WorldWideScience

Sample records for 50cc two-stroke di

  1. A 50 cc Two-Stroke DI Compression Ignition Engine Fuelled by DME

    Hansen, Kim Rene; Nielsen, Claus Suldrup; Sorenson, Spencer C;

    2008-01-01

    The low auto-ignition temperature, rapid evaporation and high cetane number of dimethyl ether (DME) enables the use of low-pressure direct injection in compression ignition engines, thus potentially bringing the cost of the injection system down. This in turn holds the promise of bringing CI...... efficiency to even the smallest engines. A 50cc crankcase scavenged two-stroke CI engine was built based on moped parts. The major alterations were a new cylinder head and a 100 bar DI system using a GDItype injector. Power is limited by carbon monoxide emission but smoke-free operation and NOx less than 200...

  2. Optimizing the Performance of a 50cc Compression Ignition Two-Stroke Engine Operating on Dimethyl Ether

    Hansen, Kim Rene; Dolriis, J.D.; Hansson, C.;

    2011-01-01

    -out NOx of such an engine could make it ideal for future vehicles operating on second generation biofuels. Data is presented for the performance and emissions at the current state of development of the engine. Brake efficiencies above 30% were obtained despite the small size of the engine. In addition....... Design improvements relative to an earlier prototype are described. The major alterations are related to air intake arrangement, exhaust tuning and the fuel injector. Comparison is made to the first prototype engine and the effects of fuel injection rate, injection pressure, cylinder head geometry and...

  3. Direct Fuel Injection of LPG in Small Two-Stroke Engines

    Yew Heng Teoh

    2011-01-01

    Full Text Available The commonly used carburetted two-stroke engines in developing countries have high exhaust emission and poor fuel efficiency. To meet more rigid emissions requirements, two-stroke vehicles are typically phase out in favour of four-stroke engines. The problems of ubiquitous legacy two-stroke vehicles remain unsolved by these measures and they are likely to be a major source of transport for many years to come. A number of technologies are available for solving the problems associated with two-stroke engines such as catalytic after-treatment and direct fuel injection (DI. However, these solutions are relatively high cost and have shown only slow market acceptance for applications in developing countries. Research in recent years has demonstrated that direct fuel injection is a well developed and readily deployable solution to existing two-stroke engines. Gaseous fuels such as Liquefied Petroleum Gas (LPG are considered a promising energy source and in many countries provide fuel cost savings. LPG coupled with DI two-stroke technologies, is expected to be clean and cost effective retrofit solution for two-stroke engines. In this research project, direct injection (DI of Liquefied Petroleum Gas (LPG is introduced and tested on a typical two-stroke engine. Results of in cylinder combustion pressure translated to fuel mass fraction burned, engine performance and exhaust emissions are taken and compared for various injection timings from premixed (early injection to fully direct injection mode (late injection. Results show that DI of LPG effectively reduces exhaust hydrocarbon and can substantially improve the fuel economy of two-stroke engines.

  4. First North American 50 cc Total Artificial Heart Experience: Conversion from a 70 cc Total Artificial Heart.

    Khalpey, Zain; Kazui, Toshinobu; Ferng, Alice S; Connell, Alana; Tran, Phat L; Meyer, Mark; Rawashdeh, Badi; Smith, Richard G; Sweitzer, Nancy K; Friedman, Mark; Lick, Scott; Slepian, Marvin J; Copeland, Jack G

    2016-01-01

    The 70 cc total artificial heart (TAH) has been utilized as bridge to transplant (BTT) for biventricular failure. However, the utilization of 70 cc TAH has been limited to large patients for the low output from the pulmonary as well as systemic vein compression after chest closure. Therefore, the 50 cc TAH was developed by SynCardia (Tucson, AZ) to accommodate smaller chest cavity. We report the first TAH exchange from a 70 to 50 cc due to a fit difficulty. The patient failed to be closed with a 70 cc TAH, although the patient met the conventional 70 cc TAH fit criteria. We successfully closed the chest with a 50 cc TAH. PMID:26809081

  5. Versión Transcultural del Cuestionario de Personalidad de Zuckerman- Kuhlman (ZKPQ-50-CC en Población Argentina (Transcultural Version of the Zuckerman Kuhlman Personality Questionnaire (ZKPQ-50-CC in the Argentinean Population

    Rubén Daniel Ledesma

    2013-04-01

    Full Text Available The aim of this study was to provide evidence of the validity of the ZKPQ-50-CC in the Argentinean population.The ZKPQ-50-CC is a brief personality measure to assess Zuckerman's Alternative Five-Factor Model. Thisinstrument was simultaneously developed in different countries and languages, which makes it of special interestto cross-cultural research. The sample consisted of 895 adults selected from the general population in the city ofMar del Plata (Argentina. Psychometric analysis included dimensional validity, reliability and differences due togender and age. The results yielded a five-factor structure which was consistent with the model, acceptable degreesof internal consistency, and age and gender differences for the scales. Overall, the results were consistent with theoriginal instrument, although there were some slight differences. The findings provide evidence of the validity of theZKPQ-50-CC in a cultural context different from those in which the instrument was developed. Further psychometricresearch is needed to assess the validity of the questionnaire, such as its convergent validity, test-re-test reliability androbustness against social desirability bias.

  6. Effects of Surface Irregularities on Piston Ring-Cylinder Tribo Pair of a Two Stroke Motor Engine in Hydrodynamic Lubrication

    A. Zavos

    2015-03-01

    Full Text Available Tribological parameters such as friction, lubrication and wear influence strongly the engine component's life. In this study, a piston ring-cylinder system simulated taking into account the surface modifications under fully flooded lubrication and normal engine conditions. The hydrodynamic pressure field solved based on the Navier Stokes equations by Fluid Structure Interaction analysis. A real experimental data of piston ring-cylinder was used from a two stroke motor engine 50 cc. The surface irregularities are measured by 3D coordinate measurement machine while the engine has been worked about 4000 hours. The friction force, the hydrodynamic pressure, the oil film and the mechanical stresses were predicted for different engine conditions. Results show that the worn profile ring reduces the friction as well as the mechanical stresses increased. Surface condition of worn top ring was observed after a metallurgical profile analysis.

  7. Swirling flow in a two-stroke marine diesel engine

    Hemmingsen, Casper Schytte; Ingvorsen, Kristian Mark; Walther, Jens Honore; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    Computational fluid dynamic simulations are performed for the turbulent swirling flow in a scale model of a low-speed two-stroke diesel engine with a moving piston. The purpose of the work is to investigate the accuracy of different turbulence models including two-equation Reynolds- Averaged Navier...

  8. MODELING OF ELECTRONIC GASOLINE INJECTION PROCESSES IN TWO STROKE ENGINE

    Hraivoronskyi, Y.

    2013-06-01

    Full Text Available Basic provision of the processes developed mode, occurring in ignition fuel system with electronically controlled two stroke engine with positive ignition are given. Fuel injection process’ calculation results for the case of placing fuel injector into intake system presented.

  9. Two Stroke Diesel Engines for Large Ship Propulsion

    Haider, Sajjad

    In low speed large two-stroke marine diesel engines, uniflow scavenging is used to remove the exhaust gases from the cylinder and fill the cylinder with fresh air charge for the next cycle. The swirl enhances the mixing of fuel with air and improves combustion efficiency. The thesis focuses...... on characterizing the confined swirling flow during the scavenging process. A simplified experimental model of an engine cylinder is developed. Smoke visualization results show that at fully open intake port there is a well-defined vortex core. The core size increases in a hollow conical shape along the flow...... downstream. As the port closes, the mixing of smoke particles in the core with surrounding regions is enhanced. The hollow conical smoke pattern disappears and resembles to a jet. Laser Doppler Anemometry measurements are conducted in the swirl generator and at the entrance to the test cylinder. The results...

  10. Heat Transfer in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Jensen, Michael Vincent

    numerically by performing simulations with a CFD code of the heat transfer between gas and wall in a jet impingement configuration where a hot round turbulent gas jet impinged normally onto a wall under conditions approximating the in-cylinder conditions in the engine during combustion. A jet impingement......Heat transfer between the cylinder gas and the piston surface during combustion in large two-stroke uniflow scavenged marine diesel engines has been investigated in the present work. The piston surface experiences a severe thermal load during combustion due to the close proximity of the combustion...... is thus important for the engine manufactures. The piston surface heat transfer was studied in the event of impingement of hot combustion products on the piston during combustion, and an estimate was obtained of the peak heat flux level experienced on the piston surface. The investigation was carried out...

  11. Measurement and Calculation of Frictional Loss in Large Two-Stroke Engines

    Vølund, Anders; Klit, Peder

    2003-01-01

    The total frictional loss in a large two-stroke marine diesel engine is rather well determined. However, the contribution (size and distribution) from the different machine elements are not well known. The aim of this study is to establish methods to measure and calculate friction in the piston assembly and guide shoe system for a large two-stroke marine diesel engine. These components are the two major contributors to the total friction in a two-stroke marine diesel engine. The piston pack r...

  12. Some investigations in design of low cost variable compression ratio two stroke petrol engine

    A. Srinivas; Venkatasubbaiah, G.; Rao, P. Venkateswar; Reddy, M. Penchal

    2012-01-01

    Historically two stroke engine petrol engines find wide applications in construction of two wheelers worldwide, however due to stringent environmental laws enforced universally; these engines are fading in numbers. In spite of the tight norms, internationally these engines are still used in agriculture, gensets etc. Several designs of variable compression ratio two stroke engines are commercially available for analysis purpose. In this present investigation a novel method of changing the comp...

  13. TOPSIS Multi-Criteria Decision Modeling Approach for Biolubricant Selection for Two-Stroke Petrol Engines

    Masoud Dehghani Soufi; Barat Ghobadian; Gholamhassan Najafi; Mohammad Reza Sabzimaleki; Talal Yusaf

    2015-01-01

    Exhaust pollutants from two-stroke petrol engines are a problem for the environment. Biolubricants are a new generation of renewable and eco-friendly vegetable-based lubricants, which have attracted a lot of attention in recent years. In this paper, the applicability of the Technique for Order of Preference by Similarity to Ideal Solution (TOPSIS) method to support the process of building the scoring system for selecting an appropriate two-stroke lubricant has been analyzed. For this purpose,...

  14. ANALYSIS OF EXHAUST GAS EMISSION IN THE MARINE TWO-STROKE SLOW-SPEED DIESEL ENGINE

    Branko Lalić; Gojmir Radica; Nikola Račić

    2016-01-01

    This paper explores the problem of exhaust emissions of the marine two-stroke slow-speed diesel engines. After establishing marine diesel engine regulations and defining the parameters influencing exhaust emissions, the simulation model of the marine two-stroke slow-speed diesel engine has been developed. Furthermore, the comparison of numerical and experimentally obtained data has been performed, resulting in achieving the model validity at 100% load, which represents a requirement for furth...

  15. Measurement and Calculation of Frictional Loss in Large Two-Stroke Engines

    Vølund, Anders

    2003-01-01

    rest of the mechanical loss is situated in the piston rod 2%, piston skirt 3% and main bearings and connecting rod bearing 12%. Information about the friction distribution can be used in future design of these machine elements. Theoretical models for determination of frictional losses for both......The total frictional loss in a large two-stroke marine diesel engine is rather well determined. However, the contribution (size and distribution) from the different machine elements are not well known. The aim of this study is to establish methods to measure and calculate friction in the piston...... assembly and guide shoe system for a large two-stroke marine diesel engine. These components are the two major contributors to the total friction in a two-stroke marine diesel engine. The piston pack represents approximately 60% of the total mechanical loss at full load and the guide shoe system 23%. The...

  16. Parametric Study of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Mayer, Stefan

    2015-01-01

    Large commercial ships such as container vesselsand bulk carriers are propelled by low-speed, uniflowscavenged two-stroke diesel engines. The integral in-cylinderprocess in this type of engine is the scavenging process,where the burned gas from the combustion process isevacuated through the exhaust...... deficit in axial velocity and the formation ofcentral recirculation zones, known as vortex breakdown. Thispaper will present a CFD analysis of the scavenging process ina MAN B&W two-stroke diesel engine. The study include aparameter sweep where the operating conditions such as airamount, port timing and...

  17. Numerical Investigation of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine cycle whether it is spark ignited or compression ignited. The scavenging process is responsible for transporting the burned gases from the previous working stroke out of the combustion chamber to allow for the...... fresh charge or fresh air to enter for the next combustion/working stroke. This implies that the scavenging process is responsible for setting the initial condition for the combustion process, consequently affecting fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines...

  18. Two strokes Diesel engine - Promising solution to reduce CO2 emissions

    Tribotte, Pascal; Ravet, Frederic; Dugue, Vincent; Obernesser, Philippe; Quenchon, Nicolas; Benajes Calvo, Jesus Vicente; Novella Rosa, Ricardo; De Lima Moradell, Daniela Andreina

    2012-01-01

    Two-stroke engines have dropped out of the automobile market for a long time due to severe drawbacks. Unfortunately, the comparison with the performances of four-stroke engines was not in favour of two-stroke ones. Nevertheless, the needs of a more compact engine with a better ratio of the mass and size versus power motivated research efforts at the beginning of the 90's. Regrettably, these efforts did not result in commercial success and automobile manufacturers kept four-stroke engine archi...

  19. The Tracer Gas Method of Determining the Charging Efficiency of Two-stroke-cycle Diesel Engines

    Schweitzer, P H; Deluca, Frank, Jr

    1942-01-01

    A convenient method has been developed for determining the scavenging efficiency or the charging efficiency of two-stroke-cycle engines. The method consists of introducing a suitable tracer gas into the inlet air of the running engine and measuring chemically its concentration both in the inlet and exhaust gas. Monomethylamine CH(sub 3)NH(sub 2) was found suitable for the purpose as it burns almost completely during combustion, whereas the "short-circuited" portion does not burn at all and can be determined quantitatively in the exhaust. The method was tested both on four-stroke and on two-stroke engines and is considered accurate within 1 percent.

  20. CHARACTERIZATION OF EMISSIONS FROM HAND-HELD TWO-STROKE ENGINES

    Despite their extremely high organic and particulate matter emission rates, two-stroke engines remain among the least studied of engine types. Such studies are rare because they are costly to perform. Results reported in this paper were obtained using a facility that shares e...

  1. Turbulent swirling flow in a model of a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore;

    2013-01-01

    The turbulent and swirling flow of a uniflow-scavenged two-stroke engine cylinder is investigated using a scale model with a static geometry and a transparent cylinder. The swirl is generated by 30 equally spaced ports with angles of 0°, 10°, 20°, and 30°. A detailed characterization of the flow...

  2. Some investigations in design of low cost variable compression ratio two stroke petrol engine

    Srinivas, A; rao, P Venkateswar; Reddy, M Penchal

    2012-01-01

    Historically two stroke engine petrol engines find wide applications in construction of two wheelers worldwide, however due to stringent environmental laws enforced universally; these engines are fading in numbers. In spite of the tight norms, internationally these engines are still used in agriculture, gensets etc. Several designs of variable compression ratio two stroke engines are commercially available for analysis purpose. In this present investigation a novel method of changing the compression ratio is proposed, applied, studied and analyzed. The clearance volume of the engine is altered by introducing a metal plug into the combustion chamber. This modification permitted to have four different values of clearance value keeping in view of the studies required the work is brought out as two sections. The first part deals with the design, modification, engine fabrication and testing at different compression ratios for the study of performance of the engine. The second part deals with the combustion in engi...

  3. ANALYSIS OF EXHAUST GAS EMISSION IN THE MARINE TWO-STROKE SLOW-SPEED DIESEL ENGINE

    Branko Lalić

    2016-07-01

    Full Text Available This paper explores the problem of exhaust emissions of the marine two-stroke slow-speed diesel engines. After establishing marine diesel engine regulations and defining the parameters influencing exhaust emissions, the simulation model of the marine two-stroke slow-speed diesel engine has been developed. Furthermore, the comparison of numerical and experimentally obtained data has been performed, resulting in achieving the model validity at 100% load, which represents a requirement for further exhaust gas analysis. Deviations obtained at the real engine and the model range from 2% to 7%. An analysis of the influential parameters such as compression ratio, exhaust valve timing and fuel injection timing has been performed. The obtained results have been compared and conclusions have been drawn.

  4. CFD analysis of the scavenging process in marine two-stroke diesel engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan;

    2014-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine regardless of being spark ignited (SI) or compression ignited (CI). The scavenging process is responsible for replacing the burned gas from the combustion process from the previous working stroke with fresh air....../charge before the subsequent compression stroke. This implies that the scavenging process is integral to engine performance as it influence the initial condition for the combustion process, thus affecting the fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines for marine...... with the swirling air in the combustion chamber during fuel injection. A known characteristic of swirling flows is an adverse pressure gradient in the center of the rotating flow which might lead to a local deficit in axial velocity and the formation of central recirculation zones, known as vortex...

  5. Numerical Investigation of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland; Hult, Johan; Nogenmyr, Karl-Johan;

    2013-01-01

    The scavenging process is an integral part of any two-stroke internal combustion engine cycle whether it is spark ignited or compression ignited. The scavenging process is responsible for transporting the burned gases from the previous working stroke out of the combustion chamber to allow for the...... fresh charge or fresh air to enter for the next combustion/working stroke. This implies that the scavenging process is responsible for setting the initial condition for the combustion process, consequently affecting fuel economy, power output and emission of hazardous gases. Two-stroke diesel engines...... for marine propulsion are usually uniflow scavenged cross-head engines. In uniflow scavenged engines the scavenge air enters the cylinder via ports located near the bottom dead center and exits through an exhaust valve located in the cylinder head. The in cylinder flow is therefore concentrated in one...

  6. Experimental and numerical investigation of sprays in two stroke diesel Engines

    Dam, Bjarke Skovgård

    2007-01-01

    physical quantities have an effect on the spray characteristics, but there are some discrepancies. It is found that small differences in setup have large effects on the spray characteristics, especially differences in nozzle layout have shown a large effect. The nozzles of large two stroke engines both...... is derived for an absolute maximum grid size for achieving reasonable momentum transfer from liquid to the gas phase. Even smaller cell sizes are required for e.g. resolving gradients in the flow field. An experimental setup is constructed, investigating sprays at atmospheric conditions, using nozzles...... and an injection system identical to those of large two stroke diesel engines. Specially designed single hole nozzles enables in nozzle pressure measurements. A number of experimental methods are successfully tested, including a high speed imaging system using reflected light, a low cost shadowgraph system...

  7. Two-stroke scooters are a dominant source of air pollution in many cities

    Platt, S. M.; Haddad, I. El.; Pieber, S. M.; Huang, R.-J.; Zardini, A. A.; Clairotte, M.; Suarez-Bertoa, R.; Barmet, P.; Pfaffenberger, L.; Wolf, R.; Slowik, J. G.; Fuller, S. J.; Kalberer, M.; Chirico, R.; Dommen, J.; Astorga, C.; Zimmermann, R.; Marchand, N.; Hellebust, S.; Temime-Roussel, B.; Baltensperger, U.; Prévôt, A. S. H.

    2014-05-01

    Fossil fuel-powered vehicles emit significant particulate matter, for example, black carbon and primary organic aerosol, and produce secondary organic aerosol. Here we quantify secondary organic aerosol production from two-stroke scooters. Cars and trucks, particularly diesel vehicles, are thought to be the main vehicular pollution sources. This needs re-thinking, as we show that elevated particulate matter levels can be a consequence of ‘asymmetric pollution’ from two-stroke scooters, vehicles that constitute a small fraction of the fleet, but can dominate urban vehicular pollution through organic aerosol and aromatic emission factors up to thousands of times higher than from other vehicle classes. Further, we demonstrate that oxidation processes producing secondary organic aerosol from vehicle exhaust also form potentially toxic ‘reactive oxygen species’.

  8. Numerical analysis of combustion and transient heat transfer processes in a two stroke SI engine

    Illán, F.; Alarcón, M.

    2010-01-01

    Abstract A zero-dimensional model is presented to simulate the transient processes occurring within a two stroke SI engine. A two zone combustion model, with a spherically expanding flame front originating from the spark location, is applied. The model is numerically solved using the network simulation model which allows coupling the combustion model with a heat transfer model where both radiant and convective heat contributions have been taken into account for the in-cylinder gase...

  9. A New Strategy to Achieve Radical Combustion Through Exhaust Port Throttling for Two Stroke Engine

    Saqaff Ahmed Alkaff, Mohamed A. Khan

    2010-01-01

    Radical combustion is a critical condition behind control. In two stroke engine, acondition of radical combustion could be achieved through control of the trappedexhaust gases at a certain condition, might include, the engine load, speed,concentration of the unburned hydrocarbons, their temperature and otheroperational parameters.An earlier work was conducted towards the achievement of the radicalcombustion. The mechanism was made to throttle the opening of the exhaustport at a range of 1% to...

  10. Correlations for wiebe function parameters for combustion simulation in two-stroke small engines

    Galindo Lucas, José; Climent Puchades, Héctor; Pla Moreno, Benjamín; JIMENEZ MACEDO, VICTOR DANIEL

    2011-01-01

    Abstract Combustion simulation in two-stroke engines becomes necessary not only for engine performance prediction but also for scavenge evaluation, since in-cylinder pressure and temperature are highly influenced by combustion process evolution. Combustion simulation by using a Wiebe function is appropriate to be included in a 1D engine code for providing design criteria with fast and accurate calculations; the main drawback is the determination of the four Wiebe parameters needed ...

  11. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 2

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit a design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  12. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 3

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications.

  13. A discussion of the several types of two-stroke-cycle engines

    Venediger, Herbert J

    1935-01-01

    This report discusses different types of two-stroke engines as well as the three most important design factors: volume of scavenge and charge delivery, scavenging process (scavenging result), and result of charge. Some of the types of engines discussed include: single cylinder with crank-chamber scavenge pump and auxiliary suction piston linked to working connecting rod; and two cylinder engines with a rotary scavenge pump arrangement. Three and four cylinder engines are also discussed in various designs.

  14. Experimental and numerical investigation of sprays in two stroke diesel Engines

    Dam, Bjarke Skovgård; Sorenson, Spencer C; Meyer, Knud Erik; Mayer, Stefan

    2007-01-01

    The control of the injected spray is important when optimizing performance and reducing emissions from diesel engines. The research community has conducted extensive research especially on smaller four stroke engines, but so far only little has been done on sprays in large two stroke engines. The latter is the subject of this dissertation. The theory and experimental findings on diesel sprays are investigated, including e.g. spray parameters and droplet break up. It is found that no complete ...

  15. Engine Output Increase of Two-stroke Combustion with Exhaust System Optimization

    Bigoš, Petar; Puškár, Michal

    2008-01-01

    In principle, an exhaust system influences the maximum output and characteristic of a two-stroke combustion engine. The first part of the contribution deals with the possibility of transformation in a maximum output and a range of exploitable speed values by means of the change of exhaust manifold length in exhaust pipe section. This knowledge covers an output curve variability of an engine operating speed range. The second part of this contribution deals with the combustion product's tempera...

  16. TOPSIS Multi-Criteria Decision Modeling Approach for Biolubricant Selection for Two-Stroke Petrol Engines

    Masoud Dehghani Soufi

    2015-12-01

    Full Text Available Exhaust pollutants from two-stroke petrol engines are a problem for the environment. Biolubricants are a new generation of renewable and eco-friendly vegetable-based lubricants, which have attracted a lot of attention in recent years. In this paper, the applicability of the Technique for Order of Preference by Similarity to Ideal Solution (TOPSIS method to support the process of building the scoring system for selecting an appropriate two-stroke lubricant has been analyzed. For this purpose, biolubricants (TMP-triesters based on castor oil, palm oil, and waste cooking oil were produced and then utilized in a 200 cc two-stroke gasoline engine to investigate their effects on its performance and exhaust emissions. The results obtained from the use of the entropy technique in the TOPSIS algorithm showed that palm oil-based lubricant took up the greatest distance from the Negative Ideal Solution (NIS and was selected as the most optimal lubricant for these types of engines.

  17. Recent Development of the Two-Stroke Engine. II - Design Features. 2; Design Features

    Zeman, J.

    1945-01-01

    Completing the first paper dealing with charging methods and arrangements, the present paper discusses the design forms of two-stroke engines. Features which largely influence piston running are: (a) The shape and surface condition of the sliding parts. (b) The cylinder and piston materials. (c) Heat conditions in the piston, and lubrication. There is little essential difference between four-stroke and two-stroke engines with ordinary pistons. In large engines, for example, are always found separately cast or welded frames in which the stresses are taken up by tie rods. Twin piston and timing piston engines often differ from this design. Examples can be found in many engines of German or foreign make. Their methods of operation will be dealt with in the third part of the present paper, which also includes the bibliography. The development of two-stroke engine design is, of course, mainly concerned with such features as are inherently difficult to master; that is, the piston barrel and the design of the gudgeon pin bearing. Designers of four-stroke engines now-a-days experience approximately the same difficulties, since heat stresses have increased to the point of influencing conditions in the piston barrel. Features which notably affect this are: (a) The material. (b) Prevailing heat conditions.

  18. Devices to improve the performance of a conventional two-stroke spark ignition engine

    Poola, R.B. [Argonne National Lab., IL (United States); Nagalingam, B.; Gopalakrishnan, K.V. [Indian Inst. of Tech., Madras (India)

    1995-06-01

    This paper presents research efforts made in three different phases with the objective of improving the fuel economy of and reducing exhaust emissions from conventional, carbureted, two-stroke spark ignition (SI) engines, which are widely employed in two-wheel transportation in India. A review concerning the existing two-stroke engine technology for this application is included. In the first phase, a new scavenging system was developed and tested to reduce the loss of fresh charge through the exhaust port. In die second phase, the following measures were carried out to improve the combustion process: (1) using an in-cylinder catalyst, such as copper, chromium, and nickel, in the form of coating; (2) providing moderate thermal insulation in the combustion chamber, either by depositing thin ceramic material or by metal inserts; (3) developing a high-energy ignition system; and (4) employing high-octane fuel, such as methanol, ethanol, eucalyptus oil, and orange oil, as a blending agent with gasoline. Based on the effectiveness of the above measures, an optimized design was developed in the final phase to achieve improved performance. Test results indicate that with an optimized two-stroke SI engine, the maximum percentage improvement in brake thermal efficiency is about 31%, together with a reduction of 3400 ppm in hydrocarbons (HC) and 3% by volume of carbon monoxide (CO) emissions over the normal engine (at 3 kW, 3000 rpm). Higher cylinder peak pressures (3-5 bar), lower ignition delay (2-4{degrees}CA){degrees} and shorter combustion duration (4-10 {degrees}CA) are obtained. The knock-limited power output is also enhanced by 12.7% at a high compression ratio (CR) of 9:1. The proposed modifications in the optimized design are simple, low-cost and easy to adopt for both production and existing engines.

  19. Novel Tribotester for Cylinder Liner/Piston Ring Contacts of Two Stroke Marine Diesel Engines

    Pedersen, Michael Torben; Imran, Tajammal; Klit, Peder; Felter, Christian; Vølund, Anders

    A good tribological description for the cylinder liner and piston ring materials is always desired in order to achieve an improved combination of the materials. The piston ring package in a two-stroke-diesel engine operates in three lubrication regimes and the materials must be characterized in...... is capable of studying the process of friction, oil film formation between cylinder liner, and piston ring surfaces and the corresponding wear. Two test procedures are developed to verify the reproducibility of the measurements obtained with this test apparatus. These reproducibility test procedures...

  20. Novel Tribotester for Cylinder Liner/Piston Ring Contacts of Two Stroke Marine Diesel Engines

    Pedersen, Michael Torben; Imran, Tajammal; Klit, Peder;

    2009-01-01

    A good tribological description for the cylinder liner and piston ring materials is always desired in order to achieve an improved combination of the materials. The piston ring package in a two-stroke-diesel engine operates in three lubrication regimes and the materials must be characterized in...... is capable of studying the process of friction, oil film formation between cylinder liner, and piston ring surfaces and the corresponding wear. Two test procedures are developed to verify the reproducibility of the measurements obtained with this test apparatus. These reproducibility test procedures...

  1. Influence of piston displacement on the scavenging and swirling flow in two-stroke diesel engines

    Obeidat, Anas; Haider, Sajjad; Ingvorsen, Kristian Mark;

    We study the effect of piston motion on the in-cylinder swirling flow in a low speed, large two-stroke marine diesel engine. The work involves experimental, and numerical simulation using OpenFOAM platform, Large Eddy Simulation was used with three different models, One equation Eddy, Dynamic One......, for the fully opened case LES model with 8/12 million mesh points were used. We find that the flow inside the cylinder changes as the ports are closing, from a Rankine/Burger vortex profile to a solid body rotation while the axial velocity profiles change from a wake-like to a jet-like profile....

  2. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Schnipper, Teis; Walther, Jens Honore; Mayer, Stefan

    2012-01-01

    A scale model of a simplified cylinder in a uniflow scavenged large two-stroke marine diesel engine is constructed to investigate the scavenging process. Angled ports near the bottom of the cylinder liner are uncovered as the piston reaches the bottom dead center. Fresh air enters through the ports forcing the gas in the cylinder to leave through an exhaust valve located in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirl fl...

  3. Influence of piston displacement on the scavenging and swirling flow in two-stroke diesel engines

    Obeidat, Anas; Haider, Sajjad; Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore

    2012-01-01

    We study the effect of piston motion on the in-cylinder swirling flow in a low speed, large two-stroke marine diesel engine. The work involves experimental, and numerical simulation using OpenFOAM platform, Large Eddy Simulation was used with three different models, One equation Eddy, Dynamic One equation Eddy, and Ta Phouc Loc model, to study the transient phenomena of the flow. The results are conducted at six cross sectional planes along the axis of the cylinder and with the piston displac...

  4. Improving the Performance of Two-stroke Motorcycle with Tuned Adjustable Exhaust Pipe

    O. Obodeh

    2009-08-01

    Full Text Available Engine performance is strongly dependent on gas dynamic phenomena in intake and exhaustsystems. Careful design of the manifolds enables the engineer to manipulate the characteristics. The basicexhaust tuning mechanisms was described w ith respect to a two-stroke single-cylinder engine. Tuned adjustableexhaust pipe for use on two-stroke motorcycle was designed and tested. The dynamometer used incorporateda flywheel of appropriate moment of inertia to simulate the mass of the motorcycle and rider. The test procedureinvolved measurement of the flywheel speed during an acceleration phase resulting from opening the throttle.Calculation of the instantaneous flywheel acceleration gave a measure of the torque and power characteristics.The airflow based values of delivery ratio; trapping efficiency and charging efficiency were not measureddirectly but were culled from the fuel flow values and the Spindt computation of the exhaust gas analysis.Experimental test results were presented for power output, specific fuel consumption and engine-out emissions.The tuned exhaust system was found to improve fuel economy of the engine by 12%. The major engine-outemissions, HC and CO were reduced by a minimum of 27.8% and 10.7% respectively. An improved poweroutput of 15.8% increase was achieved. As a bonus, it w as also found that the exhaust noise was reduced.

  5. Lightweight two-stroke cycle aircraft diesel engine technology enablement program, volume 1

    Freen, P. D.; Berenyi, S. G.; Brouwers, A. P.; Moynihan, M. E.

    1985-01-01

    An experimental Single Cylinder Test Engine Program is conducted to confirm the analytically projected performance of a two-stroke cycle diesel engine for aircraft applications. The test engine delivered 78kW indicated power from 1007cc displacement, operating at 3500 RPM on Schnuerle loop scavenged two-stroke cycle. Testing confirms the ability of a proposed 4-cylinder version of such an engine to reach the target power at altitude, in a highly turbocharged configuration. The experimental program defines all necessary parameters to permit design of a multicylinder engine for eventual flight applications; including injection system requirement, turbocharging, heat rejection, breathing, scavenging, and structural requirements. The multicylinder engine concept is configured to operate with an augmented turbocharger, but with no primary scavenge blower. The test program is oriented to provide a balanced turbocharger compressor to turbine power balance without an auxiliary scavenging system. Engine cylinder heat rejection to the ambient air has been significantly reduced and the minimum overall turbocharger efficiency required is within the range of commercially available turbochargers. Analytical studies and finite element modeling is made of insulated configurations of the engines - including both ceramic and metallic versions. A second generation test engine is designed based on current test results.

  6. Numerical Simulation of a Spark Ignited Two-Stroke Free-Piston Engine Generator

    MAO Jin-long; ZUO Zheng-xing; LIU Dong

    2009-01-01

    A numerical program is built to simulate the performance of a spark ignited two-stroke free-piston engine coupled with a linear generator. The computational model combines a series of dynamic and thermodynamic equations that are solved simultaneously to predict the performances of the engines. The dynamic analysis performed consists of an evaluation of the frictional force and load force introduced by the generator. The thermodynamic analysis used a single zone model to describe the engine's working cycle which includes intake, scavenging, compression, combustion and expansion, and to evaluate the effect of heat transfer based on the first law of thermodynamics and the ideal gas state equation. Because there is no crankshaft, a time based Wiebe equation was used to express the fraction of fuel burned in the combustion. The calculated results were validated by using the experimental data from another research group. The results indicate that the free-piston generator has some advantages over conventional engines.

  7. Testing of Bearing Materials for Large Two-stroke Marine Diesel Engines

    Klit, Peder; Persson, Sebastian; Vølund, Anders

    2013-01-01

    coatings under realistic bearing conditions, in a confined time-frame. The test-rig simulates a scale model of a thrust bearing, in contrary to standard design the bearing lining material is applied to the rotating collar. On each side of the disc three stationary tilting-pads applies a load to the test......In large two-stroke marine diesel engines bearings are designed with the intention that these need not be replaced during the life of the engine. The design has shown very good service experiences. The design parameters of the main bearings are, among others, based on the average maximum specific...... load which the bearing should operate under. In general, the frictional loss is less than 1% of the nominal power of the engine but is still a target for optimization. Fatigue mechanisms of bearing lining material are not fully understood and the design limits with regards to minimum oil film thickness...

  8. Catalytic converter applications for two stroke, spark-ignited marine engines

    Fujimoto, Hiroaki; Isogawa, Atsushi; Matsumoto, Naoto

    1995-12-31

    When catalytic converters are used for cleansing of exhaust gas from two-stroke marine engines, new issues must be brought up in combination with prior technology. Therefore, a study was made of V6, 2600cc engine having a large volume of hydrocarbon emissions with respect to three issues: (1) To what degree seawater effects catalytic converter performance and possible countermeasures; (2) Effects attained on cleansing level and catalyst temperature; (3) Finding abatement levels for catalyst deterioration and exhaust emission output in the marine mode. It was found that physical adsorption was a significant factor in catalytic degradation resulting from direct contact with seawater. The cleansing levels obtained when a marine engine is equipped with a catalyst converter were found by clarifying the extent of effects of catalyst volume, performance and temperature. The reduction obtained in exhaust emission allowing for a deterioration factor, is shown in a catalytic converter heated to the maximum temperature of 960 C.

  9. Swirling flow in model of large two-stroke diesel engine

    Ingvorsen, Kristian Mark; Meyer, Knud Erik; Schnipper, Teis;

    2012-01-01

    model has a transparent cylinder five diameters long and is fitted with a static valve with a simplified geometry. The piston motion is controlled by a linear motor. The flow in the experiment has a Reynolds number of 50000 based on cylinder diameter and bulk velocity. Stereoscopic Particle Image......A scale model of a simplified cylinder in a uniflow scavenged large two-stroke marine diesel engine is constructed to investigate the scavenging process. Angled ports near the bottom of the cylinder liner are uncovered as the piston reaches the bottom dead center. Fresh air enters through the ports...... forcing the gas in the cylinder to leave through an exhaust valve located in the cylinder head. The scavenging flow is a transient (opening/closing ports) confined port-generated turbulent swirl flow, with complex phenomena such as central recirculation zones, vortex breakdown and vortex precession. The...

  10. Integrated Analysis of the Scavenging Process in Marine Two-Stroke Diesel Engines

    Andersen, Fredrik Herland

    governs its performance.This thesis will present a CFD model that is tested and validated with quantitative data obtained from a dedicated test engine and during engine commissioning on location at the shipbuilder. The CFD model comprises the full geometry of a single cylinder from scavenge receiver to......Large commercial ships such as container vessels and bulk carriers are propelledby low-speed, uniow scavenged two-stroke diesel engines. An integralin-cylinder process in this type of engine is the scavenging process, where the burned gases from the combustion process are evacuated through the...... exhaust valve and replaced with fresh air for the subsequent compression stroke. The scavenging air enters the cylinder via inlet ports which are uncovered by the piston at bottom dead center (BDC). The exhaust gases are then displaced bythe fresh air entering the cylinder. The scavenging ports are cut...

  11. Comparative evaluation of a two stroke compressed natural gas mixer design using simulation and experimental techniques

    Ramasamy, D.; Bakar, R.A.; Rahim, M.F.; Noor, M.M. [Malaysia Pahang Univ., Pahang (Malaysia). Automotive Focus Group

    2008-07-01

    A study was conducted in which a two-stroke engine was converted for use with bi-fuel, notably compressed natural gas and gasoline. The excessive by-products generated by two-stroke engine combustion can be attributed to the inefficient combustion process. This prototype uniflow-type single-cylinder engine was equipped with a bi-fuel conversion system. A dedicated mixer was also developed to meter the gaseous fuel through the engine intake system. It was designed to meet air and fuel requirement similar to its gasoline counterpart. The mixer was modeled to obtain optimum orifice diameter using three different sizes of 14, 16 and 18 mm respectively. A standard computational fluid dynamics (CFD) software package was used to simulate the flow. A pressure reading was obtained during the prototype test. The drop in pressure across the venturi was shown to be an important parameter as it determined the actual fuel-air ratio in the actual engine. A good agreement of CFD outputs with that of the experimental outputs was recorded. The experimental technique validated the pressure distribution predicted by CFD means on the effects of the three insert rings in the CNG mixer. The simulation exercise can be used to predict the amount of CNG consumed by the engine. It was concluded that the 14 mm throat ring was best suited for the CNG mixer because it provided the best suction. Once the mixer is tested on a real engine, it will clear any doubts as to whether the throat can function at high engine speeds. 5 refs., 3 tabs., 8 figs.

  12. TO STUDY PERFORMANCE OF TWO STROKE ENGINE WITH MODIFIED INTAKE SYSTEM

    BISHAKHA

    2012-08-01

    Full Text Available The two stroke engine was developed to obtain a greater output from the same size of engine. The engine mechanism eliminates the valve arrangement making it mechanically simpler. Theoretically a two stroke engine develops twice the power of a comparable four stroke engine, thus making it more compact. Getting air into an engine is the key to making power and there are many ways to increase the air flow into the engine. There are such forced induction, nitrous system, better port and valve shapes to improve flow. But for this study the technique that has been selected were the better port size. The claims that this where the harnessing the inertia of the airs velocity to better fill the cylinders. Modification in intake port is made. Also use of different fuel metering jets is used for different A/F mixtures. At various throttle positions and with torque and speed as input,performance parameters of engine are calculated. Based on the results various performance curves are plotted. The objective of the project is to determine how much power improvement with the modification in intake system in compared to the original intake system. Modification to the engine without additional system attach tothe engine operation were the best solution to have an optimum engine operation in term of torque and horsepower. To optimize the power and intake port flow produce by the engine modification were through avery limited value. The value is limited due to the restricted area of the engine production by the manufacturer.Hence modification must be planned carefully as over modification of the inlet port can end up with a device slower than its stock counterpart.

  13. Status report on the two-stroke engine as a means of driving passenger cars. Part 1. The two-stroke diesel engine; Standortbestimmung des Zweitaktmotors als Pkw-Antrieb. Teil 1. Zweitaktdieselmotor

    Meinig, U. [Freudenberg KG, Weinheim (Germany)

    2001-08-01

    Despite its stable market position as a drive mechanism for portable tools, two-wheeled vehicles, jet skis, snowmobiles, light aircraft, motor boats, large cargo ships and tankers, the two-stroke engine is no longer a significant drive mechanism for passenger cars. In the early 1990s, the two-stroke engine was often expected to make a comeback in this market segment. However, this renaissance failed to materialise. The following four-part article concentrates on the reasons, and explains, compares and evaluates amongst other things the important design features and characteristics of two-stroke engines in the light of recent developments. Furthermore, it discusses the prospects and main development areas for passenger car two-stroke engines. (orig.) [German] Trotz einer stabilen Marktposition der Antriebe fuer kleine Arbeitsgeraete und Zweiraeder, fuer Jet-Ski, Snowmobile, UL-Flugzeuge und Motorboote sowie grosse Frachtschiffe und Tanker ist der Anteil von Zweitaktmotoren als Pkw-Antrieb bis zur Bedeutungslosigkeit abgesunken. Eine zu Beginn der 90er Jahre vielfach prognostizierte Renaissance des Zweitaktmotors in diesem Marktsegment ist zunaechst ausgeblieben. Der vorliegende vierteilige Beitrag, der in dieser und in den drei folgenden MTZ-Ausgaben erscheint, befasst sich mit den Gruenden hierfuer, er erlaeutert, vergleicht und bewertet unter anderem anhand neuerer Entwicklungen wichtige konzeptionelle Merkmale und Besonderheiten von Zweitaktmotoren und zeigt Perspektiven und Entwicklungsschwerpunkte von Pkw-Zweitaktmotoren. (orig.)

  14. Status report on the two-stroke engine as a powertrain for passenger cars. Part 3. Two-stroke SI engine; Standortbestimmung des Zweitaktmotors als Pkw-Antrieb. Teil 3. Zweitaktottomotor

    Meinig, U. [Freudenberg Spezialdichtungsprodukte KG, Weinheim (Germany)

    2001-10-01

    The drive mechanism market for portable tools, two-wheeled vehicles, jet skis, snowmobiles, light aircraft and motor boats is dominated by the two-stroke spark-ignition (SI) engine. However, as a result of increasing demands in terms of emissions, fuel consumption and service life, the two-stroke SI engine has become an insignificant drive mechanism for passenger cars. In the early 1990s, production of two-stroke SI engines for passenger cars stopped in Europe. Almost at the same time, several publications produced by different developers and car manufacturers began discussing the two-stroke engine as a suitable alternative to the four-stroke engine for passenger cars. Parts three and four of this article will compare the design features of the working process and the structure of two-stroke SI engines, as well as examining the status of development using recent drive concepts and illustrating important development aspects and prospects in the form of an outlook. (orig.) [German] Der Markt von Antrieben fuer kleine Arbeitsgeraete und Zweiraeder, Jetski, Snowmobile, UL-Flugzeuge und Motorboote wird von Zweitaktottomotoren beherrscht. Demgegenueber ist der Anteil von Zweitaktottomotoren als Pkw-Antrieb, vor allem vor dem Hintergrund steigenden Anforderungen bezueglich Emission, Kraftstoffverbrauch und Lebensdauer, bis zur Bedeutungslosigkeit abgesunken. Annaehernd zeitgleich mit der Einstellung der Produktion der letzten europaeischen Pkw-Zweitaktottomotoren Anfang der neunziger Jahre haben Publikationen verschiedener Entwickler und Automobilhersteller den Zweitaktmotor im Pkw als Alternative zum Viertaktmotor wieder in die Diskussion gebracht. Teil 3 und 4 des Beitrags befassen sich vergleichend mit den konzeptionellen Merkmalen des Arbeitsprozesses und der Gestaltung von Zweitaktottomotoren, beleuchten den Stand der Entwicklung anhand von aktuellen Antriebskonzepten und zeigen Entwicklungsschwerpunkte und Perspektiven auf. (orig.)

  15. A methodology for laser diagnostics in large-bore marine two-stroke diesel engines

    Large two-stroke diesel engines for marine propulsion offer several challenges to successful implementation of the laser diagnostic techniques applied extensively in smaller automotive engines. For this purpose a fully operational large-bore engine has been modified to allow flexible optical access, through 24 optical ports with clear diameters of 40 mm. By mounting the entire optical set-up directly to the engine, effects of the vigorous vibrations and thermal drifts on alignment can be minimized. Wide-angle observation and illumination, as well as relatively large aperture detection, is made possible through mounting of optical modules and relays inside optical ports. This allows positioning of the last optical element within 10 mm from the cylinder wall. Finally, the implementation on a multi-cylinder engine allows for flexible and independent operation of the optically accessible cylinder for testing purposes. The performance of the integrated optical engine and imaging system developed is demonstrated through laser Mie scattering imaging of fuel jet structures, from which information on liquid penetration and spray angles can be deduced. Double pulse laser-sheet imaging of native in-cylinder structures is also demonstrated, for the purpose of velocimetry. (paper)

  16. Modeling the Distribution of Sulfur Compounds in a Large Two Stroke Diesel Engine

    Cordtz, Rasmus Lage; Schramm, Jesper; Andreasen, Anders; Eskildsen, Svend S.; Mayer, Stefan

    2013-01-01

    SO2 from which a fraction is further oxidized to SO3. SO3 may combine with H2O and condense as liquid sulfuric acid that promotes corrosive wear on e.g. cylinder liners. To extend engine lifetime and reduce costs for lubrication it is pivotal to identify formation of SO3 with respect to operational......In many years large low speed marine diesel engines have consumed heavy fuel oils with sulfur contents in the order of 2.5 - 4.5wt%. Present legislations require that the fuel sulfur is reduced and in near future the limit will be 0.5wt% globally. During combustion most of the sulfur is oxidized to...... conditions and sulfur feed. This work presents a computational model of a large low speed two-stroke diesel engine where a 0D multi-zone approach including a detailed reaction mechanism is employed in order to investigate in cylinder formation of gaseous SO3 where fuel injection rates are determined using...

  17. Numerical investigation of a scavenging flow in a uniflow-scavenged two-stroke engine

    Oliver, P.; Ciccarelli, G. [Queen' s Univ., Kingston, ON (Canada). Dept. of Mechanical and Materials Engineering

    2006-07-01

    A numerical model has been developed for an innovative uniflow-scavenged, two-stroke engine with complex air flow through a series of check valves found in the cylinder head. Various two-equation turbulence models were investigated using Fluent 6.2. Enhanced wall treatments were considered since the flow through the cylinder head involves complex wall-bounded geometry. A numerical model was used to simulate the airflow through the cylinder head and the performance of the computational fluid dynamics model was verified against experimental data gathered downstream of the cylinder head. Meshes containing nearly 1.2 million cells were used to evaluate the turbulence models quantitatively using the flow coefficient, and qualitatively by examining the size of the predicted recirculation regions. All turbulence models revealed that the effects of the recirculation zone is negligible at four diameters downstream of the constriction. The most robust and cost-effective turbulence model for high-RE internal flows was found to be the standard {kappa}-{epsilon}e model. 13 refs., 1 tab., 7 figs.

  18. Scavenging processes in high speed two-stroke engines studied with laser diagnostics

    Ekenberg, M.

    1998-12-31

    The major problem with the carburetted two-stroke engine is the short-circuiting of fuel that occurs during the scavenging phase. This leads to large emissions of unburned hydrocarbons. The object of this thesis has been to map the flow behaviour in the cylinder during the scavenging phase, and to detect differences between different cylinder designs. The measurement techniques used has been Laser Doppler Velocimetry (LDV), Laser Induced Fluorescence (LIF) and Laser Sheet Droplet Illumination (LSDI). Of these measurement methods, LDV and LSDI has been used inside the cylinder. LIF was used outside the exhaust port. All measurements were performed in engines running at their rated speeds, 9000 rpm for three of the designs and 5800 rpm for one design. All engines were run at full load with combustion. The LDV measurements inside the cylinder show that cylinders with cup handle transfer channels have a flow pattern inside the cylinder that gives less short-circuiting, and hence less emissions of hydrocarbons, than the cylinder with open transfer channels has. The LIF measurements outside the exhaust port show that the HC emissions that are caused by short-circuiting comes earlier in the scavenging phase for the cylinder with open transfer channels than is the case for the cylinders with cup handle transfer channels. The LSDI measurements in the cylinder give the transfer channel flow angle, for the cylinders with cup handle transfer channels. For the cylinder with open transfer channels, the results are not as useful; fuel droplet vaporization close to the exhaust port ruins the results 35 refs, 43 figs

  19. Analysis of Two Stroke Marine Diesel Engine Operation Including Turbocharger Cut-Out by Using a Zero-Dimensional Model

    Cong Guan; Gerasimos Theotokatos; Hui Chen

    2015-01-01

    In this article, the operation of a large two-stroke marine diesel engine including various cases with turbocharger cut-out was thoroughly investigated by using a modular zero-dimensional engine model built in MATLAB/Simulink environment. The model was developed by using as a basis an in-house modular mean value engine model, in which the existing cylinder block was replaced by a more detailed one that is capable of representing the scavenging ports-cylinder-exhaust valve processes. Simulatio...

  20. INFLUENCE OF THE MIXING METHOD ON THE INDICATOR AND EFFECTIVE EFFICIENCY OF THE TWO-STROKE ENGINE

    V. Korohodskyi

    2015-12-01

    Full Text Available Dependences on the definition of the indicator and effective efficiency of the ICE, taking into account the fuel that is not involved in the combustion process are offered. The transition from the external to the internal mixture formation in the two-stroke engine with spark ignition has allowed at modes of load characteristic when n = 3,000 min-1 to increase the effective efficiency by 45–58 % due to the increase of the indicator efficiency by 28–52 %, and by eliminating the losses of fuel during cylinder purging (14–26 %.

  1. STEADY STATE PERFORMANCES ANALYSIS OF MODERN MARINE TWO-STROKE LOW SPEED DIESEL ENGINE USING MLP NEURAL NETWORK MODEL

    Ozren Bukovac

    2016-01-01

    Full Text Available Compared to the other marine engines for ship propulsion, turbocharged two-stroke low speed diesel engines have advantages due to their high efficiency and reliability. Modern low speed ”intelligent” marine diesel engines have a flexibility in its operation due to the variable fuel injection strategy and management of the exhaust valve drive. This paper carried out verified zerodimensional numerical simulations which have been used for MLP (Multilayer Perceptron neural network predictions of marine two-stroke low speed diesel engine steady state performances. The developed MLP neural network was used for marine engine optimized operation control. The paper presents an example of achieving lowest specific fuel consumption and for minimization of the cylinder process highest temperature for reducing NOx emission. Also, the developed neural network was used to achieve optimal exhaust gases heat flow for utilization. The obtained data maps give insight into the optimal working areas of simulated marine diesel engine, depending on the selected start of the fuel injection (SOI and the time of the exhaust valve opening (EVO.

  2. Numerical analysis of the scavenge flow and convective heat transfer in large two-stroke marine diesel engines

    Sigurdsson, Eythor; Ingvorsen, Kristian Mark; Jensen, Michael Vincent;

    2014-01-01

    A novel computational fluid dynamics (CFD) model is presented for the study of the scavenging processand convective heat transfer in a large two-stroke low-speed uniflow-scavenged marine diesel engine.The engine is modeled using a fully resolved 12 sector, corresponding to one scavenge port, with....... Theimposed experimental data includes time histories of the pressure difference across the engine and theheat release during combustion. The model is validated by a numerical sensitivity analysis and througha comparison of model predictions and experimental data, which shows a good agreement. The resultsshow...... an effective scavenging and a low convective heat loss in agreement with experimental data forlarge marine diesel engines.© 2014 Elsevier Ltd. All rights reserved....

  3. Investigation of Different Piston Ring Curvatures on Lubricant Transport along Cylinder Liner in Large Two-Stroke Marine Diesel Engines

    Overgaard, Hannibal Christian; Klit, Peder; Vølund, Anders

    2016-01-01

    A theoretical investigation of the hydrodynamic lubrication of the top compression piston ring in a large two-stroke marine diesel engine is presented. The groove mounted piston ring is driven by the reciprocal motion of the piston. The ring shape follows a circular geometry and the effect of...... changes in radii is analysed. A numerical model based on the finite difference method in 1D has been developed for solving Reynold’s equation in combination with the load equilibrium equation together with flow continuity between the piston ring surface and liner for analysis of the lubricant transport....... The cyclic variation throughout one stroke is presented for the minimum film thicknesses at different interesting locations of the piston ring surface together with the friction and the pressure distribution history. The before mentioned parameters have been investigated numerically. The numerical...

  4. An Investigation on the Influence of Root Defects on the Fatigue Life of the Welded Structure of a Large Two-Stroke Diesel Engine

    Hansen, Anders V.; Olesen, John Forbes; Agerskov, Henning

    2004-01-01

    The crankshaft housings of large two-stroke diesel engines are welded structures subjected to constant amplitude loading and designed for infinite life at full design load. A new design of the so-called frame box has been introduced in the engine using butt welded joints of thick plates, welded f...

  5. Measurement and analysis of instantaneous torque and angular velocity variations of a low speed two stroke diesel engine

    Jiménez Espadafor, Francisco J.; A. Becerra Villanueva, José; Palomo Guerrero, Daniel; Torres García, Miguel; Carvajal Trujillo, Elisa; Fernández Vacas, Francisco

    2014-12-01

    This paper presents an investigation into the potential of using direct measurement of engine torque for diagnostic purposes in large engines - in this case applied to power generation. The procedures for measuring and analyzing the instantaneous torque, the angular displacement on the generator output end and the angular displacement on its free end for a ten-cylinder, low speed two stroke diesel engine are presented. Angular speed oscillations are frequently used for combustion engine diagnostics although they cannot be used to measure engine power directly. In addition, and for engines with huge inertia generators such as those used in power plants, speed oscillations are very low and this reduces the signal to noise ratio and makes the evaluation of the instantaneous angular speed very noisy. In the work described here, torque and angular displacement measurements carried out at the same point and with the same engine conditions are compared and the superior performance of torque is demonstrated. Harmonic analysis of instantaneous torque allowed the identification of the dynamic characteristics of the power train of the diesel group and clearly suggests that this signal can be used as a diagnostic tool for excitation, combustion malfunctions, or for the mechanical characteristics of the system and crankshaft stiffness. The torque distortion introduced by the generator due to the discontinuity imposed by the pole pairs is also observed in the torque signal, suggesting that the torque signal can be used to identify generator malfunction.

  6. COMPARISON STUDY ON PERFORMANCE AND EMISSIONS CHARACTERISTICS OF LPG AND GASOLINE IN A TWO STROKE SI ENGINE

    V. GOPALAKRISHNAN

    2014-12-01

    Full Text Available In this work a single cylinder two stroke three wheeler SI engine (199.3cc, 6.2 kW and 4500 rpm was used for the test. The engine manifold was altered to run in LPG mode. The gas carburetor was used here to mix the air and LPG thoroughly. Initially the engine was operated with gasoline in carburetor mode for the constant speed of 3000 rpm at different load. Then the engine was operated with LPG mode at the same speed. The performance and emission parameters were compared with gasoline carburetion mode. The maximum brake thermal efficiency with LPG was 22.3% and that with gasoline was 20.3%. The engine could generally operate with lean mixtures with LPG due to its good mixture formation capability. The brake specific fuel consumption decreased for LPG compared to gasoline. The HC and CO levels were lower considerably at LPG mode compared to gasoline operation. High NO and exhaust gas temperature levels were the main problems with LPG.

  7. Analysis of Two Stroke Marine Diesel Engine Operation Including Turbocharger Cut-Out by Using a Zero-Dimensional Model

    Cong Guan

    2015-06-01

    Full Text Available In this article, the operation of a large two-stroke marine diesel engine including various cases with turbocharger cut-out was thoroughly investigated by using a modular zero-dimensional engine model built in MATLAB/Simulink environment. The model was developed by using as a basis an in-house modular mean value engine model, in which the existing cylinder block was replaced by a more detailed one that is capable of representing the scavenging ports-cylinder-exhaust valve processes. Simulation of the engine operation at steady state conditions was performed and the derived engine performance parameters were compared with the respective values obtained by the engine shop trials. The investigation of engine operation under turbocharger cut-out conditions in the region from 10% to 50% load was carried out and the influence of turbocharger cut-out on engine performance including the in-cylinder parameters was comprehensively studied. The recommended schedule for the combination of the turbocharger cut-out and blower activation was discussed for the engine operation under part load conditions. Finally, the influence of engine operating strategies on the annual fuel savings, CO2 emissions reduction and blower operating hours for a Panamax container ship operating at slow steaming conditions is presented and discussed.

  8. Combustion Characteristics and Emission of a Two-Stroke Compression Ignition Engine with Two-Stage Injection

    SONG Jun; L(U) Xing-cai; LI Xiao-lu; HUANG Zhen

    2007-01-01

    In order to study the effect of two-stage injection on two-stroke diesel engines, a well characterized research engine equipped with electronically controlled common rail system and scavenging system was constructed. Through analysis of combustion and emissions, two-stage injection shows its advantages. Compared with the standard injection, it produces less emissions, while compared with single early injection, it expands engine operation range. Further experiments were carried out to study the influence of several injection control parameters on two-stage injection. The fuel in the first injection is used for forming homogeneous mixture. The fuel in the second injection keeps combustion, and it is the main source of smoke emissions. NOx is formed in both combustion process caused by these two injections, and there is an optimum fuel allocation ration to produce minimum NOx. The cylinder pressure decreases, and the combustion is depressed with the increasing of scavenging pressure. By optimizing the injection control parameters of two-stage injection, NOx and smoke can be reduced beyond 30% simultaneously.

  9. Effect of support on a catalytic converter for removing CO and HC emissions from a two-stroke motorcycle

    Lee, C.H.; Chen, Y.W. [National Central Univ., Chungli (Taiwan, Province of China). Dept. of Chemical Engineering

    1997-12-01

    The effect of support on the noble metal catalysts for carbon monoxide and hydrocarbon oxidation was investigated. The reactions were performed under the stoichiometric and oxygen-deficient conditions. Under the stoichiometric point, the activities of the powder catalysts for CO and C{sub 3}H{sub 6} oxidation are in the order Pt/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3} > Pt/Al{sub 2}O{sub 3} > Pt/Al{sub 2}O{sub 3}-SiO{sub 2}, that is, the same as the order of basicity of these catalysts. Under an oxygen-deficient condition, Pt supported on an acidic support, Al{sub 2}O{sub 3}-SiO{sub 2}, exhibits the higher C{sub 3}H{sub 6} conversion and the higher activity for the steam re-forming reaction. In contrast, Pt supported on a basic support, K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}, exhibits the higher CO conversion and the higher activity for the water-gas shift reaction. The order of activity of the powder catalysts for the water-gas shift reaction is the same as the order of basicity of these catalysts. On the other hand, the testing results of the monolithic PtRh-containing catalysts by the simulative gases and the ECE-40 mode driving cycle also reveal the same trend as that of the Pt powder catalysts. Furthermore, the addition of K{sub 2}O on PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} not only increases the basicity of the catalyst but also significantly reduces the CO emission under the ECE-40 mode driving cycle test. Therefore, K{sub 2}O could be a promising additive to a catalytic converter of a two-stroke motorcycle since it can significantly enhance CO conversion.

  10. Termofluidodinamica di un Getto di Litio

    Nitti, Francesco Saverio

    2010-01-01

    Calcolo della superficie curvilinea di scorrimento di un getto di litio in maniera che la pressione lungo il getto vari in maniera lineare. Formulazione di un codice di calcolo per la determinazione delle diverse possibili superfici. Studio termofluidodinamico del getto con codici CFD. Accoppiamento tra codici di sistema e codici CFD. Valutazioni delle condizioni di Incipient Boiling per il litio.

  11. Comparative Studies on Performance Parameters and Exhaust Emissions from Two Stroke Copper Coated Spark Ignition Engine with Alcohol Blended Gasoline with Catalytic Converter

    S. Narasimha Kumar*1; M.V.S. Murali Krishna; P.V.K.Murthy

    2014-01-01

    Experiments were conducted to evaluate the performance and control the exhaust emissions from two-stroke, single cylinder, spark ignition (SI) engine, with alcohol blended gasoline (80% gasoline, 10% methanol, 10% ethanol by volume) having copper coated combustion chamber [CCCC, copper-(thickness, 300 µ) coated on piston crown, inner side of cylinder head] provided with catalytic converter with sponge iron as catalyst and compared with conventional SI engine (CE) with pure gas...

  12. Investigations on combustion of direct injection two-stroke engines; Untersuchungen zur Verbrennung beim direkteinspritzenden Zweitakt-Ottomotor

    Baecker, H. [Lehrstuhl fuer Angewandte Thermodynamik, Technische Hochschule Aachen (Germany); Hild, O. [Lehrstuhl fuer Angewandte Thermodynamik, Technische Hochschule Aachen (Germany); Spiegel, L. [FEV Motorentechnik GmbH und Co. KG, Aachen (Germany); Alt, N. [FEV Motorentechnik GmbH und Co. KG, Aachen (Germany)

    1994-10-01

    Considering the increasing ecological problems by the combustion of fossil sources in vehicles the manufacturers are searching for an alternative to the almost used four-stroke-engine. The presented investigations deal with the adaptation of an air-assisted direct injection system at a conventional two-stroke-engine. To get information about the different influences a variation of air/fuel-ratio, start of injection (SOI) and load has been done. Furthermore a fractional disconnection of transfer ports and different positions of spark plug and injection valve have been investigated. The main results may be summarized as follows: - The best delivered relative air/fuel-ratio for this engine concerning fuel consumption and low exhaust gas pollutants is about 1.4. - A fractional transfer port deactivation at low loads to achieve a better running behaviour does not show the expected advantages but should be avoided. - To optimize fuel consumption and exhaust gas emissions a retarded SOI at high loads and an advanced SOI at low loads are necessary. - The spark plug should be mounted central to the bore. And the best results concerning fuel consumption and exhaust gas pollutants are given by an injection valve which is mounted downstream of scavenging flow orientation. - The flame propagation measured by a so-called multioptical fiber technique shows an influence of scavenging on flame center position at each load. (orig.) [Deutsch] Vor dem Hintergrund wachsender oekologischer Probleme aufgrund der Verbrennung fossiler Energietraeger in Fahrzeugen suchen die Fahrzeughersteller insbesondere fuer kleine Fahrzeuge in letzter Zeit nach Alternativen zum bislang weitgehend im Einsatz befindlichen Viertaktmotor. Die vorliegenden Untersuchungen befassen sich mit der Adaption eines luftunterstuetzen Niederdruck-Direkteinspritzsystems an einen konventionellen Zweitakt-Ottomotor mit Kurbelgehaeusespuelung. Der Motor wurde zur Beurteilung der unterschiedlichen Einfluesse unter

  13. Experimental investigation of the influence of internal and external EGR on the combustion characteristics of a controlled auto-ignition two-stroke cycle engine

    Highlights: • Investigate the effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on a CAI 2-stroke engine. • Effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on combustion phasing of the engine. • Effect of In-EGR, Ex-EGR and octane number on cyclic variability of the engine. • Identify the CAI combustion upper and lower boundary for operating regions. - Abstract: A two-stroke cycle engine incorporated with a controlled auto-ignition combustion approach presents a high thermodynamic efficiency, ultra-low exhaust emissions and high power-to-weight ratio features for future demand of prime movers. The start of auto-ignition, control of the auto-ignition and its cyclic variability, are major concerns that should be addressed in the combustion timing control of controlled auto-ignition engines. Several studies have been performed to examine the effect of internal exhaust gas recirculation utilization on auto-ignited two-stroke cycle engines. However, far too little attention has been devoted to study on the influence of external exhaust gas recirculation on the cyclic variation and the combustion characteristics of controlled auto-ignition two-stroke cycle engines. The purpose of this study is to examine the influence of external exhaust gas recirculation in combination with internal exhaust gas recirculation on the combustion characteristics and the cyclic variability of a controlled auto-ignition two-stroke engine using fuel with different octane numbers. In a detailed experimental investigation, the combustion-related and pressure-related parameters of the engine are examined and statistically associated with the coefficient of variation and the standard deviation. The outcomes of the investigation indicates that the most influential controlled auto-ignition combustion phasing parameters can be managed appropriately via regulating the internal and external exhaust gas recirculation and fuel octane number. In general, start of auto-ignition and its cyclic variability are

  14. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplfied model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, Sajjad; Schnipper, Teis; Meyer, Knud Erik; Walther, Jens Honore; Mayer, S

    2011-01-01

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500. The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the ...

  15. Construction of a Direct Water-Injected Two-Stroke Engine for Phased Direct Fuel Injection-High Pressure Charging Investigations

    Somsel, James P.

    1998-01-01

    The development of a water injected Orbital Combustion Process (OCP) engine was conducted to assess the viability of using the powerplant for high altitude NASA aircraft and General Aviation (GA) applications. An OCP direct fuel injected, 1.2 liter, three cylinder, two-stroke engine has been enhanced to independently inject water directly into the combustion chamber. The engine currently demonstrates low brake specific fuel consumption capability and an excellent power to weight ratio. With direct water injection, significant improvements can be made to engine power, to knock limits/ignition advance timing, and to engine NO(x) emissions. The principal aim of the testing was to validate a cyclic model developed by the Systems Analysis Branch at NASA Ames Research Center. The work is a continuation of Ames' investigations into a Phased Direct Fuel Injection Engine with High Pressure Charging (PDFI-ITPC).

  16. Influence of outlet geometry on the swirling flow in a simplfied model of a large two-stroke marine diesel engine

    Haider, Sajjad; Schnipper, Teis; Meyer, Knud Erik;

    We present Stereoscopic particle image velocimetry measurements of the effect of a dummy-valve on the in-cylinder swirling flow in a simplified scale model of a large two-stroke marine diesel engine cylinder using air at room temperature and pressure as the working fluid and Reynolds number 19500....... The static model has stroke-to-bore ratio of 4, is rotationally symmetric and the in-cylinder swirling flow is enforced by angled ports at the inlet. We consider a case analogous to engine when the piston is at bottom-dead-center. In absence of an exhaust valve the overall axial velocity profile is...... wake-like and flow reversal is observed on the cylinder axis, close to the inlet. Downstream, the flow reversal disappears and instead a localized jet develops. The corresponding tangential velocity profiles show a concentrated vortex with decreasing width along the downstream direction. By placing a...

  17. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2006-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato.Giusi BarbarottoL'immagine dei sovrani angioini di Napoli da Carlo I a Roberto (XIII-XIV secolo: propaganda e percezione della dinastia, Tesi di Dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Marta L. Mangini "Reformetur et fiat collegium unum notariorum civitatis et episcopatus Cumarum". Notariato e documento notarile nell'antica diocesi di Como (secc. XIV ex.-XVI in., Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Milano, 2005 Nicola Montesano Gli insediamenti giovanniti nel Mezzogiorno d'Italia dalle origini al XVI secolo. Il Priorato di Barletta, Tesi di ottorato di ricerca in Storia del Mezzogiorno e dell'Europa Mediterranea dal Medioevo all'Età Contemporanea, Università degli Studi della Basilicata, 2005 Caterina OrlandoNobiltà urbana, ceti mercantili e governo cittadino a Siracusa in età aragonese (1282-1410, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Marcello PacificoFederico II e il regno di Gerusalemme. Oriente e Occidente a confronto nella prima metà del XIII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli Studi di Palermo, 2006 Maria Elisa SoldaniUomini d'affari e mercanti toscani a Barcellona nel XV secolo. Contributo alla storia del Mediterraneo bassomedievale, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni società, religioni dal tardo-antico alla fine del Medioevo,Università degli Studi di Torino, 2006 Elvira VittozziMicheletto degli Attendoli condottiero nella guerra angioino-aragonese di Napoli (1435-1439, Tesi di dottorato di ricerca in Storia, Università di Napoli "Federico II", 2006

  18. Proposta di utilizzo di metodologie termografiche per il controllo di qualità di componenti meccanici

    Roberto D’Andrea

    2010-04-01

    Full Text Available In base all’esperienza maturata in anni di sperimentazione sull’analisi delle caratteristiche meccaniche dei materiali mediante indagine termografica, nel presente lavoro è proposta una procedura per il controllo di qualità di componenti meccanici in linea di produzione, che è già stata argomento di brevetto. Lo sviluppo di questo lavoro si colloca nell’ambito del progetto FIRB Smart Reflex “Sistemi di produzione intelligenti, flessibili e riconfigurabili”. L’attività svolta dal DIIM riguarda il controllo avanzato dell’affidabilità di componenti meccanici per l’industria automobilistica. Viene proposta, quindi, la realizzazione di una cella di controllo in linea di produzione capace di valutare la presenza di eventuali componenti difettosi attraverso l’analisi termica degli stessi, sollecitati secondo un modello predefinito. L’attività, svolta in questa prima fase in laboratorio, è facilmente trasferibile in linea di produzione, considerando la possibilità di realizzare celle di prova in ambiente controllato, con condizioni praticamente identiche a quelle di laboratorio, eliminando gli effetti di disturbo che possono influenzare la risposta dell’indagine termografica in ambiente non strutturato.

  19. Effect of K{sub 2}O on a Pd-containing catalytic converter for removing CO and HC emissions from a two-stroke motorcycle

    Lee, C.H.; Chen, Y.W. [National Central Univ., Chung-Li (Taiwan, Province of China). Dept. of Chemical Engineering

    1998-04-01

    Noble metals (Pt, Pd, and Rh) supported on Al{sub 2}O{sub 3}, K{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, and K{sub 2}O/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} were prepared and characterized with respect to surface area, pore volume, and temperature-programmed desorption of CO{sub 2}. The effects of K{sub 2}O on the noble-metal catalysts for carbon monoxide and hydrocarbon oxidation were investigated. The reactions were carried out under the stoichiometric and oxygen-deficient conditions. Under the stoichiometric point, the Pd-containing catalysts exhibit higher activity than the Pt-containing catalysts for both CO and C{sub 3}H{sub 6} oxidation. Moreover, Pd/K{sub 2}O/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} is the most active catalyst among the powder catalysts in this study. Under the oxygen-deficient conditions and in the presence of water, the CO conversions on Pd/Al{sub 2}O{sub 3} and Pd/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3} are significantly lower than those on Pt/Al{sub 2}O{sub 3} and Pt/CeO{sub 2}/Al{sub 2}O{sub 3}, respectively. In contrast, the Pd-containing catalysts exhibit higher C{sub 3}H{sub 6} conversion than the Pt-containing catalysts. However, the CO conversions on the Pd-containing catalysts can be promoted by the addition of K{sub 2}O. On the other hand, the test results of the monolithic catalysts revealed that the CO conversion on PdRh/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}--CeO{sub 2} is quite close to that on PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} under the simulative gases and the ECE-40 mode driving cycle test. PtRh/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} is the typical composition of catalytic converters for two-stroke motorcycles. It infers that PdRh/K{sub 2}O/Al{sub 2}O{sub 3}-CeO{sub 2} is a promising catalytic converter for a two-stroke motorcycle.

  20. Conversion of a micro, glow-ignition, two-stroke engine from nitromethane-methanol blend fuel to military jet propellant (JP-8)

    Wiegand, Andrew L.

    The goal of the thesis "Conversion of a Micro, Glow-Ignition, Two-Stroke Engine from Nitromethane-Methanol Blend Fuel to Military Jet Propellant (JP-8)" was to demonstrate the ability to operate a small engine on JP-8 and was completed in two phases. The first phase included choosing, developing a test stand for, and baseline testing a nitromethane-methanol-fueled engine. The chosen engine was an 11.5 cc, glow-ignition, two-stroke engine designed for remote-controlled helicopters. A micro engine test stand was developed to load and motor the engine. Instrumentation specific to the low flow rates and high speeds of the micro engine was developed and used to document engine behavior. The second phase included converting the engine to operate on JP-8, completing JP-8-fueled steady-state testing, and comparing the performance of the JP-8-fueled engine to the nitromethane-methanol-fueled engine. The conversion was accomplished through a novel crankcase heating method; by heating the crankcase for an extended period of time, a flammable fuel-air mixture was generated in the crankcase scavenged engine, which greatly improved starting times. To aid in starting and steady-state operation, yttrium-zirconia impregnated resin (i.e. ceramic coating) was applied to the combustion surfaces. This also improved the starting times of the JP-8-fueled engine and ultimately allowed for a 34-second starting time. Finally, the steady-state data from both the nitromethane-methanol and JP-8-fueled micro engine were compared. The JP-8-fueled engine showed signs of increased engine friction while having higher indicated fuel conversion efficiency and a higher overall system efficiency. The minimal ability of JP-8 to cool the engine via evaporative effects, however, created the necessity of increased cooling air flow. The conclusion reached was that JP-8-fueled micro engines could be viable in application, but not without additional research being conducted on combustion phenomenon and

  1. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2004-12-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato.Massimo Della Misericordia Divenire comunità. Comuni rurali, poteri signorili, identità sociali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XIV ciclo, Università degli Studi di Torino, 2003   Mariano Dell’Omo Il monastero di S. Liberatore alla Maiella centro dell’irradiazione di Montecassino nell’Abruzzo medievale e moderno. Contributo alla storia dell’organizzazione patrimoniale e della civiltà monastica cassinese nell’Italia centrale attraverso i documenti di S. Liberatore conservati nell’Archivio di Montecassino. Introduzione storica, paleografica e archivistica. Edizione dei documenti più antichi (†798-1000 e regesti di quelli posteriori (1005-1735, Tesi di dottorato in Storia Ecclesiastica, Facoltà di Storia Ecclesiastica, Pontificia Università Gregoriana di Roma,  2004   Giulia Lorenzoni Conquistare e governare la città. Forme di potere e istituzioni nel primo anno della signoria viscontea a Bologna (ottobre 1350-novembre 1351, Tesi di dottorato in Storia medievale (XVI ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Federica MonteleoneIl viaggio di Carlo Magno in Terra Santa. Un’esperienza di pellegrinaggio nella tradizione europea occidentale, Tesi di dottorato di ricerca in Storia dei centri, delle vie e della cultura dei pellegrinaggi nel Medioevo euro mediterraneo (XV ciclo   Francesca Pucci Donati Fra teorie mediche e pratica quotidiana: i calendari dietetici dell’Occidente latino altomedievale (secoli IX-XI, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XV ciclo, Università degli studi di Bologna, 2004 Alberto Ricciardi L’Epistolario di Lupo di Ferrières come fonte per la storia degli intellettuali nell’età di Carlo il Calvo, Tesi di dottorato in Storia medievale (XV ciclo, Università degli Studi di Bologna, 2004   Francesco Paolo Terlizzi I trattati dell'Anonimo Normanno: ricerche di ecclesiologia

  2. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2005-12-01

    Tra Riforma, vescovo e clientes. Camaldoli e le società locali (secoli XI-XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 [09/05] Giuseppe Gardoni "Episcopus et potestas". Vescovi e società a Mantova nella prima metà del Duecento, Tesi di dottorato di ricerca in Storia del Cristianesimo e delle Chiese (antichità, medioevo, età moderna, Università degli Studi di Padova, 2005 Nicola Mancassola La gestione delle campagne tra Langobardia e Romània in età carolingia e post carolingia. La struttura delle aziende fondiarie in Emilia e Romagna, Tesi di dottorato in Storia Medievale, Università degli Studi di Bologna, 2005 Gloria Papaccio Storia e archeologia degli opifici idraulici in Val di Pesa. La Badia di Passignano e i suoi mulini (XI-XIV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale, Università degli studi di Firenze, 2005 Adelaide Ricci La città e il suo ospedale: assetti urbani, dinamiche sociali e organizzazione del sistema caritativo-assistenziale a Cremona nel XV secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli studi di Torino, 2005 Luca Sant'Ambrogio Il borgo di Treviglio nel secondo Quattrocento: istituzioni e società, Tesi di dottorato di ricerca in Storia Medievale, Università degli Studi di Milano, 2005 Elisabetta Scarton Giovanni Lanfredini. Uomo d'affari e diplomatico nell'Italia del Quattrocento, Tesi di dottorato in Storia della società europea, Università degli Studi di Napoli "Federico II", 2005

  3. Effects of Scavenging System Configuration on In-Cylinder Air Flow Organization of an Opposed-Piston Two-Stroke Engine

    Fukang Ma

    2015-06-01

    Full Text Available In-cylinder air flow is very important from the point of view of mixture formation and combustion. In this direction, intake chamber structure and piston crown shape play a very crucial role for in-cylinder air pattern of opposed-piston two-stroke (OP2S engines. This study is concerned with the three-dimensional (3D computational fluid dynamics (CFD analysis of in-cylinder air motion coupled with the comparison of predicted results with the zero-dimensional (0D parametric model. Three configurations viz., a flat piston uniform scavenging chamber, a flat piston non-uniform scavenging chamber and a pit piston non-uniform scavenging chamber have been studied. 0D model analysis of in-cylinder air flow is consistent with 3D CFD simulation. It is concluded that a pit piston non-uniform scavenging chamber is the best design from the point of view of tumble ratio, turbulent kinetic energy and turbulent intensity, which play very important roles in imparting proper air motion. Meanwhile a flat piston uniform scavenging chamber can organize a higher swirl ratio and lower tumble ratio which is important to improve the scavenging process.

  4. Production of syngas and oil at biomass refinery and their application in low speed two stroke engines for combined cycle electric energy generation

    Pinatti, Daltro Garcia [Universidade do Sul de Santa Catarina (UNISUL), Tubarao, SC (Brazil)], E-mail: pinatti@demar.eel.usp.br; Oliveira, Isaias de; Ferreira, Joao Carlos; Romao, Erica Leonor [RM Materiais Refratarios Ltd., Lorena, SP (Brazil)], Emails: isaias@rm-gpc.com.br, joaocarlos@rm-gpc.com.br, ericaromao@rm-gpc.com.br; Conte, Rosa Ana [University of Sao Paulo (DEMAR/EEL/USP), SP (Brazil). Lorena School of Engineering. Dept. of Materials Engineering], E-mail: rosaconte@demar.eel.usp.br

    2009-07-01

    Low speed two stroke engines burn fuels of medium quality with high efficiency (47%) and allows a flexible use of oil (> 8% of total power) and syngas (< 92%, low heating value-LHV>11.2MJ/m{sup 3}). Biomass refinery (BR) generates oil from sludge and oleaginous biomass by low temperature conversion and syngas from lignocellulosic biomass treated by diluted acidic prehydrolysis. BR has low investment cost (US$1,500.00/kW) compared with hydroelectric plants (US$2,500.00/kW) and both generate electric energy with sales price below US$75.00/MWh. It allows distributed generation from 30 MW up to 170 MW or centralized power of 1 GW with six motor generator sets. BR matrix, mass and energy balance, fuels compositions, modulations and scope of supply will be presented. Besides electric energy BR can be tailored to supply other products such as ethanol, H{sub 2} for fuel cells, biodiesel, fertilizer recycling, char and simultaneously maximizes the production of animal protein. (author)

  5. Lezioni di Cosmologia Teorica

    Gasperini, Maurizio

    2012-01-01

    Il libro è basato sulle lezioni attualmente tenute dall'autore presso l’Università di Bari, ed è progettato in modo da rappresentare un testo di riferimento il più possibile moderno, completo e autosufficiente per i corsi semestrale di Cosmologia, Astrofisica o Fisica Astroparticellare che compaiono nel piano di studi della Laurea Magistrale in Fisica e in Astronomia. Contiene gli elementi di base della cosmologia relativistica, del modello cosmologico standard e del suo completamento inflazionario. E' organizzato per servire da traccia ad un corso di cosmologia di stampo teorico, ma cerca di non perdere mai di vista il confronto con i principali risultati osservativi: molta attenzione viene infatti dedicata alla fenomenologia dei fondi cosmici, e in particolare alla  radiazione gravitazionale fossile perché la sua rivelazione, diretta o indiretta, potrebbe dare indicazioni  cruciali sulla scelta del corretto modello per l'Universo primordiale. Non mancano infine alcuni accenni ad argomenti di inter...

  6. Retrodatazioni di viaggio

    Mario Piotti

    2013-01-01

    La letteratura di viaggio, in specie quella sette-ottocentesca, presenta, tra molteplici motivi di interesse, ricchi spunti di indagine anche per la storia della lingua e certamente non è il minore quello relativo agli aspetti lessicali. Nell’articolo non si intende dare una descrizione lessicale completa dei testi odeporici esaminati, ma più limitatamente si presenta una serie cospicua di retrodatazioni e datazioni di parole raccolte in quei testi e quindi ricercate, così allargando lo spet...

  7. Tesi di dottorato

    Redazione Reti Medievali (a cura di

    2010-06-01

    Full Text Available Segnalazione di tesi di dottorato. Andrea Brugnoli Una storia locale: l’organizzazione del territorio veronese nel medioevo: trasformazioni della realtà e schemi notarili (IX-metà XII secolo, Tesi di dottorato di ricerca in Scienze Storiche e Antropologiche (XXII ciclo, Università degli Studi di Verona, 2010   Luca Filangieri Famiglie e gruppi dirigenti a Genova (secoli XII-metà XIII, Tesi di dottorato di ricerca in Storia medievale (XXII ciclo, Università degli Studi di Firenze, 2010   Jakub Kujawi ski Wernakularna kolekcja historiograficzna z rękopisu francuskiego nr 688 z Biblioteki Narodowej w Paryżu. Studium źródłoznawcze (La raccolta dei volgarizzamenti delle opere storiografiche nel manoscritto francese 688 della Biblioteca Nazionale di Parigi, Tesi di dottorato, Università “Adam Mickiewicz”, Facoltà di Storia, Pozna, a.a. 2009/2010   Marta Longhi I signori “de Radicata”. Strategie di affermazione familiare e patrimoniale nel Piemonte dei secoli XII-XIV, Tesi di dottorato di ricerca in Istituzioni, Società, Religioni dal Tardo Antico alla fine del Medioevo (XX ciclo, Università di Torino, 2008

  8. A review of technological approaches for reducing exhaust emissions from two-stroke cycle engine with in-cylinder injection system

    Huang, H.H.; Peng, Y.Y.; Chiang, W.L.

    1995-12-31

    From the investigations carried out in the two-stroke cycle engine with in-cylinder injection system, it was found that the level of hydrocarbon emissions from the engine was still too high if compared to that of an ordinary four-stroke cycle engine. For such high level of hydrocarbon emissions, it could be identified as coming from the mixture misfiring during the combustion process rather than the mixture short-circuiting during the scavenging process. The reasons for inducing the occurrence of mixture misfiring were also under investigation and could be further classified into five major categories: poor atomization of fuel spray, excessive amount of residual gas, instability of in-cylinder air flow, wall-wetting of the injected fuel spray and phenomena of secondary fuel injection. For assessing the effects of these technological approaches, the following statements could be drawn: (a) an air-assisted fuel injection system is to improve the fuel atomization; (b) the approach of skip injection control could effectively resolve the problem of mixture misfiring at idling, (c) through the control of the in-cylinder air flow by using a exhaust charge control valve, the irregularity of combustion could be substantially improved through the light load range; (d) increasing the temperature of the combustion chamber seems to be a necessary technology approach in order to assist the evaporation of wall-wetted fuel in the light load range; (e) while the design modification of injection nozzle is to resolve the problem of the secondary injection which is usually associated with the air-assisted injection system, especially at higher loads.

  9. Attività di gestione patrimoniale di una società di gestione del risparmio

    Asic, Viktor

    2011-01-01

    Riassunto della tesi di dottorato Titolo: “Attività di gestione patrimoniale di una società di gestione del risparmio” Le società di gestione di risparmio costituiscono il “new vehicle” orientato alla gestione per conto di terzi di portafogli mobiliari. Note con l’acronimo di SGR, le società in questione rappresentano un intermediario finanziario che negli ultimi anni ha assunto notevole importanza grazie ai progressi e alle prospettive offerti dalla nuova normativa che disciplina ...

  10. Laboratorio di Cartografia Archeologica di Roma

    Redazione Redazione

    2007-03-01

    Full Text Available Il Laboratorio di Cartografia Archeologica nasce per Roma e nei suoi meandri, per così dire, si nasconde. Situato al 28 di via del Monte Testaccio, in quella che la notte diventa la protagonista della vita notturna della Capitale, il Laboratorio passerebbe inosservato se non fosse per la porticina chereca impressa la sua targa. Oltrepassata la soglia, però, quelloche si incontra è un gigantesco mondo di materiale cartografico e di informazioni dedicate alla vasto patrimonio archeologico (ma non solo che caratterizza Roma.

  11. Taratura di un 'apparecchiatura per misura di piccole percentuali di uranio in soluzione acida di acqua distillata

    d. Diana

    1965-06-01

    Full Text Available Si descrive una tecnica elio permette di misurare ilnumero di atomi di Uranio di una soluzione, con un errore non superioreal 10%.Il sistema consiste in un tubo di Geiger (Philips 18503 sistemato inun contenitore di vetro nel quale viene diluita una certa quantità di peso dinitrato di Uranile, misurato con una precisione migliore dell'1%. Al variaredella diluizione si registra il numero di particelle che il Geiger conta, e quindisi riporta in grafico. Da questi per diverse quantità di sale sciolto si determinala retta di taratura.

  12. Testimonianze di vittime degli anni di piombo

    Cecchini, Leonardo

    Testimonianze di vittime degli anni di piombo In un articolo pubblicato nel 2008 sulla webzine Nazione indiana Christian Raimo criticava quello che poi Giovanni De Luna qualche anno dopo nel suo libro La Repubblica del dolore (2011) ha chiamato “paradigma vittimario”; cioè la presenza predominante...

  13. Nella stanza di Asperger...

    Alessandra Gilardini

    2011-09-01

    Full Text Available Gli studi sulla struttura del cervello di persone con Asperger avrebbero mostrato una diversa conformazione del lobo parietale (deputato all’elaborazione di soluzioni ai problemi, del lobo temporale mediale (sede della memoria a lungo termine e del cervelletto (coordinatore del movimento corporeo. Queste differenze possono spiegare le capacità a volte geniali di questi bambini e di questi adulti, oltre alla caratteristica ritualità nei gesti che li accompagna nel quotidiano.

  14. Obbligo di covendita

    Ferrante, Manuel

    2011-01-01

    Il presente lavoro si pone come proposito l’analisi della covendita, fenomeno che non trova alcun espresso riferimento normativo all’interno della legislazione italiana, ma che è entrato a far parte del nostro ordinamento attraverso il recepimento di alcuni strumenti contrattuali nati ed operanti in ordinamenti giuridici stranieri, precisamente nei sistemi di Common Law: le cd. clausole di tag-along (letteralmente “attaccare insieme”) e di drag-along (letteralmente “trascinare insieme”). L...

  15. Problemi di Fisica

    Fazio, Michelangelo

    2008-01-01

    L’introduzione delle lauree triennali ha in molti casi costretto i docenti a ridurre drasticamente il numero di ore di insegnamento e quindi l’estensione dei programmi dei corsi di Fisica. In questo volumetto l'autore si è proposto di esporre sinteticamente ma con il massimo rigore possibile il corso di Fisica Generale I evitando le dimostrazioni delle leggi fisiche, ma dando la priorità alle applicazioni di tali leggi e allo svolgimento di esercizi che in genere viene trascurato in molti corsi. Ha cercato pertanto di presentare i fenomeni fisici sottolineando, dove possibile, la loro presenza nella vita quotidiana e le loro più semplici e immediate applicazioni, consentendo in tal modo agli studenti di vedere la Fisica non più come una interminabile serie di formule ma come un nuovo modo di interpretare e di capire i fenomeni naturali inanimati (del resto non dobbiamo dimenticare che il termine greco da cui deriva il suo nome è fisis, fisis, ovvero natura). Il contenuto è completo, comprendendo anc...

  16. Ottimizzazione di portafogli di ETF nell' approccio di consulenza finanziaria indipendente

    Zorzi, Gianni

    2010-01-01

    Quella del consulente finanziario indipendente (Capitolo 1) è una figura professionale di elevato standing sviluppatasi a partire dagli anni ‘70 negli Stati Uniti, paese in cui l’attività è correntemente svolta da decine di migliaia di persone fisiche, iscritte ad associazioni di categoria, provviste di certificazioni anche di notevole spessore, come quella del Certified Financial Planner (CFP). Tale modello di consulenza in assenza di conflitto d’interessi è detto anche “fee-only” in virt...

  17. Analisi di un campione significativo di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available Il lavoro analizza sul piano pedagogico e didattico il concetto di Learning Object (LO a partire dalla rilevazione diretta dei modelli formativi sottostanti, in forma esplicita o implicita, un campione significativo di Learning Objects identificato all’interno di rilevanti esperienze di e-learning universitarie e non universitarie prodotte in diverse nazioni, allo scopo di giungere alla messa a punto di una modellistica problematica di tipo didattico dei Learning Objects, funzionale alla costruzione di algoritmi differenziati di progettazione, realizzazione, erogazione e valutazione di LO, anche nella prospettiva dei Learning Artifacts.

  18. Il catalogo di donne di Venzone (sec. XIV):

    Federico Vicario

    2009-01-01

    Nell’articolo si presenta l’edizione di un documento friulano tardomedievale, il catalogo di donne di venzone (sec. Xiv), un documento conservato presso la Biblioteca Civica di Udine «V. Joppi». All’edizione, diplomatica, segue un commento linguistico, in particolare sull’onomastica personale, sul lessico comune e sulla toponomastica; l’esame del testo consente di isolare numerosi elementi di interesse, nomi femminili e maschili, ma anche nomi di mestiere e funzione, che costituiscono gli ant...

  19. Dispositivi elettroluminescenti organici: tecnologie di fabbricazione e metodologie di caratterizzazione

    Maglione, Maria Grazia

    2006-01-01

    [ITALIANO] L’attività di ricerca si è concentrata sulla realizzazione e caratterizzazione di dispositivi elettroluminescenti organici (OLED) e quindi sull’ottimizzazione dei processi di deposizione e caratterizzazione di film sottili di materiali organici e metallici di cui sono composti. Le maggiori industrie elettroniche del mondo (Samsung, Sony, Seiko-Epson, KODAK, etc.) prevedono che in futuro i display OLED contenderanno quote di mercato sempre più consistenti agli LCD (Liquid Crystal...

  20. Che genere di diritto?

    Delia La Rocca

    2014-04-01

    Full Text Available Il recente decreto legge sul femminicidio nasce in un clima, soprattutto mediatico, nel quale la violenza sulle donne viene letta come “emergenza”. Questa chiave di lettura del fenomeno presenta alcuni rischi: in primo luogo, quello di riproporre un modello di intervento pubblico centrato soprattutto sull’approccio repressivo. Il decreto assegna, infatti, una valenza residuale ad una strategia di sostegno delle azioni di prevenzione e di assistenza delle vittime di violenza, al momento rinviate ad un “Piano d'azione straordinario” per il quale non viene previsto alcun finanziamento. E’ tempo di uscire dalla logica emergenziale: la questione della violenza di genere non è solo problema di ordine pubblico. E’ un fenomeno che colpisce al cuore la riscrittura delle regole sulla convivenza tra i generi avviata nel secolo scorso. Ciò che serve è un nuovo momento di elaborazione delle teorie e delle prassi delle donne sul ruolo del sistema giuridico e sulle forme più adeguate per garantire la libertà femminile.

  1. Densità di energia di deformazione locale e resistenza a fatica di giunti saldati di geometria complessa

    P. Lazzarin

    2008-01-01

    Full Text Available Un recente criterio basato sul valore medio della densità di energia di deformazione (SED inun volume di controllo è applicato a diverse serie di dati sperimentali tratti dalla letteratura, relativi a giuntisaldati di geometria complessa realizzati in acciaio. Il volume di controllo è rappresentato da un settore circolare di raggio pari a 0.28 mm, centrato sul piede o sulla radice dei cordoni di saldatura. Entrambe le regioni sono modellate come intagli V non raccordati con differenti angoli di apertura. La densità di energia di deformazione viene valutata direttamente da modelli agli elementi finiti tridimensionali. I dati sperimentali, riconvertiti in termini energetici, si posizionano all’interno di una banda di dispersionerecentemente proposta in letteratura. La banda sintetizzava più di 650 dati sperimentali relativi a giunti saldati con cordone d’angolo, con rotture innescate indifferentemente al piede o alla radice dei cordonidi saldatura.

  2. Studio di approfondimento sullo stato di salute nei Comuni dell'Alta Val di Cecina

    Romanelli, Anna Maria; Bartolacci, Simone; Capocchi, Rachele; Mariani, Silvia; Minichilli, Fabrizio; Protti, Maria Angela; Salvadori, Patrizia; Tacconi, Giorgia; Vigotti, Maria Angela; Bianchi, Fabrizio

    2009-01-01

    Uno studio preliminare sull'Alta Val di Cecina, AVC, (Pisa) aveva evidenziato che tra le cause di morte, 1970-2004, alcune avevano un impatto pi? elevato o in controtendenza rispetto alla media regionale toscana; l'area presenta un sottosuolo geologicamente attivo, industrie chimiche, di produzione di energia, estrattive, documentate contaminazioni di acqua e suolo da metalli pesanti. Si segnalano eccessi di mortalit? e/o di ospedalizzazione per alcune patologie per le quali in letteratura ri...

  3. Profili critici di tassazione dei redditi di capitale e dei fondi di investimento

    Adriano Benazzi; Pier Luigi Marchini

    2010-01-01

    La tassazione del risparmio gestito e, più in generale, dei redditi di capitale, rappresenta da sempre una delle questioni più rilevanti, critiche e complesse. Ciò sia per le implicazioni economico-scientifiche connesse al sistema di tassazione dei cosiddetti "redditi finanziari", sia per l’eterogeneità e mutevolezza delle forme di impiego del capitale e di "generazione" dei suoi frutti economici, sia in conseguenza delle possibili problematiche di asimmetria di trattamento e di potenziale in...

  4. Identificazione e trasferimento di QTL coinvolti nell’accumulo di antiossidanti nel frutto di pomodoro

    Lombardi, Nadia

    2011-01-01

    L’obiettivo del progetto ha riguardato la combinazione di QTL coinvolti nell’incremento del contenuto in antiossidanti nel frutto di pomodoro. A tale scopo sono state utilizzate le linee di introgressione (IL) di pomodoro. Tali IL sono particolarmente utili per la dissezione di caratteri complessi e consentono l’individuazione ed il mappaggio di QTL di interesse su specifici cromosomi. Il trasferimento dei QTL e la loro combinazione in nuovi genotipi è stato perseguito eseguendo incroci tra l...

  5. Introduzione alle teorie di gauge

    Cabibbo, Nicola; Benhar, Omar

    2016-01-01

    "Introduzione alle Teorie di Gauge" completa la serie di tre volumi basati sulle lezioni dei corsi di Meccanica Quantistica Relativistica, Interazioni Elettrodeboli e Teorie di Gauge, impartite dagli autori agli studenti delle Lauree Magistrali in Fisica e Astronomia & Astrofisica dell'Universita "La Sapienza" di Roma, nell'arco di qualche decennio. L'obiettivo principale del volume è di introdurre i concetti di base della rinormalizzazione nella teoria quantistica dei campi e i fondamenti delle moderne teorie di Gauge. Anche se collegato ai volumi precedenti, il libro si presta ad una lettura indipendente, che presume solo conoscenze generali di relativita speciale, della seconda quantizzazione e della fenomenologia delle interazioni elettrodeboli. Lo strumento di base è l'integrale sui cammini di Feynman, introdotto nei capitoli iniziali e sistematicamente impiegato nel seguito. L'esposizione segue un percorso pedagogico, che parte dal caso semplice dell'ampiezza di transizione in meccanica quantistic...

  6. Appunti di Domotica

    Bianchi Bandinelli, Rolando; Miori, Vittorio

    2008-01-01

    Le presenti dispense erano state scritte per facilitare lo studente a seguire lo svolgimento del corso di domotica. Poich? attualmente l'argomento interessa anche fasce pi? larghe di lettori, se ne ? curata una versione pi? adatta ad un pubblico pi? vasto. L'argomento trattato ? "giovane" e in forte evoluzione e certe informazioni potrebbero diventare obsolete nel giro di poco tempo. ? quindi possibile che alcune affermazioni particolari non corrispondano alla realt? del momento in cui vengon...

  7. Programmazione del Network di 'Virologia Ambientale': Stato di avanzamento

    Carlesi, Carlo

    2004-01-01

    Presentazione 'Power Point' dell'intervento all'incontro di lavoro 'VIRAMB II incontro del Network di Virologia Ambientale', presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana. Nell'intervento si presenta lo stato di avanzamento dei lavori riguardo la realizzazione dell'infrastruttura telematica del 'Network di Virologia Ambientale' promosso dal 'Dipartimento di Patologia Sperimentale, Biotecnologie Mediche, Infettivologia ed Epidemiologia' dell'Universit? di Pisa.

  8. Dai bisogni di salute al consumo di risorse sanitarie in provincia di Bergamo: profilo degli indicatori di bisogno, domanda, offerta

    A. Zucchi

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: la complessità interpretativa dei dati relativi ad alcuni fenomeni sanitari a livello territoriale impone la necessità di uno strumento semplice di lettura “epidemiologica”; tale lettura si fonda sull’utilizzo di una serie di “indicatori”, fondamenta di un processo dinamico di monitoraggio temporale e spaziale in grado di descrivere sinteticamente fenomeni di per sé complessi, al fine di fornire al decisore un supporto sintetico ma scientificamente solido.

    Obiettivi: istituzione di un sistema di monitoraggio sanitario community-based; definizione di indicatori sanitari comparabili tramite un esame critico dei dati esistenti; sviluppo di metodologie per la raccolta e la validazione dei dati; supporto alla creazione di un sistema efficace e affidabile di trasferimento e scambio dei dati e degli indicatori stessi con uso spinto della tecnologia telematica; elaborazione di metodi e di strumenti necessari alla produzione di analisi e relazioni.

    Materiali e metodi: gli indicatori analizzati fanno riferimento
    all’elenco definito dal decreto ministeriale n. 27 del 12 dicembre 2001 “sistema di garanzie per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria”. A questo elenco ne sono stati aggiunti altri, per un totale di 127, divisi in grandi capitoli tematici: assistenza sanitaria, assistenza distrettuale, assistenza ospedaliera, indicatori stato di salute, consumo di risorse sanitarie (cui è stato dato particolare enfasi, indicatori di domanda/accessibilità. Per definire infine un
    profilo di sintesi di questi grandi capitoli e delle relative
    eterogeneità territoriali si è successivamente applicata la tecnica statistica dello “z-score”.
    Risultati: le differenze emerse a livello distrettuale hanno permesso di disegnare una ‘mappa’ degli indicatori sanitari in provincia di Bergamo.

    Conclusioni:i risultati di

  9. Il catalogo di donne di venzone (sec. XIV

    Federico Vicario

    2009-05-01

    Full Text Available Nell’articolo si presenta l’edizione di un documento friulano tardomedievale, il catalogo di donne di venzone (sec. Xiv, un documento conservato presso la Biblioteca Civica di Udine «V. Joppi». All’edizione, diplomatica, segue un commento linguistico, in particolare sull’onomastica personale, sul lessico comune e sulla toponomastica; l’esame del testo consente di isolare numerosi elementi di interesse, nomi femminili e maschili, ma anche nomi di mestiere e funzione, che costituiscono gli antecedenti di numerosi cognomi moderni. Si conferma l’importanza fondamentale dello studio sistematico delle carte friulane di uso pratico, come quelle qui presentate, operazione preliminare e indispensabile al fine di avviare, in seguito, opere di lessicografia di ampia prospettiva, in primis la redazione di un dizionario storico comprensivo delle forme antiche. Sembra quest’ultimo un obiettivo ormai alla portata, potendo contare sui progressi che la disciplina ha compiuto negli ultimi anni, con lo svolgimento di un vasto progetto di ricognizione dei fondi archivistici di tutto il Friuli storico promosso dalla Società Filologica Friulana e dal Ministero per i Beni culturali (documenti antichi dagli archivi friulani. Ai positivi risultati ottenuti con lo svolgimento di questo progetto si aggiungono le numerose edizioni realizzate su fondi manoscritti conservati in alcuni degli enti conservatori più importanti della regione, a partire ancora dai materiali antichi depositati presso la Biblioteca Civica di Udine.

  10. Reti di città, mobilità e ambiente: il Preliminare di PTCP di Avellino

    Carmela Gargiulo

    2010-02-01

    Full Text Available  L’articolo propone la lettura dei contenuti del Preliminare del PTCP di Avellino, un piano per molti aspetti innovativo, soprattutto per aver coniugato pianificazione di area vasta di tipo tradizionale e logica “strategica”. In particolare, l’articolo descrive idee guida, contenuti e strategie del piano orientate, prevalentemente, a stimolare lo sviluppo sostenibile di un’area in ritardo di sviluppo come la provincia irpina, attraverso la salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali e storico-culturali, la costruzione di reti di medie e piccole città e reti di mobilità alle diverse scale, da quella urbana a quella internazionale, e interventi sul sistema della mobilità. Nel 2004, ormai più di cinque anni fa, è stato adottato, a maggioranza assoluta (solo due gli astenuti, il Preliminare di Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Avellino, dopo un lavoro di oltre due anni che ha visto impegnati gli uffici provinciali con due dipartimenti universitari. Il lavoro, che va ben oltre il significato e la valenza di un preliminare e che coniuga due pratiche di piano diverse (quella tradizionale e quella strategica ruota attorno a tre idee di fondo, tra loro strettamente interrelate, che costituiscono i criteri guida che finora ha inteso seguire la provincia di Avellino nell’attività di governo delle trasformazioni. Tali idee, quindi, costituiscono le fondamenta su cui è stato costruito il Preliminare e sono la griglia di specificazione delle strategie e degli obiettivi di piano. Esse sono alla base delle scelte elaborate per lo sviluppo compatibile del territorio, e sono riferibili alle azioni operative di trasformazione del territorio che gli Enti locali, cui è demandato tale compito, nel prossimo futuro dovranno affrontare. Le tre idee forza del Preliminare, descritte nel seguito, sono riferibili ai sistemi di risorse principali della provincia di Avellino, oggetto di una indagine analitico

  11. Sperimentazione in osservatorio di un nuovo magnetometro a vapore di potassio pompato da laser a diodo

    Beverini, N.; UNIPI; Faggioni, O.; Istituto Geofisica Marina - CUNISPE; Alzetta, E.; UNIPI; Maccioni, E.; UNIPI; Carmisciano, C.; Istituto Geofisica Marina - CUNISPE

    1998-01-01

    Nel Dipartimento di Fisica dell'Università di Pisa e' stato sviluppato un nuovo tipo di magnetometro a vapore di alcalino, basato sulla misura della frequenza di risonanza Zeeman dell'atomo di potassio .....

  12. Elaborazione didattica di Learning Objects.

    Luigi Guerra

    2006-01-01

    Full Text Available L’idea di un modello didattico problematico per la realizzazione di Learning Objects riprende i temi del problematicismo pedagogico e si impegna a definire un’ipotesi formativa complessa capace di valorizzare la possibile positiva compresenza integrata di strategie didattiche diverse (finanche antitetiche ma componibili in una logica appunto di matrice problematicista. Il punto di partenza del modello proposto è rappresentato dalla opportunità di definire tre tipologie fondamentali di Learning Objects, rispettivamente centrati sull’oggetto, sul processo e sul soggetto dell’apprendimento.

  13. Elementi di fisica teorica

    Cini, Michele

    2006-01-01

    Le idee e le tecniche della Fisica Teorica del XX secolo (meccanica analitica, meccanica statistica, relatività e meccanica quantistica non relativistica) non sono più appannaggio esclusivo dei fisici. Ormai, specialmente con la recente introduzione di nuovi corsi di laurea, le conoscenze di base rientrano nel bagaglio culturale comune ai laureati in materie scientifiche e tecnologiche affini alla Fisica e alle sue applicazioni. Un laureato in queste materie non può non conoscere l’equazione E=mc2 e la media di Gibbs; inoltre deve avere i concetti e i metodi fondamentali della meccanica quantistica che ha cambiato la concezione del mondo ed è alla base della rivoluzione tecnologica in corso. Eppure quelle idee rimangono distanti dal comune modo di pensare e richiedono molto studio e un insegnamento ben mirato. La trattazione in questo libro, è meno formale rispetto ai tradizionali corsi di Istituzioni di Fisica Teorica. Lo scopo è comunque quello di raggiungere una reale comprensione dei concetti fisi...

  14. Realizzazione digitale di algoritmi di controllo diretto di coppia per motori asincroni

    Rossi, Andrea

    2012-01-01

    Fra le macchine in corrente alternata, il motore asincrono, o più propriamente detto motore ad induzione, è quello che nel passato è stato utilizzato in modo prevalente per moltissime applicazioni industriali che non avevano necessità di controllo di velocità o di coppia. Esso può essere alimentato direttamente dalla corrente alternata di rete monofase o trifase senza alcuna apparecchiatura elettronica di controllo, e nella diffusissima versione con rotore a “gabbia di scoiattolo”, non ric...

  15. Il ricordo di Bernardo

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Full Text Available Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio, io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché l’amico DiEmidio aveva condiviso in tutto il tempo in cuiabbiamo lavorato insieme, ogni preoccupazione,tensione, soddisfazione e progettualità.Difficile, per me, è stato ricordarlo proprio ilgiorno dopo la sua morte, in apertura di unconvegno, con la platea piena della gentedell’Istituto e ognuno con gli occhi rossi, losgomento e la solitudine già forte della perditascolpita sul volto. L’abbiamo salutato lì, gli hodetto grazie e ciao da parte di tutti gli altri, manon l’abbiamo mai salutato davvero.Non l’ha ancora fatto nessuno di noi, echissà se lo faremo mai, perché da Bernardonon vogliamo separarci.Sulle pagine di questa rivista, che rendonomerito e onore a tanti ottimi professionisti,proprio su una rivista scientifica, che per ilnostro ambiente è il momento del confronto,spesso «della verità», voglio ricordareBernardo Di Emidio.Voglio ricordarlo all’intera comunitàscientifica per quel grande lavoratore che èstato, per quella piena fiducia che i suoicollaboratori gli davano, per quel bellissimo rapporto che con loro aveva saputo costruire,ricominciando ad ogni nuovo arrivo. Loro, isuoi collaboratori, l’hanno sostenuto fino allafine, hanno continuato a considerarlo il lorocapo, anche durante i momenti più brutti edurante gli ultimi.Non hanno mai fatto a meno del suoparere, della sua approvazione, non si sono allontanati, non si allontano nemmeno oggi, da quel solco di umanità e scientificità che Di Emidio, in anni e

  16. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2012-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le più importanti applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blue-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali, l’illuminazione con i LED e la chirurgia. Questo volume ha come obiettivo quello di colmare un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Lo scopo principale è quello di esporre in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, e di descrivere i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplificatori, i modulatori e i rivelato...

  17. Le voci di Orienzio

    Gasti, Fabio

    2008-01-01

    Il commonitorium in distici di Orienzio, da collocarsi nella Gallia delle invasioni barbariche fra 406 e 410, va considerato un tipico prodotto storico-culturale del periodo. L’analisi di due luoghi (1,43-48 e 2,255-262) e l’interpretazione dell’insistita metaforica proemiale della vocalità (1,15-42), ha portato il relatore a documentare come lo scrupolo moralistico di piena e incondizionata adesione alla fede cristiana trovi espressione anche grazie alla lezione formale degli auctores pagani...

  18. Shiatsu Di Jepang

    Simanjuntak, Ricardo

    2015-01-01

    Shiatsu adalah sebuah kata dalam bahasa Jepang yang bila diterjemahkan secara harafiah artinya “tekanan jari”.Hal ini merupakan tekanan jari yang di berikan ke tubuh sebagai metode utama penerapan shiatsu untuk merangsang suatu respon penyembuhan.Namun,shiatsu lebih dari situ.Teknik shiatsu tidak hanya menggunakan jari,tetapi juga ibu jari,telapak tangan,lutut,lengan bawah,siku dan kaki.Lebih jauh lagi,kerena shiatsu dilakukan di lantai dan di tikar ataupun tempat tidur,shiatsu juga focus pad...

  19. Alle origini di Napoli capitale

    Feniello, Amedeo

    2013-01-01

    Scopo di questo articolo è cercare di capire cosa ci sia alle origini di Napoli capitale. Vale a dire, cosa abbia potuto trasformare la capitale di un piccolo ducato autonomo nel centro politico, sociale ed economico di un intero regno, in uno scorcio di tempo relativamente breve – circa un secolo e mezzo, dall'ultimo duca Sergio VII a Carlo I d'Angiò. In questo senso, vengono presi in esame tre aspetti ritenuti essenziali per il raggiungimento dello status di capitale : il porto, la terra, i...

  20. Chirotterofauna della provincia di Parma

    Antonio Ruggieri

    2003-01-01

    In questo lavoro viene definito lo stato attuale delle conoscenze sui Chirotteri nella provincia di Parma (regione Emilia Romagna, Nord Italia). Le segnalazioni storiche si riferiscono alla pubblicazione ?I Vertebrati della Provincia di Parma? (Del Prato, 1899) e alla collezione ?Del Prato? conservata presso il Museo dell?Università di Parma. Dal 1995 ho iniziato lo studio della chirotterofauna utilizzando diverse tecniche: ricerca dei siti di rifugio, raccolta occasionale di esemplari feriti...

  1. Manuale di ottica

    Giusfredi, Giovanni

    2015-01-01

    Questo libro costituisce un fondamento solido per la conoscenza dell’Ottica Fisica, presentando vari modi di trattare la propagazione di onde elettromagnetiche e indicando quali siano i metodi utili a specifici casi. Iniziando dall’elettromagnetismo, la riflessione, la rifrazione e la dispersione delle onde, espone argomenti quali l’Ottica Geometrica, l’Interferenza, la Diffrazione, la Coerenza, i fasci Laser, la Polarizzazione, la Cristallografia e l’Anisotropia. Tratta componenti ottici come lenti, specchi, prismi, interferometri classici, Fabry-Perot e cavità risonanti, multistrati dielettrici, filtri interferenziali e spaziali, reticoli di diffrazione, polarizzatori e lamine birifrangenti. Vi sono inoltre argomenti poco reperibili, come il metodo delle matrici 4x4 per lo studio di fronti d’onda generalmente astigmatici, i metodi numerici tramite FFT per il calcolo della diffrazione, e la Bi-anisotropia, che tratta relativisticamente l’attività ottica e gli effetti Faraday e Fresnel-Fizeau....

  2. Note di fotonica

    Degiorgio, Vittorio

    2016-01-01

    L’invenzione del laser ha generato una vera rivoluzione nella scienza e nella tecnologia e ha dato luogo alla nascita di una nuova disciplina chiamata Fotonica. Le applicazioni della Fotonica che hanno un impatto cruciale in molti ambiti della nostra vita sono le comunicazioni in fibra ottica su cui si basa il funzionamento di Internet e del traffico telefonico su grandi distanze, i dischi ottici (CD, DVD, Blu-ray), la sensoristica ottica di tipo industriale e ambientale, la lavorazione dei materiali e la chirurgia con il laser, l’illuminazione con i LED. Questa seconda edizione contiene diversi ampliamenti e modifiche al testo pubblicato nel 2012, che ha colmato un vuoto nel panorama italiano di testi universitari riguardanti la Fotonica. Dopo avere esposto in modo sintetico ma rigoroso i concetti che stanno alla base del funzionamento del laser e della propagazione della luce nella materia, sono descritti i principali componenti e dispositivi ottici e optoelettronici, quali le fibre ottiche, gli amplifi...

  3. Le tecniche di indagine NDT nel processo di restauro e consolidamento di edifici soggetti a tutela

    Costanzo, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Montuori, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Porco, G.; Dipartimento di Ingegneria Civile & SISMILAB s.r.l., Università della Calabria (UniCal), Cosenza, Italy; Casula, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Bologna, Bologna, Italia

    2014-01-01

    Le attività di restauro e consolidamento di edifici soggetti a tutela sono fortemente ancorate alla conoscenza del bene, alla consistenza geometrico-strutturale e a quella materica, nonché all’analisi del degrado del manufatto e del suo stato di conservazione in tutti i suoi elementi. Altri aspetti tecnici da portare in conto sono ovviamente quelli legati al monitoraggio da attuare eventualmente in fase di diagnosi e obbligatoriamente in fase di esercizio, al fine di disporre di una robusta m...

  4. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Niccolò Scaffai

    2012-04-01

    Full Text Available A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista, che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitazione», «copia», «plagio psichico», o addirittura di «sottrazione di manoscritto»

  5. Konsorsium Perpustakaan di Indonesia

    Gultom, Hetty

    2015-01-01

    Indonesia memiliki banyak (ribuan) perpustakaan tetapi secara umum dapat dikatakan masih sangat lemah dalam memenuhi tuntutan kebutuhan informasi para penggunanya karena mereka beroperasi hanya mengandalkan sumberdaya sendiri secara terisolasi tanpa berkolaborasi antara satu dan lainnya. Kenyataan ini telah disadari para ilmuan dan pimpinan perpustakaan di Indonesia sejak 42 tahun yang lalu dimana pada tahun 1970-an telah terjadi pembentukan jaringan yang cukup banyak di Indonesia (± 36 siste...

  6. Retrodatazioni di viaggio

    Mario Piotti

    2013-07-01

    Full Text Available La letteratura di viaggio, in specie quella sette-ottocentesca, presenta, tra molteplici motivi di interesse, ricchi spunti di indagine anche per la storia della lingua e certamente non è il minore quello relativo agli aspetti lessicali. Nell’articolo non si intende dare una descrizione lessicale completa dei testi odeporici esaminati, ma più limitatamente si presenta una serie cospicua di retrodatazioni e datazioni di parole raccolte in quei testi e quindi ricercate, così allargando lo spettro testuale oltre i limiti della letteratura periegetica, attraverso Google libri. Ma nonostante questo parziale spostamento di sguardo, le schede seguenti continuano a documentare la ricchezza del lessico dell’odeporica: termini scientifici, storici, stranierismi e regionalismi ben testimoniano la varia curiosità dei viaggiatori.  Backdating through travelsSeventeenth and eighteenth century travel literature features, among many points of interest, ideas for researching the history of the language, especially lexical aspects. The article does not intend to give a complete lexical description of the odeporic texts examined, but is limited to a substantial number of backdatings and datings of words collected in those texts, thusgoing beyond the limits of textual periegetic literature, through Google books. Despite this partial shift of attention, we continue to document the richness of odeporic vocabulary: scientifically, historically, through foreign terms and regionalisms, bearing witness to the varied curiosity of travelers.

  7. A thrombus susceptibility comparison of two pulsatile Penn State 50 cc left ventricular assist device designs.

    Navitsky, Michael A; Deutsch, Steven; Manning, Keefe B

    2013-01-01

    Left ventricular assist devices (LVADs) have proven successful as bridge to transplant devices for patients awaiting donor organs. While survival rates continue to increase, destination therapy remains hindered by thrombus formation within the device. Research has shown that thrombosis is correlated to the fluid dynamics within the device and may be a result of sustained shear rates below 500 s(-1) on the polyurethane blood sac used in the Penn State pulsatile LVAD. Particle image velocimetry is used to compare flow within two 50 cc LVAD designs to assess fluid patterns and quantify wall shear rates in regions known from in vivo studies to be susceptible to thrombus formation. The two designs differ in their front face geometry. The V-1 model has an outward-facing "dome" whereas the face of the V-2 model is flat. A thrombus susceptibility metric, which uses measured wall shear rates and exposure times, was applied to objectively compare pump designs over the entire cardiac cycle. For each design, there are regions where wall shear rates remained below 500 s(-1) for the entire cardiac cycle resulting in high thrombus susceptibility potential. Results of this study indicate that the V-2 device had an overall lower propensity for thrombus formation in the current region of interest. PMID:22825798

  8. Identificazione, caratterizzazione ed industrializzazione di ceppi di Streptococcus thermophilus per la produzione di yogurt

    D'Alonges, Sara

    2013-01-01

    Il contesto globale del comparto agro-alimentare richiede ad oggi una ricerca continua per assicurare qualità e sicurezza degli alimenti. La produzione moderna di alimenti richiede elevato grado di standardizzazione, particolarmente la produzione gli alimenti fermentati che include un processo biotecnologico in cui la componente biotica gioca un ruolo fondamentale Di qui la necessità disporre di un’ampia gamma di microrganismi atti alla conduzione del processo fermentativo in modo da im...

  9. Elementi di interfaccia per l’analisi di strutture murarie

    Jessica Toti

    2009-04-01

    Full Text Available Il presente articolo riguarda la modellazione del comportamento meccanico di elementi in muratura intesi come sistemi eterogenei composti da malta, blocchi ed interfacce di connessione. La strategiacomputazionale che viene adottata consiste nel modellare separatamente i blocchi, i letti di malta ed le interfacce responsabili di fenomeni di decoesione malta-blocco; a tale scopo, si propone uno speciale modello di interfaccia che combina il danneggiamento con l’attrito. Si sviluppa una procedura numerica, basata sull’algoritmo backward di Eulero, per risolvere il problema evolutivo; per il passo temporale si utilizza invece la tecnica predictor-corrector a controllo di spostamenti. Si effettuano alcune applicazioni numeriche con lo scopodi verificare la capacità del modello e dell’algoritmo proposto nel riprodurre la risposta non lineare della muratura dovuta a fenomeni di degrado localizzati. Infine, si conduce lo studio della modellazione di un arco murario, confrontando i risultati numerici con quelli sperimentali; si dimostra la abilità del modello proposto nel simulare il comportamento globale della struttura ad arco in termini di carico ultimo e di meccanismo di collasso.

  10. In ricordo di Vittorio Bianchi

    Maurizio Cutolo

    2011-09-01

    Full Text Available Vittorio Bianchi fu Ernesto e fu Mary Sbertoli naque a Cogoleto (Genova il 17 febbraio 1919. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova nel 1943 con lode fu Allievo interno della Clinica Medica di Genova negli anni 1942 e 1943, Assistente Volontario alla Clinica Medica di Perugia, quindi della Clinica Medica di Genova negli anni seguenti dove fu nominato Assistente di ruolo per concorso nel 1950. Successivamente Assistente di ruolo alla Patologia Medica diretta dal prof. Aminta Fieschi nel periodo 1954- 1969....

  11. Effetti di strutturazione di materiali a base di ossidi inorganici di tipo "aerogel-like" per applicazioni nel campo di catalisi e di isolanti ad alta efficienza

    Padovese, Elena

    2010-01-01

    La nanotecnolgia rappresenta un approccio innovativo nella produzione industriale, e riflette la generale tendenza alla miniaturizzazione ed alla riduzione di scala che prevale in tutte le discipline tecnologiche. Da qui il crescente interesse nei confronti nei nanomateriali e dei materiali nanostrutturati, per lo sviluppo di nuovi prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati, che trovino applicazione in molteplici campi. La presente tesi di dottorato si focalizza sulla strutturazione d...

  12. Il ricordo di Bernardo

    Vincenzo Caporale

    2004-01-01

    Capita, nella vita, di incontrare il dolore perun amico che ci lascia, per un collaboratoreprezioso che non c’è più, per un professionistadi livello che se ne va e scava un vuoto, un buco,che poi non si colma.Ecco, questo è successo a noi dell’IstitutoZooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e delMolise quando Bernardo Di Emidio, il 23gennaio, è mancato. Abbiamo incontrato undolore grande (e mi perdonerete se parlo delmio), io personalmente in quel dolore sonoinciampato con violenza, perché ...

  13. Le collezioni di Mammiferi del Museo Civico di Zoologia di Roma: una sintesi storica

    Gloria Svampa

    2003-10-01

    Full Text Available Il Museo Civico di Zoologia di Roma è sorto nel 1932 all?interno del Giardino Zoologico dell?allora Governatorato di Roma, di cui ha condiviso la direzione tecnica ed amministrativa sino al 1998. Il nucleo centrale delle collezioni è costituito dal materiale di proprietà universitaria, di quello che fu il Museo di Zoologia della Regia Università, a sua volta diretto discendente delle collezioni del Museo di Zoologia ed Anatomia Comparata del Pontificio Archiginnasio Romano. La quasi totalità degli esemplari tassidermizzati risale al periodo in cui l?Istituto di Zoologia fu diretto da Antonio Carruccio (1883-1914. Dal 1932, la collezione teriologica si è andata arricchendo, in particolare di materiale osteologico, soprattutto con acquisizioni provenienti dal Giardino Zoologico e da rare spedizioni scientifiche, come quella organizzata dal CNR nell?Alto Rio Negro del 1962-3, guidata da Ettore Biocca. Anche a causa del fatto che per molti anni il Museo è stato privo di curatori, mancano importanti collezioni teriologiche da studio, fatta eccezione per quella cetologica. In molti casi, singoli esemplari potenzialmente di grande valore scientifico, mancano di dati esatti sulla località di cattura. Nell?ambito di un programma di ricatalogazione della collezione recentemente intrapreso, particolare attenzione è stata posta all?acquisizione di tutti i dati legati alla storia dei singoli esemplari, rintracciabili attraverso i resoconti di viaggio dei singoli esploratori. Nel periodo universitario, infatti, il Museo della nuova capitale d?Italia fu oggetto di grande attenzione da parte di privati ed enti, a partire dai Savoia, che donarono le loro collezioni o il materiale raccolto durante le spedizioni effettuate. Il lavoro di revisione in corso sta mettendo in luce una serie di esemplari meritevoli di ulteriori, dettagliate ricerche. È probabile che molto del materiale del Museo, pervenuto a Roma attraverso donazioni della famiglia reale

  14. Breve Manuale di Geografia Umana

    Minca, C.; Colombino, A.

    2012-01-01

    Il percorso per andare al lavoro, la scelta sul dove trascorrere le prossime vacanze, le nostre opinioni sulla politica estera, le nostre preoccupazioni per la crisi economica, le nostre affermazioni di identità, il nostro desiderio di fuga dal quotidiano, perfino la scelta di acquistare una casa in

  15. Applicazione delle linee guida nazionali nell'attivitá di notifica di casi di legionellosi

    E. Corsano

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: é noto che effettuare diagnosi di Legionellosi risulta difficile a causa della sovrapposizione della sintomatologia con altre forme di polmonite. Questo spiega, in parte, perché i casi di Legionellosi siano sottostimati. I metodi diagnostici disponibili, sebbene richiedano tempi relativamente lunghi, sono necessari per l’esatta stima di prevalenza della Legionellosi e per gli eventuali interventi preventivi.

    Metodi: nell’Azienda Ospedaliera “G. Panico” di Tricase, seguendo i criteri delle Linee Guida della Legionellosi (G.U. 5 maggio 2000 n. 103 durante la degenza dei pazienti che presentavano segni clinici ed obiettivi di polmonite sono state eseguite indagini radiologiche (Rx Torace, TAC, esami di laboratorio (espettorato, sangue, urina ed avviata terapia antibiotica (macrolidi e cefalosporine di III generazione. L’antigene urinario e le IgG anti-Legionella (metodo IFA, sono stati determinati in collaborazione con il Laboratorio di riferimento Regionale.

    Risultati: nel periodo ottobre 2001 gennaio 2003 sono stati notificati nel nostro ospedale 11 casi di Legionellosi accertati da indagini clinico-strumentali e di laboratorio: tutti i casi avevano titoli anticorpali abbastanza elevati, confermati poi da un secondo controllo a distanza di tempo. Solo due hanno presentato una positività per l’antigene urinario. All’atto della dimissione, per il 63.6% dei casi è stato documentato un miglioramento delle condizioni clinico-laboratoristico-strumentali, nel 18.2% si è avuta una effettiva guarigione. La letalità è stata pari al 18.2%. In tutti casi si è provveduto alla sorveglianza ambientale.

    Considerazioni: i nostri dati evidenziano che i casi di Legionellosi registrati sono stati tutti di tipo comunitario. Una corretta applicazione delle Linee Guida nel sistema di notifica permette l’avvio dell’attività di prevenzione oltre

  16. Progetto rete di adattamento di un'antenna in microstriscia di tipo Bow-Tie

    Piras, Marcella

    2007-01-01

    Si cerca di ricostruire il profilo di permittivit? di un oggetto, sulla base della misura del campo da esso scatterato, quando viene investito da una radiazione incidente nota (problema dello scattering inverso). L'ispezione dell'oggetto ? non invasiva, in quanto gli esami e i rilievi devono essere condotti impiegando metodi che non alterano il materiale e non richiedono la distruzione o l'asportazione di campioni della struttura in esame. Tra i sensori che vengono utilizzati per questi scopi...

  17. Il Simposio di Platone

    Maria Chiara Pievatolo

    2013-01-01

    Full Text Available Pensate che i testi antichi siano semplicemente vecchi? Che l’amore platonico non vada mai  al sodo? Leggere il Simposio di Platone confrontandosi direttamente col testo, com’è possibile fare grazie al Perseus Project, vi farà cambiare idea.

  18. Ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato in CRRT

    Ambrosino, Mariacarmela

    2014-01-01

    Ottimizzazione di un protocollo di anticoagulazione regionale con citrato in CRRT Introduzione: La necessità di un'anticoagulazione continua e l'ipofosforemia in corso di trattamento sono problemi costranti in corso di CRRT. Il nostro studio ha cercato di dimostrare l'efficacia e la sicurezza dell'anticoagulazione regionale con citrato in CVVH basato sull'utilizzo di una soluzione di citrato (18 mmol/L) associata ad una soluzione di reinfusione contenente fosfato, recentemente disponibile...

  19. Il Sistema di informazioni del Portogallo: dal sistema dualistico di sicurezza al concetto monistico di sicurezza nazionale

    Marsili, Marco

    2015-01-01

    ITALIAN - Le minacce transnazionali sorte dopo l’11 settembre 2001, impongono agli Stati di rivedere l’organizzazione e la politica di sicurezza. La difficile congiuntura economica e finanziaria, sopravvenuta nel 2008, obbliga i governi a tagli di bilancio, nell’ottica di maggiori risparmi ed efficienze di sistema, attraverso l’uso di strutture e mezzi comuni, e il coordinamento delle forze e dei servizi di sicurezza. Il dibattito sulla militarizzazione della sicu...

  20. Structure Research of Two-stroke Aviation Piston Engine without Connecting Rod%新型无连杆二冲程航空活塞发动机结构分析

    王小彬; 杨海青; 陶晓雷

    2013-01-01

    为了开发出一种无曲柄连杆机构的大缸径二冲程点燃式活塞发动机,参考国外设计专利,运用三维CAD软件构建发动机概念电子样机,分析发动机结构与工作原理.结果表明:新型大缸径无连杆发动机结构能满足航空活塞发动机高效率、高功重比的需求,具备较高的应用价值.%In order to design a new kind of two-stroke spark ignition internal combustion engine with a large bore and non-connecting rod, the foreign design patent was referred, the CAD software was applied to construct the engine concept model, and the structures and the work process of the engine were analyzed. As a result, the structure of the new kind of engine with large bore and non-connecting rod satisfied aeronautic piston engines by high heat efficiency and high power/weight ratio. Above all, the new kind of engine deserves a further research.

  1. High Ethanol Fuel Endurance: A Study of the Effects of Running Gasoline with 15% Ethanol Concentration in Current Production Outboard Four-Stroke Engines and Conventional Two-Stroke Outboard Marine Engines

    Hilbert, D.

    2011-10-01

    Three Mercury Marine outboard marine engines were evaluated for durability using E15 fuel -- gasoline blended with 15% ethanol. Direct comparison was made to operation on E0 (ethanol-free gasoline) to determine the effects of increased ethanol on engine durability. Testing was conducted using a 300-hour wide-open throttle (WOT) test protocol, a typical durability cycle used by the outboard marine industry. Use of E15 resulted in reduced CO emissions, as expected for open-loop, non-feedback control engines. HC emissions effects were variable. Exhaust gas and engine operating temperatures increased as a consequence of leaner operation. Each E15 test engine exhibited some deterioration that may have been related to the test fuel. The 9.9 HP, four-stroke E15 engine exhibited variable hydrocarbon emissions at 300 hours -- an indication of lean misfire. The 300HP, four-stroke, supercharged Verado engine and the 200HP, two-stroke legacy engine tested with E15 fuel failed to complete the durability test. The Verado engine failed three exhaust valves at 285 endurance hours while the 200HP legacy engine failed a main crank bearing at 256 endurance hours. All E0-dedicated engines completed the durability cycle without incident. Additional testing is necessary to link the observed engine failures to ethanol in the test fuel.

  2. Integrazione rigorosa di dati provenienti da fonti di acquisizione differenti

    Leandro Bornaz

    2011-04-01

    Full Text Available La geomatica mette oggi a disposizione di esperti di diverse discipline un’ampia gamma di strumenti e tecniche che vengono utilizzate estensivamente come sostegno per l’acquisizione, la contestualizzazione e la georeferenziazione di informazioni molto diversificate come ad esempio dati georadar, geosismici, interferometrici, provenienti da strumenti di misura spesso utilizzati in diversi ambiti e con sistemi di riferimento differenti, talvolta non direttamente compatibili tra loro. Questa problematica, spesso trascurata utilizzando un approccio di tipo classico, è stata affrontata e risolta in modo rigoroso dagli autori permettendo così l’integrazione corretta di dati di differente natura e provenienza.Integration of data acquired from different sourcesGeomatics today offers to experts from different disciplines a wide range of tools and techniques, which are used extensively as technical support for the acquisition, context and geo-refer-encing data coming from different investigations: geo radar, interpherometry, geophysics analysis. Each technology gener-ally provide data with different reference systems, often not di-rectly compatible each other. This problem, often overlooked by using a classical approach, has been resolved in a rigorous way by the authors thus allowing proper integration of data of different nature.

  3. Two stroke engine exhaust emissions separator

    Turner, Terry D.; Wilding, Bruce M.; McKellar, Michael G.; Raterman, Kevin T.

    2002-01-01

    A separator for substantially resolving at least one component of a process stream, such as from the exhaust of an internal combustion engine. The separator includes a body defining a chamber therein. A nozzle housing is located proximate the chamber. An exhaust inlet is in communication with the nozzle housing and the chamber. A nozzle assembly is positioned in the nozzle housing and includes a nozzle moveable within and relative to the nozzle housing. The nozzle includes at least one passage formed therethrough such that a process stream entering the exhaust inlet connection passes through the passage formed in the nozzle, which imparts a substantially rotational flow to the process stream as it enters the chamber. A positioning member is configured to position the nozzle relative to the nozzle housing in response to changes in process stream pressure to adjust flowrate of said process stream entering into the chamber.

  4. Sviluppo di approcci di gene silencing in vite (Vitis vinifera L.) per studi di genomica funzionale.

    Urso, Simona

    2009-01-01

    Sviluppo di approcci di gene silencing in vite (Vitis vinifera L.) per studi di genomica funzionale. Nel corso del lavoro è stato messo a punto un sistema per la micropropagazione della vite in modo tale da disporre delle piantine durante tutto il corso dell’anno evitando pause di lavoro dovute al fisiologico riposo vegetativo annuale della vite. Utilizzando le banche dati del NSBI, TIGR e IASMA Genomics sono state trovate le sequenze in vite dei geni che regolano la risposta di difesa co...

  5. Miglioramento della qualità di pani tipici pugliesi. Identificazione di batteri lattici con proprietà antimicrobiche e di Bacillus sporigeni isolati da semole di grano duro

    Favilla, Mara

    2010-01-01

    Il lavoro di ricerca ha avuto come obiettivo il miglioramento della qualità microbiologica di pani tipici pugliesi attraverso la selezione di batteri lattici con attività antimicrobica e la caratterizzazione di contaminanti batterici (Bacillus spp.), da semole rimacinate di grano duro. I batteri lattici sono microrganismi da sempre utilizzati nella preparazione di alimenti fermentati tra cui alcuni tipi di pane ottenuti dalla fermentazione del lievito naturale. I prodotti del metabolismo dei ...

  6. Su uno scritto di Frisch del 1933

    Bjerkholt Olav; Qvigstad Jean F.

    2007-01-01

    La Rivista di storia economica è lieta di pubblicare la prima traduzione in lingua inglese degli articoli che Ragnar Frisch pubblicò su giornali norvegesi. Questi scritti prospettano con grande chiarezza, a un largo pubblico, con dichiarate finalità di politica economica, l'antinomia fra il risparmio quale virtù individuale e l'eccesso di risparmio quale vizio macroeconomico. Oltre che per questi profili di teoria macroeconomica, gli scritti di Frisch sono di grande interesse per gli storici ...

  7. Ricerche sugli enterobatteri nelle feci di Chirotteri

    Dino Scaravelli; Paola Massi; Giovanni B. Tosi; Massimo Bertozzi

    2003-01-01

    Dal 2002, grazie al protocollo stipulato tra il gruppo di studio chirotteri del Museo di Onferno e l?Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell?Emilia, sezione di Forlì, si è iniziato un progetto di studio sulla enteroflora di varie specie di Chirotteri. I campioni fecali o più raramente da carcassa, sono stati procssati mediante sistemi standardizzati e tipizzati mediante Enterotubes, creando anche una collezione di riferimento. Le ricerche ad oggi hanno interessato campion...

  8. Nel contratto di «service» l'erogatore di energia elettrica non è soggetto passivo di accisa

    Peruzza, D

    2011-01-01

    In materia di accise sull'energia elettrica, soggetto passivo del tributo è il fornitore professionale del bene «energia elettrica» che procede alla fatturazione dell'operazione di vendita in forza di un contratto di somministrazione; il soggetto che fornisce l'energia elettrica a terzi quale componente di una prestazione complessa nell'ambito di un contratto di «service», alla luce del contesto unitario di tale contratto, non può essere considerato soggetto venditore di energia elettrica ...

  9. Meccanismi di censura e rapporti di potere nelle autobiografie collaborative

    Caterina Romeo

    2015-10-01

    Full Text Available Il genere delle autobiografie collaborative è stato oggetto di una complessa teorizzazione negli ultimi decenni, soprattutto in ambito statunitense, ed è il genere che più di altri segna l'inizio, nei primi anni Novanta, della letteratura postcoloniale italiana e l’incontro linguistico e culturale tra migranti e culture di “accoglienza.” Il presente saggio intende indagare i rapporti di potere presenti all'interno delle autobiografie collaborative e i meccanismi di censura e autocensura operati nella costruzione del testo. Il saggio mette in discussione la presunta trasparenza del ruolo dell'editor e analizza come il rapporto tra narratore ed editor sia al contempo un rapporto di collaborazione e solidarietà, ma anche di sfruttamento coloniale e resistenza postcoloniale.Partendo da una riflessione sui due termini "autobiografia" e "collaborativa" – apparentemente aproblematici ma in realtà fortemente problematici – questo saggio sviluppa un'analisi delle questioni che questo genere letterario pone dal punto di vista teorico – scissione della posizione autoriale, e quindi dell’autorità del soggetto che scrive, rapporti di potere all’interno della collaborazione, censure operate, questioni etiche e rapporti con la critica, resistenza postcoloniale alle grandi narrazioni e riscrittura della storia.L'impianto teorico del presente saggio è costruito soprattutto a partire da testi statunitensi (dagli studi sul testimonio di John Beverley, a quelli sui rapporti di collaborazione come rapporti di sorellanza femminista di Caren Kaplan, agli studi sulle autobiografie native americane. Per quanto riguarda i testi presi in esame, la presente analisi mette a confronto due coppie di testi. I primi due sono l’autobiografia di Nassera Chohra, Volevo diventare bianca (con Alessandra Atti Di Sarro, 1993 e un’importante autobiografia collaborativa italoamericana, Rosa: Life of an Italian Immigrant (con Marie Hall Ets, 1970. Gli altri due

  10. Il percorso di implementazione di un'Unitá Integrata di Day Surgery

    G. Cattaneo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: ottimizzare l’appropriatezza dei ricoveri per i DRG chirurgici, l’utilizzo delle risorse umane e strutturali, aumentare la soddisfazione dei pazienti attraverso la costituzione di un’Unità di Day Surgery (DS e di dedicati percorsi diagnosticoterapeutici. Metodi: È stato costituito un gruppo di lavoro, coordinato dalla Direzione Sanitaria, che ha coinvolto Chirurghi, Anestesisti, Cardiologi Laboratoristi, Radiologi e responsabili amministrativi. Il mandato era di effettuare un’analisi dell’attività chirurgica del presidio e, alla luce della normativa in tema di appropriatezza e controlli sanitari, formulare un’ipotesi di riallocazione delle risorse individuando i percorsi organizzativi da attuare.

    Risultati: l’analisi delle attività chirurgiche e di quella della presenza media per giorno della settimana hanno permesso un intervento di riorganizzazione che, lasciando inalterati i volumi di attività, ha consentito di concentrare in un’unica area le degenze ordinarie di Otorinolaringoiatria, Urologia e Oculistica, recuperando gli spazi ed il personale da destinare alla DS, ed offrendo la possibilità di trasferire ad altri reparti 6 unità infermieristiche e 2 di supporto. Il modello di DS scelto è stata l’Unità centralizzata multidisciplinare, cui afferiscono tutte le Specialità chirurgiche, aperta 5 giorni la settimana dalle 7 alle 17. Sono stati definiti:gli spazi, il personale (6 unità infermieristiche e 1 di supporto, i posti letto (14, la tipologia di interventi da effettuare in regime di DS, il percorso del paziente, i protocolli organizzativi e la modulistica, la gestione amministrativa, gli indicatori.

    Conclusioni: i risultati attesi dall’attivazione della DS sono: miglior rapporto costi/ricavi (costi specifici DRG 162: in regime ordinario 1260,68 Euro; in regime DS 858,80 Euro, erogazione di prestazioni appropriate, allargamento della

  11. Chirotterofauna della provincia di Parma

    Antonio Ruggieri

    2003-10-01

    Full Text Available In questo lavoro viene definito lo stato attuale delle conoscenze sui Chirotteri nella provincia di Parma (regione Emilia Romagna, Nord Italia. Le segnalazioni storiche si riferiscono alla pubblicazione ?I Vertebrati della Provincia di Parma? (Del Prato, 1899 e alla collezione ?Del Prato? conservata presso il Museo dell?Università di Parma. Dal 1995 ho iniziato lo studio della chirotterofauna utilizzando diverse tecniche: ricerca dei siti di rifugio, raccolta occasionale di esemplari feriti o morti, catture con reti, rilevamento ultrasonico con bat-detector. Il territorio provinciale non è stato indagato omogeneamente poiché ricerche approfondite sono state effettuate solo nelle aree protette. Le specie di Chirotteri sinora accertate per la provincia di Parma sono 19: Rhinolophus ferrumequinum, Rhinolophus hipposideros, Myotis mystacinus, Myotis emarginatus, Myotis bechsteinii, Myotis nattereri, Myotis daubentonii, Myotis myotis, Myotis blythi, Pipistrellus pipistrellus, Pipistrellus nathusii, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Nyctalus noctula, Nyctalus leisleri, Plecotus auritus, Barbastella barbastellus, Tadarida teniotis. I dati distributivi di ogni specie sono riportati su una carta suddivisa nel reticolo UTM (griglia di 5 Km di lato.

  12. Studio di metodi di preparazione e caratterizzazione di nanostrutture per la funzionalizzazione di materiali ceramici

    Chiva-Flor, Carla

    2011-01-01

    This thesis was carried out in the context of a co-tutoring program between Centro Ceramico Bologna (Italy) and Instituto di Tecnologia Ceramica, Castellón de la Plana (Spain). The subject of the thesis is the synthesis of silver nanoparticles and at their likely decorative application in the productive process of porcelain ceramic tiles. Silver nanoparticles were chosen as a case study, because metal nanoparticles are thermally stable, and they have non-linear optical properties when nan...

  13. Giornata di Studi Paleontologici

    Davide Bassi

    2005-09-01

    Full Text Available This book results fromk one-day meeting "Giornata di Studi Paleontologici Prof.ssa C. Loriga Broglio", held in Ferrara on June 18th, 2004 and dedicated to Prof. Carmen Loriga Broglio who was full Professor of Paleontology and Paleoecology at the University of Ferrara.This special volume includes twelve papers dealing with systematic paleontology of calcified cyanobacteria, invertebrates (sponges and vertebrates (fishes, taphonomy, biostratigraphy, paleoecology and paleobiogeography.

  14. [Coraza, relazione di progetto

    Galindo, Regina José

    2013-01-01

    Testo introduttivo ed esplicativo della performance redatto dall’artista in occasione della presentazione della proposta al museo. Il testo è articolato in diverse parti: dopo una introduzione sul concetto di delinquenza e sul ruolo sociale che essa ha secondo Galindo, l’artista affronta la sinossi della perfomance che viene successivamente descritta in tutte le sue fasi. In conclusione l’artista elenca i requisiti necessari alla realizzazione della performance e precisamente: un volontari...

  15. Esercizi di metodi matematici della fisica

    Angilella, G G N

    2011-01-01

    Il testo richiama i principali concetti, definizioni e teoremi relativi agli spazi vettoriali, agli sviluppi in serie di Fourier, alle equazioni alle derivate parziali, alle trasformate integrali di Laplace e di Fourier, ad alcune classi di equazioni integrali (con specifico riferimento alla funzione di Green). Si danno altresi' cenni di funzioni di variabile complessa, di teoria dei gruppi, e di spazi funzionali. Di ciascun argomento vengono ampiamente discusse le motivazioni e le applicazioni nel campo della fisica e, talora, di altre discipline scientifiche. Tali argomenti vengono approfonditi da esercizi (perlopiu' svolti, o con soluzione), spesso tratti da effettivi temi d'esame del corso di Metodi matematici per la fisica del corso di laurea in Fisica (Catania).

  16. Valutazione del costo di due tipologie di infezioni ospedaliere

    F. Abbona

    2003-05-01

    Full Text Available

    I tentativi di quantificare le risorse assorbite e definire i costi delle infezioni ospedaliere sono abbastanza sporadici e non sempre metodologicamente corretti. Il principale problema operativo consiste nell’identificare strumenti in grado di verificare sia l’eventuale eccesso di degenza attribuibile all’infezione, sia i costi diretti della infezione dovuti alle risorse impegnate per la diagnosi, il trattamento e l’eventuale monitoraggio del suo decorso.

    A tale scopo si è utilizzato uno strumento, il Protocollo di Revisione dell’Utilizzo dell’Ospedale (PRUO, specificamente modificato, per valutare se la presenza in ospedale era causata dalla sola infezione ospedaliera o dalla patologia di base. L’analisi così condotta permette di distinguere risorse e costi direttamente legati al trattamento delle infezioni da quelli legati alla patologia di base.

    Obiettivo: valutare il costo delle infezioni ospedaliere relative alle vie urinarie e alle sepsi, negli ospedali piemontesi.

    Metodi: la ricerca viene condotta nel periodo dicembre 2002 - settembre 2003, ed interessa 28 Ospedali, della Regione Piemonte, già precedentemente coinvolti (anno 2000 in uno studio di prevalenza sulle infezioni ospedaliere i cui pazienti rappresentano la base dati sulla quale sono stati scelti i casi (59 di infezione oggetto di studio. Per effettuare l’analisi si è proceduto alla consultazione della cartella clinica di ciascun paziente utilizzando il PRUO per raccogliere le informazioni relative alla durata della degenza attribuibile alla sola infezione ospedaliera, all’uso di antibiotici specifici, alle analisi di laboratorio e alle eventuali consulenze effettuate e valorizzando le diverse componenti dei costi con i valori economici forniti dall’ASO S. Luigi di Orbassano, articolati per unità operative in cui si è sviluppata l’infezione ospedaliera. Risultati: sono attualmente disponibili i

  17. L'esperienza della Facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze

    Cellini, Erika

    2012-01-01

    L’intervento ha l’obiettivo di presentare l’esperienza che la Facoltà di Scienze Politiche di Firenze sta vivendo riguardo alla sensibilizzazione di docenti e studenti rispetto alla questione del plagio. La Facoltà si serve infatti da qualche anno di un software antiplagio ad uso di docenti e studenti e sottopone a controllo obbligato le tesi triennali di tutti i corsi di laurea.

  18. Standardizzazione di un test ELISA indiretto per la ricerca di anticorpi brucellari nel latte di bufala (Bubalus bubalis in Italia

    Massimo Scacchia

    2011-01-01

    Full Text Available È stata valutato un test ELISA indiretto per rilevare la presenza di anticorpi brucellari nel latte di bufala (Bubalus bubalis Linnaeus, 1758. L’accuratezza della prova è stata valutata su latte proveniente da allevamenti bufalini campani. Sono stati impiegati 100 campioni negativi provenienti da dieci allevamenti ufficialmente indenni della provincia di Salerno e 30 campioni positivi provenienti da tre allevamenti della provincia di Caserta con animali positivi ai test ufficiali e presenza di Brucella abortus biovar 1. La sensibilità della prova è stata del 100% (intervallo di confidenza [IC] del 90,8%-100% e la specificità sui campioni di latte individuale è stata del 98% (IC 93%-99,4%. Al fine di simulare campioni di latte di massa provenienti da allevamenti infetti a varie prevalenze di infezione, sono state analizzate diluizioni da 1:10 a 1:100 di campioni di latte positivo in latte negativo. La probabilità di rilevare anticorpi in campioni di latte positivo è risultata superiore al 50% fino alla diluizione 1:50 in latte negativo. Considerando la consistenza media nazionale degli allevamenti bufalini, la probabilità di individuare l’infezione in un allevamento, ricorrendo alla prova ELISA su latte di massa, è risultata del 50% (IC 33,1%-66,9% qualora nel latte di massa fosse presente il latte di un solo animale infetto.

  19. Narrazioni di narrazioni: orientamento narrativo e progetto di vita (Federico Batini, Gabriel Del Sarto

    Manuela Ladogana

    2007-03-01

    Full Text Available Il volume, denso di contenuti e ricco di riferimenti teorici, traccia con chiarezza le sue linee di sviluppo ed apre alla riflessione, anche pedagogica, sull’esigenza di recuperare la dimensione narrativa e autobiografica per la realizzazione di una pratica orientativa che guidi e sostenga il soggetto in orientamento verso la riscoperta e ricostruzione del proprio progetto di vita.

  20. Le frontiere di Claudio Magris

    Pellegrini, Ernestina

    2002-01-01

    Questo saggio, che ha la forma eccentrica di appunti, presenta alcune riflessioni in margine al tema della frontiera nell'opera narrativa e saggistica di Claudio Magris. È strutturato in due parti: la prima consiste in un esame ravvicinato dell'ultima sua opera, La mostra, ritratto del pittore triestino Vito Timmel, la seconda, riunisce invece un elenco di citazioni sul motivo del confine estrapolate qua e là dalle opere dello scrittore.

  1. Previdenza pensionistica privata. La legge di delega dell'agosto 2004 e le grandi linee di una riforma di sistema

    Mario Bessone

    2004-01-01

    Previdenza pensionistica privata. La legge delega dell'agosto 2004 e le grandi linee di una riforma di sistema (di Mario Bessone) - ABSTRACT: L’ Autore svolge una serie di considerazioni sulle forme individuali e collettive di previdenza complementare, alla luce dei problemi di uniformazione alle prescrizioni delle direttive comunitarie, delle normative della legge 3 dell’ottobre 2001, che ha riformato il Titolo quinto della Costituzione agli artt. 117 e 118, e propone una analisi critica d...

  2. Studio e realizzazione di una infrastruttura di autenticazione e autorizzazione (AAI) italiana per servizi di biblioteca digitale

    Tenaglia, G.

    2008-01-01

    Obiettivo di questa Tesi di Laurea ? lo studio e la realizzazione di una Infrastruttura di Autenticazione e Autorizzazione Italiana per servizi di biblioteca digitale, proponendo il caso di studio del servizio NILDE. Nel primo capitolo si introducono i concetti principali legati alla gestione dell'identit` a digitale, si fornisce una classificazione dei sistemi e si evidenziano alcuni aspetti interessanti legati alle federazioni d'identit?. Il secondo capitolo presenta alcuni standard e tecno...

  3. Lettura fenomenologica e progetto di paesaggio

    Alberto Bortolotti

    2008-12-01

    Full Text Available La precarietà degli equilibri paesistici nel nostro tempo, la natura sempre più instabile degli ambiti suburbani ne è il più chiaro esempio, negli ultimi anni ha riportato al centro dell’attenzione di architetti, urbanisti e sociologi, il tema di un progetto di paesaggio connesso alle pratiche di pianificazione territoriale. Ciò ha posto il problema della necessità di considerare le trasformazioni non soltanto in termini di effetti misurabili quantitativamente, ma anche rispetto a condizioni che appartengono più qualitativamente alla sfera emotiva di un abitante o di un visitatore, che dei luoghi in via di trasformazione fanno potenzialmente uso. Su tale aspetto emozionale del modo di abitare e di fare uso dello spazio, si fonda il senso comune di identificazione in una realtà costruita intesa come paesaggio.

  4. Sviluppo di indicatori biologici in organismi acquatici di interesse commerciale esposti a farmaci di rilevanza ambientale

    Kiwan, Alisar

    2016-01-01

    La continua immissione in ambiente dei farmaci ad uso umano, e la loro incompleta rimozione nei depuratori rende questi composti pseudo-persistenti e potenzialmente pericolosi per gli organismi acquatici. La ricerca ha inteso valutare gli effetti sub-letali di farmaci di rilevanza ambientale su due organismi d’interesse commerciale: il mitilo mediterraneo e l’anguilla europea, tramite lo sviluppo e l’applicazione di indicatori biologici, in laboratorio e in campo. Gli studi sull’anguilla h...

  5. KARAKTERISTIK PENGGUNA ???TATTO??? DI KALANGAN PEREMPUAN (Study Karakteristik Pengguna ???Tatto??? Di Kalangan Perempuan Di Kota Makassar

    SARDJU, MARCHELLINO EKO PRASETYO

    2008-01-01

    Nama penulis, Marchellino Eko Prasetyo Sardju. Jurusan Sosiologi di Fisip Unhas. Skripsi ini di bimbing oleh Rahmat Muhammad dan Andi Sangkuru Tato merupakan salah satu karya seni yang memiliki daya tarik tersendiri bagi para peminatnya khusus pada kaum perempuan di kota Makassar. Tato ini juga telah berkembang dari tahun ke tahun. dimana perkembangannya juga diikuti dengan berkembangnya kemajuan teknologi yang memudahkan seseorang untuk membuat Tato. Fenomena Tato pada perempuan ini tent...

  6. Il viaggio gastronomico di Paolo Monelli

    Alberto Salarelli

    2013-01-01

    Full Text Available Il ghiottone errante di Paolo Monelli, pubblicato nel 1935, rappresenta uno dei primi esempi di narrativa di viaggio in tema di enogastronomia, un genere destinato a grande successo nel secondo dopoguerra. In questo articolo, oltre a ripercorrere la vicenda biografica di Monelli, si sottolineano le relazioni tra Il ghiottone e la cultura gastronomica del regime fascista, e si evidenziano alcuni tratti caratteristici del suo stile di scrittura.

  7. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Dino Scaravelli

    2003-01-01

    I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di...

  8. Conservazione programmata: i risvolti economici di un cambio di paradigma

    Stefano Della Torre

    2010-10-01

    Full Text Available La conservazione programmata è una procedura innovativa, pensata come passaggio dal restauro come evento alla conservazione come processo di lungo periodo. Essa è qualcosa di più della manutenzione e del monitoraggio: è una strategia complessa, che riunisce la mitigazione dei rischi di grande scala e una accurata organizzazione delle attività quotidiane. Attuarla è dunque qualcosa di più che fare manutenzione: significa impiantare uno scenario nuovo, ponendo questioni sulle strategie e sui nessi tra le attività conservative e i processi di sviluppo locale.Questo articolo introduce la conservazione programmata come tentativo di andare oltre l’affermazione che il patrimonio conta per il suo impatto sull’economia turistica. Il programma di ricerca si incentra sulle esternalità positive del processo di conservazione. Se il capitale umano è un parametro interessante per valutare un’economia, la conservazione conta per il suo impatto sulla capacità di dubitare, di imparare, di innovare: in altre parole, il focus si sposta dal patrimonio come asset dato, alle attività conservative come opportunità per accrescere il capitale intellettuale.La tesi di fondo è che la conservazione programmata fornisce più esternalità positive, e rende la loro gestione più facile, di quanto non avvenga nel tradizionale modello si restauro/promozione.  Planned conservation is an innovative procedure, stepping from restoration as event, to preservation as long-term process. It is something more than maintenance and monitoring: it is a rather complex strategy, merging a large scale reduction of risks and a careful organization of daily activities. Implementing planned conservation, therefore, is something more effective than implementing maintenance: it means setting a totally new scenario, posing questions about strategies and links between preservation activities and local development processes. This paper introduces planned conservation as an attempt

  9. Sorveglianza della matrice di varianze e covarianze di un portafoglio efficiente tramite la tecnica lasso

    Gallotti,

    2014-01-01

    Nel mercato finanziario, la scelta ottimale di un portafoglio azionario ha come scopo principale quello di allocare nel miglior modo possibile le risorse a propria disposizione, massimizzando una funzione di utilità che prenda in considerazione sia il rendimento atteso (da massimizzare, a parità di rischio) sia il rischio di investimento (da minimizzare, a parità di rendimento), oppure entrambi gli aspetti simultaneamente. L’idea della tesi trae origine dal concetto di “sorveglianza statis...

  10. Studio caso-controllo multicentrico su distacco di retina e movimentazione manuale di carichi

    Zanardi, Francesca

    2013-01-01

    Obiettivo Valutare l’ipotesi secondo cui la movimentazione manuale di carichi possa essere un fattore di rischio per il di distacco di retina. Metodi Si è condotto uno studio caso-controllo ospedaliero multicentrico, a Bologna, (reparto di Oculistica del policlinico S. Orsola Malpighi, Prof. Campos), e a Brescia (reparto di oculistica “Spedali Civili” Prof. Semeraro). I casi sono 104 pazienti operati per distacco di retina. I controlli sono 173 pazienti reclutati tra l’utenza degli ambulatori...

  11. Sequenze sismiche: La nuova struttura di Pronto Intervento dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

    Govoni, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Abruzzese, L.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Amato, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Basili, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Cattaneo, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Chiarabba, C.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Delladio, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Monachesi, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Moretti, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione CNT, Roma, Italia; Boschi, E.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia

    2008-01-01

    Fin dai primi anni ‘70, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV, ex ING) si avvale di una struttura di Pronto Intervento in occasione di eventi sismici rilevanti garantendo in tempi relativamente brevi il monitoraggio di dettaglio in area epicentrale. Dal suo primo intervento (terremoto di Ancona 1972) ad oggi, la struttura di Pronto Intervento si è evoluta costantemente implementando migliorie tecnologiche e logistiche. In questo lavoro prensentiamo la nuova struttura im...

  12. Sviluppo di fertilizzanti azotati con inibitore della nitrificazione di origine vegetale

    Di Cillo, Pardo

    2012-01-01

    Le proprietà di inibizione della nitrificazione di sostanze naturali offrono potenziali benefici per l’agricoltura e l’ambiente. Al fine di valutare le performance di oli estratti da Mentha spicata e Artemisia annua e di Acque di Vegetazione delle Olive come inibitori della nitrificazione per regolare la trasformazione dell’azoto dal Solfato Ammonico. Questi effetti sull’efficienza dell’uso dell’azoto sono stati testati su sedano (Apium graveolens). I risultati di questa ricerca suggeriscono ...

  13. Aktiviti ekonomi dan penjanaan haba di beberapa lokasi terpilih di Kuala Lumpur

    Shaharuddin Ahmad; Noraziah Ali

    2011-01-01

    Aktiviti harian penduduk di bandar raya seperti di pejabat, pasar malam, gerai di tepi jalan, kompleks perniagaan, kawasan pelancongan, trafik dan sebagainya memberi impak kepada alam sekitar fizikal. Peningkatan suhu harian dijangkakan berlaku di persekitaran Kuala Lumpur. Sehubungan itu, kajian ini cuba menganalisis fenomena sama di empat kawasan popular aktiviti manusia di sekitar Kuala Lumpur. Kawasan fokus adalah kawasan perniagaan di China Town (Jalan Petaling) dan dibandingkan dengan K...

  14. Esercizi di fisica meccanica e termodinamica

    Dalba, G

    2006-01-01

    La risoluzione di esercizi rappresenta uno strumento indispensabile per raggiungere una comprensione sicura e approfondita dei concetti di Fisica appresi dai corsi e dai testi di teoria. Frutto di una lunga esperienza didattica dei due autori nell'insegnamento universitario della meccanica e della termodinamica, questa raccolta contiene 188 esercizi, di cui 91 completamente risolti ed accompagnati da un ampio corredo di figure. Il peimo capitolo presenta un'introduzione ai sistemi di unità di misura, al calcolo dimensionale, all'uso corretto delle cifre significative e degli arrotondamenti, ai grafici. Gli altri capitoli contengono gli esercizi, suddivisi per argomento e preceduti da una serie di paragrafi riassuntivi dei concetti fondamentali. Criterio ispiratore di questo lavoro è l'adozione di una metodologia per la soluzione degli esercizi basata sempre sull'analisi accurata dei dati a disposizione e sul riferimento ai principi e alle leggi della Fisica, mai alla sola intuizione.

  15. Effect of Inhomogeneous Mixture Properties on CI Combustion in a Schnurle-Type Gasoline DI Engine

    Kim, Seok-Woo; Moriyoshi, Yasuo

    The authors have performed experiments on compression-ignition (CI) for a single-cylinder Schnurle-type two-stroke gasoline direct injection (DI) engine which employs a variable exhaust port, area, and deduced two presumptions from the experimental results. Firstly, the spatial distributions of fuel concentration and in-cylinder gas temperature are indispensable to enable CI operation under stratified charge conditions, because CI operation is not possible in a DI system although the necessary conditions of the scavenging efficiency and the in-cylinder gas temperature for the initiation of CI in homogeneous charge conditions are satisfied. Secondly, it is possible that flame propagation occurs in stratified charge CI conditions, because the combustion period in the later stage after 80% mass burned becomes longer than that with homogeneous charge CI combustion. In this report, in order to verify the above two presumptions deduced from experiments, the gas exchange process and mixture formation process were numerically analyzed, and the initiation conditions of CI were estimated using a CHEMKIN application. As a result, in case of CI with a late injection timing in DI system, it was found that CI was possible because high temperature but no fuel region and low temperature but rich fuel region exist in the cylinder due to inhomogeneous spatial distributions of fuel and temperature. Also, in case of CI with a late injection timing, the flame propagation was possible in the low-temperature and diluted rich region. Thereby, the two presumptions deduced from the experimental results were validated from the numerical analysis results.

  16. Strategie formulative per la veicolazione nasale di farmaci

    Saladini, Bruno

    2014-01-01

    Microparticelle a base di complessi polielettrolitici di Chitosano/Pectina per il rilascio nasale di Tacrina cloridrato. Lo scopo di questo studio è stata la ricerca di nuove formulazioni solide per la somministrazione nasale di Tacrina cloridrato allo scopo di ridurre l’eccessivo effetto di primo passaggio epatico ed aumentarne la biodisponibilità a livello del Sistema Nervoso Centrale. La Tacrina è stata incapsulata in microparticelle mucoadesive a base di complessi elettrolitici di chitosa...

  17. Alcuni aspetti dell'attività di Eugenio Lazzareschi Direttore dell'Archivio di Stato di Lucca

    Giambastiani, Laura

    2012-01-01

    L'articolo analizza l'attività di Eugenio Lazzareschi come Direttore dell'archivio di stato di Lucca in riferimento alla metodologia archivistica adottata e in particolare focalizza l'attenzione sull'intensa attività svolta per il trasferimento del materiale ritenuto di particolare interesse in luogo sicuro dai disastri della guerra.

  18. Sistemi tecnologici innovativi di involucro per il recupero del patrimonio edilizio recente. L'edilizia scolastica nel Comune di Bologna

    Mazzoli, Cecilia

    2015-01-01

    La ricerca è volta a presentare un nuovo approccio integrato, a supporto di operatori e progettisti, per la gestione dell’intero processo progettuale di interventi di riqualificazione energetica e architettonica del patrimonio edilizio recente, mediante l’impiego di soluzioni tecnologiche innovative di involucro edilizio. Lo studio richiede necessariamente l’acquisizione di un repertorio selezionato di sistemi costruttivi di involucro, come base di partenza per l’elaborazione di soluzioni ...

  19. Novita' sul mercato dei sistemi di pagamento: Gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica

    Mancini, Novella

    2014-01-01

    La presente trattazione analizza le novità normative apportate dalle recenti direttive europee sui servizi di pagamento e sulla moneta elettronica (rispettivamente la direttiva 2007/64/CE, c.c. Payment Services Directive o PSD, e la direttiva 2009/110/CE, detta Electronic Money Directive 2 o EMD2). Al fine di incrementare la competitività dei servizi di pagamento, sono stati introdotti nuovi prestatori di servizi di pagamento, non bancari, gli Istituti di Pagamento (IP) e gli Istituti di Mone...

  20. Per un manuale di storia: diacronie e sincronie cronologiche. Una proposta di lavoro di storia regionale sull’Adriatico orientale

    Spazzali, Roberto

    2010-01-01

    L’autore fa inizialmente notare come le conoscenze delle rispettive storie e culture nazionali che oggi possediamo sia di carattere scolastico e fissa per lo più personaggi o fatti appartenenti alla cultura di tipo nazionale. Si tratta di un processo che comporta esclusione e oblio quindi la “non conoscenza”, da cui la necessità di una nuova percezione di cultura e storia. Di seguito passa alla considerazione delle conseguenze fondamentali di alcuni fatti storici che hanno mostrato come sia u...

  1. Di - lambpha cluster states

    The lightest (p, n, Λ) closed-shell hypernucleus sub(ΛΛ) sup(6)He can be considered as a most likely candidate for the unit of hypernuclear cluster structure. First the internal structure of lambpha, α sub(Λ) = sub(ΛΛ) sup(6)He, is investigated by solving the α + Λ + Λ three-body problem microscopically. The compact h. o. wave function (0 s)6 is found to be a good description for α sub(Λ). Secondly, by using the fully microscopic GCM, we have demonstrated that di - α sub(Λ) cluster states constitute a characteristic rotational band of J = 0+ -- 6+. The E2 transition rate from particle - stable 2+ to 0+ states is predicted to be 2 - order faster than the weak decay rate of this system. (author)

  2. Ricordo di Arturo Rigillo

    Mario Coletta

    2013-07-01

    Full Text Available Nel pieno imperversare della stagione invernale  del 2010 Arturo Rigillo se ne è andato; in silenzio, così come ha vissuto, lasciando ai familiari, agli amici, ai colleghi dell’ateneo napoletano Federico II, alla comunità scientifica nazionale ed internazionale, al centro di ricerca interdipartimentale L.U.P.T. che lo ha avuto per un decennio  direttore e successivamente presidente, al comitato scientifico e redazionale della rivista  “TRIA”, che con generosa dedizione ha contribuito a fondare, un vuoto che la sola memoria della sua «silenziosa operatività» non potrà certo colmare per i tanti che lo hanno conosciuto, frequentato ed apprezzato condividendo con Lui stima, amicizia ed affetto

  3. Sviluppo di materiali polimerici e delle loro relative tecnologie di trasformazione per la loro integrazione nella realizzazione di microdispositivi elettronici

    De Simone, Luigi

    2006-01-01

    Obiettivo del presente lavoro di tesi è stato l’individuazione e la caratterizzazione di substrati polimerici, alternativi ai convenzionali substrati vetrosi, per la realizzazione di microdispositivi elettronici mediante la tecnologia Polysilicon che si basa sull’utilizzo di materiali semiconduttori a film sottile di silicio policristallino depositati a basse temperature. La riduzione dei costi, del peso e la maggiore robustezza meccanica sono tra i principali vantaggi previsti dall’utilizzo ...

  4. Analisi dei modi di vibrazione di un edificio campione in muratura mediante registrazioni di terremoti e modellazioni numeriche.

    Pucillo, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fodarella, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Cogliano, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Di Giulio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Minichiello, V.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Riccio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Rovelli, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia

    2009-01-01

    Nella pratica ingegneristica vengono usate correlazioni derivate da regressioni statistiche tra numero dei piani degli edifici e frequenze di risonanza. Tuttavia la discrepanza tra comportamento reale e valori aspettati può essere talvolta significativa, e solo l’acquisizione di dati sperimentali consente di comprendere il reale comportamento dinamico di una struttura. La sperimentazione, in situazioni anche complesse, e la raccolta di nuovi dati possono essere molto importanti nel campo dell...

  5. Marie Darrieussecq, Rapporto di polizia. Le accuse di plagio e altri metodi di controllo della scrittura

    Niccolò Scaffai

    2012-01-01

    A Marie Darrieussecq è successo qualcosa di strano. Non è il fatto di essere nata in Francia, a Bayonne, nel 1969. Né di essere una scrittrice (oltre che una studiosa di letteratura e una psicanalista), che ha pubblicato fiction, racconti autobiografici, saggi letterari. Questo non è così strano. Lo è invece il fatto che metà dei suoi romanzi siano stati considerati, da lettori diversi e soprattutto da altri scrittori, prodotti di «imitaz...

  6. ISTALLAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA RIVELAZIONE CONTINUA RADON MEDIANTE SPETTROMETRIA ALFA NELLA SOLFATARA DI POZZUOLI

    De Cesare, W.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Scarpato, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Buonocunto, C.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Caputo, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Capello, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Avino, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia; Roca, V.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); De Cicco, F.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); Pugliese, M. G.; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Sezione di Napoli); Sabbarese, C.; Seconda Università degli Studi di Napoli (Dipartimento di Scienze Ambientali); Giudicepietro, F.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia

    2011-01-01

    La realizzazione della stazione descritta nel presente rapporto è frutto di una collaborazione tra ricercatori della Sezione di Napoli dell’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e ricercatori dell’Osservatorio Vesuviano (OV), Sezione di Napoli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), e costituisce un’attività sperimentale per il monitoraggio dell’attività vulcanica dei Campi Flegrei.

  7. La Basilica di Vitruvio di Fano: un approccio di archeologia sperimentale per la validazione di un modello 3D

    Paolo Clini

    2014-04-01

    Full Text Available IT La vicenda della Basilica di Vitruvio di Fano ha da sempre destato un grande interesse tra studiosi e archeologi e da diversi anni è oggetto di studio di un gruppo di ricerca del DICEA della Facoltà d’Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona, in collaborazione con il Centro Studi Vitruviani. Seppur già lungamente nei secoli si è discusso sull’interpretazione del testo, limitandosi però a descrizioni formali della fabbrica, il nostro interesse si è invece concentrato, grazie anche allo sviluppo tecnologico di questi ultimi decenni, sugli aspetti statici e strutturali dell’unico edificio di cui Vitruvio curò la progettazione e la realizzazione. E’ stato quindi possibile realizzare un modello virtuale su cui effettuare una serie di simulazioni strutturali e illuminotecniche, secondo i canoni dell’archeologia sperimentale. Con un approccio volto sempre più all’interdisciplinarietà, ripercorrendo criticamente la storiografia della basilica, il lavoro apre nuove riflessioni su un’ipotesi in cui la forma, la struttura e le tecniche costruttive possono finalmente concordare permettendoci così, interagendo reciprocamente, di aprire nuovi ambiti di ipotesi rispetto al mancato ritrovamento di resti e ai possibili motivi della eventuale scomparsa della fabbrica.ENVitruvius’s Basilica has always been a subject of great interest among academics and archaeologists and it has been investigated by the engineering department of Marche Polytechnic University of Ancona, in partnership with Centro Studi Vitruviani for many years now. Even though the discussion about the text interpretation went on for a long time during the centuries, mainly concerning the shape of the building, on the other hand our interest, due to the technological progress of the last decades, is focused on static and structural features of the only building that Vitruvius drew and built. Thus it was possible to reproduce structural and

  8. La lunga attesa di Marsis

    Fabrizio Bernardini

    2005-10-01

    Full Text Available Abbiamo parlato in altre occasioni di MARSIS e della sua progenie SHARAD, due esperimenti italiani per la misura di caratteristiche sottosuperficiali del pianeta Marte. Prodotti innovativi ed unici che nascondono un potenziale scientifico elevato. La strada per Marte però non è così facile come può sembrare e se la realizzazione degli strumenti non è stata esente da dolori, l’interpretazione e la divulgazione dei risultati non sono da meno. Le incertezze ed i dubbi sono però ora dissipati: l’esperimento MARSIS funziona perfettamente e per la prima volta nella storia dell’umanità abbiamo uno strumento e gli elementi per capire cosa c’è nel sottosuolo di un altro pianeta, senza aver inviato sul posto geologi ne’ tantomeno squadre per movimenti di terra.

  9. Numerical Analysis of Deformation and Lubrication for Piston Skirt of Two-Stroke Engine%二冲程发动机活塞裙部变形和润滑的数值分析

    姬芬竹; 杜发荣; 刘慎微

    2013-01-01

    The deformation of piston skirt directly affects the assembly clearance with cylinder liner and the lubrica-tion state during the engine operation.In this paper,by taking a general aviation two-stroke piston engine as the re-search object,a finite element model describing the piston-piston pin-connecting rod-cylinder liner assembly is con-structed,the deformation of piston skirt under different loads is calculated and discussed,and a second-order dy-namic model is set up to analyze the lateral displacement of the piston.Moreover,the thickness and pressure of the lubricant film between the piston skirt and the cylinder liner are simulated.The results show that (1 )the main thrust plane of the skirt is of a deformation varying with the load;(2)thermal load may result in a skirt expansion and mechanical load may cause an expansion of the skirt upper end as well as a contraction of the lower end of the skirt;(3)under coupled thermal-mechanical load,the deformation of the skirt is not the sum of the deformations respectively under thermal and mechanical loads but varies complicatedly;and (4)during the operation of the en-gine,a wedge-shaped space may occur between the ends of the piston skirt and the wall of the cylinder liner,which makes the appearance of film lubrication between the piston skirt and the cylinder liner possible.%发动机工作时活塞裙部的变形会直接影响与缸套的配合间隙和润滑状态。文中以某通用航空二冲程活塞发动机为研究对象,建立活塞-活塞销-连杆-气缸套组合体有限元模型,计算并分析了不同负荷作用下活塞裙部的变形,并通过建立二阶运动动力学模型分析了活塞的横向位移,对活塞裙部与气缸套间的润滑油膜厚度和油膜压力进行了模拟计算。结果表明:不同负荷作用下活塞裙部主推力面有不同的变形;热负荷使裙部膨胀变形;机械负荷作用下裙部上端膨胀、下端收缩;热-机负荷耦合作

  10. Gaya Busana Harajaku Di Jepang

    Simanjuntak, Elisa

    2016-01-01

    Harajuku adalah sebutan populer untuk kawasan di sekitar Stasiun JR Harajuku, Distrik Shibuya, Tokyo. Kawasan ini terkenal sebagai tempat anak-anak muda berkumpul. Lokasinya mencakup sekitar Meiji Jingū, Taman Yoyogi, pusat perbelanjaan Jalan Takeshita (Takeshita-dōri), departement store Laforet, dan Gimnasium Nasional Yoyogi. Di sana akan dijumpai berbagai macam gaya, mulai dari tokoh kartun, gaya seorang punk rock dengan segala pernak-pernik besi sebagai asesoris, gothic dengan ciri khas pa...

  11. Di(hydroxyphenyl)- benzimidazole monomers

    Connell, John W. (Inventor); Hergenrother, Paul M. (Inventor); Smith, Joseph G. (Inventor)

    1993-01-01

    Di(hydroxyphenyl)benzimidazole monomers were prepared from phenyl-hydroxybenzoate and aromatic bis(o-diamine)s. These monomers were used in the synthesis of soluble polybenzimidazoles. The reaction involved the aromatic nucleophilic displacement of various di(hydroxyphenyl)benzimidazole monomers with activated aromatic dihalides or activated aromatic dinitro compounds in the presence of an alkali metal base. These polymers exhibited lower glass transition temperatures, improved solubility, and better compression moldability over their commercial counterparts.

  12. ADAPTASI PETANI DI KALIMANTAN SELATAN

    - Wahyu

    2013-01-01

    Tujuan penelitian ini adalah untuk mengkaji antropologi transmigrasi, terutama tentang kemampuan adaptif transmigran di lokasi baru. Banyak transmigran  datang dari daerah dengan latar belakang budaya dan alam yang berbeda-beda, ada yang dari daerah pegunungan, daerah sulit air, maupun daerah irigasi. Penelitian ini menganalisis tiga variabel: budaya (tradisi),  motivasi, dan kemampuan dasar petani, yang diperkirakan memiliki hubungan dekat dengan kemampuan adaptif di lokasi yang baru.  Me...

  13. Profil Merokok pada Pelajar di Tiga SMP di Kota Padang

    Yessy Susanti Sabti

    2015-09-01

    Full Text Available Abstrak   Merokok merupakan kontributor utama kematian.  Jumlah perokok semakin meningkat di seluruh dunia dan sebagian besar berada dinegara berkembang, termasuk Indonesia. Sebagai negara dengan perokok terbanyak ketiga di dunia, prevalensi perokok remaja di Indonesia semakin meningkat setiap tahun. Dengan menggunakan kuesionerGlobal Youth Tobacco Survey, kami meneliti profil merokok pada pelajar di tida SMP di kota Padang. Desain peneitian adalah crossectional. Data diperoleh dari kuesioner Global Youth Tobacco Survey, berbahasa Indonesia. Didapatkan sampel 240  murid dari 3 SMP dipilih secara acak di Kota Padang. Hasil : 27,7% murid pernah merokok, dan semuanya adalah laki-laki. 29%  mencoba rokok pada usia kurang dari 10 tahun. 37%  murid masih merokok sampai sekarang, 46% diantaranya sudah ketagihan rokok. Sebanyak 77,1% murid yang pernah merokok mempunyai orang tua perokok. Sebagian besar dari total sampel terpapar asap rokok lingkungan baik di rumah dan di tempat-tempat umum. Kesimpulan: Lebih dari seperempat pelajar di tiga SMP di kota Padang pernah merokok dan semuanya laki laki, dan mencoba merokok padausia kurang dari 10 tahun. Hampir seperlima sudah ketagihan merokok.Kata kunci: Pelajar, Merokok, Global Youth Tobacco SurveyAbstract Smoking is the mayor contibutor of death, and the number of smoker is growing overworld. More of them live in the developing country, including Indonesia. As the third of most smoker number, the teenager smoker prevalence in Indonesia is increase over year. By using Indonesian language adapted of Global Youth Tobacco Survey quessionaires, we researched smoking teenager behaviour and realted factors at Junior High School of Padang. Design of study is crossectional, datas collected from 240 students of three randomized selected Junior High School, by  Global Youth Tobacco Survey quessionaires that has adapted to Indonesian language. Results : 27,7% of students reported that they ever smoked cigarettes

  14. ATLANTE ON-LINE DI GEOGRAFIA: FACILITAZIONE DI TESTI

    Cristina Baccella

    2015-02-01

    Full Text Available Al centro di questo lavoro vi è la proposta di un intervento di facilitazione su un testo di geografia contenuto nell'Atlante online Unimondo, un sito che si rivolge a studenti delle scuole primarie e secondarie. Obiettivo di questo lavoro è individuare quelle che sono in generale le criticità dei testi disciplinari e gli ostacoli che essi pongono dinnanzi a uno studente straniero (e non solo, proponendo in seguito alcuni interventi didattici mirati ad accompagnare il discente nella comprensione del testo e nello sviluppo della lingua dello studio. Dopo aver presentato brevemente le due opzioni della semplificazione e della facilitazione e aver fatto alcune considerazioni sulla preferibilità dell’una piuttosto che dell’altra, si è preso in esame il testo in questione. Ad una dettagliata analisi linguistica delle principali difficoltà ivi contenute, segue la proposta di un percorso di facilitazione mediante attività tese a permettere allo studente un approccio di successo con il testo autentico. Obiettivo della proposta è presentare un modello applicabile ad altri testi dello stesso tipo, mirato allo sviluppo da parte dello studente di una sempre maggiore consapevolezza circa i propri processi cognitivi e le strategie di lettura che può mettere in atto, puntando verso una sempre maggiore autonomia.   Online Geography Atlas: facilitation of texts This paper focuses on the proposal to facilitate use of a geography text contained in the online Unimondo Atlas. This site caters to primary and secondary school students. This paper aims to identify the critical aspects of disciplinary texts and the obstacles they pose to foreign students (and not only, proposing some educational interventions aimed at accompanying the student in understanding the text and in developing the language of study. After a brief presentation of two ways to simplify and facilitate the materials, and a discussion of how one or the other might be preferable, we

  15. EGNOS: è ora di usarlo

    Fabrizio Bernardini

    2006-04-01

    Full Text Available Dall’inizio di quest’anno EGNOS, European Geostationary Navigation Overlay Service, iniziativa dell’Unione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea, è operativo e nel corso dell’anno raggiungerà i livelli di servizio richiesti dapprima per le applicazioni commerciali e, all’inizio del 2007, quelli per le applicazioni Safety Of Life. Sarà dunque il conseguimento finale di EGNOS V2.1 al quale farà seguito un programma di evoluzione articolato in tre altre fasi che si estenderanno almeno fino alla fine del 2011 con ampliamenti della copertura, della fornitura di servizi anche nella nuovabanda L5, fino all’integrazione con Galileo. In questo articolo,che gode della collaborazione della Next SpA, realizzatriceanche dell’applicazione descritta nella rubrica Reports di questo stesso numero, vogliamo evidenziare alcuni aspetti del sistema che non ci sembra ancora ben apprezzato a livello utente e due prospettive note come SISNET ed ESA ALIVE.

  16. Conoscenze e comportamenti in relazione alla prevenzione delle malattie neoplastiche in un gruppo di studenti di scuola media superiore della provincia di Milano

    P. Giametta; M.C. Gandini; V. Garretto; P. Aletti; P. Bulgheroni; Bulgheroni, A.

    2003-01-01

    Obiettivi: valutare il livello di conoscenza ed i comportamenti a rischio per neoplasie maligne in un gruppo di studenti di scuola media superiore allo scopo di definire la necessità di interventi di informazione/ educazione sanitaria tesi alla prevenzione di tali patologie.

    Metodi: un apposito questionario, anonimo ed a risposte chiuse, è stato somminstrato a studenti delle classi III° e IV° di un Liceo Scie...

  17. Modellazione Tridimensionale del Processo di Combustione di un Razzo a Propellente Solido

    Bertacin, Roberto

    2013-01-01

    La regolazione dei sistemi di propulsione a razzo a propellente solido (Solid Rocket Motors) ha da sempre rappresentato una delle principali problematiche legate a questa tipologia di motori. L’assenza di un qualsiasi genere di controllo diretto del processo di combustione del grano solido, fa si che la previsione della balistica interna rappresenti da sempre il principale strumento utilizzato sia per definire in fase di progetto la configurazione ottimale del motore, sia per analizzare le e...

  18. Studio e realizzazione di sistemi di percezione frontale per autoveicoli mediante visione artificiale

    Caraffi, Claudio

    2008-01-01

    In questa tesi saranno presentati i sistemi di percezione frontale a 3 telecamere in posizione asimmetrica dei veicoli autonomi TerraMax e TerraMax2 che hanno partecipato alle edizioni 2004 e 2005 della DARPA Grand Challenge e 2007 della DARPA Urban Challenge, con la descrizione degli algoritmi utilizzati per la calibrazione di telecamere, la stabilizzazione di immagini, l'estrazione di corsie stradali, la rilevazione di pendenza e l'individuazione di ostacoli in ambiente off-road. ...

  19. Valutazione di composti bioattivi ad attività antiossidante in alimenti di origine vegetale

    Mignogna, Rossella

    2011-01-01

    Negli alimenti di origine vegetale sono naturalmente presenti alcuni composti bioattivi, cioè composti aventi o no valore nutrizionale e dotati di attività biologica che si esplica nel ridurre il rischio di sviluppo di numerose malattie croniche, svolgendo, quindi, una fondamentale azione protettiva sulla nostra salute. All’interno di questo gruppo di composti si inseriscono gli antiossidanti, definiti come sostanze che, in basse concentrazioni rispetto al substrato ossidabile e sotto specifi...

  20. Preparazione di derivati azotati di bifenili di origine naturale da utilizzare come leganti per siti nicotinici

    Piras, Stefania; Azzena, Ugo Gavino; Finà, Clara; Delogu, Giovanna

    2006-01-01

    I recettori nicotinici sono canali ionici attivati da un legante e costituiscono le molecole chiave che mediano la trasmissione tra un neurone e l’altro attraverso l’acetilcolina. Essi sono coinvolti nella malattia dell’Alzheimer, pertanto, al fine di contrastare gli effetti della patologia, si somministrano al malato farmaci che aumentano la produzione di acetilcolina, sostanza che, a sua volta, potenzia i recettori nicotinici. Si pensa, inoltre, che questi recettori possano a...

  1. Su Lectura Dantis di Carmelo Bene (con un’apparizione di Salvatore Sciarrino)

    Caputo, Simone

    2015-01-01

    L’indagine propone una disamina di Lectura Dantis, lavoro di Carmelo Bene del 1981, alla luce delle riflessioni elaborate da Vincenzo Caporaletti sul Principio audiotattile e utilizzate in questo caso di studio per un primo avvicinamento al teatro “sonoro” di Carmelo Bene. L’idea di affrontare Lectura Dantis dal versante della musica e non da quello del teatro deriva dalla lettura di due scritti dedicati a Bene: Antropologia di una macchina attoriale di Piergiorgio Giacchè e Un muezzin per Da...

  2. Un processo di ingegneria inversa sulla cuspide in selce di Tabina 1

    Vittorio Brizzi

    2006-06-01

    Full Text Available Nell’insieme delle punte di freccia ritrovate nelle terramare padano-venete, la cuspide di Tabina 11 (proveniente dallo scavo della terramare di Tabina di Magreta - Modena è di foggia particolare. Per le sue dimensioni fisiche e per la sua morfologia il manufatto rappresenta un esempio di specializzazione atipico nelle Culture mediterranee dell’età del Bronzo, e può dare informazioni sul possibile sistema balistico in grado di scagliarla. Per la sua massa, le sue dimensioni e la sua forma si può ipotizzare che si tratti di una cuspide destinata ad una freccia per la caccia, utilizzabile da un arco efficiente e forte.

  3. L'amicizia negli scritti di Aelredo di Rievaulx. Una conoscenza puntiforme

    Lorenzo Braca

    2010-06-01

    Full Text Available L'amicizia, per il cistercense inglese Aelredo di Rievaulx (1110-1167, rappresenta il principale veicolo di conoscenza divina: la fusione dello spirito di due amici è il primo gradino di una scala di perfezione che conduce all'unione con Dio. Secondo alcuni storici, però, alla base della sua teologia starebbe il bisogno di canalizzare una mal sofferta pulsione sessuale. Questo articolo analizza la teologia di Aelredo come dottrina della conoscenza raggiunta attraverso l'amore e discute la possibilità di trovare nei suoi scritti segni del suo orientamento sessuale.

  4. Ghiande Missili Iscritte di età Ellenistica Nella Collezione Privata di Berna Oğuz di Izmir (Turchia)

    Laflı, Ergün; Buora, Maurizio

    2016-01-01

    Si pubblicano qui otto ghiande missili con iscrizioni in greco della collezione di Berna Oǧuz di Izmir (Turchia), databili al IV secolo alla tarda età ellenistica (forse II-I secolo a.C.). Si aggiunge una ghianda del museo di Izmir con iscrizione in latino, di epoca romana. Si dà quindi notizia dell’esistenza di altre ghiande nei musei di Ödemiş, Akhisar e Balikesir. The paper presents eight slingshots with greek inscriptions belonging to the collection of Berna Oǧuz, Izmir (Tu...

  5. Diasporici metropolitani: nuovi scenari quotidiani di lotta di classe

    Sergio Straface

    2009-04-01

    Full Text Available Uno dei concetti su cui mi piace riflettere è quello della velocità. Più precisamente se sia possibile connettere l’intelligenza alla velocità. Oggi è necessario essere veloci e il vivere velocemente ha conquistato la quotidianità confondendosi strategicamente con la nozione di intelligenza. Le coordinate della surmodernità: l’accelerazione della storia, il restringimento dello spazio e l’individualizzazione dei destini pare abbiano imposto la velocità come conditio sine qua non sia improbabile conquistare un dignitoso ruolo sociale. Velocità come chiave di accesso, password obbligatoria, condizione connettiva con cui l’io finalmente accede all’attuale e soprattutto intelligente modo di vivere. La mia riflessione si concentrerà sull’esempio di lentezza proposto dai barboni, da ora in poi definiti diasporici metropolitani. Velocità vs lentezza, dunque, per una riflessione sulle contemporanee dinamiche del vivere metropolitano. Mi soffermerò su sensazioni, emozioni, ricordi e principalmente dubbi, per articolare una prima critica dell’equazione normativa “velocità uguale intelligenza” nonché per mostrare un esempio di resistenza, un modello altro in opposizione da quello dominate.

  6. Proposal of development of an advanced IORT system; Proposta di sviluppo di un sistema IORT di avanguardia

    Ronsivalle, C. [ENEA, Centro Ricerche Frascati, Rome (Italy). Unita tecnico scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate; Casali, F. [Bologna Univ., Bologna (Italy), Dipartimento di fisica; Colavita, E. [Calabria Univ., Arcavacata (Italy). Diparimento di fisica; Lamanna, E. [Magna Graecia Univ., Germaneto (Italy). Dipartimento di medicina sperimentale e clinica

    2005-07-15

    In the last years there has been an increasing interest on IORT (Intraoperative Radiation Therapy), also because of the development of dedicated accelerators. This technique represents a very effective oncological treatment consisting in delivering a single high dose on a tumour bed soon after surgery resection. In the following we present the proposal of development of a last generation IORT system based on the use of a linear accelerator with variable energy in the range 3-15 MeV, operating in C band (5712 MHz). Respect to the accelerator used in the commercial IORT systems operating at a typical frequency of 2998 MHz (S band) limited to a maximum energy of 12 MeV, the use of a higher RF frequency allows an increase of the maximum energy. This extends the use of the IORT technique to a wider field of tumors and an improvement of the system in terms of compactness and weight reduction. In addition the machine will be provided with a devoted absolute dosimetry system that will strongly simplify the procedures of dosimetric characterization. We intend to develop the system by a collaboration between ENEA, some Universities (Bologna, Catanzaro and Cosenza) and the national industry. [Italian] Negli ultimi anni si e sviluppato un sempre maggior interesse intorno alla Radioterapia IntraOperatoria (IORT), una particolare tecnica radioterapica che permette di irradiare la zona interessata da un tumore durante un intervento chirurgico utilizzando un fascio di elettroni prodotto da un acceleratore. La diffusione di questa metodica e stata favorita dalla presenza sul mercato di acceleratori installabili direttamente in sala operatoria. Come conseguenza di questa disponibilita sono emerse sia nuove esigenze legate alle particolari applicazioni cliniche, sia richieste di facilita di utilizzo e perfomances sempre piu sofisticate. Viene qui presentata una proposta di sviluppo di un sistema IORT di ultima generazione basato sull'utilizzo di un acceleratore lineare con

  7. Trasforiiazioni Termoelastiche Finite di Solidi Incomprimibili

    Signorini, A.

    Queste lezlioni hanno come direttiva una sintesi di quanto si trova sistematicamente sviluppato in una mia Memoria sulle trasformazioni termoelastiche finite di solidi incomprimibili, in corso di stampa negli Annali di Matematica pura e applicata t. XXXIX ( 1955) pp. 147-201 , Verranno anche esposti, come necessaria premessa, alcuni d ei risultati di due precedenti Memorie degli stessi Annali. Invece, per motivo di brevità, non potrò dare neppure un cenno delle ulteriori ricerche svilup pate dal prof. T. Manacorda in tre recentissimi suoi lavori:

  8. Pressioni antropiche all’interno di un sito Natura 2000: linee di indirizzo e monitoraggio delle attività di messa in sicurezza di emergenza nel sito di interesse nazionale di Orbetello

    Gabellini, M.; A. AUSILI; Mumelter, E.; Trama, V.; Girardi, R.; Trinchera, G.; Barbara, W.; de Propris, L.; Onorati, F; Tornato, A.; Cappucci, S.; S. Russo(Lugano); F. Giovanardi

    2007-01-01

    L’elevato valore naturalistico e socioeconomico di un Sito Natura 2000 richiede che tutte le attività antropiche che si svolgono al suo interno (es. pesca, turismo, trasporti, attività industriali, etc.) siano gestite in maniera tale da non pregiudicare le specie e gli habitat per i quali l’area è stata designata. Molti di questi Siti sono ambienti di transizione, ovvero zone che costituiscono il passaggio naturale tra terra e mare. La loro posizione di interfaccia ...

  9. Studio di prototipo di calorimetro per neutroni per l'esperimento ALICE

    Arnaldi, R; Cicalò, C; Cortese, P; De Falco, A; Dellacasa, G; De Marco, N; Gallio, M; Macciotta, P; Masoni, A; Musso, A; Oppedisano, C; Piccotti, A; Puddu, G; Scomparin, E; Siddi, S; Serci, E; Soave, C; Usai, G L; Vercellin, Ermanno

    1999-01-01

    ALICE e uno dei quattro esperimenti previsti ad LHC, al CERN, il cui scopo e lo studio delle osservabili che danno informazioni rilevanti sulla formazione del quark gluon plasma, che potrebbe essere prodotto in collisioni centrali Pb-Pb, di energia nel centro di massa di 5.5 A TeV.Il parametro di impatto di tali collisioni verra determinato grazie ad un insieme di calorimetri per protoni e neutroni che misureranno l'energia portata in avanti dai nucleoni non interagenti(spettatori).E' stato costruito un prototipo di calometro per neutroni, formato da piani di fibre di quarzo, posti a 45 gradi rispetto all'asse del fascio e inframmezzati da piani di materiale passivo denso(tungsteno). La luce Cerenkov prodotta nelle fibre dallo sciame sviluppato nel materiale passivo,viene raccolta da guide ottiche in aria.Verranno presentati i rilustati di un test previsto al CERN SPS per il luglio 1999.

  10. Sirio Giannini, Prati di fieno e I racconti

    Arianna Gianotti

    2010-06-01

    Full Text Available Recensiamo i due volumi di Sirio Giannini, Prati di fieno, con Prefazione di Daniela Marcheschi, e I racconti, con Prefazione di Paolo Capovani, Edizioni Polistampa, Firenze, 2010.

  11. Elementi di management dei programmi spaziali

    Spagnulo, Marcello

    2012-01-01

    La realizzazione e il lancio nello spazio di satelliti o sonde attraverso missili o navette spaziali sono un esempio di attività industriale di enorme complessità e di lungo periodo. Lo sviluppo di un programma spaziale prevede la realizzazione di vari sistemi costituenti: il segmento spaziale, cioè i lanciatori per l’accesso allo Spazio, i satelliti o le sonde, le infrastrutture spaziali abitate da astronauti oppure robotizzate; e il segmento di terra che consente agli operatori sulla terra di controllare i sistemi nello spazio e di fruire delle applicazioni derivanti dal loro uso. Il settore è di per sé peculiare dato l’ambiente extra-atmosferico ove si troveranno ad operare astronauti o sonde robotizzate, pertanto la manifattura dei sistemi spaziali è una pratica a metà strada tra la scienza esatta e l’artigianato di elevatissima qualità. Le metodologie e i processi realizzativi dei programmi spaziali hanno però avuto il pregio nel passato di costituire, sin dagli anni ’60, un modello di r...

  12. Sviluppo di uno strumento per la rivelazione tridimensionale delle inclusioni di tellurio in cristalli di CZT e CdTe

    Zambelli, Nicola

    2010-01-01

    Nell'ultimo decennio si e' osservato un notevole miglioramento nella capacita' di eseguire spettroscopia a dispersione di energia, sia relativamente alla rilevazione di raggi X e che a quella delle particelle, cariche e non. Molteplici sono ormai gli ambiti in cui queste tecnologie trovano applicazione, dal campo medicodiagnostico all'astrofisica, passando dal monitoraggio dei processi industriali al settore della sicurezza aeroportuale e ambientale. Di fondamentale importanza in questo proce...

  13. Incontro di lavoro sul tema : Sicurezza Informatica

    Carlesi, Carlo

    2003-01-01

    L'incontro di lavoro sul tema sicurezza informatica ? stato organizzato con l'intento di: Promuovere la sensibilizzazione alla cultura della sicurezza informatica; Evidenziare i diversi aspetti della sicurezza informatica; Presentare alcune soluzioni/prodotti commerciali .

  14. Valutazione della sostenibilità ambientale tramite metodologia LCA di sistemi per lo sfruttamento di fonti alternative di energia e materiali

    Chiavetta, Cristian

    2013-01-01

    La dissertazione ha riguardato l’analisi di sostenibilità di un sistema agronomico per la produzione di olio vegetale a fini energetici in terreni resi marginali dall’infestazione di nematodi. Il processo indagato ha previsto il sovescio di una coltura con proprietà biofumiganti (brassicacea) coltivata in precessione alla specie oleosa (soia e tabacco) al fine di contrastare il proliferare dell’infestazione nel terreno. Tale sistema agronomico è stato confrontato attraverso una analisi di cic...

  15. 15th Incontri di Fisica delle Alte Energie

    2016-01-01

    La XV Edizione di IFAE - Incontri di Fisica delle Alte Energie - si terrà presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova L'edizione 2016 comprenderà numerose sessioni dedicate alla discussione degli aspetti di maggiore interesse attuale e di prospettiva nella fisica delle alte energie.

  16. La costruzione ideologica dell’identità martiriale: i Quaranta martiri di Sebaste, Teodoro di Amasea e Stefano Protomartire negli encomi di Gregorio di Nissa

    Chiriatti, Mattia C.

    2013-01-01

    L’esaltazione del martirio si sviluppa parallelamente alla costruzione ideologica dell’identità cristiana, attraverso la teorizzazione del sacrificio come pilastro del Cristianesimo primitivo. La morte cruenta rivela, nel discepolato cristiano, il vincolo indissolubile esistente tra vita e identità religiosa. Come si evince dagli encomi di Gregorio di Nissa, esiste una relazione intrinseca tra la letteratura martiriale e il forgiarsi di un’identità cristiana. Per il vescovo di Nissa, il model...

  17. Concorso di progettazione Piazza Verdi - La Spezia

    Vitone, Luca; Boehm, Frank

    2016-01-01

    Il progetto, realizzato insieme all’architetto e curatore Frank Boehm, è presentato nel 2009 nell’ambito del concorso di progettazione per la riqualificazione architettonica e artistica di Piazza Giuseppe Verdi bandito dal Comune di La Spezia e P.A.A.L.M.A. (Premio Artista Architetto La Marrana Arte Ambientale) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia. Artista e architetto immaginano una soluzione che trasformi la piazza in zona pedonale e in un “salotto urbano”...

  18. Principi generali di gestione della manutenzione

    Furlanetto, Luciano; Macchi, Marco

    2006-01-01

    In questo volume vengono fornite le premesse per il superamento della tradizionale visione della manutenzione, quale inevitabile accidente e costo da ridurre, a favore di un'immagine culturale innovativa in cui la manutenzione consente un superamento del modello consumistico delle sostituzioni verso una ecosostenibilità del patrimonio di impianti e infrastrutture. Sulla base di queste premesse, ci si rivolge a manager, imprese, studiosi e studenti del campo dei servizi di manuntenzione.

  19. Marcel Proust, Sentimenti filiali di un matricida

    Stefano Ballerio

    2011-01-01

    Pubblicato sul «Figaro» dell’1 febbraio 1907 e poi nel volume dei Pastiches et melanges del 1919, Sentiments filiaux d’un parricide racconta la tragica fine di Henri van Blarenberghe, esponente dell’alta borghesia parigina e conoscente di Proust, che in un accesso di follia uccise la madre per poi suicidarsi. Si propongono una nuova traduzione italiana dell’articolo – con il finale che contro la volontà di Proust fu omesso nell’edizione s...

  20. I Nutrienti: molecole di signalling cellulare

    P. Palestini

    2014-01-01

    Una corretta nutrizione costituisce un fattore imprescindibile per il raggiungimento dello stato di salute L’alterazione dell’equilibrio nutrizionale, nel senso di un eccesso o un difetto, conduce infatti inevitabilmente a uno stato di malnutrizione con conseguenze anche molto gravi sullo stato di salute stesso. In questo senso, la dietetica svolge un compito indispensabile soprattutto attraverso l’educazione nutrizionale, un intervento che, oggi, dovrebbe essere necessariamente rivolt...

  1. Analisi sperimentale e simulazione numerica dell’efficienza di strutture di ritenuta per il contenimento delle colate detritiche.

    Canelli, Luigi

    2013-01-01

    In questo lavoro è stata indagata e analizzata l’efficienza degli interventi di tipo strutturale con particolare attenzione alle briglie selettive realizzate in funi di acciaio. La progettazione di queste strutture non è soggetta a specifica normativa nel caso di fenomeni di colata e, al momento, sono poche le evidenze scientifiche che garantiscono l’installazione e l’utilizzo di questo tipo di barriere con adeguati fattori di sicurezza. Questa incertezza non è legata alle caratteristiche mec...

  2. Studio delle prestazioni di giunzioni incollate ibride

    F.Moroni

    2011-01-01

    Full Text Available Le giunzioni ibride sono giunzioni in cui coesistono due differenti tipologie di giunzione, di cui una è l’incollaggio. L’articolo mostra i risultati di una campagna sperimentale volta a caratterizzare le prestazioni di giunti incollati ibridi in confronto ad alcune tipologie di giunzioni tradizionali. Si sono prese in considerazioni come tecnologie di giunzione tradizionali la saldatura a resistenza, la rivettatura a strappo, la clinciatura e la rivettatura auto perforante. In particolare si sono studiate le prestazioni di giunti a semplice sovrapposizione per differenti condizioni geometriche del giunto (spessore aderendi, passo tra i punti di fissaggio meccanico e condizioni ambientali (temperatura di esercizio, presenza o meno di invecchiamento. La pianificazione della campagna sperimentale, e la successiva analisi dei risultati sono state svolte mediante Design of Experiments.I risultati dei test mostrano che le giunzioni ibride conducono ad significativo un miglioramento delle prestazioni quando le due tecnologie di giunzione componenti il giunto ibrido hanno prestazioni simili, mentre forniscono prestazioni pari o inferiori a quelle delle giunzione più resistente quando vengono accoppiate tecnologie di giunzione con prestazioni molto differenti.

  3. Convegni: rapporti di ricerca o relazioni tecniche?

    Renzo Carlucci

    2009-01-01

    Se da un lato viene spontaneo sentirsi colpiti dalla restrizione operata ai fondi, dall'altro non si può fingere di ignorare lo spreco di risorse del sistema italiano per la ricerca che, seppur avanzato nella sua dualità accademica e istituzionale, si trova attualmente in una fase di profonda decadenza.

  4. Convegni: rapporti di ricerca o relazioni tecniche?

    Renzo Carlucci

    2009-03-01

    Full Text Available Se da un lato viene spontaneo sentirsi colpiti dalla restrizione operata ai fondi, dall'altro non si può fingere di ignorare lo spreco di risorse del sistema italiano per la ricerca che, seppur avanzato nella sua dualità accademica e istituzionale, si trova attualmente in una fase di profonda decadenza.

  5. Le narrazioni come metodo di indagine sociologica

    Rita Bichi

    2012-04-01

    Full Text Available L'incontro trentino ha dimostrato l'interesse crescente dei giovani sociologi per lo sviluppo dei metodi narrativi e la capacità che questi hanno di essere efficaci nell'analisi di svariati temi, dai racconti di malattia alle narrazioni identitarie, dallo studio di lavoro e organizzazioni a quello delle migrazioni, di genere e memoria. Tuttavia, l'interesse della sociologia italiana va visto in un quadro di sviluppo più ampio a livello europeo e americano dove, a partire dagli anni '90, l'intervento di alcuni autori come Lyotard, Bruner e Macintyre, ha sancito quella che alcuni autori hanno definito svolta narrativa. La sociologia, infatti, tende sempre più a valorizzare la narrazione come processo di conoscenza peculiare che è attivato costantemente nella vita quotidiana; la "rivoluzione" risiede nel fatto che la narrazione diventa oggetto della sociologia e la disciplina stessa valorizza il suo uso sia come strumento di indagine scientifica, sia come modo di conoscere che come modo di comunicare, rivendicando la legittimità scientifica all'ascolto della parola diretta degli individui coinvolti all'interno delle ricerche di stampo sociologico.

  6. La ragione flessibile di Giovanni Bottiroli

    Elio Franzini

    2013-12-01

    Full Text Available Recensione a Giovanni Bottiroli, La ragione flessibile. Modi d’essere e stili di pensiero. Torino: Bollati Boringhieri, 2013. Sulla possibilità di una «logica della flessibilità» (Bottiroli ovvero di una «logica che segua la vita» (Franzini. 

  7. Analisi della risposta sismica di un edificio campione nel Comune di Ariano Irpino (AV)

    Cogliano, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Di Giulio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Fodarella, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Improta, L.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Minichiello, V.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Pucillo, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Riccio, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Rovelli, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia

    2006-01-01

    Nella pratica ingegneristica vengono usate correlazioni derivate da regressioni statistiche tra numero dei piani degli edifici e frequenze di risonanza. Tuttavia la discrepanza tra comportamento reale e valori aspettati può essere talvolta significativa, e solo l’acquisizione di dati sperimentali consente di comprendere il reale comportamento dinamico di una struttura. La sperimentazione, in situazioni anche complesse, e la raccolta di nuovi dati possono essere molto importanti nel campo dell...

  8. Analisi numerica del comportamento strutturale di solai alveolari in presenza di aperture

    Garutti, Nicola

    2013-01-01

    L’argomento della tesi riguarda lo studio del comportamento strutturale di particolari elementi precompressi prefabbricati in conglomerato armato, ovvero i pannelli alveolari. Lo studio condotto si propone, nello specifico, di analizzare attraverso simulazioni numeriche agli elementi finiti la risposta strutturale, in regime di non linearità del materiale, di una porzione significativa di solaio in cui siano praticate aperture caratterizzate da dimensioni e posizione variabili. La finalità ul...

  9. Tecnica di densificazione attraverso la strategia delle centralità urbane di tipo metropolitano.

    Strina, Paolo

    2015-01-01

    La tesi adotta e sperimenta la tecnica di densificazione attraverso la strategia delle centralità all’interno di contesti urbani di medie dimensioni. Il campo di analisi applicata prescelto è composto dalle dieci città capoluogo di provincia della Regione Emilia Romagna. Il carattere dominante delle città contemporanee, riscontrabile anche nelle città emiliano-romagnole, è la dispersione della forma. Lo sviluppo diffuso della città contemporanea è stato alimentato nell’ultimo ventennio da...

  10. I diritti di quarta generazione. il decreto ‘salva alcoa’: un esempio di diritto fluido

    Foschini, Federica

    2012-01-01

    Nell’ambito del Diritto dell’Energia si è potuto assistere alla nascita di molti diritti di quarta generazione ex novo o come specificazioni di diritti già esistenti. Infatti, nonostante la cospicua legislazione in materia, le principali tematiche connesse al diritto dell’energia nascono prima di tutto da esigenze sociali. Ciò conduce all’analisi di due temi fondamentali: il dualismo tra fonti legislative e valori/interessi sociali e il ruolo attivo della giurisprudenza....

  11. Meccanismi di risposta di simbionti lichenici allo stress foto-ossidativo

    Candotto Carniel, Fabio

    2014-01-01

    I licheni, una simbiosi mutualistica tra un fungo (il micobionte), generalmente un ascomicete, e una o più popolazioni di alghe e/o cianobatteri (il fotobionte) sono considerati forme di vita estremofile in quanto da disidratati possono resistere a condizioni ambientali molto difficili come elevati irraggiamenti solari, scarsa disponibilità d'acqua e di nutrienti e dosi elevate di inquinanti aerodiffusi. Tali fattori di stress tuttavia inducono una sovrapproduzione a livello cellulare d...

  12. Studio degli effetti funzionali e tossici di derivati di Brassicaceae in modelli sperimentali

    Melega, Simone

    2013-01-01

    I vegetali appartenenti alla famiglia delle Brassicaceae, sono ricchi di molecole biologicamente attive note per le numerose proprietà salutari. L’effetto di un estratto di germogli di cavolo nero toscano (TBCSE) è stato investigato, in termini chemiopreventivi, sugli enzimi epatici del metabolismo degli xenobiotici e antiossidanti, in ratti trattati con TBCSE. I risultati hanno mostrato un complesso pattern di modulazione, con una prevalente inibizione, del sistema citocromo P450-dipendente,...

  13. Caratterizzazione del legame di molecole di interesse farmaceutico alla sieroalbumina umana mediante biocromatografia e dicroismo circolare

    Pistolozzi, Marco

    2008-01-01

    Negli ultimi anni, un crescente numero di studiosi ha focalizzato la propria attenzione sullo sviluppo di strategie che permettessero di caratterizzare le proprietà ADMET dei farmaci in via di sviluppo, il più rapidamente possibile. Questa tendenza origina dalla consapevolezza che circa la metà dei farmaci in via di sviluppo non viene commercializzato perché ha carenze nelle caratteristiche ADME, e che almeno la metà delle molecole che riescono ad essere commercializzate, ha...

  14. Un evento catastrofico: una sfida per l'attivazione di strutture di conoscenza e di azione

    Bisi Roberta

    2015-03-01

    Full Text Available L’articolo analizza, partendo dalle relazioni di consulenza tecnica di ufficio medico-legale e psichiatrica, il percorso biografico e la rappresentazione della condannata AMF. Un’attenzione particolare viene rivolta ad alcuni degli strumenti psicodiagnostici utilizzati per delineare il profilo di personalità di AMF e, di conseguenza, l’impegno volto a valorizzare ed affermare la dignità dei sentimenti e delle relazioni affettive, utili per ridare senso alla propria appartenenza sociale, nel tentativo di conciliare le ragioni del cuore e le passioni della ragione. À partir du rapport d’expertise médico-légale et psychiatrique, l’article analyse le récit de vie d’AMF et la représentation de soi. Une attention particulière est portée à certaines méthodes psychodiagnostiques utilisées pour établir le profil de la personnalité d’AMF dans le but de mettre en valeur et d’affirmer la dignité des sentiments et des relations affectives. Ces dernières s’avèrent utiles pour redonner sens à son appartenance sociale en cherchant à concilier les raisons du coeur et les passions de la raison. On the basis of the technical consulting reports concerning the psychiatric clinical forensic examination, the article analyses AMF's biographic background and her self-representation. A special attention is paid to some of the psychodiagnostic tools used to outline the personality profile of AMF and as a consequence it is taken into consideration the responsibility to appraise and state the dignity of the emotional feelings and the family bonds necessary to give meaning to the individual social identity in the attempt to conciliate the reasons of the heart and the passions of the reason.

  15. La logistica nei processi di trasformazione dell’area orientale di Napoli

    Adriana Galderisi

    2010-07-01

    Full Text Available Stoccaggio e trasporto merci hanno assunto, già da alcuni anni, un ruolo rilevante nell’area orientale di Napoli, con impatti significativi sulla qualità urbana ed ambientale dell’area. In quest’area, anche grazie alla sua vicinanza ai principali nodi della mobilità (porto, aeroporto, stazione ferroviaria e alla significativa presenza di aree produttive dismesse o in dismissione, trovano oggi spazio numerose attività di stoccaggio e spedizione merci, in molti casi localizzate all’interno di ex aree industriali, in assenza di una reale ottica “sistemica”. Pertanto, a partire da una breve disamina dell’evoluzione dell’area orientale e di quanto previsto dagli strumenti urbanistici vigenti per la sua trasformazione, il contributo focalizza l’attenzione sul ruolo attuale dslle attività di stoccaggio e trasporto merci nell’area. Quindi, sulla base di alcune recenti esperienze di italiane e in riferimento ad ipotesi già avanzate per l’organizzazione di una piattaforma logistica nell’area orientale di Napoli -quale strumento per ottimizzare le necessità di stoccaggio e trasporto merci riducendone le esternalità negative- valuta la compatibilità di tali scelte con le prospettive di evoluzione/trasformazione dell’area e il potenziale ruolo che l’area potrebbe svolgere in una prospettiva di ri-organizzazione del trasporto merci in ambito urbano.

  16. Antropologi dan Jaringannya di Indonesia

    Jonris G. Purba

    2009-01-01

    Jika melihat tulisan ini sepintas dari judulnya, maka kita akan bertanya mengapa antropologi mempunyai jaringan. Di samping itu kita juga akan bertanya: jaringan seperti apa yang ada dalam antropologi itu? Bagaimana terbentuknya jaringan itu? Dan apa yang menjadi latar belakang munculnya jaringan antropologi tersebut? Serta apa saja manfaat dan kegiatan yang dilaksanakan dalam jaringan tersebut? ker-jul2006- (3)

  17. "Ho voglia di te." Proposta di traduzione in islandese, con analisi, di un brano tratto dal romanzo di Federico Moccia

    Hanna Lára Kristjánsdóttir 1983

    2010-01-01

    Þýðing á hluta úr "Ho voglia di te" sem er unglingabók eftir Federico Moccia. Í ritgerðinni koma fram nokkrar helstu kenningar í þýðingafræði ásamt umfjöllun um helstu vandamálin sem komu fram við þýðinguna.

  18. Transisi Demografi di Indonesia; Seabad ?

    Dr. Kemal N. Siregar

    2012-09-01

    Full Text Available Transisi demografi adalah proses perubahan kematian dan kelahiran yang berlangsung dari tingkatan yang tinggi ke tingkatan yang rendah dalam suatu kurun waktu pada masyarakat tertentu. Transisi ini muncul dengan terjadinya banyak perubahan di masyarakat, diantaranya adalah perubahan sosio-ekonomi yang berhubungan timbal balik dengan kesehatan.

  19. Dati di traffico telefonico e politiche urbane

    Paola Pucci

    2013-11-01

    Full Text Available Il paper propone una riflessione sulle possibilità offerte dai dati di traffico telefonico nel fornire conoscenze utili a costruire politiche per la mobilità più efficaci ed eque. A partire dai risultati di una esperienza di ricerca avviata presso il Dastu Politecnico di Milano sulla significatività dei dati di traffico telefonico di Telecom Italia nel restituire le densità d’uso del territorio (Manfredini, Pucci & Tagliolato, 2012 e 2013 e le origini e destinazioni dei movimenti giornalieri di mobilità (Tagliolato, Manfredini & Pucci, 2013, si evidenziano le potenzialità analitiche e interpretative offerte da questi dati nel descrivere le modalità con cui differenti popolazioni urbane usano il territorio e le possibili ricadute sulle politiche per la mobilità.Nella ricerca condotta, il trattamento dei dati di traffico telefonico ha consentito di restituire la variabilità spazio-temporale delle pratiche d’uso in Lombardia, a partire dalle quali si sono individuati “comunità di pratiche” e “territori contingenti”, generati cioè dalle pratiche di diverse popolazioni temporanee, che si sono assunti come perimetri utili per una diversa articolazione delle competenze e distribuzione delle risorse disponibili. Nel paper l’individuazione di popolazioni urbane temporanee attraverso i dati di traffico telefonico non ha unicamente una finalità interpretativa, ma rappresenta la condizione attraverso cui riconoscere le nuove domande disaggregate per “comunità di pratiche”, su cui costruire politiche di offerta più efficaci e meno onerose finanziariamente, poiché non generaliste.

  20. Il contributo di una Unitá Operativa Complessa: di Infettivologia Pediatrica durante l'epidemia di morbillo in Campania.

    G. De Lorenzo

    2003-05-01

    Full Text Available

    Il morbillo è un importante problema di Sanità Pubblica che comporta un elevato rischio di complicanze con conseguenti eccessi di ospedalizzazione, mortalità e costi elevati.

    Obiettivi: Valutare incidenza, decorso clinico, complicanze e scelte terapeutiche in bambini ospedalizzati per morbillo, nonché l’impatto dell’epidemia su strutture ed operatori di una U.O.C. di Infettivologia Pediatrica con 16 p.l.

    Metodologia: dalle cartelle cliniche dei bambini ricoverati per morbillo presso l’U.O.C. di Pediatria Infettivologica dell’Ospedale Pausillipon di Napoli, nel corso dell’epidemia verificatasi in Campania tra gennaio e maggio 2002, sono stati raccolti, mediante una apposita griglia di rilevazione, i dati socio anagrafici, quelli relativi a decorso della malattia, eventuali complicanze, scelte terapeutiche adottate, stato immunitario del bambino e della madre, possibile fonte di contagio, motivazione al ricovero. Su 78 bambini ricoverati (38F e 40M, età media di 4,2 anni (range 0,1 14 anni, di cui 20 con età inferiore a 15 mesi, 42 hanno presentato complicanze: 27 broncopolmoniti, di cui 4 di presumibile origine virale e 23 da presumibile sovrainfezione batterica, 7 laringotracheobronchiti (croup, 4 diarrea con disidratazione, 1 otite media, 4 piastrinopenia transitoria, 2 stomatiti, 1 cistite emorragica, 1 meningoencefalite. Oltre alla terapia antibiotica e cortisonica (quando indicate, 27 bambini hanno ricevuto una singola somministrazione di Vitamina A, con decorso favorevole della malattia e nessun effetto collaterale. In soli due bambini era stata praticata la vaccinazione antimorbillo.

    Conclusioni: i dati confermano l’importanza della vaccinazione antimorbillo e l’opportunità di anticiparla a 6 mesi in corso di epidemia (nella quasi totalità dei casi di età ‹15 mesi la fonte di contagio è stata la malattia in

  1. L’identificazione di virus citopatogeni isolati dall’ambiente:ricerca ed applicazione di protocolli analitici

    A. Carducci

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: la ricerca dei virus enterici in matrici ambientali, soprattutto nei reflui urbani, risulta di grande interesse sia per la valutazione del rischio di natura virale sia per compiere studi epidemiologici.

    Lo scopo di questo lavoro è stato l’applicazione parallela di diverse tecniche attualmente in uso in virologia clinica a isolati citopatogeni ambientali al fine di ottenere una precisa identificazione degli agenti rilevati.

    Metodi: sono stati analizzati 21 campioni di aerosol, provenienti da impianti di depurazione di reflui civili a fanghi attivi, e risultati citopatogeni in colture di cellule BGM.

    Dopo una nuova semina in “shell vials”, su tre linee cellulari continue per mettere in evidenza eventuali differenze nello spettro di citopatogenicità. Per l’identificazione degli isolati virali, sono state adottate in parallelo: microscopia elettronica, tecniche biomolecolari di amplificazione genica, elettroforesi su gel di poliacrilamide (PAGE, test immunoenzimatici, sieroneutralizzazione.

    Risultati: la semina in “shell vials” ha confermato la
    presenza di particelle virali infettive in tutti i campioni
    tranne uno; inoltre ha permesso di ridurre il
    tempo di comparsa dell’effetto citopatico a 3-4 giorni
    contro i 6-8 giorni necessari seminando in fiasche.
    La microscopia elettronica ha individuato la presenza
    di particelle enterovirus-simili in 18 dei 21
    campioni e di virioni della famiglia Reoviridae in 8.
    La positività dei campioni è stata ottenuta, inoltre,
    con la RT-PCR, per 2 campioni di enterovirus e 2 di
    reovirus e con la PAGE in 6 campioni. Il presente
    studio ha portato ad un’identificazione sufficientemente
    certa di reovirus in 2 campioni e di enterovirus
    in 1 campione.

    Conclusioni: l’identificazione di isolati ambientali si

  2. Valeria Pala, Tommaso Landolfi traduttore di Gogol’

    Cinzia Guadalaxara

    2011-04-01

    Full Text Available L’indagine condotta da Valeria Pala sull’opera landolfiana, con particolare riguardo all’attività di traduttore svolta da Landolfi, appare interessante in ogni suo aspetto; fin dalle prime pagine viene posto in rilievo lo stretto legame tra gli scritti di Landolfi e la cultura russa, oggetto di studio dell’autore dagli anni universitari e fonte di perenne ispirazione delle proprie opere. La crisi del sistema culturale italiano,  forte negli anni in cui Landolfi si dedica all’attività di traduttore, induce diversi intellettuali del tempo alla traduzione di testi stranieri, allo scopo di importare nella cultura nazionale elementi mutuati da altri sistemi culturali; la traduzione prende dunque a configurarsi come strumento utile per fornire agli scrittori italiani nuovi modelli su cui improntare la propria produzione poetica e letteraria.

  3. Allacciare i fili spezzati: analisi di tre autobiografie di persone divenute disabili

    Rosalba Perrotta

    2011-04-01

    Full Text Available Leggere autobiografie consente di conoscere esperienze e momenti della vita che restano ignoti a chi non li ha vissuti. Le autobiografie ci svelano un mondo e, nello stesso tempo, ci introducono in esso. Illustrano e spiegano senza illustrare e senza spiegare. Catturano il lettore nella narrazione e, rendendolo protagonista di quello che accade, gli fanno provare le emozioni di chi racconta e gli mostrano la realtà attraverso i suoi occhi. La corrente sociologica dell’Interazionismo simbolico, un approccio che dà particolare rilievo ai significati attribuiti dagli uomini agli oggetti di cui hanno esperienza, considera le storie di vita uno strumento di indagine prezioso. Il racconto di un tratto della vita, o della vita in genere, consente di raggiungere una conoscenza della realtà soggettiva di chi narra molto superiore rispetto a quella ottenuta attraverso questionari o interviste strutturate.

  4. Il Playground come laboratorio di creatività e inclusione

    Antonio Lauria; Matilde Montalti

    2015-01-01

    In generale, le aree gioco sono luoghi fortemente standardizzati, frutto dell’assemblaggio di attrezzature scelte a catalogo aliene dal contesto di riferimento, povere di stimoli e incapaci di innescare proficue relazioni sociali. Troppo spesso, le attività di gioco sono ripetitive, meccaniche, noiose, contribuiscono in maniera limitata, se non controproducente, allo sviluppo del bambino e alimentano un approccio al gioco povero e passivo. E rara la presenza di opportunità di g...

  5. Recettori per estrogeni e progesterone in tumori mammari di cagna

    Pirino, Salvatore; Sanna, Ennio; Leoni, Antonio; Nieddu, Antonio Mario S.; Antuofermo, Elisabetta; Rocca, Stefano

    2002-01-01

    Con la presente indagine si è inteso: a) verificare l’applicabilità di alcuni monoclonali nell'immunolocalizzazione di recettori per estrogeni e progesterone; b) valutare l’espressine di tali ricettori in differenti tipologie neoplastiche, anche in rapporto con il livello di positività di nuclear antigen (Mib-1); c) sottoporre i risultati a elaborazione statistica allo scopo di verificare la significatività delle medie di espressione e delle correlazioni.

  6. Post Human. Esperienze e questioni di critica d’arte

    Viola, Eugenio

    2010-01-01

    2008 - 2009 Esperienza artistica di confine, luogo di riflessione critica e di aperto dibattito filosofico e antropologico, il Post-Human rappresenta un oggetto teorico estremamente complesso, ricco di prospettive e di molteplici sviluppi. Una costellazione di pratiche e di proposte critiche che, maturata nell’ultimo decennio del Novecento, continua a segnare i percorsi dell’arte e della critica d’arte d’inizio secolo, ponendo questioni che coinvolgono, innanzitutto, le nozi...

  7. I "vincitori in etica": valutazione multicriteriale di fondi socialmente responsabili

    Stefania Funari

    2011-01-01

    A fronte della crescita nellÕofferta di fondi socialmente responsabili che si è registrata nel mercato internazionale nellÕultimo decennio, diviene significativo riuscire a distinguere i diversi fondi etici sulla base dei criteri di responsabilità sociale adottati dai gestori. Per tale motivo recentemente si è iniziato a parlare di rating etico di fondi di investimento, intendendo con tale termine sistemi di classificazione di fondi etici che considerano aspetti legati alla responsabilità soc...

  8. PYDBSCAN UN SOFTWARE PER IL CLUSTERING DI DATI

    Cassisi, C.; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Matematica e Informatica; Montalto, P.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia; Pulvirenti, A.; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Matematica e Informatica; Aliotta, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia; Cannata, A.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Catania, Catania, Italia

    2011-01-01

    Con il termine clustering si indica il processo mediante il quale è possibile raggruppare oggetti in base a caratteristiche comuni (features). Questo approccio, alla base dei processi di estrazione di conoscenza da insiemi di dati (data mining), riveste notevole importanza nelle tecniche di analisi. Come verrà mostrato in questo lavoro, l’applicazione delle tecniche di clustering consente di analizzare dataset, con l’obiettivo di ricercare strutture che possano fornire informazion...

  9. Formazione di biofilm e resistenza ai biocidi in Listeria

    MASSA, MARCO

    2011-01-01

    La presente attività di ricerca ha avuto come oggetto di studio la formazione di biofilm in condizioni dinamiche: per raggiungere tale obiettivo, è stato costruito un idoneo apparato che permettesse di ottenere una valutazione quantitativa sia delle cellule presenti nella soluzione di crescita sia di quelle adese su tre materiali di prova(acciaio inossidabile, PET e rame). Oltre ad esprimere una valutazione dell’adesione batterica alle superfici, si è proceduto ad indagare sui possibili ...

  10. Caratterizzazione geotecnica del sottosuolo di San Giuliano di Puglia

    d’Onofrio, A.; Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Napoli, Italia; Vitone, C.; Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Politecnico di Bari,Italia; Cotecchia, F.; Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Politecnico di Bari,Italia; Puglia, R.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Milano-Pavia, Milano, Italia; Santucci de Magistris, F.; Laboratorio di Dinamica Strutturale e Geotecnica, StreGa, Università degli Studi del Molise, Temoli (CB), Italia; Silvestri, F.; Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale, Università degli Studi di Napoli Federico II, Napoli, Italia

    2009-01-01

    In order to correlate the damages produced by 2002 Molise earthquake to the litostratigraphic and mechanical characteristics of the subsoil, a detailed investigation by in situ and laboratory tests was performed in San Giuliano di Puglia (CB). The investigations were directed both to study the Toppo Capuana marly clays, above which most of the damages of buildings were founds, and, to a lesser extent, the Faeto flysch formation, that is its rigid bedrock. The marly clay deposit is distinguish...

  11. Un singolare caso di rifrazione letteraria. A proposito di una generazione di autori di origine russa che scrive nella lingua del paese di adozione

    Giulia Gigante

    2016-01-01

    Full Text Available Dall’esame di alcuni esempi di contesti narrativi e procedimenti stilistici caratteristici di diversi autori russi contemporanei che hanno scelto di scrivere nella lingua del paese in cui sono emigrati emerge una tendenza comune nella rappresentazione della Russia natia. Pur nella diversità delle loro opere, questi scrittori rappresentano la cultura delle loro radici avvalendosi di una visione ‘caleidoscopica’ in cui i riferimenti storici, letterari, artistici vengono rivisitati attraverso ricordi, sogni e riflessioni e filtrati attraverso la lingua e la cultura della loro terra adottiva.From the investigation of some examples of narrative contexts and stylistic processes typical of various contemporary Russian authors who have chosen to write in the language of the country where they emigrated, a common tendency emerges concerning the representation of Russia. Despite the differences of the works considered, these authors represents the culture of their roots in a ‘kaleidoscopic’ way, reconsidering the historical, literary and artistic references through memories, dreams and reflections, filtering them through the language and culture of their chosen country.

  12. Schede “geologiche” di I e II livello per la “Valutazione degli effetti locali nei siti di ubicazione di singoli edifici (edilizia ordinaria, strategica e monumentale)

    Di Capua, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Peppoloni, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Compagnoni, M.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale - Politecnico di Milano; Pergalani, F.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale - Politecnico di Milano

    2009-01-01

    Nell’ambito di un progetto GNDT del 1999 era stata predisposta una scheda di rilevamento che permetteva una raccolta di informazioni geologiche e geomorfologiche per il sito di ubicazione di un bene monumentale (Di Capua et al, 2005a e 2005b). Questo strumento si è rivelato di grande utilità per il rilievo delle caratteristiche geologiche di sito anche in occasione di eventi sismici recenti. Infatti, è stato utilizzato per raccogliere informazioni preliminari sui siti di ubicaz...

  13. Contenuto vs. contenitore? Criteri predittivi di impatto e soglie di resilienza nella prospettiva del recupero sostenibile

    Marco Morandotti

    2012-12-01

    Full Text Available Uno dei terreni sul quale si gioca la prospettiva del recupero sostenibile del patrimonio costruito è oggi costituito dalla valorizzazione del patrimonio stesso. Né un approccio intransigentemente refrattario alle istanze di riuso del bene, né quello opposto, orientato al contrario al suo sfruttamento economico, a carico di una troppo gravosa compressione delle stesse esigenze di conservazione, appaiono di fatto perseguibili in una prospettiva di medio periodo. A partire dagli esiti di una ricerca recentemente conclusa, si intende affrontare la questione con una prospettiva organica, in una logica “life cycle oriented”.

  14. Studio sullo stato di salute in una area con rischi ambientali pr definire interventi di sanit? pubblica

    Romanelli, Anna Maria; Bartolacci, Simone; Cori, Liliana; Mariani, Silvia; Minichilli, Fabrizio; Protti, Maria Angela; Salvadori, Patrizia; Tacconi, Giorgia; Vigotti, Maria Angela; Bianchi, Fabrizio

    2009-01-01

    Uno studio preliminare sull'Alta Val di Cecina (AVC) aveva evidenziato tra tutte le cause di morte certificate nel periodo 1970-2004, alcuni eccessi o andamenti in controtendenza rispetto alla mortalit? regionale. L'area presenta un sottosuolo geologicamente attivo, industrie chimiche, di produzione di energia, estrattive, documentate contaminazioni di acqua e suolo e metalli pesanti. L'analisi dei dati elaborati ha evidenziato eccessi di mortalit? e di ospedalizzazione per alcune patologie p...

  15. Il processo migratorio come determinante della salute mentale: l'esperienza del Centro di Consultazione Socio-Culturale nel Distretto di Pianura Est, AUSL di Bologna.

    Martino, Ardigò

    2012-01-01

    La ricerca in oggetto ha analizzato le relazioni tra migrazione e salute mentale nel Distretto di Pianura Est dell'AUSL di Bologna. Attraverso un dispositivo d’indagine multi-disciplinare basato sui quadri teorici dell'Antropologia Medica Critica, della Salute Pubblica e della Psichiatria, la ricerca si è inserita nell’ampio contesto di sperimentazione di un innovativo modello di assistenza per pazienti migranti, denominato Centro di Consultazione Socio- Culturale. L'architettura dello s...

  16. Ricerche sugli enterobatteri nelle feci di Chirotteri

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available Dal 2002, grazie al protocollo stipulato tra il gruppo di studio chirotteri del Museo di Onferno e l?Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell?Emilia, sezione di Forlì, si è iniziato un progetto di studio sulla enteroflora di varie specie di Chirotteri. I campioni fecali o più raramente da carcassa, sono stati procssati mediante sistemi standardizzati e tipizzati mediante Enterotubes, creando anche una collezione di riferimento. Le ricerche ad oggi hanno interessato campioni provenienti da diverse regioni e da un certo pool di specie: Myotis daubentonii, M. blythii, M. myotis, Miniopterus schreibersii, Nyctalus noctula, Pipistrellus kuhlii, Rhinolophus ferrumequinum, R. hipposideros. Non sono stati mai identificati vettori di zoonosi o altri batteri che siano di alcun interesse per la salute umana, mentre si descrivono qui alcune specie nuove per la fauna italiana in relazione ai Chirotteri quali Providencia alcalifaciens in N.noctula, Serratia marcescens in M. schreibersii e Klebsiella oezaenale in R. hipposideros. Il lavoro invita inoltre ad una maggiore collaborazione e a stringere accordi per ampliare la possibile raccolta dei campioni.

  17. La teoria letteraria di Freud

    Raffaele Pinto

    2013-05-01

    Full Text Available A partire dal momento in cui il sintomo nevrotico gli appare come travestimento fantastico del trauma psichico (cfr. il saggio “Le mie opinioni sul ruolo della sessualità nell’etiologia delle nevrosi”, la letteratura diventa per Freud un terreno privilegiato di analisi ai fini della ricostruzione della esperienza inconscia. In quanto entrambi dettati dalla funzione fantastico-immaginativa, tanto il sintomo quanto la letteratura sono descrivibili come elaborazioni simbolico-discorsive della pulsionalità, ma con questa essenziale differenza, che il sintomo (e il sogno, il lapsus, il witz è innanzitutto espressione di un inconscio individuale, mentre la letteratura esprime un inconscio sociale, essendo sempre fluido il passaggio da una dimensione all’altra.

  18. Masalah Kependudukan di Negara Indonesia

    Sri Rahayu Sanusi

    2003-01-01

    Dari hasil sensus penduduk tahun 1990 jumlah penduduk Indonesia adalah 179,4 juta. Berarti Indonesia termasuk negara terbesar ke tiga di antara negaranegara yang sedang berkembang setelah Gina dan India.Dibanding dengan jumlah sensus tahun 1980 maka akan terlihat peningkatan penduduk Indonesia rata-rata 1,98% pertahun. Berdasarkan hasil proyeksi penduduk, jumlah penduduk Indonesia pada tahun 1995 sebanyak 195,3 juta jiwa. fkm-sri rahayu

  19. Penegakan Hukum di Bidang Pelayaran

    Rosmi Hasibuan

    2002-01-01

    Perwujudan dari Peraturan Pemerintah 13 Desember 1957 tentang konsep kewilayahan Indonesia, laut lepas yang tadinya terdapat diantara pulau-pulau Indonesia berobah menjadi perairan Indonesia yang berada bawah kedaulatan Indonesia. Melalui UU No. 4/Per./1960 dan PP No. 8 Tahun 1962 Indonesia tetap menjamin kepentingan pelayaran internasional dengan memberikan kelonggaran hak lalu lintas damai bagi kapal asing di perairan nusantara (kepulauan) Indonesia. hukuminter-Rosmi3

  20. Introduzione al Laboratorio di Fisica

    Ciullo, Giuseppe

    La Fisica (dal greco τὰ ϕυσικὰ: le cose naturali) si pone l'obiettivo di descrivere e prevedere il comportamento dei fenomeni naturali, nonché degli apparati e degli strumenti, che hanno reso e rendono la nostra vita più comoda ed efficiente. Tale obiettivo viene perseguito mediante un'attenta osservazione dei fenomeni, con una conseguente schematizzazione dell'osservazione, per fornire una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

  1. L’inopportunità di provvedimenti mirati e per singoli temi in prospettiva di riforma dei limiti della legislazione vigente in materia di libertà religiose

    Valerio Tozzi

    2012-11-01

    Full Text Available SOMMARIO: 1. L'approvazione parziale delle intese già sottoscritte con i precedenti Governi e la proposta politica di Alessandro Albisetti – 2. Le perplessità sulla proposta di una legge di settore – 3. Specifica assenza di giustificazioni giuridiche al mantenimento di regimi differenziati dei matrimoni religiosi – 4. Necessità di perseguire un metodo generale e unitario di disciplina dei fenomeni religiosi da applicare a ogni settore – 5. La impraticabilità di una politica legislativa costituzionalmente adeguata e le sue cause.

  2. Analisi quantitative e di contenuto di un parent training per genitori di bambini con ADHD: uno studio pilota,

    Pezzica S.; Tarchi C.; Piccinelli F; Bigozzi L

    2013-01-01

    Il lavoro si propone di indagare le principali aree tematiche su cui si orienta la narrazione dei genitori partecipanti ad un gruppo di Parent Training per verificare in che modo esse si inseriscano e si modifichino durante il processo di cambiamento. The present contribution aims at inquiring the main areas around which the narration of parents participating to a Parent Training group is oriented, in order to verify how such narrations are embed and modify during the change process.

  3. La ricostruzione grafica del pavimento musivo di una villa romana

    Caterina Gattuso

    2015-01-01

    Full Text Available Nel processo di analisi conoscitiva finalizzato alla conservazione e/o al restauro di un manufatto storico, la documentazione grafica offre un contributo importante ai fini della redazione del quadro anamnesico. Essa costituisce uno strumento conoscitivo che, nel rappresentare e registrare lo stato di conservazione nonché gli eventuali interventi di restauro cui il bene è stato sottoposto, permette di completare e di integrare le informazioni già ottenute mediante il dossier fotografico. In questo contesto si vuole dimostrare l’importanza del disegno informatico, da intendere come strumento utile per l’elaborazione di un corretto piano diagnostico, illustrando la ricostruzione grafica di una complessa pavimentazione musiva che decora un particolare ambiente di una villa di epoca romana posta sulle rive del lago d’Esaro nel comune di Roggiano Gravina (CS, ottenuta attraverso l’uso di un particolare software di design grafico e disegno vettoriale.

  4. La necropoli neolitica a domus de janas di S. Pietro di Sorres in Comune di Borutta - Sassari

    Pier Paolo Soro

    2009-05-01

    Full Text Available La necropoli di Sorres si trova nel territorio del Comune di Borutta in provincia di Sassari. E’ ubicata lungo il versante SE del colle di Sorres, sul quale sorge imponente la chiesa in stile romanico di San Pietro di Sorres (XI-XII sec. sede dell’antica diocesi medievale. La necropoli è composta attualmente da cinque tombe a grotticella artificiale del tipo a domus de janas, scavate nella roccia calcara durante il neolitico recente ed in uso per tutto l’eneolitico. Si presume che fosse l’area sepolcrale dell’insediamento in grotta di Ulàri, una cavità carsica di notevoli dimensioni il cui ingresso si apre lungo il versante Nord del colle; la grotta ha restituito testimonianze archeologiche che vanno dal neolitico media fino al medioevo. La necropoli di Sorres, sebbene sia stata rimaneggiata nella forma degli ambienti ipogei e nella destinazione d’uso, costituisce una delle principali testimonianze del capillare tessuto insediativo del territorio del nord Sardegna.

  5. Studio di caratteri correlati a stress idrico in una collezione di cultivar di frumento duro (Triticum durum Desf.)

    Francia, Rossella

    2013-01-01

    L’agricoltura si trova ad affrontare una diminuzione della disponibilità d’acqua ed una crescente domanda della produzione di cereali per scopi alimentari. Sono perciò necessarie strategie di coltivazione innovative per migliorare la produttività e nuovi genotipi migliorati nell'efficienza dell’uso delle risorse in condizioni di siccità. Questi rappresentano gli obietti principali del progetto “DROPS” (Drought tolerant yielding Plants) all’interno del quale ha avuto luogo il mio progetto di D...

  6. Analisi dell’utilizzo di Twitter nella costruzione di un seminario sperimentale

    Wolfgang Reinhardt

    2013-03-01

    Full Text Available Nonostante i massicci cambiamenti sociali e tecnologici che si sono verificati a causa del Web negli ultimi anni, i corsi universitari spesso enfatizzano metodi di insegnamento da tempo consolidati e basati su strumenti di apprendimento e risorse tradizionali. Durante tali corsi gli studenti spesso acquisiscono una conoscenza che non è aggiornata e che è lontana da un apprendimento realistico, basato su problemi. L'uso di strumenti e metodi più recenti spesso rimane fuori dalla padronanza degli studenti. In questo contributo si descrive brevemente l’impostazione sperimentale di un seminario in due università tedesche dove l’uso di Social Media per la comunicazione e la collaborazione è stato saldamente integrato alla progettazione di un percorso di apprendimento formale. Si illustra, inoltre, l'utilizzo di Twitter durante il seminario, usando metodologie riprese dalla Social Network Analysis.

  7. Creazione e gestione di una collezione di e-book per biblioteche universitarie

    Perrone, Agnese

    2006-01-01

    L'intervento illustra un progetto della biblioteca della Northumbria University, che riguarda lo sviluppo, la gestione e la valutazione di una collezione di e-book a supporto della ricerca e didattica.

  8. Libertà religiosa e libertà di educazione di fronte alla Corte di Strasburgo

    Vincenzo Turchi

    2012-10-01

    Full Text Available Contributo sottoposto a valutazioneSOMMARIO: 1. Libertà religiosa e libertà di educazione: note preliminari – 2. Consiglio d’Europa ed Unione Europea: la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali – 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo – 4. La funzione interpretativa della Corte nel diritto interno. In particolare, quale fonte integratrice del parametro interposto di costituzionalità ex art. 117, comma 1° Cost. – 5. Educazione e religione nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. I rapporti familiari – 6. Libertà religiosa e libertà di educazione nel prisma della struttura scolastica. Le scuole confessionalmente orientate – 7. Gli insegnamenti obbligatori di religione – 8. I simboli religiosi – 9. In particolare, la “questione” del crocifisso (caso Lautsi c. Italia – 10. Sintesi conclusiva.ABSTRACT:The purpose of the paper consists in examining the cases submitted to the European Court of Human Rights in which religious freedom (art. 9 of European Convention of Human Rights is, in a specific way, related to the right to education (art. 1 of Protocol 1. The fields where arise most important problems are as follows: family relationship, denominational Schools, compulsory denominational (confessional instruction in Schools, religious symbols in State Schools. From the latest judgments at Strasbourg Court, it seems to emerge a new perspective of the principle of laicità, clearly open to social pluralism. As the Court stated concerning educative pluralism: “the possibility of pluralism in education […] is essential for the preservation of the “democratic society” as conceived by the Convention”.

  9. La nozione di Analiticità e di conoscenza A Priori

    Maria Teresa Bradascio

    2015-05-01

    Full Text Available Le nozioni di analiticità e di conoscenza a priori continuano ad essere impiegate nella filosofia contemporanea nonostante siano state oggetto di critiche e dibattiti per dimostrarne l’inutilità. Le domande alle quali si è cercato – e si cerca tuttora – di dare una risposta sono: quali tipi di proposizioni possono essere giustificate e conosciute a priori? Che rapporto c’è tra l’analiticità e l’a priori? Il mio intento è offrire un’analisi della nozione di analiticità presente in Frege e in Quine utilizzando come riferimento, rispettivamente, “I fondamenti dell’aritmetica” (1884 e l’articolo “Due Dogmi dell’Empirismo” (1953. Nell’opera di Frege si trova una prima riformulazione della coppia di nozioni ereditate dalla tradizione kantiana e leibniziana: per Leibniz una verità di ragione, sviluppando semplicemente il contenuto di una proposizione che già conosciamo, non amplia le nostre conoscenze, e dunque è analitica; mentre una verità di fatto amplia le nostre conoscenze, aggiungendo qualcosa che non avremmo potuto scoprire contemplando solamente i concetti e i loro rapporti logici. Le proposizioni logiche, aritmetiche e certe verità concettuali – quelle ottenute mediante definizione nominale – sono considerate proposizioni analitiche. Per Kant, invece, sia le proposizioni aritmetiche sia quelle geometriche ampliano la nostra conoscenza e sono sintetiche. L’obiettivo di Frege è mostrare l’errore della concezione kantiana dell’analiticità: l’incremento conoscitivo ottenibile dalle proposizioni aritmetiche non è in opposizione al loro carattere analitico. Egli, infatti, legando il carattere analitico o sintetico di un enunciato al tipo di giustificazione che possiamo portare a sostegno della sua asserzione, non definisce l’analiticità come una caratteristica evidente del significato di un enunciato. Nel caso degli enunciati dell’aritmetica la loro giustificazione consiste nella loro

  10. IL RICORSO STRAORDINARIO PER ERRORE DI FATTO

    Gialuz, Mitja

    2004-01-01

    Inserito nel tessuto codicistico quasi surrettiziamente, nel contesto di una manovra legislativa diretta a rafforzare gli strumenti normativi a «tutela della sicurezza dei cittadini», il «ricorso straordinario per errore materiale o di fatto» costituisce un unicum nella storia legislativa dell'Italia unita. Prima del 2001, non era mai stato previsto - almeno in ambito processuale penale - un mezzo destinato a porre rimedio agli errori della Corte di cassazione, i provvedimenti della quale, in...

  11. Simboli religiosi e processo di mediazione

    Nicola Colaianni

    2014-01-01

    Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli Atti del Seminario Internacional de Profesores sul tema“Neutralidad del estado, religiones e ideologías”, organizzato dall’Universidad Complutense, tenutosi a Madrid il 21 novembre 2013.SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a) la posizione di simboli religiosi – 3. (segue:) b) la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale:...

  12. Facebook, adolescenti e differenze di classe

    Micheli, M.

    2013-01-01

    La popolarità dei siti di social network tra gli adolescenti sembrerebbe suggerire che si tratti di un campo in cui l’influenza dell’origine sociale, se non scomparsa, si sia almeno livellata. Questo articolo mette invece in evidenza come la classe sociale della famiglia continui ad essere una variabile rilevante che influisce sull’uso e il significato che gli adolescenti attribuiscono ai siti di social network. Oltre a fornire una revisione della letteratura attualmente disponibile sull’...

  13. KEANEKARAGAMAN ANGGREK DI HUTAN SULAWESI SELATAN

    Sri Suhadiyah; Elis Tambaru; Rinaldi Sjahril; Muh. Ruslan Umar

    2015-01-01

    Penelitian keanekaragaman anggrek di hutan Sulawesi Selatan telah dilakukan pada bulan Oktober-November 2012, dihutan Pattunuang, Kabupaten Maros dan di hutan Bolli Kabupaten Enrekang .Tujuan penelitian ini untuk mengetahui keranekagaman spesies anggrek dan pohon inangnya. Penelitian dilakukan dengan menggunakan metode jelajah. Hasil penelitian di hutan Pattunuang diperoleh 12 genus yang terdiri dari 15 spesies anggrek , tumbuh pada 10 spesies pohon inang . Spesies yang banyak jumlahnya adala...

  14. Conservazione del seme sortato di suino

    Vallorani, Claudia

    2012-01-01

    Gli spermatozoi di suino sottoposti alla procedura di sessaggio mediante citofluorimetria presentano una serie di modificazioni morfo-funzionali che compromettono nel tempo la loro sopravvivenza e la capacità fecondante. Questi spermatozoi, inoltre, a causa della sensibilità ai danni indotti dalla crioconservazione, vengono solitamente conservati allo stato liquido a 15-17°C, con conseguente ulteriore peggioramento nel tempo della qualità delle cellule spermatiche sessate. Lo scopo della r...

  15. Sicurezza Informatica di Istituto: Politica e Organizzazione

    Carlesi, Carlo

    2004-01-01

    La sicurezza informatica, e' piu' che una necessita' e richiede di essere affrontata in modo omogeneo e funzionale alle diverse realta' presenti nell'ISTI per conciliare diverse esigenze: . proteggere i propri investimenti . rispettare le normative legali vigenti in tema di sicurezza dei sistemi per il trattamento automatico dell'informazione (information technology system o sistemi IT) . preservare la propria immagine istituzionale. Nel contesto di questo documento, con il termine 'sicurezza...

  16. Sviluppo e valutazione di test diagnostici per la sierodiagnosi di brucellosi suina

    Tiziana Di Febo

    2012-06-01

    Full Text Available Sono stati sviluppati una ELISA competitiva (c-ELISA, una ELISA indiretta (i-ELISA e un test immunologico DELFIA (Dissociation-Enhanced Lanthanide Fluorescence Immunoassay per la ricerca di anticorpi verso Brucella suis in sieri di maiale e cinghiale. I tre test prevedono l’utilizzo di un anticorpo monoclonale (MAb 4B5A verso l’LPS di Brucella (c-ELISA e DELFIA e di un anticorpo monoclonale (MAb 10C2G5 verso le IgG suine (i-ELISA. La specificità (Sp e la sensibilità (Se dei tre test sono le seguenti: per la c-ELISA Se e Sp = 100% con un valore di cut-off pari al 61.0% (B/B0%; per la i-ELISA Sp = 99.1% e Se = 100% con un valore di cut-off di 21.7% (PP%; per il DELFIA Sp = 91.0% e Se = 75% ponendo il valore di cut-off al 37.0% (B/B0%. Inoltre sono state valutate le performance, nei confronti di sieri suini, di un test FPA (Fluorescence Polarization Assay commerciale sviluppato per la ricerca di anticorpi anti-Brucella in sieri bovini; la specificità e la sensibilità ottenute sono entrambe del 100% al valore di cut-off di 99.5 (mP. Questi risultati suggeriscono che la combinazione di c-ELISA, i-ELISA e FPA può essere utilizzata per migliorare la diagnosi di brucellosi suina.

  17. Il significato di una pubblicazione. La cosiddetta contaminazione nell’antica commedia romana di Pietro Ferrarino

    2003-01-01

    Agli occhi del lettore moderno, il famoso studio sulla commedia romana di Ferrarino appare come una sintesi ideale della tradizione filologica tedesca e del criticismo basato sul metodo di Croce, ereditato dal suo insegnante Gino Funaioli. All’interno della ricostruzione storica di Ferrarino, con la sua accuratezza altamente scientifica, prevale comunque il debito nei confronti della filologia pura, che in Italia è stata esemplificata nei lavori di Giorgio Pasquali.

  18. Kajian Kedelai di Bawah Pertanaman Kelapa Sawit Umur Empat Tahun di PTPN III Kebun Rambutan

    Wardhana, Surya

    2015-01-01

    Surya Wardhana, “Kajian Kedelai di Bawah Pertanaman Kelapa Sawit Umur Empat Tahun di PTPN III Kebun Rambutan”. Dibawah bimbingan Lisa Mawarni dan Asil Barus. Untuk mengetahui pertumbuhan dan produksi kedelai di bawah pertanaman kelapa sawit umur empat tahun, untuk itu telah dilakukan penelitian di PTPN III Kebun Rambutan, mulai Februari 2012 sampai bulan Mei 2012. Rancangan yang digunakan adalah Rancangan Acak Kelompok dengan 2 faktor perlakuan. Faktor pertama sebagai petak utama adalah va...

  19. ANALISI DI INTEGRATORITEMPORALI APPLICATI AGLI ELEMENTI FINITI E AL METODO DI PROVA PSEUDODINAMICO

    BONELLI, ALESSIO

    2001-01-01

    La corretta valutazione della risposta delle strutture soggette ad azioni dinamiche quali terremoti oppure il vento risulta di fondamentale interesse nell'ingegneria civile. In generale, l'evoluzione di un fenomeno di dinamica strutturale può essere descritta, in modo rigoroso, attraverso la soluzione di equazioni alle derivate parziali su un dominio spazio-temporale, con condizioni al contorno ed iniziali. Risolvere queste equazioni in forma chiusa è, spesso, impossibile, per cui si ricorre ...

  20. Studi di permeazione cutanea in vitro di polveri e nanoparticelle metalliche

    Crosera, Matteo

    2010-01-01

    Il ruolo della cute è stato a lungo sottostimato, soprattutto in ambito professionale: essa era considerata una barriera impermeabile alle sostanze chimiche. Oggi è noto che molti agenti tossici sono in grado di penetrare attraverso la pelle e l’assorbimento cutaneo è un fenomeno molto studiato nell’ambito di una completa valutazione dei fattori di rischio sia in ambito professionale che ambientale. Gli studi di assorbimento percutaneo in vitro possono essere usati per definire le caratterist...

  1. Le cure oncologiche e la prospettiva del paziente. Revisione di letteratura e un caso di studio

    Foglino, Silvia

    2015-01-01

    Numerose ricerche indicano i modelli di cure integrate come la migliore soluzione per costruire un sistema più efficace ed efficiente nella risposta ai bisogni del paziente con tumore, spesso, però, l’integrazione è considerata da una prospettiva principalmente clinica, come l’adozione di linee guida nei percorsi della diagnosi e del trattamento assistenziale o la promozione di gruppi di lavoro per specifiche patologie, trascurando la prospettiva del paziente e la valutazione della sua esperi...

  2. Studi di conservazione ed ecologia della germinazione di specie psammofile della costa molisana

    Giuliano, Mariaconcetta

    2010-01-01

    La conservazione della biodiversità rappresenta un tema di crescente interesse nella ricerca scientifica, ma anche nell’attività governativa a livello mondiale. Il presente lavoro si articola operando per mezzo di un duplice approccio: sviluppando studi di conservazione in situ, attraverso l’analisi degli habitat e della flora costiera, ed attuando azioni di conservazioni ex situ, in banca del germoplasma, non solo per taxa rari o minacciati ma anche per quelle specie che, mediante le part...

  3. Caratterizzazione di batteri pigmentati e studio degli effetti di molecole batteriche e vegetali su cellule umane

    Manzo, Nicola

    2013-01-01

    Il lavoro svolto durante questi tre anni di Dottorato è raccolto in questa Tesi ed è suddiviso in quattro capitoli distinti. Due capitoli sono dedicati alla caratterizzazione di bacilli produttori di carotenoidi, uno all'interazione tra il batterio lattico Lactobacillus gasseri e cellule dell'epitelio intestinale umano ed uno agli effetti di un estratto della pianta Aloe arborescens su diverse linee cellulari umane. Tali argomenti, anche se apparentemente indipendenti, sono invece strettam...

  4. Misura della concentrazione di radon nell’acqua potabile di Roma

    Mancini, C.; Dept. of Nuclear Engineering and Conversion of Energy. Univ. "La Sapienza". Rome; Galli, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione Roma1, Roma, Italia; Mattiacci Delle Salette, M.; Azienda USL Roma C, Roma; Diotallevi, R.; Azienda USL Roma C, Roma

    2007-01-01

    Sono state eseguite misure di concentrazione di 222Rn nell’acqua potabile della rete idrica di Roma con prelievi dalle principali adduttrici (acquedotti del Peschiera, Marcio, ..) e da pozzi. Il metodo impiegato si basa sull’adsorbimento in carboni attivi del radon estratto per degassamento dal campione dell’acqua in esame. I risultati mostrano concentrazioni dell’ordine del Bq/L nell’acqua dei principali acquedotti e nella rete di distribuzione. Concentrazioni maggiori (inferiori comunque a...

  5. Sistemi per la produzione di enzimi industriali finalizzati alla valorizzazione di scarti agroalimentari

    Masutti, Dayanne Christine

    2014-01-01

    La demolizione idrolitica delle pareti cellulari delle piante tramite enzimi lignocellulosici è quindi uno degli approcci più studiati della valorizzazione di scarti agricoli per il recupero di fitochimici di valore come secondary chemical building block per la chimica industriale. White rot fungi come il Pleurotus ostreatus producono una vasta gamma di enzimi extracellulari che degradano substrati lignocellulosici complessi in sostanze solubili per essere utilizzati come nutrienti. In que...

  6. Domotica e disabilità negli ambienti di apprendimento. Esiti di un progetto

    Tamara Zappaterra

    2013-01-01

    In un lavoro sinergico ed interdisciplinare tra ricercatori dell’area pedagogica, dell’area ingegneristica e di quella medica, si è testata la possibilità di adattamento di dispositivi domotici all’ambiente scolastico, ambito non ancora esplorato dalla domotica, ed è stato progettato e realizzato un prototipo di dispositivo innovativo ed originale modellato sulle peculiarità dell’utente nel contesto scolastico. Per quanto riguarda i risultati raggiunti,sono state realizzate tre stazioni domot...

  7. Esempi di antisemitismo culturale nel romanzo 'Il cimitero di Praga' di Umberto Eco

    Maria Grazia Cossu

    2013-01-01

    Full Text Available Examples of Cultural Anti-Semitism in Umberto Eco’s Novel Il cimitero di PragaThe article draws upon Umberto Eco’s recent novel, Il cimitero di Praga, in the consideration of the relationship between narrative fiction and the collective imagination in regards to the genesis and dispersion of The Protocols of the Elders of Zion in the second half of the nineteenth century. A dangerous and mysterious text, The Protocols evoked general clamor and persecutory backlash, as it appeared to document the existence of a Judeo-Masonic conspiracy.In the work, the author also reconstructs sources of the fictional text and traces the historical, political and editorial events surrounding it, plunging into them with a gritty and irreverent realism in a chronicle of the obsession that flowed into the madness of the Shoah.Treating the subject, which is found elsewhere in the scholar’s oeuvre, requires mention of the repertoire of prejudicial accusations against the Jews throughout history, which creates, toward the end of the book, a heated and contentious debate regarding whether such delicate and reckless statements should even be made public at all. This article questions the authorial strategy in Il cimitero di Praga, and considers the novel’s literary agenda, which can be almost interpreted as a call for vigilance against manifestations of anti-Semitism still present in today’s cultural imagination.

  8. Transitional Care: implementazione di un modello organizzativo multidimensionale di cure intermedie

    Davide Minniti

    2014-06-01

    Full Text Available Background. I rapidi cambiamenti demografici hanno profondamente modificato il funzionamento della rete dei servizi ospedalieri e territoriali. Il modello di cure intermedie (CI o transitional care è un servizio “ponte” tra ospedale e territorio che rappresenta una difficile sfida perché deve rispondere a specifici requisiti di appropriatezza, efficacia, efficienza e sicurezza. Per far fronte alla situazione socio-economica attuale ed in riferimento al PSSR 2010-2015, il Piemonte ha recentemente attuato un piano di rientro che mira a superare l’inappropriatezza di alcune prestazioni e delle loro modalità di erogazione. Di conseguenza la DGR n. 6-5519 del 14/03/13 ha previsto per l’ASL TO3 la riconversione di 5 ospedali in strutture di assistenza territoriale per le CI. Obiettivi.Valutare l’appropriatezza organizzativa, l’efficacia e l’efficienza delle diverse dimensioni del modello organizzativo di CI: Centro di Assistenza Primaria (CAP, Servizio di Telemedicina (ST, Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria (CAVS. Metodi. La prima fase ha previsto l’apertura del CAP presso il presidio ospedaliero di Avigliana. Si è poi provveduto ad attivare il ST dell’ASL TO3. Sono stati calcolati i volumi di attività di entrambi i servizi, relativamente ai primi sei mesi dall’apertura, ed è stato misurato l’impatto di questo nuovo modello organizzativo sull’attività della struttura di Emergenza di riferimento presso il DEA di Rivoli. Per la CAVS, inoltre, si è provveduto ad effettuare un’analisi di appropriatezza ex ante ed un’analisi dei costi. Risultati. Il totale degli accessi al CAP, nei mesi indice del 2013, è di circa 2000 casi, con una media di 14 pazienti/die. Il 70% dei casi ha richiesto l’intervento medico. Le cause di accesso più comuni sono state i traumi (22%. Nel 65% dei casi l’esito è stato la dimissione a domicilio. Per la CAVS, un’analisi delle SDO ha dimostrato che il numero di posti letto per

  9. OLIMPIADI NAZIONALI DI LINGUA ITALIANA 2011

    Ugo Cardinale

    2012-01-01

    L’articolo presenta l’ultima edizione delle Olimpiadi nazionali di lingua italiana, promosse dal Miur-Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, dalla Città di Firenze, dall’Accademia della Crusca, dall’Università di Firenze, nell’anno della celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, illustrandone le diverse fasi, di istituto, regionali e nazionale, le prove (riguardanti cinque aree: a. ortografia e fonetica; b. morfologia e formazione delle parole; c. sintassi; d. lessi...

  10. Il controllo di gestione e operativo delle commesse per una impresa di costruzioni: nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

    Matteo Camprini

    2013-10-01

    Full Text Available Il mercato delle costruzioni in Italia soffre problemi di maturità da molto tempo. Dagli anni ’90, infatti, per superare i fatti di tangentopoli venne riformata la legislazione dei lavori pubblici per giungere a livelli di competizione maggiori e più simili a quelli esistenti in Europa.  In questo contesto le imprese che per la loro struttura culturale, organizzativa e produttiva mostravano maggiore sensibilità a tali aspetti avviarono processi di formazione e riorganizzazione introducendo specifiche procedure mirate alla gestione completa dei progetti trasformandosi così da imprese di sola produzione a imprese operanti per progetti.La presente memoria vuole descrivere il sistema di gestione attuato, le modifiche ed i miglioramenti che si sono susseguiti nel tempo,  la sua struttura organizzativa e gli strumenti di lavoro messi a disposizione.A conclusione verrà illustrata l’applicazione al caso concreto della costruzione del nuovo impianto di trattamento e recupero di rifiuti urbani.

  11. Pascoli e i ritorni di Ulisse

    de Caprio, Vincenzo

    2010-01-01

    Lo studioso traccia le diverse articolazioni del mito di Ulisse, da Omero a Dante, fino a Pascoli, focalizzando in particolare l'attenzione sull'Ulisse pascoliano, ossia sui suoi tre testi odissiaci: "Il sonno di Ulisse", "Il ritorno" e "L'ultimo viaggio", raccolti nei "Poemi conviviali". Lo studioso illustra come, a proposito del mito di Ulisse, Pascoli sia stato intrigato non dal tema dell'erranza per mari e per popoli diversi, ma da quello del ritorno di Ulisse. Insomma a Pascoli sembra in...

  12. La poesia pensante di Lucio Saffaro

    Paul Ricoeur

    2013-12-01

    Full Text Available Si presenta in queste pagine la prima traduzione italiana della prefazione che Paul Ricœur scrisse per il libro di poesie in prosa: L. Saffaro, Théorie de la poursuite, L’Alphée, Paris 1985. Il testo, pubblicato con l’autorizzazione del Fonds Ricœur, è impreziosito da grafiche di Lucio Saffaro, pubblicate con l’autorizzazione della Fondazione Lucio Saffaro.Il testo è inoltre corredato, a seguire, da un’introduzione di Gisella Vismara all’opera poetica, grafica e pittorica di Lucio Saffaro.

  13. La lirica dei putti danzanti di Aquileia.

    Fontana, Federica

    2006-01-01

    Questa relazione esamina la rappresentazione di Cupidi trovata in un mosaico del quarto secolo ad Aquileia, in un’area situatat tra l’antico foro e il porto. Fontana sostiene che il mosaico, che rappresenta alcuni Cupidi alati incorniciati da una ghirlanda di fiori e folgie, potrebbe essere datato o al tempo dell’imperatore Costantino (mosaici simili sono stati rinvenuti nel palazzo di Costantino a Treviri) o al tempo di Costanzo II. In entrambi i casi, il mosaico e il palazzo al quale appart...

  14. Pantani di Marco Martinelli: una narrazione polifonica

    Franco Nasi

    2014-05-01

    Full Text Available In questo articolo si analizza il testo drammaturgico Pantani di Marco Martinelli, una veglia epica teatrale di uno dei più noti eroi dello sport italiano degli ultimi anni. Il dramma rilegge anche la storia di Pantani e ricostruisce gli strani avvenimenti che portarono alla sospensione, alla estromissione del ciclista dal Giro d’Italia nel 1999, e in seguito alla sua profonda crisi psicologica e tragica morte in solitudine in un hotel, a soli 34 anni. Oltre alle modalità proprie della veglia rituale, il dramma utilizza anche i metodi del processo giudiziario, e offre testimonianze dettagliate che conducono a una riflessione critica sulla società italiana negli anni del potere politico di Berlusconi e della sua filosofia del consumismo. I tre diversi generi della retorica classica (epidittico, giudiziario e deliberativo si mescolano in questa complessa tessitura teatrale. Coniugando informazioni (processo e rito (veglia, Martinelli riesce a fondere la tragedia greca (forma mimetica e corale e il moderno teatro di narrazione (forma diegetica monologante. Combinando assieme scene intensamente drammatiche, ricordi di imprese sportive epiche, passaggi giocosi e parodici, e giustapponendo vari stili e registri (giornalistico, lirico, parodico, elegiaco, Martinelli crea momenti di forte “straniamento” e sorpresa, e rende particolarmente efficace il rito funebre, la ricostruzione storica della tragica vicenda di Pantani e la critica all’ideologia che ha dominato l’Italia negli anni di Berlusconi. 

  15. La sperimentazione antiplagio nella Facoltà di Economia di Rimini

    Amoroso, Alessandro

    2012-01-01

    L'intervento presenterà i caratteri principali della sperimentazione antiplagio attuata nella Facoltà di Economia di Rimini sin dagli inizi del progetto di ateneo. Saranno illustrati brevemente la metodologia adottata e i risultati ottenuti. Concluderanno l'intervento alcune considerazioni sul plagio in ambito didattico e sugli strumenti utilizzati.

  16. Uso di stimatori per la valutazione dell'abbondanza di popolazioni campionate con metodi CMR

    Luca Canova

    2003-10-01

    Full Text Available La stima dell'abbondanza di popolazione rappresenta un aspetto di fondamentale importanza ed elevata complessità nell'ecologia delle popolazioni animali. I metodi applicabili agli studi che prevedono cattura, marcatura e ricattura (CMR sono stati analizzati criticamente da Nichols e Pollock, i quali raccomandano l'adozione di stimatori basati su modelli probabilistici anziché i più diffusi metodi enumerativi. Scopo del presente lavoro è di confrontare le stime di abbondanza di popolazioni di Apodemus sylvaticus e Clethrionomys glareolus desunte da modelli probabilistici e relativi estimatori rispetto a metodi enumerativi quali il Minimum Number Alive (MNA. Fra il mese di aprile 2002 e febbraio 2003 le popolazioni di topo selvatico e arvicola rossastra sono state campionate mediante metodi CMR. L'area di studio è rappresentata dalla RN "Monticchie" di Somaglia (LO; la griglia di cattura era costituita da 98 trappole disposte a 10 m. Le trappole erano innescate con semi di girasole e controllate giornalmente. Gli individui catturati marcati e rilasciati dopo la raccolta di dati biometrici. I dati di popolazione sono stati elaborati adottando il "robust design" di Pollock. Il periodo di cattura è stato diviso in sessioni primarie (mesi e secondarie (settimane; Φ (sopravvivenza e N (abbondanza sono stati calcolati rispettivamente sulla base dei dati delle sessioni primarie e secondarie utilizzando i software Jolly e Capture. Stime indipendenti di N sono state ricavate da Jolly e applicando il MNA. L'analisi dei dati mostra che la precondizione di chiusura demografica delle popolazioni durante le sessioni secondarie di cattura è soddisfatta nell'82% dei casi. I modelli selezionati da Capture, e i relativi estimatori dell'abbondanza sono in prevalenza, per entrambe le specie, Mo (null e Mh (jackknife. Il confronto fra i modelli di tipo enumerativo e di tipo probabilistico dimostra che le stime di N ottenute mediante il primo

  17. Jasa SEO di Medan Berkualitas | Fajran 0853 6915 5314

    fajran

    2015-01-01

    Kami penyedia jasa seo di medan yang berkualitas dalam pengerjaan, pelayanan untuk membantu anda. Menyediakan juga kursus, belajar, private seo di medan bagi anda yang ingin mempelajari tentang cara memunculkan bisnis anda di halaman pertama google.

  18. L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo

    Aleksandr Voronskij

    2014-01-01

    Traduzione italiana del saggio di Aleksandr Voronskij L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo (Iskusstvo videt’ mir. Sbornik statej, 1928), a cura di Cinzia De Lotto e Adalgisa Mingati.  

  19. Attuare la pianificazione territoriale. Il Bilancio di attuazione 2012 delle previsioni del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Bologna

    Alessandro Delpiano

    2013-06-01

    Full Text Available Il contributo, a distanza di quasi 10 anni dall’approvazione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, che conteneva direttive volte a contrastare la dispersione insediativa, propone un’analisi sugli obiettivi prefissati, con la valutazioni dei risultati raggiunti.

  20. Descrizione di un caso clinico di morbo coitale maligno (MCM in un focolaio di malattia in Italia

    Massimo Scacchia

    2011-12-01

    Full Text Available In Italia, nel maggio 2011, in seguito a controlli effettuati su uno stallone per la relativa approvazione alla monta, è stato di nuovo segnalato il morbo coitale maligno (MCM. Nel lavoro viene descritto il caso di una cavalla con sintomi clinici della malattia ritenuta verosimilmente all’origine dell’infezione dello stallone.

  1. Pianificazione urbana e comportamenti di viaggio: più di una relazione

    Elisabetta Vitale Brovarone

    2010-04-01

    Full Text Available L’influenza dei caratteri urbani sulla domanda di mobilità è un tema ampiamente dibattuto e studiato. Al di là delle assunzioni teoriche a riguardo, molti studiosi hanno tentato di individuare empiricamente nessi attestanti questo fenomeno. Gran parte della letteratura scientifica sul tema può essere ricondotta al dibattito sulla città compatta e sullo sprawl. Due principali obiettivi contraddistinguono questo dibattito: la comprensione delle complesse dinamiche che legano la domanda di mobilità ai caratteri urbani e l’individuazione di configurazioni sostenibili degli usi del suolo. Il fenomeno è dunque studiato al fine dello sviluppo di strategie fondate sull’integrazione tra i trasporti e gli usi del suolo, finalizzate a limitare l’uso dell’auto e ad ottenere una distribuzione modale degli spostamenti più equilibrata. Buona parte della ricerca scientifica, specialmente nell’ultimo decennio, è dunque focalizzata sull’identificazione di nessi causali tra gli usi del suolo e i trasporti, per supportare, o in alcuni casi mettere in discussione, esperienze e politiche integrate. Nonostante la quantità e varietà di studi dedicati al tema, il fenomeno è ancora lungi dall’essere compreso e dimostrato empiricamente. Il dibattito in proposito è ampio e l’impressione è che con l’aumentare degli studi in proposito e del livello di approfondimento delle analisi diminuisca la sensazione di chiarezza. Attraverso un’analisi della letteratura, l’articolo mette in evidenza i principali problemi emergenti dal dibattito. Senza negare l’importanza del riconoscimento di nessi causali tra i caratteri degli insediamenti e la domanda di mobilità, opinione di chi scrive è che l’individuazione di questi nessi non debba necessariamente costituire una condizione imprescindibile per la definizione e l’adozione di un approccio integrato.

  2. EFISIENSI PERBANKAN SYARIAH DI INDONESIA

    Afif Amirillah

    2014-09-01

    Full Text Available This research aims to find out the factors that can cause the efficiency value difference of Islamic Banking in In-donesia. The data at this research is monetary data of Islamic Banking. It was obtained from Bank of Indonesia. Then, it was divided into input and output variables. The determination of input output variables at this research uses Value Added Approach. Its input output variables consist of Demand Deposits, Saving Deposits, Time Depo-sits, Paid -In Capital, Placement at Bank ofIndonesia, Inter Bank Assets, Mudharabah, Musyara kah, Murabahah, Istishna, Ijarahand Qardh. This research used Data Envelopment Analysis method. This method has a strength that is having the capability to measure inefficiency input output variables, so that, the variable can have the efficiency. This research has resulted Islamic Banking efficiency in Indonesia, but it does not include BPRS. The mean efficiency of Islamic banking in Indonesia is 99,94%. Penelitian ini bertujuan mencari faktor –faktor penyebab perbedaan nilai efisiensiperbankan syariah di Indo-nesia yang dibandingkan secara relatif untuk setiap periode. Data yang digunakan pada penelitian ini menggu-nakan data keuangan perbankan syariah yang diperoleh dari Bank Indonesia kemudian dibagi menjadi variabel input dan output. Penentuan variabel input dan output pada penelitian ini menggunakan pendekatan Value Added Approach. Variabel input outputnyaterdiri dari : Giro iB, Tabungan iB, Deposito iB, Modal disetor, Pen-empatan padaBank Indonesia, Penempatan pada bank lain, Mudharabah, Musyarakah, Murabahah,Istishna, Ijarah dan Qardh. Pada penelitian ini menggunakan metode Data Envelopment Analysis yang mempunyai kel-ebihan dalam menghitung efisiensi untuk setiap variabel input outputyang mengalami inefisiensi. Penelitian ini menghasilkan nilai efisiensi perbankan syariah di Indoenesia (tidak termasuk BPRS. Efisiensi perbankan syariah di Indonesia mengalami efisiensi rata-rata sebesar 99,94%.

  3. Un quaderno di qualitá

    M.E. Damiani

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: sviluppare un sistema qualità per il Dipartimento di Sanità Pubblica, coerente con la politica aziendale, l’accreditamento regionale e le ISO Vision 2000, in cui il cuore è dato dal governo clinico, perseguendo obiettivi di salute e coniugando l’efficacia del sistema all’efficienza.

    Materiali e Metodi: attività di formazione intervento strutturata in corsi formativi ed incontri periodici indirizzati alla Direzione del Dipartimento, ai referenti Qualità individuati in ogni Servizio, oltre ad incontri di sensibilizzazione sul percorso con gli altri operatori del DSP.

    Risultati: sono stati definiti l’offerta di prodotti/servizi e dei relativi fattori qualitativi, i processi operativi (attività, responsabilità, strumenti e interfacce, il coinvolgimento della direzione (la politica e l’adesione al percorso, i sistemi di comunicazione (esterna ed interna, il sistema informativo per la verifica dei risultati, le modalità di realizzazione delle verifiche interne e del sistema informativo come supporto alle decisioni (il sistema informativo, la programmazione annuale ed il processo di budget. La realizzazione del testo “Quaderno di appunti sulla Qualità in Sanità” ha ulteriormente contribuito a diffondere agli operatori i fondamenti teorici del Sistema Qualità sviluppato, oltre alle tecniche e agli strumenti acquisiti.

    Conclusioni: il percorso ha portato a presidiare gli aspetti fondamentali del sistema organizzativo e a documentarne l’attività, ma anche ad individuare nuove criticità e opportunità di sviluppo: come la progettazione e l’utilizzo di sistemi informativiinformatici per la rilevazione dei dati e per la restituzione di informazioni gestionali, la necessità di un confronto maggiormente strutturato con l’utenza, di una verifica più approfondita dei risultati, mediante il riesame della

  4. Neuropsicologia, le novità dal congresso Sinp di Roma

    Marco Mozzoni

    2012-01-01

    Tutte le novità su mente e cervello dal congresso annuale della Società Italiana di Neuropsicologia (Sinp 2012) tenutosi lo scorso Novembre presso la Fondazione Santa Lucia di Roma presentate su BrainFactor in uno "speciale" realizzato dagli studenti del Laboratorio di Comunicazione giornalistica dell'Università degli Studi di Milano Bicocca. Memoria, percezione, linguaggio, semantica, afasie, sclerosi multipla, disordini di coscienza, stato vegetativo, stato di minima coscienza, Alzheimer, d...

  5. Sul comportamento post critico di pannelli in vetro stratificato

    Silvestri, Mirko

    2009-01-01

    La tesi di dottorato ha come oggetto principale lo studio e la caratterizzazione del comportamento a flessione di elementi strutturali in vetro stratificato. La progettazione di tali elementi è particolarmente delicata e richiede estrema cura perché la struttura è soggetta al rischio di rotture fragili, sia causate da possibili difetti presenti nel materiale vetro, sia da impatti accidentali anche di lieve entità. Nel lavoro di tesi l’attenzione viene focalizzata soprattutto sul comportamento...

  6. RIVESTIMENTI TERMOSPRUZZATI PER BARRIERE TERMICHE DI NUOVA CONCEZIONE

    Marra, Francesco

    2013-01-01

    Nel progetto di Dottorato presentato è stata ideata e presentata una innovativa configurazione multistrato di TPS di questo tipo, potenzialmente idonea sia ad un’applicazione in ambito propulsivo (rivestimento di palettature di turbine, camere di combustione, ugelli), sia come protezione termica per veicoli da rientro riutilizzabili. L’articolazione concettuale del lavoro è riassunta nello schema seguente: i.) dapprima una fase preliminare volta a verificare la realizzabilità del sistema idea...

  7. EKONOMI PEKARANGAN DI PEDESAAN JAWA

    Dede Mulyanto

    2013-04-01

    Full Text Available Tujuan artikel ini adalah untuk menganalisa peran pekarangan sebagai sumber ketersediaan pangan, energi rumahtangga, dan uang tunai bagi rumahtangga petani. Bagi orang Jawa lahan tidak hanya tempat bekerja mereka tetapi sebagai sebuah status sosial, ekoncomi dan politik di masyarakat. Disinilah pekarangan, sebuah lahan kecil di rumah, mengambil peran ketika petani menghadapai kesulitan ekonomi yang dikarenakan lahan garapannya tidak menguntungkan. Rumusan masalahnya adalah bagaimana karakteristik desa Wetankali dan bagaimana bentuk pemanfaatan ekonomi pekarangan yang terjadi di sana. Metode penelitian yang digunakan adalah etnografis disertai survei dengan kuisioner dan analisis data sekunder. Penelitian ini dilakukan di Desa Wetankali Kecamatan Kutocilik Kabupaten Banyumas. Pekarangan bagi masyarakat Jawa merupakan benteng yang dengannya mereka dapat bertahan hidup. Pekarangan ditanami beberapa jenis tanaman ynag dapat dijual untuk menambah pendapatan rumahtangga petani. Bersaamaan dengan pertumbuhan penduduk yang naik, pekarangan berubah bentuk menjadi semakin sempit karena masyarakat lebih memilih menggunakan lahannya untuk hunian. Akibatnya, untuk rumahtangga miskin, sumber makanan pendukung dan energi murah mulai menghilang. The objective of this article is to analyse the role played by house yards or home garden as source of food storage, household energy, and cash for peasant household. For Javanese peasant, yard was not only a  place for work, but also a space to represent economy and social status. The importance of house yards is felt in difficult situation such as economic crises and corpse failure. Research questions in this anysisis are how about the characteristics of Wetankali village and how about the pattern of using home garden or home yard there. Research method used is etnography with survey using questionaire and secondary data analysis. The research was conducted in Watankali, Kutocilik Banyumas. For Javanese, yards

  8. Comportamento a fatica dei giunti saldati in funzione della densità di energia di deformazione locale: influenza dei campi di tensione singolari e non singolari

    Paolo Lazzarin

    2009-07-01

    Full Text Available Il criterio della densità di energia di deformazione (SED considera un preciso volume di controllo posizionato in corrispondenza del piede o della radice dei cordoni di saldatura, ossia delle zone di possibileinnesco delle cricche di fatica. Modellati i cordoni come intagli a V non raccordati e con diverso angolo di apertura, il volume è riconducibile a un settore circolare nei casi di tensione o deformazione piana, e il raggio vale circa 0.3 mm per i giunti saldati in acciaio strutturale.Il valore medio della densità di energia di deformazione dipende essenzialmente dalle distribuzioni singolari nei giunti di medio ed elevato spessore, mentre importante diventa il contributo della T-stress nei giunti di spessore ridotto. Entrambi gli effetti sono correttamente computati utilizzando modelli agli elementi finiti, anche utilizzando mesh con un numero ridotto di gradi di libertà. Il fatto è di notevole interesse per una possibile applicazione del metodo a strutture saldate di geometria complessa. Agli effetti descritti, tipicamente riconducibili a una modellazione piana, si possono accompagnare campi singolari non convenzionali, legati aeffetti tridimensionali indotti dalla geometria. L’effetto out-of-plane è qui evidenziato in relazione ai giunti a semplice sovrapposizione.

  9. Il concetto di storia della lingua nell'opera grammaticale di Benedetto Buommattei

    Gunver Skytte

    1991-12-01

    Full Text Available Che la storia della lingua sia una disciplina linguistica di data recente, fondata nell'800, soprattutto grazie alle ricerche pionieristiche di insigni filologi tedeschi, è un'opinione comunemente accettata, ed essa è probabilmente anche giustificata attraverso la classificazione datane di disciplina. A questo dato di fatto si deve senz'altro l'opinione altrettanto estesa che prima dell'800 non esistesse il concetto di linguistica diacronica o cambiamento linguistico in senso scientifico, come pure quella non meno erronea che la linguistica, come scienza, sia stata fondata solo nell'800.

  10. D. Felini (a cura di, Video game education. Studi e percorsi di formazione

    Alex Tribelli

    2013-03-01

    Full Text Available Nei confronti di una trattazione scientifica dei videogame c’è tuttora qualche scetticismo. I pregiudizi, più volte denunciati, ancora hanno qualche sussistenza: persiste qualche analisi sociale che considera i videogame oggetti diabolici che provocano isolamento e comportamenti violenti nei teenager. Pur constatando una progressiva inversione di tendenza, Video game education. Studi e percorsi di formazione, curato da Damiano Felini, si propone di sgretolare la concezione che la società contemporanea ha dei videogame, dimostrando come questi oggetti mediali possono addirittura divenire uno strumento di formazione e crescita delle persone.

  11. Gli insediamenti minori romani in area alpina orientale : Il caso di Castelraimondo di Forgaria nel Friuli

    Cavalieri, Marco

    2002-01-01

    L'articolo fa riferimento agli scavi del sito minore alpino di Castelraimondo (provincia d'Udine, Friuli-Venezia Giulia) in merito alla sua lunga continuità di vita da centro alpino di cultura celtica fino alle fasi di romanizzazione, alla sua trasformazione in refugium durante la tarda antichità ed all'abbandono durante il Medioevo (dal IV sec. a.C. al XIV d.C). Il tema dell'acculturazione e della romanizzazione sono calati nell'ambito di un quadro archeologico preciso e scavato per diversi ...

  12. Il "Sogno" di un collezionista del Seicento napoletano. Maurizio Di Gregorio tra riscrittura e plagio

    Daniela Caracciolo

    2011-01-01

    Nel 1614 escono a Napoli il Sogno e il Rosario delle stampe de tutti i poeti e poetesse antichi e moderni di numero 500 del domenicano e accademico ozioso Maurizio Di Gregorio. Il saggio prende in esame le strategie di riscrittura che sorreggono per intero la struttura dell'opera dove i testi di autori più o meno contemporanei (Tommaso Garzoni, Giovan Battista Rinaldi) sono sottoposti a un intenso lavoro di aggiornamento. L'analisi si concentra in particolar modo sui prelievi che nel Sogno ve...

  13. Il modello di Museo Virtuale dell’Educazione dell’Università di Bologna

    Chiara Panciroli

    2010-07-01

    Full Text Available La relazione dal titolo “Studi per un modello di Museo dell’Educazione virtuale dell’Università di Bologna”, facendo riferimento agli sviluppi del museo a livello europeo ed extraeuropeo, con un approfondimento specifico alla realtà italiana, cerca di coniugare gli elementi della museologia con alcuni dei modelli interpretativi pedagogici al fine di definire alcuni percorsi didattici museali in rete, che sappiano cogliere le innovazioni che provengono dall’ambito tecnologico ma rivisitate alla luce di caratteristiche educative e formative irrinunciabili.

  14. Il libro di spese diverse di Lorenzo Lotto. Analisi e commento

    De Carolis, Francesco

    2015-01-01

    Il progetto si concentra sull’analisi ed il commento del libro dei conti di Lorenzo Lotto. Esso viene conservato nell’Archivio storico della Santa Casa di Loreto, ed è meglio conosciuto con il nome apocrifo di Libro di spese diverse. Possiamo considerarlo uno dei più significativi documenti del Rinascimento italiano: infatti esso ci parla dei rapporti che l’artista ha intessuto con committenti, colleghi ed amici, rivelando tanto la sua condotta di vita che la sua attività. È una ricerca che t...

  15. H-Star di Trimble Un sistema GPS in doppia frequenza per rilievi di alta precisione

    Redazione Redazione

    2005-01-01

    L’acquisizione dati con H-Star è gestita con un software specificatamente ideato per i dati di elevata accuratezza. Esso, dotato di indicatore Predicted PostprocessedAccuracy (PPA), mostra chiaramente la precisione che si otterrà una volta che i dati H-Star verranno postprocessati. L’elaborazione di questi dati è studiata appositamente per raggiungere una precisione superiore ai 30 cm con non più di due minuti di dati continui.

  16. H-Star di Trimble Un sistema GPS in doppia frequenza per rilievi di alta precisione

    Redazione Redazione

    2005-10-01

    Full Text Available L’acquisizione dati con H-Star è gestita con un software specificatamente ideato per i dati di elevata accuratezza. Esso, dotato di indicatore Predicted PostprocessedAccuracy (PPA, mostra chiaramente la precisione che si otterrà una volta che i dati H-Star verranno postprocessati. L’elaborazione di questi dati è studiata appositamente per raggiungere una precisione superiore ai 30 cm con non più di due minuti di dati continui.

  17. Simulazione della propagazione di difetti a fatica mediante il modello di zona coesiva

    A.Pirondi, F.Moroni

    2009-07-01

    Full Text Available Le giunzioni incollate guadagnano sempre più mercato, nel campo delle costruzioni in genere, dove è necessario un alleggerimento delle strutture. Nel caso di geometrie di giunto semplici il dimensionamento avviene attraverso relazioni analitiche che restituiscono il valore massimo delle tensioni, il quale deve essere inferiore al limite di utilizzo dell’adesivo stesso. Quando le geometrie sono complesse l’approccio analitico diventa impraticabile, di conseguenza si provvede a verificare la correttezza della soluzione mediante analisi agli elementi finiti (EF. L’introduzione del modello di zona coesiva nell'analisi EF permette di simulare il danneggiamento ed il cedimento del giunto in condizioni quasi-statiche e impulsive. In questo articolo si vuole implementare il modello per la simulazione della propagazione a fatica di difetti, utilizzando il software agli elementi finiti ABAQUS assieme a subroutine esterne interagenti con il modello EF stesso. Un punto focale dell'implementazione sarà il calcolo automatico del tasso di rilascio di energia G in modo indipendente dalla geometria del difetto stesso. I parametri del modello ricavati da prove di tenacità a frattura e propagazione di difetti a fatica in modo I, saranno utilizzati come riferimento per la convalida dell'implementazione.

  18. Castelli di carta. La piega per la costruzione di superfici articolate

    Andrea Casale

    2012-06-01

    Full Text Available L’antica arte del piegare la carta, l’Origami, sta vivendo un rinnovato interesse che coinvolge molti aspetti della ricerca.  Con il termine origami, si intende lo studio del modo di piegare il foglio di carta per imporgli una specifica forma.  La superficie tassellata per mezzo di specifiche pieghe, si propone come un nuovo soggetto di studio: la superficie piegata articolata. La forma congiunta al movimento, assume un particolare interesse nella contemporanea ricerca geometrica e architettonica. Il panorama contemporaneo, propone opere di architettura “responsiva”, capaci di modificare le proprie caratteristiche per adeguarsi a nuove condizioni. La superficie piegata articolata sembra particolarmente adatta a descrivere questo modo d’intendere l’architettura, reagendo a diverse volontà e di conseguenza modificando la propria conformazione attraverso un attento controllo progettuale della forma.

  19. Domotica e disabilità negli ambienti di apprendimento. Esiti di un progetto

    Tamara Zappaterra

    2013-11-01

    Full Text Available In un lavoro sinergico ed interdisciplinare tra ricercatori dell’area pedagogica, dell’area ingegneristica e di quella medica, si è testata la possibilità di adattamento di dispositivi domotici all’ambiente scolastico, ambito non ancora esplorato dalla domotica, ed è stato progettato e realizzato un prototipo di dispositivo innovativo ed originale modellato sulle peculiarità dell’utente nel contesto scolastico. Per quanto riguarda i risultati raggiunti,sono state realizzate tre stazioni domotiche composte da un banco touch-screen collegato ad una LIM. Lo strumento si sta rivelando in grado di facilitare e motivare ad imparare, di trasmettere apprendimenti, di migliorare la qualità della vita del gruppo classe.

  20. CULTURESHOCK PADA MAHASISWA ASAL MALAYSIA DI MEDAN

    Lubis, Lusiana Andriani; Pinem, Emma Violita

    2015-01-01

    Penelitian ini bertujuan untuk mengetahui culture shock dalam interaksi komunikasi antarbudaya pada mahasiswa Malaysia di Universitas Sumatera Utara, Penelitian ini adalah studi kasus yang memusatkan diri secara intensif terhadap suatu objek tertentu dengan mempelajarinya sebagai suatu kasus. Penelitian ini menggunakan metode analisis kualitatif. Subjek penelitian adalah mahasiswa asal Malaysia di Fakultas Kedokteran dan Fakultas Kedokteran Gigi Universitas Sumatera Utara yang masih aktif kul...

  1. Note di fisica statistica (con qualche accordo)

    Piazza, Roberto

    2011-01-01

    Il testo si configura come un' introduzione alla fisica statistica rivolto in primo luogo a quei corsi di studio in ingegneria che più hanno a che fare con le proprietà fisiche dei materiali, ed ha lo scopo di fornire le basi microscopiche del comportamento termodinamico di cui si fa uso sia in molti corsi tradizionali, quali quelli di termofluidica d'interesse per l'ingegneria chimica e nucleare, che in corsi rivolti ad applicazioni avanzate nella scienza dei materiali e nelle nanotecnologie. Particolare attenzione viene quindi dedicata all'impiego di metodi di fisica statistica nella scienza dei materiali, approfondendo tematiche relative alle vibrazioni nei solidi, ai processi di nucleazione liquido/vapore, alla struttura dello stato fluido e vetroso, ai plasmi, ai materiali magnetici, al gas di Fermi e alla superfluidità. Per il suo carattere generale, e per l'accento posto sui fondamenti della meccanica quantistica, il volume si presta comunque a costituire anche un testo introduttivo alla meccanica s...

  2. PENGGUNAAN BAHASA TRANSMIGRAN JAWA DI KABUPATEN GORONTALO

    Sayama Malabar

    2012-10-01

    Full Text Available Transmigran Jawa datang di Kabupaten Gorontalo sejak tahun 1953. Bahasa yang digunakan tetap dipakai di tempat baru sehingga daerah yang ditempati menjadi dwibahasa, multibahasa, dan menimbulkan fenomena baru. Tujuan penelitian ini adalah untuk mengidentifikasi pola penggunaan bahasa oleh transmigran Jawa di Kabupaten Gorontalo dalam ranah keluarga, pasar, sekolah, masjid, dan kantor; dan variasi pilihan bahasa transmigran Jawa di Kabupaten Gorontalo dalam berkomunikasi. Metode penelitian yang digunakan adalah metode simak dengan teknik dasar sadap, metode cakap dengan teknik dasar pancing, metode survei dengan penyebaran kuesioner, teknik triangulasi, dan pendekatan sosiolinguistik. Sampel ditentukan secara snowball danpurposive sampling. Data dianalisis dengan menggunakan SPEAKING dan perhitungan persentase. Hasil penelitian menunjukkan bahwa bahasa Indonesia lebih dominan digunakan di kantor, masjid, dan sekolah; bahasa Jawa di keluarga dan pasar; bahasa Melayu di sekolah dan pasar; dan ditemukan tiga jenis variasi pilihan bahasa, yaitu variasi tunggal bahasa, alih kode, dan campur kode. Variasi tunggal bahasa meliputi bahasa Jawa dan bahasa Indonesia. Alih kode terdiri atas empat variasi dan campur kode terdiri atas dua variasi. Dengan demikian, bahasa transmigran di Gorontalo lebih doniman menggunakan pola variasi bahasa Indonesia dan Jawa secara bersamaan.

  3. Problemi di meccanica quantistica non relativistica

    Alabiso, Carlo

    2013-01-01

    Il volume raccoglie una selezione di problemi assegnati nei corsi di Meccanica Quantistica non relativistica previsti per la Laurea in Fisica presso l’Università degli Studi di Parma. Gli oltre 300 problemi sono divisi in undici capitoli tematici, all’interno dei quali è possibile individuare vari livelli di difficoltà, per studenti della Laurea Triennale, della Magistrale e del Dottorato di Ricerca. L’attenzione nei confronti di una sua ampia funzione pedagogica ci ha portato a dividere il volume in tre parti, Problemi, Risposte/Suggerimenti e Soluzioni, per guidare lo studente verso un approccio autonomo e progressivo: risolvere il problema, controllare la risposta, consultare la soluzione. Le soluzioni sono sempre state oggetto di discussione in aula; contengono quindi anche le risposte ai dubbi e alle perplessità degli studenti e sono spesso più estese di quanto richiesto dalla semplice prova d’esame. Si è aggiunta un’ampia appendice teorica da utilizzare per consultazione e per omogeneizz...

  4. FRBR prima di FRBR FRBR before FRBR

    Carlo Bianchini

    2010-06-01

    Full Text Available This paper deals with lack of FRBR-zation of present online catalogues and with a way to organize on the shelves resources by FRBR entities using Colon Classification book number.Main results of this analysis are: categories expressed by FBRB were already identified by Ranganathan in its bibliographic system; Colon classification book number allows a higher degree of arrangement of bibliographic resources, i.e. compliant to FRBR entities; also for this reason, Colon classification book number is better than Cutter-Sanborn system; in Classified Catalogue ideated by Ranganathan both the aspects of cataloguing (semantic and semiotic are integrated; facet formula for book number is a special device that allows to switch from classification to identification of bibliographic resources, inasmuch book number is an identifying device included in a classification system.Questo articolo rileva la limitata funzionalità degli attuali cataloghi in linea a causa di una mancata FRBR-zazione degli stessi. Attraverso la comparazione di alcuni modelli per l'organizzazione a scaffale delle risorse, si individuerà la soluzione più economica e realistica per rappresentare le entità di FRBR. I principali risultati di questa analisi sono: la consapevolezza che le categorie isolate dal modello entità-relazione erano già state individuate da Ranganathan nel suo sistema bibliografico e che il numero di libro della classificazione Colon è il più rispondente alle entità di FRBR. Il numero di libro della classificazione Colon è in questa prospettiva migliore del sistema ideato da Cutter e Sanborn, poiché nel Catalogo Classificato ideato da Ranganathan risultano integrati entrambi gli aspetti della catalogazione (semantica e semiotica. La formula della faccetta per il numero di libro è uno strumento che permette di passare dalla classificazione all'identificazione delle risorse bibliografiche, in quanto funge da dispositivo di identificazione all'interno di un

  5. Stelle, galassie e universo Fondamenti di astrofisica

    Ferrari, Attilio

    2011-01-01

    Scopo del testo e' introdurre i concetti base della fisica stellare, della fisica delle galassie e della cosmologia con approccio essenzialmente fisico. La prima parte presenta le tecniche osservative sia nella banda ottica, sia nelle alte frequenze e nella banda radio. La parte dedicata alle stelle discute modelli di struttura e l’evoluzione. La terza parte e’ dedicata alle galassie, morfologia, formazione ed evoluzione, per giungere allo studio della distribuzione sulle grandi scale. La sezione di cosmologia presenta i modelli cosmologici relativistici, con la discussione del big-bang, inflazione, materia oscura, energia oscura. Il testo rappresenta la raccolta delle lezioni tenute dall’autore per i corsi introduttivi di astrofisica delle lauree specialistiche in Fisica e Astrofisica nei passati 30 anni, ma include elementi avanzati utili per corsi introduttivi di astrofisica nel dottorato in Fisica. Il testo e' anche stato utilizzato in forma preliminare da colleghi di altre sedi.

  6. DINAMIKA PERKEMBANGAN PERBANKAN SYARIAH DI INDONESIA

    Ali Syukron

    2013-12-01

    Full Text Available Perkembangan perbankan syariah di Indonesia merupakan suatu perwujudan dari permintaan masyarakat yang membutuhkan suatu sistem perbankan alternatif yang selain menyediakan jasa perbankan/keuangan yang sehat, juga memenuhi prinsip-prinsip syariah. Tulisan ini mencoba mereview bagaimana perjalanan dan perkembangan bank syariah di Indonesia serta dibandingkan dengan beberapa Negara muslim lainnya. Secara umum, kebijakan pengembangan perbankan syariah di Indonesia belum mencapai target yang ideal yang direncanakan. Berdasarkan Global Islamic Financial Report (GIFR tahun 2014, Indonesia menduduki urutan ketujuh turun tiga peringkat yang sempat menempati urutan keempat pada tahun 2011. Sebagai negara yang memiliki potensi dan kondusif dalam pengembangan industri keuangan syariah setelah Iran, Malaysia dan Saudi Arabia. Dengan melihat beberapa aspek dalam penghitungan indeks, seperti jumlah bank syariah, jumlah lembaga keuangan non-bank syariah, maupun ukuran aset keuangan syariah yang memiliki bobot terbesar, dapat dikatakan perkembangan perbankan syariah di Indonesia berjalan di tempat, bahkan belum menunjukkan perkembangan yang signifikan dari tahun-tahun sebelumnya.

  7. I Micromammiferi della foresta di Divijaka (Albania da borre di Barbagianni

    Michele Bux

    2003-10-01

    Full Text Available La foresta di Divijaka è sita nel Distretto di Lusnja, a circa 50 Km a sud di Durazzo e si estende per 780 ha. Consiste per lo più di boschi maturi di pini (Pinus pinea e P. halepensis con folto sottobosco a macchia mediterranea e rappresenta una delle aree boschive costiere più interessanti dell'Albania centrale, tanto da essere stata proclamata Parco Nazionale dal 1966. L?area boschiva si presenta molto strutturata e con una notevole varietà floristica e si caratterizza per la presenza di numerose pozze temporanee, salmastre e di acqua dolce, e di piccoli corsi d?acqua che giungono dalle colline circostanti. Scopo del presente lavoro è quello di illustrare i primi dati sulla comunità di micromammiferi presenti nella foresta di Divijaka rilevati attraverso l'analisi delle borre di Barbagianni (Tyto alba. Nel mese di aprile del 2001 sono state raccolte 18 borre integre più 2 frammenti in un posatoio di Barbagianni presente in un casolare abbandonato all'interno della foresta. L'analisi delle borre ha consentito di determinare 68 prede di cui circa l'84% rappresentato da mammiferi. Sono state identificate 6 specie di micromammiferi, 2 insettivori Crocidura suaveolens (17,6% e Suncus etruscus (4,4%, 3 roditori Mus spicilegus (29,4%, Micromys minutus (13,2% e Apodemus cfr. sylvaticus (5,9% e un gliride Muscardinus avellanarius (13,2%. Le restanti prede erano rappresentate da uccelli (14,7% e insetti (1,5%. I nostri dati confermano che Mus spicilegus è diffuso più di quanto non si pensasse lungo la costa adriatica ed evidenziano l'importanza di tale taxon nel sistema trofico del Barbagianni.

  8. Una piccola collezione di gemme: le gemme con i «segni celesti» di Lorenzo Lotto

    Francesco De Carolis

    2013-01-01

    Lo studio cerca di puntualizzare il significato del possesso da parte di Lorenzo Lotto di pietre con incise le immagini dei segni zodiacali più volte ricordate nel Libro di spese diverse. Seguendo il solco di una tradizione di studi sul Rinascimento in cui il rapporto tra materiale e immagine è determinante ai fini della comprensione dei valori culturali degli oggetti, la collezione dell’artista viene vista all’interno di una dimensione condivisa di immagini, simbologie e destinazioni d’uso....

  9. Una piccola collezione di gemme: le gemme con i «segni celesti» di Lorenzo Lotto

    Francesco De Carolis

    2013-10-01

    Full Text Available Lo studio cerca di puntualizzare il significato del possesso da parte di Lorenzo Lotto di pietre con incise le immagini dei segni zodiacali più volte ricordate nel Libro di spese diverse. Seguendo il solco di una tradizione di studi sul Rinascimento in cui il rapporto tra materiale e immagine è determinante ai fini della comprensione dei valori culturali degli oggetti, la collezione dell’artista viene vista all’interno di una dimensione condivisa di immagini, simbologie e destinazioni d’uso.

  10. Valutazione dell'affidabilità degli operatori per l'identificazione microscopica di peli di mammiferi

    Paolo Ciucci

    2003-10-01

    Full Text Available La quantificazione dei resti indigesti contenuti negli escrementi è tra le tecniche più frequentemente utilizzate per studiare la dieta del lupo, dove il riconoscimento delle specie preda, nel caso dei mammiferi, si basa su caratteristiche microscopiche distintive del pelo. Tale tecnica, è tuttavia soggetta ad errori individuali nonostante l'esperienza dell'operatore e il ricorso a testi o collezioni di riferimento. Congiuntamente ad una mancata standardizzazione delle procedure di preparazione e trattamento del campione, queste fonti di errore possono alterare significativamente i risultati. Nell'ambito di un progetto UE-Life sull'ecologia del Lupo, in tre Parchi Regionali dell'Emilia-Romagna (2001-2004, abbiamo quindi applicato una procedura standardizzata per la selezione, raccolta, preparazione e trattamento dei campioni fecali di lupo ai fini dell'analisi della dieta. A tal fine è stato organizzato un corso di formazione da parte di docenti qualificati per un totale di 150 ore, suddiviso in moduli e articolato in esercitazioni e prove pratiche di autovalutazione. Al corso, e dopo un ulteriore periodo di esercitazioni individuali (ca. 300 ore/operatore, è quindi seguito un esame di identificazione che ha permesso di quantificare l'affidabilità di ciascun operatore. Il test per l'identificazione a livello di specie è stato basato su un campione di 120 peli, la cui specie di origine era ignota ai candidati (blind test, suddivisi tra ungulati selvatici (n=54: Capriolo, Cervo, Daino, Muflone, Cinghiale, ungulati domestici (n=21: bovini, ovini, caprini, equini, canidi (n= 18: lupo, cane, volpe e altre specie (n=27: lepre, marmotta, tasso, martora, faina, puzzola, gatto, scoiattolo, talpa, muridi. Un sottocampione di 65 peli è stato utilizzato per valutare l'affidabilità nel riconoscimento delle classi d'età (< 5 mesi, ≥ 5 mesi per le sole categorie degli ungulati selvatici (n=54 e degli

  11. Strategie di conservazione dei Chirotteri nel Progetto LIFE "I Chirotteri di Onferno"

    Dino Scaravelli

    2003-10-01

    Full Text Available I Progetti LIFE, nati sull?attivazione di azioni di conservazione per le specie e i siti Natura 2000, sono certamente uno dei più innovativi, complessi e funzionali mezzi del settore. Il progetto NAT00IT7216 ?I Chirotteri di Onferno? si propone di allargare l'azione di conservazione e salvaguardia dei Chirotteri operata dalla Riserva, ed in particolare delle specie prioritarie viventi nel SICp di Onferno, conservando e migliorando gli ambienti di foraggiamento di una comunità di Chirotteri di 11 specie che trova rifugio nel sistema ipogeo presente e nelle aree limitrofe. Nella cavità si riproducono Miniopterus schreibersii (oltre 6000 esemplari insieme a circa 600 tra Myotis myotis, Myotis blythii, Rhinolophus hipposideros e R. euryale. Vi svernano e soggiornano inoltre R. ferrumequinum, Pipistrellus kuhlii, Hypsugo savii, Eptesicus serotinus, Myotis nattereri e M. emarginatus. Il progetto si propone di acquisire alcuni terreni posti nel SIC ma attualmente al di fuori nella Riserva per far fronte al progressivo degrado della copertura vegetale interessante habitat prioritari, operando un recupero di siepi di guardia e del cotico erboso con specie autoctone per fermare l'erosione soprattutto dei pascoli aridi, habitat di alimentazione elettivo per Myotis blythii. Queste aree appaiono appartenere o all'essere in transizione verso brometi dell'ordine Festuco-Brometalia con fioriture di orchidee e per il loro controllo è stato avviato un pascolo controllato. I brometi sono inoltre in parte da recuperare per vari fenomeni di degrado biologico e morfologico favorendo il reimpianto di specie locali e l'aumento della diversità floristica. Per le specie particolarmente importanti si è promosso la moltiplicazione ex situ e in vitro. Sono state ricreate le pozze a base dei calanchi che oltre a ricostituire la zona di

  12. Detection system qualification for direct measurement of thyroid internal contamination by radioiodine; Qualificazione di un sistema di rilevazione trasportabile per misure dirette di contaminazione interna di radioiodio

    Tiberi, V.; Battisti, P.; Gualdrini, G. [ENEA, Centro Ricerche Ezio Clementel, Bologna (Italy). Dipt. Ambiente

    1999-07-01

    The work deals with a detection system qualification for direct measurements of thyroid internal contamination by radioiodine. The isotopes {sup 131}I and {sup 125}I are the most frequently used in nuclear medicine. Because of their volatility they are very dangerous for thyroid contamination by inhalation. The system has been projected to be easily and fast used and above all transportable where the control is necessary. These characteristic make it able to realise supervision programs of internal contamination by radioiodine. In fact due the very high control frequencies (each 15 days for {sup 131}I), these programs are usually very expensive and demanding when they are executed in external measurement laboratories. The following steps are described: devices presentation, calculation of energy and efficiency parameters, minimum detectable activity, time system reliability, best operative conditions in the measurements. At the end an application example of the system is reported. [Italian] Il presente lavoro consiste nella qualificazione di un sistema di rivelazione per misure dirette di contaminazione interna da radioiodio in tiroide, progettato per essere maneggevole, di semplice e rapido impiego e trasportabile sul luogo dove e' richiesta la misura. Il sistema e' stato studiato per la realizzazione di programmi di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio che, richiedendo frequenze di controllo elevate (quindicinali per lo {sup 131}I), sono estremamente impegnativi ed onerosi, soprattutto se i controlli vengono effettuati in centri di misura esterni. Dopo la determinazione dei parametri della calibrazione in energia ed efficienza, la minima attivita' rivelabile, l'affidabilita' del sistema nel tempo e le condizioni operative ottimali da adottare in sede di misura, viene verificata la piena affidabilita' del sistema in un programma di sorveglianza della contaminazione interna da radioiodio.

  13. Il distretto come modello intersettoriale di sviluppo del territorio

    Alessia Mariotti

    2011-01-01

    Full Text Available Partendo dalla descrizione del distretto industriale come modello di interpretazione della complessità territoriale, il presente saggio vuole fornire qualche spunto di riflessione sulla valenza scientifica di tale approccio nella sua applicazione ad altri settori dell’economia, rispetto a quelli più propriamente produttivi. La lettura del territorio e più precisamente delle potenzialità di sfruttamento efficiente delle sue risorse al fine di favorirne lo sviluppo, può passare attraverso l’applicazione di alcuni degli aspetti fondamentali del distretto industriale ad aree di interesse che recentemente hanno visto aumentare la loro importanza relativa nelle scelte di politica economica: la cultura ed il turismo. Saranno posti quindi in evidenza i punti di forza e di debolezza di questo modello nelle sue implicazioni territoriali, sociali ed economiche legate a questi due settori trasversali.

  14. Introduzione al laboratorio di fisica misure e teoria delle incertezze

    Ciullo, Giuseppe

    2014-01-01

    Frutto dell'esperienza decennale come supporto per la didattica di laboratori di fisica sia a livello di corsi triennali che di corsi di laurea magistrale, il libro si è concretizzato nella "responsabilità" di tali corsi di laboratorio per fornire un opera di utilizzo dei vari strumenti, che un approccio sperimentale alla fisica richiede. Si parte dalla descrizione delle problematiche delle incertezze in modo operativo e si introducono i concetti fondamentali per l'analisi dei dati e la misura. Invece di una serie dispersiva di testi, con approcci, convenzioni e simbolismi differenti, poco fruibili per l'applicazione diretta ad un laboratorio dei primi anni, il libro fornisce le indicazioni utili per affrontare lo studio dei fenomeni fisici in modo immediato, fornendo anche indicazioni rigorose e giustificazioni teoriche. Lo stimolo teorico-pratico, che uno sperimentale-scienziato deve percepire, non esula dal comprendere problematiche di maggiore approfondimento. L'opera rende fruibili concetti e strumenti...

  15. Comparazione fra polymerase chain reaction e isolamento batteriologico in campioni di latte crudo e mozzarella di bufala prodotta in provincia di Caserta, regione Campania (Italia

    Elisabetta Di Giannatale

    2009-09-01

    Full Text Available Per contribuire all’individuazione di un possibile nesso epidemiologico tra consumo di mozzarella di bufala preparata con latte crudo (non trattato al calore e casi di brucellosi umana, sono stati analizzati, per ricerca di Brucella spp., 80 campioni di latte bufalino crudo e 315 campioni di mozzarella. Gli alimenti esaminati sono stati prelevati in caseifici della provincia di Caserta dove è presente la più alta concentrazione di allevamenti bufalini sierologicamente positivi alla brucellosi in Campania, regione che, nel periodo 2000-2005, ha registrato il 96,02% dei casi di brucellosi umana notificati in Italia. Al fine de valutare possibili variazioni stagionali, i campioni sono stati acquistati in 72 rivendite associate a caseifici nel periodo febbraio 2006-marzo 2007. La ricerca di Brucella spp. è stata effettuata utilizzando polymerase chain reaction (PCR ed eseguendo contemporaneamente l’isolamento microbiologico. I campioni esaminati sono risultati negativi alla ricerca di Brucella con entrambi i metodi utilizzati. Sono stati, inoltre, definiti i parametri di sensibilità, specificità, ripetibilità, riproducibilità e il limite di rilevazione del metodo molecolare, esaminando campioni artificialmente contaminati, sia con metodo PCR sia con isolamento microbiologico classico. Il limite di rilevazione è risultato inferiore a 1 UFC/g, ripetibiltà e riproducibilità sono stati pari a 100% (p=0,95, sensibilità a 96,7% (p=0,95 e specificità a 100% (p=0,95.

  16. Inventare l’altro. Forme di pseudo-traduzione nella scrittura di Salvatore Di Giacomo e Luigi Capuana.

    Valentina Fulginiti

    2014-05-01

    Full Text Available Being an extreme case of fictitious representation of linguistic otherness, pseudo-translation challenges the idea of a fatal and exclusive link between language and national ethos, a fundamental notion in the Nineteenth-century linguistic and literary culture. The present article compares two emblematic cases of pseudo-translation in post-Unification Italian culture: Luigi Capuana’s hoax Un poeta danese (published in 1882 and the earliest short stories published by Salvatore di Giacomo in 1878, mistakenly considered a plagiarizing translation from an uncredited German original. Their use of pseudo-translation is marked by opposite goals of parody and stylistic imitation; however, both authors challenge the fundamental assumption underlying the notion of «ethnicity of language». Pseudo-translation thus becomes a space of linguistic elaboration, complementary to the author’s direct involvement in translating major European works into Italian (such as Ibsen’s masterpiece A House of Dolls, which Capuana translated in 1891, and Edmond de Goncourt’s novel Sœur Philomèle, which Di Giacomo translated in 1892. Translation thus provides a free space for authors to experiment with new expressive solutions and challenge commonplaces about language and identity: such reflection on the limits of language and nations represent a direct contribution to the linguistic unification of Italy. Caso estremo di rappresentazione fittizia del- l’alterità linguistica, la pseudo-traduzione chiama in causa l’idea del legame unico e “fatale” fra lingua e nazione – concetto fondamentale nella cultura linguistica del XIX secolo. L’articolo mette a confronto due casi emblematici di pseudo-traduzione nella cultura meridionale post-unitaria: la beffa letteraria di Luigi Capuana Un poeta danese (1882 e le ‘tedescherie’ di Salvatore di Giacomo, gruppo di novelle pubblicate nel 1878 che molti considerarono (a torto un plagio da ignoto autore tedesco

  17. Comparison between barn owl pellet and fox scat analysis in small mammal survey / Analisi di borre di barbagianni e di feci di volpe: confronto tra due metodologie per il rilevamento di piccoli mammiferi

    Paolo Agnelli

    1993-06-01

    Full Text Available Abstract In the course of a small mammal survey 100 barn owl (Tyto alba Scop. pellets and 50 fox (Vulpes vulpes L. scats were collected at "Villa Demidoff Park" (Florence, Italy during six weekly samp1ings in the spring. Scat and pellet analyses were compared in order to point out advantages and disadvantages of these techniques as a tool in small mammal surveys. Riassunto In uno studio sul popolamento di piccoli mammiferi nel "Parco di Villa Demidoff" (Firenze, Italia realizzato durante il periodo primaverile, sono state analizzate 100 borre di barbagianni (Tyto alba Scop. e 50 feci di volpe (Vulpes vulpes L., raccolte nel corso di sei campionamenti a frequenza settimanale. Queste due metodologie sono state messe a confronto evidenziandone applicabilità e funzionalità come strumento di indagine per il rilevamento di piccoli mammiferi.

  18. Rischi connessi al consumo di OGM: un modello animale

    M. Orsini

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: materie prime e derivati da organismi geneticamente modificati (OGM sono autorizzati e regolamentati sia per il consumo umano, che per quello animale. Sono stati svolti da alcuni autori lavori che evidenziano la permeabilità della barriera intestinale di mammiferi a molecole di DNA di dimensioni superiori ad 1 kB. Tali molecole (non necessariamente provenienti da OGM una volta attraversata la barriera rimangono nei tessuti, fino alla loro completa degradazione. Non ci sono comunque prove di funzionalità del DNA ingerito e recuperato nei tessuti. Lo scopo è stato quello di valutare la presenza di DNA, in tessuti di pesci di allevamento, nutriti con mangimi a base di soia.

    Metodi: campioni di mangime ed esemplari di pesci sono stati raccolti in alcuni allevamenti del centro Italia. Il contenuto di soia OGM nei mangimi è stato quantificato mediante real time PCR. Frammenti di vari organi sono stati prelevati dagli esemplari e sottoposti ad estrazione di DNA. La presenza di frammenti di geni vegetali e transgeni è stata valutata mediante specifiche reazioni di PCR.

    Risultati: il 90% dei mangimi raccolti è risultato OGM positivo in misura variabile tra lo 0.5% ed il 60%. Sono stati analizzati 75 pesci (spigole e orate provenienti da 5 allevamenti. Non è stata riscontrata presenza di DNA esogeno nei tessuti analizzati tranne deboli segnali positivi nel tessuto intestinale. Questo dato è presumibilmente da imputare alle difficoltà di ottenere preparazioni di DNA intestinale prive di contaminazione alimentare.

    Conclusioni: i risultati ottenuti non rilevano attraversamento della parete intestinale da parte del DNA ingerito. Le motivazioni del disaccordo con i dati di letteratura possono essere ricercate nella scelta del modello ittico, distante dai mammiferi sia in termini filogenetici quanto in modalità alimentari. Il destino del DNA ingerito

  19. Incidenza di meningiti nell'ASL di Brescia nei primi mesi del 2003

    M. Magoni

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: nell’ASLdi Brescia durante i mesi di gennaiomaggio 2003 si è verificato un consistente aumento di casi di meningite che ha allarmato oltre agli operatori sanitari anche l’opinione pubblica locale.

    Metodi: i dati riguardanti i casi di meningite verificatisi dal gennaio 1999 al maggio 2003 sono stati raccolti dal Servizio Igiene Pubblica dell’ASLdi Brescia.

    Tenuto conto della omogeneità dei dati nel quadriennio 1999- 2002 e della stagionalità che le meningiti possono avere, sono stati calcolati i tassi di incidenza per i primi cinque mesi dell’anno per tutte le meningiti in generale e per agente eziologico, durante il quadriennio 1999-2002. Tali tassi sono stati confrontati con i tassi corrispondenti nei primi mesi del 2003.

    Risultati: nel primi 5 mesi del 2003 si sono registrati in tutto 48 casi, di cui 9 da meningocco, 13 da pneumococco, 14 virali, 3 da altri agenti batterici e 8 senza agente microbico identificato. Nei 4 anni precedenti erano stati notificati 66 casi di meningite nei primi 5 mesi dell’anno, con una media annua di 16.5. Il tasso di incidenza di meningite in gennaio-maggio è stato quindi il triplo nel 2003 (rischio relativo = 2.9 rispetto ai 4 anni precedenti (p=0.0001. L’eccesso di incidenza si è riscontrato per tutti i tipi di meningite considerati in base all’agente eziologico.

    L’analisi per diverse età ha mostrato un aumento di incidenza sia nei bambini che nei giovani adulti e negli anziani. Non si è riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa tra l’incidenza nel comune di Brescia (area urbana rispetto all’intera ASL nel periodo in studio.

    Conclusioni: l’aumento di incidenza per meningiti
    osservato nel 2003 non sembra spiegabile in termini di variabilità casuale del fenomeno da un anno all’altro e riguarda tutti i tipi di meningite e tutte le categorie d

  20. Cosa intendo per "Disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione"

    Valerio Tozzi

    2014-04-01

    Full Text Available Il contributo, non sottoposto a valutazione, riproduce il testo dell'Intervento alla Tavola rotonda sul tema "Per una disciplina democratica della libertà di pensiero e di religione: metodi e contenuti", svoltasi all'Università del Molise (Campobasso, 11 ottobre 2013, per iniziativa del Dipartimento giuridico.SOMMARIO: 1 – Esigenza di nuova lettura del “progetto costituzionale” in materia di diritti di libertà di pensiero e di religione – 2. Gli articoli 8 e 7 della Costituzione, disciplinando il fenomeno delle confessioni religiose, sono un sotto-sistema nel Progetto generale di disciplina dei fenomeni religiosi – 3. Il ri-pensamento del Progetto costituzionale nella nostra materia postula l’emanazione di una legge di sua attuazione qui e oggi, alla luce dell’evoluzione dei tempi e della formulazione aperta dei principi costituzionali – 4. Anche i contenuti della disciplina contrattata fra confessioni religiose e Stato devono rientrare nei margini della “legalità costituzionale” – 5. Garanzie minime per le organizzazioni delle collettività religiose e di pensiero. La legge generale auspicata deve eliminare ogni forma di discrezionalità politica nella tutela delle forme organizzate della religiosità – 6. Il ri-pensamento che proponiamo dovrà anche riguardare il rapporto che deve intercorrere fra tutela delle libertà di tutte le forme associative filosofiche o della religiosità e la tutela delle libertà individuali, ripensando anche il rilievo giuridico civile dell’appartenenza soggettiva all'organizzazione della collettività – 7. Il metodo democratico richiede una rivisitazione di molte delle principali discipline di merito vigenti nella ns. materia, da operarsi ove possibile, operando con modalità consentite al legislatore ordinario, che non inciampino nella incostituzionalità per violazione delle norme di derivazione pattizia, ma fungendo anche da parametro della corretta applicazione del "progetto

  1. PENERAPAN KESEHATAN DAN KESELAMATAN KERJA DI PUSKESMAS DI TIGA PROVINSI DI INDONESIA

    Lusianawaty Tana

    2013-11-01

    Full Text Available Abstract Active pulmonary Tuberculosis (TB cases and drug resistance Myco-baterium tuberculosis strain increase the risk of health workers who contact to TB patients. Primary Health Care (PHC workers in Indonesia have the risk to be exposed to M. tuberculosis in workplace. This study aimed to evaluate the implementation of occupational health and safety concerning prevention of M. tuberculosis transmission in PHC and the obstacles. It was a cross sectional study in 50 microscopic referral PHCs (PRM and PHCs with capability in microscopic examination (PPM in Banten Province, Gorontalo Province, and South Kalimantan Province. Data collection was conducted in 2012 through interview and observation to obtain data on PHC characteristic, occupational health and safety implementation, the completeness of guidelines, and facilities. Occupational health and safety implementation on pulmonary TB prevention in PHCs had not fulfilled all the WHO M. tuberculosis transmission prevention guideline yet. Training on TB prevention for the PHC workers had been conducted. Only 58 % of PHCs implemented the program and 56 % had regular health check-up and TB screening activities. Health promotion equipments and facilities for occupational health and safety were still lacking in 26 % of PHCs. Personal Protection Equipments (PPE such as gloves and disposable maskers were available in almost all PHCs (98 % and 96 %. General facilities and laboratory facilities were still lacking in 68 % and 40 % of PHCs (n=50, respectively. Conclusions : Occupational health and safety implementation in PRM/PPM need to be improved by completing the facilities of PHC, laboratory, and health promotion. Key words : Primary health care, occupational health and safety   AbstrakMunculnya kasus TB paru aktif dan kedaruratan strain TB resisten obat, meningkatkan risiko bagi pekerja yang kontak dengan penderita TB. Pekerja puskesmas di Indonesia mempunyai risiko terpajan kuman TB dari lingkungan

  2. Sviluppo di un nuovo trigger con identificazione di quark-b per il canale Z($\

    Donato, Silvio

    La ricerca del decadimento del bosone di Higgs H -> b b è uno dei canali più importanti per verificare se la particella di massa 125 GeV circa, recentemente scoperto da ATLAS e CMS, corrisponde effettivamente al bosone di Higgs previsto dal Modello Standard. Questo decadimento, insieme a H -> tau tau, è fondamentale per misurare l'accoppiamento del bosone con i fermioni. Il fondo di QCD rende poco sensibile l'osservazione di questo decadimento nella produzione diretta del bosone di Higgs. Per questo motivo il decadimento H -> b b viene ricercato quando l'Higgs è prodotto in associazione con i bosoni vettore W/Z, attraverso il cosiddetto processo di ``Higgs-strahlung''. Il decadimento leptonico dei bosoni vettore ad alto pT permette di ridurre il fondo di QCD e di realizzare trigger per osservare il canale. In questa tesi è stato realizzato un trigger per osservare il canale H + Z -> b b + nu nu nella regione a bassa EtMiss (fino a 80 GeV) con l'esperimento CMS. Per avere il trigger con un rate accettabi...

  3. STUDIARE IN ITALIANO: ELABORAZIONE DI ESERCIZI SU TESTI UNIVERSITARI DI GEOGRAFIA

    Thomas Gilardi

    2010-09-01

    Full Text Available Nella prospettiva indicata dal CLIL (Content and Language Integrated Learning l'articolo presenta un modello di unità didattica in cui si collocano esercizi per lo sviluppo della capacità di lettura per l'apprendimento disciplinare destinati a studenti universitari stranieri con l'obiettivo di sviluppare un livello di competenza linguistico-comunicativa corrispondente ai livelli B1 e B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue. Gli esercizi proposti sono finalizzati alla comprensione di testi, tratti da manuali di geografia, di cui viene indicato il livello di difficoltà in base all'indice di difficoltà Gulpease.   Following the CLIL (Content and Language Integrated Learning guidlines, this article presents a model for a didactic unit which includes reading skills exercises in a specific field of study for foreign university students.  The aim for the students was to reach a B1 linguistic and a B2 comunicative language level according to the Common European Framework of Reference for Languages. The  reading comprehension exercises utilize texts from Geography textbooks, which are marked with the level of difficulty based on the Gulpease difficulty index.

  4. Search for Heavy Neutrinos in di-lepton and di-jet events

    Alunni Solestizi, Luisa

    2015-01-01

    The di-lepton and di-jet final state is sensitive to many theoretical modelsbeyond the Standard Model, including scalar and vector leptoquarks of thethree generations and heavy Majorana neutrinos, arising from the seesawmechanism, also in the context of a LR-symmetry extension or in a compo-siteness scenario.The most recent CMS results have shown a signicant excess in the di-electron and di-jet channel, in two indipendent analysis one is a search forheavy neutrinos, deriving from the LR-symmetry extension and the otherlooks for a pair-production of first generation scalar leptoquarks, both per-formed at 8 TeV. No excess has been observed in the di-muon and di-jetchannel; while the di-tau and di-jet signature has not yet been explored forthe heavy neutrinos specific search, but only for the leptoquarks, with a b ort jet tagging.A benchmark process with a same flavour di-lepton plus di-jet signature, inthe frame of composite neutrinos and contact interactions, is taken into con-sideration to clarify the nature...

  5. Rischio di Violenza e Pericolosità Sociale: quali influenze? Applicazione delle Scale HCR-20 e PCL-R ad un campione di internati presso gli OPG di Italia

    POMILLA, ANTONELLA

    2012-01-01

    Il lavoro di ricerca ha voluto offrire un contributo in merito alla disamina del nesso di causalità esistente tra la patologia di mente e l’acting di comportamenti aggressivo-violenti e/o criminosi. Primo obiettivo di ricerca era il tentativo di comprendere se sia oggi risolta, ed in che modo, l’annosa diatriba sulla liceità di associare alla malattia mentale la presenza di un potenziale di rischio per l’adozione di condotte violente e/o criminose. Nello specifico, era in intento di annove...

  6. Margherita Maria Di Nino, I Fiori campestri di Posidippo. Ricerche sulla lingua e lo stile di Posidippo di Pella

    Yannick Durbec

    2012-07-01

    Full Text Available L’édition du papyrus P. Mil. Vogl. VIII 309 par Guido Bastianini et Claudio Gallazzi fut pour les spécialistes de l’Antiquité un événement majeur. Les centaines de publications qui s’ensuivirent ont ouvert de multiples pistes de réflexion, préparant la voie pour des travaux de synthèse. Le présent ouvrage de Margherita Maria Di Nino, qui est le fruit de la réélaboration de sa thèse soutenue à l’université de Bologne, est plus que cela. En effet, ce volume o...

  7. Formia. Spiaggia di Mola. Fontanus

    Lacam, Jean-Claude

    2016-01-01

    Un autel (haut de 1,06 m et large de 0,53 m) portant une inscription mentionnant Fontanus fut découvert par P. Mattej en 1840 enchâssé dans le mur intérieur d’un puits, à quelques dizaines de centimètres de l’ouverture, dans une boutique proche de la porta dell’Orologio, à la Spiaggia di Mola. Sources épigraphiques CIL X, 6071 ; Pestalozza 1922, 185. L(ucius) Fufius L(ucii) l(ibertus)Alexsandermagisster (sic)quinqueannalis (sic) interrexs Fontano de sua pecuniaara posit lib(ens) m(erito) co...

  8. Keberadaan Orang Melayu di Sulawesi Selatan Pada Peringkat Awal

    Hadrawi, Muhlis

    2008-01-01

    Keberadaan pelbagai kelompok orang Melayu di beberapa kepulauan Nusantara, tak terkecuali kehadiran orang Melayu di Sulawesi Selatan, dapat dijelaskan sebagai fenomena penghijraan. Manuskript attoriolong (kronik) Bugis mengungkapkan keberadaan orang Melayu di Sulawesi Selatan semenjak era pra-Islam sebagai gejala penghijraan disamping aktiviti perdagangan dan misi penyebaran agama Islam. Kajian ini mengungkapkan keberadaan orang Melayu di Sulawesi Selatan pada peringkat awal pada akhir abad ...

  9. Luoghi e utopia: la risposta territoriale di Marinaleda

    Isotta Mac Fadden

    2012-12-01

    Full Text Available Il caso del comune sivigliano di Marinaleda - che qui descriveremo brevemente - è un esempio atipico di risposta alle contraddizioni sistemiche e individuali all’interno del contesto europeo, in cui il superamento della drammatica situazione del post-franchismo spagnolo è avvenuta sulla base della fede in un sogno, un’Utopia socialmente costruita e collettivamente condivisa. L’esempio di questo piccolo comune dimostra, inoltre, come attraverso processi di rielaborazione collettiva positiva degli elementi socio-identitari territoriali, sia possibile la costruzione di luoghi in cui il territorio con le proprie specificità, diviene una risorsa per superare la crisi attuale. All’ingresso dell’Humoso - ex feudo, attuale cooperativa, simbolo degli anni di lotta e sacrifici che hanno segnato la storia della comunità di Marinaleda – troviamo da un lato la frase “Terra Utopia” e dall’altro “Este cortijo es para los joranaleros en paro de Marinaleda” (“Questo feudo è per i braccianti disoccupati di Marinaleda”. Da un lato un sogno, un’Utopia, dall’altro un obiettivo: sullo sfondo la realizzazione di entrambi. A muovere le scelte di politica collettiva del comune andaluso sembra essere il tentativo di realizzare una democrazia reale: da un punto di vista politico attraverso un sistema di bilancio partecipativo ed assembleare, dal punto di vista economico attraverso il cooperativismo e da un punto di vista sociale tramite la garanzia di diritti come la casa e la piena occupazione.

  10. Water quality and MTBE water pollution; Evidenze di presenza di MTBE sulle acque sotterranee di aree a rischio

    Buiatti, M.; Mascini, M.; Monanni, R. [Florence Univ., Florence (Italy). Centro Interdipartimentale Biotecnologie Agrarie Chimiche Industriali; Agati, L.; Bartoli, C.; Bolletti, P.; Cortonesi, B.; Martinelli, L. [Agenzia Regionale per la Protezione dell' Ambiente della Toscana, Florence (Italy); Filipponi, M.; Piangoloni, A. [Nuove Acque SpA,, Arezzo (Italy); Mancini, G. [Autorita' di ambito territoriale ottimale n.4, Arezzo (Italy)

    2001-11-01

    The research project, here presented, was defined with the aim of evaluating the eventual presence of MTBE and the possible relative impact in water destined to human use; the territorial valence of the project was extended to the competence region n. 4 of the Tuscany water authority (AATO n. 4). University of Florence, ARPAT, AATO n. 4 and Nuove Acque SpA, in this role of manager for the integrated water cycle in the country, have productively contributed to the project. [Italian] La Nuove Acque SpA, soggetto gestore del ciclo idrico integrato, l'Universita' degli Studi di Firenze, l'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale e l'Autorita' di Ambito Territoriale hanno realizzato un progetto di verifica e messa a punto delle metodologie analitiche per il monitoraggio delle eventuali presenze di MTBE nelle acque, con particolare riferimento agli acquiferi sotterranei.

  11. Lorenzo Magalotti (1637-1712: rassegna di studi e nuove prospettive di ricerca

    Stefano Miniati

    2011-09-01

    Full Text Available Nonostante venga riconosciuta a Lorenzo Magalotti una non trascurabile statura nel contesto culturale seicentesco italiano ed europeo, la sua figura ha ricevuto, nel corso del Novecento, interpretazioni decisamente contrastanti. La valutazione della sua opera è oscillata, in qualità di segretario del Cimento ed estensore dei Saggi di naturali esperienze, tra gli estremi dello sperimentalismo galileiano e quelli, veicolati dai suoi scritti sull’«odorismo», di una poesia raffinata e «decadente» nutrita dalla «svogliatura del secolo». In generale, tuttavia, si è cercato di imbrigliarne il percorso biografico e intellettuale negli schemi interpretativi del barocco italiano da cui, a dire il vero, egli sembra distaccarsi in punti rilevanti. In questo saggio si sintetizzano le principali linee interpretative lungo le quali si è mossa la critica magalottiana nel corso del XXI secolo, presentando in conclusione alcune prospettive di ricerca basate sulla grande quantità di materiale autografo tuttora inedito.

  12. Le soluzioni di logistica urbana sono sostenibili? L'esempio di Cityporto

    Jesus Gonzalez-Feliu

    2010-07-01

    Full Text Available La logistica urbana è un campo di riflessione volto ad approfondire le soluzioni ottimali per la distribuzione delle merci in ambito urbano e i relativi obiettivi ambientali. Ad oggi, molte azioni sono state intraprese dalle pubbliche autorità senza tenere conto, tuttavia, degli impatti che i nuovi schemi organizzativi possono avere sull’ attuale organizzazione delle imprese. Il contributo incentra la riflessione sul caso studio relativo alla città di Padova, in Italia: il sistema di logistica urbana CityPorto. In particolare, se ne analizzano le caratteristiche dal punto di vista della sostenibilità del sistema proposto, sia in riferimento alla dimensione imprenditoriale che a quella collettiva, mettendo in relazione le peculiarità della logistica urbana e le più estese catene distributive, di scala globale, di cui le prime sono parte integrante.

  13. Autopubblicazione e pubblicazione coordinata di testi storici in formato digitale

    Delle Donne, Roberto

    2004-01-01

    L'articolo presenta due diverse esperienze di pubblicazione di testi scientifici in formato digitale: Reti medievali (www.retimedievali.it), un’iniziativa online nata nel 1998 per volontà di un gruppo di docenti delle università di Firenze, Napoli, Palermo, Venezia e Trento, ed ora ulteriormente allargata a colleghi di altri atenei italiani ed europei; ClioPress (www.cliopress.it), un progetto di editoria digitale per la didattica e la ricerca storica realizzato nell’ambito del Dipartimento d...

  14. Il globo del Rinascimento un geode di quarzo

    Francesca Salvemini

    2005-10-01

    Full Text Available Nella complessità iconologica letteraria della fonte ovidiana di Poliziano, l’età dell’oro suddivisa nelle quattro pareti di un carro, singole insegne di campioni di famiglie signorili nel torneo fiorentino del 1475, la ‘Carrée’ a cielo aperto dagli antichi ‘Carpenta’, o Cosmogonia al tiro di cavalli di misterici sogni pompeiani, il cubo lo spazio della Stanza petrarchesca o ‘Quadro’ con il sipario delle sue tele di Vulcano sopra Prometeo.

  15. STUDI SUL RUOLO DELL'INIBITORE CITOSOLICO DI RIBONUCLEASI

    Moscato, Marco

    2009-01-01

    L’Inibitore citosolico di Ribonucleasi (cRI) è una proteina ubiquitaria, evolutivamente conservata, di circa 50 kDa; una peculiare caratteristica di questa proteina è l’alto contenuto di cisteine. cRI è un potente scavenger di ROS in vitro; l’ossidazione dei tioli provoca la formazione di ponti disolfurici intra-molecolari con un meccanismo del tipo tutto-o-nulla, innescato dall’ossidazione di residui cisteinici adiacenti altamente reattivi. È stato dimostrato che lo stress ossidativo determi...

  16. Ipotesi progettuale di rigenerazione urbana: il caso di studio dell’ex Caserma Monti già Convento di S. Maria della Ripa nella città di Forlì

    Alessandro Castagnoli

    2011-12-01

    Full Text Available Un’ampia area dismessa nel centro della città storica, è stata considerata l’opportunità strategica per valorizzare e rigenerare anche interi brani di tessuto urbano circostante con l’obiettivo di riammagliare gli sfrangiamenti materiali e immateriali nel complesso rapporto fra passato, presente e futuro.Questo caso di studio ha consentito di approfondire un approccio meta progettuale più generale, puntando sulla ricerca di una metodologia appropriata rispetto alla progettazione dello spazio architettonico in quanto tale, con l’obiettivo di sviluppare ragionamenti di compatibilità nell’ambito della vasta tematica del riuso urbano ed edilizio.

  17. Il Test di Rorschach nei Disturbi del Comportamento Alimentare

    Ricciardi Lo Schiavo, Fabiana

    2010-01-01

    Autrice:dott.ssa F. Ricciardi Lo Schiavo, psicologa-psicodiagnosta. Durante il periodo di dottorato presso l'Università Federico II di Napoli ho svolto l'attività di dottorato presso il dipartimento di Psichiatria e di Medicina Sperimentale con il dott. Bellini, con il dott. Di Pietro e con il professor Contaldo. Ho svolto la ricerca dal TITOLO “Il test di Rorschach nella diagnostica dei Disturbi del Comportamento Alimentare”. MEZZI E METODI: Il metodo utilizzato è quello della t...

  18. Il mito di Elisabetta d'Austria (Sissi) come fenomeno cine-turistico e fonte di itinerari culturali nella città di Vienna

    Alessandro Vitale

    2016-01-01

    Lo scopo di questo studio è quello di mettere in luce il potenziale del cinema quale strumento di sviluppo e di orientamento del turismo in un periodo altamente concorrenziale. Il caso-studio dell’utilizzo dilla figura mitica e cine-costruita e della relativa narrativa di Elisabetta d’Austria (1837-1898) divenuta “Sissi” dopo la Trilogia di Ernst Marischka, girata fra il 1955-1958, molto lontana dalla realtà storica, è significativo e rappresentativo. Il successo dei film dedicati a Sissi, se...

  19. ESTRATTI AD ELEVATO CONTENUTO DI ANTIOSSIDANTI OTTENUTI DA RESIDUI DELLA VINIFICAZIONE: ESTRAZIONE CON SOLVENTE e MIGLIORAMENTO DEL PROCESSO DI ESTRAZIONE ATTRAVERSO L'APPLICAZIONE DI TENSIOATTIVI

    Bosi, Matteo

    2015-01-01

    La tesi di dottorato è stata sviluppata all'interno del progetto nazionale Valorvitis ed è suddivisa in due parti. La prima riguarda la caratterizzazione chimica di sei estratti di vinacce d’uva ottenute diverse varietà di uva: tre a bacca rossa( Pinot Noir, Barbera e Nebbiolo) e tre a bacca bianca (Moscato, Muller Thurgau e Chardonnay). Ogni estratto è stato caratterizzato per contenuto e composizione in composti fenolici. La seconda attività consiste nello studio di un metodo alternativo di...

  20. Il primo anno di applicazione del Patto di stabilità interno: una valutazione

    Fabrizio Balassone (editor); Stefania Zotteri; Daniele Franco

    2001-01-01

    Il primo anno di applicazione del Patto di stabilità interno: una valutazione (di Fabrizio Balassone, Daniele Franco e Stefania Zotteri) - ABSTRACT: A Domestic Stability Pact has been introduced in Italy with the budget law for the year 1999. The Pact aims at involving Regions and other local authorities in the effort to attain the objectives set for the budget of general government under the European Stability and Growth Pact. However, certain features of the Domestic Pact appear ill-suite...

  1. Interventi di ingegneria genetica per aumentare la produzione di metaboliti vegetali con attività biocida

    Pecchia, Paola

    2008-01-01

    Nelle piante sono presenti numerosi metaboliti con attività biocida tra cui le saponine triterpenoidiche, implicate nei meccanismi di difesa della pianta. La loro attività biologica, principalmente legata all’interazione con le membrane cellulari, si manifesta inibendo la crescita di funghi, batteri, insetti e nematodi. Tre nuove saponine triterpenoidiche, Astersedifolioside A, B, C, identificate nella specie Aster sedifolius, mostrano un’inibizione della crescita di funghi fitopatogeni tellu...

  2. Lorenzo Magalotti (1637-1712): rassegna di studi e nuove prospettive di ricerca

    Stefano Miniati

    2011-01-01

    Nonostante venga riconosciuta a Lorenzo Magalotti una non trascurabile statura nel contesto culturale seicentesco italiano ed europeo, la sua figura ha ricevuto, nel corso del Novecento, interpretazioni decisamente contrastanti. La valutazione della sua opera è oscillata, in qualità di segretario del Cimento ed estensore dei Saggi di naturali esperienze, tra gli estremi dello sperimentalismo galileiano e quelli, veicolati dai suoi scritti sull’«odorismo», di un...

  3. Produzione e controllo di efficacia di un vaccino vivo attenuato per l'ectima contagioso ovino

    Attilio Pini

    2008-09-01

    Full Text Available L’agente eziologico responsabile dell’ectima contagioso è il virus Orf, appartenente alla famiglia Poxviridae, genere Parapoxvirus. Negli allevamenti colpiti la morbilità raggiunge il 100 % mentre la mortalità è compresa tra l’1 e il 10 %. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise ‘G. Caporale’ (IZS A&M ha prodotto, secondo Farmacopea Europea, un vaccino vivo attenuato contro l’ectima contagioso degli ovini. Il ceppo di campo utilizzato è stato attenuato mediante passaggi seriali su fibroblasti primari di embrioni di pollo e quindi liofilizzato a rappresentare la master seed dalla quale è stato allestito il vaccino. L’innocuità del vaccino è stata valutata, su 20 agnelli di età compresa tra 10 e 15 giorni e 20 pecore gestanti nel secondo periodo di gravidanza, per somministrazione di dose unica, 10 dosi e due dosi ripetute a distanza di una settimana l’una dall’altra, ogni singola dose pari ad 1 ml, somministrata per via intramuscolare, aveva titolo di 104,5TCID50. L’immunogenicità è stata valutata su 10 pecore 10 agnelli inoculati con la dose vaccinale e un gruppo di 5 agnelli e 5 pecore come controllo. Gli animali inoculati sono stati monitorati sierologicamente mediante ELISA indiretta. Al 30° giorno dalla vaccinazione gli animali sono stati sottoposti a challenge mediante inoculazione per via intradermica nella regione labiale di un ceppo di campo di ectima. Tutti gli animali vaccinati non hanno mostrato segni clinici a differenza dei controlli che hanno manifestato i segni clinici dell'ectima contagioso. Ad ulteriore conferma dell’efficacia del vaccino è stata condotta una sperimentazione in campo su quattro allevamenti con malattia in atto. Lo studio dell’evoluzione delle lesioni cliniche da ectima contagioso nei soggetti vaccinati ha evidenziato una rapida remissione della sintomatologia clinica.

  4. Hubungan Faktor Fisik Di Kapal Dan Di Pelabuhan Tembilahan Dengan Keberadaan Tikus

    M. Hidayatsyah

    2012-01-01

    Keberadaan tikus di kapal dan di pelabuhan harus diwaspadai, karena tikus banyak menimbulkan masalah. Salah satu habitat tikus yaitu di kapal dan dipelabuhan, terutama pada kondisi kapal dan pelabuhan yang buruk . Dari kondisi sanitasi kapal dan pelabuhan yang buruk menjadikan permasalahan keadaan sanitasi yang harus segera ditangani. Dengan kondisi kapal dan pelabuhan yang baik diharapkan tidak akan terjadi investasi tikus. Tujuan penelitian ini ingin mengetahui hubungan antara faktor fis...

  5. Il controllo epigenetico di geni oncosoppressori nelle cellule staminali neuronali normali e di medulloblastoma

    Begalli, Federica

    2013-01-01

    Le cellule staminali cerebellari normali fanno parte della grande famiglia delle cellule staminali somatiche, deputate a sostituire le cellule che muoiono per omeostasi fisiologica del tessuto o per un danno. Tali cellule mantengono alcune delle caratteristiche versatili delle cellule staminali embrionali. In particolare sono dotate della capacità di auto-rinnovamento indefinito e di multipotenza, difatti sono in grado di differenziare in più linee cellulari. Le cellule staminali neuronali ...

  6. RIVESTIMENTI TERMOSPRUZZATI PER LA PROTEZIONE DALL’OSSIDAZIONE AD ALTA TEMPERATURA DI PALETTE DI TURBINA

    Pulci, Giovanni

    2013-01-01

    I rivestimenti utilizzati per la realizzazione delle palette di turbine a gas sono dei sistemi multilayer composti da uno strato più esterno in materiale ceramico (top coat) e da uno strato intermedio in lega metallica (bond coat) finalizzati, rispettivamente, alla protezione del componente dalle elevate temperature di esercizio e dall’ossidazione. Il ceramico inoltre protegge la paletta da fenomeni di erosione superficiale. Il presente elaborato è finalizzato allo studio del comportamento...

  7. Studi di genomica comparativa e caratterizzazione biochimica di enzimi coinvolti nel catabolismo delle purine.

    Puggioni, Vincenzo

    2013-01-01

    La degradazione delle purine è una via metabolica presente in tutti gli organismi viventi. Il pathway presenta una variabilità di enzimi e intermedi. Questa caratteristica in parte è causata dall'evoluzione convergente di alcuni enzimi. Infatti, è frequente trovare all'interno del pathway enzimi che non presentano alcuna omologia tra loro, ma risultano implicati nella catalisi della stessa reazione. I composti purinici contengono quattro atomi di azoto. In base alle esigenze metabolich...

  8. Gli usi sociali e politici dell’arte contemporanea fra pratiche di partecipazione e di resistenza

    Ivan Bargna

    2013-10-01

    Full Text Available Se la produzione, circolazione e fruizione di immagini e oggetti esteticamente elaborati ha sempre giocato, sia pur in maniera e misura diversa a seconda dei tempi e dei luoghi, un ruolo importante nella creazione e disarticolazione dei legami sociali, oggi tutto ciò avviene secondo modalità peculiari e inedite che riconfigurano quello che è il campo di studi di un’antropologia estetica e dell’arte.

  9. Obbligo di sicurezza del prestatore di lavoro ed effettività della tutela antinfortunistica

    Alessia Gabriele

    2012-01-01

    Full Text Available Il saggio affronta il tema della sicurezza e della salute dei lavoratori quale diritto fondamentale. Dopo l'analisi del panoram­a normativo internazionale e comunitario, l'A. si sofferma sulla posi­zione di garanzia assegnata al prestatore di lavoro subordinato nell'ordinamento interno, con particolare attenzione ai diritti di for­mazione e di informazione intimamente connessi al correlati­vo obbli­go di sicurezza del prestatore di lavoro. Le conclusioni cui giunge una parte della giurisprudenza in merito all'irrilevanza del concorso di colpa del lavoratore sono condivise dall'A., la quale però puntualizza come l'esercizio del potere disciplinare diventi la chiave di volta del sistema per garantire l'effettività della sicurezza nei luoghi di lavoro.The essay addresses safety and health of workers as funda­mental social rigths. The foreword analyses of international and EU regulatory scene, the A. focuses on the worker's guarantee posi­tion in the internal law, especially on training and in­formation rights, which are connected with the worker's safety duty strictly. The A. agree with lot of cases law ac­cording to negligence of employee no matter on it. However, the paper points out that exercise of disciplinary power be­comes the key to ensure the safety effectiveness in the workplace.

  10. Aspergillus flavus: controllo della biosintesi di aflatossina e strategie di biocompetizione

    Degola, Francesca

    2013-01-01

    L'aflatossina B1 è considerata una delle micotossine più pericolose per la salute dell'uomo e degli animali. La contaminazione di alimenti e mangimi che può verificarsi, a seguito dell’infezione fungina, in ogni fase del loro processo di trasformazione (dal campo alla tavola) è causa di gravi perdite economiche. Una delle strategie che attualmente è considerata tra le più promettenti nel contenere il "rischio aflatossine" consiste nell’uso della bio-competizione quale mezzo di prevenzione del...

  11. Utilizzo di laser scanner e camera digitale aviotrasportati nella progettazione di impianti fotovoltaici

    Nicola Santomauro

    2012-04-01

    Full Text Available La normativa nazionale nel perseguire le direttive impartite dalla CEE in materia di energia, hai ncentivato fin dal 2007 lo sviluppo delle energie rinnovabili e di conseguenza il sorgere della cosiddetta green-economy ove la Geocart ha deciso di investire nella progettazione di impianti fotovoltaici di microgenerazione, con potenza installata inferiore ad 1 MW. Di particolare rilevanza nella fase di progettazione è risultato un laser scanner ed una camera digitaleintegrati nella piattaforma aviotrasportata MAPPING nel processo di rilievo dei siti individuati come idonei alla installazione di impianti fotovoltaici.Using airborne laser scanner and digital camera in the design of photovoltaic power plantsThe design of ground-mounted photovoltaic power plants re-quires a deep knowledge of the territory where people work, mainly if the area of interest has a wide coverage and the survey is not smooth. In this article, it is described the experience gained by Geo-cart in the design of 4-MW photovoltaic solar power plants of micro-generation, developed also by means of airborne laser scanner and digital camera for aerial survey of large scale areas within the Matera and Oppido Lucano’s municipalities in Basilicata.

  12. Identità di genere in adolescenza: Lo sguardo di Tiresia sul maschio e la femmina

    Arturo Casoni

    2015-12-01

    Full Text Available Nell’articolo la riflessione sul genere parte da Tiresia, l’indovino del ciclo mitologico di Edipo che ha attraversato sia la condizione di maschio sia di femmina, e che viene identificato come supposto sapiente al riguardo. Quindi si propone un panorama di ciò che è stato detto di innovativo sul tema negli ultimi cento anni, da Freud alla Queer Theory, passando per Simone de Beauvoir, il ‘femminismo psicoanalitico’, Lacan. Ciò che emerge è che, se molto è cambiato nella percezione del gender, ancora molto rimane insoluto riguardo agli stereotipi maschio/femmina, alle “gabbie” del genere e ai drammi da esse prodotti. Un cardine per riattivare la riflessione innovativa è - a proposito di ‘complesso di Edipo, momento di costruzione dell’identità di genere specialmente in età adolescenziale - trovare uno spazio teorico a ciò che possiamo definire l’originaria bisessualità dei ruoli genitoriali.

  13. I racconti di Abuja. Alla ricerca di un “riparo” dal sole

    Morten Bøås

    2015-03-01

    Full Text Available La Nigeria è un vero paradosso: un paese immensamente ricco di risorse, di spirito imprenditoriale e d’innovazione, e al contempo pieno di povertà, conflitti politici, cattiva gestione, corruzione e violenza. I “racconti di Abuja” presentati in questo articolo emergono chiaramente da due differenti “realtà” e “mondi di vita”, ma essenzialmente la differenza fra coloro che aspettano al Transcorp Hilton e coloro che aspettano sotto la tenda del partito fuori dall’Assemblea Nazionale non è così grande. Sono tutti quanti elementi del paradosso nigeriano, connessi da una combinazione di casualità, destino e opportunità. Senza dubbio quelli che stanno all’Hilton sono più connessi e hanno a disposizione più fondi ed opportunità, ma la maggior parte di essi non sono altro che oggetti monouso in un sistema di Big men, di clienti e patroni, che lottano ogni giorno per mantenere la propria posizione. Proprio come la gente sotto la tenda del partito, anche loro devono aspettare, spesso invano, qualcuno che non è mai puntuale poiché la gestione e il controllo del tempo (il tuo e quello degli altri è il segno distintivo del potere in questa Nigeria dalle proporzioni paradossali.

  14. Book review. Storie e geografie di un veterinario di campagna. Raffaele Mastrocola

    Manuel Graziani

    2013-12-01

    Full Text Available Una raccolta di racconti, o meglio di "storie" ma anche di "geografie" riprendendo l'azzeccato titolo scelto dal dott. Raffaele Mastrocola per la sua prima opera di narrativa autobiografica. Racconti di vita professionale e squarci di vita rurale nel solco del veterinario-scrittore britannico James Herriot. Qui, però, non siamo nell'elegante campagna inglese bensì in quella abruzzese, forte, gentile e certamente più genuina. Tra aneddoti comici, un'ironia delicata e a tratti debordante, l'autore ci racconta la sua vita professionale circondata da clienti pittoreschi, per lo più anziani, di un'umanità rurale oramai quasi dimenticata, con un'attenzione nostalgica per il periodo dell'infanzia e la formazione universitaria a Bologna (compresi i "rapporti" telefonici con Vasco Rossi e le cene "Da Vito". Una lettura gradevole e, perché no, utile ai giovani veterinari che troveranno tra le pagine consigli su diagnosi e terapie convalidate attraverso una lunga esperienza condotta sul campo, anche a beneficio umano, come nel caso del sedano selvatico che l'autore definisce un "antibiotico naturale, un toccasana per le vie urinarie". Un altro racconto di particolare interesse è quello intitolato "Quel benedetto femore" con Mastrocola che narra con trasporto come è riuscito a trovare la soluzione ad un caso complesso non attingendo ad un manuale di scienza veterinaria, bensì ad un libro di narrativa di James Herriot, suo vero e proprio faro personale: "Ho sempre avuto simpatie per i racconti di vita professionale. Il mio grande ispiratore è stato James Herriott! Oggi a distanza di oltre trenta anni dall'inizio della mia attività, sento la necessità di condividere le mie esperienze, le mie emozioni ed i miei ricordi con altri. La miscellanea dei miei racconti è una raccolta di 'ricordi giovanili', vita professionale ed il diario di un mio viaggio in moto d'epoca fatto in Australia." Sì perché l'autore, tra i suoi mille interessi, ha anche

  15. Sviluppo di metodiche di mutagenesi ambientale a breve termine applicate a materiale vegetale

    Russo, Annabella

    2011-01-01

    Il crescente inquinamento sta deteriorando sempre più il mondo in cui viviamo. Per studiare l’alterazione ambientale in modo completo è importante analizzare le emissioni da un punto di vista chimico-fisico, ma anche valutare il danno arrecato all’intero ecosistema. Perciò si impiegano sempre più spesso gli esseri viventi quali biomonitor di danno subito da un ambiente poiché sono capaci di reagire a stimoli complessi, talvolta sconosciuti, e danno informazioni più complete sulla qualità di u...

  16. Quel che resta di Marx. La riflessione di Bobbio durante e dopo la Resistenza

    Sbarberi, Franco

    2013-01-01

    La ricerca utilizza, in primo luogo, i testi inediti di Norberto Bobbio su Marx e sul marxismo depositati presso il Centro Studi Piero Gobetti di Torino. A partire dagli anni Quaranta, Bobbio partecipa ad un dibattito internazionale su ciò che è vivo e ciò che è morto nel pensiero di Marx. Egli è affascinato dall’interpretazione marxiana della storia «dal punto di vista degli oppressi», ma è anche respinto dal messaggio rivoluzionario che la sottende. Secondo Bobbio, Marx ha proposto una conc...

  17. Narrazioni ed analisi qualitativa: una lettura di alcune biografie di criminali

    Loredana Teresa Pedata

    2010-06-01

    Full Text Available L'articolo presenta una ricerca di tipo qualitativo condotta con il software Atlas.ti: si tratta di un software per l'analisi qualitativa molto flessibile che permette di lavorare con materiale diverso; proprio queste caratteristiche lo rendono utilizzabile in diversi ambiti e settori.Il materiale scelto per l'indagine è costituito da alcune biografie di criminali. La ricerca vuole dunque effettuare un'analisi sulle narrazioni. La narrazione costituisce, infatti, una modalità per organizzare gli episodi sociali, le azioni e i loro resoconti.In questa sede verranno riportati e discussi i primi risultati della ricerca.

  18. Comportamenti sessuali e rischio di AIDS in studenti universitari

    M.L. Sammarco; G. Ripabelli; I. Fanelli; G.M. Grasso

    2003-01-01

    Obiettivi: la trasmissione eterosessuale di HIV sta acquisendo una sempre maggiore importanza. Obiettivo del presente studio è stato, pertanto, quello di valutare in un campione di studenti universitari le caratteristiche dei comportamenti sessuali a rischio.

    Metodi: nell’ambito di uno studio più ampio, è stato distribuito ad un campione di studenti dell’Università del Molise (Campobasso) un questionario anon...

  19. METODICHE DI IMAGING NEI TUMORI MALIGNI MULTIPLI PRIMITIVI

    Chiacchio, Ferdinando

    2010-01-01

    I tumori maligni multipli primitivi (TMMP) sono un argomento affascinante e di grande attualità. Dopo la prima segnalazione alla fine del XIX secolo di Billroth (1889) di un paziente con neoplasie multiple, al quale fu diagnosticato un carcinoma gastrico dopo l’asportazione di un epitelioma spinocellulare dell’orecchio esterno, i TMMP rimasero solo una curiosità medica con sporadiche segnalazioni fino alla classificazione di Warren e Gates [56] del 1932, che selezionarono 1259 casi tra qu...

  20. Introduzione alla meccanica razionale elementi di teoria con esercizi

    Biscari, Paolo

    2016-01-01

    Il libro mira a fornire le basi di Meccanica Razionale, corredando l'esposizione teorica con un alto numero di esempi ed esercizi, di tutti i quali si fornisce la soluzione.  Il testo è particolarmente indicato per i corsi di breve o media durata, e può servire da appoggio a corsi che si sviluppino al secondo, o anche al primo anno del corso di studi universitario.

  1. Penyerapan karbon oleh Komunitas lamun di Pulau Barranglompo Makassar

    Supriadi; Isyrini, Rantih; Gosari, Benny AJ

    2014-01-01

    Padang lamun merupakan salah satu ekosistem utama pada sebagian besar wilayah kepulauan dan pesisir di Indonesia. Beberapa peneliti sudah membuktikan peran lamun di wilayah non-tropis sebagai carbon sinker. Sementara informasi tentang posisi padang lamun di daerah tropis dalam isu pemanasan global masih relatif terbatas. Diperlukan penelitian yang dapat menjawab sebagian pertanyaan tentang kemampuan penyerapan karbon oleh padang lamun yang ada di daerah tropis. Penelitian dilakukan di Pula...

  2. Eritrea: l'Acqua Santa di S. Michele

    Marco Menicocci

    2006-06-01

    Full Text Available Le Acque Sante sono un tipico istituto terapeutico eritreo. Si tratta di fondi di acqua usata, variamente, per la cura di alcune malattie e poste sotto la "protezione"di uno o più santi, cristiani o musulmani.Quella di S. Michele è considerata curativa per le possessioni, le malattie mentali, quelle veneree e reumatiche. Viene descritto l'itinerario curativo percorso dai pazienti in una giornata: dalla registrazioni iniziali sino ai bagni nelle due pozze.

  3. Eritrea: l'Acqua Santa di S. Michele

    Marco Menicocci; Rodolfo Menicocci

    2006-01-01

    Le Acque Sante sono un tipico istituto terapeutico eritreo. Si tratta di fondi di acqua usata, variamente, per la cura di alcune malattie e poste sotto la "protezione"di uno o più santi, cristiani o musulmani.Quella di S. Michele è considerata curativa per le possessioni, le malattie mentali, quelle veneree e reumatiche. Viene descritto l'itinerario curativo percorso dai pazienti in una giornata: dalla registrazioni iniziali sino ai bagni nelle due pozze.

  4. Studio di alcuni tratti del temperamento nel cane

    Beghelli, Valentina

    2014-01-01

    Il temperamento può essere definito come l’attitudine che un cane esprime verso le persone e verso altri animali, la combinazione di tratti fisici e mentali, acquisiti e non, che determinano il comportamento del cane. Tale parametro delinea perciò il carattere di un individuo, inclinazioni e tendenze, eccitabilità, tristezza, rabbia e il modo caratteristico di comportarsi di un individuo, con particolare riferimento alle interazioni sociali. La presente tesi di Dottorato rappresenta uno s...

  5. Tom Bissel, Voglia di vincere/Extra Lives

    Ambra Agnoletto

    2013-03-01

    Full Text Available Leggere il libro di Tom Bissell Extra lives: Why Video Games Matter, tradotto in Italia con il titolo Voglia di vincere, è stata un’impresa. L’impresa di qualcuno abituato a muoversi in ambito cinematografico e musicale, ma che affronta con l’entusiasmo e le incertezze del neofita i videogames e tutto ciò che riguarda la sfera videoludica, nei suoi aspetti creativi, estetici, di design e meccanica di gioco.

  6. KONDISI EKOSISTEM MANGROVE DI PULAU PANNIKIANG, KABUPATEN BARRU

    Muhammad Anshar Amran; Inayah Yasir; Amir Hamzah; Muhammmad Banda Selamat; Andi Niartiningsih

    2012-01-01

    Pulau Pannikiang adalah salah satu pulau yang berada di Kabupaten Barru yang masih ditumbuhi mangrove. Ekosistem mangrove di pulau tersebut mempunyai sifat khas tertentu dibandingkan dengan ekosistem mangrove lainnya di Sulawesi Selatan, yakni menjadi tempat bersarang ribuan kelelawar. Oleh karena itu, keberadaan ekosistem mangrove di Pulau Pannikiang menjadi sangatlah penting bagi siklus bio-ekologis di wilayah tersebut. Penelitian ini bertujuan untuk memetakan kondisi ekosistem mangrove ber...

  7. KONDISI EKOSISTEM MANGROVE DI PULAU PANNIKIANG, KABUPATEN BARRU

    Muhammad Anshar Amran; Muhammmad Banda Selamat; Andi Niartiningsih

    2013-01-01

    Pulau Pannikiang adalah salah satu pulau yang berada di Kabupaten Barru yang masih ditumbuhi mangrove. Ekosistem mangrove di pulau tersebut mempunyai sifat khas tertentu dibandingkan dengan ekosistem mangrove lainnya di Sulawesi Selatan, yakni menjadi tempat bersarang ribuan kelelawar. Oleh karena itu, keberadaan ekosistem mangrove di Pulau Pannikiang menjadi sangatlah penting bagi siklus bio-ekologis di wilayah tersebut. Penelitian ini bertujuan untuk memetakan kondisi ekosistem mangrove ber...

  8. Analisi preclinica di nuove strategie terapeutiche basate sull'inibizione di protein-chinasi nell'osteosarcoma.

    Vella, Serena

    2013-01-01

    Scopo: L’obiettivo del presente programma di studio è stato quello di identificare e validare nuovi possibili bersagli terapeutici per l’osteosarcoma (OS) partendo dall’analisi del chinoma umano. Risultati: L’analisi del profilo di espressione genica ottenuta su 21 campioni clinici di OS ad alto grado di malignità ha permesso di selezionare le seguenti chinasi di possibile rilevanza biologica per l’OS: AURK-A, AURK-B, CDK2, PIK3CA, PLK-1. Le chinasi selezionate sono state validate tr...

  9. Effetti di diversi protocolli di attività fisica sulle capacità cognitive in soggetti anziani

    Iuliano, Enzo

    2014-01-01

    Introduzione Diversi studi hanno dimostrato che l'attività fisica può ritardare l'insorgenza di disabilità cognitiva in anziani sani. Tuttavia, ci sono pochi studi riguardanti il più efficace tipo di allenamento. Lo scopo di questo studio è quello di confrontare gli effetti prodotti da diversi protocolli di allenamento in una popolazione di anziani, al fine di individuare quella che produce i maggiori benefici. Questo studio è stato preceduto da altri due studi. Nel primo studio osserv...

  10. Il "disegno" di Sabbioneta. Un'esperienza di ricerca/didattica sull'immagine della citta' storica

    Massimo Ballabeni

    2006-12-01

    Full Text Available Il "disegno" di Sabbioneta rappresenta un'esperienza didattica laboratoriale che avvia una ricerca/indagine di un metodo per la conoscenza e la restituzione dell'identità urbana. Le immagini raccontano i problemi e le soluzioni legate al conseguimento di un duplice obiettivo: da un lato la ricerca di nuovi modi per rappresentare e comprendere la città, dall'altro l'insegnamento del disegno dell'architettura con l'applicazione operativa delle teorie della rappresentazione. Un lavoro che ha permesso di acquisire nuove competenze nella gestione di grandi gruppi di lavoro.

  11. Al finire di esigue narrazioni. Come evapora la letteratura migrante.

    Fulvio Pezzarossa

    2016-05-01

    Full Text Available Le proposte del Convegno hanno evidenziato la marginalità, fin quasi alla scomparsa, di una nicchia della contemporanea narrativa convenzionalmente additata come scrittura di migrazione. La lacuna costringe ad interrogarsi sulle ragioni di un mancato interesse per un tipo di testualità reputato veicolo d’eccellenza per rappresentare i traumi della postmodernità, con una rinnovata presa sul reale da parte di voci subalterne, strappate al silenzio della marginalità sociale e geografica, in grado pertanto di assestarsi al centro della scena culturale come testimonianza della necessità del rinnovamento dell’immaginario poetico e politico di una nazione. Proclamata da subito (pur in assenza di analisi documentate come scrittura di resistenza e di scontro, i testi realizzati nell’ambito della lingua italiana non hanno avuto la capacità di affermare autorevoli figure di intellettuali multiculturali  inseriti nel sistema editoriale, latori di proposte culturalmente e politicamente credibili a fronte della trasformazione del tessuto sociale della penisola, in contrasto col discorso apocalittico dominante intorno alla fenomenologia delle migrazioni. Giocate sulla ripetizione tematica, schiacciata sulla testimonianza autofinzionale, le proposte di una prima generazione di scrittori neo-italofoni hanno lasciato il campo a più vivaci rappresentanti della seconda generazione, deprivati dell’accesso a una cittadinanza civile e penalizzati in un ruolo propositivo, così che anche note scrittrici hanno mostrato una prevedibile conformità di maschere, pose e immagini. L’assenza di un pubblico largo, diffuso e trasversale, riscontra l’incerta lettura di proposte sbilanciate sulla fenomenologia dell’extra-testo, nel quale sono valorizzati genericamente materiali e simboli dell’alterità esotica, incapaci di soppiantare quelli che definiscono il campo letterario di una periferia occidentale. La preminente destinazione didattica subita con

  12. Marcel Proust, Sentimenti filiali di un matricida

    Stefano Ballerio

    2011-07-01

    Full Text Available Pubblicato sul «Figaro» dell’1 febbraio 1907 e poi nel volume dei Pastiches et melanges del 1919, Sentiments filiaux d’un parricide racconta la tragica fine di Henri van Blarenberghe, esponente dell’alta borghesia parigina e conoscente di Proust, che in un accesso di follia uccise la madre per poi suicidarsi. Si propongono una nuova traduzione italiana dell’articolo – con il finale che contro la volontà di Proust fu omesso nell’edizione sul «Figaro» e che non fu reintrodotto nella successiva edizione in volume – e un’introduzione che, raccogliendo alcuni spunti dell’articolo, tocca il tema della distinzione tra cronaca e finzione letteraria.

  13. A proposal to define when combined cycle can be classified as a cogeneration plants; Proposta di definizione di impianto di cogenerazione a ciclo combinato

    Macchi, E. [Milan Politecnico, Milan (Italy)

    1999-09-01

    The recent decree on liberalization of the Italian electric market assigns to the authority for electric energy and natural gas the task of defining under which conditions a combined heat and power plant (CHP) obtains a significant primary energy saving when compared to separate productions. The present paper outlines and discusses the proposal made by a working group of CTI (Italian thermo-technical committee). The most significant features of the proposal are the following: i the use of IRE (Energy saving index), based upon net, annual energy production, certified by independent institutions; ii the adoption of an automatic procedure of yearly updating the reference performance related to conventional power generation, accounting for technology evolution; iii the assumption of a lower limit for the thermal/fuel energy ratio and iv correction procedures in case of usage of non-conventional fuels (municipal wastes, process gases, etc.) [Italian] Il recente decreto sulla liberalizzazione del mercato elettrico prevede che l'autorita per l'energie elettrica e il gas definisca le condizioni per cui un impianto di produzione combinata di energia elettrica e calore garantisce un significativo risparmio di energia rispetto alle produzioni separate. Nella presente nota viene descritta e commentata una proposta operativa avanzata da un gruppo di lavoro del Comitato Termotecnico Italiano (CTI). Elementi caratterizzanti la proposta sono: i) il riferimento all'indice IRE (indice di Risparmio di Energia primaria), valutato su prestazioni annue nette, a consuntivo e certificate da Enti indipendenti, ii) l'introduzione di un meccanismo automatico di revisione annuale di parametri di confronto relativi alla generazione separata che tenga conto dell'evoluzione tecnologica, iii) l'introduzione di un limite inferiore al rapporto fra la generazione di energia termica utile e l'energia introdotta con il combustibile e iv l'inserimento di

  14. Le “relazioni pericolose” tra libertà di espressione e libertà di religione: riflessioni alla luce del principio di laicità

    Carmela Salazar

    2011-03-01

    Full Text Available Lo scritto riprende, ampliandoli, i contenuti del saggio intitolato I “destini incrociati” della libertà di espressione e della libertà di religione: un’indagine sui conflitti e sulle sinergie tra gli artt. 19 e 21 Cost. attraverso il prisma del principio di laicità, in corso dipubblicazione sul n. 1/2008 di Quaderni di diritto e politica  ecclesiastica, editi da il Mulino.SOMMARIO: 1. Premessa -2. Libertà di espressione, libertà di religione, principio di laicità: un rapporto complesso - 3. Il conflitto tra le due libertà ed il diritto penale: la normativa sul c.d. hate speech - 4. ll vilipendio “smantellato”: l’evoluzione della giurisprudenza costituzionale sugli artt. 402 ss., c.p. - 5. Segue: le sentenze sul vilipendio della religione a raffronto con le decisioni sulla “laicizzazione” del giuramento e con le pronunce sull’obiezione di coscienza - 6. Segue: i delitti controle confessioni religiose nella l. n. 85 del 2006: una riforma “laica”? - 7. Tra conflitti e sinergie: la libertà di espressione religiosa del lavoratore, il nuovo diritto antidiscriminatorio e la disciplina delle “organizzazioni di tendenza” - 8. Segue: leeccezioni alla regola. La libertà di espressione degli insegnanti di religione nella scuola pubblica e la libertà di insegnamento dei docenti dell’Università cattolica - 9. La libertà di esprimere la propria appartenenza religiosa negli ordinamenti multiculturali: il porto dei simboli religiosi (ancora sull’affaire du foulard - 10. Libertà di espressione e libertà di religione tra sfera della libertà e sfera dell’autorità: le “esternazioni” delle confessioni (con particolare riguardo alla Chiesa cattolica.

  15. Cfd Studies of Two Stroke Petrol Engine Scavenging

    S Gavudhama Karunanidhi,; NithinV S

    2014-01-01

    This project deals with the numerical analysis of 2 stroke engine scavenging in two cases. One with an existing condition (Flat headed pistons) and another with a new design (Dome headed piston) .The numerical analysis is done with help of CFD software ANSYS FLUENT 14.5. Here, the modeling of engine piston with flat headed type and with dome headed types was done in workbench. In ANSYS FLUENT after the geometrical design, for the dynamic motion meshing is used and set up speci...

  16. Cfd Studies of Two Stroke Petrol Engine Scavenging

    S Gavudhama Karunanidhi,

    2014-07-01

    Full Text Available This project deals with the numerical analysis of 2 stroke engine scavenging in two cases. One with an existing condition (Flat headed pistons and another with a new design (Dome headed piston .The numerical analysis is done with help of CFD software ANSYS FLUENT 14.5. Here, the modeling of engine piston with flat headed type and with dome headed types was done in workbench. In ANSYS FLUENT after the geometrical design, for the dynamic motion meshing is used and set up species transport model also. At first the scavenging effect of flat headed piston is analyzed. Later the simulation of piston with dome headed type was also checked. Analyzing the variations from each and selected the best method for scavenging. Finally the scavenging efficiency is calculated for both type arrangements.

  17. DETERMINAN CITRA TOKO RITEL: STUDI DI DIY

    SANDIA, VALENCIA FRANSIS

    2014-01-01

    Perdagangan eceran (retailing) adalah penpenjualan barang atau jasa secara langsung ke konsumen akhir untuk keperluan konsumsi pribadi dan/atau keluarga. Meningkatnya jumlah gerai toko berskala kecil seperti minimarket yang terdapat di setiap sudut perkotaan menunjukkan semakin besarnya peluang bisnis ritel dan semakin ketatnya persaingan di industri saat ini. Salah satu minimarket yang sedang bersaing sangat ketat saat ini adalah minimarket Alfamart dan Indomaret. Penelitian ini bertujuan...

  18. Interview with Endre Szemerédi

    Raussen, Martin; Skau, Christian

    2013-01-01

    Endre Szemerédi is the recipient of the 2012 Abel Prize of the Norwegian Academy of Science and Letters. This interview was conducted in Oslo in May 2012 in conjuction with the Abel Prize celebration.......Endre Szemerédi is the recipient of the 2012 Abel Prize of the Norwegian Academy of Science and Letters. This interview was conducted in Oslo in May 2012 in conjuction with the Abel Prize celebration....

  19. Analisis Determinan Pendapatan Usahakecil Di Kabupaten Langkat

    H Salman

    2009-01-01

    Tujuan penelitian adalah untuk mengetahui pengaruh modal kerja, jumlah tenaga kerja, jam kerja dan tingkat pendidikan terhadap pendapatan usaha kecil di Kabupaten Langkat. Data yang dipergunakan dalam penelitian ini adalah data primer yang dikumpulkan dari lapangan. Teknik sampling yang digunakan adalah Simple Random Sampling dengan mengambil 150 responden dari total populasi usaha kecil yang tersebar di kecamatan se-Kabupaten Langkat. Model yang dipergunakan dalam penelitian ini adalah mo...

  20. La digital library “SHOAH” dell’ Archivio Centrale dello Stato : Un progetto di recupero e di digital preservation di documenti audiovisivi di storia orale

    Davide Merlitti

    2012-12-01

    Full Text Available ItLa digital library “Ti Racconto la Storia : Voci dalla Shoah” (sito web: http://www.shoah.acs.beniculturali.it/ è il risultato di un progetto durato diversi anni, nato con l’obiettivo di preservare e diffondere un considerevole patrimonio documentario audiovisivo che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha ricevuto in copia dalla Survivors of the Shoah Visual History Foundation nell’ambito di un accordo di collaborazione. La trasformazione di un sistema software proprietario per l’indicizzazione dei contenuti e l’archiviazione digitale in un sistema di digital library più attuale, basato sulle tecnologie più recenti, ha consentito di definire un modello per il recupero, la preservazione e la diffusione di risorse digitali adatto ad essere impiegato in qualsiasi ambito della storia orale.EnThe digital library “Ti Racconto la Storia : Voci dalla Shoah” (website: http://www.shoah.acs.beniculturali.it/ is the result of a project carried out for several years, aimed at the preservation and diffusion to the broad public of a huge audio-visual documentary heritage that the Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities received in copy from the Survivors of the Shoah Visual History Foundation, in the context of a collaboration agreement. The transformation of a pre-existing proprietary software for the indexing and storage of digital resources into a modern Digital Library system, based on the most recent technologies, permitted to define a generic model for the recovery, preservation and dissemination of digital resources, that can be re-used for similar projects in the field of oral history.

  1. Sejarah Buruh Perkebunan di Sumatera Timur

    Nurhamidah

    2009-01-01

    Perkembangan perusahaan-perusahaan asing di Sumatera Timur sangat memerlukan tenaga kerja manusia. Pembukaan hutan lebat, penebasan pohon-pohon besar, pembuatan saluran air, pengelolaan tanah, penanaman tembakau dan sebagainya sangat memerlukan tenaga manusia. Sulitnya mencari tenaga kerja sudah diketahui sejak semula. Para pengusaha perkebunan mengetahui penduduk asli tidak bersedia bekerja di perkebunan dengan syarat-syarat yang telah ditetapkan. Akhirnya mereka tergantung pada buruh yang d...

  2. SEKOLAH MENENGAH KEJURUAN PERTANIAN MODERN DI SLEMAN

    Witapradipta, Skolastika Yori Sabatea

    2013-01-01

    Indonesia adalahnegara agraris belum mampu memenuhi kebutuhan pangan dalam negeri dan masih mengimpor bahan pangan dari luar negeri.Salah satu penyebabnya adalah petani di Indonesia belum bisa bersaing dengan petani luar yang sudah lebih dulu mengenal teknologi di bidang pertanian padahal Indonesia memiliki potensi yang belum diolah. Krisis pangan akan menjadi ancaman jika tidak dari sekarang diatasi dan Sekolah Menengah Kejuruan Petanian merupakan salah satu cara mengatasi sol...

  3. DINAMIKA BAHASA IBANIK PURBA DI PULAU BORNEO

    Muhammad Nur Latif, Dr., M.Hum.

    2014-01-01

    Kepulauan Borneo sememangnya kaya dengan kepelbagaian khazanah bahasa-bahasa Austronesia seperti kelompok bahasa Melayik, Ibanik, Bidayuhik, Kayanik, Rejang-Baram, Tamanik, Dusunik dan sebagainya (Rahim 2008: 15). Bahasa Ibanik merupakan antara sekian banyak cabang bahasa Austronesia di Borneo Barat dan bahasa ini tersebar dari hujung barat Sarawak disebelah utaranya hinggalah ke daerah utara di Kalimantan Barat, iaitu kira-kira 500 kilometer ke selatan dari Khatulistiwa. Dibahagian timur, ...

  4. Caratterizzazione di geni di coffea arabica L.correlati alle caratteristiche di qualità in tazza della bevanda di caffè.

    Del Terra, Lorenzo

    2008-01-01

    La bevanda di caffè è bevuta ed apprezzata in tutto il mondo per le sue qualità organolettiche. Queste sono numerose e sfaccettate in molti diversi aspetti, che vanno dal contenuto in caffeina alle proprietà antiossidanti. Inoltre, il caffè presenta un ricchissimo profilo aromatico, composto da circa un migliaio di composti volatili che contribuiscono a dare alla bevanda il suo aroma caratteristico. Questo complesso aroma è fortemente influenzato da numerosi fattori quali l’origine geogra...

  5. Severe dystrophy in DiGeorge syndrome

    Rózsai, Barnabás; Kiss, Ákos; Csábi, Györgyi; Czakó, Márta; Decsi, Tamás

    2009-01-01

    We present the case history of a 3-year-old girl who was examined because of severe dystrophy. In the background, cow’s milk allergy was found, but her body weight was unchanged after eliminating milk from her diet. Other types of malabsorption were excluded. Based on nasal regurgitation and facial dysmorphisms, the possibility of DiGeorge syndrome was suspected and was confirmed by fluorescence in situ hybridization. The authors suggest a new feature associated with DiGeorge syndrome.

  6. Anomalie di coagulazione presamica del latte bovino

    Pederzani, Daniele

    2013-01-01

    RIASSUNTO Nella produzione dei formaggi tipo grana, il cui processo di caseificazione, con implicazioni enzimatiche, fisico-chimiche e fisico-meccaniche, consiste essenzialmente nella formazione e nella disidratazione di una cagliata lattico-presamica, il requisito basilare è senza alcun dubbio rappresentato dall'attitudine precipua del latte alla coagulazione presamica. Tutte le variabili fisico-chimiche, chimiche, biochimiche e strutturali del latte concorrono - in misura più o meno imp...

  7. Sviluppo di strumentazione xrf a scansione per applicazioni ai beni culturali

    Mazzinghi, Anna

    2016-01-01

    Il progetto di dottorato, svolto presso il laboratorio LABEC dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) di Firenze, si è focalizzato principalmente sullo sviluppo, caratterizzazione e utilizzo di un nuovo spettrometro in Fluorescenza X a scansione per l'analisi composizionale di materiali, che permette di ottenere mappe di distribuzione elementale dell'oggetto di interesse. Grazie alla collaborazione con l'Opificio delle Pietre Dure abbiamo avuto l'opportunità di utilizzare il nostro p...

  8. Contributo di dati di gravità nella valutazione del vulcanismo CAMP in Africa Nord-Occidentale

    Fabbri, Julius

    2015-01-01

    La domanda alla base di questa ricerca è stata se il metodo della gravimetria satellitare possa essere utilizzato per seguire le unità geologiche anche in luoghi difficilmente accessibili. L’obiettivo di questa ricerca è di verificare se le missioni satellitari di nuova generazione permettano di identificare la più grande delle province ignee della Terra (Bertrand et al., 2013), nota come CAMP (Central Atlantic Magmatic Province) in Africa nord-occidentale. Oltre alle motivazioni scientifiche...

  9. Studio molecolare e funzionale di nuove molecole bioattive al fine di veicolare biosubstrati a scopo diagnostico e terapeutico

    Duce, Elenia

    2008-01-01

    Con la rapida conclusione del progetto relativo alla definizione della sequenza del genoma umano, il principio di curare le malattie di origine genetica dispensando i geni corretti alle cellule interessate si è fatto strada come strategia alternativa all'uso di farmaci di sintesi. La terapia genica, uno dei più rilevanti obiettivi che la ricerca post-genomica si prefigge, si basa sul principio di curare la malattia, determinata da un gene difettoso noto, introducendo il gene corretto nelle ce...

  10. Il monitoraggio della qualità di vita e dei bisogni di pazienti oncologici e caregiver: il caso ANT

    Roganti, Daniele

    2014-01-01

    La Fondazione ANT rappresenta una delle più ampie esperienze al mondo di assistenza socio-sanitaria gratuita a domicilio ai malati di tumore, tramite équipe di specialisti costituite da medici, psicologi e infermieri. La patologia oncologica ha un enorme impatto sul benessere dei pazienti. Un modo per raggruppare i diversi sintomi di disagio psicologico è utilizzare il concetto di distress, che sarebbe importante monitorare in modo semplice e veloce. Primo studio: 66 pazienti oncologic...

  11. Valutazione della flora batterica intestinale in pazienti con diverso stato di nutrizione confrontando metodiche colturali e di biologia molecolare

    Iervolino, Carmela

    2014-01-01

    Introduzione L’intestino umano rappresenta un ecosistema in cui miliardi di batteri interagiscono con l’organismo ospite rappresentando un “organo metabolico” capace di regolare molte funzioni sistemiche e contribuire allo stato di salute. Scopo dello studio Il nostro studio si propone di esaminare possibili differenze nella composizione della flora batterica intestinale e nel contenuto di acidi grassi fecali a catena corta (SCFA) in 84 soggetti suddivisi in 5 grupp...

  12. Scriversi di storia e di diplomatica comunali. Le lettere di Pietro Torelli e di Cesare Manaresi ad Angelo Mazzi

    Gianmarco De Angelis

    2016-01-01

    Full Text Available Graduated at the University of Padua (under the supervision of Giuseppe De Leva and Andrea Gloria, archivist, librarian, and then Director of Civic Library “Angelo Mai” of Bergamo for about a period of thirty years (1898-1925, Angelo Mazzi is not only the most important and prolific local historian. His epistolario, rich of correspondence with some of the main Italian medievalists active between 19th and 20th century (Cipolla, Novati, Schiaparelli, Volpe, just to mention the greatest ones, gives evidence for a very large consideration and prestige, that Mazzi gained thanks to his extraordinary knowledge and criticism of Bergamo’s written sources. Close analysis of legal documents and narrative works are not confined, in any event, to a mere philological field, but, especially for communal studies, they turn out to be broader historical frameworks with lots of original interpretations that are still valid and appreciated. It’s just on Mazzi’s profile as historian of communes that this paper is mainly focused, though without any pretension of examining in detail his best known books and his historiographical significance: it will be his figure of rigorous reviewer and hard-working erudite to hold the stage, instead, together with some of his typical ways of reading the documentary sources as they result from a little, thematically consistent dossier of letters that have been here edited and analyzed. Dated back to the period of composition and first reception of the Studi di diplomatica comunale and of the Atti del comune di Milano, these letters show well how Mazzi was interested in the branch of research inaugurated by Pietro Torelli and usefully continued by Cesare Manaresi. There again, though aged at that time, Mazzi himself supported a little survey on Bergamo communal notaries in 13th century: at the close of the paper, we’ll briefly talk about values and limits of that initiative, focusing on the general cultural reasons and

  13. OLIMPIADI NAZIONALI DI LINGUA ITALIANA 2011

    Ugo Cardinale

    2012-02-01

    Full Text Available L’articolo presenta l’ultima edizione delle Olimpiadi nazionali di lingua italiana, promosse dal Miur-Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, dalla Città di Firenze, dall’Accademia della Crusca, dall’Università di Firenze, nell’anno della celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, illustrandone le diverse fasi, di istituto, regionali e nazionale, le prove (riguardanti cinque aree: a. ortografia e fonetica; b. morfologia e formazione delle parole; c. sintassi; d. lessico e semantica; e. testualità e retorica somministrate agli studenti partecipanti e i risultati ottenuti. In appendice vengono riportare le prove di ciascuna delle tre fasi in cui le Olimpiadi nazionali di lingua italiana si sono svolte.     2011 national italian language olympics This article presents the latest edition of the National Italian Language Olympics for all school levels, promoted by the MUIR, the Municipality of Florence, the Accademia della Crusca, the University of Florence, on occasion of the celebration of the 150th anniversary of the Unification of Italy.  The article recounts the diverse institutional, regional and national phases.  The tests regarded five areas: spelling and phonetics, morphology and word formation, syntax, lexis and semantics, textuality and rhetoric. Finally the results are discussed. The appendix includes the tests for each of the three phases of the National Italian Language Olympics.

  14. Perbedaan Perilaku Tabungan Masyarakat di Pulau Sumatera

    Heriberta

    2013-10-01

    Full Text Available Dalam jangka panjang penerimaan dari migas tidak dapat diharapkan karena cadangan minyak yang semakin menipis, sehingga terjadi pemikiran mengenai implikasi negatif dari hutang luar negeri yang serius. untuk itu salah satu alternatif penggalian dana adalah sumber penerimaan domestik bagi pembiayaan pembangunanadalah sumber pembiayaan dalam negeri dapat berasal dari tabungan masyarakat. Tujuan penelitian ini adalah mengestimasi perbedaan perilaku tabungan masyarakat antar daerah di Sumatera. Pengujian hipotesis digunakan analisis regresi dengan panel data cross-section dan time series secara regional. Penelitian ini menggunakan data panel periode tahun 2002-2006. Hasil penelitian menemukan bahwa tingkat pendapatan berpengaruh negatif terhadap tabungan di Jambi, Sumatera Barat dan Sumatera Selatan. Tingkat bunga berpengaruh negatif terhadap tabungan di Jambi, Sumatera Barat dan Sumatera Selatan. Beban tanggungan penduduk usia tidak produktif berpengaruh negatif terhadap tabungan di Jambi, Sumatera Barat dan Sumatera Selatan. Inflasi berpengaruh negatif terhadap tabungan di Jambi, Sumatera Barat dan Sumatera Selatan. Tidak ada perbedaan perilaku tabungan masyarakat baik di Jambi, Sumatera Barat dan Sumatera Selatan.

  15. Biologico transgenico dalla parte di Hermes

    Giuseppe Di Gregorio

    2003-12-01

    Full Text Available A partire dagli anni Sessanta, le tematiche inerenti alla comunicazione hanno acquistato un ruolo sempre più rilevante nel pensiero sociale; non solo per quanto riguarda la comunicazione interpersonale ma anche, e in misura crescente, per quanto riguarda l'analisi dei mezzi di comunicazione e del loro impatto sulla società. Siamo andati alla ricerca dei significati reconditi delle parole usate nei testi pubblicitari, e abbiamo scoperto, che dietro il tutto si muove una macchina organizzativa perfetta, che si serve di accurate ricerche motivazionali e si fa aiutare dalle scienze sociali per potere, sempre e in ogni caso, avere un potere di suggestione sul consumatore. La nostra ricerca ha voluto esaminare in che modo il mercato del biologico e del transgenico viene presentato al consumatore, quali tecniche pubblicitarie impiega e di che metodi persuasivi si avvale, ricordandoci sempre che la pubblicità, per sua stessa natura, sta dalla parte di chi 'produce' e non di chi 'consuma'.

  16. Corpi di knowledge workers forzatamente a disposizione

    Annalisa Murgia

    2011-07-01

    Full Text Available Nel contesto di analisi delle condizioni di lavoro nell’era della conoscenza e delle tecnologie digitali, il nostro contributo vuole mettere l’attenzione sulle rappresentazioni dei/lle knowledge workers sulla progressiva ridefinizione dell’esperienza corporea, in direzione della perdita di rapporto con il corpo concreto, a favore di un corpo astrattamente inteso. Il discorso si colloca nella logica del “capitalismo tecno-nichilista”, inteso come “un sistema che, sfruttando la sistematica separazione tra le funzioni e i significati, si è progressivamente affermato quale modello di riferimento nel corso degli ultimi decenni”. La domanda di ricerca che ci poniamo in questo contributo è: in qual modo la precarizzazione del lavoro modifica le percezioni dei soggetti, e nello specifico dei lavoratori e delle lavoratrici della conoscenza, nella relazione con il proprio corpo? Nel discutere tale questione, intendiamo concentrarci non solo sugli effetti, ma anche sui processi e sulle relazioni sociali in cui i soggetti – e in varie forme anche le loro esperienze corporee – sono coinvolte.

  17. Targets of industrial development and environmental indicators; Obiettivi di sviluppo industriale e indicatori di prestazioni ambientali. Relazioni di sintesi

    Forni, A.; Olivetti, I.; Scipioni, F. [ENEA, Div. Caratterizzazione dell' Ambiente e del Territorio, Centro Ricerche Frascati, Frascati, RM (Italy); Orasi, A. [Rome Univ. La Sapienza, Rome (Italy). Facolta' di Statistica

    2001-07-01

    georeferenced representations. Conclusive lines regard not only the attitude of enterprises and their approach to environmental themes; the point of view is open to programming choices of regions and other local authorities regarding economic development and environmental protection, both their correlation with a very important national law referring to the funds for industrial development (which gives to regions remarkable role) and the answers of enterprises. [Italian] La ricerca ha inteso monitorare l'uso da parte delle imprese degli indicatori di performance ambientale, in relazione all'accesso a programmi di finanziamento nazionali e/o comunitari, e analizzare il rapporto tra programmazione dello sviluppo industriale e politiche territoriali degli enti locali e dello stato centrale. La ricerca ha focalizzato l'attenzione sulla Legge 488/92 che, tra gli strumenti di incentivazione diretta alle imprese, costituisce la legge di finanziamento piu' rilevante per diversi motivi. Anzitutto per l'impegno finanziario pubblico in quanto e perche' rappresenta la principale legge di finanziamento allo sviluppo dell'imprenditoria e di sostegno all'innovazione nelle aree depresse del Paese (ex aree ob. 1, 2 e 5 b.) Soprattutto, pero', la legge ricorre a degli indicatori ambientali per la valutazione del finanziamento ed ha un rinnovato e piu' ampio ruolo di strumento di attuazione della strategia ambientale del PON sviluppo imprenditoria locale nell'attuale periodo di programmazione dei fondi comunitari, 2000-2006. La delicatezza dell'argomento di studio che coinvolge piu' amministrazioni centrali dello stato e le istituzioni locali con ampie responsabilita', aggiunta alla sua complessita' (economica, sociologica ed ambientale) hanno indotto il gruppo di ricerca ad adottare un metodo di confronto il piu' ampio possibile con elementi scientifici e giuridici/programmatici gia' accettati ed in essere

  18. Prevalenza di anticorpi anti-Legionella in gruppi di operatori odpedalieri provenienti da due regioni italiane

    G. Stancanelli

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: é stato condotto uno studio di prevalenza per stabilire la presenza di anticorpi anti- Legionella in persone che svolgono diverse attività lavorative, tenendo conto dei fattori personali e ambientali che possono associarsi ad un maggior rischio espositivo.

    Metodi: sono state esaminate 160 persone di entrambi i sessi, suddivisi in base alla professione in operatori sanitari (n.52, operai (n.55 e impiegati (n.53. Dopo l’adesione tramite consenso informato, per ciascun soggetto veniva compilato un apposito questionario per indagare sui fattori di rischio per l’esposizione a Legionella spp e prelevato un campione di sangue per la ricerca sul siero di anticorpi IgG anti-Legionella (metodo IFA

    Risultati: il 43,8% dei medici e il 33,3% degli infermieri sono risultati positivi (titolo›1:128, contro il 16,4% degli operai e il 13,2 degli impiegati (10,55, p‹0,05. I gruppi più frequenti erano L. pneumophila sierogruppo 7-14 (77,1% dei positivi e L. non pneumophila, L’esame dei fattori di rischio non ha evidenziato associazioni significative con sesso, fumo, bevande alcoliche, anzianità lavorativa ed altre caratteristiche personali. I sintomi simil-influenzali nell’ultimo anno e gli episodi bronco-polmonari riferibili agli ultimi 10 anni non si associavano ad un maggior numero e/o grado di positività.

    Conclusioni: la sieropositività per Legionella è risultata associata con lo svolgimento delle mansioni di medico e/o infermiere ad indicare una maggior esposizione a Legionella spp negli ambienti sanitari, ma nella maggior parte dei casi si trattava di anticorpi verso i sierogruppi a bassa espressività clinica, come dimostrato dalla assenza anamnestica di legionellosi nel gruppo allo studio.

  19. Mito, magia e iconografia. I sortilegi di Medea nelle stampe di Giovanni Antonio Rusconi per le Trasformationi di Lodovico Dolce

    Giuseppe Capriotti

    2013-05-01

    Full Text Available Anche se dopo la famosa tragedia di Euripide fonti letterarie e iconografiche rappresentano Medea principalmente come madre infanticida, la Medea delle Metamorfosi di Ovidio è soprattutto una potente maga: una sapiente conoscitrice di erbe, con cui sa preparare efficaci pozioni magiche, e un’abile manipolatrice diricette prodigiose, che si attivano grazie all’aiuto di divinità infere, invocate con formule vocali nei suoi riti notturni. Allo stesso modo, nelle xilografie che decorano le edizioni rinascimentali delle Metamorfosi, in particolare in quelle di Giovanni Antonio Rusconi per le Trasformationi di Lodovico Dolce, Medea è raffigurata soprattutto come una avvenente maga, che compie i suoi sortilegi per amore o per vendetta. Specialmente nella stampa con Il ringiovanimento di Esone, Rusconi mescola i connotati della maga rinascimentale e quelli della strega nordica: Medea è ancora un’attraente e giovane donna, ma compie oramai operazioni magiche al limite della fattucchieria.   Even though after the famous tragedy of Euripides literary and iconographic sources represent Medea mainly as infanticide mother, the Medea of the Ovid’s Metamorphoses is above all a powerful sorceress: a wise expert of grasses, by which she prepares effective magic potions, and a skilled manipulator of prodigious recipes, that she activates thanks to the help of hellish divinities, invoked with vocal formulas in her nighttime rites. In the same way, in the woodcuts that decorate the Renaissance editions of the Metamorphoses, particularly in those of Giovanni Antonio Rusconi for the Lodovico Dolce’s Trasformationi, Medea is represented above all as a good-looking sorceress, that executes her sorceries for love or for revenge. Especially in the woodcut with The rejuvenation of Esone, Rusconi combines the characteristics of the Renaissance sorceress with those of the Northern witch: Medea is still an attractive and young woman, but she carry out, by now

  20. Studio e conservazione di una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus in Toscana

    Paolo Agnelli

    2003-10-01

    Full Text Available Myotis emarginatus (Chiroptera, Vespertilionidae utilizza frequentemente gli edifici come rifugio estivo, sia per il riposo diurno che per la riproduzione. Negli anni 1996-2003, nel corso di indagini faunistiche sul territorio toscano, questa specie è stata rilevata nel 26% dei casi su 76 edifici rurali risultati occupati da pipistrelli e rappresenta ben il 50% degli esemplari rilevati. Il numero di esemplari di M. emarginatus in tali rifugi varia da 1 a 150 animali. Un edificio però può rendersi facilmente indisponibile per modificazioni nell?utilizzo da parte dell?uomo: ma cosa succede agli animali che si trovano improvvisamente senza casa? E quanto si può accrescere annualmente una colonia quando non viene disturbata? Nel 1997 nella Riserva Naturale Provinciale di Ponte a Buriano e Penna (AR, rilevammo una colonia riproduttiva di Myotis emarginatus stimata in circa 60 esemplari. Il rifugio estivo utilizzato fino al 2002 è costituito da una casa disabitata. Confrontando le stime effettuate dal 1997 al 2001 possiamo valutare l?accrescimento numerico della colonia: a partire dai circa 60 animali si è raggiunta la consistenza di 75 esemplari nel 2001, ossia circa il 25% in 5 anni (5% annuo di media. I conteggi sono stati effettuati a vista da almeno 3 persone, da breve distanza e in buona luce, ma poiché in questa specie gli esemplari si appendono alle travi addossandosi uno sopra l?altro, è impossibile effettuare un vero conteggio. Nell?estate 2001 abbiamo condotto una ricerca più accurata sull?utilizzo del rifugio: dai rilievi di un rilevatore di passaggio all?infrarosso e soprattutto dalle riprese di una videocamera, risulta che il numero degli esemplari era stato fortemente sottostimato: gli esemplari erano, infatti, ben 150 (femmine, ossia il doppio di quanto stimato sia pure in condizioni favorevoli. A Giugno (2001 abbiamo registrato la nascita di 101 piccoli, il cui tasso di mortalità prima dell

  1. FAKTOR RISIKO FILARIASIS DI KABUPATEN MUARO JAMBI

    Santoso Santoso

    2013-11-01

    Full Text Available Abstract Jambi Province is one of the endemic areas of filariasis. Chronic filariasis cases found in almost all the districts. The number of reported chronic filariasis cases in Jambi in 2011 as many as 343 cases. The cases spread over 9 of 11 districts. The chronic cases mostly were found in Muaro Jambi (149 cases which spread in almost all sub-districts, in 4 sub-districts in 7 public health center. Number of cases found in the Muaro Kumpeh public health center were 45 cases. Mass treatment had been implemented since 2003, but new cases still could be found. Base on the situation, the research was aimed to identify the risk factors for filariasis transmission. The study design was cross-sectional through interviews with 412 respondents including 128 cases and 248 healthly. The results shows that the determinant of the risk factors in the incidence of filariasis in Muaro Jambi Regency was water bodies around the house, the travel time to health facilities, mosquito bite prevention behaviors at home, length of stay, education level and gender. The probability of a person with all the risk factors of 95.9% for filariasis infection with OR 23.5 times. Keywords: filariasis, risk factors, Muaro Jambi. Abstrak  Submit : 03-04-2013  Review : 02-05-2013 Review : 10-05-2013 revisi : 22–05-2013Provinsi Jambi merupakan salah satu wilayah endemis filariasis. Hampir seluruh Kabupaten/Kota di Provinsi Jambi terdapat kasus kronis filariasis. Jumlah kasus kronis filariasis yang dilaporkan di Provinsi Jambi sampai dengan tahun 2011 sebanyak 343 kasus. Kasus tersebut tersebar di 9 dari Kabupaten/Kota . Jumlah kasus filariasis terbanyak di Kabupaten Muaro Jambi sebesar 149 kasus. Filariasis di Kabupaten Muaro Jambi menyebar hampir di seluruh kecamatan. Jumlah kasus terbanyak ditemukan di wilayah Puskesmas Muaro Kumpeh sebanyak 45 kasus. Kegiatan pengobatan massal telah dilakukan sejak tahun 2003, namun hingga saat ini masih ditemukan adanya kasus baru

  2. Consumo di suolo e degrado del territorio: il caso milanese

    Francesco Vescovi

    2013-02-01

    Full Text Available La crescente scarsità di risorse pubbliche ha portato molti comuni italiani, complice una crescente cultura derogatoria nell’ambito della pianificazione, a diventare corresponsabili del degrado del paesaggio, alimentando artificiosamente il tasso di urbanizzazione del suolo. Mentre è evidente l’assoluta insostenibilità di un modello di “sviluppo” affidato ai meccanismi della speculazione immobiliare emerge chiaramente l’urgenza di una pianificazione strategica di scala intercomunale o metropolitana che sappia ottimizzare le sempre più scarse opportunità di rigenerazione di un territorio gravemente compromesso. I dati disponibili per il contesto milanese offrono la possibilità di indagare il fenomeno in maggior dettaglio.

  3. Caratterizzazione microstrutturale e prove di resilienza su giunti Friction Stir Welding e Linear Friction Welding di compositi a matrice metallica

    M. Merlin

    2010-04-01

    Full Text Available In questo studio sono stati caratterizzati giunti Friction Stir Welding e Linear Friction Welding su compositi a matrice in lega di alluminio e rinforzo particellare ceramico. Il processo FSW è stato applicato a due compositi ottenuti con processo fusorio, quindi estrusi e trattati termicamente T6: AA6061/20%vol.Al2O3p e AA7005/10%vol.Al2O3p. I giunti LFW sono stati invece realizzati su un composito con matrice in lega di alluminio e rinforzo particellare in carburo di silicio, ottenuto mediante metallurgia delle polveri, quindi forgiato e trattato termicamente T4: AA2124/25%vol.SiCp. Sono stati esaminati gli effetti della saldatura sullecaratteristiche microstrutturali dei giunti, avvalendosi di tecniche di microscopia ottica con analisi di immagine e di microscopia elettronica in scansione (SEM con microsonda a dispersione di energia (EDS. Sono state quindi condotte prove di resilienza con pendolo strumentato Charpy. Lo studio dei meccanismi di danneggiamento è stato effettuato mediante analisi al SEM delle superfici di frattura. Entrambi i processi di saldatura hanno portato a giunti sostanzialmente esenti da difetti. La microstruttura dei cordoni è risultata dipendente sia dalle caratteristiche microstrutturali iniziali dei compositi considerati, sia dalla tipologia di processo di saldatura. Nel caso dei compositi AA6061/20%Al2O3p e AA7005/10%Al2O3p saldati FSW si è osservato un sostanziale incremento di resilienza, rispetto al materiale base, in conseguenza dell’affinamento dei grani della matrice, della riduzione della dimensione media delle particelle di rinforzo e della loro spigolosità, indotte dal processo di saldatura. Il composito AA2124/25%SiCp saldato LFW ha presentato valori di resilienza confrontabili con quelli del materiale base, in conseguenza, soprattutto, dei limitati effetti della saldatura su dimensione e distribuzione delle particelle di rinforzo.

  4. Exclusive e+e-, di-photon and di-jet production at the Tevatron

    Terashi, Koji; /Rockefeller U.

    2007-05-01

    Results from studies on exclusive production of electron-position pair, di-photon, and dijet production at CDF in proton-antiproton collisions at the Fermilab Tevatron are presented. THe first observation and cross section measurements of exclusive e{sup +}e{sup -} and di-jet production in hadron-hadron collisions are emphasized.

  5. Sejarah Buruh Di Sumatera Timur Tumpuan Kajian : Buruh Wanita Penyapu Jalan Di Kotamadya Medan...

    Nurhamidah

    2007-01-01

    Secara amnya tesis ini bertujuan untuk mengungkapkan sejarah buruh di Sumatera Timur pada masa pentadbiran kolonial Belanda sejak proses datangnya buruh-buruh perkebunan etnik Cina sampai suku kaum Jawa. Tumpuan kajian adalah untuk mengetahui latar belakang sejarah buruh wanita penyapu jalan di Kotamadya Medan (1975-1993) yang berasal dari Desa Limau Manis, Kecamatan Tanjung Morawa, Kabupaten Deli Serdang, oleh Nurhamidah 05000561

  6. Pengetahuan Keluarga Tentang Perawatan Anggota Keluarga yang Menderita Asma di Rumah di Kabupaten Bireuen Kecamatan Jeumpa

    Hayani, Mela

    2010-01-01

    Pengetahuan merupakan hasil tahu manusia terhadap segala sesuatu perbuatan manusia untuk memahami suatu objek tertentu. Keluarga adalah pertama dan utama yang harus mendapatkan pengetahuan termasuk mengetahui perannya dalam memberikan perawatan kepada anggota keluarga yang menderita asma. Penelitian ini bertujuan untuk mengidentifikasi pengetahuan keluarga tentang perawatan anggota keluarga yang menderita asma di rumah di Kabupaten Bireuen Kecamatan Jeumpa. Jenis penelitian ini adalah deskrip...

  7. Filmiche storie di malati e di medici: medicina narrativa e uso formativo nel cinema

    Stefano Beccastrini

    2006-09-01

    Full Text Available Di fronte alla crisi epocale di una medicina contemporanea sempre più specialistica, tecnologica, commerciale, si rende necessaria una profonda svolta etica ed epistemologica della medicina stessa, che riaffermi la sua dimensione antropologica, relazionale, umanistica. A tal fine è nato, negli Stati Uniti ma ormai con qualche positiva diffusione anche in Italia, un approccio - definito Narrative Medicine - che pone al centro dell’atto medico l’ascolto delle storie dei pazienti, la valorizzazione della relazione umana oltre che tecnica tra medico e paziente, l’utilizzo di metodologie qualitativo / narrative anziché, unicamente, quantitativo / analitiche. Un libro di prossima pubblicazione (Stefano Beccastrini, “Lo specchio della vita. Medici e malati sullo schermo del cinema”, Change, Torino propone l’utilità del sapiente utilizzo di quell’immenso archivio di filmiche storie di malati e di medici che è il cinema per la formazione, giustappunto in Medical Humanities e in Narrative Medicine, dei futuri professionisti della cura.

  8. Storia di un Vulcano I GPS di Trimble per monitorare Mount St. Helen

    Edoardo Carlucci

    2005-10-01

    Full Text Available Venticinque anni fa il peggior disastro vulcanico nella storia degli Stati Uniti attirò l’attenzione di tutto il mondo. L’esplosione, preceduta da un paio di mesi di piccole scosse di terremoto, squarciò il fianco Nord del vulcano St. Helens il 18 maggio 1980, provocando allo stesso tempo il più grande smottamento della storia. L’eruzione seguente all’esplosione cancellò tutta l’area circostante, facendo 57 vittime tra la popolazione e formando un profondo cratere a forma di ferro di cavallo; per sei anni si susseguirono altre piccole eruzioni che portarono alla formazione di un’altra cupola lavica dopodiché Loo-wit (il Guardiano del Fuoco, come i nativi americani usavano chiamare il vulcano St. Helens, si addormentò di nuovo. Prima del fatidico giorno Mount St. Helens era la nona cima per altezza negli Stati Uniti; dopo il 18 maggio essa diventava la trentesima.

  9. Buchi neri nel mio bagno di schiuma l’enigma di Einstein

    Vishveshwara, C V

    2008-01-01

    "Le bolle stavano turbinando tutto intorno a me e massaggiavano il mio corpo ... Mentre me la godevo in questo fantastico bagno di bolle, i miei occhi si fecero pesanti e mi lasciaii trasportare in un dormiveglia sublimamente estatico". Così inizia l’incontro di Alfie con una vasca da bagno eccezionale e rivelatrice, acquistata da un vicino misterioso di nome Al. L’Enigma di Einstein, ovvero buchi neri nel mio bagno di schiuma, racconta la storia della teoria della gravitazione, dai suoi primordi fino agli ultimi sviluppi in astrofisica, focalizzandosi sulla teoria della relatività generale di Albert Einstein e sulla fisica dei buchi neri. Tramite conversazioni avvincenti e diagrammi scarabocchiati su tovaglioli di carta, si susseguono a ruota i rudimenti della relatività, dello spazio-tempo e di molti aspetti della fisica moderna. In scenette narrate con abilità pedagogica e notevole talento letterario, il lettore s’imbatterà nelle lezioni informali che un astrofisico cosmopolita tiene al suo amic...

  10. Colorimetric Detection of Aniline Based on Di(hydroxymethyl)-di-(2-pyrrolyl)methane-TCNQ System

    2006-01-01

    The blue color system of supramolecular assembly formed by di(hydroxymethyl)di-(2-pyrrolyl)methane and tetracyanoquinodimethane (TCNQ) may be used for effective and selective detection of aniline through the visual color change in CH3CN/H2O mixed solvent. The excellent properties of the system make the supramolecular assembly to be a highly selective colorimetric probe for aniline.

  11. Caratterizzazione via HPLC, HPLC.MS ed elettroforesi capillare di escina in soluzione standard e nell'estratto di castagne di Aesculus hipocastanum

    Pintore, Giorgio Antonio Mario; Dessì, Giuseppina; Puddu, Giuseppe; Chessa, Mario; Usai, Marianna; Cerri, Riccardo

    2000-01-01

    L'escina è una molecola complessa di rilevante interesse farmaceutico e che viene comunemente estratta dai frutti Aesculus hipocastanum. In questo studio si è cercato di mettere a punto una tecnica analitica la più rapida possibile per la caratterizzazione e quantificazione dell'escina partendo da escina commerciale ed applicandola all'escina che si estrae dai frutti di Aesculus hipocastanum

  12. Storie di vita, racconti di malattia e migrazione. I simboli, le ragioni, i sintomi del Mal de Chagas nella periferia di Buenos Aires.

    Anna Ciannameo

    2013-10-01

    Full Text Available “A Buenos Aires essere chagasico significa chi sei e da dove vieni”. Queste le parole con cui Fernanda comincia a raccontare la sua storia. Una storia in cui l’esperienza della Malattia di Chagas, infezione cronica e silenziosa, appare indissolubilmente vincolata al suo vissuto di migrazione dalla periferia boliviana di Cochabamba

  13. Storie di vita, racconti di malattia e migrazione. I simboli, le ragioni, i sintomi del Mal de Chagas nella periferia di Buenos Aires.

    Anna Ciannameo

    2013-01-01

    “A Buenos Aires essere chagasico significa chi sei e da dove vieni”. Queste le parole con cui Fernanda comincia a raccontare la sua storia. Una storia in cui l’esperienza della Malattia di Chagas, infezione cronica e silenziosa, appare indissolubilmente vincolata al suo vissuto di migrazione dalla periferia boliviana di Cochabamba

  14. Abitudini alimentari di un campione di popolazione giovanile siciliana e calabrese

    M.L. Calisto

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivo: valutare le abitudini alimentari, igieniche e la percezione di sé in un campione di studenti siciliani e calabresi.

    Materiali e Metodi: è stato condotto uno studio basato sulla compilazione in classe di un questionario, somministrato a 933 studenti dalla quarta elementare all’ultima classe di scuola superiore. Le schede con domande di tipo aperto e chiuso, a risposta singola o multipla, hanno fornito notizie di carattere antropometrico e sociofamiliare, sulle abitudini igienico alimentari e sulla percezione di sé.

    Risultati: dai dati emerge che l’ 85,6% dei ragazzi effettua la prima colazione consumando latte (43,9%, latte e caffè (30,3%, biscotti (31,8% e cereali (18,9%. L’ 89,7% fa uno spuntino a metà mattinata per lo più con panino e salumi (51,6%. Nel pomeriggio l’ 89,5% fa la merenda consumando soprattutto merendine (37,3% e succhi di frutta (28,3%.

    Circa la frequenza di assunzione di alimenti, carne, salumi, formaggi e patate sono consumati più volte a settimana; uova e pesce una volta a settimana; pasta una volta al giorno; pane e frutta fresca tutti i giorni a pranzo e a cena. Meno consumati verdura e legumi, con una preferenza per lenticchie e piselli. Il 54,6% consuma cioccolata ed il 53,4% chewing-gum. Il 78,2% consuma i pasti in compagnia dei familiari, guardando la televisione (69,8%. Dall’indagine si evince che i ragazzi non sempre hanno una visione corretta del loro corpo, infatti il 68,9% di essi, nonostante sia normopeso vorrebbe essere più magro.

    Conclusioni: si rendono necessari interventi educativi per migliorare le abitudini alimentari, favorendo la scelta di cibi sani. Occorre incrementare il consumo di verdure, legumi e frutta riducendo quello dei dolciumi che favoriscono sovrappeso e obesità. Inoltre bisogna realizzare una maggiore collaborazione tra scuola e sanità per educare i ragazzi ad una

  15. Un San Sebastiano di Silvestro dell’Aquila e un San Vito di Saturnino Gatti

    Lorenzo Principi

    2015-06-01

    Full Text Available L’articolo si focalizza sull’attribuzione di un’inedita statua a Silvestro di Giacomo da Sulmona, meglio noto come Silvestro dell’Aquila (documentato dal 1471-1504 e un’altra a Saturnino Gatti (1463 circa-1518, protagonisti della scultura del Rinascimento in Abruzzo. La prima proposta riguarda un San Sebastiano ligneo, grande poco meno del vero, conservato nella chiesa di Santa Maria ad Nives di Rocca di Mezzo, principale centro dell’Altipiano delle Rocche e paese natale del celebre cardinale Amico Agnifili, committente di Silvestro di Giacomo. La seconda acquisizione concerne una scultura lignea grande al naturale raffigurante San Vito, rintracciata nell’omonima chiesa di Colle San Vito, nel comune di Tornimparte, situata a pochi passi dagli affreschi eseguiti da Saturnino Gatti tra il 1490 e il 1494 in San Panfilo a Villagrande. Grazie ad un’analisi dei diversi contesti in cui si generarono le sculture e soprattutto attraverso stringenti confronti con opere note del catalogo dei due artisti si può riferire la prima statua alla tarda produzione di Silvestro dell’Aquila e la seconda al periodo di maturità di Saturnino Gatti.   The article focuses on the attribution of two unpublished wooden statues respectively realized by two masters of Renaissance sculpture in Abruzzo: Silvestro di Giacomo, known as Silvestro dell’Aquila (whose activity is documented at L’Aquila from 1471 to 1504; and Saturnino Gatti. The scultpure attributed to Silvestro dell’Aquila portrays Saint Sebastian, and is of almost life-size dimensions. It was spotted out inside the church of Santa Maria ad Nives at Rocca di Mezzo, the most renowned village on the upland of «Le Rocche», in the nearbies of L’Aquila; it was the birthplace of Cardinal Amico Agnifili, who happened to be Silvestro’s patron. The second statue, by Saturnino Gatti, represents Saint Vitus and is hold in the homonymous church at Colle San Vito in the municipal district of

  16. Integrare paesaggio, ambiente e territorio. Il caso del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Crotone

    Concetta Fallanca

    2013-01-01

    Full Text Available Nel perseguimento di una pianificazione e gestione equilibrata del territorio l’Ente Provinciale ha un ruolo strategico in quanto chiamato a recepire e mettere in atto i metodi e gli strumenti messi in campo per una nuova politica del paesaggio. Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale risulta essere lo strumento ideale di sperimentazione per integrare paesaggio-ambiente e territorio, poiché assume come obiettivo principale la sostenibilità ambientale connessa allo sviluppo socio-economico, coniugando l’evoluzione del territorio alla qualità dell’ambiente ed alla conservazione dei paesaggi, in una logica di compatibilità fra trasformazione e uso delle risorse secondo la loro capacità di carico e riproducibilità

  17. Trame di Pace. Simboli, carte, azioni di un’utopia possibile. 1945-2003

    Nadia Baiesi

    2014-06-01

    Full Text Available La mostra racconta la storia degli uomini e delle donne che hanno ragionato di pace non più come di una nobile speranza, ma come dell’unica chance di salvezza per l’umanità. La scansione cronologica, per decenni, parte dal 1945 e arriva al 2003 con la diffusione della bandiera arcobaleno in occasione della campagna «Pace da tutti i balconi», nata per scongiurare il secondo conflitto in Iraq. Al centro della mostra un percorso sui simboli che sono stati inventati, ripresi, risignificati in diversi contesti, movimenti radicali del pacifismo antimilitarista e nonviolento e movimenti contro singole guerre. Accompagnano i materiali iconografici (bandiere e manifesti originali, opere d’arte del maestro Anastasi, due percorsi documentari con immagini d’epoca, locandine, testi di decreti, opuscoli, volantini, articoli di quotidiani e riviste.

  18. Verifica di costruibilità in sicurezza con l’ausilio di strumenti grafici

    Pietro Capone

    2013-10-01

    Full Text Available Il tema del presente contributo si inserisce a cavallo di due filoni di studi propri del Construction Management: la Sicurezza Cantieri e la Costruibilità. Per affrontare la questione si fa riferimento ad  un approccio che riconosce un ruolo chiave all’attività progettuale in generale ed, in particolare, alla evoluzione del Progetto Esecutivo in Costruttivo. Il metodo proposto consente, intervenendo sulla rappresentazione grafica degli elaborati progettuali, da una parte la valutazione specifica e dettagliata delle condizioni di sicurezza per la realizzazione dell’elemento in oggetto, e contestualmente di verificarne le condizioni di cantierabilità, in una fase precedente il cantiere e quindi in un momento in cui è ancora possibile intervenire, se del caso, con modifiche, più o meno significative sul progetto senza che esso ne risulti snaturato nella sua primitiva impostazione.

  19. PERSEPSI MASYARAKAT TENTANG DIARE DAN PENCARIAN PENGOBATANNYA DI DUA DESA DI KABUPATEN BOYOLALI

    Iman Sumarno

    2012-11-01

    Full Text Available Diare masih merupakan penyebab penting kematian bayi dan balita di Indonesia. Telah dipelajari persepsi masyarakat tentang diare serta cara penanggulangannya di desa Manyaran dan Sempulur Boyolali sebagai bahan untuk penanggulangan diare oleh masyarakat. Diare tidak dianggap sebagai penyakit yang terlalu serius. Menurut masyarakat, penyebab diare ada yang langsung terhadap anak yaitu masuk angin, terlalu lama mandi, makan makanan rasa asam (kecut, dan tidak langsung bila ibu menyusui masuk angin atau makan makanan yang pedas-pedas, air susu menjadi jelek dan anak menderita mencret. Tidak ada kepercayaan bahwa diare disebabkan oleh roh halus. Persepsi masyarakat/ibu-ibu tentang diare dan penyebabnya menghasilkan perilaku pengobatan diare pada anak sebagai berikut: Mula-mula ditangani sendiri dengan ramuan tradisional, bila tidak sembuh diobati dengan pil "Ciba" yang dijual bebas di warung-warung yang tersebar di desa, bila tetap belum sembuh baru di bawa ke petugas kesehatan.

  20. Boro e Vanadio: requisiti di potabilitá e valori di parametro

    M. Ferrante

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: i minerali, che costituiscono circa il 4% del peso corporeo e svolgono numerose ed importanti funzioni biodinamiche, si possono suddividere in due gruppi: elementi principali ed elementi essenziali. Gli elementi essenziali necessitano in quantità minime, dal millesimo di milligrammo fino a qualche decina di milligrammi e per la bassissima concentrazione nei tessuti del corpo umano vengono chiamati anche oligoelementi o minerali in traccia. I minerali in traccia sono stati molto attenzionati dalle normative per le acque potabili essendo per i suddetti motivi importanti requisiti di potabilità. Con l’evoluzione della normativa alcuni oligoelementi che prima erano citati solo per memoria adesso devono rientrare in precisi valori di parametro. Tra questi il boro e il vanadio. In questa nota riportiamo la problematica relativa alla presenza di boro e vanadio nelle acque utilizzate per il consumo umano nella zona etnea.

    Metodi: le acque utilizzate nella zona etnea, in particolare quelle della provincia di Catania, sono state analizzate con spettrofometria in emissione (Inductively Coupled Plasma e con spettrofotometria per Assorbimento Atomico (A.A.con effetto Zeeman per il dosaggio del boro e del vanadio in esse contenuti.

    Risultati: il boro e il vanadio essendo elementi naturalmente presenti nei vari comparti ambientali sono stati ritrovati nelle acque potabili della zona etnea in concentrazioni estremamente variabili che talvolta superano i valori di parametro.

    Conclusioni: alla luce dei risultati ottenuti, non essendo ancora dimostrata la reale tossicità per assunzione di tali elementi attraverso il canale alimentare ed essendo molto difficile la loro eliminazione dalle acque, si propone un riesame delle concentrazioni massime ammissibili sulla base della percentuale di assorbimento gastro-enterico e dei relativi “tollerable intake” con

  1. Memorie di ricerca e oggetti sé

    Emilia De Simoni

    2004-01-01

    Tante cose vorrei raccontare, cose che porto dentro, come un diario di diari, e che s'intrecciano a ricordi di lontane esperienze di ricerca e a riflessioni sugli esiti del mio lavoro. In vent'anni di riprese audiovisive, nell'Abruzzo e nel Lazio, nella Lucania e nella Toscana, ho prodotto materiali che ora giacciono in un museo, ho prodotto immagini e voci che non vorrei neanche classificare, se non come testimonianze di relazioni intersoggettive, di scambi tra figure che il tempo ha, in gra...

  2. Memorie di ricerca e oggetti sé

    Emilia De Simoni

    2004-06-01

    Full Text Available Tante cose vorrei raccontare, cose che porto dentro, come un diario di diari, e che s'intrecciano a ricordi di lontane esperienze di ricerca e a riflessioni sugli esiti del mio lavoro. In vent'anni di riprese audiovisive, nell'Abruzzo e nel Lazio, nella Lucania e nella Toscana, ho prodotto materiali che ora giacciono in un museo, ho prodotto immagini e voci che non vorrei neanche classificare, se non come testimonianze di relazioni intersoggettive, di scambi tra figure che il tempo ha, in gran parte, cancellato e le cui parole e movenze, tuttavia, restano, non tanto come beni culturali, ma, almeno per me, come beni umani.

  3. Sviluppo di elettroliti polimerici per celle a combustibile

    Scherillo, Giuseppe

    2006-01-01

    La messa a punto di fonti di energia alternative pulite sta assumendo sempre più un ruolo centrale nella ricerca di uno sviluppo sostenibile. In quest’ottica assume un rilievo sempre maggiore la necessità di sviluppare su vasta scala tecnologie per la messa a punto di celle a combustibile ad H2/O2. Queste sono infatti caratterizzate da un bassissimo impatto ambientale (l’unico prodotto di scarto è l’acqua) e da un’efficienza, in condizioni operative, doppia rispetto ad un analogo motore a com...

  4. Circuiti fondamenti di circuiti per l'ingegneria

    de Magistris, Massimiliano

    2016-01-01

    Questo libro è un testo introduttivo ai circuiti per i corsi delle Facoltà di Ingegneria, al primo livello. Esso parte dai concetti di intensità di corrente, tensione e potenza elettrica, introducendo le leggi di Kirchhoff ed il modello circuitale su base fisica. Vengono poi introdotti gli elementi circuitali fondamentali ed illustrate le proprietà generali dei circuiti. Successivamente sono trattati i circuiti lineari e tempo invarianti in maniera completa, sviluppandone le principali tecniche di analisi. Nonostante il taglio introduttivo e l’attenzione ad uno stile piano ed accessibile, il testo si propone di affrontare il modello circuitale in modo rigoroso ed al tempo stesso moderno.

  5. Ortofotomappa del sito archeologico di Ur da UAV

    Renzo Carlucci

    2014-09-01

    Full Text Available Ortofotomappa realizzata con oltre 100 fotogrammi ripresi con voloaerofotogrammetrico operato con UAV (Unmanned Aerial Vehicle sul sito archeologico di UR Riprese effettuate con UAV FlyGEO della FlyTop di Roma, con apertura alare di 195 cm e lunghezza 75 cm, peso al decollo di 1.8 kg con motore elettrico 550 Watt alimentato da batteria ai polimeri di litio 11,1V - 4000mAh con autonomia massima di 45 minuti lanciato a mano.

  6. UN CASO DI LIPOMA DEL FILUM TERMINALE RECIDIVATO

    Giuseppa Patti

    2009-01-01

    Full Text Available Il lipoma del filum terminale è una rara patologia che determina disturbi conseguenti a compressione midollare. Si tratta di una forma di spina bifida occulta, responsabile spesso dell’insorgenza della sindrome del midollo ancorato. Riportiamo il caso di un bambino, operato per correzione del lipoma, il quale a un anno dall’intervento chirurgico ripresenta i medesimi sintomi che lamentava prima dell’operazione. Si sottolinea l’importanza di un intervento chirurgico precoce e di un follow-up continuo allo scopo di individuare eventuali recidive.

  7. Simboli religiosi e processo di mediazione

    Nicola Colaianni

    2014-01-01

    Full Text Available Il contributo, sottoposto a valutazione, è destinato alla pubblicazione negli Atti del Seminario Internacional de Profesores sul tema“Neutralidad del estado, religiones e ideologías”, organizzato dall’Universidad Complutense, tenutosi a Madrid il 21 novembre 2013.SOMMARIO: 1. Le nuove “guerre di religione”: tra credenti e noncredenti – 2. Lo spazio pubblico urbano: a la posizione di simboli religiosi – 3. (segue: b la rimozione di simboli preesistenti – 4. Lo spazio pubblico istituzionale: rimozione e posizione di simboli religiosi - 5. Dal processo conflittuale a quello mediatorio – 6. Riflessi del processo di mediazione sui simboli religiosi.ABSTRACT Religious Symbols and Alternative ProceedingsReligious symbols are becoming the object of a new forum of the ancient religious wars: those between believers and nonbelievers instead of between different organized religions like in the past. The Author describes the numerous judgements that were passed in the last years by U.S. and European Courts with particular reference to two kinds of public space: roads, parks, ecc. and public buildings. But he points out that the the ordinary trial is ineffective for resolution of cultural and religious conflicts and holds the utility of an alternative proceeding: the mediation between believers and nonbelievers, always in respect of liberty of conscience for everyone.

  8. I fondamenti di principio di un’economia islamica (The Principle Foundations of an Islamic Economy

    Roshanak Taghavi

    2012-04-01

    Full Text Available Il Corano costituisce la fonte primaria per gli insegnamenti e le credenze dell’Islam. Mentre la comunità può modificare le politiche sociali ed economiche ispirate ai valori islamici al fine di soddisfare le mutevoli esigenze socio-economiche della società, i princìpi di base dell’economia islamica e il sistema sociale, tuttavia, devono essere preservati. Ci si attende che rappresentanti liberamente eletti collaborino con la società per formulare politiche a sostegno della stabilità economica e sociale, della prosperità economica, dell’istruzione pubblica, delle cure sanitarie, dell’equità economica, di una giusta distribuzione del reddito e di una rete di sicurezza sociale. Tutti i musulmani fisicamente e mentalmente abili sono tenuti a lavorare per il proprio sostentamento, e coloro che dispongono di un sufficiente livello di ricchezza hanno l’obbligo di pagare tasse che contribuiscano al finanziamento statale di programmi di welfare o di altra utilità sociale. La nostra illustrazione del sistema economico islamico è sostenuta da numerosi studiosi moderni di Islam e di economia islamica, non concorda tuttavia del tutto con quelle offerte da esponenti e apparati religiosi legati a un’autorità statale.   The Quran is the primary source for the teachings and beliefs of Islam. While the community may change the social and economic policies inspired by Islamic values ​​in order to meet the changing socio-economic needs of society, the basic principles of Islamic economics and the social system, however, must be preserved. It is expected that freely elected representatives to work together with the society to develop policies in support of economic and social stability, economic prosperity, public education, health care, economic fairness, of a fair distribution of income and a network social security. All Muslims physically and mentally skilled are required to work for their living, and those who have a sufficient

  9. Dinamiche relazionali nei gruppi di pari ed interventi educativi

    Laura Tussi

    2006-06-01

    Full Text Available La funzione pedagogica dell’adulto educatore consiste quindi nel creare ostacoli invalicabili nel gruppo, che implicano resa, accettazione, sconfitta, rassegnazione, come gravi e irrimediabili incidenti di percorso, fratture emotive ed affettive, al fine di instaurare e avviare il processo di individuazione che si ottiene, per esempio, trasformando un insieme collettivo di pari, di coetanei e avviando una progettualità futura, una prospettiva interna al gruppo per sperimentare un senso unitario ed un significato sotteso, finalizzati ad una meta ad uno scopo e obiettivo da raggiungere, con un portato valoriale intrinseco. Il lavoro di strada si compie allontanando, dissociando i ragazzi dal luogo abituale di incontro, di ritrovo consueto del gruppo, generando uno “spiazzamento” affettivo, emotivo e cognitivo, introducendo la novità, la diversità, l’alterità, inserendo nel gruppo “accidenti” tutelati dall’educatore che introduce, tramite un atteggiamento dialogico aperto, di interscambio, esperienze di novità, di pensiero, di parole, messaggi e simboli che altrimenti verrebbero respinti e non si integrerebbero con progetti che apportino interrogativi, dubbi, perplessità, ricorrendo anche ad una serie di mezzi e strumenti a carattere artistico, espressivo, ludico/ricreativo e sportivo.

  10. Metodologie BIM per la progettazione integrata di interventi di riqualificazione e rinforzo strutturale orientati alla sostenibilità ambientale

    Salzano, Antonio

    2015-01-01

    L'attività di ricerca descritta nella presente tesi di dottorato nasce dalla prima esperienza in Regione Campania di Dottorati in Azienda, finanziata con fondi Por Fse 2007-2013. In particolare, l'azienda che ha accolto con fervente entusiasmo e altrettanta professionalità l'attività di dottorato è l'Associazione Costruttori Edili di Napoli (ACEN). L'ACEN è un'associazione tra aziende private che opera nel settore delle costruzioni con finalità di salvaguardia e tutela dell'imprenditoria, ...

  11. Pratiche di mobilitá e fonti digitali: opportunità e limiti dei dati di traffico telefonico

    Pucci, Paola

    2014-01-01

    I cambiamenti nelle pratiche di mobilità nei territori della città contemporanea costituiscono un’utile chiave di lettura del processo di trasformazione dei tempi, dei luoghi e dei modi della vita sociale e dei programmi di attività che concorrono a strutturare il territorio. In questa prospettiva - che assume la mobilità come dispositivo di lettura delle trasformazioni urbane e sociali (Urry, 2005) - la sfida che si pone riguarda la disponibilità di fonti utili a restituire la ...

  12. Sieropositivitá per HIV, HBV e HCV negli utenti del Servizio di Tossicodipendenza di Formia (ASL di Latina

    G. La Torre

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutare la prevalenza sieropositività per HIV, HBV e HCV nei tossicodipendenti afferenti al Ser.T di Formia (LT.

    Materiali e metodi: sono state consultate le cartelle cliniche degli afferenti al Ser.T. nel 2002, estraendo dati relativi ai parametri socio-demografici ed alle sieropositività. L’analisi statistica ha previsto l’impiego del test del χ2 e della regressione logistica multipla.

    Risultati: sono stati presi in considerazione 135 tossicodipendenti, di cui 103 (76.3% maschi e 32 (23.7% femmine. L’età mediana dell’inizio della tossicodipendenza e della presa in carico presso il servizio erano, rispettivamente, di 18 e di 23 anni. Il 94.1% dei tossicodipendenti risulta dipendente primariamente da eroina, il 5.2% da cocaina e lo 0.7% da alcol. Relativamente alle positività per i virus considerati, 7 soggetti (5.2% sono risultati positivi all’HIV, 23 (17% sieropositivi per HBV e 50 (37% sieropositivi per HCV. L’analisi multivariata mostra che sono associate alla sieropositività per HCV la sieropositività per HBV (OR = 3.87 e l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 1.88; alla sieropositività per HBV l’occupazione saltuaria (OR = 4.58, la HCV positività (OR = 4.41 e la HIV positività (OR = 5.39; alla sieropositività per HIV l’età della presa in carico presso il servizio superiore a 25 anni (OR = 4.94.

    Discussione: l’indagine ha messo in evidenza prevalenze di sieropositività per HCV, HBV e HIV decisamente inferiori a quelle registrate in altre realtà italiane ed internazionali. Una possibile spiegazione potrebbe essere ricercata nei bassi livelli di sieropositività per questi virus nella popolazione generale del Basso Lazio, o nella scarsa abitudine di scambiarsi le siringhe fra tossicodipendenti di questa area geografica.

  13. Valutazione della leggibilità di testi contemporanei per l’infanzia L’esempio di C’era due volte il barone Lamberto, di Gianni Rodari

    Hossam Sherbini

    2012-07-01

    Full Text Available Non è di certo un’esperienza poco comune trovarsi ad affrontare testi di cui non si possiedono gli strumenti giusti di lettura o, in altri termini, la cui difficoltà non corrisponde alla reale capacità di comprensione dei lettori a cui tali testi sono destinati. Un’esperienza, questa, che chiunque può trovarsi ad affrontare, dal bambino che compie i primi passi nel mondo della lettura, al lettore con un buon bagaglio di letture alle spalle, fino al lettore esperto, e che vale per tutte le tipologie di testi. In un saggio[1] pubblicato nel 2003 da Daniele Fortis[2], l’autore condanna la non-leggibilità del linguaggio della pubblica amministrazione che, pur avendo come scopo primario quello di comunicare efficacemente con i cittadini, risulta colmo di “parole antiquate, termini tecnici, inutili neologismi, sigle indecifrabili, frasi lunghe e verbose, un periodare tortuoso, una cattiva gestione dell'informazione”[3] tanto da meritarsi a pieno diritto l’appellativo di burocratese. [1] Fortis D., Il Plain language, quando le istituzioni si fanno capire. I quaderni del MdS, maggio 2003. [2] Fortis D., Linguista, comunicatore pubblico ed esperto di scrittura professionale e di linguaggio amministrativo. Ha prodotto diversi saggi che vertono sulla problematica della leggibilità del linguaggio della pubblica amministrazione. [3] Fortis D., op. cit. p. 3

  14. Sostenibilità applicata: esplorando le strategie di Business Inclusivo attraverso le dimensioni spaziali ed istituzionali.

    DAL NEGRO, LUCIA

    2014-01-01

    Questo studio analizza i meccanismi di diffusione di iniziative di Inclusive Business secondo i principi della Teoria Base della Piramide (BOP). La ragione è quella di approfondire l’ipotesi che tali iniziative possano rappresentare un modello di policies a favore dello Sviluppo Sostenibile e Umano, a livello globale. Due variabili sono state analizzate: la replicabilità geografica dei modelli di inclusive Business e la presenza di un contesto istituzionale di supporto. Lo studio ha veri...

  15. Pengawasan Terhadap Bisnis Syariah di Indonesia

    Nur Atiqah Mahmudah

    2012-09-01

    Full Text Available Dalam Islam, bisnis memiliki posisi yang sangat mulia dan strategis (bukan sekedar diperbolehkan dalam Islam melainkan justru diperintahkan oleh Allah SWT. Bisnis yang dijalankan dengan governance yang baik akan lebih memungkinkan untuk tetap sustainable / berlangsung secara baik. Keberlangsungan bisnis syariah harus dijaga untuk kemanfaatan semua pihak, sekaligus manfaat dunia dan akhirat. Artikel ini berusaha menjelaskan pola pengawasan terhadap bisnis syariah yang memiliki karakteristik tersendiri dan tentunya sangat berbeda dengan jenis bisnis lainnya baik secara konsep maupun praktis. Dalam artikel ini pula akan dijelaskan bagaimana prinsip dasar etika dalam bisnis syariah disertai beberapa contoh bisnis syariah yang berkembang di Indonesia dan Malaysia. Dalam bisnis syariah tak dapat terlepaskan dari syariah compliance, yakni salah satu elemen kunci yang berfungsi sebagai regulator dalam mengeluarkan kebijakan, aturan, tata kerja yang di jalankan dalam prakteknya. Instrumen tersebut adalah Dewan Pengawas Syariah yang memiliki peranan penting dalam menegakkan syariah compliance di bisnis syariah.

  16. Case a mare: proposte di ricostruzione

    Silvia Mevio

    2013-11-01

    Full Text Available Il presente contributo nasce in seguito alla volontà di comprendere in maniera più approfondita l’area, scavata già negli anni ’50, delle “case a mare” e più specificatamente il settore settentrionale del quartiere, denominato settore A. L’area indagata comprende 5 ambienti distinti riconducibili a due diverse unità abitative: alla prima appartengono gli ambiente Aa, Ab ed Ac mentre alla seconda gli ambienti Ad ed Ae. Gli ambienti sono stati descritti allo stato attuale, successivamente è stato descritto l’intervento di ricostruzione virtuale che si è effettuato. Le ricostruzioni qui presentate si basano: sul confronto con altre unità abitative esterne al sito di Nora (Ostia e Pompei soprattutto e sull’osservazione diretta delle evidenze archeologiche presenti in situ. Infine viene fornita una descrizione del programma utilizzato per la ricostruzione con particolare attenzione ai materiali impiegati.

  17. Su Ipermodernità di Raffaele Donnarumma

    Florian Mussgnug

    2014-12-01

    Full Text Available Nella letteratura la realtà viene investigata, esplorata, vissuta. È lì che ci rendiamo intellegibili, per così dire, a noi stessi. Anche per questo la letteratura contemporanea ci riguarda tutti, indipendentemente dal suo valore estetico: è lì che capiamo chi siamo, oggi. Spiegare il presente, tuttavia, è un compito arduo e quasi impossibile, come ammonisce Jean-Paul Sartre in un celebre saggio del 1939 su The Sound and the Fury di William Faulkner. L’oggi, scrive Sartre, «non è che un rumore scomposto» e i nostri sforzi di rendere comprensibile quest’attimo «anonimo e sfuggente» assomigliano all’esperienza di un «uomo seduto all’indietro in una decappottabile».

  18. Impiego di materiali plastici nell'industria alimentare: rilascio di 'Endocrine Disruptors' valutato mediante test a breve termine in vitro

    D. Reali

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: valutazione del rischio di esposizione della popolazione a composti chimici estrogenomimetici rilasciati da materiali plastici utilizzati nell’industria delle bevande e nel packaging di alimenti

    Metodi: messa a punto di un metodo di estrazione di composti organici da flussi acquosi tramite l’uso di resine di amberlite® XAD®-2 con passaggio di matrice acquosa (50ml/min attraverso tubi di adduzione. L’analisi chimica di eventuali composti chimici migranti da tubi e contenitori per bevande è stata effettuata con GC/MS e arricchimento con tecnica SPME. L’attività estrogeno mimetica degli estratti è stata saggiata con un test biologico a breve termine, il Yeast Estrogen Screen. Il costrutto di Saccharomyces cerevisiae è vettore di sequenze di DNA che codificano il recettore estrogenico alfaumano e i rispettivi response elements legati alla regione promotrice del gene reporter LacZ per la ßgalattosidasi. L’induzione di sintesi di ß-galattosidasi dipende dall’attivazione del gene reporter conseguente all’affinità di legame ligando-recettore e viene misurata spettrofotometricamente. La potenza estrogenica viene calcolata in riferimento all’attività elicitata dall’ormone naturale 17ß-estradiolo nelle stesse condizioni sperimentali preso come controllo positivo di riferimento (RIE.

    Risultati preliminari e Conclusioni: l’analisi tossicologica in vitro ha evidenziato che nell’acqua che è stata a contatto con silicone e PVC in condizioni dinamiche sono presenti composti chimici (1-10 μg/lt: con attività estrogeno-mimetica (RIE= 87.31;44.28. Sono emersi aspetti interessanti da studiare ulteriormente nell’ottica della promozione della sicurezza alimentare.

  19. Indagine sulle opinioni, conoscenze ed attitudini dei docenti scolastici della provincia di Frosinone in tema di tossicodipendenza

    M. Ferrara

    2003-05-01

    Full Text Available

    Obiettivi: lo studio in questione mirava a valutare le conoscenze circa gli effetti e l’uso personale del fumo di tabacco e delle droghe in generale in un campione di insegnanti delle Scuole Medie Superiori della provincia di Frosinone.

    Metodi: sono stati somministrati questionari anonimi a 350 docenti frequentanti un Corso di Aggiornamento sulle tossicodipendenze.

    Risultati: il 23.4% ha dichiarato di essere fumatore, con un consumo medio pro die di 10 sigarette: di questi la maggior parte era di sesso femminile. Sul fastidio che si prova in presenza di un fumatore il 54.6% ha risposto positivamente, tra cui il 14.6% sono fumatori. Il 94% dichiara di non aver utilizzato alcun tipo di sostanza mentre il 5.5%, tra cui in prevalenza femmine, dichiara di utilizzare psicofarmaci. Le sostanze stupefacenti ritenute più pericolose sono eroina 82.9%, cocaina 81.1%, allucinogeni 70%, canapa indiana 54.9%; alcol 58% e tabacco 18% sono meno pericolose. Il 15.7% ritiene che l’abitudine al fumo sia scatenata dalla socializzazione, il 15.1% dall’imitazione, il 15.4% dal piacere e dalla curiosità, l’11.1% dal sentirsi grandi, l’8% dal gusto del proibito. Il 97.1% mostra un adeguato livello di conoscenza sulle droghe e il cervello è il principale organo danneggiato (96.3%.

    Conclusioni: la conoscenza dei docenti in materia di tossicodipendenze sembra concentrata sulle droghe illegali: infatti, i rischi legati al consumo di alcol e tabacco sono sottovalutati e non sono chiari i fattori determinanti la dipendenza. Infine i docenti hanno espresso l’esigenza di aggiornamento per l’insufficiente opera di informazione e prevenzione svolta da parte delle istituzioni competenti.

  20. Pianeti tra le note appunti di un astronomo divulgatore

    Adamo, Angelo

    2010-01-01

    Una stella, otto pianeti, un centinaio di lune e una miriade di corpi minori tra plutini, asteroidi, comete, satelliti artificiali. E per ognuno di questi oggetti, spiegazioni scientifiche che condividono la scena con narrazioni dettate dal mito, con visioni della fanstascienza e con suggestioni sonore scaturite dalla penna di grandi compositori. L'autore prova a districarsi nella babele di idiomi più o meno precisi che da sempre vengono usati dagli uomini per descrivere il Sistema Solare nell'intento di spiegarlo e di rendere il freddo spazio interplanetario un posto più accogliente. La letteratura, la fisica, il fumetto, l'illustrazione, la musica finalmente cooperano per delineare un possibile percorso, una traiettoria fra le tante, che condurrà il lettore dalle origini del linguaggio fino alla nube di Oort.

  1. Pupazzi di neve. David Lynch fotografo e l’"Unheimliche"

    Paolo Sebastiano Lanzi

    2013-02-01

    Full Text Available L’opera di David Lynch non si limita al cinema, come ha dimostrato l’esposizione del 2007 alla Fondation Cartier di Parigi, The Air is on Fire. Tuttavia gli studi teorici hanno trascurato ciò che gallerie e musei hanno evidenziato da tempo: il Lynch pittore, fotografo, musicista, artista poliedrico. L’articolo si focalizza su una serie fotografica, Snowmen, ed è tratto da una ricerca di Paolo Sebastiano Lanzi sulla figura di David Lynch fotografo. Alla luce del saggio di Freud sul Perturbante (Das Unheimliche, 1919 si interpretano gli Snowmen come immagini di morte. Si chiariscono alcuni aspetti della poetica dell’artista-regista, come l’inquietudine dell’Inland Empire o di certe idee care al Surrealismo. Lo studio della produzione fotografica di Lynch riempie un vuoto nell’analisi critica sul suo lavoro, che va necessariamente riconsiderato in una prospettiva più ampia.

  2. Fondamenti di Meccanica e Biomeccanica Meccanica dei corpi rigidi articolati

    Picasso, Bruno

    2013-01-01

    Nel presente volume vengono presentati in forma estesa e rigorosa i principi della Meccanica dei corpi rigidi, il cui apprendimento richiede solo le conoscenze di base della Fisica, studiata nella Scuola Superiore. La quasi totalità delle applicazioni, degli esempi e degli esercizi presentati si riferisce all’analisi del movimento e degli stati di sforzo nel corpo umano. Le applicazioni svolte con Matlab e Simulink richiedono una conoscenza elementare di programmazione in questi ambienti. Nel testo si privilegia l’approccio applicativo, perché la materia rimanga viva nella successiva vita professionale del lettore. Il testo si rivolge principalmente agli studenti dei Corsi di Biomeccanica, professati nei Corsi di Studio di base in Bioingegneria, in Scienze Motorie e nelle Scuole di Specializzazione in Ortopedia. Per l’estensione della materia trattata e per le applicazioni, il testo può essere utilmente adottato anche nei Corsi di Laurea specialistica in Bioingegneria.

  3. Una rivisitazione delle teorie di Modigliani sulla finanza

    Terenzio Cozzi

    2005-06-01

    Full Text Available L’articolo esamina l’influenza dei contributi di Modigliani su questioni di finanza. La teoria dell’habitat preferito, proposta per spiegare la struttura a termine dei tassi di interesse, è stata utilizzata dagli operatori finanziari fino agli anni '80. Poi è statamessa da parte come obsoleta, ma sembra che oggi possa di nuovo riprendere validità. Il teorema di Modigliani-Miller, oggetto di innumerevoli critiche, rimane comunque un pilastro nella teoria della finanza. Per contro, la tesi sulla sottovalutazione irrazionale della quotazioni azionarie nei periodi di inflazione halasciato del tutto indifferenti gli operatori finanziari. Ma molti economisti concordano con la conclusione che i mercati possono per lungo tempo svolgere male il compito di indirizzare le risorse verso gli impieghi più produttivi.

  4. La leucemia del bambino come causa di disgregazione familiare

    G. Varchetta

    2003-05-01

    Full Text Available

    Introduzione: le patologie del bambino, soprattutto se gravi e durature, possono essere definite come “malattie della famiglia” a causa dell’intensità di assistenza richiesta, delle difficoltà organizzative quotidiane e dello stress causato. Obiettivo: identificare il ruolo di alcuni potenziali fattori di rischio coinvolti nella rottura di famiglie di bambini leucemici.

    Materiali e metodi: mediante l’uso di questionari, sono state studiate, durante l’anno 2002, 150 cartelle cliniche di bambini leucemici dell’ospedale pediatrico “Santobono-Pausillipon”- Dipartimento di Oncologia; 11 casi sono stati esclusi per incompletezza dei dati. Outcome è stata considerata la “separazione familiare.” Sono state analizzate le seguenti variabili: trapianto di midollo osseo, lavoro del padre, della madre e loro età ed educazione, sesso ed età del bambino (CA, numerosità della famiglia, stato socio-economico, probabilità clinica di guarire (CPR, appartenenza ad una associazione. Sono state condotte analisi bivariate e logistiche. Risultati: all’analisi bivariata CA e CPR, entrambi stratificati in tre livelli, sono risultati associati alla separazione. L’Odds Ratio grezzo (OR della separazione familiare con CA di 5/10 anni e bambini di 11 anni o più a confronto con quelli d’età di 0/4 era, rispettivamente, di 8.68 (p=0.02 e di 5.7 (p=0.07. L’OR grezzo della separazione con un CPR medio e un CPR buono confrontato con un CPR basso ha dato rispettivamente 0.35 (p=0.02 e 0.08 (p‹0.001. Un modello logistico che includeva CPR come variabile principale e controllata per CA ha evidenziato che la probabilità di guarigione è media o alta e, dopo aver aggiustato per l’età del bambino, è stato ottenuto un rischio di rottura familiare rispettivamente di 0.29 (p=0.01 e 0.08 (p=0.02.

    Conclusioni: la rottura dell’unità familiare è evento frequente in caso di grave

  5. Diabetes mellitus ve dişhekimligi

    Koray, Fatma

    2013-01-01

    ÖZETBu makalede, Diabetes Mellitus'un etiolojisi, semptomları ve komplikasiyonları hakkında kısaca bilgi verildikden sonra, şekerli kişilerde bu hastalığa bağlı olarak diş çürüklerine, stomatitlere ve fazla sayıda parodontopatilere rastlandığı söylenmişdir. Yazı, diş hekiminin diabetiklere tedavi ve cerrahi müdahele yaparken dikkat etmesi gereken konuların açıklanmasıyla sonlanmıştır.

  6. SEMPLIFICARE I TESTI DI STUDIO: QUANDO, COME

    Maria Luisa Zambelli

    2014-07-01

    Full Text Available L’articolo si colloca all’interno della didattica inclusiva e propone una riflessione sulle difficoltà che i lettori poco esperti – italofoni e stranieri – incontrano nell’approccio al manuale di studio. La complessità del processo di comprensione, e la specificità della lingua dei manuale – uno degli aspetti della lingua dell’istruzione – giustificano le difficoltà. La scuola ha il compito di trovare soluzioni che permettano anche ai lettori dalle competenze non ancora consolidate – come gli alunni stranieri o gli alunni con disturbi specifici di comprensione – di accostarsi ai contenuti delle discipline contemporaneamente ai compagni di classe e nel frattempo consolidare competenze trasversali quali la lettura per lo studio. Fra gli strumenti possibili la semplificazione e la facilitazione del testo sono strumenti essenziali per raggiungere l’obiettivo, strumento-ponte il primo, da abbandonare non appena le competenze linguistiche dei lettori lo permettano, strumento di più ampio uso il secondo, utile a sostenere il consolidamento delle competenze di studio in tutti gli alunni del gruppo-classe. Simplifying textbooks: when, how  Luisa Zambelli The article falls in the field of inclusive education and offers a reflection on the difficulties that Italian and foreign readers with little experience meet when studying from a textbook. The complexity of the process of understanding and the specificity of textbook language – one of the aspects regarding the language of study – justify the difficulties. Schools have the task of finding solutions that allow readers whose skills are not yet consolidated ‒ like foreign students or students with specific learning disorders ‒ to approach the content of the disciplines together with their classmates, while strengthening transversal skills such as reading for study. Among the possible tools, the simplification and facilitation of the text are essential tools to achieve

  7. Good Corporate Governance di Bank Syariah

    Ali Syukron

    2013-04-01

    Full Text Available Artikel ini bertujuan untuk mengelaborasi pengetahuan tentang bagaimana implementasi GCG pada perbankan syariah. Dari sisi regulasi, penerapan GCG pada perbankan syariah telah tertuang dalam pasal 34 Undang-undang No 21 tahun 2008 tentang perbankan syariah, di mana GCG pada perbankan syariah tidak saja menitikberatkan pada implementasi prinsip-prinsip dasar GCG, tetapi pelaksanaan GCG di dalam perbankan syariah harus memenuhi prinsip syariah, sehingga implementasi GCG pada bank syariah akan mampu menciptakan iklim usaha yang sehat dan berkesinambungan, mewujudkan perusahaan yang lahir dari budaya governance yang berdasar pada akhlak al-karimah dan  memberikan kemaslahatan yang lebih luas.

  8. Movimenti della faglia del Iago di Cavazzo, in relazione con la locale caduta di pioggia

    M. MIGANI

    1972-06-01

    Full Text Available RIASSUNTO. — Si portano chiare testimonianze sull'esistenza di micromovimenti
    della faglia del Lago di Cavazzo (Tolmezzo, associati alla locale
    caduta di pioggia. Essi vengono registrati, sotto forma di rotazioni della
    verticale, dalle stazioni clinografiche sistemate nella centrale « Enel » di
    Somplago, ricavata in roccia. L a centrale si t r o v a sul bordo occidentale della
    grande faglia del lago. A sua volta la faglia del lago — che probabilmente si
    prolunga fino alla confluenza del torrente Melò nel Tagliamento, ca 10 km
    a Sud della Centrale — si t r o v a nel quadrante NW della vasta zona di alluvioni
    del Tagliamento, che si stende f r a Venzone, Gemona e Osoppo. La rotazione
    della verticale verso SSE può essere a t t r i b u i t a all'appesantimento della
    zona alluvionale, dovuto alla pioggia: la deviazione r i s u l t a i n f a t t i t a n t o maggiore
    quanto più cospicua è la caduta di pioggia. È da ritenere che sotto
    l'esteso letto del fiume Tagliamento, esista una fiumana, alimentata dalla
    pioggia d'infiltrazione. A questo riguardo, è da rilevare che, durante i mesi
    estivi, quando l'apporto della pioggia diminuisce, la verticale subisce a
    Somplago un lento movimento in senso contrario, come per un corrispondente
    lento alleggerimento della zona a SSE.
    I micromovimenti relativi dei due bordi della faglia possono avere un
    effetto « decongestionante » della zona da essa interessata, nel senso di impedire
    notevoli accumuli di tensioni elastiche nel mezzo circostante. Sta di f a t to
    che, malgrado l'elevata sismicità della Carnia, nei tempi storici la zona di
    Somplago non si è mai t r o v a t a all'epicentro di terremoti distruttivi.

  9. DHA e prodotti di degradazione termica: isolamento, caratterizzazione spettroscopica e studi di stereodinamica

    Di Mattia, Michela

    2010-01-01

    La comparsa di un nuovo medicinale in farmacia è l’ultimo atto di un processo che richiede molti anni di ricerche e che vede protagonisti diversi attori: i ricercatori, le università, i centri clinico-ospedalieri, le aziende farmaceutiche, le autorità sanitarie, i medici e i pazienti. Dire con esattezza quando nasce un farmaco è difficile, in realtà un farmaco comincia potenzialmente a esistere quando si è verificata la sua attività farmacologica, cioè quando si comincia a indagare a quali do...

  10. Trame di Pace. Simboli, carte, azioni di un’utopia possibile. 1945-2003

    Nadia Baiesi; Gianluca Gabrielli; Elda Guerra; Rossella Ropa

    2014-01-01

    La mostra racconta la storia degli uomini e delle donne che hanno ragionato di pace non più come di una nobile speranza, ma come dell’unica chance di salvezza per l’umanità. La scansione cronologica, per decenni, parte dal 1945 e arriva al 2003 con la diffusione della bandiera arcobaleno in occasione della campagna «Pace da tutti i balconi», nata per scongiurare il secondo conflitto in Iraq. Al centro della mostra un percorso sui simboli che sono stati in...

  11. STUDI KOLEKSI REFERENSI RESERVOIR PENYAKIT DI DAERAH ENZOOTIK PES DI JAWA BARAT DAN JAWA TIMUR

    Ristiyanto -

    2011-12-01

    Full Text Available ENGLISHReservoir Reference Study Collection Disease, particularly rats have been conducted in several areas such as the enzootic plague area in the district of Nongkojajar, Pasuruan, East Java and Ciwidey district, Bandung regency, West Java. These were organized in May-October 2007. The method used for the collection and reference reservoir of disease is rodentia survey methods. Result of the reference collection reservoir of disease is the house rat Rattus tanezumi Nongkojajar found either in the of Pasuruan, East Java (3 rats and the District of Ciwidey (4 rats. Polynesian rat R. exulans, three rats were only found in the District Nongkojajar, whereas three rats R. tiomanicus, three rats were found in Ciwidey. In addition another types of mice were also found 1 Insectivora mice Suncus murinus in the District Ciwidey. Type of rats captured in habitat homes in the District Ciwidey Bandung regency, West Java and Pasuruan, East Java is the same type, namely house rat Rattus tanezumi. Types of mice caught in the habitat garden in the District Ciwidey Bandung regency, West Java (tiomanicus R. tree rats were different from mice found in Pasuruan, East Java (Polynesian rat R. exulans. Local environment in plague enzootic area in Pasuruan, East Java is mountainous and forest conservation area Bromo-Tengger, while District Ciwidey, Bandung is the highland tourism areas / mountainous and agricultural areas.INDONESIAKoleksi referensi reservoir penyakit khususnya tikus telah dilakukan di beberapa daerah enzootik pes seperti di Kecamatan Nongkojajar, Kabupaten Pasuruan, Jawa Timur dan Kecamatan Ciwidey, Kabupaten Bandung, Jawa Barat. Kegiatan tersebut dilaksanakan pada bulan Mei-Oktober 2007. Metode yang digunakan untuk koleksi dan referensi reservoir penyakit adalah metode survei rodensia. Hasil koleksi referensi reservoir penyakit adalah tikus rumah Rattus tanezumi ditemukan baik di Kecamatan Nongkojajar, Kabupaten Pasuruan, Jawa Timur (3 ekor maupun

  12. L’Islam di Stato. La figura di Necmettin Erbakan nella Turchia contemporanea

    Emanuela Locci

    2014-01-01

    Fin dai suoi albori la repubblica turca ideata da Atatürk ha rifiutato l’islam politico, facendo di questa negazione uno dei suoi cardini. Necmettin Erbakan, scaltro e navigato uomo politico, ha cercato per anni di scardinare questo principio e ha rappresentato la frangia più importante dell’Islam politico in Turchia. La sua parabola è stata una cartina di tornasole degli avvenimenti politici e sociali che hanno interessato il paese, a partire dagli anni Settanta del secolo scorso fino alle s...

  13. Fitorimedio di idrocarburi policiclici aromatici: studi di rizodegradazione e biodisponibilità

    Sesso, Michela

    2011-01-01

    Questo studio nasce idealmente vent’anni fa, quando il Prof. Pier Paolo Puglisi, genetista dell’Università di Parma e uomo di estrema cultura e lungimiranza discute allora il tema del fitorimedio come possibilità per dar risposta a stati alterati dell’ambiente. In uno dei suoi testi 1789-1989 Abbiamo preso al Bastiglia disinquiniamola, discute di piante sì come “sentinelle” ambientali, ma anche piante come soluzioni a problemi rilevanti determinati dall’impatto antropico. È a seguito della...

  14. ANALISI TEORICA E SPERIMENTALE DI UNA SISTEMAZIONE COSTIERA

    TIRELLI, DANIELE

    2007-01-01

    La protezione dei litorali risulta tutt'oggi uno dei problemi che maggiormente affligge le coste italiane ed internazionali. Un numero considerevole di coste dell'Unione Europea è in erosione a causa del notevole sviluppo antropico associato al crescente interesse turistico ed economico. Le problematiche inerenti i fenomeni di erosione e ripascimento risultano, spesso, di difficile individuazione e definizione, essendo fenomeni lenti e di cui si valuta, principalmente il valore medio annuo. I...

  15. Gli usi innovativi del legno di piccole dimensioni in architettura

    Colabella, Sofia

    2006-01-01

    1. Verso una reale eco-compatibilità del costruire in legno Introduzione 1.1 Aspetti ecologici, economici ed energetici nell’impiego del legno come materiale da costruzione. A partire dalla consapevolezza che l’azione ambientale da sola non riesce a esaurire la sfida, si postula la necessità di ogni piano di intervento di rispondere a una visione integrata e di definire gli impatti economici, sociali e ambientali. Lo sviluppo sostenibile, infatti, come descritto nei 27 Principi su ...

  16. Effetti di amplificazione topografica osservati sul patrimonio monumentale

    Compagnoni, M.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano; Curti, E.; Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell’Ambiente e del Territorio, Università degli Studi di Genova; Di Capua, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Lemme, A.; Ufficio del Commissario Delegato per le attività post sisma, Regione Molise; Peppoloni, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Pergalani, F.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano; Podestà, S.; Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell’Ambiente e del Territorio, Università degli Studi di Genova

    2009-01-01

    La ricerca ha avuto l’obiettivo di indagare gli effetti di amplificazione sismica, per cause topografiche, che possono aver interessato le chiese danneggiate da alcuni terremoti storici italiani. La novità di questo studio consiste nell’aver messo a punto una metodologia di analisi che, partendo dall’osservazione degli effetti del terremoto sull’edificio, confronta il danno osservato ed il danno atteso, calcolato attraverso modelli basati su dati statisticamente affidabili, prevede u...

  17. L’allume di Napoli nel XV secolo

    Feniello, Amedeo

    2015-01-01

    La storia che sto per raccontare è una storia di sottosviluppo economico che ha come protagonista uno dei principali giacimenti d’allume della Cristianità nel corso del Quattrocento, situato tra Napolie Pozzuoli, laddove oggi è la conca vulcanica della Solfatara ad Agnano. Si traita di una vicenda di non semplice lettura considerata la frammentarietà della documentazione: circostanza che impone il ricorso a fonti diverse, asistematichee di differente provenienza, che vanno assemblate con cura...

  18. Studio molecolare della produzione di antocianine in pianta

    Carletti, Giorgia

    2010-01-01

    le antocianine sono una classe di metaboliti secondari nelle piante, appartenenti ai flavonoidi, categoria di molecole antiossidanti utili per la salute di piante, animali e umana. Sono ampiamente studiati nelle Leguminosae poiché implicati in numerose funzioni fisiologiche. In questa tesi, due wild-types e cinque mutanti di Medicago truncatula, coinvolti nel metabolismo dei flavonoidi, sono stati caratterizzati a livello fenotipico, fisiologico e molecolare. La principale differenza tra i wi...

  19. Le rime spurie di Dante. Studio ed edizione

    Manzi, Andrea

    2014-01-01

    Le rime spurie di Dante sono i 33 componimenti elencati da Michele Barbi nella sua edizione delle "Rime" dell'Alighieri del 1921; si tratta delle principali liriche di acclarata apocrifia che, nelle edizioni e negli studi danteschi dal Cinquecento ai primi del Novecento, furono indebitamente ascritte al poeta fiorentino. Nel presente studio si illustra la 'storia dantesca' dei componimenti (perché furono creduti di Dante, perché di Dante certamente non sono), e si fornisce la prima edizione c...

  20. I FONDI SOVRANI: nascita, evoluzione e strategie di investimento

    TERRIACA, DANIELE

    2015-01-01

    L’obiettivo dell’intero progetto di ricerca, partendo dalla letteratura di riferimento, e’ quello di evidenziare nuovi elementi di interesse ”accademico” e, tramite appropriati approcci econometrici, indagare alcuni aspetti rilevanti che possono essere rintracciati nelle seguenti, e specifiche per ogni singolo capitolo, research questions: 1 -Il ruolo dei Sovereign Wealth Fund nel mutato scenario internazionale; 2- Quali sono le condizioni macroeconomiche che favoriscono la realizzazione d...

  1. Caratteristiche dei roost di Chirotteri in Emilia Romagna

    Massimo Bertozzi; Dino Scaravelli

    2003-01-01

    Il lavoro riassume le caratteristiche dei roost di maggior interesse per i Chirotteri in Romagna (Italia settentrionale). Sono stati considerati localizzazione, tipologia ambientale, consistenza e struttura di una serie di rifugi ove siano stati rilevati chirotteri o in ambito riproduttivo o in svernamento. La conoscenza delle caratteristiche di detti ambiti è fondamentale non solo per approfondire le conoscenze autoecologiche delle specie ma anche per ottenere indicazioni per la conservazion...

  2. Sintesi e caratterizzazione strutturale di oligonucleotidi formanti quadruple eliche

    Coppola, Teresa

    2009-01-01

    L’attività di ricerca svolta dalla Dott.ssa Teresa Coppola ha avuto come obiettivo la sintesi e la caratterizzazione strutturale di sequenze formanti strutture quadruplex. Queste ultime sono conformazioni alternative al B-DNA che sequenze ricche di guanine possono assumere in particolari condizioni, quali concentrazione e forza ionica delle soluzioni. Regioni poli G, potenzialmente in grado di formare strutture quadruplex, si trovano in importanti regioni del genoma umano quali telomeri, prom...

  3. Le mostre di moda contemporanee come dispositivo testuale

    Monti, Gabriele

    2009-01-01

    La tesi si pone come obiettivo quello di indagare le mostre di moda contemporanee come macchine testuali. Se consideriamo l’attuale panorama del fashion design come caratterizzato da una complessità costitutiva e da rapidi mutamenti che lo attraversano, e se partiamo dal presupposto che lo spettro di significati che uno stile di abbigliamento e i singoli capi possono assumere è estremamente sfuggente, probabilmente risulta più produttivo interrogarsi su come funziona la moda, su quali sono i ...

  4. I mammiferi dell'area di Capo Feto (Trapani

    Massimiliano Di Vittorio

    2003-10-01

    Full Text Available Nel contesto del Progetto di riqualificazione ambientale del territorio di Capo Feto, area SIC della Provincia di Trapani si è proceduto allo studio della comunità di mammiferi dell?area. Sono state in tal modo scelte, in base alle loro caratteristiche ambientali, tre aree campione omogenee. L?attività di censimento e trappolamento si è protratta per tre diversi periodi stagionali (dal 22 al 27/10/2001, dal 19 al 24/03/2002 e dal 21 al 26/08/2002 per un totale, per ogni periodo, di 6 giorni e 5 notti trappola. Gli animali catturati sono stati registrati in apposite schede e pesati. Sono stati riportati il sesso e le condizioni riproduttive (giovane, adulto, adulto riproduttore etc. e gli individui sono stati marcati attraverso un piccolo taglio alle orecchie, attraverso un codice di riconoscimento determinato a priori. Riguardo i micromammiferi si è effettuato un rilevamento quantitativo, attraverso la tecnica del trappolamento MCR (Cattura-marcaggio-ricattura. Sono state utilizzate 100 trappole incruente cosiddette di ?cattura e ricattura? (Ugglan modell 1, di dimensioni 250x78x65 mm. Per i mammiferi di media taglia, si è proceduto (nelle varie tipologie ambientali con censimenti condotti di giorno e di notte (in cui tali specie mostrano maggiore attività con l?ausilio di fari e di appositi visori per l?impiego notturno, ed attraverso rilevamenti diretti (OD: osservazione individui, esemplari rinvenuti morti ed indiretti (OI: tracce, tane, resti ossei in borre, escrementi. Tenendo conto del basso numero di ricatture (in qualche caso uguali a zero, è stato usato l?indice di Chapman, adatto a piccoli campioni. Inoltre i dati ottenuti sono stati elaborati mediante l?indice DAT, che esprime una frequenza relativa per ogni ambiente analizzato. Per la comparazione tra i risultati (a livello di specie catturate dei tre periodi si è utilizzato il valore medio dell?Indice di somiglianza (S di Sorensen. I risultati dell?intero periodo di

  5. Analisis Tingkat Kesejahteraan Masyarakat Pesisir Di Kecamatan Medan Labuhan

    Ismail, Fakhri

    2013-01-01

    Tujuan penelitian ini adalah mengetahui tingkat kesejahteraan masyarakat pesisir di Kecamatan Medan Labuhan dengan menggunakan data primer untuk 100 responden yang mewakili seluruh populasi masyarakat pesisir di Kecamatan Medan Labuhan. Pengumpulan data dilakukan dengan menggunakan daftar kuesioner. Metode analisis yang digunakan adalah deskriptif kualitatif. Data yang terkumpul diolah dan disajikan dalam bentuk tabel Hasil penelitian menunjukkan bahwa masyarakat pesisir di Kecamatan Meda...

  6. L'impronta idrica di quello che mangiamo

    Bacenetti, J.; Lovarelli, D.; Fiala, M.; Hoekstra, A.Y.

    2015-01-01

    È stata recentemente approvata la norma ISO (ISO 14046 Water footprint – requirements and guidelines) per la definizione dell’impronta idrica (Water Footprint) (vedi box). Questo nuovo indicatore di sostenibilità ambientale permette di quantificare il consumo di acqua dolce associato, direttamente o

  7. Spazio ASI, INFN e Nobel Ting a caccia di antimateria

    Boz,

    2003-01-01

    "Una apparecchiatura per la ricerca dell' antimateria che nell'autunno del 2005 sara' installata sulla Stazione Spaziale e' al centro di un accordo di collaborazione tra l'Agenzia Spaziale Italiana e il Nobel Samuel Ting, del Mit e del Cern di Ginevra, firmato oggi a Roma (1 page).

  8. L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo

    Aleksandr Voronskij

    2014-10-01

    Full Text Available Traduzione italiana del saggio di Aleksandr Voronskij L’arte di vedere il mondo. Il nuovo realismo (Iskusstvo videt’ mir. Sbornik statej, 1928, a cura di Cinzia De Lotto e Adalgisa Mingati.  

  9. La ricerca di un senso di sé: la narrazione nei social network come possibilità di ricostruzione del tessuto sociale

    Antonio Notarbartolo

    2011-04-01

    Full Text Available Diventa difficile, in questa situazione sfuggire alla logica della precarietà, così come riuscire a stabilire un discorso continuativo con una o più persone, se non ricorrendo a qualche trucco “tecnico” migliorativo. Rimane il grosso vantaggio rappresentato dalla comunicazione diretta, quasi in tempo reale, se le persone sono in quel momento collegate al programma, quindi sono in grado di replicare. Diventa quindi il possibile veicolo e motore di movimenti di opinione, di gruppi spontanei di persone, di emozioni che possono diventare “oceaniche”, come quando, in uno stadio gremito, tutti si muovono all’unisono sotto il segno della ola. Vengono così soddisfatte la partecipazione e la reciprocità nel bisogno di relazione, e viene soddisfatto il bisogno delle persone di narrazione, ovvero il bisogno di raccontare con leggerezza ad un possibile interlocutore, o ad una platea, la propria storia in frammenti, attraverso commenti puntuali, espressioni di intento, canzoni e immagini. La narrazione, oggi, è fenomeno sempre più raro, grazie al crollo del valore aggiunto rappresentato dall’esperienza, e si è trasformata in storytelling.

  10. Studi sul bioaccumulo di microinquinanti organici ed inorganici tramite Mytilus galloprovincialis in prossimità di un sito costiero contaminato

    Capriglia, Lorenzo

    2009-01-01

    Durante i tre anni di dottorato sono stati sviluppati degli strumenti utili a definire e ad interpretare il quadro ambientale associato alla presenza sul territorio di sorgenti secondarie non puntiformi come i siti inquinati ubicati sulla linea di costa. A tal fine sono stati ottimizzati e validati 2 metodi veloci e precisi per la determinazione rispettivamente di 51 PCB e 13 pesticidi organoclorurati sui mitili umidi e 12 pesticidi organoclorurati sui mitili liofilizzati. Inoltre sono stati ...

  11. Brevi cenni di riflessione sul drafting formale e sul drafting sostanziale. Analisi di due facce della stessa medaglia

    Foschini, Federica

    2013-01-01

    Il drafting normativo ha assunto sempre più importanza e ad oggi riveste un ruolo fondamentale per la produzione legislativa. Breve analisi di alcune problematiche rilevanti, in relazione al dualismo drafting formale e drafting sostanziale, che hanno portato al sopravvento di quest’ultimo sia a livello nazionale che internazionale, in vista di una regolamentazione “sostenibile” da un punto di vista sociale.

  12. IL NUOVO POLO TECNOLOGICO IN AMBIENTI VIRTUALI E INFORMATION COMUNICATION TECNOLOGY DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI LUCCA

    Romano, R

    2012-01-01

    Il progetto per la realizzazione del nuovo Centro Competenze in Ambiente Virtuale e ICT si identifi ca come un intervento di Ristrutturazione Edilizia di un immobile esistente, già ad uso produttivo, per la realizzazione di un nuovo edifi cio facente parte del complesso del Polo Tecnologico Lucchese, da destinare a funzioni di incubatore d’impresa per nuove attività con particolare riferimento alle imprese giovanili.L’intervento si caratterizza per la sc...

  13. Trasformazione urbana e sistemi di trasporto su ferro: da un paradigma interpretativo ad un caso di studio

    Papa, Enrica

    2006-01-01

    La finalità del lavoro proposto consiste nel dimostrare la necessità di nuove forme di intervento per il governo integrato del sistema trasporto su ferro – territorio. Partendo da questa ipotesi il lavoro si propone come obiettivi la definizione uno strumento conoscitivo in grado di interpretare in maniera unitaria il comportamento del sistema integrato trasporto su ferro- territorio e la definizione di strategie integrate per il governo delle trasformazioni nelle aree delle stazioni metropol...

  14. PENGARUH JENIS DAN DOSIS PUPUK TERHADAP PERTUMBUHAN TANAMAN GAHARU (Gyrinops sp.) DI BAWAH TEGAKAN PINUS DI HUTAN PENDIDIKAN UNIVERSITAS HASANUDDIN

    Millang, Syamsuddin

    2014-01-01

    Tanaman gaharu merupakan salah satu jenis hasil hutan bukan kayu yang memiliki prospek pasar yang menjanjikan. Untuk itu perlu dibudidayakan secara luas baik dalam kawasan hutan maupun di luar kawasan hutan dalam bentuk sistem agroforestry. Penelitian ini bertujan untuk menemukan jenis pupuk (pupuk kandang, NPK, dan mulsa gamal) dan dosis yang tepat untuk pertumbuhan tanaman gaharu (Gyrinops sp.) di bawah tegakan Pinus merkusii di hutan pendidikan Universitas Hasanuddin. Penelitian ini di...

  15. Caregiving e malattia di Alzheimer: una ricerca sugli effetti del luogo di cura sul benessere psicofisico dei caregiver

    Ripamonti, C.; Gatti, M; Alessi, C; Fumagalli, B; Sala, F.

    2014-01-01

    Introduzione: Le caratteristiche della malattia di Alzheimer fanno si che la cura del paziente affetto da questo tipo di demenza risulti difficoltosa e possa incidere sull’equilibrio psico-fisico e sulla motivazione di chi opera a stretto contatto con questi malati (Aguglia et al., 2004). L’esposizione prolungata del caregiver a fattori di stress cronici è stata definita “caregiver burden” (Pillemer, Suitor, 1996), termine che esprime il carico fisico, psicologico, sociale e finanziario del c...

  16. Una nuova scheda “geologica” per la valutazione degli effetti sismici locali in siti di ubicazione di singoli edifici

    Compagnoni, M.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano; Di Capua, G.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Peppoloni, S.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione AC, Roma, Italia; Pergalani, F.; Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano

    2009-01-01

    A partire dai terremoti del Friuli (1976) e dell’Irpinia-Basilicata (1980) la comunità scientifica ha approntato una serie di strumenti schedografici per il censimento della vulnerabilità sismica, del danno e dell’agibilità degli edifici, raggiungendo così un duplice risultato: raccolta omogenea di dati tipologico-strutturali finalizzati alla messa a punto di correlazioni tra i parametri sismologici ed i danni accertati e valutazione del livello di agibilità degli edifici danneggiati...

  17. Studio prospettico randomizzato mediante l'uso di tre differenti sistemi di emostasi per l'esecuzione della SEPS

    Jamshidi, Ali Akbar

    2006-01-01

    L’isufficienza delle vene perforanti di gamba rappresenta una condizione clinica altamente invalidante il cui trattamento chirurgico tradizionale è associata a lunghi tempi di guarigione. La SEPS (Subfascial Endoscopic Perforator Vein Sectioning) è una tecnica videoassistita miniinvasiva efficace e associtata rapida cicatrizzazione delle ulcere da insufficienza delle vene perforanti. Gli autori riportano i risultati di uno studio prospettico comparativo di tre diversi sistemi per l’emostasi d...

  18. LA CARTOGRAFIA NELLA VALORIZZAZIONE DEI BENI NATURALI E CULTURALI: IL CASO DI STUDIO DELLA CINTA MURARIA DELLA CITTÀ DI VERONA

    Poli, Emanuele

    2012-01-01

    “La cartografia è l’insieme degli studi e delle operazioni scientifiche, artistiche e tecniche che si svolgono a partire dai risultati delle osservazioni dirette o dalla utilizzazione di una documentazione, al fine di elaborare ed allestire carte, piante e altri modi d’espressione, nonché al fine del loro uso” (Associazione Internazionale di Cartografia, 1966). Si profila così da questa definizione la possibilità di affidare quindi la salvaguardia del territorio, oltre che ad i...

  19. DMTMM, un nuovo reattivo di "coupling" per la sintesi di ammidi in fase solida ed in fase omogenea

    Falchi, Alessandro; Giacomelli, Giampaolo; Porcheddu, Andrea; Taddei, Maurizio

    2000-01-01

    La formazione di un legame ammidico é la reazione per la quale esistono forse più metodi disponibili in letteratura. Nonostante tale abbondanza di metodi, non sono molti i reattivi che formano un legame ammidico direttamente a partire dall’acido carbossilico e dalla ammina, che funzionano sia su fase solida che su fase omogenea senza la formazione di molti sottoprodoti e che limitano la possibilità di racemizzazione allorquando si lavori con α-amminoacidi. Molto versatile é ris...

  20. Le provocazioni di Antigone e quelle di Creonte. Come e perché tradurle oggi per il pubblico

    Anna Beltrametti

    2015-01-01

    L’Antigone di Sofocle può essere considerata un testo emblematico dei maggiori problemi che un traduttore dei classici deve affrontare. Sul piano del linguaggio dialoghi e discorsi argomentati per persuadere si alternano con canti, corali e monodici, costruiti per associazione di immagini e giocati sull’emozione. Molte traduzioni autorevoli della tragedia hanno privilegiato il dolore e l’amore del personaggio di Antigone, facendo perdere di vista il forte tema drammatico, la philia, il legam...