WorldWideScience

Sample records for biomedicina corso organizzato

  1. Nuclear magnetic resonance spectroscopy in biomedicine. Course organized by the Istituto Superiore di Sanita`. Marciana Marina (Isola d`Elba), September 18-23, 1995; Spettroscopia di risonanza magnetica nucleare in biomedicina. Corso organizzato dall`Istituto Superiore di Sanita`. Marciana Marina (Isola d`Elba), 18-23 settembre 1995

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, A.M.; Rosi, A. [ed.] [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Fisica

    1997-12-01

    Nuclear magnetic resonance is a powerful technique that can be used in a wide range of applications, such as the structural characterization of high molecular weight molecules, conformational studies on enzymes in solution, enzyme-substrate or DNA-protein interactions, monitoring of cell metabolism in vivo, and for diagnostic purposes, employing spectroscopic and imaging techniques. This course was organized in order to introduce the participants to the fundamentals of NMR spectroscopy, and offer practical advice on performing NMR experiments on cell systems, cell and tissue extracts and animal models. The main implications regarding human experiments were also discussed. Finally the quantification of information and the interpretation of data were considered with regard to the main nuclei observed. [Italiano] La risonanza magnetica nucleare e` una delle tecniche spettroscopiche che meglio risponde all`ampio spettro di condizioni imposto dalla ricerca in biofisica e biomedicina. Il campo applicativo di questa tecnica copre un intervallo molto ampio che va dalla caratterizzazione di strutture di macromolecole con elevato peso moleculare, a studi di tipo conformazionale su enzimi in soluzione e sull`interazione enzima-substrato o DNA-proteine, fino al monitoraggio in vivo del metabolosmi cellulare e alla diagnostica medica con spettroscopia ed imaging. Il corso e` stato articolato in modo da presentare ai partecipanti nozioni di base della spettroscopia RMN, aspetti pratici della realizzazione di esperimenti di spettroscopia in sistemi cellulari, in estratti cellulari e tissutali e in animali da esperimento, nonche` le principali considerazioni relative agli esperimenti nell`uomo. Sono state affrontate tematiche relative alla quantificazione dell`informazione e all`interpretazione dei dati in relazione ai principali nuclei osservati.

  2. NCG61/24: Plan de Estudios de M??ster en Biomedicina Regenerativa

    OpenAIRE

    Universidad de Granada

    2012-01-01

    Plan de Estudios de M??ster en Biomedicina Regenerativa. Resoluci??n de 5 de marzo de 2012, de la Universidad de Granada, por la que se publica el plan de estudios de M??ster en Biomedicina Regenerativa

  3. Body measurements and morphological evaluation of Italian Cane Corso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Polli

    2011-03-01

    Full Text Available Mastiff-like breeds are getting more and more popular due to their appearance and behaviour; within Italian breeds Cane Corso (CC, light mastiff-like type, is the one with the most positive entry trend in the last decade. CC is the 14th Italian breed; his original area is southern Italy. His standard has been officially recognised in 1994. CC standard, as every Italian dog breed standard, is very precise and objective giving a mathematical description of the main body region dimensions. The aim of this work is, through breed standard analysis and CC population study, to verify the closeness of the actual population to the standard mean values. Biometric investigation was applied as statistic method for biological problem analysis (Balasini, 1988. Collected data consist in body measurements and linear scoring applied to those anatomic regions and aspects difficult to be measured. A biometric study of a canine population could represent a valuable method to describe the breed condition in a given moment and could create a data bank for subsequent continuous studying to verify the morphological evolution of the breed..........

  4. Diseño de sistemas neurocomputacionales en el ámbito de la Biomedicina

    OpenAIRE

    Urda Muñoz, Daniel

    2015-01-01

    El área de la biomedicina es un área extensa en el que las entidades públicas de cada país han invertido y continúan invirtiendo en investigación una gran cantidad de financiación a través de proyectos nacionales, europeos e internacionales. Los avances científicos y tecnológicos registrados en los últimos quince años han permitido profundizar en las bases genéticas y moleculares de enfermedades como el cáncer, y analizar la variabilidad de respuesta de pacientes individuales a diferentes tra...

  5. El corso del Flandes español como factor de guerra económica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enrique OTERO LANA

    2009-12-01

    Full Text Available RESUMEN: El objeto del artículo es relacionar la práctica del corsarismo (que se diferencia desde el siglo XV de la piratería con el nacimiento y desarrollo del primer capitalismo y con la política económica de la Monarquía Hispánica. La Corona era consciente de las ventajas que podría obtener organizando el corso entre sus subditos, logrando beneficios militares a la vez que económicos. En el Flandes del siglo XVII son de destacar dos realizaciones, la armada de Flandes y la escuadra del Norte que causaron grandes pérdidas al enemigo. Finalmente, se evalúan los efectos reales del corso en la guerra económica contra el enemigo: el corso por sí mismo nunca ganaría la guerra, contra las esperanzas de los políticos españoles.ABSTRACT: The aim of this paper is to relate the practice of privateering (that differs from the XVth century of the piracy with the birth and development of the first capitalism and with the economic policy of the Hispanic Monarchy. The wreath was conscious of ace advantages that might be obtained of organizing the privateering among his subjects, by achieving military benefits simultaneously that economic. In the Flanders of the XVII**1 century it is to emphasize two accomplishments, the Armada de Flandes and the Escuadra del Norte, that caused big losses to the enemy. Finally, the real effects of privateering are evaluated in the economic war against the Dutch enemy: privateers by themselves would never win the war, against the hopes of the Spanish politicians.

  6. Los corsos: una hornada monopolista en el Perú en el siglo XVI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lohmann Villena, Guillermo

    1994-06-01

    Full Text Available Not available.

    El presente trabajo reconstruye el complejo de operaciones mercantiles desarrolladas a escala intercontinental por un grupo de origen corso, que teniendo como centro de operaciones la ciudad de Sevilla, logró extender sus redes hasta el lejano virreinato peruano, en cuyos circuitos mercantiles tuvo una posición hegemónica. El estudio viene a completar los iniciados por Enriqueta Vila sobre este importante grupo empresarial centrándose en sus actividades en el Perú donde, en virtud de una tupida malla en la que intervienen por igual componentes de sangre e intereses, estos corsos acapararon sectores importantes del intercambio comercial, participaron en proporción mayoritaria en las empresas arrendatarias del transporte de mercurio de Huancavelica a Potosí, tuvieron intereses mineros, y extendieron su acción a la región de los Charcas e incluso en las tierras sureñas de Chile.

  7. La soppressione del corso autonomo di Diritto canonico delle Facoltà giuridiche disposta dal ministro Bonghi nel 1875

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Falchi

    2011-09-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Le ragioni di questo scritto – 2. Norme legislative e regolamentari emanate tra il 1859 ed il 1865 – 3. Fonti normative e provvedimenti tendenti alla soppressione del corso autonomo di Diritto canonico riferibili al periodo 1867/1875 – 4. Gli anni 1867/1872: ... a la vacanza della cattedra di Istituzioni di diritto canonico nelle università di Parma, di Modena e di Siena – 4.b La riduzione della durata degli studi in giurisprudenza e la distribuzione degli insegnamenti del corso – 4.c L'ulteriore normativa ministeriale e i suoi riflessi sulle Facoltà giuridiche di Bologna, Palermo e Pisa – 4.d La vacanza di cattedre di Diritto canonico nelle università di Cagliari e di Sassari e il rispetto delle direttive ministeriali del 1869 e del 1870 – 5. Il periodo 1873/1874: ... a atti ministeriali ed interventi del Consiglio Superiore della P. I. circa l’affidamento dell’incarico al prof. Pertile – 5.b La soppressione della cattedra di Diritto canonico proposta dal Consiglio Superiore della P. I. nel 1874 – 6. Il regolamento predisposto dal ministro Bonghi che esclude il corso autonomo di Diritto canonico – 7. La vicenda della cattedra romana – 8. La soppressione del corso di Diritto canonico nel dibattito alla Camera dei Deputati nel 1875 e nel 1876 – 9. Decreti e provvedimenti del ministro Coppino – 10. Osservazioni conclusive.

  8. State of the reverse osmosis membrane of sea water corso plant desalination (Algiers)

    Science.gov (United States)

    Abdessemed, D.; Hamouni, S.; Nezzal, G.

    2009-11-01

    Seawater reverse osmosis (SWRO) desalination is being increasingly emphasized as a strategy for conservation of limited resources of freshwater. Although desalination has been developed for the last few decades, the SWRO operation is still affected by membrane fouling. The membrane fouling of SWRO has a significant impact on operation of desalination plants. We follow the evolution of the permeate conductivity during three months of the sea water Corso (Algiers) plant desalination. The purpose of this work is to conduct an autopsy of fouled membranes in seawater using the scanning electron microscopy (SEM) coupled by an analysis EDX. This membrane shows a change of the surface morphology, which justifies the abrupt increase in the conductivity of the permeate in May 2006. In order to identify the nature of the fouling deposit, we analysed this deposit by Xrays diffraction (XRD).

  9. LA DIDATTICA DEL TASK IN UN CORSO DI ITALIANO L2 PER STUDENTI SINOFONI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marianna Ingrassia

    2015-02-01

    Full Text Available Il concetto di task è alla base di un metododi insegnamento noto come TBLL abbreviazione di Task-Based Language Learning, ovvero “apprendimento di una lingua basato sul compito”. L’articolo si propone di descrivere le caratteristiche principali del TBLL e di illustrare un esempio di applicazione di didattica del task ad apprendenti di madrelingua cinese, durante un corso avanzato di italiano L2. La ricerca, inoltre, sulla base dei dati ricavati da un questionario sottoposto agli studenti del corso, dà conto delle valutazioni che essi hanno espresso rispetto alle attività sperimentate in classe. Le peculiarità di questo modello didattico sono infine messe a confronto con i tratti che caratterizzano il percorso di apprendimento degli studenti sinofoni, allo scopo di indagare sino a che punto una didattica basata sul task possa rivelarsi utile nell’insegnamento rivolto a questa specifica tipologia di apprendenti. Tasks in teaching italian L2 to chinese studentsThe concept of the task is the basis of a method known as TBLL (Task-Based Language Learning or “learning a language based on the task”. The article describes the main features of TBLL and illustrates an example of applying this method with native Chinese learners attending an advanced Italian L2 course. The research is also based on data obtained from a questionnaire evaluating the activities implemented given to the students in the course. The peculiarities of this teaching method are compared with the traits that characterize Chinese students in order to investigate the extent to which task based teaching may be useful for this specific type of learner.

  10. LOS DIEZ PRIMEROS AÑOS DEL CONVENIO EUROPEO SOBRE DERECHOS HUMANOS Y BIOMEDICINA: REFLEXIONES Y VALORACIÓN

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vicente Bellver Capella

    2008-01-01

    Full Text Available En abril de 2007 se cumplieron diez años de la apertura a la fi rma del Convenio Europeo de Derechos Humanos y Biomedicina. Con ocasión de su décimo aniversario, el artículo ofrece una reflxión acerca de la importancia de este documento, tanto a nivel internacional como en España.

  11. CORSO DI ITALIANO PER STUDENTI ANGLOFONI NEGLI USA: L’IMPORTANZA DEL LIBRO DI TESTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Sacchini

    2011-02-01

    Full Text Available L’insegnamento dell’italiano all’estero si colloca all’interno di un contesto specifico che deve essere tenuto in considerazione al momento della pianificazione di un corso di italiano LS. Dopo una analisi delle specifiche caratteristiche dell’ambiente universitario americano e delle difficoltà che lo studente incontra nell’apprendimento della lingua italiana in relazione alla sua lingua madre, l’attenzione si focalizza poi sul libro di testo, strumento fondamentale per lo studio e l’insegnamento/apprendimento della lingua straniera. Avanti!, manuale di lingua italiana utilizzato nei corsi di lingua italiana presso un’università americana, viene analizzato dal punto di vista glottodidattico attraverso una descrizione e una valutazione dettagliata della sua struttura, degli obiettivi linguistico- comunicativi e dei materiali didattici presenti, con particolare attenzione alla tipologia degli esercizi, nonché alla varietà di italiano presentata. Infine, vengono elencate alcune attività extra a completamento del corso di italiano da proporre agli studenti per un loro più ampio coinvolgimento nella lingua e nella cultura italiana.     Italian lessons for american english-speaking students: the importance of the textbook   Teaching Italian abroad takes place in a specific context which needs to be considered in planning Italian as a Foreign Language courses.  After analyzing the specific characteristics of the American university environment and the difficulty students have in learning the Italian language in comparison to their mother tongue, attention is focused on the textbook used, a fundamental tool for the study and learning/teaching of a foreign language. Avanti! is the textbook utilized in Italian language courses in American universities.  It is analyzed from a glottodidactic point of view through the detailed description and evaluation of its structure, the linguistic-communicative objectives and the didactic

  12. Poliamidas y poliesteramidas que presentan potencial aplicación en biomedicina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marisol L. Pérez Ferrás

    2010-01-01

    Full Text Available El interés creciente del sector biomédico por la utilización de polímeros degradables y biocompatibles debido al uso que pueden tener en implantes, prótesis, suturas reabsorbibles, películas para piel artificial, injertos vasculares o en la dosificación de fármacos, ha motivado la realización de innumerables investigaciones en esta área de conocimientos dirigidas al desarrollo de nuevos materiales obtenidos a partir de productos naturales. En el trabajo se muestra el resultado de una exhaustiva revisión bibliográfica sobre los procesos de síntesis, caracterización, degradación y propiedades de poliamidas y poliesteramidas que presentan potencial aplicación en biomedicina, con el objetivo de incluir estos contenidos en los Programas de estudio de las carreras de Ingeniería y Medicina. Se enmarca en trabajos conjuntos de investigación en didáctica aplicada a nuevos materiales, que se realizan entre el Dpto. Metodológico de la Universidad de Ciencias Médicas de Holguín y el Grupo de Investigación de Materiales y ambiente de la Universidad de Holguín.

  13. Biología y Biomedicina: un área de mujeres fértiles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    de Pablo, Flora

    2002-08-01

    Full Text Available Not available

    Un breve recorrido por la incorporación de las mujeres investigadoras al CSIC, demuestra que las mujeres se pierden, de manera alarmante, en los sucesivos escalones de la carrera científica. En 1970, las mujeres representaban un 8% de la categoría más alta, Profesor/a de Investigación. Treinta años después la proporción es aún de sólo un 13%. El área de Biología y Biomedicina, un campo extraordinariamente competitivo, ha albergado a algunas de las científicas más reconocidas en España en las últimas décadas. Sorprendentemente, el número de mujeres Profesoras ha incluso descendido entre 1981 (14% y 2001 (13% en éste área. Estos hechos no son fruto de la falta de incorporación de mujeres a la formación universitaria, ni a la carrera científica en el escalón inicial de becarias. No es fácil admitir, sin embargo, que las causas principales de esta desigualdad son las múltiples formas de desmotivación, marginación y discriminación por sexo aún vigentes en los albores del siglo XXI. El conocer las trayectorias comparadas de productividad de mujeres y hombres a lo largo de la carrera, y empezar a tomar medidas para eliminar los mecanismos de exclusión de género en el CSIC son ya nuestra responsabilidad ineludible e inaplazable.

  14. El convenio relativo a los derechos humanos y la biomedicina. Los internamientos por trastorno psíquico.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Serafín García Zarandieta

    2000-01-01

    Full Text Available El día 1 de enero de 2000 ha entrado en vigor, en nuestro país, el Convenio relativo a los derechos humanos y la biomedicina («Convenio de Oviedo», hecho en Oviedo el 4 de abril de 1997, aprobado y ratificado en Madrid el 23 de julio y publicado en el B.O.E. el 20 de octubre de 1999. El artículo 7, en su capítulo segundo (consentimiento se refiere específicamente a la protección de las personas que sufren trastornos mentales.

  15. Plan de actuación 2010-2013: Área de Biología y Biomedicina

    OpenAIRE

    2010-01-01

    Área de Biología y Biomedicina del CSIC agrupa a todos los Institutos y Centros que tienen como objeto el estudio del funcionamiento de los seres vivos en los distintos niveles de organización: molecular, celular y de organismo, así como su utilización y modificación para la obtención de productos o servicios de interés para el hombre, la conservación del medio ambiente, y la profundización en el conocimiento de los procesos que originan las enfermedades humanas.

  16. ITINERÁRIO TERAPÊUTICO NO CUIDADO MÃE-FILHO: INTERFACES ENTRE A CULTURA E BIOMEDICINA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rubia Fernanda Cardoso Amaral

    2012-01-01

    Full Text Available El objetivo fue investigar el itinerario terapéutico en la atención madre-hijo con interfaces entre cultura y biomedicina. Con enfoque cualitativo y diseño exploratorio, la investigación fue desarrollada a través de entrevista a diez puérperas de Florianópolis/SC, Brasil. Con el software Atlas-ti 5,0, los datos resultaron en cuatro categorías: caracterización de las participantes; reconociéndose como parte de una red de atención; balanceando saberes y prácticas en la atención madre-hijo; la cultura y la biomedicina - relaciones posibles para un cuidado con sentido. Los resultados permitieron conocer elementos del itinerario terapéutico de las madres puérperas en la atención a sus hijos, especialmente en las relaciones entre los tres subsistemas que componen la atención de salud, en la perspectiva de la antropología de la salud. Estas optan y definen caminos considerando la especificad del caso, incluso gravedad, disponibilidad y adecuación de los recursos, en un claro balanceo entre saberes y prácticas populares y científicos.

  17. Book Review, 50 Animali che hanno cambiato il corso della Storia, Eric Chaline

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2013-06-01

    Full Text Available Copertina rigida "anticata", brossura cucita, carta di pregio, grafica curata nei minimi dettagli. Rientra senza dubbio nel novero della pubblicistica divulgativa di qualità questo volume uscito in Italia per i tipi di Ricca Editore. Un volume, elegante e classico, che racconta l'evoluzione dell'uomo da cacciatore ad agricoltore/pastore e, più in generale, di come ha preso piede nella storia il nuovo approccio nei confronti del regno animale. "Oltre al ruolo nel commercio e nell'agricoltura" scrive l'autore, "gli animali hanno contribuito in diversi altri modi alla cultura e alla storia dell'uomo. Alcuni come il leone, lo scarabeo sacro, il cobra e l'aquila di mare testa bianca hanno una lunga storia come simboli politici e religiosi. Nel campo della scienza e della medicina, lo studio di animali come il moscerino della frutta, il fringuello e l'iguanodonte è stato determinante per lo sviluppo della nostra conoscenza dell'evoluzione del mondo naturale."Ad ognuno dei 50 animali "che hanno cambiato il corso della Storia" viene dedicato un paragrafo sintetico, ma comunque esaustivo, corredato da foto, illustrazioni, immagini d'epoca e brevi notizie storiche, curiose e al contempo istruttive. Cosa unisce la zanzara al gin tonic? E l'ape alla mandorla? Lo sapevate che Buffalo Bill dove aver cacciato 4.000 bisonti nella sola stagione 1867-1868 divenne uno strenuo difensore della creatura vivente più grande dell'America del Nord? E che il lombrico, oltre alla sua incessante azione di riciclo biologico e minerale, è considerato una vera prelibatezza dai Maori della Nuova Zelanda? E ancora, che durante la seconda guerra mondiale un piccione chiamato G.I. Joe ricevette una medaglia dall'esercito degli Stati Uniti per aver salvato oltre mille persone? Oppure che, in contrasto con le superstizioni occidentali secondo le quali il gatto è di cattivo auspicio, in Giappone i gatti sono considerati dei veri portafortuna e che lo sport del polo ebbe origine

  18. UMA ABORDAGEM DOS ASPECTOS LEGAIS PARA ABERTURA DE UMA CLÍNICA DE BIOMEDICINA ESTÉTICA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anelise Regina Regina Lorenzet

    2015-07-01

    Full Text Available A Biomedicina Estética é uma nova e promissora área de atuação para os profissionais Biomédicos. Suas ações visam o tratamento de disfunções da derme e seus anexos. Neste estudo verificamos e discutimos a legislação para a abertura de clínicas estéticas por profissionais biomédicos. Concluímos que não há legislação específica que se adéque ao profissional biomédico esteta e seus procedimentos, bem como o enquadramento tributário e as exigências da vigilância sanitária.

  19. Tandem come tirocinio: la riflessione nel corso dell'azione - in un tandem in presenza italiano-portoghese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Luisa Vassallo

    2006-04-01

    Full Text Available II presente studio è dedicato al Tandem, un metodo di studio delle lingue straniere autonomo e collaborativo. Esso illustra alcune potenzialità di questa forma didattica per la formazione degli insegnanti, utilizzando il concetto di riflessione nel corso dell'azione elaborato dal filosofo statunitense Donald Schön (1983. Il capitolo 1 introduce il metodo Tandem. Il capitolo 2 analizza il Tandem alla luce della teoria di Schön. Il capitolo 3 descrive l'aspetto riflessivo in un Tandem in presenza, svolto nel 2004 in Brasile. II capitolo 4 propone alcuni motivi per considerare il metodo Tandem un contesto complementare utile per la formazione alla pratica docente attraverso il tirocinio.

  20. El corso y la piratería ante la chancillería de Valladolid (1486-1490

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Porras Arboledas, Pedro Andrés

    2005-06-01

    Full Text Available According a small number of Royal Executories (Reales Ejecutorias: documents to enforce a judgement lying in the records of the Ancient Chancellery placed in Valladolid, we study an important activity of Castillan and, specially, Basque corsairs; frequently close to the piracy, in the Occident of the Mediterranean Sea; these activities were against the ships of Aragon. We know about these problems through the complaints presented before the Royal Justice, demanding an eviction

    A partir de un corto número de Reales Ejecutorias conservadas en el Archivo de la Real Chancillería de Valladolid se estudia la existencia de una importante actividad de corso, no siempre separable del mundo de la piratería, de naves castellanas y, especialmente, vascas en el Mediterráneo occidental, que dañaron intereses aragoneses; el haber reclamado un resarcimiento los afectados ante la justicia real nos permite hoy conocer alguno de estos casos.

  1. The genetic diversity and spatial genetic structure of the Corso-Sardinian endemic Ferula arrigonii Bocchieri (Apiaceae).

    Science.gov (United States)

    Dettori, C A; Sergi, S; Tamburini, E; Bacchetta, G

    2014-09-01

    Corsica and Sardinia represent major hotspots of plant diversity in the Mediterranean area and are priority regions for conservation due to their high number of endemic plant species. However, information supporting human decision-making on the conservation of these species is still scarce, especially at the genetic level. In this work, the first assessment is reported of the species-wide spatial genetic structure and diversity of Ferula arrigonii Bocchieri, a Corso-Sardinian endemic located in a few coastal sites and on small islands. Nine populations covering the entire natural range of the species were investigated by means of AFLP (amplified fragment length polymorphism) markers. Results indicate that this species is characterised by high levels of genetic polymorphism (92% polymorphic fragments) and of genetic diversity (H(w) = 0.317) and by relatively low differentiation among populations (F(st) = 0.057). PCoA, Bayesian analysis and neighbour-joining clustering were also employed to investigate the genetic structure of this species. Three genetically distinct groups were detected, although with considerable overlap between populations.

  2. Environmental data of a small river in Sicily; Dati ambientali di un piccolo corso d'acqua siciliano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Nasello, C.; Nicosia, S. [Palermo Univ., Palermo (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali

    2000-02-01

    This paper reports about a two years field survey in Sicily on a mountain river reach fed by a 10 Km{sup 2b}asin with low human impacts. The following data were collected: discharge in the river, some physic-chemical water parameters, bacterial concentration, and population of macro invertebrates. Physic-chemical and bacteriological data, grouped to form suitable Water Quality Indices, depict the high quality of that water and the small effect of human activities. The community of macro-invertebrates is strongly marked by long summer droughts. Data collected to date, inasmuch they characterise the behaviour of such fluvial ecosystems, can be beneficial in studies on instream flow. [Italian] Si riferisce di un' indagine di pieno campo in un tronco fluviale montano in Sicilia di un bacino di 10 Km{sup 2a} bassa pressione antropica. I dati raccolti in due anni riguardano le portate in alveo, i parametri chimico-fisici, la batteriologia e i macroinvertebrati del corso d'acqua. I dati chimico-fisici e batteriologici, aggregati secondo opportuni indici qualitativi, esprimono la buona qualita' di quelle acque e la bassa antropizzazione del bacino. La comunita' dei macroinvertebrati e' fortemente caratterizzata dal lungo periodo estivo di alveo asciutto. I dati fin qui raccolti, caratterizzando il funzionamento di questi particolari ecosistemi fluviali, possono essere utili ai fini di studi sul deflusso minimo vitale e sulla riqualificazione ambientale dei piccoli corsi d'acqua.

  3. Primera Red Sudamericana de Biomedicina: Investigación, educación y biotecnología aplicadas a la salud

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcelo J. Perone

    2013-02-01

    Full Text Available Se da a conocer la creación del primer programa de integración regional de una red de Institutos de Investigación en Biomedicina pertenecientes a países miembros del MERCOSUR. Se analizan las bases que dieron sustento a su creación y sus objetivos en el mediano y largo plazo. Además, se estima el potencial de los resultados de este programa en los campos de la investigación médica aplicada, educación y biotecnología.

  4. Profissão Médica e Biotecnologia: uma Reflexão sobre as Decisões Ético-Morais no Campo da Biomedicina

    OpenAIRE

    2010-01-01

    O desenvolvimento científico e tecnológico observado nas ultimas décadas, principalmente no campo da biomedicina e da biologia, torna permanente o entendimento sobre a forma como estas inovações são debatidas e incorporadas pelo corpo dos profissionais da medicina. Diante do extenso quadro de debates, permeado por diferentes matizes ideológicos, as discussões e reflexões sobre questões morais e éticas, assim como sobre os significados atribuídos a noção de pessoa, indivíduo, eugenia, ambiente...

  5. Primera Red Sudamericana de Biomedicina: Investigación, educación y biotecnología aplicadas a la salud

    OpenAIRE

    2013-01-01

    Se da a conocer la creación del primer programa de integración regional de una red de Institutos de Investigación en Biomedicina pertenecientes a países miembros del MERCOSUR. Se analizan las bases que dieron sustento a su creación y sus objetivos en el mediano y largo plazo. Además, se estima el potencial de los resultados de este programa en los campos de la investigación médica aplicada, educación y biotecnología.

  6. Quality controls in radiotherapy. From experiences of the first course-debate; Controlli di qualita' in radioterapia. Dalle esperienze del primo corso-dibattito

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rosi, A.; Viti, V. [Istituto Superiore di Sanita' , Laboratorio di Fisica, Rome (Italy)

    2000-07-01

    The document reports the main issues discussed during the first course-debate on quality controls in radiotherapy, held in Rome in December 3-4, 1998 and May 3-5 1999 in collaboration between the Istituto Superiore di Sanita' and the Istituto Regina Elena. The points considered critical to the quality assurance in radiotherapy by the participants are presented in relation to the total radiotherapy procedure. [Italian] Questo documento e' dedicato al primo corso-dibattito sui controlli di qualita' in radioterapia svoltosi a Roma il 3-4 dicembre 1998 e il 3-5 maggio 1999 in collaborazione tra l'Istituto Superiore di Sanita' e l'Istituto Regina Elena. Esso presenta gli argomenti ritenuti critici per l'assicurazione di qualita' in radioterapia in relazione all'intera procedura radioterapica, in base alle esperienze dei partecipanti.

  7. Slope topography-induced spatial variation correlation with observed building damages in Corso during the May 21, 2003, M w 6.8, Boumerdes earthquake (Algeria)

    Science.gov (United States)

    Messaoudi, Akila; Laouami, Nasser; Mezouar, Nourredine

    2017-01-01

    During the May 21, 2003 M w 6.8 Boumerdes earthquake, in the "Cité des 102 Logements" built on a hilltop, in Corso, heavy damages were observed: near the crest, a four-story RC building collapsed while others experienced severe structural damage and far from the crest, slight damage was observed. In the present paper, we perform a 2D slope topography seismic analysis and investigate its effects on the response at the plateau as well as the correlation with the observed damage distribution. A site-specific seismic scenario is used involving seismological, geological, and geotechnical data. 2D finite element numerical seismic study of the idealized Corso site subjected to vertical SV wave propagation is carried out by the universal code FLUSH. The results highlighted the main factors that explain the causes of block collapse, located 8-26 m far from the crest. These are as follows: (i) a significant spatial variation of ground response along the plateau due to the topographic effect, (ii) this spatial variation presents high loss of coherence, (iii) the seismic ground responses (PGA and response spectra) reach their maxima, and (iv) the fundamental frequency of the collapsed blocks coincides with the frequency content of the topographic component. For distances far from the crest where slight damages were observed, the topographic contribution is found negligible. On the basis of these results, it is important to take into account the topographic effect and the induced spatial variability in the seismic design of structures sited near the crest of slope.

  8. Vague and diffuse symptoms in biomedicine: a review of the literature Os sintomas vagos e difusos em biomedicina: uma revisão da literatura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Ribeiro Guedes

    2008-02-01

    Full Text Available The purpose of this study is to chart academic output on vague and diffuse symptoms in biomedicine. As methodological tool, we conducted a bibliographic study through the Internet ranging from 1990 to 2005. Forty papers were selected and five major theme areas were established for the survey: the nomenclatures assigned to vague and diffuse symptoms; their definitions; the relevance of the theme being addressed; the criteria used to diagnose vague and diffuse symptoms; and the therapeutic actions adopted. The discussion of the findings identifies many biomedical difficulties in dealing with sufferers from undefined complaints, including: diversity and lack of conceptual precision in the use of the nomenclature; physicians who are poorly prepared to deal with these patients; demand considered as a psychic disorder; difficulties in establishing diagnostic criteria and poor use of treatment resources. This leads to the conclusion that the biomedical model behind these difficulties has few tools for dealing with the singularities of human suffering and its experiential phenomenological dimension.Este estudo tem como objetivo realizar um mapeamento do que vem sendo produzido academicamente sobre sintomas vagos e difusos em biomedicina. Como instrumento metodológico, realizamos um levantamento bibliográfico, abrangendo o período de 1990 a 2005. Foram selecionados quarenta artigos e estabelecidos cinco eixos temáticos para investigação: nomenclaturas dadas aos sintomas vagos e difusos; definição dos sintomas vagos e difusos; relevância da temática abordada; critérios utilizados para o diagnóstico dos sintomas vagos e difusos; e ações terapêuticas adotadas. Na discussão dos resultados, identificamos impasses da biomedicina ao lidar com sofredores de queixas indefinidas, tais como a diversidade e imprecisão conceitual em relação ao uso das nomenclaturas, o despreparo dos médicos ao se depararem com esses pacientes, a demanda

  9. Las enfermedades ¿son solo padecimientos?: biomedicina, formas de atención “paralelas” y proyectos de poder

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eduardo L. Menéndez

    2015-01-01

    Full Text Available Partiendo de la propuesta de Giovanni Berlinguer, de que los procesos de salud/enfermedad constituyen algunos de los principales espías de las contradicciones de un sistema, se describen en primer lugar algunos casos ocurridos en contextos capitalistas centrales y periféricos, así como en Estados denominados “socialistas reales”, que permiten observar dicho papel. En segundo lugar, observamos los procesos y sobre todo las interpretaciones que se han desarrollado en América Latina y especialmente en México respecto del papel atribuido a la medicina tradicional en la identidad y pertenencia de los pueblos originarios, y que subrayan la incompatibilidad de las cosmovisiones indígenas con la biomedicina, analizando algunos proyectos que se impulsaron en términos de salud intercultural, y que concluyeron en su mayoría en fracasos, tanto desde el punto de vista de la salud, como político. Se subraya el contenido y la perspectiva casi exclusivamente ideológicos de dichos proyectos, y su poca relación con la realidad de los pueblos originarios. Por último, se trata de ver si la trayectoria de estas concepciones y programas de salud expresan y explican el notable repliegue que sufren desde hace casi diez años la mayoría de los movimientos étnicos en América Latina.

  10. Literatura científica de autores españoles sobre análisis de citas y factor de impacto en Biomedicina (1981-2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    González Alcaide, Gregorio

    2008-09-01

    Full Text Available This paper analyses the development of Spanish research literature in the field of citation analysis and impact factor (IF in biomedicine over the period 1981-2005. Bibliometric methods and social network analysis were used to examine papers indexed in the Science Citation Index-Expanded (SCI-Expanded, Social Sciences Citation Index (SSCI, MEDLINE, Índice Médico Español (IME and Índice de Ciencias Sociales y Humanidades (ISOC databases. 184 papers were identified, 79.89% of which were original research articles. Only four of these papers had been published before the 1990s. The mid 1990s saw a remarkable increase in the number of papers published (8-14 papers/year with the highest productivity being reached from 2002 onwards (14-25 papers/year. The IME and SCI-Expanded/SSCI databases were those recording the largest numbers of papers, both in absolute (67.93% and 40.76 respectively and singularity terms (42.39% and 21.74% respectively. The detected papers were published in 76 Biomedical and Documentation journals (82.06% and 15.22% respectively. The most productive authors were identified along with the main co-authorships and institutional collaboration networks operating in the field. These results are related to the importance of impact factor at both national and international level.

    Se analiza el desarrollo de la literatura científica sobre análisis de citas y Factor de Impacto (FI en Biomedicina en España a lo largo del período 1981-2005, mediante la aplicación de metodologías bibliométricas y análisis de redes sociales a los trabajos indizados en las bases de datos Science Citation Index-Expanded (SCI-Expanded, Social Sciences Citation Index (SSCI, MEDLINE, Índice Médico Español (IME e Índice de Ciencias Sociales y Humanidades (ISOC. Se han recuperado 184 trabajos, el 79,89% artículos originales. Únicamente cuatro de ellos han sido publicados con anterioridad

  11. Publicación de trabajos de biomedicina provenientes de la Argentina: Datos sobre investigación clínica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Basilio A. Kotsias

    2011-04-01

    Full Text Available El objetivo de este trabajo fue obtener datos cuantitativos sobre la investigación clínica en la Argentina. Para esto consultamos la base MEDLINE de la Biblioteca Nacional de los EE.UU. que contiene más de 18 millones de referencias en revistas científicas y donde son listadas 5400 publicaciones en 39 idiomas. En el 2009, casi 850 000 trabajos fueron citados en MEDLINE y la Argentina contribuyó con el 0.33% y de ellos 90% en inglés. El número de trabajos publicados en castellano ha ido disminuyendo en los últimos años, un hecho que también se observa en otros idiomas como el alemán, francés, portugués, entre otros. Utilizando las herramientas que provee MEDLINE buscamos trabajos que podrían ser catalogados como de investigación clínica. Para esto acotamos la búsqueda con la palabra "patient" en el texto" y "hospital" en la dirección de los autores. A lo largo de los últimos 10 años, el 16% de los trabajos publicados desde la Argentina contienen la palabra "patient" y esto se reduce a la mitad si se exige que los trabajos hayan sido realizados en un hospital. El número de trabajos en castellano con estas restricciones es aún menor. El aumento en los artículos enviados desde la Argentina ha seguido la curva ascendente del total de trabajos en MEDLINE y este crecimiento ha sido a expensas de la investigación básica, ya que el porcentaje de trabajos clínicos se ha mantenido constante. En conclusión, este trabajo intenta aportar una información que no tenemos respecto a los trabajos de biomedicina en la Argentina.

  12. Environmental quality assessment of a river by using biological monitoring and traditional analyses; Valutazione della qualita' ambientale di un corso d'acqua mediante monitoraggio biologico e indagini tradizionali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Casula, R.; Diliberto, M.L.; Sanna, C.; Sulas, N. [Hydrocontrol, Centro Ricerca e Formazione per il Controllo dei Sistemi Idrici, Cagliari (Italy)

    2000-10-01

    In the present work the integration of chemical-physical and bacteriological analyses with biological surveys was carried out in order to assess the water quality of a river. Benthonic macro invertebrates as biological quality indicators were used for the biological survey (extended biotic index - EBI). The EBI method allows to carry out a more complete evaluation of a river ecological condition and by now it's considered so important to be reported in the new 152/99 italian legislature. By using this methodology, pollution biological implication can be analysed; in fact macro invertebrates colonies change consequently with pollution phenomena allowing to determine the river environmental quality using conventional numerical values. This study was carried out in an italian river located in Sardinia. The chemical-physical and microbiological data showed their importance in identifying a particular problem but only the integration and comparison with the EBI values resulted to be basic for a global evaluation of the river water quality necessary to plan interventions aimed at the possible recovery of these ecosystems. [Italian] Nel presente lavoro viene valutata la qualita' di un corso d'acqua della Sardegna mediante l'integrazione delle comuni analisi chimico-fisiche e batteriologiche con indagini biologiche che si avvalgono dell'utilizzo di macroinvertebrati bentonici come indicatori biologici di qualita' (indice bentonico esteso - I.B.E.). Il monitoraggio biologico, tramite la metodologia I.B.E. ci permette di effettuare una valutazione piu' completa dello stato ecologico del corso d'acqua ed e' considerato ormai di fondamentale importanza tanto da essere riportato come prioritario nel nuovo D.L. 152/99. Con l'I.B.E. si possono analizzare le implicazioni biologiche dell'inquinamento, infatti le comunita0 di macroinvertebrati bentonici variano al variare della normale composizione dell'acqua e si

  13. Simbologia religiosa e crimine organizzato: uno storico equivoco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2011-05-01

    Full Text Available Il contributo è stato segnalato dal Prof. Antonino Mantineo.Due diverse ed erronee visioni di studio si sono confrontate nell’analisi dei fenomeni mafiosi: quanti sostenevano lo stretto ancoraggio degli stessi alla simbologia religiosa sino a una piena identificazione tra detta simbologia e criminalità e quanti hanno colpevolmente deprezzato l’uno e l’altro profilo problematico. La multinazionalizzazione della delinquenza organizzata e lacontemporanea ramificazione degli studi e delle tendenze in materia religiosa possono fungere da elementi chiarificatori per ricostruire rapporti così intricati.

  14. Inter-religious dialogue: a secular challenge

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Consorti

    2011-03-01

    Full Text Available Testo rivisto dell’intervento svolto a Torino il 23 maggio 2007 in occasione delCorsoorganizzato dalla Fondazione “La Gregoriana” e dall’Istituto internazionale Maritain – per Diplomatici dei Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente su “The Catholic Church and the International Policy of the Holy See” [Rome (May 7-20, 2007 – Turin (May 21-27, 2007], destinato alla pubblicazione negli Atti del Corso.

  15. Biología de las células madre embrionarias (ES cells en distintas especies: potenciales aplicaciones en biomedicina Biology of embryonic stem cells (ES cells in different species: potential applications in biomedicine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    ME Arias

    2009-01-01

    Full Text Available Las células madre embrionarias (ESC del inglés, Embryonic Stem Cells son células indiferenciadas que derivan de la masa celular interna (MCI de embriones en estado de blastocisto. Estas células se caracterizan por su habilidad para crecer indefinidamente in vitro y conservar la capacidad de diferenciarse hacia todos los tipos celulares de un individuo. Las células madre embrionarias se han constituido en una poderosa herramienta para estudios del desarrollo embrionario, genómica funcional, para la generación de animales transgénicos vía recombinación homóloga y más recientemente en clonación y medicina. Debido a su potencial aplicación en la manipulación específica de genes, el aislamiento de estas células en especies domésticas como el cerdo y el bovino podría tener numerosas aplicaciones agropecuarias, farmacéuticas y biomédicas. Más aún, las actuales investigaciones desarrolladas acerca de sus propiedades biológicas y sobre sus posibles aplicaciones en medicina regenerativa, debido al enorme potencial de reparación que encierran, están abriendo grandes posibilidades que permitirán, en un futuro no muy lejano, disponer de revolucionarias terapias para diversas enfermedades humanas que hoy en día son incurables. En esta revisión se describen aspectos generales del aislamiento, derivación, cultivo, transformación y diferenciación de estas células en diferentes especies así como también algunas de sus potenciales aplicaciones en biomedicina.Embryonic stem cells (ES cells are undifferentiated cells that derive from the inner cellular mass (ICM of blastocyst-stage embryos. These cells can grow indefinitely in vitro preserving the ability to differentiate into all cell types of an individual. ES cells have become a powerful tool to study the early embryonic development, in functional genomic, to generate gene targeted transgenic animals and recently in animal cloning and medicine. Furthermore, current research

  16. Corso Google per specialisti dell'informazione.

    OpenAIRE

    Piras, Francesco

    2008-01-01

    A teaching course on Google, specially designed to information specialists. The presentation overview on the Google story, than it focused on four points: - the differents and ambiguous faces of Google; - the dialogue between Google and information specialists; - if you can't beat Google, than join him; - strategies to implement Google's tools in the daily work of information specialists.

  17. A verdade na biomedicina, reações adversas e efeitos colaterais: uma reflexão introdutória Truth in biomedicine, adverse reactions and side effects: an introductory reflection

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charles Dalcanale Tesser

    2007-01-01

    Full Text Available Apresenta-se uma reflexão sobre a construção e uso das verdades biomédicas, contextualizada no ambiente da atividade clínica, e suas relações com a missão ética dos médicos. Analisam-se aspectos problemáticos de transformações realizadas pela biomedicina em dois momentos críticos da produção de verdades: 1 a efetivação da cura e 2 sua relação com os tratamentos. A missão ética da biomedicina é curar e tratar dos doentes e promover a saúde, mas seu saber é voltado e construído para a cura ou controle de doenças específicas. As verdades produzidas cientificamente alimentam a tendência à conversão do doente em doença e da cura em eliminação ou controle de doenças e riscos. Isso está envolvido num processo de "desresponsabilização" ética e epistemológica dos curadores biomédicos. A "desresponsabilização" ética transforma a identidade dos médicos, que passam a se ver mais como cientistas e menos como curadores de pessoas. A "desresponsabilização" epistemológica é a projeção de toda competência para produção de saber verdadeiro na ciência biomédica. Ela isenta o profissional médico de produzir saber para sua própria atividade, desqualifica o saber produzido na prática (ou arte médica, desqualifica todo saber do doente e de outros curadores não-científicos. Defende-se uma perspectiva crítica, flexível e pragmática na relação com as verdades científicas, e uma submissão dessa relação à missão curadora dos profissionais, centrada nas pessoas e na busca da cura vivida, entendida como aumento da autonomia e do grau de liberdade vivida. Ressalta-se a necessidade da reconstrução da responsabilidade ético-epistemológica dos médicos.This article presents a reflection on the construction and application of scientific truths, within clinical activity, and its relationships with physicians' ethical mission. It analyzes troublesome aspects of the transformations made by biomedicine in

  18. Publicación de trabajos de biomedicina provenientes de la Argentina: Datos sobre investigación clínica Published papers in biomedicine from Argentina: Data on clinical research

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Basilio A. Kotsias

    2011-04-01

    Full Text Available El objetivo de este trabajo fue obtener datos cuantitativos sobre la investigación clínica en la Argentina. Para esto consultamos la base MEDLINE de la Biblioteca Nacional de los EE.UU. que contiene más de 18 millones de referencias en revistas científicas y donde son listadas 5400 publicaciones en 39 idiomas. En el 2009, casi 850 000 trabajos fueron citados en MEDLINE y la Argentina contribuyó con el 0.33% y de ellos 90% en inglés. El número de trabajos publicados en castellano ha ido disminuyendo en los últimos años, un hecho que también se observa en otros idiomas como el alemán, francés, portugués, entre otros. Utilizando las herramientas que provee MEDLINE buscamos trabajos que podrían ser catalogados como de investigación clínica. Para esto acotamos la búsqueda con la palabra "patient" en el texto" y "hospital" en la dirección de los autores. A lo largo de los últimos 10 años, el 16% de los trabajos publicados desde la Argentina contienen la palabra "patient" y esto se reduce a la mitad si se exige que los trabajos hayan sido realizados en un hospital. El número de trabajos en castellano con estas restricciones es aún menor. El aumento en los artículos enviados desde la Argentina ha seguido la curva ascendente del total de trabajos en MEDLINE y este crecimiento ha sido a expensas de la investigación básica, ya que el porcentaje de trabajos clínicos se ha mantenido constante. En conclusión, este trabajo intenta aportar una información que no tenemos respecto a los trabajos de biomedicina en la Argentina.The aim of this paper was to provide quantitative data about clinical investigation in Argentina. We searched MEDLINE which is the U.S. National Library of Medicine's bibliographic database that contains more than 18 million references to journal articles in life sciences; 5400 journals in 39 languages are listed. In 2009 almost 850 000 papers were cited in MEDLINE and Argentina provided 0.33% of them, 90% of

  19. Plataformas Tecnológicas e as práticas de pesquisa em biomedicina - observações preliminares sobre o uso de dispositivos globais e instituições locais Technological platforms and the biomedical research practices - preliminary notes on the use of global mechanisms and local institutions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Márcia de Oliveira Teixeira

    2012-04-01

    Full Text Available A Política Nacional de Ciência e Tecnologia em Saúde, inspirada pela ação de organismos internacionais, como a OCDE e OMS, pela emergência das noções de inovação e de Sistema Nacional de Inovação, estimula a introdução de dispositivos de coordenação das atividades de pesquisa científica em instituições públicas de pesquisa (IPP. Assim, na última década, alguns dispositivos de coordenação foram adotados por IPPs, a exemplo das plataformas tecnológicas. Neste artigo, analisamos o uso do dispositivo "Plataforma" em um espaço local e específico de produção de ciência na área de biomedicina. Para tanto, analisamos a experiência de uma (IPP na área de biomedicina na organização de uma Rede de Plataformas Tecnológicas. A análise concentra-se nas relações heterogêneas e circunstanciais que sustentam a adoção e, particularmente, o uso da plataforma na coordenação de práticas de pesquisa entre grupos e laboratórios na área de biomedicina. Em síntese, este trabalho investiga o uso local de dispositivos associados à produção internacional e contemporânea de conhecimentos científicos, filiando-se, portanto, aos estudos que promovem investigações sistemáticas do processo de disseminação global de entidades.The Brazilian Policy on Health Sciences and Technology, inspired both by the action of international bodies such as OECD and WHO and by the emergence of the concepts of innovation and national innovation system, encourages the introduction of mechanisms for coordinating scientific research within public research institutions (PRIs. Thus, during the last decade, the PRIs have made use of coordination mechanisms such as technology platforms. In this article I analyze the use of the mechanism "Platform" in a local and specific area of science production in the field of biomedicine. For this purpose, we analyzed the experience of a public research institution in the field of biomedicine in organizing a

  20. Parassitosi intestinali umane nel Perugino nel corso del 2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Letizia D’Annibale

    2007-03-01

    Full Text Available During 2005 we analyzed stool specimens of 661 subjects, 221 children (1-16 years old and 440 adults, for O&P (direct and after formalin-etylacetate concentration microscopic observations, Giemsa and modified Ziehl- Neelsen permanent stains when requested. 13.8% of subjects were positive for parasitic infections (13.5% among children and 13.9% among adults. 8.8% of subjects are infected with pathogen parasites (7.2% among children and 9.6% among adults and 5.0% with not pathogens (6.3% and 4.3% respectively. Among pathogen parasites, in children G. duodenalis was observed in 4.1% of cases,D. fragilis in 0.5%, E. vermicularis in 0.9%, T. trichiura in 1.8%. Among adults, D. fragilis was observed in 5.2% of cases, G. duodenalis in 1.8%, Cryptosporidium spp. in 0.5%, E. vermicularis in 0.5%, T. trichiura in 0.7%, S. stercoralis in 0.7%, H. nana in 0.2%, T. saginata in 0.5%, S. mansoni in 0.5%.Among childrens, 76.7% of pathogen parasites were imported from developing countries, particularly G. duodenalis in adopted ones; instead, among adults, 83.6% of pathogens was observed in home/Italian people, particularly D. fragilis. Cellophane tape test was performed on 40 home children and E. vermicularis prevailed in 22%; modified Baermann method was performed on 42 old subjects and S. stercoralis rabdithoid larvae were observed in 7.1% (but the same ones of O&P.The Authors recommend the O&P in subjects with intestinal aspecific troubles, ipereosinophilia, or other justified situations, emphasizing the importance of a rational, good and responsible O&P and/or other techniques for intestinal parasitosis, because are present, even if not frequent, not only imported, particularly D. fragilis, but also helminths, and not only E. vermicularis.

  1. Descrição e análise do uso de um instrumento de coordenação em um instituto público de pesquisa em biomedicina Cooperative health research networks: a description and analysis of a coordination tool in a public biomedical research institute

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Márcia de Oliveira Teixeira

    2011-03-01

    Full Text Available O objetivo deste artigo é descrever e analisar a dinâmica de redes cooperativas de pesquisa em saúde como principal instrumento de coordenação de um programa de desenvolvimento tecnológico em saúde em uma instituição pública de pesquisa. Iniciamos com algumas considerações metodológicas sobre as técnicas utilizadas no levantamento, sistematização e análise dos dados. Em seguida fazemos uma breve exposição conceitual sobre as redes cooperativas, acompanhada da caracterização do programa. Descrevemos e analisamos posteriormente as redes cooperativas, observando as relações entre os diferentes atores que dinamizam o programa, a presença de ferramentas de tecnologia da informação e comunicação e o compartilhamento da base técnico-científica entre os projetos das redes cooperativas. Concluímos o artigo tecendo algumas considerações sobre a apropriação local do modelo conceitual de organização da pesquisa técnico-científica - as redes cooperativas. Consideramos que a constituição de um acervo de dados empíricos, de conceitos e de categorias locais de análise contribuirá, decisivamente, para a ampliação do conhecimento gerado pela sociologia e pela antropologia sobre as práticas de pesquisa e gestão da pesquisa em biomedicina.The purpose of this article is to describe and analyze the dynamics of cooperative public health research networks, and their utilization as the principal coordination instrument for a technological development program in a public health research institution. It begins with a few methodological considerations in regard to carrying out surveys and systemizing and analyzing data. Next a brief conceptual explanation of cooperative networks is made along with the characteristics of the program. Then the cooperative networks are described and analyzed, observing the relationships between the various actors that dynamize the program, the presence of IT and communications tools, and the

  2. Principio di cooperazione, rapporti con le confessioni minoritarie e problemi di rappresentanza. Uno sguardo all’esperienza latinoamericana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Ingoglia

    2011-03-01

    Full Text Available Testo della relazione tenuta al Convegno di studi sul tema “La rappresentatività istituzionale delle confessioni religiose prive di intesa” (Palermo, 21-22 maggio 2010 organizzato dall’Università di Palermo, destinata alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La condizione dei culti minoritari in America Latina: cambiamenti in corso - 3. I rapporti con le confessioni religiose non registrate o non ammesse alla concertazione. Normative nazionali a confronto – 4. Il problema dei culti “ancestrali” – 5. Alcune conclusioni.

  3. L'attività concordataria di Giovanni Paolo II

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Dalla Torre

    2012-06-01

    Full Text Available Relazione tenuta in occasione del Convegno Internazionale organizzato dall'Istituto DiReCom di Lugano e dalla Fondazione Giovanni Paolo II, (Lugano, 22 e 23 marzo 2012, sul tema "Giovanni Paolo II: legislatore della Chiesa. Fondamenti, innovazioni e prospettive". Gli atti sono in corso di stampa per i tipi della LEVSOMMARIO: 1. Una tematica che ha suscitato interesse- 2. Novità formali e sostanziali dell’attività concordataria di Giovanni Paolo II - 3. Ragioni storiche di un fenomeno in espansione - 4. Un Papa giurista o un Papa pastore? - 5. Alcune considerazioni finali.

  4. Scrivere e leggere. Etnografia politica di un corso per l’alfabetizzazione di adulti sinti

    OpenAIRE

    2013-01-01

    Fin dai primi anni Sessanta diverse famiglie sinte imparentate fra loro cominciarono a svernare nelle città di Modena, Bologna e Reggio Emilia, continuando invece a spostarsi, da marzo a fine ottobre, lungo itinerari interprovinciali che toccavano fiere e sagre in Emilia Romagna, basso Veneto e bassa Lombardia (si partiva il 19 marzo, per la fiera di san Giuseppe, e si ritornava per la celebrazione dei morti).

  5. 进化怪兽 玛莎拉蒂Edo Competition MC12 Corso

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    Ric

    2007-01-01

    如果你喜欢Edo Competition改装的MC12XX,那么你一定会喜欢这辆车。这个德国改装厂不惧怕为动力已经非常强劲的公路跑车继续增强性能,并且已经改装了全球只生产12辆的MC12 Corsa超级跑车中的一辆(不包含这个意大利制造商制造的3辆原型车)。

  6. A Carreira da Índia e o corso neerlandês 1595-1625

    OpenAIRE

    2006-01-01

    Tese de mestrado , História dos Descobrimentos e da Expansão Portuguesa (séculos XV-XVIII) Nas primeiras sete décadas de existência da Carreira, os navios perdidos para corsários ou piratas foram pouquíssimos, o que não quer dizer que eles não fossem uma ameaça1. A prová -lo, está o sistema de protecção que houve necessidade de montar desde cedo, assente em armadas de escolta. Baseadas no reino, estas armadas protegiam as naus da Índia ou durante a primeira fase da viagem de...

  7. La laicità francese: “aperta”, “positiva” o “im-positiva”?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria d'Arienzo

    2011-12-01

    Full Text Available Il testo riproduce il paper della relazione “La laicità francese: vecchie costanti e nuove variabili” tenuta al Convegno: “La laicità e gli ordinamenti giuridici: principi, valori e regole”, organizzato dalla Facoltà di Scienze politiche dell’Università della Calabria, in data 5 maggio 2011, modificato nel titolo e aggiornato per la pubblicazione in corso sulla Rivista Diritto e Religioni, n. 2/2011.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Dalla “laicità aperta” alla “laicità positiva” – 3. Laicità e libertà religiosa. Le ventisei proposizioni del Pacte Républicaine: laïcité pour mieux vivre ensemble dell’UMP – 4. Dalla “laicità positiva” alla “laicità im-positiva” – 5. La strumentalizzazione politica del dibattito sulla laicità.

  8. Lezioni di Cosmologia Teorica

    CERN Document Server

    Gasperini, Maurizio

    2012-01-01

    Il libro è basato sulle lezioni attualmente tenute dall'autore presso l’Università di Bari, ed è progettato in modo da rappresentare un testo di riferimento il più possibile moderno, completo e autosufficiente per i corsi semestrale di Cosmologia, Astrofisica o Fisica Astroparticellare che compaiono nel piano di studi della Laurea Magistrale in Fisica e in Astronomia. Contiene gli elementi di base della cosmologia relativistica, del modello cosmologico standard e del suo completamento inflazionario. E' organizzato per servire da traccia ad un corso di cosmologia di stampo teorico, ma cerca di non perdere mai di vista il confronto con i principali risultati osservativi: molta attenzione viene infatti dedicata alla fenomenologia dei fondi cosmici, e in particolare alla  radiazione gravitazionale fossile perché la sua rivelazione, diretta o indiretta, potrebbe dare indicazioni  cruciali sulla scelta del corretto modello per l'Universo primordiale. Non mancano infine alcuni accenni ad argomenti di inter...

  9. From Molecular Biology to Biomedicine; De la Biologia Molecular a la Biomedicina

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salas, M.

    2009-07-01

    From Molecular Biology to Biomedicine. The well known molecular biologist Margarita S alas offered an informative conference at the CSN on progress in these areas since the discovery, more than half a century ago, of the structure of the molecule carrying genetic information, DNA, work that is having an enormous impact in areas such as biomedicine and foodstuff production. (Author)

  10. La proteína verde fluorescente - una herramienta valiosa en la biomedicina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kira Welter

    2008-12-01

    Full Text Available The Nobel Prize in Chemistry 2008 has been awarded to Osamu Shimomura, Martin Chalfie and Roger Y. Tsien for the discovery and development of the green fluorescent protein (GFP. The use of fluorescent proteins to study chemical processes in living cells has become a very important method in biomedicine. The discovery of GFP has also allowed the development of powerful biosensors and the improvement of modern microscopic techniques. This article describes some of the most important contributions of the three laureates.

  11. DESARROLLO Y ESTANDARIZACION DE TECNOLOGIAS PARA LA PRODUCCION DE ANTICUERPOS MONOCLONARES MODIFICADOS CON APLICACIONES EN BIOMEDICINA

    OpenAIRE

    AGUILLON GUTIERREZ, JUAN CARLOS

    2004-01-01

    Las proteínas recombinantes terapéuticas, conocidas como biofármacos, han revolucionado la industria farmacéutica, esperándose una creciente demanda en los próximos años. Dentro de éstos, destacan los anticuerpos recombinantes (AcR), que pueden clasificarse en quiméricos, humanizados y completamente humanos, hallándose varios de ellos disponibles comercialmente, con aplicaciones en el tratamiento del cáncer, enfermedades autoinmunes, rechazo de transplante renal, tratamiento de cardiopatía co...

  12. Marcadores citogenéticos aplicados en biomedicina = Cytogentic biomarkers applied in biomedicine

    OpenAIRE

    Sebastià Fabregat, Natividad

    2013-01-01

    Cuando se pretende identificar una determinada exposición a una sustancia exógena al organismo se utilizan biomarcadores que nos permitan confirmar esta exposición. En el caso de que la exposición provoque un efecto nocivo en el material genético, el interés se centra en biomarcadores genotóxicos. Si el efecto en el material genético se traduce en cambios en la estructura o en el número de cromosomas observables y cuantificables mediante técnicas citogenéticas, estos cambios se podrán emplear...

  13. Il corso della storia come graduale "emancipazione" della ragione dal "grembo materno" della natura: L'alternativa kantiana a herder

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Longo

    2014-12-01

    Full Text Available L'immagine del "grembo materno della natura" da cui la ragione umana si deve emancipare per guadagnare la libertà è usata da Kant in uno scritto polemico contro Herder, Mutmasslicher Anfang der Menschengeschichte (1786, che può essere considerato una risposta al libro decimo delle Ideen zur Philosophie der Geschichte der Menschheit, uscito nel 1785. Seguendo il racconto biblico, anche Kant pone la prima coppia umana in un "giardino", un luogo sicuro e ben fornito di alimenti; ma il vero inizio della storia è fatto consistere nella rottura di questo equilibrio ad opera della ragione che gradualmente si è sottratta alla tutela della natura, imparando un po' alla volta a dominarla. Kant dichiara di condividere l'ideale rousseauiano di una cultura che non neghi la natura dell'uomo ma la promuova in quella che dovrà diventare la sua condizione fondamentale di esistenza, che è la libertà. Pone tuttavia questo ideale come termine finale del processo storico, non come condizione da recuperare nella sua purezza iniziale, ritornando alle origini, come invece appariva nella visione della storia proposta da Herder, che avrebbe su questo punto frainteso il pensiero di Rousseau.

  14. Unioni civili e stepchild adoption. A proposito del dibattito in corso, ricordando la lezione di Norberto Bobbio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2016-03-01

    È una semplificazione ricorrente quella che riconduce alla contrapposizione tra “laici” e “cattolici” il confronto – serrato, talora aspro – che nel Paese e nel Parlamento si sta svolgendo a proposito della regolamentazione delle unioni civili, segnatamente per quanto concerne la stepchild adoption estesa alle coppie di omosessuali. Lo stesso avviene, non di rado, rispetto alle più importanti questioni di bioetica. Sul tema è intervenuto di recente Massimo Salvadori in un articolo comparso su la Repubblica del 18 febbraio 2016 (“Unioni civili, non parliamo di laici contro cattolici”, che offre interessanti spunti di riflessione.

  15. Desarrollo de Nuevas Reacciones Multicomponente basadas en la activación de isonitrilos. Aplicaciones en biomedicina

    OpenAIRE

    2011-01-01

    Una reacción multicomponente (MCR) se define como un proceso en el cual tres o más reactivos forman un aducto final a través de un único mecanismo. Las MCRs tienen muchas ventajas en comparación con las síntesis clásicas, en las cuales el producto final se obtiene utilizando una secuencia multietapa con formación de un solo enlace en cada paso. En la presente tesis se describen dos nuevas MCRs, desarrolladas a través de una estrategia racional, en la cual un isonitrilo es activado por un agen...

  16. El Globalismo y los Pueblos Indios: De la Etnicidad a la Agresión Benevolente de la Biomedicina

    OpenAIRE

    Delgado-P., G

    1998-01-01

    Portada: Victor Ortega Primera edición: 1998 © 1998, Centro Cultural Tijuana Paseo de los Héroes y Mina s/n, Tijuana, B.C. ISBN 968-6412-12-3 Impreso y hecho en México ÍNDICE Presentación Alfredo Alvarez Cárdenas 11 Introducción ...

  17. The company project on biomedicine. The experience of Genetrix; Un proyecto empresarial de biomedicina regenerativa. La experencia de Genetrix

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rodriguez ruiz, O.; Murcia Rivera, C.

    2007-07-01

    This case of study presents the evolution of Genetrix, a biomedicine company specialized in the creation of technological medicines based on the manipulation of mother cells. Since its beginning as the first spin-off of the Science Park of Madrid, Genetrix represents a good example of productive innovation arisen from public R+D. (Author)

  18. Micropuntura com fatores de crescimento no tratamento de estrias abdominais: um estudo experimental acerca da biomedicina est??tica

    OpenAIRE

    Cosme, Larissa Veloso

    2015-01-01

    A micropuntura ?? uma t??cnica que promove a estimula????o da pele com derm??grafo e cosm??ticos apropriados iniciando um processo inflamat??rio. Os Fatores de Crescimento s??o respons??veis por iniciar o processo de cicatriza????o, fazendo com que haja a substitui????o do tecido danificado por um tecido novo. O presente estudo objetivou analisar se a micropuntura com fatores de crescimento (EGF e IGF) ?? eficaz para o tratamento de estrias abdominais. Tratou ??? se de um estud...

  19. I modelli istituzionali di integrazione musulmana in Europa e il caso dell’ “Islám italiano”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Prisco

    2011-02-01

    Full Text Available Il testo (ultimato il 24 febbraio 2011 fonde - aggiornandoli nella considerazione degli sviluppi successivi alle circostanze che hanno dato occasione alle rispettive trattazioni originarie - i temi svolti durante l’intervento nella tavola rotonda finale sul tema La Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione (alla quale parteciparono, con chi scrive, Michele Lepri Gallerano, Massimo Papa e Giuseppe Verde, moderatore Raffaele Coppola al Convegno delle Università di Bari e del Salento sul tema Libertà religiosa e Multiculturalismo (Gallipoli, 29 febbraio-1 marzo 2008, i cui Atti sono in corso di pubblicazione nel volume omonimo, a cura di R. Coppola, V. Tondi della Mura, V. Turchi, ESI, Napoli, e nella relazione al Convegno sul tema La tutela dei minori di cultura islamica nell’area mediterranea. Aspetti sociali, giuridici, medici, organizzato dalla Facoltà di Studi arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Università L’Orientale (Napoli, 28-29 ottobre 2009, i cui Atti sono anch’essi in via di pubblicazione. Il presente lavoro è destinato alla pubblicazione anche negli Studi in onore di Aldo Lojodice.

  20. Quattro notazioni sulla laicità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Coppola

    2012-10-01

    Full Text Available Il contributo, accettato dal Direttore, riproduce con minime variazioni di forma l’intervento conclusivo per il Colloquio internazionale “La laicità nella costruzione dell'Europa – Dualità del potere e neutralità religiosa” (Bari - Aula Magna “Aldo Moro”, 4-5 novembre 2010, organizzato dal Dipartimento Giuridico delle Istituzioni, Amministrazione e Libertà dell'Università di Bari “Aldo Moro”, dal Centre d'études internationales sur la romanité - Université de “La Rochelle” e dall'Unità di Ricerca “Giorgio La Pira”, CNR – Università di Roma “La Sapienza”. Atti in corso di pubblicazione a mezzo stampa.SOMMARIO: 1. Laicità e dualità del potere – 2. Geopolitica della laicità, suoi significati – 3. L'elemento popolare – 4. Il ruolo del civis-fidelis della tradizione classica nei regimi democratici - 5. Distinzione degli ordini e neutralità religiosa.

  1. 20° Congresso ANMS. I Musei delle Scienze e la Biodiversità.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Mazzotti

    2010-09-01

    Full Text Available Il ventesimo Congresso dell'Associazione Nazionale Musei Scientifici che si svolge a Ferrara dal 17 al 19 novembre 2010, organizzato dal Museo Civico di Storia Naturale, ha per tema la biodiversità, in concomitanza con l’anno internazionale della biodiversità promosso dall’ONU e in collegamento al Countdown 2010, progetto di comunicazione lanciato dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN. Il XX Congresso ANMS avrà lo scopo di consolidare a livello scientifico e nel campo della comunicazione e dell’educazione questo legame per mettere a fuoco e aggiornare le diverse attività svolte in questi ultimi anni riguardo la conoscenza e la salvaguardia della biodiversità. Le sessioni del congresso avranno anche molteplici legami con il territorio e i Parchi. Una specifica tavola rotonda è rivolta al tema dell’educazione alla biodiversità. Sarà messo in evidenza il ruolo fondante dei Musei, fornendo un quadro aggiornato sulle molteplici iniziative in corso nel nostro Paese per favorire la presa di coscienza dell’importanza di questo cruciale appuntamento, fondamentale per la conservazione della qualità della vita del nostro Pianeta.

  2. Per un’equa mondializzazione delle periferie nelle società plurali: un ‘nuovo’ Corso di laurea sull’interculturalità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Berlingò

    2016-09-01

    With this essay the author, actually Rector of the University for Foreigners "Dante Alighieri" of Reggio Calabria, is to illustrate the steps that have led to the activation of a Bachelor's Degree (in some respects innovative, induced by contemporary issues of migration flows and by the dynamics of international mobility, become remarkably more rapid and pressing in conjunction with the related phenomena of globalization. They impose, even to the higher education institutes, a timely and in-depth rethinking and an accurate taking of responsibility, with the respect to their relevant areas of teaching and training program. The trial that is intended to give through the above-mentioned Degree was modeled on the basis of some previous initiatives, taken by the University for Foreigners of Reggio Calabria, even if the model now proposed benefits from the innovative results induced by synergies with other Universities for Foreigners, in particular that of Siena, as well as the consultation put in place with the Ministry of Education, the Interior Ministry and the EU, and the cooperation with civil society organizations, primarily the Community of Sant'Egidio.

  3. Il futuro dei Comuni minori. Etnografia di una trasformazione in corso - The future of small municipalities in Italy: Ethnography of a social and institutional change

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele F. Fontefrancesco

    2015-12-01

    Full Text Available What is the future for Italian inner areas? The article answers to this question by exploring the ongoing institutional and social transformations in a small municipality in North-Western Italy. This ethnography is based on the information gathered in the dual role of elected civil servant and anthropologist involved in the field for over a decade. The article reads abandonment, marginality, new forms of entrepreneurship and tourisms as elements of a paradoxical dynamic: while it is increasingly difficult for villagers to get access to the services offered in the cities, urban dwellers are getting more and more interested into the traditions and products made in the rural areas. This paradox of distance foreshadows the future of small municipalities; a time in which vital towns could become little more than ethnic zoos for the anthropological curiosity of city inhabitants.

  4. PRODUCCIÓN CIENTÍFICA DE LA REVISTA ELECTRÓNICA DE BIOMEDICINA. ESTUDIO BIBLIOMÉTRICO 2003-2012.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iraola Ferrer MD

    2014-05-01

    Full Text Available To characterize the scientific profile of the Electronic Journal of Biomedicine between 2003 and 2012. Method. Bibliometric descriptive study. Authors reviewed all published articles to describe the Journal profiles in term of number of authors, gender, country, type of publication, institution, number of comments made to the article, language and the existence of collaboration. The publication rate for 10,000 doctors and 100,000 inhabitants were estimated. Results. From 2003 to 2012, 305 articles to 1081 authors came from 25 countries were published. The highest number of publications was from Spain (108; 35.4%, followed by Cuba (56; 18.4% and Argentina (50; 16.4%, the same countries that published throughout the years. The language used was the Spanish (161; 52.8%, followed by English (87; 28.5%. The originals articles were the most frequent type of article (107; 35.1%, followed by letters to the editor (54; 17.7%, clinical cases(44; 14.4%, reviews (37; 12.1% and editorials pieces (36; 11.8%. A total of 90 institutions have published at least one article, 24(26.7% reported three or more items, 18(20.0% two and 48(53.3% one. The General Yague Hospital (Burgos, Spain showed the largest number of publications (45; 14.7%. The highest rates of physicians per 10,000 publications came from Cuba (7.31, Spain (6.20 and Argentina (4.59. These same countries received the highest rates of publications per million inhabitants Cuba (5.0, Spain (2.3 and Argentina (1.2 Conclusions. This study allowed, for the first time ever, the characterization of publication profile of the Electronic Journal of Biomedicine showing its multilingual, international and, interdisciplinary character.

  5. A globalização da cura espírita Biomedicina, João de Deus e seus seguidores australianos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Rocha

    2015-06-01

    Full Text Available João de Deus é um médium curador espírita que se tornou bastante conhecido fora do Brasil. A Casa de Dom Inácio, seu centro de cura em Abadiânia, perto de Brasília, recebe milhares de estrangeiros do mundo inteiro e o médium viaja constantemente à Europa e aos Estados Unidos para participar de eventos de cura organizados por seguidores estrangeiros. Este artigo baseia-se em pesquisa etnográfica realizada no Brasil, Austrália e Nova Zelândia e em entrevistas com os australianos em Sydney. Foram analisadas duas narrativas de doença de australianos e suas razões para procurarem João de Deus. Concluiu-se que o conceito de cura da medicina alternativa e da Nova Era produz uma disposição para a cura "tradicional" de terras exóticas. Em outras palavras, a atração dos estrangeiros pelo sistema de cura de João de Deus deve-se ao seu própriohabitus, influenciado por uma visão de mundo da Nova Era. Além disso, o artigo indica que o estabelecimento da conexão entre cura e religião, a construção de um contexto que dá significado à doença e o empoderamento por meio da renúncia a uma força maior são três fatores importantes, que fazem as pessoas rejeitarem a medicina ocidental em favor de terapias alternativas.

  6. A importância da 'baixa' tecnologia na inovação em biomedicina ou o caminho 'modesto' para o Prémio Nobel

    OpenAIRE

    Nunes, João Arriscado

    2010-01-01

    Em Julho de 2005, o Prémio Nobel da Medicina ou Fisiologia foi atribuído a dois australianos, o patologista Robin Warren e o médico Barry Marshall, pelo seu trabalho sobre a bactéria Helicobacter pylori e a sua relação com patologias comuns da região gástrica. Para alguns, a distinção não era senão o reconhecimento, há muito merecido, de uma contribuição de grande relevância para a medicina. Para outros, ela significou o triunfo de um estilo de investigação em medicina com raízes nos trabalho...

  7. Acerca de la judicialización de la ciudadanía biológica: biomedicina y políticas de la vida

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marisa Germain

    2014-09-01

    Full Text Available El proceso de judicialización de la biopolítica encuentra en la Argentina contemporánea una forma singular. Las políticas de la vida, a partir del fin de la última dictadura militar (1976-1983 van a ser doblemente condicionadas por los efectos del terrorismo de Estado: por un lado, la búsqueda de la vida constituye el requisito político inicial para legitimar prácticamente todas las formas de interferencia en la vida colectiva; por otro lado, el nexo biológico entre las generaciones prueba ser el más potente soporte material y simbólico que sostiene la urgencia de nuevos movimientos sociales (MADRES, ABUELAS, FAMILIARES, HIJOS proporcionando un formato para desenganchar/reenganchar lo biológico en unas demandas políticas específicas. En este formato, nuevos desarrollos biomédicos se acoplan en direcciones estratégicas opuestas que posibilitan o limitan las atribuciones que el Estado tiene de asumir algún aspecto de la existencia biológica de sus ciudadanos. Para posibilitar este análisis, examinamos críticamente los aspectos de la perspectiva teórica engendrada por Michel Foucault, así como los desarrollos posteriores de Nikolas Rose, que contribuyen a la conceptualización necesaria para una analítica de las políticas de la vida efectivamente en curso.

  8. Síntesis y caracterización estructural de nuevas poliamidas con unidades monometilénicas. Aplicaciones potenciales en el campo de la biomedicina

    OpenAIRE

    Franco García, Ma. Lourdes (María Lourdes)

    1994-01-01

    Se han sintetizado nylons 1,n (n=5,6,7,8,10 y 12); nylons 2/n estadísticos con distintas proporciones de glicina (n=6, 11 y 12) y nylons m,n (m=6,12; n=6) con glicina incorporada secuencialmente y al azar. Los productos se han caracterizado por los métodos fisicoquímicos habituales y se han estudiado estructuralmente por difracción de rayos x, microscopia electrónica y refino mediante la metodología Lals. Se proponen estructuras cristalinas diferentes de las convencionales derivadas de las pr...

  9. Steps towards an organizational study on human communication and relations: contributions to the ergonomic research on human well-being; Per uno studio della comunicazione e delle relazioni in un sistema organizzato: Contributo alla ricerca ergonomica del benessere dell`individuo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salerno, Silvana [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente; Guglielmino, Sabrina [Comune di Roma, Rome (Italy); Valerio, Camillo; Valitutti, Carlo [Centro Studi Sistemi e Relazioni, Rome (Italy)

    1997-02-01

    Human relations and communication have always been studied by bio-disciplines interested in family pathology. Organized work has tied relations with family environment that is the reason why it is possible to project new work environment taking into account the theory of organizational action and the theory of human communication. This preliminary study underlines the theory linkage and show how it is possible the application of techniques used in family relations and communication to work environment. The analysis of human communication, the application of the map of the structure, the test of cohesion and adaptability examples in this direction. The results are really interesting and open new panorama on ergonomic of the human well-being in all organized context.

  10. L'inglese per gli italiani; un corso programmato autodidattico realizzato dalla Britannica. Laboratorio Linguistico Individuale Anglotutor [English for Italians; A Self-Instructional Programmed Course developed by Encyclopaedia Britannica].

    Science.gov (United States)

    Encyclopaedia Britannica, Inc., Chicago, IL.

    This eight-volume audiolingual course in programmed English for Italian students appears with instructions and grammatical explanations in Italian and numerous illustrations. Special attention is given to contrastive pronunciation problems. The materials, intended for use on the beginning level, are accompanied by tapes. (AMM)

  11. Algunas reflexiones acerca de la obra de Aldo Petrucci Corso di diritto pubblico romano (Curso de derecho público romano) Aldo Petrucci, Giappichelli, Turín, 2012

    OpenAIRE

    Jorge Colmenares-Mantilla

    2016-01-01

    This text intends to provide an overview of the institutions of Public Law in the Roman constitution and, therefore, provide modern jurists with elements of analysis on the progress made by contemporary governmental systems. By examining the Roman Public Law regulations studied by Professor Petrucci in his work, this paper also aims to determine the actual influence of roman sources within national contemporary legal orders, in particular, on matters related to the awarding of guarantees in c...

  12. Teoria macroeconomica e politica monetaria:i contributi di Franco Modigliani e il dibattito in corso (Macroeconomic theory and monetary policy: contributions by Franco Modigliani and the ongoing debate

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucas Papademos

    2012-04-01

    Full Text Available Nel presente articolo tratterò diversi temi di teoria macroeconomica e politica monetaria, ponendoli in relazione con i contributi e le idee di Franco Modigliani.
Mi soffermerò, in particolare, sulla struttura e sulle caratteristiche principali di impianti teorici capaci di descrivere in modo adeguato il ruolo della moneta nel contesto macroeconomico e gli effetti della politica monetaria sulla produzione aggregata e sul livello dei prezzi.
Uno di tali impianti, che riassumerà in sé i progressi teorici esaminati in precedenza, può essere ritenuto in linea con il punto di vista comune riguardo alle componenti fondamentali e al funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Evidenzierò, inoltre, gli elementi di incertezza e le questioni irrisolte che sussistono riguardo ad alcune caratteristiche dinamiche e strutturali del modello.
Come secondo argomento, intendo trattare brevemente la natura e la solidità delle relazioni empiriche che legano importanti variabili economiche – quali il livello dei prezzi e la produzione aggregata – agli strumenti di politica monetaria.
Infine, mi soffermerò sulle conseguenze sia dell’impianto teorico macroeconomico come lo conosciamo attualmente, sia dei risultati empirici riguardo ai legami fra gli obiettivi e gli strumenti di politica monetaria per la scelta di un’adeguata strategia in questo ambito e per la sua efficace attuazione.    In this article will discuss several topics of macroeconomics and monetary policy and relate them with the contributions and ideas of Franco Modigliani. I will focus in particular on the structure and main features of theoretical systems able to adequately describe the role of money in the macroeconomic environment and the effects of monetary policy on aggregate output and the price level. One of these facilities, which will sum itself theoretical advances discussed above, can be considered in line with the common point of view about the basic components and operation of the transmission mechanism of monetary policy. Will highlight also the elements of uncertainty and unresolved issues that exist with respect to some structural and dynamic characteristics of the model. As the second argument, I want to briefly discuss the nature and strength of the empirical relationships linking important economic variables - such as the price level and aggregate output – to the tools of monetary policy. Finally, I will focus on the consequences of the theoretical macroeconomic and as we know now, empirical results regarding the links between the objectives and instruments of monetary policy for the selection of an appropriate strategy in this area and for its effective implementation .   JEL Codes: G24, E31, E42Keywords: teoria macroeconomica, politica monetaria, livello dei prezzi, produzione aggregata

  13. Chemical and biological contamination of fish products; Contaminazione chimica e biologica dei prodotti della pesca. Corso tenuto presso l`Istituto Superiore di Sanita`, Roma, 1-2 giugno 1994

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Stacchini, Angelo [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. Alimenti

    1997-03-01

    The first contribution deals with chemical contaminants, particularly heavy metals and their acceptable daily intake (ADI). The following contributions deals with sanitary measures concerning biological contamination associated with the consumption of seafood, especially shellfish, taking into consideration the epidemiological relevance of some biological contaminants in Italy and Europe. Particular sanitary aspects concerning the presence of enteric viruses in mussels are presented; new molecular biology methodologies and the different techniques for enteroviruses concentration are discussed. Some questions concerning the detection of algal bio toxins are shown, based on the experience recently acquired by the Istituto Superiore di Sanita` about the biological methods. The current chromatographic methods for PSP and DSP biotoxin determination and the most recent developments in chemical methods based on liquid chromatography and mass spectrometric techniques are presented. The last section is devoted to the parasitic contamination of seafood.

  14. Artificial neural network application for real time forecasting of levels in a natural water course; Un'applicazione delle reti neurali artificiali per la previsione in tempo reale delle altezze idrometriche di un corso d'acqua

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pecora, S. [Ufficio Idrografico e Mareografico per il bacino del fiume Po, Parma (Italy); Veltri, P. [Cosenza Univ. della Calabria, Cosenza (Italy). Dipt. di Difesa del Suolo

    2001-04-01

    The recent adoption of law limits in the field of environmental defence has turned attention of technicians and researchers towards characterization of receiving catchment. During a flood event, after a period far from such extreme events, water quality monitoring can be meaningful to characterize diffuse pollutant loads, carried by the first washing water of the catchment. In order to that it is necessary to adopt suitable control systems which, reliable in forecasting, can start automatic sampler form a remote place, in such a way as to draw samples during flood growth already. Artificial neural networks (ANN) have been applied to forecasting of water levels at the section of Enza at Cedogno (Reggio Emilia, Italy). [Italian] La recente adozione di limiti normativi in materia di tutela ambientale ha rivolto l'attenzione di tecnici e ricercatori verso la caratterizzazione del bacino ricettore. Il monitoraggio della qualita' idrica durante una piena, dopo un periodo lontano da tali eventi estremi, puo' essere significativo per l'individuazione dei carichi inquinanti diffusi, trasportati dalle prime acque di dilavamento del bacino. A tal fine e' necessario adottare opportuni sistemi di controllo che, affidabili nelle previsioni, possano avviare da remoto il campionamento automatico delle acque, in modo da prelevare i campioni gia' durante la fase di crescita della piena. Le reti neurali (ANN, artificial neural network) sono state applicate nella previsione delle altezze idrometriche alla sezione di Enza a Cedogno (RE).

  15. CUMPLIMIENTO DE LOS CRITERIOS SOBRE AUTORÍA CIENTÍFICA EN LAS REVISTAS ESPAÑOLAS DE BIOMEDICINA Y CIENCIAS DE LA SALUD INCLUIDAS EN LOS JOURNAL CITATION REPORTS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rafael Ruiz-Pérez

    2010-01-01

    Full Text Available Fundamentos: Las revistas científicas tienen reconocida la potestad de asegurar la validez del conocimiento difundido y la de certificar la autoría de las ideas. El objetivo de este trabajo es explorar en qué medida las políticas editoriales de las revistas contribuyen a asegurar la veracidad de la autoría científica publicada. Métodos: Análisis descriptivo transversal de los criterios sobre autoría científica utilizados por 23 revistas españolas de medicina incluidas en los Journal Citation Reports de 2008 y valoración de su ajuste de cumplimiento a los requisitos de uniformidad URM del ICMJE. Para su análisis los criterios se han estructurado en ítemes observables y para cuantificar su ajuste a los URM se han establecido seis niveles de cumplimiento. Resultados: El 52% de las revistas no hacen referencia a los URM. Sobre el ítem atribución de autoría el 39% de las revistas ofrece información sobre las condiciones que deben cumplir los firmantes de un artículo, pero solo 6 (26% revistas se ajustan a los URM. Sobre el ítem de responsabilidades contraídas se pronuncia el 61%, aunque ninguna revista se acerca a las formulaciones URM. En cuanto al número de autores por trabajo se encontró información en el 35% de las revistas y sobre el orden de firma en ninguna. El ítem sobre agradecimientos está recogido en el 61% pero solo el 30,4% definen su finalidad. Sobre la indicación de responsabilidad de correspondencia la presencia de criterios alcanza el 87%, sin embargo solo el 8,7% de las revistas lo vinculan al autor principal o primer firmante. Conclusiones: Como promedio de los 6 ítemes analizados, solo el 48% de las revistas incluyen alguna o varias instrucciones relacionadas con la autoría científica. Los resultados muestran escasa uniformidad en los criterios proporcionados a pesar a la existencia de los URM como estándar internacional en medicina.

  16. Proficiency in radiation protection, nuclear medicine and biomedicine in the Faculty of Biochemistry and Pharmaceutics, Universidad de Buenos Aires, Argentina; Capacitacion en proteccion radiologica en medicina y biomedicina en la Facultad de Farmacia y Bioquimica, Universidad de Buenos Aires, Argentina

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bergoc, Rosa M.; Caro, Ricardo A.; Rivera, Elena S. [Universidad Buenos Aires (Argentina). Faculdade de Farmacia y Bioquimica. Lab. de Radioisotopos; Menossi, Carlos A. [Autoridad Regulatoria Nuclear, Buenos Aires (Argentina)

    2001-07-01

    The School of Pharmacy and Biochemistry (Buenos Aires University) offers four annual courses on Methodology of Radioisotopes (which focus on different aspect of the Radiological Protection according to whom they are aimed: 1) Course for students in the Biochemistry Cycle; 2) Course for post-Graduate in Medicine, Biochemistry, Biology, Chemists; 3) Course to up-date the knowledge; 4) Course for Technicians in Nuclear Medicine. From 1960, 5000 biochemistry students have approved Methodology of Radioisotopes. The syllabus includes aspect related to the students' future professional activities. Since 1962, 1513 (?) graduates have approved it. Training (222 h) include: dosimetric magnitudes, units, internal and external dosimetry; working conditions, contamination barriers, radioprotection philosophy and principles; limits; radioactive wastes; legal aspects, national and international legislation. Uses of commonest isotopes in Nuclear Medicine and Biomedicine are under deep analysis. Since 1992 the graduates who wish to up-date their knowledge can follow this course organized in modules to suit their needs. Since 1997 this course emphasizes the operational aspects such as: columns elution, injection of radioactive drugs to patients, decontamination of areas. The increasing in the application of radioisotopes makes necessary to encourage their use in harmony with the environmental. (author)

  17. Los cuerpos ficticios de la biomedicina. El proceso de construcción del género en los protocolos médicos de asignación de sexo en bebés intersexuales

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nuria Gregori Flor

    2006-01-01

    Full Text Available El nacimiento de un bebé del cual no se puede decir si es niña o niño con una simple inspección visual, supone la activación de una serie de resortes médicos y tecnológicos dirigidos a desvelar qué se oculta detrás de tal indefinición genital. Todos los esfuerzos dedicados a elaborar categorías, definiciones, criterios y protocolos para diagnosticar tal ambigüedad, así como el auge en investigación y desarrollo de nuevas tecnologías biomédicas para corregirla, revelan la inquietud que provoca dentro de nuestro orden sociocultural la ambigüedad y lo inclasificable en relación al sexo, al género y a la sexualidad. Los mandatos de un orden “monosexual” –la idea de que una persona sólo puede tener un único sexo/género y que este es estable para toda la vida- y del conocido como “dimorfismo sexual” –la creencia o convicción dominante en Occidente de la existencia de tan sólo dos sexos posibles, mujer y varón- obliga a confeccionar cuerpos ficticios que eliminan la verdadera variabilidad sexual humana. Será la institución médica y los profesionales médicos responsables de estos recién nacidos, los encargados de buscar qué sexo “verdadero” se esconde detrás de tanta ambigüedad, erigiéndose como responsables del proceso de sexuación en nuestra sociedad.

  18. Valutazione dell'affidabilità degli operatori per l'identificazione microscopica di peli di mammiferi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Ciucci

    2003-10-01

    Full Text Available La quantificazione dei resti indigesti contenuti negli escrementi è tra le tecniche più frequentemente utilizzate per studiare la dieta del lupo, dove il riconoscimento delle specie preda, nel caso dei mammiferi, si basa su caratteristiche microscopiche distintive del pelo. Tale tecnica, è tuttavia soggetta ad errori individuali nonostante l'esperienza dell'operatore e il ricorso a testi o collezioni di riferimento. Congiuntamente ad una mancata standardizzazione delle procedure di preparazione e trattamento del campione, queste fonti di errore possono alterare significativamente i risultati. Nell'ambito di un progetto UE-Life sull'ecologia del Lupo, in tre Parchi Regionali dell'Emilia-Romagna (2001-2004, abbiamo quindi applicato una procedura standardizzata per la selezione, raccolta, preparazione e trattamento dei campioni fecali di lupo ai fini dell'analisi della dieta. A tal fine è stato organizzato un corso di formazione da parte di docenti qualificati per un totale di 150 ore, suddiviso in moduli e articolato in esercitazioni e prove pratiche di autovalutazione. Al corso, e dopo un ulteriore periodo di esercitazioni individuali (ca. 300 ore/operatore, è quindi seguito un esame di identificazione che ha permesso di quantificare l'affidabilità di ciascun operatore. Il test per l'identificazione a livello di specie è stato basato su un campione di 120 peli, la cui specie di origine era ignota ai candidati (blind test, suddivisi tra ungulati selvatici (n=54: Capriolo, Cervo, Daino, Muflone, Cinghiale, ungulati domestici (n=21: bovini, ovini, caprini, equini, canidi (n= 18: lupo, cane, volpe e altre specie (n=27: lepre, marmotta, tasso, martora, faina, puzzola, gatto, scoiattolo, talpa, muridi. Un sottocampione di 65 peli è stato utilizzato per valutare l'affidabilità nel riconoscimento delle classi d'età (< 5 mesi, ≥ 5 mesi per le sole categorie degli ungulati selvatici (n=54 e degli

  19. Editorial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Persico

    1995-01-01

    Full Text Available Brevi riflessioni su temi inerenti a courseware, ossia un insieme organicamente organizzato di materiale didattico di vario tipo, inclusi testi, materiale audio, immagini, filmati e software.

  20. I centri diurni e le esigenze del paziente: apprendere dall'esperienza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Tussi

    2005-06-01

    Full Text Available Relazione riassuntiva in occasione dell'incontro organizzato e promosso dall'Associazione A.R.P.A. riguardante le psicosi ed il contributo di Giovanni Carlo Zapparoli presso la Casa della Cultura di Milano.

  1. Solid Freeform Fabrication Symposium Proceedings Held in Austin, Texas on August 9-11, 1993

    Science.gov (United States)

    1993-09-01

    di Produzione 1611 Headway Circle, Bldg 2 Austin TX 78712 Ed Economia DeirAzienda Austin TX 78754 Corso Duca Abruzzi 24 512 339-2922J fax: 512 339...Street Aeronautical Engineering & Mechanics Ed Economia DellAzienda Tucson AZ 85713 Troy NY 12180 Corso Duca Abruzzi 24 602 792-2616/ fax: 602 792

  2. Calcium Channels: Structure and Function (Annals of the New York Academy of Sciences. Volume 560)

    Science.gov (United States)

    1989-06-26

    8033 Planegg, Federal Republic of Germany c Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Corso Raffaello 30 1-10125 Torino, Italy INTRODUCTION In...4313-4317. I Modulation of Ca Channels in Peripheral Neuronsa E. CARBONE Dipardmento di Anatomia e Fisiologia Umana Corso Raffaello 30 1-10125 Torino

  3. Ambiente e salute nei siti inquinati

    OpenAIRE

    Cori, Liliana

    2007-01-01

    Il 14 dicembre scorso si ? svolto a Roma il seminario "Studi su ambiente e salute nei siti inquinati: prospettive di sviluppo metodologico e applicativo" organizzato dall'istituto di fisiologia clinica del CNR e dal Dipartimento ambiente e connessa prevenzione primaria dell'Istituto Superiore di sanit?

  4. La Santa Sede e la Conferenza di Helsinki per la sicurezza e la cooperazione in Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Barberini

    2014-12-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce il testo della relazione tenuta al Convegno su "Agostino Casaroli: lo sguardo lungo della Chiesa" organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza (Piacenza, 21-22 novembre 2014, ed è destinato alla pubblicazione negli Atti.

  5. Roma locuta, causa (quasi finita. La controversia Roma – Conferenza episcopale tedesca in merito ai consultori per le gestanti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Testa Bappenheim

    2011-03-01

    Full Text Available Comunicazione destinata agli atti del convegno “Benedetto XVI: quali riflessi sul postconcilio?”, 13-14 ottobre 2006, organizzato dalla cattedra di diritto ecclesiastico della Facoltà di Giurisprudenza, Università di Teramo (Prof. Zanchini di Castiglionchio.

  6. Predicting high risk of exacerbations in bronchiectasis: the E-FACED score

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Martinez-Garcia MA

    2017-01-01

    Full Text Available Martinez-Garcia MA,1,2 Athanazio RA,3 Girón R,4 Máiz-Carro L,5 de la Rosa D,6 Olveira C,7 de Gracia J,2,8 Vendrell M,9 Prados-Sánchez C,10 Gramblicka G,11 Corso Pereira M,12 Lundgren FL,13 Fernandes De Figueiredo M,14 Arancibia F,15 Rached SZ3 1Pulmonary Service, Polytechnic and University La Fe Hospital, Valencia, Spain; 2CIBERes, CIBER de Enfermedades Respiratorias. Madrid. Spain; 3Pulmonary Division, Heart Institute (Incor, Hospital das Clínicas da Faculdade de Medicina da Universidade de São Paulo; 4Pneumology Service, Hospital La Princesa, 5Pneumology Service, Hospital Ramón y Cajal, Madrid, 6Pneumology Unit, Hospital Plató, Barcelona, 7Pneumology, Málaga Regional University Hospital, Instituto de Biomedicina de Málaga (IBIMA, Málaga University, Spain; 8Pneumology Service, Hospital Vall d’Hebron, Barcelona, 9Bronchiectasis Group IDIBGI, Dr. Trueta University Hospital. UdG. Ciberes CB06/06/0030, 10Unidad de Fibrosis Quística y Bronquiectasias. Hospital Universitario La Paz. Madrid. Spain; 11Pneumology Service, Hospital del Tórax Dr A Cetrángolo, Buenos Aires, Argentina; 12Pneumology Service, Universidade Estadual de Campinas UNICAMP, Sao Paulo, 13Pneumology Service, Hospital Octávio de Freitas, Recife, 14Pneumology Service, Hospital de Messejana, Fortaleza, Brazil; 15Pneumology Service, Instituto Nacional del Tórax, Santiago de Chile, Chile Background: Although the FACED score has demonstrated a great prognostic capacity in bronchiectasis, it does not include the number or severity of exacerbations as a separate variable, which is important in the natural history of these patients.Objective: Construction and external validation of a new index, the E-FACED, to evaluate the predictive capacity of exacerbations and mortality.Methods: The new score was constructed on the basis of the complete cohort for the construction of the original FACED score, while the external validation was undertaken with six cohorts from three

  7. Toxicity Identification Evaluation (TIE) of Belford Roxo industrial plant effluent and its contribution in water quality of downstream of Sarapui River, Iguacu River sub-basin, Baia da Guanabara Basin, RJ, Brazil; Avaliacao e identificacao da toxicidade (Toxity Identification Evaluation - TIE) do efluente liquido do polo industrial de Belford Roxo, RJ, e sua contribuicao na qualidade das aguas do corso inferior do Rio Sarapui, sub-bacia do Rio Iguacu, Bacia da Baia da Guanabara, RJ, Brasil

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pires, Luiz Eduardo Botelho

    2006-07-01

    The quality of Belford Roxo Industrial Plant effluent and water from Sarapui River were evaluated with Daphnia similis, Ceriodaphnia dubia and Danio rerio acute and chronic toxicity tests. In association with the ecotoxicological monitoring, the Toxicity Identification Evaluation procedure were performed and the identification of the toxic compounds was possible. The Chloride ion was identified as the major toxic compound in the effluent with additional effects of Metals, Ammonium and Sulfide. For the Sarapui River, the compounds of Phosphorus and Nitrogen were identified as the major toxic compounds with addictive effects of Metals, Ammonium and Sulfide. Although the environmental impact estimation based on the effluent toxicity suggests a minor impact on the water quality of Sarapui River, this was already sufficiently contaminated to make impracticable the establishment of an aquatic community. The constant discharge of untreated sludge promotes the eutrophication of this water body and makes impossible the equilibrium of this ecosystem. (author)

  8. Manuale di esercizi in fisica delle particelle

    CERN Document Server

    Cartiglia, Nicolo

    2015-01-01

    Questi esercizi nascono come raccolta delle esercitazioni preparate per il corso in Fisica delle particelle" tenuto dalla prof.ssa R. Cester all'università di Torino e quelle per il corso in Particle Physics offerto all'Universita della California (UCSC) dal prof. A. Seiden. Durante gli anni del corso, il numero e gli argomenti trattati nei problemi sono cresciuti fino a far diventare questa collezione uno strumento a se stante, utile per la preparazione sia di esami che di prove di dottorato. Il livello di difficoltà dei problemi varia da elementare a decisamente complessi, per offrire un'ampia possibilita di scelta. Gli argomenti affrontati negli esercizi seguono quelli del corso base in Fisica delle particelle, mentre non si trovano esercizi avanzati di QCD e teoria elettrodebole. Una breve introduzione teorica permette di rivedere i concetti di base, mentre la bibliografia riporta una collezione di testi che servono per gli approfondimenti.

  9. Insegnare il Moto con Boxer

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea A. DiSessa

    1995-01-01

    Full Text Available Descrizione di un corso sulla matematica del moto basato sulla premessa che tutte le persone coinvolte - studenti, insegnanti e progettisti - dovrebbero conoscere un computational medium generale e progammabile, Boxer.

  10. Ho-doped Soft Glass Optical Fibers for Coherent Wavelength Sources Above 2 Micron

    Science.gov (United States)

    2010-12-01

    Politecnico di Torino – Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica Corso Duca degli Abruzzi, 24 – 10129 Torino Italia tel: +39...Abruzzi, 24 – 10129 Torino Italia tel: +39 011 564 4707 fax: +39 011 564 4699 e-mail: daniel.milanese@polito.it url: www.composites.polito.it...Materiali e Ingegneria Chimica Corso Duca degli Abruzzi, 24 – 10129 Torino Italia tel: +39 011 564 4707 fax: +39 011 564 4699 e-mail

  11. La storia e le immagini. La Memoria della Riforma nelle opere di Lucas Cranach e Hans Holbein

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Otto Gerhard Oexle

    2006-12-01

    Full Text Available L’autore indaga la "Memoria della Riforma” in una duplice prospettiva: illustra le vicende della “Memoria” nell’epoca della Riforma luterana, chiarendo come i riformatori e i fautori della Riforma, nel corso del XVI secolo, intesero le pratiche commemorative dei vivi e dei morti; nel contempo, ricostruisce il modo in cui la Riforma, nel corso del Cinquecento, divenne essa stessa oggetto di una Memoria rievocativa.

  12. II seduttore sedotto: Da Omero ad Aristofane

    OpenAIRE

    Mastromarco, Giuseppe

    1997-01-01

    E' ben nota la scena di seduzione che, nella Lisistrata di Aristofane, vede protagonisti Mirrine, una giovane donna ateniese che ha aderito allo sciopero sessuale organizzato da Lisistrata avvista, dall'alto dell'Acropoli occupata dalle scioperanti, un giovanne uoma, che, come mostra inequivocabilmente il fallo eretto (cf. vv. 831-32, 845-46), è un preda a un parossistico desiderio sessuale, provocato dalla lunga astinenza. (Párrafo extraído del texto a modo de resumen) Centro d...

  13. Editorial

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donatella Persico

    2001-01-01

    Full Text Available Dal 12 al 14 Febbraio 2001 si e' svolto a Genova TED, un convegno sulle Tecnologie Didattiche rivolto al mondo della scuola. Il convegno, organizzato dall'Istituto Tecnologie Didattiche del CNR in collaborazione col Ministero della Pubblica Istruzione, ha visto la partecipazione di piu' di 3000 delegati, prevalentemente insegnanti, ma anche dirigenti scolastici, ricercatori e piu' in generale, operatori del settore formazione.

  14. Fulvio Salza, Andrea Schellino, Rimbaud. Poetica, mito, filosofia, religione, psicoanalisi

    OpenAIRE

    Merello, Ida

    2016-01-01

    Il volume raccoglie contributi già apparsi in altra sede, orientandoli però lungo un vettore, organizzato in cinque tappe del pensiero. Salza e Schellino alternano le scritture: entrambi dedicano un saggio alla poetica, successivamente Salza interviene sul mito, e Schellino su filosofia e religione; per i riferimenti alla psicanalisi invece Salza è affiancato da Massimiliano Vigna. Nella sezione «Poetica», Fulvio Salza ripercorre le due Lettres du Voyant e Une Saison en enfer, osservando come...

  15. La carta naturale e culturale del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

    OpenAIRE

    Di Somma, Andrea

    2014-01-01

    Lo scopo del seguente lavoro è la costruzione di un GeoDataBase relativo ai beni culturali ed ambientali del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga attraverso un approccio neogeografico. Il lavoro è organizzato in tre fasi: nella prima fase è stato necessario eseguire un’analisi bibliografica ed inventariale per identificare le evidenze culturali ed ambientali del Parco. È stata poi determinata una tassonomia, articolata in sette categorie e ventitré sotto categorie, su...

  16. Barnaba Maj (ed., Il Gattopardo nel flusso del tempo. Il romanzo di Tomasi e il film di Visconti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola Fallerini

    2011-11-01

    Full Text Available Il Seminario di Teoria della Narrazione dell’Università di Bologna, organizzato e curato da Barnaba Maj, propone una analisi collettiva del romanzo di Lampedusa la cui riflessione si sofferma sul tempo interno alla narrazione e il tempo che travalica le coordinate del racconto e della collocazione storica. Il tempo si manifesta perciò come elemento pluridimensionale, all’interno del quale si impone la connotazione atemporale dello spazio mitico in stretta connessione con quello storico.

  17. Introduzione a "Cibo, diritto e religione in una prospettiva comparata"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Berlingò

    2015-10-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce l'introduzione alla seduta su "Cibo, diritto e religione in una prospettiva comparata", che ha aperto il Convegno sul tema "Nutrire l'anima. Cibo, diritto, religione", organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche "Cesare Beccaria", Sezione di Diritto ecclesiastico e canonico, dell'Università degli Studi di Milano (Milano, 17 settembre 2015.

  18. El caleidoscopio del pluralismo médico en país soninké: actores, lógicas y utilidades de una práctica multisecular

    OpenAIRE

    Berta MENDIGUREN

    2011-01-01

    Desde que en 1698, el reino soninké de Gadiaga tuviera su primer contacto estable con la biomedicina a través de la instalación en terrenos de su capital (Makhana) del fuerte negrero de Saint Joseph dirigido por el cirujano Apollinaire, sus habitantes han tratado de dar respuesta a la enfermedad en el seno de un abanico plural de sistemas médicos en el que la biomedicina vino a insertarse en un contexto en el que la medicina popular de tradición africana-animista y la árabe- musulmana ya coex...

  19. Diagnosis of AIDS-Related Intestinal Parasites

    Science.gov (United States)

    1988-01-07

    Peru), Claudio F. Lanata (Instituto de Investigacion Nutricional , Lima, Peru) and Irene Perez-Schael (Instituto de Biomedicina, Caracas, Venezuela) (15...above) and Homero Martinez, M.D., Instituto National de la Nutricion , Mexico City. In this study, 53 children with at least one microscopic stool

  20. Modelos de atención de los padecimientos: de exclusiones teóricas y articulaciones prácticas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Menéndez Eduardo L.

    2003-01-01

    Full Text Available En las sociedades latinoamericanas existen diversos modelos de atención de los padecimientos que son considerados en forma aislada y hasta antagónica por el sector salud, en lugar de observar las estrechas relaciones que se dan entre esos modelos a través de las prácticas y representaciones de los sujetos que los utilizan. En este trabajo se describen las relaciones que existen entre la biomedicina y la autoatención, para evidenciar el continuo proceso de transacciones que operan entre las mismas. Primero se describen algunas características básicas de la biomedicina y de la autoatención, para luego observar las transacciones que existen entre ambas, especialmente a través de la prescripción de fármacos y de la automedicación. Este proceso transaccional tiende a ser ignorado por la biomedicina, que critica los procesos de automedicación, lo que resulta paradojal dado que la biomedicina y sobre todo el sector salud impulsan procesos de autoatención que incluyen la automedicación, sin reflexionar sobre la articulación y sobre las consecuencias que estas transacciones tienen para el proceso salud/enfermedad/atención. Se propone la necesidad no sólo de reflexionar sobre estos procesos transaccionales, sino de utilizarlos intencionalemnte desde el sector salud.

  1. Determinación de mutaciones del gen NRAS en pacientes con cáncer colorrectal

    OpenAIRE

    Pardo Llama, Mikel

    2014-01-01

    El objetivo de este trabajo es identificar las mutaciones del gen NRAS en el ADN procedente de muestras de tejido de pacientes con cáncer colorrectal para verificar su relación con el mismo y con la respuesta a los tratamientos para esta patología. Máster en Biología Molecular y Biomedicina

  2. Método para el diagnóstico, pronóstico y/o tratamiento del lupus eritematoso sistémico

    OpenAIRE

    Sancho, Jaime; Meng Khoo, Keng; Hee Chng, Hiok

    2009-01-01

    [ES] La presente invención se encuadra dentro del campo de la biomedicina. Especificamente, provee de métodos que permiten el diagnóstico, el pronóstico y/o el tratamiento de la enfermedad del Lupus Eritematoso Sistémico (LES).

  3. Le Visage de la Victoire di Henry De Groux: la riscoperta di un’opera antimilitarista del tempo della Prima guerra mondiale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carol Morganti

    2014-03-01

    Full Text Available Il presente intervento è dedicato a un’importante raccolta di incisioni, oggi riscoperta: Le Visage de la Victoire, eseguita dall’artista belga Henry De Groux. Costituita da oltre 40 incisioni (acqueforti e vernici molli, è stata realizzata nel corso della Prima Guerra Mondiale al fine di denunciare l’inutile massacro in corso. Si tratta di opere di ispirazione visionaria, che rivelano significati universali, mettendo il maestro belga in rapporto di affinità con artisti quali Goya e Otto Dix.

  4. Portar via per condurre altrove: suggestioni e annotazioni metodologiche sull'orizzonte di senso di una blogoclasse

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andreas Robert Formiconi

    2009-10-01

    Full Text Available Un articolo scritto in stile ibrido, fra il paper scientifico e il saggio, per descrivere le necessità€ e le suggestioni che hanno dato vita ad un nuovo tipo di corso su temi attinenti alla “digital literacy” insieme ai risultati ottenuti su una vasta e variegata popolazione studentesca nel corso degli ultimi quattro semestri.Si descrivono le caratteristiche di una nuova “classe a pareti sottili”, che abbiamo definito blogoclasse e si discutono le affinità fra una blogoclasse ed una comunità di pratica.

  5. La città come teatro / The City as a Theather

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jonathan Kirschenfeld

    2014-05-01

    Full Text Available Il lavoro di progettazione del nostro ufficio nel corso degli ultimi 15 anni comprende social housing, piscine pubbliche e progetti di teatri. Questi progetti apparentemente distanti condividono un filo comune che attraversa la loro forma concettuale se non fisica: il concetto di “stanza urbana” come teatro. In ogni caso, sia che si tratti di una piscina, di un teatro o di un’abitazione, mobili o adattabili a diversi siti, nel corso di questi progetti sono privilegiati gli spazi cosiddetti di “impegno sociale”. Queste stanze urbane, nelle parole di Aldo Rossi, agiscono per approntare la scena per il teatro della vita quotidiana.

  6. Libertà religiosa e multiculturalismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cardia

    2011-05-01

    Full Text Available Relazione tenuta al Convegno organizzato dal Dipartimento di Diritto Privato Generale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo sul tema “La dimensione giuridica della libertà religiosa”, in occasione della Presentazione del Volume degli Atti del convegno su “Il contributo di F. Scaduto alla scienza giuridica” (11-12 marzo 2008.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Identità e simboli religiosi – 3. Eguaglianza di diritti e di doveri – 4. Evoluzione e ottimismo antropologico – 5. Evoluzione e religione.

  7. I fondamenti religiosi della finanza islamica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria d'Arienzo

    2012-07-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione. Il testo riproduce la relazione tenuta nell’ambito del Convegno “World Interfaith Harmony Week”, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli (Santa Maria Capua Vetere, 22-24 marzo 2012, ed è destinato alla pubblicazione sulla Rivista “Diritto e Religioni”, n. 1/2012.SOMMARIO: 1. Religione ed economia nella visione occidentale e in quella musulmana – 2. Principi religiosi del sistema economico islamico – 3. Connotazione specificamente religiosa della finanza islamica – 4. Finanza “etica”, finanza “islamica” e “etica economica”.

  8. La filosofia della reciprocità: banche del tempo e sistemi di scambio non monetario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Coluccia

    2003-12-01

    Full Text Available Questo saggio riporta un'indagine della mia attuale ricerca sociale ed economica. Il testo ripropone con qualche variazione ed aggiornamento la mia relazione tenuta al 'Foro Andaluz por un Reparto Igualitario del Tiempo' organizzato a Granata dall'Instituto Andaluzo de la Mujer, Junta de Andalucia, nel dicembre 2002, e cerca di far emergere la filosofia che è alla base delle Banche del tempo e dei sistemi di scambio locale non monetari, fondando un percorso di riflessioni intorno alla reciprocità, alla simmetria e allo scambio sociale.

  9. Matrimonio e famiglia. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Venerando Marano

    2011-03-01

    Full Text Available Relazione tenuta al Convegno di studi sul tema“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose” (Roma, Istituto Sturzo, 8-9 ottobre 2010 organizzato dal Centro Studi sugli Enti Ecclesiastici – CESEN, destinata alla pubblicazione negli Atti, pubblicata per la cortese disponibilità del CESEN.SOMMARIO: 1. Unione europea e famiglia, ovvero la suggestione di un paradosso – 2. Gli interventi dell’Unione: a strumenti a carattere normativo – 3. … b interventi giuridicamente non vincolanti – 4. … c indici giurisprudenziali – 5. Limiti di  competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario. Il contributo delle Chiese.

  10. Può una biblioteca educare all’intercultura? Alcune proposte operative.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Monica Sabattini

    2006-01-01

    Full Text Available Nella prima parte, l’autrice riporta le riflessioni, catturate tramite un’intervista, di tre responsabili di altrettante biblioteche pubbliche che hanno pensato progetti e organizzato servizi in un’ottica multiculturale/interculturale, rivolgendosi ad un’utenza formata da bambini e adulti, italiani e stranieri. Nella seconda parte, l’autrice propone attività e iniziative per le biblioteche, pensate per andare oltre alla logica dello scaffale multiculturale e per avviare processi di educazione all’interculturalità, anche in collaborazione con i tanti servizi sociali e educativi presenti nel territorio.

  11. Pratiche di cura fra relazione e conoscenza: l’approccio montessoriano e l’osservazione del bambino al nido

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuela Gallerani

    2010-02-01

    Full Text Available Il contributo affronta una possibile analisi inerente al rapporto tra infanzia, famiglia ed istituzione educativa a partire da un’indagine osservativa condotta nella realtà di un nido ad indirizzo montessoriano. Attraverso la rappresentazione della vita quotidiana dei bambini - inseriti al nido aziendale “La Casa del Cedro”, organizzato dal Centro Nascita Montessori (CNM di Roma - viene restituita la valenza euristica dell’approccio montessoriano e il suo inconfondibile contributo all’educazione globale ed estetica, per l’infanzia del tempo presente.

  12. Musulmani d’Italia, unitevi? Islàm e democrazia pluralista nell’esperienza recente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sassi

    2011-03-01

    Full Text Available Intervento al convegno organizzato dagli allievi del prof. Sergio Lariccia a Roma il 7 novembre 2007 su Poteri pubblici e laicità delle istituzioni. Sessant’anni di esperienza costituzionale, di prossima pubblicazione negli Atti relativi.SOMMARIO. 1. Post-secolarismo – 2. Il coacervo anonimo ed indistinto dei musulmani – 3. Islàm e modernità – 4. Gestire la complessità – 5. Consulta islamica e pluralismo – 6. Ebrei separati – 7. Quali interlocutori? – 8. Conclusioni.

  13. Diritto e religioni nelle scelte alimentari

    OpenAIRE

    Antonio Fuccillo

    2016-01-01

    Testo definitivo, in lingua italiana, della relazione presentata in occasione del Cardiff Festival for Law and Religion – Celebrating the 25th Anniversary of the LLM in Canon Law at Cardiff University e del Law and Religion Scholars Network (LARSN) – Annual Conference 2016, organizzato dalla Cardiff University e dal Center for Law and Religion presso la Cardiff University (Cardiff, UK, 5-6 maggio 2016). La relazione è stata valutata e approvata dal board della Cardiff University e dal Center ...

  14. ENEA presenta sistema ADS per trattamento scorie

    CERN Multimedia

    2002-01-01

    "Arriva il sistema Ads (Accelerator driven system) per il trattamento dei rifiuti radioattivi. Lo studio di fattibilita' per l' innovativa tecnologia, realizzato da un gruppo di lavoro congiunto Enea, Cea, Cern e Ansaldo, e' stato presentato oggi nel corso di un workshop presieduto dal premio Nobel per la fisica, Carlo Rubbia" (1/2 page).

  15. I masteristi si raccontano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Bianchetti

    2005-01-01

    Full Text Available Discussione della dimensione sociale del Master “E-Learning per la Scuola, l’Universita’ e l’Impresa” svolto totalmente a distanza attraverso la piattaforma e-learning “CampusOne” dell’Universita’ di Genova. Vengono presentate le impressioni di alcuni dei partecipanti al corso.

  16. Marcel Odenbach. Konzept, Performance, Video, Installation 1975 – 1998

    DEFF Research Database (Denmark)

    Kacunko, Slavko

    pedagogia, tra il 1987 e il 1993 Slavko Kacunko ha studiato storia dell`arte e filosofia presso la facoltà di filosofia dell`Università die Zagabria. Tra il 1994 e il 1998 frequent infine il corso di dottorato della facoltà di filosofia della Heinrich-Heine Universität di Düsseldorf. Con nummerose...

  17. Knowledge management and innovation : An empirical study of Dutch SMEs

    NARCIS (Netherlands)

    Uhlaner, L.M.; Tan, S.; Zhou, H.

    2007-01-01

    Western economies are increasingly viewed as knowledge-driven (Audretch and Thurik, 2001, 2004). Knowledge plays a crucial role in determining firm innovation capability and in enhancing working life quality of knowledge workers (Corso, Martini, Pelligrini, and Paolucci, 2001). Previous studies show

  18. Meccanica quantistica: problemi scelti 100 problemi risolti di meccanica quantistica

    CERN Document Server

    Angelini, Leonardo

    2008-01-01

    Questo libro è dedicato essenzialmente agli studenti che preparano l'esame scritto di un corso di Meccanica Quantistica. Di riflesso questa raccolta può risultare molto utile anche ai docenti che devono proporre problemi ai loro studenti sia a lezione che per gli esami. Si assume che i contenuti del corso siano sostanzialmente identici a quelli di un tradizionale corso di Istituzioni di Fisica Teorica dei vecchi ordinamenti del corso di laurea in Fisica. Nei nuovi ordinamenti gli stessi argomenti sono stati, in generale, ripartiti su più corsi. Come molti altri libri di problemi di Meccanica Quantistica non bisogna aspettarsi un particolare sforzo di novità. L'intento è di presentare dei problemi che, oltre a sondare la comprensione della materia e l'abilità ad applicarla concretamente da parte dello studente, siano risolubili in un tempo limitato ed utilizzando gli strumenti matematici che vengono normalmente forniti nei corsi per la laurea in Fisica. Questo proposito difficilmente si coniuga con una r...

  19. Sociologia qualitativa e interazionismo simbolico: recenti sviluppi negli U.S.A.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Toscano

    2007-03-01

    Full Text Available Nel corso di due seminari realizzati nell’ambito del progetto Cofin “La ricerca qualitativa: teorie, metodi ed applicazioni”, tenuti rispettivamente a Roma e a Catania, il professor Fontana ha fornito un quadro generale sui recenti sviluppi dell’Interazionismo simbolico negli Stati Uniti.

  20. Immigrazione Senegalese in Italia: stato dell¿arte

    NARCIS (Netherlands)

    G. Sinatti (Giulia)

    2007-01-01

    textabstractÈ trascorso ormai circa un trentennio da quando i primi immigrati senegalesi giungevano in Italia nella seconda metà degli anni Ottanta. Nel corso di questi tre decenni, essi hanno stabilmente rappresentato la presenza straniera più significativa in provenienza dall’Africa subsahariana.

  1. Part??culas superparamagn??ticas ultrapeque??as de ??xido de hierro para aplicaciones biom??dicas

    OpenAIRE

    Arias Mediano, Jos?? Luis; L??pez-Viota Gallardo, Margarita; Ruiz, M. A.

    2008-01-01

    Las part??culas superparamagn??ticas ultrapeque??as de ??xido de hierro (USPIO) tienen una enorme utilidad en Biomedicina como agentes de contraste en resonancia magn??tica de imagen o como sistemas transportadores de f??rmacos, entre otras aplicaciones. La naturaleza del recubrimiento de los n??cleos inorg??nicos de las part??culas USPIO determina su estabilidad in vitro y su comportamiento in vivo, siendo especialmente importantes sus propiedades fi sicoqu??micas, en concreto el...

  2. AMPc i neuroinflamació: Identificació de proteïnes implicades en la regulació de nivells d'AMPc en l'encefalomielitis autoimmune experimental

    OpenAIRE

    Sanabra Palau, Cristina

    2011-01-01

    Memòria presentada per optar al grau de Doctor en Biologia per la Universitat de Barcelona, dins del Programa de Docotorat en Biomedicina (Departament de Neurociències, Facultat de Medicina, Universitat de Barcelona).-- Tesis elaborada en el Departament de Neuroquímica i Neurofarmacologia, Institut d'Investigacions Biomèdiques de Barcelona, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, Institut d'Investigacions Biomèdiques August Pi i Sunyer.

  3. First records of the northern raccoon Procyon lotor in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Canova

    2009-02-01

    Full Text Available Riassunto Prime segnalazioni del procione Procyon lotor in Italia In Lombardia fra il 2004 e il 2008 sono stati segnalati 10 individui di procione Procyon lotor. La distribuzione delle osservazioni è coerente con l'areale attualmente occupato dalla specie in Europa. Il fatto che le osservazioni siano avvenute lungo il corso dell'Adda e dei canali da esso alimentati permettedi ipotizzare che la specie abbia colonizzato il paese seguendo una rotta di dispersione che connette l'area del lago di Como alla Svizzera e al corso del fiume Adda. L'osservazione di giovani suggerisce l'esistenza di una popolazione riproduttiva in Italia.

  4. El club Dumas d’Arturo Pérez-Reverte ou une métaphore de la lecture

    OpenAIRE

    Marie-Thérèse Garcia

    2013-01-01

    Corso, personnage-lecteur de El club Dumas d’Arturo Pérez-Reverte assiste impuissant à la contamination de son univers référentiel « réel dans le roman » par des êtres de fiction issus des Trois mousquetaires d’Alexandre Dumas. Gagné peu à peu par le syndrome de don Quichotte, le détective de livres interprète sa réalité fictionnelle à travers le prisme de son imaginaire. L’infortuné Corso, dupé par un narrateur-personnage d’une mauvaise foi aussi efficace que redoutable et manipulé par un au...

  5. Bibliographic research in nursing science: the sharing experience bewteen Offices at the IRCCS Policlinico S. Matteo di Pavia Foundation.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Chieppi

    2014-01-01

    Full Text Available Con il fine di condividere la conoscenza delle strategie e delle tecniche di ricerca bibliografica e la capacità di compilazione della citazione delle fonti, è stato implementato il progetto formativo: La ricerca bibliografica in ambito infermieristico. Hanno cooperato la Struttura Formazione e Sviluppo, la Biblioteca di Infermieristica, il Corso di Laurea in Infermieristica ed il Servizio Infermieristico Tecnico e Riabilitativo Aziendale (SITRA della Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo di Pavia. Il progetto, sviluppatosi nel corso di due anni in due livelli formativi, si è rivolto ai Tutor infermieristici e ai componenti del SITRA. I due livelli del progetto hanno portato a condividere la conoscenza di tutte le funzioni e le opzioni offerte delle banche dati mediche ed infermieristiche e di sviluppare la capacità di implementare strategie complesse. Il contributo di tutti i partecipanti ha reso possibile la realizzazione di un manuale di regole per la citazione bibliografica.

  6. Metodi Matematici della Fisica

    CERN Document Server

    Cicogna, Giampaolo

    2008-01-01

    Questo testo trae la sua origine da miei vecchi appunti, preparati per il corso di Metodi Matematici della Fisica e via via sistemati, raffinati e aggiornati nel corso di molti anni di insegnamento. L'obiettivo è stato sempre quello di fornire una presentazione per quanto possibile semplice e diretta dei metodi matematici rilevanti per la Fisica: serie di Fourier, spazi di Hilbert, operatori lineari, funzioni di variabile complessa, trasformata di Fourier e di Laplace, distribuzioni. Oltre a questi argomenti di base, viene presentata, in Appendice, una breve introduzione alle prime nozioni di teoria dei gruppi, delle algebre di Lie e delle simmetrie in vista delle loro applicazioni alla Fisica. Anche allo scopo di mantenere il libro nei limiti ragionevoli di un manuale di dimensioni contenute e di agevole consultazione, sono stati spesso tralasciati i dettagli tecnici delle dimostrazioni matematiche (o anzi le dimostrazioni per intero) e tutti i formalismi eccessivi che spesso nascondono la vera natura del p...

  7. Esercizi di metodi matematici della fisica

    CERN Document Server

    Angilella, G G N

    2011-01-01

    Il testo richiama i principali concetti, definizioni e teoremi relativi agli spazi vettoriali, agli sviluppi in serie di Fourier, alle equazioni alle derivate parziali, alle trasformate integrali di Laplace e di Fourier, ad alcune classi di equazioni integrali (con specifico riferimento alla funzione di Green). Si danno altresi' cenni di funzioni di variabile complessa, di teoria dei gruppi, e di spazi funzionali. Di ciascun argomento vengono ampiamente discusse le motivazioni e le applicazioni nel campo della fisica e, talora, di altre discipline scientifiche. Tali argomenti vengono approfonditi da esercizi (perlopiu' svolti, o con soluzione), spesso tratti da effettivi temi d'esame del corso di Metodi matematici per la fisica del corso di laurea in Fisica (Catania).

  8. Atomi, molecole e solidi esercizi risolti

    CERN Document Server

    Balzarotti, Adalberto; Fanfoni, Massimo

    2015-01-01

    Questo eserciziario nasce dalla raccolta di problemi d'esame assegnati agli studenti del corso di Struttura della Materia, che si colloca al confine fra il Corso Triennale e quello Magistrale. Alla fine di ciascun capitolo si trova un riepilogo ragionato di formule utili, e l’ultima parte del volume è dedicata alle unità di misura, alle formule di Meccanica Quantistica e alle tecniche per manipolare il momento angolare, i metodi variazionale e quello perturbativo elementare. Quasi tutti i problemi sono applicazioni della Meccanica Quantistica, anche se si utilizzano nozioni di Termodinamica, Meccanica ed Elettromagnetismo. I problemi di questo manuale differiscono rispetto a quelli che caratterizzano libri di Fisica Teorica (che possono anche essere astratti o rilevanti per l'Astrofisica o le Interazioni Deboli, soprattutto nel fatto che) soprattutto nel fatto che questi devono alla fine determinare dei valori realistici di misure standard su atomi molecole o solidi. In Fisica, la conoscenza di ogni argom...

  9. Total Intravenous Anesthesia Including Ketamine versus Volatile Gas Anesthesia for Combat-related Operative Traumatic Brain Injury

    Science.gov (United States)

    2008-07-01

    Anesthesiology 2008; 109:44–53 Copyright © 2008, the American Society of Anesthesiologists , Inc. Lippincott Williams & Wilkins, Inc. Total...Health Sciences Center San Antonio, Texas. † Director, Tri-Services Anesthesia Re- search Group Initiative on TIVA (TARGIT), Anesthesiologist , Brooke...in the United States: A public health perspective. J Head Trauma Rehabil 1999; 14:602–15 5. Finkelstein EA, Corso PS, Miller TR: The Incidence and

  10. Evidence Based Education: centri di ricerca e risorse in Rete

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Bruni

    2013-08-01

    Full Text Available Nel corso degli ultimi anni, si è assistito a una diffusione della cultura “evidence based” nell’ambito della ricerca educativa. La quantità di centri di ricerca e risorse disponibili online, riferibili a tale prospettiva, sta crescendo esponenzialmente e rappresenta un patrimonio di conoscenza che può essere assai utile per insegnanti ed educatori. Per tale ragione, nel presente contributo, si offre una panoramica dei principali centri e iniziative rintracciabili in Rete.

  11. A tribute to Stanislao Cannizzaro, chemical informationist and photochemist.

    Science.gov (United States)

    Roth, Heinz D

    2011-12-01

    Stanislao Cannizzaro is known widely for the Cannizzaro reaction, the "disproportionation" of benzaldehyde upon reaction with alkali, for his approach to teaching chemistry, "Sunto di un corso di filosofia chimica", which he presented at the Karlsruhe Congress of 1860, and for his work on the photochemistry of santonin. In Cannizzaro's laboratory two research associates, Giacomo Ciamician and Paul Silber, and a senior colleague, Emanuele Paternó, became acquainted with the basic methods of sunlight-inducd photochemistry.

  12. Nazi Germany and Fascist Italy: Totalitarian Menace or Monolithic Illusion? An Analysis of the Axis Coalition

    Science.gov (United States)

    2004-06-17

    Heinrich Himmler’s control in the 1930. Guerra di rapido corso. Italy’s maneuver warfare concept of maneuver developed during their involvement in...outmaneuver the enemy. Guerra Parallela. Literally translated as “parallel war,” this term is used to describe Italy’s independent actions after their entry...by Field Marshal Herman Göring. Politica del peso determinante. Italy’s strategic “determining” or “decisive weight” outlook. This foreign policy

  13. Il samizdat a Leningrado negli anni Settanta: struttura e dinamiche di una ‘seconda’ realtà culturale

    OpenAIRE

    Marco Sabbatini

    2015-01-01

    Il presente lavoro prende in considerazione la generazione di autori e artisti di Leningrado che hanno iniziato la loro attività nel corso degli anni Settata, nel contesto della stampa clandestina nel sottosuolo. Lo studio descrive gli eventi, i gruppi non ufficiali, i principali periodici del samizdat e le attività informali poste in essere da molti giovani scrittori, tra cui Viktor Krivulin e Boris Ivanov, due tra le personalità più rappresentative della cultura sovietica alternativa a ...

  14. Can Humans Fly Action Understanding with Multiple Classes of Actors

    Science.gov (United States)

    2015-06-08

    information if it does not display a currently valid OMB control number. PLEASE DO NOT RETURN YOUR FORM TO THE ABOVE ADDRESS. State University of New York...Jason J. Corso1 1 Electrical Engineering and Computer Science, University of Michigan, Ann Arbor 2 Statistics, University of California, Los Angeles... autonomy [55], are abundant and growing. Second, these works largely focus on action recogni- tion, which is posed as the classification of a pre

  15. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    CERN Document Server

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  16. Edizione critica, traduzione e commento del Mulierum Virtutes di Plutarco

    OpenAIRE

    Tanga, Fabio

    2011-01-01

    2009 - 2010 Dopo aver recensito, analizzato sotto vari aspetti e collazionato tutti i testimoni del Mulierum Virtutes di Plutarco, si è stabilito un testo critico dell’opera provvisto di apparato e note filologiche e di traduzione italiana corredata di note esegetiche a carattere stilistico, filosofico e letterario. Il vaglio codicologico ha consentito di indagare i passaggi di proprietà e gli spostamenti subìti da alcuni codici nel corso dei secoli ma non di costituire...

  17. 18TH Annual Meeting of the European Neuroscience Association.

    Science.gov (United States)

    1996-01-01

    University MA4, 44780 Bochum, Anatomia e Fisiologin Umana, Corso Raffaelo 30, 10125 Torino, Italy, and Germany; 2 Neurocenter, 79106 Freiburg, Germany...8217Istituto di Anatomia Patologica - University of Pisa; ’Scuola Superiore Nerve growth factor (NGF) is essential for the development of the di Studi...45122 Essen, FRG; ’Institute of Physiology, University of Munich, Univ. degli Studi di Milano, §Dip. Anatomia e Fisiologia Umana, Univ.di Torino

  18. MOOCs and academic libraries: a chance or a problem? An overview

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Testoni

    2013-11-01

    Nella seconda parte parte dell'articolo si focalizza l'attenzione sulle possibili interazioni tra MOOCs e biblioteche accademiche, concentrandosi sui temi seguenti: coinvolgimento e ruolo dei bibliotecari nell'implementazione dei MOOCs; gestione del copyright all'interno dei materiali didattici che costituiscono un corso; information literacy; advocacy della biblioteca; impatto dei MOOCs nei servizi informativi forniti dalle biblioteche accademiche.

  19. TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN REGIME DI DAY SURGERY

    OpenAIRE

    Carriero,Carlo

    2011-01-01

    Il tumore della mammella rappresenta una delle malattie oncologiche più frequenti in assoluto nel sesso femminile. La sua diagnosi precoce con i programmi di screenig, il suo trattamento ed il follow up delle pazienti rappresentano voci consistenti nel bilancio della spesa sanitaria. L’intervento chirurgico è ancora oggi, nella maggioranza dei casi, il primo atto terapeutico. Dopo l’introduzione della radioterapia integrata alla chirurgia conservativa, nel corso degli anni, l’aggressività chi...

  20. In memoriam: Cristiana Patta, DVM, 1958-2012, Virologa ed esperta di peste suina africana e malattie esotiche

    OpenAIRE

    Anon.

    2012-01-01

    Il mondo della veterinaria è profondamente costernato per la scomparsa prematura di Cristiana Patta, Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.Valente virologa di rilevanza nazionale ed internazionale, si è sempre distinta, nel corso della sua intensa seppure troppo breve esistenza, per competenza e professionalità. Ha iniziato la sua attività come ricercatrice presso l’Istituto di Sassari nel settore delle malattie virali degli animali. Ha conseguito la Specializzaz...

  1. Il ri-disegno dell'architettura moderna: l'esperienza del Laboratorio Progettuale di Disegno dell'Architettura II

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donato Ricciotti Angelillo

    2006-12-01

    Full Text Available Il contributo nasce con l'obiettivo di documentare l'esperienza didattica compiuta nell'ambito del Laboratorio di Disegno al secondo anno del Corso di Laurea in Ingegneria Edile/architettura dell'Università di Bologna. Gli esiti di tale esperienza sono esemplificati dalle immagini proposte, realizzate dagli studenti del Laboratorio Progettuale di Disegno dell'Architettura II durante l'anno accademico 2004-2005.

  2. Roars: sette proposte per la valutazione della ricerca

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-06-01

    Full Text Available L’articolo uscito oggi su Roars, Sette proposte per la VQR, propone sette soluzioni facilmente praticabili per correggere gli aspetti più discutibili della valutazione della ricerca in corso in Italia.  In queste pagine abbiamo discusso molto della classificazioni non bibliometriche delle riviste e abbiamo presentato una nostra soluzione a lungo termine. Nel breve termine pensiamo però [...

  3. Sviluppo di metodi analitici per determinazioni affidabili in campo ambientale ed alimentare

    OpenAIRE

    Notardonato, Ivan

    2010-01-01

    La presenza di sostanze tossiche nei prodotti alimentari è stato da sempre un problema di grande rilevanza e influenza sociale sia per la natura sia per l’uomo. Nel corso degli anni sono state studiate e caratterizzate diverse sostanze presenti nell’ambiente, molte catalogate come tossiche, derivanti sia da fonti naturali sia da fonti industriali. Alcune di queste sostanze sono state ritenute particolarmente pericolose e quindi è nata l’esigenza di monitorarle e/o di cercare di limitarne il ...

  4. [National epidemiological surveillance systems of mesothelioma cases].

    Science.gov (United States)

    Ferrante, Pierpaolo; Binazzi, Alessandra; Branchi, Claudia; Marinaccio, Alessandro

    2016-01-01

    INTRODUZIONE: sebbene la relazione causale tra esposizione ad amianto e malattie neoplastiche sia ben nota, in molti Paesi il consumo del materiale è ancora rilevante e crescente. A causa della lunga latenza, nei Paesi dove è stato bandito (come in Italia) è oggi in corso un'epidemia di malattie correlate ad amianto. OBIETTIVI: descrivere i sistemi di sorveglianza dei mesoteliomi attivi nel mondo mediante un'analisi comparativa.

  5. Quando il legislatore predilige un punto di vista etico/religioso: il caso del divieto di donazione dei gameti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Di Cosimo

    2013-06-01

    Full Text Available Il contributo - in corso di pubblicazione in La fecondazione vietata, a cura di A. Cossiri e G. Di Cosimo, Aracne, Roma, maggio 2013 - è stato sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Laicità – 2. Eguaglianza e pluralismo – 3. La questione – 4. Strategie: riformulazione – 5. Parallelo – 6. Strategie: minimizzazione – 7. Controvertibilità – 8. Norme – 9. Paternalismo.

  6. Problemi e modelli di libertà religiosa individuale e collettiva nell’Est Europa: contributo a un nuovo diritto ecclesiastico per l’Unione Europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Cimbalo

    2011-06-01

    Full Text Available Contributo destinato alla pubblicazione negli Scritti in onore di Giovanni Barberini,in corso di stampa.SOMMARIO: 1. Le nuove prospettive del diritto ecclesiastico - 2. Dall’Est ilrecupero dell’integrità della memoria - 3. Problemi specifici delle grandi famigliereligiose dell’Est nei rapporti con lo Stato - 4. La tutela individuale della libertàreligiosa e di coscienza.

  7. Le prospettive della dottrina e dello studio del regime giuridico civile della religione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2011-12-01

    Full Text Available Testo del contributo al Convegno su Gli insegnamenti del diritto canonico ed ecclesiastico a centocinquanta anni dall’unità, organizzato dall’ADEC, Associazione dei Docenti di diritto ecclesiastico e canonico (Padova, 27–29 ottobre 2011.SOMMARIO: 1. Il compito della dottrina – 2. Necessità di un’evoluzione nel metodo di approccio ai problemi della religiosità sociale – 3. Esempi di sussistenza del metodo criticato nella dottrina e nella legislazione: a l’otto per mille; b il riconoscimento degli effetti civili al matrimonio religioso; c l’insegnamento scolastico della religione – 4. Le materie eticamente sensibili: a l’interruzione volontaria della gravidanza; b la procreazione assistita; c accanimento terapeutico ed eutanasia - il testamento biologico – 5. Conclusioni.

  8. Piccoli schiavi senza frontiere: il traffico dei minori stranieri in Italia (Francesco Carchedi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Olivia Salimbeni

    2006-06-01

    Full Text Available Il fenomeno del traffico di esseri umani in Italia, in particolare di donne e minori, ha assunto, e in misura crescente negli ultimi dieci anni, proporzioni tali da preoccupare governi e istituzioni di controllo e da indurre un ricorso a misure sempre più severe di contrasto contro le organizzazioni che lo gestiscono. Il traffico degli esseri umani e della prostituzione coercitiva appare come la nuova frontiera che scaturisce dai processi di globalizzazione selvaggia tesi ad alimentare settori significativi del mercato mondiale del crimine organizzato. Si tratta ormai di un’emergenza sociale che ripropone con forza nel terzo millennio condizioni di grave sfruttamento, configurabile come para-schiavistiche, proprie del secolo scorso.

  9. Il simbolo religioso e culturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cardia

    2012-07-01

    Full Text Available Relazione svolta al Convegno sul tema: “State-sponsored religious displays in the United States and Europa / L’esposizione statale dei simboli religiosi negli Stati uniti e in Europa” organizzato da: “Center for Law and Religion della School of Law” della St. John’s University di New York e dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università LUMSA (Roma, 22 giugno 2012.SOMMARIO. 1.  Semantica delle controversie sui simboli religiosi. Linguaggio di guerra ed esclusivismo. 2. Linguaggio plurale dei diritti umani che legittima ogni simbologia religiosa. 3. Coerenze e incoerenze. Religione, cultura, deserto delle identità. 4. Pluralità e  differenze nella visione globale e positiva dei simboli.  5.  Simbologia religiosa e multiculturalità. Conclusioni.

  10. La condizione della donna nel diritto delle religioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaetano Dammacco

    2011-03-01

    Full Text Available Relazione al Colloquio internazionale sul tema La femme en Méditerranée,organizzato dalla Université Paris Sorbonne - Paris IV e dalla Università degli Studi di Bari (Bari, 8-9 giugno 2007, destinato alla pubblicazione negli Atti per i tipi di Schena editore.SOMMARIO: 1. Necessità di nuove categorie oltre i luoghi comuni – 2. Diversaflessibilità e permeabilità del diritto delle religioni. La secolarizzazione e laglobalizzazione – 3. Lo statuto della donna nei diritti religiosi mediterranei:ebraismo, islam, cristianesimo – 4. La tutela della donna come espressione di una cultura della laicità. L’attuale debolezza degli interventi legislativi. Il ruolo degli ordinamenti civili – 5. Il progresso della condizione femminile e le religioni. L’importanza del dialogo tra le religioni – 6. L’importanza delle relazioni tra gli stati e le confessioni religiose.

  11. Il riconoscimento delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Canonico

    2011-09-01

    Full Text Available Il contributo riprende, con integrazioni ed aggiornamenti, il testo della relazione tenuta al Convegno su “Nullità del matrimonio canonico ed efficacia nell’ordinamento statale” (Roma, 22 giugno 2011 organizzato dalla sezione romana della A.D.G.I. (Associazione Donne Giuriste Italia.SOMMARIO: 1. Il riconoscimento del matrimonio canonico nel Concordato lateranense - 2. Il processo di revisione concordataria e le innovazioni in tema di efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche - 3. L’efficacia civile delle sentenze ecclesiastiche nell’Accordo di Villa Madama - 4. La questione dell’applicabilità della L. 218/95 alle sentenze ecclesiastiche - 5. Le previsioni degli artt. 796 e 797 c.p.c. - 6. Il requisito del mancato contrasto con l’ordine pubblico - 7. I provvedimenti economici provvisori - 8. Considerazioni conclusive.

  12. La politica ecclesiastica dell’Italia post-unitaria: un modello post-Westphaliano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Ferrari

    2013-02-01

    Full Text Available Il contriburo, sottoposto a valutazione, riproduce l'intervento destinato agli Atti del Convegno "La Religione Istruita nella scuola e nella cultura dell'Italia contemporanea" organizzato dall'Archivio per la Storia dell'Educazione in Italia e dal'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nell'ambito del progetto PRIN 2008 "Cultura religiosa e insegnamento della religione e della teologia nella scuola e nell'università dell'Italia contemporanea" (Venezia, 12 - 13 gennaio 2012  SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La separazione … immaginata – 3. La separazione … possibile – 4. Un limite della politica liberale: lo scoglio del pluralismo giuridico – 5. Il lascito della politica ecclesiastica liberale: una mediocritas di ampio respiro

  13. Particelle e interazioni fondamentali Il mondo delle particelle

    CERN Document Server

    Braibant, Sylvie; Spurio, Maurizio

    2009-01-01

    Il libro intende fornire le conoscenze teoriche e fenomenologiche di base della struttura della materia a livello subatomico, presentando in maniera coordinata concetti e caratteristiche della fisica nucleare e della fisica delle particelle elementari. Partendo da un livello di base (nomenclatura, classificazione, tecniche di accelerazione e di rivelazione delle particelle elementari), si passano in rassegna le proprietà delle interazioni fondamentali (elettromagnetica, debole e forte). Vengono descritti poi i risultati che confermano il Modello Standard del microcosmo, per terminare con i problemi ancora aperti. Per esempio, la violazione di CP attualmente misurata non spiega l’asimmetria materia-antimateria dell’Universo osservata; le oscillazioni dei neutrini e la quantità di materia oscura prevista dalla cosmologia sembrano richiedere qualcosa oltre il Modello Standard. Il libro è organizzato in modo da coprire gli argomenti dei corsi di Fisica Nucleare e Subnucleare della Laurea in Fisica, e dei c...

  14. L’Università di Napoli e la prima cattedra di diritto ecclesiastico in Italia. L’insegnamento di Francesco Scaduto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria d'Arienzo

    2012-09-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione. Il testo riproduce, con l’aggiunta delle note, la relazione tenuta al Convegno “Rileggere i Maestri” organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza “Federico II” di Napoli (18-19 aprile 2012.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La prolusione palermitana del 1884 e l’insegnamento del “moderno” diritto ecclesiastico – 3. La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Napoli e il “moderno” diritto ecclesiastico - 4. La produzione scientifica di Francesco Scaduto negli anni di insegnamento nell’Università di Napoli – 5. I rapporti di Francesco Scaduto con gli studenti, gli allievi e i colleghi dell’Università di Napoli. Pensiero scientifico e attività politica.

  15. Questioni semantiche e disegno costituzionale di disciplina del fenomeno religioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2011-04-01

    Full Text Available Testo, integrato e corredato delle note, dell’intervento al Convegno “Problemi pratici della laicità agli inizi del secolo XXI” organizzato dall’Associazione Costituzionalisti Italiani (A.C.I., tenutosi presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (26-27 ottobre 2007.SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il ricorso generalizzato alla categoria delle … confessioni religiose - 3. Individuazione della categoria costituzionale delle … confessioni religiose - 4. Le … istituzioni o associazioni a carattere ecclesiastico o con fine di religione o di culto - 5. La categoria delle … formazioni sociali … a carattere religioso - 6. I rapporti Stato-confessioni religiose come sotto-sistema normativo nel più vasto ambito della tutela delle libertà delle formazioni sociali a carattere religioso - 7. Strumentalità del richiamo indifferenziato alle confessionireligiose per attuare un continuismo politico col sistema dei diritti riflessi.

  16. L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (UAAR, membro associato della International Humanist and Ethical Union, come soggetto stipulante un’intesa con lo Stato, ex art. 8, III Cost.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2011-07-01

    Full Text Available Contributo segnalato dal Prof. Antonino Mantineo, ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, che ne attesta la scientificità e l’originalità.SOMMARIO: 1. I limiti dello strumento negoziale nell’esperienza giuridica italiana. una ricognizione sulle aporie evidenziatesi nella prassi politico-legislativa – 2. Verso uno statuto giuridico differenziato per le organizzazioni filosofiche non confessionali. meritevolezza degli interessi in gioco – 3. Il non-confessionismo organizzato come fenomeno associativo culturalmente orientato sul fattore religioso – 4. Permanente capacità attrattiva di una disciplina speciale e di favore: l’inevitabile ricerca di una legislazione generale in tema di libertà religiosa o l’armonizzazione dei trattamenti privilegiati?

  17. LA PRESENCIA DE LA BIOÉTICA EN EL PROYECTO DE CONSTITUCIÓN EUROPEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Antonio Díez Fernández

    2005-01-01

    Full Text Available Hasta ahora, los derechos humanos relacionados con la biomedicina y la biotecnología tenían cabida en algunas legislaciones nacionales y en unas pocas Declaraciones internacionales de existencia reciente y con una infl uencia aún limitada en los derechos internos. El proyecto de Constitución europea es, sin duda, el primer instrumento de estas características e importancia -con vocación a incorporarse a las legislaciones internas de los Estados miembros- donde se tratan expresamente algunos de los problemas más actuales y confl ictivos de la biomedicina. Confi rma la tendencia, emergente aún en el derecho constitucional, de regular en textos de este tipo los problemas de la genética y la bioética; toda vez que se trata de derechos y libertades vinculados estrechamente con los principios básicos que desarrollan las Constituciones. El Texto no pretende hacer una regulación ordenada y sistemática de los problemas jurídicos que suscita la biomedicina actual. Se limita a proponer un pequeño núcleo de derechos y prohibiciones, que sitúa entre los derechos propios de la dignidad de la persona (el consentimiento informado, la indisponibilidad del cuerpo humano, y las prohibiciones de la clonación reproductiva y de la selección de sexo; y consagra una serie de libertades y principios, como la libertad de investigación, la no discriminación basada en las características genéticas y la objeción de conciencia. No obstante, frente al tratamiento amplio y pormenorizado de los problemas mercantiles, fi scales, comerciales, etc., las cuestiones biomédicas -y también, en cierta medida, otros derechos de la persona- ocupan un lugar secundario.

  18. Concurrent Chagas’ disease and borderline disseminated cutaneous leishmaniasis: The role of amiodarone as an antitrypanosomatidae drug

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto E Paniz-Mondolfi

    2008-06-01

    Full Text Available Alberto E Paniz-Mondolfi1,4, Alexandra M Pérez-Álvarez1, Oscar Reyes-Jaimes2, Gustavo Socorro1, Olga Zerpa3, Denisa Slova4, Juan L Concepción51Laboratorio de Estudio de Antígenos, Instituto de Biomedicina, “Hospital José Gregório Hernández”, Instituto Venezolano de los Seguros Sociales, Caracas, Venezuela; 2Departamento de Dermopatología, Instituto de Biomedicina, 3Sección de Leishmaniasis, Instituto de Biomedicina, Caracas, Venezuela; 4Department of Pathology and Laboratory Medicine, St. Luke’s – Roosevelt - Beth Israel Medical Center, University Hospital of Columbia University College of Physicians and Surgeons, New York, USA; 5Laboratorio de Enzimología de Parásitos, Facultad de Ciencias, Universidad de Los Andes, Mérida, VenezuelaAbstract: The occurrence of mixed infections of Trypanosoma cruzi and Leishmania spp. is becoming a common feature in Central and South America due to overlapping endemic areas. Unfortunately, the possibilities for treating flagellated kinetoplastid infections are still very limited and most of the available drugs exhibit severe side effects. Although the development of new drugs for Leishmania has markedly improved in the last years, the tendency is still to employ antimonial compounds. On the other hand, treatment for Chagas’ disease is only available for the acute phase with no effective therapeutical options for chronic stage disease. The following case report substantiates the recently discovered effect of amiodarone as a nonconventional antiparasitic drug, particularly against Leishmania, breaching a new perspective in the therapeutic management of these important infectious parasitic diseases.Keywords: Chagas’ disease, leishmaniasis, chemotherapy, amiodarone

  19. Materiales nanoestructurados biocompatibles basados en sílice. Preparación y aplicaciones en terapia anticancerígena.

    OpenAIRE

    Muniesa Lajara, Carlos

    2013-01-01

    El desarrollo de nanofármacos aplicados en terapias frente al cáncer es un prometedor campo de la biomedicina en el cual se entrecruzan diferentes disciplinas científicas como la biología, la ciencia de los materiales, química, medicina y farmacia. Con la aplicación clínica de este tipo de materiales se pretende superar los inconvenientes que presentan los actuales tratamientos contra el cáncer, como una limitada efectividad terapéutica y un gran número de efectos secu...

  20. Análisis de la expresión de btk, lck, SAP, ICOS y células B de memoria en pacientes con inmunodeficiencia variable común

    OpenAIRE

    Zárate Hernández, María del Carmen

    2008-01-01

    Consultable des del TDX A la portada: Instituto de Biotecnología y Biomedicina, Unidad de Inmunología Títol obtingut de la portada digitalitzada La Inmunodeficiencia Variable Común (IDVC) es la inmunodeficiencia primaria (IDP) sintomática más frecuente. Los pacientes con IDVC presentan un fenotipo clínico (infecciones recurrentes,etc) y un fenotipo inmunológico (hipogammaglobulinemia y respuesta nula de anticuerpos). El diagnóstico de IDVC se realiza por exclusión de otras causas de ...

  1. Poder, Conocimineto y Creencia: Por los Caminos de la Ruda en la Localidad Séptima de Bogotá, Colombia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Santiago Martínez Medina.

    2008-01-01

    Full Text Available Este texto analiza las contradicciones en las leyes locales de pensamiento de la biomedicina, de tradicional, medicina alternativa y complementaria. Para ello, explora la biografía cultural de una planta de specifc en la comunidad de Bosa, en Bogotá, comparándola con las ordenanzas estatales dedicados a regular su comercialización y consumo. Concluye interrogatorio a los presupuestos con los que tratan de capturar estas prácticas, mostrando sus limitaciones conceptuales y prácticas, y se preguntaba para el mundial, los factores económicos y sociales que justifican el presente Reglamento.

  2. Desarrollo de nuevas estrategias metabolómicas y su aplicación en bioanálisis y "foodómica"

    OpenAIRE

    Ibáñez, Clara

    2013-01-01

    Premio Extraordinario de Doctorado de la UAH en 2015 Esta tesis doctoral muestra una serie de aplicaciones de la Metabolómica en áreas específicas del área de alimentos y la biomedicina y se ha dividido en dos secciones. La primera sección contiene tres capítulos dedicados a la aplicación y desarrollo de procedimientos analíticos para estudiar muestras de citosol procedentes de cultivos celulares humanos de cáncer de colon. En los dos últimos capítulos de dicha sección además se han estudi...

  3. Estudo dos principais mecanismos de resistência aos antibióticos β-lactâmicos em bactérias patogénicas de gram negativo

    OpenAIRE

    Dias, Daniela Jones Antunes

    2009-01-01

    Dissertação apresentada para a obtenção do Grau de Mestre em Genética Molecular e Biomedicina, pela Universidade Nova de Lisboa, Faculdade de Ciências e Tecnologia A resistência aos antibióticos é um problema global e emergente, sendo as β-lactamases o principal mecanismo de resistência bacteriana aos antibióticos β-lactâmicos em bactérias de Gram negativo. O principal objectivo deste trabalho consistiu em avaliar a diversidade das β-lactamases produzidas por um grupo de 126 bactérias d...

  4. Un sistema para la extracción de interacciones farmacológicas basado en Support Vector Machines (SVM)

    OpenAIRE

    Méndez González, Víctor Manuel

    2010-01-01

    Debido a los problemas en la gestión de la información sobre interacción entre fármacos y con ello los problemas en la seguridad de los pacientes, en este proyecto se desarrolla un sistema para la extracción de interacciones entre medicamentos sobre textos biomédicos para que los profesionales de la biomedicina tengan un rápido acceso a dichas información. Partiendo del trabajo realizado en la tesis “Application of Information Extraction techniques to pharmacological domain: Extracting drug-d...

  5. Medicina y Seguridad del Trabajo se integra en HINARI Programa de Acceso a la Investigación en Salud de la Organización Mundial de la Salud (OMS) Medicina y Seguridad del Trabajo has been integrated into HINARI Access to Research in Health Programme of the World Health Organization (WHO)

    OpenAIRE

    Gaby Caro-Salazar; Jorge Veiga-Cabo

    2013-01-01

    HINARI Programa de Acceso a la Investigación en Salud liderado por la OMS junto con las principales editoriales asociadas facilita acceso a información en ciencias de la salud y biomedicina a más de 100 países en vías de desarrollo de forma gratuita o a bajo costo. Constituye una de las colecciones más extensas de literatura científica que actualmente existen, con acceso a más de 29.000 recursos de información en 30 idiomas diferentes. Además cuenta con programa docente a distancia que permit...

  6. Science.gov (United States)

    Soriguer, Federico

    2016-11-29

    Desde hace algún tiempo sabemos que la talla de las poblaciones es un buen instrumento para analizar la evolución socioeconómica, habiendo dejado de ser motivo de estudio solo por la biomedicina para serlo también por los economistas y sociólogos. Es lo que han hecho Martínez Carrión y cols., con el trabajo que aparece en este número de Nutrición Hospitalaria.

  7. Procedimiento de obtención de nanopartículas de fosfato de calcio amorfo recubiertas de citrato y dopadas con flúor

    OpenAIRE

    Delgado López, José Manuel; J. Gómez-Morales; Fernández Penas, Raquel; Iafisco, Michele; Tampieri, Anna; Panseri, Silvia

    2014-01-01

    Procedimiento de obtención de nanopartículas de fosfato de calcio amorfo recubiertas de citrato y dopadas con flúor. Este material presenta aplicaciones en biomedicina por su excelente biodegradabilidad y bioactividad; además promueve la adhesión celular y osteogeneración. En odontología, puede utilizarse en pastas dentales, enjuagues bucales, goma de mascar, geles y barnices de flúor como agente remineralizante de dentina y esmalte. Parte de dos disoluciones formadas por cloruro cálcico y ci...

  8. Cholinesterase Structure: Identification of Mechanisms and Residues Involved in Organophosphate Inhibition and Enzyme Reactivation

    Science.gov (United States)

    2005-05-01

    with 18 U.S.C. Section 1734 solely to indicate this fact. ing protected from solvent (20). t Present address: Dept. of Oral and Maxillofacial Surgery...acyl pocket loop (Trp2S6-Ser 29 8). This finding, when viewed with contemporary structures, sug- This conformational change coupled with solvent... Pathological Aspects. P. Universidad Catholica de Chile-FONDAP Biomedicina, 2004, pp. 43-48; R.Y.Y. Chan, C. Boudreau-Larivi&re, L.A. Angus, F. Mankal, B.J

  9. Establishing a cell biology platform: isolation and preservation of human blood products

    OpenAIRE

    2014-01-01

    Dissertação para obtenção do Grau de Mestre em Genética Molecular e Biomedicina The use of human primary cells provide researchers in different areas with irrefutable more biologically relevant data than using cell lines or animal blood cells. The work was performed in the scope of the Cell Biology Services @ CEDOC, aiming to provide viable and trustful human primary cells and products. We had three main objectives: protocol optimizations for blood cell isolation, culture and cryopre...

  10. Epigenética, evolución y la sombra de Lamarck

    OpenAIRE

    Dressino, Vicente

    2009-01-01

    Desde la formulación por Waddington del término epigenética este campo disciplinar ha manifestado un desarrollo lento pero sostenido. Sin embargo, en los últimos veinte años se produjo, debido al progreso tecnológico y conceptual experimentado por la biología, un gran crecimiento que está cambiando muchos conceptos en diversos campos de la biomedicina y de la biología evolutiva. La herencia epigenética describe la transmisión de la información sobre la base de la expresión genética, a diferen...

  11. Síntesis de nuevos materiales microporosos mediante técnicas de alta capacidad ("High-Throughput").

    OpenAIRE

    Moliner Marin, Manuel

    2008-01-01

    La presente tesis doctoral está enmarcada dentro del campo de la síntesis de materiales microporosos, los cuales presentan aplicaciones de diversa índole como separación de gases, catalizadores selectivos, electrónica, y biomedicina. Las zeolitas son materiales microporosos cristalinos, que presentan canales y cavidades de dimensiones moleculares en su interior. La gran ventaja de las zeolitas es su elevada estabilidad térmica y química, junto con la posibilidad de poder variar la topología y...

  12. Optical grating coupler biosensor and biomedical applications

    OpenAIRE

    Diéguez Moure, Lorena

    2012-01-01

    Esta tesis consiste en el diseño, fabricación y test de un Biosensor Óptico basado en redes de difracción y sus aplicaciones en biomedicina. Los biosensores ópticos son dispositivos que detectan interacciones biomoleculares específicas mediante un transductor óptico. Exhiben alta sensibilidad, alta estabilidad mecánica, son inmunes a las interferencias electromagnéticas y permiten medidas no destructivas. En los Biosensores Ópticos por Onda Evanescente un modo guiado se propaga a lo larg...

  13. Las Ips Paradigma Ético De La Investigación Biomédica

    OpenAIRE

    JOSÉ ANTONIO GÁMEZ ESCALONA

    2013-01-01

    El descubrimiento por parte de Shinya Yamanka y su equipo, en el año 2006, de las Células de Plu-ripotencialidad Inducida (iPS) en ratón, supuso uno de los grandes adelantos en la Biología Molecular y Celular. La posibilidad de que estas células se puedan generar también en seres humanos abre unas vías de desarrollo totalmente insospechadas para la Biomedicina. Su principal aporte es la creación de un protocolo robusto, que tiene en cuenta tres ...

  14. La enseñanza de la microbiología en la facultad de medicina en el presente siglo

    OpenAIRE

    Guzmán Urrego, Miguel A.

    2011-01-01

    Con ocasión de conmemorar los 30 años del Departamento, parece interesante reseñar cual ha sido laEvolución de la enseñanza de esta rama de la Bio-Medicina en nuestra Facultad. Todo parece indicar que los primeros conocimientos de la Bacteriología, es decir, todo lo relacionado con los seres microsc6picos que según lo postulado por Pasteur en Francia y Koch en Alemania causaban las enfermedades infecciosas que azotaban inmisericordemente al hombre, fueron introducidos a Colombia por Monsieur ...

  15. Epidemiovigilância das infeções por Leishmania spp. no efetivo cinotécnico da Guarda Nacional Republicana e em mesocarnívoros silvestres

    OpenAIRE

    Rocha, Hugo Manuel Bernardo

    2013-01-01

    Dissertação apresentada na Faculdade de Ciências e Tecnologia da Universidade Nova de Lisboa para obtenção do Grau de Mestre em Genética Molecular e Biomedicina As leishmanioses são um grupo de doenças de transmissão essencialmente vetorial, causadas por protozoários intracelulares do género Leishmania, que afetam humanos, animais domésticos e silvestres. A leishmaniose canina tem elevada incidência e distribuição alargada em Portugal continental, onde a espécie Leishmania infantum é o age...

  16. Consumo de magnesio y su relación con presión arterial y glucosa en la cohorte de los trabajadores de la salud

    OpenAIRE

    Huitrón Bravo, Gabriel Gerardo

    2015-01-01

    Tesis inédita presentada en la Universidad Europea de Madrid. Facultad de Ciencias Biomédicas. Programa de Doctorado en Biomedicina y Ciencias de la Salud El sobrepeso, incluyendo la obesidad, se relaciona estrechamente con la presencia de hipertensión, dislipidemia y diabetes tipo 2. Esto en conjunto se asocia con un alto riesgo de desarrollar enfermedad cardiovascular. Es sabido que la población Mexicana es considerada de alto riesgo para el desarrollo de Obesidad, Sobrepeso, Hipertensió...

  17. Habilidades verbais e recursos imagéticos na coerência narrativa de eventos autobiográficos

    OpenAIRE

    Luciano da Silva Alencastro; Luciano Ferreira Piccoli; William Barbosa Gomes

    2011-01-01

    A qualidade da narrativa autobiográfica parece depender tanto de habilidades verbais (estilo e coerência), quanto de recursos imagéticos. No entanto, não se sabe qual o impacto de estilos cognitivos verbal/visual na evocação das lembranças que compõem a narrativa. Oitenta e dois estudantes universitários dos cursos de psicologia, letras, biomedicina e odontologia, com idades entre 17 e 54 anos (média = 22,66 anos; DP = 6,2), relataram um evento autobiográfico e responderam a questionários sob...

  18. Terapia celular mediante precursores gabaérgicos y su aplicación en encefalopatías infantiles

    OpenAIRE

    Rodríguez Martínez, Daniel

    2014-01-01

    Tesis Doctoral presentada por el Licenciado Daniel Rodríguez Martínez para optar al grado de Doctor en Biología por la Universidad de Sevilla, en el programa de doctorado de Biología Molecular y Biomedicina en la línea de investigación de Investigaciones Biomédicas (Departamento de Fisiología Médica y Biofísica, Facultad de Medicina, Universidad de Sevilla). Trabajo realizado en el laboratorio de Terapia celular en Neuropatologías del Centro Andaluz de Biología Molecular y Medic...

  19. El Programa Intensivo Erasmus “Towards a Scientific Career: an Introductory Course for Research in Biomedicine and Biotechnology - BIOMED-TECH”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Inmaculada Llamas Company

    2013-11-01

    Full Text Available Dentro del Programa Erasmus Intensivo, y con el objetivo de dirigir alumnos hacia una carrera profesional en el ámbito de la investigación en Biomedicina y Biotecnología aprovechando la fortaleza que aporta el Campus de Excelencia Internacional de la Universidad de Granada (CEI-BioTic como Institución Coordinadora y las universidades de Nottingham (Reino Unido y Bayreuth (Alemania se ha organizado un Workshop destinado a 15 alumnos de másteres relacionados de una manera no excluyente con las áreas de Biomedicina y Biotecnología de forma que participan 5 alumnos de cada una de las Universidades. Como empresas agregadas al proyecto han participado Abbott Laboratories SA, Bio-Iliberis R&D y Neuron Bio así como la Fundación MEDINA. También participarán profesores invitados de prestigio de Universidades y centros de investigación externos al consorcio. El Workshop se ha orientado hacia la tutorización de los alumnos, talleres/prácticas en el campo de la Biomedicina y Biotecnología, visitas programadas a empresas del área, charlas y mesas redondas. Como resultado de estas actividades, que se encuentran en su segunda edición, se ha conseguido en gran medida que los alumnos orienten su actividad profesional hacia la investigación en Biomedicina y/o Biotecnología, conozcan aspectos prácticos de la carrera científica académica y en la industria, conozcan los perfiles científicos profesionales y establezcan una red inicial de contactos en instituciones públicas así como en la industria. Otros resultados alcanzados para el profesorado ha sido el facilitar la cooperación entre universidades y con la industria y establecer procedimientos docentes para la motivación del alumnado hacia la investigación como salida profesional. Actividad financiada por el Organismo Autónomo de Programas Educativos Europeos (OAPEE  2012-1-ES1-ERA10-0083, El Vicerrectorado de Relaciones Internacionales y el Campus de Excelencia CEI-BIOTIC de la

  20. Biología molecular de los vectores adenovirales

    OpenAIRE

    2006-01-01

    La terapia con genes postula el uso terapéutico del DNA como una nueva alternativa de la biomedicina para el tratamiento de las enfermedades humanas. Todas las proteínas están codificadas en el DNA, y muchas enfermedades resultan de: a) la ausencia o expresión aberrante de uno o más genes; b) la ausencia de formas funcionales; c) alteraciones en su proceso de regulación, transporte o degradación. Por lo tanto, tales enfermedades pueden ser potencialmente tratadas, restableciendo la expresión ...

  1. La articulación de saberes populares y bio-médicos entre las comadronas de Rabinal, Baja Verapaz, Guatemala

    OpenAIRE

    Mosquera Saravia, María Teresa de Jesús

    2002-01-01

    La atención de los padecimientos y enfermedades por comadronas en Guatemala, se singulariza porque éstas utilizan saberes, prácticas y representaciones de raigambre maya-achí, adquiridos por medio de la tradición oral, pero también las comadronas utilizan los conocimientos y terapias de la bio-medicina adquiridos en los cursos de capacitación que imparte el Sector Salud Oficial.La conducta pluralística de la comadrona fue el objeto de estudio de la tesis. ¿Cómo la comadrona acudía a la esfera...

  2. Synthesis, characterization and study of supramolecular gel materials based on glycoamphiphiles

    OpenAIRE

    Clemente Oteo, María José; Fitremann, Juliette; Oriol Langa, Luis Teodoro

    2013-01-01

    El trabajo desarrollado en esta tesis, se centra en el campo de la ciencia de los materiales blandos, y en concreto dentro de este campo, en los geles. Los geles, son ampliamente conocidos por sus diversas aplicaciones como por ejemplo, en la alimentación, la cosmética o la biomedicina y se definen como estructuras viscoelásticas formadas por una red entrecruzada tridimensional hecha a partir de moléculas gelificantes que se autoensamblan atrapando el disolvente, el cual es el componente may...

  3. Identificación y caracterización de una glicina oxidasa en Marinomonas mediterranea perteneciente a una nueva familia de qinoproteínas

    OpenAIRE

    Campillo Brocal, Jonatan Cristian

    2016-01-01

    Las L-aminoácido oxidasas (LAOs) son flavoproteínas que oxidan L-aminoácidos en posición alfa y producen el cetoácido correspondiente, amonio y peróxido de hidrógeno, que les proporciona cierta capacidad antimicrobiana. Están ampliamente distribuidas a lo largo de la escala evolutiva y están implicadas en procesos como la defensa innata de peces, sistema inmune de humanos, desarrollo de biofilms bacterianos, etc. El estudio de las LAOs tiene un gran interés en campos como la biomedicina y son...

  4. ¿Bioética narrativa o narrativa bioética?

    OpenAIRE

    Miguel Kottow

    2016-01-01

    Desde los inicios de la bioética, se presenta y agudiza el conflicto entre biomedicina científica basada en evidencia y la bioética preocupada de valores personales y participativos expresados en el consentimiento informado. La medicina terapéutica y la investigación biomédica propician la participación autónoma de pacientes y probandos, la cual se expresa en la narrativa que destaca los valores existenciales de cada persona y el contexto social donde vive. Las humanidades médicas son convoca...

  5. First South american network of biomedical research. Education and biotechnology for health

    OpenAIRE

    2013-01-01

    Se da a conocer la creación del primer programa de integración regional de una red de Institutos de Investigación en Biomedicina pertenecientes a países miembros del MERCOSUR. Se analizan las bases que dieron sustento a su creación y sus objetivos en el mediano y largo plazo. Además, se estima el potencial de los resultados de este programa en los campos de la investigación médica aplicada, educación y biotecnología.It is in our interest, in this brief manuscript, to report the creation of th...

  6. Criterios medline para la selección de revistas científicas. Metodología e indicadores. Aplicación a las revistas médicas españolas con especial atención a las de salud pública

    OpenAIRE

    Emilio Delgado López-Cózar; Rafael Ruiz-Pérez; Evaristo Jiménez-Contreras

    2006-01-01

    Debido en buena parte a los rigurosos procesos de selección que aplica a las revistas que indiza, Medline es la base de datos en Biomedicina y Ciencias de la Salud más prestigiosa del mundo. El objetivo de este trabajo es analizar sus criterios de selección y traducirlos en indicadores para su aplicación a las revistas médicas españolas candidatas a ingresar en el Index-Medicus. Se proponen las muestras de análisis y la metodología a aplicar derivada de los cinco grupos d...

  7. A originalidade da obra de Georg Groddeck e algumas de suas contribuições para o campo da saúde

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucas Nápoli dos Santos

    2013-03-01

    Full Text Available Este artigo tem o objetivo de apresentar algumas ideias sobre medicina, doença, saúde e cura extraídas da obra do médico e psicanalista Georg Groddeck (18661934. A hipótese que norteia o trabalho é de que tais proposições podem contribuir ativamente para a discussão contemporânea sobre os limites da biomedicina e a necessidade de reformulação do modelo de cuidado em saúde ocidental. Primeiramente, são analisadas as origens históricas e filosóficas da biomedicina e alguns dos impasses enfrentados por usuários e profissionais de saúde em função do predomínio da racionalidade biomédica. Em seguida, são tecidas algumas considerações sobre a vida e a obra de Groddeck, culminando na apresentação de quatro importantes contribuições do autor avaliadas à luz dos limites biomédicos.

  8. Habilidades verbais e recursos imagéticos na coerência narrativa de eventos autobiográficos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano da Silva Alencastro

    2011-12-01

    Full Text Available A qualidade da narrativa autobiográfica parece depender tanto de habilidades verbais (estilo e coerência, quanto de recursos imagéticos. No entanto, não se sabe qual o impacto de estilos cognitivos verbal/visual na evocação das lembranças que compõem a narrativa. Oitenta e dois estudantes universitários dos cursos de psicologia, letras, biomedicina e odontologia, com idades entre 17 e 54 anos (média = 22,66 anos; DP = 6,2, relataram um evento autobiográfico e responderam a questionários sobre memória autobiográfica, estilos cognitivos visual-verbal, e imaginação. Os resultados não indicaram a presença de referências visuais na narrativa autobiográfica, mas apontaram para diferenças quanto a estilo verbal, número de palavras e coerência narrativa entre grupos de estudantes (psicologia e letras versus odontologia e biomedicina. A interação entre as três variáveis foi sustentada pela correlação entre coerência narrativa e número de palavras (r = 0,769; p = 0,001, e pelos diferentes perfis narrativos entre cursos universitários.

  9. The experience of educational quality in undergraduate nursing students: a phenomenological study.

    Science.gov (United States)

    Macale, Loreana; Vellone, Ercole; Scialò, Gennaro; Iossa, Mauro; Cristofori, Elena; Alvaro, Rosaria

    2016-01-01

    Scopo. La valutazione della formazione accademica è diventata fondamentale nell'Unione Europea da quando il Processo di Bologna ha incoraggiato tutte le università europee a raggiungere elevati standard di qualità nella formazione. Anche se diversi studi sono stati condotti sulla qualità della formazione negli studenti di infermieristica, pochi hanno esplorato questa tematica dalla prospettiva degli studenti. Lo scopo di questo studio è stato di descrivere l'esperienza della qualità formativa negli studenti del corso di laurea in infermieristica. Metodo. E’ stato utilizzato il metodo fenomenologico per studiare 55 studenti (età media 24 anni; 73% donne) che frequentavano il corso di laurea in infermieristica in tre università del centro Italia. Risultati. Dall'analisi fenomenologica sono emersi i seguenti cinque temi: 1) Qualità dei docenti: capacità di insegnamento, preparazione, sensibilità per gli studenti, autodisciplina; 2) Integrazione teoria-pratica e comunicazione tra l'insegnamento e l'area clinica; 3) gestione generale e organizzazione del corso; 4) la qualità delle infrastrutture: biblioteche, aule, tecnologie dell'informazione, servizi, amministrazione, comunicazione; e 5) tutorato clinico: umanità, relazioni e capacità del tutor clinico di guidare e supportare lo studente. Conclusione. I risultati di questo studio forniscono una comprensione nuova e più approfondita sul significato della qualità della formazione negli studenti di infermieristica. Gli studenti ritenevano che la qualità della formazione consistesse nella sensibilità dei docenti verso i loro problemi e nell’umanità, capacità interpersonali, guida e supporto dei tutor cli.

  10. Bloch Wave Approach to the Optics of Crystals: The Role of Spatial Dispersion

    Science.gov (United States)

    2000-09-29

    of Crystals: The Role of Spatial Dispersion S. Ponti, C. Oldano, and M. Becchi Dipartimento di Fisica del Politecnico di Torino Corso Duca degli...explicitly depends on the wave vector k of the internal plane wave, i.e. F = F(k). The 408 tensor field e(r) is well known for many periodic liquid...structure: eG-eG_+(3) where = (y + q-)21 _ (k + qj(k + q -) (4) 1 is the 3 x 3 identity matrix, (k + q-) (k + q- is a dyadic product, and the vectors

  11. Esperienze geosìsniiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. MIGANI

    1972-06-01

    Full Text Available Si espongono brevemente i r i s u l t a t i di una esperienza
    eseguita allo scopo di rilevare e precisare, con misure in loco, come la velocità
    delle onde sismiche possa variare in mezzi sottoposti a piccoli carichi.
    Vengono pure r i p o r t a t i altri esempi di variazioni di velocità, riscont
    r a t e nel corso di numerose campagne geofìsiche.

  12. Vagabond Antolog Vagabond Antolog

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michaelee Hoffman Franz

    2008-04-01

    Full Text Available In Bennet's anthology, The Vagabond the Bukowski influence is indisputable. Bennet, himself, in fact, the publisher-editor of Vagabond, is a poet who Charles Bukowski has a strong personal influence on. Fox's History of American Poetry sums it up:': . . The big influence on America for better or worse - during the whole period of the 1960's and 70's was Charles Bukowski. . . The Beet Revolution heavily tipped poetry techniques in favor of diction and subject populism (Ginsberg, Kerouac, Corso, Fer linghetti and Bukowski took it that one final step into the streets so that it almost became anti-poetry. . ."

  13. Extracomunitari, quale assistenza ospedaliera?

    OpenAIRE

    2003-01-01

    La composizione etnica dell’Italia è da tempo in corso di trasformazione. Il flusso demografico è stato emigratorio fino al 1973, anno in cui il numero degli immigrati è stato maggiore del numero degli emigrati. Rispetto agli altri paesi occidentali il fenomeno immigratorio in Italia così come nella provincia di Varese, si caratterizza per avere spiccato dinamismo e forte eterogenicità delle etnie presenti. A Varese, secondo i dati dell’ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2001 sono presenti 19944 c...

  14. Human Engineer’s Guide to Auditory Displays. Volume 2. Elements of Signal Reception and Resolution Affecting Auditory Displays.

    Science.gov (United States)

    1984-08-01

    fatigue occurs as a linear function of log-time (Plomp, 1964a). Decay functions that are linear over time also have been reported (e.g., Luscher and...and Miller, 1947; Zwislocki, 1960; Zwislocki and Pirodda, 1952; Luscher and Zwislocki, 1949; Corso, 1958, 1963, 1967; Ward, 1963, 1966, 1970; de Mare...experimental psychology. New York: Wiley, 1951, CH. 25. 11-9 IL NAVTRAEQUIPCEN .D-0011/0037-2 Luscher , E. and Zwislocki, J. "Adaptation of the ear to sound

  15. La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Cristina Folliero

    2013-11-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Premessa – 2. Antefatti e pre-condizioni della legislazione finanziaria vaticana più recente - 3. Il nuovo corso della legislazione finanziaria vaticana: ruolo e funzione dell’art. 17 del Trattato di Lisbona - 4. Chiese e processo di integrazione valoriale europeo - 5. Chiese e processo mercatista di integrazione economica europea - 6. Il processo di integrazione al modello europeo della legislazione finanziaria vaticana - 7. Un processo che continua.

  16. Mortalità e rischio di complicanze epatiche da Malnutrizione Proteico Energetica secondaria a Disturbi del Comportamento Alimentare

    OpenAIRE

    Signorini, Ada

    2006-01-01

    Nei tre anni di corso di dottorato di ricerca in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione ho frequentato l’ Unità di Ambulatorio e Day Hospital per la Malnutrizione secondaria a Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, portando avanti un progetto di ricerca volto a valutare lo stato nutrizionale e le complicanze d’organo in pazienti con DCA. In particolare mi sono soffermata su tre punti...

  17. The Art of Reasonable Lie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Cannas

    2016-07-01

    Full Text Available L’articolo è il resoconto di una lezione-tipo, tenuta in collaborazione dai due autori, pensata come propedeutica e introduttiva al corso per affrontare con gli studenti uno dei problemi fondativi delle poetiche d’autore. Prendendo a esempio diversi testi della tradizione letteraria e figurativa, si propone il tema del rapporto tra verità e menzogna, finzione e realtà, palcoscenico e platea, per far rilevare quanto il gioco del linguaggio possa essere più serio (e utile di quanto appaia.

  18. ANTEPRIMA 2013米兰家具展

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2013-01-01

    ANTEPRIMA於2013米兰家具展(Salone de Mobile)期间在米兰Corso Como总店橱窗展出了年轻设计师的Uros Mihic独特摺纸创作。20年前.意大利品牌ANTEPRlMA由日藉设计总监Izumi Ogino所创立。这亦是一次完美的中西合璧之作。ANTEPRIMA每年都为米兰家具展与不同单位或设计师合作,

  19. Il samizdat a Leningrado negli anni Settanta: struttura e dinamiche di una ‘seconda’ realtà culturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Sabbatini

    2015-07-01

    Full Text Available Il presente lavoro prende in considerazione la generazione di autori e artisti di Leningrado che hanno iniziato la loro attività nel corso degli anni Settata, nel contesto della stampa clandestina nel sottosuolo. Lo studio descrive gli eventi, i gruppi non ufficiali, i principali periodici del samizdat e le attività informali poste in essere da molti giovani scrittori, tra cui Viktor Krivulin e Boris Ivanov, due tra le personalità più rappresentative della cultura sovietica alternativa a Leningrado nel periodo tra il 1975 e il 1981. 

  20. Le zone libere partigiane in provincia di Piacenza: un primo sguardo d’insieme

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iara Meloni

    2016-05-01

    Full Text Available Il saggio traccia un primo quadro delle zone libere partigiane sorte in provincia di Piacenza nel corso dell’estate-autunno 1944, analizzandone sia l’importanza strategico-militare che le realizzazioni in campo politico-amministrativo. In particolare si è evidenziato il ruolo di controllo e coordinamento portato avanti dal Commissariato Civile per i Comuni liberati e liberandi dalle formazioni partigiane istituito nell’ottobre 1944 dal Comitato di Liberazione provinciale di Piacenza con l’intento di supervisionare le attività delle giunte dei Comuni liberati.

  1. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Science.gov (United States)

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  2. Mobile learning: a comparison of knowledge acquisition between two mobile course models

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Giardi

    2017-01-01

    Full Text Available Mobile has become the preferred way for internet access. This important change has generated transformations “equally important” in education and teaching fields, significantly increasing the importance of mobile learning. Using the User-Centered Design and Participatory Planning methodologies, 20 university students were involved in the mobile course model design, defined as “USiena model”. The objective of this research was to compare the model course designed with a model course used by other institutions present in iTunesU platform, hereinafter described as a “Sparring model”. Using the experimental method, 32 students were involved in a “pilot study” built to evaluate the learning level of both models, comparing the knowledge acquired by learners. The experimental hypothesis was that the USiena model, compared to the Sparring model, would facilitate the contents transmission to learners improving learning.  The results of the experimentation confirmed our hypothesis.Mobile learning: una comparazione sull’acquisizione della conoscenza utilizzando due modelli di corsoIl mobile è diventato la modalità privilegiata per l’accesso a internet. Questo importante cambiamento ha generato trasformazioni “altrettanto importanti” nel campo dell’istruzione e dell’insegnamento, facendo aumentare sensibilmente l’importanza dell’apprendimento in mobilità. Utilizzando le metodologie dello User-Centered Design e del Participatory Planning, 20 studenti universitari sono stati coinvolti nella progettazione di un modello di corso mobile, da ora in avanti definito come “modello USiena”. L’obiettivo della presente ricerca era di comparare il modello di corso che è stato progettato, con uno dei modelli di corso utilizzati da altre istituzioni presenti nella piattaforma iTunesU, di seguito descritto come “modello Sparring”. Utilizzando il metodo sperimentale, 32 studenti sono stati coinvolti in uno “studio pilota

  3. Eduardo González Calleja, Paul Aubert, Nidos de espías. España, Francia y la Primera Guerra Mundial 1914-1919

    OpenAIRE

    2015-01-01

    Sempre in ambito degli studi sulla Grande Guerra, segnaliamo anche questo volume uscito nel corso del 2014. Si tratta di uno studio di grande interesse che ha saputo ricostruire con precisione le diverse fasi che caratterizzarono l’evento bellico, rimanendo però lontano dagli scenari di battaglia. In questo caso Eduadro González Calleja (Universidad Carlos III) e Paul Aubert (Université d’Aix-Marseille), hanno infatti voluto raccontare quella che loro stessi hanno indicato come “la guerra inv...

  4. Salvador Cayuela Sánchez, Por la grandeza de la patria. La biopolítica en la España de Franco (1939-1975)

    OpenAIRE

    2015-01-01

    Sebbene nel corso degli ultimi anni il franchismo sia stato al centro di un acceso dibattito storiografico che ha saputo mettere in risalto la natura di quel regime, ancora oggi si assiste ad una decodificazione politico-strutturale di un sistema che tuttavia continua a far discutere. Il professor Salvador Cayuela Sánchez (Universidad de Murcia) presenta forse uno degli studi che con maggior determinazione ha provato ad immergersi nell’analisi di quel corpus politico-dottrinale che dopo l’ins...

  5. Psichiatria e Nazismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Piantato E.;

    2013-01-01

    Full Text Available Obiettivi: La psichiatria si è prestata nel corso di diversi regimi dittatoriali un utile strumento di repressione e annientamento, per il potere costituito. Questo lavoro si pone l’obiettivo di presentare alcune riflessioni su psichiatria e nazismo.Metodologia: Presentazione di alcune riflessioni sul tema proposto. Conclusioni: La psichiatria può essere uno degli indicatori dello stato di civiltà e di salute di una nazione, misurando la capacità di un popolo ad accettare o meno quel che si definisce diversità.

  6. Architettura e iconismo : retorica dei genera dicendi e teoria degli ordini architettonici in Vitruvio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesare Marco Calcante

    2011-05-01

    Full Text Available La concezione mimetica che informa la teoria delle arti visive nell’antichità classica rende estremamente problematico lo statuto di un’arte per sua natura non mimetica come l’architettura. Un problema sotto certi aspetti analogo si è posto agli studiosi che nel corso del ‘900 tentarono di elaborare una semiotica delle arti visive : il concetto di segno iconico, caratterizzato da rapporto di somiglianza col referente, sembrò fornire, in un primo momento, un modello descrittivo adeguato ; ben ...

  7. Il monastero di Bobbio in età altomedievale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Destefanis

    2003-11-01

    Full Text Available Il monastero di Bobbio, sorto sull’Appennino piacentino per iniziativa di S. Colombano e con il sostegno del re longobardo Agilulfo, ha conosciuto una lunga storia di studi che ne hanno messo di volta in volta in luce l’importanza come centro scrittorio e di raccolta di testi, il ruolo di primo piano quale interlocutore delle monarchie avvicendatesi nel corso dell’altomedioevo, la posizione di spicco nell’esperienza del monachesimo insulare sul Continente, riflessa da una cospicua produzione ...

  8. «La critica letteraria è petulante!». Un’esperienza di insegnamento del saper fare critico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Porciani

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo costituisce un resoconto della mia esperienza di insegnamento nel corso di Critica letteraria e letterature comparate presso la Seconda Università di Napoli. In particolare, ho posto al centro dell’attenzione la necessità di fondare l’insegnamento su un approccio teorico, incentrato sul metodo di ricerca, che permetta agli studenti di mettere a punto capacità di analisi e interpretazione e, così facendo, di capire come la critica letteraria sia fondamentale nel loro percorso formativo.

  9. Un GIS INTRA SITE per la Valle del Colosseo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Brienza

    2005-02-01

    Full Text Available Lo scavo del settore occidentale dell’attuale Piazza del Colosseo, svoltosi presso l’area della Meta Sudans (1986-2003 e diretto dalla Prof.ssa Clementina Panella, ha restituito una documentazione imponente. Ad essa continua ad aggiungersi quella prodotta da un nuovo settore di indaginilimitrofo, sito presso le pendici nordorientali del Palatino, aperto nel 2001 e tutt’ora in corso di scavo.

  10. Kohtumispaigad: Tallinna kohvikute interjööre = Meeting Places : Interiors of Tallinn Cafes / Kai Lobjakas ; tõlk. Laila Põdra

    Index Scriptorium Estoniae

    Lobjakas, Kai, 1975-

    2003-01-01

    Tallinna kohvikutest aastail 1930-2003. Vaadeldakse kohvikuid Corso/Harju, Feischner/Tallinn, Palace, Kultas/Moskva, Energia, Narva, Pärl, Pegasus, Tuluke, Szolnok, Tuljak, Vigri, Toome, Corrida, Võitlev Sõna, Robert's Coffee, Rossini, Popular. Sisekujundajad: R. Natus, V. Tomassov, K. Herman, B. Linde, J. Siirak, V. Asi, V. Tamm, L. Pärtelpoeg, N. Kultas, P. Aren, H. Karro, G. Nahkur, L. Tarvas, M. Grünberg, A. Murdmaa, M. Tammik, G. Sarv, A. Maasik, A. Nurk, R. Treu, M. Sulengo, R. Tiitus. 22 vaadet, kaart

  11. La pesca in Alto Adriatico dalla caduta della Serenissima ad oggi : un analisi storica ed ecologica

    OpenAIRE

    Fortibuoni, Tomaso

    2010-01-01

    L’ecologia è una disciplina storica: i processi ecologici in corso sono il risultato di quello che è accaduto nel passato. Non conosciamo però quando e con che intensità l’uomo ha iniziato ad alterare l’ambiente marino, e non conosciamo lo stato “naturale” degli ecosistemi. L’ecologia storica ha come obiettivo lo studio degli ecosistemi e delle sue componenti a posteriori, attraverso il recupero e la meta-analisi di documenti del passato. La ricostruzione dello stato passato (historical basel...

  12. Ken Plummer: la sessualità come costruzione sociale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Toscano

    2009-04-01

    Full Text Available L’idea che la definizione della sessualità, e delle questioni ad essa connesse, vari nel tempo e nello spazio, e che non sia quindi possibile affrontare il tema in termini puramente biologici, è stata esposta ed argomentata dal professor Ken Plummer dell’Università di Essex (UK nel corso di un incontro seminariale promosso dalla professoressa Rosalba Perrotta. L’evento, che si è svolto a Catania presso il dipartimento di Studi Politici della Facoltà di Scienze Politiche il 6 giugno 2008, era inserito tra le attività didattiche del master in Studi Criminologici e Penitenziari.

  13. Oltre i culti ammessi. Prime note sulla gestione giuridica del pluralismo religioso nella legislazione coloniale italiana*

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Botti

    2011-07-01

    Full Text Available Questo saggio comparirà nel volume I diritti culturali religiosi fra l’Africa e l’Europa, a cura diF. Alicino, F. Botti, in corso di stampa.Sommario: 1. Premessa – 2. Dimensione unitaria e settoriale del diritto ecclesiastico italianonella gestione della libertà religiosa nelle colonie italiane – 3. I primi provvedimenti di tuteladella libertà religiosa e dei culti nella legislazione coloniale 4. – Le linee comuni del “dirittoecclesiastico coloniale” 5. – L’avventura coloniale e la ricomposizione del conflitto tra stato eChiesa cattolica. 6. – Alcune prime sommarie considerazioni

  14. El club Dumas d’Arturo Pérez-Reverte ou une métaphore de la lecture

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marie-Thérèse Garcia

    2009-12-01

    Full Text Available Corso, personnage-lecteur de El club Dumas d’Arturo Pérez-Reverte assiste impuissant à la contamination de son univers référentiel « réel dans le roman » par des êtres de fiction issus des Trois mousquetaires d’Alexandre Dumas. Gagné peu à peu par le syndrome de don Quichotte, le détective de livres interprète sa réalité fictionnelle à travers le prisme de son imaginaire. L’infortuné Corso, dupé par un narrateur-personnage d’une mauvaise foi aussi efficace que redoutable et manipulé par un auteur expert en stratégie narrative, vit une aventure « métaleptique ». Par un jeu spéculaire, le comportement irrationnel du protagoniste renvoie le lecteur réel à sa propre responsabilité dans l’acte de lecture. La fable, traitée de façon ludique, illustre une métaphore de la lecture et donne lieu à un questionnement vertigineux sur les frontières entre réalité et fiction.

  15. Inter duos fluvios: il praedium Ueldes e le origini della signoria territoriale dei vescovi di Bressanone a Bled, nella marca Creina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Albertoni

    2006-06-01

    Full Text Available A partire dall’età ottoniana, alcune sedi vescovili del regno teutonico ottennero importanti beni fondiari e diritti signorili in Carniola, nelle Alpi orientali, al fine di garantire un controllo imperiale, sia pur indiretto, sulle regioni poste ad terminos Sclavorum.  In questo contesto Albuin, vescovo di Sabiona-Bressanone, nel 1004 ottenne dall’imperatore Enrico II il praedium Ueldes, presso l’odierna città slovena di Bled, attorno al quale nel corso del secolo XI i vescovi di Bressanone acquisirono in modo mirato beni e diritti, come il banno di caccia, in una sorta di work in progress che permise loro la costruzione di una signoria bannale gradualmente sempre più compatta e meglio definita, che aveva il suo fulcro nel castellum di Bled ed era nettamente delimitata verso nord-est e sud-est dal corso dei due rami del fiume Sava e dal torrente Tržiška Bistrica, mentre verso ovest era racchiusa in modo meno definito dalle Alpi Giulie. Questi confini, con qualche marginale aggiustamento, circoscrissero la signoria brissinese di Bled sino all’età napoleonica, quando gran parte delle proprietà della Chiesa di Bressanone fu secolarizzata.

  16. Lo scavo delle Case bizantine e dell' Edificio Sud: risultati preliminari dallo studio della ceramica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna M. Fabrini

    2010-03-01

    Full Text Available Fin dal 1983 le ricerche archeologiche dell’Università di Macerata a Gortina di Creta si sono concentrate con particolare attenzione nell’indagine sia del Quartiere bizantino (le cosiddette Case Bizantine, ad Ovest del Pretorio, sia della Strada Ovest, sulla quale lo stesso Pretorio ed il Quartiere si affacciano. Il principale obiettivo delle ricerche in corso riguarda lo scavo del cosiddetto Edificio Sud nell’area sud-orientale del quartiere, che ha oggi consentito di pervenire alla redazione della planimetria particolareggiata e alla definizione delle principali fasi cronologiche del monumento (dalla fondazione negli ultimi decenni del IV secolo alla sua distruzione finale con il terremoto del 670, mentre sono tuttora oggetto di indagine la sua funzione (evidentemente pubblica ed i suoi rapporti sia con la grande Strada Ovest, sia con la realtà urbanistica in cui era inserito nel tempo. Un ulteriore obiettivo degli studi in corso è rappresentato anche dall’edizione completa degli scavi condotti nel periodo 1983-1991 in un’ area carattere prevalentemente abitativo ed artigianale, che ha portato notevoli contributi in relazione sia all’analisi dei modelli insediativi diffusi a Creta tra V e VIII secolo d.C., sia allo studio dell’instrumentium domesticum nelle medesime fasi cronologiche.

  17. Usefulness of ileostomy defunctioning stoma after anterior resection of rectum on prevention of anastomotic leakage A retrospective analysis.

    Science.gov (United States)

    Salamone, Giuseppe; Licari, Leo; Agrusa, Antonino; Romano, Giorgio; Cocorullo, Gianfranco; Falco, Nicolò; Tutino, Roberta; Gulotta, Gaspare

    2016-01-01

    Una delle principali e più temute complicanze della resezione anteriore di retto è stata ed è la deiscenza anastomotica. Solitamente, sia essa una scelta di principio od a discrezione del chirurgo operatore, viene confezionata una ileostomia laterale di sicurezza con lo scopo di prevenire tale circostanza. Scopo di tale studio è stato quello di investigare circa la utilità della stomia laterale di sicurezza quale strumento di prevenzione della deiscenza anastomotica, mettendo a paragone il decorso post-operatorio dei paziente con e senza stomia laterale. Le evidenze hanno portato alla conclusione che il confezionamento della stomia laterale di sicurezza è fattore di protezione non tanto dell’evento deiscenza anastomotica in senso stretto, quanto delle complicanze e della evoluzione clinica della stessa, vedasi ad esempio tasso di ricorrenza di deiscenza/quadro clinico in corso di deiscenza/ tempi di degenza, pur rendendosi necessario sottolineare l’assenza di significatività statistica nel tasso di mortalità nei due gruppi in studio. Cosi detto appare dunque sinottico affermare che il confezionamento di ileostomia laterale di sicurezza in corso di resezione anteriore di retto non determina una diretta azione sull’evento “deiscenza anastomotica” né “morte”, purtuttavia modifica certamente in positivo il decorso clinico ed evolutivo dell’evento “deiscenza anastomotica”.

  18. Individual differences in responses toward a mirror by captive tufted capuchin monkeys (Cebus apella / Differenze individuali nelle risposte allo specchio nei cebi dai cornetti (Cebus apella

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Cristina Riviello

    1993-06-01

    Full Text Available Abstract The study examines the responses directed toward a mirror by capuchin monkeys tested both individually (Phases I-III and in group (Phase IV. Subjects were four laboratory-born and tool-using Cebus apella. Manipulative responses decreased over phases for all subjects, whereas social responses decreased in the two adult monkeys and increased in the two juveniles. In addition, one subject preformed peculiar manipulations of the mirror, and the adult male showed reactions typical of psychological distress. No evidence of self-recognition was found. Riassunto Questo studio esamina i comportamenti diretti allo specchio di alcuni cebi dai cornetti testati sia individualmente (Fase I-III sia in gruppo (Fase IV allo scopo di investigare capacità di autoriconoscimento in questa specie. Sono stati osservati 4 soggetti appartenenti a differenti classi di età. Le risposte allo specchio sono state di tipo sociale e manipolativo. Durante il corso delle osservazioni le risposte manipolative sono diminuite in tutti i soggetti presi in esame mentre quelle sociali sono aumentate nei giovani e diminuite negli adulti. Nel corso dell'esperimento i cebi non hanno mostrato capacità di autoriconoscimento.

  19. Franco Modigliani e la teoria del ciclo vitale del consumo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angus Deaton

    2005-06-01

    Full Text Available Nei primi anni ’50, Franco Modigliani e il suo studente Richard Brumberg elaborarono una teoria della spesa fondata sull’idea che gli individui effettuano scelte intelligenti su quanto desiderano spendere a ogni età, con il solo limite delle risorse disponibili nel corso della loro vita. Attraverso l’accumulo e il decumulo delle attività, chi lavora può provvedere alla propriapensione e, più in generale, può adattare i propri modelli di consumo alle esigenze che sipresentano alle diverse età, indipendentemente dal reddito disponibile in ogni momento della suavita. Questa semplice teoria conduce a previsioni rilevanti e non scontate per l’economia nel suo complesso, ad esempio che il risparmio nazionale dipende dal tasso di crescita del reddito nazionale e non dal suo livello, e che esiste una semplice relazione tra il livello della ricchezza nelsistema economico e la lunghezza del periodo trascorso in pensione. Tali previsioni, non verificabili negli anni ’50, hanno trovato considerevole sostegno empirico in successivi lavori di Modigliani e di altri ricercatori. Sebbene nel corso degli anni la teoria del consumo abbia subitonumerosi attacchi, i più recenti dei quali mossi da una coalizione di psicologi ed economisti,l’ipotesi del ciclo vitale rimane una parte essenziale del pensiero degli economisti.

  20. La riscoperta della stereoscopia per la rappresentazione dello spazio architettonico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Garagnani

    2011-06-01

    Full Text Available Il progressivo sviluppo dei metodi della rappresentazione grafica nel corso della storia è stato possibile in virtù della scoperta di strumenti e tecniche appartenenti al loro tempo: questo continuo progresso delle modalità di “raccontare” l’architettura è tuttora in corso di evoluzione, costituendo il fondamento di ogni strategia informativa e di comunicazione del progetto. Il sempre più pervasivo trattamento digitale dell’informazione, sia essa grafica che testuale, ha condotto ad una progressiva riscoperta di approcci tradizionali nella descrizione dello spazio costruito, declinandoli alle nuove tecnologie informatiche per amplificarne possibilità e valenze. È il caso della stereoscopia, diffuso metodo ottocentesco adottato in fotografia per rendere spaziale la percezione dell’immagine sfruttando la visione binoculare; oggi i modelli tridimensionali e le immagini digitali catturate da apposite fotocamere rendono l’approccio stereoscopico di immediato utilizzo anche per i profani della rappresentazione, semplificando e rendendo trasparenti i concetti di geometria proiettiva alla base del metodo. Questo contributo intende indagare le funzionalità, i vantaggi e le criticità della tecnologia stereoscopica immersiva nella moderna comunicazione del progetto d’architettura.

  1. Diálogo de saberes médicos y tradicionales en el contexto de la interculturalidad en salud

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luz María Espinosa Cortés

    2009-01-01

    Full Text Available Actualmente vivimos en sociedades pluridiversas y complejas. De ahí que sus representaciones sociales y prácticas individuales colectivas no sean un obstáculo para el diálogo entre la biomedicina o los conocimientos científicos y los conocimientos tradicionales o locales. Hay algunos esfuerzos serios de médicos del sector oficial para vincular ambos enfoques a fin de facilitar este diálogo, en particular durante la consulta médica, que es un espacio de confrontación cultural. A través del diálogo de saberes, a nivel individual, se pretende que la consulta sea más cálida y humana y, a nivel colectivo, promover en las comunidades la autogestión para el mejoramiento de la salud.

  2. Conceitos, classes e/ou universais: com o que é que se constrói uma ontologia?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrícia Cunha França

    2009-05-01

    Full Text Available

    O termo 'ontologia' é frequentemente usado no âmbito da Ciência da Computação para referir-se a uma "especificação [...] de uma conceptualização" (Gruber, 1993: 2. Mas será de conceitos que a ontologia trata? Smith, por exemplo, que tem vindo a desenvolver o seu trabalho sobre ontologias no âmbito da biomedicina argumenta que as ontologias, pelo menos as ontologias científicas de domínio específico e científico, não tratam de conceitos mas de universais (Smith, s.d.

    Este artigo tem por objectivo analisar os termos usados por diferentes autores, que têm vindo a contribuir para o estudo das ontologias, de forma a encontrar um denominador comum.

  3. Conceitos, classes e/ou universais: com o que é que se constrói uma ontologia?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrícia Cunha França

    2009-05-01

    Full Text Available O termo 'ontologia' é frequentemente usado no âmbito da Ciência da Computação para referir-se a uma "especificação [...] de uma conceptualização" (Gruber, 1993: 2. Mas será de conceitos que a ontologia trata? Smith, por exemplo, que tem vindo a desenvolver o seu trabalho sobre ontologias no âmbito da biomedicina argumenta que as ontologias, pelo menos as ontologias científicas de domínio específico e científico, não tratam de conceitos mas de universais (Smith, s.d.Este artigo tem por objectivo analisar os termos usados por diferentes autores, que têm vindo a contribuir para o estudo das ontologias, de forma a encontrar um denominador comum.

  4. Tecnologías convergentes en los países andinos: El caso de la nanotecnología

    OpenAIRE

    Aguirre Bastos, Carlos; Mercado, Alejandro F.; Aguirre A., José Luis; Portugal E., Rigliana; Paredes C., Carlos F.; Aguilar, Tirza J.; Forero P., Clemente; Gómez Baquero, Fernando; Banda, Hugo; Jaramillo, Rocío; Vega Centeno, Máximo; Morales, Rosa; Piselli, Roberto; Gutarra E., Abel; Vessuri, Hebe

    2007-01-01

    Las tecnologías convergentes se refieren a la combinación sinérgica (en dúos, tríos o cuartetos) de varias tecnologías transformativas (a) nanociencia y nanotecnología; (b) biotecnología y biomedicina, incluyendo la ingeniería genética; (c) tecnología de la información, incluyendo comunicación y computación avanzada y (d) ciencias cognitivas, incluyendo la neurociencia cognitiva. EI rápido desarrollo de estas tecnologías y su impacto hace que las políticas públicas y los sistemas de gobernabi...

  5. De escarabajos y otros bichos: intimidades del paciente mental en los laberintos del capitalismo biomédico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María Angélica Ospina Martínez

    2011-09-01

    Full Text Available El mercado global farmacéutico ha provocado en la actualidad una actitud distinta frente a la enfermedad. Médicos, enfermeros y terapeutas alópatas son hoy “ofertantes”, mientras sus pacientes se han convertido en “usuarios”, consumidores de bienes y servicios para aliviar su sufrimiento. El tratamiento de la enfermedad mental en el medio hospitalario no escapa de esta lógica mercantil de la biomedicina. A través de un relato etnográfico y de las narrativas de algunos pacientes institucionalizados, el artículo aborda algunas expresiones íntimas de la experiencia de la locura en el marco del capitalismo biomédico en Bogotá, Colombia.

  6. [The system of biomedical scientific information of Serbia].

    Science.gov (United States)

    Dacić, M

    1995-09-01

    Building of the System of biomedical scientific information of Yugoslavia (SBMSI YU) began, by the end of 1980, and the system became operative officially in 1986. After the political disintegration of former Yugoslavia SBMSI of Serbia was formed. SBMSI is developed according to the policy of developing of the System of scientific technologic information of Serbia (SSTI S), and with technical support of SSTI S. Reconstruction of the System is done by using former SBMSI YU as a model. Unlike the former SBMSI YU, SBMSI S owns besides the database Biomedicina Serbica, three important databases: database of doctoral dissertations promoted at University Medical School in Belgrade in the period from 1955-1993, database of Master's theses promoted at the University School of Medicine in Belgrade from 1965-1993; A database of foreign biomedical periodicals in libraries of Serbia.

  7. Dificultades en la enseñanza de prácticas de sexo seguro y en la adherencia al uso del preservativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guillermo Terán-Ángel

    2012-03-01

    Full Text Available Felici taciones a todo el equipo editorial por el lanzamiento de la Revista Avances en Biomedicina, publicación oficial del Instituto de Inmunología Clínica de la Universidad de los Andes. Nuestros mejores augurios para que este órgano de divulgación se consolide nacional e internacionalmente en la difusión de la producción científica de nuestra región. Les agradece mos profundamente la oportunidad que nos ofrecen al sector comunitario, permitiéndonos exponer nuestros puntos de vista que, en este caso en particular , se generan en el seno de las organizaciones que hacemos vida en la respuesta a la epidemia del VIH/sida.

  8. The normative framework of the protection of personal data in the field of (biomedicine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rajić Nataša

    2012-01-01

    Full Text Available This paper discusses the normative framework of regulating the right to protection of personal data relating to biomedical treatment procedures of patients as human rights. The subjects of analysis are the European Convention, the Convention on Human Rights and Biomedicine and the relevant provisions of the Constitution of the Republic of Serbia. The right to protection of personal data in the field of biomedicine is analyzed comparatively in terms of the content of this right and in terms of basis for limiting this right. The analysis is carried out to find answers to the question if the constitutional framework is consistent in terms of exercising this right, taking into account the constitutional provision on the direct application of human rights guaranteed by international treaties and other provisions that determine the status of international sources of law in our legal system. [Projekat Ministarstva nauke Republike Srbije, br. 179079: Zaštita životne sredine, biomedicina i pravo

  9. Análisis contrastivo español/inglés de la atenuación retórica en el discurso médico: el artículo de investigación y el caso clínico

    OpenAIRE

    Oliver del Olmo, Sònia

    2004-01-01

    La presente tesis doctoral tiene como propósito el estudio del fenómeno sociopragmático llamado atenuación retórica (hedging en inglés) en dos géneros distintos del discurso médico escrito: los artículos de investigación científica y los informes de caso o casos médicos. Con este fin se examina un corpus de ambos géneros escritos en español y en inglés (L2) por científicos españoles y publicados en revistas científicas de prestigio en el campo de la biomedicina . Se comparan los resultados ob...

  10. Presentación de las V Jornadas del Instituto de Inmunología Clínica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guillermo Terán-Ángel

    2013-12-01

    Full Text Available La "V Jornada Científica del Instituto de Inmunología Clínica de la Universidad de los Andes" es un evento que se realiza en e l marco de la celebración de nuestro vigésimo aniversario de creación. En estas Jornadas se realizan actividades académicas de actualización (conferencias, presentación de trabajos libres, cursos y talleres prejornadas en el área de la inmunología y en general de las diferentes ramas de la biomedicina. Como eventos previos a las Jornadas se realizan dos cursos, el primero de clonación y producción de proteínas recombinantes seguido de un curso de inmunodiagnóstico . También se realiza un taller de manejo de infecciones recurrentes

  11. Red de coordinación de las asignaturas del área de conocimiento de Inmunología (Grado en Biología)

    OpenAIRE

    Sempere Ortells, José Miguel; Sen Fernández, María Luz de la; Marco de la Calle, Francisco Manuel; Vázquez Araujo, Begoña; García Irles, Magdalena; Martínez Peinado, Pascual

    2015-01-01

    El rápido desarrollo de la Inmunología durante el pasado y presente siglo, ha hecho que la Inmunología sea actualmente la ciencia que más interrelación tiene con otras disciplinas del campo de la Biología y de la Biomedicina en general. Su carácter multidisciplinar hace que se integre y se complemente a la perfección con multitud de disciplinas biomédicas. Por otro lado, cada día aumenta el número de enfermedades en las que se reconoce que la participación del sistema inmunitario, es la causa...

  12. Del biopoder al cinepoder en los dispositivos de bioseguridad de la Unión Europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Torrejón

    2016-09-01

    Full Text Available En pleno siglo XXI, la biomedicina y la biotecnología se han convertido en dos características fundamentales del mundo en el que vivimos. Sin duda, el autor que más se ha trabajado para analizar las repercusiones políticas de estos avances ha sido Michel Foucault a partir de su concepción del biopoder y posteriormente Nikolas Rose al hablar de ethopolítica. Nuestra propuesta afirma que las ideas de ambos sobre lo biótico se engloban en un dispositivo de gestión y administración mayor que lo convierte en una trayectoria o flujo de movimiento, al que denominamos cinepoder. Mediante un estudio de caso de los dispositivos de bioseguridad de la Unión Europea, ilustraremos las características del cinepoder y sus implicaciones sobre el bios.

  13. Optimization of lattice cells materials aiming at thermomechanical applications including isotropy constraints

    OpenAIRE

    Danilo Colletta Guth

    2012-01-01

    Inspirados por materiais encontrados na natureza, pesquisadores têm estudado a utilização de materiais celulares em diversas aplicações como biomedicina, engenharia aeroespacial e militar. O ganho em relação ao material base é a excelente relação entre peso e propriedades diversas como: rigidez ao cisalhamento; condutividade térmica/elétrica; absorção de impacto, ruído e vibrações. Uma classe específica são os materiais constituídos por células treliçadas. Estes possuem estrutura periódica, f...

  14. Nuevos dispositivos electrónicos para interaccionar con el sistema nervioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernández Jover, Eduardo

    2004-02-01

    Full Text Available Las enfermedades y accidentes que causan daños en el sistema nervioso suelen tener dramáticas consecuencias. Esto hace que en la actualidad se estén realizando grandes esfuerzos para el desarrollo de tratamientos capaces de restablecer las funciones perdidas. En este contexto, los recientes avances tecnológicos en el campo de la biomedicina, neurobiologia e ingeniería, están permitiendo desarrollar y fabricar neuroprótesis que pueden llegar a proporcionar nuevas vías de tratamiento para la recuperación parcial de algunas de estas patologías. El propósito de este trabajo es presentar algunos ejemplos de sistemas de neuroprótesis en diferentes fases de evolución y discutir sus logros y sus limitaciones.…

  15. EQUACIONAMENTO E MODELAGEM DA BOBINA BIFILAR DE TESLA

    OpenAIRE

    Caio Marcelo de Marcelo de Miranda; Sérgio Francisco Pichorim

    2012-01-01

    A Biotelemetria apresenta-se como uma importante técnica que possui várias aplicações na área de Biomedicina e outras. A dimensão da unidade remota ou sensora constitui um grande desafio dentro desta área, sendo que na maioria dos casos,deseja-se uma unidade o menor possível. Desta maneira, sensores passivos são interessantes, pois possibilitam uma menor dimensão do dispositivo e não necessitam de uma fonte própria de energia, ou bateria, que pode causar danos ao indivíduo monitorado caso oco...

  16. Once daily levocetirizine for the treatment of allergic rhinitis and chronic idiopathic urticaria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    E Nettis

    2008-12-01

    Full Text Available E Nettis1, G F Calogiuri2, E Di Leo1, F Cardinale3, L Macchia1, A Ferrannini1, A Vacca1,41Section of Allergology and Clinical Immunology, Department of Internal Medicine and Infectious Diseases; 24th Pneumology Department, Pneumologic Hospital A Galateo, San Cesario di Lecce, Italy; 3Department of Biomedicina dell’Età Evolutiva, Pediatrics Unit “S Maggiore”; 4Department of Internal Medicine and Clinical Oncology, University of Bari Medical School, Bari, ItalyAbstract: Levocetirizine is the pharmacologically active enantiomer of cetirizine. It is a potent histamine H-1 receptor antagonist with anti-inflammatory and antiallergic properties. The review analyses the levocetirizine’s properties in terms of safety and efficacy both in allergic rhinitis and urticarioid syndromes.Keywords: allergic rhinitis, chronic idiopatic urticaria, levocetirizine

  17. Epistemologia contemporanea e saude : a luta pela verdade e as praticas terapeuticas

    OpenAIRE

    Charles Dalcanale Tesser

    2004-01-01

    Resumo: Vários dilemas relacionais, éticos e terapêuticos da atenção à saúde biomédica estão relacionados com aspectos da epistemologia hegemônica aplicada na saúde, baseada num ideário positivista, cartesiano, representacionista e mecanicista, proveniente da física clássica. Esse ideário também dificulta o relacionamento da biomedicina com os curadores não-científicos. Todavia, autores contemporâneos têm introduzido mudanças na epistemologia das ciências naturais, que, por hipótese, podem co...

  18. Institutos de investigación sanitaria e investigación traslacional: análisis exploratorio del papel facilitador de la gestión de la calidad

    OpenAIRE

    Cremades Cremades, Enrique

    2016-01-01

    El fenómeno de la investigación traslacional ha irrumpido en el mundo de la biomedicina en la última década como una forma de investigación biomédica que persigue la incorporación de los avances científicos en la práctica médica. Puesto que el tránsito del conocimiento desde el laboratorio hasta el paciente está sometido a un gran número de obstáculos, el proceso de traslación resulta sumamente ineficiente. De hecho, distintos estudios sugieren que menos de una décima parte de los avances bio...

  19. Juan Negrín (1892-1956 ) y la investigación experimental en el Laboratorio de Fisiología de la Junta para Ampliación de Estudios

    OpenAIRE

    1990-01-01

    En el marco del despliegue institucional que vivió la ciencia española durante las tres primeras décadas de nuestro siglo debido a la labor desempeñada por la J.A.E., la investigación experimental en biomedicina ocupó una posición muy preferente, merced a la creación de nuevos laboratorios de Histología normal y patológica, Anatomía microscópica o Serologia y Bacteriología que, junto al Instituto Cajal, elevaron su nivel científico y su prestigio internacional. El Laboratorio de Fisiología Ge...

  20. BIOPOLÍTICA: FOUCAULT Y DESPUÉS. CONTRAPUNTOS ENTRE ALGUNOS APORTES, LÍMITES Y PERSPECTIVAS ASOCIADOS A LA BIOPOLÍTICA CONTEMPORÁNEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Bianchi

    2014-12-01

    Full Text Available Los estudios que tributan a la perspectiva de la biopolítica inaugurada con Foucault abarcan actualmente un nutrido conjunto de objetos de estudio empíricos y de reflexiones teóricas. Como un aporte al campo de los estudios sobre la biopolítica, el objetivo del artículo es analizar algunas de estas producciones, enfocadas en las transformaciones de la biomedicina contemporánea, sistematizando nociones como cuerpo, tecnologías, gubernamentalidad, normalización y medicalización, entre otras; que constituyen matrices de inteligibilidad de la problemática en dicho campo. Empleando métodos analítico-interpretativos sobre bibliografía específica, el artículo recupera y desarrolla el modo como Foucault consideró estos tópicos, marcando los aportes de trabajos posteriores desde diversos autores, y las reformulaciones que tales estudios suponen. Las conclusiones incluyen que algunos conceptos analizados marcan las líneas de continuidad de estos trabajos con los aportes foucaulteanos, a la vez que con sus contribuciones dejan expuestos los límites de tales aportes. Además, se concluye que la perspectiva de Foucault constituye una referencia insoslayable para aproximarse a los fenómenos relacionados con las transformaciones en la biomedicina contemporánea, pero que es necesario ampliar el horizonte de sus contribuciones teóricas y metodológicas para dar cuenta de la complejidad y novedad de tales fenómenos.

  1. Analisi matematica

    CERN Document Server

    Canuto, Claudio

    2014-01-01

    Il presente testo intende essere di supporto ad un secondo insegnamento di Analisi Matematica in quei corsi di studio (quali ad esempio Ingegneria, Informatica, Fisica) in cui lo strumento matematico parte significativa della formazione dell'allievo. I concetti e i metodi fondamentali del calcolo differenziale ed integrale in più variabili, le serie di funzioni e le equazioni differenziali ordinarie sono presentati con l'obiettivo primario di addestrare lo studente ad un loro uso operativo, ma critico. L'impostazione didattica dell'opera ricalca quella usata nel testo parallelo di Analisi Matematica I. La modalità di presentazione degli argomenti ne permette un uso flessibile e modulare. Lo stile adottato privilegia la chiarezza e la linearità dell'esposizione. Il testo organizzato su due livelli di lettura. Uno, più essenziale, permette allo studente di cogliere i concetti indispensabili della materia, di familiarizzarsi con le relative tecniche di calcolo e di trovare le giustificazioni dei principali r...

  2. Introducing ultrasound-guided vein catheterization into clinical practice: A step-by-step guide for organizing a hands-on training program with inexpensive handmade models.

    Science.gov (United States)

    Di Domenico, S; Licausi, M; Porcile, E; Piaggio, F; Troilo, B; Centanaro, M; Valente, U

    2008-12-01

    Sommario INTRODUZIONE: Il catetererismo venoso centrale (CVC) riveste un ruolo fondamentale nella gestione del paziente ospedalizzato. La tecnica eco-guidata è la metodica che assicura una più elevata percentuale di successo e permette un più sicuro e rapido posizionamento di CVC rispetto alla tecnica tradizionale. Tuttavia, la diffusione di tale metodica è ostacolata dall'assenza di uno specifico training durante i corsi di specializzazione in anestesia e chirurgia. Al fine di introdurre la tecnica eco-guidata, abbiamo organizzato un training producendo e utilizzando modelli in agar. METODI: Sono stati costruiti tre differenti modelli utilizzando contenitori per alimenti, segmenti di laccio emostatico, tubo in silicone e gelatina a base di agar. RISULTATI: Un training specifico per la puntura ecoguidata è stato effettuato utilizzando i modelli prodotti. Il training ha consentito una rapida acquisizione delle basi tecniche per effettuare il posizionamento di CVC eco-guidato. Il costo medio di ogni modello è risultato inferiore a 5 euro. DISCUSSIONE: I modelli prodotti in agar si sono rivelati un utile strumento per acquisire la coordinazione di base necessaria per la puntura eco-guidata. Il loro basso costo ne può permettere una ampia diffusione e può incentivare la realizzazione di nuovi percorsi educativi al fine di introdurre tale tecnica nella pratica clinica.

  3. Maria Iliescu - Wagner Marxgut (eds, Latin vulgaire - Latin tardif III, Actes du Ill ème Colloque international sur le latin vulgaire et tardif (Innsbruck, 2-5 septembre 1991; Tübingen, Niemeyer, 1992; X + 368 pagine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavao Tekavčić

    1994-12-01

    Full Text Available Questo volume raccoglie gli Atti del IIIcolloquio internazionale sul latino volgare e tardo, organizzato dalla prima curatrice assieme ad un gruppo di altri studiosi dell'Università di Innsbruck. Ci sono trenta contributi (non ventinove, come detto alla p. IX, di cui quattordici in tedesco, dodici in francese e quattro in spagnolo. Gli autori si dedicano a tutto l'arco della latinità dalla Cena Trimalchionis ai testi dei secc. XVI-XVIII; quanto ai livelli linguistici, predominano il lessico e la semantica, ma non mancano nemmeno i livelli grafico, fonetico-fonologico e morfosintattico, nonché interessanti accenni alla pragmatica e ai problemi sociolinguistici e testuali. La maggioranza degli autori offre fatti nuovi e/o reinterpretazioni in chiave moderna di quanto già noto. A nostro avviso sono particolarmente interessanti i due contributi dedicati alla lingua dei documenti recentemente scoperti (numm. 9 e 23, mentre al polo opposto si trovano i contributi di carattere polemico (num. 24 o addirittura vere e proprie stroncature (num. 22. In seguito diamo i riassunti dei contributi, con le nostre osservazioni. La numerazione 1-30 è nostra.

  4. Il ruolo di Betlemme nella storia cristiana e nella posizione della Santa Sede

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Coppola

    2013-01-01

    Full Text Available Relazione al II Seminario “L'Étoile de Bethléem”, Bethléem et le rôle international des villes pour la paix (Centre de la Paix, Bethléem, 20-22 dicembre 2008, organizzato dall'ISPROM - Istituto di Studi e Programmi per il Mediterraneo, dalla Conférence permanente des Villes historiques de la Méditerranée, nonché dall'Unità di ricerca “Giorgio La Pira”del Consiglio Nazionale delle RicercheSOMMARIO: 1. Osservazioni introduttive e metodologiche - 2. Betlemme nella Bibbia - 3. Politica, cultura e religione: dalla dominazione romana alla disfatta dei mamelucchi - 4. Dall'occupazione turca ai nostri giorni; il predominio della storia politica - 5. La “nouvelle histoire” e la posizione della Santa Sede - 6. L'assedio israeliano alla Basilica della Natività - 7. Il “paradosso cristiano” e la città nascosta. Il muro della vergogna.

  5. Simboli religiosi e processo di mediazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Colaianni

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli Atti del Seminario Internacional de Profesores sul tema“Neutralidad del estado, religiones e ideologías”, organizzato dall’Universidad Complutense, tenutosi a Madrid il 21 novembre 2013.SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a la posizione di simboli religiosi – 3. (segue: b la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale: rimozione e posizione di simboli religiosi - 5. Dal processo conflittuale a quello mediatorio – 6. Riflessi del processo di mediazione sui simboli religiosi.ABSTRACT Religious Symbols and Alternative ProceedingsReligious symbols are becoming the object of a new forum of the ancient religious wars: those between believers and nonbelievers instead of between different organized religions like in the past. The Author describes the numerous judgements that were passed in the last years by U.S. and European Courts with particular reference to two kinds of public space: roads, parks, ecc. and public buildings. But he points out that the the ordinary trial is ineffective for resolution of cultural and religious conflicts and holds the utility of an alternative proceeding: the mediation between believers and nonbelievers, always in respect of liberty of conscience for everyone.

  6. Autografi medievali e filologia. In margine a un convegno paleografico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Chiesa

    2015-07-01

    Full Text Available Partendo dalla pubblicazione degli Atti del convegno Medieval Autograph Manuscripts, organizzato a Lubiana dal Comité International de Paléographie Latine nel settembre 2010, si esprimono alcune considerazioni  sullo studio degli autografi letterari medievale, un terreno oggi ampiamente battuto anche sul versante filologico. I manoscritti autografi dimostrano fra l’altro che lo scrittore medievale era fortemente consapevole del proprio ruolo creativo, che si esprimeva non solo nella redazione del testo, ma anche nella determinazione della forma fisica del libro destinato a ospitare il testo (impostazione di pagina, strutturazione interna, elementi decorativi, paratesti. Rientra fra i compiti del filologo individuare o ricostruire tale “forma dell’opera” originale, quando è possibile, anche nel caso in cui del testo siano conservate solo copie derivate. Reviewing the Proceedings of the conference Medieval Autograph Manuscripts (held in Ljubljana, Sept. 2010, promoted by Comité International de Paléographie Latine, this paper proposes some methodological remarks on medieval literary autographs, now widely studied also on the philological side. Literary autographs show that medieval writers were strongly aware of their creative role, expressed not only in making texts, but also in deciding the physical forms of the books (page setup, internal structure, decorative elements, paratexts. Identifying or reconstructing such an original “form of the work” (even, when possible, if the text is preserved only in apographs belong to the philologists’ tasks.

  7. La piattaforma logistica di Leixões, Portogallo, e il suo territorio.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Campolongo

    2010-07-01

    Full Text Available L’obiettivo dell’articolo è l’analisi critica del progetto preliminare della piattaforma di Leixões, nell’area metropolitana di Porto, al fine di verificare le modalità con cui sono state affrontate le questioni relative alla connessione tra mobilità dedicata e mobilità ordinaria, il rapporto con i caratteri del sistema insediativo in cui l’area è inserita, le relazioni con le zone di protezione ambientale contigue alla parte meridionale del polo logistico. Sulla base di questa attenta disamina sono state avanzate delle ipotesi progettuali tese a modificare alcuni aspetti della impostazione insediativa del progetto, pur mantenendo sostanzialmente inalterato il layout d’insieme della struttura. L’articolo è organizzato in cinque sezioni. All’introduzione segue una breve descrizione del sistema logistico in Portogallo e del Piano nazionale della Logistica. La sezione 3 è dedicata alla presentazione del progetto preliminare della piattaforma di Leixões e la sezione 4 all’analisi critica di tale progetto e alle possibili ipotesi progettuali alternative. Seguono le considerazioni conclusive.

  8. Peso o risorsa? I saperi della/sulla religione nella scuola e nell’Università

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stella Franchella

    2009-07-01

    Full Text Available L’articolo introduce gli interventi presentati al 1° workshop del Convegno di Sociologia della Religione organizzato a Bologna dall'omonima sezione dell'AIS e dal Dipartimento di Scienze dell'Educazione il 28-29 novembre 2008, presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Alma Mater, sul tema «La religione come fattore di dis/integrazione sociale». Si è trattato di un avvenimento che ha visto, come protagonisti, studiosi di differenti discipline (psicologia, pedagogia, antropologia culturale, sociologia, invitati a riflettere e a proporre nuovi percorsi sperimentali riguardo ad un tema, rilevante oggi come cinque decenni fa. Nel 1959, infatti, Bologna ospitò la 6a conferenza internazionale di Sociologia della Religione (ISSR/SISR, e il tema fu proprio l'integrazione degli immigrati dal Sud e dalle zone rurali nelle città in via di modernizzazione. L’articolo presenta le relazioni di sei studiosi: Flavio Pajer, Alessandro Castegnaro, Cristiana Ottaviano, Mariachiara Giorda, Renzo Guolo, Daniela Conte, che sviluppano il tema del workshop, dal titolo: "Peso o risorsa? I saperi pubblici della/sulla religione".

  9. Nuove prospettive nella disciplina delle confraternite

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Roccella

    2011-02-01

    Full Text Available Relazione al Convegno di studi Vent’anni di applicazione e di esperienza della legge 20 maggio 1985, n. 222, Roma, 25-26 novembre 2005, organizzato dal CESEN, Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il testo della relazione è stato rivisto, ampliato e corredato delle note. SOMMARIO: 1. Le confraternite tra disciplina unilaterale dello Stato e disciplina pattizia – 2. La distinzione delle confraternite in due specie – 3. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto – 4. La competenza all’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 5. Il procedimento per l’accertamento dello scopo esclusivo o prevalente di culto – 6. Il termine per la conclusione del procedimento – 7. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente di culto come enti ecclesiastici speciali – 8. Le confraternite con scopo esclusivo o prevalente diverso da quello di culto. Pubblicato in Il diritto ecclesiastico, 2005, I, p. 88 ss.

  10. Laparoscopic adrenalectomy in a case of congenital duplication of the inferior vena cava. Case report.

    Science.gov (United States)

    Pisano, Giuseppe; Calò, Pietro Giorgio; Piras, Stefano; Pisano, Umberto; Nicolosi, Angelo

    2013-07-25

    L’eventualità di un’emorragia intraoperatoria è la complicanza più temuta nel corso di una surrenectomia laparoscopica. Tale rischio diventa ancora più importante nel caso in cui siano presenti anomalie anatomiche rappresentate da duplicità della Vena Cava Inferiore (VCI) e da anomali confluenze delle vene surrenali. Tale riscontro, osservato nel caso descritto, ha fornito lo spunto per uno studio sull’incidenza di dette anomalie e sulle metodiche utili a prevenire la complicanza emorragica. Una donna di 39 anni è giunta alla nostra osservazione a causa di una neoformazione non funzionante del surrene destro andata incontro ad un lento ma progressivo accrescimento volumetrico. Tale neoformazione era stata riconosciuta a distanza di tempo nel corso di controlli clinici e strumentali praticati per una Poliposi Familiare del Colon, sottoposta in altra sede a Proctocolectomia Restorativa circa 8 anni prima. Già in quell’epoca era stata documentata una duplicità congenita della VCI associata ad altre anomalie vascolari e viscerali. Nel corso della surrenectomia laparoscopica, dopo aver clippato e sezionato la vena surrenalica alla sua confluenza cavale, è stata riconosciuta una seconda vena con sbocco nella vena renale destra; anch’essa trattata in modo analogo e con esito favorevole. La presenza di una duplice VCI, pur essendo un reperto piuttosto raro, è divenuta di più frequente riscontro con la diffusione di tecniche di diagnostica per immagini sempre più elaborate, in particolare l’AngioTC. La presenza di tali anomalie può rendere problematiche alcune manovre di radiologia interventistica quali il posizionamento di un filtro cavale o il cateterismo selettivo di una vena surrenalica. È però in ambito chirurgico che la duplicità della VCI può causare i maggiori inconvenienti, rappresentati da un possibile danno vascolare. La maggior parte degli Autori ritiene in proposito indispensabile un valido studio per immagini preoperatorio quale

  11. Evidence Based Education: un quadro storico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuliano Vivanet

    2013-08-01

    Full Text Available Nel corso dell’ultimo decennio, nel pensiero pedagogico anglosassone, si è affermata una cultura dell’evidenza cui ci si riferisce con l’espressione “evidence based education” (EBE. Secondo tale prospettiva, le decisioni in ambito educativo dovrebbero essere assunte sulla base delle conoscenze che la ricerca empirica offre in merito alla minore o maggiore efficacia delle differenti opzioni didattiche. Si tratta di un approccio (denominato “evidence based practice” che ha origine in ambito medico e che in seguito ha trovato applicazione in differenti domini delle scienze sociali. L’autore presenta un quadro introduttivo all’EBE, dando conto delle sue origini e dei differenti significati di cui è portatrice.

  12. Topologia

    CERN Document Server

    Manetti, Marco

    2014-01-01

    Nato dall'esperienza dell'autore nell'insegnamento della topologia agli studenti del corso di Laurea in Matematica, questo libro contiene le nozioni fondamentali di topologia generale ed una introduzione alla topologia algebrica. La scelta degli argomenti, il loro ordine di presentazione e, soprattutto, il tipo di esposizione tiene conto delle tendenze attuali nell'insegnamento della topologia e delle novità nella struttura dei corsi di Laurea scientifici conseguenti all'introduzione del sistema 3+2. Questa seconda edizione, oltre a semplificare alcune dimostrazioni, presenta una sostanziale riscrittura della parte sui rivestimenti e l'aggiunta di ulteriori esempi; il numero complessivo di esercizi proposti è stato portato a 500 ed il numero di quelli svolti a 120.

  13. Spettroscopia atomica e processi radiativi

    CERN Document Server

    Degl’Innocenti, Egidio Landi

    2009-01-01

    Il volume si propone lo scopo di fornire al lettore i concetti fisici fondamentali che stanno alla base della spettroscopia atomica e dei processi di emissione e assorbimento della radiazione nei plasmi di laboratorio e astrofisici, coprendo argomenti fondamentali quali gli spettri atomici di atomi a uno o più elettroni, la quantizzazione del campo elettromagnetico, l'interazione fra materia e radiazione (trattata sia dal punto di vista classico che quantistico), le transizioni radiative, i fenomeni di equilibrio e non-equilibrio nei plasmi, la teoria del trasporto radiativo, l'emissione della radiazione di ciclotrone, di sincrotrone e di frenamento, e la diffusione Compton relativistica (trattata col formalismo della seconda quantizzazione). Il contenuto del volume e la sua impostazione generale, basata sui principi fisici, ne fanno un testo ideale per un insegnamento monografico semestrale, annuale o biennale (a seconda degli argomenti scelti) in un Corso di Laurea Specialistica o in una Scuola di Dottorat...

  14. Fenomeni radioattivi dai nuclei alle stelle

    CERN Document Server

    Bendiscioli, Giorgio

    2013-01-01

    Questo volume raccoglie le lezioni del Corso di Radioattività impartite, inizialmente dall’autore e successivamente da suoi collaboratori, agli studenti di Fisica presso l’Università di Pavia. I temi trattati costituiscono un’introduzione ai fenomeni radioattivi in senso stretto con escursioni, aventi come base di partenza e filo conduttore il decadimento beta, nel campo della fisica delle particelle elementari, in particolare dei neutrini, e dell’astrofisica. Alcuni argomenti sono tradizionali, altri riguardano la fisica di frontiera così che al lettore sono offerti particolari itinerari dalla fisica consolidata alla fisica in evoluzione. Ovviamente, per quanto riguarda quest’ultima, i risultati sperimentali riportati e i relativi commenti hanno carattere di provvisorietà. Per questa ragione, in questa edizione del testo, è stata rivolta particolare attenzione all’aggiornamento dei risultati relativi allo studio dei neutrini nell’ambito del doppio decadimento beta e delle oscillazioni di n...

  15. La rilevanza del concetto medico-legale di «complicanze» nei giudizi di responsabilità medica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirko Faccioli

    2015-12-01

    Full Text Available Con la pronuncia n. 13328 del 30 giugno 2015, la Corte di Cassazione si è occupata della rilevanza che nei giudizi di responsabilità civile medica deve attribuirsi al concetto di «complicanza», espressione con la quale – secondo la Suprema Corte – «la medicina clinica e la medicina legale designano solitamente un evento dannoso, insorto nel corso dell’iter terapeutico, che pur essendo astrattamente prevedibile, non sarebbe evitabile» e che, come tale, esclude la sussistenza della responsabilità in discorso. Affermando principi che, come meglio vedremo, sembrano porsi in distonia con il consolidato orientamento giurisprudenziale in materia, la pronuncia in esame ha sostenuto che «tale concetto è inutile nel campo giuridico.

  16. Geometrie complesse e modellazione fisica per la costruzione dell’architettura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Pignataro

    2012-06-01

    Full Text Available La costruzione dell’architettura è preceduta, sempre più spesso, dalla costruzione del suo modello fisico e ciò dipende dalla complessità dalle forme geometriche che caratterizzano il progetto e dalla evoluzione delle tecniche di produzione dei modelli fisici. Per le geometrie dell’architettura contemporanea, molto variabili nel loro sviluppo tridimensionale, la rappresentazione sullo schermo piatto del computer risulta spesso insufficiente mentre il ricorso al loro modello fisico permette di cogliere a colpo d’occhio l’insieme del progetto e di verificarne meglio le forme. La realizzazione del modello comporta trasformazioni sostanziali del progetto architettonico con l’applicazione di nuove costruzioni geometriche del modello, del tutto peculiari, basate su un processo di estrema semplificazione delle forme. Si vuole qui documentare il lavoro didattico sviluppato nel corso di “Modellazione 3d”.

  17. SP. Pescado

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renato Gendre

    2003-12-01

    Full Text Available Nell'occhiello di un articolo dal titolo Il Peru dei de[Jini rosa e de/la grande pioggia si legge: "da una partenza  in aereo al «pescado»  che ti  sfamera."1 Questa parola spagnola, giustamente chiusa tra caporali, a noi pare molto interes­ sante, perche, nonostante l'apparenza, non ha nulla da spartire sotto i1 profilo se­ mantico con l'it. pescato. lnfatti, tutti i piu importanti dizionari della lingua italiana, di ieri e di oggi, etimologici e non 2, registrano  accanto a pescata,  ii lemma pescato, 3 ma lo spiegano come "quantita di pesce catturato nel corso di una battuta o di una stagione di pesca",4 mentre lo sp. pescado  indica i1 "pesce (solo nel senso di: pesGe pescato da mangiare [...]".s

  18. Artigianalità valenzana: retorica e manifattura in un distretto industriale italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Filippo Fontefrancesco

    2015-10-01

    Full Text Available Il concetto di artigianalità nel corso degli ultimi due secoli è diventato centrale nel dibattito culturale occidentale. Laddove diverse scuole di pensiero ancora si interrogano sull’effettivo significato del termine, questo articolo esplora etnograficamente l’uso di questo concetto all’interno di una comunità, quella di Valenza, internazionalmente conosciuta per la sua produzione orafa di alta gamma. Analizzando le retoriche che si legano a esso, la ricerca dimostra come “artigianalità” non si riferisce unicamente a un particolare modo di produzione, ma sia una parola chiave che ci parla delle basi culturali di una comunità, delle sue trasformazioni e delle sfide che sta affrontando.

  19. Darnton's paradigm. Reflections on the social role of digital library

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Capaccioni

    2015-01-01

    Full Text Available L'interesse per le biblioteche digitali ha avuto inizio negli Stati Uniti nei primi anni Novanta. Al principio la discussione ha coinvolto solo qualche ingegnere informatico e pochi bibliotecari. Superate le prime incertezze terminologiche (biblioteca "elettronica", "virtuale" etc., le biblioteche digitali sono diventate a tutti gli effetti oggetto di studi interdisciplinari e costituiscono un ambito di ricerca consolidato della biblioteconomia e delle scienze dell'informazione, ambito che ha visto nel corso degli anni una continua evoluzione di argomenti correlati e approcci.L'interesse iniziale prevalente, incentrato sulla gestione e sugli aspetti tecnologici delle biblioteche digitali, si è evoluto nella necessità di riscoprire il ruolo delle biblioteche digitali nella società. Questo saggio esamina con attenzione sul recente dibattito internazionale sul valore sociale delle biblioteche digitali.

  20. Paola Bono - Bia Sarrasini (eds., Epiche. Altre imprese, altre narrazioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Fusillo

    2014-11-01

    Full Text Available Negli spazi affascinanti dell’Hangar Bicocca di Milano, accanto alle sublimi torri di Anselm Kiefer, è in corso in questi mesi un’ampia mostra, Light Time Tales, della famosa videoartista e performer americana Joan Jonas, da sempre affascinata dalla rilettura di saghe e testi epici, e tesa verso una ridefinizione continua della soggettività femminile. Nell’unica immensa sala buia, costellata da numerosi video e da alcune installazioni, il fruitore può costruirsi un proprio percorso più o meno labirintico, recependo in simultaneità frammenti di varie opere. Una prova di cosa possa significare oggi riproporre l’antichissimo genere dell’epica, nella nostra epoca intermediale, dominata dal multitasking.

  1. Françoise Lavocat (a cura di La théorie littéraire des mondes possibles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Furci

    2012-04-01

    Full Text Available I testi raccolti ed introdotti da Françoise Lavocat nel suo La théorie littéraire des mondes possibile (2010 ambiscono tutti a colmare una lacuna. Quella causata dal cosiddetto tournant cognitiviste, caratterizzato dal consolidarsi di un dialogo fra scienze umane e scienze esatte – nell’intento, certo, di ridurre lo scarto fra ambiti disciplinari distinti, seppur accomunati da uno stesso interesse per il lascito post-strutturalista –, ma anche promotore di una politica editoriale senza precedenti, destinata ad escludere dal canone contemporaneo buona parte di quei contributi, il cui punto di forza non potesse consistere nell’ulteriore avanzamento della rivoluzione epistemologica in corso.

  2. Melka Kunture: tecniche digitali per l’archeologia preistorica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Carmigiani

    2007-04-01

    Full Text Available La musealizzazione del sito di Melka Kunture rappresenta la conclusione di 40 anni di ricerche e scavi compiuti dalla Missione Archeologica Francese diretta da Jean Chavaillon tra il 1965 e il 1995 e dalla Missione Archeologica Italiana dell’Università di Roma “La Sapienza” e del Ministero degli Affari Esteri, diretta da Marcello Piperno a partire dal 1999 e tuttora in corso. L’estensione del sito, la sua lunga sequenza culturale (1.7-0.2 milioni di anni insieme alla molteplicità e varietà delle situazioni archeologiche presenti nelle sue diverse fasi fanno di Melka Kunture un complesso straordinario e unico, paragonabile soltanto alla Gola di Olduvai in Tanzania.

  3. Esperienze di archeologia pubblica nella Sicilia sud-orientale. Il progetto Lungo le tracce di Paolo Orsi per lo studio e la valorizzazione dei castelli medievali dell'altopiano ibleo (SR / Public archaeology experiences in south-eastern Sicily. The project “Lungo le tracce di Paolo Orsi” (On Paolo Orsi’s trail, for the study and enhancement of medieval castles in the hyblean area (SR

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Santino Alessandro Cugno

    2015-06-01

    The project Lungo le tracce di Paolo Orsi was launched in 2011 on the initiative of the cultural association Centro Studio Ibleo of Ferla (Siracusa with the aim of developing new strategies for the conservation, management and enhancement of the considerable archaeological heritage, located in the hyblean area and threatened by high seismic risk. The three archaeological and topographical campaigns (2011-2013 focused on the preliminary study and the detecting of a part of the archaeological remains, belonging to the medieval castles of Ferla, Buscemi and Cassaro and had the scientific collaboration of the Accademia di Belle Arti “Rosario Gagliardi” of Siracusa (2011 and the Università degli Studi di Enna “Kore” - Corso di Laurea in Archeologia del Mediterraneo (2013. Thanks to field surveys we collected new data about the phenomenon of the medieval encastellation in south-eastern Sicily and the degradation’s conditions of these castles.

  4. Il volto cosmopolita dell’Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Taglioli

    2010-05-01

    Full Text Available Il saggio intende leggere l’Europa attraverso il concetto di cosmopolitismo che ne riflette la natura, la storia e le possibilità future. Idea e ideale etico-normativo di comunanza e di apertura alla differenza la nozione si trasforma in modalità ibride nel corso della storia europea e permette di visualizzare le dinamiche di resistenza e di mutamento che vanno componendo il percorso di unificazione. Da imperativo e progetto razionale il cosmopolitismo va riconfigurandosi come nuova modalità percettiva, acquista un valore empirico-analitico in una realtà che sembra farsi strutturalmente cosmopolita e apre la riflessione sulle trasformazioni democratiche dell’Unione e sul ruolo che è chiamata ad assolvere per rispondere alla sfide della contemporaneità.

  5. Strutture, logiche e pensiero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tommaso Moraschini

    2011-11-01

    Full Text Available L'articolo si pone l'obiettivo di studiare un metodo per categorizzare la realtà che ci circonda e analizzarne le relazioni con il linguaggio in cui intendiamo parlarne. Vengono poi discussi i problemi filosofici che la formalizzazione comporta e le loro relazioni con il nostro processo di chiarificazione e conoscenza del mondo. Dopo aver mostrato come tutto ci si risolve nello studio dei rapporti che intercorrono tra la nozione di realtà, quella di linguaggio e quella di logica vengono presentate alcune possibili interpretazioni filosofiche, alcune confutate altre accettate, di questi rapporti. Infine si cerca di caratterizzare brevemente la relazione che il nostro pensiero deve instaurare con il linguaggio formale nel corso dei suoi processi deduttivi cercando così di legare questa nozione a quelle precedentemente introdotte.

  6. RESEARCH INTO THE INFLUENCE OF PHYTOHORMONES UPON THE GROWTH "IN VITRO" AT SEVERAL VARIETIES OF GREENHOUSE CARNATIONS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diana CRISTEAN

    2005-08-01

    Full Text Available After using treatments with seven phytohormones on four varieties of greenhouse carnations (Caribe, Red Corso, Nelson, Francesca it was discovered that AIA and GA3 hormones stimulated the growth in height of the plantlets; GA3, AIA and NAA promoted the growth of the internodes, but the highest medium number of internodes per plantlet was registered after using treatments with NAA and AIA hormones. The concentration level of phytohormones used in the experiment also influenced the stimulating effects of these hormones over the characteristics that we watched closely. Treatments with BAP and KIN had the weakest influence, determining only a slight growth in height of the Caribe plantlets and almost not at all at other varieties.

  7. La gestione del movimento terra con i sistemi di controllo 3DMC di Topcon

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pallotta

    2007-04-01

    Full Text Available La spinta dei fratelli Trovati verso l’innovazione è il comune denominatore che sta caratterizzando molte entità nel settore del movimento terra in questi anni. Costituita nel 1980 a Perugia dai titolari, Lamberto e Valeriano Trovati, nel corso degli anni l’azienda si è consolidata ed ha acquisito una buona posizione nel mercato, adattandosi alle mutevoli richieste della domanda mediante la fornitura di nuovi servizi, tra tutti l’edilizia stradale. I Trovati, che avevano precedentemente maturato esperienza nel movimento terra presso aziende operanti nel settore, si sono affidati alle tecnologie Topcon allo scopo di ottimizzare il lavoro in cantiere, incrementando la produttività e riducendo tempi morti e sprechi di materiale.

  8. Multifractality to Photonic Crystal & Self-Organization to Metamaterials through Anderson Localizations & Group/Gauge Theory

    Science.gov (United States)

    Hidajatullah-Maksoed, Widastra

    2015-04-01

    Arthur Cayley at least investigate by creating the theory of permutation group[F:∖∖Group_theory.htm] where in cell elements addressing of the lattice Qmf used a Cayley tree, the self-afine object Qmf is described by the combination of the finite groups of rotation & inversion and the infinite groups of translation & dilation[G Corso & LS Lacena: ``Multifractal lattice and group theory'', Physica A: Statistical Mechanics &Its Applications, 2005, v 357, issue I, h 64-70; http://www.sciencedirect.com/science/articel/pii/S0378437105005005 ] hence multifractal can be related to group theory. Many grateful Thanks to HE. Mr. Drs. P. SWANTORO & HE. Mr. Ir. SARWONO KUSUMAATMADJA.

  9. «Mi è tornata la fantasia del narratore»: Pasolini cinquant'anni fa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alfredo Barberis

    2014-05-01

    Full Text Available Per quanto sia ossessivamente evocato, santificato, servito in tutte le salse, legato  a tutte le bandiere, tirato in ballo a ogni proposito e pure a sproposito, si sa che con Pasolini non si finisce mai. Anche per la banale ragione che è stato un autore abituato a non risparmiarsi, sempre generoso di sé, sempre sulla breccia: tra l’altro, presente sui giornali nei modi più vari, attraverso articoli, tavole rotonde, interventi polemici, note occasionali, e interviste del tipo più dinamico, in cui le risposte all’intervistatore disegnavano un autentico ragionamento in fieri. Ripresentiamo qui una delle più interessanti: rilasciata a un brillante giornalista di lungo corso, Alfredo Barberis, comparsa alla fine del 1964 sul supplemento culturale del «Giorno», e ripubblicata una sola volta, in un volume a cura di Oronzo Parlangèli ormai fuori catalogo.

  10. Cosa fa vivere gli uomini? di Lev Tolstoj. Anatomia di un successo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Damiano Rebecchini

    2010-12-01

    Full Text Available In questo studio ricostruiamo la storia di un racconto poco noto di Lev Tolstoj, Che cosa fa vivere gli uomini? (1881. In quest’opera Tolstoj volle rappresentare alcuni elementi chiave della sua nuova visione etico-religiosa maturata nel corso degli anni ’70 dell’Ottocento. Lo scrittore, inoltre, si impegnò nel distribuirla tra i ceti popolari urbani e nelle campagne e, grazie ad un’efficace opera di diffusione, l’opera fu letta da milioni di lettori popolari. Nell’articolo analizziamo da una parte le strategie narrative ed editoriali messe in gioco da Tolstoj nel suo racconto per conquistare i nuovi lettori; dall’altra, le tattiche di appropriazione, di adattamento e di trasformazione del testo tolstoiano da parte dei suoi lettori popolari.

  11. Sviluppo e crisi. Per una prospettiva della compresenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Pirni

    2011-02-01

    Full Text Available Il paradigma della modernità, adottando il concetto di sviluppo come tema chiave, ha elaborato moltissime teorie del mutamento: qui sviluppo e crisi risultano necessariamente contrapposti sia sotto il profilo teorico che empirico. La complessità crescente delle società europee contemporanee mette in discussione la capacità interpretativa del mutamento che le coinvolge attualmente e suggerisce l’elaborazione di nuove prospettive che focalizzino il processo di trasformazione in corso piuttosto che soffermarsi sul risultato. Dopo aver sinteticamente inquadrato il concetto di sviluppo nell’ambito del paradigma della modernità l’articolo intende sostenere l’utilità di una prospettiva che considera congiuntamente crisi e sviluppo per analizzare il mutamento delle democrazie contemporanee.

  12. Il ricordo di un ricordo. Nota sul viaggio in Grecia di Hofmannsthal

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Rispoli

    2016-12-01

    Full Text Available All’interno dell’opera di Hofmannsthal, caratterizzata da un rapporto particolarmente intenso con le tradizioni culturali dei secoli precedenti, l’antichità greca costituisce una delle principali fonti di temi e motivi. Essa sembra però aver smarrito il ruolo normativo che la cultura classico-umanistica le attribuisce, diviene piuttosto occasione di un confronto con il passato che coinvolge anche altre epoche. L’articolo intende porre a tema questa circostanza, così come si riflette nel saggio Augenblicke in Griechenland (Momenti in Grecia, 1917: prodotto di stratificazioni accumulate nel corso del tempo, la grecità non appare accessibile, se non attraverso un’improvvisa esperienza epifanica.

  13. Silvana Borutti – Ute Heidmann, La Babele in cui viviamo. Traduzioni, Riscritture, Culture

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manfredi Bernardini

    2013-12-01

    Full Text Available Cosa implica l’atto di tradurre da una lingua all’altra? Come si pone la traduzione in rapporto al concetto di cultura? È possibile rintracciare un’etica della traduzione che valorizzi le differenze linguistiche, e quindi culturali, piuttosto che annullarle? Che mutazioni subisce l’identità nelle sue varie sfaccettature nel corso del processo della traduzione? Sono questi alcuni degli interrogativi cui cercano di dare risposta Silvana Borutti e Ute Heidmann in La Babele in cui viviamo. Traduzioni, Riscritture, Culture. La prima insegna Filosofia teoretica all’Università di Pavia, mentre Ute Heidmann è docente di Letterature comparate all’Università di Losanna. Prendendo le mosse da una doppia prospettiva fornita dalla filosofia del linguaggio e dalla comparatistica, le autrici offrono una lettura interdisciplinare del tema della traduzione. 

  14. Introduzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Capra

    2016-07-01

    Full Text Available «Tante volte si è insistito sull’equivoco ragionamento per cui, essendo il gioco altra cosa dal serio, studiare il gioco non è cosa seria, tagliando così via una fetta di storia sociale decisamente “pesante”. È un equivoco che peraltro va lentamente sgretolandosi. Il concetto stesso di ludicità come dimensione ineliminabile del vivere collettivo comincia ad essere accettato e gira fra gli addetti ai lavori ormai a livello internazionale»: con queste parole Gherardo Ortalli, uno dei massimi esperti viventi di storia sociale del gioco, inaugurava in Statale, nel 2011, i lavori di una Giornata di Studi dedicata a Il gioco e i giochi nel mondo antico, tra cultura materiale e immateriale, organizzata da alcuni ricercatori di quello che allora era il Dipartimento di Scienze dell’Antichità, nell’ambito di un progetto interdisciplinare avviato nel 2009 e tuttora in corso.

  15. La pianifi cazione territoriale in Catalogna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juli Esteban i Noguera

    2013-01-01

    Full Text Available Il governo autonomo della Catalogna ha assunto dal 1979 la competenza esclusiva inmateria di ordinamento territoriale e pianifi cazione urbanistica. Successivamente, nel1983, il Parlamento ha approvato la Legge sulla Politica Territoriale che ha introdottostrumenti specifi ci: il piano territoriale generale aff ronta il territorio della Catalogna nel suocomplesso, i piani territoriali settoriali si occupano dell’ordinamento di specifi ci settori e ipiani territoriali parziali sviluppano l’ordinamento generale in ambiti più ridotti. Il pianogenerale è stato approvato nel 1995 ed ha carattere programmatorio e strategico, mentrequelli parziali hanno un contenuto di marcato carattere fi sico, eredi della pianifi cazioneurbanistica. Dalla data di approvazione del Piano generale sono stati redatti, e sono oravigenti, piani settoriali e parziali mentre altri sono in corso di elaborazione, di cui si stannoverifi cando solo negli ultimi anni gli impatti sul territorio.

  16. Il rumore elettrico Dalla fisica alla progettazione

    CERN Document Server

    Pallottino, Giovanni Vittorio

    2011-01-01

    L’opera fornisce una trattazione chiara, agile ed essenziale, ma completa, del rumore elettrico, argomento considerato generalmente oscuro e specialistico. Molto più breve (circa 275mila battute) dei testi attualmente disponibili. Il contenuto copre gli aspetti essenziali della matematica e della fisica del rumore (termico, shot. 1/f, …), e della sua rappresentazione nei circuiti. Discute quindi il rumore nei dispositivi passivi e attivi, e introduce i criteri di progettazione a basso rumore. Affronta infine brevemente questioni quali l’estrazione del segnale dal rumore e gli impieghi utili del rumore. L’attenzione è generalmente rivolta alla strumentazione fisica a bassa frequenza, in relazione alla pluridecennale esperienza specifica dell’autore. Si tratta di una estensione delle dispense, utilizzate per anni, di un corso universitario. Pertanto la trattazione è fortemente didattica, con particolare attenzione a rimuovere ambiguità e incertezze, discutendo il materiale in termini fisici intuit...

  17. Winter survival of Apodemus flavicollis in Crabapple island (NE Poland

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriela Bujalska

    2006-09-01

    Full Text Available Riassunto Sopravvivenza invernale di Apodemus flavicollis nell’isola di Crabapple (Polonia nord orientale. Nel corso di nove anni consecutivi (1994-2003, la sopravvivenza invernale di Apodemus flavicollis è stata indagata nell’isola di Crabapple (4 ha tramite cinque serie annuali di trappolaggi condotte tra Aprile ed Ottobre. Le condizioni climatiche invernali sono state espresse tramite 22 variabili relative a piovosità, temperatura e precipitazioni nevose. La percentuale di animali sopravvissuti è variata dal 5,3% al 51,1%, senza mostrare alcuna relazione con le variabili climatiche e con la consistenza della popolazione a inizio inverno. Tra le variabili individuali considerate (età, stato riproduttivo, massa corporea, la maturità sessuale sembra essere l’unica a favorire la sopravvivenza invernale, in contrasto con le informazioni disponibili in letteratura.

  18. Album di famiglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Donati

    2016-11-01

    Full Text Available In un articolo del 1821 dedicato al grande satirico tedesco Jean Paul, Thomas de Quincey – il celebre autore di Confessions of an English opium-eater, libro amatissimo da Baudelaire e Poe – asseriva che «[...] in ogni atto dell'umore umoristico c'è un influsso di natura morale: raggi, diretti e rifratti, generati dalla volontà e dagli affetti, dall'indole e dal temperamento, penetrano in ogni umorismo; e da qui deriva che l'umorismo è di carattere diffusivo, pervadendo un intero corso di pensieri». Un'osservazione che mi pare consentanea al panorama tracciato da Giancarlo Alfano ne L'umorismo letterario. Una lunga storia europea, volume dove...

  19. Quality of the Fosso della Casaccia: analysis of the macroinvertebrates colonizing artificial substrates; Stato di qualita` del fosso della Casaccia: analisi dei macroinvertebrati che colonizzano substrati artificiali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Prato, S.; Morgana, J.G.; Antonelli, D.; Folletto, A. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-01-01

    Aim of this work is to analyse the environmental quality of a small stream, the Fosso della Casaccia, flowing near Research Centre of ENEA (Rome, Central Italy). The study was carried out comparing zoo benthic communities of two sampling sites, chosen upstream and downstream the sewage of the Research Centre. Macro invertebrates were sampled using artificial substrates and standard hand net. Taxa number and distribution along along the watercourse were compared. Moreover, biotic index values (I.B.E.=Indice Biotico Esteso) were calculated using data on macro invertebrates collected with both sampling methodologies. Artificial substrates were also useful in establishing colonization patterns at each sampling site, and bio masses of individuals belonging to different trophic groups. The results show the greater sampling effectiveness of artificial substrates, confirming their usefulness for establishing the environmental quality. [Italiano] Il presente lavoro prende in considerazione la qualita` ambientale del Fosso della Casaccia, un piccolo corso d`acqua che scorre in prossimita` del Centro di Ricerche ENEA Casaccia (Italia Centrale). Lo studio e` stato realizzato in base al confronto fra le comunita` zoobentoniche di due stazioni sperimentali situate a monte e a valle dello scarico di acque reflue del centro. Il campionamento dei macroinvertebrati e` stato effettuato utilizzando due diversi metodi di raccolta: i substrati artificiali e il retino immanicato standard. Gli organismi sono stati classificati in unita` sistematiche, e si e` analizzata la loro distribuzione lungo il corso d`acqua. Inoltre sono stati calcolati i valori degli indici biotici I.B.E. (Indice Biotico Esteso) utilizzando i dati ottenuti con le due metodologie di campionamento. L`uso di substrati artificiali in ogni stazione di campionamento e` stato utile anche per stabilire il tipo di colonizzazione, l`abbondanza e le biomasse degli individui appartenenti ai vari gruppi trofici. I nostri

  20. Valutazione epidemiologica dello screening mammografico 'Per te donna' nell'ASL della provincia di Varese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Pisani

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nel corso del 2000 è stato avviato, nell’ASL della Provincia di Varese, lo screening mammografico per tutte le donne residenti, di età compresa tra i 50 - 69 anni. In questo lavoro si valuta sinteticamente l’andamento dello screening dal 1° di gennaio 2001 fino al 31 dicembre 2002.
    L’avvio dello screening è stato graduale, iniziando con alcuni comuni della Provincia, fino ad arrivare al coinvolgimento di tutti i 141 comuni.
    La popolazione bersaglio è risultata essere di 109.607 donne. Nel primo anno sono state invitate 35.161 donne, nel secondo 49.709, con un aumento degli inviti pari al 41,4%.

    La popolazione rispondente, nel corso del 2001, è stata di 12.992 donne, nel 2002 di 22.590 donne, con un aumento della risposta pari al 73,9 %.
    L’adesione corretta al programma di screening è passata
    dal 41,2 % nel 2001 al 54,7 % nel 2002 e il tasso di identificazione (Detection Rate dal 4,8 ‰ al 5,3 ‰.

    Sta per iniziare il secondo round del programma di screening. In previsione di questa fase, sulla base dell’esperienza maturata nel primo round, dovranno essere aggiornati le linee guida, il piano di fattibilità e implementato il sistema di controllo di qualità di tutte le componenti del programma (ruolo di gestione e di coordinamento dell’ASL, esecuzione delle prestazioni da parte degli enti erogatori, flussi informativi, comunicazione e formazione di tutto il personale dedicato.

  1. Monika Fludernik, Verso una narratologia ‘naturale’

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filippo Pennacchio

    2013-06-01

    Full Text Available Si traduce qui, per la prima volta in lingua italiana, un testo di Monika Fludernik. Si tratta di un saggio, pubblicato nel 1996 sul «Journal of Literary Semantics», in cui la studiosa austriaca anticipa alcuni dei contenuti che pochi mesi più tardi andranno a costituire il primo capitolo della sua opera a oggi più nota, e cioè Towards a ‘Natural’ Narratology. Tra le sue pagine, che di quest’ultima riprendono il titolo, Fludernik si sofferma sulle basi della propria teoria narratologica, oggi assai diffusa a livello internazionale ma al contrario poco o punto penetrata in Italia. A partire dai concetti di esperienzialità, embodiedness e racconto naturale, viene illustrato un paradigma teorico – la narratologia ‘naturale’, appunto – per più versi lontano dalle proposte di molti narratologi «classici», anzitutto nella misura in cui pone al suo centro il lettore, il suo coinvolgimento cognitivo con i testi. Non solo: nel corso della trattazione, Fludernik sottolinea come tale paradigma possa essere esteso in senso diacronico, come cioè i suoi presupposti consentano d’integrare le trasformazioni dai testi subite nel corso del tempo. In altre parole, esso si presta ad accogliere al suo interno una vasta gamma di forme narrative, dallo storytelling orale alla scrittura storiografica, e dai romanzi modernisti a larga parte della fiction secondonovecentesca.La traduzione del saggio è fatta precedere da un’introduzione in cui viene presentato, più in generale, il pensiero di Monika Fludernik, e insieme valutato il suo ruolo nell’ambito del dibattito teorico sviluppatosi in seno alla comunità scientifica a partire dai primi anni Duemila.

  2. [Nursing students' satisfaction and perception of their first clinical placement: observational study].

    Science.gov (United States)

    Comparcini, Dania; Simonetti, Valentina; Tomietto, Marco; Galli, Francesco; Fiorani, Catia; Di Labio, Luisa; Cicolini, Giancarlo

    2014-01-01

    Background. Gli ambienti di apprendimento clinico sono definiti come una rete di fattori interagenti nel contesto, in grado di influenzare gli esiti dell’apprendimento degli studenti. La soddisfazione degli studenti è considerata un indicatore del raggiungimento degli esiti dell’apprendimento ed è determinante a partire dalla prima esperienza di tirocinio. Scopo. Analizzare l’esperienza di apprendimento clinico degli studenti infermieri del primo anno di corso dopo il primo tirocinio clinico ed identificare i principali determinanti della soddisfazione degli studenti. Metodo. Lo studio osservazionale è stato realizzato in cinque sedi universitarie italiane del Corso di Laurea in Infermieristica. 420 studenti hanno compilato la versione italiana della “Clinical Learning Environment, Supervision and plus Nurse Teacher (CLES+T) scale” al termine del primo tirocinio clinico. Risultati. I punteggi medi assegnati alle dimensioni della scala variano da 4.02 (clima di apprendimento) a 3.30 (relazione di tutorato). La maggior parte degli studenti è soddisfatto della propria esperienza di tirocinio (75.6%), ma sono emerse differenze in relazione alle diverse sedi di tirocinio clinico. Discussione. I principali determinanti della soddisfazione sono lo stile di leadership del coordinatore infermieristico e l’integrazione teoria-pratica nella relazione fra tutor clinico, universitario e studente. Conclusioni. I risultati dello studio contribuiscono alla comprensione della prima esperienza di tirocinio degli studenti. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le variabili organizzative specifiche e i modelli tutoriali in grado di aumentare la soddisfazione degli studenti, per sviluppare strategie formative basate sull’integrazione tra tutor universitari e guide di tirocinio.

  3. Biobanche in bilico tra proprietà privata e beni comuni: brevetti o open data sharing? Biobanks on Balance between Private Property and Commons: Patents or Open Data sharing?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella De Robbio

    2010-12-01

    Full Text Available

    La diffusione e la condivisione dei dati contenuti nelle Biobanche è studiato attraverso lo statuto normativo di queste istituzioni, con particolare attenzione al diritto d'autore. Queste istituzioni sono rappresentate da un complesso organizzato di campioni biologici umani con finalità diagnostiche, terapeutiche e di ricerca. Data la relativa novità dell'argomento, il loro statuto è molto controverso e particolarmente complicato è il caso dello sfruttamento di eventuali scoperte.

    La titolarità della proprietà dei materiali (cellule, tessuti o organi e la titolarità della proprietà della biobanca, intesa come entità che si occupa della gestione della banca dati, è infatti fondamentale al fine di determinare eventuali diritti su ricerche brevettabili. In Europa esiste il diritto sui generis, che stabilisce i diritti per il costitutore della banca dati, il quale stanzia un investimento economico al fine di costituire un insieme organizzato di informazioni. Tuttavia, il principale problema di questo tipo di banche dati è legato alla qualità dell'oggetto brevettabile: la materia organica, vivente ed autoreplicante.

    Al riguardo, vi è una netta contrapposizione tra coloro che spingono per la privatizzazione di questi beni biologici, al fine del loro possibile sfruttamento commerciale, e coloro che si rifanno ai modelli di open data sharing, che considerano Commons, "beni comuni", anche questo tipo di materiali organici. La tendenza generale risulta essere la seconda, proteggere il corpo umano e il suo genoma da ogni forma di sfruttamento economico, pur riconoscendo in alcuni casi la possibilità di profitti connessi con la proprietà intellettuale derivante dall'opera dell'ingegno.

    The circulation and sharing of contents in biobanks is approached with the study of the normative statutes of these institutions, with careful attention to copyright. Such institutions are an

  4. Bico 2: second national intercomparison campaign of WBC centres working in Italy; Bico 2: la seconda campagna MIDIA di interconfronto dei WBC operanti in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Battisti, P.; Tarroni, G. [ENEA, Centro Ricerche `Ezio Clementel`, Bologna (Italy). Dip. Ambiente

    1998-12-31

    During the period November 1994 - May 1995 the coordinating group of WBC centres working in Italy organised the 2. national intercalibration and intercomparison campaign. A BOMAB phantom was used filled with four radionuclides gel solution with gamma energy emissions ranging between 100 keV and 2 MeV. 17 out of 21 Italian WBC centres took part in the campaign. Through the intercalibration, organised according to internationally accepted methodologies, each WBC centre could check its own calibration procedures. many intermediate data, collected for the methodologies and measurement procedures intercomparison, permitted analyses and comparison of uncertainly causes in a WBC measurement of the internal contamination. A proposal of MDA definition and assessment procedure resulted from the intercomparison campaign. [Italiano] Il Coordinamento dei Centri WBC operanti in Italia ha organizzato la seconda campagna di intercalibrazione ed interconfronto nazionale basata sulle misure di un fantoccio BOMAB riempito con una soluzione radioattiva gelificata contenente 4 radionuclidi con emissioni gamma nell`intervallo energetico compreso fra 100 keV e 2 MeV. Alla campagna, che si e` svolta fra novembre 1994 e maggio 1995, hanno partecipato 17 dei 21 Centri WBC censiti in Italia. L`intercalibrazione e` stata organizzata secondo criteri ormai consolidati in campo internazionale ed ha permesso ad ognuno dei partecipanti di verificare le proprie procedure di calibrazione. Per l`interconfronto delle procedure e dei metodi di misura impiegati e` stata raccolta una serie di dati intermedi che hanno consentito di analizzare e confrontare le fonti di incertezza insite nella misura di contaminazione interna nell`uomo tramite WBC. Cio` ha infine reso possibile una proposta di definizione e di procedura di determinazione del valore della minima attivita` rivelabile (MDA) in accordo con le piu` recenti tendenze in campo internazionale.

  5. Recent developments in the techniques of IMAG processing and diagnostic imaging for the cultural heritage; Recenti sviluppi nelle metodologie di elaborazione di immagini e di imaging diagnostico per i beni culturali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Maino, G. [ENEA, Divisione Fisica Applicata, Centro Ricerche E. Clementel, Bologna (Italy); Bonifazzi, C. [Ferrara Univ., Ferrara (Italy). Dipt. di Scienze Biomediche; Sabia, E. [ENEA, Tecnologie Ingegneria e Servizi Ambientali, Centro Ricerche Portici, Naples (Italy)

    2000-07-01

    In this report, the contributions presented to the mini symposium on Recent developments in the techniques of image processing and diagnostic imaging for the cultural heritage are collected. The symposium has been organized within the framework of the V National Congress of SIMAI Italian Society for Applied and Industrial Mathematics (SIMAI 2000), held in Ischia from June 5 to 9, 2000, and shows the main scientific results obtained relevant to the research activities carried out in the frame of sub project 3 of research project GIANO (Advanced Graphics for the National cultural heritage and Employment), jointly funded by MURST (Ministry of University, Scientific and Technological Research) EC (law 488/92). The GIANO-ENEA project contributed, together with CRS4, GNIM-IndAM, Ministero degli Affari Esteri and ST-Microelectronics, to the organization of SIMAI 2000. [Italian] In questo rapporto sono raccolti i contributi presentati al minisimposio su Recenti sviluppi nelle metodologie di elaborazione di immagini e di imaging diagnostico per i beni culturali, organizzato nell'ambito del 5. Congresso Nazionale della SIMAI Societa' Italiana di Matematica Applicata e Industriale (SIMAI 2000), svoltosi a Ischia dal 5 al 9 giugno 2000. Il simposio illustra i principali risultati scientifici ottenuti nel quadro delle attivita' di ricerca del sottoprogetto 3 del piano nazionale GIANO (Grafica Innovativa per il patrimonio Artistico Nazionale e per l'Occupazione giovanile), finanziato dal MURST e dall'UE (legge 488/92). Il progetto GIANO-ENEA ha contribuito, insieme con CRS4, GNIM-IndAM, Ministero degli Affari Esteri e ST-Microelectronics, alla realizzazione di SIMAI 2000.

  6. Pubblica sicurezza e tutela dell’autonomia confessionale. Riflessioni a partire dalla negazione delle pubbliche esequie per i mafiosi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Balsamo

    2016-12-01

    SOMMARIO: 1. La costante applicazione degli artt. 26-27 T.U.L.P.S. alle ipotesi di funerali di mafiosi – 2. Il caso dei funerali pubblici negati al boss Giuseppe Barbaro e la “protesta” del Parroco di Platì. Un’ipotesi di lesione dell’autonomia confessionale? – 3. L’imposizione di funerali in forma privata e la dimensione essenzialmente comunitaria del rito delle esequie nel diritto canonico – 4. La privazione delle esequie ecclesiastiche tra tutela dell’autonomia confessionale e potere di intervento dell’autorità di pubblica sicurezza – 5. La rilettura del dovere di reciproca collaborazione tra Stato e Chiesa alla luce del comune impegno contro le mafie. Alcune attuali criticità – 6. Verso nuovi confini del dovere di collaborazione: l’assunzione di un impegno comune di Stato e confessioni religiose contro il crimine organizzato. Public safety and protection of confessional autonomy. Reflections from the denial of public funerals for mobsters. ABSTRACT: Measures taken by Italian Quaestors in order to prohibit public funerals for mobsters have an impact also on decision-making autonomy recognized at the ecclesiastical authority by canon 1184 C.i.c. on the same field. The recent Catholic Church’s commitment against mafias requires that what is decided by public authorities to ensure the public policy and public safety must be observed together to the measures laid down by Canon Law, with the aim to avoid the risk of a conflict between Italian and Canon Law. That’s why it’s necessary to give new meaning to the cooperation principle that State and Catholic Church have decided to carry on since 1984. Lastly, it would be appreciated if a similar principle could be extended to all religious faiths in Italy, in order to improve the potential contribution of all religions in combating and preventing organized crime.

  7. Salud e interculturalidad: Sugerencias para organizaciones de salud en contextos indígenas, a partir de una experiencia boliviana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fernández Juárez, Gerardo

    2005-12-01

    Full Text Available The author offers a number of suggestions and reflections after a fieldwork experience in Bolivia let him explore the merits that an intercultural approach applied to health care-related issues have for a better relationship between westernized physicians and their indigenous patients. Indigenous definitions of health and illness refer to concepts that are qualitatively very different from those used in Bio-medicine. Indigenous drugs are especially intended more for the recovery of the «human being» in his or her cultural context than for the cure of the sick organ on which the bio-medical doctor focuses. Issues such as gender, perception of the body, bodily fluids and nakedness are critical in this potentially conflictive environment. From Bolivia's intercultural experience one can draw some insights into the health care-related problems arising in Spain in connection with the growing immigrant population in the country.

    El artículo recoge diferentes sugerencias y reflexiones a partir de una experiencia antropológica de campo realizada en Bolivia sobre las posibilidades que un enfoque intercultural aplicado a la salud puede ofrecer para una mejor relación entre los equipos médicos convencionales y los enfermos indígenas. Las formas indígenas en que se definen la salud y la enfermedad aluden a conceptos cualitativamente muy diferenciados de los correspondientes de la biomedicina. Las medicinas indígenas persiguen, en especial, la recuperación del «ser humano» en su contexto cultural y no tanto del órgano dañado como hace la biomedicina. Aspectos como el género, la concepción del cuerpo, los fluidos o la desnudez, cobran importancia en esas relaciones conflictivas. La experiencia intercultural boliviana permite realizar, finalmente, en el artículo algunas valoraciones últimas sobre inmigración y salud en España.

  8. The interface of teaching, research and extension in undergraduate courses in health Interrelación enseñanza, investigación, extensión en los cursos de pregrado en salud Interface ensino, pesquisa, extensão nos cursos de graduação da saúde na universidade federal do Triângulo Mineiro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Darlene Mara dos Santos Tavares

    2007-12-01

    Full Text Available This article aimed to describe and evaluate the extension program "Integrating knowledge to the family integral care" composed of five projects that aimed to enrich knowledge and develop skills in the academic field, to accomplish health actions, based on the families' and community' needs. A total of 33 faculties from the nursing, medical and biomedical schools at the "Triângulo Mineiro Federal University" participated in the projects during eight months in the "Family Health Program", out-patient clinics and at the School Hospital, attending 2,000 clients. The faculty members were subjects in their own learning process, experiencing and reflecting upon this social reality. The program also favored inter-institutional integration, as well as, showed connection between teaching-research-extension.Este artigo tuvo por objetivo describir y evaluar el programa "Integrando conocimientos para la atención integral a la familia", compuesto por cinco proyectos que visaron ampliar conocimientos y desarrollar habilidades en el académico, para la realización de acciones de salud, con base en las necesidades de la familia y comunidad. Participaron 33 académicos de los cursos de enfermería, medicina y biomedicina de la Universidad Federal del Triángulo Mineiro", por ocho meses en los Programas de Salud de la Familia, ambulatorios y Hospital Escuela, atendiendo a 2.000 clientes. Los académicos fueron sujetos de su aprendizaje, vivenciando y reflexionando sobre la realidad social. El programa favoreció integración interinstitucional y indisociabilidad enseñanza-investigación-extensión.Este artigo objetivou descrever e avaliar o programa de extensão "Integrando saberes para a atenção integral à família" composto por cinco projetos que visaram ampliar conhecimentos e desenvolver habilidades no campo acadêmico, para a realização de ações em saúde, baseadas nas necessidades da família e comunidade. Participaram 33 acadêmicos dos cursos de

  9. Medicinas Alternativas e Complementares: uma metassíntese Complementary and Alternative Medicines: a meta-synthesis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristiane Spadacio

    2010-01-01

    Full Text Available O aumento do uso de Medicinas Alternativas e Complementares (MAC motivou o crescimento do número de estudos qualitativos sobre o tema, justificando a realização de sínteses sobre esse material. Este artigo apresenta uma revisão sistemática de pesquisas qualitativas sobre MAC publicadas em periódicos internacionais. Esta revisão se orientou pela metodologia dos metaestudos. Foi realizada busca em revistas do Portal Periódicos da Coordenação de Aperfeiçoamento de Pessoal de Nível Superior e foram selecionados 32 artigos para análise. Os estudos revisados apresentam questões que têm como foco: o paciente, suas experiências terapêuticas e seus contextos sociais e culturais; o profissional, as relações profissionais e o processo de profissionalização das MAC; a MAC e sua relação com a biomedicina. Conclui-se que as pesquisas qualitativas sobre as MAC ensejam um olhar exploratório sobre o tema, procurando identificar as experiências de pacientes e profissionais com essas terapêuticas, assim como buscam discutir as conseqüências desse uso para a Medicina Convencional ou biomedicina.The growing use of Complementary and Alternative Medicines (CAM has led to an increase in the number of qualitative studies on the subject, thus justifying a meta-synthesis of the resulting material. The current article presents a systematic review of qualitative studies on CAM published in international journals. The review was conducted according to the meta-synthesis methodology. A search was performed in journals through the Periodicals Periodical of CAPES, the National Agency for the Evaluation of Graduate Studies, and 32 articles were selected for analysis. The reviewed studies raise questions focusing on: patients, their therapeutic experiences, and their social and cultural contexts; professionals, professional relations, and the process of professionalization of CAM; and CAM and their relationship to biomedicine. The article concludes

  10. Biotecnología y salud. Un análisis de riesgos y oportunidades

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Josep Lluís Barona Vilar

    2012-02-01

    Full Text Available La actual transformación del sistema democrático y la creciente importancia económica y mediática de la industria tecnocientífica, especialmente en el dominio de la biomedicina, plantean un panorama complicado, con posibilidades y riesgos sin precedentes. El presente artículo pretender trazar un panorama general de la situación actual y analizar aspectos específicos como los riesgos de la biotecnología, las nuevas técnicas reproductivas, los transplantes y la medicina regenerativa, así como los problemas éticos asociados.The present transformation of the democratic system and the growing importance of technoscience in economy and in the media, particularly in the field of bio-medicine, show a difficult context, with unprecedented risks and opportunities. The present article tries to draw a general landscape analysing some specific aspects such as the risks associated to biotechnology, including the new reproductive technologies, transplants and regenerative medicine, as well as ethical problems associated. 

  11. PRÁTICAS EDUCATIVAS EM SAÚDE E A CONSTITUIÇÃO DE SUJEITOS ATIVOS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rogério Dias Renovato

    2010-01-01

    Full Text Available El objetivo del artículo ha sido problematizar las prácticas educativas en salud y sus contribuciones para la constitución de subjetividades. El presente es un estudio teórico-reflexivo, donde se busca cotejar las prácticas con las concepciones foucaultianas sobre seguridad y libertad, elementos claves en la creación del sujeto activo. Para realizar esa reflexión, se aborda la interdependencia de las prácticas educativas en salud con la biomedicina y sus enunciados en conformidad con la filosofía del riesgo, así como la capilaridad de esos discursos sobre el sujeto activo a través de las pedagogías culturales. De esa forma, se entiende que esas prácticas educativas pueden presentar varias configuraciones, entre ellas, estrategias provenientes de los dispositivos de seguridad, que contribuyen para la formación de sujetos activos. En ese enmarañado de elementos discursivos, entrelazados por innumerables dimensiones, por prácticas de salud construidas históricamente, no se puede más imaginar relaciones de poder polarizadas sino, múltiples relaciones de poder intercaladas por interpelaciones que delimitan conductas consideradas saludables para ese otro, fundamentadas en representaciones situadas en espacios y temporalidades particulares.

  12. A educação popular e o cuidado em saúde: um estudo a partir da obra de Eymard Mourão Vasconcelos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano Bezerra Gomes

    2014-12-01

    Full Text Available O artigo analisa as concepções sobre o cuidado em saúde em autores da Educação Popular em Saúde, tomando como referência fundamental a obra de Eymard Mourão Vasconcelos publicada entre 1994 e 2009. Trata-se de pesquisa bibliográfica, de natureza qualitativa, de nível exploratório e caráter analítico e que além de sistematizar as formulações deste autor, aponta para possibilidades de debate com diversos estudiosos do tema do cuidado. Os textos foram agregados nas seguintes categorias: relações de poder no cuidado em saúde; críticas à biomedicina; o atendimento individual; a abordagem à família. Procura-se estimular a produção de novos conceitos a partir da integração entre formulações de pensadores que não têm se aproximado, apesar de potenciais proximidades temáticas.

  13. El climaterio y las inmigrantes ecuatorianas: una experiencia natural en manos de otros

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan Manuel Leyva-Moral

    Full Text Available Introducción: El modelo biomédico describe la menopausia como un problema de salud. Los científicos sociales sostienen que se trata de un proceso biológico normal individual cuya experiencia viene determinada por factores culturales. Objetivo: Comprender la experiencia de la menopausia entre las inmigrantes ecuatorianas que viven en Barcelona (España. Diseño: Estudio cualitativo fenomenológico hermenéutico. Trece mujeres ecuatorianas menopáusicas fueron entrevistadas en sus hogares durante el período 2008-2009. Las entrevistas fueron transcritas textualmente y analizadas siguiendo el proceso hermenéutico. Resultados: Cuatro dominios interrelacionados fueron identificados: Una experiencia individual natural, ser mujer, mi sexualidad en manos de otros, ser vs. sentirse mayor. Conclusión: la menopausia entre las inmigrantes ecuatorianas aparece como un evento natural repleto de falsos mitos y tabúes en cuya construcción influyen sustancialmente la biomedicina y el contexto social.

  14. [Blood lead levels during pregnancy in th the newborn period. Study of the population of Bari].

    Science.gov (United States)

    Carbone, R; Laforgia, N; Crollo, E; Mautone, A; Iolascon, A

    1998-01-01

    Blood lead levels during pregnancy and in neonates immediately after birth have been evaluated, showing higher values in mothers compared to neonates (5.81 +/- 3.05 vs 4.87 +/- 3.60 micrograms/100 ml) and a positive correlation between maternal and neonatal levels (r = 0.82). On the basis of the results derived from the population examined, it has been observed that 6% of newborns have blood lead levels higher than 10 micrograms/100 ml a value recently identified by the Centers for Disease Control (CDC, Atlanta, USA) as a limit for toxicity in children. Moreover, neonatal Pb levels were higher than those found in infants from 6 to 12 months (4.87 +/- 3.60 vs 2.24 +/- 0.54 micrograms/100 ml). During the first week of life there is a steady decrease of blood lead levels, together with increasing renal lead excretion. This study was carried out at the "Dipartimento di Biomedicina dell'Età Evolutiva" University of Bari, southern Italy.

  15. Cesárea, aperfeiçoando a técnica e normatizando a prática: uma análise do livro Obstetrícia, de Jorge de Rezende

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andreza Rodrigues Nakano

    Full Text Available Resumo Discute a apropriação e o desenvolvimento das técnicas de cesariana pelos médicos no Brasil, no século XX, analisando o capítulo “Operação cesariana”, de três edições do livro-texto Obstetrícia, de Jorge de Rezende. O protagonismo desse autor na obstetrícia criou disposições para a normalização da prática da cesárea. As redes de significados praticadas nessa comunidade científica abarcam uma “disposição para um sentir e para um agir” (Fleck que balizam a cesárea como um parto “normal”: manifesta normas que excluem imprevisibilidade, descontrole, caos, perigos associados à fisiologia do parto, atendendo à exigência de controle, disciplinamento e segurança, atributos associados às práticas técnicas e tecnológicas da biomedicina.

  16. [Modern referral-information service in the Central Medical Library of the University of Zagreb Medical School].

    Science.gov (United States)

    Hadjina, G; Granić, D; Bekavac, A

    1990-01-01

    New technologies in information and retrieval services of the Central Medical Library are presented, as well as comparison between traditional search of biomedical literature and search of biomedical bases available on CD-ROM and on-line. MeSH thesaurus represents the basis for all modes of searches, either through published indexes (Index Medicus, Biomedicina Iugoslavica), searches through on-line, or via CD-ROM technology. Experience in indexing according to MeSH structure helps us to search and retrieve biomedical literature on new media too. Great interest in new media for search and retrieval of biomedical literature among our users (100%) justifies their introduction into the Library. In the period of four months, 75% of our users chose CD-ROM technology in their search, 25% chose on-line search, and both technologies were combined by 33% of the users. Having these new media in our library we have reached the point from which we join the world biomedical information network and successfully meet the growing need for information in the field of biomedicine.

  17. Formação médica, ciência e atendimento ao paciente que morre: uma herança em questão

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eliane Brígida Morais Falcão

    Full Text Available Esta pesquisa foi realizada em instituição pública universitária com o objetivo de melhor conhecer visões, valores e atitudes dos médicos docentes em relação aos pacientes em processo de morrer. Trabalhou-se com o conceito de representação social (Moscovici e a metodologia qualitativa de análise do discurso do sujeito coletivo (DSC proposta por Lefèvre e Lefèvre. Os discursos dos investigados revelaram que sofrem muito os médicos, os estudantes e os pacientes diante da morte. Articulados com o predomínio da ótica da biomedicina, prevalecem o despreparo profissional e a ausência de reflexão mais abrangente sobre a morte. Os investigados parecem não perceber relações entre o que falam de si próprios e o que dizem dos estudantes. Alterações na vida institucional parecem necessárias para o enfraquecimento de uma herança não percebida e que envolve médicos, pacientes e estudantes.

  18. "¿Dónde Quedó el Árbol de las Placentas?" Transformaciones en el Saber acerca del Embarazo/Parto/Puerperio de dos Generaciones de Triquis Migrantes a la Ciudad de México

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Zuanilda Mendoza González

    2005-01-01

    Full Text Available La movilización constante y progresiva de numerosos grupos sociales del campo a la ciudad ha sido una de las variables demográficas más importantes en las últimas décadas. Sin embargo, al interior de este proceso de cambio no han sido considerados los aspectos de salud/enfermedad/atención, a los que nosotros reconocemos como centrales para ejemplificar y analizar el intenso proceso de transformación sociocultural que sufren estos grupos. Para el caso de este artículo nos interesa resaltar los cambios que se presentan en los saberes acerca de su proceso reproductivo, ejemplificado a través del embarazo/parto/puerperio en dos generaciones diferentes de hombres y mujeres indígenas triquis migrantes del estado de Oaxaca a la ciudad de México. Nos acercaremos a su proceso reproductivo a partir de sus saberes, las redes de apoyo que les permiten solucionar o no un problema, los recursos procedentes de su medicina tradicional o de la biomedicina y la eficacia de los mismos.

  19. Cytoskeleton and Golgi-apparatus interactions: a two-way road of function and structure

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Egea G

    2015-01-01

    Full Text Available Gustavo Egea,1 Carla Serra-Peinado,1 María P Gavilan,2 Rosa M Rios21Departament de Biologia Cel·lular, Immulogia i Neurociències, Facultat de Medicina and Institut d'Investigacions Biomèdiques August Pi i Sunyer (IDIBAPS, Universitat de Barcelona, Barcelona, Spain; 2Departamento de Señalización Celular, CSIC-Centro Andaluz de Biomedicina y Medicina Regenerativa (CABIMER, Seville, SpainAbstract: The Golgi apparatus is the result of a complex and dynamic interaction between a large variety of molecules that determine its architecture, protein and lipid transports, and those that integrate signals from outside and inside the cell. The cytoskeleton facilitates the functional integration of all these processes. Association and coordination between microtubules and actin filaments, as well as their respective binding and regulatory proteins, are clearly necessary for Golgi structure and function. Protein sorting, membrane fission and fusion, and the motion of Golgi-derived transport carriers are all affected by both cytoskeleton elements.Keywords: cytoskeleton, Golgi apparatus, membrane trafficking, secretory pathway, actin, microtubules

  20. Bioengenharia de tecido epitelial e cartilaginoso - doi: 10.512/ucs.v11i2.2416

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcella Motta da Costa

    2013-12-01

    Full Text Available A bioengenharia tecidual ou medicina regenerativa é a área da biomedicina que engloba uma abordagem multidisciplinar na aplicação de princípios das ciências biológicas e das engenharias de materiais, no desenvolvimento de técnicas que promovam a expansão in vitro de células sobre um suporte de biopolímeros bioreabsorvíveis. Neste artigo será realizada uma revisão bibliográfica a respeito dos princípios, métodos e aplicações da bioengenharia de tecidos. A construção do suporte permite criar condições ideais de reparo, regeneração e/ou substituição de tecidos lesionados fornecendo elementos celulares requeridos, fatores de proliferação e diferenciação celular que podem garantir a geração de quantidade suficiente de células novas e estruturas supramoleculares que providenciem a organização espacial plenamente funcional de novos tecidos gerados e a sua integração sistêmica. Muitas novidades ainda são aguardadas no que diz respeito a novas tecnologias na construção de suporte, visto que a expectativa para o futuro é a possibilidade de reconstrução de órgãos.

  1. FAMILY HEALTH STRATEGY: A TECHNOLOGICAL INNOVATION IN HEALTH

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jacks Soratto

    2015-01-01

    Full Text Available La importancia de la Estrategia de Salud de la Familia en el sector de la salud en Brasil y el debate acerca de la tecnología y la innovación tecnológica, motivaron la elaboración de una reflexión teórica con el objetivo de caracterizar el Estrategia de Salud de la Familia como una innovación tecnológica no material en la salud. Se utilizo documentos nacionales y internacionales, la legislación brasileña y publicaciones sobre innovación tecnológica de la salud para analizar lo que se prescribe para la Estrategia de Salud de la Familia en la Política Nacional de Atención Primaria, destacando los aspectos innovadores en relación a biomedicina, lo que permitió mantener que esta consiste en una innovación tecnológica no material de la salud, del tipo incremental. Se concluió que la Estrategia de Salud de la Familia es una innovación tecnológica no material de la salud por los principios en que se basa, e incremental porque no se rompe por completo con el modelo tradicional de la salud.

  2. Desde la complejidad y la ética de la investigación: paradojas de los discursos biomédicos sobre la violencia de género en México

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María Guadalupe Huacuz Elías

    2014-08-01

    Full Text Available En este trabajo se exploran desde el método de la complejidad, la ética de la investigación y el feminismo crítico, los discursos universalistas, dicotómicos y ahistóricos que sobre violencia de género se han propagado en los sistemas de salud. Propone que tendríamos que re/pensar las paradojas que ha significado incluir en las investigaciones teóricas y la atención a la violencia de género el discurso "científico" de la biomedicina y derivado de esto, la vuelta a la apropiación del cuerpo de las mujeres a través de la medicalización de la problemática. Analiza con esta base teórica los discursos que a manera de simulacro pretenden "resolver" la violencia de género contra las mujeres mediante la implementación de estrategias simples, que para el caso de México han tendido al fracaso.

  3. Viviendo con trasplante renal, sin protección social en salud: ¿Qué dicen los enfermos sobre las dificultades económicas que enfrentan y sus efectos?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco Javier Mercado-Martínez

    2014-10-01

    Full Text Available El trasplante es el mejor tratamiento para la insuficiencia renal, de acuerdo con la biomedicina; sin embargo, es una tecnología cara. Este artículo examina las dificultades económicas y sus efectos en personas con trasplante renal, pero sin protección social en salud. Para el estudio se desarrolló una investigación cualitativa en México. Participaron 21 pacientes trasplantados; se aplicaron entrevistas semiestructuradas, y se realizó un análisis de contenido. Los resultados muestran que las personas enfermas enfrentan dificultades económicas, debido a los costes de las terapias renales, particularmente, de las medicinas. Todo ello tiene efectos negativos: las personas con pocos recursos dejan el tratamiento con medicamentos, abandonan el protocolo, no asisten a las consultas médicas y disminuyen los gastos domésticos, incluyendo el de alimentación; además de suponer una merma en los ingresos familiares. En conclusión, el trasplante renal empobrece a las personas enfermas sin protección social en salud; es urgente la implementación de un sistema de protección social para esta población.

  4. Nuevos enfoques en el cuidado del "otro" New approaches in the care of "the other"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Moreno Preciado

    2010-09-01

    Full Text Available Este trabajo pretende contribuir al debate que suscita, desde la enfermería y desde la antropología, la creciente complejidad del cuidado de la salud en contextos de diversidad cultural y en tiempos de glocalización. Esta reflexión parte de la tesis de que los estudios sobre factores sociales y culturales necesitan desmarcarse de los conceptos tradicionales de cultura e inscribir sus análisis en el contexto de la sociedad compleja actual, caracterizada por continuas mezclas y préstamos. Apoyándose en la experiencia de un trabajo de campo sobre población inmigrada, propone un cuestionamiento de la biomedicina y un cambio en la relación profesional/paciente.This paper aims to contribute to the debate that arise from nursing and anthropology, the increasing complexity of health care in contexts of cultural diversity and in times of glocalization. This reflection start, from the view that studies of social and cultural factors need to disassociate themselves the traditional concepts of culture and to focus their analysis in the context of the current complex society characterized by continuous mixing. Based on the experience of a fieldwork study on immigrant population it suggests a challenge to the biomedical model and a change in the professional / patient relationship.

  5. Doença, cura e serviços de saúde. Representações, práticas e demandas Baníwa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Garnelo Luiza

    2001-01-01

    Full Text Available A pesquisa foi realizada no Município de São Gabriel da Cachoeira, noroeste amazônico, junto ao povo indígena Baníwa, em parceria com as organizações indígenas, visando compreender a correlação entre a cosmologia do grupo, seu sistema de representações de doença e práticas de cura e sua dinâmica de transformação em situação de contato interétnico. O levantamento dos mitos explicativos da origem da doenças demonstrou a existência de diversas categorias tradicionais de doença que orientam as práticas tradicionais de cura e a incorporação dos saberes biomédicos. A cosmologia Baníwa opera como sistema de acolhimento das informações de biomedicina, que são apropriadas e ressignificadas segundo a lógica do pensamento mítico; estratégias cognitivas similares são utilizadas para a geração das demandas que as lideranças indígenas encaminham aos Conselhos de Saúde e Serviços de Saúde.

  6. Doença, cura e serviços de saúde. Representações, práticas e demandas Baníwa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luiza Garnelo

    2001-03-01

    Full Text Available A pesquisa foi realizada no Município de São Gabriel da Cachoeira, noroeste amazônico, junto ao povo indígena Baníwa, em parceria com as organizações indígenas, visando compreender a correlação entre a cosmologia do grupo, seu sistema de representações de doença e práticas de cura e sua dinâmica de transformação em situação de contato interétnico. O levantamento dos mitos explicativos da origem da doenças demonstrou a existência de diversas categorias tradicionais de doença que orientam as práticas tradicionais de cura e a incorporação dos saberes biomédicos. A cosmologia Baníwa opera como sistema de acolhimento das informações de biomedicina, que são apropriadas e ressignificadas segundo a lógica do pensamento mítico; estratégias cognitivas similares são utilizadas para a geração das demandas que as lideranças indígenas encaminham aos Conselhos de Saúde e Serviços de Saúde.

  7. El nacimiento hospitalario e intervencionista: un rito de paso hacia la maternidad

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Manuel Hernández Garre

    2015-09-01

    Full Text Available El nacimiento no solo es un hecho biológico sino también cultural, y como tal es pensado y representado de diferentes maneras según las ideologías dominantes de cada contexto sociohistórico. Cosmovisiones que determinan la forma en que se estructuran los itinerarios asistenciales del mismo y de la que subyacen diferentes modelos de atención como el parto hospitalario e intervencionista, cultura del nacimiento característica de la biomedicina y ampliamente extendida en Occidente. Estamos ante un modelo asistencial medicalizado que, pese a haber sido cuestionado por la propia Organización Mundial de la Salud, sigue todavía hoy día en plena vigencia. En aras de una mayor caracterización del mismo, el presente artículo supone un análisis minucioso de sus praxis y rituales asociados, datos que han sido obtenidos a través de un trabajo de campo y análisis documental concienzudo, partiendo de su concepción como un rito de paso vertebrado por las tres etapas descritas por Van Gennep: separación, margen y agregación.

  8. Cuidado de enfermagem em Serviço Ambulatorial Especializado em HIV/Aids

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simara Moreira de Macêdo

    2016-06-01

    Full Text Available RESUMO Objetivo: analisar os discursos acerca do cuidado produzido por enfermeiros que atuavam em Serviços Ambulatoriais Especializados em HIV/Aids em quatro instituições públicas do município de Fortaleza, Ceará. Método: estudo descritivo e exploratório com abordagem qualitativa, que utilizou como método a análise de discurso. Resultados: ao intitular o "cuidado como negativo", tal denominação surgiu a partir da analogia proposta por Freud (1912 com o negativo fotográfico, representada pelo que o cuidado pode se configurar a partir do movimento inconsciente, uma vez que os enfermeiros não se percebiam nas ações de cuidado que desenvolviam pelo fato de amparar a atuação das demais categorias profissionais, contribuindo para manter a ideologia da biomedicina. Conclusão: faz-se necessário fundamentar e teorizar uma prática clínica de enfermagem a partir de questões epistemológicas da profissão, de forma que o enfermeiro perceba sua relevância no contexto de cuidado.

  9. “Você sabe o que é Sexualidade?” - Relato de experiência de oficinas de educação sexual na escola

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlise Inês Groth

    2011-06-01

    Full Text Available ¿Usted sabe lo que es sexualidad? Relato de experiencia de talleres de educación sexual en la escuelaResumenEste artículo relata las experiencias de trabajo académico por los monitores de la Psicología y la Biomedicina, que trata de ofrecer talleres de sexualidad y el proyecto en dos escuelas públicas de São Miguel do Oeste, SC. El propósito de estos estudios fue evaluar los conocimientos de los estudiantes sobre la experiencia de la sexualidad y la vida de la sexualidad de los adolescentes, y promover el debate y la reflexión sobre cuestiones relacionadas con la sexualidad y el uso de métodos anticonceptivos, enfermedades de transmisión sexual, las relaciones de género, los mitos sexuales y embarazo de adolescentes. Este estudio también investiga la importancia de la inclusión de los estudios relacionados con la sexualidad en la escuela. Los recursos utilizados fueron: dinámicas de grupo, juegos educativos, videos educativos y conferencias. Los adolescentes participaron en los talleres con ejemplos, discutindo y haciendo preguntas. Se pudo ver el final de este proceso unaumento en el nivel de información de los adolescentes, promoviendo la adopción de acciones preventivas y la reflexión y la desmitificación de la sexualidad.

  10. Evaluación de la toxicidad del extracto acuoso de Bryothamnion triquetrum en células humanas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maribel González-Pumariega

    2010-01-01

    Full Text Available Las algas han sido extensamente investigadas por su uso en la cosmética y la biomedicina, además de sus propiedades nutritivas por las que han sido incorporadas en las dietas de varios países. El extracto acuoso total de la especie Bryothamnion triquetrum, ha sido informado como fuente de agentes antioxidantes. Sin embargo, constituye un requisito preclínico para su empleo con fines terapéuticos y/o nutricionales, el estudio de sus propiedades tóxicas. En este trabajo se evaluó la citotoxicidad de esta especie en células humanas. Se empleó como modelo experimental la línea celular MRC5. Las células fueron tratadas con dosis crecientes del extracto durante 49 horas. Se evaluó la capacidad de formación de colonia y la inducción de muerte celular programada por citometría de flujo. Los resultados de este estudio mostraron que en las células tratadas con el extracto de B. triquetrum no hubo inducción de apoptosis. Sin embargo, el extracto inhibió la capacidad de formar colonias, en los cultivos de células tratadas con dosis > 1000 mg/mL.

  11. Acupuntura en un servicio hospitalario en Argentina: experiencias y perspectivas de los usuarios

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Betina Freidin

    Full Text Available Indagamos las experiencias y perspectivas de los usuarios de un servicio hospitalario público de acupuntura del noroeste argentino. Basamos el análisis en 18 entrevistas semi-estructuradas realizadas en el año 2005. Los entrevistados recurren a la acupuntura por dolencias crónicas, especialmente como paliativo del dolor, aunque varios extienden su uso para otros problemas de salud, frente a la ineficacia y/o efectos adversos de los tratamientos biomédicos, o para evitar cirugías menores. Incorporan la acupuntura a estrategias pluralistas de cuidado que junto con la biomedicina incluyen típicamente otras medicinas no convencionales. El contexto hospitalario facilita que prueben una medicina foránea. Varios usuarios encuentran el servicio de asesoramiento para "negociar" los tratamientos con sus médicos convencionales. Destacan la eficiencia organizativa del servicio y el compromiso de los médicos. Ante la demanda creciente de atención en un contexto de escasez de recursos advierten que ésta puede afectar la disponibilidad de turnos y la interacción médico-paciente.

  12. Acupuntura en un servicio hospitalario en Argentina: experiencias y perspectivas de los usuarios

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Betina Freidin

    2011-06-01

    Full Text Available Indagamos las experiencias y perspectivas de los usuarios de un servicio hospitalario público de acupuntura del noroeste argentino. Basamos el análisis en 18 entrevistas semi-estructuradas realizadas en el año 2005. Los entrevistados recurren a la acupuntura por dolencias crónicas, especialmente como paliativo del dolor, aunque varios extienden su uso para otros problemas de salud, frente a la ineficacia y/o efectos adversos de los tratamientos biomédicos, o para evitar cirugías menores. Incorporan la acupuntura a estrategias pluralistas de cuidado que junto con la biomedicina incluyen típicamente otras medicinas no convencionales. El contexto hospitalario facilita que prueben una medicina foránea. Varios usuarios encuentran el servicio de asesoramiento para "negociar" los tratamientos con sus médicos convencionales. Destacan la eficiencia organizativa del servicio y el compromiso de los médicos. Ante la demanda creciente de atención en un contexto de escasez de recursos advierten que ésta puede afectar la disponibilidad de turnos y la interacción médico-paciente.

  13. Lines of action to restore San Basilio Ditch (Rome). A case study; Linee di azione per il risanamento del fosso di San Basilio (Roma). Un caso di studio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Munafo' , M. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Dipartimento Stato dell' Ambiente, Controlli e Sistemi Informativi, Rome (Italy); Macchi, S. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Architettura e Urbanistica per l' Ingegneria; Mancini, L. [Istituto Superiore di Sanita' , Laboratorio di Igiene Ambientale, Rome (Italy)

    2001-10-01

    In this work the aim is the investigation of several environmental monitoring techniques suitable to evaluate surface watercourse quality. The case study is the San Basilio catchment basin, located in the eastern suburbs of Rome (drainage basin of the river Aniene). Implications on urban and environmental planning have been studied in a multidisciplinary approach. The present study adds to a traditional and localized chemical-physical, chemical and bacteriological monitoring, a biological monitoring that is able to provide holistic answers and to study the overall effects. From this kind of water analysis, it is feasible to proceed with the study of the watercourse as a complex ecosystem, where the riparian eco tone is considered as a very influent element on the water body state. In the analysis here presented the attempt is to extend even more the prospective utilizing the relations between the river system and the surrounding area and examining the driving forces that can originate point and non-point loading on the stream. Finally, from the obtained results, some hypothesis of restoration have been considered with the aim of restoring the river ecosystem continuity and environmental quality. Moreover, the chief ambits of intervention have been located. [Italian] Sono state analizzate diverse tecniche di monitoraggio della qualita' di un corso d'acqua, il fosso di San Basilio, situato nella periferia orientale della citta' di Roma (bacino idrografico dell'Aniene), e delle loro implicazioni per la pianificazione urbanistica e per la riqualificazione ambientale, con un approccio di tipo multidisciplinare e multiparametrico. Partendo dal monitoraggio tradizionale di tipo chimico-fisico, chimico e batteriologico, che studia la qualita' delle acque in maniera puntuale (nello spazio e nel tempo) si passa al monitoraggio biologico, piu' adatto a fornire risposte di carattere olistico (cioe' a studiare gli effetti d'insieme). Dall

  14. Commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti di Italianistica e di Traduzione: (identificazione dei punti critici e confronto tra i gruppi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirjam Premrl

    2009-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo l'autrice si concentra sull'osservazione e sul commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti del 2., del 3. e del 4. anno del corso di laurea in Lingua e letteratura italiana, del 2. e del 3. anno del corso di Laurea in Mediazione interlinguistica e del 4. anno del corso di laurea in Traduzione. Il punto in comune di tutti e tre i corsi è l'insegnamento esplicito delle caratteristiche e del funzionamento del sistema verbale italiano, anche se nell'ambito di Italianistica la quantità di ore dedicate a questo tipo di insegnamento è superiore rispetto a quella prevista nell'ambito di Traduzione, mentre nell'ambito di Traduzione una quantità maggiore di lezioni concerne esercitazioni di traduzione e composizione di testi. Per gli scopi della ricerca è stato elaborato un test composto da cinque testi autentici brevi ma completi e da un brano tratto dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, trasformati in seguito nei cloze. Ma visto che la scelta della forma verbale nei cloze dipende non soltanto dalla conoscenza degli usi, bensì anche dall'interpretazione felice del mondo testuale, i cloze sono stati completati da attività quali sottolineare espressioni sconosciute, tradurre il testo in sloveno, completare i cloze preceduti dalla versione slovena del testo. Dai risultati traspare che gli studenti non hanno problemi particolari nella comprensione del mondo testuale, mentre incontrano difficoltà nell'interpretazione attiva delle sue caratteristiche e nell'applicazione degli usi alla realtà extralinguistica. Per la quantità di usi inappropriati si rivelano come i più critici fenomeni quali l'anteriorità nell'ambito delle frasi indipendenti e relative, l'espressione della temporalità relativa nell'ambito dei costrutti sintattici complessi e nel discorso indiretto libero, il preludio, la scelta tra il perfetto e l'imperfetto e l'espressione di notizie riferite su azioni passate

  15. INCREMENTO LESSICALE E M(OBILE-LEARNING: PROSPETTIVE TEORICHE E APPLICATIVE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuliana Fiorentino

    2012-02-01

    Full Text Available L’articolo descrive un tipo di apprendimento mediato da tecnologie portatili, definito mobile learning, nel quadro più ampio del rapporto tra tecnologie digitali e didattica e presenta un progetto in corso presso l’università del Molise (progetto SIMOLA in cui tale apprendimento informale applicato al lessico affianca un corso istituzionale di didattica dell’italiano come L2. L’obiettivo dell’articolo è avviare la riflessione sul mobile learning individuandone le specificità e il modo in cui esso può integrarsi con l’apprendimento tradizionale, e discutere in maniera critica gli aspetti metodologici del progetto in corso. L’articolo offre una rassegna di studi sul mobile learning e conclude osservando come le tecnologie digitali siano utilizzabili sia in modo puramente sussidiario all’attività didattica in senso stretto (un uso 'sociale' dei media digitali, sia in modo mirato, così che le tecnologie siano strumenti centrali di specifici obiettivi didattici. Il Progetto SIMOLA mira alla costruzione del lessico della L2 mediante un software dedicato progettato per consentire la creazione e la condivisione di contenuti da parte degli apprendenti secondo un approccio bottom-up. Il punto di forza del progetto consiste nel fatto che si tratta di apprendimento informale che avviene in situazione, nella vita di tutti i giorni, in modo collaborativo e che consiste nell’imparare facendo. La fase ulteriore della sperimentazione però dovrà mostrare se e come i partecipanti al progetto rispetto alla classe di controllo avranno raggiunto un livello di sviluppo lessicale migliore degli altri.     Vocabulary growth and m(obile-learning: theoretical and applicational perspectives   This article describes a type of learning mediated by portable technology, in the broader context of the relationship between digital technologies and didactics and it presents an on-going project at the University of Molise (Progeto SIMOLA in which

  16. The development of substance use in adolescence: results from comparing two longitudinal studies in England and Germany

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariotti Luca

    2011-07-01

    Full Text Available This paper compares the development of alcohol and cannabis use in two English and German adolescent cohorts, using longitudinal data from ongoing studies located in Peterborough and Duisburg respectively. We set out the two studies and detail the steps taken to make the comparisons presented. Unusually, this paper assesses this development simultaneously in both cohorts, using an under-utilized variation of a well-known technique (multiple-group multiple-cohort latent growth curve modelling. In keeping with expectations from other research, there are large differences in the proportions of young people in the two countries using cannabis and alcohol. The Peterborough cohort embarked on earlier initiation of both alcohol and cannabis use, and increase their frequency of use very quickly. Despite a one year chronological gap between the two study cohorts, the 13 year old Peterborough group drink (until drunk and smoke cannabis at the same level as the 15 year old versions of their German counterparts. Although there are some methodological differences between the two projects, the results appear to be valid.In questo articolo viene svolta una comparazione sullo sviluppo, nel corso dell’adolescenza, del consumo di droghe leggere e alcol tra un campione di giovani tedeschi e inglesi, utilizzando i dati di due studi longitudinali panel condotti rispettivamente in Germania e in Inghilterra. Per questo confronto viene utilizzata una tecnica particolare (multiple-group multiple-cohort latent growth curve modelling che permette di osservare similitudini e differenze nello sviluppo individuale del consumo di queste sostanze nel corso del tempo, con un’attenzione particolare alle differenze tra le due coorti. Nonostante alcune differenze di tipo metodologico tra i due studi, e comunque in sintonia con studi precedenti, si notano importanti differenze tra i due campioni. Il campione inglese infatti mostra un livello di consumo più alto rispetto a

  17. The wild heart of a wild land. Tra le Alpi albanesi sulle orme di Mary Edith Durham

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Genesin

    2012-08-01

    Full Text Available ENIn 2007 we decided to follow the same route through northern Albania which was covered almost 100 years ago by the victorian traveller Mary Edith Durham, author of the books High Albania and Some Tribal Origins, Laws and Customs of the Balkans. The journey described in High Albania was the culmination of seven years of regular Balkan travels during which she was rewarded with insights into north Albanian life denied to all previous travellers. Unlike her other expeditions in the Balkans, her journey in northern Albania was an existential experience which deeply affected Durham’s perception of the tribespeople’s world and marked a turning point in her life. In the second part of the article some ethnographical aspects which were pointed out by Durham and are still alive in those regions are dealt with. Keywords: Balkan Studies; Cultural Studies; Ethnography; Mary Edith Durham; Albania  ITNel 2007 abbiamo deciso di organizzare una spedizione a carattere linguistico e etnogrfico nell’Albania settentrionale sulle orme dell’itinerario percorso quasi 100 anni prima dalla viaggiatrice vittoriana Mary Edith Durham, autrice dei volumi High Albania e Some Tribal Origins, Laws and Customs of the Balkans. L’itinerario descritto in High Albania coronò setti lunghi anni di esplorazioni balcaniche nel corso delle quali l’autrice riuscì a penetrare nella vita della popolazione locale, un importante esperienza che era invece mancata a tutti i precedenti viaggiatori. A differenza dagli altri viaggi precedenti nei balcani, quello nell’Albania settentrionale costituì un esperienza esistenziale che segnò profondamente la percezione della Durham del mondo delle alpi albanesi e rappresentò una svolta nella sua vita. Nella seconda parte dell’articolo sono illustrati alcuni fenomeni di carattere etnografico che furono rilevati dalla Durham e che, con nostra grande sorpresa, abbiamo potuto riscontrare sul campo nel corso della spedizione.

  18. In memoriam: Cristiana Patta, DVM, 1958-2012, Virologa ed esperta di peste suina africana e malattie esotiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anon.

    2012-03-01

    Full Text Available Il mondo della veterinaria è profondamente costernato per la scomparsa prematura di Cristiana Patta, Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.Valente virologa di rilevanza nazionale ed internazionale, si è sempre distinta, nel corso della sua intensa seppure troppo breve esistenza, per competenza e professionalità. Ha iniziato la sua attività come ricercatrice presso l’Istituto di Sassari nel settore delle malattie virali degli animali. Ha conseguito la Specializzazionein microbiologia e virologia con indirizzo in tecniche microbiologiche e virologiche presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Sassari. L’approfondimento delle sue competenze ha poi riguardato i principali aspetti delle malattie esotiche, dalla diagnosi al loro controllo, e la pianificazione e gestione dei piani di eradicazione delle principali malattie infettive sottoposte a controllo a livello comunitario (pesti suine, brucellosi, tubercolosi, blue tongue.Le conoscenze che ha avuto modo di acquisire nella lotta alle pesti suine ed in particolare alla peste suina africana, hanno fatto si che diventasse una esperta a livello nazionale ed internazionale nel settore del controllo di questa malattia. È in tale veste che ha ricoperto il ruolo di un membro del roster degli esperti del Ministero della Salute e della Commissione Europea. Ha contribuito a numerosi progetti di ricerca europei ed è stata invitata, in qualità di relatore, in numerosi consessi scientifici promossi dalle Istituzioni internazionali quali OIE, FAO ed UE.Cristiana Patta ha collaborato in varie circostanze, con la sua autorevole presenza, anche alle iniziative formative che l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” di Teramo ha promosso in qualità di Centro di Collaborazione OIE per la Formazione Veterinaria, l’Epidemiologia, la Sicurezza Alimentare e il Benessere Animale, offrendo il suo contributo in

  19. I CORSI IBRIDI DI ITALIANO L2: LEZIONI IN PRESENZA E PIATTAFORME MULTIMEDIALI COME STRUMENTI DI CO-COSTRUZIONE DELLA CONOSCENZA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosetta Baccari

    2015-07-01

    Full Text Available L’articolo parte dalla riflessione sull’utilizzo delle tecnologie educative nel mondo contemporaneo per poi mostrare i vantaggi e le potenzialità dei corsi ibridi o blended nel processo di insegnamento/apprendimento dell’italiano L2. A supporto di tale tesi sono riportate le osservazioni tratte dall’esperienza di tirocinio svolta presso il PLO Pepe del Comune di Milano dove è stato attivato con successo un corso ibrido di 10° livello (livello C1 del QCER. Il corso, basato sull’integrazione tra le tradizionali lezioni in classe e le lezioni on-line a distanza tramite la piattaforma Moodle, ha consentito di superare i limiti e le difficoltà connessi a ciascuna modalità di insegnamento/apprendimento quando applicata isolatamente e ha permesso di creare una comunità di apprendimento in cui ciascun apprendente ha avuto la possibilità di costruire e co-costruire con gli altri il percorso di apprendimento secondo i propri ritmi e bisogni. L’ultima parte del lavoro riguarda una proposta di insegnamento dell’italiano L2 attraverso l’utilizzo di Edmodo, una piattaforma digitale alternativa a Moodle. Gratuita e di facile utilizzo, permette agli studenti di partecipare in modo attivo e costruttivo alle attività proposte e agli insegnanti di personalizzare e rendere più accattivante l’offerta didattica. Hybrid Italian L2 courses: frontal lessons and multimedia platforms as instruments in the co-construction of knowledgeThe article begins by discussing the current use of educational technology, highlighting the advantages and potentials of hybrid or blended courses in L2 teaching/learning. To support this thesis, observations are drawn from training experiences which took place at the PLO Pepe in Milan where a hybrid 10th level course (level C1 CEFR was activated. The course, based on the integration between traditional classroom and online classes held remotely via the Moodle platform, enabled us to overcome the limitations and

  20. La Medicina del Turismo e dell'immigrazione nella Medicina del Terzo Millennio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    T. Ventura

    2003-05-01

    Full Text Available

    Spesso motivi turistici, professionali ed umanitari condizionano spostamenti di singoli o di piccoli gruppi di viaggiatori verso mete che presentano situazioni sociali, economiche e sanitarie diverse dal nostro Paese ed allo stesso tempo, migrazioni di massa da Paesi sottosviluppati si realizzano verso il nostro Paese ed in genere verso le aree geografiche industrializzate.

    Sia nel primo che nel secondo caso, possono realizzarsi condizioni di rischio per la salute, personale e collettiva, a motivo dell’interazione di realtà socio sanitarie diverse tra loro: si realizzano così rischi collegati all’alimentazione, alle malattie sessualmente trasmissibili, fino a quelle dovute all’interazione con clima e fauna locali.

    Su tali premesse il Dipartimento di Patologia Umana, Sezione di Medicina del Turismo e dell’Immigrazione in collaborazione con il Dipartimento di Igiene, Medicina Preventiva dell’Università degli Studi di Messina, ha istituito un Corso di Perfezionamento rivolto ai medici di medicina generale e del territorio, ai medici competenti ed a quelli operanti nel volontariato. Esso si prefigge, tra i principali, l’obiettivo di fornire strumenti utili per migliorare la capacità di relazionarsi con il territorio, con attenzione particolare al costante fenomeno immigratorio che interessa la nostra area geografica. Il corso si articola in varie sessioni: epidemiologia, patologia e clinica delle malattie da immigrazione e del turismo; patologia immuno allergica dell’immigrato e del viaggiatore, principi profilattici per i viaggi all’estero e l’immigrazione, microbiologia applicata alle aree endemiche, trattazione dei rischi collegati al clima ed all’igiene degli alimenti. È indubbia, pertanto, l’utilità socio sanitaria e preventiva della medicina del Turismo e dell’Immigrazione i cui risvolti applicativi hanno rilevanza particolare nel momento contigente: previsioni dell’Organizzazione Mondiale della

  1. Strategie riproduttive dello Stambecco (Capra ibex ibex nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Iva Rossi

    2003-10-01

    Full Text Available Durante il periodo riproduttivo del 2000, 2001 e 2002, sono state effettuate delle osservazioni comportamentali su un campione (n=42 di maschi di stambecco (Capra ibex ibex riconoscibili individualmente, all?interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Le osservazioni di ciascun maschio sono state distribuite uniformemente nel corso del periodo riproduttivo. In totale sono state effettuate 111 ore di osservazione nel 2000, 120 ore nel 2001 e 95 ore nel 2002. Sono state analizzate le diverse strategie riproduttive utilizzate e confrontati gli anni di studio. Marcate differenze individuali sono state rilevate nelle percentuali di tempo trascorso in corteggiamento ed in interazione aggressiva con altri maschi. Infatti, gli individui che trascorrono molto tempo in corteggiamento (media percentuale 25,6%, passano poco tempo ad interagire con altri maschi (media percentuale 1,1% e viceversa, maschi che trascorrono molto tempo in interazioni aggressive con altri maschi (media percentuale 14,8%, passano poco tempo in corteggiamento (media percentuale 2,4%. Gli spostamenti verso le femmine ed il numero di femmine corteggiate sono molto influenzati dalle condizioni ambientali. Infatti, con un?elevata presenza di neve al suolo, come nel caso del periodo riproduttivo 2000, i movimenti degli animali sono fortemente limitati ed i maschi trascorrono meno tempo in spostamenti da gruppi diversi di femmine e ne corteggiano quindi un numero minore. Nel corso degli anni sono state evidenziate differenze anche nelle diverse strategie riproduttive adottate: in assenza di neve, i maschi utilizzano sia i corteggiamenti statici (percentuale media 17,2%, effettuati dai maschi adulti per lungo tempo, che i corteggiamenti dinamici (percentuale media 1,0%, osservati nei maschi giovani in corsa. Al contrario, con un?elevata copertura nevosa (periodo riproduttivo 2000, non sono stati osservati corteggiamenti dinamici ed è aumentata la percentuale media del tempo

  2. Capitale sociale e problemi di salute e di qualitá della vita nella comunitá degli adolescenti di Saluzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Zambon

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questo contributo presenta, all’interno dell’obiettivo di definizione del capitale sociale della popolazione adolescenziale del saluzzese, la lettura del profilo di salute dei residenti del distretto 1 dell’ASL 17 del Piemonte, utile per la progettazione di interventi educativi di prevenzione primaria nella popolazione giovanile.

    Obiettivo: indagare i bisogni di salute e identificare le disuguaglianze sociali di salute degli adolescenti della Comunità del saluzzese.

    Metodi: sono stati estratti i dati demografici (2000, i dati di mortalità (1995-97 e i dati di morbosità (1998 relativi alla popolazione 14-19 anni in 36 Comuni e a quella regionale. Gli indicatori utilizzati nell’indagine sono stati il rapporto standardizzato di mortalità e il tasso standardizzato anni di vita persi a 75 anni, il tasso di ospedalizzazione, la percentuale di ricoveri non programmati, il tasso di primo ricovero e il rischio relativo. Risultati: la popolazione residente è di 74.526 persone (36.825 maschi, 37.701 femmine con 4.072 unità di età tra i 14 e i 19 anni. La mortalità per tutte le cause nei giovani evidenzia un eccesso significativo di due volte e mezzo rispetto ai dati regionali (RR 2,60; IC95% 145,62-416,77. Tale valore è riferibile all’incremento delle morti accidentali, da trasporto e da malattie alcool correlate. La morbosità per tutte le cause risulta essere il 6% superiore (maschi e il 2% inferiore (femmine rispetto al dato regionale; tali valori sono in linea con quelli dei distretti adiacenti. È in corso di analisi l’indagine qualitativa nella Comunità in studio. I risultati dei due rami della ricerca, quantitativo e qualitativo, verranno presentati nel corso dell’anno insieme a ipotesi di ricostruzione dei meccanismi che operano nella generazione delle disuguaglianze sociali di salute negli adolescenti sul territorio interessato.

    Conclusioni: la lettura

  3. Splenic abscess after splenic blunt injury angioembolization.

    Science.gov (United States)

    Tartaglia, Dario; Galatioto, Christian; Lippolis, Piero Vincenzo; Modesti, Matteo; Gianardi, Desirée; Bertolucci, Andrea; Cucinotta, Monica; Zocco, Giuseppe; Seccia, Massimo

    2014-11-03

    L’angioembolizzazione splenica è una efficace procedura nel corso del trattamento non operativo dei pazienti emodinamicamente stabili con traumi splenici di grado OIS III, IV, V. L’ascesso spenico rappresenta una rara complicanza maggiore di questa procedura. Di seguito riportiamo il caso di un paziente di 38 anni, giunto in Pronto Soccorso dopo una caduta accidentale domestica, con contusione del quadrante superiore sinistro dell’addome. La TC addome documentava una frattura del polo inferiore della milza, con pseudoaneurismi intraparenchimali (grado IV OIS). Vista la stabilità emodinamica, il paziente veniva sottoposto a trattamento non operatvo. Successivamente si eseguiva un’angioembolizzazione della parte distale dell’ arteria splenica con spongostan gel e spirali metalliche. Per la comparsa di febbre e per l’evidenza di sepsi agli esami ematochimici, si effettuava un’ ulteriore TC addome che evidenziava la presenza di una voluminosa raccolta di circa 11 cm all’ interno della milza con multiple bolle aree nel suo contesto, con segni di emoperitoneo diffuso nei recessi addominali. Per tale motivo, ad una settimana dalla procedura, il paziente veniva sottoposto ad intervento chirurgico di splenectomia con evacuazione del versamento ematico. Gli esami colturali eseguiti sull’ematoma perisplenico risultavano negativi, ma l’esame istologico della milza documentava multiple aree ascessualizzate ed emorragiche. Dopo un ciclo di terapia antibiotica a largo spettro con Tigeciclina e Teicoplanina, il paziente veniva dimesso in sedicesima giornata post-operatoria. In letteratura, è stato riportato che gli ascessi splenici dopo la procedura di angioembolizzazione splenica nel corso di un trattamento non operativo dei traumi splenici, si verificano nel range dello 0-1,9%. In circa un terzo dei casi richiedono un trattamento chirurgico. Nel caso riportato l’ascesso splenico si è sviluppato nel giro di una settimana dalla procedura. In conclusione

  4. Varicose veins: new trends in treatment in a Vascular Surgery Unit.

    Science.gov (United States)

    Mazzaccaro, Daniela P; Stegher, Silvia; Occhiuto, Maria Teresa; Muzzarelli, Lorenzo; Malacrida, Giovanni; Nano, Giovanni

    2016-01-01

    La recente introduzione di tecniche meno invasive in alternativa al tradizionale stripping safenico ha rivoluzionato il trattamento delle vene varicose (VV), soprattutto nelle Unità Operative a prevalente indirizzo flebologico, ove la scleroterapia con mousse, il laser o la termoablazione con radiofrequenza (RFA) vengono applicate sempre più frequentemente con parallela riduzione del ricorso alle tecniche di chirurgia open. Nella nostra Unità Operativa Complessa di Chirurgia Vascolare, la patologia venosa viene affrontata da sempre, parallelamente a quella arteriosa; in particolare dal 2013, superata la prima fase di apprendimento, anche nella nostra Unità Operativa è stato introdotto l’uso sistematico della RFA per il trattamento dell’incontinenza della vena grande safena (VGS). Abbiamo dunque retrospettivamente esaminato la nostra esperienza nel trattamento delle VV con particolare analisi del modo in cui il nostro approccio terapeutico è cambiato nel corso degli ultimi anni. I dati di tutti i pazienti trattati consecutivamente dal 1 settembre 2013 al 31 Luglio 2015 per VV essenziali e recidive sono stati pertanto retrospettivamente raccolti e analizzati. L’analisi statistica è stata effettuata utilizzando il software JMP 5.1.2 (SAS Institute). Sono state trattate in totale 409 gambe in 378 pazienti. La percentuale di stripping della VGS per VV essenziali è diminuita nel corso degli anni (67% nel 2013 contro il 15.2% nel 2015), a differenza di quello che è successo alla percentuale della RFA della VGS (14.3% vs. 31.5% rispettivamente nel 2013 e nel 2015) e alla percentuale di gambe trattate con la tecnica ASVAL (8.7% vs 31.5%, rispettivamente, nel 2013 e nel 2015). Analogamente, nel 2013 la maggior parte delle procedure è stata eseguita utilizzando l’anestesia spinale (77.5%), mentre nel 2015 le tecniche anestesiologiche più utilizzate sono state l’anestesia locale e l’anestesia locale con sedazione (rispettivamente 35.9% e 29.3%). Il

  5. Modelli di comportamento espressi dagli studenti della Comunitá Montana 'Canal del Ferro Val Canale' (UD nei confronti delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.B. Modonutti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nell’intento di definire le modalità di approccio, le abitudini, il background culturale e la percezione dei rischi associati all’uso delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco dei giovani nelle diverse realtà socioeconomiche e culturali del Friuli Venezia Giulia, il Gruppo di Ricerca per l’Educazione alla Salute (GRES, utilizzando una Scheda Questionario anonima, autosomministrata, semistrutturata, ha condotto, nel corso del 2002, una ricerca sugli stili di vita di 280 studenti (M: 56.8%; F: 43.2% della Scuola Media di 1° della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD. Gli studenti bevitori costituiscono il 27.1% della popolazione scolastica coinvolta (M: 28.3%; F: 25.6%, consumano mediamente 6.9g/die di alcol anidro che assumono per il 57.2% della Dieta Alcolica Media (DAM pasteggiando (M: 72.7%DAM; F: 50.9%DAM, i maschi bevendo prevalentemente vino (41.2%DAM, le femmine con i superalcolici (57.1%DAM. Beve alcolici “abitualmente” il 7.1% della popolazione studentesca (M: 6.9%; F: 7.4%, il 2.1% è esposto per il proprio bere quotidiano a maggior rischio di problemi Psico Medico Sociali (M: 1.3%; F: 2.3% e l’8.9% afferma di aver sperimentato nel corso dell’ultimo anno l’Intossicazione Acuta da Alcol (M: 10.7%; F: 7.4%. Gli studenti fumatori sono il 9.6% della popolazione scolastica (M: 10.1%; F: 9.1%, consumano in media 5.6 sig/die (M: 2.2sig/die; F: 10.6sig/die; p‹0.05 ed il 6.8% degli studenti contattati, insensibili alle raccomandazioni che sconsigliano qualsiasi utilizzo del fumo di tabacco alla popolazione in età pediatrica, fumano mediamente 1 o più sigarette al giorno (M: 6.3%; F: 7.4%.

    I modelli di comportamento e la percezione dei rischi associati all’uso degli alcolici e del tabacco espressi dagli studenti della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD costituiscono motivo di preoccupazione per la salute dei giovani ed uno stimolo alla programmazione ed attuazione di

  6. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  7. La partecipazione dei fedeli laici alla vita pubblica. Testimonianza cristiana, etica pubblica e bene comune nell’insegnamento di Benedetto XVI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Franceschi

    2011-11-01

    Full Text Available Versione riveduta e ampliata, nel testo e nell’apparato bibliografico, della relazione presentata con il titolo “L’impegno dei fedeli laici nella vita pubblica tra responsabilità propria, libertà e dovere di obbedienza al magistero. L’insegnamento di Benedetto XVI” al Convegno di studi “Il fedele laico: realtà e prospettive”, organizzato dalla Pontificia Università della Santa Croce (7-8 aprile 2011. Il contributo è destinato alla pubblicazione negli Atti del Convegno.SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. Natura essenzialmente laicale della responsabilità politica - 2. L’intervento della Chiesa nel dibattito pubblico su questioni inerenti alla vita sociale e politica. I principi c.d. non negoziabili - 3. Fondamentale libertà dei fedeli rispetto alle indicazioni della gerarchia in materia temporale – 4. La funzione di orientamento dei pastori della comunità ecclesiale e i confini dell’intervento della stessa – 5. I limiti alla libertà dei fedeli in materia temporale: il rapporto tra libertà e verità e la salvaguardia delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili per il bene comune e della società – 6. Benedetto XVI e l’invito a una nuova generazione di cattolici impegnati in politica. La difesa della centralità della persona umana come compito primario dei credenti impegnati nel governo della città terrena– 7. (segue L’impegno a favore della promozione di un concetto positivo di laicità, aperto alla Trascendenza − 8. (segue La politica come forma singolare di realizzazione della carità – 9. (segue La dottrina sociale della Chiesa come strumento di formazione essenziale e guida sicura per i fedeli laici impegnati nell’ambito socio-politico – 10. Considerazioni conclusive. Doveri, rispettivi, dello Stato e della Chiesa affinché si conservino, o se necessario si creino le condizioni esterne idonee e necessarie allo svolgimento dei compiti dei christifideles laici nella polis.

  8. Automation and remote control of waste-water treatment plants. Application to the WWTP of Genoa-Sturla; Automazione e telecontrollo degli impianti di trattamento per reflui urbani. Applicazioni nell'impianto di Genova-Sturla

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bonvicini, V.; Siri, R.; Sammartino, P. [Azienda Mediterranea Gas e Acqua, Genoa (Italy); Capodaglio, A.G.; Cavagliano, P. [Pavia Univ., Pavia (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica e Ambientale

    2001-08-01

    'impianto e' stato organizzato in maniera che possa risultare di utilita' operativa all'Ente gestore per ottimizzare il rendimento dei processi depurativi, per migliorare ulteriormente la gestione tecnico-economica e per prevenire o affrontare con tempestivita' eventuali occasionali malfunzionamenti.

  9. I simboli religiosi nello spazio pubblico nella recente esperienza europea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Cavana

    2012-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione. Riproduce il testo,  ampliato e con note, della relazione svolta al Convegno sul tema:  “State-sponsored religious displays in the United States and Europa / L’esposizione statale dei simboli religiosi negli Stati uniti e in Europa” organizzato da: “Center for Law and simboli religiosi negli Stati uniti e in Europa” della St. John's University di New York  e dal Dipartimento della School of Law” St. John’s University di New York e dal Dipartimento della School of Law” St. John’s University di New York e dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università LUMSA (Roma, 22 giugno 2012.SOMMARIO. 1. Premessa: alle origini del dibattito attuale - 2. La giurisprudenza della CEDU sui simboli religiosi - 3. La sentenza Lautsi e la sua ratio decidendi. a Il crocifisso come simbolo passivo 4. (segue b Il margine di apprezzamento dello Stato e le tradizioni nazionali - 5. (segue c La garanzia di un contesto pluralista e l’evoluzione del principio di laicità - 6. Gli effetti della sentenza Lautsi sulla giurisprudenza della CEDU - 7. Gli effetti della sentenza Lautsi in Europa. a Francia. b Turchia. c Germania. d Paesi di tradizione ortodossa. e Spagna - 8. Il caso italiano e il ruolo dello Stato nel sostegno ai simboli religiosi della tradizione -9. La soluzione legislativa: pro e contro - 10. Osservazioni conclusive.ABSTRACT: This paper examines the issue of religious symbols in the public spaces in the recent European experience. After some preliminary remarks about the origins of the present debate, comparing the American and European religious models, it focuses on the line of decisions of the ECHR in matters of religious symbols. In particular it takes the contents of the Lautsi judgement (2011 into consideration and evaluates its possible effects on the future decisions of the ECHR and of national courts of European countries like France, Turkey, Germany, countries of Orthodox tradition

  10. The new ISBD Area 0 and the teaching of cataloging of non-book materials La nuova Area 0 di ISBD e l'insegnamento della catalogazione dei materiali non librari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Violeta Bertolini

    2012-06-01

    Full Text Available The International Standard Bibliographic Description (ISBD Area 0 was first included in the ISBD Consolidated Edition published in July 2011, as a replacement of the General Material Designation (GMD. This work briefly makes reference to the antecedents of area 0 and to the reasons that lead to its creation. Also, it details its structure, elements and examples of use and analyzes its compatibility with the MARC format, the RDA vocabularies and with FRBR model. Finally, in relation to the creation of this new area and to its application in the diversity of existing bibliographical resources, it reflects on the change of paradigm of cataloguing and the challenges in the teaching of cataloguing of non-book materials.L'area 0 dell'International Standard Bibliographic Description (ISBD è stata inclusa per la prima volta nell'Edizione consolidata, pubblicata nel luglio 2011, in sostituzione della designazione generica di materiale (GMD. L’articolo ricostruisce gli antecedenti dell'Area 0 e le ragioni che hanno condotto alla sua creazione; ne dettaglia inoltre la struttura, gli elementi ed esempi d'uso e ne analizza la compatibilità con il formato MARC, i vocabolari RDA e il modello FRBR. Infine, in relazione alla creazione di questa nuova area e alla sua applicazione nelle diverse risorse bibliografiche esistenti, l'autrice riflette sul cambio di paradigma della catalogazione e sui cambiamenti in corso nell'insegnamento della catalogazione di materiali non librari.

  11. An information filtering system prototype for world wide web; Prototipo di sistema di information filtering per world wide web

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bordoni, L. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Funzione Centrale Studi

    1999-07-01

    In this report the architecture of an information filtering system for world wide web, developed by the Rome Third University (Italy) for ENEA (National Agency for New Technology, Energy and the Environment), is described. This prototype allows for selecting documents in text/HTML format from the web according to the interests of users. A user modeling shell allows ro build a model of user's interests, obtained during the interaction. The experimental results support the choice of embedding methods for this kind of application. [Italian] In questo rapporto viene descritta l'architettura di un sistema adattivo di information filtering su world wide web, sviluppato dall'universita' di Roma III in collaborazione con l'ENEA. Il prototipo descritto e' in grado di selezionare documenti in formato testo/html, raccolti dal web, in accordo con le caratteristiche e gli interessi degli utenti. Una shell di modellazione utente consente di costruire un modello degli interessi dell'utente, ottenuto nel corso dell'interazione. I risultati sperimentali rafforzano la scelta di usare metodi di modellazione utente per questo genere di applicazioni.

  12. WiFiabe: un’esperienza di storytelling dal territorio al web 2.0

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Carnesecchi

    2013-03-01

    Full Text Available L’impatto iniziale di WiRoni sulla popolazione di Monteroni d’Arbia (Siena è stato limitato alla fruizione dei contenuti caricati dal team di design, in particolare le storie per i bambini. Mancavano infatti brani audio prodotti dalla comunità locale. In realtà, però, la competenza tecnica necessaria a trasmettere i contenuti nel parco e in rete è minima (upload da CMS wordpress e anche le tecnologie per registrare e arricchire l’audio con effetti sonori sono alla portata di tutti, se opportunamente guidati da esperti. Da queste osservazioni è nato il progetto WiFiabe. Nel corso dell’anno scolastico 2010/2011 20 bambini tra 6 e 13 anni, coordinati da un’educatrice durante l’attività di doposcuola del Comune, hanno lavorato in gruppi e creato storie di fantasia. In seguito, alcuni studenti dell’Università di Siena, con l’aiuto di un musicista per la parte degli effetti sonori, hanno assistito i ragazzi nel diventare autori digitali e apprendere in prima persona come trasformare le loro storie in contenuti audio. In questo modo i partecipanti hanno interagito con il web non in quanto fruitori ma come autori, e messo in moto un processo per rendere WiRoni uno strumento per dare voce alle varie anime della comunità.

  13. Le reazioni redox: un pasticcio concettuale?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Ghibaudi

    2015-10-01

    Full Text Available Le reazioni di ossidoriduzione costituiscono un argomento centrale di qualsiasi corso di base di chimica, sia a livello scolastico che universitario. Il loro apprendimento comporta il superamento di svariati ostacoli concettuali, la cui difficoltà può risultare amplificata da prassi didattiche inadeguate. Gli errori più ricorrenti nel presentare l’argomento sono di due tipi: i fare implicitamente riferimento a modelli esplicativi distinti (es. il numero di ossidazione e il trasferimento elettronico, senza esplicitarli e senza evidenziarne la differente natura e il campo di validità; ii confondere il livello della spiegazione formale con quello della realtà fisica. I fenomeni redox sono normalmente interpretati sulla base di tre distinti modelli empirici, che fanno riferimento al trasferimento di atomi di ossigeno, di atomi di idrogeno, di elettroni; e di un quarto modello, formale, fondato sul cambiamento del numero di ossidazione. La confusione tra questi modelli può generare considerevoli problemi di apprendimento. Il presente lavoro riporta un’analisi critica delle implicazioni concettuali della didattica dei processi redox. L’analisi è articolata in tre sezioni: i disamina della evoluzione storica del concetto di ossidoriduzione; ii analisi dei modelli redox e del loro campo di validità; iii discussione di alcuni aspetti epistemologici inerenti i processi redox che sono rilevanti per la didattica della chimica.

  14. Blended learning: integrazione tra e-learning e formazione sul campo in sanità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Rossato

    2011-08-01

    Full Text Available Nelle strutture sanitarie di piccole dimensioni generalmente sono presenti medici specialisti in Anestesia e Rianimazione che hanno acquisito una formazione principalmente sulle terapie e protocolli anestesiologici dell’adulto. Ciò rileva in questi professionisti un’oggettiva carenza specialistico–professionale nella gestione di casi pediatrici e la necessità di sviluppare nuove competenze teorico-pratiche per gestire terapie e protocolli anestesiologici pediatrici. Sulla base di queste esigenze, e del fatto che tali professionisti operano in tutto il territorio nazionale, è stato realizzato un percorso di formazione blended dal titolo “Corso di perfezionamento blended in anestesia pediatrica”, costituito da una formazione on line alternata ad una formazione sul campo presso le sale operatorie. Il binomio metodologico attuato ha permesso, attraverso la formazione on line, di rendere fruibili i contenuti ai professionisti dislocati nel territorio e di adattarsi alla complessità organizzativa delle strutture sanitarie e l’acquisizione delle competenze pratiche mediante l’integrazione di esperienze dirette (formazione sul campo. Tale processo formativo, infatti, può essere estremamente efficace per lo sviluppo di nuove competenze professionali e una strategia metodologica trasferibile nella complessità organizzativa del sistema sanitario.

  15. Lo Gnomone Clementino Astronomia Meridiana in Basilica

    Science.gov (United States)

    Sigismondi, Costantino

    2014-05-01

    Costruito per chiara volontà del papa 70 anni dopo il caso Galileo, lo Gnomone Clementino è un grande telescopio solare che non fa uso di lenti a 92 anni dall’invenzione del cannocchiale. Queste due caratteristiche basterebbero da sole a giustificare l’interesse verso questo strumento. L’astronomia meridiana è alla base dell’astrometria e dell’astrofisica moderna. Lo Gnomone Clementino sta oggi all’astronomia, come il veliero “Amerigo Vespucci” sta alla Marina Italiana. E’ possibile svolgere ogni genere di osservazione e studio su questo strumento, e dal 2002 vi tengo lezioni teorico-pratiche del corso di Storia dell’Astronomia e La Terra nel Sistema Solare della Sapienza, Università di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia. Questo testo aggiunge alcuni tasselli alla ricerca storica sulla meridiana, appoggiandosi, com’è naturale, sulle spalle di giganti che mi hanno preceduto in questi studi. In particolare la misura dell’azimut della meridiana, ed il suo inquadramento tra gli strumenti simili ed alcuni studi di astrometria sui dati del 1701-1703 di Bianchini, che sono apparsi fin’ora soltanto su riviste specializzate ed in Inglese vengono qui proposti in Italiano e semplificati, per valorizzare sempre più questa straordinaria opera d’arte e di scienza.

  16. Da anathemata a ornamenta. Sul riuso dei rilievi votivi greci in epoca romana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annamaria Comella

    2012-06-01

    Full Text Available Un discreto numero di rilievi votivi greci, di periodo classico e, in misura minore, ellenistico sono venuti in luce a Roma, nei dintorni di Roma e in Campania. Nonostante i dati relativi ai contesti di ritrovamento siano assai scarsi, fatta eccezione per gli esemplari trovati a Pompei, tali monumenti possono essere riferiti ad aree residenziali e non sacre. Studi recenti e in corso condotti dall’Autrice mirano, in modo particolare, a ricollocare i rilievi votivi greci all’interno dei programmi decorativi delle case romane, per tentare di comprendere quale funzione e quale valore semantico essi abbiano assunto nelle nuove sedi.   Quite a few number of Greek votive reliefs of classical and hellenistic age have been discovered in Rome, in its neigh­bourhoods and in Campania. In spite of the very few data regarding the finding context, with the exception of the items found in Pompeii, these monuments can be generally referred to residential areas. Some recent studies held by the Author have the purpose to reset the Greek votive reliefs into the original decorative program of the houses, in order to understand which function and semantic value they had assumed in their new collocation.

  17. Dambovita - 50 km between good quality and ecological disaster

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    DUMITRU MORCOTET

    2011-04-01

    Full Text Available Dambovita - 50 km tra buona qualità e disastro ecologico. Dambovita è il principale corso d'acqua che attraversa Bucarest. Quindi, è l'acqua collettore delle acque reflue, industriali e pluviale generati all'interno della città, arrivando prima attraverso la rete fognaria al impianto di depurazione Glina. Quest’ultimo, però, non è ancora funzionale, dumping le aque reflue nel fiume senza trattamento preliminare, che portano ad una forte degradazione della qualità dell'acqua, che è in clasa scarsa qualità incorniciata iniziando dall punto della perdita Glina fino a che la fuoriuscita in Arges. Fare determinazioni delle principali proprietà fisiche e chimiche delle acque in punti scelti in modo da fornire una panoramica di come la loro qualità è subito a causa delle fonti di inquinamento nella zona di Bucarest, un generale degrado del fiume Dambovita da monte a torrente fu trovato, le cui acque contaminate influiscono la qualità condizione dell collezionista Arges, così come la freatica che si trova ad una distanza di diverse centinaia di metri da esso.

  18. Cinema e territorio. Processi di valorizzazione e promozione (cineturistica delle destinazioni minori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Cresta

    2016-05-01

    Il contributo, a partire da un’analisi delle più celebri pellicole girate in Irpinia, rilegge dunque il legame tra Cinema e territorio alla luce delle esperienze di progettualità in corso che vedono nel cine-turismo una possibile forme di sviluppo locale da valorizzare. The objective of the paper is to make a reflection on the relationship between cinema, creativity and practical tourism in the processes of development and promotion of cinetourism which affect, in particular, the minor destinations. To this end, the experience of Irpinia is presented, where the authenticity of the places and the aspirations of a few enlightened by love for the “Seventh Art” has, since the early twentieth century, inspired several film projects, mixing suggestions real with virtual effects film, have proposed a transposition of the culture and customs, traditions and ways of life of Irpinia. A combination between the cinema and Irpinia which transforms Avellino, at the time one of the poorest and remotest provincial of Italy, the world capital of cinema neorealist; able to influence actively on backwardness typical of southern reality. The contribution, through an analysis of the most famous films shot in Irpinia, reads the link between cinema and territory based on the experience of existing projects that see in cine-tourism possible forms of local development to be enhanced.

  19. Elementi di fisica teorica

    CERN Document Server

    Cini, Michele

    2006-01-01

    Le idee e le tecniche della Fisica Teorica del XX secolo (meccanica analitica, meccanica statistica, relatività e meccanica quantistica non relativistica) non sono più appannaggio esclusivo dei fisici. Ormai, specialmente con la recente introduzione di nuovi corsi di laurea, le conoscenze di base rientrano nel bagaglio culturale comune ai laureati in materie scientifiche e tecnologiche affini alla Fisica e alle sue applicazioni. Un laureato in queste materie non può non conoscere l’equazione E=mc2 e la media di Gibbs; inoltre deve avere i concetti e i metodi fondamentali della meccanica quantistica che ha cambiato la concezione del mondo ed è alla base della rivoluzione tecnologica in corso. Eppure quelle idee rimangono distanti dal comune modo di pensare e richiedono molto studio e un insegnamento ben mirato. La trattazione in questo libro, è meno formale rispetto ai tradizionali corsi di Istituzioni di Fisica Teorica. Lo scopo è comunque quello di raggiungere una reale comprensione dei concetti fisi...

  20. Initial evaluation of the "Trauma surgery course"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tugnoli Gregorio

    2006-03-01

    Full Text Available Abstract Background The consequence of the low rate of penetrating injuries in Europe and the increase in non-operative management of blunt trauma is a decrease in surgeons' confidence in managing traumatic injuries has led to the need for new didactic tools. The aim of this retrospective study was to present the Corso di Chirurgia del Politrauma (Trauma Surgery Course, developed as a model for teaching operative trauma techniques, and assess its efficacy. Method the two-day course consisted of theoretical lectures and practical experience on large-sized swine. Data of the first 126 participants were collected and analyzed. Results All of the 126 general surgeons who had participated in the course judged it to be an efficient model to improve knowledge about the surgical treatment of trauma. Conclusion A two-day course, focusing on trauma surgery, with lectures and life-like operation situations, represents a model for simulated training and can be useful to improve surgeons' confidence in managing trauma patients. Cooperation between organizers of similar initiatives would be beneficial and could lead to standardizing and improving such courses.

  1. What We Talk about When We Talk about Ideology: a critical approach to Juan Carlos Rodríguez's theory of Ideological Unconscious

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Chiara Giordano

    2015-11-01

    Full Text Available Scopo del presente articolo è riflettere sul concetto di “inconscio ideologico” come via di analisi del testo letterario e, più in generale, della prassi artistica considerata nel suo inestricabile rapporto con il contesto ideologico. Alla base del pensiero critico di Juan Carlos Rodríguez Gómez – attualmente una delle figure più rilevanti della teoria letteraria marxista in ambito spagnolo –, tale nozione nasce dall’attenta e riconoscente lettura dell’opera di Louis Althusser ed è trasversale a tutte le opere del filologo granadino. Con il proposito di offrire un’approssimazione analitica e una valutazione critica del concetto di “inconscio ideologico”, l’orizzonte teorico di Juan Carlos Rodríguez sarà dunque messo a confronto con una serie di concetti affini (dalla definizione althusseriana di ideologia all’ideologia “immaginaria” di Terry Eagleton e al jamesoniano “inconscio politico” che ci aiuteranno a situarlo all’interno della critica dell’ideologia. Come si cercherà di dimostrare nel corso dell’articolo, Juan Carlos Rodríguez recupera ed approfondisce l’incontro tra marxismo e psicoanalisi inaugurato nel 1964 da Althusser e risponde con originalità alle nuove sfide della critica letteraria marxista.

  2. La devozione alle icone medievali riscritta dal Concilio di Trento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anita Paolicchi

    2016-06-01

    Full Text Available Il Concilio di Trento (1545-1563 determinò nuove esigenze liturgiche, che portarono a una rapida trasformazione e a un drastico rinnovamento delle chiese sia dal punto di vista strutturale che dell’arredo. Questo articolo desidera indagare i caratteri fondamentali di un fenomeno poco conosciuto e sicuramente sottovalutato della storia dell’arte moderna legata a questi cambiamenti: la ri-funzionalizzazione delle immagini medievali e bizantine, prendendo come esempio il caso toscano. In particolare verrà evidenziato come la percezione da parte dei fedeli di queste immagini si evolva nel corso dei secoli. || The Council of Trent (1545-1563 determined new liturgical requirements and specifications which brought to a rapid transformation and a radical renovation of churches from both a structural and an ornamental perspective. This article aims at investigating the fundamental features of a rarely studied and certainly underestimated artistic phenomenon of the post-Tridentine era: the changes in the function of medieval and Byzantine images, with a focus on Tuscan examples. In particular, we will examine how the worshippers’ perception of such images evolved over the centuries.

  3. Le regole del gioco, l'instabilità e le crisi (The rules of the game, instability and crisis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Roncaglia

    2009-12-01

    Full Text Available This special issue of the PSL Quarterly Review includes some articles which appeared over the years in the first series of our journal (then entitled BNL Quarterly Review: see Roncaglia 2008. The articles published below have been selected among those that can help us to best understand the roots of the current economic crisis and the problems that may compromise our efforts to overcome it, or even worse, may generate yet further difficulties. Our journal is starting a new life, as from 2010 returning to its old quarterly schedule. With this special issue, we wish to illustrate certain aspects of its traditional approach that we mean to retain in the new series. Questo numero speciale della Rivista trimestrale PSL comprende alcuni articoli apparsi nel corso degli anni nella prima serie della nostra rivista (allora intitolato BNL Quarterly Review: vedi Roncaglia 2008. Gli articoli pubblicati di seguito sono stati selezionati tra quelli che possono aiutarci a comprendere meglio le radici della crisi economica e dei problemi che potrebbero compromettere i nostri sforzi per superarla, o, peggio ancora, può comportare difficoltà ancora maggiori. Il nostro giornale sta iniziando una nuova vita, a partire dal 2010 tornando al suo vecchio programma trimestrale. Con questo numero speciale, vogliamo illustrare alcuni aspetti del suo approccio tradizionale, che intendiamo mantenere nella nuova serie.  JEL Codes: F3, G1, N1, B5Keywords: BNL Quarterly Review, PSL Quarterly Review

  4. De Pointis y la representación textual de la expedición a Cartagena en 1697: tipología discursiva, ambigüedad y pragmatismo trascendental

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ricardo Borrero Londoño

    2009-01-01

    Full Text Available Muchas de las discusiones en torno al "giro lingüístico" permanecen en el plano teórico, así que se aplicará la tipología discursiva a un ejemplo concreto: la representación textual de la toma de Cartagena en 1697. Se demuestra que el asedio osciló entre el corso, la piratería y la empresa cortesana, a causa de lo cual se originó una relación en que el tipo y el metatexto no tienen correspondencia, pues además de pender entre la oficialidad y la no oficialidad, fue estructurada como una epopeya o mito heroico. En suma, se da a entender que la ambigüedad del asedio encauzó una manifestación discursiva que se resiste a ser etiquetada, incluso al usar el sistema de clasificación más inclusivo y específico.

  5. Cinema e territorio. Processi di valorizzazione e promozione (cineturistica delle destinazioni minori / Cinema and territory. Processes of enhancement and (cinetouristic promotion of minor destinations

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Cresta

    2016-05-01

    Il contributo, a partire da un’analisi delle più celebri pellicole girate in Irpinia, rilegge dunque il legame tra Cinema e territorio alla luce delle esperienze di progettualità in corso che vedono nel cine-turismo una possibile forme di sviluppo locale da valorizzare. The objective of the paper is to make a reflection on the relationship between cinema, creativity and practical tourism in the processes of development and promotion of cinetourism which affect, in particular, the minor destinations. To this end, the experience of Irpinia is presented, where the authenticity of the places and the aspirations of a few enlightened by love for the “Seventh Art” has, since the early twentieth century, inspired several film projects, mixing suggestions real with virtual effects film, have proposed a transposition of the culture and customs, traditions and ways of life of Irpinia. A combination between the cinema and Irpinia which transforms Avellino, at the time one of the poorest and remotest provincial of Italy, the world capital of cinema neorealist; able to influence actively on backwardness typical of southern reality. The contribution, through an analysis of the most famous films shot in Irpinia, reads the link between cinema and territory based on the experience of existing projects that see in cine-tourism possible forms of local development to be enhanced.

  6. Stump appendicitis: a rare and unusual complication after appendectomy. Case report and review of the literature.

    Science.gov (United States)

    Papi, Simona; Pecchini, Francesca; Gelmini, Roberta

    2014-04-07

    L’appendicite del moncone rappresenta una rara ma importante complicanza che può fare seguito a un intervento di appendicectomia, sia laparoscopica che laparotomica, e rappresenta un’eventualità nosologica da tenere presente, e da includere nella diagnosi differenziale dell’addome acuto di un paziente già appendicectomizzato. I casi riportati in letteratura non sono numerosi, probabilmente però come risultato di una sottostima. Il caso clinico riportato riguarda un uomo di 43 anni operato tre mesi prima di appendicectomia laparoscopica e ricoverato con un tipico caso di addome acuto. L’ecografia si è dimostrata non efficace per la diagnosi, mentre la TC ha definito con sufficiente chiarezza la situazione, ponendo l’indicazione ad una laparotomia esplorativa, nel corso della quale si è proceduto all’asportazione del residuo appendicolare. L’esame istologico ha poi in seguito confermato la diagnosi di appendicite acuta perforata del moncone. A conclusione si è proceduto ad un’analisi di 87 casi analoghi presenti nella letteratura di lingua Inglese per evidenziare le caratteristiche anatomo-chirurgiche ed anatomo- patologiche dei diversi casi, e l’esperienza diagnostica nella definizione del singolo caso. Si conclude con i suggerimenti tecnici per prevenire l’evenienza di tali “appendiciti” ricorrenti sia con la tecnica laparoscopica che laparotomica, e stimolando la consapevolezza di tale eventualità.

  7. Ubiquitous Anthropology

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Simeone

    2009-10-01

    Full Text Available Questo paper presenta i primi esiti di un progetto di ricerca - ancora in corso - che mira a esplorare nuove forme di scrittura e rappresentazione etnografica.In particolare, la diffusione di tecnologie e pratiche di geo-tagging ha consentito di creare una piattaforma mediale plurale, in cui le tante soggettività€ che hanno osservato un complesso rituale funerario Bororo (nel Mato Grosso brasiliano hanno potuto raccontare il loro punto di vista, scrivendo appunti, scattando immagini fotografiche, registrando suoni o sequenze video. Il resoconto etnografico che ne è€ risultato mostra tutta la ricchezza di un approccio polifonico, in cui voci e idee anche molto diverse tra loro vengono tutte ugualmente rappresentate.Il paper evidenzia le potenzialità€ formative di questi resoconti etnografici ubiqui e distribuiti, che, molto più€ dei classici libri di testo, possono aiutare gli studenti a vivere in prima persona la maggiore sfida dell’antropologia: la fiduciosa apertura verso visioni del mondo e punti di vista radicalmente diversi dai propri.

  8. Natural and anthropochorous squirrels and dormice of the Mediterranean Region

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Masseti

    2005-06-01

    Full Text Available Abstract In the Mediterranean Region, squirrels and dormice of natural and anthropochorous occurrence are today represented by 7 taxa on each. Palaeontological evidence suggests that Upper Pleistocene dispersal of the representatives of the Gliridae family seems to have occurred only on the islands of the western Mediterranean basin, whereas squirrels are not represented in insular environments. The former and present distribution of some of the extant species is discussed in the light of the human redefinition of the natural equilibrium which has been taking place since very ancient times. Riassunto Scoiattoli e ghiri a diffusione naturale ed antropocora della Regione Mediterranea Attualmente, nella Regione Mediterranea, gli scoiattoli ed i ghiri a diffusione naturale ed antropocora sono rappresentati rispettivamente da 7 taxa. Il dato paleontologico suggerisce che la distribuzione insulare dei Gliridi nel corso del Pleistocene superiore abbia interessato solo il Mediterraneo occidentale, mentre gli scoiattoli non sembrano essere stati rappresentati in nessuno degli ambienti insulari. Si discute la diffusione passata e presente di alcune delle specie attuali nell'ottica della plurimillenaria ridefinizione antropica degli equilibri naturali dell'area mediterranea.

  9. Sperimentazioni di catalogazione digitale di fonti documentarie e iconografiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Alberto Gemignani

    2007-12-01

    Full Text Available Il contributo offre una vasta riflessione sulla possibilità di creare archivi digitali funzionali alla ricerca storica, che sinora, sia a causa delle scarse possibilità di profitto, sia per via del carattere “dinamico” dell’indagine storica, sono state poco sviluppate. In particolare vengono indagate le potenzialità dell’Open Source, che, oltre a costituire una fonte di software a buon mercato, riesce a coniugare la salvaguardia del “principio di provenienza” con la creazione di conoscenze collettive. In una seconda sezione, l’articolo presenta i progetti in corso presso il Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell’Università di Genova (DISMEC. L’attenzione è soffermata sull’utilizzo di DSpace Federation, un dispositivo Open Source efficace nella catalogazione della documentazione. In particolare esso è stato applicato su una precedente banca dati di circa 30000 carte dell’Archivio Ligure di Scrittura Popolare e sulle fonti di varia natura (anche fotogratiche e cartografiche del Laboratorio di Archeologia e Storia Ambientale.

  10. Reliance, déliance, liance: emergenza di tre nozioni sociologiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcel Bolle De Bal

    2007-03-01

    Full Text Available Michel Maffesoli, grande seguace, utilizzatore e diffusore della nozione di «rileanza» mi ha chiesto, come padrino della stessa, di redigere un articolo di riferimento concernente la genesi e il contenuto di questo concetto a causa dell’attenzione crescente. Ciò facendo, pensava non soltanto ai suoi colleghi sociologi, ma soprattutto ai suoi studenti e discepoli portati a ricorrere all’uso di questo termine relativamente nuovo nell’armamentario della lingua sociologica. È ben volentieri che rispondo al suo amichevole ed insistente invito. Tenuto conto dei molteplici scambi che ho avuto a questo proposito nel corso degli anni, reputo indispensabile legare l’analisi del concetto di «rileanza» a quella degli altri due che le sono ontologicamente legati: «delianza» e «leanza ». In realtà - ciò può constatarsi dalla lettura cronologica dei miei scritti sull’argomento - la «ri-leanza» suppone l’esistenza preliminare di una «de-lianza» e questa uno stato di «pre-delianza» che definiamo allora come il fenomeno di «leanza», sequenza che tenterò di chiarire qui di seguito.

  11. Stile europeo 100%. Immagini da un villaggio moldavo sul confine d’Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Vietti

    2011-11-01

    Full Text Available L’articolo analizza l’impatto della migrazione sui ruoli familiari in Moldova e le dinamiche di cambiamento in seno alle famiglie transnazionali. In seguito alla dissoluzione dell’Unione Sovietica e al collasso economico degli anni Novanta, centinaia di migliaia di moldavi hanno lasciato il loro paese nel corso del decennio passato per cercare opportunità all’estero. L’emigrazione di massa è diventato il principale fenomeno socio-economico del paese e ha portato alla ridefinizione della struttura e dell’idea stessa di famiglia. La migrazione di un ampio numero di donne ha messo in moto una riorganizzazione della divisione del lavoro e dei ruoli di genere nelle famiglie transnazionali: cambiamenti che possono influenzare le comunità al pari delle famiglie. Focalizzando l’attenzione sull’esperienza transnazionale di una famiglia in contesto rurale, l’articolo esplora i desideri e le pratiche di consumo dei migranti come specchio non solo di scambi materiali, ma anche di relazioni affettive e sentimentali.

  12. Sperimentare e simulare la fisica attraverso la manipolazione e l’uso di tecnologie didattiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eugenia Lucia Bossio

    2013-03-01

    Full Text Available Nell'ambito di una ricerca volta a investigare la possibilità di presentare la teoria del caos, un tema della fisica assai ostico per i non specialisti, a studenti di scuole medie e superiori, sono stati sviluppati e raccolti una serie di materiali didattici. Il presente lavoro descrive gli strumenti utilizzati per le sperimentazioni nelle scuole descritte in un altro articolo1 contenuto in questo stesso numero della rivista. Le tematiche scientifiche sono state poste sotto una veste accattivante al fine di suscitare curiosità. Si è provveduto, inoltre, a strutturare i materiali didattici in maniera da proporre dei percorsi formativi poliedrici e diversificati anche tramite l'uso delle tecnologie informatiche. Lo sviluppo e la raccolta di applicativi multimediali, facilmente reperibili in rete, ha contribuito alla realizzazione di un pacchetto di strumenti che, nel suo insieme, consente un’applicazione didattica efficace realizzata più volte nel corso delle sperimentazioni compiute presso le scuole. Nel seguito saranno descritti gli elementi elettrici ed elettronici per la costruzione di un circuito elettronico che mostra un comportamento caotico e le varie operazioni necessarie per realizzarlo, gli strumenti informatici utili per la visualizzazione, su di un calcolatore, del segnale di tensione prodotto dal circuito, infine, i diversi software attraverso cui è possibile realizzare la simulazione del circuito elettronico e la visualizzazione delle traiettorie caotiche. Sono presentati, infine, i test di verifica e alcuni altri materiali didattici utilizzati durante le sperimentazioni già realizzate.

  13. Giovani e politica in Italia: gli studenti e la rielaborazione silenziosa del politico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Pirni

    2013-12-01

    Full Text Available L'articolo ha l'obiettivo di segnalare la dinamica di trasformazione dell'elaborazione del politico da parte dei giovani studenti italiani. Vengono presentate tre diverse coordinate attorno alle quali si è sviluppata la ricerca empirica italiana su giovani e politica e i rispettivi risultati. Successivamente vengono utilizzati i dati raccolti in una recente ricerca per presentare le discontinuità che propongono i “nuovi” giovani rispetto alle generazioni precedenti che costituiscono la base di una profonda trasformazione in corso della sfera del politico. | The article aims to point out the change of political sphere carried on by young Italian students. It suggests three different coordinates around which grew the Italian empirical research about young people and politics and their results. Then, using data collected in a recent research, it shows the discontinuity presented by “new” young people compared to previous generations: this is connected with the hypothesis of a deep change of the political sphere.

  14. Effects on water quality from mud clearance operations in the Pezze' hydropower basin (Trentino, Italy); Effetti sulla qualita' delle acque legati alle operazioni di dissabbiamento del bacino idroelettrico di Pezze' di Moena (Trentino)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Canepel, R.; Cadrobbi, G.; Fedrizzi, F. [Agenzia Provinciale per la Protezione dell' Ambiente, Trent (Italy)

    2000-07-01

    The present paper describes dynamic concentration for various parameters, that have been monitored through both continuous and instant samplings, during maintenance operations (mud deposit clearance) in a hydropower basin along Torrent Avisio in Trentino region, Italy. Aim of the work is to demonstrate that, during such operations, an organic water pollution occur besides turbidity. The former is well expressed by a marked value increment of different parameters, as total phosphorus, ammonium and organic matter. [Italian] Il presente lavoro descrive l'osservazione dell'andamento delle concentrazioni di diversi parametri, rilevati in continuo e attraverso campionamenti istantanei, durante le operazioni di dissabbiamento di un bacino idroelettrico lungo un corso d'acqua, il Torrente Avisio in Trentino. Scopo del lavoro e' la dimostrazione della consistenza, in occasione di tali eventi, di un inquinamento delle acque, oltre che di tipo inorganico (intorbidimento), anche di tipo organico cioe' caratterizzato da uno spiccato incremento, rispetto alle condizioni normali, di una serie di parametri fra cui fosforo totale, azoto ammoniacale e sostanza organica.

  15. L’articolo del romanzo ‘Figlio’ della diatesi passiva? Un’inpotesi inspirata a montague e sviluppata in chiave contrastive slavo-romanza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Liliana Spinozzi Monai

    1999-12-01

    Full Text Available Romanzo vs slavo= passivo vs attivo = Art(icolo vs Des(inenza = AUX "avere" vs "essere". È in corso un vivace dibattito sulla categoria semantica della definitezza (Def e sul grado e le modalità del suo esplicitarsi come determinante. Nel presente lavoro ci concentreremo sulla categoria dell 'articolo (Art, in prima istanza su quello Det(erminativo, elaborando alcuni spunti ricavati da disamine sul­ l'argomento compiute su versanti differenti, come quello dell'indoeuropeistica (p. es. Nocentini 1996, della germanistica (p. es. Ramat 1984b e della slavistica (p. es. Benacchio l 996a e 1996b; Gebert 1996, Parenti 1996. Interessanti spunti di riflessio L’articolo del romanzo ‘Figlio’ della diatesi passiva? Un’inpotesi inspirata a montague e sviluppata in chiave contrastive slavo-romanza ne sono offerti anche da opere di carattere monografico sulla deissi (cfr. Vanelli 1992, sulla sintassi dei determinanti (G. Giusti 1993, sull'articolo italiano (cfr. i due voll. di Korzen 1996, o da rassegne come quella relativa alle diverse interpretazioni del rapporto Nome/Riferimento (Bersani-Berselli 1995- intendendo per Nome il SN rappresentato dalla sola testa nominale - o quella sul passivo nelle lingue slave (Fici-Giusti 1994, che supporta non poco l'ipotesi da cui muovono queste pagine.

  16. Del perché la psicanalisi necessita di una teoria del corpo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Cervati

    2015-12-01

    Full Text Available Esiste una dicotomia fondamentale prodotta nel corso dei millenni di storia dell'indagine dell'uomo sulla natura e che riguarda il tentativo di definire una sorta di teoria unificante del tutto, dove il tutto è stato centrato sull'uomo e comprensivo di esso. Si tratta della dicotomia “soma” / “psiche” i cui termini vengono molto spesso unificati in un terzo “psicosomatica”, unione che, pur in completa assenza di adeguato fondamento epistemologico, viene fatta funzionare come conseguenza evidente delle premesse e allo stesso modo come ipotesi teorica fondata sull'osservazione dei dati empirici. Si tratta in realtà degli effetti di un'importante lacuna teorica che produce indebolimenti enormi nella struttura portante dell'edificio teorico recente e ancora molto fragile - per tutta una serie di motivi - della psicanalisi. Occorre, infatti, tenere conto di quali siano i punti di appoggio su cui tale edificio è stato fondato e successivamente integrato, mettendone alla prova la tenuta del campo teorico in una sorta di - per utilizzare un parallelo fisico - verifica statico/dinamica.

  17. Il diabete che migra

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angela Infante

    2009-04-01

    Full Text Available Nel gennaio 2007 ha avuto inizio il “Corso di Counseling e Terapie Interculturali”; nello stesso gennaio il Servizio di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Universitaria Ospedaliera Policlinico Tor Vergata di Roma ha richiesto la mia collaborazione per un progetto relativo all’alleanza e all’aderenza terapeutica del minore straniero affetto da diabete mellito. Ho avuto l’opportunità di partecipare a questo progetto, poiché avevo avuto precedenti esperienze nel Servizio di Medicina Solidale e delle Migrazioni, progetto del medesimo Policlinico. Questo progetto riguarda tutti i minori autoctoni e migranti affetti dalla suddetta patologia, in cura presso l’Unità Operativa di Diabetologia Pediatrica. Il mio ruolo principale all’interno del progetto è quello di apportare un doppio ascolto medico-counselor durante le visite di controllo, che possono variare a seconda dell’andamento della patologia, da una cadenza mensile ad una quindicinale. Durante questi colloqui il mio primo intento è quello di approcciarmi alla famiglia in un’ottica sistemica, in seguito di affrontare una ricostruzione autobiografica della storia familiare e del processo migratorio.

  18. The Effect of Dynamic Acoustical Features on Musical Timbre

    Science.gov (United States)

    Hajda, John M.

    Timbre has been an important concept for scientific exploration of music at least since the time of Helmholtz ([1877] 1954). Since Helmholtz's time, a number of studies have defined and investigated acoustical features of musical instrument tones to determine their perceptual importance, or salience (e.g., Grey, 1975, 1977; Kendall, 1986; Kendall et al., 1999; Luce and Clark, 1965; McAdams et al., 1995, 1999; Saldanha and Corso, 1964; Wedin and Goude, 1972). Most of these studies have considered only nonpercussive, or continuant, tones of Western orchestral instruments (or emulations thereof). In the past few years, advances in computing power and programming have made possible and affordable the definition and control of new acoustical variables. This chapter gives an overview of past and current research, with a special emphasis on the time-variant aspects of musical timbre. According to common observation, "music is made of tones in time" (Spaeth, 1933). We will also consider the fact that music is made of "time in tones."

  19. Network nativi e ruolo dei Mass Media nello sviluppo delle nuove identità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Noemi Pierdica

    2006-11-01

    Full Text Available L’antropologia ha iniziato ad interessarsi e ad analizzare seriamente i mass media soltanto negli anni ’80, esplorando in particolare le funzioni dei media indigeni i quali, sfidando l’egemonia occidentale dei mezzi di comunicazione di massa, aprivano la strada agli studi sulle diverse rappresentazioni mediatiche dell’identità.Negli anni ’80, infatti, alcune comunità indigene hanno iniziato ad organizzare dei network in modo tale da poter “fronteggiare” certe politiche di governo locale e riappropriarsi della propria cultura tradizionale. Le dinamiche di cambiamento sociale in corso negli ultimi decenni hanno portato ad un maggiore controllo dei soggetti nativi sulle proprie rappresentazioni mediatiche. La relativa facilità d’uso e l’accessibilità economica degli strumenti di produzione e manipolazione dell’immagine, mostrano che quei soggetti che fino a poco tempo fa erano in mano alle rappresentazioni degli altri (di norma occidentali, ora sono pronti ad auto-rappresentarsi utilizzando i diversi supporti tecnologici a loro disposizione come strumenti di propaganda politica e culturale. Paradossalmente, le popolazioni più coinvolte in questo processo di strategie mediatiche sono quelle più distanti culturalmente e tecnologicamente dall’Occidente: Aborigeni australiani, Inuit canadesi, Indiani dell’Amazzonia.

  20. Disability, play and robotics in kindergartens

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Pennazio

    2016-02-01

    Full Text Available Il contributo presenta una ricerca svolta in alcune scuole dell’infanzia in Liguria sull’utilizzo della robotica nella predisposizione di ambienti di gioco e di relazione. Le attività hanno previsto l’impiego di robot costruiti appositamente con gli obiettivi di sostenere/integrare le abituali attività ludiche e sociali; favorire in tutti i bambini, compresi quelli che presentano gravi disabilità, il raggiungimento delle competenze di socialità e di comunicazione; mediare e semplificare le relazioni tra bambini, anche quelli con grave disabilità motoria. Le sessioni di gioco mediate dai robot sono state osservate in presenza e analizzate tramite riprese video. Nel corso dello studio sono stati somministrati i test della Playfullness di Bundy e un test di osservazione collegato al robot IROMEC. La ricerca ha permesso di valutare le potenzialità e i limiti dell’utilizzo di un robot all’interno di un ambiente di apprendimento strutturato, finalizzato all’integrazione di bambini con disabilità motoria nella scuola dell’infanzia.

  1. Strategie robotiche ed informatiche per la fruizione museale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michela Cigola

    2014-04-01

    Full Text Available ITL’articolo intende presentare una ricerca multidisciplinare in corso presso l’Università di Cassino. Il progetto si incentra sull’uso di robot per effettuare una visita ad un museo durante l’orario di chiusura, permettendo al visitatore, connesso al robot attraverso il proprio computer di casa o il proprio tablet o smartphone, di controllare e “guidare” il dispositivo attraverso le sale del museo, inquadrando e guardando le varie opere, ottenendone o una semplice visione oppure una esplorazione ampliata dell’opera che si sta osservando, attraverso un database multimediale appositamente predisposto.ENThe article intends to present a multidisciplinary research underway at the University of Cassino. The project focuses on the use of robots to make a visit to a museum during the hours of closure.  The visitor, connected to the robot through computer or tablet or smartphone, will be able to check and "ride" the device through the Museum obtaining or a simple vision or an extended exploration of the museum through a specially designed multimedia database.

  2. Corpi di knowledge workers forzatamente a disposizione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Annalisa Murgia

    2011-07-01

    Full Text Available Nel contesto di analisi delle condizioni di lavoro nell’era della conoscenza e delle tecnologie digitali, il nostro contributo vuole mettere l’attenzione sulle rappresentazioni dei/lle knowledge workers sulla progressiva ridefinizione dell’esperienza corporea, in direzione della perdita di rapporto con il corpo concreto, a favore di un corpo astrattamente inteso. Il discorso si colloca nella logica del “capitalismo tecno-nichilista”, inteso come “un sistema che, sfruttando la sistematica separazione tra le funzioni e i significati, si è progressivamente affermato quale modello di riferimento nel corso degli ultimi decenni”. La domanda di ricerca che ci poniamo in questo contributo è: in qual modo la precarizzazione del lavoro modifica le percezioni dei soggetti, e nello specifico dei lavoratori e delle lavoratrici della conoscenza, nella relazione con il proprio corpo? Nel discutere tale questione, intendiamo concentrarci non solo sugli effetti, ma anche sui processi e sulle relazioni sociali in cui i soggetti – e in varie forme anche le loro esperienze corporee – sono coinvolte.

  3. Introduzione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Javier González Díez

    2016-08-01

    Full Text Available L’articolo parte dalla considerazione che antropologia delle religioni e antropologia urbana hanno avuto nel corso degli anni percorsi separati se non divergenti. Soltanto negli ultimi anni le due prospettive hanno iniziato a cercare di dialogare fra loro e a porre le basi per uno studio dei fenomeni religiosi proprio della città. Partendo da queste considerazioni, l’articolo pone la necessità di ricerche che cerchino di offrire nuove prospettive di avvicinamento fra antropologia urbana e antropologia delle religioni: per rispondere alle domande da cui si è originata la sezione tematica, viene analizzato lo stato degli studi e descritto il percorso teorico allestito per individuare modalità, strumenti e categorie almeno in parte rinnovati per lo studio delle religioni in città e della città attraverso le religioni. In questo percorso, l’articolo evidenzia come l’antropologia, alla luce della sua doppia e consolidata tradizione di ricerca sia sulla religione che sui temi urbani, abbia oggi l’opportunità di interrogarsi su quali siano gli approcci e le direzioni di ricerca che portano verso un quadro interpretativo più soddisfacente e adeguato ad indagare gli intrecci tra la dimensione religiosa e altre sfere che vanno a comporre l’immagine delle città contemporanee.

  4. Tra utopia e rivoluzione: le visioni di Diego Rivera al Rockefeller Center di New York

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Amalda Cuka

    2016-11-01

    Full Text Available I murales eseguiti da Diego Rivera (1886–1957 al Rockefeller Center di New York nel 1933 sono fra le più note opere d’arte scomparse. Ad aver reso celebre il dipinto non è stato il successo di pubblico, data la rimozione del lavoro ancora in corso d’opera, ma il ricchissimo dibattito alimentato dalla stampa intorno alla concezione dell’immagine, considerata negli Stati Uniti totalmente rivoluzionaria per la particolare tecnica dell’affresco utilizzata da Rivera, per i riferimenti all’arte precolombiana e per le idee politiche esposte. Un’occasione di riflessione è offerta in questa sede dall’attenzione che uno dei principali organi di stampa americani, il New York Times, ha dedicato all’argomento: dalla lettura dei numerosi interventi emerge, da una parte, la capacità di Rivera di entrare in comunicazione con un vasto pubblico, e dall’altra il ruolo avuto dalla stampa nella diffusione - quasi involontaria - del suo messaggio. Rivera è riuscito a raggiungere in tal modo, almeno parzialmente, il suo scopo: l’opera non è stata accessibile al grande pubblico, ma la conoscenza dei principi che voleva celebrare si è diffusa in maniera ancor più capillare.

  5. MWS-WEB: a system to support a pedagogical approach based on the concept of multiliteracies

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Davide Taibi

    2016-02-01

    Full Text Available Lo sviluppo delle tecnologie Web ha profondamente modificato le modalità di comunicazione e interazione tra le persone, e le possibilità di accesso alle informazioni, con un forte impatto anche in ambito educativo. In questo contesto, il concetto tradizionale di “literacy”, basato sull’abilità di leggere, scrivere e parlare una lingua, non è più sufficiente a garantire un livello di partecipazione attiva alla vita sociale ed economica. Tali motivazioni hanno spinto un gruppo di esperti a introdurre un nuovo concetto di pedagogia (“multiliteracies” in cui il linguaggio e gli altri modi di espressione sono considerati risorse dinamiche di rappresentazione del significato. Dopo una breve introduzione su un modello a supporto di una pedagogica delle multiliteracies, questo articolo descrive il sistema MWS-Web che fornisce gli strumenti adeguati per promuovere un apprendimento basato sul concetto di multiliteracies. Una sperimentazione pilota della piattaforma è stata condotta presso l’Università di Pavia nella Facoltà di Medicina, nel Corso di Laurea a Ciclo Unico di “Odontoiatria e Protesi dentaria”.

  6. Teratoma del mediastino associato ad infezione da HIV: descrizione di un caso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. Garretto

    2003-05-01

    Full Text Available La comparsa di neoplasie maligne è un evento frequente nei soggetti HIV positivi; si calcola infatti che circa il 25% di tali soggetti sviluppi una neoplasia maligna durante il corso dell’infezione. La maggioranza dei tumori insorgenti nei pazienti HIV positivi è rappresentata dal Sarcoma di Kaposi, dai Linfomi non Hodgkin e dai carcinomi della regione ano-genitale; un’aumentata incidenza appare presente anche per altre neoplasie maligne, quali il carcinoma basocellulare cutaneo, il Morbo di Hodking, il leiomiosarcoma del bambino. Inoltre, sporadicamente differenti tipi di tumori sono stati descritti in soggetti HIV positivi; il significato di queste associazioni tuttavia non è chiaro. In questo lavoro viene presentato un caso di teratoma del mediastino occorso in un paziente HIV positivo maschio di 37 anni. La causa dell’infezione da HIV è rimasta sconosciuta; al momento della diagnosi il valore assoluto di CD4 è risultato essere di 27/mmc. Il paziente è giunto a morte per la comparsa di un tamponamento cardiaco intrattabile riferibile alla progressione della patologia neoplastica. Anche per questo caso non è possibile definire con esattezza il significato della coesistenza tra infezione da HIV e neoplasia mediastinica; è comunque da sottolineare la assoluta rarità dell’associazione osservata.

  7. Algal bloom detection, monitoring and prediction. 3. Workshop on public health

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Catena, G.; Funari, E. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Igiene Ambientale

    1999-07-01

    The report presents articles discussed in the 3. Workshop on Public Health (Rome, Italy) focused on the problem of the harmful algae in the Mediterranean basin with the aim of verifying the possibilities of using remote sensing techniques together with conventional ones. These proceedings report the aim aspects of the problem, as the ecological one, the conventional monitoring techniques, the activities of international organizations and finally some of the current research activities in Italy aimed at using remote sensing techniques. [Italian] Il workshop sulla salute pubblica e' incentrato sul problema delle alghe tossiche marine all'interno del bacino del Mediterraneo con lo scopo di verificare le possibilita' di utilizzare delle tecniche di telerilevamento in modo complementare rispetto a quelle convenzionali. Si affrontano alcuni degli aspetti principali di questa problematica quali l'ecologia, le tecniche convenzionali di monitoraggio, le attivita' di organismi internazionali e infine le attivita' in corso in Italia finalizzate all'utilizzazione delle tecniche di telerilevamento.

  8. The project Salvalarte respira pulito: a multidisciplinary operative tool for the conservation and use of Cultural Heritage in Sicily

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Barbaro

    2004-02-01

    Full Text Available The present work concerns the description of the contents and of the methods of the project “SALVALARTE respira pulito” (“SAVE ART and breathe clean air” promoted by Legambiente, ARPA and the Regional Center for the Project and the Restoration of the Region Sicily, in cooperation with the University of Palermo. The goal of the project was to analyze and collect information on the condition of the cultural heritage in Sicily. The purpose of the goal was both to provide guidelines for the safeguard, the promotion and the correct use of cultural sites, adopting a more scientific approach of the problem which would be divided in three phases: detection and cataloging of the cultural heritage at risk, monitoring of a significant sample of monuments that might represent the whole nation, and finally diffusion of the results. The activities carried out in 2003 enabled the definition of an optimal monitoring procedure. The main test of validation of the survey and analysis methodology was executed considering Corso V Emanuele in Palermo as case-study, since it is where many and important monumental elements and structures are located.

  9. Politica, religione, laicità dello Stato. Luci ed ombre del caso italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Prisco

    2011-05-01

    Full Text Available Una versione più ristretta e inoltre meno aggiornata bibliograficamente di questo scritto è stata anticipata nella rivista Italianieuropei, 2/2008, nonché presentata comeponencia al Congresso del CALIR su La libertad religiosa, origen de todas les libertades, Buenos Aires, 28 - 29 aprile 2008. La sua destinazione agli Studi in onore di MicheleScudiero è un atto di omaggio ad un Maestro al quale la limpida fede religiosa e il profilo di cattolico impegnato nella società e nelle istituzioni non hanno mai impedito il laico confronto in materia, nel corso di molti anni di lavoro comune, con collaboratori di sensibilità diverse dalla sua, rendendo così le loro idee più ricche e articolate, sulla base di un dialogo da lui improntato sempre al rispetto dell’interlocutore e condotto con uno spirito di larghe e liberali vedute. Egli ha insegnato in tal modo col suo esempio - a chi ha avuto la fortuna di essergli allievo - che l’unico possibile valore di una seria ricerca  scientifica sta nell’imporsi di essere tanto rigorosa sul piano del metodo, quanto costantemente inquieta, problematica e alta nelle prospettive di analisi.SOMMARIO: 1. Uno sguardo al dibattito teorico contemporaneo – 2. Un panorama dell’attuale situazione italiana. Il dibattito sulla legge generale in materia di libertà religiosa – 3. L’azione governativa per l’integrazione dell’ identità religiosa islamica- 4. Rilievi conclusivi.

  10. Biotecnologie in pubblico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cerroni Andrea

    2002-06-01

    Full Text Available Le biotecnologie sono diventate un argomento di quotidiano interesse. Giornali, telegiornali, periodici e anche riviste scientifiche vedono un fiorire di indagini sulla percezione del pubblico, di pronunciamenti sui possibili rischi anche di ordine etico, di prefigurazioni di scenari più o meno catastrofici e più o meno realistici. Comincia ad essere il momento di provare a comporre i tasselli principali di questo dibattito sociale, con l'obiettivo di favorire una discussione pubblica più consapevole e meno unilaterale sulla complessità degli aspetti legati alle possibili applicazioni biotecnologiche. Non voglio qui prendere posizione sul merito dell'accettabilità o meno di alcune applicazioni biotecnologiche, e neppure entrare nei temi tecnici della valutazione del rischio di qualche applicazione. Proverò, invece, a disegnare un modello interpretativo per gli aspetti sociali più rilevanti dei quali più si discute e si continuerà a discutere, sollevando alcune osservazioni critiche, con l'auspicio che possano rivelarsi essere utili ad orientarsi in questioni tanto complesse e dibattute. La discussione è presentata secondo un modello che tenta di riassumere i dati disponibili e che è stato elaborato a partire da uno studio iniziato nel 1999 ed ora in corso di pubblicazione (Cerroni et al. 2002, al quale le nostre considerazioni si riferiranno. Esso distingue tre piani principali nella percezione pubblica delle biotecnologie: il piano dell'individuo, delle interazioni sociali e della cultura.

  11. Per una didattica della letteratura araba nell'età globale: progetti e proposte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ramona Ciucani

    2013-12-01

    Full Text Available Questo articolo intende interrogarsi su un insegnamento ancora poco strutturato metodologicamente, ma che tra pochi anni sarà attivato negli istituti secondari italiani.La didattica della letteratura araba è tutta da costruire. Le problematiche che i docenti devono affrontare sono molte: quale sillabo, quali strumenti, quali programmi, quale prassi didattica, quali autori e quali testi per il corso di letteratura araba? Ma, soprattutto, quale approccio adottare nell’età globale dove la letteratura non ha solo un’importanza estetica e linguistica, ma assume valenze rilevanti dal punto di vista pedagogico, interculturale, etico?Attraverso la presentazione di due progetti, l’autore offre alcune proposte teoriche per creare un ambiente di apprendimento coinvolgente e stimolante per gli studenti, ossia uno spazio di conoscenza attrezzato, un luogo di interazione costruttiva e di sperimentazione e crescita personale. L’insegnamento della letteratura araba deve emanciparsi dai trascorsi orientalistici e diventare vitale e critico, pedagogicamente centrato sugli studenti e al passo con gli standard dell’insegnamento delle lingue straniere europee.Il docente di letteratura araba non può più essere solamente un arabista, deve saper insegnare letteratura: ossia essere un pedagogo del XXI secolo, un critico letterario dell’età globale, un mediatore culturale e un appassionato lettore.

  12. La materia dei sogni Sbirciatina su un mondo di cose soffici (lettore compreso)

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2010-01-01

    Dall’aria che respiriamo ai cibi di cui ci nutriamo, dai vestiti che indossiamo ai detersivi con cui li laviamo, dai colori con cui dipingiamo agli schermi su cui li guardiamo, la nostra realtà quotidiana brulica di cose troppo piccole per essere viste, ma pur sempre enormi rispetto ai mattoni di cui è fatto il mondo, gli atomi e le molecole. Oltre ad essere alla radice di molte tecnologie di oggi e di domani, questi piccoli personaggi, ingredienti primari di quelli che gli scienziati chiamano "materiali soffici", "sistemi sovramolecolari", o " fluidi complessi", ci permettono anche di esplorare i segreti con cui la materia si organizza spontaneamente, perché anche la Vita altro non è se non l’apoteosi di questa incredibile "Terra di Mezzo", a metà strada tra le molecole e l’Uomo. Sfruttando l’esperienza scientifica accumulata dall’autore nel corso di molti anni, questo libro si propone di guidare il lettore attraverso un lungo, ma non troppo faticoso viaggio nel mondo delle nanoparticelle, dei...

  13. Metodi matematici della fisica

    CERN Document Server

    Cicogna, Giampaolo

    2015-01-01

    Questo libro trae la sua origine dagli appunti preparati per le lezioni di Metodi Matematici della Fisica tenute al Dipartimento di Fisica dell'Università di Pisa, e via via sistemati, raffinati e aggiornati nel corso di molti anni di insegnamento. L'intento generale è di fornire una presentazione per quanto possibile semplice e diretta dei metodi matematici basilari e rilevanti per la Fisica. Anche allo scopo di mantenere questo testo entro i limiti di un manuale di dimensioni contenute e di agevole consultazione, sono stati spesso sacrificati i dettagli tecnici delle dimostrazioni matematiche (o anzi le dimostrazioni per intero) e anche i formalismi eccessivi, che tendono a nascondere la vera natura dei problemi. Al contrario, si è cercato di evidenziare – per quanto possibile – le idee sottostanti e le motivazioni che conducono ai diversi procedimenti. L'obiettivo principale e quello di mettere in condizione chi ha letto questo libro di acquisire gli strumenti adatti e le conoscenze di base che gli ...

  14. CP Violation and K0 decays revelation: study and simulation of neutral Trigger in NA48 experiment -- Violazione di CP e rivelazione dei decadimenti del K0: studio e simulazione del Trigger neutro nell'esperimento NA48

    CERN Document Server

    Calzolari, F

    2007-01-01

    At the INFN laboratory in Pisa I have prepared my dissertation, which essentially concerned Montecarlo simulation of subnuclear particles decays and investigation of low-noise electronic devices for analyzing high-frequency signals. The team-work was part of NA48/EPSI experiment jointly carried out with European Organization for Nuclear Research CERN, Geneva. ----- Nell'ambito dell'esperimento NA48 in corso al CERN Super Proton Syncrothon (SPS) finalizzato a misurare la violazione diretta di CP in sistemi di particelle K0 attraverso il doppio rapporto R = [N(K_L->Pi0Pi0)]/[N(K_S->Pi0Pi0)] / [N(K_L->Pi+Pi-)]/[N(K_S->Pi+Pi-)] = 1 - 6 Re(e1/e) con una precisione di Re(e1/e) superiore a 2 * 10^-4, il lavoro di tesi si propone di effettuare una simulazione per la rivelazione dei decadimenti neutri dei K0 ed una successiva analisi dei dati raffrontando l'evento fisico generato con metodo Montecarlo e quello ricostruito. Per la misura di e1/e occorre isolare tra i vari modi di decadimento dei K quelli K_S->Pi0Pi0, K...

  15. Epidemiological study on the Trichinellosis of the fox (Vulpes vulpes in Tuscany (Central Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Magi

    2008-07-01

    Full Text Available Abstract During the years 2004-2005, 112 foxes (Vulpes vulpes and 4 badgers (Meles meles were caught in different areas of Tuscany (Central Italy and examined for Trichinella infection, using the diagnostic technique of artificial digestion through Stomacher. No animal was positive for Trichinella larvae. According to our results, Tuscany can be considered a low-risk area for trichinellosis in the fox. In this region the presence of the parasite cannot be ruled out, two cases of infection being reported in 1993. Riassunto Epidemiologia della trichinellosi della volpe (Vulpes vulpes in Toscana (Italia centrale. Nel corso degli anni 2004-2005, 112 volpi (Vulpes vulpes e 4 tassi (Meles meles sono stati catturati ed esaminati per la presenza di infestione da Trichinella in differenti aree della Toscana (Italia centrale. L'indagine di laboratorio è stata condotta mediante digestione artificiale tramite Stomacher. Nessun animale è risultato positivo. Da questi risultati si può ritenere la Toscana una regione a basso rischio di infezione. La presenza del parassita non può però essere esclusa totalmente. Infatti, nel 1993 sono stati riportati due casi di infestione.

  16. «Il sale della satira è il condimento della commedia». Elements in the European Mock-Heroic Poem

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Ferraro

    2017-01-01

    Full Text Available Luca Ferraro L’articolo è incentrato sul rapporto tra eroicomico e satira. Gli autori passati in rassegna sono i principali del canone europeo: Tassoni, Boileau, Pope e Parini. L’obiettivo è stato quello di verificare quanto l’elemento satirico sia parte integrante del genere inventato da Tassoni. Nella seconda parte del testo si è cercato di dimostrare che la satira diventa la forma del comico predominante nei poemi eroicomici successivi alla Secchia rapita. Analizzandone in ordine cronologico le opere più rappresentative, si è voluto fare una riflessione sul genere e su come mutano gli elementi che lo caratterizzano nel corso dei suoi quasi due secoli di vita.  The focus of this paper is the relationship between mock-heroic and satire. The analysis will deal with the most important satirical and mock-heroic authors in Europe : Tassoni, Boileau, Pope and Parini. The purpose is to prove how the satirical element is an essential part of the genre invented by Tassoni. In the second part of the paper we will try to demonstrate that the satire becomes the main mode of the comic in mock-heroic poems after the Secchia rapita. By analyzing chronologically the most representative works, our article proposes a reflection about the genre and the evolution of its characteristics during almost two centuries.

  17. Includetemi fuori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Villa

    2015-12-01

    Full Text Available Parto da una domanda che apre la strada per una breve riflessione su un problema che, da anni, mi interroga, quello dell’appartenenza nelle associazioni psicoanalitiche. Nei suoi termini generali, il quesito è abbastanza semplice: di cosa fa esperienza un individuo nel corso della sua analisi? In primo luogo di quello che Freud sostiene, e cioè che l’Io non è padrone in casa sua. Il sintomo che conduce l’analizzante a chiedere una cura ne è la prova più evidente; in secondo luogo del fatto che quest’area di non padronanza riporta il soggetto alla sua dipendenza dalle richieste inconsce dei familiari e, dietro di loro, delle generazioni che l’hanno preceduti. Per dirla con Lacan, l’inconscio è il discorso dell’Altro. Provo, dunque, a riassumere: l’analizzante scopre che laddove pensava che la sua vita psichica gli appartenesse, fosse cioè sotto il suo controllo, così non é, ma, indagando indagando, si accorge che la stessa appartiene agli altri. Magari a quegli altri, la famiglia in primis, da cui credeva o cerca di separarsi. La non padronanza non rinvia, insomma, a chissà quale mistico e oscuro recesso della mente, insondabile e innominabile, ma al peso gravoso di una subita iscrizione nel discorso familiare di cui l’individuo porta inevitabilmente i segni.

  18. Veterinarians in environmental protection; Il veterinario nella protezione ambientale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ioppolo, A.; Achene, L.; Cappella, M.G. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Medicina Veterinaria

    1999-07-01

    The main contributions of the Fifth and Sixth Courses: Veterinary medicine and environmental contamination, held at the Italian National Institute of Health on October 27-31 1997, and September 28-October 2 1998, are presented. The volume is divided into three sections: general concepts (evolution of environmental protection in the European community, veterinary drugs in Europe, drugs and environmental contamination, aquaculture and environmental contamination); problematic aspects and methodologies applied to the environmental pollution (animal pathologies and environmental quality, toxic algae and aquaculture, aquatic organisms as indicators of environmental contamination, use of arthropods to assess environmental quality); field experiences (monitoring of chemical contaminants by an experimental institute of veterinary services, quality of compost in the light of aspects of management and market). [Italian] Sono riportati alcuni interventi presentati al quinto e al sesto corso di medicina veterinaria ed inquinamento ambientale che si sono svolti rispettivamente il 27-31 ottobre 1997 e il 28 settembre-2 ottobre 1998 presso l'Istituto Superiore di Sanita'. Il volume e' diviso in tre sezioni: contributi generali (evoluzione della tutela ambientale nella Comunita' Europea, i farmaci veterinari in Europa), utilizzo di farmaci e inquinamento (patologie degli animali e inquinamento, alghe tossiche e acquacultura, metodi per la valutazione della qualita' ambientale con organismi acquatici, artropodi terrestri come bioindicatori); esperienze sul campo (compostaggio di qualita'); problematiche gestionali e di mercato, esperienze di un monitoraggio di contaminanti chimici in un istituto zooprofilattico sperimentale.

  19. EGNOS: è ora di usarlo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  20. Cittadini sospesi: violenza e istituzioni nell’esperienza dei richiedenti asilo in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Vacchiano

    2013-07-01

    Full Text Available Le parole di Richard, richiedente asilo proveniente dalla Repubblica del Congo – nota anche come Congo-Brazzaville – condensano in poche frasi tutta la problematica quotidianità di un richiedente asilo in Italia. Le parole chiave “militari”, “permesso di soggiorno”, “dormitorio”, “paura”, “gocce”, restituiscono meglio di molte riflessioni il senso complesso di un’esperienza che si produce nei nodi critici e liminari di un percorso di faticoso transito, in cui egli è al contempo vittima e artefice di un processo di attraversamento di tempi, trame e contesti: “Africa” ed “Europa”, passato e futuro, vicende individuali e collettive, storia e memoria. La paura di cui egli racconta è certo il prodotto della sedimentazione del dolore nel suo personale bagaglio di viaggio, vissuto e incorporato nel corso del suo itinerario esistenziale, ma è anche al contempo molto più di un’idiosincrasia corporea: è la risultante di una stratificazione di eventi in cui la sua vicenda è caratterizzata dall’intersezione fra processi storici e opzioni individuali, che si manifestano nella capacità di scegliere, raccontare e agire.

  1. Intervista a Massimo Bacigalupo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Leiduan

    2012-07-01

    Full Text Available Massimo Bacigalupo, l’un des plus éminents représentants du cinéma underground italien, retrace, au cours d’un entretien avec Alessandro Leiduan, l’histoire de son expérience cinématographique et livre aux lecteurs quelques clés pour interpréter les films de l’un des courants artistiques les plus créatifs et anticonformistes du cinéma italien. Sont passés en revue les rapports entre cinéma underground et public, entre cinéma d’expérimentation et cinéma numérique et, enfin, entre création littéraire et création cinématographique.Massimo Bacigalupo, uno dei più illustri rappresentanti del cinema underground italiano ricostruisce, nel corso di un’intervista rilasciata ad Alessandro Leiduan, la storia della sua esperienza cinematografica e fornisce al lettore qualche chiave di lettura di una delle correnti artistiche più creative e anticonformiste del cinema italiano. Vengono passati in rassegna i rapporti tra cinema underground e pubblico, tra cinema sperimentale e cinema dell’era digitale e, infine, tra creazione letteraria e creazione cinematografica.

  2. L’ITALIANO LINGUA STRANIERA A CITTÀ DEL MESSICO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eleonora Bello

    2012-02-01

    Full Text Available Dopo una breve introduzione in cui si presenta la storia, la funzione e la struttura della Universidad Nacional di Città del Messico e della Facultad de Estudios Superiores Acatlán, l’articolo illustra l’attività del Departamento de Lenguas Extranjeras (“Dipartimento di Lingue Straniere” di questa università soffermandosi in modo particolare sulla organizzazione dei corsi del Dipartimento di Italiano, sulle finalità formative dell’insegnamento dell’italiano e sul sillabo e sugli approcci adottati dai docenti. L’articolo si conclude fornendo un quadro delle motivazioni che spingono gli studenti all’apprendimento della lingua italiana, motivazioni rilevate attraverso un questionario proposto dall’autrice nel corso di un suo stage presso il Dipartimento di Italiano.     Ltalian LS in Mexico City   After a brief introduction presenting the history, function and structure of the Universidad Nacional di Città del Messico e della Facultad de Estudios Superiores Acatlán, this article illustrates the activities of the Departamento de Lenguas Extranjeras (“Foreign Languages Department” and investigates the organization of the Italian courses, the teaching aims, the syllabus and the teaching approaches.  The article ends by listing the motivations which push students to learn Italian, surveyed through a questionnaire administered by the author during her experience working in the Italian Department.

  3. Geophysical surveys and velocimetric measures in the Cerreto di Spoleto (Perugia) area, aiming at a seismic microzoning; Indagini geofisiche e misure velocimetriche finalizzate alla microzonazione sismica dell'area di Cerreto di Spoleto (Perugia)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bongiovanni, G.; Martino, S.; Paciello, A.; Verrubbi, V. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Csaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Geophysical prospectings and velocimetric measures, aiming at the seismic microzoning of Cerreto di Spoleto area, are presented. Starting from the data obtained by previous geological-geomechanical surveys, seismic-refraction prospectings were carried on in order to obtain a dynamic characterisation and a geometrical description both of soil and rock materials. The velocimetric measures were performed by temporary free-field arrays, recording both environmental noise and small-magnitude seismic events. The analysis of the obtained records is still in progress, in order to evaluate the local seismic wave amplification. [Italian] Vengono illustrate le indagini geofisiche e le misure velocimetriche condotte nell'area di Cerreto di Spoleto (PG) per la microzonazione sismica. In particolare, sulla base dei dati geologici e geomeccanici precedentemente acquisiti, sono state effettuate indagini di sismica a rifrazione che hanno portato alla caratterizzazione dinamica dei litotipi ed alla definizione delle loro geometrie. Le misure velometriche sono state condotte installando array temporanei in free-field per la registrazione di rumore ambientale ed eventi sismici di piccola magnitudo. E' in corso l'elaborazione delle registrazioni ottenute, finalizzata all'analisi degli effetti di amplificazione sismica locale.

  4. Goran Filipi, Istrorumunjski lingvistički atlas. Atlasul lingvistic istroromân.Atlante linguistico istrorumeno, Knjižnica Atlas, Knjiga 2, Znanstvena udruga Mediteran=Societas studiorum Mediterraneum, Pula 2002, pag. 785

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic

    2003-12-01

    Full Text Available L'edizione di un atlante linguistico e sempre fonte di giustificato orgoglio per l'autore ed e nello stesso tempo fonte di allegria, di entusiasmo per chi si accinge a servirsene. II detto vale anche per l'apparizione dell'Atlante linguistico istrorumeno. Tuttavia, all'allegria si associa un sentimento di malinconia: si tratta di un pezzo della Romania che a poco a poco sta scomparendo, l'istrorumeno. II fenomeno non e proprio sorprendente, ne eccezionale: per limitarci al mondo romanzo si con­ statano territori latinizzati o romanizzati nell'epoca antica,  l'epoca  dell'espansione della forza politica romana e della lingua di Roma, dove la latinita fu sommersa nel corso della storia dalle ondate di altre lingue. Un esempio geograficamente vicino all'istrorumeno ci e offerto dalla sorte del dalmatico scomparso alla fine dell'Otto­ cento. "La morte di una lingua" e l'espressione abituale per un tale fenomeno. Certo, una lingua non muore: si tratta di un processo meno poetico, anzi molto prosaico. Per varie ragioni la gente a poco a poco abbandona la lingua materna e ricorre ad usare, dapprima nella vita sociale, poi addirittura in famiglia, un'altra lingua, evi­ dentemente  di maggior prestigio.

  5. L` avverbio e pronome ghi in dialetti corsi e peri-corsi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fiorenzo Toso

    2005-12-01

    Full Text Available Il saggio sottolinea il particolare rilievo che assume la presenza del- 1'avverbio e pronome ghi in area corsa, e specificamente nei dialetti di Ajaccio, Calvi, La Maddalena e Capraia, quale esempio rappresentativo di una commistione lin­ guistica corso-ligure che si verificò durante la fase secolare dell'amministrazione genovese della Corsica (1294-1768. La riflessione su questo caso specifico si allarga in una considerazione più ampia dell'apporto ligure nei dialetti corsi, spesso mini­ mizzato per motivi di ordine culturale e ideologico ma in realtà assai piu consistente di quanto si ritenga. Esso non si ridusse in particolare a un apporto lessicale (che per di più molti considerano, a torto, alquanto limitato ma interferì nella struttura fonetica e (come mostra il caso specifico grammaticale di alcune varietà maggior­ mente esposte, quelle formatesi o ristrutturatesi nell'ambito di processi di conver­ genza tra le varietà liguri dei centri urbani della Corsica e i dialetti corsi che anda­ vano progressivamente sovrapponendovisi.

  6. Problemi di Fisica

    CERN Document Server

    Fazio, Michelangelo

    2008-01-01

    L’introduzione delle lauree triennali ha in molti casi costretto i docenti a ridurre drasticamente il numero di ore di insegnamento e quindi l’estensione dei programmi dei corsi di Fisica. In questo volumetto l'autore si è proposto di esporre sinteticamente ma con il massimo rigore possibile il corso di Fisica Generale I evitando le dimostrazioni delle leggi fisiche, ma dando la priorità alle applicazioni di tali leggi e allo svolgimento di esercizi che in genere viene trascurato in molti corsi. Ha cercato pertanto di presentare i fenomeni fisici sottolineando, dove possibile, la loro presenza nella vita quotidiana e le loro più semplici e immediate applicazioni, consentendo in tal modo agli studenti di vedere la Fisica non più come una interminabile serie di formule ma come un nuovo modo di interpretare e di capire i fenomeni naturali inanimati (del resto non dobbiamo dimenticare che il termine greco da cui deriva il suo nome è fisis, fisis, ovvero natura). Il contenuto è completo, comprendendo anc...

  7. Fatti ‘quasi’ a mano. La trasformazione del mobile d’arte in Brianza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Ghezzi

    2015-10-01

    Full Text Available L’obiettivo di questo saggio è quello di riflettere sulle criticità che emergono dal processo di valorizzazione della produzione artigianale di un bene di lusso: il mobile d’arte. Basandomi sulla mia ricerca etnografica ancora in corso nel distretto industriale del legno-mobile-arredo della Brianza, mi soffermo sulle modalità attraverso le quali si aggiunge valore materiale e simbolico a merci artigianali considerate prodotti di “qualità”, mettendo in luce dapprima le voci contrastanti degli artigiani stessi convolti nel discutere la rappresentazione dell’oggetto del loro lavoro e illustrando successivamente come costoro si misurano con le criticità provenienti sia dal contesto locale, sia dall’economia globalizzata. L’artigianato artistico in senso lato sopravvive in simbiosi con la produzione industriale con inevitabili esiti di convergenza, ma si sostiene attraverso una produzione rivolta interamente a soddisfare le richieste di nuove élite di consumatori, per i quali alla funzione pratica di questi beni si somma, anzi, si sostituisce quella del prestigio e dell’ostentazione del lusso, ragion per cui il loro valore deve mantenersi elevato. Qui si ritorna però alla criticità intrinseca al processo di valorizzazione del prodotto, perché il presunto criterio oggettivo di eccellenza – il cosiddetto lavoro di qualità – deve essere costantemente ricalibrato al suo interno, a causa della drastica diminuzione delle botteghe artigianali e dell’invecchiamento delle maestranze.

  8. La sociologia visuale per “indagare visualmente”? L’immagine come oggetto, lavoro e cultura dell’inchiesta qualitativa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michaël Meyer

    2008-07-01

    Full Text Available Uno dei recenti dibattiti sullo sviluppo della sociologia visuale conduce all’approfondimento della questione se inserirla all’interno dell’insieme dei metodi che verrebbero ad aggiungersi alla classica panoplia dell’etnologo e del sociologo, o se essa possa costituire un’autonoma sub-disciplina. Alcuni lavori hanno già tentato di rispondere a tale questione in particolare attraverso un'esplorazione sulle origini dell'utilizzo dell'immagine nelle scienze sociali. Qui non vogliamo ripercorrere un excursus storico. Preferiamo esaminare la sociologia visuale entro il quadro metodologico dell'indagine qualitativa sul campo. Dunque, mutueremo esempi dai nostri lavori in corso sulla ‘relazione d’ufficio’, cioè su quel tipo particolare di relazione interpersonale che caratterizzerebbe il lavoro facciali sportello nei ‘mestieri pubblici’. Rifletteremo più precisamente sulla base del lavoro poliziesco, e dell’incontro tra agenti di polizia ed utenti agli sportelli d'accoglienza dei commissariati.

  9. First principle calculations of long range correlation effects within the random phase approximation

    Science.gov (United States)

    Lu, Deyu; Li, Yan; Wilson, Hugh; Galli, Giulia

    2009-03-01

    The local and semi-local approximations to Density Functional Theory fail to describe correctly certain types of weak interactions (e.g. van der Waals forces) due an incorrect account of long range correlation effects. Such effects may be described by computing correlation energies within the random phase approximation (RPA), using the fluctuation-dissipation theorem and the adiabatic connection. We present an approach to compute RPA correlation energies based on an eigenmode expansion of the dielectric matrix [1,2]. By solving the frequency dependent Sternheimer equation within linear response theory [3], we eliminate the need to compute single particle unoccupied states, which makes our approach more efficient than methods using the direct-summation technique. Furthermore, the use of a dielectric eigenmode representation allows for a physical interpretation of several, different contributions to correlation energies. Results for graphite and the benzene crystal will be discussed. [1] H. Wilson, F. Gygi and G. Galli, Phys. Rev. B, 78:113303, (2008). [2] D. Lu, F. Gygi and G. Galli, Phys. Rev. Lett., 100:147601(2008). [3] S. Baroni, S. de Gironcoli, A. Dal Corso, and P. Giannozzi, Rev. Mod. Phys. 73:515, (2001).

  10. El sentido de las enfermedades por parásitos intestinales en poblaciones americanas, identificando dilemas bioéticos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María del Pilar Díaz Murillo

    2013-01-01

    Full Text Available Objetivo: Identificar sentidos que pueblos del continente americano le asignan a las parasitosis intestinales y plantear posibles conflictos o dilemas en las tomas de decisiones en diferentes actividades de salud producto del encuentro de valores distintos, campo de acción de la bioética. Metodología: Revisión bibliográfica de artículos sobre parasitosis intestinales que cumplieran los criterios de inclusión establecidos y suministraran aportes para la comprensión hermenéutica de las parasitosis intestinales y permitieran identificar dilemas bioéticos para actividades en salud resultantes del contacto entre las visiones émica y ética (de la biomedicina. Resultados: La construcción social de las parasitosis intestinales influye en su percepción de causalidad, nocividad y como problema de salud, lo cual afecta las acciones que la gente emprenda ante ellas. Se advierte que tales construcciones sociales pueden no coincidir con la perspectiva biomédica. Se observó que en algunas poblaciones la construcción social del cuerpo se relaciona con la percepción de efectos benéficos de los parásitos. La gente reconoce factores de riesgo pero esto no necesariamente conduce a comportamientos preventivos. Algunos estudios reconocen que la educación ha sido de tipo informativo, sin participación comunitaria, lo cual impide que la gente se identifique con ella y se sienta motivada a transformar su realidad. Se identificaron diversos dilemas bioéticos producto del contacto entre visiones de las poblaciones, y la biomedicina. Conclusiones: La aproximación émica permite entender la lógica de la población sobre las parasitosis intestinales e identificar disyuntivas bioéticas. Aunque la gente reconozca los riesgos de infección, la falta de comprensión de la perspectiva émica de los parasitismos por parte del personal de salud y las deficientes condiciones de vida permiten que no se produzcan transformaciones que incidan en la disminuci

  11. Daughter of time: the postmodern midwife (Part 1 Hija del tiempo: la partera pos-moderna (Parte un Filha do tempo: a parteira pós-moderna (Parte 1

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Robbie Davis-Floyd

    2007-12-01

    Full Text Available This article presents the notion of the postmodern midwife, defining her as one who takes a relativistic stance toward bio-medicine and other knowledge systems, alternative and indigenous, moving fluidly between them to serve the women she attends. She is locally and globally aware, culturally competent, and politically engaged, working with the resources at hand to preserve midwifery in the interests of women. Her informed relativism is most accessible to professional midwives but is also beginning to characterize some savvy traditional midwives in various countries. Thus the concept of the postmodern midwife can serve as a bridge across the ethnic, racial, and status gaps that divide the professional from the traditional midwife, and as an analytical focal point for understanding how the members of each group negotiate their identities and their roles in a changing world.Este artículo busca conceptuar la partera pos-moderna, definiéndola como aquella que tiene una postura en relación a la biomedicina y a otros sistemas de conocimiento, moviéndose fluidificado entre ellos para ayudar a las mujeres que asiste. Es consciente, culturalmente competente y políticamente enganchada. Trabaja con recursos de su conocimiento específico, aliados a los intereses de la mujer. Su relativismo informado es más accesible para las parteras profesionales, pero lo que se observa, alrededor del mundo, es que esta actitud está atingiendo las parteras tradicionales, en diversos países. Así, el concepto de partera pos-moderna representa una puente para las brechas étnicas, raciales y de status, que separan las parteras profesionales de las tradicionales, y un punto focal y analítico para la comprensión de la forma de negociación de identidades y papeles de cada uno de los miembros en el grupo, en el mundo en transformación.Este artigo busca conceituar a parteira pós-moderna, definindo-a como aquela que tem uma postura realista em relação à bio-medicina

  12. Cidadania médica, culturas e poder nos cuidados perinatais e pediátricos de imigrantes Medical citizenship, culture and power in perinatal and pediatric immigrant care

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elizabeth P. Challinor

    2012-03-01

    Full Text Available Através de uma descrição detalhada das consultas médicas de mães Cabo-Verdianas, estudantes em Portugal, observadas ao longo de dois anos de trabalho de campo, este artigo pretende elucidar as relações de poder inerentes na institucionalização da biomedicina em que as diferenças culturais são ignoradas, mal-entendidas e criticadas, oferecendo uma análise crítica sobre o princípio de tratamento igual para todos. A observação das consultas médicas faz parte de uma abordagem metodológica mais abrangente de acompanhar mães nas suas consultas com assistentes sociais e oficiais da imigração e de realizar entrevistas semi-estruturadas com as mulheres sobre as suas experiências de maternidade. A etnografia revela não só as limitações de uma política de um universalismo cego que nega as diferenças em nome do humanismo e dos direitos universais como revela a necessidade de se fazer uma distinção conceptual entre "literacia no domínio da saúde" (LDS e "literacia dos sistemas de saúde" (LSS. Ao demonstrar como a biomedicina não pode ser separada do contexto cultural no qual é praticada, o artigo argumenta que o objectivo de promover a LSS de imigrantes, conhecedores de outras abordagens e sistemas de saúde, devia ser considerado como uma estratégia mais ampla de promoção de competência intercultural que visa ajudar tanto os médicos como os pacientes. Evitar utilizar o termo LDS que implicitamente rotula imigrantes como "analfabetos", é uma forma de valorizar as suas culturas, práticas e interesses alternativas em matéria de saúde e de ajudar a dissolver a hierarquia dos saberes entre médicos e pacientes imigrantes.Through detailed ethnographic descriptions of Cape Verdean student migrant mothers' encounters with the Portuguese health system, based on two years of fieldwork, the aim of the paper is to elucidate the power relations inherent in institutionalised medical encounters through which cultural differences

  13. Concepções de saúde, doença e cura entre os Madema e Nyungwe de Moçambique

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Alone Maia

    2012-06-01

    Full Text Available Introdução: Este trabalho visa apresentar as concepções de saúde, doença e cura presentes no universo cultural do povo Madema e Nyungwe de Moçambique, como concepções que tem uma profunda relação com o sistema cultural. Entender as etiologias relacionadas à doença é necessário para entender o sentido do modelo terapêutico presente entre esses povos e a articulação dos modos de produção de saúde. O que é saúde? O que é estar doente? Quando é que a cura acontece? Esses são alguns questionamentos a serem levados em conta quando o tema é a tríade (saúde, doença e cura no contexto africano moçambicano. Dado que o modelo exegético local sobre a doença segue parâmetros socioculturais, para a nossa pesquisa interessa uma analise do fenômeno “duplo vinculo”, isto é, a busca do sentido da doença e concomitantemente a busca pela cura, tanto na biomedicina assim como na etnomedicina. Para a nossa analise importa entender a hipótese de que se trata de dois sistemas de saúde, isto é, a medicina dos sentidos e o sistema biomédico. No quotidiano Madema e Nyungwe, quando o assunto é doença na família, as pessoas fazem de tudo para trazer de volta a saúde, mesmo que isso implique num duplo vinculo. Método: O presente trabalho é resultado de uma pesquisa de campo feita em Moçambique, que permite uma leitura das representações de saúde e de praticas de cura tradicionais, que coexistem na sociedade moçambicana ao lado da biomedicina. Trata-se de perceber que num país onde a população viveu 16 anos de guerra civil, sem assistência bimedico-hopitalar para todos, a população com os seus conhecimentos botânicos tradicionais conseguiu inúmeras vezes combater as doenças. Quando chegava o serviço medico convencional, havia agregação, articulação e complementação e não rejeição. Como o entendimento das concepções nativas de saúde, doença e cura podem contribuir para um serviço publico de sa

  14. Formação de profissionais de saúde no Brasil: uma análise no período de 1991 a 2008 Formación de profesionales de salud en Brasil: un análisis en el período de 1991 a 2008 Undergraduate programs for health professionals in Brazil: an analysis from 1991 to 2008

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Estela Haddad

    2010-06-01

    Full Text Available Estudo conduzido com o objetivo de contribuir para o planejamento e implementação de políticas de qualificação profissional no campo da saúde. Foram analisados 14 cursos de graduação da área da saúde: biomedicina, ciências biológicas, educação física, enfermagem, farmácia, fisioterapia, fonoaudiologia, medicina, medicina veterinária, nutrição, odontologia, psicologia, serviço social e terapia ocupacional, no período de 1991 a 2008. Dados sobre número de ingressantes, taxa de ocupação de vagas, distribuição de concluintes por habitante, gênero e renda familiar foram coletados a partir dos bancos do Ministério da Educação. Para o curso de medicina, a relação foi de 40 candidatos por vaga nas instituições públicas contra 10 nas privadas. A maioria dos ingressantes era composta por mulheres. A região Sudeste concentrou 57% dos concluintes, corroborando o desequilíbrio de distribuição regional das oportunidades de formação de profissionais de saúde e indicando a necessidade de políticas de incentivo à redução dessas desigualdades.Estudio conducido con el objetivo de contribuir a la planificación e implementación de políticas de calificación profesional en el campo de la salud. Fueron analizados 14 cursos de pregrado del área de la salud: biomedicina, ciencias biológicas, educación física, enfermería, farmacia, fisioterapia, fonoaudiología, medicina, medicina veterinaria, nutrición, odontología, psicología, servicio social y terapia ocupacional, en el período de 1991 a 2008. Datos sobre número de ingresos, tasa de ocupación de vagas, distribución de concluyentes por habitante, género y renta familiar fueron colectados a partir de bancos del Ministerio de Educación de Brasil. En el curso de medicina, la relación fue de 40 candidatos por vacante en las instituciones públicas contra 10 en las privadas. La mayoría de los ingresados estaba compuesta por mujeres. La región sudeste concentr

  15. A subjetividade como anomalia: contribuições epistemológicas para a crítica do modelo biomédico Subjectivity as anomaly: epistemological contributions for a criticism of the biomedical model

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Ribeiro Guedes

    2006-12-01

    Full Text Available Este artigo tem como proposta estabelecer uma discussão sobre a biomedicina trazendo à tona uma reflexão sobre o lugar que os fenômenos subjetivos relacionados ao adoecimento ocupam nesse modelo. Utilizaremos como principal instrumento de análise a epistemologia, com destaque especial a Thomas Kuhn e às noções de "paradigma e anomalia", e à contribuição de Ludwick Fleck com os conceitos de "exceções das teorias e a tendência à persistência nos sistemas de idéias". Acreditamos que a presente reflexão possa vir a ser um exercício fundamental e oportuno para a otimização/transformação do paradigma biomédico, na medida em que é consensual o alto grau de subjetividade que envolve a prática médica.The purpose of this paper is to open a discussion on biomedicine focused on a reflection about the role subjective phenomena related to the experience of illness are playing in that model. We use epistemology as our main analytic tool, with emphasis to the work of Thomas Kuhn and his ideas of paradigm and anomaly and the contributions of Ludwik Fleck and his concepts of exceptions to theories and the persistence of thought styles. We believe that the reflections presented here can become a fundamental and suitable exercise for improving/transforming the biomedical paradigm, principally in view of the high degree of subjectivity involved in the medical practice.

  16. Collection of main international documents on the ethical principles of research and the main regulations on bioethics of the United States and of European Community; Raccolta sui principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca e dei principali documenti legislativi degli Stati Uniti e della Comunita` Europea sulla bioetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Scuderi, G. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Immunologia

    1998-12-31

    The collection includes an Italian translation of the main international documents on ethical principles of scientific research (the Nuremberg Code, the Helsinki Declaration, the Belmont Report) as well as the regulatory text of the United States (the Code of Federal Regulation Title 45, Part 46, that is the 45 Cfr 46) and the regulations of the European Community (the Good Clinical Practice and the Convention for the protection of human rights and dignity of the human being regards to the application of biology and medicine: convention on human rights and biomedicine). The informed consent and the human rights of human subjects involved in a clinical trial are discussed. Moreover, in the regulatory texts, legal rights of particular subjects, i.e. pregnant women, minors, fetuses, embrions, prisoners, are discussed; as well as the bioethics of organ transplantations. [Italiano] Contiene una traduzione in lingua italiana dei principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca scientifica: il Codice di Norimberga, la dichiarazione di Helsinki e il rapporto Belmont; il testo legislativo degli Stati Uniti Code of Federal Regulation, capitolo 45 parte 46 (detto il 45 CFR 46) e la normativa della Comunita` Europea relativa alle norme di Good Clinical Practice e alla Convenzione per la protezione dei diritti dell`uomo e la dignita` dei soggetti umani relativamente alle applicazioni della biologia e medicina: Convenzione sui diritti dell`uomo e la biomedicina. Vengono trattati il consenso informato e i diritti umani delle persone che sono coinvolte in una sperimentazione clinica. Inoltre, nei testi normativi ci si riferisce anche ai diritti legali di soggetti particolari, ad esempio: donne in stato di gravidanza, minori, feti, embrioni, prigionieri; viene trattata, infine, l`etica dei trapianti d`organo.

  17. El enfoque evolucionario: el gran ausente en la medicina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos de Céspedes-Montealegre

    2013-03-01

    Full Text Available Los resultados de un metanálisis sobre el uso de suplementos de calcio en mujeres, “sugieren fuertemente un riesgo relativamente modesto de infarto del miocardio y de accidentes vasculares cerebrales. Aunque los autores reconocen las limitaciones inherentes a este tipo de estudios, recomiendan “una reevaluación del rol de los suplementos de calcio en el manejo de la osteoporosis”. Como posibles mecanismos subyacentes se plantea un proceso de calcificación vascular regulado en forma similar a la osteogénesis y la posibilidad de que un exceso de calcio contribuya al riesgo de formación de trombos arteriales. El presente ensayo no pretende recomendar cambios en el uso clínico de los suplementos de calcio ni profundizar o ampliar en cuanto a los mecanismos mencionados y otros, sino tomar el problema como un ejemplo por analizar de acuerdo con los principios de la medicina darwiniana. Se debe tener en cuenta que el enfoque evolucionario trata de explicar la vulnerabilidad a la enfermedad del homo sapiens como especie. Aunque es indudable que existen susceptibilidades individuales a prácticamente todas las enfermedades, las expectativas del Proyecto del Genoma Humano -en cuanto a ejemplos y peso de genes predisponentes- con muy escasas excepciones, han estado lejos de cumplirse. Es razonable suponer que el interés por esta dimensión olvidada en la biomedicina -del todo ignorada en el artículo de marras- podría ayudar a entender mejor el origen de problemas médicos como este, e inclusive a orientar la investigación y aplicación de esa “medicina personalizada”.

  18. O uso indiscriminado do cloridrato de metilfenidato como estimulante por estudantes da área da Saúde da Faculdade Anhanguera de Brasília (FAB

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raphael da Silva AFFONSO

    2016-09-01

    Full Text Available A presente pesquisa refere-se ao uso indiscriminado de psicoestimulantes, com ênfase no cloridrato de metilfenidato, um fármaco indicado para o tratamento do Transtorno de Déficit de Atenção e Hiperatividade (TDAH e da narcolepsia. O cloridrato de metilfenidato age no Sistema Nervoso Central, inibindo a recaptação de dopamina e noradrenalina dos terminais sinápticos e vem sendo usado sem a orientação médica, para potencializar as funções cognitivas de indivíduos que não possuem nenhum tipo de distúrbio. O objetivo desta pesquisa foi identificar e quantificar o uso não terapêutico do cloridrato de metilfenidato, analisar os efeitos colaterais provocados por tal medicamento e fazer um levantamento do uso de outros psicoestimulantes. A pesquisa foi realizada na Faculdade Anhanguera de Brasília (FAB, com a aplicação de um questionário sobre o uso indiscriminado do cloridrato de metilfenidato ou outros psicoestimulantes pelos estudantes dos cursos de Biomedicina, Enfermagem, Farmácia e Nutrição. A análise dos dados coletados mostrou que, de um total de 400 entrevistados, 6,0% (n=24 relataram o uso de metilfenidato. Dentre esses, somente 16,7% (n=4 possuíam o diagnóstico médico de TDAH. Outros autores apontam um aumento crescente na produção e na utilização do cloridrato de metilfenidato. No presente trabalho, 19,5% dos estudantes revelaram já terem feito uso de algum medicamento para auxiliar os estudos e 57% dos alunos que usaram o cloridrato de metilfenidato como psicoestimulantes o fizeram sem a orientação de um médico.

  19. “AL FINAL TODOS TERMINARON VINIENDO COMO A TERAPIA”. EL YOGA ENTRE LA COMPLEMENTARIEDAD PRAGMÁTICA, EL TRABAJO TERAPÉUTICO Y LA REORIENTACIÓN DEL SELF

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Carla D´Angelo

    2014-06-01

    Full Text Available En su difusión trasnacional fuera de la India, el yoga sufrió una ampliación de su marco interpretativo que supuso entre otros procesos, primero su medicalización científica y luego su inserción en el campo terapéutico inaugurado por el psicoanálisis y regido por un nuevo estilo emocional. El yoga es actualmente utilizado como terapia, ya sea en una lógica pragmática como complemento, o en un proceso de trabajo terapéutico alternativo a la bio-medicina y a las psicoterapias. Dichos usos se apoyan a su vez en ciertos habitus de clase que dan cuenta de un capital emocional que conlleva la definición de sus malestares en términos de estrés y ansiedad. Sin embargo, este artículo trasciende la cuestión de la complementariedad o la alternancia entre modelos de salud-enfermedad-atención. Analiza la manera en que sus técnicas, especialmente las respiratorias, inducen modos somáticos de atención y un proceso de reorientación del self hacia el propio cuerpo y el mundo. Las enfermedades son reinterpretadas por los usuarios como signos de desintoxicación orgánica-emocional y transformación espiritual. Basado en testimonios y observación participante entre grupos de yoga y de la Fundación El Arte de Vivir, demuestra que estos procesos de cura requieren ser analizados en términos no dicotómicos en función de su carácter marcadamente corporizado.

  20. Código de barras del ADN y sus posibles aplicaciones en el campo de la Entomología

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Analía A. LANTERI

    2007-01-01

    Full Text Available En este artículo se abordan algunos aspectos de la controversia sobre la iniciativa «Código de barras del ADN», y se hace hincapié en sus potenciales aplicaciones en Entomología. Esta iniciativa propone emplear información dentro de una misma región génica (gen mitocondrial de la Citocromo c Oxidasa I = COI, en todas las especies vivientes y con condiciones de secuenciación universalmente aceptadas y estandarizadas. En la actualidad, no pretende sustituir la taxonomía alfa y la filogenia sino agilizar las tareas de identificación, especialmente en el campo de la Biomedicina (identificación de patógenos, parásitos y vectores, el control de plagas (intercepción de especies invasoras, cualquiera sea su estado de desarrollo ontogenético y los estudios sobre conservación de la biodiversidad. Para arribar a una correcta delimitación de las especies biológicas es preciso contar con las secuencias de COI de numerosos individuos a lo largo de todo su rango geográfico y además, secuencias de genes nucleares e información morfológica y biológica detallada. Las «Unidades Evolutivas Significativas», identificadas sobre la base del «código de barras», podrían corresponder tanto a morfoespecies como a especies crípticas y a subespecies o linajes con diferentes preferencias de huéspedes. La integración del «código de barras del ADN», el trabajo de campo, las colecciones de museos y la investigación científica resultan imprescindibles para que esta herramienta redunde en avances significativos en el campo de la Sistemática Entomológica.

  1. Las técnicas de secuenciación masiva en el estudio de la diversidad biológica.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Unai López de Heredia

    2016-01-01

    Full Text Available Las técnicas de análisis genómico que se basan en la secuenciación masiva han supuesto una revolución en la última década no sólo en biomedicina o agronomía, sino también en el estudio de la diversidad biológica. Las plataformas de secuenciación de segunda y tercera generación que vienen a complementar a la tradicional secuenciación por el método Sanger, permiten analizar un gran número de individuos obteniendo una profundidad de secuenciación significativa de sus genomas o transcriptomas. Así, aunque todavía de manera incipiente, se vienen realizando estudios sobre la flora y fauna silvestre a escala poblacional, con especial énfasis en la determinación de patrones adaptativos frente a los cambios ambientales. En la presente revisión se describe la situación actual de las plataformas de secuenciación masiva, señalando sus ventajas y limitaciones para el análisis en organismos no modelo, para a continuación detallar las bases de dos de las técnicas más populares que se benefician de la secuenciación masiva (RAD-seq y RNA-seq y señalar algunos ejemplos de su uso para el estudio de la diversidad biológica.

  2. Bioética y catolicismo: dificultades en torno a la constitución de una identidad colectiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriela Irrazábal

    2010-07-01

    Full Text Available Para 1994, las preocupaciones sobre los avances científicos en términos de biomedicina como la manipulación genética, la reproducción asistida, la anticoncepción y el aborto llevaron al Papa Juan Pablo II a instituir formalmente a la Pontificia Academia para la Vida con el objetivo de defender y promover la vida mediante el estudio y monitoreo de los avances médicos y el derecho. En Argentina, para fines de la década del noventa, algunos movimientos católicos iniciaron la formación de laicos en bioética, apoyando la idea de que son ellos, especialmente los profesionales de la salud, quienes deben difundir los postulados doctrinarios en el territorio, allí donde se encuentran los bautizados. Este trabajo intentará dar cuenta de las estrategias de producción identitarias por parte de algunos líderes católicos bioéticos de un grupo que se dedica a formar laicos en bioética, durante el año 2008.In 1994, the Catholic Pope, Juan Pablo II, founded the Pontifical Academy for Life due to the new scientific developments in genetics, contraception, in vitro fertilization and abortion. The main objective of this academy was to defend and promote human life by means of studying and monitoring science and law progress. At the end of the 1990s, In Argentina, some catholic movements began training lays, especially health professionals, in bioethics so that they could spread their ideas and beliefs in the territory, where the baptized people are. This work will treat the identity production strategies of some catholic bioethics' leaders of a group whose work is to teach bioethics to lays during 2008.

  3. Diabetes Mellitus II: la importancia de las redes de apoyo como soporte al padecimiento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guadalupe Cartas-Fuentevilla

    2011-01-01

    Full Text Available Objetivo. Comprender el papel de la formación de redes de apoyo familiares, institucionales y de amigos en las mujeres diabéticas que acuden al Centro de Salud y al Club de Diabéticos de San Cristóbal de LasCasas, Chiapas, en el proceso de salud-enfermedad-atención de la Diabetes mellitus II. Metodología. Estudio cualitativo de corte etnográfico; los datos se obtuvieron a través de un grupo focal y entrevistas a profundidad a partir del análisis de casos en cuatro mujeres diabéticas. Resultados. Las redes institucionales constituyen la principal estrategia de atención, control y búsqueda de alivio por parte de nuestras informantes. Las mujeres se autoperciben más valoradas en el Club, que dentro de su grupo familiar debido a que se sienten identificadas y comprendidas por los demás enfermos generando un proceso identitario en torno a su condición de diabéticas. En los casos en que no se tiene el apoyo familiar requerido, ese vacío de solidaridad es cubierto por las amistades. Conclusiones. La red más fuerte y con mayor soporte es la institucional ya que a través de esta han aprendido a re-conocer su padecimiento, a resignificarlo mediante un proceso de transacción entre el discurso de la biomedicina y lo saberes de sentido común compartidos por otras y otros enfermos. La medicina institucional, a través del Centro de Salud y el Club de Diabéticos de San Cristóbal, ha logrado generar confianza y calidez en la relación médico-paciente favoreciendo la recuperación, control y alivio de su padecimiento.

  4. Uma concepção popular sobre a esquistossomose mansônica: os modos de transmissão e prevenção na perspectiva de gênero A popular concept of schistosomiasis mansoni: modes of transmission and prevention in the perspective of gender differences

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ceci V. Noronha

    1995-03-01

    Full Text Available Estudo sobre as concepções e práticas populares acerca da transmissão e prevenção das parasitoses, com ênfase para a esquistossomose mansônica. Explora a existência de um sistema popular de cuidados de saúde que mescla elementos da biomedicina e da medicina tradicional como forma de compreender e manejar os fenômenos de saúde/doença. Descreve as diferenças entre morbidade e sexo/gênero na concepção dos sujeitos entrevistados. Apresenta o discurso popular sobre as parasitoses, discutindo as dificuldades das ações de controle. Considera as contradições entre hábitos e valores culturais e as medidas de controle conhecidas, criticando a imprecisão das ações educativas nos programas oficiais de intervenção.This is a study on popular ideas, beliefs and practices concerning the transmission and prevention of parasitic diseases, specifically schistosomiasis mansoni. The author explored the existence of a popular belief system within the health care system, combining elements from biomedicine and folk medicine for the understanding and management of the health/disease phenomenon. The study describes the differences in perception of morbidity and gender among the interviewwees. Finally, the study presents popular discourse on parasitic diseases and discusses diffculties with control measures. It considers the contradiction between cultural values and habits and conventional control measures, critically assessing the lack of precision in health education measures under government prevention programs.

  5. El análisis de la literatura biomédica en España en clave de diversidad cultural y de género

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mª LUISA JIMÉNEZ

    2009-01-01

    Full Text Available En este trabajo proponemos la práctica de la metainvestigación como herramienta de revisión y análisis de las publicaciones científicas. Este concepto hace referencia a la necesidad de reflexionar y evaluar críticamente qué y cómo se investiga como estrategia fundamental de avance científico. Hemos centrado nuestro interés en el campo de la biomedicina y en su estudio del proceso de salud enfermedad-atención en inmigrantes de origen extranjero. Nuestro objetivo es analizar cómo son seleccionadas, construidas y abordadas las cuestiones científicamente relevantes sobre esta población, y específicamente, cómo afectan los sesgos derivados del etnocentrismo/etnicismo y del androcentrismo/sexismo a este proceso y a sus resultados. Para ello, analizamos desde la diversidad cultural y el género los artículos científicos sobre inmigración publicados desde 1984 a 2006 indexados en el Índice Médico Español-CSIC. El modo en qué son definidas las temáticas sanitaria y académicamente significativas responde, en gran parte de los artículos, a visiones etnocéntricas y androcéntricas que, además de reforzar estereotipos y desigualdades sociales en salud, implica limitaciones en la validez y rigor científicos, con las consecuencias que esto conlleva en su transferencia a la práctica sanitaria.

  6. GENÉTICA MOLECULAR Y BIOGERONTOLOGÍA EN LA ERA POSGENÓMICA: UN ENFOQUE EN LAS SIRTUINAS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    SHADAY MICHÁN

    2011-01-01

    Full Text Available La forma de estudiar la genética ha progresado notablemente en las últimas décadas. Sus orígenes se remontan al estudio de los caracteres hereditarios, seguido por el descubrimiento de los genes y los cromosomas hasta conocer la estructura del ADN. Este último evento impulsó el desarrollo de la tecnología del ADN recombinante y de la secuenciación masiva y automatizada, los cuales permitieron determinar posteriormente la anatomía de los genomas. Todos estos descubrimientos han promovido la evolución de la biomedicina hacia las eras genómica y posgenómica en las que el uso de la genética reversa impera sobre la genética básica o directa. Además, surge la genética molecular, la genómica funcional y las diversas tecnologías “ómicas” que en conjunto pretenden comprender de manera integral la función de todos los componentes del genoma y sus productos. La biogerontología, disciplina que estudia los mecanismos biológicos del envejecimiento, es uno de los campos que se han desarrollado notoriamente en los últimos 15 años y refleja los avances científicos de la era posgenómica. Actualmente se han identificado varios gerontogenes y vías moleculares que modifican la longevidad y regulan procesos y enfermedades relacionadas con envejecimiento. Dentro de estos genes se encuentran las sirtuinas, una familia de genes conservada evolutivamente que codifica para proteínas con actividad de desacetilasa dependiente de NAD+ y que tienen un papel importante en envejecimiento. En este trabajo revisamos diferentes aproximaciones de genética reversa que se han empleado para identificar algunas de las funciones de estos genes en mamíferos.

  7. A interface internet/s@úde: perspectivas e desafios

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis David Castiel

    Full Text Available As tecnologias de informação e comunicação via Internet (TICs são transformadas em elementos/processos/objetos produzidos para serem utilizados no âmbito das tecnobiociências humanas, vinculadas tanto às práticas da Biomedicina como às da Saúde Pública. As TICs ocupam domínios cada vez mais abrangentes da informática médica, produzindo setores de especialização denominados e-saúde, telemedicina, cibermedicina e a chamada informática para a saúde do consumidor (ISC. A ISC, em especial, procura suprir as necessidades de informação de consumidores que, a princípio, poderiam fazer escolhas para aquisições mais bem informadas. Surgem programas computacionais para auxílio a decisões (decision aids' software e a Web semântica. Percebe-se nesta situação, a imbricação de três sistemas: o predomínio da razão instrumental e suas produções tecnocientíficas; o poder enfeixado pela junção de instituições e ideologias; a crença na supremacia dos mitos, símbolos e ritos promovidos pela tecnociência. Como possível resultado, temos uma colonização da sociedade pela aliança entre autoridades geradoras de conhecimentos especializados, profissionais encarregados de produzi-los como objetos técnicos ou empacotá-los com invólucros tecnológicos, o conjunto do sistema industrial e as redes de comunicação, distribuição e consumo.

  8. La autonomía del paciente y los derechos en materia de información y documentación clínica en el contexto de la Ley 41/2002

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cesáreo García Ortega

    2004-01-01

    Full Text Available La Ley 41/2002 Reguladora de la Autonomía del Paciente y de Derechos y Obligaciones en Materia de Información y Documentación Sanitaria, reglamenta cuestiones que la Ley General de Sanidad de 1986 trataba de forma insuficiente, como el derecho a la información sanitaria, el consentimiento informado, la documentación sanitaria, la historia clínica y demás información clínica. Así mismo, clasifica las formas de limitación de la capacidad y atribuye a los médicos la competencia de evaluarla. En consonancia con el Convenio de Oviedo sobre los Derechos del Hombre y la Biomedicina, recoge los principios rectores de la nueva bioética, como son el derecho a la intimidad de la información relativa a la salud de las personas, las voluntades anticipadas, el derecho a la autonomía del paciente y su participación en la toma de decisiones, la negativa a tratamiento o la mayoría de edad para las decisiones sanitarias en los adolescentes. Dicha ley, de carácter básico estatal, supone un gran avance en las relaciones médico-enfermo, y deberá ser desarrollada en numerosos aspectos por las diferentes Comunidades Autónomas. La finalidad del presente trabajo es una descripción de éste texto legal, y analizar su repercusión en las relaciones del ciudadano, los profesionales sanitarios y el Sistema Nacional de Salud en materia de información y documentación clínica.

  9. Uma introdução às contribuições da epistemologia contemporânea para a medicina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charles Dalcanale Tesser

    Full Text Available O artigo parte de alguns dilemas clínicos vividos pelos profissionais e doentes, tais como dificuldades de enquadramento diagnóstico e relacionamento médico-paciente, para relacionar aspectos desses dilemas com a epistemologia hegemônica aplicada na biomedicina, a qual é caracterizada por um paradigma biomecânico, positivista e representacionista, centrado nas entidades doenças da nosografia biomédica. Estabelece conexão entre esta epistemologia e a ausência atual de um maior e mais harmonioso entrosamento da biociência com outros saberes/práticas de saúde não-científicos. Como contribuição à busca de resolução dos problemas discutidos, são introduzidas algumas idéias epistemológicas provindas da convergência teórica de autores da epistemologia contemporânea das ciências naturais que se constituem em viga mestra de uma inovadora vertente epistemológica ainda em formação, aqui chamada "co-construtivista". Por fim, são esboçados alguns desdobramentos da aplicação deste "co-construtivismo" na saúde, indicando possíveis contribuições e desafios propostos por essa perspectiva epistemológica para a área da saúde e para a pesquisa biomédica.

  10. Males diarreicos en la costa ecuatoriana: cambios socioambientales y concepciones de salud Diarrheal illnesses on the Ecuadorian coast: socio-environmental changes and health concepts

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    James A. Trostle

    2010-07-01

    Full Text Available Presentamos una etnoepidemiología de las enfermedades diarreicas en 21 pueblos de la costa norte del Ecuador, zona en la cual hay muchos cambios sociales y ambientales desde 2001 por la presencia de una nueva carretera. Con percepciones de que la misma naturaleza está cambiando, vienen cambios en interpretaciones de lo que es salud y enfermedad, que presentamos en forma de una taxonomía de males diarreicos. Ante la fuerte incidencia de las enfermedades diarreicas, existen concepciones alternativas a la biomedicina en cuanto a sus causas, síntomas y tratamientos. Hay superposiciones entre sistemas no-biomédicas y biomédicos, en donde hay mezclas de coexistencia y resistencia. Reconocer esto es entender una serie de desafíos para el sistema de salud oficial, incluyendo el uso indiscriminado de antibióticos, el no uso de servicios de salud para algunos males, y relaciones percibidas entre contaminación ambiental y la eficacia de las medicinas moderna y tradicional.The authors present an ethnoepidemiological study of diarrheal illnesses in 21 communities on the northern coast of Ecuador, where numerous social and environmental changes have taken place since 2001 due to a new highway. As communities realize that nature itself is changing, changes occur in their interpretations of health and disease, which the authors present through a taxonomic classification of diarrheal illnesses. Given the high incidence of diarrheal diseases, alternative concepts have emerged (as compared to those of biomedicine in relation to causes, symptoms, and treatments. The non-biomedical and biomedical systems overlap, with mixtures of coexistence and resistance. Recognizing this reality means understanding a series of challenges for the official health system, including the indiscriminate use of antibiotics, non-use of health services for some diseases, and perceived relations between environmental contamination and the efficacy of modern and traditional

  11. A presença da homeopatia nas faculdades de medicina brasileiras: resultados de uma investigação exploratória

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandra Abrahão Chaim Salles

    Full Text Available No Brasil, a Homeopatia é uma especialidade médica reconhecida desde 1980, mas sua presença nas escolas médicas ainda é rara. Essa é uma das causas da falta de conhecimentos sobre Homeopatia, que dificulta a interlocução entre os médicos homeopatas e os demais profissionais de saúde. A perspectiva de ampliação da assistência homeopática na rede pública após a publicação da Portaria 971*, com a política do Ministério da Saúde para as medicinas não convencionais, cria a iminência de maior contato entre os profissionais homeopatas e não homeopatas. Essa situação origina a necessidade de projetos de educação que divulguem a cultura homeopática de forma mais ampla e sistematizada, e as faculdades de Medicina constituem um espaço privilegiado para promover essas atividades. Este artigo apresenta um panorama da presença da Homeopatia nas faculdades de Medicina do País nos dias atuais. Os dados foram obtidos em investigação exploratória realizada como parte de uma pesquisa que estudou as relações entre Homeopatia e Biomedicina enquanto medicinas partícipes de um campo comum, buscando compreender os movimentos de aproximação e afastamento entre ambas, segundo o ponto de vista dos profissionais não homeopatas.

  12. Cosmología e Intermedicalidade: el campo religioso y la autoatención de los padecimientos de los indios Munduruku del Amazonas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniel SCOPEL

    2012-03-01

    Full Text Available Este artigo fundamenta-se em uma etnografia sobre práticas de saúde na aldeia Kwatá, dos Índios Munduruku, localizados no Rio Canumã, no município de Borba, Amazonas, Brasil. Essas práticas de saúde extrapolam o circuito biomédico de atenção e abrangem redes de atores sociais que podem ser descritos como participantes de um “campo religioso” de atenção às enfermidades. Verificou-se que o papel da autoatenção nos processos de saúde e doença é fundamental para a constituição desse campo, no qual se destacam forças convergentes e antagônicas do xamanismo, do cristianismo, da umbanda, do espiritismo kardecista e da biomedicina. Os dados levantados apontam que essas redes de relações sociais projetam-se para além dos limites da terra indígena, para espaços rurais e urbanos, e frequentemente estabelecem diálogos interétnicos. Os itinerários terapêuticos acompanhados indicam a heterogeneidade das práticas de saúde desenvolvidas pelos Munduruku com destaque à autoatenção, à atuação política e à inserção econômica no cenário local e regional.

  13. A pesquisa em Nutrição Clínica no Brasil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renata Borba de Amorim Oliveira

    2014-10-01

    Full Text Available Neste ensaio, busca-se uma primeira aproximação à pesquisa em Nutrição Clínica. Considera-se existir uma lacuna de informações e debates sobre elementos de cunho epistemológico e sobre interesses que marcam essa atividade no interior do campo científico da Alimentação e Nutrição no Brasil. O caráter multidimensional do campo alimentar-nutricional é apresentado como sua forte marca de identidade e motivo de distinção. Todavia, a pesquisa em Nutrição Clínica caracteriza-se pelo olhar biomédico, voltado enfaticamente para o metabolismo e para a doença, ficando excluídas as relações sociais e a intersubjetividade, com estudos voltados ao aspecto nutricional, sem considerar o alimentar. De outro lado, o alívio do sofrimento impõe a compreensão de relações entre seres humanos em sociedade. Tanto do ponto de vista metodológico como epistemológico, a biomedicina não é capaz de abarcar a totalidade do fenômeno da vida humana. Por essas razões, as Ciências Humanas e Sociais podem contribuir, em regime de cooperação interdisciplinar, com o campo da Alimentação e Nutrição, no sentido de instrumentalizar estudos inovadores tanto no aspecto conceitual quanto metodológico. Tais perspectivas podem trazer à luz as dimensões subjetivas do adoecimento humano, as quais constituem matéria essencial para os estudos sobre Nutrição Clínica.

  14. Uma introdução às contribuições da epistemologia contemporânea para a medicina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tesser Charles Dalcanale

    2002-01-01

    Full Text Available O artigo parte de alguns dilemas clínicos vividos pelos profissionais e doentes, tais como dificuldades de enquadramento diagnóstico e relacionamento médico-paciente, para relacionar aspectos desses dilemas com a epistemologia hegemônica aplicada na biomedicina, a qual é caracterizada por um paradigma biomecânico, positivista e representacionista, centrado nas entidades doenças da nosografia biomédica. Estabelece conexão entre esta epistemologia e a ausência atual de um maior e mais harmonioso entrosamento da biociência com outros saberes/práticas de saúde não-científicos. Como contribuição à busca de resolução dos problemas discutidos, são introduzidas algumas idéias epistemológicas provindas da convergência teórica de autores da epistemologia contemporânea das ciências naturais que se constituem em viga mestra de uma inovadora vertente epistemológica ainda em formação, aqui chamada "co-construtivista". Por fim, são esboçados alguns desdobramentos da aplicação deste "co-construtivismo" na saúde, indicando possíveis contribuições e desafios propostos por essa perspectiva epistemológica para a área da saúde e para a pesquisa biomédica.

  15. ¿Bioética narrativa o narrativa bioética?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Miguel Kottow

    2016-01-01

    Full Text Available Desde los inicios de la bioética, se presenta y agudiza el conflicto entre biomedicina científica basada en evidencia y la bioética preocupada de valores personales y participativos expresados en el consentimiento informado. La medicina terapéutica y la investigación biomédica propician la participación autónoma de pacientes y probandos, la cual se expresa en la narrativa que destaca los valores existenciales de cada persona y el contexto social donde vive. Las humanidades médicas son convocadas para sensibilizar a los profesionales de la salud en sus tareas. Su influencia por elevar los elementos narrativos en la comunicación biomédica ha sido insuficiente y de influencia decreciente, su aporte ancilar a la bioética narrativa no ha logrado evitar un academicismo extremo y una irrelevancia social de la disciplina bioética que está en riesgo de ser marginada, desoída y precipitada en una crisis de validación. Sugiere este artículo atender fuentes no académicas que se muestran plenamente competentes y atractivas para encarar los problemas que la bioética no ha sabido resolver, destacando la publicación de novelas ficcionales que abordan temas bioéticos de forma amena y sistemática, que impactan más allá de las deliberaciones anémicas de la bioética: The Children Act (I. McKewan, 2014 y Reparar a los vivo (M. de Kerangal, M., 2015 son presentadas como propuesta de inaugurar la narrativa bioética, que es el relato ficcional de temas bioéticos.

  16. Participación Comunitaria en Salud: Reflexiones sobre las posibilidades de democratización del sector

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    María Sol Anigstein

    2008-01-01

    Full Text Available La participación social en Sudamérica emerge con fuerza en las últimas décadas y en Chile, específicamente, desde los años noventa se realizan iniciativas a nivel estatal en pos de implementar políticas de participación ciudadana, social y comunitaria. La inclusión de este mecanismo en la gestión pública se esgrime como una estrategia clave en los procesos de democratización y modernización estatal y en la búsqueda de lograr más eficiencia y mejor gobernabilidad. El sector salud, uno de los preferidos por esta política, cuenta con muchas y variadas experiencias en participación social y comunitaria, que podrían pensarse como instancias democratizadoras. Pero, ¿son estos espacios adecuados para generar procesos de participación efectiva y empoderamiento por parte de los ciudadanos y organizaciones sociales o comunitarias? En base a dicha interrogante se emprende una reflexión sobre los conceptos claves de la semántica de la participación y su despliegue en el marco de la peculiar combinación que se da entre una tradición democrática debilitada en muchas de las esferas de acción estatal y política por largos años de dictadura, y la matriz autoritaria presente en el seno de la biomedicina.

  17. AUTOAPRENDIZAJE DE ÉTICA EN HISTORIA DE LA MEDICINA. UNA EXPERIENCIA ATRACTIVA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Jara Rascon

    2014-01-01

    Full Text Available Introducción. El concepto de Medicina basada en la persona puede ser transmitido desde los estudios de pregrado. La asignatura de Historia de la Medicina puede ser un buen lugar para ello si se involucra al alumnado confrontándole con los protagonistas y las acciones que dieron lugar a diferentes avances científicos. Material y Método. En este trabajo se muestra la experiencia metodológica de la transmisión de conocimientos de Historia de la Medicina siguiendo un modelo de enseñanza compartida sobre 130 alumnos a través del análisis de las biografías de las personas que propiciaron relevantes avances en el ámbito de la biomedicina a través de su historia. Para ello, a cada alumno se le asignó uno de estos personajes y se le pidió que hiciera una exposición oral junto con un trabajo escrito en el que figurara su valoración personal sobre el mismo. Resultados. Las exposiciones y trabajos realizados mostraron cómo el alumnado fue capaz de hacer un balance de implicaciones morales en un 77 % de los casos. Sólo el 23% de los alumnos eludieron la perspectiva ética en los personajes estudiados. Las actitudes más frecuentemente valoradas fueron la perseverancia en el estudio, la dedicación abnegada hacia los pacientes y la pasión por el aprendizaje. Conclusiones. La formación de pregrado en Ciencias de la Salud ofrece excelentes posibilidades formativas en ética y valores a través de asignaturas como Historia de la Medicina. La autoreflexión por parte de los alumnos sobre sus protagonistas parece una buena pedagogía para favorecer esa sensibilización ética

  18. Criterios medline para la selección de revistas científicas. Metodología e indicadores. Aplicación a las revistas médicas españolas con especial atención a las de salud pública

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilio Delgado López-Cózar

    2006-01-01

    Full Text Available Debido en buena parte a los rigurosos procesos de selección que aplica a las revistas que indiza, Medline es la base de datos en Biomedicina y Ciencias de la Salud más prestigiosa del mundo. El objetivo de este trabajo es analizar sus criterios de selección y traducirlos en indicadores para su aplicación a las revistas médicas españolas candidatas a ingresar en el Index-Medicus. Se proponen las muestras de análisis y la metodología a aplicar derivada de los cinco grupos de criterios contemplados por Medline: Ámbito y Cobertura; Calidad del Contenido; Calidad del Trabajo Editorial; Calidad de Producción y Audiencia. Propuesta de indicadores cualitativos y cuantitativos. Ámbito y Cobertura: indicadores que muestran la pujanza productiva de la revista en el ámbito nacional e internacional de la especialidad. Calidad del Contenido: análisis de la revista y de sus protagonistas a partir de las citas internacionales que han recibido sus trabajos y de los Factores de Impacto (FI. Calidad Trabajo Editorial: indicadores relativos a los responsables de la política editorial y científica de la revista, a los procesos editoriales y al sistema de revisión de originales que aplica. Indicadores relacionados con el cumplimiento de las directrices Vancouver. Calidad de Producción: indicadores sobre calidad gráfica e informativa de la revista (estándares internacionales. Audiencia: indicadores sobre atracción, audiencia, visibilidad e interés de la revista para los objetivos que persigue Medline.

  19. Calibrazioni a terra e prestazioni in volo di spettrometri ad immagine nel visibile e nel vicino infrarosso per l'esplorazione planetaria

    Science.gov (United States)

    Filacchione, Gianrico

    2006-10-01

    Nel corso dell’ultimo decennio l’esplorazione planetaria ha potuto beneficiare dei dati prodotti dagli spettrometri ad immagine: grazie a questa nuova classe di strumenti, realizzati per l’osservazione in remoto di superfici ed atmosfere planetarie, è possibile acquisire dati iperspettrali con elevati poteri risolutivi spaziali e spettrali. Il principale vantaggio offerto dagli spettrometri ad immagine, rispetto alle camere ed agli spettrometri puntuali, è rappresentato dalla capacità di misurare, identificare e mappare le unità composizionali delle superfici planetarie; queste informazioni permettono di investigare sia l’evoluzione geochimica delle superfici sia la dinamica e la composizione delle atmosfere. Sebbene i primi spettrometri ad immagine siano stati francesi (Phobos/ISM, Imaging Spectrometer for Mars) e statunitensi (Galileo/NIMS, Near Infrared Mapping Spectrometer), il nostro paese nel corso degli ultimi anni è stato in grado di proporre alla com unità spaziale internazionale degli strumenti dalle elevate prestazioni che sono stati infatti accettati come payload scientifici su diverse missioni interplanetarie: dai canali visibili di VIMS (Visual and Infrared Mapping Spectrometer) su Cassini (Nasa, JPL, ESA, ASI) e di OMEGA (Observatoire pour la Minéralogie, l’Eau, les Glacies et l’Activitè de Mars) su MarsExpress (ESA) ai due VIRTIS (Visible and Infrared Thermal Imaging Spectrometer) su Rosetta (ESA) e VenusExpress (ESA) fino a VIR-MS (Visible and Infrared Mapping Spectrometer) su Dawn (Nasa). In questo momento inoltre altri due spettrometri sono in avanzata fase di studio: JIRAM (Jovian InfraRed Auroral Mapper) su Juno (missione New Discovery Nasa) e VIHI (Visible and Infrared Hyperspectral Imager) integrato nel payload italiano di remote sensing SIMBIO-SYS di BepiColombo (missione cornerstone ESA). La realizzazione di uno spettrometro ad immagini da utilizzare su una missione interplanetaria richiede un’accurata analisi in fase

  20. Studio e conservazione di una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus in Toscana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Agnelli

    2003-10-01

    Full Text Available Myotis emarginatus (Chiroptera, Vespertilionidae utilizza frequentemente gli edifici come rifugio estivo, sia per il riposo diurno che per la riproduzione. Negli anni 1996-2003, nel corso di indagini faunistiche sul territorio toscano, questa specie è stata rilevata nel 26% dei casi su 76 edifici rurali risultati occupati da pipistrelli e rappresenta ben il 50% degli esemplari rilevati. Il numero di esemplari di M. emarginatus in tali rifugi varia da 1 a 150 animali. Un edificio però può rendersi facilmente indisponibile per modificazioni nell?utilizzo da parte dell?uomo: ma cosa succede agli animali che si trovano improvvisamente senza casa? E quanto si può accrescere annualmente una colonia quando non viene disturbata? Nel 1997 nella Riserva Naturale Provinciale di Ponte a Buriano e Penna (AR, rilevammo una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus stimata in circa 60 esemplari. Il rifugio estivo utilizzato fino al 2002 è costituito da una casa disabitata. Confrontando le stime effettuate dal 1997 al 2001 possiamo valutare l?accrescimento numerico della colonia: a partire dai circa 60 animali si è raggiunta la consistenza di 75 esemplari nel 2001, ossia circa il 25% in 5 anni (5% annuo di media. I conteggi sono stati effettuati a vista da almeno 3 persone, da breve distanza e in buona luce, ma poiché in questa specie gli esemplari si appendono alle travi addossandosi uno sopra l?altro, è impossibile effettuare un vero conteggio. Nell?estate 2001 abbiamo condotto una ricerca più accurata sull?utilizzo del rifugio: dai rilievi di un rilevatore di passaggio all?infrarosso e soprattutto dalle riprese di una videocamera, risulta che il numero degli esemplari era stato fortemente sottostimato: gli esemplari erano, infatti, ben 150 (femmine, ossia il doppio di quanto stimato sia pure in condizioni favorevoli. A Giugno (2001 abbiamo registrato la nascita di 101 piccoli, il cui tasso di mortalità prima dell

  1. Novità procedurali riguardanti la Rota Romana: le facoltà speciali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Joaquín Llobell

    2013-10-01

    Full Text Available Il contributo, accettato dal Direttore, riproduce la Relazione al “V Corso di aggiornamento in diritto matrimoniale e processuale canonico” della Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce (Roma, 16-20 settembre 2013, ed è destinato alla pubblicazione negli Atti del Corso, per i tipi della Edusc, Roma.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La facoltà speciale n. I: «Le sentenze rotali che dichiarano la nullità del matrimonio siano esecutive, senza che occorra una seconda decisione conforme»: 2.1. La prima facoltà speciale vieta l’appello contro la sentenza rotale che dichiara per la prima volta la nullità del matrimonio?; 2.2. Il diritto di appello alla Rota Romana e le fattispecie in cui la Rota può emettere una prima sentenza “pro nullitate matrimonii”; 2.3. Cenni minimi sulle conseguenze della prima facoltà speciale sulla delibazione della prima sentenza a favore della nullità del matrimonio – 3. La facoltà speciale n. II: «Dinanzi alla Rota Romana non è possibile proporre ricorso per la N.C.P. [“nova causae propositio”], dopo che una delle parti ha contratto un nuovo matrimonio canonico» – 4. La facoltà speciale n. III: «Non si dà appello contro le decisioni rotali in materia di nullità di sentenze o di decreti» – 5. La facoltà speciale n. IV: «Il Decano della Rota Romana ha la potestà di dispensare per grave causa dalle Norme Rotali in materia processuale», con particolare riferimento alla modifica dei turni giudicanti per affidare le cause a collegi “videntibus septem iudicibus” – 6. La facoltà speciale n. V: «Siano avvertiti gli Avvocati Rotali circa il grave obbligo di curare con sollecitudine lo svolgimento delle cause loro affidate, sia di fiducia che d’ufficio, così che il processo davanti alla Rota Romana non ecceda la durata di un anno e mezzo» – 7. Brevissime conclusioni – Appendice (Testo delle facoltà speciali della Rota Romana, 11 febbraio 2013

  2. Approccio coordinato al monitoraggio del lupo su larga scala: strategie, limiti e prospettive

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Ciucci

    2003-10-01

    'INFS a partire da campioni fecali raccolti nell'intero arco annuale. Nel corso di due stagioni invernali (2001-02 e 2002-03 sono stati ricostruiti in totale 451 km di piste di lupi. Nell'estate 2002 sono state realizzate circa 3.574 emissioni (trials da 238 stazioni di emissione (0,43 stazioni per km² nel corso di 2 repliche stagionali. Nel 5,4 % delle stazioni si sono ottenute risposte, per un totale di 19 risposte, di cui il 57,8% da parte di cuccioli e cuccioli e/o adulti. Attualmente si stima quindi una presenza minima di 6 branchi nell'intera area di progetto, con riproduzione accertata in almeno 3 di questi. La dimensione media minima (±DS dei branchi nei mesi invernali è risultata di 3,6 (±0,73 lupi, per una densità minima sull'intera area di 2,7 lupi residenti/100 km². In una prospettiva di affinamento e ulteriore calibrazione delle tecniche di monitoraggio indiretto su larga scala, i risultati ottenuti vengono quindi discussi alla luce della loro portata nonché dei limiti interpretativi e delle difficoltà operative.

  3. La formazione iniziale degli insegnanti in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Cappa

    2013-07-01

    Full Text Available L’articolo è diviso in tre parti. La prima presenta gli elementi storici e di sfondo che occorre tenere presenti per comprendere l’evoluzione della formazione iniziale degli insegnanti verso gli attuali modelli, che pur essendo oggi tutti gestiti dalle università conservano una sensibile diversità a seconda che si tratti di formare maestri per la scuola dell’infanzia e primaria oppure professori di scuola secondaria di primo e secondo grado. La seconda parte analizza il passaggio, maturato tra la fine del secolo scorso e l’inizio del XXI secolo, della formazione dei maestri dalla scuola secondaria (Istituto magistrale all’università (Corso di laurea in Scienze della formazione primaria, e l’istituzione delle Scuole di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario (SSIS fino alla soppressione di queste ultime, avvenuta nel 2009. La terza parte presenta il quadro attuale della formazione iniziale dei docenti in Italia con riguardo soprattutto agli insegnanti della scuola secondaria, per i quali – a differenza che per i maestri - sono intervenute dal 2010 importanti innovazioni legislative. Le SSIS sono state infatti sostituite con il Tirocinio Formativo Attivo (TFA, attualmente in fase di attuazione da parte delle università. Nella parte finale dell’articolo si traccia un primo bilancio dell’esperienza del TFA e si indicano alcuni problemi aperti. Il focus rimane sostanzialmente sulla formazione iniziale, in quanto in Italia la formazione in servizio, che pure non è del tutto assente, non è mai stata oggetto di una normativa né di una azione organica, ma avviene, quando avviene, sulla base di iniziative di specifici gruppi o associazioni.The article is organised in three parts. The first one illustrates the historical features and the institutional and political background that have to be taken into account in order to understand how initial teacher education and training has developed in Italy. Presently, all teacher

  4. Archeologia e città: la ricostruzione della linea di costa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Giampaola

    2009-11-01

    Full Text Available Argomento del contributo è la storia del paesaggio costiero antistante il nucleo più antico della città di Napoli ricostruita attraverso la procedura dello scavo archeologico, nel corso dei lavori per la realizzazione della linea 1 e 6 della Metropolitana. L’intervento archeologico si è rivelato un’occasione irripetibile di conoscenza, per la sua ampia dimensione e per la circostanza che si è sviluppato in un comparto topografico unitario quale il water front cittadino. Esso appare straordinario per l’intreccio di fattori diversificati: per la sua complessità tecnica e metodologica, per la rilevanza delle acquisizioni scientifiche, per lo stretto rapporto con un’opera pubblica di carattere ingegneristico che è parte di una delle più importanti trasformazioni della città contemporanea, avviata attraverso il Piano comunale dei trasporti. Occorre innanzitutto sottolineare che le indagini, dal punto di vista metodologico-procedurale, documentano una precoce attività di archeologia preventiva, avviata sin dalla metà degli anni ‘90 del secolo scorso, in un momento lontano dalle leggi vigenti che regolamentano l’impatto archeologico rispetto alle opere pubbliche. Nello stesso momento dell’inserimento di norme specifiche di tutela archeologica nella variante del PRG della città di Napoli, in base ad una concertazione fra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Comune di Napoli e la Società Metropolitana, Concessionaria delle opere, si sono inserite le attività di natura archeologica , dalle prospezioni preliminari sino alle indagini estensive delle stazioni, all’interno del programma dell’opera pubblica di cui sono diventate una fase operativa preliminare e ineludibile. Il progetto della linea 1, il cui obiettivo è di collegare alla fascia collinare della città, di recente servita da un efficiente trasporto su ferro, il nucleo più antico dell’insediamento napoletano, risparmia l’area urbana di Neapolis

  5. The role of stage in teacher training for early childhood education: a debate, the University of Florence and the University of Vale do Itajaí models

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudete Bonfanti

    2016-07-01

    Full Text Available The paper discusses the stage role in teacher training for early childhood education. Are research subjects the trainees of the Faculty of Education at the University of Vale do Itajaí (Brazil in 2014, and Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria indirizzo Scuola dell’infanzia dell’Università di Firenze (Italy in 2015. The study is guided in qualitative research (Bogdan & Biklen, 1994. Interviews and documents of both courses were analyzed. We seek to support the theoretical studies (Bondioli & Ferrari, 2008; Calvani, 2014; Catarsi, 2014; Catarsi & Fortunati, 2012; Gomes, 2009; Pimenta & Lima, 2012; Silva, 2014. The analysis indicates that sometimes the students do not understand the connection between theory and practice, referring to the internship in the child education. It is considered that overcoming the dichotomy between theory and practice constitutes weakness to be overcome in the initial training of future teachers. We did not intend to compare the two contexts, but this paper is a suggestion for future researchers to continue the debate on the weaknesses identified in this research.O papel do estágio na formação de professores para a educação infantil: em debate, o modelo da Università degli Studi di Firenze e o da Universidade do Vale do ItajaíO trabalho discute o papel do estágio na formação dos professores para a educação infantil. São sujeitos da pesquisa as estagiárias do curso de Pedagogia da Universidade do Vale do Itajaí (Brasil, em 2014, e do Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria indirizzo Scuola dell’infanzia dell’Università di Firenze (Italia, em 2015. O estudo pauta-se na abordagem qualitativa de pesquisa (Bogdan & Biklen, 1994 e foram analisados entrevistas e documentos de ambos os cursos. Buscou-se respaldo nos estudos teóricos de (Bondioli & Ferrari, 2008; Calvani, 2014; Catarsi, 2014; Catarsi & Fortunati, 2012; Gomes, 2009; Pimenta & Lima, 2012; Silva, 2014. A an

  6. Franco Modigliani e la teoria del ciclo vitale del consumo (Franco Modigliani and the life-cycle theory of consumption

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angus Deaton

    2012-04-01

    Full Text Available Nei primi anni ’50, Franco Modigliani e il suo studente Richard Brumberg elaborarono una teoria della spesa fondata sull’idea che gli individui effettuano scelte intelligenti su quanto desiderano spendere a ogni età, con il solo limite delle risorse disponibili nel corso della loro vita. Attraverso l’accumulo e il decumulo delle attività, chi lavora può provvedere alla propria pensione e, più in generale, può adattare i propri modelli di consumo alle esigenze che si presentano alle diverse età, indipendentemente dal reddito disponibile in ogni momento della sua vita. Questa semplice teoria conduce a previsioni rilevanti e non scontate per l’economia nel suo complesso, ad esempio che il risparmio nazionale dipende dal tasso di crescita del reddito nazionale e non dal suo livello, e che esiste una semplice relazione tra il livello della ricchezza nel sistema economico e la lunghezza del periodo trascorso in pensione. Tali previsioni, non verificabili negli anni ’50, hanno trovato considerevole sostegno empirico in successivi lavori di Modigliani e di altri ricercatori. Sebbene nel corso degli anni la teoria del consumo abbia subito numerosi attacchi, i più recenti dei quali mossi da una coalizione di psicologi ed economisti, l’ipotesi del ciclo vitale rimane una parte essenziale del pensiero degli economisti. Senza di essa avremmo molto meno da dire circa molte importanti questioni, quali l’offerta pubblica e privata di previdenza sociale, gli effetti del mercato azionario sull’economia, le conseguenze dei mutamenti demografici sul risparmio nazionale, il ruolo del risparmio nella crescita economica e le determinanti della ricchezza nazionale.  In the early '50s, Franco Modigliani and his student Richard Brumberg elaborated a theory of expenditure based on the idea that individuals make smart choices about how they want to spend at any age, with the only limit of the available resources in the course of

  7. Un precedente de la ocupación italiana de Libia. La expedición naval de las Dos Sicilias contra Trípoli en 1828 y el tratado de paz napolitano- tripolino del mismo año, a través de la documentación diplomática española

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Juan B. VILAR

    2010-02-01

    Full Text Available RESUMEN: A comienzos del siglo XIX sobrevivían en los estados musulmanes del norte de África algunas prácticas poco compatibles con el derecho internacional occidental tales como el corso indiscriminado contra la navegación mercante, el cautiverio y rescate de cristianos, y el sistema de regalos o compra de la paz mediante un tributo preceptivo. Entre esos países se hallaba la Regencia turca de Trípoli, regida desde 1711 por bajáes autónomos de la familia Caramanli. Sin embargo tres expediciones enviadas contra Trípoli por los Estados Unidos, Gran Bretaña y Piamonte-Cerdeña en 1804-1805, 1816 y 1825 lograron la abolición de tales prácticas en relación con esos tres estados y sus países protegidos. El Reino de las Dos Sicilias, sin duda el estado italiano más afectado por las depredaciones tripolinas en razón de su proximidad geográfica, quiso obtener similares resultados mediante una expedición naval contra ese país enviada en agosto de 1828. Sin embargo la empresa no tuvo éxito y Nápoles tuvo que negociar a través de Francia una paz poco ventajosa. El presente estudio se fundamenta en un amplio abanico de fuentes manuscritas, impresas y bibliográficas de diversa procedencia (italianas y francesas fundamentalmente, pero sobre todo aporta una visión nueva de la cuestión de referencia a través de fuentes españolas inéditas. Palabras clave: Dos Sicilias, Trípoli, Libia, Francia, Nápoles, Mediterráneo, 1828, comercio, corso y piratería, relaciones internacionales. ABSTRACT: At the beginning of the XIXth c., in the Muslim estates of Northern Africa, there were some old practices left, such as the piracy practice, the captivity- rescue of Christians or the tribute systems to guarantee peace. Among those countries, it is worth mentioning the Turkish Regency of Tripoli, ruled by the autonomous «bajaes» of the Caramanli family. However, three expeditions against Tripoli sent by the USA, the U.K. and Piamonte-Cerdeña in

  8. GIS-modelling the distribution of Rattus norvegicus in urban areas using non toxic attractive baits

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Sacchi

    2008-07-01

    oppure ii tecniche di interpolazione che convertono insiemi di punti di presenza accertata in stime di abbondanza. Il primo approccio è già stato utilizzato, mentre il secondo non ci risulta essere ancora stato applicato nella gestione del ratto delle chiaviche. In questo studio è valutata l’efficacia del metodo di interpolazione nel predire la distribuzione di questo roditore in una grande area urbana del nord Italia. Nel corso della primavera e dell’autunno 2004, sono state posizionate esche non tossiche in 119 punti distribuiti sull’intera area urbana. I dati così raccolti sono stati utilizzati per generare mappe di presenza/assenza della specie nelle due stagioni di indagine. I ratti delle chiaviche sono risultati irregolarmente distribuiti in città e concentrati principalmente lungo i corsi d’acqua e nel centro storico soprattutto in presenza di edifici soggetti a scarsa manutenzione. Nel corso dell’indagine sono emerse differenze nella distribuzione fra le due stagioni di ricerca. La presenza del ratto delle chiaviche può effettivamente essere predetta mediante il processo di interpolazione: questo metodo risulta essere più efficiente rispetto a quello basato sull’analisi delle sole caratteristiche ambientali.

  9. Primi dati sulla chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo (Lazio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Mastrobuoni

    2003-10-01

    specie rilevate fra il 1994 ed il 2001: Myotis emarginatus, Pipistrellus pygmaeus ed Hypsugo savii. La ricerca di rifugi invernali, condotta da ottobre 2002 a marzo 2003, non ha dato esito positivo. L?indagine relativa ai rifugi estivi, condotta nel 2002 ed attualmente in corso per il 2003, ha invece permesso di individuare una colonia mista di Rinolofidi e Vespertilionidi (settembre 2002 ed una colonia riproduttiva di Myotis daubentonii (giugno 2003; in alcuni siti sono stati trovati maschi isolati o in piccoli gruppi. I risultati finora ottenuti costituiscono sicuramente solo un primo quadro della chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo. Al fine di compilare una puntuale checklist dei Chirotteri e monitorare la ricchezza in specie e la diversità di questo gruppo di mammiferi del Parco, la presente ricerca continuerà anche nel corso del 2003; i risultati delle indagini di campo vengono anche utilizzati per pianificare azioni di conservazione nelle aree prioritarie per i Chirotteri.

  10. Nuove ricerche subacquee nella laguna di Santa Giusta (OR (campagna del 2009-2010

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Del Vais

    2012-07-01

    Full Text Available Le ricerche avviate nel 2005 nella laguna di Santa Giusta (OR stanno rivelando la presenza di contesti archeologici di età fenicio-punica di eccezionale rilevanza. In uno di questi, localizzato a circa 800 m dall’attuale linea di riva, è stato condotto, a partire dal 2006, uno scavo subacqueo, ancora in corso. Sono stati recuperati numerosi materiali ceramici, in larga parte rappresentati da anfore commerciali, ma anche da ceramica domestica e, più raramente, di carattere funerario e cultuale (VI-III/II sec. a.C.. In vari casi le anfore contenevano resti ossei animali, più spesso di ovicaprini, con evidenti tracce di macellazione; le condizioni anossiche garantite dal substrato limoso hanno favorito la conservazione di materiali organici, tra i quali pigne, semi di diverse specie e legni, prevalentemente lavorati, alcuni ancora in connessione. Research undertaken in 2005 in the lagoon of Santa Giusta (OR is revealing the presence of archaeological contexts of Phoenician-Punic date of exceptional importance. In one of these, located about 800 m from the current shoreline, an underwa­ter excavation was conducted since 2006; it is still in progress. Much pottery has been recovered, mostly represented by transport amphoras, but also by domestic pottery and, more rarely, ceramics associated with funerary and cultic use (6th-2nd century BC. In several cases the amphoras contained animal remains, most often of ovicaprines, with clear traces of slaughter; the anaerobic condi­tions guaranteed by the silty substrate have favoured the preservation of organic materials, including pine cones, seeds of different species and wood, mostly worked and some still joined together.

  11. ICT: interfacce tra persone e luoghi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Corinna Morandi

    2013-04-01

    Full Text Available Nonostante la diffusione del paradigma della smart city sia stata esponenziale, con l’effetto di confonderne il significato, il concetto di “città intelligente” indica comunque un tema di ricerca importante, in particolare quando venga esteso a contesti territoriali più ampi. In questo senso, la ricerca La smart region tra Torino e Milano. I servizi mobili come driver di innovazione territoriale in vista di Expo 2015 (Politecnico di Milano-Telecom Italia si propone di sperimentare l’uso delle ICT per un sistema integrato di servizi nel territorio tra Torino e Milano, anche in prospettiva di Expo 2015: una regione metropolitana valorizzata da un sistema di relazioni già attive e inserita nel contesto più ampio della city-region del Nord Italia, il cui sviluppo va legato ad una strategia di scala vasta, declinabile nella definizione di “smart city-region” o, più semplicemente, di “smart region”. In tale contesto, il ruolo delle università nei processi di sviluppo territoriale, il miglioramento dei servizi materiali e immateriali erogati dai campus, su cui la ricerca (in corso ha scelto di concentrarsi, può contribuire ad aumentare la sostenibilità e competitività del territorio. Una prima sperimentazione è stata condotta sull’area di Città Studi a Milano, testando una metodologia utile a comprenderne le esigenze e individuando soluzioni e servizi funzionanti su  terminali di comunicazione mobile, interfaccia tra persone e luoghi nel campus e nel contesto urbano circostante.

  12. Il significato di centralità. Tecniche di densificazione dello spazio costruito / The meaning of centrality. Technique of densifying built space

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Strina

    2014-11-01

    Full Text Available Il presente articolo indaga il termine centralità urbana, una delle parole chiave della ricerca Spinner 2013 Progettare il costruito: nuovi modelli a qualità integrata per la città compatta, in corso dal 2012. L’architettura si è spesso confrontata col significato di centralità urbana interpretandolo a seconda delle dinamiche evolutive che, via via, hanno guidato le scelte progettuali di sviluppo urbano. Il termine centralità è da intendersi nell'accezione di tipologia architettonica ma in primis nell'accezione simbolica di effetto comunitario, aggregativo e, in conclusione, di luogo. Essa si concretizza in un sistema insediativo complesso che conforma uno spazio di tipo centrifugo e allo stesso tempo centripeto, introverso e estroverso, capace di custodire in se la memoria del contesto di appartenenza da cui ha attinto i propri caratteri formali e, al contempo, costruire una memoria identitaria della comunità che lo abita e che lo abiterà. / This article investigates the term urban centrality, one of the key words of the 2013 Spinner Research Project: Designing the built: new models of integrated quality for the compact city, ongoing since 2012. Architecture has often had to deal with the meaning of urban centrality, interpreting it according to the evolutive dynamics that have gradually come to guide planning choices in urban development. The term centrality is to be understood in the sense of architectural typology, but in primis in the symbolic sense of its effect on the community, aggregation, and ultimately, the place itself. It becomes concrete within a complex settlement system that shapes a space of a centrifugal and centripetal type, both introvert and extrovert, that can hoard the memory of the context of belonging from whose formal characteristics it has drawn and, at the same time, build an identity memory of the community that inhabits and will continue to inhabit it.

  13. La narrazione orale tra bambini ed adulti: da flusso continuo a vena carsica?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Milena Bernardi

    2010-02-01

    Full Text Available Con il segmento di ricerca che viene presentato nella sua prima fase si prende in esame l’ipotesi di un processo, in atto da tempo, di trasformazione e/o di declino della narrazione orale nel rapporto quotidiano tra adulti e bambini, inteso, in questo specifico contesto, come “spia” dei mutamenti degli stili educativi e degli interscambi tra famiglie ed operatori dei servizi in relazione all’alleanza educativa. La complessità dei filoni di studio che rimandano alla voce “narrazione” negli ambiti delle scienze umane esige la precisazione della curvatura “narrativa” scelta per la ricerca in corso: curvatura che appartiene all’epistemologia della letteratura per l’infanzia e della pedagogia della narrazione in quanto permette di imboccare la strada della ricerca pedagogica rivolta innanzi tutto ai significati che il narrare assume nella relazione educativa e poi ai modi ed alle forme della narrazione che coinvolgono l’infanzia. In un’epoca di grande vitalità e visibilità delle narrazioni, tra cui abbondano le produzioni scritte, illustrate, filmate per l’infanzia, sembra esserci una zona marginale e quasi sommersa della comunicazione narrante che rischia di sfumare in una sorta di oblio. E’ la zona della narrazione orale esperita in praesentia da bambini ed adulti insieme, tessuta con fili di parole che restituiscono senso all’intero arco delle esperienze, tentando di riordinare il disordine che spesso connota la realtà, interpretando, stabilendo connessioni, impregnando di quel senso i vissuti, i fatti, le relazioni, le cose e le parole stesse, ancora, nelle voci. Del rischio e delle conseguenze che possono derivare dalla sua mancanza si occupa questo contributo di ricerca che, dal punto di vista metodologico, si è avvalso e si avvale sia di analisi condotte sul corpus dei testi sia della raccolta di dati e informazioni tramite incontri condotti con la modalità del focus group, con educatrici e genitori.

  14. Iconografia e culto di Nostra Signora D’Itria nella Sardegna Spagnola

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Francesca Porcella

    2012-06-01

    Full Text Available Il culto di Nostra Signora d’Itria o Odigitria o di Costantinopoli, legato all’icona della Vergine col Bambino venerata a Bisanzio e distrutta nel 1453, pervenne in Occidente in un ampio lasso di tempo, dalle lotte iconoclaste (sec. VIII fino alla caduta dell’Impero d’Oriente (sec. XV. La Sardegna, insieme alla Puglia e alla Sicilia vanta un culto antico, attestato da documenti materiali a partire dalla metà del XVI secolo e che ha avuto una fioritura straordinaria nel corso del Seicento. Se i dipinti si riallacciano agli schemi iconografici diffusi nelle aree calabresi e siciliane che evocano la processione con l’icona, i gruppi statuari con la Vergine, lo schiavo cristiano e il padrone turco o moro, sembrano ispirarsi a racconti di esclusiva origine locale, forse eventi storici poi mitizzati che hanno assunto un valore universale di salvazione dal pericolo barbaresco, fortemente sentito dalle popolazioni locali lungo tutto il periodo di dominazione spagnola.   Nostra Signora d’Itria or Odigitria or Constantinople faith, attached to the icon of Vergin Mary with child worshipped in Bysantium and distroyed in 1453, arrived at The West during a wide lapse of time, from the iconoclast fightings (VIII century to the Eastern Empire’s fall ( XV century. Sardinia, together with Apulia and Sicily is proud of an ancient faith, certified from materials documents, from the middle of XVI th century and that has had an extraordinary explosion during the six hundred century. If the paintings attach to the iconographic outlines spread to the Sicilian and Calabrian areas that bring to our memory the icon’s procession, the statues groups with the Vergin and the Christian Slave and the Turkish or Mour owner, they seem to get inspiration from exclusive local stories, perhaps historical events then changed into miths that have taken on an universal worth of salvation from the barbaric danger, strongly felt from the local populations during the all

  15. Gli effetti della subgravità e i metodi per riprodurla a terra e in volo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. MEINERI

    1963-06-01

    Full Text Available L'A. enuncia brevemente il problema della subgravità
    descrivendo le principali soluzioni sperimentali escogitate nel corso dell'ultimo
    decennio per rispondere ai vari interrogativi cbe tale particolare caratteristica
    del volo spaziale, clie non trova riscontro in alcuna altra condizione nota
    all'uomo, pone agli studiosi, biologi e tecnici.
    L'A. passa quindi a descrivere i principali metodi e dispositivi per
    riprodurre lo stato di subgravità, distinguendo i sistemi « a terra », auspicabili
    per la loro agevolezza, sicurezza, ma cbe in genere non riproducono che
    taluni aspetti fisiopsicologici dello stato subgravitazionale, dai sistemi, ben
    più indaginosi, che consentono di realizzare stati di subgravità reali e completi
    (voli parabolici, lanci suborbitali e orbitali di missili. Passa infine a
    esporre quanto è stato fatto in questo campo presso il Centro di Studi e
    Ricerche di Medicina Aeronautica e Spaziale di Roma, impiegando la « Torre
    di Subgravità », ideata e costruita presso detto Centro, la quale consente
    di realizzare veri stati di subgravità, sia pure di breve durata, preceduti e
    seguiti da accelerazioni. La « Torre di Subgravità » ha permesso di affrontare
    alcuni problemi inerenti al volo spaziale, soprattutto quelli jtosti dagli stati
    di transizione tra le fasi attive e quella passiva del volo, proponendo soluzioni
    di non trascurabile interesse pratico (comportamento psicomotorio dei
    soggetti, ruolo del labirinto in toto e delle sue singole componenti, ecc..
    L'A. conclude quindi facendo rilevare l'interesse di questa metodica,
    suscettibile di sviluppi anche più ampi, che può ben allinearsi nel campo
    mondiale alle ricerche inerenti al volo spaziale.

  16. L’ITALIANO ALL’UNIVERSITÉ DE SAVOIE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Costantini

    2014-02-01

    Full Text Available Il lavoro traccia un profilo degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Lingua, letteratura e cultura italiana della facoltà di Lettere, lingue e scienze umane dell’Université de Savoie (Chambéry, Francia. Basandosi su informazioni raccolte presso un campione di ventisei studenti tramite un apposito questionario, l’articolo delinea un ritratto degli apprendenti e ne analizza le esperienze passate e presenti di apprendimento linguistico; i contatti che essi hanno con l’Italia e con parlanti italofoni; le motivazioni di ordine culturale, professionale e personale che li hanno spinti all’apprendimento della lingua italiana. A partire dal loro profilo che i dati fanno emergere si stabilisce un confronto, in merito alle dinamiche di studio e alle motivazioni all’apprendimento dell’italiano, tra gli studenti di Chambéry e l’utenza dei corsi di lingua italiana organizzati dagli Istituti italiani di cultura nel mondo.  Italian at the Université de Savoie The article profiles students enrolled in the undergraduate program in Italian language, literature and culture at the Faculty of Arts, Languages and Humanities at the Université de Savoie (Chambéry, France. Based on information gathered from a sample of twenty-six students through a questionnaire, the article outlines a portrait of the learners and analyzes their past and present experience regarding language learning, contact they have with Italy and Italian speakers and the cultural, professional and personal reasons that brought them to study the Italian language. Based on the data, a comparison regarding the dynamics of Italian language learning and motivation among students in Chambéry and users of Italian language courses organized by the Italian Cultural Institutes in the world can be made.

  17. A plan of intervention to ensure the adaptation of the Salento depuration system to legislative decree 152/1999; Uno schema di programmazione degli interventi di adeguamento del sistema depurativo del Salento al decreto legislativo 152/1999

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    D' Elia, E. [Naples Univ., Naples (Italy). Cattedra di Protezione Idraulica del Territorio; Mari, M. [Acquedotto Pugliese, Servizio Tecnico di Coordinamento, Bari (Italy)

    2001-01-01

    The alarm provoked by few cases of cholera in october of 1994 led the central italian Government to declare a state of social, economic and environmental emergency in the Puglia region and to entrust the Prefect of Bari with the role of Commissioner. In this position he was charged with identifying and carrying out any intervention aimed at eliminating health risks (herewith including the building of sewage systems and wastewater treatment plants particularly those capable of recuperating the treated effluent for irrigation purposes and/or services). This report focuses on the program which drawn up for Salento area (Province of Lecce) where there was a critical absence of public works and examines which recommendations have actually been activated and others are currently being planned for further improvements in the work already brought to term. [Italian] L'allarme provocato da alcuni casi di colera, registrati nell'ottobre del 1994, indusse il Governo Centrale Italiano a dichiarare lo stato di emergenza socio-economico-ambientale nella Regione Puglia e ad affidare al Prefetto di Bari compiti di Commissario, con l'incarico di predisporre e attuare ogni intervento utile all'eliminazione del pericolo igienico-sanitario anche mediante la realizzazione di reti fognarie, di impianti di trattamento delle acque di rifiuto e di possibili recuperi degli effluenti depurati per usi dell'acqua a fini irrigui e/o di servizio. Nella presente ntoa si riferisce sulla attuazione del programma predisposto ed attuato in merito nell'area del Salento (Provincia di Lecce), nella quale la mancanza delle opere prima dette risultava particolarmente grave, nonche' sulle attivita' in corso di pianificazione per l'ulteriore miglioramento delle opere realizzate.

  18. LA RIFLESSIONE METALINGUISTICA NEI MANUALI D’ITALIANO L2: CASE STUDY

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Matthiae

    2012-07-01

    Full Text Available Gli “attori” di un corso di lingua sono gli apprendenti, il docente facilitatore e… il manuale. La scelta di quest’ultimo, e quindi la metodologia didattica che lo sottende, contribuiscono in maniera decisiva a delineare il percorso d’apprendimento esplicitando finalità e priorità didattiche. In un panorama editoriale ormai ricco e variegato non è sempre agevole districarsi fra le numerose proposte di libri di testo. Oltre alla centralità del discente e al metodo comunicativo, requisiti in linea con i dettami dell’European Common Framework presenti, seppur in dosi differenti, nella quasi totalità dei manuali, altri elementi meritano la dovuta considerazione. La riflessione metalinguistica, per esempio, si è affacciata solo recentemente sulla “scena” glottodidattica assumendo un ruolo tutt’altro che secondario.METALINGUISTIC REFLECTION IN ITALIAN L2 TEXT BOOKS: A CASE STUDYThe “actors” in a language course are the learners, the teacher/facilitator and… the textbook. Choosing a textbook, and the didactic methodology underlying it, contribute in a decisive way to the learning process by directing the learning objectives and choices. With a varied choice of textbooks available, it is not always easy to evaluate them. Student-centered courses using the communicative method, indications in line with the European Common Framework, are aspects which vary in quantity from text to text but which characterize them all. There are, however, also other elements to consider. Metalinguistic reflection, for example, has only recently taken on a primary role in the glottodidactic scenario.

  19. Responsabilità del medico e reati in materia di procreazione assistita. Ambiguità e rigori della legge italiana n. 40 del 2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilio Dolcini

    2011-06-01

    Full Text Available Questo saggio riproduce, con integrazioni e aggiornamenti, parte del terzocapitolo del volume Fecondazione assistita e diritto penale, Giuffrè, Milano, 2008. Unaversione in lingua portoghese di questo saggio è in corso di pubblicazione negli Studiin onore di Jorge de Figueiredo Dias.SOMMARIO: 1. Attività medico-chirurgica, responsabilità penale per colpa o perdolo – 2. Legge penale e procreazione assistita – 3. Alcuni problemi posti dalladisciplina italiana della pma – 4. La diagnosi preimpianto sull’embrione in vitro: al’art. 13 l. 40/2004 e le Linee guida del 2004 – 5. (Segue: b la giurisprudenza piùrecente e le Linee guida del 2008: non è vietata la diagnosi preimpianto – 6. (Segue:c il problema nella legislazione di alcuni Paesi europei – 7. (Segue: d ricerca delfiglio perfetto? – 8. Il divieto di produrre più di tre embrioni ex art. 14 l. 40/2004: unadisciplina di dubbia legittimità costituzionale - 9. Limiti numerici alla produzionedi embrioni? La risposta delle legislazioni tedesca, spagnola e portoghese – 10. Ildivieto di donazione di gameti ex art. 4 l. 40/2004, il diverso orientamento degli altrilegislatori europei e il ruolo della dottrina cattolica nella scelta del legislatoreitaliano – 11. Le sanzioni nella legge n. 40/2004 – 12. Le scelte di politicasanzionatoria dei legislatori tedesco, portoghese e spagnolo – 13. La legge n.40/2004: ‘diritto penale del nemico’ all’italiana? – 14. (Segue: O, piuttosto, unesempio di legislazione simbolica? – 15. L’impatto sulla prassi della legge n. 40/2004– 16. ‘Viaggi dei diritti’ e ruolo del medico italiano – 17. (Segue: A Casi in cui puòsorgere una responsabilità del medico italiano - 18. (Segue: B Casi in cui non sorgealcuna responsabilità del medico italiano – 19. Una ‘legge di lotta contro’ laprocreazione assistita.

  20. L'educazione di un "Architetto-Urbanista". Manuel Solà-Morales e la Pedagogia Urbana all'ETSAB / The Education of an "Architect-Urbanist". Manuel Solà-Morales and Urban Pedagogy at the ETSAB

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Caldeira

    2016-10-01

    Full Text Available In qualità di docente, fondatore e direttore del Laboratori d’Urbanisme de Barcelona presso la ETSAB dal 1969 al 2012, l’architetto e urbanista spagnolo Manuel Solà-Morales ha curato la riforma chiave della pedagogia urbana della scuola di Barcellona. Deciso a superare la tendenza tecnocratica che aveva contraddistinto l’architettura e la pianificazione spagnola durante l’ultimo decennio del regime di Franco, l’obiettivo di Solà-Morales fu la formazione di quello che definì l’‘architetto-urbanista’ attraverso un programma propedeutico che accorpava architettura e urbanistica in un’unica disciplina. Sotto l’egida della morfologia urbana, il nuovo corso di Urbanistica impartito dal corpo docente del LUB diede il via allo studio della città e della sua storia come base principale di ogni progetto architettonico e urbano. / As professor and founding director of the Laboratori d’Urbanisme at the ETSAB from 1969 to 2012, Manuel Solà-Morales oversaw the pivotal reform of urban pedagogy in the Barcelona school. Determined to overcome the technocratic tendency that marked Spanish architecture and planning in the final decade of Franco’s regime, Solà-Morales’ mission was to educate what he defined as the ‘architect-urbanist’ through a foundational program that unified architecture and studies of urban form as a single discipline. Under the aegis of urban morphology, the new course of Urbanística taught by LUB’s team instituted the study of the city and its history as the primary ground for every architectural and urban project.

  1. Flow and suspended sediment yield monitoring of the Apennines' watershed of the Sillaro stream (Prov. BO). 1998 Data analysis; Monitoraggio del deflusso liquido e solido del tratto appenninico del T. Sillaro. Analisi dei dati del 1998

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pavanelli, D.; Taglioli, G. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. Economia e Ingegneria Agrarie; Sarti, A.

    2000-07-01

    The accurate assessment of surface water erosion in watershed is aided by the indications provided by the yield of fluvial solids and in particular by suspended sediment yield. Confining itself to a research study of hydrological and erosion phenomena present at the mountain watershed of the Sillaro Torrent, a monitoring station of water flow and sediment yield was set up at the enclosed end of the mountain basin. This paper contains the presentation and evaluation of the statistics revealed during the course of 1998. The fluctuation of sediment yield appears to be connected to the variation of water flow, the annual soil loss has been assessed at 54446 t, equal to an average soil loss over the entire basin of 0.26 mm. [Italian] La stima diretta dell'erosione idrica superficiale a scala di bacino idrografico puo' avvalersi delle indicazioni fornite dal trasporto solido fluviale, ed in particolare dal trasporto in sospensione. Nell'ambito di una ricerca volta allo studio dei fenomeni idrologici ed erosivi a carico del bacino montano del T. Sillaro (prov. BO), e' stata realizzata, presso la sezione di chiusa del bacino, una stazione di misura per il monitoraggio dei deflussi liquidi e della torbida. Nella presente nota viene fornita la descrizione e la valutazione dei dati rilevati nel corso del 1998. Le fluttuazioni dei valori di trasporto torbido appaiono legate alle variazioni di portata, mentre il deflusso torbido annuo per il 1998 e' stato valutato in 54.446, pari ad una perdita annua media di suolo sull'intero bacino di 0.26 mm.

  2. Inspecting the transformation of Roman settlements in the Upper Potenza Valley (Marche region across Late Antiquity and into the Early Medieval era

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Carboni

    2015-12-01

    Full Text Available The following analysis shows the changes occurred in the settlement patterns in the upper Potenza river valley (MC, Marche region during the transition period between Late Antiquity and Early Middle Ages. This analysis is mainly based on the results of a geoarchaeological project, which has been carried out by a team from Ghent University since 2000. The review of the pottery collected during the fi eld survey has allowed for a better defined chronology of the last phase of occupation of the rural sites identifi ed in the sample zone, located within an intermediate basin between the Umbria-Marche Apennines and a lateral dorsal ridge, in areas dominated by the hilltops of Monte Primo and Monte Castel Santa Maria. For some of these sites, it is now possible to ascertain a continuity of life up to the end of the seventh century and further into the Middle Ages. La presente analisi illustra le trasformazioni delle modalità insediative avvenute nel periodo di transizione fra la tarda antichità e il medioevo nell’alta valle del fi ume Potenza (MC, Marche. Essa si basa sui risultati del progetto condotto con metodo geo-archeologico da un gruppo di ricerca dell’Università di Ghent, dal 2000. La revisione del materiale ceramico raccolto nel corso delle ricognizioni ha consentito di defi nire meglio le ultime fasi di occupazione dei siti rurali identifi cati nella zona campione in questione, posizionata all’interno del bacino intramontano posto fra l’Appennino umbro-marchigiano e una dorsale montuosa laterale, dominata dalle cime del Monte Primo e del Monte Santa Maria. Per alcuni di questi siti è stato, infatti, possibile accertare una continuità di occupazione estesa fi no al VII secolo e oltre, in età medievale.

  3. Atmospheric lidar: legislative, scientific and technological aspects; Lidar atmosferico. Aspetti legislativi, scientifici e tecnologici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barbini, R.; Colao, F.; Fiorani, L.; Palucci, A. [ENEA, Divisione Fisica Applicata, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy)

    2000-07-01

    The Atmospheric Lidar is one of the systems of the Mobile Laboratory of Laser Remote Sensing under development at the ENEA Research Center of Frascati. This technical report addresses the legislative, scientific and technological aspects that are the basis for the identification of the requirements, the definition of the architecture and the fixation of the specifications of the Atmospheric Lidar. The problems of air pollution are introduced in section 2. A summary of the Italian laws on that topic is then given. Section 4 provides a survey of the atmospheric measurements that can be achieved with the lidar. The sensitivity in the monitoring of pollutants is discussed in section 5. The other systems of the Mobile Laboratory of Laser Remote Sensing are shortly described in section 6. The last section is devoted to conclusions and perspectives. [Italian] Il lidar atmosferico e' uno dei sistemi del Laboratorio Mobile di Telerilevamento Laser in corso di realizzazione presso il Centro Ricerche di Frascati dell'ENEA. Questo rapporto tecnico discute gli aspetti legislativi, scientifici, tecnologici che sono alla base dell'individuazione dei requisiti, della definizione dell'architettura e della fissazione delle specifiche del Lidar atmosferico. La problematica dell'inquinamento dell'aria e' introdotta nella sezione 2. Segue un riassunto della legislazione italiana su tale tematica. La sezione 4 offre una panoramica delle misure atmosferiche realizzabili con il Lidar. La sensibilita' nel monitoraggio di inquinanti e' discussa nella sezione 5. Gli altri sistemi del Laboratorio Mobile di Telerilevamento Laser sono descritti brevemente nella sezione 6. L'ultima sezione e' dedicata alle conclusioni e alle prospettive.

  4. Intestinal permeability and systemic endotoxemia in patients with acute pancreatitis.

    Science.gov (United States)

    Schietroma, Mario; Pessia, Beatrice; Carlei, Francesco; Mariani, Paola; Sista, Federico; Amicucci, Gianfranco

    2016-01-01

    La contaminazione batterica che si verifica nella necrosi pancreatica in corso di pancreatite acuta si pensa sia dovuto alla traslocazione batterica intestinale. Lo scopo di questo studio, a carattere clinico, è stato quello di valutare la permeabilità della mucosa intestinale e l’endotossemia in pazienti con pancreatite acuta. Sono stati studiati 63 pazienti con pancreatite acuta. In 42 pazienti la pancreatite era di grado moderato e in 21 di grado severo. La permeabilità intestinale fu valutata al giorno 0,1,3,7,9, e 11per mezzo del test di assorbimento al lattulosio/mannitolo. Per il dosaggio della endotossemia sono stati eseguiti prelievi di sangue venoso a 0,30,60,90,120, e 180 minuti, a 12,24 ore, e nei giorni 3,7,9, e 11. I pazienti con pancreatite acuta di grado severo hanno riportato un danno al livello della barriera intestinale di maggiore entità rispetto ai pazienti con pancreatite acuta di grado moderato essendo in rapporto L:M di 0.36 ± 0.15 e di 0.051± 0.013 rispettivamente (p sistemica dell’ endotossemia fu piu elevata nei pazienti con pancreatite acuta severa in confronto con pancreatite acuta moderata (p sistemica della endotossemia e la permeabilità intestinale misurate al giorno 7 nei pazienti con pancreatite moderata. (rs = 0.721; p = 0.001)e severa (rs = 0.956; p= 0.001). In conclusione possiamo affermare che la permeabilità intestinale è aumentata in pazienti con pancreatite acuta. I pazienti con pancreatite acuta severa vanno incontro ad un maggiore danno a livello della barriera intestinale. Inoltre la pancreatite (in particolar modo quella severa) è responsabile dell’ aumento della endotossemia. Questi risultati confermano l’ipotesi che ipoperfusione splancnica, che si verifica durante la pancreatite, può danneggiare la funzione della barriera mucosa intestinale, contribuire alla risposta infiammatoria sistemica e quindi all’insufficienza multi-organo.

  5. Scritture patografiche a confronto: la nascita di un nuovo genere?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariarosa Loddo

    2016-01-01

    Full Text Available Alla malattia la letteratura si è sempre interessata, tanto da farne un vero e proprio topos. Tuttavia, mai come nel corso del Novecento l'esperienza del patologico sembra aver creato un connubio così stretto con l'autobiografia. Raccontare la propria vita o riscriverla alla luce della malattia è diventata una pratica letteraria – e non solo – largamente diffusa, tanto da essere identificata con un neologismo creato appositamente per definirla, ovvero «patografia». Cercheremo pertanto di individuare le origini, le influenze e i tratti distintivi di questa categoria testuale, che si ipotizza costituire un nuovo genere. Il confronto tra le opere di Annie Ernaux, Christa Wolf e  Hervé Guibert permetterà infine di rilevare i contributi originali e quelli ampiamente condivisi nella concettualizzazione e nella narrazione di ciò che significa essere malati. Illness has always been easy to find in literature and indeed it has become a real topos. However, it is only in the XXth century that the illness experience has become an essential part of autobiography. Writing his own life or rewriting it after facing the disease is assumed to be nowadays a – not only -  literary practice which has reached a great popularity; this is also proved by the neologism «pathography», that was coined to identify this kind of texts. Hence, we may be talking about a new genre, whose origins, influences and peculiar features will be tracked down in this paper. Finally, a comparison between the works of Annie Ernaux, Christa Wolf and Hervé Guibert will allow us to discern the original perspectives from those largely shared in the narration and conceptualization of the illness experience.

  6. LA NOZIONE DI ‘COMPETENZA’ NELLA PEDAGOGIA LINGUISTICA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Ciliberti

    2013-01-01

    Full Text Available Nel mio contributo propongo  una riflessione sulle varie nozioni di ‘competenza’ che, nel corso del tempo, si sono succedute nella pedagogia e nella didattica linguistica. Tale nozione, offrendo i principi ispiratori ai programmi di studio di lingue2, determina in buona misura gli obiettivi di insegnamento, la scelta dei contenuti, delle attività  di classe, delle forme esercitative nonché le modalità di  verifica e valutazione dei risultati ottenuti.In particolare, mi soffermerò sulle nozioni di ‘competenza nella cultura 2’ e su quella, oggi  al centro del dibattito glottodidattico, di ‘competenza comunicativa interculturale’: nozione, quest’ultima, assimilabile, secondo diversi studiosi, al concetto di ‘educazione interculturale’.  The concept of  ‘competence’ in language education: from ‘linguistic competence’ to ‘intercultural communicative competence’This paper is a reflection on the various notions of ‘competence’ in pedagogy and language teaching over time. This concept provides the guiding principle of the L2 curriculum and determines the teaching objectives, choice of content, classroom activities, ways of practicing and the testing and evaluating method the results obtained to a large extent.In particular, I will focus on the concepts of ‘competence in culture 2’ and on  ‘intercultural communicative competence’, currently at the heart of the language teaching debate.  The latter is similar to the idea of 'intercultural education' according to several scholars.

  7. La radiazione solare (globale e la rete altinometrica del servizio meteorologico dell'aeronautica italiana(*

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    O. DE PASQUALE

    1964-06-01

    Full Text Available Si fa una breve desorizione della funzione degli Osservatori
    Scientifico-Sperimentali del Servizio Meteorologico deU'Aeronautioa,
    militare italiana (OSSMA, con particolare riferimento a quello di Messina,
    clie tra i suoi coinpiti ha anche quello degli studi e delle ricerclie sulla radiazione
    solare, con la gestione di una Rete attinometrica di 31 stazioni.
    Si passa quindi ad una rapida rassegna evocativa degli studi sulla
    radiazione solare su scala mondiale, notificando il contributo italiano e
    mettendo in particolare rilievo quelli della radiazione globale (D -j- I anche
    a scopo sinottico, che formano oggetto di particolari applicazioni da parte
    dell'OSSMA di Messina.
    Inoltre fatta una breve descrizione del funzionamento della Rete attinometrica
    A. M. e del contenuto delle relative pubblicazioni finora fatte
    o in corso, si discutono i risultati ed i metodi di impiego dei dati e si fanno
    voti perche essi vengano introdotti piu attivamente nel campo sinottico
    applicativo, specie in relazione alia turbolenza atmosferica, alia evaporazione
    e quindi alia umiclificazione delle masse d'aria.
    Detti fenomeni, unitamente all'azione delle correnti superflciali marine
    calde, a circolazione ciclonic.a, darebbero luogo, secondo l'autore, alle basse
    barometriche secondarie (Golfo di Genova, Alto Adriatico. . . e ad alcune
    perturbazioni temporalesche. Si auspica pertanto una maggiore collaborazione
    t r a Meteorologia e Oceanografla.
    Inline, in relazione tra i fenomeni sopra detti e l'andamento della
    acqua precipitabile notturna e diurna, ricavata dai radiosondaggi, si emette
    l'ipotesi che una parte dell'ossigeno atoinico atmosferico possa trovare la
    sua origine nella scomposizione delle molecole del vapor d'acqua dell'aria,

  8. Dimensões históricas do documentário brasileiro no período silencioso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eduardo Victorio Morettin

    2005-01-01

    Full Text Available O artigo pretende examinar a produção documental brasileira do período silencioso centrada nas cidades de São Paulo e do Rio de Janeiro, submetendo-a a recortes temáticos que transcendem a historiogra fia clássica do cinema brasileiro e que dialogam com a história cultural. Dois traços dominantes serão destacados: (1 a representação de eventos cívicos e espaços monumentais típicos a uma metrópole no Brasil nas primeiras décadas do século XX; (2 a representação dos festejos carnavalescos nas ruas (corsos, desfiles de clubes. Faz o exame rigoroso de um filme, Caça à raposa (1913, de Antonio Campos, a fim de verificar o padrão de ordem visual estabelecido em sua relação com o recorte proposto.This article aims at examining Brazilian documentary production of the silent period, focused in the cities of São Paulo and Rio de Janeiro. This production follows thematic 'cuts' which transcend the classic historiography of the Brazilian cinema and which dialogue with the cultural history of the period. Two dominant traces of this production will be highlighted: (1 the representation of civic events and monumental spaces typical of a Brazilian metropolis of 20th century's first decades; (2 the representationof Carnival on the streets. A more comprehensive analysis of the film Caça à raposa (1913, by Antonio Campos, is carried out with the objective of verifying the filmic visual pattern established in relation to the proposed thematic 'cuts'.

  9. Habitat quality assessment for the Eurasian otter (Lutra lutra on the river Jajrood, Iran

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roohallah Mirzaei

    2010-06-01

    Full Text Available Abstract There is little information about the status and ecology of the Eurasian otter (Lutra lutra in Iran. We assessed the habitat suitability for otters of the River Jajrood, Tehran province, measuring, or visually estimating, 12 environmental parameters along 16 600 m long river stretches (sampling sites. The downstream stretches of the river were found to be more suitable for otters with respect to the upper part of its course. Although the assessments of habitat suitability for the otter may be affected by several limits, the current distribution of the species on the river agrees with the results of this study. The preservation of the otter in Tehran province should involve the restoration of the ecosystem of the River Jajrood in order to improve the length of suitable river stretches.
    Riassunto Stima dell’idoneità ambientale per la lontra (Lutra lutra del fiume Jajrood, Iran. Le informazioni relative alla lontra (Lutra lutra in Iran sono scarse. L’idoneità ambientale per la specie del fiume Jajrood, provincia di Tehran, è stata valutata, misurando o stimando 12 parametri ambientali lungo 16 stazioni di campionamento, coincidenti con tratti di fiume della lunghezza di 600 m. I tratti più a valle sono risultati più idonei rispetto al corso superiore del fiume. Malgrado i numerosi limiti del metodo di stima dell’idoneità ambientale adottato, i risultati sono in accordo con l’attuale distribuzione della lontra lungo il fiume Jajrood. La conservazione della lontra nella provincia di Tehran dovrebbe prevedere miglioramenti ambientali volti a incrementare lo sviluppo lineare degli habitat idonei lungo il fiume Jajrood.

    doi:10.4404/hystrix-20.2-4447

  10. The obscene flatulence of reality - Cinico tv: an ideological analysis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Tinelli

    2016-11-01

    Full Text Available I cortometraggi di Cinico TV di Daniele Ciprì e Franco Maresco, girati per lo più nel corso degli anni '90 a Palermo, mettono in scena una comicità opaca. C'è chi li considera degli attentati alla moralità, una messa alla berlina di personaggi indifesi, uno sberleffo alla povertà e alla sofferenza. Tuttavia, se pure fanno di povertà e sofferenza le protagoniste sconvolte delle proprie immagini, esse sono rese inautenticamente melodrammatiche a tal punto che si possono considerare come una parodia radicale della rappresentazione kitsch della televisione. Come funzionano i meccanismi parodistici e ironici nell'epoca dell'umorismo, cioè un tempo in cui l'ironia e l'understatement sono diventati una componente fondamentale non solo delle rappresentazioni ideologiche dei media ma anche delle relazioni nella società “decontratta” dell'ipermodernità? È un'accusa fondata quella dell'immoralità di rappresentare una parodia del disagio mentale, della povertà e della miseria montando una finzione a partire proprio da quei personaggi che ne sono non l'espressione, ma la realtà vivente e, si suppone, inconsapevole? Attraverso l'analisi di caratteri formali, come il dispositivo interpellativo dell'intervista e l'uso espressionistico dell'immagine, e incrociando il ragionamento con la critica alla società dell'ideologia umoristica di Slavoj Zizek, cercheremo di rispondere a tali domande. Se è condivisibile l'impressione che l'ironia (e le varie figure del distacco rispetto al discorso sia una delle forme dell'ideologia contemporanea, allora quale tipo di comicità si manifesta nelle opere di Ciprì e Maresco?

  11. Indagine sulle opinioni, conoscenze ed attitudini dei docenti scolastici della provincia di Frosinone in tema di tossicodipendenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Ferrara

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: lo studio in questione mirava a valutare le conoscenze circa gli effetti e l’uso personale del fumo di tabacco e delle droghe in generale in un campione di insegnanti delle Scuole Medie Superiori della provincia di Frosinone.

    Metodi: sono stati somministrati questionari anonimi a 350 docenti frequentanti un Corso di Aggiornamento sulle tossicodipendenze.

    Risultati: il 23.4% ha dichiarato di essere fumatore, con un consumo medio pro die di 10 sigarette: di questi la maggior parte era di sesso femminile. Sul fastidio che si prova in presenza di un fumatore il 54.6% ha risposto positivamente, tra cui il 14.6% sono fumatori. Il 94% dichiara di non aver utilizzato alcun tipo di sostanza mentre il 5.5%, tra cui in prevalenza femmine, dichiara di utilizzare psicofarmaci. Le sostanze stupefacenti ritenute più pericolose sono eroina 82.9%, cocaina 81.1%, allucinogeni 70%, canapa indiana 54.9%; alcol 58% e tabacco 18% sono meno pericolose. Il 15.7% ritiene che l’abitudine al fumo sia scatenata dalla socializzazione, il 15.1% dall’imitazione, il 15.4% dal piacere e dalla curiosità, l’11.1% dal sentirsi grandi, l’8% dal gusto del proibito. Il 97.1% mostra un adeguato livello di conoscenza sulle droghe e il cervello è il principale organo danneggiato (96.3%.

    Conclusioni: la conoscenza dei docenti in materia di tossicodipendenze sembra concentrata sulle droghe illegali: infatti, i rischi legati al consumo di alcol e tabacco sono sottovalutati e non sono chiari i fattori determinanti la dipendenza. Infine i docenti hanno espresso l’esigenza di aggiornamento per l’insufficiente opera di informazione e prevenzione svolta da parte delle istituzioni competenti.

  12. Laparoscopic surgery in pregnant patients with acute abdomen.

    Science.gov (United States)

    Kocael, Pinar Cigdem; Simsek, Osman; Saribeyoglu, Kaya; Pekmezci, Salih; Goksoy, Ertugrul

    2015-01-01

    Nonostante i significativi vantaggi della chirurgia laparoscopica rispetto a quella laparotomica, essa era considerata controindicata per le donne gestanti. Attualmente si confrontano opinioni contrastanti riguardo alla sicurezza durante la gestazione della chirurgia laparoscopica, specie se nell’ultimo trimestre. Lo scopo di questo studio è quello di valutare la fattibilità della chirurgia laparoscopica in donne gestanti in caso di addome acuto analizzando retrospettivamente la casistica della pazienti ricoverate tra il gennaio 1995 ed il gennaio 2013 presso l’Emergency Department della Cerrahpasa Medical Faculty. Sono stati pertanto analizzati tutti i dati clinici riguardanti le gestanti sottoposte a chirurgia laparoscopica, comprese le cartelle cliniche, gli interventi eseguiti, i reperti anatomopatologici, e le informazioni riguardanti il parto. Nella casistica sono rientrate 14 donne gravide (in media alla 19,2° settimana di gestazione, distribuite tra 9 e 33 settimane), di cui 11 sottoposte ad appendicectomia laparoscopica, 2 a colecistectomia laparoscopica ed 1 per scopi diagnostici. In media il parto si è espletato alla 37,4° settimana di gestazione (tra la 35° e la 40° settimana). Due pazienti hanno avuto un parto prematuro, ma in nessune dei casi si sono verificate complicazioni durante le manovre laparoscopiche, e cioè danni all’utero, morti fetali o mortalità materna. Si conclude che la chirurgia laparoscopica può essere effettuata nel corso di tutti i trimestri della gravidanza, con il possibile vantaggio di una utile diagnosi differenziale in caso di dolori addominali acuti durante la gravidanza, e diminuzioni delle morti fetali dovute a ritardi diagnostici, e che tempi chirurgici più brevi riducono gli effetti negativi sulla madre e sul feto.

  13. Los viajes por mar en la Edad Media

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ángel Luis Molina Molina

    2000-01-01

    Full Text Available Los viajes por mar en la Edad Media eran siempre una aventura. El hombre medieval sentía por el mar un respeto reverencial. Con este trabajo tratamos de presentar una panorámica general de los problemas de la navegación, tanto de los peligros que presenta (temporales, corso, piratería; como de los tipos de barcos usados y la fuerza matriz que los impulsa (a remo: la galera y sus derivados, a vela: la nao, la coca, la carabela, etc.. Las nuevas perspectivas que se abren a la navegación con la aplicación a los barcos de los avances científicos y técnicos: el astrolabio, la brújula, la difusión de la vela latina, el timón de popa, la cartografía, etc. Todo esto permite la navegación de altura y hará posible los largos viajes con pocas escalas. Durante la Baja Edad Media la ruta comercial entre los diversos puertos mediterráneos y Flandes es cada vez más frecuentada; por otra parte, la aparición de los seguros marítimos impulsará enormemente el comercio. Finalmente, se alude, muy brevemente, a la importancia de la navegación fluvial, ya que los grandes ríos europeos, navegables en buena parte de sus cursos, pusieron en comunicación importantes centros económicos del interior del continente con la costa y, además, se combinaban y complementaban con las rutas terrestres.

  14. Thoracic splenosis. Report of a case and review of the diagnostic workup.

    Science.gov (United States)

    Bugiantella, Walter; Crusco, Federico; Avenia, Nicola; Fabio, Rondelli

    2016-07-29

    L’impianto di tessuto splenico in siti ectopici dopo un trauma della milza viene definito splenosi. Sebbene si verifichi più comunemente in addome, essa può localizzarsi anche nel torace in caso di rottura del diaframma. La splenosi toracica (TS) è spesso asintomatica ed è diagnosticata nel corso di indagini radiologiche del torace. Descriviamo il caso di un uomo, con storia di pregresso trauma toraco-addominale, che ha eseguito una radiografia del torace per routine con evidenza di immagini radioopache in adiacenza dell’arco inferiore sinistro dell’ombra cardiaca, che sono risultate essere noduli di TS confermate dalla CT con mezzo di contrasto. La CT o la MRI unite ad una anamnesi accurata sono di solito sufficiente per diagnosticare la TS, altrimenti è necessaria la scintigrafia con 99mTc. La biopsia guidata dall’imaging e la toracoscopia dovrebbero essere eseguite solo quando la scintigrafia non è disponibile o i risultati delle altre metodiche non sono risolutivi. Normalmente non è necessario rimuovere la TS perché il tessuto splenico ha una crescita lenta, non invasiva e benigna. Raramente la chirurgia può essere necessaria quando la TS è sintomatica (emottisi, tosse, dolore di tipo pleuritico). La TS può essere difficile da diagnosticare, specialmente se l’aspetto dei noduli non è univoco e l’anamnesi non è nota. Ciò può portare a un iter diagnostico eccessivo e a procedure non necessarie (biopsia, toracoscopia fino alla toracotomia). Nel work-up dei noduli toracici la TS dovrebbe essere considerata nei pazienti con storia di trauma e rottura della milza.

  15. Indoor randon concentration. Temperature and wind effects; Concentrazione di radon indoor. Effetto del vento e della temperatura

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sesana, L.; Benigni, S. [Milan Univ., Milan (Italy). Ist. di Fisica Generale Applicata

    2000-12-01

    The present study analyses and discusses the behaviour of the indoor radon concentration in a research house. Hourly measurements were carried out in the basement of the house from November 1998 up to June 1999. In many sequences of days radon concentration in the room under analysis shows strong variation all day long with accumulation in the evening and overnight and decrease in the morning and in the afternoon. Measurements of wind velocity, indoor and outdoor temperatures and outdoor-indoor pressure difference were performed and their trend is compared with the observed radon concentration. The exhalation of radon from walls, floor and ceiling and the pressure difference driven exhalation from the soil are discussed, particularly the relation with the temperature differences. The air exchange rates between the house and the outdoor air are studied. [Italian] Si analizza e si discute il comportamento della concentrazione di radon indoor nel seminterrato di una casa di ricerca. Misure orarie sono state effettuate da novembre 1998 a giugno 1999. In molte sequenze di giorni la concentrazione del radon nel locale in analisi presenta forti variazioni nel corso della giornata con un accumulo notturno e decrescita nelle ore diurne. Sono state eseguite misure della velocita' del vento, delle temperature outdoor e indoor e della differenza di pressione outdoor-indoor e il loro andamento e' stato confrontato con quello della concentrazione del radon. Vengono discusse l'esalazione del radon dalle pareti, dal pavimento e dal soffitto e l'esalazione pressure difference driven dal suolo. Il rateo dei ricambi d'aria tra il locale e l'aria outdoor e' studiato.

  16. The undergraduate nursing student evaluation of clinical learning environment: an Italian survey.

    Science.gov (United States)

    Magnani, Daniela; Di Lorenzo, Rosaria; Bari, Alessia; Pozzi, Samantha; Del Giovane, Cinzia; Ferri, Paola

    2014-01-01

    Introduzione: Per divenire dei professionisti qualificati, gli studenti infermieri sperimentano diverse esperienze di tirocinio clinico. L’opinione dello studente può essere considerata un indicatore della qualità dell’insegnamento e una percezione positiva dell’esperienza di tirocinio si correla strettamente ad un apprendimento efficace. La scala CLES+T (Clinical Learning Environment and Supervision plus Nurse Teacher) è lo strumento psicometrico “gold standard” per valutare la qualità dell’ambiente di apprendimento clinico. Scopo: Valutare la qualità dell’ambiente di apprendimento clinico mediante la scala (CLES+T) ed evidenziare significative correlazioni inerenti le caratteristiche degli studenti, del modello tutoriale e dell’ambiente clinico. Metodo: Il 4 marzo 2013, durante una convocazione plenaria, è stata somministrata la scala CLES+T ai 242 studenti del 2° e 3° anno del Corso di Laurea in Infermieristica di Modena (Università di Modena e Reggio Emilia). Tutti i risultati sono stati statisticamente analizzati (Test della mediana). Risultati: Tutti i valori mediani si sono attestati ad un livello “4” (scala di Likert). La valutazione ottenuta dallo studente al termine del tirocinio clinico è l’unica variabile statisticamente correlata ai punteggi della scala, più il voto è basso peggiore risulta la valutazione dell’esperienza di tirocinio. In base all’opinione degli studenti le aree cliniche pediatriche e critiche hanno valutazioni più elevate. Conclusioni: Le valutazioni degli studenti erano uniformemente positive ed erano correlate al voto finale di tirocinio. Un clima di apprendimento positivo è stato considerato molto importante in questo studio. Questi risultati suggeriscono che un ambiente di apprendimento clinico favorevole e non ostile può influenzare gli esiti dell’apprendimento degli studenti. Concludiamo affermando che la scala CLES+T può essere uno strumento utile per esplorare il clima in tutte le

  17. Solid pseudopapillary tumors of the pancreas. Case report and review of the literature.

    Science.gov (United States)

    Leggio, Samuele; Orofino, Antonio; Anzillotto, Maria Paola L; Zullino, Francesca; Di Napoli, Geremia; Paradies, Guglielmo

    2014-07-21

    I Tumori solidi pseudopapillari del pancreas rappresentano una rara forma di tumori pancreatici: caratterizzati da un basso grado di malignità ed una lenta crescita, essi colpiscono più frequentemente donne giovani adulte ma anche, in circa il 20% dei casi descritti in letteratura, bambini ed adolescenti, epoca in cui viene riferita una minore aggressività biologica rispetto all’adulto. Nella maggior parte dei casi pediatrici la neoplasia è asintomatica e viene scoperta solo occasionalmente; diversamente, in altri casi, si manifesta come una massa addominale palpabile, talora dolente, oppure esordisce con dolore improvviso e con i segni ed i sintomi dovuti alla compressione degli organi vicini. Riportiamo il recente caso di una ragazza di 15 anni, giunta alla nostra osservazione per il riscontro di una massa interessante il corpo e la coda del pancreas, scoperta incidentalmente nel corso di un esame ecografico Published online (EP) 18 July 2014 - Ann. Ital. Chir 5 Solid pseudopapillary tumors of the pancreas. Case report and review of the literature dell’addome eseguito dopo un lieve trauma.Gli ulteriori successivi esami diagnostici cui veniva sottoposta la ragazza, confermavano la presenza della lesione pancreatica che appariva ben delimitata, apparentemente capsulata, a struttura disomogenea ,strettamente aderente alla vena splenica. Posto il sospetto diagnostico di un tumore solido pseudo-papillare del pancreas, si procedeva chirurgicamente alla sua enucleazione. L’esame istolopatologico della massa confermava la diagnosi preoperatoria. Il caso ,che viene presentato nei suoi aspetti clinico-diagnostici e terapeutici, offre l’occasione per ricercare e discutere alcuni interessanti aspetti di questa rara patologia, ancora ampiamente dibattuti in Letteratura.

  18. Seven-year survival after pancreaticoduodenectomy for early recurrent renal cell carcinoma involving the duodenum A case report.

    Science.gov (United States)

    Cannistra', Marco; Ruggiero, Michele; Bonaiuto, Elisabetta; Vaccarisi, Sebastiano; Naso, Agostino; Grande, Raffaele; Nardo, Bruno

    2015-12-29

    Il cancro del rene rappresenta la 13a forma di tumore a livello mondiale e risulta incrementata, dal punto di vista epidemiologico, di circa il 2% annuo nelle ultime due decadi. Studi recenti hanno mostrato un numero complessivo di 65,150 nuovi casi di cancro renale diagnosticato nei paesi occidentali e circa 13.680 morti. Il carcinoma a cellule renali rappresenta approssimativamente il 90% di tutte le forme di cancro renale e presenta un tasso di mortalità di circa 4 soggetti ogni 100000 abitanti per anno. Il carcinoma a cellule renali ha, spesso, un particolare corteo sintomatologico caratterizzato da dolore addominale, masse addominali ed ematuria. Caratteristico è il fatto che circa il 25-30% dei pazienti, all’atto della diagnosi, presentano già metastasti a distanza; un ulteriore 30-50%, inoltre, svilupperanno metastasi nel corso della malattia, anche dopo molti anni dall’operazione chirurgica di nefrectomia radicale. Il Cancro del Rene a Cellule Chiare metastatizza in genere per via linfatica, ematogena, transperitoneale o per invasione diretta, ed i siti di metastasi più comuni sono il polmone ed i linfonodi, seguiti dalle ossa e dal fegato. Tra tutte le possibili localizzazioni ai segmenti addominali, il duodeno rappresenta la sede meno colpita: quando coinvolta, viene, in genere, invasa la regione periampollare ed il bulbo del duodeno. Tali localizzazioni danno segno di sè, spesso tardivamente, con sanguinamenti (ematemesi) o ostruzioni del tratto gastrointestinale superiore (vomito). Il nostro caso clinico descrive un carcinoma a cellule renali che si presentava, dopo soli 5 mesi dalla nefrectomia radicale destra, con sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore e metastasi a carico del duodeno, e che è stato trattato chirurgicamente con duodenocefalopancreasectomia. L’intervento chirurgico, noto per essere altamente demolitivo ed associato ad elevata morbilità, applicato a recidiva precoce di cancro, ha garantito un ottimo risultato

  19. US in the evaluation of abdominal pain in a department of internal medicine.

    Science.gov (United States)

    Simoni, F; Vitturi, N; Tagliente, M; Soattin, M; Realdi, G

    2011-09-01

    Sommario INTRODUZIONE: L’ecografia dell’addome sta acquistando un ruolo sempre maggiore nell’iter diagnostico del dolore addominale, tuttavia il suo ruolo nella diagnosi di alcuni importanti quadri di dolore addominale è ancora in corso di studio. Scopo del nostro studio è stato valutare il ruolo dell’ecografia nella diagnosi differenziale di dolore addominale in un reparto di medicina interna. Materiali e metodi: Abbiamo condotto un’analisi retrospettiva di 248 ecografie addominali eseguite per dolore addominale nel nostro centro. Per ogni esame, sono stati registrati i dati inseriti nel modulo di richiesta e i reperti ecografici che potevano essere considerati correlati a dolore addominale. Risultati: In 105 pazienti (42%) l’ecografia dell’addome ha rilevato un reperto ecografico rilevante ed è stata quindi considerata positiva. Un’alta percentuale di pazienti era anziana (>65 anni, 52%) e grande anziana (>80 anni, 24%): questi soggetti avevano percentuale significativamente maggiore di esami ecografici positivi. La percentuale di indagini positive non è risultata significativamente diversa tra quelle eseguite per dolore addominale localizzato e non localizzato. Specifiche localizzazioni di dolore addominale erano associate a determinati reperti ecografici, come masse epatiche, masse ovariche e calcolosi renale, mentre dolore addominale non localizzato era associato a reperti ecografici di versamento liquido addominale e anse intestinali distese da fluido. DISCUSSIONE: Un’alta percentuale di indagini ecografiche ha identificato condizioni che potrebbero causare dolore addominale. Il valore diagnostico dell’ecografia addominale è stato maggiore in pazienti anziani e grandi anziani. Quando viene richiesta un’ecografia addominale, l’esame dovrebbe sempre essere valutato nell’ambito nel contesto clinico. Il clinico dovrebbe essere consapevole della grande potenzialità dell’ecografia addominale nella diagnosi delle diverse cause di

  20. Made in Italy for hernia: the Italian history of groin hernia repair.

    Science.gov (United States)

    Negro, Paolo; Gossetti, Francesco; Ceci, Francesca; D'Amore, Linda

    2016-01-01

    La storia della chirurgia erniaria è lunga quanto la storia della chirurgia. Per secoli medici, anatomisti e chirurghi si sono dedicati a questa patologia, che ha afflitto il genere umano durante tutto il corso della sue evoluzione. Fin dall’antichità il ruolo della chirurgia italiana è stato significativo, con numerosi illustri personaggi che hanno lasciato una traccia indelebile. Sono numerosi gli autori, i ricercatori ed i pionieri che hanno offerto il loro contributo in ogni periodo, dall’epoca classica attraverso il Medio Evo ed il Rinascimento, fino al ‘700. Nel 18o secolo, le nuove acquisizioni nel campo dell’anatomia umana, ad opera principalmente di Antonio Scarpa, hanno preparato la strada al rivoluzionario metodo di Bassini, che può a ragione essere definito come la prima procedura moderna di riparazione dell’ernia inguinale su base anatomica. La tecnica di Bassini ha avuto una grandissima diffusione, fino a diventare l’intervento più eseguito nel mondo. Dopo la II Guerra Mondiale, con l’introduzione delle protesi sintetiche è iniziata una nuova era che ha visto ancora una volta i chirurghi italiani pronti ad offrire un sostanziale contributo, primo fra tutti Ermanno Trabucco. Ma il ruolo italiano nella chirurgia dell’ernia inguinale va ben oltre la chirurgia estendendosi all’educazione, con la creazione a Roma della prima scuola di chirurgia della parete addominale, ed alla partecipazione di numerosi chirurghi alle società scientifiche internazionali, in ruoli di prestigio. Il presente lavoro ha voluto riassumere questa lunga storia ed evidenziare il “made in Italy” nella chirurgia dell’ernia inguinale.

  1. Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Salazar

    2011-03-01

    Full Text Available Lo scritto riprende, ampliandoli, i contenuti del saggio intitolato I “destini incrociati” della libertà di espressione e della libertà di religione: un’indagine sui conflitti e sulle sinergie tra gli artt. 19 e 21 Cost. attraverso il prisma del principio di laicità, in corso dipubblicazione sul n. 1/2008 di Quaderni di diritto e politica  ecclesiastica, editi da il Mulino.SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti controle confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: leeccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica.

  2. Nonnos et les combats singuliers de Dionysos Nonnus’ Dionysus in hand to hand combat Nonno e i combattimenti faccia a faccia di Dioniso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hélène Frangoulis

    2012-07-01

    Full Text Available Dans l’épopée nonnienne, les combats singuliers de Dionysos contre les trois chefs indiens, Orontès, Dériade et Morrheus, s’achèvent d’une manière qui ne correspond pas aux normes épiques : au lieu d’être tué par le dieu, l’adversaire se suicide, meurt de façon inexpliquée ou disparaît simplement du poème. Ce scénario, voulu dès l’origine par l’auteur, est conforme à la figure que présente Bacchos tout au long de la guerre des Indes, celle d’un dieu propagandiste et clément.In Nonnus’ epic, Dionysus’ hand to hand combats against the three Indian chieftains, Oraontes, Deriadas and Morrheus, conclude in a manner that does not correspond with epic norms. Rather than being slain by the god, the adversary commits suicide, dies in an inexplicable way or simply disappears from the poem. This scenario, the author’s intention from the beginning, conforms to the figure Bacchus presents throughout the war against the Indians, that of a god at once propagandist and merciful.Nell’epopea di Nonno, i combattimenti di Dioniso contro i tre capi indiani Oronte, Deriade e Morreo si svolgono in un modo che non corrisponde alle norme epiche: invece di essere ucciso dal dio, l’avversario si suicida, muore in modo inspiegabile, oppure scompare semplicemente dal poema. Questo scenario, voluto sin dall’inizio dall’autore, è conforme alla figura che presenta Bacco per tutto il corso della guerra contro gli Indiani, quella di un dio propagandista e clemente.

  3. Biogeografia storica e diversità di insettivori e roditori in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Amori

    2003-10-01

    Full Text Available L'attuale distribuzione delle specie di Insettivori e Roditori in Italia riflette la dinamica geologica, la storia climatica e i processi ecologici avvenuti nel corso del Pleistocene. Al fine di ricostruire le recenti relazioni evolutive dei vari taxa, partendo da un confronto tra le cenosi a micromammiferi durante il Pleistocene-Olocene con quelle attuali, si analizzano i pattern di distribuzione e, quando disponibili, i dati genetici (filogeografici delle singole specie dei due ordini. Delle 108 specie di mammiferi (escluse 14 specie marine presenti in Italia tra il 40.7% e il 45.3% appartengono a Insettivori (16-19 specie e Roditori (28-30. Cinque sono le specie endemiche di Insettivori e solo una, o forse due, di Roditori. Due taxa endemici appartengono alla regione Alpino-Appenninica, uno all'Alpino-Orientale, due-tre all'Appenninica e uno all'Insulare (Sicilia. Una sola specie (Castor fiber si è estinta in tempi storici (XVI-XVII secolo. Cinque sono le specie di Roditori introdotte, oltre a Mus, Rattus rattus e R. norvegicus, mentre non risultano specie introdotte per gli Insettivori. I dati genetici, attualmente disponibili per alcune specie, confermano l'alto grado di differenziazione delle popolazioni che caratterizzano la Penisola italiana (al pari delle altre penisole del Mediterraneo non solo come area di rifugio durante le ultime glaciazioni ma come un vero e proprio centro di endemismo. È auspicabile che ulteriori studi genetici, abbinati a quelli morfometrici, siano estesi a tutti i taxa di Insettivori e Roditori, prendendo in considerazione il maggior numero di popolazioni (anche attraverso una comparazione tra popolazioni di bassa e alta quota al fine di avere delle conferme e ottenere un quadro delle conoscenze più esaustivo sulla strutturazione intraspecifica della nostra mammalofauna.

  4. Negare l'acqua. La strategia dello Stato islamico per il controllo delle risorse idriche e il diritto all’acqua delle donne nel Vicino Oriente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Desirée A.L. Quagliarotti

    2016-04-01

    Full Text Available In un contesto di ineguale distribuzione delle risorse idriche, di crescita demografica e di sviluppo economico, l’acqua assume sempre più il ruolo divariabile strategica in grado di alterare gli equilibri geopolitici soprattutto in quelle aree in cui le fonti idriche sono condivise tra più paesi. Obiettivo dell’articolo è quello di analizzare il contenzioso idrico del bacino del Tigri e dell’Eufrate dove la storica disputa per la gestione e l’accaparramento delle acque condivise tra Turchia, Siria e Iraq è acuita dall’effetto del cambiamento climatico e dall’ingresso di nuovi attori nel controllo della risorsa. L’aumento della frequenza e dell’intensità dei periodi di siccità amplifica il gap tra domanda e offerta idrica mentre il nuovo ordine idropolitico disegnato dall’espansione dello Stato Islamico, limita l’accesso alla risorsa da parte delle fasce più deboli delle popolazioni. Particolarmente penalizzate sono le donne a cui viene quotidianamente affidato l’arduo compito di gestire le scarse risorse idriche e di allocarle tra i diversi usi. Il controllo da parte dello Stato islamico delle grandi dighe lungo il corso dei due fiumi, l’utilizzo dell’acqua come strumento di pressione e il conseguente deterioramento qualitativo e quantitativo della risorsa, non solo aumentano la quantità di lavoro che le donne devono impiegare per la raccolta e la distribuzione dell’acqua ma minacciano la sicurezza alimentare e la salute loro e delle loro famiglie.

  5. Innovation and competitivity. The case of the districts of Faenza and Prato; Innovazione e competitivita'. Il caso dei distretti di Faenza e di Prato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Traverso, A. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Market's globalization is quickly producing the review of the traditional and international competition orders. For this reason the industrial districts, which are the highest expression of an economic and productive tissue based on the small and medium enterprises, are forced to begin a new formulation of their own structural, organizational, technological and productive distinctive features. The object of this work is, at first, to explain the peculiarities of the distrectual events, and, consequently, to analyse the competitive situation and the future prospects of two italian highly specialized productive areas: the textile district of Prato and the ceramic territory of Faenza. A particular attention will be especially reserved on the role assumed by the innovative aspects (technological and organizational) which it can be noted in that transformation process of the main distrectual competitive paradigms. [Italian] La globalizzazione dei mercati sta velocemente imponendo una revisione delle tradizionali regole della competizione internazionale. Per questo motivo i distretti industriali, che sono la massima espressione di un tessuto economico e produttivo fondato sulla piccola e media impresa, sono stati costretti ad intraprendere un percorso di riformulazione delle proprie caratteristiche strutturali, organizzative, tecnologiche e produttive. Lo scopo di questo lavoro e' di illustrare, in un primo momento, i contorni del fenomeno distrettuale e, conseguentemente, di analizzare la situazione competitiva e le prospettive di sviluppo di due aree italiane fortemente specializzate dal punto di vista produttivo: il distretto tessile di Prato ed il comprensorio della ceramica di Faenza. Una particolare attenzione verra' riservata, nel corso dell'analisi, al ruolo assunto dagli aspetti innovativi (technologici ed innovativi) in questo processo di trasformazione dei principali paradigmi competitivi distrettuali.

  6. L’ITALIANO È LA LIBERTÀ, L’ITALIANO È UNA MONTAGNA. DESIDERI, BISOGNI E RAPPRESENTAZIONI DELLA NUOVA LINGUA NEI CORSI PER LE DONNE IMMIGRATE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Favaro

    2015-07-01

    Full Text Available Gli immigrati adulti si avvicinano all’apprendimento della seconda lingua con i loro bisogni e le attese, con le loro idee e rappresentazioni del nuovo codice. Per essere efficace, un corso di italiano L2 deve essere quanto più possibile “su misura” e dare risposte mirate alle domande implicite ed esplicite degli apprendenti. Per cercare di esplorare i bisogni e le aspettative, gli approcci iniziali alla nuova lingua e gli aspetti emotivi legati alle parole e ai significati, è stato proposto un questionario a un numero consistente di donne immigrate. Dalla lettura si ricavano profili e cammini diversi di integrazione linguistica, nei quali l’italiano si colloca ora ai margini, ora entro un tempo/spazio circoscritti, ora in posizione centrale e intrafamigliare. ITALIAN IS FREEDOM, ITALIAN IS A MOUNTAINDesires, needs and images of a new language in courses for immigrant womenAdult immigrants approach learning a second language with their needs and expectations, with their ideas and images of the new language. To be effective, an Italian L2 course must be as “tailored” as possible and provide targeted responses to implicit and explicit questions of the learners. In order to explore needs and expectations, initial approaches to a new language and the emotional aspects linked to words and meanings, a questionnaire was given to a large number of immigrant women. Data analysis provided profiles and illustrated the different paths of linguistic integration. The Italian language is sometimes in a marginal position, sometimes within circumscribed time/space, sometimes it plays a central and intrafamilial role.

  7. Attivitá fisica extra-scolastica negli adolescenti: il ruolo dello stato socio-economico delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Capelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’associazione fra stato socio-economico (SES ed attività fisica è poco indagata. Obiettivo del presente studio è quello di valutare la relazione tra attività fisica extra-scolastica di adolescenti scolarizzati e lo SES della famiglia di provenienza.

    Metodi: l’indagine ha previsto la somministrazione nel corso dell’anno scolastico 2002-2003 di un apposito questionario anonimo autocompilato, già validato in uno studio pilota, ad un campione di studenti delle scuole medie inferiori del Lazio (province di Roma, Frosinone e Latina.

    Risultati: hanno partecipato allo studio 1486 studenti di cui 756 maschi (50.9% e 730 femmine (49.1%. L’età dei partecipanti varia fra gli 11 ed i 15 anni (età mediana 12 anni. Il 72.7% degli studenti dichiara di svolgere attività fisica al di fuori della scuola. Il livello di istruzione dei genitori e la loro attività lavorativa sembrano avere un peso notevole sui determinanti dell’attività fisica negli studenti. Infatti, svolgono prevalentemente attività fisica extra-scolastica i figli di genitori manager/libero professionisti (OR = 3.29 e con un elevato livello educativo (OR = 10.38 per i figli di genitori laureati.

    Conclusioni: i risultati confermano quanto la situazione socio-economica delle famiglie sia in netta relazione con l’attività fisico-sportiva dei giovani. Tali risultati potranno essere utili per gli operatori scolastici e gli amministratori nell’ispirare e realizzare azioni volte a diminuire il divario esistente fra i giovani che hanno le possibilità economiche e svolgono attività sportiva extra-scolastica e quelli che, invece, appartenendo a famiglie svantaggiate, hanno minore accesso a tali attività.

  8. Venezia da città con porto a città-porto: proposta di rigenerazione urbana della Marittima

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniele Cannatella

    2014-06-01

    Full Text Available La città di Venezia, insieme al complesso sistema lagunare di cui fa parte e al quale è strettamente connessa, costituisce un interessante oggetto di studio per quanto riguarda l’equilibrio raggiunto nel tempo fra uomo e acqua, nello specifico, fra processi antropici e dinamiche ambientali. Le tradizionali tecniche costruttive veneziane sono uno degli esempi più evidenti di come l’ingegno umano abbia superato la sfida dell’acqua, riuscendo ad urbanizzare un ambiente inizialmente ostile e a creare le condizioni favorevoli all’abitabilità e ad uno sviluppo economico prevalentemente commerciale. Questo equilibrio era basato sulla profonda conoscenza dei processi naturali che caratterizzavano, e caratterizzano, la laguna e derivava dall’acquisizione di quella sapienza costruttiva generata dalle continue sperimentazioni nella ricerca di fondali idonei, di materiali adeguati e di tecniche rispondenti ad esigenze sempre più complesse, con un’estrema attenzione al territorio e alle sue risorse.Con l’affermarsi dell’era industriale, nel corso del diciannovesimo secolo, Venezia riformula le sue strategie di sviluppo puntando sulla costruzione di una nuova base industriale connessa al porto e sulla promozione turistica dell’isola. Il superamento della capacità di carico è sicuramente uno dei più consistenti punti di rottura di quel delicato equilibrio su cui è stata fondata la città fin dalle sue origini.L’articolo presenta una proposta progettuale di riconfigurazione della Marittima di Venezia basata sulla ridistribuzione dei flussi turistici e sull’incremento di resilienza del sistema economico, sociale ed ambientale della città, puntando sul porto come importante risorsa strategica per il territorio. 

  9. Entomogenous nematodes: a field study for biological control of Curculio elephas Gyl. (Coleoptera Curculionidae); Nematodi entomoparassiti: una prova di impiego in campo della lotta contro il balanino del castagno, Curculio elephas Gyl. (Coleoptera Curculionidae)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rapagnani, M.R.; Caffarelli, V.; Letardi, A.; Barlattani, M. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Innovazione; Lazzari, L.; Ruggeri, L. [BIOERRE, Crespellano, Bologna (Italy); Lelli, L.

    1999-02-01

    Biological control of chestnut weevil (Curculio elephas Gyl.) using entomogenous nematodes (Steinernematidae and Heterorhabditidae) was investigated under field conditions. Experiments of infectivity, soil persistence and mobility of the infective juveniles stage of the nematodes were carried out through laboratory tests. Experimental results on developing infectivity process if entomogenous nematodes, have shown both inhibition at low temperature (average value 12 C) and mechanic barrier of weevil pupal envelope. Use of dispersal media as water or peat, was not relevant on experimental results. Further researches are required to test low temperature-resistant strain. [Italiano] Vengono riportati i risultati di uno studio di lotta biologica contro il balanino del castagno (Curculio elephas Gyl.) realizzato utilizzando ceppi di nematodi entomoparassiti (Steinernematidae and Heterorhabditidae). Sono stati monitorati, in campo, l`andamento dell`infestazione del balanino del castagno, l`efficacia del trattamento e l`andamento della temperatura sia climatica che nel terreno a due diverse profondita`. Nel corso dello studio e` stata controllata periodicamente, con prove di laboratorio, la persistenza nel terreno e la capacita` infettiva dei nematodi utilizzati. Lo studio ha messo in evidenza la difficolta` da parte dei nematodi di esplicare la propria azione di entomoparassiti in condizioni di temperatura media attorno ai 12 C e di superare la barriera fisica operata dalla celletta entro cui si impupa il balanino. Il mezzo utilizzato per la dispersione dei nematodi (acqua o torba) risulta essere indifferente rispetto al risultato ottenuto. L`esperienza ha evidenziato l`interesse, in questo tipo di lotta, alla sperimentazione di ceppi di nematodi resistenti alle basse temperature.

  10. Κωδικολογία: σύγχρονες κατευθύνσεις και νέα όρια

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Luisa AGATI

    2012-03-01

    Full Text Available LA CODICOLOGIA: RUOLO, ORIENTAMENTI E NUOVE FRONTIEREEsame del significato della Codicologia, nel termine e nel concetto, dall’intuizione di Montfaucon attraverso le interpretazioni più significative della storia degli studi, per arrivare alle conclusioni dell’autrice, che, ponendo in primo piano la simbiosi tra libro/contenitore e testo/contenuto, intende la Codicologia nel senso più integrale dello studio del libro manoscritto, non avulso dalla dimensione filologica che nel progredire degli studi “materiali” sembra oggi accantonata. La Codicologia come “Archeologia del libro” apre comunque nuove prospettive con metodologie di ricerca che mirano ad un approccio dinamico, puntando soprattutto alla ricostruzione dei gesti e della psicologia dell’artigiano medievale. Ne sono testimonianza le differenti interpretazioni di mise en page, o il campo di indagine sulla rigatura, col chiarimento dei concetti di tecnica e di metodo, e del funzionamento dei diversi strumenti meccanici, su cui purtroppo le fonti sono reticenti. Tutto ciò può ricevere nuova luce solo da uno studio comparato tra le diverse civiltà del Mediterraneo, che vede l’incontro/scontro tra Cristianesimo e Islam, e le ricerche in corso di chi scrive hanno già dato diversi esiti positivi. Per esempio, l’utilizzo dell’orientale mastara viene recepito sistematicamente nelle tecniche metabizantine, ma non è esclusivo nella produzione greca occidentale, influenzata dal mondo latino: solo la Storia può dare spiegazione di fenomeni o tradizioni altrimenti incomprensibili, indispensabile supporto alla critica testuale.

  11. Monitoraggio virologico dellíinfluenza in Emilia Romagna nellíinverno 2002-2003

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Affanni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: è stata organizzata su base regionale la sorveglianza virologica dell’influenza, al fine di verificare la comparsa e diffusione di virus influenzali nella popolazione ed individuare eventuali nuove varianti.

    Metodi: la sorveglianza si è basata sulle segnalazioni di ILI (influenza like illness da parte di 28 medici sentinella distribuiti in diverse città della regione (Parma, Modena, Ravenna, Bologna, Forlì, Rimini, Piacenza; la raccolta dei campioni, iniziata nella quarantaseiesima settimana del 2002, si è protratta fino alla diciassettesima settimana del 2003. I virus isolati in cellule MDCK (e/o PCR sono stati identificati con reazioni di IEA e quindi inviati all’ ISS per una più precisa caratterizzazione antigenica. Risultati: dai 220 tamponi faringei eseguiti sono stati isolati 49 ceppi virali (pari al 22,3%; di questi 39 sono risultati essere H3N2, 8 H1N1, ed 1 di tipo B; uno dei virus isolati è risultato appartenere al nuovo ceppo H1N2 recentemente isolato in altre aree del mondo. Cinque dei virus isolati provenivano da soggetti vaccinati.

    Conclusioni: per quanto le segnalazioni di ILI siano iniziate precocemente nella stagione, il primo isolamento virale ed il picco di massima circolazione dei virus sono risultati tardivi in Emilia Romagna (rispettivamente: 5° e 10° settimana 2003. L’epidemia influenzale, sia come segnalazioni di ILI sia come isolamenti virali, non ha raggiunto i livelli degli anni precedenti (1,2. Nel corso della stagione hanno circolato, tra gli H3N2, diversi tipi e varianti virali di ceppi antigenicamente correlati ai virus A/New York/55/01 e A/Panama/2007/99. Tranne un caso tutti i virus sono stati isolati in giovani adulti confermando dati provenienti da altre regioni.

  12. A model of dynamic simulation for discontinuous feeding system. 1. Gauging and validation; Modello di simulazione dinamica di processi biologici in impianti ad alimentazione discontinua. Parte 1. Calibrazione e validazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andreottola, G.; Guglielmi, G. [Trent Univ., Trent (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile e dell' Ambiente

    2001-04-01

    A new dynamic model for carbon and nutrients removal in SBR plants has been developed, calibrated and validated. The mathematical model has been created starting from model ASM No.1 of the IAWQ, while calibration and validation were carried out on a special laboratory-scale plant. Proofs were realised on raw sewage of North Trent municipal wastewater plant (100.000 equivalent inhabitants). At first some track-studies were carried out for evaluating the kinetic of denitrification. Then two track-studies of calibration were made in different operating conditions, for determining the best set of kinetic parameters for the considered case. Finally, a validation test was executed in different loading conditions. [Italian] Nel corso del presente lavoro e' stato sviluppato, tarato e validato un nuovo modello per la simulazione dei processi biologici di rimozione del carbonio e dei nutrienti, in impianti SBR (Sequencing Batch Reactor). Il modello matematico e' stato creato a partire dal modello ASM 1 dell'IAWPRC, mentre la calibrazione e la validazione sono state condotte su un apposito impianto realizzato in scala di laboratorio. Le prove sono state effettuate su un refluo civile prelevato dall'impianto di depurazione di Trento Nord (100.000 ae). Dapprima e' stata eseguita una serie di track-studies preliminari per valutare la cinetica di denitrificazione. Successivamente sono stati realizzati due track-studies in differenti condizioni operative per identificare il migliore set di costanti cinetiche da utilizzare per il caso in esame. Infine, e' stato eseguito un ulteriore ciclo per la validazione in condizioni differenti per verificare il corretto funzionamento del modello anche in condizioni differenti da quelle di calibrazione.

  13. The pedagogic evolution in Surgery: the University at the centre of a training which becomes territorialized The model of the region Marche.

    Science.gov (United States)

    Patrizi, Andrea; Tranà, Cristian; Baldoni, Andrea; Coletta, Pietro; Marmorale, Cristina

    2014-01-01

    La formazione in Chirurgia è un tema di grande interesse in un’epoca di crisi, ma anche di grandi cambiamenti mossi dalla spinta della Comunità Europea di uniformare i Percorsi Formativi di tutti i suoi Stati Membri. I punti principali delle riforme attuate per uniformarci al contesto Comunitario, vertevano sulla riduzione dei tempi e sulla implementazione della multidisciplinarietà della formazione specialistica, con il rischio di adombrare quelli che sono i punti di forza del nostro Sistema Sanitario, tra cui l’alto livello assistenziale dei nostri ospedali territoriali. La Scuola di Specializzazione di Chirurgia Generale dell’UNIVPM da alcuni anni punta su un progetto che vede la Clinica Universitaria al Centro di una Formazione Specialistica che si sviluppa sempre più sul territorio, avvicinando il mondo Ospedaliero a quello Universitario. Questo nuovo modello organizzativo prevede una prima fase all’interno della Clinica Universitaria ed una seconda nella Rete Formativa, nella quale rientrano Centri a differente impatto specialistico, all’interno di Strutture Ospedaliere Italiane ed Estere, e la possibilità di poter collaborare con l’Organizzazione di Emergency. Per testare questa nuova organizzazione del Corso Specialistico, abbiamo preso in analisi l’attività chirurgica svolta dagli specializzandi del nostro Ateneo, che hanno terminato il loro percorso formativo in Chirurgia Generale a Marzo 2014, essendo loro i primi ad aver beneficiato di questo modello. L’attività operatoria è stata, per ciascuno, mediamente di 400 interventi da primo operatore (237-476) distribuiti in chirurgia maggiore 44 (13-80), media 172 (129-268) e minore 209 (70-378), rapportando i loro risultati con gli standard complessivi di addestramento professionalizzante previsti dallo Statuto Nazionale si osserva il buon rendimento di questo sistema, che vede i suoi punti di forza nell’EQUITA dell’offerta, in quanto standardizzabile; nel concetto di RETE

  14. The Beginnings and Development of the Collection of Historic Musical Instruments of the Kunsthistorisches Museum in Vienna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrix Darmstaedter

    2016-12-01

    Arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este (1863-1914 è stato portato, dopo la sua uccisione, al museo imperiale a Vienna. Dal 1916/17 in poi il famoso storico dell’arte Julius von Schlosser (1866-1938 e il suo successore Hermann Julius Hermann (1869-1953 hanno organizzato una delle più importanti collezioni e esibizioni dedicata esclusivamente a strumenti musicali antichi. Hanno assemblato strumenti preziosi del XVI secolo che facevano parte della stanza delle curiosità dell´Arciduca Ferdinando II (1529- 1595, oggetti raccolti da membri della dinastia Obizzi nel castello di Catajo e oggetti recentemente acquisiti legati alla tradizione Viennese di costruzione di strumenti musicali. Nel 1920 Schlosser ha scritto un catalogo completo della nuova collezione che è considerato la prima pubblicazione sistematica e scientifi ca di strumenti musicali antichi in Austria. Negli anni successivi Schlosser ha cercato di allargare l’inventario di oggetti e la collezione, che si è inoltre arricchita di preziosi esemplari originariamente situati nel Deposito imperiale di mobili di corte (Hofmobiliendepot e di strumenti musicali abbandonati nelle residenze imperiali come il castello di Laxenburg. Il contributo esamina fonti inedite che documentano la prima storia della collezione, affronta il tema dell’esposizione ampliata del 1920, discute l´orientamento tematico della collezione e i principi di didattica museale che ne risultarono. Inoltre, il contributo esamina la posizione della collezione e la sua strategia nel contesto di altri musei con la stessa tematica.

  15. Environmental radioactivity networks in Italy, 1994-1997; Reti nazionali di sorveglianza della radioattivita' ambientale in Italia: 1994-1997

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Belli, M.; Notaro, M.; Rosamilia, S.; Sansone, U. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy). Dipt. StatoAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi, Unita' Interdipartimentale di Metrologia Ambientale

    1999-07-01

    ' ambientale sul territorio nazionale, al fine della valutazione della dose ricevuta dalla popolazione itlaiana a seguito dell'esposizione alle radiazioni derivanti dai radionuclidi presenti nell'ambiente. Le Reti Nazionali consistono in un insieme di punti di osservazione localizzati sul territorio nazionale definiti per analizzare l'andamento spazio-temporale delle concentrazioni dei radioelementi in matrici ambientali ed alimentari dei diversi comparti ambientali interessati dalla diffusione della radioattivita' e dal trasferimento di questa all'uomo. Le Reti sono progettate in modo da permettere anche la rilevazione di fenomeni di accumulo dei radionuclidi a lunga vita media nell'ambiente. Le frequenze di campionamento delle matrici ambientali previste nelle diverse reti, tengono conto dei tempi di accumulo della radioattivita' nei vari comparti ambientali. Il Decreto Legislativo N. 230 del 1995 affida all'ANPA il coordinamento tecnico delle Reti Nazionali. In questo ambito l'ANPA e' tenuta alla raccolta e all'analisi dei dati di radioattivita' ambientale provenienti dalle Istituzioni partecipanti alle Reti Nazionali, assicurandone la diffusione periodica tramite appositi rapporti annuali. In ottemperanza di accordi internazionali, gli stessi dati sono trasmessi anche alla Commissione Europea. All'ANPA sono inoltre affidate attivita per la normalizzazione dei metodi di prelievo e di misura delle matrici ambientali e alimentari. Per garantire l'affidabilita' generale dei dati pubblicati e delle valutazioni conseguenti e permettere agli Istituti, Enti ed Organismi che partecipano alle Reti Nazionali il raggiungimento di livelli di accuratezza e di affidabilita adeguati agli scopi del controllo ambientale, i laboratori responsabili dei prelievi e delle misure e facenti parte delle Reti Nazionali, partecipano sistematicamente ad un programma di affidabilita' organizzato dall'ANPA in

  16. The “Mostra del Quarantennio” and the Canon of Modern Art at the Venice Biennale in the Interwar Period

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Moure Cecchini

    2016-12-01

    Full Text Available In 1935 the Venice Biennale organized an atypical exhibition commemorating its 40th anniversary. The “Mostra dei Quarant’anni” was mostly devoted to art from the Triveneto. Yet four rooms showed works by European artists who had exhibited in the Biennale, and were part of the collections of the Gallerie d’Arte Moderna in Rome and Venice. The show refl ected on the evolution of modern art and of the Biennale between 1895 and 1935, exemplifying the aesthetic criteria of Italian public collections at the time. It included many artists that are still considered part of the modernist canon but most of them are now all but forgotten. It thus represents an optimal case study to analyze renegotiations of the artistic canon. Furthermore, the “Mostra” played a key role in re-defi ning the international role of Venice within fascist artistic organization. As the “Mostra” took place in the gap year between two Biennales and received little support from governmental institutions, it is generally overlooked in the literature on the period. Yet, on the basis of unpublished archival documentation and of the digital reconstruction of these rooms, this paper argues that the “Mostra dei Quarant’anni” is crucial for our understanding of the history of the Biennale and of the cultural policies of the fascist state. Nel 1935 la Biennale di Venezia ha organizzato una mostra atipica per commemorare il proprio 40° anniversario. La “Mostra dei Quarant’anni” era in gran parte dedicata all’arte dal Triveneto. Eppure quattro sale espongono opere di artisti europei che furono in mostra alla Biennale, e divennero parte delle collezioni della galleria d’Arte Moderna di Roma e Venezia. La Mostra rifl ette sull’evoluzione dell’arte moderna e della Biennale tra il 1895 e il 1935, esemplifi cando i criteri estetici adottati a quell’epoca in collezioni pubbliche italiane. Vengono esposti molti artisti ancora considerati parte del canone

  17. Environmental radioactivity networks in Italy, 1994-1997; Reti nazionali di sorveglianza della radioattivita' ambientale in Italia: 1994-1997

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Belli, M.; Notaro, M.; Rosamilia, S.; Sansone, U. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy). Dipt. StatoAmbiente, Controlli e Sistemi Informativi, Unita' Interdipartimentale di Metrologia Ambientale

    1999-07-01

    ' ambientale sul territorio nazionale, al fine della valutazione della dose ricevuta dalla popolazione itlaiana a seguito dell'esposizione alle radiazioni derivanti dai radionuclidi presenti nell'ambiente. Le Reti Nazionali consistono in un insieme di punti di osservazione localizzati sul territorio nazionale definiti per analizzare l'andamento spazio-temporale delle concentrazioni dei radioelementi in matrici ambientali ed alimentari dei diversi comparti ambientali interessati dalla diffusione della radioattivita' e dal trasferimento di questa all'uomo. Le Reti sono progettate in modo da permettere anche la rilevazione di fenomeni di accumulo dei radionuclidi a lunga vita media nell'ambiente. Le frequenze di campionamento delle matrici ambientali previste nelle diverse reti, tengono conto dei tempi di accumulo della radioattivita' nei vari comparti ambientali. Il Decreto Legislativo N. 230 del 1995 affida all'ANPA il coordinamento tecnico delle Reti Nazionali. In questo ambito l'ANPA e' tenuta alla raccolta e all'analisi dei dati di radioattivita' ambientale provenienti dalle Istituzioni partecipanti alle Reti Nazionali, assicurandone la diffusione periodica tramite appositi rapporti annuali. In ottemperanza di accordi internazionali, gli stessi dati sono trasmessi anche alla Commissione Europea. All'ANPA sono inoltre affidate attivita per la normalizzazione dei metodi di prelievo e di misura delle matrici ambientali e alimentari. Per garantire l'affidabilita' generale dei dati pubblicati e delle valutazioni conseguenti e permettere agli Istituti, Enti ed Organismi che partecipano alle Reti Nazionali il raggiungimento di livelli di accuratezza e di affidabilita adeguati agli scopi del controllo ambientale, i laboratori responsabili dei prelievi e delle misure e facenti parte delle Reti Nazionali, partecipano sistematicamente ad un programma di affidabilita' organizzato dall'ANPA in

  18. Individual monitoring of external exposure in terms of personal dose equivalent, H{sub p}(d); Dosimetria personale esterna in termini di equivalente di dose personale, H{sub p}(d). Atti. Giornata di studio, Bologna, 28 febbraio 2001

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fantuzzi, E. [ENEA, Div. Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy)

    2001-07-01

    The institute for Radiation Protection of ENEA - Bologna has organised a one day-workshop on the subject: Individual monitoring of external exposure in terms of personal dose equivalent, H{sub p}(d). The aim of the workshop was the discussion of the new implications and modifications to be expected in the routine individual monitoring of external radiation, due to the issue of the Decree 241/00 (G.U. 31/8/2000) in charge since 01/01/2001. The decree set up in Italian law the standards contained in the European Directive EURATOM 96/29-Basic Standards for the Protection of Health of Workers and the General Public against Dangers arising from Ionizing Radiation. Among others, the definition of the operational quantities for external radiation for personal and environmental monitoring, H{sub p}(d) e H{sup *}(d) respectively as defined by ICRU (International Commission for Radiation Units and Measurements), requires to update the methods of measurements and calibration of the personal dosemeters and environmental monitors. This report collects the papers presented at the workshop dealing with the Personal Dose Equivalent, H{sub p}(d), the conversion coefficients, H{sub p}(d)/K{sub a} e H{sub p}(d)/{sub ,} obtained through Monte Carlo calculations published by ICRU and ICRP (International Commission for Radiation Protection), the new calibration procedures and the practical implication in the routine of individual monitoring in terms of H{sub p}(d). Eventually, in the last chapter, the answers to Frequently Asked Questions (FAQ) are briefly reported. [Italian] L'Istituto per la Radioprotezione dell'ENEA di Bologna ha organizzato una giornata di studio Dosimetria personale esterna in termini di equivalente di dose personale, H{sub p}(d). Lo scopo della giornata e' stato quello di discutere le novita' e le modifiche da apportare alle pratiche di monitoraggio dell'esposizione esterna alle radiazioni ionizzanti, a seguito dell'entrata in vigore

  19. Publicaciones sobre mujeres, salud y género en España (1990-2005

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Esther Castaño-López

    2006-01-01

    Full Text Available Fundamento: Los estudios sobre mujeres, género y salud son cada vez más frecuentes en España. El objetivo de esta investigación ha sido conocer los temas tratados en estas publicaciones, las disciplinas que los estudian, el sexo de la persona que firma en primer lugar y si han sido abordadas con enfoque de género. Métodos: Se llevó a cabo una búsqueda bibliográfica en bases de datos de Biomedicina, Sociología, Enfermería, Antropología y Psicología. Las principales palabras clave empleadas fueron [mujeres o género] y [salud] y [España]. Se incluyeron artículos originales, revisiones y monografías, nacionales e internacionales, publicadas entre 1990 y 2005. Las variables contempladas fueron el tema de estudio, área de conocimiento, enfoque de género y sexo de la primera autoría. Se incluyeron 298 trabajos. Resultados: Los temas más abordados son salud sexual y reproductiva (39,2% y salud mental (12,4%. El 58,7% de los trabajos tienen como primera autora a una mujer y el 47,3% no tienen enfoque de género. El 85,3% de las publicaciones sobre salud sexual y reproductiva no incorporan la perspectiva de género, mientras el 94,1% de los trabajos sobre trabajo productivo y reproductivo sí. El 80,4% de los trabajos en medicina no tienen enfoque de género. Conclusiones: Los trabajos con enfoque de género están firmados mayoritariamente por mujeres como primeras autoras, si bien son escasos. En el material estudiado, la salud de las mujeres sigue circunscribiéndose a la reproducción, siendo necesario incorporar otros determinantes de salud.

  20. EQUACIONAMENTO E MODELAGEM DA BOBINA BIFILAR DE TESLA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caio Marcelo de Marcelo de Miranda

    2012-01-01

    Full Text Available A Biotelemetria apresenta-se como uma importante técnica que possui várias aplicações na área de Biomedicina e outras. A dimensão da unidade remota ou sensora constitui um grande desafio dentro desta área, sendo que na maioria dos casos,deseja-se uma unidade o menor possível. Desta maneira, sensores passivos são interessantes, pois possibilitam uma menor dimensão do dispositivo e não necessitam de uma fonte própria de energia, ou bateria, que pode causar danos ao indivíduo monitorado caso ocorra vazamento do seu conteúdo químico. Deste modo,o sensor indutivo autorressonante apresenta-se como uma boa solução, uma vez que este pode ser construído com apenas um componente, neste caso um indutor.Por apresentar pequenas dimensões, este tipo de sensor possui uma baixa capacitância parasita, o que torna a sua frequência de ressonância bastante alta. Neste caso, a bobina bifilar idealizada por Nikola Tesla pode constituir-se de uma solução, uma vez que a idéia de Tesla era de aumentar a capacitância intrínseca de suas bobinas. Portanto, um entendimento físico e devido equacionamento da bobina bifilar se faz necessário, uma vez que, até onde se sabe, este tipo de abordagem não existe na literatura.A partir de uma análise das tensões entre espiras adjacentes, foi desenvolvido neste trabalho um equacionamento da bobina bifilar de Tesla, possibilitando a determinação do aumento da capacitância interna e, consequente, redução na frequência de ressonância desta bobina. Um modelo elétrico equivalente da bobina foi também elaborado através desta análise. Isto possibilita o projeto de bobinas bifilares e predição dos parâmetros capacitância e frequência de autorressonância desta bobina. Testes foram realizados ao comparar a frequência de autorressonância calculada e medida para diversos números de espiras,comprovando a validade do modelo e das equações desenvolvidas.

  1. A Medicina Integrativa e a construção de um novo modelo na saúde The Integrative Medicine and the construction of a new health model

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Márcia Aparecida Padovan Otani

    2011-03-01

    Full Text Available Medicina Integrativa (MI é o conceito mais recente no debate das Medicinas Alternativas e Complementares (MAC, em busca do modelo que viabilize introdução e gerenciamento de novas práticas nos sistemas nacionais de saúde. Este artigo analisou diferentes definições de MI e sua relação com as MAC, por meio de revisão sistemática da literatura no Medline, no período de 1996 a 2005. Foram utilizadas as palavras Integrative Medicine e selecionados 36 trabalhos que apresentaram definição de MI. Identificou-se que as MAC são parte da MI, e as definições abrangem: integração da medicina convencional com as MAC; utilização de evidências; combinação de antigos sistemas de cura com a biomedicina; valorização do relacionamento médico-paciente e da comunicação; consideração da pessoa por inteiro; e enfoque na saúde, na cura e na prevenção de doenças. Conclui-se que o crescente interesse de usuários, profissionais e gestores aponta a necessidade do desenvolvimento do modelo de MI, dando suporte à implementação e ao gerenciamento de novas práticas de cuidado e cura.Integrative Medicine (IM is the most recent concept on the Complementary and Alternative Medicines (CAM debate, regarding the introduction and management of new practices in the health systems. This paper analyzed the different definitions of IM and its relation to CAM, through a systematic literature review on Medline, during the period of 1996 to 2005. The keyword "Integrative Medicine" was used and 36 papers were selected, which presented a definition of IM. It was identified that CAM is part of IM and the definitions include: CAM and conventional medicine integration; use of evidence; combination of old healing systems and biomedicine; appreciation of the medical-patient relationship and communication; person as a whole conception; and focus on health, healing and prevention. It is concluded that the increasing interest of users, professionals and managers

  2. Métodos não-invasivos para análises hormonais aplicadas aos estudos de ecologia e etologia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ricardo José Garcia Pereira

    2007-07-01

    Full Text Available O monitoramento endócrino pela mensuração de metabólitos urinários e fecais de hormônios esteróides tem se mostrado uma alternativa viável na investigação da fisiologia reprodutiva e do estresse em uma grande variedade de aves e mamíferos, domésticos e selvagens. Esta abordagem tem contribuído para uma maior integração da endocrinologia com estudos comportamentais e ecológicos, gerando informações mais detalhadas em diversas áreas tais como bem-estar animal, comportamento social, reprodução, biologia da conservação, biomedicina, entre outros. Todavia, o emprego desta metodologia no Brasil tem sido limitado principalmente à pesquisa de parâmetros reprodutivos e de estresse em espécies selvagens, não havendo até o momento trabalhos publicados utilizando a quantificação urinária ou fecal de glucocorticóides ou esteróides sexuais em animais domésticos. Desta forma, esta palestra tem como objetivo ilustrar alguns exemplos de estudos conduzidos no país envolvendo técnicas de monitoramento endócrino não-invasivo, assim como expor possíveis áreas de aplicação desta ferramenta em pesquisas com espécies domesticas.The endocrine monitoring through urinary and fecal steroid analysis has been proven a feasible alternative in the investigation of reproductive and stress physiology in a great variety of birds and mammals (domestic and wild species. This approach has contributed to enhance integration between endocrinology and behavioral/ ecological studies originating detailed information towards different areas, such as animal welfare, social behavior, reproduction, conservation biology, biomedicine, among others. In Brazil, however, its application has been limited mainly to the determination of reproductive and stress parameters in wild species, with no published articles employing measurement of urinary or fecal glucocorticoids or sexual steroids in domestic animals. Thus, the aim of this lecture is first show

  3. La revista Medicina y Seguridad en el Trabajo y el respeto al derecho de autoría Medicina y Seguridad del Trabajo journal and protecting copyright

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Veiga de Cabo

    2012-09-01

    Full Text Available El autor recuerda los principios básicos internacionales que amparan los derechos de autor aprobados por el Convenio de Berna para la Protección de las Obras Literarias y Artística, la Declaración Universal de Derechos Humanos y el Derecho de la Unión Europea del Tratado de Maastricht. Se analizan las circunstancias generales que amparan la autoría, y en particular en el marco de la biomedicina y de las ciencias de la Salud, así como las principales características del mercado editorial y los cambios que se han producido en los últimos años. Se describen los principales factores asociados a la aparición de la iniciativa Open Access y su compromiso con la preservación del Copyright y los derechos de autor. Se presenta la licencia Creative Commons como alternativa eficaz en la gestión de los derechos de autoría. Por último, se declara la adhesión oficial de la revista Medicina y Seguridad del Trabajo a la licencia Creative Commons bajo modalidad Reconocimiento -NoComercial - SinObraDerivada (by-nc-nd.The author reviews the international basic principles of Copyrights approved by the Berne Convention for the Protection of Literary and Artistic Works, the Universal Declaration of Human Rights and the Treaty of Maastricht on the European Union Right. General circumstances to protect Copyrights are analyzed; in particular in Biomedicine and Health Sciences fields, as well as some other specific characteristics related with the publishing market and the main changes suffered in those fields throughout the years. This document describes the relevant factors associated with the emergence of the Open Access initiative and its commitment protecting Copyright. Creative Commons is presented as an effective alternative to preserve Copyrights. Finally, the Medicina y Seguridad del Trabajo journal officially declares its adhesion to Creative Commons under the Attribution-NonCommercial-NoDerivs (by-nc-nd license.

  4. Medicina y Seguridad del Trabajo se integra en HINARI Programa de Acceso a la Investigación en Salud de la Organización Mundial de la Salud (OMS Medicina y Seguridad del Trabajo has been integrated into HINARI Access to Research in Health Programme of the World Health Organization (WHO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gaby Caro-Salazar

    2013-03-01

    Full Text Available HINARI Programa de Acceso a la Investigación en Salud liderado por la OMS junto con las principales editoriales asociadas facilita acceso a información en ciencias de la salud y biomedicina a más de 100 países en vías de desarrollo de forma gratuita o a bajo costo. Constituye una de las colecciones más extensas de literatura científica que actualmente existen, con acceso a más de 29.000 recursos de información en 30 idiomas diferentes. Además cuenta con programa docente a distancia que permite la capacitación en diferentes herramientas relacionadas con el acceso, utilización y gestión de la información científica. Entre los asociados se cuenta con la participación de instituciones como la Biblioteca Nacional de Medicina de los Estados Unidos, el Centro de Capacitación y Divulgación de Información para África (ITOCA y las Universidad de Yale y Cornell (EEUU. La revista de Medicina y Seguridad del Trabajo se acaba de incorporar recientemente al programa HINARI de la OMS.HINARI Access to Research in Health Programme led by the World Health Organization enables access to information related to health sciences and biomedicine to over 100 developing countries, free or low cost. It is one of the most extensive collections of current scientific literature, accessing over 29,000 information resources in 30 different languages. It also has distance learning courses that allows training in different tools related to access, use and management of scientific information. Among the associated partners there are institutions like the United States National Library of Medicine, Information Training and Outreach Center for Africa (ITOCA and Yale and Cornell Universities. Medicina y Seguridad del Trabajo journal has recently joined the HINARI Programme.

  5. Evaluation of the COPD Assessment Test and GOLD patient types: a cross-sectional analysis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lopez-Campos JL

    2015-05-01

    Full Text Available Jose Luis Lopez-Campos,1,2,* Alberto Fernandez-Villar,3,* Carmen Calero-Acuña,1 Cristina Represas-Represas,3 Cecilia Lopez-Ramírez,1 Virginia Leiro Fernández,3 Juan Jose Soler-Cataluña,2,4 Ricard Casamor5 On behalf of the On-Sint study group 1Unidad Médico-Quirúrgica de Enfermedades Respiratorias, Instituto de Biomedicina de Sevilla (IBiS, Hospital Universitario Virgen del Rocio/Universidad de Sevilla, Sevilla, Spain; 2CIBER de Enfermedades Respiratorias (CIBERES, Instituto de Salud Carlos III, Madrid, Spain; 3Servicio de Neumología, Instituto de Investigación Biomédica de Vigo (IBIV, Complexo Hospitalario de Vigo, Vigo, Spain; 4Servicio de Neumología Hospital Arnau de Vilanova, Valencia, Spain; 5Departamento Médico de Novartis Farmacéutica, Barcelona, Spain *These authors contributed equally to this work Background: The COPD Assessment Test (CAT has been recently developed to quantify COPD impact in routine practice. However, no relationship with other measures in the Global Initiative for Obstructive Lung Disease (GOLD strategy has been evaluated. The present study aimed to evaluate the relationship of the CAT with other GOLD multidimensional axes, patient types, and the number of comorbidities.Methods: This was a cross-sectional analysis of the Clinical presentation, diagnosis, and course of chronic obstructive pulmonary disease (On-Sint study. The CAT score was administered to all participants at the inclusion visit. A GOLD 2011 strategy consisting of modified Medical Research Council scale (MRC scores was devised to study the relationship between the CAT, and GOLD 2011 axes and patient types. The relationship with comorbidities was assessed using the Charlson comorbidity index, grouped as zero, one to two, and three or more.Results: The CAT questionnaire was completed by 1,212 patients with COPD. The CAT maintained a relationship with all the three axes, with a ceiling effect for dyspnea and no distinction between mild and

  6. Increased leptin/leptin receptor pathway affects systemic and airway inflammation in COPD former smokers

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruno A

    2011-05-01

    Full Text Available Andreina Bruno1, Marinella Alessi2, Simona Soresi2, Anna Bonanno1, Loredana Riccobono1, Angela Marina Montalbano1, Giusy Daniela Albano1, Mark Gjomarkaj1, Mirella Profita11Institute of Biomedicine and Molecular Immunology, Italian National Research Council, Palermo, Italy; 2Dipartimento Biomedico di Biomedicina Interna e Specialistica, University Palermo, ItalyBackground: Leptin, a hormone produced mainly by adipose tissue, regulates food intake and energy expenditure. It is involved in inflammatory diseases such as chronic obstructive pulmonary disease (COPD and its deficiency is associated with increased susceptibility to the infection. The leptin receptor is expressed in the lung and in the neutrophils.Methods: We measured the levels of leptin, tumor necrosis factor alpha (TNF-a and soluble form of intercellular adhesion molecule-1 (sICAM-1 in sputum and plasma from 27 smoker and former smoker patients with stable COPD using ELISA methods. Further we analyzed leptin and its receptor expression in sputum cells from 16 COPD patients using immunocytochemistry.Results: In plasma of COPD patients, leptin was inversely correlated with TNF-a and positively correlated with the patient weight, whereas the levels of sICAM-1 were positively correlated with TNF-a. In sputum of COPD patients leptin levels were correlated with forced expiratory volume in 1 second/forced vitality capacity. Additionally, increased levels of sputum leptin and TNF-a were observed in COPD former smokers rather than smokers. Further the expression of leptin receptor in sputum neutrophils was significantly higher in COPD former smokers than in smokers, and the expression of leptin and its receptor was positively correlated in neutrophils of COPD former smokers.Conclusion: Our findings suggest a role of leptin in the local and systemic inflammation of COPD and, taking into account the involvement of neutrophils in this inflammatory disease, describe a novel aspect of the leptin

  7. Repensando o acesso ao cuidado na Estratégia Saúde da Família

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charles Dalcanale Tesser

    2014-09-01

    Full Text Available Este artigo apresenta hipóteses interpretativas sobre a ausência de regulamentação institucional do acesso – caracterizado por certo desvio e/ou subvalorização do mesmo – na atenção primária à saúde (APS brasileira, especialmente na Estratégia Saúde da Família (ESF, no seu aspecto de prover acesso rápido ao cuidado clínico longitudinal aos adoecidos e ou demandantes. As hipóteses para esse problema foram contextualizadas em dois eixos: nas normativas do SUS e nas discussões presentes na área da saúde coletiva. No primeiro eixo apresenta-se uma discussão envolvendo a influência histórico-cultural norte-americana na saúde pública brasileira, a visão focalizada de APS como “cesta básica” de serviços, a priorização da promoção/prevenção nas diretrizes institucionais, o acolhimento (única diretriz estimuladora do acesso fácil na ESF/APS e o dimensionamento da proporção usuários/equipes da ESF, o que fundamenta a defesa da expansão dessas equipes e o seu redimensionamento. No segundo eixo faz-se uma discussão crítica envolvendo o relativo isolamento brasileiro da experiência dos países desenvolvidos com APS forte, a influência da crítica das relações entre a biomedicina e o capitalismo, a ênfase na promoção e prevenção como objetivos prioritários de trabalho nas equipes da ESF/APS, o distanciamento do meio acadêmico das realidades dos serviços da ESF e a estratificação social que fomenta o uso subsidiado do sistema privado pelas camadas médias e elites brasileiras. Por fim, se propõe a revalorização do acesso fácil ao cuidado com longitudinalidade como fundamental para concretizar as quatro lógicas que devem convergir nas práticas da APS/ESF: ético-política, antropológica, epidemiológica e de determinação social da saúde-doença.

  8. The importance of Zebrafish in biomedical research.

    Science.gov (United States)

    Tavares, Bárbara; Santos Lopes, Susana

    2013-01-01

    Introdução: O peixe-zebra (Danio rerio) é um excelente organismo modelo para o estudo do desenvolvimento dos vertebrados. Este facto deve-se às grandes ninhadas que cada casal produz, que podem atingir 200 embriões a cada sete dias, e ao facto dos embriões serem pequenos, transparentes e com um rápido desenvolvimento externo.Material e Métodos: Usando ferramentas de pesquisa bibliográfica científica disponíveis online e utilizando e as palavras-chave “Zebrafish”, “biomedical research”, “human disease” e “drug screening”, avaliámos estudos originais e revisões indexadas na PubMed.Resultados: Neste artigo de revisão fazemos um resumo do trabalho realizado com este modelo no melhoramento doconhecimento de várias doenças humanas. Fizemos ainda um breve relato da investigação biomédica realizada em Portugal com o modelo de peixe-zebra.Discussão: Têm sido desenvolvidas poderosas ferramentas genéticas e de microscopia in vivo, que também tornaram o peixe-zebra num modelo valioso em investigação biomédica. A conjugação destes atributos com a optimização de sistemas automatizados de triagem de medicamentos, transformaram o peixe-zebra num top model da investigação em biomedicina, nomeadamente na triagem de compostos químicos com efeitos terapêuticos e em testes de toxicidade. Além disso, com a otimização da tecnologia dos xenografos, será possível usar o peixe-zebra na escolha de uma terapia personalizada.Conclusão: O peixe-zebra é um excelente organismo modelo na pesquisa biomédica, em screens de medicamentos e na terapia clinica.

  9. El ADPIC y la excepción a la patentabilidad de los métodos de diagnóstico, terapéuticos y quirúrgicos para el tratamiento de personas o animales

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mireia Martínez Barrabés

    2014-06-01

    Full Text Available El sistema de patentes tiene como objetivos destacados, entre otros, el fomentar la investigación y la competencia a través de dos vías fundamentales: en primer lugar, mediante la concesión de derechos y privilegios a los inventores y, en segundo lugar, mediante la exclusión que esos derechos reconocen y que limitan que otros puedan utilizar o desarrollar las invenciones ya creadas. En este artículo se analizan las excepciones que afectan a la investigación y a su protección jurídica en el ámbito de la biomedicina. En particular, se analiza el contenido flexible y los problemas jurídicos derivados de la aplicación del artículo 27.3 a ADPIC en el que se excluye de la materia patentable a los métodos para el tratamiento de personas o animales, es decir, los métodos de tratamiento médico y veterinario. Sin embargo, de su texto se desprende con rotundidad que los productos o procedimientos utilizados durante el tratamiento médico sí que son patentables de pleno derecho al no estar comprendidos dentro de la categoría de “métodos para el tratamiento”. Sobre la base de la jurisprudencia del órgano administrativo integrado en la Oficina Europea de Patentes dada su inexistencia en el seno de la Organización Mundial del Comercio (OMC, este artículo se centra en la tarea de interpretar dicho precepto y de precisar los contornos de su implementación y del alcance material de la excepción objeto de estudio. Este ejercicio conduce a examinar si las soluciones o criterios adoptados por los Estados miembros varían considerablemente entre sí o si, por el contrario, las posturas adoptadas se caracterizan por su similitud en base a consideraciones basadas en la protección de la salud pública, a las necesidades de incentivar la innovación o en el grado de desarrollo económico de cada país

  10. Políticas de Saúde, Pluralidade Terapêutica e Identidade na Amazônia Health Policies, Therapeutic Plurality and Identity in Indigenous Amazonia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Pérez Gil

    2007-08-01

    Full Text Available O propósito deste trabalho é realizar uma comparação entre os campos terapêuticos vivenciados por dois grupos pano: os Yaminawa (Departamento do Ucayali, Peru e os Yawanawa (Acre, Brasil. Essa comparação levanta questões relevantes, na medida em que ambos os grupos, apesar de sua proximidade cultural, se encontram inseridos em realidades nacionais, sociais e políticas diferentes. As diferenças existentes não se limitam a questões derivadas de duas políticas oficiais de saúde distintas, mas estão diretamente associadas às particularidades dos respectivos contextos sociais regionais. A comparação dessas situações mostra que o tipo de relação que as sociedades envolventes e os Estados estabelecem com as populações indígenas, assim como os aspectos identitários derivados dela, são fatores importantes na constituição do habitus terapêutico desses grupos. Esse aspecto é exemplificado no texto por meio de uma reflexão sobre diferenças existentes entre as práticas, de cada um dos grupos, relativas à alimentação dos recém-nascidos e ao uso dos recursos da biomedicina em relação ao parto e o controle da natalidade.The purpose of this paper is to make a comparison between the therapeutic fields that form part of the daily experience of two Panoan groups: Yaminawa people (Ucayali, Peruvian Amazon and Yawanawa people (Acre, Brazilian Amazon. This comparison raises some interesting questions, as both groups, in spite of their cultural and linguistic relatedness, are inserted in different national, social and political contexts. The existing differences observed are not limited to questions stemming from two different state health policies; rather, they are directly associated with the particularities of their respective social and regional contexts. A comparison of these situations demonstrates that the relationship that the State establishes with indigenous societies, as well as the identity aspects deriving from it

  11. Interfaces do corpo: integração da alteridade no conceito de doença Body interfaces: the integration of alterity into the concept of disease

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dina Czeresnia

    2007-03-01

    Full Text Available A cultura ocidental fragmentou o corpo em redutoras perspectivas teóricas que fizeram aparecer diferentes ordens de realidade: biológica, psíquica e social. Este artigo identifica o limite da biomedicina em integrar a alteridade no conceito de doença, como uma das lacunas importantes para a aproximação entre os conceitos de psiquismo e corpo biológico. Apresenta a proposição de que as interfaces do corpo são centrais para a compreensão da constituição do corpo biológico em seus processos de individuação. Levanta a possibilidade de ocorrer uma transformação epistemológica na medicina, a partir da valorização dos estudos sobre fenômenos biológicos que ocorrem nestas interfaces. Ressalta, mediante análise da literatura médica recente, indícios de uma possível integração da alteridade no conceito de doença. Esta análise se detém na crescente elaboração de um discurso sobre a relação com os microorganismos e sua importância na constituição ontogênica do organismo humano e, por conseqüência, na etiologia das doenças.Western culture has fragmented the body into a restrictive theoretical perspective that gave rise to different reality orders: biological, psychic and social. This article identifies the limits of biomedicine for integrating alterity into the concept of disease, as one of the relevant gaps for the approximation between the concepts of psyche and the biological body. It presents the proposition that the body interfaces are crucial for the understanding of the constitution of the biological body in individuation processes. It raises the possibility that there may be an epistemological transformation in medicine, based on the value that studies place on the biological phenomena that take place in these interfaces. It emphasizes, upon the analysis of recent medical literature, indications of a possible integration of alterity into the concept of disease. This analysis delves into the growing design of

  12. Intracellular CXCR4+ cell targeting with T22-empowered protein-only nanoparticles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Unzueta U

    2012-08-01

    Full Text Available Ugutz Unzueta,1–3 María Virtudes Céspedes,3,4 Neus Ferrer-Miralles,1–3 Isolda Casanova,3,4 Juan Cedano,5 José Luis Corchero,1–3 Joan Domingo-Espín,1–3 Antonio Villaverde,1–3 Ramón Mangues,3,4 Esther Vázquez1–31Institut de Biotecnologia i de Biomedicina, 2Departamento de Genètica i de Microbiologia, Universitat Autònoma de Barcelona, Bellaterra, Barcelona, 3CIBER en Bioingeniería, Biomateriales y Nanomedicina, Bellaterra, Barcelona, 4Oncogenesis and Antitumor Drug Group, Biomedical Research Institute Sant Pau, Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, Barcelona, Spain; 5Laboratory of Immunology, Regional Norte, Universidad de la Republica, Salto, UruguayBackground: Cell-targeting peptides or proteins are appealing tools in nanomedicine and innovative medicines because they increase the local drug concentration and reduce potential side effects. CXC chemokine receptor 4 (CXCR4 is a cell surface marker associated with several severe human pathologies, including colorectal cancer, for which intracellular targeting agents are currently missing.Results: Four different peptides that bind CXCR4 were tested for their ability to internalize a green fluorescent protein-based reporter nanoparticle into CXCR4+ cells. Among them, only the 18 mer peptide T22, an engineered segment derivative of polyphemusin II from the horseshoe crab, efficiently penetrated target cells via a rapid, receptor-specific endosomal route. This resulted in accumulation of the reporter nanoparticle in a fully fluorescent and stable form in the perinuclear region of the target cells, without toxicity either in cell culture or in an in vivo model of metastatic colorectal cancer.Conclusion: Given the urgent demand for targeting agents in the research, diagnosis, and treatment of CXCR4-linked diseases, including colorectal cancer and human immunodeficiency virus infection, T22 appears to be a promising tag for the intracellular delivery of protein drugs, nanoparticles

  13. Nem doente, nem vítima: o atendimento às "lesões autoprovocadas" nas emergências Neither ill, nor victim: the self-injury in the emergency care

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosana Machin

    2009-12-01

    Full Text Available Este artigo aborda as concepções e práticas de profissionais de saúde relativas aos casos de "lesões autoprovocadas". Problematiza-se o hiato existente entre sua formação profissional baseada no modelo biomédico e suas práticas de trabalho, nas quais estão presentes dimensões não contempladas pela biomedicina. A referência empírica da pesquisa é um hospital público de emergências na cidade de São Paulo. O estudo de natureza qualitativa foi desenvolvido por meio de observação dos atendimentos, consulta a prontuários médicos e entrevistas com profissionais de saúde. A questão que emerge diz respeito ao modelo de inteligibilidade da doença, baseado no corpo como lócus privilegiado do cuidado, e a doença como um evento de caráter fortuito ou acidental. Contrariamente, as situações de lesões autoprovocadas (tentativas de suicídio, abuso de drogas e álcool são abordadas como eventos carregados de intencionalidade, resultantes de uma escolha, de uma opção, o que acarreta a não identificação de seus autores como doentes ou vítimas a demandar cuidados.This paper shows concepts and practices of health professionals regarding cases of self-injury. It is problematized the existent gap between professionals training based in the biomedical model and practices, in which are presented dimension not considered for biomedicine. The empiric reference is a public emergency hospital in the city of São Paulo. The qualitative nature study was developed by observing attendances, consults to medical records and interviews with health professionals. The underlying question is related to intelligibility model of the illness, based in the body as a privileged locus of care, and illness as accidental event. Contradictively, self-injury situations (suicide attempts, drug and alcohol abuse are analyzed as intentionally events, consequence of a choice, implicating no identification of their authors as patients or victims of care.

  14. Doença, cura e serviços de saúde. Representações, práticas e demandas Baníwa Sickness, Healing, and Health Services: social representations, practices, and demands among the Baníwa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luiza Garnelo

    2001-03-01

    Full Text Available A pesquisa foi realizada no Município de São Gabriel da Cachoeira, noroeste amazônico, junto ao povo indígena Baníwa, em parceria com as organizações indígenas, visando compreender a correlação entre a cosmologia do grupo, seu sistema de representações de doença e práticas de cura e sua dinâmica de transformação em situação de contato interétnico. O levantamento dos mitos explicativos da origem da doenças demonstrou a existência de diversas categorias tradicionais de doença que orientam as práticas tradicionais de cura e a incorporação dos saberes biomédicos. A cosmologia Baníwa opera como sistema de acolhimento das informações de biomedicina, que são apropriadas e ressignificadas segundo a lógica do pensamento mítico; estratégias cognitivas similares são utilizadas para a geração das demandas que as lideranças indígenas encaminham aos Conselhos de Saúde e Serviços de Saúde.The research for this paper was conducted in São Gabriel da Cachoeira, in the northwestern Amazon, with the Baníwa indigenous people, in partnership with indigenous organizations, seeking to understand the relations among the group's cosmology, their system of representations of sickness and healing practices, and their transformation through inter-ethnic contact. The recording of myths showed the origin of the diseases and demonstrated the existence of several traditional categories of sickness, guiding traditional healing practices and the incorporation of biomedical knowledge. The Baníwa's cosmology operates like a reception system for biomedical information, which the people grasp according to the logic of mythical thought. Similar cognitive strategies are used to generate the demands that indigenous leaders submit to the Health Councils and Health Services.

  15. Social determinants of health and disease: the role of small-scale projects illustrated by the Koster health project in Sweden and Ametra in Peru Determinantes sociais de saúde e doença: o papel de pequenos projetos em saúde ilustrado pelos projetos Koster na Suécia e Ametra no Peru

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maj-Lis Follér

    1992-09-01

    Full Text Available Two different health projects are evaluated in this paper. The Koster Health project taking place at the Koster Islands in Sweden and the Ametra project going on among the Shipibo-Conibo in Peru. Both projects focus more on the determinants of health than on sickness and more on the individual's subjective feeling of illness than on the biomedically "objectively" recognizable disease. "Mobilization" and "responsibility"for the individual's own health are central concepts in both projects. In the theoretical part of the paper a human ecological perspective is suggested to analyse the interaction between human health and environmental changes. The author emphasizes the importance of interdisciplinary research when evaluating how the external determinants from the natural and social environment affect human beings and health. The human ecological approach is seen as a complement to the biomedical research. Health and disease are two poles in a continuum. In a pluralistic society we should struggle towards the pole of health.Este artigo revê e avalia dois projetos de saúde - o Koster Health Project realizado nas ilhas Koster, Suécia, e o Ametra Project, realizado entre os indígenas Shipibo-Conibo, Peru. Ambos enfocam, principalmente, os determinantes de saúde, ao invés da doença. Os projetos também privilegiam em suas abordagens os sentimentos subjetivos individuais sobre a doença, ao invés de doenças "objetivamente" reconhecidas pela biomedicina. "Mobilização" e "responsabilidade" pela saúde do próprio indivíduo são conceitos centrais em ambos os projetos. O artigo busca na ecologia humana o suporte teórico para analisar a interação entre saúde humana e mudanças ambientais. A autora enfatiza a importância da pesquisa interdisciplinar na avaliação do papel exercido pelos fatores naturais e sociais sobre os seres humanos e a saúde. A abordagem da ecologia humana é vista como complementar à pesquisa biomédica sendo, sa

  16. Racionalidades médicas e integralidade Medical rationalities and integrality

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Charles Dalcanale Tesser

    2008-02-01

    Full Text Available O objetivo deste artigo é discutir aspectos da "integralidade", princípio normativo do SUS, a partir de pesquisas organizadas ao redor da categoria "racionalidade médica" e da epistemologia de Ludwik Fleck. O artigo discute a categoria integralidade, defendendo que a mesma tem distintos significados para doentes e curadores especializados; tem maior relevância e significa uma missão permanente para estes últimos; vincula-se ao relacionamento curador-doente e à eficácia da ação terapêutica. A integralidade constitui um grave problema para a biomedicina, cujo saber esquartejou o doente e centrou sua ação nas "doenças biomédicas". Aí, a integralidade está tanto mais bloqueada quanto mais especializado o ambiente. A atenuação desses bloqueios passa pela periferia dos círculos especializados e pelo trabalho em equipes multidisciplinares, traduzidos no SUS, acertadamente, como prioridade para a atenção primária ou básica. Inversamente, outras racionalidades, como a homeopatia e a medicina tradicional chinesa, comportam um saber/prática facilitador da integralidade nos seus círculos esotéricos e seu desafio, além de sua presença incipiente no SUS, é levar ao mundo de suas práticas, a integralidade de seus círculos esotéricos originais.The purpose of this article is to examine integrality as the ruling principle of Brazil's National Health System (SUS from a comparative perspective, based on works coordinated by LUZ and cols. on the concept of "medical rationality" and also on Fleck's epistemology. Integrality has different meanings according to patients and specialized healers; it is more relevant to the latter, for whom it represents a permanent mission, being linked to the healer patient relationship. Integrality constitutes a difficult problem for biomedicine, whose expertise has torn the patient apart and focused its actions on "biomedical diseases". For this field of medicine, the more specialized the environment

  17. Gestores do SUS: apoio e resistências à Homeopatia Support for and resistance to Homeopathy among managers of the Unified National Health System

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sandra Abrahão Chaim Salles

    2009-01-01

    Full Text Available Este artigo apresenta parte dos resultados de pesquisa que investigou características do movimento de aproximação e afastamento entre homeopatas e médicos da Biomedicina, segundo o ponto de vista dos profissionais não homeopatas. Foram entrevistados 48 profissionais de saúde (docentes, gestores e médicos que trabalham na rede publica. Toma-se para análise apenas os resultados das entrevistas com gestores. Foram usadas como referências as concepções de: campo social e científico de Bourdieu; racionalidades médicas de Madel Luz; arranjos tecnológicos do trabalho em saúde de Mendes-Gonçalves e de identidade profissional de médico de Donnangelo e de Schraiber. Os resultados indicam que o apoio de gestores à presença da Homeopatia no SUS relaciona-se à percepção da demanda social, à defesa do direito de escolha dos usuários e à constatação de tratar-se de uma prática médica que resgata a dimensão humanista da medicina, contribuindo assim para a satisfação do usuário. As dificuldades e resistências apontadas pelos gestores ressaltam que a falta de informações sobre os procedimentos homeopáticos limita as possibilidades de utilização da Homeopatia porque gera insegurança sobre esta medicina.This article presents partial findings from a study on trends towards greater or lesser proximity between homeopathic and allopathic physicians, from the perspective of the latter. Forty-eight health professionals were interviewed (faculty, managers, and physicians working in the public health system. This specific article focused only on the interviews with health system managers. The following concepts were used as references: social and scientific field (Bourdieu; medical rationalities (Madel Luz; technological arrangements in health work (Mendes-Gonçalves; and physician's professional identity (Donnangelo & Schraiber. According to the findings, support by managers for the presence of Homeopathy in the Unified National

  18. Los límites de la Evidencia Científica o idoneidad metodológica en la investigación en Terapias Complementarias The limits of the scientific evidence or Suitability methodological research in Complementary Therapies

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paloma Echevarría Pérez

    2008-12-01

    Full Text Available El artículo forma parte de la tesis doctoral de la autora, titulada "Hacia una medicina integral. Convivencia de los modelos de salud oriental y occidental en España y Japón". Se cuestiona si la legitimación de las Terapias Complementarias pasa por la evidencia científica tal y como la entiende la biomedicina, que reconoce que las TC funcionan, pero no puede aceptar que funcionen si no se somete a los criterios de cientifismo dominantes, y únicamente argumenta el placebo como causa de su éxito. La Medicina o la Enfermería Basada en la Evidencia se han convertido en un nuevo ritual que ha pasado a ser considerado por encima de la persona y de la experiencia clínica personal del profesional. Sin embargo, se requiere de una idoneidad metodológica para unas terapias basadas más en el empirismo que en el positivismo. Se exponen dos propuestas metodológicas mixtas. La Enfermería tomó la evidencia científica como método para afianzarse disciplinalmente, pero debe conocer sus límites, ya que el cuidado enfermero lleva implícita la consideración de cuidado integral y personal. Es necesario investigar sin miedo en las TC o en otros temas relacionados y profundizar en la parte cualitativa y social, sin que ello suponga un menoscabo de su carácter "científico".The article is part of the author's doctoral thesis, entitled "Towards an integrative medicine. Coexistence of eastern and western model health care between Spain and Japan. "It is questioned whether the legitimization of Complementary Therapies goes by the scientific evidence as biomedicine understands, acknowledging that the CT work, but could not agree to work if do not respect the criteria of scientist dominant, and only argues placebo as a cause of its success. Medicine or Nursing Evidence Based has become a new ritual that has come to be seen above the individual and the clinical experience of the professional staff. However, it is required a methodological suitability for

  19. Significados e sentidos de saúde socializados por artefatos culturais: leituras das imagens de advertência nos maços de cigarro Senses and meanings of health socialized by cultural devices: readings of the warning images on cigarettes packs

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rogério Dias Renovato

    2009-10-01

    Full Text Available Neste artigo, analisamos imagens veiculadas nas embalagens de cigarros, que fazem parte das estratégias do Ministério da Saúde no combate ao tabagismo e disponibilizadas pelo Instituto Nacional de Câncer. Tais imagens trazem o discurso oficial de especialistas e constroem narrativas, entendidas como verdades, alicerçadas no conhecimento científico. Apoiamo-nos no referencial teórico dos estudos culturais, pois suas reflexões ajudam a compreender que as subjetividades são social e culturalmente construídas por vários discursos e artefatos. Não negamos o que está representado, mas estabelecemos diálogos com outras possibilidades de leituras que podem estar presentes nestes artefatos. Entendemos essas imagens como pedagogias culturais - que se comportam como textos a serem lidos, construindo representações, as quais podem ser assumidas como efeitos de verdade - e que atribuem ao sujeito a necessidade de controlar constantemente suas ações. Ao reforçar a biomedicina, as instituições de saúde reproduzem uma visão unidimensional e desconsideram a complexidade desse problema. Entendemos que as pedagogias culturais fazem parte de um território de lutas, onde sentidos e significados podem ser reelaborados, produzindo identidades híbridas, que constroem suas matrizes identitárias nesse emaranhado de relações de poder.This article analyzes the images publicized on cigarettes packs that are part of the strategies from the Ministry of Health to combat the tabagism and available from the Cancer National Institute. These images bring the official speech of specialists and build narratives, understood such as truths, based on scientific knowledge. We have supported our thesis on theoretical referential of Cultural Studies, since its reflections help to understand that the subjectiveness is social and culturally built by different speeches and devices. We do not deny what is represented, but we establish dialogues with other

  20. Algumas considerações acerca da medicina estética Some considerations about aesthetic medicine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco Romão Ferreira

    2010-01-01

    Full Text Available Neste artigo, abordaremos alguns aspectos da construção de sentidos acerca do corpo a partir do discurso científico que se moldou com o pensamento moderno e se transformou no pensamento hegemônico de alguns setores da área médica. Ressaltaremos que os sentidos atribuídos ao corpo incorporam questões oriundas de outras áreas da vida social e vão moldar os parâmetros estéticos que influenciam a construção da identidade, a relação com o próprio corpo, a subjetividade e os cuidados com a saúde. Descreveremos alguns momentos dessa construção do pensamento científico moderno, a forma como este pensamento se torna hegemônico, influencia o senso comum, naturaliza a construção da identidade e a forma de lidar com o corpo, interfere nos cuidados com a saúde, expõe uma divisão entre alguns setores da biomedicina, reforça um tipo específico de racionalidade médica e serve de base epistêmica e fundamentação (teórica e discursiva para alguns setores ligados à medicina estética e às cirurgias estéticas.In this article, we will discuss some aspects of the construction of the meanings concerning the body from the scientific speech which was modeled based on modern thinking and became the hegemonic thinking of some sectors of the medical field. Meanings attributed to the body bring questions that come from other areas of the social life and those questions will build the aesthetic parameters which will be part of the identity construction, in the relation with the body itself, subjectivity and healthcare. We will describe some moments of the construction of the modern scientific thought and how this thought became hegemonic, influences the common sense, naturalizes identity construction and how dealing with the body, interferes in the healthcare, show a division among some sectors of the biomedicine, reinforce an specific type of medical rationality and makes an epistemic base and principle (theoretical and discursive to some