WorldWideScience

Sample records for 50cc two-stroke di

  1. Optimizing the Performance of a 50cc Compression Ignition Two-Stroke Engine Operating on Dimethyl Ether

    Hansen, Kim Rene; Dolriis, J.D.; Hansson, C.;

    2011-01-01

    The paper describes the optimization of a 50cc crankcase scavenged two-stroke diesel engine operating on dimethyl ether (DME). The optimization is primarily done with respect to engine efficiency. The underlying idea behind the work is that the low weight, low internal friction and low engine...

  2. A 50 cc Two-Stroke DI Compression Ignition Engine Fuelled by DME

    Hansen, Kim Rene; Nielsen, Claus Suldrup; Sorenson, Spencer C

    2008-01-01

    The low auto-ignition temperature, rapid evaporation and high cetane number of dimethyl ether (DME) enables the use of low-pressure direct injection in compression ignition engines, thus potentially bringing the cost of the injection system down. This in turn holds the promise of bringing CI effi...

  3. Experimental investigation of CAI combustion in a two-stroke poppet valve DI engine

    Zhang, Yan

    2015-01-01

    This thesis was submitted for the award of Doctor of Philosophy and was awarded by Brunel University London Due to their ability to simultaneously reduce fuel consumption and NOx emissions, Controlled Auto Ignition (CAI) and HCCI combustion processes have been extensively researched over the last decade and adopted on prototype gasoline engines. These combustion processes were initially achieved on conventional two-stroke ported gasoline engines, but there have been significantly fewer stu...

  4. Expanding Applicability of Total Artificial Heart Therapy: The 50-cc SynCardia Total Artificial Heart.

    Spiliopoulos, Sotirios; Dimitriou, Alexandros Merkourios; Guersoy, Dilek; Koerfer, Reiner; Tenderich, Gero

    2015-09-01

    The 50-cc SynCardia total artificial heart is designed to facilitate orthotopic replacement of the native ventricles in patients with a body surface area below 1.7 m(2) in need of long-term circulatory support as a result of end-stage biventricular heart failure. We describe the implementation of this technology in a female patient with irreversible cardiogenic shock on the grounds of acute myocardial infarction and chronic ischemic cardiomyopathy.

  5. Results of primary noise reduction measures on single cylinder two-stroke petrol engines

    Kuentscher, V.; Engler, G.; Eichlseder, H.

    1986-01-01

    EEC Regulations No 41/1/2 for two-wheeled vehicles and No 63/3 for mopeds, came into force in recent years as necessary contributions for improved environmental protection and for greater safety in traffic. The achievement of the long-term limits intended for the future will require considerable efforts from the motorcycle industry. As a contribution to this, extensive investigations were done on standard singlecylinder two-stroke petrol engines with a swept volume of 50 cc and of the same type, for which several variants were produced in order to meet the aim of less noise emission. This is a report on the results achieved.

  6. Direct Fuel Injection of LPG in Small Two-Stroke Engines

    Yew Heng Teoh

    2011-01-01

    Full Text Available The commonly used carburetted two-stroke engines in developing countries have high exhaust emission and poor fuel efficiency. To meet more rigid emissions requirements, two-stroke vehicles are typically phase out in favour of four-stroke engines. The problems of ubiquitous legacy two-stroke vehicles remain unsolved by these measures and they are likely to be a major source of transport for many years to come. A number of technologies are available for solving the problems associated with two-stroke engines such as catalytic after-treatment and direct fuel injection (DI. However, these solutions are relatively high cost and have shown only slow market acceptance for applications in developing countries. Research in recent years has demonstrated that direct fuel injection is a well developed and readily deployable solution to existing two-stroke engines. Gaseous fuels such as Liquefied Petroleum Gas (LPG are considered a promising energy source and in many countries provide fuel cost savings. LPG coupled with DI two-stroke technologies, is expected to be clean and cost effective retrofit solution for two-stroke engines. In this research project, direct injection (DI of Liquefied Petroleum Gas (LPG is introduced and tested on a typical two-stroke engine. Results of in cylinder combustion pressure translated to fuel mass fraction burned, engine performance and exhaust emissions are taken and compared for various injection timings from premixed (early injection to fully direct injection mode (late injection. Results show that DI of LPG effectively reduces exhaust hydrocarbon and can substantially improve the fuel economy of two-stroke engines.

  7. Two-stroke-cycle engines for airplanes

    Jalbert, J

    1926-01-01

    Now that the two-stroke-cycle engine has begun to make its appearance in automobiles, it is important to know what services we have a right to expect of it in aeronautics, what conditions must be met by engines of this type for use on airplanes and what has been accomplished.

  8. The 50/50 cc Total Artificial Heart Trial: Extending the Benefits of the Total Artificial Heart to Underserved Populations.

    Wells, Dennis; Villa, Chet R; Simón Morales, David Luís

    2017-01-01

    While use of the total artificial heart (TAH) is growing, the use of the device is not uniform across the gender and age spectrum because the vast majority of implants are in adult males. SynCardia has recently developed a smaller 50 cc TAH that was designed to accommodate patients with a body surface area as low as 1.2 m(2) (potentially even lower using virtual implantation). Herein, we describe the early use of the 50 cc TAH (10 implants in the US and 18 outside the US). Twenty-eight devices have been implanted worldwide. Nineteen (68%) patients were female, 4 (14%) were 21 years of age or younger, and 2 (7%) had a diagnosis of congenital heart disease (1 Fontan). The smallest patient, by body surface area, was 1.35 m(2). Six patients (21%) have been placed on the Freedom Driver, all of whom have survived. Fourteen patients (50%) have had a positive outcome to date. The development of the 50 cc TAH has expanded the population of patients who may benefit from TAH support and thus may help improve outcomes for patients who have had limited biventricular support options to date.

  9. Effects of Surface Irregularities on Piston Ring-Cylinder Tribo Pair of a Two Stroke Motor Engine in Hydrodynamic Lubrication

    A. Zavos

    2015-03-01

    Full Text Available Tribological parameters such as friction, lubrication and wear influence strongly the engine component's life. In this study, a piston ring-cylinder system simulated taking into account the surface modifications under fully flooded lubrication and normal engine conditions. The hydrodynamic pressure field solved based on the Navier Stokes equations by Fluid Structure Interaction analysis. A real experimental data of piston ring-cylinder was used from a two stroke motor engine 50 cc. The surface irregularities are measured by 3D coordinate measurement machine while the engine has been worked about 4000 hours. The friction force, the hydrodynamic pressure, the oil film and the mechanical stresses were predicted for different engine conditions. Results show that the worn profile ring reduces the friction as well as the mechanical stresses increased. Surface condition of worn top ring was observed after a metallurgical profile analysis.

  10. MODELING OF ELECTRONIC GASOLINE INJECTION PROCESSES IN TWO STROKE ENGINE

    Hraivoronskyi, Y.; VRUBLEVSKYI A.

    2013-01-01

    Basic provision of the processes developed mode, occurring in ignition fuel system with electronically controlled two stroke engine with positive ignition are given. Fuel injection process’ calculation results for the case of placing fuel injector into intake system presented.

  11. Crank case scavenging of two-stroke-cycle engines

    List, Hans

    1929-01-01

    This report presents the results of tests on two-stroke-cycle Diesel engines to determine the efficiency of the crank case scavenging pump. It was determined that efficiencies were between 95 and 100%.

  12. Swirling flow in a two-stroke marine diesel engine

    Hemmingsen, Casper Schytte; Ingvorsen, Kristian Mark; Walther, Jens Honore

    2013-01-01

    Computational fluid dynamic simulations are performed for the turbulent swirling flow in a scale model of a low-speed two-stroke diesel engine with a moving piston. The purpose of the work is to investigate the accuracy of different turbulence models including two-equation Reynolds- Averaged Navier...

  13. Two Stroke Diesel Engines for Large Ship Propulsion

    Haider, Sajjad

    In low speed large two-stroke marine diesel engines, uniflow scavenging is used to remove the exhaust gases from the cylinder and fill the cylinder with fresh air charge for the next cycle. The swirl enhances the mixing of fuel with air and improves combustion efficiency. The thesis focuses on ch...

  14. MODELING OF ELECTRONIC GASOLINE INJECTION PROCESSES IN TWO STROKE ENGINE

    Hraivoronskyi, Y.

    2013-06-01

    Full Text Available Basic provision of the processes developed mode, occurring in ignition fuel system with electronically controlled two stroke engine with positive ignition are given. Fuel injection process’ calculation results for the case of placing fuel injector into intake system presented.

  15. Crank case scavenging of a two-stroke-cycle engine

    Holm, Otto

    1928-01-01

    Experiments with a two-stroke-cycle, crank case scavenging engine. Effect of systematic variation of the height of the scavenge and exhaust ports on the scavenging, as determined by gas analysis. The best results were obtained under conditions differing from the usual ones.

  16. Uncooled two-stroke gas engine for heat pump drive

    Badgley, Patrick; McNulty, Dave; Woods, Melvin

    This paper describes the design and analysis of a family of natural gas fueled, uncooled, two-stroke, lean burn, thermal-ignition engines. The engines were designed specifically to meet the requirements dictated by the commercial heat pump application. The engines have a power output ranging from 15 to 100 kW; a thermal efficiency of 36 percent; a mean time between failure greater than 3 years; and a life expectancy of 45,000 hours. To meet these specifications a family of very simple, uncooled, two-stroke cycle engines were designed which have no belts, gears or pumps. The engines utilize crankcase scavenging, lubrication, stratified fuel introduction to prevent raw fuel from escaping with the exhaust gas, and use of ceramic rolling contact bearings. The Thermal Ignition Combustion System (TICS) is used for ignition to enable the engines to operate with a lean mixture and eliminate spark plug erosion.

  17. Evaluation of scavenging in two-stroke-cycle engines

    Venediger, Herbert J

    1934-01-01

    The viewpoints are discussed, according to which the scavenging of two-stroke-cycle engines can be evaluated, and the relations between scavenging pressure and the quantity of the scavenging medium required, as also between the scavenging pressure and the revolution speed, are developed. It is further shown that the power increase is limited by the scavenging process, so that further researches are desirable for qualitative improvement. These results lead to several conclusions regarding the propulsion of motor vehicles by the two-stroke-cycle engines. Lastly, attention is called to the fundamental defect of the two-dimensional treatment of the scavenging process and to the consequent distinction between the two-dimensional and three-dimensional scavenging-type efficiency.

  18. Two-stroke engine with gaseous and liquid fuel injection

    Laursen, Rene Sejer [MAN Diesel and Turbo SE, Copenhagen (Denmark)

    2012-08-15

    The need to lower emissions of CO{sub 2}, NO{sub x}, SO{sub x} and particulates as well as rising oil prices have increased engine operators' interest in alternative fuels and fuel flexibility. The low speed two-stroke ME-GI and ME-LGI dual-fuel engines with diesel pilot injection from MAN Diesel and Turbo offer the opportunity of utilising fuels such as LNG, LPG, and methanol in a wide range of liquid to gaseous fuel ratios. (orig.)

  19. Carbonaceous species emitted from handheld two-stroke engines

    Volckens, John; Olson, David A.; Hays, Michael D.

    Small, handheld two-stroke engines used for lawn and garden work (e.g., string trimmers, leaf blowers, etc.) can emit a variety of potentially toxic carbonaceous air pollutants. Yet, the emissions effluents from these machines go largely uncharacterized, constraining the proper development of human exposure estimates, emissions inventories, and climate and air quality models. This study samples and evaluates chemical pollutant emissions from the dynamometer testing of six small, handheld spark-ignition engines—model years 1998-2002. Four oil-gas blends were tested in each engine in duplicate. Emissions of carbon dioxide, carbon monoxide, and gas-phase hydrocarbons were predominant, and the PM emitted was organic matter primarily. An ANOVA model determined that engine type and control tier contributed significantly to emissions variations across all identified compound classes; whereas fuel blend was an insignificant variable accounting for engines were generally intermediate in magnitude compared with other gasoline-powered engines, numerous compounds traditionally viewed as motor vehicle markers are also present in small engine emissions in similar relative proportions. Given that small, handheld two-stroke engines used for lawn and garden work account for 5-10% of total US emissions of CO, CO 2, NO x, HC, and PM 2.5, source apportionment models and human exposure studies need to consider the effect of these small engines on ambient concentrations in air polluted environments.

  20. Heat Transfer in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Jensen, Michael Vincent

    Heat transfer between the cylinder gas and the piston surface during combustion in large two-stroke uniflow scavenged marine diesel engines has been investigated in the present work. The piston surface experiences a severe thermal load during combustion due to the close proximity of the combustion...... marine diesel engines. The contribution from thermal radiation to the piston surface heat flux was not investigated in the present work, but a coarse estimation of the magnitude was performed. The obtained estimations indicate a peak piston surface heat flux level in the interval from about 1 MW/m2...... and up to 9.5 MW/m2 with the actual value probably being in the lower part of this interval. This is about the same magnitude as that previously reported for automotive size diesel engines. The obtained interval is relatively large, but a more accurate prediction is difficult to achieve with the applied...

  1. Exhaust gas emission from a two-stroke engine

    Lippitsch, H.H.; Eichlseder, H.

    1986-01-01

    According to present day ideas, carbon monoxide CO, hydrocarbons HC and nitrogen oxide NO are regarded as harmful substances in the exhaust gas and are therefore limited by law in some countries. After a survey of the regulations in Europe and the USA, the origin of these substances in a two-stroke engine is briefly described. The effect of the type of engine is then shown by results from various engines. It was found that emission can be drastically reduced by new engine designs. The introduction of exhaust gas regulations in Austria has caused the firm of Bombadier-Rotax to intensify their development work in this field. The state of exhaust gas emission of present day mass-produced engines was compared with previous engines at this opportunity.

  2. Direct Fuel Injection of LPG in Small Two-Stroke Engines

    Yew Heng Teoh; Horizon Gitano-Briggs

    2011-01-01

    The commonly used carburetted two-stroke engines in developing countries have high exhaust emission and poor fuel efficiency. To meet more rigid emissions requirements, two-stroke vehicles are typically phase out in favour of four-stroke engines. The problems of ubiquitous legacy two-stroke vehicles remain unsolved by these measures and they are likely to be a major source of transport for many years to come. A number of technologies are available for solving the problems associated with two-...

  3. Power Output and Air Requirements of a Two-stroke Cycle Engine for Aeronautical Use

    Paton, C R; Kemper, Carlton

    1927-01-01

    This investigation was undertaken to determine the pressure and amount of air necessary for satisfactory high-speed, two-stroke cycle operation and thus permit the power requirements of the air pump or blower to be determined. Based on power output and air requirement here obtained the two-stroke cycle engine would seem to be favorable for aeronautical use. No attempts were made to secure satisfactory operation at idling speeds.

  4. Impact of banning of two-stroke engines on airborne particulate matter concentrations in Dhaka, Bangladesh.

    Begum, Bilkis A; Biswas, Swapan K; Hopke, Philip K

    2006-01-01

    Vehicular air pollution is common in growing metropolitan areas throughout the world. Vehicular emissions of fine particles are particularly harmful because they occur near ground level, close to where people live and work. Two-stroke engines represented an important contribution to the motor vehicle emissions where they constitute approximately half of the total vehicle fleet in Dhaka city. Two-stroke engines have lower fuel efficiency than four-stroke engines, and they emit as much of an order of magnitude and more particulate matter (PM) than four-stroke engines of similar size. To eliminate their impact on air quality, the government of Bangladesh promulgated an order banning all two-stroke engines from the roads in Dhaka starting on December 31, 2002. The effect of the banning of two-stroke engines on airborne PM was studied at the Farm Gate air quality-monitoring station in Dhaka (capital of Bangladesh), a hot spot with very high-pollutant concentrations because of its proximity to major roadways. The samples were collected using a "Gent" stacked filter unit in two fractions of 0-2.2 microm and 2.2-10 microm sizes. Samples of fine and coarse fractions of airborne PM collected from 2000 to 2004 were studied. It has been found that the fine PM and black carbon concentrations decreased from the previous years because of the banning of two-stroke engine baby taxies.

  5. Measurement and Calculation of Frictional Loss in Large Two-Stroke Engines

    Vølund, Anders

    2003-01-01

    The total frictional loss in a large two-stroke marine diesel engine is rather well determined. However, the contribution (size and distribution) from the different machine elements are not well known. The aim of this study is to establish methods to measure and calculate friction in the piston...... assembly and guide shoe system for a large two-stroke marine diesel engine. These components are the two major contributors to the total friction in a two-stroke marine diesel engine. The piston pack represents approximately 60% of the total mechanical loss at full load and the guide shoe system 23......%. The rest of the mechanical loss is situated in the piston rod 2%, piston skirt 3% and main bearings and connecting rod bearing 12%. Information about the friction distribution can be used in future design of these machine elements. Theoretical models for determination of frictional losses for both...

  6. Parametric Study of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Mayer, Stefan

    2015-01-01

    Large commercial ships such as container vesselsand bulk carriers are propelled by low-speed, uniflowscavenged two-stroke diesel engines. The integral in-cylinderprocess in this type of engine is the scavenging process,where the burned gas from the combustion process isevacuated through the exhaust...... in axial velocity and the formation ofcentral recirculation zones, known as vortex breakdown. Thispaper will present a CFD analysis of the scavenging process ina MAN B&W two-stroke diesel engine. The study include aparameter sweep where the operating conditions such as airamount, port timing and scavenging...

  7. CFD analysis of the scavenging process in marine two-stroke diesel engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan

    2014-01-01

    /charge before the subsequent compression stroke. This implies that the scavenging process is integral to engine performance as it influence the initial condition for the combustion process, thus affecting the fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines for marine......The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine regardless of being spark ignited (SI) or compression ignited (CI). The scavenging process is responsible for replacing the burned gas from the combustion process from the previous working stroke with fresh air...

  8. Two strokes Diesel engine - Promising solution to reduce CO2 emissions

    Tribotte, Pascal; RAVET, FREDERIC; Dugue, Vincent; Obernesser, Philippe; Quenchon, Nicolas; Benajes Calvo, Jesus Vicente; Novella Rosa, Ricardo; De Lima Moradell, Daniela Andreina

    2012-01-01

    Two-stroke engines have dropped out of the automobile market for a long time due to severe drawbacks. Unfortunately, the comparison with the performances of four-stroke engines was not in favour of two-stroke ones. Nevertheless, the needs of a more compact engine with a better ratio of the mass and size versus power motivated research efforts at the beginning of the 90's. Regrettably, these efforts did not result in commercial success and automobile manufacturers kept four-stroke engine archi...

  9. The Tracer Gas Method of Determining the Charging Efficiency of Two-stroke-cycle Diesel Engines

    Schweitzer, P H; Deluca, Frank, Jr

    1942-01-01

    A convenient method has been developed for determining the scavenging efficiency or the charging efficiency of two-stroke-cycle engines. The method consists of introducing a suitable tracer gas into the inlet air of the running engine and measuring chemically its concentration both in the inlet and exhaust gas. Monomethylamine CH(sub 3)NH(sub 2) was found suitable for the purpose as it burns almost completely during combustion, whereas the "short-circuited" portion does not burn at all and can be determined quantitatively in the exhaust. The method was tested both on four-stroke and on two-stroke engines and is considered accurate within 1 percent.

  10. Two stroke engines. (Latest citations from the EI Compendex*plus database). Published Search

    NONE

    1995-02-01

    The bibliography contains citations concerning the operating characteristics, performance, and applications of two-stroke cycle internal combustion engines. Topics include fuel injection, lubrication, and exhaust systems as well as emission control. Marine, motorcycle, and diesel engines are included. Factors contributing to engine noise are also discussed. (Contains 250 citations and includes a subject term index and title list.)

  11. Two stroke engines. (Latest citations from the EI Compendex*plus database). Published Search

    1994-04-01

    The bibliography contains citations concerning the operating characteristics, performance, and applications of two-stroke cycle internal combustion engines. Topics include fuel injection, lubrication, and exhaust systems as well as emission control. Marine, motorcycle, and diesel engines are included. Factors contributing to engine noise are also discussed. (Contains 250 citations and includes a subject term index and title list.)

  12. Two stroke engines. (Latest citations from the Compendex database). Published Search

    1993-06-01

    The bibliography contains citations concerning the operating characteristics, performance, and applications of two-stroke cycle internal combustion engines. Topics include fuel injection, lubrication, and exhaust systems as well as emission control. Marine, motorcycle, and diesel engines are included. Factors contributing to engine noise are also discussed. (Contains 250 citations and includes a subject term index and title list.)

  13. Novel Tribotester for Cylinder Liner/Piston Ring Contacts of Two Stroke Marine Diesel Engines

    Pedersen, Michael Torben; Imran, Tajammal; Klit, Peder;

    2009-01-01

    A good tribological description for the cylinder liner and piston ring materials is always desired in order to achieve an improved combination of the materials. The piston ring package in a two-stroke-diesel engine operates in three lubrication regimes and the materials must be characterized in r...

  14. Numerical Investigation of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan

    2013-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine cycle whether it is spark ignited or compression ignited. The scavenging process is responsible for transporting the burned gases from the previous working stroke out of the combustion chamber to allow for the...

  15. Emissions and demonstration of an emission control technology for small two-stroke utility engines.

    Welch, William; Durbin, Thomas D

    2004-02-01

    Small utility engines represent an important contribution to the emissions inventory and have been subjected to increasingly stringent regulations in recent years. For this project, a Tanaka two-stroke engine was tested in its original condition and with a modified fuel/oil injection system. The modified fuel/oil injection system applied to the Tanaka two-stroke engine resulted in significant emissions reductions of approximately 52% for carbon monoxide (CO), 70% for total hydrocarbons (THC), 70% for particulate matter (PM), and 67% for the regulated THC + nitrogen oxides metric. This technology met the California Air Resources Board's 2000 model-year regulations for all pollutants, with the exception of slightly higher PM emissions. Two additional two-stroke engines were tested under a new condition and after at least 100 hr of use to examine the effects of deterioration on in-use, two-stroke engines. For one engine, CO and PM emissions more than tripled after 162 hr of operation in the field, with smaller increases also observed for THC (20%). For the second engine, significant repairs were required throughout the 100 operating hours, which counteracted the effects of the emissions deterioration and resulted in lower CO and THC emissions.

  16. Side branch absorber for exhaust manifold of two-stroke internal combustion engine

    Harris, Ralph E. (San Antonio, TX); Broerman, III, Eugene L. (San Antonio, TX); Bourn, Gary D. (Laramie, WY)

    2011-01-11

    A method of improving scavenging operation of a two-stroke internal combustion engine. The exhaust pressure of the engine is analyzed to determine if there is a pulsation frequency. Acoustic modeling is used to design an absorber. An appropriately designed side branch absorber may be attached to the exhaust manifold.

  17. ACUTE BEHAVORIAL EFFECTS FROM EXPOSURE TO TWO-STROKE ENGINE EXHAUST

    Benefits of changing from two-stroke to four-stroke engines (and other remedial requirements) can be evaluated (monetized) from the standpoint of acute behavioral effects of human exposure to exhaust from these engines. The monetization process depends upon estimates of the magn...

  18. Integrated Analysis of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland

    Large commercial ships such as container vessels and bulk carriers are propelledby low-speed, uniow scavenged two-stroke diesel engines. An integralin-cylinder process in this type of engine is the scavenging process, where the burned gases from the combustion process are evacuated through...... receiver fora two-stroke diesel engine. Time resolved boundary conditions corresponding to measurements obtained from an operating engine as well as realistic initial conditions are used in the simulations. The CFD model provides a detailed description of the in-cylinder ow from exhaust valve opening (EVO...... in the center of the ow, which might lead to a local decit in axial velocity and the formation of central recirculation zones, known as vortex breakdown. Ever more stringent emission legislations over the last 10-15 years have changed the engine lay out diagram in the pursuit of an engine which is both fuel...

  19. Some investigations in design of low cost variable compression ratio two stroke petrol engine

    Srinivas, A; rao, P Venkateswar; Reddy, M Penchal

    2012-01-01

    Historically two stroke engine petrol engines find wide applications in construction of two wheelers worldwide, however due to stringent environmental laws enforced universally; these engines are fading in numbers. In spite of the tight norms, internationally these engines are still used in agriculture, gensets etc. Several designs of variable compression ratio two stroke engines are commercially available for analysis purpose. In this present investigation a novel method of changing the compression ratio is proposed, applied, studied and analyzed. The clearance volume of the engine is altered by introducing a metal plug into the combustion chamber. This modification permitted to have four different values of clearance value keeping in view of the studies required the work is brought out as two sections. The first part deals with the design, modification, engine fabrication and testing at different compression ratios for the study of performance of the engine. The second part deals with the combustion in engi...

  20. Visualization of scavenging flow in the design of small two-stroke engines

    Stuecke, Peter; Egbers, Christoph

    2006-06-01

    An experimental test rig is presented, which enables visual examination of the internal flow of piston ported two-stroke cylinders. Similarity laws are applied to design the layout of the set-up. The reasons to use a liquid to represent the scavenging fluid are explained. Experiments are carried out which visualize the scavenging flow inside the cylinder. Colours play an important role in the visualization of flows. Careful selection of the dyes and the particular arrangement of different colours produce features of the three-dimensional and unsteady flow under investigation. The potential for future investigations to become an integrated part of the design process of small two-stroke engines is demonstrated.

  1. ANALYSIS OF EXHAUST GAS EMISSION IN THE MARINE TWO-STROKE SLOW-SPEED DIESEL ENGINE

    Branko Lalić

    2016-09-01

    Full Text Available This paper explores the problem of exhaust emissions of the marine two-stroke slow-speed diesel engines. After establishing marine diesel engine regulations and defining the parameters influencing exhaust emissions, the simulation model of the marine two-stroke slow-speed diesel engine has been developed. Furthermore, the comparison of numerical and experimentally obtained data has been performed, resulting in achieving the model validity at 100% load, which represents a requirement for further exhaust gas analysis. Deviations obtained at the real engine and the model range from 2% to 7%. An analysis of the influential parameters such as compression ratio, exhaust valve timing and fuel injection timing has been performed. The obtained results have been compared and conclusions have been drawn.

  2. Two stroke engines. (Latest citations from the EI Compendex*plus database). Published Search

    NONE

    1996-02-01

    The bibliography contains citations concerning the operating characteristics, performance, and applications of two-stroke cycle internal combustion engines. Topics include fuel injection, lubrication, and exhaust systems as well as emission control. Marine, motorcycle, and diesel engines are included. Factors contributing to engine noise are also discussed.(Contains 50-250 citations and includes a subject term index and title list.) (Copyright NERAC, Inc. 1995)

  3. A discussion of the several types of two-stroke-cycle engines

    Venediger, Herbert J

    1935-01-01

    This report discusses different types of two-stroke engines as well as the three most important design factors: volume of scavenge and charge delivery, scavenging process (scavenging result), and result of charge. Some of the types of engines discussed include: single cylinder with crank-chamber scavenge pump and auxiliary suction piston linked to working connecting rod; and two cylinder engines with a rotary scavenge pump arrangement. Three and four cylinder engines are also discussed in various designs.

  4. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 2

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit a design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  5. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 3

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  6. Scavenge flow analysis of opposed-piston two-stroke engine based on dynamic characteristics

    Fu-kang Ma

    2015-04-01

    Full Text Available Opposed-piston two-stroke engine has been proposed by Beijing Institute of Technology to improve power density and complete machine balance relative to conventional engines. In order to study opposed-piston two-stroke engine scavenging flow, a scavenging system was configured using a three-dimensional computational fluid dynamics model effectively coupled to experiments. The boundary conditions are obtained through one-dimensional working process simulation results and experiments. As the opposed-piston relative dynamic characteristics of opposed-piston two-stroke engine depend on different design and operating parameters including the opposed-piston motion phase difference and crank-connecting rod ratio, a numerical simulation program was built using MATLAB/Simulink to define opposed-piston motion profiles based on equivalent crank angle of opposed crank-connecting rod mechanism. The opposed-piston motion phase difference only affects scavenging timing while crank-connecting rod ratio affects scavenging timing and duration. Scavenging timing and duration are the main factors which affect scavenging performance. The results indicate that a match of opposed-piston motion phase difference and crank-connecting rod ratio has the potential to achieve high scavenging and trapping efficiency with a right flow in cylinder.

  7. Particulate matter regulation for two-stroke two wheelers: Necessity or haphazard legislation?

    Rijkeboer, Rudolf; Bremmers, Dion; Samaras, Zissis; Ntziachristos, Leonidas

    Although interest in particulate emissions has increased considerably during recent years, the subject of particulate matter (PM) emissions from small two-stroke engines used in road vehicles is still largely unexplored. This paper presents the results of an investigation, which examined the typical emission level and the typical characteristics of two-stroke PM, as well as the possible impact on the (urban) environment, all in comparison to diesel engines. Attention was also paid to the possible problems concerning the measurement of two-stroke PM and the possibilities to add a PM requirement to the moped type approval procedure. It is demonstrated that despite the significant PM emission levels of current two wheelers, particle characteristics are different compared to diesel exhaust PM and hence following a diesel-like procedure to quantify particle emissions may not be the indicated approach. Hence, based on the experimental evidence and the foreseen technology developments, recommended steps forward are proposed, taking into account the need for efficient regulation of PM and the particularities of the specific vehicle technology.

  8. Recent Development of the Two-Stroke Engine. II - Design Features. 2; Design Features

    Zeman, J.

    1945-01-01

    Completing the first paper dealing with charging methods and arrangements, the present paper discusses the design forms of two-stroke engines. Features which largely influence piston running are: (a) The shape and surface condition of the sliding parts. (b) The cylinder and piston materials. (c) Heat conditions in the piston, and lubrication. There is little essential difference between four-stroke and two-stroke engines with ordinary pistons. In large engines, for example, are always found separately cast or welded frames in which the stresses are taken up by tie rods. Twin piston and timing piston engines often differ from this design. Examples can be found in many engines of German or foreign make. Their methods of operation will be dealt with in the third part of the present paper, which also includes the bibliography. The development of two-stroke engine design is, of course, mainly concerned with such features as are inherently difficult to master; that is, the piston barrel and the design of the gudgeon pin bearing. Designers of four-stroke engines now-a-days experience approximately the same difficulties, since heat stresses have increased to the point of influencing conditions in the piston barrel. Features which notably affect this are: (a) The material. (b) Prevailing heat conditions.

  9. TOPSIS Multi-Criteria Decision Modeling Approach for Biolubricant Selection for Two-Stroke Petrol Engines

    Masoud Dehghani Soufi

    2015-12-01

    Full Text Available Exhaust pollutants from two-stroke petrol engines are a problem for the environment. Biolubricants are a new generation of renewable and eco-friendly vegetable-based lubricants, which have attracted a lot of attention in recent years. In this paper, the applicability of the Technique for Order of Preference by Similarity to Ideal Solution (TOPSIS method to support the process of building the scoring system for selecting an appropriate two-stroke lubricant has been analyzed. For this purpose, biolubricants (TMP-triesters based on castor oil, palm oil, and waste cooking oil were produced and then utilized in a 200 cc two-stroke gasoline engine to investigate their effects on its performance and exhaust emissions. The results obtained from the use of the entropy technique in the TOPSIS algorithm showed that palm oil-based lubricant took up the greatest distance from the Negative Ideal Solution (NIS and was selected as the most optimal lubricant for these types of engines.

  10. Devices to improve the performance of a conventional two-stroke spark ignition engine

    Poola, R. B.; Nagalingam, B.; Gopalakrishnan, K. V.

    1995-08-01

    This paper presents research efforts made in three different phases with the objective of improving the fuel economy of and reducing exhaust emissions from conventional, carbureted, two-stroke spark ignition (SI) engines, which are widely employed in two-wheel transportation in India. A review concerning the existing two-stroke engine technology for this application is included. In the first phase, a new scavenging system was developed and tested to reduce the loss of fresh charge through the exhaust port. In the second phase, the following measures were carried out to improve the combustion process: (1) using an in-cylinder catalyst, such as copper, chromium, and nickel, in the form of coating; (2) providing moderate thermal insulation in the combustion chamber, either by depositing thin ceramic material or by metal inserts; (3) developing a high-energy ignition system; and (4) employing high-octane fuel, such as methanol, ethanol, eucalyptus oil, and orange oil, as a blending agent with gasoline. Based on the effectiveness of the above measures, an optimized design was developed in the final phase to achieve improved performance. Test results indicate that with an optimized two-stroke SI engine, the maximum percentage improvement in brake thermal efficiency is about 31%, together with a reduction of 3400 ppm in hydrocarbons (HC) and 3% by volume of carbon monoxide (CO) emissions over the normal engine (at 3 kW, 3000 rpm). Higher cylinder peak pressures (3-5 bar), lower ignition delay (2-4 degrees CA), and shorter combustion duration (4-10 degrees CA) are obtained. The knock-limited power output is also enhanced by 12.7% at a high compression ratio (CR) of 9:1. The proposed modifications in the optimized design are simple, low-cost, and easy to adopt for both production and existing engines.

  11. Testing of Bearing Materials for Large Two-stroke Marine Diesel Engines

    Klit, Peder; Persson, Sebastian; Vølund, Anders

    2013-01-01

    In large two-stroke marine diesel engines bearings are designed with the intention that these need not be replaced during the life of the engine. The design has shown very good service experiences. The design parameters of the main bearings are, among others, based on the average maximum specific...... load which the bearing should operate under. In general, the frictional loss is less than 1% of the nominal power of the engine but is still a target for optimization. Fatigue mechanisms of bearing lining material are not fully understood and the design limits with regards to minimum oil film thickness...

  12. Influence of piston displacement on the scavenging and swirling flow in two-stroke diesel engines

    Obeidat, Anas; Haider, Sajjad; Ingvorsen, Kristian Mark

    We study the effect of piston motion on the in-cylinder swirling flow in a low speed, large two-stroke marine diesel engine. The work involves experimental, and numerical simulation using OpenFOAM platform, Large Eddy Simulation was used with three different models, One equation Eddy, Dynamic One...... equation Eddy, and Ta Phouc Loc model, to study the transient phenomena of the flow. The results are conducted at six cross sectional planes along the axis of the cylinder and with the piston displaced at four fixed piston positions covering the air intake ports by 0%,25%, 50%, and 75% respectively...

  13. Turbulent swirling flow in a model of a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore

    2013-01-01

    The turbulent and swirling flow of a uniflow-scavenged two-stroke engine cylinder is investigated using a scale model with a static geometry and a transparent cylinder. The swirl is generated by 30 equally spaced ports with angles of 0°, 10°, 20°, and 30°. A detailed characterization of the flow...... precesses around the exhaust valve, resulting in an axial suction effect at the vortex center. Mean fields based on the instantaneous flow topology are shown to be more representative than mean fields based on a fixed coordinate system in cases with significant variations in the swirl center location....

  14. [Spectra analysis of ignition flame in two-stroke gasoline engine burning blended fuel].

    Sheng, K; Ning, W; Zhang, G; Cheng, X; Wang, Z

    1998-12-01

    In a two-stroke gasoline engine, exhaust gas pollution is especially severe when it burns rich mixture of blended fuel. The results of spectra analysis of ignition combustion flame show that the peak luminous intensities of three characteristic spectra CH(431.5nm), C2(516.5nm) and CN(387nm) are strong, of which the peak luminous intensity of CN(387nm) is the most outstanding. The mechanism of NO(x) formation in exhaust gas can be illustrated by Fenimore theorem. The mechanism was also verified by experiments conducted by Japanese researcher K. Nagase.

  15. Improving the Performance of Two-stroke Motorcycle with Tuned Adjustable Exhaust Pipe

    O. Obodeh

    2009-08-01

    Full Text Available Engine performance is strongly dependent on gas dynamic phenomena in intake and exhaustsystems. Careful design of the manifolds enables the engineer to manipulate the characteristics. The basicexhaust tuning mechanisms was described w ith respect to a two-stroke single-cylinder engine. Tuned adjustableexhaust pipe for use on two-stroke motorcycle was designed and tested. The dynamometer used incorporateda flywheel of appropriate moment of inertia to simulate the mass of the motorcycle and rider. The test procedureinvolved measurement of the flywheel speed during an acceleration phase resulting from opening the throttle.Calculation of the instantaneous flywheel acceleration gave a measure of the torque and power characteristics.The airflow based values of delivery ratio; trapping efficiency and charging efficiency were not measureddirectly but were culled from the fuel flow values and the Spindt computation of the exhaust gas analysis.Experimental test results were presented for power output, specific fuel consumption and engine-out emissions.The tuned exhaust system was found to improve fuel economy of the engine by 12%. The major engine-outemissions, HC and CO were reduced by a minimum of 27.8% and 10.7% respectively. An improved poweroutput of 15.8% increase was achieved. As a bonus, it w as also found that the exhaust noise was reduced.

  16. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 1

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. The test engine delivered 78kW indicated power from 1007cc displacement, operating at 3500 RPM on Schnuerle loop scavenged two-stroke cycle. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude, in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications; including injection system requirement, turbocharging, heat rejection, breathing, scavenging, and structural requirements. The multicylinder engine concept is configured to operate with an augmented turbocharger, but with no primary scavenge blower. The test program is oriented to provide a balanced turbocharger compressor to turbine power balance without an auxiliary scavenging system. Engine cylinder heat rejection to the ambient air has been significantly reduced and the minimum overall turbocharger efficiency required is within the range of commercially available turbochargers. Analytical studies and finite element modeling is made of insulated configurations of the engines - including both ceramic and metallic versions. A second generation test engine is designed based on current test results.

  17. A New Strategy to Achieve Radical Combustion Through Exhaust Port Throttling for Two Stroke Engine

    Saqaff Ahmed Alkaff, Mohamed A. Khan

    2010-06-01

    Full Text Available Radical combustion is a critical condition behind control. In two stroke engine, acondition of radical combustion could be achieved through control of the trappedexhaust gases at a certain condition, might include, the engine load, speed,concentration of the unburned hydrocarbons, their temperature and otheroperational parameters.An earlier work was conducted towards the achievement of the radicalcombustion. The mechanism was made to throttle the opening of the exhaustport at a range of 1% to 8 % [1]. However, several difficulties were faced, mainlywith the control mechanism of throttling. In addition there is a complexity inidentifying the critical conditions at which the radical combustion could beachieved.In this paper, a new strategy was used to control the exhaust port throttling in away to manage the amount of exhaust gases trapped and avoiding thedrawbacks of the throttling mechanism in the earlier work. Three trial plateswere used, one-sixth closed, one-third closed and half closed to throttle theexhaust gases leaving the combustion chamber.Results reveal the possibility of achieving radical combustion, when using theone-sixth closed plate under relatively higher load. Therefore, partial trapping ofthe exhaust gases should be carried, through the restriction of the opening of theexhaust port not to exceed 15% of the port exit area. However, it is moreinteresting, that throttling of the exhaust gases of the two stroke engine haveclear influence on the quality and stability of the combustion and hence its directeffect on the fuel consumption and the rate of pollutants expelled to theenvironment.

  18. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Schnipper, Teis

    2012-01-01

    A scale model of a simplified cylinder in a uniflow scavenged large two-stroke marine diesel engine is constructed to investigate the scavenging process. Angled ports near the bottom of the cylinder liner are uncovered as the piston reaches the bottom dead center. Fresh air enters through the ports...... forcing the gas in the cylinder to leave through an exhaust valve located in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirl flow, with complex phenomena such as central recirculation zones, vortex breakdown and vortex precession...... – 30 degree. Although the flow has a relatively low swirl number of around 0.4, a central recirculation zone is observed indicating a vortex breakdown. The steady flow is also analyzed with Proper Orthogonal Decomposition (POD). The analysis reveals systematic variations in the shape and location...

  19. Experimental and numerical investigation of sprays in two stroke diesel Engines

    Dam, Bjarke Skovgård

    2007-01-01

    have different scales and other designs than those used in the literature, so extending results from the literature will require experiments on this particular type of setup. Numerical investigations of diesel sprays are performed using the Eulerian/Lagrangian engine CFD code Kiva. In agreement...... with other authors it is found that cell sizes applicable in Kiva are inadequate to capture the scales of the spray. Different approaches on compensating for the too large grid are tested, and it is concluded that the problem of artificial diffusion of momentum is the most critical to be solved. A criterion...... and an injection system identical to those of large two stroke diesel engines. Specially designed single hole nozzles enables in nozzle pressure measurements. A number of experimental methods are successfully tested, including a high speed imaging system using reflected light, a low cost shadowgraph system...

  20. New two-stroke marine diesel engines from Waertsilae; Neue Zweitakt-Schiffsdieselmotoren von Waertsilae

    Frigge, Patrick; Affolter, Samuel; Bachmann, Daniel; Jong, Ronald de [Waertsilae, Winterthur (Switzerland)

    2011-11-15

    Waertsilaehas developed a new generation of small marine diesel engines with the designations RT-flex35 and RT-flex40 with cylinder bores of 35 cm and 40 cm. The engines are equipped exclusively with an integrated electronic control system, and for the first time in a low-speed two-stroke engine, a common rail fuel injection system has been adopted from the medium-speed four-stroke engine. The bore designs are based on a joint concept with Mitsubishi Heavy Industries and were developed in close cooperation. The acceptance test of the first engine, in accordance with the order of a six-cylinder engine, is planned for November 2011. (orig.)

  1. Large Eddy Simulations of Turbulent Reacting Flows in an Opposed-Piston Two Stroke Engine

    Srivastava, Shalabh; Schock, Harold; Jaberi, Farhad

    2013-11-01

    The two-phase filtered mass density function (FMDF) subgrid-scale model has been used for large eddy simulation (LES) of turbulent spray combustion in a generic single cylinder, opposed-piston, two-stroke engine configuration. The LES/FMDF is implemented via an efficient, hybrid numerical method in which the filtered compressible Navier-Stokes equations are solved with a high-order, multi-block, compact differencing scheme, and the spray and FMDF are implemented with stochastic Lagrangian methods. The reliability and consistency of the numerical methods are established for the engine configuration by comparing the Eulerian and Lagrangian components of the LES/FMDF. The effects of various operating conditions like boost pressure, heat transfer model, fuel spray temperature, nozzle diameter, injection pressure, and injector configuration on the flow field, heat loss and the evolution of spray and combustion are studied.

  2. Numerical Simulation of a Spark Ignited Two-Stroke Free-Piston Engine Generator

    MAO Jin-long; ZUO Zheng-xing; LIU Dong

    2009-01-01

    A numerical program is built to simulate the performance of a spark ignited two-stroke free-piston engine coupled with a linear generator. The computational model combines a series of dynamic and thermodynamic equations that are solved simultaneously to predict the performances of the engines. The dynamic analysis performed consists of an evaluation of the frictional force and load force introduced by the generator. The thermodynamic analysis used a single zone model to describe the engine's working cycle which includes intake, scavenging, compression, combustion and expansion, and to evaluate the effect of heat transfer based on the first law of thermodynamics and the ideal gas state equation. Because there is no crankshaft, a time based Wiebe equation was used to express the fraction of fuel burned in the combustion. The calculated results were validated by using the experimental data from another research group. The results indicate that the free-piston generator has some advantages over conventional engines.

  3. TO STUDY PERFORMANCE OF TWO STROKE ENGINE WITH MODIFIED INTAKE SYSTEM

    BISHAKHA

    2012-08-01

    Full Text Available The two stroke engine was developed to obtain a greater output from the same size of engine. The engine mechanism eliminates the valve arrangement making it mechanically simpler. Theoretically a two stroke engine develops twice the power of a comparable four stroke engine, thus making it more compact. Getting air into an engine is the key to making power and there are many ways to increase the air flow into the engine. There are such forced induction, nitrous system, better port and valve shapes to improve flow. But for this study the technique that has been selected were the better port size. The claims that this where the harnessing the inertia of the airs velocity to better fill the cylinders. Modification in intake port is made. Also use of different fuel metering jets is used for different A/F mixtures. At various throttle positions and with torque and speed as input,performance parameters of engine are calculated. Based on the results various performance curves are plotted. The objective of the project is to determine how much power improvement with the modification in intake system in compared to the original intake system. Modification to the engine without additional system attach tothe engine operation were the best solution to have an optimum engine operation in term of torque and horsepower. To optimize the power and intake port flow produce by the engine modification were through avery limited value. The value is limited due to the restricted area of the engine production by the manufacturer.Hence modification must be planned carefully as over modification of the inlet port can end up with a device slower than its stock counterpart.

  4. Comparative evaluation of a two stroke compressed natural gas mixer design using simulation and experimental techniques

    Ramasamy, D.; Bakar, R.A.; Rahim, M.F.; Noor, M.M. [Malaysia Pahang Univ., Pahang (Malaysia). Automotive Focus Group

    2008-07-01

    A study was conducted in which a two-stroke engine was converted for use with bi-fuel, notably compressed natural gas and gasoline. The excessive by-products generated by two-stroke engine combustion can be attributed to the inefficient combustion process. This prototype uniflow-type single-cylinder engine was equipped with a bi-fuel conversion system. A dedicated mixer was also developed to meter the gaseous fuel through the engine intake system. It was designed to meet air and fuel requirement similar to its gasoline counterpart. The mixer was modeled to obtain optimum orifice diameter using three different sizes of 14, 16 and 18 mm respectively. A standard computational fluid dynamics (CFD) software package was used to simulate the flow. A pressure reading was obtained during the prototype test. The drop in pressure across the venturi was shown to be an important parameter as it determined the actual fuel-air ratio in the actual engine. A good agreement of CFD outputs with that of the experimental outputs was recorded. The experimental technique validated the pressure distribution predicted by CFD means on the effects of the three insert rings in the CNG mixer. The simulation exercise can be used to predict the amount of CNG consumed by the engine. It was concluded that the 14 mm throat ring was best suited for the CNG mixer because it provided the best suction. Once the mixer is tested on a real engine, it will clear any doubts as to whether the throat can function at high engine speeds. 5 refs., 3 tabs., 8 figs.

  5. Improvement of Fatigue Life of Welded Structural Components of a Large Two-Stroke Diesel Engine by Grinding

    Agerskov, Henning; Hansen, Anders V.; Bjørnbak-Hansen, Jørgen

    2004-01-01

    The crankshaft housings of large two-stroke diesel engines are welded structures subjected to constant amplitude loading and designed for infinite life at full design load. A new design of the so-called frame box has been introduced in the engine using butt weld joints of thick plates, welded from...

  6. Investigation of Different Piston Ring Curvatures on Lubricant Transport along Cylinder Liner in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Overgaard, Hannibal Christian; Klit, Peder; Vølund, Anders

    2016-01-01

    A theoretical investigation of the hydrodynamic lubrication of the top compression piston ring in a large two-stroke marine diesel engine is presented. The groove mounted piston ring is driven by the reciprocal motion of the piston. The ring shape follows a circular geometry and the effect...

  7. Modeling the Distribution of Sulfur Compounds in a Large Two Stroke Diesel Engine

    Cordtz, Rasmus Lage; Schramm, Jesper; Andreasen, Anders

    2013-01-01

    In many years large low speed marine diesel engines have consumed heavy fuel oils with sulfur contents in the order of 2.5 - 4.5wt%. Present legislations require that the fuel sulfur is reduced and in near future the limit will be 0.5wt% globally. During combustion most of the sulfur is oxidized...... conditions and sulfur feed. This work presents a computational model of a large low speed two-stroke diesel engine where a 0D multi-zone approach including a detailed reaction mechanism is employed in order to investigate in cylinder formation of gaseous SO3 where fuel injection rates are determined using...... to SO2 from which a fraction is further oxidized to SO3. SO3 may combine with H2O and condense as liquid sulfuric acid that promotes corrosive wear on e.g. cylinder liners. To extend engine lifetime and reduce costs for lubrication it is pivotal to identify formation of SO3 with respect to operational...

  8. Durability Assessment of Cylinder Block for Two Stroke Free Piston Linear Engine using Random Loading

    M. M. Rahman

    2009-01-01

    Full Text Available This research presents the durability assessment of cylinder block for a two-stroke free piston engine using narrow band approach. The life prediction results are worthy for improving the component design at the very early developing stage. This approach is adequate for periodic loading, however, requires very large time records to accurately describe random loading processes. Fatigue damage in conventionally determined from time signals of the loading, frequently in the form of stress and strain. However, there are scenarios when a spectral form of loading is more appropriate. In this case the loading is defined in terms of its magnitude at different frequencies in the form of a Power Spectral Density (PSD plot. The vibration fatigue calculation can be utilized where the random loading and response are categorized using power spectral density functions and the dynamic structure is modeled as a linear transfer function. This research also investigates the effect of the mean stress on the fatigue life prediction using the random loading. The acquired results indicate that the Goodman mean stress correction method gives the most conservative results with the Gerber and no (zero mean stress method. It is observed that the compressive mean stresses are beneficial while the tensile mean stresses are detrimental to the fatigue life. The proposed technique is capable of determining premature products failure phenomena. Therefore, this technique is able to reduce cost, time to market, improve the product reliability and finally the user confidence.

  9. A methodology for laser diagnostics in large-bore marine two-stroke diesel engines

    Hult, J.; Mayer, S.

    2013-04-01

    Large two-stroke diesel engines for marine propulsion offer several challenges to successful implementation of the laser diagnostic techniques applied extensively in smaller automotive engines. For this purpose a fully operational large-bore engine has been modified to allow flexible optical access, through 24 optical ports with clear diameters of 40 mm. By mounting the entire optical set-up directly to the engine, effects of the vigorous vibrations and thermal drifts on alignment can be minimized. Wide-angle observation and illumination, as well as relatively large aperture detection, is made possible through mounting of optical modules and relays inside optical ports. This allows positioning of the last optical element within 10 mm from the cylinder wall. Finally, the implementation on a multi-cylinder engine allows for flexible and independent operation of the optically accessible cylinder for testing purposes. The performance of the integrated optical engine and imaging system developed is demonstrated through laser Mie scattering imaging of fuel jet structures, from which information on liquid penetration and spray angles can be deduced. Double pulse laser-sheet imaging of native in-cylinder structures is also demonstrated, for the purpose of velocimetry.

  10. Development of a novel passive top-down uniflow scavenged two-stroke GDI engine

    Ciccarelli, G.; Reynolds, Steve; Oliver, Phillip [Mechanical and Materials Engineering, Queen' s University, Kingston, Ontario, K7P 2M4 (Canada)

    2010-02-15

    The design and performance characteristics of a novel top-down uniflow scavenged gasoline direct-injection two-stroke engine are presented. The novelty of the engine lies in the cylinder head that contains multiple check valves that control scavenging airflow into the cylinder from a supercharged air plenum. When the cylinder pressure drops below the intake plenum pressure during the expansion stroke, air flows into the cylinder through the check valves. During compression the cylinder pressure increases to a level above the intake plenum pressure and the check valves close preventing back-flow into the intake plenum. The engine head design provides asymmetrical intake valve timing without the use of poppet valves and the associated valve-train. In combination with an external Roots-type supercharger that supplies the plenum and exhaust ports at the bottom of the cylinder wall, the novel head provides top-down uniflow air scavenging. Motoring tests indicated that the check valves seal and the peak pressure is governed by the compression ratio. The only drawback observed is that valve closing is delayed as the engine speed increases. In order to investigate the valve dynamics, additional tests were performed in an optically-accessible cold flow test rig that enabled the direct measurement of valve opening and closing time under various conditions. (author)

  11. Thermodynamics of two-stroke engine based on periodically driven two-level system

    Chvosta, Petr; Holubec, Viktor; Ryabov, Artem; Einax, Mario; Maass, Philipp

    2010-01-01

    We investigate a microscopic motor based on an externally driven two-level system. One cycle of the motor operation consists of two strokes. Within each stroke, the two energy levels are driven with a constant rate. The occupation probabilities of the two states evolve according to the Pauli rate equation and represent the delayed system's response to the external driving. We give the exact solution of the Pauli rate equation and discuss its thermodynamical consequences. In particular, we calculate the motor's efficiency, the power output, and the performance dependence on the control parameters. Secondly, we introduce an augmented stochastic process which reflects, at a given time, both the occupation probabilities for the two states and the time spent in the individual states during the previous evolution. Our exact calculation of the evolution operator for the augmented process allows one to discuss in detail the probability density for the work during the limit cycle. In the strongly irreversible regime, the density shows strong deviations from a Gaussian shape.

  12. Determination of two-stroke engine exhaust noise by the method of characteristics

    Jones, A. D.; Brown, G. L.

    1982-06-01

    A computational technique was developed for the method of characteristics solution of a one-dimensional compressible, unsteady flow in a duct as applied to the wave action in an engine exhaust system. By using the method it was possible to compute the detailed flow in both straight pipe and tuned expansion chamber exhaust systems as matched to the flow from the cylinder of a small two-stroke engine. The radiated exhaust noise was then determined by assuming monopole radiation from the tailpipe outlet. Very good agreement with experiment on an operating engine has been achieved in the calculation of both the third-octave radiated noise and the associated pressure cycles at several locations in the different exhaust systems. Of particular interest is the significance of non-linear behavior which results in wave steepening and shock wave formation. The calculation method developed differs from those of others, principally that of Blair and that of Karnopp, Dwyer and Margolis. Its essential feature is the computation of the precise paths on the x-t plane of a finite number of C+, C- and P characteristics, to provide high accuracy in determining the tailpipe outlet velocity and hence radiated noise.

  13. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Meyer, K. E.; Ingvorsen, K. M.; Mayer, S.; Walther, J. H.

    2012-11-01

    In large two-stroke uniflow scavenged marine diesel engines fresh air is blown in through angled ports in the bottom of the cylinder liner forcing the burned gas out through an exhaust valve in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirling flow, with complex phenomena such as central recirculation zones, vortex breakdown and vortex precession. A scale model of a simplified cylinder is created with a transparent cylinder five diameters long. The flow in the experiment has a Reynolds number of 50,000 based on the cylinder diameter and bulk velocity. Stereoscopic Particle Image Velocimetry (PIV) is used to investigate the flow for cases with both static and moving piston. Port angles of 0, 10, 20 and 30 degrees are considered. Although the flow has a relatively low swirl number of around 0.4, a central recirculation zone is observed indicating a vortex breakdown. The steady flow is analyzed with proper orthogonal decomposition revealing systematic variations in the shape and location of the vortex core. Transient measurements using phase-locked PIV are carried out with moving piston. The transient measurements reveal a sudden rapid change in flow topology as a central recirculation zone is formed. Also at: Computational Science and Engineering Laboratory, ETH Zurich, Universitatsstrasse 6, CH-8092 Zurich, Switzerland.

  14. Turbulent swirling flow in a model of a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Ingvorsen, K. M.; Meyer, K. E.; Walther, J. H.; Mayer, S.

    2013-03-01

    The turbulent and swirling flow of a uniflow-scavenged two-stroke engine cylinder is investigated using a scale model with a static geometry and a transparent cylinder. The swirl is generated by 30 equally spaced ports with angles of 0°, 10°, 20°, and 30°. A detailed characterization of the flow field is performed using stereoscopic particle image velocimetry. Mean fields are calculated using both a fixed coordinate system and a coordinate system based on the instantaneous flow topology. Time-resolved measurements of axial velocity are performed with laser Doppler anemometry, and power spectra are calculated in order to determine vortex core precession frequencies. The results show a very different flow dynamics for cases with weak and strong swirl. In the strongly swirling cases, a vortex breakdown is observed. Downstream of the breakdown, the vortex becomes highly concentrated and the vortex core precesses around the exhaust valve, resulting in an axial suction effect at the vortex center. Mean fields based on the instantaneous flow topology are shown to be more representative than mean fields based on a fixed coordinate system in cases with significant variations in the swirl center location.

  15. 二冲程发动机发展前景展望%A Prospect of The Two-stroke Engine Development

    史鉴明

    2012-01-01

    因为恶劣的排放,二冲程发动机的应用在当今社会受到了很大的限制.但是随着例如缸内直喷等技术的发展和完善,二冲程发动机的排放问题必将会得以解决,而二冲程发动机也必将因为其轻巧,结构简单可靠,比功率大等优势得到广泛的应用.%Nowadays, the two-stroke engine is abandoned in many application areas because of its bad emission. But the emission will be definitely well controlled with the continuous development of the technology, such as DI(directly injection) and etc. And then, the simple, reliable, and light 2-stroke engine with high power-to-weight ratio will become popular again.

  16. Turbulent swirling flow in a dynamic model of a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Ingvorsen, K. M.; Meyer, K. E.; Walther, J. H.; Mayer, S.

    2014-06-01

    It is desirable to use computational fluid dynamics for optimization of the in-cylinder processes in low-speed two-stroke uniflow-scavenged marine diesel engines. However, the complex nature of the turbulent swirling in-cylinder flow necessitates experimental data for validation of the used turbulence models. In the present work, the flow in a dynamic scale model of a uniflow-scavenged cylinder is investigated experimentally. The model has a transparent cylinder and a moving piston driven by a linear motor. The flow is investigated using phase-locked stereoscopic particle image velocimetry (PIV) and time-resolved laser Doppler anemometry (LDA). Radial profiles of the phase-locked mean and rms velocities are computed from the velocity fields recorded with PIV, and the accuracy of the obtained profiles is demonstrated by comparison with reference LDA measurements. Measurements are carried out at five axial positions for 15 different times during the engine cycle and show the temporal and spatial development of the swirling in-cylinder flow. The tangential velocity profiles in the bottom of the cylinder near the end of the scavenge process are characterized by a concentrated swirl resulting in wake-like axial velocity profiles and the occurrence of a vortex breakdown. After scavenge port closing, the axial velocity profiles indicate that large transient swirl-induced structures exist in the cylinder. Comparison with profiles obtained under steady-flow conditions shows that the scavenge flow cannot be assumed to be quasi-steady. The temporal development of the swirl strength is investigated by computing the angular momentum. The swirl strength shows an exponential decay from scavenge port closing to scavenge port opening corresponding to a reduction of 34 %, which is in good agreement with theoretical predictions.

  17. Port size, geometry and layout design in a Two-Stroke JaqEngine

    Vissers, A.J.W.H.

    2007-08-15

    The JaqEngine has a complete different mechanical transmission compared to the Otto/Diesel engine. To realize a good working prototype of the JaqEngine, the necessary research needs to be done. Nowadays there is a lot of software and computer facilities available, which dramatically reduces the development period. The main goal of this master thesis is to set up a port configuration of the intake system for this new type of ICE, with the use of modern computer facilities. Points of interest are the size of the ports, the number of ports, the geometry of the ports and the timing of the ports. This needs to be done for a working situation of the engine, which is standard for two-stroke engines nowadays. This means that in the beginning it has to work on a compression ratio of about 10 (to make sure this first prototype works). The influence of the variable compression ratio, which the JaqEngine uses, is being researched later on. To determine a good set up of the ports, the scaling principle in standard two-stroke engines, is a good start. By staying within the boundaries of port size and cylinder volume ratios of conventional ICE's, this will be achieved. To be able to make a correct judgement of the first set up, without needing a real prototype, it is necessary to do a numerical simulation of the combustion cycle of the specific engine. An estimation of the correct working parameters is needed before a preliminary conclusion can be made of the working characteristics of this engine. A first insight can be achieved with this, related to the status of the gas mixture, the pressures, the temperatures and the density in the cylinder. Furthermore, insight is given in the occurring mass flux for both the intake and exhaust. Besides, the correctness of the chosen set up for port configuration can be assessed. An even better picture of the gas flows inside the ICE can be realized with a Computational Fluid Dynamics (CFD) software package, e.g. OpenFOAM. In this

  18. Gasoline-related organics in Lake Tahoe before and after prohibition of carbureted two-stroke engines

    Lico, M.S.

    2004-01-01

    On June 1, 1999, carbureted two-stroke engines were banned on waters within the Lake Tahoe Basin of California and Nevada. The main gasoline components MTBE (methyl tert-butyl ether) and BTEX (benzene, toluene, ethylbenzene, and xylenes) were present at detectable concentrations in all samples taken from Lake Tahoe during 1997-98 prior to the ban. Samples taken from 1999 through 2001 after the ban contained between 10 and 60 percent of the pre-ban concentrations of these compounds, with MTBE exhibiting the most dramatic change (a 90 percent decrease). MTBE and BTEX concentrations in water samples from Lake Tahoe and Lower Echo Lake were related to the amount of boat use at the sampling sites. Polycyclic aromatic hydrocarbon (PAH) compounds are produced by high-temperature pyrolytic reactions. They were sampled using semipermeable membrane sampling devices in Lake Tahoe and nearby Donner Lake, where carbureted two-stroke engines are legal. PAHs were detected in all samples taken from Lake Tahoe and Donner Lake. The number of PAH compounds and their concentrations are related to boat use. The highest concentrations of PAH were detected in samples from two heavily used boating areas, Tahoe Keys Marina and Donner Lake boat ramp. Other sources of PAH, such as atmospheric deposition, wood smoke, tributary streams, and automobile exhaust do not contribute large amounts of PAH to Lake Tahoe. Similar numbers of PAH compounds and concentrations were found in Lake Tahoe before and after the ban of carbureted two-stroke engines. ?? by the North American Lake Management Society 2004.

  19. Numerical Simulation of Condensation of Sulfuric Acid and Water in a Large Two-stroke Marine Diesel Engine

    Walther, Jens Honore; Karvounis, Nikolas; Pang, Kar Mun

    2016-01-01

    We present results from computational fluid dynamics simulations of the condensation of sulfuric acid (H2SO4) and water (H2O) in a large two-stroke marine diesel engine. The model uses a reduced n-heptane skeletal chemical mechanism coupled with a sulfur subsetto simulate the combustion process...... and the formation of SOx and H2SO4. Condensation is modeled using a fluid film model coupled with the Eulerian in-cylindergas phase. The fluid film condensation model is validated against both experimental and numerical results. The engine simulations reveal that the fluid film has a significant effect...

  20. In-cylinder gas velocity measurements comparing crankcase and blower scavenging in a fired two-stroke cycle engine

    Miles, P. C.; Green, R. M.; Witze, P. O.

    1994-01-01

    The in-cylinder flow field of a Schnuerle (loop) scavenged two-stroke engine has been examined under conditions simulating both blower and crankcase driven scavenging. Measurements of the radial component of velocity were obtained along the cylinder centerline during fired operation at delivery ratios of 0.4, 0.6, and 0.8. Both mean velocity profiles and root mean square velocity fluctuations near top center show a strong dependence on the scavenging method. Complementary in-cylinder pressure measurements indicate that combustion performance is better under blower driven scavenging for the engine geometry studied.

  1. INFLUENCE OF THE MIXING METHOD ON THE INDICATOR AND EFFECTIVE EFFICIENCY OF THE TWO-STROKE ENGINE

    V. Korohodskyi

    2015-12-01

    Full Text Available Dependences on the definition of the indicator and effective efficiency of the ICE, taking into account the fuel that is not involved in the combustion process are offered. The transition from the external to the internal mixture formation in the two-stroke engine with spark ignition has allowed at modes of load characteristic when n = 3,000 min-1 to increase the effective efficiency by 45–58 % due to the increase of the indicator efficiency by 28–52 %, and by eliminating the losses of fuel during cylinder purging (14–26 %.

  2. STEADY STATE PERFORMANCES ANALYSIS OF MODERN MARINE TWO-STROKE LOW SPEED DIESEL ENGINE USING MLP NEURAL NETWORK MODEL

    Ozren Bukovac

    2016-01-01

    Full Text Available Compared to the other marine engines for ship propulsion, turbocharged two-stroke low speed diesel engines have advantages due to their high efficiency and reliability. Modern low speed ”intelligent” marine diesel engines have a flexibility in its operation due to the variable fuel injection strategy and management of the exhaust valve drive. This paper carried out verified zerodimensional numerical simulations which have been used for MLP (Multilayer Perceptron neural network predictions of marine two-stroke low speed diesel engine steady state performances. The developed MLP neural network was used for marine engine optimized operation control. The paper presents an example of achieving lowest specific fuel consumption and for minimization of the cylinder process highest temperature for reducing NOx emission. Also, the developed neural network was used to achieve optimal exhaust gases heat flow for utilization. The obtained data maps give insight into the optimal working areas of simulated marine diesel engine, depending on the selected start of the fuel injection (SOI and the time of the exhaust valve opening (EVO.

  3. A computational fluid dynamics analysis on stratified scavenging system of medium capacity two-stroke internal combustion engines

    Pitta Srinivasa Rao

    2008-01-01

    Full Text Available The main objective of the present work is to make a computational study of stratified scavenging system in two-stroke medium capacity engines to reduce or to curb the emissions from the two-stroke engines. The 3-D flows within the cylinder are simulated using computational fluid dynamics and the code Fluent 6. Flow structures in the transfer ports and the exhaust port are predicted without the stratification and with the stratification, and are well predicted. The total pressure and velocity map from computation provided comprehensive information on the scavenging and stratification phenomenon. Analysis is carried out for the transfer ports flow and the extra port in the transfer port along with the exhaust port when the piston is moving from the top dead center to the bottom dead center, as the ports are closed, half open, three forth open, and full port opening. An unstructured cell is adopted for meshing the geometry created in CATIA software. Flow is simulated by solving governing equations namely conservation of mass momentum and energy using SIMPLE algorithm. Turbulence is modeled by high Reynolds number version k-e model. Experimental measurements are made for validating the numerical prediction. Good agreement is observed between predicted result and experimental data; that the stratification had significantly reduced the emissions and fuel economy is achieved.

  4. Laser Doppler velocimetry measurement at a hard-to-reach intake port of a two-stroke engine

    Chehroudi, B.; Schuh, D.

    To understand better the complex scavenging process in ported two-stroke engines, optical set-ups were designed for velocity measurements at the exit of an intake port of a motoring and firing single-cylinder propane-fueled two-stroke engine by laser Doppler velocimetry. The radial velocity component was measured at the center of one port at engine speeds of 600, 900, and 1200 rpm. Laser beams entered the engine from the top through a quartz window and the light scattered by the seed particles was collected at 90° through the exhaust ports and a side window. The noise produced by the piston head was analyzed and separated from the signal generated by the seed particles. Analysis of the results from this engine showed that, in general, differences in both magnitude and the shape of the plotted results were observed when the engine was firing. A backflow into the intake system was observed at 600 rpm; this backflow decreased in strength, shifted in crank angle at 900 rpm, and eventually was eliminated at an engine speed of 1200 rpm.

  5. Particle- and gas-phase emissions of polycyclic aromatic hydrocarbons from two-stroke, 50-cm 3 mopeds

    Spezzano, Pasquale; Picini, Paolo; Cataldi, Dario; Messale, Fabrizio; Manni, Claudio

    2008-06-01

    The emissions of gas- and particle-phase polycyclic aromatic hydrocarbons (PAHs) were evaluated in the exhaust of 10 mopeds (4 EURO-0, 4 EURO-1 and 2 EURO-2) equipped with two-stroke engines with displacement of 50 cm3. Sampling was performed on a dynamometer bench both during the "cold-start" and the "hot" phases of the ECE-47 driving cycle. Eighteen PAHs were quantified and total PAH emission factors (∑PAH) ranged from 1790 to 15,059 μg km-1. Expressed in benzo(a)pyrene equivalent (BaPeq), emission factors ranged 4.7-86.3 μg km-1. PAH emissions are reduced according to the legislation class: EURO-0>EURO-1>EURO-2. PAH emission factors were greater during the cold-start phase than the hot phase of the ECE-47 cycle. Results show that despite their small engine size, two-stroke mopeds can emit amounts of particulate PAHs comparable or even higher than PAH emissions reported elsewhere from gasoline- and diesel-powered passenger cars and light- and heavy-duty vehicles.

  6. Exhaust emissions of low level blend alcohol fuels from two-stroke and four-stroke marine engines

    Sevik, James M., Jr.

    The U.S. Renewable Fuel Standard mandates that by 2022, 36 billion gallons of renewable fuels must be produced on a yearly basis. Ethanol production is capped at 15 billion gallons, meaning 21 billion gallons must come from different alternative fuel sources. A viable alternative to reach the remainder of this mandate is iso-butanol. Unlike ethanol, iso-butanol does not phase separate when mixed with water, meaning it can be transported using traditional pipeline methods. Iso-butanol also has a lower oxygen content by mass, meaning it can displace more petroleum while maintaining the same oxygen concentration in the fuel blend. This research focused on studying the effects of low level alcohol fuels on marine engine emissions to assess the possibility of using iso-butanol as a replacement for ethanol. Three marine engines were used in this study, representing a wide range of what is currently in service in the United States. Two four-stroke engine and one two-stroke engine powered boats were tested in the tributaries of the Chesapeake Bay, near Annapolis, Maryland over the course of two rounds of weeklong testing in May and September. The engines were tested using a standard test cycle and emissions were sampled using constant volume sampling techniques. Specific emissions for two-stroke and four-stroke engines were compared to the baseline indolene tests. Because of the nature of the field testing, limited engine parameters were recorded. Therefore, the engine parameters analyzed aside from emissions were the operating relative air-to-fuel ratio and engine speed. Emissions trends from the baseline test to each alcohol fuel for the four-stroke engines were consistent, when analyzing a single round of testing. The same trends were not consistent when comparing separate rounds because of uncontrolled weather conditions and because the four-stroke engines operate without fuel control feedback during full load conditions. Emissions trends from the baseline test to each

  7. Numerical analysis of the scavenge flow and convective heat transfer in large two-stroke marine diesel engines

    Sigurdsson, Eythor; Ingvorsen, Kristian Mark; Jensen, Michael Vincent

    2014-01-01

    A novel computational fluid dynamics (CFD) model is presented for the study of the scavenging processand convective heat transfer in a large two-stroke low-speed uniflow-scavenged marine diesel engine.The engine is modeled using a fully resolved 12 sector, corresponding to one scavenge port...... an effective scavenging and a low convective heat loss in agreement with experimental data forlarge marine diesel engines.© 2014 Elsevier Ltd. All rights reserved......., with cyclicboundaries in the tangential direction. The CFD model is strongly coupled to experiments and effectivelyprovides a high order ‘‘interpolation’’ of the engine processes through the solution of the Reynolds-AveragedNavier–Stokes (RANS) equations subject to boundary conditions obtained through experiments...

  8. Effect of Cylinder Liner Oil Grooves Shape on Two-Stroke Marine Diesel Engine's Piston Ring Friction Force

    Salaheldin A. Mohamad

    2015-02-01

    Full Text Available The dimensions, area densities, and geometry of macroscale surface textures may affect the performance of hydrodynamic lubrication interface. Reported in this paper are the investigations of the effect of surface textures bottom shapes on the friction forces between piston ring and cylinder liner for two-stroke marine diesel engine, using numerically generated textures and average Reynolds equation. These textures are on the cylinder liner surface in the form of circumferential oil grooves with different aspect ratios and different area densities. The hydrodynamic pressure distribution is also calculated using Reynolds boundary condition. The results revealed that the bottom shape could positively affect the friction between moving surfaces, as it could provide a microwedge or microstep bearing that tends to enhance the lubrication condition between piston ring and cylinder liner.

  9. Comparison of in-cylinder scavenging flows in a two-stroke cycle engine under motored and fired conditions

    Miles, P. C.; Green, R. M.; Witze, P. O.

    The in-cylinder flow field of a loop-scavenged, two-stroke engine has been characterized using laser Doppler velocimetry. The radial component of gas velocity was measured along the axis of the cylinder for both motored and fired operation. Measurements were obtained under conditions simulating both crankcase and external blower driven scavenging. Mean profiles of the radial velocity show marked differences in the global flow structure between motored and fired operation for both scavenging methods. These differences persist throughout the scavenging process and survive compression of the fresh charge. Root mean square (rms) velocity fluctuations near TDC were also determined, and significant differences between motored and fired operation are observed. The rms fluctuations are found to correlate well with the mean shear during compression.

  10. INFLUENCE OF CRANK MECHANISM OFF-SETTING VALUE ON TECHNICAL AND ECONOMIC INDICES OF TWO-STROKE INTERNAL COMBUSTION ENGINE OPERATION

    H. A. Viarshyna

    2011-01-01

    Full Text Available The paper considers a new approach for better technical and economic indices of two-stroke engines due to improvement of admission by means of selecting optimal design parameters of crank mechanism. Kinematic and dynamic characteristics of the combustion engine as well as their effect on the effective internal combustion engine indices have been investigated in an integrated manner. 

  11. Numerical Simulation of Condensation of Sulfuric Acid and Water in a Large Two-stroke Marine Diesel Engine

    Walther, J. H.; Karvounis, N.; Pang, K. M.

    2016-11-01

    We present results from computational fluid dynamics simulations of the condensation of sulfuric acid (H2SO 4) and water (H2 O) in a large two-stroke marine diesel engine. The model uses a reduced n-heptane skeletal chemical mechanism coupled with a sulfur subset to simulate the combustion process and the formation of SOx and H2SO 4 . Condensation is modeled using a fluid film model coupled with the Eulerian in-cylinder gas phase. The fluid film condensation model is validated against both experimental and numerical results. The engine simulations reveal that the fluid film has a significant effect on the sulfuric acid gas phase. A linear correlation is found between the fuel sulfur content and the sulfuric acid condensation rate. The initial in-cylinder water content is found not to affect the sulfuric acid condensation but it has a high impact on water condensation. The scavenging pressure level shows an inverse correlation between pressure and condensation rate due to change in the flame propagation speed. Finally, increasing the cylinder liner temperature significantly decreases water condensation but has a negligible influence on the condensation of sulfuric acid.

  12. Analysis of Two Stroke Marine Diesel Engine Operation Including Turbocharger Cut-Out by Using a Zero-Dimensional Model

    Cong Guan

    2015-06-01

    Full Text Available In this article, the operation of a large two-stroke marine diesel engine including various cases with turbocharger cut-out was thoroughly investigated by using a modular zero-dimensional engine model built in MATLAB/Simulink environment. The model was developed by using as a basis an in-house modular mean value engine model, in which the existing cylinder block was replaced by a more detailed one that is capable of representing the scavenging ports-cylinder-exhaust valve processes. Simulation of the engine operation at steady state conditions was performed and the derived engine performance parameters were compared with the respective values obtained by the engine shop trials. The investigation of engine operation under turbocharger cut-out conditions in the region from 10% to 50% load was carried out and the influence of turbocharger cut-out on engine performance including the in-cylinder parameters was comprehensively studied. The recommended schedule for the combination of the turbocharger cut-out and blower activation was discussed for the engine operation under part load conditions. Finally, the influence of engine operating strategies on the annual fuel savings, CO2 emissions reduction and blower operating hours for a Panamax container ship operating at slow steaming conditions is presented and discussed.

  13. COMPARISON STUDY ON PERFORMANCE AND EMISSIONS CHARACTERISTICS OF LPG AND GASOLINE IN A TWO STROKE SI ENGINE

    V. GOPALAKRISHNAN

    2014-12-01

    Full Text Available In this work a single cylinder two stroke three wheeler SI engine (199.3cc, 6.2 kW and 4500 rpm was used for the test. The engine manifold was altered to run in LPG mode. The gas carburetor was used here to mix the air and LPG thoroughly. Initially the engine was operated with gasoline in carburetor mode for the constant speed of 3000 rpm at different load. Then the engine was operated with LPG mode at the same speed. The performance and emission parameters were compared with gasoline carburetion mode. The maximum brake thermal efficiency with LPG was 22.3% and that with gasoline was 20.3%. The engine could generally operate with lean mixtures with LPG due to its good mixture formation capability. The brake specific fuel consumption decreased for LPG compared to gasoline. The HC and CO levels were lower considerably at LPG mode compared to gasoline operation. High NO and exhaust gas temperature levels were the main problems with LPG.

  14. Chemical characterization of emissions from modern two-stroke mopeds complying with legislative regulation in Europe (EURO-2).

    Adam, T; Farfaletti, A; Montero, L; Martini, G; Manfredi, U; Larsen, B; Santi, G De; Krasenbrink, A; Astorga, C

    2010-01-01

    In view of a new amendment to the European legislative regulation on emissions from two-stroke mopeds a study was carried out to comprehensively characterize exhaust gases of mopeds complying current EURO-2 emission standards. Three mopeds with different engine types (carburetor, direct injection, and electronic carburetion system ECS) where investigated by applying two different driving cycles, the legislative cycle ECE47 and the worldwide motorcycle test cycle WMTC. Thereby, particulate matter (PM), regulated compounds, carbonyls, volatile hydrocarbons (VOC), and particle-associated polyaromatic hydrocarbons (PAH) were analyzed and ozone formation potentials (OFP) as well as toxicity equivalents (TEQ) determined. The ECE47 emission factors for almost all species and moped types were much higher in the nonregulated, prior cold phase than in the hot phase, which is considered for legislation. Great differences for the mopeds could be observed for NO(x), VOC, and PM, whereas discrepancies between the driving cycles ECE47 and WMTC were smaller. In addition, a positive influence on exhaust composition caused by technical modifications of the ECS engine was determined. Results indicate that regulation of total hydrocarbons (THC) alone might not be sufficient to regulate PM, especially for direct injection engines. Moreover, recommendations for a revised future test protocol are demonstrated and discussed, whereby the cold phase and the hot phase are taken into account.

  15. Combustion Characteristics and Emission of a Two-Stroke Compression Ignition Engine with Two-Stage Injection

    SONG Jun; L(U) Xing-cai; LI Xiao-lu; HUANG Zhen

    2007-01-01

    In order to study the effect of two-stage injection on two-stroke diesel engines, a well characterized research engine equipped with electronically controlled common rail system and scavenging system was constructed. Through analysis of combustion and emissions, two-stage injection shows its advantages. Compared with the standard injection, it produces less emissions, while compared with single early injection, it expands engine operation range. Further experiments were carried out to study the influence of several injection control parameters on two-stage injection. The fuel in the first injection is used for forming homogeneous mixture. The fuel in the second injection keeps combustion, and it is the main source of smoke emissions. NOx is formed in both combustion process caused by these two injections, and there is an optimum fuel allocation ration to produce minimum NOx. The cylinder pressure decreases, and the combustion is depressed with the increasing of scavenging pressure. By optimizing the injection control parameters of two-stage injection, NOx and smoke can be reduced beyond 30% simultaneously.

  16. Gas- and particle-phase distribution of polycyclic aromatic hydrocarbons in two-stroke, 50-cm 3 moped emissions

    Spezzano, Pasquale; Picini, Paolo; Cataldi, Dario

    Gas- and particle-phase polycyclic aromatic hydrocarbons (PAHs) concentrations evaluated in the exhaust of 10 two-stroke, 50-cm 3 mopeds belonging to three different levels of emission legislation (EURO-0, EURO-1 and EURO-2) were used to assess the prevalent mechanism driving the gas/particle partitioning of PAHs in moped exhaust. Sampling was performed on a dynamometer bench both during the "cold-start" and the "hot" phases of the ECE-47 driving cycle. Gas and particulate phase PAHs were collected on polyurethane foam (PUF) plugs and 47-mm Pallflex T60A20 filters, respectively, under isokinetic conditions by using sampling probes inserted into the dilution tunnel of a Constant Volume Sampling - Critical Flow Venturi (CVS-CFV) system. The results show that semi-volatile PAHs were predominantly partitioned to the particle phase. The soluble organic fraction (SOF) of the collected particulates ranged between 72 and 98%. Measured total suspended particulate matter normalized partition coefficients ( Kp) were predicted within a factor of 3-5 by assuming absorption into the organic fraction according to a model developed by Harner and Bidleman [Harner, T., Bidleman, T.F., 1998. Octanol-air partition coefficient for describing particle/gas partitioning of aromatic compounds in urban air. Environmental Science & Technology 32, 1494-1502.]. This suggests that the gas/particle partitioning in moped exhaust is mainly driven by the high fraction of organic matter of the emitted particles and that absorption could be the main partitioning mechanism of PAHs.

  17. Online characterization of regulated and unregulated gaseous and particulate exhaust emissions from two-stroke mopeds: a chemometric approach.

    Clairotte, M; Adam, T W; Chirico, R; Giechaskiel, B; Manfredi, U; Elsasser, M; Sklorz, M; DeCarlo, P F; Heringa, M F; Zimmermann, R; Martini, G; Krasenbrink, A; Vicet, A; Tournié, E; Prévôt, A S H; Astorga, C

    2012-03-01

    Two-stroke mopeds are a popular and convenient mean of transport in particular in the highly populated cities. These vehicles can emit potentially toxic gaseous and aerosol pollutants due to their engine technology. The legislative measurements of moped emissions are based on offline methods; however, the online characterization of gas and particulate phases offers great possibilities to understand aerosol formation mechanism and to adapt future emission standards. The purpose of this work was to study the emission behavior of two mopeds complying with different European emission standards (EURO-1 and EURO-2). A sophisticated set of online analyzers was applied to simultaneously monitor the gas phase and particulate phase of exhaust on a real time basis. The gaseous emission was analyzed with a high resolution Fourier transform infrared spectrometer (FTIR; nitrogen species) and a resonance-enhanced multiphoton ionization time-of-flight mass spectrometer (REMPI-ToF-MS; polycyclic aromatic hydrocarbons: PAH), whereas the particulate phase was chemically characterized by a high-resolution time-of-flight aerosol mass spectrometer (HR-ToF-AMS; organic, nitrate and chloride aerosol) and a multiangle absorption photometer (MAAP; black carbon). The physical characterization of the aerosol was carried out with a condensation particle counter (CPC; particle number concentration) and a fast mobility particle sizer (FMPS; size distribution in real time). In order to extract underlying correlation between gas and solid emissions, principal component analysis was applied to the comprehensive online dataset. Multivariate analysis highlighted the considerable effect of the exhaust temperature on the particles and heavy PAH emissions. The results showed that the after-treatment used to comply with the latest EURO-2 emission standard may be responsible for the production of more potentially harmful particles compared to the EURO-1 moped emissions.

  18. Emissions of aldehydes and ketones from a two-stroke engine using ethanol and ethanol-blended gasoline as fuel.

    Magnusson, Roger; Nilsson, Calle; Andersson, Barbro

    2002-04-15

    Besides aliphatic gasoline, ethanol-blended gasoline intended for use in small utility engines was recently introduced on the Swedish market. For small utility engines, little data is available showing the effects of these fuels on exhaust emissions, especially concerning aldehydes and ketones (carbonyls). The objective of the present investigation was to study carbonyl emissions and regulated emissions from a two-stroke chain saw engine using ethanol, gasoline, and ethanol-blended gasoline as fuel (0%, 15%, 50%, 85%, and 100% ethanol). The effects of the ethanol-blending level and mechanical changes of the relative air/fuel ratio, lambda, on exhaust emissions was investigated, both for aliphatic and regular gasoline. Formaldehyde, acetaldehyde, and aromatic aldehydes were the most abundant carbonyls in the exhaust. Acetaldehyde dominated for all ethanol-blended fuels (1.2-12 g/kWh, depending on the fuel and lambda), and formaldehyde dominated for gasoline (0.74-2.3 g/kWh, depending on the type of gasoline and lambda). The main effects of ethanol blending were increased acetaldehyde emissions (30-44 times for pure ethanol), reduced emissions of all other carbonyls exceptformaldehyde and acrolein (which showed a more complex relation to the ethanol content), reduced carbon monoxide (CO) and ntirogen oxide (NO) emissions, and increased hydrocarbon (HC) and nitrogen dixodie (NO2) emissions. The main effects of increasing lambda were increased emissions of carbonyls and nitrogen oxides (NOx) and reduced CO and HC emissions. When the two types of gasoline are considered, benzaldehyde and tolualdehyde could be directly related to the gasoline content of aromatics or olefins, but also acrolein, propanal, crotonaldehyde, and methyl ethyl ketone mainly originated from aromatics or olefins, while the main source for formaldehyde, acetaldehyde, acetone, methacrolein, and butanal was saturated aliphatic hydrocarbons.

  19. Development of Electronic Control System for Two-Stroke Gasoline Engines%二冲程汽油机电子控制系统的研制

    王莉; 刘德新; 刘书亮

    2001-01-01

    本文分析了二冲程汽油机实现电子控制的可行性及经济性,对其关键问题进行了探讨,并对在此基础上开发的一种针对二冲程汽油机的电子控制系统进行了简要的介绍。%This paper analyses the feasibility and economy of realization of electronic control on two-stroke gasoline engines and discusses the key problems,on the basis of which a kind of electronic control system for two-stroke gasoline engines is developed.

  20. Performance of thin-ceramic-coated combustion chamber with gasoline and methanol as fuels in a two-stroke SI engine

    Poola, Ramesh B.; Nagalingam, B.; Gopalakrishnan, K. V.

    The performance of a conventional, carbureted, two-stroke spark-ignition (SI) engine can be improved by providing moderate thermal insulation in the combustion chamber. This will help to improve the vaporization characteristics in particular at part load and medium loads with gasoline fuel and high-latent-heat fuels such as methanol. In the present investigation, the combustion chamber surface was coated with a 0.5-mm thickness of partially stabilized zirconia, and experiments were carried out in a single-cylinder, two-stroke SI engine with gasoline and methanol as fuels. Test results indicate that with gasoline as a fuel, the thin ceramic-coated combustion chamber improves the part load to medium load operation considerably, but it affects the performance at higher speeds and at higher loads to the extent of knock and loss of brake power by about 18%. However, with methanol as a fuel, the performance is better under most of the operating range and free from knock. Carbon monoxide (CO) emissions are significantly reduced, by about 3 to 4% volume, for both gasoline and methanol fuels due to relatively lean operation and more complete combustion. NO(x) emissions were not measured. The results show that moderate thermal insulation of the two-stroke SI engine's combustion chamber is better suited to methanol fuel with respect to thermal efficiency, CO emissions, and knock-free operation compared to gasoline fuel.

  1. Personal exposure to benzene from fuel emissions among commercial fishers: comparison of two-stroke, four-stroke and diesel engines.

    Kirrane, Ellen; Loomis, Dana; Egeghy, Peter; Nylander-French, Leena

    2007-03-01

    Commercial fishers are exposed to unburned hydrocarbon vapors and combustion products present in the emissions from their boat engines. The objective of this study was to measure personal exposure to benzene as a marker of fuel exposure, and to predict exposure levels across categories of carbureted two-stroke, four-stroke and diesel engines. A self-monitoring approach, employing passive monitors, was used to obtain measurements of personal exposure to benzene over time. Mixed-effect linear regression models were used to predict exposure levels, identify significant effects and determine restricted maximum likelihood estimates for within- and between-person variance components. Significant fixed effects for engine type and refueling a car or truck were identified. After controlling for refueling, predicted benzene exposure levels to fishers on boats equipped with two-stroke, four-stroke and diesel engines were 58.4, 38.9 and 15.7 microg/m3, respectively. The logged within-person variance component was 1.43, larger than the between-person variance component of 1.13, indicating that the total variation may be attributable to monitor placement, environmental conditions and other factors that change over time as well as differences between individual work practices. The health consequences of exposure to marine engine emissions are not known. The predicted levels are well below those at which health effects have been attributed, however.

  2. Storie di genere, storie di partito

    Elisa Bellè

    2012-04-01

    Full Text Available Lo studio delle narrazioni di genere all'interno di questo tipo di organizzazione desta inoltre un particolare interesse anche in ragione della sottorappresentazione delle donne nella sfera della politica. Si tratta di un deficit democratico che coinvolge i sistemi politici moderni nel loro complesso, ma che interessa l'Italia con una particolare gravità ed evidenza. La questione della sottorappresentazione politica delle donne è stata sinora affrontata prevalentemente in termini tecnico-legali (politiche di pari opportunità ed azione positiva, o di teoria politica (la dicotomia pubblico-maschile e privato-femminile come fondamento del contratto sessuale della politica. Mancano invece contributi che guardino ai partiti come organizzazioni largamente responsabili dei processi di selezione e promozione delle carriere politiche, dunque come luoghi di quotidiana produzione di pratiche e culture di genere, più o meno egualitarie o, viceversa, discriminatorie. Sulla base di tale vuoto di ricerca e riflessione, il presente articolo si propone di mettere in luce le pratiche e le culture di genere che emergono dai racconti di uomini e donne all'interno di due organizzazioni partitiche, una di destra e una di sinistra, situate nel contesto territoriale della provincia di Trento. La ricerca è stata condotta attraverso lo strumento dell'intervista semi-strutturata, coinvolgendo quattro donne e quattro uomini, divisi per coppie di età (un uomo ed una donna giovani ed un uomo ed una donna da lungo presenti nel partito, accostabili per quanto concerne ruolo e posizione nelle organizzazioni partitiche considerate. L'attenzione analitica si è concentrata sulla costruzione del genere di uomini e donne intervistati/e, intesa sia come dimensione ed esperienza individuale (le storie di genere dei/lle singoli/e, sia come dimensione organizzativa più ampia (le storie di genere delle organizzazioni, narrate dalle diverse voci. Un'ulteriore dimensione analitica

  3. Proposta di utilizzo di metodologie termografiche per il controllo di qualità di componenti meccanici

    Roberto D’Andrea

    2010-04-01

    Full Text Available In base all’esperienza maturata in anni di sperimentazione sull’analisi delle caratteristiche meccaniche dei materiali mediante indagine termografica, nel presente lavoro è proposta una procedura per il controllo di qualità di componenti meccanici in linea di produzione, che è già stata argomento di brevetto. Lo sviluppo di questo lavoro si colloca nell’ambito del progetto FIRB Smart Reflex “Sistemi di produzione intelligenti, flessibili e riconfigurabili”. L’attività svolta dal DIIM riguarda il controllo avanzato dell’affidabilità di componenti meccanici per l’industria automobilistica. Viene proposta, quindi, la realizzazione di una cella di controllo in linea di produzione capace di valutare la presenza di eventuali componenti difettosi attraverso l’analisi termica degli stessi, sollecitati secondo un modello predefinito. L’attività, svolta in questa prima fase in laboratorio, è facilmente trasferibile in linea di produzione, considerando la possibilità di realizzare celle di prova in ambiente controllato, con condizioni praticamente identiche a quelle di laboratorio, eliminando gli effetti di disturbo che possono influenzare la risposta dell’indagine termografica in ambiente non strutturato.

  4. Elaborazione di un documento di programmazione aziendale

    A. Giannotta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: elaborazione documento programmazione aziendale. Introduzione: nella programmazione sanitaria si possono distinguere tre livelli: pianificazione strategica, pianificazione gestionale, pianificazione operativa. Uno degli strumenti della pianificazione gestionale è il Piano Attuativo Locale (PAL, l’atto di programmazione dell’azienda sanitaria basato sugli indirizzi del Piano Sanitario Regionale (PSR e sulle esigenze della popolazione. Tuttavia, pur in assenza di PSR e PAL, l’Azienda non è esentata dal predisporre un atto di programmazione generale. In tal senso si è mossa la ASL di Latina elaborando un Documento di programmazione annuale, nel quale in attesa del PSR (emanato nel 2002 è stato dato rilievo ai principali atti di politica sanitaria emanati dalla Regione.

    Materiali e metodi: il processo si è sviluppato attraverso diverse fasi. I fase - quadro di riferimento: descrizione, per l’intera ASL ed, in modo analitico, per ogni presidio e distretto di: - strutture presenti - domanda di assistenza sanitaria ospedaliera, ambulatoriale e di riabilitazione fruita all’interno dell’Azienda e in mobilità dai residenti, - offerta di assistenza sanitaria ospedaliera, ambulatoriale e di riabilitazione, - dati e indicatori di attività, risorse, costi, ricavi, confronti con dati regionali. II fase - analisi complessiva dei dati: esame delle criticità emerse dall’analisi della domanda e dell’offerta. III fase programma annuale: individuazione degli obiettivi da raggiungere, delle azioni necessarie, delle strutture coinvolte. È stata delineata la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale i cui elementi fondamentali consistono in: potenziamento degli ospedali sede di DEA, diversificazione delle attività di ospedali vicini, riconversione di strutture ospedaliere, ampliamento delle offerte territoriali, integrazione ospedale

  5. Large eddy simulations of the influence of piston position on the swirling flow in a model two-stroke diesel engine

    Obeidat, Anas Hassan MohD; Schnipper, Teis; Ingvorsen, Kristian Mark

    2014-01-01

    Purpose – The purpose of this paper is to study the effect of piston position on the in-cylinder swirling flow in a simplified model of a large two-stroke marine diesel engine. Design/methodology/approach – Large eddy simulations with four different models for the turbulent flow are used: a one...... qualitatively with port closure from a Lamb-Oseen vortex profile to a solid body rotation, while the axial velocity changes from a wake-like profile to a jet-like profile. The numerical results are compared with particle image velocimetry measurements, and in general, the authors find a good agreement. Research...... limitations/implications – Considering the complexity of the real engine, the authors designed the engine model using the simplest configuration possible. The setup contains no moving parts, the combustion is neglected and the exhaust valve is discarded. Originality/value – Studying the flow in a simplified...

  6. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplfied model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, Sajjad; Schnipper, Teis; Meyer, Knud Erik

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500....... The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the piston is at bottom-dead-center. In absence of an exhaust valve the overall axial velocity profile is wake......-like and flow reversal is observed on the cylinder axis, close to the inlet. Downstream, the flow reversal disappears and instead a localized jet develops. The corresponding tangential velocity profiles show a concentrated vortex with decreasing width along the downstream direction. By placing a concentric...

  7. Phase-locked stereoscopic PIV measurements of the turbulent swirling flow in a dynamic model of a uniflow-scavenged two-stroke engine cylinder

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore

    2013-01-01

    turbulence models. In the present work, the flow in a dynamic scale model of a uniflow-scavenged cylinder is investigated experimentally. The model has a transparent cylinder and a movable piston driven by a linear motor. The flow is investigated using phase-locked stereoscopic particle image velocimetry......It is desirable to use computational fluid dynamics for the optimization of in-cylinder processes in large two-stroke low-speed uniflowscavenged marine diesel engines. However, the complex nature of the turbulent swirling in-cylinder flow necessitates experimental data for validation of the used...... (PIV) and time resolved laser Doppler anemometry (LDA). Radial profiles of the phase-averaged mean velocities are computed from the velocity fields recorded with PIV and the validity of the obtained profiles is demonstrated by comparison with reference LDA measurements. Radial profiles are measured...

  8. Construction of a Direct Water-Injected Two-Stroke Engine for Phased Direct Fuel Injection-High Pressure Charging Investigations

    Somsel, James P.

    1998-01-01

    The development of a water injected Orbital Combustion Process (OCP) engine was conducted to assess the viability of using the powerplant for high altitude NASA aircraft and General Aviation (GA) applications. An OCP direct fuel injected, 1.2 liter, three cylinder, two-stroke engine has been enhanced to independently inject water directly into the combustion chamber. The engine currently demonstrates low brake specific fuel consumption capability and an excellent power to weight ratio. With direct water injection, significant improvements can be made to engine power, to knock limits/ignition advance timing, and to engine NO(x) emissions. The principal aim of the testing was to validate a cyclic model developed by the Systems Analysis Branch at NASA Ames Research Center. The work is a continuation of Ames' investigations into a Phased Direct Fuel Injection Engine with High Pressure Charging (PDFI-ITPC).

  9. The effects of engine speed and injection characteristics on the flow field and fuel/air mixing in motored two-stroke diesel engines

    Nguyen, H. L.; Carpenter, M. H.; Ramos, J. I.

    1987-01-01

    A numerical analysis is presented on the effects of the engine speed, injection angle, droplet distribution function, and spray cone angle on the flow field, spray penetration and vaporization, and turbulence in a turbocharged motored two-stroke diesel engine. The results indicate that the spray penetration and vaporization, velocity, and turbulence kinetic energy increase with the intake swirl angle. Good spray penetration, vaporization, and mixing can be achieved by injecting droplets of diameters between 50 and 100 microns along a 120-deg cone at about 315 deg before top-dead-center for an intake swirl angle of 30 deg. The spray penetration and vaporization were found to be insensitive to the turbulence levels within the cylinder. The results have also indicated that squish is necessary in order to increase the fuel vaporization rate and mixing.

  10. Influenza della velocità di deformazionenel carico di rottura di moschettoni in lega di alluminio e di acciaio

    Salvatori, Francesco; Menichetti,Marco; Sergio, Celesti; Poderini, Luca; Bocchio, Domenico

    2013-01-01

    Si analizzano i dati sulla deformabilità, sul lavoro alla rottura e sulla resistenza ottenuti con prove di caduta a velocità di deformazione variabile (Torre CRASC) su moschettoni in lega di alluminio e in acciaio, evidenziando come all’aumentare della velocità di deformazione le caratteristiche di resistenza diminuiscano marcatamente. Queste variazioni vengono messe in relazione ai diversi intervalli dei valori della velocità di deformazione propri della progressione ...

  11. Lezioni di Cosmologia Teorica

    Gasperini, Maurizio

    2012-01-01

    Il libro è basato sulle lezioni attualmente tenute dall'autore presso l’Università di Bari, ed è progettato in modo da rappresentare un testo di riferimento il più possibile moderno, completo e autosufficiente per i corsi semestrale di Cosmologia, Astrofisica o Fisica Astroparticellare che compaiono nel piano di studi della Laurea Magistrale in Fisica e in Astronomia. Contiene gli elementi di base della cosmologia relativistica, del modello cosmologico standard e del suo completamento inflazionario. E' organizzato per servire da traccia ad un corso di cosmologia di stampo teorico, ma cerca di non perdere mai di vista il confronto con i principali risultati osservativi: molta attenzione viene infatti dedicata alla fenomenologia dei fondi cosmici, e in particolare alla  radiazione gravitazionale fossile perché la sua rivelazione, diretta o indiretta, potrebbe dare indicazioni  cruciali sulla scelta del corretto modello per l'Universo primordiale. Non mancano infine alcuni accenni ad argomenti di inter...

  12. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2010-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato. Andrea Brugnoli Una storia locale: l’organizzazione del territorio veronese nel medioevo: trasformazioni della realtà e schemi notarili (IX-metà XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Scienze Storiche e Antropologiche (XXII ciclo, Università degli Studi di Verona, 2010   Luca Filangieri Famiglie e gruppi dirigenti a Genova (secoli XII-metà XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XXII ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2010   Jakub Kujawi ski Wernakularna kolekcja historiograficzna z rękopisu francuskiego nr 688 z Biblioteki Narodowej w Paryżu. Studium źródłoznawcze (La raccolta dei volgarizzamenti delle opere storiografiche nel manoscritto francese 688 della Biblioteca Nazionale di Parigi, Tesi di dottorato, Università “Adam Mickiewicz”, Facoltà di Storia, Pozna, a.a. 2009/2010   Marta Longhi I signori “de Radicata”. Strategie di affermazione familiare e patrimoniale nel Piemonte dei secoli XII-XIV, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, Società, Religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo (XX ciclo, Università di Torino, 2008

  13. Laboratorio di Cartografia Archeologica di Roma

    Redazione Redazione

    2007-03-01

    Full Text Available Il Laboratorio di Cartografia Archeologica nasce per Roma e nei suoi meandri, per così dire, si nasconde. Situato al 28 di via del Monte Testaccio, in quella che la notte diventa la protagonista della vita notturna della Capitale, il Laboratorio passerebbe inosservato se non fosse per la porticina chereca impressa la sua targa. Oltrepassata la soglia, però, quelloche si incontra è un gigantesco mondo di materiale cartografico e di informazioni dedicate alla vasto patrimonio archeologico (ma non solo che caratterizza Roma.

  14. Conversion of a micro, glow-ignition, two-stroke engine from nitromethane-methanol blend fuel to military jet propellant (JP-8)

    Wiegand, Andrew L.

    The goal of the thesis "Conversion of a Micro, Glow-Ignition, Two-Stroke Engine from Nitromethane-Methanol Blend Fuel to Military Jet Propellant (JP-8)" was to demonstrate the ability to operate a small engine on JP-8 and was completed in two phases. The first phase included choosing, developing a test stand for, and baseline testing a nitromethane-methanol-fueled engine. The chosen engine was an 11.5 cc, glow-ignition, two-stroke engine designed for remote-controlled helicopters. A micro engine test stand was developed to load and motor the engine. Instrumentation specific to the low flow rates and high speeds of the micro engine was developed and used to document engine behavior. The second phase included converting the engine to operate on JP-8, completing JP-8-fueled steady-state testing, and comparing the performance of the JP-8-fueled engine to the nitromethane-methanol-fueled engine. The conversion was accomplished through a novel crankcase heating method; by heating the crankcase for an extended period of time, a flammable fuel-air mixture was generated in the crankcase scavenged engine, which greatly improved starting times. To aid in starting and steady-state operation, yttrium-zirconia impregnated resin (i.e. ceramic coating) was applied to the combustion surfaces. This also improved the starting times of the JP-8-fueled engine and ultimately allowed for a 34-second starting time. Finally, the steady-state data from both the nitromethane-methanol and JP-8-fueled micro engine were compared. The JP-8-fueled engine showed signs of increased engine friction while having higher indicated fuel conversion efficiency and a higher overall system efficiency. The minimal ability of JP-8 to cool the engine via evaporative effects, however, created the necessity of increased cooling air flow. The conclusion reached was that JP-8-fueled micro engines could be viable in application, but not without additional research being conducted on combustion phenomenon and

  15. Production of syngas and oil at biomass refinery and their application in low speed two stroke engines for combined cycle electric energy generation

    Pinatti, Daltro Garcia [Universidade do Sul de Santa Catarina (UNISUL), Tubarao, SC (Brazil)], E-mail: pinatti@demar.eel.usp.br; Oliveira, Isaias de; Ferreira, Joao Carlos; Romao, Erica Leonor [RM Materiais Refratarios Ltd., Lorena, SP (Brazil)], Emails: isaias@rm-gpc.com.br, joaocarlos@rm-gpc.com.br, ericaromao@rm-gpc.com.br; Conte, Rosa Ana [University of Sao Paulo (DEMAR/EEL/USP), SP (Brazil). Lorena School of Engineering. Dept. of Materials Engineering], E-mail: rosaconte@demar.eel.usp.br

    2009-07-01

    Low speed two stroke engines burn fuels of medium quality with high efficiency (47%) and allows a flexible use of oil (> 8% of total power) and syngas (< 92%, low heating value-LHV>11.2MJ/m{sup 3}). Biomass refinery (BR) generates oil from sludge and oleaginous biomass by low temperature conversion and syngas from lignocellulosic biomass treated by diluted acidic prehydrolysis. BR has low investment cost (US$1,500.00/kW) compared with hydroelectric plants (US$2,500.00/kW) and both generate electric energy with sales price below US$75.00/MWh. It allows distributed generation from 30 MW up to 170 MW or centralized power of 1 GW with six motor generator sets. BR matrix, mass and energy balance, fuels compositions, modulations and scope of supply will be presented. Besides electric energy BR can be tailored to supply other products such as ethanol, H{sub 2} for fuel cells, biodiesel, fertilizer recycling, char and simultaneously maximizes the production of animal protein. (author)

  16. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplified model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, S.; Schnipper, T.; Meyer, K. E.; Walther, J. H.; Mayer, S.

    2011-11-01

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500. The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the piston is at bottom-dead-center. In absence of an exhaust valve the overall axial velocity profile is wake-like and flow reversal is observed on the cylinder axis, close to the inlet. Downstream, the flow reversal disappears and instead a localized jet develops. The corresponding tangential velocity profiles show a concentrated vortex with decreasing width along the downstream direction. By placing a concentric dummy-valve at the cylinder outlet, the magnitude of reverse flow at the inlet increases, the strong swirl is diminished and the axial jet disappears. We compare these findings with previous measurements in vortex chambers and discuss the relevance of these results with respect to development of marine engines.

  17. Effects of Scavenging System Configuration on In-Cylinder Air Flow Organization of an Opposed-Piston Two-Stroke Engine

    Fukang Ma

    2015-06-01

    Full Text Available In-cylinder air flow is very important from the point of view of mixture formation and combustion. In this direction, intake chamber structure and piston crown shape play a very crucial role for in-cylinder air pattern of opposed-piston two-stroke (OP2S engines. This study is concerned with the three-dimensional (3D computational fluid dynamics (CFD analysis of in-cylinder air motion coupled with the comparison of predicted results with the zero-dimensional (0D parametric model. Three configurations viz., a flat piston uniform scavenging chamber, a flat piston non-uniform scavenging chamber and a pit piston non-uniform scavenging chamber have been studied. 0D model analysis of in-cylinder air flow is consistent with 3D CFD simulation. It is concluded that a pit piston non-uniform scavenging chamber is the best design from the point of view of tumble ratio, turbulent kinetic energy and turbulent intensity, which play very important roles in imparting proper air motion. Meanwhile a flat piston uniform scavenging chamber can organize a higher swirl ratio and lower tumble ratio which is important to improve the scavenging process.

  18. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    Cecchini, Leonardo

    Testimonianze di vittime degli anni di piombo In un articolo pubblicato nel 2008 sulla webzine Nazione indiana Christian Raimo criticava quello che poi Giovanni De Luna qualche anno dopo nel suo libro La Repubblica del dolore (2011) ha chiamato “paradigma vittimario”; cioè la presenza predominante...

  19. La realizzazione di RDA

    Tom Delsey

    2016-05-01

    Full Text Available L'autore ripercorre lo sviluppo di RDA dal principio, nel 2005, fino alla sua prima pubblicazione, nel 2010. L'impegno di sviluppo è inserito nel contesto di un ambiente digitale in evoluzione che trasforma sia la produzione sia la diffusione delle risorse informative e delle risorse utilizzate per creare, immagazzinare e accedere ai dati che descrivono tali risorse. L'autore esamina l'interazione tra l'impegno strategico ad allineare RDA con i nuovi modelli concettuali, le strutture di database emergenti e lo sviluppo dei metadati nelle comunità alleate, da una parte, e la compatibilità con l'eredità di AACR2 e dei database esistenti dall'altra. Gli aspetti esaminati comprendono la strutturazione di RDA come linguaggio di descrizione delle risorse, l'organizzazione del nuovo standard come uno strumento di lavoro e il raffinamento delle linee guida e delle istruzioni per la registrazione dei dati secondo RDA.

  20. Frammenti di un rito mutilato. Analisi di "Pagine di gloria" di Valentino Zeichen

    Mattia Jacopo Majerna

    2016-07-01

    Full Text Available Il presente articolo intende analizzare una delle raccolte centrali della produzione di Valentino Zeichen, Pagine di gloria (1983, nel tentativo di offrire spunti critici per un suo inquadramento nella scena poetica più recente. Si concentra, dapprima, sulla fisionomia eteroclita dell’io poetante, che, in controtendenza rispetto alle esperienze poetiche coeve, riveste un ruolo d’indiscussa centralità, cui corrisponde, nella prassi versificatoria, un impianto saldamente monologico. Si procede, quindi, alla ricerca delle costanti figurative che paiono fondare la poesia di Zeichen e che permettono l’accesso al cuore del suo immaginario. In tal senso ci si soffermerà su alcuni aspetti linguistici salienti di Pagine di gloria, con particolare attenzione all’impiego dei tecnoletti in sede di metafora, per passare, poi, alle ricorrenze più propriamente figurative, come l’iconografia classicheggiante o metafisica e le immagini di derivazione economica.

  1. La puzza di zolfo

    Marina Foramitti

    2015-12-01

    Full Text Available Il dialogo fra osservazione del sintomo, inteso come penetrazione ed emersione dell’attività inconscia nel dispiegarsi delle quotidiane funzioni della sfera conscia -sia esso lapsus, atto mancato, sogno, gioco, motto di spirito- e costruzione di un modello di funzionamento psichico, teso a individuare le direttrici che reggono la relazione con il sé e l’altro da sé, disvela precocemente, nell’evoluzione delle teorie psicoanalitiche, l’illusorietà della sovranità di un ego cosciente. Così come l’anidride solforosa si leva dal cono vulcanico a terrorizzare i nostri antichi progenitori con il suo messaggio di inferno sotterraneo, di fuoco e pericolo, segnale di forze insopprimibili e ingovernabili associate in epoche più recenti ai segni della presenza satanica, la psicoanalisi reca con sé, in questo metamessaggio eversivo, la sua peculiare puzza di zolfo.

  2. Research of data acquirement module for two stroke micro free piston swing engine%二冲程微型摆式内燃机数据采集模块的研制

    李飞; 陈喜春

    2011-01-01

    为满足便携式电子产品对高能量密度供电电源的要求,清华大学精密仪器与机械学系研究人员设计出了一种新型二冲程微型摆式内燃机(二冲程MFPSE:Two Stroke Micro Free Piston Swing Engine),以该内燃机项目为背景,设计了样机数据采集模块,对二冲程MFPSE工作腔的压力进行测量,依据采集的数据分析样机的密封效果是否良好。通过实验验证。该数据采集模块有效、可行,能较为真实地测量二冲程MFPSE各工作腔数据,为样机的进一步研究奠定了基础。%In order to provide power for the portable electronic equipment with high energy density, a novel two stroke Micro Free Piston Swing Engine (MFPSE) is designed and made by the department of precise instrument and mechanics of Tsinghua University. Based on the project of this Two Stroke MFPSE, the author designs the data acquirement module which is in charge of measuring test signal of working pocket, The function in seal and performance in ignition of this engine will be evaluated according to the measure data which is stored by the data acquirement module, Proved by test, this data acquirement module is effective and practicable and can measure real data of the Two Stroke MFPSE. At the same time, the paper establishes the foundation for the thorough study in the Two Stroke MFPSE.

  3. Nella stanza di Asperger...

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi, del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo. Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  4. Nella stanza di Asperger...

    Alessandra Gilardini

    2011-01-01

    Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi), del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine) e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo). Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  5. Manuale di farmacoeconomia

    Papadia, Gregorio

    2013-01-01

    La Farmacoeconomia è la disciplina che descrive e analizza costi e conseguenze di una terapia farmacologica: questo manuale, frutto di una pluriennale esperienza didattica, ha lo scopo di introdurre ai concetti fondamentali della materia. La prima parte è dedicata a note generali sulla scienza economica e sull’economia sanitaria, introdotte da esempi elementari di valutazione economica tratti dalla vita quotidiana. Nella seconda parte, riguardante la Farmacoeconomia e i vari ti...

  6. Taratura di un 'apparecchiatura per misura di piccole percentuali di uranio in soluzione acida di acqua distillata

    d. Diana

    1965-06-01

    Full Text Available Si descrive una tecnica elio permette di misurare ilnumero di atomi di Uranio di una soluzione, con un errore non superioreal 10%.Il sistema consiste in un tubo di Geiger (Philips 18503 sistemato inun contenitore di vetro nel quale viene diluita una certa quantità di peso dinitrato di Uranile, misurato con una precisione migliore dell'1%. Al variaredella diluizione si registra il numero di particelle che il Geiger conta, e quindisi riporta in grafico. Da questi per diverse quantità di sale sciolto si determinala retta di taratura.

  7. Il Carmide di Platone

    Maria Chiara Pievatolo

    2014-03-01

    Full Text Available L’ipertesto dedicata al Carmide di Platone, composto per l’uso degli studenti dell’ateneo pisano, è a disposizione di tutti qui. Il Carmide è – canonicamente – un dialogo aporetico. Ma almeno dei suoi paradossi – quello di una superscienza che pretende...

  8. Problemi di Fisica

    Fazio, Michelangelo

    2008-01-01

    L’introduzione delle lauree triennali ha in molti casi costretto i docenti a ridurre drasticamente il numero di ore di insegnamento e quindi l’estensione dei programmi dei corsi di Fisica. In questo volumetto l'autore si è proposto di esporre sinteticamente ma con il massimo rigore possibile il corso di Fisica Generale I evitando le dimostrazioni delle leggi fisiche, ma dando la priorità alle applicazioni di tali leggi e allo svolgimento di esercizi che in genere viene trascurato in molti corsi. Ha cercato pertanto di presentare i fenomeni fisici sottolineando, dove possibile, la loro presenza nella vita quotidiana e le loro più semplici e immediate applicazioni, consentendo in tal modo agli studenti di vedere la Fisica non più come una interminabile serie di formule ma come un nuovo modo di interpretare e di capire i fenomeni naturali inanimati (del resto non dobbiamo dimenticare che il termine greco da cui deriva il suo nome è fisis, fisis, ovvero natura). Il contenuto è completo, comprendendo anc...

  9. Il Cratilo di Platone

    Maria Chiara Pievatolo

    2015-06-01

    Full Text Available La guida ipertestuale alla lettura del Cratilo di Platone composta per gli studenti della facoltà di Scienze politiche dell’università di Pisa è ora visibile a tutti qui. L’ipertesto ha tratto vantaggio dall’Introduzione alla linguistica generale del professor Manuel Barbera dell’università...

  10. Analisi di un campione significativo di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available Il lavoro analizza sul piano pedagogico e didattico il concetto di Learning Object (LO a partire dalla rilevazione diretta dei modelli formativi sottostanti, in forma esplicita o implicita, un campione significativo di Learning Objects identificato all’interno di rilevanti esperienze di e-learning universitarie e non universitarie prodotte in diverse nazioni, allo scopo di giungere alla messa a punto di una modellistica problematica di tipo didattico dei Learning Objects, funzionale alla costruzione di algoritmi differenziati di progettazione, realizzazione, erogazione e valutazione di LO, anche nella prospettiva dei Learning Artifacts.

  11. Il Codice di autodisciplina

    Cuccu, Francesco

    2013-01-01

    SOMMARIO: 1. Il nuovo Codice di Autodisciplina delle Società Quotate. – 2. Un breve sguardo di insieme. – 2.1. Composizione del consiglio di amministrazione. – 2.2. Ruolo e funzionamento del consiglio di amministrazione. – 2.3. L’organizzazione e i compiti dei comitati interni al consiglio. – 2.4. Sistema di controllo interno. – 3. Le raccomandazioni del Codice. – 3.1. Una nuova impostazione chiarificatrice. – 3.2. L’impulso dato dal d. lgs. 39/2010. – 4. I punti deboli del Codice. – 4.1. La ...

  12. Che genere di diritto?

    Delia La Rocca

    2014-04-01

    Full Text Available Il recente decreto legge sul femminicidio nasce in un clima, soprattutto mediatico, nel quale la violenza sulle donne viene letta come “emergenza”. Questa chiave di lettura del fenomeno presenta alcuni rischi: in primo luogo, quello di riproporre un modello di intervento pubblico centrato soprattutto sull’approccio repressivo. Il decreto assegna, infatti, una valenza residuale ad una strategia di sostegno delle azioni di prevenzione e di assistenza delle vittime di violenza, al momento rinviate ad un “Piano d'azione straordinario” per il quale non viene previsto alcun finanziamento. E’ tempo di uscire dalla logica emergenziale: la questione della violenza di genere non è solo problema di ordine pubblico. E’ un fenomeno che colpisce al cuore la riscrittura delle regole sulla convivenza tra i generi avviata nel secolo scorso. Ciò che serve è un nuovo momento di elaborazione delle teorie e delle prassi delle donne sul ruolo del sistema giuridico e sulle forme più adeguate per garantire la libertà femminile.

  13. EVALUATION OF POLLUTANT EMISSIONS FROM TWO-STROKE MARINE DIESEL ENGINE FUELED WITH BIODIESEL PRODUCED FROM VARIOUS WASTE OILS AND DIESEL BLENDS

    Danilo Nikolić

    2016-12-01

    Full Text Available Shipping represents a significant source of diesel emissions, which affects global climate, air quality and human health. As a solution to this problem, biodiesel could be used as marine fuel, which could help in reducing the negative impact of shipping on environment and achieve lower carbon intensity in the sector. In Southern Europe, some oily wastes, such as wastes from olive oil production and used frying oils could be utilized for production of the second-generation biodiesel. The present research investigates the influence of the second-generation biodiesel on the characteristics of gaseous emissions of NOx, SO2, and CO from marine diesel engines. The marine diesel engine that was used, installed aboard a ship, was a reversible low-speed two-stroke engine, without any after-treatment devices installed or engine control technology for reducing pollutant emission. Tests were carried out on three regimes of engine speeds, 150 rpm, 180 rpm and 210 rpm under heavy propeller condition, while the ship was berthed in the harbor. The engine was fueled by diesel fuel and blends containing 7% and 20% v/v of three types of second-generation biodiesel made of olive husk oil, waste frying sunflower oil, and waste frying palm oil. A base-catalyzed transesterification was implemented for biodiesel production. According to the results, there are trends of NOx, SO2, and CO emission reduction when using blended fuels. Biodiesel made of olive husk oil showed better gaseous emission performances than biodiesel made from waste frying oils.

  14. Densità di energia di deformazione locale e resistenza a fatica di giunti saldati di geometria complessa

    P. Lazzarin

    2008-01-01

    Full Text Available Un recente criterio basato sul valore medio della densità di energia di deformazione (SED inun volume di controllo è applicato a diverse serie di dati sperimentali tratti dalla letteratura, relativi a giuntisaldati di geometria complessa realizzati in acciaio. Il volume di controllo è rappresentato da un settore circolare di raggio pari a 0.28 mm, centrato sul piede o sulla radice dei cordoni di saldatura. Entrambe le regioni sono modellate come intagli V non raccordati con differenti angoli di apertura. La densità di energia di deformazione viene valutata direttamente da modelli agli elementi finiti tridimensionali. I dati sperimentali, riconvertiti in termini energetici, si posizionano all’interno di una banda di dispersionerecentemente proposta in letteratura. La banda sintetizzava più di 650 dati sperimentali relativi a giunti saldati con cordone d’angolo, con rotture innescate indifferentemente al piede o alla radice dei cordonidi saldatura.

  15. RICERCHE DI STATISTICA METEOROLOGICA

    EZIO ROSINI

    1956-06-01

    Full Text Available statistica
    non ha goduto di buona stampa nel passato anche recente; particolarmente
    poco apprezzata è stata la statistica meteorologica e climatologica.
    Occorre riconoscere che tale atteggiamento era almeno in
    parte frutto di un preconcetto errato sul significato della statistica, ma
    che d'altra parte la natura dei lavori di tal genere che venivano alla
    luce sembrava a volte confermare la giustezza del preconcetto. Il fatto
    è che una parte degli studiosi di meteorologia avvertiva più di altri,
    probabilmente per la propria stessa costituzione mentale, l'astrattezza
    dei metodi fisico-matematici applicati alla grandiosa e al tempo stesso
    minuta complessità dei fenomeni meteorologici, sentendo dunque maggiormente
    la necessità di far costante ricorso alla realtà delle osservazioni
    effettivamente eseguite.

  16. Introduzione alle teorie di gauge

    Cabibbo, Nicola; Benhar, Omar

    2016-01-01

    "Introduzione alle Teorie di Gauge" completa la serie di tre volumi basati sulle lezioni dei corsi di Meccanica Quantistica Relativistica, Interazioni Elettrodeboli e Teorie di Gauge, impartite dagli autori agli studenti delle Lauree Magistrali in Fisica e Astronomia & Astrofisica dell'Universita "La Sapienza" di Roma, nell'arco di qualche decennio. L'obiettivo principale del volume è di introdurre i concetti di base della rinormalizzazione nella teoria quantistica dei campi e i fondamenti delle moderne teorie di Gauge. Anche se collegato ai volumi precedenti, il libro si presta ad una lettura indipendente, che presume solo conoscenze generali di relativita speciale, della seconda quantizzazione e della fenomenologia delle interazioni elettrodeboli. Lo strumento di base è l'integrale sui cammini di Feynman, introdotto nei capitoli iniziali e sistematicamente impiegato nel seguito. L'esposizione segue un percorso pedagogico, che parte dal caso semplice dell'ampiezza di transizione in meccanica quantistic...

  17. Ricercatori di successo

    Maria Chiara Pievatolo

    2012-01-01

    Full Text Available Grazie a Rangle mi è lecito segnalare i risultati di una ricerca ad accesso semiaperto. Secondo Daniele Fanelli, ricercatore dell’Institute for the Study of Science, Technology and Innovation (ISSTI presso l’Università di Edinburgh, un modo per verificare l’obiettività con cui i risultati della ricerca vengono prodotti e proposti è quello di selezionare i lavori in [...

  18. Programmazione del Network di 'Virologia Ambientale': Stato di avanzamento

    Carlesi, Carlo

    2004-01-01

    Presentazione 'Power Point' dell'intervento all'incontro di lavoro 'VIRAMB II incontro del Network di Virologia Ambientale', presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana. Nell'intervento si presenta lo stato di avanzamento dei lavori riguardo la realizzazione dell'infrastruttura telematica del 'Network di Virologia Ambientale' promosso dal 'Dipartimento di Patologia Sperimentale, Biotecnologie Mediche, Infettivologia ed Epidemiologia' dell'Universit? di Pisa.

  19. 两种小型二冲程汽油机的配气方式及特点%Valve Means and Features of Two Kinds of Small Two-stroke Gasoline Engine

    刘长生

    2011-01-01

    As Small two-stroke gasoline engine has the advantages of small size and easy to move, easy start (especially in cold winter) , easy maintenance and the price is low, it is used not only in a small hand-held e-quipment, but also used as the starter for large diesel engines of some construction machinery (such as bulldozers, loaders etc. ). However, for some reasons, old-fashioned small two-stroke gasoline engines whose intake is controlled by piston skirt are introduced in domestic published works, teaching materials and papers, more than the more advanced small two -stroke gasoline engine in international that's of mass production in domestic from 80of the last century and the intake is controlled by crankcase. In this article, the valve means and features of these two kinds of two-stroke gasoline engine are presented and compared. The results show that intake controlled by crankcase is the development direction of small two-stroke gasoline engine of China.%小型二冲程汽油机由于体积小、移动方便,再加上其易于起动(尤其在寒冷的冬天)、维护方便且价格较低,不但在小型手持机具中,而且在一些工程机械中(如推土机、装载机等)也大量用作其大型柴油机的起动机.然而,由于一些原因,我国目前出版的著作、教材以及发表的论文中,介绍的基本都是比较老式的活塞裙控制进气的小型二冲程汽油机,很少提及目前国际上较为先进,国内从上世纪80年代已成批生产的曲轴箱控制进气的小型二冲程汽油机.本文将这两种二冲程汽油机的配气方式及特点做了比较详细地介绍和对比.说明,曲轴箱控制进气的二冲程汽油机已是我国小型二冲程汽油机的发展方向.

  20. Tapped In: un incubatore di comunità di pratica di insegnanti

    Donatella Persico

    2003-01-01

    Full Text Available Descrizione del progetto TAPPED IN, iniziativa del californiano Center for Technology in Learning, dedicato a promuovere l'innovazione tecnologica nell'ambito dell'apprendimento e della formazione degli insegnanti. Lo scopo del progetto e' quello di sviluppare e sperimentare un ambiente virtuale capace di ospitare le attivita' di una o piu' comunita' di pratica di insegnanti.

  1. Le statue di Dedalo: le riviste di filosofia politica italiane di serie A

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-03-01

    Full Text Available Roars ha puntualmente segnalato l’ancipite vicenda delle nuove liste di riviste last minute per l’abilitazione scientifica nazionale. E’ cambiato qualcosa fra le riviste di filosofia politica italiane di serie A, di cui avevamo già avuto modo di discutere?

  2. Reti professionali di insegnanti su Facebook: studio di un caso

    Maria Ranieri

    2013-03-01

    Full Text Available Questo lavoro presenta i risultati di due indagini esplorative sull’uso dei SN nell’ambito di alcune comunità professionali di insegnanti. Un primo studio basato sulla somministrazione di un questionario rivolto a dieci fondatori e amministratori di gruppi online ha investigato le motivazioni, le finalità e i livelli di partecipazione. Un secondo studio, che ha riguardato i membri di cinque gruppi in Facebook, ha comportato la somministrazione di un questionario volto a esplorare alcune ipotesi di ricerca relative alla relazione tra tipologie di gruppi e dinamiche socio-relazionali, da un lato, e implicazioni professionali, dall’altro. I risultati mostrano che i manager di gruppi tendono a fondarli non solo per la condivisione di risorse professionali ma anche per ragioni etico- partecipative o sociali. I dati rilevati permettono anche di riscontrare l’esistenza di differenze tra diverse tipologie di gruppi, oltre all’attivazione di processi continui di contaminazione tra reale e virtuale in grado di dar vita a nuove iniziative professionali.

  3. Progetto QUADIS (Qualit di Servizio)

    Ferrari, T; Vistoli, C

    1999-01-01

    Le applicazioni distribuite di nuova generazione richiedono servizi di rete garantiti. La rete Internet fornisce tuttora un servizio di tipo ³best effort² e perciò non adatto a soddisfare le nuove esigenze che provengono dalle $9 applicazioni. E' necessario studiare nuove architetture che facciano interagire applicazioni e rete in modo più stretto per ottenere più garanzie di affidabilit ed efficienza.Questo documento introduce i concetti base della qualit di $9 servizio sulla rete e i meccanismi in fase di studio o di sperimentazione finora esistenti. Definisce inoltre un programma di lavoro che prevede l'analisi di alcune applicazioni specifiche dell'INFN e la sperimentazione di servizi di $9 rete QoS adatti all'applicazione in esame.Questo documento è allegato al progetto "QUAdiS" di Gruppo V.

  4. Elementi di fisica teorica

    Cini, Michele

    2006-01-01

    Le idee e le tecniche della Fisica Teorica del XX secolo (meccanica analitica, meccanica statistica, relatività e meccanica quantistica non relativistica) non sono più appannaggio esclusivo dei fisici. Ormai, specialmente con la recente introduzione di nuovi corsi di laurea, le conoscenze di base rientrano nel bagaglio culturale comune ai laureati in materie scientifiche e tecnologiche affini alla Fisica e alle sue applicazioni. Un laureato in queste materie non può non conoscere l’equazione E=mc2 e la media di Gibbs; inoltre deve avere i concetti e i metodi fondamentali della meccanica quantistica che ha cambiato la concezione del mondo ed è alla base della rivoluzione tecnologica in corso. Eppure quelle idee rimangono distanti dal comune modo di pensare e richiedono molto studio e un insegnamento ben mirato. La trattazione in questo libro, è meno formale rispetto ai tradizionali corsi di Istituzioni di Fisica Teorica. Lo scopo è comunque quello di raggiungere una reale comprensione dei concetti fisi...

  5. Dommer Di og jomfrujagten

    Clausen, Søren

    2006-01-01

    Anmeldelse af den kinesiske eksilforfatter Dai Sijie's roman "Muo og de kinesiske jomfruer" (oversat fra fransk: Le complexe de Di, 2005). Udgivelsesdato: Forår 2006......Anmeldelse af den kinesiske eksilforfatter Dai Sijie's roman "Muo og de kinesiske jomfruer" (oversat fra fransk: Le complexe de Di, 2005). Udgivelsesdato: Forår 2006...

  6. Consumo di pesce e salute.

    Moretti, V.M.; Parisi, G.; A. Dal Bosco

    2014-01-01

    E’ oggigiorno universalmente riconosciuto che, in virtù del suo elevato valore nutrizionale, il consumo di pesce assume un ruolo fondamentale nella dieta dell’uomo. Il pesce è infatti un alimento facilmente digeribile, apportatore di proteine ad elevato valore biologico, di minerali, vitamine e soprattutto di acidi grassi polinsaturi, specie della serie omega-3. Al consumo di questi ultimi è attribuita una grande importanza nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e di altre numerose ...

  7. Reti di città, mobilità e ambiente: il Preliminare di PTCP di Avellino

    Carmela Gargiulo

    2010-02-01

    Full Text Available  L’articolo propone la lettura dei contenuti del Preliminare del PTCP di Avellino, un piano per molti aspetti innovativo, soprattutto per aver coniugato pianificazione di area vasta di tipo tradizionale e logica “strategica”. In particolare, l’articolo descrive idee guida, contenuti e strategie del piano orientate, prevalentemente, a stimolare lo sviluppo sostenibile di un’area in ritardo di sviluppo come la provincia irpina, attraverso la salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e storico-culturali, la costruzione di reti di medie e piccole città e reti di mobilità alle diverse scale, da quella urbana a quella internazionale, e interventi sul sistema della mobilità. Nel 2004, ormai più di cinque anni fa, è stato adottato, a maggioranza assoluta (solo due gli astenuti, il Preliminare di Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Avellino, dopo un lavoro di oltre due anni che ha visto impegnati gli uffici provinciali con due dipartimenti universitari. Il lavoro, che va ben oltre il significato e la valenza di un preliminare e che coniuga due pratiche di piano diverse (quella tradizionale e quella strategica ruota attorno a tre idee di fondo, tra loro strettamente interrelate, che costituiscono i criteri guida che finora ha inteso seguire la provincia di Avellino nell’attività di governo delle trasformazioni. Tali idee, quindi, costituiscono le fondamenta su cui è stato costruito il Preliminare e sono la griglia di specificazione delle strategie e degli obiettivi di piano. Esse sono alla base delle scelte elaborate per lo sviluppo compatibile del territorio, e sono riferibili alle azioni operative di trasformazione del territorio che gli Enti locali, cui è demandato tale compito, nel prossimo futuro dovranno affrontare. Le tre idee forza del Preliminare, descritte nel seguito, sono riferibili ai sistemi di risorse principali della provincia di Avellino, oggetto di una indagine analitico

  8. Elaborazione didattica di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available L’idea di un modello didattico problematico per la realizzazione di Learning Objects riprende i temi del problematicismo pedagogico e si impegna a definire un’ipotesi formativa complessa capace di valorizzare la possibile positiva compresenza integrata di strategie didattiche diverse (finanche antitetiche ma componibili in una logica appunto di matrice problematicista. Il punto di partenza del modello proposto è rappresentato dalla opportunità di definire tre tipologie fondamentali di Learning Objects, rispettivamente centrati sull’oggetto, sul processo e sul soggetto dell’apprendimento.

  9. Studio del comportamento di agenti di contrasto in campi ultracustici per tecniche di ecografia diagnostica

    Biagioni, Angelo

    2011-01-01

    Il presente lavoro di ricerca è stato articolato intorno a temi attinenti l’ingegneria biomedica, riguardando, in particolare, lo studio del comportamento di agenti di contrasto in campi ultracustici per tecniche di ecografia diagnostica. Nell’ambito di tale settore scientifico, un ruolo di fondamentale importanza è svolto dalla diagnostica medica per immagini e in particolare dalle tecniche ecografiche. Queste ultime rappresentano un ottimo compromesso tra la pericolosità per l’organismo e l...

  10. Il ricordo di Bernardo

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Full Text Available Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio, io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché l’amico DiEmidio aveva condiviso in tutto il tempo in cuiabbiamo lavorato insieme, ogni preoccupazione,tensione, soddisfazione e progettualità.Difficile, per me, è stato ricordarlo proprio ilgiorno dopo la sua morte, in apertura di unconvegno, con la platea piena della gentedell’Istituto e ognuno con gli occhi rossi, losgomento e la solitudine già forte della perditascolpita sul volto. L’abbiamo salutato lì, gli hodetto grazie e ciao da parte di tutti gli altri, manon l’abbiamo mai salutato davvero.Non l’ha ancora fatto nessuno di noi, echissà se lo faremo mai, perché da Bernardonon vogliamo separarci.Sulle pagine di questa rivista, che rendonomerito e onore a tanti ottimi professionisti,proprio su una rivista scientifica, che per ilnostro ambiente è il momento del confronto,spesso «della verità», voglio ricordareBernardo Di Emidio.Voglio ricordarlo all’intera comunitàscientifica per quel grande lavoratore che èstato, per quella piena fiducia che i suoicollaboratori gli davano, per quel bellissimo rapporto che con loro aveva saputo costruire,ricominciando ad ogni nuovo arrivo. Loro, isuoi collaboratori, l’hanno sostenuto fino allafine, hanno continuato a considerarlo il lorocapo, anche durante i momenti più brutti edurante gli ultimi.Non hanno mai fatto a meno del suoparere, della sua approvazione, non si sono allontanati, non si allontano nemmeno oggi, da quel solco di umanità e scientificità che Di Emidio, in anni e

  11. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2012-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le più importanti applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blue-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali, l’illuminazione con i LED e la chirurgia. Questo volume ha come obiettivo quello di colmare un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Lo scopo principale è quello di esporre in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, e di descrivere i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplificatori, i modulatori e i rivelato...

  12. Intervento di replica

    Gianluigi Rossini

    2013-12-01

    Full Text Available Già dalla discussione che si sta sviluppando su questa rivista intorno al libro di Antonello credo si veda bene una contrapposizione che mi capita spesso di rilevare nel dibattito nostrano: da un lato la sacrosanta irritazione verso un certo conservatorismo di sinistra e verso la lamentosa condanna “crisologica” della contemporaneità, atteggiamenti tanto diffusi quanto sterili; dall’altro una condivisibile preoccupazione: non diventeremo, per dirla con Milan Kundera, gli «allegri alleati dei nostri stessi becchini»? Nell’affrancarci da posizioni che sembrano obsolete, cosa ci rimane da contrapporre al dominio dell’ideologia mercantile e brutalmente quantitativa del neoliberismo?

  13. Research and Test of the Electronic Fuel Semi-Direct Injected Two-Stroke Gasoline Engine%电控半直接喷射二冲程汽油机的研究与试验

    罗滇生; 钱耀义; 于秀敏; 李云清

    2001-01-01

    介绍了二冲程汽油机 上采用的电控燃油喷射技术,包括燃油喷射系统的设计与喷油器的选择方法,以及喷油器安 装位置的确定方法。研制了一套可以适用于二冲程汽油机的电控燃油喷射系统的开发装置。 试验表明:喷油时刻对于降低燃油消耗率影响很大,小负荷时必须对喷油时刻进行精确控制 ;采用电控低压半直接喷射系统后,发动机在全负荷时的燃油消耗率下降显著,同时功率与 扭矩也稍有增加。%The electronic injection technology for two stroke gasoline engine,which com prises the layout of electronic fuel injection system and the choosing method an d fixed position of fuel injector were introduced in this paper.The research dev ice of electronic injection system for two-stroke engine was designed.The dynam ometer test results showed that the injection timing had a large effect on the f uel consumption and it must be accurately and precisely controlled,when the engi ne was working at low load.As the semi-direct fuel injection system was used,th e fuel consumption rate was obviously decreased at full load in comparison with the carburetor two-stroke engine,and the power and torque had a sli ght increasing.

  14. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  15. Manuale di ottica

    Giusfredi, Giovanni

    2015-01-01

    Questo libro costituisce un fondamento solido per la conoscenza dell’Ottica Fisica, presentando vari modi di trattare la propagazione di onde elettromagnetiche e indicando quali siano i metodi utili a specifici casi. Iniziando dall’elettromagnetismo, la riflessione, la rifrazione e la dispersione delle onde, espone argomenti quali l’Ottica Geometrica, l’Interferenza, la Diffrazione, la Coerenza, i fasci Laser, la Polarizzazione, la Cristallografia e l’Anisotropia. Tratta componenti ottici come lenti, specchi, prismi, interferometri classici, Fabry-Perot e cavità risonanti, multistrati dielettrici, filtri interferenziali e spaziali, reticoli di diffrazione, polarizzatori e lamine birifrangenti. Vi sono inoltre argomenti poco reperibili, come il metodo delle matrici 4x4 per lo studio di fronti d’onda generalmente astigmatici, i metodi numerici tramite FFT per il calcolo della diffrazione, e la Bi-anisotropia, che tratta relativisticamente l’attività ottica e gli effetti Faraday e Fresnel-Fizeau....

  16. Album di famiglia

    Riccardo Donati

    2016-11-01

    Full Text Available In un articolo del 1821 dedicato al grande satirico tedesco Jean Paul, Thomas de Quincey – il celebre autore di Confessions of an English opium-eater, libro amatissimo da Baudelaire e Poe – asseriva che «[...] in ogni atto dell'umore umoristico c'è un influsso di natura morale: raggi, diretti e rifratti, generati dalla volontà e dagli affetti, dall'indole e dal temperamento, penetrano in ogni umorismo; e da qui deriva che l'umorismo è di carattere diffusivo, pervadendo un intero corso di pensieri». Un'osservazione che mi pare consentanea al panorama tracciato da Giancarlo Alfano ne L'umorismo letterario. Una lunga storia europea, volume dove...

  17. Summary of Fuel Gas Supply System of Large Power Two Stroke Engine%大功率二冲程发动机燃气供气系统概述

    刘明辉; 刘玉兰; 祝冰峰

    2016-01-01

    The equipment configuration of two stroke gas engine supply system allocated in high power ship is introduced. This paper explores how the gas supply system ensure the engine gas supply quality to meet the essential requirements and provides the solution.%介绍了船舶大功率二冲程发动机燃气供给系统的设备配置,论述了供气系统满足发动机供气品质的基本原理,提出了满足供气品质的解决方法。

  18. cimitero di Praga' di Umberto Eco

    Maria Grazia Cossu

    2012-12-01

    Full Text Available Examples of Cultural Anti-Semitism in Umberto Eco’s Novel Il cimitero di PragaThe article draws upon Umberto Eco’s recent novel, Il cimitero di Praga, in the consideration of the relationship between narrative fiction and the collective imagination in regards to the genesis and dispersion of The Protocols of the Elders of Zion in the second half of the nineteenth century. A dangerous and mysterious text, The Protocols evoked general clamor and persecutory backlash, as it appeared to document the existence of a Judeo-Masonic conspiracy.In the work, the author also reconstructs sources of the fictional text and traces the historical, political and editorial events surrounding it, plunging into them with a gritty and irreverent realism in a chronicle of the obsession that flowed into the madness of the Shoah.Treating the subject, which is found elsewhere in the scholar’s oeuvre, requires mention of the repertoire of prejudicial accusations against the Jews throughout history, which creates, toward the end of the book, a heated and contentious debate regarding whether such delicate and reckless statements should even be made public at all. This article questions the authorial strategy in Il cimitero di Praga, and considers the novel’s literary agenda, which can be almost interpreted as a call for vigilance against manifestations of anti-Semitism still present in today’s cultural imagination.

  19. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Niccolò Scaffai

    2012-04-01

    Full Text Available A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista, che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitazione», «copia», «plagio psichico», o addirittura di «sottrazione di manoscritto»

  20. Stress indotto dalla guida di autoveicoli: studio di parametri psicofisiologici

    R. Vivoli

    2003-05-01

    Full Text Available

    La guida di un autoveicolo, specie in condizioni di intenso traffico o di cattive condizioni meteoclimatiche, è considerata uno dei principali fattori stressanti della vita odierna. Durante la guida si possono infatti osservare significative risposte simpatoadrenergiche e cardiovascolari con la comparsa anche di episodi coronarici. Tali risposte presentano un’ampia variabilità interindividuale in quanto sono influenzate da vari fattori (stile di vita, personalità etc..

    In questa rassegna, vengono presentati i principali risultati degli studi da noi condotti sulle risposte psicofisiologiche indotte dalla guida di diversi tipi di autoveicoli. In conducenti di autobus urbani è stato registrato un sensibile aumento del tasso urinario di adrenalina durante il turno lavorativo rispetto alla stessa fascia oraria di un giorno di riposo. Tale risposta adrenergica era esaltata dall’abitudine tabagica e dall’assunzione di caffè e bevande alcoliche. In soggetti che alla guida di camion coprono lunghe distanze, i più elevati tassi urinari di catecolamine e i più alti livelli di frequenza cardiaca sono stati registrati quando la guida era particolarmente stressante per la presenza di nebbia o di intenso traffico. In soggetti che partecipano, a livello amatoriale, a manifestazioni agonistiche di velocità su pista, abbiamo osservato che durante la gara, rispetto al periodo pre-gara, l’escrezione urinaria di catecolamine aumenta in misura molto rilevante. Analogamente a quanto osservato in autisti di camion, l’attivazione del sistema adrenergico è risultata direttamente associata ai livelli di ansietà. Dall’elettrocardiogramma dinamico è emerso che durante la gara la frequenza cardiaca raggiunge un valore medio di 163.5±7.4 battiti/min. (range: 146,180 battiti/min..

    Un significativo peggioramento della percezione visiva stereoscopica, con potenziale ricaduta negativa sulla performance dei guidatori, è stato osservato in

  1. La Madonna delle Grazie di San Pietro di Silki. Problemi di un’iconografia mariana

    Maria Grazia Scano Naitza

    2012-01-01

    Il piccolo simulacro in terracotta policroma della Madonna con il Bambino della chiesa di S. Pietro di Silki a Sassari, venerato come Madonna delle Grazie , pone problemi riguardo sia all’intitolazione, solitamente riferita alla Virgo lactans  e qui ad indicare il suo ruolo di mediatrice di grazie, sia alla datazione. Secondo le fonti agiografiche la statuetta, sepolta da secoli, fu ritrovata scavando su indicazione di Bernardino da Feltre presso una colonna stazionaria crollata nel 1472 su u...

  2. ll paesaggio agrario italiano: nuove forme di analisi. Il caso di studio del Comune di Roma.

    Di Somma, Andrea

    2016-01-01

    Il seguente contributo si pone l'obiettivo di fornire strumenti utili a descrivere l'attuale struttura del paesaggio agrario italiano attraverso l'impiego del Corine Land Cover 2006, un programma in grado di offrire una visione organica e completa dell'evoluzione di un territorio. I risultati prodotti hanno permesso di elaborare una sintesi cartografica e statistica per la comprensione dei fenomeni riguardanti la struttura paesaggistica agraria italiana a scala regionale. La produzione di que...

  3. Process for controlled effect on the properties of cylinder charges of two-stroke Diesel engines, particularly those with particle filters or catalysts. Verfahren zur geregelten Beeinflussung der Beschaffenheit der Zylinderladung von Zweitaktdieselmotoren, insbesondere solcher mit Partikelfilter oder Katalysator

    Fischer, B.

    1992-02-27

    In Diesel engines, the automatic free combustion of a particle filter is only guaranteed near full load with sufficiently high exhaust gas temperatures. By the new process, the exhaust gas temperature of two-stroke Diesel engines is to be raised so far in the part load range that the automatic free combustion of a particle filter or the efficiency of a catalyst is guaranteed in all working conditions of the engine. The quantity of flushing air introduced into the cylinder per working cycle is controlled depending on the load by a control device, so that at full load and in the range near full load, the ratio of the volume of flushing air per working cycle to the cylinder swept space is greater than 1, but in the low part load range and at tickover it is appreciably less than 1. In the lower part load range, the flushing air is additionally increasing preheated with decreasing load in an exhaust gas flushing air heat exchanger after the particle filter or the catalyst. Apart from the automatic particle filter cleaning, an effect corresponding to exhaust gas feedback and a seris of other advantages are achieved. Two-stroke Diesel engines with frequent part-load operation, eg: for vehicles and working engines.

  4. Elementi di interfaccia per l’analisi di strutture murarie

    Jessica Toti

    2009-04-01

    Full Text Available Il presente articolo riguarda la modellazione del comportamento meccanico di elementi in muratura intesi come sistemi eterogenei composti da malta, blocchi ed interfacce di connessione. La strategiacomputazionale che viene adottata consiste nel modellare separatamente i blocchi, i letti di malta ed le interfacce responsabili di fenomeni di decoesione malta-blocco; a tale scopo, si propone uno speciale modello di interfaccia che combina il danneggiamento con l’attrito. Si sviluppa una procedura numerica, basata sull’algoritmo backward di Eulero, per risolvere il problema evolutivo; per il passo temporale si utilizza invece la tecnica predictor-corrector a controllo di spostamenti. Si effettuano alcune applicazioni numeriche con lo scopodi verificare la capacità del modello e dell’algoritmo proposto nel riprodurre la risposta non lineare della muratura dovuta a fenomeni di degrado localizzati. Infine, si conduce lo studio della modellazione di un arco murario, confrontando i risultati numerici con quelli sperimentali; si dimostra la abilità del modello proposto nel simulare il comportamento globale della struttura ad arco in termini di carico ultimo e di meccanismo di collasso.

  5. In ricordo di Vittorio Bianchi

    Maurizio Cutolo

    2011-09-01

    Full Text Available Vittorio Bianchi fu Ernesto e fu Mary Sbertoli naque a Cogoleto (Genova il 17 febbraio 1919. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova nel 1943 con lode fu Allievo interno della Clinica Medica di Genova negli anni 1942 e 1943, Assistente Volontario alla Clinica Medica di Perugia, quindi della Clinica Medica di Genova negli anni seguenti dove fu nominato Assistente di ruolo per concorso nel 1950. Successivamente Assistente di ruolo alla Patologia Medica diretta dal prof. Aminta Fieschi nel periodo 1954- 1969....

  6. Sperimentazioni di catalogazione digitale di fonti documentarie e iconografiche

    Carlo Alberto Gemignani

    2007-12-01

    Full Text Available Il contributo offre una vasta riflessione sulla possibilità di creare archivi digitali funzionali alla ricerca storica, che sinora, sia a causa delle scarse possibilità di profitto, sia per via del carattere “dinamico” dell’indagine storica, sono state poco sviluppate. In particolare vengono indagate le potenzialità dell’Open Source, che, oltre a costituire una fonte di software a buon mercato, riesce a coniugare la salvaguardia del “principio di provenienza” con la creazione di conoscenze collettive. In una seconda sezione, l’articolo presenta i progetti in corso presso il Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell’Università di Genova (DISMEC. L’attenzione è soffermata sull’utilizzo di DSpace Federation, un dispositivo Open Source efficace nella catalogazione della documentazione. In particolare esso è stato applicato su una precedente banca dati di circa 30000 carte dell’Archivio Ligure di Scrittura Popolare e sulle fonti di varia natura (anche fotogratiche e cartografiche del Laboratorio di Archeologia e Storia Ambientale.

  7. Sospensione di potestà

    Maria Fausta Maternini

    2011-03-01

    Full Text Available La voce è destinata alla pubblicazione, in lingua spagnola, nel Diccionario general de Derecho canónico edito dall’Instituto Martìn de Azpilcueta, Universidad de Navarra.SOMMARIO: 1. Il concetto di potestà nella Chiesa – 2. La sospensione di potestà quale atto amministrativo - 3. … in relazione al munus santificandi - 4. … in relazione alla potestà di magistero - 5 … in relazione alla potestà di governo.

  8. Sospensione di potestà

    Maria Fausta Maternini

    2011-01-01

    La voce è destinata alla pubblicazione, in lingua spagnola, nel Diccionario general de Derecho canónico edito dall’Instituto Martìn de Azpilcueta, Universidad de Navarra.SOMMARIO: 1. Il concetto di potestà nella Chiesa – 2. La sospensione di potestà quale atto amministrativo - 3. … in relazione al munus santificandi - 4. … in relazione alla potestà di magistero - 5 … in relazione alla potestà di governo.

  9. Avere di sé...

    Sergio Bevilacqua

    2012-12-01

    Full Text Available Non è da tutti mettersi a disposizione degli altri. Lo si può fare in molti modi. Uno di questi è la testimonianza competente. Sergio Bevilacqua, medico chirurgo specializzato in farmacologia clinica, ha deciso di raccontare su BrainFactor la propria esperienza. Di malato. Lo farà, da oggi, con una serie di contributi "in soggettiva": una Fenomenologia reale, con la maiuscola. Grazie sin d'ora per quanto ci vorrà insegnare.

  10. Le collezioni di Mammiferi del Museo Civico di Zoologia di Roma: una sintesi storica

    Gloria Svampa

    2003-10-01

    Full Text Available Il Museo Civico di Zoologia di Roma è sorto nel 1932 all?interno del Giardino Zoologico dell?allora Governatorato di Roma, di cui ha condiviso la direzione tecnica ed amministrativa sino al 1998. Il nucleo centrale delle collezioni è costituito dal materiale di proprietà universitaria, di quello che fu il Museo di Zoologia della Regia Università, a sua volta diretto discendente delle collezioni del Museo di Zoologia ed Anatomia Comparata del Pontificio Archiginnasio Romano. La quasi totalità degli esemplari tassidermizzati risale al periodo in cui l?Istituto di Zoologia fu diretto da Antonio Carruccio (1883-1914. Dal 1932, la collezione teriologica si è andata arricchendo, in particolare di materiale osteologico, soprattutto con acquisizioni provenienti dal Giardino Zoologico e da rare spedizioni scientifiche, come quella organizzata dal CNR nell?Alto Rio Negro del 1962-3, guidata da Ettore Biocca. Anche a causa del fatto che per molti anni il Museo è stato privo di curatori, mancano importanti collezioni teriologiche da studio, fatta eccezione per quella cetologica. In molti casi, singoli esemplari potenzialmente di grande valore scientifico, mancano di dati esatti sulla località di cattura. Nell?ambito di un programma di ricatalogazione della collezione recentemente intrapreso, particolare attenzione è stata posta all?acquisizione di tutti i dati legati alla storia dei singoli esemplari, rintracciabili attraverso i resoconti di viaggio dei singoli esploratori. Nel periodo universitario, infatti, il Museo della nuova capitale d?Italia fu oggetto di grande attenzione da parte di privati ed enti, a partire dai Savoia, che donarono le loro collezioni o il materiale raccolto durante le spedizioni effettuate. Il lavoro di revisione in corso sta mettendo in luce una serie di esemplari meritevoli di ulteriori, dettagliate ricerche. È probabile che molto del materiale del Museo, pervenuto a Roma attraverso donazioni della famiglia reale

  11. Il Simposio di Platone

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-01-01

    Full Text Available Pensate che i testi antichi siano semplicemente vecchi? Che l’amore platonico non vada mai  al sodo? Leggere il Simposio di Platone confrontandosi direttamente col testo, com’è possibile fare grazie al Perseus Project, vi farà cambiare idea.

  12. Breve Manuale di Geografia Umana

    Minca, C.; Colombino, A.

    2012-01-01

    Il percorso per andare al lavoro, la scelta sul dove trascorrere le prossime vacanze, le nostre opinioni sulla politica estera, le nostre preoccupazioni per la crisi economica, le nostre affermazioni di identità, il nostro desiderio di fuga dal quotidiano, perfino la scelta di acquistare una casa in

  13. I fondamenti di principio di un’economia islamica

    Hossein Askari

    2005-12-01

    Full Text Available Il Corano costituisce la fonte primaria per gli insegnamenti e le credenze dell’Islam. Mentre la comunità può modificare le politiche sociali ed economiche ispirate ai valori islamici al fine disoddisfare le mutevoli esigenze socio-economiche della società, i princìpi di base dell’economia islamica e il sistema sociale, tuttavia, devono essere preservati. Ci si attende che rappresentantiliberamente eletti collaborino con la società per formulare politiche a sostegno della stabilitàeconomica e sociale, della prosperità economica, dell’istruzione pubblica, delle cure sanitarie,dell’equità economica, di una giusta distribuzione del reddito e di una rete di sicurezza sociale.Tutti i musulmani fisicamente e mentalmente abili sono tenuti a lavorare per il propriosostentamento, e coloro che dispongono di un sufficiente livello di ricchezza hanno l’obbligo dipagare tasse che contribuiscano al finanziamento statale di programmi di welfare o di altra utilitàsociale. La nostra illustrazione del sistema economico islamico è sostenuta da numerosi studiosimoderni di Islam e di economia islamica, non concorda tuttavia del tutto con quelle offerte daesponenti e apparati religiosi legati a un’autorità statale.

  14. 二冲程汽油机油清净性行车试验研究%Investigation on the Detergency of Two - Stroke Motorcycle Oil in Field Test

    陈铭; 陈关龙

    2000-01-01

    本文介绍了几种二冲程摩托车专用润滑油在轻骑AG50型轻便摩托车上的野外行车清净性试验研究。研究结果认为,合理地平衡油品清净性与润滑性的添加剂配方技术是提高二冲程发动机油质量的关键。%This paper reported the investigation on the detergency properties of several commercial two-stroke motorcycle oils which were used on Oingqi AG50 motorcycle in field test. The results show that the detergecy and lubrication properties of oil are balanced carefully is the key technology.

  15. Effetto delle condizioni di stress gastrointestinali sulla validità di batteri lattici di interesse salutistico

    Russo, Antonio

    2016-01-01

    Numerose formulazioni probiotiche sono reperibili sul mercato e vendute sotto forma di integratori alimentari in grado di migliorare il benessere fisico del consumatore. In realtà, per molti preparati probiotici esistono specifici health claims, preventivamente approvati dall’EFSA, che vengono utilizzati per indirizzare il consumatore al loro impiego nella prevenzione o la cura di differenti malattie. Dunque, in presenza di un effetto salutistico dichiarato, il formulato probiotico dovrebbe c...

  16. Applicazione delle linee guida nazionali nell'attivitá di notifica di casi di legionellosi

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: é noto che effettuare diagnosi di Legionellosi risulta difficile a causa della sovrapposizione della sintomatologia con altre forme di polmonite. Questo spiega, in parte, perché i casi di Legionellosi siano sottostimati. I metodi diagnostici disponibili, sebbene richiedano tempi relativamente lunghi, sono necessari per l’esatta stima di prevalenza della Legionellosi e per gli eventuali interventi preventivi.

    Metodi: nell’Azienda Ospedaliera “G. Panico” di Tricase, seguendo i criteri delle Linee Guida della Legionellosi (G.U. 5 maggio 2000 n. 103 durante la degenza dei pazienti che presentavano segni clinici ed obiettivi di polmonite sono state eseguite indagini radiologiche (Rx Torace, TAC, esami di laboratorio (espettorato, sangue, urina ed avviata terapia antibiotica (macrolidi e cefalosporine di III generazione. L’antigene urinario e le IgG anti-Legionella (metodo IFA, sono stati determinati in collaborazione con il Laboratorio di riferimento Regionale.

    Risultati: nel periodo ottobre 2001 gennaio 2003 sono stati notificati nel nostro ospedale 11 casi di Legionellosi accertati da indagini clinico-strumentali e di laboratorio: tutti i casi avevano titoli anticorpali abbastanza elevati, confermati poi da un secondo controllo a distanza di tempo. Solo due hanno presentato una positività per l’antigene urinario. All’atto della dimissione, per il 63.6% dei casi è stato documentato un miglioramento delle condizioni clinico-laboratoristico-strumentali, nel 18.2% si è avuta una effettiva guarigione. La letalità è stata pari al 18.2%. In tutti casi si è provveduto alla sorveglianza ambientale.

    Considerazioni: i nostri dati evidenziano che i casi di Legionellosi registrati sono stati tutti di tipo comunitario. Una corretta applicazione delle Linee Guida nel sistema di notifica permette l’avvio dell’attività di prevenzione oltre

  17. 二冲程汽油机高空增压功率恢复计算研究%Computed study on power recovery of turbocharged two stroke spark ignition engine at altitude

    刘博; 邓康耀

    2009-01-01

    通过地面试验与高空仿真模拟相结合的方式对二冲程汽油机高空增压功率恢复性能进行了研究.建立了二冲程增压汽油机的仿真计算模型,分析了二冲程汽油机排气系统的特性.针对性的设计了排气管系,合理调整排气管的长度以及收缩膨胀比,促进了汽油机的扫气过程,弥补了加装增压器带来的排气背压增大缺点.研究了增压后的汽油机在不同海拔处的功率和油耗特性,其输出功率与燃油经济性比原机都有所改善,能够适应高空的工作条件.%The power recovery ability of a turbocharged two stroke spark ignition (SI) engine at altitude was studied experimentally at ground and simulated at altitude. A new ex-haust system was applied for the purposes of achieving good scavenging performance. Through proper design of the exhaust pipe's length and cross section area variation, scaven-ging performance was improved, but always deteriorated on turbocharged engine because of back pressure rising in the exhaust pipes. Turbocharged two stroke spark ignition (SI) en-gine is better than corresponding original engine at altitude both in terms of output and eco-nomics. So, it is suitable to work at high altitude.

  18. Maniere di deambulazione poetica: i dintorni di tre generazioni di poeti ungheresi

    1994-01-01

    Itinerario interpretativo della poesia ungherese degli anni Settanta e Ottanta del Novecento. Studio delle condizioni di possibilità della poesia, ovvero della soggettività postmoderna, nelle opere in questione situata concretamente nel contesto della modernità del socialismo sovietico, nell'Ungheria del recente secondo dopoguerra. Si introducono, con valore euristico, le categorie di 'falso movimento' e 'maniere di deambulazione' (poetica).

  19. Integrazione rigorosa di dati provenienti da fonti di acquisizione differenti

    Leandro Bornaz

    2011-04-01

    Full Text Available La geomatica mette oggi a disposizione di esperti di diverse discipline un’ampia gamma di strumenti e tecniche che vengono utilizzate estensivamente come sostegno per l’acquisizione, la contestualizzazione e la georeferenziazione di informazioni molto diversificate come ad esempio dati georadar, geosismici, interferometrici, provenienti da strumenti di misura spesso utilizzati in diversi ambiti e con sistemi di riferimento differenti, talvolta non direttamente compatibili tra loro. Questa problematica, spesso trascurata utilizzando un approccio di tipo classico, è stata affrontata e risolta in modo rigoroso dagli autori permettendo così l’integrazione corretta di dati di differente natura e provenienza.Integration of data acquired from different sourcesGeomatics today offers to experts from different disciplines a wide range of tools and techniques, which are used extensively as technical support for the acquisition, context and geo-refer-encing data coming from different investigations: geo radar, interpherometry, geophysics analysis. Each technology gener-ally provide data with different reference systems, often not di-rectly compatible each other. This problem, often overlooked by using a classical approach, has been resolved in a rigorous way by the authors thus allowing proper integration of data of different nature.

  20. Giornata di Studi Paleontologici

    Davide Bassi

    2005-09-01

    Full Text Available This book results fromk one-day meeting "Giornata di Studi Paleontologici Prof.ssa C. Loriga Broglio", held in Ferrara on June 18th, 2004 and dedicated to Prof. Carmen Loriga Broglio who was full Professor of Paleontology and Paleoecology at the University of Ferrara.This special volume includes twelve papers dealing with systematic paleontology of calcified cyanobacteria, invertebrates (sponges and vertebrates (fishes, taphonomy, biostratigraphy, paleoecology and paleobiogeography.

  1. Meccanismi di censura e rapporti di potere nelle autobiografie collaborative

    Caterina Romeo

    2015-10-01

    Full Text Available Il genere delle autobiografie collaborative è stato oggetto di una complessa teorizzazione negli ultimi decenni, soprattutto in ambito statunitense, ed è il genere che più di altri segna l'inizio, nei primi anni Novanta, della letteratura postcoloniale italiana e l’incontro linguistico e culturale tra migranti e culture di “accoglienza.” Il presente saggio intende indagare i rapporti di potere presenti all'interno delle autobiografie collaborative e i meccanismi di censura e autocensura operati nella costruzione del testo. Il saggio mette in discussione la presunta trasparenza del ruolo dell'editor e analizza come il rapporto tra narratore ed editor sia al contempo un rapporto di collaborazione e solidarietà, ma anche di sfruttamento coloniale e resistenza postcoloniale.Partendo da una riflessione sui due termini "autobiografia" e "collaborativa" – apparentemente aproblematici ma in realtà fortemente problematici – questo saggio sviluppa un'analisi delle questioni che questo genere letterario pone dal punto di vista teorico – scissione della posizione autoriale, e quindi dell’autorità del soggetto che scrive, rapporti di potere all’interno della collaborazione, censure operate, questioni etiche e rapporti con la critica, resistenza postcoloniale alle grandi narrazioni e riscrittura della storia.L'impianto teorico del presente saggio è costruito soprattutto a partire da testi statunitensi (dagli studi sul testimonio di John Beverley, a quelli sui rapporti di collaborazione come rapporti di sorellanza femminista di Caren Kaplan, agli studi sulle autobiografie native americane. Per quanto riguarda i testi presi in esame, la presente analisi mette a confronto due coppie di testi. I primi due sono l’autobiografia di Nassera Chohra, Volevo diventare bianca (con Alessandra Atti Di Sarro, 1993 e un’importante autobiografia collaborativa italoamericana, Rosa: Life of an Italian Immigrant (con Marie Hall Ets, 1970. Gli altri due

  2. I "Sistemi di Filosofia Fenomenologica" - traduzione italiana

    Edmund Husserl; Gaetano Iaia

    2015-01-01

    Vengono qui presentate le bozze di tre piani per una sistematica di filosofia fenomenologica. Il primo è di Husserl, delineato nel 1921 con il titolo “Articolazione di una fenomenologia sistematica”. Il secondo e il terzo sono le traduzioni, rispettivamente di un progetto husserliano databile al 1930 e denominato “Sistema di filosofia fenomenologica” e di una bozza dello stesso rivista successivamente da Eugen Fink.

  3. I "Sistemi di Filosofia Fenomenologica" - traduzione italiana

    Edmund Husserl

    2015-03-01

    Full Text Available Vengono qui presentate le bozze di tre piani per una sistematica di filosofia fenomenologica. Il primo è di Husserl, delineato nel 1921 con il titolo “Articolazione di una fenomenologia sistematica”. Il secondo e il terzo sono le traduzioni, rispettivamente di un progetto husserliano databile al 1930 e denominato “Sistema di filosofia fenomenologica” e di una bozza dello stesso rivista successivamente da Eugen Fink.

  4. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  5. Thermodynamic black di-rings

    Iguchi, Hideo

    2010-01-01

    Previously the five dimensional $S^1$-rotating black rings have been superposed in concentric way by some solitonic methods and regular systems of two $S^1$-rotating black rings were constructed by the authors and then Evslin and Krishnan (we called these solutions black di-rings). In this place we show some characteristics of the solutions of five dimensional black di-rings, especially in thermodynamic equilibrium. After the summary of the di-ring expressions and their physical quantities, first we comment on the equivalence of the two different solution-sets of the black di-rings. Then the existence of thermodynamic black di-rings are shown, in which both iso-thermality and iso-rotation between the inner black ring and the outer black ring are realized. We also give detailed analysis of peculiar properties of the thermodynamic black di-ring including discussion about a certain kind of thermodynamic stability (instability) of the system.

  6. Esercizi di metodi matematici della fisica

    Angilella, G G N

    2011-01-01

    Il testo richiama i principali concetti, definizioni e teoremi relativi agli spazi vettoriali, agli sviluppi in serie di Fourier, alle equazioni alle derivate parziali, alle trasformate integrali di Laplace e di Fourier, ad alcune classi di equazioni integrali (con specifico riferimento alla funzione di Green). Si danno altresi' cenni di funzioni di variabile complessa, di teoria dei gruppi, e di spazi funzionali. Di ciascun argomento vengono ampiamente discusse le motivazioni e le applicazioni nel campo della fisica e, talora, di altre discipline scientifiche. Tali argomenti vengono approfonditi da esercizi (perlopiu' svolti, o con soluzione), spesso tratti da effettivi temi d'esame del corso di Metodi matematici per la fisica del corso di laurea in Fisica (Catania).

  7. EGR对减少UHC和CO排放的影响与分析%Effect and Analysis of EGR on Reducing UHC and CO Emission in Homogeneous Charge Two-Stroke Engines

    赵新顺; 刘德新; 丁伟东; 毛长青

    2004-01-01

    分析了二冲程均质发动机UHC和CO的来源,介绍了一种能够大幅度降低UHC和CO的方法.试验是在二冲程发动机怠速废气再循环量较大情况下进行的,怠速时,通过在SI二冲程发动机上增加EGR,发现UHC从7 800×10-6降低到3 000×10-6,CO从3%降低到0.2%,循环变动也减小了.EGR中的活性物质与新鲜充量充分反应改善了预燃过程.由此证明,可以通过增加EGR实现发动机稳定运行,并在当量比和稀燃条件下得到了同样结果.试验表明,UHC和CO主要来自余隙中的残余燃料,说明燃烧温度不是影响UHC和CO的主要因素,决定因素是第一阶段燃烧前缸内发生的预燃反应程度.活性物质的重要性已被试验证实,试验中用氮气和空气代替EGR稀释混合气,发现火花点火在EGR中是可行的,在空气和氮气中却不行.%This paper analyzes the sources of unburned hydrocarbons(UHC) and CO from two-stroke homogeneous charge spark ignition (SI) engines, describing an approach with the potential to substantially reduce UHC and CO in this system based on the experiments carried out on a two-stroke engine in idle condition with high levels of internal exhaust gas recirculation (EGR). By increasing internal EGR in a spark ignited two-stroke engine at idle, UHC was reduced from 7 800 x 10-6 to 3 000 x 10-6, CO was reduced from 3% to 0.2%, and cyclic variability was reduced as well. Increased EGR allowed active species in the burned gases to react with the fresh charge well in advance of the first stage ignition. The results that stable engine operation can be obtained with additional internal EGR. Similar results were obtained in stoichiometric and lean conditions. Further experimental and model results indicate that the main source of UHC and CO emissions is the fuel trapped in crevices,which suggests that the combustion temperature is not the main factor affecting UHC and CO. The critical factor is the pre-ignition reaction that occurs in

  8. Analisi basata sugli sforzi locali della resistenza a fatica di giunzioni incollate di materiali compositi

    F. Moroni

    2009-07-01

    Full Text Available Il lavoro prende spunto dai risultati di un’analisi sperimentale del comportamento a fatica di giunzioni incollate di materiali compositi laminati di elevato spessore formati da strati di unidirezionale e di tessuto di fibra di carbonio. I giunti sono stati realizzati in modo tale da saggiare l’influenza della lunghezza di sovrapposizione (da 25,4 mm a 110,8 mm, della forma del giunto (con e senza rastremazione, e della composizione degli aderendi (sostituzione di uno degli aderendi in composito con uno in acciaio. Mediante analisi 2D elastiche con il metodo degli elementi finiti sono state ricavate le distribuzioni degli sforzi all’interno dello strato di adesivo, al fine di individuare un parametro utile alla descrizione del comportamento a fatica in termini di sforzi locali - numero di cicli a rottura. Il ruolo della fase di propagazione viene discusso alla luce di osservazioni dell’avanzamento della frattura, condotta su alcuni dei giunti testati.

  9. Diálogos

    Pereira, Constança Bettencourt

    2016-01-01

    O presente documento escrito tem como objetivo, a reflexão sobre alguns dos temas abordados no meu percurso artístico, durante o Mestrado de Artes Plásticas. O meu trabalho tem-se debruçado sobre as questões da escultura e do desenho, coexistindo estas práticas, num diálogo próprio, tanto em conjunto como separadas. O desenho inscreve-se no espaço virtual da folha como sombra da escultura, e tem tido como referência as filosofias orientais – centra-se no momento, na economia do...

  10. Narrazioni di narrazioni: orientamento narrativo e progetto di vita (Federico Batini, Gabriel Del Sarto

    Manuela Ladogana

    2007-03-01

    Full Text Available Il volume, denso di contenuti e ricco di riferimenti teorici, traccia con chiarezza le sue linee di sviluppo ed apre alla riflessione, anche pedagogica, sull’esigenza di recuperare la dimensione narrativa e autobiografica per la realizzazione di una pratica orientativa che guidi e sostenga il soggetto in orientamento verso la riscoperta e ricostruzione del proprio progetto di vita.

  11. Calvatone (CR. Costa di Sant’Andrea - Area di proprietà provinciale. Un nuovo mosaico dal vicus di Bedriacum

    Alberto Bacchetta

    2009-12-01

    Full Text Available L’annuale campagna di scavi condotta nel vicus di Calvatone-Bedriacum dalla missione dell’Università degli Studi di Milano ha portato all’individuazione di una serie di ambienti relativi ad un vasto complesso residenziale. Di notevole importanza è stata, tra l’altro, la scoperta di un triclinio, la cui pavimentazione in cocciopesto presentava un pannello a mosaico in tessere bianche e nere, ornato da un motivo centrale a kantharos circondato da elementi decorativi figurati quali pelte e uccelli collocati all’interno di partiture geometriche.

  12. High Ethanol Fuel Endurance: A Study of the Effects of Running Gasoline with 15% Ethanol Concentration in Current Production Outboard Four-Stroke Engines and Conventional Two-Stroke Outboard Marine Engines

    Hilbert, D.

    2011-10-01

    Three Mercury Marine outboard marine engines were evaluated for durability using E15 fuel -- gasoline blended with 15% ethanol. Direct comparison was made to operation on E0 (ethanol-free gasoline) to determine the effects of increased ethanol on engine durability. Testing was conducted using a 300-hour wide-open throttle (WOT) test protocol, a typical durability cycle used by the outboard marine industry. Use of E15 resulted in reduced CO emissions, as expected for open-loop, non-feedback control engines. HC emissions effects were variable. Exhaust gas and engine operating temperatures increased as a consequence of leaner operation. Each E15 test engine exhibited some deterioration that may have been related to the test fuel. The 9.9 HP, four-stroke E15 engine exhibited variable hydrocarbon emissions at 300 hours -- an indication of lean misfire. The 300HP, four-stroke, supercharged Verado engine and the 200HP, two-stroke legacy engine tested with E15 fuel failed to complete the durability test. The Verado engine failed three exhaust valves at 285 endurance hours while the 200HP legacy engine failed a main crank bearing at 256 endurance hours. All E0-dedicated engines completed the durability cycle without incident. Additional testing is necessary to link the observed engine failures to ethanol in the test fuel.

  13. The Electrical Control Unit Research of Small Two-Stroke Aeronautics Gasoline Engine%小型二冲程航空汽油机电控系统研究

    黄健; 曹占国

    2012-01-01

    研究设计了无人机用小型二冲程汽油机电控系统,重点介绍了其燃油喷射系统.在HT5发动机电控单元开发平台上设计了发动机的控制策略,并对控制策略进行了硬件在环仿真试验,验证了控制策略的有效性,实现了电控单元对航空汽油机的有效控制.%The electrical control system of a small two-stroke gasoline engine for Unmanned Aerial Vehicle (UAV) is studied. The fuel injection system is introduced particularly. The engine control strategy was designed on the HT5 platform. And in accordance with the engine control strategy, hardware-in-the-loop-simula-tion testing was performed. The test results show the validity of the control strategy. So the electrical control u-nit can be used to control the engine effectively.

  14. 曼恩和瓦锡兰船用二冲程双燃料发动机之比较%Comparison of two-stroke dual-fuel marine engine between MAN and W?RTSIL?

    马义平; 王忠诚; 时继东; 赵睿; 许乐平

    2015-01-01

    为加深对曼恩和瓦锡兰船用二冲程柴油-天然气双燃料发动机的了解,帮助船舶选择机型,文章从工作原理、燃气系统、点火油、尾气排放、经济性和安全性等方面对两机型进行比较,发现曼恩发动机在经济性和安全性方面稍具优势,但尾气排放方面却不如瓦锡兰环保.%This paper makes a comparison of the two-stroke dual-fuel marine engine between MAN and W?RTSIL? from the working principle, gas system, ignition oil, emissions, and safety, etc. It will deepen understanding of the engine and provide references for the marine engine selection. It shows that the MAN engine has slightly better economy and safety, but worse environment-friendly performance in exhaust emission than the W?RTSIL? engine.

  15. Structure Research of Two-stroke Aviation Piston Engine without Connecting Rod%新型无连杆二冲程航空活塞发动机结构分析

    王小彬; 杨海青; 陶晓雷

    2013-01-01

    为了开发出一种无曲柄连杆机构的大缸径二冲程点燃式活塞发动机,参考国外设计专利,运用三维CAD软件构建发动机概念电子样机,分析发动机结构与工作原理.结果表明:新型大缸径无连杆发动机结构能满足航空活塞发动机高效率、高功重比的需求,具备较高的应用价值.%In order to design a new kind of two-stroke spark ignition internal combustion engine with a large bore and non-connecting rod, the foreign design patent was referred, the CAD software was applied to construct the engine concept model, and the structures and the work process of the engine were analyzed. As a result, the structure of the new kind of engine with large bore and non-connecting rod satisfied aeronautic piston engines by high heat efficiency and high power/weight ratio. Above all, the new kind of engine deserves a further research.

  16. Heeft di wel een betekenis?

    Boer, M.G. de

    2010-01-01

    SAMENVATTING Alvorens een analyse van het Italiaanse voorzetsel di te maken, stelt de auteur eerst het begrip ‘leeg voorzetsel’ aan de orde, dat in laatste instantie te herleiden is tot de lege karakters van de Chinese grammatica. Voor di wordt voorgesteld, naast enkele rudimenten van andere beteke

  17. Il viaggio gastronomico di Paolo Monelli

    Alberto Salarelli

    2013-01-01

    Full Text Available Il ghiottone errante di Paolo Monelli, pubblicato nel 1935, rappresenta uno dei primi esempi di narrativa di viaggio in tema di enogastronomia, un genere destinato a grande successo nel secondo dopoguerra. In questo articolo, oltre a ripercorrere la vicenda biografica di Monelli, si sottolineano le relazioni tra Il ghiottone e la cultura gastronomica del regime fascista, e si evidenziano alcuni tratti caratteristici del suo stile di scrittura.

  18. On PMWs and two-stroke engines.

    Bell, W.; Yassi, A.; Cole, D. C.

    1998-01-01

    On Saturday, August 24, 1996, a 40-year-old man from Edmonton was riding a personal motorized watercraft (PMW, a Seadoo or Jet Ski type of machine) on Shuswap Lake, in south-central British Columbia. He was approximately 200 m offshore. The man motioned to his sister, who was riding another PMW, to follow him across the lake. She did so, but as the turned her head to check for other boat traffic, her brother suddenly slowed down and her machine rode right up on his back, crushing him against his handlebars. His sister, a nurse, held her brother's head above water until help arrived but, 48 minutes after the moment of impact, he was pronounced dead at the Shuswap Lake General Hospital. He had suffered a ruptured aorta. PMID:9789655

  19. Legge professioni: il commento di Ordine Psicologi

    Mauro Grimoldi

    2013-01-01

    Full Text Available E oggi mi invento una professione... Di per sé il decreto 3270 "in materia di professioni non regolamentate in Ordini o collegi" introduce il seme, o se si vuole il germe, di un'iniziativa autonoma in merito alle professioni. E forse, da un certo punto di vista, ci voleva. Serve, nell'intendimento del legislatore, a sanare il caso degli informatici e degli amministratori di condominio, ad oggi privi di regolamentazione, di percorsi formativi e di carte etiche da rispettare. Dunque, bene? Non proprio tutto.

  20. I dolori di Claudia Seeliger

    Uta Treder

    2015-01-01

    Full Text Available La protagonista di questo romanzo dice “io”, si confida con noi, ci conduce attraverso la sua rocambolesca vicenda tenendoci avvinti e costringendoci ad esserle complici. Più di una volta restiamo col fiato sospeso, ci sentiamo a tratti confusi e smarriti, scuotiamo la testa disapprovando le sue scelte avventate, ma non ce la sentiremmo mai di abbandonarla al suo destino. Troppo forte è la sua personalità, perfino laddove scopre il suo lato fragile, troppo coinvolgente la sua passione, troppo disarmante la sua intelligenza. Non c’è niente da fare: Claudia Seeliger ci tiene in pugno. Claudia Seeliger, o chi per lei, bisognerebbe dire… In questo romanzo poliziesco, psicologico, erotico, politico, interculturale e intertestuale, Uta Treder si rivela narratrice sapiente, colta, ma anche ironica e assai irriverente. Profilo biograficoUta Treder (Amburgo 1943 – Firenze 2013 è stata professore ordinario di Storia della cultura tedesca a Firenze e di Letteratura tedesca a Trieste e a Perugia. Da germanista si è occupata di autori quali Goethe, Schiller, Hölderlin, Novalis, Heine, Droste-Hülshoff, Fontane, Keller, Lasker-Schüler, Kafka, Bachmann, Mayröcker. Il suo principale interesse ha riguardato la letteratura delle donne che sono state "dimenticate" dal Canone. Come autrice di narrativa ha pubblicato la raccolta di racconti Luna Aelion (München 1989 e i romanzi Die Alchemistin (Frankfurt a.M. 1993, Die Bäume von Babelsberg (Pfalzfeld 2005, audiolibro letto da Petra Pawel, 2007; anticipazione italiana in "LEA", 1-2004, Der Schwarze König (Pfalzfeld 2007. È stata socia fondatrice della Società Italiana delle Letterate. I dolori di Claudia Seeliger è la prima traduzione italiana dell'opera narrativa di Uta Treder.

  1. 1. Questioni di metodo

    Luca Arcari (a cura di

    2015-06-01

    Full Text Available In questa prima parte della sezione si affrontano questioni metodologiche più generali in merito a concetti come identità, etnicità, collettività, religioni, partendo dal dibattito che si è andato conducendo in seguito agli scambi occorsi tra storici e antropologi almeno dall’ultimo cinquantennio del Novecento in poi, e dalle sue ricadute soprattutto nello studio dell’etnicità e delle identità collettive e (cosiddette religiose in Grecia antica. Un ulteriore aspetto riguarda la prospettiva inaugurata dalla cosiddetta “Scuola di Vienna” in merito alle costruzioni identitarie collettive in chiave etnica, soprattutto in rapporto ai testi biblici e alla loro multifor

  2. Ricordo di Arturo Rigillo

    Mario Coletta

    2013-07-01

    Full Text Available Nel pieno imperversare della stagione invernale  del 2010 Arturo Rigillo se ne è andato; in silenzio, così come ha vissuto, lasciando ai familiari, agli amici, ai colleghi dell’ateneo napoletano Federico II, alla comunità scientifica nazionale ed internazionale, al centro di ricerca interdipartimentale L.U.P.T. che lo ha avuto per un decennio  direttore e successivamente presidente, al comitato scientifico e redazionale della rivista  “TRIA”, che con generosa dedizione ha contribuito a fondare, un vuoto che la sola memoria della sua «silenziosa operatività» non potrà certo colmare per i tanti che lo hanno conosciuto, frequentato ed apprezzato condividendo con Lui stima, amicizia ed affetto

  3. Caratterizzazione strutturale di polimeri derivanti dalla polimerizzazione di monomeri dienici

    Esposito, Simona

    2006-01-01

    [ITALIANO] / Nella presente tesi di dottorato si sono effettuati studi per la caratterizzazione strutturale e del comportamento polimorfo di polimeri stereoregolari derivanti dalla polimerizzazione del butadiene e dei suoi derivati metilici sostituiti, che hanno caratteristiche tipiche dei materiali termoplastici e/o elastomerici. Studi strutturali sono stati condotti su campioni di 1,2-poli(1,3-butadiene) -[CH2CH(CH=CH2)]n- (PBD12), 3,4-poli(2-metil-1,3-butadiene) -[CH2CH(C(CH3)=CH2)]n- ...

  4. I confini di Cipro: il muro di Nicosia

    Emma Tagliacollo

    2011-01-01

    Il muro di Nicosia e di tutta l'isola è solo un segno verde tracciato su una mappa, eppure ha una sua fisicità che non si può non percepire, o subire, nel percorrere il territorio. Il muro è un luogo da non attraversare - per tutti i ciprioti - che taglia in due un'unica popolazione, separandola attraverso i temi della cultura, della religione e della lingua. La storia del muro di Cipro, confine tra Nord e Sud, nasce nel 1974: da quel momento in poi saranno evidenziate in modo prevalente le d...

  5. Tecniche di ricerca qualitativa: percorsi di ricerca nelle scienze sociali (Mario Cardano

    Massimiliano Di Massa

    2003-12-01

    Full Text Available Le tecniche di ricerca qualitativa offrono allo scienziato sociale un insieme composito di strumenti, capaci di rilevare le più minute sottigliezze della vita quotidiana, colte ora nella trama di un'interazione, ora tra le pieghe di una narrazione. Il volume tratteggia una mappa di questo territorio e si sofferma sulle principali tecniche di ricerca qualitativa: l'osservazione partecipante, l'intervista discorsiva e il focus group. L'autore procede alla loro presentazione in chiave critica, prestando particolare attenzione al tema della plausibilità del sapere che l'impiego di queste tecniche consente di acquisire. Alla compilazione di una serie di 'ricette' su come fare ricerca qualitativa, l'autore preferisce la ricostruzione della rete di decisioni cui è chiamato chi intenda cimentarsi in questa impresa. Limitandosi di indicare - laddove possibile - i pro e i contro di ciascuna scelta.

  6. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2005-12-01

    Full Text Available Report of PhD Dissertations.Anna Airò La scrittura delle regole. Politica e istituzioni a Taranto nel Quattrocento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 Pasquale Arfé La Clavis Physicae II (316-529 di Honorius Augustodunensis. Studio ed edizione critica, Tesi di dottorato in Storia della filosofia medievale, Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", 2005 Alessandro Azzimonti Scrittura agiografica e strutture di potere nell'Italia centro-settentrionale (X-XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Forme del sapere storico dal medioevo alla contemporaneità, Università degli Studi di Trieste, 2004 Domenico Cerami Il "Confine conteso". Uomini, istituzioni, culture a Monteveglio tra VIII-XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli studi di Bologna, 2005 Federica Chilà Ostaggi. Uno strumento di pacificazione e governo tra i secoli VIII e XII, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, società, religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo, Università degli Studi di Torino, 2004 Enrico Faini Firenze nei secoli X-XIII: economia e società, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005Alessio FioreStrutture e pratiche del potere signorile in area umbro-marchigiana (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato ricerca in Storia, Università degli studi di Pisa, 2004Giampaolo FrancesconiTra Riforma, vescovo e clientes. Camaldoli e le società locali (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 [09/05] Giuseppe Gardoni "Episcopus et potestas". Vescovi e società a Mantova nella prima metà del Duecento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia del Cristianesimo e delle Chiese (antichità, medioevo, età moderna, Università degli Studi di Padova, 2005 Nicola Mancassola La gestione delle campagne tra Langobardia e Romània in età carolingia e post

  7. Esercizi di fisica meccanica e termodinamica

    Dalba, G

    2006-01-01

    La risoluzione di esercizi rappresenta uno strumento indispensabile per raggiungere una comprensione sicura e approfondita dei concetti di Fisica appresi dai corsi e dai testi di teoria. Frutto di una lunga esperienza didattica dei due autori nell'insegnamento universitario della meccanica e della termodinamica, questa raccolta contiene 188 esercizi, di cui 91 completamente risolti ed accompagnati da un ampio corredo di figure. Il peimo capitolo presenta un'introduzione ai sistemi di unità di misura, al calcolo dimensionale, all'uso corretto delle cifre significative e degli arrotondamenti, ai grafici. Gli altri capitoli contengono gli esercizi, suddivisi per argomento e preceduti da una serie di paragrafi riassuntivi dei concetti fondamentali. Criterio ispiratore di questo lavoro è l'adozione di una metodologia per la soluzione degli esercizi basata sempre sull'analisi accurata dei dati a disposizione e sul riferimento ai principi e alle leggi della Fisica, mai alla sola intuizione.

  8. La bottega di uno psicoanalista: autobiografia di un mestiere

    Andrea Menconi

    2015-12-01

    Full Text Available L'articolo vuole essere la narrazione del percorso dell'autore, dall'analisi personale alla decisione di diventare analista e alla costruzione della propria "pratica" originale. Verranno messe in luce in particolare le modalità di apprendimento del "mestiere" dell'analista attraverso la frequentazione di un maestro, inteso come colui che, proprio perché non ha nulla da dare, può fornire con la sua testimonianza uno stimolo decisivo per trovare la propria strada a chi si rivolge a lui. Per sfatare alcuni luoghi comuni e per proporre l'idea che il percorso per diventare analista affondi le sue radici nell'antica esperienza dell'"andare a bottega" e in un rapporto assolutamente "carnale" con la lettura e la scrittura della propria esperienza, unita all'incontro con numerosi compagni di viaggio, spesso inattesi.

  9. I dolori di Claudia Seeliger

    Uta Treder

    2015-01-01

    La protagonista di questo romanzo dice “io”, si confida con noi, ci conduce attraverso la sua rocambolesca vicenda tenendoci avvinti e costringendoci ad esserle complici. Più di una volta restiamo col fiato sospeso, ci sentiamo a tratti confusi e smarriti, scuotiamo la testa disapprovando le sue scelte avventate, ma non ce la sentiremmo mai di abbandonarla al suo destino. Troppo forte è la sua personalità, perfino laddove scopre il suo lato fragile, troppo coinvolgente la sua passione, troppo...

  10. Per un manuale di storia: diacronie e sincronie cronologiche. Una proposta di lavoro di storia regionale sull’Adriatico orientale

    Spazzali, Roberto

    2010-01-01

    L’autore fa inizialmente notare come le conoscenze delle rispettive storie e culture nazionali che oggi possediamo sia di carattere scolastico e fissa per lo più personaggi o fatti appartenenti alla cultura di tipo nazionale. Si tratta di un processo che comporta esclusione e oblio quindi la “non conoscenza”, da cui la necessità di una nuova percezione di cultura e storia. Di seguito passa alla considerazione delle conseguenze fondamentali di alcuni fatti storici che hanno mostrato come sia u...

  11. Identification Of Damages Of Tribological Associations In Crankshaft And Piston Systems Of Two-Stroke Internal Combustion Engines Used As Main Propulsion In Sea-Going Vessels And Proposal Of Probabilistic Description Of Loads As Causes Of These Damages

    Girtler Jerzy

    2015-04-01

    Full Text Available The article discusses damages of essential tribological associations in crankshaft and piston systems of large power two-stroke engines used as main engines, which take place during transport tasks performed by those ships. Difficulties are named which make preventing those damages impossible, despite the fact that the technical state of engines of this type is identified with the aid of complex diagnostic systems making use of advanced computer technology. It is demonstrated that one of causes of the damages is the lack of research activities oriented on recognising random properties of the loads leading to those damages. A proposal is made for the loads acting at a given time t on tribological associations in crankshaft and piston systems of internal combustion engines used as main engines to be considered as random variables Qt. At the same time the loads examined within a given time interval tr ≤ t ≤ tz would be considered stochastic processes {Q(t: t ≥ 0}. Essential properties of the loads of the abovementioned tribological associations are named and explained by formulating hypotheses which need empirical verification. Interval estimation is proposed for estimating the expected value E(Qt of the load Qt acting at time t. A relation is indicated between the mechanical load and the thermal load acting on tribological associations in the ship main engine crankshaft and piston system. A suggestion is formulated that a stochastic form of the relation between these types of load is to be searched for, rather than statistic relation, and a proposal is made to measure the intensity (strength of the stochastic relation using the Czuprow’s convergence coefficient.

  12. Simulation Calculation and Verification of Initial Injection MAP Based on Two Stroke Engine Numerical Model%二冲程发动机初始喷油脉谱图的仿真及验证

    许善珍; 魏民祥; 陈林林

    2011-01-01

    以提高某小型二冲程发动机的动力性、经济性和稳定性为研究目标,运用发动机热力学数值计算软件建立原型机数学模型,通过全负荷条件下的缸内压力示功图、总功率和燃油消耗率对模型进行验证。在此基础上计算得到进气空气质量流量,确定各工况空燃比条件下的发动机初始喷油量,获得初始喷油脉谱图,由此开发了电控燃油喷射系统。经台架试验验证,发动机运转正常。%To improve the power performance,fuel economy and reliability of a small two stroke engine,a numerical model of the prototype engine was created by utilizing the thermodynamic numerical calculation software. The model was verified by the pressure indicator diagram in the cylinder, total power and fuel consumption rate under full load conditions. Then, the air mass flow in the intake port was acquired by numerical computation, the data of the injection quantity of the engine was calcuated,and the initial injection map was obtained. Based on the map,an electronic control fuel injection system was developed. The engine bench test runs smoothly, which is the verification of the numerical model of the engine. Thus, the foundation for injection calibration of the engine has been built. The development cycle of injection system will he shortened.

  13. Effect of Inhomogeneous Mixture Properties on CI Combustion in a Schnurle-Type Gasoline DI Engine

    Kim, Seok-Woo; Moriyoshi, Yasuo

    The authors have performed experiments on compression-ignition (CI) for a single-cylinder Schnurle-type two-stroke gasoline direct injection (DI) engine which employs a variable exhaust port, area, and deduced two presumptions from the experimental results. Firstly, the spatial distributions of fuel concentration and in-cylinder gas temperature are indispensable to enable CI operation under stratified charge conditions, because CI operation is not possible in a DI system although the necessary conditions of the scavenging efficiency and the in-cylinder gas temperature for the initiation of CI in homogeneous charge conditions are satisfied. Secondly, it is possible that flame propagation occurs in stratified charge CI conditions, because the combustion period in the later stage after 80% mass burned becomes longer than that with homogeneous charge CI combustion. In this report, in order to verify the above two presumptions deduced from experiments, the gas exchange process and mixture formation process were numerically analyzed, and the initiation conditions of CI were estimated using a CHEMKIN application. As a result, in case of CI with a late injection timing in DI system, it was found that CI was possible because high temperature but no fuel region and low temperature but rich fuel region exist in the cylinder due to inhomogeneous spatial distributions of fuel and temperature. Also, in case of CI with a late injection timing, the flame propagation was possible in the low-temperature and diluted rich region. Thereby, the two presumptions deduced from the experimental results were validated from the numerical analysis results.

  14. Fertilitas Remaja di Indonesia

    Mugia Bayu Raharja

    2014-08-01

    Full Text Available Fertilitas remaja merupakan isu penting dari segi kesehatan dan sosial karena berhubungan dengan tingkat morbiditas serta mortalitas ibu dan anak. Tujuan penelitian adalah mempelajari faktor-faktor yang memengaruhi fertilitas remaja di Indonesia. Data yang digunakan adalah hasil Survei Demografi dan Kesehatan Indonesia tahun 2012 dengan unit analisis wanita usia subur yang termasuk dalam kategori usia remaja (15 - 19 tahun. Jumlah sampel sebanyak 6.927 responden. Analisis dilakukan dengan metode deskriptif dan inferensial menggunakan model regresi logistik biner. Hasil analisis menunjukkan bahwa satu dari sepuluh remaja wanita tersebut pernah melahirkan dan atau sedang hamil saat survei dilakukan; sebesar 95,2% dari remaja yang sudah pernah melahirkan, memiliki satu anak sisanya sebesar 4,8% memiliki dua atau tiga anak; sebesar 11,1% dari remaja wanita yang pernah kawin, pertama kali kawin pada usia 10 - 14 tahun. Secara statistik, terdapat hubungan yang signifikan antara kejadian fertilitas remaja dengan daerah tempat tinggal, pendidikan, status bekerja, serta tingkat kesejahteraan keluarga. Wanita berisiko tinggi mengalami fertilitas pada usia remaja adalah mereka yang tinggal di perdesaan, berpendidikan rendah, tidak bekerja dan berstatus ekonomi rendah. Rekomendasi berdasarkan hasil penelitian adalah akses ke tingkat pendidikan formal yang lebih tinggi bagi remaja wanita, penyediaan pelatihan usaha ekonomi kreatif terutama pada daerah perdesaan, peningkatan pengetahuan kesehatan reproduksi bagi remaja melalui pendidikan. Adolescent fertility is an important issue in terms of health and social care as it relates to the morbidity and mortality of mothers and children. This study aimed to know the factors that influence adolescent fertility in Indonesia. The data used was the result of Indonesian Demography and Health Survey in 2012 with units of analysis included women of childbearing age in the adolescent age group (15 - 19 years. Total

  15. KUALITAS BAHAN MAKANAN DAN MAKANAN JAJANAN YANG DIJUAL DI PASAR TRADISIONAL DI BEBERAPA KOTA DI INDONESIA

    Supraptini Supraptini

    2015-03-01

    Full Text Available Pasar tradisional merupakan fasilitas umum untuk tempat jual beli bahan makanan/ makanan jajanan yang banyak dikunjungi masyarakat . Di Indonesia terdapat sekitar 13.450 pasar tradisional dengan 12.625 juta pedagang beraktivitas di dalamnya.  Selama ini masih sering terjadi keracunan makanan di masyarakat, oleh karena itu perlu diteliti kualitas makanan/ bahan makanan yang dijajakan. Penelitian ini bertujuan mengukur kualitas makanan (bahan makanan dan makanan jajanan yang dijual di pasar tradisional. Populasi adalah pasar tradisional yang sudah pernah dibina oleh Ditjen PP-PL. Sampel diambil secara purposif dari pasar yang telah dibina, kemudian diambil pasar yang mewakili daerah Jawa (Kab.Sragen dan Bali (Kab.Gianyar karena daerah Sumatera yang tadinya akan diwakili pasar Payakumbuh tidak dapat dilakukan akibat gempa yang menghancurkan pasar tersebut. Penelitian diaksanakan buan Februari – Nvember 2010. Metode pemeriksaan cemaran bakteriologi pada sampel makanan dengan Profile Method. Pemeriksaan cemaran kimia pada sampel uji petik makanan dengan Comparation Method, dan amino antipirin method. Dari hasil pemeriksaan beberapa makanan jajanan baik di pasar yang dibina maupun belum dibina mengandung bahan pewarna Rhodamin-B pada kue mangkok merah, cenil warna merah, kue ku merah, geplak merah, roll cake merah-kuning kerupuk warna-warni, kembang goyang orange mengandung Rhodamin-B. Methanyl Yellow ditemukan pada kerupuk warna-warni. Selain itu pengawet bahan makanan formalin ditemukan pada mie kuning di pasar yang dibina. Hasil pemeriksaan bakteriologis E. coli dan Coliform pada semua sampel daging negatif, tetapi ada beberapa sampel total mikroba positif antara 104 sampai dengan 107, yang artinya masih ada pencemaran mikroba lain selain E. coli dan Coliform. Kualitas air bersih yang digunakan di sebagian besar pasar tradisional masih memenuhi persyaratan Permenkes No.41/1999. Kesimpulan : Beberapa bahan makanan dan makanan jajanan yang dijual

  16. Manuale di esercizi in fisica delle particelle

    Cartiglia, Nicolo

    2015-01-01

    Questi esercizi nascono come raccolta delle esercitazioni preparate per il corso in Fisica delle particelle" tenuto dalla prof.ssa R. Cester all'università di Torino e quelle per il corso in Particle Physics offerto all'Universita della California (UCSC) dal prof. A. Seiden. Durante gli anni del corso, il numero e gli argomenti trattati nei problemi sono cresciuti fino a far diventare questa collezione uno strumento a se stante, utile per la preparazione sia di esami che di prove di dottorato. Il livello di difficoltà dei problemi varia da elementare a decisamente complessi, per offrire un'ampia possibilita di scelta. Gli argomenti affrontati negli esercizi seguono quelli del corso base in Fisica delle particelle, mentre non si trovano esercizi avanzati di QCD e teoria elettrodebole. Una breve introduzione teorica permette di rivedere i concetti di base, mentre la bibliografia riporta una collezione di testi che servono per gli approfondimenti.

  17. ATLANTE ON-LINE DI GEOGRAFIA: FACILITAZIONE DI TESTI

    Cristina Baccella

    2015-02-01

    Full Text Available Al centro di questo lavoro vi è la proposta di un intervento di facilitazione su un testo di geografia contenuto nell'Atlante online Unimondo, un sito che si rivolge a studenti delle scuole primarie e secondarie. Obiettivo di questo lavoro è individuare quelle che sono in generale le criticità dei testi disciplinari e gli ostacoli che essi pongono dinnanzi a uno studente straniero (e non solo, proponendo in seguito alcuni interventi didattici mirati ad accompagnare il discente nella comprensione del testo e nello sviluppo della lingua dello studio. Dopo aver presentato brevemente le due opzioni della semplificazione e della facilitazione e aver fatto alcune considerazioni sulla preferibilità dell’una piuttosto che dell’altra, si è preso in esame il testo in questione. Ad una dettagliata analisi linguistica delle principali difficoltà ivi contenute, segue la proposta di un percorso di facilitazione mediante attività tese a permettere allo studente un approccio di successo con il testo autentico. Obiettivo della proposta è presentare un modello applicabile ad altri testi dello stesso tipo, mirato allo sviluppo da parte dello studente di una sempre maggiore consapevolezza circa i propri processi cognitivi e le strategie di lettura che può mettere in atto, puntando verso una sempre maggiore autonomia.   Online Geography Atlas: facilitation of texts This paper focuses on the proposal to facilitate use of a geography text contained in the online Unimondo Atlas. This site caters to primary and secondary school students. This paper aims to identify the critical aspects of disciplinary texts and the obstacles they pose to foreign students (and not only, proposing some educational interventions aimed at accompanying the student in understanding the text and in developing the language of study. After a brief presentation of two ways to simplify and facilitate the materials, and a discussion of how one or the other might be preferable, we

  18. Profil Merokok pada Pelajar di Tiga SMP di Kota Padang

    Yessy Susanti Sabti

    2015-09-01

    Full Text Available Abstrak   Merokok merupakan kontributor utama kematian.  Jumlah perokok semakin meningkat di seluruh dunia dan sebagian besar berada dinegara berkembang, termasuk Indonesia. Sebagai negara dengan perokok terbanyak ketiga di dunia, prevalensi perokok remaja di Indonesia semakin meningkat setiap tahun. Dengan menggunakan kuesionerGlobal Youth Tobacco Survey, kami meneliti profil merokok pada pelajar di tida SMP di kota Padang. Desain peneitian adalah crossectional. Data diperoleh dari kuesioner Global Youth Tobacco Survey, berbahasa Indonesia. Didapatkan sampel 240  murid dari 3 SMP dipilih secara acak di Kota Padang. Hasil : 27,7% murid pernah merokok, dan semuanya adalah laki-laki. 29%  mencoba rokok pada usia kurang dari 10 tahun. 37%  murid masih merokok sampai sekarang, 46% diantaranya sudah ketagihan rokok. Sebanyak 77,1% murid yang pernah merokok mempunyai orang tua perokok. Sebagian besar dari total sampel terpapar asap rokok lingkungan baik di rumah dan di tempat-tempat umum. Kesimpulan: Lebih dari seperempat pelajar di tiga SMP di kota Padang pernah merokok dan semuanya laki laki, dan mencoba merokok padausia kurang dari 10 tahun. Hampir seperlima sudah ketagihan merokok.Kata kunci: Pelajar, Merokok, Global Youth Tobacco SurveyAbstract Smoking is the mayor contibutor of death, and the number of smoker is growing overworld. More of them live in the developing country, including Indonesia. As the third of most smoker number, the teenager smoker prevalence in Indonesia is increase over year. By using Indonesian language adapted of Global Youth Tobacco Survey quessionaires, we researched smoking teenager behaviour and realted factors at Junior High School of Padang. Design of study is crossectional, datas collected from 240 students of three randomized selected Junior High School, by  Global Youth Tobacco Survey quessionaires that has adapted to Indonesian language. Results : 27,7% of students reported that they ever smoked cigarettes

  19. Un improbabile precursore di Gutenberg?

    Antonio Sartori

    2010-03-01

    Full Text Available The reconsideration of the small silver foil epigraph of the so called “Tesoro di Marengo” clarly demonstrates that the inscription has been made not “per mezzo di punzoni e stampi”, as proposed by the first publisher and never more discussed, but using a deep-drawing technique applied to the upper side, which the succeeding phases of deepening, rethink, corrections to many imperfections can be followed of.

  20. DI Diesel Performance and Emissions Models

    2007-11-02

    homogeneous charge compression ignition or HCCI . The use of HCCI as a distinct, controlled engine operating mode was suggested over twenty years...ago by Onishi et al. (1979) and Noguchi et al. (1979) for use in two-stroke gasoline engines . Initial studies using HCCI in four-stroke engines were...depending on the operating conditions. Engines operated in HCCI mode have the potential to provide better fuel economy and emissions than

  1. EGNOS: è ora di usarlo

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  2. SVILUPPO DI SOLUZIONI SOFTWARE PER LA SISMOLOGIA

    Lanucara, Piero; Ruggiero, Vittorio; Zampini, Stefano; Ferraro, Luca

    2012-01-01

    Sviluppare soluzioni software per la sismologia è diventato, ormai, indispensabile per comprendere i complessi fenomeni che regolano il funzionamento del sistema Terra, come ad esempio: lo studio degli effetti di Sito che consentono di caratterizzare con estrema precisione l’impatto in superficie di un terremoto potenzialmente distruttivo; la derivazione di modelli per lo studio della deformazione cosismica prodotta da grandi terremoti; le simulazioni dirette per il calcolo dei campi di defor...

  3. LE SESSE DEL LAGO DI VICO

    g. pannocchia

    1951-06-01

    Full Text Available Nel presente lavoro si determinano con i metodi di Defant e diHidaka i periodi delle sesse nni-bi e tri-nodale del lago di Vico, lerelative distanze dei nodi e le curve rappresentanti l'andamento delleampiezze di oscillazione con i metodi detti. Con il metodo indicatoda Neumann si determina di nuovo il periodo della sessa uni-nodale.

  4. BUDIDAYA LOBSTER (Panulirus sp. DI VIETNAM DAN APLIKASINYA DI INDONESIA

    Akhmad Mustafa

    2013-12-01

    Full Text Available Desa Xuan Tun di Kecamatan Van Ninh Kota Nha Trang Provinsi Khanh Hoa merupakan lokasi pertama kegiatan budidaya lobster di Vietnam yang dilakuan pada tahun 1992. Secara umum di Kota Nha Trang, ada tiga jenis lobster yang dibudidayakan yaitu lobster mutiara (Panulirus ornatus, lobster pasir (Panulirus homarus, dan lobster batik (Panulirus longipes, karena benih lobster tersebut mudah didapat pada awalnya, cepat tumbuh, berukuran besar, warna cerah, dan memiliki harga yang tinggi. Kegiatan budidaya lobster pada dasarnya terdiri atas: penangkapan benih lobster, produksi tokolan lobster, dan pembesaran lobster yang masing-masing merupakan segmen usaha tersendiri. Pakan yang digunakan dalam produksi tokolan dan pembesaran lobster adalah berupa udang, kerang, tiram, cumi-cumi, dan ikan rucah, di mana sebagian besar dari pakan tersebut digunakan ikan rucah terutama pada pembesaran lobster. Sebagai akibat penggunaan pakan tersebut dan peningkatan jumlah keramba jaring apung yang cukup signifikan berdampak pada penurunan kualitas perairan yang memicu berkembangya penyakit susu (milky haemolymph disease sehingga terjadi penurunan produksi. Terkait dengan hasil yang didapatkan tersebut, ke depan diperlukan berbagai kegiatan termasuk untuk dapat diaplikasikan di Indonesia. Kegiatan tersebut meliputi: produksi benih lobster secara buatan di hatcheri dan penggunaan pakan buatan berupa moist pellet. Upaya pencegahan penyakit susu dan perlakuan-perlakuan praktis untuk mencegah perkembangan serangan penyakit susu juga perlu mendapat perhatian. Perkembangan budidaya lobster yang begitu cepat memicu terjadinya penurunan daya dukung lahan. Oleh karena itu, kegiatan untuk menentukan daya dukung lahan dan kesesuaian lahan menjadi penting untuk dilakukan untuk menentukan lokasi dan jumlah keramba jaring apung yang dapat dioperasikan. Penentuan daya dukung lahan dan evaluasi kesesuaian lahan tidak hanya dilakukan pada daerah yang

  5. Il restauro di Casa d’Annunzio nei disegni di Antonino Liberi (1921-1929

    Pasquale Tunzi

    2015-01-01

    Full Text Available Il desiderio del poeta Gabriele d’Annunzio di rinnovare la sua casa natale in Pescara con un intervento di ‘re - styling’, fu affrontato nel 1921 dal cognato l’ingegnere Antonino Liberi, progettista di numerose opere. Perl’antica casa, bisognosa di interventi di manutenzione straordinaria alquanto urgenti, l’ingegnere propose una serie di modifiche interne utili a migliorare la vivibilità degli ambienti, ma anche due soluzioni di facciata che ne avrebbero modificato radicalmente l’aspetto. Il presente saggio intende affrontare, più che gli interventi programmati sulla casa, il modo di comunicare il progetto di restauro dell’ingegnere Liberi, considerando la grafica, le scale delle rappresentazioni, il metodo progettuale. Di supporto sono i documenti depositati presso l’Archivio del Vittoriale degli Italiani e l’Archivio di Stato di Pescara

  6. AUTOBIOGRAFISMO E DIALOGO FILOSOFICO: IL CASO STORIOGRAFICO DE LA FESTA DI NATALE DI FRIEDRICH SCHLEIERMACHER

    Francesca D'Alberto

    2014-01-01

    Full Text Available Die Weihnachtsfeier. Ein Gespräch di Friedrich Schleiermacher è uno degli esempi più interessanti di come, nel romanticismo, forma letteraria, contesto vitale e autobiografico, tesi filosofiche costituissero un complesso unitario e spesso di difficile interpretazione. Nel caso del dialogo schleiermacheriano sul Natale è possibile distinguere due livelli di lettura storiografica: uno, rivolto soprattutto al contesto, consente di identificare i riferimenti biografici e l'ambiente reale a cui allude l'autore; un secondo, strettamente legato al primo, ma non necessariamente riducibile ad esso, ha invece un valore, per così dire, "autointerpretativo". Alla luce di questo secondo livello di lettura, questa breve opera di Schleiermacher mostra di essere ben più di uno scritto occasionale per il Natale del 1806. Esso nasconde e rivela al contempo, nelle trame di un gioco di rimandi e allusioni biografiche, la volontà...

  7. I ministri di culto delle confessioni religiose di minoranza: problematiche attuali

    Matteo Carnì

    2015-06-01

    SOMMARIO: 1. I ministri di culto nell’ordinamento giuridico italiano - 2. I ministri di culto delle confessioni religiose dotate di intesa - 2.1. (segue L’individuazione dei ministri di culto - 2.2. (segue L’assistenza spirituale nelle strutture segreganti - 2.3.(segue Il matrimonio celebrato dai ministri di culto - 2.4 (segue Problematiche attinenti ai ministri di culto buddhisti – 3. I ministri di culto delle confessioni prive di intesa - 3.1. (segue In attesa della legge di approvazione: i ministri di culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova - 3.2. (segue Islam e ministri di culto - 4. Osservazioni conclusive.

  8. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available

    Report of PhD Dissertations.

    Massimo Della Misericordia

    Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003

     

    Mariano Dell’Omo

    Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004

     

    Giulia Lorenzoni

    Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004

     

    Federica Monteleone

    Il viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo

     

    Francesca Pucci Donati

    Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004

    Alberto Ricciardi

    L’Epistolario di Lupo

  9. L’Oratorio di Santa Croce di Borutta

    Daniele Fadda

    2014-06-01

    Le fonti, che testimoniano l’antico utilizzo della struttura in qualità di parrocchiale del paese intitolata a Santa Maria Maddalena, riportano la predilezione che gli ultimi vescovi di Sorres mostrarono verso la chiesa boruttese all’indomani della decadenza della villa e della sede episcopale di Sorres The Oratorio of Santa Croce is in the old town of Borutta (Sassari, ITALY. The church dates from the eleventh century - according to archaeologist. Inside the structure there are an interesting apse, Catalan gothic elements, painted cross of consecration and painted wooden furniture, in particular a simulacrum of the dead Christ. Historic documents reveal the original use of this church as the ancient parish of Borutta, but it played some way the role of cathedral after the decline of the original episcopal seat.

  10. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    Vittorio Brizzi

    2006-06-01

    Full Text Available Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si può ipotizzare che si tratti di una cuspide destinata ad una freccia per la caccia, utilizzabile da un arco efficiente e forte.

  11. L'amicizia negli scritti di Aelredo di Rievaulx. Una conoscenza puntiforme

    Lorenzo Braca

    2010-06-01

    Full Text Available L'amicizia, per il cistercense inglese Aelredo di Rievaulx (1110-1167, rappresenta il principale veicolo di conoscenza divina: la fusione dello spirito di due amici è il primo gradino di una scala di perfezione che conduce all'unione con Dio. Secondo alcuni storici, però, alla base della sua teologia starebbe il bisogno di canalizzare una mal sofferta pulsione sessuale. Questo articolo analizza la teologia di Aelredo come dottrina della conoscenza raggiunta attraverso l'amore e discute la possibilità di trovare nei suoi scritti segni del suo orientamento sessuale.

  12. Studio del comportamento di Acanthamoeba. polyphaga in presenza di Legionella pneumophila e di altri batteri ad habitat acquatico

    M. Bondi

    2003-05-01

    Full Text Available Le amebe a vita libera sono state oggetto di diversi studi negli ultimi anni, non solo per le loro potenzialità patogene nei confronti dell’uomo, ma anche per l’importante ruolo che svolgono in natura, dove agiscono come predatori in grado di controllare le popolazioni batteriche. Alcuni degli organismi fagocitati però possono evitare la lisi fagosomiale e mantenere la loro condizione vitale a livello intracellulare, divenendo endosimbionti. Le amebe fungono così da riserva per questi batteri, proteggendoli da difficili condizioni extracellulari e provvedendo ad un ambiente consono alla loro replicazione. Tale tipo di interazione è particolarmente studiata in Legionella pneumophila, dal momento che l’ampia diffusione di questo germe, nonché la sua virulenza, pare siano fortemente influenzate dalla capacità di parassitare protozoi appartenenti ai generi Acanthamoeba, Naegleria e Balamuthia. Al fine di ottenere maggiori informazioni sui fattori favorenti o inibenti lo sviluppo di questi protozoi, è stato studiato il comportamento di un ceppo di Acanthamoeba polyphaga coltivato, in solido e in liquido, in associazione con L. pneumophila ed altri batteri ad habitat acquatico (Pseudomonas, Aeromonas, Achromobacter, Burkholderia. Su tappeti di cellule batteriche allestiti in Non Nutrient Agar (NNA, A.polyphaga si è mostrata in grado di moltiplicarsi utilizzando come nutrimento tutti i ceppi testati, nonostante alcuni, come Burkholderia cepacia SSV6 e Achromobacter xylox SS28, risultino più idonei al suo sviluppo. In piastre a pozzetti addizionate di acqua condottata autoclavata, il protozoo ha mostrato una buona capacità di sopravvivenza, non risultando inoltre influenzato dalla presenza di legionella o dei batteri acquatici testati. Dal momento che, fra i batteri descritti come capaci di vita intra-amebica, sono inclusi patogeni quali Chlamydia, Legionella, Listeria e Rickettsiae, risulta necessario riconsiderare la rilevanza clinica

  13. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con

  14. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  15. Sepino, Altilia, loc., edificio di culto

    Scocca, Valeria

    2015-01-01

    Lungo il decumano massimo, accanto al macellum, si trova una struttura di carattere pubblico che è possibile annoverare tra gli edifici di culto in ragione di alcune sue caratteristiche, nonostante sussistano margini di incertezza circa la sua effettiva destinazione d’uso (figg. 83.6 e 95). Fig. 83 Sepino, località Altilia. Pianta di Saepinum (rielab. da La dea, il santo, una terra 2004): 1. Porta Tammaro, 2. Teatro romano, 3. Cardo, 4. Terme, 5. Porta Bojano, 6. Edificio di culto, 7. Capito...

  16. Studio di prevalenza delle polmoniti in un'Azienda opsedaliera di Bologna

    E. Leoni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: nell’ambito di un progetto di sorveglianza attiva dei casi di polmonite da legionella, è stata studiata la prevalenza di tutti i casi di polmonite ricoverati in un ospedale di Bologna, allo scopo di definirne la distribuzione per origine (comunitaria o nosocomiale, eziologia, caratteristiche individuali e di confrontarle con le polmoniti da legionella.

    Metodi: per ogni caso con diagnosi clinica e/o radiologica di polmonite è stato compilato un questionario, raccogliendo le informazioni dalle cartelle cliniche. Tutti i casi di polmonite non specificata sono stati inoltre sottoposti al test per la ricerca dell’antigene di legionella nelle urine.

  17. Studio di prototipo di calorimetro per neutroni per l'esperimento ALICE

    Arnaldi, R; Cicalò, C; Cortese, P; De Falco, A; Dellacasa, G; De Marco, N; Gallio, M; Macciotta, P; Masoni, A; Musso, A; Oppedisano, C; Piccotti, A; Puddu, G; Scomparin, E; Siddi, S; Serci, E; Soave, C; Usai, G L; Vercellin, Ermanno

    1999-01-01

    ALICE e uno dei quattro esperimenti previsti ad LHC, al CERN, il cui scopo e lo studio delle osservabili che danno informazioni rilevanti sulla formazione del quark gluon plasma, che potrebbe essere prodotto in collisioni centrali Pb-Pb, di energia nel centro di massa di 5.5 A TeV.Il parametro di impatto di tali collisioni verra determinato grazie ad un insieme di calorimetri per protoni e neutroni che misureranno l'energia portata in avanti dai nucleoni non interagenti(spettatori).E' stato costruito un prototipo di calometro per neutroni, formato da piani di fibre di quarzo, posti a 45 gradi rispetto all'asse del fascio e inframmezzati da piani di materiale passivo denso(tungsteno). La luce Cerenkov prodotta nelle fibre dallo sciame sviluppato nel materiale passivo,viene raccolta da guide ottiche in aria.Verranno presentati i rilustati di un test previsto al CERN SPS per il luglio 1999.

  18. Storie di piante, di ricerca e di persone nella rappresentazione documentaristica e audiovisiva contemporanea

    Antonella Testa

    2013-11-01

    Full Text Available E’ noto che, ben prima dell’esordio con le pubbliche proiezioni del 28 dicembre 1895 aParigi, il cinema aveva già mosso i suoi primi passi. A dispetto di una storia che l’haconsacrato ai più come mezzo di intrattenimento, quei primi passi erano all’insegnadel supporto alla ricerca scientifica. Il capitolo più conosciuto di questa pre-storia èforse quello degli studi sulla dinamica delle zampe di un cavallo in corsa che ha fatto lafortuna del fotografo Eadweard J. Muybridge e ha persino guadagnato una copertinadi Scientific American nell’ottobre 1878. Ma dall’astronomia alla fisiologia, dallamedicina alla matematica gli esempi non si contano. In botanica, a cavallo tra ‘800 e‘900, Wilhelm Pfeffer in Germania applicò per la prima volta la ripresa intervallata allostudio delle piante: è così che movimenti difficilmente percepibili dall’occhio umanopotevano essere osservati e, soprattutto, registrati. In pochi istanti si rivelava all’occhiodello studioso la storia – lunga giorni, mesi, anni – della crescita di una pianta.

  19. FOTOGRAFIA DI STRUMENTI MUSICALI METODO DI DOCUMENTAZIONE QUOTIDIANO E PROVE ELEMENTARI DI FILOLOGIA DIGITALE

    Emanuele Marconi

    2012-04-01

    Full Text Available

    Il restauro virtuale, inteso come manipolazione 2d di un’immagine attraversoprogrammi di grafi ca o elaborazione digitale, può essere, in alcuni casi, unvalido aiuto per la ricerca ontologica per ottenere una visione di insieme diun'opera prima di un intervento di restauro o per ricostruire parti che non sonopervenute. In alcuni casi la manipolazione dell’immagine diviene un supporto perla ricerca organologica.

     

    Digital photo of musical instruments

    Digital photography is a great support in musical instruments conservation forms filling. Video documentation, still not much used, contributes a great amount of details that doesn’t written text or still images. Digital image manipulation,or virtual restoration (defined as the manipulation of 2D image through digital imaging processing, in some cases can be a great help to get a fi rst overview of a restoration, or to reconstruct parts of an artwork that are missed. Some case studies are presented, showing differents application ofsimple techniques to on the field activities regarding musical instruments.

  20. Elementi di management dei programmi spaziali

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  1. PENGEMBANGAN MODUL KEWIRAUSAHAAN DI SMK

    Wening Patmi Rahayu

    2016-02-01

    Abstrak: Pengembangan Modul Kewirausahaan di SMK. Penelitian ini bertujuan untuk menghasilkan modul kewirausahaan SMK yang siap pakai. Penelitian pengembangan dilakukan di empat SMK negeri dan swasta, kabupaten dan kota Malang dalam dua tahap. Hasilnya menunjukkan bahwa modul kewirausahaan untuk siswa dan panduan pembelajaran kewirausahaan untuk guru kelas satu dan kelas dua SMK telah siap pakai, karena memenuhi unsur  efektif, efisien, layak, individualized, dan aplicable. Modul dan panduan ini dapat digunakan sebagai salah satu media peningkatan kemampuan guru pengajar mata diklat kewirausahaan, dan sebagai salah satu metode pembelajaran modular yang sesuai dengan tuntutan kurikulum.

  2. Un prete colpevole di genocidio?

    Paolo Moneta

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. La sentenza di condanna del Tribunale internazionale per il Ruanda - 2. Il conflitto etnico nel Ruanda ed il genocidio dei Tutsi. La costituzione del Tribunale internazionale - 3. L’eccidio nella chiesa di Nyange ed il comportamento del responsabile della parrocchia - 4. Inquadramento giuridico dei crimini commessi e commisurazione della pena - 5. Le perplessità suscitate dalla sentenza e l’originario impianto accusatorio contro il sacerdote - 6. La Chiesa cattolica, il Sinodo dei vescovi per l’Africa ed il cristianesimo nelle popolazioni africane.Ora pubblicato in Il Diritto ecclesiastico, Casa Editrice Giuffrè, 2006, I,  pp. 18 - 38.

  3. Definizione di un modello di prioritá clinica per la gestione dei tempi e delle liste di attesa

    L. Bruno

    2003-05-01

    Full Text Available La gestione dei tempi di attesa, per la complessità dei determinanti che vi concorrono, costituisce una delle criticità del SSN frequentemente affrontata come un’emergenza. Per individuare soluzioni appropriate, garantendo tempi di attesa non tanto brevi quanto certi e adeguati al bisogni clinici, la Regione Lazio recependo gli indirizzi nazionali ha dato mandato ai Direttori Generali di definire e realizzare un’azione di governo clinico, che adegui l’offerta al bisogno reale. A tal fine la ASL Roma E ha progettato il presente studio pilota per la definizione di un modello di sperimentazione di priorità clinica, focalizzato su alcune prestazioni ambulatoriali critiche e sulle patologie oncologiche della mammella, del polmone e dell’apparato gastroenterico. Materiali e metodi: è stato costituito un gruppo di Progetto multidisciplinare per il coordinamento, il monitoraggio e la valutazione dello studio che ha coinvolto i medici prescrittori (MMGG e specialisti ambulatoriali, i medici dei Presidi ospedalieri, i Distretti, il CUP. In considerazione dell’estensione del territorio della ASL, della elevata densità di popolazione, della distribuzione dei presidi erogatori, la sperimentazione è stata circoscritta ad un ambito territoriale ristretto, corrispondente a quello del Municipio XVII. Sono stati arruolati 24 MMGG, individuati fra quelli inseriti in forme associative, con una popolazione di circa 30.000 assistiti. Sono state coinvolte sei strutture a gestione diretta insistenti nel Municipio. È stato previsto l’adattamento della procedura informatica di prenotazione, il coinvolgimento e la formazione degli operatori interni ai reparti ospedalieri interessati e del personale addetto al front - office. Risultati: definizione dei criteri clinici di arruolamento nelle classi di prioritarizzazione delle prestazioni ambulatoriali e delle patologie oncologiche con esplicitazione della graduazione del bisogno clinico. Creazione di un

  4. BIODIVERSITAS IKANKARANG DI PERAIRANTAMANNASIONALKARIMUNJAWA, JEPARA

    Yayuk Sugianti

    2016-03-01

    Full Text Available Taman Nasional Karimunjawa merupakan salah satu kawasan pelestarian alamdi Kabupaten Jepara, dikelola dengan sistemzonasi yang dapat dimanfaatkan untuk tujuan penelitian, ilmu pengetahuan, pendidikan,menunjang budidaya, pariwisata dan rekreasi. Terumbu karang dan komunitas ikannyamerupakan ekosistemyang kompleks dengan keanekaragaman hayati yang tinggi. Penelitian ini bertujuan untukmengetahui kelimpahan dan biodiversitas ikan karang yang tersebar di zona inti, zona perlindungan dan zona pemanfaatan Taman Nasional Karimunjawa, Jepara. Penelitian dilakukan dengan metode transek 2,5 meter x 2,5 meter. Pencatatan jenis dan penghitungan ikan menggunakan metode sensus visual. Hasil yang diperoleh dari pengamatan ikan karang di zona inti, zona perlindungan dan zona pemanfaatan adalah ditemukannya 10 famili dengan 59 spesies dan 1369 individu ikan karang di ketiga lokasi penelitian, dengan rincian ikan karang di zona inti ditemukan 9 famili, 25 spesies dan 491 individu, di zona perlindungan terdapat 6 famili, 29 spesies dan 370 individu ikan karang dan terakhir di zona pemanfaatan ditemukan 5 famili, 27 spesies dan 508 individu ikan karang. Distribusi jenis ikan karang di zona perlindungan dan zona pemanfaatan lebih tinggi dibandingkan dengan di zona inti. Tingginya jumlah jenis ikan karang di zona perlindungan dan zona pemanfaatan dikarenakan bervariasinya habitat yang terdapat di terumbu karang. Kelimpahan spesies ikan karang tertinggi di tiga lokasi penelitian adalah Pomacentrus alexanderae sebesar 222 ind/m2. Karimunjawa National Parks is one of nature conservation area in the district of Jepara, which is managed by the zoning system can be utilized for the purpose of research, science, education, culture, tourism and recreation. Coral reefs and fish communities is a complex ecosystem with high biodiversity. The aims of this study is to determine abundance and biodiversity of reef fish species are scattered in the core zone

  5. TINGKAT KEMATANGAN MANAJEMEN PROYEK: SURVEI DI BEBERAPA TEMPAT DI INDONESIA

    Achmad Fuad Bay

    2005-01-01

    Full Text Available This paper presents the results of a pilot survey aimed at ascertaining the level of project management maturity in Indonesian companies. Kerzner’s Level 2 assessment tool was used, which basically assesses maturity levels throughout the various phases of an organization’s project management life cycle. This study compare maturity of current situation and expectation of 70 respondents working in 6 different types of organizations in Indonesia. Differences were identified between types of organisations, with the Financial Institutions, Consultants and Manufacturers belonging to a group with higher current maturity scores, while Consultants, Manufacturers and Service Providers belonging to a group with higher expected future maturity scores. There were no significant differences between the results for the various stages of the project life cycle. The results indirectly confirm that the organisations of the participants of the survey are less effective/excellent than they could be. Abstract in Bahasa Indonesia : Makalah ini menyajikan hasil survei awal yang bertujuan untuk menentukan tingkat kematangan perusahaan-perusahaan di Indonesia dalam menggunakan metodologi manajemen proyek. Alat ukur yang digunakan adalah Kerzner Tingkat 2, yang mengukur tingkat kematangan melalui berbagai tahapan dari siklus manajemen proyek sebuah organisasi. Studi ini membandingkan tingkat kematangan saat ini dan harapan di masa mendatang terhadap 70 responden yang bekerja di enam jenis organisasi di Indonesia. Hasil survei menunjukkan adanya perbedaan antara berbagai jenis organisasi. Institusi financial, konsultan dan industri barang termasuk dalam kelompok yang nilai kematangannya lebih tinggi untuk kondisi saat ini, sedangkan konsultan, industri barang dan industri jasa termasuk kelompok yang mengharapkan kematangan lebih tinggi di masa mendatang. Tidak ada perbedaan yang signifikan antara tingkat kematangan pada berbagai tahapan pada siklus proyek. Hasil

  6. Epidemiologia molecolare di Listeria monocytogenes: genotipizzazione, sierotipizzazione molecolare e analisi dei profili di espressione di geni implicati nei meccanismi di patogenesi e virulenza

    Vitullo, Monia

    2012-01-01

    Listeria monocytogenes è un patogeno intracellulare responsabile di severe infezioni caratterizzate da un elevato tasso di letalità, soprattutto in soggetti con deficit del sistema immunitario. Data la diffusa presenza e l’estrema variabilità nella virulenza dei ceppi, molteplici tecniche molecolari sono utilizzate per individuare le differenze esistenti all’interno della specie. In questo studio, 250 ceppi di L. monocytogenes di differente origine sono stati caratterizzati mediante single En...

  7. Principi generali di gestione della manutenzione

    Furlanetto, Luciano; Macchi, Marco

    2006-01-01

    In questo volume vengono fornite le premesse per il superamento della tradizionale visione della manutenzione, quale inevitabile accidente e costo da ridurre, a favore di un'immagine culturale innovativa in cui la manutenzione consente un superamento del modello consumistico delle sostituzioni verso una ecosostenibilità del patrimonio di impianti e infrastrutture. Sulla base di queste premesse, ci si rivolge a manager, imprese, studiosi e studenti del campo dei servizi di manuntenzione.

  8. Transisi Demografi di Indonesia; Seabad ?

    Dr. Kemal N. Siregar

    2012-09-01

    Full Text Available Transisi demografi adalah proses perubahan kematian dan kelahiran yang berlangsung dari tingkatan yang tinggi ke tingkatan yang rendah dalam suatu kurun waktu pada masyarakat tertentu. Transisi ini muncul dengan terjadinya banyak perubahan di masyarakat, diantaranya adalah perubahan sosio-ekonomi yang berhubungan timbal balik dengan kesehatan.

  9. "Ho voglia di te." Proposta di traduzione in islandese, con analisi, di un brano tratto dal romanzo di Federico Moccia

    Hanna Lára Kristjánsdóttir 1983

    2010-01-01

    Þýðing á hluta úr "Ho voglia di te" sem er unglingabók eftir Federico Moccia. Í ritgerðinni koma fram nokkrar helstu kenningar í þýðingafræði ásamt umfjöllun um helstu vandamálin sem komu fram við þýðinguna.

  10. La ragione flessibile di Giovanni Bottiroli

    Elio Franzini

    2013-12-01

    Full Text Available Recensione a Giovanni Bottiroli, La ragione flessibile. Modi d’essere e stili di pensiero. Torino: Bollati Boringhieri, 2013. Sulla possibilità di una «logica della flessibilità» (Bottiroli ovvero di una «logica che segua la vita» (Franzini. 

  11. Le narrazioni come metodo di indagine sociologica

    Rita Bichi

    2012-04-01

    Full Text Available L'incontro trentino ha dimostrato l'interesse crescente dei giovani sociologi per lo sviluppo dei metodi narrativi e la capacità che questi hanno di essere efficaci nell'analisi di svariati temi, dai racconti di malattia alle narrazioni identitarie, dallo studio di lavoro e organizzazioni a quello delle migrazioni, di genere e memoria. Tuttavia, l'interesse della sociologia italiana va visto in un quadro di sviluppo più ampio a livello europeo e americano dove, a partire dagli anni '90, l'intervento di alcuni autori come Lyotard, Bruner e Macintyre, ha sancito quella che alcuni autori hanno definito svolta narrativa. La sociologia, infatti, tende sempre più a valorizzare la narrazione come processo di conoscenza peculiare che è attivato costantemente nella vita quotidiana; la "rivoluzione" risiede nel fatto che la narrazione diventa oggetto della sociologia e la disciplina stessa valorizza il suo uso sia come strumento di indagine scientifica, sia come modo di conoscere che come modo di comunicare, rivendicando la legittimità scientifica all'ascolto della parola diretta degli individui coinvolti all'interno delle ricerche di stampo sociologico.

  12. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    Vittorio Brizzi

    2006-01-01

    Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena) è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si...

  13. Le storie di vendetta come racconti di formazione nel cinema americano post 11 settembre

    Silvia Ciarpaglini

    2006-09-01

    Full Text Available L’abuso d’informazioni ansiogene nei sistemi democratici, al fine di controllare l’emotività dei cittadini e d’impedirne comportamenti critici, ha evidenziato l’importanza di un sentimento quale la paura nell’educazione umana. Le storie di riscatto ed emancipazione che il cinema ha raccontato negli ultimi anni si sono fatte carico di questo limite imposto svelandone il tranello e mostrando allo spettatore protagonisti consapevoli, liberi dalla paura, tesi alla salvaguardia della propria autonomia e possibilità di scelta, piuttosto che alla rigida difesa di una presunta identità. La lettura di questi film come novelli romanzi di formazione ha messo in luce alcuni luoghi comuni della narrazione, ma allo stesso tempo ha così segnato l’attualità, in tempi di guerra globale, del problema di uno sviluppo più cosciente del sé.

  14. 15th Incontri di Fisica delle Alte Energie

    2016-01-01

    La XV Edizione di IFAE - Incontri di Fisica delle Alte Energie - si terrà presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova L'edizione 2016 comprenderà numerose sessioni dedicate alla discussione degli aspetti di maggiore interesse attuale e di prospettiva nella fisica delle alte energie.

  15. In pluribus unum? Sul concetto di integrazione nei processi di cura

    2011-01-01

    Lo sforzo nel cercare di integrare le varie forme di cura, in medicina e in psicoterapia, sembra essere ormai prevalente su quello, più vecchio anche se non estinto, del differenziarle. Oggi si dà per lo più per scontato che integrare sia bene, differenziare sia male. Fioriscono scuole e centri di medicina integrata, di psicoterapia integrata, di approcci olistici (il termine olistico e quello integrato talvolta appaiono usati, scorrettamente, come sinonimi).

  16. Modulazione del differenziamento osteogenico di precursori mesenchimali umani per applicazioni di ingegneria tissutale

    2012-01-01

    Lo scheletro è un tessuto dinamico, capace di adattarsi alle richieste funzionali grazie a fenomeni di rimodellamento ed alla peculiare proprietà rigenerativa. Tali processi avvengono attraverso l’azione coordinata di osteoclasti ed osteoblasti. Queste popolazioni cellulari cooperano allo scopo di mantenere l’ equilibrio indispensabile per garantire l’omeostasi dello scheletro. La perdita di tale equilibrio può portare ad una diminuzione della massa ossea e, ad una maggiore suscettibilità all...

  17. La gestione dei flussi turistici tramite sistemi di trasporto innovativi: l’esempio di Perugia

    Leonardo Naldini

    2010-10-01

    Full Text Available La città di Perugia ha, fin dagli anni ’70, unito alla sua capacità di attrazione turistica, dovuta al patrimonio storico ambientale plurimillenario, una volontà di affrontare il tema della mobilità urbana in maniera profondamente innovativa ed ambientalmente sostenibile. Il concetto della creazione di parcheggi di attestazione, serviti da percorsi meccanizzati di risalita verso l’acropoli, è stato recentemente ampliato dalla creazione del Minimetro, mezzo di trasporto innovativo, dal ridottissimo impatto ambientale, che unisce in soli 12 minuti, con un servizio semicontinuo, l’area di valle di Pian di Massiano, dotata di un capace parcheggio da circa 2800 posti auto, al centro cittadino, servendo diversi quartieri urbani. Tale sistema di trasporto, corridoio forte del trasporto pubblico urbano, ha fornito lo spunto per attuare una nuova modalità di gestione dei flussi turistici, che individua nel Minimetro la modalità principale di accesso al centro storico sia per i gruppi a numero ridotto, sia per i gruppi organizzati in arrivo con i bus turistici. L’organizzazione della mobilità turistica che ne è derivata costituisce un ulteriore passo in avanti lungo quell’itinerario di gestione della città che cerca di coniugare l’attrattiva turistica, con le sue ricadute in termini di crescita economica, e la salvaguardia del patrimonio storico artistico e della qualità della vita dei cittadini. Gli scenari futuri vedono un’iniezione di tecnologia in questo contesto, con l’introduzione nella gestione dei flussi turistici dei concetti di accreditamento, dell’infomobilità come supporto alle politiche urbane, del controllo unito alla fornitura di servizi georeferenziati.

  18. Sviluppo di sistemi di visione stereoscopici per la ricostruzione tridimensionale in scenari industriali ed automotive

    Buzzoni, Michele

    2013-01-01

    La visione stereoscopica occupa un vasto campo di ricerca della visione artificiale. Questa tecnica infatti permette la ricostruzione tridimensionale della scena utilizzando due immagini riprese da due punti di vista leggermente diversi, estraendo ulteriori informazioni spaziali sulla profondità della scena. In questa tesi di dottorato si sono sviluppati quattro nuovi sistemi di visione stereoscopici per la ricostruzione tridimensionale della scena inquadrata. L’ambito di applicabilità ...

  19. Un commento al Teseida di Boccaccio di provenienza salentina (II metà del XV secolo)

    Maggiore, Marco

    2013-01-01

    Lo studio è incentrato sull'anonimo commento volgare al Teseida di Boccaccio trasmesso dal manoscritto It. 581 della Biblothèque Nationale de France di Parigi, testimone unico ricopiato in salento entro il 1487. Del commento, finora inedito e ignorato dagli studi sul Boccaccio, si offre l'edizione critica integrale corredata di studi filologici, di profilo linguistico e di lemmario. L'indagine filologica, volta al recupero delle fonti del commento, e l'analisi linguistica condotta su tutti i ...

  20. Dati di traffico telefonico e politiche urbane

    Paola Pucci

    2013-11-01

    Full Text Available Il paper propone una riflessione sulle possibilità offerte dai dati di traffico telefonico nel fornire conoscenze utili a costruire politiche per la mobilità più efficaci ed eque. A partire dai risultati di una esperienza di ricerca avviata presso il Dastu Politecnico di Milano sulla significatività dei dati di traffico telefonico di Telecom Italia nel restituire le densità d’uso del territorio (Manfredini, Pucci & Tagliolato, 2012 e 2013 e le origini e destinazioni dei movimenti giornalieri di mobilità (Tagliolato, Manfredini & Pucci, 2013, si evidenziano le potenzialità analitiche e interpretative offerte da questi dati nel descrivere le modalità con cui differenti popolazioni urbane usano il territorio e le possibili ricadute sulle politiche per la mobilità.Nella ricerca condotta, il trattamento dei dati di traffico telefonico ha consentito di restituire la variabilità spazio-temporale delle pratiche d’uso in Lombardia, a partire dalle quali si sono individuati “comunità di pratiche” e “territori contingenti”, generati cioè dalle pratiche di diverse popolazioni temporanee, che si sono assunti come perimetri utili per una diversa articolazione delle competenze e distribuzione delle risorse disponibili. Nel paper l’individuazione di popolazioni urbane temporanee attraverso i dati di traffico telefonico non ha unicamente una finalità interpretativa, ma rappresenta la condizione attraverso cui riconoscere le nuove domande disaggregate per “comunità di pratiche”, su cui costruire politiche di offerta più efficaci e meno onerose finanziariamente, poiché non generaliste.

  1. La logistica nei processi di trasformazione dell’area orientale di Napoli

    Adriana Galderisi

    2010-07-01

    Full Text Available Stoccaggio e trasporto merci hanno assunto, già da alcuni anni, un ruolo rilevante nell’area orientale di Napoli, con impatti significativi sulla qualità urbana ed ambientale dell’area. In quest’area, anche grazie alla sua vicinanza ai principali nodi della mobilità (porto, aeroporto, stazione ferroviaria e alla significativa presenza di aree produttive dismesse o in dismissione, trovano oggi spazio numerose attività di stoccaggio e spedizione merci, in molti casi localizzate all’interno di ex aree industriali, in assenza di una reale ottica “sistemica”. Pertanto, a partire da una breve disamina dell’evoluzione dell’area orientale e di quanto previsto dagli strumenti urbanistici vigenti per la sua trasformazione, il contributo focalizza l’attenzione sul ruolo attuale dslle attività di stoccaggio e trasporto merci nell’area. Quindi, sulla base di alcune recenti esperienze di italiane e in riferimento ad ipotesi già avanzate per l’organizzazione di una piattaforma logistica nell’area orientale di Napoli -quale strumento per ottimizzare le necessità di stoccaggio e trasporto merci riducendone le esternalità negative- valuta la compatibilità di tali scelte con le prospettive di evoluzione/trasformazione dell’area e il potenziale ruolo che l’area potrebbe svolgere in una prospettiva di ri-organizzazione del trasporto merci in ambito urbano.

  2. Strategie di occupazione dello spazio urbano: il caso delle chiese pentecostali di Kampala (Uganda

    Alessandro Gusman

    2016-08-01

    Full Text Available Basato su una ricerca di lungo periodo a Kampala (Uganda iniziata nel 2005, l’articolo si focalizza sulle strategie di occupazione dello spazio urbano da parte delle chiese pentecostali, le compara con le confessioni cristiane di epoca coloniale e le analizza nell’ottica teorica dello “spatial turn”. Negli ultimi tre decenni le chiese pentecostali sono sorte a centinaia in città, con strategie non centralizzate: in questo modo si osserva la compresenza di semplici strutture costruite con materiali di fortuna con altre di dimensioni maggiori e più stabili, per arrivare in alcuni casi alle dimensioni di “mega-churches”, con congregazioni di decine di migliaia di fedeli. Queste modalità differenziate di presenza nello spazio urbano sono considerate nell’articolo parte del processo di entrata progressiva del movimento pentecostale nella sfera pubblica ugandese. Attraverso l’analisi del caso di studio di Kampala, l’articolo mostra il ruolo delle religioni nel connotare e significare lo spazio urbano, sia attraverso la presenza fisica, sia con la retorica della lotta spirituale per la “conquista” di tale spazio.

  3. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  4. Black di-ring and infinite nonuniqueness

    Iguchi, H; Iguchi, Hideo; Mishima, Takashi

    2007-01-01

    We show that the $S^1$-rotating black rings can be superposed by the solution generating technique. We analyze the black di-ring solution for the simplest case of multiple rings. There exists an equilibrium black di-ring where the conical singularities are cured by the suitable choice of physical parameters. Also there are infinite numbers of black di-rings with the same mass and angular momentum. These di-rings can have two different continuous limits of single black rings. Therefore we can transform the fat black ring to the thin ring with the same mass and angular momentum by way of the di-ring solutions.

  5. La Madonna delle Grazie di San Pietro di Silki. Problemi di un’iconografia mariana

    Maria Grazia Scano Naitza

    2012-06-01

    Full Text Available Il piccolo simulacro in terracotta policroma della Madonna con il Bambino della chiesa di S. Pietro di Silki a Sassari, venerato come Madonna delle Grazie , pone problemi riguardo sia all’intitolazione, solitamente riferita alla Virgo lactans  e qui ad indicare il suo ruolo di mediatrice di grazie, sia alla datazione. Secondo le fonti agiografiche la statuetta, sepolta da secoli, fu ritrovata scavando su indicazione di Bernardino da Feltre presso una colonna stazionaria crollata nel 1472 su una donna e il suo bambino, miracolosamente illesi. Esclusa una datazione ad epoca medioevale e considerate le differenze dalle Schoenen Madonnen, se ne ipotizza l’esecuzione prossima agli anni 1469-70, quando giunsero il B. Bernardino o S. Giacomo della Marca per fondare conventi dei Minori Osservanti.   The small simulacrum in polycrhome terracotta of the Virgin and Child of S. Pietro church in Silki (Sassari, venerated as the Virgin of Graces, poses problems regarding both the title, usually referred to the Virgo lactans and here indicative of a role as mediator for graces, and the dating. According to the hagiographic sources, the statue, buried for centuries, was retrieved following the indication of Bernardino da Feltre, near a column fallen in 1472 over a woman and her child, miraculously unharmed. Excluded a medieval dating and given the differences with the transalpine Schoenen Madonnen, an execution between 1469 and 1473 was hypothesized, close to its arrival through one of the “Minori Osservanti”, like B. Bernardino or S. James of the Marches, come to found convents of the Order.

  6. L’identificazione di virus citopatogeni isolati dall’ambiente:ricerca ed applicazione di protocolli analitici

    A. Carducci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la ricerca dei virus enterici in matrici ambientali, soprattutto nei reflui urbani, risulta di grande interesse sia per la valutazione del rischio di natura virale sia per compiere studi epidemiologici.

    Lo scopo di questo lavoro è stato l’applicazione parallela di diverse tecniche attualmente in uso in virologia clinica a isolati citopatogeni ambientali al fine di ottenere una precisa identificazione degli agenti rilevati.

    Metodi: sono stati analizzati 21 campioni di aerosol, provenienti da impianti di depurazione di reflui civili a fanghi attivi, e risultati citopatogeni in colture di cellule BGM.

    Dopo una nuova semina in “shell vials”, su tre linee cellulari continue per mettere in evidenza eventuali differenze nello spettro di citopatogenicità. Per l’identificazione degli isolati virali, sono state adottate in parallelo: microscopia elettronica, tecniche biomolecolari di amplificazione genica, elettroforesi su gel di poliacrilamide (PAGE, test immunoenzimatici, sieroneutralizzazione.

    Risultati: la semina in “shell vials” ha confermato la
    presenza di particelle virali infettive in tutti i campioni
    tranne uno; inoltre ha permesso di ridurre il
    tempo di comparsa dell’effetto citopatico a 3-4 giorni
    contro i 6-8 giorni necessari seminando in fiasche.
    La microscopia elettronica ha individuato la presenza
    di particelle enterovirus-simili in 18 dei 21
    campioni e di virioni della famiglia Reoviridae in 8.
    La positività dei campioni è stata ottenuta, inoltre,
    con la RT-PCR, per 2 campioni di enterovirus e 2 di
    reovirus e con la PAGE in 6 campioni. Il presente
    studio ha portato ad un’identificazione sufficientemente
    certa di reovirus in 2 campioni e di enterovirus
    in 1 campione.

    Conclusioni: l’identificazione di isolati ambientali si

  7. Life cycle assessment applied to two different municipal solid waste processes; Analisi del ciclo di vita di due diverse possibilita' di smaltimento di rifiuti solidi urbani

    Corti, A. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Energetica Sergio Stecco; Sirini, P. [Florence Univ., Florence (Italy). Dipt. di Ingegneria Civile

    2001-12-01

    The application of Life Cycle Assessment (LCA) methodology as environmental balance tool is particularly suitable for the study of complex system such as municipal solid waste (MSW) collection, treatment and disposal systems. In this case a detailed analysis is carried out referring to an overall environmental balance based on two different waste treatments: land filling and incineration. The comparison carried out based on the LCA methodology and referring to specific process assumptions allowed to foreground that waste to energy treatments get a net overall balance lower than all the different land filling options, referring also to energy recovery from collected biogas. [Italian] La applicazione di metodologie di bilancio ambientale LCA (Life Cycle Assessment) si adatta particolarmente allo studio disistemi complessi quali quelli di raccolta, trattamento e smaltimento di rifiuti. In questo caso viene affrontata nel dettaglio la valutazione in termini di bilancio complessivo di diverse opzioni di trattamento basate su posa a discarica e trattamento termico. Il confronto effettuato mediante il percorso metodologico seguito, ha permesso di valutare, sulla base delle ipotesi di processi fatte, come il trattamento termico con recupero energetico abbia un bilancio netto ambientale inferiore rispetto a qualsiasi opzione di posa a discarica, anche dotata di recupero energetico dal biogas.

  8. Attilio Scuderi, Il paradosso di Proteo

    Giulio Iacoli

    2013-05-01

    Full Text Available L’intima instabilità delle versioni di un mito laterale, e tuttavia esemplare e persistente, come quello di Proteo, e finanche il suo «strabismo semantico» (originatosi con la discrepanza fra le visioni di Virgilio e di Ovidio, come vedremo; 72 testimoniano una ricchezza rappresentativa e di significazione ben attestata, e attingibile, già nella classicità. Il critico interpella il mito in quanto «catena di rappresentazioni culturali», «campo inesauribile di dibattito e di scontro speculativo» (13, per saggiare in profondità le variazioni e le dissonanze alle quali dà vita, le innovazioni semantiche e le calcificazioni nelle quali incorre, nei secoli; il discorso procede agganciando la storia culturale di Proteo a un suo nucleo letterario fondativo, quella vicenda di naufragio e ritorno definibile come «novella» (in quanto gli autori successivi vi si sarebbero riferiti trattandolo come un racconto a sé stante, incastonata all’interno del libro iv dell’Odissea, letta alla luce di un contatto tra culture, quella egizia, nella quale l’episodio è ambientato, e quella greca. 

  9. Valeria Pala, Tommaso Landolfi traduttore di Gogol’

    Cinzia Guadalaxara

    2011-04-01

    Full Text Available L’indagine condotta da Valeria Pala sull’opera landolfiana, con particolare riguardo all’attività di traduttore svolta da Landolfi, appare interessante in ogni suo aspetto; fin dalle prime pagine viene posto in rilievo lo stretto legame tra gli scritti di Landolfi e la cultura russa, oggetto di studio dell’autore dagli anni universitari e fonte di perenne ispirazione delle proprie opere. La crisi del sistema culturale italiano,  forte negli anni in cui Landolfi si dedica all’attività di traduttore, induce diversi intellettuali del tempo alla traduzione di testi stranieri, allo scopo di importare nella cultura nazionale elementi mutuati da altri sistemi culturali; la traduzione prende dunque a configurarsi come strumento utile per fornire agli scrittori italiani nuovi modelli su cui improntare la propria produzione poetica e letteraria.

  10. Un singolare caso di rifrazione letteraria. A proposito di una generazione di autori di origine russa che scrive nella lingua del paese di adozione

    Giulia Gigante

    2016-01-01

    Full Text Available Dall’esame di alcuni esempi di contesti narrativi e procedimenti stilistici caratteristici di diversi autori russi contemporanei che hanno scelto di scrivere nella lingua del paese in cui sono emigrati emerge una tendenza comune nella rappresentazione della Russia natia. Pur nella diversità delle loro opere, questi scrittori rappresentano la cultura delle loro radici avvalendosi di una visione ‘caleidoscopica’ in cui i riferimenti storici, letterari, artistici vengono rivisitati attraverso ricordi, sogni e riflessioni e filtrati attraverso la lingua e la cultura della loro terra adottiva.From the investigation of some examples of narrative contexts and stylistic processes typical of various contemporary Russian authors who have chosen to write in the language of the country where they emigrated, a common tendency emerges concerning the representation of Russia. Despite the differences of the works considered, these authors represents the culture of their roots in a ‘kaleidoscopic’ way, reconsidering the historical, literary and artistic references through memories, dreams and reflections, filtering them through the language and culture of their chosen country.

  11. Allacciare i fili spezzati: analisi di tre autobiografie di persone divenute disabili

    Rosalba Perrotta

    2011-04-01

    Full Text Available Leggere autobiografie consente di conoscere esperienze e momenti della vita che restano ignoti a chi non li ha vissuti. Le autobiografie ci svelano un mondo e, nello stesso tempo, ci introducono in esso. Illustrano e spiegano senza illustrare e senza spiegare. Catturano il lettore nella narrazione e, rendendolo protagonista di quello che accade, gli fanno provare le emozioni di chi racconta e gli mostrano la realtà attraverso i suoi occhi. La corrente sociologica dell’Interazionismo simbolico, un approccio che dà particolare rilievo ai significati attribuiti dagli uomini agli oggetti di cui hanno esperienza, considera le storie di vita uno strumento di indagine prezioso. Il racconto di un tratto della vita, o della vita in genere, consente di raggiungere una conoscenza della realtà soggettiva di chi narra molto superiore rispetto a quella ottenuta attraverso questionari o interviste strutturate.

  12. The "Bestie di Satana" murders.

    Birkhoff, Jutta; Candelli, Chiara; Zeroli, Stefania; La Tegola, Donatella; Carabellese, Felice

    2013-11-01

    In recent years, satanic groups have been responsible for various types and degrees of crimes. We report the case of a number of murders committed in Italy by a group of young people calling themselves the "Bestie di Satana". Forensic psychiatric assessment of the members of a satanic sect charged with the crime revealed that all the young people had a fragile, immature personality, a very low level of education and were socially disadvantaged. The trial of the members of the "Bestie di Satana" sect was concluded with the verdict of deliberate murder, and all the members were given long jail sentences. This report should lead us to explore social and cultural responses to juvenile satanism, statistically shown to be a relatively rare phenomenon but with a high criminal potential.

  13. La teoria letteraria di Freud

    Raffaele Pinto

    2013-05-01

    Full Text Available A partire dal momento in cui il sintomo nevrotico gli appare come travestimento fantastico del trauma psichico (cfr. il saggio “Le mie opinioni sul ruolo della sessualità nell’etiologia delle nevrosi”, la letteratura diventa per Freud un terreno privilegiato di analisi ai fini della ricostruzione della esperienza inconscia. In quanto entrambi dettati dalla funzione fantastico-immaginativa, tanto il sintomo quanto la letteratura sono descrivibili come elaborazioni simbolico-discorsive della pulsionalità, ma con questa essenziale differenza, che il sintomo (e il sogno, il lapsus, il witz è innanzitutto espressione di un inconscio individuale, mentre la letteratura esprime un inconscio sociale, essendo sempre fluido il passaggio da una dimensione all’altra.

  14. KEBIJAKAN PENEMPATAN APOTEKER DI PUSKESMAS

    Sudibyo Supardi

    2013-03-01

    pharmacist assignment: (a District Health Office was aware of the need of pharmacist, but in panning pharmacist was not regarded as a priority compared to other health workers, (b the request for pharmacist was not based on the real organization needs resulted from the analysis of work burden such as regulated, (c limited formation given by BKN, and such that the assignment of health workers was not based on their competencies, ang (d Training of health personnel has not been done because of budget limitations. Key words: pharmacist, community health center, assignment policy ABSTRAK Dalam Peraturan Pemerintah RI Nomor 51 tahun 2009 disebutkan pelayanan resep dokter di pelayanan kefarmasian (salah satunya puskesmas harus dilakukan oleh apoteker. Saat ini hanya 10% puskesmas yang memiliki apoteker. Belum diketahui bagaimana kebijakan penempatan apoteker di puskesmas dan permasalahan yang terkait penempatan apoteker di puskesmas. Tujuan penelitian adalah mendapatkan informasi tentang peran institusi daerah terkait dengan kebijakan penempatan apoteker di puskesmas dan hambatannya. Hasil penelitian diharapkan sebagai masukan bagi pihak yang terkait untuk meningkatkan jumlah dan peran apoteker di puskesmas. Penelitian potong lintang (cross sectional dengan pendekatan kualitatif dilakukan terhadap instansi daerah yang terkait dengan peran apoteker di puskesmas pada tahun 2011. Lokasi penelitian dipilih berdasarkan keberadaan perguruan tinggi farmasi yang terakreditasi A atau B di Pulau Jawa, dengan asumsi ketersediaan apoteker memadai untuk bekerja di puskesmas, yaitu Provinsi Banten, Jawa Barat, Daerah Istimewa Yogyakarta, Jawa Timur. Dari masing-masing provinsi diambil satu kota, yaitu Kota Tangerang, Kota Bandung, Kabupaten Bantul dan Kota Surabaya. Informan untuk wawancara mendalam adalah pejabat dari Dinkes Provinsi, Dinkes Kabupaten/Kota, Badan Kepegawaian daerah, dan Kepala Puskesmas. Sedangkan informan diskusi kelompok terarah adalah para apoteker yang mewakili Dinkes

  15. Introduzione al Laboratorio di Fisica

    Ciullo, Giuseppe

    La Fisica (dal greco τὰ ϕυσικὰ: le cose naturali) si pone l'obiettivo di descrivere e prevedere il comportamento dei fenomeni naturali, nonché degli apparati e degli strumenti, che hanno reso e rendono la nostra vita più comoda ed efficiente. Tale obiettivo viene perseguito mediante un'attenta osservazione dei fenomeni, con una conseguente schematizzazione dell'osservazione, per fornire una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

  16. KONSUMSI GULA RUMAHTANGGA DI INDONESIA

    Nahdodin, Nahdodin

    2016-01-01

    Sejak tahun 1984 Indonesia menghadapi usaha pelestarian swasembada gula. Dalam hal ini perlu diketahui perilaku konsumsi gula di Indonesia. Penelitian ini bertujuan untuk melengkapi informasi perilaku konsumsi gula rumah tangga dengan menaksir elastisitas permintaan gula atas pendapatan dan atas harga dengan memperhatikan gejala "diseconomies of scale" dan "economies of scale", Hasil analisis menunjukkan bahwa elastisitas permintaan alas pendapatan sebesar 0,59, elastisitas permintaan atas ha...

  17. METAMORFOSIS PESANTREN DI ERA GLOBALISASI

    Muhammad Jamaluddin

    2012-07-01

    Full Text Available Abstrak: Tulisan ini mendeskripsikan perkembangan peran dan fungsi pesantren sejak awal "kelahirannya" yang terjadi pada kehidupan masyarakat tradisional sampai pada perubahan model pesantren yang menyesuaikan dengan kemajuan teknologi informasi. Model pendidikan pesantren menjamur jauh sebelum lembaga pendidikan formal didirikan di Indonesia, sehingga kontribusinya sangat besar dalam pembangunan bangsa ini. Mempertahankan eksistensinya di tengah tren perkembangan masyarakat modern tentunya tidak mudah. Karena pesantren, di satu sisi, merupakan lembaga penguatan keagamaan dan moral, tetapi di sisi lain ia harus mampu beradaptasi dan bermetamorfosis sesuai dengan perkembangan masyarakat modern. Tantangan besar dalam masyarakat modern adalah dekadensi moral dan agama, lambatnya laju perkembangan ekonomi masyarakat, dan tingginya angka konsumerisme masyarakat. Berdasarkan tantangan ini, pesantren dapat melakukan revitalisasi peran dan fungsinya sebagai lembaga pendidikan dan pusat pemberdayaan masyarakat.     Abstract: This paper describes the development of the role and function of pesantren starting from the beginning of "its birth"  in traditional society to model of pesantren the advancement of information technology. Pesantren has flourished long before the formal educational institutions established in Indonesia. Thus, it has great contribution to the development of this nation. Maintaining its existency  in the middle of the development trend of modern society is certainly not easy for pesantren. In one side, it is an institution for strengthening of religious and moral issues but on the other hand it must be able to adapt and metamorphose in accordance with the development of modern society. The major challenges in modern society is the moral and religious decadence, the slow pace of economic development, and the high rate of consumerism. For these challenges, pesantren can revitalize its role and function as educational institutions

  18. Misure di tenacità a frattura su acciai utilizzando velocità di deformazione elevate

    Enrico Lucon

    2007-10-01

    Full Text Available La conoscenza delle proprietà meccaniche di tipo dinamico per i materiali metallici è utile ogniqualvolta la sensibilità alla velocità di deformazione è di rilevanza per un acciaio, e qualora le condizionireali di carico per una struttura (in caso di normale esercizio o di situazioni d'emergenza siano diverse dal caso statico. Inoltre, in alcuni studi l'aumento della velocità di deformazione serve a simulare gli effetti di altri meccanismi di fragilizzazione quali l'invecchiamento termico (thermal ageing o l'irraggiamento.La presente memoria fornisce una panoramica dell'esperienza maturata al Centro Nucleare Belga (SCK•CEN nel campo delle misure di tenacità a frattura su acciai in condizioni di velocità di deformazione elevata, con particolare riguardo alle prove di resilienza strumentata su provini Charpy precriccati (PCVN.Dopo una breve dissertazione sui meccanismi fondamentali che aiutano a comprendere gli effetti della velocità di deformazione sulla tenacità degli acciai in regime fragile e duttile, vengono presentate le procedure sperimentali ed analitiche per misurare la tenacità a frattura con velocità di deformazione elevata, prendendo in considerazione da un lato le principali normative internazionali (ASTM e ISO e dall'altro il lavoro di normazione attualmente in corso sotto il coordinamento di SCK•CEN: la revisione della norma ASTM E1921 (metodo della Master Curve per la misura della tenacità in regime di transizione duttile/fragile e lo sviluppo di una nuova norma ISO sulle prove di tenacità dinamica con provini PCVN. Quest'ultimo documento è presentato in maggior dettaglio, concentrando l'attenzione sulla determinazione della tenacità dinamica in campo fragile con il metodo dell'Impact Response Curve e in campo duttile (curve di esistenza J-R mediante l'uso di metodi mono- e multi-campione.In conclusione, vengono presentati alcuni esempi tratti dalla banca dati sviluppata da SCK•CEN per le misure di tenacit

  19. Contenuto vs. contenitore? Criteri predittivi di impatto e soglie di resilienza nella prospettiva del recupero sostenibile

    Marco Morandotti

    2012-12-01

    Full Text Available Uno dei terreni sul quale si gioca la prospettiva del recupero sostenibile del patrimonio costruito è oggi costituito dalla valorizzazione del patrimonio stesso. Né un approccio intransigentemente refrattario alle istanze di riuso del bene, né quello opposto, orientato al contrario al suo sfruttamento economico, a carico di una troppo gravosa compressione delle stesse esigenze di conservazione, appaiono di fatto perseguibili in una prospettiva di medio periodo. A partire dagli esiti di una ricerca recentemente conclusa, si intende affrontare la questione con una prospettiva organica, in una logica “life cycle oriented”.

  20. Ruoli pragmatici di "sì" : modello di analisi dei segnali discorsivi nell'italiano parlato

    Jana Kenda

    2008-12-01

    Full Text Available Nel presente contributo osserveremo i diversi ruoli pragmatici assunti dal segnale discorsivo sì nella lingua italiana parlata. è nostro intento servirci di questo esempio concreto per illustrare la pluralità di funzioni e di forze illocutorie di un segnale discorsivo che possono renderne difficoltosa l’elaborazione e l’interpretazione. il metodo adottato per l’individuazione dei diversi ruoli pragmatici svolti dal segnale prescelto, si propone di costituire un modello di analisi applicabile anche ad altri elementi linguistici aventi simili proprietà pragmatiche.

  1. Caravaggio e il Maccheronico di Teofilo Folengo

    Bernardo Piciché

    2013-06-01

    Full Text Available Il presente studio ipotizza un’affinità tra Caravaggio e Teofilo Folengo, argomentando che la pittura del primo presenta analogie estetiche e etiche con la produzione in latino maccheronico del secondo. Il Baldus costituisce un tipico esempio di quella che Genette definirà come «parodia seria»: attraverso il rovesciamento e la irrisione beffarda Folengo ingaggia tenzone contro l’arte paludata e il travisamento dei valori cristiani. Non si tratta qui di stabilire un’influenza di Folengo su Caravaggio, bensì un’analogia, in virtù di un filo di congiunzione ideale, la cui presumibilità viene corroborata anche dal substrato biografico-culturale e da comune spirito religioso. Sia in Folengo che in Caravaggio sono stati individuati i caratteri di un certo modo della cultura lombarda di essere “contro” al punto che il duo Folengo-Caravaggio sembra epitomizzare l’antitesi al decorum curialcortigianesimo di Castiglione e Raffaello. Il Cristo-paradosso costituisce la vera fonte ispiratrice per entrambi. La comparazione tra due arti deve tenere conto dei diversi strumenti espressivi, e questo costituirà uno dei soggetti di riflessione nel testo. Se l’ipotesi della consentaneità viene ragionevolmente difesa, perché non individuare una componente maccheronica anche nell’arte di Caravaggio? Agli storici d’arte, tuttavia, decidere se si possa considerare il maccheronico come categoria pittorica

  2. Ricerche sugli enterobatteri nelle feci di Chirotteri

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available Dal 2002, grazie al protocollo stipulato tra il gruppo di studio chirotteri del Museo di Onferno e l?Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell?Emilia, sezione di Forlì, si è iniziato un progetto di studio sulla enteroflora di varie specie di Chirotteri. I campioni fecali o più raramente da carcassa, sono stati procssati mediante sistemi standardizzati e tipizzati mediante Enterotubes, creando anche una collezione di riferimento. Le ricerche ad oggi hanno interessato campioni provenienti da diverse regioni e da un certo pool di specie: Myotis daubentonii, M. blythii, M. myotis, Miniopterus schreibersii, Nyctalus noctula, Pipistrellus kuhlii, Rhinolophus ferrumequinum, R. hipposideros. Non sono stati mai identificati vettori di zoonosi o altri batteri che siano di alcun interesse per la salute umana, mentre si descrivono qui alcune specie nuove per la fauna italiana in relazione ai Chirotteri quali Providencia alcalifaciens in N.noctula, Serratia marcescens in M. schreibersii e Klebsiella oezaenale in R. hipposideros. Il lavoro invita inoltre ad una maggiore collaborazione e a stringere accordi per ampliare la possibile raccolta dei campioni.

  3. Anna Masecchia, Metropolis. Quaderni di Synapsis IX

    Niccolò Scaffai

    2011-04-01

    Full Text Available Giunta alla nona edizione (Pontignano, 8-15 settembre 2008, la Scuola Europea di Studi Comparati fondata da Roberto Bigazzi, Laura Caretti e Remo Ceserani conferma la sua ispirazione originaria, che la vuole luogo d’incontro tra studiosi di diverse nazionalità e competenze, pronti a far reagire i soggetti delle proprie ricerche con prospettive di metodo aggiornate; e fucina di idee e confronti tra i docenti, i tutor e i più giovani partecipanti alle lezioni e ai seminari che si svolgono durante la settimana di comune residenza, ad anni alterni presso le due sedi ‘storiche’: la certosa di Pontignano vicino Siena e la rocca di Bertinoro in Romagna. L’argomento dell’ultimo Quaderno, Metropolis, è stato declinato come sempre nelle varie forme sollecitate dai molteplici percorsi intellettuali degli intervenuti: come spiega infatti Anna Masecchia nella Premessa al volume, la metropoli è stata intesa tanto quale «spazio associativo e di organizzazione di una civiltà e dell’identità di una intera cultura», quanto come «rapporto del soggetto con lo spazio concreto e simbolico» della città. Questo prendendo in considerazione non solo la letteratura scritta, ma anche la fotografia, il cinema e naturalmente il teatro, che offre una «rappresentazione della metropoli come spazio ‘scenico’» (pp. VI-VII.

  4. Edizione critica, traduzione e commento del Mulierum Virtutes di Plutarco

    Tanga, Fabio

    2011-01-01

    2009 - 2010 Dopo aver recensito, analizzato sotto vari aspetti e collazionato tutti i testimoni del Mulierum Virtutes di Plutarco, si è stabilito un testo critico dell’opera provvisto di apparato e note filologiche e di traduzione italiana corredata di note esegetiche a carattere stilistico, filosofico e letterario. Il vaglio codicologico ha consentito di indagare i passaggi di proprietà e gli spostamenti subìti da alcuni codici nel corso dei secoli ma non di costituire...

  5. L’azione penale nell’ordinamento canonico. Uno studio di Diritto comparato. Collana di Studi di Diritto Canonico ed Ecclesiastico [RECENSIÓN

    Roca, M.J. (María José)

    2012-01-01

    Recensión de: "BIBLIOGRAFÍA" Enrica MARTINELLI, L’azione penale nell’ordinamento canonico. Uno studio di Diritto comparato. Collana di Studi di Diritto Canonico ed Ecclesiastico, G. Giappichelli Editore, Torino 2011, XIX + 211 pp."

  6. Le Metamorfosi di Ovidio e la Saffo di Alessandro Verri nelle stanze di Palazzo Azzolino a Fermo

    Alessia Donati

    2015-06-01

    Full Text Available Palazzo Azzolino, appartenuto ad una importante famiglia gentilizia di Fermo, viene restaurato nel 1779. In seguito, nella prima metà dell’Ottocento, è interessato da una campagna decorativa di cui restano solo due stanze: la prima con soggetti mitologici tratti in gran parte dalle Metamorfosi di Ovidio, la seconda con temi che derivano dalla Saffo di Alessandro Verri. La prevalenza in entrambe le stanze del tema amoroso permette di ipotizzare una committenza legata ad un’occasione matrimoniale. Grazie ad una ricerca d’archivio, condotta nell’Archivio di Stato di Fermo, nell’Archivio Storico Arcivescovile di Fermo e nell’Archivio Azzolino di Jesi, è stato possibile proporre per questi dipinti murali almeno due ipotesi di committenza, che vedono nelle figure di Giovan Battista Azzolino e di suo figlio Pompeo i probabili ideatori del ciclo.   Palazzo Azzolino, which belonged to an important family of Fermo, was restored in 1779. During the first half of the XIXth century, it was then subject to a decorative campaign. The available proof is represented by two rooms only. One room represents Ovidio’s Methamorphosis, the second one Alessandro Verri’s Saffo. Since in both rooms the main theme is love, it’s possible to suppose that they were created because of a marriage. Thanks to an archival research, conducted in the State Archives of Fermo, in the Historical Archiepiscopal Archives of Fermo and in the Azzolino Archives of Jesi, it was possible to figure out two ipothesis about the commissioners. The first refers to Giovan Battista Azzolino, while the second refers to his son Pompeo. They were probably the creators of the iconographical project of the cycle.

  7. Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo

    Vincenzo Turchi

    2012-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia – 10. Sintesi conclusiva.ABSTRACT:The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1. The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

  8. I COLEOTTERI TENEBRIONIDI DI ROMA (Coleoptera, Tenebrionidae

    Simone Fattorini

    2013-10-01

    Full Text Available In base alla revisione dei dati di letteratura e all’esame di circa 2000 esemplari raccolti a Roma dal 1880 ai nostri giorni, è stata accertata la presenza in questa città di 45 specie di Tenebrionidi, ovvero oltre il 26% delle specie e sottospecie di Tenebrionidi note per l’Italia peninsulare. Altre 18 specie, di cui è stato esaminato materiale cartellinato “Roma” o citato di questa città, sono da considerarsi certamente o verosimilmente estranee. 11 specie citate da Gardini (1997 sono rimosse dalla fauna di Roma, mentre ne vengono segnalate per la prima volta altre 29. Di ogni specie sono indicati: i dati riguardanti il materiale esaminato, i dati di letteratura, la distribuzione, l’ecologia, la distribuzione ambientale nella città di Roma. In base all’estensione temporale delle ricerche, l’elenco fornito dovrebbe essere considerato pressoché completo. Specie rare sono B. gigas, B. lethifera, C. atropos, M. tibialis, G. obscurum, S. metallica, Corticues spp. e N. picipes. Per alcune di esse sono noti pochi reperti, prevalentemente di vecchia data. Alcune specie presenti a Roma mostrano una generale rarefazione, anche in ambienti naturali, probabilmente a causa di pressioni antropiche. Specie considerate un tempo comuni a Roma (come T. italica, A. bacarozzo, Gonocephalum spp., O. sabulosum o N. planippennis sono oggi piuttosto rare o localizzate, mentre specie con una più ristretta tolleranza ecologica (come C. atropos, M. tibialis, S. metallica, P. violacea, Corticeus spp. sono probabilmente divenute molto rare o si sono estinte a Roma. Le specie che hanno avuto maggior successo nella colonizzazione degli ambineti urbani sono elementi xerotermofili, o con ampia tolleranza ecologica, come A. luigionii, S. striatus, B. gibba e P. meridianus., specie tipiche di ambienti aperti ed aridi, comuni nei giardini, nei parchi, nei siti archeologici, nelle aree ruderali, ecc. La presenza nella città di queste specie, tuttora

  9. La necropoli neolitica a domus de janas di S. Pietro di Sorres in Comune di Borutta - Sassari

    Pier Paolo Soro

    2009-05-01

    Full Text Available La necropoli di Sorres si trova nel territorio del Comune di Borutta in provincia di Sassari. E’ ubicata lungo il versante SE del colle di Sorres, sul quale sorge imponente la chiesa in stile romanico di San Pietro di Sorres (XI-XII sec. sede dell’antica diocesi medievale. La necropoli è composta attualmente da cinque tombe a grotticella artificiale del tipo a domus de janas, scavate nella roccia calcara durante il neolitico recente ed in uso per tutto l’eneolitico. Si presume che fosse l’area sepolcrale dell’insediamento in grotta di Ulàri, una cavità carsica di notevoli dimensioni il cui ingresso si apre lungo il versante Nord del colle; la grotta ha restituito testimonianze archeologiche che vanno dal neolitico media fino al medioevo. La necropoli di Sorres, sebbene sia stata rimaneggiata nella forma degli ambienti ipogei e nella destinazione d’uso, costituisce una delle principali testimonianze del capillare tessuto insediativo del territorio del nord Sardegna.

  10. Book review, Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale Giampaolo Colavita (a cura di

    Manuel Graziani

    2008-09-01

    Full Text Available Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale si avvale del contributo di 33 autori, tutti soci dell’Associazione Italiana Veterinari Igienisti (AIVI, che garantiscono l’appropriata trattazione di una materia estremamente vasta e dinamica. Il manuale nasce da un’iniziativa finalizzata alla realizzazione di un testo che rifletta e possa soddisfare le esigenze didattiche degli insegnamenti di un’ampia serie di materie universitarie: Igiene e Tecnologie degli Alimenti di Origine Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria, di Agraria, nei corsi di Scienze e Tecnologie Alimentari, di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali, nel corso di laurea in Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei Luoghi di Lavoro, nonché in altri corsi di studio dove si insegnano le discipline relative all’igiene e alla sicurezza degli alimenti.Sono stati trattati gran parte degli alimenti di origine animale, i prodotti a base di carne, il latte e i prodotti derivati, i prodotti della pesca freschi e trasformati, i prodotti dell’alveare, le uova e gli ovoprodotti. Di particolare interesse appare il capitolo riguardante la diagnostica analitica degli alimenti, considerato che le moderne metodologie analitiche risultano fondamentali per affrontare le tematiche legate all’igiene e alla sicurezza alimentare.Il volume ha una finalità prevalentemente didattica ma è comunque rivolto a tutti coloro che operano nel campo dell’Igiene e delle Tecnologie Alimentari. Infatti, visti gli argomenti trattati come le tossinfezioni e le intossicazioni alimentari, la conservazione, il confezionamento e l’etichettatura dei prodotti alimentari, anche i professionisti del settore possono trarre dal testo elementi utili per la loro attività. Per esempio argomenti quali l’analisi del rischio, le attività di audit ed i sistemi di accreditamento e di certificazione sono particolarmente utili per chi opera nelle Aziende Sanitarie Locali e negli Istituti

  11. PhD Dissertations Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-06-01

    Full Text Available

    Report of PhD Dissertations.

    Francesco Barone

    Istituzioni, società ed economia a Catania nel tardo medioevo (XIV-XV secolo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Laura Berti Ceroni

    Il territorio e le strutture di Cesarea e Classe tra tarda antichità e alto medioevo in rapporto con Ravenna, Tesi di dottorato di ricerca in Storia e Informatica, Università degli studi di Bologna, 2002-2003.

     

    Marco Bicchierai

    Poppi dalla signoria dei conti Guidi al vicariato del Casentino (1360-1480, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Emanuela Garimberti

    Spatiosa ad habitandum loca. Luoghi e identità nella Historia Langobardorum di Paolo Diacono, Tesi di dottorato in Storia medievale (XV ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004

     

    Lorenzo Tanzini

    Sistemi normativi e pratiche istituzionali a Firenze dalla fine del XIII all’inizio del XV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Stefania Tarquini

    Pellegrinaggio e asseto urbano di Roma, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo, Università degli studi di Lecce, 2003

    Segnalazione di tesi di dottorato.

    Francesco Barone

    Istituzioni, società ed economia a Catania nel tardo medioevo (XIV-XV secolo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2004

     

    Laura Berti Ceroni

  12. Ideazione di un apparato sperimentale per la misura della deformazione di una barra a flessione e verifica della lettura estensimetrica

    Nogales González, Antonio

    2011-01-01

    Questo progetto intende calcolare la deformazione di una trave di acciaio a mensola di cui disponiamo in laboratorio. La trave è attaccata al tavolo di lavoro, insieme al dispositivo che eserciterà diverse forze puntuali sull’estremo libero della trave, forze esercitate in modo verticale e verso il basso. Lo scopo principale di questo tipo di studi, relativi alla deformazione di materiali, è che, grazie a detta deformazione, insieme agli sforzi ai quali la provetta è sottomessa, possiamo stab...

  13. Le antinomie del concetto di cooperazione

    Michele Filippini

    2014-07-01

    Full Text Available Il saggio ricostruisce il carattere contraddittorio del concetto di cooperazione, evidenziando storicamente alcune antinomie che rimangono latenti anche nell'uso moderno di tale concetto. Attraverso l'analisi e il confronto di alcuni testi di Adam Smith, Karl Marx, Émile Durkheim e Alfred Marshall vengono evidenziati in particolare due assi problematici del concetto: cooperazione come ampliamento delle potenzialità umane in opposizione alla cooperazione come oggettivazione e sfruttamento; cooperazione come norma societaria in opposizione alla cooperazione del movimento cooperativo. Tali antinomie non vengono superate in un armonico e onnicomprensivo concetto di cooperazione, ma al contrario vengono messe in gioco per restituire la complessità e l'interna contraddittorietà di un concetto che attraversa il dibattito sociologico, economico e politico contemporaneo.

  14. Blog e tornei di scrittura collettiva

    Chiara Abrardi

    2013-03-01

    Full Text Available L’articolo prende in esame i tornei di scrittura collettiva e grafica per le scuole condotti tramite blog negli anni 2007/2008 e 2008/2009. Tali tornei, coordinati dall’associazione culturale «Progetto e Materia» in collaborazione con il 3° Circolo Didattico di Ivrea, hanno vinto il premio «Gold 2009» come esperienza didattica più innovativa nell’area dell’educazione linguistica. La costruzione delle fiabe è stata strutturata in base agli schemi narrativi e alle funzioni dei personaggi individuati da Propp e Greimas ed è avvenuta mediante l’interazione tra classi-squadra che inserivano i propri contributi sotto forma di commento nei blog predisposti dall’associazione. La scelta del blog come mezzo di costruzione collettiva della fiaba faceva invece riferimento a considerare internet come una fonte di informazioni da utilizzare in modo attivo e per favorire la condivisione di idee e risorse.

  15. L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose

    Valerio Tozzi

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

  16. La ricostruzione grafica del pavimento musivo di una villa romana

    Caterina Gattuso

    2015-01-01

    Full Text Available Nel processo di analisi conoscitiva finalizzato alla conservazione e/o al restauro di un manufatto storico, la documentazione grafica offre un contributo importante ai fini della redazione del quadro anamnesico. Essa costituisce uno strumento conoscitivo che, nel rappresentare e registrare lo stato di conservazione nonché gli eventuali interventi di restauro cui il bene è stato sottoposto, permette di completare e di integrare le informazioni già ottenute mediante il dossier fotografico. In questo contesto si vuole dimostrare l’importanza del disegno informatico, da intendere come strumento utile per l’elaborazione di un corretto piano diagnostico, illustrando la ricostruzione grafica di una complessa pavimentazione musiva che decora un particolare ambiente di una villa di epoca romana posta sulle rive del lago d’Esaro nel comune di Roggiano Gravina (CS, ottenuta attraverso l’uso di un particolare software di design grafico e disegno vettoriale.

  17. KONSERVASI BERUANG MADU DI KWPLH BALIKPAPAN

    Sri Ngabekti

    2013-01-01

    AbstrakBeruang madu (Helarctos malayanus) merupakan salah satu fauna  yang dilindungi  perundang-undangan Indonesia. Upaya yang dapat dilakukan untuk mencegah kepunahan beruang madu adalah melalui konservasi. Kawasan Wisata Pendidikan Lingkungan Hidup (KWPLH) beruang madu di Balikpapan dinilai memiliki cara konservasi ex-situ yang terbaik di Asia. Penelitian ini bertujuan mengkaji cara konservasi beruang madu di KWPLH Balikpapan. Metode penelitian yang digunakan adalah metode survei langsung,...

  18. HASILTANGKAPANTERIPANG(Sea cucumber) DI PERAIRANKARANGSCOTTPULAUDATUAUSTRALIA

    Anthony Sisco Panggabean; Ralph Thomas Mahulette; Jim Prescott

    2016-01-01

    Perairan karang Scott (Scott Reef) yang terletak disekitar Pulau Datu berada di Perairan Laut Timor – Australia khususnya di lokasi MoU Box 74. Banyak nelayan tradisional Indonesia yang berasal dari Pulau Rote Alor dan Madura menangkap teripang di kawasan tersebut sebagai mata pencahariannya secara turun temurun. Suatu penelitian merupakan kerjasama antara Pemerintah Indonesia (Badan Penelitian dan Pengembangan Kelautan dan Perikanan) dan Pemerintah Australia (Australian Fisheries Management ...

  19. JENIS LOBSTER DI PANTAI BARON GUNUNGKIDUL, YOGYAKARTA

    Verianta, Mesi

    2016-01-01

    Penelitian dilakukan di pantai Baron Gunungkidul, Yogyakarta selama 1 bulan mulai 3 Mei sampai 3 Juni 2016. Penelitian ini untuk mempelajari jenis lobster apa saja yang terdapat di pantai Baron dan mempelajari jenis lobster yang paling banyak terdapat di pantai Baron. Metode penelitian dilakukan dengan penentuan wilayah penelitian yaitu pada pantai Baron Gunungkidul kemudian dilakukan pengambilan sampel lobster, sampel lobster yang didapatkan diidentifikasi, pengukuran sampel lobster denga...

  20. Il caso di Via Anelli a Padova

    Elena Ostanel

    2012-03-01

    Full Text Available Via Anelli a Padova: una via che diventa un quartiere, un quartiere che diventa una città nell’immaginario collettivo. Una zona lasciata libera dalla distrazione del potere e delle discipline dello spazio (La Cecla, 1997, dove gli abitanti hanno prodotto territori dell’abitare capaci di mettere in crisi le forme consolidate di residenza e di uso dello spazio pubblico.

  1. Singkatan Dan Akronim Dalam Chatting Di Internet

    Hervina M. S.

    2010-01-01

    Penelitian ini menganalis pola singkatan dan akronim dalam chatting di internet. Tujuan penelitian ini adalah mendeskripsikan pola singkatan dan akronim dalam chatting di internet dan mendeskripsikan pola singkatan dan akronim yang paling dominan digunakan dalam chatting di internet. Teori yang digunakan adalah singkatan, akronim, bahasa dalam chatting, sosiolinguistik. Pengumpulan data digunakan dengan metode simak, yaitu penyimakan terhadap penggunaan bahasa (Sudaryanto,1993:133), dan tekni...

  2. Manifestasi Anemia Pernisiosa Di Rongga Mulut

    Nona Aini

    2008-01-01

    Anemia pernisiosa adalah salah satu penyakit kronis berupa berkurangnya produksi sel darah merah akibat defisiensi vitamin 812 dan asam folat, Salah satu fungsi vitamin 812 adalah untuk pembentukan sel darah merah di dalam sum-sum tulang menjadi aktif. Akibat defisiensi vitamin 812 dapat menyebabkan terganggunya sintesa DNA dan RNA. Terganggunya sintesa DNA akan menyebabkan anemia di sum-sum tulang dalam bentuk anemia makrositik dan di dalam darah dalam bentuk anemia megaloblastik. Sedangk...

  3. La costruzione di una moschea: l’esempio di Colle Val d’Elsa

    Luciano Zannotti

    2014-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Il diritto della minoranza musulmana a disporre di luoghi di culto - 3. La realizzazione e la gestione della moschea.

  4. Analisi dell’utilizzo di Twitter nella costruzione di un seminario sperimentale

    Wolfgang Reinhardt

    2013-03-01

    Full Text Available Nonostante i massicci cambiamenti sociali e tecnologici che si sono verificati a causa del Web negli ultimi anni, i corsi universitari spesso enfatizzano metodi di insegnamento da tempo consolidati e basati su strumenti di apprendimento e risorse tradizionali. Durante tali corsi gli studenti spesso acquisiscono una conoscenza che non è aggiornata e che è lontana da un apprendimento realistico, basato su problemi. L'uso di strumenti e metodi più recenti spesso rimane fuori dalla padronanza degli studenti. In questo contributo si descrive brevemente l’impostazione sperimentale di un seminario in due università tedesche dove l’uso di Social Media per la comunicazione e la collaborazione è stato saldamente integrato alla progettazione di un percorso di apprendimento formale. Si illustra, inoltre, l'utilizzo di Twitter durante il seminario, usando metodologie riprese dalla Social Network Analysis.

  5. Breve riflessione sulla Dissimulazione onesta di Torquato Accetto

    Rosario Villari

    2009-11-01

    Full Text Available Colgo questa occasione per fare qualche riflessione sulla validità e sui limiti del mio commento di alcuni anni fa alla Dissimulazione onesta di Torquato Accetto. Nel modo più sintetico posso dire di avere tentato allora di richiamare l’attenzione, oltre che sul contenuto individuale-universale (intendo dire etico di quella opera, anche sul suo significato pubblico e politico. Il suo punto di riferimento è, a mio avviso, la ricerca di un modo efficace di opposizione e di resistenza alla tira...

  6. La nozione di Analiticità e di conoscenza A Priori

    Maria Teresa Bradascio

    2015-05-01

    Full Text Available Le nozioni di analiticità e di conoscenza a priori continuano ad essere impiegate nella filosofia contemporanea nonostante siano state oggetto di critiche e dibattiti per dimostrarne l’inutilità. Le domande alle quali si è cercato – e si cerca tuttora – di dare una risposta sono: quali tipi di proposizioni possono essere giustificate e conosciute a priori? Che rapporto c’è tra l’analiticità e l’a priori? Il mio intento è offrire un’analisi della nozione di analiticità presente in Frege e in Quine utilizzando come riferimento, rispettivamente, “I fondamenti dell’aritmetica” (1884 e l’articolo “Due Dogmi dell’Empirismo” (1953. Nell’opera di Frege si trova una prima riformulazione della coppia di nozioni ereditate dalla tradizione kantiana e leibniziana: per Leibniz una verità di ragione, sviluppando semplicemente il contenuto di una proposizione che già conosciamo, non amplia le nostre conoscenze, e dunque è analitica; mentre una verità di fatto amplia le nostre conoscenze, aggiungendo qualcosa che non avremmo potuto scoprire contemplando solamente i concetti e i loro rapporti logici. Le proposizioni logiche, aritmetiche e certe verità concettuali – quelle ottenute mediante definizione nominale – sono considerate proposizioni analitiche. Per Kant, invece, sia le proposizioni aritmetiche sia quelle geometriche ampliano la nostra conoscenza e sono sintetiche. L’obiettivo di Frege è mostrare l’errore della concezione kantiana dell’analiticità: l’incremento conoscitivo ottenibile dalle proposizioni aritmetiche non è in opposizione al loro carattere analitico. Egli, infatti, legando il carattere analitico o sintetico di un enunciato al tipo di giustificazione che possiamo portare a sostegno della sua asserzione, non definisce l’analiticità come una caratteristica evidente del significato di un enunciato. Nel caso degli enunciati dell’aritmetica la loro giustificazione consiste nella loro

  7. Le proposte di riforma normativa a sostegno delle vittime di reato

    Giulio Vasaturo

    2007-04-01

    Full Text Available La frammentarietà e la lacunosità della normativa vigente in materia di sostegno alle vittime di reato rende obiettivamente approssimativo il sistema di tutela di quanti, nel nostro Paese, subiscono gli effetti - spesso devastanti sotto il profilo personale, economico, psicologico, familiare, relazionale – di un’azione criminosa. Con questa consapevolezza, già da diversi anni numerose componenti dell’associazionismo spontaneo ed alcune importanti realtà accademiche hanno avviato un vivace dibattito che ha finito col coinvolgere le varie forze parlamentari e vasti strati della società civile. Al di là delle divergenze di sensibilità e di opinioni, è unanimemente avvertita l’esigenza di pervenire, in maniera oramai improcrastinabile, all’adozione di una piattaforma normativa omogenea, con lo scopo di fornire alla vittima (diretta ed indiretta di una fattispecie delittuosa gli strumenti più efficaci per vedersi riconosciuto il diritto al risarcimento del danno materiale, biologico e morale che è stato patito; il diritto all’assistenza istituzionale; il diritto all’inclusione sociale; il diritto all’accesso a forme di mediazione in grado di condurre realmente all’attuazione di un modello diffuso di restorative justice. Il presupposto di un simile progetto di riforma, tanto ambizioso quanto necessario, va senz’altro rinvenuto nella modifica/integrazione dell’art. 111 della Costituzione che, nel delineare i princìpi del c.d. giusto processo, inspiegabilmente omette ogni riferimento al soggetto passivo del reato. Agli atti del Parlamento sono depositate diverse proposte con cui si intende definire la cornice di quella legge quadro per l’assistenza, il sostegno, la tutela delle vittime di reati sulla base della quale dovrà elevarsi, conformemente a quanto disposto dalla decisione europea 2001/220/GAI del 15.3.2001, il nostro ordinamento di tutela delle persone lese da azioni criminose. All’esame critico delle varie

  8. L’anomalia di Gillo Pontecorvo

    Sergio Di Lino

    2016-07-01

    Full Text Available Gillo Pontecorvo regista per il quale ogni progetto equivale a ricominciare da zero. Il suo atipico percorso di formazione rispetto alla maggior parte dei cineasti formatisi con il Neorealismo e affermatisi all’indomani del Dopoguerra. La scarsa attenzione critica e saggistica ricevuta in Italia. La trasversalità dell’opera di Pontecorvo, capace di esplorare orizzonti storici, geografici e antropologici estremamente lontani fra loro, e di dare vita a un autentico “cinema delle nazioni”. Cenni biografici, con un’attenzione particolare ai principali progetti non portati a termine tra un film e l’altro.

  9. Scavo con la Scuola: Gortina di Creta

    Elena Belgiovine

    2014-08-01

    Full Text Available Le indagini condotte dall’Università degli Studi di Milano a partire dal 2003 sul sito di Gortina si sono concentrate nell’area a S del cosiddetto Pretorio, portando alla luce un edificio termale, le “Terme Milano”, che sono state edificate sulle rovine dello stadio ellenistico a partire dalla seconda metà del IV d.C. Il complesso mostra diverse fasi di utilizzo che si estendono fino alla seconda metà del VII d.C. quando l’edificio cade in rovina. Successivamente l’area viene sfruttata per il recupero di materiale da costruzione e parzialmente invasa da modeste abitazioni.

  10. Pantani di Marco Martinelli: una narrazione polifonica

    Franco Nasi

    2014-05-01

    Full Text Available In questo articolo si analizza il testo drammaturgico Pantani di Marco Martinelli, una veglia epica teatrale di uno dei più noti eroi dello sport italiano degli ultimi anni. Il dramma rilegge anche la storia di Pantani e ricostruisce gli strani avvenimenti che portarono alla sospensione, alla estromissione del ciclista dal Giro d’Italia nel 1999, e in seguito alla sua profonda crisi psicologica e tragica morte in solitudine in un hotel, a soli 34 anni. Oltre alle modalità proprie della veglia rituale, il dramma utilizza anche i metodi del processo giudiziario, e offre testimonianze dettagliate che conducono a una riflessione critica sulla società italiana negli anni del potere politico di Berlusconi e della sua filosofia del consumismo. I tre diversi generi della retorica classica (epidittico, giudiziario e deliberativo si mescolano in questa complessa tessitura teatrale. Coniugando informazioni (processo e rito (veglia, Martinelli riesce a fondere la tragedia greca (forma mimetica e corale e il moderno teatro di narrazione (forma diegetica monologante. Combinando assieme scene intensamente drammatiche, ricordi di imprese sportive epiche, passaggi giocosi e parodici, e giustapponendo vari stili e registri (giornalistico, lirico, parodico, elegiaco, Martinelli crea momenti di forte “straniamento” e sorpresa, e rende particolarmente efficace il rito funebre, la ricostruzione storica della tragica vicenda di Pantani e la critica all’ideologia che ha dominato l’Italia negli anni di Berlusconi. 

  11. Cenni di psicologia aziendale: l'ansia

    Giovanni Carlini

    2005-12-01

    Full Text Available L’ansia colpisce tutte le persone, ad ogni livello e grado di impegno, in quantità progressivamente maggiori, rispetto gli ultimi anni. Può assumere forme personali come collettive, ma questo particolare cambia poco il livello di sofferenza che produce e trova le sue radici nel lavoro come nei rapporti affettivi. Tutti gli ambienti ne denunciano la presenza, ma le soluzioni scarseggiano, perché gli stessi quadri, intermedi o dirigenti che siano, pur soffrendone, non hanno sviluppato alcuna strategia tesa al contenimento del fenomeno; anzi, in epoca di tagli al bilancio, il fattore umano spesso è confuso con gli elementi di costo anziché di risorse aziendali. L’argomento, quindi, non è scelto a caso. Cosa fare sapendo che l’efficienza del personale scade in presenza di livelli sempre più alti di ansia? In pratica, avviene che l’azienda paga in minore efficienza, il lavoro della sue gente, perché la lucidità ne viene offuscata. Questo avviene sia nel phots dell’ imprenditore, che soffre l’assenza di scenari, come dei venditori che non mantengono le performance, i quadri che non reggono il budget, ed infine il personale, tutto, privato di coinvolgimenti nella ‘mission’ aziendale. Studiare strategie alternative all’ansia, significa quindi non solo lavorare meglio per se stessi ed impiegare il personale con efficienza, ma anche abbattere i costi invisibili che gravano sul bilancio.

  12. Progetto e storia: il caso di Rodi

    Maglio, Emma

    2011-01-01

    International audience; L'organismo urbano di Rodi custodisce un'eredità storico-architettonica piuttosto ricca, dovuta al succedersi di diverse dominazioni portatrici ciascuna di una propria politica urbana. L'articolo propone uno studio dell'organismo urbano di Rodi attraverso la lettura tipo-morfologica delle fasi evolutive della città, dei suoi elementi tipici-atipici, delle sue polarità e dei suoi percorsi a partire dal periodo bizantino fino alla dominazione ottomana. Una lettura a part...

  13. Il controllo di gestione e operativo delle commesse per una impresa di costruzioni: nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

    Matteo Camprini

    2013-10-01

    Full Text Available Il mercato delle costruzioni in Italia soffre problemi di maturità da molto tempo. Dagli anni ’90, infatti, per superare i fatti di tangentopoli venne riformata la legislazione dei lavori pubblici per giungere a livelli di competizione maggiori e più simili a quelli esistenti in Europa.  In questo contesto le imprese che per la loro struttura culturale, organizzativa e produttiva mostravano maggiore sensibilità a tali aspetti avviarono processi di formazione e riorganizzazione introducendo specifiche procedure mirate alla gestione completa dei progetti trasformandosi così da imprese di sola produzione a imprese operanti per progetti.La presente memoria vuole descrivere il sistema di gestione attuato, le modifiche ed i miglioramenti che si sono susseguiti nel tempo,  la sua struttura organizzativa e gli strumenti di lavoro messi a disposizione.A conclusione verrà illustrata l’applicazione al caso concreto della costruzione del nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

  14. Fenologia dei Chirotteri nella grotta di Onferno

    Massimo Bertozzi

    2003-10-01

    Full Text Available Con le sue 11 specie e le oltre 6000 presenze di Chirotteri la Riserva naturale orientata di Onferno è certamente un punto di notevole interesse nel patrimonio naturale italiano. A seguito dei piani di indagine e di sorveglianza posti in essere fin dalla sua creazione nel 1992 da parte della gestione della Riserva e soprattutto grazie al progetto LIFE in corso, si riassumono qui i principali tratti fenologci delle diverse specie nella cavità. Il sistema ipogeo è altamente differenziato topografica e in termini di microclima, come rilevato dal sistema di monitoraggio presente. Da Dicembre inizia il periodo più tipicamente invernale con rapido abbandono della cavità principale da parte dei miniotteri. Vi rimangono poche decine di esemplari e altrettanti rinolofidi delle diverse specie. Tale situazione si prolunga con alcune piccole variazioni fino a Marzo. Al cambio di stagione i miniotteri si muovono dai rifugi posti soprattutto in un tunnel a S. Marino (circa 11 km in linea d?aria a temperatura tra i 3 e 5 °C per tornare nel tratto principale a circa 7°C. I rinolofidi mantengono le posizioni e i numeri precedenti. Con Aprile il gruppo dei miniotteri, oramai completo o quasi, si sposta nella Sala Guano o rimane in vari ambiti del percorso principale. I rinolofidi appaiono in movimento ma il loro numero diminuisce almeno dalle zone di controllo. A Maggio compaiono anche i grandi vespertili già aggregati al grande gruppo dei miniotteri che spesso si presenta in contingenti suddivisi in vari ambiti della grotta. Non si ritrovano più rinolofi maggiori, mentre euryale e minore raggiungono le sale più calde e secche. Con Giugno i contingenti si concentrano nella grande sala ?Quarina? per formare nella seconda metà la colonia riproduttiva. Dal 15 circa iniziano i parti in tutte le specie. Nel Miniottero si registrano scarti di almeno una settimana tra l?avvio della riproduzione e le ultime nascite. Tutto Luglio è speso nella crescita dei

  15. La poesia pensante di Lucio Saffaro

    Paul Ricoeur

    2013-12-01

    Full Text Available Si presenta in queste pagine la prima traduzione italiana della prefazione che Paul Ricœur scrisse per il libro di poesie in prosa: L. Saffaro, Théorie de la poursuite, L’Alphée, Paris 1985. Il testo, pubblicato con l’autorizzazione del Fonds Ricœur, è impreziosito da grafiche di Lucio Saffaro, pubblicate con l’autorizzazione della Fondazione Lucio Saffaro.Il testo è inoltre corredato, a seguire, da un’introduzione di Gisella Vismara all’opera poetica, grafica e pittorica di Lucio Saffaro.

  16. Sviluppo e valutazione di test diagnostici per la sierodiagnosi di brucellosi suina

    Tiziana Di Febo

    2012-06-01

    Full Text Available Sono stati sviluppati una ELISA competitiva (c-ELISA, una ELISA indiretta (i-ELISA e un test immunologico DELFIA (Dissociation-Enhanced Lanthanide Fluorescence Immunoassay per la ricerca di anticorpi verso Brucella suis in sieri di maiale e cinghiale. I tre test prevedono l’utilizzo di un anticorpo monoclonale (MAb 4B5A verso l’LPS di Brucella (c-ELISA e DELFIA e di un anticorpo monoclonale (MAb 10C2G5 verso le IgG suine (i-ELISA. La specificità (Sp e la sensibilità (Se dei tre test sono le seguenti: per la c-ELISA Se e Sp = 100% con un valore di cut-off pari al 61.0% (B/B0%; per la i-ELISA Sp = 99.1% e Se = 100% con un valore di cut-off di 21.7% (PP%; per il DELFIA Sp = 91.0% e Se = 75% ponendo il valore di cut-off al 37.0% (B/B0%. Inoltre sono state valutate le performance, nei confronti di sieri suini, di un test FPA (Fluorescence Polarization Assay commerciale sviluppato per la ricerca di anticorpi anti-Brucella in sieri bovini; la specificità e la sensibilità ottenute sono entrambe del 100% al valore di cut-off di 99.5 (mP. Questi risultati suggeriscono che la combinazione di c-ELISA, i-ELISA e FPA può essere utilizzata per migliorare la diagnosi di brucellosi suina.

  17. Un taccuino a forma di strada. Su "Einbahnstrasse" di Walter Benjamin

    Pier Giovanni Adamo

    2016-01-01

    La poetica di F. Schlegel ha realizzato una storicizzazione della teoria dei generi letterari sostituendo alla dicotomia del classicismo tra forma e contenuto una distinzione tra forma e spirito, secondo cui i materiali linguistico-tematici rappresentano i precipitati di quest’ultimo. Riprendendo questa intuizione di P. Szondi, potremmo affermare che, nella modernità letteraria, l’ibridazione è il processo di transizione dei materiali attraverso le forme. Un’opera tanto esemplare quanto strut...

  18. Nuovi approcci terapici in modelli murini di neurodegenerazione di tipo Alzheimer

    Kleiner, Giulio

    1982-01-01

    La demenza di tipo Alzheimer (AD) rappresenta una delle principali patologie che affliggono la nostra società. Purtroppo, i trattamenti terapeutici oggi disponibili non sono in grado di bloccare l’inesorabile esito della malattia, ma solo di rallentarlo. Pertanto, lo studio di nuove strategie terapiche e la successiva validazione delle stesse sono obiettivi prioritari della ricerca, con robuste analisi da effettuare su modelli animali affidabili. Attualmente, nessuno dei modelli sperimentali ...

  19. Matrimonio omosessuale e pubblico ufficiale: una nuova forma di obiezione di coscienza?

    Ludovica Decimo

    2015-10-01

    SOMMARIO: 1. La difesa dei valori culturali e religiosi attraverso il diritto all’obiezione di coscienza - 2. I casi di obiezione di coscienza sulle unioni omosessuali: uno sguardo d’insieme oltre i confini nazionali - 3. Il matrimonio omosessuale e il pubblico ufficiale nell’ordinamento giuridico italiano - 4. Lo scudo dell’obiezione di coscienza: un’opzione possibile per il pubblico ufficiale?

  20. EFISIENSI PERBANKAN SYARIAH DI INDONESIA

    Afif Amirillah

    2014-09-01

    Full Text Available This research aims to find out the factors that can cause the efficiency value difference of Islamic Banking in In-donesia. The data at this research is monetary data of Islamic Banking. It was obtained from Bank of Indonesia. Then, it was divided into input and output variables. The determination of input output variables at this research uses Value Added Approach. Its input output variables consist of Demand Deposits, Saving Deposits, Time Depo-sits, Paid -In Capital, Placement at Bank ofIndonesia, Inter Bank Assets, Mudharabah, Musyara kah, Murabahah, Istishna, Ijarahand Qardh. This research used Data Envelopment Analysis method. This method has a strength that is having the capability to measure inefficiency input output variables, so that, the variable can have the efficiency. This research has resulted Islamic Banking efficiency in Indonesia, but it does not include BPRS. The mean efficiency of Islamic banking in Indonesia is 99,94%. Penelitian ini bertujuan mencari faktor –faktor penyebab perbedaan nilai efisiensiperbankan syariah di Indo-nesia yang dibandingkan secara relatif untuk setiap periode. Data yang digunakan pada penelitian ini menggu-nakan data keuangan perbankan syariah yang diperoleh dari Bank Indonesia kemudian dibagi menjadi variabel input dan output. Penentuan variabel input dan output pada penelitian ini menggunakan pendekatan Value Added Approach. Variabel input outputnyaterdiri dari : Giro iB, Tabungan iB, Deposito iB, Modal disetor, Pen-empatan padaBank Indonesia, Penempatan pada bank lain, Mudharabah, Musyarakah, Murabahah,Istishna, Ijarah dan Qardh. Pada penelitian ini menggunakan metode Data Envelopment Analysis yang mempunyai kel-ebihan dalam menghitung efisiensi untuk setiap variabel input outputyang mengalami inefisiensi. Penelitian ini menghasilkan nilai efisiensi perbankan syariah di Indoenesia (tidak termasuk BPRS. Efisiensi perbankan syariah di Indonesia mengalami efisiensi rata-rata sebesar 99,94%.

  1. EKONOMI PEKARANGAN DI PEDESAAN JAWA

    Dede Mulyanto

    2013-04-01

    Full Text Available Tujuan artikel ini adalah untuk menganalisa peran pekarangan sebagai sumber ketersediaan pangan, energi rumahtangga, dan uang tunai bagi rumahtangga petani. Bagi orang Jawa lahan tidak hanya tempat bekerja mereka tetapi sebagai sebuah status sosial, ekoncomi dan politik di masyarakat. Disinilah pekarangan, sebuah lahan kecil di rumah, mengambil peran ketika petani menghadapai kesulitan ekonomi yang dikarenakan lahan garapannya tidak menguntungkan. Rumusan masalahnya adalah bagaimana karakteristik desa Wetankali dan bagaimana bentuk pemanfaatan ekonomi pekarangan yang terjadi di sana. Metode penelitian yang digunakan adalah etnografis disertai survei dengan kuisioner dan analisis data sekunder. Penelitian ini dilakukan di Desa Wetankali Kecamatan Kutocilik Kabupaten Banyumas. Pekarangan bagi masyarakat Jawa merupakan benteng yang dengannya mereka dapat bertahan hidup. Pekarangan ditanami beberapa jenis tanaman ynag dapat dijual untuk menambah pendapatan rumahtangga petani. Bersaamaan dengan pertumbuhan penduduk yang naik, pekarangan berubah bentuk menjadi semakin sempit karena masyarakat lebih memilih menggunakan lahannya untuk hunian. Akibatnya, untuk rumahtangga miskin, sumber makanan pendukung dan energi murah mulai menghilang. The objective of this article is to analyse the role played by house yards or home garden as source of food storage, household energy, and cash for peasant household. For Javanese peasant, yard was not only a  place for work, but also a space to represent economy and social status. The importance of house yards is felt in difficult situation such as economic crises and corpse failure. Research questions in this anysisis are how about the characteristics of Wetankali village and how about the pattern of using home garden or home yard there. Research method used is etnography with survey using questionaire and secondary data analysis. The research was conducted in Watankali, Kutocilik Banyumas. For Javanese, yards

  2. Transitional Care: implementazione di un modello organizzativo multidimensionale di cure intermedie

    Davide Minniti

    2014-06-01

    Full Text Available Background. I rapidi cambiamenti demografici hanno profondamente modificato il funzionamento della rete dei servizi ospedalieri e territoriali. Il modello di cure intermedie (CI o transitional care è un servizio “ponte” tra ospedale e territorio che rappresenta una difficile sfida perché deve rispondere a specifici requisiti di appropriatezza, efficacia, efficienza e sicurezza. Per far fronte alla situazione socio-economica attuale ed in riferimento al PSSR 2010-2015, il Piemonte ha recentemente attuato un piano di rientro che mira a superare l’inappropriatezza di alcune prestazioni e delle loro modalità di erogazione. Di conseguenza la DGR n. 6-5519 del 14/03/13 ha previsto per l’ASL TO3 la riconversione di 5 ospedali in strutture di assistenza territoriale per le CI. Obiettivi.Valutare l’appropriatezza organizzativa, l’efficacia e l’efficienza delle diverse dimensioni del modello organizzativo di CI: Centro di Assistenza Primaria (CAP, Servizio di Telemedicina (ST, Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria (CAVS. Metodi. La prima fase ha previsto l’apertura del CAP presso il presidio ospedaliero di Avigliana. Si è poi provveduto ad attivare il ST dell’ASL TO3. Sono stati calcolati i volumi di attività di entrambi i servizi, relativamente ai primi sei mesi dall’apertura, ed è stato misurato l’impatto di questo nuovo modello organizzativo sull’attività della struttura di Emergenza di riferimento presso il DEA di Rivoli. Per la CAVS, inoltre, si è provveduto ad effettuare un’analisi di appropriatezza ex ante ed un’analisi dei costi. Risultati. Il totale degli accessi al CAP, nei mesi indice del 2013, è di circa 2000 casi, con una media di 14 pazienti/die. Il 70% dei casi ha richiesto l’intervento medico. Le cause di accesso più comuni sono state i traumi (22%. Nel 65% dei casi l’esito è stato la dimissione a domicilio. Per la CAVS, un’analisi delle SDO ha dimostrato che il numero di posti letto per

  3. DETERMINAN PERSALINAN SEKSIO SESAREA PASIEN KELAS TIGA DI DUA RUMAH SAKIT DI JAKARTA TAHUN 2011

    Marice Sihombing

    2016-03-01

    Full Text Available Latar belakang: Angka kejadian persalinan seksio sesarea di banyak negara terus meningkat begitu juga di Indonesia, baik di rumah sakit pemerintah maupun rumah sakit swasta. Tujuan: Penelitian ini bertujuan untuk mengetahui determinan persalinan seksio sesarea pasien kelas tiga di dua rumah sakit di Jakarta tahun 2011. Metode: Metode penelitian adalah cross sectional. Data merupakan bagian dari Penelitian Studi Indikasi Sectio Caesarea di dua Rumah Sakit di Jakarta”. Data didapatkan dari rekam medik pasien yang melahirkan pada periode 1 Januari sampai 31 Desember 2011. Hasil: Jumlah seluruh persalinan di dua rumah sakit tersebut 4190, dan yang memenuhi kriteria untuk di analisis sebanyak 4152 persalinan.  Dari 4152 persalinan, ada 3154 persalinan (76,0% di rawat inap di kelas tiga. Proporsi persalinan seksio sesarea pada pasien kelas tiga sebesar 57,3%. Determinan persalinan seksio sesarea adalah pendidikan tinggi (OR=1,80; 95%CI 1,46-2,14, menggunakan asuransi (OR=1,70; 95%CI 1,43-2,04, dan hipertensi (OR=1,30; 95%CI 1,03-1,62. Kesimpulan: Proporsi persalinan seksio sesarea pasien rawat inap di kelas tiga relatif tinggi (57,3%, dan indikasi medis pada seksio sesarea adalah hipertensi. Perlu dilakukan intervensi pada perempuan hamil agar rutin melakukan pemeriksaan kehamilannya dan keseriusan pemerintah pada penegakan pedoman praktek.  

  4. La rima in «Bosco di Eva» di Carlo Levi

    Cascio, G.

    2016-01-01

    L’oggetto dell’analisi di questo saggio è la rima così come viene messa in atto in una delle raccolte poetiche di Carlo Levi: Bosco di Eva. Attraverso un close reading delle poesie si comprende l’importanza della metrica su tre livelli: quello strutturale, quello simbolico e quello letterario all’in

  5. David Frapiccini, L’età aurea di Giulio II. Arti, cantieri e maestranze prima di Raffaello

    Giuseppe Capriotti

    2014-04-01

    Full Text Available Recensione / Book review Frapiccini D. (2014, L’età aurea di Giulio II. Arti, cantieri e maestranze prima di Raffaello, Roma, Gangemi Editore («Helicona. Collana di monografie di storia dell’arte», a cura di Marco Gallo, 206 pp.

  6. Descrizione di un caso clinico di morbo coitale maligno (MCM in un focolaio di malattia in Italia

    Massimo Scacchia

    2011-12-01

    Full Text Available In Italia, nel maggio 2011, in seguito a controlli effettuati su uno stallone per la relativa approvazione alla monta, è stato di nuovo segnalato il morbo coitale maligno (MCM. Nel lavoro viene descritto il caso di una cavalla con sintomi clinici della malattia ritenuta verosimilmente all’origine dell’infezione dello stallone.

  7. Pianificazione urbana e comportamenti di viaggio: più di una relazione

    Elisabetta Vitale Brovarone

    2010-04-01

    Full Text Available L’influenza dei caratteri urbani sulla domanda di mobilità è un tema ampiamente dibattuto e studiato. Al di là delle assunzioni teoriche a riguardo, molti studiosi hanno tentato di individuare empiricamente nessi attestanti questo fenomeno. Gran parte della letteratura scientifica sul tema può essere ricondotta al dibattito sulla città compatta e sullo sprawl. Due principali obiettivi contraddistinguono questo dibattito: la comprensione delle complesse dinamiche che legano la domanda di mobilità ai caratteri urbani e l’individuazione di configurazioni sostenibili degli usi del suolo. Il fenomeno è dunque studiato al fine dello sviluppo di strategie fondate sull’integrazione tra i trasporti e gli usi del suolo, finalizzate a limitare l’uso dell’auto e ad ottenere una distribuzione modale degli spostamenti più equilibrata. Buona parte della ricerca scientifica, specialmente nell’ultimo decennio, è dunque focalizzata sull’identificazione di nessi causali tra gli usi del suolo e i trasporti, per supportare, o in alcuni casi mettere in discussione, esperienze e politiche integrate. Nonostante la quantità e varietà di studi dedicati al tema, il fenomeno è ancora lungi dall’essere compreso e dimostrato empiricamente. Il dibattito in proposito è ampio e l’impressione è che con l’aumentare degli studi in proposito e del livello di approfondimento delle analisi diminuisca la sensazione di chiarezza. Attraverso un’analisi della letteratura, l’articolo mette in evidenza i principali problemi emergenti dal dibattito. Senza negare l’importanza del riconoscimento di nessi causali tra i caratteri degli insediamenti e la domanda di mobilità, opinione di chi scrive è che l’individuazione di questi nessi non debba necessariamente costituire una condizione imprescindibile per la definizione e l’adozione di un approccio integrato.

  8. Un esempio di 'decodifica iperbolica'. La ricontestualizzazione narrativa di una scena di simposio greco nel romanzo Il salto di Saffo di Erica Jong

    Gloria Larini

    2012-12-01

    Full Text Available Lo studio sonda l'unica scena di simposio greco presente nel romanzo Il salto di Saffo di Erica Jong. Si intendono scoprire i rapporti tra la resa linguistica dei frammenti saffici e alcaici operata dalla scrittrice ed il testo originale. Si è effettuata una comparazione con metodo linguistico-filologico tra i testi antichi e il romanzo, sondando preliminarmente, attraverso una analisi semantica intratestuale, i riferimenti classici ivi contenuti. Lo studio individua tre principali direzioni di decodifica attivate dalla Jong: riduzioni e/o aggiunte, variazioni linguistiche rispetto ai frammenti greci;  invenzioni storico-biografiche sui personaggi che ne 'mistificano' il senso;  adattamento della storia alle informazioni dei frammenti attraverso una loro lettura inferenziale.  L'articolo 'scopre' una nuova forma di decodifica da testo letterario a testo letterario che ho definito 'iperbolica', con un neologismo che mette in evidenza la complessità del passaggio sincrono, non frequente, dall'antico al moderno e da un genere all'altro, mettendo in evidenza contaminazioni e pastiche di un procedimento non proprio politically correct, sebbene dimostri l'attualità dei temi della letteratura greca antica. AbstractTitle: “An example of ‘hyperbolic decoding’. Reframing the narrative of a greek symposium scene in the Erica Jong’s novel Sappho’s Leap”. The study is about the only greek symposium scene in the Erica Jong’s novel Sappho’s Leap. We intend to explore the relationship between linguistic rendering of greek fragments by the author and the original texts. We compare, through a linguistic-philological method, the ancient greek text and the novel through a semantic analysis intratextual and intertextual. The study identifies three main directions of decoding activated by Jong: linguistic reductions and / or additions in greek fragments; historical and biographical inventions about the characters, that ‘mistify’ the

  9. Il modello di Museo Virtuale dell’Educazione dell’Università di Bologna

    Chiara Panciroli

    2010-07-01

    Full Text Available La relazione dal titolo “Studi per un modello di Museo dell’Educazione virtuale dell’Università di Bologna”, facendo riferimento agli sviluppi del museo a livello europeo ed extraeuropeo, con un approfondimento specifico alla realtà italiana, cerca di coniugare gli elementi della museologia con alcuni dei modelli interpretativi pedagogici al fine di definire alcuni percorsi didattici museali in rete, che sappiano cogliere le innovazioni che provengono dall’ambito tecnologico ma rivisitate alla luce di caratteristiche educative e formative irrinunciabili.

  10. Il concetto di storia della lingua nell'opera grammaticale di Benedetto Buommattei

    Gunver Skytte

    1991-12-01

    Full Text Available Che la storia della lingua sia una disciplina linguistica di data recente, fondata nell'800, soprattutto grazie alle ricerche pionieristiche di insigni filologi tedeschi, è un'opinione comunemente accettata, ed essa è probabilmente anche giustificata attraverso la classificazione datane di disciplina. A questo dato di fatto si deve senz'altro l'opinione altrettanto estesa che prima dell'800 non esistesse il concetto di linguistica diacronica o cambiamento linguistico in senso scientifico, come pure quella non meno erronea che la linguistica, come scienza, sia stata fondata solo nell'800.

  11. D. Felini (a cura di, Video game education. Studi e percorsi di formazione

    Alex Tribelli

    2013-03-01

    Full Text Available Nei confronti di una trattazione scientifica dei videogame c’è tuttora qualche scetticismo. I pregiudizi, più volte denunciati, ancora hanno qualche sussistenza: persiste qualche analisi sociale che considera i videogame oggetti diabolici che provocano isolamento e comportamenti violenti nei teenager. Pur constatando una progressiva inversione di tendenza, Video game education. Studi e percorsi di formazione, curato da Damiano Felini, si propone di sgretolare la concezione che la società contemporanea ha dei videogame, dimostrando come questi oggetti mediali possono addirittura divenire uno strumento di formazione e crescita delle persone.

  12. Servizi di infomobilità nei trasporti del Comune di Roma

    Flaminia Leggeri

    2013-08-01

    Full Text Available Uno degli obiettivi di ATAC, azienda dei trasporti del Comune di Roma, è quello di fornire informazioni sul servizio di trasporto pubblico da lei operato ad un bacino di utenza sempre più vasto. In quest’ottica ha sviluppato il progetto “ATAC per le aziende” con particolare sensibilità alla Mobilità Sostenibile.One of the objectives of ATAC, the Transportation company of the City of Rome, is to provide information about the service public transport. In this context, it developed the project "ATAC for companies" with particular sensibility to Sustainable Mobility. 

  13. “Il coraggio di essere giovani”: un progetto sulla Fgci di Modena degli anni Ottanta

    Claudia Capelli

    2015-12-01

    Full Text Available L’Istituto Storico di Modena promuove una ricerca sulla Fgci di Modena degli anni Ottanta con l'obiettivo di cominciare a riflettere sul decennio conclusivo della storia del Pci, un periodo di crisi profonda della cultura politica comunista che la storiografia non ha ancora affrontato in modo sistematico. Il caso modenese permette di osservare alcuni importanti elementi dell'esperienza della Fgci “rifondata”, come il nuovo approccio alla comunicazione politica e il rapporto con i movimenti sociali.

  14. Lavoro di cura, famiglie e futuro: riflessioni per uno strumento di ricerca.

    Felice Carugati

    2007-07-01

    Full Text Available Il presente contributo riguarda le riflessioni teoriche che hanno portato alla costruzione di uno strumento di ricerca sul tema delle cure educative che le madri pensano ed agiscono nella vita quotidiana nei confronti dei figli. Utilizzando una prospettiva che studia i contesti sociali come unità d’analisi a più livelli, dall’individuale al collettivo (Bronfenbrenner, 1979, dalle azioni alle rappresentazioni (Doise, 1982, integrando in questa prospettiva anche lo studio delle Rappresentazioni Sociali (Mugny, Carugati, 1985, vengono descritti i principali contenuti di un questionario somministrato ad un campione di madri con figli di età tra i 5 e gli 11 anni.

  15. H-Star di Trimble Un sistema GPS in doppia frequenza per rilievi di alta precisione

    Redazione Redazione

    2005-10-01

    Full Text Available L’acquisizione dati con H-Star è gestita con un software specificatamente ideato per i dati di elevata accuratezza. Esso, dotato di indicatore Predicted PostprocessedAccuracy (PPA, mostra chiaramente la precisione che si otterrà una volta che i dati H-Star verranno postprocessati. L’elaborazione di questi dati è studiata appositamente per raggiungere una precisione superiore ai 30 cm con non più di due minuti di dati continui.

  16. Note di linguistica bawlé

    Franco Crevatin

    1985-12-01

    Full Text Available Come è noto, la paretimologia obbedisce primariamente al bisogno di trasparenza e motivazione semantica del parlante; qui segn.alo un caso, da me raccol to in Costa d 'Avorio (sotto-prefettura di Sakasú e, a quanto pare, abbastanza diffuso tra i parlanti bawlé ( lingua Akan, nel quale si colgono interessanti reminiscenze storiche.

  17. Note di fisica statistica (con qualche accordo)

    Piazza, Roberto

    2011-01-01

    Il testo si configura come un' introduzione alla fisica statistica rivolto in primo luogo a quei corsi di studio in ingegneria che più hanno a che fare con le proprietà fisiche dei materiali, ed ha lo scopo di fornire le basi microscopiche del comportamento termodinamico di cui si fa uso sia in molti corsi tradizionali, quali quelli di termofluidica d'interesse per l'ingegneria chimica e nucleare, che in corsi rivolti ad applicazioni avanzate nella scienza dei materiali e nelle nanotecnologie. Particolare attenzione viene quindi dedicata all'impiego di metodi di fisica statistica nella scienza dei materiali, approfondendo tematiche relative alle vibrazioni nei solidi, ai processi di nucleazione liquido/vapore, alla struttura dello stato fluido e vetroso, ai plasmi, ai materiali magnetici, al gas di Fermi e alla superfluidità. Per il suo carattere generale, e per l'accento posto sui fondamenti della meccanica quantistica, il volume si presta comunque a costituire anche un testo introduttivo alla meccanica s...

  18. DAMPAK DAN PENGENDALIAN HUJAN ASAM DI INDONESIA

    Erni M Yatim

    2007-01-01

    Hujan asam ialah turunnya asam dalam bentuk hujan. Hal ini terjadi apabila asam di udara larut dalam butirbutir air di awan. Jika hujan turun dari awan itu, air hujan bersifat asam. Asam itu terhujankan atau rainout. Hujan asam dapat pula terjadi karena hujan turun melalui udara yang mengandung asam sehingga asam itu terlarut kedalam air hujan dan turun kebumi.

  19. Problemi di meccanica quantistica non relativistica

    Alabiso, Carlo

    2013-01-01

    Il volume raccoglie una selezione di problemi assegnati nei corsi di Meccanica Quantistica non relativistica previsti per la Laurea in Fisica presso l’Università degli Studi di Parma. Gli oltre 300 problemi sono divisi in undici capitoli tematici, all’interno dei quali è possibile individuare vari livelli di difficoltà, per studenti della Laurea Triennale, della Magistrale e del Dottorato di Ricerca. L’attenzione nei confronti di una sua ampia funzione pedagogica ci ha portato a dividere il volume in tre parti, Problemi, Risposte/Suggerimenti e Soluzioni, per guidare lo studente verso un approccio autonomo e progressivo: risolvere il problema, controllare la risposta, consultare la soluzione. Le soluzioni sono sempre state oggetto di discussione in aula; contengono quindi anche le risposte ai dubbi e alle perplessità degli studenti e sono spesso più estese di quanto richiesto dalla semplice prova d’esame. Si è aggiunta un’ampia appendice teorica da utilizzare per consultazione e per omogeneizz...

  20. Kandidiasis di Mulut akibat Khemoterapi dan Penatalaksanaannya

    2016-01-01

    Latar belakang: kandidiasis (kandidosis) adalah infeksi jamur yang disebabkan oleh spesies Candida biasanya Candida albicans. Faktor predisposisi yang memicu kandidiasis adalah terganggunya ekologi mulut karena antara lain pemakaian antibiotika, kortikosteroid, penyakit kronis dan keganasan, beberapa gangguan darah; terapi radiasi di leher dan kepala; khemoterapi; leukimia, obat sitotoksik, juga kebersihan mulut yang buruk. Tujuan: melaporkan kasus kandidiasis di mulut karena khemoterapi dan ...

  1. Comportamento a fatica dei giunti saldati in funzione della densità di energia di deformazione locale: influenza dei campi di tensione singolari e non singolari

    Paolo Lazzarin

    2009-07-01

    Full Text Available Il criterio della densità di energia di deformazione (SED considera un preciso volume di controllo posizionato in corrispondenza del piede o della radice dei cordoni di saldatura, ossia delle zone di possibileinnesco delle cricche di fatica. Modellati i cordoni come intagli a V non raccordati e con diverso angolo di apertura, il volume è riconducibile a un settore circolare nei casi di tensione o deformazione piana, e il raggio vale circa 0.3 mm per i giunti saldati in acciaio strutturale.Il valore medio della densità di energia di deformazione dipende essenzialmente dalle distribuzioni singolari nei giunti di medio ed elevato spessore, mentre importante diventa il contributo della T-stress nei giunti di spessore ridotto. Entrambi gli effetti sono correttamente computati utilizzando modelli agli elementi finiti, anche utilizzando mesh con un numero ridotto di gradi di libertà. Il fatto è di notevole interesse per una possibile applicazione del metodo a strutture saldate di geometria complessa. Agli effetti descritti, tipicamente riconducibili a una modellazione piana, si possono accompagnare campi singolari non convenzionali, legati aeffetti tridimensionali indotti dalla geometria. L’effetto out-of-plane è qui evidenziato in relazione ai giunti a semplice sovrapposizione.

  2. Neuropsicologia, le novità dal congresso Sinp di Roma

    2012-01-01

    Tutte le novità su mente e cervello dal congresso annuale della Società Italiana di Neuropsicologia (Sinp 2012) tenutosi lo scorso Novembre presso la Fondazione Santa Lucia di Roma presentate su BrainFactor in uno "speciale" realizzato dagli studenti del Laboratorio di Comunicazione giornalistica dell'Università degli Studi di Milano Bicocca. Memoria, percezione, linguaggio, semantica, afasie, sclerosi multipla, disordini di coscienza, stato vegetativo, stato di minima coscienza, Alzheimer, d...

  3. Caratterizzazione biomolecolare di listeria monocytogenes in suini regolarmente macellati

    Santoro, Cristina

    2009-01-01

    Listeria monocytogenes è un batterio patogeno responsabile di una malattia potenzialmente molto grave per l’uomo. L’infezione avviene soprattutto tramite l’ingestione di alimenti di origine animale contaminati, e può propagarsi per via transplacentare al feto. Il potenziale patogeno di L. monocytogenes è dovuto soprattutto a caratteristici fattori di virulenza con i quali alcuni ceppi sono in grado di attaccare la cellula dell’organismo ospite potendo aderire, invadere, moltiplicare e prop...

  4. Simulazione della propagazione di difetti a fatica mediante il modello di zona coesiva

    A.Pirondi, F.Moroni

    2009-07-01

    Full Text Available Le giunzioni incollate guadagnano sempre più mercato, nel campo delle costruzioni in genere, dove è necessario un alleggerimento delle strutture. Nel caso di geometrie di giunto semplici il dimensionamento avviene attraverso relazioni analitiche che restituiscono il valore massimo delle tensioni, il quale deve essere inferiore al limite di utilizzo dell’adesivo stesso. Quando le geometrie sono complesse l’approccio analitico diventa impraticabile, di conseguenza si provvede a verificare la correttezza della soluzione mediante analisi agli elementi finiti (EF. L’introduzione del modello di zona coesiva nell'analisi EF permette di simulare il danneggiamento ed il cedimento del giunto in condizioni quasi-statiche e impulsive. In questo articolo si vuole implementare il modello per la simulazione della propagazione a fatica di difetti, utilizzando il software agli elementi finiti ABAQUS assieme a subroutine esterne interagenti con il modello EF stesso. Un punto focale dell'implementazione sarà il calcolo automatico del tasso di rilascio di energia G in modo indipendente dalla geometria del difetto stesso. I parametri del modello ricavati da prove di tenacità a frattura e propagazione di difetti a fatica in modo I, saranno utilizzati come riferimento per la convalida dell'implementazione.

  5. FRBR prima di FRBR FRBR before FRBR

    Carlo Bianchini

    2010-06-01

    Full Text Available This paper deals with lack of FRBR-zation of present online catalogues and with a way to organize on the shelves resources by FRBR entities using Colon Classification book number.Main results of this analysis are: categories expressed by FBRB were already identified by Ranganathan in its bibliographic system; Colon classification book number allows a higher degree of arrangement of bibliographic resources, i.e. compliant to FRBR entities; also for this reason, Colon classification book number is better than Cutter-Sanborn system; in Classified Catalogue ideated by Ranganathan both the aspects of cataloguing (semantic and semiotic are integrated; facet formula for book number is a special device that allows to switch from classification to identification of bibliographic resources, inasmuch book number is an identifying device included in a classification system.Questo articolo rileva la limitata funzionalità degli attuali cataloghi in linea a causa di una mancata FRBR-zazione degli stessi. Attraverso la comparazione di alcuni modelli per l'organizzazione a scaffale delle risorse, si individuerà la soluzione più economica e realistica per rappresentare le entità di FRBR. I principali risultati di questa analisi sono: la consapevolezza che le categorie isolate dal modello entità-relazione erano già state individuate da Ranganathan nel suo sistema bibliografico e che il numero di libro della classificazione Colon è il più rispondente alle entità di FRBR. Il numero di libro della classificazione Colon è in questa prospettiva migliore del sistema ideato da Cutter e Sanborn, poiché nel Catalogo Classificato ideato da Ranganathan risultano integrati entrambi gli aspetti della catalogazione (semantica e semiotica. La formula della faccetta per il numero di libro è uno strumento che permette di passare dalla classificazione all'identificazione delle risorse bibliografiche, in quanto funge da dispositivo di identificazione all'interno di un

  6. Prevalenza di donne fumatrici in gravidanza

    B. Bianconi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: il fumo in gravidanza è estremamente dannoso per il feto; il basso peso alla nascita e la prematurità sono le conseguenze più frequenti. Obiettivo dello studio è capire l’efficacia dei corsi di preparazione al parto nella cessazione del fumo in gravidanza.

    Metodi: lo studio è stato effettuato da maggio 2000 a marzo 2002. Sono stati somministrati dei brevi questionari durante gli incontri dei corsi di preparazione al parto effettuati dal Servizio di Ginecologia e Ostetricia della Zona Amiata Senese dell’Azienda USL 7 di Siena. I questionari sono stati compilati in tre incontri diversi, l’ultimo dopo il parto.

    Risultati: su 111 donne intervistate 82 hanno partecipato al II° incontro e 59 anche al III°. Al I° incontro le fumatrici sono il 18%, le ex fumatrici il 28,8% e le non fumatrici il 53,2%. La prevalenza di fumatrici passa dal 18% al 12,2% ed al 10,2% nelle sedute successive; il numero medio di sigarette fumate rimane costante nei tre momenti (5/6. Considerando solo le donne che hanno partecipato a tutti gli incontri si nota che il 33,3% di quelle che fumavano all’inizio non lo fanno più al II° incontro ed il 45,5% al III°. Un dato molto interessante e che il 43,8% delle ex fumatrici ha smesso quando si è accorta di aspettare un bambino. Una sola donna ha smesso di fumare in gravidanza per poi ricominciare dopo il parto. Un’altra donna, al I° incontro ha dichiarato di fumare 2 sigarette al giorno, ma ha aggiunto che prima della gravidanza ne fumava 20.

    Conclusioni: la prevalenza di donne che continuano a fumare in gravidanza, soprattutto alla fine, è abbastanza bassa, anche se non si può essere soddisfatti di un risultato parziale. Questi dati dimostrano l’utilità di interventi di sensibilizzazione per tutte le donne fumatrici che intendono affrontare una gravidanza.

  7. Pier Luigi Nervi e la scuola di Ingegneria e Architettura di Bologna

    Vittorio Cimino

    2012-12-01

    Full Text Available Pier Luigi Nervi (1891-1979, poliedrico progettista, teorico, docente, costruttore e imprenditore, è stato senza dubbio uno dei protagonisti dell’architettura e dell’ingegneria del Novecento. Proprio l’essere riuscito a unire in sé le due figure – ormai da tempo distinte, nella formazione come nella professione – dell’ingegnere e dell’architetto, è stato uno dei fattori-chiave della sua opera, nella quale l’invenzione di nuove forme non è disgiunta dalla capacità di costruirle. Questo profilo interdisciplinare si è costruito negli anni della sua formazione nella Scuola di Applicazione per Ingegneri di Bologna, grazie agli insegnamenti ricevuti dai suoi maestri e alle esperienze di conoscenza e di pratica professionale, orientati a una “cultura politecnica”, alla coraggiosa volontà di sperimentazione e alla conoscenza della realtà tecnica e costruttiva.

  8. Cosa fa vivere gli uomini? di Lev Tolstoj. Anatomia di un successo

    Damiano Rebecchini

    2010-12-01

    Full Text Available In questo studio ricostruiamo la storia di un racconto poco noto di Lev Tolstoj, Che cosa fa vivere gli uomini? (1881. In quest’opera Tolstoj volle rappresentare alcuni elementi chiave della sua nuova visione etico-religiosa maturata nel corso degli anni ’70 dell’Ottocento. Lo scrittore, inoltre, si impegnò nel distribuirla tra i ceti popolari urbani e nelle campagne e, grazie ad un’efficace opera di diffusione, l’opera fu letta da milioni di lettori popolari. Nell’articolo analizziamo da una parte le strategie narrative ed editoriali messe in gioco da Tolstoj nel suo racconto per conquistare i nuovi lettori; dall’altra, le tattiche di appropriazione, di adattamento e di trasformazione del testo tolstoiano da parte dei suoi lettori popolari.

  9. Domotica e disabilità negli ambienti di apprendimento. Esiti di un progetto

    Tamara Zappaterra

    2013-11-01

    Full Text Available In un lavoro sinergico ed interdisciplinare tra ricercatori dell’area pedagogica, dell’area ingegneristica e di quella medica, si è testata la possibilità di adattamento di dispositivi domotici all’ambiente scolastico, ambito non ancora esplorato dalla domotica, ed è stato progettato e realizzato un prototipo di dispositivo innovativo ed originale modellato sulle peculiarità dell’utente nel contesto scolastico. Per quanto riguarda i risultati raggiunti,sono state realizzate tre stazioni domotiche composte da un banco touch-screen collegato ad una LIM. Lo strumento si sta rivelando in grado di facilitare e motivare ad imparare, di trasmettere apprendimenti, di migliorare la qualità della vita del gruppo classe.

  10. Castelli di carta. La piega per la costruzione di superfici articolate

    Andrea Casale

    2012-06-01

    Full Text Available L’antica arte del piegare la carta, l’Origami, sta vivendo un rinnovato interesse che coinvolge molti aspetti della ricerca.  Con il termine origami, si intende lo studio del modo di piegare il foglio di carta per imporgli una specifica forma.  La superficie tassellata per mezzo di specifiche pieghe, si propone come un nuovo soggetto di studio: la superficie piegata articolata. La forma congiunta al movimento, assume un particolare interesse nella contemporanea ricerca geometrica e architettonica. Il panorama contemporaneo, propone opere di architettura “responsiva”, capaci di modificare le proprie caratteristiche per adeguarsi a nuove condizioni. La superficie piegata articolata sembra particolarmente adatta a descrivere questo modo d’intendere l’architettura, reagendo a diverse volontà e di conseguenza modificando la propria conformazione attraverso un attento controllo progettuale della forma.

  11. Il tempo perturbante di uno sguardo

    Piero Zanini

    2010-06-01

    Full Text Available Nell’autunno del 1973 Pier Paolo Pasolini viene invitato a partecipare ad una rubrica televisiva intitolata Io e …, nella quale intellettuali, poeti, registi, musicisti, scrittori sono chiamati a scegliere e a parlare di un’opera d’arte a cui tengono in modo particolare. Dopo un crescendo di ripensamenti intorno al tema da trattare (una pietra, un muretto, una fontana Pasolini sceglie infine di concentrare la sua attenzione sulla forma della città, a partire da due luoghi tanto a lui familiari quanto tra loro radicalmente diversi: la medievale Orte, la fascista Sabaudia. Il risultato della sua partecipazione alla trasmissione è una sorta di ‘scritto corsaro’ per immagini, Pasolini e… la forma della città1, un documento importante e complesso per comprendere la “sostanza di Pasolini” [Contini, 1988] in quel momento particolare della sua vita che sono i primi anni Settanta.

  12. Il laboratorio infinito di Vladmir Gubin

    Mario Caramitti

    2015-07-01

    Full Text Available Vladimir Gubin partecipa attivamente negli anni Sessanta alla vita letteraria della Leningrado del disgelo ma, all'avvento della stagnazione brežneviana, solo limitatamente e temporanenamente si inserisce nei circoli del Samizdat, scegliendo alla fine un completo isolamento. E per più di venti anni (1976-1997 elabora, rivede, riformula, affina e cesella un unico testo in prosa completa- mente metrizzata, Illarion e il Nano, che somma il lascito di tutte le stagioni delle avanguardie e raggiunge un livello di densità della parola poetica con pochissimi eguali nel secondo Novecento russo.All'interno di un libro ancora del tutto inesplorato a livello critico, ci si sofferma in parti- colare sul fittissimo tessuto di riferimenti metaletterari, che tracciano un articolato affresco del mondo della creazione clandestina. 

  13. DINAMIKA PERKEMBANGAN PERBANKAN SYARIAH DI INDONESIA

    Ali Syukron

    2013-12-01

    Full Text Available Perkembangan perbankan syariah di Indonesia merupakan suatu perwujudan dari permintaan masyarakat yang membutuhkan suatu sistem perbankan alternatif yang selain menyediakan jasa perbankan/keuangan yang sehat, juga memenuhi prinsip-prinsip syariah. Tulisan ini mencoba mereview bagaimana perjalanan dan perkembangan bank syariah di Indonesia serta dibandingkan dengan beberapa Negara muslim lainnya. Secara umum, kebijakan pengembangan perbankan syariah di Indonesia belum mencapai target yang ideal yang direncanakan. Berdasarkan Global Islamic Financial Report (GIFR tahun 2014, Indonesia menduduki urutan ketujuh turun tiga peringkat yang sempat menempati urutan keempat pada tahun 2011. Sebagai negara yang memiliki potensi dan kondusif dalam pengembangan industri keuangan syariah setelah Iran, Malaysia dan Saudi Arabia. Dengan melihat beberapa aspek dalam penghitungan indeks, seperti jumlah bank syariah, jumlah lembaga keuangan non-bank syariah, maupun ukuran aset keuangan syariah yang memiliki bobot terbesar, dapat dikatakan perkembangan perbankan syariah di Indonesia berjalan di tempat, bahkan belum menunjukkan perkembangan yang signifikan dari tahun-tahun sebelumnya.

  14. Stelle, galassie e universo Fondamenti di astrofisica

    Ferrari, Attilio

    2011-01-01

    Scopo del testo e' introdurre i concetti base della fisica stellare, della fisica delle galassie e della cosmologia con approccio essenzialmente fisico. La prima parte presenta le tecniche osservative sia nella banda ottica, sia nelle alte frequenze e nella banda radio. La parte dedicata alle stelle discute modelli di struttura e l’evoluzione. La terza parte e’ dedicata alle galassie, morfologia, formazione ed evoluzione, per giungere allo studio della distribuzione sulle grandi scale. La sezione di cosmologia presenta i modelli cosmologici relativistici, con la discussione del big-bang, inflazione, materia oscura, energia oscura. Il testo rappresenta la raccolta delle lezioni tenute dall’autore per i corsi introduttivi di astrofisica delle lauree specialistiche in Fisica e Astrofisica nei passati 30 anni, ma include elementi avanzati utili per corsi introduttivi di astrofisica nel dottorato in Fisica. Il testo e' anche stato utilizzato in forma preliminare da colleghi di altre sedi.

  15. La Descrittione di tutta Italia di Leandro Alberti e il Theatrum Orbis Terrarum di Abraham Ortelius

    Silvia Gaiga

    2014-10-01

    Full Text Available Leandro Alberti’s Descrittione di tutta Italia and Abraham Ortelius’ Theatrum Orbis TerrarumIn her essay on the Italian sources informing Abraham Ortelius’ pioneering Theatrum Orbis Terrarum, Silvia Gaiga first demonstrates the enduring international impact of Leandro Alberti’s Descrittione di tutta Italia. Alberti’s chorography on the Italian peninsula quickly found a highly interested audience all over Europe, as is evidenced by its early presence in most of the academic libraries in Northern Europe. Its chorographic descriptions also informed an entrepreneurial cartographer like Abraham Ortelius when he conceived his ambitious atlas in the 1570s, a product closely linked to the emerging market of books targeting the growing group of travellers. Gaiga demonstrates that Ortelius appreciated Alberti’s suggestions particularly while addressing the erudite sections of this new audience. The versions of his atlas soon published in the vernacular, however, particularly in Dutch and German, include a radically different chorographic description of the Italian peninsula, produced by Ortelius personally and clearly directed at a kind of traveller interested in a more practical approach of his trip to Italy.

  16. PENERAPAN KESEHATAN DAN KESELAMATAN KERJA DI PUSKESMAS DI TIGA PROVINSI DI INDONESIA

    Lusianawaty Tana

    2013-11-01

    Full Text Available Abstract Active pulmonary Tuberculosis (TB cases and drug resistance Myco-baterium tuberculosis strain increase the risk of health workers who contact to TB patients. Primary Health Care (PHC workers in Indonesia have the risk to be exposed to M. tuberculosis in workplace. This study aimed to evaluate the implementation of occupational health and safety concerning prevention of M. tuberculosis transmission in PHC and the obstacles. It was a cross sectional study in 50 microscopic referral PHCs (PRM and PHCs with capability in microscopic examination (PPM in Banten Province, Gorontalo Province, and South Kalimantan Province. Data collection was conducted in 2012 through interview and observation to obtain data on PHC characteristic, occupational health and safety implementation, the completeness of guidelines, and facilities. Occupational health and safety implementation on pulmonary TB prevention in PHCs had not fulfilled all the WHO M. tuberculosis transmission prevention guideline yet. Training on TB prevention for the PHC workers had been conducted. Only 58 % of PHCs implemented the program and 56 % had regular health check-up and TB screening activities. Health promotion equipments and facilities for occupational health and safety were still lacking in 26 % of PHCs. Personal Protection Equipments (PPE such as gloves and disposable maskers were available in almost all PHCs (98 % and 96 %. General facilities and laboratory facilities were still lacking in 68 % and 40 % of PHCs (n=50, respectively. Conclusions : Occupational health and safety implementation in PRM/PPM need to be improved by completing the facilities of PHC, laboratory, and health promotion. Key words : Primary health care, occupational health and safety   AbstrakMunculnya kasus TB paru aktif dan kedaruratan strain TB resisten obat, meningkatkan risiko bagi pekerja yang kontak dengan penderita TB. Pekerja puskesmas di Indonesia mempunyai risiko terpajan kuman TB dari lingkungan

  17. Il monastero di Bobbio in età altomedievale

    Eleonora Destefanis

    2003-11-01

    Full Text Available Il monastero di Bobbio, sorto sull’Appennino piacentino per iniziativa di S. Colombano e con il sostegno del re longobardo Agilulfo, ha conosciuto una lunga storia di studi che ne hanno messo di volta in volta in luce l’importanza come centro scrittorio e di raccolta di testi, il ruolo di primo piano quale interlocutore delle monarchie avvicendatesi nel corso dell’altomedioevo, la posizione di spicco nell’esperienza del monachesimo insulare sul Continente, riflessa da una cospicua produzione ...

  18. Detection system qualification for direct measurement of thyroid internal contamination by radioiodine; Qualificazione di un sistema di rilevazione trasportabile per misure dirette di contaminazione interna di radioiodio

    Tiberi, V.; Battisti, P.; Gualdrini, G. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The work deals with a detection system qualification for direct measurements of thyroid internal contamination by radioiodine. The isotopes {sup 131}I and {sup 125}I are the most frequently used in nuclear medicine. Because of their volatility they are very dangerous for thyroid contamination by inhalation. The system has been projected to be easily and fast used and above all transportable where the control is necessary. These characteristic make it able to realise supervision programs of internal contamination by radioiodine. In fact due the very high control frequencies (each 15 days for {sup 131}I), these programs are usually very expensive and demanding when they are executed in external measurement laboratories. The following steps are described: devices presentation, calculation of energy and efficiency parameters, minimum detectable activity, time system reliability, best operative conditions in the measurements. At the end an application example of the system is reported. [Italian] Il presente lavoro consiste nella qualificazione di un sistema di rivelazione per misure dirette di contaminazione interna da radioiodio in tiroide, progettato per essere maneggevole, di semplice e rapido impiego e trasportabile sul luogo dove e' richiesta la misura. Il sistema e' stato studiato per la realizzazione di programmi di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio che, richiedendo frequenze di controllo elevate (quindicinali per lo {sup 131}I), sono estremamente impegnativi ed onerosi, soprattutto se i controlli vengono effettuati in centri di misura esterni. Dopo la determinazione dei parametri della calibrazione in energia ed efficienza, la minima attivita' rivelabile, l'affidabilita' del sistema nel tempo e le condizioni operative ottimali da adottare in sede di misura, viene verificata la piena affidabilita' del sistema in un programma di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio.

  19. I Micromammiferi della foresta di Divijaka (Albania da borre di Barbagianni

    Michele Bux

    2003-10-01

    Full Text Available La foresta di Divijaka è sita nel Distretto di Lusnja, a circa 50 Km a sud di Durazzo e si estende per 780 ha. Consiste per lo più di boschi maturi di pini (Pinus pinea e P. halepensis con folto sottobosco a macchia mediterranea e rappresenta una delle aree boschive costiere più interessanti dell'Albania centrale, tanto da essere stata proclamata Parco Nazionale dal 1966. L?area boschiva si presenta molto strutturata e con una notevole varietà floristica e si caratterizza per la presenza di numerose pozze temporanee, salmastre e di acqua dolce, e di piccoli corsi d?acqua che giungono dalle colline circostanti. Scopo del presente lavoro è quello di illustrare i primi dati sulla comunità di micromammiferi presenti nella foresta di Divijaka rilevati attraverso l'analisi delle borre di Barbagianni (Tyto alba. Nel mese di aprile del 2001 sono state raccolte 18 borre integre più 2 frammenti in un posatoio di Barbagianni presente in un casolare abbandonato all'interno della foresta. L'analisi delle borre ha consentito di determinare 68 prede di cui circa l'84% rappresentato da mammiferi. Sono state identificate 6 specie di micromammiferi, 2 insettivori Crocidura suaveolens (17,6% e Suncus etruscus (4,4%, 3 roditori Mus spicilegus (29,4%, Micromys minutus (13,2% e Apodemus cfr. sylvaticus (5,9% e un gliride Muscardinus avellanarius (13,2%. Le restanti prede erano rappresentate da uccelli (14,7% e insetti (1,5%. I nostri dati confermano che Mus spicilegus è diffuso più di quanto non si pensasse lungo la costa adriatica ed evidenziano l'importanza di tale taxon nel sistema trofico del Barbagianni.

  20. Stabilitá microbiologica di Sparus aurata in rapporto al sistema di allevamento

    A. De Donno

    2003-05-01

    Full Text Available

    I pesci, al momento della pesca, risultano più o meno inquinati in relazione alla qualità delle acque in cui vivono e al tipo di manipolazione che subiscono; tale contaminazione batterica oscilla tra 103ufc/cm2 di superficie corporea e tra 102-109 ufc/gr di intestino. Successivamente, si assiste ad una modificazione quali-quantitativa della microflora iniziale e molti batteri (spoilage flora partecipano attivamente al processo di deterioramento.

    Essenzialmente, la contaminazione microbica del pesce, determina processi proteolitici, sebbene, soprattutto nella fase iniziale, siano i composti azotati non proteici ad essere metabolizzati dai microrganismi. Si formano così composti volatili come trimetilammina, dimetilammina, ammoniaca, che impartiscono odori anomali e associati al deterioramento. Scopo del nostro lavoro è stato quello di quantificare, in campioni di orate (Sparus aurata provenienti da un allevamento di tipo intensivo (impianto a vasche e in quelle provenienti da un allevamento di tipo semintensivo, alcune specie batteriche coinvolte nei processi di deterioramento in condizioni di refrigerazione. Su campioni di pesce appena pescati (conservati e trasportati in ghiaccio, è stata eseguita una cinetica di crescita microbica (tempo 0, 3 e 6 giorni alla temperatura di 4°C su sezioni di pelle e muscolo, visceri e branchie. Sono stati valutati i seguenti parametri microbiologici: conta microbica totale, Pseudomonadaceae, Shewanella putrefaciens ed Enterobacteriaceae totali. Pur partendo da concentrazioni iniziali non significativamente diverse le orate provenienti da allevamento di tipo intensivo hanno evidenziato cariche microbiche più alte (superiori a 107ufc/g a partire dal 3° giorno di conservazione per tutti i parametri considerati.

    Le orate provenienti da allevamento semintensivo sono risultate quindi microbiologicamente più stabili rispetto a quelle provenienti da allevamento intensivo. Pseudomonas fluorescens

  1. Inventare l’altro. Forme di pseudo-traduzione nella scrittura di Salvatore Di Giacomo e Luigi Capuana.

    Valentina Fulginiti

    2014-05-01

    Full Text Available Being an extreme case of fictitious representation of linguistic otherness, pseudo-translation challenges the idea of a fatal and exclusive link between language and national ethos, a fundamental notion in the Nineteenth-century linguistic and literary culture. The present article compares two emblematic cases of pseudo-translation in post-Unification Italian culture: Luigi Capuana’s hoax Un poeta danese (published in 1882 and the earliest short stories published by Salvatore di Giacomo in 1878, mistakenly considered a plagiarizing translation from an uncredited German original. Their use of pseudo-translation is marked by opposite goals of parody and stylistic imitation; however, both authors challenge the fundamental assumption underlying the notion of «ethnicity of language». Pseudo-translation thus becomes a space of linguistic elaboration, complementary to the author’s direct involvement in translating major European works into Italian (such as Ibsen’s masterpiece A House of Dolls, which Capuana translated in 1891, and Edmond de Goncourt’s novel Sœur Philomèle, which Di Giacomo translated in 1892. Translation thus provides a free space for authors to experiment with new expressive solutions and challenge commonplaces about language and identity: such reflection on the limits of language and nations represent a direct contribution to the linguistic unification of Italy. Caso estremo di rappresentazione fittizia del- l’alterità linguistica, la pseudo-traduzione chiama in causa l’idea del legame unico e “fatale” fra lingua e nazione – concetto fondamentale nella cultura linguistica del XIX secolo. L’articolo mette a confronto due casi emblematici di pseudo-traduzione nella cultura meridionale post-unitaria: la beffa letteraria di Luigi Capuana Un poeta danese (1882 e le ‘tedescherie’ di Salvatore di Giacomo, gruppo di novelle pubblicate nel 1878 che molti considerarono (a torto un plagio da ignoto autore tedesco

  2. Valutazione dell'affidabilità degli operatori per l'identificazione microscopica di peli di mammiferi

    Paolo Ciucci

    2003-10-01

    Full Text Available La quantificazione dei resti indigesti contenuti negli escrementi è tra le tecniche più frequentemente utilizzate per studiare la dieta del lupo, dove il riconoscimento delle specie preda, nel caso dei mammiferi, si basa su caratteristiche microscopiche distintive del pelo. Tale tecnica, è tuttavia soggetta ad errori individuali nonostante l'esperienza dell'operatore e il ricorso a testi o collezioni di riferimento. Congiuntamente ad una mancata standardizzazione delle procedure di preparazione e trattamento del campione, queste fonti di errore possono alterare significativamente i risultati. Nell'ambito di un progetto UE-Life sull'ecologia del Lupo, in tre Parchi Regionali dell'Emilia-Romagna (2001-2004, abbiamo quindi applicato una procedura standardizzata per la selezione, raccolta, preparazione e trattamento dei campioni fecali di lupo ai fini dell'analisi della dieta. A tal fine è stato organizzato un corso di formazione da parte di docenti qualificati per un totale di 150 ore, suddiviso in moduli e articolato in esercitazioni e prove pratiche di autovalutazione. Al corso, e dopo un ulteriore periodo di esercitazioni individuali (ca. 300 ore/operatore, è quindi seguito un esame di identificazione che ha permesso di quantificare l'affidabilità di ciascun operatore. Il test per l'identificazione a livello di specie è stato basato su un campione di 120 peli, la cui specie di origine era ignota ai candidati (blind test, suddivisi tra ungulati selvatici (n=54: Capriolo, Cervo, Daino, Muflone, Cinghiale, ungulati domestici (n=21: bovini, ovini, caprini, equini, canidi (n= 18: lupo, cane, volpe e altre specie (n=27: lepre, marmotta, tasso, martora, faina, puzzola, gatto, scoiattolo, talpa, muridi. Un sottocampione di 65 peli è stato utilizzato per valutare l'affidabilità nel riconoscimento delle classi d'età (< 5 mesi, ≥ 5 mesi per le sole categorie degli ungulati selvatici (n=54 e degli

  3. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di 11 specie che trova rifugio nel sistema ipogeo presente e nelle aree limitrofe. Nella cavità si riproducono Miniopterus schreibersii (oltre 6000 esemplari insieme a circa 600 tra Myotis myotis, Myotis blythii, Rhinolophus hipposideros e R. euryale. Vi svernano e soggiornano inoltre R. ferrumequinum, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Myotis nattereri e M. emarginatus. Il progetto si propone di acquisire alcuni terreni posti nel SIC ma attualmente al di fuori nella Riserva per far fronte al progressivo degrado della copertura vegetale interessante habitat prioritari, operando un recupero di siepi di guardia e del cotico erboso con specie autoctone per fermare l'erosione soprattutto dei pascoli aridi, habitat di alimentazione elettivo per Myotis blythii. Queste aree appaiono appartenere o all'essere in transizione verso brometi dell'ordine Festuco-Brometalia con fioriture di orchidee e per il loro controllo è stato avviato un pascolo controllato. I brometi sono inoltre in parte da recuperare per vari fenomeni di degrado biologico e morfologico favorendo il reimpianto di specie locali e l'aumento della diversità floristica. Per le specie particolarmente importanti si è promosso la moltiplicazione ex situ e in vitro. Sono state ricreate le pozze a base dei calanchi che oltre a ricostituire la zona di

  4. PERSEPSI GURU DAN SISWA TERHADAP PENGGUNAAN BAHASA INGGRIS DI KELAS BILINGUAL DI SEKOLAH MENENGAH ATAS BERSTATUS RSBI DI BALI

    Luh Putu Artini

    2011-11-01

    Full Text Available Abstract: Perception of the teachers and Students Towards the Use of English in Bilingual Senior High School Classes This study aimed at analyzing teachers and students' perceptions towards the use of English in the teaching and learning process in bilingual classes in piloted international standard senior high schools in Bali. The number of subject was 100, comprising 4 school principals, 16 teachers and 80 students; utilizing questionnaires, observation and interview. The data which were analyzed descriptively revealed that there was a consistency between teachers and students' perceptions about the advantage and effectiveness of the use of English as a media of instruction in the classroom. Abstrak: Persepsi Guru dan Siswa terhadap Penggunaan Bahasa Inggris di Kelas Bilingual di Seko­lah Menengah Atas Berstatus RSBI di Bali. Penelitian ini bertujuan untuk menganalisis persepsi guru dan siswa terhadap penggunaan bahasa Inggris dalam proses belajar mengajar di kelas bilingual di SMA RSBI di Bali. Subjek penelitian adalah 100 orang yang terdiri atas 4 orang kepala sekolah, 16 orang guru, dan 80 orang siswa dengan menggunakan kuesioner, observasi, dan wawancara. Data yang dianalisis se­cara deskriptif kualitatif menunjukkan adanya konsistensi persepsi guru dan siswa tentang manfaat dan efektifitas penggunaan bahasa Inggris sebagai bahasa pengantar di kelas.

  5. La gestione dei beni fiscali da parte di Federico II di Svevia: Il "Quaternus excadenciarum capitinate". Edizione e commento

    2015-01-01

    La ricerca è stata incentrata su di una fonte di grande importanza per una più puntuale comprensione della vita del regno di Federico II: il Quaternus excadenciarum Capitinate. Essa ha tenuto presenti le altre fonti coeve: Liber Augustalis, Registro della Cancelleria di Federico II degli anni 1239-1240, fonti cronachistiche. Il Quaternus è un inventario di talune particolari categorie di beni demaniali, le excadencie, la cui concessione è scaduta e pertanto ritornano al fisco. Tali beni s...

  6. Margherita Maria Di Nino, I Fiori campestri di Posidippo. Ricerche sulla lingua e lo stile di Posidippo di Pella

    Yannick Durbec

    2012-07-01

    Full Text Available L’édition du papyrus P. Mil. Vogl. VIII 309 par Guido Bastianini et Claudio Gallazzi fut pour les spécialistes de l’Antiquité un événement majeur. Les centaines de publications qui s’ensuivirent ont ouvert de multiples pistes de réflexion, préparant la voie pour des travaux de synthèse. Le présent ouvrage de Margherita Maria Di Nino, qui est le fruit de la réélaboration de sa thèse soutenue à l’université de Bologne, est plus que cela. En effet, ce volume o...

  7. DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DI UN CAPOLAVORO DI CARAVAGGIO IMMAGINI OLTRE IL VISIBILE PER IL SEPPELLIMENTO DI SANTA LUCIA PROVENIENTE DALLA CHIESA DI SANTA LUCIA AL SEPOLCRO DI SIRACUSA

    Fernanda Prestileo

    2012-04-01

    Full Text Available

    Il 28 maggio 1606 Michelangelo Merisi fugge da Roma dove non fará mai piú ritorno; l’ultimo duello gli è costato la condanna a morte. Iniziano per lui gli anni della latitanza, anni che trascorrerá tra Napoli, Malta e la Sicilia. Nel suo passaggio in Sicilia, Caravaggio realizza dipinti di eccezionale qualitá, sicuramente tra i piú belli della sua breve e intensa esistenza. Nell’isola l’artista arriva nell’ottobre del 1608, dopo l’ennesima fuga, questa volta da Malta. La sua prima tappa siciliana è Siracusa, dove vive un artista suo amico: Mario Minniti. Da lui trova riparo e lavoro perché dipinge su commissione una grande tela per la chiesa di Santa Lucia al Sepolcro, Il Seppellimento di Santa Lucia, realizzata in un breve lasso di tempo, trasferendosi Caravaggio a Messina nel dicembre dello stesso anno.

     

    Diagnostic campaign on Caravaggio’s painting

    The Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Diparti-mento dei Beni Culturali e  dell'Identitá Siciliana, Regione Siciliana (i nomi italiani tutti in corsivo has carried out a diagnostic cam-paign on the painting Il Seppellimento di Santa Lucia (oil on canvas, 1608 by Michelangelo Merisi da Caravaggio, in order to evaluate the state of conservation of the work of art before its return to Syracu-se, in the Church of S. Lucia al Sepolcro (the original placing from which the painting was removed at the end of the Seventies due to the unsuitable and unstable environment conditions of the exhibi-tion area, which inevitably led to its bad conservation conditions. The diagnostic campaign has been carried out in situ with portable instruments, for a one-month period, during the open exhibition in the Regional Gallery of Sicily of Palazzo Abatellis in Palermo, where the painting has temporarily been displayed in 2006. The investigations were aimed at having a deeper knowledge of the work of art with reference

  8. TANTANGAN DAKWAH DI ERA GLOBALISASI

    Istina Rakhmawati

    2015-11-01

    Full Text Available Potret dakwah yang berkembang selama ini memiliki kecenderungan doktrinasi, di mana masyarakat diibaratkan seperti sebuah celengan yang harus diisi dengan perangkat keyakinan serta nilai moral dan praktek kehidupan agar disimpan dan pada saat dibutuhkan juga dikeluarkan. Salah satu persoalan krusial sebagai dampak proses globalisasi yang terkait dengan kehidupan keagamaan adalah makin menipisnya ruang religiositas dalam konteks kehidupan manusia. Pada sisi yang sama, kita bisa saksikan sebagian umat muslim yang lain justru cenderung menerima apa yang datang dari timur dan barat tanpa reserve. Selain itu, fenomena globalisasi yang perlu menjadi bahan kajian terpenting saat ini adalah penyebaran cara pandang seputar hubungan keluarga, kerukunan umat, social, terutama yang berkembang di negara maju yang notabene merupakan pemeran utama globalisasi. Untuk itu, perkembangan arus globalisasi menuntut para dai-dai untuk lebih mampu menyesuaikan dengan perkembangan zaman. Kata Kunci: Tantangan Dakwah, Globalisasi. THECHALLENGEOFDAWAINTHEGLOBALIZATION ERA. The portrait of dawa that developed during this time has a tendency of doctrinisation. In this term, the society are likened such a piggy bank which must be filled with believe and moral values and practices of life in order to be saved and in times of need is also issued. One of the crucial issues as the impact of globalization processes related to the religious life is the more depletion of religiosity space in contexts of human life. On the same side, we can see some of the other muslims thus tend to accept what is coming from the East and West without reserve. In addition, the phenomenon of globalization that need to be the most important study materials at the moment is the dissemination of viewpoints regarding family relationships, people harmony, social, especially which are developed in the developing countries that in fact is the main character of the globalization. Therefore, the development

  9. L'esperienza di un anno di sorveglianza attiva in area intensiva in un grande ospedale romano

    F. Cerquetani; P. Magrini; Marangoni, L.; Marchianò, V.; C. Proietti; D. Batticiocca; Cherubini, C.; Domenici, M.; Rao, A; Tosti, A

    2012-01-01

    A seguito dei dati emersi dalla sorveglianza di tutte le Infezioni Ospedaliere (i.o.) attivata dall’anno 2000 presso l’Azienda Ospedaliera S.F. Neri (837 p.l. di alta specializzazione, DEA di 2° livello), il Comitato i.o. ha deciso di monitorare le i.o. nelle aree intensive dell’ospedale (29 p.l. di cui 10 in Rianimazione e 19 in T.I. post-chirugiche) con sistema di rilevazione in grado di fornire dati confrontabili a livello internazionale. È stato applicato il protocollo di sorvegl...

  10. Spazi d’autore. Riscrittura e passaggi di testo ne La strada di Levi

    Matteo Martelli

    2016-07-01

    Full Text Available L’articolo propone un percorso d’analisi sulle strategie di riscrittura e di ripresa di alcuni testi di Primo Levi nel film documentario La strada di Levi e nell’opera parallela La prova. Focalizzandosi sul secondo romanzo di Levi, La tregua, questi lavori evadono dalle consuete pratiche di adattamento, sviluppando forme di riscrittura nelle quali la manipolazione critica delle testualità pregresse è posta in tensione con nuovi testi messi in scena, immagini, video, riorientando la percezione dell’ipotesto entro ulteriori linguaggi. È attraverso tale spazio di circolazione di linguaggi artistici e di pratiche intermediali, che gli autori Davide Ferrario e Marco Belpoliti sembrano poter condurre una riflessione sulle forme culturali dello sguardo e delle odierne pratiche di lettura della realtà (nella sua temporalità e memoria come nella sua spazialità e della sua traduzione attraverso codici semiotici molteplici. In tale spostamento costante del proprio oggetto di riscrittura, La strada di Levi e La prova si mostrano così quali nodi o reti di un processo di lettura dialettico del presente e del passato, in un tentativo di tracciare alcune mappe del mondo contemporaneo.   The essay suggests an analysis of the documentary film La strada di Levi and the correlated work La prova. Focusing on Primo Levi’s book La tregua, these works show a different attitude about adaptation through a constant reorientation of the source text and its juxtaposition with new texts and images, and through a projection of these elements within additional languages. In this way, the authors, Davide Ferrario and Marco Belpoliti, offer an experience of an intermedial artistic practice that involves a reflection on the cultural forms through which the texts interpret the reality (and its temporality or memory and its translation through multiple semiotic codes. The effect of this kind of work is the perception of the documentary film as a network that

  11. La ristorazione nelle case di cura convenzionate di una ASL romana. Verifica dell'adeguatezza nutrizionale

    G. Cairella

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione dell’adeguatezza nutrizionale dei menù di case di cura convenzionate e formulazione di raccomandazioni finalizzate al raggiungimento della sicurezza nutrizionale dell’utente ricoverato.

    Metodi: alle Direzioni Sanitarie delle case di cura convenzionate sono stati richiesti i menu invernali ed estivi del vitto comune e speciale. La valutazione giornaliera media dell’energia totale, l’apporto giornaliero medio di macronutrienti, la ripartizione % fra i nutrienti e fra proteine e lipidi di origine animale e vegetale sono stati effettuati utilizzando come banca dati le tabelle di composizione degli alimenti INRAN; i valori ottenuti sono stati classificati adeguati o non adeguati, in accordo con i LARN e le Linee Guida delle specifiche patologie. Per quanto riguarda il parametro variabilità della dieta, il giudizio di adeguatezza è stato formulato considerando la presenza di opzioni di scelta nel menu, la presenza di menu estivo ed invernale e la frequenza settimanale degli alimenti, secondo le Linee Guida per una Sana Alimentazione.

    Risultati: I risultati, relativi all’85% (n. 7 delle case di cura convenzionate presenti nella ASL, evidenziano: 1 quota energetica giornaliera media adeguata nell’85% delle strutture; ripartizione in macronutrienti inadeguata nel 50% dei casi; inadeguata ripartizione % tra proteine di origine animale e vegetale nella totalità delle strutture 2 Relativamente al vitto comune, l’opzione di scelta è presente nel 65% delle Case di Cura ed il menu non è coerente con le Linee Guida per una Sana Alimentazione nel 30%. 3 Le diete speciali sono presenti nel 65% delle strutture: la tipologia è adeguata alle caratteristiche dell’utenza, ma l’adeguatezza nutrizionale si riscontra solo nel 25% dei casi. I risultati di tali valutazioni, integrati da proposte operative, sono stati comunicati alle Direzioni Sanitarie delle

  12. Incidenza di meningiti nell'ASL di Brescia nei primi mesi del 2003

    M. Magoni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: nell’ASLdi Brescia durante i mesi di gennaiomaggio 2003 si è verificato un consistente aumento di casi di meningite che ha allarmato oltre agli operatori sanitari anche l’opinione pubblica locale.

    Metodi: i dati riguardanti i casi di meningite verificatisi dal gennaio 1999 al maggio 2003 sono stati raccolti dal Servizio Igiene Pubblica dell’ASLdi Brescia.

    Tenuto conto della omogeneità dei dati nel quadriennio 1999- 2002 e della stagionalità che le meningiti possono avere, sono stati calcolati i tassi di incidenza per i primi cinque mesi dell’anno per tutte le meningiti in generale e per agente eziologico, durante il quadriennio 1999-2002. Tali tassi sono stati confrontati con i tassi corrispondenti nei primi mesi del 2003.

    Risultati: nel primi 5 mesi del 2003 si sono registrati in tutto 48 casi, di cui 9 da meningocco, 13 da pneumococco, 14 virali, 3 da altri agenti batterici e 8 senza agente microbico identificato. Nei 4 anni precedenti erano stati notificati 66 casi di meningite nei primi 5 mesi dell’anno, con una media annua di 16.5. Il tasso di incidenza di meningite in gennaio-maggio è stato quindi il triplo nel 2003 (rischio relativo = 2.9 rispetto ai 4 anni precedenti (p=0.0001. L’eccesso di incidenza si è riscontrato per tutti i tipi di meningite considerati in base all’agente eziologico.

    L’analisi per diverse età ha mostrato un aumento di incidenza sia nei bambini che nei giovani adulti e negli anziani. Non si è riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa tra l’incidenza nel comune di Brescia (area urbana rispetto all’intera ASL nel periodo in studio.

    Conclusioni: l’aumento di incidenza per meningiti
    osservato nel 2003 non sembra spiegabile in termini di variabilità casuale del fenomeno da un anno all’altro e riguarda tutti i tipi di meningite e tutte le categorie d

  13. Cosa intendo per "Disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione"

    Valerio Tozzi

    2014-04-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce il testo dell'Intervento alla Tavola rotonda sul tema "Per una disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione: metodi e contenuti", svoltasi all'Università del Molise (Campobasso, 11 ottobre 2013, per iniziativa del Dipartimento giuridico.SOMMARIO: 1 – Esigenza di nuova lettura del “progetto costituzionale” in materia di diritti di libertà di pensiero e di religione – 2. Gli articoli 8 e 7 della Costituzione, disciplinando il fenomeno delle confessioni religiose, sono un sotto-sistema nel Progetto generale di disciplina dei fenomeni religiosi – 3. Il ri-pensamento del Progetto costituzionale nella nostra materia postula l’emanazione di una legge di sua attuazione qui e oggi, alla luce dell’evoluzione dei tempi e della formulazione aperta dei principi costituzionali – 4. Anche i contenuti della disciplina contrattata fra confessioni religiose e Stato devono rientrare nei margini della “legalità costituzionale” – 5. Garanzie minime per le organizzazioni delle collettività religiose e di pensiero. La legge generale auspicata deve eliminare ogni forma di discrezionalità politica nella tutela delle forme organizzate della religiosità – 6. Il ri-pensamento che proponiamo dovrà anche riguardare il rapporto che deve intercorrere fra tutela delle libertà di tutte le forme associative filosofiche o della religiosità e la tutela delle libertà individuali, ripensando anche il rilievo giuridico civile dell’appartenenza soggettiva all'organizzazione della collettività – 7. Il metodo democratico richiede una rivisitazione di molte delle principali discipline di merito vigenti nella ns. materia, da operarsi ove possibile, operando con modalità consentite al legislatore ordinario, che non inciampino nella incostituzionalità per violazione delle norme di derivazione pattizia, ma fungendo anche da parametro della corretta applicazione del "progetto

  14. La mostra di Venezia prima, durante e dopo Pontecorvo

    Roberto Donati

    2016-07-01

    Full Text Available Breve introduzione storica alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Le ragioni che hanno portato alla scelta di Gillo Pontecorvo come direttore, nel 1992. Le linee programmatiche di Pontecorvo, i successi e i primi passi falsi: il caso Gli spietati. Le cinque edizioni firmate Pontecorvo nel dettaglio: titoli, registi, scoperte, rivalutazioni. Le sue iniziative da direttore per ripopolare il Lido di spettatori comuni e soprattutto di giovani, dopo anni in cui la Mostra era diventata meta quasi esclusiva di addetti ai lavori. Il ritorno di Gillo a Venezia da ex direttore, di nuovo in veste di regista, con il cortometraggio Nostalgia di protezione. Infine, il dopo-Pontecorvo: da Felice Laudadio ad Alberto Barbera, da Moritz de Hadeln a Marco Müller, fino al ritorno di Barbera.

  15. Il distretto come modello intersettoriale di sviluppo del territorio

    Alessia Mariotti

    2011-01-01

    Full Text Available Partendo dalla descrizione del distretto industriale come modello di interpretazione della complessità territoriale, il presente saggio vuole fornire qualche spunto di riflessione sulla valenza scientifica di tale approccio nella sua applicazione ad altri settori dell’economia, rispetto a quelli più propriamente produttivi. La lettura del territorio e più precisamente delle potenzialità di sfruttamento efficiente delle sue risorse al fine di favorirne lo sviluppo, può passare attraverso l’applicazione di alcuni degli aspetti fondamentali del distretto industriale ad aree di interesse che recentemente hanno visto aumentare la loro importanza relativa nelle scelte di politica economica: la cultura ed il turismo. Saranno posti quindi in evidenza i punti di forza e di debolezza di questo modello nelle sue implicazioni territoriali, sociali ed economiche legate a questi due settori trasversali.

  16. Introduzione al laboratorio di fisica misure e teoria delle incertezze

    Ciullo, Giuseppe

    2014-01-01

    Frutto dell'esperienza decennale come supporto per la didattica di laboratori di fisica sia a livello di corsi triennali che di corsi di laurea magistrale, il libro si è concretizzato nella "responsabilità" di tali corsi di laboratorio per fornire un opera di utilizzo dei vari strumenti, che un approccio sperimentale alla fisica richiede. Si parte dalla descrizione delle problematiche delle incertezze in modo operativo e si introducono i concetti fondamentali per l'analisi dei dati e la misura. Invece di una serie dispersiva di testi, con approcci, convenzioni e simbolismi differenti, poco fruibili per l'applicazione diretta ad un laboratorio dei primi anni, il libro fornisce le indicazioni utili per affrontare lo studio dei fenomeni fisici in modo immediato, fornendo anche indicazioni rigorose e giustificazioni teoriche. Lo stimolo teorico-pratico, che uno sperimentale-scienziato deve percepire, non esula dal comprendere problematiche di maggiore approfondimento. L'opera rende fruibili concetti e strumenti...

  17. Pigmalione: le forme e la struttura di un mito di sublimazione

    Darwine Delvecchio

    2013-12-01

    Full Text Available L’obiettivo di questo articolo è quello di tentare una definizione dei fenomeni del pigmalionismo e dell’effetto Pigmalione attraverso il confronto di alcune versioni del mito, e in particolare di quelle ‘superiori’, vale a dire quelle di Ovidio e di Rousseau, e delle interpretazioni avanzate da alcuni critici, come Maurizio Bettini, Gianpiero Rosati, Emilio Pianezzola, Charles Segal e Piero Bernardini Marzolla. Data la propria selettività, questa ricognizione non ha alcuna pretesa di esaustività documentaria: non si intende quindi fornire un repertorio completo delle successive variazioni, ma compiere un’analisi strutturale del mito considerandone le diverse declinazioni in una prospettiva sincronica. Una volta mostrato che, da un certo momento in avanti, l’artista che seppe commuovere gli dèi olimpici e vide esaudito da loro il proprio desiderio d’amore diventa suo malgrado protagonista di vicende comiche, nelle quali sarà l’oggetto principale delle beffe, si passerà a un punto di vista diacronico per mostrare che il Pygmalion di George Bernard Shaw rappresenta nella maniera più caratteristica e problematica il passaggio dal mito all’anti-mito.

  18. Rete di comunicazione e assetto del territorio nel PTCP di Napoli

    Francesco Domenico Moccia

    2010-02-01

    Full Text Available  Il PTCP nasce nel clima della pianificazione europea rivolta alla realizzazione della rete TenT e della ricerca di come questo sistema di connessione potesse diventare strumento di sviluppo e coesione territoriale. Nella stessa scia si colloca tanto il Quadro Strategico Nazionale che il Piano Strategico Ragionale nei quali si definisce il ruolo territoriale della metropoli napoletana nel contesto internazionale. Queste premesse forniscono utili indicazioni per determinare l’organizzazione generale del territorio napoletano sia perché determinano nuovi ingressi da attrezzare adeguatamente al ruolo di vetrine e di accoglienza, sia perché contribuiscono a realizzare il sistema policentrico locale e le connessioni nel sistema delle centralità regionali. Tra i problemi di maggior delicatezza che si pongono c’è l’equilibrio tra vecchie e nuove centralità, ovvero la scelta se procedere secondo uno sviluppo additivo al sistema urbano esistente con il rispetto del patrimonio culturale e delle radici storiche. L’altro fondamentale termine di confronto è costituito dalle esigenze ambientali affermate prioritariamente con la difesa delle aree agricole e degli spazi aperti, ma di cui non si possono trascurare altre implicazioni quali quelle della capacità di un sistema urbano concentrato di rafforzare la competitività della mobilità verde.

  19. Sviluppo di un nuovo trigger con identificazione di quark-b per il canale Z($\

    Donato, Silvio

    La ricerca del decadimento del bosone di Higgs H -> b b è uno dei canali più importanti per verificare se la particella di massa 125 GeV circa, recentemente scoperto da ATLAS e CMS, corrisponde effettivamente al bosone di Higgs previsto dal Modello Standard. Questo decadimento, insieme a H -> tau tau, è fondamentale per misurare l'accoppiamento del bosone con i fermioni. Il fondo di QCD rende poco sensibile l'osservazione di questo decadimento nella produzione diretta del bosone di Higgs. Per questo motivo il decadimento H -> b b viene ricercato quando l'Higgs è prodotto in associazione con i bosoni vettore W/Z, attraverso il cosiddetto processo di ``Higgs-strahlung''. Il decadimento leptonico dei bosoni vettore ad alto pT permette di ridurre il fondo di QCD e di realizzare trigger per osservare il canale. In questa tesi è stato realizzato un trigger per osservare il canale H + Z -> b b + nu nu nella regione a bassa EtMiss (fino a 80 GeV) con l'esperimento CMS. Per avere il trigger con un rate accettabi...

  20. STUDIARE IN ITALIANO: ELABORAZIONE DI ESERCIZI SU TESTI UNIVERSITARI DI GEOGRAFIA

    Thomas Gilardi

    2010-09-01

    Full Text Available Nella prospettiva indicata dal CLIL (Content and Language Integrated Learning l'articolo presenta un modello di unità didattica in cui si collocano esercizi per lo sviluppo della capacità di lettura per l'apprendimento disciplinare destinati a studenti universitari stranieri con l'obiettivo di sviluppare un livello di competenza linguistico-comunicativa corrispondente ai livelli B1 e B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. Gli esercizi proposti sono finalizzati alla comprensione di testi, tratti da manuali di geografia, di cui viene indicato il livello di difficoltà in base all'indice di difficoltà Gulpease.   Following the CLIL (Content and Language Integrated Learning guidlines, this article presents a model for a didactic unit which includes reading skills exercises in a specific field of study for foreign university students.  The aim for the students was to reach a B1 linguistic and a B2 comunicative language level according to the Common European Framework of Reference for Languages. The  reading comprehension exercises utilize texts from Geography textbooks, which are marked with the level of difficulty based on the Gulpease difficulty index.

  1. Rischi connessi al consumo di OGM: un modello animale

    M. Orsini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: materie prime e derivati da organismi geneticamente modificati (OGM sono autorizzati e regolamentati sia per il consumo umano, che per quello animale. Sono stati svolti da alcuni autori lavori che evidenziano la permeabilità della barriera intestinale di mammiferi a molecole di DNA di dimensioni superiori ad 1 kB. Tali molecole (non necessariamente provenienti da OGM una volta attraversata la barriera rimangono nei tessuti, fino alla loro completa degradazione. Non ci sono comunque prove di funzionalità del DNA ingerito e recuperato nei tessuti. Lo scopo è stato quello di valutare la presenza di DNA, in tessuti di pesci di allevamento, nutriti con mangimi a base di soia.

    Metodi: campioni di mangime ed esemplari di pesci sono stati raccolti in alcuni allevamenti del centro Italia. Il contenuto di soia OGM nei mangimi è stato quantificato mediante real time PCR. Frammenti di vari organi sono stati prelevati dagli esemplari e sottoposti ad estrazione di DNA. La presenza di frammenti di geni vegetali e transgeni è stata valutata mediante specifiche reazioni di PCR.

    Risultati: il 90% dei mangimi raccolti è risultato OGM positivo in misura variabile tra lo 0.5% ed il 60%. Sono stati analizzati 75 pesci (spigole e orate provenienti da 5 allevamenti. Non è stata riscontrata presenza di DNA esogeno nei tessuti analizzati tranne deboli segnali positivi nel tessuto intestinale. Questo dato è presumibilmente da imputare alle difficoltà di ottenere preparazioni di DNA intestinale prive di contaminazione alimentare.

    Conclusioni: i risultati ottenuti non rilevano attraversamento della parete intestinale da parte del DNA ingerito. Le motivazioni del disaccordo con i dati di letteratura possono essere ricercate nella scelta del modello ittico, distante dai mammiferi sia in termini filogenetici quanto in modalità alimentari. Il destino del DNA ingerito

  2. PERGESERAN MITOLOGI PESANTREN DI ERA MODERN

    Arif Junaidi

    2011-12-01

    Masalah utama dari kajian ini adalah mencari akar, pola, dan fungsi keyakinan mengenai karamah kiai pesantren Futuhiyah Mranggen Demak dan sejauh mana pergeseran mitologi yang terjadi di kalangan masyarakat sejalan dengan perubahan masyarakat di era modern ini. Kajian ini merupakan kajian lapangan. Paradigma yang digunakan adalah kualitatif karena kajian ini berupaya menemukan makna. Adapun penemuan dari kajian ini adalah bahwa kehidupan kiai di pesantren Futuhiyah Mranggen juga diliputi mitos kiai, dalam makna keyakinan bahwa kiai memiliki karamah.

  3. Le soluzioni Building Information Modeling di Bentley

    Fulvio Bernardini

    2007-04-01

    Full Text Available La questione dell’interoperabilità dei dati negli ultimi anni è stata continuamente dibattuta dai professionisti dei vari settori. L’edilizia col suo ciclo di vita non hanno fatto eccezione e da quando il concetto di Building Information Modeling (BIM ha fatto il suo ingresso nel mondo dell’architettura, dell’ingegneria e delle costruzioni (AEC, le fasi inerenti il processo del buildingnon sono più state considerate separatamente. Bentley Systems, da sempre attiva nel settore delle infrastrutture, propone un’ampia gamma di soluzioni studiate proprio per coprire questo bisogno.

  4. Analisi termica per la valutazione del comportamento a fatica di provini soggetti a successive serie di carichi

    Giacomo Risitano

    2010-04-01

    Full Text Available Partendo dalla osservazione che provini precedentemente danneggiati hanno un limite di fatica differente (vedi Miner viene esaminato il comportamento di un acciaio soggetto a serie di carichi affaticanti al fine di verificare la conseguente risposta termica. L’esame, mediante analisi termica, delle prove di fatica su provini di acciaio C40 danneggiati a diverso grado, da interessanti indicazioni sul ruolo dei carichi applicati in relazione alla possibilità di produrre danno nel materiale. Viene messo in evidenza come la temperatura, conseguenza dell’energia consumata dal provino, possa essere elemento indicativo dello stato del materiale. Vengono riportate le curve di fatica e le curve di temperatura di provini lisci sottoposti a storie di carico diverse. Da esse si può evincere che mentre è valida la legge di linearità del danno, la curva definita secondo la regola del Miner-Manson, che tiene solo conto del numero di volte in cui la tensione supera il limite di fatica del materiale (provini lisci, invece, non sempre rispecchia il reale stato di danno. Questo specialmente quando si è in presenza di carichi prossimi al limite di fatica che, per la sequenza dell’applicazione, possono diventare carichi affaticanti.

  5. L’Università di Napoli e la prima cattedra di diritto ecclesiastico in Italia. L’insegnamento di Francesco Scaduto

    Maria d'Arienzo

    2012-09-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazione. Il testo riproduce, con l’aggiunta delle note, la relazione tenuta al Convegno “Rileggere i Maestri” organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza “Federico II” di Napoli (18-19 aprile 2012.SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La prolusione palermitana del 1884 e l’insegnamento del “moderno” diritto ecclesiastico – 3. La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Napoli e il “moderno” diritto ecclesiastico - 4. La produzione scientifica di Francesco Scaduto negli anni di insegnamento nell’Università di Napoli – 5. I rapporti di Francesco Scaduto con gli studenti, gli allievi e i colleghi dell’Università di Napoli. Pensiero scientifico e attività politica.

  6. Appunti al crocevia tra comunione legale e strumenti di partecipazione al rischio di impresa: la Cassazione torna sulla quota di s.r.l.

    SIMONE ALECCI

    2016-12-01

    Full Text Available Cass. 13 maggio 2016, n. 9888, si insinua in quelle zone codicistiche maggiormente erose dall’interazione tra le dottrine di matrice commercialistica e la disciplina della comunione legale dei beni tra coniugi. Sulla scia segnata da una fattispecie concreta avente ad oggetto un preliminare di vendita di quote di s.r.l. i giudici di legittimità colgono l’occasione per ribadire – in piena ortodossia esegetica rispetto a quanto nitidamente sancito da Cass. 7 marzo 2006, n. 4890 – che gli atti di disposizione di beni mobili non esigono il consenso del coniuge non stipulante, rimanendo a carico del disponente soltanto l’obbligo di ricostituire, a richiesta dell’altro, la comunione nello stato anteriore al compimento dell’atto o, qualora ciò non sia possibile, di versare l’equivalente secondo i valori correnti all’epoca della ricostituzione. La riproposizione di siffatto assunto, almeno nella misura in cui rimarca ancora una volta la compatibilità categoriale tra la nozione di bene mobile e quella di partecipazione sociale, fiacca definitivamente l’insidioso empirismo (già vividamente denunciato da SATTA, Commentario al codice di procedura civile, Milano, 1968, IV, 165 insito nella concezione – plasticamente ricamata in RACUGNO, Società a responsabilità limitata (Voce, in Enc. dir., Milano, XLII, 1990, 1054 – che tiene avvinta la quota di s.r.l. alla sola dimensione del rapporto contrattuale.

  7. Il Castello di Tomar e il convento di Cristo. La storia ed il tempo presente

    Alvaro Barbosa

    2008-12-01

    Full Text Available L’insieme monumentale del Castello dei Templari e del Convento di Cristo di Tomar conserva, nei suoi luoghi e nel paesaggio, sette secoli della storia del Portogallo e della cultura europea. Negli ultimi vent’anni i cambiamenti subiti dalla società portoghese si riflettono anche in questo patrimonio storico architettonico: sia la partenza delle istituzioni che lo abitavano dall’inizio del XX secolo, sia il nuovo sguardo della società civile verso il monumento. Tra la storia ed il tempo presente, la vita culturale lì sviluppata in questo periodo ne costituisce la testimonianza. Il nuovo sguardo, sia culturale che scientifico, cerca inoltre di applicare le nuove tecnologie, come l’uso di CAD e della modellazione digitale, nella produzione di strumenti di conservazione e gestione dell’insieme monumentale.

  8. Appartenenze/credenze di fede e diritto penale: percorsi di laicità

    Giuseppe Casuscelli

    2011-06-01

    Full Text Available Testo integrale della relazione al Convegno su "" (Messina, 13-14 giugno 2008, Facoltà di Giurisprudenza, senza varianti e con il corredo dei richiami bibliografici e giurisprudenziali di base, destinatoalla pubblicazione negli Atti con le opportune aggiunte e modifiche.  SOMMARIO: 1. Laicità e diritto penale nella prospettiva dell’ecclesiasticista - 2.Laicità “neutrale” e laicità “religiosa”: un dilemma irrisolto – 3. Tutela penale delsentimento religioso e libertà di religione – 4. I risvolti promozionali della tutelapenale di “un” sentimento - 5. Tutela penale del sentimento religioso e dirittogiurisprudenziale - 6. L’esigenza di una riforma organica e profonda del dirittopenale “di religione”.Laicità e Multiculturalismo: Profilipenali ed extrapenali 

  9. Le soluzioni di logistica urbana sono sostenibili? L'esempio di Cityporto

    Jesus Gonzalez-Feliu

    2010-07-01

    Full Text Available La logistica urbana è un campo di riflessione volto ad approfondire le soluzioni ottimali per la distribuzione delle merci in ambito urbano e i relativi obiettivi ambientali. Ad oggi, molte azioni sono state intraprese dalle pubbliche autorità senza tenere conto, tuttavia, degli impatti che i nuovi schemi organizzativi possono avere sull’ attuale organizzazione delle imprese. Il contributo incentra la riflessione sul caso studio relativo alla città di Padova, in Italia: il sistema di logistica urbana CityPorto. In particolare, se ne analizzano le caratteristiche dal punto di vista della sostenibilità del sistema proposto, sia in riferimento alla dimensione imprenditoriale che a quella collettiva, mettendo in relazione le peculiarità della logistica urbana e le più estese catene distributive, di scala globale, di cui le prime sono parte integrante.

  10. Il controllo epigenetico di geni oncosoppressori nelle cellule staminali neuronali normali e di medulloblastoma

    Begalli, Federica

    2013-01-01

    Le cellule staminali cerebellari normali fanno parte della grande famiglia delle cellule staminali somatiche, deputate a sostituire le cellule che muoiono per omeostasi fisiologica del tessuto o per un danno. Tali cellule mantengono alcune delle caratteristiche versatili delle cellule staminali embrionali. In particolare sono dotate della capacità di auto-rinnovamento indefinito e di multipotenza, difatti sono in grado di differenziare in più linee cellulari. Le cellule staminali neuronali ...

  11. Densità e distribuzione delle cellule di Purkinje nel cervelletto di cane: studio immunoistochimico

    Ruffini, Alessia

    2016-01-01

    Nella letteratura, gli studi morfologici e morfometrici del cervelletto di animali ed esseri umani, hanno valutato il numero di cellule di Purkinje (CP) solo su alcuni campi a random. Gli studi sono stati spesso condotti su cervelletti fissati in formalina e inclusi in paraffina; gli studi effettuati su campioni congelati sono molto rari. Gli scopi del presente studio sono stati: quantificare il numero e la distribuzione delle CP in tutto il tessuto cerebellare; valutare lo spessore del gr...

  12. EVALUASI SISTEM INSTALASI PENGOLAHAN AIR LIMBAH (IPAL) KOMUNAL BERBASIS MASYARAKAT DI KECAMATAN TALLO DI KOTA MAKASSAR

    PALANGDA, DIAZ

    2015-01-01

    EVALUASI SISTEM INSTALASI PENGOLAHAN AIR LIMBAH (IPAL) KOMUNAL BERBASIS MASYARAKAT DI KECAMATAN TALLO KOTAMADYA MAKASSAR Sumarni Hamid Aly , Muralia Hustim2, Diaz Palangda3 ABSTRAK : Setiap air limbah yang dihasilkan perlu dikelola secara baik berdasarkan karakteristiknya agar dapat menurunkan kualitas bahan pencemar yang terkandung di dalamnya. IPAL Komunal merupakan sistem pengolahan air limbah yang dilakukan secara terpusat. Beberapa IPAL Komunal, khususnya di Kota Makassar sudah ad...

  13. Produzione e controllo di efficacia di un vaccino vivo attenuato per l'ectima contagioso ovino

    Attilio Pini

    2008-09-01

    Full Text Available L’agente eziologico responsabile dell’ectima contagioso è il virus Orf, appartenente alla famiglia Poxviridae, genere Parapoxvirus. Negli allevamenti colpiti la morbilità raggiunge il 100 % mentre la mortalità è compresa tra l’1 e il 10 %. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise ‘G. Caporale’ (IZS A&M ha prodotto, secondo Farmacopea Europea, un vaccino vivo attenuato contro l’ectima contagioso degli ovini. Il ceppo di campo utilizzato è stato attenuato mediante passaggi seriali su fibroblasti primari di embrioni di pollo e quindi liofilizzato a rappresentare la master seed dalla quale è stato allestito il vaccino. L’innocuità del vaccino è stata valutata, su 20 agnelli di età compresa tra 10 e 15 giorni e 20 pecore gestanti nel secondo periodo di gravidanza, per somministrazione di dose unica, 10 dosi e due dosi ripetute a distanza di una settimana l’una dall’altra, ogni singola dose pari ad 1 ml, somministrata per via intramuscolare, aveva titolo di 104,5TCID50. L’immunogenicità è stata valutata su 10 pecore 10 agnelli inoculati con la dose vaccinale e un gruppo di 5 agnelli e 5 pecore come controllo. Gli animali inoculati sono stati monitorati sierologicamente mediante ELISA indiretta. Al 30° giorno dalla vaccinazione gli animali sono stati sottoposti a challenge mediante inoculazione per via intradermica nella regione labiale di un ceppo di campo di ectima. Tutti gli animali vaccinati non hanno mostrato segni clinici a differenza dei controlli che hanno manifestato i segni clinici dell'ectima contagioso. Ad ulteriore conferma dell’efficacia del vaccino è stata condotta una sperimentazione in campo su quattro allevamenti con malattia in atto. Lo studio dell’evoluzione delle lesioni cliniche da ectima contagioso nei soggetti vaccinati ha evidenziato una rapida remissione della sintomatologia clinica.

  14. Un frammento di una declamazione di Cicerone e due controversiae senecane

    Emanuele Berti

    2010-11-01

    Full Text Available Nella quarta controversia del l. I della raccolta Oratorum et rhetorum sententiae divisiones colores Seneca il Vecchio cita una sententia tratta da una controversia di Cicerone, l’unico frammento a noi noto di una declamazione ciceroniana. Sull’autenticità di tale frammento sono stati avanzati dei dubbi, ma l’analisi dei riferimenti all’attività declamatoria di Cicerone contenuti nella sua corrispondenza, suffragati da un passo dell’Institutio oratoria di Quintiliano, porta alla conclusione che le declamazioni ciceroniane, in particolare quelle tenute negli ultimi anni della sua vita insieme ad alcuni importanti personaggi (come Irzio e Pansa, nonostante il loro carattere privato avevano conosciuto qualche forma di circolazione presso un pubblico più vasto, tanto che la loro memoria poteva essersi conservata almeno fino all’epoca di Quintiliano. Ciò accresce la possibilità che anche il frammento trasmesso da Seneca sia autentico ; e la notizia senecana assume una rilevanza più generale per la storia dello sviluppo del genere declamatorio a Roma, documentando la natura e i temi degli esercizi retorici svolti da Cicerone, che risultano essere del tutto simili a quelli praticati dai retori dell’età imperiale.Il testo della sententia è andato perduto per un guasto della tradizione manoscritta senecana ; ma la parafrasi data da Seneca consente di ricostruirne il contenuto e di stabilire che essa sviluppava un particolare color difensivo, che forma il cardine dell’argomentazione anche in due controversiae della raccolta senecana, applicato dai singoli retori in varianti diverse, che sembrano però rifarsi tutte al precedente ciceroniano. La testimonianza di Seneca offre così un piccolo ma significativo esempio dell’aemulatio Ciceronis e della fortuna immediata di questo autore nelle scuole di retorica del primo impero.

  15. L’utilizzo di ceppi modificati di saccharomyces cerevisiae in enologia

    Schuller, Dorit; Casal, Margarida

    2006-01-01

    Trata-se de uma tradução do seguinte artigo D. Schuller e M. Casal. 2005. The use of genetically modified yeast in the wine industry. Applied Microbiology and Biotechnology 68, 292-304. Negli ultimi decenni, la scienza e la tecnologia degli alimenti hanno contribuito all’introduzione di nuovi prodotti per soddisfare le richieste nutrizionali, socio-economiche e di qualità. Con la moderna genetica molecolare, l’importanza industriale di Saccharomyces Cerevisiae è accresciuta ulteriormen...

  16. Rete di comunicazione e assetto del territorio nel PTCP di Napoli

    Francesco Domenico Moccia

    2010-01-01

     Il PTCP nasce nel clima della pianificazione europea rivolta alla realizzazione della rete TenT e della ricerca di come questo sistema di connessione potesse diventare strumento di sviluppo e coesione territoriale. Nella stessa scia si colloca tanto il Quadro Strategico Nazionale che il Piano Strategico Ragionale nei quali si definisce il ruolo territoriale della metropoli napoletana nel contesto internazionale. Queste premesse forniscono utili indicazioni per determinare l’organi...

  17. Turismo di guerra, turismo di pace: sguardi incrociati su Italia e Francia

    Elisa Tizzoni

    2015-01-01

    L’articolo offre alcune riflessioni sul rapporto del turismo con i concetti di guerra e pace in occasione dei due conflitti mondiali, analizzando in chiave comparata il contesto francese e quello italiano. Dopo una sintetica introduzione circa le principali ripercussioni dei conflitti contemporanei sul turismo e sui caratteri che esso può assumere in contesti di guerra, l’attenzione viene rivolta al fenomeno del cosiddetto “turismo di guerra”, sviluppatosi nella fase finale e negli anni immed...

  18. TINJAUAN KRIMINOLOGIS TERHADAP KEJAHATAN PERDAGANGAN ANAK DI KOTA TERNATE

    GIBRAN, MUHAMMAD

    2014-01-01

    2013 Penelitian ini bertujuan untuk mengetahui faktor-faktor penyebab terjadinya perdagangan anak di Kota Ternate dan untuk mengetahui peranan kepolisian dalam menanggulangi kejahatan perdagangan anak di Kota Ternate. Penelitian ini dilakukan di Kota Ternate dengan memilih instansi yang terkait dengan perkara ini, yakni penelitian ini dilaksanakan di Polres Ternate dan Pengadilan Negeri Ternate. Metode pengumpulan data yang digunak...

  19. Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi

    Massimo Campanini

    2012-01-01

    Il concetto di orientalismo/occidentalismo in Hasan Hanafi (Convegno internazionale “Otre l’orientalismo e l’occidentalismo. La rappresentazione dell’Altro nello spazio euromediterraneo” Facoltà di Scienze della Comunicazione, Sapienza Università di Roma, 16 novembre 2007) di Massimo Campanini

  20. Disuguaglianze socioeconomiche di mortalità in Italia

    Zarulli, Virginia

    2013-01-01

    fu ripetuto [2]. Dall’analisi emersero cambiamenti inaspettati nelle disuguaglianze di mortalità per livello di istruzione che, nel periodo tra i due studi, erano aumentate tra gli uomini di età 18-74, mentre erano diminuite tra le donne. In particolare, era scomparso il vantaggio di sopravvivenza...

  1. Luoghi e utopia: la risposta territoriale di Marinaleda

    Isotta Mac Fadden

    2012-12-01

    Full Text Available Il caso del comune sivigliano di Marinaleda - che qui descriveremo brevemente - è un esempio atipico di risposta alle contraddizioni sistemiche e individuali all’interno del contesto europeo, in cui il superamento della drammatica situazione del post-franchismo spagnolo è avvenuta sulla base della fede in un sogno, un’Utopia socialmente costruita e collettivamente condivisa. L’esempio di questo piccolo comune dimostra, inoltre, come attraverso processi di rielaborazione collettiva positiva degli elementi socio-identitari territoriali, sia possibile la costruzione di luoghi in cui il territorio con le proprie specificità, diviene una risorsa per superare la crisi attuale. All’ingresso dell’Humoso - ex feudo, attuale cooperativa, simbolo degli anni di lotta e sacrifici che hanno segnato la storia della comunità di Marinaleda – troviamo da un lato la frase “Terra Utopia” e dall’altro “Este cortijo es para los joranaleros en paro de Marinaleda” (“Questo feudo è per i braccianti disoccupati di Marinaleda”. Da un lato un sogno, un’Utopia, dall’altro un obiettivo: sullo sfondo la realizzazione di entrambi. A muovere le scelte di politica collettiva del comune andaluso sembra essere il tentativo di realizzare una democrazia reale: da un punto di vista politico attraverso un sistema di bilancio partecipativo ed assembleare, dal punto di vista economico attraverso il cooperativismo e da un punto di vista sociale tramite la garanzia di diritti come la casa e la piena occupazione.

  2. Di-hydroxybenzenes: Catechol, resorcinol, and hydroquinone

    Verevkin, Sergey P. [Department of Physical Chemistry, University of Rostock, 18055 Rostock (Germany)], E-mail: sergey.verevkin@uni-rostock.de; Kozlova, Svetlana A. [Department of Physical Chemistry, University of Rostock, 18055 Rostock (Germany)

    2008-05-30

    Molar enthalpies of sublimation of 1,2-di-hydroxybenzene, 1,3-di-hydroxybenzene, and 1,4-di-hydroxybenzene were obtained from the temperature dependence of the vapor pressure measured by the transpiration method. The molar enthalpies of fusion of 1,2- and 1,4-isomers were measured by differential scanning calorimetry (DSC). A large number of the primary experimental results on the temperature dependences of vapor pressure and phase transitions have been collected from the literature and have been treated in a uniform manner in order to derive sublimation, vaporization and fusion enthalpies of di-hydroxybenzenes at the reference temperature 298.15 K. The data sets on phase transitions were checked for internal consistency. This collection together with the new experimental results reported here has helped to resolve contradictions in the available thermochemical data and to recommend consistent and reliable sublimation, vaporization and fusion enthalpies for all three isomers under study.

  3. I volti della scienza di Caravaggio

    Francesca Salvemini

    2005-07-01

    Full Text Available Nell’umanesimo estetico di Caravaggio estasi e visionesopraggiungono immedesimate alla realtà sensoriale nello spazio universale oscuro della fenomenologia quantitativa della nuova scienza.

  4. Matrimonio e famiglia. Limiti di competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario

    Venerando Marano

    2011-03-01

    Full Text Available Relazione tenuta al Convegno di studi sul tema“Diritto della Unione Europea e status delle confessioni religiose” (Roma, Istituto Sturzo, 8-9 ottobre 2010 organizzato dal Centro Studi sugli Enti Ecclesiastici – CESEN, destinata alla pubblicazione negli Atti, pubblicata per la cortese disponibilità del CESEN.SOMMARIO: 1. Unione europea e famiglia, ovvero la suggestione di un paradosso – 2. Gli interventi dell’Unione: a strumenti a carattere normativo – 3. … b interventi giuridicamente non vincolanti – 4. … c indici giurisprudenziali – 5. Limiti di  competenza e profili di rilevanza dell’ordinamento comunitario. Il contributo delle Chiese.

  5. STUDIO DI UN MOVIMENTO SISMOCO DEL BASSO TIRRENO,ORIGINANTE ALLA PROFONDITA' DI 265 KM.

    ANTONINO GIRLANDA

    1956-06-01

    Full Text Available Gli studi microsismici condotti sul terremoto delle
    isole Lipari del 13 aprile 1938, sebbene siano concordi nell'attribuire
    all'ipocentro una profondità di circa 300 km, valore eccezionale e fino
    allora insospettato nella zona del Mediterraneo centro-occidentale (1,
    hanno condotto a risultati discordanti in relazione alla velocità di
    propagazione delle onde sismiche in corrispondenza del basso Tirreno.
    Le determinazioni delle coordinate spazio-temporali, eseguite dai vari
    Centri sismologici e da diversi autori, conducono a risultati assai discordanti.
    Le determinazioni del B.C.I.S., della J.S.A., di Pasadena,
    e, in modo particolare, una seconda determinazione di Demetrescu,
    condotta sui dati di 45 stazioni, portano a conclusioni che contrastano
    nettamente con i dati forniti dalle stazioni più vicine all'epicentro.
    Secondo gli ultimi risultati di Demetrescu, tali stazioni avrebbero
    registrato l'onda P con un anticipo eccezionale, anticipo che risulterebbe
    di 12s per Trenta e Pompei, di l l s per Taranto e Bari, di 9S per
    Napoli.

  6. Severina di Ignazio Silone (1981). Vocazione e ribellione di suor Severina

    Mancini, Bruno

    2012-01-01

    Il soggetto del mio intervento sarà, per riprendere il tema di questo convegno, lo spazio della religione e il senso del religioso nell’opera di Ignazio Silone, passando in rassegna, rapidamente e a ritroso, le sue opere a cominciare quindi dal suo ultimo romanzo: Severina. L’autore abruzzese ne cominciò la stesura nel 1977, ispirandosi alla figura di Simone Weil e al suo ardente, fervido messaggio religioso e sociale. Severina è l’ultima, ma anche l’unica, eroina protagonista di un romanzo s...

  7. Le tentazioni di un genere : sul fantastico nella narrativa di Tabucchi

    Patrizia Farinelli

    2007-12-01

    Full Text Available Nella rielaborazione di Tabucchi del genere fantastico, l'evento strano e inspiegabile non crea una sovrapposizione di due realtà inconciliabili, semmai richiama l'attenzione su una realtà già in partenza permeata di illogico e quindi inafferrabile. Anche l'esitazione del protagonista di fronte a tale evento appare ridotta e di conseguenza limitata la sua ricerca di spiegazioni razionali. La quete del personaggio tabucchiano non si indirizza ali' evento strano e inspiegabile, ma piuttosto al passato ìrrisolto che questo fa riaffiorare. In questo senso i criteri indicati da Todorov come basilari per i riconoscimento del genere non tengono più pienamente. Indubbio è tuttavia che, pur in presenza delle trasformazioni indicate, diverse strategie narrative del fantastico continuano ad essere utilizzate da Tabucchi per costruire una dimensione multipla, sia a livello di storia che di discorso. Proprio perché la scrittura postmodema fa delll' ambiguità momento centrale di riflessione, non può non essere tentata (e sedotta dal fantastico.

  8. Obbligo di sicurezza del prestatore di lavoro ed effettività della tutela antinfortunistica

    Alessia Gabriele

    2012-01-01

    Full Text Available Il saggio affronta il tema della sicurezza e della salute dei lavoratori quale diritto fondamentale. Dopo l'analisi del panoram­a normativo internazionale e comunitario, l'A. si sofferma sulla posi­zione di garanzia assegnata al prestatore di lavoro subordinato nell'ordinamento interno, con particolare attenzione ai diritti di for­mazione e di informazione intimamente connessi al correlati­vo obbli­go di sicurezza del prestatore di lavoro. Le conclusioni cui giunge una parte della giurisprudenza in merito all'irrilevanza del concorso di colpa del lavoratore sono condivise dall'A., la quale però puntualizza come l'esercizio del potere disciplinare diventi la chiave di volta del sistema per garantire l'effettività della sicurezza nei luoghi di lavoro.The essay addresses safety and health of workers as funda­mental social rigths. The foreword analyses of international and EU regulatory scene, the A. focuses on the worker's guarantee posi­tion in the internal law, especially on training and in­formation rights, which are connected with the worker's safety duty strictly. The A. agree with lot of cases law ac­cording to negligence of employee no matter on it. However, the paper points out that exercise of disciplinary power be­comes the key to ensure the safety effectiveness in the workplace.

  9. Appunti per una lettura di Cléopâtre (1829 di Hector Berlioz

    Cesare Fertonani

    2011-07-01

    Full Text Available Hector Berlioz compone la sua Cléopâtre su un tema indicato per il Prix de Rome del 1829, che era certo di vincere. Proprio per questo motivo, musicando un breve testo di poca ispirazione di Vieillard, ma avendo in mente il monologo della Giulietta shakespeariana sulla sepoltura, Berlioz si sente libero di condurre la sua sperimentazione verso novità audaci in linea con quella poetica del teatro ideale e della memoria che svilupperà in seguito, realizzando l’opera più significativa della sua giovinezza, ma scontentando la giuria del premio.

  10. Ipotesi progettuale di rigenerazione urbana: il caso di studio dell’ex Caserma Monti già Convento di S. Maria della Ripa nella città di Forlì

    Alessandro Castagnoli

    2011-12-01

    Full Text Available Un’ampia area dismessa nel centro della città storica, è stata considerata l’opportunità strategica per valorizzare e rigenerare anche interi brani di tessuto urbano circostante con l’obiettivo di riammagliare gli sfrangiamenti materiali e immateriali nel complesso rapporto fra passato, presente e futuro.Questo caso di studio ha consentito di approfondire un approccio meta progettuale più generale, puntando sulla ricerca di una metodologia appropriata rispetto alla progettazione dello spazio architettonico in quanto tale, con l’obiettivo di sviluppare ragionamenti di compatibilità nell’ambito della vasta tematica del riuso urbano ed edilizio.

  11. I fuori classe: verso un nuovo modello di consulenza

    Gladis Omaira Capponi

    2003-12-01

    Full Text Available La presenza di interlocutori diversi, con cui le Istituzioni ed i servizi si trovano ad interagire, richiede il superamento dell'ottica di un servizio di consulenza dove la relazione si risolve in una comunicazione diadica in cui i poli siano richiedente e consultante. Nel modello ipotizzato viene individuato uno scenario in cui sullo sfondo vi è un Oggetto di consulenza, che include il destino di un Soggetto, e sul proscenio gli attori sociali, il Consultante e il Consulente; di fatto un sistema reale- fantasmatico a tre poli in cui si trovino ad operare, in stretta sinergia, consulenti di varia formazione: sociologo, psicologo, antropologo, il pedagogo.

  12. Gli orienti da sogno di Elio Vittorini

    Marina Paino

    2011-01-01

    Lo studio punta l’attenzione sulle suggestioni orientali, riconducibili soprattutto all’influenza delle Mille e una notte, presenti nell’opera narrativa di Elio Vittorini. L’intento è quello di dimostrare come i richiami orientaleggianti si leghino costantemente nella scrittura dell’autore alla dimensione del sogno e dell’infanzia, nonché ad un eros regressivo e favoloso che all’uno e all’altra si rifà puntualmente. Questo a...

  13. Manifestasi Kehamilan Di Rongga Mulut Dan Perawatannya

    Fatimah

    2008-01-01

    Kehamilan merupakan sebuah proses fisiologis yang melibatkan banyak sistem dalam tubuh dan mengakibatkan terjadinya perubahan pada sistem baik secara anatomis maupun fisiologis seperti pada sistem reproduksi, endokrin, sirkulasi pencernaan dan juga rongga mulut. Manifestasi kehamilan di rongga mulut merupakan suatu kondisi yang sering tetjadi, baik pada gigi maupun pada jaringan di sekitamya. Hal ini dapat terlihat dan tingginya tingkat karies, erosi enamel, terjadinya gingivitis kehamila...

  14. Severe dystrophy in DiGeorge syndrome

    Barnabás Rózsai; (A)kos Kiss; Gy(o)rgyi Csábi; Márta Czakó; Tamás Decsi

    2009-01-01

    We present the case history of a 3-year-old girl who was examined because of severe dystrophy. In the background, cow's milk allergy was found, but her body weight was unchanged after eliminating milk from her diet. Other types of malabsorption were excluded. Based on nasal regurgitation and facial dysmorphisms, the possibility of DiGeorge syndrome was suspected and was confirmed by fluorescence in situ hybridization. The authors suggest a new feature associated with DiGeorge syndrome.

  15. Archeologia e storia del cantiere di costruzione

    Mannoni, Tiziano

    2002-12-01

    Full Text Available The history of architecture, for more than two centuries, has tried to understand the buildings using written sources, reaching in this way an outstanding specialisation.The very most recent building archaeology is trying to make the built heritage itself speak about its history, even that of the construction site.The archaeological data (stratigraphic sequences, archaeological dating, materials and building techniques, put in dialogue with the archaeometric data (natural watches; characteristics, provenience and preciousness of the materials and following the rules of the “cultura materiale” - material culture - (empirical way of doing apprehension and transmission, allow us to begin the study of the builders choices, their possibilities and their motivations (archaeological critic. At this point, the research makes a real qualitative and quantitative jump if we read again, with an archaeological eye, all the written data coming from tenders, public permissions, construction site computations and from the ancient estimations and appraisals.La storia dell’architettura per più di duecento anni ha cercato di capire la costruzione attraverso le fonti scritte, raggiungendo in ciò una notevole specializzazione. La assai più recente archeologia dell’architettura sta cercando di far parlare il costruito stesso sulla sua storia, ivi compresa quella del cantiere di costruzione. I dati archeologici (sequenze stratigrafiche, datazioni archeologiche, materiali e tecniche costruttive, fatti dialogare con i dati archeometrici (orologi naturali, provenienze, caratteristiche e rarità dei materiali, secondo le regole della cultura materiale (apprendimento e trasmissione del saper fare empirico, permettono di affrontare la conoscenza delle scelte effettuate dai costruttori, le loro possibilità e le loro motivazioni (critica archeologica. E’ a questo punto che la ricerca fa un vero salto di qualità e di quantità se si rileggono con l

  16. Il Cristoforo Colombo di Cesare De Lollis

    Diego Stefanelli

    2013-12-01

    Full Text Available Nella monumentale edizione degli Scritti di Cristoforo Colombo Cesare De Lollis diede forse il suo contributo maggiore alla filologia testuale, con una notevole consapevolezza metodologica. Il volume su Cristoforo Colombo nella leggenda e nella storia può considerarsi un ottimo esempio di divulgazione culturale di alto livello, giocata su un delicato equilibrio tra ricostruzione storica e tendenza alla narrazione eroica. L’articolo indaga, attraverso la documentazione ufficiale e fonti epistolari inedite, il contesto culturale in cui vanno collocati tali studi (le celebrazioni per i quattrocento anni della scoperta dell’America e la posizione che essi occupano all’interno della multiforme produzione del filologo romanzo. Inoltre, sulla scorta di alcuni appunti di De Lollis al maestro Ernesto Monaci in cui sono riassunti gli aspetti piú importanti della sua edizione degli Scritti di Colombo, viene considerata con particolare attenzione l’edizione di alcuni testi che risulti particolarmente significativa a livello metodologico. Infine, si proverà a tracciare un bilancio degli studi colombiani di De Lollis.The most important De Lollis’ contribution to textual philology is probably his edition of Cristoforo Colombo’s Writings, in which he showed a great methodological consciousness. The book about Cristoforo Colombo nella leggenda e nella storia can be considered a good example of high-level cultural divulgation, based on a delicate balance between the historical reconstruction and the tendency to heroic narration. Using official documents and unpublished epistolary sources, the article explains the cultural context in which these studies must be collocated and the position they have in the various activity of the Romance philologist. Moreover, thanks to some notes sent by De Lollis to Ernesto Monaci, in which he summarized the main points of his Colombo’s edition, the article considers some important Colombo’s documents, whose

  17. OLIMPIADI NAZIONALI DI LINGUA ITALIANA 2011

    Ugo Cardinale

    2012-02-01

    Full Text Available L’articolo presenta l’ultima edizione delle Olimpiadi nazionali di lingua italiana, promosse dal Miur-Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, dalla Città di Firenze, dall’Accademia della Crusca, dall’Università di Firenze, nell’anno della celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, illustrandone le diverse fasi, di istituto, regionali e nazionale, le prove (riguardanti cinque aree: a. ortografia e fonetica; b. morfologia e formazione delle parole; c. sintassi; d. lessico e semantica; e. testualità e retorica somministrate agli studenti partecipanti e i risultati ottenuti. In appendice vengono riportare le prove di ciascuna delle tre fasi in cui le Olimpiadi nazionali di lingua italiana si sono svolte.     2011 national italian language olympics This article presents the latest edition of the National Italian Language Olympics for all school levels, promoted by the MUIR, the Municipality of Florence, the Accademia della Crusca, the University of Florence, on occasion of the celebration of the 150th anniversary of the Unification of Italy.  The article recounts the diverse institutional, regional and national phases.  The tests regarded five areas: spelling and phonetics, morphology and word formation, syntax, lexis and semantics, textuality and rhetoric. Finally the results are discussed. The appendix includes the tests for each of the three phases of the National Italian Language Olympics.

  18. Corpi di knowledge workers forzatamente a disposizione

    Annalisa Murgia

    2011-07-01

    Full Text Available Nel contesto di analisi delle condizioni di lavoro nell’era della conoscenza e delle tecnologie digitali, il nostro contributo vuole mettere l’attenzione sulle rappresentazioni dei/lle knowledge workers sulla progressiva ridefinizione dell’esperienza corporea, in direzione della perdita di rapporto con il corpo concreto, a favore di un corpo astrattamente inteso. Il discorso si colloca nella logica del “capitalismo tecno-nichilista”, inteso come “un sistema che, sfruttando la sistematica separazione tra le funzioni e i significati, si è progressivamente affermato quale modello di riferimento nel corso degli ultimi decenni”. La domanda di ricerca che ci poniamo in questo contributo è: in qual modo la precarizzazione del lavoro modifica le percezioni dei soggetti, e nello specifico dei lavoratori e delle lavoratrici della conoscenza, nella relazione con il proprio corpo? Nel discutere tale questione, intendiamo concentrarci non solo sugli effetti, ma anche sui processi e sulle relazioni sociali in cui i soggetti – e in varie forme anche le loro esperienze corporee – sono coinvolte.

  19. Tom Bissel, Voglia di vincere/Extra Lives

    Ambra Agnoletto

    2013-03-01

    Full Text Available Leggere il libro di Tom Bissell Extra lives: Why Video Games Matter, tradotto in Italia con il titolo Voglia di vincere, è stata un’impresa. L’impresa di qualcuno abituato a muoversi in ambito cinematografico e musicale, ma che affronta con l’entusiasmo e le incertezze del neofita i videogames e tutto ciò che riguarda la sfera videoludica, nei suoi aspetti creativi, estetici, di design e meccanica di gioco.

  20. Eritrea: l'Acqua Santa di S. Michele

    Marco Menicocci

    2006-06-01

    Full Text Available Le Acque Sante sono un tipico istituto terapeutico eritreo. Si tratta di fondi di acqua usata, variamente, per la cura di alcune malattie e poste sotto la "protezione"di uno o più santi, cristiani o musulmani.Quella di S. Michele è considerata curativa per le possessioni, le malattie mentali, quelle veneree e reumatiche. Viene descritto l'itinerario curativo percorso dai pazienti in una giornata: dalla registrazioni iniziali sino ai bagni nelle due pozze.

  1. La prolusione di rocco e le dottrine del processo penale

    Orlandi, Renzo

    2015-01-01

    L’articolo analizza le conseguenze del pensiero giuridico di Arturo Rocco, dal 1910 nella dottrina di procedura penale, ossia, il metodo tecnico-giuridico (esegesi, sistematica e critica). La dogmatica di procedura pena- le inizia con la monografia di Giovanni Conso, nel 1955. L’insoddisfazione con il tecnicismo giuridico e con la mancanza di maturità scientifica si è manifestata con Carnelutti nel 1946 (Cerenterola), sottolineando le peculiarità strutturali del procedimento penale. In questa...

  2. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  3. Il cuore fetale a 11-13 settimane di gestazione

    Persico, Nicola

    2012-01-01

    Le anomalie di sviluppo del cuore e dei grossi vasi rappresentano una delle più frequenti malformazioni congenite, con una prevalenza compresa tra 4 e 8 casi per 1000 nati vivi, e sono responsabili di circa il 20% delle morti endouterine e del 30% delle morti neonatali dovute ad anomalie congenite. Di conseguenza, la diagnosi prenatale di cardiopatie congenite riveste un ruolo particolarmente importante nell’ambito della cardiologia e della cardiochirurgia neonatale ed è in grado di avere un ...

  4. Alimenti di origine vegetale: controlli ufficiali nella Regione Emilia Romagna

    Bergamaschi, Fabio

    2008-01-01

    Si sono individuate e descritte le strutture, le funzioni e le competenze degli organi deputati al controllo ufficiale degli alimenti di origine vegetale nella Regione Emilia Romagna. Si sono esaminati i piani regionali di controllo ufficiale emanati dalla Regione Emilia Romagna in vigore per l'anno 2007, relativi alla presenza di residui di prodotti fitosanitari, micotossine e organismi geneticamente modificati negli alimenti di origine vegetale. Infine si sono valutati i dati e i risultati ...

  5. Targets of industrial development and environmental indicators; Obiettivi di sviluppo industriale e indicatori di prestazioni ambientali. Relazioni di sintesi

    Forni, A.; Olivetti, I.; Scipioni, F. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy); Orasi, A. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Facolta' di Statistica

    2001-07-01

    georeferenced representations. Conclusive lines regard not only the attitude of enterprises and their approach to environmental themes; the point of view is open to programming choices of regions and other local authorities regarding economic development and environmental protection, both their correlation with a very important national law referring to the funds for industrial development (which gives to regions remarkable role) and the answers of enterprises. [Italian] La ricerca ha inteso monitorare l'uso da parte delle imprese degli indicatori di performance ambientale, in relazione all'accesso a programmi di finanziamento nazionali e/o comunitari, e analizzare il rapporto tra programmazione dello sviluppo industriale e politiche territoriali degli enti locali e dello stato centrale. La ricerca ha focalizzato l'attenzione sulla Legge 488/92 che, tra gli strumenti di incentivazione diretta alle imprese, costituisce la legge di finanziamento piu' rilevante per diversi motivi. Anzitutto per l'impegno finanziario pubblico in quanto e perche' rappresenta la principale legge di finanziamento allo sviluppo dell'imprenditoria e di sostegno all'innovazione nelle aree depresse del Paese (ex aree ob. 1, 2 e 5 b.) Soprattutto, pero', la legge ricorre a degli indicatori ambientali per la valutazione del finanziamento ed ha un rinnovato e piu' ampio ruolo di strumento di attuazione della strategia ambientale del PON sviluppo imprenditoria locale nell'attuale periodo di programmazione dei fondi comunitari, 2000-2006. La delicatezza dell'argomento di studio che coinvolge piu' amministrazioni centrali dello stato e le istituzioni locali con ampie responsabilita', aggiunta alla sua complessita' (economica, sociologica ed ambientale) hanno indotto il gruppo di ricerca ad adottare un metodo di confronto il piu' ampio possibile con elementi scientifici e giuridici/programmatici gia' accettati ed in essere

  6. Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità

    Carmela Salazar

    2011-03-01

    Full Text Available Lo scritto riprende, ampliandoli, i contenuti del saggio intitolato I “destini incrociati” della libertà di espressione e della libertà di religione: un’indagine sui conflitti e sulle sinergie tra gli artt. 19 e 21 Cost. attraverso il prisma del principio di laicità, in corso dipubblicazione sul n. 1/2008 di Quaderni di diritto e politica  ecclesiastica, editi da il Mulino.SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti controle confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: leeccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica.

  7. Il "disegno" di Sabbioneta. Un'esperienza di ricerca/didattica sull'immagine della citta' storica

    Massimo Ballabeni

    2006-12-01

    Full Text Available Il "disegno" di Sabbioneta rappresenta un'esperienza didattica laboratoriale che avvia una ricerca/indagine di un metodo per la conoscenza e la restituzione dell'identità urbana. Le immagini raccontano i problemi e le soluzioni legate al conseguimento di un duplice obiettivo: da un lato la ricerca di nuovi modi per rappresentare e comprendere la città, dall'altro l'insegnamento del disegno dell'architettura con l'applicazione operativa delle teorie della rappresentazione. Un lavoro che ha permesso di acquisire nuove competenze nella gestione di grandi gruppi di lavoro.

  8. Un approccio innovativo per l’analisi quantitativa delle superfici di frattura a fatica nelle ghise sferoidali mediante elaborazione di immagini

    O. Di Bartolomeo

    2008-07-01

    Full Text Available Le osservazioni al microscopio elettronico a scansione (SEM delle superfici di frattura ottenute a seguito di rotture per fatica consentono di evidenziare alcuni meccanismi di avanzamento che dipendono dal materiale e dalla modalità di applicazione delle sollecitazioni. L’introduzione di moderne tecniche di analisi di immagine assistite al calcolatore permette di elaborare un numero di informazioni elevato che consente di porre in relazione le caratteristiche morfologiche locali con il comportamento meccanico macroscopico del materiale.In questo lavoro è stata implementata una tecnica innovativa di analisi di immagine basata sull’analisi della tessitura, valutando l’influenza delle condizioni di applicazione della sollecitazione (ΔK applicato sulla evoluzione del clivaggio rilevato sulle superfici di frattura a fatica di una ghisa sferoidale ferrito-perlitica.

  9. Studio di prevalenza sulle micosi otorinolaringoiatriche in un campione di immigrati in Puglia

    R. Iatta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: i continui flussi migratori in Puglia hanno posto una serie di problemi sul piano sanitario, inizialmente limitati alla gestione dell’emergenza ma subito estesi alla sorveglianza epidemiologica per la prevenzione di patologie infettive che possono essere importate da queste popolazioni. In tale ambito è stata condotta un’indagine anche sulla presenza di miceti che colonizzano il distretto otorinolaringoiatrico, con particolare riferimento ai funghi dimorfi, recentemente segnalati anche in Medio Oriente ma normalmente endemici in America e Africa.

    Metodi: l’indagine è stata condotta su un campione di 297 Kurdi, sbarcati ad Otranto (LE, maschi, età 15 - 35 anni (media 23 anni. Ciascun soggetto è stato sottoposto ad una visita otorinolaringoiatrica e al prelievo, mediante tampone sterile, del secreto orofaringeo, nasale e auricolare, per la ricerca di lieviti, muffe e funghi dimorfi.

    Risultati: dei 297 soggetti esaminati, 70 (23.6% sono risultati positivi per miceti (45 lieviti, 25 muffe di cui 36 (51.4% in sede nasale, 30 (42.9% in sede orofaringea e 4 (5.7% in sede auricolare. Tra i lieviti, Candida albicans è risultata la specie più frequente (66.7%, isolata esclusivamente a livello orofaringeo; tra le muffe Penicillium spp. (56% riscontrato solo a livello nasale. La ricerca di funghi dimorfi è risultata negativa.

    Conclusioni: la prevalente colonizzazione di muffe a livello nasale e di lieviti a livello orofaringeo conferma la sede di elezione da parte di questi microrganismi. Tuttavia, è interessante sottolineare che in sede nasale il genere Penicillium è risultato predominante rispetto al genere Aspergillus, contrariamente ai dati di letteratura. Inoltre, i funghi dimorfi non sono stati mai isolati anche se l’area geografica di provenienza è stata introdotta tra quelle endemiche per questi miceti. In conclusione, la nostra

  10. Le aree ferroviarie dismesse di Milano e Firenze

    Rosaria Battarra

    2011-02-01

    Full Text Available La relazione tra sviluppo della rete del trasporto su ferro ed espansione della città è da sempre molto stretta. Tra “città” e “ferrovia” si instaura un rapporto di sinergia e  complementarietà, che talvolta si trasforma in una difficile convivenza. In Italia, negli ultimi decenni, l’ammodernamento delle infrastrutture ed il riassetto della rete ferroviaria ha portato alla dismissione di numerosi scali. Ciò ha reso possibile la messa a punto di programmi che prevedono una loro riconversione a nuovi usi. Gli interventi che riguardano le aree ferroviarie possono avere una duplice origine: progetti che prendendo spunto dalla opportunità di ammodernamento o realizzazione di una nuova stazione coinvolgono anche le aree limitrofe o programmi che riguardano vaste aree dismesse o in via di dismissione occupate da fasci di binari, depositi e capannoni, ecc. Le aree ferroviarie dismesse presentano caratteristiche che consentirebbero un loro riuso all’interno di un piano complessivo che utilizzi come elemento qualificante la possibilità di operare contestualmente sul sistema dei trasporti e sulle scelte urbanistiche. La riqualificazione di queste aree potrebbe essere il terreno di sperimentazione di progetti di riconversione che operano anche scelte di radicale ridisegno delle reti del trasporto pubblico. Il contributo, partendo da queste premesse, illustra i programmi messi a punto per gli scali ferroviari dismessi di Milano e Firenze.

  11. FAKTOR RISIKO FILARIASIS DI KABUPATEN MUARO JAMBI

    Santoso Santoso

    2013-11-01

    Full Text Available Abstract Jambi Province is one of the endemic areas of filariasis. Chronic filariasis cases found in almost all the districts. The number of reported chronic filariasis cases in Jambi in 2011 as many as 343 cases. The cases spread over 9 of 11 districts. The chronic cases mostly were found in Muaro Jambi (149 cases which spread in almost all sub-districts, in 4 sub-districts in 7 public health center. Number of cases found in the Muaro Kumpeh public health center were 45 cases. Mass treatment had been implemented since 2003, but new cases still could be found. Base on the situation, the research was aimed to identify the risk factors for filariasis transmission. The study design was cross-sectional through interviews with 412 respondents including 128 cases and 248 healthly. The results shows that the determinant of the risk factors in the incidence of filariasis in Muaro Jambi Regency was water bodies around the house, the travel time to health facilities, mosquito bite prevention behaviors at home, length of stay, education level and gender. The probability of a person with all the risk factors of 95.9% for filariasis infection with OR 23.5 times. Keywords: filariasis, risk factors, Muaro Jambi. Abstrak  Submit : 03-04-2013  Review : 02-05-2013 Review : 10-05-2013 revisi : 22–05-2013Provinsi Jambi merupakan salah satu wilayah endemis filariasis. Hampir seluruh Kabupaten/Kota di Provinsi Jambi terdapat kasus kronis filariasis. Jumlah kasus kronis filariasis yang dilaporkan di Provinsi Jambi sampai dengan tahun 2011 sebanyak 343 kasus. Kasus tersebut tersebar di 9 dari Kabupaten/Kota . Jumlah kasus filariasis terbanyak di Kabupaten Muaro Jambi sebesar 149 kasus. Filariasis di Kabupaten Muaro Jambi menyebar hampir di seluruh kecamatan. Jumlah kasus terbanyak ditemukan di wilayah Puskesmas Muaro Kumpeh sebanyak 45 kasus. Kegiatan pengobatan massal telah dilakukan sejak tahun 2003, namun hingga saat ini masih ditemukan adanya kasus baru

  12. L’odore del sangue di Goffredo Parise: fascinazione della gioventù, tentazioni di un reporter*

    Giancotti, Matteo

    2012-01-01

    1. Uno dei pochi margini di discussione lasciati da Cesare Garboli nella sua esauriente Prefazione a L’odore del sangue, il romanzo postumo di Goffredo Parise, riguarda l’interpretazione di un tratto fondamentale dell’opera. Il ragazzo di cui Silvia s’innamora tradendo il marito Filippo, il giovane violento e senza volto che incarna in breve l’ossessione di Filippo, è fascista. Costituzionalmente fascista, si direbbe, dal momento che questa connotazione politica precede nel romanzo ogni sua d...

  13. Un'esperienza di didattica integrata: nuove tecnologie e formazione presso la cattedra di Storia delle dottrine politiche

    Filomena Castaldo

    2004-01-01

    Full Text Available Presentazione di una sperimentazione di blended learning condotta al Dipartimento di Filosofia dell’Universita' “Federico II” di Napoli. L’obiettivo dell’iniziativa e' stato quello di integrare la formazione in presenza con la formazione in rete per collaudare percorsi d’interazione non solo in senso verticale (uno-molti ma anche in orizzontale (molti-molti, con particolare attenzione al processo e alla dimensione sociale dell’apprendimento in rete.

  14. Contributo di dati di gravità nella valutazione del vulcanismo CAMP in Africa Nord-Occidentale

    Fabbri, Julius

    2015-01-01

    La domanda alla base di questa ricerca è stata se il metodo della gravimetria satellitare possa essere utilizzato per seguire le unità geologiche anche in luoghi difficilmente accessibili. L’obiettivo di questa ricerca è di verificare se le missioni satellitari di nuova generazione permettano di identificare la più grande delle province ignee della Terra (Bertrand et al., 2013), nota come CAMP (Central Atlantic Magmatic Province) in Africa nord-occidentale. Oltre alle motivazioni scientifiche...

  15. Studio e conservazione di una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus in Toscana

    Paolo Agnelli

    2003-10-01

    Full Text Available Myotis emarginatus (Chiroptera, Vespertilionidae utilizza frequentemente gli edifici come rifugio estivo, sia per il riposo diurno che per la riproduzione. Negli anni 1996-2003, nel corso di indagini faunistiche sul territorio toscano, questa specie è stata rilevata nel 26% dei casi su 76 edifici rurali risultati occupati da pipistrelli e rappresenta ben il 50% degli esemplari rilevati. Il numero di esemplari di M. emarginatus in tali rifugi varia da 1 a 150 animali. Un edificio però può rendersi facilmente indisponibile per modificazioni nell?utilizzo da parte dell?uomo: ma cosa succede agli animali che si trovano improvvisamente senza casa? E quanto si può accrescere annualmente una colonia quando non viene disturbata? Nel 1997 nella Riserva Naturale Provinciale di Ponte a Buriano e Penna (AR, rilevammo una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus stimata in circa 60 esemplari. Il rifugio estivo utilizzato fino al 2002 è costituito da una casa disabitata. Confrontando le stime effettuate dal 1997 al 2001 possiamo valutare l?accrescimento numerico della colonia: a partire dai circa 60 animali si è raggiunta la consistenza di 75 esemplari nel 2001, ossia circa il 25% in 5 anni (5% annuo di media. I conteggi sono stati effettuati a vista da almeno 3 persone, da breve distanza e in buona luce, ma poiché in questa specie gli esemplari si appendono alle travi addossandosi uno sopra l?altro, è impossibile effettuare un vero conteggio. Nell?estate 2001 abbiamo condotto una ricerca più accurata sull?utilizzo del rifugio: dai rilievi di un rilevatore di passaggio all?infrarosso e soprattutto dalle riprese di una videocamera, risulta che il numero degli esemplari era stato fortemente sottostimato: gli esemplari erano, infatti, ben 150 (femmine, ossia il doppio di quanto stimato sia pure in condizioni favorevoli. A Giugno (2001 abbiamo registrato la nascita di 101 piccoli, il cui tasso di mortalità prima dell

  16. «Più saggia di Edipo». Su alcune fonti di «Ödipus und die Sphinx» di Hofmannsthal

    Elena Raponi

    2016-12-01

    Full Text Available Il saggio analizza la tragedia Ödipus und die Sphinx (Edipo e la Sfinge, 1906 di Hugo von Hofmannsthal in relazione con le sue fonti, mostrando come la figura di Eleonora Duse, tanto venerata dal poeta austriaco da indurlo a plasmare su di lei il ruolo di Giocasta, abbia provocato sia l’allontanamento dell’opera dalla primitiva fonte francese OEdipe et le Sphinx di Joséphin Péladan (1903, sia il suo avvicinamento al mondo poetico dannunziano, di cui l’attrice italiana era stata ispiratrice e interprete. Allo stesso tempo il saggio mostra come Hofmannsthal affidi alla dialettica interna ai personaggi della sua tragedia e in particolare a Giocasta il compito di ridimensionare e correggere il superomismo dannunziano, lasciando emergere, qui appena accennato, il mondo di delicate relazioni che caratterizzerà le commedie della maturità.

  17. Capitale sociale e problemi di salute e di qualitá della vita nella comunitá degli adolescenti di Saluzzo

    A. Zambon

    2003-05-01

    Full Text Available

    Questo contributo presenta, all’interno dell’obiettivo di definizione del capitale sociale della popolazione adolescenziale del saluzzese, la lettura del profilo di salute dei residenti del distretto 1 dell’ASL 17 del Piemonte, utile per la progettazione di interventi educativi di prevenzione primaria nella popolazione giovanile.

    Obiettivo: indagare i bisogni di salute e identificare le disuguaglianze sociali di salute degli adolescenti della Comunità del saluzzese.

    Metodi: sono stati estratti i dati demografici (2000, i dati di mortalità (1995-97 e i dati di morbosità (1998 relativi alla popolazione 14-19 anni in 36 Comuni e a quella regionale. Gli indicatori utilizzati nell’indagine sono stati il rapporto standardizzato di mortalità e il tasso standardizzato anni di vita persi a 75 anni, il tasso di ospedalizzazione, la percentuale di ricoveri non programmati, il tasso di primo ricovero e il rischio relativo. Risultati: la popolazione residente è di 74.526 persone (36.825 maschi, 37.701 femmine con 4.072 unità di età tra i 14 e i 19 anni. La mortalità per tutte le cause nei giovani evidenzia un eccesso significativo di due volte e mezzo rispetto ai dati regionali (RR 2,60; IC95% 145,62-416,77. Tale valore è riferibile all’incremento delle morti accidentali, da trasporto e da malattie alcool correlate. La morbosità per tutte le cause risulta essere il 6% superiore (maschi e il 2% inferiore (femmine rispetto al dato regionale; tali valori sono in linea con quelli dei distretti adiacenti. È in corso di analisi l’indagine qualitativa nella Comunità in studio. I risultati dei due rami della ricerca, quantitativo e qualitativo, verranno presentati nel corso dell’anno insieme a ipotesi di ricostruzione dei meccanismi che operano nella generazione delle disuguaglianze sociali di salute negli adolescenti sul territorio interessato.

    Conclusioni: la lettura

  18. Spirochete della malattia di Lyme nelle zecche raccolte in uno studio di campo nell’Italia centrale (Regione Marche

    Ilaria Pascucci

    2010-06-01

    Full Text Available La malattia di Lyme è la più diffusa malattia trasmessa da zecche in Italia. La provincia di Pesaro ed Urbino per le sue caratteristiche ecologiche può essere considerata area rischio per la patologia. Ciò nonostante, non sono ancora disponibili dati di campo per questa area, sebbene la malattia sia presente nei territori limitrofi. Al fine di indagare la presenza del ciclo della borreliosi di Lyme, è stato condotto, nell’area di interesse, uno studio di un anno durante il quale sono state raccolte zecche da cervidi selvatici, uomo e dall’ambiente, successivamente identificate e analizzate mediante PCR. Le zecche appartenenti alla specie Ixodes ricinus (la specie più frequente in tutte le raccolte sono state testate mediante tre diverse PCR per la ricerca di Borrelia burgdorferi s.l. Inoltre, per identificare le genospecie di Borrelia burgdorferi s.lcoinvolte, è stato amplificato e sequenziato un frammento della regione intergenica spaziatrice 5S-23S dell’ RNA ribosomiale. Il sequenziamento ha permesso di identificare due differenti genospecie: B. burgdorferi s.s. e B. lusitaniae, precedentemente coinvolte in casi umani di malattia di Lyme. Le informazioni riguardo le relazioni tra ospite, zecca e genospecie di B. burgdorferi s.l., confermando le notizie già presenti in letteratura per il bacino del Mediterraneo, mostrano come nell’area di interesse siano presenti le condizioni favorevoli allo sviluppo del ciclo della borreliosi di Lyme.

  19. Buchi neri nel mio bagno di schiuma l’enigma di Einstein

    Vishveshwara, C V

    2008-01-01

    "Le bolle stavano turbinando tutto intorno a me e massaggiavano il mio corpo ... Mentre me la godevo in questo fantastico bagno di bolle, i miei occhi si fecero pesanti e mi lasciaii trasportare in un dormiveglia sublimamente estatico". Così inizia l’incontro di Alfie con una vasca da bagno eccezionale e rivelatrice, acquistata da un vicino misterioso di nome Al. L’Enigma di Einstein, ovvero buchi neri nel mio bagno di schiuma, racconta la storia della teoria della gravitazione, dai suoi primordi fino agli ultimi sviluppi in astrofisica, focalizzandosi sulla teoria della relatività generale di Albert Einstein e sulla fisica dei buchi neri. Tramite conversazioni avvincenti e diagrammi scarabocchiati su tovaglioli di carta, si susseguono a ruota i rudimenti della relatività, dello spazio-tempo e di molti aspetti della fisica moderna. In scenette narrate con abilità pedagogica e notevole talento letterario, il lettore s’imbatterà nelle lezioni informali che un astrofisico cosmopolita tiene al suo amic...

  20. Il forno di affinazione di Rondolere (1788-1813 / The Rondolere finery (1788-1813

    Maurizio Rossi

    2015-12-01

    Il forno di affinazione è un impianto complesso, generalmente poco noto, in quanto raramente studiato dal punto di vista archeologico. La buona conservazione di quello di Rondolere permette di conoscere le caratteristiche tecniche e la posizione dei componenti, la natura dei residui di lavorazione (ghisa, scorie, pulviscoli ferrosi, ritagli di barre e semilavorati in acciaio, il comportamento dei materiali costruttivi impiegati sotto l’azione del calore. L’impianto messo in luce trova precisi raffronti nei manuali tecnici e nelle rappresentazioni di opifici della sua epoca. The Rondolere steelworks, at 1176 m in the Sessera valley (Biella, Italy, was operational since 1788 to 1813. The archaeological excavations revealed buildings and plants for ore treatment (local magnetite and imported hematite, cast iron production and its conversion into steel (semi finished and finished products. Detailed information is provided by the documents of the Napoleonic era concerning the metallurgical production. The finery is a complex, generally not well known installation, being rarely archaeologically investigated. The good conservation of the Rondolere specimen let us know the technical features and the position of the components, the characteristics of the production rejects (cast iron, slag, iron powder, steel bar cuttings and semi finished items, the behaviour of the constituent materials facing the high temperatures. The installation finds precise comparisons in technical handbooks and drawings dating to its age.

  1. Storia di un Vulcano I GPS di Trimble per monitorare Mount St. Helen

    Edoardo Carlucci

    2005-10-01

    Full Text Available Venticinque anni fa il peggior disastro vulcanico nella storia degli Stati Uniti attirò l’attenzione di tutto il mondo. L’esplosione, preceduta da un paio di mesi di piccole scosse di terremoto, squarciò il fianco Nord del vulcano St. Helens il 18 maggio 1980, provocando allo stesso tempo il più grande smottamento della storia. L’eruzione seguente all’esplosione cancellò tutta l’area circostante, facendo 57 vittime tra la popolazione e formando un profondo cratere a forma di ferro di cavallo; per sei anni si susseguirono altre piccole eruzioni che portarono alla formazione di un’altra cupola lavica dopodiché Loo-wit (il Guardiano del Fuoco, come i nativi americani usavano chiamare il vulcano St. Helens, si addormentò di nuovo. Prima del fatidico giorno Mount St. Helens era la nona cima per altezza negli Stati Uniti; dopo il 18 maggio essa diventava la trentesima.

  2. Recupero della classificazione decimale Dewey da altre basi di dati: un progetto di bonifica del catalogo

    Stefano Bargioni

    2013-07-01

    Full Text Available La crescente disponibilità di cataloghi online e banche dati bibliografiche permette oltre alla catalogazione derivata, anche il reperimento all'interno del catalogo di informazioni "atomiche" utili. A tal fine, i numeri decimali Dewey sono stati importati nelle fonti nazionali e internazionali mediante l'identificatore univoco ISBN. Sono state sviluppate specifiche tecniche per individuare i record da recuperare, per interrogare i database esterni e per estrarre i numeri di classificazione Dewey e aggiungerli al catalogo. La grande quantità di numeri Dewey aggiunti al catalogo ha migliorato l'usabilità semantica degli OPAC. La procedura stabilita ha anche facilitato la raccolta delle informazioni sull'uso del Sistema di Classificazione Decimale Dewey nelle varie basi di dati utilizzate ed autorizzate a fare taluni confronti tra loro. Gli strumenti impiegati possono essere usati analogamente per le operazioni di recupero dei dati nel catalogo, sia come supporto nel processo di catalogazione sia per arricchire gli OPAC in modo statico e dinamico. Tenendo conto del suo esclusivo scopo pratico, questo lavoro è caratterizzato da scelte concrete, piuttosto che teoriche. Tuttavia, l'esperienza acquisita apre spazi anche nel campo della ricerca accademica.

  3. Exclusive e+e-, di-photon and di-jet production at the Tevatron

    Terashi, Koji; /Rockefeller U.

    2007-05-01

    Results from studies on exclusive production of electron-position pair, di-photon, and dijet production at CDF in proton-antiproton collisions at the Fermilab Tevatron are presented. THe first observation and cross section measurements of exclusive e{sup +}e{sup -} and di-jet production in hadron-hadron collisions are emphasized.

  4. Colorimetric Detection of Aniline Based on Di(hydroxymethyl)-di-(2-pyrrolyl)methane-TCNQ System

    2006-01-01

    The blue color system of supramolecular assembly formed by di(hydroxymethyl)di-(2-pyrrolyl)methane and tetracyanoquinodimethane (TCNQ) may be used for effective and selective detection of aniline through the visual color change in CH3CN/H2O mixed solvent. The excellent properties of the system make the supramolecular assembly to be a highly selective colorimetric probe for aniline.

  5. Beni di lusso nel mondo punico. Le uova di struzzo III- Volti o maschere?

    Giovanna Pisano

    2004-01-01

    Full Text Available I gusci dell uova di struzzo con la raffigurazione del volto femminile, di valore simbolico sacrale, esaminati con aggiornamento e rilettura dei dati, sono distinti tipologicamente in base alla forma del supporto e dei differente tratti fisionomici in tre varianti cronologiche.

  6. Considerazioni critiche sulla competenza del Tribunale ecclesiastico diocesano in tema di titoli nobiliari e di adozione

    Mario Ferrante

    2011-03-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Sulla competenza giudiziale del Tribunale diocesano  perugino a decidere dell’acquisizione legittima di un titolo comitale - 2.1. Sulla pretesa origine di subcollazione pontificia del titolo - 3. Sugli effetti dell’adozione in diritto canonico - 4. Conclusioni.

  7. Infanzie e Famiglie come snodi di criticità e risorse socio-educative: un anno di ricerca del Dipartimento di Scienze dell’Educazione

    Mariagrazia Contini

    2010-02-01

    Full Text Available Con i saggi che seguono si intende costruire una sorta di “numero monografico” della nostra rivista interamente dedicato alla ricerca biennale dal titolo "Infanzie e famiglie come snodi di criticità e possibilità socio-educative". Coordinata dalla sottoscritta, la ricerca vede impegnati 34 docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze dell’Educazione che la finanzia, con un contributo della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Bologna.

  8. [Lo stile di attaccamento insicuro è un fattore di rischio di ridotta densità minerale ossea in donne in menopausa. Uno studio pilota].

    Niolu, Cinzia; Bianciardi, Emanuela; Di Lorenzo, Giorgio; Nicolai, Sara; Celi, Monica; Ribolsi, Michele; Pietropolli, Adalgisa; Ticconi, Carlo; Tarantino, Umberto; Siracusano, Alberto

    2016-01-01

    RIASSUNTO. Introduzione. La depressione maggiore (MD) e l'osteoporosi sono malattie ad alta prevalenza nel genere femminile, associate a morbosità e mortalità. Sebbene alcuni studi abbiano dimostrato un'associazione tra MD, ridotta densità minerale ossea (BMD) e osteoporosi, non sono stati chiariti i meccanismi causali. Lo stile di attaccamento insicuro è stato messo in relazione con la patogenesi e il decorso di malattie croniche come la MD e le malattie cardiovascolari. Obiettivo di questo studio pilota è esplorare la relazione tra MD e BMD. Si ipotizza che lo stile di attaccamento possa agire da mediatore. Metodi. Il campione è formato da 101 donne in menopausa, 49 con MD e 52 controlli sani. La diagnosi di MD è stata formulata con l'intervista clinica e la Beck Depression Inventory. Lo stile di attaccamento è stato esplorato usando il Relationship Questionnaire, la BMD con la Mineralometria Ossea Computerizzata con tecnica DXA (Dual energy X-ray Absorptiometry). Risultati. L'analisi univariata ha mostrato che le donne con MD avevano valori di BMD inferiori rispetto ai controlli sani. Nelle analisi di regressione multipla la MD non è emersa come predittore significativo di ridotta BMD. Lo stile di attaccamento insicuro "preoccupato" è risultato un predittore significativo di ridotta BMD in tutti i siti scheletrici misurati con la DXA: colonna vertebrale lombare (p=0,008) e segmenti femorali: "femoral neck" (p=0,011), "total hip" (p=0,002). Conclusioni. Questo è il primo studio che esplora il possibile ruolo di MD e stile di attaccamento sulla BMD. Lo stile di attaccamento è risultato un predittore di ridotta BMD, indipendentemente dalla MD. L'attaccamento insicuro potrebbe avere un ruolo nella patogenesi dell'osteoporosi anche indipendente dalla MD. Se questi risultati saranno confermati, gli interventi terapeutici focalizzati sullo stile di attaccamento potrebbero contribuire al miglioramento della comorbilità psichiatrica e medica legata all'osteoporosi.

  9. Un San Sebastiano di Silvestro dell’Aquila e un San Vito di Saturnino Gatti

    Lorenzo Principi

    2015-06-01

    Full Text Available L’articolo si focalizza sull’attribuzione di un’inedita statua a Silvestro di Giacomo da Sulmona, meglio noto come Silvestro dell’Aquila (documentato dal 1471-1504 e un’altra a Saturnino Gatti (1463 circa-1518, protagonisti della scultura del Rinascimento in Abruzzo. La prima proposta riguarda un San Sebastiano ligneo, grande poco meno del vero, conservato nella chiesa di Santa Maria ad Nives di Rocca di Mezzo, principale centro dell’Altipiano delle Rocche e paese natale del celebre cardinale Amico Agnifili, committente di Silvestro di Giacomo. La seconda acquisizione concerne una scultura lignea grande al naturale raffigurante San Vito, rintracciata nell’omonima chiesa di Colle San Vito, nel comune di Tornimparte, situata a pochi passi dagli affreschi eseguiti da Saturnino Gatti tra il 1490 e il 1494 in San Panfilo a Villagrande. Grazie ad un’analisi dei diversi contesti in cui si generarono le sculture e soprattutto attraverso stringenti confronti con opere note del catalogo dei due artisti si può riferire la prima statua alla tarda produzione di Silvestro dell’Aquila e la seconda al periodo di maturità di Saturnino Gatti.   The article focuses on the attribution of two unpublished wooden statues respectively realized by two masters of Renaissance sculpture in Abruzzo: Silvestro di Giacomo, known as Silvestro dell’Aquila (whose activity is documented at L’Aquila from 1471 to 1504; and Saturnino Gatti. The scultpure attributed to Silvestro dell’Aquila portrays Saint Sebastian, and is of almost life-size dimensions. It was spotted out inside the church of Santa Maria ad Nives at Rocca di Mezzo, the most renowned village on the upland of «Le Rocche», in the nearbies of L’Aquila; it was the birthplace of Cardinal Amico Agnifili, who happened to be Silvestro’s patron. The second statue, by Saturnino Gatti, represents Saint Vitus and is hold in the homonymous church at Colle San Vito in the municipal district of

  10. Abitudini alimentari di un campione di popolazione giovanile siciliana e calabrese

    M.L. Calisto

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: valutare le abitudini alimentari, igieniche e la percezione di sé in un campione di studenti siciliani e calabresi.

    Materiali e Metodi: è stato condotto uno studio basato sulla compilazione in classe di un questionario, somministrato a 933 studenti dalla quarta elementare all’ultima classe di scuola superiore. Le schede con domande di tipo aperto e chiuso, a risposta singola o multipla, hanno fornito notizie di carattere antropometrico e sociofamiliare, sulle abitudini igienico alimentari e sulla percezione di sé.

    Risultati: dai dati emerge che l’ 85,6% dei ragazzi effettua la prima colazione consumando latte (43,9%, latte e caffè (30,3%, biscotti (31,8% e cereali (18,9%. L’ 89,7% fa uno spuntino a metà mattinata per lo più con panino e salumi (51,6%. Nel pomeriggio l’ 89,5% fa la merenda consumando soprattutto merendine (37,3% e succhi di frutta (28,3%.

    Circa la frequenza di assunzione di alimenti, carne, salumi, formaggi e patate sono consumati più volte a settimana; uova e pesce una volta a settimana; pasta una volta al giorno; pane e frutta fresca tutti i giorni a pranzo e a cena. Meno consumati verdura e legumi, con una preferenza per lenticchie e piselli. Il 54,6% consuma cioccolata ed il 53,4% chewing-gum. Il 78,2% consuma i pasti in compagnia dei familiari, guardando la televisione (69,8%. Dall’indagine si evince che i ragazzi non sempre hanno una visione corretta del loro corpo, infatti il 68,9% di essi, nonostante sia normopeso vorrebbe essere più magro.

    Conclusioni: si rendono necessari interventi educativi per migliorare le abitudini alimentari, favorendo la scelta di cibi sani. Occorre incrementare il consumo di verdure, legumi e frutta riducendo quello dei dolciumi che favoriscono sovrappeso e obesità. Inoltre bisogna realizzare una maggiore collaborazione tra scuola e sanità per educare i ragazzi ad una

  11. Trame di Pace. Simboli, carte, azioni di un’utopia possibile. 1945-2003

    Nadia Baiesi

    2014-06-01

    Full Text Available La mostra racconta la storia degli uomini e delle donne che hanno ragionato di pace non più come di una nobile speranza, ma come dell’unica chance di salvezza per l’umanità. La scansione cronologica, per decenni, parte dal 1945 e arriva al 2003 con la diffusione della bandiera arcobaleno in occasione della campagna «Pace da tutti i balconi», nata per scongiurare il secondo conflitto in Iraq. Al centro della mostra un percorso sui simboli che sono stati inventati, ripresi, risignificati in diversi contesti, movimenti radicali del pacifismo antimilitarista e nonviolento e movimenti contro singole guerre. Accompagnano i materiali iconografici (bandiere e manifesti originali, opere d’arte del maestro Anastasi, due percorsi documentari con immagini d’epoca, locandine, testi di decreti, opuscoli, volantini, articoli di quotidiani e riviste.

  12. "Il condominio di via della notte". Invito alla narrativa di Maria Attanasio

    Nicolò Messina

    2014-07-01

    Full Text Available Maria Attanasio è provetta poeta e narratrice, attiva sin dagli anni Settanta. Ha pubblicato finora sei libri di versi (uno tradotto in castigliano, due in inglese e sette di prose narrative. Le sue narrazioni sono storiche, nel solco dei componimenti misti di storia e invenzione, spaziano tra il Seicento e i nostri giorni, si spingono con l’ultimo romanzo, Il condominio di Via della Notte, in un futuro distopico che è in parte già il nostro presente. I protagonisti sono tutti “non allineati”, reietti e ribelli; con una sola eccezione (Il falsario di Caltagirone, tutte donne. Tranne Il condominio, ambientato nell’immaginaria Nordìa, lo sfondo comune sono la Sicilia Orientale, il territorio della città natia dell’autrice, Caltagirone. La cifra linguistica è marcata in senso diatopico e diacronico: si evidenziano presenze del siciliano e indizi della lingua del periodo stesso dei fatti narrati.

  13. Integrare paesaggio, ambiente e territorio. Il caso del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Crotone

    Concetta Fallanca

    2013-01-01

    Full Text Available Nel perseguimento di una pianificazione e gestione equilibrata del territorio l’Ente Provinciale ha un ruolo strategico in quanto chiamato a recepire e mettere in atto i metodi e gli strumenti messi in campo per una nuova politica del paesaggio. Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale risulta essere lo strumento ideale di sperimentazione per integrare paesaggio-ambiente e territorio, poiché assume come obiettivo principale la sostenibilità ambientale connessa allo sviluppo socio-economico, coniugando l’evoluzione del territorio alla qualità dell’ambiente ed alla conservazione dei paesaggi, in una logica di compatibilità fra trasformazione e uso delle risorse secondo la loro capacità di carico e riproducibilità

  14. Verifica di costruibilità in sicurezza con l’ausilio di strumenti grafici

    Pietro Capone

    2013-10-01

    Full Text Available Il tema del presente contributo si inserisce a cavallo di due filoni di studi propri del Construction Management: la Sicurezza Cantieri e la Costruibilità. Per affrontare la questione si fa riferimento ad  un approccio che riconosce un ruolo chiave all’attività progettuale in generale ed, in particolare, alla evoluzione del Progetto Esecutivo in Costruttivo. Il metodo proposto consente, intervenendo sulla rappresentazione grafica degli elaborati progettuali, da una parte la valutazione specifica e dettagliata delle condizioni di sicurezza per la realizzazione dell’elemento in oggetto, e contestualmente di verificarne le condizioni di cantierabilità, in una fase precedente il cantiere e quindi in un momento in cui è ancora possibile intervenire, se del caso, con modifiche, più o meno significative sul progetto senza che esso ne risulti snaturato nella sua primitiva impostazione.

  15. L'esperienza di un anno di sorveglianza attiva in area intensiva in un grande ospedale romano

    F. Cerquetani

    2003-05-01

    Full Text Available

    A seguito dei dati emersi dalla sorveglianza di tutte le Infezioni Ospedaliere (i.o. attivata dall’anno 2000 presso l’Azienda Ospedaliera S.F. Neri (837 p.l. di alta specializzazione, DEA di 2° livello, il Comitato i.o. ha deciso di monitorare le i.o. nelle aree intensive dell’ospedale (29 p.l. di cui 10 in Rianimazione e 19 in T.I. post-chirugiche con sistema di rilevazione in grado di fornire dati confrontabili a livello internazionale. È stato applicato il protocollo di sorveglianza predisposto dal NNIS (National Nosocomial Infections Surveillance adottando i criteri di i.o. dei CDC di Atlanta.

    Dal 15 maggio 2002, 4 infermieri ICI della Direzione Sanitaria di Presidio rilevano quotidianamente i parametri clinici di tutti i pazienti ricoverati in area critica, inserendo i dati in un sistema informatizzato appositamente realizzato per l’analisi statistica.

    Al 31 maggio 2003 (382 gg di sorveglianza risultano osservati 1844 pazienti, per un totale di 10367 giornate di degenza intensiva (ggd: sono state rilevate 430 i.o. (23.3% in 126 pz (6.8% con un tasso di 40.4 i.o./1000 ggd (59 in Rianimazione,43.7 in Neurochirurgia, 38.6 in Toracica, 16.1 in Cardiochirurgia e 14.3 in Vascolare; il 43% delle i.o. rilevate ha localizzazione polmonare (incidenza di 17.4 i.o./1000 ggd seguita dal 34.7% delle sepsi/batteriemie (tasso di incidenza di 14 i.o./1000 ggd; i tassi di i.o. associati a dispositivo sono risultati pari a 37.7 per i.o. polmonari associate a ventilazione meccanica (VAP e 19.7 per le batteriemie/sepsi (BSI CVC-correlate.
    La sorveglianza in corso ha consentito di monitorare nel tempo le i.o. confrontandole con i dati internazionali (evidenziando tassi più elevati di VAP e BSI, e consentendo un confronto tra le aree intensive dell’ospedale, con individuazione di indicatori, quali degenza media e mortalità degli infetti, che hanno evidenziato l’importanza di una netta distinzione delle aree di ricovero dei

  16. Consumo di suolo e degrado del territorio: il caso milanese

    Francesco Vescovi

    2013-02-01

    Full Text Available La crescente scarsità di risorse pubbliche ha portato molti comuni italiani, complice una crescente cultura derogatoria nell’ambito della pianificazione, a diventare corresponsabili del degrado del paesaggio, alimentando artificiosamente il tasso di urbanizzazione del suolo. Mentre è evidente l’assoluta insostenibilità di un modello di “sviluppo” affidato ai meccanismi della speculazione immobiliare emerge chiaramente l’urgenza di una pianificazione strategica di scala intercomunale o metropolitana che sappia ottimizzare le sempre più scarse opportunità di rigenerazione di un territorio gravemente compromesso. I dati disponibili per il contesto milanese offrono la possibilità di indagare il fenomeno in maggior dettaglio.

  17. BUDIDAYA UDANG VANAME POLA INTENSIF DENGAN SISTEM BIOFLOK DI TAMBAK

    Gunarto Gunarto

    2012-12-01

    di-monitor setiap hari. Total Suspended Solid (TSS, Volatil Suspended Solid (VSS, dan volume bioflok di-monitor setelah terbentuk di air tambak. Total haemosit dan prophenol oksidase udang dihitung pada udang sampel dilakukan menjelang udang dipanen. Hasil penelitian menunjukkan bahwa di tambak B yang ditambahkan sumber C-karbohidrat (ditumbuhkan biofloknya diperoleh nilai konversi pakan udang lebih rendah daripada yang diperoleh di tambak A. Sintasan dan produksi udang di tambak B lebih tinggi daripada sintasan dan produksi udang di tambak A (kontrol. Total haemosit dan prophenol oksidase lebih tinggi pada udang yang hidup di tambak B yang ditumbuhkan floknya daripada yang diperoleh di tambak A (kontrol.

  18. Angiostrongylus vasorum in 20 cani della provincia di Chieti, Italia

    Daniela Morelli

    2011-01-01

    Full Text Available A seguito di un caso di Angiostrongylus vasorum, diagnosticato all’inizio del 2008 nella provincia di Chieti, è stata organizzata una ricerca parassitologica al fine di indagare la presenza del parassita nei cani nella stessa area. Da gennaio a settembre 2008 sono stati esaminati 178 cani, 56 carcasse e 122 campioni di feci. Nelle carcasse sono stati ricercati i parassiti adulti nel ventricolo destro e nell’arteria polmonare e le forme larvali in tessuti di organi interni e cervello. Nelle feci è stata ricercata la forma larvale L1 con tre metodiche diagnostiche utilizzate correntemente per la ricerca di endoparassiti e larve di strongili broncopolmonari. Sono stati diagnosticati 20 casi (8,9% con identificazione di parassiti adulti in 5 cani e larve L1 in altri 15 soggetti. L’esame anatomopatologico delle carcasse dei cani con nematodi adulti ha evidenziato polmonite, pleurite, schiuma rossastra in trachea, versamento di liquido sieroemorragico in cavità toracica e ingrossamento di linfonodi medinici e meseraici. L’esame istologico dei tessuti ha evidenziato quadri gravi e sovrapponibili con lesioni da localizzazione dei parassiti in reni, linfonodi e cervello. Il numero cospicuo di casi riscontrati ha reso indispensabile considerare l’angiostrongilosi nelle diagnosi differenziali degli esami clinici e autoptici di cani della provincia di Chieti (Italia e dei territori confinanti.

  19. Caratterizzazione microstrutturale e prove di resilienza su giunti Friction Stir Welding e Linear Friction Welding di compositi a matrice metallica

    M. Merlin

    2010-04-01

    Full Text Available In questo studio sono stati caratterizzati giunti Friction Stir Welding e Linear Friction Welding su compositi a matrice in lega di alluminio e rinforzo particellare ceramico. Il processo FSW è stato applicato a due compositi ottenuti con processo fusorio, quindi estrusi e trattati termicamente T6: AA6061/20%vol.Al2O3p e AA7005/10%vol.Al2O3p. I giunti LFW sono stati invece realizzati su un composito con matrice in lega di alluminio e rinforzo particellare in carburo di silicio, ottenuto mediante metallurgia delle polveri, quindi forgiato e trattato termicamente T4: AA2124/25%vol.SiCp. Sono stati esaminati gli effetti della saldatura sullecaratteristiche microstrutturali dei giunti, avvalendosi di tecniche di microscopia ottica con analisi di immagine e di microscopia elettronica in scansione (SEM con microsonda a dispersione di energia (EDS. Sono state quindi condotte prove di resilienza con pendolo strumentato Charpy. Lo studio dei meccanismi di danneggiamento è stato effettuato mediante analisi al SEM delle superfici di frattura. Entrambi i processi di saldatura hanno portato a giunti sostanzialmente esenti da difetti. La microstruttura dei cordoni è risultata dipendente sia dalle caratteristiche microstrutturali iniziali dei compositi considerati, sia dalla tipologia di processo di saldatura. Nel caso dei compositi AA6061/20%Al2O3p e AA7005/10%Al2O3p saldati FSW si è osservato un sostanziale incremento di resilienza, rispetto al materiale base, in conseguenza dell’affinamento dei grani della matrice, della riduzione della dimensione media delle particelle di rinforzo e della loro spigolosità, indotte dal processo di saldatura. Il composito AA2124/25%SiCp saldato LFW ha presentato valori di resilienza confrontabili con quelli del materiale base, in conseguenza, soprattutto, dei limitati effetti della saldatura su dimensione e distribuzione delle particelle di rinforzo.

  20. Mondi di Wittgenstein. Metaontologia del "Tractatus" e teoria dei truthmakers di Armstrong

    Simone Cuconato

    2014-11-01

    Full Text Available La “svolta ontologica” che contraddistingue l’odierna filosofia analitica ha consentito, attraverso il rigore logico e argomentativo, la ripresa di temi e problemi della bimillenaria tradizione filosofica. In particolare, grazie al confronto con uno dei principali interpreti di tale svolta, David Armstrong, si è analizzata l’ontologia e la metafisica del "Tractatus logico-philosophicus" attraverso le nozioni di: mondo contratto, combinatorialismo e truthmaker. Nel dettaglio, si è “sollevato” il problema riguardo la priorità ontologica tra fatti e oggetti semplici. Tale tensione si è rivelata insuperabile attraverso la sola analisi ontologico-metafisica: da un lato, infatti, ai fini della sensatezza di una proposizione, è stata assegnata la priorità ontologica agli oggetti; dall’altro, invece, gli oggetti si sono mostrati come “semplici finzioni”, frutto di un preciso processo di astrazione dai rispettivi fatti. La radice del problema è stata, pertanto, individuata in questioni di natura metaontologica: solamente attraverso l’analisi del predicato “esiste” è stato possibile superare la tensione sopra indicata. In particolare, grazie alla truthmaking question “cosa, nel mondo, rende vera una proposizione p?”, è stato possibile assegnare il primato ontologico agli stati di cose sussistenti. Al tempo stesso però, simulando il “catalogo universale” di un abitante di uno dei mondi contratti, si è mostrato che la dipendenza ontologica degli oggetti non ne implica necessariamente un’esistenza finzionale. L’articolo, pertanto, conduce un’analisi esegetica e teoretica del "Tractatus" attraverso gli strumenti dell’odierna metafisica analitica.

  1. Boro e Vanadio: requisiti di potabilitá e valori di parametro

    M. Ferrante

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: i minerali, che costituiscono circa il 4% del peso corporeo e svolgono numerose ed importanti funzioni biodinamiche, si possono suddividere in due gruppi: elementi principali ed elementi essenziali. Gli elementi essenziali necessitano in quantità minime, dal millesimo di milligrammo fino a qualche decina di milligrammi e per la bassissima concentrazione nei tessuti del corpo umano vengono chiamati anche oligoelementi o minerali in traccia. I minerali in traccia sono stati molto attenzionati dalle normative per le acque potabili essendo per i suddetti motivi importanti requisiti di potabilità. Con l’evoluzione della normativa alcuni oligoelementi che prima erano citati solo per memoria adesso devono rientrare in precisi valori di parametro. Tra questi il boro e il vanadio. In questa nota riportiamo la problematica relativa alla presenza di boro e vanadio nelle acque utilizzate per il consumo umano nella zona etnea.

    Metodi: le acque utilizzate nella zona etnea, in particolare quelle della provincia di Catania, sono state analizzate con spettrofometria in emissione (Inductively Coupled Plasma e con spettrofotometria per Assorbimento Atomico (A.A.con effetto Zeeman per il dosaggio del boro e del vanadio in esse contenuti.

    Risultati: il boro e il vanadio essendo elementi naturalmente presenti nei vari comparti ambientali sono stati ritrovati nelle acque potabili della zona etnea in concentrazioni estremamente variabili che talvolta superano i valori di parametro.

    Conclusioni: alla luce dei risultati ottenuti, non essendo ancora dimostrata la reale tossicità per assunzione di tali elementi attraverso il canale alimentare ed essendo molto difficile la loro eliminazione dalle acque, si propone un riesame delle concentrazioni massime ammissibili sulla base della percentuale di assorbimento gastro-enterico e dei relativi “tollerable intake” con

  2. Targets of industrial development and environmental indicators; Obiettivi di sviluppo industriale e indicatori di prestazioni ambientali. Relazioni di sintesi

    Forni, A.; Olivetti, I.; Scipioni, F. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy); Orasi, A. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Facolta' di Statistica

    2001-07-01

    georeferenced representations. Conclusive lines regard not only the attitude of enterprises and their approach to environmental themes; the point of view is open to programming choices of regions and other local authorities regarding economic development and environmental protection, both their correlation with a very important national law referring to the funds for industrial development (which gives to regions remarkable role) and the answers of enterprises. [Italian] La ricerca ha inteso monitorare l'uso da parte delle imprese degli indicatori di performance ambientale, in relazione all'accesso a programmi di finanziamento nazionali e/o comunitari, e analizzare il rapporto tra programmazione dello sviluppo industriale e politiche territoriali degli enti locali e dello stato centrale. La ricerca ha focalizzato l'attenzione sulla Legge 488/92 che, tra gli strumenti di incentivazione diretta alle imprese, costituisce la legge di finanziamento piu' rilevante per diversi motivi. Anzitutto per l'impegno finanziario pubblico in quanto e perche' rappresenta la principale legge di finanziamento allo sviluppo dell'imprenditoria e di sostegno all'innovazione nelle aree depresse del Paese (ex aree ob. 1, 2 e 5 b.) Soprattutto, pero', la legge ricorre a degli indicatori ambientali per la valutazione del finanziamento ed ha un rinnovato e piu' ampio ruolo di strumento di attuazione della strategia ambientale del PON sviluppo imprenditoria locale nell'attuale periodo di programmazione dei fondi comunitari, 2000-2006. La delicatezza dell'argomento di studio che coinvolge piu' amministrazioni centrali dello stato e le istituzioni locali con ampie responsabilita', aggiunta alla sua complessita' (economica, sociologica ed ambientale) hanno indotto il gruppo di ricerca ad adottare un metodo di confronto il piu' ampio possibile con elementi scientifici e giuridici/programmatici gia' accettati ed in essere

  3. Gli incisori alla corte di Zoppino

    Giorgia Atzeni

    2014-06-01

    Full Text Available L’impresa editoriale di Nicolò Aristotele dei Rossi, detto lo Zoppino, attivo a Venezia dal 1505 al 1544, è emblematica di una svolta epocale in cui il volgare scritto, la nuova lingua letteraria, apre le porte della cultura a un folto pubblico. La scelta di ornare i volumi con le illustrazioni rende il prodotto zoppiniano vincente nel mercato editoriale lagunare. Dallo spoglio dei titoli figurati emerge il suo rapporto privilegiato con un gran numero di xilografi tale da configurare l’esistenza di un vero e proprio atelier al suo servizio. The publishing feat of Nicolò Aristotele dei Rossi, said the Zoppino, active in Venice from 1505 to 1544, is emblematic of a turning point where the vulgar writing, new literary language opens the doors of culture to a large audience the appropriate choice to adorn books with illustrations makes the product successful in the publishing lagoon’s market. The study about the illustrated titles shows that he forge privileged relationships with a big number of wood engravers that we can speak of a real atelier at his service.

  4. CONTENUTO DI URANIO E TORIO NELLE METEORITI

    M. SANTANGELO

    1955-06-01

    Full Text Available Molti ricercatori in questi ultimi anni si sono interessati al problema
    della composizione delle meteoriti; dai risultati sperimentali si
    è cercato trarre elementi circa la genesi di questi materiali, questione
    ancora aperta, ed avere informazioni sui processi chimici e termodinamici
    cui le meteoriti furono soggette prima della loro caduta sulla
    terra.
    Uno degli aspetti del problema è quello dell'abbondanza percentuale
    degli elementi chimici e della loro composizione isotopica nella
    materia meteorica dei diversi tipi : ciò perché esso è connesso con
    quello piii generale dell'origine e distribuzione degli elementi nel cosmo
    e nella terra, nonché con quello dell'età delle meteoriti (l .
    In un recente lavoro Urey e collaboratori (-, esaminando un gran
    numero di analisi chimiche effettuate su questi materiali, sono pervenuti
    alla formulazione di alcuni criteri di classificazione in base alla
    percentuale dei componenti più abbondanti ed alla presenza o meno
    di disomogeneità strutturali nella massa fondamentale. Fra gli elementi
    meno abbondanti presentano particolare interesse quelli delle due famiglie
    radioattive naturali Torio e Uranio; le loro concentrazioni sono
    state determinate per alcune meteoriti siliciche (stonv ineteorites e
    per qualcuna ferrica (iron meteorites

  5. Kontestasi Kekuasaan dan Keteladanan Semu di Indonesia

    Michael HB Raditya

    2016-04-01

    Full Text Available Kepemimpinan di Indonesia merupakan persoalan yang menarik untuk ditelaah. Jika bertolak dari tataran diakronis, secara kronologis Indonesia telah mengalami pelbagai macam fase kepemimpinan dan rezim. Ihwal ini dapat menjadi stimulan positif jika masyarakat dapat mengartikulasikan pengalaman bernegaranya dengan tepat. Kontestasi kekuasaan pun tidak dapat terhindarkan, terlebih setiap pemimpin melakukan persaingan dalam memperebutkan kekuasaan. Kontestasi ini tidak hanya merujuk pada tingkat lokal, namun hingga tingkat nasional. Berbagai aspek pun turut menjadi faktor utama dari kontestasi tersebut, seperti tipe kepemimpinan aristokrasi dan demokrasi, hingga perbedaan gender pemimpinnya. Ihwal tersebut turut mengejewantah kan bahwa keteladanan yang didasarkan atas beberapa kontekstual, bersifat pseudo, atau semu. Dalam mengupas ihwal tersebut, telaah yang digunakan merujuk pada pemahaman Barkerakan agen, dan Gramsci akan hegemoni. Tidak hanya itu, Kouzes dan Posner digunakan untuk menilik parameter keteladanan. Asumsi penulis, keteladanan merupakan unsur yang tercipta untuk menghegomoni agen di dalamnya. Bertolak dari mempertanyakan keteladanan, maka pembahasan akan lebih mempertimbangkan aspek agen, hegemoni dan kuasa. Penulis menyadari bahwa tidak mungkin meneliti semua pola kepemimpinan yang ada di Indonesia, maka rujukan contoh kepemimpinan didasarkan pada beberapa contoh di era kolonial, orde lama, orde baru,dan pemerintahan kini. Penelitian ini mencoba untuk mengupas persoalan keteladanan dalam kepemimpinan yang kerap diunggulkan kepemimpinan yang ada di Indonesia.

  6. Simboli religiosi e processo di mediazione

    Nicola Colaianni

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli Atti del Seminario Internacional de Profesores sul tema“Neutralidad del estado, religiones e ideologías”, organizzato dall’Universidad Complutense, tenutosi a Madrid il 21 novembre 2013.SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a la posizione di simboli religiosi – 3. (segue: b la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale: rimozione e posizione di simboli religiosi - 5. Dal processo conflittuale a quello mediatorio – 6. Riflessi del processo di mediazione sui simboli religiosi.ABSTRACT Religious Symbols and Alternative ProceedingsReligious symbols are becoming the object of a new forum of the ancient religious wars: those between believers and nonbelievers instead of between different organized religions like in the past. The Author describes the numerous judgements that were passed in the last years by U.S. and European Courts with particular reference to two kinds of public space: roads, parks, ecc. and public buildings. But he points out that the the ordinary trial is ineffective for resolution of cultural and religious conflicts and holds the utility of an alternative proceeding: the mediation between believers and nonbelievers, always in respect of liberty of conscience for everyone.

  7. Imlek sebagai Pesta Rakyat Cina di Yogyakarta

    Dina Dwikurniarini

    2010-05-01

    Full Text Available Semenjak dibangun hubungan kembali Indonesia – Cina maka nampak bahwa segala sesuatu tentang Cina marak diseluruh Indonesia.  Di Yogyakarta juga tidak beda dengan kota-kota besar lain dalam perayaan pergantian tahun dan jika terdapat  perbedaan terutama hubungan Cina dan pribumi yang tanpa konflik. Tujuan tulisan ini  mengkaji kebijakan Negara terhadap Cina dalam bidang budaya serta  hubungan Cina dan pribumi yang harmanis dapat diciptakan di Yogyakarta. Kajian ini adalah kajian historis yang menggunakan metode sejarah dengan empat langkah yaitu heuristik, yaitu mencari dan mengumpulkan sumber sejarah, kritik sumber, inteprettasi dan historigrafi. Hubungan Cina dan pribumi sudah terjadii semenjak kedatangan awal Cina sebelum terbentuknya Negara Indonesia hingga sesudah Indonesia menjadi sebuah negara merdeka. Kenyataan menunjukkan bahwa arang-orang pribumi dan Cina dapat saling menerima sebagai warga negara yang sama, merupakan proses panjang. Dalam sejarah menunjukkan bahwa peran pemerintah dengan kebijakan-kebijakannya turut mempengaruhi hubungan antar pribumi dan Cina. Diskriminasi juga memperlambat terjalinnya perkembangan hubungan tersebut.  Di Yogyakarta, misalnya perayaan imlek atau pergantian tahun dirayakan semua orang dan Pemerintah Daerah melalui Dinas Pariwisata  memasukkannya dalam agenda wisata Yogyakarta dan kelompok muslim mengizinkan merayakannya di masjid untuk Cina yang beraga Islam. Kata Kunci : Imlek di Yogyakarta, Pesta Rakyat Cina

  8. Indagine critica sui modelli di atmosfera

    G. D'ELIA

    1964-06-01

    Full Text Available Nella prima parte del lavoro E individuato il modello
    piu attendibile di atmosfera, clie deve dunque essere adottato nei calcoli
    relativi a problemi aeronautici e missilistici.
    Nella seconda parte vengono scritte le equazioni deH'atmosfera considerata
    come campo fluidodinamico costituito da piu componenti elettricamente
    conduttivi e reagenti. Con una serie di successive approssimazioni
    sono derivate le equazioni sempliflcate clie attualmente sono usate per il
    calcolo delle tabelle dell'atmosfera; da un sistema complesso di equazioni,
    ma determinato matematicamente, si ottiene un sistema semplice, ma doppiamente
    indeterminato; alia inderminatezza si deve sopperire con sondaggi
    sperimentali.
    Nell'ultima parte del lavoro si fa una critica alia base di calcolo del
    piu attendibile modello, rilevando tra l'altro che esso e relativo alle condizioni
    di un punto singolare (Port Churchill, nel Canada posto in prossimita
    del polo magnetico.

  9. Sieropositivitá per HIV, HBV e HCV negli utenti del Servizio di Tossicodipendenza di Formia (ASL di Latina

    G. La Torre

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare la prevalenza sieropositività per HIV, HBV e HCV nei tossicodipendenti afferenti al Ser.T di Formia (LT.

    Materiali e metodi: sono state consultate le cartelle cliniche degli afferenti al Ser.T. nel 2002, estraendo dati relativi ai parametri socio-demografici ed alle sieropositività. L’analisi statistica ha previsto l’impiego del test del χ2 e della regressione logistica multipla.

    Risultati: sono stati presi in considerazione 135 tossicodipendenti, di cui 103 (76.3% maschi e 32 (23.7% femmine. L’età mediana dell’inizio della tossicodipendenza e della presa in carico presso il servizio erano, rispettivamente, di 18 e di 23 anni. Il 94.1% dei tossicodipendenti risulta dipendente primariamente da eroina, il 5.2% da cocaina e lo 0.7% da alcol. Relativamente alle positività per i virus considerati, 7 soggetti (5.2% sono risultati positivi all’HIV, 23 (17% sieropositivi per HBV e 50 (37% sieropositivi per HCV. L’analisi multivariata mostra che sono associate alla sieropositività per HCV la sieropositività per HBV (OR = 3.87 e l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 1.88; alla sieropositività per HBV l’occupazione saltuaria (OR = 4.58, la HCV positività (OR = 4.41 e la HIV positività (OR = 5.39; alla sieropositività per HIV l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 4.94.

    Discussione: l’indagine ha messo in evidenza prevalenze di sieropositività per HCV, HBV e HIV decisamente inferiori a quelle registrate in altre realtà italiane ed internazionali. Una possibile spiegazione potrebbe essere ricercata nei bassi livelli di sieropositività per questi virus nella popolazione generale del Basso Lazio, o nella scarsa abitudine di scambiarsi le siringhe fra tossicodipendenti di questa area geografica.

  10. Tecnologie RTK e Multiref GPS: SpiderNET di Leica

    Redazione Redazione

    2005-07-01

    Full Text Available Il concetto fondamentale dell’approccio intrapreso da Leica è sostanzialmente quello di trasmettere tutti i dati rilevanti di correzione da un network di riferimento direttamente alrover in forma compatta rappresentando i dati di osservazione ed ambiguità livellata come differenziali di correzione per dati dispersivi e non-dispersivi; questa soluzione è ormai riconosciutacome Master-Auxiliary Concept (MAC e rappresenta la base per i messaggi RTCM 3.0 all’interno di network RTK.

  11. Sviluppo di elettroliti polimerici per celle a combustibile

    Scherillo, Giuseppe

    2006-01-01

    La messa a punto di fonti di energia alternative pulite sta assumendo sempre più un ruolo centrale nella ricerca di uno sviluppo sostenibile. In quest’ottica assume un rilievo sempre maggiore la necessità di sviluppare su vasta scala tecnologie per la messa a punto di celle a combustibile ad H2/O2. Queste sono infatti caratterizzate da un bassissimo impatto ambientale (l’unico prodotto di scarto è l’acqua) e da un’efficienza, in condizioni operative, doppia rispetto ad un analogo motore a com...

  12. Ortofotomappa del sito archeologico di Ur da UAV

    Renzo Carlucci

    2014-09-01

    Full Text Available Ortofotomappa realizzata con oltre 100 fotogrammi ripresi con voloaerofotogrammetrico operato con UAV (Unmanned Aerial Vehicle sul sito archeologico di UR Riprese effettuate con UAV FlyGEO della FlyTop di Roma, con apertura alare di 195 cm e lunghezza 75 cm, peso al decollo di 1.8 kg con motore elettrico 550 Watt alimentato da batteria ai polimeri di litio 11,1V - 4000mAh con autonomia massima di 45 minuti lanciato a mano.

  13. Linee di ricerca emergenti nell’educational technology

    Maria Ranieri

    2015-12-01

    Full Text Available Il presente contributo intende restituire un quadro delle linee di ricerca emergenti nel campo dell’educational technology. Le fonti utilizzate a questo scopo e illustrate nella sezione introduttiva hanno permesso di individuare sei aree di interesse, vale a dire: apprendere in mobilità; social web e apprendimento; learning analytics; digital literacy/digital reading; OER e MOOC; ambienti immersivi e videogame. Per ciascuna di queste aree vengono delineate le principali direttrici di ricerca che le connotano e i relativi avanzamenti. Il lavoro si conclude con alcune considerazioni di sintesi sulle tendenze generali della ricerca nel settore.

  14. Circuiti fondamenti di circuiti per l'ingegneria

    de Magistris, Massimiliano

    2016-01-01

    Questo libro è un testo introduttivo ai circuiti per i corsi delle Facoltà di Ingegneria, al primo livello. Esso parte dai concetti di intensità di corrente, tensione e potenza elettrica, introducendo le leggi di Kirchhoff ed il modello circuitale su base fisica. Vengono poi introdotti gli elementi circuitali fondamentali ed illustrate le proprietà generali dei circuiti. Successivamente sono trattati i circuiti lineari e tempo invarianti in maniera completa, sviluppandone le principali tecniche di analisi. Nonostante il taglio introduttivo e l’attenzione ad uno stile piano ed accessibile, il testo si propone di affrontare il modello circuitale in modo rigoroso ed al tempo stesso moderno.

  15. Studio di Architetture e Protocolli per Reti Ottiche

    Cucchi, R; Raffaelli, C; Vistoli, C

    1999-01-01

    Le reti ottiche basate sulla tecnologia WDM (Wavelength Division Multiplexing) sono molto promettenti per rispondere non solo alle esigenze di capacit trasmissiva ma anche per la realizzazione di reti costituite da apparati $9 esclusivamente ottici dove la lunghezza d¹onda rappresenta il circuito di comunicazione fra nodo sorgente e nodo destinatario.Questo documento prende in esame il ³trigger di II livello dell¹esperimento ATLAS come case study², ne $9 analizza le esigenze di trasmissione dei dati e descrive uno studio di fattibilit basato su una rete ottica a stella.

  16. I fondamenti di principio di un’economia islamica (The Principle Foundations of an Islamic Economy

    Roshanak Taghavi

    2012-04-01

    Full Text Available Il Corano costituisce la fonte primaria per gli insegnamenti e le credenze dell’Islam. Mentre la comunità può modificare le politiche sociali ed economiche ispirate ai valori islamici al fine di soddisfare le mutevoli esigenze socio-economiche della società, i princìpi di base dell’economia islamica e il sistema sociale, tuttavia, devono essere preservati. Ci si attende che rappresentanti liberamente eletti collaborino con la società per formulare politiche a sostegno della stabilità economica e sociale, della prosperità economica, dell’istruzione pubblica, delle cure sanitarie, dell’equità economica, di una giusta distribuzione del reddito e di una rete di sicurezza sociale. Tutti i musulmani fisicamente e mentalmente abili sono tenuti a lavorare per il proprio sostentamento, e coloro che dispongono di un sufficiente livello di ricchezza hanno l’obbligo di pagare tasse che contribuiscano al finanziamento statale di programmi di welfare o di altra utilità sociale. La nostra illustrazione del sistema economico islamico è sostenuta da numerosi studiosi moderni di Islam e di economia islamica, non concorda tuttavia del tutto con quelle offerte da esponenti e apparati religiosi legati a un’autorità statale.   The Quran is the primary source for the teachings and beliefs of Islam. While the community may change the social and economic policies inspired by Islamic values ​​in order to meet the changing socio-economic needs of society, the basic principles of Islamic economics and the social system, however, must be preserved. It is expected that freely elected representatives to work together with the society to develop policies in support of economic and social stability, economic prosperity, public education, health care, economic fairness, of a fair distribution of income and a network social security. All Muslims physically and mentally skilled are required to work for their living, and those who have a sufficient

  17. Di-boson results at ATLAS

    Giraud Pierre-François

    2012-06-01

    Full Text Available Pairs of gauge boson produced in proton-proton collisions at a center-of-mass energy √s of 7 TeV are reconstructed with the ATLAS detector in their leptonic final states. Based on samples of integrated luminosity See PDF mathcal{L} = 1.0 fb−1 (for WW, WZ and ZZ and 35 pb−1 (for Wγ and Zγ of 2011 and 2010 LHC data, the total di-boson production cross sections are measured. They are found, together with the kinematic distributions of the selected di-boson systems to be compatible with the expectation from the Standard Model. The di-boson production also gives a handle on possible anomalous triple gauge boson couplings, for which 95% confidence limits are set.

  18. Pengawasan Terhadap Bisnis Syariah di Indonesia

    Nur Atiqah Mahmudah

    2012-09-01

    Full Text Available Dalam Islam, bisnis memiliki posisi yang sangat mulia dan strategis (bukan sekedar diperbolehkan dalam Islam melainkan justru diperintahkan oleh Allah SWT. Bisnis yang dijalankan dengan governance yang baik akan lebih memungkinkan untuk tetap sustainable / berlangsung secara baik. Keberlangsungan bisnis syariah harus dijaga untuk kemanfaatan semua pihak, sekaligus manfaat dunia dan akhirat. Artikel ini berusaha menjelaskan pola pengawasan terhadap bisnis syariah yang memiliki karakteristik tersendiri dan tentunya sangat berbeda dengan jenis bisnis lainnya baik secara konsep maupun praktis. Dalam artikel ini pula akan dijelaskan bagaimana prinsip dasar etika dalam bisnis syariah disertai beberapa contoh bisnis syariah yang berkembang di Indonesia dan Malaysia. Dalam bisnis syariah tak dapat terlepaskan dari syariah compliance, yakni salah satu elemen kunci yang berfungsi sebagai regulator dalam mengeluarkan kebijakan, aturan, tata kerja yang di jalankan dalam prakteknya. Instrumen tersebut adalah Dewan Pengawas Syariah yang memiliki peranan penting dalam menegakkan syariah compliance di bisnis syariah.

  19. Su Ipermodernità di Raffaele Donnarumma

    Florian Mussgnug

    2014-12-01

    Full Text Available Nella letteratura la realtà viene investigata, esplorata, vissuta. È lì che ci rendiamo intellegibili, per così dire, a noi stessi. Anche per questo la letteratura contemporanea ci riguarda tutti, indipendentemente dal suo valore estetico: è lì che capiamo chi siamo, oggi. Spiegare il presente, tuttavia, è un compito arduo e quasi impossibile, come ammonisce Jean-Paul Sartre in un celebre saggio del 1939 su The Sound and the Fury di William Faulkner. L’oggi, scrive Sartre, «non è che un rumore scomposto» e i nostri sforzi di rendere comprensibile quest’attimo «anonimo e sfuggente» assomigliano all’esperienza di un «uomo seduto all’indietro in una decappottabile».

  20. Questioni minori di lingua e cultura egiziana

    Franco Crevatin

    2000-12-01

    Full Text Available Il graffito Sakkara T (riedito in K. A. Kitchen, Ramess. Inscript. 3, 438, datato all' anno 48 del regno di Ramesse II, è piuttosto interessante: iscritto sulle pareti di uno dlegli edifici del complesso funerario del Faraone Djoser, esso è composto da due testi distinti (A: 1-4; B: 5-7, redatti da due persone diverse che forse sono andate assieme per turismo culturale o religioso a Sak.kara. B è costituito da una serie di auguri funebri piuttosto banali, mentre A, molto mal conservato, pone problemi esegetici fastidiosi. Dopo la datazione e la citazione del nome del redattore, compare un poco comprensibile ]hry wtś-R' [, che il primo editore del testo ha ritenuto equivalente alla designazione della necropoli.

  1. Questioni minori di lingua e cultura egiziana

    Franco Cervatin

    2015-08-01

    Full Text Available II graffito Sakkara T (riedito in K. A. Kitchen, Ramess. Inscript. 3, 438, datato all'anno 48 del regno di Ramesse II, è piuttosto interessante: iscritto sulle pareti di uno di auguri funebri piuttosto banali, mentre A, malto mal conservato, pone problemi esegetici fastidiosi. Dopo la datazione e la citazione del nome del redattore, compare un poco comprensibile ]hry wts-R' [, che il primo editore del testo ha ritenuto equivalente alla designazione della necropoli.

  2. Gli affari di messer Palla Strozzi (e di suo padre Nofri. Imprenditoria e mecenatismo nella Firenze del primo Rinascimento

    Sergio Tognetti

    2011-10-01

    Full Text Available Il saggio si propone di far luce sulle vicende economico-patrimoniali di messer Palla di Nofri Strozzi (Firenze 1372-Padova 1462, personaggio di spicco della Firenze del primo Rinascimento, sia come uomo politico ingiustamente travolto dalla purga medicea scatenata nel 1434 contro gli oppositori di Cosimo il Vecchio, sia come letterato, collezionista di codici librari, promotore degli studia humanitatis e committente di opere d’arte. Al centro di una frammentata serie di indagini da parte di storici dell’arte, della cultura e della politica, Palla Strozzi ha suscitato invece scarsa attenzione da parte degli storici dell’economia, nonostante un particolare non secondario: al catasto fiorentino del 1427 risultava essere il cittadino più ricco, ma dopo nemmeno cinque anni era già così oberato dai debiti da non riuscire più a pagare le tasse al fisco fiorentino. La vicenda di messer Palla, messa a confronto con quella del padre Nofri, infaticabile uomo d’affari capace di ammassare una gigantesca fortuna (poi parzialmente dissipata dal figlio, è analizzata nei dettagli grazie alla ricchissima serie archivistica delle carte strozziane: in particolare tramite lo spoglio di numerosi libri di conti intestati ad aziende e patrimoni di famiglia. Il confronto tra le differenti attitudini dei due personaggi fa emergere in tutta la sua originalità la figura di messer Palla: uomo coltissimo ma anche elitario, eppure dotato di un alto senso dello stato, capace di mostrare verso il denaro un’inclinazione che lo avvicina più all’aristocratico rentier dell’ancien régime e/o al raffinato signore padano del pieno rinascimento, piuttosto che al mondo dei grandi «mercatanti» che lo aveva generato.

  3. Valutazioni sul consumo di suolo mediante dati di copertura e telerilevati

    Michele Munafò

    2013-04-01

    Full Text Available La contrazione progressiva ed irreversibile delle superfici naturali ed agricole a favore delle aree urbanizzate è un fenomeno continuo con conseguenze di varia natura in termini ambientali, economici e sociali. Il fenomeno, conosciuto come “consumo di suolo” sta finalmente cominciando ad essereanalizzato e considerato. Oggi, la disponibilità di informazioni sull’uso/copertura del suolo multitemporali e di dati di monitoraggio satellitare permettono di quantificare il fenomeno a livello spaziale e temporale con diversi livelli di risoluzione.Agricultural and natural areas conversion into urban areas is a progressive and irreversible process that has various negative impacts on the environmental, economic and social sphere. Nowadays, the process named "land take" is becoming relevant and it is receiving finally adequate consideration from decision makers and therefore it is starting to be deeply analyzed. The availability of multi-temporal land use/cover and satellite imaging enables the spatiotemporal evaluation and measurement of the phenomenon with different degrees of resolution.

  4. La dematerializzazione contemporanea delle superfici: da elementi di delimitazione a membrane di commutazione.

    Cristina Mattiucci

    2008-06-01

    Full Text Available Quattro anni fa Paul Virilio scriveva "Città panico" definendo la città contemporanea come “la più grande catastrofe del ventesimo secolo”. La sua analisi fa riferimento alle conseguenze sia politiche che spaziali di una velocità del progresso tecnologico e scientifico che aveva raggiunto ritmi così elevati da vanificare il senso stesso di quella sovranità territoriale che dava consistenza e materia allo stato di diritto. Lo stato sarebbe ora sospeso in una sorta di alla massa e all’energia – della materia. In un processo di continua dematerializzazione della “assenza di gravità”cinematica dominata dall’informazione, quale terza dimensione – oltre sostanza urbana sotto l’effetto dei nuovi media, sostiene Virilio, la prevalenza della natura effimera dell’informazione sconvolge i nostri stessi parametri di percezione del mondo, presentato, piuttosto che rappresentato, attraverso le interfacce che accessoriano le nostre vite, secondo riferimenti alterati da una vera e propria guerra al reale ad opera della comunicazione audiovisiva.

  5. Le leggi di W. Georges Perec, utopia e memoria

    Luigi Marfè

    2012-04-01

    Full Text Available Come può il racconto di un’immaginaria società basata sulle leggi della competizione sportiva rivelarsi, a distanza di anni, un’allegoria dell’universo concentrazionario? Cosa rende i disegni di questa improbabile utopia, tracciati in chissà quale remoto angolo di giovinezza, gli objets trouvés intorno ai quali l’autore rielabora il trauma della morte dei genitori e la storia della Shoah? Forse il modo migliore per accostarsi al segreto di W ou le souvenir d’enfance (1975 di Georges Perec è quello di considerarlo una parabola della legge. Il libro affronta infatti le numerose declinazioni che può assumere l’idea di norma: legge della società, contrainte della scrittura, regola della memoria. La presente analisi intende delineare come queste corrispondenze metatestuali forniscano a Perec il modo di circuire di parole un’assenza. W riflette sull’impossibile desiderio della scrittura di inquadrare l’esperienza in un ordine stabile, e sul sottile rapporto che, nonostante tutto, continua a legare mondo scritto e mondo non scritto. Mentre la ricerca di Perec si va arenando contro il trauma irrisolvibile dell’infanzia, una bizzarra fantasia giovanile svela, come uno specchio, inattesi riflessi di un passato altrimenti irrecuperabile. 

  6. Good Corporate Governance di Bank Syariah

    Ali Syukron

    2013-04-01

    Full Text Available Artikel ini bertujuan untuk mengelaborasi pengetahuan tentang bagaimana implementasi GCG pada perbankan syariah. Dari sisi regulasi, penerapan GCG pada perbankan syariah telah tertuang dalam pasal 34 Undang-undang No 21 tahun 2008 tentang perbankan syariah, di mana GCG pada perbankan syariah tidak saja menitikberatkan pada implementasi prinsip-prinsip dasar GCG, tetapi pelaksanaan GCG di dalam perbankan syariah harus memenuhi prinsip syariah, sehingga implementasi GCG pada bank syariah akan mampu menciptakan iklim usaha yang sehat dan berkesinambungan, mewujudkan perusahaan yang lahir dari budaya governance yang berdasar pada akhlak al-karimah dan  memberikan kemaslahatan yang lebih luas.

  7. L’autobiografia: uno strumento di formazione

    Franco Cambi

    2005-09-01

    Full Text Available La pedagogia ha trovato nella pratica autobiografica tanto una nuova metodologia di approccio all’educazione degli adulti capace di mettere al centro i soggetti e non lo statuto e i ruoli sociali del soggetto stesso, quanto un metodo per affinare (e in profondità quelle professionalità educative che oggi hanno perduto ogni identità autoritaria, conformistica e trasmissiva, per assumere la ben più complessa e problematica identità legata alla loro specifica funzione formativa, al loro essere-per-agire-per-la-libertà-dell’-altro.

  8. Die Schokoladen-Diät

    Ehrhardt, Matthias

    Schlankheitskuren sind einerseits ein soziales Phänomen, aber auch ein großer Zweig der Nahrungsmittelindustrie. Die Industrie bietet dabei verschiedene Produkte an, wie Diätlebensmittel, Nahrungsergänzungsmittel, Sportkleidung und -ausrüstung, Übungsvideos und -bücher, usw. Allerdings ist es bekanntermaßen sehr schwer, das einmal erreichte Wunschgewicht auch langfristig zu halten. Häufig tritt dabei der so genannte Jojo-Effekt auf, so dass man schließlich nach der Diät mehr wiegt als vorher.

  9. Le biblioteche di Luigi Crocetti

    Tommaso Giordano

    2015-05-01

    Full Text Available This article is the text read at the presentation of the book Le Biblioteche di Luigi Crocetti, saggi, recensioni, paperoles (The Libraries of Luigi Crocetti, essays, reviews, paperoles, AIB, 2014, edited by Laura Desideri and Alberto Petrucciani.Luigi Crocetti (died in 2007 was one of the most eminent personalities in the Italian library world of the last fifty years. Some of the most significant milestones of his career are: Director of the Laboratory of Restoration at The National Central Library in Florence, after the flood of the Arno river in 1966; Director of the Library and Archives Department of the Tuscany regional government; President of the Italian Library Association (AIB, Director of the Gabinetto G.P. Vieusseux. Crocetti was also leader of, or influential partner in, the major projects and programs developed in Italy during his professional life, including: the DDC 20 Italian Edition, the project SBN (the Italian Library Network, Editor of the journal Biblioteche Oggi , as well as collaborator in various journals and publishing activities. The numerous writings of Luigi Crocetti, published throughout his professional life, register punctually the evolution of libraries and librarian profession in times of major technological, cultural and social changes. Nevertheless Crocetti’s writings are not only an historical record of a perceptive (and committed observer; they also constitute a collection of profound reflections and inspiring input for further discussion on the role of libraries and of culture in the society. Gifted with uncommon erudition, Crocetti shows an extraordinary ability to interpret the current reality and for see the future with a remarkable farsightedness. His writings touch on all aspects of the profession, from book preservation and restoration to public libraries, from cataloguing and indexing to library cooperation and networking, from national libraries, archives and museums, to user services. It is quite

  10. L’attualità di un Poema. La testimonianza pedagogica di Anton Semenovic Makarenko

    Federico Zannoni

    2011-06-01

    Full Text Available In occasione della nuova edizione del Poema pedagogico di Anton Semenovic Makarenko (a cura di Nicola Siciliani de Cumis, Roma, Albatros, 2009 il presente articolo prova a riferire alcuni spunti che, ricavati dal testo e dai contributi critici che lo precedono, testimoniano quanto ancora attuale e attualizzabile possa essere la lezione del grande pedagogista sovietico. Si metteranno particolarmente in evidenza le riflessioni relative all’importanza del collettivo come forma identitaria e di concezione della socialità, del lavoro come parte del processo educativo e della dignità umana come bene supremo da tutelare e su cui riporre fiducia.

  11. Movimenti della faglia del Iago di Cavazzo, in relazione con la locale caduta di pioggia

    M. MIGANI

    1972-06-01

    Full Text Available RIASSUNTO. — Si portano chiare testimonianze sull'esistenza di micromovimenti
    della faglia del Lago di Cavazzo (Tolmezzo, associati alla locale
    caduta di pioggia. Essi vengono registrati, sotto forma di rotazioni della
    verticale, dalle stazioni clinografiche sistemate nella centrale « Enel » di
    Somplago, ricavata in roccia. L a centrale si t r o v a sul bordo occidentale della
    grande faglia del lago. A sua volta la faglia del lago — che probabilmente si
    prolunga fino alla confluenza del torrente Melò nel Tagliamento, ca 10 km
    a Sud della Centrale — si t r o v a nel quadrante NW della vasta zona di alluvioni
    del Tagliamento, che si stende f r a Venzone, Gemona e Osoppo. La rotazione
    della verticale verso SSE può essere a t t r i b u i t a all'appesantimento della
    zona alluvionale, dovuto alla pioggia: la deviazione r i s u l t a i n f a t t i t a n t o maggiore
    quanto più cospicua è la caduta di pioggia. È da ritenere che sotto
    l'esteso letto del fiume Tagliamento, esista una fiumana, alimentata dalla
    pioggia d'infiltrazione. A questo riguardo, è da rilevare che, durante i mesi
    estivi, quando l'apporto della pioggia diminuisce, la verticale subisce a
    Somplago un lento movimento in senso contrario, come per un corrispondente
    lento alleggerimento della zona a SSE.
    I micromovimenti relativi dei due bordi della faglia possono avere un
    effetto « decongestionante » della zona da essa interessata, nel senso di impedire
    notevoli accumuli di tensioni elastiche nel mezzo circostante. Sta di f a t to
    che, malgrado l'elevata sismicità della Carnia, nei tempi storici la zona di
    Somplago non si è mai t r o v a t a all'epicentro di terremoti distruttivi.

  12. Apprendimento collaborativo in linea: comunità di ricerca e di pratiche (Intervista a Christian Bois

    Orazio Maria Valastro

    2003-09-01

    Full Text Available Il sapere deriva per prima cosa dal fatto che si "nominano" le dinamiche che emergono dalla situazione analitica e dai discorsi dei protagonisti. Deriva inoltre da quello che s'identifica nelle rassomiglianze di contenuto e/o nelle forme tra un segno attuale e un fatto passato. O ancora deriva dalla creatività dell'analizzante per predisporre il suo posto nella giungla dei desideri, dei territori, delle gelosie e delle invidie. Deriva infine dal sottile gioco tra il reale, l'immaginario ed il simbolico. Nella comunità di ricerca e di pratiche ci sono anche delle dinamiche sottili da identificare.

  13. STUDI KOLEKSI REFERENSI RESERVOIR PENYAKIT DI DAERAH ENZOOTIK PES DI JAWA BARAT DAN JAWA TIMUR

    Ristiyanto -

    2011-12-01

    Full Text Available ENGLISHReservoir Reference Study Collection Disease, particularly rats have been conducted in several areas such as the enzootic plague area in the district of Nongkojajar, Pasuruan, East Java and Ciwidey district, Bandung regency, West Java. These were organized in May-October 2007. The method used for the collection and reference reservoir of disease is rodentia survey methods. Result of the reference collection reservoir of disease is the house rat Rattus tanezumi Nongkojajar found either in the of Pasuruan, East Java (3 rats and the District of Ciwidey (4 rats. Polynesian rat R. exulans, three rats were only found in the District Nongkojajar, whereas three rats R. tiomanicus, three rats were found in Ciwidey. In addition another types of mice were also found 1 Insectivora mice Suncus murinus in the District Ciwidey. Type of rats captured in habitat homes in the District Ciwidey Bandung regency, West Java and Pasuruan, East Java is the same type, namely house rat Rattus tanezumi. Types of mice caught in the habitat garden in the District Ciwidey Bandung regency, West Java (tiomanicus R. tree rats were different from mice found in Pasuruan, East Java (Polynesian rat R. exulans. Local environment in plague enzootic area in Pasuruan, East Java is mountainous and forest conservation area Bromo-Tengger, while District Ciwidey, Bandung is the highland tourism areas / mountainous and agricultural areas.INDONESIAKoleksi referensi reservoir penyakit khususnya tikus telah dilakukan di beberapa daerah enzootik pes seperti di Kecamatan Nongkojajar, Kabupaten Pasuruan, Jawa Timur dan Kecamatan Ciwidey, Kabupaten Bandung, Jawa Barat. Kegiatan tersebut dilaksanakan pada bulan Mei-Oktober 2007. Metode yang digunakan untuk koleksi dan referensi reservoir penyakit adalah metode survei rodensia. Hasil koleksi referensi reservoir penyakit adalah tikus rumah Rattus tanezumi ditemukan baik di Kecamatan Nongkojajar, Kabupaten Pasuruan, Jawa Timur (3 ekor maupun

  14. Nuovi strumenti di valutazione epidemiologica: indagine sullo stato di salute percepita da studenti universitari

    N. Nante

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: gli strumenti “soggettivi” di valutazione dello stato di salute appaiono sempre più utili per l’epidemiologia descrittiva di popolazioni e comunità. Il profilo di salute ottenuto con strumenti psicometrici è utilizzabile come analizzatore del bisogno assistenziale (e, conseguentemente, valutatore del risultato di interventi e attività sanitarie e si affianca ormai diffusamente alle più tradizionali misure “oggettive”.

    Obiettivo: descrivere il profilo di salute percepita dagli studenti e valutare il ruolo sullo stesso di alcune variabili.

    Materiali e Metodi: il questionario SF36 descrive lo stato di salute attraverso 8 domini, alcuni correlati con l’area fisica, altri con quella psicologica/sociale. Esso è stato distribuito a 380 studenti (179 esaminandi e 201 non esaminandi: 237 (62,4% femmine, 261 (68,7% non residenti nella provincia di Siena; età media 21 anni (range 18-41. Sono state calcolate le medie delle scale e confrontate con lo standard tramite il t test. Sono stati effettuati confronti per sesso, residenza e giorno di somministrazione del questionario (esame, non esame. Con il test del Chi quadrato si è verificato se le variabili sesso, età, residenza e giorno di somministrazione fossero associate alle 8 scale. Come standard di riferimento sono stati utilizzati i valori (fascia età 18-24 anni derivati da una indagine condotta dalla DOXA in Italia nel 1995 (progetto IQOLA. Risultati: le medie delle scale del campione risultano tutte inferiori a quelle della popolazione di riferimento; la differenza non è significativa (p›0,05. Le medie femminili presentano valori inferiori a quelle maschili in tutte le scale; le differenze sono significative (p‹0,05 eccetto che per Dolore Fisico. Le medie dei residenti risultano superiori o uguali a quelle dei non residenti (p›0,05. Le medie dei non esaminandi

  15. Cfd Studies of Two Stroke Petrol Engine Scavenging

    S Gavudhama Karunanidhi,

    2014-07-01

    Full Text Available This project deals with the numerical analysis of 2 stroke engine scavenging in two cases. One with an existing condition (Flat headed pistons and another with a new design (Dome headed piston .The numerical analysis is done with help of CFD software ANSYS FLUENT 14.5. Here, the modeling of engine piston with flat headed type and with dome headed types was done in workbench. In ANSYS FLUENT after the geometrical design, for the dynamic motion meshing is used and set up species transport model also. At first the scavenging effect of flat headed piston is analyzed. Later the simulation of piston with dome headed type was also checked. Analyzing the variations from each and selected the best method for scavenging. Finally the scavenging efficiency is calculated for both type arrangements.

  16. Scavenging a Piston-ported Two-stroke Cylinder

    Rogowski, A R; Bouchard, C L

    1938-01-01

    An investigation was made with a specially designed engine to determine the scavenging characteristics of a large number of inlet-port shapes and arrangements and the optimum port arrangement and timing for this particular type of engine. A special cylinder construction permitted wide variations in timing for this particular type of engine. A special cylinder construction permitted wide variations in timing as well as in shape and arrangement of both the inlet and exhaust ports. The study of the effect of port shape combinations and timings on engine performance was made using illuminating gas as a fuel. Through variations in inlet-port arrangement and port timings, the value of the scavenging efficiency was increased from an original 44 percent to approximately 67 percent with a corresponding increase in power. With the optimum port arrangement and timing determined, a large number of performance runs were made under both spark-ignition and compression-ignition operation.

  17. Pianeti tra le note appunti di un astronomo divulgatore

    Adamo, Angelo

    2010-01-01

    Una stella, otto pianeti, un centinaio di lune e una miriade di corpi minori tra plutini, asteroidi, comete, satelliti artificiali. E per ognuno di questi oggetti, spiegazioni scientifiche che condividono la scena con narrazioni dettate dal mito, con visioni della fanstascienza e con suggestioni sonore scaturite dalla penna di grandi compositori. L'autore prova a districarsi nella babele di idiomi più o meno precisi che da sempre vengono usati dagli uomini per descrivere il Sistema Solare nell'intento di spiegarlo e di rendere il freddo spazio interplanetario un posto più accogliente. La letteratura, la fisica, il fumetto, l'illustrazione, la musica finalmente cooperano per delineare un possibile percorso, una traiettoria fra le tante, che condurrà il lettore dalle origini del linguaggio fino alla nube di Oort.

  18. L’ultima lezione romana di Giorgio Peyrot

    Nicoletta De Luca

    2011-06-01

    Full Text Available Questo scritto riproduce la relazione letta in occasione del Convegno di studio inonore di Giorgio Peyrot tenutosi a Genova l’8-9 aprile 2011 e destinato allapubblicazione degli Atti del convegno.

  19. Tassonomia biochimica di orchidee europee a livello sopraspecifico

    1993-01-01

    Abbiamo indagato le relazioni genetiche tra varie orchidee europee, mediante elettroforesi multilocus. Questo approccio permette di quantificare la divergenza genetica tra taxa e valutare con un metodo alternativo le relazioni filogenetiche e i tempi di divergenza evolutiva.

  20. Fondamenti di Meccanica e Biomeccanica Meccanica dei corpi rigidi articolati

    Picasso, Bruno

    2013-01-01

    Nel presente volume vengono presentati in forma estesa e rigorosa i principi della Meccanica dei corpi rigidi, il cui apprendimento richiede solo le conoscenze di base della Fisica, studiata nella Scuola Superiore. La quasi totalità delle applicazioni, degli esempi e degli esercizi presentati si riferisce all’analisi del movimento e degli stati di sforzo nel corpo umano. Le applicazioni svolte con Matlab e Simulink richiedono una conoscenza elementare di programmazione in questi ambienti. Nel testo si privilegia l’approccio applicativo, perché la materia rimanga viva nella successiva vita professionale del lettore. Il testo si rivolge principalmente agli studenti dei Corsi di Biomeccanica, professati nei Corsi di Studio di base in Bioingegneria, in Scienze Motorie e nelle Scuole di Specializzazione in Ortopedia. Per l’estensione della materia trattata e per le applicazioni, il testo può essere utilmente adottato anche nei Corsi di Laurea specialistica in Bioingegneria.