WorldWideScience

Sample records for alla filosofia del

  1. Ontologia, ermeneutica, diritto naturale. Alcune riflessioni sull´itinerario di approssimazione di Italo Mancini alla filosofia del diritto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valeria Marzocco

    2005-01-01

    Full Text Available La autora expone las valiosas contribuciones de la obra de Italo Mancini de la Escuela milanesa a la filosofía del derecho italiana, a través de un recorrido de los diversos intereses filosóficos objeto de su reflexión. Profunda vocación filosófica estímulada por sus maestros Masnovo y Balthasar y una visión de la filosofía como vía de solución a los problemas de la vida, consustanciada con la realidad italiana de mediados del siglo XX, consolidan la trayectoria de filosofía de la religión, verdad y ontología dialéctica. Posteriormente, el pasaje a la hermenéutica como posible filosofía del derecho, filosofía segunda portadora de significados a partir del dato, éste último expresado en la pluriforme vida jurídica. L´ethos dell´Occidente (1990 analiza el derecho natural que retorna a sus raíces tomistas para su inspiración, sustentado en la cognoscibilidad de la ley natural por un lado y por el otro, en el rechazo de los reduccionismos propios del iusnaturalismo y del iuspositivismo. Se propone una filosofía de la prassi que de cuenta del derecho como historia, civilización e identidad cultural, en la búsqueda de nuevos fundamentos a sus exigencias de validez, eficacia y justicia.

  2. Il laboratorio della filosofia. L'influenza di Meinong nella psicologia italiana del Novecento.

    OpenAIRE

    Albertazzi, Liliana

    2000-01-01

    Il rapporto tra filosofia e psicologia non è immune da problemi. Talvolta, infatti, la filosofia ha subito l'accusa di psicologismo, ovvero di un riduzionismo psicologico; altre volte l'attacco è stato rivolto direttamente alla psicologia, sulla base dell'assunzione che la fisica o la fisiologia del sistema nervoso e degli organi di senso avrebbero già potenzialmente in mano le risposte ad ogni quesito di tipo psicologico o cognitivo. Dei fenomeni psichici, in breve, si sarebbe...

  3. CONOSCENZA ED ESPERIENZA. PER UNA LETTURA “RELAZIONALISTA” DELLO SPIRITO DELLA FILOSOFIA KANTIANA ALLA LUCE DELLO SCHEMATISMO TRASCENDENTALE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lara Scaglia

    2014-03-01

    Full Text Available L’articolo intende valutare in che misura la dottrina kantiana dello schematismo possa contribuire a chiarire gli intenti del Criticismo, con particolare attenzione alla relazione tra conoscenza ed esperienza.

  4. Filosofia del linguaggio: una ipotesi di metodo per le neuroscienze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Bucci

    2013-08-01

    Full Text Available Già con Aristotele e il suo famoso "triangolo" la filosofia ha iniziato ad interessarsi al rapporto tra parola e realtà. Autori come Frege, Wittgenstein, Quine, Kripke hanno fatto oggetto del loro lavoro nozioni come sintassi, semantica e riferimento. Da Chomsky fino ai giorni nostri, anche grazie a studiosi italiani quali Gennaro Chierchia, si è cercata la soluzione a questi problemi da un punto di vista naturalistico. Specialisti del settore, come Vittorio Gallese, si sono spinti nell’impresa di dare al linguaggio ed alle nozioni elencate una caratterizzazione neurofisiologica. Di questi snodi e di un’ipotesi - forse azzardata - dello scrivente tratterà il presente articolo. Questo lavoro introduttivo sulla filosofia del linguaggio che ha tratto anche spunto dalla discussione sui neuroni specchio stimolata negli anni dalla rivista BrainFactor si prefigge un fine divulgativo ed è auspicabile che generi riflessioni ulteriori da parte di giovani studiosi.

  5. L’italiano alla prova del Bac

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giulia Massignan

    2013-07-01

    Full Text Available Il lavoro propone alcune attività didattiche di preparazione dell’esame orale di italiano previsto dal Baccalauréat del liceo francese. Tale prova d’esame è stata recentemente oggetto di una riforma ministeriale volta a dare maggior peso alla pratica orale. Dopo uno studio delle nuove modalità della prove d’esame e dei suoi contenuti, ci si concentrerà sull’analisi delle abilità orali necessarie al suo superamento e sugli elementi linguistici e comunicativi su cui porre l’attenzione. Sulla base di queste premesse teoriche e metodologiche, si presentano alcuni interventi didattici di preparazione all’esame: due attività per la prova di comprensione orale e due per la prova di produzione e interazione orale; in entrambi i casi, si insiste sull’importanza di proporre strategie d’ascolto e di parlato insegnabili, che diventino consuetudini attive e parte integrante del bagaglio comunicativo del discente. The italian exam in the FrenchBacThe paper proposes some educational activities to prepare for the oral Italian examination as part of the French Baccalauréat. This exam has recently been the subject of a ministerial reform aimed at giving more weight to the oral practice. After illustrating new examination methods and content, we will focus on the analysis of oral skills necessary for passing the exam and aspects of language and communication on which to focus. Based on these theoretical and methodological premises, some educational exam preparation activities will be presented. Two activities test listening comprehension and two focus on production and oral interaction. The stress is on the importance of proposing teach able listening and speaking strategies, so that they become active habits and integral parts of the communicative learner’s baggage.

  6. La questione del mistero umano nella filosofia della formazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paola PASCUCCI

    2009-10-01

    Full Text Available SOMMARIO: In questo lavoro, la sofi/a (sophía e la Bildung sono interpretate come i due cardini di un discorso che riguarda l’essere umano inteso come possibilità significante. Bildung e Umbildung vengono problematizzate in relazione al significare del mistero umano. La questione del mysterium hominis è trattata, all’interno della filosofia della formazione, in riferimento al significato originario del greco mystèrion sino all’interpretazione pedagogica dell’esperienza ebraico-cristiana del Mmistero di Dio (Mysterium Dei.ABSTRACT: In this work, the sofi/a (sophía and the Bildung are interpreted as the two poles of a speech which regards the human being understood as a significant possibility. Bildung and Umbildung gets problematic in relation to the meaning of the human mystery. The question of mysterium hominis is dealing, inside the philosophy of formation, referring to the original greek meaning of mystèrion until the christian-hebrew experience of uncreated Mmystery (Mysterium Dei. Key words: philosophy, Bildung, Umbildung, mýo-sphere, mystery, mystification, truth, doubt, irony, astonishment, mystical theology.SOMMAIRE: Dans cette oeuvre, la sofi/a (sophía et la Bildung sont interprétées comme les deux pivots d’une discussion qui concerne l’être humain entendu comme possibilité signifiante. Bildung et Umbildung sont rendues problématiques par rapport au signifié du mystère humain. La question du mysterium hominis est traitée, dans la philosophie de la formation, par rapport à la signification originelle du grec mystèrion jusqu’à l’expérience judéo-chrétienne du Mysterium Dei.

  7. Il contributo del neuropsicologo alla certificazione medica di idoneità alla guida

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mario Zerilli

    2013-08-01

    Full Text Available Pochi giorni fa, una ragazza di appena 22 anni, Giulia, mentre camminava è stata investita da un Suv nella Provincia di Padova e trascinata per circa quattro chilometri senza che la conducente si fosse accorta di nulla. Appare del tutto incredibile come la conducente non si sia accorta per quattro lunghi chilometri del corpo di Giulia, appeso alle lamiere della sua jeep, tra il fanale e la ruota. La conducente non si sarebbe accorta delle urla e dei pugni della sventurata. La ragazza è deceduta (pare per dissanguamento e trauma cranico prima dell’arrivo dei soccorsi. L’investitrice avrebbe parcheggiato alla fine della corsa il mezzo a casa in garage. Questa pare – dalle notizie riportate dai giornali quotidiani – fosse in una delicata situazione sanitaria e sotto l’effetto di farmaci tranquillanti (benzodiazepine. I medici responsabili della prescrizione e l’investitrice sarebbero, sempre secondo i quotidiani, sotto indagine da parte dei magistrati rispettivamente per mancata segnalazione e guida sotto effetto di stupefacenti.

  8. La questione dei divorziati e risposati civilmente alla luce della Relazione finale del Sinodo 2015

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pierluigi Ronzani

    2016-02-01

    SOMMARIO: 1. Introduzione al Sinodo dei Vescovi quale organo di più efficace collaborazione dell'Episcopato con il Supremo Pastore - 2. La Relazione Finale del Sinodo 2015 come risultato di un lungo percorso sinodale - 3. La struttura della Relazione Finale del Sinodo 2015 - 4. La prassi di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati - 5. Le argomentazioni dei sostenitori della possibilità di modificare la prassi della non ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati risposati - 6. La confutazione delle argomentazioni dei sostenitori della possibilità di modificare la prassi della non ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati risposati - 7. Discernimento e integrazione dei divorziati risposati alla luce della Relazione Finale del Sinodo 2015 - 8. Conclusioni.

  9. I capricci del caso Introduzione alla statistica, al calcolo delle probabilità e alla teoria degli errori

    CERN Document Server

    Piazza, Roberto

    2009-01-01

    I metodi probabilistici e statistici giocano un ruolo di primo piano sia nella scienza teorica e sperimentale che nelle applicazioni ingegneristiche, costituendo pertanto un elemento essenziale del bagaglio culturale che uno studente deve acquisire fin dai primi anni di apprendimento universitario. Questo libro, che nasce dall’esperienza didattica accumulata dall’autore nell’insegnamento dei metodi sperimentali, si propone di fornire un’introduzione al calcolo delle probabilità e alla teoria degli errori facendo uso di uno stile di presentazione volutamente informale e traendo spunto da concrete applicazioni sperimentali, spesso attraverso esempi di notevole importanza storica. Così, per esempio, argomenti quali il moto browniano, la diffusione di luce, il decadimento radioattivo, la fisiologia della visione, le statistiche quantistiche e di fotorivelazione, vengono utilizzati per delucidare concetti chiave dell’analisi statistica e probabilistica. Un'enfasi particolare è posta sull’origine e l...

  10. 'Prima furon le cose e poi i nomi'. Riflessioni attorno alla filosofia del linguaggio di Galileo

    NARCIS (Netherlands)

    Palmerino, C.R.

    2016-01-01

    This article addresses an aspect of Galileo’s thought that has hitherto attracted little attention, that is to say, his philosophy of language. First of all, we try to show that Galileo’s reflections on the ambiguous and conventional nature of verbal language, though not expounded systematically, pr

  11. Razionalismo, politica e teoria della conoscenza. Un contributo alla filosofia arabo-islamica del presente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mohammed Abed Al-Jabri

    2011-01-01

    Full Text Available Rationalism, Politics, and Theory of Knowledge. A Contribution to Contemporary Arab-Islamic Philosophy - The present text is a significant excerpt from the interview released in 1981 by the Moroccan philosopher Mohamed Abed Al-Jabri in the journal al-thaquafa- al-djadida [The New Culture]. The text was later revisited by Al-Jabri himself and published in 1991 with the title li'anna al-aqlaniya darura [Why rationalism is necessary] in a book on the relationship between tradition and modernity in the Arab-Islamic culture, At-turat wa-I-hadatha [Tradition and Modernity]. The interview deals with some of the central points in the contemporary debate on the social, political and cultural renewal of the Arabic world. Al-Jabri thinks that a critical perspective on Arab-Islamic culture must be developed. He maintains that in the Arab-Islamic world there is an enormous need for philosophy – discussion and rational argumentation – and for rationalism. Rationalism would contribute, among other things, to freeing politics and science from the chains of dogmatism, religion and tradition.

  12. Il danno alla persona del lavoratore: il mobbing orizzontale

    OpenAIRE

    Riccardo Gentile

    2011-01-01

    Sommario:1. Il mobbing tra diritto civile e diritto del lavoro – 2. Il fenomeno mobbing: gli studi iniziali e la definizione – 3. Le concrete condotte integranti fattispecie di mobbing – 4. Onere della prova – 5. Il mobbing orizzontale – 6. L’elemento soggettivo di colpevolezza del da­tore di lavoro nella responsabilità ex art. 2087 c.c. per mobbing orizzontale

  13. Il danno alla persona del lavoratore: il mobbing orizzontale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Riccardo Gentile

    2011-12-01

    Full Text Available Sommario:1. Il mobbing tra diritto civile e diritto del lavoro – 2. Il fenomeno mobbing: gli studi iniziali e la definizione – 3. Le concrete condotte integranti fattispecie di mobbing – 4. Onere della prova – 5. Il mobbing orizzontale – 6. L’elemento soggettivo di colpevolezza del da­tore di lavoro nella responsabilità ex art. 2087 c.c. per mobbing orizzontale

  14. Contributi alla sintassi del verbo nei dialetti veneti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mitja Skubic Mitja Skubic

    1971-12-01

    Full Text Available A distanza di più di cento anni dal Goldoni, il teatro veneziano trova un altro genio, Giacinto Gallinar La lingua delle sue commedie, certo meno brillanti di quelle goldoniane, e piil penetrate da un realismo, crudo, a volte amaro, sembra rispecchiare assai fedelmente il veneziano parlato nella se­ conda metà del secolo scorso; il dialogo vi e spontaneo e vivo, le battute rieccheggiano spesso la parlata popolare.

  15. ALLA SCOPERTA DEL PACKAGING DESIGN CON IL WEBQUEST

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonietta Gobbis

    2013-01-01

    Full Text Available Il seguente saggio tratta le possibilità di presentazione in Università straniere, dove si insegna l’ItalianoL2, di un aspetto culturale italiano di forte impatto all’estero come il design, attraverso l’innovativa metodologia del webquest. L’iniziale parte teorica descrive il webquest come metodo didattico costruttivista, con particolare riferimento alle sue caratteristiche, parti costituenti e tipologie. Nella seconda parte vengono dati esempi concreti di webquest di breve e lunga durata su due prodotti italiani molto famosi di packaging design, che hanno festeggiato il loro anniversario nel 2012: il Bacio Perugina e il Campari Soda. I risultati positivi di entrambi i progetti intendono mostrare i vantaggi di una didattica centrata sull’alunno basata su attività di problem-solving e strategie di cooperative learning.  Discovering packaging design through webquest The following essay deals about the possibilities to introduce a very successful cultural topic like Italian Design in Universities abroad, where Italian is taught as second foreign language, through the innovative methodology of WebQuests. The theoretical part describes WebQuests as constructivist didactic method with reference to its characteristics, main constituent parts  and typologies. In the second part we give concrete examples of short and long term WebQuests about two very famous packaging design Italian products which celebrated in 2012 their anniversary: BacioPerugina and Campari Soda. The positive results of both projects aim to show the advantages of learner-centered teaching methods based on problem-solving activities and cooperative learning strategies.

  16. Más alla del concepto: desarrollo sostenible

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Benavides López

    2013-05-01

    Full Text Available El artículo tiene la finalidad de promover la reflexión con respecto al desarrollo sostenible, como un marco de referencia para el educador, que le permita comprender la Década de la Educación para el Desarrollo Sostenible y la Declaratoria Paz con Naturaleza.  La autora describe y reflexiona sobre el concepto, desde una perspectiva basada en la alteridad; por lo tanto, parte de una posición ética donde se potencializa a la persona para que sea constructora del desarrollo sostenible que requiere el país, donde la educación, la justicia social y la democracia conforman la plataforma para el logro de este. Se señalan aspectos fundamentales, como cuál fue el origen de desarrollo sostenible y como está idea se fue encuadrando dentro de una nueva ética centrada en la gente y para la gente. Se parte de que el desarrollo sostenible es un proceso de cambio y de transición hacia nuevas formas de producir, de consumir, pero también hacia nuevas formas de ser.  Es un proceso multidimensional y complejo, que debe caracterizarse por su innovación, creatividad y apertura. Sin embargo, la dependencia de la política nacional e internacional de la economía micro y macro, de la cultura regional y global, hacen que el concepto se torne difícil de visualizar como un proceso autóctono y que obedezca a las necesidades reales de las personas y comunidades de un país.

  17. Indagine preliminare sull'applicazione del metodo ermeneutico - fenomenologico alla process research

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    N. Allegri

    2012-09-01

    Full Text Available Secondo Di Nuovo (2007, affinché la psicoterapia possa definirsi sperimentalmente convalidabile occorre che si avvalga, per la verifica delle proprie ipotesi, della triplice procedura adottata dalle scienze naturali, che ottenga cioè una convalida logica, una convalida pragmatica e una convalida esplicativa. La convalida logica pertiene alla coerenza tra teoria psicopatologica, obiettivi terapeutici e tecniche di intervento, e ha lo scopo di acquisire una concordanza tra le nuove conoscenze e il corpus teorico che né è matrice. La convalida pragmatica concorre alla verifica degli effetti: una strategia d’intervento è valutata secondo criteri di efficacia e di utilità. Questo approccio è definito in letteratura “outcome research” in quanto fondato sulla valutazione del risultato per mezzo di confronti pre e post-terapia ed eventuali follow up (Migone, 1996. La convalida esplicativa pertiene invece all’ambito della “process research” che considera il processo terapeutico nel suo incedere: è l’evolversi del cambiamento del paziente a essere posto a tema dell’indagine attraverso momenti di assessment periodici (Di Nuovo, 2007; Migone, 1996. Questo tipo di approccio è finalizzato a fornire il senso di ciò che accade in terapia definendo, al di là dell’esito, perché il trattamento funziona o meno. Il “cambiamento” può essere valutato secondo modalità essenzialmente quantitative, qualitative o attraverso una procedura mista. La valutazione quantitativa, sostanziando l’effetto esperienziale della terapia in misurazioni psicometriche, prescinde però perlopiù dal «Chi» del paziente (e del terapeuta; coglie il “quanto” ma non il “come” del processo terapeutico (Liccione, 2011; Liccione, 2012; Allegri et al., 2011; Petesi et al., 2011. L’alternativa qualitativa, invece, attraverso metodologie come l’analisi del discorso e l’analisi narrativa intende cogliere il senso del processo clinico, con specifico

  18. Fighting desertification in Italy and the Mediterranean basin; La lotta alla desertificazione in Italia e nel bacino del Mediterraneo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Sciortino, M.; Colonna, N.; Ferrara, V.; Grauso, S.; Iannetta, M. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Div. Biotecnologie e Agricoltura; Svalduz, A. [FIDAF-Federazione Italian Dottori Agronomi e Forestali (Italy)

    2000-04-01

    Desertification is a worldwide phenomenon of alarming proportions, and its affects rich as well as poor countries. The United Nations supports the fight against desertification through a specific convention signed by over 160 countries. Italy's commitments thereunder include drawing up a National Action Plan (NAP) to combat desertification causes and proposals from the scientific community and relevant economic sectors. The NAP assigns key roles to the regions and river basin authorities, which are required to prepare made-to-order programmes for soil protection, sustainable management of water resources, reduction of human impact, and terrestrial balance. [Italian] L'Italia, che ha aderito alla Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla siccita' e alla desertificazione, ha approvato il Programma di Azione Nazionale per contrastare un fenomeno che minaccia la stabilita' del bacino del Mediterraneo.

  19. ASSET e SIGOV, due soluzioni per associare il riordino territoriale allo sviluppo e alla governance del territorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sinergis Dedagroup ICT Network

    2015-06-01

    Full Text Available Una riforma come quella di Delrio, che ridisegna profondamente i processi di governance del territorio, può rischiare di essere interpretata dagli Amministratori Locali dei Comuni, delle Province e delle Regioni, come un mero adempimento normativo.Ma come trasformarla in una concreta opportunità di crescita?Dedagroup ICT Network ha messo a punto, in collaborazione con Forum PA, un metodo e un insieme di soluzioni con cui accompagnare gli Enti nel processo di cambiamento legato alla riforma Delrio per fare di tale evoluzione unarisorsa per guidare lo sviluppo dei territori.

  20. Forma e luogo. La relazione tra progetto urbano e progetto architettonico, in Italia e in Francia, alla fine del XX secolo.

    OpenAIRE

    Borghi, Roberta

    2010-01-01

    La tesi si propone di analizzare i termini della relazione fra progetto urbano e progetto architettonico nel dibattito italiano e francese alla fine del XX secolo, con particolare attenzione alle modalità di trasmissione di alcune importanti posizioni teoriche, in momenti storici ed in contesti geografici e culturali differenti. In particolare, interessa verificare come l’auspicata relazione fra città e architettura, sostenuta dalle ricerche italiane degli anni Sessanta e Settanta, sia stata ...

  1. Analisi alla Micro-TC dell’ Anatomia Complessa del Primo Molare Superiore

    OpenAIRE

    Formisano, Anna

    2013-01-01

    Il primo molare superiore presenta un'anatomia complessa tale da interessare numerosi studiosi nel corso dei decenni. Lo scopo di questo lavoro è stato caratterizzare l’anatomia esterna ed interna delle radici mesiovestibolare (MV), distovestibolare (DV) e palatale (P) del primo molare superiore mediante microtomografia compiuterizzata (μCT). Particolare attenzione è stata posta nel trovare la distanza orizzontale tra gli imbocchi principali MV1 della radice mesiovestibolare e quelli dei...

  2. Religioni e ateismi: una complexio oppositorum alla base del neo-separatismo europeo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Colaianni

    2011-06-01

    Full Text Available Testo della relazione svolta al Colloquio internazionale La laicità nella costruzione dell’Europa. Dualità del potere e neutralità religiosa, svoltosi in Bari il 4-5 novembre 2010 per iniziativa della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bari “Aldo Moro”, del Centre d’études internationales sur la romanité Université de La Rochelle e dell’Unità di ricerca “Giorgio La Pira” CNR – Università di Roma “La Sapienza”. Lo scritto, che sarà pubblicato negli atti del Colloquio, è destinato agli Studi in onore di Rinaldo Bertolino.SOMMARIO: 1. Il dialogo dell’Unione europea con le organizzazioni confessionali e non – 2. Il separatismo statunitense – 3. Il neo-separatismo europeo – 4. La complexio oppositorum nell’elaborazione cattolica … - 5 … e in quella secolare – 6. Il separatismo pluralistico europeo (e americano.ABSTRACTReligions and Atheisms: a Complexio Oppositorum at hearth of the European New-SeparatismThe European Union is not interested in religious phenomenon. It’s a form of separatism between State and Church. Yet the last Treaty about the Union functioning stated an “open, transparent and regular dialogue” between the Union and the Churches and the philosophical or non-confessional organizations alike. So religions and atheisms, the exact opposites, are not only recognized but also linked as complexio oppositorum. That originates a pluralistic separatism. By means of constitutional law research this paper demonstrates that this new-separatism is new for the Europe but usual for the U.S. and therefore it contributes a long way towards a rapprochement between Europe and America from the constitutional point of wiew.

  3. Sottoscrizioni autografe nelle più antiche carte del monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariano Dell'Omo

    2005-06-01

    Full Text Available Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX della “Introduzione storica, paleografica e archivistica” al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassinese nell’Italia centro-meridionale. L’obiettivo più generale è quello di far conoscere l’intero fondo archivistico di S. Liberatore, sia quello di età medievale con il citato volume, sia quello di età moderna con il successivo, apparso nel 2006. Questa specifica serie dell’Archivio cassinese, gravitante intorno a S. Liberatore ma relativa anche ad altri centri monastici minori di area abruzzese, e che occupa oggi le capsule da XCIX a CIV, racchiude complessivamente 801 documenti. Tra questi se ne annoverano alcuni particolarmente noti agli studiosi – specialmente dopo i lavori di Enrico Carusi (1929, 1932 e Herbert Bloch (1986 –, come il “Memoratorium” dell’abate Bertario († 883 e il “Commemoratorium” – inventario testamentario – del preposito maiellese, poi abate di Montecassino Teobaldo († 1035/1037. Alcuni hanno riservato interessanti scoperte, come l’attuale caps. XCIX, fasc. I, n. 4, una carta del luglio 936, che racchiude la più antica sottoscrizione autografa (“Ego qui supra Arechisi iudex” di Arechi, giudice della città di Capua, lo stesso che sottoscrisse il celeberrimo placito del 960, prima testimonianza ufficiale di volgare italiano. Altri costituiscono un nucleo di documenti omogenei (nn. 7, 8, 9, 10, 12, 13 la cui edizione integrale ha offerto finalmente in modo completo la più antica collezione di contratti agrari di Montecassino (dal 950 al 984, specialmente sotto forma di livelli (generalmente

  4. L’evoluzione del Catasto nella mostra “Un tesoro ritrovato. Dal rilievo alla rappresentazione”

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Redazione Redazione

    2009-03-01

    Full Text Available The evolution of cadastre between tradition and future applicationsThe evolution of cadastre during the last three centuries has been the main focus of an exhibition held in Rome, since the 26th of november 2009 until the last 10th of january. The event has been organized by the italian Cadastral Agency (formerly Agenzia del Territorio and it featured maps, instruments and experiences collected during the last three centuries. The awareness of the technological advancements of the instruments for surveying, acquisition, management and representation of land data could be very useful in order to understand the importance of cadastre in the control and management of our land. 

  5. La memoria alla barocca ne L’isola del giorno prima di Umberto Eco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Agnieszka Piwowarska

    2012-12-01

    Full Text Available In his third novel The Island of the Day Before (L’isola del giorno prima Umberto Eco narrates a story of an unusual castaway named Roberto who – instead of being on a desert island – finishes up on an abandoned (but only at first sight ship. The article aims to analyze how the book’s main character, during his loneliness, reminisces about events from his past. And because the novel is set in the Baroque, Roberto´s memories respect the spirit of that time : numerous flashbacks are evoked by unexpected metaphors that link very distant things. The ship, which is for a young man a cumbersome prison, becomes a real Theatre of Memory, according to Giulio Camillo’s idea.

  6. Il grido di Abacuc. La questione ecologica alla luce delle istanze del giusnaturalismo cristiano contemporaneo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristiana Maria Pettinato

    2014-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Ecologia e religioni. Il rapporto uomo-natura nella visione escatologica dell’unità tra creazione e storia. Critiche all’antropocentrismo cristiano e derive panteistiche - 2. Chiesa cattolica e questione ecologica. Il nuovo imperativo categorico: l’ecologia umana nel Magistero pontificio post-conciliare - 3. L’ecologia umana come preoccupazione comune alle principali Chiese cristiane- 4. Riflessioni sulla causa del disastro ecologico umano-ambientale: la soluzione del problema nella natura giuridica della persona umana. Abstract In the present work – based on a suggestion coming from the Scriptures- we investigated the relashionship between human disobedience to the commands of God and the revolt of the creation that manifests in the natural upheavals.Become one of the most challenging cultural issues for the modern world, even the religious faiths reflect on the ecological question, because it regards the deep relashionship between man and all over the world created.But the ebraic-christian monotheism develops an ontological doctrine of creation purposeful orientated toward redemption.The christian revolution is that man is the centre of the universe and ontological different from the others creatures, in respect of which is vested of responsability. But humanity power has become limitless, consequently new methaphisic and religious tendences offer a vision of nature deified (Deep ecology-Gaia, in which man depersonalized is privated of moral and legal responsibility.In post-conciliar magisterium Catholic Church addresses the ecological problem interpreting it as an anthropological question.It’s useless taking care of the environment without priority to the human rights. This is one of the most important principle of Social Doctrine of Catholic Church. The ecological disaster is an human fault, and the solution of this emergency is a revaluation of natural law, a duty for the common

  7. Modernità e ortodossia: strategie di conciliazione e dissidenza nell'insegnamento della filosofia nei collegi gesuitici del primo Settecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Rita Capoccia

    2010-02-01

    Full Text Available La contribution d'A. R. Capoccia s'appuie sur l'analyse des manuscrits de philosophie naturelle (phisica de Giulio Gori et d'autres professeurs jésuites du Collège Romain au cours des deux premières décenniesdu xviiie siècle. L'auteure s'attache à mettre en évidence l'opposition, “disimulée” mais bien réelle, des professeurs aux prescriptions officielles de l'Ordre en matière d'enseignement. Elle s'emploie en particulier à décrire l'une des stratégies d'introduction de la philosophie moderne, atomiste et cartésienne, qui sapaient en fait les bases des propositions doctrinales constitutives de l'orthodoxie doctrinale de la Compagnie de Jésus.Il contributo di A. R. Capoccia è basato sull’analisi dei manoscritti di filosofia naturale (phisica di Giulio Gori e di altri professori gesuiti al Collegio romano nel primo ventennio del Settecento; in esso si descrivono la ‘dissimulata’ opposizione dei professori alle prescrizioni ufficiali dell’Ordine in materia d’insegnamento e una delle strategie d’introduzione della filosofia moderna, atomistica e cartesiana in particolare, che scardinavano gli assunti dottrinali a fondamento dell’ortodossia nell’Ordine dei gesuiti.Anna Rita Capoccia's contribution is based on the analysis of manuscripts created by Giulio Gori and other Jesuit professors at Roman College in the first twenty years of eighteenth century.There are here described professors' "hidden" opposition to official precepts by the Order about teaching and an introduction strategy to Atomist and Cartesian modern philosophy; these strategies unhinged doctrinal tasks that were the theoretical structure of Jesuit Order's orthodoxy.

  8. Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carmela Salazar

    2011-03-01

    Full Text Available Lo scritto riprende, ampliandoli, i contenuti del saggio intitolato I “destini incrociati” della libertà di espressione e della libertà di religione: un’indagine sui conflitti e sulle sinergie tra gli artt. 19 e 21 Cost. attraverso il prisma del principio di laicità, in corso dipubblicazione sul n. 1/2008 di Quaderni di diritto e politica  ecclesiastica, editi da il Mulino.SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti controle confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: leeccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica.

  9. Prime osservazioni in tema di rappresentanza sindacale: dal protocollo del 31 maggio 2013 alla sentenza della Corte Costitu­zionale n. 231 del 2013

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marina Capobianco

    2013-07-01

    áti­cas divisiones averiguadas en los últimos años entre los sindicatos. El Protocolo se pone en perfecta línea de continuidad con el anterior Acuerdo Interconfederal del 28 junio del 2011, diferenciándose de ello, sin embargo, en algunas partes. Dentro de este escenario, se analiza la reciente pronunciación de la Corte Constitucional sobre la legitimidad constitucional del art. 19 del Estatuto de los Trabajadores hoy, recorriendo las etapas de progresiva afirmación de la nueva orientación jurisprudencial dirigida a encontrar soluciones de compromiso para poner punto final a la añosa cuestión de la representación "irrisorta", en el ámbito del vacío legislativo en materia sindical. Riassunto - L'Autore affronta lo spinoso tema della rappresentanza sindacale alla luce del­la stipulazione della recente Intesa recante indicazioni in tema di misurazione della rappresen­tatività, sottoscritta unitariamente dalle parti sociali per porre fine alle drammatiche divisioni verificatesi negli ultimi anni sul fronte endo-sindacale. Il Protocollo si pone in perfetta linea di continuità con il precedente Accordo Interconfederale del 28 giugno del 2011, differenziando­sene, tuttavia, su alcune parti. Entro tale scenario, si analizza la recente pronuncia della Con­sulta sulla legittimità costituzionale dell'art. 19 dello Statuto dei Lavoratori oggi, ripercorren­dosi le tappe di progressiva affermazione del nuovo orientamento giurisprudenziale volto a trovare soluzioni di compromesso per porre fine alla annosa questione della rappresentanza “irrisorta”, nell'ambito del vuoto legislativo in materia sindacale. Sommario – 1. L'Accordo del 31 maggio 2013 nel quadro dei previgenti accordi interconfe­derali – 2. Le nuove misure di rappresentatività – 3. L'efficacia soggettiva ed i criteri di votazio­ne - 4. La clausola di esigibilità e di tregua sindacale – 5. La portata e gli effetti del nuovo accordo – 6. La recente decisione della Consulta e le "soluzioni" al

  10. FILOSOFIA DE LA MENTE; APORTES TEORICOS Y EXPERIMENTALES A LA VISIÓN EMERGENTISTA DEL VINCULO MENTE-CEREBRO.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paul Ruiz Santos

    2011-01-01

    Full Text Available El presente trabajo intenta sumar alprograma emergentista dentro del mapa teórico referido a la Filosofía de la Mente, tomando como referentes a disciplinas y teorías naturalizadas. Algunos puentes vinculantes desde la naturalización pueden ser por ejemplo el neuro-psicoanálisis, las neuronas espejo, la psicosomática, entre otros. Dichos puentes son posibles de ser tendidos a través de la naturalización de los procesos psicológicos vinculándolos a diferentes procesos biológicos. El objetivo del trabajo no pretende obturar los procesos psicológicos a través de la simplificación y reduccionismo de los mismos, ni biologizar la psicología a través de planteos cartesianos. Sino, de la mano de la neuro-fenomenología, acceder a más y nuevas evidencias sobre el vínculo mente-cerebro y sus implicancias aportando a una visión interaccionista y emergentista del vínculo.

  11. DENEGRINDO A FILOSOFIA: O PENSAMENTO COMO COREOGRAFIA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renato Noguera

    2011-12-01

    Full Text Available Partindo da ideia de Deleuze que filosofia é criar conceitos, este artigo tem como objetivo apresentar a filosofia afroperspectivista, criando conceitos para articular ensino de filosofia e a educação das relações etnicorraciais. O conceito de denegrir trabalha para problematizar o nascimento da filosofia na busca por uma nova coreografia do pensamento.

  12. Il rumore elettrico Dalla fisica alla progettazione

    CERN Document Server

    Pallottino, Giovanni Vittorio

    2011-01-01

    L’opera fornisce una trattazione chiara, agile ed essenziale, ma completa, del rumore elettrico, argomento considerato generalmente oscuro e specialistico. Molto più breve (circa 275mila battute) dei testi attualmente disponibili. Il contenuto copre gli aspetti essenziali della matematica e della fisica del rumore (termico, shot. 1/f, …), e della sua rappresentazione nei circuiti. Discute quindi il rumore nei dispositivi passivi e attivi, e introduce i criteri di progettazione a basso rumore. Affronta infine brevemente questioni quali l’estrazione del segnale dal rumore e gli impieghi utili del rumore. L’attenzione è generalmente rivolta alla strumentazione fisica a bassa frequenza, in relazione alla pluridecennale esperienza specifica dell’autore. Si tratta di una estensione delle dispense, utilizzate per anni, di un corso universitario. Pertanto la trattazione è fortemente didattica, con particolare attenzione a rimuovere ambiguità e incertezze, discutendo il materiale in termini fisici intuit...

  13. Filosofia e Aventura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ronie Alexsandro Teles Silveira

    2014-09-01

    Full Text Available A cultura ocidental é fortemente marcada pela influência do postulado platônico sobre a dualidade da realidade. Os desdobramentos do saber absoluto hegeliano parecem ter propiciado um novo patamar de valores que dissolvem tal postulado - o que denomino de cultura da imanência. Nesse contexto, o empreendimento epistemológico se caracteriza por uma extrema confiança em sua própria eficácia. Entendo que essa segurança epistemológica tem conduzido a filosofia a um impasse: ou se torna parte do empreendimento científico ou se redefine como uma atividade que busca a aventura e não mais a verdade.

  14. Il concetto e l’evoluzione del museo come premessa metodologica alla progettazione di modelli 3D

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Benedetto Benedetti

    2013-03-01

    Full Text Available ItQuesto contributo tocca alcuni aspetti primari del “museo” (inteso nel senso più ampio per valutarne la storia, la formazione, l’evoluzione e le funzioni caratteristiche. L’analisi si svolge attraverso sezioni diverse: 1. la storia del museo: origine e funzione; i primi musei; 2. la formazione storica dei maggiori musei; 3. il pubblico dei musei, in Italia e nel mondo: il numero dei visitatori; 4. la struttura del museo e la qualità dei musei; 5. il monumento musealizzato: conoscenza – percezione – rappresentazione; 6. le forme storiche del monumento musealizzato: reale - originale – virtuale; 7. un’applicazione sperimentale: la memoria storica e la rappresentazione 3D dello scavo archeologico. La prospettiva critica, e allo stesso tempo sperimentale, qui proposta è rivolta, principalmente, ai giovani professionisti che vogliano impegnarsi in progetti di modellazione 3D di manufatti artistici e di complessi monumentali perché possano affrontarli con consapevolezza scientifica e capacità di previsione dei possibili sviluppi e ricadute sia culturali sia economiche nel settore museale (reale e virtuale, così diversificato e in continua evoluzione nel mondo.EnI aim at treating here some main aspects concerning the “museum” (here meant in the broadest sense in order to analyse and debate its history, origin, developments, and primary functions. The analysis is set out in different sections: 1. The history of the “museum”: origin and function; the first museums; 2. The historic formation of the major museums; 3. The visitors in the museums in Italy and in the world: the number of the visitors; 4. The structure and quality of museums; 5. The “monument” as an exhibited object in museum: perception – knowledge – representation; 6. The historical perception of a monument as “musealised” artefact: real - original – virtual; 7. An experimental application: the historical memory and the 3D representation of an

  15. OSSERVAZIONI SULL’ATTIVAZIONE DEL RECETTORE ARILICO (AHR) IN CORRELAZIONE ALLA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE DA METALLI PESANTI IN TUMORI SPONTANEI DI CANI DELLA REGIONE CAMPANIA. Correlation between Aryl hydrocarbon Receptor (AhR ) expression and environmental heavy metals contamination in canine tumors.

    OpenAIRE

    Trapani, Francesca

    2010-01-01

    Osservazioni sull’attivazione del recettore arilico (Ahr) in correlazione alla contaminazione ambientale da metalli pesanti in tumori spontanei di cani della regione Campania. La storia e l’evoluzione delle malattie riflette spesso la storia delle modificazioni che sono occorse nell’ambiente. In seguito al moderno sviluppo tecnologico l’inquinamento ambientale ha subìto un forte incremento e, come conseguenza, anche l’incidenza di malattie legate alla contaminazione am...

  16. A aposta na filosofia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Márcio Suzuki

    2011-12-01

    Full Text Available Para Hume, filosofar é uma atividade semelhante às demais ocupações humanas. A decisão que leva à atividade filosófica é menos resultado de uma argumentação teórica do que fruto de um cálculo prático, que é entendido como uma caça ou um jogo. O objetivo deste trabalho será o de mostrar que no jogo filosófico perde quem joga sério demais. A aposta na filosofia tem que passar pelo bom humor e pela diversão: uma resposta a Pascal?For Hume, philosophy is in itself neither more nor less important than other human activities. On the contrary, it can be explained from its resemblance with game and hunting. If one chooses to dedicate himself to philosophy, his decision is not the consequence of logical reasoning, but depends on practical evaluation, which has something to do with gambling. The following text tries to show that in philosophy, like in other games, the loser will be the one who plays too earnestly. The philosophical game requires good humour and some relaxation: Is this a good answer to Pascal's pari?

  17. Giovani migranti alla prova. Biografie in costruzione

    OpenAIRE

    DELLO RUSSO, MARINA

    2013-01-01

    Il lavoro di ricerca condotto è centrato sull’analisi dell’esperienza sociale (Dubet, 1994, 2002; Jedlowski, 2010, 2005) dei giovani immigrati di seconda generazione o di generazione 1.5. L’orientamento scelto è quello di interpretare nella contemporaneità, alla luce del declino delle istituzioni dello Stato-nazione e dell’affermarsi potente della logica di mercato, la differenza culturale e, in particolare, come questa sia sperimentata quotidianamente dai giovani migranti, dal momento ch...

  18. Piattaforma multimediale e interattiva, per la conoscenza e la salvaguardia del patrimonio Ambientale ed Architettonico in area Mediterranea con particolare riferimento alla regione del Maghreb.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Tosto

    2010-12-01

    Full Text Available La salvaguardia del patrimonio culturale, storico e architettonico occupa un posizione di rilievo all’interno dei diversi campi di applicazione che riguardano la comunicazione globale. La società attuale trova al giorno d’oggi nella comunicazione globale il più importante strumento di informazione. Dall’interazione tra beni culturali e nuove tecnologie, sicuramente, potranno crearsi numerose opportunità a livello conservativo, comunicativo e di sviluppo economico per quello che riguarda il ricchissimo patrimonio storico-artistico presente nel Mediterraneo. Il bacino mediterraneo ed in particolar modo l’area del Maghreb offre un vastissimo repertorio di casi utili per sperimentare metodi di indagine, teorie e tecniche utili per la comprensione, il recupero e la salvaguardia di impianti architettonici di rilevante importanza storico-culturale. Con il termine Maghreb (che in arabo significa “occidente” si identifica l’intera regione dell’Africa settentrionale che comprende Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto.

  19. Sottoscrizioni autografe nelle più antiche carte del monastero di S. Liberatore alla Maiella. Contributo alla storia del rapporto tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X Autograph subscriptions in the oldest cards of the monastery of S. Liberatore of the Maiella. A contribution to the history of the relationship between writing and literacy in Abruzzo in 10th Century

    OpenAIRE

    Mariano Dell'Omo

    2005-01-01

    Il saggio che si propone di contribuire alla storia delle relazioni tra scrittura e alfabetismo in Abruzzo nel secolo X, deriva da una sezione (pp. CXLI-CLXX) della “Introduzione storica, paleografica e archivistica” al volume pubblicato dall’autore nel 2003. L’immediato contesto geo-monastico è quello di S. Liberatore alla Maiella, la più grande delle dipendenze di Montecassino in Abruzzo, e una delle prepositure più notevoli tra le circa sessanta che appartennero al monastero cassi...

  20. Elementos de História da Filosofia Medieval

    OpenAIRE

    Coutinho, Jorge

    2008-01-01

    Exposição dos principais temas e autores da filosofia medieval: Filosofia e religião; filosofia patrística, com relevo para Santo Agostinho; filosofia escolástica, com relevo para Anselmo de Cantuária, Tomás de Aquino e São Boaventura; decadência escolástica.

  1. Tzvetan Todorov: dalla scienza alla letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vladislav Tretyakov

    2014-05-01

    Full Text Available Nell'introduzione viene dato un saggio bibliografico sul Tzvetan Todorov "russo". Il grado di assimilazione, se non di notorietà, della sua opera in Russia rimane esiguo, fatto sorprendente per una serie di ragioni, tra le quali vanno annoverate le origini e la biografia di Todorov, il grande interesse degli umanisti russi per la teoria occidentale e il boom traduttivo degli ultimi decenni in Russia. Il lavoro principale di Todorov per le scienze umane russe rimane il suo articolo degli inizi "Che cos'è la letteratura"?Nella parte principale dell'articolo viene esaminata l'evoluzione delle idee scientifiche di Todorov, che negli anni 1960-1970 è stato una delle figure principali dello strutturalismo, mentre col tempo è diventato un oppositore della teoria. L'approccio del tardo Todorov alla letteratura viene esaminato sulla base del suo articolo "Per che cosa esiste la letteratura?" (2007 e dell'intervista rilasciata alla rivista russa "Questioni di letteratura" ("Voprosy literatury" nel 2006. Il suo cammino dall'idea di letteratura come semiosis all'idea di letteratura come mathesis, dalle ricerche di una definizione strutturale della letteratura a quelle di una sua definizione funzionale – un iter che, usando la formula di Roland Barthes, potrebbe essere definito, appunto, "dalla scienza alla letteratura" – viene paragonato con l'evoluzione dello stesso Barthes (molto più noto in Russia di Todorov. È interessante notare, a questo proposito, che Barthes è stato il maestro di Todorov e che, pur considerando già impossibile l'esistenza di un discorso scientifico sulla letteratura, valutava molto positivamente i lavori di teoria letteraria dell'allievo.La traiettoria tracciata nell'articolo non accomuna solo questi due autori ed è in un certo senso tipica della teoria contemporanea.

  2. «... Cercare l'esperienza alla sua fonte». Il dono della verità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Vitiello

    2011-10-01

    Full Text Available

    Un cammino nel territorio della conoscenza, da Wittgenstein a Kant, da Aristotele a Platone, con finale apertura all’etica dell’«accanto», dell’io tu a se medesimo e di se medesimo, ovvero: alla filosofia come testimonianza, alla verità come dono d’altri.

    «...Look for the experience at its source». The gift of truth

    A path into the territory of knowledge, from Wittgenstein to Kant, from Aristotle to Plato, with a final opening to the ethics of 'beside', of the I (that is «You» towards Himself and of Himself; that is, to philosophy as witness, to truth as others' gift.

  3. Por uma filosofia do medicamento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cléber Domingos Cunha da Silva

    2015-09-01

    Full Text Available ResumoMedicamento e pensamento, em que coincidem estes conceitos? A proposta do presente ensaio é demonstrar, sob uma perspectiva biopolítica, a existência de novos desafios para aqueles que lidam com a temática da farmaceuticalização na sociedade contemporânea. As análises realizadas demonstram que abordagens essencialmente tecnicistas são insuficientes para o confronto de questões como: os lucros exorbitantes obtidos com a comercialização de medicamentos, a relação desproporcional desses valores com o número de novas moléculas inovadoras e o difícil acesso aos poucos novos fármacos. A proposta de uma filosofia do medicamento, no campo da saúde coletiva, parece oportuna para a tomada de posicionamentos mais críticos e para o estabelecimento de espaços de resistência às condutas farmacoterapêuticas. Afinal, o medicamento não é um elemento isolado constitutivo da vida humana; embora, tenha se tornado um componente central no governo da vida contemporânea, o seu emprego adequado requer o exercício do pensamento.

  4. Dalla trasmissione interculturale alla transculturalità dei Diritti Umani nella filosofia arabo-islamica contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sarhan Dhouib

    2011-01-01

    Full Text Available From Intercultural Mediation to the Transculturality of Human Rights in Contemporary Arab-islamic Philosophy - This article explores the point of view of Arab-Islamic philosophy with respect to the problem of human rights: their transcultural value and their intercultural transmission. The main focus of the argument is on the problems that hinder the universal validity of human rights from being established. The investigation explores primarily the following questions: How is it possible to achieve an intercultural extension of the basic laws on which human rights are grounded? How is it possible to ensure that human rights are universally acknowledged and respected? Is there a contradiction between cultural pluralism and the universal acknowledgment of human rights? What arguments might support the idea of the universal value of human rights?

  5. Filosofia da amizade: uma proposta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Konrad Utz

    2010-12-01

    Full Text Available http://dx.doi.org/10.5007/1677-2954.2008v7n2p151O artifo tenciona desenvolver o conceito da amizade como conceito-base de toda Filosofia Prática. Porém pretende apresentar apenas uma entre as várias argumentações possíveis em favor desta concepção: defende que a amizade, no sentido exposto, seja a solução mais convincente ao problema da intersubjetividade. A questão é como a  concepção da subjetividade pode ser entendida a outros indivíduos, se essa, como o autor defende pode ser compreendida priginariamente somente a partir da auto-referência da primeira pessoa. Para isso, ele faz uso do conceito aristotélico do amor amigável enquanto direcionado a um "heterosautos", identificando como seus momentos tanto o conhecimento e o desejo do outro, como o respeito e a benevolência. Os últimos dois momentos são interpretados como "conversão" da consciência dos primeiros. Por meio dessa "conversão da consciência" a consciência do Outro é estabelecida. Como se trata da conversão de uma consciência concreta, tanto cognitiva quanto volitiva, seu resultado não é um conceito abstrato e geral de uma subjetividade diferente da minha, mas uma relação concreta entre indivíduos que implica um compromisso e a partir da qual forma-se um étos específico da comunidade assim estabelecida.

  6. Más alla de la politica del recinto étnico: Algunas reflexiones a la luz de los recientes acontecimientos en el Cáucaso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vladimir Rouvinski

    2008-12-01

    Full Text Available A pesar de la imagen que algunos lectores podrían tener como resultado de los recientes informes en los medios de comunicación, el conflicto actual en el Cáucaso tiene una larga historia y una naturaleza compleja. Este es un conflicto que se libra a lo largo de líneas étnicas y los orígenes de esta rivalidad se remonta a la historia soviética de la región. En este trabajo, teniendo en cuenta como punto de partida los debates principales en el área de estudios de las naciones y el nacionalismo, el autor trata de aclarar las bases de los problemas modernos de la región del Cáucaso. Se trata de un ejercicio de tres aspectos: en primer lugar, el trabajo explora las relaciones entre los debates de la historiografía, la producción de la historia oficial y las políticas étnicas soviéticos, en segundo lugar, el autor discute un nuevo marco de la clausura étnica, y, finalmente, es un estudio de caso ofrecido.

  7. Il museo partecipativo sul web: forme di partecipazione dell’utente alla produzione culturale e alla creazione di valore culturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Bonacini

    2012-05-01

    Full Text Available Obiettivo di questo lavoro è un inquadramento sia del nuovo rapporto fra il museo partecipativo e l’utenza che delle forme di partecipazione dell’utenza alla produzione culturale e alla creazione di valore culturale, alla luce delle potenzialità offerte dalle ICT, soprattutto dal web e dai vari social media. Questo nuovo rapporto, che ha le sue radici più profonde proprio nell’ampia adozione di tutte le piattaforme tecnologiche oggi in uso, consente anche una reinterpretazione del significato stesso di cultural value. Il quadro, che viene qui delineato ed arricchito da numerosi esempi soprattutto stranieri, chiarisce anche quanto l’aspetto partecipativo e l’utilizzo di tags, folksonomie e user generated contents possano incidere sulla fidelizzazione dell’utenza. Infine, in una tabella presentata a fine del contributo, si evidenziano le maggiori componenti che caratterizzano il definitivo passaggio dalla fase Museo 1.0 alla fase Museo 2.0. The aim of this paper is a framework both of the new relationship between the participatory museum and the audience and a framework of multiple forms of audience participation in cultural production and in the creation of cultural value, given the potential offered by ICTs, especially the web and various social media. This new relationship, which has its deepest roots just in the adoption of all technology platforms in use today, also allows for a reinterpretation of the meaning of cultural value. The framework, outlined here and enriched by numerous examples especially foreigners, also makes clear that participation and use of tags, folksonomies and user-generated contents may have an impact on users loyalty. Finally, presented in a table at the end of the paper, we highlight the most important features characterizing the transition from the Museum 1.0 phase to the Museum 2.0 one.

  8. Che cos’è la filosofia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2011-09-01

    Full Text Available Ecco una risposta che arriva dagli antipodi, tramite il blog di John Wilkins: filosofia è quello che si fa quando i fatti non assicurano una soluzione. Wilkins usa tutta la ricchezza di riferimenti che ci può aspettare da una disciplina con una bibliografia millenaria. Ma la finezza della definizione sta nel suo carattere elementare: se [...

  9. La filosofia d’entreguerres: violència i redempció

    OpenAIRE

    Casanovas, Pompeu

    2014-01-01

    Estudi elaborat en ocasió de l’Exposició organitzada per Jordi Rovira i Àngels Casanovas, Imatges per al record. La Gran Guerra en postals (1914-1918) Fundació Antiga Caixa d’Estalvis de Sabadell, 13 de Febrer del 2014 Aquesta conferència tracta concisament la reacció dels filòsofs i intel·lectuals europeus (alemanys, francesos i britànics) davant l'esclat de la 1a Guerra Mundial. L'impacte que tingué la contesa en la filosofia d'entreguerres no es pot minimitzar. L'abast del conflicte i l...

  10. Antonio Banfi e le filosofie della Germania del novecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Poggi

    2014-12-01

    Full Text Available Tra le figure più importanti del dibattito filosofico italiano del Novecento, Antonio Banfi ha svolto nell'Italia del secondo dopoguerra anche un ruolo politico di rilievo come senatore del PCI. La sua interpretazione del marxismo ha presentato una forte accentuazione umanistica. Tra i suoi scolari filosofi e storici della filosofia come Giulio Preti, Enzo Paci, Remo Cantoni, Paolo Rossi. Il saggio prende in esame la prima fase della riflessione filosofica di Banfi, nella quale ha una importanza decisiva la conoscenza diretta del dibattito tedesco tra le due guerre mondiali, in primo luogo della fenomenologia di Husserl e della ontologia di N. Hartmann. I Principi di una teoria della ragione - libro apparso alla fine degli anni '20 - e poi una serie di incisivi saggi degli anni '30 documentano una conoscenza approfondita e critica di un dibattito di cui mostrerà di nutrirsi in misura decisiva l'interpretazione di Banfi non solo di Hegel, ma anche di Marx.

  11. Entre Filosofia e Religião

    OpenAIRE

    Natário, Maria Celeste

    2010-01-01

    Donde vimos?, qual a origem do mundo? E por detrás da questão da origem do mundo: porquê o mundo? E por detrás da questão do «porquê o mundo», o porquê do sentido da vida, da «minha vida», da vida de cada um de nós. A resposta a estas questões últimas tem sido tentada por várias vias: mitologia, ciência, filosofia, religião… Reflectiremos aqui sobre essas tentativas, procurando, em particular, articular a filosofia e a religião.

  12. La filosofia de la noviolencia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Santiago Borda M

    2004-11-01

    Full Text Available Este artículo sintetiza el itinerario vital de Joseph Jean Lanza del Vasto y su Obra filosófico-teológica sobre testimoniales y proféticos aspectos relacionados con el t6pico de Ia Noviolencia activa. Este pensador trata de realizar una contribución praxiológica a nuestros problemas continentales, nacionales y regionales, pues estuvo en siete ocasiones en Latinoamérica (Argentina, Chile, Peru y Colombia, durante un lapso de 30 anos. Uno de los frutos de su acci6n fue Adolfo Perez-Esquivel, arquitecto y escultor argentino galardonado con el Premia Nobel de Ia Paz (1980. La Obra 'lanciana' actualmente continua implementada en un Proyecto Integral de Vida en Argentina, Brasil y Ecuador, en grupos de Autogesti6n con los cuales interactua el autor de este articulo, como Aliado del Movimiento lnternacional Noviolento del ARCA, mostrando la Noviolencia cual practica revolucionaria aplicable a todas las esferas de Ia actividad humana.

  13. A filosofia da educação na actualidade

    OpenAIRE

    Martins, Ernesto

    1993-01-01

    Pensamos ser de algum interesse actual para os que nos dedicamos no ensino da Filosofia da Educação, formular algumas questões prévias, as quais pretendemos reflectir ao longo do texto, para entender o próprio conceito e o seu enquadramento nas Ciências do saber e principalmente das Ciências da Educação. Por exemplo, referimo-nos aos objectivos do nosso estudo: O que é a Filosofia da Educação? Quais as características que a distinguem de outros tipos de filosofias (p. ex., a Filosofia do ...

  14. Filosofia da diferença: apontamentos em torno da aprendizagem do pensamento em filosofia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Américo Grisotto

    2012-06-01

    Full Text Available Aventurar-se no pensamento em filosofia não depende, a princípio, do uso necessário dos arsenais da razão. Antes, seria necessário lançar-se em seus domínios e ficar à espreita dos seus acontecimentos. Somente quando esses ocorrerem teremos como distinguir os que coincidem enormemente com o que já fazemos e pensamos, e os que trazem o novo. Talvez aí, de fato, algum empenho tenha sentido. Assim, ao me deparar com os escritos da filosofia da diferença, de maneira especial com os de Deleuze, Guattari e Foucault, foi possível deslocar a minha prática docente em filosofia dos moldes da filosofia maior e vislumbrar a filosofia em sua menoridade. Aliás, pelo inusitado dos acontecimentos que atravessam nossas salas de aula, penso que seja possível sugerir aos alunos que inventem suas próprias regras de fazer filosofia, segundo uma nova maneira de confecção, um novo estilo que lhes seja próprio, ou seja, que tomem os autores da história do pensamento como matéria de entretimento, por meio de novas composições que não aquelas que os textos filosóficos já oferecem; que selecionem autores que endossam aquilo em que pensam, fazendo uso intensivo deles; que traiam os autores, respeitando-os o máximo, sem reproduzi-los.

  15. Campania: territorio e città di fronte alla sfida della logistica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Mazzeo

    2010-07-01

    Full Text Available All’interno del sistema territoriale meridionale la Regione Campania si presenta come un polo importante nel settore del trasporto e dello smistamento delle merci. Questo ruolo si è venuto rinforzando in seguito alla realizzazione di infrastrutture dedicate alla logistica, connesse ad infrastrutture di supporto. Il sistema campano presenta punte di eccellenza di livello nazionale che possono incentivare il ruolo della Regione in questo settore, ma presenta anche fattori negativi che possono rallentare il decollo del settore. Si fa riferimento alle strozzature infrastrutturali e gestionali che ne inceppano l’efficienza, ma anche alla debolezza del sistema produttivo regionale che non garantisce una massa critica locale alla logistica campana. Un terzo aspetto è la mancanza di un chiaro disegno di programmazione degli investimenti e una maggiore chiarezza dei ruoli da assegnare alle diverse iniziative, nate soprattutto sulla base di spinte localistiche non coordinate. Il paper analizza la situazione della logistica territoriale in Campania e delle sue interrelazioni territoriali individuando punti di forza e di debolezza e potenziali fattori evolutivi. Gli aspetti della logistica che vengono affrontati sono di tipo territoriale e si differenziano da quelli della logistica urbana per la quantità di merci movimentate e per la concentrazione in pochi poli strategici, in quanto queste piattaforme logistiche richiedono attrezzature specializzate e ampi spazi per la movimentazione e il deposito. L’analisi del rapporto tra territorio e logistica individua quelli che sono i principali elementi di interconnessione e, spesso, di crisi, nell’uso dello spazio fisico, in ragione degli obiettivi a volte divergenti tra il governo del territorio ed i soggetti economici. Si passa successivamente ad analizzare lo stato del movimento merci in relazione alla portualità mediterranea e lo stato del sistema logistico campano (non ancora definito in tutte le

  16. Il Centro Nascita Montessori. Dal neonato in famiglia al bambino e alla famiglia nel servizio educativo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Franceschini

    2010-02-01

    Full Text Available Intervento al Workshop Internazionale “Infanzie e Famiglie in Europa”, del 16 ottobre 2009, presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Via Filippo Re, 6 Bologna (Aula Magna. L’intervento illustra i valori fondativi del Centro Nascita Montessori dalle sue origini ai giorni nostri attraverso un percorso che si è allargato nel tempo: dalla focalizzata attenzione e cura al neonato in famiglia o nel brefotrofio fino agli anni ’60 alla cura della crescita del bambino nei servizi educativi e alla cura della relazione con le famiglie dagli anni ‘70 in poi. Tale espansione del campo di interesse e d’indagine operativa ha arricchito il patrimonio di competenze e di conoscenze del C.N.M..

  17. Dalla teoria alla pratica nei modelli macroeconomici: l’eclettismo post-keynesiano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ignazio Visco

    2005-06-01

    Full Text Available Questo saggio riesamina e discute il contributo di Franco Modigliani alla costruzione di modelli macroeconomici utilizzati per la previsione e per l’elaborazione delle politiche economiche. Come ha osservato Paul Samuelson, il lavoro teorico svolto da Modigliani è stato fondamentale per lo sviluppo del quadro d’insieme entro ilquale è maturato l’“eclettismo post-keynesiano” della seconda metà del ventesimo secolo. Nel passaggio dalla teoria alla pratica vengono considerati due aspetti del lavoro di Modigliani: 1 l’impostazione sistemica che si incentra sulla relazione tra ilbreve e il lungo periodo; 2 il particolare riferimento al meccanismo di trasmissione della politica monetaria nell’utilizzo del modello macroeconomico per le politiche di stabilizzazione economica. Si discute, infine, brevemente ciò che oggi resta di questo contributo, anche in relazione ad alcune recenti proposte sulla costruzione di modelli macroeconomici.

  18. HANNAH ARENDT: MODERNIDADE, CIÊNCIA E FILOSOFIA

    OpenAIRE

    Emilio E. Dellasoppa

    1990-01-01

    Estudam-se as concepções de Hannah Arendt sobre as relações entre ciência e filosofia a partir do momento que caracteriza como de dupla alienação: da ciência da terra para o cosmos e da filosofia do mundo para o eu. Arendt entende este momento como o fundacional do subjetivismo filosófico, coincidente com os eventos que determinam o caráter da Idade Moderna. Mostra-se que Arendt reage contra o “seguidismo” da filosofia em relação à ciência, admitindo a possibilidade humana de descoberta e man...

  19. A filosofia e os anos 1960

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Duarte de Andrade

    2012-06-01

    Full Text Available O ensaio aponta a relação da filosofia com os anos 1960, tendo em vista os cruzamentos entre idéias então produzidas e aquele momento histórico. O método empregado alia interpretação histórica e interpretação filosófica, com destaque para alguns autores, como Herbert Marcuse e Michel Foucault. Conclui-se que o pensamento dos anos 1960 cunhou também uma concepção nova do que seria a própria atividade de interpretar, fatos ou idéias.

  20. Dall’estetica alla teoria. Note sulla transestetica della letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lorenzo Oropallo

    2012-12-01

    Full Text Available  Come ha messo in rilievo Paul De Man, la teoria della letteratura nasce insieme alla letteratura stessa, dunque a partire dal primo romanticismo tedesco e la sua riflessione intorno alla natura dell'arte. In questo senso, la teoria letteraria non si oppone alla pratica della scrittura, ma alla sua estetica, che quindi è necessario superare.

  1. Filosofia das ciências sociais: temas atuais

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Harold Kincaid

    2014-12-01

    Full Text Available A filosofia das ciências sociais, concebida da maneira adequada, tem algo a oferecer aos que praticam as ciências sociais. Os cientistas sociais adotam em suas pesquisas, ainda que de forma implícita, alguma filosofia de sua ciência. Para evitar impasses, é melhor explicitar essa filosofia e ser criticamente consciente dos seus méritos. A filosofia das ciências sociais, por sua vez, não pode ser praticada sem um envolvimento íntimo com a pesquisa social. O artigo esboça alguns desenvolvimentos da filosofia da ciência pós-positivista e suas implicações para a filosofia das ciências sociais. Essa perspectiva geral é então aplicada a alguns debates das ciências sociais: a natureza da causalidade; o lugar dos mecanismos na pesquisa social e da legitimidade de explicações puramente macrossociológicas; a distinção entre pesquisa qualitativa e quantitativa; a distinção entre evidência observacional e evidência experimental; a polêmica entre o individualismo e o holismo metodológicos na explicação sociológica.

  2. Disturbi dello spettro autistico tra filosofia della medicina e delle neuroscienze

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Maria Cirino

    2012-05-01

    Full Text Available L’autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo neuropsicologico che interessa all’incirca un bambino su mille. Purtroppo, si tratta di un dato destinato ad aumentare, anche per via dell’interesse mediatico e scientifico che questa patologia è stata capace di richiamare intorno a sé. Da un lato, infatti, sono aumentate le richieste di screening presso i numerosi centri che monitorano questa complessa patologia neurologica e dall’altro sono migliorate le tecniche di diagnosi che sempre più spesso si avvalgono di esami genetici all’avanguardia in aggiunta alle ormai classiche interviste psicologiche. L’autismo pone, dunque, serie questioni all’attenzione della ricerca scientifica sia nel vasto campo delle neuroscienze che in quello della neuropsichiatria e della psicologia clinica. Ebbene: quel settore della filosofia che guarda alla scienza con interesse particolare, non può che seguire con partecipazione i progressi nella spiegazione di questa misteriosa patologia che, attualmente, resta un vero e proprio rompicapo per tutti coloro che hanno a che fare con la complessità dell’organizzazione cerebrale dell’essere umano.

  3. Simboli e tradizioni “inventate” alla corte di Abdülhamid II

    OpenAIRE

    Federico Donelli

    2014-01-01

    A seguito di una breve esperienza costituzionale, il sultano ottomano Abdülhamid II inaugurò una nuova fase di potere autoritario, legittimato e rafforzato da un’ideologia imperiale. La struttura di questa ricalcò i nazionalismi ufficiali promossi da altre dinastie europee, nella comune speranza di disinnescare le forze centrifughe interne ai rispettivi imperi. Parallelamente ad un pan-islamismo difensivo, si assistette al recupero del titolo di califfo ed alla ripresa di pratiche e simboli, ...

  4. El pensament dialèctic i sintètic en la filosofia de l’educació durant el segle XX Dialectic and synthetic thought in education philosophy in the 20th century El pensamiento dialéctico y sintético en la filosofía de la educación del siglo XX

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Xavier Laudo Castillo

    2011-01-01

    Full Text Available Aquest treball vol ser una contribució a la història de la filosofia de l’educació contemporània. Es presenten dues de les principals corrents que, al nostre parer, configuren la filosofia de l’educació a Catalunya en el segle XX: dialèctics i sintètics. En un primer moment, s’aborda la línia de pensament que, representada per Eugeni d’Ors i Octavi Fullat, entén l’educació com una dialèctica entre dos pols o extrems oposats i en conflicte permanent. En una segona part, s’analitza la visió sintètica del plantejament pedagògic, en consonància amb els postulats de la pedagogia perenne actualitzada pel cardenal Mercier i representada per diversos epígons catalans de Jaume Balmes i per Joan Tusquets. La metodologia emprada ha estat l’hermenèutica de textos a través de l’anàlisi, la interpretació i el contrast de l’obra filosoficopedagògica dels autors esmentats ______________________________________________ Ce travail veut être une contribution à l’histoire de la philosophie de l’éducation contemporaine. Il présente deux des principaux courants qui configurent, à notre avis, la philosophie de l’éducation en Catalogne au cours du XXe siècle : dialectiques et synthétiques. Dans un premier temps, il aborde la ligne de pensée représentée par Eugeni d’Ors et Octavi Fullat qui entend l’éducation comme une dialectique entre deux pôles ou extrêmes opposés et en conflit permanent. Dans un second temps, l’article analyse la vision synthétique de la pensée pédagogique, en consonance avec les postulats de la pédagogie pérenne actualisée par le cardinal Mercier et représentée par divers disciples catalans de Jaume Balmes et par Joan Tusquets. La méthodologie utilisée a été l’herméneutique de textes au travers de l’analyse, de l’interprétation et du contraste de l’oeuvre philosophico-pédagogique des auteurs mentionnésThis paper aims to make a contribution to the history of

  5. O papel do cinema no ensino de filosofia

    OpenAIRE

    Ferreira, Manuel José Vieira

    2014-01-01

    Relatório de estágio de mestrado em Ensino de Filosofia no Ensino Secundário O presente Relatório de Estágio pretende ser um registo e uma avaliação da implementação, nas aulas de filosofia da turma do 10ºAV1 da Escola Secundária Martins Sarmento, em Guimarães, do Plano de Intervenção Pedagógica intitulado “O papel do cinema no ensino de filosofia”, concebido no âmbito do estágio profissional do curso de Mestrado em Ensino de Filosofia no Ensino Secundário, da Universidade do M...

  6. Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità

    OpenAIRE

    Elisa Olivito

    2011-01-01

    Il contributo è destinato alla pubblicazione nel volume “La tutela dei diritti fondamentali tra diritto politico e diritto giurisprudenziale: ‘casi difficili’ alla prova”, a cura di M. Cavino, C. Tripodina, 2011.SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi ...

  7. Il conflitto per l’accesso alla terra in Chiapas fra violenze istituzionali, rivendicazioni contadine e diritti delle popolazioni indigene

    OpenAIRE

    Ciaghi, Giulia

    2014-01-01

    L’autrice analizza alcune dinamiche che spingono ad identificare lo Stato del Chiapas come un territorio di intensi conflitti per l’acceso alla terra. Si sofferma in particolare a considerare la situazione socio-storica locale e i principali avvenimenti nazionali, identificando attori, strategie ed evidenziando le specificità del conflitto e le dinamiche di potere in esso implicate. Vengono presentati tre studi di caso incentrati su tre diversi territori indigeni chiapanechi che, pur nelle lo...

  8. I giovani e la democrazia in Portogallo: alla ricerca di un nuovo paradigma?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Lisi

    2012-08-01

    Full Text Available In Portogallo, al pari degli altri paesi europei, la disaffezione e l’apatia politica sono assai sviluppate, soprattutto tra le giovani generazioni. L’articolo utilizza i dati dell’indagine sulla qualità della democrazia per analizzare la relazione tra giovani e politica in Portogallo. La partecipazione non convenzionale e la mobilitazione cognitiva si stanno affermando, ma in maniera minore rispetto ad altri paesi, sebbene anche in Portogallo le mobilitazioni di protesta siano aumentate a seguito della crisi economica. La peculiarità del caso portoghese può essere spiegata come facendo riferimento alla breve storia democratica e alle caratteristiche del sistema politico.

  9. Introduzione alla Teoria della elasticità Meccanica dei solidi continui in regime lineare elastico

    CERN Document Server

    Colombo, Luciano

    2007-01-01

    La meccanica dei solidi rappresenta un corpus di conoscenze di formidabile robustezza concettuale, di raffinata eleganza matematico-formale e di grandissima utilita’ applicativa. Come tale ha una valenza formativa molto forte in diversi campi delle scienze naturali (fisica della materia, scienza dei materiali), ingegneristiche (scienza delle costruzioni, ingegneria strutturale e meccanica) e matematiche (matematica applicata). La teoria della elasticita’costituisce inoltre uno dei punti-cardine su cui si articola il moderno paradigma di ricerca detto "modellazione multi-scala dei materiali", secondo il quale le proprieta’ di un materiale sono descritte tramite la concorrenza di metodi teorici affatto diversi: mentre alla nanoscala opera la meccanica quantistica, alla micro- e meso-scala opera il continuo. La conoscenza del continuo elastico abilita lo Studente di Fisica, di Scienza dei Materiali, di Matematica o l’Allievo Ingegnere a confrontarsi con questo moderno e affascinate strumento di ricerca s...

  10. A filosofia assistencial de uma maternidade pública do sul do país sob o olhar de sua equipe profissional La filosofía asistencial de una maternidad pública del sur del país desde la perspectiva de su equipo de profesionales The philosophy assistance of a public maternity in the southern part of the country under the optics of its professsional team

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Odaléa Maria Brüggemann

    2011-02-01

    Full Text Available Pesquisa descritivo-exploratória com objetivo de avaliar a implementação da filosofia assistencial de uma maternidade de ensino, sob a ótica dos profissionais. Participaram 113 profissionais que atuavam no segundo semestre de 2007. Os dados coletados por meio de questionário foram analisados por estatística descritiva. Do total de respondentes, 51,4% consideram que os 12 princípios são operacionalizados plenamente e 46,8%, parcialmente. Para um elevado percentual (> ou = 70,0%, aqueles relacionados aos direitos dos usuários são mais operacionalizados, seguidos dos que contemplam os aspectos gerais da assistência (> ou = 50,0%. Os que tratam da integração entre os profissionais e os serviços encontram-se entre os menos operacionalizados em alguns setores (Investigación descriptivo-exploratoria con objetivo de evaluar la aplicación de la filosofía asistencial en una maternidad universitaria, desde la perspectiva de su equipo de profesionales. Los participantes fueron 113 profesionales que trabajaron en la maternidad en el segundo semestre de 2007. La recolección de los datos se hizo por medio de cuestionario, siendo analizados a través de estadística descriptiva. Del total de los encuestados, el 51,4% considera que los 12 principios son implementados plenamente y el 46,8%, parcialmente. Para un porcentaje elevado (> o = 70,0%, los relacionados con los derechos de los usuarios son más implementados, seguidos de los que cubren los aspectos generales de la asistencia (This is the descriptive exploratory study that aimed at evaluating the implementation of the philosophical assistance of a maternity teaching hospital, under the optics of the professionals. 113 health professionals that works in the second semester of 2007 participated in the study. Data were collected through means of questionnaire which were analyzed by descriptive statistic, the total response, 51.4% consider that the 12 principles are functional and 46

  11. Dal materiale all’immateriale. Verso un approccio sostenibile alla gestione nel contesto glocale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mara Cerquetti

    2015-02-01

    Full Text Available Il saggio ripercorre le principali tappe del dibattito internazionale che negli ultimi anni ha condotto ad una nozione di cultural heritage aperta e dinamica, volta al superamento del dualismo tra materiale e immateriale e attenta al ruolo delle comunità locali nei processi di riconoscimento, tutela e valorizzazione del patrimonio stesso. Dopo aver preso in esame l’apporto degli studi giuridici, con specifico riferimento al contesto italiano, si analizza il contributo delle scienze sociali, soprattutto manageriali, particolarmente sensibili al tema della sostenibilità delle politiche e delle azioni finalizzate alla valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale anche attraverso l’applicazione di strumenti partecipativi. In quest’ottica, riconoscendo un ruolo centrale alla governance e alla collaborazione tra attori pubblici e privati che operano in un medesimo contesto, si porta infine l’attenzione sugli ecomusei, come caso esemplare dell’“immateriale che vive nella materialità”, evidenziando i nodi problematici che emergono dall’analisi della realtà italiana e suggerendo possibili linee di ricerca future.   The paper traces the main steps of the international debate that during the last years lead to an open and dynamic notion of cultural heritage, overcoming the dualism between tangible and intangible and considering the role of local communities in the processes of heritage recognition, safeguarding and enhancement. After examining the contribution of legal studies, above all in Italy, the approach of social sciences is analysed, focusing on management. These studies have explored the sustainability of policies and actions towards tangible and intangible cultural heritage enhancement, also through the application of participatory tools. In this perspective, governance and collaboration among different actors working in the same context gain a central role. Finally, the attention is focused on eco

  12. Contributo alla didattica della lingua Italiana come lingua seconda

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucija Pišot - Čok

    1990-12-01

    Full Text Available La tesi postlaurea "Contributo alia didattica della lingua italiana come lingua seconda" è frutto di esperienze raccolte dall'autrice nell'insegnamento della lingua italiana come L2, nonché sintesi riflessiva dellavoro empirico che l'educazione al bilinguismo le ispirava. L'insegnamento della lingua italiana nell'ambiente bilingue e biculturale dell'Istria deve differire dall'insegnamento dell'italiano come lingua straniera. Esso si pone finalità immediate (L'italiano è lingua veicolare e fmalità a lungo termine (L'italiano è una delle due lingue- culture del bilingue. Esso ha obiettivi cognitivi (L'italiano è scienza, sociali e etnolinguistici (L'educazione bilingue è fattore di transculturismo. L'autrice in prima persona ha avuto modo e opportunita di avvedersene, sia come collaboratrice nella stesura dei programmi per la lingua seconda, che come autrice di libri di testo per l'insegnamento di questa lingua, e relatrice in diversi tipi di aggiornamento professionale per insegnanti di lingua italiana elaborando, sperimentando e verificando le specificità dell'insegnamento della lingua italiana come L2 . II suo contributo alla teoria dell'educazione bilingue e le proposte per rendere l'insegnamento della lingua italiana come L2 efficace e valido, sono i1 nucleo della tesi.

  13. Giudici e legislatori di fronte alla multiculturalità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elisa Olivito

    2011-05-01

    Full Text Available Il contributo è destinato alla pubblicazione nel volume “La tutela dei diritti fondamentali tra diritto politico e diritto giurisprudenziale: ‘casi difficili’ alla prova”, a cura di M. Cavino, C. Tripodina, 2011.SOMMARIO: 1. A mo' di introduzione: diritto giudiziario e diritto legislativo - 2. Legislazione e giurisdizione nelle società pluraliste - 3. Giudici e legislatori alla prova della multiculturalità - 4. Segue: il caso dei simboli religiosi - 5. Giudici-antropologi e legislatori paternalisti: cultural defense, leggi manifesto, eguaglianza di genere - 6. Chi decide delle culture?

  14. Por que rir da Filosofia Política?: Abertura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lessa Renato

    1998-01-01

    Full Text Available As diferentes intervenções que compuseram este debate têm como referência comum uma reflexão sobre os lugares da Filosofia Política na tradição disciplinar que designamos como Ciência Política. Recusando a perspectiva que dissocia a Filosofia Política da dimensão empiricamente orientada da disciplina, os argumentos apresentados destacam o papel de fertilização de formas de vida cumprido pela primeira. A agenda dos pesquisadores devotados à boa faina da investigação empírica foi, e segue sendo, em grande medida definida e configurada por exercícios prévios de invenção social e política e por decisões de ordem ontológica, epistemológica e retórica. Neste sentido, a distinção entre ciência e filosofia é, além de obscurantista e marcada por enorme otimismo epistemológico, sintoma de um desconhecimento forte com relação à história do conhecimento político.

  15. Sobresaturacion urinaria del Oxalato de Calcio más alla de la Nefrolitiasis: La relación con el daño tubulointersticial Urinary calcium oxalate supersaturation beyond nephrolithiasis: Relationship with tubulointerstitial damage

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    J. E. Toblli

    2003-04-01

    Full Text Available Numerosos estudios han demostrado que el producto de la actividad iónica (PAI de oxalato de calcio (OxCa en la orina, como indicador de sobresaturación (SS urinaria, es mayor en pacientes formadores de cálculos que en sujetos normales. Más allá de la relación entre SS urinaria del OxCa y litogénesis, la exposición de OxCa al epitelio tubular puede ocasionar lesiones en la célula tubular y en el intersticio renal. Nuestro objetivo fue evaluar la posible relación entre SS urinaria de OxCa y el daño tubulointersticial (TI en un modelo animal de hiperoxaluria. Durante cuatro semanas, ratas Sprague-Dawley machos, divididas en dos grupos recibieron: grupo 1 Control [G1], (n= 8 agua, grupo 2 [G2], (n = 8 etilenglicol (ETG al 1% en el agua de beber. La SS urinaria de OxCa se valoró mediante el PAI del OxCa. Las lesiones TI se analizaron al finalizar el estudio por microscopía óptica e inmunohistoquímica. El G2 (ETG presentó valores mayores (pA number of studies have demonstrated that the urinary ion activity product (IAP of calcium oxalate (CaOx, as an index of urinary CaOx supersaturation (SS, is higher in renal stone formers than in normal subjects. Besides, the relation between CaOx SS and lithogenesis, crystal CaOx exposition can produce tubular cell as well as renal interstitial lesions. The aim of our study was to evaluate the possible relationship between CaOx SS and tubulointerstitial (TI damage in an animal model of hyperoxaluria. During four weeks, male Sprague-Dawley rats received: G1 (n=8 control regular water, and G2 (n= 8 1% ethylene glycol (ETG (precursor for oxalates in drinking water. In order to evaluate urinary CaOx SS, IAP assessed by Tisselius formula was performed. At the end of the study, renal lesions were evaluated by light microscopy and immunohistochemistry. Animals from G2 (ETG presented higher (p< 0.01 values of: a urinary oxalate excretion; b urinary CaOx SS; c crystalluria score; d proteinuria; and lower (p

  16. Hegel y la muerte del capitán cook una revisión de la discusión epistemológica entre marshall sahllns y gananath obeyesekere a través del concepto de entendimiento reflexivo en la filosofia de george wilhelm friedrich hegel

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco Osario

    2014-02-01

    Full Text Available Viajando desde Santiago al Norte, a la entrada del valle del Aconcagua, se encuentra como bienvenida la arquitectura granítica de la Cuesta de las Chilcas. El día martes 17 de junio de 1997 se encontró muerto un ermitaño. Este vivió en elpuente falso que se produce por un soporte que nivela la carretera a la altura del kilómetro 76 de la Ruta 5 Norte.

  17. A filosofia assistencial de uma maternidade pública do sul do país sob o olhar de sua equipe profissional La filosofía asistencial de una maternidad pública del sur del país desde la perspectiva de su equipo de profesionales The philosophy assistance of a public maternity in the southern part of the country under the optics of its professsional team

    OpenAIRE

    Odaléa Maria Brüggemann; Marisa Monticelli; Viviane Bergler Fernandes; Antonio Fernando Boing; Cilene Volkner; Joyce Green Koettker

    2011-01-01

    Pesquisa descritivo-exploratória com objetivo de avaliar a implementação da filosofia assistencial de uma maternidade de ensino, sob a ótica dos profissionais. Participaram 113 profissionais que atuavam no segundo semestre de 2007. Os dados coletados por meio de questionário foram analisados por estatística descritiva. Do total de respondentes, 51,4% consideram que os 12 princípios são operacionalizados plenamente e 46,8%, parcialmente. Para um elevado percentual (> ou = 70,0%), aqueles relac...

  18. L’Argentina dall’impunità alla verità, giustizia e memorializzazione delle violazioni dei diritti umani

    OpenAIRE

    Gennaro Carotenuto

    2015-01-01

    La presidenza di Néstor Kirchner (2003-2007) in Argentina marca un prima e un dopo per la storia della giustizia di transizione a livello mondiale. Giunto alla Casa Rosada dopo il default finanziario del 2001, Kirchner costruisce la sua legittimità sulla base del latinoamericanismo, della critica al modello neoliberale e della difesa dei diritti umani. Nel giro di poche settimane anni viene cancellata l’impunità che aveva caratterizzato i vent’anni precedenti dopo l’iniziale impeto di Raúl Al...

  19. Hume e os propósitos da filosofia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcos Ribeiro Balieiro

    2011-12-01

    Full Text Available Hume é geralmente visto como um filósofo que, além de defender princípios céticos, pretendeu oferecer uma nova fundação para as ciências, baseada no estudo minucioso da natureza humana. De fato, não há dúvidas de que esse seria, para ele, um dos principais propósitos a que sua filosofia precisava servir. Procuraremos mostrar, no presente trabalho, que essa visão da filosofia humiana é, no fim das contas, limitada, já que perde de vista o fato de que, em textos posteriores, o filósofo escocês tentou estabelecer que a atividade filosófica deveria ser construída de modo a colaborar para a formação moral de seu público.Hume is generally seen as a philosopher which, besides defending skeptical principles, intented to offer a new foundation for science, based on the accurate study of human nature. In fact, there is no doubt that he considers this to be one of the main purposes his philosophy should serve. In this work, we shall attempt to show that this is a limited view of Hume's thought, as it loses sight of the fact that, in posterior texts, he intended to establish the philosophical activity as something that should be developed in order to somehow form the moral character of its public.

  20. Mondi di Wittgenstein. Metaontologia del "Tractatus" e teoria dei truthmakers di Armstrong

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Cuconato

    2014-11-01

    Full Text Available La “svolta ontologica” che contraddistingue l’odierna filosofia analitica ha consentito, attraverso il rigore logico e argomentativo, la ripresa di temi e problemi della bimillenaria tradizione filosofica. In particolare, grazie al confronto con uno dei principali interpreti di tale svolta, David Armstrong, si è analizzata l’ontologia e la metafisica del "Tractatus logico-philosophicus" attraverso le nozioni di: mondo contratto, combinatorialismo e truthmaker. Nel dettaglio, si è “sollevato” il problema riguardo la priorità ontologica tra fatti e oggetti semplici. Tale tensione si è rivelata insuperabile attraverso la sola analisi ontologico-metafisica: da un lato, infatti, ai fini della sensatezza di una proposizione, è stata assegnata la priorità ontologica agli oggetti; dall’altro, invece, gli oggetti si sono mostrati come “semplici finzioni”, frutto di un preciso processo di astrazione dai rispettivi fatti. La radice del problema è stata, pertanto, individuata in questioni di natura metaontologica: solamente attraverso l’analisi del predicato “esiste” è stato possibile superare la tensione sopra indicata. In particolare, grazie alla truthmaking question “cosa, nel mondo, rende vera una proposizione p?”, è stato possibile assegnare il primato ontologico agli stati di cose sussistenti. Al tempo stesso però, simulando il “catalogo universale” di un abitante di uno dei mondi contratti, si è mostrato che la dipendenza ontologica degli oggetti non ne implica necessariamente un’esistenza finzionale. L’articolo, pertanto, conduce un’analisi esegetica e teoretica del "Tractatus" attraverso gli strumenti dell’odierna metafisica analitica.

  1. Imagens do outro na filosofia: o desafio da diferença

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sílvio Gallo

    2012-06-01

    Full Text Available Este artigo tem por objetivo problematizar a tematização do outro pela Filosofia. Dialogando com imagens do cinema e da televisão, procura identificar quais as imagens ou os conceitos do outro, produzidos na história da Filosofia. De forma esquemática, apresenta as imagens do outro como bárbaro (Aristóteles; exótico (Montaigne; civilizado (Voltaire; inferno (Sartre, para, ao final, ensaiar uma "não-imagem" do outro como diferença radical, proposta pela filosofia da diferença de Deleuze.

  2. Història, entre lògica i empíria. Una lectura de la filosofia de la història hegeliana

    OpenAIRE

    Mayos Solsona, Gonçal

    1988-01-01

    L'objectiu d'aquest treball és analitzar en tota la seva riquesa i complexitat la filosofia de la història universal del Hegel ja madur. Aquesta temàtica ha estat en general menystinguda per la part més creativa de la crítica hegeliana. Les raons poden ser moltes: (1) Hi ha intervingut la convicció que les grans "presses" especulatives es poden trobar més en unes altres obres -en especial les sistemàtiques i, fins i tot, les juvenils-. (2) També hi ha tingut a veure la reducció de la ...

  3. Tra strumenti classici e geodatabase 3D: il piano di ricostruzione post sisma 2009 del centro storico di Bugnara (AQ

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Romolo Continenza

    2012-12-01

    Full Text Available ItIl contributo affronta le problematiche relative alla redazione del Piano di Ricostruzione di un centro storico minore dell’Abruzzo montano colpito dal sisma del 2009, illustrando una sperimentazione effettuata con l’uso dei GIS 3D finalizzati alla corretta lettura di alcuni fenomeni, all'interpretazione critica del tessuto urbano e della sua storia, alla prefigurazione di scenari urbani e dunque alla semplificazione del percorso di conoscenza e alla verifica del progetto di recupero urbano.EnThe contribution deals with the issue of reintegration of the Reconstruction Plan of a small center laying in the Abruzzo mountains hit by the 2009 earthquake. It explains an experiment carried out using 3D GIS procedures in order to give a proper interpretation of some phenomena, an in-deep study of the urban context and its history. It can lead also to the simulation of urban scenarios thus simplifying the knowledge process and urban redevelopment projects testing.

  4. Dalla frattura alla scienza dei metalli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M.Cavallini

    2008-04-01

    Full Text Available La frattura inizia ad essere considerata oggetto di studio da Leonardo da Vinci e trova in Vannoccio Biringucci ed in Galileo Galilei i precursori di un approccio scientifico al come e perché si rompe. Nell’arco di poco più di un secolo, il sedicesimo, si trovano i primi riferimenti scritti di esperienze e interpretazioni su cui lavorare: i limiti tecnologici e di conoscenza scientifica dei materiali allora disponibili hanno impedito una interpretazione soddisfacente del fenomeno della rottura. Sarebbero occorsi altri due secoli per collegare con una relazione lineare, prima forza e deformazione, e poi tensione e deformazione.

  5. La nuova Carta Geologica d’Italia alla scala 1:1.250.000

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pantaloni

    2007-03-01

    Full Text Available Una carta così concepita ha come scopo quello di diffondere in ambito scientifico ma anche, e soprattutto, in ambito didattico, la conoscenza geologica del territorio. L’obiettivo che l’APAT si è impegnato a raggiungere tramite di essa è infatti quello di far arrivare ad un pubblico molto ampio di studiosi, di insegnanti, di studenti e di appassionati, una sintesi delle conoscenze finora raccolte nell’ambito della più recente realizzazione cartografica, la già citata carta geologica alla scala 1:50.000. L’ultima, in ordine di tempo, delle carte a piccola scala realizzate dal Servizio Geologico d’Italia è rappresentata dalla Carta Geologica a scala 1:500.000 pubblicata in 5 fogli durante il periodo 1976-1983.

  6. Dal rilievo topografico alla rappresentazione virtuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Cristaldi

    2004-07-01

    Full Text Available Le applicazioni 3D danno la possibilita di lavorare direttamente con il volume dei corpi solidi nello spazio geometrico a tre dimensioni, quale metafora della realtà. Quando la rappresentazione virtuale della realtà è costruita partendo da dati accurati derivanti dalla sua discretizzazione, come i dati rilevati durante una campagna di rilevamento, e dalla riproduzione fedele dei progetti tecnici 2D, il modello tridimensionale assume un'elevata efficacia, sia comunicativa che tecnico-progettuale.Con queste premesse, la rappresentazione assurge ad avere una valenza scientifica e diviene un utile strumento per i professionisti che hanno la necessita di dare "vitatridimensionale" alle idee, ai progetti ed ai prototipi, che possono essere realizzati virtualmente prima ancora chediventino realizzazioni reali. Accomunati dagli stessi intenti econdividendo la stessa vision, la MESTOR e l'Assessorato ai LL. PP del Comune di Catania, hanno avviato una proficua collaborazione, coordinata dal 4° Servizio "Progettazione eRealizzazione Nuovo Verde e Arredo Urbano" della V Direzione LL.PP, che ha portato alia modellazione e renderingdel piu famoso giardino di Catania, nell'ambito degli interventi di "Recupero e Valorizzazione del Verde StoricoGiardino Bellini".

  7. Dalle regole dell’argomentazione alla logica delle regole

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Pistone

    2011-11-01

    Full Text Available Nell'antico dibattito tra logica e retorica la posizione classica era quellache attribuiva alla prima lo scettro della verit' ed alla seconda quello dell'opinione; lamoderna teoria dell'argomentazione ripropone questa contrapposizione distinguendoda una parte il regno delle verità atemporali ed acontestuali asserite dalle dimostrazionimatematiche e dall'altra quello delle credenze sempre rivedibili rivendicateattraverso argomentazioni che fanno uso dei più scaltri stratagemmi interpretativi.A questa contrapposizione si cerca di rispondere attraverso una analisi degli aspettiche legano la dimostrazione alle nozioni di verità e di interpretazione, rivendicandosoprattutto il ruolo di quest'ultima nella logica formale e provando a delineare,sulla base delle intuizioni fornite dalle recenti ricerche sulla ludica, un approcciogenerale all'argomentazione, formale ed informale, che si configuri come una verae propria logica delle regole di inferenza incentrata sulla rappresentazione esplicitadegli aspetti interpretativi che ne caratterizzano l'uso e la comprensione.

  8. Idraulica dei sistemi fognari dalla teoria alla pratica

    CERN Document Server

    Gisonni, Corrado

    2012-01-01

    La progettazione dei sistemi fognari e dei manufatti in essi presenti richiede un’attenta conoscenza delle leggi che regolano i fenomeni idraulici, con particolare riferimento alle correnti idriche a superficie libera. Partendo dalle nozioni fondamentali dell’Idraulica, il testo intende colmare alcune importanti lacune che ancora caratterizzano la letteratura italiana nel settore e che spesso sono alla base di errori progettuali, con ovvie conseguenze sulla sicurezza dei centri abitati (come testimoniato dai frequenti fenomeni di allagamento che sono stati registrati negli ultimi anni). Il libro è rivolto agli allievi dei corsi di studio nel settore dell’ingegneria Civile ed Ambientale. Particolare interesse è rivolto ai professionisti operanti nel settore della ingegneria idraulica e della pianificazione urbana, per i quali è forte l’esigenza di testi che contengano indicazioni di carattere sia teorico sia pratico, finalizzate alla progettazione di sistemi di drenaggio nei centri abitati.

  9. Una nuova metodologia di indagine diagnostica finalizzata alla conservazione ambientale dei manufatti e oggetti sottoposti a tutela artistica ed architettonica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Cannistraro

    2012-12-01

    Full Text Available La salvaguardia e tutela del patrimonio artistico ed architettonico rappresenta una complessa problematica nella quale convive la doppia esigenza di preservare e al contempo rendere fruibile il bene. La nuova tecnica di screening proposta si configura come  strumento di valutazione del degrado dell'organismo nel suo complesso sia prima che il danno si verifichi sia a danno avvenuto,  rispetto ad una opportuna valutazione delle priorità. Esso è volto alla formalizzazione di uno strumento operativo per schede in grado di convogliare preziose informazioni ad integrazione di un sistema digitale di banche-dati alfanumeriche e cartografiche: il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio (SIT CdR. Esso sintetizza i dati relativi a danni e rischi, ne evidenzia le criticità e gestisce la programmazione degli interventi conservativi.

  10. Modelli Stocastici nella Dinamica del Sistema Actina-Miosina

    OpenAIRE

    Caputo, Luigia

    2006-01-01

    Con riferimento al problema della contrazione muscolare, sotto il profilo dei fenomeni a livello molecolare coinvolti, viene affrontato il problema della modellizzazione del meccanismo responsabile per lo scorrimento della testina di miosina lungo il filamento di actina. In particolare, viene affrontata la controversa questione relativa alla validità della teoria dell'accoppiamento debole rispetto alla teoria del Lever-arm nella dinamica actina-miosina, reinterpretando ed estendendo il modell...

  11. Sobre la filosofia de l’humanista valencià Joan Serra al "De contemplatione amicicie". Notes a una traducció catalana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Salvador Cuenca Almenar

    2013-06-01

    Full Text Available Resum: Presentem la traducció catalana del De contemplatione amicicie, escrit per l’humanista valenciàJoan Serra l’any 1454. La traducció parteix de l’edició curada per Evencio Beltran de l’únic manuscritconegut: BNF ms Nat. lat. 8756. La translació s’acompanya d’una introducció historicofilosòficaarticulada al voltant de l’analogia fonamental de l’obra, a saber, la concòrdia absoluta de dos amicsés com la unió perfecta del cos i de l’ànima humana. S’hi analitzen les fonts fonamentals: Cicerói Pseudo-Agustí, i s’hi constata l’organització dual dels continguts del text, en tant que dedica elscapítols senars a la consideració de la unió del cos i l’ànima segons la filosofia natural, mentre queels parells a la concòrdia absoluta dels amics virtuosos d’acord amb la filosofia moral.Paraules clau: Joan Serra, Ciceró, Pseudo-Agustí, Filosofia moral de l’amistat, Humanismevalencià.Abstract: We present the Catalan translation of De contemplatione amicicie, written by the Valencianhumanist Joan Serra in 1454. The translation is based on the only known manuscript (BNFms Nat. lat. 8756, edited by Evencio Beltran. The likelihood of the perfect union between bodyand soul and the complete accord between two friends is the basic analogy of the text and guidesthe composition of a historical and philosophical introduction that precedes the translation. Weanalyze its main sources, namely, Cicero and Pseudo-Augustine. Moreover, we reveal the dual organizationof the text, which devotes odd chapters to natural philosophy and to the union betweenbody and soul, while even chapters to ethics and to the absolute accord between virtuous friends.Keywords: JoanSerra, Cicero, Pseudo-Augustine, moral philosophy of friendship, Valencian humanism

  12. Constitutional osteochondrodysplasias identifiable a birth. A short review on the state of the art in radiodiagnostic in the late 20. century; Le osteocondrodisplasie costituzionali riconoscibili alla nascita. Una breve rassegna sullo studio dell'arte radiodiagnostica sul finire del 20. secolo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gugliantini, P.; Maragliano, G.; Piscione, M.; Licata, G. [Azienza Ospedaliera San Giovanni - Addolorata, Rome (Italy)

    1999-03-01

    The value of a systematic radiologic analysis in constitutional osteochondrodysplasias remains underestimated by both neonatologists and radiologists. The authors report the clinical experience of the Department of Neonatology and Neonatal Intensive Cure Unit of St. John Hospital in Rome with constitutional osteochondrodysplasias identifiable at birth. The authors justify the relatively high incidence of constitutional osteochondrodysplasias in this study (66% versus an average incidence of 0,076% reported in the world population) on the basis of: a) an increasing number of high-risk newborns in the intensive cure; b) an improvement in our clinical and radiologic diagnostic skill. They conclude that the state of the art of diagnostic of constitutional osteochondrodysplasiasin still based on the first plain X-ray examination performed at birth because of cardiorespiratory and/or abdominal diseases in the newborn. [Italian] L'importanza dell'analisi radiologica sistematica delle osteocondrodisplasie costituzionali e' tutt'ora sottostimata sia dai neonatologi che dai radiologi. Pertanto riferiamo l'esperianza clinico-radiologica di osteocondrodisplasie costituzionali identificabili alla nascita nel Dipartimento di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell'Ospedale San Giovanni di Roma. L'articolo conclude giustificando la relativamente alta incidenza di ostecondrodisplasie costituzionali della casistica in esame (0,66% contro l'incidenza media dei 0,076% riferita alla popolazione mondiale) sulla base di: a) crescente numero di neonati con alto rischio ricoverati nella unita' di terapia intensiva; b) miglioramento delle capacita' diagnostiche, sia cliniche che radiologiche.

  13. Primi dati sulla chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo (Lazio)

    OpenAIRE

    Giovanni Mastrobuoni; S. ZERUNIAN

    2003-01-01

    Il Parco Nazionale del Circeo è situato sulla costa del Lazio meridionale, nella provincia di Latina, ed ha un?estensione di circa 8.400 ha. Il territorio è caratterizzato da una notevole complessità di ambienti rappresentati principalmente dalla foresta planiziale, da quattro laghi costieri (Fogliano, Monaci, Caprolace, Sabaudia) con gli acquitrini circostanti, dalla duna litoranea, dal Promontorio del Circeo (Picco di Circe 541 m s.l.m.) e dall?Isola di Zannone. Grazie alla sua elevata dive...

  14. A filosofia na formação do educador... Para quê?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone dos Santos

    2003-01-01

    Full Text Available O texto aborda a importância da Filosofia na formação de professores a partir de um referencial teórico crítico. Discute o conceito de Filosofia da Educação enquanto um campo do saber que leva à reflexão radical, rigorosa e de conjunto sobre o campo da Educação em consonância com o pensamento de Saviani (1973 e articula tais idéias com a teoria crítica de Adorno (1995, colocando a Filosofia da Educação como campo de fundamental importância na formação de professores articulados com a possibilidade de emancipação pela educação. El artículo aborda la importancia de la filosofia en la formación de los profesores a partir de un referencial teórico crítico,. Discute el concepto de Filosofia de la Educación como un saber que conduce a la reflexión radical, rigurosa e de conjunto sobre el campo de la educación en consonancia com Saviani(1973 e articula tales ideas com la teoria crítica de Adorno (1995, colocando a Filosofia de la Educación como campo de fundamental importancia en la formación de profesores articulados com la posibilidad de la emancipación por la educación.

  15. PLATÃO ENTRE A FILOSOFIA E A RETÓRICA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aldo Lopes Dinucci

    2008-03-01

    Full Text Available Uma consideração do pensamento ocidental nos leva a reconhecer um conflitopermanente entre retórica e filosofia, conflito no qual se insere o Górgias de Platão e quetem como fundamento ontológico e lingüístico posicionamentos opostos sobre a relaçãoentre as palavras e as coisas; a filosofia, por um lado, valorizando a função significativa dodiscurso, a retórica, por outro, valorizando o aspecto persuasivo do discurso.

  16. O conceito de «energueia» : na filosofia da linguagem de Eugenio Coseriu

    OpenAIRE

    Cristea, Simion Doru, 1965-

    2011-01-01

    Tese de doutoramento, Filosofia (Filosofia da Linguagem), Universidade de Lisboa, Faculdade de Letras, 2011 A questão da linguagem é fulcral para a auto-compreensão do humano e para a determinação do carácter fundamental do ser. Ao contrário da visão materialista e positivista que enforma a inteligibilidade do mundo contemporâneo e tende a relegar a linguagem para um plano subsidiário do mundo no qual se inscreve a nossa experiência, a linguagem é constituinte do próprio mundo. A justifica...

  17. Le implicazioni politiche dell'identità di filosofia e scienza in Ugo Spirito

    OpenAIRE

    Agnelli, Arduino

    2000-01-01

    Nel riferirmi all'identità di scienza e filosofia, pur proponendomi di coglierne le implicazioni politiche emerse nel corso degli anni Trenta, penso che si debba partire proprio dall'adesione iniziale ai princìpi dell'idealismo attuale ed al proposito di ripensarli, nella loro interezza, fino in fondo. Pensando fino alle ultime conseguenze l'atto, Spirito non può giungere che ad una conclusione, quella per cui si deve negare una pluralità di piani: "La filosofia ( ... ) è nella...

  18. Filosofia e paradigma em Cícero Philosophy and paradigm in Cicero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ricardo Monteagudo

    2002-01-01

    Full Text Available Cícero é uma das poucas fontes críticas de textos do pensamento helenístico durante o período da Roma republicana. Ele atualiza a filosofia grega e, concomitantemente, reconhece a superioridade do direito romano. O espírito prático e guerreiro do povo romano afastava a filosofia, mas a emergência de novos problemas exigia reflexão. Nas disputas políticas e jurídicas, a retórica era um instrumento indispensável. O reaparecimento de estudos retóricos no século XX permitiu que alguns comentadores reconsiderassem a relação entre a retórica e a filosofia, propiciando algumas reflexões sobre o papel de Cícero na historiografia da filosofia.Cicero is one of the sources of texts of Hellenistic thought in the period of the Roman Republic. He updates Greek philosophy and, at the same time, recognizes the superiority of Roman right. The practical and bellicose Roman spirit took distance from philosophy, but new problems demanded reflection. In political and judicial disputes, rhetoric was an essential instrument. The 20th century revival of rhetorical studies allowed some commentators to reconsider the relationship between rhetoric and philosophy, leading to new reflections about Cicero and the historiography of philosophy.

  19. Le occupazioni a scopo abitativo. Pratica del diritto all’abitare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sofia Sebastianelli

    2009-12-01

    Full Text Available Negli ultimi anni la difficoltà di accesso alla casa nega il diritto alla città ad un numero crescente di famiglie non solo delle classi sociali meno abbienti ma anche del cosiddetto ceto medio. La conseguenza è che aumentano gli esclusi dalla città. Sempre più persone sono costrette a cercar casa nei comuni limitrofi alle grandi città dove i valori immobiliari sono ancora accessibili. Ma c’è anche chi non rinuncia alla città attivando delle forme di resistenza all’espulsione: è il caso ad esempio delle occupazioni a scopo abitativo ma anche del cohousing e della coabitazione.

  20. Caratteristiche del Rumore Sismico nei pressi del Rilevatore di Onde Gravitazionali VIRGO (Cascina, Pisa)

    OpenAIRE

    Piccinini, D.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Pisa, Pisa, Italia; Cauchie, L.; University College of Dublin (School of Geological Sciences); Azzara, R. M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Braun, T.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fiori, I.; EGO (European Gravitational Observatory, Cascina - Pisa); Paoletti, F.; EGO (European Gravitational Observatory, Cascina - Pisa); Saccorotti, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia

    2011-01-01

    In questo lavoro si presentano i risultati di uno studio sulle caratteristiche del rumore sismico in prossimità del rilevatore di onde gravitazionali VIRGO (Cascina, Pisa), con particolare riferimento alle vibrazioni associate all’azione di un vicino parco eolico. La valutazione delle componenti spettrali del rumore verosimilmente indotte dagli aerogeneratori è stata effettuata mediante (i) Misure dirette alla base di una turbina, (ii) Correlazione fra le ampiezze spettrali del rumore e la ve...

  1. O que a filosofia da psicanálise é e o que ela não é

    OpenAIRE

    Simanke, Richard Theisen

    2010-01-01

    Este artigo visa fazer uma apresentação sintética da área de pesquisa em filosofia da psicanálise. Para tanto, apresente um breve histórico das relações entre psicanálise e filosofia, seguido de um comentário a respeito do surgimento da filosofia da biologia, que pode ser tomado como modelo do que hoje acontece com a filosofia da psicanálise. Apresenta e a analisa a seguir o modo como esta se desenvolveu na cena filosófica brasileira, para, por fim, concluir com um esboço de categorização do ...

  2. L’infermiere e la comunicazione: dalla cura del paziente alla tutela del proprio benessere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marilena Tettamanzi

    2012-10-01

    Full Text Available A nurse faces human suffering everyday . Besides the many complex proceduresand technical competences they have to master, nurses in any department haveto relate with patients and their sufferance and to communicate with patients’relatives. Communication is one of the main aspecific instruments which a nurseneeds to be able to use. A good training in communication allows to have a positiverelation with patients and their relatives and promotes nurse’s well-being.Communication arouses intense and often negative emotions in nurses. Theseemotions, without an adequate training, can interfere with nurses’ psychosocialwell-being.The study aims to explore the connection between nurses’ communication skillsand attitudes, coping strategies, burnout and quality of life. We hypothesize thatproactive coping promotes psychological well-being and reduces risk of burnout.We also, hypothesize the existence of a mediating effect played by nurses’ communicationskills and attitudes.

  3. Dalla politica alla gestione del bene comune. L’esempio del teatro Valle a Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alice Furlan

    2015-11-01

    Full Text Available The concept of common good could be declined in three major points: 1 the theft of the good itself from the profit mindset; 2 the creation of a link between the community and the good; 3 the creation of a new management form, neither public nor private, which knows the capacity of the good itself. From the analysis of the schedule published by MiBAC, it is clear that there is a lack of founds addressed to the artistic research. The situation that occurs nowadays is imposing the necessity of identifying another kind of development model. I took, as a research topic, Teatro Valle, which is one of the most important case in the Italian national context. The management of the entire structure undergoes through the principles of non-rivalry, non-exclusion and self-governance. The strongest points of this model are: the idea of an alternative management and the creation of synergies between several cultural movements.The theatre itself has been seeing as a multi-functional location: there are lots of performances flanked by debates, conferences, talks, and other initiatives. Another important aspect is the great visibility that the experience has been receiving through the years. However it is necessary to underline that the building, which is a private property, lives in a condition of lawlessness because it has been occupied. Moreover Teatro Valle has been accused of unfair competition by other cultural spaces. Since the culture is the common thread that helps us to uphold our identity, the common goods help us to recognize ourselves and state our fundamental rights.

  4. “Quanto più mi avvicino alla parola, più essa sanguina.” Karl Kraus e la lingua in rivolta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Cau

    2009-12-01

    Full Text Available Non capita di frequente che affilati progetti di rivolta vengano condotti con l’obiettivo di ripristinare un preciso ordine legale, specie se l’ordinamento di cui si invoca la salvaguardia ha contorni squisitamente linguistici. Un simile disegno ha guidato per trentasette anni la mano di Karl Kraus (1874-1936, impegnato in una lotta senza quartiere contro le debolezze della frase fatta e l’incultura di una civiltà pronta a sostituire la piattezza dell’«opinione» alla profondità del «pensiero».

  5. Tensão e ambiguidade na filosofia de Jean-Paul Sartre

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Thana Mara de Souza

    2012-04-01

    Full Text Available Este artigo pretende mostrar como, a partir da noção de "vizinhança comunicante" estabelecida por Franklin Leopoldo e Silva, poderemos compreender os principais temas da filosofia sartriana e a relação entre eles, tais como a relação entre metafísica e história, sujeito e objeto, (liberdade absoluta e concreta, e ética e estética. Ao estender a expressão inicialmente cunhada para a relação entre filosofia e literatura em Sartre, pretendemos evidenciar que as noções de ambiguidade e tensão são fundamentais para termos uma chave de leitura para todo o pensamento de Sartre.

  6. [The teaching of history at the Faculdade Nacional de Filosofia of the Universidade do Brasil].

    Science.gov (United States)

    Ferreira, Marieta de Moraes

    2012-06-01

    This work analyzes the trajectory of the history course at the Faculdade Nacional de Filosofia of the Universidade do Brasil between 1939 and 1964/1965. Special emphasis is placed on the period between 1955 and 1965, when there was the separation of the history and geography courses, through to the onset of the reorganization of the schools and institutes of the university. The Faculdade Nacional de Filosofia was a benchmark for the other schools of philosophy in the country, as well as being a reference in the development of the history of education in Brazil. The approach adopted is geared to the field of the history of the historiography, with a focus on the study of the trajectories, institutions and relationship networks.

  7. Baltimaade rahvusraamatukogude direktorid kirjutasid alla koostööleppele / Annika Koppel

    Index Scriptorium Estoniae

    Koppel, Annika, 1964-

    2014-01-01

    23. aprillil 2014 kirjutasid Eesti Rahvusraamatukogu peadirektor Janne Andresoo, Läti Rahvusraamatukogu direktor Andris Vilks ja Leedu Rahvusraamatukogu peadirektor Renaldas Gudauskas alla koostööd tihendavale memorandumile. Artiklile on lisatud koostöömemorandumi tekst

  8. A filosofia na formação do enfermeiro: algumas considerações

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Neusa Collet

    1995-06-01

    Full Text Available O estudo objetiva promover uma reflexão sobre a importância da Filosofia para a formação do enfermeiro. Com este propósito, buscamos na literatura, questões que nos embasem sobre o tema, enfocando a importância dessa compreensão para a pesquisa científica em enfermagem.

  9. FILOSOFIA ORGANIZACIONAL EN LA GESTION DE LA SALUD EN MISIONES

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gloria Beatriz, Orzuza

    2011-01-01

    Full Text Available El transcurrir del tiempo nos acerca a nuevos conocimientos, la ciencia avanza en todos sus aspectos, que se traducen a todos los campos, de la organización, de la administración. La atención de la salud está pasando por acentuadas modificaciones, el modelo asistencialista, que atiende en función de las demandas, está adecuándose paulatinamente a las acciones recomendadas por el modelo sanitarista que actúa más intensamente junto a las comunidades y al medio ambiente, promoviendo la salud y previniendo enfermedades. El objetivo de este artículo es reflejar el cambio que se produjo en la filosofía organizacional del sistema de salud de Misiones. Con este fin, primero se conocerán las concepciones de las organizaciones newtonianas y cuánticas, enfocadas desde su origen filosófico. Segundo, se hará referencia al marco jurídico de las erogaciones de gestión del gobierno provincial. Tercero, se analizará la situación socioeconómica de la población de Misiones. Cuarto, se hará referencia al nuevo paradigma de salud. Para finalizar resaltando la implementación definitiva de una concepción holística en el sistema de salud.

  10. ENSINO DE FILOSOFIA E EJA: CONTEXTUALIZAÇÃO HISTÓRICA E DESAFIOS DA CONTEMPORANEIDADE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luiz Roberto Santos

    2011-09-01

    Full Text Available O labor apresentado aqui pretende discutir o intercurso histórico e conceitual da Educação de Jovens e Adultos - EJA – e a disciplina de Filosofia nesse contexto de situação. Nesse sentido, o trabalho fez uma contextualização histórica destas duas realidades distintas e a apreciação de documentos originais que tratam da referida modalidade de oferta de ensino. Em seguida, realizou-se uma atividade empírica com 79 alunos da modalidade EJA do IFRN campus Macau, que responderam a um questionário sobre a percepção e expectativas do ensino de Filosofia. O IFRN tem gerado um quadro de qualificação, de natureza profissional e humanística, que certamente está contribuindo para o crescimento socioeconômico da microrregião salineira. Nesse contexto, os conteúdos inerentes à disciplina de Filosofia têm sido essenciais à concretização dos valores agenciados pela Educação. Tais valores se referem principalmente ao desenvolvimento de um sentimento de cidadania que ultrapasse a mera formalização legal. Ademais, foi feito um levantamento bibliográfico para consubstanciar teoricamente todas as intuições primeiras, à luz de Aranha e Martins (1998, 2009, Cortela (2006, Paiva (2003, Paiva (2005 e Pinsky (2005.

  11. Antropologia e finanzcapitalismo. Note a margine del dopo Brexit

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Papa

    2016-08-01

    Full Text Available Questo articolo intende portare l’attenzione su una letteratura prevalentemente antropologica che si interroga sull’influenza del mondo della finanza sulle nostre vite quotidiane e sulla vita delle imprese. Si tratta di una letteratura poco presente nel dibattito antropologico in Italia ma l’ennesima crisi del dopo Brexit ci invita a considerare con più attenzione i nessi che a partire dalla finanza non solo attraversano settori economici differenti ma si allargano anche alla realtà sociale e culturale. L’etnografia della finanza, di cui si dà conto, e che si è sviluppata a partire dagli anni Novanta, evidenzia molteplici aspetti di questo mondo dalle forme di vita flessibili e competitive degli agenti di borsa, alla loro identità sociale, alla decostruzione dell’ideologia dell’infallibilità e razionalità delle pratiche finanziarie fino alla trasposizione ed estensione di queste pratiche e modelli all’economia reale delle imprese e alla diffusa e obbligata precarietà del lavoro non solo nei paesi più poveri. L’obiettivo è quello di suggerire linee di ricerca etnografica capaci di attraversare tradizionali partizioni del sapere antropologico con una finalità di analisi critica a partire dalla rilettura di nuove forme di disuguaglianza e di nuove contraddizioni.

  12. Risk from exposure to natural and artificial ultraviolet radiation; Il rischio di esposizione alla radiazione ultravioletta naturale e artificiale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Matzeu, M. [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Fisica

    1998-12-31

    necessari alla sua valutazione. In particolare vengono descritti gli effetti a livello molecolare e cellulare e gli effetti sull`uomo con i relativi spettri d`azione. Vengono quindi analizzate le piu` comuni sorgenti di esposizione e viene descritto il loro impiego nei diversi campi. Sono infine forniti alcuni elementi di dosimetria, necessari per una corretta misura dei valori di esposizione e quindi del rischio.

  13. LA CARTA DEL PAESAGGIO GEOLOGICO, DEI BENI NATURALI E CULTURALI DELLA MEDIA VALLE DEL TEMO

    OpenAIRE

    Di Gregorio, Felice; Masala, Alberto

    2016-01-01

    Vengono presentati i risultati di una ricerca finalizzata allo studio e alla valorizzazione dei beni naturali e culturali della Media Valle del Temo (Sardegna NO). Il lavoro, che ha la sua massima espressione grafica nella Carta del paesaggio geologico e dei beni naturali e culturali, è stato condotto a partire dalla Carta tecnica regionale tramite la realizzazione di una serie di carte tematiche di base (Carta geologica, Carta geomorfologia, Carta dell’uso del suolo e della copertura vegetal...

  14. Prevenire l'avvelenamento del pozzo: politica, verità e teoria dell'argomentazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guglielmo Feis

    2010-12-01

    Full Text Available L’articolo è una recensione critica dell’ultimo lavoro di Franca D’Agostini,  dedicato  alla  teoria dell’argomentazione e alla verità: La verità avvelenata. Buoni e cattivi argomenti nel dibattito pubblico. La recensione è concentrata sulle parti più filosofiche e teoriche del libro: il ruolo della verità nel dibattito pubblico e l’importanza della teoria dell’argomentazione per partecipare in modo consapevole e attivo alla democrazia.

  15. História da filosofia, formação e compromisso History of philosophy, formation and commitment

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franklin Leopoldo e Silva

    2002-01-01

    Full Text Available A questão que se tenta construir neste texto é a da convergência entre filosofia, história da filosofia e formação. Tal pergunta se desdobra primeiramente na elucidação das relações entre história e historicidade da filosofia, que remonta à constatação óbvia, mas nem sempre lembrada, de que o fundamento da história da filosofia é o caráter histórico da própria filosofia. A idéia de formação está presente em toda filosofia, já que, antes de ser sistema ou concepção cristalizada da realidade, cada filosofia é sempre um exercício de síntese das possibilidades e das circunstâncias da vida humana, inclusive sob o aspecto do trabalho da reflexão. Nesse sentido, o texto remete a algumas idéias de Bergson acerca de formação e processo, e à noção sartriana de práxis como formação e superação contínua dos momentos estruturais do curso da história. Assim compreendida, a relação entre história da filosofia e filosofia contém inevitavelmente o compromisso com a atualidade, isto é, com a formação atual do pensamento.The text intends to examine the question about the relationship between history of philosophy, philosophy and formation as a liberation of conscience. The starting point is an obvious idea, thought not always remembered: history of philosophy founds its legitimation on philosophy as historical cultural fact. The idea of formation is implicated in every system, which, before being a specific conception of reality, is a synthesis of real conditions that have influenced all aspects of human life, includingly reflexive work. Some of Bergson's and Sartre's ideas about process, form and praxis can help us to elucidate the engagement in the present included in the relationship between philosophy and history of philosophy.

  16. Le sostruzioni del tempio di Apollo Sosiano e del portico adiacente

    OpenAIRE

    Bianchini, Marco

    2014-01-01

    Si analizzano le opere murarie di fondazione e di sostruzione del Tempio di Apollo Sosiano e del portico retrostante e i loro rapporti con le fondazioni del Tempio di Bellona e del Portico di Ottavia. Le strutture esaminate presentano una complessa stratigrafia riconducibile alle varie fasi di un grande cantiere che, negli ultimi decenni del i secolo a.C., portò alla completa ricostruzione di tutta l’area a nord del nuovo Teatro di Marcello. Si individuano inoltre molti elementi utili per la ...

  17. La secundària, un lloc de la filosofia La secundaria, un lugar de la filosofía Secondary education, a place for philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jordi Beltran del Rey

    2009-01-01

    Full Text Available Molts membres de la comunitat filosòfica consideren que la filosofia a secundària necessàriament es desnaturalitza i que, en el millor dels casos, només és possible practicar-la d’una manera simulada. Aquest qüestionament ens preocupa més que el provinent d’algunes orientacions psicopedagògiques que tenen com a referent sistemes educatius on no hi figura l’epígraf filosofia. Davant de tot això, mantenim que és desitjable i possible l’existència d’una autèntica filosofia en acte a les aules de secundària. Fonamentem això en criteris interns a la pròpia disciplina, com la vigència de l’ideal il·lustrat i la vocació paidèutica de la filosofia des dels seus inicis. La pràctica d’aquesta filosofia requereix investigar sobre els instruments específics que ens permeten filosofar: conceptualitzar, problematitzar i argumentar. La producció filosòfica a les aules de secundària catalanes, per bé que modesta, cal que sigui assumida com un repte per totes les institucions, i vèncer les resistències originades en concepcions elitistes del filosofar. _____________________________________________ De nombreux membres de la communauté philosophique considèrent que la philosophie dans l’enseignement secondaire est nécessairement dénaturée et que, dans le meilleur des cas, il est seulement possible de la pratiquer d’une manière simulée. Ce questionnement nous préoccupe davantage que celui qui provient de certaines orientations psychopédagogiques qui ont comme référence des systèmes éducatifs où ne figure pas la matière philosophie. Face à cela, nous maintenons que l’existence d’une authentique philosophie en acte est souhaitable et même possible dans les classes du secondaire. Nous fondons cela sur des critères internes à la discipline, elle-même, tels que la vigueur de l’idéal des Lumières et la vocation paideutique de la philosophie depuis ses débuts. La pratique de cette philosophie

  18. LEO STRAUSS Y EL CANON OCCIDENTAL. LA HISTORIA DE LA FILOSOFIA COMO MODELO HERMENEUTICO PARA LA FILOSOFIA POLITICA

    OpenAIRE

    Altini, Carlo

    2015-01-01

    En el arco completo de su carrera filosófica, Leo Strauss atravesó numerosos frentes temáticos e historiográficos: de la definición de un procedimiento hermenéutico a la reflexión sobre las categorías de la filosofía política moderna, del análisis de la filosofía judía e islámica medieval a la interpretación de textos filosóficos de la Grecia clásica. Por ello, no parece incomprensible o extravagante el intento de dar una respuesta a la pregunta «¿Qué Strauss?». En verdad, el mismo Strauss no...

  19. O amor entre filosofia e psicanálise Love between philosophy and psychoanalysis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Murta

    2006-06-01

    Full Text Available Investigamos a condição do amor como ponto de inflexão entre a filosofia e a psicanálise. A referência escolhida no campo de possibilidades de relação entre a filosofia e a psicanálise baseia-se no pensamento de Lacan. A possibilidade de relação entre dois discursos distintos é abordada, no pensamento lacaniano, a partir de seu aforismo maior, segundo o qual "não há relação sexual". Mesmo para a relação que não existe, Lacan propõe uma suplência - o amor, o qual surge como uma das suplências possíveis para a "relação sexual impossível" que pode se apresentar como um campo possível para a relação entre a filosofia e a psicanálise.We investigate the condition of love as a point of inflection between philosophy and psychoanalysis. Taken in the field of possibilities of relation between philosophy and psychoanalysis, this reference is based on Lacan's thought. The possibility of relation between two distinct ways of thinking is focused on Lacan's thought from his main aphorism "there is not sexual relation". Lacan proposes a supplementing for this relation that does not exist - love. So love appears as one possible supplementing for an "impossible sexual relation" and as a possible field of relation between philosophy and psychoanalysis.

  20. Castoriadis: uma filosofia para a educação Castoriadis: philosophy for education

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lílian do Valle

    2008-08-01

    Full Text Available Há muitos tipos de filosofia, muitos estilos de praticá-la e muitas razões pelas quais a convocamos, quando se trata de falar das coisas humanas. No livro I da Ética a Nicômaco, Aristóteles afirma - contra o que fora, durante toda a existência, o principal objeto de busca de seu mestre - que a investigação que lhe interessa é aquela que trata do que é acessível e praticável pelos humanos. Ora, esse tipo de filosofia, que me parece ser a única digna da educação, é definitivamente a que praticou Cornelius Castoriadis. Assim, a filosofia foi insistentemente descrita, na obra do autor, como interrogação aberta e incessante, que nada tem de fútil exercício de especulação, na medida em que concerne fundamentalmente à atividade de criação, por parte de cada humano, dos sentidos que fazem existir seu mundo próprio - e que, portanto, concerne igualmente aos sentidos que edificam a vida comum.There are many kinds of philosophy, many styles of practicing it, and many reasons fort taking it when it comes to talking about human things. In book I of The Nicomachean Ethics, Aristotle affirms that the inquiry that interests him is what is accessible and practicable to human beings. This kind of philosophy, that seems to be the only one that is worth the field of education, is definitively the one practiced by Cornelius Castoriadis. Thus, philosophy was insistently described, in his works, as open and nonstop questioning that is not considered as useless exercises of speculation, because it basically concerns the activity of creation, by each human being, of the meanings that make his/her own world exist, and is, therefore, equally related to the meanings that build up common life.

  1. Approccio dal basso, servizi alla persona e memorie interculturali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2003-06-01

    Full Text Available Valorizzare le memorie dei migranti risponde ad una precisa esigenza di riconoscimento, nella storia collettiva e nello spazio politico nazionale, della memoria interculturale di intere collettività ... Queste condizioni implicano l'esigenza del riconoscimento della memoria dei migranti traducendosi in uno stimolo per lo sviluppo di nuove politiche sociali e culturali e di nuovi interventi focalizzati su questo stesso riconoscimento che interessa direttamente anche gli operatori sociali e culturali delle amministrazioni pubbliche e del terzo settore.

  2. A filosofia Romântica do trágico, ou a moderna ironia de Hamlet

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Duarte

    2014-09-01

    Full Text Available Este artigo apresenta a participação romântica no moderno nascimento de uma filosofia do trágico, destacando o valor da ironia como auto-reflexividade da arte nesse contexto e a peça Hamlet, de William Shakespeare, enquanto seu exemplo mais emblemático. Abstract: This article presents the romantic role in the modern birth of a philosophy of tragedy, highlighting the value of irony as self-reflexivity of art in this context, and the play Hamlet, by William Shakespeare, as its most emblematic example.Keywords: Romanticism; tragic; irony; reflection; Hamlet. Pedro Duarte é Mestre e Doutor em Filosofia pela PUC-Rio, onde atualmente é Professor na Graduação, na Pós-Graduação e na Especialização em Arte e Filosofia. É Professor Colaborador do Mestrado em Estética e Filosofia da Arte da UFF. Foi Professor Visitante nas universidades Brown (EUA e Södertörns (Suécia. É autor do livro Estio do tempo: Romantismo e estética moderna (Zahar. Prepara agora A palavra modernista, a ser publicado na coleção Modernismo+90 (Casa da Palavra. Ênfase de pesquisa em Estética, Filosofia Contemporânea, Cultura Brasileira e História da Filosofia. É membro dos grupos de trabalho em Estética e em Heidegger na ANPOF.

  3. A gravitação universal na filosofia da natureza de Isaac Newton

    OpenAIRE

    Garcia, Valdinei Gomes

    2010-01-01

    Resumo: Esta pesquisa apresenta um estudo sobre o conceito de força gravitacional na filosofia da natureza de Isaac Newton. O presente texto foi elaborado a partir dos argumentos desenvolvidos por Newton para defender esse conceito em sua obra mais importante, o Philosophiae Naturalis Principia Mathematica (1687). Será visto que, em tais argumentos, Newton restringe o conceito de força gravitacional a partir de um tratamento matemático, que ele próprio elaborou em sua obra. Por outro lado, Ne...

  4. O pensamento político de Hegel à luz de sua filosofia do direito

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Wellington Trotta

    2009-02-01

    Full Text Available O objetivo deste trabalho é analisar o pensamento político de Hegel a partir de sua "Filosofia do Direito", apresentando uma exposição sistemática daquilo que o autor compreendeu por filosofia, na qual a política é uma conseqüência inevitável, já que o seu sistema teórico privilegia a unidade lógica. Utilizei, na elaboração do presente texto, um critério muito simples: apresentar o pensamento político hegeliano à luz do seu próprio tempo, levando em consideração as dificuldades normais que todos sentem na expressão de idéias universais a partir de experiências singulares. Com isso, desejo assinalar que, embora Hegel tenha pensado o Estado dentro da perspectiva do universal concreto, seu olhar é prussiano e voltado aos problemas da unidade alemã. O artigo está dividido em duas partes. A primeira é uma exposição do conteúdo filosófico do autor, ao passo que a segunda parte procura fazer um estudo sistemático do seu pensamento político, tendo por limite sua "Filosofia do Direito". Essa sistematização é compreensível, já que, originalmente, o presente texto fazia parte de minha Dissertação de Mestrado, em que pude fazer uma relação entre Hegel e o pensamento de Marx em 1843, tal como expresso em "Crítica da Filosofia do Direito de Hegel". Ao final, como conclusão, argumento que, mesmo sendo relevante o conjunto das críticas de Marx, o pensamento hegeliano parece retratar não só o Estado moderno, mas também o contemporâneo, sobretudo o dos últimos trinta anos, em que cada vez mais o poder Legislativo perde, por motivos diversos, o seu papel de legislar, sendo substituído pelo poder Executivo, ao qual cabe o incremento do universal no seio das particularidades.

  5. A filosofia da história no Doutor Fausto The philosophy of history in Doctor Faust

    OpenAIRE

    Richard Miskolci

    1998-01-01

    Há uma "filosofia da história" implícita na obra de Thomas Mann. Este artigo pretende fornecer elementos para compreender esta filosofia que tem raízes em Schopenhauer e Nietzsche, mas que também deve muito às descobertas da psicanálise e ao aprofundado conhecimento de mitologia do escritor alemão.There is a "philosophy of history" in Thomas Mann's works. This article intends to give elements to the comprehension of this philosophy linked, since the beggining, to Schopenhauer and Nietzsche, b...

  6. CESAR, Constança Marcondes. Filosofia da Cultura Grega. Aparecida: Ideias e Letras, 2008. 143 p.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Mauricio de Carvalho

    2012-04-01

    Full Text Available O livro de Constança Marcondes César examina “a contribuição de Evanghélos Moutsopoulos para o estudo da crise da sociedade contemporânea, bem como para o seu ultrapassamento, em vista da realização do homem” (p. 6. Moutsopoulos é um filósofo grego que elaborou uma filosofia de cultura alicerçada em valores universais, que ele considera já se encontravam nas origens do pensamento grego. A sua filosofia faz uma atualização destes valores.

  7. A filosofia da história no Doutor Fausto The philosophy of history in Doctor Faust

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Richard Miskolci

    1998-10-01

    Full Text Available Há uma "filosofia da história" implícita na obra de Thomas Mann. Este artigo pretende fornecer elementos para compreender esta filosofia que tem raízes em Schopenhauer e Nietzsche, mas que também deve muito às descobertas da psicanálise e ao aprofundado conhecimento de mitologia do escritor alemão.There is a "philosophy of history" in Thomas Mann's works. This article intends to give elements to the comprehension of this philosophy linked, since the beggining, to Schopenhauer and Nietzsche, but also related to psychoanalysis' discoveries and to Mann's profound knowledge of mythology.

  8. A imanência como "lugar" do ensino de filosofia Immanence as the "place" of the teaching of philosophy

    OpenAIRE

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2008-01-01

    A intenção do presente artigo é pensar a problemática do ensino de filosofia a partir da obra de Deleuze e Guattari. Esses autores criaram uma série de conceitos, em seu fazer filosófico, para entender o que seria fazer filosofia, ou seja, para entender a atividade filosófica que se distanciasse de uma reflexão sobre alguma coisa e se fundasse em um ato de criação filosófica. Segundo os autores, existem quatro conceitos que corroboram para entender esse fazer filosófico, quais sejam: conceito...

  9. L'interpretazione del contratto internazionale

    OpenAIRE

    Vinci, Pierpaolo

    2012-01-01

    La ricerca ha ad oggetto l’analisi di clausole, contenute nei contratti del commercio internazionale, che sembrano finalizzate a fornire in anticipo una metodologia dell’interpretazione del contratto. L’elaborato pertanto analizza i profili di validità ed efficacia di singole e specifiche clausole, come le “clausole d’intero accordo”, le “clausole di non modificazione orale”, le clausole contenenti definizioni, e simili, alla luce delle regole giudiriche di derivazione eteronoma applicabil...

  10. A Filosofia diante do tecnicismo da sociedade de informação

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renato Nunes Bittencourt

    2010-08-01

    Full Text Available

    Neste artigo se problematiza de que maneira a Filosofia (enquanto saber e disciplina escolar, se encontra em uma situação de contestação perante a ordem tecnocrática imperante em nossa “pós-moderna” sociedade da informação, caracterizada pela legitimação de um “utilitarismo” vulgar em que se considera que somente é pertinente para a vida humana a realização de estudos ou funções que pretensamente tragam resultados materiais imediatos. Tanto pior, esse modelo “informativo” rompe com o paradigma intelectual de “formação” individual, que é intrinsecamente singular e regulada por disposições existenciais alheias aos parâmetros “morais” da normatização do sistema de ensino. Favorecendo a reflexão e a análise paciente e rigorosa da realidade circundante, a Filosofia pode ser um recurso de transformação do mecanismo alienante vigente, presente mesmo no local onde a mediocridade deveria ser progressivamente eliminada, as instituições de ensino.

  11. FILOSOFIA COMO ESTRATÉGIA DE EDUCAÇÃO MORAL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    CHICOTE, Irlandina de Paula Macedo

    2003-11-01

    Full Text Available This present article aims to observe and to identify how. Ethies and Civic Education are beingbuilt in the daily teaching process, specially by the teaching of Philosophy. The goal of this article is to analise a4 th grade class of a private high school from Ituverava. The teaching of Pilosophy in a classroom with childrenaged from 9 to 10 years old has brought significant results when teaching and exercising the investigativedialoque. This citzenship practice is developed by comprehension and cooperation throughout a contextualized work.O presente artigo tem por objetivo observar e identificar como a ética e a educação moral estãosendo construídas no cotidiano escolar, especialmente pelo ensino de filosofia. Tem como objeto de análise uma4 º série, de uma escola particular na cidade de Ituverava. O trabalho de filosofia em sala de aula com crianças de9 a 10 anos trouxe resultados significados ao ensinar e exercitar o diálogo investigativo. Essa prática dacidadania se desenvolve por meio da compreensão e cooperação, através de um trabalho contextualizado.

  12. O ensino de Filosofia e discernimento no mundo contemporâneo: questões atuais

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alexandre Filordi de Carvalho

    2015-01-01

    Full Text Available http://dx.doi.org/10.5902/1984644416517O objetivo do artigo é o desenvolver a ideia de que é preciso investir no ensino de Filosofia como ferramenta de produção de discernimento. A hipótese é a de que o discernimento seria a capacidade elementar que se aprende para poder agir com o pensamento, com as ações e as atitudes para consigo mesmo e para com o mundo. Para tanto, o texto elege três níveis de questões atuais que desafiam o discernimento pelo o aprendizado da Filosofia: a experiência dos sujeitos com a sociedade capitalística e de consumo, a homogeneização das potencialidades subjetivas e, por fim, a colonização do sentimento de impotência na transformação da própria realidade social. O pensamento de Deleuze e Guattari são convocados como fundo analítico desta proposta.

  13. A conquista da felicidade via filosofia: o exemplo de Boécio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Idalgo José Sangalli

    2014-12-01

    Full Text Available A análise visa a uma reflexão sobre ética e educação na obra De consolatione philosophiae, de Boécio. A partir da posição e atitude filosófica e de uma breve exposição geral do trabalho, procura-se compreender o processo boeciano de busca da felicidade, exposto no Livro III. No diálogo entre a Filosofia e Boécio, é retomada a ideia de que todos os homens desejam alcançar o bem final identificado como felicidade. Perdidos na multiplicidade fragmentada dos bens exteriores das paixões, os homens devem procurar, pelo caminho da filosofia e sem apelo à religião, o bem único e verdadeiro: Deus. A reflexão mostra o itinerário da vida humana e a necessidade de cada pessoa em "aprender a viver" uma vida ética, libertando-se das paixões do corpo que adoecem a alma.

  14. Il recupero dell'area del mercato ortofrutticolo

    OpenAIRE

    P.B. Giorgieri; F. Alberti

    2009-01-01

    Contributo pubblicato nella monografia n. 2/2009 della collana Architetture città e territorio dedicata alle trasformazioni urbane in Toscana riguardante le strategie del Piano urbano integrato per lo sviluppo sostenibile (PIUSS) di Massa, elaborato da S. Viviani, P. Giorgieri e F. Alberti per conto del Comune di Massa, che nel 2010 è stato presentato alla Regione Toscana e ammesso ai finanziamenti dei fondi strutturali europei (FESR). Nel testo viene descritto il progetto per il recupero del...

  15. Meccanica quantistica relativistica introduzione alla teoria quantistica dei campi

    CERN Document Server

    Maiani, Luciano

    2012-01-01

    Tra gli argomenti trattati: le simmetrie dello spazio-tempo; la particella libera classica; teoria lagrangiana dei campi; quantizzazione dell' equazione di Klein Gordon; quantizzazione del campo elettromagnetico; l'equazione di Dirac; i propagatori dei campi liberi; interazioni; evoluzione nel tempo dei sistemi quantistici; teoria relativistica delle perturbazioni...

  16. XX sajandi väärtarhitektuuri hakatakse kaitse alla võtma / Alo Lõhmus

    Index Scriptorium Estoniae

    Lõhmus, Alo

    2011-01-01

    Muinsuskaitseameti ja kultuuriministeeriumi käivitatud "Eesti XX sajandi arhitektuuri kaitsmise ja väärtustamise" projekti käigus valminud XX sajandi väärtarhitektuuri registrist, mis on eelduseks möödunud aastasaja huvitavamate ehitiste riikliku kaitse alla võtmisele

  17. Lapimaal alla kukkunud kopterit juhtis Eesti piirivalve piloot / Küllike Rooväli

    Index Scriptorium Estoniae

    Rooväli, Küllike, 1969-

    2005-01-01

    21. septembril Soomes Lapimaal Vuotso küla lähedal alla kukkunud väikekopterit Schweizer 300C juhtis eestlane - piirivalve lennusalga päästekopteri teine piloot Rannel Vassiljev. Lisa, kaart: Kopteriõnnetus Lapimaal

  18. Teame, kuidas kopter alla kukkus, aga ei tea, miks / Kristjan Roos

    Index Scriptorium Estoniae

    Roos, Kristjan, 1978-

    2005-01-01

    Copterline'i helikopteri allakukkumise vahearuandest selgus, kuidas kopter alla kukkus, õnnetuse põhjus on aga teadmata. Hukkunute omaksed ei soovi vahearuande tulemusi avalikustada. Vt. samas: Kirsti Vainküla. Oliver Kruuda: "Jätke meile see õigus mitte põhjendada"

  19. Wal-Mart tõmbab USA elatustaset alla / Eva Rüütel

    Index Scriptorium Estoniae

    Rüütel, Eva

    2005-01-01

    USA majanduskriitikud väidavad, et riigi suurim tööandja jaekaubanduskett Wal-Mart kisub ameeriklaste elatustaset alla. Püüdes laialtlevinud arusaama kummutada, palkas ettevõte majanduskonsultatsioonifirma Global Insight'i, et uurida firma mõju ulatust Ameerika majandusele

  20. Geometrie del senso. Ripensare la semiotica dell’immagine a partire da La macchina della pittura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lucia Corrain

    2012-12-01

    Full Text Available Il contributo intende ripercorrere il ruolo che Omar Calabrese ha avuto nella fondazione della Semiotica dell’arte. Una disciplina che, in Italia, vede la sua nascita a partire dall’ultimo ventennio del secolo scorso e che lo studioso, recentemente scomparso, ha contribuito a delineare con precisione. Il volume La macchina della pittura è sicuramente il suo contributo più innovativo, più sistematico e anc’oggi attuale. All’epoca in cui è stato pubblicato, nel 1985, lanciava una duplice sfida: alla storia dell’arte tradizionale e alla semiotica. Alla prima perché imponeva un altro tipo di sguardo, capace di decifrare il modo in cui attraverso la forma è costruito il senso pittorico. Alla semiotica perché dimostra come la pittura sia in grado di produrre senso e addirittura contenga al suo interno i meccanismi per interpretarla.

  1. Ensino de Filosofia em espaços não formais: notas de uma experiência

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silmara Cristiane Pinto

    2015-11-01

    Full Text Available DOI: http://dx.doi.org/10.5902/1984644415857Este artigo tem como objetivo apresentar os resultados do projeto de extensão “Ensino de filosofia em espaços não formais”, explicitando basicamente os processos de sua execução em termos práticos tanto quanto os desdobramentos filosóficos de seu transcorrer. Em princípio a ideia geral do projeto consistiu em criar um espaço dedicado às possibilidades de experiência com o filosofar que produzisse aos participantes um modo de relação com a filosofia diferente daquele estabelecido em ambientes formais como, por exemplo, a instituição escolar. Devido às experiências anteriores no que se refere ao ensino de filosofia demarcado pelas formalidades institucionais, procuramos transbordar esses espaços convertendo o ensino clássico em uma dimensão dialógica de aprendizagem e de criação de novos espaços de pensamento. Respaldados pelas contribuições filosóficas de Gilles Deleuze e Jacques Rancière, procuramos desterritorializar o ensino da filosofia de sua tradição histórica, afirmando-o eventualmente nas potencialidades criativas do pensar, na contingência das afecções, no encontro com os signos. Em síntese, a escrita deste texto nos permite explorar algumas implicações daquilo que projetamos e do que vivenciamos doravante nossa própria construção de sentido acerca do ensinar e do aprender filosofia, principalmente do que significa pensar filosoficamente.

  2. Professioni, società, mutamento: introduzione alla sezione monografica

    OpenAIRE

    Franca Alacevich

    2014-01-01

    Introduzione al numero monografico della rivista - in lingua italiana e inglese - sul mutamento del ruolo e delle caratteristiche delle professioni liberali nella società contemporanea. L'autore ha curato il numero monografico. Introduction to the monographic volume – in Italian and English – on changes in the role and characters of professions in contemporary society. The author is the editor of the monographic volume.

  3. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    CERN Document Server

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  4. A Filosofia e seu ensino como phármakon The teaching of Philosophy as pharmakon

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Walter Omar Kohan

    2012-12-01

    Full Text Available O presente texto busca problematizar o valor e o sentido de ensinar filosofia a partir de sua caracterização como phármakon a partir das figuras de Sócrates e Platão. Numa primeira parte, destaca a forma em que Sócrates apresenta a Filosofia, as suas condições e a ele próprio como filósofo no Fedro e em passagens de outros diálogos de Platão; num segundo momento, detalha a condenação de Platão à escrita no Fedro, levando em consideração aportes críticos de J. Derrida e G. Deleuze para estabelecer o que está em jogo nessa condenação; numa terceira seção, apresenta os efeitos pedagógicos e políticos dessa condenação e como ela coloca Platão numa posição surpreendentemente oposta em relação ao seu próprio mestre, Sócrates. Finalmente, são extraídas algumas conclusões dessa disputa e do valor que ela pode ter para o que hoje pensamos sobre o ensino de Filosofia no Brasil.This article goes back to Socrates and Plato to reach for elements that help us to think about the meaning and sense of teaching Philosophy through the concept of pharmakon. In the first section, we present a characterization that Socrates makes on Philosophy, its conditions and on himself as a philosopher in Phaedrus and in some other dialogues by Plato; the second section offers details of Plato's condemnation for writing in Phaedrus, taking into consideration the criticism of J. Derrida and G. Deleuze to establish what is at stake in that censure; in the third section, the pedagogical and political effects of such condemnation are presented, and also how it places Plato in a surprising opposite position in relation to his own teacher, Socrates. Finally, there are some conclusions of that combat and of its value for those who are now thinking the teaching of Philosophy in Brazil in the present moment.

  5. Un approccio “sociale” e ontologico alla catalogazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oreste Signore

    2011-12-01

    Full Text Available ItLa catalogazione è basata sulla conoscenza e sulla comprensione dei legami interdisciplinari tra gli elementi informativi. L’avvento del Web ha modificato profondamente i meccanismi di accesso all’informazione, mentre Web 2.0 e Semantic Web sono due evoluzioni del Web che stanno rivoluzionando i canoni di gestione del patrimonio informativo. Il primo spostando l’accento sul contributo portato dagli utenti, il secondo enfatizzando il ruolo dei dati e dell’interconnessione tra fonti diverse di conoscenza. Il web ha fatto prestare maggiore attenzione all’interoperabilità semantica e ha portato all’adozione di schemi comuni di metadati, mentre il Web 2.0 ha spostato l’accento sull’aspetto “sociale” e sulle folksonomy. Entrambi questi approcci presentano delle limitazioni intrinseche, che vengono superate dall’adesione a principi del Semantic Web e quindi all’adozione di un approccio ontologico, con il superamento della catalogazione centrata sull’oggetto. È possibile coniugare i vantaggi dell’approccio “sociale” (partecipazione degli utenti, ampliamento delle fonti di informazione con quelli puramente ontologici (formalizzazione e condivisione della conoscenza, possibilità di dedurre nuova conoscenza mediante un’opportuna opera di mapping della scheda catalografica e l’implementazione di ambienti sociali che utilizzino le tecnologie del Semantic Web. Un’esperienza in merito è stata condotta in un progetto.EnKnowledge and linking among several disciplines are the basis of cataloguing. The Web has been a revolution in accessing information, while Web 2.0 and Semantic Web are two evolutions of the web which are changing the ways of managing information. Web 2.0 puts much emphasis on user generated content (UGC, and Semantic Web emphasizes the role of data and their linking among different knowledge bases. The web leaded to greater attention paid to the semantic interoperability, with the adoption of common

  6. La nuova qualificazione dei docenti di religione: note a margine del D.P.R. n. 175 del 2012

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simona Attollino

    2013-12-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli atti del Convegno nazionale ADEC "Insegnamenti e insegnanti di religione nella scuola pubblica italiana" (Catanzaro, 25-27 ottobre 2012. SOMMARIO: 1. Il piano dei diritti: incompiute acquisizioni giurisprudenziali - 2. La qualificazione professionale dei docenti alla luce del D.P.R. n. 175 del 20 agosto 2012 - 3. Verso l’accentuazione del carattere culturale dell’I.R.C. - 4. L’ermeneutica del pluralismo sociale: un’offerta formativa aperta. ABSTRACT This essay regards the new professional status of teacher's religion in public school, in the light of juridical discipline approved in 2012. It analyses the rules as well as the abundant case-law in this field, underling the trend that considers the cultural value of catholicism teaching in public school in respect to the context of religious and social pluralism.

  7. A realidade em exercício: um percurso entre filosofia e fotografia

    OpenAIRE

    Conceição, Nélio Rodrigues da

    2013-01-01

    Tese apresentada para cumprimento dos requisitos necessários à obtenção do grau de Doutor em Filosofia, especialidade de Estética Esta dissertação debruça-se sobre as relações entre o pensamento filosófico e a fotografia, mediante três eixos que de diferentes modos se entrecruzam: 1) uma exploração de teorias de cariz fenomenológico que abordam a fotografia ou que são por esta invocadas; 2) uma releitura do pensamento de Walter Benjamin sobre a fotografia a partir da noção d...

  8. Cosmos evolutivo e plano da criação na filosofia peirceana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lauro Frederico Barbosa da Silveira

    1985-01-01

    Full Text Available O uso da metáfora da sob-existência do plano de um velho fórum na mente de seu arquiteto, a fim de entender o modo de ser do estado inicial do cosmos poderia dar origem a uma postulação de um plano na mente divina ou na natureza. A perfeição divina e o processo evolucionário do cosmos e da Razão, tais como são expostos na filosofia de PEIRCE, parecem opor-se à realidade de um tal plano. O presente artigo é um ensaio de discussão desta questão.

  9. A Filosofia Humanista de Fromm como Ciência do Homem

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rainer Funk

    2010-07-01

    Full Text Available O conjunto da obra de Fromm revela que ele estudou Kant, Hegel, Nietzsche, Herbert Spencer, John Stuart Mill e William James, Heidegger, Sartre, Bloch e Habermas, mas nenhum deles marcou seu pensamento de verdade, e nem a filosofia de valores do seu mestre Rickert, em Heidelberg, reflete no seu pensamento. Fromm, porém, se vê profundamente ligado a pensadores como o filósofo judaico Maimônides, como a Cohen e Cassirer, Aristóteles, Espinoza e Marx, mais tarde também a Tomás de Aquino.

  10. REFLEXÃO & ENCENAÇÃO EM FILOSOFIA E CONVERSA DE BOTEQUIM, DE NOEL ROSA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mayra Pinto

    2012-01-01

    Full Text Available In Noel Rosa’s humorous works, particularly in songs in which he comments on his behavior, the poetic voice that emerges is the one of the sambista in tension with some system of values; as a rule, his kind of enunciation evokes some opposition to the positive values attributed to formal employment. This article — through the analysis of two of his songs, Filosofia and Conversa de botequim, and through the recurring approach of dissimulation — discusses the idea that the composer elicits the need for a social mask to survive in society either criticizing it or deriding it. In this sense, the Noelian work is affiliated to the romantic irony which confronted bourgeois values as a recurrent discursive strategy. The analysis follows a Bakhtinian enunciative perspective, which ideologically and aesthetically maps the lyric voice of the two songs, that is, how they were composed, with what voices they dialog in opposition to or in conjunction with those values.

  11. Uma proposta metodológica para o ensino da Filosofia

    OpenAIRE

    Fernandes, Ricardo Pedreira

    2011-01-01

    Relatório de estágio de mestrado em Ensino da Filosofia no Ensino Secundário Este Relatório de Estágio reporta-se à implementação, na Escola Secundária de Monserrate, em Viana do Castelo, do Plano de Intervenção Pedagógica denominado “Uma Proposta Metodológica para o Ensino da Filosofia”, dirigido aos 25 alunos do 10ºC e aos 24 alunos do 11ºE, ambos do curso de Ciências e Tecnologias, no ano letivo 2010-2011. O Plano de Intervenção Pedagógica teve duas componentes: 1) invest...

  12. Filosofia da ciência e ensino da ciência: uma analogia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alberto Villani

    2001-01-01

    Full Text Available Neste trabalho, inicialmente explicitaremos nossa compreensão do debate entre Kuhn, Popper, Lakatos e Feyerabend na Conferencia Internacional sobre Filosofia da Ciência (1965, delineando as diferenças nas posições de nossos filósofos. Em seguida apresentaremos um quadro das posições sobre o ensino de ciências, assim como nos parecem caracterizar os último 30 anos de pesquisas na área. Finalmente tentaremos uma aproximação dos dois campos, procurando salientar as implicações que a problemática filosófica teve e tem para uma maior compreensão do ensino de ciências e matemática.

  13. Destino e liberdade: Um ensaio sobre a teleologia latente na filosofia da arte de Arthur Danto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Debora Pazetto

    2015-07-01

    Full Text Available Em seus escritos analíticos, Arthur Danto critica as “filosofias substantivas da história”, que adotam uma atitude profética ao descrever acontecimentos passados ou presentes de acordo com um sentido histórico que pressupõe acontecimentos futuros. Contudo, em A transfiguração do lugar comum, o autor afirma claramente que busca uma definição de arte que não possa ser refutada por contraexemplos futuros. Nesse contexto, a Brillo Box de Andy Warhol aparece como a expressão da autoconsciência da arte que marca o final de sua história. No entanto, afirmar que a história da arte acabou pressupõe uma concepção substantiva da história, dirigida para um telos final que dá significado a seus estágios anteriores. Em outras palavras, contrariamente a suas pretensões analíticas anteriores, a filosofia da arte dantiana não consegue evitar previsões do futuro baseadas em uma noção teleológica da história. Em sua narrativa, tudo se passa como se a essência da arte exigisse certa história, e não como se a história construísse, em função de um imenso jogo de interesses e contingências, o conceito de arte.

  14. O papel das inclinações na filosofia moral de Kant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pavão, Aguinaldo

    2008-01-01

    Full Text Available A filosofia moral de Kant pode ser criticada com base na alegação de que ela, ao exigir uma austera disposição de ânimo para que se possa atender às obrigações morais, não deixa qualquer espaço para as inclinações. Certamente um dos focos dessa leitura se encontra na seção de fundamentação, em que Kant se refere ao ato caritativo de um filantropo insensível. Essa passagem parece apoiar a interpretação segundo a qual a moral em Kant requer a supressão das inclinações, para que a ação tenha valor moral. Daí, aparentemente, se justificar a famosa crítica de Schiller ao rigorismo de Kant. Postas assim as coisas, poder-se-ia dizer que Kant é, em parte, responsável por essas incompreensões. Contudo, é possível defender, com base nas próprias premissas da filosofia moral Kantiana, que as inclinações não retiram o valor moral de uma ação. O que a moral de Kant exige é que o fundamento de determinação das ações não sejam as inclinações. Ora, isso é diferente de se pretender a supressão das inclinações. Com efeito, essa pretensão seria contraditória com a natureza finita do homem, não sendo, de modo algum, exigida pela moral de kant

  15. Individualismo, liberalismo e filosofia da história Individualism, liberalism and philosophy of history

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    João Paulo Bachur

    2006-01-01

    Full Text Available O artigo aborda a principal questão da teoria política: a legitimidade. O tema é desenvolvido a partir dos conceitos básicos da filosofia política iluminista: individualismo, liberalismo e filosofia da história, com a ajuda da historiografia conceitual de Reinhart Koselleck, para demonstrar, como resultado, uma aporia política. A articulação específica entre esses conceitos é então utilizada para ler os principais trabalhos de Friedrich August von Hayek, como um exemplo da adaptação desse conjunto conceitual para o neoliberalismo, e, de outro lado, para ler o núcleo da obra de Jürgen Habermas, como exemplo da versão social-democrata dessa adaptação. A conclusão aponta para a teoria de sistemas de Niklas Luhmann como uma possível alternativa à aporia política herdada do arcabouço conceitual do Iluminismo.The paper addresses the main issue of political theory: legitimacy. The theme is developed beginning with the basic concepts of the political philosophy of the Enlightenment: individualism, liberalism and philosophy of history, with the help of the conceptual historiography of Reinhart Koselleck, to point out a political aporia. The specific articulation between those concepts is then used to read the main works of Friedrich August von Hayek, as an example of the adaptation of that framework to neoliberalism and, on the other hand, to read the core of the work of Jürgen Habermas, as an example of the social-democratic version. The conclusion points to the systems theory of Niklas Luhmann as a possible alternative to the political aporia inherited from the basic conceptual framework of the Enlightenment.

  16. Giustizia, uguaglianza e differenza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-02-01

    Full Text Available E’ una guida alla lettura della filosofia politica contemporanea, a cura di Brunella Casalini e Lorenzo Cini, pubblicata da Firenze University Press per la nostra collana ad accesso aperto Methexis. La versione digitalizzata del testo è a disposizione di tutti.

  17. Dalla città alla casa, dalla casa alla città: la mutevole ricerca di un Piano per il ben-essere urbano

    OpenAIRE

    Bravo, Luisa

    2008-01-01

    La ricerca si propone di definire le linee guida per la stesura di un Piano che si occupi di qualità della vita e di benessere. Il richiamo alla qualità e al benessere è positivamente innovativo, in quanto impone agli organi decisionali di sintonizzarsi con la soggettività attiva dei cittadini e, contemporaneamente, rende evidente la necessità di un approccio più ampio e trasversale al tema della città e di una più stretta relazione dei tecnici/esperti con i responsabili degli org...

  18. Movimento estudantil no Rio de Janeiro nos Anos 60 : educação, política e cultura na Faculdade Nacional de Filosofia

    OpenAIRE

    Ana Lúcia Cunha Fernandes

    2011-01-01

    The article discusses the student movement in the city of Rio de Janeiro in the 60s and its performance in the Faculdade Nacional de Filosofia (National Faculty of Philosophy), of the former University of Brazil (now Federal University of Rio de Janeiro). Built in 1939 as a model of the university project of the Estado Novo in Brazil, the Faculdade Nacional de Filosofia was responsible for the formation of numerous scientists and progressive teachers and a significant focus of student protest...

  19. L’involuzione creatrice, o alla ricerca del proprio di una vita

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilia Marra

    2015-04-01

    Full Text Available In this paper I aim to introduce the very last text written by Gilles Deleuze, Immanence : une vie.... In this text we discover another way of thinking life, a life that would not be merely my singular life. “Life and nothing more” doesn’t refer to my biological life or to the determinations that describe my life, but to something else that we all have in common. This “something” is so precious because it is precisely what biopolitics cannot reach. Reading again Deleuze’s considerations on Spinoza and Leibniz, we may discover useful tools with which to try and understand the meaning of this enigmatic expression.

  20. La Fiat e la AutoVAZ di Togliatti. Alla ricerca del fordismo perduto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Fava

    2013-01-01

    Full Text Available In 1966 Vittorio Valletta, Fiat president, and the representatives of the Soviet Government signed the agreement that led to the building of the VAZ -Volzhsky Avtomobilny Zavod, a gigantic automobile plant. The Fiat-Soviet plant fostered the entrance of the Soviet Union (USSR in the «Automotive Century» and gave place to the first massive East-West transfer of technology and knowledge in the automobile sector of the century. The paper underscores the reasons of Fiat interest in the Soviet market, underlying how the deal had been coordinated with the Italian entrepreneurial elites and partially backed by the American Administration. Furthermore, the paper sheds light on the channels that Fiat used to enter in the Soviet market - focusing especially Fiat's agent, Piero Savoretti.

  1. Programmazione mineraria sarda dall'intervento del Piano di Rinascita alla crisi degli anni novanta

    OpenAIRE

    Cara, Simone

    2016-01-01

    This doctoral thesis aims to reconstruct the political, economic and social of the events linked to the Sardinian industrial planning, with specific attention to the mining sector, in a period of time that fits the end of World War II until the nineties of the twentieth century. The multiplicity of public and private archival sources and press gave rise to a complex research of different archives and libraries present time on the territory of Sardinia and Rome. In particular...

  2. Dal sultanato alla monarchia: fondamenti ideologici e simbolici del Marocco post-coloniale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Barbara De Poli

    2013-12-01

    Full Text Available This paper highlights some key aspects of the construction of the modern Morocco, during a nation building process which affects the Arab countries during the first half of the twentieth century. In particular, it will focus on the transition from sultanate to constitutional monarchy, which created changes in the institutional order and implied the adjustment of the symbolic capital investing the local Power, with an evident ‘invention of tradition’. This process is essential to the axial role which the Alawite dynasty played during the anticolonial struggle by sustaining the nationalist movements in order to pursue the political hegemony in the post-independence and ensure a strong continuity.

  3. Caratterizzazione del legame di molecole di interesse farmaceutico alla sieroalbumina umana mediante biocromatografia e dicroismo circolare

    OpenAIRE

    Pistolozzi, Marco

    2008-01-01

    Negli ultimi anni, un crescente numero di studiosi ha focalizzato la propria attenzione sullo sviluppo di strategie che permettessero di caratterizzare le proprietà ADMET dei farmaci in via di sviluppo, il più rapidamente possibile. Questa tendenza origina dalla consapevolezza che circa la metà dei farmaci in via di sviluppo non viene commercializzato perché ha carenze nelle caratteristiche ADME, e che almeno la metà delle molecole che riescono ad essere commercializzate, ha...

  4. “Troppo vicini”. Letture della catastrofe prossima nel pensiero meridionale alla fine del XVIII secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Monica Riccio

    2013-10-01

    Full Text Available “Too close”. Reading nearby catastrophes in Southern Italian thought at the end of the XVIIIth century. This paper analyses the intersections between the ideas of catastrophe and revolution in Southern Italian writers at the end of the XVIIIth century, focusing on those who operated in the proximity of a natural or political upheaval. The way in which this proximity modifies the value of the concept of catastrophe is well shown by the writings of the “observers” of the 1783 earthquake in Calabria and Messina and by their effort to offer a testimony and narrate the catastrophe at present tense.

  5. Menetlejate küsitlemistehnikad : alla 14-aastaste laste ülekuulamisprotokollide analüüs / Kristjan Kask

    Index Scriptorium Estoniae

    Kask, Kristjan, 1980-

    2010-01-01

    Alla 14-aastaste laste kohtueelse ülekuulamise videosalvestiste analüüsist. Ülevaade põhineb Justiitsministeeriumi poolt 2009. aastal läbi viidud uurimisprojektil "Alaealiste ülekuulamine kriminaalmenetluses". Tabelid

  6. La Storia delle religioni: una via italiana dell’educazione alla cittadinanza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariachiara Giorda

    2009-07-01

    Full Text Available Il testo offre una riflessione sul ruolo culturale e sociale dell’insegnamento della Storia delle religioni, rivolto a studenti delle scuole superiori. Il punto di partenza è la convinzione che la conoscenza della pluralità delle religioni sia uno strumento efficace per educare alla cittadinanza attiva ed alla partecipazione, visto il ruolo pubblico che le religioni conservano oggi. Attraverso il racconto di alcune esperienze italiane e soprattutto di una sperimentazione in corso svolta in un Liceo di Torino, che prevede un’ora di Storia delle Religioni curriculare e dunque obbligatoria, distribuita sui 5 anni di scuola, il contributo vuole porre in luce le caratteristiche, i metodi, gli obiettivi e in generale le potenzialità di questo insegnamento. Nondimeno, vuole tentare di aprire un dialogo sull’insufficienza della proposta educativa a disposizione, non soltanto in ambiente accademico ed in ambiente scolastico, ma anche su un piano più divulgativo.

  7. Konstantin Sigov, «Pravda» nel contesto del vocabolario europeo degli «intraducibili». II parte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefania Sini

    2013-06-01

    Full Text Available Presentiamo in prima traduzione italiana dal russo la seconda parte dello studio di Konstantin Sigov dedicato al termine pravda, al suo complesso spettro semantico e alla storia del concetto nei suoi usi, effetti e valori molteplici e interdipendenti: filosofici, teologici, giuridici e politici. La prima parte del saggio è stata pubblicata nello scorso numero di Enthymema (7, 2012: 15-25

  8. Itinerari per un turismo alternativo: dal Web alla portabilità mobile

    OpenAIRE

    Favretto, Andrea; Mauro, Giovanni; Petrarulo, Giuliano; Scherbi, Massimiliano

    2014-01-01

    Le opportunità offerte all’internauta “esperto” nel complesso ambito della cartografia partecipativa sono molteplici, dalla creazione di informazione geografica nell’ambito di un progetto cartografico mondiale (come nel caso di OpenStreetMap) alla elaborazione di cartografia personalizzata su piattaforma WebGIS. Il presente contributo prende in esame la possibilità di utilizzare un’applicazione WebGIS open source lato client, OpenLayers, per sviluppare e divulgare cartografi...

  9. Giada Tognazzi, La concezione biologica della donna nel Corpus Hippocraticum: dalla teoria alla terapia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giada Tognazzi

    2008-07-01

    Full Text Available I. Fisiologia e anatomia femminileI medici ippocratici hanno dedicato un’importante parte dei loro studi alla ginecologia. Con queste opere si ha la prima formulazione scientifica di un sapere sul corpo femminile e al contempo la prima classificazione delle caratteristiche e delle funzioni biologiche della donna. I trattati prettamente ginecologici compresi nel Corpus sono: De natura muliebri, De mulierum affectibus I-III e De virginum morbis. Essi costituiscono una vera e propria “scienza de...

  10. Fisica del Plasma Fondamenti e applicazioni astrofisiche

    CERN Document Server

    Chiuderi, Claudio

    2012-01-01

    L'opera si propone di introdurre i principi fondamentali della Fisica del Plasma, disciplina che trova applicazione sia nel campo del'energetica (Fusione Termonucleare Controllata), sia dell'Astrofisica (oltre il 90% della materia dell'Universo è sotto forma di plasma). Dopo un capitolo introduttivo, vengono discussi i possibili schemi di descrizione teorica dei plasmi. La parte centrale è dedicata alla discussione della magnetoidrodinamica, con particolare riguardo alla teoria delle onde e delle instabilità. Vengono infine trattati i problemi della riconnessione magnetica e delle onde d'urto nei plasmi. Per ogni argomento trattato vengono illustrate delle applicazioni di carattere astrofisico. I calcoli vengono sempre svolti esplicitamente in modo da permettere allo studente una piena comprensione delle relative tecniche. Una serie di esercizi permette inoltre la verifica delle competenze acquisite. Il libro è destinato agli studenti dei corsi di Laurea Magistrale e di Dottorato .

  11. A filosofia sartreana como fundamento da educação Sartre: a possible foundation for educational theory?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bonnie Burstow

    2000-04-01

    Full Text Available A filosofia de Sartre pode ser fundamento para uma educação progressista centralizada no estudante? Sérias críticas são levantadas por alguns estudiosos, que alegam que sua visão das relações humanas é por demais restritiva. Eis a temática que o autor procura esclarecer ao examinar a extensão de tais objeções e a conveniência da filosofia sartreana perante a teoria educacional.Is Sartrean philosophy a possible grounding for progressive student-centered education? Some critics raise serious objections: his view of human relations would be too restrictive, they claim. That's the issue the author tries to clarify by examining the range of those objections and the suitability vis-a-vis educational theory.

  12. Accessibilità e fruibilità del patrimonio architettonico: occasioni per una sostenibilità “sociale” del recupero

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Greco

    2012-12-01

    Full Text Available Il tema dell’accessibilità e della fruibilità del patrimonio storico – architettonico sta assumendo sempre più rilevanza nel contesto nazionale, e in quello europeo più in generale, anche per le importanti funzioni che normalmente vengono inserite in contenitori edilizi dall’elevato valore culturale e documentale, collocati spesso nel centro storico delle città oppure in aree di elevato pregio ambientale.Il contributo propone riflessioni di carattere generale sull’importanza “sociale” dell’accessibilità al patrimonio edilizio storico e offre spunti per un approccio alla progettazione dell’accessibilità secondo un metodo consapevole della complessità del tema, partecipato e multidisciplinare. Il testo si completa con l’illustrazione di due ricerche applicate (una alla scala urbana e una alla scala edilizia sviluppate secondo tale metodo.

  13. MERLEAU-PONTY E A FILOSOFIA DA NEGATIVIDADE EM O VISÍVEL E O INVISÍVEL

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adilson Xavier da Silva

    2007-12-01

    Full Text Available O artigo tem como objetivo descrever a crítica de Maurice Merleau-Ponty (1908- 1961 sobre a Filosofia da negatividade, especialmente em sua obra O visível e o invisível (1964 publicada após sua morte. Essa crítica é endereçada principalmente ao filósofo Jean- Paul Sartre (1905-1980.

  14. La promozione del parto naturale: effetti di un ambulatorio dedicato sulla prevalenza del taglio cesareo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Valentina Simonetti

    2015-04-01

    Full Text Available Background. Il taglio cesareo (TC è una procedura chirurgica eseguita in tutto il mondo, spesso senza una reale necessità, con un trend in continuo aumento sopratutto nei paesi industrializzati. In Italia la prevalenza del TC è più elevata rispetto ad altri paesi europei. Tale pratica espone le donne a rischio di complicanze evitabili e aumenta i costi dell’assistenza sanitaria. Tra i fattori riconducibili al ricorso al TC vengono riportate: carenze organizzative, medicina difensiva, convinzione che sia una modalità elettiva di nascita, scarso supporto alla donna del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita. Diverse evidenze suggeriscono che interventi educativi rivolti alle donne in gravidanza aumentano la probabilità del parto naturale (PN rispetto al cesareo: un ambulatorio dedicato al PN potrebbe risultare determinante nel dipanare dubbi ed incertezze della gestante e promuovere la scelta del parto naturale rispetto al TC. Obiettivi. Confrontare la prevalenza dei TC prima e dopo l’implementazione di un ambulatorio dedicato alla promozione del PN. Metodi. L’indagine è stata condotta consultando i dati delle cartelle cliniche delle pazienti afferenti al Dipartimento Materno-Infantile della Azienda USL di Pescara dal 1 febbraio al 31 ottobre 2011, prima dell’attivazione dell’ambulatorio, e dal 1 febbraio al 31 ottobre 2012, dopo l’attivazione dello stesso. Sono state incluse tutte le schede ostetriche delle donne con gravidanza a termine (37 settimane di gestazione; feto vivo in presentazione cefalica; precedente parto spontaneo; precedente TC eseguito in travaglio con buona dilatazione cervicale raggiunta; intervallo tra i parti di 18-24 mesi. Risultati. Sul totale delle cartelle esaminate (2.623, il campione per l’anno 2011 e 2012 è costituito rispettivamente da donne che hanno espletato prevalentemente il PN (62%; 68% con un’età media di 32.0±1.9 e 31.6±0.3, di nazionalità italiana (82%; 87

  15. Deleuze: por uma ontologia da aula de filosofia repetição cria diferença

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcos Ribeiro de Santana

    2012-06-01

    Full Text Available O presente ensaio corresponde à tentativa de constituição de uma ontologia da Aula de Filosofia, a partir da definição elaborada por Deleuze sobre a filosofia, entendida como “a arte de formar, de inventar, de fabricar conceitos”, dentro da especificidade do tema da diferença e repetição. Perspectiva traçada no âmbito do ensino médio quanto ao desenvolvimento de um mesmo plano de aula para várias turmas de uma mesma série. O desafio situa-se no problema da criação da diferença, quanto à prática da docência – a aula –, mesmo tendo a repetição de um plano de aula, para atender à obrigatoriedade de uma proposta curricular. Trata-se de criar um plano cartográfico para Aula de filosofia, mapeando a atividade de pensamento como ato de invenção, de diferenças, de devires e de acontecimentos.

  16. A filosofia concreta de Alexandre Kojève e a teoria do imaginário de Jacques Lacan

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Léa Silveira Sales

    2002-01-01

    Full Text Available O interesse de Lacan pela dialética não cai sobre o idealismo hegeliano. O que lhe atrai é a especificidade da leitura kojèviana na medida em que promove uma antropologização da Fenomenologia do Espírito. Com essa leitura, o idealismo absoluto de Hegel transforma-se numa filosofia concreta. Uma vez que foi essa a filosofia a influenciar a produção teórica de Lacan, os objetivos desse artigo são realizar uma sua exposição geral e apontar alguns importantes momentos do cruzamento entre antropogênese dialética e discurso lacaniano, ressaltando especialmente três segmentos: o que Lacan retoma de Kojève para a sua teoria do imaginário, em que pontos afasta-se dele e a influência dessa filosofia no movimento de transição do imaginário ao simbólico.

  17. A glorious, yet almost forgotten, mathematical theory, and some possibly new applications of it to physics; Una gloriosa ma quasi dimenticata teoria matematica e certe sue inedite applicazioni alla fisica

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Lo Surdo, C. [ENEA, Divisione Fusione Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Hardly the role and the importance of Classical-Invariant Theory is the history of mathematics (say, between - 1850 and - 1920) can be fully appreciated by a nonspecialist. In this study, it was firstly purposed to provide a compact sketch of its foundations starting from (and keeping the framework of) some very basic ideas in the equation theory; and then, after reviewing a couple of classical examples, to illustrate a number of (presumably new) applications to physics, with special reference to constitutive relations in continuous material media. As a significant example of the latter type (amongst other ones), it shall be completely worked out the problem of the a priori structure of linear viscous-stress tensor in a magnetoplasma. [Italian] Non e' facile, da parte del non-specialista, apprezzare pienamente il ruolo e l'importanza della Teoria degli Invarianti Classici nella storia della matematica (diciamo all'incirca tra il 1850 e il 1920). In questo studio, il lettore trova anzitutto una rassegna, succinta ma largamente improntata alla generalita', dei suoi fondamenti a partire da poche idee di base della teoria delle equazioni, oltre ad un breve inquadramento storico e alla illustrazione di un paio di esempi classici. Seguono poi alcune applicazion - presuntivamente nuove - alla fisica matematica, con particolare riferimento alle relazioni costitutive in mezzi materiali continui. Come significativo esempio di applicazione di quest'ultimo tipo, e' infine completamente sviluppato il calcolo della struttura a priori del tensore di viscosita' lineare in un magnetoplasma.

  18. Le Infanzie di Lancillotto del Lago

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Georges Bertin

    2007-12-01

    Full Text Available Questo incontro fra eroi cavallereschi e personaggi sacri è interessante per le ricerche mitologiche. Come Drona, nel Mahabharata, Lancillotto è un personaggio ambiguo. Nato da una progenie sacra, si comporta senz'altro da guerriero e da re e otterrà per questa ragione, al termine del suo percorso e-ducativo, uno statuto molto particolare alla Corte di re Artù, diventando praticamente un suo pari.

  19. Terapia del dolore: un messaggio in bottiglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Tiziano Cornegliani

    2011-09-01

    Full Text Available Poche cose quanto il trattamento del dolore dovrebbero richiedere una gestione “integrata”. E questo perché il dolore è un’esperienza soggettiva: troppi sono gli elementi che concorrono alla sua elaborazione da parte di un singolo individuo per cercare di oggettivare la sofferenza che egli prova. La medicina ci ha provato in ogni modo, nel suo continuo - e per molti aspetti sacrosanto e legittimo - anelito a rincorrere l’oggettività, ma...

  20. Proverbi italiani nell'Europa del nord

    DEFF Research Database (Denmark)

    Toftgaard, Anders

    2014-01-01

    Alla fine del Cinquecento i nobili danesi che avevano appreso l’italiano in Italia erano numerosi, tanto che si potrebbe parlare di un orientamento "italianista" vigente nella corte di Cristiano IV di Danimarca (1577-1648, re minore 1588 e coronato nel 1596). A parte il ruolo svolto dai viaggi di...... (e riformata) di quell'arte della conversazione che era stata teorizzata da Baldassare Castiglione, Giovanni Della Casa, Stefano Guazzo e in Francia da Michel de Montaigne....

  1. Da Leda e il Cigno alla Masala Coke, ovvero dal romanzo inglese in India al romanzo indiano di lingua inglese nel mondo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rossella Ciocca

    2011-11-01

    Full Text Available La cultura Indiana occupa ormai un posto di assoluto rilievo nel panorama contemporaneo globalizzato. Questo articolo si propone di evidenziare il contributo della produzione narrativa Indiana di lingua inglese alla scena letteraria internazionale ripercorrendo i momenti salienti della costituzione del suo canone, a partire dalla ricostruzione del suo contesto di sviluppo. Introdotto nel XIX secolo in India come strumento di colonizzazione culturale, il romanzo occupa, soprattutto nel corso del secolo successivo, un ambito di riappropriazione e resistenza politico-culturale. In una prospettiva critica che utilizza le riflessioni teoriche su identità, scrittura e nazione, il romanzo indiano viene inquadrato attraverso i passaggi che ne sottolineano le sue caratteristiche di genere accolto, stravolto, coniugato con tradizioni e linguaggi autoctoni e reinscritto nella storia dello stato-nazione come voce privilegiata di individuazione dellíidentità indiana. Tra fenomeni di indigenizzazione e nuove più recenti declinazioni diasporiche se ne pongono in evidenza le caratteristiche di genere particolarmente esposto a pratiche di adattamento e ibridazione.

  2. Platone interprete di se stesso. «Menone» 98a alla luce di «Fedro» 249b-c

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Lavinia Maggi

    2016-01-01

    Full Text Available La definizione di ἐπιστήμη come ὀρθὴ δόξα legata αἰτίας λογισμῷ, che compare in Menone 98a, presenta notevoli difficoltà interpretative non solo per quanto riguarda l’identificazione dell’αἰτία, ma anche per la possibilità o meno di scorgere sullo sfondo di tale enunciazione la teoria delle Idee (nella versione dei cosiddetti “dialoghi della maturità”. La questione può essere affrontata sia considerando il controverso passo all’interno del contesto più ampio del dialogo (dove compare per la prima volta la teoria dell’ἀνάμνησις, che alla teoria delle Idee è strettamente legata, ma anche in relazione a passi di altri dialoghi platonici, in particolare Fedro 249b-c: qui, dove l’epistemologia platonica si sviluppa secondo la teoria delle Idee, la volontà di Platone di alludere direttamente a Menone 98a sembra offrire una chiave interpretativa anche per quella precedente formulazione. La necessità di leggere ogni dialogo secondo le sue specificità (periodo di composizione, argomento principale, tipologia dei personaggi coinvolti non esclude infatti che, almeno in alcuni casi, Platone stabilisca dei collegamenti che consentano una continuità di lettura nel percorso di sviluppo del suo pensiero.

  3. APPLICAZIONI DI PIANIFICAZIONE AMBIENTALE PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEL PAESAGGIO AGRARIO IN UN' AREA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

    OpenAIRE

    BONESSI, MICAELA

    2007-01-01

    Le politiche agrarie adottate a partire dalle bonifiche degli anni ’20 del secolo scorso e dalle grandi opere di irrigazione, passando dal fenomeno della “demontanizzazione”, fino alla grande estensione della monocoltura, hanno modificato il paesaggio del Friuli Venezia Giulia. Oggi l’agricoltura progredita è sorgente di numerosi impatti sull’ambiente e conduce ad una sua banalizzazione, semplificazione e all’impoverimento delle strutture ecologiche (Genghini, 2004). Essa, infatti, ha elimina...

  4. Dalla teoria alla pratica nei modelli macroeconomici: l’eclettismo post-keynesiano (From theory to practice in macroeconomic models: the eclectic post-Keynesian

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ignazio Visco

    2012-04-01

    Full Text Available Questo saggio riesamina e discute il contributo di Franco Modigliani alla costruzione di modelli macroeconomici utilizzati per la previsione e per l’elaborazione delle politiche economiche. Come ha osservato Paul Samuelson, il lavoro teorico svolto da Modigliani è stato fondamentale per lo sviluppo del quadro d’insieme entro il quale è maturato l’“eclettismo post-keynesiano” della seconda metà del ventesimo secolo. Nel passaggio dalla teoria alla pratica vengono considerati due aspetti del lavoro di Modigliani: 1 l’impostazione sistemica che si incentra sulla relazione tra il breve e il lungo periodo; 2 il particolare riferimento al meccanismo di trasmissione della politica monetaria nell’utilizzo del modello macroeconomico per le politiche di stabilizzazione economica. Si discute, infine, brevemente ciò che oggi resta di questo contributo, anche in relazione ad alcune recenti proposte sulla costruzione di modelli macroeconomici.  This paper re-examines and discusses the contribution of Franco Modigliani in the construction of macroeconomic models used for prediction and for the development of economic policies. As noted by Paul Samuelson, the theoretical work done by Modigliani was instrumental in the development of the overall framework within which it is matured the " post-Keynesian eclecticism " in the second half of the twentieth century. In the transition from theory to practice are considered two aspects of the work of Modigliani: 1 the systemic approach that focuses on the relationship between the short and long term, and 2 the specific reference to the transmission mechanism of monetary policy in the use of macroeconomic model for policies of economic stabilization. Discuss, finally, briefly what remains today of this contribution, also in connection with some recent proposals on the construction of macroeconomic models.   JEL Codes: B22; C5; E12; E52Keywords: Modigliani, stabilizzazione economica

  5. Sobre a sistematizabilidade da filosofia da história de Kant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Hamm, Christian

    2005-01-01

    Full Text Available São muitas e, até hoje, muito controvertidas as opiniões referentes à função e ao lugar sistemático da filosofia da história de Kant no todo do seu projeto crítico-transcendental; nem há consenso quanto à importância ou relevância filosófica dos diversos escritos em que Kant aborda e defende os seus teoremas histórico-políticos. - No presente trabalho, pretende-se interpretar a "doutrina" histórico-filosófica kantiana - não obstante o seu caráter fragmentário e até aparentemente nem sempre coerente - na perspectiva da sua possível homogeneidade e compatibilidade com os elementos centrais da própria teoria-base transcendental. Isso significa, antes de mais nada, ler os respectivos teoremas não como resultados de um raciocínio dogmático baseado num saber do processo histórico, mas como um conjunto de teses e postulados baseados no mero suposto subjetivo-racional de um progresso, ou seja, na idéia não só da possibilidade mas da necessidade (subjetiva da razão de implantar princípios racionais na história

  6. Tomás de Aquino: filosofia e pedagogia = Thomas Aquinas:philosophy and pedagogy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luiz Jean Lauand

    2012-01-01

    Full Text Available O artigo discute a conexão ente filosofia e educação em Tomás de Aquino. Em sua antropologia filosófica, destacam-se três aspectos de grande atualidade para a educação hoje: a valorização da matéria no ser do homem, a primazia da virtude da prudência entre as virtudes cardeais e a philosophia negativa (e theologia negativa. A intrínseca união entre espírito e matéria, anima forma corporis tem também importantes consequências pedagógicas, tanto para a educação intelectual quanto para a moral. E está na base de seu De prudentia, que pressupõe também sua perspectiva negativa.This article discusses the connection between philosophy and education in Thomas Aquinas. In his Philosophical Anthropology there are three aspects very important for education today: the affirmation of matter as an essential in human being, the primacy of prudentia over the cardinal virtues and his philosophia negativa (and theologia negativa. The intrinsec union spirit-matter, anima forma corporis has important pedagogical consequences, both in intellectual and in moral education. And it is the basis for his Treatise On Prudence, which presupposes his negative perspective too.

  7. Ways to live history. Or philosophy, culture, and architecture in the origins of the museum Altes in Berlín Formas de habitar la historia. O la filosofía, la cultura y la arquitectura en la fundación del Museo Altes de Berlín Modos de habitar a história ou Filosofia, cultura e arquitetura na fundação do Altes Museum de Berlim

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiano Lemos

    2011-01-01

    Full Text Available From the beginnings of what we now know as our modernity, man has been surprised with his own finitude. The 18th and 19th  century bourgeois needed to formulate complex ways of preserving the past and of linking with it. In the philosophes’ circle, time concept starts to double itself in the idea of origin, that, for them, had become opaque. We just need to think of the broad-range process of structuring museums and restructuring natural history collections in cities such as Paris and Berlin, around the turn to the 19th century, so that we can be convinced that the surprise with that origin that one cannot recognize anymore, that becomes object of popular and scientific interest, leads each and all of the decisions in this process. Museum is just one of the institutions in which man, through a complex series of idealizations of space, show himself the spectacle of a lost time and, thus, of a culture whose educational thrive can only be understood by associating to these institutions. Our task is to investigate – and the case study of the grounding of the Altes Museum in Berlin, between 1822 and 1830, will perform this concretely – which educational policy made the emergence of this new ideological model possible, and , on the opposite way, which conceptual elaborations confirmed or legitimated the new pragmatic topography of time in modernity within the institution that had as aim, precisely, articulate and administrate past and memory. Desde los albores de la modernidad tal como la entendemos hoy en día, el hombre se espanta por su finitud. El burgués de los siglos XVIII y XIX tuvo que crear mecanismos complejos para la preservación del pasado y su relación con él. En el círculo de philosophes, la noción del tiempo comienza a replicarse en la idea de origen, que para ellos se convirtió en opaca. Basta pensar en el amplio

  8. Matematiche e storia a Messina alla vigilia del sisma del 1908 (Note intorno ad un coevo e incompiuto progetto editoriale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosario Moscheo

    2011-04-01

    Full Text Available In this paper the Author illustrates an interesting although failed attempt by Giacomo Macri' of producing a new improved version of a valuable monograph of his on Francesco Maurolico (1494-1575, a Sicilian scientist who played a first-rate role in promoting mathematical research. This attempt goes back to the very first years of the last century and its interest lies in the involvement of a team of distinguished scholars.

  9. HISTÓRIA E TRADIÇÃO: ELEMENTOS SOBRE CRÍTICA E CONTINUIDADE NA FILOSOFIA DA HISTÓRIA.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francisco Ramos Neves

    2012-06-01

    Full Text Available Este artigo apresenta um estudo sobre alguns elementos históricos na problemática da Filosofia da História. A finalidade é a de problematizar questões que servem de referencial para a discussão de algumas tendências em filosofia da história, dentro de um ponto de vista histórico-crítico, para demonstrar como a razão instrumental e calculadora anula o pensar crítico e transformador na compreensão da Filosofia da História. A investigação parte da análise do confronto entre as concepções dos antigos e dos modernos acerca da filosofia da história até culminar em uma análise de algumas teorias na filosofia contemporânea, a partir da teoria-crítica da Escola de Frankfurt.

  10. Considerazioni mimetiche su Il perturbante (Das Unheimliche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emanuele Antonelli

    2010-12-01

    Full Text Available Si affronta una revisione della categoria psicanalitica del perturbante, con attenzione alla genesi della nozione nell’opera di Freud. Si propone quindi un’ipotesi di lettura, mediante applicazione del paradigma offerto dalla teoria mimetica di René Girard, al fine di rivedere le fondamenta antropologiche dell’esperienza codificata nel testo freudiano. Attraverso un’analisi etimologica del lemma italiano, si discute l’opportunità delle critiche rivolte alla traduzione originale, mettendo anzi in luce la complessità semantica di tale soluzione e le potenzialità esplicative che essa aggiunge alla già ampia, e nota, estensione del lemma tedesco. Con riferimento alla filosofia della storia di matrice girardiana, si mette a fuoco il ruolo della temporalità sia dal punto di vista della genesi della determinazione analitica, sia dal punto di vista delle condizioni di possibilità storiche dell’esperienza in esame.

  11. Filamentous anoxygenic phototrophic bacteria from cyanobacterial mats of Alla hot springs (Barguzin Valley, Russia).

    Science.gov (United States)

    Gaisin, Vasil A; Kalashnikov, Alexander M; Sukhacheva, Marina V; Namsaraev, Zorigto B; Barhutova, Darima D; Gorlenko, Vladimir M; Kuznetsov, Boris B

    2015-11-01

    Alkaline hydrotherms of the Baikal rift zone are unique systems to study the diversity of thermophilic bacteria. In this study, we present data on the phototrophic bacterial community of cyanobacterial mats from the alkaline Alla hot spring. Using a clonal analysis approach, this study evaluated the species diversity, the proportion of oxygenic and anoxygenic phototrophs and their distribution between various areas of the spring. Novel group-specific PCR primers were designed and applied to detect representatives of the Chloroflexus and Roseiflexus genera in mat samples. For the first time, the presence of Roseiflexus-like bacteria was detected in the Baikal rift zone.

  12. La crisi del diritto del lavoro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessandro Garilli

    2012-01-01

    Full Text Available Riassunto - L’Autore ripercorre in chiave critica l’evoluzione delle politiche legislative in materia di lavoro, alla luce dell’attuale fase di crisi economico finanziaria. Nell’esaminare i principali interventi normativi attuati da inizio secolo, l’Autore mette in evidenza le scelte di metodo e gli elementi di continuità che accomunano i vari provvedimenti, individuandoli nell’affannosa ricerca del punto di equilibrio tra flessibilità e garantismo. La riflessione si chiude con alcuni interrogativi sulle ultime linee di riforma del mercato del lavoro e con l’auspicio che, anche al cospetto delle imprescindibili ragioni dell’economia, il diritto del lavoro possa continuare a svolgere il proprio tradizionale ruolo di disciplina di tutela della persona.   Abstract - The author analyzes, with a critically oriented approach, the development of the employment law, in the light of the current economic and financial crisis. In examining the main regulatory measures implemented since the beginning of the century, the author highlights the methodological choices and the elements of continuity that unite the various measures, focusing them in a hard research of a point of balance between flexibility and security. The discussion concludes with some questions about the last lines of the reform of the labor market and with the hope that, even in the face of compelling reasons of economy, labor law can continue to play its traditional role of governing the protection of person.

  13. A imanência como "lugar" do ensino de filosofia Immanence as the "place" of the teaching of philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2008-04-01

    Full Text Available A intenção do presente artigo é pensar a problemática do ensino de filosofia a partir da obra de Deleuze e Guattari. Esses autores criaram uma série de conceitos, em seu fazer filosófico, para entender o que seria fazer filosofia, ou seja, para entender a atividade filosófica que se distanciasse de uma reflexão sobre alguma coisa e se fundasse em um ato de criação filosófica. Segundo os autores, existem quatro conceitos que corroboram para entender esse fazer filosófico, quais sejam: conceito, plano de imanência, personagem conceitual e problema. Tem-se como hipótese que tais conceitos podem contribuir para se pensar o ensino de filosofia na contemporaneidade de modo diferenciado do qual vem sendo tratado. Foi dada especial atenção a um desses conceitos: plano de imanência, engendrado na última obra conjunta desses autores, O que é a filosofia? (1997. Buscou-se, na obra desses autores, a caracterização de imanência e, consecutivamente, de plano de imanência para entender como se pode pensar o ensino de filosofia de forma diferenciada e de modo tal a distanciá-lo de uma adequação conceitual a um transcendente ou a um transcendental, a qual, no entender dos autores trabalhados, levaria o conceito de ensino a um dogmatismo conceitual. A proposta deste artigo é buscar uma saída para o problema, pensando o ensino de filosofia a partir da imanência mesma na qual este se produz.The aim of this article is to think the problem of the teaching of philosophy from the perspective of the work of Deleuze and Guattari. These authors have created a series of concepts along their philosophical work to understand what it means to do philosophy, that is, to understand a philosophical activity that moves away from the reflection upon something, to be founded on an act of philosophical creation. According to them, there are four concepts that contribute to understand such philosophical work, namely Concept, Plane of Immanence, Conceptual

  14. La liberazione del tempo

    CERN Document Server

    Selleri, Franco

    2003-01-01

    Negli ultimi dieci anni ho lavorato alla descrizione dei fenomeni naturali da parte di osservatori in movimento. E' un problema che molti credono risolto una volta per tutte dalle trasformazioni di Lorentz della teoria della relatività speciale (TRS nel seguito), ma che in realtà era rimasto aperto per una serie di ragioni che esporrò. Sento di dover dire che ho trovato risultati molto importanti, anche se il giudizio finale sul loro valore non può certo essere il mio. Infatti la conclusione di questa ricerca è duplice: una spiegazione dei dati empirici migliore di quella relativistica, e l'eliminazione di quegli aspetti della TRS che fanno a pugni con il buon senso; il tutto grazie alla liberazione del tempo dall'asservimento alle coordinate spaziali cui era stato costretto nello spazio a quattro dimensioni di Minkowski. La faccenda è raccontata con dovizia di particolari in un libro recente [FS]. Nel presente articolo espongo gli aspetti salienti della ricerca lasciando da parte quelli matematici.

  15. Entre Kafka e Heidegger: reflexões sobre a relação entre literatura e filosofia na era da técnica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marcia Cavalcante Schuback

    2007-12-01

    Full Text Available Este ensaio está dividido em três partes. A primeira consiste na leitura mais literal possível do conto de Kafka Der Bau, "A construção". A segunda parte é uma crítica à proposta feita por Deleuze e Guattari de uma leitura de Kafka sem filosofia, ou seja, evitando toda hermenêutica interpretativa. A terceira parte, mais extensa, discute a necessidade de uma leitura desse conto de Kafka não evitando a filosofia, mas acolhendo o entre filosofia e literatura, conectando esse conto de Kafka com a colocação de Heidegger sobre a questão da técnica.

  16. O Ensino de Filosofia como “questão clássica” na tradição do pensamento filosófico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Filipe Ceppas

    2015-01-01

    Full Text Available http://dx.doi.org/10.5902/1984644415911Neste artigo, procuro mostrar que ensinar e aprender filosofia são questões centrais e recorrentes para a tradição filosófica Ocidental. Procuro argumentar em favor desta tese em duas direções. Num primeiro momento, ela é analisada em termos da relação entre o pensar, o juízo e o ensino-aprendizado da filosofia. Num segundo momento, procuro defender esta tese a partir da importância da relação mestre-discípulo para a história da filosofia.

  17. IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE: PROSPETTIVE E RAGIONI DI UNA REGOLAMENTAZIONE TRA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO ED ESIGENZE DI TUTELA DEL CONSUMATORE

    OpenAIRE

    FILICE, ASSUNTA BARBARA

    2010-01-01

    Il commercio equo e solidale (Cees) è andato sviluppandosi nel mondo occidentale nel corso degli ultimi quaranta anni, quale risposta alla crescente consapevolezza del fatto che i vantaggi derivanti dagli scambi e dall’espansione del commercio internazionale non risultano equamente ripartiti tra tutti i Paesi e tra i vari strati della popolazione di ciascuno dei Paesi stessi. La progressiva estensione del fenomeno in termini di ampliamento delle aree geografiche coperte e di aumento del qu...

  18. Privilegio petrino e “legge suprema”: considerazioni minime sul can. 1752 del CIC

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Zanchini di Castiglionchio

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione sul prossimo numero della rivista Diritto e religioniSOMMARIO: 1. Giurisdizione contenziosa e giurisdizione volontaria in materia matrimoniale - 2. Un intervento del Decano della Rota - 3. Alcune considerazioni prospettiche - 4. Riflessioni finali

  19. Analisi Termostrutturale del Sistema Clessidra-Straws dell'Eesperimento FINUDA

    CERN Document Server

    Tommasini, S

    2000-01-01

    È stato studiato il comportamento termostrutturale del sistema Clessidra-StrawTubes dell¹esperimento FINUDA. In particolare è stata studiata l¹influenza della temperatura sulla sagitta e sulla freccia dei fili di tungsteno e degli $9 straws in relazione alla deformazione termica della clessidra su cui sono vincolati.

  20. A Filosofia e seu ensino a partir de uma perspectiva da teoria crítica Philosophy and its teaching from a critical theory perspective

    OpenAIRE

    Gelson João Tesser; Geraldo Balduíno Horn; Delcio Junkes

    2012-01-01

    Este artigo analisa dois pressupostos teóricos considerados centrais da prática do ensinar e aprender Filosofia: o agir comunicativo em Habermas e o pensar como forma de resistência em Adorno. A Filosofia e seu ensino em Habermas são desenvolvidos a partir da teoria do agir comunicativo, proporcionando-nos uma base teórica de reflexão, de uma educação racional e crítica. Na perspectiva adorniana, a função social do ensino está intrinsecamente ligada à crítica da sociedade burguesa e, por cons...

  1. Mišljenje, književna forma i izraz u Leopardija i Vica

    OpenAIRE

    Roić, Sanja

    1996-01-01

    Nel suo "Zibaldone de ' pensieri" (4428, 2 gennaio 1829) Leopardi scrive del proprio pensiero come di una "filosofia" questa filosofia non solo non condurrebbe alla misanuopia, ma la escluderebbe, facendo rea la natura e díscolpando gli uomini "totalmente", quegli stessi uomini che per Vico, si rivelarono già come creatori della propria storia, i caratteri poetici e gli universali fantastici. Nel testo si esanninano le possibilità di confronto di alcune strutture di pensiero. di forma e delľ ...

  2. L'oggetto del desiderio ha il colore del vuoto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Bottiroli

    2011-07-01

    Full Text Available L’oggetto del desiderio non è semplicemente un oggetto empirico; su ciò, con qualche esitazione, potrebbe esistere un consenso generale. Resta la difficoltà di indicare le caratteristiche dell’oggetto del desiderio: che non sono banalmente delle proprietà, e neanche solo delle parti (in senso empirico, come si potrebbe nominarle da un punto di vista mereologico. L’oggetto del desiderio ha uno statuto modale: è un oggetto modalmente diviso, nei registri e nei regimi. Nella dimensione del desiderio, tanto il soggetto quanto l’oggetto sono abitati dal conflitto tra il diviso e l’indiviso. La spinta verso l’indiviso corrisponde a ciò che Freud ha introdotto con la nozione enigmatica di «pulsione di morte». In termini lacaniani, è l’attrazione verso la Cosa (das Ding. E la Cosa vuole coincidere con se stessa, abolendo ogni distinzione. L’oggetto del desiderio non è un dato o una forma empirica, per attraente che sia: l’attrazione che esercita proviene dal caos. Alla pericolosa coincidenza del «vuoto-pieno» (das Ding il desiderio oppone il vuoto logico della non-coincidenza. Una teoria del desiderio non può fare a meno di una riflessione sui differenti significati del vuoto.

  3. Risposte emotive del terapeuta e personalità del paziente. Elementi metodologici, aspetti empirici e implicazioni cliniche relativi all’uso del Therapist Response Questionnaire

    OpenAIRE

    TANZILLI, ANNALISA

    2014-01-01

    Le risposte controtransferali possono fornire informazioni utili sulla personalità e il funzionamento interpersonale del paziente e rappresentare una fonte rilevante di conoscenza in base alla quale il clinico può calibrare e promuovere interventi terapeutici più mirati e efficaci (Gabbard, 2009; Hayes, Gelso, Hummel, 2011; Kernberg, 1984; PDM Task Force, 2006; OPD Task Force, 2008). Concetti fondamentali della disciplina psicoanalitica, quali il controtransfert complementare e concordant...

  4. THE SHAPES OF RESENTMENT IN NIETZSCHE'S PHILOSOPHY AS FORMAS DO RESSENTIMENTO NA FILOSOFIA DE NIETZSCHE

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonio Edmilson Paschoal

    2009-12-01

    Full Text Available Nietzsche doesn't open the use of the word resentment in German philosophy. However, what he does is expand the meaning of the term, leading him to cover the idea of a physiological weakness of a psychic indigestion and also a social sense. In this article we see some of the characteristics of this use of Nietzsche's term and scope of resignification that he imposes to the concept of resentment.

    Nietzsche não inaugura o uso da palavra “ressentimento” na filosofia alemã. O que ele faz é ampliar o significado do termo, levando-o a abranger a idéia de uma fraqueza fisiológica, de uma indigestão psíquica e também de um problema social. Neste artigo aponto alguns dos traços marcantes dessa utilização do termo por Nietzsche e o alcance da ressignificação que ele impõe ao conceito de ressentimento.

  5. Neurogenesi del controfattuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Calabrese

    2013-06-01

    Full Text Available Lo studio delle morfologie cui è ricorsa la letteratura per l’infanzia occidentale si spiega anche alla luce delle recenti scoperte in merito al pensiero controfattuale dei bambini, ossia il riferimento da un lato a ciò che non esiste, che potrebbe avvenire in futuro o che sarebbe potuto avvenire in passato se si fossero date condizioni differenti, dall’altro a mondi inesistenti e del tutto implausibili, come testimoniato dal genere fantasy. Contrariamente a quanto sostenuto da Piaget, le neuroscienze identificano oggi nella corteccia pre-frontale la regione cui si riconoscono prerogative tradizionalmente antitetiche quali la pianificazione delle azioni, la progettualità e l’immaginazione.

  6. Kiviõli lähistelt avastati alla kukkunud sõjalennuki jäänused / Irina Kiviselg

    Index Scriptorium Estoniae

    Kiviselg, Irina, 1961-

    2003-01-01

    Vt. ka Postimees, 12.07, lk. 4 ; Severnoje Poberezhje. Ida-Virumaa sõja-ajalooklubi Otsing liikmed leidsid Kiviõli lähistelt Teise maailmasõja ajal alla kukkunud Vene lennuki ja lenduri jäänused

  7. Educazione religiosa e tutela del minore nella famiglia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Luisa Lo Giacco

    2011-03-01

    Full Text Available Relazione, ampliata e corredata delle note, tenuta al Simposio “Edukacjacałożyciowa – źródła, koncepcje, praktyka” svoltosi presso l’Università di Stettino (Polonia il 10 maggio 2006, e destinata alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Educazione religiosa e diritti dei genitori: le norme costituzionali e le richieste delle religioni - 2. Educazione religiosa del minore, crisi della famiglia ed affidamento dei figli - 3. Ipotesi di conflitto tra diritto-dovere dei genitori all’educazione religiosa dei propri figli e tutela del diritto alla salute dei minori: i trattamenti sanitari - 4. Educazione religiosa familiare e tutela della libertà religiosa dei minori nelle scuole: la questione dei simboli religiosi.

  8. Spazio politico e confini nella scienza giuridica del tardo medioevo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Marchetti

    2006-06-01

    Full Text Available In quello che Paolo Grossi chiama il medioevo sapienziale i giuristi si impegnano a definire una serie di regole tese alla composizione delle controversie di confine: non ci sono infatti testi normativi precostituiti che le definiscano. Il Corpus Iuris si occupa, quasi esclusivamente, della conflittualità confinaria tra privati. Quando il richiamo ai testi del diritto romano viene effettuato serve solo per conferire ‘autorevolezza’ a soluzioni che assai spesso si fondano su pratiche di composizione legate alla prassi. Le regole elaborate dai giuristi medievali trovano così la loro formalizzazione sul piano del diritto, ma rinviano a un modo di vivere i confini tra comunità legato agli spostamenti, alle abitudini, alle comuni necessità esistenziali. D’altra parte l’esistenza di demarcazioni nette (che pure esistono rinvia non tanto a una pretesa politica esclusiva e totalizzante, quanto piuttosto all’esercizio di diritti e prerogative determinati.

  9. Ensaio de introdução à filosofia da história = Introductory essay to the philosophy of history

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Julião, José Nicolao

    2010-01-01

    Full Text Available Nosso objetivo é o de fazer uma analise da natureza da Filosofia da História tendo em conta um período abrangente do seu desenvolvimento histórico, mas também nos centrando em alguns momentos axiais em que essa disciplina demarcou de maneira mais sistemática seu objeto, seus problemas e suas tarefas. Nesse sentido, o foco do nosso estudo não está na mera apresentação de um panorama geral e exaustivo da Filosofia da História, mas antes, mais modestamente e também mais substancialmente, pretendemos examinar a hipótese segundo a qual o surgimento das Teorias da História características do século XIX não eliminou por completo alguns pressupostos metafísicos que fundamentavam as filosofias da história tradicionais e até, pelo contrário, se nutriu deles para lançar as bases da epistemologia das ciências históricas que possibilitou, então, no século seguinte, o renascimento das Filosofias da História em suas diversas variações.

  10. Turbolenze politiche e latitanza del diritto nella letteratura nigeriana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Nicola Turi

    2012-04-01

    Full Text Available La letteratura nigeriana del Novecento è stata fortemente condizionata dagli eventi collettivi che hanno scandito la storia recente del paese – dalla colonizzazione inglese alla guerra del Biafra, fino agli scontri armati tra il governo centrale e le forze del Mosop sul Delta del Niger – e che hanno di volta in volta a che fare con la sostituzione e/o la sospensione dell’ordinamento giuridico vigente, con la controversa applicazione del diritto internazionale, con la repressione legalizzata del dissenso. Coprendo il cinquantennio che va da Things fall apart (1958 di Chinua Achebe (nel quale si racconta l’avvento dei primi missionari inglesi alle testimonianze (narrative e non di Wole Soyinka (1972, Ken Saro-Wiwa (1985 e Chimamanda Ngozi Adichie (2006 intorno alla guerra civile del 1967-1970, il presente studio intende offrire, mettendo tra loro in dialogo i testi citati, le declinazioni esemplari della dialettica tra letteratura e diritto all’interno di un panorama letterario pressoché condannato a figurare la legge come chimera, abuso, scontro tra codici (morali e poi legislativi tra loro incompatibili.

  11. Analisi del clima e delle dinamiche climatiche nella Repubblica Dominicana e delle relative influenze sul territorio

    OpenAIRE

    Izzo, Michela

    2011-01-01

    La presente tesi contiene i risultati di uno studio climatologico condotto in Repubblica Dominicana con l’obiettivo di definire le caratteristiche climatiche del paese, con enfasi sull’identificazione delle eventuali tendenze in atto e delle possibili relative risposte del territorio, come base per una sua più adeguata pianificazione. Lo studio, articolato in classificazione climatica, identificazione delle tendenze climatiche di lungo periodo e stima della vulnerabilità territoriale alla des...

  12. Le proposte del PIUSS per Massa. Un'idea di città

    OpenAIRE

    F. Alberti; P.B. Giorgieri

    2009-01-01

    Contributo pubblicato nella monografia n. 2/2009 della collana Architetture città e territorio dedicata alle trasformazioni urbane in Toscana riguardante le strategie del Piano urbano integrato per lo sviluppo sostenibile (PIUSS) di Massa, elaborato da S. Viviani, P. Giorgieri e F. Alberti per conto del Comune di Massa, che nel 2010 è stato presentato alla Regione Toscana e ammesso ai finanziamenti dei fondi strutturali europei (FESR). Nel testo si sintetizzano le principali strategie, consis...

  13. Il recupero dell'area "ex C.A.T." e del "Pomario Ducale"

    OpenAIRE

    P.B. Giorgieri; F. Alberti

    2009-01-01

    Contributo pubblicato nella monografia n. 2/2009 della collana Architetture città e territorio dedicata alle trasformazioni urbane in Toscana riguardante le strategie del Piano urbano integrato per lo sviluppo sostenibile (PIUSS) di Massa, elaborato da S. Viviani, P. Giorgieri e F. Alberti per conto del Comune di Massa, che nel 2010 è stato presentato alla Regione Toscana e ammesso ai finanziamenti dei fondi strutturali europei (FESR). Nel testo viene descritto il progetto per la realizzazion...

  14. Antropologia i filosofia moral. Embolics i perills en l'ús de conceptes propis de l'antropologia per part d'experts en filosofia moral

    OpenAIRE

    Serra i Salamé, Carles

    2013-01-01

    This paper is a response to Joan Canimas’s paper «Ètica i cultura. Embolics i perills dels conceptes cultura i relativisme cultural en l’àmbit de l’acció social, psicoeducativa i sociosanitària» published in this issue of the Revista de Pedagogia i Treball Social. The paper refutes Canimas’s arguments against the concept of culture (which he considers totalizing and reifying and not adjusted to the reality of modern societies) and also argues that anthropology, far from making uncritical use ...

  15. Pokémon : Varför vi fortfarande vill fånga alla

    OpenAIRE

    Mikko, Andreas

    2014-01-01

    Pokémon är en serie rollspel där spelaren fångar, tränar och strider med varelser som kallas Pokémon. Första versionerna av Pokémon-spelen utkom i Japan 1996 och har sedan dess blivit ett världsomspännande fenomen som innefattar bland annat TV-spel, samlarkort och en TV-serie. Genom åren har Pokémons popularitet hållit i sig. Varför är Pokémon fortfarande så populärt? Detta är vad denna studie ämnar besvara. Teorin är att orsaken är spelen i Pokémons huvudserie. Uppsatsen behandlar alla spel ...

  16. Educazione religiosa e tutela del minore nella famiglia

    OpenAIRE

    Maria Luisa Lo Giacco

    2011-01-01

    Relazione, ampliata e corredata delle note, tenuta al Simposio “Edukacjacałożyciowa – źródła, koncepcje, praktyka” svoltosi presso l’Università di Stettino (Polonia) il 10 maggio 2006, e destinata alla pubblicazione negli Atti.SOMMARIO: 1. Educazione religiosa e diritti dei genitori: le norme costituzionali e le richieste delle religioni - 2. Educazione religiosa del minore, crisi della famiglia ed affidamento dei figli - 3. Ipotesi di conflitto tra dirit...

  17. Deleghe di voto e acquisto del controllo nelle societa' quotate

    OpenAIRE

    Colombo, Francesca

    2014-01-01

    A fronte dal recepimento del direttiva SHR nel nostro ordinamento, realizzato dal d.lgs. 27/2010, il presente lavoro si propone anzitutto di analizzare l'attuale ruolo della delega di voto - sollecitata e non - per poi verificare quale sia l'interesse concretamente sotteso a un voto così esercitato, con particolare attenzione alla sollecitazione di deleghe di voto, oggi destinata espressamente (per la prevalente dottrina) a consentire al promotore il perseguimento di interessi propri. Le c...

  18. Uma nota sobre filosofia política, relações internacionais e filosofia da história = A note on political philosophy, international relations and philosophy of history

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Torres, João Carlos Brum

    2011-01-01

    Full Text Available Este artigo tem como objeto explorar de que modo os recursos conceituais oferecidos pela filosofia política moderna, pela interpretação da história do direito internacional desenvolvida por Carl Schmitt, assim como pela filosofia da história de Kant nos facultam um entendimento mais preciso e profundo dos constrangimentos lógico-conceituais que enquadram a dinâmica evolutiva das relações internacionais. A primeira parte do texto procura reconstituir o modo como a atenção à peculiar geometria do espaço terrestre – seu caráter esférico – constitui um ponto focal no tratamento dado por Hobbes, Pufendorf e Kant aos temas das relações tanto entre indivíduos humanos, quanto entre as comunidades politicamente organizadas. Nessa parte o texto chama atenção para o fato de que as teorias contratualistas não podem facilmente estender o modelo de solução de conflitos contido na idéia de contrato social às relações internacionais. A segunda parte trata de reconstituir, resumidamente, a análise que Schmitt faz do modo como foram progressivamente normatizadas as relações internacionais ao tempo do chamado jus publicum europaeum, notadamente do modo como o mais deslavado cinismo político fez com que avançasse, progressiva e paradoxalmente, a regulamentação da política interestatal e a constituição de um verdadeiro direito das gentes. Na terceira parte, o artigo sugere que a filosofia da história, notadamente na versão kantiana, pode, de algum modo, conciliar a abordagem normativista das relações internacionais com a análise positiva, ou, como Schmitt certamente preferiria, existencial das relações políticas entre os Estados

  19. Lo spazio e la definizione del mondo sociale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Veronica Polese

    2015-07-01

    Full Text Available In questi ultimi venti anni abbiamo vissuto in Italia una sempre maggiore attenzione alla violenza maschile verso le donne. Attenzione mediatica, attenzione politica, attenzione delle persone e delle comunità. La pratica di ascolto e relazione con donne in difficoltà a causa di violenza iniziata nella seconda metà degli anni ottanta è divenuta un discorso sociale sulla violenza maschile verso le donne, affermando nuovi paradigmi interpretativi e permettendo l’emersione di un problema strutturale della società, della cultura, del simbolico che ci iscrive nel mondo. Quella pratica ha determinato la possibilità di modificare un contesto che non aveva parole né rappresentazioni della violenza verso le donne, se non per la loro vittimizzazione salvifica di alcuni valori fondanti la società quale la famiglia. Il processo iniziato allora e nato nella fase finale del dibattito intorno alla nuova legge sulla violenza sessuale provava a dare una nuova risposta che aprisse lo spazio alla parola e ad un percorso di libertà femminile. Questa pratica ha accompagnato la nascita dei centri antiviolenza in Italia, con un processo creativo caratterizzato dal riconoscimento di autorità femminile nel percorso di cambiamento del reale in materia di violenza maschile verso le donne.

  20. La legge della Regione Lombardia sull’edilizia di culto alla prova della giurisprudenza amministrativa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Natascia Marchei

    2014-03-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. L’edilizia di culto tra tutela della libertà religiosa e governo del territorio: la legge n. 12 del 2005 della Regione Lombardia - 2. segue: Gli interventi “correttivi” della legge regionale n. 12 del 2005 - 3. La giurisprudenza amministrativa sul cambio di destinazione d’uso tra Tribunali amministrativi e Consiglio di Stato: la prevalenza del rispetto della normativa urbanistica sul diritto di libertà religiosa 4. L’interpretazione del requisito della necessaria “convenzione” con il comune: l’attuazione giurisprudenziale del diritto di libertà religiosa - 5. Brevi conclusioni.

  1. A estética do corpo na filosofia e na arte da Idade Média: texto e imagem

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ricardo Luiz Silveira da Costa

    2012-01-01

    Full Text Available A ideia de beleza - e sua consequente fruição estética - variou conforme as transformações das sociedades humanas, no tempo. Durante a Idade Média, coexistiram diversas concepções de qual era o papel do corpo na hierarquia dos valores estéticos, tanto na Filosofia quanto na Arte. Nossa proposta é apresentar a estética do corpo medieval que alguns filósofos desenvolveram em seus tratados (particularmente Isidoro de Sevilha, Hildegarda de Bingen, João de Salisbury, Bernardo de Claraval e Tomás de Aquino, além de algumas representações corporais nas imagens medievais (iluminuras e esculturas, e assim analisar o tema em três vertentes: a o corpo como cárcere da alma, b o corpo como instrumento, e c o corpo como desregramento.

  2. História e filosofia da história na obra do jovem Friedrich Schlegel

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Izabela Maria Furtado Kestler

    2008-01-01

    Full Text Available Este artigo apresenta e comenta dois textos do jovem Friedrich Schlegel, Vom Wert des Studiums der Griechen und Römer (Sobre o valor do estudo dos gregos e romanos, de 1795/1796, e Über das Studium der griechischen Poesie (Sobre o estudo da poesia grega, de 1795, escritos antes de sua ida para Jena, em 1796, nos quais o autor elabora uma teoria original sobre a história e a filosofia da história.This article introduces and comments two texts written by Friedrich Schlegel in his youth, before he moved to Jena in 1796: Vom Wert des Studiums der Griechen und Römer (On the value of the study of Greeks and Romans of 1795/1796 and Über das Studium der griechischen Poesie (On the study of Greek poetry of 1795. In these texts the author develops an original theory concerning history and the philosophy of history.

  3. Os “dramas” de J. L. Moreno e a filosofia da diferença

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Jésio Zamboni

    2014-08-01

    Full Text Available O objetivo deste ensaio teórico é avançar no deslocamento dos "dramas" de Jacob Levy Moreno de uma política representacional para uma política da diferença. Metodologicamente, desenvolve uma análise conceitual e uma crítica institucional, a partir das filosofias da diferença de Michel Foucault, Gilles Deleuze e Félix Guattari. Questionam-se os projetos e a orientação das práticas pelos conceitos de psicoterapia, existência, identidade e liberdade. A gênese social dos dispositivos morenianos é abordada no sentido de elucidar a formação dos impasses relativos a tais projetos e práticas. Conclui-se que as potências do falso funcionam como eixo problemático com vistas a promover o deslocamento objetivado.

  4. O que a filosofia da psicanálise é e o que ela não é/What philosophy of psychoanalysis is and what it is not

    OpenAIRE

    Richard Theisen Simanke

    2010-01-01

    Este artigo visa fazer uma apresentação sintética da área de pesquisa em filosofia da psicanálise. Para tanto, apresente um breve histórico das relações entre psicanálise e filosofia, seguido de um comentário a respeito do surgimento da filosofia da biologia, que pode ser tomado como modelo do que hoje acontece com a filosofia da psicanálise. Apresenta e a analisa a seguir o modo como esta se desenvolveu na cena filosófica brasileira, para, por fim, concluir com um esboço de categorização do ...

  5. A questão de eros na filosofia do cuidado com o corpo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Enéas Rangel Teixeira

    2006-01-01

    Full Text Available En el presente artículo se elabora una reflexión teórica y filosófica, cuyo objetivo principal fue reflexionar sobre el concepto de Eros - el cual envuelve el deseo, el afecto y la estética en las prácticas del cuidado con el cuerpo. Este trabajo constituye una síntesis de algunas reflexiones provenientes de trabajos que incluyen la subjetividad y la estética del cuidado. Fueron realizadas relaciones entre las siguientes categorías: la sensibilidad, la estética, lo relacional y la transdisciplinariedad. Se pudo concluir que el enfoque estético aunado a la ética puede ser transformador, ya que remite a lo sensible y a la subjetividad, creando así rupturas con antiguos modelos desubjetivados del cuidado.

  6. Integrare paesaggio, ambiente e territorio. Il caso del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Crotone

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Concetta Fallanca

    2013-01-01

    Full Text Available Nel perseguimento di una pianificazione e gestione equilibrata del territorio l’Ente Provinciale ha un ruolo strategico in quanto chiamato a recepire e mettere in atto i metodi e gli strumenti messi in campo per una nuova politica del paesaggio. Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale risulta essere lo strumento ideale di sperimentazione per integrare paesaggio-ambiente e territorio, poiché assume come obiettivo principale la sostenibilità ambientale connessa allo sviluppo socio-economico, coniugando l’evoluzione del territorio alla qualità dell’ambiente ed alla conservazione dei paesaggi, in una logica di compatibilità fra trasformazione e uso delle risorse secondo la loro capacità di carico e riproducibilità

  7. Trasmissione del sapere musicale e storia della cultura europea nei primi decenni del secolo XV

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Matteo Nanni

    2013-12-01

    Full Text Available L’evoluzione storico-musicale nella prima metà del Quattrocento è caratterizzata dall’internazionalizzazione della cultura musicale europea ed si pone in continuità con il processo culturale del primo umanesimo. La categoria di ‘evoluzione’ e l’idea stessa di ‘rinascita’, ovvero quella “leggenda di un progresso” (Martin Le Franc, Johannes Tinctoris discussa da Reinhard Strohm, sono concetti che oggi devono essere letti non soltanto nel senso di una omologazione stilistica, ma anche come aspetto distintivo di una ricerca d’identità culturale. Anche dal punto di vista storico-musicale siamo di fronte alla costituzione di un nuovo gusto europeo nato dalla fusione di stili e di pratiche locali che si espanderà, grazie alla trasmissione delle compilazioni manoscritte, per tutto il continente e al quale aderiranno, in maniera disomogenea, anche compositori di regioni più remote.Il Concilio di Basilea non costituisce solo un dato storico circoscrivibile agli anni in cui si svolse il sinodo, così come non è da considerarsi solo un fatto empirico riguardante la sola città della Svizzera settentrionale. Esso deve piuttosto essere assunto come un evento paradigmatico per la storia della cultura del Quattrocento. Gli incontri fra intellettuali ed artisti, l’interazione fra musicisti di diverse regioni europee che si incontravano grazie ai frequentissimi spostamenti delle corti e delle cappelle, fanno del Concilio la piattaforma virtuale sia per la ricerca di una nuova identità culturale sia per la nascita di nuovi repertori e pratiche musicali. Il Concilio trascende quindi i confini contingenti della città di Basilea trasformandosi in una vera e propria “dinamica culturale” in cui i singoli individui contribuiscono alla continua trasmissione e fusione di esperienze musicali diventando vettori di una nuova mentalità musicale che raggiunse anche gli angoli più remoti dell’Europa.

  8. A scuola di archeologia? Il management dei beni culturali dalla ricerca alla formazione universitaria. Note a margine di un dibattito in corso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mara Cerquetti

    2013-05-01

    Full Text Available Partendo dalla discussione sviluppata nel corso dell’ultimo decennio intorno ad alcune riviste nazionali e internazionali, il presente contributo approda all’esame del rapporto tra ricerca e insegnamento nel campo del management dei beni culturali. Dopo aver ripercorso i tratti salienti del dibattito sulla ricerca nelle scienze economico-aziendali, con particolare riferimento ai temi dell’internazionalizzazione e della valutazione della qualità dei prodotti della ricerca, il focus si sposta sulla didattica, per analizzare questioni e sfide relative alla formazione nel settore dei beni culturali. Più nello specifico lo studio, conducendo una prima indagine esplorativa di carattere teorico-concettuale, porta l’attenzione sul rapporto tra rigore e rilevanza della ricerca e sulle sue ricadute sul piano didattico, ovvero sulla necessità di avvalersi di un approccio problem-oriented per tradurre nell’insegnamento i risultati dell’attività di ricerca ad utilità dei futuri professionisti del settore. Al fine di colmare il research-teaching-practice gap, utili suggerimenti provengono dall’archeologia, in cui lo scavo costituisce non solo uno strumento di ricerca, ma anche una palestra per la preparazione allo studio degli studenti e per la loro professionalizzazione.   Moving from the discussion developed by some national and international journals during the last ten years, this paper examines the relationship between research and teaching in cultural heritage management. After going over the main features of the debate on research in business economics once again – above all the internationalisation and quality evaluation of research outputs –, the focus moves to teaching, analysing the issues and challenges of higher education in the cultural heritage field. Through initial exploratory conceptual research, the relationship between rigor and relevance and their repercussions on teaching are investigated. The paper focuses on the

  9. Polisemia epistemologica e disseminazione del sapere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Coluccia

    2008-12-01

    Full Text Available Come comunicare la scienza? Come capire i risultati della scienza, pur nella loro parzialità? Come permettere l’accesso ai risultati della scienza in un ambito comunicativo basato su criteri d’interattività e d’interoggettività complessa? Il mio punto di partenza nella riflessione è la definizione della complessità del sapere scientifico nel momento storico attuale e la necessità di divulgarne i contenuti in maniera ampia, economica, efficace e trasparente, pur conservando la polisemia epistemologica legata alla medesima complessità scientifica.

  10. Sulla responsabilità civile del giudice canonico. Profili giurisdizionali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beatrice Serra

    2011-12-01

    Full Text Available Il contributo è destinato alla pubblicazione nella Rivista Ius Ecclesiae.SOMMARIO: 1. Una nuova questione di giurisdizione – 2. La vicenda che ha condotto al ricorso - 3. Due opposte chiavi di lettura: a La violazione delle norme canoniche da parte del giudice ecclesiastico quale causa di un danno ingiusto ex art. 2043 c.c. Le confessioni religiose come formazioni sociali ex art. 2 Cost. e la garanzia del diritto al giusto procedimento quale limite dell’autonomia confessionale - 4. La Chiesa cattolica quale ordinamento giuridico originario e primario. Insindacabilità dell’azione del giudice canonico quale svolgimento di un potere espressione della libertà ed autonomia riconosciuta alla Chiesa nel suo ordine- 5. I principi a fondamento della decisione delle Sezioni Unite: a Il processo canonico sulla nullità di un matrimonio concordatario è una realtà esterna ed estranea all’ordinamento statale - 6. Non ogni soggetto che svolge la funzione giudiziale canonica è ministro di culto in senso civilistico. Il sindacato statale sull’applicazione delle norme confessionali quale atto fortemente invasivo dell’autonomia confessionale. Il profilo positivo e negativo del criterio della funzionalità e il controllo del rispetto della legge penale italiana quale causa di deroga al principio di non ingerenza nell’ordine confessionale. La risoluzione del problema della “competenza delle competenze” in prospettiva canonistica - 7. Rilievi conclusivi.

  11. Ensino de filosofia para não-filósofos. Filosofia de ofício ou ofício de professor: os limites do filosofar Philosophy teaching for non philosophers. Philosophy of occupation or teacher's occupation: the limits of philosophizing

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2007-04-01

    Full Text Available O presente artigo é o resultado de um pensamento filosófico acerca do ensino de filosofia. O principal objetivo de nossa pesquisa foi entender o que faz o filósofo quando seu ofício é ser professor de filosofia. Para tal, utilizamos como referencial teórico-metodológico o pensamento de Foucault para pensar o filósofo-professor de filosofia em seu lócus - ensino de filosofia - enquanto uma ontologia do presente, e o pensamento de Deleuze e Guattari para indicar uma possível maneira de entender esse ofício de professor que acreditamos se dar em um fazer artístico, filosófico e científico.This paper is the result of a philosophical thinking about philosophy teaching. The main goal of our research was to understand what philosophers do when their occupation is to teach philosophy. To do so, we used Foucault's thoughts as a theoretic-methodological framework to think the philosophers-teachers of philosophy in their locus - philosophy teaching - as an ontology of the present, and Deleuze and Guattari's thoughts to point out a possible way to understand this teacher's occupation, which, we believe, happens in an artistic, philosophical and scientific manner.

  12. A caccia del bosone di Higgs magneti, governi, scienziati e particelle nell'impresa scientifica del secolo

    CERN Document Server

    Maiani, Luciano

    2013-01-01

    Nel luglio 2012 veniva confermata sperimentalmente, presso i laboratori del CERN di Ginevra, l'esistenza del "bosone di Higgs", la più piccola di tutte le particelle subatomiche fino ad ora scoperte, teorizzata da Peter Higgs fin dal lontano 1964 e divulgata al mondo come "la particella di Dio". Una scoperta che costituisce un fondamentale passo avanti nella fisica delle particelle e nella conferma del modello standard dell'universo, in direzione di quella Teoria del Tutto, la teoria unificata delle forze, che la fisica insegue da decenni. Per giungere alla prima conferma sperimentale sono stati necessari quasi 50 anni di ricerche teoriche e la costruzione della macchina più grande del mondo, l'LHC, Large Hadron Collider, un anello lungo 27 chilometri situato a 100 metri di profondità nel territorio di Ginevra. Una sfida sul cui successo, all'inizio, pochi avrebbero scommesso e che si accompagna alla storia stessa del CERN, il Consiglio Europeo per la Ricerca Nucleare di cui Luciano Maiani è stato diretto...

  13. Quasi una mostra. Giulio Carlo Argan, Wart Arslan e l'allestimento del Museo dell'Alto Adige tra propaganda e museografia, 1933-1939

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angelini, Gianpaolo

    2015-10-01

    Full Text Available L’articolo prende in esame la riorganizzazione del Museo dell’Alto Adige a cura di Wart Arslan negli anni 1933-1938 in relazione alle scelte dell’allestimento, alla propaganda di regime, agli studi sulla pittura barocca nel primo Novecento, sulla scorta dell’epistolario di Arslan e degli articoli apparsi sulla stampa specialistica.

  14. Identità storica del papato e crisi del regime di cristianità tra i patti lateranensi e il postconcilio. Forme e strategie di esercizio del ”potere spirituale” nel declino dell’occidente.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Zanchini di Castiglionchio

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Preambolo - 2. La questione (e il travaglio del potere temporale dei papi – 3. L’ordinamento vaticano creato nel ’29 dai Patti del Laterano – 4. I rapporti della Santa Sede con Berlino prima dell’aggressione alla Polonia – 5. La cautela politica di Pio XII durante la seconda guerra mondiale - 6. L’invasione tedesca, la guerra civile, la nuova Italia - 7. Giovanni XXIII, un innovatore libero ed eccentrico - 8. Paolo VI, un legislatore costituente - 9. Dai trenta giorni di papa Luciani ai trent’anni di papa Wojtila - 10. L’accentramento autoreferenziale del tardo postconcilio. Una via senza uscita?

  15. Teologia, Ciência da Religião e Filosofia da Religião: definindo suas relações

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Dierken, Jörg

    2009-01-01

    Full Text Available Trata-se de revisitar o complexo fenômeno da religião, à luz das articulações e diferenciações entre teologia, filosofia da religião e ciência da religião, particularmente no contexto sociocultural da modernidade e suas categorias iluministas de racionalidade, liberdade e ciência, em grandes pensadores tais como Max Weber e Ernst Troeltsch

  16. Hirsch's index: a case study conducted at the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo

    OpenAIRE

    N. Torro-Alves; R.D. Herculano; C.A.S. Terçariol; O. Kinouchi Filho; Graeff, C. F. O.

    2007-01-01

    An analysis of scientific bibliographic productivity using the Hirsch h-index, information from the Institute of Scientific Information database and the Curriculum Lattes (CNPq, Brazil) was performed at the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo (FFCLRP-USP) that has four departments in natural, biological and social sciences. Bibliometric evaluations of undergraduate programs showed a better performance of the departments of Chemistry (P < 0.00...

  17. Sul ruolo del disegno nel progetto di conservazione: il caso studio del castello di Lombardia ad Enna

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alessio Cardaci

    2015-01-01

    Full Text Available Il Castello di Lombardia è un luogo naturalmentefortificato sito nella parte più elevata della cittàdi Enna. È un bene complesso, dalla lunga storiacostruttiva ancora non pienamente interpretata.Limitatamente accessibile e slegato dal contestoin cui è inserito, il monumento versa oggi in unprecario stato di conservazione anche a causadella mancanza di un coerente programmadi rifunzionalizzazione. Lo studio, avviatotramite un’approfondita indagine archivistica ebibliografica, ha visto nell’esecuzione di un rilievocompleto ed accurato una sperimentazionefinalizzata al riconoscimento e alla comprensionedel costruito quale elemento essenziale perogni azione successiva. Esso ha permesso, alcontempo, di riflettere sul ruolo del disegnonel progetto di restauro, anche alla luce delleopportunità offerte dall’innovazione tecnologica

  18. Filosofia e neurociência: entre certezas e dúvidas Philosophy and neuroscience: between certainties and doubts

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ana Cristina Zimmermann

    2011-12-01

    Full Text Available Quando tentamos pensar o movimento humano, esse corpo vivo em relação com o mundo, por meio de conceitos restritos a uma única área, constata-se a complexidade deste fenômeno, que se mostra a cada novo movimento da ciência. Considerando esta complexidade, retomamos neste ensaio a possibilidade de diálogo entre Filosofia e Ciência, aqui ocupadas com os estudos sobre corpo e movimento humano. Recorremos, então, ao estranhamento entre Neurociência e Filosofia, em especial a Fenomenologia de Merleau-Ponty, por meio de exemplos clínicos e reflexões, não no sentido de buscar um sistema de explicações, forçar uma aproximação ou apontar elementos para fins de hierarquização, mas com o intuito de extrair deste movimento os elementos que nos ajudem a pensar nossas certezas e dúvidas acerca do movimento humano. A Filosofia nos auxilia, inicialmente, a indagar sobre os pressupostos e consequências das pesquisas, recolocando questões e restaurando o lugar da dúvida. A Ciência, por sua vez, abre campos, aguça curiosidades, e mesmo sem admiti-lo, deixa-se questionar. A separação entre as diferentes formas de pensar a realidade e produzir conhecimentos não precisa necessariamente ser combatida, às custas do enfraquecimento de ambas, mas é possível extrair consequências interessantes de um movimento de aproximação entre as duas áreas.When considering the human movement from a restricted point of view (i.e. from only one field of study, its complexity is evident at each new step in Science. Considering such complexity in the human movement, we revisit the possibility of a dialogue between Philosophy and Science, focusing on the studies on the human body and movement. We invoke the strangeness between Neuroscience and Philosophy, especially the phenomenology of Merleau-Ponty with clinical examples and reflexions. The intention is not to find a system of explanations, to force an approximation or to point out elements for

  19. Una teoria del gioco

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adolfo Barbatelli

    2006-11-01

    Full Text Available Questo articolo è la prima parte di un lavoro di ricerca sul gioco d’azzardo nella città di Napoli. Per parlare di gioco d’azzardo ho preliminarmente cercato delle coordinate concettuali per definire il concetto di gioco prendendo come punti cardinali le concezioni del gioco di: 1 Huizinga, storico del pensiero di matrice storicistico-idealistica degli anni ’30; 2 Caillois, il versatile sociologo francese degli anni ’50; 3 Lanternari, antropologo dinamista italiano a noi contemporaneo. Il quarto punto cardinale è il radicale disvelamento della natura di costruzione logica di ogni forma di comunicazione fatto da Wittgenstein che mi ha portato alla conclusione che cercare il significato di un concetto (come quello di gioco porta a ragionare su delle idee e che bisogna imporsi un dubbio sistematico quando si ragiona su delle idee. Ma in questo excursus ho provato a tirare le fila sulla letteratura antropologica sull’argomento e, soprattutto, ho trovato delle coordinate concettuali che mi hanno premesso di impostare delle ipotesi che illustrerò nel prossimo articolo che parlerà di gioco d’azzardo.

  20. Dalla società disciplinare alla società di mercato: Appunti semiotici sull’immagine del lavoro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Coratelli

    2015-04-01

    Full Text Available In this article I propose a semiotic investigation of images of jobs. The aim is not to analyze the social representation of the job, but to explore if there remains a present-day image of the job, and what are its historical and social conditions of existence. The problem is to study the relation between social structure and the image of the job. First, following Foucault’s studies on disciplinary society, the relation between disciplinary society and the image of labour in the factory will be described. This is followed by an account of the problematic passage from disciplinary society to what Deleuze called a “society of control”. Giving particular consideration to Foucault’s theory of power/knowledge relations and Deleuze’s semiotic reading of this theory,the new social organization of jobs, activities and times will be investigated. Social structure is changing from disciplinary and striated space, such as the space of the factory, to the smooth space of dispersion, like the space of the market. The image of the job changes from the image of the workforce to the image of human capital. Finally, rethinking Foucault’s lectures on biopolitics, the relation between the market and hu- man capital will be analyzed. My hypothesis is that it is not possible to have an image of the job as human capital in the present: the concept of human capital coincides with the human being and its capability, but there is no longer any specific space for the market, given that the market permeates every space of life.

  1. Il contributo di G. Braga alla Sociologia del linguaggio (The Contributions of G. Braga to the Sociology of Language).

    Science.gov (United States)

    Tessarolo, Marisella

    1989-01-01

    Discusses Braga's contribution to the study of the sociology of language. Braga developed a dynamic interdisciplinary model of verbal communication based on theories of sociology and linguistics and stressed the importance of language in the acculturation of an individual and in the determination of that individual's status in society. (CFM)

  2. Petroleum price instability adjustment: Agenda for dialogue. Aggiustamento alla instabilita' dei prezzi del petrolio: Agenda per dialogo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Verleger, P.K. (Inst. for International Economics, Washington, WA (United States))

    1993-03-01

    In response to renewed interest for dialogue between oil producers and consumers, this article suggests an agreement on energy trade and investment that could lead to an overall improvement in the world economy with potential gains of about 100 billion dollars per year.

  3. A Filosofia e seu ensino a partir de uma perspectiva da teoria crítica Philosophy and its teaching from a critical theory perspective

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gelson João Tesser

    2012-12-01

    Full Text Available Este artigo analisa dois pressupostos teóricos considerados centrais da prática do ensinar e aprender Filosofia: o agir comunicativo em Habermas e o pensar como forma de resistência em Adorno. A Filosofia e seu ensino em Habermas são desenvolvidos a partir da teoria do agir comunicativo, proporcionando-nos uma base teórica de reflexão, de uma educação racional e crítica. Na perspectiva adorniana, a função social do ensino está intrinsecamente ligada à crítica da sociedade burguesa e, por conseguinte, com a indústria cultural. Adorno procura mostrar que a educação formal tem um forte poder de resistência em relação ao rumo caótico do processo civilizatório. Aproximar esse sentido adorniano de resistência à prática de ensinar Filosofia é o intento proposto aqui. Ensinar Filosofia significa não aceitar as imposições políticas, institucionais e sociais como sendo naturais. A tarefa da Teoria Crítica - da Filosofia como ensino -, tem uma dimensão que remete à busca do exercício da autonomia do sujeito e de sua emancipação social.This paper analyzes two central theoretical assumptions regarded in the practice of teaching and learning philosophy: communicative action in Habermas and thinking as a way of resistance in Adorno. Philosophy and its teaching are developed from Habermas's theory of communicative action which provides us with a theoretical basis for reflection and critical education. In the Adornian perspective, the social function of education is intrinsically linked to the critique of the bourgeois society and, therefore, the cultural industry. Adorno seeks to show that formal education has a strong power of resistance against the chaotic path of civilization. Bringing this Adornian sense of resistance to the practice of Philosophy teaching is the purpose proposed here. Teaching Philosophy does not consist of accepting the political, institutional and social enforcements as natural. The task of Critical

  4. Governamentalidade democrática e ensino de Filosofia no Brasil contemporâneo Democratic governmentality and the teaching of Philosophy in contemporary Brazil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvio Gallo

    2012-04-01

    Full Text Available Este artigo parte dos conceitos de biopoder e de governamentalidade para analisar alguns documentos governamentais brasileiros recentes que concernem à introdução da Filosofia como disciplina no ensino médio. Durante a década de 1980, no cerne dos movimentos pela redemocratização do país, a ênfase nessa argumentação foi posta na suposta criticidade da Filosofia e em seu potencial na formação de cidadãos para uma sociedade democrática. Esse argumento parece ter sido assimilado pelo governo brasileiro ao estipular, na Lei de Diretrizes e Bases da Educação, que os alunos do ensino médio devem demonstrar os conhecimentos de Filosofia "necessários ao exercício da cidadania". O estudo analisa, também, documentos como os PCN, os PCN+, as OCEM, em seus capítulos sobre a disciplina Filosofia. Percorrem-se, aqui, pela ótica da governamentalidade, os documentos de política pública, explicitando a instrumentação da Filosofia para a formação de jovens segundo aquilo que se entende como uma sociedade democrática moderna.This article takes the concepts of biopower and governmentality as the starting point for an analysis of certain recent Brazilian government documents about the introduction of Philosophy as a subject in secondary school. In the 1980s, this argument centered on Philosophy's so-called criticism and its potential for preparing citizens for a democratic society, was used by the movements aimed to restore democracy in Brazil. This argument appears to have been assimilated by the Brazilian government, because it is stated in the Guidelines and Bases of Education Law, secondary school students should demonstrate knowledge of philosophy "necessary for the exercise of citizenship." The argument also appears in documents such as the PCN and PCN+ (National Curricular Parameters and OCEM (Curriculum Guidelines for Secondary School in their chapters on Philosophy. These documents are examined here in the light of

  5. Disputa teologica in un mondo alla rovescia: il dramma su Abramo di Moshè Zacuto

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ariel Rathaus

    2011-06-01

    Full Text Available Theological controversy in a reversed world;  Moshe Zacuto's drama on Abraham.The foundation of the world (Yessod 'Olam is believed to be the first Biblical drama written in Hebrew.  It was composed in the first half of the 17th century by the mystical and rabbinical author Moshe Zacuto, who immigrated to Italy from Amsterdam.  In fact the work is mostly based on rabbinic legends about Abraham and his struggle against idolatry, and includes many theological debates between the patriarch and King Nimrod, the pagan tyrant who condemns him to be burnt for his ideas. This paper deals with the ideological background of the drama and the peculiar and paradoxical atmosphere created by the theological debates.  As asserted by several scholars (Berliner, Schirmann. Levy, Zacuto, who was born in a refugees family of  Marrano origin,  alluded in his play to the persecutions of the Jews by the Inquisition in Spain and Portugal. On the other hand, it seems that the play also alludes to 17th Century materialistic philosophy and hedonism, symbolized by the words of Nimrod and his sages.  At any rate, the struggle between Abraham and Nimrod takes place in a highly absurd ideological frame, in which right and wrong are meaningless concepts and true faith is considered as a sort of moral perversion: a reversed world. The paper underlines this hidden and ironic aspect of the play and discusses it, on the basis of some classic works on Carnival reversion, like Cocchiara's Il mondo alla rovescia  and Bakhtin' s Rabelais and his world.

  6. A filosofia educativa de Eugenio María de Hostos

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberto Gutiérrez Laboy

    2011-01-01

    Full Text Available En este ensayo se exponen las contribuciones del filósofo puertorriqueño Eugenio María de Hostos a la filosofía educativa y moral latinoamericana, pero que poco se conocen en el Brasil. Hostos, uno de los principales filósofos y educadores del siglo XIX, propuso una teoría educativa innovadora pensando en las naciones de la América Latina. Su filosofía educativa contenía la finalidad consciente de constituir un nuevo mundo moral e intelectual que serviría al cimiento educativo que se necesitaba con urgencia. Para él, la educación era un derecho y un deber tanto para los hombres como para las mujeres debido a que opinaba que la razón no tenía sexo. El pensador dio énfasis a lo esencial de educar la razón en el proceso pedagógico. Su propósito era formar seres libres e independientes, aptos para pensar por ellos mismos. Además, preocupado por la dicotomía "civilización/barbarie" presentó un pensar ético que culminó en una moral social en la cual "el deber de los deberes" fuera la piedra angular.

  7. Uso di nuove tecnologie nella documentazione dell’origine e dello sviluppo urbano di São João Del Rei Minas Gerais, Brasile.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Altino Barbosa Caldeira

    2015-01-01

    Full Text Available  La città di São João Del Rei, nello Stato del MinasGerais, presenta oggi una performance economica,sociale e turistica che la fa emergere trale altre città dello Stato. Questo articolo cerca dichiarirne le ragioni, considerando la regione el’occupazione del suo territorio, il suo successivosviluppo e le trasformazioni avvenute nel paesaggioa seguito di tale occupazione. Essa mira inoltrea dimostrare come utilizzare le risorse dellenuove tecnologie per documentare il patrimonioculturale e come diffonderlo alle nuove generazioni.Per questo, si farà ricorso alla geografiafisica e umana, così come alla sua storia. Verrannoconsiderati l’ambiente naturale, gli interventiantropici e le manifestazioni culturali dei suoiabitanti per ciò che riguarda il patrimonio immaterialee la dimensione spaziale della cultura locale,per mettere in risalto e valorizzare aspettiurbanistici, architettonici e paesaggistici del suoambiente.

  8. SENSIBILIDADE ESTÉTICA E SENTIMENTO RELIGIOSO NA FILOSOFIA DE MAX HORKHEIMER'S (pelos trinta anos de morte de Horkheimer

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rafael Cordeiro Silva

    2007-12-01

    Full Text Available Pretende-se investigar a estética e a religião na filosofia de Max Horkheimer, enquanto instâncias de crítica à ordem estabelecida e à imagem de uma sociedade possível ainda não realizada. Mesmo não tendo desenvolvido um pensamento estético de grande envergadura, como foram os casos de Adorno e Marcuse, suas esparsas considerações sobre a relação entre arte e sociedade coincidiram, durante longo período, com as de seus dois colegas do Instituto de Pesquisa Social. Ou seja, a arte autêntica é conhecimento e crítica à sociedade estabelecida. Por sua vez, a religião, embora seja um sentimento verdadeiro, é posta em um nível inferior e concebida como refúgio para os miseráveis, dentro da tradição marxista na qual o filósofo se inserira inicialmente. Ao final da vida, porém, Horkheimer pareceu mais inclinado a considerar que, no mundo administrado, apenas o sentimento religioso cumpria a condição de imagem de um mundo inteiramente outro. As razões para essa mudança de perspectiva podem ser buscadas na sua avaliação tardia sobre a relação entre arte e sociedade.

  9. A relação entre ética e direito na filosofia política de Kant

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Joel Klein

    2014-06-01

    Full Text Available Este artigo discute as relações existentes entre direito e ética na filosofia política kantiana e, ao contrário da interpretação dominante, procura mostrar que a boa vontade precisa estar presente para que a política possa alcançar plenamente seus objetivos. Nesse sentido, defende-se aqui duas teses: primeira, que não há uma ruptura das teses políticas da década de oitenta com as teses políticas da década de noventa no sentido de um abandono da necessidade de uma boa vontade no campo da política, a qual é condição necessária para a realização de uma constituição republicana; segunda, contra uma interpretação exclusivamente liberal, defende-se que isso implica que o republicanismo kantiano permite que o Estado assuma medidas institucionais para um esclarecimento moral de seus cidadãos.

  10. Formação de professores e pesquisadores de matemática na faculdade nacional de filosofia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silva Circe Mary Silva da

    2002-01-01

    Full Text Available O objetivo deste artigo é contribuir para o conhecimento da história da formação de professores e pesquisadores de Matemática na Faculdade Nacional de Filosofia - FNFi. Descreve-se o processo de negociação para a escolha de professores estrangeiros para atuar no curso de Matemática, bem como a proposta curricular; identificam-se os primeiros alunos e discute-se a formação pedagógica do futuro professor. Mostram-se as dificuldades enfrentadas durante a Segunda Guerra Mundial, pelos matemáticos estrangeiros, bem como analisa-se a contribuição de alguns desses matemáticos para o desenvolvimento da pesquisa no país. Identificam-se os primeiros brasileiros, José Abdelhay e Leopoldo Nachbin, que tiveram um papel relevante no ensino e pesquisa matemática, nos anos iniciais do surgimento do cursos de bacharelado e licenciatura em Matemática na FNFi. O período analisado vai da criação da FNFi (1939 e estende-se até meados de 1950, quando começam os embates pela disputa de espaço acadêmico na área de Matemática.

  11. Preparation of Al-La Master Alloy by Thermite Reaction in NaF-NaCl-KCl Molten Salt

    Science.gov (United States)

    Jang, Poknam; Li, Hyonmo; Kim, Wenjae; Wang, Zhaowen; Liu, Fengguo

    2015-05-01

    A NaF-NaCl-KCl ternary system containing La2O3 was investigated for the preparation of Al-La master alloy by the thermite reaction method. The solubility of La2O3 in NaF-NaCl-KCl molten salt was determined by the method of isothermal solution saturation. Inductively coupled plasma-optical emission spectroscopy and x-ray diffraction (XRD) analyses were used to consider the content of La2O3 in molten salt and the supernatant composition of molten salt after dissolution of La2O3, respectively. The results showed that the content of NaF had a positive influence on the solubility of La2O3 in NaF-NaCl-KCl molten salts, and the solubility of La2O3 could reach 8.71 wt.% in molten salts of 50 wt.%NaF-50 wt.% (44 wt.%NaCl + 56 wt.%KCl). The XRD pattern of cooling molten salt indicated the formation of LaOF in molten salt, which was probably obtained by the reaction between NaF and La2O3. The kinetic study showed that the thermite reaction was in accord with a first-order reaction model. The main influence factors on La content in the Al-La master alloy product, including molten salt composition, amount of Al, concentration of La2O3, stirring, reduction time and temperature, were investigated by single-factor experimentation. The content of La in the Al-La master alloy could be reached to 10.1 wt.%.

  12. Vaccino inattivato e adiuvato per il controllo delle infezioni da sierotipo 9 del virus della peste equina: valutazione dell'efficacia in cavallo e cavia

    OpenAIRE

    Rossella Lelli; Umberto Molini; Gaetano Federico Ronchi; Emanuela Rossi; Paola Franchi; Simonetta Ulisse; Gisella Armillotta; Sara Capista; Siegfried Khaiseb; Mauro Di Ventura; Attilio Pini

    2013-01-01

    La peste equina (PE) è una malattia virale non contagiosa dei solipedi trasmessa da insetti vettori appartenenti al genere Culicoides. La malattia è endemica in numerose regioni dell'Africa e passate esperienze hanno evidenziato come l'Italia sia un paese esposto alle malattie infettive emergenti, endemiche in Africa. Un'incursione del virus della PE unitamente alla presenza del vettore Culicoides potrebbero essere causa di una emergenza epidemica. Onderstepoort Biological Products (OBP) comm...

  13. Misure lidar di ozono ed aerosols stratosferici dopo l'eruzione del vulcano Pinatubo

    OpenAIRE

    Masci, F.; ING, Italy; Rizi, V.; Dipartimento di Fisica, Università degli Studi, L'Aquila, Italy; D'Altorio, A.; Dipartimento di Fisica, Università di L'Aquila; Visconti, G.; Dipartimento di Fisica, Università di L'Aquila

    1994-01-01

    Vengono riportati i risultati delle misure simultanee di ozono ed aerosol stratosferici dopo l'eruzione del vulcano filippino Pinatubo effettuate nella Stazione Lidar di L'Aquila nel periodo Agosto 1991-Marzo 1993. L'analisi dei segnali lidar a tre lunghezze d'onda ha permesso sia di ricavare le proprietà delle particelle presenti in statosfera sia di correggere i profili di ozono dall'interferenza ottica dovuta alla presenza degli aerosol stessi. Il confronto dei profil...

  14. La disciplina delle emozioni tra introspezione e performance: pratiche e discorsi del controllo a Toraja (Indonesia)

    OpenAIRE

    Aurora Donzelli; Douglas Hollan

    2013-01-01

    La letteratura antropologica sulle emozioni relativa alle società dell’Indonesia e dell’area più vasta che comprende il Sudest asiatico e il Pacifico sembra convergere sull’enfasi attribuita alla questione del controllo emozionale3. Gli antropologi che hanno lavorato in quest’area sono stati inevitabilmente affascinati dalla compostezza e dall’assenza di espressione diretta dei sentimenti dimostrata nel comportamento quotidiano delle persone che cercavano di comprendere (Anderson 1966, p. 129...

  15. Heaney l’amante infelice. Riprese del libro VI dell’Eneide

    OpenAIRE

    Alberto Fraccacreta

    2015-01-01

    Seamus Heaney è forse l’amante infelice del Cristianesimo. Il rispetto per i morti, per le lacerazioni e infezioni nazionali – rispetto cantato superbamente in Station Island – spinse il poeta irlandese a cercare il rimedio alla crisi dei valori in un sistema trascendenteanteriore a quello intimamente cristiano: i Campi Elisi virgiliani. «Una fede lieve e pesante come la mannaia di una ghigliottina», suggerisce inconsapevolmente Kafka. Con Virgilio Heaney condivideva anche la sorte di esule. ...

  16. La evaluación en Filosofia: aspectos didácticos y políticos Avaliação em Filosofia: aspectos didáticos e políticos Evaluation in Philosophy, teaching and political issues

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alejandro Cerletti

    2012-12-01

    Full Text Available Toda educación institucionalizada reafirma una concepción de Estado y el lugar que corresponde o puede corresponder a cada uno de los miembros de una sociedad. La integración progresiva de dichos miembros desde su infancia es realizada de acuerdo con un conjunto de prescripciones y normativas, que son las dominantes, y que intentan garantizar que lo que hay se mantenga, o se modifique de una manera permitida o tolerada. La posibilidad de reproducción de las sociedades se dirime en el sostenimiento de un vínculo cultural (en tanto difusión de las tradiciones, las costumbres, las prácticas sociales o los saberes establecidos pero también, y fundamentalmente, político (en cuanto reaseguro del lazo social constituido. La evaluación es un procedimiento de normalización que fusiona prescripciones políticas, culturales y pedagógicas. Constituye una forma de ubicar a cada uno dentro de un orden normal de distribución de lugares a partir de la ponderación de los saberes y las prácticas, y de administrar los posibles cambios de lugar. En este trabajo, se revisarán los supuestos políticos y pedagógicos que suelen sostener el acto de evaluación en el caso particular de la enseñanza institucionalizada de la filosofía. Se comentarán, asimismo, algunas perspectivas que permitan visualizar una dimensión creativa de la enseñanza de la filosofía y su evaluación, que otorgue un lugar activo a los sujetos del aprendizaje, desde un punto de vista individual y colectivo.Toda educação institucionalizada reafirma uma concepção de Estado e o lugar que corresponde ou pode corresponder a cada um dos membros de uma sociedade. A integração progressiva destes membros desde sua infância é realizada em conformidade com um conjunto de requisitos e regulamentos, que são os dominantes, e que tentam garantir que o que existe se mantenha, ou se modifique de uma maneira permitida ou tolerada. A possibilidade de reprodução das sociedades se

  17. Grey Water Reuse for Agricultural Purposes in the Jordan Valley: Household Survey Results in Deir Alla

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sharon B. Megdal

    2012-08-01

    Full Text Available Installation of decentralized grey water treatment systems in small rural communities contributes to a more sustainable water supply. In order to gauge community attitudes about collection and use of grey water, a door-to-door survey in the farming community of Deir Alla, Jordan was conducted by Royal Scientific Society interviewers. Outcomes of a detailed survey, designed specifically for this project, offer insights on people’s views on general water and wastewater issues, as well as their motivation, practices and concerns related to using grey water treatment for a portion of their household wastewater and reuse of the treated grey water for irrigation. A total of 47 respondents from different socio-economic background, aged over 18 years, from this community in the Jordan valley took part in the survey. The level of formal education of the respondents was low, and most of households’ incomes were below the poverty line in Jordan. Most of the respondents reported that the quality of water supplied by public network is acceptable, but the quantity is insufficient to meet their demand, with supplies being delivered to the household once a week. Respondents relied on the public water network as a first-most important resource (85.1%, and 57.4% of the respondent relied on private water tankers as a second-most important resource in addition to the public network. However, 6% of the respondents relied only on private water tankers with no access to the public network. Storage tanks are common practice in all the houses in order to store enough water for at least one week. The survey responses provide evidence that rural communities are willing to accept reuse of treated grey water for irrigation. Furthermore, some of people in the studied area are willing to learn more about grey water treatment and reuse in order to operate grey water systems for irrigation purposes. Water scarcity in this rural area of Jordan is the main determinant of

  18. Etiche del paesaggio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimo Venturi Ferriolo

    2015-11-01

    Full Text Available L’etica riflette sui rapporti fra uomo e ambiente. Indaga l’azione dell’uomo. Svela la sua visione della vita e il mondo possibile e accoglie in sé un complesso di norme morali e di costume che identificano un preciso comportamento nella vita di relazione. Si riferisce all’agire dell’individuo in una struttura sociale che lo comprende. Siamo alla ricerca di un’essenza del paesaggio indipendente dalla mera pittura, dalla rappresentazione, dall’immagine sentimentale: dalla natura sia ideale che reale. Prendere coscienza della cosa in sé, anche nei suoi aspetti ideali, significa comprenderne la complessità. Possiamo leggere quindi ogni paesaggio come realtà etica, risultato dell'operosità dell'uomo nella natura, ambito complessivo della vita: nel significato peculiare di progetto del mondo umano, che parte da lontano, da quando l'uomo ha incominciato a trasformare il proprio ambiente naturale per creare i luoghi dell'abitare, modellati con la mano e con lo spirito. La conoscenza dei paesaggi in tutta la loro complessità, a partire dal mondo antico, diventa quindi un nostro obiettivo. Questo significa superare, se non addirittura rovesciare, alcuni luoghi comuni consolidati e storicizzati: la teoria secondo la quale il paesaggio, nella sua dimensione estetica, sarebbe un'invenzione della modernità; il collegamento tra la moderna pittura di paesaggio e la nascita dei concetti estetici; la confusione tra natura e paesaggio, frequente nelle concezioni ecologico- ambientaliste; la tesi lessicale della nascita della coscienza del paesaggio, legata all'esistenza di una parola specifica che lo indichi. 

  19. Pensar sem pressupostos: condição para problematizar o ensino da filosofia Thinking without presuppositions: a condition to problematize the teaching of philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2008-12-01

    Full Text Available Nossa proposta para este artigo é indicar, a partir da análise de alguns textos de Deleuze e Guattari, uma forma de escapar do modo tradicional de fazer filosofia, chamado pelos referidos autores de "modo maior". Nossa intenção é pensar uma possibilidade de problematização do ensino da filosofia que não se vincule às linhas majoritárias de pensamento filosófico ou educacional. Nesse sentido, mapearemos os pressupostos que a filosofia utiliza para começar a pensar filosoficamente e para enunciar seu discurso. Para isso, fundamentaremos nossa proposta na obra Diferença e repetição, de Gilles Deleuze (1968, especialmente no capítulo em que ele desenvolve as questões sobre a "imagem do pensamento".Our proposal for this paper is to indicate, through the analysis of some of Deleuze's and Guattari's texts, an alternative to escape from the "traditional" way of doing philosophy, which these authors call a major mode. Our intention is to think of a possibility of questioning the teaching of philosophy that is not related to the majority trends of philosophical or educational thoughts. Thus, we will develop a study of the presuppositions used in philosophy to start thinking philosophically and to enunciate its speech. In order to do that, we will base our proposal on the book Difference and repetition, by Gilles Deleuze (1968, especially on the chapter in which he develops the issues concerning the images of thought.

  20. Dalla civilizzazione alla tradizione: i progetti educativi tra gli indios dell’Uaçá

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antonella Maria Imperatriz Tassinari

    2013-07-01

    Full Text Available Esistono attualmente nella regione del fiume Oiapoque inferiore e nel bacino dell’Uaçá quattro gruppi etnicamente differenti, che si riconoscono come “popoli indigeni dell’Oiapoque”: sono i galibi dell’Oiapoque, i palikur, i karipuna e i galibi-marwono. I primi, originari di Mana, nella Guiana francese, migrarono verso il lato destro dell’Oiapoque negli anni Cinquanta. Gli altri gruppi si localizzano principalmente nel bacino dell’Uaçá, rispettando una divisione spaziale stabilita più di un secolo fa: i palikur del fiume Urukauá, i karipuna del Curipi e i galibi-marwono dell’Uaçá.

  1. Sul Baudelaire di Walter Benjamin Dalla teoria della traduzione alla sociologia della letteratura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea D'Urso

    2016-01-01

    Full Text Available I vivaci studi italiani degli scritti di Benjamin sulla poesia di Baudelaire (editi da Solmi nel 1962 hanno spesso trascurato l’importanza di allargare la propria prospettiva all’edizione francese del 1974 (Payot, contenente tre importanti saggi noti in Germania dalla fine degli anni ’60. Poiché tali testi sono stati finalmente tradotti in italiano solo nel 2006 (Einaudi e ripubblicati nel 2012 in un’edizione più articolata (Neri Pozza, ci proponiamo di rilanciare un nostro studio a partire dalla versione italiana, per mostrare come essi gettino le basi della sociologia materialista della letteratura di Benjamin, ancora insufficientemente esplorata. Formatasi proprio muovendo dalla pratica traduttiva dei Quadri parigini, essa ha analizzato il ruolo della bohème, del flâneur e della modernità nell’eroismo lirico di Baudelaire all’apogeo del capitalismo.

  2. Chi ha paura del relativismo? Peirce, Wittgenstein, Vygotski e le radici linguistiche della conoscenza (non della realtà.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Letizia Caronia

    2012-11-01

    Full Text Available Le derive decostruzioniste e antirealiste e la discutibile equivalenza tra relativismo e disimpegno scettico hanno necessariamente prodotto un richiamo al realismo e un ennesimo appello alla necessità di una fondazione ultima delle conoscenze, delle decisioni e delle pratiche. Stiamo gettando via il bambino insieme all’acqua sporca? Questo articolo argomenta la tesi dell’irritante ineluttabilità del costruttivismo. Attraverso un riordinamento delle categorie pertinenti e sulla scorta del pensiero di Peirce, Wittgenstein e Vygotsky, si sostiene che il costruttivismo a presuppone una ontologia realista; b afferma che la realtà sia osservabile, rappresentabile, descrivibile; c implica una definizione di verità come corrispondenza ma nega che sia possibile individuare quell’ “una e una sola” descrizione della realtà che corrisponderebbe alla realtà in modi indipendenti dal linguaggio. Nelle sezioni conclusive si discutono le implicazioni del costruttivismo realista. In particolare ci si propone di dimostrare l’ineludibile e radicale appello alla responsabilità proprio – malgrado le apparenze – di uno dei corollati del costruttivismo: la relatività concettuale e la connessa questione della relatività epistemica.

  3. Il Colloquio delle Volpi: Lealtá al Papa, alla Chiesa, a sé stessi

    OpenAIRE

    Giordano, Silvana

    2014-01-01

    Los cónclaves del antiguo régimen eran momentos decisivos en los cuales las diversas tendencias presentes en la Cristiandad medían sus fuerzas con la intención de influenciar la elección del papa. En el cónclave de 1669-1670, que duraría cerca de cuatro meses, en el cual resultó elegido e lanciano Clemente X, se enfrentaron las presiones de los soberanos, en primer lugar de los reyes de Francia y de españa, ejercitadas mediante los embajadores y los cardenales nacionales, y ...

  4. Do anti-ilusionismo brechtiano ao anti-ilusionismo acadêmico: a filosofia como um exercício de postura

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Patrick Pessoa

    2012-09-01

    Full Text Available O texto discute a atualidade das peças de aprendizagem de Brecht, mostrando como alguns dos princípios formais dessas peças são fundamentais para a compreensão do teatro contemporâneo, notadamente daquele praticado pela Cia. dos Atores, com sede no Rio de Janeiro. O texto também discute a importância do anti-ilusionismo brechtiano para a produção acadêmica na área de filosofia.

  5. Do anti-ilusionismo brechtiano ao anti-ilusionismo acadêmico: a filosofia como um exercício de postura

    OpenAIRE

    Patrick Pessoa

    2012-01-01

    O texto discute a atualidade das peças de aprendizagem de Brecht, mostrando como alguns dos princípios formais dessas peças são fundamentais para a compreensão do teatro contemporâneo, notadamente daquele praticado pela Cia. dos Atores, com sede no Rio de Janeiro. O texto também discute a importância do anti-ilusionismo brechtiano para a produção acadêmica na área de filosofia.

  6. Ginástica artística competitiva e a filosofia dos técnicos Competitive artistic gymnastics and coaches' philosophy

    OpenAIRE

    Myrian Nunomura; Mauricio Santos Oliveira; Odilon José Roble; Michele Carbinatto

    2012-01-01

    O presente estudo é um recorte do projeto original intitulado "Diagnóstico do Processo de Formação Esportiva da Ginástica Artística no Brasil". Um dos temas de análise foi a filosofia de trabalho dos técnicos que atuam nas categorias de base e preparam os potenciais ginastas para as seleções nacionais. Entrevistamos 46 técnicos de 29 instituições esportivas do Brasil. Para a coleta dos dados utilizamos a entrevista semiestruturada e, para o tratamento dos dados, a análise de conteúdo proposta...

  7. A filosofia da história como o lugar de efetivação da liberdade no Sistema da Ciência Hegeliano = The philosophy of history as a place of effective of freedom in Hegelian System Science

    OpenAIRE

    Julião, José Nicolao

    2014-01-01

    Em Hegel, mais do que em qualquer outro filósofo que o antecedeu, a história ganha estatuto filosófico fundamental, pois o seu interesse por ela está presente em todas as partes de sua filosofia. Para Hegel, a filosofia é história universal (Weltgeschichte), ou seja, história do progresso na consciência da liberdade. E, enquanto processo de ampliação da liberdade, a história ganha um lugar de destaque no sistema hegeliano, aparece na última parte do espírito objetivo, como história universal,...

  8. As leituras da filosofia do direito de G. W. F. Hegel: entre hermenêutica e recepção = Readings in the philosophy of right by G. W. F. Hegel: between hermeneutics and reception

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bavaresco, Agemir

    2010-01-01

    Full Text Available O artigo procura apresenta os argumentos centrais das principais correntes interpretativas da Filosofia Política de Hegel na Alemanha, França e no Brasil de forma a avaliar e demonstrar o potencial de diagnose de tal esforço teórico; ao mesmo tempo, objetiva-se demonstrar desde estes autores como uma análise da obra de Filosofia Política de Hegel revela-se atual mediante a articulação de seu sistema como um todo

  9. Il fascino oscuro dell’inflazione alla scoperta della storia dell’universo

    CERN Document Server

    Fré, Pietro

    2009-01-01

    È dalla più remota antichità che l’uomo si interroga sulla struttura dell’Universo e sulle leggi che lo governano. Ma il progresso compiuto all’inizio del XX secolo non ha paragoni rispetto a quello di tutti i secoli precedenti: nel 1915 fu formulata la relatività generale, indispensabile per inquadrare tutti i fenomeni cosmici e astrofisici; tra il 1920 e il 1930 furono determinate le reali dimensioni dell’Universo visibile e fu scoperta la sua costante espansione. La cosmologia ha poi fatto un grande salto di qualità a cavallo tra la fine del XX secolo e l’inizio del XXI, quando una serie di osservazioni ha confermato che: L’Universo è spazialmente "piatto", in seguito all’inflazione cosmica che, una frazione di secondo dopo il Big Bang, ne ha gonfiato le dimensioni di decine o centinaia di miliardi di volte. L’Universo è costituito al 70% da energia oscura e al 24% da materia oscura: la materia visibile, cioè stelle e galassie, rappresenta solo il 6% del totale. Attualmente l’espa...

  10. Contributi dell'arte alla formazione della persona: alcune considerazioni pedagogico-didattiche

    OpenAIRE

    Manca, Giuseppina

    2000-01-01

    Lo scopo del presente studio è quello di osservare la relazione esistente tra l'arte e la formazione della persona nelle sue varie manifestazioni: arte ed educazione, arte e conoscenza, arte e socializzazione, arte ed interpretazione della realtà, arte e potenziamento delle capacità personali, arte e sviluppo equilibrato dell'individuo, arte e disagio mentale.

  11. Per una lettura della cultura funeraria dell'Egitto greco-romano: la tradizione dei papiri del Libro dei Morti

    OpenAIRE

    Lucarelli, Rita

    2008-01-01

    Nel III e IV secolo d.C. in Egitto la religione indigena e la produzione di papiri redatti in egiziano continuò come forma di resistenza religiosa: in tale frangente storico e culturale, continua a riprodursi, in geroglifico e nelle sue varianti corsive (ieratico e demotico) la tradizione papiracea funeraria locale dei papiri del Libro dei Morti, in voga fin dalla seconda metà del II millennio a.C. Da una selezione di papiri funerari relativi alla tradizione del Libro dei Morti e ai suoi svil...

  12. I reticolati del dissenso e la loro organizzazione in Italia

    OpenAIRE

    Ambrosini, Federica

    2013-01-01

    Osservazioni preliminari Innanzitutto, qualche precisazione terminologica. Con espressioni come «dissenso religioso» o «dissidenza religiosa» in Italia intendo designare, tra i movimenti eterodossi sorti nella penisola nel secolo xvi, solo quelli ispirati, con maggiore o minore coerenza, alla Riforma d’oltralpe e caratterizzati dal disconoscimento della chie-sa di Roma e dal rigetto dell’autorità del pontefice; di questi si occupa la mia relazione e non di altri, non per esempio dei gruppi, a...

  13. IL LAGO DEI CIGNI DI DELO: DAL «THRENOS» AL PEANA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Greta Castrucci

    2014-03-01

    Full Text Available Dalla tragedia di Euripide alla filosofia platonica fino alla dotta poesia callimachea, si riscontra una interessante associazione tra la menzione di Delo e dei suoi cigni e il passaggio dall’espressione trenodica del dolore a quella liberatoria e guaritrice del peana. L’articolo, partendo da una breve incursione nell’epica omerica per rilevare le più antiche attestazioni di una presenza congiunta del threnos e del peana, e nella lirica e innografia arcaiche per recuperare le origini della connotazione del cigno come uccello apollineo della poesia, si concentra su alcuni passi euripidei (Eracle, Ione e Ifigenia in Tauride, platonici (Fedone e callimachei (Inno a Delo e Inno ad Apollo in cui il lago dei cigni di Delo viene menzionato, cercando di comprenderne il valore e metterne in luce gli elementi di continuità.

  14. La Chiesa tra politica e religiosità popolare nei primi decenni del XX secolo. Alcune suggestioni

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2011-11-01

    Full Text Available Il contributo è stato sottoposto alla valutazione del Prof. Antonino Mantineo, che ne ha attestato la scientificità e l’originalità.SOMMARIO: 1. Apparente desuetudine dell’analisi - 2. La Prima Guerra Mondiale e le sue conseguenze nella società italiana. Questioni irrisolte – 3. Il contributo cattolico prima e dopo il Fascismo. Alcune ipotesi di continuità?

  15. IL SAPERE CARTOGRAFICO AL CUORE DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO E DI FORMAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

    OpenAIRE

    Calandra, Lina Maria

    2016-01-01

    A partire dall’idea che la carta geografica rappresenta una espressione del controllo cognitivo e simbolico della realtà, è possibile ridefinire le caratteristiche della carta geografica da mettere in evidenza e/o da far emergere nel processo di apprendimento in cartografia nella Scuola Primaria e Secondaria. Nella prospettiva di problematizzare l’approccio alla carta, due obiettivi diventano centrali: 1) capire il funzionamento della carta, ossia il meccanismo attraverso il quale...

  16. Evoluzione di micotossine regolate ed emergenti attraverso i processi alimentari: dal campo alla digestione

    OpenAIRE

    Generotti, Silvia

    2016-01-01

    Nel presente lavoro di tesi sono stati studiati diversi aspetti riguardanti micotossine regolate ed emergenti al fine di fornire informazioni circa la loro mitigazione dal campo al prodotto finito, focalizzando l’attenzione sul potenziale impatto del processo tecnologico. Successivamente, il loro ruolo tossicologico, ancora in discussione, è stato indagato attraverso l’applicazione di modelli gastrointestinali. In particolare, lo studio è stato rivolto a DON, micotossina più comune nel grano,...

  17. Le ragioni dell’ordinamento canonico come contributo critico alla scienza giuridica laica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Domenico Bilotti

    2013-01-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazione SOMMARIO: 1. Ineliminabile interesse del diritto canonico nella riflessione ius-religiosa del post-moderno - 2. L’ermeneutica del rinnovamento nella continuità e la metodologia suggerita dal Concilio Vaticano II: pregi e difetti di una transizione permanente - 3. La richiesta di riconsiderazione delle istanze poste dall’umana coscienza - 4. Una proposta alternativa rispetto a canoni e confini delle (presunte leggi di mercato - 5. Prime conclusioni: verso un approccio assiologico e razionale sull’analisi degli istituti.ABSTRACT The fundamental reasons of Canon Law to be considered as theoretical contribution to the secular juridical scienceThe aim of this article is to underline how secular Law surprisingly shows a great influence on Canon Law’s theories and how doctrines and disciplines introjected from ecclesiastical Orders have moulded and modified civil institutions. The most controversial points, in the last decade, still seem the interpretation and the application of the Second Vatican Council, properly because many scholars are daily arguing about inner aftermath of the event, if in consistent behaviour, or in an unpredicted disagreement, with Roman Catholic Church and generally Christianity’s history. Anyhow, current debates, concerning the crisis of liberal politics and the decline of a meaningful conception of sovereignty, should be cleared up by considering how controversies about jurisdiction, power and its legitimacy were composed during the past.PAROLE CHIAVE Ordinamento Canonico; Concilio Vaticano II; Fonti del Diritto; Secolarizzazione.KEY-WORDS Canon Law; Second Vatican Council; Sources of Law; Secularization.

  18. Max Weber, la borsa e la ‘crisi del credito’ del 2008

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlo Rossetti

    2011-02-01

    Full Text Available A partire da una rilettura di opere, come Die Protestantische Ethik und der Geist der Kapitalismus e Die Boersenequete, l'articolo mostra che – in linea con quanto Max Weber aveva descritto – l'assenza di regole generali condivise e di controlli pubblici mette in crisi le fondamenta del sistema finanziario. La privatizzazione neoliberista degli organi di controllo della finanza e la creazione di oscuri strumenti finanziari hanno contribuito alla regressione dell'organizzazione giuridica dello Stato, mettendo a serio rischio il principio di calcolabilità razionale che per secoli ha costituito il fondamento della teoria economica. In conclusione, Weber contribuisce a cogliere uno dei nodi fondamentali della crisi americana contemporanea: l'erosione dell’autorità indipendente posta a tutela dell’integrità del sistema.

  19. Modelli di comportamento espressi dagli studenti della Comunitá Montana 'Canal del Ferro Val Canale' (UD nei confronti delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G.B. Modonutti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Nell’intento di definire le modalità di approccio, le abitudini, il background culturale e la percezione dei rischi associati all’uso delle bevande alcoliche e del fumo di tabacco dei giovani nelle diverse realtà socioeconomiche e culturali del Friuli Venezia Giulia, il Gruppo di Ricerca per l’Educazione alla Salute (GRES, utilizzando una Scheda Questionario anonima, autosomministrata, semistrutturata, ha condotto, nel corso del 2002, una ricerca sugli stili di vita di 280 studenti (M: 56.8%; F: 43.2% della Scuola Media di 1° della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD. Gli studenti bevitori costituiscono il 27.1% della popolazione scolastica coinvolta (M: 28.3%; F: 25.6%, consumano mediamente 6.9g/die di alcol anidro che assumono per il 57.2% della Dieta Alcolica Media (DAM pasteggiando (M: 72.7%DAM; F: 50.9%DAM, i maschi bevendo prevalentemente vino (41.2%DAM, le femmine con i superalcolici (57.1%DAM. Beve alcolici “abitualmente” il 7.1% della popolazione studentesca (M: 6.9%; F: 7.4%, il 2.1% è esposto per il proprio bere quotidiano a maggior rischio di problemi Psico Medico Sociali (M: 1.3%; F: 2.3% e l’8.9% afferma di aver sperimentato nel corso dell’ultimo anno l’Intossicazione Acuta da Alcol (M: 10.7%; F: 7.4%. Gli studenti fumatori sono il 9.6% della popolazione scolastica (M: 10.1%; F: 9.1%, consumano in media 5.6 sig/die (M: 2.2sig/die; F: 10.6sig/die; p‹0.05 ed il 6.8% degli studenti contattati, insensibili alle raccomandazioni che sconsigliano qualsiasi utilizzo del fumo di tabacco alla popolazione in età pediatrica, fumano mediamente 1 o più sigarette al giorno (M: 6.3%; F: 7.4%.

    I modelli di comportamento e la percezione dei rischi associati all’uso degli alcolici e del tabacco espressi dagli studenti della Comunità Montana “Canal del Ferro Val Canale” (UD costituiscono motivo di preoccupazione per la salute dei giovani ed uno stimolo alla programmazione ed attuazione di

  20. Technical Experimentation in Ship Design during the Last Decades of the Serenissima: Gerolamo Maria Balbi's Galea alla Ponentina.

    Science.gov (United States)

    Campana, Lilia

    2016-01-01

    In 1744, the Venetian sea captain Gerolamo Maria Balbi (1693-1761) presented the Senate with a project to build a galea alla ponentina ("galley of Western design") that would join the Venetian fleet based in Corfu. The Senate approved Balbi's project hoping that the galley of new design would restore Venice's maritime reputation after the losses of the war against the Ottomans in 1718. The construction of the galley by the Venetian shipwright Giovan Battista Fausto lasted more than two years and was sent to Corfu in 1746. However, the newly built galley proved to be unseaworthy due to its faulty design and was sent back to Venice where it lay abandoned in the Arsenal until its dismissal in 1753. This article discusses Balbi's galley, which offers a unique glimpse into the technical experimentation in ship design in the Arsenal during the last decades of the Republic of Venice. PMID:26971731

  1. Per una didattica della musica del Novecento: un percorso possibile

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Graziella Seminara

    2013-12-01

    Full Text Available Questo percorso didattico è concepito come ‘guida’ all’ascolto e all’analisi della sezione introduttiva e del primo quadro (Les augures printaniers. Danses des adolescentes del Sacre du printemps di Igor Stravinskij: l’opera stravinskiana, annoverata tra le grandi partiture del Novecento, presenta infatti caratteristiche sonore immediatamente percepibili, che consentono anche all’ascoltatore non esperto di costruire con agio una propria ‘mappa mentale’ della composizione.Il percorso si sviluppa come riflessione a vasto raggio, articolata in una serie di suggerimenti che potranno di volta in volta essere declinati in approcci didattici differenziati, calibrati sugli stadi d’età e di competenza dei discenti; al di là delle specifiche considerazioni sull’Introduction del Sacre e sugli Augures printaniers, con questo percorso si intende altresì avanzare un’ipotesi di lavoro: la pratica dell’analisi anche di poche pagine di una partitura come occasione per sviluppare un discorso di più ampia portata sugli elementi costitutivi del linguaggio musicale e sui procedimenti del comporre.Dopo l’individuazione dei parametri principali della scrittura stravinskiana – ritmo, timbro, tessitura sonora – si ricostruiscono le ragioni storiche e culturali del radicamento della partitura del Sacre nelle tradizioni folkloriche dell’Europa orientale (russa bielorussa lituana e si approfondiscono quindi taluni fondamentali stilemi del comporre di Stravinskij: dal ricorso all’ossessiva ripetitività dell’ostinato alla costruzione di percorsi formali di tipo paratattico, fondati sulla frammentazione e la discontinuità, sino al conseguimento di una nuova organizzazione del tempo musicale, sottratta alla direzionalità propria della musica di tradizione classico-romantica. Il percorso si chiude con la proposta di ulteriori possibili approfondimenti, che vanno dalla considerazione del ruolo determinante della scala ottatonica per la

  2. Guardiani della soglia. I Frati Minori come garanti del perimetro sociale (XIII secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giacomo Todeschini

    2007-12-01

    Full Text Available Il contributo indaga il ruolo dei Minori nella pacificazione della civitas. Il carisma dei frati minori si presentava come antidoto allo scandalum e premessa alla riammissione della cittadinanza all’interno del circuito della fides. Tale speciale attitudine, che sin dalle origini fu utilizzata dai testi francescani per comprovare la santità dei fratres, viene ricondotta alla loro capacità di proporsi come efficaci mediatori civici pur costituendo un gruppo religioso, poi un Ordine, il cui tratto di identificazione era dato dall’inferiorità ecclesiologica e sociale (minoritas. Le ragioni di un simile atteggiamento vengono ricondotte alla capacità politica dei Minori di sperimentare la propria prossimità al potere ecclesiale e cittadino raccordandola con la sperimentazione del perimetro della civitas, evidente sin dall’ubicazione dei primi insediamenti: sotto il profilo sociale, tale sperimentazione si tradusse in un contatto con i pauperes, i marginali e gli infami. I Minori divennero in tal modo un elemento di composizione di poli sociali distinti, riuscendo a mediare il rapporto tra fama e infamia, tra potentes e pauperes.

  3. Mangia, bevi, ama. Cibo e rituali alimentari del matrimonio nell'Occidente altomedievale

    OpenAIRE

    Maraschi, Andrea

    2013-01-01

    La ricerca pone al centro dell’indagine lo studio dell’importanza del cibo nelle cerimonie nuziali dell’Europa occidentale nei secoli V-XI. Il corpus di fonti utilizzate comprende testi di genere diverso: cronache, annali, agiografie, testi legislativi, a cui si è aggiunta un’approfondita analisi delle antiche saghe islandesi. Dopo un'introduzione dedicata in particolare alla questione della pubblicità della celebrazione, la ricerca si muove verso lo studio del matrimonio come “processo” sull...

  4. Il quarto governo Fanfani e la crisi di Cuba del 1962

    OpenAIRE

    Anastasi, Matteo

    2015-01-01

    Il presente saggio è incentrato sull’analisi del ruolo giocato dall’Italia durante uno dei momenti di maggiore attrito della guerra fredda: la crisi dei missili di Cuba. La scelta di questo tema deriva dalla volontà di esaminare un frangente della storia contemporanea particolarmente battuto, quale la tensione dell’ottobre 1962, alla luce dell’azione italiana nella crisi, quest’ultimo aspetto, invece, relativamente poco studiato. Obiettivo del lavoro è dimostrare da un lato l’impegno profuso ...

  5. RISIGNIFICAZIONI. L’ampliamento del cimitero monumentale di Lugo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Paolo Bonvini

    2012-06-01

    Full Text Available Il tema della risignificazione viene indagato a partire dal progetto per l’ampliamento del cimitero di Lugo (Ra. La richiesta di duplicazione speculare del recinto esistente rispetto a un canale di scolo delle campagne circostanti ha posto il problema dell’identità del nuovo impianto. L’intervento si rapporta alla monumentalità dell’impianto storico e ai suoi successivi ampliamenti stabilendo una relazione di continuità e non utilizzando tipologie codificate. Non mimesi o antitesi, quindi, ma sintesi rispetto alle realtà circostanti che influenzano il  nuovo impianto: la campagna, la smagliatura della città ed il cimitero esistente con le sue varie identità. Questa viene risignificata non proponendo una ulteriore addizione di una nuova immagine architettonica predefinita ma disegnando una serie di rapporti con le prossimità.

  6. La ricostruzione grafica del pavimento musivo di una villa romana

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Caterina Gattuso

    2015-01-01

    Full Text Available Nel processo di analisi conoscitiva finalizzato alla conservazione e/o al restauro di un manufatto storico, la documentazione grafica offre un contributo importante ai fini della redazione del quadro anamnesico. Essa costituisce uno strumento conoscitivo che, nel rappresentare e registrare lo stato di conservazione nonché gli eventuali interventi di restauro cui il bene è stato sottoposto, permette di completare e di integrare le informazioni già ottenute mediante il dossier fotografico. In questo contesto si vuole dimostrare l’importanza del disegno informatico, da intendere come strumento utile per l’elaborazione di un corretto piano diagnostico, illustrando la ricostruzione grafica di una complessa pavimentazione musiva che decora un particolare ambiente di una villa di epoca romana posta sulle rive del lago d’Esaro nel comune di Roggiano Gravina (CS, ottenuta attraverso l’uso di un particolare software di design grafico e disegno vettoriale.

  7. Mudanças na prática de ensino da química pela formação dos professores em história e filosofia das ciências

    OpenAIRE

    Paixão, Fátima; Cachapuz, António

    2003-01-01

    Neste artigo relata-se uma pesquisa centrada em um programa de formação de professores baseado na História e Filosofia da Ciência com vista ao desenvolvido em três fases articuladas, e dá-se conta da evolução ocorrida nas práticas dos professores participantes.

  8. Un progetto per l'attivazione di Agenda 21 Locale: monitoraggio della mammalofauna nell'area del Parco Regionale del Monte Cucco (Perugia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roberta Mazzei

    2003-10-01

    Full Text Available Nell?ambito del progetto ?Attivazione Agenda 21 Locale? finalizzato alla realizzazione di studi per la certificazione e contabilizzazione ambientale, nel Parco Regionale del Monte Cucco, si è dato il via, a partire dal novembre del 2001, ad un?indagine di tipo qualitativo, mirata alla caratterizzazione dell?area Parco per quel che riguarda la presenza di specie di Mammiferi appenninici di interesse conservazionistico e naturalistico. Nel periodo che va dall?8 febbraio 2002 al 5 ottobre dello stesso anno, sono stati effettuati 16 transetti faunistici, distribuiti nell?arco delle quattro stagioni. Sono stati raccolti indici di presenza di 11 specie di Mammiferi appartenenti agli ordini degli Artiodattili, Carnivori, Lagomorfi, Insettivori e Roditori e i relativi IKA (indici chilometrici di abbondanza. I dati raccolti unitamente ad una ricognizione bibliografica, mirata a reperire informazioni pregresse e aggiornate sulla teriofauna locale, attraverso inoltre, l?effettuazione di interviste e il coinvolgimento della popolazione locale, hanno portato alla definizione di una Check-list della Mammalofauna del Parco, rappresentativa per il 56% di quella della Regione. La ricerca ha permesso di confermare per l?area la presenza del Lupo (Canis lupus e di evidenziare l?espansione a Sud del Capriolo (Capreolus capreolus. Parte integrante del progetto ?Cucco 21? era la definizione di proposte gestionali volte a migliorare il rapporto uomo-ambiente, laddove fossero state individuate situazioni di criticità oggettive o potenziali, in un?ottica di conservazione della risorsa naturale e di sviluppo delle attività antropiche. Significativi a tale proposito sono stati il caso del Cinghiale (Sus scrofa con l?osservazione del danno alle fitocenosi, soprattutto ai prati e pascoli cacuminali e del Capriolo. Per quest?ultima specie in funzione della sua espansione verso la parte meridionale del Parco, sono state avanzate delle

  9. O ensino da filosofia e o papel do professor-filósofo em Hegel The teaching philosophy and the role of philosopher-teacher in Hegel

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2008-01-01

    Full Text Available Este artigo tem por objetivo trazer à luz os meandros e as particularidades do pensamento de Hegel sobre o ensino da filosofia. Embora esta não seja uma questão central em seu pensamento, é possível notar sua preocupação acerca do tema, especificamente nos textos que escreveu durante o período no qual exerceu a função de professor e diretor do ginásio em Nürember. A apresentação que aqui se faz do pensamento de Hegel sobre o ensino da filosofia divide-se em três momentos: no primeiro, são pontuados os conteúdos que ele julga necessários para a formação do pensamento filosófico; no segundo, é apresentada a questão do método e a sua relação com os conteúdos no ensino da filosofia; e finalmente, no terceiro, procura-se entender o papel que o professor exerce nesse ensino.This paper aims to bring to light the intricacies and the particularities of Hegel's thoughts on the teaching of philosophy. Although this is not a central issue in his thought, it is possible to note his concern about the issue, more systematically in the texts he wrote during the period in which he was a professor and director of the Gymnasium in Nürember. The presentation of Hegel's thoughts on the teaching of philosophy is here divided in three parts: in the first one, the contents which Hegel thinks to be necessary for the formation of the philosophical thought are pointed; in the second one, the matter of the method and its relationship with the contents in the teaching of philosophy is presented; and finally, in the third one, it aims to understand the role that the teacher plays in this teaching.

  10. "A chiare lettere" Il ruolo del Presidente della Repubblica. Editoriale febbraio 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2011-02-01

    Full Text Available Mentre la scienza costituzionalistica si interroga da qualche tempo sul cambiamento del ruolo del Capo dello Stato nel nostro ordinamento costituzionale - specie da quando il settennato presidenziale si svolge “all’interno di una dinamica bipolare e maggioritaria nella forma di governo parlamentare” - la dottrina ecclesiasticistica non ha avuto motivo di approfondire in modo particolare se, nel campo di ricerca proprio, vi fosse un ruolo specifico del Presidente della Repubblica, sia per l’aspetto della tutela dei diritti inviolabili della persona interessati dal fattore religioso, sia nei profili delle relazioni e della disciplina dei rapporti Stato–confessioni, e se possa ritenersi in parte mutato. Il passaggio dalla monarchia alla Repubblica, è noto, ha ridotto di molto le di lui competenze nella materia “ecclesiastica”, ed una svolta determinante a questo processo storico è stata impressa dalla Costituzione. Quel processo, si è detto in passato, “non ha ancora esaurito il suo iter”; e, più di recente, si è potuto sottolineare che, nella nostra materia, “rimane in ogni caso estranea alla figura costituzionale del Capo dello Stato … la titolarità di una qualsiasi funzione di indirizzo politico in senso stretto”, restando il suo compito limitato a quello più generale di rappresentante dell’unità nazionale e di “custode” della Carta ed a quelli, di ridotta valenza, concernenti alcuni profili amministrativi connessi all’attività normativa del Governo.

  11. Fatti ‘quasi’ a mano. La trasformazione del mobile d’arte in Brianza

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Ghezzi

    2015-10-01

    Full Text Available L’obiettivo di questo saggio è quello di riflettere sulle criticità che emergono dal processo di valorizzazione della produzione artigianale di un bene di lusso: il mobile d’arte. Basandomi sulla mia ricerca etnografica ancora in corso nel distretto industriale del legno-mobile-arredo della Brianza, mi soffermo sulle modalità attraverso le quali si aggiunge valore materiale e simbolico a merci artigianali considerate prodotti di “qualità”, mettendo in luce dapprima le voci contrastanti degli artigiani stessi convolti nel discutere la rappresentazione dell’oggetto del loro lavoro e illustrando successivamente come costoro si misurano con le criticità provenienti sia dal contesto locale, sia dall’economia globalizzata. L’artigianato artistico in senso lato sopravvive in simbiosi con la produzione industriale con inevitabili esiti di convergenza, ma si sostiene attraverso una produzione rivolta interamente a soddisfare le richieste di nuove élite di consumatori, per i quali alla funzione pratica di questi beni si somma, anzi, si sostituisce quella del prestigio e dell’ostentazione del lusso, ragion per cui il loro valore deve mantenersi elevato. Qui si ritorna però alla criticità intrinseca al processo di valorizzazione del prodotto, perché il presunto criterio oggettivo di eccellenza – il cosiddetto lavoro di qualità – deve essere costantemente ricalibrato al suo interno, a causa della drastica diminuzione delle botteghe artigianali e dell’invecchiamento delle maestranze.

  12. Tutela del sovraindebitamento incolpevole (L. 3/2012 o sanzione per omessa verifica del merito creditizio (art. 124 TUB? Il “piano del consumatore” in funzione punitiva

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    LARA MODICA

    2014-09-01

    Full Text Available Dopo il provvedimento apripista del giudice pistoiese (commentato pochi mesi fa da Enza Pellecchia in questa rivista, le omologazioni del “piano del consumatore” sovraindebitato cominciano a moltiplicarsi: ancora il Trib Pistoia 8 gennaio 2014 e poi Trib. Ascoli Piceno 4 aprile 2014, Trib. Catania 24 giugno 2014 e Trib Catania 17 giugno 2014 concedono i “benefici” di cui agli artt. 7 ss. della legge 3/2012 a famiglie finanziariamente vulnerabili, sulla scorta del comune presupposto della non colpevolezza del default. Al di là delle differenti vicende da cui scaturiscono, le decisioni citate confermano tutte, più o meno marcatamente, l’impressione a caldo che avevamo tratto già all’indomani della tormentata approvazione della l. n. 3, e cioè che il congegno esdebitatorio di nuovo conio fosse destinato inevitabilmente a caricarsi di un ruolo di supplenza della scarna ed inefficace disciplina in materia di prevenzione del sovraindebitamento, sub specie di doveri informativi e verifica del merito creditizio (artt. 124 ss. t.u.b., offrendosi quale sede elettiva per reagire ex post alla condotta scorretta o anche solo disinvolta dei finanziatori professionali.

  13. Economia e filosofia

    OpenAIRE

    Zamagni, Stefano

    1994-01-01

    The present essay addresses the question of whether or not economics can usefully progress without establishing a special link with philosophy. It aims to provide an overview for a broad audience of working economists and to suggest possibilities for research to those with specific interests in the foundations of economic discourse. After the introductory and motivational remarks of sections 1 and 2, section 3 deals with the crisis of the neopositivist research programme and its impact on eco...

  14. Educare alla complessità. Il ruolo della musica d'arte contemporanea

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Raffaele Pozzi

    2014-05-01

    Full Text Available La relazione propone alcune riflessioni sul ruolo della musica d’arte contemporanea nella pedagogia della complessità. Le teorie della complessità formano un’area di pensiero ormai largamente consolidata nelle scienze umane e sociali. Tali teorie sottolineano l’importanza di concetti come discontinuità contraddizione non-linearità molteplicità caso caos, sia nei fenomeni naturali che in quelli culturali. In una serie di recenti pubblicazioni, l’epistemologo francese Edgar Morin ha elaborato una pedagogia basata sulla teoria della complessità. La musica d’arte contemporanea comprende un vasto repertorio di opere sulle quali poter fondare una pedagogia e una didattica della complessità in musica. La relazione suggerisce un possibile esempio di impiego e di trasposizione didattica di un brano, B.A.C.H. per pianoforte solo, opera del compositore italiano Aldo Clementi, risalente al 1970.

  15. Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2012-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia – 10. Sintesi conclusiva.ABSTRACT:The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1. The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

  16. A FILOSOFIA DA HISTÓRIA EM KANT: A história universal com um propósito cosmopolita

    OpenAIRE

    Oliveira Batista, Víctor Paulo

    2014-01-01

    Este artigo tem como propósito fazer uma análise acerca da Filosofia da História do filósofo alemão Immanuel Kant. Será abordada no presente trabalho sua obra “Idéia de uma História Universal com um Propósito Cosmopolita”, interpretando, assim, nove proposições de como ele via a História, no período compreendido como Modernidade. Para efeito de melhor entendimento, serão solicitadas, durante o texto, reflexões de alguns historiadores acerca do assunto, a fim de perceber como tal visão é englo...

  17. Educação, militantismo católico e filosofia no Brasil Education, catholic militancy and philosophy in Brazil

    OpenAIRE

    Daniela Maria Ferreira

    2009-01-01

    Este artigo propõe uma reflexão sobre a relação entre educação, militância política católica e Filosofia no Brasil. Trata-se de pensar como a passagem pelo militantismo político em movimentos de juventude católica (Juventude Universitária Católica e Juventude Estudantil Católica) se constituiu em um lócus de socialização importante para os mentores dos primeiros dispositivos que contribuíram para a institucionalização da produção filosófica universitária no Brasil. O material empírico coletad...

  18. Questões im-pertinentes para a Filosofia da Educação (ImPertinent questions for the philosophy of education

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Goergen

    2006-12-01

    Full Text Available A crítica pós-moderna aos rumos da modernidade provocou uma intensa discussão em torno de alguns pressupostos básicos da tradição iluminista. Entre eles, encontram-se as noções de filosofia da história, de sujeito e de valores. Vivemos um momento histórico conturbado em que não só a filosofia da história, mas também a razão e a subjetividade, os fundamentos e os valores, as identidades e as certezas se tornam ambíguos. O estremecimento desses conceitos angulares, que orientam o pensamento e a ação do homem moderno, afeta a vida em todas as suas dimensões. E como tais conceitos representam também os fundamentos da tradição educacional, é particularmente a educação que se vê diante de novos desafios, cruciais para o estabelecimento de seus objetivos e suas práticas. O presente artigo procura assinalar a necessidade de se incorporar à Filosofia da Educação os debates que vêm sendo desenvolvidos nos campos da Filosofia, da Ética e da Estética para averiguar tanto a procedência das teses pós-modernas, quanto a sua eventual repercussão no campo da Educação. Trata-se, portanto, de defender o ponto de vista de que não é mais satisfatório rejeitar, em princípio, os argumentos dos chamados pós-modernos, mas de averiguar se sua leitura da realidade contemporânea é justificada ou não e, na seqüência, avaliar as implicações para o campo da teoria e da prática educacionais.The postmodern criticism of the directions of modernity has given rise to an intense discussion over some of the basic presuppositions of the Enlightenment tradition. Among these one finds the notions of philosophy of history, of subject, and of values. We live in a troubled moment of history in which not just the philosophy of history, but also reason and subjectivity, the foundations and values, the identities and certainties, become ambiguous. The vacillation over these cornerstone concepts, that guide the thought and action of the

  19. Oxigênio : uma experiência educacional de história e filosofia da ciência no teatro

    OpenAIRE

    Medina, M.; Braga Barbosa, M.

    2009-01-01

    Neste comunicação pretendemos apresentar uma experiência didática onde o teatro foi utilizado como motivador de uma aprendizagem complexa que envolveu as relações entre História, Filosofia da Ciência e Arte. A experiência aqui descrita refere-se a encenação de um texto adaptado da peça Oxigênio por alunos de ensino secundário. O trabalho foi acompanhado por uma investigação etnográfica sobre a aprendizagem e interesses dos alunos em relação à Química e às humanidades. O processo cobriu várias...

  20. Filosofia da educação e imagens de docência: o professor viajante ou alquimista?

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    AMARILDO LUIZ TREVISAN

    2013-01-01

    Full Text Available El artículo desea relacionar el problema de la formación con las imágenes del maestro fomentadas en las últimas ponencias del Grupo de Trabajo Filosofía de la Educación de la Asociación Nacional de Posgrado y Pesquisa en Educación (ANPEd, para entender mejor los modelos de docencia propuestos. Entre las imágenes que emergen de esas producciones, dos configuraciones distintas de docencia se destacan: el “maestro alquimista” y el “maestro viajero”. La primera está profundamente apoyada en las narrativas que dan soporte al proyecto de formación de la modernidad, es decir, de la transformación, de la emancipación, de la conciencia, entre otras; la segunda se relaciona a una imagen del maestro en que los procesos formativos se van ampliando en la propia relación pedagógica. Estas dos configuraciones, de alguna manera, han apoyado las discusiones sobre la formación del profesorado y promueven, con efecto, la construcción de imágenes-modelos del profesor. Sus características fundamentales delinean diferentes caminos para la constitución y el ejercicio de la docencia.

  1. Ginástica artística competitiva e a filosofia dos técnicos Competitive artistic gymnastics and coaches' philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Myrian Nunomura

    2012-12-01

    Full Text Available O presente estudo é um recorte do projeto original intitulado "Diagnóstico do Processo de Formação Esportiva da Ginástica Artística no Brasil". Um dos temas de análise foi a filosofia de trabalho dos técnicos que atuam nas categorias de base e preparam os potenciais ginastas para as seleções nacionais. Entrevistamos 46 técnicos de 29 instituições esportivas do Brasil. Para a coleta dos dados utilizamos a entrevista semiestruturada e, para o tratamento dos dados, a análise de conteúdo proposta por Bardin (2010. Constatamos que a base filosófica ainda é inconsistente e que, em muitas instituições, esta se confunde com os próprios objetivos do programa de treinamento ou simplesmente inexiste. O fato merece considerações e criticas, mas sabemos que a filosofia não é desenvolvida durante os cursos de formação dos técnicos.The current study is a piece from the original project entitled "Diagnosis of the Artistic Gymnastics Development Program in Brazil". Among others issues, the coaching philosophy of coaches who are developing gymnasts that may be representative of the national team was a matter of analysis. We interviewed 46 coaches from 29 sports institutions in Brazil. As data collection we used a semi-structured interview and for data treatment we adopted the content analysis method of Bardin (2010. We have found out that there is an inconsistent philosophical basis, and in many institutions this has been mixed up with the objectives of the training program or just doesn't exist. This fact needs consideration and criticism, but we know that the coaching philosophy is not developed during the coaching education courses.

  2. Integrar cultura e humanismo: desafio pedagógico da Filosofia no Ensino Superior Integrating culture and humanism: the challenge of teaching Philosophy in High Education

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antônio Joaquim Severino

    2012-12-01

    Full Text Available O ensaio visa debater a relevância e a necessidade da Filosofia nos currículos de todos os cursos universitários, mostrando que a presença desse componente formativo é imprescindível como mediação pedagógica no Ensino Superior, tendo em vista a finalidade intrínseca da formação universitária. Parte da premissa de que essa formação, além de garantir aos profissionais preparo científico e técnico, deve lhes assegurar maturidade e sensibilidade intelectuais que gerem referências conceituais e valorativas para a intencionalização de suas práticas no mundo do trabalho, no universo social e na esfera cultural. Defende então que a Filosofia pode exercer esse papel formativo ao explicitar e discutir os problemas do conhecimento, da ação e da existência e, assim, contribuir significativamente para tornar mais consistente a qualificação dos profissionais.This essay aims to discuss the relevance and need for Philosophy in the curriculum of all university courses, showing that the presence of this component is essential as formative mediation in University Education, in view of its intrinsic purpose. It assumes that such formation, in addition to ensure scientific and technical preparation to the professional, it must assure them intellectual maturity and sensitivity that generate conceptual and evaluative references to orientate their practices in the workplace, in the social universe and in the cultural sphere. It then argues that Philosophy can play this formative role explaining and discussing the problems of knowledge, action and existence and thus contributing significantly to make professional qualification more consistent.

  3. Analisi molecolare con Risonanza Magnetica Nucleare del tessuto miocardico in pazienti affetti da malattia di Anderson-Fabry: valore aggiunto della Risonanza Magnetica Cardiaca nell'identificazione e nel follow-up dei pazienti affetti da malattia di Anderson-Fabry in trattamento con enzima ricombinante agalsidase beta a dopo "switch therapy" con agalsidase alfa

    OpenAIRE

    Messalli, Giancarlo

    2013-01-01

    Scopo La malattia di Anderson-Fabry è determinata da un disordine multi-sistemico del metabolismo lipidico dovuta alla carenza dell’enzima idrolitico α-galactosidase A (α-Gal A), secondario ad una alterazione del cromosoma X, che provoca un accumulo di “globotriaosylceramide” (Gb3) nelle cellule e nei tessuti in genere per malfunzionamento dei lisosomi. Tale accumulo provoca danni al cuore, ai reni ed al sistema cerebro-vascolare. In particolare la mancata degradazione dei glicosfingolipid...

  4. Le misure di riorganizzazione del personale alle dipendenze della p.a. Tra obiettivi di efficienza ed esigenze di razionalizzazione della spesa pubblica

    OpenAIRE

    Alessandro Riccobono

    2012-01-01

    Riassunto- Il saggio analizza le politiche di riorganizzazione del personale alle dipendenze delle p.a., alla luce delle più recenti modifiche legislative. Secondo le più recenti analisi statistiche, la Pubblica Amministrazione italiana registra, a livello strutturale, numerose inefficienze correlate all’irrazionale distribuzione delle risorse umane. Per ovviare a dette disfunzioni, il legislatore è intervenuto a più riprese sul quadro normativo in materia di mobilità, modificando sia la dis...

  5. Effetti dell’introduzione dei Principi contabili internazionali sul principio di derivazione del reddito d’impresa dal risultato di bilancio

    OpenAIRE

    Silvestri, Leonardo

    2014-01-01

    Con il presente lavoro si è tentato di verificare se le ragioni che hanno portato l’ordinamento italiano ad adottare il principio della derivazione del reddito d'impresa dal risultato contabile, possano essere considerate ancora attuali alla luce dell'introduzione dei principi IAS/IFRS nel nostro sistema contabile. In particolare, si è cercato di esaminare se questo collegamento ai principi contabili internazionali, introdotto nel nostro ordinamento anche per la redazione dei bilanci d'eserci...

  6. Infanzie e Famiglie come snodi di criticità e risorse socio-educative: un anno di ricerca del Dipartimento di Scienze dell’Educazione

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariagrazia Contini

    2010-02-01

    Full Text Available Con i saggi che seguono si intende costruire una sorta di “numero monografico” della nostra rivista interamente dedicato alla ricerca biennale dal titolo "Infanzie e famiglie come snodi di criticità e possibilità socio-educative". Coordinata dalla sottoscritta, la ricerca vede impegnati 34 docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’Educazione che la finanzia, con un contributo della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Bologna.

  7. Applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) per la valutazione della sostenibilità ambientale di prodotti, processi e tecnologie del settore agro-alimentare

    OpenAIRE

    Manfredi, Michele

    2015-01-01

    Obiettivo di questo lavoro di tesi è quello di mettere in luce alcune tra le principali sfide cui il settore agroalimentare è chiamato a far fronte nel prossimo futuro al fine di migliorare la propria sostenibilità ambientale. Nel presente elaborato sono riportati diversi casi studio riguardanti la valutazione di impatto ambientale mediante la metodologia del Life Cycle Assessment (LCA) relativa a casi applicativi esemplificativi che fanno riferimento, più o meno direttamente, alla filiera de...

  8. La maiolica arcaica pisana a Cagliari, status quaestionis alla luce delle nuove scoperte

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Francesca Porcella

    2012-07-01

    Full Text Available L’elaborato prende in considerazione le testimonianze per lo più edite di maiolica arcaica pisana a Cagliari. Il saggio è aperto da una breve introduzione sulle caratteristiche tecnico-formali, le fasi produttive e la diffusione in Sardegna. Segue l’analisi dei più rilevanti contesti di Cagliari (tra cui la chiesa di Santa Chiara, piazza San Cosimo, vico III Lanusei e si dà particolare rilievo al contesto di San Domenico. L’obiettivo è la riconsiderazione di un importante fenomeno della cultura materiale del Basso Medioevo a Cagliari, per trarne alcune considerazioni generali sulla sua reale consistenza e commercializzazione.   This is a work on the archaic pisan majolica’s evidences in Cagliari, mostly published. The essay begin with a concise introduction on this potter’s technical-morphological features, production’s stages and presences in Sardinia. Then will be take in consideration the most relevant situations in the city, as the Santa Chiara church, the San Cosimo square, the vico III Lanusei con­text and, chiefly, the San Domenico context. The objective is to re-examine a revealing phenomenon about material culture in later medieval age in Cagliari, for draw from a new viewpoint some general estimation on his true consistence and commercialization.

  9. María Zambrano e Cristina Campo: amicizia e destino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Adele Ricciotti

    2014-01-01

    Full Text Available Il presente saggio intende analizzare l'amicizia e la relazione intellettuale instauratasi tra María Zambrano e Cristina Campo durante la seconda metà degli anni Cinquanta a Roma, testimoniata dalle lettere scritte da Cristina Campo all'amica e pubblicate in Italia. La vicinanza del pensiero e del sentimento religioso che le caratterizza è senz'altro un motivo d'indagine. Questa importante corrispondenza è inoltre studiata in relazione alla filosofia di Simone Weil, figura mediatrice che unisce le due autrici.

  10. Maddalena Mazzocut-Mis, Il senso del limite: il dolore, l'eccesso, l'osceno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sabrina Antonella Abeni

    2011-04-01

    Full Text Available Qual è il limite oltre il quale la fruizione di un'opera non può più essere considerata estetica? Quali possono essere considerati i confini del “buon gusto”? Quali meccanismi scattano in noi davanti alla visione di scene spiacevoli, anche se fittizie? A partire da questi interrogativi, quest'opera affronta un'analisi del patetico, disgustoso, orrorifico e osceno, facendo riferimento soprattutto alle riflessioni estetiche nel Settecento, epoca nella quale, per la prima volta, si realizzano studi sul rapporto tra soggettività del piacere e universalità del concetto di gusto, riflettendo sui motivi per cui immagini che nella realtà sarebbero disturbanti, nella finzione artistica possono provocare diletto.

  11. Filosofia e teologia nelle opere di Alano di Lilla: pluralità delle forme letterarie e unitarietà del sapere

    OpenAIRE

    Piemonte, Fabio

    2014-01-01

    2012 - 2013 This research is aimed at clarifying the relationship between philosophy and theology in the works of Alan of Lille, who is termed by his contemporaries Doctor Universalis also because of his figure of unfailing polygraph who experimented greatly successfully multifarious literary genres, from summa to philosophic poem, from the theological axiomatic to the apologetics, from the theological dictionary to the biblical exegesis. Every literary form adopted by the master of Lilla ...

  12. La produzione cartografica del CIGA

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maurizio Monteleone

    2006-12-01

    Full Text Available L’ Aeronautica Militare per poter assolvere la propria missione ha la necessità di conoscere l’ambiente in cui opera, le caratteristiche morfologiche del territorio e le informazioni relative agli spazi aerei. Già agli albori del volo fu avvertita l’esigenza di avere una cartografia adeguata alle esigenze del nuovo mezzo e furono quindi fatti notevoli sforzi per realizzare carte dedicate alla navigazione aerea: nel 1923 fu pubblicata una carta aeronautica in scala 1:250.000, probabilmente la prima al mondo nel suo genere. A seguito dell’introduzione di sempre più sofisticati sistemi d’arma, fu necessaria la creazione di un Ente specifico che potesse dedicarsi con competenza e specificità all’attività produttiva nel settore della cartografia aeronautica. Il 15 febbraio 1976 presso il palazzo dell’Aeronautica Militare. fu così creato il CIGA (Centro Informazioni GeotopograficheAeronautiche al quale furono affidati i compiti esecutivi della preesistente Sezione Fotocartografica dello SMA che gestiva dal 1941 tutta l’attività cartografica dell’Aeronautica Militare. Nel 1977 il CIGA venne trasferito sull’Aeroporto di Pratica diMare. Dal primo gennaio 2001 il CIGA è ufficialmente riconosciuto come Organo Cartografico dello Stato

  13. Petroleum market instability and enterprise rule; Instabilita' del mercato petrolifero e ruolo delle imprese

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Vacca' , S. [Milan Univ. Bocconi, Milan (Italy); Citterio, G. [Saras, S.p.A. (Italy); Pesce, P. [Istituto di Economia delle Fonti di Energia, Milan (Italy)

    2000-09-01

    Special importance is given to some producer country (Saudi Arabia, Iraq, Kuwait, Iran, United Arab Emirate, Venezuela) that determine the trend of petroleum price. These countries have about the 70% of world petroleum reserves against the 3% of world population. [Italian] Nello studio dell'instabilita' del mercato internazionale del petrolio, si e' finora attribuita particolare importanza al ruolo che svolgono alcuni Paesi produttori, in particolare i sei grandi produttori (Arabia Saudita, Irak, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Iran e Venezuela) che sono in grado, anche associandosi ad altri (OPEC), di determinare, attraverso l'autoimposizione delle quote di produzione, gli andamenti del prezzo del petrolio, che si ripercuotono assai negativamente sulla complessiva economia petrolifera mondiale. A tal riguardo occorre, infatti, avere sempre presente che questi Paesi possiedono circa il 70% delle riserve mondiali di petrolio, pur rappresentando meno del 3% della popolazione mondiale. Da qui anche l'interpretazione del fenomeno dell'instabilita' come conseguenza di una contrapposizione sostanzialmente politica fra Paesi capitalistici industrializzati e Paesi produttori di petrolio. La consapevolezza della forte rigidita' della domanda di petrolio, unitamente alla sua concetrazione in determinate aree geografiche, prevalentemente in Medio Oriente, ha reso quello del petrolio un argomento con forti connotazioni politiche, contrapponendo due sistemi socio-culturali, quello occidentale e quello arabo, che fino agli anni '60 non avevano particolari motivi per essere in disaccordo, ma che hanno attraversato molti momenti caldi, dopo la crisi israeliana e la crescente necessita' di energia per l'economia globale. Con il passare del tempo tale contrapposizione, legata anche alla volonta' da parte dei Paesi produttori di sfruttare al massimo le rendite petrolifere, ha portato alla costituzione di societa' nazionali

  14. Il diritto alla propria storia: una riflessione intorno a resilienza, educazione e racconto di sé

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Ius

    2010-06-01

    Full Text Available Ciò che caratterizza la condizione umana è la memoria semantica, la memoria del racconto intimo che ci si fa, quando, nella propria solitudine, ci si racconta la propria ferita, cosa ci è successo, e lì ci si può rendere prigionieri del proprio passato.

  15. Sobre corpos e monstros: algumas reflexões contemporâneas a partir da filosofia da diferença Sobre cuerpos y monstruos: algunas reflexiones contemporáneas About bodies and monsters: some contemporary reflections

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carlos Augusto Peixoto Junior

    2010-03-01

    Full Text Available Este artigo tem como objetivo geral discutir algumas relações entre o corpo e o fenômeno do monstro - teratológico ou ficcional -, procurando avaliar os abalos que a figura monstruosa provoca nos modelos de apreensão da subjetividade construídos prioritariamente a partir dos referenciais da representação e da identidade. Em termos mais específicos, partindo principalmente de autores alinhados à filosofia da diferença, são discutidas algumas possibilidades de subversão suscitadas pela monstruosidade em suas relações com o corpo, tais como as que ocorrem nos campos da ciência, da cultura, dos estudos de gênero e de uma política de subjetivação. O que se procura ressaltar em todas essas vertentes é que, ao afirmar sua diferença radical, a figura do monstro abre novas vias de acesso ao devir e à singularidade.Este artículo tiene como objetivo general discutir algunas relaciones entre el cuerpo y el fenómeno del monstruo - teratologico o ficcional -, buscando evaluar las conmociones que la figura monstruosa provoca en los modelos de aprehensión de la subjetividad construidos principalmente desde los referenciales de la representación y de la identidad. En términos más específicos, partiendo prioritariamente de autores alineados con la filosofía de la diferencia, si discuten diversas posibilidades de subversión suscitadas por la monstruosidad en sus relaciones con el cuerpo, tal como los que ocurren en los campos de la ciencia, de la cultura, de los estudios de género y de una política de subjetivación. El que si busca resaltar en todas estas vertientes es que, al afirmar su diferencia radical, la figura del monstruo abre nuevas maneras de acceso al devenir y a la singularidad.This work has as its general aim to argue about some relations between the body and the phenomenon of the monster - teratological or fictional -, trying to evaluate the shocks that the monstrous figure provokes in the models of apprehension of

  16. A poesia como fonte histórica para o estudo da filosofia do direito Poetry as historical source to the study of philosophy of law

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Moacyr Motta da Silva

    2010-11-01

    Full Text Available This study aims to demonstrate, from reading the classic poetry of Homero, that its verses, created by the author, form a rich source of topics to Philosophy of Law. So, it is important to detach that the work which was object of this research is a poetry. Homero seems to have it written with the aim of demonstrating that, even in its poetic art, the artist uses the principles of Moral, Ethics, Justice to point that no Society sustains itself in the richness of achieving robbery, treachery, lies. From this universe of themes, the author elaborated the following topics: The Prediction of Tragedy; 2.0 The war between two kingdoms: the first cause; 3.0 First Reading of Moral; Second Reading of Politics; Reading III Poetic Esthetics, Reading IV Symbolic – the balance as an Instrument of Equilibrium; Reading V The Judge; Reading VI About Religious and Society; Reading VII The Poetry of Homero as an educational instrument. This introspective research, developed based on the poetry of Homero, aims to detach topics related to Philosophy of Law.O estudo procura demonstrar, a partir da leitura da clássica poesia de Homero, que os versos produzidos pelo autor constituem uma rica fonte de temas para a Filosofia do Direito. Releva assinalar que a obra pesquisada se constitui de uma poesia. Homero parece tê-la escrita com o objetivo de demonstrar que, até mesmo na arte poética o artista pode valer-se dos princípios da Moral, da Ética, da Justiça para assinalar que nenhuma Sociedade se sustenta na riqueza da conquista por assaltos, traições, mentiras. A partir deste universo temático, o autor elaborou os seguintes tópicos: A predição da Tragédia; 2.0 A Guerra entre Dois Reinados: causa primeira; 3.0 Leitura I Da Moral. Leitura II Da Política; Leitura III Estética poética; Leitura IV O simbólico – a Balança como Instrumento de Equilíbrio; Leitura V Do Juiz. Leitura VI Da Cultura Religiosa e Sociedade; Leitura VII A poesia de Homero como

  17. Chaumont 2004: disordine apparente, ordine reale: la teoria del caos e l’arte dei giardini

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudia Maria Bucelli

    2015-11-01

    Full Text Available Nella sua tredicesima edizione il Festival Internazionale di Chaumont-sur-Loire propone uno dei temi di riflessione più avanzati della speculazione scientifica contemporanea, la Teoria del Caos. Chiamati a confrontarsi con un argomento già ampiamente oggetto di dibattiti scientifici e riflessioni filosofiche e artistiche, i 23 vincitori di quest’anno hanno allestito giardini sui quali si indaga sotto il profilo sia speculativo che intuitivamente creativo, ricercando una lettura trasversale, supportata dalle dirette testimonianze dei Concepteurs, delle complesse dinamiche teoriche e culturali alla base della contemporanea speculazione attorno al giardino. 

  18. Servizi di infomobilità nei trasporti del Comune di Roma

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Flaminia Leggeri

    2013-08-01

    Full Text Available Uno degli obiettivi di ATAC, azienda dei trasporti del Comune di Roma, è quello di fornire informazioni sul servizio di trasporto pubblico da lei operato ad un bacino di utenza sempre più vasto. In quest’ottica ha sviluppato il progetto “ATAC per le aziende” con particolare sensibilità alla Mobilità Sostenibile.One of the objectives of ATAC, the Transportation company of the City of Rome, is to provide information about the service public transport. In this context, it developed the project "ATAC for companies" with particular sensibility to Sustainable Mobility. 

  19. Tecnologie mobili e apprendimento. Alcune considerazioni sull’uso del sistema

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luciano Seta

    2013-03-01

    Full Text Available In questo articolo si propone una riflessione critica sull'uso delle tecnologie mobili per l'apprendimento, il cosiddetto mobile learning. A partire da una lunga esperienza sul campo, si analizza un progetto di mobile learning, il progetto MoULe (Mobile and Ubiquitous Learning, dalla fase di progettazione alla sua concreta sperimentazione in contesti educativi reali. In questa analisi si cerca di rendere esplicite sia le suggestioni teoriche, esplicite e implicite, che hanno guidato la progettazione del sistema tecnologico, sia il reale impatto che il suo uso ha avuto sugli studenti e all'interno delle classi.

  20. Ciências da Linguagem e Filosofia: uma análise das relações entre Linguística, Psicolinguística e Neurociências sob a ótica da Filosofia da Mente = Language Sciences and Philosophy: analyzing the relations between Linguistics, Psycholinguistics and Neurosciences under a Philosophy of Mind point of view

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ferrari-Neto, José

    2012-01-01

    Full Text Available Algumas questões relativas à interface entre Linguística, Psicolinguística e Neuro-ciências são apresentadas e discutidas, em especial os problemas da incomensurabilidade ontológica e da granularidade (Poepp el e Embick, 2005, os quais ganham novos contornos quando considerados à luz do Problema da Redução na Filosofia da Mente (Heil, 1998; Teixeira, 2000. Dessa perspectiva, ambos os problemas são analisados a partir de propostas de solução do Problema da Redução formuladas no âmbito das teorias filosóficas da identidade, do reducionismo, do funcionalismo e da superveniência. Avalia-se a pertinência dessas propostas no que concerne à incomensurabilidade e à granularidade, ambas tomadas como fundamentais no estudo das possíveis interfaces entre as ciências da linguagem

  1. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  2. Furio Jesi, Irène Némirovsky e la macchina mitologica del sangue ebraico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Rondini

    2015-11-01

    Full Text Available A partire dagli studi di Furio Jesi sull’accusa del sangue rivolta nei secoli contro gli ebrei, l’articolo analizza alcuni romanzi della scrittrice francese Irène Némirovsky in riferimento al tema del sangue. In particolare viene preso in considerazione Il Signore delle anime nel quale sembrano emergere tutte le caratteristiche mitologiche e gli stereotipi antisemiti collegati all’accusa del sangue, dal vampirismo alla natura selvaggia dell’ebreo alla sua capacità/necessità di mimetizzarsi all’interno della società. Starting from Furio Jesi’s studies on blood accusation directed against Jews over the centuries, the article analyses some novels of French writer Irène Némirovsky in reference to the theme of blood. In particular the article takes into consideration Master of souls in which seem to emerge all the mythological features and the  anti-Semitic stereotypes related to blood accusation, from vampirism to the wild nature of the Jew to his ability/need to camouflage himself within society.

  3. Primi dati sulla chirotterofauna del Parco Nazionale del Circeo (Lazio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Mastrobuoni

    2003-10-01

    Full Text Available Il Parco Nazionale del Circeo è situato sulla costa del Lazio meridionale, nella provincia di Latina, ed ha un?estensione di circa 8.400 ha. Il territorio è caratterizzato da una notevole complessità di ambienti rappresentati principalmente dalla foresta planiziale, da quattro laghi costieri (Fogliano, Monaci, Caprolace, Sabaudia con gli acquitrini circostanti, dalla duna litoranea, dal Promontorio del Circeo (Picco di Circe 541 m s.l.m. e dall?Isola di Zannone. Grazie alla sua elevata diversità ambientale ed all?ampia disponibilità di habitat acquatici importanti per il foraggiamento, il Parco è, potenzialmente, un?area di notevole interesse per i Chirotteri. Il livello di conoscenza scientifica di molti gruppi di Vertebrati terrestri del territorio dell?area protetta si presenta ancora molto scarno e lacunoso; in particolare i Chirotteri costituiscono molto probabilmente il gruppo in assoluto meno conosciuto. Dal febbraio 2002 gli autori hanno avviato una ricerca sulla composizione in specie e sulla distribuzione della chirotterofauna del Parco. Nell?ambito della ricerca sono state utilizzate tecniche di rilievo diretto, quali l?ispezione di cavità naturali ed artificiali, edifici, resti archeologici, ponti, con cattura e successivo rilascio di alcuni individui; con l?ausilio di un bat detector, nelle modalità ?divisione di frequenza? ed ?eterodina?, sono state effettuate perlustrazioni del territorio dell?area protetta per individuare quei siti caratterizzati da una notevole attività di volo e di foraggiamento e quindi predisporre, per la stagione di campo 2003, un protocollo di catture con mist nets. L?indagine ha permesso, fino ad oggi, di ottenere una prima serie di dati; è stata rilevata la presenza di: Rhinolophus ferrumequinum, Rhinolophus hipposideros, Myotis myotis, Myotis daubentonii, Pipistrellus kuhli, Tadarida teniotis. A queste vanno aggiunte tre

  4. Marxismo e filosofia: algumas considerações sobre os textos políticos Merleau-Pontyanos do pós-guerra

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristina Diniz Mendonça

    1987-01-01

    Full Text Available A tentativa merleau-pontyana de aproximação do marxismo, empreendida nos idos do pós-guerra, é perpassada por constante ambigüidade. Não obstante o propósito do filósofo de se filiar à teoria de Marx, suas análises políticas revelam-se distantes de suas intenções. Concebendo a história como uma "aventura" que escapa a qualquer esquema racional, Merleau-Ponty questiona, desde seus primeiros escritos, a dialética marxista entre lógica e contingência na história. A tensão interna que dilacera os textos do autor nos anos 40, anunciando (e preparando a recusa da teoria da revolução estampada mais tarde nas Aventuras da Dialética, permite indagar se esse desfecho dos anos 50 não teria sido, ao invés de um corte no interior da obra, o resultado necessário dessa tentativa problemática de aproximação do marxismo a partir de categorias que lhe são estranhas (próprias às filosofias da existência e à fenomenologia.

  5. Hirsch's index: a case study conducted at the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    N. Torro-Alves

    2007-11-01

    Full Text Available An analysis of scientific bibliographic productivity using the Hirsch h-index, information from the Institute of Scientific Information database and the Curriculum Lattes (CNPq, Brazil was performed at the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo (FFCLRP-USP that has four departments in natural, biological and social sciences. Bibliometric evaluations of undergraduate programs showed a better performance of the departments of Chemistry (P < 0.001 and Biology (P < 0.001 when compared to the departments of Physics and Mathematics and Psychology and Education. We also analyzed the scientific output of the six graduate programs of FFCLRP: Psychology, Psychobiology, Chemistry, Physics Applied to Medicine and Biology, Comparative Biology, and Entomology. The graduate program in Psychology presented a lower h-index (P < 0.001 and had fewer papers indexed by the ISI web of science (P < 0.001 when compared to the other graduate programs. The poorer performance of the Psychology program may be associated with the limited coverage by the Thompson Institute of Scientific Information database.

  6. Continuidade ou ruptura? Uma análise de alguns aspectos da filosofia social de John Stuart Mill, Alfred Marshall e John Maynard Keynes

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    LAURA VALLADÃO DE MATTOS

    2015-06-01

    Full Text Available O artigo argumenta que é possível se falar em uma 'tradição' no campo de filosofia social e econômica unindo as obras de J.S. Mill e Alfred Marshall e J.M. Keynes. Essa 'tradição' pode ser caracterizada pelas seguintes concepções: (a pela rejeição moral aos valores aquisitivos do capitalismo; (b pela visão de que o sistema capitalista seria incapaz de resolver de forma espontânea as questões das desigualdades de renda e riqueza e da pobreza; (c pela ideia de que, por uma questão de garantia de liberdade e da diversidade, além de por questões de eficiência econômica, dever-se-ia deixar a iniciativa individual agir livremente nas esferas em que é capaz de engendrar bons resultados, mas que o Estado deveria intervir, quando essa falha, atuando em benefício da coletividade; (d pela crença de que seria possível melhorar significativamente esse sistema por meio de mudanças pontuais e graduais.

  7. Filosofia buberiana e a produção da pós-graduação Stricto Sensu brasileira: revisão integrativa

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Diego Schaurich

    2011-12-01

    Full Text Available Revisão integrativa que objetivou caracterizar a produção do conhecimento da Pós-Graduação Stricto Sensu brasileira que se desenvolveu à luz da filosofia de Martin Buber. A coleta de dados ocorreu no Banco de Teses da CAPES e 66 produções compuseram a amostra. O período de 2003 a 2007 agrupou a maioria dos estudos que foram defendidos em programas de Educação e Psicologia. A maior parte foi produzida na região Sudeste e focada nas temáticas processo ensino-aprendizagem e sexualidade humana. Conclui-se que a utilização deste referencial, por sua abrangência e complexidade, tem servido a diferentes disciplinas do conhecimento no subsídio a distintos objetos de investigação. Ainda, configura uma alternativa à saúde e à Enfermagem para o desenvolvimento do cuidado relacional-dialógico e humanístico.

  8. The origins of psychology in Italy: Themes and authors that emerge through a content analysis of the Rivista di Filosofia Scientifica [Journal of Scientific Philosophy].

    Science.gov (United States)

    Bartolucci, Chiara; Lombardo, Giovanni Pietro

    2012-08-01

    This article examines the scientific-cultural context of the second half of the 1800s, during which psychological science emerged in Italy. The article explores the contribution made by the emergence of the primary research traditions of that period, namely, physiological anthropology and phreniatry, by means of a methodology that combines content analysis with a classical historiographical study of the period. Themes and authors deriving from the various disciplines in the human and natural sciences were identified through a content analysis of the Rivista di Filosofia Scientifica [Journal of Scientific Philosophy], a periodical that is representative of Italian positivism. The analysis highlights the epistemological perspective held by scholars who, distancing themselves from the mechanistic reductionism of the proponents of positivism, integrated a naturalistic and evolutionary conceptualization with the neo-Kantian critique. A clearly delineated naturalistic and differential perspective of scientific research that brought about the birth of psychology as an experimental discipline in Italy in the 1900s emerges from the analysis, including psychology and psychopathology as studied by the phreniatrists Gabriele Buccola, Enrico Morselli, and Eugenio Tanzi; Tito Vignoli and Giuseppe Sergi's work in comparative anthropology; Giulio Fano's approach and contribution to physiology; and Enrico Ferri's contribution to criminology. (PsycINFO Database Record (c) 2012 APA, all rights reserved).

  9. Hirsch's index: a case study conducted atthe Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo.

    Science.gov (United States)

    Torro-Alves, N; Herculano, R D; Terçariol, C A S; Kinouchi Filho, O; Graeff, C F O

    2007-11-01

    An analysis of scientific bibliographic productivity using the Hirsch h-index, information from the Institute of Scientific Information database and the Curriculum Lattes (CNPq, Brazil) was performed at the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras de Ribeirão Preto, Universidade de São Paulo (FFCLRP-USP) that has four departments in natural, biological and social sciences. Bibliometric evaluations of undergraduate programs showed a better performance of the departments of Chemistry (P < 0.001) and Biology (P < 0.001) when compared to the departments of Physics and Mathematics and Psychology and Education. We also analyzed the scientific output of the six graduate programs of FFCLRP: Psychology, Psychobiology, Chemistry, Physics Applied to Medicine and Biology, Comparative Biology, and Entomology. The graduate program in Psychology presented a lower h-index (P < 0.001) and had fewer papers indexed by the ISI web of science (P < 0.001) when compared to the other graduate programs. The poorer performance of the Psychology program may be associated with the limited coverage by the Thompson Institute of Scientific Information database.

  10. Book review. Anestesia e analgesia locoregionale del cane e del gatto. Francesco Staffieri

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Graziani

    2014-03-01

    Full Text Available Il volume di anestesia e analgesia locoregionale del cane e del gatto è pensato per essere un testo "da sala operatoria" – come afferma l'autore – perché consente un rapido, ma allo stesso tempo dettagliato, consulto per il libero professionista che si trova a gestire un'anestesia. Si tratta di un piccolo libro, tascabile, che può essere considerato un punto di partenza per gli studenti e per tutti quei medici veterinari che intendono avvicinarsi in maniera specialistica all'arte dell'anestesiologia veterinaria. L'anestesia locoregionale costituisce, infatti, uno strumento insostituibile per la gestione del dolore perioperatorio in medicina veterinaria. Nel volume si forniscono le nozioni di base per praticare i principali blocchi nervosi centrali e periferici. Per ogni blocco sono riportate le tecniche alla cieca (mediante l'ausilio dei punti di repere anatomici e quelle con l'impiego dello stimolatore nervoso periferico. Il volume, corredato da immagini foto e grafici, per un totale di 65 figure, si apre con i capitoli relativi ai farmaci, agli strumenti e alle complicanze dell'anestesia locoregionale. Prosegue con i blocchi nervosi centrali (anestesia epidurale e spinale e si conclude con i blocchi periferici (testa, arto anteriore, torace, arto posteriore. L'autore, Francesco Staffieri, è un medico veterinario che svolge il dottorato di ricerca nel Dipartimento delle Emergenze e dei Trapianti di Organi, Sezioni di Cliniche Veterinarie e Produzioni Animali dell'Università degli Studi Aldo Moro di Bari.

  11. Le unioni civili e il “passo del gambero” del Presidente della CEI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2016-02-01

    Full Text Available Fare “il passo del gambero” è un detto che può avere un significato alto, di cui è un esempio il libro (dal medesimo titolo di Günter Grass, autore che va “diritto al cuore delle cose, procedendo … di sghembo attraverso la storia, fra passato e presente” per potere guardare al futuro con la consapevolezza delle vicende vissute da ogni popolo, da ogni persona con fatica, errori, dolore. Ha poi un significato meno nobile, diffuso al punto d’essere assurto a luogo comune, che richiama l'agire di quanti, nell’affrontare le scelte richieste dalla vita, collettive o personali che siano, usino fare (figurativamente un passo avanti per farne poi alcuni all’indietro. Ora, la vicenda delle unioni civili – e in particolare il tema dell’adozione del figlio del compagno nella coppia di persone dello stesso sesso – avrebbe consentito alla Chiesa italiana di parlare ai fedeli e all’intero paese prescegliendo l’uno o l’altro dei significati.

  12. Del Piero

    OpenAIRE

    Umbaca, Enzo

    2015-01-01

    Rifacendosi al “Pinturicchio”, epiteto con cui Gianni Agnelli consacrava il calciatore Alessandro Del Piero un “artista del calcio”, Enzo Umbaca scrisse al popolare personaggio invitandolo a collaborare ad una performance durante la quale Pinturicchio-Del Piero avrebbe affrescato il muro di una galleria torinese calciando un pallone macchiato di grafite contro un muro sul quale è appesa la copia di un opera del Pinturicchio.

  13. Approccio strategico alla produzione

    OpenAIRE

    Simoni, Christian

    2002-01-01

    The strategic value of operations is the leitmotif that runs through the entire book. Based on this, in the first chapter the author proposes a reading of production strategy that goes beyond a content and category approach to include aspects of positioning (strategic groups of manufacturers), goals, perspectives, strategic ploys, patterns and plans as well as resources and skills. Chapter two then addresses world class manufacturing, conceived as a system of basic principles, guidelines and ...

  14. Jagatud kriisid / Anu Allas

    Index Scriptorium Estoniae

    Allas, Anu, 1977-

    2007-01-01

    IV "Ars Baltica" fotokunstitriennaal "Don't Worry - Be Curious" Kumus kuni 30. IX. Kuraatorid Dorothee Bienert, Kati Kivinen, Enrico Lunghi. Pikemalt Tellervo Kalleineni ja Oliver Kochta-Kalleineni projektist "Kaebuste koorid", Arturas Valiauga fotoseeriast "Kallaste vahel", Olga Tshernõsheva videost "Pidulik unenägu", Talleiv Taro Manumi (sünd. 1968 Jaapanis, elab Norras) fotoseeriast "Tervitused Ringnesist", Alexander Vaindorfi installatsioonist

  15. Dal suono alla parola

    OpenAIRE

    Brandi, Luciana; Salvadori, Beatrice

    2004-01-01

    An up-to-date manual conceived to guide the reader through the most interesting and recent theories in the vast field of psycho-neuro-linguistics. After a review of the latest theories on the perception and production of language in adult and developmental age, the most recent studies on the relations between anatomy and cerebral functions are also discussed, opening up new perspectives on the study of language too.

  16. Condividere un’emozione

    OpenAIRE

    Salice, Alessandro

    2016-01-01

    Negli ultimi anni, un dibattito sempre più intenso si è sviluppato attorno alla nozione di intenzionalità collettiva o intenzionalità del noi. In questo dibattito, che coinvolge non soltanto la filosofia, ma anche molte discipline empiriche, emergono domande quali la possibilità di condividere attitudini cognitive (credenze, atti di accettazione…) o di natura conativa (intenzioni, desideri…) da parte di una pluralità di individui. Eppure, solo di recente l'interesse si è rivolto verso la cond...

  17. Aganone vescovo e la scrittura carolina a Bergamo alla metà del IX secolo: dinamiche ed eredità di un'innovazione culturale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gianmarco De Angelis

    2013-01-01

    Full Text Available The long-lasting episcopate of Aganone (837-867, a learned Frankish bishop strictly connected to the imperial court and to some of the most important intellectual of his time, represented a real turning point in Bergamo's history during Early Middle Ages, both in political and social fields, and for a whole regarding cultural expressions. The paper aims at pointing out the connections between the process of the definitive strengthening of Carolingian power in town and the innovations verifiable in the local literacy, which since the very first times of Aganone is characterized by a sudden and uniform adherence to the Caroline minuscule canon, so overcoming the graphic particularism and the cursive writing tendencies of the previous period. The hypothesis that Aganone's and his entourage's installation in Bergamo coincided with the formation of a graphic 'school' (or, at least, with the strong affirmation of an unitary cultural trend seems to be confirmed by the appearance, in the subscriptions, of notae tachigraphicae and other special chancellery signs, which from bishop's curia will spread later on also among notaries and other outstanding laymen, as a distinctive mark of urban élites.

  18. Un intreccio complesso : il ricorso alla Sede Apostolica da parte dei fedeli del Nuovo Mondo. Prime note su uno studio in corso1

    OpenAIRE

    Albani, Benedetta

    2013-01-01

    Nonostante la grande distanza tra Europa e America e gli ampi privilegi degli ordini religiosi e dei vescovi locali, durante tutta l’età moderna i cattolici residenti nell’America spagnola non smisero di ricorrere la papa per ottenere giustizia, grazie e concessioni di diverso genere, come dimostrano numerosi documenti conservati presso l’Archivio Segreto Vaticano. Questo contributo intende mettere in luce l’importanza dell’autorità e delle decisioni pontificie nel Nuovo Mondo e analizzare il...

  19. Il corpo della madre schiava, i corpi dei figli. Forme di resistenza alla schiavitù nell’America del XIX secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irene Fattacciu

    2009-12-01

    Full Text Available Slavery represents the most evident form of appropriation and exploitation of the body, notably of the female body. This article focuses on motherhood as a place of oppression and resistance to slavery. The devastating consequences of slavery on the mother-child relation is exemplified, in many slave narratives, by the account of when a child, realizing that he does not belong to his/her parents, perceives him/herself as a slave for the first time. Female slaves suffered a double form of exploitation, both economic (as work force and sexual: besides being exposed to the sexual abuses by masters and overseers, after 1807 they became the only precious resource to “produce” new slaves. The impotence and disillusion felt by enslaved mothers shaped contradictory and contrasting definitions of motherhood. This ambiguity was the centre of women’s daily resistance to slavery: if slavery denied parental role, the refusal of motherhood became the most explicit form of denial of women’s role in the maintenance of the slave system. The author also looks at the reinterpretation of these stories in 20th century literature, shifting the focus from motherhood as an aspect of slavery to investigating slavery in order to understand the evolving definition and practices of motherhood in history.Keywords: schiave, corpo, famiglia, maternità, madri, figli, racconti di schiavitù, resistenza, sessualità, infanticidio; female slaves, body, family, motherhood, mothers, children, slave narratives, resistance, sexuality, infanticide.

  20. Il corpo della madre schiava, i corpi dei figli. Forme di resistenza alla schiavitù nell’America del XIX secolo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Irene Fattacciu

    2010-05-01

    Full Text Available

    Slavery represents the most evident form of appropriation and exploitation of the body, notably of the female body. This article focuses on motherhood as a place of oppression and resistance to slavery. The devastating consequences of slavery on the mother-child relation is exemplified, in many slave narratives, by the account of when a child, realizing that he does not belong to his/her parents, perceives him/herself as a slave for the first time. Female slaves suffered a double form of exploitation, both economic (as work force and sexual: besides being exposed to the sexual abuses by masters and overseers, after 1807 they became the only precious resource to “produce” new slaves. The impotence and disillusion felt by enslaved mothers shaped contradictory and contrasting definitions of motherhood. This ambiguity was the centre of women’s daily resistance to slavery: if slavery denied parental role, the refusal of motherhood became the most explicit form of denial of women’s role in the maintenance of the slave system. The author also looks at the reinterpretation of these stories in 20th century literature, shifting the focus from motherhood as an aspect of slavery to investigating slavery in order to understand the evolving definition and practices of motherhood in history.

    Keywords: schiave, corpo, famiglia, maternità, madri, figli, racconti di schiavitù, resistenza, sessualità, infanticidio; female slaves, body, family, motherhood, mothers, children, slave narratives, resistance, sexuality, infanticide.

  1. Experiences on current national income measures with reference to environmental and natural resources; Esperienze e proposte relative alla correzione in senso ambientale delle misure del reddito nazionale

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Franzese, R.; Gaudioso, D. [ENEA, Casaccia (Italy). Dipt. Ambiente

    1995-06-01

    The environment provides both a source of goods and services and a `sink` for residues of the production and consumption processes. This is not reflected into conventional estimate of GDP (gross domestic product), the most commonly used measure of aggregate income. The purpose of this paper is to explore whether environmentally-adjusted national income measure can be derived. In the first part, the authors discuss both the shortcomings of the current national income measures, with reference to environmental and natural resources, and the debate on this issues; then they analyse the existing experiences to provide environmentally-adjusted indicators of national accounts. In the second part, the authors present an evaluation of the costs of environmental degradation in Italy in the period 1988-1990, based on the methodologies adopted in a pilot study carried out by UNSO (United Nations Statistical Office) and the World Bank for Mexico.

  2. Siti istituzionali e trasparenza: dalla legge 241/90 alla legge 69/2009 e alle riforme del Codice dell’amministrazione digitale

    OpenAIRE

    Sanna, Roberto

    2012-01-01

    This work addresses a theme back in the limelight both in the lexicon and in the community feeling: administrative transparency. “Glass House”, as he said Filippo Turati in 1908 about manner how all public bodies should be; or “House with tinted windows”, as Aldo Sandulli denounced in an article in 2007, a bitter commentary on the reforms introduced by legislator regarding the right of access? I have tried to figure out what was the legislative policy that has been lead in relation to t...

  3. Misura del ritardo accumulato dalla rotazione terrestre, DUT1, alla meridiana clementina della Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma

    CERN Document Server

    Sigismondi, Costantino

    2011-01-01

    The Clementine Gnomon is a solar meridian telescope dedicated to solar astrometry operating as a giant pinhole dark camera, being the basilica of Santa Maria degli Angeli the dark room. This instrument built in 1701-1702 by the will of pope Clement XI by Francesco Bianchini (1662-1729) gives solar images free from distortions, excepted atmospheric refraction, because the pinhole is opticsless. Similar historical instruments are in Florence (Duomo, by Toscanelli and Ximenes), Bologna (San Petronio, by Cassini), Milan (Duomo, by De Cesaris) and Palermo (Cathedral, by Piazzi). The azimut of the Clementine Gnomon has been recently referenced with respect to the celestial North pole, and it is 4'28.8"\\pm0.6", a comparison with similar coeval instruments is presented. Also the local deviations from a perfect line are known with an accuracy better than 0.5 mm. With these calibration data we used the Gnomon to measure the delay of the solar meridian transit with respect to the time calculated by the ephemerides (DUT1...

  4. Misura del ritardo accumulato dalla rotazione terrestre, DUT1, alla meridiana clementina della Basilica di Santa Maria degli Angeli in Roma

    OpenAIRE

    Sigismondi, Costantino

    2011-01-01

    The Clementine Gnomon is a solar meridian telescope dedicated to solar astrometry operating as a giant pinhole dark camera, being the basilica of Santa Maria degli Angeli the dark room. This instrument built in 1701-1702 by the will of pope Clement XI by Francesco Bianchini (1662-1729) gives solar images free from distortions, excepted atmospheric refraction, because the pinhole is opticsless. Similar historical instruments are in Florence (Duomo, by Toscanelli and Ximenes), Bologna (San Petr...

  5. Notas sobre o problema da explicação e da experiência no ensino da Filosofia Notes on the problem of explanation and experience in the teaching of Philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rodrigo Pelloso Gelamo

    2010-08-01

    Full Text Available Apesar do esforço dos defensores do ensino da Filosofia para que essa disciplina volte a fazer parte do Ensino Médio, observamos, atualmente, seu abandono nos cursos universitários. Notamos que hoje, na sociedade normalizada e no espaço educacional, não é mais valorizado o desenvolvimento integral do pensamento, mas a transmissão de uma série de conteúdos que, supostamente, dão condições para a integração do estudante no quadro do progresso tecnológico e proporcionam sua entrada no mercado de trabalho. Circunscrevendo-se nesse contexto, neste texto pretende-se investigar o espaço em que o ensino da Filosofia se desenvolve na atualidade. Delineando os contornos de um problema que emerge nos espaços institucionais universitários onde o ensino da Filosofia ainda persiste, procurou-se evidenciar em que bases a Filosofia é ensinada. Procurou-se, ainda, compreender quais consequências os modos de compreender o ensino da Filosofia trazem para o aprendizado do filosofar. Uma consideração a que se pode chegar, a partir deste estudo, é a de que o ensino da Filosofia além de não privilegiar, e muitas vezes negar, a experiência de pensamento que o aluno pode fazer e ter com o texto filosófico, contribui para o empobrecimento dessa mesma experiência do e com o filosofar.Despite the efforts of the proponents of the teaching of Philosophy to have the subject back into the Secondary School curriculum, we watch nowadays its neglect in higher education. We observe that today, in this normalized society and in the educational sphere, the integral development of thinking is no longer valued, in favor of the transmission of a series of contents which supposedly allow the student to fit into the picture of technological progress and gain access to the labor market. Centering on this context, the present text intends to investigate the space in which the teaching of Philosophy evolves today. By sketching the contours of a problem that

  6. Cinco puntos clave del pensamiento de Unamuno

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rafael Gómez Miranda

    2009-05-01

    Full Text Available El pensamiento de Unamuno es complejo y problemático. Realizar una lectura de los escritos de este autor, sin tomar previamente en consideración ciertos aspectos, puede resultar estéril y contradictoria. Examinando, a través de textos del propio autor, cómo concibe la “razón”, el “lenguaje”, la “filosofía” y la “realidad”, junto a la descripción de ciertos rasgos de su “personalidad”, queremos mostrar el talante verdaderamente filosófico de Unamuno, tantas veces puesto en cuestión. El presente artículo tiene como objeto exponer algunos puntos clave que pueden servir como indicadores para descubrir la riqueza y profundidad que encierra la obra del filósofo vasco.Palabras clave: Unamuno; Razón; Lenguaje; Filosofía; Realidad.ABSTRACTThe philosophical thinking of Unamuno is complex and problematic. Trying to interpret his writings previously taking into consideration certain aspects of his work could result fruitless and contradictory (paradoxical. The analysis of his conception of subjects like reason, language, philosophy and reality in his texts, together with the description of certain traits of his personality lead us to the real philosophical nature of his work, which has been repeatedly questioned by some authors. This paper is going to explain the main aspects of his work, which are the indicators to discover the true nature of the enriching and profound characteristics of the work of this Basque philosopher.Key words: Unamuno; Reason; Language; Filosofia; Reality.

  7. L'identità diacronica fra ontologia e metafisica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Franda

    2014-11-01

    Full Text Available n questo articolo mi occuperò del problema dell’identità diacronica, che riguarda l’identità di un ente nello stesso luogo o in diversi luoghi in tempi diversi. L’intento dell’articolo non è di trovare un possibile criterio per stabilire l’identità o meno di un oggetto nel tempo, bensì di capire se questo problema sia di pertinenza dell’ontologia, intesa come quella parte della filosofia che si occupa di rispondere alla domanda «che cosa c’è?», oppure della metafisica, intesa come quella parte della filosofia che si occupa di rispondere alla domanda «che cosa è?». Di primo acchito sembra che sia la metafisica a doversene occupare, ma attraverso l’esame delle teorie metafisiche tridimensionaliste e quadridimensionaliste, e di quella sequenzialista, a metà fra ontologia e metafisica, cercherò di mostrare come le cose stiano diversamente: la tesi qui sostenuta è che sia la metafisica che l’ontologia sono rilevanti nella questione dell’identità diacronica, ma che l’ontologia è in questo caso prioritaria rispetto alla metafisica.

  8. Movimenti della faglia del Iago di Cavazzo, in relazione con la locale caduta di pioggia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    M. MIGANI

    1972-06-01

    Full Text Available RIASSUNTO. — Si portano chiare testimonianze sull'esistenza di micromovimenti
    della faglia del Lago di Cavazzo (Tolmezzo, associati alla locale
    caduta di pioggia. Essi vengono registrati, sotto forma di rotazioni della
    verticale, dalle stazioni clinografiche sistemate nella centrale « Enel » di
    Somplago, ricavata in roccia. L a centrale si t r o v a sul bordo occidentale della
    grande faglia del lago. A sua volta la faglia del lago — che probabilmente si
    prolunga fino alla confluenza del torrente Melò nel Tagliamento, ca 10 km
    a Sud della Centrale — si t r o v a nel quadrante NW della vasta zona di alluvioni
    del Tagliamento, che si stende f r a Venzone, Gemona e Osoppo. La rotazione
    della verticale verso SSE può essere a t t r i b u i t a all'appesantimento della
    zona alluvionale, dovuto alla pioggia: la deviazione r i s u l t a i n f a t t i t a n t o maggiore
    quanto più cospicua è la caduta di pioggia. È da ritenere che sotto
    l'esteso letto del fiume Tagliamento, esista una fiumana, alimentata dalla
    pioggia d'infiltrazione. A questo riguardo, è da rilevare che, durante i mesi
    estivi, quando l'apporto della pioggia diminuisce, la verticale subisce a
    Somplago un lento movimento in senso contrario, come per un corrispondente
    lento alleggerimento della zona a SSE.
    I micromovimenti relativi dei due bordi della faglia possono avere un
    effetto « decongestionante » della zona da essa interessata, nel senso di impedire
    notevoli accumuli di tensioni elastiche nel mezzo circostante. Sta di f a t to
    che, malgrado l'elevata sismicità della Carnia, nei tempi storici la zona di
    Somplago non si è mai t r o v a t a all'epicentro di terremoti distruttivi.

  9. Construção de escalas de figuras à luz da filosofia Construcción de escalas de figuras según la filosofia Construction of optometric scales in the light of philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosane Arruda Dantas

    2005-12-01

    Full Text Available É por meio do caminhar que surge o novo. Objetiva-se fundamentar os novos aspectos encontrados na construção das escalas optométricas de figuras conforme a sua forma e conteúdo. Trata-se de uma reflexão (bibliográfico-analítica, feita a partir da dissertação de Dantas. Observa-se que a matéria é a escala optométrica pronta para uso. Já a forma é o que foi desenvolvido até gerar a matéria, cálculos ópticos e a lei da refração, além da anatomia e fisiologia ocular. O novo aspecto desenvolvido é a cultura. A questão filosófica demonstra a infinitude do conhecimento e revela que a visão de determinada pesquisa em um momento pode ser redimensionada em outro.A través del andar es que surge lo nuevo. Se objetiva basar los nuevos aspectos encontrados en la construcción de las escalas de optometría de figuras según su forma y contenido. Es uma reflexión (bibliográfico analítica, basada en la dissertación de Dantas. Se observa que la materia es la escala de optometría pronta para el uso. Ya la forma es lo que fue desarrollado hasta generar materia, cálculos ópticos y la ley de refracción, además de anatomía y fisiología ocular. El nuevo aspecto desarrollado o sea la cultura. La cuestión filosófica muestra la infinidad de conocimiento y revela que la visión de determinada pesquisa puede ser dimensionada, en un momento, en otra.It is by walking that the new arises. This study aims at establishing new issues in the construciton of optometric scales of pictures accordingly to their shape and content. It is a reflection (bibliographic-analytical based on Danta's dissertation. It is observed that the matter is the optonometric scale ready for use. The shape, in turn, is what was developed until the generation of the matter, the optical calculations and the law of refraction, apart from the ocular anatomy and physiology. The new aspect developed is culture. The philosophical question shows the infinity of knowledge and

  10. Educação, militantismo católico e filosofia no Brasil Education, catholic militancy and philosophy in Brazil

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Maria Ferreira

    2009-08-01

    Full Text Available Este artigo propõe uma reflexão sobre a relação entre educação, militância política católica e Filosofia no Brasil. Trata-se de pensar como a passagem pelo militantismo político em movimentos de juventude católica (Juventude Universitária Católica e Juventude Estudantil Católica se constituiu em um lócus de socialização importante para os mentores dos primeiros dispositivos que contribuíram para a institucionalização da produção filosófica universitária no Brasil. O material empírico coletado para análise foi composto de entrevistas semi-estruturadas com 17 filósofos, observações etnográficas, depoimentos publicados, além de informações coletadas na base de dados institucionais (Plataforma Lattes, CNPq.This article proposes a reflection on the relations between education, catholic political militancy and philosophy in Brazil. It examines how the experience of political militancy in youngsters' catholic movements (Juventude Universitária Católica and Juventude Estudantil Católica was constituted as an important socialization locus to the mentors of the for the first actions of the institutionalization of the university philosophical production in Brazil. The empiric material collected for analysis consisted of semi-structured interviews with 17 philosophers, ethnographic notes, and published testimonies, besides the information collected from the institutional data basis (Plataforma Lattes, CNPq.

  11. Impregnações tecnoestéticas na vida cotidiana: inconsciente óptico, filosofia da caixa preta, artealização e "everyware"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Kati Caetano

    2012-06-01

    Full Text Available O propósito do artigo é rediscutir a relação entre discurso, sociedade e tecnologia, tendo como mote a ideia da “filosofia da caixa preta”, e expandindo-a para a configuração atual da chamada sociedade computadorizada. Busca refletir sobre posições teóricas que vêm postulando a disseminação de uma cultura do virtual às formas de vida, e apregoando a contaminação dilatada de uma práxis, em princípio afeita a determinado tipo de dispositivo, sobre o princípio da vida em sua totalidade. Em suma, trata de modos de discursivizar o mundo e de se discursivizar no mundo em face das potencialidades tecnológicas. O enfoque é o de uma estética que deriva desse contexto, com base em duas manifestações empíricas exemplares da cultura digital: 1 o da apresentação da notícia por meio de formas prevalecentes no entretenimento virtual, especificamente nos chamados “newsgames”, mediante o argumento da eficácia de seus resultados para o engajamento do cidadão e 2 a da cultura da base de dados, como afirmação de um paradigma estatuído em princípio explicativo/organizador de valores, e de um regime comunicacional movido pelo afã de novidade e compulsiva interação.

  12. O PARADIGMA DO CÉU E O PARADIGMA DA CONSTELAÇÃO: A FILOSOFIA E A POESIA EM A REPÚBLICA, DE PLATÃO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabiano Felten

    2012-07-01

    Full Text Available Este trabalho realiza um ensaio sobre a obra Πλατωνοσ Πολιτεια, Platonos Politeia – a Politeia, de Platão, mais conhecida como A República. Serão abordados aspectos de sua argumentação acerca da formação da alma humana pela filosofia e pela poesia. Nesse sentido, de maneira geral, abordar-se-á a problematização que o filósofo helênico relaciona à natureza do fazer poético em meio a uma utopia ideal de constituição político-educacional de uma cidade. Em síntese, a partir do que diz o próprio autor, Homero não convém a uma πολις3. Imprópria ao que a teoria platônica concebe como verdade, um bem supremo que deve ser alvo de vida e que deve constituir o conhecimento humano, a poesia tradicional (épica, lírica e dramática, afastada que está, segundo Platão, das qualidades essenciais da verdade, precisa ser substituída por outra de caráter filosófico – e ter seu hedonismo balizado, em favor daquilo que o filósofo considera como ideal para a constituição de uma polis. Esse ideal deve ser sustentado por princípios morais e éticos justos, os quais Platão considera inviabilizados pela poesia tradicional, tal como ela é manifestada, de maneira geral, pela cultura helênica.

  13. Computer codes application to evaluate comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and site characterization of Matera (southern Italy); Applicazioni del codice di calcolo SITEVAL per l'analisi della compatibilita' ambientale degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti alle discariche non controllate presenti nella provincia di Matera

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Cautilli, F.; Musmeci, F.; Tassoni, E. [ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy). Dipt. Ambiente

    1998-07-01

    The report presents the software SITEVAL aimed at tackling the comparative analysis of environmental compatibility between waste treatment plants and hosting areas. The SITEVAL application for non-monitored urban waste landfills in the province of Matera (southern Italy) is showed with the objective to identify the more relevant environmental components in such landfills. [Italian] L'articolo illustra il codice di calcolo SITEVAL utilizzato per analisi comparative di compatibilita' ambientale di impianti di smaltimento di rifiuti con i siti che li ospitano e poi riporta l'applicazione del codice nella situazione della provincia di Matera riguardo allo smaltimento non controllato di rifiuti solidi urbani e alla individuazione delle componenti ambientali piu' sensibili alla presenza di tali discariche nel territorio. Il codice ha permesso di stilare graduatorie di compatibilita' delle discariche non controllate e di definire l'interdipendenza dei risultati dalla scelta dei parametri di input del programma.

  14. A realidade do mundo da ciência: um desafio para a história, a filosofia e a educação científica

    OpenAIRE

    Eduardo Salles O. Barra

    1998-01-01

    O esclarecimento e a justificação dos modos pelos quais as teorias científicas apreendem e não apreendem o mundo real são tratados como problemas pertinentes à história e filosofia da ciência. Pretende-se que estes sejam também desafios próprios da educação científica. A defesa de uma concepção realista das teorias científicas é mostrada como uma maneira adequada e consistente de enfrentar esse desafio.

  15. A realidade do mundo da ciência: um desafio para a história, a filosofia e a educação científica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eduardo Salles O. Barra

    1998-01-01

    Full Text Available O esclarecimento e a justificação dos modos pelos quais as teorias científicas apreendem e não apreendem o mundo real são tratados como problemas pertinentes à história e filosofia da ciência. Pretende-se que estes sejam também desafios próprios da educação científica. A defesa de uma concepção realista das teorias científicas é mostrada como uma maneira adequada e consistente de enfrentar esse desafio.

  16. La Tutela dei beni del Mare Nostrum Il progetto Archeomar

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvio Bernardini

    2006-06-01

    Full Text Available Quando il primo aprile 2004 si è dato ufficialmente il via al Progetto Archeomar le aspettative degli addetti ma soprattutto dell’Amministrazione sui risultati del lavoro erano enormi. Probabilmente proporzionali all’importanza dello strumento di conoscenza del patrimonio archeologico sommerso nonché di tutela e prevenzione che si stava sviluppando. Archeomar, infatti, ha rappresentato e rappresenta ancor oggi, ad un anno dalla sua conclusione, il primo tentativo organico di conoscenza (anche se limitato a sole 4 regioni del Sud Italia che si staglia nei confronti delle precedenti iniziative, tutte caratterizzate da una totale assenza di programmazione mirata alla produzione di una adeguata cartografia e quindi sia di una carta del rischio subacquea che di carte topografiche di relitti e aree archeologiche sommerse.

  17. Unioni civili e stepchild adoption. A proposito del dibattito in corso, ricordando la lezione di Norberto Bobbio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Vincenzo Turchi

    2016-03-01

    È una semplificazione ricorrente quella che riconduce alla contrapposizione tra “laici” e “cattolici” il confronto – serrato, talora aspro – che nel Paese e nel Parlamento si sta svolgendo a proposito della regolamentazione delle unioni civili, segnatamente per quanto concerne la stepchild adoption estesa alle coppie di omosessuali. Lo stesso avviene, non di rado, rispetto alle più importanti questioni di bioetica. Sul tema è intervenuto di recente Massimo Salvadori in un articolo comparso su la Repubblica del 18 febbraio 2016 (“Unioni civili, non parliamo di laici contro cattolici”, che offre interessanti spunti di riflessione.

  18. El lloc de l'educació en la filosofia política com a filosofia primera. Art d'escriure i educació liberal en el Plató de Leo Strauss

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Àngel Pascual Martín

    2007-01-01

    Full Text Available Una de las principales aportaciones de la obra de Leo Strauss en la renovación de los estudios platónicos ha sido la consideración de que en los diálogos platónicos se nos enseñaría que antes que una filosofía, como objeto de reflexión específico al que una rama de la filosofía dedica su investigación, que se dedique a la ciudad y muy especialmente al régimen, se haría necesaria una filosofía destinada a entender cuál es su sitio y su papel en la ciudad, y en consecuencia, un saber que permitiera diseñar y gestionar las condiciones a través de las cuales hacer viva la filosofía en la ciudad en beneficio de las más altas finalidades de la vida política. Tomando esta observación, el artículo somete, a su vez, a reconsideración el sentido particular que tome en su estudio una de las cuestiones políticas, la educación, a partir del sentido que tomaría en aquello que la misma obra de Strauss tenga de platónica, y más concretamente, a través de las nociones de arte de escribir y educación liberal. ___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ L’une des principales contributions de l’oeuvre de Leo Strauss à la rénovation des études de Platon a été de considérer que dans les Dialogues il nous enseignerait que davantage qu’une philosophie, en tant qu’objet de réflexion spécifique à laquelle une branche de la philosophie consacre sa recherche, qui se consacre à la ville et tout particulièrement au régime, il serait nécessaire de disposer d’une philosophie destinée à comprendre quels sont sa place et son rôle dans la ville et, en conséquence, un savoir qui permettrait de concevoir et de gérer les conditions au travers desquelles on pourrait rendre vivante la philosophie dans la ville au bénéfice des plus hautes finalités de

  19. INFLUENZA DELLA NUTRIZIONE SUGLI ASSI ENDOCRINI E SULLA COMPOSIZIONE CORPOREA IN SOGGETTI OBESI CANDIDATI ALLA CHIRURGIA BARIATRICA

    OpenAIRE

    Barrea, Luigi

    2014-01-01

    RIASSUNTO Introduzione: Le malattie del sistema endocrino sono tradizionalmente considerate come un'importante causa dell'obesità per la quasi costante concomitanza dell’accumulo di tessuto adiposo nella presentazione fenotipica di molte delle più comuni sindromi endocrine. Meno note sono invece le complicanze a carico degli organi endocrini che insorgono nei pazienti obesi come conseguenza dell’accumulo di adipociti disfunzionali, in sedi anche ectopiche, sotto forma di grasso omentale, ...

  20. La rappresentazione del sogno, due modelli a confronto: la metapsicologia di Sigmund Freud e la teoria del Codice Multiplo di Wilma Bucci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Bellavia

    2007-09-01

    Full Text Available Obiettivo di questo lavoro è quello di fornire le principali linee di orientamento teorico dell’approccio psicodinamico relative alla funzione del sogno. In tal senso ci si avvarrà della metapsicologia Freudiana, ma anche dei prestigiosi contributi sul carattere del sogno portati da Wilma Bucci. In particolare, si proporrà un parallelismo tra la metapsicologia e la teoria del Codice Multiplo. La teoria energetica di derivazione psicoanalitica mette in risalto alcuni punti cardine sul ruolo del sogno: 1 il sogno deriva dall’energia di un desiderio inconscio; 2 i sogni hanno la funzione di preservare il sonno; 3 la nozione di un censore che si attiva per distorcere e mascherare i contenuti latenti; 4 i contenuti manifesti hanno la funzione di nascondere il reale significato del sogno. Secondo la teoria del codice multiplo, il sogno ha un valore là dove fornisce l’accesso al significato emotivo che è stato dissociato, ma la funzione dell’elaborazione dell’informazione emotiva nel sogno è sovrapponibile a quella dell’elaborazione dell’informazione emotiva durante la veglia, in particolare per quanto riguarda il sonno REM.

  1. Del perché la psicanalisi necessita di una teoria del corpo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Cervati

    2015-12-01

    Full Text Available Esiste una dicotomia fondamentale prodotta nel corso dei millenni di storia dell'indagine dell'uomo sulla natura e che riguarda il tentativo di definire una sorta di teoria unificante del tutto, dove il tutto è stato centrato sull'uomo e comprensivo di esso. Si tratta della dicotomia “soma” / “psiche” i cui termini vengono molto spesso unificati in un terzo “psicosomatica”, unione che, pur in completa assenza di adeguato fondamento epistemologico, viene fatta funzionare come conseguenza evidente delle premesse e allo stesso modo come ipotesi teorica fondata sull'osservazione dei dati empirici. Si tratta in realtà degli effetti di un'importante lacuna teorica che produce indebolimenti enormi nella struttura portante dell'edificio teorico recente e ancora molto fragile - per tutta una serie di motivi - della psicanalisi. Occorre, infatti, tenere conto di quali siano i punti di appoggio su cui tale edificio è stato fondato e successivamente integrato, mettendone alla prova la tenuta del campo teorico in una sorta di - per utilizzare un parallelo fisico - verifica statico/dinamica.

  2. Aproximações de Roger Bastide, Jean Paul Sartre e Simone de Beauvior com o cinema de Orlando Senna: influências da Filosofia e Sociologia nas telas

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luis Alberto Gottwald Junior

    2015-02-01

    Full Text Available Em autobiografia, Orlando Senna descreve a importância dos trabalhos de Bastide, Beauvoir e Sartre para sua produção cinematográfica. Essa pesquisa buscou mapear os diálogos que o cineasta faz com o pensamento filosófico existencialista e as aproximações com a sociologia de Bastide no filme Iracema: uma transa amazônica, produzido em conjunto com o produtor Jorge Bodanzky. Dessa forma, foi possível perceber que as leituras construídas no roteiro fílmico e nas ações dos atores indicam a presença da filosofia existencialista atrelada ao pensamento feminista e marxista, o que revela a preocupação em caracterizar o pensamento filosófico dos autores no filme. Por outro lado, a preocupação em retratar a mulher negra e a aproximação de Bastide e Senna com o candomblé reitera a aproximação temática na produção. Assim, verifica-se a posição do cineasta como intelectual de esquerda, produtor de cultura que embasa seu trabalho na Filosofia existencialista.

  3. Ascanio Celestini, voces amargas de los márgenes del mundo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Porcheddu

    2016-01-01

    Full Text Available Espectáculos como Radio clandestina (2000, sobre el magnicidio nazi en las Fosas Ardeatinas durante la Segunda Guerra Mundial, Cecafumo (2002, un curioso montaje a partir de fábulas populares italianas, Fabbrica (2002, una reflexión sobre las condiciones de los trabajadores en el último siglo, Scemo di guerra. 4 giugno 1944 o La pecora nera. Elogio funebre del manicomio elettrico (2005, sobre las instituciones psiquiátricas en los tiempos actuales, bastan para situar la dramaturgia de Ascanio Celestini (Roma, 1972 como una de las referencias imprescindibles en el último teatro italiano. En el presente texto, el profesor y crítico Andrea Porcheddu, gran conocedor de la obra de Celestini, a quien ha convertido incluso en personaje en su último título publicado, Infedele alla linea (Maschietto, Florencia, 2015 nos aporta algunas claves de la obra del actor y dramaturgo romano.

  4. Geografia e sport: per una definizione del rapporto tra spazio e società

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rosario De Iulio

    2013-04-01

    Full Text Available Le finalità del presente saggio si possono sintetizzare in due differenti punti, ma strettamente legati tra di loro. Il primo è quello di illustrare, seppur brevemente, l’insieme delle teorie che hanno portato all’origine e alla affermazione della geografia dello sport, mentre il secondo cercherà di tracciare seppur a grandi linee, le emergenti linee di ricerca nell’ottica del complesso rapporto tra spazio e società. In tal modo si offriranno alcuni spunti di riflessione e nuove chiavi di lettura sul poliedrica relazione tra attività sportiva, intesa come fenomeno socio-culturale, e spazio/territorio, ormai sempre più centrale nelle più recenti politiche di pianificazione territoriale, considerando anche dell’attuale fase di deindustrializzazione che investe i nostri centri urbani.

  5. Tra scienza e senso comune. Dell'ideologia in Gramsci

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Michele Filippini

    2013-07-01

    Full Text Available L’articolo ricostruisce la genealogia del concetto di ideologia nei Quaderni del carcere di Antonio Gramsci, mostrando come esso sia centrale nell’elaborazione del marxista sardo e come sia funzionale a una lettura materialista ma non riduzionista dei fenomeni “sovrastrutturali”. L’ideologia viene analizzata attraverso la costellazione concettuale di cui fa parte, insieme ai concetti di blocco storico, senso comune, religione, scienza e filosofia. All’interno di questo quadro emerge un concetto di ideologia peculiare ed “eterodosso” per un marxista della prima metà del XX secolo, che anticipa teorizzazioni successive e acquisizioni scientifiche in altri campi del sapere. La teoria dell’ideologia in Gramsci, per come è qui ricostruita, rappresenta la premessa necessaria alla sua teoria dell’egemonia.

  6. Stile didascalico e verità del mito in un exemplum ovidiano : Ars amatoria 1, 623-6

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Federica Bessone

    2010-11-01

    Full Text Available Nell'Ars amatoria l'uso ironico degli exempla mitologici rientra nella parodia del genere didascalico. Per dimostrare che le blanditiae piacciono anche alle donne caste e vergini, il maestro d'amore ricorda che Giunone e Atena si vergognano “ancora adesso” di non aver vinto il Giudizio di Paride. L'impiego di una formula didascalica lucreziana dà scherzosamente una pretesa di scientificità a un exemplum tratto dal mito, e da un mito spesso contestato per il suo contenuto incredibile e scandaloso. Ovidio dà una risposta polemica alla critica razionalistica del mito espressa nelle Troiane di Euripide: benché disinteressate al matrimonio, anche la sposa di Giove e la dea vergine per scelta dovevano desiderare ardentemente l'elogio della bellezza, essendo soggette come qualsiasi donna ed essere vivente alla legge della vanità universale. La prova viene dal seguito del mito stesso: lo stilema eziologico nunc quoque rimanda al proemio dell'Eneide, dove il giudizio di Paride è una delle motivazioni antiche dell'ira di Giunone, motore del poema. Il rimando al testo nazionale dei Romani garantisce la verità del mito preso a paradigma dal maestro d'amore: per quanto problematico, quel racconto mitico ha una sua realtà indubitabile; l'esistenza dell'Eneide è la prova – poetica – che l'offesa nella vanità è per Giunone una ferita che perdura. Svincolato ormai dalle sue pretese di veridicità, il mito può riaffermare qui, per gli scopi argomentativi del praeceptor amoris, la sua incontestabile verità letteraria ed ‘umana’.

  7. Coastal dynamics physical and mathematical modelling, territorial analysis, G.I.S. instrumentation. The state of the arts; La dinamica costiera modellistica fisico-matematica, analisi del territorio, il supporto G.I.S. e la strumentazione in uso

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    De Bonis, P.; Fattorusso, G.; Onori, F.; Pagano, A.; Pasanisi, F.; Peloso, A.; Regina, P.; Tebano, C.; Zarlenga, F. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The aim of the present work is to offer, in a single volume, the basic notions relative to different aspects, both theoretical and practical, of the study of coastal dynamical processes. It has been dealt with geological issues, physical and mathematical modelling, effects related to human activities, Geographical Information Systems as well as both laboratory and fields instrumentations. Reading this technical paper it has to keep in mind two aspects which have been authors guidelines. First of all, the research theme's have been studied on their theoretical aspects, focusing on the most recent developments. Then have been selected some up to date experiences and discuss their application. The general framework of this publication, which necessarily leave out some particular issues, for which the readers are to be referred to the references, gives a synthetic and homogenous picture of the state of the arts in coastal modelling. [Italian] Lo scopo della presente pubblicazione e' quello di offrire, in un unico volume, le nozioni di base riguardo ai diversi argomenti sia teorici sia pratici relativi all'analisi delle dinamiche costiere. Sono stati affrontati i temi relativi alla geologia, alla modellistica fisica e matematica, ai fattori di pressione antropica, all'utilizzo di Sistemi Informativi Geografici e alla strumentazione sia di campo sia di laboratorio. Nello sviluppo del presente Rapporto Tecnico si possono individuare per ciascuna delle aree di interesse due aspetti fondamentali. Dapprima i temi di ricerca sono stati studiati da un punto di vista teorico generale, con attenzione agli sviluppi piu' attuali e successivamente sono state presentate alcune recenti esperienze ed applicazioni di tali conoscenze. L'impostazione generale del presente lavoro, che sicuramente porta a trascurare alcuni aspetti particolari, per i quali si rimanda alla bibliografia, fornisce in ogni caso un quadro sintetico ed organico dello stato dell

  8. tti del I Convegno Nazionale degli Studenti di Antropologia, Preistoria e Protostoria Ferrara, 8-10 Maggio 2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ursula Thun Hohenstein

    2007-10-01

    Full Text Available Con gioia e soddisfazione si è finalmente arrivati alla realizzazione di questo volume che raccoglie i lavori di quanti hanno risposto alla possibilità di pubblicare il proprio intervento presentato al Primo Convegno Nazionale degli Studenti di Antropologia, Preistoria e Protostoria che si è svolto nel maggio 2004 nell’Ateneo ferrarese.Il Convegno, a suo tempo promosso da un gruppo di dottorandi e dottori di ricerca dell’Università di Ferrara e sostenuto dal prof. Carlo Peretto, è stato un’importante occasione di incontro e discussione per i giovani ricercatori, rispondendo all’esigenza di riunire, mettere a confronto e dare visibilità al contributo che abitualmente essi portano allo sviluppo dei numerosi progetti di ricerca in ambito antropologico, preistorico e protostorico, coordinati da Università, Soprintendenze, Musei ed altri Enti di ricerca.Questo aspetto è emerso in occasione della tavola rotonda Orientamento, sviluppo e prospettive nella ricerca antropologica, preistorica e protostorica” alla quale sono intervenuti i Presidenti dell’Associazione Antropologica Italiana, prof. Brunetto Chiarelli; dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, prof.ssa Anna Maria Bietti Sestieri, dell’Associazione Italiana di Archeozoologia, dott. Antonio Tagliacozzo, e dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici, dott. Michele Lanzinger, che ha sicuramente offerto un’opportunità di incontro, dialogo e discussione tra i giovani ricercatori e i rappresentanti istituzionali in merito alla realtà della ricerca scientifica ed alle oggettive difficoltà che spesso incontrano. La partecipazione di oltre 300 giovani ricercatori tra uditori e relatori con 86 comunicazioni (orali e poster ha costituito un’importante testimonianza del vivo interesse per queste discipline e la passione che li anima.Questo volume comprende quarantacinque contributi in cui vengono presentati i risultati di tesi (laurea e dottorato o quelli

  9. L’arcipelago postmoderno. Oreste del Buono e gli anni Settanta

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Chiurato

    2012-12-01

    Full Text Available All‟interno della storiografia letteraria del secondo Novecento italiano la figura di Ore-ste del Buono è stata vittima di una singolare rimozione. Certo l‟impegno su diversi fronti – dal romanzo di genere al fumetto, dal costume alla critica letteraria – rende dif-ficile inquadrare un intellettuale dal «multilforme ingegno» (Paccagnini 108, tanto atipico rispetto ai canoni nostrani. Eppure è proprio tale eclettica varietà a costituire la spe-cificità di del Buono, a spingerci a riconoscere il suo principale ruolo sulla scena culturale, ovvero quello di mediatore. Mediatore tra codici e linguaggi, tra scuole di pensiero e movimenti, tra le ragioni del mercato e la costante ricerca della qualità… In quasi ogni aspetto della sua attività possiamo ritrovare tracce di un‟attitudine rara e preziosa insieme, specie durante gli anni Settanta.Nel decennio precedente si erano diffusi nuovi, suggestivi slogan (morte dell‟autore, romanzo sperimentale…, destinati ad affascinare più di un appartenente alla futura ne-oavanguardia. Del Buono aveva seguito con interesse la querelle tra „antichi e novissimi‟, senza però cedere a facili entusiasmi. Traducendo buona parte dei nouveaux romanciers; indirizzando, in veste di consulente, alcune delle maggiori case editrici verso le mode e i paradigmi emergenti; e, soprattutto, reinventando il proprio stile di romanziere. Quest‟ultimo aspetto in particolare è stato trascurato dalla critica, più propensa a ricondurlo all‟area del neorealismo che a riconoscere la significativa evoluzione della sua prosa nel periodo successivo. Contrapponendo, al canto del cigno dell‟autore e alla parallela scomparsa del personaggio-uomo, la sua personalissima teoria di una «narrativa integrale» (del Buono, “Narrativa” 85. Del Buono si pone infatti in una posizione problemati-ca, defilata e poco propensa ad ogni forma di consorteria.Il tentativo di cooptazione postuma tra le file dei

  10. L’impatto del ricovero ospedaliero sulla qualità della vita dei pazienti: uno studio prospettico

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luca Giuseppe Re

    2012-05-01

    Full Text Available Background. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità la qualità di vita (QdV è “la personale percezione che un individuo ha della propria posizione nella vita, nel contesto di una cultura e di un insieme di valori nei quali egli vive, anche in relazione ai propri obiettivi, aspettative e preoccupazioni”. Numerosi sono gli strumenti psicometrici progettati per misurare in ambito sanitario l’impatto dell’erogazione di interventi clinico-assistenziali sulla QdV degli utenti, tuttavia poca attenzione si è posta sul ruolo di alcuni predittori - socio-demografici, clinici ed economico-sanitari - durante la degenza ospedaliera. Obiettivi. Accertare l’esistenza ed il tipo di associazione tra alcuni predittori e la variazione della QdV alla dimissione; esaminare i possibili risvolti per la pratica infermieristica. Metodi. Lo studio, condotto presso la struttura ospedaliera del polo universitario di Milano, ha somministrato all’ingresso e alla dimissione dei pazienti lo strumento psicometrico EuroQol-5D. Per valutare l’impatto del trattamento sulla QdV è utilizzato il test ?2, mentre per misurare significatività e rilevanza dei predittori è stato creato un modello di regressione logistica multipla. Risultati. L’erogazione di un trattamento clinico durante il ricovero migliora la QdV percepita (p < 0.001. La proporzione di esiti positivi nei trattamenti medici rispetto a quelli chirurgici è superiore (p < 0.05, così come quella nei ricoveri urgenti (p < 0.01. Il modello di regressione logistica multipla mostra associazioni significative tra età (p < 0.05, degenza (p < 0.05, tempo di intervento (p < 0.01 e variazione della QdV. Limiti. Studio monocentrico; campione di convenienza; periodo di osservazione limitato con possibili scostamenti nel numero e tipologia di ricoveri rispetto alla media annua. Conclusioni. La QdV percepita alla dimissione migliora in caso di erogazione di un trattamento clinico, in particolare se

  11. Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Daniela Milani

    2013-10-01

    Full Text Available contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora: una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede  – 5. (segue contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

  12. Delicta reservata seu delicta graviora: la disciplina dei crimini rimessi alla competenza della Congregazione per la Dottrina della Fede

    OpenAIRE

    Daniela Milani

    2013-01-01

    contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. La disciplina dei delicta graviora: una riforma mossa dall'esigenza di contrastare la piaga della pedofilia – 2. Delicta graviora o delicta reservata? Una bussola per orientarsi tra entità del vulnus e competenza – 3. Introduzione alle fattispecie – 4. I delitti contro la fede  – 5. (segue) contro la celebrazione dei sacramenti – 6. (segue) contro i costumi – 7. La procedura – 8. Qualche considerazione di sistema.

  13. del Nim

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Arturo Martínez Rodríguez

    2007-01-01

    Full Text Available Dado su uso específico como fuente de insecticidas naturales de fácil biodegradación, entre otras ventajas, el cultivo del árbol Nim ha sido mundialmente extendido en muchas regiones de Asia, África, Australia y América Latina, incluyendo Cuba. La cosecha del fruto del Nim se hace engorrosa debido a la altura que adquieren estos árboles a los pocos años de sembrados, siendo la cosecha mecánica mediante sacudidores de ramas o del tronco, una posible vía de solución práctica de esta problemática. En el presente trabajo se efectúa, mediante la simulación con el empleo de herramientas CAD-3D y programas de análisis por elementos finitos, un análisis modal abarcador de un número importante de modos de vibración del sistema fruto-pedúnculo del Nim. Como resultado del estudio se pudieron recomendar entornos de frecuencias de las vibraciones a aplicar con mejores expectativas durante la cosecha mecanizada de este producto.

  14. Letteratura, pubblicità e ritorno del represso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Ghelli

    2013-05-01

    Full Text Available Fin da quando ho avuto a che fare con l’ipotesi elaborata da Francesco Orlando secondo la quale la letteratura è sede di un ritorno del represso mi sono chiesto che cosa nella nostra epoca di deregulation, di caduta di censure e tabù, potesse occupare il posto del represso. Quali comportamenti, valori, convinzioni possono suscitare un tale scandalo da richiedere oggi nelle opere di fiction il baluardo di formazioni di compromesso, negazioni freudiane e ambivalenze? La letteratura dei giorni nostri, rispetto alla tradizione delineata da Orlando, sembra situarsi in una condizione postuma, al di là di una frattura che ha posto fine idealmente a una lunga storia di repressione, di morali coercitive e limitanti. Dopo tutto uno dei sociologi più influenti ai giorni nostri, Zygmunt Bauman, ha delineato il passaggio epocale da disagio della civiltà freudiano all’odierno disagio della libertà. Il problema del desiderio ai giorni nostri non sarebbe tanto lo scontro con un limite, un divieto, quanto invece una libertà indeterminata che rischia di tramutarsi in smarrimento, perdita di intensità e significato.

  15. Responsabilità del medico e reati in materia di procreazione assistita. Ambiguità e rigori della legge italiana n. 40 del 2004

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Emilio Dolcini

    2011-06-01

    Full Text Available Questo saggio riproduce, con integrazioni e aggiornamenti, parte del terzocapitolo del volume Fecondazione assistita e diritto penale, Giuffrè, Milano, 2008. Unaversione in lingua portoghese di questo saggio è in corso di pubblicazione negli Studiin onore di Jorge de Figueiredo Dias.SOMMARIO: 1. Attività medico-chirurgica, responsabilità penale per colpa o perdolo – 2. Legge penale e procreazione assistita – 3. Alcuni problemi posti dalladisciplina italiana della pma – 4. La diagnosi preimpianto sull’embrione in vitro: al’art. 13 l. 40/2004 e le Linee guida del 2004 – 5. (Segue: b la giurisprudenza piùrecente e le Linee guida del 2008: non è vietata la diagnosi preimpianto – 6. (Segue:c il problema nella legislazione di alcuni Paesi europei – 7. (Segue: d ricerca delfiglio perfetto? – 8. Il divieto di produrre più di tre embrioni ex art. 14 l. 40/2004: unadisciplina di dubbia legittimità costituzionale - 9. Limiti numerici alla produzionedi embrioni? La risposta delle legislazioni tedesca, spagnola e portoghese – 10. Ildivieto di donazione di gameti ex art. 4 l. 40/2004, il diverso orientamento degli altrilegislatori europei e il ruolo della dottrina cattolica nella scelta del legislatoreitaliano – 11. Le sanzioni nella legge n. 40/2004 – 12. Le scelte di politicasanzionatoria dei legislatori tedesco, portoghese e spagnolo – 13. La legge n.40/2004: ‘diritto penale del nemico’ all’italiana? – 14. (Segue: O, piuttosto, unesempio di legislazione simbolica? – 15. L’impatto sulla prassi della legge n. 40/2004– 16. ‘Viaggi dei diritti’ e ruolo del medico italiano – 17. (Segue: A Casi in cui puòsorgere una responsabilità del medico italiano - 18. (Segue: B Casi in cui non sorgealcuna responsabilità del medico italiano – 19. Una ‘legge di lotta contro’ laprocreazione assistita.

  16. Dalla geometria delle preesistenze alla conoscenza della costruzione: un’esperienza di recupero aggiornata dalla metodologia BIM

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Massimiliano Lo Turco

    2012-06-01

    Full Text Available Il termine costruire (lessicalmente equivale a riordinare le singole parti dell’operazione secondo il nesso logico e grammaticale; ed altresì disporle e collegarle secondo le regole e l’uso della lingua. Analogamente gli odierni strumenti BIM possiedono nelle loro corde sia una riconoscibile capacità di sviluppare progetti seguendo le regole del buon costruire, sia un puntuale controllo della geometria da cui derivano le molteplici rappresentazioni di tipo grafo-numerico. Ci si interrogherà inoltre sul rinnovato rapporto tra Rilievo e Progetto, in un ambiente particolarmente fertile ove la Geometria è indagata nelle sue poliedriche proprietà e al Disegno è affidato un ruolo di maggiore visibilità e di effettiva rilevanza.

  17. Potencial del agua del suelo

    OpenAIRE

    Bustamante Heliodoro

    2012-01-01

    La energía potencial del agua presenta diferencias de un punto del suelo a otro; esas diferencias son las que originan el movimiento del agua de acuerdo a la tendencia universal de la materia en el sentido de moverse de donde la energía potencial es mayor a donde dicha energía es menor. En el suelo el agua en consecuencia se mueve hacia donde su energía decrece hasta lograr su estado de equilibrio. Se desprende entonces que la cantidad de energía potencial absoluta contenida en el agua, no es...

  18. Pantani di Marco Martinelli: una narrazione polifonica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Franco Nasi

    2014-05-01

    Full Text Available In questo articolo si analizza il testo drammaturgico Pantani di Marco Martinelli, una veglia epica teatrale di uno dei più noti eroi dello sport italiano degli ultimi anni. Il dramma rilegge anche la storia di Pantani e ricostruisce gli strani avvenimenti che portarono alla sospensione, alla estromissione del ciclista dal Giro d’Italia nel 1999, e in seguito alla sua profonda crisi psicologica e tragica morte in solitudine in un hotel, a soli 34 anni. Oltre alle modalità proprie della veglia rituale, il dramma utilizza anche i metodi del processo giudiziario, e offre testimonianze dettagliate che conducono a una riflessione critica sulla società italiana negli anni del potere politico di Berlusconi e della sua filosofia del consumismo. I tre diversi generi della retorica classica (epidittico, giudiziario e deliberativo si mescolano in questa complessa tessitura teatrale. Coniugando informazioni (processo e rito (veglia, Martinelli riesce a fondere la tragedia greca (forma mimetica e corale e il moderno teatro di narrazione (forma diegetica monologante. Combinando assieme scene intensamente drammatiche, ricordi di imprese sportive epiche, passaggi giocosi e parodici, e giustapponendo vari stili e registri (giornalistico, lirico, parodico, elegiaco, Martinelli crea momenti di forte “straniamento” e sorpresa, e rende particolarmente efficace il rito funebre, la ricostruzione storica della tragica vicenda di Pantani e la critica all’ideologia che ha dominato l’Italia negli anni di Berlusconi. 

  19. Lo Gnomone Clementino Astronomia Meridiana in Basilica

    Science.gov (United States)

    Sigismondi, Costantino

    2014-05-01

    Costruito per chiara volontà del papa 70 anni dopo il caso Galileo, lo Gnomone Clementino è un grande telescopio solare che non fa uso di lenti a 92 anni dall’invenzione del cannocchiale. Queste due caratteristiche basterebbero da sole a giustificare l’interesse verso questo strumento. L’astronomia meridiana è alla base dell’astrometria e dell’astrofisica moderna. Lo Gnomone Clementino sta oggi all’astronomia, come il veliero “Amerigo Vespucci” sta alla Marina Italiana. E’ possibile svolgere ogni genere di osservazione e studio su questo strumento, e dal 2002 vi tengo lezioni teorico-pratiche del corso di Storia dell’Astronomia e La Terra nel Sistema Solare della Sapienza, Università di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia. Questo testo aggiunge alcuni tasselli alla ricerca storica sulla meridiana, appoggiandosi, com’è naturale, sulle spalle di giganti che mi hanno preceduto in questi studi. In particolare la misura dell’azimut della meridiana, ed il suo inquadramento tra gli strumenti simili ed alcuni studi di astrometria sui dati del 1701-1703 di Bianchini, che sono apparsi fin’ora soltanto su riviste specializzate ed in Inglese vengono qui proposti in Italiano e semplificati, per valorizzare sempre più questa straordinaria opera d’arte e di scienza.

  20. Os elos entre a filosofia e a educação no pensamento de Theodor W. Adorno The links between philosophy and education in Theodor W. Adorno's thoughts

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Angelo Pagni

    2012-12-01

    Full Text Available Este artigo aborda as relações entre a filosofia e a educação no pensamento de Theodor Adorno. A partir da reflexão elaborada pelo frankfurtiano acerca da relação entre teoria e práxis, procuramos compreender o papel político conferido às suas concepções de filosofia e de formação humana e discutir os seus limites e possibilidades no presente. Para tanto, elegemos como objeto de análise as conferências pronunciadas pelo autor e os artigos que escreveu sobre o assunto, entre 1959 e 1969, com o objetivo de recuperar os possíveis nexos teóricos entre filosofia e educação em sua obra e o significado que seu pensamento crítico e sua concepção de educação política assumiram nesse contexto; e de discutir sua eventual atualidade. Pretendemos, assim, reconstituir a reflexão de Adorno sobre o tema, compreendendo o seu significado em seu projeto filosófico, de modo a vislumbrar a face filosófica educacional de seu pensamento crítico.This article discusses the relationship between philosophy and education in Theodor Adorno's ideas. From the reflection about the relation between theory and praxis in his thoughts, we seek to understand the political role within his conceptions of philosophy and human formation and discuss limits and possibilities in the present. To this end, we selected for our object of analysis the conferences given by the author and articles he wrote on the subject, between 1959 and 1969, so as to recover the possible nexus between philosophy and theoretical education in his work, the meaning that his critical thinking and his conception of political education has taken in this context and to discuss how relevant this is nowadays. We therefore intend to reconstitute Adorno's reflection on the topicand understand its meaning in his philosophical project in order to see the educational philosophical aspect in his critical thinking.

  1. Ensino de filosofia e cidadania nas ''sociedades de controle'': resistência e linhas de fuga Philosophy teaching and citizenship in ''societies of control'': resistance and lines of flight

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sílvio Gallo

    2010-04-01

    Full Text Available Este artigo tem por objetivo problematizar as relações entre ensino de filosofia e cidadania na sociedade contemporânea. Assume a caracterização de Lipovestky dos ''tempos hipermodernos'', baseados na hiperbolização dos três eixos da modernidade: o mercado, o indivíduo e a eficiência técnica. A forma política predominante é aquela que Deleuze denominou de ''sociedades de controle'', operando segundo a lógica da biopolítica, desvendada por Foucault. Recorre a Rancière para mostrar que, nessas sociedades, vivemos mais no âmbito da polícia, como administração do social, do que da política, como acontecimento de uma ruptura. Interroga-se: em que consiste a cidadania? Em afirmar essa sociedade de controle ou em opor resistências a ela, traçando linhas de fuga? Para pensar um ensino de filosofia que seja a prática do pensamento autônomo e criativo, o artigo escolhe a segunda opção, propondo um ensino de filosofia que enxameie saídas, que crie armas de resistências e criação.This paper is aimed at problematizing the relations between philosophy teaching and citizenship in the contemporary societies. It takes Lipovetsky's concept of ''hypermodern times'', based on the hyperbolization of the three axes of modernity: the market; the individual and technical efficiency. The prevailing political form is the ''societies of control'', to use a Deleuzian concept, which works with the biopolitical logics, unveiled by Foucault. The author draws on Rancière's thoughts to show that, in these societies, we live under the social administration of the police, rather than in the field of politics, as in a disupting event. We then ask: what is citizenship? Is it the affirmation of this society of control or a resistance to it, with subjects finding their way out? In order to think about philosophy teaching as practice of autonomous and creative thinking, this paper takes the second option, proposing the teaching of philosophy as

  2. La filosofía como brújula del presente

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elsa González Esteban

    2012-03-01

    Full Text Available RECERCA se presenta este año 2004, siguiendo la linea abierta en su nueva época, como espacio de análisis y reflexión filosófico-crítica del presente. Ninguna publicación actual se resiste a subrayar que si bien la filosofía ha estado siempre comprometida con su tiempo, tal compromiso ha variado en intensidad y métodos en las tres últimas décadas. El número que tiene en sus manos viene a confirmar estos cambios dado que todos los artículos, pese a que abordan problemas y esferas distintas —bioética, interculturalidad, religión, solidaridad, ecología, empresa, ciudadanía-, ponen de manifiesto que ya no es la filosofia únicamente la que escoge los temas de análisis y reflexión, sino que es la propia realidad la que le pide que entre en cada una de las esferas, problemas y situaciones que vive la sociedad para tratar de poner "orden", orientar y ayudar a la solución de las dificultades con las que nos tenernos que ver. Y, es más, no se pide que sea "la filosofia" desde su espacio la que proporcione orientaciones distantes, más bien, lo que se reclama es una "filosofía desde las propias praxis", por tanto, una reflexión que se realice desde la filosofía pero en plena integración y conocimiento de la situación, por tanto, arremangándose en la praxis.

  3. A filosofia de Albert Camus na gestão de pessoas: absurdo ou revolta na adaptação individual

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ivan Fortunato

    2011-03-01

    Full Text Available Nesse artigo, sem intenção de esgotamento do tema, propõe-se à compreensão da adaptação individual (segundo conceito de C. Argyres pela ótica da filosofia de Albert Camus, que esclarece a questão da satisfação/insatisfação do funcionário em relação à organização, ao explicar como surgem os sentimentos de apatia e rebeldia que, por sua vez, geram prejuízo. A teoria de Camus, ainda, explica como surge o sentimento de comprometimento, benéfico à organização e ao indivíduo, resultando em produção e satisfação, respectivamente. Conclui-se, à luz da complexidade, que a questão da adaptação individual não é simples, mas que a compreensão do absurdo e da revolta em Camus pode auxiliar a organização a

  4. Da polêmica sobre a pós-modernidade aos 'desafios' lyotardianos à Filosofia da Educação From the controversy of postmodernity to the Lyotardian "challenges" to the Philosophy of Education

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pedro Angelo Pagni

    2006-12-01

    Full Text Available As relações entre pós-modernidade e educação tem sido objeto de inúmeras pesquisas, bem como de certa polêmica no âmbito da Filosofia da Educação, a começar pela própria conceituação da pós-modernidade até chegar às posições filosóficas engendradas por ela. Em quase todas essas pesquisas e polêmicas, A condição pós-moderna, de Jean François Lyotard, se configura como uma referência importante, porém raramente as obras subseqüentes a essa são mencionadas, deixando uma parte de seu legado filosófico de fora de tais discussões e, particularmente, de suas eventuais contribuições para a educação. Tendo em vista esse limiar dos estudos sobre o assunto, o presente artigo procura desenvolver uma interpretação acerca do pensamento lyotardiano, privilegiando a análise das obras subseqüentes ao seu livro mais polêmico, com o objetivo de situar o seu projeto filosófico para além de um marco da pós-modernidade e de discutir as suas contribuições à Filosofia da Educação na atualidade. Mediante tal interpretação, recupera-se um projeto filosófico que lança alguns 'desafios' à Filosofia da Educação referentes ao deslocamento de sua problemática epistemológica para a estética, nutrida por um pensamento capaz de elucidar a face complexa e obscura da educação, a sua sombra inumana, e o diferendo constitutivo do ensino, inapreensíveis pela linguagem e pela comunicação. Assim, esperamos que tal projeto possa ser compreendido não por aquilo que traz de polêmico à Filosofia da Educação, mas pelo que a desafia no tempo presente, como uma reescrita da modernidade.The relations between postmodernity and education have been the object of countless researches, and also of some controversy within the philosophy of education, starting with the very conception of postmodernity and extending to the philosophical positions it engenders. In almost every research and controversy, Jean-François Lyotard's The

  5. Da polêmica sobre a pós-modernidade aos 'desafios' lyotardianos à Filosofia da Educação From the controversy of postmodernity to the Lyotardian "challenges" to the Philosophy of Education

    OpenAIRE

    Pedro Angelo Pagni

    2006-01-01

    As relações entre pós-modernidade e educação tem sido objeto de inúmeras pesquisas, bem como de certa polêmica no âmbito da Filosofia da Educação, a começar pela própria conceituação da pós-modernidade até chegar às posições filosóficas engendradas por ela. Em quase todas essas pesquisas e polêmicas, A condição pós-moderna, de Jean François Lyotard, se configura como uma referência importante, porém raramente as obras subseqüentes a essa são mencionadas, deixando uma parte de seu legado filos...

  6. Reflexões sobre a filosofia do límite e suas implicações para o cuidar em enfermagem

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Keyla Cristiane do Nascimento

    2009-01-01

    Full Text Available Se trata de un estudio reflexivo que tiene como objetivo presentar la propuesta filosófica del español Eugenio Trías (la teoría del límite y llevar sus ideas a la disciplina de enfermería. El estudio aborda la ontología del límite, el límite del ser y la utilización de la teoría del límite en enfermería. En materia de salud, se cree que los límites se derivan de los derechos humanos y los valores, y están presentes en nuestro día a día. Reflexionar sobre los límites de la vida, con el apoyo de la ética, regula el empleo de la tecnología apropiada para brindar bienestar y respeto a los seres humanos que cuidamos.

  7. Una inedita versione càrnica ottocentesca della parabola del figliuol prodigo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giovanni Frau

    1984-12-01

    Full Text Available Fra i manoscritti deila Biblioteca Comunale di Bassano· del Grappa è custodita - insieme con altre ·""' una inedita versione carilica delia Parabola del Figliuol prodigo, proveniente dall' "Epistolario racccolto da Bartolomeo Gamba" (con la collocazione numero 2589 XVII-"A-ll, un erudite locale, vissuto frail 1766 e il 1841. Essa devette far parte·""' con le altre - di quella silloge di versidni friulane,  che Pietro Oliva del Turco di Avia­no aveva commissionato a corrispondenti locali per canto di Bernardino Biondeili, il note autore del saggio sui dialetti ·· gallo-italici Milano 1853,·il quafetuttavia non vi inserì le versioni della nostra Regione: alla loro pubblicazione provvide - riprendendole dai manoscritti delle-stesso, rimasti inediti - Carlo Salvioni con le Versioni  friulane della Parabola  del;Figliuol prodigo tratte dale carte Biondeili, in "Memorie Stori­ che Forogiuliesi"t IX (1913}, pp. 80-95;

  8. Il SIT del Servizio Geologico d’Italia implementa i contenuti La banca dati dei sondaggi profondi per la ricerca di idrocarburi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marco Pantaloni

    2007-04-01

    Full Text Available Il Servizio Geologico d’Italia - Dipartimento Difesa del Suolo, ha raccolto l’archivio storico dei pozzi per ricerca petrolifera perforati in Italia. Tale possibilità ci è stata consentita grazie alla cortese collaborazione dell’Ufficio Nazionale Minerario per gli Idrocarburi e la Geotermia (UNMIG della Direzione Generale dell’Energia e delle Risorse Minerarie (DGERM del Ministero dello Sviluppo Economico. Nell’archivio sono contenuti tutti i dati dell’attività di esplorazione e produzione degli idrocarburi in Italia depositati presso l’UNMIG dal 1957 a oggi, e che per legge possono essere resi pubblici dopo un anno dalla cessazione del titolo minerario della società che li ha realizzati.

  9. Porti, trasporti e cultura del mare nelle città d’Italia, per i 150 anni dall’Unità

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Moretti

    2011-04-01

    Full Text Available Le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia offrono anche l’occasione per interrogarsi sulla storia e lo sviluppo di questo Paese, in particolare in riferimento alla cultura del mare e al sistema dei trasporti via acqua. In un paese peninsulare come l’Italia, con i suoi 7.500 chilometri di fronte d’acqua, la presenza dei porti è sempre stata elemento determinante per la crescita economica e per la sua affermazione sui mercati internazionali. Ma, dalla seconda metà del Novecento, le città e i loro porti sono andati progressivamente separandosi, determinando situazioni di forti contrasti e di continue tensioni. Solo più recentemente – a seguito della legge n. 84 del 1994 – nuove forme di ‘dialogo’ hanno consentito, in talune occasioni, di riavviare politiche di concertazione sui piani di sviluppo delle aree portuali e sul miglioramento della situazione delle zone urbane prossime ai porti. Per tutti questi motivi, l’occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia può rappresentare un momento significativo per riprendere la riflessione sul ruolo dei porti italiani nella storia del nostro paese, ed, eventualmente, sul potenziale rafforzamento che essi possono subire, alla luce dei dati positivi ed incoraggianti dell’intero cluster marittimo in questi ultimi anni, almeno fino alla crisi congiunturale del 2008.Al tempo stesso, si può analizzare la complessa relazione porto-città, in un’ottica di mutuo riconoscimento delle rispettive esigenze e della volontà di sviluppare le proprie attività in un quadro di concreto ed efficace spirito di collaborazione, che richiede sia una maggiore conoscenza reciproca, così come una più efficace definizione degli obiettivi per il raggiungimento di una qualità urbana sostenibile e duratura.La progressiva globalizzazione dell’economia e la liberalizzazione del mercato hanno determinato una generale crescita degli scambi commerciali a livello mondiale e in

  10. Culturas del Mundo

    DEFF Research Database (Denmark)

    Benwell, Ann Fenger; Costa, Alberto; Waehle, Espen

    2006-01-01

    ’Culturas del mundo. Colecciones del Museo Nacional de Dinamarca’ with Ann Fenger Benwell in Culturas del Mundo. Colecciones del Museo Nacional de Dinamarca, ed. Silvia Sauquet, Fundación "la Caixa", Barcelona 2006, pp. 31-39......’Culturas del mundo. Colecciones del Museo Nacional de Dinamarca’ with Ann Fenger Benwell in Culturas del Mundo. Colecciones del Museo Nacional de Dinamarca, ed. Silvia Sauquet, Fundación "la Caixa", Barcelona 2006, pp. 31-39...

  11. [Breve commento sull'importanza spesso sottovalutata degli approcci psicologici e riabilitativi nella gestione del dolore oncologico].

    Science.gov (United States)

    Cascella, Marco; Simonds Thompson, Nicholas; Muzio, Maria Rosaria; Forte, Cira Antonietta; Cuomo, Arturo

    2016-08-01

    Riassunto. L'approccio farmacologico personalizzato (tailored) rappresenta la terapia standard per i pazienti affetti da dolore oncologico, consentendo il controllo della sintomatologia in circa il 90% dei casi. Qualora tale strategia risulti inefficace è possibile ricorrere a più complesse tecniche, invasive o mini-invasive. Tuttavia, sia da parte dei pazienti sia degli operatori viene sottostimato il disagio psicologico sotteso al dolore oncologico e non si considerano i potenziali benefici dei trattamenti di supporto psicologico e riabilitativi nella gestione del dolore da cancro. Queste strategie non farmacologiche dovrebbero essere parte integrante di un più globale approccio multidisciplinare alla terapia del dolore, affiancando e amplificando gli effetti della terapia farmacologica. Tale breve rassegna narrativa ha la finalità di offrire una panoramica sul ruolo dei possibili interventi psicologici e riabilitativi atti al miglioramento della qualità della vita in pazienti affetti da dolore oncologico.

  12. Il progetto Waterfront: la riqualificazione del porto di Napoli

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Robert Leonardi

    2009-11-01

    Full Text Available Nell'ultimo decennio Napoli ha riacquisito piena coscienza del valore della risorsa mare e le sue istituzioni ai vari livelli comunale, regionale, provinciale e dell'Autorità Portuale si sono attivate in un processo coordinato di interventi che, utilizzando gli strumenti urbanistici a tutela dell'integrità degli interventi stessi e con la partecipazione di progettisti di fama e di investitori privati, si propone di riagganciare la città al mare e di trovare nuove opportunità di crescita economica e di riscatto sociale. L’articolo descrive l’insieme di interventi che si stanno portando avanti per l’area portuale di Napoli, con particolare riferimento al progetto Waterfront, alla costituzione della società Nausicaa e al concorso internazionale per il porto di Napoli. Si specificano quindi gli attori del processo decisionale, le fasi, i contenuti delle scelte e si propone un’analisi delle ricadute d'impatto sulla città che gli interventi avranno a regime: rinnovamento civile, crescita funzionale, ricomposizione spaziale, leadership e capacità programmatica.

  13. La trasposizione del sapere musicale nella formazione intellettuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Carla Cuomo

    2013-12-01

    Full Text Available La costruzione della cittadinanza europea nell’epoca della complessità richiede che la trasmissione del sapere sia orientata alla formazione intellettuale, al “dare forma” cioè a una mente critica, capace di problematizzare, dunque di discernere. Questo può avvenire con l’educare a comprendere. Nel farsi carico di questa istanza, il musicologo assume il problema e si interroga su ‘che cosa’ trasmettere e ‘come’ per educare a comprendere la musica: è il fondamento della didattica della musica, intesa come scienza della ‘trasposizione’ del savoir savant in savoir enseigné. L’intervento propone un percorso paradigmatico di comprensione musicale, attraverso la trasposizione didattica di un brano di Debussy, La cathédrale engloutie. L’esempio sarà basato su un approccio messo a punto dalla ricerca musicologica e metodologico-didattica e centrato sulla continuità tra ascolto, esecuzione musicale e Storia della musica.

  14. Economia politica del sé e costruzione sociale della cura: verso un'antropologia del lavoro di rete

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Guido Veronese

    2007-06-01

    Full Text Available L'articolo intende esplorare alcune possibilità offerte dal lavoro di rete in contesti interculturali. Tradizionalmente il sistema di cura Occidentale ha focalizzato l'intervento sull'individuo, passivizzandolo ed inserendolo in schemi concettuali misurabili, oggettivizzanti e universalistici. Spesso i modelli che cercano un punto di discontinuità con interventi medicalizzati, "unici" e lineari, rischiano di cadere nella trappola della reificazione di alcuni dei loro schemi concettuali di riferimento: dalla misurazione della malattia si passa, perciò, all'oggettivazione dell' "Invisibile". La funzione del counselor è quella di adattarsi camaleonticamente al contesto dell'intervento, restituendo competenza alla persona e coordinando i propri significati a quelli del cliente. Il lavoro di rete, inteso come interazione paritaria tra sistema curante e sistema curato, arricchisce le storie dei "pazienti" di nuovi significati e si propone come opportunità trasformativa per l'una e l'altra delle parti interagenti. Il contributo si chiude con un esempio clinico di lavoro coordinato della rete.

  15. Mente e cosmo, Nagel provocatorio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Guzzetti

    2013-05-01

    Full Text Available “Mind and cosmos. Why the materialist neo-darwinian conception of nature is almost certainly false”, ovvero “Mente e cosmo. Perchè la concezione neodarwinista della natura è quasi sicuramente falsa”, un libro importante e provocatorio questo di Nagel, pubblicato in Gran Bretagna dalla Oxford University Press, che si è meritato la copertina della sezione della scienza del “New York Times” e numerose recensioni della stampa anglosassone. In esso il filosofo, professore di diritto e filosofia alla New York University, autore di uno dei più influenti scritti sulla mente degli anni ’70, “Cosa si prova ad essere un pipistrello?”, smonta le premesse della scienza darwiniana, nella quale siamo immersi. Incolpata di non riuscire a spiegare la sede del pensiero umano e, quindi, “quasi sicuramente falsa”, come si legge nel sottotitolo del libro.

  16. Energy recovery from the urban solid wastes biogas; Recupero energetico del biogas da discariche di RSU

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Comolli, P.C.; Giambelli, G. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. di Energetica

    1999-12-01

    This paper is focused on the exploitation of biogas produced by anaerobic fermentation in landfills. It is part of an extensive research on the use of urban solid wastes for energy production. Special stress is laid on the environmental benefit and the significant energetic contribution, with specific reference to electric power generation, and on the need of strict laws to develop the exploitation of biogas. [Italian] L'articolo, tratto da un'ampia ricerca sull'utilizzazione energetica dei rifiuti solidi urbani, incentra la sua attenzione sull'utilizzo dei biogas prodotto dalla fermentazione anaerobica nelle discariche. Si sottolineano il vantaggio ambientale e il significativo apporto energetico, con particolare riferimento alla produzione di energia elettrica, nonche' la necessita' di piu' rigore normativo per sviluppare l'utilizzo energetico del biogas.

  17. La disciplina delle emozioni tra introspezione e performance: pratiche e discorsi del controllo a Toraja (Indonesia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aurora Donzelli

    2013-07-01

    Full Text Available La letteratura antropologica sulle emozioni relativa alle società dell’Indonesia e dell’area più vasta che comprende il Sudest asiatico e il Pacifico sembra convergere sull’enfasi attribuita alla questione del controllo emozionale3. Gli antropologi che hanno lavorato in quest’area sono stati inevitabilmente affascinati dalla compostezza e dall’assenza di espressione diretta dei sentimenti dimostrata nel comportamento quotidiano delle persone che cercavano di comprendere (Anderson 1966, p. 129; Belo 1935 [1970]; Bateson, Mead 1942; Bonokamsi 1972; Connors 1979; Errington 1984, 1983; Geertz 1958, 1960,1966, 1983; Geertz 1961, 1959; Just 1991; Hollan 1988; Hollan, Wellenkamp 1994, 1996; Keeler 1987; Wellenkamp 1984, 1988b; Wikan 1989.

  18. Le città del Jabal Nafusah Libico: strutture insediative e spazi abitativi.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Beniamino Polimeni

    2010-12-01

    Full Text Available L’interesse verso la zona del Jabal Nafusah, nella Libia nord occidentale, nasce dalla volontà di studiare un sistema di insediamenti e di trasformazioni del paesaggio che per caratteristiche ed esiti formali rappresentano un unicum all’interno del Maghreb. Il lavoro presentato, diviso in quattro sezioni, si propone come un possibile metodo di lettura delle forme urbane e delle architetture che le hanno generate, attraverso lo studio delle tre città berbere di Nalut, Cabao, Ulad Mahmud. Tre casi di studio significativi analizzati mediante gli strumenti del disegno e dell’analisi grafica con lo scopo di comprenderne l’organizzazione logica delle configurazioni e verificarne la continuità territoriale. L’obiettivo è quello di creare una sequenza storico/analitica che partendo dagli oggetti architettonici più minuti, i più vicini alla scala umana per struttura e dimensione, proceda fino all’estensione urbana e territoriale. Un metodo di analisi induttivo che seppur limitato ad una porzione circoscritta dà vita ad un valido processo di interpretazione formale.

  19. Le nuove specifiche di contenuto del DB25K per derivazione dei DBT regionali

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Leonardo Donnaloia

    2013-06-01

    Full Text Available In applicazione della direttiva INSPIRE ed in linea con la necessità della PA di creare database geotopografici multiscala omogenei a livello nazionale, il CPSG del CISIS sta svolgendo un’attività finalizzata alla normalizzazione dei DB25k (database geotopografici scala 1:25.000. Tale attività, partendo dal presupposto di derivare, in maniera controllata, i DB25K da DBT a scale maggiori (realizzati in conformità alla specifica introdotta dal DM 10 novembre 2011 si pone come obbiettivo la produzione di una specifica tecnica di riferimento da formalizzare, come previstodall’art. 59 del CAD, secondo l’iter legislativo stabilito.In accordance with the INSPIRE Directive and in line with theneeds of the Italian Public Sector to create geo-topographicdatabases at different scales and homogeneous at the national level, the CISIS Committee for the Geographic Systems is carrying out an activity aimed at the normalization of the DB25k (the geo-topographic database at the scale 1:25000.This activity, based on the assumption to derive, in a controlled manner, the DB25K by the DBT at larger scales (implemented in conformance with the specifications introduced by the Ministerial Decree 10 November 2011 has as its objective the production of a reference technical specification that will be formalized, as stated by the art. 59 of the Digital Administration Code, according to the established legislative iter. 

  20. Governo del territorio e grandi trasformazioni nella regione urbana milanese

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fulvia Pinto

    2010-02-01

    Full Text Available  Lo studio analizza le grandi trasformazioni in atto nella “regione urbana” milanese, esaminando gli strumenti, le strategie e le politiche seguite. Per “regione urbana” si intende un territorio che non fa riferimento a relazioni gerarchiche di tipo centro-periferico, bensì determina relazioni multi direzionali, a differenza dell’area metropolitana che viene definita in base a relazioni di dipendenza (economica, sociale, funzionale, ecc. di agglomerati esterni rispetto ad un capoluogo. La regione urbana milanese è uno dei poli economici e produttivi più attivi a livello nazionale ed europeo, tuttavia tale territorio è caratterizzato da una ridotta qualità urbana e ambientale e da fenomeni di polarizzazione e di frammentazione sociale in aumento, che hanno ripercussioni negative sulle prospettive di sviluppo dell'area. I più recenti strumenti di pianificazione dell’area milanese fanno riferimento alla coesione territoriale, cercando di disegnare una nuova struttura per il territorio frammentato e diffuso, consolidando il policentrismo della regione urbana, favorendo il riconoscimento di aggregazioni intermedie, al cui interno ricercare integrazione del sistema dei servizi, identità e appartenenze di area. Per attivare una politica di riqualificazione a livello urbano e territoriale, risulta fondamentale seguire forme di coordinamento tra i vari livelli di pianificazione. Particolare attenzione viene posta al problema della mobilità che richiede strategie particolari non solo del traffico quale effetto indotto, ma anche delle cause che lo producono, con riferimento specifico alla distribuzione sul territorio delle diverse attività, ad un corretto equilibrio tra insediamenti residenziali, produttivi e terziari. È necessario, dunque, individuare strumenti e procedure, capaci di perseguire un equilibrio dinamico tra i flussi attratti dalle attività insediate e i flussi “sostenibili” dalle infrastrutture di trasporto

  1. Rivestimenti graffiti a Roma nel XVI sec.: l’esempio della casa in vicolo del Governo Vecchio, 52

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesca Romana Stabile

    2015-01-01

    Full Text Available Ancora alla fine dell’Ottocento, Roma vantavaun gran numero di facciate decorate a graffito oa chiaroscuro monocromo, che testimoniavanodella ricchezza compositiva e della varietà di que-sti decori, eseguiti a partire dal Quattrocento. Laricerca in corso, della quale si presentano i pri-mi risultati è volta ad approfondire lo studio deicaratteri formali e materiali delle facciate graffite romane, con l’obiettivo – tra gli altri – di arrivare a definire modi di riconoscimento e pratiche diconservazione dei rivestimenti graffiti. La scheda-tura delle facciate graffite e dipinte a Roma, neisecoli XV-XVI, ha evidenziato la progressiva per-dita dei caratteri materiali e dei valori figuratividi tale patrimonio storico-artistico. Una sistema-tica ricerca storica ha permesso di pervenire, me-diante continui confronti, alla definizione di unacasistica di edifici tipo, su uno dei quali – la casagraffita a vicolo del Governo Vecchio, 52 – è statocondotto uno studio specifico che si è avvalso an-che dei dati emersi dal rilevamento topografico e fotogrammetrico

  2. «Cum omnibus eorum cautelis, libris et scripturis». Privilegi di dedizione, scritture di conti, rendicontazioni e reti informative nella dissoluzione del Principato di Taranto (23 giugno 1464 - 20 febbraio 1465

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Anna Airò

    2008-12-01

    Full Text Available Il saggio esamina il sistema delle scritture pragmatiche in adozione nel Principato di Taranto in età orsiniana (prima metà del XV secolo, non tuttavia mediante l'analisi diretta dei registri contabili e della produzione normativa superstiti ma attraverso una speciale lente di ingrandimento: la descrizione delle minute, molteplici pratiche di devoluzione del principato attuata alla morte di Giovanni Antonio del Balzo Orsini (1463 da un équipe di razionali della Sommaria, inviati in missione in Salento con lo scopo precipuo di riconnettere al demanio regio i beni patrimoniali, giurisdizionali e fiscali del principato. Lo sguardo retrospettivo del carteggio, la fonte qui specificamente oggetto d'esame, prodotto dall'interazione tra i razionali napoletani e i poteri politici locali del dominio ormai dissolto (amministratori, gestori di diritti, comunità, signori, ecc. consente così di cogliere dall'interno e nel concreto del suo funzionamento, strutture e meccanismi d'azione dell'ordinamento scritturale orsiniano. Offrendone, al contempo, una messa in rilievo delle complesse logiche generative, in definitiva: misurare, attingere, inventariare, e poi marcare e archiviare in una enorme base dati scritta entità, quantità, equivalenze numeriche e costituzione socio-economica dei luoghi (città, terre, casali, saline, masserie della vasta compagine territoriale infeudata dalla fine del Trecento ai del Balzo Orsini.

  3. Do Instituto de Educação à Faculdade de Filosofia da Universidade de São Paulo From the Institute of Education to the University of São Paulo Faculty of Philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bruno Bontempi Jr

    2011-04-01

    Full Text Available O artigo trata das relações pessoais e institucionais desencadeadas pelo ato de incorporação da Escola de Professores do extinto Instituto de Educação à Seção de Educação da Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras da Universidade de São Paulo. Os episódios narrados concernem à divisão de funções e de status na unidade formada nessa incorporação, pelos quais se pretende mostrar que, para além dos argumentos racionais e das justificativas de ordem epistemológica, os cursos de Pedagogia e de Didática tiveram seus destinos definidos na configuração do campo devido a uma conjunção de fatores, tais como disputas internas pelo poder na universidade, interesses profissionais dos discentes, rivalidades entre as áreas do conhecimento e lutas por status. Sugere-se que a condição desses cursos, tidos como inferiores e até mesmo inúteis no recinto da universidade, guarda certa relação com os conflitos e acomodações alimentados por tais fatoresThis article deals with the personal and institutional relationships unleashed by the incorporation of the Teachers' Education School of the former Institute of Education into the Education Department of the Faculdade de Filosofia, Ciências e Letras of the Universidade de São Paulo. The episodes reported concern the division of functions and status in the unit resulting from this incorporation, they show that, beyond the rational arguments and justifications of an epistemological nature, the Pedagogy and Didactics programs have been defined in the configuration of the field due to a conjunction of factors, such as internal disputes for power at the university, students' professional interests, rivalries between the fields of knowledge and struggles for status. It points out that the position of these programs, considered as being of lesser importance and even useless within the university, has a relationship with these conflicts and accommodations

  4. Sieropositivitá per HIV, HBV e HCV negli utenti del Servizio di Tossicodipendenza di Formia (ASL di Latina

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. La Torre

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare la prevalenza sieropositività per HIV, HBV e HCV nei tossicodipendenti afferenti al Ser.T di Formia (LT.

    Materiali e metodi: sono state consultate le cartelle cliniche degli afferenti al Ser.T. nel 2002, estraendo dati relativi ai parametri socio-demografici ed alle sieropositività. L’analisi statistica ha previsto l’impiego del test del χ2 e della regressione logistica multipla.

    Risultati: sono stati presi in considerazione 135 tossicodipendenti, di cui 103 (76.3% maschi e 32 (23.7% femmine. L’età mediana dell’inizio della tossicodipendenza e della presa in carico presso il servizio erano, rispettivamente, di 18 e di 23 anni. Il 94.1% dei tossicodipendenti risulta dipendente primariamente da eroina, il 5.2% da cocaina e lo 0.7% da alcol. Relativamente alle positività per i virus considerati, 7 soggetti (5.2% sono risultati positivi all’HIV, 23 (17% sieropositivi per HBV e 50 (37% sieropositivi per HCV. L’analisi multivariata mostra che sono associate alla sieropositività per HCV la sieropositività per HBV (OR = 3.87 e l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 1.88; alla sieropositività per HBV l’occupazione saltuaria (OR = 4.58, la HCV positività (OR = 4.41 e la HIV positività (OR = 5.39; alla sieropositività per HIV l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 4.94.

    Discussione: l’indagine ha messo in evidenza prevalenze di sieropositività per HCV, HBV e HIV decisamente inferiori a quelle registrate in altre realtà italiane ed internazionali. Una possibile spiegazione potrebbe essere ricercata nei bassi livelli di sieropositività per questi virus nella popolazione generale del Basso Lazio, o nella scarsa abitudine di scambiarsi le siringhe fra tossicodipendenti di questa area geografica.

  5. Istituzione del premio regionale all'eccellenza in sanitá, I edizione 2002

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Caracci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: istituire un Premio annuale regionale gestito dall’Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio che, formalizzando un riconoscimento alle organizzazioni ed ai professionisti, sostenendo attività di MCQ in tutti gli ambiti dell’organizzazione e la diffusione dei risultati, favorisca l’attuazione delle politiche sanitarie regionali.

    Metodi: in stretta correlazione con il Piano Sanitario Regionale 2002-2004, il Premio, istituito nel maggio 2002, si rivolge a tutte le strutture sanitarie accreditate del Lazio. Si propone quale strumento di promozione e sensibilizzazione alla cultura della qualità dell’assistenza, coinvolgendo i professionisti in iniziative aziendali od interaziendali sistemiche orientate al paziente. Per partecipare al Premio, ogni Azienda presenta un progetto, scelto tra le iniziative di MCQ ultimate, che rappresenti l’eccellenza raggiunta e documentata. L’intento è quello di favorire un approccio positivo al processo valutativo e di dimostrare lo sforzo continuo delle strutture sanitarie regionali, promovendo il cambiamento, l’empowerment, la learning organization, il confronto tra pari, la responsabilizzazione di tutti i livelli organizzativi. Il Premio costituisce un’incentivazione per il raggiungimento di risultati di eccellenza: un percorso educativo di apprendimento organizzativo. Il processo valutativo del Premio si articola in tre fasi: screening iniziale dell’ASP, cross evaluation e visita da parte di un team di esperti dei finalisti. Come premessa, è stata condotta un’analisi della letteratura esistente in materia: lo Sviluppo Integrato della Qualità di J. Øvretveit, basato sulla centralità del paziente nel processo assistenziale, è stato scelto quale modello teorico.

    Risultati: successo dell’iniziativa in considerazione dell’adesione di 53 Aziende sulle 115 della Regione, e ricezione dei documenti progettuali

  6. {sup 99m}Tc sestamibi cardiac tomography and dobutamine echocardiography in the identification of reversible left ventricular dysfunction in patients with acute myocardial infarction; Tomografia cardiaca con {sup 99m}Tc sestamibi ed ecocardiografia con dobutamina nell'identificazione della disfunzione ventricolare sinistra reversibile nei pazienti con infarto acuto del miocardio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Gisonni, P.; Cuocolo, A.; Spinelli, L.; Acampa, W.; Florimonte, L.; Nicolai, E.; Petretta, M.; Sodano, A. [Naples Univ. Federico 2. (Italy). Centro per la Medicina Nucleare del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Dipt. di Scienze Biomorfologiche e Funzionali

    1999-04-01

    The authors investigated the role of technetium-99m ({sup 99m}Tc) sestamibi cardiac imaging and dobutamine echocardiography in detecting myocardial viability early after acute myocardial infarction. [Italian] La presenza di tessuto miocardico ibernato o stordito contribuisce alla genesi della disfunzione ventricolare sinistra nei pazienti con infarto del miocardio. L'identificazione del miocardio malfunzionante ma ancora vitale ha particolare rilevanza nel predire il recupero della funzione ventricolare in seguito a interventi di rivascolarizzazione coronarica. In questo studio e' stato valutato il ruolo della scintigrafia con tecnezio-99m ({sup 99m}Tc) sestamibi e dell'ecocardiografia con dobutamina nell'identificazione del miocardio vitale dopo infarto acuto del miocardio.

  7. Premessa alla "Guida al DNS. Dalla teoria alla pratica"

    OpenAIRE

    Abba, Laura; Trumpy, Stefano

    2006-01-01

    About this book Vint Cerf (Internet Pioneer -- TCP/IP co-Designer) wrote that the author ?"has produced yet another thoughtful work on the history and impact of the Internet. The Domain Name System, invented in the early 1980s by Paul Mockapetris with help from Jonathan Postel and others, has become a very important part of the Internet infrastructure. It figures strongly in the World Wide Web as a key part of the hyperlinks that serve as signposts in cyberspace and it has become an economic ...

  8. Autorreflexão e autonomia do pensar como pressupostos teóricos e metodológicos do Ensino de Filosofia: análise a partir da teoria crítica

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Delcio Junkes

    2015-01-01

    Full Text Available http://dx.doi.org/10.5902/1984644415908A questão-problema central que esse artigo apresenta tem a ver com a análise crítica que os autores da Teoria Crítica, particularmente Adorno e Horkheimer, estabelecem entre o projeto de esclarecimento e os limites da emancipação do indivíduo. A partir dessa abordagem teórica procura-se mostrar se é possível pensar num projeto emancipatório no contexto da sociedade capitalista hodierna.  Por um lado, busca-se problematizar a contradição: o esclarecimento como promessa de uma sociedade melhor e aquilo que ele, de fato, se tornou: uma razão totalitária. Por outro lado, procura-se entender, a partir do posicionamento dos autores, se frente ao pretenso projeto de esclarecimento, a filosofia e a educação teriam um poder de resistência em relação ao rumo caótico que o processo civilizatório tomou.

  9. del cambio

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alejandro Canales

    2006-01-01

    Full Text Available El artículo analiza las propuestas y los compromisos en materia de cobertura y de financiamiento en el periodo 2000-2006. En particular, revisa las modificaciones y los ajustes de los tres principales documentos en los que se expresaron las iniciativas: el de la Asociación Nacional de Universidades e Instituciones de Educación Superior, el del equipo de la transición y el programa sectorial. Los resultados muestran que las cifras de atención a la demanda educativa e inversión quedaron lejos de las metas autoimpuestas por el gobierno federal y que será necesario realizar mayores esfuerzos para atender tales desafíos.

  10. Geophysical surveys and velocimetric measures in the Cerreto di Spoleto (Perugia) area, aiming at a seismic microzoning; Indagini geofisiche e misure velocimetriche finalizzate alla microzonazione sismica dell'area di Cerreto di Spoleto (Perugia)

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Bongiovanni, G.; Martino, S.; Paciello, A.; Verrubbi, V. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Csaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    Geophysical prospectings and velocimetric measures, aiming at the seismic microzoning of Cerreto di Spoleto area, are presented. Starting from the data obtained by previous geological-geomechanical surveys, seismic-refraction prospectings were carried on in order to obtain a dynamic characterisation and a geometrical description both of soil and rock materials. The velocimetric measures were performed by temporary free-field arrays, recording both environmental noise and small-magnitude seismic events. The analysis of the obtained records is still in progress, in order to evaluate the local seismic wave amplification. [Italian] Vengono illustrate le indagini geofisiche e le misure velocimetriche condotte nell'area di Cerreto di Spoleto (PG) per la microzonazione sismica. In particolare, sulla base dei dati geologici e geomeccanici precedentemente acquisiti, sono state effettuate indagini di sismica a rifrazione che hanno portato alla caratterizzazione dinamica dei litotipi ed alla definizione delle loro geometrie. Le misure velometriche sono state condotte installando array temporanei in free-field per la registrazione di rumore ambientale ed eventi sismici di piccola magnitudo. E' in corso l'elaborazione delle registrazioni ottenute, finalizzata all'analisi degli effetti di amplificazione sismica locale.

  11. Plagiaatorist Saksa minister andis alla

    Index Scriptorium Estoniae

    2011-01-01

    Saksamaa kaitseminister Karl-Theodor zu Guttenberg astus plagiaadiskandaali tõttu tagasi. Karl Theodor zu Guttenberg on veebilehe GutenPlag Wikia andmetel pea sõna-sõnalt ilma viitamata teistelt autoritelt maha kirjutanud viiendiku oma doktoritööst

  12. Kuidas kirjutada kunstiajalugu? / Anu Allas

    Index Scriptorium Estoniae

    Allas, Anu, 1977-

    2010-01-01

    14. ja 15. mail 2010 Tallinnas toimunud USA Clarki instituudi ja Eesti Kunstiakadeemia Kunstiteaduse Instituudi seminarist "Thinking Art History in East-Central Europe" (Arutlusi Kesk- ja Ida-Euroopa kunstiajaloo teemal)

  13. KANGASTUKKUYRITYSTEN TALOUDELLINEN TILA TAANTUMAN ALLA

    OpenAIRE

    Savola, Salla

    2009-01-01

    Opinnäytetyön tarkoituksena oli tutkia case-yrityksen ja kolmen kilpailevan yrityksen maksuvalmiutta, vakavaraisuutta, kannattavuutta ja konkurssiin joutumisen uhkaa tilikausina 2006–2008. Selvitin millainen case-yrityksen taloudellinen tila on muihin kangastukkuyrityksiin verrattuna. Työssä tutkin myös vuonna 2008 alkaneen taantuman vaikutusta kangastukkuyritysten talouden tunnuslukuihin. Tutkimusaineistona oli Patentti- ja rekisterihallituksesta, sekä Voitto +- ohjelmasta hankitut tilinpäät...

  14. Pluss ja miinus / Hendrik Alla

    Index Scriptorium Estoniae

    Alla, Hendrik, 1976-

    1998-01-01

    Jõuluteemalistest ja jõuluvanalistest arvutireklaamidest. Halb: MicroLink (idee: MicroLink, teostus: Division) 'Arreteeriti jõuluvana!', Assert (Limit Reklaam) 'Viktor (57), näärivana'. Parem: PCT (Snaiper) 'Sa ju lubasid...'.

  15. SMS-laenud kontrolli alla

    Index Scriptorium Estoniae

    2008-01-01

    Reformierakonna fraktsiooni ettepanekust töötada kolme kuu jooksul välja SMS-laenude levikut piiravate õigusaktide pakett. Ilmunud ka Tallinna Teataja : Haabersti, Kristiine ja Põhja-Tallinn, mai 2008, lk. 4 ; Tallinna Teataja : Nõmme ja Mustamäe, mai 2008, lk. 4

  16. SMS-laenud kontrolli alla

    Index Scriptorium Estoniae

    2008-01-01

    Reformierakonna fraktsiooni ettepanekust töötada kolme kuu jooksul välja SMS-laenude levikut piiravate õigusaktide pakett. Ilmunud ka Eesti Teataja : Hiiumaa, Saaremaa, Läänemaa ja Pärnumaa, mai 2008, lk. 4 ; Eesti Teataja : Virumaa, mai 2008, lk. 4 ; Eesti Teataja : Harju- ja Raplamaa, mai 2008, lk. 4

  17. ÉTICA E PESSOA HUMANA SEGUNDO O RACIOVITALISMO HISPÂNICO: CONTRIBUIÇÕES DA FILOSOFIA DE JULIÁN MARÍAS

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Arlindo F. Gonçalves

    2009-01-01

    Full Text Available Se trata de exponer y examinar los argumentos del filósofo Julián Marías en relación con el problema de la ética de la persona humana, desde la perspectiva de la vida humana y de la Antropología metafísica. Integrante de la "Escuela de Madrid", su pensamiento ha sido inspirado por la filosofía raciovitalista de Ortegay Gasset. En este trabajo se pretende recuperar el contexto de esa influencia, para introducir los principales conceptos de su modelo teórico, y presentar sus consideraciones sobre la vida como un argumento biográfico proyectivo, la instalación de las circunstancias y las mundanidades como formas de hacer la persona.

  18. The sterility of equilibrium economics: an aspect of sociology of science La esterilidad de la economía del equilibrio: un aspecto de la sociología de la ciencia

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Bhatt V. V.

    2000-06-01

    Full Text Available This paper shows that economic science is yet to reach maturity and that equilibrium theory does not grasp actual economic relationships,and is sterile for policy making. It analyses the creation of castsamong economists, the impossibility of formalizing all economic phenomena in terms of individual optimization, and the ideological biases of scientific work. It suggests the need to reassess the basic hypothesis of the general equilibrium approach and to rebuild the analytical framework of economics. Based upon Krishnamurti "ephilosophy, it shows that the main thrust of human behavior is notselfishness but envy, and that this motivation weakens the traditional theory of individual and firm behavior.Este articulo muestra que la ciencia economica no ha alñcanzado la madurez que la la teoria del equilibrio no capta las relaciones economicas reales y es esteril para formular politicas ecopnomicas. Analiza la formacion de castas entre los economistas, la imposibilidad de formalizar todos los fenomenso economicos en terminos de optimizacion individual y los sesgos ideologicos del trabajo cientifico. Indica la necesidad de replantear las hipotesis basicas del enfoque del equilibrio general y de reconstruir el aparato analitico de la economia. Con base en la filosofia de Krishnamurti, muestra que la fuerza motriz de la conducta humana es la envidia y no el egoismo , y que esta motivacion resta validez a la teoria tradicional del comportamiento de los individuos y de las empresas.

  19. Rappresentazioni digitali al tratto: tecniche visuali per un utilizzo avanzato del CAD

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Simone Garagnani

    2006-12-01

    Full Text Available Il vasto panorama esistente di prodotti software destinati al mondo del disegno architettonico, rischia di compromettere quell'individualità che distingue lo stile di rappresentazione del progettista puro. La consuetudine moderna alla rappresentazione tridimensionale fotorealistica a tutti i costi, dove tessiture di materiali e contrasti di luci ed ombre sono a volte talmente esasperati da avere ben poco del fotografico, ha condotto a trascurare le più tradizionali visualizzazioni al tratto, ancora importanti per la loro intrinseca chiarezza esplicativa e visuale delle forme. Non sono pochi infatti i software di nuova produzione che implementano con discutibile disinvoltura motori di rendering più o meno realistici, ma che non sono in grado di presentare disegni prospettici od assonometrici formalmente corretti e gradevoli. Il tracciamento assistito tuttavia può essere un valido strumento di sviluppo anche per tecniche visuali più classiche; in questo breve scritto verranno analizzati due metodi per ottenere questo tipo di elaborati con un pacchetto di disegno digitale standard come AutoCAD.

  20. Recupero della classificazione decimale Dewey da altre basi di dati: un progetto di bonifica del catalogo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Stefano Bargioni

    2013-07-01

    Full Text Available La crescente disponibilità di cataloghi online e banche dati bibliografiche permette oltre alla catalogazione derivata, anche il reperimento all'interno del catalogo di informazioni "atomiche" utili. A tal fine, i numeri decimali Dewey sono stati importati nelle fonti nazionali e internazionali mediante l'identificatore univoco ISBN. Sono state sviluppate specifiche tecniche per individuare i record da recuperare, per interrogare i database esterni e per estrarre i numeri di classificazione Dewey e aggiungerli al catalogo. La grande quantità di numeri Dewey aggiunti al catalogo ha migliorato l'usabilità semantica degli OPAC. La procedura stabilita ha anche facilitato la raccolta delle informazioni sull'uso del Sistema di Classificazione Decimale Dewey nelle varie basi di dati utilizzate ed autorizzate a fare taluni confronti tra loro. Gli strumenti impiegati possono essere usati analogamente per le operazioni di recupero dei dati nel catalogo, sia come supporto nel processo di catalogazione sia per arricchire gli OPAC in modo statico e dinamico. Tenendo conto del suo esclusivo scopo pratico, questo lavoro è caratterizzato da scelte concrete, piuttosto che teoriche. Tuttavia, l'esperienza acquisita apre spazi anche nel campo della ricerca accademica.

  1. Popolo e regimi politici a Firenze nella prima metà del Duecento

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Diacciati

    2011-10-01

    Full Text Available Tra la fine del XII secolo e l’avvio del successivo, Firenze fu interessata dal passaggio dal regime consolare a quello podestarile. Cominciarono ad affacciarsi alla vita pubblica nuovi soggetti, di origine generalmente modesta ma affermatisi più o meno rapidamente grazie a floride attività mercantili, creditizie, manifatturiere, e all’esercizio di attività liberali, che rivendicavano il diritto di partecipare al governo. Il movimento popolare faceva la sua comparsa nella storia fiorentina. Attraverso le Arti, affiancate poi da organizzazioni a carattere territoriale, esso conquistò sempre più spazi nella vita politica, contrapponendo la propria visione della res publica a quella difesa dalla milizia, gruppo che aveva in mano le redini del potere. Sostenitore di un modello di vita politica e sociale nel quale avesse la preminenza l’autorità pubblica, in cui più equa fosse la ripartizione dei carichi fiscali e più retta la gestione delle finanze e dei beni comunali, il Popolo riuscì ad imporre la propria supremazia politica nel 1250.

  2. Paul Flandrin, sur nature. Dipinti sconosciuti del periodo italiano (1834-1838

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Elena Marchetti

    2012-02-01

    Full Text Available Paul Flandrin (Lione 1811- Parigi 1902 è un pittore dalla lunga carriera, i cui inizi si snodano tra la formazione presso l’Académie des Beaux Arts di Lione e l’atelier di Ingres a Parigi. Sarà però durante il viaggio in Italia (1834-1838 che il pittore individuerà la sua precisa vocazione di pittore di paesaggio. Il periodo trascorso a Roma, non pensionnaire di Villa Medici ma assiduo frequentatore della Accademia di Francia, all’epoca diretta dal suo maestro, è significativo per individuare le prime prove di un artista che si pone tra l’influenza di Corot e l’insegnamento di Ingres. Per un pittore di educazione neoclassica, quanto conta l’esperienza italiana? Per un allievo di Ingres, cosa significa la scelta del paesaggio? Per un paysagiste che arriva a Roma negli anni Trenta, in cosa consiste l’eredità di Corot? L’articolo tenta di dare risposta a queste domande attraverso l’individuazione di alcune tappe fondamentali della produzione grafica e pittorica di Paul Flandrin compresa negli anni del soggiorno italiano. L’indagine si concentra sulla comprensione del metodo di lavoro dell’artista, dalla percezione della natura vista e studiata dal vero alla ricomposizione in atelier. Dall’analisi emerge la figura complessa di un pittore di formazione neoclassica che opera nel XIX secolo inoltrato.

  3. Report: Ordine del sentire e apertura al mondo. Filosofia delle emozioni e processo di individuazione della persona XIII Convegno internazionale della Max-Scheler-Gesellschaft Università di Verona 27-30 Maggio 2015

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Maria Teresa Speranza

    2015-06-01

    Full Text Available An interesting debate on the issue of personal identity and its ethical implications has animated the days of the XIII International Congress of Max Scheler‐Gesellschaft. A large program of work has garnered numerous perspectives on the philosophy of person and the phenomenology of otherness, investigating in particular the role of emotions in the formation of person process. The main topic of conference was the Max Scheler’s phenomenology of emotions, which is an important turning point in the philosophy of twentieth century. The formation of ordo amoris, or rather order of feeling, generates the self‐transcendence of the immediate feeling in virtue, in which the person realizes her singularity. The emotion, therefore, doesn’t remain confined in a state of mind and inner private but acts in the world, creating the emotional breakthrough (emotioneller Durchbruch that makes me exist in a new way in the world, which allows me to act according to my ordo amoris.

  4. Hacia la creacion de una filosofia latinoamericana. Un ensayo nacionalista: El perfil del hombre y la cultura en Mexico (Toward the Creation of a Latin American Philosophy. An Essay on Nationalism: A Profile of the Mexicans and Their Culture).

    Science.gov (United States)

    Mendoza, Manuel

    An analysis of a Mexican essay by Samuel Ramos attempts to resolve the issue of whether or not there is a common philosophy in Latin America today. Manuel Mendoza concludes that no such philosophy exists, because the area has not had time to develop an internal character, and as a result, the intellectual and and philosophical concepts are based…

  5. Per una didattica del melodramma. Idee e percorsi

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giorgio Pagannone

    2011-04-01

    Full Text Available Il presente intervento ha lo scopo di mettere a fuoco alcune questioni di fondo sulla didattica del melodramma e di formulare alcune ipotesi metodologiche approfondite nel volume Insegnare il melodramma: saperi essenziali, proposte didattiche, finanziato dall’Università della Valle d’Aosta e destinato ad insegnanti della scuola di base, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria superiore. Il libro è suddiviso in due parti: la prima di riflessione teorica e metodologica; la seconda più operativa, e contenente alcuni percorsi didattici divisi per fasce scolastiche. Esso dunque intende fornire a chi opera nella scuola una riflessione articolata e almeno un po’ approfondita sull’opera lirica, e nel contempo degli strumenti di lavoro concreti. Si può constatare infatti che alcune recenti pubblicazioni sulla didattica dell’opera puntano sull’immediata operatività (anche ai livelli più precoci d’istruzione, ma difettano, a nostro avviso, di un’adeguata cornice teorico-metodologico-concettuale: il che si ripercuote anche sul livello e sulla qualità dei percorsi didattici stessi.

  6. CORSO DI ITALIANO PER STUDENTI ANGLOFONI NEGLI USA: L’IMPORTANZA DEL LIBRO DI TESTO

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Ilaria Sacchini

    2011-02-01

    Full Text Available L’insegnamento dell’italiano all’estero si colloca all’interno di un contesto specifico che deve essere tenuto in considerazione al momento della pianificazione di un corso di italiano LS. Dopo una analisi delle specifiche caratteristiche dell’ambiente universitario americano e delle difficoltà che lo studente incontra nell’apprendimento della lingua italiana in relazione alla sua lingua madre, l’attenzione si focalizza poi sul libro di testo, strumento fondamentale per lo studio e l’insegnamento/apprendimento della lingua straniera. Avanti!, manuale di lingua italiana utilizzato nei corsi di lingua italiana presso un’università americana, viene analizzato dal punto di vista glottodidattico attraverso una descrizione e una valutazione dettagliata della sua struttura, degli obiettivi linguistico- comunicativi e dei materiali didattici presenti, con particolare attenzione alla tipologia degli esercizi, nonché alla varietà di italiano presentata. Infine, vengono elencate alcune attività extra a completamento del corso di italiano da proporre agli studenti per un loro più ampio coinvolgimento nella lingua e nella cultura italiana.     Italian lessons for american english-speaking students: the importance of the textbook   Teaching Italian abroad takes place in a specific context which needs to be considered in planning Italian as a Foreign Language courses.  After analyzing the specific characteristics of the American university environment and the difficulty students have in learning the Italian language in comparison to their mother tongue, attention is focused on the textbook used, a fundamental tool for the study and learning/teaching of a foreign language. Avanti! is the textbook utilized in Italian language courses in American universities.  It is analyzed from a glottodidactic point of view through the detailed description and evaluation of its structure, the linguistic-communicative objectives and the didactic

  7. Sempre più veloci perché i fisici accelerano le particelle : la vera storia del bosone di Higgs

    CERN Document Server

    Amaldi, Ugo

    2012-01-01

    Nell’estate 2012 l’annuncio della scoperta del «bosone di Higgs» ha fatto conoscere a tutti il CERN di Ginevra e il suo grande anello sotterraneo LHC, la macchina più gigantesca mai costruita dall’umanità. Ma perché i fisici costruiscono acceleratori di particelle sempre più potenti? Che cosa vogliono scoprire? E quegli acceleratori servono soltanto a produrre conoscenza, o hanno anche qualche applicazione nella vita quotidiana? Un protagonista della ricerca scientifica ripercorre un secolo di progressi, dalla storia curiosa della prima radiografia fino alla speciale particella che oggi spiega perché la materia pesa, e la luce invece no. Un’avventura affascinante che ha anche straordinarie ricadute: da un lato permette di esplorare i primi istanti di vita dell’universo, dall’altro produce apparecchi capaci di diagnosticare le malattie e perfino di curare il cancro.

  8. L'informatizzazione dell'Atlante Linguistico Sonoro ALD I (Atlante Linguistico del ladino centrale e dialetti limitrofi I

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Roland Bauer

    1992-12-01

    Full Text Available L’ALD sonoro rappresenta, all'interno del progetto di ricerca ALD I, il settore più innovativo in merito alle strutture informatiche. Si tratta infatti dell'incorporazio­ ne di tutti i dati acustici (raccolti sul campo in una delle varie catene di pubblicazione. Ciò comporta non solo notevoli vantaggi materiali (conservazione della qualità dei dati sonori a lungo termine, accesso rapido alla realta acustica e facile duplificazione dei risp. dati, ma anche un considerevole incremento delle attuali possibilità di tratta­ mento strettamente linguistico dei dati, oltre al valore generale dell'intera base docu­ mentaria messa a disposizione della ricerca diacronica dei secoli futuri.

  9. La valle del Nilo: il paesaggio del mito nelle rappresentazioni cinematografiche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Claudio Gambino

    2016-05-01

    Full Text Available La valle del Nilo, per la pluralità delle sue vicende storico-culturali e per l’immagine di cui fruisce a livello planetario, si è manifestata nel tempo anche come suggestivo attrattore per la rappresentazione cinematografica, offrendo  meravigliosi scenari, sia dal punto di vista dell’ambiente naturale, sia dal punto divista dell’ambiente antropico. Questo grande fiume, così come lo chiamavano gli antichi egizi, ha fatto da cornice, tra gli altri, alla famosa opera filmica Assassinio sul Nilo, tratto dal più celebre dei romanzi di Agatha Christie. Un giallo ambientato a bordo dello Steam Ship Sudan, un battello fluviale che ancora oggi costituisce un must per tutti i turisti che prenotano una crociera sul Nilo. Nell’ambito di un progetto volto a promuovere il cineturismo ho ritenuto, perciò, opportuno proporre l’istituzione e l’attivazione di un Parco Cine-Letterario dedicato al romanzo-film della scrittrice britannica.   The Nile valley, with its plurality of its cultural and historical events and reputation worldwide, has become over the course of time an important attraction for film performances, offering spectacular scenarios, both from a natural and anthropic environment point of view. This Big River, named by ancient Egyptians, has provided the set for many films including Death on the Nile, based on the Agatha Christie mystery novel of the same name. It is a crime fiction that takes place aboard the Steam Ship Sudan, a fluvial steamship which is still a must for all the tourists who want to cruise the Nile. As a part of a project that intends to promote the movie-tourism, I believe it is appropriate to propose the institution and the activation of a Cine-Literary Park dedicated to the novel-film of the famous British writer.

  10. del discurso

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alexander Mosquera

    2006-01-01

    Full Text Available En varios comunicados quedó reflejada la tensión de la reciente crisis entre Colombia y Venezuela, suscitada a raíz de la captura en diciembre de 2004 de un guerrillero de la FARC en Caracas (Rodrigo Granda. El presente trabajo es un avance de un proyecto de investigación, que persigue como objetivos: 1 describir el discurso implícito en dichos comunicados; 2 identificar los aspectos semánticos y pragmáticos presentes en la confrontación discursiva; y 3 delinear el componente ideológico reflejado en los comunicados. Para el respectivo análisis se siguieron algunos aspectos teóricos y metodológicos de Colle (2000, Bolívar (1998 yMolero de Cabeza (1985. Entre las conclusiones preliminares de este avance se tiene que, con el caso Granda, Colombia recurrió a la vieja política del "fin justifica los medios", a la vez que puso en entredicho el papel de Venezuela en la lucha contra el terrorismo, quizás como respuesta a su política exterior de estrechos vínculos con el gobierno estadounidense

  11. Responsabilità “amministrativa” ex d. lgs. n. 231 del 2001 ed enti ecclesiastici civilmente riconosciuti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Desirée Fondaroli

    2012-12-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti - 3. (segue Natura giuridica. Le attività di “religione o di culto” e le “attività diverse” – 4. (segue L’ente ecclesiastico civilmente riconosciuto che svolge attività d’impresa – 5. Brevi riflessioni in ordine alla riconducibilità degli enti ecclesiastici al novero dei “soggetti” di cui all’art. 1 d.lgs. n. 231 del 2001 - 6. (segue Gli enti ecclesiastici e la disciplina della responsabilità “amministrativa” dei soggetti collettivi: i reati-presupposto commessi all’estero.ABSTRACT: This research is focused on bodies’ administrative liability ex d. lgs. n. 231 del 2001 and ecclesiastical boards which are civilly recognized. In particular we examine Italian regulations suitable for the mentioned boards. As a consequence we try to find the limits of d. lgs. n. 231 del 2001 application’s. This legislative decree regulates bodies’ liability for unlawful administrative (but substantial penal acts relating to offences. The provisions set out therein apply to corporate entities and companies and associations including those which are not bodies corporate. However, the decree do not mention any ecclesiastical boards which are civilly recognized.KEYWORDS: Ecclesiastical boards which are civilly recognized; Personae iuridicae canonicae; d.lgs. n. 231 del 2001.

  12. Dall’inferno si leva un canto. Italo Calvino e «l’eco lontana del silenzio»

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Andrea Cannas

    2015-07-01

    Full Text Available Nella produzione narrativa di Italo Calvino l’explicit può circoscrivere lo spazio verso cui il 'rumore' del mondo s’avanza a minacciare l’ordine della finzione – e, viceversa, il finale dell’opera può risultare l’ultimo baluardo per mezzo del quale il senso, di cui la finzione è la più strenua attestazione, si sforza di resistere al non senso che proviene dal caos della Storia. Il cielo di pietra, Un re in ascolto, racconti dedicati al valore del canto e, per contro, alla minaccia acustica scoperchiata dalle indiavolate metropoli del nostro tempo, insieme all’epilogo de Le città invisibili rappresentano tre casi emblematici in cui la finzione digrada verso la realtà marcando, su un piano finalmente sincronico, l’estrema frontiera da cui l’autore contempla la propria comunità d’appartenenza – ed eventualmente riflette sul potere, se non salvifico, per lo meno discriminante della parola scritta. Da questa prospettiva il silenzio è al contempo il presupposto e il movimento cui dovrebbe tendere ogni scrittura: costituisce in definitiva per Calvino l’opportunità di discernere per cogliere finalmente l’essenziale.

  13. "A chiare lettere" Editoriale gennaio 2007

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Giuseppe Casuscelli

    2011-02-01

    Full Text Available Ad onta delle crisi ricorrenti che investono il diritto ecclesiastico, nell’anno appena iniziato la nostra disciplina raccoglie il testimone inatteso della speranza. Il 2006 ci ha offerto la pubblicazione di tre manuali1 che, con un taglio ed un’impostazione nuovi, si rivolgono ad un’utenza che non è fatta soltanto degli studenti delle nostre Università; la pubblicazione del primo numero della nuova rivista semestrale “Diritto e Religioni”2, che intende trattare il fattore religioso da molteplici punti di vista aprendosi ad una molteplicità di scienze affini (antropologia, sociologia, storia, filosofia; la nascita di questa rivista telematica che non vuole avere un proprio indirizzo o orientamento, ma si prefigge lo scopo di essere strumento e manifesto della pluralità e del pluralismo delle scuole, delle sensibilità, dei metodi che alimentano il patrimonio comune del sapere teorico perché in esso trovi a sua volta alimento il concreto, quotidiano farsi dell’esperienza giuridica. Due ricorrenze di particolare rilievo segnano, ancora, questa fase: i cinquanta anni della Corte costituzionale, alla cui attività molto è legato il rinnovamento del “diritto ecclesiastico”, che ha partecipato alla celebrazione corale offrendo uno specifico contributo di analisi della sua giurisprudenza 3; i dodici lustri della Costituzione repubblicana, un’età “matura” che offre l’occasione per un bilancio della sua vitalità, delle compiute attuazioni, delle attese non ancora realizzate.

  14. Corrientes Del Pensamiento En Al-Andalús

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Montada, Josep Puig

    2007-01-01

    Full Text Available Três tendências principais do pensamento islâmico - a teologia racional, a filosofia e o sufismo - desenvolveram-se na Península Ibérica durante o domínio árabe. Todas elas tiveram origem do leste islâmico e incorporaram pensadores judeus que viviam em al-Andalus. As relações entre essas tendências foram por vezes conflituosas; mas também foram positivas no caso de pensadores que procuraram harmonizar a filosofia e o sufismo (Avempace e Ibn Tufail ou a filosofia e a teologia racional (Averróis e Maimônides

  15. Tecnolog??as del cuidado del mundo

    OpenAIRE

    Higuera Esp??n, Javier de la

    2011-01-01

    Desde la ??ptica de la ontolog??a de la actualidad, este texto pretende pensar en la posibilidad de unas ???tecnolog??as del mundo??? que, en correlaci??n con las ???tecnolog??as del yo???, sean responsables del cuidado del acontecer singular que define nuestro presente, amenazado por fuertes tendencias homogeneizadoras capaces de cerrar o compactar el mundo. Por el contrario, el mundo s??lo es mundo si ???en ??l puede abrirse un afuera??? (J.-L. Nancy). Para ello analiza la naturaleza de es...

  16. Thinking technological and biological beings: Gilbert Simondon's philosophy of machines Pensando os seres tecnológicos e biológicos: a filosofia das máquinas de Gilbert Simondon

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Henning Schmidgen

    2005-12-01

    Full Text Available The article proposes an investigation of the contributions of G. Simondon in the studies of Science and Technology. Leaving the contributions of cybernetics behind, Simondon investigates the processes of individuation, development and evolution of technology. According to his philosophy of machines, technical objects are contextualized both synchronically and diachronically. In contrast with other theoretical approaches of this problem, we emphasize that the interest of this author lies in the energetic determinism that is manifested in and outside technical objects. At last, we point out the contributions of this theoretical approach to contemporary studies on the history of scientific experiments.Este trabalho tem como objetivo investigar as contribuições de G. Simondon para o campo de estudos de Ciência e Tecnologia. Distanciando-se das contribuições da cibernética, Simondon propõe investigar os processos de individuação, desenvolvimento e evolução da tecnologia. No enfoque da filosofia das máquinas proposto por esse autor, os objetos técnicos são contextualizados tanto sincrônica quanto diacronicamente. Destacamos que, diferentemente de outros enfoques teóricos a respeito deste tema, o interesse do autor centra-se no determinismo energético que se manifesta dentro e fora dos objetos técnicos. Desse modo, concluimos apontando as contribuições desse enfoque teórico para os estudos contemporâneos a respeito da história dos experimentos científicos.

  17. El Banco del Sur

    OpenAIRE

    Espejo, Silvana

    2012-01-01

    En este trabajo abordaremos las características principales del Banco del Sur como una institución financiera sudamericana. Primero presentaremos sus principales características y explicaremos las características de un banco de desarrollo regional. Luego, expondremos el proceso de conformación del mismo haciendo un recorrido por sus principales antecedentes. Por último, cerraremos con una evaluación sobre el estado actual del Banco del Sur. (Párrafo extraído del texto a modo de resumen)...

  18. The role of natural gas in assessing environmental cost of fossil fuels; Il valore del gas naturale nella valutazione dei costi ambientali dei combustibili fossili

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Riva, A.; Trebeschi, C. [SNAM SpA (Italy)

    1999-08-01

    The actual price of a resource is the results of its internal and external costs. Internal costs means the price paid by the users in order to utilise the resource. On the other hand, externals costs, which are associated with the resource, are not paid directly by the users, but they shall be paid for by the society of the future generations. The article presents methodologies and issues relevant to energy policy decisions, when it comes to evaluating and using environmental external costs of fossil fuel life, with particular consideration to the end-use phase. The results of published studies on environmental costs of energy sources and an analysis applied to the Italia case show that natural gas as a significantly higher environmental value than other fossil fuels. The range of values depends upon the technologies considered and on the assumptions adopted when assessment environmental damages. [Italian] Il costo reale di una risorsa e' dato dalla somma del suo costo interno e del suo costo esterno. Il costo interno e' il costo che l'utente paga per poter utilizzare la risorsa. I costi esterni sono invece i costi associati alla risorsa per i quali l'utilizzatore non paga in prima persona un prezzo. Questi costi sono quindi trasferiti in blocco alla societa' o alle future generazioni. Sono presentate le metodologie e le problematiche per la valutazione e l'utilizzo nelle decisioni di politica energetica dei costi esterni ambientali del ciclo di vita dei combustibili fossili, con particolare attenzione per la fase degli usi finali. I dati di letteratura riguardanti i costi ambientali delle fonti energetiche ed un'analisi applicata al caso dell'Italia, dimostrano che il gas naturale ha un valore ambientale ben maggiore di altri combustibili fossili. Tale valore dipende dalla tecnologia considerata e dalle ipotesi adottate per la valutazione dei danni ambientali.

  19. The normative claims of Brazil’s democratic ethos: bourdieu’s habitus, critical theory, and social philosophy = As exigências normativas do ethos democrático brasileiro: o habitus em Bourdieu, teoria crítica e filosofia social

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Oliveira Junior, Nythamar Hilario Fernandes de

    2011-01-01

    Full Text Available O artigo defende uma interlocução interdisciplinar entre teoria social e filosofia social, com o fito de reformular o problema da normatividade nas práticas sociais, especialmente no contexto de um ethos democrático brasileiro. Recorrendo a aportes de teoria crítica e de epistemologia social, o texto propõe-se a reexaminar a concepção de habitus de Bourdieu, de forma a contribuir para um construcionismo social mitigado que não pode ser reduzido a um discurso pós-moderno ou a uma versão de relativismo

  20. Reagire alla dominazione sociale: classe, sesso e politica nelle narrazioni autobiografiche di Didier Éribon ed Édouard Louis

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvia Nugara

    2015-11-01

    Full Text Available Iscrivendosi nella scia dell’autobiografia sociologica di Bourdieu, Retour à Reims (2009 del sociologo Didier Éribon e En finir avec Eddy Bellegueule (2014 del suo allievo ventiduenne Édouard Louis raccontano l’esperienza dei rispettivi autori a partire dalle dinamiche di dominazione sociale e sessuale che l’hanno determinata. Entrambi i testi chiamano in causa la figura dell’intellettuale come transfuga di classe che tramite la scrittura rielabora i conflitti identitari che lo attraversano e apre a una riflessione sui rapporti tra potere politico e potere simbolico. Inoltre, questi due esempi di auto-socio-analisi possono essere interpretati come contributi a un dibattito pubblico che in Francia e non solo si confronta con il valore politico di identità sociali sempre più complesse e con dinamiche elettorali che dagli anni Sessanta a oggi hanno sciolto il legame tra forze politiche della sinistra e classi sociali più svantaggiate.

  1. Financial balance of the recovery of energy starting from the thermal-destruction; Bilancio economico del recupero di energia dalla termodistruzione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Macchi, E. [Milan Politecnico, Milan (Italy). Dipt. Energetica

    2000-08-01

    This work deals with the main economical, energetic and environmental aspects related to the energy recovery from the combustion of municipal solid waste, without studying the technological aspects, being these themes treated by other teachers of the energy recovery from municipal solid waste (political, authoritative, ecological, energetic and financial). It is clear the limited diffusion of the technology today achieved in our country, production and the contribution given to the tele heating from the municipal solid waste. Are then listed the main quantities that intervene in the financial evaluations (costs of investment, useful life of the plant, economical indexes, periods for implementation, operating efficiency, yield, reliability and availability of the plant, actual value of the electric and thermal power produced, revenues from waste disposal), pointing out the importance of the size of the plant, which is the real decisive element. Some explicative examples of the weight of several items are produced. The role of the energy obtained from municipal solid waste in the new electrical market liberalized is particularly studies, pointing out the advantages in comparison with the energy of conventional sources. At last, the potential of the <> plants is discussed. They conjugate the incineration of the municipal solid waste to the technology of the gas-fired combined cycles. [Italian] Il presente lavoro tratta le principali problematiche economiche, energetiche ed ambientali legate al recupero energetico dalla combustione di rifiuti solidi urbani, senza approfondirne gli aspetti tecnologici, essendo questi ultimi temi assegnati ad altri relatori del corso. Dapprima si illustrano le motivazioni a favore dell'effettuazione del recupero di energia da RSU (politiche-autorizzative, ecologiche, energetiche ed economiche). Si evidenzia la modesta diffusione raggiunta oggi nel nostro Paese dalla tecnologia, commentando i dati relativi alla potenza

  2. La nascita imperfetta delle cose la grande corsa alla particella di Dio e la nuova fisica che cambierà il mondo

    CERN Document Server

    Tonelli, Guido

    2016-01-01

    In quel preciso momento, un centesimo di miliardesimo di secondo dopo il Big Bang, si è deciso il nostro destino. In un universo in cui materia e antimateria si equivalevano, e che quindi avrebbe potuto, in ogni istante, tornare a essere pura energia, può essere bastata una leggerissima preferenza del bosone di Higgs per la materia anziché per l'antimateria ed ecco che si è prodotto il mondo che abbiamo sotto gli occhi. "Ecco qua il minuscolo difetto, la sottile imperfezione da cui è nato tutto. Un'anomalia che dà origine a un universo che può evolvere per miliardi di anni." Se tutto nasce da lì, dobbiamo capire in ogni dettaglio quel momento cruciale, ricostruirlo fotogramma per fotogramma, al rallentatore e da diverse angolature. Per questo al Cern di Ginevra è stato realizzato Lhc, l'acceleratore di particelle più potente del mondo, il posto più simile al primo istante di vita dell'universo che l'uomo sia stato in grado di costruire. Per questo da anni i migliori fisici del mondo lavorano giorno...

  3. La geografia del potere bancario: il ruolo delle distanze funzionali (The Geography of Banking Power: Role of Function Distance

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Pietro Alessandrini

    2012-04-01

    Full Text Available In questo lavoro analizziamo la nuova geografia del sistema bancario italiano che si è determinata in seguito al processo di integrazione delle strutture bancarie negli ultimi anni. L’analisi dell’evoluzione del sistema bancario si basa sul concetto di distanza. In particolare, non facciamo soltanto riferimento alla distanza tradizionale tra banca e clienti, che è la distanza operativa, ma anche alla distanza tra centri decisionali delle banche e i sistemi locali. L’oggetto del saggio riguarda gli effetti che la distanza (o prossimità funzionale determina sulla performance delle banche in termini di allocazione del credito, sull’efficienza e sulla profittabilità. Le nostre stime econometriche provano che la prossimità funzionale ha effetti territoriali asimmetrici sulla performance delle banche. I suoi effetti benefici sono statisticamente evidenti per le regioni meridionali meno sviluppate, mentre non sono significativamente rilevanti per le regioni più sviluppate del Centro-Nord dell’Italia.   In this paper we analyze the new geography of the Italian banking system that has arisen after the integration of banking structures in recent years. The analysis of the evolution of the banking system is based on the concept of distance. In particular, we do not only refer to the traditional distance between banks and customers, which is the operating distance, but also to  the distance between the centers of decision-making banks and local systems. The subject of the essay is about the effects that the distance (or proximity function determines on the performance of banks in terms of credit allocation, on efficiency and on profitability. Our econometric estimates show that the functional proximity has asymmetric territorial effect on the performance of banks. Its beneficial effects are statistically obvious to the less developed southern regions, while they are not significantly relevant to the more developed regions of central and

  4. Lineamenti del rinnovato processo contenzioso amministrativo ecclesiale. Commento al m.p. Antiqua ordinatione di Benedetto XVI (parte seconda

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Ganarin

    2011-09-01

    c.d. ricorso tardivo – 3. Seconda fase: le attività del Segretario conseguenti all’accettazione preliminare del ricorso – a Premessa: l’identificazione dei soggetti del giudizio e la vexata quaestio relativa al possibile conflitto interistituzionale fra l’autorità amministrativa ecclesiastica inferiore ed il competente Dicastero della Curia Romana – b Ricorrente, resistente, controinteressato e terzi interventori. Parti principali e parti accessorie del processo amministrativo – c Contenzioso amministrativo e collaborazione fra istituzioni ecclesiali. L’esibizione del provvedimento impugnato e degli acta causae da parte del Dicastero resistente – d Il votum pro rei veritate e la peculiare “bidirezionalità” delle funzioni conferite al Promotore di giustizia – 4. L’attuazione del contraddittorio processuale nell’espletamento della c.d. istruttoria “documentale” – 5. Il giudizio di ammissibilità del Prefetto in Congresso – a La divaricazione tra impostazioni dottrinali e prassi applicativa relativamente al concetto di “manifesta infondatezza” del ricorso – b Segue. La riformulazione, de iure condendo, della diagnosi prefettizia e della struttura “trifasica” del processo contenzioso amministrativo canonico – 6. Terza fase: dalla contestazione della lite alla decisione del Collegium iudicans – a La summaria delibatio oralis, il c.d. supplemento d’istruttoria ed il compimento della fase decisoria – b Gli effetti tipici del giudicato amministrativo di rigetto. L’effetto “caducatorio” della sentenza di accoglimento e la sua incidenza nel sistema delle invalidità dell’atto giuridico canonico – c Segue. L’effetto “ripristinatorio” e l’effetto “conformativo” conseguenti all’annullamento della decisione impugnata – 7. La crisi irreversibile del processo amministrativo. Le ipotesi di litis finitio previste dal Codex iuris canonici e dalla Lex propria – a La morte del ricorrente e la c.d.

  5. Dal divario Nord-Sud alla convergenza: il modelo dell'intervento straordinario a l'azione della Cassa per in Mezzogiorno, durante e oltre la golden age = From the North-South gap to the convergence: The model of the extraordinary intervention and the...

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Amedeo Lepore

    2012-07-01

    delle aree del Paese che già possedevano un’armatura industriale, ma si ottenne, contemporaneamente, il risultato, per nulla scontato, di una modernizzazione della struttura economica del Mezzogiorno –attraverso la politica delle opere pubbliche, prima, e dell’industrializzazione vera e propria, poi– nonché, di un recupero del divario accumulato con le regioni settentrionali. In questo modo, l’intervento straordinario, indirizzato verso obiettivi macroeconomici e guidato da una tecnostruttura come quella della Cassa, al tempo stesso autonoma e reattiva alle scelte strategiche del governo, si dimostrò lo strumento più efficace e innovativo per fare dell’Italia intera una potenza industriale. L’allontanamento da questi esiti, nella fase successiva dominata dalla crisi petrolifera e dalle politiche di ristrutturazione industriale, pur determinando una netta inversione di tendenza, non ha messo in discussione il valore dell’esperienza iniziale della Cassa per il Mezzogiorno, capace di aprire la strada alla crescita economica italiana negli anni del boom.Historiography focusing on the Cassa per il Mezzogiorno is indeed vast and developed not only in regard to the main issues concerning the extraordinary intervention, but also to the various sectorial and territorial articulations public interventions for the recovery of Southern Italy undertook. Achieving a punctual reconstruction of the goings-on of the Cassa, an istitution that, for more than forty years –despite some differences in planning during its various phases– operated as an instrument to implement the strategies focusing on developing Southern Italy, requires a very deep commitment. However, an effective overall view can be reconstructed by interpreting a public intervention model strictly linked to the concrete economic events and to the trends of those industrial processes implemented in Southern Italy, even without going through a detailed chronicle of this entity.The choice of a long

  6. Accesibilidad del sitio web del CONAPRED

    OpenAIRE

    Luján Mora, Sergio

    2012-01-01

    Accesibilidad del sitio web del CONAPRED (Consejo Nacional para Prevenir la Discriminación) de México. Más información: - http://accesibilidadweb.dlsi.ua.es - http://desarrolloweb.dlsi.ua.es Autor: Sergio Luján Mora, profesor de la Universidad de Alicante (http://www.ua.es).

  7. Ensino técnico: uma necessidade ou uma falácia? Notas para a compreensão da filosofia do ensino técnico em Portugal e no Brasil - Technical teaching: a necessity or a fallacy? Notes for the comprehension of the philosophy of technical teaching in Portugal

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luís Alberto Marques Alves, Portugal.

    2013-08-01

    Full Text Available 1024x768 Falar de ensino técnico obriga a cruzar vertentes científicas diversas - história, sociologia, economia - e contextualizar a informação no âmbito da História da Educação. A herança recebida do sistema corporativo, a partilha de responsabilidades entre público e privado, as expectativas sociais e económicas, a sua relação com o desenvolvimento e a difícil relação entre o nacional e o internacional são algumas das vertentes que importa analisar quando procuramos fazer um trajeto breve na dimensão mais alargada no tempo. Inserir ainda uma preocupação comparativa entre Portugal e Brasil, ainda que pontual, exige uma síntese das ideias nucleares marginalizando o acessório. Procura este artigo, numa cronologia que vai do século 18 aos fins do 20, elencar as mudanças de filosofia, de investimento, de credibilidade social e de necessidade económica.Palavras-chave: ensino técnico, profissionalização, capitalismo industrial, neoprofissionalismo, Portugal, Brasil, ensino secundário. TECHNICAL TEACHING: A NECESSITY OR A FALLACY? NOTES FOR THE COMPREHENSION OF THE PHILOSOPHY OF TECHNICAL TEACHING IN PORTUGAL AND BRAZILAbstractTo talk about technical teaching forces us to cross several scientific fields - history, sociology, economy - and to contextualize the information regarding the History of Education. The inheritance received from the corporative system, the share of responsibilities between public and private, the social and economical expectations, its relation with development and the difficult relation between national and international are some of the fields that we must analyse when we aim to create a path brief in its dimension but stretched in time. To also insert a comparative concern between Portugal and Brazil, even if punctual, demands a synthesis of the nuclear ideas marginalizing the accessory. This article aims to, in a chronology going from the 18 century to the late 20th, specify the changes in the

  8. L’impatto del cinema sul turismo: il fenomeno del cineturismo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Astrid Pellicano

    2016-05-01

    Full Text Available “Un film è sempre l’inizio di un viaggio”, così il fenomeno del cineturismo ci porta per mano a scoprire le location dei film e le emozioni che si celano dietro la più grande macchina dei sogni: il cinema. Spesso decidere la giusta destinazione per le proprie ferie è difficile, dal momento che esistono vari fattori, dal tempo, all’età, alle esigenze economiche e ai gusti, e luoghi che sono più speciali e più interessanti per trascorrervi le vacanze. Spesso ad influenzare ci pensano oggi film, documentari o fiction, diventati il mezzo potenzialmente migliore per trasmettere i valori, le tradizioni e la cultura di un territorio, in quanto l’attenzione con cui le persone seguono i film e il coinvolgimento emotivo sono irripetibili con altri strumenti di comunicazione. Il cineturismo è dunque un’emergente motivazione al viaggio, che si aggiunge alla già variegata domanda turistica. L’Italia ha cominciato ad elaborare un proprio concetto di cineturismo nel 2003. Delle migliaia di location utilizzate da film e serie tv, solo poche decine tuttavia entrano a far parte del circuito legato al cineturismo. “A film is always the beginning of a journey”, so the phenomenon of movie-induced tourism takes us by the hand to discover the location of the film and the emotions that lie behind the biggest dream machine: the cinema. Choosing the right destination for holidays is difficult, since there are various factors, such as time, age, economic needs and tastes, and places that are more special and more interesting to spend the holidays. Often, we think movies, documentaries or fiction, as means that potentially convey the values, traditions and culture of an area, as the attention that people follow the film and the emotional involvement are unique with other communication tools. Movie-induced tourism is therefore an emerging motivation for travel, which adds to the already varied tourist demand. Italy has begun to develop

  9. Selezione invernale dell'habitat e densità del cervo (Cervus elaphus e del capriolo (Capreolus capreolus nel Parco Nazionale d'Abruzzo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    R. Latini

    2003-10-01

    Full Text Available Nel Parco Nazionale d'Abruzzo è stata studiata la selezione dell'habitat invernale di cervo e capriolo da aprile a maggio del 2000 e del 2002, in un'area caratterizzata da boschi di faggio, rimboschimenti a pino nero e pascoli. È stata utilizzata la tecnica del pellet group count, su transetti lineari larghi 2 metri, individuati ogni 100 m di quota, lungo le isoipse da 1350 a 1950 m s.l.m. Sono stati percorsi 61 km ed è stata campionata un'area di 12 ha. Per ogni gruppo di escrementi (1583 per il cervo e 946 per il capriolo sono state rilevate l'altitudine, la pendenza, l'esposizione e il tipo di vegetazione. È stato assunto che tutti gli habitat fossero ugualmente disponibili ed accessibili e che le disponibilita fossero conosciute (Alldredge et al., 1998. I dati raccolti sono stati elaborati applicando il test del Χ², la statistica di Bonferroni (Neu et al., 1974 e l'indice Jacobs (Jacobs, 1974. Il cervo ha selezionato aree comprese tra 1300 e 1500 m s.l.m. (p<0.01, un range altimetrico più ristretto rispetto al capriolo che seleziona anche le quote piu elevate, comprese cioè tra 1300 e 1700 m s.l.m. (p<0.01. Entrambi i cervidi selezionano le zone più scoscese (21°-60° (p<0.01: Il cervo seleziona le classi d'esposizione comprese tra sud-est ed ovest (p<0.01, mentre il capriolo i versanti sud-ovest e ovest (p<0.01. Entrambe le specie preferiscono ambienti di transizione ed evitano le zone di bosco maturo ed i pascoli d'alta quota (p<0.01. Utilizzando il tasso di defecazione è stata calcolata la densità delle due specie (Mayle, 1999 che è risultata di 2.7 cervi/100 ha e 1.0 caprioli/100 ha. Le due specie selezionano le stesse risorse, suggerendo, così come riscontrato da altri autori (Welch, 1989, una convergenza per quanto riguarda l'uso invernale dell'habitat. La scelta d'aree poste a quote medio-basse, di zone scoscese e di versanti meridionali potrebbe essere legata alla minore altezza e persistenza

  10. Geologia del Baix Ter

    OpenAIRE

    Mas-Pla, Josep

    1986-01-01

    Article que analitza el valor i la singularitat de les zones humides del Baix Ter, tenint en compte la descripció de les característiques geològiques de la Plana del Ter i dels diferents ambients morfodinàmics que s' hi troben

  11. La leucemia del bambino come causa di disgregazione familiare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Varchetta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: le patologie del bambino, soprattutto se gravi e durature, possono essere definite come “malattie della famiglia” a causa dell’intensità di assistenza richiesta, delle difficoltà organizzative quotidiane e dello stress causato. Obiettivo: identificare il ruolo di alcuni potenziali fattori di rischio coinvolti nella rottura di famiglie di bambini leucemici.

    Materiali e metodi: mediante l’uso di questionari, sono state studiate, durante l’anno 2002, 150 cartelle cliniche di bambini leucemici dell’ospedale pediatrico “Santobono-Pausillipon”- Dipartimento di Oncologia; 11 casi sono stati esclusi per incompletezza dei dati. Outcome è stata considerata la “separazione familiare.” Sono state analizzate le seguenti variabili: trapianto di midollo osseo, lavoro del padre, della madre e loro età ed educazione, sesso ed età del bambino (CA, numerosità della famiglia, stato socio-economico, probabilità clinica di guarire (CPR, appartenenza ad una associazione. Sono state condotte analisi bivariate e logistiche. Risultati: all’analisi bivariata CA e CPR, entrambi stratificati in tre livelli, sono risultati associati alla separazione. L’Odds Ratio grezzo (OR della separazione familiare con CA di 5/10 anni e bambini di 11 anni o più a confronto con quelli d’età di 0/4 era, rispettivamente, di 8.68 (p=0.02 e di 5.7 (p=0.07. L’OR grezzo della separazione con un CPR medio e un CPR buono confrontato con un CPR basso ha dato rispettivamente 0.35 (p=0.02 e 0.08 (p‹0.001. Un modello logistico che includeva CPR come variabile principale e controllata per CA ha evidenziato che la probabilità di guarigione è media o alta e, dopo aver aggiustato per l’età del bambino, è stato ottenuto un rischio di rottura familiare rispettivamente di 0.29 (p=0.01 e 0.08 (p=0.02.

    Conclusioni: la rottura dell’unità familiare è evento frequente in caso di grave

  12. Del territorio del sujeto al emplazamiento del Común

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Mariano Adrían Ferretti

    2016-01-01

    Full Text Available La construcción de lo público abarca una variedad de dinámicas que condicionan el resultado físico de los espacios donde actúan los individuos en sus necesidades de habitar, modificando su realidad desde la diferenciación y la singularización subjetiva del entorno que derivan en nuevas formas de territorialidad de lo público a partir de la dialéctica entre lo público y lo privado. Sin embargo, los resultados de tales representaciones entendidas como acciones colectivas –y por tanto comunes- no siempre explican los valores que desde lo simbólico partiendo del sujeto constituyan un estatus diferente de lo público en los procesos de territorialización. Se propone una aproximación que aborde de manera teórica cuestiones tales como: los vínculos del individuo con los procesos de acumulación material y transformación del territorio y las implicaciones que dichos fenómenos tienen en la posibilidad de constitución de un sujeto que trascendiendo al individuo sea capaz de conformar un nuevo estatus del sujeto o, dicho de otro modo, un emplazamiento del Común.

  13. [I costi farmacologici della terapia di conversione con farmaci biologici nel carcinoma del colon-retto con metastasi epatiche].

    Science.gov (United States)

    Giuliani, Jacopo; Bonetti, Andrea

    2016-08-01

    Riassunto. Lo scopo di questo studio è quello di valutare i costi dei farmaci (con particolare riferimento alle terapie con farmaci biologici) utilizzati nella terapia di conversione in una popolazione non selezionata di pazienti affetti da carcinoma del colon-retto in stadio avanzato, al fine di ottenere una resezione epatica R0. In questa rassegna sono stati selezionati i report completi e gli aggiornamenti di tutti gli studi clinici randomizzati (di fase II e fase III) che confrontassero almeno 2 regimi di terapia con farmaci biologici in prima linea in pazienti affetti da carcinoma del colon-retto in stadio avanzato di malattia. I costi dei farmaci sono stati ricavati dalla nostra Farmacia Ospedaliera e sono espressi in euro (€). Il nostro studio inizia con la valutazione di 683 abstract. 48 tria sono stati considerati adeguati per una successiva analisi. Una valutazione più approfondita ha portato all'esclusione di 37 trial, lasciando alla valutazione finale 11 studi clinici randomizzati (3 trial di fase II, per un totale di 522 pazienti, e 8 studi di fase III, per un totale di 7191 pazienti). I costi dei farmaci utilizzati nella terapia di conversione aumentano con la sostituzione del 5-fluorouracile con la capecitabina e, in misura maggiore, con l'introduzione degli agenti biologici. In questo lavoro sono presentati due punti chiave. Primo, i costi degli agenti farmacologici utilizzati nei regimi di prima linea a base di agenti biologici più comunemente utilizzati nel trattamento del carcinoma del colon-retto in stadio avanzato sono molto variabili. Secondo, i dati di efficacia dei regimi pubblicati, in termini di tassi di resezione, dipendono dalla selezione dei pazienti, dalle caratteristiche del tumore e dal tipo di schema di terapia. PMID:27571559

  14. [I costi farmacologici della terapia di conversione con farmaci biologici nel carcinoma del colon-retto con metastasi epatiche].

    Science.gov (United States)

    Giuliani, Jacopo; Bonetti, Andrea

    2016-08-01

    Riassunto. Lo scopo di questo studio è quello di valutare i costi dei farmaci (con particolare riferimento alle terapie con farmaci biologici) utilizzati nella terapia di conversione in una popolazione non selezionata di pazienti affetti da carcinoma del colon-retto in stadio avanzato, al fine di ottenere una resezione epatica R0. In questa rassegna sono stati selezionati i report completi e gli aggiornamenti di tutti gli studi clinici randomizzati (di fase II e fase III) che confrontassero almeno 2 regimi di terapia con farmaci biologici in prima linea in pazienti affetti da carcinoma del colon-retto in stadio avanzato di malattia. I costi dei farmaci sono stati ricavati dalla nostra Farmacia Ospedaliera e sono espressi in euro (€). Il nostro studio inizia con la valutazione di 683 abstract. 48 tria sono stati considerati adeguati per una successiva analisi. Una valutazione più approfondita ha portato all'esclusione di 37 trial, lasciando alla valutazione finale 11 studi clinici randomizzati (3 trial di fase II, per un totale di 522 pazienti, e 8 studi di fase III, per un totale di 7191 pazienti). I costi dei farmaci utilizzati nella terapia di conversione aumentano con la sostituzione del 5-fluorouracile con la capecitabina e, in misura maggiore, con l'introduzione degli agenti biologici. In questo lavoro sono presentati due punti chiave. Primo, i costi degli agenti farmacologici utilizzati nei regimi di prima linea a base di agenti biologici più comunemente utilizzati nel trattamento del carcinoma del colon-retto in stadio avanzato sono molto variabili. Secondo, i dati di efficacia dei regimi pubblicati, in termini di tassi di resezione, dipendono dalla selezione dei pazienti, dalle caratteristiche del tumore e dal tipo di schema di terapia.

  15. A potência para a simulação: Deleuze, Nietzsche e os desafios figurativos ao se repensar os modelos da filosofia concreta The power for simulation: Deleuze, Nietzsche and the figurative challenges of rethinking the models of concrete philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Norman Madarasz

    2005-12-01

    Full Text Available A filosofia deleuziana é mais conhecida como uma criação contínua de dispositivos maquinais, cujo objetivo é transformar o esqueleto figurativo no qual as formas e os modelos aplicativos vêm se sedimentar. A metáfora geológica não é, por isso mesmo, meramente aleatória. Ela tem a ver com um encontro real entre as possibilidades de movimentos criadores de dobras e as dobras mesmas como relevos formais. Pode-se supor que a primeira dessas formas geradoras, na filosofia de Deleuze, seja o simulacro. No quadro deste artigo, pretendemos retomar a análise do simulacro nos dois textos fundamentais de Deleuze sobre Platão e sobre Lucrécio.The philosophy of Deleuze is best known as a continuous creation of machinic apparatuses aimed at transforming the figurative conception in which applicative forms and models sediment. The geological metaphor is thus not merely arbitrary. It is tied to a real encounter between the possibilities of creative movements of folds and the very folds considered as formal reliefs. One can thus reasonably suppose that, in the philosophy of Deleuze, simulacrum is the first of these generating forms. In this article, we will try to follow how Deleuze analyzes simulacrum in his two fundamental essays about Plato and Lucretius.

  16. Autori ed editori a Firenze nella seconda metà del sedicesimo secolo: il ‘caso’ Marescotti

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustavo Bertoli

    2011-10-01

    Full Text Available Dai documenti qui pubblicati apprendiamo che uno dei maggiori editori-stampatori attivi a Firenze alla fine del sedicesimo secolo, Giorgio Marescotti, si faceva sempre pagare dagli autori, senza eccezione. Il fenomeno non è sconosciuto ma la sua categoricità e la sua estensione implicano la presenza di un sistema, funzionante e condiviso da tutti i soggetti, in cui l’editore non aveva quel ruolo di promotore culturale che invece con troppa facilità gli storici attribuiscono a chiunque abbia nel passato sottoscritto un prodotto editoriale.Questi documenti ci permettono poi di criticare l′uso, sempre improprio avanti la nascita dell′editoria moderna, di categorie quali linea o politica editoriale, logica di mercato, editore commerciale o «minore». Come risulta dalla presente ricerca Marescotti e i suoi colleghi non rischiavano se non per (pochi generi di smercio sicuro perchè non erano in grado di capire il potenziale di un libro, né di immaginarne il pubblico; ed è un errore cercare – e peggio ancora trovare - una logica culturale nei loro Annali. Speculare, infine, la posizione degli autori, che non solo pagavano senza prospettive di guadagno, ma non potevano né disporre a piacere delle copie del loro libro né controllare la trasformazione del loro testo senza maggiori aggravi.

  17. Biokinetic of plutonium in human beings. Analysis and modification of ICRP 67 model; Biocinetica del plutonio nell'organismo umano. Analisi e modifica del modello ICRP 67

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Luciani, A.; Castellani, C.M. [ENEA, Divisione Protezione dell' Uomo e degli Ecosistemi, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy)

    2001-07-01

    recentemente sviluppato con ratei di formazione del tessuto osseo dipendenti dall'eta' del soggetto. Le modifiche introdotte alla modelizzazione della cinetica del plutonio nel fegato e nello scheletro risultano in accordo col fattore di ripartizione del plutonio fra fegato e scheletro (rapporto fra l'attivita' nello scheletro l'attivita' totale nel fegato e nello scheletro) come osservato in autopsie su soggetti contaminati deceduti.

  18. Matematica e Cultura 2008

    CERN Document Server

    2008-01-01

    Matematica e cultura, binomio sorprendente? Potrebbe sembrare ma da qualche anno si sono aperti dei grandi ponti tra le “due culture”. A Venezia, citta’ di ponti e di culture, si parla da oramai dieci anni di cultura e di matematica, si parla di arte, architettura, cinema, letteratura, ambiente, filosofia, di bolle di sapone, di Corto Maltese ed Hugo Pratt, delle investigazioni criminali. In questo nuovo libro, il decimo della serie iniziata a Venezia con gli incontri “Matematica e cultura” che tanti hanno cercato di imitare, si parla di tutto questo e tra gli altri ne scrivono Simon Singh (autore del best seller “L’ultimo teorema di Fermat”), alla sua terza presenza a Venezia, e Siobhan Roberts (autrice di “Il re dello spazio infinito. Storia dell’uomo che salvò la geometria”). Venezia ponte tra la matematica e la cultura.

  19. Biodiversidad del margen continental del Caribe colombiano.

    OpenAIRE

    2010-01-01

    Incluye valiosa información producto de varios años de investigación marina de las aguas profundas, la plataforma continental y el talud superior del Caribe colombiano, llevada a cabo por un grupo multidisciplinario de investigadores en áreas de taxonomía, geología, ecología, cartografía y conservación del Invemar. Dentro de los resultados más destacados se encuentra el haber colectado e identificado más de 1600 especies, de las cuales alrededor del 35% se constituyeron en primeros registr...

  20. L'invasione del virtuale

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Renzo Carlucci

    2005-07-01

    Full Text Available L'ormai indiscutibile il fatto di essere talmente circondati dal virtuale sintetico che quasi si fa fatica a riconoscere la realtà, col suo corollario di fatti “veri” legati alla nostra vita, dalle ricostruzioni digitali che permeano la nostra quotidianità (ogni riferimento al mondo di “Matrix” è puramente casuale; con l’avvento dei moderni sensori è poi veramente impressionante vedere quanto ormai il nostro ambiente sia “contaminato” dal virtuale.

  1. Mortalitá per malattie del sistema nervoso centrale in Piemonte (1992-1997

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    G. Migliaretti

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la comunità scientifica è sempre più interessata alla ricerca di fattori causali delle malattie del Sistema Nervoso Centrale (SNC non ancora noti, stimolata anche dal costante aumento della mortalità in Paesi europei ed extra-europei: Davis et al. Lancet. 1990, Davis et al. Ann N Y Acad Sci 1990.

    Obiettivi: il presente lavoro desidera evidenziare eventuali legami tra la mortalità per malattie del SNC ed area geografico-amministrativa di residenza in Piemonte, confrontando i risultati ottenuti con metodi tradizionali e con un approccio bayesiano. Materiali e metodi: basi dati: i dati sono tratti da fonte ISTAT e dalla Banca Dati Demografica Evolutiva della Regione Piemonte; viene considerata la mortalità per tutte le Malattie del SNC (ICD 320- 389.9 e per tutti i Tumori del SNC (ICD 191-192.9, 225-225.2, 237.5-237.9, 239.6 dal 1992 al 1997. Metodi di analisi: Il problema dell’instabilità statistica determinata da analisi effettuate a livello comunale, viene affrontato mediante analisi tradizionali, basate su SMR e relativi Intervalli di Confidenza al 95% calcolati per aggregazioni superiori (ASL e Provincia, e mediante gli stimatori bayesiani completi degli SMR Besag J at al. Ann Inst Statist Math, 1991; Lawson et al. Bertollini R Eds, Disease Mapping and Risk Assessment for Public Health, Wiley. Risultati: la mortalità per tutte le Malattie del SNC sembra presentare un eccesso, per i maschi, nella zona del sud-est Piemonte, particolarmente evidente nell’ASL di Casale Monferrato (SMR=132.4 IC95%[110.2-157.6], e nella provincia di Alessandria (SMR=117.3 IC95%[107.6-127.6], e per le femmine dell’ASL di Ivrea (SMR=149.6 IC95%[131.1-169.8]. Per quanto riguarda i Tumori del SNC, la mortalità per i maschi sembra presentare un eccesso nella zona di Alessandria, confermata a livello di ASL (SMR=127.7 IC95%: 100.6-159.7 e di Provincia (SMR=122.8 IC95%: 105.3-142.3.

  2. Filosofia e psicanálise: um exercício de pinçar(comanálise a partir de Nietzsche e Freud/Philosophy and psychoanalisys: an exercise to pinch(withanalysis from Nietzsche and Freud

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Alexandre Filordi de Carvalho

    2010-03-01

    Full Text Available O artigo tem por objetivo sustentar que é possível uma aproximação do campo filosófico com a psicanálise. Tomando o pensamento de Nietzsche e de Freud como eixo de interlocução, procura evidenciar que ambos os autores trataram de empreender a destruição das evidências acerca do entendimento do sujeito e do lugar da subjetividade na história da Razão ocidental. A hipótese central é que a análise da teoria das pulsões em Nietzsche foi uma contribuição decisiva para o próprio entendimento de Freud acerca dos instintos e das pulsões em sua segunda tópica. Se a psicanálise dialoga desde o seu início com a filosofia, é possível sustentar que tal empreendimento não pode mais deixar de ocorrer, pois a temática do sujeito e sua constituição tornaram-se cruciais para o avanço do pensamento filosófico e psicanalítico. The article aims to argue that it is possible to approach the field of philosophy and psychoanalysis. Taking the thought of Nietzsche and Freud as an axle for dialogue, try to show that both authors have tried to undertake the destruction of evidence about the understanding of subject and place of subjectivity in the history of occidental Reason. The central hypothesis is that the analysis of the theory of natural impulses and natural instincts in Nietzsche was a decisive contribution to Freud's own understanding about the impulsion’s place and instincts in his second topic. If psychoanalysis dialogue since its inception with the philosophy, it is possible to argue that such an enterprise can no longer fail to occur because the matter of the subject and its constitution have become crucial to the advancement of philosophical and psychoanalytic thought.

  3. Formação política do adolescente no ensino médio: a contribuição da Filosofia Adolescent political education in high school: contributions from philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Antônio Joaquim Severino

    2010-04-01

    Full Text Available O trabalho parte da premissa de que a finalidade intrínseca da educação é a construção dos homens como sujeitos autônomos e que o Ensino Médio é mediação privilegiada do processo educacional para a constituição da identidade dos adolescentes, contribuindo, assim, para a construção de sua autonomia. E, no âmbito das mediações curriculares do Ensino Médio, a Filosofia tem papel relevante a desempenhar, encontrando sua legitimação última ao comprometer-se com a busca do sentido da existência humana. E, como essa existência constituise também pela condição social da espécie, torna-se íntimo e direto o vínculo do conhecimento com a dimensão política do existir histórico dos homens, pelo que a formação filosófica se articula à formação para a cidadania, entendida como a forma atual da realização humana mais completa em sua inserção social.This work is based on the premise that the inherent purpose of education is the construction of man as an autonomous person and that high school is privileged mediation in the educational process for identity constitution in adolescents, thus contributing to the construction of autonomy. In the high school curriculum mediation, philosophy has an important role to play, as it meets its legitimacy with the commitment of pursuing the sense of human existence. Human existence, in its turn, is constituted by the social condition of the species, which establishes an intimate connection between knowledge and the political dimension of man's historical existence. That connection explains how philosophical education is articulated to education for citizenship, which is understood as the most complete current form of full human achievement in man's social insertion.

  4. O combate subtrativo: a espiritualidade do esvaziamento como norte da filosofia corporal no Karate-Do The subtractive fight: the spirituality of the empty hands method as the north of the body philosophy in Karate-Do

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Cristiano Roque Antunes Barreira

    2008-01-01

    Full Text Available O karate é uma técnica de combate sem armas que, sustentada por uma antiga tradição, tem como seu principal objetivo a formação do caráter do praticante. A compreensão da visão de mundo na qual o karate nasceu e se desenvolveu é debitária de uma dinâmica espiritual e psicológica singular cujo conhecimento é imprescindível para apreendê-la. O objetivo desta pesquisa é analisar o karate por meio de sua espiritualidade, já que, junto aos textos fundamentais de sua tradição recente, ela é tida como a essência presente em todas as dimensões da expressão da arte. Para tanto, vale-se de uma metodologia historiográfica de perspectiva fenomenológica. Karate-do veicula a espiritualidade do esvaziamento como norte de sua filosofia corporal. Temas com linhas fronteiriças tênues entre si são analisados pela perspectiva de tal espiritualidade. A abrangência desta dinâmica corresponde a um combate subtrativo visando uma apreensão fluida e intutitiva da realidade.Karate is a fight practice that does not make use of weapons. It is based on old traditions and its main aim is to develop a sense of personality in the practitioner. Karate originated from unique spiritual and psychological dynamics, which are of utmost importance for the full understanding of this practice. The objective of this research is to analyze karate-do by means of its spirituality. This is because, together with the fundamental texts about the recent tradition of this fight, spirituality is considered to be the essence present in all dimensions of the artistic expression of karate. To this end, the historiographical methodology of phenomenological perspective was employed in this study. Karate-do has the spirituality of the empty hands method as the north of its body philosophy. Themes with blurred borders are analyzed from this spiritual point of view herein. This dynamics includes the subtractive fight, aiming at the fluid and intuitive understanding of

  5. Educação e esfera pública democrática: um capítulo negligenciado da filosofia política = Education and democratic public sphere: a neglected chapter of the political philosophy

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Honneth, Axel

    2013-01-01

    Full Text Available O texto discute a relação entre a educação e a organização democrática do governo republicano. Para o autor, pelo menos desde Kant os teóricos clássicos da filosofia política estavam convencidos de que uma boa educação e uma ordem estatal republicana dependem uma da outra: formar cidadãos para a liberdade para que, como cidadãos autônomos institucionalizem uma educação pública que possibilite a seus filhos o caminho para a maioridade política. Mas ele constata hoje um divórcio entre as gêmeas teorias da democracia e da educação. Razões que podem ter levado a essa cisão ele localiza na combinação, por afinidades eletivas, entre uma concepção truncada de democracia, que dependeria de comunidades tradicionais e mesmo religiosas para reproduzir suas bases ético-culturais, e uma falsa concepção normativa de neutralidade do estado, que culmina concebendo os professores não mais como servidores públicos a serviço do estado democrático de direito, mas como servidores dos pais. Em contraposição ao desacoplamento entre a formação do cidadão autônomo e do governo autônomo dos cidadãos, entre pedagogia e teoria política, ele reconstrói, a partir dos clássicos da teoria social, a concepção sobre um nexo fundamental entre educação e liberdade política, entre formação e democracia. Longe de advogar por uma volta à escola tradicional, o autor chama a atenção para dois grandes desafios que juntas, pedagogia e teoria democrática precisam enfrentar: o impacto da revolução digital sobre a esfera pública e a crescente heterogeneidade cultural dos cidadãos, em especial nas democracias ocidentais, para que a educação torne a ser o lugar do aprendizado da cultura democrática. (Resumo do editor

  6. Allo Spedale del Bigallo. Dall’orto alla cucina, dall’accoglienza al paesaggio, dalle “camere con vista” ai percorsi esperienziali, verso un nuovo modello ospitale per il Contado Fiorentino

    OpenAIRE

    Rita Micarelli

    2015-01-01

    This article tells the story of a monument and a landscape, the adventures lived by both and their repeated re-discoveries by a group of people delegated for their restoration. After deep surveys and participated meetings, after many periods of works and long staying in that place, that group decided that it wasn’t satisfactory to restore the monument, but it was needed to make it live again, in our contemporaneous time, as it was a living being. Moreover, this article proposes a suggestion: ...

  7. Prodotti della tradizione e contenuto di amine biogene alternative alla Low tyramine diet per la sostenibilità dei prodotti di nicchia e la salubrità del consumatore

    OpenAIRE

    Giovanna Suzzi; Rosanna Tofalo; Maria Schirone

    2011-01-01

    Biogenic amines (BA) are present in a wide range of foods and mainly can be produced in high amounts by microorganisms through the activity of amino acid decarboxylases. Excessive consumption of foods with large concentrations of these compounds can induce adverse reactions such as nausea, headaches, rashes and changes in blood pressure. These problems are more severe in consumers with less efficient detoxification systems because of their genetic constitution or their medical treatments. The...

  8. Allo Spedale del Bigallo. Dall’orto alla cucina, dall’accoglienza al paesaggio, dalle “camere con vista” ai percorsi esperienziali, verso un nuovo modello ospitale per il Contado Fiorentino

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Rita Micarelli

    2015-11-01

    Full Text Available This article tells the story of a monument and a landscape, the adventures lived by both and their repeated re-discoveries by a group of people delegated for their restoration. After deep surveys and participated meetings, after many periods of works and long staying in that place, that group decided that it wasn’t satisfactory to restore the monument, but it was needed to make it live again, in our contemporaneous time, as it was a living being. Moreover, this article proposes a suggestion: the “farm-hotel”, an innovative instrument to promote sustainable tourism, starting from the historical country to the cities.

  9. Impiego del Bacillus thuringiensis Berl. nella lotta alla Lymantria dispar L. in boschi diQuercus suber L. 3: risultati della sperimentazione condotta nel 1992.

    OpenAIRE

    Luciano, Pietro; Lentini, Andrea; Prota, Romolo; Verdinelli, Marcello; Deiana, Pietrino

    1993-01-01

    The study was carried out in a North Sardinian cork oak forest in 1992. To control the gypsy moth population three commercial preparations of B. thuringiensis subsp. kurstaki were applied by helicopter: Activator THK and Bactospeine at low volume and Foray 48B at ultra low volume, when 80-90% of the gypsy moth larvae were in 1st and 2nd instars. At 14d after treatment, Activator (applied at 5 l/ha) did not cause significant population reductions, while Bactospeine (applied at 32 ...

  10. La logica del m@gm@ tra creatività e marginalità: il paradigma dell'accesso libero e le pubblicazioni elettroniche

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Orazio Maria Valastro

    2004-06-01

    Full Text Available Le comunità virtuali sono in grado di promuovere nuovi processi d'appropriazione sociale e professionale di strumenti editoriali ancora esclusivi, contribuendo inoltre a valorizzare molteplici identità e sensibilità, personali e professionali, attraverso realtà editoriali che si presentano come strumenti di collaborazione, di comunicazione e approfondimento. Si tratta di strumenti editoriali in grado di affermare uno spirito critico che si esprime attraverso una manifestazione articolata di realtà e sensibilità differenti che convivono e lavorano in rete, sviluppando e preservando uno spazio di comunicazione e di riconoscimento del molteplice e variegato orientamento di prospettive, mettendo alla prova nuove capacita che ci permettono di considerare una trasversalità tra approcci come risorsa, distante da logiche d'opposizione e irriducibilità e consecutiva ad una manifestazione articolata di realtà e sensibilità differenti.

  11. Geographical information system for radon gas from soil measurement; Il sistema informativo territoriale per la valutazione del potenziale di esalazione di radon dal suolo

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Orlando, P.; Amici, M.; Altieri, A.; Massari, P.; Miccadei, E.; Onofri, A.; Orlando, C.; Paolelli, C.; Paron, P.; Perticaroli, P.; Piacentini, T.; Silvestri, C. [Milan Univ. Sacro Cuore, Milan (Italy). Servizio Centralizzato Radioisotopi; Belli, M.; Marchetti, A.; Petrocchi, A.; Rosamilia, S.; Serva, L.; Singh, G.; Tommasino, L. [Agenzia Nazionale per la Protezione dell' Ambiente, Rome (Italy); Minach, L.; Verdi, L. [Agenzia Provinciale per la Protezione dell' Ambiente, Bolzano (Italy); Bertolo, A.; Trotti, F. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente, Regione Veneto (Italy)

    2000-07-01

    The working program foresees the realization of an geographical information system for the check in field of the geological parameters and determination of uranium and radium contents in various type of rocks. It is here also pointed out a measuring method for radon concentration in soil. [Italian] In questo documento viene presentato il lavoro svolto fino ad oggi: dalla definizione dei parametri geologici ritenuti piu' significativi per la presenza di radon nel suolo e dalle misure in campo e in laboratorio, fino alla realizzazione del Sistema Informativo Territoriale (SIT) per la gestione dei suddetti parametri. Nel primo capitolo sono descritte le caratteristiche del radon, dal punto di vista chimico-fisico e geologico, per introdurre i criteri adottati nella scelta dei paramentri geologici e del loro peso per la valutazione del PERS (Potenziale di Esalazione Radon dal Suolo). Il secondo capitolo descrive il progetto in generale, mentre i successivi capitoli descrivono piu' in dettaglio la parte informatica e quella delle indagini sperimentali.

  12. La tracciabilità della filiera vitivinicola: dal sistema di cantina alla gestione completa dell’azienda vitivinicola con strumenti GIS-Oriented

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Luigi Rosadini

    2013-03-01

    Full Text Available Nell’ultimo decennio le aziende Agrarie e Vitivinicole in particolare hanno visto aumentare in maniera considerevole le difficoltà di mercato ed al contempo hanno registrato una maturità e sensibilità da parte del consumatore. Questo nuovo contesto ha fatto sì che le esigenze di automazione, informatizzazione e relativa tracciabilità di prodotto sifacessero più pressanti e dettagliate, tanto da richiedere lo sviluppo di veri e propri Sistemi Informativi di Cantina eGIS agrario-vitivinicoli anche partendo da una analisi e un relativo approccio geospaziale delle problematiche presenti.AbstractThe new context of agricultural and wine-devoted farm duringlast decades has brought to the needs of automation, computerizationand traceability of its product, requiring the developmentof real Information Systems as a GIS agrarian wine cellar,starting from an analysis and the approach to the geospatialissues. 

  13. Facies del subfondo del canal Beagle, Tierra del Fuego

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Gustavo Bujalesky

    2004-03-01

    Full Text Available El canal Beagle conecta los océanos Pacífico y Atlántico en el extremo meridional de Sudamérica y se ubica en el ambiente subantártico. Conforma una cuenca de unos 300 m de profundidad máxima y está separada del océano Atlántico por un umbral de 30 m de profundidad. El canal es un valle tectónico que fue completamente cubierto por el hielo glacial durante la última glaciación. Posteriormente, el canal fue ocupado por un lago glacial desde los 12.000 a los 8.000 años A.P., cuando fue invadido por el mar que alcanzó un nivel máximo entre los 6.000 y 5.000 años A.P. Con el objetivo de analizar las facies sedimentarias superficiales y del subfondo del canal se realizó un relevamiento geofísico con sonar de barrido lateral y un perfilador de 3,5 kHz. Sobre un basamento constituido por rocas metamórficas del Mesozoico, se identificaron depósitos de till y secuencias granodecrecientes que representan distintos estadios del retroceso glaciar, evidenciando hacia la sección superior facies lacustres y por encima depósitos de la transgresión marina del Holoceno. Además, se han identificado paleocauces y secuencias fluviales cubiertas por sedimentos marinos transgresivos.

  14. Estudio del proceso de crecimiento del cultivo del tomate

    OpenAIRE

    Barraza, Fernando V.; Fischer, Gerhard; Cardona, Carlos E.

    2010-01-01

    Para conocer la densidad poblacional óptimay obtener el mayor rendimiento en el cultivo deltomate en el Valle del Sinú medio, se hizo una investigaciónmediante diseño completamente al azar con cuatrotratamientos (densidades poblacionales de 20.000,25.000, 33.333 y 50.000 plantas∙ha -1) y tres repeticiones.Se tomaron las medidas directas: altura de planta, númerode hojas, área foliar, número de frutos y rendimiento.También se calcularon los índices de crecimiento: tasa decrecimiento del cultiv...

  15. Psicodrama del duelo.

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    José Antonio Espina Barrio

    1997-01-01

    Full Text Available La pérdida de rituales agrava y alarga la reacción del duelo. Se define el Psicodrama Antropológico y su intervención en el proceso del duelo. El Psicodrama Focal del Duelo es una psicoterapia breve centrada en el proceso de Duelo. Se comentan varios casos y resultados. Se concluye con un programa sencillo para el duelo en Atención Primaria.

  16. Fractura triple del complejo suspensorio del hombro

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Eraclio Delgado Rifá

    2015-06-01

    Full Text Available El complejo suspensorio del hombro es una estructura sumamente importante, compuesta por un anillo de huesos y tejidos blandos. Las lesiones aisladas de este complejo anatómico son frecuentes y no afectan su estabilidad. La interrupción doble conduce a la inestabilidad de esta estructura y usualmente requiere tratamiento quirúrgico. La triple interrupción, por su parte, es sumamente rara y es encontrada en casos de trauma de alta energía a menudo en asociación con otras lesiones. Se presenta una triple lesión del complejo suspensorio del hombro en un paciente de 46 años de edad, con una fractura de la glenoides, del acromion tipo III de Kuhn y de la coracoides tipo II de Ogawa. En este caso, la fractura del acromion fue tratada con fijación percutánea con alambres de Kirschner, por tener asociado lesiones de partes blandas que contraindicaron la reducción abierta. La fractura de la glenoides y de la apófisis coracoides fueron tratadas conservadoramente. Después de 6 meses de evolución, el paciente tuvo un resultado funcional aceptable, con una abducción de 90 grados, los 30 grados de rotación externa y 70 de rotación interna, además asintomático y consolidación de todas las fracturas. A pesar de ser catalogada de una lesión grave del cinturón escapular y estar asociada a otras lesiones se obtuvo un resultado satisfactorio al final del tratamiento.

  17. Marketing Mix del Software.

    OpenAIRE

    Yudith del Carmen Rodríguez Pérez

    2006-01-01

    La ingeniería del software y los modelos de calidad del software han consolidado sus esfuerzos en el proceso de producción del mismo, sin embargo son pocos sus aportes en el proceso de comercialización. Es esencial en la ciencia de la computación desarrollar un modelo de comercialización para las organizaciones productoras de software con el fin de elevar la productividad de las mismas. Sin embargo, es preciso primero conocer las características del producto software que los diferencian de ot...

  18. Laser induced spectroscopy breakdown (LIBS) application to heavy metal detection in soils; Applicazioni della tecnica Laser induced breakdown spectroscopy (LIBS) alla determinazione dei metalli pesanti nei suoli

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Barbini, R.; Fantoni, R.; Palucci, A.; Ribezzo, S.; Colao, F. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy). Div. Fisica Applicata; Capitelli, F. [Bari, Univ., Bari (Italy). Dipt. di Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale

    2000-07-01

    composizione elementale del campione e, mediante l'utilizzo di emissioni di campioni a concentrazione nota, di risalire alle concentrazioni delle singole specie del campione. Il grande vantaggio di questa tecnica e' che non e' richiesto alcun trattamento del campione (come invece e' il caso in tecniche spettroscopiche tradizionali quale l'ICP, Inductively Coupled Plasma, che richiede la mineralizzazione del campione tramite attacco acido con acqua regia), se non il semplice compattamento tramite pressa meccanica. I risultati ottenuti dall'applicazione della tecnica LIBS al centro ricerche ENEA di Frascati sui campioni di suolo sono stati analizzati per confronto con i risultati ottenuti con una tecnica tradizionale quale l'ICP. Si osserva una sistematica sovrastima del valore LIBS rispetto a quello ICP, probabilmente imputabile alle differenze di matrice litologiche tra i campioni analizzati e quelli usati come riferimento. (abstract truncated)

  19. Estudio del léxico del Ecuador

    OpenAIRE

    Estrella Santos, Ana Teresa

    2008-01-01

    El presente trabajo de investigación pretende proporcionar una descripción del léxico del español del Ecuador, a partir de materiales de la lengua hablada. Hemos llevado a cabo un análisis contrastivo del léxico de las provincias de Pichincha y Guayas, una recopilación del léxico general del Ecuador y un análisis de los quichuismos presentes en nuestro corpus.

  20. LA POLITICA SOCIAL DEL "GOBIERNO DEL CAMBIO"

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Laura Mota Díaz

    2002-01-01

    Full Text Available El artículo se centra en la política social del actual sexenio foxista , la cual se ha definido como incluyente y equitativa dentro del marco de un gobierno autodenominado del cambio, no sólo por lo que se refiere a la alternancia política del poder, sino porque además pretende ser un gobierno con una visión más amplia del desarrollo. Todo ello se traduce en “nuevas” estrategias para alcanzar la democracia, la equidad, la justicia social y el bienestar general de la población. El objetivo es analizar las posibilidades y limitaciones de un verdadero cambio que contribuya a mejorar la calidad de vida de la población en su sentido más amplio, pues los retos son cada vez mayores dado el incremento en los niveles de pobreza, el creciente desempleo y la constante violación a los derechos humanos.

  1. Lineamenti del rinnovato processo contenzioso amministrativo ecclesiale. Commento al m.p. Antiqua ordinatione di Benedetto XVI

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Manuel Ganarin

    2011-07-01

    Segretario conseguenti all’accettazione preliminare del ricorso – a Premessa:l’identificazione dei soggetti del giudizio e la vexata quaestio relativa al possibileconflitto interistituzionale fra l’autorità amministrativa ecclesiastica inferiore ed ilcompetente Dicastero della Curia Romana – b Ricorrente, resistente,controinteressato e terzi interventori. Parti principali e parti accessorie del processoamministrativo – c Contenzioso amministrativo e collaborazione fra istituzioniecclesiali. L’esibizione del provvedimento impugnato e degli acta causae da partedel Dicastero resistente – d Il votum pro rei veritate e la peculiare “bidirezionalità”delle funzioni conferite al Promotore di giustizia – 4. L’attuazione delcontraddittorio processuale nell’espletamento della c.d. istruttoria “documentale” –5. Il giudizio di ammissibilità del Prefetto in Congresso – a La divaricazione traimpostazioni dottrinali e prassi applicativa relativamente al concetto di “manifestainfondatezza” del ricorso – b Segue. La riformulazione, de iure condendo, delladiagnosi prefettizia e della struttura “trifasica” del processo contenzioso amministrativo canonico – 6. Terza fase: dalla contestazione della lite alla decisionedel Collegium iudicans – a La summaria delibatio oralis, il c.d. supplementod’istruttoria ed il compimento della fase decisoria – b Gli effetti tipici del giudicatoamministrativo di rigetto. L’effetto “caducatorio” della sentenza di accoglimento ela sua incidenza nel sistema delle invalidità dell’atto giuridico canonico – c Segue.L’effetto “ripristinatorio” e l’effetto “conformativo” conseguenti all’annullamentodella decisione impugnata – 7. La crisi irreversibile del processo amministrativo. Leipotesi di litis finitio previste dal Codex iuris canonici e dalla Lex propria – a Lamorte del ricorrente e la c.d. ”sopravvenuta carenza di interesse” – b La persistenteinerzia delle parti: la perenzione – c La

  2. Alle origini del baratto: l'Odin in Sardegna 1974-1975

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Fabio Acca

    2013-05-01

    Full Text Available Abstract – IT La complessa vicenda del “baratto”, ideata e attuata da Eugenio Barba e l’Odin Teatret a partire dal 1973-74, è una delle più affascinanti imprese appartenenti alla storia del Nuovo Teatro del Novecento. Il saggio ricostruisce il più oggettivamente possibile la permanenza dell’Odin Teatret in Sardegna, tra il 1974 e il 1975, durante la quale le tante comunità sarde risposero spontaneamente alla proposta dell’Odin, "barattando" il proprio patrimonio di canti, balli e pratiche tradizionali. Nato nella città di Cagliari, l’autore ha potuto spesso cogliere nelle testimonianze di intellettuali e artisti isolani l’eco di quella avventura; una traccia viva, quando non proprio un modello mitico, per più di una generazione di operatori culturali tuttora attivi in Sardegna. Da qui il desiderio di ricucire il filo della memoria, nell’idea di restituire quanto più possibile anche una sottile zona del rimosso, osservando con attenzione le date di questa vicenda e alcune testimonianze ad esse correlate. In particolare, secondo l’autore, la così tanto celebrata fase avvenuta a Carpignano Salentino da maggio a ottobre del 1974, a cui si attribuisce convenzionalmente, da un punto di vista storico, la nascita del baratto, in realtà ha teso a oscurare un precedente assai rilevante, legato all’incursione in terra sarda di Barba e compagni, tra Campidano e Barbagia, avvenuta nel mese di gennaio dello stesso anno. Abstract – EN The complex history of the 'baratto', which was conceived and performed by Eugenio Barba and the Odin Teatret from 1973-74, is one of the most challenging and fascinating projects in the history of XX century theatre. The purpose of the present essay is to retrace, as objectively as possible, Odin's permanence in Sardinia between 1974 and 1975, a period during which many local communities gave a positive feedback to Barba's project by 'bartering' traditional songs, dance and rituals. Born in

  3. Franco Modigliani e la teoria del ciclo vitale del consumo (Franco Modigliani and the life-cycle theory of consumption

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Angus Deaton

    2012-04-01

    Full Text Available Nei primi anni ’50, Franco Modigliani e il suo studente Richard Brumberg elaborarono una teoria della spesa fondata sull’idea che gli individui effettuano scelte intelligenti su quanto desiderano spendere a ogni età, con il solo limite delle risorse disponibili nel corso della loro vita. Attraverso l’accumulo e il decumulo delle attività, chi lavora può provvedere alla propria pensione e, più in generale, può adattare i propri modelli di consumo alle esigenze che si presentano alle diverse età, indipendentemente dal reddito disponibile in ogni momento della sua vita. Questa semplice teoria conduce a previsioni rilevanti e non scontate per l’economia nel suo complesso, ad esempio che il risparmio nazionale dipende dal tasso di crescita del reddito nazionale e non dal suo livello, e che esiste una semplice relazione tra il livello della ricchezza nel sistema economico e la lunghezza del periodo trascorso in pensione. Tali previsioni, non verificabili negli anni ’50, hanno trovato considerevole sostegno empirico in successivi lavori di Modigliani e di altri ricercatori. Sebbene nel corso degli anni la teoria del consumo abbia subito numerosi attacchi, i più recenti dei quali mossi da una coalizione di psicologi ed economisti, l’ipotesi del ciclo vitale rimane una parte essenziale del pensiero degli economisti. Senza di essa avremmo molto meno da dire circa molte importanti questioni, quali l’offerta pubblica e privata di previdenza sociale, gli effetti del mercato azionario sull’economia, le conseguenze dei mutamenti demografici sul risparmio nazionale, il ruolo del risparmio nella crescita economica e le determinanti della ricchezza nazionale.  In the early '50s, Franco Modigliani and his student Richard Brumberg elaborated a theory of expenditure based on the idea that individuals make smart choices about how they want to spend at any age, with the only limit of the available resources in the course of

  4. Determination of lead in papers and cardboards for food packaging; La determinazione del piombo in carte e cartoni per alimenti. Giornata di studio

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Costantini, S.; Giordano, R. [eds.] [Istituto Superiore di Sanita`, Rome (Italy). Lab. di Tossicologia Applicata

    1998-06-01

    The meaning of a legal limit of lead in papers for food packaging is based on the fact that a material having high amount of lead could potentially contain other contaminants. The sample preparation represents a very important step that must be carefully considered in order to have a correct final result. The atomic absorption graphite furnace resulted the most utilized technique, since it offers both good accuracy and sensitivity; nevertheless, numerous factors influencing the determination must be considered. Besides obtaining accurate values, the problem is to take correct decision in presence of a variability not eliminable; in this case, the statistics can give a valid help by means of a mathematical model. The suitability of the materials used in a Quality control programme must be considered a parameter of capital importance, since the performance of the laboratories could be heavily influenced by the quality of samples. During 1997, a collaborative trial has been carried out with the participation of 70 laboratories of the national service. [Italiano] Il significato della presenza di un limite di piombo nelle carte destinate al contatto con alimenti risiede nel fatto che un materiale che non rispetta tale parametro puo` contenere altri contaminanti non prevedibili. La preparazione del campione da sottoporre alla determinazione e` una fase molto delicata da non sottovalutare ai fini della correttezza del risultato analitico finale. La tecnica dell`assorbimento atomico a fornace di grafite e` risultata la piu` utlizzata, in funzione delle buone accuratezza e sensibilita` del metodo; tuttavia, numerosi fattori che possono influenzare negativamente questo tipo di analisi devono essere tenuti in considerazione. Datala presenza di un limite di legge, il problema non e` solo quello di ottenere valori precisi ed accurati, ma di prendere decisioni corrette in presenza di una variabilita` di fondo non eliminabile. La statistica decisionale, attraverso un modello

  5. [Modello di Management (Mo.Ma) del paziente affetto da schizofrenia: controllo della crisi, mantenimento, prevenzione delle ricadute e recovery con gli antipsicotici LAI].

    Science.gov (United States)

    Brugnoli, Roberto; Rapinesi, Chiara; Kotzalidis, Georgios D; Marcellusi, Andrea; Mennini, Francesco S; De Filippis, Sergio; Carrus, Dario; Ballerini, Andrea; Francomano, Antonio; Ducci, Giuseppe; Del Casale, Antonio; Girardi, Paolo

    2016-01-01

    RIASSUNTO. La schizofrenia colpisce circa l'1% della popolazione e rappresenta un grave disturbo mentale con un notevole impatto anche sul funzionamento sociale, lavorativo e sulle attività della vita quotidiana. Le persone con schizofrenia hanno un tasso di mortalità superiore di 2-2,5 rispetto a quello della popolazione generale. La non aderenza ai farmaci antipsicotici è uno dei più importanti fattori di rischio per le ricadute e le ospedalizzazioni, sia nei pazienti con disturbo cronico sia al primo episodio, e conseguentemente contribuisce all'aumento dei costi sanitari. Gli antipsicotici atipici LAI possono migliorare l'aderenza al trattamento contribuendo a diminuire i tassi di ricaduta nei pazienti affetti da schizofrenia fin dall'esordio. Gli obiettivi primari nella gestione dei pazienti schizofrenici sono diretti, non solo alla riduzione dei sintomi nel breve termine, ma anche al mantenimento fisico e della funzionalità mentale, migliorando la qualità della vita e promuovendo il recupero del paziente. Scopo. Proporre un modello integrato, basato sulle evidenze, che fornisca un algoritmo efficace per il recupero del paziente schizofrenico e indagare l'efficacia e la sicurezza degli antipsicotici LAI nel trattamento, nel mantenimento, nella prevenzione delle ricadute e nella recovery dei pazienti affetti da schizofrenia. Metodi. Dopo un'accurata analisi di letteratura abbiamo identificato, raccolto e analizzato gli elementi qualificanti per un'ottimale gestione del paziente schizofrenico, definendo un modello di gestione e selezione delle alternative terapeutiche. Conclusioni. Il modello di gestione della schizofrenia proposto potrebbe consentire un migliore recupero funzionale del paziente grazie alla scelta di iniziare il percorso terapeutico, fin dalle prime fasi del disturbo soprattutto se in giovane età e al primo episodio, con un farmaco atipico LAI. All'interno dei farmaci antipsicotici atipici la formulazione LAI rappresenta una scelta

  6. La luz del origen del universo

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Casas, Alberto

    2015-10-01

    Full Text Available Penzias and Wilson discovered the cosmic microwave background, a luminous echo of the Big Bang, in 1965. The amount of information encoded in this relic of the early universe is truly extraordinary. At present, the most precise data about the origin and structure of the universe comes from the study of this primordial light, the full potential of which has yet to be explored.En 1965 se descubrió el fondo de radiación de microondas, un eco luminoso de la Gran Explosión (Big Bang. La cantidad de información contenida en esta reliquia del universo primitivo es verdaderamente extraordinaria. En la actualidad los datos más precisos sobre el origen y estructura del universo provienen del estudio de esta luz primigenia, que aún no ha sido explorada en todo su potencial.

  7. L’immagine ricreata. L’esperienza del sacro nell’arte contemporanea seguito da Intervista con James Elkins

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Marta Gabriele

    2012-01-01

    Full Text Available Il saggio tenta di analizzare il rapporto tra il sacro e l’arte contemporanea alla luce dei recenti studi del professore americano James Elkins. Secondo l’autore del testo On the strange place of religion in contemporary art, l’arte e la religione, in passato, nella reciproca dipendenza inveravano la dimensione costitutiva e originaria dell’uomo; rivelavano la condizione rituale, cultuale, individuale e collettiva che risponde alla primordiale sacralità della vita. L’osmosi ha lasciato il posto alle singole entità non più sovrapponibili nell’era secolarizzata. In un’epoca dominata dalla razionalità della tecnica, per la maggior parte della produzione artistica contemporanea il tema religioso sembra debba essere intrecciato e connaturato al lavoro creativo. Per evitare il rischio di far risultare l’arte come “propaganda” per la religione, deve  apparire, secondo Elkins, la figura dell’artista meditativo e incerto, sia sull’arte che sulla religione: ambiguità, autocritica e ironia devono insinuarsi nell’opera per decretarne l’appartenenza allo statuto delle belle arti. La religione, come il pensiero mitico, il pensiero simbolico e la ragione, fanno parte dell’uomo, sono insite nell’uomo religioso e a-religioso, ugualmente la psicologia, come la religione in passato, si è occupata di “guarire” l’anima, di scoprire la sfera più segreta dell’individualità. La distruzione o meglio la separazione di questi linguaggi ha comportato un indebolimento dell’Io, un allontanamento dal centro, un disorientamento espresso visivamente dall’artista. La perdita di orientamento si traduce in una leggerezza dell’esistenza, fatta di molteplici direzioni, di infinite Weltanschauungen, in cui si incrociano linguaggi, culture, religioni, ideali, valori che generano vie emancipative diversificate, plurime. L’esclusività e l’intimità del rapporto fra chi guarda e l’opera, che genera stupore, meraviglia

  8. Le prescrizioni religiose ed il colera: Il caso della comunitá ebraica ferrarese durante l'epidemia del 1855

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    L. G. Menghin

    2003-05-01

    Full Text Available Per comprendere e valutare l’impatto che un’epidemia di colera poteva avere sulla società della metà dell’ottocento, è interessante studiare i comportamenti della morbosità e della mortalità, anche, secondo le norme igienico alimentari dettate dall’appartenenza ad un determinato credo religioso. La religione per il popolo ebraico, oltre a rappresentare un elemento culturale unificante, detta una serie di regole e di principi che permeano tutti gli aspetti della vita quotidiana. Queste regole, tra cui spiccano importanti norme igieniche ed alimentari, influirono positivamente nella prevenzione di quelle malattie epidemiche, come il colera, legate nella trasmissione al circuito oro-fecale. La ricerca si propone di evidenziare come il complesso di norme sociali, di valori morali, di imperativi religiosi e di tradizioni della comunità ebraica possano aver contribuito, se non a preservare dal contagio, a limitare i danni dell’epidemia di colera a differenza della popolazione non ebrea. I dati sull’epidemia sono stati raccolti da registri dell’epoca, mentre un’accurata analisi dei cinque libri della Toràh (Genesi, Esodo, Levitino, Numeri e Deuteronomio e del Talmud, ci ha permesso di estrapolare quelle norme che avrebbero potuto contribuire a ridurre la diffusione del morbo. In un’epoca dove ancora non si conoscevano con certezza le modalità con cui si diffondeva l’infezione, l’attenersi a particolari regole, alcune vere e proprie norme di prevenzione, ha verosimilmente permesso alla comunit�� ebraica di ridurre i rischi di contrarre la malattia. Anche se l’esigua numerosità dei casi di colera rilevati negli ebrei (n. 14 non ci consente di trarre conclusioni statisticamente accettabili dal punto di vista metodologico, appare comunque evidente come la morbosità e la mortalità per colera furono più elevate nei cristiani rispetto alla comunità ebraica (rispettivamente 5,1 vs 0,9% e 3,6 vs 0,8%. Al contrario, le

  9. Aspectos Convencionalistas da Filosofia de Willard Quine

    OpenAIRE

    Sofia Inês Albornoz Stein

    2003-01-01

    One of the main contributions of philosophers at the end of the 19th century and beginning of the 20th century to philosophy of science and semantics was the thesis inspired in the scientific advances of natural and exact sciences, that there is not a single true theory of what goes on in the empirical world, but rather the possibility of constructing multiple versions, equally satisfactory, of an explanation of the world. In the Vienna Circle, more specifically, the conventionalist movement ...

  10. Aspectos Convencionalistas da Filosofia de Willard Quine

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Sofia Inês Albornoz Stein

    2003-12-01

    Full Text Available One of the main contributions of philosophers at the end of the 19th century and beginning of the 20th century to philosophy of science and semantics was the thesis inspired in the scientific advances of natural and exact sciences, that there is not a single true theory of what goes on in the empirical world, but rather the possibility of constructing multiple versions, equally satisfactory, of an explanation of the world. In the Vienna Circle, more specifically, the conventionalist movement showed its influence primarily in the writings of Neurath, but also, more subtly, in the texts of Carnap. In this paper, I shall examine the theoretical relations between Quine’s holistic thesis and the conventionalist aspects of his work. In order to do this I will discuss Neurath’s holistic coherentism and of the conventionalist and holistic aspects present in Camap’s work, which merge, mainly in the Aufbau, with reduc-tionist aims. Thus, I intend to help to clarify to what extent Quine’s holism depends on a conventionalist position and to what extent conventionalism, in its turn, can get along with reductionist epistemological remains.

  11. La ricostruzione di ecosistemi marini del Mediterraneo in un progetto di comunicazione scientifica interdisciplinare

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Francesco Gabellone

    2011-12-01

    Full Text Available ItQuesto lavoro illustra i risultati di un’attività interdisciplinare svolte dagli istituti IBAM e IAMC del Consiglio Nazionale delle Ricerche, finalizzata alla realizzazione di filmati divulgativi che raccontino in forma sintetica e con un linguaggio adatto ad un pubblico generico, le peculiarità del plancton e dei delfini, entrambi contestualizzati nel loro habitat. Gli aspetti più innovativi di questo progetto sono legati alle potenzialità comunicative delle tecnologie con le quali sono stati realizzati i filmati. Grazie all’uso della computer animation e della stereoscopia vengono rappresentate le forme di vita animale e vegetale del Mediterraneo con estremo realismo e “senso di presenza”, per l’ottenimento di un prodotto finalizzato all’apprendimento di contenuti scientifici, a scopo sia divulgativo che formativo.EnThis work present the results of an interdisciplinary activity between two National Research Council institutes the IBAM and the IAMC. The activity war finalized to the creation of informative movies that describes, in a synthetic form and with an appropriate language for the non-technical public, the peculiarities of the plankton and dolphins, both contextualized in their habitats. The most innovative aspects of this project are related to the communicative potentiality of the technologies in which the films were make. Through the use of computer animation and stereoscopy are represented forms of plant and animal's life in the Mediterranean contest, with great realism and "sense of presence", to obtain both a product for the learning of scientific contents, and divulgative and educational purposes.

  12. Las cosas del quehacer

    OpenAIRE

    Sergio C. Staude

    2010-01-01

    El psicoanálisis es una praxis y no una práctica especulativa que solo busca afianzar un saber. Esta praxis encuentra su eje central en la noción de acto que es la invitación —y el sostén— a una experiencia y no a la acumulación de información. Ese acto da cuenta del tiempo de un pasaje, y el artículo destaca dos: el del momento inaugural del psicoanálisis y el de la función del psicoanalista en el devenir del análisis. A ambas las une la responsabilidad ...

  13. Desarrollo del lenguaje

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silva Villena Omer

    2004-06-01

    Full Text Available

    E. Owens Robert (2003. Desarrollo del lenguaje. Madrid: Pearson Education, S.A. , 2003, (463 páginas. Estamos ante un texto destinado a entender el dominio o ámbito de la "psicolingüística del desarrollo" en el que terapeutas del lenguaje, psicólogos, profesores y lingüistas encontrarán información actualizada y amplia en lo que respecta a los avances que este campo ha experimentado en las dos últimas décadas. Tanto en las cinco ediciones en lengua inglesa desde 1998 a esta esperada edición en español, el propósito del autor es entregar una visión profunda de los procesos de adquisición y desarrollo del lenguaje.

  14. The law aspects of biotechnology patenting. The living source between discovery and invention; Aspetti giuridici del brevetto biotecnologico. La materia vivente tra scoperta e invenzione

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Fontanella, G.; Cantale, C.; Galeffi, P. [ENEA, Divisione Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy); Ariemma, S. [ENEA, Unita' Amministrazione, Finanza e Controllo, Centro Ricerche Casaccia, Rome (Italy)

    2001-07-01

    points which could obstruct all future development in the biotech industry (possibly the first aim of the legislation) in cases of servile application of a law which is in reality aimed at securing rights. [Italian] Questo lavoro e' stato svolto in collaborazione con l'Universita' di Roma 3, nell'ambito della preparazione della tesi di laurea del Dott. Gianluca Fontanella. Questa trattazione si e' posta lo scopo di fornire un quadro normativo il piu' possibile omogeneo ed esauriente dell'effettiva situazione esistente nel settore biotecnologico, soffermandosi su uno degli aspetti portanti e piu' controversi in materia, quello, cioe', della definizione dell'oggetto brevettuale, alla luce dell'entrata in vigore della Direttiva 98/44/CE sulla tutela giudirica delle invenzioni biotecnologiche. Nella prima parte del rapporto, data la tecnicita' e la interdisciplinarieta' della materia, e' stato introdotto il tema da un punto di vista piu' generale con riferimento alla definizione del concetto di biotecnologie delle motivazioni che hanno indotto il legislatore ad incidere sul quadro normativo esistente, dando spazio ad un'organica e completa opera di raccolta e di interpretazione dei testi normativi nazionali ed internazionali piu' rilevanti, precedenti alla Direttiva 98/44/CE, in tema di tutela brevettuale, e di biotecnologie in particolare. Nella seconda parte, invece, si e' entrati nel merito della questione della individuazione di cosa sia possibile brevettare alla luce dell'entrata in vigore della Direttiva 98/44/CE, attraverso un accurato esame del testo normativo nella parte in cui analizza e definisce l'ogetto brevettuale in campo biotecnologico. In particolare, e' stata affrontata la questione della brevettualita' della materia vivente, analizzando anche, in modo precipuo, i concetti limitrofi, per natura del trovato, di varieta' vegetale e di razza

  15. Investigando o desconhecido: filosofia da ciência e investigação de fenômenos "anômalos" na psiquiatria Remarks on the scientific exploration of "anomalous" psychiatric phenomena

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Silvio Seno Chibeni

    2007-01-01

    Full Text Available CONTEXTO: A investigação de áreas controversas, como a das relações entre espiritualidade e saúde, levanta uma série de questões sobre a prática científica que, se ignoradas, podem comprometer o desenvolvimento adequado das pesquisas. OBJETIVOS: Apresentar brevemente alguns temas de filosofia da ciência que podem contribuir na investigação de aspectos pouco explorados da realidade. MÉTODOS: Com base na descrição simplificada dos conceitos de paradigma, ciência normal e revolução científica, descritos por Thomas Kuhn, são propostos alguns critérios de avaliação de hipóteses científicas e algumas diretrizes epistemológicas para a exploração científica de novas áreas. RESULTADOS: A investigação científica deve se basear em hipóteses falseáveis, abrangentes, simples, com adequação empírica, predições experimentais precisas, integração e hierarquização teórica, bem como capacidade de predição de fenômenos de tipos novos. Nessa exploração, deve-se manter uma abertura para a investigação de fenômenos anômalos, busca de um referencial teórico que oriente as pesquisas, cuidado com a rejeição dogmática ou a aceitação precipitada de hipóteses e, no julgamento de uma hipótese, não conferir valor excessivo ao contexto que a gerou ou à autoridade das pessoas que a professam ou rejeitam. CONCLUSÕES: Para que possa produzir avanços significativos, a investigação de áreas controversas e/ou pouco exploradas cientificamente requer habilidades e conhecimentos específicos sobre a natureza da atividade científica, especialmente quanto ao que Kuhn chamou de "ciência extraordinária" (em contraste com a "ciência normal".BACKGROUND: Scientific research on controversial subjects, such as spirituality-and-health, raises several issues about scientific activity that should be properly clarified for an adequate conduction of the investigations. OBJECTIVES: To highlight some topics of philosophy of

  16. Elementos del sistema electoral del Congreso Mexicano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aldo Medina García

    2013-07-01

    Full Text Available El presente artículo es un estudio de los componentes del sistema electoral, diseñado por el legislador mexicano para integrar al parlamento federal. Estudio desarrollado a sabiendas de la importancia que reviste el sistema electoral como un medio que permite a los ciudadanos convertir su voto expresado en las urnas en escaños a favor de determinado candidato o partido. En dicho análisis tomamos en cuenta la evolución constitucional del sistema electoral mexicano, la participación de las fuerzas minoritarias en la integración del Senado y de la Cámara de Diputados, la división que se hace del territorio en circunscripciones electorales, la barrera electoral que se fija a los partidos políticos para acceder a la representación en el Parlamento, la fórmula de asignación que se aplica a la votación obtenida, para finalmente concluir que el sistema electoral mexicano es esencialmente mayoritario aun cuando se vista de proporcional.

  17. OBJETIVO DEL DESARROLLO DEL MILENIO 7

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Margarita M. Pérez O.

    2013-10-01

    Full Text Available Los Objetivos de Desarrollo del Milenio, también conocidos como los Objetivos del Milenio, constituyeron las metas finales que aprobaron los dirigentes mundiales, 189 jefes de estado y de gobierno en la Cumbre del Milenio de las Naciones Unidas celebrada en Nueva York en el año 2000, en la cual los Estados miembros de la organización reafirmaron su compromiso de luchar por un mundo en el que el desarrollo sostenible y la eliminación de la pobreza tuvieran máxima prioridad1 . En la cumbre se definió la Declaración del Milenio, la cual detalla los objetivos, principios, valores, metas y acciones para erradicar la pobreza Mundial hacia el año 2015, todos ellos ratificados con alto interés y acción estratégica de carácter global, como marco para la medición de los progresos en materia de desarrollo.

  18. Elementos del sistema electoral del Congreso Mexicano

    Directory of Open Access Journals (Sweden)

    Aldo Medina García

    2013-08-01

    Full Text Available El presente artículo es un estudio de los componentes del sistema electoral, diseñado por el legislador mexicano para integrar al parlamento federal. Estudio desarrollado a sabiendas de la importancia que reviste el sistema electoral como un medio que permite a los ciudadanos convertir su voto expresado en las urnas en escaños a favor de determinado candidato o partido. En dicho análisis tomamos en cuenta la evolución constitucional del sistema electoral mexicano, la participación de las fuerzas minoritarias en la integración del Senado y de la Cámara de Diputados, la división que se hace del territorio en circunscripciones electorales, la barrera electoral que se fija a los partidos políticos para acceder a la representación en el Parlamento, la fórmula de asignación que se aplica a la votación obtenida, para finalmente concluir que el sistema electoral mexicano es esencialmente mayoritario aun cuando se vista de proporcional.

  19. Assessing pesticide hazards to water quality of the Bracciano lake; Valutazione del rischio posto dai pesticidi per la qualita' delle acque del lago di Bracciano

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Caffarelli, V.; Screpanti, C. [ENEA, Div. Biotecnologie e Agricoltura, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy); Musmeci, F. [ENEA, Funzione Centrale Studi, Centro Ricerche Casaccia, S. Maria di Galeria, Rome (Italy)

    2001-07-01

    The study is based on data collected for the area on a grid base (150x150 meters). For each cell of the grid, data on several parameters were collected (soil use, pesticide use, pedology, ground water depth, etc.). A data base with the chemical-physical parameter of 75 pesticides used in the area has been implemented. A ground flow model gives the number of days a pollutant takes to arrive at the lake from a given cell. A second model take into account the attenuation of pesticide load from the soil surface to the water table. Hazard maps are presented based on pesticide loads, attenuation factor, and ground flow to the lake water. The methodology has been implemented by integrating a Geographical Information System, data bases and simulation models. The work has been carried out in a project coordinated by Lazio Regional Agency for the Innovation and Development in Agriculture (ARSIAL) and supported by the Reg. CEE/2081/93 ob. 5b. [Italian] Lo studio e' stato realizzato raccogliendo i dati ambientali (uso del suolo, uso dei pesticidi, pedologia, profondita' della falda, ecc.) sulla base di una griglia 150x150 m. E' stata realizzata una banca dati con le caratteristiche chimico-fisiche dei 75 pesticidi impiegati nell'area. Il modello e' composto da un modulo che calcola il numero di giorni che ciascun pesticida impiega per arrivare al lago a partire da una determinata cella e da un modulo che calcola l'attenuazione del crico del pesticida nel percorso della superficie alla falda. Vengono realizzate mappe tematiche relative al carico dei pesticidi, all'attenuazione, al flusso dall falda fino al lago. La metodologia di valutazione si basa sull'integrazione di un GIS (Sistema di informazione territoriale), di banche dati e simulazioni dei processi. Il lavoro e' stato realizzato attraverso un progetto coordinato dall'ARSIAL (Agenzia Regionale per lo sviluppo in Agricoltura del Lazio) nell'ambito del Reg. CEE/2081

  20. Ogilvie's syndrome (acute colonic pseudo-obstruction): review of the literature and report of 6 additional cases; Sindrome di Ogilvie (pseudo-ostruzione della letteratura acuta del colon): revisione della letteratura e descrizione di 6 nuovi casi

    Energy Technology Data Exchange (ETDEWEB)

    Grassi, Roberto; Cappabianca, Salvatore; Porto, Annamaria; Montemarano, Emilio; De Rosa, Roberto [Napoli Univ., Napoli (Italy). Dipartimento medico-chirurgico di internistica clinica e sperimentale, Sezione scientifica di radiodiagnostica, radioterapia e medicina nucleare; Sacco, Maurizio; Quantarelli, Mario [Ospedale San Gennaro, Napoli (Italy). Servisio di radiodiagnostica; Di Mizio, Roberto [Ospedale S. Massimo, Penne (Italy). Servizio di radiologia

    2005-04-01

    quale indirizzano noxae patogene diverse, forse interagenti. Descriviamo la nostra casistica comprendente 6 casi di sindrome di Ogilvie raccolti dal 1997 al 2002. Materiale e metodi: Sono giunti alla nostra osservazione 6 pazienti affetti da pseudo-ostruzione del colon nel periodo compreso tra ottobre 1997 e settembre 2002. In 2 casi la pseudo-ostruzione era recidiva. La positivit� dei reperti radiologici per la dilatazione acuta del colon senza ostruzione organica � stato il criterio di inclusione. Risultati: L'esame diretto dell'addome ha evidenziato che la dilatazione del colon era situata in 3 pazienti fino al livello della flessura splenica, in 2 fino alla flessura epatica e in un caso era interessato unicamente il colon trasverso. Nessuno dei pazienti presentava livelli idroaerei del piccolo intestino. Conclusioni: Il reperto clinico pi� caratteristico della sindrome di Ogilvie � la distensione addominale, che generalmente insorge all'improvviso, ha un'andamento progressivo, e raggiunge gradi elevati. L'indagine diagnostica di prima istanza � l'esame radiografico dell'addome, che documenta la dilatazione estrema del colon, in assenza di livelli idroaerei del tenue. Nella nostra casistica in 3 pazienti la sola terapia conservativa ha permesso il ritorno alla normalit� in 5 giorni. In altri 2 pazienti � stato necessario intervenire con una colonscopia decompressiva. in 1 caso la paziente � deceduta dopo 48 ore per arresto cardiocircolatorio.