ogni titolo presenta un prezzo, e ciò rende questo inventario una delle fonti più ampie e significative per lo studio dei prezzi dei libri nella prima età moderna.This project has received funding from the European Research Council (ERC under the European Union's Horizon 2020 research and innovation programme (Grant Agreement n° 694476.

  17. Indagini su conoscenze e comportamenti dei medici in tema di prevenzione delle neoplasie del cavo orale: primi risultati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Nicotera

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’indagine si propone di valutare il livello di conoscenze ed i comportamenti dei medici italiani in merito alla prevenzione delle neoplasie del cavo orale.

    Metodi: lo studio è stato effettuato mediante l’invio postale ad un campione casuale di 500 di medici di medicina generale della regione Calabria di un questionario con 38 domande strutturate in 3 sezioni: caratteristiche anagrafiche e lavorative (sesso, età, anni di attività, etc., conoscenze (principali fattori di rischio, lesioni precancerose, sede di insorgenza, etc. e comportamenti (esame obiettivo del cavo orale, anamnesi personale, etc..

    Risultati: i dati si riferiscono ai primi 151 questionari
    restituiti. La maggior parte dei rispondenti è di
    sesso maschile, l’età media è di 51.4 anni, la media
    degli anni di attività lavorativa è 19 anni e meno dei
    due terzi dei medici afferma di lavorare più di 30
    ore settimanali. Relativamente al livello delle conoscenze,
    solo il 19% dei medici conosce almeno 3 dei principali fattori di rischio del cancro della cavità orale, poco più di un terzo (35.1% riconosce la leucoplachia e l’eritroplachia come le due principali lesioni precancerose associate alle neoplasie e il 56.7% identifica il carcinoma squamocellulare
    come la forma neoplastica più diffusa della bocca.

    Per quanto riguarda i comportamenti, i primi risultati si evidenziano che il 67% del campione effettua l’esame obiettivo del cavo orale e poco meno dei due raccoglie informazioni inerenti all’ uso/abuso di alcool e tabacco dei pazienti.

    Conclusioni: i primi risultati dello studio, se pur preliminari, fanno emergere l’importanza di pianificare interventi formativi in merito alla prevenzione delle neoplasie del cavo orale.

  18. L’altra memoria dei tracciati. La viabilità storica come chiave interpretativa del paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Cillis

    2013-01-01

    Full Text Available Parlare di viabilità storica vuol dire abbandonare l’idea stereotipata della strada monumentale e ipotizzare che possa esistere un patrimonio minore per altisonanza, quanto mai fragile e diffuso. Il contributo persegue l'obiettivo di fornire alcune chiavi interpretative del paesaggio ponendo in relazione la struttura profonda dei luoghi con il permanere delle tracce storiche dei luoghi stessi attraverso il tema della strada. Partendo da alcune considerazioni sulla cartografia stradale di matrice storica, il tema viene declinato nell'ottica del “paesaggio della strada”, che da una dimensione puntuale degli elementi testimoniali, si espande ad una più vasta che trova nella strada il tema conduttore di un sistema identitario territoriale e delle sue trasformazioni

  19. Sviluppo dei materiali innovativi e studio della loro interazione con sistemi biologici e biomimetici

    OpenAIRE

    Malferrari, Danilo

    2012-01-01

    Nell’ambito della Chimica Sostenibile e dell’applicazione dei suoi principi per la salvaguardia dell’ambiente, il progetto di dottorato ha riguardato lo sviluppo di materiali innovativi e lo studio della loro interazione con sistemi biologici e biomimetici. In particolare l’attività si è focalizzata sulla sintesi di liquidi ionici ed indagini delle interazioni con membrane cellulari e sull’utilizzo ed isolamento di molecole da fonti rinnovabili. I liquidi ionici sono sali organici liquidi ...

  20. Probing Alzheimers Disease Pathology and Early Detection at the NSLS with Infrared, XRF, and DEI

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zhong,Z.; Bennett, D.; Chapman, D.; Chen, J.; Connor, D.; Dilmanian, A.; Faulconer, L.; Kao, T.; Leskovjan, A.; et al

    2008-01-01

    We explored diffraction enhanced imaging (DEI) in both planar and computed tomography (CT) modes for early detection of beta amyloid deposition, a hallmark feature in Alzheimer's disease (AD). Since amyloid plaques precede clinical symptoms by years, their early detection is of great interest. These findings were correlated with results from synchrotron infrared microspectroscopic imaging and X-ray fluorescence microscopy, to determine the secondary structure of the amyloid beta protein and metal concentration in the amyloid plaques, respectively.

  1. Analisi dei metaboliti secondari da fonti naturali: isolamento, caratterizzazione strutturale e attività biologiche

    OpenAIRE

    Nini, Antonella

    2015-01-01

    L’ attività di ricerca del Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie Biologiche, XXVII ciclo, si inserisce nell’ambito della chimica delle sostanze naturali ed è rivolta all’isolamento e alla caratterizzazione strutturale dei metaboliti secondari provenienti da matrici vegetali . Le specie oggetto di studio sono piante, utilizzate nella medicina popolare per le loro caratteristiche fitoterapiche, oppure sono impiegate anche nell’alimentazione. L’indagine chimica si è concentrata sulle ...

  2. PROGETTAZIONE E VERIFICA DEI PIANI DI STAZIONE CON PROGRAMMI DI ESERCIZIO VARIABILI

    OpenAIRE

    Ronzino, Carlo Domenico

    2011-01-01

    Scopo della presente memoria è presentare un metodo sintetico di progettazione o verifica delle stazioni ferroviarie basato sulla qualità del servizio in termini di probabilità di treni che subiranno ritardo per occupazione dei binari. Il metodo costituisce un contributo sia alle tecniche di ottimizzazione dell’infrastruttura ferroviaria che di supporto delle decisioni nel settore delle infrastrutture di trasporto, e in particolare delle attività di progettazione di nuovi impianti o di ade...

  3. Inventario dei luoghi di culto dell'area falisco-capenate,

    OpenAIRE

    Ferrante, Cristina

    2008-01-01

    2006/2007 Inventario dei luoghi di culto della zona falisco-capenate. Sunto. La raccolta delle fonti relative alla vita religiosa della zona falisco-capenate è stata finalizzata, in primo luogo, all’individuazione di luoghi di culto sicuramente identificabili come tali. Dove questo non fosse stato possibile, soprattutto in presenza di documenti epigrafici isolati e di provenienza non sempre determinabile, si è comunque registrata la presenza del culto. Attraverso la documentazione r...

  4. La libertà religiosa tra ascesa e crisi dei diritti umani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cardia

    2016-06-01

    SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Il cammino verso la laicità dello Stato – 3. La rivoluzione della laicità, i totalitarismi, la terra promessa dei diritti umani – 4. Le nuove sfide. il secolarismo senza etica – 5. Altri segni di regresso: antisemitismo, guerra ai simboli religiosi – 6. Il mischiarsi della storia, il confondersi di religioni, popoli, culture – 7. La bestemmia della violenza religiosa.

  5. Le testimonianze dei reduci italiani del lager di Flossenbürg

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Nannicini Streitberger

    2015-03-01

    Full Text Available L’articolo affronta l’analisi delle testimonianze scritte dei reduci italiani del Lager di Flossenbürg, ponendosi interrogativi che riguardano la testimonianza in genere: tra resoconto storico e autobiografia, cronaca e diario, questo genere ibrido presenta scelte stilistiche e aspetti semantici comuni, come per esempio i limiti del discorso, l’identità italiana, l’esperienza precedente di lotta antifascista, la conoscenza del tedesco.

  6. La qualità dell'eLearning Un approccio qualitativo per l'analisi dei feedback degli studenti e dei docenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrizia Ghislandi

    2012-11-01

    Full Text Available La discussione sulla qualità dell'eLearning accademico si sta orientando verso una critica dei modelli di qualità più legati alla produzione industriale, che sono principalmente fondati sulla conformità a standards prestabiliti, i quali a loro volta richiedono generalmente metodi di valutazione quantitativi (Ehlers & Schneckenberg, 2010, Ghislandi, 2008, 2012. In ambito formativo questo implica una visione molto centrata sui risultati (outputs e sull'impatto (outcomes, con scarsa attenzione ai processi. Una visione innovativa della qualità richiede la profonda comprensione di elementi contestuali complessi, delle interazioni e dimensioni relazionali spesso invisibili dagli strumenti quantitativi; e, soprattutto, della generazione di logiche partecipate che aumentino la consapevolezza degli attori coinvolti nei processi che portano alla qualità del modello formativo. In questo lavoro, attraverso la presentazione di uno studio di caso di formazione continua blended, viene introdotto un approccio per il monitoraggio della qualità dell'eLearning. Tale approccio predilige metodologie di analisi qualitativa e partecipata, basate sulla riflessione e  sull’utilizzo di rubric per l’analisi dell’attività formativa. Tale approccio, secondo le autrici, risulta coerente sia dal punto di vista metodologico sia da quello epistemologico, con una nuova visione della qualità come processo continuo di riflessione sulla valutazione dell'esperienza formativa alla scoperta del senso e dei valori portanti della stessa.

  7. L’otto per mille nella nuova relazione della Corte dei Conti: spunti per una riforma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2015-12-01

    Full Text Available A chiare lettere - Transizioni   La Corte dei Conti - organo neutrale, autonomo e indipendente sia dal Governo sia dal Parlamento, con il compito istituzionale di sottoporre a controllo la gestione delle risorse pubbliche allo scopo di “perseguire l’utilizzo appropriato ed efficace dei fondi pubblici, la ricerca di una gestione finanziaria rigorosa, la regolarità dell’azione amministrativa e l’informazione dei poteri pubblici e della popolazione tramite la pubblicazione di relazioni obiettive” -, per la seconda volta ha reso pubblica, di agevole accesso e di piana comprensione la «Relazione concernente la “Destinazione e gestione dell'8 per mille: le misure consequenziali finalizzate alla rimozione delle disfunzioni rilevate”». Così facendo, la Corte ha osservato in concreto la regola dell’efficienza e della trasparenza amministrativa, e ha proseguito nell'intento informativo avviato con la pubblicazione della relazione dello scorso anno, confermandolo e rafforzandolo.

  8. La misurazione dei processi di regolazione cognitiva e metacognitiva durante lo studio con gli ipermedia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roger Azevedo

    2010-01-01

    Full Text Available L’apprendimento autoregolato rappresenta una modalità di apprendimento di fondamentale importanza quando ci si avvale del supporto di ambienti ipermediali. Obiettivo di questo articolo è presentare quattro assunzioni chiave che consentono la misurazione dei processi cognitivi e metacognitivi attivati durante l’apprendimento tramite ipermedia. Innanzi tutto, assumiamo che sia possibile individuare, tracciare, modellare e favorire processi di apprendimento auto-regolato durante lo studio con gli ipermedia. La seconda assunzione si focalizza sul comprendere come la complessità dei processi regolatori che avvengono durante l’apprendimento mediato da sistemi ipermediali sia importante per determinare il perché alcuni processi vengono messi in atto durante l’esecuzione di un compito. Le terza assunzione è relativa al considerare che l’utilizzo di processi di apprendimento auto-regolato possa dinamicamente cambiare nel tempo e che tali processi sono di natura ciclica (influenzati dalle condizioni interne ed esterne e da meccanismi di feedback. Infine, l’identificazione, raccolta e classificazione dei processi di apprendimento autoregolato utilizzati durante lo studio con sistemi ipermediali, può risultare un compito alquanto difficoltoso.

  9. Musei post-etnografici. Le trasformazioni dei rapporti tra antropologia e museo in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Benoît de L'Estoile

    2016-01-01

    Full Text Available L’articolo riflette sulle trasformazioni contemporanee dei rapporti tra antropologia e museo in Francia alla luce dell’apertura negli ultimi anni del Musée du quai Branly, del Musée des Civilisations de l'Europe et de la Méditerranée (MUCEM, e del rinnovamento del Musée de l'Homme. La relazione tra musei e antropologia, storicamente più stretta in Francia che in altri contesti nazionali, spiega l’intensità delle reazioni suscitate da queste trasformazioni. La ricostruzione della successione dei progetti di musei etnografici, e in particolare l’ideale del ‘museo-laboratorio’, dimostra il ruolo duraturo del paradigma enciclopedico-naturalista. L’esaurimento del paradigma naturalista, tanto negli stessi musei di storia naturale come il Muséum National d'Histoire Naturelle di Parigi quanto nei musei etnografici, ha prodotto una trasformazione del ruolo dei musei, sancito dal passaggio da un discorso museografico centrato sulla scienza e il razionalismo ad un approccio estetizzante fondato sulle emozioni. Allo stesso tempo, il paradigma naturalista ed evoluzionista rinasce nel nuovo Musée de l'Homme, inaugurato nel 2015. Questi nuovi musei, che possono essere definiti come ‘post-etnografici’, non sono ancora riusciti a fare i conti con la storia e con il loro passato coloniale. Nel contempo, l’antropologia francese si trova di fronte alla sfida di reinventarsi come ‘antropologia post-museo’.

  10. Le politiche per la tutela della salute dei migranti: il contesto europeo e il caso Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Rinaldi

    Full Text Available Intendendo la salute come un diritto umano fondamentale che non si esaurisce alla dimensione biologica ma si estende a quella sociale, economica e politica, gli autori, dopo aver descritto brevemente le politiche che a livello europeo sono state emanate per tutelare la salute dei migranti, analizzano l'esperienza italiana alla luce delle direttive internazionali. L'Italia rappresenta infatti un caso particolare ed avanzato di tutela della salute dei migranti; la sua politica sanitaria decisamente inclusiva riconosce parità di diritti e doveri ai cittadini regolarmente presenti ed ammette ampie possibilità di protezione ed assistenza anche per gli immigrati privi di permesso di soggiorno. Tuttavia, anche in un contesto avanzato come quello italiano, è necessaria un'evoluzione da un approccio di tipo assistenzialistico ad uno più ampio di promozione della salute attraverso politiche di natura intersettoriale, alla luce della teoria dei determinanti sociali di salute. Affrontare la tematica della salute del popolo migrante rappresenta un'occasione per rendere i servizi sanitari in particolare e le politiche migratorie in generale più attente ad ogni persona, alla sua storia e al contesto nel quale essa vive.

  11. Phyto remediation and decontamination of soils; Fitodecontaminazione e risanamento dei suoli

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Miceli, A. [Lecce Univ., Lecce (Italy). Dipt. di Biologia

    2001-02-01

    Contaminated soils pose an environmental problem which may be solved by the emerging phyto remediation technology. This cost-effective plant-based approach to remediation takes advantages of the ability of plants to concentrate toxic compounds from the environment and to metabolize them in the tissues. Toxic heavy metals are major targets for the phyto remediation. The use of this environmentally friendly technology is described in this work. [Italian] Negli ultimi tempi, uno dei problemi ambientali di maggior rilievo e' l'aumentato numero di suoli contaminati. La contaminazione dei siti e dei terreni puo' derivare da una serie di fonti, tra cui: eccessive applicazioni di fertilizzanti, pesticidi, insetticidi (terreni agricoli); sversamenti, perdite di prodotti chimici e combustibili; smaltimento di rifiuti pericolosi o industriali senza adeguato controllo ambientale; percolato da discariche di rifiuti solidi urbani; fall-out atmosferico. La phytoremediation (fitodecontaminazione) utilizza alcune specie di piante verdi per risanare i terreni contaminati da inquinanti o per contenere la loro dispersione nell'ambiente.

  12. Note sulla sistematica del genere Asparagus L. (Asparagaceae): l'anatomia dei cladodi come carattere diagnostico

    OpenAIRE

    Urbani, Malvina; Ledda, Marco G.; Becca, Giovanna

    2005-01-01

    Nell' ambito di una serie di ricerche su sistematica e corologia del genere Asparagus L. in Sardegna (URBANI et al., in stampa), sono state compiute delle osservazioni sull' anatomia dei cladodi che si sono rivelate utili nella circoscrizione dei tre taxa presenti sull'isola: Asparagus acutifolius L., A. albus L. e A. horridus L. La necessità di effettuare delle osservazioni sull'anatomia dei cladodi, è sorta, tra l'altro, per risolvere alcuni problemi di carattere sis...

  13. Alimentarsi di false credenzeAgostino e la critica dei precetti alimentari manichei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Prosperi

    2008-12-01

    Full Text Available Nonostante non tutti gli studiosi concordino sul valore e sulla validità della testimonianza di Agostino, non si può oggi mettere in dubbio che questi ebbe una conoscenza molto precisa non solo della dottrina manichea, ma anche delle pratiche rituali in uso nelle comunità delle sette, e in modo particolare di quelle che si imponevano agli Uditori. Del resto, egli stesso non manca di definirsi esperto dell’affare manicheo al fine di affermare l’autorità del suo modo di procedere nella polemica. Certo non si può cercare in questi testi antimanichei un’esposizione serena né uno studio sistematico del catechismo manicheo poiché tali scritti hanno il carattere di un’“opera d’assalto” che Agostino, al di là degli aspetti anche caricaturali che mette in luce esponendo la dottrina avversa, dedica a quanti, come lui, corrono il rischio di essere sedotti e intrappolati da tale dottrina eretica. Quella lunga permanenza  nella setta, nove anni come lui stesso afferma, e l’attività dispiegata al suo servizio permise ad Agostino di avere una larga conoscenza dell’organizzazione interna delle comunità, delle riunioni liturgiche e della catechesi, infine dei rapporti tra le due professiones che costituivano la chiesa manichea, i laici, Uditori o Catecumeni da una parte e, dall’altra, i religiosi, Eletti o Santi, tenuti, quest’ultimi, ad osservare rigide regole ascetiche raggruppate sotto tre capi, tria signacula appunto, relativi a tre ordini di attività, corrispondenti ad altrettanti organi quali bocca, mano, seno, ai quali il perfetto manicheo apporrà come un sigillo che rispetterà scrupolosamente. In particolare, lo studio del “sigillo della bocca”, quello, cioè, che ordina di astenersi dalle cibarie carnee e sanguinolente; dal vino; dalle bevande fermentate come la birra; nonché dai pensieri malvagi; dai discorsi menzogneri, violenti o blasfemi (la bocca è il luogo fisico dove entrano cibi ed escono parole, due

  14. L’interconnessione dei registri europei della proprietà immobiliare: il caso italiano e spagnolo a confronto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agostina Lodde

    2017-06-01

    Full Text Available La necessità che le informazioni detenute dai Registri Immobiliari possano liberamente circolare all’interno dello spazio dell’Unione rappresenta un obiettivo prioritario nell’ambito della strategia delineata dal Consiglio UE in materia di giustizia elettronica europea 2014-2018, la quale prevede di incentrare l’azione “sulla interconnessione dei registri che presentino un interesse per i cittadini, le imprese, gli operatori della giustizia e i magistrati”. Pertanto, si afferma che “si dovrebbero assicurare i presupposti tecnici e giuridici necessari per rendere possibile tale interconnessione”. La realizzazione dei “presupposti tecnici” di cui si parla, grazie agli sviluppi straordinari delle tecnologie informatiche, rappresenta il traguardo meno difficile da raggiungere, mentre è di gran lunga più complicato risolvere le difficoltà giuridiche derivanti dalla storica diversità dei Registri, tenendo anche in considerazione il limite posto dall’art. 345 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, secondo il quale “I trattati lasciano del tutto impregiudicato il regime di proprietà esistente negli Stati membri”. Per meglio comprendere le suddette diversità e facendo seguito alla panoramica sui diversi sistemi europei di registrazione immobiliare illustrata da Lodde (2016, si è cercato di fornire un quadro comparato dei sistemi di registrazione italiano e spagnolo, sistemi che poggiano su tradizioni giuridiche comuni (quelle di civil law ma che, per diversi percorsi evolutivi, sono pervenuti a una regolamentazione completamente differente dei rispettivi Registri.

  15. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di 11 specie che trova rifugio nel sistema ipogeo presente e nelle aree limitrofe. Nella cavità si riproducono Miniopterus schreibersii (oltre 6000 esemplari insieme a circa 600 tra Myotis myotis, Myotis blythii, Rhinolophus hipposideros e R. euryale. Vi svernano e soggiornano inoltre R. ferrumequinum, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Myotis nattereri e M. emarginatus. Il progetto si propone di acquisire alcuni terreni posti nel SIC ma attualmente al di fuori nella Riserva per far fronte al progressivo degrado della copertura vegetale interessante habitat prioritari, operando un recupero di siepi di guardia e del cotico erboso con specie autoctone per fermare l'erosione soprattutto dei pascoli aridi, habitat di alimentazione elettivo per Myotis blythii. Queste aree appaiono appartenere o all'essere in transizione verso brometi dell'ordine Festuco-Brometalia con fioriture di orchidee e per il loro controllo è stato avviato un pascolo controllato. I brometi sono inoltre in parte da recuperare per vari fenomeni di degrado biologico e morfologico favorendo il reimpianto di specie locali e l'aumento della diversità floristica. Per le specie particolarmente importanti si è promosso la moltiplicazione ex situ e in vitro. Sono state ricreate le pozze a base dei calanchi che oltre a ricostituire la zona di

  16. Valutazione dell'appropriatezza dei ricoveri in un Policlinico Universitario: analisi mediante l'uso comparativo dei sistemi di classificazione isogravitá APR-DRG e Disease Staging e del PRUO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Volpe

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri effettuati in un Policlinico Universitario attraverso la comparazione di due metodi, dei quali uno basato sui dati della scheda di dimissione ospedaliera ed utilizza, rispettivamente, i sistemi di classificazione iso-gravità APR-DRG e Disease Staging e l’altro sulla revisione delle cartelle cliniche mediante il PRUO.

    Metodi: oggetto di analisi sono i ricoveri ordinari effettuati nell’anno 2001 ed afferenti ai DRG inclusi nella delibera della Giunta Regionale del Lazio 864/2002 che recepisce il D.P.C.M. 29/11/2001 sui livelli essenziali di assistenza.

    Risultati: i risultati evidenziano che le due varianti del
    metodo basato sulla SDO (metodo APPRO mostrano quote di ricoveri inappropriati sovrapponibili rispetto al complesso dei ricoveri oggetto di analisi, ma con differenze anche rilevanti tra APR-DRG e Disease Staging in relazione ai singoli DRG considerati, riconducibili ai diversi algoritmi di attribuzione del livello di severità utilizzati dai due sistemi. L’analisi campionaria effettuata con il metodo PRUO su casi afferenti ai DRG della DGR 864/2002 caratterizzati da livelli di severità minimi evidenzia una proporzione di ricoveri inappropriati superiore a quella determinata tramite i metodi basati sulla SDO. Tale differenza è verosimilmente dovuta al ruolo del valore delle soglie percentuali di accettabilità individuate dalla Regione Lazio per ciascun DRG: le quote di ricoveri che eccedono tali soglie sono considerate inappropriate.

    Conclusioni: sulla base dei risultati ottenuti gli autori
    descrivono gli interventi organizzativi adottati per ottimizzare il contesto di erogazione delle prestazioni
    oggetto di analisi, discutono vantaggi e limiti dei metodi SDO-based e del metodo analitico PRUObased e ne propongono l

  17. Environmental health risk communication in the case "Terra dei Fuochi": content analysis of online newspaper articles.

    Science.gov (United States)

    Barchitta, M; Fragapane, S; Quattrocchi, A; Consoli, M T; Giuffrida, G; Pennisi, C; Agodi, A

    2015-01-01

    The aim of the study is to evaluate the way in which information is conveyed by one of the major national newspapers, in its online version, Repubblica.it, about health risks associated with the "Terra dei Fuochi". A retrospective systematic search in the online newspaper database was carried out for articles published from 1st January through 13th May 2014. The keyword used was "Terra dei Fuochi". A corpus, containing all articles included, was built in order to perform content analysis and text-mining using the T-LAB software, together with a critical interpretation. The co-occurrence analysis was performed using the keywords: environment, prevention, waste , risk and science. A total of 211 articles were retrieved, but only 188 articles met the inclusion criteria and were included in the analysis. The section of publication with the largest number of articles was represented by Repubblica Napoli edition with 50% of articles, whereas, only 2% of articles were included in the Environment section, and no article has been placed in the Health section. The most occurring lemmas were: waste, Naples, President, environmental - environment and health. Lemmas as disaster, drama, alarm and fear occur with medium frequency. Among the lemmas with less occurrence there were: remediation, cancer, people, information and recycle. However, terms as communication and risk management were absent. This study contributes to our understanding of how environmental health risks associated with the "Terra dei Fuochi" issue are presented by the newspapers to the public, which has implications for how the public may learn about risk management information.

  18. Environmental impact of petroleum products in the soil. Part II: Petroleum products composition and key properties; Impatto ambientale dei prodotti petroliferi nel suolo. Parte II: Composizione dei prodotti petroliferi e proprieta' chiave

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zerlia, T. [Stazione Sperimentale per i Combustibili, San Donato Milanese, Milan (Italy)

    2001-06-01

    The fate of petroleum hydrocarbons in the soil depends on the chemical-physic properties of each hydrocarbon, as well as on the soil characteristics. The mean composition of various petroleum products, the key chemical compounds and their characteristics are focused in order to outline the environmental behaviour of petroleum hydrocarbons in the soil. [Italian] Il destino ambientale degli idrocarburi petroliferi nel suolo e nel sottosuolo dipende, oltre che dalle caratteristiche del terreno, dalle proprieta' chimico-fisiche dei singoli idrocarburi. Viene richiamata la composizione dei principali prodotti petroliferi, e vengono evidenziati i composti critici e le caratteristiche essenziali per delinearne il comportamento in termini di impatto ambientale col suolo.

  19. San Carlo Dei Barnabiti: Restoration and Reinforcement of the Roofing of a Florentine Baroque Masterpiece

    Science.gov (United States)

    Mastrodicasa, C.; Montecchi, S.; Tucci, G.; Conti, A.; Fiorini, L.

    2017-05-01

    The church of San Carlo dei Barnabiti houses one of the most important examples of Baroque illusionistic painting in Florence. Given the level of deterioration of the vault, the preliminary investigations required a 3D survey of the current geometry to detect the mainly damaged areas. A point cloud obtained by laser scanning is employed to investigate the deformations and the state of conservation of the vault. The acquired data also revealed some unknown aspects concerning the construction of the structure and its pictorial decoration useful to design the restoration project.

  20. Pier Paolo Pasolini e i Beatles, protagonisti al di sopra dei confini

    OpenAIRE

    Ambrosi, Eugenio

    2016-01-01

    Non si può dire che cinquant’anni fa le strade di Pier Paolo Pasolini e dei Beatles si siano incrociate, però nelle opere letterarie e cinematografiche dell’intellettuale friulano ci sono frequenti rimandi al ballo ed alla musica, anche a quella moderna, le canzonette per intenderci, con qualche rara incursione nella musica leggera degli anni Sessanta: quando conosce Ninetto lo descrive come un ragazzo beatlesiano, con lui va a ballare al Piper di Roma, lo fa ballare d...

  1. Reclutamento e formazione dei poliziotti: il caso degli ufficiali della gendarmeria francese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    François Dieu

    2007-04-01

    Full Text Available Partendo dal caso degli ufficiali della gendarmeria francese, questo articolo illustra il modo in cui il reclutamento e la formazione possono contribuire, informalmente, alla ripartizione del potere nelle organizzazioni di polizia. Tramite la diversità delle vie di reclutamento si costituisce, di fatto, un vero e proprio sistema di "caste", con una stratificazione degli ufficiali in tre livelli gerarchici, che produce, al di là dei principi meritocratici, delle ineguaglianze manifeste nella ripartizione del potere nell'organizzazione della gendarmeria.

  2. Ruoli pragmatici di "sì" : modello di analisi dei segnali discorsivi nell'italiano parlato

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jana Kenda

    2008-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo osserveremo i diversi ruoli pragmatici assunti dal segnale discorsivo sì nella lingua italiana parlata. è nostro intento servirci di questo esempio concreto per illustrare la pluralità di funzioni e di forze illocutorie di un segnale discorsivo che possono renderne difficoltosa l’elaborazione e l’interpretazione. il metodo adottato per l’individuazione dei diversi ruoli pragmatici svolti dal segnale prescelto, si propone di costituire un modello di analisi applicabile anche ad altri elementi linguistici aventi simili proprietà pragmatiche.

  3. Verifica di qualitá dei prodotti del legame caldo nella ristorazione ospedaliera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. De Giusti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’efficacia del legame caldo in un sistema di ristorazione ospedaliera.

    Metodi: sono stati monitorati negli ultimi tre anni, parametri di temperatura, Carica Mesofila Totale (CMT, indicatori di inquinamento fecale e patogeni, in prodotti del legame caldo preparati e distribuiti dalla ristorazione di un ospedale romano nelle fasi: T0 (centro cottura, T1 (primo reparto servito e T2 (ultimo reparto servito, per un totale di 337 rilevazioni. Parametri di riferimento per la valutazione: (a T°C › 60°C (limite critico HACCP; (b CMT ‹1x106 ufc/g (Delibera Giunta Regionale n. 5575 del 27/10/1998. Risultati: l’analisi dei valori medi di temperatura rilevati al T0 ha evidenziato, nel tempo, una riduzione delle inidoneità (dal 20% del 2000 al 4% del 2002. Le temperature riscontrate nei tempi T1 e T2 appaiono sempre inferiori ai valori rilevati al tempo T0 mostrando una tendenza alla diminuzione rispetto il limite critico. Le riduzioni percentuale delle temperature al T1 ed al T2 rispetto al T0 sono risultate statisticamente significative e più marcate per l’anno 2002 (16,8% rispetto al 2001 (2,9% ed al 2000 (7,5%. Non sono state riscontrate inidoneità per i parametri microbiologici considerati.

    Conclusione: l’analisi dei risultati evidenzia come l’introduzione di nuove tecnologie di conservazione a caldo del vitto al T0 ha sensibilmente migliorato la rispondenza dei prodotti alle specifiche dell’HACCP. Contrariamente, a seguito della sostituzione/ ottimizzazione della tecnologia di trasporto del vitto ai reparti, si è registrato un peggioramento della qualità del servizio in termini di non conformità dei prodotti rispetto al limite di temperatura, mai accompagnato da non conformità microbiologiche. Gli aspetti organizzativi e gestionali del ciclo lavorativo, unitamente agli aspetti tecnologici, sono stati individuati quali elementi ostacolanti il

  4. OCT structural examination of Madonna dei Fusi by Leonardo da Vinci

    Science.gov (United States)

    Targowski, Piotr; Iwanicka, Magdalena; Sylwestrzak, Marcin; Kaszewska, Ewa A.; Frosinini, Cecilia

    2013-05-01

    Madonna dei Fusi (`Madonna of the Yarnwider') is a spectacular example of Italian Renaissance painting, attributed to Leonardo da Vinci. The aim of this study is to give an account of past restoration procedures. The evidence of a former retouching campaign will be presented with cross-sectional images obtained non-invasively with Optical Coherence Tomography (OCT). Specifically, the locations of overpaintings/retouchings with respect to the original paint layer and secondary varnishes will be given. Additionally, the evidence of a former transfer of the pictorial layer to the new canvas support by detecting the presence of its structure incised into paint layer will be shown.

  5. Valutazione della qualitá dei dati in uno studio post marketing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. D’Alessandro

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: misurare l'affidabilita nella segnalazione
    di eventi avversi a vaccino nell'ambito di uno studio post-marketing sulla tollerabilita della vaccinazione antipneumococcica (AP in associazione con la vaccinazione antinfluenzale (AI nella popolazione anziana.


    Metodi: e stato predisposto un modello di regressione
    logistica per stimare gli OR tra la segnalazione di almeno un effetto collaterale locale (y ed alcune variabili individuali dei vaccinati (x1: eta .75 anni; x2: sesso; x3: allergie; x4: associazione AI+AP; x5: vivere solo; x6: patologie croniche. I medici aderenti al progetto (229 sono stati stratificati in cinque categorie in funzione dellfincidenza media di eventi avversi da loro registrata: 0% (29, 1-5%
    (68, 6-10% (50, 11-50% (72, .50% (10. Lo stesso modello di regressione e stato applicato ai quattro
    sotto-gruppi di vaccinati afferenti alle categorie di medici che hanno segnalato sintomi, per valutare la coerenza degli OR registrati nei gruppi.

    Risultati: tra i 29.086 vaccinati, l'f11,3% (3.278 ha segnalato almeno un evento avverso locale nelle
    72 ore successive alla vaccinazione: 9,9% tra i soggetti vaccinati con AI e 13,9% tra i vaccinati con
    AI+AP. I fattori significativamente associati all'faumento di rischio sono: AI+AP (OR 1,4; allergie (OR 1,3; patologie croniche (OR 1,3. L' applicazione del modello di regressione ai sotto-gruppi di vaccinati ha mostrato un trend negli OR per le categorie di medici che hanno segnalato dall'f1-5% fino all'f11- 50%, mostrando un'effettiva differenza di rischio dei pazienti.

    Tale coerenza non si e evinta nell'ultima categoria (.50%, dove tali fattori appaiono addiritura protettivi nei riguardi dei sintomi (AI+AP: OR 0,5; allergie: OR 0,7, o non associati
    (patologie croniche: OR 1,0.

    Conclusioni: il 4,3% dei medici arruolati nello studio (10 su 229 ha

  6. Coniugare Economia e Diritto Una sperimentazione in aula attraverso l’utilizzo dei processi di Active Learning

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Agnello

    2011-12-01

    Full Text Available Nella didattica dell’economia, esiste un problema di trasferimento delle conoscenze che è strettamente connesso al maggiore o minore “realismo” della teoria nel senso di una più o meno immediata aderenza delle ipotesi empiriche sottostanti la modellistica prevalente alla realtà sociale complessa che il discente vive quotidianamente. Il presente contributo intende, a tal proposito, sottolineare come la multidisplinarietà e l’utilizzo di metodologie di apprendimento attivo (active learning consentano non solo un apprendimento più immediato dei nuclei fondanti dell’economia ma anche un trasferimento de sapere economico nell’ambito del più ampio ambito delle scienze sociali. In particolare, dopo aver sottolineato la stretta vicinanza disciplinare tra Economia e Diritto nella trattazione di molti temi curriculari, si discute una sperimentazione in aula che coniuga Diritto ed Economia nello studio del funzionamento dei mercati dei valori mobiliari.

  7. Hoteles Todo Incluído en Cozumel: aproximación hacia la sustentabilidad como elemento competitivo dei destino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alejandro Palafox Muñoz

    2013-02-01

    Full Text Available EI artículo presenta los resultados dei estudio realizado en Hoteles Todo Incluido (TI de la Isla Cozumel, con eI propósito de a1canzar una explicación holística dei modelo turístico conformado y proponer directrices para avanzar hacia la sustentabilidad. La conceptualización se fundamenta en el análisis de la gestión integrada de los destinos que operan bajo esta modalidad - según el caso de Cozumel-, y la formulación de estrategias que propicien la sustentabilidad dei turismo como elemento competitivo en eI Caribe. Así mismo, se debaten enfoques teóricos, se caracteriza el espacio turístico, y se reconstruye eI proceso de formación y desarrollo dei producto en el destino, consecuentemente se realiza el diagnóstico de hoteles TI como parte dei modelo turístico de la ínsula, y se formula su proyección estratégica. The study of AlI Inclusive (AI Hotels in development models of coastal spaces is presented with the purpose of achieving a holistic explanation of the tourism system and projecting its sustainability. It is based on the analysis of the integrated management of destinations that operate this modality, according to the Cozumel case, and the formulation of strategies that contribute to sustainable positioning of tourism as a distinctive competition. As a result the conceptual focuses are discussed, the tourist context is characterized, the formation and development process of this product at destination are recreated, the diagnosis of the AI hotels is carried out as part of the tourist mo dei, and, finally, its strategic projection is formulated.

  8. L’asimmetria e l’attrazione. Pittura e chimica dei sentimenti in L’amore normale di Alessandra Sarchi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Zinato

    2014-05-01

    Full Text Available L’amore normale (Einaudi stile libero, 2014 di Alessandra Sarchi è un romanzo che sa guardare, goethianamente, “dietro il sipario” dei sentimenti, spingendosi con coraggio “oltre l’orlo”. La vicenda è bipartita: la prima parte consta di 22 capitoletti, la seconda di 17. Ogni capitolo reca nel titolo il nome di uno dei personaggi a cui vien data voce (la coppia principale, Laura e Davide, le figlie Violetta e Bettina, Mia, Fabrizio, Letizia, Giovanna e solo per tre volte le voci narranti s’incrociano nell’ambito di un medesimo capitolo.

  9. Analisi della domanda di prestazioni ospedaliere per patologie tumorali dei residenti nell'ASLAV 2, anno 2000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Brogna

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’analisi condotta è finalizzata a valutare la “domanda” di prestazioni ospedaliere richieste dalla popolazione dell’ASL AV2 relativamente alla patologia tumorale.

    Metodi: i dati utilizzati sono stati tratti dall’archivio regionale A.R.S.A.N. delle SDO relative all’anno 2000. Sono stati selezionati ed estrapolati dal database regionale i ricoveri per patologia tumorale relativi ai residenti nell’ ASL AV2. L’identificazione dei casi è avvenuta sulla base della diagnosi principale codificata con il sistema IDC9-CM, selezionando i codici tra 140 e 239, inclusi alcuni codici V (radio o chemioterapia, anamnesi personale di tumore maligno. Tutti i casi sono stati raggruppati secondo la classificazione dei DRG e suddivisi in ricoveri avvenuti in Campania e ricoveri avvenuti in altre regioni ed all’estero. Inoltre la totalità dei ricoveri è stata divisa in due macrogruppi (intra/extraziendali, nell’ambito extraziendale in intra- ed extraregionale.

    Risultati: sono stati individuati in totale 5838 ricoveri, il 2,96% avvenuti nella struttura ospedaliera dell’ASL, il restante 97.04 % in strutture extraziendali; di queste l’ 82.06% campane e il 14.98% extraregionali. La migrazione avviene prevalentemente verso le regioni di confine, in particolare Lazio e Puglia che assorbono rispettivamente il 30 ed il 18%. L’esame dei flussi verso le strutture del capoluogo indica una scarsa dipendenza nei confronti delle vicine strutture di Napoli città. Marginale risulta il ricorso a centri specializzati europei. Dall’analisi dei DRG disaggregati per classe di peso emerge che dei 5838 ricoveri il 18% riguarda discipline di alta specialità (DRG con classe di peso alta. Anche per queste ultime le aziende territoriali regionali presentano gradi di autosufficienza elevati (77%.

    Conclusioni: la distribuzione dei ricoveri per tipo di tumore e

  10. Conference Held at the Centro Linceo Interdisciplinare, Accademia Nazionale dei Lincei

    CERN Document Server

    1980-01-01

    The idea of organizing a symposium on mathematical models in biology came to some colleagues, members of the Accademia dei Lincei, in order to point out the importance of mathematics not only for supplying instruments for the elaboration and the evaluation of experimental data, but also for discussing the possibility of developing mathematical formulations of biological problems. This appeared particularly appropriate for genetics, where mathematical models have been of historical importance. When the organizing work had started, it became clear to us that the classic studies of Vito Volterra (who was also a Member of the Academy and its President from 1923 to 1926) might be con­ sidered a further reason to have the meeting in Rome at the Accademia dei Lincei; thus the meeting is dedicated to his memory. Biology, in its manifold aspects proved to Se ~ difficult object for an exhaustive approach; thus it became necessary for practical reasons to make a choice of problems. Therefore not all branches of biology...

  11. SISTEMI AUTOMATICI DI RICONOSCIMENTO PER LE GEOMETRIE DEI CODICI A BARRE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Ippoliti

    1994-02-01

    seguito un breve riassunto. Nella moderna società dei consumi. l'incremento generale del tenore di vita è stato tale da far concretizzare un uniforme livellamento in alto del- l'economia familiare. Questo fenomeno ha fatto sentire i suoi eITetti in primis per ciò che concerne l'aspetto consumistico della società. il che ha comportato, già verso la line degli anni sessanta e negli Stati Uniti per prima, la creazione di una vasta gamma di tecniche atte a migliorare la gestione industriale e commerciale. il controllo e la movimentazione. l'organizzazione e la movimentazione delle varie fasi nonche' la razionalizzazione della movimentazione di cose e persone. Una tra le più importanti di queste tecniche, se non la più importante, è rappresentata dai codici a barre. Essi non sono altro che superfici composte di barre scure e di spazi chiari; la loro larghezza e spaziatura varia in funzione del sistema di simbolizzazione adoperato. Ognuno di questi ultimi, infatti, utilizza un proprio modulo base di barra. avente una larghezza minima, dal quale, mediante un coefficiente di moltiplicazione. viene ottenuto il valore degli elementi più larghi.  Il codice a barre vede la sua genesi nella necessita della lettura automatica dei caratteri rappresentati, attraverso un procedimento di lettura ottica e di decodifica elettronica.

  12. Morphological, microstructural and chemical characterisation of solid residues from sewage sludge incineration; Caratterizzazione morfologica, compositiva e microstrutturale dei residui solidi di incenerimento dei fanghi urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bemporad, E.; Carassiti, F. [Rome University Roma Tre, Rome (Italy). Dipt. di Ingegneria Meccanica e Industriale

    2001-03-01

    For a deeper understanding of all the potential factors affecting metal speciation and partitioning in sludge incineration and to assess potential hazard posed by residual ashes, the Water Research Institute (Irsa) of the Italian National Research Council has carried out a large series of sludge incineration tests using the pilot plant located in Bari (Southern Italy) in the area of a large municipal wastewater treatment plant. Department of Mechanical and Industrial Engineering of the Rome Tre University cooperated with Irsa in chemical-physical characterisation of different types of ashes collected during the test with the aim of obtaining useful data for process optimisation. Different techniques were used to characterize incineration products and to correlate with process parameters. The X ray Diffraction (XRD) technique was found to be able to estimate the amount of sand, lost from the furnace in cyclone ash (CA) and in filter ash (FA). Low Angle Laser Light Scattering (LALLS) is suitable to evaluate size distribution, Scanning Electron Microscopy associated with Energy Dispersive Spectroscopy (SEM/EDS) was used to correlate size and shape of individual particles with qualitative chemical composition. XRD semi-quantitative measurements of the incineration products, obtained by using reference calibrating sand/ash samples, showed that sand content varies form 28% to 73% in the CA and from 6% to 14% in the FA. LALLS technique showed mono-modal and bi-modal distributions of particle size. (Sauter mean diameter), varying frm 17 {mu}m to 250 {mu}m in the CA and from 4 {mu}m to 14 {mu}m in the FA. SEM/EDS observations showed that heavy metals (Cr, Cd, Pb, Ni) are prevalently present as small droplets on the surface of the non spherical particles. [Italian] Al fine di comprendere i fenomeni di speciazione e il destino dei metalli pesanti durante le operazioni di trattamento dei fanghi urbani, il Cnr-Irsa di Roma ha condotto una serie di prove di impianto presso l

  13. Caratteristiche dei segni di marcatura territoriale nel capriolo, Capreolus capreolus L., 1758

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rocco Sorino

    2003-10-01

    Full Text Available I maschi maturi di capriolo sono territoriali dagli inizi della primavera (aprile fino all?epoca degli amori, tardo agosto ? inizio settembre. Durante il periodo territoriale, i maschi eseguono due tipi di marcatura olfattiva a significato territoriale: le raspate e i fregoni. Le prime sono effettuate con le ghiandole site tra le dita delle zampe anteriori, i secondi con le ghiandole poste alla base dei palchi. Nel presente contributo si riportano alcuni risultati preliminari sull?abbondanza relativa dei due tipi di marcatura in due habitat alpini con differente copertura vegetazionale, per stabilire se questa influenzi la scelta del tipo di marcatura. L?area di studio è situata nella Val Chisone (Alpi nord ? occidentali ed è compresa tra i 1800 e i 1900 metri di quota con una superficie di 238,5 ha. L?area è caratterizzata da un pascolo di 96,5 ha (pari al 40,5% dell?area e da un lariceto di 142 ha (pari al 59,5% dell?area. Lo studio è stato effettuato nel periodo estivo nell?arco del triennio 2001-2003. I segni territoriali sono stati rilevati in aree di forma quadrata con lati di 15 metri (225 m² campionate con un metodo di randomizzazione. In ogni area campione si è valutato il numero, le dimensioni e la densità dei segni di marcatura nonché il tipo di stratificazione vegetazionale (arborea, arbustiva, erbacea, le classi percentuali di copertura, il numero di piante marcate e quelle potenzialmente marcabili. Per valutare l?esistenza di correlazione tra i segni di marcatura e i diversi parametri ambientali misurati si sono utilizzati dei test di Spearman. Sono stati rilevati 52 fregoni (x = 3,71; SE = 0,90 e 24 raspate (x = 1,71; SE = 0,57. Il 68% dei fregoni è stato rilevato in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 3,1 alberelli/10 m², mentre il 100% delle raspate è stato rinvenuto in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 2,2 alberelli/10 m². In ogni area campione il numero di fregoni

  14. Amicitia Dei

    NARCIS (Netherlands)

    Brümmer, V.

    2003-01-01

    The love of God is usually interpreted as analogous to the loving relationship between human beings. However, since God is not like other people, his love cannot be identical with the love between human beings. We need therefore to explore the limits of the analogy between human and divine love. In

  15. Comportamento strutturale e qualita' di campo delle bobine dei dipoli per LHC studio e confronto con i risultati sperimentali

    CERN Document Server

    Ferracin, P

    1998-01-01

    Il lavoro di questa tesi consiste nell’analisi e verifica dello stato di tensione e deformazione della bobina dei dipoli superconduttori per LHC (Large Hadron Collider) Il lavoro di questa tesi consiste nell’analisi e verifica dello stato di tensione e deformazione…

  16. Un passo indietro sul fronte dei diritti di libertà e di eguaglianza in materia religiosa [?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sergio Lariccia

    2016-06-01

    SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La corte ritiene ammissibile l’intervento, nel giudizio costituzionale, dell’associazione privata degli atei e degli agnostici razionalisti. Funzione e importanza dei gruppi sociali organizzati per l’affermazione dei diritti verso e contro le religioni – 3. L’UAAR può essere considerata una confessione religiosa? – 4. Non è ammesso un controllo giurisdizionale sulle decisioni del consiglio dei ministri riguardanti l’avvio delle trattative per la stipulazione di eventuali intese tra una confessione religiosa e lo Stato. Ma “ci sarà pure un giudice a Berlino!” – 5. Potere politico, potere amministrativo e potere giurisdizionale in tema di diritti dei gruppi religiosi in Italia – 6. Ragioni della politica e ragioni del diritto: una scelta metodologica. Dubbi, nella fattispecie, sul ruolo del parlamento come organo di garanzia che esercita il controllo sul governo – 7. 2 aprile 1966: il ricordo di una giornata particolare di cinquant’anni fa.

  17. 76 FR 60474 - Intent To Prepare a Draft Environmental Impact Statement (DEIS) for the Haile Gold Mine in...

    Science.gov (United States)

    2011-09-29

    ... and environmental effects of the proposed construction and operation of a gold mine in order to... Department of the Army; Corps of Engineers Intent To Prepare a Draft Environmental Impact Statement (DEIS) for the Haile Gold Mine in Lancaster County, SC AGENCY: Department of the Army, U.S. Army Corps of...

  18. Comportamento a fatica dei giunti saldati in funzione della densità di energia di deformazione locale: influenza dei campi di tensione singolari e non singolari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Lazzarin

    2009-07-01

    Full Text Available Il criterio della densità di energia di deformazione (SED considera un preciso volume di controllo posizionato in corrispondenza del piede o della radice dei cordoni di saldatura, ossia delle zone di possibileinnesco delle cricche di fatica. Modellati i cordoni come intagli a V non raccordati e con diverso angolo di apertura, il volume è riconducibile a un settore circolare nei casi di tensione o deformazione piana, e il raggio vale circa 0.3 mm per i giunti saldati in acciaio strutturale.Il valore medio della densità di energia di deformazione dipende essenzialmente dalle distribuzioni singolari nei giunti di medio ed elevato spessore, mentre importante diventa il contributo della T-stress nei giunti di spessore ridotto. Entrambi gli effetti sono correttamente computati utilizzando modelli agli elementi finiti, anche utilizzando mesh con un numero ridotto di gradi di libertà. Il fatto è di notevole interesse per una possibile applicazione del metodo a strutture saldate di geometria complessa. Agli effetti descritti, tipicamente riconducibili a una modellazione piana, si possono accompagnare campi singolari non convenzionali, legati aeffetti tridimensionali indotti dalla geometria. L’effetto out-of-plane è qui evidenziato in relazione ai giunti a semplice sovrapposizione.

  19. Ripensare l’integrazione attraverso lo sport: la partecipazione sportiva a livello comunitario dei migranti turchi in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    William Gasparini

    2013-04-01

    Full Text Available Storicamente, la Francia è una terra d’immigrazione già a partire dal XIX secolo, periodo in cui lo sport moderno si è sviluppato. Progressivamente, i migranti e i loro discendenti si sono mescolati nello “creuset français” anche attraverso il contributo che lo sport ha dato all’integrazione sociale di numerosi sportivi migranti. Lo sport (e più particolarmente il calcio si presenta dunque come un terreno di studio particolarmente interessante sia sull’ambito delle espressioni di identità che sulle nuove forme del “vivere insieme”. L’articolo propone di mettere questi aspetti alla prova dei fatti analizzando la pratica sportiva dei migranti turchi, l’ultima grande onda di migranti in Francia e prima comunità di migranti in Europa. I dati empirici raccolti nell’ambito dei club turchi nella regione d’Alsazia (nord-est della Francia mostrano la presenza, chiara, di un raggruppamento comunitario che pone una serie di domande: tali raggruppamenti esistono poiché costretti o derivano da una scelta fatta in senso militante ? Da questo punto di vista, in che modo lo sport permette la loro coesione e la loro integrazione sociale ? Al di là della sola “identità turca” verrà dimostrato che l’esistenza di un club “turco” nell’ambito della società di accoglienza e la partecipazione sportiva a livello comunitario sono legati a dei fattori sociali e politici. Nel mettere in luce le cause sociali dei raggruppamenti sportivi, l’articolo intende inoltre superare l’opposizione classica tra la socializzazione comunitaria e la socializzazione societaria.

  20. Making Sense of Dei Verbum : Moslem Reflections on The Relation Between Scripture and Tradition

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Muhammad Modassir Ali

    2016-04-01

    Full Text Available Like all great religions of the world, Christianity is a religion steeped in revelation. It tries to convince its followers that it was through the process of revelation that God made Himself known both in the Old and New Testaments, climaxing in the saving action of Jesus Christ. Although this is the starting point of Christian revelation, it would surprise many to know that it was only in the last five centuries that Christians started debating the issue and nature of revelation. In the present article, we shall critically examine how Catholic Christians started perceiving the notion of revelation from the Second Vatican Council (1962-1965 as enshrined in the Constitution Dei Verbum of the Council and the issues that keep Catholics engaged with regard to it with particular focus upon the relation between Scripture and Tradition and the ensuing tensions.

  1. Introduzione all'analisi qualitativa dei sistemi dinamici discreti e continui

    CERN Document Server

    Squassina, Marco

    2016-01-01

    Il testo è stato concepito per la struttura degli attuali corsi di laurea in Biologia, Matematica, Matematica Applicata, Ingegneria, Scienze Naturali e Mediche. Esso si concentra sugli aspetti qualitativi delle equazioni differenziali come limitatezza o illimitatezza delle soluzioni, esistenza o non esistenza di orbite periodiche, stabilità o instabilità dei punti di equilibrio, biforcazione del sistema al variare di un parametro, robustezza del sistema in presenza di perturbazioni. L'analisi qualitativa di sistemi dinamici discreti e continui è un argomento tecnicamente accessibile anche agli studenti di primo livello e consente di collegare, combinare ed esercitare nozioni che provengono dall'algebra, dal calcolo differenziale di base e dalla geometria elementare, stimolando l'intuizione matematica. Il volume si caratterizza per due aspetti: quello induttivo e quello figurativo. L'approccio induttivo si basa su un'ampia gamma di problemi risolti e pensati per introdurre, gradualmente, sia le conoscenze ...

  2. Unionismo fiorentino negli anni Venti. L’Associazione Cristiana dei Giovani di Firenze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Letizia Pagliai

    2013-02-01

    Full Text Available Scarni sono i riferimenti storiografici sulla sezione fiorentina dell’Associazione Cristiana dei Giovani (ACDG, il corrispettivo italiano della Young Men’s Christian Association (YMCA, costituita dopo la Grande Guerra da quel Giovanni Battista Giorgini (1898-1971, noto piuttosto come talento imprenditoriale della ‘moda italiana’ negli anni del Miracolo economico. Sotto la presidenza di Giorgini (1924-1933, di formazione religiosa valdese, la sezione fiorentina dell’ACDG divenne punto di riferimento di tutta l’organizzazione italiana. Questo contributo, attraverso documenti esemplificativi, segue alcune fondamentali tappe e aspetti della vita dell’Associazione fino al 1931, quando il governo fascista ne intimò drasticamente lo scioglimento con ordinanza prefettizia.

  3. Nuove Tecnologie per il Monitoraggio e la Gestione dei giardini storici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Romani

    2012-07-01

    Full Text Available ItSotto la spinta dei cambiamenti socio-economici e di significativi progressi tecnici, la gestione dei giardini storici e degli spazi verdi in genere, sta vivendo un periodo di forte cambiamento ed evoluzione. Nel tentativo di razionalizzare l’uso delle risorse naturali e umane, nascono nuovi servizi che fanno intravedere la necessità di creare specifiche figure professionali, in grado di colmare in tempi rapidi il divario tra le potenzialità applicative offerte dalle nuove tecnologie e le diverse realtà operative, ancora legate all’uso di pratiche e metodologie tradizionali. Anche nel settore dei giardini e dei parchi storici è giunto il momento di approfondire i temi relativi alla loro conservazione e valorizzazione, che oggi sono strettamente legati a una concreta sostenibilità economica e ambientale delle pratiche di gestione e di promozione. Queste considerazioni sono state alla base di una serie di iniziative e di progetti promossi a livello nazionale ed europeo, che, grazie all’integrazione di strumenti ICT, SMART-Sensors e IA, in alcuni casi si sono concretizzati nella realizzazione di metodologie e soluzioni di grande interesse operativo.Le procedure e i criteri presentati in questo articolo sono il risultato dell’attività di ricerca e trasferimento tecnologico condotta dal CNR-IBIMET di Firenze negli ultimi dieci anni. Già nella sua versione prototipale, il sistema proposto mostra tutte le sue potenzialità di monitoraggio e supporto alle attività gestionali e manutentive degli spazi verdi, aprendo la strada a una progressiva automazione e virtualizzazione delle procedure (creazione di scenari, elementi essenziali per la successiva valorizzazione e promozione del bene a livello sociale e culturale.In particolare, oltre allo schema logico del sistema, si discutono alcune tra le funzioni di monitoraggio di maggiore interesse (disponibilità idrica, stato fitosanitario e fenologia, evidenziando quali siano i vantaggi

  4. Astronomy and landscape at the prehistoric settlement Villaggio dei Faraglioni, Ustica, Sicily

    CERN Document Server

    Martin, Franco Foresta

    2016-01-01

    The placement of the Middle Bronze Age settlement Villaggio dei Faraglioni on the Ustica island is analyzed from a cognitive point of view, taking into account archaeoastronomy and landscape archaeology aspects. It turns out that the place might have been selected because of its privileged position with respect to the landscape, better than conforming to utilitarian/defensive considerations, as occurs for contemporary, for instance Mycenaean, sites. From the village it was indeed possible to follow the rising and setting of the sun in the months close to the winter solstice on the two elevated peaks existing on the opposite side of the island, and in a symmetric way. As a consequence, the inhabitants could obtain a relatively good determination of the solstice day. A possible astronomical orientation of the urban layout is also analyzed.

  5. Food contamination. The importance of controls; La contaminazione degli alimenti. L'importanza dei controlli

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bressa, G. [Padua Univ. (Italy). Dipt. di Farmacologia. Lab. di Tossicologia

    1999-08-01

    The growing interest towards environmental problems, with specific attention towards human health protection and improvement, has proved the existence of e link between biosphere as global entity, and man, has belonging to it an indissoluble way. Nevertheless, diseases originating from food are even more on the increase, producing doubts on the validity of the traditional preventive methods used to tackle this kind of problem. In fact, the expansion of highly specialised companies has brought substantial changed, in both food processing and food composition. One only needs to think of the innumerable chemical substances which , due to environmental pollution, intentional addition of additives and/or presence of chemical residues deriving from technological and agricultural process, are more and more often found in food. Therefore, the need for a thorough awareness concerning food quality by identifying suitable to guarantee safe and healthy foodstuff is ever more important. [Italian] L'interesse crescente per i problemi ambientali, con particolare attenzione alla protezione e al migliorameto della salute umana, hanno confermato il legame esistente tra la biosfera come entita' globale e l'uomo come appartenente ad essa in modo indissociabile. Nonostante cio' le malattie di origine alimentare sono in continuo aumento, generando dubbi sulla validita' dei metodi tradizionali di prevenzione applicati per affrontare tale problematica. Infatti lo sviluppo di societa' altamente industrializzate ha comportato cambiamenti sostanziali sia nei processi di lavorazione degli alimenti che nella composizione degli stessi. Basti pensare alle innumerevoli sostanze chimiche che si riscontrano sempre piu' spesso negli alimenti a causa dell'inquinamento ambientale, dell'aggiunta intenzionale di additivi e/o della presenza di residui chimici provenienti da processi tecnologici ed agricoli. E' quindi sempre piu' sentita l

  6. Mondi di Wittgenstein. Metaontologia del "Tractatus" e teoria dei truthmakers di Armstrong

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Cuconato

    2014-11-01

    Full Text Available La “svolta ontologica” che contraddistingue l’odierna filosofia analitica ha consentito, attraverso il rigore logico e argomentativo, la ripresa di temi e problemi della bimillenaria tradizione filosofica. In particolare, grazie al confronto con uno dei principali interpreti di tale svolta, David Armstrong, si è analizzata l’ontologia e la metafisica del "Tractatus logico-philosophicus" attraverso le nozioni di: mondo contratto, combinatorialismo e truthmaker. Nel dettaglio, si è “sollevato” il problema riguardo la priorità ontologica tra fatti e oggetti semplici. Tale tensione si è rivelata insuperabile attraverso la sola analisi ontologico-metafisica: da un lato, infatti, ai fini della sensatezza di una proposizione, è stata assegnata la priorità ontologica agli oggetti; dall’altro, invece, gli oggetti si sono mostrati come “semplici finzioni”, frutto di un preciso processo di astrazione dai rispettivi fatti. La radice del problema è stata, pertanto, individuata in questioni di natura metaontologica: solamente attraverso l’analisi del predicato “esiste” è stato possibile superare la tensione sopra indicata. In particolare, grazie alla truthmaking question “cosa, nel mondo, rende vera una proposizione p?”, è stato possibile assegnare il primato ontologico agli stati di cose sussistenti. Al tempo stesso però, simulando il “catalogo universale” di un abitante di uno dei mondi contratti, si è mostrato che la dipendenza ontologica degli oggetti non ne implica necessariamente un’esistenza finzionale. L’articolo, pertanto, conduce un’analisi esegetica e teoretica del "Tractatus" attraverso gli strumenti dell’odierna metafisica analitica.

  7. Eschatology in the first epistle of John: koinwnia in the familia Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D G van der Merwe

    2006-09-01

    Full Text Available The schism that occurred in the Johannine community has been reinterpreted by the author of the first Epistle of John. In his opinion, the incident involving the schismatics could be interpreted as the coming of the antichrist(s, which marks the �final hour�� and describes an eschatological moment. This eschatological moment heightens the community� s awareness of the fact that they live in an eschatological time, which will, at some time in the future, have an eschatological consummation, regardless of the form it takes. This present eschatological life is described by the author as continuous koinwniva within the family of God, the familia Dei, and as long as this family abides in the light, they will progressively experience divine life and fellowship. The consummation of this new existence will be experienced in the future, when the Son of God �is revealed�. In this context one can label� the eschatology of 1 John a progressively realizing eschato-logy that embraces a future eschatological consummation.� A transitional eschatological event, which will end the present eschatological time and start a new one, is referred to by the author as �when he (the Son of God is revealed�� (ejan fanerwqh`/, 2:28; 3:2, �his parousia�� (parousia/ aujtou, 2:28, and �the day of judgment�� (th`/ hmevra/ th"krivsew", 4:17. Both present and future eschatology have to be interpreted and understood from the perspective of koinwnia in the familia Dei.

  8. Il Self, la vita e il lavoro: l'esperienza dei gruppi Isadora Duncan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pietro Barbetta

    2006-12-01

    Full Text Available Dipendenze e psicosi. Servizi per le dipendenze e psichiatria. Delirium indotto da sostanze e delirio schizofrenico. Si tratta di due modi diversi di uscire dal seminato, di deragliare. Di due preoccupazioni diverse per i servizi della salute mentale. Di due concezioni diverse per affrontare le questioni filosofiche. Cartesio introduce per primo questa partizione distinguendo il sogno dalla follia, poi Nietszche riprende la questione sottolineando le differenze tra chi delira e chi il delirio se lo deve procurare. Dall’altra parte c’è il mondo della tecnologia dispiegata, dell’organizzazione socio sanitaria razionale. Chi ha analizzato questi argomenti con maggiore lucidità nella seconda metà del Novecento sono certamente autori che non hanno fatto parte, se non in modo marginale e critico, di questo mondo: Gregory Bateson, Gilles Deleuze, Michel Foucault. D’altro canto non possiamo ricondurre semplicisticamente, come a volte è stato fatto, tutta questa fenomenologia della mente moderna alla sola opera filosofica. Cartesio non basta, né forse ne è la principale fonte. Perché una mentalità fortemente improntata al metodo razionale prenda il sopravvento sono necessarie pratiche sociali che impregnano il quotidiano e che, come ha osservato Bateson, costruiscono una cibernetica del Self. In questo breve saggio si connette ciò che è accaduto nel Seicento - a partire dagli studi di Yates, Max Weber, Bercovich, Paden e lo stesso Foucault - a ciò che sta accadendo ora nell’ambito della salute mentale. Il puritanesimo, questa tecnologia del Self che guarisce e purifica, e lo psico-farmaco, come intervento chimico puritano. Si propone poi un’esperienza teatrale di recupero dei frammenti immaginari sparsi nell’orizzonte schizofrenico o affogati nei fumi dell’alcol: l’esperienza dei Gruppi Isadora Duncan.

  9. Multi-technique investigation of Roman decorated plasters from Villa dei Quintili (Rome, Italy)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Crupi, Vincenza, E-mail: vcrupi@unime.it [Dipartimento di Fisica e di Scienze della Terra, Università degli Studi di Messina, Viale Ferdinando Stagno d’Alcontres 31, 98166 Messina (Italy); Galli, Giuliana [Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, Villa dei Quintili, via Appia Nuova 1092, 00197 Roma (Italy); La Russa, Mauro Francesco [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); Longo, Francesca; Maisano, Giacomo; Majolino, Domenico [Dipartimento di Fisica e di Scienze della Terra, Università degli Studi di Messina, Viale Ferdinando Stagno d’Alcontres 31, 98166 Messina (Italy); Malagodi, Marco [Dipartimento di Chimica, Università di Pavia, Via Taramelli 12, 27100 Pavia (Italy); Pezzino, Antonino [Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali—Sezione di Scienze della Terra, Università degli Studi di Catania, Corso Italia 57, 95129 Catania (Italy); Ricca, Michela [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); Rossi, Barbara [Elettra – Sincrotrone Trieste, Strada Statale 14 km 163.5, Area Science 70 Park, 34149 Trieste (Italy); Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Trento, via Sommarive 14, 38123 Povo, Trento (Italy); Ruffolo, Silvestro Antonio [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); and others

    2015-09-15

    Highlights: • A multi-technique non-invasive approach using portable instrumentation is proposed. • Due to the use of different techniques, pigments of same color were distinguished. • The experimental results shed light on the used painting methodologies. • The experimental results provided useful information for restoration processes. • This work is the first study of coloring matter used in Villa dei Quintili. - Abstract: In the present study, we investigated by the joint use of portable instrumentations, namely a handheld X-ray fluorescence (XRF) analyser and a portable Raman spectrometer, the painted surface of plasters withdrawn from different areas of an important Roman monumental complex, known as Villa dei Quintili (Rome, Italy), dated back to the first half of the 2nd century a.C. XRF and Raman measurements contributed to the identification of the pigments through the elemental and molecular composition, respectively. In particular, the multi-technique non-invasive approach proved to be crucial for distinguishing two different reddish pigments. In order to confirm and integrate XRF and Raman results, two micro-destructive laboratory methods, namely optical microscopy (OM) and scanning electron microscopy coupled with energy-dispersive X-ray spectrometry (SEM-EDS), were also employed on the same samples. All the experimental results shed light on the material characterizing the painted surface layer and the painting methodologies, providing in principle useful information for proper restoration processes. It is worth underlining that this experimental investigation takes part of a recent multidisciplinary study performed on this impressive archaeological site, aimed to characterize for the first time the monumental complex from an archaeometric point of view.

  10. Chi ha paura dei libri per bambini/e? I presupposti della critica: una questione politica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Zanfabro

    2015-11-01

    Full Text Available Nella definizione di ciò che si considera letteratura per l’infanzia la centralità del pubblico cui questa letteratura si rivolge è una questione critica fondamentale: la letteratura per l’infanzia è, infatti, una categoria di libri la cui esistenza dipende da una serie di supposte relazioni con un particolare pubblico, quello dei/delle bambini/e (Lesnik-Oberstein 2002: 15. L’articolo è strutturato in tre parti: i nella prima parte situerò la letteratura per l’infanzia all’interno del sistema letterario contemporaneo e renderò esplicita l’asimmetria tra la letteratura – e, di conseguenza, tutti gli/le agenti coinvolti/e nella sua produzione e nella sua distribuzione – e i/le bambini/e – che occupano, dall’altro lato, il posto della ricezione; ii nella seconda parte cercherò di esplicitare il contenuto dei presupposti della maggior parte della critica che si occupa di letteratura per l’infanzia e le idee di bambino/a (e di letteratura da cui essi dipendono; iii nella terza e ultima parte renderò esplicite le ragioni per cui mettere in questione questi presupposti è una questione politica: le argomentazioni di quelle forze politiche che, in Italia, vogliono limitare e censurare la diffusione di libri per bambini/e come Piccolo Uovo si basano, infatti, proprio sugli stessi presupposti di gran parte della critica che si occupa di letteratura per l’infanzia, soprattutto di quella che si situa in ambito pedagogico.

  11. Surveying and Comparing the Arco Dei Gavi and its Historical Wooden Maquette

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Guerra

    2011-12-01

    Full Text Available Actually geometrics’ science offers new opportunities and interesting applications in the field of Cultural Heritage. These applications are strictly related to preservation, restoration but even to cataloging and reproducing a monument that no longer has its original integrity.  The possibility of obtaining 3D data, of such a model close to reality, enables us to realize studies that sometimes are too complex or impossible. The paper will describe the study of a monumental arch, the Arco dei Gavi, built in Verona during the I sec. A.C., that was destroyed in 1805 by the Napoleonic army, and its wooden model that was realized in 1813 and it has a very important role concerning the monument’s reconstruction. The purpose is to realize two threedimensional models which can be comparable to each other, two models with recognizable differences, similarities and discontinuities about shapes and single elements that compose the monument. It should also be noted that some original parts of the monument have not been relocated but are badly preserved in a museum: the 3D digital model helps to identify these parts in their original location. The main steps of the work can be summarized in: collecting the historical documentation of Arco dei Gavi and its representations; identifying proper instruments (laser scanning and photogrammetric hardware and software; surveying the Arch and its wooden model; identifying a unique and shared reference system; comparing both digital models related to the same scale; choosing a three-dimensional representation to emphasize the results; reallocation of outstanding pieces (virtual anastylosis.

  12. Cineturismo ed economia dei media: il caso dei film indiani girati in Italia / Cine-tourism and media economy: the case of Indian films shot in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Cucco

    2016-05-01

    Full Text Available A partire dalla fine degli anni Novanta l’industria audiovisiva indiana ha intensificato il numero di riprese effettuate all’estero, in particolar modo nei paesi occidentali. Questa migrazione di riprese rappresenta una grande occasione per i paesi ospitanti. L’industria cinematografica indiana, infatti, è la più prolifica al mondo e i suoi film riscuotono un ampio successo nel mercato domestico, con una quota di mercato stimata attorno al 90-95%. Ma il cinema indiano sta raccogliendo consensi anche all’estero, e i suoi spettatori non appartengono più solo alle classi popolari della società indiana, ma anche a quelle più facoltose, e dunque sono potenzialmente in grado di intraprendere viaggi verso i luoghi visti sul grande schermo. In virtù di queste considerazioni, il saggio analizza innanzitutto le ragioni che hanno spinto i produttori indiani a delocalizzare le proprie riprese all’estero, in particolar modo in Italia. Solo alla luce di questa analisi della domanda, infatti, è poi possibile comprendere come i territori possono aver intercettato le necessità dell’industria del cinema (e di riflesso anche i desideri del suo pubblico e divenire potenziali mete turistiche per gli spettatori indiani. Da un punto di vista metodologico, invece, il saggio ambisce a mostrare come gli studi condotti nell’ambito dell’economia dei media possano contribuire all’analisi dei fenomeni cineturistici e all’elaborazione di iniziative di successo in grado di intrecciare sviluppo territoriale e industrie creative.   Since the end of the 1990s Indian producers have been outsourcing an increasing number of film productions to Western countries, and this trend represents an important opportunity for the hosting territories. The Indian film industry is the main film producer in the world, and its movies achieve a wide success in the domestic market (where they hold a market share of about 90-95%. Moreover, from few years Indian films are

  13. Bambini stranieri con bisogni speciali: rappresentazione della disabilità dei figli da parte delle famiglie migranti e degli insegnanti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alain Goussot

    2010-02-01

    Full Text Available Interviste qualitative a genitori immigrati di bambine e bambini con disabilità: 5 interviste a Cesena e 4 interviste a Pescara. Somministrazione questionari ad insegnanti. La maggioranza dei bambini frequenta la scuola primaria e qualcuno la secondaria. Dalle interviste fatte ai genitori, in particolare le madri si hanno una serie di indicazioni sulla storia nella prima infanzia, su come i genitori vivono la disabilità dei propri figli in una condizione particolare che è quella dell'esperienza migratoria. Nella ricostruzione della storia migratoria abbiamo anche la ricostruzione delle storie cliniche dei bambini; alcuni con disabilità congenite (la maggior parte di tipo sensoriale (sordità, cecità , qualcuno con disabilità intellettiva, vi sono anche due casi con disabilità acquisite. la ricerca mette in evidenza quanto lo sguardo e il vissuto dei genitori sia fortemente condizionato da alcuni variabili: cultura di origine, condizioni e motivi dell'esperienza migratoria, evento traumatico che provoca la disabilità, condizioni dell'accoglienza in Italia, storia familiare, aspettative di guarigione dei genitori. Vi è anche una analisi del vissuto delle madri e del loro modo di concepire la relazione con il figlio disabile: vissuto e concezione fortemente condizionati dalla cultura della cura del proprio contesto di origine e dalle condizioni psico-affettive e sociali dell'inserimento della donna. Vi sono madri che arrivano in Italia pensando di curare e 'riparare' il figlio, vi è anche chi si trova in difficoltà nel combinare lo sguardo medico della neuropsichiatria infantile 'occidentale' con lo sguardo della cultura tradizionale del paese di provenienza. Quello che emerge dal lavoro è anche l'importanza del nesso madre-figlia/o disabile nonché la valorizzazione delle forme di maternage veicolate dalle madri migranti; forme che non coincidono sempre con quelle italiane. I casi di accompagnamento positivo sono dovuti all

  14. The upper Tortonian-lower Messinian at Monte dei Corvi (Northern Apennines, Italy) : Completing a Mediterranean reference section for the Tortonian Stage

    NARCIS (Netherlands)

    Hüsing, S. K.; Kuiper, K. F.; Link, W.; Hilgen, Frederik J.; Krijgsman, W.

    2009-01-01

    A high-resolution integrated stratigraphy including biostratigraphy, magnetostratigraphy, tephrostratigraphy and cyclostratigraphy is presented for the upper Tortonian and lower Messinian (Upper Miocene) at Monte dei Corvi. Numerical age control comes from a combination of magnetobiostratigrapic

  15. La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simona Attollino

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli atti del Convegno nazionale ADEC "Insegnamenti e insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana" (Catanzaro, 25-27 ottobre 2012. SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un’offerta formativa aperta. ABSTRACT This essay regards the new professional status of teacher's religion in public school, in the light of juridical discipline approved in 2012. It analyses the rules as well as the abundant case-law in this field, underling the trend that considers the cultural value of catholicism teaching in public school in respect to the context of religious and social pluralism.

  16. Il problem solving aritmetico: analisi dei processi cognitivi e metacognitivi e illustrazione del software "Risolvere problemi aritmetici"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella D'Amico

    2010-01-01

    Full Text Available Il presente contributo esamina la letteratura relativa al problem solving matematico ed illustra uno strumento multimediale per la soluzione dei problemi aritmetici in bambini del secondo ciclo della scuola primaria e in bambini che presentano difficoltà in tale area. Il software presenta sia un modulo test, in cui vengono presentati problemi aritmetici di livello di difficoltà crescente, che un modulo di training. Il training è stato elaborato in base alle più recenti ricerche nell’area del problem solving matematico e prevede attività sulla comprensione, rappresentazione, categorizzazione e pianificazione del problema. Il training prevede inoltre particolari attività che stimolano l’uso della memoria di lavoro nella soluzione dei problemi. Il training si presenta come metacognitivamente orientato, in quanto i personaggi guida dell’ambientazione si configurano come compagni di studio che stimolano la riflessione metacognitiva rispetto alle attività affrontate.

  17. Progetto Roost Chirotteri Piemonte - Valle d'Aosta. Primo censimento dei siti e priorità di conservazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo De Bernardi

    2003-10-01

    Full Text Available Secondo la metodologia del Progetto Roost Chirotteri Italia, coordinato a livello nazionale dal GIRC, sono stati archiviati tutti i dati disponibili (pubblicati o inediti, raccolti da 24 rilevatori circa i siti di rifugio utilizzati da Chirotteri in Piemonte e Valle d'Aosta a partire dal 1990. Risultano segnalati 193 roost, complessivamente utilizzati da almeno 17 specie, ai fini di: svernamento (57 siti, il 66,7% dei quali rappresentati da grotte e il 24,6% da miniere e bunker, parto e dell'allevamento della prole (63 siti, il 96,8% dei quali all'interno di edifici, riposo diurno o altra funzione biologica non accertata (88 siti. Nel 73,7% dei roost di svernamento è segnalata un'unica specie e nel 15,8% di essi sono state rilevate due specie, ma sono noti anche casi (singoli di roost ospitanti almeno 5, 6 e 7 diverse specie ibernanti. Il numero di esemplari segnalati risulta prevalentemente compreso negli intervalli 1-3 (66,7 % dei casi e 4-10 (14,0%. Solo 3 siti, coincidenti con quelli caratterizzati da maggior ricchezza di specie, presentano più di 50 esemplari ibernanti. In 2 di essi va sottolineata la presenza rispettivamente di 388 esemplari di Rhinolophus hipposideros e 76 esemplari di Barbastella barbastellus, pari all'85,5% e all'83,5% dei totali degli esemplari di tali specie censiti in ibernazione nelle due regioni. Allo stato attuale delle conoscenze tali siti rappresentano i più importanti roost di svernamento delle due specie noti in Italia. Fra le colonie riproduttive si evidenzia la rilevanza, per lo meno a livello regionale, di quelle di Rhinolophus ferrumequinum (un'unica colonia nota con 86 esemplari censiti prima dei parti e 127 esemplari dopo i parti, R. hipposideros (un'unica colonia nota con 19 esemplari censiti in agosto, Myotis capaccinii (un'unica colonia nota con 720 esemplari prima dei parti, M. emarginatus (6 colonie note; consistenza massima accertata in una

  18. Raggiungimento degli obiettivi vaccinali nell'integrazione dei servizi sanitari aziendali: igienisti, pediatri e medici di famiglia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Cinquetti

    2003-05-01

    Full Text Available

    La profilassi vaccinale, garantita fino a 10-15 anni fa
    quasi esclusivamente dai Servizi Vaccinali Pubblici (operanti sulla base di normative statali strutturate, si è progressivamente trasformata in un sistema complesso, caratterizzato dall’integrazione e/o dalla collaborazione di più componenti dell’Azienda Sanitaria Locale: il Dipartimento di Prevenzione (che organizza i già citati Servizi Vaccinali Pubblici, la Pediatria e la Medicina di Famiglia, l’Ospedale.
    Questo processo di trasformazione trova molteplici
    ragioni: l’evoluzione dell’offerta vaccinale da “prevalentemente obbligatoria” a “prevalentemente raccomandata”;
    la sempre maggiore consapevolezza e le sempre maggiori conoscenze dei cittadini sulla materia (con conseguente necessità di integrazione informativa da fonti diverse;
    la crescente attenzione della Medicina e della Pediatria di Famiglia verso la promozione della salute degli assistiti “sani” (bilanci di salute, prevenzione degli incidenti, screening oncologici, counselling antitabagico ed antialcolico, ecc.;
    l’attenzione delle Convenzioni di Settore alla medicina preventiva ed in particolare alle attività di vaccinazione.
    Nell’ambito di questa linea complessiva di tendenza, che ha coinvolto tutto il Paese, si sono osservate e si osservano, anche in riferimento ad un percorso generale di “regionalizzazione” dei modelli organizzativi, ampie e non sempre opportune variabilità operative e gestionali in tema di immunoprofilassi vaccinale, ovviamente rappresentate da importanti differenze nel raggiungimento degli obiettivi di processo (coperture vaccinali e di esito (incidenza
    delle malattie prevenibili con vaccinazioni. Si rende quindi necessario uno sforzo di riflessione e di azione che consenta di giungere ad un modello organizzativo della profilassi vaccinale caratterizzato da chiarezza di ruoli.
    Numerose osservazioni orientano la proposta verso

  19. The archaeological laboratory as an interdisciplinary meeting point: the experience of the Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrico Acquaro

    2002-02-01

    Full Text Available The opening of archaeological laboratory in the “Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali“ means an important stage in the way of Phoenician and Punic studies. The integration of excavation activities with diagnostic and conservative interventions on archaological finds is well connected with an interdisciplinary target. This proceeding agrees with the direction of researches carried out in the Tharros tofet since 1970 and is of primary importance regarding the didactic offer.

  20. Ecce Agnus Dei, qui tollit peccata mundi. Sobre los símbolos de Jesucristo en la Edad Media

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Torres Jiménez, Raquel

    2013-06-01

    Full Text Available The article deals with the symbolic meanings of Agnus Dei in the Middle Ages, its uses, reception and evolution, from the perspective of both religious and cultural history. It makes use of the analysis of the Church Fathers’ texts, Christian medieval literature, theological discourse, biblical exegesis in the medieval context, iconography, objects from churches, as well as the analysis of liturgy and mysticism. The text gives priority to an integral view of the symbol, which, beyond moral analogies, is able to explain the whole history of salvation: Agnus Dei evokes how the salvific facts of the past become present in the Eucharist and extend triumphantly into the future.El artículo trata de los significados simbólicos del Agnus Dei en la Edad Media, sus usos, recepciones y evolución, desde la perspectiva de la historia religiosa y de la historia cultural. Se sirve del análisis de textos de los Padres de la Iglesia, literatura cristiana medieval, discursos teológicos, exégesis bíblica en el contexto medieval, iconografía, objetos de iglesias, liturgia, mística. Se privilegia la visión integral de este símbolo, que, más allá de analogías morales, tiene capacidad para explicar toda la historia de la salvación: el Agnus Dei evoca cómo los hechos salvíficos del pasado se hacen presentes en la eucaristía y se proyectan triunfalmente hacia el futuro.

  1. Protesta dei ricercatori contro gli editori: politiche di prezzo insostenibili per la ricerca. Nel mirino Elsevier e Springer

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-02-01

    Full Text Available Ricopio, per chi non segue il nostro servizio Twitter, la notizia uscita ieri su Ciber Newsletter, su PLEIADI e altrove.  I mostruosi margini di profitto delle multinazionali dell’editoria scientifica sono riportati qui. Aggiornamento 2/2/2012:  la risposta di Springer è visibile qui; quella di Elsevier qui.  Qui c’è un’analisi dei loro argomenti. Aggiornamento 3/2/2012:  l’Economist si [...

  2. Solid municipal waste management in a mediterranean sea; La gestione dei rifiuti solidi urbani in un'area mediterranea

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Falcetta, M. [Ministero degli Esteri, Direzione Generale per la Cooperazione e lo Sviluppo, Rome (Italy); Grauso, S. [ENEA, Divisione Caratterizzazione del Territorio, S. Maria di Galeria, Rome (Italy); Pietrelli, L.; Sgroi, S. [ENEA, Divisione Ingegneria Ambientale, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-02-01

    Development and results of a co-operative project on solid waste management in Palestine. The project was the first part of a broader programme of environmental co-operation between Italy and the Palestinian National Authority. [Italian] Lo sviluppo e i risultati raggiunti da un progetto di cooperazione italo-palestinese sulla gestione dei rifiuti solidi urbani in Palestina. Il progetto si presta ad essere replicato nei Paesi in via di sviluppo mediterranea.

  3. La governance dei media in famiglia come arena morale ed educativa. Aspetti teorici, metodologici e primi risultati di una ricerca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Letizia Caronia

    2010-02-01

    Full Text Available La ricerca sulla governance genitoriale del consumo degli audiovisivi come vettore di educazione familiare, risponde ad un rinnovato interesse, da una parte, per l’educazione familiare e i modi con cui i bambini sono socializzati a divenire membri competenti della comunità attraverso le pratiche e i discorsi che punteggiano la vita quotidiana in famiglia e , dall’altra, per il consumo sempre più precoce degli audiovisivi che – almeno nelle società occidentali - riguarda ormai i bambini fin dai primissimi mesi di vita. Questo studio concerne il consumo domestico degli audiovisivi come una pratica quotidiana che implica, per i genitori, aspetti evolutivi, morali e dunque eminentemente educativi. In particolare, esamina le pratiche e i discorsi genitoriali connessi al consumo di film e video giochi da parte dei loro figli. Film e video giochi sono dei prodotti audiovisivi accomunati da un tratto del tutto peculiare. Si tratta i testi il cui consumo è soggetto a forme di regolamentazione pubblica e/o di autoregolamentazione da parte dei produttori e distributori. Situandosi sulla frontiera tra educazione familiare e responsabilità sociale nei confronti dell’infanzia, i sistemi di classificazione si propongono come risorsa pubblica e intendono fornire ai genitori uno strumento efficace rispetto alle pratiche familiari di governance dell’audiovisivo. Come si situano i genitori rispetto a queste norme? Cosa rivendicano come proprio territorio educativo? Cosa delegano? E, sul piano delle pratiche quotidiane, cosa ne fanno i genitori di questo strumento?

  4. Gas hazard assessment in a densely inhabited area of Colli Albani Volcano (Cava dei Selci, Roma)

    Science.gov (United States)

    Carapezza, M. L.; Badalamenti, B.; Cavarra, L.; Scalzo, A.

    2003-04-01

    The northwestern flank of the Colli Albani, a Quaternary volcanic complex near Rome, is characterised by high pCO 2 values and Rn activities in the groundwater and by the presence of zones with strong emission of gas from the soil. The most significant of these zones is Cava dei Selci where many houses are located very near to the gas emission site. The emitted gas consists mainly of CO 2 (up to 98 vol%) with an appreciable content of H 2S (0.8-2%). The He and C isotopic composition indicates, as for all fluids associated with the Quaternary Roman and Tuscany volcanic provinces, the presence of an upper mantle component contaminated by crustal fluids associated with subducted sediments and carbonates. An advective CO 2 flux of 37 tons/day has been estimated from the gas bubbles rising to the surface in a small drainage ditch and through a stagnant water pool, present in the rainy season in a topographically low central part of the area. A CO 2 soil flux survey with an accumulation chamber, carried out in February-March 2000 over a 12 000 m 2 surface with 242 measurement points, gave a total (mostly conductive) flux of 61 tons/day. CO 2 soil flux values vary by four orders of magnitude over a 160-m distance and by one order of magnitude over several metres. A fixed network of 114 points over 6350 m 2 has been installed in order to investigate temporal flux variations. Six surveys carried out from May 2000 to June 2001 have shown large variations of the total CO 2 soil flux (8-25 tons/day). The strong emission of CO 2 and H 2S, which are gases denser than air, produces dangerous accumulations in low areas which have caused a series of lethal accidents to animals and one to a man. The gas hazard near the houses has been assessed by continuously monitoring the CO 2 and H 2S concentration in the air at 75 cm from the ground by means of two automatic stations. Certain environmental parameters (wind direction and speed; atm P, T, humidity and rainfall) were also

  5. Climatic change impacts on italian agricultural ecosystems; Impatto dei cambiamenti climatici negli agroecosistemi italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maracchi, G.; Crisci, A. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, International Air Transport Association, Florence (Italy)

    2001-06-01

    In the last decade it was found specific climatological trends due to increasing available energy in climatic system in Mediterranean area. Such trends mainly concern the modification in extreme events frequency about rainfall distribution and intensity. In late summer and at the beginning of the autumn it was a significant positive trend in Sea Surface Temperature that leads to more severe rainfall events. During winter time it was a decrease of rainfall and an increase of dry periods. Increasing cloudiness in springtime leads a decrease in the number of frost days. In late springtime it was again a growth of heavy rainfall. All together these phenomena modify the phenology of the cultivated plants lead to an increment of winter and summer forest's fire and to the modification of forest productivity mainly due to a winter drought. [Italian] Nell'ultima decade a causa dell'incremento di energia disponibile nel sistema climatico mondiale sono stati misurati trend climatologici specifici per l'area mediterranea. Tali trend consistono prevalentemente in una crescita degli eventi estremi legati alle precipitazioni in termini di intensita' e distribuzione e alle temperature in termini di distribuzione. Alla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno si assiste ad un aumento della temperatura del mare (anomalia termica positiva) che da' luogo ad un incremento degli eventi di precipitazione con un quantitativo cumulato superiore a 60 mm causa, questi ultimi, di frequenti fenomeni alluvionali. Durante l'inverno si assiste invece ad una diminuzione delle precipitazioni con un aumento dei periodi asciutti. In primavera aumenta la nuvolosita' con una parallela diminuzione dei giorni con temperatura minima giornaliera inferiore a 0{sup 0}C. Infine nella tarda primavera si assite ad un anticipo delle fasi di sviluppo delle colture, ad un incremento degli incendi boschivi estivi ed invernali, ad una modifica della tipologia

  6. Biomass employment agriculture. The real problem of heavy metals; Utilizzo agricolo di biomasse. Il reale problema dei metalli pesanti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Figliolia, A.; Socciarelli, S.; Aromolo, R. [Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Rome (Italy). Ist. Sperimentale per la Nutrizione delle Piante

    2000-10-01

    Heavy metals reach the soil through various source of entry. They are characterised by very low mobility and poor leaching. In addition, they are not degraded or destroyed by the metabolism of soil organisms. The potential for pollution of heavy metals, lies in the fact that they endanger the environment through the contamination of underground and surface waters, reduction of yield, accumulation in plants and gate into the food chain. The degree of fixation of heavy metals in soil, responsible for the availability to plants is a function, at first, of their chemistry. Besides, the degree of fixation is influenced by several soil properties such as particle size and distribution, pH, redox potential cationic exchange capacity and organic matter content. The latter particularly, plays a determining role in the mobility of heavy metals in the soil. The risk of metal pollution is one of the main concern for soil scientist; however the research has given results which often look as uncertain and discordant. By the light of this, it is focused on the dynamic of heavy metals in field experiments. The aim of such trials is the evaluation of benefits and drawbacks of sewage sludge applications for soil and plants. [Italian] L'articolo prende in esame l'impatto ambientale dei metalli pesnti che giungono al suolo da varie fonti, quali acque reflue, fanghi urbani e industriali, liquami zootecnici, concimi e altro, rappresenta una complessa e problematica, oggetto di numerosi studi. Le cause dell'inquinamento da matalli pesanti varnno ricercate nei fenomeni di antropizzazione, nello sviluppo delle attivita' industriali, nella rapida trasformazione dell'agricoltura, orientata verso uno sfruttamento intensivo del terreno, e nelle tecniche agricole che utilizzano fattori di fertilita' di sintesi. Il rischio di inquinamento dei metalli pesanti risiede nel fatto che essi possono interferire a vari livelli ambientali, con accumulo nelle piante e un loro

  7. Architettura e magnificenza nella Palermo del primo Cinquecento : il prospetto denominato di Santa Eulalia dei Catalani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvia Scaduto

    2006-01-01

    Full Text Available A una attenta analisi, la misteriosa facciata nota come prospetto della chiesa di Santa Eulalia dei Catalani a Palermo risulta essere il frammento superstite di una Loggia realizzata, e forse mai completata, a partire dalla fine degli anni trenta del Cinquecento. La comunità e i banchieri catalani presenti a Palermo sono certamente i promotori di una architettura all’antica che si avvia dopo il trionfale ingresso dell’imperatore Carlo V in città nel 1535. Lo studio di questo edificio e le ipotesi sulla spazialità interna risultano estremamente illuminanti per comprendere una fase architettonica ancora poco nota nella capitale del Regno di Sicilia.At a careful analysis, the mysterious façade known as the front of St. Eulalia of the Catalans church in Palermo turns out to be the surviving fragment of a Loggia, wich construction, maybe never ended, started in the 153’s. The Catalan community and bankers living in Palermo are doubtless the promoters of an architecture in ancient style, starting after the triumphal entrance in the city of the emperor Carlo V in 1535. The study of this building and the hypothesis about its interior space are extremely evealing to understand an architectonical phase in the capital of Sicilian Reign still not well known.

  8. Interrogarsi sull’umano. Questione antropologica e scommessa su una possibile ritessitura dei saperi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Grandi

    2013-12-01

    Full Text Available Questioning What Human is. The Anthropological Question and a Proposal for a New Fabric of Understanding - The essay reviews the first four issues of the Yearbook of Philosophical Studies "Anthropologica" – La differenza umana. Riduzionismo e antiumanesimo (2009, La struttura dei legami (2010, La vita in questione. Potenziamento o compimento dell'essere umano? (2011, Chi dice io? Riflessioni sull’identità personale (2012 – and introduces the research program developed by the interdisciplinary group of study promoted by the Jacques Maritain Study Centre. According to the perspective of Classical and Christian Thought, and to contemporary developments in the personalist tradition, the authors deal with many issues of the current debate on the human being and human condition. The main place in the discussion is occupied by the critical deal with different forms of anti-humanism, that directly or indirectly arise in the areas of Life Sciences, especially where there are new possibilities of intervention on human nature, opened by technological development. Investigations, always punctual and documented, analyze issues in a clear way, reporting limits, but also resources and stimulating suggestions coming from the perspectives examined.

  9. La materia dei sogni Sbirciatina su un mondo di cose soffici (lettore compreso)

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2010-01-01

    Dall’aria che respiriamo ai cibi di cui ci nutriamo, dai vestiti che indossiamo ai detersivi con cui li laviamo, dai colori con cui dipingiamo agli schermi su cui li guardiamo, la nostra realtà quotidiana brulica di cose troppo piccole per essere viste, ma pur sempre enormi rispetto ai mattoni di cui è fatto il mondo, gli atomi e le molecole. Oltre ad essere alla radice di molte tecnologie di oggi e di domani, questi piccoli personaggi, ingredienti primari di quelli che gli scienziati chiamano "materiali soffici", "sistemi sovramolecolari", o " fluidi complessi", ci permettono anche di esplorare i segreti con cui la materia si organizza spontaneamente, perché anche la Vita altro non è se non l’apoteosi di questa incredibile "Terra di Mezzo", a metà strada tra le molecole e l’Uomo. Sfruttando l’esperienza scientifica accumulata dall’autore nel corso di molti anni, questo libro si propone di guidare il lettore attraverso un lungo, ma non troppo faticoso viaggio nel mondo delle nanoparticelle, dei...

  10. Sui requisiti «morali» per l’approvazione della nomina dei ministri dei «culti ammessi» (osservazioni a TAR Sicilia – Catania, Sez. II, 28 settembre 2007, n. 1505

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Licastro

    2011-03-01

    (corretta interpretazione dei precedenti – 5. L’originaria  valenza politica e i limiti della compatibilità costituzionale dell’atto – 6. I postulati fondamentali del dibattito dottrinale – 7. L’analogia con i requisiti di capacità per l’esercizio delle pubbliche funzioni – 8. La natura di atto discrezionale o vincolato – 9. I margini per una interpretazione costituzionalmente orientata della legge n. 1159 – 10. Una «speciale moralità» per il ministro di culto?

  11. COSTRUIRE TESTI, STRUTTURARE CONVERSAZIONI: LA DIDATTICA DEI SEGNALI DISCORSIVI COME ELEMENTI PIVOT DELL'INTERAZIONE VERBALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paloma Pernas

    2011-07-01

    Full Text Available Questo articolo intende analizzare un aspetto importante ma spesso trascurato della didattica dell’italiano come L2/LS: i segnali discorsivi (SD nell’interazione orale spontanea. La prima parte dell’articolo riporta i risultati di uno studio sull’acquisizione dei segnali discorsivi da parte di apprendenti ispanofoni in contesto formale. Questi dati, raccolti nell’ambito di una ricerca corpus-based, sono risultati utili per migliorare la didattica di questi importanti meccanismi dell’interazione orale. La seconda parte dell’articolo passa in rassegna i manuali di italiano più usati nelle scuole spagnole che insegnano lingue straniere agli adulti, con particolare riferimento alla dimensione testuale e ai SD in particolare. Come risultato di questa rassegna critica, si propone una selezione delle attività didattiche maggiormente coerenti, da un lato, con un effettivo approccio comunicativo e, dall’altro, con i nostri risultati acquisizionali.     Constructing texts, structuring conversations: didactics of discourse markers as pivotal elements in verbal interaction   This paper aims to shed light on an important yet neglected aspect of Italian in L2/FL teaching: discourse markers in oral interaction. The first part reports the outcomes of Italian DM acquisition by Spanish learners in formal contexts, gathered  from corpus-based research, which can be useful for improving Italian DM teaching and learning. The second part is a review of the most commonly used Italian textbooks in Spanish language schools for adult learners, focusing on the oral textual dimension and specially DM. The result of this review is a selection of the DM learning activities most suited to a communicative approach and our acquisitional findings.

  12. [Production of accentuated personality traits in baroque opera : Opera buffa Arcifanfano-Re dei matti (1749)].

    Science.gov (United States)

    Brunner, J; Hirsch, T; Steger, F

    2016-05-01

    Madness served primarily as a form of amusement for the spectators in operas of the seventeenth century. This representation was far removed from clinical reality. This circumstance changed in the eighteenth century at the time when tragic madness emerged in numerous operas. The opera buffa Arcifanfano-Re dei matti (Arcifanfano-King of fools, premiered in 1749 in Venice, text by Carlo Goldoni 1707-1793 and music by Baldassare Galuppi 1706-1785), which continuously enacts a realm of fools and is meant to appear amusing, is riddled with psychopathological abnormalities for which a retrospective diagnosis is methodologically rejected. However, the opera presents many subjects for working out a typology of fools based on outlasting personality traits of the protagonists. The libretto is investigated. A musical analysis is spared. The conceptualized typology of fools in the opera, which is oriented towards the seven main vices or deadly sins serves, in the tradition of moral satire, to critically hold up a mirror to the audience to reflect their own vices by an amusing characterization of the latter. Historically classified, the treatment of fools by means of isolation, custody, locking up in cages as well as authoritarian measures of submission reflects the custom in those days before humanizing the treatment of people with mental illness in the course of the Enlightenment and the French Revolution. The opera Arcifanfano is essentially characterized by continuous madness. A typology of the fools can be worked out from the precise depiction of the personalities. A mirror is held up to the spectators in terms of vices, in the tradition of the contemporary baroque opera. At the same time, the opera can be classified psychiatrically and historically as a seismograph of its time when in the seventeenth and eighteenth centuries people with mental illness were isolated and incarcerated.

  13. «PALPITANTE, RIDENTE, NOSTALGICA, APPASSIONATA»: LA LINGUA DEI DIARI DI ANTONIA POZZI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Sergio

    2013-01-01

    Full Text Available L’articolo prende in considerazione i diari della poetessa e fotografa Antonia Pozzi, nata nel 1912 e morta suicida nel 1938. Essi si presentano come particolarmente eterogenei, certo per la tipica “cavità” della forma diaristica, ma anche in ragione delle tre distinte tranches in cui vengono stesi: il Quaderno dal ’25 al ’27; le Note di viaggio nel 1933; il Diario intimo vero e proprio fra il ’35 e l’anno della morte. L’analisi si concentra sulle diverse fisionomie linguistiche dei diari e sulla funzione che Antonia Pozzi affida loro, funzione che è sia esistenziale che poetica. Nel Diario intimo, in particolare, la scrittura infatti si configura da un lato come pharmacon, pur elevandosi volentieri dalle contingenze a questioni filosofiche e letterarie, dall’altro come luogo in cui fissare immagini, riflessioni e impressioni in vista di una futura rielaborazione poetica, come dimostrano precise rispondenze fra gli uni e l’altra.  “Throbbing, laughing, nostalgic, passionate”language in the diaries of Antonia Pozzi The article studies the diaries of the poet and photographer Antonia Pozzi, born in 1912 and who committed suicide in 1938. They seem very heterogeneous due to their typical “cavity” form, but also because of their division into three separate sections: there are her notebooks from ’25 to ’27, travel notes from 1933, the intimate diary written between the '35 and the year of her death. The analysis focuses on the different language of the diaries and the functions that Antonia Pozzi gives them, functions that are both existential and poetic. In the intimate diary, in particular, the writing is on the one hand configured as a pharmacon, rising above contingencies to address philosophical and literary issues, but it is also a place to fix images, reflections and impressions in view of a future poetic revision, as shown by the precise correspondences present between them. 

  14. Il servizio di EV-mobile ed i suoi utenti: un approccio metodologico all’analisi dei loro comportamenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Contino

    2012-07-01

    Full Text Available ItLa possibilità di accedere al Web mediante dispositivi mobili, ad esempio tablet o smartphone, ha comportato la creazione di ulteriori portali, semplificati, che consentono di diffondere contenuti ed informazione in maniera rapida ai propri utenti. Nel caso del servizio di Emeroteca Virtuale Mobile si è voluto ampliare la gamma dei servizi offerti all’utenza, includendo una piattaforma che fosse navigabile attraverso i browser disponibili nei moderni smart phone. L’analisi dei loro comportamenti ci ha permesso di verificare quanto gli utenti preferiscano i contesti mobili come ambienti di rapida verifica delle novità disponibili in Emeroteca, relativamente ai periodici di loro interesse (4 a 1 è infatti il rapporto tra la navigazione e la ricerca dei contenuti. Ciò chiarisce il ruolo che tale servizio sta assumendo nel contesto dell’Emeroteca, non alternativo a quello classico, ma, pur se ancora non privo di una sua connotazione sperimentale, certamente complementare a quest’ultimo.EnThe diffusion of the so called smart-phone and tablet among WEB users community caused a growth in the offering of specific portals, simplified comparing to the classic ones, but capable of a more direct and fast information flow towards their own users. Emeroteca Virtuale service too has been provided of a specific “mobile” portal dedicated to people having a smart-phone as a web access tool. Last two years usage data analysis on this service has revealed a peculiar behavior of Emeroteca Virtuale Mobile users: they tend to use the service as a rapid check of new entries in Emeroteca (issues or articles, specifically for those e-journals they are interested in (the ratio between browsing and search actions is 4 to 1. This clarifies better the role this “mobile” service is having versus the classical one: it is not an alternative to it, but a complementary way to get information from Emeroteca.

  15. Quando la Generazione Erasmus incontra la Generazione Precaria. La mobilità transnazionale dei giovani italiani e spagnoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Raffini

    2014-07-01

    Full Text Available Uno dei più importanti risultati del processo di integrazione europea è la costruzione di uno spazio transnazionale in cui i cittadini europei possono muoversi liberamente. La mobilità favorisce dinamiche di europeizzazione dal basso –o di europeizzazione orizzontale–, e lo sviluppo di pratiche cross-nazionali e amplia le risorse individuali e relazionali a disposizione dei giovani per progettare i propri percorsi professionali e di vita. La Generazione Erasmus definisce giovani socializzati a un humus culturale transnazionale e fortemente identificati con l’Europa. Nell’attuale contesto di crisi economica, a sperimentare la mobilità sono sempre più i giovani altamente qualificati dei paesi dell’Europa del sud, quale strategia individuale cui ricorrere per trovare risposta ai problemi connessi alla precarietà, alla disoccupazione, alla sotto-qualificazione degli impieghi. Il risultato è che la mobilità può assumere il volto di un obbligo, più che di una scelta e, più che dinamiche di europeizzazione orizzontale, può favorire una “fuga dei cervelli” dai paesi del sud ai paesi del centro e del nord Europa. L’articolo, focalizzandosi sui giovani italiani e spagnoli, si chiede cosa succede quando la Generazione Erasmus incontra la Generazione Precaria, analizzando cause ed effetti della mobilità, sul piano micro e macro sociale e sul piano politico. | One of the main achievement of the European integration process is the making of a transnational space where European citizens can freely circulate. Mobility promotes a kind of bottom-up, or horizontal europeanization, and the spread of cross-national practices. It also contributes to a widening in the individual and relational resources available to youth to carry out their professional and personal life projects. The so called Erasmus Generation, defines young peoples socialized to a transnational cultural humus and highly identified with Europe. Indeed, in the current

  16. Economical optimization model of MSW management; Un modello di ottimizzazione della gestione integrata dei rifiuti solidi urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sparacino, M.; Camussi, M. [AEM SpA, Milan (Italy); Rapizzi, L. [AMSA, Unita' , Pianificazione Collaudi, Autorizzazioni, Milan (Italy)

    2001-02-01

    The Municipal Solid Waste (MSW) management policies involve several different technological, environmental, social and economical aspects that produce a complex problem that must be faced by means of quantitative analysis. In this paper is introduced the experience concerning the development of a mathematical model based on a mixed integer linear programming (MILP) technique with the aim of performing the economical optimisation of MSW management. The model, applied to a virtual city of one million of inhabitants, determines the plant choices and the collecting, transfer, transport, energy and materials recovery management choices; moreover the model manages the disposal and the sale on the market of the different kind of wastes, maximising the economical revenue compatibly with technical, physical, environmental constraints. The mathematical model has been developed utilising as software environment the programming algebraic language AMPL Plus and CPLEX 6.0 as solver of integer linear program. Evaluated on historical data the model furnished results that show its usefulness for what concern the MSW management and planning phases. [Italian] La gestione integrata dei rifiuti solidi urbani (RSU) coinvolge molteplici aspetti di tipo tecnologico, ambientale, sociale ed economico che ne fanno un problema complesso difficilmente affrontabile senza ricorrere a una strutturata rappresentazione quantitativa. Viene di seguito presentata l'esperienza di realizzazione di un modello basato sulla metodologia della programmazione lineare a interi (Mixed Integer Linear Programming - MILP) per l'ottimizzazione economica dell'intero ciclo di gestione degli RSU. Il modello, applicato ad una citta' virtuale di 1 milione di abitanti, individua le scelte impiantistiche, le condizioni e le modalita' operative di conferimento, raccolta, trasferimento, trasporto, recupero di materiali e di energia: inoltre gestisce lo smaltimento e la vendita sul mercato dei

  17. Premessa del progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali in Umbria / Introduction to the executive project of the Pilot plan for the “programmed conservation” of cultural heritage in Umbria Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Urbani

    2011-11-01

    Il primo testo prescelto, che appare ancora oggi sostanzialmente attuale e predittivo rispetto ai problemi contemporanei della gestione dei beni culturali, è lapremessa al progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali della regione Umbria, elaborato da Giovanni Urbani nel 1975.

  18. L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

  19. L’incontro di Bruno Munari con la didattica attiva. I fondamenti pedagogici dei laboratori "Giocare con l’arte".

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Panizza

    2009-07-01

    Full Text Available Il saggio affronta il tema: quali idee pedagogiche hanno influenzato la progettazione dei laboratori "Giocare con l’arte", ideati da Bruni Munari negli anni Settanta e destinati a trasformare profondamente il modo d’intendere la didattica museale e l’educazione estetico-artistica. L’ipotesi dell’autrice è che questi laboratori riprendano alcuni principi dell’attivismo pedagogico, a cui Munari non fa però esplicito riferimento nei suoi scritti. Per questo motivo, il saggio cerca di ricostruire gli incontri più significativi che possono aver mediato l’approccio alla didattica attiva, soffermandosi in particolare sui rapporti di collaborazione intessuti da Munari con lo scrittore Gianni Rodari e con il pedagogista Giovanni Belgrano. Sia Rodari, sia Belgrano erano legati – seppure con diverse modalità – al Movimento di Cooperazione Educativa, che si proponeva di rinnovare la scuola italiana ispirandosi alla pedagogia deweyana. Attraverso la loro mediazione, Munari può essersi avvicinato all’attivismo, di cui condivideva peraltro molteplici assunti: dall’esigenza di promuovere la creatività del bambino, mediante la sperimentazione di materiali e tecniche, alla concezione dell’educatore come animatore delle attività volte alla padronanza dei saperi. In tal senso, il saggio si propone anche di mostrare la continuità esistente tra questa linea teorica e la riflessione sulla democratizzazione dell’arte intrapresa da Munari già nel 1948, con la fondazione – insieme ad altri artisti – del Movimento Arte Concreta.

  20. LE PAROLE DEI LIBRI NEL "VOCABOLARIO MILANESE-ITALIANO" DI FRANCESCO CHERUBINI. RIFLESSI DEL MONDO EDITORIALE (MILANESE NEL LESSICO DIALETTALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Edoardo Buroni

    2016-09-01

    Full Text Available Oltre che come lessicografo e dialettologo, Francesco Cherubini spese gran parte della sua vita professionale occupandosi di libri: il vasto mondo editoriale di stamperie, tipografie e cartiere costituisce uno dei settori specialistici più rappresentati nel Vocabolario milanese-italiano, opera contraddistinta da una particolare attenzione alle voci di arti e mestieri. Questo saggio fornisce un regesto ragionato e commentato di tali lemmi, sottolineando la grande competenza del compilatore e la forte componente autobiografica che emergono dalle “parole dei libri”. Words about books in Francesco Cherubini’s “Vocabolario milanese-italiano”. Reflections of the (milanese world of publishing in dialect As well as being a lexicographer and dialectologist, Francesco Cherubini spent much of his professional life dealing with books: the vast world of publishing, printing and the paper industry was one of the most specialized sectors represented in the Vocabolario milanese-italiano, a work characterized by a particular focus on arts and crafts terminology. This paper provides an annotated summary and comments on such items, emphasizing the great responsibility of the compiler and the strong autobiographical component emerging from the “words of books”.

  1. La riduzione dell’impatto acustico dei parchi eolici sul territorio - The reduction of wind farms noise impact

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianni Cesini

    2015-09-01

    Full Text Available L’energia eolica è oggi una delle fonti energetiche in più rapido sviluppo ma il rumore prodotto dalle turbine eoliche rappresenta uno dei maggiori ostacoli alla sua accettazione sul territorio. L’industria dell’eolico ha sviluppato soluzioni tecnologiche che rendono le turbine attuali meno rumorose, nonostante ciò il rumore prodotto e il prevedibile impatto sono criteri fondamentali per la localizzazione dei parchi eolici. Il presente lavoro passa in rassegna alcune soluzioni per ottenere riduzioni della rumorosità delle turbine dopo aver affrontato il problema di una valutazione previsionale dell’impatto acustico più rispondente a quella che sarà la situazione reale ad opera realizzata. ------ Wind power is nowadays one of the fastest growing energy sources but turbine noise is one of the major hindrances for the acceptance by the territories interested to the wind farms location. The industry has developed technological solutions that improve the efficiency and reduce the noise emissions of the wind turbines. Despite these improvements, the noise produced by wind farms is one the more critical criterion for their location. In this paper, we review some of the possible solutions for reducing the sound emissions of the turbines after facing the problem of a noise impact predictive assessment that better meet the actual acoustical conditions after the installation of the wind farm.

  2. Neural network-based detection of pulmonary nodules on chest radiography; Identificazione mediante reti neurali dei noduli polmonari nel radiogramma del torace

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coppini, G. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Pisa (Italy). Ist. di Fisiologia Patologica; Valli, G. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettronica; Falchini, M.; Stecco, A.; Bindi, A.; Carmignani, L. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Fisiopatologia Clinica, Sezione di Radiodiagnostica

    1999-10-01

    In this report are investigated the capabilities of an artificial neural network-based Computer-Aided Diagnosis (CAD) system in improving early detection of pulmonary nodules on chest radiographs. [Italian] Valutazione di un sistema di riconoscimento automatico basato sulla tecnologia delle reti neruali artificiali per migliorare le possibilita' di rivelazione precoce dei noduli polmonari sul radiogramma toracico.

  3. Aperture eutanasiche e aporie nel documento del Cortile dei Gentili “Linee propositive per un diritto della relazione di cura e delle decisioni di fine vita”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tommaso Scandroglio

    2017-07-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L’oggetto del presente contributo - 2. Bene vita e ordinamento giuridico - 3. Il Cortile dei Gentili apre all’eutanasia - 4. Pianificazione condivisa di cure e Dichiarazioni anticipate - 5. Profili di criticità delle D.a.t.

  4. Critical load of acid precipitations. Mapping of Italian regions; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, R.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level O method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The results show that the sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions. These areas are in the north-east of Italy, in Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel rapporto vengono riportati i risultati della mappatura, riferita agli ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi critici e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stokholm Environment Institute; a questo metodo semi-quantitativo sono state apportate alcune modifiche per meglio adattarlo alle caratteristiche del territorio italiano. Dall'analisi dei risultati ottenuti, si evince come la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide. Tali aree sono localizzate nell'Italia nord-orientale, in zona alpina e prealpina.

  5. Abdominal ultrasonography in inheredited diseases of carbohydrate metabolism; Ecografia dell'addome nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pozzato, Carlo; Curti, Alessandra; Cornalba, Gianpaolo [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Radiologia Diagnostica ed Interventistica, Istituto di Scienze Radiologiche; Radaelli, Giovanni [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Statistica Medica; Fiori, Laura; Rossi, Samantha; Riva, Enrica [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Mialno (Italy). Dipartimento di Pediatria

    2005-02-01

    Purpose: To determine the usefulness of abdominal sonography in inherited diseases of carbohydrate metabolism. Materials and methods: Thirty patients (age range, 4 months to 27 years) with glycogen storage diseases, galactosemia, disorders of fructose metabolism were studied with sonography. Echogenicity of the liver, sonographic dimensions of liver, kidneys and spleen were evaluated. Plasma blood parameters (ALT, AST, total cholesterol, triglycerides) were determined. Results: Liver was enlarged in 21/22 patients (95.4%) with glycogen storage diseases, in both subjects with disorders of fructose metabolism, and in 2/6 patients (33.3%) with galactosemia. Hepatic echogenicity was increased in 20/22 patients (90.9%) with glycogen storage diseases, and in the subject with hereditary fructose intolerance. Patients with galactosemia did not show increased liver echogenicity. Both kidney were enlarged in 8/17 patients (47.0%) with glycogen storage disease type I. Subjects with increased hepatic echogenicity exhibited higher plasma concentrations of any blood parameter than the others with normal echogenicity (p<0.05). Conclusions: Sonography can be useful in identification of inherited diseases of carbohydrate metabolism even if further examinations are necessary for an ultimate diagnosis. [Italian] Scopo: Determinare l'utilita' dell'ecografia addominale nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati. Materiale e metodi: Di 30 pazienti (eta' compresa tra 4 mesi e 27 anni), affetti da malattie di accumulo di glicogeno (glicogenosi), galattosemia, disordini del metabolismo del fruttosio, sono stati valutati tramite ecografia l'ecogenicita' epatica e le dimensioni ecografiche di fegato, reni e milza. Sono stati determinati alcuni parametri ematici (ALT, AST, colesterolo totale, trigliceridi). Risultati: Il fegato e' risultato ingrandito in 21/22 pazienti (95,4%) con malattie da accumolo di glicogeno, in entrambi i soggetti con

  6. Teoria e crisi della libera fluttuazione dei cambi. (The theory and crisis of free floating exchange rates

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. TAMBORINI

    2013-12-01

    Full Text Available  Dopo la fine del sistema di fede, di Bretton Woods in un regime di cambio liberamente fluttuante, e in particolare la completa politica di laissez-faire degli Stati Uniti dopo il 1980, è stata sostenuta da una letteratura vasta e influente - la cosiddetta "teoria il punto della cambio "- che ha avuto predominio quasi assoluto nel campo. Il presente lavoro è di natura teorica in primo luogo, richiamando l'attenzione sul recente cambiamento drastico di opinione per quanto riguarda l'efficienza dei mercati dei cambi, delle aspettative e speculazioni. In contrasto con la credenza precedentemente detenuta, gli agenti che anticipano il mercato sono ora accusati di inefficiente, se non il comportamento irrazionale; si dice che essere mal interpretare o violare i "dati concreti", che dovrebbero portare il mercato sul sentiero di equilibrio. Secondo l'autore, questa nuova vena è impegnativo, ma il nuovo "cattivo" deus ex machina è convincente come i suoi predecessori "buoni". Così, l'attenzione è proprio sui fattori fondamentali della dinamica dei tassi di cambio nel contesto attuale di finanza integrata Lowing the end of the Bretton Woods system faith in a freely floating exchange rate regime, and in particular the complete Laissez-faire policy of the US after 1980, was supported by a large and influential literature - the so-called "stock theory of the exchange rate" - which has had almost absolute dominance in the field. The present work is of primarily a theoretical nature, calling attention to the recent drastic change of opinion regarding the efficiency of foreign exchange markets, of expectations and speculation. In contrast to the previously held belief, agents that anticipate the market are now accused of inefficient, if not irrational behaviour; they are said to be misinterpreting or violating the "hard data" that should lead the market on the path of equilibrium. According to the author, this new vein is challenging, yet the new "bad

  7. COMPETENZA PRAGMATICA IN ITALIANO L2: L’USO DEI SEGNALI DISCORSIVI DA PARTE DEGLI APPRENDENTI CROATI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Magdalena Nigoević

    2012-02-01

    Full Text Available Questo contributo esplora la produzione dialogica in italiano da parte degli apprendenti di lingua materna croata con l’obiettivo di determinare la loro competenza interazionale e pragmatica in italiano L2. Particolare attenzione si è rivolta ad un aspetto caratteristico della produzione dialogica, ai segnali discorsivi ‒ espedienti dialogici per eccellenza. I parlanti nativi usano segnali discorsivi con una vasta gamma di funzioni dialogiche, mentre l’acquisizione dei segnali discorsivi italiani è un territorio relativamente inesplorato e i segnali discorsivi vengono raramente insegnati. in maniera esplicita. La capacità di riconoscere e utilizzare i segnali discorsivi italiani adeguatamente, vale a dire secondo le loro funzioni pragmatiche, rivela il livello della competenza pragmatica dell’apprendente di una lingua straniera. Ai fini dello studio presente, gli apprendenti di italiano sono stati classificati in diversi gruppi in base alla durata dell’ istruzione (principianti, intermedi, avanzati e/o al tipo di ambiente di apprendimento (studenti universitari, corsi di lingua straniera, “full immersion”. L’analisi si è concentrata maggiormente sulla frequenza d’uso e su alcune funzioni dei segnali discorsivi italiani adoperati. Lo scopo di questo studio era quello di esaminare la differenza tra l’uso dei segnali discorsivi relativo ai diversi livelli e ambienti educativi della lingua italiana da parte degli apprendenti croati di italiano L2 e di osservare le caratteristiche di una possibile influenza derivata dal L1.     Pragmatic competence in Italian L2: the use of discourse signals in Croatian-speaking learners This contribution explores the dialogue production of Croatian-speaking learners of Italian as a second language (L2 with the objective to determine their competence in L2 interactions. Special attention is paid to one particular aspect of dialogue production, discourse markers -dialogical expedients par

  8. Non solo quotidiani in classe: considerazioni sull’italiano dei mass media.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Morgana

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} L’articolo suggerisce che la scuola, sede dell’educazione linguistica,  deve insegnare a riflettere sulla ‘norma implicita’ dei media, a cui i ragazzi sono esposti quotidianamente  nel mondo extrascolastico. La formazione di capacità critiche rispetto alla lingua veicolata dai media può avere come punto di partenza l’esperienza del quotidiano in classe alle superiori, che oggi coinvolge più di  44.000 docenti e quasi un milione e ottocentomila studenti. L’osservazione di fenomeni innovativi rispetto all’italiano standard descritto dalle grammatiche, la riflessione sulle varietà e sul dilagare della dimensione orale nello scritto, il riconoscimento di tendenze ‘trasversali’ che coinvolgono diversi ambiti testuali, possono fornire validi strumenti  alla pratica didattica.  Ma tutto il sistema massmediatico  oggi punta alla complementarietà, ai rimandi  tra i vari media, con passaggi continui: i giornali dalla Tv e dal web,  il cinema dal fumetto, il fumetto dal cinema, la pubblicità dal fumetto. Appare allora importante l’esigenza di introdurre nella pratica scolastica anche la capacità di riflettere sulla lingua di altri media che entrano nella esperienza quotidiana giovanile, come il fumetto.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font

  9. CONSIDERAZIONI SULL’ACQUISIZIONE DEI TEMPI VERBALI DELL’ITALIANO DA PARTE DI APPRENDENTI SINOFONI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Crippa

    2014-07-01

    Full Text Available L’articolo riflette brevemente sul percorso di acquisizione di modi e tempi verbali della lingua italiana da parte di apprendenti sinofoni. Molte ricerche hanno messo in evidenza un ordine ricorrente nelle sequenze di acquisizione del sistema verbale che costituisce, come è noto, una delle maggiori difficoltà per gli apprendenti stranieri che studiano l’italiano. In questo elaborato saranno presi come campione alcuni studenti universitari cinesi che hanno frequentato un corso intensivo di italiano presso l’Università degli studi di Milano, e si verificherà se e in che misura le competenze mostrate dagli apprendenti siano in linea con l’ordine ricorrente messo in luce dalla linguistica acquisizionale. Nella prima parte si analizzeranno alcuni esercizi tratti dai test somministrati agli studenti di livello B1 del QCER a conclusione del loro corso, concentrando l’attenzione sull’acquisizione del tempo imperfetto e del suo uso in alternanza con il passato prossimo. Si procederà poi, nella seconda parte, con lo studio delle produzioni libere svolte nell’ambito della stessa prova d’esame, grazie alle quali si potranno fare anche alcune osservazioni sull’uso di altri tempi verbali normalmente impiegati da studenti di livello più avanzato, come ad esempio il condizionale e il congiuntivo. Nell’interpretazione conclusiva dei dati raccolti verranno fatte alcune considerazioni sull’influenza della L1 nell’evoluzione dell’interlingua degli apprendenti.  Considerations on the acquisition of italian verb tenses by chinese learners   Francesco Crippa   The article reflects on the acquisition of Italian verb moods and tenses by Chinese students. Many studies have highlighted the recurring order in the sequence of acquisition of the verb system, which is, as is well known, one of the major difficulties for foreign learners who study Italian. This paper focuses on a sample of Chinese college students who attended an intensive

  10. New solution for MSW management. A regression model for the estimation of logistic costs; Nuove soluzioni alla gestione dei RSU. Un modello di regressione per la valutazione dei costi logici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Saccardi, D.; Rapaccini, M.; Tucci, M. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Energetica, Sez. Impianti e Tecnologie Industriali

    2000-12-01

    Starting from a set of real data, relating to the electronic weighting of vehicles used in non-separate collection circuits, it was possible to realise a multivariate model of linear regression, to be used in the analytic representation of the logistic costs of MSW management system in Florence. Data have been supplied by the 'consorzio Quadrifoglio' which manages the main public hygiene and environmental services at issue. The elaborated regressive model, which has undergone an accurate validation, enables the estimation of the total logistic cost associated to a specific collection area. A global logistic parameter established on the basis of this result offers the possibility to indicate, on the whole, the supplying of services, both in the planning and executive phases. [Italian] A partire da un set di dati reali, relativi alle pesature elettroniche dei veicoli impiegati nei circuiti di raccolta dell'indifferenziato, e' stato possibile costruire un modello di regressione lineare multivariato, utilizzabile per la rappresentazione analitica dei costi logistici del sistema di gestione RSU della citta' di Firenze. I dati sono stati forniti dal consorzio Quadrifoglio, che gestisce i principali servizi di igiene pubblica ed ambientale in questione. Il modello regressivo elaborato, sui cui e' stata condotta una accurata validazione, permette di stimare il costo logistico totale associato ad una determinata area di raccolta. Sulla base di tale risultato, e' stato definito un parametro logistico globale che permette di esprimere, nel complesso, la presentazione del servizio, sia in fase progettuale che attuativa.

  11. Dalla riqualificazione energetica al recupero sostenibile. Un metodo di analisi energetica dei tessuti della città compatta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cecere

    2012-12-01

    Full Text Available A dispetto della sempre maggiore “insostenibilità” della città odierna, recenti statistiche ne hanno confermato il crescente potere attrattivo; una circostanza che vede il continente europeo presentare un’assoluta prevalenza del costruito esistente sul nuovo. Per tentare di raggiungere quel complesso stato di equilibrio, che in molti fanno ricadere sotto il nome di sostenibilità, appare dunque necessario confrontarsi con il patrimonio edilizio dei tessuti storici, piuttosto che realizzarne di nuovi ad alta efficienza. Si presentano qui i risultati di uno studio comparativo condotto su diversi tessuti urbani alla ricerca di relazioni tra densità urbana e performance energetiche. Tale metodologia può rappresentare una base di conoscenza che conduca a trasformazioni consapevoli verso condizioni a maggiore efficienza.

  12. Notas críticas sobre la ética religiosa del trabajo en el Opus Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antoni Jesús Aguiló Bonet

    2009-07-01

    Full Text Available El objetivo de este artículo es el de realizar una exposición crítica de los principales contenidos de la ética religiosa del trabajo del Opus Dei, basada en la concepción del trabajo como requerimiento divino y la doctrina de la santificación personal por medio de la actividad profesional diaria. El análisis revela la existencia de una ética de virtuosos que equipara la santidad y la perfección espiritual con el éxito social y el liderazgo profesional. Para ello adopta, en nombre de la santidad, estrategias instrumentales de acción que chocan frontalmente con la práctica y los principios del cristianismo emancipador.

  13. Ecce agnus dei, qui tollit peccata mundi. Sobre los símbolos de Jesucristo en la Edad Media

    OpenAIRE

    Torres Jiménez, María Raquel

    2013-01-01

    El artículo trata de los significados simbólicos del Agnus Dei en la Edad Media, sus usos, recepciones y evolución, desde la perspectiva de la historia religiosa y de la historia cultural. Se sirve del análisis de textos de los Padres de la Iglesia, literatura cristiana medieval, discursos teológicos, exégesis bíblica en el contexto medieval, iconografía, objetos de iglesias, liturgia, mística. Se privilegia la visión integral de este símbolo, que, más allá de analogías morales, tiene capa...

  14. Superfluità e ‘vuoto mentale’ dei lavoratori: una esplorazione attraverso i racconti di Franz Kafka

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Ferrari

    2015-09-01

    Full Text Available Kafka non è stato un impiegato passivo e distratto. Recenti studi sui suoi documenti di lavoro hanno evidenziato una passione e una competenza professionale notevoli. Questa competenza è stata riversata nelle sue opere letterarie che parlano di lavoro e di organizzazioni con una conoscenza diretta. Lo stile simbolista di Kafka è stato molto efficace nel cambiare il modo di vedere le organizzazioni. Lo scrittore, in particolare, ha intuito la crescita degli ultimi anni della popolazione eccedente. Kafka ha saputo afferrare la psicologia e gli atteggiamenti profondi dei lavoratori che fronteggiano la loro superfluità e l’espulsione dal mondo del lavoro. Più in dettaglio, Kafka è stato capace di analizzare la resa psicologica alla superfluità che si esprime soprattutto con una specifica forma di “vuoto mentale”. Parole chiave: , disoccupazione, Kafka, narrazioni del lavoro

  15. Le musiche di Palazzo Pitti al tempo dei granduchi Asburgo-Lorena. Storia della collezione musicale granducale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Gitto

    2011-11-01

    Full Text Available Le musiche della biblioteca dei granduchi Asburgo-Lorena furono raccolte e custodite presso Palazzo Pitti fino al 1862, anno nel quale vennero trasferite presso il Regio Istituto di Musica, oggi Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze. Il fondo Pitti, restaurato e riordinato negli anni successivi l’alluvione del 1966, è stato nel 2010 oggetto di catalogazione informatica svelando, dopo un secolo e mezzo di oblio, più di 6.000 opere musicali di provenienza fiorentina e in gran parte austriaca, a testimonianza del forte legame che univa Firenze e Vienna. L’analisi delle musiche manoscritte e a stampa, accompagnata dal ritrovamento di antichi inventari e dallo studio di fonti archivistiche, ha permesso la ricostruzione delle vicende della collezione palatina ed ha contribuito ad una maggiore conoscenza della pratica musicale alla corte fiorentina e del contesto culturale nella Toscana pre-unitaria.

  16. Municipal solid waste to energy plants - the best technical options; Termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani - le scelte tecnologiche ottimali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Baldasella, P.; Brivio, S.; Carminati, A.; Cavallari, G

    2005-04-01

    After years of stagnation the municipal solid waste to energy plants is reaffirming as a valid disposal solution. The sell of the electric energy produced at an economically rewarding value and the last regulations on flue gas emissions have strongly influenced the technological development. The article proposes a plant scheme considered complete and optimal and in particular illustrates the options that inspired it and the related justifications. [Italian] Dopo anni di stasi la termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani si sta affermando come una valida soluzione di smaltimento. La vendita dell'energia elettrica prodotta ad un valore economicamente remunerativo e le ultime regolamentazioni sulle emissioni gassose hanno fortemente influenzato lo sviluppo tecnologico. L'articolo propone uno schema di impianto di termovalorizzazione ritenuto completo ed ottimale ed in particolare illustra le scelte che lo hanno ispirato e le relative giustificazioni.

  17. Peracetic acid as disinfectant of municipal wastewaters; L'acido peracetico nella disinfezione dei reflui urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Funari, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Laboratorio di Igiene Ambientale, Reparto di Medicina Ambientale, Rome (Italy); Lopez, A. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Ricerca sulle Acque, Reparto di Chimica e Tecnologia delle Acque, Bari (Italy)

    2000-09-01

    altri settori tra cui quello alimentare, e' dovuto, diversamente da quanto si verifica con l'uso di altri disinfettanti, alla dichiarata assenza di sottoprodotti pericolosi ed al conseguente mancato aumento di tossicita' dei reflui trattati. Tuttavia, nonostante tali premesse, nel settore dei reflui urbani l'impiego dell'acido peracetico stenta ad affermarsi sia per fattori economici che per la prevedibile diffidenza verso un prodotto relativamente nuovo che cosi' <> la limitata conoscenza, specie se comparata con quella relativa al cloro, della sua reale efficacia germicida nei confronti dei diversi tipi di microrganismi patogeni (batteri, virus, parassiti), delle sue proprieta' eco-tossicologiche, delle sue prestazioni come disinfettante in impianti in piena scala. Il presente lavoro oltre a fornire un'ampia raccolta di riferimenti bibliografici, esamina i dati disponibili sul PAA con particolare riferimento: all'efficacia disinfettante nei confronti dei diversi microrganismi patogeni; alla formazione e tossicita' di sottoprodotti di disinfezione; all'impatto ambientale associato allo scarico di reflui trattati con PAA nei corpi idrici; alle condizioni operative adottate in impianti di dimensioni signficative.

  18. Dall’auctoritas all’autore e ritorno Fonti e circolazione dei saperi tra storia delle idee e della lettura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Fedriga

    2012-06-01

    Full Text Available Che cosa si intende, oggi, per fonte? La domanda non mira alla ricostruzione e definizione di una presunta entità sovrastorica. Essa è da intendere piuttosto come spia, nel variare delle forme storiche, di una persistenza delle questioni legate alla circolazione e al controllo dei saperi, anche in un epoca segnata da profondi mutamenti nei media della comunicazione intellettuale. L'articolo ha inteso indagarne alcuni aspetti, quali l''accesso all'informazione sul web, le nuove forme online dell'enciclopedia del sapere e i nuovi oggetti culturali (ebook, nel quadro di una storia delle idee e della lettura che mostrasse, attraverso alcuni casi emblematici, le dinamiche di azione e reazione tra rivendicazioni di una libera circolazione delle idee e istanze di controllo. Il filo della riflessione si muove quindi alla ricerca di analogie che aiutino a decifrare alcuni fenomeni contemporanei e le questioni epistemologiche che ne derivano, dalle auctoritates dei secoli medievali al problema dell'autorevolezza delle fonti online. What can we mean, talking about sources today? The question doesn't aim at the definition of a presumed overhistorical object. We must rather think of it as a sign, in the changing of historical forms, of the persistence of questions connected to circulation and control of knowledge, in an age of deep changes concerning media. The paper would investigate some aspects of the question, like access to the web information, online versions of classical encyclopedia and new supports for reading (like ebook, in a history of ideas context able to show, using some historical examples, the dynamics of acting and reacting between claimings of free circulation of opinions and the attempt to put them down. Definitively, these pages try to find analogies to understand some issues of our age and some epistemological problems, driving the reader from the auctoritas concept in the Middle Ages to the authority of online sources.

  19. L'evoluzione del sistema dei pagamenti: una sintesi teorica. (The evolution of the payments system: A theoretical synthesis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. GIANNINI

    2013-12-01

    Full Text Available Anche se il sistema di pagamento è di vitale importanza per lo scambio , il suo interesse tra gli economisti è diminuito nel corso degli ultimi cinquanta anni . Questo è diventato particolarmente evidente negli ultimi dieci anni , a fronte di fenomeni su larga scala di innovazione , come l'applicazione delle tecnologie elettroniche per la trasmissione del denaro , l'emergere di nuovi servizi di pagamento e la rapida diffusione del credito commerciale . Mentre alcuni rapporti negli ultimi anni hanno accumulato una grande quantità di informazioni statistiche su questi fenomeni , ci sono ancora notevoli incertezze sui loro sviluppi futuri e le loro implicazioni . Il presente lavoro si propone di integrare la documentazione con l'analisi dei fondamenti logici del sistema dei pagamenti , al fine di individuare i punti teorici di riferimento al fine di interpretare l'evidenza empirica - istituzionale contenute nelle relazioni ufficiali Although the payments system is vitally important for exchange, its interest among economists has fallen over the past fifty years. This has become especially apparent over the last decade, in the face of large-scale phenomena of innovation, such as the application of electronic technologies for the transmission of money, the emergence of new payment services and the rapid spread of commercial credit. While some reports in recent years have accumulated a large amount of statistical information on these phenomena, there are still considerable uncertainties about their future developments and their implications. The present work aims to integrate the literature with an analysis of the logical foundations of the payments system, in order to identify theoretical points of reference in order to interpret the empirical-institutional evidence contained in the official reports.JEL: E42

  20. Properties and processing technologies of polymers for medical devices; Proprieta' e tecnologie di lavorazione dei polimeri utilizzati nei dispositivi medici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salernitano, E. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2000-07-01

    The variety of biomaterials applications in medical devices for substitution or functional integration of organs and tissues has remarkably grown. This has allowed an increased survival of patients affected by traumatic or pathologic events. Biomaterials growing variety and improvement were remarkable and constant over the last twenty years; this fact yielded important clinical effects in every medical area, especially in orthopaedics, cardiovascular surgery and dentistry. Performances of medical materials are evaluated according to their bio functionality and biocompatibility. These concepts are strongly connected: bio functionality refers to devices physical and mechanical properties which allow to perform a specific function. Several transformation methods and different processing technologies allow to obtain products having different physico-chemical and mechanical properties. Among them, chemical and physical stability, biocompatibility, possibility to undergo sterilisation process, control of gases and moisture permeability, control of biodegradation products, wear and fatigue resistance and toughness are the most relevant. Most of research efforts are devoted to improve reliability and last of biomaterials already used thanks to their bio functionality and biocompatibility. Expected developments of medial devices are associated with the design of bio artificial organs, where biomaterials act as a scaffold for the three-dimensional cells growth. [Italian] Il numero delle applicazioni dei biomateriali in dispositivi medici che sostituiscono od integrino dal punto di vista funzionale organi o tessuti e' cresciuto notevolmente. Questo ha portato ad un aumento della sopravvivenza dei pazienti colpiti da eventi patologici o traumatici. La crescita ed il perfezionamento dei biomateriali e' stata, infatti, nell'ultimo ventennio considerevole e costante ed ha avuto importanti ricadute cliniche in tutte le discipline mediche ed in particolare in

  1. La valutazione dell'appropriatezza di utilizzo dei servizi di urgenza/emergenza ospedaliera nella ASL della cittá di Como

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Sabatino

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: la ASL di Como, in collaborazione con i medici dei Pronto Soccorso (PS del territorio, ha condotto uno studio per analizzare la tipologia degli accessi in PS valutandone l’appropriatezza.

    Materiale: è stata predisposta una scheda per la raccolta dei dati relativi agli accessi compresi tra il 14 e il 27 ottobre 2002. La prima parte della scheda ha permesso di raccogliere: anagrafica del paziente, provenienza e attribuzione del codice colore dopo il triage. Per i codici verdi e bianchi è stata compilata un ulteriore parte per indagare le prestazioni fornite ed eventuale coinvolgimento del medico di medicina generale.

    Risultati: dall’elaborazione di 4.605 accessi, è emerso che l’utenza in PS è rappresentata per il 55% da soggetti di sesso maschile (età media 40,6 anni a fronte di un valore di 46 per il sesso femminile. Dalla suddivisione degli accessi per provenienza emerge che gli utenti arrivano direttamente al PS dal proprio domicilio (69%, gli accessi a seguito di infortuni sul lavoro e incidenti stradali rappresentano una percentuale variabile tra il 10 e il 20% a seconda della tipologia e dell’ubicazione della struttura. Oltre il 70% dei pazienti viene rinviato al proprio domicilio dopo una visita, ad eccezione dei codici rossi che nel 64% dei casi vengono ricoverati o trattenuti in osservazione. Il 61.3% degli accessi è costituito da codici verdi e gialli, i bianchi rappresentano il 33,8% di cui oltre un terzo non ha necessitato di prestazioni, mentre nel 50% dei casi ha usufruito di accertamenti ematochimici e/o diagnostica strumentale.

    Conclusioni: dall’indagine condotta si evidenzia come il ricorso al PS nei casi giudicati inappropriati (codici verdi e bianchi avvenga per prestazioni che potevano essere eseguite in ambito di cure primarie, evitando il ricorso ad una risorsa come quella di PS, la cui missione è garantire

  2. Favelleran di te sempre le stelle Galileo, i primi Lincei e l'astronomia : Biblioteca dell'Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana, Roma 6 aprile - 30 giugno 2009

    CERN Document Server

    Romanello, Alessandro; Trentini, Andrea

    2009-01-01

    Catalogo dell'esposizione del prezioso patrimonio custodito nella Biblioteca dell'Accademia dei Lincei, costituito da documenti manoscritti riguardanti gli esordi e da libri stampati di Galileo e su Galileo.

  3. 180 meteorological stations data analysis to find out a meteodiffusivity index of sites; Analisi dei dati relativi a 180 stazioni meteorologiche al fine di individuare un indice per la caratterizzazione meteodiffusiva dei siti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cagnetti, P.; Grandoni, G.; Mammarella, M.C.; Pellegrini, A.; Racalbuto, S.; Boccadoro, M.; Fedele, P. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The present work has been done during the preparatory events of the National Conference on Energy and Environment (CNEA), studying the diffusive properties of the lower layers of the atmosphere, in order to find out a set of air quality indicators for urban areas. The data of 180 meteorological stations of the Italian Air Force Meteorological Service cover the whole Italian territory and are easily available; for this reason, this study, is based on those data. By analysing the available data, the variability range of the considered parameters was investigated and then an attempt was done to combine those parameters in order to describe, with a general index related to each site, the higher or lower attitude to diffuse pollutants released in the atmosphere. After that, the sites have been classified by their capacity of dispersion in atmosphere, making use of the meteo-diffusivity index described above, and pointing out the importance of meteorology in the study of the air quality of urban sites. [Italian] Questo lavoro e' stato svolto durante gli eventi preparatori della Conferenza Nazionale Energia Ambiente (CNEA), con lo scopo di individuare un set di indicatori della qualita' dell'aria in aree urbane, sulla base di studi e ricerche sui parametri meteodiffusivi dei bassi strati dell'atmosfera. Sono stati presi in considerazione, perche' subito fruibili e a diffusione nazionale, i dati provenienti dalle 180 stazioni meteorologiche dell'Areonautica Militare. Dopo un'analisi di tali dati al fine di individuare l'intervallo di variabilita' dei parametri meteorologici presi in considerazione, e' stata proposta una combinazione di tali parametri in grado di descrivere, sotto forma di un indice generale ed in relazione a tutti i siti considerati, la maggiore o minore tendenza alla diffusione degli inquinanti immessi in atmosfera. Sulla base di tale definizione di un indice di meteodiffusivita', sono stati

  4. Bias, Equivoci Interculturali e Pregiudizi: una proposta di gestione coordinata dei significati (CMM nell’interazione fra diverse biografie e diverse culture

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Veronese

    2007-06-01

    Full Text Available Il presente lavoro si propone, attraverso l’esempio della conversazione terapeutica, di delineare una prima traccia di modello di coordinamento e gestione dei significati (CMM nell’interazione tra biografie, modelli relazionali e modelli culturali differenti. Gli autori propongono, sulle orme dei contributi offerti da Gregory Bateson e dai suoi collaboratori nelle Josiah Macy Conferences, di utilizzare l’irriverenza nei confronti delle proprie ed altrui premesse implicite e l’umorismo come meta-regole nella conversazione interculturale. Il metamessaggio contenuto nella cornice contestuale del gioco appare, in tal senso, una via creativa verso il coordinamento di diverse storie e verso un esercizio della curiosità nei confronti del mistero incarnato nell’altro da sé.

  5. Da Rabelais a Zola, da Erasmo a Camus: la psicologia del processo, le intuizioni dei grandi autori, la conferma delle scienze cognitive

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Bona

    2012-06-01

    Full Text Available Rabelais, Zola, Camus hanno intuito che le sentenze spesso si reggono su complessi meccanismi psicologici, oltre che sulla razionalità giuridica. Ci si chiede se queste intuizioni trovino conferma nelle più recenti acquisizioni della psicologia della decisione e delle scienze cognitive. Per rispondere al quesito si analizzano passi del Gargantua e Pantagruele, di Thérèse Raquin, de Lo straniero, mettendoli a confronto con alcuni esperimenti condotti in ambito psicologico. Si dimostra come Rabelais abbia correttamente intuito quanto rilevino le euristiche nella decisione, come Zola abbia colto il ruolo delle aspettative nella percezione da parte dei testi, come Camus abbia descritto le distorsioni che si possono produrre nella fase narrativa della testimonianza. Se ne conclude che a volte la materia della giustizia si intende meglio esplorando le opere dei grandi autori che non, per dirla con Erasmo, ammucchiando glosse su glosse.

  6. Un ponte con la Tunisia per la condivisione delle conoscenze nell’ambito del restauro dei beni culturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Baratin

    2017-03-01

    Full Text Available L’Università di Urbino, con la Scuola di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali varca i confini italiani ed approda in Tunisia. Lo scopo è quello di creare un nuovo percorso di studi in Conservazione e Restauro dei Beni culturali, della durata di tre anni, nei paesi euro-mediterranei rilanciando, in tal maniera, l’area geografica del Nord-Africa.  Oltre all’Università di Urbino – che svolge il ruolo di capofila – nel progetto sono coinvolti undici Enti, due italiani, l’UNIMED, Unione delle Università del Mediterraneo di Roma, e l’IUAV, MeLa Laboratorio Multimediale di Venezia, uno spagnolo, l’Università de Barcelona, uno francese, l’ENSAM-ARTS, Ecole Nationale Supérieure d’Arts et Métiers Paris Tech, sei Università tunisine, l’ISMTP, Université de Tunis, l’UMA, Université de la Manouba, l’UC, Université de Sousse, l’UNIVGB, Université de Gabés, l’USS, Université de Sfax, l’UZ, Université Zitouna, ed, infine, il Ministere de l’Enseignement Supérieur de Tunis. Si sottolinea che questa iniziativa è la prima che introduce nel sistema formativo delle Università di un paese del Mediterraneo – la Tunisia- delle scuole di conservazione e restauro dei beni culturali che hanno la stessa impostazione di quelle europee. The University of Urbino, with the School of Conservation and Restoration of Cultural Heritage crossed the Italian border and landed in Tunisia. The aim is to create a new course of study in Conservation and Restoration of Cultural Heritage, lasting three years, in the euro-Mediterranean countries raising, in this way, the region of North Africa. Besides the University of Urbino - which plays the role of leader - eleven institutions in the project, two Italians are involved, the UNIMED, the Union of the Mediterranean University in Rome, and the IUAV, MeLa Multimedia Laboratory in Venice, a Spanish partner, the University of Barcelona, one French, the ENSAM-ARTS, Ecole Nationale Sup

  7. Aflatossine e Ocratossina A negli alimenti di origine vegetale e negli alimenti ad uso zootecnico: valutazione dei rischi e metodi analitici per la determinazione

    OpenAIRE

    Capozzo, Daniela

    2014-01-01

    Il controllo dei livelli di contaminazione da micotossine nei prodotti alimentari destinati al consumo umano ed animale viene ritenuto un’esigenza sanitaria visto l’esistenza del rischio che queste tossine possono rappresentare in alcune tipologie di alimenti. Le micotossine rappresentano un gruppo eterogeneo di sostanze chimiche prodotte naturalmente da alcune specie di funghi che appartengono per la maggior parte a tre generi molto diffusi ( Aspergillus, Penicillium e Fusarium). No...

  8. Bico 2: second national intercomparison campaign of WBC centres working in Italy; Bico 2: la seconda campagna MIDIA di interconfronto dei WBC operanti in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Battisti, P.; Tarroni, G. [ENEA, Centro Ricerche `Ezio Clementel`, Bologna (Italy). Dip. Ambiente

    1998-12-31

    During the period November 1994 - May 1995 the coordinating group of WBC centres working in Italy organised the 2. national intercalibration and intercomparison campaign. A BOMAB phantom was used filled with four radionuclides gel solution with gamma energy emissions ranging between 100 keV and 2 MeV. 17 out of 21 Italian WBC centres took part in the campaign. Through the intercalibration, organised according to internationally accepted methodologies, each WBC centre could check its own calibration procedures. many intermediate data, collected for the methodologies and measurement procedures intercomparison, permitted analyses and comparison of uncertainly causes in a WBC measurement of the internal contamination. A proposal of MDA definition and assessment procedure resulted from the intercomparison campaign. [Italiano] Il Coordinamento dei Centri WBC operanti in Italia ha organizzato la seconda campagna di intercalibrazione ed interconfronto nazionale basata sulle misure di un fantoccio BOMAB riempito con una soluzione radioattiva gelificata contenente 4 radionuclidi con emissioni gamma nell`intervallo energetico compreso fra 100 keV e 2 MeV. Alla campagna, che si e` svolta fra novembre 1994 e maggio 1995, hanno partecipato 17 dei 21 Centri WBC censiti in Italia. L`intercalibrazione e` stata organizzata secondo criteri ormai consolidati in campo internazionale ed ha permesso ad ognuno dei partecipanti di verificare le proprie procedure di calibrazione. Per l`interconfronto delle procedure e dei metodi di misura impiegati e` stata raccolta una serie di dati intermedi che hanno consentito di analizzare e confrontare le fonti di incertezza insite nella misura di contaminazione interna nell`uomo tramite WBC. Cio` ha infine reso possibile una proposta di definizione e di procedura di determinazione del valore della minima attivita` rivelabile (MDA) in accordo con le piu` recenti tendenze in campo internazionale.

  9. Just Jocking? An Exploration of how 10-12 year old Children Experience an Equine Assisted Learning Programme, in a DEIS School, in Limerick city.

    OpenAIRE

    Jones, Kate Bronwyn

    2015-01-01

    Throughout Irish history, the horse has had many uses. In modern Ireland, some communities have harnessed the power of the horse to deliver a range of social interventions. However, at present, there is little published research about equine assisted programmes in Ireland. The main intention of this research project is to explore how 10-12 year old children, from a DEIS primary school in Limerick city, experience an Equine Assisted Learning (EAL) programme facilitated by the local Garda Youth...

  10. Frequency of musculoskeletal symptoms in diagnostic medical sonographers. Results of a pilot survey; Frequenza dei disturbi dell'apparato muscoloscheletrico negli econgrafisti: risultati di uno studio pilota

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mirk, P.; Magnavita, N. [Rome Univ. S. Cuore, Rome (Italy). Ist. di Radiologia; Masini, F.; Bazzocchi, M. [Udine Univ., Udine (Italy). Ist. di Radiologia; Fileni, A.

    1999-10-01

    It is here reported the results of a pilot survey in diagnostic medical sonographers. Aim of the study was to evaluate the frequency of musculoskeletal disorders in solonolgists and the relationship of these symptoms to ergonomic factors. [Italian] E' stata condotta un'indagine trasversale sui medici econgrafisti al fine di valutare la frequenza dei disturbi muscolo-scheletrici potenzialmente correlati con l'attivita' lavorativa.

  11. Utilization of the ultraviolet rays in drinking water and wastewater treatment; Utilizzo dei raggi ultravioletti nel trattamento delle acque potabili e reflue

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Davoli, D. [AGAC, Reggio Emilia (Italy); Alava, F. [Bergamo Ambiente e Servizi SpA, Bergamo (Italy); Conio, O. [Azienda Mediterranea Gas e Acqua SpA, Genua (Italy); Giacosa, D. [Azienda Acque Metropolitane Torino SpA, Turin (Italy)

    2001-02-01

    According with the Who (World Health Organization, Geneva) Guidelines for drinking-water quality- second edition (1993), the Italian normative DPR 236/88 and the European directive 98/83/CE underline the importance of the microbiological safety of the drinking water, relating it to the absence of parasites and microorganisms potentially dangerous for public health. The radiant energy impact on the microorganism constituent materials, particularly with the nucleic acids, destabilising the hydrogen bonds among the nitrogenous bases and forming covalent bonds, especially among pyrimidinic bases; intensive irradiation could cause even the denaturation of nucleic acids. In many European countries UV disinfection is becoming more and more spread for drinking water disinfection; no statistics about UV treatment in Italy are available, even if at the moment UV process concerns mainly drinking water and small plants. This survey presents the chlorination as a good system for bacterial removal, but UV treatment with comparable efficiency and cost does not show the formation of toxic by-products and is easier to maintain and to check up. [Italian] La pubblicazione di questa memoria si inserisce in una iniziativa dei Gruppi di Lavoro Federgasacqua Materiali e Processi e Controllo Qualita' Acque, che intende fornire agli operatori del settore un approfondimento aggiornato su alcune tematiche di vasto interesse. La memoria tratta dell'impiego dei raggi ultravioletti per il trattamento delle acque potabili e delle acque reflue, attraverso la presentazione di una breve panoramica sulle normative vigenti per il contenimento del carico microbico delle acque, la descrizione del meccanismo d'azione dei raggi ultravioletti e dei principali tipi di apparecchiature per il trattamento UV; l'articolo illustra inoltre aspetti piu' prettamente tecnici, inerenti le possibili applicazioni in potabilizzazione e in depurazione ed una panoramica sull

  12. La parola a mamme e papà: cosa pensano i genitori della propria efficacia educativa e dei bisogni delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2010-02-01

    Full Text Available Famiglie in crisi, genitori assenti, distratti, tendenti alla delega che non fanno fronte alle proprie responsabilità, incapaci di porre limiti e regole ai propri figli: lo stereotipo negativo di “famiglia incapace di educare” sembra ormai consolidato e socialmente condiviso anche da parte di molti operatori dei servizi per la prima infanzia. Per evitare atteggiamenti giudicanti che possono ulteriormente indebolire il ruolo educativo delle famiglie ed ostacolare lo sviluppo di un rapporto di cooperazione, per evitare che si sviluppi sfiducia reciproca tra educatori/insegnanti e genitori, la presente ricerca è stata finalizzata a comprendere il punto di vista dei genitori su una serie di elementi caratterizzanti il “quotidiano dell’educazione” in famiglia. Con la rilevazione effettuata, tramite focus group e questionari, si è cercato di mettere a fuoco il punto di vista dei genitori, di bambini in età 0-6, su alcuni temi tra cui: cosa si inceppa e cosa ostacola l’esercizio delle funzioni normative da parte di padri e madri; il modo in cui vengono condivise le funzioni di cura nella coppia; le coordinate della rete sociale che può sostenere le famiglie nel loro compito; lo stato di salute della relazione educativa e le idee di “buona educazione” più diffuse.

  13. Mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, C.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level 0 method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions in the north-east Italy, Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel presente relazione vengono riportati i risultati della mappatura riferita ad ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stockholm Environment Institute con alcune modifiche per adattarlo meglio alle caratteristiche del territorio italiano. Si dimostra che la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide nelle zone del Nord Est, in zona alpina e prealpina.

  14. Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea tra controllo accentrato di legittimità costituzionale e disapplicazione: la Corte di giustizia dialoga con il Tribunale costituzionale austriaco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    LUIGI RAIMONDI

    2014-09-01

    Full Text Available Con la sentenza A c. B e altri (CGUE 11 settembre 2014 C-112-13 la Corte di giustizia si è pronunciata sulla compatibilità con il diritto dell’Unione dei meccanismi procedurali, vigenti in Austria, volti a risolvere le antinomie tra fonti interne e diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Il problema, in particolare, si è posto per via di una recente sentenza del Verfassungsgerichtshof (Tribunale costituzionale federale austriaco, in prosieguo “VFGH”, nella quale si afferma che la Carta dei diritti fondamentali integra il parametro nazionale di costituzionalità. In un contesto, come quello austriaco, nel quale vige un sistema di controllo accentrato di legittimità costituzionale, si tratta di un’affermazione gravida di conseguenze, poiché idonea a far scattare l’obbligo per il giudice ordinario di sollevare una questione di costituzionalità innanzi al VFGH. Il quesito pregiudiziale posto ai giudici di Lussemburgo dalla Corte di cassazione austriaca, segnatamente, riguarda la compatibilità del predetto sistema di controllo accentrato con il potere di disapplicazione del giudice ordinario discendente dal diritto dell’Unione.

  15. Application of GIS-based models for the evaluation of water resources; Analisi GIS-based dei fenomeni idrologici per la pianificazione territoriale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pistocchi, A.; Neri, D. [Studio di Ingegneria per l' Ambiente e il Territorio, Cesena, FO (Italy)

    2000-08-01

    The paper illustrates the application of GIS-based models for the evaluation of water resources in a hilly area for land use planning at the municipality level. The method, suitable for integration with more detailed analyses for specialistic purposes, provides the fundamental elements for decision in areas of the kind hereby considered, by describing the terms of water budget, diffuse pollution and soil erosion at a regional level. [Italian] Il presente lavoro illustra l'applicazione di tecniche di cartografia modellistica per la caratterizzazione degli aspetti idrologici rilevanti ai fini della pianificazione territoriale di un comune collinare in Emilia Romagna. La metodologia viene proposta in senso generale per la valutazione preliminare delle risorse idriche e dei fattori che limitano la qualita' e gli usi, attraverso la descrizione regionalizzata dei termini del bilancio idrologico, dell'inquinamento diffuso e dell'erosione dei suoli. Pur non sostituendo analisi di maggiore dettaglio a fini specifici, si ritiene che la valutazione fornisca gli elementi fondamentali per le decisioni sull'uso del suolo in aree del tipo considerato.

  16. Role of land filling in the modern strategies for solid waste management; Il ruolo della discarica nelle moderne strategie di smaltimento dei rifiuti solidi urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cossu, R.; Lavagnolo, M. C.; Raga, R. [Padua Univ., Padua (Italy). Dipt. di Ingegneria, Idraulica, Marittima, Ambientale e Geotecnica

    2001-09-01

    The new environmental regulations in Europe require higher standards for design and management of new landfills. Municipal solid wastes (MSW) have to be pretreated before land filling, in order to enable strong reduction of landfill emissions and environmental impact. The paper briefly describes the role of new landfills in solid waste management and the influence of some measures on the reduction of emissions and environmental impact. [Italian] In base alle nuove Direttive italiane e comunitarie, la discarica controllata e' destinata ad avere anche in futuro un ruolo di primo piano nella gestione dei rifiuti solidi urbani. In particolare, saranno destinati a smaltimento in discarica rifiuti pretrattati che garantiscano limitata putrescibilita' e minore impatto ambientale della discarica. Nell'articolo vengono esposte alcune considerazioni sul ruolo delle discariche nelle moderne strategie di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, sugli effetti del pretrattamento dei rifiuti sulle emissioni di biogas e percolato dalle discariche e sulle caratteristiche idrauliche e meccaniche delle discariche per rifiuti pretrattati.

  17. Una ricerca sulla qualità della vita scolastica di bambini e bambine affetti da malattie emorragiche congenite. Lettura critica dei dati e considerazioni pedagogiche.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2009-07-01

    Full Text Available Il presente rapporto di ricerca costituisce l'esito del lavoro svolto dalle ricercatrici A. Gigli, S. Demozzi del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna all'interno del progetto Strategico di Ateneo dal titolo “Definizione di linee guida d’intervento sui pazienti pediatrici affetti da malattie emorragiche congenite: aspetti medici, psicosociali, educativi ed etici”. L'obiettivo principale del lavoro è stato quello di analizzare il punto di vista degli insegnanti in merito alla vita scolastica dei bambini con malattie emorragiche congenite (Mec, le loro relazioni con insegnanti e compagni, i rapporti tra scuola e famiglie. Per monitorare questi aspetti legati alla vita scolastica, nel 2008 è stata realizzata un’indagine sul campo che ha coinvolto insegnanti di scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di primo grado della Provincia di Bologna che hanno in classe un/a bambino/a affetti da Mec. Le rilevazioni effettuate tramite interviste semi strutturate hanno avuto i seguenti obiettivi: verificare l’esistenza di rappresentazioni “distorte” delle patologie ed eventuali pregiudizi esistenti; analizzare il processo informativo attraverso cui i docenti conoscono la situazione del bambino e vengono informati sulle Mec; rilevare i nodi problematici e punti di forza, che qualificano negativamente o positivamente le relazione scuola-famiglia; monitorare l’esistenza di pregiudizi in merito alle capacità cognitive dei bambini; verificare se, secondo i docenti, la malattia influisce sulla qualità della relazione educativa, indagando, in particolare, sugli aspetti comunicativi; rilevare eventuali problematiche di integrazione nel gruppo dei pari; verificare se l’adozione di strategie per permettere una migliore integrazione o lo svolgimento delle attività didattiche, ludiche e sportive; rilevare i bisogni formativi e informativi dei docenti. Nell’articolo si presenta una lettura

  18. Convivenza delle diversità, pluralismo religioso e universalità dei diritti. Modelli di approccio. Indicazioni metodologiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2017-05-01

    Abstract. The paper highlights the limits of the most well-known models of approach to cultural diversities, the assimilationist one and the communitarian one, which are typical, respectively, of France and England and of their colonial history. Italy has not remarkable colonial traditions and so it can be more free from the weight of the past in developing strategies able to face up to the problems of the multi-ethnic and multi-religious societies. Starting from the basic principles of pluralism and secularism (principio supremo di laicità, according to the words of Italian Constitutional Court, are examined the “Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione” (15th June 2007 and the recent “Patto nazionale per un Islam italiano” (1st of February 2017. From a more general point of view, the paper describes and supports the thesis of Jacques Maritain about the foundation of human rights, the basis of a peaceful coexistence in a pluralistic society. Finally, it deals with the issue of teaching about religion and history of religions in Italian public schools. These kinds of courses should help students to get to know the religions present in our country - both the historical ones and the “new” ones, coming from the recent processes of immigration - in order to promote and increase the mutual respect and the inter-cultural dialogue.

  19. Immagini dietro le sbarre: l’utilizzo della fotografia per lo sviluppo dell’intelligenza emotiva dei detenuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuela Saita

    2015-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo verrà descritto un intervento che utilizza tecniche fotografiche in attività trattamentali rivolte a soggetti in condizione di detenzione, attività le cui finalità sono la risocializzazione e la rieducazione del reo. Scopo dell'intervento è favorire lo sviluppo dell'intelligenza emotiva (IE, intesa come la capacità di comprendere e riconoscere i propri e gli altrui stati emotivi; essa infatti è associata in letteratura ad una riduzione della recidiva e ad un aumentato benessere dei soggetti reclusi. Le tecniche fotografiche costituiscono uno strumento in grado di superare barriere linguistico-culturali ed eventuali resistenze individuali per far emergere contenuti simbolici connessi a stati emotivi, credenze o percezioni. L'intervento descritto prevede incontri di gruppo, una tipologia di setting che diviene possibile strumento di apprendimento, riflessione sul sé, oltre che luogo di confronto e possibile cambiamento. La struttura degli incontri è tale da perseguire sia l'obiettivo generale (sviluppo dell'IE che obiettivi più specifici, calibrati su differenti categorie di detenuti. Ad esempio, favorire il reinserimento dopo la detenzione in caso di pene medio/brevi, piuttosto che l’accettazione della pena e l’adattamento alla vita carceraria, nel caso di pene più lunghe. Il contributo si chiude con un’apertura sulle possibili modalità di valutazione di tale intervento, al fine di giungere alla formulazione di un protocollo generalizzabile e applicabile a differenti contesti.

  20. From Point Cloud to Digital Fabrication: a Tangible Reconstruction of Ca' Venier Dei Leoni, the Guggenheim Museum in Venice

    Science.gov (United States)

    Balletti, C.; D'Agnano, F.; Guerra, F.; Vernier, P.

    2016-06-01

    The paper describes how new digital methodologies can be used within the field of Cultural Heritage, not only with the aim of documenting the actual state of an architecture but to review the past transformations it has undergone, conserving and representing these histories as well. The premise to conservation and enhancement of our Heritage is a deep study in terms of position, shape, colour, and also of the historical and artistic features. Survey methods have acquired data acquisition techniques in line with technological progress: today's electronic and IT technologies, that are the tools of modern Geomatics, allow the effective survey and representation of 3D objects, from architectural structures to sculptures or archaeological finds. Over the last few years, the methodologies of acquisition and integrated representation for 3D patrimony documentation have developed and consolidated considerably: the possibilities of the digital realm can augment the understanding and the valorisation of a monument. The specific case offered in the present paper, Ca' Venier dei Leoni, the palace where is the Guggenheim Museum in Venice, is a significant example. It suggests not only the theme of the "no longer existing", or better never built, but also the opportunity to formulate hypotheses regarding its implementation and the impact that the palace would have had in the Venetian contest.

  1. GIANFRANCO BETTETINI, Il timpano dell’occhio. Gli intrecci e i giochi dei suoni e delle immagini, Milano, Bompiani, 2009

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Bratus

    2013-12-01

    Full Text Available Il timpano dell’occhio di Gianfranco Bettetini è uno studio dedicato all’analisi semiotica dei testi audiovisivi. Nel volume l’autore si propone di indagare gli effetti che l’azione «strutturalmente sinergica e compatta» (p. 9 di suono e immagine produce sullo spettatore. Lungo tale percorso, Bettetini affronta un nodo cruciale degli studi attuali sulla comunicazione audiovisiva, offrendo allo stesso tempo un prezioso compendio della letteratura semiotica sull’argomento. Nella prima parte del volume lo studioso definisce le linee essenziali di un nuovo approccio metodologico che integra, con la sociologia e la psicologia, il quadro delle discipline che si sono occupate sistematicamente di analisi del testo filmico dal secondo dopoguerra in avanti. Nella seconda parte l’autore prende in esame quattro lungometraggi: Caterina va in città (2003 di Paolo Virzì, Notturno Bus (2007 di Davide Marengo, Il flauto magico (2007 di Kenneth Branagh e La fine del mondo – Ministoria della musica in un tempo (1969 dello stesso Bettetini.

  2. I sistemi biometrici lo sviluppo dei mercati negli Usa, UE e nel mondo. La normativa frena quello italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Zucchetti

    2007-04-01

    Full Text Available Negli ultimi anni il settore biometrico sta compiendo, a livello mondiale, importanti passi in avanti soprattutto in termini di sviluppo e di diffusione. Questo trend positivo riguarda il mondo anglosassone e, in particolare, la realtà statunitense dove i sistemi biometrici vengono utilizzati, nelle più svariate situazioni, sia come controllo della sicurezza fisica delle persone, sia come terminali per l’autorizzazione all’accesso. La stessa diffusione non è riscontrabile nella maggior parte dei Paesi europei e in Italia dove raffrontiamo una realtà assai atipica nella quale la biometria fa un gran parlare di sé ma, in concreto, viene utilizzata con molta difficoltà. Tuttavia, un punto di contatto tra tutti gli attori europei ed extraeuropei può essere individuato nello sviluppo del settore relativo al riconoscimento biometrico applicato ai passaporti ed alle carte di identità. Il processo di globalizzazione ha generato, infatti, grandi masse di individui in continuo e costante movimento da un Paese all’altro e, contestualmente, ha prodotto una crescente domanda di sicurezza soprattutto nei confronti della minaccia terroristica. Appare chiaro, quindi, come l’identificazione certa delle persone diventi una necessità e debba presentare tecnologie simili per essere utilizzate ovunque.

  3. Falquet de Romans, “Ma bella dompna, per vos dei esser gais” (BdT 156.8

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Di Luca

    2010-08-01

    Full Text Available “Ma bella dompna per vos dei esser gais” by Falquet de Romans has been taken for a courtly song for a long time. However, the poem’s metrical form is derived directly from that of the epic, as illustrated by the use of monorhymed ‘décasyllabes’ with non-systematic epic caesura and the presence of a ‘petit vers’ at the end of each stanza. The poem may thus be defined as stanzaic but not lyric because its versification is that of the chanson de geste and its music must be that of an epic chant. Moreover, its content reflects the rhetorical structure of the ‘salut d’amor’, an epistolary genre in which the lover sends a letter to his lady asking her to respond to his love. Thus, “Ma bella dompna” should be considered a formal hybrid between ‘salut d’amor’ and ‘chanson de geste’; in this sense it is to be compared to those few compositions of an epistolary nature that employ epic form, such as Raimbaut de Vaqueiras’ famous letter to the Marquis Boniface of Monferrato, which is probably the prototype of this poetic experiment, along with two pairs of ‘laisses’ exchanged between Gui de Cavaillon and Bertran Folco d’Avignon.

  4. PER L’IMPIEGATO MILANESE E IL BUON COSTUME DEI GIOVANETTI: IL "VOCABOLARIO MANTOVANO-ITALIANO" DI FRANCESCO CHERUBINI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Piotti

    2016-09-01

    Full Text Available Produzione minore nell’ambito della produzione cherubiniana, il Vocabolario mantovano-italiano consente di mostrare una tappa intermedia del lavoro di Cherubini e della sua riflessione lessicografica tra le due edizioni del Vocabolario milanese. Pur se i contemporanei non mancarono di sottolinearne alcuni limiti, l’interesse dell’opera emerge fin dalla delineazione dei destinatari: da un lato la scuola e dall’altro i funzionari pubblici che, spostandosi entro i confini del regno Lombardo-Veneto, si confrontavano con un dialetto che non comprendevano. For employees in Milan and proper behavior of young men: Francesco Cherubini’s "Vocabolario mantovano-italiano" This minor work within Cherubini’s production, the Vocabolario mantovano-italiano, represents an intermediate stage in Cherubini’s work and his lexicographical reflections between the two editions of the Vocabolario milanese. Although his contemporaries did not fail to point out some limitations, the work is striking when considering who it was intended for: schools and public officials who, moving around the Lombard-Venetian Kingdom, were confronted with a dialect they did not understand.

  5. 2D and 3D optical diagnostic techniques applied to Madonna dei Fusi by Leonardo da Vinci

    Science.gov (United States)

    Fontana, R.; Gambino, M. C.; Greco, M.; Marras, L.; Materazzi, M.; Pampaloni, E.; Pelagotti, A.; Pezzati, L.; Poggi, P.; Sanapo, C.

    2005-06-01

    3D measurement and modelling have been traditionally applied to statues, buildings, archeological sites or similar large structures, but rarely to paintings. Recently, however, 3D measurements have been performed successfully also on easel paintings, allowing to detect and document the painting's surface. We used 3D models to integrate the results of various 2D imaging techniques on a common reference frame. These applications show how the 3D shape information, complemented with 2D colour maps as well as with other types of sensory data, provide the most interesting information. The 3D data acquisition was carried out by means of two devices: a high-resolution laser micro-profilometer, composed of a commercial distance meter mounted on a scanning device, and a laser-line scanner. The 2D data acquisitions were carried out using a scanning device for simultaneous RGB colour imaging and IR reflectography, and a UV fluorescence multispectral image acquisition system. We present here the results of the techniques described, applied to the analysis of an important painting of the Italian Reinassance: `Madonna dei Fusi', attributed to Leonardo da Vinci.

  6. God’s Word in The Bible and in The Mission to Evangelize: fifty years after Dei Verbum

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Johan Konings

    2015-12-01

    Full Text Available At the 50th. anniversary of the constitution Dei Verbum of Council Vatican II, we perceive its working in Catholic thought of the last decade, especially in Verbum Domini of Pope Benedict XVI, in the “document of  Aparecida” (CELAM and in Evangelii Gaudium of Pope Francis. Starting from the consideration of the dialogic word as space of creative “letting-be” for the other, we highlight the human-divine character of God’s Word as creative and “humanized” in Christ. The living Tradition of the Church, that configures in his womb the Christian Scripture as fundamental rule of its faith, keeps the memoria Christi, the Word present in celebration and announcement, not only to those who stay outside, but, urgently, in the permanent formation and mystagogical accompanying of those who are considered Christians. The memoria Christi is guarded and interpreted also in the Christian life praxis. So we evoke the complex interaction of human and divine, memory and presence, word and praxis of faith, in order to value specially the human word, if authentic and dialogic, at the service of the humanatio of God’s word, that is also divinization of human word.

  7. Potential of polymeric materials for packaging; L'impiego dei materiali polimerici nell'imballaggio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lanchi, M. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    'ambito della produzione, l'industria italiana del packaging si colloca tra i settori piu' efficienti e competitivi. Per quanto riguarda i campi di utilizzo, la destinazione degli imballaggi e' principalmente verso il settore alimentare, che da solo copre una quota di circa il 42%, mentre, considerando anche il comparto delle bevande, tale quota sale al 65%. Le materie plastiche vengono largamente impiegate in questo settore, grazie alla proprieta' molto diversificate: leggerezza, inerzia e resistenza alla corrosione, facile formabilita', buona trasparenza, capacita' di attenuazione delle vibrazioni meccaniche e sonore, elevata conservabilita' nel tempo, elevate caratteristiche dielettriche, ecc. I numerosi metodi di trasformazione attualmente in uso e le diverse tecniche di lavorazione dei materiali polimerici consentono di ottenere i prodotti estremamente variegati. Restringendo il campo di interesse al settore agroalimentare, fortemente sviluppato nel sud-italia, si possono individuare numerose prospettive di crescita per i polimeri utilizzati nell'imballaggio: sviluppo di films polimerici a bassa permeabilita' e ad alta selettivita'; sviluppo della tecnologia dell'atmosfera modificata; sviluppo di films polimerici attivi quali i films antimicrobici o i films trasferitori di odore e di colore. Altra linea di ricerca promettente e' lo sviluppo di imballaggi in plastica ecocompatibili mediante la produzione di materiali ad alte prestazioni specifiche che riducano i volumi dei rifiuti e agevolino le operazioni di smaltimento, e/o la realizzazione di confezioni alimentari in materiale il piu' possibile biodegradabile, attraverso il ricorso a blend di plastiche e polimeri bioderivati.

  8. Indagine sulle opinioni, conoscenze ed attitudini dei docenti scolastici della provincia di Frosinone in tema di tossicodipendenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Ferrara

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: lo studio in questione mirava a valutare le conoscenze circa gli effetti e l’uso personale del fumo di tabacco e delle droghe in generale in un campione di insegnanti delle Scuole Medie Superiori della provincia di Frosinone.

    Metodi: sono stati somministrati questionari anonimi a 350 docenti frequentanti un Corso di Aggiornamento sulle tossicodipendenze.

    Risultati: il 23.4% ha dichiarato di essere fumatore, con un consumo medio pro die di 10 sigarette: di questi la maggior parte era di sesso femminile. Sul fastidio che si prova in presenza di un fumatore il 54.6% ha risposto positivamente, tra cui il 14.6% sono fumatori. Il 94% dichiara di non aver utilizzato alcun tipo di sostanza mentre il 5.5%, tra cui in prevalenza femmine, dichiara di utilizzare psicofarmaci. Le sostanze stupefacenti ritenute più pericolose sono eroina 82.9%, cocaina 81.1%, allucinogeni 70%, canapa indiana 54.9%; alcol 58% e tabacco 18% sono meno pericolose. Il 15.7% ritiene che l’abitudine al fumo sia scatenata dalla socializzazione, il 15.1% dall’imitazione, il 15.4% dal piacere e dalla curiosità, l’11.1% dal sentirsi grandi, l’8% dal gusto del proibito. Il 97.1% mostra un adeguato livello di conoscenza sulle droghe e il cervello è il principale organo danneggiato (96.3%.

    Conclusioni: la conoscenza dei docenti in materia di tossicodipendenze sembra concentrata sulle droghe illegali: infatti, i rischi legati al consumo di alcol e tabacco sono sottovalutati e non sono chiari i fattori determinanti la dipendenza. Infine i docenti hanno espresso l’esigenza di aggiornamento per l’insufficiente opera di informazione e prevenzione svolta da parte delle istituzioni competenti.

  9. 3DHOP: una piattaforma flessibile per la pubblicazione e visualizzazione su Web dei risultati di digitalizzazioni 3D

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Potenziani

    2016-04-01

    Full Text Available 3D Heritage Online Presenter (3DHOP è una piattaforma per integrare all’interno di pagine internet modelli 3D ad alta risoluzione, quali ad esempio quelli ottenuti per scansione 3D, progettata per far fronte alle specifiche esigenze del settore Cultural Heritage (CH. 3DHOP gestisce la complessità dei dati in ingresso mediante un motore di rappresentazione e rendering multirisoluzione, pertanto, è in grado di trasmettere in modo progressivo ed efficiente anche modelli 3D di grandi dimensioni. 3DHOP fornisce una serie di template pronti all’uso per la presentazione di modelli CH, collegando la visualizzazione 3D con il resto della pagina Web e rendendo possibile la creazione di presentazioni integrate (3D ed altri contenuti multimediali. Nella sua progettazione e sviluppo abbiamo posto particolare attenzione alla facilità d'uso ed alle prestazioni della piattaforma, che dunque è caratterizzata da una curva di apprendimento sostenibile e da performance ottimali nella visualizzazione di modelli ad alta risoluzione. Grazie alla sua natura modulare e una configurazione dichiarativa, imparare ad usare, configurare e personalizzare a diversi livelli 3DHOP è alla portata anche di personale non esperto sui temi della grafica 3D. Questo permette ad utenti con esperienza diversa (utilizzatori finali, sviluppatori di pagine Web, programmatori un diverso accesso al sistema. 3DHOP è scritto principalmente in JavaScript ed è basato sulla libreria SpiderGL, che a sua volta poggia sulla componente WebGL di HTML5. Ciò permette di gestire il rendering di modelli 3D su tutti i più comuni browser Web e senza richiedere l’uso di plugin. In questo articolo presentiamo le capacità e le caratteristiche della piattaforma 3DHOP, utilizzando diversi esempi pratici d’uso.

  10. Surface and groundwater Nitrate distribution in the area of Vicenza; La distribuzione dei nitrati nelle acque superficiali e sotterranee del vicentino

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Altissimo, L. [Centro Idrico Novoledo Srl di Villaverla, Villaverla, VI (Italy); Dal Pra, A. [Padua Univ., Padua (Italy). Dipt. di Geologia

    1999-12-01

    Public aqueducts in the Province of Vicenza (Italy) are supplied entirely by various kinds of water sources: the sub river bed strata of the mountain valleys, water-bearing aquifers of the high plan, pressurized water-bearing aquifers of the middle plain, karstic reservoirs of the mountain massifs and local springs. Progressive increase in nitrate concentration has long been detected in the underground water of many parts of the Vicenza region. The nitrates originate from various sources: human waste, industrial dumping (e.g. the tanning industry) and the use of animal and chemical fertilizers. Nitrate distribution was studied in all wells used for extracting underground water including source waters which replenishing underground aquifers. During the study period ('91-'95), water courses in the recharge areas were found to have nitrate concentrations ranging between 2.0 and 42.0 mg/l. These values remained substantially stable in time. Underground aquifers showed stable nitrate concentration between 5.0 mg/l (mountain karstic aquifers; sub-river bed strata of valley bottom) and 44.0 mg/l (water bearing strata of the high plain of Astico and Brenta rivers). The pressurized flooding aquifers of the middle plain have lower concentrations (6.0-21.0 mg/l) but tend to increase by about 0.5 mg/l per year. [Italian] Nella provincia di Vicenza l'alimentazione degli acquedotti pubblici avviene interamente con acque sotterranee provenienti da strutture differenti: falde di subalveo delle valli montane, falda freatica dell'alta pianura, falde in pressione della media pianura, serbatoi carsici dei massicci montuosi, sorgenti locali. Da tempo e' stato notato nelle acque sotterranee di molte zone un progressivo aumento della concentrazione dei nitrati che, nel territorio vicentino, hanno differenti provenienze: scarichi dei liquami civili, scarichi industriali (ad es. attivita' conciaria), spargimento dei liquami zootecnici, concimazione con

  11. Etnoarcheologia dei paesaggi alpini di alta quota nelle Alpi occidentali: un bilancio preliminare / Ethnoarchaeology of Western Alpine upland landscapes: preliminary results

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Carrer

    2015-12-01

    Full Text Available Lo studio dell’interazione tra gruppi umani e ambiente montano è centrale nell’attuale ricerca archeologica. L’etnoarcheologia contribuisce analizzando questa interazione nei contesti moderni e contemporanei, con lo scopo di creare modelli analogici per interpretare il passato e di comprendere più a fondo le strategie umane storiche e attuali. Il progetto EthWAL (Etnoarcheologia dei paesaggi alpini di alta quota nelle Alpi occidentali, nato nel 2013, si pone come punto di riferimento per lo studio delle attività umane nelle alte quote alpine in epoca moderna e contemporanea. È un progetto multidisciplinare (unisce i metodi archeologici a quelli etnografici e storiografici, alle analisi spaziali e alle analisi dei suoli e multiscalare (dalla piccola alla grande scala. Particolare attenzione è data alle capanne pastorali tradizionali. I risultati di questo progetto saranno utili all’archeologia e permetteranno la valorizzazione delle caratteristiche culturali dei paesaggi di alta montagna. The study of the interaction between human groups and mountain environment is crucial for archaeological research. Ethnoarchaeology contributes the analysis of this interaction in modern and contemporary contexts, aimed at creating analogical models for interpreting the past and understanding human strategies in historical and modern periods. The EthWAL project (Ethnoarchaeology of Western Alpine upland Landscapes, started in 2013, and aims to be a reference for the study of human activities in the alpine uplands during the modern and contemporary age. This is a multidisciplinary (associating archaeological methods to ethnography, historiography, spatial analysis and soil analysis and multiscalar project (small to large scale. Specific attention is given to traditional pastoral huts. The results of this project will be useful for archaeology and contribute to the management of cultural heritage in high altitude landscapes.

  12. Ripensare le pratiche inclusive e le relazioni di aiuto secondo la prospettiva della resilienza. Indagine sulla percezione della disabilità dei figli da parte di genitori migranti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Malaguti

    2010-02-01

    Full Text Available scientifico nazionale ed internazionale. Il punto di vista, le istanze, i bisogni, le difficoltà, le risorse, le competenze dei bambini con disabilità e delle loro famiglie raramente sono considerate come parte fondante il processo di costruzione delle pratiche di cura. Nel corso degli anni, ciononostante, il processo di empowerment e di resilienza delle famiglie di bambine e bambini con disabilità italiani ha permesso di migliorare i processi inclusivi anche attraverso la costituzione di associazioni di genitori divenuti soggetti politici determinanti nella definizione di percorsi di integrazione di qualità. Lo stesso non si può dire per le famiglie migranti. La ricerca ha inteso ed intende indagare le pratiche di cura e di progettazione dei servizi educativi in relazione alla presenza di bambine e bambini con disabilità e di sondare la percezione che le famiglie hanno della disabilità dei loro figli. Si pone l’obiettivo di conoscere i presupposti fondanti, gli indicatori e le linee di direzione attuate in relazione alla presenza di bambine e bambini disabili migranti e /o figli di genitori migranti; di indagare le istanze delle famiglie cogliendo eventuali connessioni, risorse e criticità; di cogliere i differenti punti di vista collegati al fenomeno in questione. Il lavoro di ricerca fino ad ora condotto ha permesso di mettere in evidenza alcuni nodi critici. Un primo, sul quale intende insistere il presente articolo, riguarda le logiche sottese alla presa in carico e cura e alla costruzione di relazioni di aiuto – presupposto fondante la progettazione verso la costruzione dell’integrazione e di pratiche inclusive – basate sul criterio della reciprocità e del dialogo.

  13. Proposal of guidelines for groundwater model validation; Proposta di protocollo di validazione dei modelli di previsione dell'idrologia sotterranea

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Troisi, S. [Montalto Uffugo Scalo Univ. della Calabria, Montalto Uffugo Scalo, CS (Italy). Facolta' di Ingegneria, Dipt. di Difesa del Suolo

    2001-04-01

    An approach to groundwater models is stated as particular case of the validation of modelling of real systems, subdivided into artificial or natural ones. The approach is based on the revaluing of the interaction between knowledge and validation. Knowledge is conditioned by availability of data on the specific aquifer, which affects the choose of mathematical model and the numerical method of solution, but, in its turn, it conditions the validation in terms of reliability of the results. Then, in the framework of IRIS project, this paper illustrates the research project Gulliver (GUideLines for vaLIdation and VERification of groundwater mathematical models) , whose main goal is the definition of guidelines for groundwater modelling, especially for aquifer, affected by contamination events, needing remediation or protection design. [Italian] Si espone una impostazione della validazione dei modelli di previsione delle acque sotterranee come caso particolare della validazione dei sistemi reali che possono essere suddivisi in naturali ed artificiali. La metodologia riscopre il ruolo fondamentale del rapporto conoscenza-validazione. La conoscenza e' condizionata dai dati disponibili dello specifico acquifero in esame, che condiziona la scelta del modello matematico e del metodo di soluzione numerica, ma, a sua volta, condiziona la validazione intesa come affidabilita' dei risultati ottenuti. Viene quindi presentato, nell'ambito del Progetto IRIS, il progetto di ricerca Gulliver che si pone l'obiettivo di definire delle linee guida per la simulazione modellistica del comportamento di un acquifero soggetto ad un inquinamento ai fini della protezione o della bonifica dello stesso.

  14. Maestro di Pico i iluminacije u inkunabuli De Civitate Dei (Nicolas Jenson, Venecija, 1475.) u samostanu Sv. Duje u Kraju na Pašmanu

    OpenAIRE

    Goja, Bojan

    2014-01-01

    U franjevačkom samostanu Sv. Duje u Kraju na otoku Pašmanu čuva se inkunabula „O državi Božjoj“ (De Civitate Dei) Sv. Aurelija Augustina koju je 1475. godine u Veneciji tiskao Nicolas Jenson. Inkunabula je na f. 17 (kako je naknadno označena paginacija grafitnom olovkom, tj. stranici incipita – liber primus) kao i na više drugih stranica ukrašena lijepim višebojnim iluminacijama renesansnih stilskih karakteristika izrađenih temperom, zlatnim listićima, zlatnim prahom, sepijom, tintom i akvare...

  15. An assessment of econometric models applied to fossil fuel power generation; Un'analisi critica dell'applicazione dei modelli econometrici alla generazione termoelettrica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gracceva, F.; Quercioli, R. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The main purpose of this report is to provide a general view of those studies, in which the econometric approach is applied to the selection of fuel in fossil fired power generation, focusing the attention to the key role played by the fuel prices. The report consists of a methodological analysis and a survey of the studies available in literature. The methodological analysis allows to assess the adequateness of the econometric approach, in the electrical power utilities policy. With this purpose, the fundamentals of microeconomics, which are the basis of the econometric models, are pointed out and discussed, and then the hypotheses, which are needed to be assumed for complying the economic theory, are verified in their actual implementation in the power generation sector. The survey of the available studies provides a detailed description of the Translog and Logit models, and the results achieved with their application. From these results, the estimated models show to fit the data with good approximation, a certain degree of interfuel substitution and a meaningful reaction to prices on demand side. [Italian] In questo rapporto viene tracciato un quadro generale degli studi che utilizzano modelli econometrici per analizzare la scelta dei combustibili nella termogenerazione, con particoalre attenzione al ruolo svolto dal prezzo dei combustibili. La trattazione si compone di un'analisi di tipo metodologico e di una rassegna della letteratura. L'analisi metodologica consente di valutare l'adeguatezza dell'approccio econometrico nell'analisi del comportamento delle imprese di generazione elettrica. A tal fine vengono esplicitati e discussi i fondamenti microeconomici su cui poggiano i modelli econometrici, e viene verificata la sussistenza, nel settore termoelettrico, delle ipotesi che e' necessario assumere per soddisfare la teoria economica. La rassegna fornisce invece una descrizione dei modelli translog e logit lineare, ed un

  16. L’emergenza dei tre lustri, la salma contesa e il gioco dell’Ultimatum. Alcune riflessioni sui problemi che caratterizzano le decisioni pubbliche in Italia

    OpenAIRE

    Villani, Salvatore

    2008-01-01

    Negli ultimi tempi, fra gli studiosi dei processi di formazione delle scelte pubbliche è in corso un interessante dibattito volto ad individuare le tecniche più appropriate per gestire in maniera efficace (ovvero in tempi rapidi e garantendo la stabilità e la durevolezza delle decisioni o degli accordi a-dottati) ed equa (il fatto che le controparti siano soddisfatte della decisione adottata o dell’accordo raggiunto costituisce una garanzia per la stabilità e la durevolezza degli stessi) i co...

  17. L'area faunistica del camoscio appenninico (Rupicapra pyrenaica ornata di Lama dei Peligni. Evoluzione del nucleo e problemi gestionali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Gentile

    2003-10-01

    Full Text Available L'Area Faunistica del Camoscio appenninico di Lama dei Peligni (CH nel Parco Nazionale della Majella è stata istituita nel 1990 con lo scopo principale di fungere da serbatoio di animali da utilizzare per operazioni di rinforzo della popolazione di Camosci in natura. Inoltre è stata ed è un notevole strumento per sensibilizzare la popolazione ed il pubblico alla conservazione della specie nonché una forte attrazione turistica per l'intera Valle dell'Aventino nel Parco Nazionale della Majella. L'Area Faunistica è ubicata nei pressi del centro abitato di Lama dei Peligni (CH sul versante Orientale della Majella ad un'altitudine che va dai 750 agli 850 m s.l.m. ed ha un'astensione complessiva di 4,2 ettari. Nel corso degli anni è stato necessario suddividere il recinto in 4 subrecinti per poter disporre di spazi separati utili per la gestione sanitaria del nucleo di animali ospitati. Inizialmente la responsabilità tecnica amministrativa è stata curata dal Parco Nazionale d'Abruzzo in collaborazione con il WWF Italia, successivamente è stata curata dalla Riserva Regionale "Majella Orientale" per passare dal 2000 all'Ente Parco Nazionale della Majella. L'area faunistica di Lama dei Peligni è stata attivata con l'immissione di un maschio prelevato in natura dalla popolazione della Val di Rose nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e 5 femmine provenienti dal'Area Faunistica di Bisegna nel medesimo Parco. Nel periodo dal 1990 al 2002 sono nati 37 camosci e ne sono deceduti 20. Inoltre si sono verificati 14 rientri di animali provenienti dalla popolazione in natura e dall'Area Faunistica sono stati reimmessi 25 capi sul massiccio della Majella. L'Area di Lama dei Peligni ha consentito l'attivazione di un'ulteriore Area Faunistica nel Parco Nazionale del Gran Sasso Monti della Laga fornendo 1 femmina. Lo scopo principale del presente lavoro è di analizzare criticamente i dati raccolti in un database e di individuare un protocollo di

  18. Per una rilettura dei 'Versi et regole de la nuova poesia toscana' (Blado, 1539): questioni ecdotiche, metriche e storico-letterarie.

    OpenAIRE

    PETTINARI, DANIELE

    2013-01-01

    La raccolta dei 'Versi et regole della nuova poesia toscana', pubblicata a Roma per i tipi di Antonio Blado d’Asola nell’ottobre del 1539 – attorno alla quale si struttura il presente lavoro in quanto suo nucleo ispiratore nonché specifico oggetto di studio – presenta un cospicuo numero di testi scritti in lingua “toscana”, ma organizzati metricamente in versi e strofe propri della poesia classica. L’aspetto più originale dell’antologia patrocinata dal senese Claudio Tolomei è la trasposizion...

  19. A survey of activated sludge separation problems and foaming in Italy; Indagine sull'entita' dei problemi di schiume biologiche e scarsa sedimentabilita' dei fanghi attivi in impianti operanti sul territorio nazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Madoni, P.; Gibin, G. [Parma Univ. (Italy). Dipt. di Scienze Ambientali; Davoli, D. [AGAC, Reggio Emilia (Italy)

    1999-08-01

    A survey of both biological bulking and foaming in activated-sludge plants in Italy was carried out from January 1996 to July 1998. Of 167 plant surveyed, 84 have a foaming problem, 81 had a bulking problem and 55 were affected both during the sampling period. Filament identification revealed that 'Microthrix parvicella' was the most common filament implicated in bulking and foaming. Other filaments such as 'Thiothrix', nocardioform actinomycetes and the Eikelboom types 0041, 021N, 0092, 0675, dominate the filamentous community although their relative frequencies were low. An increase in the size of the filamentous population resulted in a deterioration of the settling properties of the biomass with loss of sludge through the final effluent. Among the experienced curative actions, promising results have been obtained by using the contact zone technique or resorting to the addition of chemical such as oxidants and coagulants. [Italian] Una indagine condotta su 167 impianti di depurazione a fanghi attivi situati in differenti regioni del territorio nazionale, ha permesso di evidenziare che 81 di essi erano affetti da problemi di bulking, 84 avevano problemi di schiume biologiche e 55 presentavano entrambi le disfunzioni. L'analisi microscopica ha rilevato che 'Microthrix parvicella' era il microorganismo filamentoso maggiormente responsabile sia dei problemi di bulking che di foaming. Sebbene altri organismi quali 'Thiothrix', attinomiceti nocardioformi (GALO), i Tipi 0041, 021N e 0675 dominassero talvolta la popolazione filamentosa, la loro frequenza era tuttavia relativamente bassa. Il principale inconveniente provocato dall'eccessiva crescita di questi microorganismi e' risultato essere la scarsa capacita' di sedimantazione del fango con conseguente fuoriuscita dell'effluente finale. Tra gli interventi effettuati per curare o mitigare tali inconvenienti i piu' utilizzati sono stati quelli che

  20. Ozone and hydrogen peroxide applications for disinfection by-products control in drinking water; Applicazioni con ozono e perossido di idrogeno per il controllo dei sottoprodotti di disinfezione nelle acque potabili

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Collivignarelli, C.; Sorlini, S. [Brescia Univ., Brescia (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile; Colombino, M. [Azienda Mediterranea Gas e Acqua, Genoa (Italy); Riganti, V. [Pavia Univ., Pavia (Italy). Dipt. di Chimica Generale

    2001-04-01

    A great interest has been developed during the last years for ozone in drinking water treatments thanks to its strong oxidant and disinfectant power and for its efficiency in disinfection by-products (DBPs) precursors removal. However ozonization produces some specific DBPs, such as aldehydes and ketones; moreover, the presence of bromide in raw water engages ozone in a complex cycle in which both organic bromide and inorganic bromate are end products. In this paper the combination of hydrogen peroxide with ozone (known as peroxone process) and the ozone alone process were experimented on one surface water coming from the lake of Brugneto (Genova) in order to investigate bromate formation and trihalomethanes precursors removal during the oxidation process. The results show that the advanced peroxone process can be applied for bromate reduction (about 30-40%) with better results in comparison with the ozone alone process, while no advantages are shown for THMs precursors removal. The addition of in-line filtration step after pre-oxidation improves both bromate and THMs precursors removal, particularly with increasing hydrogen peroxide/ozone ratio in the oxidation step. [Italian] Un notevole interesse e' stato mostrato di recente per l'utilizzo dell'ozono nei trattamenti di potabilizzazione sia per il suo forte potere ossidante e disinfettante sia per la capacita' di rimuovere alcuni precursori di formazione dei sottoprodotti di ossidazione (OBPs). Tuttavia, anche l'ozono puo' produrre a sua volta alcuni specifici sottoprodotti, quali aldeidi e chetoni; inoltre, la presenza di bromuro nell'acqua grezza coinvolge l'ozono in una serie di reazioni che portano alla formazione di composti organici bromurati e di sottoprodotti inorganici, i piu' noti tra i quali sono i bromati. In questo articolo vengono presentati i risultati di alcuni trattamenti di ossidazione convenzionali a base di ozono combinato con perossido di idrogeno

  1. Uncovering key biblical principle in handling disputable music matters in missio Dei perspective – a basic theoretical study

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P.J. Buys

    2015-03-01

    Full Text Available This article investigates key biblical principles in handling disputable music matters from Romans 14:1–15:13 and their implications for a missional church. It becomes clear that the principles uncovered in this biblical passage are synecdochically and analogically applicable to many varied disputable matters, which could confront the church anywhere at any given time. These matters include disputes on worship music and songs. The multicultural context in which the church find herself in cities, continues to pose a challenge to individual Christians and the church as a body. Hence, it exposes both Christians and the church to more and more inevitable need for clear biblical principles in handling disputable matters including liturgical music wars. The goal of this article is not only to reduce time and energy used in arguing over disputable matters, but also to turn the disagreements into redeeming encounters, which will strengthen the missional witness of the church by enriching diversity in unity.Die ontsluiting van bybelse sleutelbeginsels vir die hantering van strydvrae oor liturgiesemusiek vanuit ’n missio Dei perspektief – ’n basiese teoriese studie. Hierdie artikel ondersoekbybelse sleutelbeginsels vir die hantering van strydvrae oor liturgiese sang en musiek vanuit Romeine 14:1–15:13 en die implikasies daarvan vir ’n missionale kerk. Die beginsels wat vanuit hierdie Skrifgedeelte ontsluit word, kan sinvol toegepas word op ’n verskeidenheid van sake wat nie-essensieel van aard is, maar waaroor daar oral en altyd skerp standpuntverskille in kerke voorkom. Dit sluit debatte oor musiek en sang in die erediens in. Die multikulturele konteks waarin kerke hulle bevind vra na duidelike beginsels wat as uitgangspunte in debatte oor liturgiese musiek kan dien. Die doel van hierdie artikel is nie net om baie tyd en energie wat dikwels aan sulke debatte bestee word, te verminder nie, maar ook om strydvrae om te keer in positiewe

  2. Marsiglia, una terra a Sud di nessun nord. La presenza dei gruppi criminali nella ville méditerranée

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosaria Anghelone

    2015-07-01

    Full Text Available Il lavoro si propone di affrontare la presenza dei gruppi criminali a Marsiglia, dagli anni delle grandi migrazioni di inizio secolo scorso, in cui il porto Mediterraneo è stato il cuore di scambi commerciali e culturali, sino agli anni recenti, in cui la città ha tirato fuori, costruendola, la sua faccia europea. Lungo tutto quest’arco temporale, confronteremo le vicende e le figure che emergeranno nel contesto, che si determinerà di fase in fase, con la concettualizzazione del fenomeno mafioso italiano; quest’ultima, come cartina al tornasole, ci permetterà di cogliere le caratteristiche del milieu marsigliese, i suoi tratti specifici e quelli che lo accomunano, sia nella logica che nell’esplicazione del suo potere, alla mafia. Marsiglia, incarnando tutte le contraddizioni delle terre del Sud, farà da palcoscenico per la riflessione sui fattori che favoriscono la nascita e rafforzano la crescita dei gruppi criminali. L’intento, oltre l’analisi del singolo caso marsigliese, è, altresì, quello di constatare quanto la Francia sia ancora impreparata in tema di contrasto alla criminalità organizzata di stampo mafioso, sottovalutandone gli effetti, e quanto, ancor di più, sia ormai imprescindibile un intervento europeo su questo versante, tendente all’armonizzazione delle legislazioni nazionali.

  3. Positive predictive value of abnormal mammographic findings and role of assessment procedures; Valore predittivo positivo dei segni radiologici in mammografia e apporto degli esami di approfondimento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Menna, S.; Marra, V.; Di Virgilio, M.R.; Macchia, G.; Frigerio, A. [Turin Ospedale San Giovanni Antica Sede, Turin (Italy). Dipt. oncologico

    1999-05-01

    To investigate the positive predictive value for cancer of abnormal mammographic findings and the role of assessment, the authors reviewed a series of 962 patients recalled and examined in the first breast screening center of Turin (Italy), out of 18996 women aged 50-59 from 1991 to 1995, within a population-based mammography program. The results of this study confirm the accuracy of mammography in the early detection of breast cancer and the different role of assessment procedures in the various abnormal mammographic findings. The improvement in positive predictive value for screening demonstrates the importance of the learning curve within the screening team. Most of this improvement could be referred to refined diagnostic criteria for calcifications. [Italian] Per determinare il valore predittivo positivo per carcinoma dei singoli segni mammografici e valutare il ruolo degli esami di approfondimento, sono stati revisionati 962 casi richiamati per approfondimento nel Centro di screening mammografico di Torino, su 18996 donne 50-59enni negli anni 1991-1995. I risultati confermano l'accuratezza della mammografia nella diagnosi precoce del carcinoma mammario e mostrano come, nel caso di richiamo per controllo, l'affidabilita' degli esami di approfondimento sia variabile per i diversi segni radiologici responsabili del richiamo. Il miglioramento del valore predittivo positivo del richiamo dimostra l'importanza della curva di apprendimento tra i radiologici del Centro di screening. Esso puo' essere attribuito all'affinamento dei criteri di valutazione delle microcalcificazioni.

  4. L'aumento dei prezzi delle attività e della politica monetaria (The increase in asset prices and monetary policy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charles P. Kindleberger

    2009-12-01

    Full Text Available L’inflazione degli asset, a differenza dell’inflazione ordinaria, che si riferisce a  l'aumento dei prezzi dei beni di consumo, merci all'ingrosso, o il deflatore del reddito nazionale, è un termine che non è in uso in occidente, ma corrente in Giappone. Ci sono momenti in cui gli assets aumenteranno di prezzo in modo inflazionistico, un boom o anche una bolla, mentre i prezzi dell’output sono relativamente stabili o addirittura in calo.   Asset inflation, as distinguished from ordinary inflation, the latter referring to rising prices of consumer goods, wholesale commodities, or the national-income deflator, is a phrase not in use in the west, but current in Japan. There are times when assets rise in price in an inflationary way, a boom or even a bubble, while output prices are relatively stable or even declining.  JEL Codes: F3, G1, N1, B5Keywords: inflazione, asset, Giappone

  5. La restituzione virtuale dell’architettura antica come strumento di ricerca e comunicazione dei beni culturali: ricerca estetica e gestione delle fonti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Borghini

    2011-12-01

    Full Text Available Raffaello Sanzio intuì per primo che il mondo antico, come lo vedevano i suoi occhi, non era che l’eco sbiadita di quella ricchezza che pur doveva caratterizzarne l’esperienza artistica. Oggi la tecnologia permette di realizzare il sogno di Raffaello e di restituire le immagini delle antiche architetture, rivoluzionando la percezione del patrimonio culturale da parte del pubblico moderno. La nostra esperienza decennale nel settore della comunicazione del bene culturale ha consentito di confrontarci con diversi casi: dalla Domus Aurea, all'Ara Pacis; dai filmati divulgativi agli applicativi pensati per le postazioni fisse dei musei, fino alla creazione di software per la gestione dei dati degli scavi archeologici. Sempre ponendo al centro di ogni lavoro i cardini del nostro modo di fare ricerca: l'attenzione al linguaggio, quale strumento di comprensione estetica, e la gestione informatizzata delle fonti, come apparato di studio e metodo di validazione scientifica delle ricostruzioni.[L’impostazione del saggio è comune ai due autori. In particolare, però, Stefano Borghini ha curato il paragrafo “Considerazioni generali”, mentre Raffaele Carlani “Alcune esperienze”].

  6. Ambiente sonoro e percezione di alcune caratteristiche dei parchi urbani: analisi e modelli - Sonic environment and perception of some features of urban parks: analysis and models

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Brambilla

    2016-07-01

    Full Text Available Sui dati raccolti in otto parchi urbani, comprendenti alcuni parametri acustici e le valutazioni dei fruitori sulla qualità complessiva del parco percepita e di alcune sue caratteristiche, si è proceduto a diverse analisi statistiche. L’analisi delle componenti principali e quella cluster gerarchica sui dati acustici ha fornito una classificazione in tre gruppi risultata poco sovrapponibile a quella ottenuta con l’analisi cluster e delle corrispondenze multiple condotta sui responsi soggettivi. La discrepanza, confermata anche da alcuni modelli di regressione logistica multinomiale, evidenzia l’influenza di altri fattori non acustici sulla percezione dell’ambiente dei parchi urbani. ------ Different statistical analyses have been carried out on data collected in eight urban parks, including some acoustical parameters and the appraisals of park visitors on the perceived overall quality of the park and some of its features. Principal component analysis and hierarchical cluster one on the acoustic data have identified three groups. This classification poorly overlaps that obtained by hierarchical cluster analysis and multiple correspondence one performed on subjective appraisals data. The difference, confirmed also by models developed by multinomial logistic regression, points out the influence of other non-acoustic factors on the perception of the urban parks environment.

  7. Experimental check-up and normative developments on the quality of the reagents of potabilization; Verifica sperimentale e sviluppi normativi sulla qualita' dei reagenti di potabilizzazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Riganti, V. [Pavia Univ., Pavia (Italy). Dipt. di Chimica Generale; Conio, O.; Zappia, A.; Lasagna, C. [AMGA S.p.A.-Azienda Mediterranea Gas Acqua, Genua (Italy)

    2000-09-01

    The increasing demand for quality of water intended for human consumption also required an accurate control of the quality of the chemicals used for water treatment. After describing and commenting the results of several controls made by AMGA (Italy) in 1999 on the chemicals used in the drinking water treatment plants they manage, the work underlines what changes should be made, concerning the quality standards of some chemicals, as a consequence of the new European Union directive 98/83. [Italian] Le crescenti esigenze di qualita' delle acque destinate al consumo umano richiedono anche un accurato controllo della qualita' dei reagenti di potabilizzazione. Dopo aver descritti e discussi i risultati dei controlli effettuati nel 1999 sui reagenti chimici utilizzati negli impianti dell'AMGA (Azienda Mediterranea Gas Acqua) di Genova, vengono illustrate le modificazioni che verosimilmente si dovranno apportare agli standard di qualita' di alcuni reagenti chimici per l'effetto della nuova direttiva 98/83/CE.

  8. The mammals in the zoological culture of the Mbuti Pygmies in north-eastern Zaire / I mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti nello Zaire nord-orientale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Carpaneto

    1989-07-01

    Full Text Available Abstract This work deals with the mammals and their role in the zoological culture of the Mbuti Pygmies, hunter-gatherers of the Ituri Forest of Zaire. The ethnozoological information was gathered in parallel to faunistic investigation. A checklist of the mammals inhabiting the Ituri Forest was compiled on the basis of both carefully selected literature and direct field research. Field work was conducted in many study sites (pygmy camps and agriculturalists' settlements throughout the region. Several Mbuti hunters of each band were interviewed in order to ensure reliability to the information they were giving. Direct observation of their hunting activities, feeding habits and relations with animals were also carried out. For each mammalian species the exact words of the Pygmies were translated into English. From their own culture, the Pygmies gave a great deal of information about habits, food, interspecific relations, reproduction and behaviour of 59 species of mammals. Details were also given by the Mbuti hunters on their own taboos, food restrictions, medicine and villagers' witchcraft, concerning mammals, as well as the utilization of animal parts for making objects and tools. Vernacular names of the mammals are reported in six local languages, as well as the names of plants which, according to the Mbuti, are used by the animals as food. The hunting techniques of the Ituri Pygmies are summarized together with quantitative data from 60 net casts and 4 bow-hunting days. Riassunto Nel presente lavoro vengono studiati i mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti, cacciatori-raccoglitori della Foresta dell'Ituri in Zaire. Gli autori hanno condotto parallelamente sia l'indagine etnozoologica che ricerche faunistiche di base sui mammiferi. Un elenco sistematico delle specie viventi nella regione studiata è stato compilato sia sulla base di osservazioni dirette che attraverso una revisione critica dei

  9. Evoluzione dei sistemi GNSS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianluca Pititto

    2010-03-01

    Full Text Available Evolution of GNSS systems With this article GEOmedia is starting a review on the latest updates concerning GNSS technology. Since the first GPS satellites, the evolution of GNSS sector witnessed the grow of other constellations: GLONASS, Beidou (Compass and Galileo. The development of positioning techniques even brought to the creation of specific Augmentation Systems, capable of the enhancement of the localization signals (GBAS and SBAS. The aim of this review is to provide a general-to-particular knowledge of all the positiong and augmentation systems, from a historical point of view to real applications.

  10. Apertura dei lavori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Renga

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questa sessione apre i lavori dell’VIII Conferenza di Sanità Pubblica della nostra Società. Il programma che vi è stato presentato, la sede in cui si svolge, la qualità e la dimensione della vostra partecipazione riconfermano la validità di una formula che si è andata consolidando nel tempo e rappresenta ormai, insieme al Congresso Nazionale biennale, il fiore all’occhiello della ricchissima attività convegnistica della SItI.

    Si conferma anche la straordinaria continuità e coerenza della nostra società scientifica nell’interpretare, a livelli qualitativi sempre più elevati, la propria missione di individuazione, approfondimento e disseminazione della conoscenza necessaria per migliorare l’azione di Sanità Pubblica nel nostro Paese.

    La sessione testimonia questa attenzione! Con il tema della SARS, la Relazione di Pietro Crovari dà conto delle linee di comportamento dell’apparato di sanità pubblica nell’affrontare un problema che ha scosso l’opinione pubblica mondiale risvegliando anche nei paesi più progrediti antiche paure e arcaici pregiudizi; che ha provocato contraccolpi enormi in ambito commerciale ed economico; che ha richiamato l’attenzione su regole e precauzioni tanto scontate da risultare poi in pratica quasi inapplicate. La risposta italiana è stata corretta, impostata sulle conoscenze scientifiche adottate con pragmatico buon senso. Una autorevole presenza della cultura igienistica nelle sedi decisionali ci consente anche di guardare con serenità ai possibili rischi ancora ipotizzabili.

    La partecipazione alla Comunità Europea e l’adesione ai suoi principi e le sue regole stanno producendo una serie di cambiamenti che arriveranno a incidere anche sui nostri modelli di prevenzione. La Relazione di Vittorio Carreri fornirà il punto di vista di uno sperimentato ed attento conoscitore della materia riguardo agli innumerevoli problemi già aperti e su quelli ancora incombenti sul sistema di sanità pubblica per effetto sia della globalizzazione che della devolution e sulla capacità di risposta dalle amministrazioni regionali.

  11. La traduzione dei petrarchisti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ljiljana Avirović

    2000-12-01

    Full Text Available In occasione del convegno internazionale dal titolo Tasso e i croati, svoltosi a Dubrovnik nel dicembre 1995, Tomasovié ha presentato il suo: Torquato Tasso: ljuvene rane/Le piaghe d'amore , un'antologia, con testo originale a fronte, delle migliori traduzioni in croato del vasto opus tassiano dal1580 ai giorni nostri in cui figurano traduttori (che sono a loro volta poeti, scrittori e teorici della letteratura come Dominko Zlatarié, Ivan Gundulié, August Senoa, Ivan Mazuranié, Vladimir Nazor, Frano Cale, Ivan Slaming, Nikola Milicevié, Luko Paljetak e lo stesso Tomasovié. Si tratta di un volume in cui l'autore ha inteso raccogliere il fior fiore della traduzione croata, il cui fervore, a detta di Tomasovié, non conosce equivalenti in Europa.

  12. cognitio dei et nostri

    African Journals Online (AJOL)

    übriggeblieben als Unwissenheit, Verfehlung, Ohnmacht, Tod und. Gericht.18. Calvin unterscheidet zwei Stufen und zwar sowohl vor wie nach dem. Sündenfall. Die Gaben des Schöpfers, „Weisheit, Gerechtigkeit, Heiligkeit“, sind zugleich die Eigenschaften Gottes, denn der Mensch ist nach Gottes. Ebenbild geschaffen.

  13. CP Violation and K0 decays revelation: study and simulation of neutral Trigger in NA48 experiment -- Violazione di CP e rivelazione dei decadimenti del K0: studio e simulazione del Trigger neutro nell'esperimento NA48

    CERN Document Server

    Calzolari, Federico

    2007-01-01

    At the INFN laboratory in Pisa I have prepared my dissertation, which essentially concerned Montecarlo simulation of subnuclear particles decays and investigation of low-noise electronic devices for analyzing high-frequency signals. The team-work was part of NA48/EPSI experiment jointly carried out with European Organization for Nuclear Research CERN, Geneva. ----- Nell'ambito dell'esperimento NA48 in corso al CERN Super Proton Syncrothon (SPS) finalizzato a misurare la violazione diretta di CP in sistemi di particelle K0 attraverso il doppio rapporto R = [N(K_L->Pi0Pi0)]/[N(K_S->Pi0Pi0)] / [N(K_L->Pi+Pi-)]/[N(K_S->Pi+Pi-)] = 1 - 6 Re(e1/e) con una precisione di Re(e1/e) superiore a 2 * 10^-4, il lavoro di tesi si propone di effettuare una simulazione per la rivelazione dei decadimenti neutri dei K0 ed una successiva analisi dei dati raffrontando l'evento fisico generato con metodo Montecarlo e quello ricostruito. Per la misura di e1/e occorre isolare tra i vari modi di decadimento dei K quelli K_S->Pi0Pi0, K...

  14. Teoria dell'elettromagnetismo fenomeni e leggi fondamentali : energia dei campi e delle distribuzioni di carica, applicazioni di meccanica analitica e statistica, teoria della relatività, emissione e propagazione di onde elettromagnetiche

    CERN Document Server

    Tenaglia, Livio

    1956-01-01

    Leggi fondamentali dell'elettromagnetismo ; le equazioni di Lagrange, di Hamilton e di Jacobi, il principio di Fermat ; applicazioni di meccanica analitica all'elettromagnetismo ; teoria statica dell'irraggiamento ; fondamenti di teoria della relatività ; propagazione delle onde elettromagnetiche proprietà elementari dei conduttori ; emissione di onde elettromagnetiche ; richiami analitici ; unità di misura per le grandezze del campo elettromagnetico.

  15. Fuel-cell technology for vehicular applications; L`introduzione delle pile a combustibile nel settore dei trasporti: proposte, standard e normative per sistemi di bordo ed impianti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciancia, A.; Pede, G.; Marmigi, R. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dip. Energia

    1998-12-31

    The fuel-cell technology applied to engines for vehicular applications grants broad margins of convenience over any known alternative engine for what concerns the compliance with any present and foreseeable environmental and energy saving regulations. On the other hand, the use of hydrogen produced on board from fuels or stored as a liquid or a gas, raises new problems from the point of view of safety regulations and standards both in the design and use of vehicles and in the fuel production and distribution. The present work is aimed at pointing out the above main safety problems, describes the technical-choices together with their technical grounds, in the framework of the italian and U E standards and regulations. The report is then made up of three parts. The initial section where the on board storage of the fuel from technical-economical point of view is discussed. with particular reference to the compressed hydrogen, the second describing the regulations and standards holding in the field of on board pressure equipment and reporting the ongoing ENEA`s activities in the field. The final part is devoted to the distribution and supply of the fuels to the fuel cell powered electric vehicles. [Italiano] La tecnologia delle celle a combustibile, impiegata nella realizzazione dei propulsori dei veicoli elettrici, conferisce ad essi ampi margini di vantaggio su ogni altro tipo di motorizzazione per quanto riguarda le attuali e prevedibili future normative ambientali e di risparmio energetico. Il presente rapporto si propone di evidenziare alcuni tra questi problemi ed esporre e motivare le soluzioni tecniche previste nell`ambito degli specifici programmi dell`ENEA, in un contesto normativo di riferimento nazionale e comunitario. Il rapporto si compone pertanto di tre parti: una parte iniziale dove e` affrontato dal punto di vista tecnico-economico il problema del trasporto del combustibile a bordo con particolare riferimento all`idrogeno compresso, una seconda in cui

  16. Rilevazione della percezione corporea, dell' autostima corporea e dei disturbi del comportamento alimentare in adolescenti vittime di abuso sessuale durante l' infanzia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Bassoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’esperienza dell’abuso sessuale si ripercuote su diversi aspetti della personalità delle vittime. Il nostro studio ha analizzato la sua influenza sulla percezione corporea (Test delle figure di Collins, sull’autostima corporea (Scala Corporea del Test Multidimensionale Autostima di Bracken e sull’adozione di comportamenti alimentari patologici (Eating Attitude Test.

    Materiali e metodi: il campione della ricerca è composto da 2935 studenti maggiorenni frequentanti le 212 classi quinte dei 46 istituti superiori milanesi selezionati per la ricerca. Gli strumenti sono i test sopraindicati ed un questionario ad hoc per indagare le caratteristiche dell’eventuale abuso sessuale. La compilazione e la restituzione dei questionari hanno salvaguardato rigorosamente l’anonimato.

    Risultati: nel campione, l’esperienza dell’abuso incide sulla percezione corporea aumentando il divario tra l’immagine del corpo in cui ci si riconosce e l’immagine che si vorrebbe avere con una differenza media che nei maschi passa da 0,1 nei non abusati a –0,4 in vittime d’abuso lieve fino a 1 in vittime d’abuso grave, mentre nelle ragazze i valori sono rispettivamente 0,8, 0,9 e 1,3. La percentuale a rischio per disturbi del comportamento alimentare sale notevolmente tra le vittime d’abuso, essendo 1,5% e 11,8% in maschi e femmine non vittimizzati, 2,3% e 15,9% rispettivamente in vittime d’abuso lieve e 27,3% e 24,1% in vittime d’abuso grave. Anche sull’autostima corporea l’esperienza dell’abuso sembra avere un forte impatto che si manifesta con un aumento dei casi di bassa autostima che risultano il 15,6% e il 35,5% tra maschi e femmine non abusati, il 16% e il 41,2%, rispettivamente, tra chi ha subito un abuso lieve e il 27,3% e il 50% tra le vittime d’abuso grave.

    Conclusioni: la ricerca suggerisce che essere vittima abuso sessuale

  17. Bulk rock composition and geochemistry of olivine-hosted melt inclusions in the Grey Porri Tuff and selected lavas of the Monte dei Porri volcano, Salina, Aeolian Islands, southern Italy

    Science.gov (United States)

    Doherty, Angela; Bodnar, Robert; Vivo, Benedetto; Bohrson, Wendy; Belkin, Harvey; Messina, Antonia; Tracy, Robert

    2012-06-01

    The Aeolian Islands are an arcuate chain of submarine seamounts and volcanic islands, lying just north of Sicily in southern Italy. The second largest of the islands, Salina, exhibits a wide range of compositional variation in its erupted products, from basaltic lavas to rhyolitic pumice. The Monte dei Porri eruptions occurred between 60 ka and 30 ka, following a period of approximately 60,000 years of repose. The bulk rock composition of the Monte dei Porri products range from basaltic-andesite scoria to andesitic pumice in the Grey Porri Tuff (GPT), with the Monte dei Porri lavas having basaltic-andesite compositions. The typical mineral assemblage of the GPT is calcic plagioclase, clinopyroxene (augite), olivine (Fo72-84) and orthopyroxene (enstatite) ± amphibole and Ti-Fe oxides. The lava units show a similar mineral assemblage, but contain lower Fo olivines (Fo57-78). The lava units also contain numerous glomerocrysts, including an unusual variety that contains quartz, K-feldspar and mica. Melt inclusions (MI) are ubiquitous in all mineral phases from all units of the Monte dei Porri eruptions; however, only data from olivine-hosted MI in the GPT are reported here. Compositions of MI in the GPT are typically basaltic (average SiO2 of 49.8 wt %) in the pumices and basaltic-andesite (average SiO2 of 55.6 wt %) in the scoriae and show a bimodal distribution in most compositional discrimination plots. The compositions of most of the MI in the scoriae overlap with bulk rock compositions of the lavas. Petrological and geochemical evidence suggest that mixing of one or more magmas and/or crustal assimilation played a role in the evolution of the Monte dei Porri magmatic system, especially the GPT. Analyses of the more evolved mineral phases are required to better constrain the evolution of the magma.

  18. Bulk rock composition and geochemistry of olivine-hosted melt inclusions in the Grey Porri Tuff and selected lavas of the Monte dei Porri volcano, Salina, Aeolian Islands, southern Italy

    Science.gov (United States)

    Doherty, Angela L.; Bodnar, Robert J.; De Vivo, Benedetto; Bohrson, Wendy A.; Belkin, Harvey E.; Messina, Antonia; Tracy, Robert J.

    2012-01-01

    The Aeolian Islands are an arcuate chain of submarine seamounts and volcanic islands, lying just north of Sicily in southern Italy. The second largest of the islands, Salina, exhibits a wide range of compositional variation in its erupted products, from basaltic lavas to rhyolitic pumice. The Monte dei Porri eruptions occurred between 60 ka and 30 ka, following a period of approximately 60,000 years of repose. The bulk rock composition of the Monte dei Porri products range from basaltic-andesite scoria to andesitic pumice in the Grey Porri Tuff (GPT), with the Monte dei Porri lavas having basaltic-andesite compositions. The typical mineral assemblage of the GPT is calcic plagioclase, clinopyroxene (augite), olivine (Fo72−84) and orthopyroxene (enstatite) ± amphibole and Ti-Fe oxides. The lava units show a similar mineral assemblage, but contain lower Fo olivines (Fo57−78). The lava units also contain numerous glomerocrysts, including an unusual variety that contains quartz, K-feldspar and mica. Melt inclusions (MI) are ubiquitous in all mineral phases from all units of the Monte dei Porri eruptions; however, only data from olivine-hosted MI in the GPT are reported here. Compositions of MI in the GPT are typically basaltic (average SiO2 of 49.8 wt %) in the pumices and basaltic-andesite (average SiO2 of 55.6 wt %) in the scoriae and show a bimodal distribution in most compositional discrimination plots. The compositions of most of the MI in the scoriae overlap with bulk rock compositions of the lavas. Petrological and geochemical evidence suggest that mixing of one or more magmas and/or crustal assimilation played a role in the evolution of the Monte dei Porri magmatic system, especially the GPT. Analyses of the more evolved mineral phases are required to better constrain the evolution of the magma.

  19. Interoperabilità dei dati territoriali: il GN si dota di un nuovo servizio per la trasformazione di coordinate per l’intero territorio italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Costabile

    2013-03-01

    Full Text Available Il servizio di trasformazione di coordinate (CTS, Coordinate Transformation Service è uno dei servizi ditrasformazione geometrica previsti dall’implementazione della direttiva 2007/2/CE INSPIRE. Le applicazioniWEB e WCTS messe a disposizione dal Geoportale Nazionale consentono a tutti gli utenti di eseguiretrasformazioni di coordinate sull’intero territorio italiano impiegando i grigliati rilasciati dall’IstitutoGeografico Militare Italiano (IGM. Abstract The Coordinate Transformation Service (CTS is one of theservices provided by the implementation of the geometric transformation of the INSPIRE Directive 2007/2/EC. WEB applications and WCTS service are provided by the National Geoportal (Geoportale Nazionale allowing all users to perform coordinate transformations on the entire Italian territory using also detailed grid value released by IGM (Italian Military Geographical Institute.

  20. Information systems planning in public administration; Definizione di una metodologia per la pianificazione dei sistemi informativi in un ente pubblico di ricerca con elevato livello di decentramento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minelle, F. [Rome, Univ. `La Sapienza` (Italy). Fac. di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Di Marco, R.A. [ENEA, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Bottini, M.

    1997-02-01

    Since before the Ninety the common experience of the different of the divisions of the Public Administration, it was to proceed on the way of insertion and the utility of technology informer in shed order. It was evident how it could not operate in the best way, without wright descriptions of the general and sectors reference. In terminus of efficiency, efficacy and transparency of services offered and the investment made were inadequate. And so in this way the operation was not good enough to pay attention to a valuation of the cost, beneficial of the investment made, that was growing up. It is today getting important to entrust the planning of the information system, that was to be done every year when we talk about a plan with an average limit. So they can be oriented and checked, the choice of the single Administration. In the following work it has been started from the analysis of the italian situation, which expect the use of a specific methodology produced by the AIPA for the planning of informative system in the public administration. The new experimental part of the thesis aims to the adjustment of this methodology to a reality which is the ENEA, that differs for example from that of a Ministry (for that reality on the contrary the proposal of AIPA is optimal), as the institutional aims and the following modalities of administration change, as the corporation is characterised by a strong decentralisation and above all as it has lacked a cognitive research about the different work processes, introduction to the application of AIPA`s proposal. [Italiano] E` stata fino da prima degli anni `90 esperienza comune che nei vari comparti della Pubblica Amministrazione, si procedesse sulla strada dell`inserimento e dell`utilizzo delle tecnologie ifnormatiche in ordine sparso. E` stato evidente come non si potessero operare scelte ottimali nell`assenza di quadri di riferimento generali e settoriali; che i ritorni, in termini di efficenza, efficacia e trasparenza dei

  1. Diagnostic accuracy of 16-row multislice CT angiography in the evaluation of coronary segments; Accuratezza diagnostica della coronarografia-TC a 16 strati nella valutazione dei segmenti coronarici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cademartiri, Filippo [Erasmus Medical Center, Rotterdam (Netherlands). Dipartimento di Radiologia; Mollet, Nico R. [Erasmus Medical Center, Rotterdam (Netherlands). Dipartimento di Cardiologia; Runza, Giuseppe [Palermo Univ., Palermo (Italy). DIBIMEL Sezione di Scienze Radiologiche] [and others

    2005-02-01

    , Siemens, Forcheim, Germania) e' stata effettuata con tecnica retrospettiva, basata sul segnale ECG, dopo la somministrazione endovenosa di un bolo di 100 ml di mezzo di contrasto iodato seguito da un bolus chaser di soluzione salina. I parametri di scansione utilizzati sono stati i seguenti: collimazione 16x0,75 mm, tempo di rotazione 0,42 s, avanzamento/rot. 3 mm (pitch 0,25), 120 kVp, 500 mAs. Due osservatori hanno valutato in cieco la presenza di stenosi significative (riduzione del diametro coronarico {>=}50%) dei segmenti coronarici con diametro {>=}2.0 mm. Come gold-standard, per valutare l'accuratezza (validita') dei dati acquisiti, e' stata usata la coronorarografia convenzionale qualitativa. Risultati: La frequenza cardiaca media durante la scansione e' stata di 55{+-}6 bpm. Novantadue dei 428 segmenti di diametro {>=}2,0 mm avevano una stenosi significativa. Senza escludere alcun segmento (428): sensibilita', specificita', valore predittivo positivo e negativo, per la rilavazione dei segmenti ostruiti ({>=}50%), sono stati 95,7% (88/92), 95,8% (322/336), 86,3% (88/102) e 98,8% (322/326), rispettivamente. Conclusioni: La 16-AC-TCMS in una popolazione selezionata di pazienti con bassa frequenza cardiaca fornisce un'elevata accuratezza diagnostica nella valutazione delle stenosi coronariche significative.

  2. La chiesa dei Santi Sergio e Bacco, Umm as-Surab (Giordania. Risultati storico-costruttivi dall’analisi archeologica degli elevati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilento, Piero

    2014-12-01

    Full Text Available The paper illustrates the results of the archaeological investigations carried out on the still-standing structures of the church of Saints Sergius and Bacchus in the Umm as-Surab village, in northern Jordan. The building, still relatively well preserved, is considered by the scientific literature as one of the most interesting in the southern Hawrān because of some technical and structural features, among them the high tower built on the prothesis. The analysis of the material remains made possible to identify a building sequence divided into five periods and to investigate the dynamics of the constructive process. We also focused our attention on the identification of the main building techniques (walls, doors, arches and pilasters, which will be part of a broader Chrono-typological Atlas of the Hawrān region. With these new data, we have further reflected on the building typologies of the tower and the church, so trying to contribute to the current debate.[it] Il contributo di seguito presentato illustra i risultati delle indagini archeologiche effettuate sugli elevati della chiesa dei Santi Sergio e Bacco nel villaggio di Umm as-Surab, Giordania settentrionale. L’edificio, ancora relativamente ben conservato, è considerato dalla letteratura specialistica come una tra le chiese più interessanti del sud Hawrān per alcune caratteristiche tecnico-strutturali, tra cui l’alta torre costruita sulla prothesis. L’ analisi dei resti materiali ci ha permesso di individuare una sequenza edilizia suddivisa in cinque periodi e di approfondire le dinamiche di cantiere. Ci siamo inoltre concentrati sull’individuazione delle principali tecniche costruttive (murature, aperture, archi e pilastri, che faranno parte di un più ampio Atlante Cronotipologico della regione dello Hawrān. Con questi nuovi dati abbiamo ulteriormente riflettuto sulle tipologie edilizie della torre e della chiesa, cercando di contribuire al dibattito corrente.

  3. Quality of the Fosso della Casaccia: analysis of the macroinvertebrates colonizing artificial substrates; Stato di qualita` del fosso della Casaccia: analisi dei macroinvertebrati che colonizzano substrati artificiali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Prato, S.; Morgana, J.G.; Antonelli, D.; Folletto, A. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-01-01

    Aim of this work is to analyse the environmental quality of a small stream, the Fosso della Casaccia, flowing near Research Centre of ENEA (Rome, Central Italy). The study was carried out comparing zoo benthic communities of two sampling sites, chosen upstream and downstream the sewage of the Research Centre. Macro invertebrates were sampled using artificial substrates and standard hand net. Taxa number and distribution along along the watercourse were compared. Moreover, biotic index values (I.B.E.=Indice Biotico Esteso) were calculated using data on macro invertebrates collected with both sampling methodologies. Artificial substrates were also useful in establishing colonization patterns at each sampling site, and bio masses of individuals belonging to different trophic groups. The results show the greater sampling effectiveness of artificial substrates, confirming their usefulness for establishing the environmental quality. [Italiano] Il presente lavoro prende in considerazione la qualita` ambientale del Fosso della Casaccia, un piccolo corso d`acqua che scorre in prossimita` del Centro di Ricerche ENEA Casaccia (Italia Centrale). Lo studio e` stato realizzato in base al confronto fra le comunita` zoobentoniche di due stazioni sperimentali situate a monte e a valle dello scarico di acque reflue del centro. Il campionamento dei macroinvertebrati e` stato effettuato utilizzando due diversi metodi di raccolta: i substrati artificiali e il retino immanicato standard. Gli organismi sono stati classificati in unita` sistematiche, e si e` analizzata la loro distribuzione lungo il corso d`acqua. Inoltre sono stati calcolati i valori degli indici biotici I.B.E. (Indice Biotico Esteso) utilizzando i dati ottenuti con le due metodologie di campionamento. L`uso di substrati artificiali in ogni stazione di campionamento e` stato utile anche per stabilire il tipo di colonizzazione, l`abbondanza e le biomasse degli individui appartenenti ai vari gruppi trofici. I nostri

  4. Innovation and competitivity. The case of the districts of Faenza and Prato; Innovazione e competitivita'. Il caso dei distretti di Faenza e di Prato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Traverso, A. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Market's globalization is quickly producing the review of the traditional and international competition orders. For this reason the industrial districts, which are the highest expression of an economic and productive tissue based on the small and medium enterprises, are forced to begin a new formulation of their own structural, organizational, technological and productive distinctive features. The object of this work is, at first, to explain the peculiarities of the distrectual events, and, consequently, to analyse the competitive situation and the future prospects of two italian highly specialized productive areas: the textile district of Prato and the ceramic territory of Faenza. A particular attention will be especially reserved on the role assumed by the innovative aspects (technological and organizational) which it can be noted in that transformation process of the main distrectual competitive paradigms. [Italian] La globalizzazione dei mercati sta velocemente imponendo una revisione delle tradizionali regole della competizione internazionale. Per questo motivo i distretti industriali, che sono la massima espressione di un tessuto economico e produttivo fondato sulla piccola e media impresa, sono stati costretti ad intraprendere un percorso di riformulazione delle proprie caratteristiche strutturali, organizzative, tecnologiche e produttive. Lo scopo di questo lavoro e' di illustrare, in un primo momento, i contorni del fenomeno distrettuale e, conseguentemente, di analizzare la situazione competitiva e le prospettive di sviluppo di due aree italiane fortemente specializzate dal punto di vista produttivo: il distretto tessile di Prato ed il comprensorio della ceramica di Faenza. Una particolare attenzione verra' riservata, nel corso dell'analisi, al ruolo assunto dagli aspetti innovativi (technologici ed innovativi) in questo processo di trasformazione dei principali paradigmi competitivi distrettuali.

  5. Siamo stati tutti bambini per un tempo della nostra vita”. Insidie e potenzialità dei ricordi d’infanzia nella ricerca etnografica con i bambini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Satta

    2012-04-01

    Full Text Available A partire da alcune esperienze etnografiche di ricerca con bambini e bambine, questo intervento mira ad indagare in chiave metodologica il tema dei ricordi d'infanzia del ricercatore coinvolto in ricerche empiriche con bambini, analizzando riflessivamente il ruolo giocato da pezzi della sua personale autobiografia nella comprensione dell'infanzia. Se l'attenzione all'aspetto autobiografico è sicuramente cresciuta in tutte le ricerche che adottano metodologie di analisi qualitative, la questione si fa ancora più delicata nel caso di ricerche etnografiche che riguardano i bambini. Non solo per le rappresentazioni sull'infanzia diffuse sia nel senso comune sia in quello più tradizionale delle scienze sociali - ancora non pienamente coinvolte, specialmente in Italia, dal cambiamento di paradigma introdotto dall'approccio della new childhood sociology - ma più specificamente perché, come ben sottolinea Philo, anche il ricercatore è stato nel passato un bambino. Ciò che interessa qui sottolineare è proprio il coinvolgimento del ricercatore che non solo con le sue conoscenze ma con la sua stessa esperienza di vita accede al mondo dei bambini. Il ricordo della propria condizione durante l'infanzia può creare "frammenti di connessione" tra il ricercatore e i bambini, facendo leva sul senso di comunanza dell'aver vissuto quella fase ma senza per questo affermarne una coincidenza e negare le differenze temporali e spaziali esistenti tra le diverse infanzie. Può altresì generare l'effetto opposto, di mitizzazione dell'infanzia del passato e di sradicamento dell'esperienza specificadei bambini dai loro contesti di vita quotidiana.

  6. Anatomic and radiologic correlations in spontaneous hematomas of the rectus abdomninis muscles; Correlazioni anatomo-radiologiche negli ematomi spontanei dei muscoli retti dell'addome

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cavagna, E.; Carubia, G.; Schiavon, F. [Ospedale di S. Martino, Unita' Operativa Autonoma di Radiologia, Belluno (Italy)

    2000-06-01

    findings and explains the reason why most hematomas are found in the lower third of the muscle. The diagnosis, whether clinical or based on imaging findings, needs accurate pathoanatomic knowledge of the anterior abdominal wall. Once the diagnosis has been confirmed (by US or CT) patients should be treated conservatively as those that are operated are at risk of developing complications, mainly hemorrhagic. [Italian] Gli ematomi spontanei dei muscoli retti dell'addome sono frequenti ma talvolta misconosciuti nei pazienti con diatesi emorragiche, in terapia anticoagulante, negli emodializzati, negli anziani. La localizzazione di gran lunga piu' frequente e' nei quadranti inferiori dell'addome. Scopo del presente lavoro - partendo dalla descrizione della peculiare anatomia della parete addominale, in particolare della linea arcuata o semicircolare di Douglas - e' di interpretarne il motivo correlando i quadri anatomici con i rilievi TC. Il muscolo retto dell'addome e' compreso fra le aponevrosi dei muscoli obliqui e trasverso che formano la cosiddetta guaina del retto. Tale disposizione si riscontra dall'arcata costale fino a meta' distanza fra l'ombelico e la sinfisi publica, ove la lamina posteriore della guaina del retto termina con un margine ricurvo, detto linea semicircolare di Douglas. Al di sotto di questa linea le aponevrosi dei tre muscoli passano davanti al retto che si ritrova separato dal peritoneo solo per l'interposizione della fascia trasversale, sottile strato connettivale interposto tra il retto e il tessuto adiposo preperitoneale. Nella regione addominale inferiore l'arteria epigrastrica inferiore e i suoi rami perforanti, decorrendo liberi nel cellulare lasso preperitoneale possono, rompendosi, provocare un vasto ematoma. Dal 1995 al 1999 sono stati osservati 11 casi di ematoma spontaneo dei muscoli retti dell'addome: tutti i pazienti sono giunti allo studio ecografico per la rapida

  7. CARTOGRAFIA STORICA IN AMBIENTE GIS OPEN SOURCE (QUANTUM GIS E GVSIG PER L’ANALISI DELLE DINAMICHE DELL’UTILIZZAZIONE DEI TERRENI: IL CASO DELLA CITTÀ DI CURTEA DE ARGE NEL NOVECENTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriela OSACI-COSTACHE

    2009-11-01

    Full Text Available L’obiettivo principale della ricerca è stato quello di controllare le capacità dei programmiGIS Open Source e, in questa fase dell’indagine, per raggiungere tale scopo ci siamo decisi diconcentrarci su una regione di 28 kmq intorno alla città di Curtea de Arge . Dato che le piùimportanti trasformazioni hanno interessato il ventesimo secolo, abbiamo scelto diapprofondire le dinamiche territoriali tra l’inizio e la fine del Novecento. La ricerca è partitadalle edizioni cartacee di due carte a grande scala stampate durante il Novecento: la cartatopografica in proiezione di Lambert (1929 e la carta topografica in proiezione di Gauss-Krüger (1980. La carta topografica in proiezione U.T.M. (1997 è stata utile solo per il suoreticolato, a causa della piccola scala. La copertura del suolo e le dinamiche dell’utilizzazionedei terreni sono state analizzate con l’aiuto dei programmi Liberi (Free & Open SourceSoftware Quantum GIS e gvSIG. Il presente lavoro è stato diviso in quattro fasi: a lascansione delle carte; b la georeferenziazione; c l’acquisizione dei dati contenuti nelle cartetopografiche, la realizzazione dei livelli vettoriali e la creazione di un DB; d l’analisi dei daticontenuti negli strati vettoriali o raster, grazie ai plugin GRASS (integrato in QGIS e Sextante(integrato in gvSIG. Sono stati applicati i metodi moderni della cartografia digitale, grazie aiprogrammi GIS. L’utilizzo della tecnologia GIS ci ha consentito di rendere coerenti econfrontabili i dati provenienti dalle due carte topografiche stampate nel Novecento, realizzatecon metodi differenti di rilevamento e di rappresentazione cartografica e in diverse proiezioni.La buona sovrapponibilità degli elaborati cartografici del Novecento, co-registrati nelmedesimo sistema di riferimento ci ha permesso la ricostituzione, in ambito GIS, delledinamiche territoriali. Si è ottenuta un’immagine qualitativa e quantitativa delle trasformazionidell’utilizzazione dei terreni

  8. Strategies and methods of development of information systems; Strategie e metodi di sviluppo dei sistemi informativi aziendali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Moretti, M.; Lucchetti, M.C. [Rome Univ. 3, Rome (Italy). Facolta' di Economia Federico Caffe' ; Di Marco, R.A. [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    aziendali viene posto in secondo piano, attraversato soltanto marginalmente e quasi sempre esposto da un punto di vista unico. Si finisce cosi' per avere una conoscenza dell'argomento frammentaria e dispersa, che non permette di gestire poi nella pratica questa fondamentale risorsa aziendale. Coscienti di aver dato solo un piccolo contributo, con questa tesi si e' cercato di ritrovare l'unitarieta' dell'argomento. Questo ha comportato un primo passo fondato sulla ricerca dei pezzi teorici sparsi nelle principali discipline aziendali, che spaziano dall'organizzazione, alla gestione d'impresa, alle strategie, alla qualita' e all'amministrazione. Dopo una fase di introduzione all'argomento, in cui per i meno addetti, si sono descritte e analizzate le molteplici definizioni, necessarie per proseguire con il discorso, si e' passati allo studio dell'impatto del sistema informativo nelle diverse attivita' aziendali. Il punto di vista adottato e' sempre stato il sistema informativo, e tramite di esso si e' entrati nei diversi campi di studio, seguendo un approccio inverso rispetto a quello normalmente seguito. Il concetto chiave che e' emerso da questa analisi e' sintetizzabile in una parola: cambiamento. Cambiamento nella struttura organizzativa, nella definizione di qualita', nelle strategie. Seguendo questa traccia si e', in particolar modo, focalizzato sull'impatto e l'influenza esercitata dalle nuove tecnologie informatiche in molte realta' aziendali, nella definizione delle scelte strategiche. La seconda parte vede applicare questi principi ad un caso concreto, l'ENEA. Anche in questa parte ci si e' concentrati sulle opportunita' strategiche offerte all'ente dalle nuove tecnologie, e si e' misurato l'impatto concreto sulle scelte direzionali. Dal lavoro svolto sul posto, da discussioni con i responsabili, dall'esame di documenti

  9. US patterns of the diaphragmatic crura. Normal anatomy and its variants; Aspetti ecografici dei pilastri diaframmatici. Anatomia normale e sue varianti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Crespi, G.; Martinoli, C.; Cicio, G.R. [Genua Univ., Genua (Italy). Cattedra R di Radiologia DICMI; Zappasodi, F. [Sobborgo Valzania, Cesena, FO (Italy); Valle, M. [Istituto Gaslini, Genua (Italy). Servizio di Radiologia

    2000-06-01

    scans, ranged 3-10 mm in deep inspiration and 1-4 mm in expiration while the left crus was 3-6 mm in inspiration and 1-2 mm in expiration. The length of the right crus, studied in the preaortic portion, ranged form 7 mm in deep inspiration to 9.7 cm in expiration while the left one was 6.5 to 8.8 cm. The right lateral diaphragmatic bundles were seen in 28 subjects only on repeated subcostal oblique scans and the left ones in 11 subjects only. Finally the thin anterior bundles were shown on parasagittal images in 13 cases in the right side and in 2 in the left. A 2-band appearance of the diaphragm was seen 10 patients with pleural effusion and in 8 patients with associated ascites. A single band was found only in the tendinous portion of the diaphragm. US is presently considered the imaging method of choice in the assessment of changes in thickness and length of the diaphragmatic crura. These structures have different US patterns and can sometimes appear quite bulky and thus be easily mistaken for other anatomic or abnormal structures; orthogonal scans may be required for the differential diagnosis. [Italian] Scopo di questo lavoro e' quello di analizzare mediante ecografia, la differente morfologia dei fasci muscolari del diaframma in diverse scansioni e con il variare degli atti respiratori, tenendo conto dell'ampia variabilita' individuale che queste strutture possono presentare. In condizioni normali l'aspetto ecografico del diaframma e' duplice; la porzione tendinea centrale appare come una linea iperecogena, la parte muscolare periferica e' caratterizzata da strutture allungate che assumono morfologia trilaminare nel punto di maggiore spessore. Talvolta lungo il decorso dei pilastri diaframmatici possono presentarsi nodulazioni, reperto che va correttamente identificato al fine di evitare errori interpretativi. Il lavoro e' stato suddiviso in tre parti. Prima si sono esaminate retrospettivamente le immagini di 23 soggetti che

  10. Kinetics of RBCOD (Rapid Biodegradability COD) production from OFMSW (Organic Fermentation Municipal Solid Wastes) for BNR systems; Cinetica di produzione di RBCOD (Rapida biodegradabilita' COD) da FORSU (Fermentazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani) per sistemi BNR

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andreottola, G.; Villa, R.; Ragazzi, M.; Zomer, G.; Foladori, P. [Trent Univ., Trent (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica; Canziani, R. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Sez. Ambientale

    2000-06-01

    In this work a kinetics for the production of RBCOD from OFMSW fermentation is presented. It is based on the results of an experimentation in lab scale under mesophilic conditions (32 degrees Centigrade) without ph control. The HRT ranged from 1.5 to 6 days. The kinetics of the process is characterized by two hydrolytic parameters. The kinetic model is related to the hydraulic retention time. [Italian] Il presente lavoro riporta l'elaborazione dei risultati di una sperimentazione in scala da laboratorio del processo di fermentazione anaerobica della FORSU finalizzata alla produzione di RBCOD utilizzabile in impianti per la rimozione biologica dei nutrienti. La sperimentazione e' stata condotta in condizioni mesofile (32 degrees Centigrade) senza correzione di pH. E' stata caratterizzata la cinetica del processo stimando il grado e la velocita0 di idrolisi e proponendo un modello cinetico del grado di idrolisi della FORSU in funzione del tempo di ritenzione idraulica (HRT).

  11. Commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti di Italianistica e di Traduzione: (identificazione dei punti critici e confronto tra i gruppi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirjam Premrl

    2009-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo l'autrice si concentra sull'osservazione e sul commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti del 2., del 3. e del 4. anno del corso di laurea in Lingua e letteratura italiana, del 2. e del 3. anno del corso di Laurea in Mediazione interlinguistica e del 4. anno del corso di laurea in Traduzione. Il punto in comune di tutti e tre i corsi è l'insegnamento esplicito delle caratteristiche e del funzionamento del sistema verbale italiano, anche se nell'ambito di Italianistica la quantità di ore dedicate a questo tipo di insegnamento è superiore rispetto a quella prevista nell'ambito di Traduzione, mentre nell'ambito di Traduzione una quantità maggiore di lezioni concerne esercitazioni di traduzione e composizione di testi. Per gli scopi della ricerca è stato elaborato un test composto da cinque testi autentici brevi ma completi e da un brano tratto dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, trasformati in seguito nei cloze. Ma visto che la scelta della forma verbale nei cloze dipende non soltanto dalla conoscenza degli usi, bensì anche dall'interpretazione felice del mondo testuale, i cloze sono stati completati da attività quali sottolineare espressioni sconosciute, tradurre il testo in sloveno, completare i cloze preceduti dalla versione slovena del testo. Dai risultati traspare che gli studenti non hanno problemi particolari nella comprensione del mondo testuale, mentre incontrano difficoltà nell'interpretazione attiva delle sue caratteristiche e nell'applicazione degli usi alla realtà extralinguistica. Per la quantità di usi inappropriati si rivelano come i più critici fenomeni quali l'anteriorità nell'ambito delle frasi indipendenti e relative, l'espressione della temporalità relativa nell'ambito dei costrutti sintattici complessi e nel discorso indiretto libero, il preludio, la scelta tra il perfetto e l'imperfetto e l'espressione di notizie riferite su azioni passate

  12. Plastica Dei et rhétorique du corps. Écritures de l’apparence au Moyen Âge (XIIe-XIIIe siècles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos F. Clamote Carreto

    2008-08-01

    Full Text Available Résumé : (Dé voilant les sept arts libéraux sous les traits emblématiques de dames dont les corps élégants et séducteurs sont parés de somptueux vêtements ornés de toutes les figures et couleurs de style, le fameux traité de Martianus Capella, Les noces de Philologie et de Mercure, qui fixera pour plusieurs siècles à venir le concept de littérature et toutes les formes du savoir clérical ancrées dans l’art de la lettre, assume sans ambages la défense du plasma fictionnelle contre l’empire de la plastica Dei dont Tertullien s’était fait, quelques siècles auparavant, le plus virulent des avocats. Cette déchirure épistémologique, renforcée par l’ambivalence inhérente à la conception du corps et de la parure dans la tradition biblique et exégétique, marquera définitivement les contours du récit médiéval et la conception même de l’apparence et du paraître dans l’Occident médiéval. L’imaginaire courtois développe ainsi une sémiologie complexe où les ornements qui recouvrent à profusion la surface du corps, lui assignant (ou refusant une place dans la société et dans la vaste syntaxe du monde, sont autant de métaphores reluisantes et trompeuses de l’ornatus rhétorique sur lesquelles s’appuiera, au fil des textes, toute une réflexion sur le langage poétique et le pouvoir de la représentation.Abstract : Plastica Dei and the Rhetoric of Body. Writings of Appearance in the Middle Ages (12th -13th CenturiesRevealing the Seven Liberal Arts through the emblematic features of ladies whose elegant, seductive bodies are covered with sumptuous clothes, adorned with all the figures and colours of style, the famous work by Martianus Capella, The marriage of Philology and Mercury - which will establish, for many centuries to come, the concept of literature as well as all the other forms of clerical knowledge anchored on the art of the letter- assumes clearly the defence of the fictional plasma vis

  13. I musei e la progettazione partecipata: l’esperienza dei musei nazionali di Lucca in un contesto multiculturale / Museums and participatory design: the experience of the National Museums of Lucca in a multicultural context

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ludovico Solima

    2015-12-01

    Full Text Available Il patrimonio culturale può essere un elemento importante su cui basare azioni di dialogo interculturale con i nuovi cittadini, provenienti da culture diverse, di un dato territorio. Uno dei modi per avviare tali azioni è la progettazione partecipata, che vede il coinvolgimento dei destinatari sin dalle prime fasi di avvio di un determinato progetto. In questo contesto si inserisce il progetto Tutti al Museo! dei Musei Nazionali di Lucca, che ha previsto lo svolgimento di laboratori didattici destinati a classi costituite sia dai residenti sia dai “cittadini italiani di adozione”; nella fase di progettazione si è fatto ricorso ad incontri con genitori, mediatori culturali e insegnanti per mettere a punto un’offerta calibrata; durante lo svolgimento dei laboratori si è proceduto all’osservazione diretta degli stessi; al termine del ciclo di laboratori sono state raccolte le valutazioni e le reazioni di tutti i partecipanti (ragazzi, genitori, insegnanti, mediatori culturali, etc..   Cultural heritage can be an important element for actions aiming at the development of intercultural dialogue with new citizens coming from different civilizations. One way to start such actions is participatory design, involving final users since the very first phases of a given project. The project Tutti al Museo! of “Musei Nazionali di Lucca” falls in such a context; it has been based on the creation of didactical workshops for classes including both young residents and “new Italian” citizens; in the design phase, meetings with parents, cultural mediators and teachers were held in order to plan a customized didactical proposal; in the next phase, workshops were observed by experts to gather not mediated and useful information; at the end of the workshops period, evaluations and feedbacks from all participants (pupils, parents, teachers, cultural mediators, etc. were gathered.

  14. Flow and suspended sediment yield monitoring of the Apennines' watershed of the Sillaro stream (Prov. BO). 1998 Data analysis; Monitoraggio del deflusso liquido e solido del tratto appenninico del T. Sillaro. Analisi dei dati del 1998

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pavanelli, D.; Taglioli, G. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. Economia e Ingegneria Agrarie; Sarti, A.

    2000-07-01

    The accurate assessment of surface water erosion in watershed is aided by the indications provided by the yield of fluvial solids and in particular by suspended sediment yield. Confining itself to a research study of hydrological and erosion phenomena present at the mountain watershed of the Sillaro Torrent, a monitoring station of water flow and sediment yield was set up at the enclosed end of the mountain basin. This paper contains the presentation and evaluation of the statistics revealed during the course of 1998. The fluctuation of sediment yield appears to be connected to the variation of water flow, the annual soil loss has been assessed at 54446 t, equal to an average soil loss over the entire basin of 0.26 mm. [Italian] La stima diretta dell'erosione idrica superficiale a scala di bacino idrografico puo' avvalersi delle indicazioni fornite dal trasporto solido fluviale, ed in particolare dal trasporto in sospensione. Nell'ambito di una ricerca volta allo studio dei fenomeni idrologici ed erosivi a carico del bacino montano del T. Sillaro (prov. BO), e' stata realizzata, presso la sezione di chiusa del bacino, una stazione di misura per il monitoraggio dei deflussi liquidi e della torbida. Nella presente nota viene fornita la descrizione e la valutazione dei dati rilevati nel corso del 1998. Le fluttuazioni dei valori di trasporto torbido appaiono legate alle variazioni di portata, mentre il deflusso torbido annuo per il 1998 e' stato valutato in 54.446, pari ad una perdita annua media di suolo sull'intero bacino di 0.26 mm.

  15. Il Registro della confraternità dei pellicciai di Udine. A cura di Federico Vicario. Biblioteca di Lingua e Letteratura friulana, 4. - Forum, Editrice Universitaria Udinese, Udine 2003; pp. 204

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    2004-12-01

    Full Text Available L'edizione, in una veste tecnicamente impeccabile, ha come scopo principale quello di presentare i1 registro di una importante confraternita udinese del tardo Medioevo, quella dei pellicciai. In questo ambiente climatico tale mestiere deve esse­ re stato importante; e vedrei una prova nel fatto che viene menzionato, a parte gli beçars - macelatores (es. 42, l'unico, negli Esercizi di versione dal volgare friulano in latino nel sec. XIV in una scuola notarile cividalese dove si legge: L'ager gait, qual è d'estat, fas spargna lis pliçis, chosa ricrisint agl piliças. Ager calidus, qualis est in estate, facit parsimonucare renones, re cuius tedet pelixarios, (es. 40. Il curatore della pubbli­ cazione del Registro, Federico Vicario, vanta già una decina di pubblicazi.oni di testi analoghi e con l'attuale ha aggiunto un ulteriore testo prezioso per la nostra cono­ scenza del friulano antico. Il Registro è l'elenco dei censuari, però, oltre ad essere un documento della vita e dei rapporti sociali del Tre- e Quattrocento, offre un quadro linguistico del friulano in un'epoca in cui la letteratura vera e propria in friulano offre  poco.

  16. Composting and anaerobic digestion of MSW (Municipal Solid Waste) organic fraction. Energy and CO{sub 2} balances; Compostaggio e digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti. Bilanci energetici e del carbonio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Benedetti, B. [Turin Politecnico, Turin (Italy). Dipt. di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica; Genon, G. [Turin Politecnico, Turin (Italy). Dipt. di Georisorse e Territorio; Marino, M. [Life Cycle Engineering, Environmental Park, Turin (Italy)

    2001-12-01

    The aim of this study is the comparison between different technologies for the treatment of the organic fraction of Municipal Solid Waste. The Life Cycle Assessment (LCA) methodology constitutes the basic approach of the work, as reference international method of analysis, and allows to compare the energy and CO{sub 2} balances taking into account the fractions deriving from renewable resources or from fossils resources. Results obtained show a significant advantage of the anaerobic treatment of MSW if compared with composting technology: obviously this conclusion refers only to an environmental point of view. [Italian] Lo scopo di questo studio e' la comparazione tra differenti tecnologie utilizzate per il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani. L'analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment, LCA) costituisce l'approccio metodologico utilizzato in modo da garantire il confronto tra i bilanci energetici e della CO{sub 2} soprattutto tenendo conto della frazione biologica dei rifiuti. I risultati ottenuti mostrano, per quanto riguarda gli aspetti piu' strettamente ambientali, un vantaggio del sistema che prevede il trattamento anaerobico dei rifiuti.

  17. Limits and Perspectives of cultivation of Biomass crops in marginal areas of Campania Region: the case of the so called "Terra dei Fuochi".

    Science.gov (United States)

    Fagnano, Massimo; Fioretnino, Nunzio

    2017-04-01

    The definition of a soil contamination is a 2 step process, based on screening values and risk analysis. The variability of values of screening values across Europe casts some doubts about the ecological and toxicological meaning of such values. In the case of agricultural soils, the situation is more unclear since there is not a clear process for evaluation of the suitability of a soil for food production. Different methods have been proposed (i.e metal bioavailability by using different extracting agents), but the final response is given by plant analyses that can assess if the contaminants have been accumulated in edible organs. The study case of the so called Terra dei Fuochi (plainy area of Campania Region, Southern Italy) is presented, since in this area the LIFE-Project Ecoremed was developed with the aim to identify the contaminated soils in the perspective of their phytoremediation with biomass crops that could be used as source of renewable energy, thus avoiding competition for land between energy and food crops. At the end of assessment activities, the contaminated agricultural soils in this area resulted too few (about 30 ha) for satisfying the exigence of a bio-refinery. Therefore in Terra dei Fuochi area there aren't perspectives for biomass crops, because there is an intense production of high-value, healthy and safe vegetables and water buffalo mozzarella cheese, that are exported worldwide. Instead other marginal areas are very spread in internal hilly arable land of Southern Italy where 100,000 ha of durum wheat are not sustainable both from economic and environmental points of view. In particular, yields are very low (2-3 t/ha) and income (4-600 €/ha) doesn't cover the cultivation costs; soils are vulnerable to soil losses due to water erosion (not covered from tillage in August to germination in November) in the months in which rainfall erosivity is higher. A reasonable percentage of this area (i.e. 10%) could be used for producing biomasses

  18. Valutazione dell'efficienza e dell'efficacia dei presidi ospedalieri della regione Piemonte. Basi per la revisione della rete ospedaliera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Garramone

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la revisione della rete ospedaliera ha come finalità la creazione di un sistema integrato che sia in grado di ottimizzare la qualità degli interventi con un utilizzo più razionale delle risorse. Obiettivi: effettuare una valutazione di efficienza e di efficacia degli ospedali piemontesi, essenziale per la riorganizzazione della rete ospedaliera.

    Materiali e Metodi: lo studio ha riguardato dapprima
    i presidi ospedalieri in “toto” e, successivamente, specifiche aree di attività (Area materno infantile, Pronto Soccorso, Chirurgia generale, Medicina Interna, Ortopedia-Traumatologia. Per valutare l’efficienza dei presidi in “toto”, sono stati utilizzati: peso medio DRG, % di occupazione posti letto, indice comparativo di performance, % di
    appropriatezza. Per valutare l’efficacia invece, la mortalità a 30 giorni standardizzata per il grado di severità clinica per le malattie cerebrovascolari e la mortalità intraospedaliera grezza per infarto miocardico acuto ed edema polmonare acuto.
    L’efficienza delle singole aree è stata studiata attraverso indicatori specifici (dati di attività, % di appropriatezza, % occupazione posti letto, etc.. È stato inoltre utilizzato l’indice di fiducia, indicatore che descrive la percentuale di cittadini che ha utilizzato l’ospedale di riferimento per prestazioni da questo potenzialmente erogabili. Per consentire il confronto tra ospedali di differenti dimensioni, essi sono stati suddivisi in diversi gruppi in base al numero dei posti letto.

    Risultati: i valori di tutti gli indicatori considerati
    sono risultati progressivamente migliori con l'aumentare
    del numero di posti letto evidenziando concentrazioni di inefficienza negli ospedali di minori dimensioni (I 250 p.l.. La percentuale di indicatori positivi e risultata significativamente correlata (0,68 alle dimensioni degli ospedali, passando

  19. The insecticide lindane. Identification of possible risks for human reproduction; L'insetticida lindano. Identificazione dei rischi possibili per la riproduzione umana

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Traina, M.E.; Urbani, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Lab. di Igiene Ambientale, Rome (Italy); Rescia, M.; Mantovani, A. [Istituto Superiore di Sanita' , Lab. di Tossicologia Comparata e Ecotossicologia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    riproduttivo a lungo termine. In questa rassegna e' stata pertanto effettata una revisione critica della letteratura scientifica sugli effetti di questo principio attivo sul sistema riproduttivo maschile e femminile, sulla gravidanza e sullo sviluppo. Attraverso un'analisi del consumo di prodotti a base di lindano e una valutazione dei livelli di questo principio attivo nell'ambiente e nei liquidi e tessuti biologi, con particolare riguardo alla situazione italiana, sono stati definiti i possibili periodi di maggiore esposizione (anni 1960-70) a quest'insetticida. Il presente rapporto intende costituire uno strumento di lavoro per chi compie studi di tossicologia sperimentale e di epidemiologia, per la prevenzione dei rischi riproduttivi negli ambienti di vita e di lavoro.

  20. L’Arma dei Carabinieri e le attività di prevenzione e repressione delle organizzazioni criminali /The « Arma dei Carabinieri » and the prevention and repression of organized crime / L’Arme des Carabiniers et les activités de prévention et de répression des organisations criminelles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Parente Mario

    2010-03-01

    Full Text Available Organized crime now has an international face: it controls illegal international activities and all the huge profits made by drug trafficking, the illegal weapons business, money laundering and trafficking of human beings. There are new criminals in the international criminal scene: people from North Africa, Nigeria, Albania, Macedonia, Kosovo, Russia and China.Italy is the destination of much illegal migratory flow, so the “Arma dei Carabinieri” is investigating criminal organisation thanks to new investigative resources.It remains a hard obstacle to overcome. Organized crime exploits different countries’ legal systems and exploits the police’s techniques of investigation.In order to fight international organized crime and the trafficking of human beings, it’s important to increase international co-operation and to promote legal agreements.

  1. Le cure educative nella scuola di Mompiano e nelle Case dei bambini di Roma e Milano in età giolittiana.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Pironi

    2007-07-01

    Full Text Available Nell’importante fase di modernizzazione che investe la società italiana agli inizi del Novecento, il problema delle istituzioni infantili prescolastiche diventa centrale nel dibattito pedagogico del tempo. Rilevante appare il contributo offerto dall’emancipazionismo femminile per un superamento delle vecchie pratiche filantropiche in vista di un moderno concetto di assistenza: ciò implica il superamento della visione puramente custodialistica dell’ “asilo”, di cui si sottolinea l’importante funzione educativa, con una conseguente riflessione sulle “cure” da destinare all’infanzia. E’ proprio in questo momento che si realizzano due esperienze educative, su cui converge subito l’attenzione del mondo politico e pedagogico, e che diventeranno due punti di riferimento per l’educazione infantile. Si tratta di due “modelli” profondamente segnati dalla differenziata situazione socio-culturale in cui vengono inizialmente sperimentati: la Scuola materna di Rosa Agazzi, espressione di un’Italia ancora in prevalenza agricola e contadina; la Casa dei bambini di Maria Montessori, concepita in un progetto di riqualificazione urbanistica, nella realtà di degrado sociale delle grandi periferie di Roma e di Milano.

  2. Recycling of cementitious scrap inert in the manufacture of fiber composite materials; Riciclo dei materiali inerti cementizi per la produzione di materiali compositi fibrosi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Buccolieri, G. [Lecce Univ. (Italy). Dipt. Scienza dei Materiali; De Luca, F.; De Stefano, L. [Ente Nazionale per l' Energia Elettrica, Brindisi (Italy). Area Ambiente; Paglietti, F. [ECOTEC Srl, Rome (Italy); Plescia, P. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Rome (Italy). Istituto Trattamento Minerali

    1999-04-01

    The disposal of cementitious scrap materials, coming from demolition and construction actives, it is a problem of enormous environmental impact, either for the quantities in play, either for the lack of the fit sites to receive them. In the present work is described a recycling technology of such residual for the production of fiber composites, as thermo acoustical insulating materials or fiber-reinforced, that could be applied also to the cement-asbestos like the eter nit. In this case, inertization and re-use of refusal, also otherwise classified like special or dangerous according to his state of preservation, is archived. [Italian] Lo smaltimento dei materiali inerti cementizi, derivanti da attivita' di demolizione e costruzione, e' un problema di enorme rilevanza ambientale, sia per i quantitativi in gioco sia per la mancanza di siti a riceverli. Nel presente lavoro e' descritta una metodologia di riciclo di tali residui per la produzione di materiali compositi fibrosi, come isolanti termoacustici e fibrorinforzanti, che puo' essere applicata anche al cemento animato tipo eternit. In questo caso si ottiene anche l'inertizzazione ed il riutilizzo di un rifiuto altrimenti classificato come speciale o pericoloso a seconda del suo stato di conservazione.

  3. Popular o non popular? I tardi anni Sessanta, la controcultura e l’avanguardia nella musica rock. L’esempio di "Ummagumma" dei Pink Floyd

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Philippe Gonin

    2017-05-01

    Full Text Available In alcuni generi che emergono nella popular music della fine degli anni Sessanta, quali progressive, art o psychedelic rock, la tensione verso la sperimentazione sembra essere la principale preoccupazione dell’ “avanguardia pop”, sia negli Stati Uniti (con figure come Frank Zappa, The Velvet Underground, The Grateful Dead, che nel Regno Unito (AMM, Pink Floyd, The Beatles, Soft Machine. In questi repertori si evidenziano due principali tipologie di approcci, che possono essere definiti “tentazione sinfonica” e “tentazione sperimentale”. L’obiettivo di questo contributo è mostrare come, alla fine degli anni Sessanta, i confini tra popular music, free jazz, musica sperimentale e “musica d’arte” si siano progressivamente indeboliti, se non addirittura siano completamente superati. A partire da una panoramica generale del decennio, il saggio si concentra sulla combinazione di modalità compositive tipiche dell’avanguardia, della musica d’arte e della popular music, concentrando l’attenzione su tre aspetti: sperimentazione nel rock della fine degli anni Sessanta; sperimentazione nella musica dei Pink Floyd; analisi di alcuni pezzi tratti dall’album Ummagumma.

  4. Imago et similitudo Dei: op soek na die betekenis van die mens as beeld en gelykenis van God vanuit ’n Christelikfilosofiese hoek

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B.J. van der Walt

    2008-07-01

    Full Text Available Imago et similitudo Dei: the meaning of humans being God’s image and likeness investigated from a Christianphilosophical perspective This investigation is an effort to determine the meaning of the Biblical revelation that human beings were created in the image and likeness of God and to do so from a Christian-philosophical perspective. The following steps are taken: The introduction is a reminder that one’s view of reality (ontology and of being human (anthropology is decisive in terms of how one will understand the meaning of “imago Dei”. It is illustrated, firstly in the older essentialistic (or ontological viewpoints, which explained the image of God in man analogically, in other words as similarity and difference between the divine and human natures. Next, it is indicated that the more recent relational viewpoints on the image of God also cannot really indicate its full richness. The next section provides an exposition of how a few reformational philosophers understood this mysterious Biblical expression about the human being. It is indicated how their viewpoint about human beings can solve many misconceptions connected with the “imago et similitudo Dei” and also open new, wider perspectives. The concluding part will summarise the results of the investigation.

  5. Nuove centralità in periferia. La modificazione dei quartieri di edilizia sociale / New centrality in the suburbs. The modification of Social Housing Estates

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valter Balducci

    2013-09-01

    Full Text Available La riforma dei quartieri di edilizia sociale realizzati nel periodo postbellico appare nelle città europee come un’occasione di riordino del paesaggio delle periferie urbane. L’analisi dell’ampio patrimonio di operazioni di rigenerazione che ha investito questi quartieri con l’obiettivo della loro trasformazione in nuove centralità nella periferia contemporanea permette di cogliere diverse strategie operative in cui si coniugano istanze di continuità del progetto moderno, di metamorfosi della struttura insediativa, e di ridefinizione del rapporto tra città e natura. / The reform of social housing estates carried out in the post-war period appears an opportunity in European cities to reorder the landscape of the urban outskirts. Analysis of the vast heritage of regeneration operations that has impacted these estates with the objective of transforming them into new centralities in the contemporary suburbs allows the marriage of different operational strategies that combine instances of continuity in the modern project, metamorphoses of settlement structure, and a redefinition of the relationship between city and nature.

  6. Laser-based techniques applied to the diagnostic of combustion systems; Applicazioni delle tecniche laser alla diagnosica dei sistemi di combustione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Migliavacca, G.; Lopinto, P.; Parodi, E. [Stazione Sperimentale per i Combustibili, San Donato Milanese, MI (Italy)

    2001-04-01

    The design and the optimisation of modern and efficient combustion systems need detailed studies and in situ investigations of the complex dynamics of the chemical and fluido-dynamic processes involved. The optical techniques, based on the application of laser radiation, like Laser Induced Fluorescence (LIF), Raman spectroscopy and scattering techniques are particularly suited for this purpose, since they supply non-intrusive and multiparametric measurements having a high spatial and temporal resolution. This paper presents a general review of the most promising techniques in the field, along with a brief summary of their possible application. [Italian] La realizzazione e l'ottimizzazione di moderni ed efficienti sistemi di combustione richiede una investigazione in situ ed un dettagliato studio della complessa dinamica dei processi chimici e fluidodinamici che in essi hanno luogo. Le tecniche ottiche, fondate sull'utilizzo della radiazione laser, come quelle LIF (Laser Induced Fluorescence), la spettroscopia Raman e quelle basate sui processi di scattering sono particolarmente adatta a questo scopo giacche' forniscono misure non intrusive e multiparametriche con una alta risoluzione spaziale e temporale. Nella presenta rassegna viene presentata una panoramica generale delle tecniche maggiormente promettenti e diffuse in questo campo, insieme ad un breve compendio delle loro possibili applicazioni.

  7. La visión infinita en El Aleph de Jorge Luis Borges y en De visione Dei de Nicolás De Cusa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Šabec Maja

    2015-12-01

    Full Text Available Jorge Luis Borges integrated in his work a large amount of metaphysical challenges, especially his obsession with the concept of infinity which is present in almost all of his texts in the form of bookshelves, deserts, branched roads etc. Infinity is, for this Argentinian writer, a dimension which dissolves the reality or which it transforms into another reality, one of neverending multiplications, reflexions, dreams and illusions. In his emblematic short story El Aleph, the thoughts concerning infinity concentrate on the possibility of a human to achieve a complete understanding of the inconceivable universe; thus this understanding is represented by the metaphor of simultaneous visualisation of all the point of the universe in all the moments interlaced in a small sphere. It is on the basis of these two relative points, the human knowledge on the one hand and its metaphoric representation on the other hand, that we explore the possible correlations between Borges´s approach and the thinking of Nicolas de Cues, a 15th century theologist and philosopher who on the basis of his idea, according to which God is infinite and perfect, considers in his treatise De Visione Dei, the difference between God´s infinite capacity of sight and the limitations of the human vision which is the cause of the human incapacity to achieve complete knowledge.

  8. Prostatic biopsy in the prostate specific antigen gray zone; La biopsia prostatica multipla nalla zona grigia dei valori dell'antigene prostatico specifico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Drudi, F. M.; Ricci, P.; Iannicelli, E.; Di Nardo, R.; Novelli, L.; Laghi, A.; Passariello, R. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Ist. di Radiologia II Cattedra; Perugia, G. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Urologia U. Bracci

    2000-02-01

    valore soglia di 0,15; rapporto antigene prostatico specifico libero/totale tra 15 e 25%; valutazione a distanza di tempo dell'antigene prostatico specifico (3 prelievi seriati ogni 30 giorni per 2 mesi), esplorazione rettale negativa, ecografia transrettale negativa. Nei 34 pazienti selezionati i risultati bioptici hanno dimostrato la presenza di neoplasia prostatica in 5 pazienti (15%), in 2 (6%) e' stata posta diagnosi di carcinoma in situ (1 Pin : 1 Pin 2). Nei 27 pazienti residui i risultati bioptici hanno evidenziato in 4 (12%) prostatite, in 23 (62%) ipertrofia prostatica benigna. I valori dell'antigene prostatico specifico hanno mostrato andamento crescente in tutti i pazienti con biopsia positiva, mentre tale incremento si e' verificato solo in 6 pazienti (22%) dei 27% con biopsia negativa. Lo studio conferma che la biopsia prostatica evidenzia tumori maligni anche nelle sedi apparentemente normali all'ecografia transrettale e all'esplorazione rettale. Evidenzia che nei pazienti con tumore maligno della prostata si e' sempre avuto costante numero dei valori dell'antigene prostatico specifico nel tempo. Dimostra che il confronto tra i risultati bioptici ed i valori dell'antigene prostatico specifico e di tutte le elaborazioni non ha consentito di definire esattamente il ruolo clinico che la biopsia deve svolgere nell'ambito della diagnosi della neoplasia prostatica.

  9. NUOVE DIAMESIE: L’ITALIANO DELL’USO E I NUOVI MEDIA (CON UN CASO DI STUDIO SULLA RISALITA DEI CLITICI CON "BISOGNARE"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Prada

    2017-03-01

    Full Text Available L’articolo si sofferma sulle tendenze evolutive manifestate dall’italiano negli ultimi decenni, in particolare in relazione alle possibilità offerte e ai bisogni indotti dalle nuove tecnologie. Nel dettaglio, analizza gli effetti linguistici operati dalla ridefinizione delle caratteristiche della scrittura, che ha portato, almeno in alcuni contesti, anche a una semplificazione generale dei testi scritti, producendo una sorta di italiano scritto medio, varietà alla base dei testi neomediali. Essa pare caratterizzata da notevole variabilità e mutevolezza, in parte dipendenti dalle caratteristiche dell’utenza, in parte dalla sua storia, in parte dalla situazione comunicativa in cui viene usata. Dopo aver considerato che l’etichetta sociolinguistica più adatta a descriverla, tra quelle attualmente a disposizione, è modo d’uso della lingua, se ne sottolinea la natura di costrutto della comunità degli utenti (di varietà di Ausbau, entro certi limiti. Si tratta di un modo d’uso in cui trovano espressione anche fenomeni marginali o d’avanguardia, come la risalita del clitico con il verbo bisognare, la cui diffusione viene studiata sia nei testi neomediali, sia in quelli tradizionali, mostrando che i primi, in cui essa è più frequente, potrebbero avere la capacità di autorizzare fenomeni di margine anche solo per l’esposizione garantita ad essi dalla frequenza con cui occorrono. New diamesia: l’italiano dell’uso and new media (with a case study on the resurgence of clitics with "bisognare" The article focuses on evolutionary trends in Italian in recent decades, particularly in relation to the possibilities offered and the needs brought about by new technologies. In particular, it analyzes the linguistic effects of the redefinition of the characteristics of written language. This has led, at least in some contexts, to a general simplification of written texts, producing a sort of italiano scritto medio the variety at the base

  10. I Maestri dei maestri. Scuola, società, critica in Interesting Times di Eric Hobsbawm e Out of Place di Edward Said.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Pala

    2013-12-01

    Full Text Available Due fra gli intellettuali più famosi e significativi del Novecento, il filologo e comparatista  Edward Said e lo storico Eric Hobsbawm, esponenti di una critica militante e attenta alla sfera sociale, si confrontano con il passato attraverso le rispettive autobiografie – Out of Place (Said 1999 e Interesting Times (Hobsbawm 2002 - in cui non solo tracciano un bilancio di un’esistenza privata, quanto di un intero periodo storico: siamo di fronte a opere autobiografiche, ma dotate anche di un marcato carattere metanarrativo, riflessioni introvertite sul raccontare, fare storia e sulle motivazioni alla base dell’attività critica.Proprio su questo sfondo, non può sfuggire come i due lavori dedichino molto spazio alle esperienze scolastiche: la scuola- anzi le scuole, rigorosamente al plurale sia per Said che per Hobsbawm- corrispondono infatti a diverse forme di socialità, segnalano ambienti diversi in senso cronologico e geografico, contrassegnati da costumi e ordinamenti eterogenei; rappresentano inoltre l’incontro con l’autorità costituita al di fuori dalla famiglia, e marcano così il progresso verso una piena autocoscienza dell’individuo nel contesto materiale della sua collocazione storica e culturale. In altre parole, sono proprio le scuole a scandire in primo luogo il processo di maturazione dei due autori in questione. E poiché sia Said che Hobsbawm elaborano un proprio stile molto personale nei rispettivi campi d’azione, non siamo di fronte a una scrittura ingenua; c’è un’evidente struttura retorica che sostiene questa narrazione di sé.

  11. Assessment of nitrate dynamic in soil after 12 years of continuous treatments with mineral fertilizers or sewage sludges; Dinamica dei nitrati in suoli fertilizzati con fanghi di depurazione o concimi minerali dopo 12 anni di trattamenti continuativi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mantovi, P.; Cortellini, L. [Centro Ricerche Produzioni Animali SpA, Reggio Emilia (Italy)

    2001-10-01

    This paper summarizes the results on soil nitrate migration following the application of mineral fertilizers and sewage sludge. Soil nitrate concentration was monitored from April 1999 to July 2000 in the context of a long term agronomical experimentation in progress since 1988 in Ravenna, in the Easter Po Valley about the utilisation of sewage sludges and mineral fertilizers on a short term rotation on crop plants (winter wheat - sugarbeet - maize rotation). In this study 10 different treatments were compared, 4 of which with inorganic dressing and 6 with organic fertilisation. Inorganic dressing consists of in 4 rates of urea (0-33-66 and 100% of recommended input, i.e. 180, 120 and 300 kg N ha{sup -}1 yr{sup -}1 for wheat, sugar beet and maize, respectively). Organic fertilizations consist in treatments with liquid , dewatered and composted sewage sludge at two rates, 5 and 10 t DM ha{sup -}1 yr{sup -}1. Soil from each plot was sampled 4 times in strategical moments of the agricultural cycle, up to a depth of 160 cm (5 strata). Each sample was analysed for nitrate nitrogen. Results shows that nitrate accumulation occurs in soils treated with the highest rates of mineral fertilisers or sewage. [Italian] Nell'ambito di una sperimentazione agronomica sull'impiego di fanghi di depurazione e concimi chimici su colture erbacee (frumento, bietola e mais in avvicendamento), condotta da 12 anni a Ravenna, e' stata controllata la dinamica dei nitrati nel corso di 16 mesi da aprile 1999 a luglio 2000. Sono stati confrontati 10 diversi trattamenti di cui 4 con sola concimazione minerale, corrispondenti allo 0-33-66 e 100% della dose massima consigliabile per le diverse colture nelle condizioni in cui e' condotta la sperimentazione (180, 120 e 300 kg N ha{sup -}1 a{sup -}1 rispettivamente per frumento, bietola e mais), e 6 con fanghi di depurazione liquidi, disidratati e compostati impiegati alle due dosi di 5 e 10 t s.s. ha{sup -}1 a{sup -}1. Per

  12. Il lavoro penitenziario: la dimensione umana del carcere e della città che lo accoglie. L’esperienza della cooperativa sociale Rio Terà dei Pensieri/Le travail carcéral : la dimension humaine de la prison et de la ville qui l'abrite. L'expérience de la coopérative sociale Rio Terà dei Pensieri/Prison inmates work: the human dimension of the prison and the town where prison is built in. The experience of social cooperative Rio Terà dei Pensieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Ferrara

    2013-12-01

    Full Text Available Il lavoro approfondisce, nella parte teorica, le tematiche relative alla pena detentiva, analizzando la tradizione sociologica sull’argomento e confrontandola con le contingenze attuali, ponendo specifica attenzione al «problema» dell’immigrazione; traccia in seguito il quadro normativo relativo al lavoro in carcere e, contestualmente, alle cooperative sociali, quale cornice entro cui presentare i dati afferenti alla parte empirica. La ricerca di approccio quantitativo ha analizzato i dati dei dipendenti della Cooperativa al fine di rilevare la porzione di posti di lavoro garantiti dalla stessa rispetto al totale dei detenuti della Regione Veneto e della città di Venezia; la ricerca di approccio qualitativo ha indagato l’impatto delle attività della Cooperativa all’interno del carcere (osservazione, trattamento, misure alternative e al suo esterno (percezione dei cittadini rispetto agli istituti penitenziari. La première partie de cet article s’attache à analyser certains aspects de la détention à travers la littérature sociologique et accordant une attention particulière aux « problèmes » d’immigration. Ensuite, l’auteur examine les lois sur l’emploi en milieu carcéral et, parallèlement, les coopératives sociales. Dans la deuxième partie, l’auteur prend en considération les données provenant d’une étude quantitative menée parmi les salariés de la coopérative Rio Terà dei Pensier dans le but d’estimer le pourcentage d’emplois assuré par cette coopérative par rapport au nombre total de détenus en Région de Vénétie et dans la ville de Venise. De plus, en ce qui concerne la partie qualitative de cette recherche, l’auteur se penche sur l’impact des activités menées par cette coopérative tant en prison (traitement et réinsertion des délinquants, mesures alternatives à la détention qu’à l’extérieur (les perceptions qui ont les citoyens de la prison. The first part of this article

  13. Il ruolo della Bandiera Arancione per la valorizzazione dei piccoli comuni dell’entroterra / The role of the “Bandiera Arancione” (Orange Flag for the enhancement of inner small towns

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tonino Pencarelli

    2016-06-01

    Full Text Available Obiettivo del lavoro è illustrare l’efficacia dei marchi ambientali nella valorizzazione dei piccoli comuni dell’entroterra, sia dal punto di vista della comunicazione turistica che da quello della qualità del territorio. La ricerca si focalizza sulla Regione Marche. Si analizzano le modalità di sfruttamento e valorizzazione del marchio Bandiera Arancione di tutti i comuni che hanno ricevuto il riconoscimento, oltre che la percezione degli enti locali circa le performance turistico-ambientali conseguite grazie ad esso. L’indagine è stata svolta somministrando un questionario (metodo CAWI ai referenti dei 19 comuni Bandiera Arancione 2014. Dallo studio emerge come essi non sfruttino appieno le potenzialità offerte dalla certificazione, sia in termini di co-branding che di coinvolgimento degli stakeholders, ma riconoscano, tuttavia, l’importanza strategica rispetto alle finalità che l’adesione a Bandiera Arancione si propone di raggiungere a beneficio del territorio. The main purpose of this paper was to determine the extent to which environmental awards may help enhancing the small-towns heritage. Focus was set on the Orange Flag to understand if municipalities properly take advantage of the award both in their communication policies and in the sustainable development of their territory. The survey was based on a questionnaire (CAWI method forwarded to the 2014 Orange Flag municipalities in the Marche region. The research revealed that municipalities do not take full advantage of the possibilities provided by the award mainly in terms of co-branding and stakeholders’ involvement. Even if they recognize great validity to the programme, the findings raised in this paper suggest a more efficient use of the award. In particular, a better use of co-branding policies and a wider sharing of sustainability issues are suggested.

  14. “Economic heritage impact assessment” come strumento per valutare gli impatti dei grandi progetti di riqualificazione delle città costiere siti Unesco. Il caso studio di Torre Annunziata nel golfo di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariarosaria Angrisano

    2015-12-01

    Full Text Available Quest’articolo parte dallo studio delle città portuali storiche, siti UNESCO, che oggi affrontano la sfida della riqualificazione dei waterfront urbani attraverso la conservazione del patrimonio culturale e paesaggistico. Le raccomandazioni sull’ “Historic Urban Landscape”, e gli strumenti operativi promossi dall’ICOMOS “Guidance on Heritage Impact Assessments for Cultural World Heritage Properties” del 2011, si configurano come le più recenti disposizioni concernenti la conservazione, protezione e valorizzazione del patrimonio culturale (Fusco Girard, 2010. La Guida ICOMOS è stata considerata lo strumento più adatto per valutare gli impatti dei grandi progetti di riqualificazione dei waterfront urbani sul patrimonio culturale. Per comprendere al meglio tale strumento è stata fatta un’applicazione per valutare gli impatti del Grande Progetto Pompei sul waterfront di Torre Annunziata, città costiera nel Golfo di Napoli sito UNESCO. A questa fase di analisi segue una riflessione su come migliorare l’Heritage Impact Assessment, come strumento capace di valutare non soltanto gli impatti culturali ma anche quelli economici, per parlare di “economia del patrimonio culturale”. La proposta ultima è quella di affiancare al processo di “Heritage Impact Assessment” una valutazione degli impatti economici, attraverso un’analisi costi-benefici, per quantificare in termini monetari la convenienza degli investimenti nella conservazione del patrimonio storico urbano delle città costiere, proponendo una “Economic Heritage Impact Assessment” (EHIA. Tale metodo, elaborato dall’autrice all’interno della tesi di dottorato “Il paesaggio storico urbano delle città costiere: sfide e opportunità. Il caso Torre Annunziata”, offre la possibilità di superare la sola valutazione degli impatti culturali proposta dall’ICOMOS.

  15. Transmission cost allocation for an efficient tariff action of electricity in a liberalised market; Attribuzione dei costi di trasmissione per una efficiente tariffazione dell'energia elettrica in un mercato liberalizzato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bassi, C.; Caldon, R.; Lorenzoni, A. [Padua Univ., Padua (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettrica

    1999-09-01

    The work is focused on the evaluation of the costs of an electricity transmission system operator and on their allocation among the users of the grid in liberalized market. After a recall of the goals of an efficient tariff for transmission, an original method for the cost allocation is proposed called ZI. Based on the marginal cost approach, this method could be the base for setting an efficient transmission tariff that at the same time covers costs and stimulates efficient behaviours. The performances of such an approach have been tested on a real 47 bus grid and ZI tariffs have been compared to the traditional postage stamp ones, highlighting the strong differences between them. [Italian] Il lavoro affronta il problema della valutazione dei costi sostenuti da un'azienda di trasmissione di energie elettrica e della relativa equa ripartizione fra gli utilizzatori del sistema in un mercato liberalizzato ovvero in condizioni di libero accesso alla rete. Dopo una puntualizzazione degli obiettivi che devono perseguire i sistemi tariffari della trasmissione elettrica, viene presentato un metodo originale di attribuzione dei costi. Utilizzando il principio marginalista e in presenza di un certo livello di libera contrattazione tra produttori e consumatori, tale metodo potrebbe costituire una base per la definizione di tariffe capaci di coprire i costi e in grado di stimolare l'efficienza del sistema quando non vi fossero vincoli di uniformita geografica delle tariffe. Una verifica delle prestazioni del metodo proposto viene successivamente effettuata con l'applicazione ad un modello realistico di rete ed i risultati vengono confrontati con quelli ottenuti, a parita' di condizioni, con uno dei piu diffusi metodi tradizionali.

  16. Technical working criteria about the retrieval and the waste disposal of materials containing amanita's (MCA); Criteri tecnici operativi per la bonifica e lo smaltimento dei materiali contenenti amianto

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coduti, A. [Eco International Service S.r.l., Foggia (Italy)

    2000-04-01

    The retrieval of the MCA (Materials Containing Amiantus) is a complex operation either to realize in an operative way or to be subject to a restrict regulation. The risks for the public health because of the amiantus are well-known, even if not well done acts of the retrieval can increase the concentration of the air lost fibres by consequently increasing the risk for workers. Recently concerning the regulation in force, the market has been addressing to the MCA maintenance which surely reduces either the risk of releasing the air lost fibres or the costs. It is important, at last, that the removal operations produce a large amount of wastes containing amiantus which will represent a real and big danger for the environment and the public health if they are not wasted as well as possible. [Italian] La bonifica dei materiali contenenti amianto e' un'operazione complessa sia da realizzarsi operativamente sia perche' soggetta ad obblighi normativi rigidi. I rischi sulla salute pubblica indotti dalla presenza di amianto sono ormai risaputi, anche se le operazioni di bonifica, se non adeguatamente eseguite, possono incrementare la concentrazione di fibre aerodisperse accrescendone il rischio per gli addetti alle operazioni di lavoro. Di recente con l'entrata in vigore di nuove regolamentazioni, il mercato si sta orientando sugli interventi di manutenzione dei materiali contenenti amianto, che senz'altro, riducono la possibilita' di rilascio di fibre aerodisperse oltre ovviamente ad una riduzione dei costi. Si ricorda, infatti, che le operazioni di rimozione generano ingenti quantitativi di rifiuti contenenti amianto che, se non adeguatamente smaltiti, rappresentano un vero e grosso pericolo per l'ambiente e la salute pubblica.

  17. The study of urban systems by indicators. State of the art and implementation problems; Lo studio dei sistemi urbani attraverso indicatori. Stato dell'arte e problematiche operative

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Del Ciello, R.; Napoleoni, S. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy)

    2001-07-01

    The purpose of this work is to define the state of the art about the problem of the indicators and their capability in reading and foreseeing the urban complexity. Therefore, the theoretical elaborations and the suggestions developed in the report try to convert the different contributions in the Italian and international literature in a frame-work, focusing on those arguments which assume a key role in the study of the urban areas: (a) the problematic definition of the administrative, physics and functional boarders of the cities; (b) the selection of the indicators that describe the urban areas; (c) the description and quality of life and of environment quality in the cities; (d) the sustainability in urban areas. [Italian] Il lavoro si propone di delineare lo stato dell'arte sul problema degli indicatori e sulla loro capacita' di leggere e prevedere la complessita' urbana. Le elaborazioni teoriche e i suggerimenti metodologici sviluppati nel rapporto tentano dunque di tradurre in protocolli di lavoro i diversi contributi prodotti negli ultimi anni nella letteratura italiana e internazionale concentrando in particolare l'attenzione su quei temi che all'interno dello studio dei sistemi urbani assumono un ruolo chiave: (a) la problematica definizione dei confini amministrativi, fisici e funzionali delle citta'; (b) la selezione degli indicatori che descrivono con piu' efficacia il sistema urbano; (c) le dimensioni e la misura della qualita' della vita e dell'ambiente nelle citta'; (d) la sostenibilita' all'interno dei sistemi urbani.

  18. Rapid determination of wastewater BOD{sub 5} using a spectrophotometric technique; Una metodologia spettrofotometrica per la determinazione rapida del BOD{sub 5} dei liquami

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Rosa, S. [Montalto Uffugo Univ. della Calabria, Montalto Uffugo, Cosenza (Italy). Dipt di Difesa del Suolo

    2000-10-01

    Biochemical oxygen demand (BOD{sub 5}) is one of the most widely used measurement of the biodegradable content of wastewater. This parameter is adopted both in the present environmental legislation to control water pollution and in the design of the units of wastewater treatment plants. The conventional BOD{sub 5} test takes 5 days as it involves the direct measure of oxygen consumption by microorganisms in this period of time. Some innovative techniques have been developed in order to reduce this long response time, but their substrate specific results joined with complex operational requirements limit their utilization to particular cases (Riedel et al. 1990; Brookman 1996; Reynolds, 1997). In the present work the results of experimental tests, performed in order to evaluate the possibility of determining BOD{sub 5} by a more rapid analytical technique, are presented. By means of a relatively cheap and simple spectrophotometric technique using Fluorescein Diacetate it is possible to obtain BOD{sub 5} values in few hours and with a precision comparable to the conventional methods. [Italian] Il BOD{sub 5} e' uno dei parametri piu' frequentemente utilizzati per caratterizzare il carico inquinante di un refluo organico. La sua determinazione e' generalmente ottenuta come misura diretta della quantita' di ossigeno sottratto in 5 giorni dai batteri all'ambiente circostante. Alcune tecniche analitiche alternative a quelle convenzionali sono state proposte per ridurre i tempi necessari alla determinazione del BOD{sub 5}, ma la loro risposta specifica per determinati substrati e la relativa complessita' di applicazione ne hanno limitato l'impiego a casi particolari (Riedel et al. 1990; Brookman 1996; Reynolds, 1997). Nell'ambito del presente lavoro vengon descritti i risultati di una serie di sperimentazioni condotte per verificare la possibilita' di ridurre i tempi necessari alla determinazione del BOD{sub 5} di campioni di

  19. Behaviour and fate of heavy metals in incineration processes; Comportamento e destino dei metalli pesanti nel processo d'incenerimento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Braguglia, C. M.; Marani, D.; Mininni, G. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Ricerca sulle Acque, Rome (Italy)

    2001-03-01

    This work reports the behaviour of eight metals (Cd, Cr, Cu, Mn, Ni, Pb, Sn, Zn) in sewage sludge incineration tests carried out in a pilot plant. Metal partitioning was assessed by measuring its concentration in the feed sludge, in the three main ash streams (bottom, cyclone and filter ash) and in the flue gas stream. Metal enrichment on fly ash was quantified by defining an enrichment factor in terms of ratio between filter ash concentration and the concentration in the feed sludge on inert basis. The experimental results are discussed within the framework of a thermodynamic model, the predicts metal speciation in the combustion chamber assuming equilibrium conditions in a homogenous reactor. The model may predict the effect of operating parameters such as temperature and feed composition (excess air, chlorine and sulphur content of the sludge) on the metal volatilisation in the combustion chamber. [Italian] In questo lavoro sono riportati i risultati dello studio della ripartizione di otto specifici metalli (cadmio, cromo, manganese, nichel, piombo, rame, stagno e zinco) in prove di incenerimento di fanghi urbani effettuate sull'impianto dimostrativo di Bari. La ripartizione e' stata studiata determinando la concentrazione degli otto metalli nel fango di alimentazione, nelle tre principali correnti di residui solidi (scorie di fondo, ceneri di ciclone, ceneri di filtro) e nei fumi. Per poter valutare la tendenza del metallo all'evaporazione nella camera di combustione e la conseguente condensazione sulle ceneri di filtro in seguito al raffreddamento dei fumi si e' definito un fattore d'arricchimento, calcolato come rapporto fra la concentrazione del metallo nelle ceneri volanti e quella nei fanghi di alimentazione calcolata su base inerte. I risultati in termini di fattori di arricchimento sono stati confrontati con le previsioni di un modello termodinamico basato su due ipotesi fondametnali: condizioni omogenee e raggiungimento dell

  20. Uno studio Europeo per la revisione dei limiti di rumore di macchine destinate a funzionare all’aperto - An European study for the revision of the noise limit values of equipment for use outdoors

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Pedrielli

    2017-09-01

    Full Text Available È stato condotto uno studio sulla direttiva 2000/14/CE relativa al rumore delle macchine destinate a funzionare all’aperto,sia in relazione ai valori limite delle macchinein articolo 12, sia in relazione all’opportunità di introdurre dei valori limite obbligatoriper le macchine attualmente in articolo 13. Lo studio si è basato sui livelli dichiarati dai costruttori e riportati in alcune banche dati per analizzare la situazione attuale e valutare il tasso di successo in caso di modifica (o introduzione dei valori limite. Sono stati proposti limiti più restrittivi per 9 macchine, mentre sono stati proposti limiti per 28 macchine attualmente soggette alla sola marcatura. ------ An assessment has been made of the outdoor equipment in the frame of the noise directive 2000/14/EC mainly in relation to the limit values for equipment listed in art.12 and to whether any of equipment in art.13 should be assigned mandatory limit values. Databases of declared noise values were used in this analysis to investigate the current situation and estimate the pass rates for the various limit proposals. Tighter limits were proposed for 9 machines while limits were proposed for 28 equipment currently subject to noise marking only.

  1. Effetti dei rumori antropogenici e degli infrasuoni sul comportamento e l’ecologia degli uccelli - The effect of anthropogenic noise and infrasound on bird’s behaviour and ecology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Natale Emilio Baldaccini

    2015-11-01

    Full Text Available L’incremento delle attività umane causa un innalzamento dei livelli di rumore ambientale con un impatto negativo sulle comunità di uccelli in termini di densità, biodiversità, livelli di stress nonché danni ai recettori acustici. Vengono rivisti sia gli effetti indotti da strade e cantieri che dagli ambienti urbani. Molte specie sono meno abbondanti in vicinanza di autostrade cosi come in aree ad alta rumorosità. In risposta, uccelli urbani e rurali innalzano sia l’ampiezza che la frequenza dei loro segnali acustici, facendo si che essi non siano mascherati e non correttamente uditi dai conspecifici. Vengono inoltre presentate evidenze sul possibile ruolo degli infrasuoni sull’orientamento. ------ The increase in human activities has caused a rise in particularly low-pitched noise levels that are known to have negative impact on bird populations. A lot of birds are less abundant near highways as well in noisy areas (cities, yards. In such locations, both urban and rural specimens sing with a higher pitch and song amplitude, thereby preventing their songs from being masked by environmental noise. We review current evidence for whether and how ambient noise play a role in creating selection pressures overcame by behavioural plasticity. Furthermore, evidences on the putative role of infrasound as orientation cues are presented.

  2. Protezione dei dati personali e riproduzione digitale dei documenti archivistici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Gardini

    2016-09-01

    Full Text Available The digital reproduction of archival records involves different rights as the right of scientific reseaech, the right of free expression of thought but also the right to privacy. These rights must be carefully balanced. The relationship between them is analyzed in legal terms, under Italian legislation, and in technological terms, just about the use of the technologies of the digital reproduction of documents, with particular attention to the concepts of communication and dissemination of personal data. The paper shows that the existing regulation framework fully meets the needs of protection of privacy, including in relation to technological changes taking place. Finally it proposes strengthening instruments like the statement of informed consent and the elaboration of specific policies to ensure the highest possible protection.

  3. Sottostima dei costi dei progetti di opere repubblich

    DEFF Research Database (Denmark)

    Flyvbjerg, Bent; Holm, Mette Skamris; Buhl, Søren Ladegaard

    2005-01-01

    This article presents results from the first statistically significant study of cost escalation in transportation infrastructure projects. Based on a sample of 258 transportation infrastructure projects worth $90 billion (U.S.), it is found with overwhelming statistical significance that the cost...... and is best explained by strategic misrepresentation, i.e., lying. The policy implications are clear: In debates and decision making on whether important transportation infrastructure should be built, those legislators, administrators, investors, media representatives, and members of the public who value...... estimates used to decide whether important infrastructure should be built are highly and systematically misleading. The result is continuous cost escalation of billions of dollars. The sample used in the study is the largest of its kind, allowing for the first time statistically valid conclusions regarding...

  4. Teoria dei quanti di luce

    CERN Document Server

    Einstein, Albert

    1992-01-01

    In questo scritto un’intuizione storica limpida e penetrante, con la quale il giovane Einstein pose le basi per i successivi studi sulla teoria della relatività, è consegnata al lettore in forma chiara ed essenziale. Nel 1905, appena ventiseienne, Einstein intervenne nel dibattito sulle leggi di distribuzione della radiazione luminosa che all’epoca animava gli ambienti scientifici e che si inseriva nel più ampio processo di revisione delle scienze fisiche e naturali. Il giovane scienziato tentò di dimostrare come «...una radiazione monocromatica di densità ridotta... si comporta, per quanto riguarda la termodinamica, come se fosse composta da quanti di energia indipendenti l’uno dall’altro». In altre parole, nel caso limite di basse temperature e piccole lunghezze d’onda, la teoria ondulatoria della luce, tradizionalmente accettata e riconosciuta dai fisici, sembrava destituita di ogni fondamento, e si faceva strada l’ipotesi che la radiazione viaggiasse “a pacchetti”. Lo sviluppo succe...

  5. POLARIZZAZIONE DELLA S DEI SISMOGRAMMI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Stoneley

    1951-06-01

    Full Text Available ISei terremoti registrati a distanze non troppo grandi si è osservato che la faseS appare prima come una SU. seguita 10 o 14 sec più lardi da una Sì'. La presentenota si propone di decidere se la doppia rifrazione è in grado di spiegarequesto fenomeno.Un modello semplice sarebbe costituito da un materiale « isotropo trasversalmente», simmetrico attorno alla direzione radiale. Si possiedono le formule per levelocità delle onde SII e SI : esse dipendono dall'angolo che il raggio forma conla normale.È improbabile che la terra possa essere anisotropa in maniera tanto rilevantequanto il berillio, che è isotropo trasversalmente; di conseguenza questo materiale,del quale si conoscono le sei costanti elastiche, è stato assunto come un esempioestremo e le velocità delle SII e delle SV per differenti angoli di incidenza sonostate « aggiustate » in modo da ottenere le velocità delle onde di distorsione nelgranito. È cos possibile calcolare la differenza tra i tempi occorrenti secondi.Cioè se la terra fosse cos'i fortemente anisotropa quanto il berillio (il che è improbabilebisognerebbe che lo strato a orientazione preferenziale si estendesse finoa una profondità di circa 300 km. Ciò è piuttosto improbabile, dimodoché nonconviene attribuire un gran credito alle spiegazioni fondate sulla doppia rifrazione.

  6. Calcolo dei costi di elettrodeposizione

    DEFF Research Database (Denmark)

    Lenau, Torben Anker; Mazzilli, Andrea

    1999-01-01

    This paper aims to describe an approximated method for estimating the costs of electroplating processes, by trying to consider only the most important parameters involved, and simplifying their choice. The goal is to set a simple but reliable method, which can be used to get an overall idea of th...

  7. Polycentrism in the missio Dei

    African Journals Online (AJOL)

    2016-05-31

    German .... This provides 'social energy' for building capacity in the community. Hustedde (2007:53) refers to ..... Balances global spheres of influence, manages dependency from Western resources through influence from the ...

  8. Parallela, a.c. di/Hrsg. Roland Bauer e Hans Goebl, Testo - Variazione - Informatica / Text ž Variation - Informatik, Atti del IX incontro italo-austriaco dei linguisti (Salisburgo, 1-4 novembre 2000 / Akten des IX. österreichisch-italienischen Linguiste

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavao Tekavčić

    2003-12-01

    Full Text Available I sottotitolo stesso del presente volume dice che i contributi appartengono ai domini piu attuali della linguistica. I 26 contributi sono raggruppati nelle seguenti tre sezioni (entro ciascuna i nomi degli autori in ordine alfabetico: 1. Linguistica variazionale/Variationslinguistik. (13 contributi, 2. Linguistica testuale/Textlinguistik (10 contributi, 3. Linguistica computazionale/Computerlinguistik (3 contributi. La miscellanea si apre con la Prefazione dei curatori/Vorwort der Herausgeber (V-V11I, seguita dall'Indice tematico/Thematisches Inhaltverzeichnis (IX-XI e dagli lndirizzi elet­ tronici (E-Mail Adressen degli autori e dei curatori. Dei 26 testi 21 sono in italiano e 5 in tedesco. In seguito presentiamo, in forma quanto piu succinta, i contributi, citando gli autori con le relative sedi (tra parentesi e le pagine (anche queste tra par­entesi, ma omettendo per brevita i titoli (alcuni abbastanza  lunghi.  La numer­ azione  dei contributi (13 + 10+3 e nostra.

  9. Maestro di Pico i iluminacije u inkunabuli De Civitate Dei (Nicolas Jenson, Venecija, 1475. u samostanu Sv. Duje u Kraju na Pašmanu

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bojan Goja

    2014-12-01

    Full Text Available U franjevačkom samostanu Sv. Duje u Kraju na otoku Pašmanu čuva se inkunabula „O državi Božjoj“ (De Civitate Dei Sv. Aurelija Augustina koju je 1475. godine u Veneciji tiskao Nicolas Jenson. Inkunabula je na f. 17 (kako je naknadno označena paginacija grafitnom olovkom, tj. stranici incipita – liber primus kao i na više drugih stranica ukrašena lijepim višebojnim iluminacijama renesansnih stilskih karakteristika izrađenih temperom, zlatnim listićima, zlatnim prahom, sepijom, tintom i akvarelom. Iluminacije f. 17 sastoje se od dva fitomorfna inicijala, dekorativnog okvira i slobodnih figurativnih prizora tj. minijatura, dok su pojedine druge stranice ukrašene fitomorfnim i brojnim inicijala tipa littera notabilior visine dva retka izrađenima u crvenoj ili plavoj boji. Dekorativni ornamentirani okvir zaključen trolistima ispunjava gornju i lijevu marginu početne stranice. Osnovu dekoracije čini traka sastavljena od pet tankih linija koja se spiralno povija i tvori kružnice koje su ispunjene cvjetovima, listovima i bobicama u plavoj i zelenoj boji i boji ciklame te stiliziranim zlatnim cvjetovima čička (lat. Arctium lappa; pojedini autori nazivaju ove ukrasne motive bottoni dorati ili gold dots. U gornjem lijevom uglu okvira naslikan je češljugar. Na mjestu gdje započinje tekst lijevog stupca naslikan je unutar pravokutnog polja na zlatnoj pozadini inicijal „I“ sastavljen od fitomorfnih motiva plave, zelene i boje ciklame s osjenčanjima u različitim nijansama. Unutar dekorativnog okvira, na sredini visine inicijala, nalazi se medaljon unutar kojeg je naslikano poprsje Sv. Aurelija Augustina. Dekorativni ornamentirani okvir koji ispunjava gornju marginu ukrašen je na isti način kao i onaj uz desnu ali skromnije. Ime tiskara dodatno je naznačeno tako da je sa gornje i donje strane okvira ukrašeno sa po jednim stiliziranim zlatnim cvijetom čička sa gornje i češljugovine (lat. Dipsacus fullonum sa donje strane

  10. Decision making information systems and data base management; Applicazioni dei sistemi di supporto alle decisioni manageriali in un ente fortemente decentrato. Sviluppo di un prototipo per la valutazione di nuovi progetti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minelle, F. [Rome, Univ. `La Sapienza` (Italy). Fac. di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Di Marco, R.A. [ENEA, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Belli, A.

    1997-01-01

    con essi; e di rpesentare un prototipo di tali sistemi. Da una fase preliminare di analisi dell`Ente e dei suoi Sistemi Informativi, volta a capire quali problematiche potessero essere piu` efficacemente supportate con sistemi di questo tipo, si afronta una di esse: la valutazione di nuovi progetti, individuando i parametri, o le grandezze chiave, che influenzano e determinano la decisione. Si descrivono, poi, i modelli, ricavati da questi ultimi, che permettono all`utente, tramite una semplice rappresentazione dei risultati, di valutare i vantaggi e gli svantaggi di un nuovo progetto. Dai modelli, dall`analisi dei dati ad essi necessari e dai requisiti di semplicita` e facilita` d`uso dell`interfaccia utente, si e` realizzato un prototipo. A questo scopo si e` seguito il modelllo di Sprague e Carlson che prevede una Base di Dati, una Base di Modelli e un Sistema Software.

  11. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2001-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environment conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues in a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile. In

  12. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2000-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CEE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environmental conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues i a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati al settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile

  13. META-ANALISI E APPLICAZIONE DI UNA PROPOSTA DIDATTICA ORIENTATA ALL’AZIONE PER L’APPRENDIMENTO DEI SEGNALI DISCORSIVI IN ITALIANO LS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Ferroni

    2016-09-01

    Full Text Available Nel presente contributo si riportano i risultati di uno studio i cui obiettivi sono: a verificare come vengono trattati i segnali discorsivi (SD in un manuale di italiano LS il cui approccio è orientato all’azione; b analizzare come questi SD vengono percepiti e ritualizzati nel parlato dialogico di studenti di italiano LS di livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. La ricerca è stata svolta fra studenti universitari del corso di Laurea di Lingua e Letteratura Italiana della Facoltà di Filosofia, Lettere e Scienze Umane dell’Università di San Paolo del Brasile. Dall’analisi delle proposte didattiche, tratte dall’unità 6 del corso d’italiano per stranieri Bravissimo! 3-B1(Birello e Vilagrasa, 2014, si evince che le attività incentrate sui SD presuppongono un costante reimpiego in un contesto di lavoro significativo, attraverso degli «spazi interattivi» in cui gli apprendenti prendono consapevolezza e mettono alla prova le regole che gestiscono la co-costruzione conversazionale in LS. L’esposizione e la riflessione sui SD, abbinate a proposte di attività interattive significative, in cui lo studente ha un preciso scopo da raggiungere, offrono delle opportunità di riutilizzo dei SD simile a quello che può prodursi in una situazione al di fuori dell’aula. Meta-analysis and application for action-learning italian fl discourse signals In this paper we report the results of a study whose objectives were: a to determine how discourse markers (DMs are addressed in an action-oriented Italian FL textbooks; b to analyze how these DMs are perceived and ritualized in the spoken conversation of students studying Italian as a FL at the B1 level as defined by the Common European Framework of Reference for Languages. The study was carried out among university students majoring in Italian Language and Literature at the School of Philosophy, Letters and Humanities of the University of São Paulo, Brazil

  14. Il coinvolgimento dei residenti nelle attività di promozione di un sito UNESCO (WHS. Un caso esplorativo sulla Costiera Amalfitana / The involvement of residents in the promotion of an UNESCO site (WHS. An exploratory case focusing on the Amalfi Coast

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agostino Vollero

    2016-06-01

    Full Text Available Il coinvolgimento dei residenti, in particolare nei siti Unesco, costituisce uno degli elementi chiave per favorire lo sviluppo dei territori. In questa direzione, il lavoro intende esaminare quali fattori influenzino la propensione dei residenti a partecipare alle attività di promozione territoriale. Sulla base di un approccio di destination management di tipo collaborativo, è stata realizzata un’indagine esplorativa su un campione di 248 residenti della Costiera Amalfitana per analizzare la loro intenzione ad impegnarsi nella promozione del territorio. I valori della comunità e l’atteggiamento proattivo nei confronti dell’ambiente sembrano influenzare positivamente la volontà dei residenti a supportare le attività di comunicazione di marketing territoriale. Il riconoscimento Unesco, se associato ad aspetti positivi, può costituire un ulteriore stimolo alla partecipazione dei cittadini. Inoltre, la percezione di inefficacia delle attività implementate dagli attori locali sprona i residenti ad attivarsi nella promozione territoriale.   The involvement of residents is one of the key elements to promote the development of destinations, especially in Unesco sites. In this context, the study aims at examining the factors that can influence the propensity of residents to participate in place promotion. Based on an approach of collaborative destination management, an exploratory survey has been conducted on a sample of 248 residents of Amalfi Coast in order to examine their intentions to engage directly in place communication initiatives. Community values and environmental attitudes seem to positively affect the willingness of residents to engage in place marketing communications. If linked to positive effects, the Unesco recognition may be a further stimulus to the engagement of citizens. Moreover, the perception of ineffectiveness of actions implemented by local actors encourages residents to contribute directly to place promotion.

  15. Drinking waters interlaboratory ring test. Part 1. Scope, procedure and criteria of experimental data treatment; Circuito Interlaboratorio sulle acque potabili Unichim. Parte 1. Obiettivi, modalita' di svolgimento e criteri di elaborazione dei dati sperimentali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cavaterra, E.; Divo, C.; Bottazzini, N. [Unichim Milan, Milan (Italy); Alava, F. [Ambiente e Servizi, Bergamo (Italy); Bettinelli, M. [Electric Power Production Company, Piacenza (Italy); Bonfiglioli, F. [Azienda Mediterranea Gas e Aqua, Genoa (Italy)

    2001-04-01

    In this first paper the aims of the project, the procedures of an interlaboratory ring test and the criteria of statistical treatment of data obtained from analytical determinations of some chemical parameters relevant to the assessment of potability of drinking waters are reported. Experimental results of specific parameters relevant to the assessment of potability of drinking waters are reported. Experimental results of specific parameters and precision and accuracy of pertinent analytical methods obtained in a number of cycles of interlaboratory ring test will be reported in subsequent papers. [Italian] In questo primo lavoro vengono riportati gli obiettivi e descritte le modalita' di svolgimento di un circuito interlaboratorio e i criteri di elaborazione statistica dei dati ottenuti in relazione alla determinazione analitica di specifiche caratteristiche di acque destinate al consumo umano ai fini dell'accertamento della loro potabilita'. I risultati e le esperienze conseguite nei vari cicli del circuito interlaboratorio saranno oggetto di successive specifiche pubblicazioni.

  16. Sentiment Analysis per analizzare gli effetti del cinema sulla percezione dei luoghi. Il caso pugliese / Sentiment Analysis to study the effects of cinema on the perception of places. The case of Puglia Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Albanese

    2016-05-01

    Full Text Available Il film induced iourism è un fenomeno ormai indiscutibile e che va affrontato con sistematicità e metodologie sempre più raffinate per consentire ai policy makers di sfruttarne più consapevolmente le potenzialità. In Puglia la realizzazione di pellicole di successo ha provocato effetti turistici e territoriali notevoli. Per poter comprendere realmente se e quanto l’incoming turistico pugliese sia influenzato, nella sua dimensione quantitativa e qualitativa, dall’immagine veicolata dal cinema, si ipotizza qui l’utilizzo di una nuova metodologia di analisi: la Sentiment Analysis. Si intende passare al setaccio i Big Data tematici, tramite una scansione intelligente dei social network e poi riportare le valutazioni (sentiment sul territorio pugliese espresse nei diversi luoghi virtuali di conversazione da parte della domanda turistica. Questa tipologia di studio del dato è del tutto innovativa per il settore cineturistico e può portare ad esiti del tutto inattesi sovvertendo in alcuni casi le interpretazioni prettamente soggettive dei dati quantitativi più tradizionali. Film induced tourism is an undeniable phenomenon and it is necessary to study it sistematically and with sophisticated methods to allow policy makers to exploit, more consciously, its potentiality. In Apulia the successful movies maybe have caused tourism and territorial remarkable effects. In order to understand if and how incoming in Apulia is influenced, in quantitative and qualitative terms, from the image conveyed by cinema, we’ll use a new method of analysis: the Sentiment Analysis. It means making an intelligent scanning of social networks and then bring feedback (sentiment about Apulia expressed in different virtual places of conversation by the tourist demand. This kind of opinion mining study is totally innovative for film induced tourism and can lead to outcomes completely unexpected subverting, in some cases, subjective interpretations of the

  17. Disponibilità, livello di utilizzo e limiti nell'uso delle risorse elettroniche da parte dei docenti delle facoltà di Giurisprudenza delle università pubbliche della Nigeria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oyintola Isiaka Amusa

    2016-09-01

    Full Text Available Le risorse informative legali in formato elettronico sono documenti relativi all'ambito legale che richiedono un computer e la strumentazione ad esso accessoria per potervi accedere. Quella legale è una professione erudita; i giudici e altro personale della pratica legale, oltre agli studenti, si affidano a fonti informative come rapporti legali, enciclopedie, compendi, codici, trattati etc. per la loro produzione scientifica, fonti che attualmente sono disponibili non solo in formato cartaceo ma anche elettronico. Quest'innovazione ha quindi semplificato l'accesso all'informazione, riducendo la dipendenza dalle fonti cartacee incoraggiando l'auto-formazione. Questo articolo presenta i risultati di un'indagine sul grado di disponibilità, utilizzo e limiti nell'uso delle risorse elettroniche tra i docenti delle facoltà di Giurisprudenza in Nigeria: sono stati coinvolti 552 docenti, dei quali 442 hanno partecipato all'indagine. L'analisi dei dati mostra che la disponibilità delle risorse relative alle discipline legali è molto bassa; molte delle maggiori risorse dell'ambito, come LexisNexis, Westlaw, Kluwer Arbitration e I-law non sono di disponibilità immediata, dal momento che vengono sottoscritte solo in concomitanza di esercizi di accreditamento. Lo stesso utilizzo di queste risorse risulta scarso, per ragioni quali la difficile disponibilità delle risorse desiderate all'interno dell'ateneo, mancanza di formazione adeguata all'uso, carenza di postazioni informatiche e scarsa presenza di contenuti di carattere locale. I risultati dello studio incoraggiano la sottoscrizione ai pacchetti informativi individuati e l'introduzione di corsi di information literacy per i docenti, volti a illustrare le modalità di accesso, recupero, download e stampa delle risorse in questione.

  18. Computer codes application to evaluate comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and site characterization of Matera (southern Italy); Applicazioni del codice di calcolo SITEVAL per l'analisi della compatibilita' ambientale degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti alle discariche non controllate presenti nella provincia di Matera

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cautilli, F.; Musmeci, F.; Tassoni, E. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The report presents the software SITEVAL aimed at tackling the comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and hosting areas. The SITEVAL application for non-monitored urban waste landfills in the province of Matera (southern Italy) is showed with the objective to identify the more relevant environmental components in such landfills. [Italian] L'articolo illustra il codice di calcolo SITEVAL utilizzato per analisi comparative di compatibilita' ambientale di impianti di smaltimento di rifiuti con i siti che li ospitano e poi riporta l'applicazione del codice nella situazione della provincia di Matera riguardo allo smaltimento non controllato di rifiuti solidi urbani e alla individuazione delle componenti ambientali piu' sensibili alla presenza di tali discariche nel territorio. Il codice ha permesso di stilare graduatorie di compatibilita' delle discariche non controllate e di definire l'interdipendenza dei risultati dalla scelta dei parametri di input del programma.

  19. Collection of main international documents on the ethical principles of research and the main regulations on bioethics of the United States and of European Community; Raccolta sui principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca e dei principali documenti legislativi degli Stati Uniti e della Comunita` Europea sulla bioetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Scuderi, G. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Immunologia

    1998-12-31

    The collection includes an Italian translation of the main international documents on ethical principles of scientific research (the Nuremberg Code, the Helsinki Declaration, the Belmont Report) as well as the regulatory text of the United States (the Code of Federal Regulation Title 45, Part 46, that is the 45 Cfr 46) and the regulations of the European Community (the Good Clinical Practice and the Convention for the protection of human rights and dignity of the human being regards to the application of biology and medicine: convention on human rights and biomedicine). The informed consent and the human rights of human subjects involved in a clinical trial are discussed. Moreover, in the regulatory texts, legal rights of particular subjects, i.e. pregnant women, minors, fetuses, embrions, prisoners, are discussed; as well as the bioethics of organ transplantations. [Italiano] Contiene una traduzione in lingua italiana dei principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca scientifica: il Codice di Norimberga, la dichiarazione di Helsinki e il rapporto Belmont; il testo legislativo degli Stati Uniti Code of Federal Regulation, capitolo 45 parte 46 (detto il 45 CFR 46) e la normativa della Comunita` Europea relativa alle norme di Good Clinical Practice e alla Convenzione per la protezione dei diritti dell`uomo e la dignita` dei soggetti umani relativamente alle applicazioni della biologia e medicina: Convenzione sui diritti dell`uomo e la biomedicina. Vengono trattati il consenso informato e i diritti umani delle persone che sono coinvolte in una sperimentazione clinica. Inoltre, nei testi normativi ci si riferisce anche ai diritti legali di soggetti particolari, ad esempio: donne in stato di gravidanza, minori, feti, embrioni, prigionieri; viene trattata, infine, l`etica dei trapianti d`organo.

  20. Recommendation for environmental management and safety systems in high risk industrial accidents; Linee guida per l'integrazione dei sistemi di gestione ambiente e sicurezza nelle aziende a rischio di incidente rilevante

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R.; Andriola, L.; Caropresso, G.; Paci, S.; Vignati, S.; Vignoni, P.C. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    2000-07-01

    This document presents the IMPREMAS Project from Italian ENEA (National Agency for New Technology, Energy and the Environment) for the eco-management of small and medium enterprises at risk for se and manipulation of hazardous substances. [Italian] Il presente documento e' stato elaborato nell'ambito del progetto IMPREMAS condotto dall'ENEA, in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente, Regione Lombardia, Federchimica e Finlombarda, per la realizzazione di un progetto pilota per l'eco-gestione delle piccole e medie imprese classificate a rischio per l'uso e lo stoccaggio di sostanze pericolose previste dal DPR. n. 175 del 17-5-1988. L'azione ha riguardato l'applicazione del regolamento EMAS 1836/93 congiuntamente alla implementazione di un sistema di sicurezza per piccole e medie imprese a rischio di incidente rilevante del settore chimico-farmaceutico con l'obiettivo di mettere a punto le linee guida di riferimento per l'integrazione dei sistemi ambiente e sicurezza.

  1. La bioacustica marina per lo studio dei cetacei nella implementazione della marine strategy in Italia - The marine bioacoustics for the study of cetaceans in the implementation in Italy of marine strategy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Licitra

    2015-09-01

    Full Text Available I cetacei sfruttano il suono come strumento di comunicazione e di visione subacquea, ma ora si trovano ad affrontare un ambiente alterato dall'inquinamento acustico dovuto ad attività umane. L’implementazione della direttiva sulla marine strategy è stata l’occasione per raccogliere i dati acustici presenti in Italia, nonchè per definire le criticità esistenti. Sono qui presentati i risultati del progetto Gionha per la ricostruzione modellistica del rumore sottomarino nell’alto tirreno e gli osservatori sottomarini multidisciplinari realizzati nel mar Ionio. Essi hanno permesso lo studio dei cetacei e la misura del rumore di fondo, sia diffuso che causato da singole navi in transito. ------ Cetaceans use sound as a tool of communication and underwater vision, but now they face an environment altered by noise pollution due to human activities. The implementation of Marine Strategy Framework Directive, has offered the opportunity of collecting acoustic data present in Italy, as well as to define the existing weaknesses. We present the results of the GIONHA project for the underwater noise modelling in the high Tyrrhenian and the submarine multidisciplinary observatories installed in the Ionian Sea. They have allowed innovative studies on cetaceans and on background noise, either diffuse or produced by individual ships in transit.

  2. Pigments analysis on skin tomato fruits during ripening by mean fluorescence techniques; Analisi mediante utilizzo di tecniche di fluorescenza dei pigmenti presenti sulla superficie di bacche di pomodoro durante la maturazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lai, A.; Fantoni, R. [ENEA, Divisione Fisica Applicata, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2000-07-01

    Different spectroscopic techniques, based on visible fluorescence emission upon excitation in the same spectral region or in the ultraviolet, have been utilized to characterize tomato fruit ripening stages in order to analyze surface pigments which correspond to optimal conditions for fruit harvesting. The main fluorescence spectral features belonging to antochyanin, flavonoids, carotenoids and chlorophyll a after excitation of skin tomato pigments at different laser wavelength have been identified. For tomato ripening stage LIF detection, the {lambda}{sub e}xc266nm was established as the optimal laser wavelength. [Italian] Mediante diverse tecniche spettroscopiche, basate sulla emissione di fluorescenza visibile a seguito di eccitazione nella stessa regione o nell'ultravioletto, e' stato condotto uno studio su bacche di pomodoro a diversi stadi di maturazione Lo scopo del lavoro e' quello di potere attribuire, attraverso l'analisi degli spettri di fluorescenza dei pigmenti superficiali presenti nel frutto, lo stadio ottimale di maturazione al momento della raccolta. I risultati ottenuti hanno permesso di distinguere spettri di fluorescenza attribuiti ai principali gruppi di pigmenti fluorescenti presenti nella superficie esterna del pomodoro: antociani, flavonoidi, carotenoidi e clorofilla a.

  3. La valutazione delle trasformazioni urbane e ambientali nei siti UNESCO dei paesi in via di sviluppo: applicazioni di rappresentazione digitale nel sito monumentale di An-Ninh presso la città di Hue, Vietnam

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Issini

    2009-12-01

    Full Text Available Le trasformazioni urbane e ambientali in atto nei paesi in via di sviluppo interessano spesso anche siti di alto valore storico-monumentale che necessitano quindi di metodi e strumenti atti a salvaguardarne l’integrità fisica e percettiva. Il presente lavoro tratta delle ricerche svolte sull’area di An-Ninh, presso Hue, in Vietnam, città UNESCO dal 1993. Tale area infatti rientra nei programmi di sviluppo turistico-culturale delle amministrazioni locali, essendo caratterizzata dalla presenza di uno dei siti templari più importanti del paese, integrato ad un contesto ambientale e paesaggistico di elevata qualità. La città di Hue si presenta infatti come un sistema monumentale diffuso ed integrato al territorio, dove i fenomeni di espansione urbana legati alla crescita economica ancora tardano a manifestarsi. Le opere di valore storico-artistico riconosciuto possono essere classificate in tre insiemi principali: La Cittadella contente la Città Proibita e il sistema di edifici a servizio della Corte Imperiale; l’insieme degli edifici diffusi sui rilievi montuosi circostanti, in particolare le Tombe Imperiali; l’area di espansione coloniale Francese a sud e l’area templare di An-Ninh, oggetto della presente ricerca. Il gruppo di ricerca del Dardus, congiuntamente con l’Università di Hue e il Hue Monuments Conservation Centre dopo avere realizzato un processo di conoscenza e documentazione rigoroso delle architetture e del territorio inclusi nel sito di An-Ninh, ha provveduto alla realizzazione di un ambiente virtuale che potesse costituire lo scenario adeguato per la valutazione della sostenibilità di nuovi interventi di architettura. Il processo di modellazione ha tradotto le informazioni acquisite nelle campagne di rilievo e di ricerca della documentazione storica in un oggetto virtuale articolato secondo diversi livelli di dettaglio e gerarchie di valori. Ogni emergenza monumentale è stata rappresentata tenendo conto del

  4. Breast calcifications. A standardized mammographic reporting and data system to improve positive predictive value; Calcificazioni mammarie. Utilita' di un sistema standardizzato di descrizione e valutazione dei reperti mammografici ai fini del miglioramento del valore predittivo positivo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Perugini, G.; Bonzanini, B.; Valentino, C. [Azienda Ospedali Riuniti, Bergamo (Italy). Unita' operativa di radiodiagnostica

    1999-11-01

    The purpose of this work is to investigate the usefulness of a standardized reporting and data system in improving the positive predictive value of mammography in breast calcifications. Using the Breast Imaging Reporting and Data System lexicon developed by the American College of Radiology, it is defined 5 descriptive categories of breast calcifications and classified diagnostic suspicion of malignancy on a 3-grade scale (low, intermediate and high). Two radiologists reviewed 117 mammographic studies selected from those of the patients submitted to surgical biopsy for mammographically detected calcifications from January 1993 to December 1997, and classified them according to the above criteria. The positive predictive value was calculated for all examinations and for the stratified groups. Defining a standardized system for assessing and describing breast calcifications helps improve the diagnostic accuracy of mammography in clinical practice. [Italian] Scopo di questo documento e' verificare l'utilita di un protocollo standardizzato di descrizione e valutazione delle calcificazioni mammarie ai fini di migliorare il valore predittivo positivo dell'indagine mammografica presso il nostro centro. Utilizzando la terminologia proposta dall'American Collge of Radiology, denominata breast imaging reporting and data system, e' stato elaborato un protocollo che individua 5 modalita' di presentazione della calcificazioni mammarie e definisce 3 gradi di sospetto di malignita' (basso, medio, alto). Il protocollo e' stato applicato alla revisione da parte di due radiologi di 117 casi di calcificazione mammarie inviate a biopsia chirurgica presso il nostro centro nel periodo gennaio 1993-dicembre 1997; sono stati quindi calcolati il valore predittivo positivo complessivo della casistica e quello dei gruppi stratificati per grado di sospetto. La formulazione sulla base della propria esperienza di un sistema standardizzato di descrizione e

  5. PREVALENCE OF ANTIBIOTIC RESISTANT STRAINS OF ESCHERICHIA COLI AND ENTEROCOCCUS SPP. IN ROE DEER (CAPREOLUS CAPREOLUS AND RED DEER (CERVUS ELAPHUS AT THE PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI, ITALY

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    I. Pisano

    2009-09-01

    Full Text Available A case control study was performed in the Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Italy, to find out whether roe deer (Capreolus capreolus and red deer (Cervus elaphus were more likely to harbour antibiotic resistant Escherichia coli in their faeces, compared to Enterococcus spp. Ten areas were selected and samples were collected during a fourmonths (May to August, 2008 sampling period. Samples of water (n=12 and feces (n=59, collected at 10 different sites, were cultured for E. coli and Enterococcus spp. The resulting colonies were screened for tetracycline, ampicillin and kanamycin resistance using the Lederberg Replica Plating method (breakpoint 4 μg/ml. All resistant isolates were then selected, and subjected to the CLSI antimicrobial plate susceptibility test (7. Among the water specimens contaminated by E. coli, 80% were found to be resistant to ampicillin, 80% to tetracycline and 40% to kanamycin. Among the water specimens contaminated by Enterococcus spp., 14.29% were found to be resistant to ampicillin, 14.29% to tetracycline and 71.3% to kanamycin. Among the 39 strains of E. coli isolated from red deer feces, 12 were resistant to ampicillin (30.77%, 5 to tetracycline (12,82% and 3 to kanamycin (7.69%. Among the 19 strains of Enterococcus spp. isolated from red deer feces, 0 were resistant to ampicillin (0%, 1 to tetracycline (5.26% and 19 to kanamycin (100. These are significant findings, indicating that antibiotic resistance can be found in naïve animal populations and that red deer and fallow deer could act as sentinels for antimicrobial resistance. Key words Antibiotic-resistance, red deer, fallow deer, Escherichia

  6. Models for economical and environmental systematic cost benefit assessment of waste separate collection. Their application to the paper cycle; Modelli per la valutazione sistemica costi-benefici, economici ed ambientali, della raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Applicazione alla filiera carta

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Beltramo, R. [Turin Univ., Turin (Italy). Dipt. di Scienze Merceologiche; Scapino, C. [Fise Assoambiente Unionmaceri, Rome (Italy)

    2001-04-01

    The research carried out by the Turin University on behalf of Fise Assoambiente, starting from an analysis of the specialised bibliography of the sector, has highlighted the complexity of the waste problem and the need of a more thorough study aiming at assessing economical and environmental impacts deriving from separate collection, with particular reference to the paper sector. To this end, thanks to the co-operation of companies operating in the collection, sorting and grading of paper and paper mills using maceration, it was possible to develop a model for micro-economical and environmental analysis of the paper cycle which supplied useful data for the detection - by means of the Stella programme, produced by High Performance Systems Inc. - of the effects resulting from a waste management policy oriented towards the attainment of the rigid separate collection targets. [Italian] La ricerca svolta dall'Universita' di Torino per conto di Fise Assoambiente, partendo da un'analisi di bibliografia specializzata del settore, ha evidenziato la complessita' del problema rifiuti e la necessita' di un approfondimento volto a valutare gli impatti economici ed ambientali derivanti dalla raccolta differenziata, con particolare riferimento al settore della carta. A tale scopo, grazie alla collaborazione di imprese operanti nel settore della raccolta, selezione e cernita della carta e di cartiere che utilizzano macero, e' stato predisposto un modello per l'analisi microeconomica ed ambientale della filiera carta, che ha fornito dati utili per rilevare a livello macroeconomico, mediante il programma Stella, prodotto dalla High Performance Systems Inc., gli effetti che scaturiscono da una politica di gestione dei rifiuti orientata al raggiungimento di obiettivi rigidi di raccolta differenziata.

  7. The healing process in cruciate ligament reconstruction. Our personal experience in single and multiple grafts; La maturazione sinoviale dei legamenti crociati ricostruiti. Esperienza personale a confronto negli interventi isolati e nelle ricostruzioni combinate

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellelli, A. [Ospedale San Pietro Fatebenefratelli, Rome (Italy). Radiologia e Diagnostica per Immagini; Adriani, E. [Ospedale San Filippo Neri, Rome (Italy). Div. di Ortopedia; Margheritini, F.; Camillieri, G. [Clinica Villa Stuart, Rome (Italy). Laboratory of Arthroscopic Surgery; Mariani, P.P. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Clinica Ortopedica; Della Rocca, C. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Medicina Sperimentale e Patologia

    1999-12-01

    or if other abnormalities are suspected. [Italian] La maturazione sinoviale e' il termine che indica il processo biologico di attecchimento cui va incontro il trapianto tendineo che viene impiegato nelle ricostruzioni dei legamenti crociati. Amiel e Clancy hanno dimostrato che questo processo e' tempo-dipendente e il tendine impiantato al posto del legamento muta aspetto istologico, presentando al temrine del processo di maturazione identiche caratteristiche microscopiche a quelle del tessuto legamentoso normale. Lo scopo del presente lavoro e' quello di mostrare gli aspetti RM delle diverse fasi di maturazione sinoviale dei legamenti crociati ricostruiti, onde non correre il rischio di interpretare come patologica una fase fisiologica dell'attecchimento del trapianto. Nel periodo compreso tra il gennaio 1995 e il gennaio 1999 sono stati selezionati 60 pazienti operati, da sottoporre a uno studio longitudinale con RM. In 22 casi era stato ricostruito il solo legamento crociato anteriore, in 23 casi il solo legamento crociato posteriore e in 15 casi era stato effettuato, sempre dallo stesso chirurgo, l'intervento di doppia ricostruzione. In tutti i casi sono stati impiegati tendini autologhi (tendine rotuleo o tendini flessori). In 45 casi gli esami RM sono stati effettuati con apparecchiatura dedicata, mentre nei restanti 10 pazienti e' stata impiegata apparecchiatura per il corpo, curando nel dettaglio i parametri tecnici per rendere i vari controlli esattamente sovrapponibili. Nei 20 casi operati di ricostruzione del legamento crociato anteriore le immagini RM mostravano le diverse fasi della maturazione in maniera che possiamo considerare costante in 16 (80%). Tre mesi dopo dall'intervento la proliferazione sinoviale (fase dlla proliferazione periferica) circonda il legamento che mantiene bassa intensita' del segnale della sola porzione centrale. Tra 3 e 6 mesi dopo si osserva elevata intensita' del segnale del

  8. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 Raccomandazione C/M Rec(20145

    2015-02-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145of the Committee of Ministers to member

  9. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 aprile 2014 in occasione della riunione 1196 dei Delegati dei Ministri Raccomandazione C/M Rec(20145

    2014-07-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145 of the Committee of Ministers to member States

  10. La mediazione familiare nei casi di affido dei figli/e e violenza domestica: contesto legale, pratiche dei servizi ed esperienze delle donne in Italia / Family mediation in child custody cases and domestic violence: legal context, logic of services and women's experiences in Italy / La médiation familiale dans les cas de garde d’enfants et la violence conjugale : le contexte juridique, les pratiques au sein des services et les expériences des femmes en Italie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariachiara Feresin

    2017-07-01

    Full Text Available L’applicabilità della mediazione familiare in contesto di violenza domestica (VD è oggetto di discussione. Scopo della ricerca è esplorare il ruolo della mediazione familiare nella gestione degli affidi dei figli in situazione di VD, analizzando le esperienze, conoscenze e significati di differenti attori sociali, quali avvocati, assistenti sociali e donne separate con figli, vittime di VD, e la documentazione inerente. I risultati mostrano che la VD viene occultata durante la mediazione. I professionisti spesso ignorano la VD e di conseguenza applicano la mediazione; ex-coniugi e genitori vengono presentati come distinti; i pattern di potere e controllo agiti dal partner violento durante la relazione continuano in queste occasioni. La mediazione, che dovrebbe essere centrata sul miglior interesse del bambino, si focalizza sul miglior interesse dei padri. I professionisti non conoscono la Convenzione di Istanbul. La sicurezza di donne e bambini/e viene messa a rischio. Le recours à la médiation familiale dans le domaine de la violence conjugale (VC fait l’objet de débats. Cette recherche a pour but d’examiner le rôle de la médiation familiale dans les cas de garde d’enfants en situation de VC, analysant les expériences, les connaissances, les valeurs de différents acteurs sociaux (par exemple, avocats, travailleurs sociaux, femmes séparées avec enfants, victimes de VC ainsi que des documents ad hoc. Les résultats montrent que la VC est dissimulée pendant la médiation. Les professionnels souvent ignorent la VC et par conséquent utilisent la médiation ; ex-conjoints et parents sont par ailleurs présentés sous la forme de deux entités distinctes ; les modèles de pouvoir et de contrôle appliqués par le conjoint violent dans la vie familiale continuent d’être utilisés durant ces occasions. La médiation, qui devrait protéger avant tout l'intérêt de l'enfant, s’adresse au contraire à l’intérêt des p

  11. A scuola di archeologia? Il management dei beni culturali dalla ricerca alla formazione universitaria. Note a margine di un dibattito in corso / At school of archeology? The management of cultural heritage from research to teaching. Notes on an in-progress debate

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mara Cerquetti

    2013-05-01

    Full Text Available Partendo dalla discussione sviluppata nel corso dell’ultimo decennio intorno ad alcune riviste nazionali e internazionali, il presente contributo approda all’esame del rapporto tra ricerca e insegnamento nel campo del management dei beni culturali. Dopo aver ripercorso i tratti salienti del dibattito sulla ricerca nelle scienze economico-aziendali, con particolare riferimento ai temi dell’internazionalizzazione e della valutazione della qualità dei prodotti della ricerca, il focus si sposta sulla didattica, per analizzare questioni e sfide relative alla formazione nel settore dei beni culturali. Più nello specifico lo studio, conducendo una prima indagine esplorativa di carattere teorico-concettuale, porta l’attenzione sul rapporto tra rigore e rilevanza della ricerca e sulle sue ricadute sul piano didattico, ovvero sulla necessità di avvalersi di un approccio problem-oriented per tradurre nell’insegnamento i risultati dell’attività di ricerca ad utilità dei futuri professionisti del settore. Al fine di colmare il research-teaching-practice gap, utili suggerimenti provengono dall’archeologia, in cui lo scavo costituisce non solo uno strumento di ricerca, ma anche una palestra per la preparazione allo studio degli studenti e per la loro professionalizzazione.   Moving from the discussion developed by some national and international journals during the last ten years, this paper examines the relationship between research and teaching in cultural heritage management. After going over the main features of the debate on research in business economics once again – above all the internationalisation and quality evaluation of research outputs –, the focus moves to teaching, analysing the issues and challenges of higher education in the cultural heritage field. Through initial exploratory conceptual research, the relationship between rigor and relevance and their repercussions on teaching are investigated. The paper focuses on the

  12. The situation of the wolf (Canis lupus in the area of the Regional Park of the Simbruini Mountains / La situazione del Lupo (Canis lupus nell'area del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Verucci

    1992-07-01

    Full Text Available Abstract This work presents the results of a field research on the species Canis lupus in the Regional Park of the Simbruini Mountains. In relation to Wolf conservation, an investigation on feral and free-roving dogs was carried out. The method of snowtracking was used for Wolves and Feral dogs, the method of sighting was used for free-roving dogs. The research underlines the importance of the Simbruini Mountains for the protection of Wolf in central Apennines and the factors, at present, threatening its survival. Riassunto Nel presente lavoro vengono illustrati i risultati di una ricerca sul campo sulla specie Canis lupus nel Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. In relazione agli aspetti riguardanti la conservazione del Lupo, è stata compiuta un'indagine sul fenomeno del randagismo canino. Per i lupi e i cani inselvatichiti è stato usato il metodo dello snowtracking, per le altre categorie di Cani è stato utilizzato il metodo dell'avvistamento. La ricerca ha messo in luce l'importanza dell'area dei Simbruini per la salvaguardia del Lupo nell'Appennino centrale e i fattori che, attualmente, ne minacciano la sopravvivenza.

  13. State of the art of seafood chemical contamination in the Adriatic sea and risk assessment for the population living along the Italian coast; Stato dell'arte sulla contaminazione chimica dei prodotti ittici nel mare Adriatico e valutazione del rischio per la popolazione residente lungo la costa italiana

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ferrara, F.; Funari, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Igiene Ambientale

    1999-07-01

    Data on seafood chemical contamination in the Adriatic sea (Italy) from open and grey literature referring to the period 1985-1997 are gathered. In spite of the high number of available data, the risk assessment was possible only few contaminants. Through the comparison of the estimated intakes with the safety doses defined by international organizations, according to a conservative approach, the latter were never exceeded for the general population in the case of aluminium, chromium, copper, mercury, zinc, DDTs, HCBs and HCHs. In the case of strong consumer categories, these doses were sometimes exceeded for arsenic, cadmium, lead and nickel only when the conservative approach was applied but not with the some realistic one. [Italian] Sono presentati i dati della letteratura scientifica aperta e grigia, relativi al periodo 1985-1997, sulla contaminazione chimica dei prodotti ittici del mare Adriatico. Nonostante la notevole mole di dati, la valutazione del rischio e' possibile soltanto per alcuni contaminanti. Confrontando le assunzioni stimate con le dosi ritenute tollerabili da organismi internazionali, applicando un approccio cautelativo, queste ultime non vengono mai superate per la popolazione generale nei casi di alluminio, cromo, mercurio, rame e zinco, DDT, HCB e HCH. Per le categorie dei forti consumatori, applicando l'approccio cautelativo, ma non quello piu' realistico, le dosi di sicurezza vengono talvolta superate nei casi di arsenico, cadmio, nichel e piombo.

  14. Verona/Milano, andata e ritorno. Appunti sulla presenza dei pittori veronesi a Milano nel XIX secolo / Verona/Milano, there and back. Notes on Verona’s painters in Milan in the 19th Century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Casotto

    2013-11-01

    Full Text Available Lo studio intende illustrare (quando possibile anche attraverso le testimonianze scritte degli artisti le vicende dei pittori veronesi che, nel secolo XIX, cercano e in molti casi trovano fortuna a Milano, il centro artistico più aggiornato e vivace di tutto il Nord Italia, rinomato soprattutto per la sua Accademia e le frequentatissime esposizioni. Questa “migrazione” si verifica perché Verona, durante il periodo della dominazione asburgica (1815 – 1866, diviene il perno del sistema militare del regno Lombardo-Veneto e, conseguentemente, il suo sviluppo è subordinato alle necessità delle numerose compagnie militari che stazionano o transitano sul suo territorio. Si incrementano quindi l’edilizia militare, i mezzi di comunicazione per collegamenti di lunga distanza, ma non lo sviluppo urbanistico della città e la nascita di piccole industrie e commerci che possano favorire la popolazione civile. In questa situazione anche il mercato dell’arte languisce, sia per la carenza di committenti pubblici e privati, sia per le poche occasioni di promozione che si organizzano in questi difficili anni. A ciò si aggiunga che anche l’Accademia cittadina vive un momento di stagnazione, dovuta in parte agli obsoleti metodi di insegnamento e in parte alla mancanza di fondi, che causano un tale abbassamento di qualità nell’insegnamento per cui gli artisti qui formati si rivelano impreparati a competere con i colleghi provenienti da altre realtà del paese. Dopo L’Unità d’Italia e, soprattutto, dopo la riforma dell’Accademia veronese (1873, i rapporti tra Verona e Milano, invece, si fanno più complessi: non sono più solamente i pittori veronesi a recarsi nel capoluogo lombardo per studiare e per esporre, ma anche gli autori lombardi non disdegnano le manifestazioni della città veneta e addirittura ambiscono a ottenere e di fatto, spesso, ottengono, la direzione dell’Accademia scaligera. Si deve infine notare che il legame tra le

  15. Il disgusto nel secolo dei Lumi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maddalena Mazzocut-Mis

    2013-12-01

    Full Text Available In this essay I try to answer two different questions: ‘how can we define disgust?’ and ‘which kind of relationship is there between taste and disgust?’. In order to give a definition of the notion of disgust I analyze the works of different modern philosophers of the 18th century. In the first part of my writing I support the idea that disgust is strictly connected to the sense of smell. Taking into account this consideration and the idea that aesthetic feeling is never a mere pleasure of sense, I then make a distinction between feeling and emotion. This distinction allows me to say that disgust is always an emotion, and it is never connected to a judgment of taste. Within the experience of disgust, the distance and the disinterest that aesthetics requires are nullified: both in reality and in works of art disgust can never be mixed with pleasure. On this basis, I analyze the connection between disgust and hunger, as discussed by Diderot and Lessing, sympathy and animals. Ultimately, I can state that disgust can never be mixed with pleasure, and it can never find a place in the judgment of taste. Disgust isn’t opposed to beauty, but it marks its limits.

  16. “Sconfitte emozionali” dei genitori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Janusz Mastalski

    2017-04-01

    Full Text Available In a family all kinds of conflicts and problems occur that affect both the parents and their children. The conflicts which are especially painful are those related to the inability of parents to deal with their own emotions and feelings. In this article, after clarifying the main concepts, the author first discusses the typical features of parental emotions and feelings (creativity, proximity, intensity in order to identify the reasons for “emotional defeats” (the inability to express emotions, the inability to recognize emotions, emotional liability, “getting stuck” in some emotion, harmful suppression of emotions, masking of one’s feelings, stress, fatigue, addiction. Secondly, the author describes their effects (codependency, emotional distance, weakening of emotional ties, superficiality, impaired communication, “internal emigration”, family identity crisis. At the end, he discusses toxic tactics in dealing with these defeats (suppression; avoidance; pretending they do not exist; transfer of emotions on others; resignation in coping with emotions. Consequentially, these tactics lead them to formulate remedies. A discussion of these solutions concludes the article.

  17. Le donne dei principi nel Lazio protostorico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilda Bartoloni

    2009-11-01

    Full Text Available This paper focuses on the role of women in the societies of ancient Latium. In this contribution many cases of burials are presented to illuminate the importance of their role. The analysis of these burials, in terms of grave goods and their setting within the grave, is carried out in comparison with  Etruscan and other pre-Roman areas and with attention to Greek and Roman literary sources, in order to present some specific aspects and activities that involved women in the aristocratic society of the Orientalizing period.

  18. Jung's psychological analysis of Imago Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivana Ryška Vajdová

    2016-05-01

    Full Text Available One of the most intricate topics that are still open in connection to a Swiss psychologist Carl Gustav Jung is religion and related issues: What is the relation between religion and psychology? What is Jung’s personal stance? Did Jung reject religion as a relict of primitive way of thinking or did he try to replace religion with psychology? Some speculations drawing primarily from Jung’s imagery and symbolism revealed in Liber Novus put forward the claim that he even aspired to found a new religion. This paper will attempt to square Jung’s attitude to religion, mainly Christianity. I will point out the main ideas of his psychology of religion. I will follow the evolution of particular ideas related to religion starting with his early works right through to his last.

  19. Una classificazione dei segnali discorsivi in italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elizaveta Khachaturyan

    2011-06-01

    Full Text Available This paper presents an approach to the description of discourse markers (DMs which is based on the studies (from semantic and syntactic perspectives on the material of different languages. A classification of DMs elaborated during this work based on semantic and syntactic criteria is presented and illustrated, in the article, by Italian examples. The following DMs are described : davvero, veramente, dico ; diciamo (It. - disons (Fr. ; tu vois (Fr.. Each subclass (independently of the individual semantics of the word accomplishes a particular task in the discourse and is characterised by general semantic and syntactic features. Moreover, the form of the DM can often indicate to which subclass it belongs. This kind of classification can give necessary cues for contrastive analysis, it can explain as well how to distinguish DMs of the same function and help in the acquisition of DMs (L2 and in translation. The advantages of a similar approach are illustrated by several examples from Italian and French.

  20. A caccia dei segreti della materia

    CERN Multimedia

    Dell'Aglio, Luigi

    2004-01-01

    In Stanford, Marcello Giorgi re-wrote the theories about the interactions of quarks, the bricks composing atoms; this direction of research has led to applications already being used in everyday life, like the PET scan (2 pages)

  1. Protezione dei dati personali e ricerca biomedica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Marchi

    2007-10-01

    Full Text Available With the approval of the deontological Code for the treatment of personal data for scientific and statistical research, a phase of uncertainty and ambiguity in the management of sensitive health data was finally ended. The integration of the regulations for medicalm bio-medical and epidemiological research, agreed upon and/or proposed by Scientific societies, harmonize the right of privacy with the principle of free research, in the interest of all people to achieve and/or keep an optimal health state.

  2. Problemi dei contingenti all'importazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. BARATTIERI

    2014-03-01

    Full Text Available Today trade policy and the politics of protectionism in Italy, for the most part carried out within the EEC, essentially rely on the Community system of customs duties on imported products and variable taxes on agricultural imports. However, there is also a set of domestic trade policy instruments, among which the system of quantitative import restrictions. The present article analyzes the economic, legal and practical aspects of the complex problem of the allocation of import licenses between national operators. In the first part the authors summarize the main differences between quotas and customs duties. The formulas adopted to date in Italy are then re-examined and the criteria used by the other CEE countries are referred to. Finally, the objectives identified as priorities in the field of Public Administration are specified, the main shortcomings of the current system highlighted and some changes proposed.    

  3. Jung's psychological analysis of Imago Dei

    OpenAIRE

    Ivana Ryška Vajdová

    2016-01-01

    One of the most intricate topics that are still open in connection to a Swiss psychologist Carl Gustav Jung is religion and related issues: What is the relation between religion and psychology? What is Jung’s personal stance? Did Jung reject religion as a relict of primitive way of thinking or did he try to replace religion with psychology? Some speculations drawing primarily from Jung’s imagery and symbolism revealed in Liber Novus put forward the claim that he even aspired to found a new re...

  4. Arthroscopic reconstruction of the posterior cruciate ligament. MR studies for bone tunnel positioning and comparison with physical findings; La ricostruzione artroscopica del legamento crociato posteriore. Studio con Risonanza Magnetica per il posizionamento dei tunnel ossei e confronto con i risultati clinici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellelli, A.; Adriani, E. [Ospedale San Filippo Neri, Rome (Italy). Div. di Ortopedia e Traumatologia; Mariani, P.P. [Rome Univ. (Italy). 1. Clinica Ortopedica

    1999-06-01

    The success of arthroscopic cruciate ligament construction depends on several factors., such as patient selection, current surgical execution and postoperative rehabilitation. Technical considerations include graft choice, positioning, fixations, intercondylar notch enlargement, and new ligament tensioning. Graft acceptance is effected by all these factors. Tunnel position is of great importance both for bio mechanical reasons and optimal function of the new ligament, and to avoid stress, friction, abnormal strain, and/or damage to the reconstructed ligament. Many orthopedic and radiographic literature studies discuss the exact site of anterior cruciate ligament insertion for the best possible anatomical reconstruction, In contrast, the debate over the insertional area and anatomical landmarks is open for the posterior cruciate ligament (PCL), because of the difficult execution of this type of reconstruction and the smaller number of candidate. [Italian] Il successo delle ricostruzioni artroscopiche dei legamenti crociati dipende da numerosi fattori quali la selezione dei pazienti, la corretta esecuzione della tecnica chirurgica e la riabilitazione postoperatoria. Le considerazioni tecniche incudono la scelta del tipo di trapianto, il posizionamento, la fissazione, l'ampiamento della gola intercondiloidea e il tensionamento del neo-legamento. L'attecchimento del trapiantoe' quindi condizionato da tutti questi fattori e tra questi il posizionamento dei tunnel ossei riveste grande importanza sia per motivi biomeccanici e per l'ottimale funzione del neo-legamento, sia per evitare sollecitazioni o attriti anormali e dannosi alla struttura ricostruita. Sono presenti nella letteratura molti studi radiografici e ortopedici per determinare le esatte aree dell'inserzione del legamento crociato anteriore, al fine di eseguire delle ricostruzioni il piu' possibile anatomiche. Al contrario, date le difficolota' dell'esecuzione dell

  5. Copper(II) oxide nanoparticles augment antifilarial activity of Albendazole: In vitro synergistic apoptotic impact against filarial parasite Setaria cervi.

    Science.gov (United States)

    Zafar, Atif; Ahmad, Irshad; Ahmad, Ajaz; Ahmad, Masood

    2016-03-30

    Mass treatment of lymphatic filariasis with Albendazole (ABZ), a therapeutic benzimidazole, is fraught with serious limitations such as possible drug resistance and poor macrofilaricidal activity. Therefore, we need to develop new ABZ-based formulations to improve its antifilarial effectiveness. CuO nanoparticles were used as an adjuvant with ABZ to form ABZ-CuO nanocomposite, which was characterized by UV-vis spectroscopy, FT-IR, AFM and SEM. Antifilarial activity of nanocomposite was evaluated using relative motility assay and dye exclusion test in dark and under UV light. ROS generation, antioxidant levels, lipid peroxidation and DNA fragmentation in nanocomposite treated parasites were estimated. Biophysical techniques were employed to ascertain the mode of binding of nanocomposite to parasitic DNA. Nanocomposite increases parasite mortality as compared to ABZ in dark, and its antifilarial effect was increased further under UV light. Elevated ROS production and decline of parasitic-GST and GSH levels were observed in nanocomposite treated worms in dark, and these effects were pronounced further under UV light. Nanocomposite leads to higher DNA fragmentation as compared to ABZ alone. Further, we found that nanocomposite binds parasitic DNA in an intercalative manner where it generates ROS to induce DNA damage. Thus, oxidative stress production due to ROS generation and consequent DNA fragmentation leads to apoptosis in worms. This is the first report supporting CuO nanoparticles as a potential adjuvant with ABZ against filariasis along with enhanced antifilarial activity of nanocomposite under UV light. These findings, thus, indicate that development of ABZ-loaded nanoparticle compounds may serve as promising leads for filariasis treatment. Copyright © 2016 Elsevier B.V. All rights reserved.

  6. Effects of filaricidal drugs on longevity and enzyme activities of the microfilariae of Setaria cervi in white rats

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Haytham Ahmed Zakai

    2015-09-01

    Conclusions: DEC proved the most effective drug which cleared the microfilaraemia within 15 days and reduced the activity of succinate dehydrogenase to some extent followed by tetramisole and chlorpromazine which took more time for the clearance of microfilariae and had no effect on the localization of both glucose-6-phosphatase and succinate dehydrogenase.

  7. New Record of Lipoptena cervi and Updated Checklist of the Louse Flies (Diptera: Hippoboscidae) of the Republic of Korea

    Science.gov (United States)

    2010-11-01

    where the identiÞcations were conÞrmed by Dr. F. C. Thomp- son. A voucher specimen (one adult female) was depos- ited at the National Museum of Natural...microscope using morphological keys (Bequaert 1941; Maa 1965, 1967). Specimens were sent to the De- partment of Entomology, Smithsonian Institution...Sur- veillance Center for their support in conducting this work. Special thanks go to F. C. Thompson for conÞrming the identiÞcation of the specimens

  8. Evidence based medicine (EBM) and evidence based radiology (EBR) in the follow-up of the patients after surgery for lung and colon-rectal carcinoma; Medicina basata sulle evidenze (EMB) e radiologia basata sulle evidenze (EBR) nel follow-up dei pazienti operati per tumore del polmone e del colon

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Giovagnoni, Andrea; Ottaviani, Letizia; Mensa' , Anna; Durastanti, Martina; Floriani, Irene; Cascinu, Stefano [Marche Univ., Ancona (Italy). Azienda ospedaliera Umberto I, Istituto di radiologia, oncologia clinica

    2005-04-01

    real costs of the follow-up programmes implemented in the 40 patients considered and the theoretical costs derived from the guide-line recommendations (an excess of 99.06% for lung cancer, and 93.6% for colon cancer). Conclusions: Our findings can serve as a basis to start a discussion within the scientific community about the role of radiological follow-up in cancer patients with the aim of defining a more rational use of resources. [Italian] Scopo: a) Utilizzare la metodologia di Evidence Based Medicine (EBM) nella definizione del ruolo della radiologia nel follow-up post chirurgico dei pazienti con neoplasia solida; b) valutare le eventuali discrepanze tra il modello teorico ed i protocolli clinici attualmente in uso; c) confrontare i costi degli esami radiologici ricavati da un campione di pazienti osservato con quelli ideali che si sarebbero sostenuti se i pazienti fossero stati seguiti secindo le raccomandazioni fornite dalle linee guida delle Societa Scientifiche Internazionali. Materiale e metodi: Sono stati ricercati (utilizzando banche dati tradizionali e di editoria secondaria) i lavori scientifici e le linee guida degli ultimi dieci anni inerenti l'impatto clinico dell'imaging nel follow-up dei pazienti con tumori solidi (polmone, colon). Utilizzando la metodologia delle revisioni sistematiche proprie della EBM. Sono stati scelti i lavori piu significativi per numero di pazienti inclusi e livello di affidabilita. Sono stati valutati i seguenti parametri: timing delle indagini, sopravvivenza, periodo libero di malattia, qualita della vita, morbilita indotta, costi, aspetti psicologici. In una seconda fase stato analizzato retrospettivamente il follow-up clinico strumentale di 40 pazienti consecutivi affetti da tumore del colon (20 pazienti) e polmone (20 pazienti) giunti alla nostra osservazione nel periodo 1998-2004, valutato il costo reale e confrontato con quello teorico. Risultati: La revisione sistematica della letteratura ha permesso di

  9. Defense Energy Information System (DEIS): DEIS-80 Design System Specification. Revision A.

    Science.gov (United States)

    1981-07-01

    P63387 REDCOM SAN DIEGO N68350 047740 REDCOM TREASURE IS N68308 040061 NAVELEXSYSENGCEN, VALLEJO N63274 047414 NSWSES PORT HUENEME, OXNARD, CA N63394...047740 NAVSPASUR SAN DIEGO, CA N66079 047740 NH LEMOORE, CA N66095 044900 NSA MARE ISLAND, CA, VALLEJO N66890 047414 MT VALLEJO , CA N67030 047414 NEMC...983270* WALLACE AS PHILIPPINES, SAN FERNANDO FG5250 983270* PHIL CLARK AB, ANGELES, PHIL FP5250 983270* NSD SUBIC PHILIPPINES N00651 984260* NCS

  10. Analisi dei costi di buprenorfina vs metadone nella terapia dei soggetti con dipendenza da oppiacei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio L. Colombo

    2003-12-01

    Full Text Available In the last decades, methadone has virtually represented the only available option for the treatment of opioid addicts in Italy. Early in the year 2000 buprenorphine has been introduced on the market as a possible alternative to methadone. While most of the research conducted so far in our country has focused on possible differences in clinical outcomes, depending on the pharmacological differences among the two molecules, the economical aspects of the choice between the two drugs have barely been addressed. In this paper we present a pharmacoeconomical comparison between buprenorphine and methadone in the treatment of heroin dependence by the Italian health service, adopting the perspective of the Society. For this purpose, we constructed a decision analysis model comprising the possible clinical pathways a patient can go through following the inclusion in the therapeutic programs of the SerT. Two types of incremental costs have been considered in the model: direct health costs, i.e. drug acquisition and medical staff costs, and indirect cost, due to loss of working hours for the administration of the drug. The analysis was conducted with a cost-minimization approach, mandatory in the absence of reliable data on clinical differences, and with a time perspective of 12 months. Our results indicate that buprenorphine, despite its higher pharmaceutical cost, is the more convenient option for the treatment of opioid dependence in Italy, as it permits a significant saving of productivity losses. The difference in indirect costs relies on the shorter mean treatment time with buprenorphine and on the possibility of reducing dosing frequency, which allows many patients to attend health services only thrice in week, instead of the daily visits to the SerT necessary for most methadone-treated patients. The results were challenged in a series of sensibility analysis conducted on all relevant and uncertain paramenters, and in no case the option methadone resulted more convenient than buprenorphine, confirming the reliability of the results obtained in the base case scenario.

  11. Arte dei giardini per la qualità dei paesaggi urbani attraversati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Lambertini

    2015-11-01

    Full Text Available At present one of the most discussed topics is the relationship between infrastructures for mobility ant the crossed territories and landscapes. Starting from the definition of the concepts of crossing and urbanscape, the article proposes a reading of recent European experiences of construction and/or recovery of empty spaces leaved by active or lost railway or street infrastructures within the town, interpreted like expression of a contemporary garden and urbanscape art. 

  12. Il mercato dei diritti d’impianto dei vigneti nel Veneto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Galletto

    2015-02-01

    Full Text Available The paper represents a pioneering study of market for vineyard planting rights. Based on two ad hoc surveys, it is aimed at identifying the characteristics of demand, supply and prices for planting rights in Veneto Region since first transactions (1995 to 2007. Results give a picture of a highly heterogeneous market, showing significant changes not only in prices. The use of cluster analysis have made possible to find out the presence of local market segmentation. Thanks to a demand, which grew faster than local supply, prices increased sharply until 2004; then a quick downturn followed. A wide gap exists between maximum and minimum price in the same zone combined with strong spatial price variability among and within provinces.

  13. Dalla terra dei fuochi alle terre avvelenate: lo smaltimento illecito dei rifiuti in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pasquale Peluso

    2015-09-01

    Full Text Available Illegal waste disposal is generating a lively debate, taking also into account the specific attention that has long been devoted to this problem by the media. This article focuses on this phenomenon, underlying the fact that it is no longer limited only to the Campania region, sadly known as the “fire land”, but it has indeed taken a national dimension. As everybody knows, imitation is one of the ways of learning criminal behaviours. These criminals act rationally on the basis of for the reason of maximising profit logic by minimising both efforts and risks. Having learnt techniques employed by Camorra’s clans, today criminal entrepreneurs act on their own behalf by illegally disposing waste and toxic waste produced by companies managed by them on their own premises. More recent investigations conducted by the more involved public prosecutors’ departments highlight the presence of “poisoned lands”, including areas in Northern Italy, due to illegal toxic waste disposal.

  14. Stabilità dei prezzi ed equilibrio dei conti pubblici quale condizione per uno sviluppo duraturo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Azeglio Ciampi

    2012-04-01

    Full Text Available The article illustrates Italy's economie recovery as part of a process of re­newal involving the institutions, every area of the economy and ltalian socie­tyas a whole. After the turning point in 1992, a generaI consensus emerged that European integration was necessary and fully consistent with the natio­nal interest. In this context, the three components of economie policy ­budgetary policy, incomes policy, monetary policy -are working in tandem, ensuring stability, the essential condition for any lasting and sustainable growth. Thus inflation has now been beaten; the balance of payments on current account has recorded increasing and substantial surpluses, and there has been a huge reduction in the budget deficit, with a large primary surplus. The sustainability of these results is ensured by the implementation of structural reforms: tax reform, reform of centraI government budget, reform of the civil service, pensions reform and reform of Italy's commercial system.  JEL Codes: E65 

  15. The influence of light, temperature and feeding on the growth of the Coras cladocora caespitosa and Balanophyllia europaea; L'influenza di luce, temperatura e alimentazione sulla crescita dei coralli mediterranei Cladocora caespitosa e Balanophyllia europaea. Risultati preliminari di una sperimentazione in ambiente controllato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rodolfo-Metalpa, R.; Abbate, M.; Peirano, A. [ENEA, Divisione Ambiente Globale e Mediterraneo, Centro Ricerche S. Teresa, La Spezia (Italy)

    2001-07-01

    In the course of the environmental studies, carried out by ENEA-CRAM Center of S. Teresa near La Spezia, research has been performed about bioconstructional organisms in the Mediterranean Sea. To understand how these organisms respond to environmental parameters an experiment has been carried out in aquaria. Specimens of the Mediterranean coral Cladocora caespitosa and Balanophyllia europaea has been maintained in 80 independent aquaria for four months. Growth rates, pigments concentration and asexual reproduction of the corals were compared in experimental procedures with controlled conditions of light, temperature and food. Environmental parameters have been set out to simulate natural (winter and summer) ambient in the Ligurian Sea. Heterotrophic and autotrophic abilities of the corals have been compared. Results show different growth rates between the two species but similar heterotrophic growth patterns. Summer temperature largely influences growth rates and asexual reproduction of the species while light influence is small. [Italian] Nell'ambito delle ricerche svolte dall'ENEA sullo studio degli organismi biocostruttori nell'ambiente marino, e' stata svolta una sperimentazione al fine di valutare l'influenza di alcuni parametri ambientali (luce, temperatura e alimentazione), impostati in modo da simulare la naturale stagionalita' (inverno ed estate), sulla crescita e sulla riproduzione asessuale dei coralli mediterranei Cladocora caespitosa e Balanophyllia europaea. Queste sperimentazioni sono state condotte, per un periodo di circa quattro mesi, in ottanta acquari indipendenti caratterizzati da differenti livelli di luce, temperatura e alimentazione. Le valutazioni degli incrementi di peso e della crescita lineare sono state eseguite utilizzando differenti metodiche note in letteratura. Soprattutto la tecnica del Peso Galleggiante (Buoyant Weight) si e' dimostrata molto sensibile ed efficace. La capacita' (eterotrofia

  16. Monitoraggio quantitativo della valenza sul paesaggio degli elementi caratteristici, dei livellamenti e degli sbancamenti del suolo in un’area a vocazione vitivinicola, in relazione agli standard di condizionalità 1.1 e 4.4 (Decreto MiPAAF n° 30125/2009

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Bazzoffi

    2015-11-01

    Full Text Available Nell'attuale  periodo di  programmazione della PAC la  protezione  e  il  miglioramento  delle infrastrutture  gestite dalle aziende agricole e  che  contribuiscono grandemente alla determinazione della qualità del  paesaggio  rurale,  compreso  quelle  ad  alta  valenza  ecologica,  sono  state  rese  possibili  rispettivamente dall'applicazione  dello Standard di Condizionalità 4.4 : “Mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio” e dall’adesione alla Misura agroambientale 323: “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale”  implementata dai PSR.In questo studio, che ha riguardato la valutazione paesaggistica di un’area del Comune di Conegliano, si è inteso fornire uno strumento su base geografica  che, insieme ad altri strumenti di valutazione, consenta la redazione di carte tematiche di “monitoraggio  quantitativo” della valenza degli elementi caratteristici del paesaggio e dell’impatto dei livellamenti, consentendo anche di rappresentarne la percezione dinamica. Il monitoraggio quantitativo può consentire alle Amministrazioni locali di trarre elementi di  giudizio e di scelta idonei a tutelare gli aspetti paesistici dei distretti rurali ove l’attività vitivinicola gioca un ruolo fondamentale fra le attività economiche. Sulla base di tali elementi di  giudizio e di scelta sarà possibile predisporre i regolamenti di governo del territorio, efficaci nella tutela del paesaggio, da far rispettare per l’ottenimento della concessione dell’autorizzazione, cui lo standard di Condizionalità 1.1.b fa riferimento. Le metodologie proposta non sono alternative all’Approccio di Valutazione Storico Culturale (AVASC proposto da Agnoletti (2010 che valuta la dinamica dell’uso del suolo e i cambiamenti avvenuti in un ampio arco temporale al fine di definire come “caratteristico” un elemento del paesaggio. 

  17. L'azione collettiva dei lavoratori precari: elaborazione simbolica, identità collettive, rapporto con i sindacati e con la dimensione politica. Una comparazione tra Italia e Spagna (The collective action of precarious workers: symbolic production, collective identities, the relationship with trade unions and politics. A comparison between Italy and Spain

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberta Giorgi

    2015-07-01

    Full Text Available Negli ultimi anni la crisi economica ha colpito con forza l’intero Sud Europa, esasperando dinamiche di impoverimento e precarizzazione di lungo periodo. In Italia e in Spagna, tra gli altri, si è assistito a mobilitazioni contro la precarietà lavorativa e esistenziale. In questo contributo vengono presi in esame i movimenti contro la precarietà in Italia e in Spagna, allo scopo di analizzarne la genesi, gli sviluppi e le prospettive future. In particolare, il paper si concentra sulle rivendicazioni dei movimenti, l’autorappresentazione, la struttura delle alleanze e le strategie di azione, mettendo in luce i risultati delle proteste e i repertori discorsivi e di azione. | In the last years, the economic crisis heavily hit all the Southern European States, exacerbating well rooted dynamics of impoverishment and precarization. In Italy and Spain, among others, social movements against labour and existential precarity developed and took the streets, receiving a high degree of media attention. In this paper we focus on the movements against precarity in Italy and Spain, in order to analyse their genesis, developments, and future opportunities. In particular, the paper focuses on the movements’ claims, their self-representation, the structure of alliances and their strategies of action, highlighting the results of the protests and the repertories of discourse and action.

  18. La chiesa di Richard Meier a Tor Tre Teste e il suo contributo al consolidamento identitario dei nuovi quartieri romani oltre il GRA / The church designed by Richard Meier in Tor Tre Teste and the identity consolidation in the new roman neighbourhoods beyond the Great Circular Road

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Bonaccorso

    2014-06-01

    Full Text Available Il contributo proposto ha l’obiettivo di analizzare alcuni significativi brani del tessuto urbano della periferia est di Roma, adottando metodi interpretativi legati alla storia, alla società, alla programmazione urbanistica e alla costruzione. Gli aspetti salienti del quadrante orientale della periferia romana verranno così delineati partendo “dal di dentro”, sottolineandone i percorsi, gli spazi e i nuclei compositivi che sono all’origine della struttura e della forma stessa dei quartieri disposti a cavallo del Grande Raccordo Anulare. In questo ambito, si pone l’attenzione su alcuni episodi chiave che vedono protagoniste le nuove chiese che riescono a creare una centralità all’interno dei quartieri periferici sostituendo le biblioteche, le piazze e i centri commerciali.  Analizzando da vicino questi esempi, si scopre come di recente sono state realizzate chiese firmate da architetti di fama internazionale proprio allo scopo di rafforzare, o meglio di costruire, un fattore identitario per ciascun quartiere ubicato nel settore orientale della città. Partendo quindi dal generale si arriva a indagare una chiesa e un quartiere che possono essere considerati un modello da seguire per tutta la periferia a ridosso del GRA: la chiesa giubilare di Dio Padre Misericordioso progettata da Richard Meier nel quartiere di Tor Tre Teste. La sequenzialità degli eventi che hanno contraddistinto il concorso per la progettazione della chiesa, la scelta della proposta di Richard Meier, la complessità del cantiere, l’analisi tecnica, stilistica e simbolica della realizzazione finale sono quindi analizzate nell’ambito del rapporto con il quartiere e del tentativo di realizzare (attraverso di essa un centro di attrazione per tutta la periferia.   The article analyses some significant parts of the urban tissue at the eastern periphery of Rome, using the interpretative methods inherent to history, society, urban programming and construction

  19. L’Italia e l’Europa negli anni Trenta. Musei, storia dell’arte, critica e restauro nei documenti dell’inchiesta internazionale sulla formazione dei restauratori (1932 / Italy and Europe during the 1930s. Museums, art history, art criticism and restoration in the documents of the international survey about the training of restorers (1932

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Cecchini

    2016-12-01

    Full Text Available Chi all’interno dell’Offi ce International des Musées (OIM, all’indomani della prima guerra mondiale, lavorava alla ridefi nizione del ruolo dei musei, ripensandoli come luoghi di dialogo interculturale e di incontro della società presente con il proprio passato, considerava il ruolo sociale del museo e la sua funzione conservativa come parte della stessa riforma culturale. In questo scenario l’inchiesta condotta nel 1932 dall’OIM è stata occasione di confronto tra paesi membri della Società delle Nazioni sulla fi gura di ‘restauratore di opere d’arte’. Se ne considerano i percorsi formativi, fi no ad arrivare alla regolamentazione della concorrenza, valutando aspetti metodologici, critici, etici. Le posizioni che emergono dai documenti dell’Archivio dell’OIM mostrano le intersezioni tra scelte culturali e processi storico-politici, rivelano signifi cative differenze sul ruolo attribuito alla diagnostica e alla critica dalle diverse culture nazionali. L’analisi di quanto emerge da quei documenti offre l’occasione per rifl ettere su alcuni percorsi storici che hanno costituito le radici dell’attuale cultura italiana del restauro, permette di soffermarsi sul rapporto dell’Italia con gli specifi ci percorsi della cultura internazionale. Ne emergono elementi utili a considerare da un punto di vista storico i processi di trasformazione ora in atto proprio nell’ambito della formazione dei restauratori di beni culturali. In the aftermath of WW1, those working in the Offi ce International des Musées (OIM to redefi ne the role of museums – rethinking them as intercultural dialogue and meeting places of the society with its own past – considered the social role of the museum and its conservative mission as part of the same cultural reform. In this scenario the survey conducted in 1932 by the OIM was an opportunity for discussion between members OIM of the League of Nations countries on the fi gure of ‘restorer of

  20. Analysis of fox beating data in the provinces of Pesaro-Urbino and of Ancona (Central Italy / Analisi dei dati ottenuti dai verbali di abbattimento di Volpe (Vulpes vulpes nelle province di Pesaro-Urbino ed Ancona

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Santolini

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract The contro1 of fox population by beating method was examined in two Provinces of the Marches region from 1984 to 1988. The efficiency of beating was evaluated as number of killed foxes per beating per 100; in addition the following relative abundance index (I.R.A. was calculated: number of killed foxes in a season divided by the ratio between the number of beatings in the same season and the minimum number of beatings recorded in a season of the study period. The index, recorded in winter, spring and autumn of each study year, agreed generally with the biologica1 cycle of the fox. The low values of the index occurred in spring in relation to the potential breeding fox population, the hight values in autumn when the population included also the young fox. The control of fox population by beating method was inefficient. Riassunto Vengono esaminati i verbali di abbattimento di Volpe (Vulpes vulpes in due province delle Marche, relativi al periodo 1984-88. I dati raccolti hanno permesso di valutare il rendimento di battuta (numero di volpi uccise/battute effettuate x 100 e di definire il seguente indice relativo di abbondanza (I.R.A.: numero di volpi abbattute in una determinata stagione diviso il rapporto tra il numero di battute nella stagione ed il numero minimo di battute registrate in una delle stagioni del periodo di indagine. I valori dell'indice, rilevati per primavera, autunno ed inverno di ogni anno di studio, si accordano in linea generale con il ciclo biologico della specie. Essi sono più bassi in primavera, periodo in cui sono espressione della popolazione potenzialmente riproduttiva, e sono più elevati in autunno in coincidenza con l'incremento della popolazione dovuta alla presenza dei giovani dell'anno. Lo studio evidenzia inoltre che le battute di caccia sono inefficaci per il controllo della popolazione.

  1. Promotion of environmental managements systems (EMAS, ISO 14.000) in the Italian small and medium industries. The applied experiences achieved by ENEA; Promozione dei sistemi di gestione ambientale (EMAS, ISO 14.000) nelle piccole e medie imprese italiane. Le esperienze applicative dell `ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, Luca; Brunetti, Nicola; Caropreso, Gaetano; Luciani, Roberto [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-03-01

    EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) introduced by the Regulation n. 1836/93, is one of the new tools activated by the European Community to overcome the old `Command and Control` philosophy and adopt an approaching policy in the `Moral suasion` logic. It is based on the sharing out of the responsibility, dialogue and action agreed upon by the concerned parties on the basis of impartial and reliable information. EMAS has voluntary character and presents many analogies with ISO 14.000 international system with which a deeper integration is being attempted for a revision of the Regulation. In the frame of present national and international situation, the report shows the recording path of an EMAS site and the experiences achieved up to now particularly by ENEA. [Italiano] L`EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introdotto con il Rergolamento n. 1836/93, rappresenta uno dei nuovi strumenti che la Comunita` Europea ha attivato per superare la vecchia logica del `Command and Control` (Imponi e Sorveglia) e passare ad una nuova filosofia di approccio nella logica della `Moral suasion` (persuasione morale) per un rapporto basato sulla ripartizione delle responsabilita` attraverso un dialogo e un`azione concertata tra le parti interessate sulla base di un`informazione obiettiva ed affidabile. Lo strumento EMAS ha carattere di volontarieta` e presenta profonde analogie con il sistema internazionale ISO 14.000 con il quale si sta tentando, a livello di revisione del Regolamento EMAS, una integrazione piu` profonda. Nel rapporto vengono illustrati, nel quadro dell`attuale situazione nazionale ed internazionale, il percorso di registrazione di un sito EMAS e le esperienza finora attuare con particolare riferimento a quelle dell`ENEA.

  2. Quality assessment of the mammographic screening programme in the 'Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano' 1 - Analysis of interval cancers and discussion of possible causes of diagnostic error; Controllo di qualita' del programma screening mammografico nella Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1 - Analisi dei carcinomi di intervallo e discussione delle possibili cause di errore diagnostico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Burani, Rossella; Maggioni, Carlo; Pirola, Maria Elena [Azienda Sanitaria Locale Provincia Milano 1, Milano, (Italy); Caimi, Francesco; Marinoni, Guia [Azienda Ospedaliera Ospedali Civili, Legnano (Italy); Pellizzoni, Romana; Villa, Roberto [Azienda Ospedaliera Salvini, Garbignate Milanese (Italy); Ciatto, Stefano [Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze (Italy)

    2005-03-01

    screening as compared to excellence centers, and suggests proper action to improve diagnostic accuracy. Analysis and critical review of IC is an early indicator of screening efficacy which is not currently used in Italian screening programmes. Using HDR for this purpose may have limited drawbacks, but gives the advantage of earlier identification of IC as compared to cancer registries, and is the most reliable source of information in areas lacking a cancer registry. The present study methodology might be currently applied in screening programmes. [Italian] Scopo: Valutare la sensibilita' del programma di screening mammografico e le cause di mancata diagnosi comparsi poi come carcinomi di intervallo (CI). Materiale e metodi: I CI sono stati identificati mediante incrocio dell'archivio delle donne esaminate negli anni 2000-2002 con le schede di dimissione ospedaliera (SDO) per carcinoma mammario 2000-2002. Per il calcolo del tasso proporzionale dei CT osservati/attesi e' stato utilizzato l'incrocio fra le donne esaminate negli anni 2000-2001 e le SDO (osservazione biennale per l'anno 2000, completa per il primo anno per il 2001). La frequenza registrata rispetto all'incidenza attesa e' stata confrontata con gli standard internazionali e con i dati della letteratura. I radiogrammi di screening precedenti i CI, mescolati in modo casuale con radiogrammi di casi negativi, sono stati sottoposti a rivalutazione, in lettura cieca da un revisore indipendente, applicando i criteri convenzionali per la classificazione della causa di errore (carcinoma occulto, segni minimi, errore di screening). Risultati: L'analisi delle SDO dal 2000 al 2002 ha consentito di identificare 31 CI invasivi rispetto a 89 carcinomi attesi. Il tasso proporzionale di CI osservati/attesi nel primo e secondo anno dell'intervallo di screening e' stato rispettivamente del 26% e 67%. La revisione radiologica, possibile in 38 CI su 61 casi totali riscontrati, ha

  3. The Uluzzian technology of Grotta di Fumane and its implication for reconstructing cultural dynamics in the Middle-Upper Palaeolithic transition of Western Eurasia.

    Science.gov (United States)

    Peresani, Marco; Cristiani, Emanuela; Romandini, Matteo

    2016-02-01

    From the intricate ensemble of evidence related to the Middle-Upper Palaeolithic transition and the presumed first spread of anatomically modern humans in Europe, the Uluzzian has attracted major attention in the past few years. Although the Uluzzian has been viewed as a supposed product of modern humans settling in Mediterranean Europe, the techno-cultural complex has been the subject of few investigations aiming to clarify its chronology, bone industry, and settlement dynamics. Further, little is known of its technological structure. This article presents the results of an extensive study of the lithic and bone technologies from assemblages recovered at Fumane Cave in the north of Italy. Results confirm that the Uluzzian is a flake-dominated industry that brings together a set of technological innovations. The Levallois is the most used method in the initial phase, which is replaced by more varied flaking procedures and an increase in bladelets and flake-blades. Sidescrapers and points also represent a Mousterian feature in the initial phase, while splintered pieces, backed knives and other Upper Palaeolithic tools increase in the later phase. Our results suggest that the Uluzzian is rooted in the Mousterian lithic technological context and cannot be viewed as a proxy for anatomically modern humans, the carriers of the abrupt cultural changes related to the Aurignacian. Copyright © 2015 Elsevier Ltd. All rights reserved.

  4. La ricostruzione tridimensionale e il restauro virtuale di una tomba etrusca dipinta dell’Etruria meridionale interna: la “Grotta Dipinta” di Pranzovico (Viterbo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Limoncelli

    2013-05-01

    Full Text Available El artículo se refiere a la reconstrucción en 3D y la restauración virtual de algunas tumbas pintadas de cámara excavadas en la roca ubicadas en el interior del sur de Etruria (provincia de Viterbo, Italia central. La tumba fue descubierta en 1901 en un lugar llamado Pranzovico y data de la mitad del siglo V; tiene planta de cruz con el centro del atrio (decorado con pinturas y tres cámaras en las que se encuentran las camas funerarias excavadas en la roca. Las pinturas fueron en gran parte destruidas por las excavaciones ilegales en los días inmediatamente posteriores al descubrimiento; durante el siglo XX fue dañada a causa de los trabajos agrícolas en los alrededores y ahora está parcialmente colmatada. Su reconstrucción 3D se basa en la escasez de restos que todavía se conservan, el plano y los dibujos de las pinturas hechas en el momento del descubrimiento y la comparación con otras tumbas de Tarquinia y Chiusi.

  5. Misure alternative alla detenzione e promozione dei diritti tra prossimità e sollecitudine / Mesures alternatives à l’incarcération et promotion des droits entre proximité et sollicitude / Alternative measures to detention and promotion of the rights between proximity and concern

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bisi Roberta

    2016-12-01

    Full Text Available I percorsi che portano ad usufruire di misure alternative alla detenzione sollecitano riflessioni circa l’importanza delle relazioni, dei processi ed anche delle modalità di costruzione degli interventi. Pertanto, è oltremodo necessario che, grazie a comparazioni verificate in altri Paesi e il progetto europeo di ricerca al quale è dedicato questo numero della Rivista ne è un esempio, vengano formulate e trasferite sul piano operativo contenuti e proposte che dovranno scaturire ed essere rilevate con iniziative di studio, di ricerche, di verifiche e di sperimentazioni poiché l’esigenza di libertà, che è alla base della detenzione, pone problemi di fondo e ne sollecita soluzioni, trattandosi di beni raramente e adeguatamente recuperabili o ricostruibili in pieno. Les parcours qui conduisent à bénéficier de mesures alternatives à l’incarcération sollicitent des réflexions sur l’importance des relations, des processus, mais aussi sur les modalités d’élaboration des interventions. Par conséquent, grâce aux comparaisons avec d’autres pays, et au projet de recherche européen auquel ce numéro de la « Revue de Criminologie, Victimologie et Sécurité » est consacré, il est plus que nécessaire que les propositions et les suggestions formulées soient mises en ɶuvre. Ces dernières devront être élaborées à partir d’études, de recherches, de vérifications et d’essais puisque l’exigence de la liberté, qui est à la base de l’incarcération, pose des problèmes majeurs et demande des solutions, s’agissant de biens rarement et adéquatement récupérables ou pouvant être pleinement reconquis. The routes leading to benefit from alternative measures to detention encourage to reflect on the importance of those relationships and procedures involved in the development of the relevant required interventions. Thanks to the comparisons made in other countries (and the European research project examined in this

  6. Sulphides balance in tanning leather district in Tuscany: evaluation of H{sub 2}S emissions and estimation of their impact on the air quality of the area; Bilancio dei solfuri nel comprensorio del cuoio: valutazione delle emissioni di dirogeno solforato e del loro impatto sulla qualita' dell'aria della zona

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Campi, B.; De Blasi, E.; Vanni, D.; Scali, C. [Pisa Univ., Pisa (Italy). Dipt. di Ingegneria Chimica, Chimica Industriale e Scienza dei Materiali; Spinazzola, A. [ARPAT-Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Pisa (Italy). Dipt. di Protezione Ambientale, Sez. locale di San Romano

    2000-09-01

    The paper deals with an evaluation of hydrogen sulphide emissions from leather tanning industries and water purification plants in the leather district in Tuscany. The aim of the work is to correlate different sources emissions of the area with pollutant concentrations recorded by the monitoring network. Global quantities of treated substances, different plants typologies and operating mode, have been considered, following the indications of the ARPAT's archives. This analysis, updated to 1998, gives interesting information about the trend of emissions and their weight on air quality: the effect of tanning leather industries emissions during the 'pickel' operation results greater than the average purification plants contribution to air quality, even if, cause of the high quantity of treated sulphides, the weight of purification plants remains important. The trend of measured concentration of pollutant in air shows a clear improvement of air quality during last three years (1997-199). [Italian] L'articolo presenta una valutazione delle emissioni di idrogeno sulforato da aziende conciarie e da impianti di trattamento delle acque reflue industriali nel comprensorio del cuoio. in Toscano. Lo scopo dell'indagine e' quello di valutare la possibilita' di correlare le emissioni delle diverse sorgenti della zona con i valori di concentrazione di inquinante al suolo rilevati dlla rete di monitoraggio. La valutazione tiene conto delle quantita' complessive di sostanze lavorate, delle diverse tipologie degli impianti e del loro stato di funzionamento, secondo quanto risulta dai dati contenuti nell'archivio dell'ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana). L'analisi aggiornata al 1998, fornisce indicazioni circa l'andamento dei fenomeni emissivi ed il loro peso sulla qualita' dell'aria. In particolare si evidenzia come l'effetto delle emissioni dalle aziende conciarie durante l

  7. La struttura dei mercati monetari. (The structure of money markets

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J.S.G. WILSON

    2014-07-01

    Full Text Available The article surveys the main characteristics of money markets. It defines a money market as a center in which financial institutions congregate for the purpose of dealing in monetary assets. The author stresses the variety of organisational forms as well as the common elements of these markets.JEL: E40, E44, G10, G20

  8. Il sistema dei controlli monetari e creditizi in Francia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.R. HODGMAN

    2014-08-01

    Full Text Available The article presents French monetary and credit controls as a coherent system, displays the inner logic of this system and evaluates its implications for policy objectives related to growth, the price level and balance-of-payments. The French system is sufficiently different from other countries in the degree of “socialisation” of credit and direct administrative intervention by the authorities into credit affairs. The effects of traditional operations such as open market purchases cannot be understood in the French environment without a grasp of certain features of French financial institutions. Moreover, the French authorities assign priority to selective credit policy as distinct from general monetary policy and are permitted to intervene in the free play of financial market forces through administrative measures.JEL: E52, E31, F32

  9. Augustinus' geschrift 'De stad van God' (De ciuitate Dei): Een ...

    African Journals Online (AJOL)

    Test

    7 juni 2011 ... Na Jezus (die 'vaderloos' leefde in en van teksten [Van Aarde 2001]), komt historisch gezien bovenal Paulus. Meest invloedrijk daarna in de kerkgeschiedenis werd vooral de Afrikaan. Augustinus. De grote bijbelgeleerde en tijdgenoot Hieronymus wist het al: Augustinus is, na Paulus, de tweede stichter ...

  10. La regolazione dinamica dei processi affettivi attraverso la mediazione semiotica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jaan Valsiner

    2017-04-01

    Full Text Available We introduce a semiotic and dynamic perspective to investigate and discuss – from a psychological point of view – the process of affective regulation through the mediation and articulation of signs. In order to avoid a simplistic, linear and reductive appraisal, affective phenomena are presented as quasi-structured fields (“affective fields”, which differentiate themselves through semiotic mediators (signs. Their function is to orient people in anticipation of the immediate future. Semiotic regulation leads to the construction of temporary hierarchies, namely structures of signs that guide experiences. From the constitution of meta-level operator signs ensues both the rapid expansion of the construction of signs (semiotic enhancers and the arrest and the demolition of the temporary regulatory hierarchy of signs (semiotic terminators. These signs allow for flexible expansion but also limit the “depth” and redundancy of self-regulation processes in subjective experiences and actions in different contexts.

  11. La regolazione dinamica dei processi affettivi attraverso la mediazione semiotica

    OpenAIRE

    Jaan Valsiner; Raffaele De Luca Picione

    2017-01-01

    We introduce a semiotic and dynamic perspective to investigate and discuss – from a psychological point of view – the process of affective regulation through the mediation and articulation of signs. In order to avoid a simplistic, linear and reductive appraisal, affective phenomena are presented as quasi-structured fields (“affective fields”), which differentiate themselves through semiotic mediators (signs). Their function is to orient people in anticipation of the immediate future. Semiotic...

  12. Contributo alla ricostruzione dei caratteri del "patrimonio culturale comune"

    OpenAIRE

    Fois, Fabrizio

    2017-01-01

    The international law lacks of a unique term to usefully describe all the aspects of the cultural heritage (tangible, intangible, underwater) and their relevance for the humanity as a whole. To this end, the present study affirms the utility of the principle of the “common heritage of mankind”. It has been developed in the law of the sea to describe the areas outside the State's jurisdiction, where every State has the right to exploit the resources in a peaceful and rational way and to sha...

  13. Strategia estraniante e strategia addomesticante nella traduzione dei testi giuridici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandro Paolucci

    2013-12-01

    Full Text Available Il traduttore, ogni volta, prima di intraprendere la traduzione di un testo da una lingua ad unʼaltra, da una cultura ad unʼaltra, è chiamato a dar vita a una macro-scelta ovvero a decidere se adottare una strategia tesa al mantenimento e al rispetto delle strutture linguistiche, del lessico, dello stile della lingua di partenza, oppure una strategia volta a commutare determinati aspetti morfosintattici, lessicali e stilistici per rendere così il testo di arrivo più vicino alla lingua e alla cultura di arrivo (cfr. Schleiermacher 1813. Nel presente contributo, dopo una breve illustrazione della problematica dellʼapproccio estraniante e dellʼapproccio addomesticante nella traduzione in generale (Schleiermacher, Venuti, Eco, Ožbot ed altri eminenti studiosi, si passa a individuare e valutare una possibile applicazione di tali strategie nella traduzione giuridica. In particolare, si tenta di distinguere determinati casi in cui, a nostro modo di vedere, sia preferibile, auspicabile o persino necessaria una traduzione principalmente estraniante e determinati altri casi in cui, invece, sia più opportuna o efficace una traduzione principalmente addomesticante.

  14. Condivisione di risorse educative nella formazione dei docenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serena Alvino

    2009-01-01

    Full Text Available Presentation of the draft Community Share.TEC, to develop a multilingual system for sharing digital content-specific teacher training. This system integrates an ontological approach to top-down, taken to capture and share knowledge, to a bottom-up (folksonomies, adopted to capture and share experiences Ie user.

  15. Studio dei ritmi circadiani in pazienti in stato vegetativo

    OpenAIRE

    Sancisi, Elisa

    2009-01-01

    Objective: To study circadian rhythms (sleep-wake, body core temperature and melatonin circadian rhythms) in patients in vegetative state (VS) in basal condition and after nocturnal blue light exposure. Methods: Eight patients in VS underwent two experimental sessions of 48 consecutive hours polysomnography with body core temperature (BCT) measurement separated by a 1-week interval. For a week between the two experimental sessions, patients underwent nocturnal blue light exposure (470 nm; ...

  16. La biblioteca dei vivi. Sulla poesia di Jouni Inkala

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viola Parente-Čapková

    2016-12-01

    Full Text Available Jouni Inkala’s poetry brought about innovation of expression into Finnish poetry of the 1990s. My article situates Inkala in the tradition of poetry and literature in the Finnish language and traces the development of themes, topics and formal strategies I consider central in his work (among others, the “great tradition” of Western civilization and culture, relation between spirituality, art and science, intertextuality, self-reflexive qualities, social commitment. The analysis of this development culminates in the discussion of Inkala’s five unpublished poems, which are presented also in the Italian translation. The article and the poems are accompanied by my interview with the author.

  17. Lake hydrochemistry in Sardinia, Italy. Idrochimica dei laghi della Sardegna

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sechi, N. (Sassari Univ. (Italy). Dipt. di Botanica ed Ecologia Vegetale); Mosello, R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Pallanza (Italy). Ist. Italiano di Idrobiologia); Vacca, S. (Ente Autonomo del Flumendosa, Cagliari (Italy))

    1993-05-01

    Spring concentrations of the main ions, pH and conductivity of 23 lakes in Sardinia are presented and discussed in relation with the geo-lithology of the watersheds and the inputs from atmospheric deposition.

  18. Sulla realità dei quanti un dialogo galileiano

    CERN Document Server

    Jauch, J M

    1980-01-01

    Che cosa succederebbe se Simplicio, Salviati e Sagredo, i tre protagonisti del "Dialogo" di Galileo, si incontrassero oggi e parlassero di fisica? Come reagirebbero all'ancora insuperato scandalo del comportamento quantistico della materia? Un grande fisico contemporaneo, Jauch, ha avuto l'idea di mettere in scena questo gioco, sulle rive del lago di Ginevra. E così ha scritto una guida illuminante e leggibile ai temi cruciali della fisica contemporanea.

  19. Sludge settling problems; Problemi di sedimentabilita` dei fanghi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Vismara, R. [Milan Politecnico (Italy). Dip. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento. Sezione Ambientale

    1998-09-01

    The chemical-physical properties of the activated sludge plant effluent are ascribed to two separate components: the solute substances and the connected substances to suspended solids. While the first component is directly connected to bacterial activity and the theory is rather able to predict his evolution, on the contrary, actually there are not any theory able to predict and dominate the setting properties, bio flocculation and foaming of the activated sludges. The paper summarises the proceedings diagnostic utilised today to identify different phenomenons by underlying, as very attempt is very far to be satisfied, in order to supply certain answers with regard to putting into effect the actions and techniques and to stop each unwelcome pathologic effects. [Italiano] La qualita` chimico-fisica dell`effluente di un impianto a fanghi attivi e` ascrivibile a due componenti distinte: le sostanze solute; le sostanze legate ai solidi sospesi. Mentre la prima componente e` legata direttamente all`attivita` batterica e la teoria e` abbastanza in grado di prevederne l`evoluzione, al contrario non esistono attualmente teorie in grado di prevedere e tanto meno di dominare le proprieta` di sedimentabilita`, bioflocculazione e schiumeggiamento. Si riassumono le tecniche di diagnosi ad oggi utilizzate per identificare i vari fenomeni, sottolineando come ogni tentativo di fornire risposte certe circa le azioni o le tecniche da attuarsi per fare cessare ogni effetto patologico indesiderato, sia invece molto lontano dall`essere soddisfacente.

  20. Femminile/Maschile nel corpo danzante: Il lago dei cigni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Maria Fabris

    2014-02-01

    Full Text Available The gender transformation myth of Ceni/Ceneus, described in Ovid's Metamorphoses, impregnates the reflection on the social perception of the gender identity, which has been reworked by the culture since the Greek-Roman antiquity until today. While the phenomenological philosophy argues that the 'incarnation' of gender belongs to the ontology of the human being, cultural studies point out that it has been produced by a systematic use of codes and conventions shared by a group. By this perspective, in the re-creations of the most well-known Swan Lake the gender transformation originally 'incarnated' by female swans – representations of the western female ideology in the Nineteenth century – then by the Matthew Bourne's manly swans in 1995, gives me the opportuny to deconstruct how the male gaze perceives the female gender both through the Ballets Trockadero de Monte Carlo's irony and Mats Ek's parody. I use also this occasion to repeat a compelling question: does the female body matter in the social perception nowadays?

  1. Ipertensione arteriosa, continuum cardiovascolare e ruolo clinico dei sartanii

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Destro

    2011-03-01

    Full Text Available The cardiovascular and cardiorenal continuum comprises the transition from cardiovascular risk factors to endothelial dysfunction and atherosclerosis, to chronic congestive heart failure, and-stage renal disease or premature death. RAAS (renin-angiotensin-aldosterone system is involved in all steps along this pathway. Data from clinical studies involving valsartan and other ARBs provide evidence of the reduction of risk of cardiovascular events, and end-organ damage in the heart, kidneys and brain. This paper summarizes the status on research of ARBs based on clinical trials and regulatory approval.

  2. L’importanza dei linguaggi non verbali nella cultura indiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna Gallo

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – Nonverbal languages are an integral part of human communication since they transmit substantial information such as emotions and psychological conditions, and therefore they contribute to understanding. Culture affects nonverbal behaviours. The Indian subcontinent is highly multicultural, multi-ethnic, multi-religious and multilingual, and language diversity often makes communication difficult. In India alone, there are 22 official languages besides about 400 other languages. The populations of the southern area, who speak languages of Dravidian origins, do not have a common language to communicate with people living in the North, who speak languages of Aryan origins, and even people living in the same village often speak different dialects. English, which has the status of an L2 in the country, is spoken appropriately only by those who can afford to go to English-medium schools. The majority of people can be placed in a continuum going from highly creolised forms of English to a number of ‘trade pidgins’. Yet, in spite of the inability to communicate in a common language, Indians make use of nonverbal languages, such as hand and head gestures, facial expressions, eye movements, as well as less evident messages such as dress and their colours, posture and the space between speakers. Nonverbal behaviours that Indians display in daily communication are related to those found in traditional performing and aesthetic arts. The purpose of this paper is to suggest how the knowledge of nonverbal languages is useful for an appropriate intercultural competence for interaction with migrants coming from the Indian subcontinent.

  3. Lo studio della vittimologia nell’Arma dei Carabinieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Rispoli

    2007-12-01

    Full Text Available The focal point of criminal theories has been, for some time now, uneven in regards to the study of anti-social behavior, because the tendency is to privilege the fascination of a cruel act and of its author rather than giving adequate consideration to the victim of crime and the psychological effects that crime produces on the person who has suffered an assault. Since victimology began as part of the criminology branch, along with the social-cultural-juridical evolution that followed (due also to the growth in rules and special laws that extend beyond the law code and to some very considerable international involvement, we have witnessed the progressive rise of the victim profile, to a “key figure”, worthy of the required legislative assurances. The expression of this new orientation can be found in the concept of “community policing”. This policy derives from the idea of getting closer to the community’s citizens and of filling the gap existing between actual security and sense of security felt. This is a result of having exploited the traditional motivational heritage that helps the Carabiniere Serviceman be a primary interlocutor experienced in listening, providing assistance and advising. The basic training and the skills of the Carabiniere Serviceman, of any social and military rank, for this new way of approaching a victim of crime is therefore perceived by the Institution, as an essential need in order to make the person who suffered an abuse, feel more human and more important, (often his/her privacy and family affection are violated and bring him/her, to rely on a clear and qualified point of reference, who is a citizen that acts for other fellow citizens and in the same time, an expert capable of providing aid and support.Pendant longtemps, la recherche en criminologie s’est concentrée sur l’étude des comportements déviants, en privilégiant l’image de l’acte cruel de l’auteur plutôt que de se focaliser sur la victime, en particulier sur les conséquences psychologiques du crime sur cette dernière. Depuis la naissance de la victimologie (branche de la criminologie et l’intervention des grands noms de la victimologie, puis avec l’évolution socioculturelle et juridique sans cesse croissante, on a assisté à la prise en compte du profil de la victime comme étant un « élément clé » devant faire l’objet d’une attention accrue. L’Arme des Carabiniers (en raison notamment de sa dispersion sur tout le territoire s’inscrit dans ce nouveau contexte, en participant avec les autres acteurs institutionnels de la sécurité à cette « révolution culturelle », qui se traduit par une meilleure prise en compte de la victime. Expression d’une nouvelle orientation majeure du service, le concept de police de proximité est né de l’idée de rendre l’Arme plus visible et plus proche des citoyens. Ainsi, l’action de proximité s’efforce de combattre un fort sentiment d’insécurité, en exploitant les valeurs du Carabinier, étant généralement le premier interlocuteur des personnes en détresse. Pour une meilleure satisfaction des attentes de la population, le développement d’une culture de l’accueil des victimes constitue une priorité pour l’Institution et fait l’objet d’une attention particulière dans la formation de base et continue de l’ensemble des militaires de l’Arme, tous grades confondus. La victime (souvent physiquement et moralement traumatisée doit trouver en face d’elle un militaire, véritable professionnel chargé de son soutien et de son assistance, et toujours capable d’apporter des réponses empreintes d’humanité.

  4. Water service tariffs. Le tariffe dei servizi idrici in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Massarutto, A. (Milan, Univ. Bocconi (Italy). Istituto di Economia delle Fonti di Energia Udine Univ. (Italy). Dip. di scienze economiche)

    1998-01-01

    This article analyzes the recent evolution of pricing policies in the Italian water industry. Italy, as many other countries, is undergoing a transition from traditional public budget subsidies to more endogenous models based on the user-pays and polluter-pays principles.However, this transition is still largely incomplete. In the current expansive phase of the investment cycle, it seems unrealistic to drastically abandon public subsidies. The issue is then the individuation of innovative subsidy and compensation schemes, that avoid a dramatic impact on household budgets while remaining coherent with water and environmental policy objectives and with the need to rely on private capital markets.

  5. Strategie di spazializzazione dei contenuti nel GeniusLoci Digitale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Davide Gasperi

    2013-07-01

    Full Text Available GeniusLoci Digitale is a software architecture of virtual tour that integrates various multimedia technologies (3D computer graphics, panoramas, dynamic maps, movies, pictures to represent the identity of places. The designer is interested in reproducing virtually complex aspects that define a context, which means the effect of meaning that distinguishes one place. GeniusLoci Digitale is in fact an architecture that evolves in search of a reproductive and communicative function which is recognizable to extend its development to the Open Source community.

  6. Note per una tipologia dei balsamari romani a fondo piatto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Camilli, Andrea

    1997-12-01

    Full Text Available This paper refers to the flat-bottomed production of Roman age ceramic vases expressly made to contain perfumes. Starting from morphological associations a first effort at an open typology is presented. Considering the typological aspect, it is not easy for the time being to define a complete line of evolution in shapes and diffusion; what is certain though is that perfume vases seem to be of local production and diffusion and, with rare exceptions, do not seem to be goods for a long distance trade.Se estudia la producción de recipientes de perfume de fondo plano, de época romana, habitualmente denominados unguentaria. A partir de agrupaciones morfológicas se establece una primera clasificación tipológica abierta. Dado que no resulta fácil definir una línea evolutiva en cuanto a formas y difusión, se concluye que estas vasijas, salvo excepciones, forman parte de una producción de difusión regional, no preparada para la exportación.

  7. Scienze umane e verità dei saperi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sini, Carlo

    2015-08-01

    Full Text Available Humanities and the truth of knowledge]. A reflection about the crushing of the notion of culture in contemporary age and about the paradoxes and problems arising from the present trend to impose heteronomous values to the research. Without a proper use of the gaze of history, of the work of philosophy, of the investigation into the hidden ethical and political sense of the intellectual activity, all our knowledge – both scientific natural and humanistic – is doomed to be deprived of self-awareness: i.e. either prey of a fetishistic naturalism or, on the other hand, of a rhetorical and abstract idealism.

  8. Addio Nando Orfei, uno dei padri del circo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco De Filippo

    2015-07-01

    Full Text Available «Il circo è e sarà il più grande spettacolo del mondo». Nando Orfei sarà ricordato per questa frase, la "sua" frase, e per quella giacca bordeaux, improbabile e forte come tutti i colori e i gusti legati al mondo circense, secondo la legge che vuole lo spettatore affascinato e sopraffatto da lustrini, suoni e luci. Gusti forti, come il desiderio e l'adrenalina che a Nandino doveva pompargli in corpo ogni volta che alle spalle gli si chiudeva la porta in ferro lasciandolo isolato dal mondo, accerchiato da una decina di tigri o leoni. Come nelle immagini di un tempo o nelle vignette-simbolo della Settimana enigmistica: il domatore impomatato, la frusta, una sedia e una traboccante dose di fegato (o incoscienza. Chi lo ricorderà, lo farà facendo rimbalzare nel cervello questa immagine.

  9. Il persistente squilibrio della bilancia dei pagamenti tedesca.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C.P. KINDLEBERGER

    2014-09-01

    Full Text Available The work examines Germany’s balance-of-payments surplus. The author first briefly considers the United States balance of payments. The German balance of payments is then analysed according to structural aspects, absorption, the level of domestic investment, and policy. A digression on stock-adjustment and flow models of international capital movements is also provided. The author concludes that absorption dominates the current-account balance, and that what is needed is well-functioning capital markets to fund the savings or borrowings which spill abroad, plus international coordination of monetary policy. JEL: F31, F32

  10. La dottrina dei sensi spirituali in Guglielmo di S. Thierry

    National Research Council Canada - National Science Library

    Maria Chiara Tulli

    2008-01-01

    .... La sensazione, insieme attiva e passiva, è anche azione dell’organo sensitivo sull’oggetto percepito, incontro tra soggetto e oggetto, e trasformazione del soggetto senziente in oggetto percepito...

  11. Un contributo allo studio della geografia dei distretti industriali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    I. Jelen

    konzentriert, was mit den unterschiedlichen Standortfaktoren erklärt werden kann Interessant ist die daraus resultierende Tatsache, daß sich innerhalb dieser «industrial districts» oft »subdistricts» bilden, zwischen welchen sich hierarchische Beziehungsfaktoren etablieren.

  12. La dottrina dei sensi spirituali in Guglielmo di S. Thierry

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Tulli

    2008-07-01

    Full Text Available Guglielmo di Sait-Thierry descrive attraverso il linguaggio dell’amore un percorso di conoscenza e avvicinamento a Dio. Considera i sensi spirituali come massima espressione dell’unione a Dio, paralleli all’esperienza corporea, in grado di condurre verso una comprensione superiore. La sensazione, insieme attiva e passiva, è anche azione dell’organo sensitivo sull’oggetto percepito, incontro tra soggetto e oggetto, e trasformazione del soggetto senziente in oggetto percepito. Sono i passaggi che si ritrovano nel percorso verso la conoscenza come somiglianza: percezione – avvicinamento – assimilazione.

  13. LA PROGRAMMAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE NELLO SVILUPPO DEI PROCESSI CHIMICI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Vegliò

    1995-12-01

    Full Text Available In the present paper the main advantages obtained in the planning of experimental tests by using factorial design are shown. In particular the general criteria to perform a full and fractional factorial experiments are highlighted. A biotechnological application, regarding an optimisation study of a cultural media in the bioleaching of a manganiferous mineral of industrial interest, is shown as an example.

  14. Modellizzazione dei sistemi complessi: un’introduzione metodologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela De Sanctis

    2013-08-01

    Full Text Available We propose a methodological introduction in modeling dynamical systems for didactical aims. Firstly, we recall the deterministic paradigm in the description of natural phenomena, typical of classical physics and mathematically described by using differential equations. With the discovery of the deterministic chaos, the randomness of the motion is accepted and the description of phenomena is performed using stochastic differential equations. Finally, a special attention is devoted to the case of complex systems.

  15. Meccanica analitica con elementi di meccanica statistica e dei continui

    CERN Document Server

    Fasano, Antonio

    2002-01-01

    Rivolta agli studenti del secondo anno di Fisica, Matematica, e Ingegneria, quest'opera presenta un panorama assai ampio e differenziato di argomenti classici di meccanica, con particolare enfasi sulla meccanica analitica, la teoria delle perturbazioni, la teoria cinetica, la meccanica statistica dell'equilibrio.

  16. Superare il regime confessionale: la lunga battaglia dei giovani libanesi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rocco Polin

    2012-08-01

    Full Text Available In the context of the Arab Spring, Lebanon has represented a somewhat exceptional case. This article analyzes the most important episodes of the democratic battles of young Lebanese in the past two decades, in order to understand the peculiar dynamics of this movement.

  17. Interpreting the visio Dei in Matthew 5:8

    African Journals Online (AJOL)

    2012-01-16

    Jan 16, 2012 ... transcends space and time. Origen wrote that the human soul passes through successive stages of incarnation before eventually reaching God. For him, the essence of salvation was to become like God, being 'deified' through contemplating. God. 'The knowledgeable Christian will penetrate beyond.

  18. Il paese dei balocchi: Pinocchio tra Paradiso e Inferno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maila Pentucci

    2012-05-01

    Talking about rise and fall, the end of the story is paradigmatic: Pinocchio will get a real boy. Acquiring the human nature, he will be able to find the Heaven on earth, after a long series of ups and downs, starting with a “badhell night”.

  19. La teoria generale dei beni / The General Theory of Goods

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carl Menger

    2016-06-01

    Full Text Available Il classico è un estratto dal libro di Carl Menger Principi di economia politica (1a edizione, Wien 1871 The classic is an excerpt from the text of Carl Menger Principles of Economics (1th edition, Wien 1871

  20. Teoria dei giochi e teoria della politica economica

    OpenAIRE

    Giavazzi, Francesco; Carraro, Carlo

    1989-01-01

    Verso la metà degli anni '70, molti economisti iniziarono a chiedersi se un ruolo attivo della politica monetaria e fiscale fosse ancora auspicabile ed efficace. I dubbi nascevano dall'osservazione che la politica economica sembrava incapace di risolvere il dilemma di un'alta inflazione e di una disoccupazione crescente in cui si trovavano i maggiori paesi industriali.

  1. Evoluzione dei sistemi zootecnici e trasformazione del paesaggio

    OpenAIRE

    Ramanzin, Maurizio; Battaglini, Luca Maria; Morbidini, Luciano; Pauselli, Mariano; Pulina, Giuseppe

    2009-01-01

    In the last fifty years, the rural landscape of vast areas, historically modelled by livestock farming, has experienced radical changes. The marginalisation of traditional farming systems resulted in a shift towards intensive systems in the more favourable areas, and in the abandoning of farming in the less favourable areas. Consequences of these trends are numerous: intensification and abandoning concurred in determining the disappearance of traditional architectural styles and i...

  2. Musica, identita e mitografie nazionali dei cechi nel dicianovesimo secolo

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Slavický, Tomáš

    2016-01-01

    Roč. 12, č. 1 (2016), s. 45-56. ISBN 978-961-254-915-2. ISSN 1854-3405 Institutional support: RVO:68378076 Keywords : Czech national music * Czech historical myths * Panslavism * Austroslavism Subject RIV: AL - Art, Architecture, Cultural Heritage; AL - Art, Architecture, Cultural Heritage (UEF-S)

  3. Interventi delle banche centrali sul mercato dei cambi a termine.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. VERNUCCI

    2014-08-01

    Full Text Available L’intervento sul mercato a termine da parte delle Banche Centrali per il sostegno del cambio a pronti e per la protezione delle riserve è uno strumento di indubbia e rapida efficacia perché crea condizioni obbiettive di profitto per stimolare gli effetti voluti. E’ invece assurdo il suo impiego in situazioni di debolezza di fondo pechè non si possono finanziare all’infinito disavanzi persistenti richiamando continuamente nuovi fondi e spostando nel tempo il regolamento degli impegni relativi ai precedenti  afflussi, a prescindere dal fatto che i capitali a breve sono per loro natura non solo limitati ma anche reversibili

  4. Farmacoeconomia dei COXIB nella patologia osteoarticolare: revisione della letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Russo

    2003-05-01

    Full Text Available A new class of anti-inflammatory agents, the selective inhibitors of cyclooxygenase-2 (COXIBs, has been recently introduced into the market for the treatment of osteoarthritis and reumatoid arthritis. Randomized and controlled clinical trials showed a similar efficacy and a better tolerability profile of COXIBs compared with conventional non-steroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs. The aim of this study was to perform a scientific literature review relating to the economic impact produced by COXIBs’ introduction. The research of references included the following databases: MEDLINE, EMBASE and the NHS (Economic Evaluation Database of the York University. A total of 67 in extenso pubblications have been extracted. Of these 13 papers having the specific objective to evaluate the economic implications of COXIBs in comparison to conventional NSAIDs was analysed. In ten cases (77%, cost-effectiveness analyses were performed. The European context was considered in eight cases (62%, while that of North America and Asia were investigated in four and one case, respectively. The analysis of costs took always into account direct costs of the management of arthritis exclusively (drugs, and resources associated with the treatment of gastrointestinal side effects. Indirect and intangible costs were never considered. The results of this review highlight that the higher tollerability profile of COXIBs may generate a cost-saving. This cost-saving seems to be basically due to the reduced frequency of gastroprotective agents coprescription and also to a lesser appearance of severe gastrointestinal side effects compared with conventional NSAIDs. Besides the disease management improving, the cost-saving associated with COXIBs can completely or partially offset the net increase of expense induced by their higher price of purchase.

  5. L’ingresso dei musei ecclesiastici nel novero dei beni culturali: alcune riflessioni nella prospettiva del diritto costituzionale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonello Denuzzo

    2013-07-01

    Since museum reached its public function, as the people museum, management problems have emerged for the difficult compatibility between works of art and mass visits, for the lack of resources, for the relative difficulties of conservation and preservation, for the typical characteristics of museums, that are structured as private building and not to be opened to a various public. So we have to outline appropriate and productive management forms, to state coordinating techniques with other cultural or not cultural institution, to solve interpretation problems that stress the current management. On the other hand it is important to improve the quality of personnel and to increase the appropriate service structures to make an analysis of users needs and to simplify, with marketing and communication methods and instruments too, the access of collectivity to museums. With these perspectives, individual contribution and the help of little voluntary associations, which are promoted and supported, can give in the field of museums a micro-subsidiarity perspective, that can be even tested.

  6. Il vincolo della bilancia dei pagamenti come elemento di spiegazione delle differenze internazionali dei tassi di sviluppo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.P. THIRLWALL

    2014-03-01

    Full Text Available The neo-classical approach to the question of why growth rates differ between countries concentrates on the supply side of the economy using the concept of the production function. While this approach is fruitful, it does little to explain why the growth of factor supplies and productivity differs between countries. The present paper shows how closely the growth experience of several developed countries approximates to the rate of growth exports divided by the income elasticity of demand for imports, which, on certain assumptions, can be regarded as a measure of what the author calls the balance of payments equilibrium growth rate. The hypothesis proposed is that if balance of payments equilibrium must be maintained, a country’s long run growth rate will be determined by the ratio of its rate of growth of exports to its income elasticity of demand for imports. JEL: F10, F30, F40

  7. An Examination of the Oral Language Competence of Junior Infant Pupils Attending DEIS and Non-DEIS Schools

    Science.gov (United States)

    Molloy, Grace; Murtagh, Lelia; McAvinue, Laura P.

    2016-01-01

    Educational disadvantage remains a serious issue in Irish society. Research has suggested that differing styles and levels of competence in oral language may have implications for educational attainment across socio-economic groups. The current study involved an examination of the oral language competence of Irish children in Junior Infants in…

  8. Bilancia dei pagamenti, movimenti dei capitali e equilibrio interno nei primi cinquant'anni del regno d'Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. TATTARA

    1995-03-01

    Full Text Available The work looks the first 50 years of the Italian republic. First the operation of the adjustment mechanism of the external balance of a country in a fixed exchange rate regime is briefly described according to the portfolio theory. Then a brief overview of the history of Italy is traced, with regard to circulation and exchange problems. The link between the exchange rates and capital movements is analysed and the effects of imbalances in the balance of payments on prices is dealt with. Finally, the author tries to draw some concluding remarks on the importance and specificity of the Italian case.

  9. Una metodologia analitica applicata alla razionalizzazione dei servizi urbani in aree pedemontane Ottimizzazione dei servizi primari nel Comune di Tivoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Flavia Lorenzani

    2017-12-01

    Full Text Available One of the main debate topics between citizens and people who manage public property is urban quality of life. The project aims to evaluate the spatial distribution of basic primary services (such as pharmacies, doctors' offices and shops that sell all the basic necessities concerning people with reduced mobility, in order to provide cognitive tools in support of a land-use planning (managed by local authorities, which meets the needs of the resident population. We decided to consider the village of Tivoli. The city shows some service management issues, mainly due to the presence of two portions with reduced intermobility. As regards the analysis of population, starting from the sections of ISTAT data, we evaluated the distribution of the population characterized by reduced mobility in the different parts, related to the onset of chronic diseases in age groups above 60 years. This study aims to suggest local authorities to optimize the redistribution of the above-written services and to improve the accessibility for people with reduced mobility.

  10. Valutazione dei costi di trattamento dei disturbi psicotici con olanzapina, risperidone e neurolettici tipici di un DSM italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    I. Rossi

    2001-12-01

    Full Text Available Objective of the present retrospective analysis was to evaluate resources consumption for psychotic patients treatment with olanzapine (OLZ, risperidone (RIS or typical neuroleptics (NL during year 2000 in the Dipartimento di Salute Mentale (DSM of Ravenna. The screening of total number of psychotic patients followed in the Ravenna DSM during year 2000 generated 26 cases treated with OLZ, 22 treated with RIS and 17 treated with NL that were respecting criteria of equivalence for age and illness severity. For these patients we analyzed pharmacological, non pharmacological (medical visits, nurse visits, social assistance, rehabilitative sessions and hospital interventions during the year of observation, choosing the point of view of the DSM for costs attribution. The analysis of pharmacological interventions evidentiated a major usage of associated neuroleptics in the RIS and NL groups in respect to OLZ (pNL>RIS, p<0,05 for all comparisons. Hospital days during the year of observation in the three groups were 4,42 for OLZ patients, 7,71 for NL patients and 10,95 for RIS patients (p<0,05 for all comparisons: OLZ vs RIS, OLZ vs NL and RIS vs NL. The sum of pharmacological, non pharmacological and hospital costs (from 8.856.000 to 10.818.000 LIT didn’t generated statistically significant differences even if the OLZ group followed more intense rehabilitative activities (+71,65% vs RIS and +24,41% vs NL.

  11. Ricordi di famiglia: l’antifascismo dei padri immigrati e la militanza rivoluzionaria dei figli (Uruguay 1930-1980

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Scarzanella

    2011-06-01

    Full Text Available The article presents the author’s interviews to three informant born in Italian emigrants families in Uruguay. During the interviews they reflect on the family political tradition and its influence on their choices. Two of the informants have take part in the organizations of the armed left: the Uruguayan Communist Party and the MNL-Tupamaros. His/her fathers' antifascism, the myth of the Resistenza together with that of the Castro’s revolution has had an important role in their biography. The informants’ family has lived during the Uruguayan military dictatorship of the Seventies and has experienced the exile as an ideological and affective landmark.

  12. Pilot experiment on utilization of vegetable biomass in Umbria. Part 2. Anaerobic digestion of the wastes coming from the maintenance activity of the lake Trasimeno and the working of energetic cultures; Sperimentazioni pilota sulla utilizzazione delle biomasse vegetali reperibili nella Regione Umbria. Parte 2. Digestione anaerobica dei residui derivanti dall'attivita' manutentiva del lago Trasimeno e dalla lavorazione di culture agro-energetiche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Poletti, A.; Selvaggi, R.; Poletti, L. [Perugia Univ., Perugia (Italy). Dipt. di Chimica, Laboratorio di Chimica Fisica e Modellistica Ambientale

    2000-12-01

    In this work the energetic exploitation has been assessed of the vegetable biomasses available in the region Umbria, derived both from the maintenance operation of Lake Trasimeno and energetic cultures. Biomethanation experiments have been carried out both on laboratory scale, by preparing anaerobic digestion tests in batch and in continuous, and on pilot scale, through the use of a 2000 litres digestor. Throughout the experiment the main chemical and physical process parameters have been monitored and the process efficiency assessed. The experimental values, measured for the anaerobic digestion process, have shown that both types of biomass can be very good substrated for the production of biogas. Their energetic re-use, when considering the broad and complex problems posed by breeding wastes disposal, could positively contribute to a rational sustainability scheme of the activities operating in the territory. [Italian] In questo lavoro viene valutata la valorizzazione energetica di biomasse vegetali disponibili nella regione Umbria, derivanti dalle operazioni di manutenzione dal Lago Trasimeno e da culture energetiche. Gli esperimenti di digestione anaerobica sono stati eseguiti su scala di laboratorio, con prove in batch ed in continuo, e su scala pilota utilizzando un digestore della capacita' di 2000 libri. Durante il corso degli esperimenti sono stati monitorati i principali parametri chimici e fisici del processo e verificati i rendimenti. I valori sperimentali, misurati per il processo di digestione anaerobica, hanno dimostrato che i due tipi di biomassa studiati possono rappresentare un ottimo substrato per la produzione di biogas. Il loro recupero a fini energetici, inserito nella piu' ampia e complessa problematica connessa con lo smaltimento dei reflui zootecnici, potrebbe contribuire ad un inquadramento razionale della sostenibilita' delle attivita' presenti in quel territorio.

  13. Il fenomeno abachistico a supporto dei cambiamenti socio-economici: Arezzo tra il XIII ed il XVI secolo = The role of the abacus tradition for the economic and social development of the society: evidence from Tuscany (Italy between XIII and XVI century

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Pia Maraghini

    2011-12-01

    techniques to do arithmetic operations and practical rules to solve commercial and financial questions. The objective of this research is to further investigate the study of abacus schools and books, in order to recover and highlight the role held by the abacus phenomenon in the origins of the “accounting art” and, in general, the role of the “abacus tradition” for the economic and social development of the society during the medieval and renaissance period. To achieve this goal, the study relies upon some evidences from Tuscany (Italy between XIII and XVI century. By combining theoretical and empirical insights, the analysis points out the contribution the abacus tradition has given to the better development of public life in the city-republic during the medieval and renaissance period, that is to say to the best and most effective exercise of duty and civic right. This contribution has been the basis to the growing interest shown towards the abacus culture by the then city-republic authorities.La presente ricerca indaga sulle “origini” dell’arte contabile tendente a memorizzare i comportamenti economici. In particolare, essa esamina i primi “ambienti” specifici predisposti e organizzati per l’insegnamento delle conoscenze contabili e i “mezzi” di studio per il loro trasferimento: le scuole e i libri d’abaco. Diffusisi prevalentemente in Italia tra il XIII ed il XVI secolo, essi avevano il principale scopo di trasmettere quelle conoscenze generalmente definite di “matematica pratica”, quali le tecniche per eseguire le operazioni aritmetiche e le regole pratiche per la risoluzione di problemi commerciali e finanziari.L’obiettivo della ricerca è quello di approfondire lo studio delle scuole e dei libri d’abaco, evidenziandone il ruolo rivestito nella “genesi” della contabilità per le aziende e, quindi, nel più generale sviluppo socio-economico in epoca medioevale e nei primi secoli del Rinascimento.A tal fine, la ricerca si avvale

  14. Caratterizzazione di presunte predazioni di lince (Lynx lynx in Friuli Venezia Giulia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Stravisi

    2003-10-01

    Full Text Available Dal 1998 al giugno del 2003 sono state registrate in Friuli Venezia Giulia 38 predazioni attribuibili alla lince. Nel presente studio sono stati considerati solamente 23 casi, a carico di capriolo, cervo e capra attribuibili alla lince con un grado di sicurezza Q2 (segni indiretti rilevati da personale qualificato formato attraverso corsi specifici. Il capriolo è la specie più frequentemente predata (78% dei casi considerati e 90% di quelli su specie selvatiche. Il 94% dei caprioli predati sono femmine, da 1 a 4 anni. L?altitudine dei siti di predazione varia tra i 110 (Carso ed i 1320 m s.l.m. (Alpi Giulie in funzione della stagione (media=814, mentre l?altitudine media del totale delle segnalazioni (n=66 è stata di 827 m (min=105 m s.l.m., max=2000 m s.l.m.. Dalla valutazione necroscopica di 20 carcasse (15 caprioli, 2 cervi e 3 capre è risultato che gli animali vengono attaccati con morsi localizzati alla parte facciale della testa (regioni masseterina e temporo-mandibolare e alle regioni laterali e ventrali nella porzione craniale del collo. I morsi appaiono non laceranti, a margini netti e i fori dei canini di diametro 5 mm e distanza 25-30 mm. Per la valutazione del consumo della carcassa sono stati esclusi gli animali che non presentavano alcun consumo o con evidenti segni di alimentazione da parte di necrofagi e quelli ritrovati dopo più di 24 ore dal momento della morte. Il consumo medio è pari a 3.2 kg (n=11; d.s.=1,1 kg, corrispondenti al 15% dell'animale (d.s.=5%. È interessata prevalentemente la muscolatura degli arti posteriori (regione glutea e della coscia, consumata nel 100% dei casi e in media per il 36% (d.s.= 13% delle quote muscolari disponibili. La muscolatura della regione spalla-braccio e quella della parte facciale della testa (mm. massetere e, solo parzialmente, pterigoideo e digastrico sono consumate rispettivamente nel 18% (media consumo 23%, d.s.=11% e nel 27% dei casi (media consumo 43%, d.s.=12%. Per quanto

  15. Merging field mapping and modeling to interpret the lithofacies variations from unsteady ash-rich pyroclastic density currents on uneven topography

    Science.gov (United States)

    Doronzo, Domenico; Dellino, Pierfrancesco; Sulpizio, Roberto; Lucchi, Federico

    2017-04-01

    In order to obtain significant volcanological results from computer simulations of explosive eruptions, one either needs a systematic statistical approach to test a wide range of initial and boundary conditions, or needs using a well-constrained field case study. Here we followed the second approach, using data obtained from field mapping of the Grotta dei Palizzi 2 pyroclastic deposits (Vulcano Island, Italy) as input for numerical modeling. This case study deals with impulsive phreatomagmatic explosions that generated ash-rich pyroclastic density currents, interacting with the high topographic obstacle of the La Fossa Caldera rim. We demonstrate that by merging field data with 3D numerical simulation it is possible to highlight the details of the dynamical current-terrain interaction, and to interpret the lithofacies variations of the associated deposits as a function of topography-induced sedimentation rate. Results suggest that a value of the sedimentation rate lower than 5 kg/m2s at the bed load can still be sheared by the overlying current, producing tractional structures in the deposit. Instead, a sedimentation rate in excess of that threshold can preclude the formation of tractional structures, producing thick massive deposits. We think that the approach used in this study could be applied to other case studies to confirm or refine such threshold value of the sedimentation rate, which is to be considered as an upper value as for the limitations of the numerical model.

  16. Mesola red deer: physical characteristics, population dynamics and conservation perspectives

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Mattioli

    2003-10-01

    Full Text Available Abstract The biometry, demography and genetics of red deer Cervus elaphus of Mesola Wood (NE Italy, are presented and discussed in relation to the conservation of this population. Modest body size, low stature, oversimplified antlers and a low reproductive performance characterise red deer from Mesola Wood. The mitochondrial genome showed a private haplotype, different from other red deer in Italy and central Europe. The uniqueness of this nucleus and its biogeographic importance make a long-term conservation plan particularly urgent. Management measures such as fallow deer reduction, winter feeding and pasture mowing were tested, giving promising results. The physical condition of the animals improved, calf and adult mortality declined, and a few cases of antlers with bez tine or crown were reported in this study after four decades. Riassunto Il Cervo della Mesola: caratteristiche fisiche, dinamica di popolazione e prospettive di conservazione La biometria, la demografia e la genetica del cervo Cervus elaphus del Gran Bosco della Mesola (Italia nord-orientale, vengono presentate e discusse in relazione alla salvaguardia di questa popolazione. Il cervo della Mesola risulta caratterizzato dalle modeste dimensioni corporee, dalla struttura semplificata dei palchi e da un basso rendimento riproduttivo. L'analisi del genoma mitocondriale ha evidenziato un aplotipo privato, diverso da quello degli altri cervi italiani e centroeuropei. L'unicità di questo nucleo e la sua importanza biogeografica rendono particolarmente urgente un piano di conservazione a lungo termine. Sono stati verificati interventi gestionali quali la riduzione numerica dei daini, il foraggiamento invernale e lo sfalcio delle superfici a pascolo, con risultati promettenti. Le condizioni fisiche degli animali sono migliorate, la mortalità tra i piccoli e gli adulti è diminuita, e sono stati registrati alcuni

  17. Remains of Insectivores and Rodents of recent age collected in a cave of Capri Island (Italy / Resti di Insettivori e Roditori di età recente raccolti in una grotta dell'isola di Capri (Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Barbera

    1990-07-01

    Full Text Available Abstract Remains of small mammals from a cave of Capri Island (Italy were examined. They were collected together with other small vertebrates and are probably from pellets of birds of prey of subrecent age. The following species have been recognized from cranial bones and teeth: Suncus etruscus (Savi, Rattus rattus (L., Mus domesticus Rutty, Apodemus sp. and Eliomys quercinus (L.. As regards Apodemus, the species identification was not possible since only mandibles were present among the remains belonging to this genus. Notwithstanding the attribution of our specimens to Apodemus agrarius can be excluded and it is limited to A. sylvaticus or A. flavicollis. It was not possible to make a comparison with Apodemus sylvaticus tyrrhenicus from the late Pleistocene of Capri; nevertheless the length and width of M1 and M2 of Apodemus sp. fall within the respective ranges of Apodemus sylvaticus tyrrhenicus provided by Gliozzi (in print. The occurence of Suncus etruscus (Savi, Apodemus sp. (probably A. sylvaticus or A. flavicollis, and Eliomys quercinus (L. in subrecent time of Capri Island is not mentioned in the literature. Riassunto Nel presente lavoro viene effettuato lo studio tassonomico di resti di micromammiferi rinvenuti a Capri; questi si trovavano insieme ad altre ossa di microvertebrati, in un accumulo riferibile con tutta probabilità a residui di borre di rapaci di età subattuale. Le specie individuate sono: Suncus etruscus (Savi, Rattus rattus (L., Mus domesticus Rutty, Apodemus sp. e Eliomys quercinus (L.. La presenza sull'isola delle specie Suncus etruscus (Savi, Apodemus sp. e Eliomys quercinus (L. non è segnalata in precedenti pubblicazioni.

  18. Risultati della ricerca dei vuoti sotterranei con il metodo dei profili in resistività in una zona delle fondazioni di un Viadotto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E. BRIZZOLARI

    1975-05-01

    Full Text Available We refer on obtained results in an investigation of hurried cavities. We employed a « Grandinetti's » electrode array using focalised current. Wo have compared directly on field Sehlumberger array and Grandinetti's electrode array. The results of the interpretation, made with comparation method, have permitted to find some hurried cavities demonstrating the efficacy of Grandinetti's electrode array.

  19. Valutazione dei processi assistenziali e del carico economico dei soggetti con ospedalizzazione incidente di infarto acuto del miocardio mediante il Data Warehouse DENALI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo G. Mantovani

    2011-05-01

    Full Text Available Aims: this study wants to estimate the economic burden of incident Acute Myocardial Infarction (AMI registered in Lombardy (about 9.2 million residents. Method and results: a longitudinal study was conducted using a Data Warehouse (DENALI that organised Healthcare Administrative databases of Lombardy related to eligibility criteria, hospital discharges (HDs, pharmaceutical and outpatient claims of citizens. All individuals with a HD for a first event of AMI during 2003 were identified and followed for 12 months. During 2003 12,049 individuals (64% males, mean age 70 +/-13 y.o. had a HD for incident AMI. The total cost during the first year was € 163 million, corresponding to the 1% of the healthca re budget of Lombardy. The monthly cost in the first year was € 1,249 per person (77% attributable to HDs, 15% to pharmaceuticals and 8% to outpatient care. While most of the uptake of drugs used in secondary prevention was quick and happened in the first 3 months after the index event, the phenomenon of non persistence at 12 months was relevant. Conclusion: this large study on the burden of AMI shows the epidemiologic, economic and clinical impact of the disease. DENALI, with its large population followed over time, is a powerful and dynamic tool for epidemiologic and health economic research.

  20. A guide for estimating dynamic panel models: the macroeconomics models specifiness; Una guida per la stima dei modelli panel dinamici: le specificita dei modelli macroeconomici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coletta, Gaetano [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Unita di Agenzia per lo Sviluppo Sostenibile Advisor

    2005-10-15

    The aim of this paper is to review estimators for dynamic panel data models, a topic in which the interest has grown recently. As a consequence 01 this late interest, different estimation techniques have been proposed in the last few years and, given the last development of the subject, there is still a lack 01 a comprehensive guide for panel data applications, and for macroeconomics panel data models in particular. Finally, we also provide some indications about the Stata software commands to estimate dynamic panel data models with the techniques illustrated in the paper. [Italian] L'obiettivo del presente lavoro e quello di effettuare una rassegna degli stimatori per modelli panel dinamici, una materia per cui l'interesse e cresciuto di recente. In conseguenza di questo crescente interesse, negli ultimi anni sono stati proposti una serie di differenti tecniche di stima ma, dato il rapido sviluppo della materia, non esiste, infatti, una guida esaustiva per le applicazioni su dati panel, in particolare nel caso di modelli macroeconomici. A conclusione del lavoro sono fornite, infine, alcune indicazioni relative ai comandi del software Stata per stimare i modelli panel dinamici con le tecniche illustrate nel testo.

  1. Ricerca delle varianti genetiche implicate nella regolazione dei livelli delle immunoglobuline e comprensione dei meccanismi biologici nell’eziopatogenesi delle patologie autoimmuni tra cui la Sclerosi Multipla

    OpenAIRE

    Lobina, Monia

    2016-01-01

    Aim: The genetic analysis of immunoglobulin levels and their subclasses were performed both to detect the genetic variants influencing their inter-individual variation and to define the immunoglobulin-related biological pathways involved in autoimmune disease physiopathology. Methods: Levels of IgA, IgM and IgG and IgG1, IgG2, IgG3 and IgG4 subclasses were quantified in 3000 sera of deeply genotyped individuals belonging to the ProgeNIA cohort. Furthermore, on a subset of 1842 individuals...

  2. Evaluation of environmental benefits and energy saving of urban heating systems; Valutazione dei benefici ambientali e del risparmio energetico dei sistemi diriscaldamento urbano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bazzano, E. [CISE, Milan (Italy); Cancelli, F. [ASM, Brescia (Italy); Bassi, F.; Corso, S. [AEM, Milan (Italy); Franceschelli, F. [AMI, Imola (Italy); Caminiti, N.; Casagrande, A.; Degli Espinosa, P. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dip. Energia; Fraternali, D. [Servizi Territoriali, Cinisello Balsamo, Milan (Italy); Riva, A. [SNAM, San Donato Milanese, Milan (Italy); Magnelli, T.

    1995-10-01

    Scope of the report is the definition of environmental benefits and energy saving potential achievable through application of CHP-DH (Combined Heat Power and District Heating) to the Italian situation. An economic analysis is also performed to the actual Italian institutional and legislative frame, and is achievable through a full exploitation of available economic resources and provided local decision-makers be significantly involved in the process. The assessment is based on experience coming from existing CHP-DH plants, or from plant designs yet in advanced development stage, adopting proven technologies.

  3. Studio geologico-strutturale dei granitoidi varisici come lapidei ornamentali: problematiche inerenti la caratterizzazione, la coltivazione dei giacimenti e nuovi utilizzi in campo industriale

    OpenAIRE

    Cuccuru, Stefano

    2009-01-01

    Aim of this work is to analyze, with geological-structural criteria, some aspects about the stones characterization and the exploitation of the deposits and find for the stone-waste new industrial utilize. The work started with the study of a particular and recently commercialized stone, the Giallo San Giacomo granite, for which did not exist geological and geotechnical data. This results have been then confronted with those of another stone already for long time interested fro...

  4. Il bisogno dei valori e ricerca del senso della vita dei giovani di oggi. Punti Chiavi della Logoterapia di Viktor E. Frankl applicati nel campo formativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michał Styczyński

    2015-04-01

    Full Text Available During their existence, people often forget about the meaning of life. With the world spinning faster and faster, the disappearing ability to reflect on complex day-to- day life, the virtual reality and ‘the net’ jungle, people are forgetting how to discover values that lead to the higher goal. There is special concern for the young generation which often loses the meaning of life. The answer to the question – how to find the meaning of life – gives the theory of logotherapy and existential analysis, which was created by Victor E. Frankl. The story of his life, and the difficult experiences which led him to discover the meaning of life persuade the reader about the truthfulness of his scientific discoveries. Logotherapy is a way to find goals and meaning in life: it makes people think about their existence. Frankl shows a certain hierarchy of values, which appear during specific and often difficult life situations. He survived four concentration camps and during those extreme times he was able to find meaning in life. What is more, he helped others find their meaning. A teacher appears on a young man’s life path and this teacher, according to logotherapy, should become the logo-educator and witness to the values. He should be someone, who points to meaning and is able to manifest the meaning of his own existence. Through a mature relationship with the student, the teacher helps the student discover what is the most important. The teacher helps the student realise one’s own plans through to the will, meaning and human conscience – spaces through which the sens consciousness shines through.

  5. Highly toxic coplanar PCB congeners in Mediterranean marine environment; Concentrazione dei congeneri piu` tossici dei policlorobifenili in organismi posti a livelli elevati della catena trofica del Mediterraneo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Focardi, S.; Corsolini, S.; Aurigi, S.; Corsi, I. [Siena, Univ. (Italy). Dipt. di Biologia Ambientale

    1998-01-01

    Polychlorobiphenyls (PCB) on the base of their physical-chemical properties as hydrophobicity, chemical stability, biodegradation low rate and high persistence in the environment, constitute a class of contaminants of great importance from a toxicological point of view. This research focused the attention on the evaluation of toxicological risk due to the presence of these contaminants on the Mediterranean ecosystem by detecting their concentrations on fish and marine mammals specimens at the top level of the trophic food chain. The PCB levels found on Stenella coeruleoalba were higher than those in Thunnus thynnus thynnus, Xiphias gladius and Alophias vulpinus, suggesting a major intake of these contaminants from the environment and at the same time a less efficient detoxicant mechanisms and an elimination process influence in terms of gill and lung respiration. In agreement with several studies suggesting that PCBs are at least partly responsible for reproductive and immunological abnormalities in marine mammals, the authors try to investigate different patterns of bioaccumulation along the food web and to confirm possible relationship between PCB accumulation and marine mammals stranding.

  6. Near-Surface Dispersion and Circulation in the Marmara Sea (MARMARA)

    Science.gov (United States)

    2010-01-01

    MARMARA) Pierre-Marie Poulain Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Borgo Grotta Gigante, 42/c 34010 Sgonico...S) AND ADDRESS(ES) Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale,Borgo Grotta Gigante, 42/c,34010 Sgonico (Trieste), Italy, 8

  7. Surface Circulation in the Northeastern Mediterranean (NEMED)

    Science.gov (United States)

    2011-09-30

    NEMED) Pierre-Marie Poulain Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Borgo Grotta Gigante, 42/c 34010 Sgonico (Trieste...Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale,Borgo Grotta Gigante, 42/c,34010 Sgonico (Trieste), Italy, 8. PERFORMING ORGANIZATION

  8. Coastal Ocean Circulation Experiment off Senegal (COCES)

    Science.gov (United States)

    2011-09-30

    Pierre-Marie Poulain Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Borgo Grotta Gigante, 42/c 34010 Sgonico (Trieste), Italy...ORGANIZATION NAME(S) AND ADDRESS(ES) Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale,Borgo Grotta Gigante, 42/c,34010 Sgonico (Trieste

  9. PROGRAMMAZIONE STRATEGICA E VALUTAZIONE GENERATIVA NELLA RIQUALIFICAZIONE DEI TESSUTI URBANI STORICI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittoria Ventura

    2016-06-01

    Full Text Available The old town of Ragusa is undertaking a process of progressive urban enhancement in some different directions. Its differently valued parts should be covered by a general valorization strategy connecting the decision making process with functional and symbolic values that need to be adequately analyzed and represented. In such a multi-layered urban sub-system, the Architectural Unit can play the role of main information/value unit from which the valuation/decision making pattern starts. The proposed pattern includes, connects and systematizes the analysis, valuation and planning stages by coordinating quantitative appraisals and qualitative multi- criteria assessments based on a MAVT pattern. In particular, the planning stage is aimed at associating the fair Intervention Category to each Architectural Unit by generating a great number of overall intervention strategies in order to maximize different and conflicting objectives. Thus, the strategies are compared basing on their axiological profile, to lay down a trade-off scheme between them. The pattern endorses a semiotic interpretation of the urban fabric, sorting the single Architectural Units by signs, symbols and icons.

  10. Sul problema di una maggiore flessibilità dei campi: definizioni, teorie, strategie.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. MACHLUP

    2014-08-01

    Full Text Available The work represents an extensive survey of the issues related to the debate on the exchange rate system. The author make clarifications, proposes distinctions and warns against exaggerated claims in an effort to “clean up” the discussion in order to avoid confusion and provide sharper focus on the issues at hand. The topics dealt with are pegs and parities, alternative exchange rate systems, rate of crawl and width of band, greater flexibility, types of gliding-parity systems, flexible stable invariant, overvaluation undervaluation and the dilemma of advocacy.JEL: E42, F33

  11. RDA come strumento per la transizione dei dati bibliografici: la posizione della Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Françoise Leresche

    2016-05-01

    Full Text Available This article presents the process adopted by the France to bring library catalogs to the Web of data and the RDA role in this general strategy. After analising RDA limits and inconsistencies, inherited from the tradition of AACR and MARC21 catalogues, the authors present the French approach to RDA and its positioning in correlation to international standards like ISBD and FRBR. The method adopted in France for FRBRising the catalogues go through a technical work of creating alignment beteween existing data, exploiting the technologies applied to the creation of data.bnf.fr and through a revision of the French cataloguing rules, allowing FRBRised metadata creation. This revision is based on RDA and it is setting up a French RDA application profile, keeping the analysis on the greater differences. RDA adoption, actually, is not a crucial issue in France and not a self standing purpose; it is just a tool for the transition of bibliographic data towards the Web of data.

  12. Creatori e creature : anatomia dei movimenti pro e contro gli OGM

    OpenAIRE

    Campa, Riccardo

    2016-01-01

    Se chiediamo a politici, scienziati, intellettuali, ecclesiastici, agricoltori o comuni cittadini che cosa sono gli OGM, difficilmente riceviamo una risposta univoca. Oltre a non essere univoca, la risposta tende a trascendere il dato tecnico. Per alcuni, rappresentano un vaso di pandora, cibo Frankenstein, la strada verso l’apocalisse, lo smarrimento dell’Eden. Per altri rappresentano invece l’agricoltura ad alto rendimento e senza pesticidi del futuro, un modo intelligente di produrre farma...

  13. FORS, Fiber Optics Reflectance Spectroscopy con gli spettrometri miniaturizzati per l’identificazione dei pigmenti

    OpenAIRE

    Antonino Cosentino

    2014-01-01

    AbstractQuesto articolo riporta i risultati del test di un sistema FORS (Fiber Optics Reflectance Spectroscopy) assemblato con componenti Ocean Optics. Questa ditta ha sviluppato una linea di spettrometri miniaturizzati e dal costo estremamente contenuto. Le trascurabili dimensioni e peso di questo sistema FORS lo rendono uno strumento assolutamente adatto alle indagini dell’arte in cantiere. Sono stati testati 54 pigmenti storici in polvere e stesi con gomma arabica, tempera all’uovo, olio e...

  14. Il ruolo dei Cardinali nella Costituzione Apostolica Pastor Bonus sulla Curia Romana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Blasigh

    2015-10-01

    The Cardinals are the main collaborators of the Roman Pontiff in governing the universal Church. This collaboration takes place both at the collegiate level in consistories and individually within the Roman Curia. The Apostolic ConstitutionPastor Bonus promulgated in 1988 by St. John Paul II devotes ample space to the service offered by the Cardinals in the departments. The author of this article will attempt to analyze the tasks entrusted to the Cardinals in the various Dicasteri, in particular at Congregations and the Secretariat of State, and pointing out the differences with the previous discipline of Regimini Ecclesiae Universae. Special attention will be devoted to the activity of coordination curial left to the Meeting of Cardinals and finally the relationship and discipline posed by Pastor Bonus to the relationship between the Roman Curia and the Consistories.

  15. La burocrazia nella ricerca pubblica. PARTE I, Una rassegna dei principali studi

    OpenAIRE

    Mario Coccia; Alessandro Gobbino

    2006-01-01

    The purpose of this paper is to present the main studies carried out on the Bureaucracy in public research institutions. The first part of the paper describes the classical theory concerning the Bureaucracy developed by Weber, Merton et al. The second part of the research focuses the studies on the bureaucracy carried out on public research institutions in United States of America and Norway. Some concluding remarks complete the research.

  16. "Svolazza" Lucifero come le anime dei morti ? ("Inferno", XXXIV, 46-52

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Chiariglione

    2014-06-01

    Full Text Available This article aims to demonstrate the relationship between Dante's comparison of Lucifer's flapping wings to those of a bat and the movement of the souls of the dead in classical antiquity. It will explore some textual references from heterogeneous and distant traditions, from the Greek and Roman classics, the Fathers of the Church, the medieval bestiaries and encyclopedias, to Dante himself.

  17. La formazione dei genitori: un modello di intervento in contesti socioculturali “a rischio”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Mignosi

    2013-01-01

    Full Text Available This article presents a possible model of parents’ training in an area at risk by a socio-economic and cultural point of view. It clarifies the theoretical framework that, during four years, has been the basis for the design, the implementation and the evaluation of several actions in a primary school in the city of Palermo. From this theoretical framework, which concern primarily the eco-systemic and socioconstructivist perspectives, some basic points are enucleated, such as the concepts of "context" and of empowerment. Some methodological and operational choices are also explained, in line with this approach, such as: the dimension of the working group, the narrative and the life stories dimension, the analogical area and the dimension of the “play” as “transitional area”. The monitoring and the evaluation in the short and medium term have shown that training programs, according to these theoretical and methodological principles, operate in a system in which the increase in the power of individuals increases the power of the group. However, since the deep cultural changes are long and difficult, it is necessary don’t forget the socio-political dimension, otherwise there will be the possibility of the nullification of the interventions and the risk of causing new frustrations.

  18. Daedaleia, Nurac, Oikeseis katagheioi? Alcune note sul riutilizzo dei nuraghi nelle aree interne della Sardegna

    OpenAIRE

    Enrico Trudu

    2012-01-01

    L’elevato numero di nuraghi presenti in Sardegna caratterizza fortemente, oggi come in età antica, il paesaggio dell’isola; tuttavia poche fonti antiche fanno menzione di queste strutture e risultano vaghe e generiche, se non di dubbia attribuzione. I dati archeologici testimoniano un notevole riutilizzo in età repubblicana e soprattutto in età imperiale, ma non è ancora chiaro se il riu­tilizzo indichi una continuità di insediamento di comunità indigene o se sia dovuto ad un nuovo apporto di...

  19. Appunti per la biografia linguistica dei miei figli (Notes for a Linguistic Biography of My Children).

    Science.gov (United States)

    Francescato, Giuseppe

    1978-01-01

    This article discusses the linguistic background of two Italian children who lived with their parents for an extended period of time in Holland and for a brief time in Puerto Rico and spent vacations in Italy where their relatives spoke the dialects of Veneto and Friuli. (CFM)

  20. La partecipazione politica dei migranti. Dall’esclusione alle diverse forme di mobilitazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Lotto

    2015-07-01

    Full Text Available The aim of this contribution is to develop several lines of investigations on the subject of political participation of migrants, namely: the possible heuristic value deriving from the understanding of migrants as a category, the connection between political participation and exclusion and the plurality of ways in which migrants actively express themselves.

  1. Il progetto Polaris: la telematica nella formazione in servizio dei docenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guglielmo Trentin

    1996-01-01

    Full Text Available Presentation of the POLARIS project aims to test a particular method of in-service training of teachers based on the intensive use of telematic resources with the approach of so-called online education (training network, or third generation distance education.

  2. Aggiustamento regionale, integrazione dei mercati finanziari e redistribuzione fiscale in un'unione monetaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. RICCI

    2013-10-01

    Full Text Available The work extends the Mundell-Fleming model to a regional context in conditions of uncertainty and imbalance, thus making necessary changes to the basic structure of the original model. The necessity of such an expansion stems from several reasons. First, the new model allows to analyse the static and dynamic effects of asymmetric shocks of a stochastic or systematic character that affect a small region of a currency area. Second, at the level of regional economics there is still a lack of a theoretical model capable of synthesising the effects of monetary and fiscal policies in a context of tight interdependence between the financial sector, public sector and the real sector. Finally, within the sphere of regional economics there is a clear dividing line between short-term and long-term analysis. Aggregate demand policies can generate radically different effects in the long run as opposed to the short-run, regardless of the changes induced by the supply side. The author illustrates the main features that differentiate the model presented with the traditional Mundell-Fleming model. Then, the structure of the model is presented in formal terms and an analysis is performed of stochastic asymmetric shocks of a monetary and real nature that affect a small regional economy. Finally, the impact effects and the long-term dynamic effects of permanent shocks are analysed.  JEL Codes: F36 

  3. The thermal waste treatment: A technology for the environment; Termodistruzione dei rifiuti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Casagrande, P. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dip. Ambiente

    1996-09-01

    The present report is divided into three parts: the first describes the combustion technology and energy recovery process, analyses the most efficient devices to reduce exhaust emissions, examines the environmental effects of emissions and reports economical considerations on the technology. The second part describes the commercial, pre commercial and experimental devices and their appliance sectors. The third part analyses the Italian situation taking into account separately industrial and municipal solid wastes. The aim of the distinction is to define for each stream the problems connected to the diffusion of the thermal waste treatment and the obstacles encountered to obtain information about the existent plant.

  4. Environmental Impact Analysis Process. Deployment Area Selection and Land Withdrawal/Acquisition DEIS. Chapter V. Appendices.

    Science.gov (United States)

    1980-12-01

    A * . ., . References Latimer, D.A., R.W. Bergstrom, S.R. Hayes, M.K. Liu, J.H. Seinfeld, G.Z. Whitten, \\I.A. Wojcik, and M.J. Hillyer , September...McNamara, K.S. Berwick, and E. Hillyer , 1980. Elk on the Aspen Mountain Winter Range, Pitkin County, Colorado. Yale School of Forestry and Environmental

  5. IL VALORE DI VENDITA FORZATA DEGLI IMMOBILI A GARANZIA DEI CREDITI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rubina Canesi

    2017-06-01

    Full Text Available As a consequence of the long lasting crisis that begun in 2006, the evaluation of collaterals and guarantees become a key issue. The global financial crisis had actually a heavy relapse on loans supply. The decrease of new granted mortgages was mainly related to the weakness and decline of the housing market and the negative phase of the economic cycle, characterized by an increase in the unemployment rate and a reduction in household incomes. In this context, robust risk assessment procedures and proper evaluation of collaterals are required for lending institutions to the granting of loans. The aim of this paper is to investigate whether assets used as collaterals are overestimated and how much of the mortgage lending value (VC can be recouped by the property forced sale price (VF. The present study analyses the Italian foreclosed homes market, by surveying 89 forced sales, which occurred between 2006 and 2014 in the provinces of Treviso, Venice and Padova.

  6. Alcuni aspetti di dinamica non lineare con applicazioni in dinamica dei fasci

    CERN Document Server

    AUTHOR|(CDS)2051254

    1993-01-01

    With the new generation of superconducting accelerator machines, like the planned Large Hadron Collider, the beam dynamics will be dominated by nonlinear effects induced by the magnetic field errors. \\\\ Those nonlinear effects are potentially harmful for the operation of the machine, as they could generate particle losses in the superconducting magnet and therefore induce quenches. \\\\ Three main problems are discussed in this dissertation: \\begin{itemize} \\item The computation of the stability domain for Hamiltonian maps in two-dimensions. \\item The compensation of the nonlinear effects due to the magnetic errors using analytical techniques like normal Forms analysis. \\item The analysis of transport phenomena induced by slow modulation of the linear parameters of the accelerator. \\end{itemize}

  7. Agricoltura in transizione: la forza dei piccoli passi. Un' analisi neo istituzionale delle innovazioni contadine

    OpenAIRE

    Milone, P.

    2004-01-01

    In all sciences it is more complicated to study the dynamic than the static. In other words: it is more complex to represent and formalise ongoing processes compared to describing and evaluating a system or phenomenon in a state of balance (Bertalaffy 1968; Dosi 1990).Agriculture is currently in the middle of such a dynamic process, which in some instances, and in some regions, seems like a storm that not only redesigns agricultural practices, but also redefines the role of agriculture in soc...

  8. Conversazioni con la sfinge il ruolo dei paradossi nelle rivoluzioni scientifiche

    CERN Document Server

    Klein, Etienne

    1993-01-01

    Niels Bohr rifiutava ogni idea troppo conservatrice con il lapidario giudizio "Non è abbastanza folle". La fisica moderna ha dimostrato l'inefficacia del buon senso per costruire teorie o comprendere particolari risultati sperimentali. In rottura con l'esperenzia comune, ha contrapposto l'inaudito all'abitudine, i concetti delicati agli archetipi classici, le ipotesi piu ardite alle apparenze rassicuranti.

  9. “Ardebo igneo amore Tui”: De Coelestino Leuthnero O.S.B., Matris Dei amatore

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Curtius Smolak

    2014-11-01

    Full Text Available "In my fiery love for you I will burn": Coelestinus Leuthner OSB, the lover of the Mother of God. This article examines the Latin poems of the Benedictine monk Coelestinus (Cölestin Leuthner (1695–1759, who taught Rhetoric at the gymnasiums of Freising and Salzburg. Those who read Leuthner will find that his poetry, for all its variety with regard to both genres (epigrams, odes and elegies and subject matters (which are indeed many and diverse, creates a kind of red string leading – like an Ariadne’s thread – to Mary, the mother of Jesus. Poems in her honour are placed at the beginning of every single part of his collection of poems (Salzburg, no year, seemingly in order to render the various parts of the work coherent with each other. Through these opening poems the poet gradually ascends to the summit of his own affections for Mary. He starts by addressing Mary as the Lady of Sorrows, then turns to the Lady of Miracles and after that to the Refuge of Sinners, until he finally praises Mary Assumed into Heaven. According to the different literary genres Leuthner refers either directly or subtly and covertly to various Roman poets who are considered the foremost in their genres. Thus, in his epigrams, Leuthner alludes to Martial, in his odes, to Horace, in his elegies, to Propertius and Ovid. Furthermore, Leuthner considers the very name of Mary to contain something magnificent and gracious. This is something which the poet illustrates not only through one particular poem, in which he deals with three etymologies of her name, but also through examples taken from history, namely, Mary the sister of Lazarus and Mary Stuart, the catholic Queen of Scotland who suffered what Leuthner reckons to be a particularly memorable martyr’s death for her faith. When all these circumstances are taken into consideration, it becomes evident that this manifest love for Mary the Mother of God, whom the poet does not refrain from characterizing as “divine” and a “goddess”, actually constitutes Leuthner’s special way of taking up arms against the Lutherans, who used to abstain from the cult of the Immaculate Virgin and martyrs in general. Finally, in the examination of Leuthner’s poetry considerable importance should be ascribed to the Prince and Archbishop of Salzburg, who after all kept Leuthner on his payroll, and even more to the Royal House of Habsburg itself, with its efforts to keep reformed Christians away from its territories.

  10. L’importanza del “parametro energetico” temperatura per la caratterizzazione dinamica dei materiali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Risitano

    2009-07-01

    Full Text Available Le esperienze maturate nel campo dell’analisi termica di materiali utilizzati nelle costruzioni meccaniche [1,2,3] hanno permesso di evidenziare come il rilievo della temperatura (terzo parametro in prove statiche e dinamiche costituisca un indicatore molto importante ai fini della caratterizzazione dinamica del materiale. Essendo il rilascio termico funzione dell’energia applicata per portare a rottura il materiale, il rilievo di parametri ad esso legati, induce a nuovi ipotesi e definizioni di limiti di fatica e resistenza a tempo. Mediante l’analisi termica è possibile valutare anche parametri correlabili con il valore limite di energia a rottura Eldel materiale. In [4] era stato già messo in evidenza da A. Risitano e Altri che, in prove statiche di trazione, l’inizio della zona di prima plasticizzazione del materiale, in termine di tensione, era osservabile dalla curva di variazione di temperatura ΔT con il procedere della prova. Nello stesso lavoro si evidenziava come la velocità di prova avesse poca influenza sui valori della variazione di temperatura specialmente durante la fase elastica. Operando con sensori sempre più precisi e per obbiettivi rivolti alla ricerca dell’energia limite a rottura è stato osservato dagli autori che il seguire la variazione della temperatura sulla superficie del provino, in prove statiche di trazione, permette di legare i classici valori di resistenza all’oscillazione σ0 con una “temperatura limite” T0 corrispondente all’inizio di andamenti non lineari della stessa. In questa sede si evidenzia un modello di comportamento fisico del materiale durante le prova di trazione che giustifica, in modo semplice, la capacità di risalire, attraverso la conoscenza sperimentale del limite di comportamento termo-elastico, ai classici parametri di resistenza a fatica. Viene riportato, a titolo di esempio, il risultato relativo a provini piatti forati in acciaio facenti parte di una serie utilizzati per altri scopi (formeranno oggetto di altra pubblicazione con i quali anche mediante prova statica si è determinata la loro resistenza all’oscillazione.

  11. L'Archivio del Banco di Napoli e l'Attività dei Banchi pubblici Napoletani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi De Rosa

    2006-12-01

    bancos para dar lugar al actual Banco di Napoli. Su impresionante documentación contable se conserva en el Archivo histórico de esta entidad. Especialmente interesante es el sofisticado sistema contable instrumentado para contabilizar la emisión, seguimiento, control y cancelación de los certificados de depósito, como puede apreciarse por las explicaciones ofrecidas en la última parte del trabajo.

  12. Le procedure per le nomine dei vescovi nella Chiesa latina: tra informazione e preferenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernando Puig

    2017-01-01

    ABSTRACT :The article focuses on the procedures for appointment of bishops in Latin Church from two specific outlooks. The first one regards the circulation of information fostered by procedures. Rather than discussing about whom is given the juridical power to appoint bishops, the procedures are analysed from the point of view of the information the agents are incentivated to provide in order to form the final decision. Procedures aim as well to a special kind of information, namely “preference”, of some persons or groups of persons entitled to shape the administrative act of appointment. The perspective of providing information and preference in order to foster a more prudent resolution is useful to understand some subtle dimensions of current procedures but also to suggest improvements. The second outlook is related to the title of participation of five different kinds of subjects that take part in legal procedures: single bishop, provincial bishops’ assembly, faithful (who are not bishops, pontifical legate and Holy See. The juridical ground for each of these subjects’ involvement in the procedures along with the relationships between them, outline the profile of the appointment system and its dynamics. The analysis of some aspects of those grounds and relationships provides a wider view of the purposes and limits of the procedures themselves.

  13. Biological reactors in activated sludge process: Optimization. Ottimizzazione dei reattori biologici nel processo a fanghi attivi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Chambers, B.

    1993-02-01

    The fine-bubble diffused air (FBDA) system of aeration is most efficiently operated in low rate activated sludge systems. The aeration technique is, however, subject to poor oxygen transfer efficiency and diffuser clogging under increased loading conditions such as are experienced close to the tank inlet in plug-flow systems. Mechanical surface aeration systems, though apparently less efficient, do not suffer from these disadvantages. The ideal aeration tank configuration, for optimum aeration efficiency is therefore: inlet anoxic zone: completely mixed surface aeration zone; plug-flow, fine-bubble diffused air zone with tapered aeration. An overall aeration efficiency of 1.5-2.0 kg/kWh is predicted for nitrifying systems, together with an increased diffuser lifetime compared to a conventional FBDA tank. The design procedure is illustrated using parameters for a large UK installation. Despite greater civil costs, the reduced running costs and NPC of the hybrid systems make them an attractive option when compared to a plug-flow FBDA systems or conventional surface aeration plants.

  14. Design criteria of activated sludge plants; Criteri di dimensionamento dei sistemi a fanghi attivi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Fraja Frangipane, Eugenio [Milan, Politecnico (Italy). DIIAR. Sez. Ambientale; Tatano, Fabio; Gruenebaum, Thomas

    1997-06-01

    The recent german design criteria of activated sludge plants are briefly presented. Then, synthetic considerations on design criteria sensibility and comparative analysis, full scale experimental evaluation of design criteria reliability, design optimization of activated sludge plants and german dimensioning rules of secondary clarifiers are developed.

  15. CARTOGRAFIA E TOPONOMASTICA DEI PAESAGGI DEL VINO. I TERROIR DELLE COLLINE NOVARESI

    OpenAIRE

    Mastronunzio, Marco

    2009-01-01

    L’agricoltura nelle colline novaresi è a decisa vocazione vitivinicola; la fascia collinare pedemontana del Comune di Ghemme, corrispondente agli affioramenti degli antichi terrazzi fluviali, viene assunta come area campione. È il distretto vitivinicolo DOC delle “Colline Novaresi”, terroir di vini rossi quali Nebbiolo, Vespolina, Bonarda e Croatina. Il concetto di terroir valorizza le differenze a discapito dell’omologazione, designando un insieme complesso di clima, geologia, to...

  16. Impossibilità i limiti della scienza e la scienza dei limiti

    CERN Document Server

    Barrow, John D

    1999-01-01

    Il libro parte da una semplice domanda: esistono fenomeni che alla fine si riveleranno semplicemente inconoscibili e inspiegabili? Dopo avere definito il significato della inconoscibilità, Barrow lo esamina in rapporto ai limiti della mente umana, a quelli della tecnologia, a quelli cosmologici e ai limiti profondi insiti nella natura dell'universo. Alla fine di questa panoramica emerge prepotentemente una convinzione: la presenza dell'impossibilità e del limite non mina affatto alle fondamenta l'idea di scienza.

  17. La fisica dell'immortalità Dio, la cosmologia e la resurrezione dei morti

    CERN Document Server

    Tipler, Frank J

    1995-01-01

    “Questo libro descrive la teoria del Punto Omega: la teoria fisica e sperimentale di un Dio onnipresente onniscente e onnipotente, che in un giorno del futuro remoto farà risorgere ciascuno di noi alla vita eterna in una dimora che per ogni aspetto fondamentale è il paradiso della tradizione ebraico-cristiana. I singoli termini delle teoria – per esempio i concetti di onnipresenza, onniscienza, onnipotenza, corpo (spirituale) risuscitato, paradiso – saranno presentati come principi della fisica pura. In questo libro non farò mai appello alla rivelazione; mi appellerò, invece, ai risultati concreti della scienza moderna e alla ragione del lettore. Descriverò il meccanismo fisico della risurrezione universale. Mostrerò con estrema precisione come la fisica consenta la risurrezione alla vita eterna di tutti coloro che sono vissuti, che vivano o che vivranno. E mostrerò anche perché, nel futuro remoto, tale facoltà di risuscitare esisterà davvero e perché sarà effettivamente usata. A chi ha perd...

  18. Pluralismo giuridico e pratica giuridica indigena: il caso dei Guaranì del Chaco Boliviano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Scionti

    2017-03-01

    Full Text Available This article ethnographically explores the form and the content of juridical practices of Guarani people living in the Capitanías of Charagua Norte and Alto Isoso, Bolivia. Starting from the Bolivian legal pluralism main field and through the analysis of some juridical case study, I answer some questions about how the Guarani people act and interpret the legal field in a plural legal context. I argue that such guarani people practice is both rooted in an interlegal field of sense and meaning and product of a legal and political strategy useful to hide and protect the indigenous juridical habitus.

  19. Il perimetro regolatorio dell'Autorità dei trasporti: prime considerazioni e verifiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mele

    2014-07-01

    Full Text Available By establishing the Regulatory Authority for Transport (ART Italy is the first among the market economy countries to introduce an independent regulation in the transport sector. The institutive law entrusts the ART with a quite general regulatory responsibility. However, some rules seem to apparently limit that power, which could negatively affect the regulation efficacy and the whole sector efficiency. Moreover, competition between business companies operating in infrastructure and services sectors could be prejudiced, both considering competition in a specific transport mode and among all the transport modalities. These issues are strictly linked to the ART legal framework and to its specific functions. More clearly, it should be taken in adequate consideration if the formal definition adopted by the legislator really allow to satisfy the substantial requirements of economic regulation. This paper is firstly aimed to in-depth analyze which are the potential issues regarding the ART responsibilities and tasks by proposing consequent solutions, that mainly entails a more proper definition of the “regulatory perimeter”. To this extent, the early measures adopted by the ART have been adequately considered.

  20. Architettura e iconismo : retorica dei genera dicendi e teoria degli ordini architettonici in Vitruvio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesare Marco Calcante

    2011-05-01

    Full Text Available La concezione mimetica che informa la teoria delle arti visive nell’antichità classica rende estremamente problematico lo statuto di un’arte per sua natura non mimetica come l’architettura. Un problema sotto certi aspetti analogo si è posto agli studiosi che nel corso del ‘900 tentarono di elaborare una semiotica delle arti visive : il concetto di segno iconico, caratterizzato da rapporto di somiglianza col referente, sembrò fornire, in un primo momento, un modello descrittivo adeguato ; ben ...

  1. aCentre Chi mica dei Recettori del CNR, Istituto di Chimica,

    African Journals Online (AJOL)

    -min, has also been isolated and synthesized. 1'N'I'RODUC'I'ION. Cournarins with a substituted 4—pheny1 ring are quite rare in nature, the first example being rnelanne-in, isolated from Qafiberg-tin b-2:e0.>2'£ (Leguminosael. (1).

  2. Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuliano Vivanet

    2013-12-01

    Full Text Available Con l’obiettivo di fornire una panoramica dello stato di introduzione delle ICT nella scuola italiana in un quadro comparativo europeo, si presenta in questo contributo una sintesi dell’analisi condotta di recente dall’Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD sugli esiti del Piano Scuola Digitale e dell’inchiesta comparativa finanziata dalla Commissione europea relativa alla dotazione, all’uso e agli atteggiamenti nei confronti delle ICT in ambito scolastico.

  3. Biagio Bartalini's "Catalogo dei corpi marini fossili che se trovano intorno a Siena" (1776).

    Science.gov (United States)

    Manganelli, Giuseppe; Benocci, Andrea; Spadini, Valeriano

    2011-01-01

    In 1776, the Sienese botanist Biagio Bartalini (1750-1822) published a catalogue of wild plants growing around Siena, adding an appendix on fossils found in the same area, that is the first monograph on Sienese fossils and one of the first works of its kind in Italy. This paper provides tentative identifications of the species and an analysis of the value and meaning of Bartalini's work. The catalogue reports 72 species, each denoted by a list of names applied to analogous living taxa. Identification of single entities is extremely problematical because it can only be attempted through analysis of the literature, since the original material cannot be traced. The most interesting report is the first record of a Euro-Mediterranean Pliocene species of Sthenorytis (Gastropoda, Epitoniidae). Though important, the catalogue is incomplete, with oversights and mistakes, suggesting little familiarity with the subject. Shortcomings include some inconsistencies in the species sequence, the report of giant clams and the absence of molluscs ubiquitous in the Sienese Pliocene and sharks. Nor is it true that it is the first Italian palaeontological work in which binomial nomenclature was used, as sometimes claimed.

  4. "Ne verbum Dei in nobis suffocetur.."Kommunikationstechniken von Predigern des frühen Hussitismus

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Soukup, Pavel

    2008-01-01

    Roč. 48, č. 1 (2008), s. 54-82 ISSN 0523-8587 R&D Projects: GA MŠk(CZ) LC521 Institutional research plan: CEZ:AV0Z90090514 Keywords : Medieval Preaching and Sermons * Communication in the Middle Ages Subject RIV: AA - Philosophy ; Religion

  5. L’ASTRONOMIA GRAVITAZIONALE: IN ASCOLTO DEI SUSSURRI DELL’UNIVERSO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annalisa Allocca

    2017-12-01

    Full Text Available GRAVITATIONAL ASTRONOMY: LISTENING TO THE WHISPERS OF THE UNIVERSE It was about 10 am, Greenwich time, on September 14th 2015 when scientists detected something which had never been detected before: the “sound” of two colliding black holes which, after orbiting around each other for billion years, approached closer and closer until colliding, giving rise to a single huge black hole. A tiny fraction of second before the collision, they sent a signal towards the rest of the universe, their “swansong”, a vibration which propagated in space and time at the speed of light, getting to the Earth 1.4 billion years later. A gravitational wave. A hundred years after the publication of the General Relativity, the Gravitational Waves detection confirms once again the validity of Einstein’s Theory, and paves the way for a completely new research field. Spacetime ripples poorly interacting with matter and giving rise to extremely tiny effects, Gravitational Waves need very sophisticated instruments to be detected. In this paper we will retrace the history of this discovery, starting from the breath of revolution of General Relativity which carries along the theorization of Gravitational Wave. We will then go through the analysis of the effect that Gravitational Waves induce on the matter, and we will describe the basic principles of the instrument which detected them, to finally get to the first discovery which opens the way to a completely new era for astronomy.

  6. Analisi dei parametri ipocentrali del terremoto del Friuli del 6 maggio 1976

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Calvino Gasparini

    2010-02-01

    Full Text Available The hypocentral parameters to t0, φ0, λ0, h0, for the main shock occurred in Friuli on May 6th 1976 and itsfore shock were determined by the first arrival method. The computation was tried employing travel-time curves for different crustal models. The results show a very low influence of the travel-time curves on epicentral coordinates, whose error is essentially dependent on the precision of station data. The focal depth, on the contrary, is a parameter directly connected to the model used in the computation, so, if the model is not accurately known, the indetermination can be of the same order of magnitude as the crust thickness, even using very precise recorded data.

  7. La popolarizzazione della politica: ruolo dei media e implicazioni per la cittadinanza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Sfardini

    2010-03-01

    Full Text Available The merging of political sphere, popular culture and media narrations is one of the most interesting features of today’s political communication on a global scale. The “mediatization” of politics finds its full manifestation in the sweeping process of the popularization of political discourse. The mutual adaptation between television – with its drives for entertainment, spectacle and audience ratings – and politics striving for public attention has generated the “pop politics”. The rise of the so-called infotainment and politainment in the political discoruse addresses the question whether and to what extent this type of political communication affects the civic culture and political participation.

  8. Modelli di crescita limitata dalla bilancia dei pagamenti: storia e panoramica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anthony P. Thirlwall

    2011-12-01

    Full Text Available Thirlwall’s 1979 balance of payments constrained growth model predicts that a country’s long run growth of GDP can be approximated by the ratio of the growth of real exports to the income elasticity of demand for imports assuming negligible effects from real exchange rate movements. The paper surveys developments of the model since then, allowing for capital flows, interest payments on debt, terms of trade movements, and disaggregation of the model by commodities and trading partners. Various tests of the model are discussed, and an extensive list of papers that have examined the model is presented.

  9. Un'applicazione della teoria dei semigruppi ordinati nell'ambito della teoria delle decisioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisabetta Allevi

    1996-12-01

    Full Text Available In this paper we introduce in the semigroup S, whose elements are to be evalued in terms of preference in a particular situation, a pre-order defined through semigroups of S. Then this pre-order is a preference relation with transitive indifference, which can be represented by a utility function.

  10. Un'applicazione della teoria dei semigruppi ordinati nell'ambito della teoria delle decisioni

    OpenAIRE

    Elisabetta Allevi

    1996-01-01

    In this paper we introduce in the semigroup S, whose elements are to be evalued in terms of preference in a particular situation, a pre-order defined through semigroups of S. Then this pre-order is a preference relation with transitive indifference, which can be represented by a utility function.

  11. La valutazione dei costi: uno studio applicato all’unità operativa di diagnostica per immagini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Nieddu

    2001-06-01

    Full Text Available The aim of the analysis was to evaluate the reasons that caused the poor economic results and performances of a Radiology Department located in a public hospital. The models of Decision Support System were utilized in order to conduct the studies. These models represent clearly a current economic situation and allow simulations in order to estimate in a preventive way the economic results of different alternative actions. The economic analysis was conducted according to the extended direct costing method utilizing a single performance (product as a calculation unit. The simulations were carried out in accordance to the “price-cost-volume analysis” method that identifies the break even point for the families of products. These analysis resulted in a significant improvement of the awareness relative to the economic actions of the operative managerial decisions: the main factor in the process of the decision making for the public healthcare structure is to respond to the needs of the potential users and therefore to satisfy the demand, the increase of which is immediately signalised by the lengthening of the awaiting list. For the structure which is incorporated in the hospital frame there is the necessity to provide the service towards inside the hospital both relative to the patients and to the performances of first aid supported by the emergency department. It is important to stress that, even if limited or conditional, there is a space for improvement: the first step in this direction is to analyse in order to recognize and to measure, if not able to improve that what is unknown and not measured before.

  12. Casa dolce casa? Pratiche abitative e senso di appartenenza dei migranti pakistani a Desio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iacopo Bonomo

    2012-03-01

    Full Text Available Meno di un secolo fa il panorama della Brianza era punteggiato da piccoli paesi, con le loro caratteristiche corti e cascine. Questo paesaggio della memoria è oggi sostituito da comuni ben più grandi che formano un continuum urbano interrotto sempre più raramente da campi o spazi verdi. Dall’esodo rurale, al boom economico e al richiamo della grande industria, e infine anche a seguito della più recente fuga dalla metropoli, paesi e paesini si sono così trasformati in piccole – se non medie – città.

  13. Jacques Derrida e la pratica dei fenomeni. Dialettica e temporalità dell’esercizio trascendentale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Molinar Min

    2016-06-01

    Full Text Available In this essay I would like to propose a reinterpretation of certain passages of the earlier Derrida’s works, specifically on Edmund Husserl. I will focus mainly on his dissertation (Mémoire d’études superieures and his Introduction to the Husserlian appendix The origin of geometry. My purpose is to point out some aspects that I consider relevant for the development of the following Derrida’s philosophy. First of all, I’ll try to take into account the concept of dialectic in his transition from Kant to Husserl. Then, starting from Derrida’s interpretation of The Lectures on Internal Time-Consciousness, I’ll try to explain the meaning of what could be described as an aesthetic refoundation of the transcendental. In these early stages Derrida attempted to lay the foundation of what he’ll then call “quasi-transcendental”. From this perspective, we might note that the deconstructive reading – as such – involves a phenomenological attention towards the original contamination between the conditions of possibility and the empirical field. Therefore, the exercise of deconstruction has something to do with difference as différance from the very beginning.

  14. CARATTERIZZAZIONE FENOTIPICA E FUNZIONALE DEI RECETTORI DELL’ADENOSINA NELL’ARTRITE REUMATOIDE

    OpenAIRE

    Massara, Alfonso

    2009-01-01

    Objective. To investigate A1, A2A, A2B and A3 adenosine receptors in lymphocytes and neutrophils from early rheumatoid arthritis (RA) patients untreated and after MTX or anti TNF-a treatment compared with age-matched healthy controls. To evaluate the correlation between the status and functionality of adenosine receptors, TNF-a release and NFkB activation. Methods. Adenosine receptors were analyzed by saturation binding assays and western blotting analysis. The potency of typic...

  15. Due donne, un ballerino e una chitarra. Un western dei primi anni Cinquanta: Johnny Guitar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Augusto Ponzio

    2001-01-01

    Full Text Available En este artículo se analizan los personajes principales de la película Johnny Guitar de Nicholas Ray. A través del examen de alguna escenas y diálogos, Ponzio demuestra cómo la protagonista femenina (Vienna representa un modelo de superioridad ética que va más allá de lo humano mientras que los dos protagonistas masculinos, Johnny Guitar y Dancin'Kid, aun alejándose de los estereotipos de virilidad propios de los héroes del género western, permanecen encerrados en los límites de los valores masculinos clásicos.

  16. Il trattamento dei detenuti sex offenders nel carcere di Castelvetrano (TP

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Adragna

    2016-04-01

    Full Text Available The article focuses on the analysis of a treatment program provided to sex offenders in Castelvetrano Prison, from 2009 to 2012, as part of the project “Come and talk to us” (“www…parliamonepure”. In particular, the analysis showed that sex offenders, despite their “requested invisibility” in the prison, need specific actions, inside and outside prison walls, in order to avoid the recidivism.In this respect, it is to be hoped that psycho-social resocialisation programs can be carried out ensuring continuity both inside and outside the prison walls. Outside the prison walls, the offender would be taken over by probation services during the first phases of their re-entry to the society through post-penitentiary assistance and subsequently health care treatment if needed.

  17. La riforma normativa sulla violenza sulle donne in relazione alla natura dei crimini perpetrati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michelangelo Pascali

    2015-12-01

    Full Text Available The aim of Italian legislator, with the Law No 119 of 15 October 2013, was to issue a new act on violence against women on the basis of a supposed emergency of this phenomenon. This was in order to devote particular attention to the extreme cruelty of the crimes committed against them, a topic which has rightly occupied the Italian collective debate. The author questions where the real emergency is, noting that if this emergency is in fact due to an aggravation of such a kind of violent crimes rather than to the fact that this phenomenon is “ontologically” existing.

  18. Terroir e Glera: Indagini geochimiche per la definizione dei marker geografici

    OpenAIRE

    Pepi, Salvatore

    2015-01-01

    During the last twenty-years, the increasing demand of Prosecco in the international commerce has required more control in order to avoid falsification and incorrect use of denomination labels. The geographical indication is based on the relationship between the characteristic of the wine and the concept of Terroir. The Terroir, indeed, describes a particular grape variety with specific organoleptic characteristics of the wine, linked to a precise climate area, a geologic setti...

  19. Birth of a devotion. The case of “Santa Maria dei miracoli” in Lonigo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Linda Marcheluzzo

    2014-12-01

    Full Text Available This article discusses the events that took place in the year 1486, in a small town in northern Italy, Lonigo and the subsequent birth of a Marian devotion. According to some direct and indirect evidence, after a crime was committed, the image of the Virgin painted on the wall of a ruined chapel changed her position to defend herself from the sacrilegious attack of a murderer. A few days after the event, many miraculous healings strengthened and enhanced the faith in the Madonna di Lonigo, as evidenced by a rich collection of votive offerings. The new devotion led to changes in the architecture of the church of Lonigo and in the popular consideration of the nature of the image, as shown by numerous reproductions, which finally resulted in the loss of the originalmeaning of the painting in question.

  20. Standardizzazione e validazione dei dati della pianificazione urbanistica locale nella regione del Veneto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Tomaello

    2013-06-01

    their GIS datasets using a web service so the data uploaded by Municipalities into the Central GeoDatabase of Region Veneto’s SDI will be ready for automated mosaicking , remodelling (using local data models and INSPIRE Land Use data model and SDI-sharing.