WorldWideScience

Sample records for biologica dei prodotti

  1. Volumi di offerta e marketing. Il caso dei prodotti agro-alimentari tipici

    OpenAIRE

    Gervasio Antonelli

    2000-01-01

    Volumi di offerta e marketing. Il caso dei prodotti agro-alimentari tipici (di Gervasio Antonelli) - ABSTRACT: In recent years many studies have pointed out the importance of applying business marketing techniques to firms in the agro-food sector. In the perspective attention was mainly focused on the strategies underlying traditional marketing management approaches. Thus, this paper aims to assess both extent to which marketing is applied, and the way in which it is, by the firms and their...

  2. Il registro dei fertilizzanti per l'agricoltura biologica

    OpenAIRE

    Canali, S.; Riva, F.; M.NATALINI; Sequi, P.

    2002-01-01

    Al fine di fornire agli operatori del comparto agricolo biologico un quadro di riferimento certo ed univoco relativo ai mezzi tecnici per la fertilizzazione ed alle loro possibilità di impiego, nel settembre 1999, il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha emanato la Circolare n. 8 (G.U. della Repubblica Italiana n. 258 del 3 novembre 1999). La Circolare permette alle Ditte/Società che commercializzano sul territorio italiano fertilizzanti per l'agricoltura biologica, di utilizz...

  3. Biological treatment of chemical industry wastewater having toxic components; Degradazione per via biologica di reflui a componenti tossiche prodotti da una industria farmaceutica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fabbricino, M.; Pepe, G. [Naples Univ. Federico 2., Naples (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica ed Ambientale Girolamo Ippolito; Scevola, D. [Novartis Farma SpA, Torre Annunziata, NA (Italy); Fiorillo, S. [Impianto di depurazione di Cuma, Napoli Ovest, Licola di Pozzuoli, NA (Italy)

    2001-09-01

    In order to understand the capacity of an existing biomass to front the variations of wastewater influent characteristics and to evaluate the possibility of toxic components removal using biological processes, it is single out the intervention required to obtain the envisage efficiency of the activated sludge phase, following the arrival of toxic components. Together with experimental results on pilot scale, the performance of the industrial treatment plant is presented too, showing the effectiveness of activated carbon dosage in the biological phase to preserve the efficiency of the process despite of influent wastewater toxicity. [Italian] Il lavoro presenta l'indagine sperimentale condotta per rilevare la capacita' di adattamento della biomassa dell'impianto di depurazione di una industria farmaceutica a seguito della variazione delle caratteristiche del liquame influente, e la possibilita' di degradazione, per via biologica, delle componenti tossiche presenti nel refluo. Attraverso prove in scala pilota vengono evidenziati gli effetti causati dall'arrivo di tali componenti su di un impianto di ossidazione a fanghi attivi a regime, e vengono individuati gli interventi da apportare per garantire il raggiungimento degli standard richiesti nell'effluente. I risultati ottenuti vengono estesi all'impianto a scala reale di cui vengono illustrati i rendimenti depurativi in termini di abbattimento del carico inquinante.

  4. Chemical and biological contamination of fish products; Contaminazione chimica e biologica dei prodotti della pesca. Corso tenuto presso l`Istituto Superiore di Sanita`, Roma, 1-2 giugno 1994

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Stacchini, Angelo [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. Alimenti

    1997-03-01

    The first contribution deals with chemical contaminants, particularly heavy metals and their acceptable daily intake (ADI). The following contributions deals with sanitary measures concerning biological contamination associated with the consumption of seafood, especially shellfish, taking into consideration the epidemiological relevance of some biological contaminants in Italy and Europe. Particular sanitary aspects concerning the presence of enteric viruses in mussels are presented; new molecular biology methodologies and the different techniques for enteroviruses concentration are discussed. Some questions concerning the detection of algal bio toxins are shown, based on the experience recently acquired by the Istituto Superiore di Sanita` about the biological methods. The current chromatographic methods for PSP and DSP biotoxin determination and the most recent developments in chemical methods based on liquid chromatography and mass spectrometric techniques are presented. The last section is devoted to the parasitic contamination of seafood.

  5. State of the art of seafood chemical contamination in the Adriatic sea and risk assessment for the population living along the Italian coast; Stato dell'arte sulla contaminazione chimica dei prodotti ittici nel mare Adriatico e valutazione del rischio per la popolazione residente lungo la costa italiana

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ferrara, F.; Funari, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Rome (Italy). Lab. di Igiene Ambientale

    1999-07-01

    Data on seafood chemical contamination in the Adriatic sea (Italy) from open and grey literature referring to the period 1985-1997 are gathered. In spite of the high number of available data, the risk assessment was possible only few contaminants. Through the comparison of the estimated intakes with the safety doses defined by international organizations, according to a conservative approach, the latter were never exceeded for the general population in the case of aluminium, chromium, copper, mercury, zinc, DDTs, HCBs and HCHs. In the case of strong consumer categories, these doses were sometimes exceeded for arsenic, cadmium, lead and nickel only when the conservative approach was applied but not with the some realistic one. [Italian] Sono presentati i dati della letteratura scientifica aperta e grigia, relativi al periodo 1985-1997, sulla contaminazione chimica dei prodotti ittici del mare Adriatico. Nonostante la notevole mole di dati, la valutazione del rischio e' possibile soltanto per alcuni contaminanti. Confrontando le assunzioni stimate con le dosi ritenute tollerabili da organismi internazionali, applicando un approccio cautelativo, queste ultime non vengono mai superate per la popolazione generale nei casi di alluminio, cromo, mercurio, rame e zinco, DDT, HCB e HCH. Per le categorie dei forti consumatori, applicando l'approccio cautelativo, ma non quello piu' realistico, le dosi di sicurezza vengono talvolta superate nei casi di arsenico, cadmio, nichel e piombo.

  6. Material flow analysis in sugar production for the assessment of residue production; Anche dallo zucchero si producono residui. Analisi dei flussi di materia della produzione dello zucchero per la stima delle quantita' di residui prodotti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Toscano, G. [Ancona Univ., Ancona (Italy). Dipt. di Biotecnologie agrarie ed ambientali

    2001-06-01

    As far as residue disposal is concerned, sugar production represents one of the most interesting processes of agro-industry. In point of fact, the amount of sugar beets processed in one season by a sugar refinery is in the order of hundreds of thousands of tons, while only a little over one tenth of them is made into sugar. As a consequence, the residual mass gives rise to a disposal problem, which represents an essential aspect of the economy of the whole process, which must, among all else, deal with European Union restrictions. During the last few years, in particular, the sector is undergoing a transformation phase due to the reduction of both sugar exports (EU commitment as a result of the 1994 GATT agreement) and financial support to agriculture production. Moreover, the by-products of the process are ever more suffering the competition of other raw materials made available at competitive prices by the international market. It is therefore necessary to find - also for residues of scarce practical interest - alternative outlets able to redress the difficult balance between a correct environmental destination and the reduction of production costs. This article aims at analysing the set of problems, hoping to offer useful elements for the prospective definition of new disposal techniques. The analysis point of reference is a sugar refinery in central Italy, characterised by a productive potential of over 10,000 ton/day of sugar beets. [Italian] La produzione dello zucchero rappresenta uno dei processi dell'industria agroalimentare piu' interessanti in tema di smaltimento dei residui della lavorazione. Di fatto, la quantita' di barbabietole lavorate nel corso della stagione da parte di uno zuccherificio e' dell'ordine delle centinaia di migliaia di tonnellate a stagione e poco piu' di un decimo di questa viene trasformato in zucchero. Per la restante massa residua, sorge quindi il problema dello smaltimento che rappresenta un aspetto

  7. RDF gasification with water vapour: influence of process temperature on yield and products composition; Gassificazione con vapore del CDR: influenza della temperatura di processo su rese e composizione dei prodotti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Galvagno, S.; Casciaro, G.; Russo, A.; Casu, S.; Martino, M.; Portofino, S. [C. R. ENEA Trisaglia, Rotondella (Italy). PROT-STP

    2005-08-01

    -line, per la qualificazione dell'effluente gassoso. I dati sperimentali mostrano che la resa in gas aumenta con la temperatura e che, per quanto riguarda la composizione, il gas si arricchisce in idrogeno a spese principalmente di altri composti gassosi, indicando cosi' una maggiore estensione dei cracking secondari nella frazione gassosa a temperature piu' alte. Il gas ottenuto a temperature di processo uguali o superiori a 950{sup o}C presenta caratteristiche tali da renderlo utilizzabile in celle a combustione; a temperature piu' basse, la composizione del gas ne suggerisce un impiego finale nelle reazioni di sintesi del feedstock recycling. Il basso contenuto di organico nel residuo solido non suggerisce altri utilizzi del char diversi dallo smaltimento in discarica.

  8. Responsabilita' sociale d'impresa e abitudini alimentari: contributo di Coop nella creazione di valore per i cittadini, per il territorio e i prodotti tipici di qualità

    OpenAIRE

    Barducci, Lucia

    2015-01-01

    I cambiamenti e le innovazioni sociali, che hanno caratterizzato il secolo scorso, hanno generato mutamenti significativi nella struttura dei consumi, legati in particolare a una maggiore consapevolezza dei consumatori e allo scoppio della crisi economica. Assume sempre maggiore importanza, all’interno delle politiche di brand management, il ruolo della Responsabilità Sociale d’Impresa, che spinge la Grande Distribuzione Organizzata a proporre prodotti con più alti standard qua...

  9. Analisi dei flussi commerciali dei prodotti ittici tra l'UE e i suoi partner mediterranei

    OpenAIRE

    Spagnolo, Massimo

    2008-01-01

    The purpose of this paper is the analysis of fishery products exchange between the EU and its Mediterranean partners. In order to delineate more clearly the framework of trade in fish products among the Mediterranean countries, EU and non-EU members, countries under analysis (only those with a Mediterranean shore) will be divided into 4 groups: PMM, EU Mediterranean members (France, Greece, Italy, Spain, Cyprus, Malta and Slovenia); PCM, candidate Mediterranean countries (Croatia and Turkey);...

  10. La cartografia storica tratturale per lo studio dei paesaggi della transumanza. Un caso di studio

    OpenAIRE

    Sarno, Emilio

    2014-01-01

    Il contributo focalizza l’importanza delle reintegre e degli atlanti tratturali prodotti presso la Dogana di Foggia, dal XVII al XIX secolo, per l’analisi della rete tratturale e dei paesaggi tipici della transumanza. Infatti, tramite lo studio delle carte, elaborate tra XVIII e XIX secolo e dedicate al Pescasseroli-Candela, si mostra come venissero rappresentati il paesaggio tratturale e la relazione di quest’ultimo con la trama territoriale. Inoltre, è utile la comparazion...

  11. La scelta della misura di rischio nella classificazione dei fondi immobiliari italiani

    OpenAIRE

    Claudio Giannotti; Gianluca Mattarocci

    2010-01-01

    Il mercato immobiliare europeo è cresciuto significativamente negli ultimi anni e la realtà italiana ha dimostrato una crescita dei prodotti disponibili sia per la clientela retail che istituzionale. La grande diffusione presso il pubblico ha evidenziato l’opportunità di definire delle semplici misure di rendimento/rischio di facile comprensione anche per gli investitori con scarse competenze finanziarie. La soluzione solitamente adottata nell’industria del risparmio gestito è rappresentata d...

  12. Analisi dell’attività antimicrobica e antivirale dei prodotti di geni codificanti gli anticorpi

    OpenAIRE

    Sperindè, Martina

    2015-01-01

    Il progetto si è proposto di selezionare peptidi e/o proteine codificati da geni coinvolti nella sintesi degli anticorpi (Ab) che possiedano attività biologiche d’interesse, quali attività antimicrobica ed antivirale, e di indagare il loro possibile meccanismo d’azione. In particolare alcuni peptidi oggetto di studio di lavori precedenti, derivati da differenti frammenti corrispondenti ai CDR (complemetarity determining regions) degli Ab e molti decapeptidi, rappresentanti la regione variabil...

  13. Le dimensioni fiduciarie nell'acquisto dei prodotti biologici: un'analisi esplorativa

    OpenAIRE

    Cristini Guido; Bellini Silvia

    2015-01-01

    Over the last few years, the consumption of organic food products has considerably grown thanks to an increasing attention towards environmental and health issues. While there is a growing literature on consumer behavior, little is known about shopping behavior and the influence of distribution channels in consumers' perception. Considering the increasing in organic foods sales in grocery stores and the growing influence of retailers' strategies on consumers' decision, this paper intends to e...

  14. Controllo della Varroa in apicoltura biologica

    OpenAIRE

    Amsler, Thomas; Schmid, Lukas

    2010-01-01

    Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi per la determinazione dell’infestazione delle colonie d’api da parte dell’acaro varroa destrictor. Descrive i metodi attuabili e l’analisi corretta dei risultati e informazioni concernenti possibili strategie di lotta nell’apicoltura bio svizzera.

  15. Analysis of the organic horticultural market in Lazio; Analisi della filiera ortofrutticola biologica del Lazio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Letardi, A. [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Lumaca, P. [Centro Ecologico di Dimostrazione Agraria, Rome (Italy); Grandi, C.; Dominicis, L. [Centro Ecologico di Dimostrazione Agraria/Associazione Italiana per l' Agricoltura Biologica, Lazio, Rome (Italy)

    2001-07-01

    In 1998 Agriculture and Biotechnology Division of ENEA (BIOAG), Ecological Centre for Extension Service (CEDA), and Italian Association for Biological Agriculture (AIAB) established a research collaboration on the limiting factors that regulate marketing of fresh biological products. Field research was carried out, starting at the end 1998 to 1999, on horticultural production, mainly by means a fellowship in agriculture factors that regulate marketing of fresh biological products. Results and conclusion of the study focuses critical steps regulating productions, transformation and distribution of biological agriculture and could be associated to general situation of this sector in Italy. Moreover attention should be put on the rapid evolution of this sector in the last months, with respect to research time duration, i.e., 1998-1999 years, because of food safety emergencies and legislative innovations issued by European Commission. [Italian] Nel 1998 una lunga collaborazione tra ricercatori della Divisione Biotecnologie ed Agricoltura dell'ENEA, del Ceda (Centro Ecologico di Dimostrazione Agraria) e dell'AIAB (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica), grazie all'apporto finanziario di un imprenditore privato interessato allo sviluppo del settore, produsse un bando di concorso per una borsa di formazione e studio sperimentale per laureato in agraria con specializzato in materie economiche. Grazie a tale borsa e' stata realizzata, tra la fine del 1998 e il 1999, una indagine sulla filiera agroalimentare biologica del Lazio, finalizzata all'analisi dei punti critici che limitavano i segmenti della commercializzazione e della distribuzione del prodotto fresco. Nella discussione su principali problemi per lo sviluppo dell'agricoltura biologica in Italia, ed in particolare nel Lazio, tra i ricercatori delle strutture sopra menzionate era emersa infatti una carenza di dati sperimentali certi che potessero supportare una serie di

  16. Monitoring of pesticides and nitrates on water, soil and agricultural production in the Bracciano lake district; Monitoraggio di pesticidi e nitrati nelle acque, suolo, e prodotti agricoli nel bacino del lago di Bracciano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Caffarelli, V.; Correnti, A. [ENEA, Div. Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Cecchini, G.; Frugis, A.; Segatori, M. [WRc Italia SpA, Gruppo ACEA, Centro di Ricerca e Sviluppo, Rome (Italy); Conte, E.; Milani, R.; Morali, G. [Istituto Sperimentale per la Patologia Vegetale, Rome (Italy); Ciampi, G. [Agenzia Regionale per l' Innovazione e lo Sviluppo in Agricoltura del Lazio, Rome (Italy)

    2001-07-01

    In the Bracciano Lake district, in actuation of the 2081/93 EEC, obj. 5b, a study was carried out, aimed to the realisation of a territorial informative system and supply technical support to the farmers for phyto pathological problems. A monitoring program has been realized for pesticide and nitrate in environmental samples and agricultural products. Five hundred and sixteen samples have been collected and analysed, from march 1999 to October 2000: 191 samples of water (ground and surface water), 20 samples of soil, 340 samples of agricultural products (vegetables and fruit). Pesticides were found in irrigation water and soil samples; the irregularities on agricultural products, 3% could disappear if the treatments are correct and respect the label indications. [Italian] In attuazione del regolamento 2081/93 ECC ob.5 b, nel bacino del lago di Bracciano, e' stato realizzato uno studio mirato alla realizzazione di un sistema informativo territoriale e a fornire un supporto tecnico per la gestione della difesa fitosanitaria della produzione agricola. Una campagna di monitoraggio e' stata realizzata per l'analisi della presenza di pesticidi in campioni ambientali e nei prodotti agricoli. Sono stati prelevati e analizzati 516 campioni nel periodo marzo '99. Ottobre 2000: 191 campioni di acque superficiali e di falda, 20 campioni di suolo, 340 campioni (frutta e vegetali). Pesticidi sono stati ritrovati nelle acque di irrigazione e nel suolo; la presenza di irregolarita' riscontrate nel 3% dei prodotti agricoli, e' da attribuire a un uso non corretto dei prodotti fitosanitari.

  17. Elaborazione dei dati sperimentali

    Science.gov (United States)

    Dapor, M.; Ropele, M.

    L'analisi statistica dei dati sperimentali, la loro elaborazione ed una corretta stima degli errori sono conoscenze necessarie agli studenti di fisica, biologia, chimica, ingegneria e dei corsi di specializzazione tecnico-scientifici in cui a di laboratorio. Chi si occupa di problemi tecnici e di misure, per studio o per lavoro, deve possedere gli strumenti matematici di calcolo e di analisi necessari ad una corretta interpretazione dei dati sperimentali. Il testo fornisce in modo sintetico, chiaro ed esaustivo, tutte le nozioni e le conoscenze utili allo scopo.

  18. Elaborazione dei dati sperimentali

    CERN Document Server

    Dapor, Maurizio

    2005-01-01

    L'analisi statistica dei dati sperimentali, la loro elaborazione ed una corretta stima degli errori sono conoscenze necessarie agli studenti di fisica, biologia, chimica, ingegneria e dei corsi di specializzazione tecnico-scientifici in cui è richiesta pratica di laboratorio. Chi si occupa di problemi tecnici e di misure, per studio o per lavoro, deve possedere gli strumenti matematici di calcolo e di analisi necessari ad una corretta interpretazione dei dati sperimentali. Il testo fornisce in modo sintetico, chiaro ed esaustivo, tutte le nozioni e le conoscenze utili allo scopo. Gli argomenti sono esposti in modo rigoroso ma fluido e vengono introdotti con gradualità. Sono riportati i teoremi e le formule essenziali per una completa comprensione evitando, tuttavia, eccessivi appesantimenti matematici. Il libro è stato pensato per consentire ai docenti di scegliere autonomamente gli esperimenti per l'applicazione delle nozioni studiate.

  19. Sulla consistenza della determinazione dei numeri caratteristici dei flocculi di calcio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    g. godoli

    1959-06-01

    Full Text Available Bai confronto delle medie mensili, semestrali ed annuali dei numericaratteristici dei flocculi di calcio determinati ad Arcetri, Ikomasan, Tokio,si deducono informazioni sulla consistenza delle determinazioni dei numericaratteristici dei flocculi di calcio.

  20. I debiti sovrani dell'area Euro: implicazioni per la gestione e la distribuzione dei prodotti di risparmio

    OpenAIRE

    Nicola Borri; Filippo Russo

    2011-01-01

    I fondi obbligazionari governativi area Euro costituiscono una componente fondamentale del portafoglio Þnanziario delle famiglie italiane. In questa ricerca analizziamo le caratteristiche di questi fondi e la loro performance con particolare attenzione al periodo della crisi del 2007-2009. Fondi con benchmark differenti comportano una diversa esposizione al rischio per gli investitori. Benchmark basati su indici market-cap weighted hanno comportato una variazione dellÕesposizione nei confront...

  1. Gestire gli archivi istituzionali e/o disciplinari dei prodotti della ricerca con PUMA & MetaPub

    OpenAIRE

    Biagioni, Stefania (CNR-ISTI); Carlesi, Carlo

    2007-01-01

    PUMA is a software infrastructure for institutional repositories of technical or scientific documents, developed by the Institute of Information Science and Technologies (ISTI) of the Italian National Research Council (CNR). PUMA has borne on the previous experience of the ERCIM Technical Reference Digital Library. It was developed within the context of the CNR National POLAR Project (http://polarcnr.area.ge.cnr.it/). The CNR Repositories managed by PUMA cover different disciplines (Computer ...

  2. Alchemy as donum dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vladimir Karpenko

    1998-05-01

    Full Text Available The view of alchemy as a gift of God is traced from her origin in the Hellenistic world through the Arabic world to Latin Europe. In the course of this history the attitude towards divine intervention changed; Hermes, the legendary (semidivine founder of this science was not yet expected to intervene into the work of an alchemist. Already in the Hellenistic world alchemy became donum dei; the role of God graduated in the later cultures, and persisted surprisingly long in Latin Europe. Here, God was the decisive force presenting only selected people with his gift, the knowledge of alchemy. Crafts based on chemistry and metallurgy developed simultaneously in the same social and religious environment, but they took quite a different position - free access for people to learn all knowledge. Therefore, alchemy and crafts are to be compared also from the point of view of donum dei.

  3. Alchemy as donum dei

    OpenAIRE

    Vladimir Karpenko

    1998-01-01

    The view of alchemy as a gift of God is traced from her origin in the Hellenistic world through the Arabic world to Latin Europe. In the course of this history the attitude towards divine intervention changed; Hermes, the legendary (semidivine) founder of this science was not yet expected to intervene into the work of an alchemist. Already in the Hellenistic world alchemy became donum dei; the role of God graduated in the later cultures, and persisted surprisingly long in Latin Europe. Here, ...

  4. Il linguaggio dei blogs artistici

    OpenAIRE

    ALLAIS, CATERINA

    2016-01-01

    In questo studio si analizza il linguaggio utilizzato nei blog che si occupano di storia dell'arte, genere diffuso online, tramite un corpus di 54 blogs pubblicati nel 2013. Nell'ambito della linguistica dei corpora, l'analisi permette di ridefinire le tradizionali categorie utilizzate per descrivere i blog, fornisce una descrizione tipologica dei post e dei commenti tramite l'utilizzo di un apposito software, oltre a descrivere il livello di specializzazione del linguaggio. Vengono infine ri...

  5. Measure of exposure of short-lived radon products using an alpha spectrometer for measuring indoor aerosol activity concentration and dose evaluation; Misure di esposizione ai prodotti di decadimento del radon a breve vita tramite uno spettrometro alfa per la misura dell'attivita' del particolato atmosferico indoor e valutazioni dosimetriche

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Berico, M.; Castellani, C.M.; Formignani, M. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy); Mariotti, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy). Dipt. di Fisica

    2001-07-01

    A new italian law introduces the regulation of occupational exposure to radon. To evaluate the inhalation of radon daughters by the workers a sampling device has been assembled with the aim of evaluation of unattached and aerosol attached radon daughters' fractions. The instrument, based on selection of the aerosuspended particles by means of a wire screen type battery and subsequent collection on a total filter, allows to describe the behaviour of both fractions using defined temporal pattern of collecting particles and counting them by alpha spectroscopy. A measurement campaign to test the radon daughter dichotomous spectrometer in comparison with a commercial Radon Working Level meter, has been performed in a research laboratory of central Italy affected by high radon concentrations. The radon concentration during the measurement campaign has been also measured. The equilibrium factor F{sub e}q ad the attachment factor fp have been evaluated during 3 days campaign. Using the measured mean parameters (radon concentration, F{sub e}q, f{sub p}) the dose evaluation for workers using dosimetric approach has been performed. A comparison between the epidemiologic approach, based on the radon concentration, and dosimetric approach is also presented. [Italian] L'esposizione a radon in ambiente lavorativo e la conseguente inalazione dei suoi prodotti di decadimento in forma particolata e' oggetto di una recente normativa italiana in materia di protezione dalle radiazioni ionizzanti. Per rispondere a questa necessita', presso l'Istituto per la Radioprotezione dell'ENEA di Bologna e' stato progettato e realizzato uno spettrometro alfa per la misura della progenie del radon con la finalita' di valutare, su brevi periodi di tempo, la concentrazione individuale dei suoi prodotti di decadimento e, con l'impiego di batterie a diffusione a reti, consentire inoltre la discriminazione della concentrazione della frazione attaccata e non

  6. Studio fitochimico e attività biologica di piante spontanee della Sardegna

    OpenAIRE

    Usai, Marianna; Foddai, Marzia; Juliano, Claudia Clelia Assunta; Marchetti, Mauro; Delogu, Giovanna; Azara, Emanuela; Sechi, Barbara

    2005-01-01

    Da decenni il nostro gruppo si interessa allo studio delle piante della Sardegna [...]. Le ricerche del nostro gruppo da sempre si sono incentrate sulla caratterizzazione fitochimica e attività biologica degli estratti delle piante che crescono in Sardegna prevalentemente allo stato spontaneo. Numerose sono le specie che sono state investigate e tra queste, nell'ultimo periodo sono state prese in considerazione: Thymus herba-barona Loisel, Thymus capitatus (L) Hoffmanns et Link, Salvia des...

  7. Prodotti della tradizione e contenuto di amine biogene alternative alla Low tyramine diet per la sostenibilità dei prodotti di nicchia e la salubrità del consumatore

    OpenAIRE

    Giovanna Suzzi; Rosanna Tofalo; Maria Schirone

    2011-01-01

    Biogenic amines (BA) are present in a wide range of foods and mainly can be produced in high amounts by microorganisms through the activity of amino acid decarboxylases. Excessive consumption of foods with large concentrations of these compounds can induce adverse reactions such as nausea, headaches, rashes and changes in blood pressure. These problems are more severe in consumers with less efficient detoxification systems because of their genetic constitution or their medical treatments. The...

  8. Prodotti della tradizione e contenuto di amine biogene alternative alla Low tyramine diet per la sostenibilità dei prodotti di nicchia e la salubrità del consumatore

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna Suzzi

    2011-09-01

    Full Text Available Biogenic amines (BA are present in a wide range of foods and mainly can be produced in high amounts by microorganisms through the activity of amino acid decarboxylases. Excessive consumption of foods with large concentrations of these compounds can induce adverse reactions such as nausea, headaches, rashes and changes in blood pressure. These problems are more severe in consumers with less efficient detoxification systems because of their genetic constitution or their medical treatments. The most common and powerful BA found in foods are histamine, tyramine and putrescine. Actually, there is no specific legislation regarding BA content in many fermented products, except for histamine; it is the only BA for which maximum levels in fish products have been set. So, it is generally assumed that these compounds should not be allowed to accumulate. Many factors such as bacterial density, synergistic effects between microorganisms, level of proteolysis (availability of substrate, pH, salt, use of starter cultures, sanitization procedures adopted and conditions and time of ripening process are found to have limiting effects on the build-up of amines. Moreover, improved knowledge of the factors involved in the synthesis and accumulation of BA should lead to reduce in their incidence in foods.

  9. Contabilit? dei CDR - Procedura web per la gestione della contabilit? dei Centri Di Responsabilit? - Manuale utente

    OpenAIRE

    Ceccarelli, Alfredo; Diciotti, Roberta

    2004-01-01

    Lo sviluppo di una procedura web per la gestione della 'Contabilit? dei Centri di Responsabilit?' si ? resa necessaria in seguito al nuovo sistema di contabilit? adottato dal CNR e al conseguente nuovo assetto organizzativo dell'Istituto. La procedura di 'Contabilit? dei CDR' permette di gestire i budget delle Linee di Attivit? (LDA) dei CDR attraverso la registrazione degli accertamenti di entrata e la registrazione delle spese; fornisce consuntivi sempre aggiornati sulla situazione dei fondi.

  10. La documentazione dei Beni Culturali

    OpenAIRE

    Cristiana Bartolomei

    2010-01-01

    Le parole cardine per il futuro del patrimonio architettonico sono luogo, rete, memoria, identità, fruizione e comunicazione. Le principali istituzioni culturali si occupano di creare e gestire cataloghi del patrimonio culturale che oggi diventano sovente archivi consultabili attraverso la rete. Dal punto di vista strategico la documentazione dei beni culturali deve costruire la base operativa e strumentale per valorizzare le banche dati esistenti, rendendole visibili al grande pubblico, fac...

  11. Artisti dei laghi in Bohemia

    Czech Academy of Sciences Publication Activity Database

    Krummholz, Martin

    Warszawa: Instytut Historii Sztuki Uniwersytetu Warszawskiego, 2015 - (Sulewska, R.; Smolinski, M.), s. 131-142 ISBN 978-83-63580-58-2. [Artyści znad jezior lombardzkich w nowożytnej Europie / Artisti dei laghi lombardi nell’Europa moderna. Wilanow (PL), 03.04.2014-04.04.2014] Institutional support: RVO:68378033 Keywords : Lago di Lugano * plasterwork * architecture * Antonio Brocco * Santino Bussi * early modern period * Aostalli Subject RIV: AL - Art, Architecture, Cultural Heritage

  12. Nuove dinamiche nel commercio dei prodotti agroalimentari: resistenze all’adozione dell’e-commerce nelle relazioni business-to-business

    OpenAIRE

    Pignatti, Erika; Spadoni, Roberta; Canavari, Maurizio

    2008-01-01

    Since some decades, agrifood products exchanges can be carried on using Information and Communication Technology (ICT) tools. Anyway, their adoption in the agrifood sector appears to be hindered, both because of consolidated dynamics in developing B2B transactions, and of the peculiarities of the agrifood products themselves. The lack of direct relationships between partners heighten problems connected with food safety assessments, and with the definition of standardized production practices ...

  13. Global approach to ecological qualification of industrial products: Leather industry case-study; La qualificazione ecologica dei prodotti industriali: il case-study della produzione conciaria

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Grasso, G. [Ministero degli Affari Esteri, Rome (Italy); Bufalo, G. [Potenza Univ. (Italy). Facolta di Agraria; Manzo, G. [Salerno Univ. (Italy). Facolta di Economia e Commercio

    1994-09-01

    This paper deals with both economic and technical points of view of the arising question of ecological normalization of industrial products, for instance via informative quality marks. This is accomplished introducing adequate definitions of terms and specifications of objectives, based on such ecological criteria as global life-cycle of the product (`from cradle to grave`) and energy and matter complete process balance. In order to explain a concrete analysis of similar labelling and computing procedures, the specific case-study of environmental impact of leather goods was faced up. Regulation and deregulation measures of public policy concerning the environmental questions are also discussed, some emphasis doing on the normalization tools as ecolabel and ecoaudits. Finally economic analysis of ecological products is performed, involving concepts as ecological value, net added value, utilization value and ecological premium-price. Environmental factory costs for pollution control are so firstly changed in ecological quality characteristics and next in competitive market opportunities.

  14. Principle of diffraction enhanced imaging(DEI) and computed tomography based on DEI method

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    2006-01-01

    In the first part of this article a more general DEI equation was derived using simple concepts. Not only does the new DEI equation explain all the problems that can be done by the DEI equation proposed by Chapman, but also explains the problem that can not be explained with the old DEI equation, such as the noise background caused by the small angle scattering reflected by the analyzer. In the second part, a DEI-PI-CT formula has been proposed and the contour contrast caused by the extinction of refraction beam has been qualitatively explained, and then based on the work of Ando's group two formulae of refraction CT with DEI method has been proposed. Combining one refraction CT formula proposed by Dilmanian with the two refraction CT formulae proposed by us, the whole framework of CT algorithm can be made to reconstruct three components of the gradient of refractive index.

  15. Progetto Roost Chirotteri Piemonte - Valle d'Aosta. Primo censimento dei siti e priorità di conservazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo De Bernardi

    2003-10-01

    Full Text Available Secondo la metodologia del Progetto Roost Chirotteri Italia, coordinato a livello nazionale dal GIRC, sono stati archiviati tutti i dati disponibili (pubblicati o inediti, raccolti da 24 rilevatori circa i siti di rifugio utilizzati da Chirotteri in Piemonte e Valle d'Aosta a partire dal 1990. Risultano segnalati 193 roost, complessivamente utilizzati da almeno 17 specie, ai fini di: svernamento (57 siti, il 66,7% dei quali rappresentati da grotte e il 24,6% da miniere e bunker, parto e dell'allevamento della prole (63 siti, il 96,8% dei quali all'interno di edifici, riposo diurno o altra funzione biologica non accertata (88 siti. Nel 73,7% dei roost di svernamento è segnalata un'unica specie e nel 15,8% di essi sono state rilevate due specie, ma sono noti anche casi (singoli di roost ospitanti almeno 5, 6 e 7 diverse specie ibernanti. Il numero di esemplari segnalati risulta prevalentemente compreso negli intervalli 1-3 (66,7 % dei casi e 4-10 (14,0%. Solo 3 siti, coincidenti con quelli caratterizzati da maggior ricchezza di specie, presentano più di 50 esemplari ibernanti. In 2 di essi va sottolineata la presenza rispettivamente di 388 esemplari di Rhinolophus hipposideros e 76 esemplari di Barbastella barbastellus, pari all'85,5% e all'83,5% dei totali degli esemplari di tali specie censiti in ibernazione nelle due regioni. Allo stato attuale delle conoscenze tali siti rappresentano i più importanti roost di svernamento delle due specie noti in Italia. Fra le colonie riproduttive si evidenzia la rilevanza, per lo meno a livello regionale, di quelle di Rhinolophus ferrumequinum (un'unica colonia nota con 86 esemplari censiti prima dei parti e 127 esemplari dopo i parti, R. hipposideros (un'unica colonia nota con 19 esemplari censiti in agosto, Myotis capaccinii (un'unica colonia nota con 720 esemplari prima dei parti, M. emarginatus (6 colonie note; consistenza massima accertata in una

  16. Profili critici di tassazione dei redditi di capitale e dei fondi di investimento

    OpenAIRE

    Adriano Benazzi; Pier Luigi Marchini

    2010-01-01

    La tassazione del risparmio gestito e, più in generale, dei redditi di capitale, rappresenta da sempre una delle questioni più rilevanti, critiche e complesse. Ciò sia per le implicazioni economico-scientifiche connesse al sistema di tassazione dei cosiddetti "redditi finanziari", sia per l’eterogeneità e mutevolezza delle forme di impiego del capitale e di "generazione" dei suoi frutti economici, sia in conseguenza delle possibili problematiche di asimmetria di trattamento e di potenziale in...

  17. Il bizzarro mondo dei quanti

    CERN Document Server

    Camejo, Silvia Arroyo

    2008-01-01

    Scritto prima dell'esame di maturità da una giovane di eccezionale talento, questo libro colma il vuoto esistente tra la letteratura divulgativa sulla fisica quantistica, che normalmente evita ogni formula matematica, e la letteratura specialistica, ben farcita, invece, di matematica avanzata. L'autrice, appena diciannovenne, con l'ausilio della sola matematica della scuola superiore, introduce il lettore ai principi della fisica dei quanti. Se ne ricava uno sguardo profondo sul microcosmo, il regno affascinante delle particelle elementari: oggetti il cui comportamento si distingue in modo drastico e fondamentale da tutto ciò a cui è avvezzo il nostro umano buonsenso. "Un libro... che avrei desiderato avere a 17 anni". Silvia Arroyo Camejo "In modo assolutamente preciso dal punto di vista fisico, l'autrice spiega con grande passione e divertimento i fondamenti della moderna fisica quantistica ... " Prof. Reinhold A. Bertlmann "Un libro stupefacente di un'autrice straordinaria! Si avverte il suo entusiasmo ...

  18. Prosumer e star dei videogiochi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Frazzetto

    2012-03-01

    Full Text Available Su molti server di World of Warcraft ci sono toon (“personaggi” pilotati dal giocatore “famosi”. Il caso più significativo è quello di Kungen (cioè “re”, toon del giocatore svedese Thomas Bengtsson, leader prima dei Nihilum poi di un’altra celebre gilda, Ensidia. Questa peculiare fama settoriale è certamente legata alla struttura degli MMORPG, al loro essere basati su una specifica forma di socializzazione. Tuttavia ci si potrebbe chiedere: il giocatore capace di guidare un suo toon fino alla “celebrità” è un “produttore”? Un prosumer? Certo, non è “produttore” del software. Qui è in questione qualcosa di molto diverso.

  19. Il migliore dei mondi possibili

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Borruso

    2012-09-01

    Full Text Available Negli ultimi anni l’evoluzione delle tecniche applicate  all’informazione geografica ha raggiunto dei livelli impensabilisino a pochi anni or sono. Mai come oggi la disponibilità di dati, programmi, procedure e metodi di analisi sono staticosì ampiamente alla portata di tutti. Non più solo gli addetti ai lavori sono in grado di parlare di questi argomenti e diprodurre Informazione Geografica, ma anche i cosiddetti neogeografi.AbstractThe best of all worldsIn recent years the evolution of techniquesapplied to geographic informationreached levels unthinkablea few years ago. Never as today theavailability of data, programs, proceduresand methods of analysis havebeen so widely available to everyone.No longer just the experts are able totalk about these issues and producegeographic information, but also socalled"neogeographers".

  20. La documentazione dei Beni Culturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristiana Bartolomei

    2010-12-01

    Full Text Available Le parole cardine per il futuro del patrimonio architettonico sono luogo, rete, memoria, identità, fruizione e comunicazione. Le principali istituzioni culturali si occupano di creare e gestire cataloghi del patrimonio culturale che oggi diventano sovente archivi consultabili attraverso la rete. Dal punto di vista strategico la documentazione dei beni culturali deve costruire la base operativa e strumentale per valorizzare le banche dati esistenti, rendendole visibili al grande pubblico, facendole interoperare in modo flessibile attraverso la costruzione di archivi informativi multimediali in grado di fornire una fruizione consapevole e strutturata delle varie informazioni disponibili. Gli archivi informativi sono infatti lo strumento che consente di visualizzare sulla mappa i dati della catalogazione e di estrarre le informazioni contenute nelle schede di ciascun bene architettonico. Dalla mappa, infatti, si accede direttamente agli archivi alfanumerici e geografici rendendo fattivamente utilizzabili, a tutti gli utenti, i dati archiviati. Documentare la posizione, la natura e la qualità di tutte le risorse culturali, attraverso una cultura basata su un GIS permette anche di fornire informazioni che possono essere utilizzate per supportare i processi decisionali.

  1. Properties and processing technologies of polymers for medical devices; Proprieta' e tecnologie di lavorazione dei polimeri utilizzati nei dispositivi medici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Salernitano, E. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2000-07-01

    ortopedia, in chirurgia cardiovascolare ed in odontoiatria. Le prestazioni dei materiali utilizzati in campo medico sono valutate analizzandone le caratteristiche di biofunzionalita' e biocompatibilita'. Tali concetti sono strettamente collegati: la biofunzionalita' si riferice alle proprieta' che un dispositivo deve avere per realizzare una certa funzione dal punto di vista fisico e meccanico, mentre la biocompatibilita' alla capacita' del dispositivo di continuare a svolgere quella determinata funzione, nel o sul corpo, durante tutta la vita utile dell'impianto che puo' anche essere permanente. I numerosi metodi di trasformazione e le differenti tecniche di lavorazione dei materiali polimerici consentono di ottenere dei prodotti che soddisfano diverse proprieta' fisico-chimiche e meccaniche, come la stabilita' chimica e fisica, la biocompatibilita', la possibilita' di subire processi di sterilizzazione, il controllo della permeabilita' a gas e umidita', il controllo dei processi di biodegradazione, la resistenza all'usura ed ai carichi ciclici, la durezza. Gran parte della ricerca sara' mirata al miglioramento dell'affidabilita' e della durata dei biomateriali gia' impiegati attualmente grazie alle loro caratteristiche di biofunzionalita' e biocompatibilita'. Gli sviluppi piu' attesi nel campo dei dispositivi medici sono relativi alla produzione di organi bioartificiali, in cui i biomateriali facciano da supporto per la crescita cellulare tridimensionale, utilizzando le competenze dell'ingegneria tissutale.

  2. Vaccinazione antinfluenzale nella ASL RMF della Regione Lazio: verifica dei risultati e dei costi sostenuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Di Marzio

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la vaccinazione antinfluenzale nella
    Regione Lazio dalla campagna 1999-2000 viene
    condotta sulla base di un protocollo regionale che,
    per favorire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti
    dal Piano Sanitario Nazionale, coinvolge i
    Medici di Medicina Generale (MMG prevedendo
    una remunerazione aggiuntiva in parte fissa (a prestazione, in parte variabile (condizionata dal risultato
    del singolo medico e della ASL.
    Gli autori si propongono una verifica dei risultati raggiunti e dei costi sostenuti dall’ultima campagna eseguita con sole risorse aziendali del 1998-99 a quella del 2002-03.

    Metodi: il protocollo regionale prevede la raccolta
    delle informazioni per ciascun vaccinato presente
    nell’anagrafe informatizzata degli assistiti aziendali
    e ciò consente la valutazione delle coperture vaccinali
    aziendale e per ciascun MMG.
    Parallelamente sono considerati costi dei vaccini
    acquistati e retribuzione aggiuntiva dei MMG.

    Risultati: esaminati gli archivi dal 1998-99 al 2002-
    03, emerge il progressivo coinvolgimento dei MMG fino al recente 97%, l’aumento inequivocabile delle dosi di vaccino somministrate (da 9.406 a 36.692 e del tasso di copertura negli anziani (dal 24,2% al 66%. Invece la percentuale dei vaccini somministrati ai ›65 diminuisce dal 85,47% al 71,77% ed aumenta a favore dei più giovani così da risultare coperture negli ultrasessantacinquenni inferiori alle attese.Con gli anni l’integrazione dell’esperienza del servizio e dei MMG ha favorito un più oculato approvvigionamento
    con diminuzione degli sprechi passando dal 15,56% nel 2000-01 all’attuale 4,45%, ma contestualmente i costi risultano decuplicati (da 90 a 938 milioni di lire per maggior numero di dosi somministrate e costo delle prestazioni dei MMG

  3. Radio frequency and electromagnetic fields exposure, health risk; Esposizione dell'uomo ai campi elettromagnetici prodotti dai sistemi di telefonia cellulare

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bernardi, P.; Cavagnaro, P.; Pisa, S.; Piuzzi, E. [Rome Unvi. (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettronica

    1999-08-01

    Health risk for humane exposure at electromagnetic field generate from mobile telephones is very particular. In this work are presented the most important results of research. [Italian] La protezione dell'uomo dall'esposizione di campi elettromagnetici prodotti dai sistemi di telefonia mobile presenta caratteristiche del tutto particolari. Bisogna infatti considerare un duplice apetto: da un lato l'esposizione della popolazione ai campi prodotti dalle antenne trasmittenti delle stazioni radio base e, dall'altro, l'esposizione del singolo utente all'apparato portatile. Insieme all'esame di tali problemi, in questo lavoro vengono presentati i risultati piu' significativi delle ricerche fino ad oggi sviluppate per fornire una base razionale alle normative di protezione e si accenna all'attuale evoluzione della ricerca nel campo.

  4. Dei delitti, delle pene e delle dignit??

    OpenAIRE

    Luigi Vessella

    2014-01-01

    L'articolo affronta il tema del rispetto della dignit?? nei luoghi di detenzione, sia rispetto agli specifici regimi penitenziari che vengono messi in atto nelle strutture carcerarie, sia rispetto agli spazi a disposizione dei detenuti per lo svolgimento delle pi?? comuni attivit?? giornaliere.

  5. The Grotta dei Cervi (Otranto – Lecce

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elettra Ingravallo

    2007-12-01

    Full Text Available Warburg (1988 offers an interesting interpretative approach to the images of Grotta dei Cervi by the notion of the concept of ‘survival’. We can read them as the images of memory which acquire other meanings every time they are brought back to the present flow.

  6. The "Casa dei Bambini": A Century Concept.

    Science.gov (United States)

    Hall, Elizabeth

    2000-01-01

    Reviews the early history of Montessori education from the Italian State Orthophrenic School to the opening of the original Casa dei Bambini in San Lorenzo, Italy on January 6, 1907. Includes a synopsis of Maria Montessori's progressive revelations of the child's developing self over the past century. (JPB)

  7. Le asimmetrie regolamentari nell’industria dei fondi comuni aperti

    OpenAIRE

    Beatrice Ronchini

    2010-01-01

    L’obiettivo di livellare il terreno competitivo tra gli operatori europei del risparmio gestito non sembra ancora pienamente raggiunto. Nei diversi paesi permangono infatti alcune residue divergenze - nelle modalità di recepimento e di interpretazione delle normative comunitarie, nelle prassi di vigilanza, nei regimi sanzionatori, nella regolamentazione settoriale - tali da penalizzare potenzialmente gli operatori e i prodotti sottoposti alla disciplina più stringente. Il presente contributo ...

  8. Una rara voce friulana nella terminologia dei “cestai”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovan Battista Pellegrini

    2015-10-01

    Full Text Available E'ben noto che in Friuli - come in altre aree italiane, specie alpine - la professione del "cestaio" era molto prati cata; esse è in parte ancora diffuse specie nell'area "bisiac­ca" in provincial di Gorizia ad Est dell'Isonzo. E'ovvio che i cestai utilizzano una terminologia speciale che non mi ri­sulta sia stata ancora studiata a fondo, tanto per i loro vari prodotti, quanto per le fasi di lavorazione.

  9. Isolamento, caratterizzazione strutturale e valutazione dell'attività biologica di metaboliti secondari di origine vegetale

    OpenAIRE

    Incollingo, Filomena

    2011-01-01

    La tematica di ricerca di questo dottorato si inserisce nell’ambito della chimica delle sostanze naturali. In particolare l’attenzione si è soffermata alle piante officinali e alle piante impiegate nella medicina popolare e alla purificazione e all’isolamento dei metaboliti secondari presenti in maggiore quantità attraverso tecniche cromatografiche quali: cromatografia su colonna, cromatografia su strato sottile, HPLC (high pressure liquid chromatography), DCCC (cromatografia liquida in cont...

  10. Potential of polymeric materials for packaging; L'impiego dei materiali polimerici nell'imballaggio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lanchi, M. [ENEA, Divisione Nuovi Materiali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    'ambito della produzione, l'industria italiana del packaging si colloca tra i settori piu' efficienti e competitivi. Per quanto riguarda i campi di utilizzo, la destinazione degli imballaggi e' principalmente verso il settore alimentare, che da solo copre una quota di circa il 42%, mentre, considerando anche il comparto delle bevande, tale quota sale al 65%. Le materie plastiche vengono largamente impiegate in questo settore, grazie alla proprieta' molto diversificate: leggerezza, inerzia e resistenza alla corrosione, facile formabilita', buona trasparenza, capacita' di attenuazione delle vibrazioni meccaniche e sonore, elevata conservabilita' nel tempo, elevate caratteristiche dielettriche, ecc. I numerosi metodi di trasformazione attualmente in uso e le diverse tecniche di lavorazione dei materiali polimerici consentono di ottenere i prodotti estremamente variegati. Restringendo il campo di interesse al settore agroalimentare, fortemente sviluppato nel sud-italia, si possono individuare numerose prospettive di crescita per i polimeri utilizzati nell'imballaggio: sviluppo di films polimerici a bassa permeabilita' e ad alta selettivita'; sviluppo della tecnologia dell'atmosfera modificata; sviluppo di films polimerici attivi quali i films antimicrobici o i films trasferitori di odore e di colore. Altra linea di ricerca promettente e' lo sviluppo di imballaggi in plastica ecocompatibili mediante la produzione di materiali ad alte prestazioni specifiche che riducano i volumi dei rifiuti e agevolino le operazioni di smaltimento, e/o la realizzazione di confezioni alimentari in materiale il piu' possibile biodegradabile, attraverso il ricorso a blend di plastiche e polimeri bioderivati.

  11. Il Garante e la protezione dei dati personali

    OpenAIRE

    Carlesi, Carlo

    2006-01-01

    Presentazione PowerPoint, svolta come parte del tema: Sicurezza dei dati e applicazione del 'Codice in materia di protezione dei dati personali', nell'ambito del corso di formazione 'STeP: Sicurezza Tutela e Privacy'. Obiettivo della presentazione, illustrare le principali attivit? svolte dal 'Garante per la protezione dei dati personali' in qualit? di autorit? indipendente istituita con la legge n.675 del 1996, detta anche legge sulla 'Privacy'.

  12. The study of urban systems by indicators. State of the art and implementation problems; Lo studio dei sistemi urbani attraverso indicatori. Stato dell'arte e problematiche operative

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Del Ciello, R.; Napoleoni, S. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy)

    2001-07-01

    The purpose of this work is to define the state of the art about the problem of the indicators and their capability in reading and foreseeing the urban complexity. Therefore, the theoretical elaborations and the suggestions developed in the report try to convert the different contributions in the Italian and international literature in a frame-work, focusing on those arguments which assume a key role in the study of the urban areas: (a) the problematic definition of the administrative, physics and functional boarders of the cities; (b) the selection of the indicators that describe the urban areas; (c) the description and quality of life and of environment quality in the cities; (d) the sustainability in urban areas. [Italian] Il lavoro si propone di delineare lo stato dell'arte sul problema degli indicatori e sulla loro capacita' di leggere e prevedere la complessita' urbana. Le elaborazioni teoriche e i suggerimenti metodologici sviluppati nel rapporto tentano dunque di tradurre in protocolli di lavoro i diversi contributi prodotti negli ultimi anni nella letteratura italiana e internazionale concentrando in particolare l'attenzione su quei temi che all'interno dello studio dei sistemi urbani assumono un ruolo chiave: (a) la problematica definizione dei confini amministrativi, fisici e funzionali delle citta'; (b) la selezione degli indicatori che descrivono con piu' efficacia il sistema urbano; (c) le dimensioni e la misura della qualita' della vita e dell'ambiente nelle citta'; (d) la sostenibilita' all'interno dei sistemi urbani.

  13. Quelle dei pupi sono vere storie

    OpenAIRE

    Di Vita, Vincenza

    2015-01-01

    Quelle dei pupi erano belle storie. Vita nell’arte di Pina Patti Cuticchio è un libro dedicato alla figura dell’artista, pittrice e costumista, «madre e moglie dentro una famiglia d’arte in cui comanda il teatro, determinando tempi e spazi, gerarchie e relazioni, emozioni, sentimenti e pensieri, in un particolare equilibrio fra sfera intima e sfera pubblica». La configurazione del libro di Mariani in quattro capitoli suggerisce la partizione della tela, strumento essenziale, fedele compagno d...

  14. Elementi di management dei programmi spaziali

    CERN Document Server

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  15. TUTELA DEI DIRITTI INDIVIDUALI NELL'AMBITO DEI NUOVI MOVIMENTI RELIGIOSI

    OpenAIRE

    Fabbrocini, Giuseppina

    2011-01-01

    LO STUDIO SI PROPONE DI ANALIZZARE I PROBLEMI CONNESSI ALLA MANCANZA DI DEFINIZIONE GIURIDICHE DI ALCUNI CONCETTI CHIAVE DEL DIRITTO ECCLESIASTICO, COME QUELLI DI CONFESSIONE RELIGIOSA, MOVIMENTO RELIGIOSO E SETTA. SI CERCA, INOLTRE DI EVIDENZIARE I PROLEMI LEGATI ALLA TUTELA DEI DIRITTI GARANTITA AI CITTADINI, NELL'AMBITO DELLE FORMAZIONI RELIGIOSI, SOFFERMANDOSI IN PARTICOLARE SUI RISCHI CHE ALCUNI MOVIMENTI E ALCUNE SETTE COSTITUISCONO PER I CITTADIUNI, RIFERENDOSI SPECIFICATAMENTE AL F...

  16. L’IMPATTO DEI FONDI STRUTTURALI IN ITALIA

    OpenAIRE

    Francesco Aiello; Valeria Pupo

    2009-01-01

    Questo saggio si inserisce nel dibattito sull’efficacia della politica di coesione dell’Unione Europea e presenta un’analisi sugli effetti dei Fondi strutturali sulla crescita delle regioni italiane dal 1980 al 2007. Un’attenzione particolare è riservata al ruolo che gli aspetti istituzionali hanno nel determinare l’impatto dei fondi. Se da un lato si evidenzia che la distribuzione dei fondi è coerente con i criteri di attribuzione di maggiori risorse alle regioni a ritardo di sviluppo, dall’...

  17. Traduire Dei delitti e delle pene

    OpenAIRE

    Audegean, Philippe

    2015-01-01

    L’auteur de cet article revient sur sa traduction française de Dei delitti e delle pene de Beccaria, publiée en 2009 sous le titre Des délits et des peines puis révisée et republiée en collection de poche en 2014. Il rappelle et discute ses deux principaux objectifs : 1) faire percevoir la distance d’un texte pourtant réputé « moderne » et « encore actuel » ; 2) se montrer le plus fidèle possible à la terminologie et à la conceptualité de Beccaria, en dépit des effets de polysémie qui obscurc...

  18. Per una lettura della cultura funeraria dell'Egitto greco-romano: la tradizione dei papiri del Libro dei Morti

    OpenAIRE

    Lucarelli, Rita

    2008-01-01

    Nel III e IV secolo d.C. in Egitto la religione indigena e la produzione di papiri redatti in egiziano continuò come forma di resistenza religiosa: in tale frangente storico e culturale, continua a riprodursi, in geroglifico e nelle sue varianti corsive (ieratico e demotico) la tradizione papiracea funeraria locale dei papiri del Libro dei Morti, in voga fin dalla seconda metà del II millennio a.C. Da una selezione di papiri funerari relativi alla tradizione del Libro dei Morti e ai suoi svil...

  19. Idraulica dei sistemi fognari dalla teoria alla pratica

    CERN Document Server

    Gisonni, Corrado

    2012-01-01

    La progettazione dei sistemi fognari e dei manufatti in essi presenti richiede un’attenta conoscenza delle leggi che regolano i fenomeni idraulici, con particolare riferimento alle correnti idriche a superficie libera. Partendo dalle nozioni fondamentali dell’Idraulica, il testo intende colmare alcune importanti lacune che ancora caratterizzano la letteratura italiana nel settore e che spesso sono alla base di errori progettuali, con ovvie conseguenze sulla sicurezza dei centri abitati (come testimoniato dai frequenti fenomeni di allagamento che sono stati registrati negli ultimi anni). Il libro è rivolto agli allievi dei corsi di studio nel settore dell’ingegneria Civile ed Ambientale. Particolare interesse è rivolto ai professionisti operanti nel settore della ingegneria idraulica e della pianificazione urbana, per i quali è forte l’esigenza di testi che contengano indicazioni di carattere sia teorico sia pratico, finalizzate alla progettazione di sistemi di drenaggio nei centri abitati.

  20. Some comments on the discussion at the Accademia dei Lincei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Ginzburg

    2014-03-01

    Full Text Available Concluding remarks. Published in Giovanni Tarantino (ed., “Our words, and theirs:” A conversation with Carlo Ginzburg on the historian’s craft, Cromohs 18 (2013 [Selected papers from the first edition of IinteR-La+b (the International Interdisciplinary Research Laboratory of the Accademia Nazionale dei Lincei, the Swiss Academies of Arts and Sciences and the Balzan Foundation held in Rome, at the Accademia Nazionale dei Lincei, 12–13 November 2012.

  1. Contributi della Geomatica nella salvaguardia e gestione dei Beni Culturali

    OpenAIRE

    Mannina, Marcella

    2012-01-01

    Il territorio italiano presenta una grandissima ricchezza nel campo dei Beni Culturali, sia mobili che immobili; si tratta di un patrimonio di grande importanza che va gestito e tutelato nel migliore dei modi e con strumenti adeguati, anche in relazione ai problemi ad esso legati in termini di manutenzione e di salvaguardia dai fattori di rischio a cui può essere esposto. Per una buona conoscenza del Patrimonio Culturale, è fondamentale un’acquisizione preliminare di informazioni condotte in ...

  2. Storia dei metodi e delle tecniche costruttive dei ponti a cassone in c.a.p.: l’inizio

    OpenAIRE

    Guastini, Carlo; Morano, Salvatore Giacomo; Spinelli, Paolo

    2012-01-01

    Vengono descritte le principali tecniche costruttive di ponti a cassone in cemento armato precompresso. Analizzando i caratteri evolutivi dei ponti a cassone in c.a.p.: lo schema statico, la forma strutturale, la geometria e le proporzioni definite, le caratteristiche dei materiali impiegati, risulta naturale occuparsi delle tecniche costruttive utilizzate. Infatti, bisogna considerare che tali tecniche, strettamente connesse e determinanti per l’affermazione della tipologia di po...

  3. Le tecniche AMS e IBA del CEDAD per lo studio dei Beni Culturali, Ambientali e per la Scienza dei Materiali

    OpenAIRE

    Lucio Calcagnile

    2011-01-01

    ItGli acceleratori di particelle sono diventati un potente strumento per la diagnostica dei materiali in molti campi di ricerca. Questo articolo descrive la facility AMS-IBA installata presso il CEDAD – Centro di Datazione e Diagnostica dell’Università del Salento e riporta alcune applicazioni in Archeologia, Scienze ambientali e Scienza dei materiali.EnParticle accelerators have become a powerful tool for the diagnostics of materials in many research fields. This paper describes the AMS-IBA...

  4. studio dei meccanismi d'azione dei bifenili policlorurati non diossino-simili sul sistema immunitario ed endocrino

    OpenAIRE

    Amero, Paola

    2013-01-01

    I PCB 101, PCB 153 e PCB 180 fanno parte del gruppo dei sette “PCB target”, ovvero i congeneri considerati dalla Comunità Scientifica Internazionale come indicatori del grado di contaminazione da PCB e diossine. I policlorobifenili sono inquinanti ampiamente presenti nell’ambiente, essi appartengono insieme alle diossine ed ai furani al gruppo dei Persistent Organic Pollutants (POP). Utilizzando una linea cellulare continua di macrofagi murini J774.A1, combinando tecniche biochimiche e morfol...

  5. Variazione dei flavonoidi glicosilati e dell'acido ascorbico durante la conservazione di agrumi minimamente trasformati

    OpenAIRE

    Piga, Antonio; Del Caro, Alessandra; Vacca, Vincenzo; D'Aquino, Salvatore; Agabbio, Mario Carlo Salvatore

    2002-01-01

    Fruits and vegetables are subjected to processing and storage prior to consumption, thus leading to nutritional changes. Minimally processed citrus derivatives are noteworthy because of their high nutritional value and antioxidant properties. Therefore, the variability of ascorbic acid and flavonoids, responsible for the antioxidant capacity of citrus fruits, was studied after minimal processing and during storage. Diversi prodotti ortofrutticoli sono sottoposti, prima del consumo, ...

  6. Status sulle conoscenze dei mammiferi molisani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Norante

    2003-10-01

    Full Text Available Il Molise risulta poco studiato dal punto di vista teriologico e, per colmare almeno in parte tale lacuna, il GMSO si è proposto di raccogliere dati bibliografici e inediti e promuovere qualche progetto. Si riportano sinteticamente dati relativi ad alcune specie. Sciurus vulgaris risulta comune in Prov. di Isernia, più localizzato in quella di Campobasso, presente nelle riserve MAB, nel Parco Naz. d?Abruzzo, Matese e Venafrano, nei pressi della zona ospedaliera di Campobasso ed anche al centro del capoluogo. Hystrix cristata, segnalata fino agli anni anni ?60 a Campomarino è stata trovata di recente (aculei in Alto Molise, sporadiche le segnalazioni nell?agro di S. Croce di Magliano-Colletorto (CB. Canis lupus ha recentemente allargato il suo areale raggiungendo anche siti in collina (per l?immissione dei Daini. Presente oltre che nel PNA, in tutta la Prov. di Isernia, Matese, montagna di Frosolone fino a Castropignano-Casalciprano. Preoccupante invece il randagismo canino verso il quale è auspicabile prendere dei provvedimenti. Ursus arctos è in aumento con massimi in Val di Mezzo, Val Fiorita, Val Pagana, M .te Marrone ed in tutto il gruppo delle Mainarde; fuori dal PNA è sempre più frequente: Matese, Carpinone e recentemente (27.04.03 una coppia in Valle del Sangro a S. Angelo in Pesco (IS. Nel 1995 una femmina è stata investita dal treno nei pressi di Carpinone (IS. Lutra lutra invece è diminuita rispetto al passato. La si incontrava fino agli anni ?70/80 fino alla foce dei fiumi Trigno, Biferno e T. Saccione. Attualmente è segnalata in prov. di Isernia (es. Venafrano, Matese, Montagna di Frosolone. Felis silvestris è presente soprattutto in Prov. di Isernia dove è segnalato in 38 Comuni. In quella di Campobasso appare più localizzato a nord e nel Matese. Riguardo Lynx lynx pare che qualche soggetto sia stato osservato nell?area limitrofa al P.N.A. dove è stata

  7. The insecticide lindane. Identification of possible risks for human reproduction; L'insetticida lindano. Identificazione dei rischi possibili per la riproduzione umana

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Traina, M.E.; Urbani, E. [Istituto Superiore di Sanita' , Lab. di Igiene Ambientale, Rome (Italy); Rescia, M.; Mantovani, A. [Istituto Superiore di Sanita' , Lab. di Tossicologia Comparata e Ecotossicologia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    riproduttivo a lungo termine. In questa rassegna e' stata pertanto effettata una revisione critica della letteratura scientifica sugli effetti di questo principio attivo sul sistema riproduttivo maschile e femminile, sulla gravidanza e sullo sviluppo. Attraverso un'analisi del consumo di prodotti a base di lindano e una valutazione dei livelli di questo principio attivo nell'ambiente e nei liquidi e tessuti biologi, con particolare riguardo alla situazione italiana, sono stati definiti i possibili periodi di maggiore esposizione (anni 1960-70) a quest'insetticida. Il presente rapporto intende costituire uno strumento di lavoro per chi compie studi di tossicologia sperimentale e di epidemiologia, per la prevenzione dei rischi riproduttivi negli ambienti di vita e di lavoro.

  8. “Svolazza” Lucifero come le anime dei morti? (“Inferno”, XXXIV, 46-52)

    OpenAIRE

    Marco Chiariglione

    2014-01-01

    Per dimostrare che lo “svolazzare” delle ali “di vispistrello” del Lucifero dantesco sia da ricondursi al movimento delle anime dei defunti nell'antichità classica si indagano alcuni riferimenti testuali che compaiono in tradizioni piuttosto eterogenee e distanti fra loro, come quelle dei classici greci e latini, dei Padri della Chiesa, dei bestiari e delle enciclopedie medievali, per giungere fino allo stesso Dante.

  9. 76 FR 51395 - Draft Environmental Impact Statement for the General Management Plan (DEIS/GMP), Canaveral...

    Science.gov (United States)

    2011-08-18

    ... National Park Service Draft Environmental Impact Statement for the General Management Plan (DEIS/GMP... Draft Environmental Impact Statement for the General Management Plan (DEIS/GMP), Canaveral National... 1969 the NPS announces the availability of a DEIS/GMP for Canaveral National Seashore, Florida....

  10. L'amministrazione dei culti in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Sammassimo

    2013-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Introduzione - 2. La Francia e l’amministrazione dei culti - 3. Le bureau central des cultes: 3.1 - Le origini: dal Consolato al periodo imperiale; 3.2 - dalla Prima alla Seconda Restaurazione; 3.3 - dalla Monarchia di luglio alla Legge sulla separazione; 3.4 - le competenze - 4. Le bureau des cultes des départements du Bas-Rhin, du Haut-Rhin et de la Moselle: 4.1 - la specificità dell’Alsazia-Mosella; 4.2 - le origini del bureau; 4.3 - le competenze - 5. Il conseiller pour les affaires religieuses: 5.1 - le origini; 5.2 - la posizione fuori dagli schemi; 5.3 - le competenze – 6. Conclusioni.  Abstract:The administration of cults in FranceThe expression “Administration of cults” born in France in the 19th century, when the 1801 Conordat made the cults into a public service and the cult's clerics a corp of nominated functionaries. Thus administration referred precisely to that branch of the civil service which under the flourishing Concordat concerned itself with the problems of claims from and requirements of the religious cults in French territories. Our paper means to trace France's administration of cults from its beginnings to its precise modern competences and functions. We wish to show how this administrative structure has been and still is an important apparatus for interpretation and even for 'liberal administration' of the Law as regards the separation of State and Church and the very concept of laïcité.Key words: France, administration, cults, laïcité

  11. La guerra dei poveri (novela, fragmento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nuto Revelli

    2013-07-01

    Full Text Available NUTO REVELLI (Cuneo, 1919-2004, enviado al desastroso frente ruso en 1942 como teniente de la División Tridentina, a su vuelta a Italia decidió abandonar el ejército regular y unirse a la resistencia en la región del Cuneo, donde fundó la Compagnia Rivendicazione Caduti y asumió el mando de las brigadas de los valles Vermenagna y Stura. Ambas experiencias, el frente ruso, y sobre todo, su experiencia como partisano, son los dos ejes en torno a los cuales se ha organizado su narrativa, centrada en dejar constancia de la guerra y de dar voz a soldados, campesinos y rebeldes en obras de la relevancia de Mai tardi. Diario di un alpino in Russia (1946, L'ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella II guerra mondiale (1971 o la más reciente Le due guerre. Guerra fascista e guerra partigiana, publicada póstumamente en 2005 en Einaudi, como la mayor parte de su producción. Aunque es sin duda la autobiográfica La guerra dei poveri (1962 la que ha gozado de un mayor reconocimiento, especialmente por la inmediatez del mensaje y el cuidado en los detalles del día a día partisano y de los caracteres, todos ellos reales, que desfilan por sus páginas. Escrita en forma de diario entre el 16 de enero de 1943, día en que inicia sus anotaciones sobre la retirada del frente ruso a orilla del Don  y el 30 de abril de 1945, fecha en que cierra el diario tratando la liberación del Cuneo, el siguiente fragmento consta de las entradas comprendidas entre el 24 de abril y el 4 de mayo de 1944. Traducción de Sonia Mota Pérez.

  12. Preliminary attempt on maximum likelihood tomosynthesis reconstruction of DEI data

    International Nuclear Information System (INIS)

    Tomosynthesis is a three-dimension reconstruction method that can remove the effect of superimposition with limited angle projections. It is especially promising in mammography where radiation dose is concerned. In this paper, we propose a maximum likelihood tomosynthesis reconstruction algorithm (ML-TS) on the apparent absorption data of diffraction enhanced imaging (DEI). The motivation of this contribution is to develop a tomosynthesis algorithm in low-dose or noisy circumstances and make DEI get closer to clinic application. The theoretical statistical models of DEI data in physics are analyzed and the proposed algorithm is validated with the experimental data at the Beijing Synchrotron Radiation Facility (BSRF). The results of ML-TS have better contrast compared with the well known 'shift-and-add' algorithm and FBP algorithm. (authors)

  13. Ruolo dei canali ionici nelle patologie infiammatorie dolorose

    OpenAIRE

    Pamela Pedretti

    2014-01-01

    Il ruolo fondamentale dei canali TRP canali è sottolineato dalla loro ampia distribuzione nella maggior parte degli organi e tessuti (Clapham et al., 2003a). Il canale TRPA1, uno degli ultimi membri di questa famiglia ad essere stato scoperto (Jaquemar et al., 1999), presenta delle peculiari caratteristiche che lo rendono un interessante oggetto di studio. Il TRPA1, come i canali TRPV1, TRPV2, TRPV3, TRPV4 e TRPM8, è espresso nei neuroni sensitivi primari dei gangli delle radici dorsali, trig...

  14. Radioactivity level and toxic elemental concentration in groundwater at Dei-Dei and Kubwa areas of Abuja, north-central Nigeria

    International Nuclear Information System (INIS)

    The activity concentrations of uranium and toxic elements in Dei-Dei borehole, Kubwa borehole, Water Board and hand-dug well water samples in Abuja area were measured using inductively coupled plasma mass spectrometry (ICP-MS) system. The results obtained were used to calculate human radiological risk over lifetime consumption by the inhabitants in the area. The activity concentrations of 238U in all the water supplies for drinking ranges from 0.849 mBq L−1 to 2.699 mBq L−1 with the highest value of 2.699 mBq L−1 noted at Dei-Dei borehole whereas the lowest value of 0.849 mBq L−1 was noted in Kubwa borehole. The highest annual effective dose from natural 238U in all the water samples was found in Dei-Dei borehole with a value of 8.9×10−5 mSv y−1 whereas the lowest value was noted in Kubwa borehole with a value of 2.8×10−5 mSv y−1. The radiological risks for cancer mortality were found distinctly low, with the highest value of 1.01×10−7 reported at Dei-Dei borehole compared to Kubwa borehole with a value of 3.01×10−8. The cancer morbidity risk was noted higher in Dei-Dei borehole with a value of 1.55×10−7 whereas lower value of 4.88×10−9 was reported in Kubwa borehole. The chemical toxicity risk of 238U in drinking water over a lifetime consumption has a value of 0.006 μg kg−1 day−1 in Dei-Dei borehole whereas lower value of 0.002 μg kg−1 day−1 was found in Kubwa borehole. Measured lead (Pb) and chromium (Cr) concentrations reported higher in Water Board compared to Dei-Dei and Kubwa borehole samples. Significantly, this study inferred that the 238U concentrations originate from granitic strata of the tectonic events in the area; thus, there was a trend of diffusion towards north to south and re-deposition towards Dei-Dei area. - Highlights: • The estimation of human radiological risk over lifetime consumption. • Determination of radiological risks. • The annual effective dose of 238U in drinking water. • Carcinogenic

  15. On generalized Rédei functions

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Lidl

    1988-12-01

    Full Text Available A generalization of Rédei functions to polynomial vectors in n indeterminates over finite fields or residue class rings of integers is given by considering special types of polynomial vectors. Properties such as polynomial composition, change of basis, group structure and fixed points are studied together with applications in cryptography.

  16. Imago Dei and the Many Images of God

    DEFF Research Database (Denmark)

    Nielsen, Kirsten

    Artiklen tager udgangspunkt i Gunnlaugur Jónssons disputats om gudbilledligheden (Imago Dei) i Gen 1,26-28 og konsekvenserne heraf for talen om Gud. Da gudbilledligheden omfatter både mand og kvinde, må talen om Gud hente sprog fra både mandens og kvindens livsområder, dvs. en varieret tale om Gu...

  17. Lo stato dei lavori sul Codice diplomatico dantesco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Teresa De Robertis

    2014-11-01

    Full Text Available Si espone nelle sue linee essenziali (definizione del corpus, criteri di edizione, presentazione dei testi il progetto per l’edizione del Codice Diplomatico Dantesco (CDD che uscirà nell’ambito della Nuova edizione commentata delle opere di Dante. È premessa una sintetica rassegna sul lavoro di Piattoli intorno a Dante e sulla sua edizione del CDD.

  18. I diritti sindacali nel titolo III dello Statuto dei lavoratori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Riccobono

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario: 1. I diritti sindacali: struttura del titolo III e differenze rispetto al titolo II dello Statuto dei la­voratori. – 2. I limiti all’esercizio dell’attività sindaca­le privilegiata. – 2.1. segue: la selezione dei soggetti protetti. – 2.2. segue: il criterio dimensionale e la no­zione di unità produttiva. – 2.3. segue: il contempera­mento con interessi pari o sovraordinati. – 3. Il diritto di assemblea tra istanze di democrazia diretta e afflati di democrazia rappresentativa. – 3.1. I soggetti legitti­mati alla convocazione. – 3.2. Il dibattito sulla titolari­tà, individuale o collegiale, del potere di convocazione. – 3.3. L’oggetto dell’assemblea. – 3.4. Il luogo di svol­gimento dell’assemblea. – 3.5. Assemblea in orario di lavoro. – 3.6. Imputazione del monte orario e diritto alla conservazione della retribuzione. – 3.7. Il ruolo della contrattazione collettiva. – 4. Il referendum: struttura e funzione. – 4.1. I contenuti e le modalità di svolgimento. – 5. Il trasferimento dei dirigenti sindaca­li: profili generali. – 5.1. Il rapporto con i divieti di di­scriminazione ex art. 15 st. lav. – 5.3. I soggetti benefi­ciari. – 5.4. L’ambito di applicazione oggettivo. – 5.5. L’applicazione dell’art. 22 nel pubblico impiego. Cen­ni. – 6. Il diritto di affissione. Profili generali. – 6.1. Ti­pologia ubicazione e distribuzione dei canali informa­tivi. – 6.2. Contenuti delle comunicazioni e limiti alla defissione unilaterale da parte del datore di lavoro. – 7. I locali delle Rsa. – 7.1. Le caratteristiche dei locali: idoneità, dotazioni, ubicazione. – 7.2. Sulla possibilità di ingresso da parte dei sindacalisti esterni. – 7.3. La disciplina apprestata per le articolazioni aziendali di minori dimensioni.

  19. Colombo e la nudità dei “selvaggi”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gilberto Mazzoleni

    2013-01-01

    Full Text Available Superato il fatidico “anno Mille”, una serie di eventi epocali hanno spinto l’Europa cristiana a guardarsi intorno e, per così dire, a dinamicizzarsi. La crisi del sistema di chiuse economie di corte e lo sviluppo delle entità comunali e marinare, l’incremento demografico e la richiesta diffusa di maggiori e più svariati consumi, la diminuita pressione dell’Islam e la riscoperta – mediata dagli stessi intellettuali arabi – dei valori del mondo classico, e così pure l’apprezzamento indiretto del più lontano Oriente, avevano sollecitato i Paesi dell’Europa cristiana a guardare ben al di là dei consueti confini e a confrontarsi in una gara espansivo-conoscitiva senza precedenti.

  20. Fondamenti di Meccanica e Biomeccanica Meccanica dei corpi rigidi articolati

    CERN Document Server

    Picasso, Bruno

    2013-01-01

    Nel presente volume vengono presentati in forma estesa e rigorosa i principi della Meccanica dei corpi rigidi, il cui apprendimento richiede solo le conoscenze di base della Fisica, studiata nella Scuola Superiore. La quasi totalità delle applicazioni, degli esempi e degli esercizi presentati si riferisce all’analisi del movimento e degli stati di sforzo nel corpo umano. Le applicazioni svolte con Matlab e Simulink richiedono una conoscenza elementare di programmazione in questi ambienti. Nel testo si privilegia l’approccio applicativo, perché la materia rimanga viva nella successiva vita professionale del lettore. Il testo si rivolge principalmente agli studenti dei Corsi di Biomeccanica, professati nei Corsi di Studio di base in Bioingegneria, in Scienze Motorie e nelle Scuole di Specializzazione in Ortopedia. Per l’estensione della materia trattata e per le applicazioni, il testo può essere utilmente adottato anche nei Corsi di Laurea specialistica in Bioingegneria.

  1. I dialoghi dei professionisti fra comunicazione ed argomentazione

    OpenAIRE

    Tomasi, Serena

    2012-01-01

    Questo contributo propone una riflessione sulla logica della struttura comunicativa alla luce dei più recenti studi di argomentazione. I rilievi di carattere pratico-empirico presentati in occasione del Convegno “Comunicare la Professionalità” da parte di esperti di marketing, comunicazione pubblica e comunicazione mediatica, vengono posti criticamente a confronto con i concetti cardine della teoria argomentativa neo-dialettica (dialogue, conversational framework, g...

  2. Caratteristiche dei roost di Chirotteri in Emilia Romagna

    OpenAIRE

    Massimo Bertozzi; Dino Scaravelli

    2003-01-01

    Il lavoro riassume le caratteristiche dei roost di maggior interesse per i Chirotteri in Romagna (Italia settentrionale). Sono stati considerati localizzazione, tipologia ambientale, consistenza e struttura di una serie di rifugi ove siano stati rilevati chirotteri o in ambito riproduttivo o in svernamento. La conoscenza delle caratteristiche di detti ambiti è fondamentale non solo per approfondire le conoscenze autoecologiche delle specie ma anche per ottenere indicazioni per la conservazion...

  3. Auditing thrombolysis service for stroke at Mater Dei Hospital

    OpenAIRE

    Micallef, Daniel; Mallia, Maria; Borg, Denise; Aquilina, Josanne

    2015-01-01

    Thrombolysis for acute ischaemic stroke was introduced locally in October 2010. In 2012, the practice was audited to analyse the prevalence of inclusion and exclusion criteria for thrombolysis. Data about the local incidence of stroke, demographics and outcome was also obtained. All patients admitted to Mater Dei Hospital with a diagnosis of stroke over an 8 month period were recruited. Standard data collection sheets were used to obtain data. 251 patients were admitted with a confirm...

  4. RUOLO DELL'IMAGING DI PERFUSIONE NELLA VALUTAZIONE DEI GLIOMI CEREBRALI

    OpenAIRE

    Tortora, Fabio

    2009-01-01

    Il ruolo dell’imaging di perfusione (PWI) nella caratterizzazione dell’eterogeneità emodinamica dei gliomi cerebrali e dei tessuti circostanti, e nella differenziazione dei gliomi di alto grado da quelli di basso grado. L’impostazione terapeutica e la prognosi dipendono dalla accurata distinzione tra tumori di alto e di basso grado, e sono state proposte diverse modalità di imaging per permettere l’accurata identificazione del grado di malignità

  5. Cineturismo ed economia dei media: il caso dei film indiani girati in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Cucco

    2016-05-01

    Full Text Available A partire dalla fine degli anni Novanta l’industria audiovisiva indiana ha intensificato il numero di riprese effettuate all’estero, in particolar modo nei paesi occidentali. Questa migrazione di riprese rappresenta una grande occasione per i paesi ospitanti. L’industria cinematografica indiana, infatti, è la più prolifica al mondo e i suoi film riscuotono un ampio successo nel mercato domestico, con una quota di mercato stimata attorno al 90-95%. Ma il cinema indiano sta raccogliendo consensi anche all’estero, e i suoi spettatori non appartengono più solo alle classi popolari della società indiana, ma anche a quelle più facoltose, e dunque sono potenzialmente in grado di intraprendere viaggi verso i luoghi visti sul grande schermo. In virtù di queste considerazioni, il saggio analizza innanzitutto le ragioni che hanno spinto i produttori indiani a delocalizzare le proprie riprese all’estero, in particolar modo in Italia. Solo alla luce di questa analisi della domanda, infatti, è poi possibile comprendere come i territori possono aver intercettato le necessità dell’industria del cinema (e di riflesso anche i desideri del suo pubblico e divenire potenziali mete turistiche per gli spettatori indiani. Da un punto di vista metodologico, invece, il saggio ambisce a mostrare come gli studi condotti nell’ambito dell’economia dei media possano contribuire all’analisi dei fenomeni cineturistici e all’elaborazione di iniziative di successo in grado di intrecciare sviluppo territoriale e industrie creative.   Since the end of the 1990s Indian producers have been outsourcing an increasing number of film productions to Western countries, and this trend represents an important opportunity for the hosting territories. The Indian film industry is the main film producer in the world, and its movies achieve a wide success in the domestic market (where they hold a market share of about 90-95%. Moreover, from few years Indian films are

  6. Firenze creativa: la creatività fiorentina si racconta, con i suoi prodotti e le sue eccellenze, nel campo dell’architettura, della moda, del design e del patrimonio culturale

    OpenAIRE

    Antonio Capestro; Leonardo Zaffi

    2014-01-01

    In occasione del “terzo forum mondiale dell’UNESCO sulla cultura e le industrie culturali”, che si è svolto a Firenze dal 2 al 4 Ottobre 2014, il DIDA - Dipartimento di Architettura di Firenze, ha realizzato nell’ambito del programma “FIRENZE CREATIVA: la creatività fiorentina si racconta, con i suoi prodotti e le sue eccellenze, nel campo dell’architettura, della moda, del design e del patrimonio culturale” un’installazione all’interno della Palazzina Reale di Forte Belvedere. Le stampe ...

  7. Le tecniche AMS e IBA del CEDAD per lo studio dei Beni Culturali, Ambientali e per la Scienza dei Materiali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucio Calcagnile

    2011-09-01

    Full Text Available ItGli acceleratori di particelle sono diventati un potente strumento per la diagnostica dei materiali in molti campi di ricerca. Questo articolo descrive la facility AMS-IBA installata presso il CEDAD – Centro di Datazione e Diagnostica dell’Università del Salento e riporta alcune applicazioni in Archeologia, Scienze ambientali e Scienza dei materiali.EnParticle accelerators have become a powerful tool for the diagnostics of materials in many research fields. This paper describes the AMS-IBA (Accelerator Mass Spectrometry – Ion Beam Analysis facility installed at CEDAD-Center for Dating and Diagnostics of the University of Salento, Italy and some applications in Archaeology, Environmental Sciences and Materials Science.

  8. Studio di effetti sistematici nella misura della violazione diretta di CP nel sistema dei mesoni neutri K all'esperimento NA48 con applicazione delle metodologie usate allo studio dei decadimenti rari del K

    CERN Document Server

    Talamonti, C.

    Studio di effetti sistematici nella misura della violazione diretta di CP nel sistema dei mesoni neutri K all'esperimento NA48 con applicazione delle metodologie usate allo studio dei decadimenti rari del K

  9. Premessa del progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali in Umbria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Urbani

    2011-11-01

    Il primo testo prescelto, che appare ancora oggi sostanzialmente attuale e predittivo rispetto ai problemi contemporanei della gestione dei beni culturali, è la premessa al progetto esecutivo del piano pilota per la conservazione dei beni culturali della regione Umbria, elaborato da Giovanni Urbani nel 1975.

  10. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    CERN Document Server

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  11. Premesse generali per uno studio dei rapporti di fatto

    OpenAIRE

    Franceschelli, V

    1981-01-01

    L'articolo pone le premesse per uno studio generale dei rapporti di fatto, studio che verrà completato in una monografia pubblicata nel 1984. Lo studio del « fatto » ha sempre una posizione centrale nell'ambito della scienza giuridica e delle singole discipline. Il diritto penale, ad esempio, qualifica il fatto — Tatbestand — come uno degli elementi fondamentali della teoria generale del reato. Ma il concetto di fatto giuridico ha mostrato l’attitudine a porsi al centro della parte generale...

  12. La banca dei dati Catastali: considerazioni sul rifacimento totale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Attilio Selvini

    2012-04-01

    Full Text Available L’aggiornamento del sistema Catastale italiano, nei suoi diversi aspetti relativi alla cartografia geometrica, relazionata al registro delle proprietà immobiliarie dei tributi connessi, continua ad essere un tema appassionante su cui gli esperti del settore continuano a cimentarsi da molti anni.The Cadastral Database: considerations for acomplete revisionThe update of the Italian Cadastral system, in its various as-pects related to the geometric mapping,  the register of real estate and related taxation, continues to be an exciting topic on which industry experts discuss since many years.

  13. Playmarche: un distretto regionale dei beni culturali 2.0

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Perna

    2015-08-01

    The paper aims to provide a brief overview on the objectives and methods of realization of the project PlayMarche: un Distretto regionale dei beni culturali 2.0. The project – presented by the University of Macerata and approved in the call for the DCE of the Marche Region – aims to develop and consolidate the economic sector of the ICT technologies applied to communication, dissemination and innovative exploitation of cultural heritage. It focuses, in particular, on the supply chain both of edutainment and entertainment, with consequences in terms of job creation in sectors with high innovation and economic sustainability.

  14. El Tratado De Dilectione Dei de Balduino de Ford

    OpenAIRE

    Carlos Hallet

    2004-01-01

    Figura relevante de la Orden del Císter, Balduino de Ford es un autor que se distingue por la originalidad de su espiritualidad. Su tratado De dilectione Dei es una meditación sobre el Primer Mandamiento, que nos invita a amar a Dios "con todo el corazón en sus beneficios, con toda el alma en sus promesas, con todas las fuerzas en sus juicios y con toda la mente en sus preceptos". Su reflexión, nutrida de la Biblia y expresada en un lenguaje marcado por la retórica latina, insiste en que el a...

  15. Interpreting the visio Dei in Matthew 5:8

    OpenAIRE

    Viljoen, Francois Petrus

    2012-01-01

    The academic study of the biblical text often depends on the naïve assumption that a researcher can obtain stable knowledge of the single meaning of a text. This article investigated how the visio Dei in Matthew 5:8 has led to a variety of concepts through the centuries. This proves how different readers come to different readings. Interpreters should be aware of how their contexts impact on their understanding of meaning, but should also realise how taking cognisance of the wide variety of r...

  16. Advances in metal electrochemistry and coatings characterisation; Sviluppi nella elettrochimica dei metalli e nella caratterizzazione dei rivestimenti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bozzini, B. [Lecce Univ. (Italy). Dipt. di Ingegneria dell' Innovazione; Giovannelli, G.; Magagnin, L.; Manara, D.; Negri, E.; Vallauri, R. [Politecnico di Milano, Milan (Italy). Dipt. di Chimica Fisica Applicata; Lecis, N. [Politecnico di Milano, Milan (Italy). Dipt. di Meccanica; Lenardi, C. [Commission of European Union, Joint Research Centre, Ispra, VA (Italy); Zangari, G. [Alabama Univ., AL (United States). Dept. of Metallurgical and Materials Engineering

    1999-08-01

    In the present paper recent results in the fields of metal electrochemistry and structural and functional characterisation of coatings are reported from laboratories co-ordinated by prof. Pietro Luigi Cavallotti. The reviewed material deals with: electrochemical and autocatalytic chemical deposition of material matrix particulate composites with ceramic dispersoids, simulation of nano indentation experiments using finite element method, giant magnetoresistance electrodeposited Cu/CoNi(Cu) multilayers, surface treatment for copper soldering in microelectronics, Co-Pt alloys for ultra-high density magnetic recording, electrodeposited Co-Pt thick layers for micro-magnets and hot corrosion resistance applications. Fundamental understanding of electro crystallization phenomena and perspective high-tech applications are stressed. Structural and functional properties of the electrodeposited materials are related to electrochemical kinetics data. [Italian] In questa raccolta di articoli sono presentati i risultati piu' recenti ottenuti nei campi dell'elettrochimica e della caratterizzazione funzionale e strutturale dei rivestimenti dai gruppi di ricerca coordinati dal prof. P.L. Cavallotti. Vengono qui rivisti argomenti quali: deposizione elettrochimica e chimica autocatalitica di materiali compositi con particelle ceramiche disperse in matrice metallico, simulazione di esperimenti di nanoindentazione applicando il metodo a elemento finito, multistrati elettrodepositati di Cu/CoNi(Cu) a magnetoresistenza gigante, trattamenti di superficie per saldatura di Cu nella microelettronica, leghe Co-Pt per registrazione magnetica ad alta densita', strati spessi di Co-Pt elettrodepositati per micromagneti e resistenza a corrosione ad alta temperatura. Sono evidenziate applicazioni ad alta tecnologia e la comprensione di base di fenomeni di elettrocristallizzazione . Proprita' strutturali e funzionali dei materialielettrodepositati sono messe in relazione con i

  17. Biological dosimetry; Dosimetria biologica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Guerrero C, C.; Arceo M, C., E-mail: citlali.guerrero@inin.gob.m [ININ, Departamento de Biologia, Carretera Mexico-Toluca s/n, 52750 Ocoyoacac, Estado de Mexico (Mexico)

    2010-07-01

    In the Instituto Nacional de Investigaciones Nucleares (ININ) the works to establish a laboratory of biological dosimetry were initiated in 1998, with the purpose that could assist any situation with respect to the exposition to radiation, so much of the occupational exposed personnel as of individuals not related with the handling of radio-active material. The first activity that was realized was to develop the corresponding curves in vitro of dose response for different qualities and radiation types. In the year 2000 the curve corresponding to the gamma radiation of {sup 60}Co was published and up to 2002 the curve corresponding to the X rays of 58 KeV, 120 and 250 kVp. In all the cases, the curves contain the requirements to be used in the determination of the exposition dose. At the present time the curves dose-response are developing for neutrons take place in the reactor Triga Mark III of ININ. Additionally to these activities, cases of suspicion of accidental exposition to radiation have been assisted, using in a beginning the curves published by the IAEA and, from the year 2000, the curves developed in the ININ. (Author)

  18. El Tratado De Dilectione Dei de Balduino de Ford

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Hallet

    2004-01-01

    Full Text Available Figura relevante de la Orden del Císter, Balduino de Ford es un autor que se distingue por la originalidad de su espiritualidad. Su tratado De dilectione Dei es una meditación sobre el Primer Mandamiento, que nos invita a amar a Dios "con todo el corazón en sus beneficios, con toda el alma en sus promesas, con todas las fuerzas en sus juicios y con toda la mente en sus preceptos". Su reflexión, nutrida de la Biblia y expresada en un lenguaje marcado por la retórica latina, insiste en que el amor perfecto exige del creyente amar lo que a Dios le agrada porque a Él le agrada. Termina identificando prácticamente amor con obedienciaFamous figure of the cistercian order, Baldwin of Ford is an author who stands out for the originality of his spirituality. His treatise "De dilectione Dei" is a meditation about the First Comandment, which is an invitation to love God "with all the heart in His benefits, with all the soul in His promises, with all the forces in His judgements and with all the mind in His precepts". According to his reflection, fed with the Bible and expressed in a language marked by the latin rhetoric, the perfect love requires to love what is pleasing to God because it pleases Him. Baldwin practically identifies love with obedience

  19. Purification, characterization, and specificity of dextranase inhibitor (Dei) expressed from Streptococcus sobrinus UAB108 gene cloned in Escherichia coli.

    Science.gov (United States)

    Sun, J W; Wanda, S Y; Curtiss, R

    1995-01-01

    The dextranase inhibitor gene (dei) from Streptococcus sobrinus UAB108 was previously cloned, expressed, and sequenced. Its gene product (Dei) has now been purified as a single band with apparent molecular mass of 43 kDa, as determined by sodium dodecyl sulfate-polyacrylamide gel electrophoresis. The specific activity of Dei increased 121-fold upon purification. Most Dei activity (91.2%) was located in the periplasmic fraction from recombinant Escherichia coli cells. Dei competitively inhibits dextranase (Dex). This competitive inhibition mechanism has been further shown by detection and recovery of the intermediate enzyme-inhibitor (Dex-Dei) complex by gel filtration technology using fast protein liquid chromatography. Calibration of their molecular masses indicated that native Dei exists as a tetramer, Dex exists as dimer, and the Dex-Dei complex consists of two Dex molecules with two Dei molecules. Deletion analysis indicates that the intact Dei molecule is essential for Dei activity but not for glucan binding and immune cross-reaction. Dei is a special kind of glucan-binding protein with ability to inhibit Dex with high specificity. It can inhibit endogenous Dex, which can make more branches in glucan with the cooperation of the glucosyltransferase GTF-I. This inhibition cause the accumulation of water-soluble glucan. The latter reaction product can inhibit plaque formation and adherence of the mutans group of streptococcal cells. Dei derived from S. sobrinus UAB108 can inhibit only Dex from S. sobrinus (serotypes d and g), S. downei (previously S. sobrinus, serotype h), and S. macacae (serotype h). This finding suggests that Dei is another important protein existing in some serotypes of the mutans group of streptococci which participates in sucrose metabolism through its interaction with Dex. PMID:7896691

  20. A brief study of the diffraction enhanced imaging (DEI) technique for its application in medical field

    International Nuclear Information System (INIS)

    Diffraction Enhanced Imaging (DEI) is a new technique having the capability to exhibit enhanced contrast for dense and highly absorbing tissues in medicine. DEI takes into account the refraction angles of x-rays produced by a sample which is placed between a monochromator and an analyser crystal. If the analyzer is perfectly aligned with the monochromator, it will filter out the unwanted scattered or refracted x-rays and the detector will produce an image of a standard radiograph but with enhanced contrast due to scatter rejection. Successful implementation of DEI involves considering the available flux, crystal optics and eliminating vibrations

  1. Sorveglianza della circolazione ambientale dei poliovirus nel Lazio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A.M. Patti

    2003-05-01

    Full Text Available Ancora oggi in tutto il mondo il vaccino antipolio più utilizzato è l’OPV costituito da virus viventi attenuati che vengono eliminati per un periodo di tempo variabile dal soggetto vaccinato. L’immissione di virus vaccinali nell’ambiente è stata in passato, e lo è tuttora nelle zone endemiche, estremamente importante per assicurare e la competizione con il poliovirus selvaggio e una immunità di gregge. Nei paesi polio-free, ed in futuro in tutto il mondo, la circolazione di virus vaccinali potrebbe viceversa diventare un punto critico in grado di inficiare i risultati dell’eradicazione. Infatti i virus vaccino derivati, replicando, retromutano verso la neurovirulenza e/o accumulano mutazioni che alla fine conferiscono loro caratteristiche del tutto diverse dai ceppi parentali; inoltre possono anche ricombinarsi con il selvaggio o con altri enterovirus assumendo caratteristiche di virulenza e di trasmissibilità interumana che emergono con lo scoppio di focolai epidemici. Obiettivo del presente progetto è stata la valutazione della circolazione dei poliovirus e degli eventuali virus vaccino derivati in matrici ambientali nella regione Lazio nel periodo 1996-2002. Metodo: sono stati analizzati 26 campioni di liquami e 36 campioni di acque superficiali contaminate da liquami. Le particelle virali sono state concentrate mediante ultra filtrazione tangenziale (10.000 NMWR – Millipore. I concentrati sono stati seminati su cellule BGM ed L20B. I virus isolati sono stati identificati con antisieri specifici (RIUM e sui poliovirus, presso l’ISS, sono stati effettuati la differenziazione intratipica, il sequenziamento della regione VPI/2A, il sequenziamento della regione 5’ NCR e la regione codificante la polimerasi virale. Risultati e conclusioni: sono stati isolati complessivamente 6 poliovirus di cui 4 da acque superficiali. I virus erano tutti Sabin-kike e retromutati ma non ricombinanti. I dati ottenuti sottolineano l

  2. La realizzazione dell'Atlante dei Mammiferi dell'Umbria

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Mandrici

    2003-10-01

    Full Text Available L?Atlante dei Mammiferi dell?Umbria è il risultato dell?attuazione del programma di ricerca denominato Progetto Atlante dei Mammiferi dell?Umbria (PAMU, realizzato nel periodo che va dal gennaio 1995 al giugno 2001 in collaborazione con la Regione dell?Umbria. Per la realizzazione dell?Atlante è stato utilizzato in massima parte software Open Source, in ambiente Debian Linux 2.2. L?archiviazione e parte dell?elaborazione dei dati sono state effettuate con Gnumeric. Le 42 carte di distribuzione specifica e le 8 carte tematiche regionali sono state redatte con GRASS GIS 4.3 e con GIMP. I testi sono stati redatti con OpenOffice. La ricerca ha interessato l?intero territorio amministrativo regionale, così come rilevabile dalla cartografia ufficiale (CTR Umbria 1:25.000, 1982; CTR Umbria 1:100.000, 1994 per un totale di circa 845.000 ettari. Tale superficie è stata suddivisa in 383 discreti cartografici (quadrati con lato di km 5 impostati su reticolo Gauss-Boaga; ad ogni quadrato è stata attribuita una categoria ambientale fisionomica derivata dalla Carta geobotanica dell?Umbria. Per ogni quadrato i 32 ricercatori coinvolti nell?indagine di campo hanno raccolto dati oggettivi sulla presenza delle specie mediante metodo naturalistico, ricerca bibliografica e museologica, inchiesta per intervista diretta. Sono stati archiviati 6238 record distribuiti in 352 quadrati. Sono risultate presenti 64 specie di Mammiferi selvatici, delle quali: 9 Insettivori, 22 Chirotteri, 2 Lagomorfi, 15 Roditori, 11 Carnivori, 5 Artiodattili. Il numero minimo di specie presenti per quadrato è 0, il massimo è 22. La specie più diffusa è risultata essere la volpe (327 quadrati, la meno diffusa il topolino delle risaie (1 quadrato; le ?novità?, rispetto alle conoscenze pregresse, sono costituite dall?orso bruno e dalla lince eurasiatica. Per ogni specie è stato calcolato l?Indice di Diffusione Regionale (ID = n / N, con n = numero di celle nelle

  3. Valutazione tecnica e finanziaria dei danni provocati da Heterobasidion annosum in una piantagione di douglasia in Calabria.

    OpenAIRE

    R.Fratini; Pellegrino, S; Capretti, P.

    2006-01-01

    Il testo esamina le fasi di una valutazione economica di una piantagione di douglasia (Pseudotsuga menziesii), sul massiccio Silano (Cosenza). Lo studio ha previsto il calcolo del valore di macchiatico di una fustaia, al 35° anno, con presenza di attacco fungino (Heterobasidion annosum) ed il confronto con una fustaia al 50° anno in cui si ipotizzano interventi di lotta biologica, con preparati disponibili in commercio, fin dal 35° anno. L’intervento di taglio anticipato presenta un macchiat...

  4. Seansar og minnet om dei døde

    OpenAIRE

    Kalvig, Anne

    2012-01-01

    At dei døde lever vidare i minnet vårt, er ingen oppsiktsvekkande påstand i det norske samfunnet. På kva måte eit slikt etterliv går føre seg, utgjer likevel førestillingar og praksisar av ymse og omdiskuterte slag. Døde som lever i minnet er ei gamal førestilling som me i Noreg har skriftlege vitnemål om alt frå norrøn tid. Både det gode minnet, og dommen over kvar ein død, skulle i vikingane sitt verdsbilete for all tid overskrida døden som grense.

  5. Vox Dei:metáfora(s) da espiritualidade

    OpenAIRE

    Serra, Rui Alexandre Rosa Grincho, 1970-

    2014-01-01

    Esta tese de Doutoramento em Belas-Artes, especialidade de Pintura, consiste na articulação de uma investigação em duas partes, uma de índole prática e outra teórica. A primeira, relativa à concepção de um corpo de trabalho pictórico inédito, corporiza-se na execução de um conjunto de pinturas, intituladas Vox e Dei, e na idealização de um dispositivo espacial concebido para as receber, intitulado Foi a Luz. As questões de fundo do processo criativo deste trabalho motivam a investigação te...

  6. Zoogeografia storica e attuale dei carnivori e degli ungulati italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Masseti

    2003-10-01

    Full Text Available Come per la maggior parte degli altri paesi europei, anche l'attuale composizione delle specie a mammiferi italiane si prefigura in gran parte come il risultato della plurima e prolungata azione antropica condotta sull'ambiente naturale. Questa, avviatasi alcuni millenni or sono, condiziona oggi più che mai la ridefinizione degli equilibri ecologici del nostro Paese. All'interno dell'attuale teriofauna terrestre italiana viene segnalata la presenza di 18 specie di carnivori e di 9 artiodattili, che può rivelarsi in alcuni casi come il risultato di acclimatazioni e/o naturalizzazioni di specie esotiche avvenute in cronologie diverse, anche di epoca molto recente. All'interno dei confini biogeografici dell'Italia andrebbero anche annoverate quelle popolazioni del cervo pomellato medio-orientale, Axis axis (Erxleben, 1777, che sono state naturalizzate in epoca storica assai recente in Istria ed in alcune isole del golfo del Quarnaro (Brioni Maggiore, Cherso e Plauno. Considerazioni analoghe potrebbero forse essere condotte anche per la diffusione artificiale di Herpestes auropunctatus Hodgson, 1836, su alcune isole della Croazia. Le specie fitofaghe riferibili ai gruppi tassonomici dei lagomorfi e degli artiodattili, e che vengono convenzionalmente comprese nella categoria della cosiddetta "selvaggina", sono tra quelle che hanno più subito un'alterazione condotta in profondità dei quadri faunistici originari, proprio in virtù dell'interesse economico e culturale che ancora rappresentano. Nel caso particolare di queste specie di interesse venatorio ci troviamo quasi sempre di fronte a popolazioni che sono state sottoposte ad intensa gestione e che hanno subito frequenti estinzioni locali seguite da reiterate reintroduzioni. Attualmente, data l'espansione sia naturale che artificiale degli ecotipi indigeni e di quelli alloctoni, si osserva ormai una sovrapposizione degli areali, per cui sembra piuttosto difficile riuscire in

  7. Omogeneità dei siti speleo e integrazione di servizi a rete con i FEED RSS

    OpenAIRE

    Andrea, Scatolini

    2013-01-01

    Indicazioni su come la speleologia può utilizzare internet per la diffusione delle notizie attraverso dei propri siti che possono essere agevolmente omologati utilizzando vari programmi gratuiti reperibili in rete.

  8. La comunicazione dei bambini con autismo. Insegnare prerequisiti per aumentare la frequenza degli atti comunicativi spontanei

    OpenAIRE

    Dal Col, Ljanka

    2008-01-01

    L'oggetto di questo studio è stato quello di dimostrare l'efficacia di un approccio integrato per insegnare i prerequisiti della comunicazione (contatto oculare, attenzione congiunta, abilità di tuno e imitazione di gesti) nell'aumentare la frequenza degli atti comunicativi spontanei. Per insegnare abilità di contatto oculare e attenzione congiunta sono stati usati dei pivotal response training; l'imitazione dei gesti e l'abilità di turno sono stati insegnati attraverso discrete trial trainin...

  9. La caratterizzazione dei materiali tradizionali nella conservazione del patrimonio architettonico storico

    OpenAIRE

    Adorni, Elisa

    2010-01-01

    Il lavoro di ricerca svolto riguarda lo studio e l’analisi dei materiali da costruzione tradizionali quale supporto al progetto di restauro e conservazione dell’architettura. Lo studio dei materiali che costituiscono gli edifici antichi ha seguito un percorso di carattere scientifico-sperimentale il quale, partendo da tecniche analitiche adoperate dalle discipline afferenti alle Scienze della Terra e in particolare dalla mineralogia, dalla petrografia e dalla geochimica, ha trovato una reale ...

  10. Le scelte di investimento dei fondi pensioni italiani: un’analisi degli asset immobiliari

    OpenAIRE

    Bocchialini, Elisa

    2008-01-01

    Il lavoro persegue l’obiettivo generale di indagare sulle scelte di investimento dei fondi pensione italiani. Per giungere al suddetto obiettivo il lavoro si articola in quattro capitoli principali corredati da premessa e conclusioni. Il primo capitolo si preoccupa di analizzare in quale modo le scelte operate dal legislatore italiano abbiano influenzato e influenzino le politiche di investimento dei fondi pensione. E’ indubbio, infatti, che l’intervento del legislatore abbia u...

  11. Reputazione dei fondi di Private Equity e sua influenza sul costo del debito nel mercato italiano

    OpenAIRE

    Desquens Palacios, David

    2012-01-01

    Un approccio molto comune dei fondi di Private Equity (buyout groups) è che si focalizzano in investimenti a breve termine a discapito della creazione di valore a medio/lungo termine. Usando obbligazioni emesse fra gli anni 1985 e 2013 da aziende che si sono quotate nel mercato borsistico italiano attraverso IPO, si vogliono studiare le influenze di questi fondi sul costo del debito, ovvero se la reputazione dei fondi di Private Equity ha qualche effetto sui costi di agenzia.

  12. Pubblico, privato, cooperativo, sociale. Verso una comune accountability dei servizi pubblici

    OpenAIRE

    Travaglini, Claudio

    2010-01-01

    XXXIII Convegno Aidea Pubblico e non profit per un mercato responsabile e solidale Milano – Università Commerciale “L.Bocconi” - 21-22 ottobre 2010 Accounting, accountability and citizen’s disclosure Verso una comune accountability di aziende pubbliche, imprese e sociali e non profit: uniformità e differenze Il panorama dei servizi pubblici ci ha proposto negli ultimi anni un graduale ma continuo ampliamento delle modalità di gestione dei servizi di interesse pubblico con i...

  13. LA CARTA DEL PAESAGGIO GEOLOGICO, DEI BENI NATURALI E CULTURALI DELLA MEDIA VALLE DEL TEMO

    OpenAIRE

    Di Gregorio, Felice; Masala, Alberto

    2016-01-01

    Vengono presentati i risultati di una ricerca finalizzata allo studio e alla valorizzazione dei beni naturali e culturali della Media Valle del Temo (Sardegna NO). Il lavoro, che ha la sua massima espressione grafica nella Carta del paesaggio geologico e dei beni naturali e culturali, è stato condotto a partire dalla Carta tecnica regionale tramite la realizzazione di una serie di carte tematiche di base (Carta geologica, Carta geomorfologia, Carta dell’uso del suolo e della copertura vegetal...

  14. Economia dei disastri naturali: evidenza macro e micro focalizzata sui paesi in via di sviluppo

    OpenAIRE

    Lazzaroni, Sara

    2014-01-01

    Nell'ambito dell'economia dei disastri naturali ho elaborato uno studio macroeconomico e due microeconomici. A livello macro ho elaborato una meta-analisi della letteratura empirica sugli effetti dei disastri naturali in termini di costi diretti e indiretti. Ho analizzato gli effetti di caratteristiche del database,tecniche di stima, fattori di resilienza considerati e publication bias. Studi sui costi diretti che includono paesi Africani hanno 65% maggiore probabilità di riportare un risulta...

  15. Application of synchrotron source based DEI method in guinea pig cochleae imaging

    Institute of Scientific and Technical Information of China (English)

    YIN Hongxia; LIU Bo; GAO Xin; GAO Xiulai; LUO Shuqian

    2007-01-01

    Hard X-ray diffraction enhanced imaging (DEI), which is based on a synchrotron source and monochromator-analyzercrystal system, is an effective method for imaging X-ray phase shift. Utilizing an analyzer crystal with high angular sensitivity of micro-radian, DEI can measure the transmitted, refracted and scattered X-rays when projecting onto a sample. It dramatically improves the contrast and spatial resolution of the resultant images. At the topography station of Beijing Synchrotron Radiation Facilities (BSRF), we implemented DEI method in guinea pig cochleae imaging and acquired a series of DEI images. Based on these images, the apparent absorption and refraction images were calculated. The DEI images revealed the holistic spiral structures and inner details of guinea pig cochleae clearly, even including the structures at the cellular level, such as the static cilia of hairy cells and the limbus of Hansen cell. Due to the advanrages of high contrast, high spatial resolution and distinct edge-enhanced effect, DEI method promises extensive applications in biology,medicine and clinic in the near future.

  16. Cheese whey. Waste or raw material useful for foods, cosmetics and pharmaceuticals specialities?; Il siero di latte. Rifiuto o materia prima per prodotti alimentari, cosmetici e farmaceutici?

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pizzichini, M. [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy); Montani, R.; Russo, C. [Inteam Srl, Genoa (Italy)

    2001-07-01

    In Italy the waste whey (7 million tons/year), coming from cheese farms (2,500) is mainly employed as pigs fodder, or discharged in illegal manner into rivers or soils. It is well known that whey represents a serious environmental problem in relation with its high pollution charge (COD=70,000 O{sub 2} ppm). On the other hand, the whey's organic components as proteins, lactose, vitamins and salts, show an high commercial interest because they are used as food additives in souses, pasta, biscuits, chocolate, beverage, baby foods, etc., in cosmetics, as creams and shampoos, and also in pharmaceutical field, especially as food integrators for body builders. The application of membrane technology, as ultrafiltration (UF), nanofiltration (NF) and reverse osmosis (RO) permitted the recovery of the whey solute (proteins, lactose, mineral salts) and solvent as purified water. In this paper an industrial treatment process of 60 m{sup 3}/day, and the procedure for upgrading the biochemical properties of whey proteins, and consequently its commercial values, are discussed. It is also reported an economic process evaluation, obtained on the base of product recovery and process costs. [Italian] In Italia si producono circa 7 milioni di ton/anno di siero grezzo dagli oltre 2.500 caseifici sparsi sul territorio nazionale. Mentre al Nord il siero grezzo e' impiegato per l'alimentazione dei suini, al Centro-Sud viene smaltito illegalmente nei fiumi e sul terreno. Il siero di latte costituisce un problema importante del settore lattiero caseario poiche' ha una carica inquinante molto alta (COD 70.000 ppm di O{sub 2}). Il siero puo' rappresentare una fonte di sostanze nobili come proteine ad alto valore biologico, lattosio, vitamine sali minerali che trovano largo impiego nell'industria alimentare (salse, pasta, biscotti, cioccolato, bevande, baby foods, ecc., nell'industria cosmetica come creme idratanti o detergenti e nell

  17. Adolescenti e media values: uno studio sulla rappresentazione dei valori nei programmi televisivi più popolari fra gli adolescenti

    OpenAIRE

    Papa, Rebeca Andreina

    2011-01-01

    Qual è la gerarchia dei valori che emerge dai programmi televisivi di maggiore successo fra gli adolescenti? Quali sono i valori reali in cui credono gli adolescenti italiani? Con la ricerca si vuole effettuare un confronto fra la rappresentazione dei principali valori offerta dal mezzo televisivo ai più giovani e il mondo valoriale degli adolescenti. L’obiettivo è quello di comprendere quali valori vengono “comunicati” oggi ai più giovani dal mezzo televisivo, attraverso un’ analisi dei...

  18. Atteggiamento dei consumatori nei confronti dell’evoluzione del sistema agro-alimentare: L’introduzione di alimenti geneticamente modificati

    OpenAIRE

    Roselli, Luigi; Seccia, Antonio; Stasi, Antonio

    2006-01-01

    L’atteggiamento dei consumatori nei confronti di alimenti che contengono OGM o sono ottenuti da OGM e gli alimenti che contengono ingredienti ottenuti da OGM (di seguito designati complessivamente con l’espressione "alimenti geneticamente modificati" o “alimenti GM”) rappresenta un tema di grande attualità per il sistema agro-alimentare europeo. Le esigenze dei consumatori, caratterizzate da una crescente importanza assegnata alle caratteristiche sia dei processi produttivi sia...

  19. Atteggiamento dei consumatori nei confronti dell’evoluzione del sistema agro-alimentare: L’introduzione di alimenti geneticamente modificati

    OpenAIRE

    Roselli, Luigi; Seccia, Antonio; Stasi, Antonio

    2006-01-01

    L’atteggiamento dei consumatori nei confronti di alimenti che contengono OGM o sono ottenuti da OGM e gli alimenti che contengono ingredienti ottenuti da OGM (di seguito designati complessivamente con l’espressione "alimenti geneticamente modificati" o “alimenti GM”) rappresenta un tema di grande attualità per il sistema agro-alimentare europeo. Le esigenze dei consumatori, caratterizzate da una crescente importanza assegnata alle caratteristiche sia dei processi produttivi sia degli alimenti...

  20. Analysis of fox beating data in the provinces of Pesaro-Urbino and of Ancona (Central Italy / Analisi dei dati ottenuti dai verbali di abbattimento di Volpe (Vulpes vulpes nelle province di Pesaro-Urbino ed Ancona

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Santolini

    1991-07-01

    Full Text Available Abstract The contro1 of fox population by beating method was examined in two Provinces of the Marches region from 1984 to 1988. The efficiency of beating was evaluated as number of killed foxes per beating per 100; in addition the following relative abundance index (I.R.A. was calculated: number of killed foxes in a season divided by the ratio between the number of beatings in the same season and the minimum number of beatings recorded in a season of the study period. The index, recorded in winter, spring and autumn of each study year, agreed generally with the biologica1 cycle of the fox. The low values of the index occurred in spring in relation to the potential breeding fox population, the hight values in autumn when the population included also the young fox. The control of fox population by beating method was inefficient. Riassunto Vengono esaminati i verbali di abbattimento di Volpe (Vulpes vulpes in due province delle Marche, relativi al periodo 1984-88. I dati raccolti hanno permesso di valutare il rendimento di battuta (numero di volpi uccise/battute effettuate x 100 e di definire il seguente indice relativo di abbondanza (I.R.A.: numero di volpi abbattute in una determinata stagione diviso il rapporto tra il numero di battute nella stagione ed il numero minimo di battute registrate in una delle stagioni del periodo di indagine. I valori dell'indice, rilevati per primavera, autunno ed inverno di ogni anno di studio, si accordano in linea generale con il ciclo biologico della specie. Essi sono più bassi in primavera, periodo in cui sono espressione della popolazione potenzialmente riproduttiva, e sono più elevati in autunno in coincidenza con l'incremento della popolazione dovuta alla presenza dei giovani dell'anno. Lo studio evidenzia inoltre che le battute di caccia sono inefficaci per il controllo della popolazione.

  1. Pratiche di mobilitá e fonti digitali: opportunità e limiti dei dati di traffico telefonico

    OpenAIRE

    Pucci, Paola

    2014-01-01

    I cambiamenti nelle pratiche di mobilità nei territori della città contemporanea costituiscono un’utile chiave di lettura del processo di trasformazione dei tempi, dei luoghi e dei modi della vita sociale e dei programmi di attività che concorrono a strutturare il territorio. In questa prospettiva - che assume la mobilità come dispositivo di lettura delle trasformazioni urbane e sociali (Urry, 2005) - la sfida che si pone riguarda la disponibilità di fonti utili a restituire la ...

  2. Numeri caratteristici dei flocculi d'idrogeno e di calcio c dei filamenti d'idrogeno per l'anno 1958

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    g. godoli

    1959-06-01

    Full Text Available Proseguendo la pubblicazione annuale dei numeri caratteristici deiflocculi d'idrogeno e di calcio e dei filamenti d'idrogeno (', vengonoriportati nelle seguenti tre tabelle di immediata interpretazione i valorigiornalieri per il 1958.I numeri caratteristici sono stati stimati sugli spettroeliogrammieseguiti alla torre solare di Arcetri con l'immagine di 63 mm; le caratteristichestrumentali e la tecnica delle osservazioni sono state descrittein altra sede (2.Durante tutto il 1958 sono stati eseguiti quotidianamente tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga Ea3 dell'idrogeno e tre spettroeliogrammisuccessivi nella riga K2i 3_ 2 del calcio ionizzato. L'esecuzionedi spettroeliogrammi successivi ha lo scopo di mettere in evidenza levariazioni di intensità delle zone più attive. Tali variazioni di intensità,interessantissime nello studio dell'evoluzione dei fenomeni, non hannoperò alcuna influenza nella stima dei numeri caratteristici. Per questoabbiamo continuato a stimare i numeri caratteristici su di un solo spettroeliogrammain lì«;l ed uno solo in K2 3> 2. Gli spettroeliogrammi inHa3 esaminati erano generalmente i primi eseguiti. Solo in qualche rarocaso, quando il primo risultava difettoso, veniva esaminato il secondood il, terzo spettroeliogramma. Gli spettroeliogrammi in K2i 3> 2 esaminatierano quelli ridotti in sede di programma AGI.

  3. Piano dei Servizi. Proposal for Contents and Guideline

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Gerundo

    2014-05-01

    Full Text Available As an endless melting pot of experimentation and innovation, cities must reorganize and retrain compared to the growing new needs. In the light of the actual urban debate, it can be useful to do an in-depth study. In fact, the quality of urban life and collective well-being cannot be separated from the identification of a network of public services and facilities, that organizes and structures the city. That network is not resolved in the themes of pre-school and compulsory education, public interest, green spaces, car parks and public interest, but rather has a wider variety of types. Noting the failure of attempts to define, a priori, a quantity of universally valid services, it is necessary to rethink the ways and criteria of most of the infrastructural facilities. The "Piano dei Servizi" is the tool for the implementation of a concrete policy of services for public interest, and it means the transition between a planning standard, in terms of quantity, in a standard that meets quality requirements. It represents a specific section of the urban development plan, which has to consider problems and shortcomings, and try to solve them by finding opportunities which physical locations offer. In this way a planning standard is not configured as an abstract quantity, but as the material composition of the urban plan, which results in a land use and land development proposal.

  4. Caratteristiche dei roost di Chirotteri in Emilia Romagna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Bertozzi

    2003-10-01

    Full Text Available Il lavoro riassume le caratteristiche dei roost di maggior interesse per i Chirotteri in Romagna (Italia settentrionale. Sono stati considerati localizzazione, tipologia ambientale, consistenza e struttura di una serie di rifugi ove siano stati rilevati chirotteri o in ambito riproduttivo o in svernamento. La conoscenza delle caratteristiche di detti ambiti è fondamentale non solo per approfondire le conoscenze autoecologiche delle specie ma anche per ottenere indicazioni per la conservazione delle stesse. Le specie considerate sono Rhinolophus euryale, R. ferrumequinum, R. hipposideros, Myotis blythii, Myotis daubentonii, M. emarginatus, M. myotis, M. nattereri, Pipistrellus kuhlii, Pipistrellus pipistrellus, Nyctalus leisleri, N. noctula, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Plecotus auritus, Plecotus austriacus, Miniopterus schreibersii. Si rileva come oltre agli ambiti ipogei naturali e artificiali, un ruolo prioritario sia rappresentato dagli edifici. Infine alcune considerazioni sulla gestione di questi ambienti vengono proposte.

  5. ’n Kritiese blik op missio Dei in die lig van Efesiërs

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gert Breed

    2014-02-01

    Full Text Available 14.00 Missio Dei is ’n belangrike tegniese term in die gesprek oor die missionale taak van die kerk. Die term word egter nie konsekwent met dieselfde betekenis in die gesprek gebruik nie. Daar word selfs teenstrydige betekenisinhoude aan hierdie term geheg. Sommige gespreksgenote gebruik hierdie term sonder om duidelik te maak wat hulle spesifiek daaronder verstaan. Hierdie situasie lei tot misverstande en kan aanleiding gee tot ’n onbybelse benadering tot sending. Hierdie artikel ondersoek twee belangrike aspekte van die missio Dei-gesprek, naamlik die standpunt dat sending (missio tot die wese van God behoort en dat Hy daarom ’n sendende God is, asook die standpunt dat sending (missio uit die Drie-eenheid se onderlinge verhouding voortvloei. Verskillende benaderings in die missionale debat rondom die begrip missio Dei word krities ondersoek en op grond van Paulus se brief aan die Efesiërs geëvalueer. Vanuit die Efesiërbrief word ’n voorstel gemaak ten opsigte van die betekenis wat die begrip missio Dei behoort te dra asook hoe sending op die selfopenbaring van die Drie-eenheid volgens die Efesiërbrief gegrond kan word.A critical view of missio Dei in the light of Ephesians. Missio Dei is an important technical term in the discussion of the missional task of the church. In this discussion, however, the term is not used in a consistent sense. Even contrary semantic contents are associated with it. Some participants in the discussion use the term without clarifying what they understand by it. This situation causes misunderstandings and may give rise to an unbiblical approach to mission. This article investigates two important aspects of the missio Dei discourse, namely the viewpoint that mission (missio is inherent to the nature of God, which means he is a missional God, as well as the viewpoint that mission (missio flows from the mutual relationship in the Trinity. Different approaches in the missional debate regarding the concept

  6. Micromammiferi dei piani carsici di Colfiorito (Perugia - Macerata

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    A. Gaggi

    2003-10-01

    Full Text Available È stata condotta la prima indagine qualitativa sulla microteriofauna del Parco Regionale di Colfiorito (PG e dell?intero sistema dei piani carsici, che si sviluppano tra 750 e 800 m. s.l.m. sullo spartiacque appenninico umbro-marchigiano centro- meridionale. L?area di studio si estende per 5651,27 ha con un?escursione altitudinale da 750 a 1440 m s.l.m., interessando la palude omonima e alcuni territori limitrofi. Si è indagato nelle seguenti categorie ambientali: palude (fascia esterna, prato umido e torbiera, pascolo, bosco di latifoglie e zone antropizzate. Tra giugno 2000 e maggio 2001 sono state effettuate 16 uscite (4 per stagione, utilizzando i seguenti metodi: a trappolamento incruento, con trappole ed esche di vario tipo e successivo rilascio dei selvatici catturati, per 616 notti trappola, 38 catture, 6 specie: Clethrionomys glareolus, Microtus savii, Apodemus flavicollis, A. sylvaticus, Rattus norvegicus e Mus domesticus; b raccolta di boli. La mancata reperibilità di siti di Barbagianni Tyto alba e di Allocco Strix aluco ha portato a recuperare ed analizzare 65 borre di Albanella reale Circus cyaneus e 13 di Albanella minore C. pygargus, con il contenuto di microroditori rispettivamente del 77,3% e del 10%. In entrambe le diete è apparsa interessante la presenza di crani riferibili a Microtus cfr. subterraneus. Il metodo ha fornito, contemporaneamente, nuove informazioni sull?alimentazione di queste albanelle in Italia; c ricerca di resti di pasto, nidi e tane, impronte, carcasse. Ha accertato le specie Erinaceus europaeus e Sciurus vulgaris oltre al genere Talpa; d ricerca bibliografica, museografica e fotografica. Ha accertato Sorex minutus, S. samniticus, Neomys fodiens, Glis glis,

  7. Dai confini dei villaggi ai confini politici. L’area friulana nel tardo medioevo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Donata Degrassi

    2006-06-01

    Full Text Available Il saggio effettua una prima analisi sui processi di definizione confinaria nell’area friulana nei secoli XIII-XV, a partire da un ampio spoglio di documenti editi e inediti. La ricognizione ha condotto a individuare due fasi, che sembrano presentare caratteristiche parzialmente diverse: un periodo, che si colloca tra il Duecento e il pieno Trecento, in cui sono presenti soprattutto controversie relative alla definizione dei confini tra comunità di villaggio, in un’ottica che sembra soprattutto di affermazione dell’identità collettiva e di riconoscimento dell’ambito territoriale proprio rispetto alle comunità confinanti. Nella successiva fase, che decorre dal terzo decennio del Quattrocento, si assiste un generalizzato moltiplicarsi delle contese confinarie in generale, e di quelle tra comunità e signori in particolare. Ciò pare legato, da un lato, agli strascichi di decenni di guerre, epidemie, devastazioni e abbandoni dei coltivi che avevano stravolto il quadro insediativo nelle campagne, non meno che al cambio di sovranità istituzionale e allo scatenarsi dei processi di costruzione delle giurisdizioni territoriali da parte dei signori. Il problema delle delimitazioni confinarie assume dunque, in questo periodo, una declinazione diversa, in cui si inseriscono anche controversie “di frontiera” in senso stretto nei confronti di quelle formazioni che fanno capo a una diversa sovranità territoriale e di cui si analizza una vicenda particolare, ma assai emblematica, che riguarda le confinazioni tra Pordenone e Zoppola. Il ricco materiale processuale, esaminato su tutto l’arco cronologico considerato, permette infine di trarre qualche osservazione riguardo il ruolo degli esperti del diritto e dei testimoni nell’ambito dei processi confinari.

  8. La «economía» de la Sagrada Escritura en Dei Verbum.

    OpenAIRE

    Balaguer, V. (Vicente)

    2006-01-01

    La Constitución Dogmática del Concilio Vaticano II, Dei Verbum, al contrario que la Constitución Dei Filius del Concilio Vaticano I, no iguala Sagrada Escritura con palabra de Dios. Traza, por una parte, una economía de la Palabra de Dios, que se manifiesta en la historia de la salvación que culmina en Jesucristo, Palabra de Dios, se expresa en la proclamación apostólica y se entrega a la Iglesia. Por otra parte, traza una economía de la Sagrada Escritura, ...

  9. GIS 3D: studio e applicazione alla documentazione dei beni culturali

    OpenAIRE

    Costamagna, Erik

    2012-01-01

    Il risultato di più di mezzo secolo di attività di ricerca a livello nazionale e internazionale sulla documentazione dei beni culturali ha prodotto un progressivo allargamento del concetto di bene culturale e dei compiti della tutela. A partire dalle prime formulazioni si è giunti ad una definizione più ampia che tiene conto della complessità del fenomeno e della sua stretta integrazione con il territorio. Quest'evoluzione ha portato anche ad un mutamento delle politiche di tutela e alla nasc...

  10. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    OpenAIRE

    Dino Scaravelli

    2003-01-01

    I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di...

  11. Neuroscienze controverse: il caso dei neuroni specchio; BrainFactor intervista Pierre Jacob

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Lavazza

    2012-07-01

    Full Text Available Pierre Jacob, filosofo della mente e scienziato cognitivo, è attualmente presidente della Società europea di filosofia e psicologia e direttore dell’Istituto Jean Nicod di Parigi, importante centro di ricerca sulla mente e il cervello. Ha scritto, tra l’altro, "What minds can do" (Cambridge University Press, nel quale indaga il problema di una spiegazione naturalistica dei contenuti delle rappresentazioni mentali e quello dell’efficacia dei contenuti mentali nella spiegazione causale del comportamento individuale.[...] Professor Jacob, come valuta lo studio di Caramazza sui neuroni specchio?

  12. Borges, Ariosto e la vita segreta dei personaggi minori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Dorigatti

    2013-12-01

    Full Text Available Inteso quale omaggio a Emilio Bigi, sia pure indiretto, lo studio prende spunto da un’intervista, tuttora inedita, rilasciata nel 1984 dallo scrittore argentino Jorge Luis Borges, in cui aveva citato, credendoli ariosteschi, dei versi che per lui, giunto in età ormai avanzata, erano diventati, più che un motto, una metafora di vita. Poco importa che, come verrà chiarito vagliando la loro storia e le relative fonti, quei versi, facenti capo alla misteriosa figura di un personaggio saraceno, Alibante di Toledo, in realtà appartenessero all’officina poetica di Francesco Berni: essi vengono ciò nondimeno assunti quale filo conduttore per un percorso esplorativo all’interno dell’Orlando furioso che ne vaglia la valenza per così dire “ariostesca”, giusta la reminiscenza borgesiana. Approdata infine a Cervantes, la discussione si conclude facendo ritorno a Borges e misurando l’impatto che quei medesimi versi hanno avuto sulla sua propria opera poetica.Intended as a heartfelt tribute to Emilio Bigi, albeit an indirect one, this essay draws on an interview, still unpublished, given by Argentine writer Jorge Luis Borges in 1984, in which he quoted a couple of lines of poetry which he firmly believed to be by Ariosto, and which for him, by then an old man, had become, more than a motto, a metaphor of life. It does not really matter that, as will become apparent retracing their history as well as their sources, these lines, centring on the mysterious figure of a Saracen character called Alibante of Toledo, actually belonged to Francesco Berni: they are here assumed as the main motif to be explored within Orlando furioso, in order to ascertain to what extent their nature may be regarded to be Ariostan, just as Borges thought. Having finally reached Cervantes, the discussion concludes by returning once more to Borges and considering the impact that these lines, which had remained engrained in his memory throughout his life, had on his own

  13. DUE NUOVE SPECIE DI OTIORHYNCHUS (LIXORRHYNCHUS REITTER, 1914 E UNA NUOVA SPECIE DI RAYMONDIONYMUS WOLLASTON, 1873 DEI MONTI AURUNCI (LAZIO (COLEOPTERA, CURCULIONOIDEA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Magrini

    2008-10-01

    Full Text Available Nella presente nota vengono descritti tre nuovi Curculionoidea ipogei dei Monti Aurunci (Lazio: Otiorhynchus (Lixorrhynchus avoni n. sp.; Otiorhynchus (Lixorrhyn­chus paulae n. sp. e Raymondionymus pulcherrimus n. sp. Nel testo vengono riportate immagini fotografiche dei principali caratteri esoscheletrici (sia interni che esterni che contraddistinguono le nuove specie, nell’ambito dei gruppi di appartenenza. Una cartina geografica riassume lo stato dell’attuale distribuzione dei Lixorrhynchus anoftalmi o microftalmi in Italia penisulare e nell’area Sardo-Corsa. Le prime due specie presentano indubbie affinità con Otiorhynchus (Lixorrhynchus bastianinii Magrini, Meoli & Abbazzi, 2005, recentemente descritto dei Monti Aurunci centrali [Grava dei Serini (= Grotta dei Serini 587 La/FR], mentre la terza specie costituisce, insieme a R. meggiolaroi (Osella, 1977 (Liguria, R. eximius Meregalli & Osella, 2006 (Lazio, Monti Simbruini e R. zoiai (Osella & Giusto, 1985 (Piemonte, Massiccio del Monviso, un gruppo immediatamente riconoscibile rispetto ai taxa congeneri, per la particolare conformazione del pronoto.

  14. Approccio genomico e funzionale allo studio delle alterazioni dei microRNA nelle MPN.

    OpenAIRE

    L. Tozzi

    2012-01-01

    Alterazioni dell'espressione dei microRNA sono state descritte in numerosi tumori sia solidi che ematologici. In questo studio sono stati utilizzati dati funzionali e dati derivanti dalle più recenti tecnologie di analisi genomica high-throughput per identificare subset di microRNA alterati nelle cellule neoplastiche e caratterizzare il loro possibile ruolo.

  15. Network nativi e ruolo dei Mass Media nello sviluppo delle nuove identità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Noemi Pierdica

    2006-11-01

    Full Text Available L’antropologia ha iniziato ad interessarsi e ad analizzare seriamente i mass media soltanto negli anni ’80, esplorando in particolare le funzioni dei media indigeni i quali, sfidando l’egemonia occidentale dei mezzi di comunicazione di massa, aprivano la strada agli studi sulle diverse rappresentazioni mediatiche dell’identità.Negli anni ’80, infatti, alcune comunità indigene hanno iniziato ad organizzare dei network in modo tale da poter “fronteggiare” certe politiche di governo locale e riappropriarsi della propria cultura tradizionale. Le dinamiche di cambiamento sociale in corso negli ultimi decenni hanno portato ad un maggiore controllo dei soggetti nativi sulle proprie rappresentazioni mediatiche. La relativa facilità d’uso e l’accessibilità economica degli strumenti di produzione e manipolazione dell’immagine, mostrano che quei soggetti che fino a poco tempo fa erano in mano alle rappresentazioni degli altri (di norma occidentali, ora sono pronti ad auto-rappresentarsi utilizzando i diversi supporti tecnologici a loro disposizione come strumenti di propaganda politica e culturale. Paradossalmente, le popolazioni più coinvolte in questo processo di strategie mediatiche sono quelle più distanti culturalmente e tecnologicamente dall’Occidente: Aborigeni australiani, Inuit canadesi, Indiani dell’Amazzonia.

  16. Social media e sentiment analysis l’evoluzione dei fenomeni sociali attraverso la rete

    CERN Document Server

    Ceron, Andrea; Iacus, Stefano M

    2014-01-01

    Due miliardi e mezzo di utenti internet, oltre un miliardo di account Facebook, 550 milioni di profili Twitter. Che parlano, discutono, si confrontano sui temi più svariati. Un flusso in continuo divenire di informazioni che dà sostanza ogni giorno al mondo dei Big Data. Ma come si analizza concretamente il “sentiment” della Rete? Quali sono i pregi e i limiti dei diversi metodi esistenti? E a quali domande possiamo dare una risposta? Dopo aver presentato le varie tecniche di analisi testuale applicate ai social media, questo libro discute di come l’informazione presente in Rete sia in grado di aiutarci a meglio comprendere il presente e a fare previsioni sul futuro riguardo a una molteplicità di fenomeni sociali, che spaziano dall’andamento dei mercati finanziari, alla diffusione di malattie, alle rivolte e ai sommovimenti popolari fino ai risultati dei talent show, prima di concentrarsi su due casi specifici: l’andamento della felicità degli italiani giorno per giorno, e i risultati delle camp...

  17. "Rulers of Venice, 1349 to 1524". Alcune osservazioni sulla schedatura dei registri del Segretario alle Voci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Mozzato

    2005-12-01

    Full Text Available Illustrazione dei criteri di compilazione del data-base Rulers of Venice, progettato dallo storico americano Benjamin Kohl utilizzando l’archivio della magistratura della repubblica di Venezia denominata “Segretario alle voci”, ed esemplificazione del funzionamento di tale repertorio mediante alcuni case-studies.

  18. Hoteles Todo Incluído en Cozumel: aproximación hacia la sustentabilidad como elemento competitivo dei destino

    OpenAIRE

    Alejandro Palafox Muñoz; Manuel González Herrera

    2013-01-01

    EI artículo presenta los resultados dei estudio realizado en Hoteles Todo Incluido (TI) de la Isla Cozumel, con eI propósito de a1canzar una explicación holística dei modelo turístico conformado y proponer directrices para avanzar hacia la sustentabilidad. La conceptualización se fundamenta en el análisis de la gestión integrada de los destinos que operan bajo esta modalidad - según el caso de Cozumel-, y la formulación de estrategias que propicien la sustentabilidad dei turismo como elemento...

  19. MONITORAGGIO DELLA CONTAMINAZIONE DA DIOSSINE IN CAMPI COLTIVATI A FORAGGI

    OpenAIRE

    Maglio, Maria Erminia

    2014-01-01

    Abstract Le fonti di contaminazione da diossine dei prodotti di origine animale derivano principalmente dall’assunzione con la dieta, somministrata agli animali in produzione zootecnica, di foraggi contaminati. In virtù dello scenario presente in regione Campania, sono state analizzate 3 cultivar maggiormente utilizzate per il razionamento dei ruminanti: mais, sorgo e triticale, per le quali è stato scelto di monitorare l’entità dell’inquinamento da diossine e da prodotti diossino-simili ...

  20. 76 FR 22684 - Draft Environmental Impact Statement (DEIS) for the Real Property Master Plan at the Presidio of...

    Science.gov (United States)

    2011-04-22

    ... (NOA). SUMMARY: The Department of the Army announces the availability of the DEIS for the Real Property... coast. DATES: The public comment period will end 45 days after publication of the NOA in the...

  1. Procedura per la nomina dei vescovi. Evoluzione dal Codice del 1917 al Codice del 1983. [Reseña

    OpenAIRE

    Le-Tourneau, D. (Dominique)

    2006-01-01

    Reseña de: Tkhorovskyy, Mykhaylo, Procedura per la nomina dei vescovi. Evoluzione dal Codice del 1917 al Codice del 1983, Editrice Pontificia Università Gregoriana, Tesi Gregoriana, Serie Diritto Canonico 67, Roma 2004, 272 pp.

  2. La valutazione dei 43 DRG a rischio di inappropriatezza nella regione Abruzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. Cofini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’obiettivo dello studio è rappresentato dalla valutazione dei ricoveri relativi ai 43 DRG ospedalieri, individuati nell’allegato 2C del DPCM 29 novembre 2001 (ad alto rischio di inappropriatezza nelle strutture di ricovero pubbliche e private, della Regione Abruzzo.

    Metodi: sono stati elaborati i dati forniti dalla Regione Abruzzo relativi ai ricoveri ed alle giornate di degenza, DRG specifici, per gli anni 2000 e 2001, in regime di degenza ordinaria e day hospital. È stata effettuata un’analisi comparativa degli indicatori dell’attività ospedaliera e della spesa sanitaria legati al sistema DRG, tra i presidi oggetto di studio, ed un confronto temporale degli stessi indicatori, per ogni singolo presidio. I dati disponibili su supporto informatico sono stati elaborati attraverso il pacchetto statistico sas/stat.

    Risultati: nei due anni considerati il rapporto tra i ricoveri ordinari ed i ricoveri in regime di day hospital è passato dal 78% del 2000 al 74% del 2001. È stato registrato un decremento del 1.5% nei ricoveri in regime di degenza ordinaria ed un importante incremento del 21% per i ricoveri in day hospital. Le giornate di degenza prodotte dai rispettivi DRG analizzati, hanno subito un decremento del 6% in regime di degenza ordinaria e poco più del 5% in regime di day hospital. Dal confronto tra le strutture pubbliche con più di 500 posti letto, sono stati evidenziati un decremento dell’1% dei ricoveri ordinari ed un incremento del 38% dei ricoveri in day hospital.

    Conclusioni: dall’analisi è stato evidenziato un aumento del numero dei ricoveri “inappropriati”, seguita da un decremento delle giornate di degenza prodotte dagli stessi DRG. Uno degli effetti più rilevanti dell’analisi è stata la crescita della quota della spesa sanitaria in corrispondenza dei 43 DRG valutati. Tale considerazione rende necessaria

  3. Il servizio di EV-mobile ed i suoi utenti: un approccio metodologico all’analisi dei loro comportamenti

    OpenAIRE

    Ugo Contino; Marco Scarnò; Donatella Sforzini

    2012-01-01

    ItLa possibilità di accedere al Web mediante dispositivi mobili, ad esempio tablet o smartphone, ha comportato la creazione di ulteriori portali, semplificati, che consentono di diffondere contenuti ed informazione in maniera rapida ai propri utenti. Nel caso del servizio di Emeroteca Virtuale Mobile si è voluto ampliare la gamma dei servizi offerti all’utenza, includendo una piattaforma che fosse navigabile attraverso i browser disponibili nei moderni smart phone. L’analisi dei loro comport...

  4. La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012

    OpenAIRE

    Simona Attollino

    2013-01-01

    Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli atti del Convegno nazionale ADEC "Insegnamenti e insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana" (Catanzaro, 25-27 ottobre 2012). SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un...

  5. Analisi sperimentale dell'influenza dei parametri di processo sulla resistenza di contatto tra polimero e stampo durante la formatura

    OpenAIRE

    Morsiani, Riccardo

    2012-01-01

    Con gli strumenti informatici disponibili oggi per le industrie, in particolar modo coi software CAE, le possibile simulare in maniera più che soddisfacente i fenomeni fisici presenti in natura. Anche il raffreddamento di un manufatto in polimero può venire simulato, a patto che si conoscano tutti i dati dei materiali e delle condizioni al contorno. Per quanto riguarda i dati dei materiali, i produttori di polimeri sono molto spesso in grado di fornirli, mentre le condizioni al contorno devon...

  6. I canti popolari arbēreshē (italo-albanesi) e la tradizione dei canti popolari italiani

    OpenAIRE

    Marchianò, Antonia

    2012-01-01

    La tesi di dottorato, I canti popolari arbëreshë (italo-alabenesi) e la tradizione dei canti popolari italiani, è un lavoro di ricerca sui canti popolari arbëreshë, in rapporto alla tradizione dei canti popolari italiani di area meridionale, condotto sulla base di una metodologia interdisciplinare, afferente all’antropologia culturale, alle letterature comparate, alla linguistica e alla dialettologia, nel quadro di una costante documentazione di verifica storiografica. Il punto...

  7. Il lato oscuro dei Diritti umani: esigenze emancipatorie e logiche di dominio nella tutela giuridica dell’individuo

    OpenAIRE

    Meccarelli, Massimo; Palchetti, Paolo; Sotis, Carlo

    2014-01-01

    I diritti umani tra esigenze emancipatorie e logiche di dominio / Massimo Meccarelli, Paolo Palchetti, Carlo Sotis. -- Dai diritti naturali ai diritti umani: episodi di retorica universalistica / Pietro Costa. -- Diritti umani e diritto penale / Domenico Pulitanò. -- Il lato oscuro dei diritti umani: aspetti di diritto internazionale / Tullio Scovazzi. -- “Chiaro e oscuro” dei diritti umani alla luce del processo di giurisdi¬zionalizzazione del diritto / Roberto Bartoli. -- Una truth commissi...

  8. L'integrazione dei minori stranieri non accompagnati. Lo studio di un caso: i minori marocchini tra Khourigba e Roma

    OpenAIRE

    Di Nepi, Edith

    2010-01-01

    La presente ricerca si è proposta di evidenziare le strategie di integrazione ovvero le pratiche di cittadinanza adottate in favore di un particolare segmento dei fenomeni migratori internazionali attuali: quello dei minori stranieri che soli varcano le frontiere del nostro paese alla ricerca di generiche migliori condizioni di vita. La conoscenza del loro patrimonio culturale e l’analisi delle procedure di accoglienza e di integrazione adottate nelle società di accoglienza, rappresentano u...

  9. LE COMPETENZE FINANZIARIE DEI CONSOLI: ANALISI DI UN EPISODIO RELATIVO A SCIPIONE AFRICANO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Bellomo

    2014-09-01

    Full Text Available Questo articolo prende in analisi le relazioni tra senato e consoli riguardo alla gestione delle finanze a Roma. Secondo Polibio, sebbene il senato detenesse un forte controllo sulle normali spese statali, i consoli godevano di una particolare autonomia per i fondi ad essi destinati. Una visione che sarebbe confermata da un episodio avente come protagonista Scipione Africano, il quale, in una seduta del senato collocata dagli studiosi al tempo del suo secondo consolato, avrebbe minacciato i questori di aprire personalmente i forzieri dell’Erario. In questo articolo si cercherà di dimostrare che l’episodio, se attribuibile a uno dei due consolati di Scipione, trova una sua più esatta collocazione al tempo del primo consolato (205 a. C., e che esso non può essere preso come esempio dell’autonomia dei consoli in campo finanziario. Al contrario, esso sembra costituire un’ulteriore riprova della predominanza del Senato in questo campo.

  10. Sensible nuclear materials control in the European Union; Controllo dei materiali nucleari sensibili nella UE

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Casarelli, Giancarlo [Politecnico Univ., Milano (Italy). Dipartimento di energetica

    2005-10-15

    In this article are reported the typology of nuclear cycle plants. Here are presented the inspection activities and results of year 2003. [Italian] I processi industriali per la produzione dei materiali fissili di base necessari per il combustibile dei reattori nucleari sono sostanzialmente gli stessi necessari per produrre esplosivi nucleari per le bombe atomiche. Il timore di una possibile proliferazione di nazioni con armamanti nucleari ha portato nel 1968 al Trattato di non proliferazione nucleare (NPT) ed alla istituzione di sistemi di controllo internazionali tramite l'IAEA, l'Euratom e le Agenzie nazionali istituite ad hoc. Nell'articolo vengono indicate le tipologie degli impianti per il ciclo del combustibile dove si concentrano nei Paesi della UE le attivita ispettive e le rispettive risultanze per l'anno 2003.

  11. L’altra memoria dei tracciati. La viabilità storica come chiave interpretativa del paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Cillis

    2013-01-01

    Full Text Available Parlare di viabilità storica vuol dire abbandonare l’idea stereotipata della strada monumentale e ipotizzare che possa esistere un patrimonio minore per altisonanza, quanto mai fragile e diffuso. Il contributo persegue l'obiettivo di fornire alcune chiavi interpretative del paesaggio ponendo in relazione la struttura profonda dei luoghi con il permanere delle tracce storiche dei luoghi stessi attraverso il tema della strada. Partendo da alcune considerazioni sulla cartografia stradale di matrice storica, il tema viene declinato nell'ottica del “paesaggio della strada”, che da una dimensione puntuale degli elementi testimoniali, si espande ad una più vasta che trova nella strada il tema conduttore di un sistema identitario territoriale e delle sue trasformazioni

  12. Surveying and Comparing the Arco Dei Gavi and its Historical Wooden Maquette

    OpenAIRE

    Francesco Guerra; Paolo Vernier

    2011-01-01

    Actually geometrics’ science offers new opportunities and interesting applications in the field of Cultural Heritage. These applications are strictly related to preservation, restoration but even to cataloging and reproducing a monument that no longer has its original integrity.  The possibility of obtaining 3D data, of such a model close to reality, enables us to realize studies that sometimes are too complex or impossible. The paper will describe the study of a monumental arch, the Arco dei...

  13. I mercati delle registrazioni e dei concerti nell'era della musica digitale

    OpenAIRE

    Balducci, Francesco

    2008-01-01

    [ITALIANO] Le preferenze dei consumatori si stanno trasformando in maniera decisa nei confronti della musica digitale. La diffusione del file sharing e della musica attraverso internet ha modificato profondamente il mercato musicale, i ruoli e le interrelazioni fra gli agenti economici. Il mercato delle registrazioni su supporto tradizionale quello maggiormente penalizzato dal crescente numero di download a causa del fenomeno della sostituzione. Nel mercato degli spettacoli live invece l'effe...

  14. Astronomy and landscape at the prehistoric settlement Villaggio dei Faraglioni, Ustica, Sicily

    OpenAIRE

    Martin, Franco Foresta; Magli, Giulio

    2016-01-01

    The placement of the Middle Bronze Age settlement Villaggio dei Faraglioni on the Ustica island, one of the best preserved prehistoric village of the Mediterranean area, is analyzed from a cognitive point of view, taking into account archaeoastronomy and landscape archaeology aspects. It turns out that the place might have been selected because of its privileged position with respect to the landscape, better than conforming to utilitarian/defensive considerations, as instead occurs for contem...

  15. Lupi, agnelli, etologi, sociologi. Considerazioni su un testo di etologia, ad uso dei ricercatori sociali

    OpenAIRE

    Niessen, BM

    2006-01-01

    This is the first working paper for UrbEur PhD. “Lupi, agnelli, etologi, sociologi. Considerazioni su un testo di etologia, ad uso dei ricercatori sociali” (Wolves, lambs, ethologists, sociologists. Some considerations on an ethology books, for social researchers”), reflects on the book “Quand le loup habitera avec l’agneau” by Vinciane Despret and on some of its epistemological consequences for social research.

  16. Probing Alzheimers Disease Pathology and Early Detection at the NSLS with Infrared, XRF, and DEI

    International Nuclear Information System (INIS)

    We explored diffraction enhanced imaging (DEI) in both planar and computed tomography (CT) modes for early detection of beta amyloid deposition, a hallmark feature in Alzheimer's disease (AD). Since amyloid plaques precede clinical symptoms by years, their early detection is of great interest. These findings were correlated with results from synchrotron infrared microspectroscopic imaging and X-ray fluorescence microscopy, to determine the secondary structure of the amyloid beta protein and metal concentration in the amyloid plaques, respectively.

  17. Il Registro dei nomi a dominio a dominio sotto il ccTLD

    OpenAIRE

    Denoth, Franco; Martinelli, Maurizio; Rossi, Rita; Trumpy, Stefano; Vaccarelli, Anna; Vannozzi, Daniele

    2004-01-01

    Il CNR, prima attraverso l'Istituto CNUCE e attualmente con l'Istituto di Informatica e Telematica (IIT), assolve al ruolo di Registro italiano dei nomi a dominio sotto il ccTLD ".it" fin dal dicembre 1987. Fu allora, infatti, che IANA (Internet Assigned Numbers Authority, oggi ICANN: Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) riconobbe il country code Top Level Domain ".it", assegnandone la gestione al CNUCE-CNR in virt? delle competenze tecniche e scientifiche maturate dai suoi ri...

  18. Giovani italiani. Le associazioni dei figli dell'immigrazione in Emilia Romagna

    OpenAIRE

    D'Ambrosio, Giulia Enrica

    2011-01-01

    Il lavoro di ricerca svolto rientra nel campo degli studi sulle migrazioni. L’attenzione che ultimamente si è rivolta verso le giovani generazioni, i figli dell’immigrazione, risulta essere di notevole interesse per poter capire le dinamiche sociali di una comunità in continua evoluzione. La tesi dottorale, dal titolo “Giovani generazioni. Le associazioni dei figli dell’immigrazione in Emilia Romagna”, verte sull’analisi delle associazioni di giovani figli dell’immigrazione, che si sono co...

  19. Il S. Lorenzo di Guarino Guarini. Rilievo integrato: interpretazione dei dati e rappresentazione

    OpenAIRE

    C. Crescenzi

    2007-01-01

    Il San Lorenzo di Guarino Guarini. Rilievo integrato: interpretazione dei dati e rappresentazione. “Il progetto non è forma, ma un insieme di relazioni funzionali, estetiche, filosofiche…è una dichiarazione programmatica di in-tenti che risponde alle richieste che gli vengono rivolte” . Parimenti l’arte di rilevare non è solo misura, ma la capacità di leggere, connettere e rappresentare correttamente le relazioni dell’Architettura. Questa è “espressione” materiale, concreta “e dich...

  20. LA DEFINIZIONE DEI CONFINI DELL’ALBANIA TRA PRINCIPI TEORICI E INTERESSI POLITICI

    OpenAIRE

    Emilia SARNO

    2016-01-01

    L’Albania attualmente confina con il Montenegro a nord, con la Serbia o più propriamente con il Kosovo a nord-est, con la Repubblica ex Iugoslavia di Macedonia ad est e con la Grecia a sud. Il contributo, tramite l’analisi delle carte storiche di un pregevole atlante del 1868, vuole documentare la problematicità della definizione dei confini albanesi, che furono definiti convenzionalmente, ad eccezione della linea costiera, dopo la proclamazione dell’indipendenza, nel Congre...

  1. La confisca dei beni agli eretici nella Napoli di età moderna.

    OpenAIRE

    D'Avino, Francesca

    2011-01-01

    La ricerca in oggetto ha avuto lo scopo di analizzare la disciplina normativa e la rilevanza politico sociale di una delle pene più severe comminate dal tribunale della Santa Inquisizione: la confisca dei beni agli eretici. L’esame si è concentrato, in particolare, sulla centralità che questa pena assunse nei conflitti antiinquisitoriali che caratterizzarono i vari tentativi da parte della corona di introdurre, nel Regno di Napoli, un’Inquisizione di tipo spagnolo. La costante reazione pop...

  2. Tecniche digitali per il rilievo, la modellazione tridimensionale e la rappresentazione nel campo dei beni culturali

    OpenAIRE

    Girelli, Valentina Alena

    2007-01-01

    Le soluzioni tecnologiche rese oggi disponibili dalle discipline della moderna Geomatica, offrono opportunità di grande interesse per il rilevamento nel settore dei Beni Culturali, sia per quanto riguarda il momento primario del rilievo, cioè la fase di acquisizione del dato metrico, sia per quanto concerne la questione della rappresentazione per oggetti di interesse archeologico, artistico, architettonico. Lo studio oggetto della presente tesi si propone, sulla base di numerose esperienze ma...

  3. Analisi dei metaboliti secondari da fonti naturali: isolamento, caratterizzazione strutturale e attività biologiche

    OpenAIRE

    Nini, Antonella

    2015-01-01

    L’ attività di ricerca del Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie Biologiche, XXVII ciclo, si inserisce nell’ambito della chimica delle sostanze naturali ed è rivolta all’isolamento e alla caratterizzazione strutturale dei metaboliti secondari provenienti da matrici vegetali . Le specie oggetto di studio sono piante, utilizzate nella medicina popolare per le loro caratteristiche fitoterapiche, oppure sono impiegate anche nell’alimentazione. L’indagine chimica si è concentrata sulle ...

  4. Inventario dei luoghi di culto dell'area falisco-capenate,

    OpenAIRE

    Ferrante, Cristina

    2008-01-01

    Inventario dei luoghi di culto della zona falisco-capenate. Sunto. La raccolta delle fonti relative alla vita religiosa della zona falisco-capenate è stata finalizzata, in primo luogo, all’individuazione di luoghi di culto sicuramente identificabili come tali. Dove questo non fosse stato possibile, soprattutto in presenza di documenti epigrafici isolati e di provenienza non sempre determinabile, si è comunque registrata la presenza del culto. Attraverso la documentazione raccolta si in...

  5. Probing Alzheimers Disease Pathology and Early Detection at the NSLS with Infrared, XRF, and DEI

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Zhong,Z.; Bennett, D.; Chapman, D.; Chen, J.; Connor, D.; Dilmanian, A.; Faulconer, L.; Kao, T.; Leskovjan, A.; et al

    2008-01-01

    We explored diffraction enhanced imaging (DEI) in both planar and computed tomography (CT) modes for early detection of beta amyloid deposition, a hallmark feature in Alzheimer's disease (AD). Since amyloid plaques precede clinical symptoms by years, their early detection is of great interest. These findings were correlated with results from synchrotron infrared microspectroscopic imaging and X-ray fluorescence microscopy, to determine the secondary structure of the amyloid beta protein and metal concentration in the amyloid plaques, respectively.

  6. Musei post-etnografici. Le trasformazioni dei rapporti tra antropologia e museo in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Benoît de L'Estoile

    2016-01-01

    Full Text Available L’articolo riflette sulle trasformazioni contemporanee dei rapporti tra antropologia e museo in Francia alla luce dell’apertura negli ultimi anni del Musée du quai Branly, del Musée des Civilisations de l'Europe et de la Méditerranée (MUCEM, e del rinnovamento del Musée de l'Homme. La relazione tra musei e antropologia, storicamente più stretta in Francia che in altri contesti nazionali, spiega l’intensità delle reazioni suscitate da queste trasformazioni. La ricostruzione della successione dei progetti di musei etnografici, e in particolare l’ideale del ‘museo-laboratorio’, dimostra il ruolo duraturo del paradigma enciclopedico-naturalista. L’esaurimento del paradigma naturalista, tanto negli stessi musei di storia naturale come il Muséum National d'Histoire Naturelle di Parigi quanto nei musei etnografici, ha prodotto una trasformazione del ruolo dei musei, sancito dal passaggio da un discorso museografico centrato sulla scienza e il razionalismo ad un approccio estetizzante fondato sulle emozioni. Allo stesso tempo, il paradigma naturalista ed evoluzionista rinasce nel nuovo Musée de l'Homme, inaugurato nel 2015. Questi nuovi musei, che possono essere definiti come ‘post-etnografici’, non sono ancora riusciti a fare i conti con la storia e con il loro passato coloniale. Nel contempo, l’antropologia francese si trova di fronte alla sfida di reinventarsi come ‘antropologia post-museo’.

  7. Image quality dependence on thickness of sliced rat kidney taken by a simplest DEI construction

    International Nuclear Information System (INIS)

    The excised rat kidney slices were investigated using a simplified diffraction-enhanced imaging (DEI) configuration with only two crystals: the first one working as monochromator and the second one working as analyzer in the Bragg geometry that was developed at Beijing Synchrotron Radiation Facility (BSRF). Many fine anatomic structures of the sliced rat kidneys with thickness of 2mm and 120μm can be distinguished clearly in the DEI images that were obtained at the shoulder of a rocking curve. The authors would like to emphasize that the thick and thin slices DEI provides very different images; in the thick sample only the structure with the big density gradient or that near the surface where X-ray comes out can be distinguished, while in the thin ones some fine structures, which can not be distinguished at the thick sample under the same condition, can be seen very clearly. The reason related with the counteraction of δ(x,y,z) gradient in the integral process along the X-ray path inside the thick sample is discussed

  8. Imaging lobular breast carcinoma: comparison of synchrotron radiation DEI-CT technique with clinical CT, mammography and histology

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fiedler, S [European Synchrotron Radiation Facility, BP 220, F-38043 Grenoble Cedex (France); Bravin, A [European Synchrotron Radiation Facility, BP 220, F-38043 Grenoble Cedex (France); Keyrilaeinen, J [Department of Physical Sciences, POB 64, FIN-00014 Helsinki University (Finland); Fernandez, M [Department of Physical Sciences, POB 64, FIN-00014 Helsinki University (Finland); Suortti, P [Department of Physical Sciences, POB 64, FIN-00014 Helsinki University (Finland); Thomlinson, W [European Synchrotron Radiation Facility, BP 220, F-38043 Grenoble Cedex (France); Tenhunen, M [Department of Oncology, Helsinki University Central Hospital, POB 180, FIN-00029 HUS (Finland); Virkkunen, P [Department of Oncology, Helsinki University Central Hospital, POB 180, FIN-00029 HUS (Finland); Karjalainen-Lindsberg, M-L [Department of Pathology, HUCH Laboratory Diagnostics, Helsinki University Central Hospital, POB 400, FIN-00029 HUS (Finland)

    2004-01-21

    Different modalities for imaging cancer-bearing breast tissue samples are described and compared. The images include clinical mammograms and computed tomography (CT) images, CT images with partly coherent synchrotron radiation (SR), and CT and radiography images taken with SR using the diffraction enhanced imaging (DEI) method. The images are evaluated by a radiologist and compared with histopathological examination of the samples. Two cases of lobular carcinoma are studied in detail. The indications of cancer are very weak or invisible in the conventional images, but the morphological changes due to invasion of cancer become pronounced in the images taken by the DEI method. The strands penetrating adipose tissue are seen clearly in the DEI-CT images, and the histopathology confirms that some strands contain the so-called 'Indian file' formations of cancer cells. The radiation dose is carefully measured for each of the imaging modalities. The mean glandular dose (MGD) for 50% glandular breast tissue is about 1 mGy in conventional mammography and less than 0.25 mGy in projection DEI, while in the clinical CT imaging the MGD is very high, about 45 mGy. The entrance dose of 95 mGy in DEI-CT imaging gives rise to an MGD of 40 mGy, but the dose may be reduced by an order of magnitude, because the contrast is very large in most images.

  9. Valutazione dell'appropriatezza dei ricoveri in un Policlinico Universitario: analisi mediante l'uso comparativo dei sistemi di classificazione isogravitá APR-DRG e Disease Staging e del PRUO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Volpe

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare l’appropriatezza organizzativa dei ricoveri effettuati in un Policlinico Universitario attraverso la comparazione di due metodi, dei quali uno basato sui dati della scheda di dimissione ospedaliera ed utilizza, rispettivamente, i sistemi di classificazione iso-gravità APR-DRG e Disease Staging e l’altro sulla revisione delle cartelle cliniche mediante il PRUO.

    Metodi: oggetto di analisi sono i ricoveri ordinari effettuati nell’anno 2001 ed afferenti ai DRG inclusi nella delibera della Giunta Regionale del Lazio 864/2002 che recepisce il D.P.C.M. 29/11/2001 sui livelli essenziali di assistenza.

    Risultati: i risultati evidenziano che le due varianti del
    metodo basato sulla SDO (metodo APPRO mostrano quote di ricoveri inappropriati sovrapponibili rispetto al complesso dei ricoveri oggetto di analisi, ma con differenze anche rilevanti tra APR-DRG e Disease Staging in relazione ai singoli DRG considerati, riconducibili ai diversi algoritmi di attribuzione del livello di severità utilizzati dai due sistemi. L’analisi campionaria effettuata con il metodo PRUO su casi afferenti ai DRG della DGR 864/2002 caratterizzati da livelli di severità minimi evidenzia una proporzione di ricoveri inappropriati superiore a quella determinata tramite i metodi basati sulla SDO. Tale differenza è verosimilmente dovuta al ruolo del valore delle soglie percentuali di accettabilità individuate dalla Regione Lazio per ciascun DRG: le quote di ricoveri che eccedono tali soglie sono considerate inappropriate.

    Conclusioni: sulla base dei risultati ottenuti gli autori
    descrivono gli interventi organizzativi adottati per ottimizzare il contesto di erogazione delle prestazioni
    oggetto di analisi, discutono vantaggi e limiti dei metodi SDO-based e del metodo analitico PRUObased e ne propongono l

  10. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di 11 specie che trova rifugio nel sistema ipogeo presente e nelle aree limitrofe. Nella cavità si riproducono Miniopterus schreibersii (oltre 6000 esemplari insieme a circa 600 tra Myotis myotis, Myotis blythii, Rhinolophus hipposideros e R. euryale. Vi svernano e soggiornano inoltre R. ferrumequinum, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Myotis nattereri e M. emarginatus. Il progetto si propone di acquisire alcuni terreni posti nel SIC ma attualmente al di fuori nella Riserva per far fronte al progressivo degrado della copertura vegetale interessante habitat prioritari, operando un recupero di siepi di guardia e del cotico erboso con specie autoctone per fermare l'erosione soprattutto dei pascoli aridi, habitat di alimentazione elettivo per Myotis blythii. Queste aree appaiono appartenere o all'essere in transizione verso brometi dell'ordine Festuco-Brometalia con fioriture di orchidee e per il loro controllo è stato avviato un pascolo controllato. I brometi sono inoltre in parte da recuperare per vari fenomeni di degrado biologico e morfologico favorendo il reimpianto di specie locali e l'aumento della diversità floristica. Per le specie particolarmente importanti si è promosso la moltiplicazione ex situ e in vitro. Sono state ricreate le pozze a base dei calanchi che oltre a ricostituire la zona di

  11. Etnoarcheologia dei paesaggi alpini di alta quota nelle Alpi occidentali: un bilancio preliminare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Carrer

    2015-12-01

    Full Text Available Lo studio dell’interazione tra gruppi umani e ambiente montano è centrale nell’attuale ricerca archeologica. L’etnoarcheologia contribuisce analizzando questa interazione nei contesti moderni e contemporanei, con lo scopo di creare modelli analogici per interpretare il passato e di comprendere più a fondo le strategie umane storiche e attuali. Il progetto EthWAL (Etnoarcheologia dei paesaggi alpini di alta quota nelle Alpi occidentali, nato nel 2013, si pone come punto di riferimento per lo studio delle attività umane nelle alte quote alpine in epoca moderna e contemporanea. È un progetto multidisciplinare (unisce i metodi archeologici a quelli etnografici e storiografici, alle analisi spaziali e alle analisi dei suoli e multiscalare (dalla piccola alla grande scala. Particolare attenzione è data alle capanne pastorali tradizionali. I risultati di questo progetto saranno utili all’archeologia e permetteranno la valorizzazione delle caratteristiche culturali dei paesaggi di alta montagna. The study of the interaction between human groups and mountain environment is crucial for archaeological research. Ethnoarchaeology contributes the analysis of this interaction in modern and contemporary contexts, aimed at creating analogical models for interpreting the past and understanding human strategies in historical and modern periods. The EthWAL project (Ethnoarchaeology of Western Alpine upland Landscapes, started in 2013, and aims to be a reference for the study of human activities in the alpine uplands during the modern and contemporary age. This is a multidisciplinary (associating archaeological methods to ethnography, historiography, spatial analysis and soil analysis and multiscalar project (small to large scale. Specific attention is given to traditional pastoral huts. The results of this project will be useful for archaeology and contribute to the management of cultural heritage in high altitude landscapes.

  12. Integrazione dei dati di contesto nel modello matematico che utilizza le librerie DEVS

    OpenAIRE

    Capocchi, Laurent; Santucci, Jean François

    2013-01-01

    Le attività svolte nell’ambito dell’Azione 7.1.3 (cfr. documento “7.1.3_report_RAS”) hannoevidenziato la necessità di elaborare, per il Bacino del Rio San Gerolamo, i dati relativi allasuddivisione in sottobacini omogenei per comportamento idraulico, e i valori dei tempi dicorrivazione relativi a ciascuno di questi sottobacini.Tali dati sono infatti necessari per la calibrazione del modello matematico di simulazione delcomportamento idraulico di un bacino idrografico sul caso reale del bacino...

  13. Valutazione della qualitá dei dati in uno studio post marketing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    D. D’Alessandro

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: misurare l'affidabilita nella segnalazione
    di eventi avversi a vaccino nell'ambito di uno studio post-marketing sulla tollerabilita della vaccinazione antipneumococcica (AP in associazione con la vaccinazione antinfluenzale (AI nella popolazione anziana.


    Metodi: e stato predisposto un modello di regressione
    logistica per stimare gli OR tra la segnalazione di almeno un effetto collaterale locale (y ed alcune variabili individuali dei vaccinati (x1: eta .75 anni; x2: sesso; x3: allergie; x4: associazione AI+AP; x5: vivere solo; x6: patologie croniche. I medici aderenti al progetto (229 sono stati stratificati in cinque categorie in funzione dellfincidenza media di eventi avversi da loro registrata: 0% (29, 1-5%
    (68, 6-10% (50, 11-50% (72, .50% (10. Lo stesso modello di regressione e stato applicato ai quattro
    sotto-gruppi di vaccinati afferenti alle categorie di medici che hanno segnalato sintomi, per valutare la coerenza degli OR registrati nei gruppi.

    Risultati: tra i 29.086 vaccinati, l'f11,3% (3.278 ha segnalato almeno un evento avverso locale nelle
    72 ore successive alla vaccinazione: 9,9% tra i soggetti vaccinati con AI e 13,9% tra i vaccinati con
    AI+AP. I fattori significativamente associati all'faumento di rischio sono: AI+AP (OR 1,4; allergie (OR 1,3; patologie croniche (OR 1,3. L' applicazione del modello di regressione ai sotto-gruppi di vaccinati ha mostrato un trend negli OR per le categorie di medici che hanno segnalato dall'f1-5% fino all'f11- 50%, mostrando un'effettiva differenza di rischio dei pazienti.

    Tale coerenza non si e evinta nell'ultima categoria (.50%, dove tali fattori appaiono addiritura protettivi nei riguardi dei sintomi (AI+AP: OR 0,5; allergie: OR 0,7, o non associati
    (patologie croniche: OR 1,0.

    Conclusioni: il 4,3% dei medici arruolati nello studio (10 su 229 ha

  14. OCT structural examination of Madonna dei Fusi by Leonardo da Vinci

    Science.gov (United States)

    Targowski, Piotr; Iwanicka, Magdalena; Sylwestrzak, Marcin; Kaszewska, Ewa A.; Frosinini, Cecilia

    2013-05-01

    Madonna dei Fusi (`Madonna of the Yarnwider') is a spectacular example of Italian Renaissance painting, attributed to Leonardo da Vinci. The aim of this study is to give an account of past restoration procedures. The evidence of a former retouching campaign will be presented with cross-sectional images obtained non-invasively with Optical Coherence Tomography (OCT). Specifically, the locations of overpaintings/retouchings with respect to the original paint layer and secondary varnishes will be given. Additionally, the evidence of a former transfer of the pictorial layer to the new canvas support by detecting the presence of its structure incised into paint layer will be shown.

  15. Efficienza energetica, sostenibilità ed opportunità strategiche nel comparto dei trasporti stradali

    OpenAIRE

    Scattola, Elena; Stocchetti, Andrea

    2010-01-01

    Il problema del risparmio energetico e dell’efficienza energetica nel comparto dei trasporti e della mobilità investe una pluralità di aspetti economici, tecnici e ambientali. La ricerca e la letteratura su questo tema è estremamente ampia e in continuo aggiornamento, sicché un’analisi esaustiva anche delle sole questioni basilari di questo tema richiederebbe tempi e risorse non compatibili con i limiti di questa indagine. In questo rapporto si presenta invece una sintesi delle risultanze più...

  16. Interpreting the visio Dei in Matthew 5:8

    OpenAIRE

    Francois P. Viljoen

    2012-01-01

    The academic study of the biblical text often depends on the naïve assumption that a researcher can obtain stable knowledge of the single meaning of a text. This article investigated how the visio Dei in Matthew 5:8 has led to a variety of concepts through the centuries. This proves how different readers come to different readings. Interpreters should be aware of how their contexts impact on their understanding of meaning, but should also realise how taking cognisance of the wide variety of r...

  17. Reclutamento e formazione dei poliziotti: il caso degli ufficiali della gendarmeria francese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    François Dieu

    2007-04-01

    Full Text Available Partendo dal caso degli ufficiali della gendarmeria francese, questo articolo illustra il modo in cui il reclutamento e la formazione possono contribuire, informalmente, alla ripartizione del potere nelle organizzazioni di polizia. Tramite la diversità delle vie di reclutamento si costituisce, di fatto, un vero e proprio sistema di "caste", con una stratificazione degli ufficiali in tre livelli gerarchici, che produce, al di là dei principi meritocratici, delle ineguaglianze manifeste nella ripartizione del potere nell'organizzazione della gendarmeria.

  18. Hoteles Todo Incluído en Cozumel: aproximación hacia la sustentabilidad como elemento competitivo dei destino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alejandro Palafox Muñoz

    2013-02-01

    Full Text Available EI artículo presenta los resultados dei estudio realizado en Hoteles Todo Incluido (TI de la Isla Cozumel, con eI propósito de a1canzar una explicación holística dei modelo turístico conformado y proponer directrices para avanzar hacia la sustentabilidad. La conceptualización se fundamenta en el análisis de la gestión integrada de los destinos que operan bajo esta modalidad - según el caso de Cozumel-, y la formulación de estrategias que propicien la sustentabilidad dei turismo como elemento competitivo en eI Caribe. Así mismo, se debaten enfoques teóricos, se caracteriza el espacio turístico, y se reconstruye eI proceso de formación y desarrollo dei producto en el destino, consecuentemente se realiza el diagnóstico de hoteles TI como parte dei modelo turístico de la ínsula, y se formula su proyección estratégica. The study of AlI Inclusive (AI Hotels in development models of coastal spaces is presented with the purpose of achieving a holistic explanation of the tourism system and projecting its sustainability. It is based on the analysis of the integrated management of destinations that operate this modality, according to the Cozumel case, and the formulation of strategies that contribute to sustainable positioning of tourism as a distinctive competition. As a result the conceptual focuses are discussed, the tourist context is characterized, the formation and development process of this product at destination are recreated, the diagnosis of the AI hotels is carried out as part of the tourist mo dei, and, finally, its strategic projection is formulated.

  19. Il "Delle virtù e dei Premi" di G. Dragonetti (e una polemica di B. Croce)

    OpenAIRE

    Luigino Bruni

    2010-01-01

    Giacinto Dragonetti è l’autore di un piccolo libro, Delle virtù e de’ premi (1766) che associato al più celebre Dei delitti e delle pene (1764) di Cesare Beccaria, ebbe un significa- tivo successo nell’Europa dei lumi pre-rivoluzionaria. Il libro è costruito attorno all’idea che alle pene per i delitti, un Paese civile debba affiancare i premi alle virtù. Benedetto Croce, nel 1947, mise in dubbio che la paternità di tale opera fosse di Giacinto Dragonetti. Il saggio ha un duplice scopo: ripro...

  20. Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Milani

    2013-10-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora: una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede  – 5. (segue contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

  1. Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede

    OpenAIRE

    Daniela Milani

    2013-01-01

    contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora: una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede  – 5. (segue) contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue) contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

  2. Ferrihydrite flocs, native copper nanocrystals and spontaneous remediation in the Fosso dei Noni stream, Tuscany, Italy

    International Nuclear Information System (INIS)

    The Fosso dei Noni stream drains the abandoned mixed-sulfide mining area of Fenice Capanne in Italy. Water pollution mostly derives from two tributaries, one of which adds Cu and the other Zn. Downstream, water pollution is progressively remediated through the spontaneous precipitation of abundant, deeply-colored flocs. Within 1 km, flocs change from yellow-red to whitish and green, as the pH increases from 4.59 to 7.70 and the Eh decreases from +311 to +165 mV. Flocs are initially amorphous; with a near-neutral pH, their X-ray diffraction properties suggest the presence of two-line ferrihydrite. Transmission electron microscopy reveals major nanotextural modifications in flocs along the entire stream. Upstream, flocs consist of globular particles with a radius of 25-50 nm. Downstream, they change to globular particles with elongated features. Lastly, further downstream, flocs consist of elongated features interconnected by continuous films. Nanochemical data are consistent with Al and Fe hydroxides (largely contaminated by S, Si, Ca, Cu and Zn); the Cu content increases progressively downstream to a maximum of 18 at. %. The increasing Cu content is paralleled by the appearance of isolated Cu nanocrystals adsorbed on floc surfaces. Spontaneous processes in the Fosso dei Noni stream (water neutralization, formation of ferrihydrite-like flocs and crystallization of native Cu) allow the temporary storage of Cu, providing hints on how to optimize remediation processes and Cu recovery

  3. Ferrihydrite flocs, native copper nanocrystals and spontaneous remediation in the Fosso dei Noni stream, Tuscany, Italy

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Genovese, Alessandro [Dipartimento di Scienze della Terra, Universita, Via Laterina 8, 53100 Siena (Italy)]. E-mail: genovese6@unisi.it; Mellini, Marcello [Dipartimento di Scienze della Terra, Universita, Via Laterina 8, 53100 Siena (Italy)

    2007-07-15

    The Fosso dei Noni stream drains the abandoned mixed-sulfide mining area of Fenice Capanne in Italy. Water pollution mostly derives from two tributaries, one of which adds Cu and the other Zn. Downstream, water pollution is progressively remediated through the spontaneous precipitation of abundant, deeply-colored flocs. Within 1 km, flocs change from yellow-red to whitish and green, as the pH increases from 4.59 to 7.70 and the Eh decreases from +311 to +165 mV. Flocs are initially amorphous; with a near-neutral pH, their X-ray diffraction properties suggest the presence of two-line ferrihydrite. Transmission electron microscopy reveals major nanotextural modifications in flocs along the entire stream. Upstream, flocs consist of globular particles with a radius of 25-50 nm. Downstream, they change to globular particles with elongated features. Lastly, further downstream, flocs consist of elongated features interconnected by continuous films. Nanochemical data are consistent with Al and Fe hydroxides (largely contaminated by S, Si, Ca, Cu and Zn); the Cu content increases progressively downstream to a maximum of 18 at. %. The increasing Cu content is paralleled by the appearance of isolated Cu nanocrystals adsorbed on floc surfaces. Spontaneous processes in the Fosso dei Noni stream (water neutralization, formation of ferrihydrite-like flocs and crystallization of native Cu) allow the temporary storage of Cu, providing hints on how to optimize remediation processes and Cu recovery.

  4. Conference Held at the Centro Linceo Interdisciplinare, Accademia Nazionale dei Lincei

    CERN Document Server

    1980-01-01

    The idea of organizing a symposium on mathematical models in biology came to some colleagues, members of the Accademia dei Lincei, in order to point out the importance of mathematics not only for supplying instruments for the elaboration and the evaluation of experimental data, but also for discussing the possibility of developing mathematical formulations of biological problems. This appeared particularly appropriate for genetics, where mathematical models have been of historical importance. When the organizing work had started, it became clear to us that the classic studies of Vito Volterra (who was also a Member of the Academy and its President from 1923 to 1926) might be con­ sidered a further reason to have the meeting in Rome at the Accademia dei Lincei; thus the meeting is dedicated to his memory. Biology, in its manifold aspects proved to Se ~ difficult object for an exhaustive approach; thus it became necessary for practical reasons to make a choice of problems. Therefore not all branches of biology...

  5. Caratteristiche dei segni di marcatura territoriale nel capriolo, Capreolus capreolus L., 1758

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rocco Sorino

    2003-10-01

    Full Text Available I maschi maturi di capriolo sono territoriali dagli inizi della primavera (aprile fino all?epoca degli amori, tardo agosto ? inizio settembre. Durante il periodo territoriale, i maschi eseguono due tipi di marcatura olfattiva a significato territoriale: le raspate e i fregoni. Le prime sono effettuate con le ghiandole site tra le dita delle zampe anteriori, i secondi con le ghiandole poste alla base dei palchi. Nel presente contributo si riportano alcuni risultati preliminari sull?abbondanza relativa dei due tipi di marcatura in due habitat alpini con differente copertura vegetazionale, per stabilire se questa influenzi la scelta del tipo di marcatura. L?area di studio è situata nella Val Chisone (Alpi nord ? occidentali ed è compresa tra i 1800 e i 1900 metri di quota con una superficie di 238,5 ha. L?area è caratterizzata da un pascolo di 96,5 ha (pari al 40,5% dell?area e da un lariceto di 142 ha (pari al 59,5% dell?area. Lo studio è stato effettuato nel periodo estivo nell?arco del triennio 2001-2003. I segni territoriali sono stati rilevati in aree di forma quadrata con lati di 15 metri (225 m² campionate con un metodo di randomizzazione. In ogni area campione si è valutato il numero, le dimensioni e la densità dei segni di marcatura nonché il tipo di stratificazione vegetazionale (arborea, arbustiva, erbacea, le classi percentuali di copertura, il numero di piante marcate e quelle potenzialmente marcabili. Per valutare l?esistenza di correlazione tra i segni di marcatura e i diversi parametri ambientali misurati si sono utilizzati dei test di Spearman. Sono stati rilevati 52 fregoni (x = 3,71; SE = 0,90 e 24 raspate (x = 1,71; SE = 0,57. Il 68% dei fregoni è stato rilevato in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 3,1 alberelli/10 m², mentre il 100% delle raspate è stato rinvenuto in aree campione con una densità di alberelli inferiore a 2,2 alberelli/10 m². In ogni area campione il numero di fregoni

  6. Investigaccion-accion en la sala de clases sobre las creencias de la cultura de la ciencia de un grupo de estudiantes universitarios y su relacion reciproca con el aprendizaje de las ciencias biologicas

    Science.gov (United States)

    Cordova-Santiago, Lizzette Astrid

    La investigacion---accion que se llevo a cabo en la sala de clases tenia como punto de partida las creencias de la cultura de la ciencia de un grupo de estudiantes universitarios para luego examinar sus implicaciones en el proceso de aprendizaje de las Ciencias Biologicas. ¿Que se supone que hagan las creencias en relacion con el aprendizaje? ¿En que consiste incorporar este aspecto a la practica educativa universitaria? Utilizando el modelo de Kemmis y McTaggart (1987) la investigacion-accion se planteo como un proceso dinamico en cuatro momentos en espiral constituidos por la planificacion, la accion, la observacion y la reflexion. Cada una de las fases tuvo una intencion retrospectiva y prospectiva formando una espiral de autorreflexion del conocimiento y la accion. Se llevaron a cabo audio grabaciones en clases y analisis de documentos. Ademas, la profesora-investigadora hizo un portafolio para reflexionar sobre las creencias de la cultura de la ciencia que tienen los estudiantes y las creencias del aprendizaje que tiene la profesora y sobre como la comprension de estos elementos ayudo a mejorar su practica educativa a traves del tiempo. Los resultados obtenidos apuntan a que las creencias de la cultura de la ciencia que tiene el grupo de estudiantes son diversas. Ellos si creen que la ciencia tiene una cultura la cual describieron como: complicada y desconocida que evoluciona constantemente, que es un conjunto de metodos, que es altamente tecnologica, que resuelve problemas de salud, ayuda a interpretar la realidad del mundo que los rodea y su origen y que existen unas intersecciones entre la ciencia y el poder. Sobre las creencias del proceso de aprendizaje de la profesora-investigadora, estas senalan que el modelaje de actores, la vision de la academia que tiene ella asi como la participacion y negociacion entre todos los involucrados en el proceso educativo, son factores que inciden en el proceso de aprendizaje.

  7. Misure elettromagnetiche a basso numero di induzione e radar, da natante, per lo studio dei fondi fluviali

    OpenAIRE

    Calzoni, Corrado; Sambuelli, Luigi

    2006-01-01

    Sono presentati i risultati di una campagna di misure elettromagnetiche a basso numero di induzione condotte da natante su un tratto del fiume Po a Torino. I risultati, verificati con una campionamento diretto, hanno permesso di stimare la natura dei sedimenti di fondo del fiume

  8. Comportamento strutturale e qualita' di campo delle bobine dei dipoli per LHC studio e confronto con i risultati sperimentali

    CERN Document Server

    Ferracin, P

    1998-01-01

    Il lavoro di questa tesi consiste nell’analisi e verifica dello stato di tensione e deformazione della bobina dei dipoli superconduttori per LHC (Large Hadron Collider) Il lavoro di questa tesi consiste nell’analisi e verifica dello stato di tensione e deformazione…

  9. Swap e prodotti derivati: rischi e rendimenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R.S. MASERA

    1993-03-01

    Full Text Available Derivative financial products have experienced a huge expansion during recent years. New products are constantly appearing which seek to expand the scope of risk diversification. Because of their comparatively low transaction costs, the volumes of derivative transactions have often exceeded those of the underlying instruments that are traded in cash markets. Given the size of derivative markets, it is even more important now to understand the risk-return profiles of the different products.

  10. Swap e prodotti derivati: rischi e rendimenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R.S. MASERA

    2013-10-01

    Full Text Available Derivative financial products have experienced a huge expansion during recent years. New products are constantly appearing which seek to expand the scope of risk diversification. Because of their comparatively low transaction costs, the volumes of derivative transactions have often exceeded those of the underlying instruments that are traded in cash markets. Given the size of derivative markets, it is even more important now to understand the risk-return profiles of the different products.  JEL Codes: G20Keywords: Futures, options and swaps

  11. The control of hydrological effects of urban transformation; La valutazione idrologica dei piani urbanistici. Un metodo semplificato per l'invarianza idraulica dei piani regolatori generali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pistocchi, A. [Studio di Ingegneria per l' Ambiente e il Territorio, Cesena, FO (Italy)

    2001-08-01

    The paper describes a methodology for the control of hydrological effects of urban transformation, which leads to the increase in peak discharges following the increments in land imperviousness. The method computes a volume per unit area which allows to keep the specific discharge constant, given the percentage of the transformed area which becomes impervious, and is based on a linear reservoir model. It is expected that using the method in land planning may give a self-corrective procedure for the design of hydraulically invariant, yet economically sustainable urban plans. A sample application of the method is presented and future lines of research are drawn which should bring to application and parameter choice guidelines for general use of the method in strategic environmental assessment. [Italian] Il lavoro propone un metodo per la valutazione dei volumi di laminazione richiesti al fine di garantire l'invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche. Il metodo giunge a definire uno standard urbanistico che puo' essere recepito direttamente in sede di pianificazione comunale, e che costituisce uno strumento di autocorrezione del piano al fine di non creare aggravi alla situazione idrologica esistente. Si propone l'applicazione esemplificativa al piano regolatore di Cesena, e si mettono in luce le principali necessita' di approfondimento per rendere il metodo suscettibile di applicazione efficace a livello sistematico.

  12. Comportamento a fatica dei giunti saldati in funzione della densità di energia di deformazione locale: influenza dei campi di tensione singolari e non singolari

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Lazzarin

    2009-07-01

    Full Text Available Il criterio della densità di energia di deformazione (SED considera un preciso volume di controllo posizionato in corrispondenza del piede o della radice dei cordoni di saldatura, ossia delle zone di possibileinnesco delle cricche di fatica. Modellati i cordoni come intagli a V non raccordati e con diverso angolo di apertura, il volume è riconducibile a un settore circolare nei casi di tensione o deformazione piana, e il raggio vale circa 0.3 mm per i giunti saldati in acciaio strutturale.Il valore medio della densità di energia di deformazione dipende essenzialmente dalle distribuzioni singolari nei giunti di medio ed elevato spessore, mentre importante diventa il contributo della T-stress nei giunti di spessore ridotto. Entrambi gli effetti sono correttamente computati utilizzando modelli agli elementi finiti, anche utilizzando mesh con un numero ridotto di gradi di libertà. Il fatto è di notevole interesse per una possibile applicazione del metodo a strutture saldate di geometria complessa. Agli effetti descritti, tipicamente riconducibili a una modellazione piana, si possono accompagnare campi singolari non convenzionali, legati aeffetti tridimensionali indotti dalla geometria. L’effetto out-of-plane è qui evidenziato in relazione ai giunti a semplice sovrapposizione.

  13. Ripensare l’integrazione attraverso lo sport: la partecipazione sportiva a livello comunitario dei migranti turchi in Francia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    William Gasparini

    2013-04-01

    Full Text Available Storicamente, la Francia è una terra d’immigrazione già a partire dal XIX secolo, periodo in cui lo sport moderno si è sviluppato. Progressivamente, i migranti e i loro discendenti si sono mescolati nello “creuset français” anche attraverso il contributo che lo sport ha dato all’integrazione sociale di numerosi sportivi migranti. Lo sport (e più particolarmente il calcio si presenta dunque come un terreno di studio particolarmente interessante sia sull’ambito delle espressioni di identità che sulle nuove forme del “vivere insieme”. L’articolo propone di mettere questi aspetti alla prova dei fatti analizzando la pratica sportiva dei migranti turchi, l’ultima grande onda di migranti in Francia e prima comunità di migranti in Europa. I dati empirici raccolti nell’ambito dei club turchi nella regione d’Alsazia (nord-est della Francia mostrano la presenza, chiara, di un raggruppamento comunitario che pone una serie di domande: tali raggruppamenti esistono poiché costretti o derivano da una scelta fatta in senso militante ? Da questo punto di vista, in che modo lo sport permette la loro coesione e la loro integrazione sociale ? Al di là della sola “identità turca” verrà dimostrato che l’esistenza di un club “turco” nell’ambito della società di accoglienza e la partecipazione sportiva a livello comunitario sono legati a dei fattori sociali e politici. Nel mettere in luce le cause sociali dei raggruppamenti sportivi, l’articolo intende inoltre superare l’opposizione classica tra la socializzazione comunitaria e la socializzazione societaria.

  14. Analisi virologica dei mitili per la sicurezza alimentare ed il biomonitoraggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    N. Lucchesi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: i mitili sono organismi filtratori che accumulano sostanze disciolte o in sospensione nell’acqua, concentrando in tal modo anche eventuali contaminanti come i microrganismi. Ai fini della sicurezza alimentare la normativa vigente considera soltanto parametri batteriologici, lasciando a discrezione dei laboratori specializzati la ricerca di virus. La biologia molecolare rappresenta una possibile soluzione ai problemi relativi alla ricerca di virus nei molluschi.

    Metodi: su campioni di mitili artificialmente contaminati sono state saggiate due diverse sostanze eluenti la Glicina 0.05 M pH 9 e Beef Extract 3% pH 9, (1:2 e due diversi metodi di estrazione in parallelo: uno che utilizza la protease k-fenolo/cloroformio e uno rapido il QIAamp Viral RNA Kit (Qiagen. Sono state, inoltre, messe a confronto le sensibilità di una RT-PCR e di una RT-nested PCR per la ricerca di enterovirus. Il protocollo più sensibile per quanto riguarda l’eluizione, l’estrazione dell’RNA e la PCR, è stato applicato alle analisi sul campo, affiancando ad esso la ricerca colturale di virus citopatogeni e le analisi batteriologiche. I campioni risultati positivi alle analisi biomolecolari sono stati sottoposti a sequenziamento genico degli amplificati.

    Risultati: la Glicina ha mostrato la maggiore capacità di recupero virale, mentre per l’estrazione degli acidi nucleici è risultato più efficiente il sistema QIAamp Viral RNA Kit e la reazione RT-nestedPCR ha evidenziato una sensibilità maggiore di cinque logaritmi rispetto alla reazione one-step. Fino ad ora sono stati analizzati 20 campioni di mitili, ed in uno di questi è stato rilevato Human poliovirus 1 isolate MAHONEY V001149, isolato anche su culture cellulari di BGM.

    Conclusioni: l’analisi virologica appare importante nel controllo di qualità dei mitili per la possibilità di individuare agenti

  15. Amicitia Dei

    NARCIS (Netherlands)

    Brümmer, V.

    2003-01-01

    The love of God is usually interpreted as analogous to the loving relationship between human beings. However, since God is not like other people, his love cannot be identical with the love between human beings. We need therefore to explore the limits of the analogy between human and divine love. In

  16. Astronomy and landscape at the prehistoric settlement Villaggio dei Faraglioni, Ustica, Sicily

    CERN Document Server

    Martin, Franco Foresta

    2016-01-01

    The placement of the Middle Bronze Age settlement Villaggio dei Faraglioni on the Ustica island is analyzed from a cognitive point of view, taking into account archaeoastronomy and landscape archaeology aspects. It turns out that the place might have been selected because of its privileged position with respect to the landscape, better than conforming to utilitarian/defensive considerations, as occurs for contemporary, for instance Mycenaean, sites. From the village it was indeed possible to follow the rising and setting of the sun in the months close to the winter solstice on the two elevated peaks existing on the opposite side of the island, and in a symmetric way. As a consequence, the inhabitants could obtain a relatively good determination of the solstice day. A possible astronomical orientation of the urban layout is also analyzed.

  17. Unionismo fiorentino negli anni Venti. L’Associazione Cristiana dei Giovani di Firenze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Letizia Pagliai

    2013-02-01

    Full Text Available Scarni sono i riferimenti storiografici sulla sezione fiorentina dell’Associazione Cristiana dei Giovani (ACDG, il corrispettivo italiano della Young Men’s Christian Association (YMCA, costituita dopo la Grande Guerra da quel Giovanni Battista Giorgini (1898-1971, noto piuttosto come talento imprenditoriale della ‘moda italiana’ negli anni del Miracolo economico. Sotto la presidenza di Giorgini (1924-1933, di formazione religiosa valdese, la sezione fiorentina dell’ACDG divenne punto di riferimento di tutta l’organizzazione italiana. Questo contributo, attraverso documenti esemplificativi, segue alcune fondamentali tappe e aspetti della vita dell’Associazione fino al 1931, quando il governo fascista ne intimò drasticamente lo scioglimento con ordinanza prefettizia.

  18. Nuove Tecnologie per il Monitoraggio e la Gestione dei giardini storici

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Romani

    2012-07-01

    Full Text Available ItSotto la spinta dei cambiamenti socio-economici e di significativi progressi tecnici, la gestione dei giardini storici e degli spazi verdi in genere, sta vivendo un periodo di forte cambiamento ed evoluzione. Nel tentativo di razionalizzare l’uso delle risorse naturali e umane, nascono nuovi servizi che fanno intravedere la necessità di creare specifiche figure professionali, in grado di colmare in tempi rapidi il divario tra le potenzialità applicative offerte dalle nuove tecnologie e le diverse realtà operative, ancora legate all’uso di pratiche e metodologie tradizionali. Anche nel settore dei giardini e dei parchi storici è giunto il momento di approfondire i temi relativi alla loro conservazione e valorizzazione, che oggi sono strettamente legati a una concreta sostenibilità economica e ambientale delle pratiche di gestione e di promozione. Queste considerazioni sono state alla base di una serie di iniziative e di progetti promossi a livello nazionale ed europeo, che, grazie all’integrazione di strumenti ICT, SMART-Sensors e IA, in alcuni casi si sono concretizzati nella realizzazione di metodologie e soluzioni di grande interesse operativo.Le procedure e i criteri presentati in questo articolo sono il risultato dell’attività di ricerca e trasferimento tecnologico condotta dal CNR-IBIMET di Firenze negli ultimi dieci anni. Già nella sua versione prototipale, il sistema proposto mostra tutte le sue potenzialità di monitoraggio e supporto alle attività gestionali e manutentive degli spazi verdi, aprendo la strada a una progressiva automazione e virtualizzazione delle procedure (creazione di scenari, elementi essenziali per la successiva valorizzazione e promozione del bene a livello sociale e culturale.In particolare, oltre allo schema logico del sistema, si discutono alcune tra le funzioni di monitoraggio di maggiore interesse (disponibilità idrica, stato fitosanitario e fenologia, evidenziando quali siano i vantaggi

  19. Multi-technique investigation of Roman decorated plasters from Villa dei Quintili (Rome, Italy)

    International Nuclear Information System (INIS)

    Highlights: • A multi-technique non-invasive approach using portable instrumentation is proposed. • Due to the use of different techniques, pigments of same color were distinguished. • The experimental results shed light on the used painting methodologies. • The experimental results provided useful information for restoration processes. • This work is the first study of coloring matter used in Villa dei Quintili. - Abstract: In the present study, we investigated by the joint use of portable instrumentations, namely a handheld X-ray fluorescence (XRF) analyser and a portable Raman spectrometer, the painted surface of plasters withdrawn from different areas of an important Roman monumental complex, known as Villa dei Quintili (Rome, Italy), dated back to the first half of the 2nd century a.C. XRF and Raman measurements contributed to the identification of the pigments through the elemental and molecular composition, respectively. In particular, the multi-technique non-invasive approach proved to be crucial for distinguishing two different reddish pigments. In order to confirm and integrate XRF and Raman results, two micro-destructive laboratory methods, namely optical microscopy (OM) and scanning electron microscopy coupled with energy-dispersive X-ray spectrometry (SEM-EDS), were also employed on the same samples. All the experimental results shed light on the material characterizing the painted surface layer and the painting methodologies, providing in principle useful information for proper restoration processes. It is worth underlining that this experimental investigation takes part of a recent multidisciplinary study performed on this impressive archaeological site, aimed to characterize for the first time the monumental complex from an archaeometric point of view

  20. Surveying and Comparing the Arco Dei Gavi and its Historical Wooden Maquette

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Guerra

    2011-12-01

    Full Text Available Actually geometrics’ science offers new opportunities and interesting applications in the field of Cultural Heritage. These applications are strictly related to preservation, restoration but even to cataloging and reproducing a monument that no longer has its original integrity.  The possibility of obtaining 3D data, of such a model close to reality, enables us to realize studies that sometimes are too complex or impossible. The paper will describe the study of a monumental arch, the Arco dei Gavi, built in Verona during the I sec. A.C., that was destroyed in 1805 by the Napoleonic army, and its wooden model that was realized in 1813 and it has a very important role concerning the monument’s reconstruction. The purpose is to realize two threedimensional models which can be comparable to each other, two models with recognizable differences, similarities and discontinuities about shapes and single elements that compose the monument. It should also be noted that some original parts of the monument have not been relocated but are badly preserved in a museum: the 3D digital model helps to identify these parts in their original location. The main steps of the work can be summarized in: collecting the historical documentation of Arco dei Gavi and its representations; identifying proper instruments (laser scanning and photogrammetric hardware and software; surveying the Arch and its wooden model; identifying a unique and shared reference system; comparing both digital models related to the same scale; choosing a three-dimensional representation to emphasize the results; reallocation of outstanding pieces (virtual anastylosis.

  1. Multi-technique investigation of Roman decorated plasters from Villa dei Quintili (Rome, Italy)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Crupi, Vincenza, E-mail: vcrupi@unime.it [Dipartimento di Fisica e di Scienze della Terra, Università degli Studi di Messina, Viale Ferdinando Stagno d’Alcontres 31, 98166 Messina (Italy); Galli, Giuliana [Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, Villa dei Quintili, via Appia Nuova 1092, 00197 Roma (Italy); La Russa, Mauro Francesco [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); Longo, Francesca; Maisano, Giacomo; Majolino, Domenico [Dipartimento di Fisica e di Scienze della Terra, Università degli Studi di Messina, Viale Ferdinando Stagno d’Alcontres 31, 98166 Messina (Italy); Malagodi, Marco [Dipartimento di Chimica, Università di Pavia, Via Taramelli 12, 27100 Pavia (Italy); Pezzino, Antonino [Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali—Sezione di Scienze della Terra, Università degli Studi di Catania, Corso Italia 57, 95129 Catania (Italy); Ricca, Michela [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); Rossi, Barbara [Elettra – Sincrotrone Trieste, Strada Statale 14 km 163.5, Area Science 70 Park, 34149 Trieste (Italy); Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Trento, via Sommarive 14, 38123 Povo, Trento (Italy); Ruffolo, Silvestro Antonio [Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra (DiBEST), Università degli Studi della Calabria, Via Pietro Bucci, 87036 Arcavacata di Rende (Cs) (Italy); and others

    2015-09-15

    Highlights: • A multi-technique non-invasive approach using portable instrumentation is proposed. • Due to the use of different techniques, pigments of same color were distinguished. • The experimental results shed light on the used painting methodologies. • The experimental results provided useful information for restoration processes. • This work is the first study of coloring matter used in Villa dei Quintili. - Abstract: In the present study, we investigated by the joint use of portable instrumentations, namely a handheld X-ray fluorescence (XRF) analyser and a portable Raman spectrometer, the painted surface of plasters withdrawn from different areas of an important Roman monumental complex, known as Villa dei Quintili (Rome, Italy), dated back to the first half of the 2nd century a.C. XRF and Raman measurements contributed to the identification of the pigments through the elemental and molecular composition, respectively. In particular, the multi-technique non-invasive approach proved to be crucial for distinguishing two different reddish pigments. In order to confirm and integrate XRF and Raman results, two micro-destructive laboratory methods, namely optical microscopy (OM) and scanning electron microscopy coupled with energy-dispersive X-ray spectrometry (SEM-EDS), were also employed on the same samples. All the experimental results shed light on the material characterizing the painted surface layer and the painting methodologies, providing in principle useful information for proper restoration processes. It is worth underlining that this experimental investigation takes part of a recent multidisciplinary study performed on this impressive archaeological site, aimed to characterize for the first time the monumental complex from an archaeometric point of view.

  2. Sentiment Analysis per analizzare gli effetti del cinema sulla percezione dei luoghi. Il caso pugliese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Albanese

    2016-05-01

    Full Text Available Il film induced iourism è un fenomeno ormai indiscutibile e che va affrontato con sistematicità e metodologie sempre più raffinate per consentire ai policy makers di sfruttarne più consapevolmente le potenzialità. In Puglia la realizzazione di pellicole di successo ha provocato effetti turistici e territoriali notevoli. Per poter comprendere realmente se e quanto l’incoming turistico pugliese sia influenzato, nella sua dimensione quantitativa e qualitativa, dall’immagine veicolata dal cinema, si ipotizza qui l’utilizzo di una nuova metodologia di analisi: la Sentiment Analysis. Si intende passare al setaccio i Big Data tematici, tramite una scansione intelligente dei social network e poi riportare le valutazioni (sentiment sul territorio pugliese espresse nei diversi luoghi virtuali di conversazione da parte della domanda turistica. Questa tipologia di studio del dato è del tutto innovativa per il settore cineturistico e può portare ad esiti del tutto inattesi sovvertendo in alcuni casi le interpretazioni prettamente soggettive dei dati quantitativi più tradizionali. Film induced tourism is an undeniable phenomenon and it is necessary to study it sistematically and with sophisticated methods to allow policy makers to exploit, more consciously, its potentiality. In Apulia the successful movies maybe have caused tourism and territorial remarkable effects. In order to understand if and how incoming in Apulia is influenced, in quantitative and qualitative terms, from the image conveyed by cinema, we’ll use a new method of analysis: the Sentiment Analysis. It means making an intelligent scanning of social networks and then bring feedback (sentiment about Apulia expressed in different virtual places of conversation by the tourist demand. This kind of opinion mining study is totally innovative for film induced tourism and can lead to outcomes completely unexpected subverting, in some cases, subjective interpretations of the

  3. Effetti dell’introduzione dei Principi contabili internazionali sul principio di derivazione del reddito d’impresa dal risultato di bilancio

    OpenAIRE

    Silvestri, Leonardo

    2014-01-01

    Con il presente lavoro si è tentato di verificare se le ragioni che hanno portato l’ordinamento italiano ad adottare il principio della derivazione del reddito d'impresa dal risultato contabile, possano essere considerate ancora attuali alla luce dell'introduzione dei principi IAS/IFRS nel nostro sistema contabile. In particolare, si è cercato di esaminare se questo collegamento ai principi contabili internazionali, introdotto nel nostro ordinamento anche per la redazione dei bilanci d'eserci...

  4. Sui requisiti «morali» per l’approvazione della nomina dei ministri dei «culti ammessi» (osservazioni a TAR Sicilia – Catania, Sez. II, 28 settembre 2007, n. 1505

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelo Licastro

    2011-03-01

    Full Text Available La sentenza è riportata per esteso in calce al commento.SOMMARIO: 1. Il caso, il dato normativo e i profili giuridici controversi – 2. Le condanne riportate e la dubbia  sopravvivenza dei loro effetti penali – 3. Le contrapposte argomentazioni sulla discrezionalità del provvedimento – 4. La(corretta interpretazione dei precedenti – 5. L’originaria  valenza politica e i limiti della compatibilità costituzionale dell’atto – 6. I postulati fondamentali del dibattito dottrinale – 7. L’analogia con i requisiti di capacità per l’esercizio delle pubbliche funzioni – 8. La natura di atto discrezionale o vincolato – 9. I margini per una interpretazione costituzionalmente orientata della legge n. 1159 – 10. Una «speciale moralità» per il ministro di culto?

  5. Il Culto della Gens Septimia a Bulla Regia: Settimio Severo e Caracalla in tre basi inedite degli Agrii, dei Domitii e dei Lollii

    OpenAIRE

    Khanoussi, Mustapha; Mastino, Attilio

    2004-01-01

    In occasione della precedente edizione del Colloquio internazionale «Bartolomeo Borghesi» di Epigrafia Latina svoltasi a Genova (Usi e abusi epigrafici), abbiamo potuto presentare all'attenzione dei partecipanti due nuovi documenti epigrafici, che testimoniano aspetti poco noti del culto imperiale nella provincia romana dell'Africa Proconsolare. Ora ci proponiamo di presentare tre nuovi testi che ci consentiranno di documentare ulteriormente il rapporto tra élites cittadine e culto impe...

  6. INDAGINE GEOGRAFICA A CAMPIONE PER LO STUDIO DEI MUTAMENTI TERRITORIALI CAUSATI DALLA DIFFUSIONE DEL CTV IN UN’AREA AGRUMICOLA SICILIANA ATTRAVERSO LA GEO-LOCALIZZAZIONE DEI FOCOLAI D'INFEZIONE

    OpenAIRE

    De Cristofaro, Bernardina; Incognito, Antonella; Petino, Gianni

    2012-01-01

    Il virus della “tristeza” (Citrus Tristeza Virus CTV) ha già arrecato ingenti danni e continua a diffondersi in tutto l’areale agrumicolo italiano, in particolare in Sicilia e Calabria. Per poter tentare di arginare questa epidemia e limitarne le conseguenze è importante avere dei validi strumenti d’indagine, anche dal punto di vista geografico-economico. Tra questi, possiamo annoverare l’elaborazione di cartografie sufficientemente dettagliate di micro areali agrumicoli che ev...

  7. OGM e consumatore: il ruolo della conoscenza e della fiducia nelle fonti d'informazione attraverso la Teoria del Comportamento Pianificato

    OpenAIRE

    Zaghi, Andrea

    2009-01-01

    Il lavoro presentato si propone di fornire un contributo all'implementazione di indagini finalizzate a misurare l'evoluzione delle intenzioni d'acquisto del consumatore italiano nei confronti degli OGM, data anche l'impossibilità  al momento di avere indicazioni e dati sul comportamento (vista la quasi totale assenza dei prodotti OGM nella distribuzione, se si eccettuano i prodotti d'allevamento di animali alimentati con OGM per cui non è previsto nessun obbligo di etichettatura). Le colt...

  8. Raggiungimento degli obiettivi vaccinali nell'integrazione dei servizi sanitari aziendali: igienisti, pediatri e medici di famiglia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    S. Cinquetti

    2003-05-01

    Full Text Available

    La profilassi vaccinale, garantita fino a 10-15 anni fa
    quasi esclusivamente dai Servizi Vaccinali Pubblici (operanti sulla base di normative statali strutturate, si è progressivamente trasformata in un sistema complesso, caratterizzato dall’integrazione e/o dalla collaborazione di più componenti dell’Azienda Sanitaria Locale: il Dipartimento di Prevenzione (che organizza i già citati Servizi Vaccinali Pubblici, la Pediatria e la Medicina di Famiglia, l’Ospedale.
    Questo processo di trasformazione trova molteplici
    ragioni: l’evoluzione dell’offerta vaccinale da “prevalentemente obbligatoria” a “prevalentemente raccomandata”;
    la sempre maggiore consapevolezza e le sempre maggiori conoscenze dei cittadini sulla materia (con conseguente necessità di integrazione informativa da fonti diverse;
    la crescente attenzione della Medicina e della Pediatria di Famiglia verso la promozione della salute degli assistiti “sani” (bilanci di salute, prevenzione degli incidenti, screening oncologici, counselling antitabagico ed antialcolico, ecc.;
    l’attenzione delle Convenzioni di Settore alla medicina preventiva ed in particolare alle attività di vaccinazione.
    Nell’ambito di questa linea complessiva di tendenza, che ha coinvolto tutto il Paese, si sono osservate e si osservano, anche in riferimento ad un percorso generale di “regionalizzazione” dei modelli organizzativi, ampie e non sempre opportune variabilità operative e gestionali in tema di immunoprofilassi vaccinale, ovviamente rappresentate da importanti differenze nel raggiungimento degli obiettivi di processo (coperture vaccinali e di esito (incidenza
    delle malattie prevenibili con vaccinazioni. Si rende quindi necessario uno sforzo di riflessione e di azione che consenta di giungere ad un modello organizzativo della profilassi vaccinale caratterizzato da chiarezza di ruoli.
    Numerose osservazioni orientano la proposta verso

  9. La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simona Attollino

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli atti del Convegno nazionale ADEC "Insegnamenti e insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana" (Catanzaro, 25-27 ottobre 2012. SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un’offerta formativa aperta. ABSTRACT This essay regards the new professional status of teacher's religion in public school, in the light of juridical discipline approved in 2012. It analyses the rules as well as the abundant case-law in this field, underling the trend that considers the cultural value of catholicism teaching in public school in respect to the context of religious and social pluralism.

  10. Molecular characterization of cocoa beans from different geographical origins: a metabolomics approach with a focus on peptides, amino acids and aroma compounds

    OpenAIRE

    Marseglia, Angela

    2015-01-01

    Il cacao (Theobroma cacao L.) e il cioccolato sono fra i prodotti alimentari più apprezzati nel mondo. Il nome 'Theobroma' significa 'cibo degli dei', sottolineando le quasi divine qualità nutritive del cacao e del cioccolato. I prodotti a base di cacao sono ottenuti a partire dalle fave di cacao, che rappresentano i semi della pianta del cacao, la quale cresce in una zona geografica limitata, di circa 20 gradi a nord e a sud dell'equatore. I prodotti a base di cioccolato sono ottenuti con un...

  11. Monitoraggio satellitare della qualità delle acque dei mari toscani: l’attività del progetto MOMAR

    OpenAIRE

    C. Lapucci; Maselli, F.; Brandini, C.; L. Massi; Nuccio, C. De; A. Ortolani; Gozzini, B.; F. POLONELLI

    2012-01-01

    Nell’ambito del progetto MOMAR l’attività di monitoraggio satellitare ha previsto la messa a punto di un sistema semioperativo di valutazione della qualità delle acque dei mari Ligure e Tirreno antistanti la Toscana, basato sulle concentrazioni della biomassa fitoplanctonica, stimata mediante la concentrazione della clorofilla (Chl), della sostanza organica disciolta cromoforica (CDOM) e del materiale particellato non fitoplanctonico (NAP).In particolare è stata valutata la stima della Chl...

  12. Ecce Agnus Dei, qui tollit peccata mundi. Sobre los símbolos de Jesucristo en la Edad Media

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Torres Jiménez, Raquel

    2013-06-01

    Full Text Available The article deals with the symbolic meanings of Agnus Dei in the Middle Ages, its uses, reception and evolution, from the perspective of both religious and cultural history. It makes use of the analysis of the Church Fathers’ texts, Christian medieval literature, theological discourse, biblical exegesis in the medieval context, iconography, objects from churches, as well as the analysis of liturgy and mysticism. The text gives priority to an integral view of the symbol, which, beyond moral analogies, is able to explain the whole history of salvation: Agnus Dei evokes how the salvific facts of the past become present in the Eucharist and extend triumphantly into the future.El artículo trata de los significados simbólicos del Agnus Dei en la Edad Media, sus usos, recepciones y evolución, desde la perspectiva de la historia religiosa y de la historia cultural. Se sirve del análisis de textos de los Padres de la Iglesia, literatura cristiana medieval, discursos teológicos, exégesis bíblica en el contexto medieval, iconografía, objetos de iglesias, liturgia, mística. Se privilegia la visión integral de este símbolo, que, más allá de analogías morales, tiene capacidad para explicar toda la historia de la salvación: el Agnus Dei evoca cómo los hechos salvíficos del pasado se hacen presentes en la eucaristía y se proyectan triunfalmente hacia el futuro.

  13. La tutela e la promozione dei diritti sociali. Decentramento, uguaglianza e differenziazione in Italia e in Spagna.

    OpenAIRE

    Sara Cocchi

    2012-01-01

    Il lavoro si propone di esaminare le principali problematiche legate all'affermazione e alla tutela dei diritti sociali in due ordinamenti costituzionali neo-policentrici, quello italiano e quello spagnolo, soffermandosi in particolare sul diritto all'assistenza sanitaria. This work analyses the constitutional framework concerning social rights in both the Italian and the Spanish neo-polycentric context, with a specific focus on the right to health care.

  14. La disciplina giuridica dei rapporti finanziari tra governo centrale ed enti territoriali in Italia e nel Regno Unito

    OpenAIRE

    Guella, Flavio

    2010-01-01

    Il tema della disciplina giuridica dei rapporti in materia finanziaria tra Governo centrale ed enti territoriali all’interno degli Stati composti viene analizzato, in una prospettiva prevalentemente giurisprudenziale, con riferimento alle esperienze dell’ordinamento giuridico italiano e del Regno Unito. Entrambi gli ordinamenti presentano, in tale settore, una struttura di ripartizione del territorio in enti autonomi caratterizzata da un elevato grado di differenziazione, e con collocazio...

  15. Analisi dei modi di vibrazione di un edificio campione in muratura mediante registrazioni di terremoti e modellazioni numeriche.

    OpenAIRE

    Pucillo, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fodarella, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Cogliano, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Di Giulio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Minichiello, V.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Riccio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Rovelli, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia

    2009-01-01

    Nella pratica ingegneristica vengono usate correlazioni derivate da regressioni statistiche tra numero dei piani degli edifici e frequenze di risonanza. Tuttavia la discrepanza tra comportamento reale e valori aspettati può essere talvolta significativa, e solo l’acquisizione di dati sperimentali consente di comprendere il reale comportamento dinamico di una struttura. La sperimentazione, in situazioni anche complesse, e la raccolta di nuovi dati possono essere molto importanti nel campo dell...

  16. Il monitoraggio della qualità di vita e dei bisogni di pazienti oncologici e caregiver: il caso ANT

    OpenAIRE

    Roganti, Daniele

    2014-01-01

    La Fondazione ANT rappresenta una delle più ampie esperienze al mondo di assistenza socio-sanitaria gratuita a domicilio ai malati di tumore, tramite équipe di specialisti costituite da medici, psicologi e infermieri. La patologia oncologica ha un enorme impatto sul benessere dei pazienti. Un modo per raggruppare i diversi sintomi di disagio psicologico è utilizzare il concetto di distress, che sarebbe importante monitorare in modo semplice e veloce. Primo studio: 66 pazienti oncologic...

  17. Architetti e maestranze edilizie della regione dei laghi nelle fonti censuarie e notarili parmensi (XVIII-XIX secolo).

    OpenAIRE

    Stocchi, Fabio

    2015-01-01

    Le migrazioni di mestiere hanno costituito un fenomeno di origine remota e con un’irradiazione territoriale molto ampia, che per secoli ha accompagnato la vita degli abitanti della Regione dei Laghi; per interi gruppi di giovani e capifamiglia, frequentemente legati da vincoli di parentela e organizzati in compagnie, il più delle volte si trattava di esodi obbligati, dettati dall’improduttività di una regione che poco aveva da offrire al sostentamento delle loro comunità.A partire quant...

  18. School self-evaluation; improving infant literacy in a DEIS school through a model of collaborative inquiry and reflection.

    OpenAIRE

    Mangan, Sinead

    2014-01-01

    It is my intention in this thesis to explore the concept of School Self-Evaluation to improve infant literacy in a DEIS Band 2 primary school of diverse pupil population. The desired outcome of this research is to design an individualized reading methodology, a direct instructional paradigm for teaching reading in a rural multi-cultural school with 15 nationalities. This school-based action research approach is consistent with international trends and has become a very significant focus in im...

  19. Architettura Software per la Gestione dei Processi mediante Tecnologia RFID nella Supply Chain Fashion: Ingegnerizzazione, Sviluppo e Validazione Sperimentale

    OpenAIRE

    Vitulli, Rossano

    2011-01-01

    L'impiego della tecnologia di identificazione in radio frequenza (RFID) e del codice elettronico di prodotto (EPC) a supporto della logistica offre numerosi benefici tra cui la tracciabilità e la piena visibilità delle merci nella supply chain, sebbene produca un notevole incremento nella complessità dei dati da gestire. Al fine di ottenere il controllo completo sul flusso delle informazioni è necessario disporre di una infrastruttura software adeguata che governi al meglio la complessità...

  20. Protesta dei ricercatori contro gli editori: politiche di prezzo insostenibili per la ricerca. Nel mirino Elsevier e Springer

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-02-01

    Full Text Available Ricopio, per chi non segue il nostro servizio Twitter, la notizia uscita ieri su Ciber Newsletter, su PLEIADI e altrove.  I mostruosi margini di profitto delle multinazionali dell’editoria scientifica sono riportati qui. Aggiornamento 2/2/2012:  la risposta di Springer è visibile qui; quella di Elsevier qui.  Qui c’è un’analisi dei loro argomenti. Aggiornamento 3/2/2012:  l’Economist si [...

  1. I musei e la progettazione partecipata: l’esperienza dei musei nazionali di Lucca in un contesto multiculturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ludovico Solima

    2015-12-01

    Full Text Available Il patrimonio culturale può essere un elemento importante su cui basare azioni di dialogo interculturale con i nuovi cittadini, provenienti da culture diverse, di un dato territorio. Uno dei modi per avviare tali azioni è la progettazione partecipata, che vede il coinvolgimento dei destinatari sin dalle prime fasi di avvio di un determinato progetto. In questo contesto si inserisce il progetto Tutti al Museo! dei Musei Nazionali di Lucca, che ha previsto lo svolgimento di laboratori didattici destinati a classi costituite sia dai residenti sia dai “cittadini italiani di adozione”; nella fase di progettazione si è fatto ricorso ad incontri con genitori, mediatori culturali e insegnanti per mettere a punto un’offerta calibrata; durante lo svolgimento dei laboratori si è proceduto all’osservazione diretta degli stessi; al termine del ciclo di laboratori sono state raccolte le valutazioni e le reazioni di tutti i partecipanti (ragazzi, genitori, insegnanti, mediatori culturali, etc..   Cultural heritage can be an important element for actions aiming at the development of intercultural dialogue with new citizens coming from different civilizations. One way to start such actions is participatory design, involving final users since the very first phases of a given project. The project Tutti al Museo! of “Musei Nazionali di Lucca” falls in such a context; it has been based on the creation of didactical workshops for classes including both young residents and “new Italian” citizens; in the design phase, meetings with parents, cultural mediators and teachers were held in order to plan a customized didactical proposal; in the next phase, workshops were observed by experts to gather not mediated and useful information; at the end of the workshops period, evaluations and feedbacks from all participants (pupils, parents, teachers, cultural mediators, etc. were gathered.

  2. LA CARTOGRAFIA REGIONALE PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI AMBIENTALI. L’ATTIVITÀ DELLA REGIONE VENETO

    OpenAIRE

    De Gennaro, Maurizio

    2012-01-01

    Nell’ambito delle iniziative che si stanno definendo nel processo di innovazione tecnologica della Pubblica Amministrazione, orientate verso l’attuazione del “Codice dell’Amministrazione Digitale” (D. Lgs. 82/2005) e in coerenza con quanto previsto a livello europeo (direttiva INSPIRE), sono di particolare rilievo quelle relative all’ “Informazione Territoriale” e al sistema di “regole” per la condivisione e diffusione dei dati. La Regione del Veneto, in questo articolato scena...

  3. Regional estimation model of the flood duration frequency reduction curves of the italian rivers; Un modello di stima regionale delle curve di riduzione dei colmi di piena dei corsi d'acqua italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tomirotti, M. [Milan Univ., Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    2001-10-01

    In this paper a regional estimation model of the flood duration frequency reduction curves of the italian rivers is proposed; the model is based on the estimation of peak flood discharge and instantaneous-daily flood peak ratio of the river basin. While for the estimation of the first quantity a great amount of papers is available in literature less attention has been devoted to the second one. Thus, a regional estimation model of the instantaneous-daily flood peak ratio of the Italian river basins has been formulated, employing for the calibration a set of data referring to 212 gauging stations belonging to the entire territory of the italian Country and characterized by twenty years of observations; the domain of validity of the model covers the most part of the territory of the italian Country. On the basis of the results of the analysis, the methodology of design of flood control reservoirs presented in previous papers has been re-examined and becomes applicable to non-gauged sites. [Italian] Nella presente memoria viene proposto un modello di stima indiretta delle curve di riduzione dei colmi di piena dei corsi d'acqua italiani basato sulla stima regionale delle portate al colmo e del coefficiente di punta del bacino. Mentre per la stima della prima grandezza e' disponibile un'amplissima mole di lavori, minore attenzione e' stata rivolta nella letteratura tecnica alla seconda. E' stato percio' sviluppato un modello di stima regionale del coefficiente di punta dei corsi d'acqua italiani, utilizzando per la taratura i dati relativi a 212 stazioni idrometrografiche distribuite sull'intero territorio nazionale e caratterizzate dal almeno venti anni di osservazioni; il dominio di validita' del modello sviluppato ricopre la quasi totalita' del territorio nazionale. Sulla base dei risultati dell'analisi e' stata infine ripresa la metodologia semplificata per la determinazione dei volumi da assegnare alle

  4. Gas hazard assessment in a densely inhabited area of Colli Albani Volcano (Cava dei Selci, Roma)

    Science.gov (United States)

    Carapezza, M. L.; Badalamenti, B.; Cavarra, L.; Scalzo, A.

    2003-04-01

    The northwestern flank of the Colli Albani, a Quaternary volcanic complex near Rome, is characterised by high pCO 2 values and Rn activities in the groundwater and by the presence of zones with strong emission of gas from the soil. The most significant of these zones is Cava dei Selci where many houses are located very near to the gas emission site. The emitted gas consists mainly of CO 2 (up to 98 vol%) with an appreciable content of H 2S (0.8-2%). The He and C isotopic composition indicates, as for all fluids associated with the Quaternary Roman and Tuscany volcanic provinces, the presence of an upper mantle component contaminated by crustal fluids associated with subducted sediments and carbonates. An advective CO 2 flux of 37 tons/day has been estimated from the gas bubbles rising to the surface in a small drainage ditch and through a stagnant water pool, present in the rainy season in a topographically low central part of the area. A CO 2 soil flux survey with an accumulation chamber, carried out in February-March 2000 over a 12 000 m 2 surface with 242 measurement points, gave a total (mostly conductive) flux of 61 tons/day. CO 2 soil flux values vary by four orders of magnitude over a 160-m distance and by one order of magnitude over several metres. A fixed network of 114 points over 6350 m 2 has been installed in order to investigate temporal flux variations. Six surveys carried out from May 2000 to June 2001 have shown large variations of the total CO 2 soil flux (8-25 tons/day). The strong emission of CO 2 and H 2S, which are gases denser than air, produces dangerous accumulations in low areas which have caused a series of lethal accidents to animals and one to a man. The gas hazard near the houses has been assessed by continuously monitoring the CO 2 and H 2S concentration in the air at 75 cm from the ground by means of two automatic stations. Certain environmental parameters (wind direction and speed; atm P, T, humidity and rainfall) were also

  5. Biomass employment agriculture. The real problem of heavy metals; Utilizzo agricolo di biomasse. Il reale problema dei metalli pesanti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Figliolia, A.; Socciarelli, S.; Aromolo, R. [Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Rome (Italy). Ist. Sperimentale per la Nutrizione delle Piante

    2000-10-01

    Heavy metals reach the soil through various source of entry. They are characterised by very low mobility and poor leaching. In addition, they are not degraded or destroyed by the metabolism of soil organisms. The potential for pollution of heavy metals, lies in the fact that they endanger the environment through the contamination of underground and surface waters, reduction of yield, accumulation in plants and gate into the food chain. The degree of fixation of heavy metals in soil, responsible for the availability to plants is a function, at first, of their chemistry. Besides, the degree of fixation is influenced by several soil properties such as particle size and distribution, pH, redox potential cationic exchange capacity and organic matter content. The latter particularly, plays a determining role in the mobility of heavy metals in the soil. The risk of metal pollution is one of the main concern for soil scientist; however the research has given results which often look as uncertain and discordant. By the light of this, it is focused on the dynamic of heavy metals in field experiments. The aim of such trials is the evaluation of benefits and drawbacks of sewage sludge applications for soil and plants. [Italian] L'articolo prende in esame l'impatto ambientale dei metalli pesnti che giungono al suolo da varie fonti, quali acque reflue, fanghi urbani e industriali, liquami zootecnici, concimi e altro, rappresenta una complessa e problematica, oggetto di numerosi studi. Le cause dell'inquinamento da matalli pesanti varnno ricercate nei fenomeni di antropizzazione, nello sviluppo delle attivita' industriali, nella rapida trasformazione dell'agricoltura, orientata verso uno sfruttamento intensivo del terreno, e nelle tecniche agricole che utilizzano fattori di fertilita' di sintesi. Il rischio di inquinamento dei metalli pesanti risiede nel fatto che essi possono interferire a vari livelli ambientali, con accumulo nelle piante e un loro

  6. Interrogarsi sull’umano. Questione antropologica e scommessa su una possibile ritessitura dei saperi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Grandi

    2013-12-01

    Full Text Available Questioning What Human is. The Anthropological Question and a Proposal for a New Fabric of Understanding - The essay reviews the first four issues of the Yearbook of Philosophical Studies "Anthropologica" – La differenza umana. Riduzionismo e antiumanesimo (2009, La struttura dei legami (2010, La vita in questione. Potenziamento o compimento dell'essere umano? (2011, Chi dice io? Riflessioni sull’identità personale (2012 – and introduces the research program developed by the interdisciplinary group of study promoted by the Jacques Maritain Study Centre. According to the perspective of Classical and Christian Thought, and to contemporary developments in the personalist tradition, the authors deal with many issues of the current debate on the human being and human condition. The main place in the discussion is occupied by the critical deal with different forms of anti-humanism, that directly or indirectly arise in the areas of Life Sciences, especially where there are new possibilities of intervention on human nature, opened by technological development. Investigations, always punctual and documented, analyze issues in a clear way, reporting limits, but also resources and stimulating suggestions coming from the perspectives examined.

  7. Evaluation of the structural health status of the covering of Villa dei Misteri in Pompeii

    International Nuclear Information System (INIS)

    'Villa dei Misteri' is one of the most visited monuments of the archaeological area of Pompeii. It is sited just outside the ancient city and takes its name from the superb frescoes cycle depicting ritual mysteries. The ancient masonry structures, dating from the 2. century B.C. to the Vesuvian eruption, are protected from weathering by modern roofs built in various materials (reinforced concrete, timber, steel). After the collapse, in the fall of 2012, of a decayed timber beam, the Suprintendence decided to carry out, in collaboration with ENEA, a detailed survey of all the covering structures to evaluate its health status and to assess the safety condition of the monument. This paper illustrates the research methodology developed, which is based on a multidisciplinary approach including historical research, geometrical and structural surveys, damage assessment based on both in situ and laboratory diagnostic test, UAV (Unmanned Aerial Vehicles) remote sensing to inspect area and coverings not easy to reach in safe, and, as basis for seismic safety assessment, ambient vibration measurement to characterize the dynamic response of the soil and of the most relevant structural components of the 'Villa'. The preliminary results of the first stage of the diagnostic campaign are also presented.

  8. La materia dei sogni Sbirciatina su un mondo di cose soffici (lettore compreso)

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2010-01-01

    Dall’aria che respiriamo ai cibi di cui ci nutriamo, dai vestiti che indossiamo ai detersivi con cui li laviamo, dai colori con cui dipingiamo agli schermi su cui li guardiamo, la nostra realtà quotidiana brulica di cose troppo piccole per essere viste, ma pur sempre enormi rispetto ai mattoni di cui è fatto il mondo, gli atomi e le molecole. Oltre ad essere alla radice di molte tecnologie di oggi e di domani, questi piccoli personaggi, ingredienti primari di quelli che gli scienziati chiamano "materiali soffici", "sistemi sovramolecolari", o " fluidi complessi", ci permettono anche di esplorare i segreti con cui la materia si organizza spontaneamente, perché anche la Vita altro non è se non l’apoteosi di questa incredibile "Terra di Mezzo", a metà strada tra le molecole e l’Uomo. Sfruttando l’esperienza scientifica accumulata dall’autore nel corso di molti anni, questo libro si propone di guidare il lettore attraverso un lungo, ma non troppo faticoso viaggio nel mondo delle nanoparticelle, dei...

  9. Cinquant’anni di esperienze nella gestione dei centri storici in un caso esemplare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Gullì

    2012-05-01

    Full Text Available Il dibattito sull’ambiente antico e sull’inesauribile varietà di approcci che ne qualificano gli interventi di tutela riabilitazione è un tema che si ripresenta ciclicamente e con profili sempre diversi. Attraverso lo studio delle politiche di tutela, delle esperienze amministrative e della prassi di governo del patrimonio storico, dal primo dopoguerra agli anni Settanta, si può cercare di comprendere quali sono i presupposti che hanno portato a collocare il tema della tutela entro quella nuova cultura della città, sorta in ambito al dibattito urbanistico nazionale e che ha assunto il tema specialistico della tutela come campo di sperimentazione per la ridefinizione delle più ampie strategie di amministrazione della città, con progetti finalizzati alla conservazione del tessuto urbano storico nella sua globalità. Con il Piano per il centro storico di Bologna del 1969 e il successivo Peep del 1973, nonché con le vicende amministrative che ne hanno accompagnato l’attuazione e la gestione per più di venti anni, il centro storico diventa al contempo un campo di sperimentazione di politiche urbanistiche, politiche sociali e politiche di tutela del patrimonio storico. Nel mirare ad una tutela multidimensionale dei tessuti storici, i programmi elaborati dalle pubbliche amministrazioni hanno comportato la necessità di spostare il fuoco del progetto urbanistico per i tessuti storici verso una difficile integrazione tra istanze di conservazione dell’ambiente costruito, dei suoi manufatti e dello spazio collettivo, ed esigenze di governo complessivo delle dinamiche di trasformazione ed uso della città. The debate on urban renewal of historical city centers continues to propose new arguments, connected to the difficulties carried on by new uses demands, that carry on an equal variety of technical instruments and political options. A long period reconstruction of significanti italian conservation policies for ancient cities - from the

  10. Die inkarnering van die missio Dei as praktykmodel vir die Nederduitsch Hervormde Kerk van Afrika

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J. Christo van der Merwe

    2015-03-01

    Full Text Available The incarnation of the missio Dei practice model for the Dutch Reformed Church of Africa. The decline of the church in the West is of great concern to many today. The Netherdutch Reformed Church of Africa (NRCA, experiences the same tendency. We are living in a time when survival is on the mind of most mainline congregations and denominations. The question is what shall we do to turn this situation around? The answer is to be found in the rediscovery of what it means for the church to be missional. The knowledge about how the early church functioned helps us to rediscover the character of early Christian mission, much of what is drawn together in the concept of incarnational mission. This article examines incarnational mission as the understanding and practise of Christian witness that is rooted in and shaped by the life, ministry, suffering, death and resurrection of Jesus. Understanding mission incarnationally in this manner is an integrative way to approach the church’s missionary vocation and to avoid the typical Western reduction of mission to one of the many programms of the church. The article, by exploring the meaning of incarnational mission, endeavours to be both constructive with regard to the biblical and theological understanding of the message, and polemical with regard to the context and history of mission, especially in the Western tradition. This article follows Darrell Guder in arguing that the historical ‘happenedness’ of Jesus’ life both enables and defines Christian witness. In exploring the missional ignificance of the incarnation, the article tries to avoid any dilution of the centrality of the incarnation event.

  11. Le nuove specifiche di contenuto del DB25K per derivazione dei DBT regionali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Donnaloia

    2013-06-01

    Full Text Available In applicazione della direttiva INSPIRE ed in linea con la necessità della PA di creare database geotopografici multiscala omogenei a livello nazionale, il CPSG del CISIS sta svolgendo un’attività finalizzata alla normalizzazione dei DB25k (database geotopografici scala 1:25.000. Tale attività, partendo dal presupposto di derivare, in maniera controllata, i DB25K da DBT a scale maggiori (realizzati in conformità alla specifica introdotta dal DM 10 novembre 2011 si pone come obbiettivo la produzione di una specifica tecnica di riferimento da formalizzare, come previstodall’art. 59 del CAD, secondo l’iter legislativo stabilito.In accordance with the INSPIRE Directive and in line with theneeds of the Italian Public Sector to create geo-topographicdatabases at different scales and homogeneous at the national level, the CISIS Committee for the Geographic Systems is carrying out an activity aimed at the normalization of the DB25k (the geo-topographic database at the scale 1:25000.This activity, based on the assumption to derive, in a controlled manner, the DB25K by the DBT at larger scales (implemented in conformance with the specifications introduced by the Ministerial Decree 10 November 2011 has as its objective the production of a reference technical specification that will be formalized, as stated by the art. 59 of the Digital Administration Code, according to the established legislative iter. 

  12. An integrated model for interaction of electromagnetic fields with biological systems; Un modello integrato per l'interazione dei campi elettromagnetici con i sistemi biologici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Apollonio, F.; Liberti, M.; Cavagnaro, M.; D' Inzeo, G. [Rome Univ. (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettronica; Tarricone, L. [Perugia Univ. (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettronica e dell' Informazione

    1999-08-01

    In this work is described a methodology for evaluation of interaction of high frequency electromagnetic field. Biological systems via connection of many macroscopic models. In particular the analysis of neuronal membrane exposed to electromagnetic fields. [Italian] In questo lavoro viene descritta una metologia per affrontare lo studio dei meccanismi di interazione dei campi elettromagnetici ad alta frequenza con i sistemi biologici tramite la connessione di diversi modelli microscopici. In particolare si presenta una metodologia integrata di analisi di una membrana neuronale esposta a campi elettromagnetici. Questa metodologia prevede piu' passi: la valutazione della distribuzione di campo elettromagnetico nella cellula, l'analisi, tramite modelli stocastici, dell'attivita' dei canali proteici in condizione di esposizione, l'analisi del comportamento della tensione transmembranale attraverso un modello dell'intera membrana.

  13. Il servizio di EV-mobile ed i suoi utenti: un approccio metodologico all’analisi dei loro comportamenti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Contino

    2012-07-01

    Full Text Available ItLa possibilità di accedere al Web mediante dispositivi mobili, ad esempio tablet o smartphone, ha comportato la creazione di ulteriori portali, semplificati, che consentono di diffondere contenuti ed informazione in maniera rapida ai propri utenti. Nel caso del servizio di Emeroteca Virtuale Mobile si è voluto ampliare la gamma dei servizi offerti all’utenza, includendo una piattaforma che fosse navigabile attraverso i browser disponibili nei moderni smart phone. L’analisi dei loro comportamenti ci ha permesso di verificare quanto gli utenti preferiscano i contesti mobili come ambienti di rapida verifica delle novità disponibili in Emeroteca, relativamente ai periodici di loro interesse (4 a 1 è infatti il rapporto tra la navigazione e la ricerca dei contenuti. Ciò chiarisce il ruolo che tale servizio sta assumendo nel contesto dell’Emeroteca, non alternativo a quello classico, ma, pur se ancora non privo di una sua connotazione sperimentale, certamente complementare a quest’ultimo.EnThe diffusion of the so called smart-phone and tablet among WEB users community caused a growth in the offering of specific portals, simplified comparing to the classic ones, but capable of a more direct and fast information flow towards their own users. Emeroteca Virtuale service too has been provided of a specific “mobile” portal dedicated to people having a smart-phone as a web access tool. Last two years usage data analysis on this service has revealed a peculiar behavior of Emeroteca Virtuale Mobile users: they tend to use the service as a rapid check of new entries in Emeroteca (issues or articles, specifically for those e-journals they are interested in (the ratio between browsing and search actions is 4 to 1. This clarifies better the role this “mobile” service is having versus the classical one: it is not an alternative to it, but a complementary way to get information from Emeroteca.

  14. Il progetto Life Ambiente Sapid: i dubbi di una difficile coesistenza Ogm/no Ogm

    OpenAIRE

    Ugo Testa

    2009-01-01

    Il Dna degli Ogm, in quanto legato ad organismi viventi, si può diffondere nello spazio e nel tempo attraverso il polline (come avviene soprattutto per il mais) ed i semi (colza), causando una "contaminazione" delle piante non Ogm e dei relativi prodotti. Contaminazione dei prodotti che può verificarsi anche nelle aziende di trasformazione. La politica della coesistenza pertanto rischia, in alcune realtà, di essere di difficile applicazione e di compromettere l’identità di quelle produzioni d...

  15. Economical optimization model of MSW management; Un modello di ottimizzazione della gestione integrata dei rifiuti solidi urbani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sparacino, M.; Camussi, M. [AEM SpA, Milan (Italy); Rapizzi, L. [AMSA, Unita' , Pianificazione Collaudi, Autorizzazioni, Milan (Italy)

    2001-02-01

    The Municipal Solid Waste (MSW) management policies involve several different technological, environmental, social and economical aspects that produce a complex problem that must be faced by means of quantitative analysis. In this paper is introduced the experience concerning the development of a mathematical model based on a mixed integer linear programming (MILP) technique with the aim of performing the economical optimisation of MSW management. The model, applied to a virtual city of one million of inhabitants, determines the plant choices and the collecting, transfer, transport, energy and materials recovery management choices; moreover the model manages the disposal and the sale on the market of the different kind of wastes, maximising the economical revenue compatibly with technical, physical, environmental constraints. The mathematical model has been developed utilising as software environment the programming algebraic language AMPL Plus and CPLEX 6.0 as solver of integer linear program. Evaluated on historical data the model furnished results that show its usefulness for what concern the MSW management and planning phases. [Italian] La gestione integrata dei rifiuti solidi urbani (RSU) coinvolge molteplici aspetti di tipo tecnologico, ambientale, sociale ed economico che ne fanno un problema complesso difficilmente affrontabile senza ricorrere a una strutturata rappresentazione quantitativa. Viene di seguito presentata l'esperienza di realizzazione di un modello basato sulla metodologia della programmazione lineare a interi (Mixed Integer Linear Programming - MILP) per l'ottimizzazione economica dell'intero ciclo di gestione degli RSU. Il modello, applicato ad una citta' virtuale di 1 milione di abitanti, individua le scelte impiantistiche, le condizioni e le modalita' operative di conferimento, raccolta, trasferimento, trasporto, recupero di materiali e di energia: inoltre gestisce lo smaltimento e la vendita sul mercato dei

  16. Novita' sul mercato dei sistemi di pagamento: Gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica

    OpenAIRE

    Mancini, Novella

    2014-01-01

    La presente trattazione analizza le novità normative apportate dalle recenti direttive europee sui servizi di pagamento e sulla moneta elettronica (rispettivamente la direttiva 2007/64/CE, c.c. Payment Services Directive o PSD, e la direttiva 2009/110/CE, detta Electronic Money Directive 2 o EMD2). Al fine di incrementare la competitività dei servizi di pagamento, sono stati introdotti nuovi prestatori di servizi di pagamento, non bancari, gli Istituti di Pagamento (IP) e gli Istituti di Mone...

  17. L’Argentina dall’impunità alla verità, giustizia e memorializzazione delle violazioni dei diritti umani

    OpenAIRE

    Gennaro Carotenuto

    2015-01-01

    La presidenza di Néstor Kirchner (2003-2007) in Argentina marca un prima e un dopo per la storia della giustizia di transizione a livello mondiale. Giunto alla Casa Rosada dopo il default finanziario del 2001, Kirchner costruisce la sua legittimità sulla base del latinoamericanismo, della critica al modello neoliberale e della difesa dei diritti umani. Nel giro di poche settimane anni viene cancellata l’impunità che aveva caratterizzato i vent’anni precedenti dopo l’iniziale impeto di Raúl Al...

  18. Quando la Generazione Erasmus incontra la Generazione Precaria. La mobilità transnazionale dei giovani italiani e spagnoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Raffini

    2014-07-01

    Full Text Available Uno dei più importanti risultati del processo di integrazione europea è la costruzione di uno spazio transnazionale in cui i cittadini europei possono muoversi liberamente. La mobilità favorisce dinamiche di europeizzazione dal basso –o di europeizzazione orizzontale–, e lo sviluppo di pratiche cross-nazionali e amplia le risorse individuali e relazionali a disposizione dei giovani per progettare i propri percorsi professionali e di vita. La Generazione Erasmus definisce giovani socializzati a un humus culturale transnazionale e fortemente identificati con l’Europa. Nell’attuale contesto di crisi economica, a sperimentare la mobilità sono sempre più i giovani altamente qualificati dei paesi dell’Europa del sud, quale strategia individuale cui ricorrere per trovare risposta ai problemi connessi alla precarietà, alla disoccupazione, alla sotto-qualificazione degli impieghi. Il risultato è che la mobilità può assumere il volto di un obbligo, più che di una scelta e, più che dinamiche di europeizzazione orizzontale, può favorire una “fuga dei cervelli” dai paesi del sud ai paesi del centro e del nord Europa. L’articolo, focalizzandosi sui giovani italiani e spagnoli, si chiede cosa succede quando la Generazione Erasmus incontra la Generazione Precaria, analizzando cause ed effetti della mobilità, sul piano micro e macro sociale e sul piano politico. | One of the main achievement of the European integration process is the making of a transnational space where European citizens can freely circulate. Mobility promotes a kind of bottom-up, or horizontal europeanization, and the spread of cross-national practices. It also contributes to a widening in the individual and relational resources available to youth to carry out their professional and personal life projects. The so called Erasmus Generation, defines young peoples socialized to a transnational cultural humus and highly identified with Europe. Indeed, in the current

  19. Progetto Roost Chirotteri Piemonte - Valle d'Aosta. Primo censimento dei siti e priorità di conservazione

    OpenAIRE

    Paolo Bernardi; Elena Patriarca; Roberto Toffoli

    2003-01-01

    Secondo la metodologia del Progetto Roost Chirotteri Italia, coordinato a livello nazionale dal GIRC, sono stati archiviati tutti i dati disponibili (pubblicati o inediti, raccolti da 24 rilevatori) circa i siti di rifugio utilizzati da Chirotteri in Piemonte e Valle d'Aosta a partire dal 1990. Risultano segnalati 193 roost, complessivamente utilizzati da almeno 17 specie, ai fini di: svernamento (57 siti, il 66,7% dei quali rappresentati da grotte e il 24,6% da miniere e bunker), parto e del...

  20. Ei stemme mellom dei andre stemmene : eit dialogisk perspektiv på målsetjingar med inkludering i skolen

    OpenAIRE

    2007-01-01

    PROBLEMOMRÅDE: Hovudoppgåva har som siktemål å drøfte omgrepet inkludering ut frå eit dialogisk perspektiv, og ynskjer å nyansere individuelle målsetjingar med inkludering. Ei vid oppfatning av inkludering er lagt til grunn og tyder at inkludering gjeld alle elevane i skolen, ikkje berre dei som har spesialundervisning. Undersøkinga av omgrepet blir i hovudsak knytt til tre perspektiv på kva ein inkluderande skole kan leggje vekt på. Desse tre perspektiva er å delta i demokratiske pros...

  1. Disponibilità pubblica dei risultati scientifici versus clausole di segretezza previste in convenzioni di privati con le Università.

    OpenAIRE

    Luzzatto, Giunio

    2015-01-01

    Il tema del possibile conflitto tra il principio della disponibilità pubblica dei risultati scientifici e le clausole di segretezza previste nelle intese circa ricerche universitarie svolte per privati non è nuovo. Diviene oggi più rilevante perché, per gli Atenei, i finanziamenti “finalizzati” da privati, che rappresentavano nel 2000 meno del 14% rispetto al totale dei fondi ministeriali (FFO + “finalizzati” MIUR), hanno registrato in dieci anni un peso più che raddoppiato; inoltre tale pres...

  2. Los sistemas integrados de producción agrícola en el desarrollo sostenible dei norte de Minas Gerais, Brasil.

    OpenAIRE

    Cunha, Lize de Moraes Vieira da

    2010-01-01

    Los Sistemas Integrados de Producción Agrícola en el desarrollo sustentable dei Norte de Minas Gerais, Brasil” surge a partir de la ejecución de actividades de asistencia técnica y extensión rural realizadas en la Colonización Paraguaçu en la región semiárida dei estado de Minas Gerais. Registro de la trayectoria de la agricultura familiar y de la extensión rural. Com talleres, reuniones, visitas técnicas y encuestas fue posible caracterizar los sistemas agrícolas actuales, así como sus dific...

  3. L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valerio Tozzi

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

  4. Il monitoraggio delle emissioni di CO2 e dei consumi energetici a livello comunale tramite WebGis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Viskanic

    2012-04-01

    Full Text Available Il cambiamento climatico dovuto ai gas serra ed il progressivo esaurimento dei combustibili fossili hanno portatonegli ultimi anni ad un ripensamento delle politiche energetiche e ad una maggiore attenzione alle potenzialitàdi risparmio energetico e di abbattimento delle emissioni di CO2. Alla base di ogni strategia è fondamentale una base informativa dettagliata ed affidabile alla quale fare riferimento per studiare interventi e strategia. È in questo contesto che si colloca R3 EcoGIS, uno strumento WebGIS per il monitoraggio dei consumi e delle emissioni e per il supporto alle decisioni energetiche a livello comunale. A WebGis for the monitoring of CO2 emissions and energy consumption at the municipal levelClimate change from greenhouse gases and the progressiveexhaustion of fossil fuels in recent years have led to a rethinkingof energy policy and greater attention to the potential forsaving energy and reducing emissions of CO2. At the base ofeach strategy it is fundamental a detailed and reliable informationbase to which every study, interventions and strategies canbe referred. It is in this context that EcoGIS R3, a WebGIS toolfor monitoring fuel consumption and emissions and energysupport decisions at the municipal level.

  5. Il discorso indiretto libero nel romanzo di Giorgio Bassani Il Giardino dei Finzi-Contini: funzioni testuali e caratteristiche linguistiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tjaša Miklič

    2003-12-01

    Full Text Available Quando la sezione letteraria della commissione  statale per l'italiano  aveva  scelto il romanzo II giardino dei Finzi Contini (GFC come testo su cui preparare le cono­ scenze letterarie per l'esame  di maturita  in italiano lingua  straniera nei licei    sloveni non si aspettava particolari difficolta di comprensione da parte degli studenti. La fruizione  pero  si  e rivelata  meno  soddisfacente  del  previsto.  L'attenta  analisi lin­guistica delle sue caratteristiche strutturali svolta in seguito allo scopo di offrire poi agli insegnanti suggerimenti concreti per la presentazione dei punti problematici in classe ha portato alla scoperta di una insospettata complessita, soprattutto di natu­ ra narrativa e sintattica. Questo compito apparentemente pratico ha spronato una ricerca di respiro piu ampio, che ha implicato analisi sistematiche della prima e del­ l'ultima versione del romanzo, 1 nonche di una serie di traduzioni in varie lingue.2

  6. Frequenza dei nomi riferenti all' abbigliamento nel Corano e problemi della loro traduzione in italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sherif Abo Almakarem Abdel Salam

    2014-03-01

    Full Text Available Nel suo lavoro intitolato “Teoria e storia della traduzione”, Georges Mounin (1965, pp.71-72 discute il legame stretto tra linguistica e traduzione esponendo il parere di Fedorov che insiste sulla necessità di creare una teoria di traduzione basata soprattutto sulla linguistica. A tale proposito Jackbson confessa: “Quando si pongono a confronto due lingue, si pone subito il problema della possibilità di traduzione reciproca. La pratica assai diffusa della comunicazione interlinguistica, e in particolare le attività di traduzione, devono essere costantemente oggetto di attenzione per la scienza del linguaggio. È difficile sopravvalutare il bisogno urgente e l'importanza teorica e pratica di dizionari bilingui differenziati, che definiscano accuratamente, e comparativamente, tutte le unità corrispondenti, in estensione e in comprensione. Alla stessa stregua, grammatiche bilingui differenziali dovrebbero definire ciò che differenzia due lingue dal punto di vista della soluzione e della delimitazione dei concetti grammaticali.” (Jackbson, 1995, pp.54-55 Bausch afferma: “L’oggetto centrale di ricerca della scienza della traduzione come disciplina orientata nel senso linguistico è il processo di traduzione umano, ottico – grafico, quale viene praticato per la comunicazione interlinguale testuale.” (1973, 145 Proprio per questi motivi Bausch afferma che la scienza della traduzione è stata intesa ripetutamente dai suoi stessi sostenitori come un ramo della linguistica comparata descrittiva che s’interessa delle convergenze interlinguali. Ma questa classificazione è stata fatta, secondo le parole dell’autore, senza che avesse avuto luogo un intenso dibattito con i singoli indirizzi e scuole operanti da alcuni anni nel campo della linguistica contrastiva, i quali credono che la traduzione sia un ramo della linguistica contrastiva. (Ibidem. Con il  suo breve saggio del 1959 Roman Jakobson, citato in Umberto Eco, ha dato una

  7. IL CONTROLLO DEI COSTI PER LA STIMA DI SCENARI TECNOLOGICI, strumenti per la diffusione di innovazione nel settore edilizio attraverso la valutazione economica

    OpenAIRE

    Francesco Simoni

    2013-01-01

    Problematiche relative al confronto di ipotesi costruttive alternative; stato dell'arte dei principi per la stima del costo di costruzione di ipotesi plurime per l'esecuzione di manufatti edilizi; modello per la valutazione; analisi del modello in rapporto al progetto, al processo progettuale ed ai livelli di progettazione; esempio applicativo del modello

  8. Impiego della dissezione endoscopica della sottomucosa per il trattamento dei tumori precoci del tratto gastrointestinale: esperienza preliminare di un singolo centro.

    OpenAIRE

    Coda, Sergio

    2010-01-01

    Il trattamento dei tumori precoci del tratto gastrointestinale è stato, fino a solo due decenni orsono, unicamente chirurgico. Nei primi anni ’90, in Giappone, è stata proposta la resezione endoscopica della mucosa (EMR) e, a partire dal 2000, la dissezione endoscopica della sottomucosectomia endoscopica (ESD). L’osservazione di una bassa incidenza di metastasi linfonodali per tumori confinati alla mucosa (

  9. Neural network-based detection of pulmonary nodules on chest radiography; Identificazione mediante reti neurali dei noduli polmonari nel radiogramma del torace

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Coppini, G. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Pisa (Italy). Ist. di Fisiologia Patologica; Valli, G. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Ingegneria Elettronica; Falchini, M.; Stecco, A.; Bindi, A.; Carmignani, L. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Fisiopatologia Clinica, Sezione di Radiodiagnostica

    1999-10-01

    In this report are investigated the capabilities of an artificial neural network-based Computer-Aided Diagnosis (CAD) system in improving early detection of pulmonary nodules on chest radiographs. [Italian] Valutazione di un sistema di riconoscimento automatico basato sulla tecnologia delle reti neruali artificiali per migliorare le possibilita' di rivelazione precoce dei noduli polmonari sul radiogramma toracico.

  10. Critical load of acid precipitations. Mapping of Italian regions; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, R.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, RM (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level O method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The results show that the sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions. These areas are in the north-east of Italy, in Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel rapporto vengono riportati i risultati della mappatura, riferita agli ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi critici e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stokholm Environment Institute; a questo metodo semi-quantitativo sono state apportate alcune modifiche per meglio adattarlo alle caratteristiche del territorio italiano. Dall'analisi dei risultati ottenuti, si evince come la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide. Tali aree sono localizzate nell'Italia nord-orientale, in zona alpina e prealpina.

  11. Lope de Vega Carpio, Tirso de Molina, Miguel de Cervantes, Il teatro dei Secoli d’oro, coord. M.G. Profeti

    OpenAIRE

    Marcella Trambaioli

    2016-01-01

    Reseña de Lope de Vega Carpio, Tirso de Molina, Miguel de Cervantes, Il teatro dei Secoli d’oro, coord. M.G. Profeti, Bompiani (Classici della Letteratura europea), Milán, 2014, vol. I, 2436 pp. ISBN: 9788845277252.

  12. L’impatto del ricovero ospedaliero sulla qualità della vita dei pazienti: uno studio prospettico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Giuseppe Re

    2012-05-01

    Full Text Available Background. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità la qualità di vita (QdV è “la personale percezione che un individuo ha della propria posizione nella vita, nel contesto di una cultura e di un insieme di valori nei quali egli vive, anche in relazione ai propri obiettivi, aspettative e preoccupazioni”. Numerosi sono gli strumenti psicometrici progettati per misurare in ambito sanitario l’impatto dell’erogazione di interventi clinico-assistenziali sulla QdV degli utenti, tuttavia poca attenzione si è posta sul ruolo di alcuni predittori - socio-demografici, clinici ed economico-sanitari - durante la degenza ospedaliera. Obiettivi. Accertare l’esistenza ed il tipo di associazione tra alcuni predittori e la variazione della QdV alla dimissione; esaminare i possibili risvolti per la pratica infermieristica. Metodi. Lo studio, condotto presso la struttura ospedaliera del polo universitario di Milano, ha somministrato all’ingresso e alla dimissione dei pazienti lo strumento psicometrico EuroQol-5D. Per valutare l’impatto del trattamento sulla QdV è utilizzato il test ?2, mentre per misurare significatività e rilevanza dei predittori è stato creato un modello di regressione logistica multipla. Risultati. L’erogazione di un trattamento clinico durante il ricovero migliora la QdV percepita (p < 0.001. La proporzione di esiti positivi nei trattamenti medici rispetto a quelli chirurgici è superiore (p < 0.05, così come quella nei ricoveri urgenti (p < 0.01. Il modello di regressione logistica multipla mostra associazioni significative tra età (p < 0.05, degenza (p < 0.05, tempo di intervento (p < 0.01 e variazione della QdV. Limiti. Studio monocentrico; campione di convenienza; periodo di osservazione limitato con possibili scostamenti nel numero e tipologia di ricoveri rispetto alla media annua. Conclusioni. La QdV percepita alla dimissione migliora in caso di erogazione di un trattamento clinico, in particolare se

  13. Abdominal ultrasonography in inheredited diseases of carbohydrate metabolism; Ecografia dell'addome nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pozzato, Carlo; Curti, Alessandra; Cornalba, Gianpaolo [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Radiologia Diagnostica ed Interventistica, Istituto di Scienze Radiologiche; Radaelli, Giovanni [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Milano (Italy). Unita' Operativa di Statistica Medica; Fiori, Laura; Rossi, Samantha; Riva, Enrica [Milano Univ., Ospedale San Paolo, Mialno (Italy). Dipartimento di Pediatria

    2005-02-01

    Purpose: To determine the usefulness of abdominal sonography in inherited diseases of carbohydrate metabolism. Materials and methods: Thirty patients (age range, 4 months to 27 years) with glycogen storage diseases, galactosemia, disorders of fructose metabolism were studied with sonography. Echogenicity of the liver, sonographic dimensions of liver, kidneys and spleen were evaluated. Plasma blood parameters (ALT, AST, total cholesterol, triglycerides) were determined. Results: Liver was enlarged in 21/22 patients (95.4%) with glycogen storage diseases, in both subjects with disorders of fructose metabolism, and in 2/6 patients (33.3%) with galactosemia. Hepatic echogenicity was increased in 20/22 patients (90.9%) with glycogen storage diseases, and in the subject with hereditary fructose intolerance. Patients with galactosemia did not show increased liver echogenicity. Both kidney were enlarged in 8/17 patients (47.0%) with glycogen storage disease type I. Subjects with increased hepatic echogenicity exhibited higher plasma concentrations of any blood parameter than the others with normal echogenicity (p<0.05). Conclusions: Sonography can be useful in identification of inherited diseases of carbohydrate metabolism even if further examinations are necessary for an ultimate diagnosis. [Italian] Scopo: Determinare l'utilita' dell'ecografia addominale nelle malattie ereditarie del metabolismo dei carboidrati. Materiale e metodi: Di 30 pazienti (eta' compresa tra 4 mesi e 27 anni), affetti da malattie di accumulo di glicogeno (glicogenosi), galattosemia, disordini del metabolismo del fruttosio, sono stati valutati tramite ecografia l'ecogenicita' epatica e le dimensioni ecografiche di fegato, reni e milza. Sono stati determinati alcuni parametri ematici (ALT, AST, colesterolo totale, trigliceridi). Risultati: Il fegato e' risultato ingrandito in 21/22 pazienti (95,4%) con malattie da accumolo di glicogeno, in entrambi i soggetti con

  14. CONSIDERAZIONI SULL’ACQUISIZIONE DEI TEMPI VERBALI DELL’ITALIANO DA PARTE DI APPRENDENTI SINOFONI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Crippa

    2014-07-01

    Full Text Available L’articolo riflette brevemente sul percorso di acquisizione di modi e tempi verbali della lingua italiana da parte di apprendenti sinofoni. Molte ricerche hanno messo in evidenza un ordine ricorrente nelle sequenze di acquisizione del sistema verbale che costituisce, come è noto, una delle maggiori difficoltà per gli apprendenti stranieri che studiano l’italiano. In questo elaborato saranno presi come campione alcuni studenti universitari cinesi che hanno frequentato un corso intensivo di italiano presso l’Università degli studi di Milano, e si verificherà se e in che misura le competenze mostrate dagli apprendenti siano in linea con l’ordine ricorrente messo in luce dalla linguistica acquisizionale. Nella prima parte si analizzeranno alcuni esercizi tratti dai test somministrati agli studenti di livello B1 del QCER a conclusione del loro corso, concentrando l’attenzione sull’acquisizione del tempo imperfetto e del suo uso in alternanza con il passato prossimo. Si procederà poi, nella seconda parte, con lo studio delle produzioni libere svolte nell’ambito della stessa prova d’esame, grazie alle quali si potranno fare anche alcune osservazioni sull’uso di altri tempi verbali normalmente impiegati da studenti di livello più avanzato, come ad esempio il condizionale e il congiuntivo. Nell’interpretazione conclusiva dei dati raccolti verranno fatte alcune considerazioni sull’influenza della L1 nell’evoluzione dell’interlingua degli apprendenti.  Considerations on the acquisition of italian verb tenses by chinese learners   Francesco Crippa   The article reflects on the acquisition of Italian verb moods and tenses by Chinese students. Many studies have highlighted the recurring order in the sequence of acquisition of the verb system, which is, as is well known, one of the major difficulties for foreign learners who study Italian. This paper focuses on a sample of Chinese college students who attended an intensive

  15. Non solo quotidiani in classe: considerazioni sull’italiano dei mass media.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Morgana

    2009-12-01

    Full Text Available Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman";} L’articolo suggerisce che la scuola, sede dell’educazione linguistica,  deve insegnare a riflettere sulla ‘norma implicita’ dei media, a cui i ragazzi sono esposti quotidianamente  nel mondo extrascolastico. La formazione di capacità critiche rispetto alla lingua veicolata dai media può avere come punto di partenza l’esperienza del quotidiano in classe alle superiori, che oggi coinvolge più di  44.000 docenti e quasi un milione e ottocentomila studenti. L’osservazione di fenomeni innovativi rispetto all’italiano standard descritto dalle grammatiche, la riflessione sulle varietà e sul dilagare della dimensione orale nello scritto, il riconoscimento di tendenze ‘trasversali’ che coinvolgono diversi ambiti testuali, possono fornire validi strumenti  alla pratica didattica.  Ma tutto il sistema massmediatico  oggi punta alla complementarietà, ai rimandi  tra i vari media, con passaggi continui: i giornali dalla Tv e dal web,  il cinema dal fumetto, il fumetto dal cinema, la pubblicità dal fumetto. Appare allora importante l’esigenza di introdurre nella pratica scolastica anche la capacità di riflettere sulla lingua di altri media che entrano nella esperienza quotidiana giovanile, come il fumetto.  Normal 0 14 MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font

  16. Notas críticas sobre la ética religiosa del trabajo en el Opus Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antoni Jesús Aguiló Bonet

    2009-07-01

    Full Text Available El objetivo de este artículo es el de realizar una exposición crítica de los principales contenidos de la ética religiosa del trabajo del Opus Dei, basada en la concepción del trabajo como requerimiento divino y la doctrina de la santificación personal por medio de la actividad profesional diaria. El análisis revela la existencia de una ética de virtuosos que equipara la santidad y la perfección espiritual con el éxito social y el liderazgo profesional. Para ello adopta, en nombre de la santidad, estrategias instrumentales de acción que chocan frontalmente con la práctica y los principios del cristianismo emancipador.

  17. Écriture et réécriture de Dei delitti e delle pene : le cas Beccaria

    OpenAIRE

    Abbrugiati, Raymond

    2013-01-01

    L’écriture de Dei delitti e delle pene pose la question auctoriale : convient-il de considérer Beccaria comme l’auteur ou comme le simple scribe d’un livre élaboré collectivement ? La traduction-réécriture de Morellet, remarquable par ses infidélités et responsable d’une vulgate qui défigure le texte, change-t-elle la nature du livre ? Dans le sillage des travaux de Franco Venturi, Jean Pandolfi, Luigi Firpo, Gianni Francioni, le propos est ici d’éprouver l’intérêt opératoire d’une approche s...

  18. Synchrotron supported DEI/KES of a brain tumor in an animal model: The search for a microimaging modality

    Science.gov (United States)

    Mannan, K. A.; Schültke, E.; Menk, R. H.; Siu, K.; Pavlov, K.; Kelly, M.; McLoughlin, G.; Beveridge, T.; Tromba, G.; Juurlink, B. H.; Chapman, D.; Rigon, L.; Griebel, R. W.

    2005-08-01

    Glioblastoma multiforme (GBM) is the commonest and most aggressive primary brain tumor in humans. The high rate of tumor recurrence results in a poor prognosis despite multimodality treatment. One reason for high rate of recurrence is the invasive nature of the tumor into the surrounding normal brain tissue or multifocal occurrence at sites remote from that of the primary tumor establishment. Existing imaging demonstrates the primary tumor but fail to show the residual tumor microaggregates left behind following initial treatment. In this study, we employed diffraction-enhanced imaging (DEI) in an attempt to find an imaging modality that will provide visualization of residual disease that is not be apparent on MRI or CT scans.

  19. Monte Carlo Simulation of X-rays Multiple Refractive Scattering from Fine Structure Objects imaged with the DEI Technique

    CERN Document Server

    Khromova, A N; Arfelli, F; Menk, R H; Besch, H J; Plothow-Besch, H; 10.1109/NSSMIC.2004.1466758

    2010-01-01

    In this work we present a novel 3D Monte Carlo photon transport program for simulation of multiple refractive scattering based on the refractive properties of X-rays in highly scattering media, like lung tissue. Multiple scattering reduces not only the quality of the image, but contains also information on the internal structure of the object. This information can be exploited utilizing image modalities such as Diffraction Enhanced Imaging (DEI). To study the effect of multiple scattering a Monte Carlo program was developed that simulates multiple refractive scattering of X-ray photons on monodisperse PMMA (poly-methyl-methacrylate) microspheres representing alveoli in lung tissue. Eventually, the results of the Monte Carlo program were compared to the measurements taken at the SYRMEP beamline at Elettra (Trieste, Italy) on special phantoms showing a good agreement between both data.

  20. La valorizzazione degli spazi residuali del tessuto edilizio consolidato: una ricognizione dei più recenti progetti in Europa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlotta Cecchini

    2014-06-01

    Full Text Available Intervenire sui tessuti marginali significa interfacciarsi con realtà complesse, nelle quali l’ identità locale, seppur non evidente o indebolita dallo stato di degrado, si è mantenuta, o addirittura rafforzata, nel tempo, andando a rappresentare una ricchezza in grado di dialogare con le risorse interne ed al contorno dell’area residuale stessa. Il presente contributo ha lo scopo di individuare e definire le strategie di valorizzazione  maggiormente efficaci nella gestione dei tessuti periferici, attraverso un’indagine dei migliori progetti di riqualificazione in ambito europeo e l’analisi delle strategie d’indirizzo da essi applicate. Vengono a questo proposito individuati due gradi di intervento: uno a livello generale, nel quale l’approccio con il tessuto antropico/naturalistico esistente fornisce un primo orientamento strategico nella gestione del “progetto complesso”, realizzandosi nella definizione degli ambiti di valorizzazione del tessuto di riferimento; uno a scala ravvicinata, nel quale vengono definite le modalità di gestione della materia (sia naturale che artificiale, che si concretizza nelle scelte di carattere operativo.   Intervening in marginal areas means to interface with complex realities, in which the local identity survived (or even increased, even if hidden or weakened by decline condition. They become an asset able to dialogue with its own internal and environmental resources. The present study is aimed at identifying and defining the most effective strategies in periphery management, through an investigation on European best practices and the definition of common designing criteria. At this purpose, two levels of intervention are defined: a general approach, in which the relationship between anthropic/natural existing tissue analysis gives a first orienting about the strategies to be applied in the complex project. This phase is aimed at defining the values of the reference areas; a close

  1. STUDYING POST SLAUGHTER NEW TECHNOLOGY TO IMPROVE AUTOCTONAL BEEF MEAT QUALITY BY EXSTENSIVE REARING SYSTEM

    OpenAIRE

    CONTO', MICHELA

    2010-01-01

    La tenerezza è la caratteristica più importante per definire l'accettabilità dei prodotti da parte dei consumatori, mentre le carni ottenute da bovini allevati con sistema estensivo solitamente sono dure. Dopo una dissertazione sulle reazioni biochimiche che avvengono durante il periodo di frollatura e che provoca l’intenerimento della carne, questo studio si è proposto di applicare diverse tecniche per migliorare la tenerezza della carne derivante da animali allevati in estensivo, cercando d...

  2. Vox Populi vs Vox Political: un confronto linguistico tra elettori e candidati francesi per le elezioni europee 2014

    OpenAIRE

    D'Avalos, Martina

    2015-01-01

    L’obiettivo posto in questo contributo è quello di analizzare i discorsi prodotti dalla voce del popolo e da quella dei candidati intorno alle elezioni europee 2014 in Francia, per rintracciare i legami che intercorrono tra esse. L’approccio lessicometrico ha consentito di congiungere i dati numerici raccolti nel corpus di rifermento, incentrato sulla produzione discorsiva della voce del popolo, con l’analisi vera e propria dei discorsi politici. Attraverso un percorso che va quindi dai dati ...

  3. Synthesis, Characterization and Biological Activity of Copper and Nickel Thiosemicarbazonates

    OpenAIRE

    Tavone, Matteo

    2012-01-01

    Questa tesi di dottorato è incentrata sullo studio di tiosemicarbazoni e dei loro complessi di rame(II) e di nichel(II) come composti ad attività biologica antitumorale. Uno degli aspetti che influenza negativamente l’attività dei tiosemicarbazoni è la loro scarsa solubilità in acqua, sono stati pertanto aggiunti motivi strutturali per incrementare la loro idrofilia. Data la notevole attività del tiosemicarbazone del citronellale, un composto precedentemente sintetizzato nel nostro labor...

  4. Street children and emotion recognition : how traumatic experiences affect facial mimicry amplitude and latency

    OpenAIRE

    Folloni, Chiara

    2015-01-01

    Prima dell’acquisizione del linguaggio, la comunicazione e le prime interazioni sociali dei bambini sono mediate principalmente dall’ espressione facciale delle emozioni, fondamentali per lo sviluppo delle relazioni sociali e della comprensione empatica dei bambini stessi. A causa della prolungata immaturità biologica, che caratterizza lo sviluppo umano, l’ ambiente (e.g., il contesto sociale, emotivo e familiare) influenza fortemente le traiettorie di sviluppo delle competenze cognitive, ...

  5. Die samehang tussen teologiese teorie en praxis: ’n Gevallestudie aan die hand van Calvyn se leerstuk van die Providentia Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. O.K. Lategan

    1993-01-01

    Full Text Available The coherence between theological theory and praxis; A case study according to Calvin’s doctrine of the Providentia Dei A crisis of research is being experienced in the Human Sciences because of frequent lack of coherence between theory and praxis. Theories - because of their abstract nature - do not always have relevance for praxis. The crisis is deepened by the lack of ‘translating’ theories into popular writings. In this article the authors argues that the above statement is not always valid. According to Calvin’s doctrine of the Providentia Dei in his Institution and correspondence, the authors not only identify such a coherence but also point out that popular writings substantiate the fact that theories can have practical relevance and thus not remain mere ‘clinical facts’.

  6. 180 meteorological stations data analysis to find out a meteodiffusivity index of sites; Analisi dei dati relativi a 180 stazioni meteorologiche al fine di individuare un indice per la caratterizzazione meteodiffusiva dei siti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cagnetti, P.; Grandoni, G.; Mammarella, M.C.; Pellegrini, A.; Racalbuto, S.; Boccadoro, M.; Fedele, P. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The present work has been done during the preparatory events of the National Conference on Energy and Environment (CNEA), studying the diffusive properties of the lower layers of the atmosphere, in order to find out a set of air quality indicators for urban areas. The data of 180 meteorological stations of the Italian Air Force Meteorological Service cover the whole Italian territory and are easily available; for this reason, this study, is based on those data. By analysing the available data, the variability range of the considered parameters was investigated and then an attempt was done to combine those parameters in order to describe, with a general index related to each site, the higher or lower attitude to diffuse pollutants released in the atmosphere. After that, the sites have been classified by their capacity of dispersion in atmosphere, making use of the meteo-diffusivity index described above, and pointing out the importance of meteorology in the study of the air quality of urban sites. [Italian] Questo lavoro e' stato svolto durante gli eventi preparatori della Conferenza Nazionale Energia Ambiente (CNEA), con lo scopo di individuare un set di indicatori della qualita' dell'aria in aree urbane, sulla base di studi e ricerche sui parametri meteodiffusivi dei bassi strati dell'atmosfera. Sono stati presi in considerazione, perche' subito fruibili e a diffusione nazionale, i dati provenienti dalle 180 stazioni meteorologiche dell'Areonautica Militare. Dopo un'analisi di tali dati al fine di individuare l'intervallo di variabilita' dei parametri meteorologici presi in considerazione, e' stata proposta una combinazione di tali parametri in grado di descrivere, sotto forma di un indice generale ed in relazione a tutti i siti considerati, la maggiore o minore tendenza alla diffusione degli inquinanti immessi in atmosfera. Sulla base di tale definizione di un indice di meteodiffusivita', sono stati

  7. Un intreccio complesso : il ricorso alla Sede Apostolica da parte dei fedeli del Nuovo Mondo. Prime note su uno studio in corso1

    OpenAIRE

    Albani, Benedetta

    2013-01-01

    Nonostante la grande distanza tra Europa e America e gli ampi privilegi degli ordini religiosi e dei vescovi locali, durante tutta l’età moderna i cattolici residenti nell’America spagnola non smisero di ricorrere la papa per ottenere giustizia, grazie e concessioni di diverso genere, come dimostrano numerosi documenti conservati presso l’Archivio Segreto Vaticano. Questo contributo intende mettere in luce l’importanza dell’autorità e delle decisioni pontificie nel Nuovo Mondo e analizzare il...

  8. "Ordinamento sportivo" e ordinamento giuridico statuale tra "autonomia" e "riserva di giurisdizione". Dal "diritto dei privati" all'"ordinamento settoriale": verso la "lex sportiva"?

    OpenAIRE

    Zatti, F

    2007-01-01

    Abstract. Il rapporto tra ordinamento sportivo e ordinamento giuridico statuale è tema di rinnovato interesse in dottrina in ragione dei recenti avvenimenti che hanno interessato il mondo dello sport a livello nazionale (legge anti-doping e Olimpiadi invernali di Torino, vicenda di «calciopoli», ecc.) ed internazionale, specialmente europeo (caso Charleroi, caso Federazione calcio ellenica, caso Meca-Medina, ecc.). Tali avvenimenti evidenziano il maggior dinamismo delle istituzioni contemp...

  9. Bico 2: second national intercomparison campaign of WBC centres working in Italy; Bico 2: la seconda campagna MIDIA di interconfronto dei WBC operanti in Italia

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Castellani, C.M.; Battisti, P.; Tarroni, G. [ENEA, Centro Ricerche `Ezio Clementel`, Bologna (Italy). Dip. Ambiente

    1998-12-31

    During the period November 1994 - May 1995 the coordinating group of WBC centres working in Italy organised the 2. national intercalibration and intercomparison campaign. A BOMAB phantom was used filled with four radionuclides gel solution with gamma energy emissions ranging between 100 keV and 2 MeV. 17 out of 21 Italian WBC centres took part in the campaign. Through the intercalibration, organised according to internationally accepted methodologies, each WBC centre could check its own calibration procedures. many intermediate data, collected for the methodologies and measurement procedures intercomparison, permitted analyses and comparison of uncertainly causes in a WBC measurement of the internal contamination. A proposal of MDA definition and assessment procedure resulted from the intercomparison campaign. [Italiano] Il Coordinamento dei Centri WBC operanti in Italia ha organizzato la seconda campagna di intercalibrazione ed interconfronto nazionale basata sulle misure di un fantoccio BOMAB riempito con una soluzione radioattiva gelificata contenente 4 radionuclidi con emissioni gamma nell`intervallo energetico compreso fra 100 keV e 2 MeV. Alla campagna, che si e` svolta fra novembre 1994 e maggio 1995, hanno partecipato 17 dei 21 Centri WBC censiti in Italia. L`intercalibrazione e` stata organizzata secondo criteri ormai consolidati in campo internazionale ed ha permesso ad ognuno dei partecipanti di verificare le proprie procedure di calibrazione. Per l`interconfronto delle procedure e dei metodi di misura impiegati e` stata raccolta una serie di dati intermedi che hanno consentito di analizzare e confrontare le fonti di incertezza insite nella misura di contaminazione interna nell`uomo tramite WBC. Cio` ha infine reso possibile una proposta di definizione e di procedura di determinazione del valore della minima attivita` rivelabile (MDA) in accordo con le piu` recenti tendenze in campo internazionale.

  10. Proposte per una revisione del finanziamento e dell’offerta dei servizi odontoiatrici in Italia. L’intervento pubblico e i fondi integrativi.

    OpenAIRE

    Mazzanti, Giovanni Maria; Fiorentini, Gianluca

    2012-01-01

    Le cure odontoiatriche sono una componente di rilievo in un servizio sanitario ispirato al principio della globalità assistenziale. Tuttavia, i volumi di prestazioni odontoiatriche erogate dal servizio sanitario sono relativamente modesti e il 90% della spesa odontoiatrica privata è costituita da pagamenti diretti interamente a carico dei pazienti. Vi sono quindi problemi di disuguaglianza nell’accesso alle cure odontoiatriche. Dal lato dell’offerta le strutture sono parcellizzate con prevale...

  11. Studio dell'espressione dei retrotrasposoni umani Alu e LINE-1 e della sua possibile modulazione in risposta a fattori ambientali

    OpenAIRE

    Conti, Anastasia

    2015-01-01

    Gli elementi trasponibili costituiscono circa il 45% del genoma umano e solo la classe dei retrotrasposoni non-LTR risulta attiva oggigiorno dal punto di vista della retrotrasposizione. Fanno parte di questa classe, gli elementi LINE-1 ed Alu, i quali si inseriscono in un locus genomico diverso da quello di origine, duplicandosi attraverso la generazione di un intermedio ad RNA, aumentando così notevolmente il loro numero di copie genomiche (circa 1 milione per gli elementi Alu e 500 mila per...

  12. A proposito dei matrimoni fra indigeni e coloni ad Aquileia, comunità di frontiera. Le pietre ‘raccontano’…

    OpenAIRE

    Chiabà, Monica

    2014-01-01

    Lo studio sistematico dei nomi delle famiglie aquileiesi di età repubblicana, condotto su base prevalentemente epigrafica, ha consentito di formulare alcune ipotesi sull’origo delle gentes deductae e di precisare alcune modalità di integrazione fra i coloni del 181 e del 169 a.C. e gli autoctoni. In questo contributo si prendono in esame alcune iscrizioni che potrebbero documentare, ancora su base onomastica, eventuali matrimoni misti fra indigeni (ex incolae divenuti prima col...

  13. Caratterizzazione ecologica dei cianobatteri nelle acque interne attraverso lo studio delle loro proprietà ottiche da dati in situ e immagini telerilevate

    OpenAIRE

    Bresciani, Mariano

    2013-01-01

    Obiettivo della tesi è stato quello di comprendere le dinamiche di comparsa, fioritura, persistenza e declino delle comunità di cianobatteri in ambienti acquatici lacustri (Lago Trasimeno, Lago D’Idro, Laghi di Mantova, Lago di Garda e Lago Maggiore) e lagunari (Laguna dei Curi), molto differenti a livello di caratteristiche morfologiche e trofiche, attraverso tecniche di telerilevamento con vantaggi legati all’osservazione sinottica ad alte frequenze temporali. Lo...

  14. Studio dei semiochimici coinvolti nelle interazioni intra- e inter-specifiche in Gonocerus acuteangulatus (Goeze) (Heteroptera: Coreidae) in vista di un loro impiego nella difesa del nocciolo.

    OpenAIRE

    Moraglio, Silvia Teresa

    2013-01-01

    Gonocerus acuteangulatus (Hemiptera: Coreidae) è considerato uno dei principali fitofagi del nocciolo, in grado di causare con l’attività trofica pesanti perdite quali-quantitative di produzione. Nel triennio sono state quindi condotte indagini sulla bioetologia di G. acuteangulatus volte a: I) studiare comportamento alimentare ed effetti sulla produzione corilicola, II) identificare i feromoni e valutarne l’attività mediante biosaggi fisiologici e comportamentali in laboratorio, semi-campo e...

  15. Studio della superficie degli impianti dentali in titanio: La nanotecnologia nella valutazione delle nuove superfici implantari in rapporto all'osteointegrazione dei mascellari

    OpenAIRE

    Ricci, Emanuele

    2015-01-01

    Il presente lavoro parte dalla descrizione dei processi di rimodellamento osseo mascellare a seguito della perdita di elementi dentari e la successiva riabilitazione mediante impianto dentale osteointegrato. Approfondiremo proprio i complessi aspetti dell’osteointegrazione su superfici implantari in titanio sia a livello micro che macroscopico. Nel campo dell’implantologia, infatti, il titanio risulta essere il materiale maggiormente impiegato in virtù della sua eccellente biocompatibilità...

  16. La parola a mamme e papà: cosa pensano i genitori della propria efficacia educativa e dei bisogni delle famiglie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Gigli

    2010-02-01

    Full Text Available Famiglie in crisi, genitori assenti, distratti, tendenti alla delega che non fanno fronte alle proprie responsabilità, incapaci di porre limiti e regole ai propri figli: lo stereotipo negativo di “famiglia incapace di educare” sembra ormai consolidato e socialmente condiviso anche da parte di molti operatori dei servizi per la prima infanzia. Per evitare atteggiamenti giudicanti che possono ulteriormente indebolire il ruolo educativo delle famiglie ed ostacolare lo sviluppo di un rapporto di cooperazione, per evitare che si sviluppi sfiducia reciproca tra educatori/insegnanti e genitori, la presente ricerca è stata finalizzata a comprendere il punto di vista dei genitori su una serie di elementi caratterizzanti il “quotidiano dell’educazione” in famiglia. Con la rilevazione effettuata, tramite focus group e questionari, si è cercato di mettere a fuoco il punto di vista dei genitori, di bambini in età 0-6, su alcuni temi tra cui: cosa si inceppa e cosa ostacola l’esercizio delle funzioni normative da parte di padri e madri; il modo in cui vengono condivise le funzioni di cura nella coppia; le coordinate della rete sociale che può sostenere le famiglie nel loro compito; lo stato di salute della relazione educativa e le idee di “buona educazione” più diffuse.

  17. Mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems; Mappa dei carichi critici di acidita' totale riferita al territorio italiano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bonanni, P.; Brini, S.; Delmonaco, G.; Liburdi, C.; Trocciola, A.; Vetrella, G. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    In this report the mapping of critical loads of acidity for the Italian terrestrial ecosystems is presented. The level 0 method (Stockholm Environment Institute) has been used to determine sensitivity to acid deposition; this semi-quantitative method has been modified to address some Italian characteristics. The sensitivity of the Italian soils to acidification is not particularly elevated: there are really only few small areas with poor tolerance to acid depositions in the north-east Italy, Alpine and Prealpine region. [Italian] Nel presente relazione vengono riportati i risultati della mappatura riferita ad ecosistemi terrestri del territorio italiano, dei carichi critici per l'acidita' totale. Il calcolo dei carichi e' stato eseguito sulla base della metodologia messa a punto dallo Stockholm Environment Institute con alcune modifiche per adattarlo meglio alle caratteristiche del territorio italiano. Si dimostra che la sensibilita' dei suoli italiani all'acidificazione non sia particolarmente elevata: sono state riscontrate infatti solo alcune aree, peraltro con superficie limitata, con una scarsa tolleranza alle deposizioni acide nelle zone del Nord Est, in zona alpina e prealpina.

  18. La città come luogo dei flussi: un approccio di metodo City as space of fluxes: a methodological approach

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Gargiulo

    2007-12-01

    Full Text Available  

  19. L’integrazione linguistica dei migranti adulti. Guida per l’elaborazione di strategie e la loro attuazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jean-Claude Beacco

    2014-07-01

    Full Text Available Questa Guida, destinata ai responsabili della politica migratoria degli Stati membri, interroga la nozione d’integrazione linguistica, registra i mezzi e descrive i passi indispensabili per affrontare questa problematica, in modo che i piani e i progetti elaborati dalle autorità pubbliche rispondano alle necessità ed alle attese sia della società d’accoglienza che dei migranti stessi. Questo può realizzarsi solo se vengono rispettati i valori condivisi del Consiglio d’Europa. Il documento descrive le risorse già messe a punto dal Consiglio d’Europa e propone, a partire da esempi concreti, delle linee guida per la progettazione di programmi di formazione. Si insiste sul fatto che il termine “migrante” non definisce un unico gruppo di individui a cui offrire un tipo di apprendimento uguale per tutti. Si sottolinea come i programmi di formazione debbano essere adattati alle necessità ed alle aspettative specifiche dei loro utenti. Scopo di questi programmi è anche quello di fare comprendere ai migranti che l’acquisizione di una nuova lingua non implica in nessun modo disconoscere le lingue da loro già acquisite. Infine la Guida si interroga sugli standard di qualità richiesti perché i test risultino affidabili e sull’eccessivo ruolo che è spesso loro attribuito.  Linguistic integration of adult migrantsGuide to policy development and implementation Jean-Claude Beacco David Little Chris Hedges Council of Europe This Guide, designed for migration policy decision makers in the member states, addresses the notion of linguistic integration, surveys the means and describes the steps that are essential in addressing the issue in a way that enables the schemes set up by public authorities to meet the needs and expectations of both the host society and the migrants themselves. This can only be truly achieved if the common values of the Council of Europe are respected. The Guide outlines the resources already developed by the

  20. Falquet de Romans, “Ma bella dompna, per vos dei esser gais” (BdT 156.8

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Di Luca

    2010-08-01

    Full Text Available “Ma bella dompna per vos dei esser gais” by Falquet de Romans has been taken for a courtly song for a long time. However, the poem’s metrical form is derived directly from that of the epic, as illustrated by the use of monorhymed ‘décasyllabes’ with non-systematic epic caesura and the presence of a ‘petit vers’ at the end of each stanza. The poem may thus be defined as stanzaic but not lyric because its versification is that of the chanson de geste and its music must be that of an epic chant. Moreover, its content reflects the rhetorical structure of the ‘salut d’amor’, an epistolary genre in which the lover sends a letter to his lady asking her to respond to his love. Thus, “Ma bella dompna” should be considered a formal hybrid between ‘salut d’amor’ and ‘chanson de geste’; in this sense it is to be compared to those few compositions of an epistolary nature that employ epic form, such as Raimbaut de Vaqueiras’ famous letter to the Marquis Boniface of Monferrato, which is probably the prototype of this poetic experiment, along with two pairs of ‘laisses’ exchanged between Gui de Cavaillon and Bertran Folco d’Avignon.

  1. GIANFRANCO BETTETINI, Il timpano dell’occhio. Gli intrecci e i giochi dei suoni e delle immagini, Milano, Bompiani, 2009

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Bratus

    2013-12-01

    Full Text Available Il timpano dell’occhio di Gianfranco Bettetini è uno studio dedicato all’analisi semiotica dei testi audiovisivi. Nel volume l’autore si propone di indagare gli effetti che l’azione «strutturalmente sinergica e compatta» (p. 9 di suono e immagine produce sullo spettatore. Lungo tale percorso, Bettetini affronta un nodo cruciale degli studi attuali sulla comunicazione audiovisiva, offrendo allo stesso tempo un prezioso compendio della letteratura semiotica sull’argomento. Nella prima parte del volume lo studioso definisce le linee essenziali di un nuovo approccio metodologico che integra, con la sociologia e la psicologia, il quadro delle discipline che si sono occupate sistematicamente di analisi del testo filmico dal secondo dopoguerra in avanti. Nella seconda parte l’autore prende in esame quattro lungometraggi: Caterina va in città (2003 di Paolo Virzì, Notturno Bus (2007 di Davide Marengo, Il flauto magico (2007 di Kenneth Branagh e La fine del mondo – Ministoria della musica in un tempo (1969 dello stesso Bettetini.

  2. From Point Cloud to Digital Fabrication: a Tangible Reconstruction of Ca' Venier Dei Leoni, the Guggenheim Museum in Venice

    Science.gov (United States)

    Balletti, C.; D'Agnano, F.; Guerra, F.; Vernier, P.

    2016-06-01

    The paper describes how new digital methodologies can be used within the field of Cultural Heritage, not only with the aim of documenting the actual state of an architecture but to review the past transformations it has undergone, conserving and representing these histories as well. The premise to conservation and enhancement of our Heritage is a deep study in terms of position, shape, colour, and also of the historical and artistic features. Survey methods have acquired data acquisition techniques in line with technological progress: today's electronic and IT technologies, that are the tools of modern Geomatics, allow the effective survey and representation of 3D objects, from architectural structures to sculptures or archaeological finds. Over the last few years, the methodologies of acquisition and integrated representation for 3D patrimony documentation have developed and consolidated considerably: the possibilities of the digital realm can augment the understanding and the valorisation of a monument. The specific case offered in the present paper, Ca' Venier dei Leoni, the palace where is the Guggenheim Museum in Venice, is a significant example. It suggests not only the theme of the "no longer existing", or better never built, but also the opportunity to formulate hypotheses regarding its implementation and the impact that the palace would have had in the Venetian contest.

  3. 2D and 3D optical diagnostic techniques applied to Madonna dei Fusi by Leonardo da Vinci

    Science.gov (United States)

    Fontana, R.; Gambino, M. C.; Greco, M.; Marras, L.; Materazzi, M.; Pampaloni, E.; Pelagotti, A.; Pezzati, L.; Poggi, P.; Sanapo, C.

    2005-06-01

    3D measurement and modelling have been traditionally applied to statues, buildings, archeological sites or similar large structures, but rarely to paintings. Recently, however, 3D measurements have been performed successfully also on easel paintings, allowing to detect and document the painting's surface. We used 3D models to integrate the results of various 2D imaging techniques on a common reference frame. These applications show how the 3D shape information, complemented with 2D colour maps as well as with other types of sensory data, provide the most interesting information. The 3D data acquisition was carried out by means of two devices: a high-resolution laser micro-profilometer, composed of a commercial distance meter mounted on a scanning device, and a laser-line scanner. The 2D data acquisitions were carried out using a scanning device for simultaneous RGB colour imaging and IR reflectography, and a UV fluorescence multispectral image acquisition system. We present here the results of the techniques described, applied to the analysis of an important painting of the Italian Reinassance: `Madonna dei Fusi', attributed to Leonardo da Vinci.

  4. I sistemi biometrici lo sviluppo dei mercati negli Usa, UE e nel mondo. La normativa frena quello italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Zucchetti

    2007-04-01

    Full Text Available Negli ultimi anni il settore biometrico sta compiendo, a livello mondiale, importanti passi in avanti soprattutto in termini di sviluppo e di diffusione. Questo trend positivo riguarda il mondo anglosassone e, in particolare, la realtà statunitense dove i sistemi biometrici vengono utilizzati, nelle più svariate situazioni, sia come controllo della sicurezza fisica delle persone, sia come terminali per l’autorizzazione all’accesso. La stessa diffusione non è riscontrabile nella maggior parte dei Paesi europei e in Italia dove raffrontiamo una realtà assai atipica nella quale la biometria fa un gran parlare di sé ma, in concreto, viene utilizzata con molta difficoltà. Tuttavia, un punto di contatto tra tutti gli attori europei ed extraeuropei può essere individuato nello sviluppo del settore relativo al riconoscimento biometrico applicato ai passaporti ed alle carte di identità. Il processo di globalizzazione ha generato, infatti, grandi masse di individui in continuo e costante movimento da un Paese all’altro e, contestualmente, ha prodotto una crescente domanda di sicurezza soprattutto nei confronti della minaccia terroristica. Appare chiaro, quindi, come l’identificazione certa delle persone diventi una necessità e debba presentare tecnologie simili per essere utilizzate ovunque.

  5. I Prodotti agroalimentari e floricoli tipici tra conservazione e innovazione

    OpenAIRE

    Chessa, Innocenza; Sambo, Paolo; Romano, Daniela

    2009-01-01

    Recent EU and National policies for agriculture and rural development are mainly focused to foster the production of high quality products as a result of the increasing demand of food safety, typical foods and traditional processing methods. Another word very often used to describe foods in these days is “typicality” which pools together the concepts of “food connected with a specific place”, “historical memory and tradition” and “culture”. The importance for the EU and the Nation...

  6. Sicurezza alimentare di prodotti ortofrutticoli di IV gamma

    OpenAIRE

    Sanna, Clara

    2015-01-01

    Introduction Vegetables are major components of healthy and balanced diet. However, 25% of foodborne diseases are linked to the consumption of vegetables, especially the minimally processed ready to eat (RTE) vegetables. The main foodborne pathogens associated at RTE vegetables are Enterobacteriaceae (E. coli, Salmonella spp. and Yersinia spp.) and psychrophilic microorganisms like Listeria monocytogenes. Aim of study The aim of this work was to assess the microbiological...

  7. L’integrazione linguistica dei migranti adulti. Guida per l’elaborazione di strategie e la loro attuazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jean-Claude Beacco

    2015-02-01

    Full Text Available Questa Guida, destinata ai responsabili della politica migratoria degli Stati membri, interroga la nozione d’integrazione linguistica, registra i mezzi e descrive i passi indispensabili per affrontare questa problematica, in modo che i piani e i progetti elaborati dalle autorità pubbliche rispondano alle necessità ed alle attese sia della società d’accoglienza che dei migranti stessi. Questo può realizzarsi solo se vengono rispettati i valori condivisi del Consiglio d’Europa. Il documento descrive le risorse già messe a punto dal Consiglio d’Europa e propone, a partire da esempi concreti, delle linee guida per la progettazione di programmi di formazione. Si insiste sul fatto che il termine “migrante” non definisce un unico gruppo di individui a cui offrire un tipo di apprendimento uguale per tutti. Si sottolinea come i programmi di formazione debbano essere adattati alle necessità ed alle aspettative specifiche dei loro utenti. Scopo di questi programmi è anche quello di fare comprendere ai migranti che l’acquisizione di una nuova lingua non implica in nessun modo disconoscere le lingue da loro già acquisite. Infine la Guida si interroga sugli standard di qualità richiesti perché i test risultino affidabili e sull’eccessivo ruolo che è spesso loro attribuito.Linguistic integration of adult migrantsGuide to policy development and implementation Jean-Claude Beacco David Little Chris Hedges Council of Europe This Guide, designed for migration policy decision makers in the member states, addresses the notion of linguistic integration, surveys the means and describes the steps that are essential in addressing the issue in a way that enables the schemes set up by public authorities to meet the needs and expectations of both the host society and the migrants themselves. This can only be truly achieved if the common values of the Council of Europe are respected. The Guide outlines the resources already developed by

  8. Surface and groundwater Nitrate distribution in the area of Vicenza; La distribuzione dei nitrati nelle acque superficiali e sotterranee del vicentino

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Altissimo, L. [Centro Idrico Novoledo Srl di Villaverla, Villaverla, VI (Italy); Dal Pra, A. [Padua Univ., Padua (Italy). Dipt. di Geologia

    1999-12-01

    Public aqueducts in the Province of Vicenza (Italy) are supplied entirely by various kinds of water sources: the sub river bed strata of the mountain valleys, water-bearing aquifers of the high plan, pressurized water-bearing aquifers of the middle plain, karstic reservoirs of the mountain massifs and local springs. Progressive increase in nitrate concentration has long been detected in the underground water of many parts of the Vicenza region. The nitrates originate from various sources: human waste, industrial dumping (e.g. the tanning industry) and the use of animal and chemical fertilizers. Nitrate distribution was studied in all wells used for extracting underground water including source waters which replenishing underground aquifers. During the study period ('91-'95), water courses in the recharge areas were found to have nitrate concentrations ranging between 2.0 and 42.0 mg/l. These values remained substantially stable in time. Underground aquifers showed stable nitrate concentration between 5.0 mg/l (mountain karstic aquifers; sub-river bed strata of valley bottom) and 44.0 mg/l (water bearing strata of the high plain of Astico and Brenta rivers). The pressurized flooding aquifers of the middle plain have lower concentrations (6.0-21.0 mg/l) but tend to increase by about 0.5 mg/l per year. [Italian] Nella provincia di Vicenza l'alimentazione degli acquedotti pubblici avviene interamente con acque sotterranee provenienti da strutture differenti: falde di subalveo delle valli montane, falda freatica dell'alta pianura, falde in pressione della media pianura, serbatoi carsici dei massicci montuosi, sorgenti locali. Da tempo e' stato notato nelle acque sotterranee di molte zone un progressivo aumento della concentrazione dei nitrati che, nel territorio vicentino, hanno differenti provenienze: scarichi dei liquami civili, scarichi industriali (ad es. attivita' conciaria), spargimento dei liquami zootecnici, concimazione con

  9. A waste to energy plant for an industrial districts; La termovalorizzazione dei rifiuti in un distretto industriale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Floreani, M.; Meneghetti, A.; Nardin, G.; Rocco, A. [Udine Univ., Udine (Italy). Dipt. di Energetica e Macchine

    2001-02-01

    Industrial districts show characteristics that can be exploited by developing plant solutions studied for their special configuration and not simply extended from single unit models. In the paper a waste-to-energy plant for the chair industrial district in Friuli Venezia Giulia (North Eastern Italy) is described. It has been designed directly involving the University of Udine and can be considered an example of how technology innovation can be promoted by universities, especially in the case of small firms which have limited R and D resources. It is shown how industrial refuse becomes a chance of competitive advantage for the whole district due to its energy recovery in a plant unique for the type of waste processed. Input, combustion, energy recovery and cleaning sections are described in details, underlining innovative approaches and solutions. [Italian] I distretti industriali mostrano delle peculiarita' che possono essere recepite e sfruttate in campo impiantistico, offrendo a tali realta' soluzioni che non siano delle semplici applicazioni di modelli ideati per singole aziende. Nel lavoro si illustra un impianto di termovalorizzazione dei rifiuti industriali per il distretto della sedia in Friuli Venezia Giulia, nato dal connubio tra universita' e imprenditoria locale. Si descrive come gli oneri di smaltimento degli scarti della lavorazione del legno da onere possano trasformarsi in opportunita' per le aziende del distretto grazie al loro termoutilizzo in un impianto unico nel suo genere per tipologia di rifiuti trattati. Si descrivono gli aspetti originali di ciascuna sezione impiantistica, sottolineando il contributo di approcci e metodologie di analisi proprie del mondo accademico, i quali possono essere utilmente messi al servizio delle realta' locali per promuovere il trasferimento dell'innovazione tecnologica.

  10. Indagine sulle opinioni, conoscenze ed attitudini dei docenti scolastici della provincia di Frosinone in tema di tossicodipendenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Ferrara

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: lo studio in questione mirava a valutare le conoscenze circa gli effetti e l’uso personale del fumo di tabacco e delle droghe in generale in un campione di insegnanti delle Scuole Medie Superiori della provincia di Frosinone.

    Metodi: sono stati somministrati questionari anonimi a 350 docenti frequentanti un Corso di Aggiornamento sulle tossicodipendenze.

    Risultati: il 23.4% ha dichiarato di essere fumatore, con un consumo medio pro die di 10 sigarette: di questi la maggior parte era di sesso femminile. Sul fastidio che si prova in presenza di un fumatore il 54.6% ha risposto positivamente, tra cui il 14.6% sono fumatori. Il 94% dichiara di non aver utilizzato alcun tipo di sostanza mentre il 5.5%, tra cui in prevalenza femmine, dichiara di utilizzare psicofarmaci. Le sostanze stupefacenti ritenute più pericolose sono eroina 82.9%, cocaina 81.1%, allucinogeni 70%, canapa indiana 54.9%; alcol 58% e tabacco 18% sono meno pericolose. Il 15.7% ritiene che l’abitudine al fumo sia scatenata dalla socializzazione, il 15.1% dall’imitazione, il 15.4% dal piacere e dalla curiosità, l’11.1% dal sentirsi grandi, l’8% dal gusto del proibito. Il 97.1% mostra un adeguato livello di conoscenza sulle droghe e il cervello è il principale organo danneggiato (96.3%.

    Conclusioni: la conoscenza dei docenti in materia di tossicodipendenze sembra concentrata sulle droghe illegali: infatti, i rischi legati al consumo di alcol e tabacco sono sottovalutati e non sono chiari i fattori determinanti la dipendenza. Infine i docenti hanno espresso l’esigenza di aggiornamento per l’insufficiente opera di informazione e prevenzione svolta da parte delle istituzioni competenti.

  11. Mapping transitions between healthy and pathological lesions in human breast tissues by diffraction enhanced imaging computed tomography (DEI-CT) and small angle x-ray scattering (SAXS)

    International Nuclear Information System (INIS)

    In this work we have combined the DEI-CT and SAXS technique to study the transition between healthy and pathological breast tissues, which include benign and malignant lesions. The ability of DEI-CT to enhance the contrast between soft tissues was used to localize the tumor region in the sample. Then, the tumor region and its surroundings were scanned by SAXS in order to map the changes promoted by the neoplasias at nano-level. It was clearly observed that pathological tissues present distinguishable SAXS scattering profiles from those of normal tissue. These differences are mainly related to changes in arrangement and diameter of collagen fibrils, evaluated by the higher order of reflection peaks of these fibrils. Differences related to the peak intensities and the total scattered intensity were found by comparing the healthy and pathological regions. The 2nd order of collagen reflection arises only in the healthy region neighboring the benign lesion. A broader peak at q=0.16 nm−1 seems to characterize the malignant lesions. Finally, based on this information, the transition between healthy and pathological human breast tissues was mapped which allowed to get insights into the changes promoted by tumors during growth and progression. - Highlights: ► We map the transition from healthy to pathological breast tissues. ► The ability of DEI-CT in enhancing the contrast was used to localize the tumor region. ► SAXS technique was applied to observe the changes at nano-level due to tumor growth. ► Collagen reflections and total scattering intensity allow to distinguishing the tissues

  12. Italy reactor decommissioning and safety of radioactive wastes; Proposta di piano per la disattivazione degli impianti nucleari in Italia e la messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Grossi, G.; Noviello, L.; Rolandi, G. [ENEA, Rome (Italy)

    1998-07-01

    The radioactive waste disposal, fuel elements and nuclear materials is the priority country-problem in Italy. The solution at this problem is an essential condition for reactor dismantling and release of nuclear power plants place. [Italian] La sistemazione di un insieme complesso di rifiuti, elementi di combustibile e materiali nucleari costituisce oggi un problema-paese prioritario. La risoluzione di tale problema e' la condizione preliminare indispensabile per poter procedere alla disattivazione vera e propria delle centrali e degli impianti, che consenta il rilascio incondizionato dei relativi siti.

  13. La más alta preocupación del príncipe. Una introducción a Dei delitti e delle pene

    OpenAIRE

    González Guitián, Luis

    2011-01-01

    Dei delitti e delle pene fue el fruto del debate en el seno de un grupo de jóvenes ilustrados milaneses, que proponían un proyecto político de reforma legal y social que debía ser dirigido por el despotismo ilustrado. Dentro de ese proyecto, este libro ofrece al príncipe un sistema penal nuevo y más racional sobre la base de la igualdad de todos ante la ley y contra los privilegios legales de la nobleza y de la Iglesia. Pero los monarcas europeos no pudieron lograr la urgent...

  14. An assessment of econometric models applied to fossil fuel power generation; Un'analisi critica dell'applicazione dei modelli econometrici alla generazione termoelettrica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gracceva, F.; Quercioli, R. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The main purpose of this report is to provide a general view of those studies, in which the econometric approach is applied to the selection of fuel in fossil fired power generation, focusing the attention to the key role played by the fuel prices. The report consists of a methodological analysis and a survey of the studies available in literature. The methodological analysis allows to assess the adequateness of the econometric approach, in the electrical power utilities policy. With this purpose, the fundamentals of microeconomics, which are the basis of the econometric models, are pointed out and discussed, and then the hypotheses, which are needed to be assumed for complying the economic theory, are verified in their actual implementation in the power generation sector. The survey of the available studies provides a detailed description of the Translog and Logit models, and the results achieved with their application. From these results, the estimated models show to fit the data with good approximation, a certain degree of interfuel substitution and a meaningful reaction to prices on demand side. [Italian] In questo rapporto viene tracciato un quadro generale degli studi che utilizzano modelli econometrici per analizzare la scelta dei combustibili nella termogenerazione, con particoalre attenzione al ruolo svolto dal prezzo dei combustibili. La trattazione si compone di un'analisi di tipo metodologico e di una rassegna della letteratura. L'analisi metodologica consente di valutare l'adeguatezza dell'approccio econometrico nell'analisi del comportamento delle imprese di generazione elettrica. A tal fine vengono esplicitati e discussi i fondamenti microeconomici su cui poggiano i modelli econometrici, e viene verificata la sussistenza, nel settore termoelettrico, delle ipotesi che e' necessario assumere per soddisfare la teoria economica. La rassegna fornisce invece una descrizione dei modelli translog e logit lineare, ed un

  15. Maestro di Pico i iluminacije u inkunabuli De Civitate Dei (Nicolas Jenson, Venecija, 1475.) u samostanu Sv. Duje u Kraju na Pašmanu

    OpenAIRE

    Goja, Bojan

    2014-01-01

    U franjevačkom samostanu Sv. Duje u Kraju na otoku Pašmanu čuva se inkunabula „O državi Božjoj“ (De Civitate Dei) Sv. Aurelija Augustina koju je 1475. godine u Veneciji tiskao Nicolas Jenson. Inkunabula je na f. 17 (kako je naknadno označena paginacija grafitnom olovkom, tj. stranici incipita – liber primus) kao i na više drugih stranica ukrašena lijepim višebojnim iluminacijama renesansnih stilskih karakteristika izrađenih temperom, zlatnim listićima, zlatnim prahom, sepijom, tintom i akva...

  16. Studio dei polimorfismi genici degli antigeni minori di istocompatibilità e GvHD/GvL nel trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche

    OpenAIRE

    Cattina, Federica

    2013-01-01

    L'outcome dei pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche è fortemente influenzato da graft versus leukemia (GvL) e graft versus host disease (GvHD) che sono mediate, almeno in parte, dagli antigeni minori di istocompatibilità (mHAgs). In letteratura sono stati identificati 26 mHAgs che sono stati correlati a GvHD/GvL con risultati incompleti e in alcuni casi contrastanti; inoltre manca una metodica che sia in grado di genotipizzare contemporaneamente un p...

  17. Intergraph Users Group Italiano 2006

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvio Bernardini

    2006-10-01

    Full Text Available Anche nel 2006 si è rinnovato l’impegno degli utenti Intergraph per organizzare questo momento di incontro e di discussione sui temi cari agli appartenenti ai settori gestiti dalle due Divisioni Security, Government & Infrastructure e Process, Power & Marine, da sempre territori fertili per le soluzioni dell’azienda americana. Il tema dell’incontro di quest’anno è stato “Sinergie nell’uso dei prodotti, delle applicazioni e dei sistemi Intergraph” e si è discusso principalmente dei metodi di attuazione di queste sinergie e degli effettivi benefici economici che esse hanno apportato ad Intergraph e soprattutto ai propri utenti.

  18. Comunicación ambiental de producto en el ámbito de la Directiva de Emisiones Industriales (DEI). Aplicación al sector cerámico.

    OpenAIRE

    Ibáñez Forés, Valeria

    2013-01-01

    La entrada en vigor de la Directiva de Emisiones Industriales (DEI) ha impulsado el control y la mejora del comportamiento ambiental de los sectores industriales europeos más contaminantes. Las industrias involucradas en el ciclo de vida de la baldosa cerámica, muchas de ellas incluidas en el ámbito de aplicación de la Directiva DEI, conforman uno de los sectores de fabricación de materiales de construcción más importantes a nivel nacional.El objetivo fundamental de esta tesis es crear las ba...

  19. Effetti della Salinizzazione sugli Invertebrati del suolo

    OpenAIRE

    Bacchi, Silvia

    2012-01-01

    Lo scopo di questa tesi è quello di valutare l'effetto della salinizzazione dei suoli sugli invertebrati edafici. Nell'ambito di questo obiettivo generale sono state effettuate due distinte attività di ricerca: una indagine sul campo e una serie di esperimenti di laboratorio. Lo studio sul campo è stato condotto nella Pineta di San Vitale (Ravenna, Italia). L'obiettivo specifico è stato quello di valutare la qualità biologica dei suoli attraverso l'analisi del popolamento dei microartropod...

  20. Datu subjekta piekrišana personas datu apstrādei tiešsaistes sociālajos tīklos

    OpenAIRE

    Baumane, Sabīna

    2016-01-01

    Bakalaura darba tēma ir „Datu subjekta piekrišana personas datu apstrādei tiešsaistes sociālajos tīklos”, kurā autore analizē mūsdienu datu aizsardzības jautājumus, kas skar tiešsaistes sociālos tīklus un personas piekrišanu datu apstrādei. Darbā autore analizēt starptautiskā regulējuma aspektus, kā arī regulējumu Latvijā, veicot normu satura izvērtējumu, kā arī tiesību zinātnieku viedokļu un prakses materiālu izvērtēšana, tā vērtējot problēmjautājumus, kas skar datu aizsardzību tiešsaistes s...

  1. Positive predictive value of abnormal mammographic findings and role of assessment procedures; Valore predittivo positivo dei segni radiologici in mammografia e apporto degli esami di approfondimento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Menna, S.; Marra, V.; Di Virgilio, M.R.; Macchia, G.; Frigerio, A. [Turin Ospedale San Giovanni Antica Sede, Turin (Italy). Dipt. oncologico

    1999-05-01

    To investigate the positive predictive value for cancer of abnormal mammographic findings and the role of assessment, the authors reviewed a series of 962 patients recalled and examined in the first breast screening center of Turin (Italy), out of 18996 women aged 50-59 from 1991 to 1995, within a population-based mammography program. The results of this study confirm the accuracy of mammography in the early detection of breast cancer and the different role of assessment procedures in the various abnormal mammographic findings. The improvement in positive predictive value for screening demonstrates the importance of the learning curve within the screening team. Most of this improvement could be referred to refined diagnostic criteria for calcifications. [Italian] Per determinare il valore predittivo positivo per carcinoma dei singoli segni mammografici e valutare il ruolo degli esami di approfondimento, sono stati revisionati 962 casi richiamati per approfondimento nel Centro di screening mammografico di Torino, su 18996 donne 50-59enni negli anni 1991-1995. I risultati confermano l'accuratezza della mammografia nella diagnosi precoce del carcinoma mammario e mostrano come, nel caso di richiamo per controllo, l'affidabilita' degli esami di approfondimento sia variabile per i diversi segni radiologici responsabili del richiamo. Il miglioramento del valore predittivo positivo del richiamo dimostra l'importanza della curva di apprendimento tra i radiologici del Centro di screening. Esso puo' essere attribuito all'affinamento dei criteri di valutazione delle microcalcificazioni.

  2. Mapping transitions between healthy and pathological lesions in human breast tissues by diffraction enhanced imaging computed tomography (DEI-CT) and small angle x-ray scattering (SAXS)

    Science.gov (United States)

    Conceição, A. L. C.; Antoniassi, M.; Geraldelli, W.; Poletti, M. E.

    2014-02-01

    In this work we have combined the DEI-CT and SAXS technique to study the transition between healthy and pathological breast tissues, which include benign and malignant lesions. The ability of DEI-CT to enhance the contrast between soft tissues was used to localize the tumor region in the sample. Then, the tumor region and its surroundings were scanned by SAXS in order to map the changes promoted by the neoplasias at nano-level.It was clearly observed that pathological tissues present distinguishable SAXS scattering profiles from those of normal tissue. These differences are mainly related to changes in arrangement and diameter of collagen fibrils, evaluated by the higher order of reflection peaks of these fibrils. Differences related to the peak intensities and the total scattered intensity were found by comparing the healthy and pathological regions. The 2nd order of collagen reflection arises only in the healthy region neighboring the benign lesion. A broader peak at q=0.16 nm-1 seems to characterize the malignant lesions. Finally, based on this information, the transition between healthy and pathological human breast tissues was mapped which allowed to get insights into the changes promoted by tumors during growth and progression.

  3. La restituzione virtuale dell’architettura antica come strumento di ricerca e comunicazione dei beni culturali: ricerca estetica e gestione delle fonti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Borghini

    2011-12-01

    Full Text Available Raffaello Sanzio intuì per primo che il mondo antico, come lo vedevano i suoi occhi, non era che l’eco sbiadita di quella ricchezza che pur doveva caratterizzarne l’esperienza artistica. Oggi la tecnologia permette di realizzare il sogno di Raffaello e di restituire le immagini delle antiche architetture, rivoluzionando la percezione del patrimonio culturale da parte del pubblico moderno. La nostra esperienza decennale nel settore della comunicazione del bene culturale ha consentito di confrontarci con diversi casi: dalla Domus Aurea, all'Ara Pacis; dai filmati divulgativi agli applicativi pensati per le postazioni fisse dei musei, fino alla creazione di software per la gestione dei dati degli scavi archeologici. Sempre ponendo al centro di ogni lavoro i cardini del nostro modo di fare ricerca: l'attenzione al linguaggio, quale strumento di comprensione estetica, e la gestione informatizzata delle fonti, come apparato di studio e metodo di validazione scientifica delle ricostruzioni.[L’impostazione del saggio è comune ai due autori. In particolare, però, Stefano Borghini ha curato il paragrafo “Considerazioni generali”, mentre Raffaele Carlani “Alcune esperienze”].

  4. Energy model in regional energy system; Modello computazionale dei flussi di enegia, massa e materia in un sistema energetico regionale per la valutazione delle emissioni

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Mura, P.G.; Baccoli, R.; Carlini, U.; Innamorati, R.; Mariotti, S. [Cagliari Univ., Cagliari (Italy). Sezione Fisica Tecnica ed Energetica Facolta' d' Ingegneria

    2005-09-01

    In this report is presented a computational model for analysis of energy, materials and mass flux in a complex energy system, at regional scale level. Specifically is described a calculation model of electric power generation for emission forecasting of CO{sub 2}, SO{sub x}, NO{sub x}, particulate matter, ashes, limestone, chalks. [Italian] Dopo aver ricordato che nel campo della Fisica Tecnica ambientale acquista sempre piu' importanza l'analisi dei processi che interessano l'ambiente esterno in stretto rapporto con i processi di conversione ed uso dell'energia e con le condizioni di benessere nell'ambiente interno, in questa memoria viene presentato un modello computazionale per l'analisi dei flussi di energia, massa e materia che hanno luogo in un sistema energetico complesso esteso al territorio di una regione. In particolare viene descritto il modello di calcolo del sottosistema di generazione elettrica finalizzato alla previsione delle emissioni nocive riversate nell'ambiente naturale quali CO{sub 2}, SO{sub x}, NO{sub x}, polveri, ceneri, calcare, gessi.

  5. The mammals in the zoological culture of the Mbuti Pygmies in north-eastern Zaire / I mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti nello Zaire nord-orientale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Carpaneto

    1989-07-01

    Full Text Available Abstract This work deals with the mammals and their role in the zoological culture of the Mbuti Pygmies, hunter-gatherers of the Ituri Forest of Zaire. The ethnozoological information was gathered in parallel to faunistic investigation. A checklist of the mammals inhabiting the Ituri Forest was compiled on the basis of both carefully selected literature and direct field research. Field work was conducted in many study sites (pygmy camps and agriculturalists' settlements throughout the region. Several Mbuti hunters of each band were interviewed in order to ensure reliability to the information they were giving. Direct observation of their hunting activities, feeding habits and relations with animals were also carried out. For each mammalian species the exact words of the Pygmies were translated into English. From their own culture, the Pygmies gave a great deal of information about habits, food, interspecific relations, reproduction and behaviour of 59 species of mammals. Details were also given by the Mbuti hunters on their own taboos, food restrictions, medicine and villagers' witchcraft, concerning mammals, as well as the utilization of animal parts for making objects and tools. Vernacular names of the mammals are reported in six local languages, as well as the names of plants which, according to the Mbuti, are used by the animals as food. The hunting techniques of the Ituri Pygmies are summarized together with quantitative data from 60 net casts and 4 bow-hunting days. Riassunto Nel presente lavoro vengono studiati i mammiferi nella cultura zoologica dei Pigmei Mbuti, cacciatori-raccoglitori della Foresta dell'Ituri in Zaire. Gli autori hanno condotto parallelamente sia l'indagine etnozoologica che ricerche faunistiche di base sui mammiferi. Un elenco sistematico delle specie viventi nella regione studiata è stato compilato sia sulla base di osservazioni dirette che attraverso una revisione critica dei

  6. Strumenti per il raggiungimento delle coperture vaccinali, verifica della qualitá delle prestazioni e valutazone dei programmi vaccinali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. Turello

    2003-05-01

    Full Text Available

    Scopo della presente relazione è quello di portare
    l’esperienza maturata nel campo dell’ attività vaccinale, le difficoltà incontrate e i risultati ottenuti e dai gruppi di lavoro delle Regioni Liguria, Lazio e Puglia pur consapevoli della notevole differenza nelle modalità organizzative in cui si vengono a collocare le attività di vaccinazione nelle ASL e
    nelle Regioni.
    Non basta solo vaccinare, in un’ottica di sanità pubblica bisogna anche misurare, educare e garantire attraverso specifici strumenti gestionali che vanno identificati e condivisi.
    È opinione comune che tali strumenti debbano essere ricercati all’interno delle varie fasi gestionali dell’attività vaccinale, attività configurabile come un sistema integrato di processi.
    In termini pratici, gli strumenti operativi che meglio si adattano a rispondere alle necessità di tale sistema, sono individuabili in:

    1. Il Manuale della Documentazione operativa e organizzativa, necessario per “definire il processo” in maniera condivisa e stabile nel tempo.
    Si è convenuto sulla necessità di “standardizzare il processo”, controllare i fattori critici, e impegnare gli
    operatori rispetto ad una modalità di lavoro, attraverso una definizione dei processi in un documento scritto soggetto a distribuzione controllata. L’elaborazione e la raccolta di tale documentazione permette al gruppo di porre le basi del manuale.


    2. L’Anagrafe vaccinale informatizzata, la cui costruzione riveste ormai un ruolo di assoluta priorità nonostante le difficoltà incontrate, legate in particolare modo alla necessità di adattare la stessa alle realtà anagrafiche locali, e renderla condivisibile da parte degli operatori.

    La flessibilità del programma informatico, in relazione
    alla introduzione di nuovi vaccini e alle continue variazioni del calendario, l’attivazione di una rete informatizzata su tutta la Regione che

  7. Verona/Milano, andata e ritorno. Appunti sulla presenza dei pittori veronesi a Milano nel XIX secolo.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Casotto

    2013-11-01

    Full Text Available Lo studio intende illustrare (quando possibile anche attraverso le testimonianze scritte degli artisti le vicende dei pittori veronesi che, nel secolo XIX, cercano e in molti casi trovano fortuna a Milano, il centro artistico più aggiornato e vivace di tutto il Nord Italia, rinomato soprattutto per la sua Accademia e le frequentatissime esposizioni. Questa “migrazione” si verifica perché Verona, durante il periodo della dominazione asburgica (1815 – 1866, diviene il perno del sistema militare del regno Lombardo-Veneto e, conseguentemente, il suo sviluppo è subordinato alle necessità delle numerose compagnie militari che stazionano o transitano sul suo territorio. Si incrementano quindi l’edilizia militare, i mezzi di comunicazione per collegamenti di lunga distanza, ma non lo sviluppo urbanistico della città e la nascita di piccole industrie e commerci che possano favorire la popolazione civile. In questa situazione anche il mercato dell’arte languisce, sia per la carenza di committenti pubblici e privati, sia per le poche occasioni di promozione che si organizzano in questi difficili anni. A ciò si aggiunga che anche l’Accademia cittadina vive un momento di stagnazione, dovuta in parte agli obsoleti metodi di insegnamento e in parte alla mancanza di fondi, che causano un tale abbassamento di qualità nell’insegnamento per cui gli artisti qui formati si rivelano impreparati a competere con i colleghi provenienti da altre realtà del paese. Dopo L’Unità d’Italia e, soprattutto, dopo la riforma dell’Accademia veronese (1873, i rapporti tra Verona e Milano, invece, si fanno più complessi: non sono più solamente i pittori veronesi a recarsi nel capoluogo lombardo per studiare e per esporre, ma anche gli autori lombardi non disdegnano le manifestazioni della città veneta e addirittura ambiscono a ottenere e di fatto, spesso, ottengono, la direzione dell’Accademia scaligera. Si deve infine notare che il legame tra le

  8. CP Violation and K0 decays revelation: study and simulation of neutral Trigger in NA48 experiment -- Violazione di CP e rivelazione dei decadimenti del K0: studio e simulazione del Trigger neutro nell'esperimento NA48

    CERN Document Server

    Calzolari, F

    2007-01-01

    At the INFN laboratory in Pisa I have prepared my dissertation, which essentially concerned Montecarlo simulation of subnuclear particles decays and investigation of low-noise electronic devices for analyzing high-frequency signals. The team-work was part of NA48/EPSI experiment jointly carried out with European Organization for Nuclear Research CERN, Geneva. ----- Nell'ambito dell'esperimento NA48 in corso al CERN Super Proton Syncrothon (SPS) finalizzato a misurare la violazione diretta di CP in sistemi di particelle K0 attraverso il doppio rapporto R = [N(K_L->Pi0Pi0)]/[N(K_S->Pi0Pi0)] / [N(K_L->Pi+Pi-)]/[N(K_S->Pi+Pi-)] = 1 - 6 Re(e1/e) con una precisione di Re(e1/e) superiore a 2 * 10^-4, il lavoro di tesi si propone di effettuare una simulazione per la rivelazione dei decadimenti neutri dei K0 ed una successiva analisi dei dati raffrontando l'evento fisico generato con metodo Montecarlo e quello ricostruito. Per la misura di e1/e occorre isolare tra i vari modi di decadimento dei K quelli K_S->Pi0Pi0, K...

  9. Applicazione di un sistema di monitoraggio informatico per la valutazione dei percorsi diagnostico-terapeutici: l'esperienza dell'ASO S. Giovanni Battista di Torino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. Lauretta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: da alcuni anni sta emergendo come
    l’organizzazione per processi sia un elemento decisivo
    per il governo e la gestione delle strutture
    aziendali. Tale orientamento sta assumendo sempre
    più credito anche in campo sanitario dove si registrano
    una serie di attività sperimentali tra le quali è
    un esempio il programma di ricerca proposto dal
    Cergas-Bocconi denominato “Il percorso assistenziale
    del paziente in ospedale”, che vede la partecipazione
    dell’ASO S. Giovanni Battista di Torino.

    Obiettivi: governare la complessità gestionale deipercorsi diagnostico-terapeutici e assicurarne la  qualità del dato. Costruire un sistema di indicatori utile a favorire il razionale confronto tra percorso di riferimento e percorso effettivo.

    Metodi: il primo passo è stato quello di elaborare un report informatico, mediante il nostro sistema informativo, che evidenziasse tutte le attività eseguite dal paziente in ospedale attraverso la raccolta “longitudinale” dei dati clinici. Per identificare eventuali scostamenti tra i percorsi di riferimento e i percorsi effettivi, sono stati costruiti degli indicatori di monitoraggio che, messi in rete, hanno permesso un’agevole valutazione degli iter diagnostico-
    terapeutici rispetto alla “tradizionale” consultazione delle cartelle cliniche.

    Risultati: é stato attivato un apposito modulo informatico
    che consente il controllo automatico dei percorsi di cura. Il medico viene facilitato nell’inserimento delle prestazioni erogabili e dei farmaci da somministrare utilizzando quanto definito nel percorso di riferimento. Viene lasciata la discrezionalità di potersi scostare dal protocollo, inserendo e/o eliminando specifiche prestazioni. L’output finale è
    costituito dalla possibilità di analizzare gli scostamenti
    tra

  10. Rilevazione della percezione corporea, dell' autostima corporea e dei disturbi del comportamento alimentare in adolescenti vittime di abuso sessuale durante l' infanzia.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Bassoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: l’esperienza dell’abuso sessuale si ripercuote su diversi aspetti della personalità delle vittime. Il nostro studio ha analizzato la sua influenza sulla percezione corporea (Test delle figure di Collins, sull’autostima corporea (Scala Corporea del Test Multidimensionale Autostima di Bracken e sull’adozione di comportamenti alimentari patologici (Eating Attitude Test.

    Materiali e metodi: il campione della ricerca è composto da 2935 studenti maggiorenni frequentanti le 212 classi quinte dei 46 istituti superiori milanesi selezionati per la ricerca. Gli strumenti sono i test sopraindicati ed un questionario ad hoc per indagare le caratteristiche dell’eventuale abuso sessuale. La compilazione e la restituzione dei questionari hanno salvaguardato rigorosamente l’anonimato.

    Risultati: nel campione, l’esperienza dell’abuso incide sulla percezione corporea aumentando il divario tra l’immagine del corpo in cui ci si riconosce e l’immagine che si vorrebbe avere con una differenza media che nei maschi passa da 0,1 nei non abusati a –0,4 in vittime d’abuso lieve fino a 1 in vittime d’abuso grave, mentre nelle ragazze i valori sono rispettivamente 0,8, 0,9 e 1,3. La percentuale a rischio per disturbi del comportamento alimentare sale notevolmente tra le vittime d’abuso, essendo 1,5% e 11,8% in maschi e femmine non vittimizzati, 2,3% e 15,9% rispettivamente in vittime d’abuso lieve e 27,3% e 24,1% in vittime d’abuso grave. Anche sull’autostima corporea l’esperienza dell’abuso sembra avere un forte impatto che si manifesta con un aumento dei casi di bassa autostima che risultano il 15,6% e il 35,5% tra maschi e femmine non abusati, il 16% e il 41,2%, rispettivamente, tra chi ha subito un abuso lieve e il 27,3% e il 50% tra le vittime d’abuso grave.

    Conclusioni: la ricerca suggerisce che essere vittima abuso sessuale

  11. Fuel-cell technology for vehicular applications; L`introduzione delle pile a combustibile nel settore dei trasporti: proposte, standard e normative per sistemi di bordo ed impianti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Ciancia, A.; Pede, G.; Marmigi, R. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dip. Energia

    1998-12-31

    The fuel-cell technology applied to engines for vehicular applications grants broad margins of convenience over any known alternative engine for what concerns the compliance with any present and foreseeable environmental and energy saving regulations. On the other hand, the use of hydrogen produced on board from fuels or stored as a liquid or a gas, raises new problems from the point of view of safety regulations and standards both in the design and use of vehicles and in the fuel production and distribution. The present work is aimed at pointing out the above main safety problems, describes the technical-choices together with their technical grounds, in the framework of the italian and U E standards and regulations. The report is then made up of three parts. The initial section where the on board storage of the fuel from technical-economical point of view is discussed. with particular reference to the compressed hydrogen, the second describing the regulations and standards holding in the field of on board pressure equipment and reporting the ongoing ENEA`s activities in the field. The final part is devoted to the distribution and supply of the fuels to the fuel cell powered electric vehicles. [Italiano] La tecnologia delle celle a combustibile, impiegata nella realizzazione dei propulsori dei veicoli elettrici, conferisce ad essi ampi margini di vantaggio su ogni altro tipo di motorizzazione per quanto riguarda le attuali e prevedibili future normative ambientali e di risparmio energetico. Il presente rapporto si propone di evidenziare alcuni tra questi problemi ed esporre e motivare le soluzioni tecniche previste nell`ambito degli specifici programmi dell`ENEA, in un contesto normativo di riferimento nazionale e comunitario. Il rapporto si compone pertanto di tre parti: una parte iniziale dove e` affrontato dal punto di vista tecnico-economico il problema del trasporto del combustibile a bordo con particolare riferimento all`idrogeno compresso, una seconda in cui

  12. Apertura dei lavori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Renga

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questa sessione apre i lavori dell’VIII Conferenza di Sanità Pubblica della nostra Società. Il programma che vi è stato presentato, la sede in cui si svolge, la qualità e la dimensione della vostra partecipazione riconfermano la validità di una formula che si è andata consolidando nel tempo e rappresenta ormai, insieme al Congresso Nazionale biennale, il fiore all’occhiello della ricchissima attività convegnistica della SItI.

    Si conferma anche la straordinaria continuità e coerenza della nostra società scientifica nell’interpretare, a livelli qualitativi sempre più elevati, la propria missione di individuazione, approfondimento e disseminazione della conoscenza necessaria per migliorare l’azione di Sanità Pubblica nel nostro Paese.

    La sessione testimonia questa attenzione! Con il tema della SARS, la Relazione di Pietro Crovari dà conto delle linee di comportamento dell’apparato di sanità pubblica nell’affrontare un problema che ha scosso l’opinione pubblica mondiale risvegliando anche nei paesi più progrediti antiche paure e arcaici pregiudizi; che ha provocato contraccolpi enormi in ambito commerciale ed economico; che ha richiamato l’attenzione su regole e precauzioni tanto scontate da risultare poi in pratica quasi inapplicate. La risposta italiana è stata corretta, impostata sulle conoscenze scientifiche adottate con pragmatico buon senso. Una autorevole presenza della cultura igienistica nelle sedi decisionali ci consente anche di guardare con serenità ai possibili rischi ancora ipotizzabili.

    La partecipazione alla Comunità Europea e l’adesione ai suoi principi e le sue regole stanno producendo una serie di cambiamenti che arriveranno a incidere anche sui nostri modelli di prevenzione. La Relazione di Vittorio Carreri fornirà il punto di vista di uno sperimentato ed attento conoscitore della materia riguardo agli innumerevoli problemi già aperti e su quelli ancora incombenti sul sistema di sanità pubblica per effetto sia della globalizzazione che della devolution e sulla capacità di risposta dalle amministrazioni regionali.

  13. Le emozioni dei soccorritori

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Teresa Fenoglio

    2010-09-01

    Full Text Available Rescuers, be they volunteers or professionals, face human physic andpsychological suffering everyday. The high exposition to potentialtraumatic events arouses strong emotions in the operator. This articlegives specific attention to rescuer’s emotion reactions. It explorestheories about operator’s potential pathological answers and then itpromotes a broader concept of “rescuers emotions”: this conceptpoints out the inevitability of emotions and their potential positivefunction. Emotions, in fact, are integral part of rescue. Operator trainingis very important to improve their ability in regulation and managementof emotions. This kind of training is important to improverescuers and victims wellbeing.

  14. Le emozioni dei soccorritori

    OpenAIRE

    Maria Teresa Fenoglio

    2010-01-01

    Rescuers, be they volunteers or professionals, face human physic andpsychological suffering everyday. The high exposition to potentialtraumatic events arouses strong emotions in the operator. This articlegives specific attention to rescuer’s emotion reactions. It explorestheories about operator’s potential pathological answers and then itpromotes a broader concept of “rescuers emotions”: this conceptpoints out the inevitability of emotions and their potential positivefunction. Emotions, in fa...

  15. La bellezza dei neonati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Margoni

    2013-08-01

    Full Text Available Konrad Lorenz affermò l’esistenza di un meccanismo innato nell’uomo ("Kindchenschema" responsabile del suo orientamento positivo e del suo comportamento di cura nei confronti dell’infante. Tale meccanismo sarebbe attivato da una serie di caratteristiche fisiche del neonato – tra cui spiccano la fronte ampia, le guance paffute e i grandi occhi – che, nel complesso, lo individuano come bello ("cute".

  16. Information systems planning in public administration; Definizione di una metodologia per la pianificazione dei sistemi informativi in un ente pubblico di ricerca con elevato livello di decentramento

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minelle, F. [Rome, Univ. `La Sapienza` (Italy). Fac. di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Di Marco, R.A. [ENEA, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Bottini, M.

    1997-02-01

    Since before the Ninety the common experience of the different of the divisions of the Public Administration, it was to proceed on the way of insertion and the utility of technology informer in shed order. It was evident how it could not operate in the best way, without wright descriptions of the general and sectors reference. In terminus of efficiency, efficacy and transparency of services offered and the investment made were inadequate. And so in this way the operation was not good enough to pay attention to a valuation of the cost, beneficial of the investment made, that was growing up. It is today getting important to entrust the planning of the information system, that was to be done every year when we talk about a plan with an average limit. So they can be oriented and checked, the choice of the single Administration. In the following work it has been started from the analysis of the italian situation, which expect the use of a specific methodology produced by the AIPA for the planning of informative system in the public administration. The new experimental part of the thesis aims to the adjustment of this methodology to a reality which is the ENEA, that differs for example from that of a Ministry (for that reality on the contrary the proposal of AIPA is optimal), as the institutional aims and the following modalities of administration change, as the corporation is characterised by a strong decentralisation and above all as it has lacked a cognitive research about the different work processes, introduction to the application of AIPA`s proposal. [Italiano] E` stata fino da prima degli anni `90 esperienza comune che nei vari comparti della Pubblica Amministrazione, si procedesse sulla strada dell`inserimento e dell`utilizzo delle tecnologie ifnormatiche in ordine sparso. E` stato evidente come non si potessero operare scelte ottimali nell`assenza di quadri di riferimento generali e settoriali; che i ritorni, in termini di efficenza, efficacia e trasparenza dei

  17. Structure from Motion Systems for Architectural Heritage. a Survey of the Internal Loggia Courtyard of Palazzo Dei Capitani, Ascoli Piceno, Italy

    Science.gov (United States)

    Ippoliti, E.; Meschini, A.; Sicuranza, F.

    2015-02-01

    We present the results of a point-cloud-based survey deriving from the use of image-based techniques, in particular with multi-image monoscopic digital photogrammetry systems and software, the so-called "structure-from-motion" technique. The aim is to evaluate the advantages and limitations of such procedures in architectural surveying, particularly in conditions that are "at the limit". A particular case study was chosen: the courtyard of Palazzo dei Capitani del Popolo in Ascoli Piceno, Italy, which can be considered the ideal example due to its notable vertical, rather than horizontal, layout. In this context, by comparing and evaluating the different results, we present experimentation regarding this single case study with the aim of identifying the best workflow to realise a complex, articulated set of representations—using 3D modelling and 2D processing—necessary to correctly document the particular characteristics of such an architectural object.

  18. Interoperabilità dei dati territoriali: il GN si dota di un nuovo servizio per la trasformazione di coordinate per l’intero territorio italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvatore Costabile

    2013-03-01

    Full Text Available Il servizio di trasformazione di coordinate (CTS, Coordinate Transformation Service è uno dei servizi ditrasformazione geometrica previsti dall’implementazione della direttiva 2007/2/CE INSPIRE. Le applicazioniWEB e WCTS messe a disposizione dal Geoportale Nazionale consentono a tutti gli utenti di eseguiretrasformazioni di coordinate sull’intero territorio italiano impiegando i grigliati rilasciati dall’IstitutoGeografico Militare Italiano (IGM.Abstract The Coordinate Transformation Service (CTS is one of theservices provided by the implementation of the geometric transformation of the INSPIRE Directive 2007/2/EC. WEB applications and WCTS service are provided by the National Geoportal (Geoportale Nazionale allowing all users to perform coordinate transformations on the entire Italian territory using also detailed grid value released by IGM (Italian Military Geographical Institute.  

  19. O impulso bíblico no Concílio: a Bíblia na Igreja depois da Dei Verbum

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silva, Cássio Murilo Dias da

    2006-01-01

    Full Text Available O presente artigo lembra a importância da Constituição Dogmática Dei Verbum para mudanças profundas na vida da Igreja católica, depois de 40 anos do Concílio Vaticano II. O autor apresenta o contexto, elaboração e discussão quanto à relação entre Revelação, Tradição e Escritura, o lugar e uso da Bíblia nas celebrações, os métodos exegéticos para interpretá-la, de modo especial, a evolução do estudo e uso da Bíblia no Brasil.

  20. Riflessioni sull'accesso globale al diritto: analisi dei sistemi di ricerca multilingue Considerations on global access to rights: anlysis of multilingual search tools

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ginevra Peruginelli

    2011-06-01

    Full Text Available In the contemporary society there is the need of a common understanding of the legal issues of the different court systems, in the academy as well as in the legal profession, in the business world, and in the public administration services. At the same time there is a strong pressure in order to preserve their sense and value, but it is very difficult to satisfy both the needs due to the complexity of the legal language and of the ways to express law in the different systems. Unlike other disciplines where a correspondence of ideas and concepts in different languages exists, there are some difficulties in rights due to the nature of the legal language and its correlation to the native legal system. The article offers some ideas on the requirements of multilingual systems for legal information research through the exam of conceptual and linguistic aspects to be taken into account in order to develop those systems underlining the problems related to legal translation, comparative law, and techniques to elaborate natural language to access and retrieve information in a distribute context. Recommendations deal on a side with methods to define equivalences between legal concepts, on the other with forms of collaboration among institutions (responsible for indexing and distribution of legal information, to guarantee the access to information to each citizen in the preferred languageIn una società globalizzata come quella odierna vi è una forte necessità, nell’accademia, nella professione legale, nel mondo degli affari ed in quello dei servizi della pubblica amministrazione, di una comune comprensione dei concetti giuridici dei diversi ordinamenti. Allo stesso tempo si assiste ad una forte pressione verso la conservazione del loro senso e valore. È difficile soddisfare entrambi i requisiti a causa della complessità del linguaggio giuridico e delle diverse modalità utilizzate per esprimere il diritto nei vari sistemi giuridici. A differenza di

  1. Innovation and competitivity. The case of the districts of Faenza and Prato; Innovazione e competitivita'. Il caso dei distretti di Faenza e di Prato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Traverso, A. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Market's globalization is quickly producing the review of the traditional and international competition orders. For this reason the industrial districts, which are the highest expression of an economic and productive tissue based on the small and medium enterprises, are forced to begin a new formulation of their own structural, organizational, technological and productive distinctive features. The object of this work is, at first, to explain the peculiarities of the distrectual events, and, consequently, to analyse the competitive situation and the future prospects of two italian highly specialized productive areas: the textile district of Prato and the ceramic territory of Faenza. A particular attention will be especially reserved on the role assumed by the innovative aspects (technological and organizational) which it can be noted in that transformation process of the main distrectual competitive paradigms. [Italian] La globalizzazione dei mercati sta velocemente imponendo una revisione delle tradizionali regole della competizione internazionale. Per questo motivo i distretti industriali, che sono la massima espressione di un tessuto economico e produttivo fondato sulla piccola e media impresa, sono stati costretti ad intraprendere un percorso di riformulazione delle proprie caratteristiche strutturali, organizzative, tecnologiche e produttive. Lo scopo di questo lavoro e' di illustrare, in un primo momento, i contorni del fenomeno distrettuale e, conseguentemente, di analizzare la situazione competitiva e le prospettive di sviluppo di due aree italiane fortemente specializzate dal punto di vista produttivo: il distretto tessile di Prato ed il comprensorio della ceramica di Faenza. Una particolare attenzione verra' riservata, nel corso dell'analisi, al ruolo assunto dagli aspetti innovativi (technologici ed innovativi) in questo processo di trasformazione dei principali paradigmi competitivi distrettuali.

  2. CARTOGRAFIA STORICA IN AMBIENTE GIS OPEN SOURCE (QUANTUM GIS E GVSIG PER L’ANALISI DELLE DINAMICHE DELL’UTILIZZAZIONE DEI TERRENI: IL CASO DELLA CITTÀ DI CURTEA DE ARGE NEL NOVECENTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriela OSACI-COSTACHE

    2009-11-01

    Full Text Available L’obiettivo principale della ricerca è stato quello di controllare le capacità dei programmiGIS Open Source e, in questa fase dell’indagine, per raggiungere tale scopo ci siamo decisi diconcentrarci su una regione di 28 kmq intorno alla città di Curtea de Arge . Dato che le piùimportanti trasformazioni hanno interessato il ventesimo secolo, abbiamo scelto diapprofondire le dinamiche territoriali tra l’inizio e la fine del Novecento. La ricerca è partitadalle edizioni cartacee di due carte a grande scala stampate durante il Novecento: la cartatopografica in proiezione di Lambert (1929 e la carta topografica in proiezione di Gauss-Krüger (1980. La carta topografica in proiezione U.T.M. (1997 è stata utile solo per il suoreticolato, a causa della piccola scala. La copertura del suolo e le dinamiche dell’utilizzazionedei terreni sono state analizzate con l’aiuto dei programmi Liberi (Free & Open SourceSoftware Quantum GIS e gvSIG. Il presente lavoro è stato diviso in quattro fasi: a lascansione delle carte; b la georeferenziazione; c l’acquisizione dei dati contenuti nelle cartetopografiche, la realizzazione dei livelli vettoriali e la creazione di un DB; d l’analisi dei daticontenuti negli strati vettoriali o raster, grazie ai plugin GRASS (integrato in QGIS e Sextante(integrato in gvSIG. Sono stati applicati i metodi moderni della cartografia digitale, grazie aiprogrammi GIS. L’utilizzo della tecnologia GIS ci ha consentito di rendere coerenti econfrontabili i dati provenienti dalle due carte topografiche stampate nel Novecento, realizzatecon metodi differenti di rilevamento e di rappresentazione cartografica e in diverse proiezioni.La buona sovrapponibilità degli elaborati cartografici del Novecento, co-registrati nelmedesimo sistema di riferimento ci ha permesso la ricostituzione, in ambito GIS, delledinamiche territoriali. Si è ottenuta un’immagine qualitativa e quantitativa delle trasformazionidell’utilizzazione dei terreni

  3. Anatomic and radiologic correlations in spontaneous hematomas of the rectus abdomninis muscles; Correlazioni anatomo-radiologiche negli ematomi spontanei dei muscoli retti dell'addome

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cavagna, E.; Carubia, G.; Schiavon, F. [Ospedale di S. Martino, Unita' Operativa Autonoma di Radiologia, Belluno (Italy)

    2000-06-01

    findings and explains the reason why most hematomas are found in the lower third of the muscle. The diagnosis, whether clinical or based on imaging findings, needs accurate pathoanatomic knowledge of the anterior abdominal wall. Once the diagnosis has been confirmed (by US or CT) patients should be treated conservatively as those that are operated are at risk of developing complications, mainly hemorrhagic. [Italian] Gli ematomi spontanei dei muscoli retti dell'addome sono frequenti ma talvolta misconosciuti nei pazienti con diatesi emorragiche, in terapia anticoagulante, negli emodializzati, negli anziani. La localizzazione di gran lunga piu' frequente e' nei quadranti inferiori dell'addome. Scopo del presente lavoro - partendo dalla descrizione della peculiare anatomia della parete addominale, in particolare della linea arcuata o semicircolare di Douglas - e' di interpretarne il motivo correlando i quadri anatomici con i rilievi TC. Il muscolo retto dell'addome e' compreso fra le aponevrosi dei muscoli obliqui e trasverso che formano la cosiddetta guaina del retto. Tale disposizione si riscontra dall'arcata costale fino a meta' distanza fra l'ombelico e la sinfisi publica, ove la lamina posteriore della guaina del retto termina con un margine ricurvo, detto linea semicircolare di Douglas. Al di sotto di questa linea le aponevrosi dei tre muscoli passano davanti al retto che si ritrova separato dal peritoneo solo per l'interposizione della fascia trasversale, sottile strato connettivale interposto tra il retto e il tessuto adiposo preperitoneale. Nella regione addominale inferiore l'arteria epigrastrica inferiore e i suoi rami perforanti, decorrendo liberi nel cellulare lasso preperitoneale possono, rompendosi, provocare un vasto ematoma. Dal 1995 al 1999 sono stati osservati 11 casi di ematoma spontaneo dei muscoli retti dell'addome: tutti i pazienti sono giunti allo studio ecografico per la rapida

  4. Analisi molecolare con Risonanza Magnetica Nucleare del tessuto miocardico in pazienti affetti da malattia di Anderson-Fabry: valore aggiunto della Risonanza Magnetica Cardiaca nell'identificazione e nel follow-up dei pazienti affetti da malattia di Anderson-Fabry in trattamento con enzima ricombinante agalsidase beta a dopo "switch therapy" con agalsidase alfa

    OpenAIRE

    Messalli, Giancarlo

    2013-01-01

    Scopo La malattia di Anderson-Fabry è determinata da un disordine multi-sistemico del metabolismo lipidico dovuta alla carenza dell’enzima idrolitico α-galactosidase A (α-Gal A), secondario ad una alterazione del cromosoma X, che provoca un accumulo di “globotriaosylceramide” (Gb3) nelle cellule e nei tessuti in genere per malfunzionamento dei lisosomi. Tale accumulo provoca danni al cuore, ai reni ed al sistema cerebro-vascolare. In particolare la mancata degradazione dei glicosfingolipid...

  5. Strategies and methods of development of information systems; Strategie e metodi di sviluppo dei sistemi informativi aziendali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Moretti, M.; Lucchetti, M.C. [Rome Univ. 3, Rome (Italy). Facolta' di Economia Federico Caffe' ; Di Marco, R.A. [ENEA, Funzione Centrale Informatica, Sede Centrale, Rome (Italy)

    2001-07-01

    aziendali viene posto in secondo piano, attraversato soltanto marginalmente e quasi sempre esposto da un punto di vista unico. Si finisce cosi' per avere una conoscenza dell'argomento frammentaria e dispersa, che non permette di gestire poi nella pratica questa fondamentale risorsa aziendale. Coscienti di aver dato solo un piccolo contributo, con questa tesi si e' cercato di ritrovare l'unitarieta' dell'argomento. Questo ha comportato un primo passo fondato sulla ricerca dei pezzi teorici sparsi nelle principali discipline aziendali, che spaziano dall'organizzazione, alla gestione d'impresa, alle strategie, alla qualita' e all'amministrazione. Dopo una fase di introduzione all'argomento, in cui per i meno addetti, si sono descritte e analizzate le molteplici definizioni, necessarie per proseguire con il discorso, si e' passati allo studio dell'impatto del sistema informativo nelle diverse attivita' aziendali. Il punto di vista adottato e' sempre stato il sistema informativo, e tramite di esso si e' entrati nei diversi campi di studio, seguendo un approccio inverso rispetto a quello normalmente seguito. Il concetto chiave che e' emerso da questa analisi e' sintetizzabile in una parola: cambiamento. Cambiamento nella struttura organizzativa, nella definizione di qualita', nelle strategie. Seguendo questa traccia si e', in particolar modo, focalizzato sull'impatto e l'influenza esercitata dalle nuove tecnologie informatiche in molte realta' aziendali, nella definizione delle scelte strategiche. La seconda parte vede applicare questi principi ad un caso concreto, l'ENEA. Anche in questa parte ci si e' concentrati sulle opportunita' strategiche offerte all'ente dalle nuove tecnologie, e si e' misurato l'impatto concreto sulle scelte direzionali. Dal lavoro svolto sul posto, da discussioni con i responsabili, dall'esame di documenti

  6. US patterns of the diaphragmatic crura. Normal anatomy and its variants; Aspetti ecografici dei pilastri diaframmatici. Anatomia normale e sue varianti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Crespi, G.; Martinoli, C.; Cicio, G.R. [Genua Univ., Genua (Italy). Cattedra R di Radiologia DICMI; Zappasodi, F. [Sobborgo Valzania, Cesena, FO (Italy); Valle, M. [Istituto Gaslini, Genua (Italy). Servizio di Radiologia

    2000-06-01

    scans, ranged 3-10 mm in deep inspiration and 1-4 mm in expiration while the left crus was 3-6 mm in inspiration and 1-2 mm in expiration. The length of the right crus, studied in the preaortic portion, ranged form 7 mm in deep inspiration to 9.7 cm in expiration while the left one was 6.5 to 8.8 cm. The right lateral diaphragmatic bundles were seen in 28 subjects only on repeated subcostal oblique scans and the left ones in 11 subjects only. Finally the thin anterior bundles were shown on parasagittal images in 13 cases in the right side and in 2 in the left. A 2-band appearance of the diaphragm was seen 10 patients with pleural effusion and in 8 patients with associated ascites. A single band was found only in the tendinous portion of the diaphragm. US is presently considered the imaging method of choice in the assessment of changes in thickness and length of the diaphragmatic crura. These structures have different US patterns and can sometimes appear quite bulky and thus be easily mistaken for other anatomic or abnormal structures; orthogonal scans may be required for the differential diagnosis. [Italian] Scopo di questo lavoro e' quello di analizzare mediante ecografia, la differente morfologia dei fasci muscolari del diaframma in diverse scansioni e con il variare degli atti respiratori, tenendo conto dell'ampia variabilita' individuale che queste strutture possono presentare. In condizioni normali l'aspetto ecografico del diaframma e' duplice; la porzione tendinea centrale appare come una linea iperecogena, la parte muscolare periferica e' caratterizzata da strutture allungate che assumono morfologia trilaminare nel punto di maggiore spessore. Talvolta lungo il decorso dei pilastri diaframmatici possono presentarsi nodulazioni, reperto che va correttamente identificato al fine di evitare errori interpretativi. Il lavoro e' stato suddiviso in tre parti. Prima si sono esaminate retrospettivamente le immagini di 23 soggetti che

  7. Agronomic by-products use from olive oil extraction: legislative, technological aspects and experimental results; Utilizzazione agronomica dei sottoprodotti dell`estrazione olearia: aspetti legislativi, tecnologici e risultati sperimentali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Amirante, R. [Campobasso, Univ. del Molise (Italy). Dipt. Scienze Animali, Vegetali e dell`Ambiente

    1998-01-01

    The state of the art in the olive oil extraction plants is presented in this paper. These plants allow the removal or reduction of water emission by extraction process with decanter, changing the by-products characteristics of the olive oil industry. The different waste water re-use possibilities are analyzed, in relation to the new Italian law about the discharge of the olive mills effluents. Then, new technologies for the substances-mix composting from agronomic industries and some different lay-out for the specific plants in the by-products transformation are presented. Experimental test of olive pomace composting, depleted olive pomace, waste water concentrate, and directed in field distribution of the olive pomace, are given in this paper. At last, interesting results can be achieved composting the waste waters and/or their concentrate, or the olive pomace or depleted olive pomace with organic and nitrogen products, obtaining good fertilizers. [Italiano] In questa memoria si illustra lo stato attuale della evoluzione degli impianti per l`estrazione olearia che tendono ad eliminare o comunque a ridurre l`immissione di acqua di processo nella estrazione centrifuga, modificando cosi` le caratteristiche dei sottoprodotti della industria olearia. Vengono, di seguito, analizzate le possibili destinazioni d`uso delle acque di vegetazione (A.V.) alla luce della nuova legislazione italiana in materia della possibile utilizzazione degli scarichi dei frantoi oleari. Si illustrano, quindi, nuove tecnologie per il compostaggio di sostanze derivate dall`agroindustria miscelate con altre matrici organiche e alcuni criteri costruttivi di impianti specifici per il trattamento dei suddetti sottoprodotti. Si riferisce, infine, su prove sperimentali di compostaggio di sanse vergini, sanse esauste e di concentrati delle A.V., nonche` sulla distribuzione diretta in campo delle sanse vergini. L`autore conclude affermando che sia le acque di vegetazione e i relativi concentrati di

  8. Parità dichiarata e disparità agita. Questo è il dilemma. Analisi critica dei discorsi sui generi e sui ruoli genitoriali di coppie eterosessuali prima e dopo la nascita del/della prim* figli*.

    OpenAIRE

    Putzu, Daniela

    2013-01-01

    Nonostante i cambiamenti dei diritti politici femminili e la loro maggiore presenza nel mondo del lavoro retribuito fin dal 1960, il lavoro familiare “inteso come lavoro non retribuito svolto per mantenere i membri della famiglia e/o una casa” (Shelton, John, 1996, p. 300), continua a essere distribuito tradizionalmente in base al genere (Coltrane, 2000; Kroska, 2004; Beagan et al., 2008; Romano, 2008; Reyneri, 2009; Sartori, 2009; Zajczyk, Ruspini, 2008; Lachance-Grzela, Bouchard, 2010). Nel...

  9. “REALTÀ VIRTUALE quale metodo per la conservazione e lo studio dei Beni Architettonici e Monumentali. Proposta per un Museo Virtuale sugli Scavi di Pompei. Ricostruzione nella REG. VI di edifici in Realtà Virtuale interattiva”.

    OpenAIRE

    Verdino, Maria Rosaria

    2011-01-01

    Con questa tesi di dottorato, finalizzata al campo del restauro, ma soprattutto all’uso dell’ICT (Information & Communication Technologies) per il Patrimonio dei Beni Culturali, si vuole dare un contributo all’integrazione tra Sistemi Multimediali Avanzati e Rivalutazione e Conservazione del Sito Archeologico di Pompei, ultimamente oggetto di depauperamento ed incuria. La ricerca è stata sviluppata secondo un piano di lavoro composto da 4 fasi. La prima, nasce dalla volontà di avere un ...

  10. PREVALENCE OF ANTIBIOTIC RESISTANT STRAINS OF ESCHERICHIA COLI AND ENTEROCOCCUS SPP. IN ROE DEER (CAPREOLUS CAPREOLUS) AND RED DEER (CERVUS ELAPHUS) AT THE PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI, ITALY

    OpenAIRE

    B. Cenci Goga; A. Vizzani; C. Monticelli; I. Nicchiarelli; P. Sechi; I. Pisano

    2009-01-01

    A case control study was performed in the Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Italy, to find out whether roe deer (Capreolus capreolus) and red deer (Cervus elaphus) were more likely to harbour antibiotic resistant Escherichia coli in their faeces, compared to Enterococcus spp. Ten areas were selected and samples were collected during a fourmonths (May to August, 2008) sampling period. Samples of water (n=12) and feces (n=59), collected at 10 different sites, were cultured for E. coli and En...

  11. La struttura drammaturgica del film biografico nel cinema di Hollywood e nella televisione italiana

    OpenAIRE

    ARLANCH, FRANCESCO

    2007-01-01

    La tesi indaga le caratteristiche strutturali dei film di genere biografico prodotti nel contesto del cinema statunitense e della televisione italiana. Riconosciuto nel fatto che il personaggio protagonista è costruito ad imitazione della persona realmente esistita di cui porta il nome l'aspetto identificativo superficiale del film biografico, viene proposta la seguente, nuova interpretazione: quello biografico è un film la cui struttura drammaturgica esprime sulla forma di vita del proprio p...

  12. INTERAZIONE COMPLEMENTO-ENDOTELIO NELLA FLOGOSI

    OpenAIRE

    Bossi, Fleur

    2005-01-01

    Numerose molecole circolanti nel sangue possono interagire con l'endotelio portando all'attivazione della cascata della coagulazione o all'insorgenza dei fenomeni proinfiammatori. Tra le molecole che possono reagire con le cellule endoteliali (EC) ci sono anche i prodotti di attivazione del sistema del complemento (C). Il sistema del C è un componente dell'immunità naturale, che svolge un ruolo essenziale nella difesa contro agenti infettivi e nella rimozione degli immunocomplessi, e rapprese...

  13. Miglioramento della qualità di pani tipici pugliesi. Identificazione di batteri lattici con proprietà antimicrobiche e di Bacillus sporigeni isolati da semole di grano duro

    OpenAIRE

    Favilla, Mara

    2010-01-01

    Il lavoro di ricerca ha avuto come obiettivo il miglioramento della qualità microbiologica di pani tipici pugliesi attraverso la selezione di batteri lattici con attività antimicrobica e la caratterizzazione di contaminanti batterici (Bacillus spp.), da semole rimacinate di grano duro. I batteri lattici sono microrganismi da sempre utilizzati nella preparazione di alimenti fermentati tra cui alcuni tipi di pane ottenuti dalla fermentazione del lievito naturale. I prodotti del metabolismo dei ...

  14. Effetti di strutturazione di materiali a base di ossidi inorganici di tipo "aerogel-like" per applicazioni nel campo di catalisi e di isolanti ad alta efficienza

    OpenAIRE

    Padovese, Elena

    2010-01-01

    La nanotecnolgia rappresenta un approccio innovativo nella produzione industriale, e riflette la generale tendenza alla miniaturizzazione ed alla riduzione di scala che prevale in tutte le discipline tecnologiche. Da qui il crescente interesse nei confronti nei nanomateriali e dei materiali nanostrutturati, per lo sviluppo di nuovi prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati, che trovino applicazione in molteplici campi. La presente tesi di dottorato si focalizza sulla strutturazione d...

  15. Risposta adattativa allo stress in Streptococcus thermophilus

    OpenAIRE

    Asterinou, Kleopatra

    2009-01-01

    Streptococcus thermophilus è uno dei batteri lattici più utilizzati nell’ industria alimentare per la produzione di cibi fermentati. In questo lavoro sono stati isolati mutanti di S. thermophilus di alcuni geni noti dalla letteratura per essere indotti in condizioni di stress di natura acida, termica ed osmotica, e di alcuni geni che codificano per prodotti implicati nel processo della trans-traduzione. Sono stati condotti esperimenti sui mutanti per studiarne il fenotipo in diverse condizion...

  16. I fondi strutturali in un’Europa allargata: un trade-off tra efficienza ed equità?

    OpenAIRE

    Claudio Di Berardino

    2008-01-01

    I fondi strutturali in un’Europa allargata: un trade-off tra efficienza ed equità? - Il presente lavoro mira a descrivere i principali effetti prodotti dai Fondi comunitari sulla coesione regionale europea. Nel corso di questi anni le regioni povere dell’Europa, beneficiarie dei Fondi strutturali, hanno manifestato in media buone prestazioni di crescita. Tuttavia, la maggiore dinamicità non è stata tale da ridurre significativamente le disparità. L’efficacia della politica di coesione appare ...

  17. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    OpenAIRE

    Niccolò Scaffai

    2012-01-01

    A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista), che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitaz...

  18. Commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti di Italianistica e di Traduzione: (identificazione dei punti critici e confronto tra i gruppi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirjam Premrl

    2009-05-01

    Full Text Available Nel presente contributo l'autrice si concentra sull'osservazione e sul commento delle scelte delle forme verbali nei cloze degli studenti del 2., del 3. e del 4. anno del corso di laurea in Lingua e letteratura italiana, del 2. e del 3. anno del corso di Laurea in Mediazione interlinguistica e del 4. anno del corso di laurea in Traduzione. Il punto in comune di tutti e tre i corsi è l'insegnamento esplicito delle caratteristiche e del funzionamento del sistema verbale italiano, anche se nell'ambito di Italianistica la quantità di ore dedicate a questo tipo di insegnamento è superiore rispetto a quella prevista nell'ambito di Traduzione, mentre nell'ambito di Traduzione una quantità maggiore di lezioni concerne esercitazioni di traduzione e composizione di testi. Per gli scopi della ricerca è stato elaborato un test composto da cinque testi autentici brevi ma completi e da un brano tratto dal romanzo Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, trasformati in seguito nei cloze. Ma visto che la scelta della forma verbale nei cloze dipende non soltanto dalla conoscenza degli usi, bensì anche dall'interpretazione felice del mondo testuale, i cloze sono stati completati da attività quali sottolineare espressioni sconosciute, tradurre il testo in sloveno, completare i cloze preceduti dalla versione slovena del testo. Dai risultati traspare che gli studenti non hanno problemi particolari nella comprensione del mondo testuale, mentre incontrano difficoltà nell'interpretazione attiva delle sue caratteristiche e nell'applicazione degli usi alla realtà extralinguistica. Per la quantità di usi inappropriati si rivelano come i più critici fenomeni quali l'anteriorità nell'ambito delle frasi indipendenti e relative, l'espressione della temporalità relativa nell'ambito dei costrutti sintattici complessi e nel discorso indiretto libero, il preludio, la scelta tra il perfetto e l'imperfetto e l'espressione di notizie riferite su azioni passate

  19. Plastica Dei et rhétorique du corps. Écritures de l’apparence au Moyen Âge (XIIe-XIIIe siècles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos F. Clamote Carreto

    2008-08-01

    Full Text Available Résumé : (Dé voilant les sept arts libéraux sous les traits emblématiques de dames dont les corps élégants et séducteurs sont parés de somptueux vêtements ornés de toutes les figures et couleurs de style, le fameux traité de Martianus Capella, Les noces de Philologie et de Mercure, qui fixera pour plusieurs siècles à venir le concept de littérature et toutes les formes du savoir clérical ancrées dans l’art de la lettre, assume sans ambages la défense du plasma fictionnelle contre l’empire de la plastica Dei dont Tertullien s’était fait, quelques siècles auparavant, le plus virulent des avocats. Cette déchirure épistémologique, renforcée par l’ambivalence inhérente à la conception du corps et de la parure dans la tradition biblique et exégétique, marquera définitivement les contours du récit médiéval et la conception même de l’apparence et du paraître dans l’Occident médiéval. L’imaginaire courtois développe ainsi une sémiologie complexe où les ornements qui recouvrent à profusion la surface du corps, lui assignant (ou refusant une place dans la société et dans la vaste syntaxe du monde, sont autant de métaphores reluisantes et trompeuses de l’ornatus rhétorique sur lesquelles s’appuiera, au fil des textes, toute une réflexion sur le langage poétique et le pouvoir de la représentation.Abstract : Plastica Dei and the Rhetoric of Body. Writings of Appearance in the Middle Ages (12th -13th CenturiesRevealing the Seven Liberal Arts through the emblematic features of ladies whose elegant, seductive bodies are covered with sumptuous clothes, adorned with all the figures and colours of style, the famous work by Martianus Capella, The marriage of Philology and Mercury - which will establish, for many centuries to come, the concept of literature as well as all the other forms of clerical knowledge anchored on the art of the letter- assumes clearly the defence of the fictional plasma vis

  20. Superimposed positive and negative inversion of the syn-rift fault network preserved in the Montagna dei Fiori Anticline, Central Apennines, Italy

    Science.gov (United States)

    Storti, Fabrizio; Balsamo, Fabrizio; Koopman, Anton; Mozafari, Mahtab; Solum, John; Swennen, Rudy; Taberner, Conxita

    2016-04-01

    Syn-rift tectono-sedimentary inheritance is common in thrust-related anticlines exposed in most foreland thrust-fold belts worldwide. Inherited extensional faults provide mechanical weakness zones that typically undergo positive inversion during contraction. This unavoidably has an impact on the evolution of contractional folds. Moreover, duplexing and imbrication of thrust sheets typically produce gravitational instability of inherited fault patterns and negative inversion can be triggered in the late stages of fault-fold interaction. Such polyphase evolutionary histories can deeply influence deformation and fluid flow patterns in fault-related folds and therefore can strongly influence the distribution of structurally controlled processes such as dolomitization. In this contribution we present the results obtained from a multidisciplinary study of the tectono-sedimentary pattern and paleofluid history in carbonates exposed in the Montagna dei Fiori Anticline, at the mountain front of the Central Apennines (central Italy), where the occurrence of both syn-rift fault zones and related sediments has been previously described. Detailed mapping of the central part of the anticline, bed-perpendicular logging of syn-rift and post-rift strata, structural, petrographical, geochemical, microthermometrical, and petrophysical analyses were used to reconstruct the evolution of this anticline, starting from the pre-orogenic architecture up to its subsequent orogenic reworking. These data reveal: (1) the pre-orogenic tectono-sedimentary architecture of a folded Jurassic fault network; (2) multiple superimposition of extensional and contractional episodes of deformation on the same fault zones; (3) the presence of at least one main dolomitization episode, the timing of which is still being deciphered; (4) demonstrate the causal link between faulting and dolomitization, which favoured formation of dolostones along fault zones, particularly in the intersection/abutting areas

  1. Valutazione dell'efficienza e dell'efficacia dei presidi ospedalieri della regione Piemonte. Basi per la revisione della rete ospedaliera

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. Garramone

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la revisione della rete ospedaliera ha come finalità la creazione di un sistema integrato che sia in grado di ottimizzare la qualità degli interventi con un utilizzo più razionale delle risorse. Obiettivi: effettuare una valutazione di efficienza e di efficacia degli ospedali piemontesi, essenziale per la riorganizzazione della rete ospedaliera.

    Materiali e Metodi: lo studio ha riguardato dapprima
    i presidi ospedalieri in “toto” e, successivamente, specifiche aree di attività (Area materno infantile, Pronto Soccorso, Chirurgia generale, Medicina Interna, Ortopedia-Traumatologia. Per valutare l’efficienza dei presidi in “toto”, sono stati utilizzati: peso medio DRG, % di occupazione posti letto, indice comparativo di performance, % di
    appropriatezza. Per valutare l’efficacia invece, la mortalità a 30 giorni standardizzata per il grado di severità clinica per le malattie cerebrovascolari e la mortalità intraospedaliera grezza per infarto miocardico acuto ed edema polmonare acuto.
    L’efficienza delle singole aree è stata studiata attraverso indicatori specifici (dati di attività, % di appropriatezza, % occupazione posti letto, etc.. È stato inoltre utilizzato l’indice di fiducia, indicatore che descrive la percentuale di cittadini che ha utilizzato l’ospedale di riferimento per prestazioni da questo potenzialmente erogabili. Per consentire il confronto tra ospedali di differenti dimensioni, essi sono stati suddivisi in diversi gruppi in base al numero dei posti letto.

    Risultati: i valori di tutti gli indicatori considerati
    sono risultati progressivamente migliori con l'aumentare
    del numero di posti letto evidenziando concentrazioni di inefficienza negli ospedali di minori dimensioni (I 250 p.l.. La percentuale di indicatori positivi e risultata significativamente correlata (0,68 alle dimensioni degli ospedali, passando

  2. Introduction to Life Science (Introduccion a la Ciencia Biologica).

    Science.gov (United States)

    Barnhard, Diana; And Others

    These materials were developed to meet an expressed need for bilingual materials for a secondary school Life Science Course. Eight units were prepared. These include the following topics: (1) Introduction to the Scientific Method; (2) The Microscope; (3) The Cell; (4) Single-celled Protists, Plants, and Animals; (5) Multicellular Living Things;…

  3. Biological dosimetry, scopes and limitations; Dosimetria biologica, alcances y limitaciones

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Guerrero C, C.; Brena V, M. [Departamento de Biologia, Instituto Nacional de Investigaciones Nucleares, C.P. 52045 Salazar, Estado de Mexico (Mexico)

    1999-07-01

    The analysis of the aberrations in chromosomes is an alternative to establish the exposure dose to the radiation, when the information provided by the traditional physical methods is insufficient. There are diverse causes by which it can reached to apply an alternative system, such is the case of exposures of another persons to the management of radiation sources, which not carry physical dosemeter. Contrary case is to the occupational exposure personnel (OEP), what must to utilize some system for determining the exposure dose, even so can be needed the case for more information. In any case, the cells from the affected person are the alternative without the biological system be overlap to the physical, it is complementary. (Author)

  4. VineMan.org, nuovo slancio per la viticoltura biologica

    OpenAIRE

    Legler, Sara Eisabetta; Rossi, Vittorio

    2012-01-01

    Si è svolto lo scorso martedì 24 gennaio il primo appuntamento del progetto VineMan.org, coordinato dal professor Vittorio Rossi nell'ambito del Core Organic II, network europeo di cooperazione transnazionale, alla sede di Piacenza dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. All'incontro hanno partecipato i rappresentanti di ciascuna unità di ricerca provenienti da Italia, Austria, Germania, Spagna e Slovenia e quelli del ministero delle Politiche agricole. Il progetto ha lo scopo di d...

  5. Auto-organizzazione biologica, memoria distribuita e sviluppo della conoscenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mirko Di Bernardo

    2015-01-01

    Full Text Available The essay focuses, through the use of a specific epistemological approach related to complexity theory in its extended version, on issues of border regarding the close relationship that exists between cognition and life, such as the idea of memory as a multisystemic and distributed natural process, the genesis of meaning in the context of the deep processes of self-organization, and the relationship - at the level of higher cognitive activity proper to man - between perception, learning (assimilation of information and thought (morphogenesis in action. With respect to the possible delineation of new models for what concerns the process of knowledge development, the text shows the recent results of research regarding an unprecedented frontier closely linked with the emergence of a real conceptual revolution at the level of the analysis of that particular entanglement of information, meaningful complexity, memory, causality, teleology and intentionality that characterizes the unfolding of the natural forms of human cognition. In such a context, the mnemonic function is set up as a dynamic and deep process of reconstruction and a connection of internal self-reflection operations, rather than as a mere "storage" of data in a static mental space. Just as the world of the first monadic order, on which stands the classical measure of Shannon information, appears related to the existence of specific forms of invariance and the definition of unique areas of measurement, in terms of higher orders, however, we have the presence of specific dichotomies, of different potentials that are given simultaneously, an evolutionary bricolage which is realized by successive interlocking states and yet tied together in a holistic manner within a process of dialectical synthesis between form, function and meaning.

  6. Preserving the authenticity of food and wine festivals: the case of Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Santini

    2013-05-01

    Secondo l’UNESCO, i festival enogastronomici fanno parte del patrimonio culturale intangibile: durante questi eventi, la conoscenza del prodotto viene diffusa tra i partecipanti e le comunità locali e così i prodotti locali diventano uno strumento importante per divulgare la cultura di un determinato luogo. Per molti anni in Italia c’è stata una crescita nel numero di festival enogastronomici e nuovi attori, attratti dai facili profitti, sono entrati nel settore. Il risultato è stato la proliferazione di festival tutt’altro che “autentici”, dove vengono offerti prodotti non originari del luogo in cui l’evento si tiene. Questa situazione può danneggiare gravemente il territorio pregiudicandone la credibilità, alterandone la capacità di carico e compromettendo le attrazioni turistiche autentiche così come lo sfruttamento delle risorse locali da parte delle comunità rurali. Dopo aver introdotto il ruolo dei prodotti tipici (cibo e vino nello sviluppo di un’esperienza turistica autentica, l’articolo descrive il recente caso dell’accordo nazionale tra pubbliche amministrazioni, associazioni del commercio e del turismo e organizzazioni di agricoltori per sviluppare alcune linee guida al fine di disciplinare la complessità dei festival enogastronomici, adottando rigidi principi di sicurezza alimentare e preservando l’autenticità culturale storica e ambientale dei luoghi.

  7. L’Arma dei Carabinieri e le attività di prevenzione e repressione delle organizzazioni criminali /The « Arma dei Carabinieri » and the prevention and repression of organized crime / L’Arme des Carabiniers et les activités de prévention et de répression des organisations criminelles

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Parente Mario

    2010-03-01

    Full Text Available Organized crime now has an international face: it controls illegal international activities and all the huge profits made by drug trafficking, the illegal weapons business, money laundering and trafficking of human beings. There are new criminals in the international criminal scene: people from North Africa, Nigeria, Albania, Macedonia, Kosovo, Russia and China.Italy is the destination of much illegal migratory flow, so the “Arma dei Carabinieri” is investigating criminal organisation thanks to new investigative resources.It remains a hard obstacle to overcome. Organized crime exploits different countries’ legal systems and exploits the police’s techniques of investigation.In order to fight international organized crime and the trafficking of human beings, it’s important to increase international co-operation and to promote legal agreements.

  8. La gracia como posibilidad del encuentro entre Dios y el hombre en la obra De visione Dei de Nicolás de Cusa The Grace as a possibility of the encounter among God and Man, in De visione Dei piece of work by Nicholas of Cusa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    LORENA BASUALTO PORRA

    2012-03-01

    Full Text Available El artículo presenta los aportes más importantes y significativos de la gracia en Nicolás de Cusa específicamente en la obra De visione Dei, en torno al tema de la gracia como posibilidad del encuentro entre Dios y el hombre. Específicamente se tratará el tema de la gracia en torno a tres dimensiones: en tanto gracia de Dios en la dinámica del rostro, del hombre como ser agraciado en relación constitutiva con Dios y los frutos que la gracia realiza en cada ser humano. A su vez el escrito pretende ser un aporte a la renovación del tratado de gracia en orden a la mística, por lo que se propone un esbozo sistemático en orden a la posibilidad del encuentro desde la dimensión ontológica, gnoseológica y escatológica.The article presents the most important and significant contribution of the Grace in Nicolás de Cusa, specifically in the piece of work ´De Visione Dei´, related to the subject of the Grace as a possibility of the encounter among God and Man. Specifically it will deal with the matter of Grace in three dimensions: as a God´s grace in the face dynamic, of man as a graceful being in a constituent relationship with God and the fruits that the grace makes in every human being. At the same time, the book pretends to be a contribution to the renovation of the treatise of grace related to the mysticism, that´s why it shows a systematic outline in order to the possibility of the encounter from the ontological, epistemological and eschatological dimension.

  9. Le cure educative nella scuola di Mompiano e nelle Case dei bambini di Roma e Milano in età giolittiana.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Pironi

    2007-07-01

    Full Text Available Nell’importante fase di modernizzazione che investe la società italiana agli inizi del Novecento, il problema delle istituzioni infantili prescolastiche diventa centrale nel dibattito pedagogico del tempo. Rilevante appare il contributo offerto dall’emancipazionismo femminile per un superamento delle vecchie pratiche filantropiche in vista di un moderno concetto di assistenza: ciò implica il superamento della visione puramente custodialistica dell’ “asilo”, di cui si sottolinea l’importante funzione educativa, con una conseguente riflessione sulle “cure” da destinare all’infanzia. E’ proprio in questo momento che si realizzano due esperienze educative, su cui converge subito l’attenzione del mondo politico e pedagogico, e che diventeranno due punti di riferimento per l’educazione infantile. Si tratta di due “modelli” profondamente segnati dalla differenziata situazione socio-culturale in cui vengono inizialmente sperimentati: la Scuola materna di Rosa Agazzi, espressione di un’Italia ancora in prevalenza agricola e contadina; la Casa dei bambini di Maria Montessori, concepita in un progetto di riqualificazione urbanistica, nella realtà di degrado sociale delle grandi periferie di Roma e di Milano.

  10. Necrotizing fasciitis of soft tissues. Diagnostic imaging findings and literature review; Le fascite necrotizzante dei tessuti molli. Ruolo della diagnostica per immagini e revisione della letteratura

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Parenti, G.C.; Marri, C. [Ospedale Civile S. Maria delle Croci, Ravenna (Italy). Servizio di Radiodiagnostica; Calandra, G. [Ospedale Civile S. Maria delle Croci, Ravenna (Italy). Unita' operativa di Pronto Soccorso; Morisi, C. [Ospedale Civile S. Maria delle Croci, Ravenna (Italy). Servizio di Anatomia Patologica; Zabberoni, W. [Ospedale Civile S. Maria delle Croci, Ravenna (Italy). Div. di Malattie Infettive, Gruppo di rilevamento dati sulle INPS-ASL

    2000-05-01

    maggio 1991 a febbraio 1998 sono giunti alla nostra osservazione 130 casi di infezioni necrotizzanti progressive dei tessuti molli; in 32 casi l'eta' era compresa fra 22 e 84 anni; la diagnosi istologica retrospettiva e' risultata quella della fascite necrotizzante. Le sedi interessate dal processo sono state: arti (26/32), regioni cervicale (5/32) e perineale (1/32). Diciannove pazienti (19/32) sono stati sottoposti d'urgenza a esame radiografico eseguito anche per lo studio dei tessuti molli. L'esame ecografico e' stato eseguito d'urgenza in tutti i 32 pazienti. La valutazione dei pazienti con sospetto di infezioni necrosanti progressive e' affidata di solito a un gruppo di operatori esperti in diagnostica ecografica dei tessuti molli perischeletrici. L'esame TC e' stato eseguito in 9 casi (9/32); a ognuno di questi pazienti e' stato somministrato mdc iodato per via endovenosa. Con gli esami ecografico ed eco color Doppler, nel sospetto di fascite necrotizzante, e' possibile offrire indicazioni utili e affidabili per il corretto e rapido orientamento diagnostico; in particolare tale metodica e' in grado di rilevare precocemente alterazioni al tessuto adiposo sottocutaneo (28/32), alla fascia (18/32) e al tessuto molecolare (15/32). E' stata riscontrata buona correlazione tra alterazione tissutale rilevata con l'esame ecografico e reperto istologico; l'ecografia non ha evidenziato alterazioni al tessuto adiposo sottocutaneo (3/32) e al tessuto molecolare (8/32) in 11 casi pur evidenti all'esame istologico. La TC con mdc puo' essere utile per la migliore definizione dell'estensione della malattia e per la dimostrazione di eventuali complicanze, soprattutto in sedi difficili da raggiungere con l'ecografia. Le probabilita' di guarigione per i pazienti affetti da fascite necrotizzante sono direttamente proporzionali alla precocita' della diagnosi e all

  11. ‘HE IS THE IMAGE AND GLORY OF GOD, BUT WOMAN ...’ (1 COR 11:7: ‘UNVEILING’ THE UNDERSTANDING OF THE IMAGO DEI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    David T. Williams

    2012-08-01

    Full Text Available The reference to the imago Dei in 1 Corinthians 11:7 has been largely ignored, probably because what it seems to say is hardly popular. Can it be that women are not in the image of God? Nevertheless, if the passage is taken seriously, it provides a fresh understanding of the meaning of the image, complementing the preferred interpretations of the meaning of the image in the ideas of dominion and interpersonal relations. It may be suggested that its focus must fall on the difference in creation of men and women in Genesis. The image of God resides in the direct bestowal of life from God. Notably, the New Testament locates the image only in Christ, which is consistent with this view. Emphatically, if a person, man or woman, accepts the offer of new life, he or she then becomes in the image. In this case, there is total sexual equality. doi: 10.7833/108-1-5

  12. Removal of toxic organic micropollutants from lake water used for human consumption in Lombardy; La rimozione dei microinquinanti organici in acque utilizzate a scopo potabile

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Guzzella, L. [Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Ricerca sulle Acque, Brugherio, MI (Italy); Monarca, S.; Feretti, D. [Brescia Univ., Brescia (Italy). Dipt. di Matematica Sperimentale ed Applicata, Sez. di Igiene

    2001-02-01

    The research goal was the evaluation of innovative potabilization treatments to remove toxic organic micropollutants from Como lake water. The adsorption on granular activated carbon (GAC) and on ion exchange resins were compared to advanced oxidation processes (AOP). The treated water samples were analysed by mutagenicity test, toxicity assay and gas chromatographic analyses. The results showed a decrease of mutagenic activity due to the absorption on GAC and resin Ambersorb 563. No mutagenic activity was observed by joining GAC adsorption step to the AOP processes. Similar results were obtained by toxicological analysis. [Italian] In questa ricerca sono stati sperimentati differenti trattamenti di rimozione dei microinquinanti organici dalle acque del Lago di Como utilizzate a scopo potabile. Sono state confrontate sia tecniche di adsorbimento su carbone attivo e resine che tecniche di ossidazione avanzata (AOP). Le acque sono state analizzate con test di mutagenicita' e di tossicita' e per via gascromatografica. I risultati ottenuti hanno evidenziato un maggiore abbattimento della mutagenicita'/tossicita' in seguito ai trattamenti con carbone attivo e resina Ambersorb 536. Con il trattamento AOP si osserva la formazione di sottoprodotti mutageni che sono rimossi associando un passaggio su carbone attivo.

  13. La chiesa di Richard Meier a Tor Tre Teste e il suo contributo al consolidamento identitario dei nuovi quartieri romani oltre il GRA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Bonaccorso

    2014-06-01

    Full Text Available Il contributo proposto ha l’obiettivo di analizzare alcuni significativi brani del tessuto urbano della periferia est di Roma, adottando metodi interpretativi legati alla storia, alla società, alla programmazione urbanistica e alla costruzione. Gli aspetti salienti del quadrante orientale della periferia romana verranno così delineati partendo “dal di dentro”, sottolineandone i percorsi, gli spazi e i nuclei compositivi che sono all’origine della struttura e della forma stessa dei quartieri disposti a cavallo del Grande Raccordo Anulare. In questo ambito, si pone l’attenzione su alcuni episodi chiave che vedono protagoniste le nuove chiese che riescono a creare una centralità all’interno dei quartieri periferici sostituendo le biblioteche, le piazze e i centri commerciali.  Analizzando da vicino questi esempi, si scopre come di recente sono state realizzate chiese firmate da architetti di fama internazionale proprio allo scopo di rafforzare, o meglio di costruire, un fattore identitario per ciascun quartiere ubicato nel settore orientale della città. Partendo quindi dal generale si arriva a indagare una chiesa e un quartiere che possono essere considerati un modello da seguire per tutta la periferia a ridosso del GRA: la chiesa giubilare di Dio Padre Misericordioso progettata da Richard Meier nel quartiere di Tor Tre Teste. La sequenzialità degli eventi che hanno contraddistinto il concorso per la progettazione della chiesa, la scelta della proposta di Richard Meier, la complessità del cantiere, l’analisi tecnica, stilistica e simbolica della realizzazione finale sono quindi analizzate nell’ambito del rapporto con il quartiere e del tentativo di realizzare (attraverso di essa un centro di attrazione per tutta la periferia.   The article analyses some significant parts of the urban tissue at the eastern periphery of Rome, using the interpretative methods inherent to history, society, urban programming and construction

  14. Prostatic biopsy in the prostate specific antigen gray zone; La biopsia prostatica multipla nalla zona grigia dei valori dell'antigene prostatico specifico

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Drudi, F. M.; Ricci, P.; Iannicelli, E.; Di Nardo, R.; Novelli, L.; Laghi, A.; Passariello, R. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Ist. di Radiologia II Cattedra; Perugia, G. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Urologia U. Bracci

    2000-02-01

    valore soglia di 0,15; rapporto antigene prostatico specifico libero/totale tra 15 e 25%; valutazione a distanza di tempo dell'antigene prostatico specifico (3 prelievi seriati ogni 30 giorni per 2 mesi), esplorazione rettale negativa, ecografia transrettale negativa. Nei 34 pazienti selezionati i risultati bioptici hanno dimostrato la presenza di neoplasia prostatica in 5 pazienti (15%), in 2 (6%) e' stata posta diagnosi di carcinoma in situ (1 Pin : 1 Pin 2). Nei 27 pazienti residui i risultati bioptici hanno evidenziato in 4 (12%) prostatite, in 23 (62%) ipertrofia prostatica benigna. I valori dell'antigene prostatico specifico hanno mostrato andamento crescente in tutti i pazienti con biopsia positiva, mentre tale incremento si e' verificato solo in 6 pazienti (22%) dei 27% con biopsia negativa. Lo studio conferma che la biopsia prostatica evidenzia tumori maligni anche nelle sedi apparentemente normali all'ecografia transrettale e all'esplorazione rettale. Evidenzia che nei pazienti con tumore maligno della prostata si e' sempre avuto costante numero dei valori dell'antigene prostatico specifico nel tempo. Dimostra che il confronto tra i risultati bioptici ed i valori dell'antigene prostatico specifico e di tutte le elaborazioni non ha consentito di definire esattamente il ruolo clinico che la biopsia deve svolgere nell'ambito della diagnosi della neoplasia prostatica.

  15. Il lavoro penitenziario: la dimensione umana del carcere e della città che lo accoglie. L’esperienza della cooperativa sociale Rio Terà dei Pensieri/Le travail carcéral : la dimension humaine de la prison et de la ville qui l'abrite. L'expérience de la coopérative sociale Rio Terà dei Pensieri/Prison inmates work: the human dimension of the prison and the town where prison is built in. The experience of social cooperative Rio Terà dei Pensieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Ferrara

    2013-12-01

    Full Text Available Il lavoro approfondisce, nella parte teorica, le tematiche relative alla pena detentiva, analizzando la tradizione sociologica sull’argomento e confrontandola con le contingenze attuali, ponendo specifica attenzione al «problema» dell’immigrazione; traccia in seguito il quadro normativo relativo al lavoro in carcere e, contestualmente, alle cooperative sociali, quale cornice entro cui presentare i dati afferenti alla parte empirica. La ricerca di approccio quantitativo ha analizzato i dati dei dipendenti della Cooperativa al fine di rilevare la porzione di posti di lavoro garantiti dalla stessa rispetto al totale dei detenuti della Regione Veneto e della città di Venezia; la ricerca di approccio qualitativo ha indagato l’impatto delle attività della Cooperativa all’interno del carcere (osservazione, trattamento, misure alternative e al suo esterno (percezione dei cittadini rispetto agli istituti penitenziari. La première partie de cet article s’attache à analyser certains aspects de la détention à travers la littérature sociologique et accordant une attention particulière aux « problèmes » d’immigration. Ensuite, l’auteur examine les lois sur l’emploi en milieu carcéral et, parallèlement, les coopératives sociales. Dans la deuxième partie, l’auteur prend en considération les données provenant d’une étude quantitative menée parmi les salariés de la coopérative Rio Terà dei Pensier dans le but d’estimer le pourcentage d’emplois assuré par cette coopérative par rapport au nombre total de détenus en Région de Vénétie et dans la ville de Venise. De plus, en ce qui concerne la partie qualitative de cette recherche, l’auteur se penche sur l’impact des activités menées par cette coopérative tant en prison (traitement et réinsertion des délinquants, mesures alternatives à la détention qu’à l’extérieur (les perceptions qui ont les citoyens de la prison. The first part of this article

  16. I Maestri dei maestri. Scuola, società, critica in Interesting Times di Eric Hobsbawm e Out of Place di Edward Said.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mauro Pala

    2013-12-01

    Full Text Available Due fra gli intellettuali più famosi e significativi del Novecento, il filologo e comparatista  Edward Said e lo storico Eric Hobsbawm, esponenti di una critica militante e attenta alla sfera sociale, si confrontano con il passato attraverso le rispettive autobiografie – Out of Place (Said 1999 e Interesting Times (Hobsbawm 2002 - in cui non solo tracciano un bilancio di un’esistenza privata, quanto di un intero periodo storico: siamo di fronte a opere autobiografiche, ma dotate anche di un marcato carattere metanarrativo, riflessioni introvertite sul raccontare, fare storia e sulle motivazioni alla base dell’attività critica.Proprio su questo sfondo, non può sfuggire come i due lavori dedichino molto spazio alle esperienze scolastiche: la scuola- anzi le scuole, rigorosamente al plurale sia per Said che per Hobsbawm- corrispondono infatti a diverse forme di socialità, segnalano ambienti diversi in senso cronologico e geografico, contrassegnati da costumi e ordinamenti eterogenei; rappresentano inoltre l’incontro con l’autorità costituita al di fuori dalla famiglia, e marcano così il progresso verso una piena autocoscienza dell’individuo nel contesto materiale della sua collocazione storica e culturale. In altre parole, sono proprio le scuole a scandire in primo luogo il processo di maturazione dei due autori in questione. E poiché sia Said che Hobsbawm elaborano un proprio stile molto personale nei rispettivi campi d’azione, non siamo di fronte a una scrittura ingenua; c’è un’evidente struttura retorica che sostiene questa narrazione di sé.

  17. A Palavra de Deus na Bíblia e a Missão Evangelizadora: cinquenta anos depois da Dei Verbum

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Johan Konings

    2015-12-01

    Full Text Available Aos 50 anos da Dei Verbum retomam-se alguns textos da última década que atualizam esse documento, especialmente a exortação Verbum Domini de Bento XVI, o Documento de Aparecida, do CELAM, e a Evangelii Gaudium, do papa Francisco. Partindo da consideração da palavra dialogal como espaço para o deixar-ser do outro, sublinha-se o caráter humano-divino da palavra de Deus, criadora e humanada em Cristo. A Tradição viva da Igreja, em cujo seio se configura a Escritura cristã como regra primeira da fé, guarda a memoria Christi, a Palavra presente na celebração e no anúncio, não só aos de fora, mas, com urgência atual, na formação permanente e na mistagogia dos que são considerados cristãos. Mas a memoria Christi se guarda e se interpreta, também, na práxis cristã vivida. Evoca-se esta complexa interação do humano e do divino, da memória e da presença, da palavra e da práxis da fé, com a intenção, sobretudo, de valorizar a palavra humana autêntica e dialogal, a serviço da humanação da Palavra de Deus, divinização da palavra humana.

  18. Cesare Beccaria, introduction, traduction et notes de Philippe Audegean, texte italien établi par Gianni Francioni Des délits et des peines / Dei delitti e delle pene

    OpenAIRE

    Girard, Pierre

    2012-01-01

    Philippe Audegean, philosophe et italianiste, maître de conférences à l’université Paris 3, offre une nouvelle édition en tout point remarquable du chef-d’œuvre de Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene. Pour analyser de manière détaillée cette nouvelle édition, nous voudrions examiner successivement le travail philologique sur le texte de Beccaria, la longue introduction et l’apparat de notes, et enfin la bibliographie. D’un point de vue philologique, cette édition se distingue de la plup...

  19. Evaluation of the external costs of MSW incineration with the ExternE methodology. A study of the sensitivity of results; La valutazione dei costi esterni dell'incenerimento di RSU con la metdologia ExternE: uno studio sulla sensibilita' dei risultati

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Baroni, M. [Padua Univ., Padua (Italy). Dipt di Ingegneria Elettrica; Lorenzoni, A. [Milan Univ. Bocconi, Milan (Italy). Ist. di Economia delle Fonti di Energia e dell' Ambiente; Padua Univ., Padua (Italy). Dipt di Ingegneria Elettrica

    2000-04-01

    The treatment of the municipal solid wastes is nowadays one of the most challenging tasks for local administrations, called to manage growing waste volumes and to face at the same time the growing opposition of population, not inclined to support the environmental costs, real or supposed, of incineration and landfilling. This work has applied the external cost evaluation methodology developed in the frame of the European project ExternE to an incinerator located in Padua (Italy), where a project for doubling the treatment capacity has recently been approved, aiming at calculating the impact increase. In particular, it has been shown that the heavy traffic impact is predominating at the local level, while the stack height increase contributes to reduce the burden on the local area, spreading the pollution on a larger region. The impacts have then been monetized calculating the damage, per unit of refused treated and per unit of electricity generated, according on the most recent ExternE indications. [Italian] Lo smaltimento dei rifiuti rappresenta oggi una delle sfide piu' impegnative per le amministrazioni locali, strette tra la necessita' di eliminare volumi crescenti e la crescente opposizione delle popolazioni, poco inclini ad accettare costi ambientali reali o presunti legati allo smaltimento. Il lavoro ha applicato la metodologia di valutazione dei costi esterni sviluppata in ambito europeo nel progetto ExternE al caso dell'impianto di incenerimento situato presso Padova, per il quale e' stato recentemente presentato un progetto di ampliamento, mettendo in luce le conseguenze legate alla modifica dell'impianto che prevede il raddoppio della capacita' di trattamento. In particolare, e' emerso come su scala locale sia predominante l'impatto dovuto al traffico pesante e come l'innalzamento del camino contribuisca ad allontanare le emissioni, sgravando l'area in prossimita' dell'impianto ed andando ad

  20. Indagine sulle conoscenze dei modelli di prevenzione delle epatiti A e B nell'ambito di inchieste epidemiologiche condotte per tali patologie

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    P. Giametta

    2003-05-01

    approfondimento
    dei modelli di informazione/educazione sanitaria relativi alle Epatiti A e B allo scopo di implementare i comportamenti preventivi ed aumentare il ricorso alla pratica vaccinale.

  1. Sottostima dei costi dei progetti di opere repubblich

    DEFF Research Database (Denmark)

    Flyvbjerg, Bent; Holm, Mette Skamris; Buhl, Søren Ladegaard

    questions of cost underestimation and escalation for different project types, different geographical regions, and different historical periods. Four kinds of explanation of cost underestimation are examined: technical, economic, psychological, and political. Underestimation cannot be explained by error and...

  2. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2001-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environment conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues in a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile. In

  3. Decision making information systems and data base management; Applicazioni dei sistemi di supporto alle decisioni manageriali in un ente fortemente decentrato. Sviluppo di un prototipo per la valutazione di nuovi progetti

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Minelle, F. [Rome, Univ. `La Sapienza` (Italy). Fac. di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Di Marco, R.A. [ENEA, Rome (Italy). Funzione Centrale Informatica; Belli, A.

    1997-01-01

    con essi; e di rpesentare un prototipo di tali sistemi. Da una fase preliminare di analisi dell`Ente e dei suoi Sistemi Informativi, volta a capire quali problematiche potessero essere piu` efficacemente supportate con sistemi di questo tipo, si afronta una di esse: la valutazione di nuovi progetti, individuando i parametri, o le grandezze chiave, che influenzano e determinano la decisione. Si descrivono, poi, i modelli, ricavati da questi ultimi, che permettono all`utente, tramite una semplice rappresentazione dei risultati, di valutare i vantaggi e gli svantaggi di un nuovo progetto. Dai modelli, dall`analisi dei dati ad essi necessari e dai requisiti di semplicita` e facilita` d`uso dell`interfaccia utente, si e` realizzato un prototipo. A questo scopo si e` seguito il modelllo di Sprague e Carlson che prevede una Base di Dati, una Base di Modelli e un Sistema Software.

  4. The environmental performance indicators in the sector of tourist services. The case of study about an international hotel group; Indicatori di performance ambientale nel settore dei servizi turistici. Il caso di studio di una catena alberghiera internazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, L. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Seminara, M.V.

    2000-07-01

    The environmental performance indicators in the tourism sector represents the necessary element to quantify and to simplify information about the environmental performance of a particular field in order to make the comprehension of the interactions between tourist activities and environment understood by the customers and decision makers. This indicators will have to be quantified in order to contribute to focus and explain improvements in environmental management. One of the most important elements to pursue a Sustainable Development is the definition of a series of the right indicators. Basically performance indicators can be applied in the environmental analyses effected for defining the politics of management of tourist development and, particularly, in the procedures of Environmental Impact Assessment and Strategic Environmental Assessment disciplined by the European Directives 85/337/CEE, 97/11/CEE, from the proposal of Directive on the SEA and from the relative national normative. This tools should allow to esteem environmental conditions and the impacts caused by the tourist activities to find actions to balance the budget between the economic development and the social and environmental issues i a determined territorial context. [Italian] Gli indicatori di performance ambientale applicati al settore del turismo costituiscono l'elemento necessario per quantificare e semplificare le informazioni sulle prestazioni ambientali del settore preso in considerazione, in modo da agevolare, sia da parte dei responsabili delle decisioni, sia da parte del pubblico e dei clienti, la comprensione delle interazioni tra le attivita' turistiche e l'ambiente e le relative criticita'. Tali indicatori dovranno essere quantificati per contribuire ad individuare e a spiegare i miglioramenti ottenuti nel tempo. La definizione di un quadro di indicatori adeguato costituisce pertanto uno degli elementi essenziali per il raggiungimento di uno Sviluppo Sostenibile

  5. New results on the MG model for the regional estimation of peak flood discharges of the Italian rivers; Aggiornamento del modello MG per la stima regionale delle portate al colmo di piena dei corsi d'acqua italiani

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Beretta, A.; Maione, U.; Tomirotti, M. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Ingegneria Idraulica, Ambientale e del Rilevamento

    2001-08-01

    In this paper new results on the model recently proposed by the writers for the regional estimation of peak flood discharges of the Italian rivers are presented. The analysis has been extended acquiring new data that led to the set of 249 gauging stations considered in this study and in many cases have significantly increased the length of the historical series considered in the previous papers. On the basis of the enhanced hydrological information a new calibration has been performed for the probabilistic models MG and MGs, which are adopted in the proposed methodology. Moreover, an interpretation of the formal properties of the two models is presented on the basis of the correlation between coefficient of variation and coefficient of skewness of the annual maxima of the peak discharges, proved by the analysis of the historical series. For the regional estimation of the parameters of MG and MGs models new regression formulas have been calibrated for the most part of the territory of the Italian Country; besides taking advantage of the increased amount of available data, the formulas also involve different groups of geomorphoclimatic parameters of the river basins. The performances of the proposed methodology are compared with the ones coming from the application of other regional models proposed in literature for the various regions of the Italian Country. [Italian] Nella presente memoria viene presentato un aggiornamento del modello di stima regionale delle portate al colmo di piena proposto dagli scriventi in precedenti lavori. L'analisi e' stata ampliata con l'acquisizione di nuovi dati, che portano complessivamente a 249 il numero delle stazioni idrometrografiche considerate nello studio e in molti casi estendono significativamente la lunghezza delle serie storiche utilizzate nei precedenti lavori. Sulla base della piu' ampia informazione idrologica disponibile si e' proceduto anzitutto ad una nuova taratura dei modelli probabilistici

  6. Nei panni dei nostri pazienti

    OpenAIRE

    Belgiojoso, Francesca

    2015-01-01

    "In your patients’ shoes". Why do we go to the psychologist? What happens during a psychological interview? What are the differences between the various theoretical ap- proaches? The psychological culture is still little known and there are many questions to which there are no answers. From the meeting between a video artist and a psy- chotherapist was produced a video that allows us to listen to what the psychologist and the patient say to each other. The text presents and comments on th...

  7. Dei delitti e delle pene

    OpenAIRE

    Beccaria, Cesare

    2010-01-01

    Layoutgetreues Digitalisat der Ausg.: Harlem [vielm. Livorno] : [Coltelini], 1766 Zentralbibliothek Sign.: XIV C 965 w (Raubgut) Sammelband enth. außerdem: Goldoni, Carlo: Le commedie del Dottore Carlo Goldoni, avvocato veneto Teil 3 : Che contiene Il cavaliere, e la dama. La famiglia dell antiquario ... Venezia : Bettinelli, 1752. (Magazinsignatur: XVI C 721 bx)

  8. Cesare Beccaria, Des délits et des peines. Dei delitti e delle pene, Introduction, traduction et notes de Philippe Audegean. Texte italien établi par Gianni Francioni, Lyon, ENS Editions, 2009, 446 p.

    OpenAIRE

    Crépel, Pierre

    2011-01-01

    Il est très important de disposer d’éditions multilingues des grands textes. une traduction seule, même excellente, comporte toujours un biais ; une édition originale cache ses subtilités même à ceux qui connaissent bien la langue. L’ouvrage de Cesare Beccaria, Dei delitti e delle pene (1re éd. 1764), qui a tant marqué le milieu du XVIIIe siècle, méritait donc bien une édition bilingue de qualité, abondamment annotée et précédée d’une étude de référence.C’est chose faite grâce d’abordàGianni ...

  9. Computer codes application to evaluate comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and site characterization of Matera (southern Italy); Applicazioni del codice di calcolo SITEVAL per l'analisi della compatibilita' ambientale degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti alle discariche non controllate presenti nella provincia di Matera

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cautilli, F.; Musmeci, F.; Tassoni, E. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The report presents the software SITEVAL aimed at tackling the comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and hosting areas. The SITEVAL application for non-monitored urban waste landfills in the province of Matera (southern Italy) is showed with the objective to identify the more relevant environmental components in such landfills. [Italian] L'articolo illustra il codice di calcolo SITEVAL utilizzato per analisi comparative di compatibilita' ambientale di impianti di smaltimento di rifiuti con i siti che li ospitano e poi riporta l'applicazione del codice nella situazione della provincia di Matera riguardo allo smaltimento non controllato di rifiuti solidi urbani e alla individuazione delle componenti ambientali piu' sensibili alla presenza di tali discariche nel territorio. Il codice ha permesso di stilare graduatorie di compatibilita' delle discariche non controllate e di definire l'interdipendenza dei risultati dalla scelta dei parametri di input del programma.

  10. DHA e prodotti di degradazione termica: isolamento, caratterizzazione spettroscopica e studi di stereodinamica

    OpenAIRE

    Di Mattia, Michela

    2010-01-01

    La comparsa di un nuovo medicinale in farmacia è l’ultimo atto di un processo che richiede molti anni di ricerche e che vede protagonisti diversi attori: i ricercatori, le università, i centri clinico-ospedalieri, le aziende farmaceutiche, le autorità sanitarie, i medici e i pazienti. Dire con esattezza quando nasce un farmaco è difficile, in realtà un farmaco comincia potenzialmente a esistere quando si è verificata la sua attività farmacologica, cioè quando si comincia a indagare a quali do...

  11. Studio sulla variabilità di composti bioattivi in latte e formaggi prodotti in Sardegna

    OpenAIRE

    Porcu, Arianna

    2015-01-01

    The bioactive compound y-aminobutyric acid (GABA) and biogenic amines, together with protein-free amino acids, were measured by HPLC in ewe’s milk chesees produced in Sardinia. The study included three types of cheese: Pecorino Sardo DOP, Pecorino and Casu Marzu. Farmhouse Casu Marzu and Pecorino showed y-aminobutyric acid content that had never been found so high in cheese till now, suggesting that these types of cheese present ideal conditions to produce GABA. These two types of cheese also...

  12. I prodotti editoriali nella rete-mercato fra editori e consumatori

    OpenAIRE

    Richeri Giuseppe

    2010-01-01

    The article analyze the main sectors of the publishing industry highlighting major features and factors that encourage or curb the shift from physical to intangible. To-day publishers are able to find a very wild on-line market for their products that offer the possibility to change in deep the organizational and costing structure, the time to market of the editorial contents and their life cycle. In the article is described also how on-line market give the possibility to broad or create the ...

  13. Brain drain e crescita economica: Una rassegna critica sugli effetti prodotti

    OpenAIRE

    Simona Monteleone

    2009-01-01

    Has brain drain either negative or positive effect on the development and growth of those left behind? This paper shows empirical and theoretical relevance of the phenomenon and reviews both traditional literature and recent contributions about brain drain’s effects. First generation models consider brain drain dangerous for the country of origin, underlining effects on wage, employment and growth; whilst recent literature shows positive effects on population and holds brain drain increases h...

  14. Metabolismo di oligosaccaridi prebiotici in Bifidobacterium per il potenziale sviluppo di nuovi prodotti alimentari funzionali

    OpenAIRE

    Zanoni, Simona

    2008-01-01

    The growth and the metabolism of Bifidobacterium adolescentis MB 239 fermenting GOS, lactose, galactose, and glucose were investigated. An unstructerd unsegregated model for growth of B. adolescentis MB 239 in batch cultures was developed and kinetic parameters were calculated with a Matlab algorithm. Galactose was the best carbon source; lactose and GOS led to lower growth rate and cellular yield, but glucose was the poorest carbon source. Lactate, acetate and ethanol yields a...

  15. Collection of main international documents on the ethical principles of research and the main regulations on bioethics of the United States and of European Community; Raccolta sui principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca e dei principali documenti legislativi degli Stati Uniti e della Comunita` Europea sulla bioetica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Scuderi, G. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Immunologia

    1998-12-31

    The collection includes an Italian translation of the main international documents on ethical principles of scientific research (the Nuremberg Code, the Helsinki Declaration, the Belmont Report) as well as the regulatory text of the United States (the Code of Federal Regulation Title 45, Part 46, that is the 45 Cfr 46) and the regulations of the European Community (the Good Clinical Practice and the Convention for the protection of human rights and dignity of the human being regards to the application of biology and medicine: convention on human rights and biomedicine). The informed consent and the human rights of human subjects involved in a clinical trial are discussed. Moreover, in the regulatory texts, legal rights of particular subjects, i.e. pregnant women, minors, fetuses, embrions, prisoners, are discussed; as well as the bioethics of organ transplantations. [Italiano] Contiene una traduzione in lingua italiana dei principali documenti internazionali sui principi etici della ricerca scientifica: il Codice di Norimberga, la dichiarazione di Helsinki e il rapporto Belmont; il testo legislativo degli Stati Uniti Code of Federal Regulation, capitolo 45 parte 46 (detto il 45 CFR 46) e la normativa della Comunita` Europea relativa alle norme di Good Clinical Practice e alla Convenzione per la protezione dei diritti dell`uomo e la dignita` dei soggetti umani relativamente alle applicazioni della biologia e medicina: Convenzione sui diritti dell`uomo e la biomedicina. Vengono trattati il consenso informato e i diritti umani delle persone che sono coinvolte in una sperimentazione clinica. Inoltre, nei testi normativi ci si riferisce anche ai diritti legali di soggetti particolari, ad esempio: donne in stato di gravidanza, minori, feti, embrioni, prigionieri; viene trattata, infine, l`etica dei trapianti d`organo.

  16. Università degli Studi di Udine. Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali – Associazione italiana biblioteche. Sezione Friuli Venezia Giulia, Virginia Carini Dainotti e la politica bibliotecaria del secondo dopoguerra. Atti del convegno Udine, 8-9 novembre 1999, a cura di Angela Nuovo. Roma : Associazione italiana biblioteche, 2002, 210 p

    OpenAIRE

    De Gregorio, Mario

    2002-01-01

    Review of: Università degli Studi di Udine. Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali – Associazione italiana biblioteche. Sezione Friuli Venezia Giulia, "Virginia Carini Dainotti e la politica bibliotecaria del secondo dopoguerra. Atti del convegno Udine, 8-9 novembre 1999". Carini Dainotti's contribution to a new idea of public library in Italy goes beyond a simple "discovery of America" by Italian librarians, presenting itself as more variegated and complexer, identifiable in thre...

  17. Post-harvest of the Annurca apples in Campania region. Studies by the Istituto Sperimentale per la Frutticoltura [Malus pumila L.

    International Nuclear Information System (INIS)

    The harvest and post-harvest of Annurca apples involves a high utilization of manpower and high production costs. The low yield and the need to also compete on the market, in terms of price, specially in the Spring period, with the fresh apples imported by foreign Countries, has induced the ISF of Caserta, in collaboration with the Istituto per la Valorizzazione dei Prodotti Agricoli of Milan, to promote studies to decrease the costs of production, to improve the quality, to eliminate the necessity of redness or to artificially induce it

  18. Le etichette degli alimenti Ogm

    OpenAIRE

    Francesco Bruno

    2009-01-01

    In Europa i prodotti GM o contenenti Ogm, o quelli ottenuti a partire da Ogm, che sono stati autorizzati sulla base della direttiva 2001/18/CE o del reg. CE n. 1829 del 2003, sono soggetti a tracciabilità ed etichettatura secondo le modalità stabilite nel reg. n. 1830 del 2003. L’etichetta fornisce ai consumatori le informazioni necessarie per una scelta consapevole e in tale meccanismo a tutela dei cittadini ha un ruolo fondamentale il principio di precauzione. Il lavoro analizza le consegue...

  19. Arte e personalità (1929)

    OpenAIRE

    Hanns Sachs

    2012-01-01

    Nel saggio che segue Sachs affronta e tenta di risolvere uno dei più difficili problemi della psicoanalisi dell’arte. Come sia cioè possibile interpretare, con gli strumenti freudiani, elaborati e sperimentati sulla base di un’equazione arte-personalità, o almeno sull’ipotesi che fa dell’opera l’espressione della personalità dell’autore, una serie di prodotti artistici in cui l’apporto individuale pare minimo se non proprio inesistente – e Sachs, molto opportunamente, fa riferimento, oltre ch...

  20. Analisi del decadimento $W -> \\tau \

    CERN Document Server

    Coscetti, Simone

    Questo lavoro di tesi si e' svolto nell'ambito dell'esperimento CMS a LHC, ed in particolare verte sullo studio delle strategie di identificazione off-line del leptone tau, atteso tra i prodotti di decadimento del bosone di Higgs, cosi' come di altre particelle previste in altri modelli teorici. Il canale utilizzato per testare la procedura di identificazione del tau e' il decadimento semileptonico del bosone vettore W. Infine, sulla base dei risultati ottenuti viene presentata una stima quantitativa della sezione d'urto di produzione pp-> W + X

  1. Valorizzazione e promozione cineturistica delle destinazioni: opportunità e rischi del marketing territoriale

    OpenAIRE

    Rosy Scarlata

    2016-01-01

    Lo scopo principale di questo contributo consiste nel proporre uno spunto di riflessione circa le relazioni che intercorrono fra la proiezione di un film o di una serie televisiva, il cineturismo e la creazione dell’identità di un luogo. La disamina della letteratura esistente ha confermato l’esistenza di numerosi studi focalizzati sui forti impatti prodotti dal cineturismo, con il rischio di compromettere la capacità di carico dei territori e la sostenibilità delle attività turistiche. Minor...

  2. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Niccolò Scaffai

    2012-04-01

    Full Text Available A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista, che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitazione», «copia», «plagio psichico», o addirittura di «sottrazione di manoscritto»

  3. Effetti della viscoelasticità sulla misura dell’energia di adesione tra film di polietilene

    OpenAIRE

    Castiglioni, Andrea

    2015-01-01

    Lo stretch film è una diffusa applicazione per imballaggio dei film in polietilene (PE), utilizzato per proteggere diversi prodotti di vari dimensioni e pesi. Una caratteristica fondamentale del film è la sua proprietà adesiva in virtù della quale il film può essere facilmente chiuso su se stesso. Tipicamente vengono scelti gradi lineari a bassa densità (LLDPE) con valori relativamente bassi di densità a causa delle loro buone prestazioni. Il mercato basa la scelta del materiale adesivo p...

  4. PROGETTAZIONE ANALISI STRUTTURALE E IMPLICAZIONI FARMACOLOGICHE DI COMPLESSI A QUADRUPLA ELICA DEL DNA

    OpenAIRE

    Citarella, Giuseppe

    2011-01-01

    Le quadruplex sono inusuali strutture secondarie del DNA, adottate da sequenze ricche di guanine, la cui importanza biologica dipende dalla loro presenza in diverse regioni del genoma umano, come le regioni promotrici di diversi geni, i centromeri e i telomeri. L'integrità del genoma è fondamentale per la sopravvivenza cellulare; infatti, il DNA può andare incontro a diversi tipi di danni che possono compromettere l'integrità della doppia elica; uno dei più frequenti è la depurinazione. P...

  5. Pigments analysis on skin tomato fruits during ripening by mean fluorescence techniques; Analisi mediante utilizzo di tecniche di fluorescenza dei pigmenti presenti sulla superficie di bacche di pomodoro durante la maturazione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lai, A.; Fantoni, R. [ENEA, Divisione Fisica Applicata, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2000-07-01

    Different spectroscopic techniques, based on visible fluorescence emission upon excitation in the same spectral region or in the ultraviolet, have been utilized to characterize tomato fruit ripening stages in order to analyze surface pigments which correspond to optimal conditions for fruit harvesting. The main fluorescence spectral features belonging to antochyanin, flavonoids, carotenoids and chlorophyll a after excitation of skin tomato pigments at different laser wavelength have been identified. For tomato ripening stage LIF detection, the {lambda}{sub e}xc266nm was established as the optimal laser wavelength. [Italian] Mediante diverse tecniche spettroscopiche, basate sulla emissione di fluorescenza visibile a seguito di eccitazione nella stessa regione o nell'ultravioletto, e' stato condotto uno studio su bacche di pomodoro a diversi stadi di maturazione Lo scopo del lavoro e' quello di potere attribuire, attraverso l'analisi degli spettri di fluorescenza dei pigmenti superficiali presenti nel frutto, lo stadio ottimale di maturazione al momento della raccolta. I risultati ottenuti hanno permesso di distinguere spettri di fluorescenza attribuiti ai principali gruppi di pigmenti fluorescenti presenti nella superficie esterna del pomodoro: antociani, flavonoidi, carotenoidi e clorofilla a.

  6. Recommendation for environmental management and safety systems in high risk industrial accidents; Linee guida per l'integrazione dei sistemi di gestione ambiente e sicurezza nelle aziende a rischio di incidente rilevante

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R.; Andriola, L.; Caropresso, G.; Paci, S.; Vignati, S.; Vignoni, P.C. [ENEA Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    2000-07-01

    This document presents the IMPREMAS Project from Italian ENEA (National Agency for New Technology, Energy and the Environment) for the eco-management of small and medium enterprises at risk for se and manipulation of hazardous substances. [Italian] Il presente documento e' stato elaborato nell'ambito del progetto IMPREMAS condotto dall'ENEA, in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente, Regione Lombardia, Federchimica e Finlombarda, per la realizzazione di un progetto pilota per l'eco-gestione delle piccole e medie imprese classificate a rischio per l'uso e lo stoccaggio di sostanze pericolose previste dal DPR. n. 175 del 17-5-1988. L'azione ha riguardato l'applicazione del regolamento EMAS 1836/93 congiuntamente alla implementazione di un sistema di sicurezza per piccole e medie imprese a rischio di incidente rilevante del settore chimico-farmaceutico con l'obiettivo di mettere a punto le linee guida di riferimento per l'integrazione dei sistemi ambiente e sicurezza.

  7. Raccomandazione CM/ Rec(20145 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sull’importanza delle competenze nella(e lingua(e di scolarizzazione per l’equità e la qualità nell’istruzione e per il successo scolastico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    (Adottata dal Comitato dei Ministri il 2 Raccomandazione C/M Rec(20145

    2015-02-01

    Full Text Available L’espressione “lingua di scolarizzazione” è usata per indicare la “lingua usata per fini di studio” e fa riferimento alla lingua (nazionale o maggioritaria nelle sue diverse varietà diafasiche ma anche diamesiche e comprende la lingua usata nella vita scolastica, la lingua usata dall’insegnante per esporre oralmente i contenuti disciplinari e per svolgere l’attività didattica, la lingua usata per l’assegnazione e lo svolgimento dei compiti e delle attività scolastiche, la lingua per la valutazione e/o la certificazione degli apprendimenti, la lingua interdisciplinare e metalinguistica trasversale alle diverse discipline di insegnamento, la lingua di ciascuna disciplina, la lingua dei materiali e dei testi (manuali, articoli, testi di divulgazione, enciclopedie, ecc, su stampa o su siti Internet per l’insegnamento/apprendimento disciplinare. È, insomma, la lingua attraverso la quale si costruiscono gli apprendimenti scolastici (saperi, nozioni, ragionamenti, comportamenti, ecc. quale che sia la lingua madre degli apprendenti.La Raccomandazione approvata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa che qui si presenta sottolinea come la padronanza della lingua di scolarizzazione sia indispensabile per il successo scolastico degli apprendenti immigrati come degli apprendenti la cui lingua di scolarizzazione è anche la lingua madre usata nella comunicazione ordinaria e in particolare per gli apprendenti cosiddetti “vulnerabili” che provengono da ambienti socio-economicamente e culturalmente svantaggiati. Far acquisire tale padronanza è un compito e una responsabilità dei decisori politici così come di tutti gli insegnanti (tutti gli insegnanti sono insegnanti di lingua; il rapporto che accompagna la Raccomandazione suggerisce strategie e modalità da implementare nella definizione dei curricoli e nelle pratiche di insegnamento a scuola.  Recommendation CM/Rec(20145of the Committee of Ministers to member

  8. PREVALENCE OF ANTIBIOTIC RESISTANT STRAINS OF ESCHERICHIA COLI AND ENTEROCOCCUS SPP. IN ROE DEER (CAPREOLUS CAPREOLUS AND RED DEER (CERVUS ELAPHUS AT THE PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI, ITALY

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    B. Cenci Goga

    2009-09-01

    Full Text Available A case control study was performed in the Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Italy, to find out whether roe deer (Capreolus capreolus and red deer (Cervus elaphus were more likely to harbour antibiotic resistant Escherichia coli in their faeces, compared to Enterococcus spp. Ten areas were selected and samples were collected during a fourmonths (May to August, 2008 sampling period. Samples of water (n=12 and feces (n=59, collected at 10 different sites, were cultured for E. coli and Enterococcus spp. The resulting colonies were screened for tetracycline, ampicillin and kanamycin resistance using the Lederberg Replica Plating method (breakpoint 4 μg/ml. All resistant isolates were then selected, and subjected to the CLSI antimicrobial plate susceptibility test (7. Among the water specimens contaminated by E. coli, 80% were found to be resistant to ampicillin, 80% to tetracycline and 40% to kanamycin. Among the water specimens contaminated by Enterococcus spp., 14.29% were found to be resistant to ampicillin, 14.29% to tetracycline and 71.3% to kanamycin. Among the 39 strains of E. coli isolated from red deer feces, 12 were resistant to ampicillin (30.77%, 5 to tetracycline (12,82% and 3 to kanamycin (7.69%. Among the 19 strains of Enterococcus spp. isolated from red deer feces, 0 were resistant to ampicillin (0%, 1 to tetracycline (5.26% and 19 to kanamycin (100. These are significant findings, indicating that antibiotic resistance can be found in naïve animal populations and that red deer and fallow deer could act as sentinels for antimicrobial resistance. Key words Antibiotic-resistance, red deer, fallow deer, Escherichia

  9. I problemi dell'espansione territoriale catalana nel Mediterraneo: conquistare un feudo in Sardegna, un bene o un male? L'esempio dei Sentmenat, signori di Orosei (Sec. XIV

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Crabot, Cécile

    2003-12-01

    Full Text Available With its territorial expansion into the Mediterranean, the Crown of Aragon at the beginning of 14th century conquered Sardinia and conceded feudal lands to those who participated in the conquest. This article investigates a noble family, the Sentmenat, who received the village of Orosei. The trials this family experienced reflects in many ways those endured by other feudal lords: the difficulties involved in obtaining possession of feudal land, arbitrary confiscation by royal officials, and the delegation of feudal land to procurators and landlords since the Sentmenat did not live on the island. In addition, Orosei was at the center of an emerging opposition between king Peter IV of Aragon and the judge Mariano IV, who for a time disputed its possession. With so many difficulties to contend with, the Sentmenat in the end renounced the feudal land.

    Nella sua espansione territoriale nel Mediterraneo la Corona d'Aragona conquistò all'inizio del XIV secolo la Sardegna, nella quale concesse dei feudi a coloro che avrebbero partecipato alla conquista. Con questo articolo presentiamo una famiglia nobile, i Sentmenat, che ricevette il villaggio di Orosei. Le vicende da loro vissute rispecchiano per molti aspetti ciò che vissero altri feudatari: difficoltà ad entrare in possesso del feudo, confische arbitrarie da parte degli ufficiali regi, delegazione del feudo a procuratori ed appaltatori dal momento che non risiedevano nell'isola. Inoltre Orosei si trovò al centro del contrasto nascente tra il sovrano Pietro IV e il giudice dArborea Mariano IV e per un certo periodo di tempo se ne contesero il possesso; infine, dopo tante difficoltà, i Sentmenat finirono per rinunciare al feudo.

  10. The healing process in cruciate ligament reconstruction. Our personal experience in single and multiple grafts; La maturazione sinoviale dei legamenti crociati ricostruiti. Esperienza personale a confronto negli interventi isolati e nelle ricostruzioni combinate

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellelli, A. [Ospedale San Pietro Fatebenefratelli, Rome (Italy). Radiologia e Diagnostica per Immagini; Adriani, E. [Ospedale San Filippo Neri, Rome (Italy). Div. di Ortopedia; Margheritini, F.; Camillieri, G. [Clinica Villa Stuart, Rome (Italy). Laboratory of Arthroscopic Surgery; Mariani, P.P. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Clinica Ortopedica; Della Rocca, C. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Dipt. di Medicina Sperimentale e Patologia

    1999-12-01

    or if other abnormalities are suspected. [Italian] La maturazione sinoviale e' il termine che indica il processo biologico di attecchimento cui va incontro il trapianto tendineo che viene impiegato nelle ricostruzioni dei legamenti crociati. Amiel e Clancy hanno dimostrato che questo processo e' tempo-dipendente e il tendine impiantato al posto del legamento muta aspetto istologico, presentando al temrine del processo di maturazione identiche caratteristiche microscopiche a quelle del tessuto legamentoso normale. Lo scopo del presente lavoro e' quello di mostrare gli aspetti RM delle diverse fasi di maturazione sinoviale dei legamenti crociati ricostruiti, onde non correre il rischio di interpretare come patologica una fase fisiologica dell'attecchimento del trapianto. Nel periodo compreso tra il gennaio 1995 e il gennaio 1999 sono stati selezionati 60 pazienti operati, da sottoporre a uno studio longitudinale con RM. In 22 casi era stato ricostruito il solo legamento crociato anteriore, in 23 casi il solo legamento crociato posteriore e in 15 casi era stato effettuato, sempre dallo stesso chirurgo, l'intervento di doppia ricostruzione. In tutti i casi sono stati impiegati tendini autologhi (tendine rotuleo o tendini flessori). In 45 casi gli esami RM sono stati effettuati con apparecchiatura dedicata, mentre nei restanti 10 pazienti e' stata impiegata apparecchiatura per il corpo, curando nel dettaglio i parametri tecnici per rendere i vari controlli esattamente sovrapponibili. Nei 20 casi operati di ricostruzione del legamento crociato anteriore le immagini RM mostravano le diverse fasi della maturazione in maniera che possiamo considerare costante in 16 (80%). Tre mesi dopo dall'intervento la proliferazione sinoviale (fase dlla proliferazione periferica) circonda il legamento che mantiene bassa intensita' del segnale della sola porzione centrale. Tra 3 e 6 mesi dopo si osserva elevata intensita' del segnale del

  11. Comunicato Stampa della IARC N°231 - "LA MAGGIOR PARTE DEI TUMORI NON SONO CAUSATI DALLA "CATTIVA SORTE" - LA IARC REPLICA AD UN ARTICOLO SCIENTIFICO IL QUALE SOSTIENE CHE FATTORI AMBIENTALI E FATTORI LEGATI ALLO STILE DI VITA SIANO RESPONSABILI DI MENO DI UN TERZO DI TUTTE LE NEOPLASIE " - del 13 gennaio 2015

    OpenAIRE

    Fellone, Lucio

    2015-01-01

    Versione autorizzata in italiano del Comunicato Stampa della IARC  N°231 pubblicato il 13 gennaio 2015: "LA MAGGIOR PARTE DEI TUMORI NON SONO CAUSATI DALLA "CATTIVA SORTE" - LA IARC REPLICA AD UN ARTICOLO SCIENTIFICO IL QUALE SOSTIENE CHE FATTORI AMBIENTALI E FATTORI LEGATI ALLO STILE DI VITA SIANO RESPONSABILI DI MENO DI UN TERZO DI TUTTE LE NEOPLASIE. Documento originale all'indirizzo:  http://www.iarc.fr/en/media-centre/pr/2015/pdfs/pr23...

  12. Introducción a la Biblioteca de la Estación Experimental de Aula Dei (Z-EEAD-CSIC). Prestaciones de Servicio de la Unidad Técnica de Biblioteca y Documentación (UTBD_EEAD–CSIC) a sus usuarios . El acceso abierto y Digital.CSIC

    OpenAIRE

    Martínez Giménez, José Carlos; Martínez Gil, Pilar; Albiñana Rodríguez, Carlos; Lostres Lamarca, María Jesús

    2013-01-01

    Actividad divulgativa - formativa dirigida a los alumnos del Grado de Información y Documentación de la Universidad de Zaragoza. En visita de colaboración programada y coorganizada por la Unidad Técnica de Biblioteca y Documentación de la Estación Experimental de Aula Dei (UTBD_EEAD-CSIC, Z-EEAD) y por el Departamento Ciencias de la Documentación e Historia de la Ciencia de la Facultad de Filosofía y Letras de la Universidad de Zaragoza. El objetivo de la visita es favorecer el conocimiento d...

  13. Il contributo dell’Università degli Studi di Milano negli scavi di Gortina: il materiale ceramico proveniente dalle Terme a Sud del Pretorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Panero

    2010-07-01

    Full Text Available Normal 0 14 Il contributo propone un’analisi dei problemi relativi alle principali produzioni ceramiche locali di Gortina (attestazione, luoghi di produzione e circolazione nel centro cretese partendo dalla documentazione materiale dello scavo delle Terme a Sud del Pretorio rinvenuta nel corso delle campagne 2003-2009 dell’Università degli Studi di Milano (Direttore: Prof. G. Bejor. Muovendo la ricerca da una prima classificazione della documentazione disponibile, si pongono le basi per l’analisi di alcune problematiche relative a produzione, utilizzo e circolazione dei prodotti ceramici e al rapporto tra manufatto ceramico e vita quotidiana, con particolare riguardo per le produzioni di ceramica fine e, specificatamente, della locale Sovradipinta bizantina e della Sigillata color crema.

  14. The situation of the wolf (Canis lupus in the area of the Regional Park of the Simbruini Mountains / La situazione del Lupo (Canis lupus nell'area del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Verucci

    1992-07-01

    Full Text Available Abstract This work presents the results of a field research on the species Canis lupus in the Regional Park of the Simbruini Mountains. In relation to Wolf conservation, an investigation on feral and free-roving dogs was carried out. The method of snowtracking was used for Wolves and Feral dogs, the method of sighting was used for free-roving dogs. The research underlines the importance of the Simbruini Mountains for the protection of Wolf in central Apennines and the factors, at present, threatening its survival. Riassunto Nel presente lavoro vengono illustrati i risultati di una ricerca sul campo sulla specie Canis lupus nel Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. In relazione agli aspetti riguardanti la conservazione del Lupo, è stata compiuta un'indagine sul fenomeno del randagismo canino. Per i lupi e i cani inselvatichiti è stato usato il metodo dello snowtracking, per le altre categorie di Cani è stato utilizzato il metodo dell'avvistamento. La ricerca ha messo in luce l'importanza dell'area dei Simbruini per la salvaguardia del Lupo nell'Appennino centrale e i fattori che, attualmente, ne minacciano la sopravvivenza.

  15. Ezio Tarantelli, gli anni ’60 e la presa di coscienza dei problemi sociali in Italia (Ezio Tarantelli, the '60s and the awareness of the social problems in Italy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Sarcinelli

    2012-04-01

    Full Text Available  Il compito che mi sono assegnato è quello di rievocare gli anni ’60 e la presa di coscienza da parte di molti, e di Ezio Tarantelli in particolare, dei gravi problemi sociali che il paese visse senza riuscire a risolverli in modo adeguato o rinviandoli senza affrontarli. Non è per caso che uno storico come Guido Crainz (2003 o un economista come Michele Salvati (2000 parlino di un paese mancato o di occasioni mancate; in precedenza, quest’ultima espressione era stata adoperata da Ciocca, Filosa e Rey (1975. La mia scelta, però, è dovuta al fatto che i miei rapporti con Ezio si concentrarono nel secondo quinquennio degli anni ’60 quando entrambi eravamo al Servizio Studi della Banca d’Italia, io continuativamente sino ai primi mesi del 1969 ed Ezio… saltuariamente! L’ingresso in Banca rimase per qualche anno nominale, avendo egli deciso di fare investimenti nel proprio capitale umano: aveva una volontà di ferro, una visione chiarissima degli obiettivi che voleva raggiungere, una determinazione assoluta nel conseguirli.   The task that I assigned it to evoke the '60s and awareness on the part of many, and  of Ezio Tarantelli in particular, the serious social problems that the country lived without being able to solve them in an appropriate manner or without postponing deal. It is no accident that a historian like Guido Crainz (2003 or as an economist Michele Salvati (2000 speak of a missed country or missed opportunities; earlier, this expression had been used by Ciocca, Filosa and Rey (1975 . My choice, however, is due to the fact that my relationship with Ezio concentrated in the second five years of the 60s when we were both at the Research Department of the Bank of Italy, I continuously until the early months of 1969 and Ezio ... occasionally! The entrance to the Bank remained for some years nominal, since he decided to make investments in their human capital: he had a will of iron, a clear vision of the objectives he

  16. Il riconoscimento in Italia dei provvedimenti stranieri di “stepchild adoption” da parte del coniuge “same sex” del genitore biologico: il Tribunale per i Minorenni di Bologna solleva la questione di legittimità costituzionale degli artt. 35 e 36 della legge 184/1983

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele BILOTTI

    2014-12-01

    Full Text Available Con ordinanza del 10 novembre 2014 il Tribunale per i Minorenni di Bologna, sospettando la violazione degli artt. 2, 3, 30 Cost., nonché dell’art. 117 Cost. in relazione all’art. 8 CEDU, ha sollevato questione di legittimità costituzionale degli artt. 35 e 36 della legge 4 maggio 1983, n. 184 (Diritto del minore ad una famiglia, nella parte in cui, come interpretati secondo il diritto vivente, non consentono al giudice di valutare, nel caso concreto, se risponda all’interesse del minore adottato il riconoscimento della sentenza straniera che abbia pronunciato l’adozione in favore del coniuge del genitore anche laddove il matrimonio in questione sia inidoneo a produrre effetti nell’ordinamento italiano, trattandosi di matrimonio tra persone dello stesso sesso. Nel caso che ha dato luogo alla pronuncia del Tribunale per i Minorenni di Bologna il minore è stato generato all’estero facendo ricorso alle tecniche di fecondazione artificiale con impiego del seme di un cd. donatore anonimo. Subito dopo la nascita la compagna della partoriente ha presentato domanda di adozione al giudice competente e, nel rispetto della legge del luogo, una volta accertata dal giudice la sua idoneità a svolgere il ruolo di madre e l’idoneità del nucleo familiare ad accogliere il minore, ha ottenuto la costituzione in suo favore di un rapporto di genitorialità “legale” rispetto ad esso. In aggiunta al rapporto con la madre biologica si è così costituito in capo al minore un ulteriore rapporto di filiazione “pieno”, ma evidentemente privo di qualsiasi fondamento naturalistico. Diversi anni dopo, sempre all’estero e sempre nel rispetto della legislazione del luogo, le due donne si sono unite in matrimonio. Dopo poco tempo la coppia si è trasferita in Italia portando con sé il minore e stabilendo la propria residenza nel comune di Bologna. A questo punto, il genitore adottivo, già in possesso anche della cittadinanza italiana, si è rivolta

  17. Enhanced biological phosphorus removal from activated sludge system; Eliminacion biologica del fosfor en aguas residuales

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Pidre Bocardo, J. R.; Toja Santillana, J.; Alonso Alvarez, E. [Sevilla (Spain)

    1999-06-01

    A literature review of enhanced biological phosphorus removal was performed. This biological removal is based on the selective enrichment of bacteria accumulating inorganic polyphosphate, obtained at a cyclic regime of alternating anaerobic and aerobic conditions; or anaerobic, anoxic and aerobic zones for combined nitrogen and phosphorus removal. Some bacterial groups may to be implicate in this process, the gen Acinetobacter has been the most studied. In this paper a study of phosphorate forms from wastewater for a conventional activated sludge system is presented. (Author) 40 refs.

  18. Calibration curves for biological dosimetry; Curvas de calibracion para dosimetria biologica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Guerrero C, C.; Brena V, M. [ININ, A.P. 18-1027, 11801 Mexico D.F. (Mexico)]. E-mail cgc@nuclear.inin.mx

    2004-07-01

    The generated information by the investigations in different laboratories of the world, included the ININ, in which settles down that certain class of chromosomal leisure it increases in function of the dose and radiation type, has given by result the obtaining of calibrated curves that are applied in the well-known technique as biological dosimetry. In this work is presented a summary of the work made in the laboratory that includes the calibrated curves for gamma radiation of {sup 60} Cobalt and X rays of 250 k Vp, examples of presumed exposure to ionizing radiation, resolved by means of aberration analysis and the corresponding dose estimate through the equations of the respective curves and finally a comparison among the dose calculations in those people affected by the accident of Ciudad Juarez, carried out by the group of Oak Ridge, USA and those obtained in this laboratory. (Author)

  19. Triterpenos aislados de corteza de Bursera graveolens (Burseraceae y su actividad biologica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jorge Robles

    2005-12-01

    Full Text Available Bursera graveolens (Burseraceae, known in Colombia as "sasafrás", is useful for its medicinal properties and is rich in secondary metabolites. In our research, we carried out antimicrobial tests of several fractions and ethanolic extracts from aerial parts against Bacillus subtilis and Staphylococcus aureus, that showed growth inhibitory activity when applied at 250 mg/mL for extracts and 150 mg/mL for fractions. We carried out an antiinflamatory assay also, that showed 71% of inhibition by extracts (81% of Indomethacin and 70% of inhibition by fractions (78% of Indomethacin. Phytochemical investigation of the bark of Bursera graveolens (Burseraceae yielded three tetracyclic triterpene acids that have oxygenation in C-3, carboxylic acid in C-21 and unsaturation in C-24 and have been identified as 3-oxotirucalla-8,24-dien-21-oic acid (b-elemonic acid, 3a-hydroxytirucalla-8,24-dien-21-oic acid (a-elemolic acid and 3a-hydroxytirucalla-7,24-dien-21-oic acid. The isolated compounds were identified using spectroscopic methods including one and two-dimensional Nuclear Magnetic Resonance (COSY, HMQC, HMBC, NOESY experiments and comparison with published data. This is the first report of the isolated compounds in Bursera graveolens and they have a very important chemotaxonomic significance within the Burseraceae family and related families from the order Rutales.

  20. Vita biografica vs. Vita biologica. La questione dell'anthropos in Karl Löwith

    OpenAIRE

    Fabiana Gambardella

    2012-01-01

    This work focuses on Karl Löwith’s anthropology. Despite the great number of anthropological studies carried out at the beginning of 20th Century and aimed at describing human nature by means of natural science (biology, ethology, zoology), Löwith elaborates an anthropology based on the concept of biographical life. Man is not a simple living being, he is also an unnatural being that produces himself through the relationship with the other within a shared world.

  1. Vita biografica vs. Vita biologica. La questione dell'anthropos in Karl Löwith

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiana Gambardella

    2012-01-01

    Full Text Available This work focuses on Karl Löwith’s anthropology. Despite the great number of anthropological studies carried out at the beginning of 20th Century and aimed at describing human nature by means of natural science (biology, ethology, zoology, Löwith elaborates an anthropology based on the concept of biographical life. Man is not a simple living being, he is also an unnatural being that produces himself through the relationship with the other within a shared world.

  2. Peptidi bioattivi derivanti da proteine alimentari: caratteristiche chimiche e attività biologica

    OpenAIRE

    Fenude, Emma

    2002-01-01

    In questa comunicazione daremo un quadro generale sulle proprietà chimiche, strutturali e biologiche di peptidi biologicamente attivi che derivano da proteine del latte (α- e β-caseina, lattorfina). Parleremo inoltre delle esorfine A4, A5, B4, B5 e C derivanti dal glutine e del loro effetto sulla funzione pituitarica.

  3. Agricultural nonpoint source pollution: prevention and estimate methods; L'inquinamento di origine agricola: quali strumenti di prevenzione e stima?

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Caffarelli, V.; Rapagnani, M.R.; Triolo, L. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Innovazione

    1999-07-01

    Non point source pollutants, such as pesticides and fertilizers derived from agricultural activities, are recognized as an important threat to environment and human health. To prevent the adverse effects of these agrochemicals it is necessary to provide growers and decision makers with easy-to-use information. Attempts have been made to put information on pesticides environmental and health effects into a formula that could summarize, in a single number, these effects. However a single number could be misleading because of the lack of information on chemical-physical parameters and the difficulty to evaluate the relative importance of various environmental and health effects. As an alternative it is here proposed an approach based on schedule containing information, for each pesticides, such as short and long term effects on human health, environmental fate and degradation time, capacity to bio accumulate, toxicity of degradation products. Using information in the schedule, decision makers could make more circumstantiate choices and could program the best agricultural actions under particular environmental circumstances with less impact on man and environment. [Italian] L'inquinamento diffuso derivante dall'uso dei fertilizzanti e dei pesticidi in agricoltura, rappresenta un rischio rilevante per l'ambiente e la salute umana. Al fine di prevenire tale rischio e' necessario fornire a coloro che gestiscono e pianificano le attivita' agricole informazioni facilmente comprensibili, mirate a ridurre o eliminare gli effetti indesiderati derivanti dai prodotti agrochimici. Tentativi sono stati fatti per sviluppare metodologie che sintetizzino queste informazioni in un indice numerico in modo da stilare una graduatoria di pericolosita' dei singoli prodotti. Si propone, in questo lavoro, un approccio basato sulla elaborazione di schede, per ogni principio attivo, che contengono una serie di informazioni quali gli effetti a breve e lungo termine

  4. Arthroscopic reconstruction of the posterior cruciate ligament. MR studies for bone tunnel positioning and comparison with physical findings; La ricostruzione artroscopica del legamento crociato posteriore. Studio con Risonanza Magnetica per il posizionamento dei tunnel ossei e confronto con i risultati clinici

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bellelli, A.; Adriani, E. [Ospedale San Filippo Neri, Rome (Italy). Div. di Ortopedia e Traumatologia; Mariani, P.P. [Rome Univ. (Italy). 1. Clinica Ortopedica

    1999-06-01

    The success of arthroscopic cruciate ligament construction depends on several factors., such as patient selection, current surgical execution and postoperative rehabilitation. Technical considerations include graft choice, positioning, fixations, intercondylar notch enlargement, and new ligament tensioning. Graft acceptance is effected by all these factors. Tunnel position is of great importance both for bio mechanical reasons and optimal function of the new ligament, and to avoid stress, friction, abnormal strain, and/or damage to the reconstructed ligament. Many orthopedic and radiographic literature studies discuss the exact site of anterior cruciate ligament insertion for the best possible anatomical reconstruction, In contrast, the debate over the insertional area and anatomical landmarks is open for the posterior cruciate ligament (PCL), because of the difficult execution of this type of reconstruction and the smaller number of candidate. [Italian] Il successo delle ricostruzioni artroscopiche dei legamenti crociati dipende da numerosi fattori quali la selezione dei pazienti, la corretta esecuzione della tecnica chirurgica e la riabilitazione postoperatoria. Le considerazioni tecniche incudono la scelta del tipo di trapianto, il posizionamento, la fissazione, l'ampiamento della gola intercondiloidea e il tensionamento del neo-legamento. L'attecchimento del trapiantoe' quindi condizionato da tutti questi fattori e tra questi il posizionamento dei tunnel ossei riveste grande importanza sia per motivi biomeccanici e per l'ottimale funzione del neo-legamento, sia per evitare sollecitazioni o attriti anormali e dannosi alla struttura ricostruita. Sono presenti nella letteratura molti studi radiografici e ortopedici per determinare le esatte aree dell'inserzione del legamento crociato anteriore, al fine di eseguire delle ricostruzioni il piu' possibile anatomiche. Al contrario, date le difficolota' dell'esecuzione dell

  5. Filosofare alla fine dei tempi. Riflessioni agambeniane

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandra Scotti

    2012-01-01

    Full Text Available This work focuses on the apocalyptic nature of Giorgio Agamben's philosophical works. The dialogue with Agamben is full of references to St. Paul's letters, Kafka's literary works and Benjamin's messianism. This work tries to define the criteria of the kairological time, considered as a section of the chronological time which deactivates the discretionary mechanism, along the same lines as St. Paul's lessons, which reformulate the distinction between Jews / non-Jews. In this diacritic strategy lies the secret of any future philosophy, that is profanation, meant as the abolition of any sacred limit and the return to a human use.

  6. Problemi dei contingenti all'importazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    V. BARATTIERI

    2014-03-01

    Full Text Available Today trade policy and the politics of protectionism in Italy, for the most part carried out within the EEC, essentially rely on the Community system of customs duties on imported products and variable taxes on agricultural imports. However, there is also a set of domestic trade policy instruments, among which the system of quantitative import restrictions. The present article analyzes the economic, legal and practical aspects of the complex problem of the allocation of import licenses between national operators. In the first part the authors summarize the main differences between quotas and customs duties. The formulas adopted to date in Italy are then re-examined and the criteria used by the other CEE countries are referred to. Finally, the objectives identified as priorities in the field of Public Administration are specified, the main shortcomings of the current system highlighted and some changes proposed.    

  7. Ruolo dei neurosteroidi nella modulazione dopaminergica

    OpenAIRE

    Pes, Romina

    2015-01-01

    Cogent evidence shows that neurosteroids play a key role in the modulation of dopaminergic responses in the brain. Several findings have shown that these compounds can affect the severity of DRT- induced effects in well validated animal models. Over the last few years, we have characterized that inhibition of 5 alpha- reductase (5AR), the key enzyme for androgen metabolism and neurosteroid synthesis, elicts antidopaminergic effects. The 5AR inhibitor, finasteride (FIN), is c...

  8. Caratterizzazione molecolare dei tumori mammari Tripli Negativi

    OpenAIRE

    Bertoni, Ramona

    2013-01-01

    I tumori mammari “Tripli Negativi” (TN) rappresentano circa il 15% di tutti i tumori mammari. Sono tumori clinicamente molto aggressivi, con una prognosi infausta: alta è l’incidenza di metastasi e di recidiva locale. Attualmente per pazienti affetti da questo tumore non esiste uno schema terapeutico efficace, né una terapia molecolare, infatti questi tumori non esprimono il recettore estrogenico (ER), quello progestinico (PGR) e il recettore HER2 (da cui il nome Tripli Negativi). Nella quasi...

  9. A caccia dei segreti della materia

    CERN Multimedia

    Dell'Aglio, Luigi

    2004-01-01

    In Stanford, Marcello Giorgi re-wrote the theories about the interactions of quarks, the bricks composing atoms; this direction of research has led to applications already being used in everyday life, like the PET scan (2 pages)

  10. Jung's psychological analysis of Imago Dei

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivana Ryška Vajdová

    2016-05-01

    Full Text Available One of the most intricate topics that are still open in connection to a Swiss psychologist Carl Gustav Jung is religion and related issues: What is the relation between religion and psychology? What is Jung’s personal stance? Did Jung reject religion as a relict of primitive way of thinking or did he try to replace religion with psychology? Some speculations drawing primarily from Jung’s imagery and symbolism revealed in Liber Novus put forward the claim that he even aspired to found a new religion. This paper will attempt to square Jung’s attitude to religion, mainly Christianity. I will point out the main ideas of his psychology of religion. I will follow the evolution of particular ideas related to religion starting with his early works right through to his last.

  11. Il disgusto nel secolo dei Lumi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maddalena Mazzocut-Mis

    2013-12-01

    Full Text Available In this essay I try to answer two different questions: ‘how can we define disgust?’ and ‘which kind of relationship is there between taste and disgust?’. In order to give a definition of the notion of disgust I analyze the works of different modern philosophers of the 18th century. In the first part of my writing I support the idea that disgust is strictly connected to the sense of smell. Taking into account this consideration and the idea that aesthetic feeling is never a mere pleasure of sense, I then make a distinction between feeling and emotion. This distinction allows me to say that disgust is always an emotion, and it is never connected to a judgment of taste. Within the experience of disgust, the distance and the disinterest that aesthetics requires are nullified: both in reality and in works of art disgust can never be mixed with pleasure. On this basis, I analyze the connection between disgust and hunger, as discussed by Diderot and Lessing, sympathy and animals. Ultimately, I can state that disgust can never be mixed with pleasure, and it can never find a place in the judgment of taste. Disgust isn’t opposed to beauty, but it marks its limits.

  12. Caratterizzazione dei lipidi in matrici alimentari

    OpenAIRE

    Fiori, Myriam

    2011-01-01

    La caratterizzazione della frazione lipidica di un alimento comporta diversi passaggi: l’estrazione del grasso dalla matrice, la derivatizzazione, la separazione degli acidi grassi e la loro identificazione e quantificazione. Dall’esito dell’estrazione dipende la qualità del risultato di tutte le analisi successive volte a caratterizzare i lipidi estratti. L’obiettivo del lavoro è stato quello di confrontare, su carne d’agnello, i principali metodi di estrazione della materia grassa, valut...

  13. Comportamento Sismico dei Collegamenti nelle Strutture Prefabbricate

    OpenAIRE

    Capozzi, Vittorio

    2009-01-01

    Le costruzioni prefabbricate hanno oggi un larga diffusione, in particolar modo per determinate tipologie di edifici, quali quelli industriali (80% di tali edifici è oggi realizzato con struttura prefabbricata) e, in maniera sempre crescente, quelli commerciali ad uno o più piani. Un dato certamente significativo, anche se parziale, sulla diffusione di tale sistema costruttivo è rappresentato dalla produzione di orizzontamenti prefabbricati realizzati nell’anno 2002, che ha toccato i 20 milio...

  14. Una costruzione del sistema dei numeri reali

    CERN Document Server

    Enea, Maria Rosaria

    2012-01-01

    There are many ways to construct the field R of real numbers. The most important and famous of these employ Cauchy sequences (Cantor) or cuts (Dedekind) in the field Q of rational numbers. These constructions sometimes overlook important details and often are complicated and cumbersome. In this note, the authors propose an essential, clear and rigorous construction of R from the stucture Q+ of positive rational numbers by the key notion of initial segment.

  15. Protezione dei dati personali e ricerca biomedica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ciro Gallo

    2007-10-01

    Full Text Available Individual data protection is a legitimate right of everybody, but an excess of zeal in preserving privacy may seriously threaten research for statistical or scientific purposes, e.g. for epidemiological research on medical records; some compromises are needed that guarantee the individual's rights while preserving validity and feasibility of research. An ethical Code for data protection in statistical and scientific research was recently signed from most Italian statistical associations, with the aim of identifying rules and criteria for legitimately and reasonably departing from general rules of Italy's Data Protection Act, when requested from aims and design of research. This paper focuses on biomedical research. The aim is to discuss ethical aspects of clinical and epidemiological research and how they are dealt with by the Code. Peculiarities of biomedical research are first presented along with underlying ethical theories; examples of injuries of legislation on research are then reported from other countries; responses of the Code are finally discussed.

  16. Protezione dei dati personali e ricerca biomedica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Marchi

    2007-10-01

    Full Text Available With the approval of the deontological Code for the treatment of personal data for scientific and statistical research, a phase of uncertainty and ambiguity in the management of sensitive health data was finally ended. The integration of the regulations for medicalm bio-medical and epidemiological research, agreed upon and/or proposed by Scientific societies, harmonize the right of privacy with the principle of free research, in the interest of all people to achieve and/or keep an optimal health state.

  17. Protezione dei dati personali e ricerca scientifica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ugo Trivellato

    2007-10-01

    Full Text Available The issue of privacy versus data access is at the crossroads of the recent legislation on data protection, that extends to all kinds of personal data and their uses. The paper takes the point of view of an analytical user, i.e. a person wanting to (collect and principally process micro data for research purposes. It focuses on some basic features of the issue and on their policy implications. First of all, the societal role of scientific research and its intrinsic needs are considered: they are the basis for motivating a "credit of confidentiality" when personal data are processed for scientific purposes. Some basic principles and guidelines for regulating this credit of confidentiality, as they are set out in recent international recommendations and regulations, are then briefly reviewed. The state of the affairs in Italy is discussed: a fairly strict act on data protection was passed in 1996; substantial improvements were introduced by further legislation; a code of conduct has been recently adopted, which is crucial both for a liberal interpretation of the rules and for making them effective (indeed, the more favourable provisions dealing with the processing personal data for research purposes were conditional on the code to come into force. The concluding remarks stress the need for additional efforts to make micro databases widely available to researchers.

  18. Girotondo dei Numeri (A Ring of Numbers).

    Science.gov (United States)

    Palandra, Maria; And Others

    This workbook in Italian for learning the numbers from one to ten is intended for use in a bilingual education setting. It is introduced and concluded by a song about playing "ring around the rosy" with numbers. Each paqe has a pen and ink drawing illustrating the number and a sentence about the picture and the number. (AMH)

  19. Una classificazione dei segnali discorsivi in italiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elizaveta Khachaturyan

    2011-06-01

    Full Text Available This paper presents an approach to the description of discourse markers (DMs which is based on the studies (from semantic and syntactic perspectives on the material of different languages. A classification of DMs elaborated during this work based on semantic and syntactic criteria is presented and illustrated, in the article, by Italian examples. The following DMs are described : davvero, veramente, dico ; diciamo (It. - disons (Fr. ; tu vois (Fr.. Each subclass (independently of the individual semantics of the word accomplishes a particular task in the discourse and is characterised by general semantic and syntactic features. Moreover, the form of the DM can often indicate to which subclass it belongs. This kind of classification can give necessary cues for contrastive analysis, it can explain as well how to distinguish DMs of the same function and help in the acquisition of DMs (L2 and in translation. The advantages of a similar approach are illustrated by several examples from Italian and French.

  20. Profilo molecolare dei linfomi post-trapianto

    OpenAIRE

    Campidelli, Cristina

    2009-01-01

    Fifty-two cases of monomorphic post-transplant lymphoproliferative disorders (M-PTLD), developed in patients undergone solid organ or bone marrow transplantation, were studied by the application of the tissue micro-array (TMA) technology. They included 50 cases of diffuse large B-cell lymphomas (DLBCL) and 2 Burkitt lymphomas (BL). In order to evaluate the immune-profile a large panel of antibodies was applied including several new markers (Cyclin D2, Cyclin D3, p27, PKC-β, FOXP-1 and Survivi...

  1. La lirica dei putti danzanti di Aquileia.

    OpenAIRE

    Fontana, Federica

    2006-01-01

    Questa relazione esamina la rappresentazione di Cupidi trovata in un mosaico del quarto secolo ad Aquileia, in un’area situatat tra l’antico foro e il porto. Fontana sostiene che il mosaico, che rappresenta alcuni Cupidi alati incorniciati da una ghirlanda di fiori e folgie, potrebbe essere datato o al tempo dell’imperatore Costantino (mosaici simili sono stati rinvenuti nel palazzo di Costantino a Treviri) o al tempo di Costanzo II. In entrambi i casi, il mosaico e il palazzo al quale appart...

  2. Karl R. Popper lettore dei presocratici

    OpenAIRE

    D'Urso, Emanuele

    2015-01-01

    Can we evaluate Popper's attention to Presocratics in a broader and varied interpretative framework than that claimed so far by the critics? This work provides arguments to support a general reconsideration of this research question, mainly through a study of the sources used by Popper in reading the Presocratics philosophers, which prior literature has never addressed. Introduction summarizes, in 3 sections, the critical historiography on this subject. Comments are negative an...

  3. Third voice: Vox populi vox dei?

    OpenAIRE

    Margolis, Michael; Resnick, David

    1999-01-01

    Third Voice, a new "browser companion service" allows users to place annotations on any Web page they visit. These notes can afford an opportunity for netizens to use Third Voice to express their own views about content and communicate with each other. Advocates proclaim that this could this bring a rebirth of the democratic spirit of the Net, but Third Voice has proven to be very controversial. In its first few months it has mostly produced spam, graffiti, hyperlinks to pornographic sites an...

  4. Space Debris: il problema dei rifiuti spaziali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Dussi

    2008-03-01

    Full Text Available Space Debris: the space garbage problemThe dramatic growth in space activities since 1957 has generated a large amount of “in-orbit garbage”, namely space-debris. Many of these are potentially dangerous for space vehicles and/or for the people on Earth. In an acceptable space security framework, amajor role is reserved to cooperative space debris monitoring in order to prevent and to mitigate the effects of the problem.

  5. Space Debris: il problema dei rifiuti spaziali

    OpenAIRE

    Michele Dussi

    2008-01-01

    Space Debris: the space garbage problemThe dramatic growth in space activities since 1957 has generated a large amount of “in-orbit garbage”, namely space-debris. Many of these are potentially dangerous for space vehicles and/or for the people on Earth. In an acceptable space security framework, amajor role is reserved to cooperative space debris monitoring in order to prevent and to mitigate the effects of the problem.

  6. La sorveglianza delle Tossinfezioni Alimentari nell'ASL Cittá di Milano. Analisi del periodo 1996- 2001

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    C. Oggioni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: descrivere l’epidemiologia delle TA indagate dalle unità operative distrettuali del Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’ASL Città di Milano. Metodi: individuazione di eventi epidemici causati da ingestione di alimenti contaminati con una latenza della sintomatologia gastroenterica inferiore alle 72 ore; raccolta attiva e standardizzata su scheda appositamente configurata dei dati conservati su supporto cartaceo negli archivi dei cinque distretti dal 1996 al 2001.

    Risultati: il materiale conservato riguarda 164 sospette TA. Di queste il 15 % risulta non essere una TA, mentre nel 23% non si è giunti a una conclusione. La distribuzione tra i distretti e negli anni per ogni distretto risulta eterogenea, con un calo generale delle segnalazioni nel 2001. Nel 66% dei focolai il numero di casi per evento epidemico è inferiore a 6. Gli agenti eziologici più frequentemente isolati sono: Salmonella non tifoidea (64% e S.aureus (14%. I veicoli alimentari più frequentemente sospettati o identificati sono: uova (33%, prodotti ittici (27% e di pasticceria (7%. La sede di contaminazione non è stata individuata nel 54% dei casi, mentre quella di consumo risulta essere la casa privata nel 42%. I fattori contribuenti, individuati nel 23% dei casi, risultano essere l’inadeguata pulizia e il mancato rispetto delle temperature di conservazione, mentre il ruolo dei portatori è marginale. La segnalazione è giunta ai distretti da parte di privati cittadini nel 22% dei casi e dai pronto soccorso ospedalieri o dal medico curante nel 38%. L’inchiesta epidemiologica viene effettuata nel 93% dei casi, il sopralluogo nel 67%, i campionamenti vengono eseguiti nel 53% dei casi, e di questi il 30% su residui degli alimenti sospetti. Il laboratorio è utilizzato nell’70% dei casi.

    Conclusioni: la diminuzione delle sospette TA nel 2001 e la probabile sottostima

  7. Adempimento agli impegni del “Pacchetto igiene” in quattro allevamenti italiani

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marisanna Speroni

    2015-12-01

    Full Text Available Il DM 22/12/2009 che disciplina il regime di condizionalità ai sensi del regolamento (CE n. 73/2009 e delle riduzioni ed esclusioni per inadempienze dei beneficiari dei pagamenti diretti e dei programmi di sviluppo rurale, fa riferimento, nel campo di condizionalità ”Sanità pubblica, salute degli animali e delle piante”, ai seguenti atti:Atto B9 -Direttiva 91/414/CEE concernente l’immissione in commercio dei prodotti fitosanitari;Atto B10 - Direttiva 96/22/CE concernente il divieto d'utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e delle sostanze Beta-agoniste nelle produzioni animali e abrogazione delle direttive 81/602/ CEE, 88/146/CEE e 88/299/CEE;Atto B11 -Regolamento (CE 178/2002 del Parlamento europeo e del consiglio che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l’autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa le procedure nel campo della sicurezza alimentare. Articoli 14, 15, 17 (paragrafo 1*, 18, 19 e 20. 

  8. Organic and inorganic micropollutants in Adriatic seafood: contamination levels and evaluation of human potential intake; Microinquinanti organici ed inorganici in specie marine eduli del mare Adriatico: livelli di presenza e stima dell`assunzione potenziale da parte dell`uomo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cubadda, F.; Stacchini, P.; Baldini, M. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. Alimenti

    1998-06-01

    Review the state of the art on the chemical contamination of seafood and on the human intake of contaminants through these commodities in the Adriatic area. Scientific literature on the levels of inorganic (i.e. cadmium, chromium, mercury, lead) and organic (i.e. pesticides, polychlorinated biphenyls, dioxins, polycyclic aromatic hydrocarbons) contaminants as well as studies on potential health hazard related to Adriatic seafood consumption were examined. Where sufficient data were available, an evaluation of the average potential intake was carried out through the correlation between contamination levels in marine organisms and seafood consumption. The results of this study did not show any risk for the average consumer related to the consumption of Adriatic seafood. Nevertheless it is essential to carefully evaluate the potential risk to which some population groups, especially high consumers of local seafood, are exposed. For this purpose, it is necessary to obtain additional data on the content of contaminants in the main seafood products and on the levels of consumption by the Adriatic coastal populations. [Italiano] Si propone di fare il punto sullo stato dell`arte in materia di contaminazione chimica delle specie marine eduli e di assunzione di contaminanti da parte dell`uomo mediante tali alimenti nell`are adriatica. A tal fine e` stata presa in esame la letteratura scientifica concernente i livelli di presenza di contaminanti inorganici (cadmio, cromo, mercurio, piombo) e organici (pesticidi, policlorobifenili, diossine, idrocarburi policiclici aromatici), nonche` gli studi relativi al problema del rischio sanitario associato al consumo di prodotti della pesca nel Mare Adriatico. Nel caso dei contaminanti per i quali esiste una sufficiente base di dati si e` proceduto ad una stima dell`assunzione media potenziale calcolata mediante la correlazione dei livelli di presenza negli organismi marini con dati di consumo alimentare. In base ai risultati ottenuti

  9. Sviluppo e applicazione di metodi cromatografici per la determinazione quali-quantitativa di costituenti minoritari di prodotti d'alveare

    OpenAIRE

    Ciulu, Marco

    2011-01-01

    All the products originating in the beehive are attractive ingredients for functional foods. Honey has been used since ancient times as part of traditional medicine although nowadays it is mainly used as a sweetener. The actual composition of honeys varies depending on many factors such as the pollen source, climate, environmental conditions and processing. Royal jelly is the exclusive food of queen honey bee. The chief components of royal jelly are water, proteins, carbohydrates, lipids, min...

  10. Applicazioni industriali e di ricerca della spettroscopia NIR per la valutazione di indici qualitativi di prodotti alimentari

    OpenAIRE

    Silaghi, Florina Aurelia

    2011-01-01

    In the present work qualitative aspects of products that fall outside the classic Italian of food production view will be investigated, except for the apricot, a fruit, however, less studied by the methods considered here. The development of computer systems and the advanced software systems dedicated for statistical processing of data, has permitted the application of advanced technologies including the analysis of niche products. The near-infrared spectroscopic analysis was applied to th...

  11. Il Patrimonio architettonico e ambientale dei paesaggi della Bonifica. Valorizzazione e promozione della memoria dei luoghi

    OpenAIRE

    Visentin, Chiara

    2011-01-01

    The aim of the book is to take a census of the main structures of the heritage of the drainage consortium, in order to arrange a volume of documents which could be useful for future decisions. This will lead to a real knowledge of a wide area such as the one in Emilia Centrale. The cataloguing of the most significant drainage works started from these operative and informative bases, so as to make the district of the consortium a real “cultural and human site”, where culture stands for know...

  12. Stabilità dei prezzi ed equilibrio dei conti pubblici quale condizione per uno sviluppo duraturo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Azeglio Ciampi

    2012-04-01

    Full Text Available The article illustrates Italy's economie recovery as part of a process of re­newal involving the institutions, every area of the economy and ltalian socie­tyas a whole. After the turning point in 1992, a generaI consensus emerged that European integration was necessary and fully consistent with the natio­nal interest. In this context, the three components of economie policy ­budgetary policy, incomes policy, monetary policy -are working in tandem, ensuring stability, the essential condition for any lasting and sustainable growth. Thus inflation has now been beaten; the balance of payments on current account has recorded increasing and substantial surpluses, and there has been a huge reduction in the budget deficit, with a large primary surplus. The sustainability of these results is ensured by the implementation of structural reforms: tax reform, reform of centraI government budget, reform of the civil service, pensions reform and reform of Italy's commercial system.  JEL Codes: E65Keywords:

  13. "Ruolo dei fattori angiogenetici e dei peptidi vasoattivi nella fisiopatologia ostetrico-ginecologica"

    OpenAIRE

    Cerrota, Giuseppe

    2009-01-01

    In questo studio abbiamo voluto valutare il coinvolgimento di fattori angiogenetici, metalloproteinasi e peptidi vasoattivi nella patogenesi di tre patologie di vasta importanza nella pratica ostetrico-ginecologica, quali l’endometriosi,la pre-eclampsia e l’IUGR, che riconoscono nel loro movens patogenetico il coinvolgimento della angiogenesi. A questo scopo abbiamo valutato il potenziale “invasivo” delle cellule endometriali di pazienti affette da endometriosi, paragonandole ai corrispett...

  14. La crisi dei prezzi dei periodici in Italia: quanto ci costano le riviste scientifiche?

    OpenAIRE

    Pievatolo, Maria Chiara

    2013-01-01

    Sospettiamo che i fondi del nostro sistema di ricerca, già gravemente sottofinanziato, siano drenati a favore di giganti editoriali multinazionali e a danno di tutti gli stakeholder locali, quando la pubblicazione accademica potrebbe adottare lo stesso modello del software libero, sviluppando competenze locali che traggono profitto da un codice condiviso. Ma senza dati non è possibile andare oltre il sospetto, anche se, certamente, potremmo spendere meglio i soldi del contribuente. In a...

  15. Cineturismo ed economia dei media: il caso dei film indiani girati in Italia

    OpenAIRE

    Marco Cucco; Massimo Scaglioni

    2016-01-01

    A partire dalla fine degli anni Novanta l’industria audiovisiva indiana ha intensificato il numero di riprese effettuate all’estero, in particolar modo nei paesi occidentali. Questa migrazione di riprese rappresenta una grande occasione per i paesi ospitanti. L’industria cinematografica indiana, infatti, è la più prolifica al mondo e i suoi film riscuotono un ampio successo nel mercato domestico, con una quota di mercato stimata attorno al 90-95%. Ma il cinema indiano sta raccogliendo consens...

  16. Arte dei giardini per la qualità dei paesaggi urbani attraversati

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Lambertini

    2015-11-01

    Full Text Available At present one of the most discussed topics is the relationship between infrastructures for mobility ant the crossed territories and landscapes. Starting from the definition of the concepts of crossing and urbanscape, the article proposes a reading of recent European experiences of construction and/or recovery of empty spaces leaved by active or lost railway or street infrastructures within the town, interpreted like expression of a contemporary garden and urbanscape art. 

  17. Come cambia il ruolo dei bibliotecari. Il caso dei depositi istituzionali

    OpenAIRE

    Cassella, Maria

    2008-01-01

    Institutional repositories are a new challenge for academic libraries. Their management and curation highlight a new modern role for librarians. In UK from 2007 a new professional organisation gathers the Open Access repository managers: United Kingdom Council of Research Repositories (UKCoRR). UKCoRR embrace the new vision of the work of the repository managers as a professionally recognised and supported role within UK research institutions.

  18. La determinazione dei costi standard per le aziende dei trasporti pubblici locali: riflessioni e problematiche applicative

    OpenAIRE

    Loris Landriani; Alessandro Scaletti; Luigi Lepore

    2012-01-01

    The federalist reform, recently launched in Italy, brought to the revision of the financing mechanisms of public institutions. These ones will no longer be based on the historical expense of public entities but on the calculation of specific standard costs, useful to define the standard financing needs of public institutions. In such a framework, this paper investigates the conditions for the applicability of standard costs methodology to local public transport companies, providing insights a...

  19. Il mercato dei diritti d’impianto dei vigneti nel Veneto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Galletto

    2015-02-01

    Full Text Available The paper represents a pioneering study of market for vineyard planting rights. Based on two ad hoc surveys, it is aimed at identifying the characteristics of demand, supply and prices for planting rights in Veneto Region since first transactions (1995 to 2007. Results give a picture of a highly heterogeneous market, showing significant changes not only in prices. The use of cluster analysis have made possible to find out the presence of local market segmentation. Thanks to a demand, which grew faster than local supply, prices increased sharply until 2004; then a quick downturn followed. A wide gap exists between maximum and minimum price in the same zone combined with strong spatial price variability among and within provinces.

  20. Gli stati e le dinamiche dei processi insediativi e infrastrutturali di trasformazione dei suoli in Italia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bernardino Romano

    2015-11-01

    Full Text Available In the last 50 years urban land conversion had an evident and undeniable acceleration. Nowadays it's not possible giving the reliable measurement of the state due to a chronic lack of knowledge at every territorial level, from the national to the municipal. The major problem is the absence of a clean border between urbanized areas and countryside, unlike other northern European Countries. This paper present the results in progress of the research about urban increasing in Italian regions in the last mid century. Several statistical elaboration show some effect and trends on landscape structure.

  1. La pubblicazione dei dati sui beneficiari dei Fondi Strutturali: quali strategie per le regioni europee?

    OpenAIRE

    Ricci, Chiara Assunta; Biagetti, Marco; Reggi, Luigi

    2015-01-01

    European Cohesion Policy and its Structural Funds, involving all EU Regions and Member States, are a well-suited context to verify the presence of different approaches to the publication of Open Government Data, a crucial tool to foster governmental transparency and accountability. Following the theoretical framework introduced by Dawes (2010), this paper is aimed at exploring how national and regional managing authorities of Structural Funds are making available the data on the use of the fu...

  2. Vaccinazione antinfluenzale nella ASL RMF della Regione Lazio: verifica dei risultati e dei costi sostenuti

    OpenAIRE

    L. Di Marzio; F. Di Marcantonio; C. Fusillo; Sinopoli, M. T.; SGRICIA, S.

    2003-01-01

    Obiettivi: la vaccinazione antinfluenzale nella
    Regione Lazio dalla campagna 1999-2000 viene
    condotta sulla base di un protocollo regionale che,
    per favorire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti
    dal Piano Sanitario Nazionale, coinvolge i
    Medici di Medicina Generale (MMG) prevedendo
    una remunerazione aggiuntiva in parte fissa (a prestazione), in parte variabile (condizionata dal risul...

  3. Studio del comportamento bio-meccanico dei rifiuti solidi urbani (RSU) e modellazione dei cedimenti secondari

    OpenAIRE

    Conte, Michele

    2013-01-01

    One of the strategic aspects of the development of large urban agglomerations is undoubtedly the management of solid wastes. To cope with the need for waste disposal, two strategies can be followed: the incineration and the storage in landfill, with or without pre-treatment. The latter solution, widely practiced in Italy, requires many careful considerations about the environmental, sanitary and geotechnical aspects, in order to ensure the usability of this service in safety conditions during...

  4. The influence of light, temperature and feeding on the growth of the Coras cladocora caespitosa and Balanophyllia europaea; L'influenza di luce, temperatura e alimentazione sulla crescita dei coralli mediterranei Cladocora caespitosa e Balanophyllia europaea. Risultati preliminari di una sperimentazione in ambiente controllato

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Rodolfo-Metalpa, R.; Abbate, M.; Peirano, A. [ENEA, Divisione Ambiente Globale e Mediterraneo, Centro Ricerche S. Teresa, La Spezia (Italy)

    2001-07-01

    In the course of the environmental studies, carried out by ENEA-CRAM Center of S. Teresa near La Spezia, research has been performed about bioconstructional organisms in the Mediterranean Sea. To understand how these organisms respond to environmental parameters an experiment has been carried out in aquaria. Specimens of the Mediterranean coral Cladocora caespitosa and Balanophyllia europaea has been maintained in 80 independent aquaria for four months. Growth rates, pigments concentration and asexual reproduction of the corals were compared in experimental procedures with controlled conditions of light, temperature and food. Environmental parameters have been set out to simulate natural (winter and summer) ambient in the Ligurian Sea. Heterotrophic and autotrophic abilities of the corals have been compared. Results show different growth rates between the two species but similar heterotrophic growth patterns. Summer temperature largely influences growth rates and asexual reproduction of the species while light influence is small. [Italian] Nell'ambito delle ricerche svolte dall'ENEA sullo studio degli organismi biocostruttori nell'ambiente marino, e' stata svolta una sperimentazione al fine di valutare l'influenza di alcuni parametri ambientali (luce, temperatura e alimentazione), impostati in modo da simulare la naturale stagionalita' (inverno ed estate), sulla crescita e sulla riproduzione asessuale dei coralli mediterranei Cladocora caespitosa e Balanophyllia europaea. Queste sperimentazioni sono state condotte, per un periodo di circa quattro mesi, in ottanta acquari indipendenti caratterizzati da differenti livelli di luce, temperatura e alimentazione. Le valutazioni degli incrementi di peso e della crescita lineare sono state eseguite utilizzando differenti metodiche note in letteratura. Soprattutto la tecnica del Peso Galleggiante (Buoyant Weight) si e' dimostrata molto sensibile ed efficace. La capacita' (eterotrofia

  5. Censorship and dubbing in italian cinema in the early sound movies

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Catolfi

    2015-10-01

    Full Text Available Il cinema italiano durante gli anni Venti conosce una profonda crisi determinata da vari fattori, tra cui il fallimento dell’Unione cinematografica italiana. I film muti prodotti in Italia passano dai 1029 del 1911 ai 415 del 1920. Sono solo 23 nel 1929. Nel 1930 si tocca il fondo con 18 film italiani e 374 stranieri. Dal 1932 al 1933 invece riprendono in modo lento a crescere: 1931 (27 italiani e 262 stranieri, 1932 (31 italiani e 229 stranieri, 1933 (36 italiani e 260 stranieri probabilmente grazie al cinema sonoro che inizia a diffondersi e ad altre concause. Dopo il successo negli Stati Uniti del film il Cantante di Jazz l’industria si converte rapidamente alla possibilità di rendere sonora la pellicola. In Italia il Cantante di Jazz arriva due anni dopo, il 19 aprile 1929. Appena nato il sonoro nel cinema, l’industria cinematografica italiana deve affrontare subito il problema delle barriere linguistiche che causava una difficoltà enorme per la commerciabilità dei prodotti italiani fuori dai confini nazionali. L’avvento del regime fascista non aiuta la situazione della crisi generale del cinema italiano perché nella sua prima fase il regime non si occupa del cinema in maniera diffusa.

  6. L'azione collettiva dei lavoratori precari: elaborazione simbolica, identità collettive, rapporto con i sindacati e con la dimensione politica. Una comparazione tra Italia e Spagna (The collective action of precarious workers: symbolic production, collective identities, the relationship with trade unions and politics. A comparison between Italy and Spain

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberta Giorgi

    2015-07-01

    Full Text Available Negli ultimi anni la crisi economica ha colpito con forza l’intero Sud Europa, esasperando dinamiche di impoverimento e precarizzazione di lungo periodo. In Italia e in Spagna, tra gli altri, si è assistito a mobilitazioni contro la precarietà lavorativa e esistenziale. In questo contributo vengono presi in esame i movimenti contro la precarietà in Italia e in Spagna, allo scopo di analizzarne la genesi, gli sviluppi e le prospettive future. In particolare, il paper si concentra sulle rivendicazioni dei movimenti, l’autorappresentazione, la struttura delle alleanze e le strategie di azione, mettendo in luce i risultati delle proteste e i repertori discorsivi e di azione. | In the last years, the economic crisis heavily hit all the Southern European States, exacerbating well rooted dynamics of impoverishment and precarization. In Italy and Spain, among others, social movements against labour and existential precarity developed and took the streets, receiving a high degree of media attention. In this paper we focus on the movements against precarity in Italy and Spain, in order to analyse their genesis, developments, and future opportunities. In particular, the paper focuses on the movements’ claims, their self-representation, the structure of alliances and their strategies of action, highlighting the results of the protests and the repertories of discourse and action.

  7. La lunga attesa di Marsis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabrizio Bernardini

    2005-10-01

    Full Text Available Abbiamo parlato in altre occasioni di MARSIS e della sua progenie SHARAD, due esperimenti italiani per la misura di caratteristiche sottosuperficiali del pianeta Marte. Prodotti innovativi ed unici che nascondono un potenziale scientifico elevato. La strada per Marte però non è così facile come può sembrare e se la realizzazione degli strumenti non è stata esente da dolori, l’interpretazione e la divulgazione dei risultati non sono da meno. Le incertezze ed i dubbi sono però ora dissipati: l’esperimento MARSIS funziona perfettamente e per la prima volta nella storia dell’umanità abbiamo uno strumento e gli elementi per capire cosa c’è nel sottosuolo di un altro pianeta, senza aver inviato sul posto geologi ne’ tantomeno squadre per movimenti di terra.

  8. Between tradition and innovation: the discursive construction of a “world-leading” university

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Perrotta

    2016-07-01

    Full Text Available Questo articolo applica l’analisi del discorso a due “testi” prodotti dall’università di Harvard: un estratto dal catalogo ufficiale dei corsi universitari, e la lista di corsi “HarvardX” offerti sulla piattaforma MOOC EdX. L’analisi dimostra come Harvard legittimi il proprio ruolo attraverso le due forme di offerte didattica, adottando un linguaggio apparentemente neutro per definire le identità e le pratiche di studenti tradizionali e “utenti” online. La sezione analitica riporta la descrizione delle strutture semiotiche e delle scelte grammatico-stilistiche nei due testi (in inglese. L’interpretazione suggerita è che le differenze tra i due testi siano, allo stesso tempo, di natura didattica e sociopolitica. L’articolo offre anche una panoramica originale su alcune delle pratiche didattiche adottate ad Harvard.

  9. L’APPARATO DEL GOLGI: NUOVI RUOLI PER UN VECCHIO ATTORE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziana Apuzzo

    2006-01-01

    Full Text Available L’Apparato del Golgi viene generalmente considerato come deputato alla secrezione, all’impacchettamento e alla condensazione dei prodotti di secrezione. Tuttavia negli ultimi 15 anni, numerose osservazioni sperimentali oltre a confermare questo ruolo, hanno suggerito altre funzioni più complesse. Sembra interessante il comportamento del Golgi e di altre proteine ad esso associate durante i processi di divisione cellulare. GRASP65, una proteina dinamicamente associata al Golgi, sembra essere coinvolta nel processo di disassemblamento dell’organulo durante la mitosi. Le diverse funzioni che GRASP65 è in grado di svolgere durante la varie fasi del ciclo cellulare sostengono l'ipotesi che vedono GRASP65 determinante nella regolazione del destino differenziativo della cellula. Tutto questo porta ad un concetto nuovo che vede il Golgi come un’importante centro di smistamento delle informazioni tra nucleo e la superficie cellulare nonché ipoteticamente coinvolto in ruoli diversi da quelli ormai noti.

  10. Promotion of environmental managements systems (EMAS, ISO 14.000) in the Italian small and medium industries. The applied experiences achieved by ENEA; Promozione dei sistemi di gestione ambientale (EMAS, ISO 14.000) nelle piccole e medie imprese italiane. Le esperienze applicative dell `ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Andriola, Luca; Brunetti, Nicola; Caropreso, Gaetano; Luciani, Roberto [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-03-01

    EMAS (Environmental Management and Audit Scheme) introduced by the Regulation n. 1836/93, is one of the new tools activated by the European Community to overcome the old `Command and Control` philosophy and adopt an approaching policy in the `Moral suasion` logic. It is based on the sharing out of the responsibility, dialogue and action agreed upon by the concerned parties on the basis of impartial and reliable information. EMAS has voluntary character and presents many analogies with ISO 14.000 international system with which a deeper integration is being attempted for a revision of the Regulation. In the frame of present national and international situation, the report shows the recording path of an EMAS site and the experiences achieved up to now particularly by ENEA. [Italiano] L`EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), introdotto con il Rergolamento n. 1836/93, rappresenta uno dei nuovi strumenti che la Comunita` Europea ha attivato per superare la vecchia logica del `Command and Control` (Imponi e Sorveglia) e passare ad una nuova filosofia di approccio nella logica della `Moral suasion` (persuasione morale) per un rapporto basato sulla ripartizione delle responsabilita` attraverso un dialogo e un`azione concertata tra le parti interessate sulla base di un`informazione obiettiva ed affidabile. Lo strumento EMAS ha carattere di volontarieta` e presenta profonde analogie con il sistema internazionale ISO 14.000 con il quale si sta tentando, a livello di revisione del Regolamento EMAS, una integrazione piu` profonda. Nel rapporto vengono illustrati, nel quadro dell`attuale situazione nazionale ed internazionale, il percorso di registrazione di un sito EMAS e le esperienza finora attuare con particolare riferimento a quelle dell`ENEA.

  11. Thiosemicarbazones: preparation methods, synthetic applications and biological importance; Tiossemicarbazonas: metodos de obtencao, aplicacoes sinteticas e importancia biologica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Tenorio, Romulo P.; Goes, Alexandre J.S. [Universidade Federal de Pernambuco, Recife, PE (Brazil). Dept. de Antibioticos]. E-mail: ajsg@ufpe.br; Lima, Jose G. de; Faria, Antonio R. de; Alves, Antonio J.; Aquino, Thiago M. de [Universidade Federal de Pernambuco, Recife, PE (Brazil). Dept. de Ciencias Farmaceuticas

    2005-11-15

    Thiosemicarbazones are a class of compounds known by their chemical and biological properties, such as antitumor, antibacterial, antiviral and antiprotozoal activity. Their ability to form chelates with metals has great importance in their biological activities. Their synthesis is very simple, versatile and clean, usually giving high yields. They are largely employed as intermediates, in the synthesis of others compounds. This article is a survey of some of these characteristics showing their great importance to organic and medicinal chemistry. (author)

  12. Valutazione biologica di inibitori di tirosinasi nei confronti di larve e pupe di Tenebrio molitor L. (Coleoptera Tenebrionidae)

    OpenAIRE

    Fois, Xenia; Fara, Marcella; Dettori, Maria Antonietta; Fabbri, Davide; Delogu, Giovanna; Pantaleoni, Roberto A.

    2014-01-01

    Tyrosinase plays an important role in cuticle tanning and sclerotization in insects. Use of selective inhibitors active toward this enzyme could offer the opportunity to elaborate new sustainable biological control techniques. These substances might also act as a synergistic increasing target species susceptibility to pathogen agents or insecticides.

  13. Persistência biologica de ametryn, diuron e oxyfluorfen no solo Biological persistence of ametryn, diuron, and oxyfluorfen in soil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Antonio Peñaherrera-Colina

    2005-10-01

    Full Text Available Realizou-se este trabalho com o objetivo de avaliar a persistência biológica de herbicidas de pré-emergência em condições de casa-de-vegetação utilizando a aveia (Avena sativa L. como planta teste. O experimento foi instalado na Estação Experimental Boliche, Província de Guayas, Equador entre outubro e dezembro de 2002. O delineamento experimental foi de blocos ao acaso com quatro repetições, em esquema fatorial (3 x 4 x 4 + 1, envolvendo aplicações de três herbicidas (ametryn a 2,0 kg ha-1, diuron a 3,2 kg ha-1 e oxyfluorfen a 0,48 kg ha-1 no solo, mais uma testemunha sem aplicação de herbicida. Após as aplicações este foi amostrado em quatro profundidades (0-5, 5-10, 10-15 e 15-20 cm, em quatro épocas distintas (10, 20, 30 e 40 dias após aplicação. As amostras foram coletadas do campo utilizando-se cilindros de PVC. Nessas amostras cultivou-se aveia para as avaliações de persistência biológica dos produtos. Não se observaram efeitos dos tratamentos na germinação da aveia até os 40 dias após a aplicação (daa. Maior sintoma visual de fitotoxicidade e menor acúmulo de matéria seca total (MST, matéria seca da parte aérea (MAS e matéria seca da raiz (MSR foram observadas em plantas de aveia cultivadas em amostras de solo tratadas com diuron coletadas na camada de 0-5 cm aos 10, 20, 30 e 40 dias. A aveia mostrou alta sensibilidade aos herbicidas testados e desses produtos o diuron foi o que apresentou a maior persistência e a menor mobilidade no solo.This investigation had the objective of evaluating the biological persistence of pre-emergence herbicides under greenhouse conditions. Oat plants were used as test organisms. The experiment was established at Boliche Experiment Station, Província Guayas, Ecuador from October to December/2002. The experimental design was a randomized block, in a 3 x 4 x 4 + 1 factorial scheme, involving three herbicides (ametryn at 2.0 kg ha-1, diuron at 3.2 kg ha-1, and oxyfluorfen at 0.48 kg ha-1, plus a control. After herbicide applications soils were sampled in four different depths (0-5, 5-10, 10-15, and 15-20 cm at four dates (10, 20, 30, and 40 days after herbicide applications. Soil layers were colleted from field using PVC pipes, which were planted with 10 oat seeds. The herbicides did not promote oat seeds emergence reduction. Diuron at the 0-5 cm layer showed the highest visual symptoms of phytotoxicity and the lowest production of dry matter (total, shoots, and roots per oat plants at all sampling dates (10, 20, 30, and, 40 days after herbicide applications. Oat plants showed good sensitivity to the herbicide residues. Diuron was more persistent in the soil when compared with ametryn and oxyfluorfen.

  14. Biological Dosimetry of X-rays by micronuclei study; Dosimetria Biologica de rayos-X mediante el estudio de micronucleos

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gomez, E.; Silva, A.; Navlet, J.

    1991-07-01

    Biological dosimetry consists of estimating absorbed doses for people exposed to radiation by mean biological methods. Several indicators used are based in haematological, biochemical an cytogenetics data, although nowadays without doubt, the cytogenetic method is considered to be the most reliable, in this case, the study of micronuclei in peripheral blood lymphocytes citokinetics blocked can be related to absorbed dose through an experimental calibration curve. An experimental dose-response curve, using micronuclei assay for X-rays at 250 kVp, 43,79 rads/min and temperature 37 degree centigree has been produced. Experimental data is fitted to model Y=C+ {alpha}D+BD''2 where Y is the number of micronuclei per cell and D the dose. The curve is compared with those produced elsewhere. (Author) 24 refs.

  15. 5. Conference cycle. The radiations and the Biological Sciences; 5. Ciclo de conferencias. Las radiaciones y las Ciencias Biologicas

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Balcazar G, M.; Chavez B, A

    1991-06-15

    Nuclear technologies and their development have influenced many aspects of modern life. Besides used for electricity production nuclear technologies are applied in many other fields, especially in biological sciences. In genetics and molecular biology they enable research resulting in increased food production and better food preservation. Usage in material sciences lead to new varieties of plastics or improved characteristics. Nuclear applications are used in pe troleum industries and in forecasting geothermic power. Radiobiology and radiotherapy enable diagnosis and therapy of several diseases, e.g. cancer. Nuclear technologies also contribute to preserve the environment. They offer methods to analyse as well as decrease the environmental impacts. The 5. conference cyle entitled 'The Radiations and the Biological Sciences' aims to inform students of biological sciences about new nuclear technologies applied in their field of interest.

  16. Persistência biologica de ametryn, diuron e oxyfluorfen no solo Biological persistence of ametryn, diuron, and oxyfluorfen in soil

    OpenAIRE

    Luis Antonio Peñaherrera-Colina; Itamar Ferreira de Souza; Luiz Roberto Guimarães Guilherme; Júlio Sílvio de Sousa Bueno Filho

    2005-01-01

    Realizou-se este trabalho com o objetivo de avaliar a persistência biológica de herbicidas de pré-emergência em condições de casa-de-vegetação utilizando a aveia (Avena sativa L.) como planta teste. O experimento foi instalado na Estação Experimental Boliche, Província de Guayas, Equador entre outubro e dezembro de 2002. O delineamento experimental foi de blocos ao acaso com quatro repetições, em esquema fatorial (3 x 4 x 4 + 1), envolvendo aplicações de três herbicidas (ametryn a 2,0 kg ha-1...

  17. Biologic fixation of nitrogen in irradiated rhizobium strips; Fixacao biologica do nitrogenio em estirpes de rizobianas irradiadas

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Caribe, Rebeka Alves; Colaco, Waldeciro [Pernambuco Univ., Recife, PE (Brazil). Dept. de Energia Nuclear

    2002-07-01

    Native Rhizobium sp. and Bradyrhizobium sp. isolates from the root nodules of bean and cowpea were selected. Six isolates, and the SEMIA 4077 (R. leguminosarum bv. phaseolus) and SEMIA 6145 (Bradyrhizobium sp) strains used as references, were irradiated with ultraviolet light (R-uv) and gamma rays (R-{gamma}). The D{sub 37} values for the rhizobial strain SEMIA 4077 were 43 J.m{sup -2} (UV) and 32 Gy (R-{gamma}) and for the SEMIA 6145 were 45 J.m{sup -2} (UV) and 35 Gy (R-gamma). Through a greenhouse experiment the irradiated isolates were inoculated on bean (P. vulgaris L., cv. Princesa) and on cowpea [Vigna unguiculata, (L.) Walp, cv. IPA-206] seedlings, in an attempt to evaluate the sensitivity of the host plants, and possible effects on their nodulation. Differences in responses to nodulation due to the effect of irradiation were observed for the isolates tested. Significantly differences were observed only for nodules dry matter yield of the IPA-206 cultivar. Gamma irradiated treatment were statistically superior to treatments with ultraviolet light in relation. (author)

  18. Serological, electrophoretic and biological properties of Fasciola hepatica antigens Propiedades serologicas, electroforeticas y biologicas de antigenos de Fasciola hepatica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura A. Cervi

    1992-12-01

    Full Text Available Fasciola hepatica somatic antigen, its partially purified fractions and excretion-secretion products were investigated as to serological, electrophoretic and biological properties. In a Sephadex G-100 column (SG-100, Fasciola hepatica total antigen (FhTA gave 5 fractions, and SDS-PAGE analysis showed they were glycoproteins ranging from 14 to 94 kDa molecular weight (MW. When these fractions were analyzed by enzyme linked immunotransfer blot (EITB and immunodiffusion in gel (ID with serum from immunized rats with FhTA, the presence of different antigenic components was revealed. In the SDS-PAGE of excretor-secretor antigen (ESA, it was possible to observe peptides from 12 to 22 kDa, which were also present in FhTA. When the FhTA, its fractions and the ESA were analyzed by EITB with the immune rat serum (IRS, it was observed that only some fractions of the SG-100 shared antigens with the FhTA and ESA. Moreover, DTH and ITH responses were studied in FhTA immunized rats challenged with these different antigen components, revealing that the protein/carbohydrate ratio is important for inducing DTH response. The ESA was the most active component in the DTH and ITH response.Se realizó la purificación parcial de un antigeno somático de Fasciola hepatica y se obtuveron los productos de excreción-secreción. Por filtración del antigeno total de Fasciola hepatica en Sephadex G-100 (SG-100, se obtuvieron 5 fracciones las que al ser analizadas por electroforesis en geles de poliacrilamida, demostraron estar constituidas por glicoproteínas con un rango de peso molecular (PM entre 14 y 94 kDa. Cuando estas fracciones fueron analizadas por immunoblot e inmunodifusión en geles de agar frente al suero de ratas inmunizadas con el homogenato total se reveló la presencia de diferentes componentes antigénicos. Usando un antígeno excretor-secretor fue posible observar en el perfil electroforético la presencia de péptidos con un PM entre 12 y 22 kDa, los cuales también estan presentes en el antígeno total. Cuando el antígeno total, sus fracciones y los productos de excreción-secreción fueron analizados por immunoblot frente a suero de rata inmune, se pudo demostrar que algunas fracciones obtenidas por filtración en SG-100 comparten antígenos con el homogenato total y el excretor-secretor. Por otra parte, cuando se estudio la respuesta de hipersensibilidad demorada e inmediata en ratas inmunizadas con el antígeno total, y desafiadas con los distintos componentes antigénicos se observó que la proporción proteínas/carbohidratos de cada fracción es importante en la inducción de la respuesta inmune celular. El antígeno excretor-secretor demostró ser el componente mas activo en ambos tipos de respuesta.

  19. Caratterizzazione di ceppi Listeria monocytogenes isolati da formaggi a pasta molle e semi-molle prelevati nella regione Abruzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vicdalia A. Acciari

    2011-01-01

    Full Text Available Sono stati caratterizzati 47 ceppi di Listeria monocytogenes isolati in un’indagine condotta su formaggi prelevati al dettaglio. Cinque formaggi (gorgonzola, taleggio, asiago, crescenza e brie sono stati selezionati tra quelli a pasta semi molle e molle di maggior consumo su scala nazionale e più frequentemente contaminati da Listeria monocytogenes. Per ogni ceppo è stato determinato il sierotipo, il pattern di resistenza agli antibiotici e il profilo di macrorestrizione con la Pulsed Field Gel Electrophoresis (PFGE. I principali sierotipi rilevati sono risultati l’1/2a (76,6% e l’1/2c (21,3% mentre il sierotipo 1/2b è stato rilevato solo in 1 campione. Il 97,9% dei ceppi è risultato resistente all’oxicillina, l’80,9% alla lincomicina e il 78,7% alla clindamicina. La resistenza a 2 antibiotici è stata rilevata nel 17% dei ceppi con due diversi pattern (OXCC, OXL mentre a 3 nel 70,2% con un unico profilo (OXCCL. Non sono stati rilevati ceppi sensibili a tutte le molecole testate. Con l’analisi combinata dei profili di macrorestrizione di AscI e ApaI, sono stati identificati 11 pulsotipi suddivisi in 3 cluster. Due pulsotipi sono risultati prevalenti raggruppando rispettivamente il 57,4% e il 21,3% dei ceppi isolati. L’analisi dei profili PFGE non ha rilevato relazioni tra pulsotipo e tipo di formaggio, ditta produttrice o punto vendita. La valutazione della distribuzione temporale dei pulsotipi ha messo in evidenza la presenza di un profilo persistente durante tutto il periodo di studio, ad eccezione dei mesi di agosto e settembre in cui è stato rilevato un pulsotipo diverso. Pertanto l’indagine ha permesso di rilevare la variabilità nel tempo della prevalenza di alcuni specifici pulsotipi che ha fatto ipotizzare l’intervento di fattori che hanno influenzato le dinamiche di contaminazione di questi prodotti. Studi su larga scala potrebbero contribuire al chiarimento di tale fenomeno.

  20. Sulphides balance in tanning leather district in Tuscany: evaluation of H{sub 2}S emissions and estimation of their impact on the air quality of the area; Bilancio dei solfuri nel comprensorio del cuoio: valutazione delle emissioni di dirogeno solforato e del loro impatto sulla qualita' dell'aria della zona

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Campi, B.; De Blasi, E.; Vanni, D.; Scali, C. [Pisa Univ., Pisa (Italy). Dipt. di Ingegneria Chimica, Chimica Industriale e Scienza dei Materiali; Spinazzola, A. [ARPAT-Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Pisa (Italy). Dipt. di Protezione Ambientale, Sez. locale di San Romano

    2000-09-01

    The paper deals with an evaluation of hydrogen sulphide emissions from leather tanning industries and water purification plants in the leather district in Tuscany. The aim of the work is to correlate different sources emissions of the area with pollutant concentrations recorded by the monitoring network. Global quantities of treated substances, different plants typologies and operating mode, have been considered, following the indications of the ARPAT's archives. This analysis, updated to 1998, gives interesting information about the trend of emissions and their weight on air quality: the effect of tanning leather industries emissions during the 'pickel' operation results greater than the average purification plants contribution to air quality, even if, cause of the high quantity of treated sulphides, the weight of purification plants remains important. The trend of measured concentration of pollutant in air shows a clear improvement of air quality during last three years (1997-199). [Italian] L'articolo presenta una valutazione delle emissioni di idrogeno sulforato da aziende conciarie e da impianti di trattamento delle acque reflue industriali nel comprensorio del cuoio. in Toscano. Lo scopo dell'indagine e' quello di valutare la possibilita' di correlare le emissioni delle diverse sorgenti della zona con i valori di concentrazione di inquinante al suolo rilevati dlla rete di monitoraggio. La valutazione tiene conto delle quantita' complessive di sostanze lavorate, delle diverse tipologie degli impianti e del loro stato di funzionamento, secondo quanto risulta dai dati contenuti nell'archivio dell'ARPAT (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana). L'analisi aggiornata al 1998, fornisce indicazioni circa l'andamento dei fenomeni emissivi ed il loro peso sulla qualita' dell'aria. In particolare si evidenzia come l'effetto delle emissioni dalle aziende conciarie durante l

  1. Eco-compatible products and processes development. ENEA promotion actions; Sviluppo di prodotti e processi ecocompatibili. Le attivita' dell'ENEA

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, R. [ENEA, Divisione Tecnologie Ingegneria e Servizi Ambientali, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Andriola, L. [ENEA, Divisione Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The new industrial political tools based on the Sustainable development of productive activities and originating at the Rio Conference in 1992, late introduced by the EU, the Government and voluntary organizations (ISO, CEM, UNI) are gradually entering the market, thereby underlying their effect in terms of industrial competitiveness. The main tools were examined in this report and mostly refer to the voluntary ones which, in surpassing the Command and Control logic, increasingly tend to get close to traditional fiscal, tariff and financial ones. [Italian] I nuovi strumenti di politica industriale orientali allo Sviluppo Sostenibile delle attivita' produttive che traggono origine dalla Conferenza di Rio del 1992 e sono stati introdotti successivamente da pare della Comunita' Europea, dal Governo e dagli Organismi di normazione volontaria (ISO, CEN, UNI), stanno gradualmente penetrando sul mercato facendo valere i loro effetti in termini di competitivita' delle imprese. Nel rapporto sono stati esaminati i principali tra questi strumenti con particolare riferimento a quelli volontari che sempre piu', nel superamento della logica del Command-Control, tendono ad affiancarsi a quelli tradizionali di carattere fisale, tariffario e finanziario.

  2. Metodi analitici per la caratterizzazione e la valutazone della sicurezza alimentare di prodotti tradizionali della filiera lattiero-casearia ovina della Sardegna

    OpenAIRE

    Zazzu, Claudia

    2011-01-01

    Biogenic amines (BA) are compounds formed in fresh and fermented food. Cheese provide a good substrate for the production of BA. In this study a RP-HPLC method was developed, optimized and validated to determine eight BA (tryptamine, 2phenylethylamine, putrescine, cadaverine, histamine, tyramine, spermidine and spermine) in a traditional PDO sheep cheese: Fiore Sardo. The method was validated in terms of LOD, LOQ, linearity, precision and accuracy. The method was used to analyse 36 samples of...

  3. Multiresidue analytical procedures for pesticides residues in vegetable products; Metodi mutiresiduo per l`analisi di residui di antiparassitari in prodotti vegetali

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gruppo di lavoro per i residui di antiparassitari della Commissione permanente di coordinamento interregionale per i problemi relativi al controllo ufficiale dei prodotti alimentari

    1997-09-01

    Multiresidue methods for pesticide residues in vegetable products, most frequently used by laboratories of the Italian national health service, by the regional and provincial agencies for environmental protection and by the National health institute. The analytical behaviour is presented for 249 pesticides through the different steps of extraction and cleanup, along with data for the gas chromatography (GC), gas chromatography coupled to mass spectrometry (GC/MS) and high performance liquid chromatography coupled to spectrophotometric detector (HPL/UV).

  4. I farmaci “generici” in Italia: opportunità di ricerca e sviluppo di prodotti di qualità a prezzi competitivi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Eandi

    2003-06-01

    Full Text Available Every drug whose copyright coverage has expired can be manufactured by a pharmaceutical company other than the one that developed it, giving rise to the market of the so-called generic drugs. It can be distinguished among two types of generic drugs: branded and unbranded, according to the choice of the manufacturer to assign it a fantasy name or to sell it with the name of the active principle, followed by the company’s name. In order to be accepted for marketing, every new drug has to pass the registration procedures of the Italian Ministry of Health, which are simplified for generics, as it’s sufficient to demonstrate the bioequivalence, considered a reliable proxy of therapeutic equivalence, of the new drug with the standard formulations it copies. The bioequivalence of two drugs depends on various parameters, related to the quality of the raw materials employed and the industrial processes they go through. There are several ways of assessing the equivalence between pharmaceutical products, and it is important the registration studies are conducted following strict rules, in order to guarantee the quality of generics, fundamental for achieving the trust of health operators and patients. The reason to be of generic drugs is essentially economic, as they bare no therapeutic innovation, and their introduction is mainly aimed to contain drug expenditures and to facilitate a competitive market, but to do so, they need to be widely accepted by the medical community and the population. In Italy, the market of generic drugs is very young and relatively underdeveloped if compared to what is observed in other industrialized countries such as the USA, Germany or UK, but it has a good expansion potential, as it also represents a chance for quality enhancement for the Italian pharmaceutical industry.

  5. Pani tradizionali prodotti con la pasta acida: valutazione delle caratteristiche tecnologiche degli impasti, delle caratteristiche di texture del prodotto finito e cambiamenti durante la fase di conservazione

    OpenAIRE

    Fadda, Costantino

    2009-01-01

    The aim of this work was to evaluate the effect of various amounts of sourdough on the rheological properties of the dough, on texture and colour parameters after baking and during storage. Sourdough (SD) has been used in bread manufacture since ancient times because its beneficial effects on dough leavening. SD is a symbiotic culture of lactobacilli (LAB) and yeasts, giving a distinctively tangy or sour taste, due mainly to the lactic and acetic acid produced by the LAB. Th...

  6. Relazione suolo, pianta, atmosfera: sicurezza e qualità delle produzioni agroalimentari e tutela dell'ambiente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Zeno Varanini

    2011-02-01

    Full Text Available L’agricoltura può essere rappresentata come punto di intersezione fra aspetti biofisici (piante, animali, microrganismi, terreno, acqua, atmosfera ecc., tecnico economici (produzioni, tecnologie, mezzi tecnici, mercati, prezzi ecc. e socio-politici (popolazioni, culture, istituzioni politiche ecc.. I problemi che un sistema siffatto pone alla ricerca sono di conseguenza di grande complessità soprattutto nel momento in cui si vogliano perseguire soluzioni rispettose della qualità dei prodotti della sicurezza dei consumatori e in armonia con l’ambiente. Queste problematiche presentano una vera e propria sfida per i ricercatori che operano nel settore agricolo e che si trovano di fronte ad un sistema che deve essere analizzato con il più elevato livello di specializzazione disciplinare possibile senza però perderne di vista l’unitarietà e la complessità. L’avanzamento delle conoscenze e l’individuazione delle migliori soluzioni tecniche risultano pertanto strettamenti legati ad un approccio multidisciplinare che preveda l’indagine a tutti i livelli di scale spazio-temporali coinvolgenti una problematica. Sulla base di queste premesse l’Associazione Italiana Società Scientifiche Agrarie (AISSA, in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell’Università di Foggia, organizza il suo V Convegno annuale che verterà sul tema: “Relazione suolo, pianta, atmosfera: sicurezza e qualità delle produzioni agroalimentari e tutela dell’ambiente”.

  7. Vaccino inattivato e adiuvato per il controllo delle infezioni da sierotipo 9 del virus della peste equina: valutazione dell'efficacia in cavallo e cavia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rossella Lelli

    2013-03-01

    Full Text Available La peste equina (PE è una malattia virale non contagiosa dei solipedi trasmessa da insetti vettori appartenenti al genere Culicoides. La malattia è endemica in numerose regioni dell'Africa e passate esperienze hanno evidenziato come l'Italia sia un paese esposto alle malattie infettive emergenti, endemiche in Africa. Un'incursione del virus della PE unitamente alla presenza del vettore Culicoides potrebbero essere causa di una emergenza epidemica. Onderstepoort Biological Products (OBP commercializza un vaccino vivo attenuato contenente 7 dei 9 sierotipi virali, i sierotipi 5 e 9 sono esclusi dal vaccino. L'uso di tali vaccini è controverso, pertanto, da diversi anni, vengono condotti studi su prodotti inattivati o ricombinanti. Poiché la ricerca sui vaccini PE è ostacolata dalla necessità di utilizzare il cavallo per la valutazione dell'immunogenicità, in un precedente esperimento è stata studiata la risposta sierologica ai sierotipi 5 e 9, in cavie e cavalli. Nelle due specie animali è stata osservata una risposta durevole e sovrapponibile. Nel presente studio sono state saggiate per un periodo di 12 mesi le risposte sierologiche ottenute in cavie e cavalli immunizzati con il vaccino inattivato formulato con il sierotipo 9. Le risposte sierologiche nelle due specie animali si sono confermate sovrapponibili. Al challenge dell'immunità i cavalli sono risultati protetti dall'infezione e dalla malattia.

  8. Etica ed evoluzionismo: la proposta di Marc Hauser

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irene Pilloni

    2013-11-01

    Full Text Available Le recenti scoperte nell’ambito della psicologia evoluzionistica potrebbero offrire una risposta al dibattito sull’origine evoluzionistica della facoltà morale dell’Homo sapiens. In passato, il tentativo di spiegare il comportamento morale a partire dalla teoria dell’evoluzione è stato intrapreso dal padre fondatore dell’evoluzionismo Charles Darwin, successivamente da T.H. Huxley e da H. Spencer e infine dal sociobiologo E. Wilson a metà degli anni ‘70 del Novecento. Oggi questa impresa è stata ereditata dallo psicologo evoluzionista Marc Hauser, le cui indagini prendono avvio da un’analogia tra facoltà morale e facoltà linguistica. Questa analogia gli consente di affermare che la pluralità di codici morali adottati dagli uomini nelle differenti culture dipende da un numero limitato di principi morali, nello stesso modo in cui la varietà di lingue con cui gli uomini si esprimono, dipende da un numero limitato di principi linguistici universali. Dunque, sembrerebbe che l’evoluzione biologica abbia plasmato dei principi morali universali e uniformi che si presentano costanti in tutti gli uomini a prescindere dalla loro appartenenza culturale. Come vadano intesi i principi morali universali e quale rapporto intercorre tra di essi e i vari codici morali sarà l’argomento di questo saggio, il quale tenterà di analizzare la proposta di Marc Hauser all’interno della cornice dei rapporti tra etica ed evoluzionismo.

  9. Ganglioneuroblastoma: Case report and review of the literature.

    Science.gov (United States)

    Alessi, S; Grignani, M; Carone, L

    2011-06-01

    Neuroblastoma are among the most important tumors of extracranial origin in pediatric patients. They arise from embryonal cells involved in the development of the sympathetic nervous system, whose differentiation has been arrested [1,2]. They are the tumors most frequently diagnosed during the first decade of life. Their evolution is unpredictable, ranging from progression to spontaneous regression or maturation, and their location and metastatic potential vary. Little is known about the cause of these tumors and the risk factors associated with their development. This article describes a typical case of ganglioneuroblastoma and provides a review of the literature on this type of tumor.Sommario Il neuroblastoma è uno dei più importanti tumori pediatrici di derivazione extracranica; esso origina dalle cellule embrionali coinvolte nello sviluppo del sistema nervoso simpatico a causa di un blocco nel loro processo di differenziamento [1,2]. È la più frequente neoplasia della prima decade di vita; la sua progressione biologica è imprevedibile, regressione spontanea, maturazione a ganglioneuroma, localizzazione e metastatizzazione variabili. Poco è noto a riguardo dei fattori di rischio e della sua eziopatogenesi. Viene presentato un caso tipico di ganglioneuroblastoma e riesaminata la letteratura su questa neoplasia. PMID:23396255

  10. Divulgazione dei dati geografici e uso delle piattaforme di servizi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gabriele Andreozzi

    2015-10-01

    Full Text Available The intended purpose of this article is to publish key concepts and technical terms which will allow the public to better understand the proper use of open data about geographical information.

  11. Zoogeografia storica e attuale dei carnivori e degli ungulati italiani

    OpenAIRE

    Marco Masseti

    2003-01-01

    Come per la maggior parte degli altri paesi europei, anche l'attuale composizione delle specie a mammiferi italiane si prefigura in gran parte come il risultato della plurima e prolungata azione antropica condotta sull'ambiente naturale. Questa, avviatasi alcuni millenni or sono, condiziona oggi più che mai la ridefinizione degli equilibri ecologici del nostro Paese. All'interno dell'attuale teriofauna terrestre italiana viene segnalata la presenza di 18 specie di carnivori e di 9 artiodattil...

  12. Farmacoeconomia dei COXIB nella patologia osteoarticolare: revisione della letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Russo

    2003-05-01

    Full Text Available A new class of anti-inflammatory agents, the selective inhibitors of cyclooxygenase-2 (COXIBs, has been recently introduced into the market for the treatment of osteoarthritis and reumatoid arthritis. Randomized and controlled clinical trials showed a similar efficacy and a better tolerability profile of COXIBs compared with conventional non-steroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs. The aim of this study was to perform a scientific literature review relating to the economic impact produced by COXIBs’ introduction. The research of references included the following databases: MEDLINE, EMBASE and the NHS (Economic Evaluation Database of the York University. A total of 67 in extenso pubblications have been extracted. Of these 13 papers having the specific objective to evaluate the economic implications of COXIBs in comparison to conventional NSAIDs was analysed. In ten cases (77%, cost-effectiveness analyses were performed. The European context was considered in eight cases (62%, while that of North America and Asia were investigated in four and one case, respectively. The analysis of costs took always into account direct costs of the management of arthritis exclusively (drugs, and resources associated with the treatment of gastrointestinal side effects. Indirect and intangible costs were never considered. The results of this review highlight that the higher tollerability profile of COXIBs may generate a cost-saving. This cost-saving seems to be basically due to the reduced frequency of gastroprotective agents coprescription and also to a lesser appearance of severe gastrointestinal side effects compared with conventional NSAIDs. Besides the disease management improving, the cost-saving associated with COXIBs can completely or partially offset the net increase of expense induced by their higher price of purchase.

  13. L’importanza dei linguaggi non verbali nella cultura indiana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanna Gallo

    2016-01-01

    Full Text Available Abstract – Nonverbal languages are an integral part of human communication since they transmit substantial information such as emotions and psychological conditions, and therefore they contribute to understanding. Culture affects nonverbal behaviours. The Indian subcontinent is highly multicultural, multi-ethnic, multi-religious and multilingual, and language diversity often makes communication difficult. In India alone, there are 22 official languages besides about 400 other languages. The populations of the southern area, who speak languages of Dravidian origins, do not have a common language to communicate with people living in the North, who speak languages of Aryan origins, and even people living in the same village often speak different dialects. English, which has the status of an L2 in the country, is spoken appropriately only by those who can afford to go to English-medium schools. The majority of people can be placed in a continuum going from highly creolised forms of English to a number of ‘trade pidgins’. Yet, in spite of the inability to communicate in a common language, Indians make use of nonverbal languages, such as hand and head gestures, facial expressions, eye movements, as well as less evident messages such as dress and their colours, posture and the space between speakers. Nonverbal behaviours that Indians display in daily communication are related to those found in traditional performing and aesthetic arts. The purpose of this paper is to suggest how the knowledge of nonverbal languages is useful for an appropriate intercultural competence for interaction with migrants coming from the Indian subcontinent.

  14. La Qualità dei tappi di sughero

    OpenAIRE

    Pampiro, Franco; Giua, Maria; Farris, Giovanni Antonio

    2008-01-01

    The performances of a cork stopper depend from manifold tied up factors both to the characteristics of the product and to the formalities of employment of the same. The success of a corking, therefore, asks for professionalism and realization of good practices of workmanship from numerous subjects. The level of quality of a cork can be valued through the control of some parameters able to furnish an estimate of the performances of the product. National and international standardiz...

  15. Superare il regime confessionale: la lunga battaglia dei giovani libanesi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rocco Polin

    2012-08-01

    Full Text Available In the context of the Arab Spring, Lebanon has represented a somewhat exceptional case. This article analyzes the most important episodes of the democratic battles of young Lebanese in the past two decades, in order to understand the peculiar dynamics of this movement.

  16. Organizzazione spaziale dei gesti semilinguistici nelle comunicazioni italiana e polacca

    OpenAIRE

    Szarota, Beata

    2007-01-01

    In our article we study spatial organization of conventional emblems gestures used in Polish and Italian communication. We analyze the relationship between the span of performed gesture and the space taken up by the emitter, as well as the role of the emitter and the recipient of a gesture. We also present the factors affecting the changes of the span of gestures, namely: distance between the emitter and the recipient, social-cultural factors, social-geographical factors, a reference facto...

  17. L’egemonia costituente dei Quaderni del carcere di Gramsci

    OpenAIRE

    Pietro Maltese

    2013-01-01

    This paper discusses the category of Hegemony in Gramsci’s theory and considers it a key to the interpretation of Subjectivity Growth. In Prison Notebooks, indeed, every hegemonic relationship, such as every political relationship, is necessarily a Pedagogic Relationship. Therefore, the studying of Hegemony like a construction device of subjectivity and society, ends by outlining a pedagogic theory, that helps to conceptualize the link between education and politics.

  18. Femminile/Maschile nel corpo danzante: Il lago dei cigni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Maria Fabris

    2014-02-01

    Full Text Available The gender transformation myth of Ceni/Ceneus, described in Ovid's Metamorphoses, impregnates the reflection on the social perception of the gender identity, which has been reworked by the culture since the Greek-Roman antiquity until today. While the phenomenological philosophy argues that the 'incarnation' of gender belongs to the ontology of the human being, cultural studies point out that it has been produced by a systematic use of codes and conventions shared by a group. By this perspective, in the re-creations of the most well-known Swan Lake the gender transformation originally 'incarnated' by female swans – representations of the western female ideology in the Nineteenth century – then by the Matthew Bourne's manly swans in 1995, gives me the opportuny to deconstruct how the male gaze perceives the female gender both through the Ballets Trockadero de Monte Carlo's irony and Mats Ek's parody. I use also this occasion to repeat a compelling question: does the female body matter in the social perception nowadays?

  19. Politica dei redditi. La linea brutale e la linea civile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sylos Labini

    2014-03-01

    Full Text Available The author discusses the policy of keeping (or not opposing a certain level of unemployment as a means to promote wage deflation, and identifies it as the “brutal” way to pursue macroeconomic stability. By contrast, Sylos Labini identifies the cost of living and productivity as two other determinants of the wage level, and thus proposes a rich policy of structural reforms as the most civilised way to obtain the same result.

  20. Politica dei redditi. La linea brutale e la linea civile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Sylos Labini

    2014-03-01

    Full Text Available The author discusses the policy of keeping (or not opposing a certain level of unemployment as a means to promote wage deflation, and identifies it as the “brutal” way to pursue macroeconomic stability. By contrast, Sylos Labini identifies the cost of living and productivity as two other determinants of the wage level, and thus proposes a rich policy of structural reforms as the most civilised way to obtain the same result.   JEL codes: E64, D33, E25 Keywords: income policy, unemployment, deflationary policy  

  1. Un prototipo per l'ottimizzazione dei nconsumi energetici

    OpenAIRE

    Miori, Vittorio; Russo, Dario; Pallonetto, Fabiano

    2011-01-01

    The work has the objective to realize a software able to analyze and to optimize energy consumption in a residential environment. The project was developed at the "Institute of Science and Technologies of Information" of the National Research Council of Italy, by the "Domotics Lab" in Pisa. In the recent years, it is growing at high rates the creation of energy installations that exploit the renewable energy sources connected in parallel and equiped with the exchange mechanism in place. For t...

  2. Caratteristiche dei dati accelerometrici registrati durante la sequenza sismica aquilana

    OpenAIRE

    Pacor, F.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Paolucci, R.; Politecnico di Milano; Nicoletti, M.; Dipartimento Protezione Civile; Iervolino, I.; Dipartimento Ingegneria Strutturale, Università di Napoli Federico II; Ameri, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Bindi, D.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Cauzzi, C.; Politecnico di Milano; Chioccarelli, E.; Dipartimento Ingegneria Strutturale, Università di Napoli Federico II; D'Alema, E.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Luzi, L.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Marzorati, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Massa, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Puglia, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia

    2009-01-01

    I dati accelerometrici relativi alla sequenza sismica de L’Aquila, iniziata con l’evento del 6 Aprile alle ore 1.32 (MW 6.3), provengono dalla rete Rete Accelerometrica Nazionale (RAN), gestita dal Dipartimento della Protezione Civile (DPC) e da una rete temporanea installata il giorno dopo la scossa principale ad opera dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV MI-PV). I dati del DPC sono scaricabili dalla banca dati accelerometrica italiana ITACA (http://itaca.mi.ingv.it), me...

  3. Pratiche spaziali all'interno dei luoghi contemporanei del commercio

    OpenAIRE

    Pomodoro Sabrina

    2012-01-01

    Our contribution relays the results of an empirical research aiming to explore consumer behaviors and routes occurring within consumption sites, by a comparative study in two opposite settings, an indoor and peripheric shopping mall and an outdoor central urban street. Using ob- servational and ethnographic data, the purpose of our research was to offer a tentative descriptive pattern of types of different consumer routes and activities, out of which to provide interpretive insights of consum...

  4. La ceramica dei livelli Uruk di Tell Hassan, Hamrin

    OpenAIRE

    Nannucci, Simone

    2012-01-01

    International audience Tell Hassan is one of the few sites in the Hamrin basin region in Iraq that hasshown remains of an Uruk period settlement along with Tell Rubeidheh and Tell al-Ahmad Hattu. The site was excavated by the archaeological mission of the Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l’Asia in the late ‘70s. The investigations have unearthed at least three different Uruk levels but only the two most recent ones have been investigated on a limited s...

  5. Pasolini, Marilyn e la partenza degli dei dalla terra

    OpenAIRE

    A. Bernardi

    2010-01-01

    Nella poesia che Pasolini aveva scritto per la morte di Marilyn Monroe, e che poi inserì nel film La rabbia (1963), letta dalla voce di Giorgio Bassani, l’autore fa rivivere un mito antichissimo, sulle orme di Ovidio e delle "Metamorfosi", Libro I: il mito di Astrea, la dea della giustizia che per ultima abbandonò la terra alla fine delle epoche felici dell’umanità, prima che Zeus mandasse il diluvio. Il saggio confronta i passi delle Metamorfosi con alcuni versi di Pasolini, individua somigl...

  6. La Misurazione dei servizi delle biblioteche delle università

    OpenAIRE

    Pilia, Elisabetta

    1997-01-01

    The topic of measurement is not new to the library world. For some twenty years, professional literature, especially American and British, has dealt with the topic, as is shown by the 600 plus titles listed in the bibliography of the IFLA's recently-published guidelines for measuring the quality of university library services. The initial, theoretical approach was supplanted, in the early 1990s, by a more practical stance, with numerous operational models for librarians. This is the direction...

  7. Lo studio della vittimologia nell’Arma dei Carabinieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Rispoli

    2007-12-01

    Full Text Available The focal point of criminal theories has been, for some time now, uneven in regards to the study of anti-social behavior, because the tendency is to privilege the fascination of a cruel act and of its author rather than giving adequate consideration to the victim of crime and the psychological effects that crime produces on the person who has suffered an assault. Since victimology began as part of the criminology branch, along with the social-cultural-juridical evolution that followed (due also to the growth in rules and special laws that extend beyond the law code and to some very considerable international involvement, we have witnessed the progressive rise of the victim profile, to a “key figure”, worthy of the required legislative assurances. The expression of this new orientation can be found in the concept of “community policing”. This policy derives from the idea of getting closer to the community’s citizens and of filling the gap existing between actual security and sense of security felt. This is a result of having exploited the traditional motivational heritage that helps the Carabiniere Serviceman be a primary interlocutor experienced in listening, providing assistance and advising. The basic training and the skills of the Carabiniere Serviceman, of any social and military rank, for this new way of approaching a victim of crime is therefore perceived by the Institution, as an essential need in order to make the person who suffered an abuse, feel more human and more important, (often his/her privacy and family affection are violated and bring him/her, to rely on a clear and qualified point of reference, who is a citizen that acts for other fellow citizens and in the same time, an expert capable of providing aid and support.Pendant longtemps, la recherche en criminologie s’est concentrée sur l’étude des comportements déviants, en privilégiant l’image de l’acte cruel de l’auteur plutôt que de se focaliser sur la victime, en particulier sur les conséquences psychologiques du crime sur cette dernière. Depuis la naissance de la victimologie (branche de la criminologie et l’intervention des grands noms de la victimologie, puis avec l’évolution socioculturelle et juridique sans cesse croissante, on a assisté à la prise en compte du profil de la victime comme étant un « élément clé » devant faire l’objet d’une attention accrue. L’Arme des Carabiniers (en raison notamment de sa dispersion sur tout le territoire s’inscrit dans ce nouveau contexte, en participant avec les autres acteurs institutionnels de la sécurité à cette « révolution culturelle », qui se traduit par une meilleure prise en compte de la victime. Expression d’une nouvelle orientation majeure du service, le concept de police de proximité est né de l’idée de rendre l’Arme plus visible et plus proche des citoyens. Ainsi, l’action de proximité s’efforce de combattre un fort sentiment d’insécurité, en exploitant les valeurs du Carabinier, étant généralement le premier interlocuteur des personnes en détresse. Pour une meilleure satisfaction des attentes de la population, le développement d’une culture de l’accueil des victimes constitue une priorité pour l’Institution et fait l’objet d’une attention particulière dans la formation de base et continue de l’ensemble des militaires de l’Arme, tous grades confondus. La victime (souvent physiquement et moralement traumatisée doit trouver en face d’elle un militaire, véritable professionnel chargé de son soutien et de son assistance, et toujours capable d’apporter des réponses empreintes d’humanité.

  8. Teoria dei giochi ed evoluzione delle norme morali

    OpenAIRE

    Festa, Roberto

    2007-01-01

    Mathematical game theory – developed starting from the publication of The Theory of Games and Economic Behavior (1944), by John von Neumann and Oskar Morgenstern – aims to outline an ideal model of behaviour of rational agents involved in some interaction with other rational agents. For this reason, game theory has immediately attracted the attention of philosophers dealing with practical rationality and, since the fifties, has been applied to the analysis of several issues con...

  9. La fatica dei concetti. Ipermodernità, postmoderno, realismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Donnarumma

    2014-11-01

    Full Text Available Ho pensato e scritto Ipermodernità in circa dieci anni; il che equivale a dire che mi ci è voluto un bel po’ per accerchiare e nominare il mio oggetto, prima senza neppure prevedere dove stessi andando, poi mentre le discussioni e i dibattiti, come si sarebbe detto una volta, fervevano (o forse, imperversavano. Se è un libro militante, lo è controvoglia e nel rifiuto di una pratica settaria della militanza; ma lo è soprattutto perché conserva, ben visibili, le tracce di quelle discussioni; e perché ha senso solo se il suo lavoro è l’inizio di un lavoro molto più grande, e che – almeno spero – non tocca unicamente a me compiere. Interventi come quelli che Between accoglie qui mi fanno pensare che la speranza non è a vuoto. Non posso che ringraziarne gli autori, la redazione della rivista, Niccolò Scaffai che ha curato la sezione.

  10. Il paese dei balocchi: Pinocchio tra Paradiso e Inferno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maila Pentucci

    2012-05-01

    Full Text Available "What a wonderful, beautiful, marvelous country! Oh--h--h!!",says Pinocchio at the end of the Chapter XXX of “The Adventures”, after Lamp-Wick explained him the amazing features of the "real country--the best in the world--a wonderful place!": the Land of Toys, also named “blessed place” and portrayed as a sort of heaven on heart for lazy boys.In reality, the approaching road to the Land of Toys, before as a mental process, - a persuasion of himself – and then as real journey, it’s like a fall to hell.The master of ceremonies of this fall to hell is just the fellow Lamp-Wick,in fact in the original version of the book Lamp-Wick is “Lucignolo”, a name reminiscent of Lucifer, the famous fallen angel.Lamp-Wick and Pinocchio work up to the Land of Toy in a wagon conducted by a spineless, shifty driver: “a little, fat man, muchwiderthan he was long, round and shinyas a ball of butter, with a face beaminglike an apple, a little mouth that always smiled, and a voice small and wheedling like that of a catbegging for food”.This “little, fat man” is a sort of Charon, and the wagon: “wasdrawn by twelve pair of donkeys, all of the same size, but all of different color. Some weregray, otherswhite, and still others a mixture of brown and black. Here and there were a few with large yellow and blue stripes.”.These queerd on keys, recurring frequently in the fairytale and they are full of double meaning: in half way point between the numinoso Christ’s whitehorse and the demonic Cambridge Bestiary.Pinocchio and Lamp-Wick glorify the life in the Land of Toys: they feel free and happy like in heaven, but the hard truth is very different: this land looks like the Hell, everywhere is noise, disorder, insecurity.During the development of the story, it’s possibile to detect different elements of the Pinocchio’s rise and fall between Heaven and Hell. For example the double nature of the Fairy: during the tale she can be the ghost of the little girl (de facto an angel or she can be a goat (a devil’s mark.Talking about rise and fall, the end of the story is paradigmatic: Pinocchio will get a real boy. Acquiring the human nature, he will be able to find the Heaven on earth, after a long series of ups and downs, starting with a “badhell night”. 

  11. Addio Nando Orfei, uno dei padri del circo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco De Filippo

    2015-07-01

    Full Text Available «Il circo è e sarà il più grande spettacolo del mondo». Nando Orfei sarà ricordato per questa frase, la "sua" frase, e per quella giacca bordeaux, improbabile e forte come tutti i colori e i gusti legati al mondo circense, secondo la legge che vuole lo spettatore affascinato e sopraffatto da lustrini, suoni e luci. Gusti forti, come il desiderio e l'adrenalina che a Nandino doveva pompargli in corpo ogni volta che alle spalle gli si chiudeva la porta in ferro lasciandolo isolato dal mondo, accerchiato da una decina di tigri o leoni. Come nelle immagini di un tempo o nelle vignette-simbolo della Settimana enigmistica: il domatore impomatato, la frusta, una sedia e una traboccante dose di fegato (o incoscienza. Chi lo ricorderà, lo farà facendo rimbalzare nel cervello questa immagine.

  12. Addio Nando Orfei, uno dei padri del circo

    OpenAIRE

    Francesco De Filippo

    2015-01-01

    «Il circo è e sarà il più grande spettacolo del mondo». Nando Orfei sarà ricordato per questa frase, la "sua" frase, e per quella giacca bordeaux, improbabile e forte come tutti i colori e i gusti legati al mondo circense, secondo la legge che vuole lo spettatore affascinato e sopraffatto da lustrini, suoni e luci. Gusti forti, come il desiderio e l'adrenalina che a Nandino doveva pompargli in corpo ogni volta che alle spalle gli si chiudeva la porta in ferro lasciandolo isolato dal mondo, ac...

  13. L'ONTOGENESI DEL SISTEMA OLFATTIVO E VISIVO DEI VERTEBRATI

    OpenAIRE

    Morgillo, Antonietta

    2010-01-01

    The mechanisms of differentiation within the nervous system including proliferation and differentiation, migration cell growth and development of axonal and dendritic synaptic connections. Are fundamental processes that generate a remarkably complex neuronal and, to a large extent, still poorly understood. As drafted by the neurotrophic theory, another important process involved in determining the morphology and physiology of neural "programmed cell death (PCD) or apoptosis, which acts bo...

  14. La programmazione dei beni culturali attraverso i fondi strutturali

    OpenAIRE

    Leon Alessandro

    2005-01-01

    The paper discusses the actual development of the cultural sector as aviable alternative for local development in many areas in Italy. The main problem for the public administrations, is to guarantee en efficient and effective management of cultural services at local level. The paper stress the timing problem of the structural funds expenses and the need to coordinate a new policy of coordination of local bodies to envisages the creation of local cultural networks and systems in order to enha...

  15. Ampliamento della fruizione culturale dei siti naturalistici in Sicilia Orientale

    OpenAIRE

    Caia, Sergio

    2015-01-01

    This work, after widely discussing the meaning of the words “landscape” and “geocultural site”, analyses the touristic potentials of Sicilian naturalistic sites and the instruments to protect them. Moreover, it ranks and orders the rich but chaotic web-collected data about the 37 nature reserves of eastern Sicily in a systematic way. The 5 “case studies” aim at filling a cultural deficit, as it appears impossible to find any geological information about some sites well-known to tourists, n...

  16. Sul luogo del design: intorno al lavoro dei fratelli Castiglioni

    OpenAIRE

    Sironi, Marco

    2013-01-01

    E.N. Rogers, in a 1960 article, described the relationship between the designed objects and their surroundings as undefined, unclear: design, he said, can’t do anything but “mediate different qualities” and “act forcedly as indifferent to the characteristics of the places” – as if objects and places were opposed each others. In our age of the “world’s image”, however, such a conception is no longer so valid. Possibly, as places themselves are confused. And design has, in this crisis, strong r...

  17. Strategie di spazializzazione dei contenuti nel GeniusLoci Digitale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Davide Gasperi

    2013-07-01

    Full Text Available GeniusLoci Digitale is a software architecture of virtual tour that integrates various multimedia technologies (3D computer graphics, panoramas, dynamic maps, movies, pictures to represent the identity of places. The designer is interested in reproducing virtually complex aspects that define a context, which means the effect of meaning that distinguishes one place. GeniusLoci Digitale is in fact an architecture that evolves in search of a reproductive and communicative function which is recognizable to extend its development to the Open Source community.

  18. L'individuazione dei fabbricati sconosciuti al Catasto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Flavio Ferrante

    2010-03-01

    Full Text Available Location of buildings unknown to Cadastre RecordsThis article addresses the issue of updating census, parcel and cadastral data for buildings which have not yet been registered. A campaign of quasi-automatic detection was carried out using the integration of the cadastral map with Earth Observation digital technologies and terrain modeling. From 2007 to 2009, many outof date parcels were updated during the campaign. The campaign, is the result of a positive collaboration between government agencies and private companies.

  19. Le cause del (l’in-)successo lavorativo dei giovani

    OpenAIRE

    Caroleo, Floro Ernesto; Pastore, Francesco

    2009-01-01

    This paper suggests that the insufficient work experience of young people as compared to adults is the major cause of the hardship the former experience in the labour market both in terms of employment and wages. Economists are bewildered as to the determinants of and as to the ways to cure the youth experience gap. Most of them believe that the market should solve youth hardship by offering them: a) a lower than average entry wage able to mirror their lower productivity level; b) increasing ...

  20. Navajo transmission project Draft Environmental Impact Statement (DEIS)

    International Nuclear Information System (INIS)

    Dine Power Authority, a Navajo Nation enterprise, proposes to construct a 500 kilovolt transmission line planned to deliver electrical power from the Shiprock Substation in northwestern New Mexico to either the Mead or the Marketplace Substation in southern Nevada. The line would relieve constraints on transmission of electricity west from the Four Comers area; improve operational flexibility and reliability of the overall system; and allow increased economical transfers, sales, and purchases in the Rocky Mountains/Four Comers/Desert Southwest region. Also, the project allows an opportunity for the Navajo Nation to participate in the electrical utility industry and promote economic development to benefit the people of the Navajo Nation. Alternatives considered include energy conservation and electric load management, new generation facilities, use of existing transmission systems, alternative transmission technologies, no action, and the proposed action. For the proposed action, several alternative routes and ancillary facility locations are addressed: four alternative routes and five substations in the eastern portion of the project area; and six alternative routes, three substation sites, and a microwave communication facility in the western portion of the project area. The existing condition of the environmental resources in the project area is described and potential impacts on those resources as a result of the proposed action are addressed. The impacts of the proposed action would be caused mainly by access roads, tower sites, and other associated facilities on soils, vegetation, wildlife, and cultural and paleontological resources, and the impact of the transmission line's presence on visual resources and land uses