WorldWideScience

Sample records for funkcionla piena produkta

  1. Efektīva preču iepakojuma nozīme produkta realizācijā

    OpenAIRE

    Koroļevs, Raitis

    2010-01-01

    Bakalaura darba autors: Raitis Koroļevs, temats: Efektīva preču iepakojuma nozīme produkta realizācijā, apjoms: 71 lpp., 2 tabulas, un 35 attēli. Šajā bakalaura darbā autors analizē efektīva produkta iepakojuma sastāvdaļas, tam raksturīgās īpašības un tā nozīmi produkta realizācijā mūsdienu tirgū. Produkta iepakojums laika gaitā ir kļuvis par nozīmīgu mārketinga stimulēšanas līdzekli. Produkta iepakojums mēdz būt pat spilgtāks par pašu produktu, kā arī ļoti uzbāzīgs un dažkārt cilvēkiem maldi...

  2. Projekts: Piena produktu bērniem ražotnes izveide Rīgā

    OpenAIRE

    Šakina, Natālija

    2010-01-01

    Maģistra darba nosaukums ir „Projekts: Piena produktu bērniem ražotnes izveide Rīgā”. Maģistra darba mērķis-no 2010.gada 5.janvāra līdz 2010.gada 31.decembrim uzcelt uzņēmumu SIA „Mazulis” un sākot ar 2011.gada 2.janvāri uzsākt piena un skābpiena produktu bērniem ražošanu ar jaudu 10 tonnas produkcijas maiņā, nepārtērējot 2010.gadā projekta realizēšanai atvēlētos naudas līdzekļus 1250000 Ls apmērā, lai nodrošinātu Latvijas zīdaiņus un pirmskolas vecuma bērnus ar kvalitatīvu bērnu pār...

  3. Datortehnikas ražotāja produkta un vizuālās identitātes vizuāli stilistiskie aspekti

    OpenAIRE

    Everts, Artūrs

    2016-01-01

    Šī diplomdarba mērķis ir uzzināt vizuālās identitātes vizuāli stilistiskās īpašības datortehnikas uzņēmumiem, kas specializējas datorkorpusu ražošanā, kā arī izstrādāt vizuālo identitāti un produkta dizainu datorkorpusu ražotājkompānijai „Vulcan”. Darbā tiek izklāstīta vizuālās identitātes vēsture un attīstība līdz mūsdienām; tiek aprakstīta koloristikas, burtveidola, logotipa un stila grāmatas nozīme uzņēmuma zīmolam. Darba pētījumā tiek izmantota kvantitatīvā un kvalitatīvā analīzes metode...

  4. Process integration and waste heat recovery in Lithuanian and Danish industry. Case study: Dairy `AB Kupiskio Pienas`

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    NONE

    1998-01-01

    The dairy `Kupiskio pienas` in Lithuania is a medium size dairy in the Lithuanian scale, but is considered a small dairy in Denmark. An analysis of most energy consuming processes has been carried out. The total consumption of raw milk is aprox. 40,000 tons per year, and 90% is used in milk powder and butter production. The milk powder outcome makes a total of 47 weight percentage of the final products. The average amount of incoming raw milk for each of MD Foods 45 production units in Denmark is 70,000 tons/year, and 15 wt. % of the final product is milk powder. 7 out of the 45 units are separated for different kinds of milk powder production. Kupiskis dairy is characterised by a large consumption of water for cleaning and cooling purposes, by relatively new equipment, and by a significant variation in the production during the year. The heat is supplied from the district heating plant as steam. Heat (GJ/year) 53,000 - Water (m{sup 3}/year) 200,000. Of this, 9,000 GJ/year is used for heating of buildings. The energy target (including heating of buildings) found by Pinch analysis is: Heating demand, Pinch Target (GJ/year) 33,600 - Pinch Target (MJ/ton) 840. Cooling demand, Pinch Target (GJ/year) 800 - Pinch Target (MJ/ton) 20. If the demand for heating of buildings is excluded of the analysis, the key figure will be close to 600 MJ/ton of raw milk. (au)

  5. The flood event of october 2000 on the Ticino river basin; L'evento piena dell'ottobre 2000 sul bacino del Ticino

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cattaneo, M.; Maione, U.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento; Mignosa, P. [Parma Univ., Parma (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile

    2000-12-01

    The recent flood event on Northern Italy and Southern Switzerland got high intensity on the Ticino basin, especially in the Toce valley. The first part of the paper provides a hydrological-statistical characterization of the flood event on the Ticino basin, using the data available up to now. Statistical computations have shown that the return period ascribable to the maximum peak discharge in the Toce river is about 40 years, whereas the maximum water level reached by the Lake Maggiore and the maximum peak discharge in the downstream Ticino river can be characterised by a return period of about 70 years. The results show that the maximum water elevation in the lake would be reduced of about 0.55 m, faced with an increase of the maximum outflow discharge of 235 m{sup 3}/s. [Italian] Nella memoria viene analizzato dal punto di vista idrologico-statistico il recente evento di piena sul bacino del Ticino, caratterizzando dal punto di vista del tempo di ritorno le massime portate di colmo registrate durante l'evento nel Toce e nel Ticino emissario e i massimi livelli raggiunti dal Lago Maggiore. Viene quindi simulata mediante modellazione matematica la propagazione della piena nel Ticino emissario indagando anche le ripercussioni che avrebbe avuto sui livelli di piena del lago e sulle portate nel Ticino la modifica, prospettata da piu' parti per attenuare i danni dell'esondazione lacuale, consistente nell'aumento della capacita' di deflusso dell'incile. Viene infine valutato l'effetto che l'incremento di portata nel Ticino emissario avrebbe provocato sui livelli idrometrici a Pavia confrontando i risultati ottenuti dal modello numerico nella situazione attuale ed in quella modificata.

  6. A statistical model for estimation of peak flood discharge in Italian rivers; Un modello statistico per la stima indiretta delle portate di piena dei corsi d'acqua italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maione, U.; Pessarelli, N.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria, Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    1999-08-01

    In this paper a regional model for the estimation of peak flood discharges of the Italian rivers is presented. Assuming a two parameter distribution for such variable, formulas for the regional estimation of the average and standard deviation of the distribution are obtained as functions of suitable geomorphoclimatic parameters of the river basins. The regions of validity of the formulas cover a relevant part of the territory of the Italian country: Po basin, Emilia and Marches, Liguria and Tuscany, Campania, Calabria, Basilicata and Puglia. The bounds of applicability of the model are then defined, picking out the river basins which for their specificity need particular investigations. [Italian] Viene presentato un modello di stima regionale delle portate al colmo di piena per i corsi d'acqua italiani. Assumendo che la funzione di distribuzione di tale variabile sia a due parametri, vengono ricavate formule di stima regionale della media e dello scarto quadratico medio della distribuzione in funzione di opportuni indici geomorfologici dei bacini. Le regioni di validita' delle formule coprono una parte rilevante del territorio nazionale: bacino del Po, Umbria, Marche, Liguria, Toscana, Emilia, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia. Vengono poi discussi i limiti di applicabilita' del modello, individuando le caratteristiche dei bacini che per la loro specificita' necessitano di indagini particolari.

  7. Regional estimation model of the flood duration frequency reduction curves of the italian rivers; Un modello di stima regionale delle curve di riduzione dei colmi di piena dei corsi d'acqua italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tomirotti, M. [Milan Univ., Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    2001-10-01

    In this paper a regional estimation model of the flood duration frequency reduction curves of the italian rivers is proposed; the model is based on the estimation of peak flood discharge and instantaneous-daily flood peak ratio of the river basin. While for the estimation of the first quantity a great amount of papers is available in literature less attention has been devoted to the second one. Thus, a regional estimation model of the instantaneous-daily flood peak ratio of the Italian river basins has been formulated, employing for the calibration a set of data referring to 212 gauging stations belonging to the entire territory of the italian Country and characterized by twenty years of observations; the domain of validity of the model covers the most part of the territory of the italian Country. On the basis of the results of the analysis, the methodology of design of flood control reservoirs presented in previous papers has been re-examined and becomes applicable to non-gauged sites. [Italian] Nella presente memoria viene proposto un modello di stima indiretta delle curve di riduzione dei colmi di piena dei corsi d'acqua italiani basato sulla stima regionale delle portate al colmo e del coefficiente di punta del bacino. Mentre per la stima della prima grandezza e' disponibile un'amplissima mole di lavori, minore attenzione e' stata rivolta nella letteratura tecnica alla seconda. E' stato percio' sviluppato un modello di stima regionale del coefficiente di punta dei corsi d'acqua italiani, utilizzando per la taratura i dati relativi a 212 stazioni idrometrografiche distribuite sull'intero territorio nazionale e caratterizzate dal almeno venti anni di osservazioni; il dominio di validita' del modello sviluppato ricopre la quasi totalita' del territorio nazionale. Sulla base dei risultati dell'analisi e' stata infine ripresa la metodologia semplificata per la determinazione dei volumi da assegnare alle

  8. Una ‘Karavana’ piena di sorprese

    DEFF Research Database (Denmark)

    Chemi, Tatiana

    2001-01-01

    The Danish cultural policy with handicaps: the example of the Laboratory “Karavana”, which is offering activities in the theatre, musical and artistic fields. An international island floating on the sea of fantasy and original personal expression. Worth knowing.......The Danish cultural policy with handicaps: the example of the Laboratory “Karavana”, which is offering activities in the theatre, musical and artistic fields. An international island floating on the sea of fantasy and original personal expression. Worth knowing....

  9. A statistical model for an indirect high flow estimate in the Italian watercourses. Section 2 Results analysis and comparison with other regional models; Un modello statistico per la stima indiretta delle portate di piena de corsi d'acqua italiani. Parte seconda: Analisi dei risultati e confronti con altri modelli regionali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maione, U.; Pessarelli, N.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    1999-10-01

    In this paper a regional model for the estimation of peak flood discharges of the Italian rivers is presented. The formulas have been calibrated for different groups of river basins in wide portion of the territory of the Italian country: Po basin, Emilia and Marche, Liguria and Tuscany, Campania, Basilicata, Calabria and Puglia. The estimates obtained are compared with the corresponding ones resulting from the statistical analysis of the series of annual maxima peak flood discharges and from regional models recently proposed in literature. [Italian] Nell'articolo viene presentato un modello di stima regionale delle portate al colmo di piena dei corsi d'acqua italiani (bacino del Po, Emilia, Marche, Toscania, Liguria, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria). Le stime fornite sono infine confrontate con quelle ottenute dall'elaborazione delle serie storiche disponibili sia con quelle provenienti da modelli regionali recentemente proposti dalla letteratura.

  10. Cristo – la più piena immagine di Dio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stanisław Wronka

    2006-06-01

    Full Text Available Il Nuovo Testamento, soprattutto san Paolo, continua il motivo dell’immagine, presente nell’Antico Testamento e sviluppato nel giudaismo ellenistico. Negli scritti veterotestamen ta ri questo motivo viene riferito all’uomo (cf. Gen 1, 26-27; Sap 2, 23; Sir 17, 3 e alla Sapienza (cf. Sap 7, 26. Nel Nuovo Testamento l’uomo rimane l’immagine di Dio (cf. 1 Cor 11, 7; Col 3, 10; Gc 3, 9, ma la vera e incomparabile immagine di Dio è Cristo (cf. 2 Cor 4, 4; Col 1, 15; Eb 1, 3. Egli ha reallizzato in sé e molto trasceso tutti i tratti dell’immagine di Dio percepibili nell’uomo e nella Sapienza. La locuzione „l’immagine di Dio” e i suoi equivalenti contenutistici riferiti a Cristo si trovano ogni volta in un contesto elevato ed esprimono la Sua essenza. Quale Figlio di Dio, generato dal Padre prima dei secoli, Cristo è legato con Lui con il vincolo della stessa natura, condivide la Sua esistenza, gloria e immortalità, Lo conosce totalmente e sta in un dialogo incessante con Lui, nonché collabora nell’opera sia di creazione, che di salvezza. Per questo Cristo è il Signore dell’universo e Datore di vita, Primogenito, inizio e fine di tutto. Egli rivela pienamente Dio, la Sua potenza, sapienza e amore, è il Suo rappresentante e mediatore tra Lui e il mondo. Il Figlio incarnato è l’immagine di Dio nella forma umana. La gloria di Dio, che con Lui irruppe nel mondo, non è più abbagliante come nell’Antico Testamento, ma trasformante, non rovina, bensì ravviva.

  11. Vaikas – reklamos auka ar vartotojiškos kultūros produktas: teorinio diskurso konceptualizavimas

    OpenAIRE

    Ponelienė, Reda

    2011-01-01

    Straipsnyje teoriniu lygmeniu grindžiamas šiandienos visuomenėje egzistuojantis vaiko vartotojo (arba vartotojiškos kultūros produkto) ir vaiko kaip reklamos aukos (arba to, kurį vartoja) diskursas. Remiantis Lietuvos ir užsienio mokslininkų atliktų tyrimų rezultatais, aptariami įvairūs nagrinėjamos problemos aspektai: vieni autoriai dėmesį skiria vaiko ir reklamos santykiui, kiti – vaikų vartojimo kultūros sudėtingumui aptarti, treti – metodų, kaip susilpninti į vaikus, kaip nesąmoningus var...

  12. Jacopo Foggi, Reddito minimo e piena occupazione. Note sull’idea dei “piani di lavoro garantito” e di “occupazione di ultima istanza”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2017-01-01

    Full Text Available Questo articolo, ora disponibile sull’Archivio Marini, è un versione rielaborata di un testo già pubblicato qui. È stato oggetto di una revisione che, nata anonima, alla fine, proficuamente, non lo è stata, perché l’autore ha avuto una conversazione diretta col...

  13. Examination of the Dora Baltea`s floodings as recorded during the present century; Studi sugli eventi estremi di piena del fiume Dora Baltea

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Hall, A. [ENEA, Centro Ricerche Saluggia, Vercelli (Italy). Dipt. Ambiente; Doglione, A.; Paludi, S. [SIMN, Servizio Idrografico Mareografico Nazionale, Turin (Italy). Ufficio Idrografico del Po

    1997-11-01

    The paper presents all the top floods of the Dora Baltea river, which have occurred in the present century and have been recorded at the two hydrometric stations of Tavagnasco and of Mazze` in the Po valley (having assumed as top flooding the one that each year reaches the highest level). The Dora Baltea is one of the most important affluents of the Po river on its left side and originates from the highest peaks of the Alps (Gran Paradiso, Monte Bianco, Monte Cervino and Monte Rosa). The first historical series of top hydrometric heights has been recorded starting in 1925 at Tavagnasco, one of the stations of the Ufficio Idrografico del Po, upstream of Ivrea and ust at the end of the Aosta valley; the other series has been recorded starting in 1930, five years later at the Mazze` dam a few kilometres downstream of the confluence of the Dora Baltea last affluent, the Chiusella stream from the Prealps. These two series of top heights and flows are compared. On that basis the most important and catastrophical hydrological events that have concerned the Dora B. during the last sixty/seventy years have been chosen. Comparison is also made of the time profiles of each of the most significant floodings either against other profiles of the series from the same station or against the related profiles in the series from The other recording station. The morphometrical description of the basin of Dora B. is included for an easier comprehension of the behaviour of the floodings examined. Precipitation and temperature data related to the most significant events have been taken from the stations all over the Dora Baltea`s basin in order to identify the quali-quantitative correlations underlying these phenomena.

  14. Bessonnitsa v letnjuju notsh / Aleksandra Manukjan

    Index Scriptorium Estoniae

    Manukjan, Aleksandra

    2003-01-01

    Produtsent Kristian Taska uue mängufilmi "Täna öösel me ei maga" võtetel Tallinna vanalinnas. Lavastab Ilmar Taska, operaatoriks on Istvan Borbas, peaosades Carmen Kass, Peter Franzen, Maria Avdjushko. Lisaks tutvustus "Sjomki ot zakata do rassveta - 2,5 minutõ "gotovogo produkta""

  15. Bessonnitsa v letnjuju notsh / Aleksandra Manukjan

    Index Scriptorium Estoniae

    Manukjan, Aleksandra

    2003-01-01

    Produtsent Kristian Taska uue mängufilmi "Täna öösel me ei maga" võtetel Tallinna vanalinnas. Lavastab Ilmar Taska, operaatoriks on Istvan Borbas, peaosades Carmen Kass, Peter Franzen, Maria Avdjushko. Lisaks tutvustus "Sjomki ot zakata do rassveta - 2,5 minutõ "gotovogo produkta""

  16. Prospective evaluation of faecal fatty acid excretion in short bowel syndrome in newborns.

    NARCIS (Netherlands)

    Heineman, E.; Dejong, C.H.C.; Piena-Spoel, M.; Liefaard, G.; Molenaar, J.C.; Tibboel, D.

    1996-01-01

    Prospective evaluation of faecal fatty acid excretion in short bowel syndrome in newborns. Heineman E, Dejong CH, Piena-Spoel M, Liefaard G, Molenaar JC, Tibboel D. Department of Paediatric Surgery, Sophia Children's Hospital, Rotterdam, The Netherlands. Short bowel syndrome (SBS) in the newborn res

  17. Radiotoksičnost tricirane vode i triciranog vodika

    OpenAIRE

    Franić, Zdenko

    1996-01-01

    Tricij u obliku tricirane vode mnogo je toksičniji od triciranog vodika. Efektivna doza zračenja od tricirane vode kao oksidacijskog produkta udahnutog plina triciranog vodika pridonosi oko 55% efektivnoj dozi od direktnog ozračivanja pluća triciranim vodikom. Uključenje doze zbog nastajanja tricirane vode smanjilo bi relativni omjer radiotoksičnosti tricirane vode i triciranog vodika kao i vrijednost izvedene koncentracije u zraku za tricirani vodik. Stoga, da bi se procijenio ukupni nizk od...

  18. Pristop k projektu po agilni metodologiji Scrum z upoštevanjem konceptov vitkosti

    OpenAIRE

    Uranjek, Nina

    2016-01-01

    Namen diplomskega dela je preučiti, kako hkrati vpeljati v projektno vodenje tako agilno metodologijo Scrum kot tudi vitko razmišljanje. Študija domače in tuje literature ter praktičen preizkus kažejo, da je najbolje v vsakdanji Scrum proces vključiti prakse za detekcijo in odstranjevanje potrate tako pri samem planiranju kot tudi razvoju produkta in s tem stremljenje h konstantnemu učenju in izboljšavam ter posledično k večji efektivnosti. Zaradi dobro zastavljenih okvirjev je Scrum d...

  19. Politica, pari opportunità e Human Security

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaella Biagioli

    2014-06-01

    Full Text Available Il saggio presenta una riflessione sul percorso di consapevolezza dei diritti umani, per favorire la partecipazione delle donne e conferire loro piena cittadinanza. Il dibattito sulla condizione femminile e sulla violenza di genere, ha fatto propria la problematica della sicurezza umana come protezione di libertà vitali, stimolando i sistemi politici, il diritto internazionale e una cultura della pace e delle pari opportunità.

  20. On the evaluation of the storage volume of flood control reservoirs; Sul calcolo del volume degli invasi di laminazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maione, U.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). DIIAR; Mignosa, P. [Parma Univ., Parma (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile

    2000-10-01

    In many problems of flood management the elements of interest for the definition of hydrological risk are not only the peak discharges but also the flood volumes and their temporal distribution, that is the shape of the hydrographs. Typical cases include control reservoir design and flood plain analysis aimed both to the definition of the inundation maps and to the optimisation of flood plain management in view of risk mitigation. For the evaluation of storage volume of control reservoirs the temporal distribution of flood discharge plays a different role according to the configuration of the reservoirs and the hydraulic behaviour of the outlets. In the present paper a procedure for the construction of Synthetic Design Hydrographs is proposed, based on the determination of flow frequency duration reduction curves and on the analysis of the temporal locations of the peak in the recorded floods. The approach is someway similar to that employed in the construction of Chicago Design Storm starting form the IDF curves. [Italian] Nella presenta memoria vengono proposte alcune procedure per la determinazione del volume da attribuire agli invasi di laminazione. La prima e' basata sulla costruzione di un'onda di piena sintetica di assegnato tempo di ritorno a partire dalla curva di riduzione dei colmi di piena e dall'analisi delle posizioni assunte dal picco nelle onde reali. Tale approccio consente di giungere alla definizione del rischio idrologico indipendentemente dalle particolari proprieta' del sistema in studio, tenendo conto in maniera statisticamente adeguata anche della forma degli idrogrammi di piena osservati. Per i casi in cui non siano disponibili osservazioni sufficienti per la costruzione degli idrogrammi sintetici viene proposta una metodologia semplificata basata sulla stima della curva di durata delle portate di piena di assegnato tempo di ritorno. Quest'ultima viene derivata dalla curva di riduzione dei colmi di piena

  1. Towards a Semantic Web. A comparison between RDA and REICAT descriptive solutions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Forassiepi

    2015-01-01

    Full Text Available Il saggio propone, usando le 9 aree individuate da ISBD come guida, un confronto tra le scelte descrittive portate avanti dagli estensori di RDA e di REICAT. Attraverso un’analisi dettagliata delle singole scelte vengono a delinearsi due differenti modi di intendere le entità basilari della descrizione catalografica e di conseguenza due diverse prospettive per la futura organizzazione delle risorse. Le REICAT appaiono ancora legate all’organizzazione “a scheda”, alla punteggiatura uniforme e al concetto di catalogo, mentre con RDA si delinea una struttura nuova, progettata per la piena circolazione dei dati attraverso una piattaforma semantica.

  2. Simbologia religiosa e crimine organizzato: uno storico equivoco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2011-05-01

    Full Text Available Il contributo è stato segnalato dal Prof. Antonino Mantineo.Due diverse ed erronee visioni di studio si sono confrontate nell’analisi dei fenomeni mafiosi: quanti sostenevano lo stretto ancoraggio degli stessi alla simbologia religiosa sino a una piena identificazione tra detta simbologia e criminalità e quanti hanno colpevolmente deprezzato l’uno e l’altro profilo problematico. La multinazionalizzazione della delinquenza organizzata e lacontemporanea ramificazione degli studi e delle tendenze in materia religiosa possono fungere da elementi chiarificatori per ricostruire rapporti così intricati.

  3. Il danese tranquillo Niels Bohr, un fisico e il suo tempo, 1885-1962

    CERN Document Server

    Pais, Abraham

    1993-01-01

    Niels Bohr è una figura centrale nella fisica del Novecento, padre fondatore della teoria atomica e della meccanica quantistica. La storia della sua vita, ricca e piena anche sul piano affettivo e personale, non può dunque ridursi a un resoconto dei suoi successi scientifici e Pais, allievo e poi amico di Bohr, ne è perfettamente consapevole. Il libro si sviluppa su vari piani: capitoli strettamente biografici o storico-scientifici si alternano a discussioni sulle idee di Bohr in campo politico e filosofico, sui suoi rapporti con Einstein, sul suo ruolo nei drammatici anni della guerra e su molti altri aspetti della vicenda umana.

  4. Interaktīva uzņēmuma darba pienākumu ziņošanas lietotne

    OpenAIRE

    Bušs, Konrāds

    2016-01-01

    „Interaktīva uzņēmuma darba pienākumu ziņošanas lietotne” ir mobilā telefona lietotne, kas paredzēta priekš iOS platformas ierīcēm. Sistēmas lietotājiem ir iespēja apskatīt, kuram no kolēģiem ir jāveic kāds ikdienas pienākums. Lietotnē ir integrēta spēle, kas nodrošina lietotājam iespēju aktīvi iesaistītas un vēlāk salīdzināt savu rezultātus ar kolēģiem. Projekts realizēts izmantojot spējās izstrādes metodoloģijas elementus. Programatūras izstrādes pr...

  5. Artificial neural network application for real time forecasting of levels in a natural water course; Un'applicazione delle reti neurali artificiali per la previsione in tempo reale delle altezze idrometriche di un corso d'acqua

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pecora, S. [Ufficio Idrografico e Mareografico per il bacino del fiume Po, Parma (Italy); Veltri, P. [Cosenza Univ. della Calabria, Cosenza (Italy). Dipt. di Difesa del Suolo

    2001-04-01

    The recent adoption of law limits in the field of environmental defence has turned attention of technicians and researchers towards characterization of receiving catchment. During a flood event, after a period far from such extreme events, water quality monitoring can be meaningful to characterize diffuse pollutant loads, carried by the first washing water of the catchment. In order to that it is necessary to adopt suitable control systems which, reliable in forecasting, can start automatic sampler form a remote place, in such a way as to draw samples during flood growth already. Artificial neural networks (ANN) have been applied to forecasting of water levels at the section of Enza at Cedogno (Reggio Emilia, Italy). [Italian] La recente adozione di limiti normativi in materia di tutela ambientale ha rivolto l'attenzione di tecnici e ricercatori verso la caratterizzazione del bacino ricettore. Il monitoraggio della qualita' idrica durante una piena, dopo un periodo lontano da tali eventi estremi, puo' essere significativo per l'individuazione dei carichi inquinanti diffusi, trasportati dalle prime acque di dilavamento del bacino. A tal fine e' necessario adottare opportuni sistemi di controllo che, affidabili nelle previsioni, possano avviare da remoto il campionamento automatico delle acque, in modo da prelevare i campioni gia' durante la fase di crescita della piena. Le reti neurali (ANN, artificial neural network) sono state applicate nella previsione delle altezze idrometriche alla sezione di Enza a Cedogno (RE).

  6. Regional estimation model of the synthetic hydrographs for flood protection planning; Una metodologia di stima indiretta degli idrogrammi sintetici per il progetto di opere di difesa idraulica del territorio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellarin, C.; Maione, U.; Mignosa, P.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    2001-06-01

    In the present paper a regional estimation model of the synthetic hydrographs for the analysis of flood protection problems is proposed. The method is based on the regional estimation of both the flow duration reduction curve and the temporal location of the peak value in each duration. For the estimation of the reduction curve different models of stochastic and empirical derivation have been considered from literature, giving for two of these models regional estimation formulas in dependence on the geomorphologic characteristics of the river basins. To this end the historical flood waves recorded in 14 gauging stations of Mid-Northern Italy, mainly belonging to Po and Arno basins have been employed. The relation expressing the temporal location of the peak value in each duration has been obtained interpolating the experimental behaviours after standardization of the duration by the temporal scaling factor of the model adopted for the reduction curve. The synthetic hydrographs obtained from the regionalization procedure have been validated through the comparison with the corresponding ones coming from the direct statistical analysis of the historical flood waves for the gauging stations considered in the calibration process. [Italian] Nella presente memoria viene proposta una metodologia di stima indiretta degli idrogrammi sintetici per lo studio di problemi di difesa idraulica del territorio. Essa si basa sulla stima regionale della legge di riduzione dei colmi di piena e della posizione del picco all'interno di ciascuna durata. Per la determinazione della curva di riduzione sono stati esaminati diversi modelli a base stocastica o empirica proposti in letteratura, fornendo per due di essi formule di stima regionale dei parametri in funzione delle caratteristiche morfometriche dei bacini. A tale scopo sono state utilizzate le onde di piena registrate in 14 stazioni idrometrografiche dell'Italia Centrosettentrionale, apaprtenenti in prevalenza al bacino

  7. Patērētāju apmierinātība Latvijas tūrisma tirgū

    OpenAIRE

    Ilze Medne

    2012-01-01

    Anotācija Promocijas darba mērķis ir izpētīt tūristu kā patērētāju apmierinātības līmeni ar dažādām tūrisma produkta pazīmēm un tā ietekmi uz tūrista turpmāko patērētājuzvedību Latvijas tūrisma tirgū. Promocijas darbā ir apskatīti patērētāju apmierinātības teorētiskie aspekti, apmierinātības/ neapmierinātības izpausmes patērētājuzvedībā, kā arī svarīgākās klientu apmierinātības novērtēšanas metodes. Ir izveidots jauns tūristu apmierinātības daudzfaktoru modelis tūrisma vietām, ietverot ...

  8. SAP Screen Personas 3.0 ABAP izstrāde

    OpenAIRE

    Ķirsis, Hardijs

    2016-01-01

    Kvalifikācijas darbā izstrādātais produkts ir SAP Screen Personas 3.0 administrācijas un ABAP izstrādātāju rīku paplašinājums, kas nodrošina papildus funkcionalitāti. Produkta galvenais mērķis ir vienkāršot problēmu konstatēšanu un atkļūdošanu SAP Screen Personas 3.0 izstrādes laikā, laicīgi ziņojot un attēlojot informāciju par konstatētajām problēmām. Programmatūras produkts ir izstrādāts ABAP programmēšanas valodā. Atslēgas vārdi: SAP, ABAP, SAP Screen Personas 3.0...

  9. Francesco De Sanctis lettore di Guicciardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Cutinelli-Rendina

    2017-07-01

    Full Text Available "In nessun caso si corre il rischio di sopravvalutare l’importanza del celebre saggio su L’uomo del Guicciardini che nell’ottobre del 1869 Francesco De Sanctis pubblicò nella «Nuova Antologia». E ciò vale tanto per il posto cruciale che esso occupa nella parabola intellettuale di un critico che, giunto ormai alla piena maturità e al definitivo possesso dei suoi talenti interpretativi, grazie al contatto con l’opera dello storico fiorentino stava pervenendo a una decisiva chiarificazione delle proprie prospettive storiografiche; quanto per la storia dell’interpretazione dell’autore che prese a oggetto, nei cui confronti ha esercitato un influsso, schiettamente negativo per quanto praeter intentionem, di singolare tenacia e tale da arrivare fino al nostro presente."

  10. Fontana de’ Medici (trad. di Pietro Taravacci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guillermo Carnero

    2016-11-01

    Full Text Available Traduzione inedita del poemetto Fuente de Médicis, del poeta valenziano Guillermo Carnero, pubblicato per la prima volta nel 2006. La traduzione è introdotta da una nota critica che dà conto della traiettoria artistica del poeta e fornisce al lettore gli strumenti adeguati per una piena interpretazione dell’opera.Unpublished italian translation of the long poem Fuente de Médicis, by the valencian poet Guillermo Carnero, published in Spain in 2006. The translation is introduced by a critic essay that offers an account of the artistic trajectory of the poet and ensures the reader the proper tools for the interpretation of the poem.PAROLE CHIAVEGuillermo Carnero; Fuente de Médicis (Fontana de’ Medici; ecfrasis; Galatea; traduzione;poesia spagnola contemporanea.

  11. Fisica del Plasma Fondamenti e applicazioni astrofisiche

    CERN Document Server

    Chiuderi, Claudio

    2012-01-01

    L'opera si propone di introdurre i principi fondamentali della Fisica del Plasma, disciplina che trova applicazione sia nel campo del'energetica (Fusione Termonucleare Controllata), sia dell'Astrofisica (oltre il 90% della materia dell'Universo è sotto forma di plasma). Dopo un capitolo introduttivo, vengono discussi i possibili schemi di descrizione teorica dei plasmi. La parte centrale è dedicata alla discussione della magnetoidrodinamica, con particolare riguardo alla teoria delle onde e delle instabilità. Vengono infine trattati i problemi della riconnessione magnetica e delle onde d'urto nei plasmi. Per ogni argomento trattato vengono illustrate delle applicazioni di carattere astrofisico. I calcoli vengono sempre svolti esplicitamente in modo da permettere allo studente una piena comprensione delle relative tecniche. Una serie di esercizi permette inoltre la verifica delle competenze acquisite. Il libro è destinato agli studenti dei corsi di Laurea Magistrale e di Dottorato .

  12. Traiettorie di epistemologia della complessità. Spunti per una pedagogia delle connessioni.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Casirati

    2008-07-01

    Full Text Available L’articolo indaga sinteticamente le implicazione epistemologiche del pensiero di Gregory Bateson in relazione all’elaborazione di Edgar Morin. I due autori, infatti, sono legati dallo stesso sguardo epistemologico complesso, teso ad attivare connessioni originale tra ambiti disciplinari apparentemente lontani tra loro come quello della biologia e delle scienze sociali. Non riconoscere il gioco complesso delle interazioni entro cui la mente umana prende forma significa negare una parte essenziale dell’essere umano, rinunciando così al raggiungimento della nostra piena realizzazione. Le premesse epistemologiche del pensiero complesso rilanciano il ruolo della consapevolezza dell’interdipendenza che lega il soggetto umano ai sistemi creaturali più ampi, come dimensione prioritaria dell’agire educativo pedagogicamente fondato. Essa rappresenta inoltre un’occasione unica per innescare, nella realtà imprendibili di oggi, cambiamenti etico-valoriali significativi orientati in direzione di solidarietà, impegno e autenticità esistenziale.

  13. Iser, Lacan e l'ermeneutica del testo letterario come riempimento degli spazi bianchi Un'applicazione in Tommaso Landolfi e Georges Perec

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Moca

    2017-06-01

    In tale ottica diventa allora interessante indagare le forme che le parole di un'opera assumono, per valutare quanto la parola scritta ricalchi o meno la parola piena, anche nel suo rapporto con il fruitore diretto, il lettore, che assume un ruolo che, forzando i termini del paragone, potremmo definire quasi di psicoanalista, in quanto si mette nella posizione di ascoltatore e interprete della parola. E così come per lo psicoanalista, la sua funzione sarà quella di riempire i blanks, gli spazi bianchi di cui parla Wolfgang Iser, alla ricerca dell'interpretazione. In alcuni casi, lo stesso atto della scrittura sarà un tentativo di far assumere alla parola quella intersoggettività che la rende piena, in altre invece spetterà al lettore-psicoanalista lo sforzo di riempire di significato i blanks, gli spazi vuoti della parola perché, come suggerisce Roland Barthes, «tutta la moneta logica è negli interstizi». Così diviene interessante l'utilizzo di una teoria critica che, attraverso gli strumenti della psicoanalisi lacaniana e dei paradigmi di Iser, tenti un'analisi comparata dei diari di Tommaso Landolfi e del romanzo pseudo-autobiografico W ou le souvenir d'enfance di Georges Perec. In queste due opere infatti i confini tra i ruoli di autore, personaggio e lettore sono molto sfumati e la scrittura è scissa in due parti: una più immediatamente indagabile, l'altra invece tentativo di narrare il bianco che accompagna la memoria e la scrittura e che, attraverso questo metodo, il critico può tentare di riempire.

  14. Il ricordo di Bernardo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Full Text Available Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio, io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché l’amico DiEmidio aveva condiviso in tutto il tempo in cuiabbiamo lavorato insieme, ogni preoccupazione,tensione, soddisfazione e progettualità.Difficile, per me, è stato ricordarlo proprio ilgiorno dopo la sua morte, in apertura di unconvegno, con la platea piena della gentedell’Istituto e ognuno con gli occhi rossi, losgomento e la solitudine già forte della perditascolpita sul volto. L’abbiamo salutato lì, gli hodetto grazie e ciao da parte di tutti gli altri, manon l’abbiamo mai salutato davvero.Non l’ha ancora fatto nessuno di noi, echissà se lo faremo mai, perché da Bernardonon vogliamo separarci.Sulle pagine di questa rivista, che rendonomerito e onore a tanti ottimi professionisti,proprio su una rivista scientifica, che per ilnostro ambiente è il momento del confronto,spesso «della verità», voglio ricordareBernardo Di Emidio.Voglio ricordarlo all’intera comunitàscientifica per quel grande lavoratore che èstato, per quella piena fiducia che i suoicollaboratori gli davano, per quel bellissimo rapporto che con loro aveva saputo costruire,ricominciando ad ogni nuovo arrivo. Loro, isuoi collaboratori, l’hanno sostenuto fino allafine, hanno continuato a considerarlo il lorocapo, anche durante i momenti più brutti edurante gli ultimi.Non hanno mai fatto a meno del suoparere, della sua approvazione, non si sono allontanati, non si allontano nemmeno oggi, da quel solco di umanità e scientificità che Di Emidio, in anni e

  15. Tassi di cambio fluttuanti, deprezzamento valutario e domanda effettiva: un commento (Floating exchange rates, currency depreciation and effective demand: a review

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2012-04-01

    Full Text Available Concordo certamente con gli autori sul punto principale, cioè che i tassi di cambio flessibili non danno luogo a un aggiustamento automatico che riporta all’equilibrio di piena occupazione. Ciò che vorrei sostenere è che i cambi flessibili, nondimeno, possono essere più vantaggiosi di quelli fissi e che la gestione del tasso di cambio per il conseguimento di obiettivi di politica economica interni, sebbene utile in alcune circostanze, non dovrebbe diventare la regola in un mondo in cui eventi finanziari influiscono di frequente sulle variabili reali.A mio avviso, l’intervento sul mercato dei cambi da parte della banca centrale dovrebbe avere una scarsa frequenza ed essere usato come segnale per bloccare una tendenza all’ingiù o all’insù, il che ovviamente richiede cooperazione e sostegno da parte di altre banche centrali. Quanto alle misure compatibili col mercato relative ai movimenti di capitale, il ricorso a esse dovrebbe essere ancora più cauto. Comunque, una gestione per (rara eccezione del tasso di cambio è certamente possibile.   I certainly agree with the authors on the main point, which is that flexible exchange rates do not result in an automatic adjustment that brings equilibrium with full employment. What I would argue is that flexible exchange rates, however, may be more advantageous than those fixed and that the management of the exchange rate to achieve domestic policy objectives, although useful in some circumstances, it should become the norm in a world in which financial events affect frequently on real variables.In my view, the intervention on the foreign exchange market by the central bank should have a low frequency and used as a signal to prevent upward or downward trend, which of course requires the cooperation and support from other banks central. With regard to the measures compatible with the market on the movement of capital, the use of them should be even more cautious. However, a management for (rare

  16. Tassi di cambio fluttuanti, deprezzamento valutario e domanda effettiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Julio López

    2006-09-01

    Full Text Available Il presente articolo esamina i vantaggi relativi dei tassi di cambio fluttuanti nei confronti di un regime di tassi di cambio a parità rigidamente ancorate (hard peg, ponendo particolare enfasi sulle implicazioni per la domanda effettiva. In particolare, esso valuta se un deprezzamento della valuta abbia un effetto benefico sulla domanda aggregata e dunque sull’occupazione. Si sostiene che tale questione è centrale per il principio della domanda effettiva, e che l’idea che un deprezzamento valutario sia in grado di stabilizzare la domanda effettiva equivale in larga misura a sostenere che la flessibilità (verso il basso dei salari nominali (e reali possa assicurare la piena occupazione. Coerentemente con ciò, viene analizzata la relazione tra la flessibilità verso il basso dei salari e la domanda effettiva, e viene valutata criticamente (dal punto di vista sia teorico sia empirico l’ipotesi che la flessibilità del tasso di cambio possa avere proprietà stabilizzanti quando si tenga conto di shock esogeni di varia natura. L’articolo si chiude con brevi deduzioni di teoria e di politica economiche.

  17. Cosmopolitismi liminari. Strategie di identità e categorizzazione tra cultura e classe nelle occupazioni a scopo abitativo a Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piero Vereni

    2016-01-01

    Full Text Available Le occupazioni a scopo abitativo a Roma vedono un numero elevato di stranieri partecipare attivamente come occupanti, pur se sono poco numerosi nella leadership politica dei movimenti che organizzano gli squat. La presenza degli stranieri, inoltre, è sistematicamente non-marcata nel discorso dei comitati e invece marcata nella rappresentazione dei media. Il saggio ricostruisce alcune delle motivazioni di questa conformazione della presenza straniera nei comitati di occupazione. Da un lato, la loro condizione di stranieri nel sistema italiano di welfare li espone più facilmente all’emarginazione; d’altro canto, la leadership politica dei Movimenti vede negli stranieri (in quanto portatori di una condizione di classe un bacino di aggregazione per il progetto più latamente politico delle occupazioni (praticare un modello alternativo di vita urbana. Del resto, gli stranieri possono prendere parte alle occupazioni anche come forma autoprodotta di emancipazione sociale, visto che occupare può significare, bene o male, giungere a un possesso abitativo altrimenti inarrivabile. In questa contraddizione di finalità, le occupazioni multietniche diventano spazi cosmopoliti di identità che accettano di trascendere lo specifico etnico per travasarsi in una forma condivisa di identità di classe, tra proletariato rivoluzionario e piccola borghesia alla ricerca della piena integrazione.

  18. Elettrodinamica classica

    Science.gov (United States)

    Lechner, Kurt

    Nella scoperta della Relatività Ristretta l'Elettrodinamica, rappresentando una teoria relativistica per eccellenza, ha giocato un ruolo fondamentale. Il principio di relativit` a einsteiniana, che afferma che tutte le leggi della fisica devono avere la stessa forma in tutti i sistemi di riferimento inerziali, è emerso con forza da questa teoria ed è andato consolidandosi sempre di più, man mano che le nostre conoscenze del mondo microscopico sono diventate più complete: tutte le interazioni fondamentali rispettano infatti tale principio. Il modo più semplice ed elegante per implementarlo — difatti l'unico di un'utilità concreta — è rappresentato dal paradigma della covarianza a vista nell'ambito del calcolo tensoriale. Questo paradigma è stato applicato con successo a tutte le teorie di carattere fondamentale, come le teorie che descrivono le quattro interazioni fondamentali e le più speculative teorie di superstringa, e mantiene la sua piena efficacia anche in teoria quantistica. La nostra esposizione dell'Elettrodinamica classica si baserà dunque a ragione su questo paradigma.

  19. Application of fluent to the 3D modeling of a river basin, to study hydraulics phenomena in presence of high intensity rain events

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Martini, G.; Pais, V.A. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche, Frascati, Rome (Italy)

    2000-07-01

    This report presents the preliminary studies carried out with Fluent (a commercial multi-purpose fluid dynamics code) to describe a 3D river basin hydrological evolution when intense rain events take place. The results for basins with slope less than 60{sup 0} are encouraging, evidencing the evolution of a flood wave that fills the riverbed and overtakes the river embankments, and providing information about the pressure and the velocity fields. Either for more sharpens or for larger basins, some difficulties appear that could be solved adopting a more careful re-elaboration of the meshing process or moving to a more powerful computer, respectively. [Italian] Il presente lavoro riferisce gli studi preliminari condotti con FLUENT (un codice commerciale di simulazione fluidodinamica generale) per la descrizione della evoluzione idrologica di un bacino 3D quando si manifestano eventi piovosi estremi. I risultati per bacini con pendenze inferiori a 60{sup 0} sono incoraggianti, evidenziando la evoluzione di una onda di piena che supera gli argini dell'alveo e fornendo informazioni sui campi di pressione e velocita'. Sia per bacini con pendenze piu' spinte sia per bacini piu' estesi, si sono presentate alcune difficolta' che potrebbero essere risolte attraverso una rielaborazione piu' accurata della griglia di simulazione o l'uso di un computer sufficientemente potente.

  20. “Chiosar con altro testo”. Le Tre Corone per un commento rinascimentale ai “Topica” di Cicerone

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guglielmo Barucci

    2010-06-01

    Full Text Available Nel 1556, autore Pompeo della Barba, esce per Giolito un commento ai Topica di Cicerone il cui tratto più evidente è un’esemplificazione basata sul rimando a Dante, Petrarca e Boccaccio. L’articolo ricostruisce l’ambiente culturale di appartenenza del commentatore, e ne mostra la piena adesione ai programmi di volgarizzazione e patrocinio del toscano della cerchia di Cosimo I. Viene analizzata poi la strategia d’uso delle varie tipologie di citazioni, ricondotte a un duplice fine: strutturazione del volgare come lingua sociale colta, ma anche una modellazione retorica, di taglio precettistico, della lingua poetica e letteraria. Infine, analizzando il differente approccio delle due opere, si suggerisce che il commento risponda alla Topica di Giulio Camillo, per quanto ancora inedita.In 1556, the printer Gabriel Giolito published a commentary written by Pompeo della Barba on Cicerones’ Topica, whose main feature was an exemplification based on Dante, Petrarch and Boccaccio. The article investigates the cultural milieu of the commentator, illuminating how Pompeo conformed to the cultural programs of translation, popularization and tutelage of the Tuscan volgare typical of Cosimo’s circle. The essay focuses on the various typologies and aims of quotations: providing the volgare with a rhetorical code for both social life and literature. It then suggests that the commentary was in dialogue with the still unpublished Topica by Giulio Camillo.

  1. Appunti al crocevia tra comunione legale e strumenti di partecipazione al rischio di impresa: la Cassazione torna sulla quota di s.r.l.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    SIMONE ALECCI

    2016-12-01

    Full Text Available Cass. 13 maggio 2016, n. 9888, si insinua in quelle zone codicistiche maggiormente erose dall’interazione tra le dottrine di matrice commercialistica e la disciplina della comunione legale dei beni tra coniugi. Sulla scia segnata da una fattispecie concreta avente ad oggetto un preliminare di vendita di quote di s.r.l. i giudici di legittimità colgono l’occasione per ribadire – in piena ortodossia esegetica rispetto a quanto nitidamente sancito da Cass. 7 marzo 2006, n. 4890 – che gli atti di disposizione di beni mobili non esigono il consenso del coniuge non stipulante, rimanendo a carico del disponente soltanto l’obbligo di ricostituire, a richiesta dell’altro, la comunione nello stato anteriore al compimento dell’atto o, qualora ciò non sia possibile, di versare l’equivalente secondo i valori correnti all’epoca della ricostituzione. La riproposizione di siffatto assunto, almeno nella misura in cui rimarca ancora una volta la compatibilità categoriale tra la nozione di bene mobile e quella di partecipazione sociale, fiacca definitivamente l’insidioso empirismo (già vividamente denunciato da SATTA, Commentario al codice di procedura civile, Milano, 1968, IV, 165 insito nella concezione – plasticamente ricamata in RACUGNO, Società a responsabilità limitata (Voce, in Enc. dir., Milano, XLII, 1990, 1054 – che tiene avvinta la quota di s.r.l. alla sola dimensione del rapporto contrattuale.

  2. [Knowledge and common sense of nurses on the health's inequities: an exploratory study.

    Science.gov (United States)

    Cotichelli, Giordano; Di Meo, Giorgia; Giampieri, Paolo

    2016-01-01

    Introduzione. I dati statistici per il 2015 parlano di un peggioramento generale delle condizioni di vita e di salute della popolazione in Italia. Le possibili ricadute chiamano l’infermiere ad un coinvolgimento in tema di disuguaglianze nella salute. Lo studio è stato realizzato con lo scopo di valutare quanto gli infermieri conoscono e percepiscono la correlazione fra le condizioni di salute della popolazione e le iniquità di sistema. Metodo. E’ stato condotto uno studio esplorativo attraverso un aggiornamento bibliografico rispetto a precedenti lavori e la somministrazione di questionari a campioni di convenienza di professionisti e studenti di infermieristica e valutazione dei risultati secondo la prospettiva del mixed method. Risultati. La bibliografia infermieristica presente sul piano quantitativo è molto limitata. Il questionario fornisce risposte utili alla valutazione della percezione delle disuguaglianze nella salute in termini di equità orizzontale e verticale. Conclusioni. La conoscenza delle disuguaglianze nella salute non può essere al margine dei lavori scientifici e della stessa letteratura professionale. E’ necessario ridurre il divario fra gli aspetti valoriali propri della professione, che riverberano nella percezione delle iniquità esistenti, e l’assunzione piena del sapere correlato ai determinanti socio-economici della salute e della malattia.

  3. Legislative and regulatory developments on acoustic pollution air-conditioning plants; Sviluppi legislativi e normativi sull'inquinamento acustico: gli impianti di climatizzazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cocchi, A. [Bologna Univ., Bologna (Italy); Cocchi, A.; Cocchi, N. [Tecnologie per l' Ambiente Sas, Bologna (Italy)

    1999-11-01

    In recent years an increasing activity has developed around the subject {sup n}oise{sup ,} the metrology, the effects on the health and wellness of mankind, in living, working or resting environments. The problem of exposure to the noise has been faced according to different aspects and in different situations; to date it is managed by the reception in Italy of the so-called Direttiva Macchine (Machines directive). The paper proposes a reading applied to the air-conditioning sector. [Italian] Gli anni recenti hanno visto una attivita' sempre crescente attorno al tema del rumore, della sua metrologia, dei suoi effetti sulla salute e sul benessere dell'uomo, in ambiente di vita, di lavoro e di riposo. Il problema dell'esposizione a rumore e' stato affrontato secondo diversi aspetti e in diverse occasioni e si avvia a piena regolamentazione oggi con la pubblicazione di gran parte dei decreti attuativi della L. 447/95.

  4. Valutazione dell'apporto della costellazione GLONASS nel posizionamento NRTK con ricevitori GNSS geodetici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gino Dardanelli

    2012-04-01

    Full Text Available Il potenziamento della costellazione satellitare GLONASS consente oggi di disporre di un sistema che ha raggiunto defacto la piena operatività fornendo un contributo importante in qualsiasi rilievo, soprattutto in presenza di ostruzionialla visibilità satellitare. Questo lavoro riporta i risultati di alcuni test di posizionamento effettuati con ricevitorigeodetici GNSS di ultima generazione di diverse case costruttrici al fine di valutare l'apporto che la costellazioneGLONASS può dare ai rilievi NRTK (Network Real Time Kinematic in condizioni di geometria satellitare GPS critica.Evaluation of the contribution of the GLONASS constellation in GNSS geodetic positioning with NRTKThe strengthening of the GLONASS satellite constellation can now have a system that has achieved de facto full operation by providing an important contribution to any survey, especially in the presence of obstructions to satellite visibility. This paper reports the results of some tests carried out using positioning geodetic GNSS receivers with the latest generation of different manufacturers in order to assess the contribution that the GLONASS constellation can give to NRTK (Network Real Time Kinematic survey in GPS satellite geometry critical conditions.

  5. Il progetto Waterfront: la riqualificazione del porto di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Robert Leonardi

    2009-11-01

    Full Text Available Nell'ultimo decennio Napoli ha riacquisito piena coscienza del valore della risorsa mare e le sue istituzioni ai vari livelli comunale, regionale, provinciale e dell'Autorità Portuale si sono attivate in un processo coordinato di interventi che, utilizzando gli strumenti urbanistici a tutela dell'integrità degli interventi stessi e con la partecipazione di progettisti di fama e di investitori privati, si propone di riagganciare la città al mare e di trovare nuove opportunità di crescita economica e di riscatto sociale. L’articolo descrive l’insieme di interventi che si stanno portando avanti per l’area portuale di Napoli, con particolare riferimento al progetto Waterfront, alla costituzione della società Nausicaa e al concorso internazionale per il porto di Napoli. Si specificano quindi gli attori del processo decisionale, le fasi, i contenuti delle scelte e si propone un’analisi delle ricadute d'impatto sulla città che gli interventi avranno a regime: rinnovamento civile, crescita funzionale, ricomposizione spaziale, leadership e capacità programmatica.

  6. Ragusan merchants and the Crusades in the Late Middle Ages. Financial support for the war and bequests pro anima... “ad pasagium turchorum seu saracenorum, et alliud super patarenos Bosnie”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Romano, Daniela

    2008-12-01

    Full Text Available Ragusan wills of 13th and 14th centuries reveal peculiar and unsuspected aspects about armed pilgrimages by proxy in the Balkans. The struggle against infedeles and heretics propagandized by the Roman Church finds financial support and full agreement in Dubrovnik citizens, also thanks to the Franciscan and Dominican preaching. Nobles, merchants, clerics and priests, craftsmen, men and women, they are all ready to take part in the Just war. Anyway they would fight only on the condition of leaving a sum of money to those who would fight for their souls’ salvation.

    I testamenti ragusei del XIII e XIV secolo rivelano aspetti particolari e per nulla indagati sul pellegrinaggio armato per procura in area balcanica. La lotta agli infedeles e agli eretici messa in atto dalla Chiesa di Roma trova sostegno economico e piena adesione nei cittadini di Dubrovnik, città-stato baluardo della cristianità più a levante, anche grazie alla campagna pubblicistica attuata da francescani e domenicani. Nobili, mercanti, chierici e preti, artigiani, uomini e donne partecipano alla giusta guerra, prevedendo lasciti per uomini che combatteranno per la salvezza delle anime dei testatori.

  7. Le Terme a sud del Pretorio di Gortina. Produzione e circolazione dei contenitori da trasporto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria De Aloe

    2010-03-01

    Full Text Available La posizione centrale nell’Egeo ed i pochi giorni di navigazione dall’Africa e dall’Egitto, come dalla Siria e Palestina, hanno reso la città di Gortina, e Creta stessa, un punto nevralgico all’interno delle rotte commerciali di collegamento e distribuzione di beni tra le sponde del Mediterraneo. Lo studio delle anfore rinvenute nelle campagne di scavo 2003-2006 presso le Terme a sud del Pretorio, ed il necessario confronto con le grandi quantità di materiali provenienti soprattutto dai contesti del Pretorio confermano questa intricata rete commerciale. Già tra Ellenismo e prima età imperiale romana, Gortina svolse una funzione di mercato di raccolta e probabilmente di smistamento delle merci provenienti dall’Occidente e dall’Egeo, assumendo poi nella piena età imperiale, un ruolo sempre più attivo nella produzione delle stesse. La mutata situazione socio-economica dell’età tardo romana - bizantina, nonché la fondazione di una nuova capitale, Costantinopoli, portò Creta e Gortina ad avere scambi commerciali e collegamenti intensi soprattutto con le aree orientali del Mediterraneo privilegiando l’importazione di prodotti dall’esterno.

  8. Luoghi e utopia: la risposta territoriale di Marinaleda

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Isotta Mac Fadden

    2012-12-01

    Full Text Available Il caso del comune sivigliano di Marinaleda - che qui descriveremo brevemente - è un esempio atipico di risposta alle contraddizioni sistemiche e individuali all’interno del contesto europeo, in cui il superamento della drammatica situazione del post-franchismo spagnolo è avvenuta sulla base della fede in un sogno, un’Utopia socialmente costruita e collettivamente condivisa. L’esempio di questo piccolo comune dimostra, inoltre, come attraverso processi di rielaborazione collettiva positiva degli elementi socio-identitari territoriali, sia possibile la costruzione di luoghi in cui il territorio con le proprie specificità, diviene una risorsa per superare la crisi attuale. All’ingresso dell’Humoso - ex feudo, attuale cooperativa, simbolo degli anni di lotta e sacrifici che hanno segnato la storia della comunità di Marinaleda – troviamo da un lato la frase “Terra Utopia” e dall’altro “Este cortijo es para los joranaleros en paro de Marinaleda” (“Questo feudo è per i braccianti disoccupati di Marinaleda”. Da un lato un sogno, un’Utopia, dall’altro un obiettivo: sullo sfondo la realizzazione di entrambi. A muovere le scelte di politica collettiva del comune andaluso sembra essere il tentativo di realizzare una democrazia reale: da un punto di vista politico attraverso un sistema di bilancio partecipativo ed assembleare, dal punto di vista economico attraverso il cooperativismo e da un punto di vista sociale tramite la garanzia di diritti come la casa e la piena occupazione.

  9. Ozone emergency in Venetian land; L`emergenza ozono nel territorio veneziano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Stevanato, R.; Brandolosio, M. [Venezia Univ. (Italy). Dip. di Chimica Fisica

    1998-11-01

    The events exceeding the level of attention for ozone detected on the venetian land on a period of 6 and 4 years respectively by two stationary observatories, the ones located in the industrial zone and the other in a semi-rural, completed by data detected by three mobile observatories, have been correlated with space-temporal, atmospheric and relative chemical pollution parameters. The analysis of the data allowed: a) the estimation of the state of the air of the venetian land, with reference to the ozone pollution; b) the information of the hours, days and month of greatest risk and the meteorological situations which give high concentration levels of this polluting substance; c) the suggestion of a model of formation and dispersion of the ozone; d) the ascertainment of a higher ozone risk on zone relatively remote from the polluting sources. [Italiano] Gli episodi di superamento del livello di attenzione dell`ozono rilevati nel territorio veneziano nell`arco di 6 e 4 anni rispettivamente da due stazioni fisse, poste in piena zona industriale la prima e in zona semirurale la seconda, completati dai dati registrati da tre centraline mobili, sono stati correlati con parametri spazio-temporali, atmosferici e di inquinamento chimico. L`analisi dei dati ha permesso: a) di valutare lo stato di qualita` dell`aria del territorio veneziano, per quanto riguarda l`inquinamento da ozono; b) di evidenziare le ore, i giorni ed i mesi a maggior rischio e le condizioni meteoche favoriscono gli alti livelli di concentrazione di tale inquinante; c) di suggerire un modello di formazione e dispersione dell`ozono; di verificare il maggiore rischio ozono per zone relativamente lontane dalle fonti inquinanti.

  10. Detection system qualification for direct measurement of thyroid internal contamination by radioiodine; Qualificazione di un sistema di rilevazione trasportabile per misure dirette di contaminazione interna di radioiodio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tiberi, V.; Battisti, P.; Gualdrini, G. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The work deals with a detection system qualification for direct measurements of thyroid internal contamination by radioiodine. The isotopes {sup 131}I and {sup 125}I are the most frequently used in nuclear medicine. Because of their volatility they are very dangerous for thyroid contamination by inhalation. The system has been projected to be easily and fast used and above all transportable where the control is necessary. These characteristic make it able to realise supervision programs of internal contamination by radioiodine. In fact due the very high control frequencies (each 15 days for {sup 131}I), these programs are usually very expensive and demanding when they are executed in external measurement laboratories. The following steps are described: devices presentation, calculation of energy and efficiency parameters, minimum detectable activity, time system reliability, best operative conditions in the measurements. At the end an application example of the system is reported. [Italian] Il presente lavoro consiste nella qualificazione di un sistema di rivelazione per misure dirette di contaminazione interna da radioiodio in tiroide, progettato per essere maneggevole, di semplice e rapido impiego e trasportabile sul luogo dove e' richiesta la misura. Il sistema e' stato studiato per la realizzazione di programmi di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio che, richiedendo frequenze di controllo elevate (quindicinali per lo {sup 131}I), sono estremamente impegnativi ed onerosi, soprattutto se i controlli vengono effettuati in centri di misura esterni. Dopo la determinazione dei parametri della calibrazione in energia ed efficienza, la minima attivita' rivelabile, l'affidabilita' del sistema nel tempo e le condizioni operative ottimali da adottare in sede di misura, viene verificata la piena affidabilita' del sistema in un programma di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio.

  11. Insegnamento della religione cattolica, attività alternative e credito scolastico: note a margine di lungo contenzioso amministrativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrice Serra

    2012-05-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, rientra nel progetto di ricerca “Scuola pubblica, religione e laicità dello Stato nel contesto di una società multiculturale e multireligiosa”, diretto dall’Autrice e finanziato dall’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nell’anno 2011.SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La normativa legislativa e regolamentare sul credito scolastico e l’ordinanza ministeriale n. 128/1999 - 3. I ricorsi amministrativi e le ragioni poste a fondamento degli stessi. In particolare: la (presunta violazione della clausola di non discriminazione e della libertà di coscienza degli studenti- 4. La sentenza in rito del TAR Lazio n. 7101/2000 e le sue motivazioni - 5. L’ondivaga posizione del Ministero della Pubblica istruzione nelle ordinanze successive al 1999. In particolare: l’ordinanza n. 26/2007 – 6. L’impugnazione delle ordinanze ministeriali n. 26/2007 e n. 20/2008 e la sentenza di accoglimento del TAR Lazio n. 7076/2009 – 7. Analisi critica della sentenza del TAR Lazio n. 7076/2009 – 8. La sentenza del Consiglio di Stato n. 2749/2010. Luci e ombre di tale pronuncia. La natura soggettivamente facoltativa e oggettivamente obbligatoria delle attività alternative all’insegnamento della religione cattolica – 9. Le sentenze del TAR Lazio n. 33433/2010 e n. 00924/2011. La piena equiparazione del docente delle attività alternative al docente di religione nelle valutazioni periodiche e finali degli alunni compiute dal consiglio di classe. Precisazioni sull’incidenza del giudizio degli insegnanti di religione cattolica - 10. Rilievi conclusivi. Il diritto soggettivo alla frequenza di corsi alternativi all’insegnamento cattolico e il significato simbolico del contenzioso sulla formazione del credito scolastico.

  12. I Maestri dei maestri. Scuola, società, critica in Interesting Times di Eric Hobsbawm e Out of Place di Edward Said.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Pala

    2013-12-01

    Full Text Available Due fra gli intellettuali più famosi e significativi del Novecento, il filologo e comparatista  Edward Said e lo storico Eric Hobsbawm, esponenti di una critica militante e attenta alla sfera sociale, si confrontano con il passato attraverso le rispettive autobiografie – Out of Place (Said 1999 e Interesting Times (Hobsbawm 2002 - in cui non solo tracciano un bilancio di un’esistenza privata, quanto di un intero periodo storico: siamo di fronte a opere autobiografiche, ma dotate anche di un marcato carattere metanarrativo, riflessioni introvertite sul raccontare, fare storia e sulle motivazioni alla base dell’attività critica.Proprio su questo sfondo, non può sfuggire come i due lavori dedichino molto spazio alle esperienze scolastiche: la scuola- anzi le scuole, rigorosamente al plurale sia per Said che per Hobsbawm- corrispondono infatti a diverse forme di socialità, segnalano ambienti diversi in senso cronologico e geografico, contrassegnati da costumi e ordinamenti eterogenei; rappresentano inoltre l’incontro con l’autorità costituita al di fuori dalla famiglia, e marcano così il progresso verso una piena autocoscienza dell’individuo nel contesto materiale della sua collocazione storica e culturale. In altre parole, sono proprio le scuole a scandire in primo luogo il processo di maturazione dei due autori in questione. E poiché sia Said che Hobsbawm elaborano un proprio stile molto personale nei rispettivi campi d’azione, non siamo di fronte a una scrittura ingenua; c’è un’evidente struttura retorica che sostiene questa narrazione di sé.

  13. La “ricerca dell’effettività”: dalla lotta per l’attuazione dei principi costituzionali all’obiettivo della “massima espansione delle tutele”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luisa Cassetti

    2013-01-01

    Full Text Available Il contributo - che introduce il volume collettaneo a cura di L. Cassetti, Diritti, principi e garanzie sotto la lente dei giudici di Strasburgo, Jovene editore, Napoli, 2012, p. 19 ss. - si pubblica per la cortesia dell’Autrice e dell’Editore.SOMMARIO: Premessa – 1. La CEDU e l’integrazione del parametro costituzionale (art. 117, co. 1 Cost.: i confini del vincolo derivante dalla interpretazione della Corte europea di Strasburgo – 2. Il bilanciamento tra l’interpretazione vincolante della Corte europea ed il “sistema “ dei diritti e dei principi costituzionali: la lotta per l’effettività della Costituzione e l’equilibrio tra i poteri – 2.1. Il sistema dei diritti e gli spazi del legislatore: la soluzione (inammissibilità che lascia al Parlamento la piena responsabilità di dare forma al “diritto di vivere la coppia omosessuale” – 2.2. Il sindacato sulle scelte legislative alla luce dell’evoluzione dei principi fondamentali dell’ordinamento maturati in ambito CEDU – 3. Il bilanciamento alla luce del sistema costituzionale dei diritti: le trasformazioni dei principi e la ricerca del massimo livello di tutela nel sistema del processo penale. La variegata forza delle additive di principio – 4. L’effettività dei diritti nelle dinamiche tra il livello statale ed il livello regionale dell’intervento legislativo. Il ruolo degli standard omogenei di tutela a livello nazionale ed il potenziamento a livello locale delle garanzie fondato sulla illegittima discriminazione tra i destinatari dei benefici – 5. Un occhio a Strasburgo e un occhio alla storia della Corte costituzionale.

  14. Book review, Sicurezza della filiera della pesca, Stefano Izzi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2013-03-01

    Full Text Available Questo libro, firmato dall'analista ed esperto di sicurezza e intelligence Stefano Izzi, è la diretta emanazione di un progetto finalizzato al miglioramento delle attività di prevenzione e tutela alimentare. Il progetto di studio e ricerca in questione, previsto dai programmi comunitari per la formazione sui temi della sicurezza ed i piani di comunicazione e formazione, finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, esamina gli elementi della filiera della pesca in Italia con una contestualizzazione a livello internazionale. Evidenzia le vulnerabilità del "sistema filiera" e propone soluzioni per la "riduzione del rischio" sulla sicurezza alimentare. Il fine è predisporre il necessario materiale per informare e istruire tutti gli attori della filiera e consentire, sia ai giovani che agli esperti del settore, di avere piena dimestichezza del proprio ruolo all'interno della filiera e delle sue metodologie operative.Il volume è frutto di un'analisi mirata, da un lato, all'individuazione delle vulnerabilità nel generale contesto di sicurezza nel settore della pesca e, dall'altro, all'individuazione dei rischi ai quali sono esposte le figure che operano nella filiera, dei metodi operativi e delle precauzioni disposte dalle norme a tutela della persona e dell'integrità alimentare.Sicurezza della filiera della pesca è inserito nella collana diretta da Paolo Polidori "produzioni animali e sicurezza alimentare", focalizzata su temi di ricerca nell'ambito della nutrizione e alimentazione animale, zootecnia, ispezione degli alimenti di origine animale, clinica medica e parassitologia veterinaria.

  15. Un unico partito possibile?Teodicea e determinismo nel pensiero di John Wyclif

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Campi

    2008-12-01

    Full Text Available La riflessione del maestro inglese può senz’altro essere considerata per molti versi forte: basti pensare alla piena fiducia riposta nella convergenza di ragione e fede e nella sinergia di metafisica realista e logica della scrittura. Tuttavia, non mancano tracce di debolezza: il discorso teologico del primo Wyclif non solo è più complesso e articolato di quanto non si sia soliti pensare, ma oltretutto sembra condurre a conclusioni ben lontane dall’affermazione estrema e urtante di un unico partito possibile per Dio e per l’uomo. Quanto alle formulazioni più mature, oltre alla possibilità di rintracciare indizi di debolezza nello spirito delle tesi giovanili, sembra anche attestabile la presenza di tracce di indebolimento: questo è il bilancio da trarre circa gli interventi correttivi cui Wyclif sottopose le proprie dottrine teologiche, private con il procedere degli anni del sostegno garantito dai ben congegnati argomenti filosofici. La stessa ricezione del suo pensiero da parte della tradizione (avversa o favorevole che fosse può dirsi debole, viziata da fraintendimenti e da letture unilaterali, nonché spesso priva del conforto di riscontri testuali. Il ritratto ben noto del riformatore inglese – alla luce di quanto detto sin qui – reclama forse un ricorso più convinto al chiaro-scuro. Basti pensare al dubbio circa l’efficacia del tentativo proposto proprio nel giovanile De universalibus, così come nel De dominio divino, di una conciliazione tra la necessità degli eventi futuri quoad prescienciam Dei e la libertà umana di determinare le proprie azioni, che pure sembrerebbe suffragata da molte evidenze testuali. Un modo, questo, per dire che la ballata leggendaria di un Wyclif determinista (presunto o meno continuerà ancora a essere cantata.

  16. L’italiano degli immigrati ispanofoni. L’influenza della lingua1 nell’apprendimento di lingue affini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Maria Ferrario

    2013-07-01

    Full Text Available A causa di un costante aumento dei flussi migratori provenienti dal Sud America, gli ispanofoni formano oggigiorno uno dei gruppi più consistenti di stranieri che apprendono l’italiano. Considerando la notevole somiglianza fra le due lingue, a livello non solo lessicale ma anche strutturale, risulta immediato ipotizzare che la loro competenza nella L2 possa raggiungere, in tempi relativamente brevi, livelli molto elevati. Il lavoro si propone due obiettivi principali: quello di analizzare le diverse fasi del processo di acquisizione dell’italiano da parte di ispanofoni e quello di verificare il loro effettivo raggiungimento della piena competenza in L2. Per fare ciò, è stata condotta un’indagine su un campione di settantadue immigrati, ai quali è stato proposto un test scritto, costituito da esercizi mirati, atti a verificare le interferenze con lo spagnolo e le strategie linguistiche utilizzate nel tentativo di apprendere l’italiano.  The italian language spoken by spanish-speaking immigrants. The influence of mother tongue on the learning of similar languages Because of the steady increase inthe flow of migration from South America, Spanish-speakers are nowadays one of the largest groups of foreigners who learn Italian. Considering the remarkable similarity between the two languages, not only in terms of vocabulary but also in terms of structure, it iseasy to assumethat Spanish-speakers can achieve very high levels of competence in Italian L2 in a relatively short time. This paper has two main objectives. The first is to analyze the different phases of Italian language acquisition by Spanish-speaking immigrants. The second is to verify their actual competence in Italian L2. A study was conducted involving a sample of seventy-two immigrants. This group completed a written test consisting of specific exercises designed to check for interference from the Spanish language in order to consider the strategies they adoptedin their

  17. Evaluation of nutrient load transferred from Sarca river into Garda lake; Stima del carico di nutrienti trasportato dal fiume Sarca nel Lago di Garda

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Marchetti, F. [Istituto Agrario, S. Michele all' Adige, TN (Italy); Fravezzi, L. [Agenzia Provinciale Protezione Ambiente, Trient (Italy)

    2000-02-01

    River Sarca (catchment surface=1046 Km{sup 2} max altitude=3556 m, min altitude=70 m, mean annual discharge=30 m{sup 3}) is the main tributary of the Lake Garda, the largest subalpine lake in Northern Italy (area=370 Km{sup 2,} catchment surface (included lake surface)=2260 Km{sup 2}, volume=49 Km{sup 3}, max depth=346 m). During 1996-97 a large series of hourly samples has been taken at the estuary's mouth and used to estimate the nutrient loading. Analytical and probabilistic methods are used to relate the data series to the trophic state of the lake. The results are compared with previous theoretical models (L.E.M.- Loading Evaluation Model) and related to dangerous load levels established by OECD. [Italian] L'indagine ha interessato particolarmente le concentrazioni ed il carico organico ed inorganico di azoto e fosforo che affluisce dal bacino del Fiume Sarca (superficie del bacino=1046 km{sup 2,} quota massima=3556 m, quota minima=70 m, portata media annua=30 m{sup 3}) nel Lago di Garda (area=370 km{sup 2}, area del bacino (lago incluso)=2260 km{sup 2}, volume=49 km{sup 3}, profondita' massima=346 m); lo studio si e' svolto nel periodo 1996-1997, con campionamenti presso la foce utilizzando strumentazione per prelievi in continuo nell'arco di una giornata anche in occasione di fenomeni di piena. I risultati hanno permesso di stabilire delle relazioni tra carico e portata liquida e di stimare i quantitativi di nutrienti trasportati a lago e di confrontarli con i risultati di altre indagini (L.E.M. - Loading Evaluation Model) e di valutarne gli effetti attraverso modelli predittivi (OECD).

  18. L’affaire dell’U.A.A.R.: da mera querelle politica ad oggetto di tutela giudiziaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Berlingò

    2014-02-01

    Full Text Available Il contributo, accettato dal Direttore, riproduce il testo della prolusione ai Corsi DEL la Scuola di specializzazione per le professioni legali di Messina (Messina, 27 novembre 2013SOMMARIO: 1. Il contesto socio-culturale – 2. Questioni di metodo - 3. I prodromi della controversia sull’ “atto politico” - 4. La prospettazione del “fatto” nelle ultime istanze di giudizio. Il Consiglio di Stato: dalla delimitazione dell’insindacabilità dell’atto… - 5. Segue :… alla prefigurazione della piena ed effettiva tutela dell’interesse ad agire - 6. Le Sezioni Unite della Cassazione e l’inquadramento della fattispecie nella cornice della laicità dello Stato - 7. Il principio dell’eguale libertà delle Confessioni assunto a canone di legalità costituzionale - 8. I possibili esiti giudiziari ulteriori della questione - 9. Il procedimento di formazione e conclusione delle Intese - 10. Nuovi indirizzi di politica legislativa in materia ecclesiastica? The U.A.A.R. affaire: from a political querelle to a case law   ABSTRACT: Even if in view of an academic act, the author believes to have to insist on the practical function of the Law that, as in the case of the U.A.A.R., develops most frequently in the case law. The role played by the judicial courts in the case examined, as well as in more and more recurring hypothesis in the current socio-cultural context, should not be taken by the doctrine and policy as an excuse to abdicate their responsibilities as much essential in order to provide an adequate protection for fundamental human rights related to the exercise of the freedom of religion.

  19. Classificazione delle forme insediative di età medievale nell’alta val di Chienti: le tipologie edilizie / Classification of settlement forms in medieval age in high Valley of Chienti: building typologies

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Viviana Antongirolami

    2015-12-01

    Full Text Available Le persistenze architettoniche di età medievale e postmedievale rappresentano un elemento distintivo del paesaggio dell’alta Val di Chienti; nel contributo viene rivolto ad esse per la prima volta uno sguardo critico ed analitico complessivo utile ad un’ampia schedatura delle architetture storiche. Il lavoro di sintesi effettuato parte dai risultati di una prima classificazione effettuata nel 2003 e la arricchisce di nuovi dati derivanti da un successivo censimento, che ha avuto il merito di affiancare agli insediamenti fortificati e ai siti a stretta vocazione militare/difensiva i complessi architettonici di edilizia abitativa e rurale e le infrastrutture connesse alla viabilità antica. Tra gli insediamenti esaminati nell’alta Val di Chienti si riscontrano caratteristiche ricorrenti tra cui l’ubicazione del sito in altura e in posizione dominante; a volte più siti fortificati sono disposti a garantire una piena reciproca visibilità, creando un vero e proprio sistema fortificatorio. I risultati derivanti dalla presente ricerca individuano una tecnica dominante, attestata nella maggior parte dei casi-campione, che rappresenta principalmente la qualità tecnica propria della ristrutturazione di età varanesca (XIV secolo. The Medieval and Postmedieval architectural remains represent a distinctive element of the Upper Chienti Valley landscape. This essay presents a first critical analysis, aimed to a larger classifi cation of the historical buildings. The present synthesis is based on a previous work of 2003, with some new additions concerning fortified settlements, military sites, rural housing and infrastructures linked to the ancient and medieval road network. The castles show some recurring characteristics, such as the dominant positioning or the mutual visibility. In several cases we are able to identify a regular building technique resorting exclusively to local stone; this technique can be attributed to the restoration

  20. Retrograde cystography US. A new ultrasound technique for the diagnosis and staging of vesicoureteral reflux; L'ecocistografia retrogada: una nuova tecnica ecografica per la diagnosi e stadiazione del reflusso vescico-ureterale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Farina, R.; Arena, C.; Pennisi, F.; Di Benedetto, V.; Politi, G.; Di Benedetto, A. [Catania Univ., Catania (Italy). Ist. di radiologia

    1999-05-01

    The authors investigated the accuracy of a new US (ultrasound) investigation technique, called retrograde cystography US, in the early diagnosis and staging of vesicoureteral reflux. 5 patients, aged 3 months to 10 years, suffering from hydronephrosis and/or pyelonephritis, were examined using retrograde cystography US followed by conventional retrograde cystography. Retrograde cystography US consists in the transcatheter introduction of a contrast agent into the bladder and a subsequent color Doppler examination to show or exclude the presence of reflux. Superpubic scanning of bladder, ureters and pyelocaliceal cavity was performed after echo contrast agent introduction to assess the reflux grade. US was performed with an Esaote AU 590 asynchronous scanner with a 3.5 MHz convex probe. The total agreement of conventional and US findings seems to confirm the importance of the US method for the diagnosis and staging of vesicoureteral reflux. [Italian] Sono stati reclutati 5 pazienti con eta' compresa fra 3 mesi e 10 anni affetti da idrofrenosi e/o pielofrenite, per valutare l'accuratezza di una nuova metodica d'indagine, l'ecocistografia retrograda nella diagnosi e stadiazione del reflusso vescico-ureterale. E' stata eseguita ecocistigrafia retrograda e successivamente cistografia retrograda di controllo. L'ecocistografia retrograda consiste nell'introduzione trans-catetere di un mezzo di contrasto Levovist nella vescia e successivamente controllo con eco color Doppler per evidenziare o escludere la presenza del reflusso. Le indagini ecografiche sono state condotte con un apparecchio AU 590 Asyncronus con sonda convex da 3.5 MHz. La piena sovrapponobilita' dei dati emersi con l'ecocistografia con quelli della cistografia retrograda ne sembra confrmare il ruolo importante nella diagnosi e stadiazione del reflusso vescico-ureterale.

  1. An ecodesign method for reducing the effects of hazardous substances in the product lifecycle

    Science.gov (United States)

    Simanovska, J.; Valters, K.; Bažbauers, G.; Luttropp, C.

    2012-10-01

    pēc radīta jauna, daļēji kvantitatīva ekodizaina metode, apvienojot produktu izstrādes prasības ar zinātniskā ķīmiskā riska novērtēšanas principiem, kas piedāvā bīstamo īpašību prioritizēšanu, izmantojot Globāli harmonizētās sistēmas ķīmisko vielu klasifikācijas kodus, kā arī iedarbības un materiālu efektivitātes aspektu prioritizēšanu. Metode tika aprobēta, demonstrējot tās izmantošanu. Metode ļauj produkta izstrādātājam identificēt pārmaiņu nepieciešamību, izstrādāt ekodizaina priekšlikumus, izvērtēt alternatīvas, un palīdz uzlabot saziņu par materiālu īpašībām un ietekmi uz vidi un cilvēka veselību izejvielu un produktu piegādes ķēdē.

  2. IL NOME IN LIS NEL SEGNATO DI ADULTI UDENTI: UNA INDAGINE PRELIMINARE SUL CORPUS LISAU

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo La Grassa

    2016-09-01

    Full Text Available L’indagine presenta i primi risultati emersi dall’analisi di una parte del corpus LISAU (LIS di Adulti Udenti sulla produzione segnata del sintagma nominale in LIS da parte di informanti udenti che hanno appreso la LIS come L2 in età adulta. Scopo dell’indagine è cominciare a tracciare una linea di ricerca nell’ambito della linguistica acquisizionale con riferimento all’acquisizione della LIS come L2 da parte di udenti. Il corpus LISAU include il segnato di 7 informanti udenti con livello di competenza omogenea che hanno terminato un corso di terzo livello presso la sede Ente Nazionale Sordi di Prato e di 2 informanti sordi segnanti nativi considerati come gruppo di controllo. L’analisi si è incentrata sulla realizzazione dei nomi di prima e di seconda classe rilevando anche forme non citazionali, sulla realizzazione di forme plurali e sulle modalità di accordo tra nomi e aggettivi. Dalla maggior parte dei dati analizzati si rileva la piena competenza degli informanti nella realizzazione del sintagma nominale. Nouns Signed by hearing adults in LIS: a preliminary survey on the LISAU corpus The results of an analysis concerning part of the LISAU (LIS of  Hearing Adults corpus related to the production of the noun phrase in LIS by hearing informants who learned the LIS L2 in adulthood are presented. The purpose of the investigation was to outline the process with regard to the acquisition of LIS L2 by hearing adults. The LISAU corpus is composed of the sign language of 7 hearing informants with a homogeneous level of competence who completed a third-level course at the Ente Nazionale Sordi in Prato. LISAU also includes the sign language of 2 deaf native signers, considered the control group. The analysis focuses on the first and second-class nouns, including non-citation forms, plural forms and noun-adjective agreement. Most of the analyzed data reveals the informants’ full competence in creating noun phrases.

  3. L'identità percepita: applicare la Grounded Theory in biblioteca Perceived Identity: applying Grounded Theory in Libraries

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Faggiolani

    2011-06-01

    Full Text Available L'applicazione della Grounded Theory alle indagini finalizzate ad approfondire l'identità della biblioteca percepita dagli utenti è illustrata attraverso uno studio su quattro biblioteche del sistema bibliotecario comunale di Perugia. Inaugurata alla fine degli anni Sessanta, è una metodologia di ricerca sociale e un insieme di procedure capaci di generare sistematicamente una teoria fondata sui dati. È uno dei metodi interpretativi che mirano a descrivere i significati attribuiti ai fenomeni in esame, risultando particolarmente adatta all’esplorazione dei processi sociali e psicologici sottostanti. I dati passano attraverso le tre fasi di codifica - aperta, assiale, selettiva - e sono spesso elaborati con CAQDAS (Computer Aided Qualitative Data Analysis Software. In biblioteca, la metodologia GT è fondamentale per la piena comprensione dello "scarto" rappresentato da ciò che viene realmente fatto dal bibliotecario e ciò che viene percepito dall'utente. La ricerca nelle biblioteche perugine, condotta attraverso focus group e interviste semi-strutturate, ha portato in primo luogo alla consapevolezza che il concetto che l'utente ha della biblioteca è legato più al "luogo" e allo "spazio" piuttosto che al "servizio". Inoltre, le esigenze riscontrate durante la ricerca riguardano primariamente i campi che si occupano del coinvolgimento dell'utente, del rapporto della biblioteca con la scuola, dell'innovazione, della promozione di collezioni a scaffale aperto, della vivacità culturale, e degli aspetti logistico-architettonici.
    This article presents a reflection on the application of Grounded Theory methodology in a study which aims at understanding how the identity of libraries is perceived by users. The Grounded Theory, elaborated in the sixties by the sociologists, Barney G. Glaser and Anselm L. Strauss, and widely applied today in empirical research in varied disciplines, is a methodology of social research and a combination of

  4. La trasparenza scientifica in archeologia virtuale: una lettura critica al principio N.7 della Carta di Siviglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Gabellone

    2012-12-01

    Full Text Available ItAnalogamente per quanto avvenne nell’ambito del restauro, i Principi di Siviglia sull'Archeologia Virtuale hanno il valore di una carta, che non definisce un sistema di norme, di leggi, ma gli orientamenti di una vasta comunità scientifica che si propone di dare impulso all’archeologia virtuale come disciplina matura, la quale viva nel rispetto di queste regole e si fondi su metodi scientificamente validi ed ampiamente condivisi. Una piena trasparenza dei metodi, delle tecniche e della documentazione a corredo di un progetto di archeologia virtuale, è necessaria al fine di definire standard di qualità che innalzino il valore scientifico di una disciplina che promette di informare, stupire e affascinare con sempre maggiore efficacia e rigore. Il principio N. 7 della Carta di Siviglia, ribadisce la necessità di predisporre una base documentaria esauriente, che riguardi tutto il processo di ricerca legato alla creazione di contenuti digitali in progetti di archeologia virtuale. In Archeologia Virtuale i metodi di analisi, le tecniche di rilevamento e le interpretazioni devono essere tutti dichiarati, comprensibili e riutilizzabili. Solo l’analisi dei dati preliminari potrà validare gli esiti di uno studio ricostruttivo e garantire alle nuove generazioni una revisione dei risultati senza necessariamente ricominciare il lavoro dall’inizio.EnAnalogous to what has happened in the field of restoration, the Seville Principles of Virtual Archaeology have the value of a charter. They do not define a system of norms or laws, but rather the orientation of a broad scientific community that seeks to promote virtual archaeology as a mature discipline, one guided by respect for these rules and founded on scientifically valid and widely shared methods. The full transparency of the methods, techniques and accompanying documentation of a virtual archaeology project, is necessary in order to define standards of quality that raise the scientific value

  5. Tassi di cambio fluttuanti, deprezzamento valutario e domanda effettiva (Floating exchange rates, currency depreciation and actual demand

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Julio López

    2012-04-01

    Full Text Available Il presente articolo esamina i vantaggi relativi dei tassi di cambio fluttuanti nei confronti di un regime di tassi di cambio a parità rigidamente ancorate (hard peg, ponendo particolare enfasi sulle implicazioni per la domanda effettiva. In particolare, esso valuta se un deprezzamento della valuta abbia un effetto benefico sulla domanda aggregata e dunque sull’occupazione. Si sostiene che tale questione è centrale per il principio della domanda effettiva, e che l’idea che un deprezzamento valutario sia in grado di stabilizzare la domanda effettiva, equivale in larga misura a sostenere che la flessibilità (verso il basso dei salari nominali (e reali possa assicurare la piena occupazione. Coerentemente con ciò, viene analizzata la relazione tra la flessibilità verso il basso dei salari e la domanda effettiva, e viene valutata criticamente (dal punto di vista sia teorico sia empirico l’ipotesi che la flessibilità del tasso di cambio possa avere proprietà stabilizzanti quando si tenga conto di shock esogeni di varia natura. L’articolo si chiude con brevi deduzioni di teoria e di politica economiche.   This paper examines the relative advantages of floating exchange rates against a system of exchange rates for the same rigidly anchored (hard peg, with particular emphasis on the implications for effective demand. In particular, it will assess whether a currency depreciation has a beneficial effect on aggregate demand and hence employment. It is argued that this issue is central to the principle of effective demand, and that the idea that a currency depreciation is able to stabilize the effective demand, is equivalent to a large extent to support that flexibility (down in nominal wages (and real to ensure full employment. Consistent with this, we analyze the relationship between the downward flexibility of wages and effective demand, and is critically evaluated (in terms of both theoretical and empirical hypothesis that the flexibility

  6. Codes at hand. The two sons of Iorio in aesthetic-judiciary contentious Codici alla mano. I due figli di Iorio in contenzioso estetico-giudiziario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco de Cristofaro

    2012-04-01

    Full Text Available

    The nineteenth-century underworld of trans-parody – sexual reversals on a comical taste, with en travesti characters representing, for counterpoint, mythic figures of the novel and melodramatic imaginary – couldn’t be comprehended if we forget that some charismatic figures of modern individualism have already been completely evirated (from The Female Quichotte onwards. There is, also, a pioneer work in the copyright history which has been inspired by this ‘family’ of texts: Il Figlio di Iorio (1904 written by Eduardo Scarpetta, parody of La figlia di Iorio by Gabriele D’Annunzio (1904. The “commedia presepiana” – halfway from a belle epoque “opera buffa”, to a homemade parody – provoked a small juidicial ‘earthquake’: a request of consent, a caution, a legal action against plagiarism and, finally, a process based on phenomenal evidences and marked by the whole cultural-social community divided into two parts: scholars vs players, crying vs smiling, high culture vs plebeian culture, etc. – and some prestigious scholars that attended as assessors. Very interesting case of Sociology of Art, the D’Annunzio-Scarpetta process is also a crucial episode in the history of culture: during the process it took place an amateurish and heated brainstorming of “Forensic Comparativism”. 

    Il sottobosco ottocentesco delle transparodie – inversioni sessuali in chiave comica, con personaggi en travesti che riprendono per contrappunto figure mitiche dell’immaginario romanzesco e melodrammatico – risulta incomprensibile se si dimentica che già ad alcune figure carismatiche dell’individualismo moderno erano toccate in sorte evirazioni in piena regola (da The Female Quichotte in poi. A tale famiglia di testi si rifà anche un’opera pionieristica nella storia del diritto d’autore: Il figlio di Iorio (1904 di Eduardo

  7. Distorsioni strutturali della regolamentazione prudenziale delle banche (Structural distortions in prudential regulation of banks

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2012-04-01

    Full Text Available A livello nazionale, la regolamentazione finanziaria basata su divieti, cioè la cosiddetta regolamentazione strutturale, veniva accusata di produrre rilevanti distorsioni. Il grado di concorrenza ne risultava limitato, favorendo inefficienze di tutti i tipi; la cultura del rischio ne risultava indebolita; ampi poteri discrezionali erano usati dalle autorità nazionali per distorcere i meccanismi di mercato e la proprietà pubblica distorceva la concorrenza e favoriva pratiche clientelari.Una nuova comune cultura regolamentativa è quindi emersa, basata sulla libera concorrenza interna al settore bancario e per il sistema finanziario nel suo complesso. Essa richiede l’eliminazione di stretti limiti all’operatività bancaria, l’abbandono del principio di specializzazione tra attività di banca commerciale e attività finanziaria non bancaria, l’affermazione della proprietà privata, l’assoggettamento delle banche a una più forte disciplina di mercato, anche con riguardo alla loro corporate governance. Le regole di Basilea producono distorsioni non meno serie di quelle attribuite alla precedente regolamentazione strutturale. La concorrenza eccessiva non è meno dannosa di un basso grado di concorrenza, l’impostazione del level playing field aiuta la grande dimensione e pratiche di too big to fail, i capital crunches producono seri effetti sull’economia, mentre i costi di regolamentazione assorbono importanti quote delle risorse delle banche minori. È materia di ulteriore ricerca verificare se la nuova impostazione di regolamentazione abbia anche favorito un aumento nella quota del reddito nazionale assorbito dal sistema finanziario senza aver prodotto una migliore distribuzione dei rischi e un proporzionale aumento in quella che James Tobin (1984 ha definito efficienza di piena assicurazione.   At the national level, financial regulation based on prohibitions, the so-called structural rules, was accused of producing significant

  8. Distorsioni strutturali della regolamentazione prudenziale delle banche (Structural distortions in prudential regulation of banks

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Tonveronachi

    2009-12-01

    Full Text Available A livello nazionale, la regolamentazione finanziaria basata su divieti, cioè la cosiddetta regolamentazione strutturale, veniva accusata di produrre rilevanti distorsioni. Il grado di concorrenza ne risultava limitato, favorendo inefficienze di tutti i tipi; la cultura del rischio ne risultava indebolita; ampi poteri discrezionali erano usati dalle autorità nazionali per distorcere i meccanismi di mercato e la proprietà pubblica distorceva la concorrenza e favoriva pratiche clientelari.Una nuova comune cultura regolamentativa è quindi emersa, basata sulla libera concorrenza interna al settore bancario e per il sistema finanziario nel suo complesso. Essa richiede l’eliminazione di stretti limiti all’operatività bancaria, l’abbandono del principio di specializzazione tra attività di banca commerciale e attività finanziaria non bancaria, l’affermazione della proprietà privata, l’assoggettamento delle banche a una più forte disciplina di mercato, anche con riguardo alla loro corporate governance.Le regole di Basilea producono distorsioni non meno serie di quelle attribuite alla precedente regolamentazione strutturale. La concorrenza eccessiva non è meno dannosa di un basso grado di concorrenza, l’impostazione del level playing field aiuta la grande dimensione e pratiche di too big to fail, i capital crunches producono seri effetti sull’economia, mentre i costi di regolamentazione assorbono importanti quote delle risorse delle banche minori. È materia di ulteriore ricerca verificare se la nuova impostazione di regolamentazione abbia anche favorito un aumento nella quota del reddito nazionale assorbito dal sistema finanziario senza aver prodotto una migliore distribuzione dei rischi e un proporzionale aumento in quella che James Tobin (1984 ha definito efficienza di piena assicurazione.   At the national level, financial regulation based on prohibitions, the so-called structural rules, was accused of producing significant

  9. Associazionismo industriale e corporativismo: l’American Chamber of Commerce in Italy nell’epoca fascista = Industrial association and corporatism: The American chamber of commerce in Italy during the fascism age

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vittoria Ferrandino

    2014-12-01

    Full Text Available Il contributo in oggetto si propone di approfondire i rapporti tra le corporazioni e i gruppi industriali italiani da un’ottica particolare, quella dell’associazionismo che si concretizza con l’American Chamber of Commerce in Italy, instituita nel 1915 per agevolare le relazioni commerciali tra Italia e Stati Uniti. La grave crisi economica del 1930 e del 1931 e, poco dopo, le gravissime restrizioni portate agli scambi con l’estero dal programma autarchico del Governo fascista, influirono notevolmente sullo sviluppo della Camera. L’autorità dell’istituzione venne a diminuire, i rapporti con gli Stati Uniti si fecero più rari e il numero dei soci diminuì notevolmente. Alle corporazioni furono affidate le autorizzazioni sui nuovi impianti, la costituzione delle compagnie per la valorizzazione dell’Africa orientale italiana, il controllo sulle iniziative economiche nelle colonie, la collaborazione col fisco nella determinazione e nell’applicazione dei tributi ed infine il controllo sul commercio estero e sulle valute. Di conseguenza, la funzione che lo Stato avrebbe dovuto esercitare servendosi delle corporazioni finì col ricadere nelle mani dei grandi industriali, che le dominavano attraverso i loro rappresentanti. Da un lato, quindi, vi erano le corporazioni, che garantivano piena libertà ai gruppi industriali, avallandone le scelte; dall’altro lato, invece, vi erano le autorità governative che riconoscevano i limiti di competenza e d’intervento di quelle istituzioni e la necessità di una migliore definizione degli obiettivi. This contribution aims to examine the relationship between corporations and the Italian industrial groups from a particular perspective, which is that of associations through the American Chamber of Commerce in Italy, established in 1915 to facilitate the commercial relations between Italy and the United States. The economic crisis of 1930 and 1931 and, shortly after, the very serious restrictions

  10. Model parameters conditioning on regional hydrologic signatures for process-based design flood estimation in ungauged basins.

    Science.gov (United States)

    Biondi, Daniela; De Luca, Davide Luciano

    2015-04-01

    making and in hydraulic design. The obtained results highlight the relevant impact of uncertainty in regional estimates of hydrological signatures on posterior parameters distribution and on uncertainty bounds of simulated peak discharges. The results of the continuous simulation, generally, better matched those of the statistical flood frequency analysis, thus this approach is recommended for the flood frequency analysis in the study area. REFERENCES Biondi D, Claps P, Cruscomagno F, De Luca DL, Fiorentino M, Ganora D, Gioia A, Iacobellis V, Laio F, Manfreda S, Versace P (2012). Dopo il VAPI: la valutazione delle massime portate al colmo di piena nell'esperienza del POR Calabria (in Italian). Proceedings of XXXIII Italian National Conference on Hydraulics and Hydraulic Engineering, Brescia - Italy, 10-15 September 2012. Bulygina N, McIntyre N, Wheater HS (2009). Conditioning rainfall- runoff model parameters for ungauged catchments and land management impacts analysis. Hydrol Earth Syst Sci 13:893-904. doi:10.5194/hess-13-893-2009. Bulygina N, McIntyre N, Wheater H (2011). Bayesian conditioning of a rainfall-runoff model for predicting flows in ungauged catchments and under land use changes. Water Resour Res 47: W02503. doi:10.1029/2010WR009240. Gupta HV, Wagener T, Liu Y (2008). Reconciling theory with observations: elements of a diagnostic approach to model evaluation. Hydrol Process 22: 3802-3813. doi:10.1002/hyp.6989. Laio F, Ganora D, Claps P, Galeati G (2011). Spatially smooth regional estimation of the flood frequency curve (with uncertainty). J Hydrol 408: 67-77.

  11. Optimizing choice of oral interferon-free treatment for genotype 1 hepatitis C virus using testing for NS5A resistance: a cost-utility analysis from the perspective of the Italian National Health Service

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Westerhout KY

    2017-02-01

    Full Text Available Kirsten Y Westerhout,1 Walter Bouwmeester,1 Inge Duchesne,2 Marta Pisini,2 Marjanne A Piena,1 Francesco Damele,3 Beatrice Gueron,2 Maarten Treur,1 Jonathan Belsey4 1Pharmerit BV, Marten Meesweg, Rotterdam, the Netherlands; 2Janssen EMEA, Turnhoutseweg, Beerse, Belgium; 3Janssen-Cilag SpA, Via Michelangelo Buonarroti, Cologno Monzese, Italy; 4JB Medical Ltd, Old Brickworks, Little Cornard, United Kingdom Background: Patients with genotype-1 hepatitis C virus infection who have failed to respond to standard therapy or who relapse following treatment may be considered for an interferon-free regimen incorporating a nonstructural protein 5A (NS5A inhibitor. Sustained virologic response (SVR with these regimens is typically >90%, but this is reduced in patients with NS5A resistance. European Association for Study of the Liver guidelines recommend simeprevir + sofosbuvir ± ribavirin (SMV+SOF±R for re-treating patients failing an NS5A inhibitor-containing regimen. An alternative strategy would be to test for NS5A resistance prior to treatment, with therapy optimized based on the results. This study investigates the cost-effectiveness of this strategy.Materials and methods: A Markov model was used to estimate disease progression for treatment-experienced genotype 1 patients with severe fibrosis or compensated cirrhosis. Targeted treatment with either SMV+SOF±R or sofosbuvir + ledipasvir ± ribavirin (SOF+LDV±R based on pretreatment NS5A resistance testing was compared to routine SOF+LDV±R without testing. Treatment duration was 12 or 24 weeks for patients with severe fibrosis or compensated cirrhosis (Metavir F3/F4. SVR data for the treatment options were based on the results of published clinical trials. The analysis was carried out from the perspective of the Italian National Health Service.Results: Optimized treatment using NS5A resistance testing yielded 0.163 additional QALYs and increased costs of €2,789 per patient versus no testing. The

  12. Peracetic acid as disinfectant of municipal wastewaters; L'acido peracetico nella disinfezione dei reflui urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Funari, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Laboratorio di Igiene Ambientale, Reparto di Medicina Ambientale, Rome (Italy); Lopez, A. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Ricerca sulle Acque, Reparto di Chimica e Tecnologia delle Acque, Bari (Italy)

    2000-09-01

    altri settori tra cui quello alimentare, e' dovuto, diversamente da quanto si verifica con l'uso di altri disinfettanti, alla dichiarata assenza di sottoprodotti pericolosi ed al conseguente mancato aumento di tossicita' dei reflui trattati. Tuttavia, nonostante tali premesse, nel settore dei reflui urbani l'impiego dell'acido peracetico stenta ad affermarsi sia per fattori economici che per la prevedibile diffidenza verso un prodotto relativamente nuovo che cosi' <> la limitata conoscenza, specie se comparata con quella relativa al cloro, della sua reale efficacia germicida nei confronti dei diversi tipi di microrganismi patogeni (batteri, virus, parassiti), delle sue proprieta' eco-tossicologiche, delle sue prestazioni come disinfettante in impianti in piena scala. Il presente lavoro oltre a fornire un'ampia raccolta di riferimenti bibliografici, esamina i dati disponibili sul PAA con particolare riferimento: all'efficacia disinfettante nei confronti dei diversi microrganismi patogeni; alla formazione e tossicita' di sottoprodotti di disinfezione; all'impatto ambientale associato allo scarico di reflui trattati con PAA nei corpi idrici; alle condizioni operative adottate in impianti di dimensioni signficative.

  13. The Shadow Economy Factors and Causes Analysis by Expert Evaluation Method: Case of Lithuania Šešėlinės ekonomikos veiksnių ir priežasčių tyrimas ekspertinio vertinimo metodu: Lietuvos atvejis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jolita Krumplytė

    2011-02-01

    shadow economy causes are the following: too big tax burden (in the case of illegal work – significant gross and net wage gap, gaps in legislation, frequent law changes, distrust of country’s government, dissatisfaction with the quality of work of governmental institutions. The main causes of the sprawl of the shadow economy – the inability to compete without being involved in the shadow economy, the lack of unified declaration of income and insufficient control of state institutions.

    Keywords: shadow economy, tax, Lithuania, factor, cause, expert evaluation method.

    Pastaraisiais metais daugelyje šalių susiformavusi sudėtinga makroekonominė situacija – sparčiai mažėjantis bendrasis vidaus produktas, didėjantis nedarbo lygis, žymus šalies biudžeto pajamų sumažėjimas – sutrikdė šalies ekonominės ir socialinės politikos įgyvendinimo galimybes. Šalia šių problemų dažnai akcentuojama šešėlinė ekonomika, apibrėžiama kaip fenomenas, kurio egzistavimas neišvengiamas ekonomikos pakilimo laikotarpiu ir matomas spartus vystymasis ekonomikos recesijos ir nuosmukio etapuose. Mokslinėje literatūroje šešėlinė ekonomika apibūdinama kaip sudėtinga daugialypė reiškinių visuma. Pažymėtina, kad nėra bendros šešėlinės ekonomikos koncepcijos, neretai tapatinami terminai „šešėlinė ekonomika“ ir „oficialiai neapskaityta ekonomika“ arba vartojami kiti terminai ir apibrėžimai. Siekiant sumažinti šešėlinės ekonomikos mastą ir sustabdyti jos sparčią raidą, svarbu identifikuoti šį procesą lemiančius veiksnius ir prie

  14. Il popolo tra realtà politica e finzione ideologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Gatti

    2012-10-01

    esistenza in cui è fondamentale sia la concordia del tutto, pur nella pluralità delle parti esistenti entro la civitas, sia la condivisione dei destini. Non c’è politica senza tali requisiti. È superfluo far notare quanto qui sia presente, in un pensiero innestato soprattutto nella tradizione stoica, anche la componente aristotelica.Ora: sappiamo bene che c’è un’interpretazione, da molto tempo largamente egemone, che pone un rapporto genetico tra modernità e politica. I suoi sostenitori asseriscono che solo a partire da Hobbes ci sarebbe la possibilità di parlare in modo sistematico di un’origine del “politico” nella sua essenza propria e nella sua piena autonomia (l’ovvio riferimento è a Carl Schmitt. In controtendenza rispetto a questa linea di pensiero vorrei mostrare – prendendo spunto dalla connessione ciceroniana tra popolo e politica – che, a confronto con il modello esemplarmente presentato da Cicerone, la modernità mette in mostra, in alcuni dei suoi autori maggiormente significativi, un sostanziale scacco, variamente articolato ma unitario dal punto di vista del risultato, nel rendere filosoficamente intellegibile, e quindi coerentemente fondabile, lo spazio proprio della politica.Ho cercato di argomentare in altro luogo questa tesi, la cui sostanza coincide con l’affermazione che il “moderno”, lungi dall’essere il tempo della genesi della politica come prassi e come campo teorico specifici, costituisce invece il lungo momento durante il quale si dipana e si evidenzia la cruciale dimensione dell’impolitico. Essa è ancora incombente su di noi, tardi eredi della modernità, e non solo c’interroga dal punto di vista speculativo, ma ci pressa anche nella concreta e tragica realtà di fatto, come quotidianamente verifichiamo in mille modi. La prassi storica subisce l’assenza della politica in un passaggio d’epoca cruciale come quello che stiamo oggi vivendo. Questo passaggio d’epoca riceve in legato tale assenza dal passato

  15. Il plagio: nostalgia di un ritorno / L'emprise mentale : nostalgie d'un retour / Plagium: a comeback miss

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Di Bello M.

    2010-12-01

    Full Text Available Il problema della traduzione giuridica del “condizionamento psicologico”, nelle sue diverse forme ed intensità, che nel tempo ha appassionato studiosi ed interpreti del diritto penale, della criminologia e della vittimologia, non può prescindere da una preventiva indagine storica, attraverso la quale si rivelano le ragioni – connesse al mutare del tempo e, dunque, del pubblico sentire – delle difficoltà di definire gli elementi normativi del “plagio”, quale specifico delitto di liberticidio. L’analisi delle vicende giudiziarie in materia di plagio non è confortante: le sentenze sono tutte (tranne una di piena assoluzione, a plastica dimostrazione che l’evanescenza dei concetti normativi è la prima causa della denegata giustizia. Nondimeno, all’unica sentenza di condanna si deve il merito di aver spinto l’analisi giuridica verso nuovi e più sensibili orizzonti dogmatici, consentendo alla prevalente concezione economica delle condotte plagiarie di evolvere verso la più raffinata concezione psichica del plagio: attraverso questo reato non ci si impossessa dell’essere altrui per trarne un vantaggio di natura materiale, non si è mossi da fini di lucro, bensì si assorbe nell’energia del proprio volere ogni capacità della vittima. Sennonché, l’abbondante letteratura prodotta e l’analisi storica ed esegetica delle norme che, in qualche modo, avrebbero dovuto (o pretendono di presidiare l’integrità psichica dell’individuo, quale identità propria di essere pensante unico ed irripetibile, non hanno consentito di precisare in modo rigorosamente certo le caratteristiche specifiche della nozione di plagio, da tipizzare, poi, in una norma incriminatrice. Così, ad oggi, possiamo senz’altro sostenere che permangono al riguardo gravissime difficoltà, che non consentono di fornire una risposta univoca, convincente ed appagante ai numerosi problemi giuridici e scientifici, teorici e pratici che l’ideazione di una