WorldWideScience

Sample records for 50cc two-stroke di

  1. A 50 cc Two-Stroke DI Compression Ignition Engine Fuelled by DME

    Hansen, Kim Rene; Nielsen, Claus Suldrup; Sorenson, Spencer C;

    2008-01-01

    The low auto-ignition temperature, rapid evaporation and high cetane number of dimethyl ether (DME) enables the use of low-pressure direct injection in compression ignition engines, thus potentially bringing the cost of the injection system down. This in turn holds the promise of bringing CI...... efficiency to even the smallest engines. A 50cc crankcase scavenged two-stroke CI engine was built based on moped parts. The major alterations were a new cylinder head and a 100 bar DI system using a GDItype injector. Power is limited by carbon monoxide emission but smoke-free operation and NOx less than 200...

  2. Optimizing the Performance of a 50cc Compression Ignition Two-Stroke Engine Operating on Dimethyl Ether

    Hansen, Kim Rene; Dolriis, J.D.; Hansson, C.;

    2011-01-01

    -out NOx of such an engine could make it ideal for future vehicles operating on second generation biofuels. Data is presented for the performance and emissions at the current state of development of the engine. Brake efficiencies above 30% were obtained despite the small size of the engine. In addition....... Design improvements relative to an earlier prototype are described. The major alterations are related to air intake arrangement, exhaust tuning and the fuel injector. Comparison is made to the first prototype engine and the effects of fuel injection rate, injection pressure, cylinder head geometry and...

  3. Direct Fuel Injection of LPG in Small Two-Stroke Engines

    Yew Heng Teoh

    2011-01-01

    Full Text Available The commonly used carburetted two-stroke engines in developing countries have high exhaust emission and poor fuel efficiency. To meet more rigid emissions requirements, two-stroke vehicles are typically phase out in favour of four-stroke engines. The problems of ubiquitous legacy two-stroke vehicles remain unsolved by these measures and they are likely to be a major source of transport for many years to come. A number of technologies are available for solving the problems associated with two-stroke engines such as catalytic after-treatment and direct fuel injection (DI. However, these solutions are relatively high cost and have shown only slow market acceptance for applications in developing countries. Research in recent years has demonstrated that direct fuel injection is a well developed and readily deployable solution to existing two-stroke engines. Gaseous fuels such as Liquefied Petroleum Gas (LPG are considered a promising energy source and in many countries provide fuel cost savings. LPG coupled with DI two-stroke technologies, is expected to be clean and cost effective retrofit solution for two-stroke engines. In this research project, direct injection (DI of Liquefied Petroleum Gas (LPG is introduced and tested on a typical two-stroke engine. Results of in cylinder combustion pressure translated to fuel mass fraction burned, engine performance and exhaust emissions are taken and compared for various injection timings from premixed (early injection to fully direct injection mode (late injection. Results show that DI of LPG effectively reduces exhaust hydrocarbon and can substantially improve the fuel economy of two-stroke engines.

  4. First North American 50 cc Total Artificial Heart Experience: Conversion from a 70 cc Total Artificial Heart.

    Khalpey, Zain; Kazui, Toshinobu; Ferng, Alice S; Connell, Alana; Tran, Phat L; Meyer, Mark; Rawashdeh, Badi; Smith, Richard G; Sweitzer, Nancy K; Friedman, Mark; Lick, Scott; Slepian, Marvin J; Copeland, Jack G

    2016-01-01

    The 70 cc total artificial heart (TAH) has been utilized as bridge to transplant (BTT) for biventricular failure. However, the utilization of 70 cc TAH has been limited to large patients for the low output from the pulmonary as well as systemic vein compression after chest closure. Therefore, the 50 cc TAH was developed by SynCardia (Tucson, AZ) to accommodate smaller chest cavity. We report the first TAH exchange from a 70 to 50 cc due to a fit difficulty. The patient failed to be closed with a 70 cc TAH, although the patient met the conventional 70 cc TAH fit criteria. We successfully closed the chest with a 50 cc TAH. PMID:26809081

  5. Versión Transcultural del Cuestionario de Personalidad de Zuckerman- Kuhlman (ZKPQ-50-CC en Población Argentina (Transcultural Version of the Zuckerman Kuhlman Personality Questionnaire (ZKPQ-50-CC in the Argentinean Population

    Rubén Daniel Ledesma

    2013-04-01

    Full Text Available The aim of this study was to provide evidence of the validity of the ZKPQ-50-CC in the Argentinean population.The ZKPQ-50-CC is a brief personality measure to assess Zuckerman's Alternative Five-Factor Model. Thisinstrument was simultaneously developed in different countries and languages, which makes it of special interestto cross-cultural research. The sample consisted of 895 adults selected from the general population in the city ofMar del Plata (Argentina. Psychometric analysis included dimensional validity, reliability and differences due togender and age. The results yielded a five-factor structure which was consistent with the model, acceptable degreesof internal consistency, and age and gender differences for the scales. Overall, the results were consistent with theoriginal instrument, although there were some slight differences. The findings provide evidence of the validity of theZKPQ-50-CC in a cultural context different from those in which the instrument was developed. Further psychometricresearch is needed to assess the validity of the questionnaire, such as its convergent validity, test-re-test reliability androbustness against social desirability bias.

  6. Effects of Surface Irregularities on Piston Ring-Cylinder Tribo Pair of a Two Stroke Motor Engine in Hydrodynamic Lubrication

    A. Zavos

    2015-03-01

    Full Text Available Tribological parameters such as friction, lubrication and wear influence strongly the engine component's life. In this study, a piston ring-cylinder system simulated taking into account the surface modifications under fully flooded lubrication and normal engine conditions. The hydrodynamic pressure field solved based on the Navier Stokes equations by Fluid Structure Interaction analysis. A real experimental data of piston ring-cylinder was used from a two stroke motor engine 50 cc. The surface irregularities are measured by 3D coordinate measurement machine while the engine has been worked about 4000 hours. The friction force, the hydrodynamic pressure, the oil film and the mechanical stresses were predicted for different engine conditions. Results show that the worn profile ring reduces the friction as well as the mechanical stresses increased. Surface condition of worn top ring was observed after a metallurgical profile analysis.

  7. Swirling flow in a two-stroke marine diesel engine

    Hemmingsen, Casper Schytte; Ingvorsen, Kristian Mark; Walther, Jens Honore; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    Computational fluid dynamic simulations are performed for the turbulent swirling flow in a scale model of a low-speed two-stroke diesel engine with a moving piston. The purpose of the work is to investigate the accuracy of different turbulence models including two-equation Reynolds- Averaged Navier...

  8. MODELING OF ELECTRONIC GASOLINE INJECTION PROCESSES IN TWO STROKE ENGINE

    Hraivoronskyi, Y.

    2013-06-01

    Full Text Available Basic provision of the processes developed mode, occurring in ignition fuel system with electronically controlled two stroke engine with positive ignition are given. Fuel injection process’ calculation results for the case of placing fuel injector into intake system presented.

  9. Two Stroke Diesel Engines for Large Ship Propulsion

    Haider, Sajjad

    In low speed large two-stroke marine diesel engines, uniflow scavenging is used to remove the exhaust gases from the cylinder and fill the cylinder with fresh air charge for the next cycle. The swirl enhances the mixing of fuel with air and improves combustion efficiency. The thesis focuses...... on characterizing the confined swirling flow during the scavenging process. A simplified experimental model of an engine cylinder is developed. Smoke visualization results show that at fully open intake port there is a well-defined vortex core. The core size increases in a hollow conical shape along the flow...... downstream. As the port closes, the mixing of smoke particles in the core with surrounding regions is enhanced. The hollow conical smoke pattern disappears and resembles to a jet. Laser Doppler Anemometry measurements are conducted in the swirl generator and at the entrance to the test cylinder. The results...

  10. Heat Transfer in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Jensen, Michael Vincent

    numerically by performing simulations with a CFD code of the heat transfer between gas and wall in a jet impingement configuration where a hot round turbulent gas jet impinged normally onto a wall under conditions approximating the in-cylinder conditions in the engine during combustion. A jet impingement......Heat transfer between the cylinder gas and the piston surface during combustion in large two-stroke uniflow scavenged marine diesel engines has been investigated in the present work. The piston surface experiences a severe thermal load during combustion due to the close proximity of the combustion...... is thus important for the engine manufactures. The piston surface heat transfer was studied in the event of impingement of hot combustion products on the piston during combustion, and an estimate was obtained of the peak heat flux level experienced on the piston surface. The investigation was carried out...

  11. Measurement and Calculation of Frictional Loss in Large Two-Stroke Engines

    Vølund, Anders; Klit, Peder

    2003-01-01

    The total frictional loss in a large two-stroke marine diesel engine is rather well determined. However, the contribution (size and distribution) from the different machine elements are not well known. The aim of this study is to establish methods to measure and calculate friction in the piston assembly and guide shoe system for a large two-stroke marine diesel engine. These components are the two major contributors to the total friction in a two-stroke marine diesel engine. The piston pack r...

  12. Some investigations in design of low cost variable compression ratio two stroke petrol engine

    A. Srinivas; Venkatasubbaiah, G.; Rao, P. Venkateswar; Reddy, M. Penchal

    2012-01-01

    Historically two stroke engine petrol engines find wide applications in construction of two wheelers worldwide, however due to stringent environmental laws enforced universally; these engines are fading in numbers. In spite of the tight norms, internationally these engines are still used in agriculture, gensets etc. Several designs of variable compression ratio two stroke engines are commercially available for analysis purpose. In this present investigation a novel method of changing the comp...

  13. TOPSIS Multi-Criteria Decision Modeling Approach for Biolubricant Selection for Two-Stroke Petrol Engines

    Masoud Dehghani Soufi; Barat Ghobadian; Gholamhassan Najafi; Mohammad Reza Sabzimaleki; Talal Yusaf

    2015-01-01

    Exhaust pollutants from two-stroke petrol engines are a problem for the environment. Biolubricants are a new generation of renewable and eco-friendly vegetable-based lubricants, which have attracted a lot of attention in recent years. In this paper, the applicability of the Technique for Order of Preference by Similarity to Ideal Solution (TOPSIS) method to support the process of building the scoring system for selecting an appropriate two-stroke lubricant has been analyzed. For this purpose,...

  14. ANALYSIS OF EXHAUST GAS EMISSION IN THE MARINE TWO-STROKE SLOW-SPEED DIESEL ENGINE

    Branko Lalić; Gojmir Radica; Nikola Račić

    2016-01-01

    This paper explores the problem of exhaust emissions of the marine two-stroke slow-speed diesel engines. After establishing marine diesel engine regulations and defining the parameters influencing exhaust emissions, the simulation model of the marine two-stroke slow-speed diesel engine has been developed. Furthermore, the comparison of numerical and experimentally obtained data has been performed, resulting in achieving the model validity at 100% load, which represents a requirement for furth...

  15. Measurement and Calculation of Frictional Loss in Large Two-Stroke Engines

    Vølund, Anders

    2003-01-01

    rest of the mechanical loss is situated in the piston rod 2%, piston skirt 3% and main bearings and connecting rod bearing 12%. Information about the friction distribution can be used in future design of these machine elements. Theoretical models for determination of frictional losses for both......The total frictional loss in a large two-stroke marine diesel engine is rather well determined. However, the contribution (size and distribution) from the different machine elements are not well known. The aim of this study is to establish methods to measure and calculate friction in the piston...... assembly and guide shoe system for a large two-stroke marine diesel engine. These components are the two major contributors to the total friction in a two-stroke marine diesel engine. The piston pack represents approximately 60% of the total mechanical loss at full load and the guide shoe system 23%. The...

  16. Parametric Study of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Mayer, Stefan

    2015-01-01

    Large commercial ships such as container vesselsand bulk carriers are propelled by low-speed, uniflowscavenged two-stroke diesel engines. The integral in-cylinderprocess in this type of engine is the scavenging process,where the burned gas from the combustion process isevacuated through the exhaust...... deficit in axial velocity and the formation ofcentral recirculation zones, known as vortex breakdown. Thispaper will present a CFD analysis of the scavenging process ina MAN B&W two-stroke diesel engine. The study include aparameter sweep where the operating conditions such as airamount, port timing and...

  17. Two strokes Diesel engine - Promising solution to reduce CO2 emissions

    Tribotte, Pascal; Ravet, Frederic; Dugue, Vincent; Obernesser, Philippe; Quenchon, Nicolas; Benajes Calvo, Jesus Vicente; Novella Rosa, Ricardo; De Lima Moradell, Daniela Andreina

    2012-01-01

    Two-stroke engines have dropped out of the automobile market for a long time due to severe drawbacks. Unfortunately, the comparison with the performances of four-stroke engines was not in favour of two-stroke ones. Nevertheless, the needs of a more compact engine with a better ratio of the mass and size versus power motivated research efforts at the beginning of the 90's. Regrettably, these efforts did not result in commercial success and automobile manufacturers kept four-stroke engine archi...

  18. The Tracer Gas Method of Determining the Charging Efficiency of Two-stroke-cycle Diesel Engines

    Schweitzer, P H; Deluca, Frank, Jr

    1942-01-01

    A convenient method has been developed for determining the scavenging efficiency or the charging efficiency of two-stroke-cycle engines. The method consists of introducing a suitable tracer gas into the inlet air of the running engine and measuring chemically its concentration both in the inlet and exhaust gas. Monomethylamine CH(sub 3)NH(sub 2) was found suitable for the purpose as it burns almost completely during combustion, whereas the "short-circuited" portion does not burn at all and can be determined quantitatively in the exhaust. The method was tested both on four-stroke and on two-stroke engines and is considered accurate within 1 percent.

  19. Numerical Investigation of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine cycle whether it is spark ignited or compression ignited. The scavenging process is responsible for transporting the burned gases from the previous working stroke out of the combustion chamber to allow for the...... fresh charge or fresh air to enter for the next combustion/working stroke. This implies that the scavenging process is responsible for setting the initial condition for the combustion process, consequently affecting fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines...

  20. CHARACTERIZATION OF EMISSIONS FROM HAND-HELD TWO-STROKE ENGINES

    Despite their extremely high organic and particulate matter emission rates, two-stroke engines remain among the least studied of engine types. Such studies are rare because they are costly to perform. Results reported in this paper were obtained using a facility that shares e...

  1. Turbulent swirling flow in a model of a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore;

    2013-01-01

    The turbulent and swirling flow of a uniflow-scavenged two-stroke engine cylinder is investigated using a scale model with a static geometry and a transparent cylinder. The swirl is generated by 30 equally spaced ports with angles of 0°, 10°, 20°, and 30°. A detailed characterization of the flow...

  2. CFD analysis of the scavenging process in marine two-stroke diesel engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan;

    2014-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine regardless of being spark ignited (SI) or compression ignited (CI). The scavenging process is responsible for replacing the burned gas from the combustion process from the previous working stroke with fresh air....../charge before the subsequent compression stroke. This implies that the scavenging process is integral to engine performance as it influence the initial condition for the combustion process, thus affecting the fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines for marine...... with the swirling air in the combustion chamber during fuel injection. A known characteristic of swirling flows is an adverse pressure gradient in the center of the rotating flow which might lead to a local deficit in axial velocity and the formation of central recirculation zones, known as vortex...

  3. Numerical Investigation of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan;

    2013-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine cycle whether it is spark ignited or compression ignited. The scavenging process is responsible for transporting the burned gases from the previous working stroke out of the combustion chamber to allow for the...... fresh charge or fresh air to enter for the next combustion/working stroke. This implies that the scavenging process is responsible for setting the initial condition for the combustion process, consequently affecting fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines...... for marine propulsion are usually uniflow scavenged cross-head engines. In uniflow scavenged engines the scavenge air enters the cylinder via ports located near the bottom dead center and exits through an exhaust valve located in the cylinder head. The in cylinder flow is therefore concentrated in one...

  4. Some investigations in design of low cost variable compression ratio two stroke petrol engine

    Srinivas, A; rao, P Venkateswar; Reddy, M Penchal

    2012-01-01

    Historically two stroke engine petrol engines find wide applications in construction of two wheelers worldwide, however due to stringent environmental laws enforced universally; these engines are fading in numbers. In spite of the tight norms, internationally these engines are still used in agriculture, gensets etc. Several designs of variable compression ratio two stroke engines are commercially available for analysis purpose. In this present investigation a novel method of changing the compression ratio is proposed, applied, studied and analyzed. The clearance volume of the engine is altered by introducing a metal plug into the combustion chamber. This modification permitted to have four different values of clearance value keeping in view of the studies required the work is brought out as two sections. The first part deals with the design, modification, engine fabrication and testing at different compression ratios for the study of performance of the engine. The second part deals with the combustion in engi...

  5. ANALYSIS OF EXHAUST GAS EMISSION IN THE MARINE TWO-STROKE SLOW-SPEED DIESEL ENGINE

    Branko Lalić

    2016-07-01

    Full Text Available This paper explores the problem of exhaust emissions of the marine two-stroke slow-speed diesel engines. After establishing marine diesel engine regulations and defining the parameters influencing exhaust emissions, the simulation model of the marine two-stroke slow-speed diesel engine has been developed. Furthermore, the comparison of numerical and experimentally obtained data has been performed, resulting in achieving the model validity at 100% load, which represents a requirement for further exhaust gas analysis. Deviations obtained at the real engine and the model range from 2% to 7%. An analysis of the influential parameters such as compression ratio, exhaust valve timing and fuel injection timing has been performed. The obtained results have been compared and conclusions have been drawn.

  6. Experimental and numerical investigation of sprays in two stroke diesel Engines

    Dam, Bjarke Skovgård

    2007-01-01

    physical quantities have an effect on the spray characteristics, but there are some discrepancies. It is found that small differences in setup have large effects on the spray characteristics, especially differences in nozzle layout have shown a large effect. The nozzles of large two stroke engines both...... is derived for an absolute maximum grid size for achieving reasonable momentum transfer from liquid to the gas phase. Even smaller cell sizes are required for e.g. resolving gradients in the flow field. An experimental setup is constructed, investigating sprays at atmospheric conditions, using nozzles...... and an injection system identical to those of large two stroke diesel engines. Specially designed single hole nozzles enables in nozzle pressure measurements. A number of experimental methods are successfully tested, including a high speed imaging system using reflected light, a low cost shadowgraph system...

  7. Two-stroke scooters are a dominant source of air pollution in many cities

    Platt, S. M.; Haddad, I. El.; Pieber, S. M.; Huang, R.-J.; Zardini, A. A.; Clairotte, M.; Suarez-Bertoa, R.; Barmet, P.; Pfaffenberger, L.; Wolf, R.; Slowik, J. G.; Fuller, S. J.; Kalberer, M.; Chirico, R.; Dommen, J.; Astorga, C.; Zimmermann, R.; Marchand, N.; Hellebust, S.; Temime-Roussel, B.; Baltensperger, U.; Prévôt, A. S. H.

    2014-05-01

    Fossil fuel-powered vehicles emit significant particulate matter, for example, black carbon and primary organic aerosol, and produce secondary organic aerosol. Here we quantify secondary organic aerosol production from two-stroke scooters. Cars and trucks, particularly diesel vehicles, are thought to be the main vehicular pollution sources. This needs re-thinking, as we show that elevated particulate matter levels can be a consequence of ‘asymmetric pollution’ from two-stroke scooters, vehicles that constitute a small fraction of the fleet, but can dominate urban vehicular pollution through organic aerosol and aromatic emission factors up to thousands of times higher than from other vehicle classes. Further, we demonstrate that oxidation processes producing secondary organic aerosol from vehicle exhaust also form potentially toxic ‘reactive oxygen species’.

  8. A discussion of the several types of two-stroke-cycle engines

    Venediger, Herbert J

    1935-01-01

    This report discusses different types of two-stroke engines as well as the three most important design factors: volume of scavenge and charge delivery, scavenging process (scavenging result), and result of charge. Some of the types of engines discussed include: single cylinder with crank-chamber scavenge pump and auxiliary suction piston linked to working connecting rod; and two cylinder engines with a rotary scavenge pump arrangement. Three and four cylinder engines are also discussed in various designs.

  9. Correlations for wiebe function parameters for combustion simulation in two-stroke small engines

    Galindo Lucas, José; Climent Puchades, Héctor; Pla Moreno, Benjamín; JIMENEZ MACEDO, VICTOR DANIEL

    2011-01-01

    Abstract Combustion simulation in two-stroke engines becomes necessary not only for engine performance prediction but also for scavenge evaluation, since in-cylinder pressure and temperature are highly influenced by combustion process evolution. Combustion simulation by using a Wiebe function is appropriate to be included in a 1D engine code for providing design criteria with fast and accurate calculations; the main drawback is the determination of the four Wiebe parameters needed ...

  10. Numerical analysis of combustion and transient heat transfer processes in a two stroke SI engine

    Illán, F.; Alarcón, M.

    2010-01-01

    Abstract A zero-dimensional model is presented to simulate the transient processes occurring within a two stroke SI engine. A two zone combustion model, with a spherically expanding flame front originating from the spark location, is applied. The model is numerically solved using the network simulation model which allows coupling the combustion model with a heat transfer model where both radiant and convective heat contributions have been taken into account for the in-cylinder gase...

  11. A New Strategy to Achieve Radical Combustion Through Exhaust Port Throttling for Two Stroke Engine

    Saqaff Ahmed Alkaff, Mohamed A. Khan

    2010-01-01

    Radical combustion is a critical condition behind control. In two stroke engine, acondition of radical combustion could be achieved through control of the trappedexhaust gases at a certain condition, might include, the engine load, speed,concentration of the unburned hydrocarbons, their temperature and otheroperational parameters.An earlier work was conducted towards the achievement of the radicalcombustion. The mechanism was made to throttle the opening of the exhaustport at a range of 1% to...

  12. Experimental and numerical investigation of sprays in two stroke diesel Engines

    Dam, Bjarke Skovgård; Sorenson, Spencer C; Meyer, Knud Erik; Mayer, Stefan

    2007-01-01

    The control of the injected spray is important when optimizing performance and reducing emissions from diesel engines. The research community has conducted extensive research especially on smaller four stroke engines, but so far only little has been done on sprays in large two stroke engines. The latter is the subject of this dissertation. The theory and experimental findings on diesel sprays are investigated, including e.g. spray parameters and droplet break up. It is found that no complete ...

  13. Engine Output Increase of Two-stroke Combustion with Exhaust System Optimization

    Bigoš, Petar; Puškár, Michal

    2008-01-01

    In principle, an exhaust system influences the maximum output and characteristic of a two-stroke combustion engine. The first part of the contribution deals with the possibility of transformation in a maximum output and a range of exploitable speed values by means of the change of exhaust manifold length in exhaust pipe section. This knowledge covers an output curve variability of an engine operating speed range. The second part of this contribution deals with the combustion product's tempera...

  14. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 2

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit a design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  15. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 3

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  16. Recent Development of the Two-Stroke Engine. II - Design Features. 2; Design Features

    Zeman, J.

    1945-01-01

    Completing the first paper dealing with charging methods and arrangements, the present paper discusses the design forms of two-stroke engines. Features which largely influence piston running are: (a) The shape and surface condition of the sliding parts. (b) The cylinder and piston materials. (c) Heat conditions in the piston, and lubrication. There is little essential difference between four-stroke and two-stroke engines with ordinary pistons. In large engines, for example, are always found separately cast or welded frames in which the stresses are taken up by tie rods. Twin piston and timing piston engines often differ from this design. Examples can be found in many engines of German or foreign make. Their methods of operation will be dealt with in the third part of the present paper, which also includes the bibliography. The development of two-stroke engine design is, of course, mainly concerned with such features as are inherently difficult to master; that is, the piston barrel and the design of the gudgeon pin bearing. Designers of four-stroke engines now-a-days experience approximately the same difficulties, since heat stresses have increased to the point of influencing conditions in the piston barrel. Features which notably affect this are: (a) The material. (b) Prevailing heat conditions.

  17. TOPSIS Multi-Criteria Decision Modeling Approach for Biolubricant Selection for Two-Stroke Petrol Engines

    Masoud Dehghani Soufi

    2015-12-01

    Full Text Available Exhaust pollutants from two-stroke petrol engines are a problem for the environment. Biolubricants are a new generation of renewable and eco-friendly vegetable-based lubricants, which have attracted a lot of attention in recent years. In this paper, the applicability of the Technique for Order of Preference by Similarity to Ideal Solution (TOPSIS method to support the process of building the scoring system for selecting an appropriate two-stroke lubricant has been analyzed. For this purpose, biolubricants (TMP-triesters based on castor oil, palm oil, and waste cooking oil were produced and then utilized in a 200 cc two-stroke gasoline engine to investigate their effects on its performance and exhaust emissions. The results obtained from the use of the entropy technique in the TOPSIS algorithm showed that palm oil-based lubricant took up the greatest distance from the Negative Ideal Solution (NIS and was selected as the most optimal lubricant for these types of engines.

  18. Devices to improve the performance of a conventional two-stroke spark ignition engine

    Poola, R.B. [Argonne National Lab., IL (United States); Nagalingam, B.; Gopalakrishnan, K.V. [Indian Inst. of Tech., Madras (India)

    1995-06-01

    This paper presents research efforts made in three different phases with the objective of improving the fuel economy of and reducing exhaust emissions from conventional, carbureted, two-stroke spark ignition (SI) engines, which are widely employed in two-wheel transportation in India. A review concerning the existing two-stroke engine technology for this application is included. In the first phase, a new scavenging system was developed and tested to reduce the loss of fresh charge through the exhaust port. In die second phase, the following measures were carried out to improve the combustion process: (1) using an in-cylinder catalyst, such as copper, chromium, and nickel, in the form of coating; (2) providing moderate thermal insulation in the combustion chamber, either by depositing thin ceramic material or by metal inserts; (3) developing a high-energy ignition system; and (4) employing high-octane fuel, such as methanol, ethanol, eucalyptus oil, and orange oil, as a blending agent with gasoline. Based on the effectiveness of the above measures, an optimized design was developed in the final phase to achieve improved performance. Test results indicate that with an optimized two-stroke SI engine, the maximum percentage improvement in brake thermal efficiency is about 31%, together with a reduction of 3400 ppm in hydrocarbons (HC) and 3% by volume of carbon monoxide (CO) emissions over the normal engine (at 3 kW, 3000 rpm). Higher cylinder peak pressures (3-5 bar), lower ignition delay (2-4{degrees}CA){degrees} and shorter combustion duration (4-10 {degrees}CA) are obtained. The knock-limited power output is also enhanced by 12.7% at a high compression ratio (CR) of 9:1. The proposed modifications in the optimized design are simple, low-cost and easy to adopt for both production and existing engines.

  19. Novel Tribotester for Cylinder Liner/Piston Ring Contacts of Two Stroke Marine Diesel Engines

    Pedersen, Michael Torben; Imran, Tajammal; Klit, Peder; Felter, Christian; Vølund, Anders

    A good tribological description for the cylinder liner and piston ring materials is always desired in order to achieve an improved combination of the materials. The piston ring package in a two-stroke-diesel engine operates in three lubrication regimes and the materials must be characterized in...... is capable of studying the process of friction, oil film formation between cylinder liner, and piston ring surfaces and the corresponding wear. Two test procedures are developed to verify the reproducibility of the measurements obtained with this test apparatus. These reproducibility test procedures...

  20. Influence of piston displacement on the scavenging and swirling flow in two-stroke diesel engines

    Obeidat, Anas; Haider, Sajjad; Ingvorsen, Kristian Mark;

    We study the effect of piston motion on the in-cylinder swirling flow in a low speed, large two-stroke marine diesel engine. The work involves experimental, and numerical simulation using OpenFOAM platform, Large Eddy Simulation was used with three different models, One equation Eddy, Dynamic One......, for the fully opened case LES model with 8/12 million mesh points were used. We find that the flow inside the cylinder changes as the ports are closing, from a Rankine/Burger vortex profile to a solid body rotation while the axial velocity profiles change from a wake-like to a jet-like profile....

  1. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Schnipper, Teis; Walther, Jens Honore; Mayer, Stefan

    2012-01-01

    A scale model of a simplified cylinder in a uniflow scavenged large two-stroke marine diesel engine is constructed to investigate the scavenging process. Angled ports near the bottom of the cylinder liner are uncovered as the piston reaches the bottom dead center. Fresh air enters through the ports forcing the gas in the cylinder to leave through an exhaust valve located in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirl fl...

  2. Influence of piston displacement on the scavenging and swirling flow in two-stroke diesel engines

    Obeidat, Anas; Haider, Sajjad; Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore

    2012-01-01

    We study the effect of piston motion on the in-cylinder swirling flow in a low speed, large two-stroke marine diesel engine. The work involves experimental, and numerical simulation using OpenFOAM platform, Large Eddy Simulation was used with three different models, One equation Eddy, Dynamic One equation Eddy, and Ta Phouc Loc model, to study the transient phenomena of the flow. The results are conducted at six cross sectional planes along the axis of the cylinder and with the piston displac...

  3. Novel Tribotester for Cylinder Liner/Piston Ring Contacts of Two Stroke Marine Diesel Engines

    Pedersen, Michael Torben; Imran, Tajammal; Klit, Peder;

    2009-01-01

    A good tribological description for the cylinder liner and piston ring materials is always desired in order to achieve an improved combination of the materials. The piston ring package in a two-stroke-diesel engine operates in three lubrication regimes and the materials must be characterized in...... is capable of studying the process of friction, oil film formation between cylinder liner, and piston ring surfaces and the corresponding wear. Two test procedures are developed to verify the reproducibility of the measurements obtained with this test apparatus. These reproducibility test procedures...

  4. Improving the Performance of Two-stroke Motorcycle with Tuned Adjustable Exhaust Pipe

    O. Obodeh

    2009-08-01

    Full Text Available Engine performance is strongly dependent on gas dynamic phenomena in intake and exhaustsystems. Careful design of the manifolds enables the engineer to manipulate the characteristics. The basicexhaust tuning mechanisms was described w ith respect to a two-stroke single-cylinder engine. Tuned adjustableexhaust pipe for use on two-stroke motorcycle was designed and tested. The dynamometer used incorporateda flywheel of appropriate moment of inertia to simulate the mass of the motorcycle and rider. The test procedureinvolved measurement of the flywheel speed during an acceleration phase resulting from opening the throttle.Calculation of the instantaneous flywheel acceleration gave a measure of the torque and power characteristics.The airflow based values of delivery ratio; trapping efficiency and charging efficiency were not measureddirectly but were culled from the fuel flow values and the Spindt computation of the exhaust gas analysis.Experimental test results were presented for power output, specific fuel consumption and engine-out emissions.The tuned exhaust system was found to improve fuel economy of the engine by 12%. The major engine-outemissions, HC and CO were reduced by a minimum of 27.8% and 10.7% respectively. An improved poweroutput of 15.8% increase was achieved. As a bonus, it w as also found that the exhaust noise was reduced.

  5. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 1

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. The test engine delivered 78kW indicated power from 1007cc displacement, operating at 3500 RPM on Schnuerle loop scavenged two-stroke cycle. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude, in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications; including injection system requirement, turbocharging, heat rejection, breathing, scavenging, and structural requirements. The multicylinder engine concept is configured to operate with an augmented turbocharger, but with no primary scavenge blower. The test program is oriented to provide a balanced turbocharger compressor to turbine power balance without an auxiliary scavenging system. Engine cylinder heat rejection to the ambient air has been significantly reduced and the minimum overall turbocharger efficiency required is within the range of commercially available turbochargers. Analytical studies and finite element modeling is made of insulated configurations of the engines - including both ceramic and metallic versions. A second generation test engine is designed based on current test results.

  6. Testing of Bearing Materials for Large Two-stroke Marine Diesel Engines

    Klit, Peder; Persson, Sebastian; Vølund, Anders

    2013-01-01

    coatings under realistic bearing conditions, in a confined time-frame. The test-rig simulates a scale model of a thrust bearing, in contrary to standard design the bearing lining material is applied to the rotating collar. On each side of the disc three stationary tilting-pads applies a load to the test......In large two-stroke marine diesel engines bearings are designed with the intention that these need not be replaced during the life of the engine. The design has shown very good service experiences. The design parameters of the main bearings are, among others, based on the average maximum specific...... load which the bearing should operate under. In general, the frictional loss is less than 1% of the nominal power of the engine but is still a target for optimization. Fatigue mechanisms of bearing lining material are not fully understood and the design limits with regards to minimum oil film thickness...

  7. Catalytic converter applications for two stroke, spark-ignited marine engines

    Fujimoto, Hiroaki; Isogawa, Atsushi; Matsumoto, Naoto

    1995-12-31

    When catalytic converters are used for cleansing of exhaust gas from two-stroke marine engines, new issues must be brought up in combination with prior technology. Therefore, a study was made of V6, 2600cc engine having a large volume of hydrocarbon emissions with respect to three issues: (1) To what degree seawater effects catalytic converter performance and possible countermeasures; (2) Effects attained on cleansing level and catalyst temperature; (3) Finding abatement levels for catalyst deterioration and exhaust emission output in the marine mode. It was found that physical adsorption was a significant factor in catalytic degradation resulting from direct contact with seawater. The cleansing levels obtained when a marine engine is equipped with a catalyst converter were found by clarifying the extent of effects of catalyst volume, performance and temperature. The reduction obtained in exhaust emission allowing for a deterioration factor, is shown in a catalytic converter heated to the maximum temperature of 960 C.

  8. Numerical Simulation of a Spark Ignited Two-Stroke Free-Piston Engine Generator

    MAO Jin-long; ZUO Zheng-xing; LIU Dong

    2009-01-01

    A numerical program is built to simulate the performance of a spark ignited two-stroke free-piston engine coupled with a linear generator. The computational model combines a series of dynamic and thermodynamic equations that are solved simultaneously to predict the performances of the engines. The dynamic analysis performed consists of an evaluation of the frictional force and load force introduced by the generator. The thermodynamic analysis used a single zone model to describe the engine's working cycle which includes intake, scavenging, compression, combustion and expansion, and to evaluate the effect of heat transfer based on the first law of thermodynamics and the ideal gas state equation. Because there is no crankshaft, a time based Wiebe equation was used to express the fraction of fuel burned in the combustion. The calculated results were validated by using the experimental data from another research group. The results indicate that the free-piston generator has some advantages over conventional engines.

  9. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Schnipper, Teis;

    2012-01-01

    model has a transparent cylinder five diameters long and is fitted with a static valve with a simplified geometry. The piston motion is controlled by a linear motor. The flow in the experiment has a Reynolds number of 50000 based on cylinder diameter and bulk velocity. Stereoscopic Particle Image......A scale model of a simplified cylinder in a uniflow scavenged large two-stroke marine diesel engine is constructed to investigate the scavenging process. Angled ports near the bottom of the cylinder liner are uncovered as the piston reaches the bottom dead center. Fresh air enters through the ports...... forcing the gas in the cylinder to leave through an exhaust valve located in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirl flow, with complex phenomena such as central recirculation zones, vortex breakdown and vortex precession. The...

  10. Integrated Analysis of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland

    governs its performance.This thesis will present a CFD model that is tested and validated with quantitative data obtained from a dedicated test engine and during engine commissioning on location at the shipbuilder. The CFD model comprises the full geometry of a single cylinder from scavenge receiver to......Large commercial ships such as container vessels and bulk carriers are propelledby low-speed, uniow scavenged two-stroke diesel engines. An integralin-cylinder process in this type of engine is the scavenging process, where the burned gases from the combustion process are evacuated through the...... exhaust valve and replaced with fresh air for the subsequent compression stroke. The scavenging air enters the cylinder via inlet ports which are uncovered by the piston at bottom dead center (BDC). The exhaust gases are then displaced bythe fresh air entering the cylinder. The scavenging ports are cut...

  11. Comparative evaluation of a two stroke compressed natural gas mixer design using simulation and experimental techniques

    Ramasamy, D.; Bakar, R.A.; Rahim, M.F.; Noor, M.M. [Malaysia Pahang Univ., Pahang (Malaysia). Automotive Focus Group

    2008-07-01

    A study was conducted in which a two-stroke engine was converted for use with bi-fuel, notably compressed natural gas and gasoline. The excessive by-products generated by two-stroke engine combustion can be attributed to the inefficient combustion process. This prototype uniflow-type single-cylinder engine was equipped with a bi-fuel conversion system. A dedicated mixer was also developed to meter the gaseous fuel through the engine intake system. It was designed to meet air and fuel requirement similar to its gasoline counterpart. The mixer was modeled to obtain optimum orifice diameter using three different sizes of 14, 16 and 18 mm respectively. A standard computational fluid dynamics (CFD) software package was used to simulate the flow. A pressure reading was obtained during the prototype test. The drop in pressure across the venturi was shown to be an important parameter as it determined the actual fuel-air ratio in the actual engine. A good agreement of CFD outputs with that of the experimental outputs was recorded. The experimental technique validated the pressure distribution predicted by CFD means on the effects of the three insert rings in the CNG mixer. The simulation exercise can be used to predict the amount of CNG consumed by the engine. It was concluded that the 14 mm throat ring was best suited for the CNG mixer because it provided the best suction. Once the mixer is tested on a real engine, it will clear any doubts as to whether the throat can function at high engine speeds. 5 refs., 3 tabs., 8 figs.

  12. TO STUDY PERFORMANCE OF TWO STROKE ENGINE WITH MODIFIED INTAKE SYSTEM

    BISHAKHA

    2012-08-01

    Full Text Available The two stroke engine was developed to obtain a greater output from the same size of engine. The engine mechanism eliminates the valve arrangement making it mechanically simpler. Theoretically a two stroke engine develops twice the power of a comparable four stroke engine, thus making it more compact. Getting air into an engine is the key to making power and there are many ways to increase the air flow into the engine. There are such forced induction, nitrous system, better port and valve shapes to improve flow. But for this study the technique that has been selected were the better port size. The claims that this where the harnessing the inertia of the airs velocity to better fill the cylinders. Modification in intake port is made. Also use of different fuel metering jets is used for different A/F mixtures. At various throttle positions and with torque and speed as input,performance parameters of engine are calculated. Based on the results various performance curves are plotted. The objective of the project is to determine how much power improvement with the modification in intake system in compared to the original intake system. Modification to the engine without additional system attach tothe engine operation were the best solution to have an optimum engine operation in term of torque and horsepower. To optimize the power and intake port flow produce by the engine modification were through avery limited value. The value is limited due to the restricted area of the engine production by the manufacturer.Hence modification must be planned carefully as over modification of the inlet port can end up with a device slower than its stock counterpart.

  13. Status report on the two-stroke engine as a means of driving passenger cars. Part 1. The two-stroke diesel engine; Standortbestimmung des Zweitaktmotors als Pkw-Antrieb. Teil 1. Zweitaktdieselmotor

    Meinig, U. [Freudenberg KG, Weinheim (Germany)

    2001-08-01

    Despite its stable market position as a drive mechanism for portable tools, two-wheeled vehicles, jet skis, snowmobiles, light aircraft, motor boats, large cargo ships and tankers, the two-stroke engine is no longer a significant drive mechanism for passenger cars. In the early 1990s, the two-stroke engine was often expected to make a comeback in this market segment. However, this renaissance failed to materialise. The following four-part article concentrates on the reasons, and explains, compares and evaluates amongst other things the important design features and characteristics of two-stroke engines in the light of recent developments. Furthermore, it discusses the prospects and main development areas for passenger car two-stroke engines. (orig.) [German] Trotz einer stabilen Marktposition der Antriebe fuer kleine Arbeitsgeraete und Zweiraeder, fuer Jet-Ski, Snowmobile, UL-Flugzeuge und Motorboote sowie grosse Frachtschiffe und Tanker ist der Anteil von Zweitaktmotoren als Pkw-Antrieb bis zur Bedeutungslosigkeit abgesunken. Eine zu Beginn der 90er Jahre vielfach prognostizierte Renaissance des Zweitaktmotors in diesem Marktsegment ist zunaechst ausgeblieben. Der vorliegende vierteilige Beitrag, der in dieser und in den drei folgenden MTZ-Ausgaben erscheint, befasst sich mit den Gruenden hierfuer, er erlaeutert, vergleicht und bewertet unter anderem anhand neuerer Entwicklungen wichtige konzeptionelle Merkmale und Besonderheiten von Zweitaktmotoren und zeigt Perspektiven und Entwicklungsschwerpunkte von Pkw-Zweitaktmotoren. (orig.)

  14. Status report on the two-stroke engine as a powertrain for passenger cars. Part 3. Two-stroke SI engine; Standortbestimmung des Zweitaktmotors als Pkw-Antrieb. Teil 3. Zweitaktottomotor

    Meinig, U. [Freudenberg Spezialdichtungsprodukte KG, Weinheim (Germany)

    2001-10-01

    The drive mechanism market for portable tools, two-wheeled vehicles, jet skis, snowmobiles, light aircraft and motor boats is dominated by the two-stroke spark-ignition (SI) engine. However, as a result of increasing demands in terms of emissions, fuel consumption and service life, the two-stroke SI engine has become an insignificant drive mechanism for passenger cars. In the early 1990s, production of two-stroke SI engines for passenger cars stopped in Europe. Almost at the same time, several publications produced by different developers and car manufacturers began discussing the two-stroke engine as a suitable alternative to the four-stroke engine for passenger cars. Parts three and four of this article will compare the design features of the working process and the structure of two-stroke SI engines, as well as examining the status of development using recent drive concepts and illustrating important development aspects and prospects in the form of an outlook. (orig.) [German] Der Markt von Antrieben fuer kleine Arbeitsgeraete und Zweiraeder, Jetski, Snowmobile, UL-Flugzeuge und Motorboote wird von Zweitaktottomotoren beherrscht. Demgegenueber ist der Anteil von Zweitaktottomotoren als Pkw-Antrieb, vor allem vor dem Hintergrund steigenden Anforderungen bezueglich Emission, Kraftstoffverbrauch und Lebensdauer, bis zur Bedeutungslosigkeit abgesunken. Annaehernd zeitgleich mit der Einstellung der Produktion der letzten europaeischen Pkw-Zweitaktottomotoren Anfang der neunziger Jahre haben Publikationen verschiedener Entwickler und Automobilhersteller den Zweitaktmotor im Pkw als Alternative zum Viertaktmotor wieder in die Diskussion gebracht. Teil 3 und 4 des Beitrags befassen sich vergleichend mit den konzeptionellen Merkmalen des Arbeitsprozesses und der Gestaltung von Zweitaktottomotoren, beleuchten den Stand der Entwicklung anhand von aktuellen Antriebskonzepten und zeigen Entwicklungsschwerpunkte und Perspektiven auf. (orig.)

  15. Modeling the Distribution of Sulfur Compounds in a Large Two Stroke Diesel Engine

    Cordtz, Rasmus Lage; Schramm, Jesper; Andreasen, Anders; Eskildsen, Svend S.; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    SO2 from which a fraction is further oxidized to SO3. SO3 may combine with H2O and condense as liquid sulfuric acid that promotes corrosive wear on e.g. cylinder liners. To extend engine lifetime and reduce costs for lubrication it is pivotal to identify formation of SO3 with respect to operational......In many years large low speed marine diesel engines have consumed heavy fuel oils with sulfur contents in the order of 2.5 - 4.5wt%. Present legislations require that the fuel sulfur is reduced and in near future the limit will be 0.5wt% globally. During combustion most of the sulfur is oxidized to...... conditions and sulfur feed. This work presents a computational model of a large low speed two-stroke diesel engine where a 0D multi-zone approach including a detailed reaction mechanism is employed in order to investigate in cylinder formation of gaseous SO3 where fuel injection rates are determined using...

  16. A methodology for laser diagnostics in large-bore marine two-stroke diesel engines

    Large two-stroke diesel engines for marine propulsion offer several challenges to successful implementation of the laser diagnostic techniques applied extensively in smaller automotive engines. For this purpose a fully operational large-bore engine has been modified to allow flexible optical access, through 24 optical ports with clear diameters of 40 mm. By mounting the entire optical set-up directly to the engine, effects of the vigorous vibrations and thermal drifts on alignment can be minimized. Wide-angle observation and illumination, as well as relatively large aperture detection, is made possible through mounting of optical modules and relays inside optical ports. This allows positioning of the last optical element within 10 mm from the cylinder wall. Finally, the implementation on a multi-cylinder engine allows for flexible and independent operation of the optically accessible cylinder for testing purposes. The performance of the integrated optical engine and imaging system developed is demonstrated through laser Mie scattering imaging of fuel jet structures, from which information on liquid penetration and spray angles can be deduced. Double pulse laser-sheet imaging of native in-cylinder structures is also demonstrated, for the purpose of velocimetry. (paper)

  17. Numerical investigation of a scavenging flow in a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Oliver, P.; Ciccarelli, G. [Queen' s Univ., Kingston, ON (Canada). Dept. of Mechanical and Materials Engineering

    2006-07-01

    A numerical model has been developed for an innovative uniflow-scavenged, two-stroke engine with complex air flow through a series of check valves found in the cylinder head. Various two-equation turbulence models were investigated using Fluent 6.2. Enhanced wall treatments were considered since the flow through the cylinder head involves complex wall-bounded geometry. A numerical model was used to simulate the airflow through the cylinder head and the performance of the computational fluid dynamics model was verified against experimental data gathered downstream of the cylinder head. Meshes containing nearly 1.2 million cells were used to evaluate the turbulence models quantitatively using the flow coefficient, and qualitatively by examining the size of the predicted recirculation regions. All turbulence models revealed that the effects of the recirculation zone is negligible at four diameters downstream of the constriction. The most robust and cost-effective turbulence model for high-RE internal flows was found to be the standard {kappa}-{epsilon}e model. 13 refs., 1 tab., 7 figs.

  18. Scavenging processes in high speed two-stroke engines studied with laser diagnostics

    Ekenberg, M.

    1998-12-31

    The major problem with the carburetted two-stroke engine is the short-circuiting of fuel that occurs during the scavenging phase. This leads to large emissions of unburned hydrocarbons. The object of this thesis has been to map the flow behaviour in the cylinder during the scavenging phase, and to detect differences between different cylinder designs. The measurement techniques used has been Laser Doppler Velocimetry (LDV), Laser Induced Fluorescence (LIF) and Laser Sheet Droplet Illumination (LSDI). Of these measurement methods, LDV and LSDI has been used inside the cylinder. LIF was used outside the exhaust port. All measurements were performed in engines running at their rated speeds, 9000 rpm for three of the designs and 5800 rpm for one design. All engines were run at full load with combustion. The LDV measurements inside the cylinder show that cylinders with cup handle transfer channels have a flow pattern inside the cylinder that gives less short-circuiting, and hence less emissions of hydrocarbons, than the cylinder with open transfer channels has. The LIF measurements outside the exhaust port show that the HC emissions that are caused by short-circuiting comes earlier in the scavenging phase for the cylinder with open transfer channels than is the case for the cylinders with cup handle transfer channels. The LSDI measurements in the cylinder give the transfer channel flow angle, for the cylinders with cup handle transfer channels. For the cylinder with open transfer channels, the results are not as useful; fuel droplet vaporization close to the exhaust port ruins the results 35 refs, 43 figs

  19. Analysis of Two Stroke Marine Diesel Engine Operation Including Turbocharger Cut-Out by Using a Zero-Dimensional Model

    Cong Guan; Gerasimos Theotokatos; Hui Chen

    2015-01-01

    In this article, the operation of a large two-stroke marine diesel engine including various cases with turbocharger cut-out was thoroughly investigated by using a modular zero-dimensional engine model built in MATLAB/Simulink environment. The model was developed by using as a basis an in-house modular mean value engine model, in which the existing cylinder block was replaced by a more detailed one that is capable of representing the scavenging ports-cylinder-exhaust valve processes. Simulatio...

  20. INFLUENCE OF THE MIXING METHOD ON THE INDICATOR AND EFFECTIVE EFFICIENCY OF THE TWO-STROKE ENGINE

    V. Korohodskyi

    2015-12-01

    Full Text Available Dependences on the definition of the indicator and effective efficiency of the ICE, taking into account the fuel that is not involved in the combustion process are offered. The transition from the external to the internal mixture formation in the two-stroke engine with spark ignition has allowed at modes of load characteristic when n = 3,000 min-1 to increase the effective efficiency by 45–58 % due to the increase of the indicator efficiency by 28–52 %, and by eliminating the losses of fuel during cylinder purging (14–26 %.

  1. STEADY STATE PERFORMANCES ANALYSIS OF MODERN MARINE TWO-STROKE LOW SPEED DIESEL ENGINE USING MLP NEURAL NETWORK MODEL

    Ozren Bukovac

    2016-01-01

    Full Text Available Compared to the other marine engines for ship propulsion, turbocharged two-stroke low speed diesel engines have advantages due to their high efficiency and reliability. Modern low speed ”intelligent” marine diesel engines have a flexibility in its operation due to the variable fuel injection strategy and management of the exhaust valve drive. This paper carried out verified zerodimensional numerical simulations which have been used for MLP (Multilayer Perceptron neural network predictions of marine two-stroke low speed diesel engine steady state performances. The developed MLP neural network was used for marine engine optimized operation control. The paper presents an example of achieving lowest specific fuel consumption and for minimization of the cylinder process highest temperature for reducing NOx emission. Also, the developed neural network was used to achieve optimal exhaust gases heat flow for utilization. The obtained data maps give insight into the optimal working areas of simulated marine diesel engine, depending on the selected start of the fuel injection (SOI and the time of the exhaust valve opening (EVO.

  2. Numerical analysis of the scavenge flow and convective heat transfer in large two-stroke marine diesel engines

    Sigurdsson, Eythor; Ingvorsen, Kristian Mark; Jensen, Michael Vincent;

    2014-01-01

    A novel computational fluid dynamics (CFD) model is presented for the study of the scavenging processand convective heat transfer in a large two-stroke low-speed uniflow-scavenged marine diesel engine.The engine is modeled using a fully resolved 12 sector, corresponding to one scavenge port, with....... Theimposed experimental data includes time histories of the pressure difference across the engine and theheat release during combustion. The model is validated by a numerical sensitivity analysis and througha comparison of model predictions and experimental data, which shows a good agreement. The resultsshow...... an effective scavenging and a low convective heat loss in agreement with experimental data forlarge marine diesel engines.© 2014 Elsevier Ltd. All rights reserved....

  3. Investigation of Different Piston Ring Curvatures on Lubricant Transport along Cylinder Liner in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Overgaard, Hannibal Christian; Klit, Peder; Vølund, Anders

    2016-01-01

    A theoretical investigation of the hydrodynamic lubrication of the top compression piston ring in a large two-stroke marine diesel engine is presented. The groove mounted piston ring is driven by the reciprocal motion of the piston. The ring shape follows a circular geometry and the effect of...... changes in radii is analysed. A numerical model based on the finite difference method in 1D has been developed for solving Reynold’s equation in combination with the load equilibrium equation together with flow continuity between the piston ring surface and liner for analysis of the lubricant transport....... The cyclic variation throughout one stroke is presented for the minimum film thicknesses at different interesting locations of the piston ring surface together with the friction and the pressure distribution history. The before mentioned parameters have been investigated numerically. The numerical...

  4. An Investigation on the Influence of Root Defects on the Fatigue Life of the Welded Structure of a Large Two-Stroke Diesel Engine

    Hansen, Anders V.; Olesen, John Forbes; Agerskov, Henning

    2004-01-01

    The crankshaft housings of large two-stroke diesel engines are welded structures subjected to constant amplitude loading and designed for infinite life at full design load. A new design of the so-called frame box has been introduced in the engine using butt welded joints of thick plates, welded f...

  5. COMPARISON STUDY ON PERFORMANCE AND EMISSIONS CHARACTERISTICS OF LPG AND GASOLINE IN A TWO STROKE SI ENGINE

    V. GOPALAKRISHNAN

    2014-12-01

    Full Text Available In this work a single cylinder two stroke three wheeler SI engine (199.3cc, 6.2 kW and 4500 rpm was used for the test. The engine manifold was altered to run in LPG mode. The gas carburetor was used here to mix the air and LPG thoroughly. Initially the engine was operated with gasoline in carburetor mode for the constant speed of 3000 rpm at different load. Then the engine was operated with LPG mode at the same speed. The performance and emission parameters were compared with gasoline carburetion mode. The maximum brake thermal efficiency with LPG was 22.3% and that with gasoline was 20.3%. The engine could generally operate with lean mixtures with LPG due to its good mixture formation capability. The brake specific fuel consumption decreased for LPG compared to gasoline. The HC and CO levels were lower considerably at LPG mode compared to gasoline operation. High NO and exhaust gas temperature levels were the main problems with LPG.

  6. Analysis of Two Stroke Marine Diesel Engine Operation Including Turbocharger Cut-Out by Using a Zero-Dimensional Model

    Cong Guan

    2015-06-01

    Full Text Available In this article, the operation of a large two-stroke marine diesel engine including various cases with turbocharger cut-out was thoroughly investigated by using a modular zero-dimensional engine model built in MATLAB/Simulink environment. The model was developed by using as a basis an in-house modular mean value engine model, in which the existing cylinder block was replaced by a more detailed one that is capable of representing the scavenging ports-cylinder-exhaust valve processes. Simulation of the engine operation at steady state conditions was performed and the derived engine performance parameters were compared with the respective values obtained by the engine shop trials. The investigation of engine operation under turbocharger cut-out conditions in the region from 10% to 50% load was carried out and the influence of turbocharger cut-out on engine performance including the in-cylinder parameters was comprehensively studied. The recommended schedule for the combination of the turbocharger cut-out and blower activation was discussed for the engine operation under part load conditions. Finally, the influence of engine operating strategies on the annual fuel savings, CO2 emissions reduction and blower operating hours for a Panamax container ship operating at slow steaming conditions is presented and discussed.

  7. Combustion Characteristics and Emission of a Two-Stroke Compression Ignition Engine with Two-Stage Injection

    SONG Jun; L(U) Xing-cai; LI Xiao-lu; HUANG Zhen

    2007-01-01

    In order to study the effect of two-stage injection on two-stroke diesel engines, a well characterized research engine equipped with electronically controlled common rail system and scavenging system was constructed. Through analysis of combustion and emissions, two-stage injection shows its advantages. Compared with the standard injection, it produces less emissions, while compared with single early injection, it expands engine operation range. Further experiments were carried out to study the influence of several injection control parameters on two-stage injection. The fuel in the first injection is used for forming homogeneous mixture. The fuel in the second injection keeps combustion, and it is the main source of smoke emissions. NOx is formed in both combustion process caused by these two injections, and there is an optimum fuel allocation ration to produce minimum NOx. The cylinder pressure decreases, and the combustion is depressed with the increasing of scavenging pressure. By optimizing the injection control parameters of two-stage injection, NOx and smoke can be reduced beyond 30% simultaneously.

  8. Measurement and analysis of instantaneous torque and angular velocity variations of a low speed two stroke diesel engine

    Jiménez Espadafor, Francisco J.; A. Becerra Villanueva, José; Palomo Guerrero, Daniel; Torres García, Miguel; Carvajal Trujillo, Elisa; Fernández Vacas, Francisco

    2014-12-01

    This paper presents an investigation into the potential of using direct measurement of engine torque for diagnostic purposes in large engines - in this case applied to power generation. The procedures for measuring and analyzing the instantaneous torque, the angular displacement on the generator output end and the angular displacement on its free end for a ten-cylinder, low speed two stroke diesel engine are presented. Angular speed oscillations are frequently used for combustion engine diagnostics although they cannot be used to measure engine power directly. In addition, and for engines with huge inertia generators such as those used in power plants, speed oscillations are very low and this reduces the signal to noise ratio and makes the evaluation of the instantaneous angular speed very noisy. In the work described here, torque and angular displacement measurements carried out at the same point and with the same engine conditions are compared and the superior performance of torque is demonstrated. Harmonic analysis of instantaneous torque allowed the identification of the dynamic characteristics of the power train of the diesel group and clearly suggests that this signal can be used as a diagnostic tool for excitation, combustion malfunctions, or for the mechanical characteristics of the system and crankshaft stiffness. The torque distortion introduced by the generator due to the discontinuity imposed by the pole pairs is also observed in the torque signal, suggesting that the torque signal can be used to identify generator malfunction.

  9. Effect of support on a catalytic converter for removing CO and HC emissions from a two-stroke motorcycle

    Lee, C.H.; Chen, Y.W. [National Central Univ., Chungli (Taiwan, Province of China). Dept. of Chemical Engineering

    1997-12-01

    The effect of support on the noble metal catalysts for carbon monoxide and hydrocarbon oxidation was investigated. The reactions were performed under the stoichiometric and oxygen-deficient conditions. Under the stoichiometric point, the activities of the powder catalysts for CO and C{sub 3}H{sub 6} oxidation are in the order Pt/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3} > Pt/Al{sub 2}O{sub 3} > Pt/Al{sub 2}O{sub 3}-SiO{sub 2}, that is, the same as the order of basicity of these catalysts. Under an oxygen-deficient condition, Pt supported on an acidic support, Al{sub 2}O{sub 3}-SiO{sub 2}, exhibits the higher C{sub 3}H{sub 6} conversion and the higher activity for the steam re-forming reaction. In contrast, Pt supported on a basic support, K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}, exhibits the higher CO conversion and the higher activity for the water-gas shift reaction. The order of activity of the powder catalysts for the water-gas shift reaction is the same as the order of basicity of these catalysts. On the other hand, the testing results of the monolithic PtRh-containing catalysts by the simulative gases and the ECE-40 mode driving cycle also reveal the same trend as that of the Pt powder catalysts. Furthermore, the addition of K{sub 2}O on PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} not only increases the basicity of the catalyst but also significantly reduces the CO emission under the ECE-40 mode driving cycle test. Therefore, K{sub 2}O could be a promising additive to a catalytic converter of a two-stroke motorcycle since it can significantly enhance CO conversion.

  10. Termofluidodinamica di un Getto di Litio

    Nitti, Francesco Saverio

    2010-01-01

    Calcolo della superficie curvilinea di scorrimento di un getto di litio in maniera che la pressione lungo il getto vari in maniera lineare. Formulazione di un codice di calcolo per la determinazione delle diverse possibili superfici. Studio termofluidodinamico del getto con codici CFD. Accoppiamento tra codici di sistema e codici CFD. Valutazioni delle condizioni di Incipient Boiling per il litio.

  11. Comparative Studies on Performance Parameters and Exhaust Emissions from Two Stroke Copper Coated Spark Ignition Engine with Alcohol Blended Gasoline with Catalytic Converter

    S. Narasimha Kumar*1; M.V.S. Murali Krishna; P.V.K.Murthy

    2014-01-01

    Experiments were conducted to evaluate the performance and control the exhaust emissions from two-stroke, single cylinder, spark ignition (SI) engine, with alcohol blended gasoline (80% gasoline, 10% methanol, 10% ethanol by volume) having copper coated combustion chamber [CCCC, copper-(thickness, 300 µ) coated on piston crown, inner side of cylinder head] provided with catalytic converter with sponge iron as catalyst and compared with conventional SI engine (CE) with pure gas...

  12. Investigations on combustion of direct injection two-stroke engines; Untersuchungen zur Verbrennung beim direkteinspritzenden Zweitakt-Ottomotor

    Baecker, H. [Lehrstuhl fuer Angewandte Thermodynamik, Technische Hochschule Aachen (Germany); Hild, O. [Lehrstuhl fuer Angewandte Thermodynamik, Technische Hochschule Aachen (Germany); Spiegel, L. [FEV Motorentechnik GmbH und Co. KG, Aachen (Germany); Alt, N. [FEV Motorentechnik GmbH und Co. KG, Aachen (Germany)

    1994-10-01

    Considering the increasing ecological problems by the combustion of fossil sources in vehicles the manufacturers are searching for an alternative to the almost used four-stroke-engine. The presented investigations deal with the adaptation of an air-assisted direct injection system at a conventional two-stroke-engine. To get information about the different influences a variation of air/fuel-ratio, start of injection (SOI) and load has been done. Furthermore a fractional disconnection of transfer ports and different positions of spark plug and injection valve have been investigated. The main results may be summarized as follows: - The best delivered relative air/fuel-ratio for this engine concerning fuel consumption and low exhaust gas pollutants is about 1.4. - A fractional transfer port deactivation at low loads to achieve a better running behaviour does not show the expected advantages but should be avoided. - To optimize fuel consumption and exhaust gas emissions a retarded SOI at high loads and an advanced SOI at low loads are necessary. - The spark plug should be mounted central to the bore. And the best results concerning fuel consumption and exhaust gas pollutants are given by an injection valve which is mounted downstream of scavenging flow orientation. - The flame propagation measured by a so-called multioptical fiber technique shows an influence of scavenging on flame center position at each load. (orig.) [Deutsch] Vor dem Hintergrund wachsender oekologischer Probleme aufgrund der Verbrennung fossiler Energietraeger in Fahrzeugen suchen die Fahrzeughersteller insbesondere fuer kleine Fahrzeuge in letzter Zeit nach Alternativen zum bislang weitgehend im Einsatz befindlichen Viertaktmotor. Die vorliegenden Untersuchungen befassen sich mit der Adaption eines luftunterstuetzen Niederdruck-Direkteinspritzsystems an einen konventionellen Zweitakt-Ottomotor mit Kurbelgehaeusespuelung. Der Motor wurde zur Beurteilung der unterschiedlichen Einfluesse unter

  13. Experimental investigation of the influence of internal and external EGR on the combustion characteristics of a controlled auto-ignition two-stroke cycle engine

    Highlights: • Investigate the effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on a CAI 2-stroke engine. • Effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on combustion phasing of the engine. • Effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on cyclic variability of the engine. • Identify the CAI combustion upper and lower boundary for operating regions. - Abstract: A two-stroke cycle engine incorporated with a controlled auto-ignition combustion approach presents a high thermodynamic efficiency, ultra-low exhaust emissions and high power-to-weight ratio features for future demand of prime movers. The start of auto-ignition, control of the auto-ignition and its cyclic variability, are major concerns that should be addressed in the combustion timing control of controlled auto-ignition engines. Several studies have been performed to examine the effect of internal exhaust gas recirculation utilization on auto-ignited two-stroke cycle engines. However, far too little attention has been devoted to study on the influence of external exhaust gas recirculation on the cyclic variation and the combustion characteristics of controlled auto-ignition two-stroke cycle engines. The purpose of this study is to examine the influence of external exhaust gas recirculation in combination with internal exhaust gas recirculation on the combustion characteristics and the cyclic variability of a controlled auto-ignition two-stroke engine using fuel with different octane numbers. In a detailed experimental investigation, the combustion-related and pressure-related parameters of the engine are examined and statistically associated with the coefficient of variation and the standard deviation. The outcomes of the investigation indicates that the most influential controlled auto-ignition combustion phasing parameters can be managed appropriately via regulating the internal and external exhaust gas recirculation and fuel octane number. In general, start of auto-ignition and its cyclic variability are

  14. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplfied model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, Sajjad; Schnipper, Teis; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore; Mayer, S

    2011-01-01

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500. The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the ...

  15. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplfied model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, Sajjad; Schnipper, Teis; Meyer, Knud Erik;

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500....... The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the piston is at bottom-dead-center. In absence of an exhaust valve the overall axial velocity profile is...... wake-like and flow reversal is observed on the cylinder axis, close to the inlet. Downstream, the flow reversal disappears and instead a localized jet develops. The corresponding tangential velocity profiles show a concentrated vortex with decreasing width along the downstream direction. By placing a...

  16. Construction of a Direct Water-Injected Two-Stroke Engine for Phased Direct Fuel Injection-High Pressure Charging Investigations

    Somsel, James P.

    1998-01-01

    The development of a water injected Orbital Combustion Process (OCP) engine was conducted to assess the viability of using the powerplant for high altitude NASA aircraft and General Aviation (GA) applications. An OCP direct fuel injected, 1.2 liter, three cylinder, two-stroke engine has been enhanced to independently inject water directly into the combustion chamber. The engine currently demonstrates low brake specific fuel consumption capability and an excellent power to weight ratio. With direct water injection, significant improvements can be made to engine power, to knock limits/ignition advance timing, and to engine NO(x) emissions. The principal aim of the testing was to validate a cyclic model developed by the Systems Analysis Branch at NASA Ames Research Center. The work is a continuation of Ames' investigations into a Phased Direct Fuel Injection Engine with High Pressure Charging (PDFI-ITPC).

  17. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2006-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato.Giusi BarbarottoL'immagine dei sovrani angioini di Napoli da Carlo I a Roberto (XIII-XIV secolo: propaganda e percezione della dinastia, Tesi di Dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Marta L. Mangini "Reformetur et fiat collegium unum notariorum civitatis et episcopatus Cumarum". Notariato e documento notarile nell'antica diocesi di Como (secc. XIV ex.-XVI in., Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Milano, 2005 Nicola Montesano Gli insediamenti giovanniti nel Mezzogiorno d'Italia dalle origini al XVI secolo. Il Priorato di Barletta, Tesi di ottorato di ricerca in Storia del Mezzogiorno e dell'Europa Mediterranea dal Medioevo all'Età Contemporanea, Università degli Studi della Basilicata, 2005 Caterina OrlandoNobiltà urbana, ceti mercantili e governo cittadino a Siracusa in età aragonese (1282-1410, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Marcello PacificoFederico II e il regno di Gerusalemme. Oriente e Occidente a confronto nella prima metà del XIII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Maria Elisa SoldaniUomini d'affari e mercanti toscani a Barcellona nel XV secolo. Contributo alla storia del Mediterraneo bassomedievale, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni società, religioni dal tardo-antico alla fine del Medioevo,Università degli Studi di Torino, 2006 Elvira VittozziMicheletto degli Attendoli condottiero nella guerra angioino-aragonese di Napoli (1435-1439, Tesi di dottorato di ricerca in Storia, Università di Napoli "Federico II", 2006

  18. Proposta di utilizzo di metodologie termografiche per il controllo di qualità di componenti meccanici

    Roberto D’Andrea

    2010-04-01

    Full Text Available In base all’esperienza maturata in anni di sperimentazione sull’analisi delle caratteristiche meccaniche dei materiali mediante indagine termografica, nel presente lavoro è proposta una procedura per il controllo di qualità di componenti meccanici in linea di produzione, che è già stata argomento di brevetto. Lo sviluppo di questo lavoro si colloca nell’ambito del progetto FIRB Smart Reflex “Sistemi di produzione intelligenti, flessibili e riconfigurabili”. L’attività svolta dal DIIM riguarda il controllo avanzato dell’affidabilità di componenti meccanici per l’industria automobilistica. Viene proposta, quindi, la realizzazione di una cella di controllo in linea di produzione capace di valutare la presenza di eventuali componenti difettosi attraverso l’analisi termica degli stessi, sollecitati secondo un modello predefinito. L’attività, svolta in questa prima fase in laboratorio, è facilmente trasferibile in linea di produzione, considerando la possibilità di realizzare celle di prova in ambiente controllato, con condizioni praticamente identiche a quelle di laboratorio, eliminando gli effetti di disturbo che possono influenzare la risposta dell’indagine termografica in ambiente non strutturato.

  19. Effect of K{sub 2}O on a Pd-containing catalytic converter for removing CO and HC emissions from a two-stroke motorcycle

    Lee, C.H.; Chen, Y.W. [National Central Univ., Chung-Li (Taiwan, Province of China). Dept. of Chemical Engineering

    1998-04-01

    Noble metals (Pt, Pd, and Rh) supported on Al{sub 2}O{sub 3}, K{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, and K{sub 2}O/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} were prepared and characterized with respect to surface area, pore volume, and temperature-programmed desorption of CO{sub 2}. The effects of K{sub 2}O on the noble-metal catalysts for carbon monoxide and hydrocarbon oxidation were investigated. The reactions were carried out under the stoichiometric and oxygen-deficient conditions. Under the stoichiometric point, the Pd-containing catalysts exhibit higher activity than the Pt-containing catalysts for both CO and C{sub 3}H{sub 6} oxidation. Moreover, Pd/K{sub 2}O/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} is the most active catalyst among the powder catalysts in this study. Under the oxygen-deficient conditions and in the presence of water, the CO conversions on Pd/Al{sub 2}O{sub 3} and Pd/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} are significantly lower than those on Pt/Al{sub 2}O{sub 3} and Pt/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, respectively. In contrast, the Pd-containing catalysts exhibit higher C{sub 3}H{sub 6} conversion than the Pt-containing catalysts. However, the CO conversions on the Pd-containing catalysts can be promoted by the addition of K{sub 2}O. On the other hand, the test results of the monolithic catalysts revealed that the CO conversion on PdRh/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}--CeO{sub 2} is quite close to that on PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} under the simulative gases and the ECE-40 mode driving cycle test. PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} is the typical composition of catalytic converters for two-stroke motorcycles. It infers that PdRh/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} is a promising catalytic converter for a two-stroke motorcycle.

  20. Conversion of a micro, glow-ignition, two-stroke engine from nitromethane-methanol blend fuel to military jet propellant (JP-8)

    Wiegand, Andrew L.

    The goal of the thesis "Conversion of a Micro, Glow-Ignition, Two-Stroke Engine from Nitromethane-Methanol Blend Fuel to Military Jet Propellant (JP-8)" was to demonstrate the ability to operate a small engine on JP-8 and was completed in two phases. The first phase included choosing, developing a test stand for, and baseline testing a nitromethane-methanol-fueled engine. The chosen engine was an 11.5 cc, glow-ignition, two-stroke engine designed for remote-controlled helicopters. A micro engine test stand was developed to load and motor the engine. Instrumentation specific to the low flow rates and high speeds of the micro engine was developed and used to document engine behavior. The second phase included converting the engine to operate on JP-8, completing JP-8-fueled steady-state testing, and comparing the performance of the JP-8-fueled engine to the nitromethane-methanol-fueled engine. The conversion was accomplished through a novel crankcase heating method; by heating the crankcase for an extended period of time, a flammable fuel-air mixture was generated in the crankcase scavenged engine, which greatly improved starting times. To aid in starting and steady-state operation, yttrium-zirconia impregnated resin (i.e. ceramic coating) was applied to the combustion surfaces. This also improved the starting times of the JP-8-fueled engine and ultimately allowed for a 34-second starting time. Finally, the steady-state data from both the nitromethane-methanol and JP-8-fueled micro engine were compared. The JP-8-fueled engine showed signs of increased engine friction while having higher indicated fuel conversion efficiency and a higher overall system efficiency. The minimal ability of JP-8 to cool the engine via evaporative effects, however, created the necessity of increased cooling air flow. The conclusion reached was that JP-8-fueled micro engines could be viable in application, but not without additional research being conducted on combustion phenomenon and

  1. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato.Massimo Della Misericordia Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003   Mariano Dell’Omo Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004   Giulia Lorenzoni Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Federica MonteleoneIl viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo   Francesca Pucci Donati Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004 Alberto Ricciardi L’Epistolario di Lupo di Ferrières come fonte per la storia degli intellettuali nell’età di Carlo il Calvo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XV ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Francesco Paolo Terlizzi I trattati dell'Anonimo Normanno: ricerche di ecclesiologia

  2. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2005-12-01

    Tra Riforma, vescovo e clientes. Camaldoli e le società locali (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 [09/05] Giuseppe Gardoni "Episcopus et potestas". Vescovi e società a Mantova nella prima metà del Duecento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia del Cristianesimo e delle Chiese (antichità, medioevo, età moderna, Università degli Studi di Padova, 2005 Nicola Mancassola La gestione delle campagne tra Langobardia e Romània in età carolingia e post carolingia. La struttura delle aziende fondiarie in Emilia e Romagna, Tesi di dottorato in Storia Medievale, Università degli Studi di Bologna, 2005 Gloria Papaccio Storia e archeologia degli opifici idraulici in Val di Pesa. La Badia di Passignano e i suoi mulini (XI-XIV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 Adelaide Ricci La città e il suo ospedale: assetti urbani, dinamiche sociali e organizzazione del sistema caritativo-assistenziale a Cremona nel XV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli studi di Torino, 2005 Luca Sant'Ambrogio Il borgo di Treviglio nel secondo Quattrocento: istituzioni e società, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli Studi di Milano, 2005 Elisabetta Scarton Giovanni Lanfredini. Uomo d'affari e diplomatico nell'Italia del Quattrocento, Tesi di dottorato in Storia della società europea, Università degli Studi di Napoli "Federico II", 2005

  3. Effects of Scavenging System Configuration on In-Cylinder Air Flow Organization of an Opposed-Piston Two-Stroke Engine

    Fukang Ma

    2015-06-01

    Full Text Available In-cylinder air flow is very important from the point of view of mixture formation and combustion. In this direction, intake chamber structure and piston crown shape play a very crucial role for in-cylinder air pattern of opposed-piston two-stroke (OP2S engines. This study is concerned with the three-dimensional (3D computational fluid dynamics (CFD analysis of in-cylinder air motion coupled with the comparison of predicted results with the zero-dimensional (0D parametric model. Three configurations viz., a flat piston uniform scavenging chamber, a flat piston non-uniform scavenging chamber and a pit piston non-uniform scavenging chamber have been studied. 0D model analysis of in-cylinder air flow is consistent with 3D CFD simulation. It is concluded that a pit piston non-uniform scavenging chamber is the best design from the point of view of tumble ratio, turbulent kinetic energy and turbulent intensity, which play very important roles in imparting proper air motion. Meanwhile a flat piston uniform scavenging chamber can organize a higher swirl ratio and lower tumble ratio which is important to improve the scavenging process.

  4. Production of syngas and oil at biomass refinery and their application in low speed two stroke engines for combined cycle electric energy generation

    Pinatti, Daltro Garcia [Universidade do Sul de Santa Catarina (UNISUL), Tubarao, SC (Brazil)], E-mail: pinatti@demar.eel.usp.br; Oliveira, Isaias de; Ferreira, Joao Carlos; Romao, Erica Leonor [RM Materiais Refratarios Ltd., Lorena, SP (Brazil)], Emails: isaias@rm-gpc.com.br, joaocarlos@rm-gpc.com.br, ericaromao@rm-gpc.com.br; Conte, Rosa Ana [University of Sao Paulo (DEMAR/EEL/USP), SP (Brazil). Lorena School of Engineering. Dept. of Materials Engineering], E-mail: rosaconte@demar.eel.usp.br

    2009-07-01

    Low speed two stroke engines burn fuels of medium quality with high efficiency (47%) and allows a flexible use of oil (> 8% of total power) and syngas (< 92%, low heating value-LHV>11.2MJ/m{sup 3}). Biomass refinery (BR) generates oil from sludge and oleaginous biomass by low temperature conversion and syngas from lignocellulosic biomass treated by diluted acidic prehydrolysis. BR has low investment cost (US$1,500.00/kW) compared with hydroelectric plants (US$2,500.00/kW) and both generate electric energy with sales price below US$75.00/MWh. It allows distributed generation from 30 MW up to 170 MW or centralized power of 1 GW with six motor generator sets. BR matrix, mass and energy balance, fuels compositions, modulations and scope of supply will be presented. Besides electric energy BR can be tailored to supply other products such as ethanol, H{sub 2} for fuel cells, biodiesel, fertilizer recycling, char and simultaneously maximizes the production of animal protein. (author)

  5. Lezioni di Cosmologia Teorica

    Gasperini, Maurizio

    2012-01-01

    Il libro è basato sulle lezioni attualmente tenute dall'autore presso l’Università di Bari, ed è progettato in modo da rappresentare un testo di riferimento il più possibile moderno, completo e autosufficiente per i corsi semestrale di Cosmologia, Astrofisica o Fisica Astroparticellare che compaiono nel piano di studi della Laurea Magistrale in Fisica e in Astronomia. Contiene gli elementi di base della cosmologia relativistica, del modello cosmologico standard e del suo completamento inflazionario. E' organizzato per servire da traccia ad un corso di cosmologia di stampo teorico, ma cerca di non perdere mai di vista il confronto con i principali risultati osservativi: molta attenzione viene infatti dedicata alla fenomenologia dei fondi cosmici, e in particolare alla  radiazione gravitazionale fossile perché la sua rivelazione, diretta o indiretta, potrebbe dare indicazioni  cruciali sulla scelta del corretto modello per l'Universo primordiale. Non mancano infine alcuni accenni ad argomenti di inter...

  6. Retrodatazioni di viaggio

    Mario Piotti

    2013-01-01

    La letteratura di viaggio, in specie quella sette-ottocentesca, presenta, tra molteplici motivi di interesse, ricchi spunti di indagine anche per la storia della lingua e certamente non è il minore quello relativo agli aspetti lessicali. Nell’articolo non si intende dare una descrizione lessicale completa dei testi odeporici esaminati, ma più limitatamente si presenta una serie cospicua di retrodatazioni e datazioni di parole raccolte in quei testi e quindi ricercate, così allargando lo spet...

  7. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2010-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato. Andrea Brugnoli Una storia locale: l’organizzazione del territorio veronese nel medioevo: trasformazioni della realtà e schemi notarili (IX-metà XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Scienze Storiche e Antropologiche (XXII ciclo, Università degli Studi di Verona, 2010   Luca Filangieri Famiglie e gruppi dirigenti a Genova (secoli XII-metà XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XXII ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2010   Jakub Kujawi ski Wernakularna kolekcja historiograficzna z rękopisu francuskiego nr 688 z Biblioteki Narodowej w Paryżu. Studium źródłoznawcze (La raccolta dei volgarizzamenti delle opere storiografiche nel manoscritto francese 688 della Biblioteca Nazionale di Parigi, Tesi di dottorato, Università “Adam Mickiewicz”, Facoltà di Storia, Pozna, a.a. 2009/2010   Marta Longhi I signori “de Radicata”. Strategie di affermazione familiare e patrimoniale nel Piemonte dei secoli XII-XIV, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, Società, Religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo (XX ciclo, Università di Torino, 2008

  8. A review of technological approaches for reducing exhaust emissions from two-stroke cycle engine with in-cylinder injection system

    Huang, H.H.; Peng, Y.Y.; Chiang, W.L.

    1995-12-31

    From the investigations carried out in the two-stroke cycle engine with in-cylinder injection system, it was found that the level of hydrocarbon emissions from the engine was still too high if compared to that of an ordinary four-stroke cycle engine. For such high level of hydrocarbon emissions, it could be identified as coming from the mixture misfiring during the combustion process rather than the mixture short-circuiting during the scavenging process. The reasons for inducing the occurrence of mixture misfiring were also under investigation and could be further classified into five major categories: poor atomization of fuel spray, excessive amount of residual gas, instability of in-cylinder air flow, wall-wetting of the injected fuel spray and phenomena of secondary fuel injection. For assessing the effects of these technological approaches, the following statements could be drawn: (a) an air-assisted fuel injection system is to improve the fuel atomization; (b) the approach of skip injection control could effectively resolve the problem of mixture misfiring at idling, (c) through the control of the in-cylinder air flow by using a exhaust charge control valve, the irregularity of combustion could be substantially improved through the light load range; (d) increasing the temperature of the combustion chamber seems to be a necessary technology approach in order to assist the evaporation of wall-wetted fuel in the light load range; (e) while the design modification of injection nozzle is to resolve the problem of the secondary injection which is usually associated with the air-assisted injection system, especially at higher loads.

  9. Attività di gestione patrimoniale di una società di gestione del risparmio

    Asic, Viktor

    2011-01-01

    Riassunto della tesi di dottorato Titolo: “Attività di gestione patrimoniale di una società di gestione del risparmio” Le società di gestione di risparmio costituiscono il “new vehicle” orientato alla gestione per conto di terzi di portafogli mobiliari. Note con l’acronimo di SGR, le società in questione rappresentano un intermediario finanziario che negli ultimi anni ha assunto notevole importanza grazie ai progressi e alle prospettive offerti dalla nuova normativa che disciplina ...

  10. Laboratorio di Cartografia Archeologica di Roma

    Redazione Redazione

    2007-03-01

    Full Text Available Il Laboratorio di Cartografia Archeologica nasce per Roma e nei suoi meandri, per così dire, si nasconde. Situato al 28 di via del Monte Testaccio, in quella che la notte diventa la protagonista della vita notturna della Capitale, il Laboratorio passerebbe inosservato se non fosse per la porticina chereca impressa la sua targa. Oltrepassata la soglia, però, quelloche si incontra è un gigantesco mondo di materiale cartografico e di informazioni dedicate alla vasto patrimonio archeologico (ma non solo che caratterizza Roma.

  11. Taratura di un 'apparecchiatura per misura di piccole percentuali di uranio in soluzione acida di acqua distillata

    d. Diana

    1965-06-01

    Full Text Available Si descrive una tecnica elio permette di misurare ilnumero di atomi di Uranio di una soluzione, con un errore non superioreal 10%.Il sistema consiste in un tubo di Geiger (Philips 18503 sistemato inun contenitore di vetro nel quale viene diluita una certa quantità di peso dinitrato di Uranile, misurato con una precisione migliore dell'1%. Al variaredella diluizione si registra il numero di particelle che il Geiger conta, e quindisi riporta in grafico. Da questi per diverse quantità di sale sciolto si determinala retta di taratura.

  12. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    Cecchini, Leonardo

    Testimonianze di vittime degli anni di piombo In un articolo pubblicato nel 2008 sulla webzine Nazione indiana Christian Raimo criticava quello che poi Giovanni De Luna qualche anno dopo nel suo libro La Repubblica del dolore (2011) ha chiamato “paradigma vittimario”; cioè la presenza predominante...

  13. Nella stanza di Asperger...

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi, del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo. Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  14. Obbligo di covendita

    Ferrante, Manuel

    2011-01-01

    Il presente lavoro si pone come proposito l’analisi della covendita, fenomeno che non trova alcun espresso riferimento normativo all’interno della legislazione italiana, ma che è entrato a far parte del nostro ordinamento attraverso il recepimento di alcuni strumenti contrattuali nati ed operanti in ordinamenti giuridici stranieri, precisamente nei sistemi di Common Law: le cd. clausole di tag-along (letteralmente “attaccare insieme”) e di drag-along (letteralmente “trascinare insieme”). L...

  15. Problemi di Fisica

    Fazio, Michelangelo

    2008-01-01

    L’introduzione delle lauree triennali ha in molti casi costretto i docenti a ridurre drasticamente il numero di ore di insegnamento e quindi l’estensione dei programmi dei corsi di Fisica. In questo volumetto l'autore si è proposto di esporre sinteticamente ma con il massimo rigore possibile il corso di Fisica Generale I evitando le dimostrazioni delle leggi fisiche, ma dando la priorità alle applicazioni di tali leggi e allo svolgimento di esercizi che in genere viene trascurato in molti corsi. Ha cercato pertanto di presentare i fenomeni fisici sottolineando, dove possibile, la loro presenza nella vita quotidiana e le loro più semplici e immediate applicazioni, consentendo in tal modo agli studenti di vedere la Fisica non più come una interminabile serie di formule ma come un nuovo modo di interpretare e di capire i fenomeni naturali inanimati (del resto non dobbiamo dimenticare che il termine greco da cui deriva il suo nome è fisis, fisis, ovvero natura). Il contenuto è completo, comprendendo anc...

  16. Ottimizzazione di portafogli di ETF nell' approccio di consulenza finanziaria indipendente

    Zorzi, Gianni

    2010-01-01

    Quella del consulente finanziario indipendente (Capitolo 1) è una figura professionale di elevato standing sviluppatasi a partire dagli anni ‘70 negli Stati Uniti, paese in cui l’attività è correntemente svolta da decine di migliaia di persone fisiche, iscritte ad associazioni di categoria, provviste di certificazioni anche di notevole spessore, come quella del Certified Financial Planner (CFP). Tale modello di consulenza in assenza di conflitto d’interessi è detto anche “fee-only” in virt...

  17. Analisi di un campione significativo di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available Il lavoro analizza sul piano pedagogico e didattico il concetto di Learning Object (LO a partire dalla rilevazione diretta dei modelli formativi sottostanti, in forma esplicita o implicita, un campione significativo di Learning Objects identificato all’interno di rilevanti esperienze di e-learning universitarie e non universitarie prodotte in diverse nazioni, allo scopo di giungere alla messa a punto di una modellistica problematica di tipo didattico dei Learning Objects, funzionale alla costruzione di algoritmi differenziati di progettazione, realizzazione, erogazione e valutazione di LO, anche nella prospettiva dei Learning Artifacts.

  18. Il catalogo di donne di Venzone (sec. XIV):

    Federico Vicario

    2009-01-01

    Nell’articolo si presenta l’edizione di un documento friulano tardomedievale, il catalogo di donne di venzone (sec. Xiv), un documento conservato presso la Biblioteca Civica di Udine «V. Joppi». All’edizione, diplomatica, segue un commento linguistico, in particolare sull’onomastica personale, sul lessico comune e sulla toponomastica; l’esame del testo consente di isolare numerosi elementi di interesse, nomi femminili e maschili, ma anche nomi di mestiere e funzione, che costituiscono gli ant...

  19. Dispositivi elettroluminescenti organici: tecnologie di fabbricazione e metodologie di caratterizzazione

    Maglione, Maria Grazia

    2006-01-01

    [ITALIANO] L’attività di ricerca si è concentrata sulla realizzazione e caratterizzazione di dispositivi elettroluminescenti organici (OLED) e quindi sull’ottimizzazione dei processi di deposizione e caratterizzazione di film sottili di materiali organici e metallici di cui sono composti. Le maggiori industrie elettroniche del mondo (Samsung, Sony, Seiko-Epson, KODAK, etc.) prevedono che in futuro i display OLED contenderanno quote di mercato sempre più consistenti agli LCD (Liquid Crystal...

  20. Che genere di diritto?

    Delia La Rocca

    2014-04-01

    Full Text Available Il recente decreto legge sul femminicidio nasce in un clima, soprattutto mediatico, nel quale la violenza sulle donne viene letta come “emergenza”. Questa chiave di lettura del fenomeno presenta alcuni rischi: in primo luogo, quello di riproporre un modello di intervento pubblico centrato soprattutto sull’approccio repressivo. Il decreto assegna, infatti, una valenza residuale ad una strategia di sostegno delle azioni di prevenzione e di assistenza delle vittime di violenza, al momento rinviate ad un “Piano d'azione straordinario” per il quale non viene previsto alcun finanziamento. E’ tempo di uscire dalla logica emergenziale: la questione della violenza di genere non è solo problema di ordine pubblico. E’ un fenomeno che colpisce al cuore la riscrittura delle regole sulla convivenza tra i generi avviata nel secolo scorso. Ciò che serve è un nuovo momento di elaborazione delle teorie e delle prassi delle donne sul ruolo del sistema giuridico e sulle forme più adeguate per garantire la libertà femminile.

  1. Densità di energia di deformazione locale e resistenza a fatica di giunti saldati di geometria complessa

    P. Lazzarin

    2008-01-01

    Full Text Available Un recente criterio basato sul valore medio della densità di energia di deformazione (SED inun volume di controllo è applicato a diverse serie di dati sperimentali tratti dalla letteratura, relativi a giuntisaldati di geometria complessa realizzati in acciaio. Il volume di controllo è rappresentato da un settore circolare di raggio pari a 0.28 mm, centrato sul piede o sulla radice dei cordoni di saldatura. Entrambe le regioni sono modellate come intagli V non raccordati con differenti angoli di apertura. La densità di energia di deformazione viene valutata direttamente da modelli agli elementi finiti tridimensionali. I dati sperimentali, riconvertiti in termini energetici, si posizionano all’interno di una banda di dispersionerecentemente proposta in letteratura. La banda sintetizzava più di 650 dati sperimentali relativi a giunti saldati con cordone d’angolo, con rotture innescate indifferentemente al piede o alla radice dei cordonidi saldatura.

  2. Profili critici di tassazione dei redditi di capitale e dei fondi di investimento

    Adriano Benazzi; Pier Luigi Marchini

    2010-01-01

    La tassazione del risparmio gestito e, più in generale, dei redditi di capitale, rappresenta da sempre una delle questioni più rilevanti, critiche e complesse. Ciò sia per le implicazioni economico-scientifiche connesse al sistema di tassazione dei cosiddetti "redditi finanziari", sia per l’eterogeneità e mutevolezza delle forme di impiego del capitale e di "generazione" dei suoi frutti economici, sia in conseguenza delle possibili problematiche di asimmetria di trattamento e di potenziale in...

  3. Identificazione e trasferimento di QTL coinvolti nell’accumulo di antiossidanti nel frutto di pomodoro

    Lombardi, Nadia

    2011-01-01

    L’obiettivo del progetto ha riguardato la combinazione di QTL coinvolti nell’incremento del contenuto in antiossidanti nel frutto di pomodoro. A tale scopo sono state utilizzate le linee di introgressione (IL) di pomodoro. Tali IL sono particolarmente utili per la dissezione di caratteri complessi e consentono l’individuazione ed il mappaggio di QTL di interesse su specifici cromosomi. Il trasferimento dei QTL e la loro combinazione in nuovi genotipi è stato perseguito eseguendo incroci tra l...

  4. Studio di approfondimento sullo stato di salute nei Comuni dell'Alta Val di Cecina

    Romanelli, Anna Maria; Bartolacci, Simone; Capocchi, Rachele; Mariani, Silvia; Minichilli, Fabrizio; Protti, Maria Angela; Salvadori, Patrizia; Tacconi, Giorgia; Vigotti, Maria Angela; Bianchi, Fabrizio

    2009-01-01

    Uno studio preliminare sull'Alta Val di Cecina, AVC, (Pisa) aveva evidenziato che tra le cause di morte, 1970-2004, alcune avevano un impatto pi? elevato o in controtendenza rispetto alla media regionale toscana; l'area presenta un sottosuolo geologicamente attivo, industrie chimiche, di produzione di energia, estrattive, documentate contaminazioni di acqua e suolo da metalli pesanti. Si segnalano eccessi di mortalit? e/o di ospedalizzazione per alcune patologie per le quali in letteratura ri...

  5. Introduzione alle teorie di gauge

    Cabibbo, Nicola; Benhar, Omar

    2016-01-01

    "Introduzione alle Teorie di Gauge" completa la serie di tre volumi basati sulle lezioni dei corsi di Meccanica Quantistica Relativistica, Interazioni Elettrodeboli e Teorie di Gauge, impartite dagli autori agli studenti delle Lauree Magistrali in Fisica e Astronomia & Astrofisica dell'Universita "La Sapienza" di Roma, nell'arco di qualche decennio. L'obiettivo principale del volume è di introdurre i concetti di base della rinormalizzazione nella teoria quantistica dei campi e i fondamenti delle moderne teorie di Gauge. Anche se collegato ai volumi precedenti, il libro si presta ad una lettura indipendente, che presume solo conoscenze generali di relativita speciale, della seconda quantizzazione e della fenomenologia delle interazioni elettrodeboli. Lo strumento di base è l'integrale sui cammini di Feynman, introdotto nei capitoli iniziali e sistematicamente impiegato nel seguito. L'esposizione segue un percorso pedagogico, che parte dal caso semplice dell'ampiezza di transizione in meccanica quantistic...

  6. Appunti di Domotica

    Bianchi Bandinelli, Rolando; Miori, Vittorio

    2008-01-01

    Le presenti dispense erano state scritte per facilitare lo studente a seguire lo svolgimento del corso di domotica. Poich? attualmente l'argomento interessa anche fasce pi? larghe di lettori, se ne ? curata una versione pi? adatta ad un pubblico pi? vasto. L'argomento trattato ? "giovane" e in forte evoluzione e certe informazioni potrebbero diventare obsolete nel giro di poco tempo. ? quindi possibile che alcune affermazioni particolari non corrispondano alla realt? del momento in cui vengon...

  7. Programmazione del Network di 'Virologia Ambientale': Stato di avanzamento

    Carlesi, Carlo

    2004-01-01

    Presentazione 'Power Point' dell'intervento all'incontro di lavoro 'VIRAMB II incontro del Network di Virologia Ambientale', presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana. Nell'intervento si presenta lo stato di avanzamento dei lavori riguardo la realizzazione dell'infrastruttura telematica del 'Network di Virologia Ambientale' promosso dal 'Dipartimento di Patologia Sperimentale, Biotecnologie Mediche, Infettivologia ed Epidemiologia' dell'Universit? di Pisa.

  8. Dai bisogni di salute al consumo di risorse sanitarie in provincia di Bergamo: profilo degli indicatori di bisogno, domanda, offerta

    A. Zucchi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la complessità interpretativa dei dati relativi ad alcuni fenomeni sanitari a livello territoriale impone la necessità di uno strumento semplice di lettura “epidemiologica”; tale lettura si fonda sull’utilizzo di una serie di “indicatori”, fondamenta di un processo dinamico di monitoraggio temporale e spaziale in grado di descrivere sinteticamente fenomeni di per sé complessi, al fine di fornire al decisore un supporto sintetico ma scientificamente solido.

    Obiettivi: istituzione di un sistema di monitoraggio sanitario community-based; definizione di indicatori sanitari comparabili tramite un esame critico dei dati esistenti; sviluppo di metodologie per la raccolta e la validazione dei dati; supporto alla creazione di un sistema efficace e affidabile di trasferimento e scambio dei dati e degli indicatori stessi con uso spinto della tecnologia telematica; elaborazione di metodi e di strumenti necessari alla produzione di analisi e relazioni.

    Materiali e metodi: gli indicatori analizzati fanno riferimento
    all’elenco definito dal decreto ministeriale n. 27 del 12 dicembre 2001 “sistema di garanzie per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria”. A questo elenco ne sono stati aggiunti altri, per un totale di 127, divisi in grandi capitoli tematici: assistenza sanitaria, assistenza distrettuale, assistenza ospedaliera, indicatori stato di salute, consumo di risorse sanitarie (cui è stato dato particolare enfasi, indicatori di domanda/accessibilità. Per definire infine un
    profilo di sintesi di questi grandi capitoli e delle relative
    eterogeneità territoriali si è successivamente applicata la tecnica statistica dello “z-score”.
    Risultati: le differenze emerse a livello distrettuale hanno permesso di disegnare una ‘mappa’ degli indicatori sanitari in provincia di Bergamo.

    Conclusioni:i risultati di

  9. Il catalogo di donne di venzone (sec. XIV

    Federico Vicario

    2009-05-01

    Full Text Available Nell’articolo si presenta l’edizione di un documento friulano tardomedievale, il catalogo di donne di venzone (sec. Xiv, un documento conservato presso la Biblioteca Civica di Udine «V. Joppi». All’edizione, diplomatica, segue un commento linguistico, in particolare sull’onomastica personale, sul lessico comune e sulla toponomastica; l’esame del testo consente di isolare numerosi elementi di interesse, nomi femminili e maschili, ma anche nomi di mestiere e funzione, che costituiscono gli antecedenti di numerosi cognomi moderni. Si conferma l’importanza fondamentale dello studio sistematico delle carte friulane di uso pratico, come quelle qui presentate, operazione preliminare e indispensabile al fine di avviare, in seguito, opere di lessicografia di ampia prospettiva, in primis la redazione di un dizionario storico comprensivo delle forme antiche. Sembra quest’ultimo un obiettivo ormai alla portata, potendo contare sui progressi che la disciplina ha compiuto negli ultimi anni, con lo svolgimento di un vasto progetto di ricognizione dei fondi archivistici di tutto il Friuli storico promosso dalla Società Filologica Friulana e dal Ministero per i Beni culturali (documenti antichi dagli archivi friulani. Ai positivi risultati ottenuti con lo svolgimento di questo progetto si aggiungono le numerose edizioni realizzate su fondi manoscritti conservati in alcuni degli enti conservatori più importanti della regione, a partire ancora dai materiali antichi depositati presso la Biblioteca Civica di Udine.

  10. Reti di città, mobilità e ambiente: il Preliminare di PTCP di Avellino

    Carmela Gargiulo

    2010-02-01

    Full Text Available  L’articolo propone la lettura dei contenuti del Preliminare del PTCP di Avellino, un piano per molti aspetti innovativo, soprattutto per aver coniugato pianificazione di area vasta di tipo tradizionale e logica “strategica”. In particolare, l’articolo descrive idee guida, contenuti e strategie del piano orientate, prevalentemente, a stimolare lo sviluppo sostenibile di un’area in ritardo di sviluppo come la provincia irpina, attraverso la salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e storico-culturali, la costruzione di reti di medie e piccole città e reti di mobilità alle diverse scale, da quella urbana a quella internazionale, e interventi sul sistema della mobilità. Nel 2004, ormai più di cinque anni fa, è stato adottato, a maggioranza assoluta (solo due gli astenuti, il Preliminare di Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Avellino, dopo un lavoro di oltre due anni che ha visto impegnati gli uffici provinciali con due dipartimenti universitari. Il lavoro, che va ben oltre il significato e la valenza di un preliminare e che coniuga due pratiche di piano diverse (quella tradizionale e quella strategica ruota attorno a tre idee di fondo, tra loro strettamente interrelate, che costituiscono i criteri guida che finora ha inteso seguire la provincia di Avellino nell’attività di governo delle trasformazioni. Tali idee, quindi, costituiscono le fondamenta su cui è stato costruito il Preliminare e sono la griglia di specificazione delle strategie e degli obiettivi di piano. Esse sono alla base delle scelte elaborate per lo sviluppo compatibile del territorio, e sono riferibili alle azioni operative di trasformazione del territorio che gli Enti locali, cui è demandato tale compito, nel prossimo futuro dovranno affrontare. Le tre idee forza del Preliminare, descritte nel seguito, sono riferibili ai sistemi di risorse principali della provincia di Avellino, oggetto di una indagine analitico

  11. Sperimentazione in osservatorio di un nuovo magnetometro a vapore di potassio pompato da laser a diodo

    Beverini, N.; UNIPI; Faggioni, O.; Istituto Geofisica Marina - CUNISPE; Alzetta, E.; UNIPI; Maccioni, E.; UNIPI; Carmisciano, C.; Istituto Geofisica Marina - CUNISPE

    1998-01-01

    Nel Dipartimento di Fisica dell'Università di Pisa e' stato sviluppato un nuovo tipo di magnetometro a vapore di alcalino, basato sulla misura della frequenza di risonanza Zeeman dell'atomo di potassio .....

  12. Elaborazione didattica di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available L’idea di un modello didattico problematico per la realizzazione di Learning Objects riprende i temi del problematicismo pedagogico e si impegna a definire un’ipotesi formativa complessa capace di valorizzare la possibile positiva compresenza integrata di strategie didattiche diverse (finanche antitetiche ma componibili in una logica appunto di matrice problematicista. Il punto di partenza del modello proposto è rappresentato dalla opportunità di definire tre tipologie fondamentali di Learning Objects, rispettivamente centrati sull’oggetto, sul processo e sul soggetto dell’apprendimento.

  13. Elementi di fisica teorica

    Cini, Michele

    2006-01-01

    Le idee e le tecniche della Fisica Teorica del XX secolo (meccanica analitica, meccanica statistica, relatività e meccanica quantistica non relativistica) non sono più appannaggio esclusivo dei fisici. Ormai, specialmente con la recente introduzione di nuovi corsi di laurea, le conoscenze di base rientrano nel bagaglio culturale comune ai laureati in materie scientifiche e tecnologiche affini alla Fisica e alle sue applicazioni. Un laureato in queste materie non può non conoscere l’equazione E=mc2 e la media di Gibbs; inoltre deve avere i concetti e i metodi fondamentali della meccanica quantistica che ha cambiato la concezione del mondo ed è alla base della rivoluzione tecnologica in corso. Eppure quelle idee rimangono distanti dal comune modo di pensare e richiedono molto studio e un insegnamento ben mirato. La trattazione in questo libro, è meno formale rispetto ai tradizionali corsi di Istituzioni di Fisica Teorica. Lo scopo è comunque quello di raggiungere una reale comprensione dei concetti fisi...

  14. Realizzazione digitale di algoritmi di controllo diretto di coppia per motori asincroni

    Rossi, Andrea

    2012-01-01

    Fra le macchine in corrente alternata, il motore asincrono, o più propriamente detto motore ad induzione, è quello che nel passato è stato utilizzato in modo prevalente per moltissime applicazioni industriali che non avevano necessità di controllo di velocità o di coppia. Esso può essere alimentato direttamente dalla corrente alternata di rete monofase o trifase senza alcuna apparecchiatura elettronica di controllo, e nella diffusissima versione con rotore a “gabbia di scoiattolo”, non ric...

  15. Il ricordo di Bernardo

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Full Text Available Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio, io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché l’amico DiEmidio aveva condiviso in tutto il tempo in cuiabbiamo lavorato insieme, ogni preoccupazione,tensione, soddisfazione e progettualità.Difficile, per me, è stato ricordarlo proprio ilgiorno dopo la sua morte, in apertura di unconvegno, con la platea piena della gentedell’Istituto e ognuno con gli occhi rossi, losgomento e la solitudine già forte della perditascolpita sul volto. L’abbiamo salutato lì, gli hodetto grazie e ciao da parte di tutti gli altri, manon l’abbiamo mai salutato davvero.Non l’ha ancora fatto nessuno di noi, echissà se lo faremo mai, perché da Bernardonon vogliamo separarci.Sulle pagine di questa rivista, che rendonomerito e onore a tanti ottimi professionisti,proprio su una rivista scientifica, che per ilnostro ambiente è il momento del confronto,spesso «della verità», voglio ricordareBernardo Di Emidio.Voglio ricordarlo all’intera comunitàscientifica per quel grande lavoratore che èstato, per quella piena fiducia che i suoicollaboratori gli davano, per quel bellissimo rapporto che con loro aveva saputo costruire,ricominciando ad ogni nuovo arrivo. Loro, isuoi collaboratori, l’hanno sostenuto fino allafine, hanno continuato a considerarlo il lorocapo, anche durante i momenti più brutti edurante gli ultimi.Non hanno mai fatto a meno del suoparere, della sua approvazione, non si sono allontanati, non si allontano nemmeno oggi, da quel solco di umanità e scientificità che Di Emidio, in anni e

  16. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2012-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le più importanti applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blue-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali, l’illuminazione con i LED e la chirurgia. Questo volume ha come obiettivo quello di colmare un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Lo scopo principale è quello di esporre in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, e di descrivere i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplificatori, i modulatori e i rivelato...

  17. Shiatsu Di Jepang

    Simanjuntak, Ricardo

    2015-01-01

    Shiatsu adalah sebuah kata dalam bahasa Jepang yang bila diterjemahkan secara harafiah artinya “tekanan jari”.Hal ini merupakan tekanan jari yang di berikan ke tubuh sebagai metode utama penerapan shiatsu untuk merangsang suatu respon penyembuhan.Namun,shiatsu lebih dari situ.Teknik shiatsu tidak hanya menggunakan jari,tetapi juga ibu jari,telapak tangan,lutut,lengan bawah,siku dan kaki.Lebih jauh lagi,kerena shiatsu dilakukan di lantai dan di tikar ataupun tempat tidur,shiatsu juga focus pad...

  18. Le voci di Orienzio

    Gasti, Fabio

    2008-01-01

    Il commonitorium in distici di Orienzio, da collocarsi nella Gallia delle invasioni barbariche fra 406 e 410, va considerato un tipico prodotto storico-culturale del periodo. L’analisi di due luoghi (1,43-48 e 2,255-262) e l’interpretazione dell’insistita metaforica proemiale della vocalità (1,15-42), ha portato il relatore a documentare come lo scrupolo moralistico di piena e incondizionata adesione alla fede cristiana trovi espressione anche grazie alla lezione formale degli auctores pagani...

  19. Alle origini di Napoli capitale

    Feniello, Amedeo

    2013-01-01

    Scopo di questo articolo è cercare di capire cosa ci sia alle origini di Napoli capitale. Vale a dire, cosa abbia potuto trasformare la capitale di un piccolo ducato autonomo nel centro politico, sociale ed economico di un intero regno, in uno scorcio di tempo relativamente breve – circa un secolo e mezzo, dall'ultimo duca Sergio VII a Carlo I d'Angiò. In questo senso, vengono presi in esame tre aspetti ritenuti essenziali per il raggiungimento dello status di capitale : il porto, la terra, i...

  20. Chirotterofauna della provincia di Parma

    Antonio Ruggieri

    2003-01-01

    In questo lavoro viene definito lo stato attuale delle conoscenze sui Chirotteri nella provincia di Parma (regione Emilia Romagna, Nord Italia). Le segnalazioni storiche si riferiscono alla pubblicazione ?I Vertebrati della Provincia di Parma? (Del Prato, 1899) e alla collezione ?Del Prato? conservata presso il Museo dell?Università di Parma. Dal 1995 ho iniziato lo studio della chirotterofauna utilizzando diverse tecniche: ricerca dei siti di rifugio, raccolta occasionale di esemplari feriti...

  1. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  2. Manuale di ottica

    Giusfredi, Giovanni

    2015-01-01

    Questo libro costituisce un fondamento solido per la conoscenza dell’Ottica Fisica, presentando vari modi di trattare la propagazione di onde elettromagnetiche e indicando quali siano i metodi utili a specifici casi. Iniziando dall’elettromagnetismo, la riflessione, la rifrazione e la dispersione delle onde, espone argomenti quali l’Ottica Geometrica, l’Interferenza, la Diffrazione, la Coerenza, i fasci Laser, la Polarizzazione, la Cristallografia e l’Anisotropia. Tratta componenti ottici come lenti, specchi, prismi, interferometri classici, Fabry-Perot e cavità risonanti, multistrati dielettrici, filtri interferenziali e spaziali, reticoli di diffrazione, polarizzatori e lamine birifrangenti. Vi sono inoltre argomenti poco reperibili, come il metodo delle matrici 4x4 per lo studio di fronti d’onda generalmente astigmatici, i metodi numerici tramite FFT per il calcolo della diffrazione, e la Bi-anisotropia, che tratta relativisticamente l’attività ottica e gli effetti Faraday e Fresnel-Fizeau....

  3. Le tecniche di indagine NDT nel processo di restauro e consolidamento di edifici soggetti a tutela

    Costanzo, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Montuori, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Porco, G.; Dipartimento di Ingegneria Civile & SISMILAB s.r.l., Università della Calabria (UniCal), Cosenza, Italy; Casula, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Bologna, Bologna, Italia

    2014-01-01

    Le attività di restauro e consolidamento di edifici soggetti a tutela sono fortemente ancorate alla conoscenza del bene, alla consistenza geometrico-strutturale e a quella materica, nonché all’analisi del degrado del manufatto e del suo stato di conservazione in tutti i suoi elementi. Altri aspetti tecnici da portare in conto sono ovviamente quelli legati al monitoraggio da attuare eventualmente in fase di diagnosi e obbligatoriamente in fase di esercizio, al fine di disporre di una robusta m...

  4. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Niccolò Scaffai

    2012-04-01

    Full Text Available A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista, che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitazione», «copia», «plagio psichico», o addirittura di «sottrazione di manoscritto»

  5. Konsorsium Perpustakaan di Indonesia

    Gultom, Hetty

    2015-01-01

    Indonesia memiliki banyak (ribuan) perpustakaan tetapi secara umum dapat dikatakan masih sangat lemah dalam memenuhi tuntutan kebutuhan informasi para penggunanya karena mereka beroperasi hanya mengandalkan sumberdaya sendiri secara terisolasi tanpa berkolaborasi antara satu dan lainnya. Kenyataan ini telah disadari para ilmuan dan pimpinan perpustakaan di Indonesia sejak 42 tahun yang lalu dimana pada tahun 1970-an telah terjadi pembentukan jaringan yang cukup banyak di Indonesia (± 36 siste...

  6. Retrodatazioni di viaggio

    Mario Piotti

    2013-07-01

    Full Text Available La letteratura di viaggio, in specie quella sette-ottocentesca, presenta, tra molteplici motivi di interesse, ricchi spunti di indagine anche per la storia della lingua e certamente non è il minore quello relativo agli aspetti lessicali. Nell’articolo non si intende dare una descrizione lessicale completa dei testi odeporici esaminati, ma più limitatamente si presenta una serie cospicua di retrodatazioni e datazioni di parole raccolte in quei testi e quindi ricercate, così allargando lo spettro testuale oltre i limiti della letteratura periegetica, attraverso Google libri. Ma nonostante questo parziale spostamento di sguardo, le schede seguenti continuano a documentare la ricchezza del lessico dell’odeporica: termini scientifici, storici, stranierismi e regionalismi ben testimoniano la varia curiosità dei viaggiatori.  Backdating through travelsSeventeenth and eighteenth century travel literature features, among many points of interest, ideas for researching the history of the language, especially lexical aspects. The article does not intend to give a complete lexical description of the odeporic texts examined, but is limited to a substantial number of backdatings and datings of words collected in those texts, thusgoing beyond the limits of textual periegetic literature, through Google books. Despite this partial shift of attention, we continue to document the richness of odeporic vocabulary: scientifically, historically, through foreign terms and regionalisms, bearing witness to the varied curiosity of travelers.

  7. Identificazione, caratterizzazione ed industrializzazione di ceppi di Streptococcus thermophilus per la produzione di yogurt

    D'Alonges, Sara

    2013-01-01

    Il contesto globale del comparto agro-alimentare richiede ad oggi una ricerca continua per assicurare qualità e sicurezza degli alimenti. La produzione moderna di alimenti richiede elevato grado di standardizzazione, particolarmente la produzione gli alimenti fermentati che include un processo biotecnologico in cui la componente biotica gioca un ruolo fondamentale Di qui la necessità disporre di un’ampia gamma di microrganismi atti alla conduzione del processo fermentativo in modo da im...

  8. A thrombus susceptibility comparison of two pulsatile Penn State 50 cc left ventricular assist device designs.

    Navitsky, Michael A; Deutsch, Steven; Manning, Keefe B

    2013-01-01

    Left ventricular assist devices (LVADs) have proven successful as bridge to transplant devices for patients awaiting donor organs. While survival rates continue to increase, destination therapy remains hindered by thrombus formation within the device. Research has shown that thrombosis is correlated to the fluid dynamics within the device and may be a result of sustained shear rates below 500 s(-1) on the polyurethane blood sac used in the Penn State pulsatile LVAD. Particle image velocimetry is used to compare flow within two 50 cc LVAD designs to assess fluid patterns and quantify wall shear rates in regions known from in vivo studies to be susceptible to thrombus formation. The two designs differ in their front face geometry. The V-1 model has an outward-facing "dome" whereas the face of the V-2 model is flat. A thrombus susceptibility metric, which uses measured wall shear rates and exposure times, was applied to objectively compare pump designs over the entire cardiac cycle. For each design, there are regions where wall shear rates remained below 500 s(-1) for the entire cardiac cycle resulting in high thrombus susceptibility potential. Results of this study indicate that the V-2 device had an overall lower propensity for thrombus formation in the current region of interest. PMID:22825798

  9. Elementi di interfaccia per l’analisi di strutture murarie

    Jessica Toti

    2009-04-01

    Full Text Available Il presente articolo riguarda la modellazione del comportamento meccanico di elementi in muratura intesi come sistemi eterogenei composti da malta, blocchi ed interfacce di connessione. La strategiacomputazionale che viene adottata consiste nel modellare separatamente i blocchi, i letti di malta ed le interfacce responsabili di fenomeni di decoesione malta-blocco; a tale scopo, si propone uno speciale modello di interfaccia che combina il danneggiamento con l’attrito. Si sviluppa una procedura numerica, basata sull’algoritmo backward di Eulero, per risolvere il problema evolutivo; per il passo temporale si utilizza invece la tecnica predictor-corrector a controllo di spostamenti. Si effettuano alcune applicazioni numeriche con lo scopodi verificare la capacità del modello e dell’algoritmo proposto nel riprodurre la risposta non lineare della muratura dovuta a fenomeni di degrado localizzati. Infine, si conduce lo studio della modellazione di un arco murario, confrontando i risultati numerici con quelli sperimentali; si dimostra la abilità del modello proposto nel simulare il comportamento globale della struttura ad arco in termini di carico ultimo e di meccanismo di collasso.

  10. In ricordo di Vittorio Bianchi

    Maurizio Cutolo

    2011-09-01

    Full Text Available Vittorio Bianchi fu Ernesto e fu Mary Sbertoli naque a Cogoleto (Genova il 17 febbraio 1919. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova nel 1943 con lode fu Allievo interno della Clinica Medica di Genova negli anni 1942 e 1943, Assistente Volontario alla Clinica Medica di Perugia, quindi della Clinica Medica di Genova negli anni seguenti dove fu nominato Assistente di ruolo per concorso nel 1950. Successivamente Assistente di ruolo alla Patologia Medica diretta dal prof. Aminta Fieschi nel periodo 1954- 1969....

  11. Effetti di strutturazione di materiali a base di ossidi inorganici di tipo "aerogel-like" per applicazioni nel campo di catalisi e di isolanti ad alta efficienza

    Padovese, Elena

    2010-01-01

    La nanotecnolgia rappresenta un approccio innovativo nella produzione industriale, e riflette la generale tendenza alla miniaturizzazione ed alla riduzione di scala che prevale in tutte le discipline tecnologiche. Da qui il crescente interesse nei confronti nei nanomateriali e dei materiali nanostrutturati, per lo sviluppo di nuovi prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati, che trovino applicazione in molteplici campi. La presente tesi di dottorato si focalizza sulla strutturazione d...

  12. Il ricordo di Bernardo

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio), io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché ...

  13. Le collezioni di Mammiferi del Museo Civico di Zoologia di Roma: una sintesi storica

    Gloria Svampa

    2003-10-01

    Full Text Available Il Museo Civico di Zoologia di Roma è sorto nel 1932 all?interno del Giardino Zoologico dell?allora Governatorato di Roma, di cui ha condiviso la direzione tecnica ed amministrativa sino al 1998. Il nucleo centrale delle collezioni è costituito dal materiale di proprietà universitaria, di quello che fu il Museo di Zoologia della Regia Università, a sua volta diretto discendente delle collezioni del Museo di Zoologia ed Anatomia Comparata del Pontificio Archiginnasio Romano. La quasi totalità degli esemplari tassidermizzati risale al periodo in cui l?Istituto di Zoologia fu diretto da Antonio Carruccio (1883-1914. Dal 1932, la collezione teriologica si è andata arricchendo, in particolare di materiale osteologico, soprattutto con acquisizioni provenienti dal Giardino Zoologico e da rare spedizioni scientifiche, come quella organizzata dal CNR nell?Alto Rio Negro del 1962-3, guidata da Ettore Biocca. Anche a causa del fatto che per molti anni il Museo è stato privo di curatori, mancano importanti collezioni teriologiche da studio, fatta eccezione per quella cetologica. In molti casi, singoli esemplari potenzialmente di grande valore scientifico, mancano di dati esatti sulla località di cattura. Nell?ambito di un programma di ricatalogazione della collezione recentemente intrapreso, particolare attenzione è stata posta all?acquisizione di tutti i dati legati alla storia dei singoli esemplari, rintracciabili attraverso i resoconti di viaggio dei singoli esploratori. Nel periodo universitario, infatti, il Museo della nuova capitale d?Italia fu oggetto di grande attenzione da parte di privati ed enti, a partire dai Savoia, che donarono le loro collezioni o il materiale raccolto durante le spedizioni effettuate. Il lavoro di revisione in corso sta mettendo in luce una serie di esemplari meritevoli di ulteriori, dettagliate ricerche. È probabile che molto del materiale del Museo, pervenuto a Roma attraverso donazioni della famiglia reale

  14. Breve Manuale di Geografia Umana

    Minca, C.; Colombino, A.

    2012-01-01

    Il percorso per andare al lavoro, la scelta sul dove trascorrere le prossime vacanze, le nostre opinioni sulla politica estera, le nostre preoccupazioni per la crisi economica, le nostre affermazioni di identità, il nostro desiderio di fuga dal quotidiano, perfino la scelta di acquistare una casa in

  15. Applicazione delle linee guida nazionali nell'attivitá di notifica di casi di legionellosi

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: é noto che effettuare diagnosi di Legionellosi risulta difficile a causa della sovrapposizione della sintomatologia con altre forme di polmonite. Questo spiega, in parte, perché i casi di Legionellosi siano sottostimati. I metodi diagnostici disponibili, sebbene richiedano tempi relativamente lunghi, sono necessari per l’esatta stima di prevalenza della Legionellosi e per gli eventuali interventi preventivi.

    Metodi: nell’Azienda Ospedaliera “G. Panico” di Tricase, seguendo i criteri delle Linee Guida della Legionellosi (G.U. 5 maggio 2000 n. 103 durante la degenza dei pazienti che presentavano segni clinici ed obiettivi di polmonite sono state eseguite indagini radiologiche (Rx Torace, TAC, esami di laboratorio (espettorato, sangue, urina ed avviata terapia antibiotica (macrolidi e cefalosporine di III generazione. L’antigene urinario e le IgG anti-Legionella (metodo IFA, sono stati determinati in collaborazione con il Laboratorio di riferimento Regionale.

    Risultati: nel periodo ottobre 2001 gennaio 2003 sono stati notificati nel nostro ospedale 11 casi di Legionellosi accertati da indagini clinico-strumentali e di laboratorio: tutti i casi avevano titoli anticorpali abbastanza elevati, confermati poi da un secondo controllo a distanza di tempo. Solo due hanno presentato una positività per l’antigene urinario. All’atto della dimissione, per il 63.6% dei casi è stato documentato un miglioramento delle condizioni clinico-laboratoristico-strumentali, nel 18.2% si è avuta una effettiva guarigione. La letalità è stata pari al 18.2%. In tutti casi si è provveduto alla sorveglianza ambientale.

    Considerazioni: i nostri dati evidenziano che i casi di Legionellosi registrati sono stati tutti di tipo comunitario. Una corretta applicazione delle Linee Guida nel sistema di notifica permette l’avvio dell’attività di prevenzione oltre

  16. Progetto rete di adattamento di un'antenna in microstriscia di tipo Bow-Tie

    Piras, Marcella

    2007-01-01

    Si cerca di ricostruire il profilo di permittivit? di un oggetto, sulla base della misura del campo da esso scatterato, quando viene investito da una radiazione incidente nota (problema dello scattering inverso). L'ispezione dell'oggetto ? non invasiva, in quanto gli esami e i rilievi devono essere condotti impiegando metodi che non alterano il materiale e non richiedono la distruzione o l'asportazione di campioni della struttura in esame. Tra i sensori che vengono utilizzati per questi scopi...

  17. Il Simposio di Platone

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-01-01

    Full Text Available Pensate che i testi antichi siano semplicemente vecchi? Che l’amore platonico non vada mai  al sodo? Leggere il Simposio di Platone confrontandosi direttamente col testo, com’è possibile fare grazie al Perseus Project, vi farà cambiare idea.

  18. Ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato in CRRT

    Ambrosino, Mariacarmela

    2014-01-01

    Ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato in CRRT Introduzione: La necessità di un'anticoagulazione continua e l'ipofosforemia in corso di trattamento sono problemi costranti in corso di CRRT. Il nostro studio ha cercato di dimostrare l'efficacia e la sicurezza dell'anticoagulazione regionale con citrato in CVVH basato sull'utilizzo di una soluzione di citrato (18 mmol/L) associata ad una soluzione di reinfusione contenente fosfato, recentemente disponibile...

  19. Il Sistema di informazioni del Portogallo: dal sistema dualistico di sicurezza al concetto monistico di sicurezza nazionale

    Marsili, Marco

    2015-01-01

    ITALIAN - Le minacce transnazionali sorte dopo l’11 settembre 2001, impongono agli Stati di rivedere l’organizzazione e la politica di sicurezza. La difficile congiuntura economica e finanziaria, sopravvenuta nel 2008, obbliga i governi a tagli di bilancio, nell’ottica di maggiori risparmi ed efficienze di sistema, attraverso l’uso di strutture e mezzi comuni, e il coordinamento delle forze e dei servizi di sicurezza. Il dibattito sulla militarizzazione della sicu...

  20. High Ethanol Fuel Endurance: A Study of the Effects of Running Gasoline with 15% Ethanol Concentration in Current Production Outboard Four-Stroke Engines and Conventional Two-Stroke Outboard Marine Engines

    Hilbert, D.

    2011-10-01

    Three Mercury Marine outboard marine engines were evaluated for durability using E15 fuel -- gasoline blended with 15% ethanol. Direct comparison was made to operation on E0 (ethanol-free gasoline) to determine the effects of increased ethanol on engine durability. Testing was conducted using a 300-hour wide-open throttle (WOT) test protocol, a typical durability cycle used by the outboard marine industry. Use of E15 resulted in reduced CO emissions, as expected for open-loop, non-feedback control engines. HC emissions effects were variable. Exhaust gas and engine operating temperatures increased as a consequence of leaner operation. Each E15 test engine exhibited some deterioration that may have been related to the test fuel. The 9.9 HP, four-stroke E15 engine exhibited variable hydrocarbon emissions at 300 hours -- an indication of lean misfire. The 300HP, four-stroke, supercharged Verado engine and the 200HP, two-stroke legacy engine tested with E15 fuel failed to complete the durability test. The Verado engine failed three exhaust valves at 285 endurance hours while the 200HP legacy engine failed a main crank bearing at 256 endurance hours. All E0-dedicated engines completed the durability cycle without incident. Additional testing is necessary to link the observed engine failures to ethanol in the test fuel.

  1. Structure Research of Two-stroke Aviation Piston Engine without Connecting Rod%新型无连杆二冲程航空活塞发动机结构分析

    王小彬; 杨海青; 陶晓雷

    2013-01-01

    为了开发出一种无曲柄连杆机构的大缸径二冲程点燃式活塞发动机,参考国外设计专利,运用三维CAD软件构建发动机概念电子样机,分析发动机结构与工作原理.结果表明:新型大缸径无连杆发动机结构能满足航空活塞发动机高效率、高功重比的需求,具备较高的应用价值.%In order to design a new kind of two-stroke spark ignition internal combustion engine with a large bore and non-connecting rod, the foreign design patent was referred, the CAD software was applied to construct the engine concept model, and the structures and the work process of the engine were analyzed. As a result, the structure of the new kind of engine with large bore and non-connecting rod satisfied aeronautic piston engines by high heat efficiency and high power/weight ratio. Above all, the new kind of engine deserves a further research.

  2. Two stroke engine exhaust emissions separator

    Turner, Terry D.; Wilding, Bruce M.; McKellar, Michael G.; Raterman, Kevin T.

    2002-01-01

    A separator for substantially resolving at least one component of a process stream, such as from the exhaust of an internal combustion engine. The separator includes a body defining a chamber therein. A nozzle housing is located proximate the chamber. An exhaust inlet is in communication with the nozzle housing and the chamber. A nozzle assembly is positioned in the nozzle housing and includes a nozzle moveable within and relative to the nozzle housing. The nozzle includes at least one passage formed therethrough such that a process stream entering the exhaust inlet connection passes through the passage formed in the nozzle, which imparts a substantially rotational flow to the process stream as it enters the chamber. A positioning member is configured to position the nozzle relative to the nozzle housing in response to changes in process stream pressure to adjust flowrate of said process stream entering into the chamber.

  3. Integrazione rigorosa di dati provenienti da fonti di acquisizione differenti

    Leandro Bornaz

    2011-04-01

    Full Text Available La geomatica mette oggi a disposizione di esperti di diverse discipline un’ampia gamma di strumenti e tecniche che vengono utilizzate estensivamente come sostegno per l’acquisizione, la contestualizzazione e la georeferenziazione di informazioni molto diversificate come ad esempio dati georadar, geosismici, interferometrici, provenienti da strumenti di misura spesso utilizzati in diversi ambiti e con sistemi di riferimento differenti, talvolta non direttamente compatibili tra loro. Questa problematica, spesso trascurata utilizzando un approccio di tipo classico, è stata affrontata e risolta in modo rigoroso dagli autori permettendo così l’integrazione corretta di dati di differente natura e provenienza.Integration of data acquired from different sourcesGeomatics today offers to experts from different disciplines a wide range of tools and techniques, which are used extensively as technical support for the acquisition, context and geo-refer-encing data coming from different investigations: geo radar, interpherometry, geophysics analysis. Each technology gener-ally provide data with different reference systems, often not di-rectly compatible each other. This problem, often overlooked by using a classical approach, has been resolved in a rigorous way by the authors thus allowing proper integration of data of different nature.

  4. Sviluppo di approcci di gene silencing in vite (Vitis vinifera L.) per studi di genomica funzionale.

    Urso, Simona

    2009-01-01

    Sviluppo di approcci di gene silencing in vite (Vitis vinifera L.) per studi di genomica funzionale. Nel corso del lavoro è stato messo a punto un sistema per la micropropagazione della vite in modo tale da disporre delle piantine durante tutto il corso dell’anno evitando pause di lavoro dovute al fisiologico riposo vegetativo annuale della vite. Utilizzando le banche dati del NSBI, TIGR e IASMA Genomics sono state trovate le sequenze in vite dei geni che regolano la risposta di difesa co...

  5. Ricerche sugli enterobatteri nelle feci di Chirotteri

    Dino Scaravelli; Paola Massi; Giovanni B. Tosi; Massimo Bertozzi

    2003-01-01

    Dal 2002, grazie al protocollo stipulato tra il gruppo di studio chirotteri del Museo di Onferno e l?Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell?Emilia, sezione di Forlì, si è iniziato un progetto di studio sulla enteroflora di varie specie di Chirotteri. I campioni fecali o più raramente da carcassa, sono stati procssati mediante sistemi standardizzati e tipizzati mediante Enterotubes, creando anche una collezione di riferimento. Le ricerche ad oggi hanno interessato campion...

  6. Miglioramento della qualità di pani tipici pugliesi. Identificazione di batteri lattici con proprietà antimicrobiche e di Bacillus sporigeni isolati da semole di grano duro

    Favilla, Mara

    2010-01-01

    Il lavoro di ricerca ha avuto come obiettivo il miglioramento della qualità microbiologica di pani tipici pugliesi attraverso la selezione di batteri lattici con attività antimicrobica e la caratterizzazione di contaminanti batterici (Bacillus spp.), da semole rimacinate di grano duro. I batteri lattici sono microrganismi da sempre utilizzati nella preparazione di alimenti fermentati tra cui alcuni tipi di pane ottenuti dalla fermentazione del lievito naturale. I prodotti del metabolismo dei ...

  7. Su uno scritto di Frisch del 1933

    Bjerkholt Olav; Qvigstad Jean F.

    2007-01-01

    La Rivista di storia economica è lieta di pubblicare la prima traduzione in lingua inglese degli articoli che Ragnar Frisch pubblicò su giornali norvegesi. Questi scritti prospettano con grande chiarezza, a un largo pubblico, con dichiarate finalità di politica economica, l'antinomia fra il risparmio quale virtù individuale e l'eccesso di risparmio quale vizio macroeconomico. Oltre che per questi profili di teoria macroeconomica, gli scritti di Frisch sono di grande interesse per gli storici ...

  8. Nel contratto di «service» l'erogatore di energia elettrica non è soggetto passivo di accisa

    Peruzza, D

    2011-01-01

    In materia di accise sull'energia elettrica, soggetto passivo del tributo è il fornitore professionale del bene «energia elettrica» che procede alla fatturazione dell'operazione di vendita in forza di un contratto di somministrazione; il soggetto che fornisce l'energia elettrica a terzi quale componente di una prestazione complessa nell'ambito di un contratto di «service», alla luce del contesto unitario di tale contratto, non può essere considerato soggetto venditore di energia elettrica ...

  9. Meccanismi di censura e rapporti di potere nelle autobiografie collaborative

    Caterina Romeo

    2015-10-01

    Full Text Available Il genere delle autobiografie collaborative è stato oggetto di una complessa teorizzazione negli ultimi decenni, soprattutto in ambito statunitense, ed è il genere che più di altri segna l'inizio, nei primi anni Novanta, della letteratura postcoloniale italiana e l’incontro linguistico e culturale tra migranti e culture di “accoglienza.” Il presente saggio intende indagare i rapporti di potere presenti all'interno delle autobiografie collaborative e i meccanismi di censura e autocensura operati nella costruzione del testo. Il saggio mette in discussione la presunta trasparenza del ruolo dell'editor e analizza come il rapporto tra narratore ed editor sia al contempo un rapporto di collaborazione e solidarietà, ma anche di sfruttamento coloniale e resistenza postcoloniale.Partendo da una riflessione sui due termini "autobiografia" e "collaborativa" – apparentemente aproblematici ma in realtà fortemente problematici – questo saggio sviluppa un'analisi delle questioni che questo genere letterario pone dal punto di vista teorico – scissione della posizione autoriale, e quindi dell’autorità del soggetto che scrive, rapporti di potere all’interno della collaborazione, censure operate, questioni etiche e rapporti con la critica, resistenza postcoloniale alle grandi narrazioni e riscrittura della storia.L'impianto teorico del presente saggio è costruito soprattutto a partire da testi statunitensi (dagli studi sul testimonio di John Beverley, a quelli sui rapporti di collaborazione come rapporti di sorellanza femminista di Caren Kaplan, agli studi sulle autobiografie native americane. Per quanto riguarda i testi presi in esame, la presente analisi mette a confronto due coppie di testi. I primi due sono l’autobiografia di Nassera Chohra, Volevo diventare bianca (con Alessandra Atti Di Sarro, 1993 e un’importante autobiografia collaborativa italoamericana, Rosa: Life of an Italian Immigrant (con Marie Hall Ets, 1970. Gli altri due

  10. Il percorso di implementazione di un'Unitá Integrata di Day Surgery

    G. Cattaneo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: ottimizzare l’appropriatezza dei ricoveri per i DRG chirurgici, l’utilizzo delle risorse umane e strutturali, aumentare la soddisfazione dei pazienti attraverso la costituzione di un’Unità di Day Surgery (DS e di dedicati percorsi diagnosticoterapeutici. Metodi: È stato costituito un gruppo di lavoro, coordinato dalla Direzione Sanitaria, che ha coinvolto Chirurghi, Anestesisti, Cardiologi Laboratoristi, Radiologi e responsabili amministrativi. Il mandato era di effettuare un’analisi dell’attività chirurgica del presidio e, alla luce della normativa in tema di appropriatezza e controlli sanitari, formulare un’ipotesi di riallocazione delle risorse individuando i percorsi organizzativi da attuare.

    Risultati: l’analisi delle attività chirurgiche e di quella della presenza media per giorno della settimana hanno permesso un intervento di riorganizzazione che, lasciando inalterati i volumi di attività, ha consentito di concentrare in un’unica area le degenze ordinarie di Otorinolaringoiatria, Urologia e Oculistica, recuperando gli spazi ed il personale da destinare alla DS, ed offrendo la possibilità di trasferire ad altri reparti 6 unità infermieristiche e 2 di supporto. Il modello di DS scelto è stata l’Unità centralizzata multidisciplinare, cui afferiscono tutte le Specialità chirurgiche, aperta 5 giorni la settimana dalle 7 alle 17. Sono stati definiti:gli spazi, il personale (6 unità infermieristiche e 1 di supporto, i posti letto (14, la tipologia di interventi da effettuare in regime di DS, il percorso del paziente, i protocolli organizzativi e la modulistica, la gestione amministrativa, gli indicatori.

    Conclusioni: i risultati attesi dall’attivazione della DS sono: miglior rapporto costi/ricavi (costi specifici DRG 162: in regime ordinario 1260,68 Euro; in regime DS 858,80 Euro, erogazione di prestazioni appropriate, allargamento della

  11. Chirotterofauna della provincia di Parma

    Antonio Ruggieri

    2003-10-01

    Full Text Available In questo lavoro viene definito lo stato attuale delle conoscenze sui Chirotteri nella provincia di Parma (regione Emilia Romagna, Nord Italia. Le segnalazioni storiche si riferiscono alla pubblicazione ?I Vertebrati della Provincia di Parma? (Del Prato, 1899 e alla collezione ?Del Prato? conservata presso il Museo dell?Università di Parma. Dal 1995 ho iniziato lo studio della chirotterofauna utilizzando diverse tecniche: ricerca dei siti di rifugio, raccolta occasionale di esemplari feriti o morti, catture con reti, rilevamento ultrasonico con bat-detector. Il territorio provinciale non è stato indagato omogeneamente poiché ricerche approfondite sono state effettuate solo nelle aree protette. Le specie di Chirotteri sinora accertate per la provincia di Parma sono 19: Rhinolophus ferrumequinum, Rhinolophus hipposideros, Myotis mystacinus, Myotis emarginatus, Myotis bechsteinii, Myotis nattereri, Myotis daubentonii, Myotis myotis, Myotis blythi, Pipistrellus pipistrellus, Pipistrellus nathusii, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Nyctalus noctula, Nyctalus leisleri, Plecotus auritus, Barbastella barbastellus, Tadarida teniotis. I dati distributivi di ogni specie sono riportati su una carta suddivisa nel reticolo UTM (griglia di 5 Km di lato.

  12. Giornata di Studi Paleontologici

    Davide Bassi

    2005-09-01

    Full Text Available This book results fromk one-day meeting "Giornata di Studi Paleontologici Prof.ssa C. Loriga Broglio", held in Ferrara on June 18th, 2004 and dedicated to Prof. Carmen Loriga Broglio who was full Professor of Paleontology and Paleoecology at the University of Ferrara.This special volume includes twelve papers dealing with systematic paleontology of calcified cyanobacteria, invertebrates (sponges and vertebrates (fishes, taphonomy, biostratigraphy, paleoecology and paleobiogeography.

  13. Studio di metodi di preparazione e caratterizzazione di nanostrutture per la funzionalizzazione di materiali ceramici

    Chiva-Flor, Carla

    2011-01-01

    This thesis was carried out in the context of a co-tutoring program between Centro Ceramico Bologna (Italy) and Instituto di Tecnologia Ceramica, Castellón de la Plana (Spain). The subject of the thesis is the synthesis of silver nanoparticles and at their likely decorative application in the productive process of porcelain ceramic tiles. Silver nanoparticles were chosen as a case study, because metal nanoparticles are thermally stable, and they have non-linear optical properties when nan...

  14. [Coraza, relazione di progetto

    Galindo, Regina José

    2013-01-01

    Testo introduttivo ed esplicativo della performance redatto dall’artista in occasione della presentazione della proposta al museo. Il testo è articolato in diverse parti: dopo una introduzione sul concetto di delinquenza e sul ruolo sociale che essa ha secondo Galindo, l’artista affronta la sinossi della perfomance che viene successivamente descritta in tutte le sue fasi. In conclusione l’artista elenca i requisiti necessari alla realizzazione della performance e precisamente: un volontari...

  15. Esercizi di metodi matematici della fisica

    Angilella, G G N

    2011-01-01

    Il testo richiama i principali concetti, definizioni e teoremi relativi agli spazi vettoriali, agli sviluppi in serie di Fourier, alle equazioni alle derivate parziali, alle trasformate integrali di Laplace e di Fourier, ad alcune classi di equazioni integrali (con specifico riferimento alla funzione di Green). Si danno altresi' cenni di funzioni di variabile complessa, di teoria dei gruppi, e di spazi funzionali. Di ciascun argomento vengono ampiamente discusse le motivazioni e le applicazioni nel campo della fisica e, talora, di altre discipline scientifiche. Tali argomenti vengono approfonditi da esercizi (perlopiu' svolti, o con soluzione), spesso tratti da effettivi temi d'esame del corso di Metodi matematici per la fisica del corso di laurea in Fisica (Catania).

  16. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  17. L'esperienza della Facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze

    Cellini, Erika

    2012-01-01

    L’intervento ha l’obiettivo di presentare l’esperienza che la Facoltà di Scienze Politiche di Firenze sta vivendo riguardo alla sensibilizzazione di docenti e studenti rispetto alla questione del plagio. La Facoltà si serve infatti da qualche anno di un software antiplagio ad uso di docenti e studenti e sottopone a controllo obbligato le tesi triennali di tutti i corsi di laurea.

  18. Standardizzazione di un test ELISA indiretto per la ricerca di anticorpi brucellari nel latte di bufala (Bubalus bubalis in Italia

    Massimo Scacchia

    2011-01-01

    Full Text Available È stata valutato un test ELISA indiretto per rilevare la presenza di anticorpi brucellari nel latte di bufala (Bubalus bubalis Linnaeus, 1758. L’accuratezza della prova è stata valutata su latte proveniente da allevamenti bufalini campani. Sono stati impiegati 100 campioni negativi provenienti da dieci allevamenti ufficialmente indenni della provincia di Salerno e 30 campioni positivi provenienti da tre allevamenti della provincia di Caserta con animali positivi ai test ufficiali e presenza di Brucella abortus biovar 1. La sensibilità della prova è stata del 100% (intervallo di confidenza [IC] del 90,8%-100% e la specificità sui campioni di latte individuale è stata del 98% (IC 93%-99,4%. Al fine di simulare campioni di latte di massa provenienti da allevamenti infetti a varie prevalenze di infezione, sono state analizzate diluizioni da 1:10 a 1:100 di campioni di latte positivo in latte negativo. La probabilità di rilevare anticorpi in campioni di latte positivo è risultata superiore al 50% fino alla diluizione 1:50 in latte negativo. Considerando la consistenza media nazionale degli allevamenti bufalini, la probabilità di individuare l’infezione in un allevamento, ricorrendo alla prova ELISA su latte di massa, è risultata del 50% (IC 33,1%-66,9% qualora nel latte di massa fosse presente il latte di un solo animale infetto.

  19. Narrazioni di narrazioni: orientamento narrativo e progetto di vita (Federico Batini, Gabriel Del Sarto

    Manuela Ladogana

    2007-03-01

    Full Text Available Il volume, denso di contenuti e ricco di riferimenti teorici, traccia con chiarezza le sue linee di sviluppo ed apre alla riflessione, anche pedagogica, sull’esigenza di recuperare la dimensione narrativa e autobiografica per la realizzazione di una pratica orientativa che guidi e sostenga il soggetto in orientamento verso la riscoperta e ricostruzione del proprio progetto di vita.

  20. Le frontiere di Claudio Magris

    Pellegrini, Ernestina

    2002-01-01

    Questo saggio, che ha la forma eccentrica di appunti, presenta alcune riflessioni in margine al tema della frontiera nell'opera narrativa e saggistica di Claudio Magris. È strutturato in due parti: la prima consiste in un esame ravvicinato dell'ultima sua opera, La mostra, ritratto del pittore triestino Vito Timmel, la seconda, riunisce invece un elenco di citazioni sul motivo del confine estrapolate qua e là dalle opere dello scrittore.

  1. Previdenza pensionistica privata. La legge di delega dell'agosto 2004 e le grandi linee di una riforma di sistema

    Mario Bessone

    2004-01-01

    Previdenza pensionistica privata. La legge delega dell'agosto 2004 e le grandi linee di una riforma di sistema (di Mario Bessone) - ABSTRACT: L’ Autore svolge una serie di considerazioni sulle forme individuali e collettive di previdenza complementare, alla luce dei problemi di uniformazione alle prescrizioni delle direttive comunitarie, delle normative della legge 3 dell’ottobre 2001, che ha riformato il Titolo quinto della Costituzione agli artt. 117 e 118, e propone una analisi critica d...

  2. Studio e realizzazione di una infrastruttura di autenticazione e autorizzazione (AAI) italiana per servizi di biblioteca digitale

    Tenaglia, G.

    2008-01-01

    Obiettivo di questa Tesi di Laurea ? lo studio e la realizzazione di una Infrastruttura di Autenticazione e Autorizzazione Italiana per servizi di biblioteca digitale, proponendo il caso di studio del servizio NILDE. Nel primo capitolo si introducono i concetti principali legati alla gestione dell'identit` a digitale, si fornisce una classificazione dei sistemi e si evidenziano alcuni aspetti interessanti legati alle federazioni d'identit?. Il secondo capitolo presenta alcuni standard e tecno...

  3. Lettura fenomenologica e progetto di paesaggio

    Alberto Bortolotti

    2008-12-01

    Full Text Available La precarietà degli equilibri paesistici nel nostro tempo, la natura sempre più instabile degli ambiti suburbani ne è il più chiaro esempio, negli ultimi anni ha riportato al centro dell’attenzione di architetti, urbanisti e sociologi, il tema di un progetto di paesaggio connesso alle pratiche di pianificazione territoriale. Ciò ha posto il problema della necessità di considerare le trasformazioni non soltanto in termini di effetti misurabili quantitativamente, ma anche rispetto a condizioni che appartengono più qualitativamente alla sfera emotiva di un abitante o di un visitatore, che dei luoghi in via di trasformazione fanno potenzialmente uso. Su tale aspetto emozionale del modo di abitare e di fare uso dello spazio, si fonda il senso comune di identificazione in una realtà costruita intesa come paesaggio.

  4. Sviluppo di indicatori biologici in organismi acquatici di interesse commerciale esposti a farmaci di rilevanza ambientale

    Kiwan, Alisar

    2016-01-01

    La continua immissione in ambiente dei farmaci ad uso umano, e la loro incompleta rimozione nei depuratori rende questi composti pseudo-persistenti e potenzialmente pericolosi per gli organismi acquatici. La ricerca ha inteso valutare gli effetti sub-letali di farmaci di rilevanza ambientale su due organismi d’interesse commerciale: il mitilo mediterraneo e l’anguilla europea, tramite lo sviluppo e l’applicazione di indicatori biologici, in laboratorio e in campo. Gli studi sull’anguilla h...

  5. KARAKTERISTIK PENGGUNA ???TATTO??? DI KALANGAN PEREMPUAN (Study Karakteristik Pengguna ???Tatto??? Di Kalangan Perempuan Di Kota Makassar

    SARDJU, MARCHELLINO EKO PRASETYO

    2008-01-01

    Nama penulis, Marchellino Eko Prasetyo Sardju. Jurusan Sosiologi di Fisip Unhas. Skripsi ini di bimbing oleh Rahmat Muhammad dan Andi Sangkuru Tato merupakan salah satu karya seni yang memiliki daya tarik tersendiri bagi para peminatnya khusus pada kaum perempuan di kota Makassar. Tato ini juga telah berkembang dari tahun ke tahun. dimana perkembangannya juga diikuti dengan berkembangnya kemajuan teknologi yang memudahkan seseorang untuk membuat Tato. Fenomena Tato pada perempuan ini tent...

  6. Il viaggio gastronomico di Paolo Monelli

    Alberto Salarelli

    2013-01-01

    Full Text Available Il ghiottone errante di Paolo Monelli, pubblicato nel 1935, rappresenta uno dei primi esempi di narrativa di viaggio in tema di enogastronomia, un genere destinato a grande successo nel secondo dopoguerra. In questo articolo, oltre a ripercorrere la vicenda biografica di Monelli, si sottolineano le relazioni tra Il ghiottone e la cultura gastronomica del regime fascista, e si evidenziano alcuni tratti caratteristici del suo stile di scrittura.

  7. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Dino Scaravelli

    2003-01-01

    I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di...

  8. Conservazione programmata: i risvolti economici di un cambio di paradigma

    Stefano Della Torre

    2010-10-01

    Full Text Available La conservazione programmata è una procedura innovativa, pensata come passaggio dal restauro come evento alla conservazione come processo di lungo periodo. Essa è qualcosa di più della manutenzione e del monitoraggio: è una strategia complessa, che riunisce la mitigazione dei rischi di grande scala e una accurata organizzazione delle attività quotidiane. Attuarla è dunque qualcosa di più che fare manutenzione: significa impiantare uno scenario nuovo, ponendo questioni sulle strategie e sui nessi tra le attività conservative e i processi di sviluppo locale.Questo articolo introduce la conservazione programmata come tentativo di andare oltre l’affermazione che il patrimonio conta per il suo impatto sull’economia turistica. Il programma di ricerca si incentra sulle esternalità positive del processo di conservazione. Se il capitale umano è un parametro interessante per valutare un’economia, la conservazione conta per il suo impatto sulla capacità di dubitare, di imparare, di innovare: in altre parole, il focus si sposta dal patrimonio come asset dato, alle attività conservative come opportunità per accrescere il capitale intellettuale.La tesi di fondo è che la conservazione programmata fornisce più esternalità positive, e rende la loro gestione più facile, di quanto non avvenga nel tradizionale modello si restauro/promozione.  Planned conservation is an innovative procedure, stepping from restoration as event, to preservation as long-term process. It is something more than maintenance and monitoring: it is a rather complex strategy, merging a large scale reduction of risks and a careful organization of daily activities. Implementing planned conservation, therefore, is something more effective than implementing maintenance: it means setting a totally new scenario, posing questions about strategies and links between preservation activities and local development processes. This paper introduces planned conservation as an attempt

  9. Sequenze sismiche: La nuova struttura di Pronto Intervento dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

    Govoni, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Abruzzese, L.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Amato, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Basili, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Cattaneo, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Chiarabba, C.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Delladio, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Monachesi, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Moretti, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Boschi, E.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia

    2008-01-01

    Fin dai primi anni ‘70, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV, ex ING) si avvale di una struttura di Pronto Intervento in occasione di eventi sismici rilevanti garantendo in tempi relativamente brevi il monitoraggio di dettaglio in area epicentrale. Dal suo primo intervento (terremoto di Ancona 1972) ad oggi, la struttura di Pronto Intervento si è evoluta costantemente implementando migliorie tecnologiche e logistiche. In questo lavoro prensentiamo la nuova struttura im...

  10. Sviluppo di fertilizzanti azotati con inibitore della nitrificazione di origine vegetale

    Di Cillo, Pardo

    2012-01-01

    Le proprietà di inibizione della nitrificazione di sostanze naturali offrono potenziali benefici per l’agricoltura e l’ambiente. Al fine di valutare le performance di oli estratti da Mentha spicata e Artemisia annua e di Acque di Vegetazione delle Olive come inibitori della nitrificazione per regolare la trasformazione dell’azoto dal Solfato Ammonico. Questi effetti sull’efficienza dell’uso dell’azoto sono stati testati su sedano (Apium graveolens). I risultati di questa ricerca suggeriscono ...

  11. Sorveglianza della matrice di varianze e covarianze di un portafoglio efficiente tramite la tecnica lasso

    Gallotti,

    2014-01-01

    Nel mercato finanziario, la scelta ottimale di un portafoglio azionario ha come scopo principale quello di allocare nel miglior modo possibile le risorse a propria disposizione, massimizzando una funzione di utilità che prenda in considerazione sia il rendimento atteso (da massimizzare, a parità di rischio) sia il rischio di investimento (da minimizzare, a parità di rendimento), oppure entrambi gli aspetti simultaneamente. L’idea della tesi trae origine dal concetto di “sorveglianza statis...

  12. Studio caso-controllo multicentrico su distacco di retina e movimentazione manuale di carichi

    Zanardi, Francesca

    2013-01-01

    Obiettivo Valutare l’ipotesi secondo cui la movimentazione manuale di carichi possa essere un fattore di rischio per il di distacco di retina. Metodi Si è condotto uno studio caso-controllo ospedaliero multicentrico, a Bologna, (reparto di Oculistica del policlinico S. Orsola Malpighi, Prof. Campos), e a Brescia (reparto di oculistica “Spedali Civili” Prof. Semeraro). I casi sono 104 pazienti operati per distacco di retina. I controlli sono 173 pazienti reclutati tra l’utenza degli ambulatori...

  13. Aktiviti ekonomi dan penjanaan haba di beberapa lokasi terpilih di Kuala Lumpur

    Shaharuddin Ahmad; Noraziah Ali

    2011-01-01

    Aktiviti harian penduduk di bandar raya seperti di pejabat, pasar malam, gerai di tepi jalan, kompleks perniagaan, kawasan pelancongan, trafik dan sebagainya memberi impak kepada alam sekitar fizikal. Peningkatan suhu harian dijangkakan berlaku di persekitaran Kuala Lumpur. Sehubungan itu, kajian ini cuba menganalisis fenomena sama di empat kawasan popular aktiviti manusia di sekitar Kuala Lumpur. Kawasan fokus adalah kawasan perniagaan di China Town (Jalan Petaling) dan dibandingkan dengan K...

  14. Effect of Inhomogeneous Mixture Properties on CI Combustion in a Schnurle-Type Gasoline DI Engine

    Kim, Seok-Woo; Moriyoshi, Yasuo

    The authors have performed experiments on compression-ignition (CI) for a single-cylinder Schnurle-type two-stroke gasoline direct injection (DI) engine which employs a variable exhaust port, area, and deduced two presumptions from the experimental results. Firstly, the spatial distributions of fuel concentration and in-cylinder gas temperature are indispensable to enable CI operation under stratified charge conditions, because CI operation is not possible in a DI system although the necessary conditions of the scavenging efficiency and the in-cylinder gas temperature for the initiation of CI in homogeneous charge conditions are satisfied. Secondly, it is possible that flame propagation occurs in stratified charge CI conditions, because the combustion period in the later stage after 80% mass burned becomes longer than that with homogeneous charge CI combustion. In this report, in order to verify the above two presumptions deduced from experiments, the gas exchange process and mixture formation process were numerically analyzed, and the initiation conditions of CI were estimated using a CHEMKIN application. As a result, in case of CI with a late injection timing in DI system, it was found that CI was possible because high temperature but no fuel region and low temperature but rich fuel region exist in the cylinder due to inhomogeneous spatial distributions of fuel and temperature. Also, in case of CI with a late injection timing, the flame propagation was possible in the low-temperature and diluted rich region. Thereby, the two presumptions deduced from the experimental results were validated from the numerical analysis results.

  15. Esercizi di fisica meccanica e termodinamica

    Dalba, G

    2006-01-01

    La risoluzione di esercizi rappresenta uno strumento indispensabile per raggiungere una comprensione sicura e approfondita dei concetti di Fisica appresi dai corsi e dai testi di teoria. Frutto di una lunga esperienza didattica dei due autori nell'insegnamento universitario della meccanica e della termodinamica, questa raccolta contiene 188 esercizi, di cui 91 completamente risolti ed accompagnati da un ampio corredo di figure. Il peimo capitolo presenta un'introduzione ai sistemi di unità di misura, al calcolo dimensionale, all'uso corretto delle cifre significative e degli arrotondamenti, ai grafici. Gli altri capitoli contengono gli esercizi, suddivisi per argomento e preceduti da una serie di paragrafi riassuntivi dei concetti fondamentali. Criterio ispiratore di questo lavoro è l'adozione di una metodologia per la soluzione degli esercizi basata sempre sull'analisi accurata dei dati a disposizione e sul riferimento ai principi e alle leggi della Fisica, mai alla sola intuizione.

  16. Strategie formulative per la veicolazione nasale di farmaci

    Saladini, Bruno

    2014-01-01

    Microparticelle a base di complessi polielettrolitici di Chitosano/Pectina per il rilascio nasale di Tacrina cloridrato. Lo scopo di questo studio è stata la ricerca di nuove formulazioni solide per la somministrazione nasale di Tacrina cloridrato allo scopo di ridurre l’eccessivo effetto di primo passaggio epatico ed aumentarne la biodisponibilità a livello del Sistema Nervoso Centrale. La Tacrina è stata incapsulata in microparticelle mucoadesive a base di complessi elettrolitici di chitosa...

  17. Alcuni aspetti dell'attività di Eugenio Lazzareschi Direttore dell'Archivio di Stato di Lucca

    Giambastiani, Laura

    2012-01-01

    L'articolo analizza l'attività di Eugenio Lazzareschi come Direttore dell'archivio di stato di Lucca in riferimento alla metodologia archivistica adottata e in particolare focalizza l'attenzione sull'intensa attività svolta per il trasferimento del materiale ritenuto di particolare interesse in luogo sicuro dai disastri della guerra.

  18. Sistemi tecnologici innovativi di involucro per il recupero del patrimonio edilizio recente. L'edilizia scolastica nel Comune di Bologna

    Mazzoli, Cecilia

    2015-01-01

    La ricerca è volta a presentare un nuovo approccio integrato, a supporto di operatori e progettisti, per la gestione dell’intero processo progettuale di interventi di riqualificazione energetica e architettonica del patrimonio edilizio recente, mediante l’impiego di soluzioni tecnologiche innovative di involucro edilizio. Lo studio richiede necessariamente l’acquisizione di un repertorio selezionato di sistemi costruttivi di involucro, come base di partenza per l’elaborazione di soluzioni ...

  19. Novita' sul mercato dei sistemi di pagamento: Gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica

    Mancini, Novella

    2014-01-01

    La presente trattazione analizza le novità normative apportate dalle recenti direttive europee sui servizi di pagamento e sulla moneta elettronica (rispettivamente la direttiva 2007/64/CE, c.c. Payment Services Directive o PSD, e la direttiva 2009/110/CE, detta Electronic Money Directive 2 o EMD2). Al fine di incrementare la competitività dei servizi di pagamento, sono stati introdotti nuovi prestatori di servizi di pagamento, non bancari, gli Istituti di Pagamento (IP) e gli Istituti di Mone...

  20. Per un manuale di storia: diacronie e sincronie cronologiche. Una proposta di lavoro di storia regionale sull’Adriatico orientale

    Spazzali, Roberto

    2010-01-01

    L’autore fa inizialmente notare come le conoscenze delle rispettive storie e culture nazionali che oggi possediamo sia di carattere scolastico e fissa per lo più personaggi o fatti appartenenti alla cultura di tipo nazionale. Si tratta di un processo che comporta esclusione e oblio quindi la “non conoscenza”, da cui la necessità di una nuova percezione di cultura e storia. Di seguito passa alla considerazione delle conseguenze fondamentali di alcuni fatti storici che hanno mostrato come sia u...

  1. Di - lambpha cluster states

    The lightest (p, n, Λ) closed-shell hypernucleus sub(ΛΛ) sup(6)He can be considered as a most likely candidate for the unit of hypernuclear cluster structure. First the internal structure of lambpha, α sub(Λ) = sub(ΛΛ) sup(6)He, is investigated by solving the α + Λ + Λ three-body problem microscopically. The compact h. o. wave function (0 s)6 is found to be a good description for α sub(Λ). Secondly, by using the fully microscopic GCM, we have demonstrated that di - α sub(Λ) cluster states constitute a characteristic rotational band of J = 0+ -- 6+. The E2 transition rate from particle - stable 2+ to 0+ states is predicted to be 2 - order faster than the weak decay rate of this system. (author)

  2. Ricordo di Arturo Rigillo

    Mario Coletta

    2013-07-01

    Full Text Available Nel pieno imperversare della stagione invernale  del 2010 Arturo Rigillo se ne è andato; in silenzio, così come ha vissuto, lasciando ai familiari, agli amici, ai colleghi dell’ateneo napoletano Federico II, alla comunità scientifica nazionale ed internazionale, al centro di ricerca interdipartimentale L.U.P.T. che lo ha avuto per un decennio  direttore e successivamente presidente, al comitato scientifico e redazionale della rivista  “TRIA”, che con generosa dedizione ha contribuito a fondare, un vuoto che la sola memoria della sua «silenziosa operatività» non potrà certo colmare per i tanti che lo hanno conosciuto, frequentato ed apprezzato condividendo con Lui stima, amicizia ed affetto

  3. Analisi dei modi di vibrazione di un edificio campione in muratura mediante registrazioni di terremoti e modellazioni numeriche.

    Pucillo, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fodarella, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Cogliano, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Di Giulio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Minichiello, V.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Riccio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Rovelli, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia

    2009-01-01

    Nella pratica ingegneristica vengono usate correlazioni derivate da regressioni statistiche tra numero dei piani degli edifici e frequenze di risonanza. Tuttavia la discrepanza tra comportamento reale e valori aspettati può essere talvolta significativa, e solo l’acquisizione di dati sperimentali consente di comprendere il reale comportamento dinamico di una struttura. La sperimentazione, in situazioni anche complesse, e la raccolta di nuovi dati possono essere molto importanti nel campo dell...

  4. Sviluppo di materiali polimerici e delle loro relative tecnologie di trasformazione per la loro integrazione nella realizzazione di microdispositivi elettronici

    De Simone, Luigi

    2006-01-01

    Obiettivo del presente lavoro di tesi è stato l’individuazione e la caratterizzazione di substrati polimerici, alternativi ai convenzionali substrati vetrosi, per la realizzazione di microdispositivi elettronici mediante la tecnologia Polysilicon che si basa sull’utilizzo di materiali semiconduttori a film sottile di silicio policristallino depositati a basse temperature. La riduzione dei costi, del peso e la maggiore robustezza meccanica sono tra i principali vantaggi previsti dall’utilizzo ...

  5. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Niccolò Scaffai

    2012-01-01

    A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista), che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitaz...

  6. ISTALLAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA RIVELAZIONE CONTINUA RADON MEDIANTE SPETTROMETRIA ALFA NELLA SOLFATARA DI POZZUOLI

    De Cesare, W.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Scarpato, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Buonocunto, C.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Caputo, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Capello, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Avino, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Roca, V.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); De Cicco, F.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); Pugliese, M. G.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); Sabbarese, C.; Seconda Università degli Studi di Napoli (Dipartimento di Scienze Ambientali); Giudicepietro, F.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia

    2011-01-01

    La realizzazione della stazione descritta nel presente rapporto è frutto di una collaborazione tra ricercatori della Sezione di Napoli dell’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e ricercatori dell’Osservatorio Vesuviano (OV), Sezione di Napoli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), e costituisce un’attività sperimentale per il monitoraggio dell’attività vulcanica dei Campi Flegrei.

  7. La Basilica di Vitruvio di Fano: un approccio di archeologia sperimentale per la validazione di un modello 3D

    Paolo Clini

    2014-04-01

    Full Text Available IT La vicenda della Basilica di Vitruvio di Fano ha da sempre destato un grande interesse tra studiosi e archeologi e da diversi anni è oggetto di studio di un gruppo di ricerca del DICEA della Facoltà d’Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona, in collaborazione con il Centro Studi Vitruviani. Seppur già lungamente nei secoli si è discusso sull’interpretazione del testo, limitandosi però a descrizioni formali della fabbrica, il nostro interesse si è invece concentrato, grazie anche allo sviluppo tecnologico di questi ultimi decenni, sugli aspetti statici e strutturali dell’unico edificio di cui Vitruvio curò la progettazione e la realizzazione. E’ stato quindi possibile realizzare un modello virtuale su cui effettuare una serie di simulazioni strutturali e illuminotecniche, secondo i canoni dell’archeologia sperimentale. Con un approccio volto sempre più all’interdisciplinarietà, ripercorrendo criticamente la storiografia della basilica, il lavoro apre nuove riflessioni su un’ipotesi in cui la forma, la struttura e le tecniche costruttive possono finalmente concordare permettendoci così, interagendo reciprocamente, di aprire nuovi ambiti di ipotesi rispetto al mancato ritrovamento di resti e ai possibili motivi della eventuale scomparsa della fabbrica.ENVitruvius’s Basilica has always been a subject of great interest among academics and archaeologists and it has been investigated by the engineering department of Marche Polytechnic University of Ancona, in partnership with Centro Studi Vitruviani for many years now. Even though the discussion about the text interpretation went on for a long time during the centuries, mainly concerning the shape of the building, on the other hand our interest, due to the technological progress of the last decades, is focused on static and structural features of the only building that Vitruvius drew and built. Thus it was possible to reproduce structural and

  8. La lunga attesa di Marsis

    Fabrizio Bernardini

    2005-10-01

    Full Text Available Abbiamo parlato in altre occasioni di MARSIS e della sua progenie SHARAD, due esperimenti italiani per la misura di caratteristiche sottosuperficiali del pianeta Marte. Prodotti innovativi ed unici che nascondono un potenziale scientifico elevato. La strada per Marte però non è così facile come può sembrare e se la realizzazione degli strumenti non è stata esente da dolori, l’interpretazione e la divulgazione dei risultati non sono da meno. Le incertezze ed i dubbi sono però ora dissipati: l’esperimento MARSIS funziona perfettamente e per la prima volta nella storia dell’umanità abbiamo uno strumento e gli elementi per capire cosa c’è nel sottosuolo di un altro pianeta, senza aver inviato sul posto geologi ne’ tantomeno squadre per movimenti di terra.

  9. Numerical Analysis of Deformation and Lubrication for Piston Skirt of Two-Stroke Engine%二冲程发动机活塞裙部变形和润滑的数值分析

    姬芬竹; 杜发荣; 刘慎微

    2013-01-01

    The deformation of piston skirt directly affects the assembly clearance with cylinder liner and the lubrica-tion state during the engine operation.In this paper,by taking a general aviation two-stroke piston engine as the re-search object,a finite element model describing the piston-piston pin-connecting rod-cylinder liner assembly is con-structed,the deformation of piston skirt under different loads is calculated and discussed,and a second-order dy-namic model is set up to analyze the lateral displacement of the piston.Moreover,the thickness and pressure of the lubricant film between the piston skirt and the cylinder liner are simulated.The results show that (1 )the main thrust plane of the skirt is of a deformation varying with the load;(2)thermal load may result in a skirt expansion and mechanical load may cause an expansion of the skirt upper end as well as a contraction of the lower end of the skirt;(3)under coupled thermal-mechanical load,the deformation of the skirt is not the sum of the deformations respectively under thermal and mechanical loads but varies complicatedly;and (4)during the operation of the en-gine,a wedge-shaped space may occur between the ends of the piston skirt and the wall of the cylinder liner,which makes the appearance of film lubrication between the piston skirt and the cylinder liner possible.%发动机工作时活塞裙部的变形会直接影响与缸套的配合间隙和润滑状态。文中以某通用航空二冲程活塞发动机为研究对象,建立活塞-活塞销-连杆-气缸套组合体有限元模型,计算并分析了不同负荷作用下活塞裙部的变形,并通过建立二阶运动动力学模型分析了活塞的横向位移,对活塞裙部与气缸套间的润滑油膜厚度和油膜压力进行了模拟计算。结果表明:不同负荷作用下活塞裙部主推力面有不同的变形;热负荷使裙部膨胀变形;机械负荷作用下裙部上端膨胀、下端收缩;热-机负荷耦合作

  10. Di(hydroxyphenyl)- benzimidazole monomers

    Connell, John W. (Inventor); Hergenrother, Paul M. (Inventor); Smith, Joseph G. (Inventor)

    1993-01-01

    Di(hydroxyphenyl)benzimidazole monomers were prepared from phenyl-hydroxybenzoate and aromatic bis(o-diamine)s. These monomers were used in the synthesis of soluble polybenzimidazoles. The reaction involved the aromatic nucleophilic displacement of various di(hydroxyphenyl)benzimidazole monomers with activated aromatic dihalides or activated aromatic dinitro compounds in the presence of an alkali metal base. These polymers exhibited lower glass transition temperatures, improved solubility, and better compression moldability over their commercial counterparts.

  11. Gaya Busana Harajaku Di Jepang

    Simanjuntak, Elisa

    2016-01-01

    Harajuku adalah sebutan populer untuk kawasan di sekitar Stasiun JR Harajuku, Distrik Shibuya, Tokyo. Kawasan ini terkenal sebagai tempat anak-anak muda berkumpul. Lokasinya mencakup sekitar Meiji Jingū, Taman Yoyogi, pusat perbelanjaan Jalan Takeshita (Takeshita-dōri), departement store Laforet, dan Gimnasium Nasional Yoyogi. Di sana akan dijumpai berbagai macam gaya, mulai dari tokoh kartun, gaya seorang punk rock dengan segala pernak-pernik besi sebagai asesoris, gothic dengan ciri khas pa...

  12. ADAPTASI PETANI DI KALIMANTAN SELATAN

    - Wahyu

    2013-01-01

    Tujuan penelitian ini adalah untuk mengkaji antropologi transmigrasi, terutama tentang kemampuan adaptif transmigran di lokasi baru. Banyak transmigran  datang dari daerah dengan latar belakang budaya dan alam yang berbeda-beda, ada yang dari daerah pegunungan, daerah sulit air, maupun daerah irigasi. Penelitian ini menganalisis tiga variabel: budaya (tradisi),  motivasi, dan kemampuan dasar petani, yang diperkirakan memiliki hubungan dekat dengan kemampuan adaptif di lokasi yang baru.  Me...

  13. ATLANTE ON-LINE DI GEOGRAFIA: FACILITAZIONE DI TESTI

    Cristina Baccella

    2015-02-01

    Full Text Available Al centro di questo lavoro vi è la proposta di un intervento di facilitazione su un testo di geografia contenuto nell'Atlante online Unimondo, un sito che si rivolge a studenti delle scuole primarie e secondarie. Obiettivo di questo lavoro è individuare quelle che sono in generale le criticità dei testi disciplinari e gli ostacoli che essi pongono dinnanzi a uno studente straniero (e non solo, proponendo in seguito alcuni interventi didattici mirati ad accompagnare il discente nella comprensione del testo e nello sviluppo della lingua dello studio. Dopo aver presentato brevemente le due opzioni della semplificazione e della facilitazione e aver fatto alcune considerazioni sulla preferibilità dell’una piuttosto che dell’altra, si è preso in esame il testo in questione. Ad una dettagliata analisi linguistica delle principali difficoltà ivi contenute, segue la proposta di un percorso di facilitazione mediante attività tese a permettere allo studente un approccio di successo con il testo autentico. Obiettivo della proposta è presentare un modello applicabile ad altri testi dello stesso tipo, mirato allo sviluppo da parte dello studente di una sempre maggiore consapevolezza circa i propri processi cognitivi e le strategie di lettura che può mettere in atto, puntando verso una sempre maggiore autonomia.   Online Geography Atlas: facilitation of texts This paper focuses on the proposal to facilitate use of a geography text contained in the online Unimondo Atlas. This site caters to primary and secondary school students. This paper aims to identify the critical aspects of disciplinary texts and the obstacles they pose to foreign students (and not only, proposing some educational interventions aimed at accompanying the student in understanding the text and in developing the language of study. After a brief presentation of two ways to simplify and facilitate the materials, and a discussion of how one or the other might be preferable, we

  14. Profil Merokok pada Pelajar di Tiga SMP di Kota Padang

    Yessy Susanti Sabti

    2015-09-01

    Full Text Available Abstrak   Merokok merupakan kontributor utama kematian.  Jumlah perokok semakin meningkat di seluruh dunia dan sebagian besar berada dinegara berkembang, termasuk Indonesia. Sebagai negara dengan perokok terbanyak ketiga di dunia, prevalensi perokok remaja di Indonesia semakin meningkat setiap tahun. Dengan menggunakan kuesionerGlobal Youth Tobacco Survey, kami meneliti profil merokok pada pelajar di tida SMP di kota Padang. Desain peneitian adalah crossectional. Data diperoleh dari kuesioner Global Youth Tobacco Survey, berbahasa Indonesia. Didapatkan sampel 240  murid dari 3 SMP dipilih secara acak di Kota Padang. Hasil : 27,7% murid pernah merokok, dan semuanya adalah laki-laki. 29%  mencoba rokok pada usia kurang dari 10 tahun. 37%  murid masih merokok sampai sekarang, 46% diantaranya sudah ketagihan rokok. Sebanyak 77,1% murid yang pernah merokok mempunyai orang tua perokok. Sebagian besar dari total sampel terpapar asap rokok lingkungan baik di rumah dan di tempat-tempat umum. Kesimpulan: Lebih dari seperempat pelajar di tiga SMP di kota Padang pernah merokok dan semuanya laki laki, dan mencoba merokok padausia kurang dari 10 tahun. Hampir seperlima sudah ketagihan merokok.Kata kunci: Pelajar, Merokok, Global Youth Tobacco SurveyAbstract Smoking is the mayor contibutor of death, and the number of smoker is growing overworld. More of them live in the developing country, including Indonesia. As the third of most smoker number, the teenager smoker prevalence in Indonesia is increase over year. By using Indonesian language adapted of Global Youth Tobacco Survey quessionaires, we researched smoking teenager behaviour and realted factors at Junior High School of Padang. Design of study is crossectional, datas collected from 240 students of three randomized selected Junior High School, by  Global Youth Tobacco Survey quessionaires that has adapted to Indonesian language. Results : 27,7% of students reported that they ever smoked cigarettes

  15. EGNOS: è ora di usarlo

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  16. Conoscenze e comportamenti in relazione alla prevenzione delle malattie neoplastiche in un gruppo di studenti di scuola media superiore della provincia di Milano

    P. Giametta; M.C. Gandini; V. Garretto; P. Aletti; P. Bulgheroni; Bulgheroni, A.

    2003-01-01

    Obiettivi: valutare il livello di conoscenza ed i comportamenti a rischio per neoplasie maligne in un gruppo di studenti di scuola media superiore allo scopo di definire la necessità di interventi di informazione/ educazione sanitaria tesi alla prevenzione di tali patologie.

    Metodi: un apposito questionario, anonimo ed a risposte chiuse, è stato somminstrato a studenti delle classi III° e IV° di un Liceo Scie...

  17. Modellazione Tridimensionale del Processo di Combustione di un Razzo a Propellente Solido

    Bertacin, Roberto

    2013-01-01

    La regolazione dei sistemi di propulsione a razzo a propellente solido (Solid Rocket Motors) ha da sempre rappresentato una delle principali problematiche legate a questa tipologia di motori. L’assenza di un qualsiasi genere di controllo diretto del processo di combustione del grano solido, fa si che la previsione della balistica interna rappresenti da sempre il principale strumento utilizzato sia per definire in fase di progetto la configurazione ottimale del motore, sia per analizzare le e...

  18. Studio e realizzazione di sistemi di percezione frontale per autoveicoli mediante visione artificiale

    Caraffi, Claudio

    2008-01-01

    In questa tesi saranno presentati i sistemi di percezione frontale a 3 telecamere in posizione asimmetrica dei veicoli autonomi TerraMax e TerraMax2 che hanno partecipato alle edizioni 2004 e 2005 della DARPA Grand Challenge e 2007 della DARPA Urban Challenge, con la descrizione degli algoritmi utilizzati per la calibrazione di telecamere, la stabilizzazione di immagini, l'estrazione di corsie stradali, la rilevazione di pendenza e l'individuazione di ostacoli in ambiente off-road. ...

  19. Valutazione di composti bioattivi ad attività antiossidante in alimenti di origine vegetale

    Mignogna, Rossella

    2011-01-01

    Negli alimenti di origine vegetale sono naturalmente presenti alcuni composti bioattivi, cioè composti aventi o no valore nutrizionale e dotati di attività biologica che si esplica nel ridurre il rischio di sviluppo di numerose malattie croniche, svolgendo, quindi, una fondamentale azione protettiva sulla nostra salute. All’interno di questo gruppo di composti si inseriscono gli antiossidanti, definiti come sostanze che, in basse concentrazioni rispetto al substrato ossidabile e sotto specifi...

  20. Preparazione di derivati azotati di bifenili di origine naturale da utilizzare come leganti per siti nicotinici

    Piras, Stefania; Azzena, Ugo Gavino; Finà, Clara; Delogu, Giovanna

    2006-01-01

    I recettori nicotinici sono canali ionici attivati da un legante e costituiscono le molecole chiave che mediano la trasmissione tra un neurone e l’altro attraverso l’acetilcolina. Essi sono coinvolti nella malattia dell’Alzheimer, pertanto, al fine di contrastare gli effetti della patologia, si somministrano al malato farmaci che aumentano la produzione di acetilcolina, sostanza che, a sua volta, potenzia i recettori nicotinici. Si pensa, inoltre, che questi recettori possano a...

  1. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    Vittorio Brizzi

    2006-06-01

    Full Text Available Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si può ipotizzare che si tratti di una cuspide destinata ad una freccia per la caccia, utilizzabile da un arco efficiente e forte.

  2. Su Lectura Dantis di Carmelo Bene (con un’apparizione di Salvatore Sciarrino)

    Caputo, Simone

    2015-01-01

    L’indagine propone una disamina di Lectura Dantis, lavoro di Carmelo Bene del 1981, alla luce delle riflessioni elaborate da Vincenzo Caporaletti sul Principio audiotattile e utilizzate in questo caso di studio per un primo avvicinamento al teatro “sonoro” di Carmelo Bene. L’idea di affrontare Lectura Dantis dal versante della musica e non da quello del teatro deriva dalla lettura di due scritti dedicati a Bene: Antropologia di una macchina attoriale di Piergiorgio Giacchè e Un muezzin per Da...

  3. L'amicizia negli scritti di Aelredo di Rievaulx. Una conoscenza puntiforme

    Lorenzo Braca

    2010-06-01

    Full Text Available L'amicizia, per il cistercense inglese Aelredo di Rievaulx (1110-1167, rappresenta il principale veicolo di conoscenza divina: la fusione dello spirito di due amici è il primo gradino di una scala di perfezione che conduce all'unione con Dio. Secondo alcuni storici, però, alla base della sua teologia starebbe il bisogno di canalizzare una mal sofferta pulsione sessuale. Questo articolo analizza la teologia di Aelredo come dottrina della conoscenza raggiunta attraverso l'amore e discute la possibilità di trovare nei suoi scritti segni del suo orientamento sessuale.

  4. Ghiande Missili Iscritte di età Ellenistica Nella Collezione Privata di Berna Oğuz di Izmir (Turchia)

    Laflı, Ergün; Buora, Maurizio

    2016-01-01

    Si pubblicano qui otto ghiande missili con iscrizioni in greco della collezione di Berna Oǧuz di Izmir (Turchia), databili al IV secolo alla tarda età ellenistica (forse II-I secolo a.C.). Si aggiunge una ghianda del museo di Izmir con iscrizione in latino, di epoca romana. Si dà quindi notizia dell’esistenza di altre ghiande nei musei di Ödemiş, Akhisar e Balikesir. The paper presents eight slingshots with greek inscriptions belonging to the collection of Berna Oǧuz, Izmir (Tu...

  5. Diasporici metropolitani: nuovi scenari quotidiani di lotta di classe

    Sergio Straface

    2009-04-01

    Full Text Available Uno dei concetti su cui mi piace riflettere è quello della velocità. Più precisamente se sia possibile connettere l’intelligenza alla velocità. Oggi è necessario essere veloci e il vivere velocemente ha conquistato la quotidianità confondendosi strategicamente con la nozione di intelligenza. Le coordinate della surmodernità: l’accelerazione della storia, il restringimento dello spazio e l’individualizzazione dei destini pare abbiano imposto la velocità come conditio sine qua non sia improbabile conquistare un dignitoso ruolo sociale. Velocità come chiave di accesso, password obbligatoria, condizione connettiva con cui l’io finalmente accede all’attuale e soprattutto intelligente modo di vivere. La mia riflessione si concentrerà sull’esempio di lentezza proposto dai barboni, da ora in poi definiti diasporici metropolitani. Velocità vs lentezza, dunque, per una riflessione sulle contemporanee dinamiche del vivere metropolitano. Mi soffermerò su sensazioni, emozioni, ricordi e principalmente dubbi, per articolare una prima critica dell’equazione normativa “velocità uguale intelligenza” nonché per mostrare un esempio di resistenza, un modello altro in opposizione da quello dominate.

  6. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con

  7. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  8. Pressioni antropiche all’interno di un sito Natura 2000: linee di indirizzo e monitoraggio delle attività di messa in sicurezza di emergenza nel sito di interesse nazionale di Orbetello

    Gabellini, M.; A. AUSILI; Mumelter, E.; Trama, V.; Girardi, R.; Trinchera, G.; Barbara, W.; de Propris, L.; Onorati, F; Tornato, A.; Cappucci, S.; S. Russo(Lugano); F. Giovanardi

    2007-01-01

    L’elevato valore naturalistico e socioeconomico di un Sito Natura 2000 richiede che tutte le attività antropiche che si svolgono al suo interno (es. pesca, turismo, trasporti, attività industriali, etc.) siano gestite in maniera tale da non pregiudicare le specie e gli habitat per i quali l’area è stata designata. Molti di questi Siti sono ambienti di transizione, ovvero zone che costituiscono il passaggio naturale tra terra e mare. La loro posizione di interfaccia ...

  9. Studio di prototipo di calorimetro per neutroni per l'esperimento ALICE

    Arnaldi, R; Cicalò, C; Cortese, P; De Falco, A; Dellacasa, G; De Marco, N; Gallio, M; Macciotta, P; Masoni, A; Musso, A; Oppedisano, C; Piccotti, A; Puddu, G; Scomparin, E; Siddi, S; Serci, E; Soave, C; Usai, G L; Vercellin, Ermanno

    1999-01-01

    ALICE e uno dei quattro esperimenti previsti ad LHC, al CERN, il cui scopo e lo studio delle osservabili che danno informazioni rilevanti sulla formazione del quark gluon plasma, che potrebbe essere prodotto in collisioni centrali Pb-Pb, di energia nel centro di massa di 5.5 A TeV.Il parametro di impatto di tali collisioni verra determinato grazie ad un insieme di calorimetri per protoni e neutroni che misureranno l'energia portata in avanti dai nucleoni non interagenti(spettatori).E' stato costruito un prototipo di calometro per neutroni, formato da piani di fibre di quarzo, posti a 45 gradi rispetto all'asse del fascio e inframmezzati da piani di materiale passivo denso(tungsteno). La luce Cerenkov prodotta nelle fibre dallo sciame sviluppato nel materiale passivo,viene raccolta da guide ottiche in aria.Verranno presentati i rilustati di un test previsto al CERN SPS per il luglio 1999.

  10. Sirio Giannini, Prati di fieno e I racconti

    Arianna Gianotti

    2010-06-01

    Full Text Available Recensiamo i due volumi di Sirio Giannini, Prati di fieno, con Prefazione di Daniela Marcheschi, e I racconti, con Prefazione di Paolo Capovani, Edizioni Polistampa, Firenze, 2010.

  11. Elementi di management dei programmi spaziali

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  12. Sviluppo di uno strumento per la rivelazione tridimensionale delle inclusioni di tellurio in cristalli di CZT e CdTe

    Zambelli, Nicola

    2010-01-01

    Nell'ultimo decennio si e' osservato un notevole miglioramento nella capacita' di eseguire spettroscopia a dispersione di energia, sia relativamente alla rilevazione di raggi X e che a quella delle particelle, cariche e non. Molteplici sono ormai gli ambiti in cui queste tecnologie trovano applicazione, dal campo medicodiagnostico all'astrofisica, passando dal monitoraggio dei processi industriali al settore della sicurezza aeroportuale e ambientale. Di fondamentale importanza in questo proce...

  13. Incontro di lavoro sul tema : Sicurezza Informatica

    Carlesi, Carlo

    2003-01-01

    L'incontro di lavoro sul tema sicurezza informatica ? stato organizzato con l'intento di: Promuovere la sensibilizzazione alla cultura della sicurezza informatica; Evidenziare i diversi aspetti della sicurezza informatica; Presentare alcune soluzioni/prodotti commerciali .

  14. Valutazione della sostenibilità ambientale tramite metodologia LCA di sistemi per lo sfruttamento di fonti alternative di energia e materiali

    Chiavetta, Cristian

    2013-01-01

    La dissertazione ha riguardato l’analisi di sostenibilità di un sistema agronomico per la produzione di olio vegetale a fini energetici in terreni resi marginali dall’infestazione di nematodi. Il processo indagato ha previsto il sovescio di una coltura con proprietà biofumiganti (brassicacea) coltivata in precessione alla specie oleosa (soia e tabacco) al fine di contrastare il proliferare dell’infestazione nel terreno. Tale sistema agronomico è stato confrontato attraverso una analisi di cic...

  15. 15th Incontri di Fisica delle Alte Energie

    2016-01-01

    La XV Edizione di IFAE - Incontri di Fisica delle Alte Energie - si terrà presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova L'edizione 2016 comprenderà numerose sessioni dedicate alla discussione degli aspetti di maggiore interesse attuale e di prospettiva nella fisica delle alte energie.

  16. Principi generali di gestione della manutenzione

    Furlanetto, Luciano; Macchi, Marco

    2006-01-01

    In questo volume vengono fornite le premesse per il superamento della tradizionale visione della manutenzione, quale inevitabile accidente e costo da ridurre, a favore di un'immagine culturale innovativa in cui la manutenzione consente un superamento del modello consumistico delle sostituzioni verso una ecosostenibilità del patrimonio di impianti e infrastrutture. Sulla base di queste premesse, ci si rivolge a manager, imprese, studiosi e studenti del campo dei servizi di manuntenzione.

  17. Marcel Proust, Sentimenti filiali di un matricida

    Stefano Ballerio

    2011-01-01

    Pubblicato sul «Figaro» dell’1 febbraio 1907 e poi nel volume dei Pastiches et melanges del 1919, Sentiments filiaux d’un parricide racconta la tragica fine di Henri van Blarenberghe, esponente dell’alta borghesia parigina e conoscente di Proust, che in un accesso di follia uccise la madre per poi suicidarsi. Si propongono una nuova traduzione italiana dell’articolo – con il finale che contro la volontà di Proust fu omesso nell’edizione s...

  18. La costruzione ideologica dell’identità martiriale: i Quaranta martiri di Sebaste, Teodoro di Amasea e Stefano Protomartire negli encomi di Gregorio di Nissa

    Chiriatti, Mattia C.

    2013-01-01

    L’esaltazione del martirio si sviluppa parallelamente alla costruzione ideologica dell’identità cristiana, attraverso la teorizzazione del sacrificio come pilastro del Cristianesimo primitivo. La morte cruenta rivela, nel discepolato cristiano, il vincolo indissolubile esistente tra vita e identità religiosa. Come si evince dagli encomi di Gregorio di Nissa, esiste una relazione intrinseca tra la letteratura martiriale e il forgiarsi di un’identità cristiana. Per il vescovo di Nissa, il model...

  19. Concorso di progettazione Piazza Verdi - La Spezia

    Vitone, Luca; Boehm, Frank

    2016-01-01

    Il progetto, realizzato insieme all’architetto e curatore Frank Boehm, è presentato nel 2009 nell’ambito del concorso di progettazione per la riqualificazione architettonica e artistica di Piazza Giuseppe Verdi bandito dal Comune di La Spezia e P.A.A.L.M.A. (Premio Artista Architetto La Marrana Arte Ambientale) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia. Artista e architetto immaginano una soluzione che trasformi la piazza in zona pedonale e in un “salotto urbano”...

  20. I Nutrienti: molecole di signalling cellulare

    P. Palestini

    2014-01-01

    Una corretta nutrizione costituisce un fattore imprescindibile per il raggiungimento dello stato di salute L’alterazione dell’equilibrio nutrizionale, nel senso di un eccesso o un difetto, conduce infatti inevitabilmente a uno stato di malnutrizione con conseguenze anche molto gravi sullo stato di salute stesso. In questo senso, la dietetica svolge un compito indispensabile soprattutto attraverso l’educazione nutrizionale, un intervento che, oggi, dovrebbe essere necessariamente rivolt...

  1. Analisi sperimentale e simulazione numerica dell’efficienza di strutture di ritenuta per il contenimento delle colate detritiche.

    Canelli, Luigi

    2013-01-01

    In questo lavoro è stata indagata e analizzata l’efficienza degli interventi di tipo strutturale con particolare attenzione alle briglie selettive realizzate in funi di acciaio. La progettazione di queste strutture non è soggetta a specifica normativa nel caso di fenomeni di colata e, al momento, sono poche le evidenze scientifiche che garantiscono l’installazione e l’utilizzo di questo tipo di barriere con adeguati fattori di sicurezza. Questa incertezza non è legata alle caratteristiche mec...

  2. Convegni: rapporti di ricerca o relazioni tecniche?

    Renzo Carlucci

    2009-01-01

    Se da un lato viene spontaneo sentirsi colpiti dalla restrizione operata ai fondi, dall'altro non si può fingere di ignorare lo spreco di risorse del sistema italiano per la ricerca che, seppur avanzato nella sua dualità accademica e istituzionale, si trova attualmente in una fase di profonda decadenza.

  3. Convegni: rapporti di ricerca o relazioni tecniche?

    Renzo Carlucci

    2009-03-01

    Full Text Available Se da un lato viene spontaneo sentirsi colpiti dalla restrizione operata ai fondi, dall'altro non si può fingere di ignorare lo spreco di risorse del sistema italiano per la ricerca che, seppur avanzato nella sua dualità accademica e istituzionale, si trova attualmente in una fase di profonda decadenza.

  4. Le narrazioni come metodo di indagine sociologica

    Rita Bichi

    2012-04-01

    Full Text Available L'incontro trentino ha dimostrato l'interesse crescente dei giovani sociologi per lo sviluppo dei metodi narrativi e la capacità che questi hanno di essere efficaci nell'analisi di svariati temi, dai racconti di malattia alle narrazioni identitarie, dallo studio di lavoro e organizzazioni a quello delle migrazioni, di genere e memoria. Tuttavia, l'interesse della sociologia italiana va visto in un quadro di sviluppo più ampio a livello europeo e americano dove, a partire dagli anni '90, l'intervento di alcuni autori come Lyotard, Bruner e Macintyre, ha sancito quella che alcuni autori hanno definito svolta narrativa. La sociologia, infatti, tende sempre più a valorizzare la narrazione come processo di conoscenza peculiare che è attivato costantemente nella vita quotidiana; la "rivoluzione" risiede nel fatto che la narrazione diventa oggetto della sociologia e la disciplina stessa valorizza il suo uso sia come strumento di indagine scientifica, sia come modo di conoscere che come modo di comunicare, rivendicando la legittimità scientifica all'ascolto della parola diretta degli individui coinvolti all'interno delle ricerche di stampo sociologico.

  5. Studio delle prestazioni di giunzioni incollate ibride

    F.Moroni

    2011-01-01

    Full Text Available Le giunzioni ibride sono giunzioni in cui coesistono due differenti tipologie di giunzione, di cui una è l’incollaggio. L’articolo mostra i risultati di una campagna sperimentale volta a caratterizzare le prestazioni di giunti incollati ibridi in confronto ad alcune tipologie di giunzioni tradizionali. Si sono prese in considerazioni come tecnologie di giunzione tradizionali la saldatura a resistenza, la rivettatura a strappo, la clinciatura e la rivettatura auto perforante. In particolare si sono studiate le prestazioni di giunti a semplice sovrapposizione per differenti condizioni geometriche del giunto (spessore aderendi, passo tra i punti di fissaggio meccanico e condizioni ambientali (temperatura di esercizio, presenza o meno di invecchiamento. La pianificazione della campagna sperimentale, e la successiva analisi dei risultati sono state svolte mediante Design of Experiments.I risultati dei test mostrano che le giunzioni ibride conducono ad significativo un miglioramento delle prestazioni quando le due tecnologie di giunzione componenti il giunto ibrido hanno prestazioni simili, mentre forniscono prestazioni pari o inferiori a quelle delle giunzione più resistente quando vengono accoppiate tecnologie di giunzione con prestazioni molto differenti.

  6. La ragione flessibile di Giovanni Bottiroli

    Elio Franzini

    2013-12-01

    Full Text Available Recensione a Giovanni Bottiroli, La ragione flessibile. Modi d’essere e stili di pensiero. Torino: Bollati Boringhieri, 2013. Sulla possibilità di una «logica della flessibilità» (Bottiroli ovvero di una «logica che segua la vita» (Franzini. 

  7. Caratterizzazione del legame di molecole di interesse farmaceutico alla sieroalbumina umana mediante biocromatografia e dicroismo circolare

    Pistolozzi, Marco

    2008-01-01

    Negli ultimi anni, un crescente numero di studiosi ha focalizzato la propria attenzione sullo sviluppo di strategie che permettessero di caratterizzare le proprietà ADMET dei farmaci in via di sviluppo, il più rapidamente possibile. Questa tendenza origina dalla consapevolezza che circa la metà dei farmaci in via di sviluppo non viene commercializzato perché ha carenze nelle caratteristiche ADME, e che almeno la metà delle molecole che riescono ad essere commercializzate, ha...

  8. Analisi della risposta sismica di un edificio campione nel Comune di Ariano Irpino (AV)

    Cogliano, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Di Giulio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fodarella, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Improta, L.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Minichiello, V.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Pucillo, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Riccio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Rovelli, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia

    2006-01-01

    Nella pratica ingegneristica vengono usate correlazioni derivate da regressioni statistiche tra numero dei piani degli edifici e frequenze di risonanza. Tuttavia la discrepanza tra comportamento reale e valori aspettati può essere talvolta significativa, e solo l’acquisizione di dati sperimentali consente di comprendere il reale comportamento dinamico di una struttura. La sperimentazione, in situazioni anche complesse, e la raccolta di nuovi dati possono essere molto importanti nel campo dell...

  9. Analisi numerica del comportamento strutturale di solai alveolari in presenza di aperture

    Garutti, Nicola

    2013-01-01

    L’argomento della tesi riguarda lo studio del comportamento strutturale di particolari elementi precompressi prefabbricati in conglomerato armato, ovvero i pannelli alveolari. Lo studio condotto si propone, nello specifico, di analizzare attraverso simulazioni numeriche agli elementi finiti la risposta strutturale, in regime di non linearità del materiale, di una porzione significativa di solaio in cui siano praticate aperture caratterizzate da dimensioni e posizione variabili. La finalità ul...

  10. Tecnica di densificazione attraverso la strategia delle centralità urbane di tipo metropolitano.

    Strina, Paolo

    2015-01-01

    La tesi adotta e sperimenta la tecnica di densificazione attraverso la strategia delle centralità all’interno di contesti urbani di medie dimensioni. Il campo di analisi applicata prescelto è composto dalle dieci città capoluogo di provincia della Regione Emilia Romagna. Il carattere dominante delle città contemporanee, riscontrabile anche nelle città emiliano-romagnole, è la dispersione della forma. Lo sviluppo diffuso della città contemporanea è stato alimentato nell’ultimo ventennio da...

  11. I diritti di quarta generazione. il decreto ‘salva alcoa’: un esempio di diritto fluido

    Foschini, Federica

    2012-01-01

    Nell’ambito del Diritto dell’Energia si è potuto assistere alla nascita di molti diritti di quarta generazione ex novo o come specificazioni di diritti già esistenti. Infatti, nonostante la cospicua legislazione in materia, le principali tematiche connesse al diritto dell’energia nascono prima di tutto da esigenze sociali. Ciò conduce all’analisi di due temi fondamentali: il dualismo tra fonti legislative e valori/interessi sociali e il ruolo attivo della giurisprudenza....

  12. Meccanismi di risposta di simbionti lichenici allo stress foto-ossidativo

    Candotto Carniel, Fabio

    2014-01-01

    I licheni, una simbiosi mutualistica tra un fungo (il micobionte), generalmente un ascomicete, e una o più popolazioni di alghe e/o cianobatteri (il fotobionte) sono considerati forme di vita estremofile in quanto da disidratati possono resistere a condizioni ambientali molto difficili come elevati irraggiamenti solari, scarsa disponibilità d'acqua e di nutrienti e dosi elevate di inquinanti aerodiffusi. Tali fattori di stress tuttavia inducono una sovrapproduzione a livello cellulare d...

  13. Studio degli effetti funzionali e tossici di derivati di Brassicaceae in modelli sperimentali

    Melega, Simone

    2013-01-01

    I vegetali appartenenti alla famiglia delle Brassicaceae, sono ricchi di molecole biologicamente attive note per le numerose proprietà salutari. L’effetto di un estratto di germogli di cavolo nero toscano (TBCSE) è stato investigato, in termini chemiopreventivi, sugli enzimi epatici del metabolismo degli xenobiotici e antiossidanti, in ratti trattati con TBCSE. I risultati hanno mostrato un complesso pattern di modulazione, con una prevalente inibizione, del sistema citocromo P450-dipendente,...

  14. Un evento catastrofico: una sfida per l'attivazione di strutture di conoscenza e di azione

    Bisi Roberta

    2015-03-01

    Full Text Available L’articolo analizza, partendo dalle relazioni di consulenza tecnica di ufficio medico-legale e psichiatrica, il percorso biografico e la rappresentazione della condannata AMF. Un’attenzione particolare viene rivolta ad alcuni degli strumenti psicodiagnostici utilizzati per delineare il profilo di personalità di AMF e, di conseguenza, l’impegno volto a valorizzare ed affermare la dignità dei sentimenti e delle relazioni affettive, utili per ridare senso alla propria appartenenza sociale, nel tentativo di conciliare le ragioni del cuore e le passioni della ragione. À partir du rapport d’expertise médico-légale et psychiatrique, l’article analyse le récit de vie d’AMF et la représentation de soi. Une attention particulière est portée à certaines méthodes psychodiagnostiques utilisées pour établir le profil de la personnalité d’AMF dans le but de mettre en valeur et d’affirmer la dignité des sentiments et des relations affectives. Ces dernières s’avèrent utiles pour redonner sens à son appartenance sociale en cherchant à concilier les raisons du coeur et les passions de la raison. On the basis of the technical consulting reports concerning the psychiatric clinical forensic examination, the article analyses AMF's biographic background and her self-representation. A special attention is paid to some of the psychodiagnostic tools used to outline the personality profile of AMF and as a consequence it is taken into consideration the responsibility to appraise and state the dignity of the emotional feelings and the family bonds necessary to give meaning to the individual social identity in the attempt to conciliate the reasons of the heart and the passions of the reason.

  15. La logistica nei processi di trasformazione dell’area orientale di Napoli

    Adriana Galderisi

    2010-07-01

    Full Text Available Stoccaggio e trasporto merci hanno assunto, già da alcuni anni, un ruolo rilevante nell’area orientale di Napoli, con impatti significativi sulla qualità urbana ed ambientale dell’area. In quest’area, anche grazie alla sua vicinanza ai principali nodi della mobilità (porto, aeroporto, stazione ferroviaria e alla significativa presenza di aree produttive dismesse o in dismissione, trovano oggi spazio numerose attività di stoccaggio e spedizione merci, in molti casi localizzate all’interno di ex aree industriali, in assenza di una reale ottica “sistemica”. Pertanto, a partire da una breve disamina dell’evoluzione dell’area orientale e di quanto previsto dagli strumenti urbanistici vigenti per la sua trasformazione, il contributo focalizza l’attenzione sul ruolo attuale dslle attività di stoccaggio e trasporto merci nell’area. Quindi, sulla base di alcune recenti esperienze di italiane e in riferimento ad ipotesi già avanzate per l’organizzazione di una piattaforma logistica nell’area orientale di Napoli -quale strumento per ottimizzare le necessità di stoccaggio e trasporto merci riducendone le esternalità negative- valuta la compatibilità di tali scelte con le prospettive di evoluzione/trasformazione dell’area e il potenziale ruolo che l’area potrebbe svolgere in una prospettiva di ri-organizzazione del trasporto merci in ambito urbano.

  16. Antropologi dan Jaringannya di Indonesia

    Jonris G. Purba

    2009-01-01

    Jika melihat tulisan ini sepintas dari judulnya, maka kita akan bertanya mengapa antropologi mempunyai jaringan. Di samping itu kita juga akan bertanya: jaringan seperti apa yang ada dalam antropologi itu? Bagaimana terbentuknya jaringan itu? Dan apa yang menjadi latar belakang munculnya jaringan antropologi tersebut? Serta apa saja manfaat dan kegiatan yang dilaksanakan dalam jaringan tersebut? ker-jul2006- (3)

  17. "Ho voglia di te." Proposta di traduzione in islandese, con analisi, di un brano tratto dal romanzo di Federico Moccia

    Hanna Lára Kristjánsdóttir 1983

    2010-01-01

    Þýðing á hluta úr "Ho voglia di te" sem er unglingabók eftir Federico Moccia. Í ritgerðinni koma fram nokkrar helstu kenningar í þýðingafræði ásamt umfjöllun um helstu vandamálin sem komu fram við þýðinguna.

  18. Transisi Demografi di Indonesia; Seabad ?

    Dr. Kemal N. Siregar

    2012-09-01

    Full Text Available Transisi demografi adalah proses perubahan kematian dan kelahiran yang berlangsung dari tingkatan yang tinggi ke tingkatan yang rendah dalam suatu kurun waktu pada masyarakat tertentu. Transisi ini muncul dengan terjadinya banyak perubahan di masyarakat, diantaranya adalah perubahan sosio-ekonomi yang berhubungan timbal balik dengan kesehatan.

  19. Dati di traffico telefonico e politiche urbane

    Paola Pucci

    2013-11-01

    Full Text Available Il paper propone una riflessione sulle possibilità offerte dai dati di traffico telefonico nel fornire conoscenze utili a costruire politiche per la mobilità più efficaci ed eque. A partire dai risultati di una esperienza di ricerca avviata presso il Dastu Politecnico di Milano sulla significatività dei dati di traffico telefonico di Telecom Italia nel restituire le densità d’uso del territorio (Manfredini, Pucci & Tagliolato, 2012 e 2013 e le origini e destinazioni dei movimenti giornalieri di mobilità (Tagliolato, Manfredini & Pucci, 2013, si evidenziano le potenzialità analitiche e interpretative offerte da questi dati nel descrivere le modalità con cui differenti popolazioni urbane usano il territorio e le possibili ricadute sulle politiche per la mobilità.Nella ricerca condotta, il trattamento dei dati di traffico telefonico ha consentito di restituire la variabilità spazio-temporale delle pratiche d’uso in Lombardia, a partire dalle quali si sono individuati “comunità di pratiche” e “territori contingenti”, generati cioè dalle pratiche di diverse popolazioni temporanee, che si sono assunti come perimetri utili per una diversa articolazione delle competenze e distribuzione delle risorse disponibili. Nel paper l’individuazione di popolazioni urbane temporanee attraverso i dati di traffico telefonico non ha unicamente una finalità interpretativa, ma rappresenta la condizione attraverso cui riconoscere le nuove domande disaggregate per “comunità di pratiche”, su cui costruire politiche di offerta più efficaci e meno onerose finanziariamente, poiché non generaliste.

  20. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  1. L’identificazione di virus citopatogeni isolati dall’ambiente:ricerca ed applicazione di protocolli analitici

    A. Carducci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la ricerca dei virus enterici in matrici ambientali, soprattutto nei reflui urbani, risulta di grande interesse sia per la valutazione del rischio di natura virale sia per compiere studi epidemiologici.

    Lo scopo di questo lavoro è stato l’applicazione parallela di diverse tecniche attualmente in uso in virologia clinica a isolati citopatogeni ambientali al fine di ottenere una precisa identificazione degli agenti rilevati.

    Metodi: sono stati analizzati 21 campioni di aerosol, provenienti da impianti di depurazione di reflui civili a fanghi attivi, e risultati citopatogeni in colture di cellule BGM.

    Dopo una nuova semina in “shell vials”, su tre linee cellulari continue per mettere in evidenza eventuali differenze nello spettro di citopatogenicità. Per l’identificazione degli isolati virali, sono state adottate in parallelo: microscopia elettronica, tecniche biomolecolari di amplificazione genica, elettroforesi su gel di poliacrilamide (PAGE, test immunoenzimatici, sieroneutralizzazione.

    Risultati: la semina in “shell vials” ha confermato la
    presenza di particelle virali infettive in tutti i campioni
    tranne uno; inoltre ha permesso di ridurre il
    tempo di comparsa dell’effetto citopatico a 3-4 giorni
    contro i 6-8 giorni necessari seminando in fiasche.
    La microscopia elettronica ha individuato la presenza
    di particelle enterovirus-simili in 18 dei 21
    campioni e di virioni della famiglia Reoviridae in 8.
    La positività dei campioni è stata ottenuta, inoltre,
    con la RT-PCR, per 2 campioni di enterovirus e 2 di
    reovirus e con la PAGE in 6 campioni. Il presente
    studio ha portato ad un’identificazione sufficientemente
    certa di reovirus in 2 campioni e di enterovirus
    in 1 campione.

    Conclusioni: l’identificazione di isolati ambientali si

  2. Valeria Pala, Tommaso Landolfi traduttore di Gogol’

    Cinzia Guadalaxara

    2011-04-01

    Full Text Available L’indagine condotta da Valeria Pala sull’opera landolfiana, con particolare riguardo all’attività di traduttore svolta da Landolfi, appare interessante in ogni suo aspetto; fin dalle prime pagine viene posto in rilievo lo stretto legame tra gli scritti di Landolfi e la cultura russa, oggetto di studio dell’autore dagli anni universitari e fonte di perenne ispirazione delle proprie opere. La crisi del sistema culturale italiano,  forte negli anni in cui Landolfi si dedica all’attività di traduttore, induce diversi intellettuali del tempo alla traduzione di testi stranieri, allo scopo di importare nella cultura nazionale elementi mutuati da altri sistemi culturali; la traduzione prende dunque a configurarsi come strumento utile per fornire agli scrittori italiani nuovi modelli su cui improntare la propria produzione poetica e letteraria.

  3. Allacciare i fili spezzati: analisi di tre autobiografie di persone divenute disabili

    Rosalba Perrotta

    2011-04-01

    Full Text Available Leggere autobiografie consente di conoscere esperienze e momenti della vita che restano ignoti a chi non li ha vissuti. Le autobiografie ci svelano un mondo e, nello stesso tempo, ci introducono in esso. Illustrano e spiegano senza illustrare e senza spiegare. Catturano il lettore nella narrazione e, rendendolo protagonista di quello che accade, gli fanno provare le emozioni di chi racconta e gli mostrano la realtà attraverso i suoi occhi. La corrente sociologica dell’Interazionismo simbolico, un approccio che dà particolare rilievo ai significati attribuiti dagli uomini agli oggetti di cui hanno esperienza, considera le storie di vita uno strumento di indagine prezioso. Il racconto di un tratto della vita, o della vita in genere, consente di raggiungere una conoscenza della realtà soggettiva di chi narra molto superiore rispetto a quella ottenuta attraverso questionari o interviste strutturate.

  4. Formazione di biofilm e resistenza ai biocidi in Listeria

    MASSA, MARCO

    2011-01-01

    La presente attività di ricerca ha avuto come oggetto di studio la formazione di biofilm in condizioni dinamiche: per raggiungere tale obiettivo, è stato costruito un idoneo apparato che permettesse di ottenere una valutazione quantitativa sia delle cellule presenti nella soluzione di crescita sia di quelle adese su tre materiali di prova(acciaio inossidabile, PET e rame). Oltre ad esprimere una valutazione dell’adesione batterica alle superfici, si è proceduto ad indagare sui possibili ...

  5. I "vincitori in etica": valutazione multicriteriale di fondi socialmente responsabili

    Stefania Funari

    2011-01-01

    A fronte della crescita nellÕofferta di fondi socialmente responsabili che si è registrata nel mercato internazionale nellÕultimo decennio, diviene significativo riuscire a distinguere i diversi fondi etici sulla base dei criteri di responsabilità sociale adottati dai gestori. Per tale motivo recentemente si è iniziato a parlare di rating etico di fondi di investimento, intendendo con tale termine sistemi di classificazione di fondi etici che considerano aspetti legati alla responsabilità soc...

  6. Il Playground come laboratorio di creatività e inclusione

    Antonio Lauria; Matilde Montalti

    2015-01-01

    In generale, le aree gioco sono luoghi fortemente standardizzati, frutto dell’assemblaggio di attrezzature scelte a catalogo aliene dal contesto di riferimento, povere di stimoli e incapaci di innescare proficue relazioni sociali. Troppo spesso, le attività di gioco sono ripetitive, meccaniche, noiose, contribuiscono in maniera limitata, se non controproducente, allo sviluppo del bambino e alimentano un approccio al gioco povero e passivo. E rara la presenza di opportunità di g...

  7. Recettori per estrogeni e progesterone in tumori mammari di cagna

    Pirino, Salvatore; Sanna, Ennio; Leoni, Antonio; Nieddu, Antonio Mario S.; Antuofermo, Elisabetta; Rocca, Stefano

    2002-01-01

    Con la presente indagine si è inteso: a) verificare l’applicabilità di alcuni monoclonali nell'immunolocalizzazione di recettori per estrogeni e progesterone; b) valutare l’espressine di tali ricettori in differenti tipologie neoplastiche, anche in rapporto con il livello di positività di nuclear antigen (Mib-1); c) sottoporre i risultati a elaborazione statistica allo scopo di verificare la significatività delle medie di espressione e delle correlazioni.

  8. Post Human. Esperienze e questioni di critica d’arte

    Viola, Eugenio

    2010-01-01

    2008 - 2009 Esperienza artistica di confine, luogo di riflessione critica e di aperto dibattito filosofico e antropologico, il Post-Human rappresenta un oggetto teorico estremamente complesso, ricco di prospettive e di molteplici sviluppi. Una costellazione di pratiche e di proposte critiche che, maturata nell’ultimo decennio del Novecento, continua a segnare i percorsi dell’arte e della critica d’arte d’inizio secolo, ponendo questioni che coinvolgono, innanzitutto, le nozi...

  9. PYDBSCAN UN SOFTWARE PER IL CLUSTERING DI DATI

    Cassisi, C.; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Matematica e Informatica; Montalto, P.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia; Pulvirenti, A.; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Matematica e Informatica; Aliotta, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia; Cannata, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia

    2011-01-01

    Con il termine clustering si indica il processo mediante il quale è possibile raggruppare oggetti in base a caratteristiche comuni (features). Questo approccio, alla base dei processi di estrazione di conoscenza da insiemi di dati (data mining), riveste notevole importanza nelle tecniche di analisi. Come verrà mostrato in questo lavoro, l’applicazione delle tecniche di clustering consente di analizzare dataset, con l’obiettivo di ricercare strutture che possano fornire informazion...

  10. Caratterizzazione geotecnica del sottosuolo di San Giuliano di Puglia

    d’Onofrio, A.; Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Napoli, Italia; Vitone, C.; Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Politecnico di Bari,Italia; Cotecchia, F.; Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Politecnico di Bari,Italia; Puglia, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Santucci de Magistris, F.; Laboratorio di Dinamica Strutturale e Geotecnica, StreGa, Università degli Studi del Molise, Temoli (CB), Italia; Silvestri, F.; Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale, Università degli Studi di Napoli Federico II, Napoli, Italia

    2009-01-01

    In order to correlate the damages produced by 2002 Molise earthquake to the litostratigraphic and mechanical characteristics of the subsoil, a detailed investigation by in situ and laboratory tests was performed in San Giuliano di Puglia (CB). The investigations were directed both to study the Toppo Capuana marly clays, above which most of the damages of buildings were founds, and, to a lesser extent, the Faeto flysch formation, that is its rigid bedrock. The marly clay deposit is distinguish...